Condividi

“La politica italiana, quando non è collusa con la criminalità organizzata e gli imprenditori disonesti con in Mafia Capitale, è normalmente incapace di trovare soluzioni ai problemi che essa stessa ha creato negli anni e che stanno devastando la vita di noi cittadini. Siamo tornati indietro con un balzo di 40 anni, quando negli anni 70 si lottava per il diritto alla casa, il lavoro, l’istruzione, l’assistenza sanitaria ed oggi quelli che pensavamo essere diventati diritti acquisiti vengono smantellati provvedimento dopo provvedimento. Cosa fa allora una politica incapace di governare un paese? Derubrica ogni tema a questione di ordine pubblico e mette ormai ogni giorno uno di fronte l’altro cittadini disperati e (a volte troppo obbedienti) operatori delle forze dell’ordine. In questa guerra tra poveri, il patto sociale si sfilaccia e ognuno è così maledettamente ripiegato su se stesso tentando di difendere la sua sopravvivenza che si dimentica che facciamo tutti parte di questo malandato paese. Cosa vogliamo fare come M5S? Tentare di riannodare un filo di dialogo tra persone, capire la realtà e la difficoltà del lavoro quotidiano degli operatori di polizia e cercare di immaginare insieme ai semplici cittadini un nuovo modello di sicurezza. Per questo motivo abbiamo ideato un ciclo di incontri per far parlare tra loro cittadini e poliziotti. Un confronto diretto, onesto, a viso aperto. E ripartire insieme a progettare una nuova Italia. Cominciamo con tre appuntamenti: uno al nord uno al centro ed uno al sud: a Milano il 12 Dicembre, a Roma e Palermo rispettivamente il 16 e il 30 Gennaio, per offrire la più ampia possibilità di incontrarsi e discutere faccia a faccia.
Il primo appuntamento è per domani 12 dicembre a Milano alle 17 presso l’Auditorium Gaber, e naturalmente siete tutti invitati. Oltre ai sindacalisti delle Forze dell’Ordine, saranno presenti i portavoce Luigi Di Maio (M5S Camera, Vicepresidente), Vito Crimi (M5S Senato, Copasir).” Roberta Lombardi, M5S Camera