Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La ruota è un pacco?

  • 455


Siamo ormai all’infarto. La mobilità è ferma...
Che la ruota sia un pacco?
Chi semina parcheggi e strade, raccoglie traffico e code.

28 Gen 2005, 16:43 | Scrivi | Commenti (455) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 455


Commenti

 

Al Comune, alla provincia? ringrazio per l'attenzione.
Grazie!
Beppe sei grande!
saluti
Vlady Semenzato
Venezia

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 26.09.15 13:54| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno parli anche delle multe "autovelox"

mi sono vista recapitare oltre la multa "normale"240€ anche 250€ per non aver comunicato che..... si' ero io che guidavo quel giorno la mia macchina...ma il tacito assenso quando viene preso in considerazione...qui' siamo proprio fuori di testa....

antonella cereda 03.11.07 16:00| 
 |
Rispondi al commento

"La ruota é un pacco" vero! Dalla produzione allo smaltimento. I rifiuti speciali, frutto dello smaltimento di un auto demolita vanno smaltiti nella legalità daccordissimo. ma ora hanno deciso che rifiuti difficilmente riciclabili, debbano essere riciclati senza che esista un mercato interessato (se fosse conveniente riciclare un materiale ne avrebbero approfittato da tempo). Mi spiego meglio: trovo difficile credere nel riciclaggio di un paraurti fatto di tre plastiche diverse e polioretano espanso attraversato da tondini metallici, ma perché? A mio avviso perche le auto nn sono prodotte x essere ecocompatibili, ma x garantire ulteriori entrate alle case costruttrici, anche dopo la vendita (come il cinturino di un certo orologio svizzero).

Claudio Baldin 08.10.07 01:57| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari miei, l' automobilista è diventato il bersaglio numero uno di questo apparato statale e dei sui scagnozzi che vogliono divertirsi a giocare a gurdie e ladri. Non sarebbe meglio se i vigili ed i carabinieri pattugliassero il territorio dei comuni a beneficio di pensionati ed anziani che ogni giorno vengono raggirati? Troppo rischioso, l' automobilista invece rappresenta un bersaglio facile e chi colpisce non rischia niente e cosi facendo danno pure l' impressione che stanno lavorando per il nostro bene. Per non parlare poi di tutte le costrizioni alle quali siamo soggetti, caschi, cinture di sicurezza, tassi alcolici assurdi. Un bicchiere di vino può rovinarti la vita, è meglio se vai a rubare, rischi meno.
Io sono per la libertà, io so quando devo mettermi il casco, quando allacciare le cinture.
Io in questo paese non mi sento affatto libero, anzi mi sento costantemente costretto a comportamenti imposti, ed impostimi da persone ed enti ai quali non credo.
Forse diminuiremo la percentuale di morti sulla strada ma sono sicuro che di questo passo avremo per contro un aumento di suicidi, di individui che ricorrono sempre più agli psicofarmaci e di smidollati che avranno paura anche della propria ombra.
Stò già vedendo bambini in bicicletta con casco, paracolpi, paradenti e compagnia briscola, genitori che alla minima cazzata si rivolgono al pediatra o che somministrano degli "innoqui" sciroppetti. Io per lavoro ora vivo ad Hangzhou in Cina, qui avranno altri tipi di problemi, ma che bello vedere famiglie intere a spasso su un motorino, bambini con le mani sporche e non vestiti come palombari per paura di un "colpo d' aria". Riprendiamoci in mano le redini della nostra vita, cerchiamo di capirla e di farla andare da noi stessi, andiamo meno dal medico e meno che mai da psicologi e psichiatri. Non facciamoci guidare da gente (politici o quant' altro) che sono già loro stessi persi.
Viva la libertà.

Fausto Pianca 07.10.07 06:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao, prendo l'occasione degli aumenti delle revisioni auto per tirare in ballo i Responsabili tecnici delle revisioni.

Noi tecnici revisioni autoveicoli siamo responsabili penalmente delle revisioni auto, ma siamo dipendenti. Quindi per farla breve siamo obbligati a fare le revisioni "facili" dai titolari, ma se succede qualcosa a chi mettono le manette? A noi!!!! Secondo voi vi sembra una cosa giusta?????

Fabrizio Losi 26.09.07 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Ciao c'è un'altra lamentela sempre da parte della provincia di modena, dove abito io il nostro sindaco ovviamente di sinistra, dopo tanti anni ha deciso di invertire il senso di marcia (visto che era a senso unico), così che i commercianti si lamentano e stanno raccogliendo firme.
Noi per andare a lavorare dobbiamo partire con mezz'ora di anticipo, visto che grazie a questa iniziativa è aumentata la fila un pò dappertuttto.
Vorrei chiedere se è possibile dove sono i fotored, che diceva, così sapendolo sto un pò più attenta.
Grazie mille..

P.S.: Beppe sei un mito.

Sara Benassi (ariesina) Commentatore certificato 25.09.07 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non se avete notato, ma dalle mie parti, provincia di Modena, i Comuni, poverini, tutti a caccia di soldi freschi, hanno innalzato totem detti fotored ad ogni santo semaforo. Il tutto serve inesorabilmente a fare cassa e nient'altro. Questa giusta considerazione viene dal fatto che i tempi della luce gialla sono stati ridotti ai minimi termini, e se purtroppo ti trovi a transitare sull'incrocio allo scattare del giallo hai due possibilita': o aumentare paurosamente la velocita' sperando nella dea bendata e nel buon cuore dell'assessore al traffico di come ha tarato il fotored, oppure frenare bruscamente provocando un logico tamponamento (visto coi miei occhi). Il tutto per evitare un salasso in euro e 6 punti in meno sulla patente, con cui sei in giro tutto il giorno e ti serve per lavorare e mangiare. Fino a qui la critica. Per ovviare con senso propositivo basterebbe un po' di cervello nei nostri emeriti assessori: prima che scatti il giallo nei semafori fate lampeggiare per 2 o 3 secondi il verde come fanno in alcuni civilissimi paesi dell'europa. Niente piu' tamponamenti e niente piu' multe inique a chi il codice della strada cerca di rispettarlo tutti i giorni. Grazie e saluti a tutti

CIRO BASSI Commentatore certificato 25.09.07 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
per varie esperienze tragicomiche vissute, mi piacerebbe che dessi "un'occhiata" anche alle AUTOSCUOLE!!! Potrei raccontare episodi personali e non, da denuncia ma non ci starebbero in così poco spazio. Spero che qualcuno un giorno si accorga della MAFIA delle AUTOSCUOLE che non ha niente da invidiare alla mafia cosidetta Cosa Nostra!
Ringrazio e porgo cordiali saluti.
Luciano

Luciano Dirco 08.08.07 23:38| 
 |
Rispondi al commento

AIUTO!!!
Fino a un mese fa i miei genitori possedevano 2 macchine! Poi improvvisamente una si è fermata...diagnosi..il motore è fuso!!
IL MECCANICO ha detto che avrebbe provato a sostituirlo ed intanto ci ha fornito di una PREISTORICA AUTO SOSTITUTIVA. Da quella volta non si è più fatto sentire ma i miei genitori gli telefonavano settimanalmente!! E così sono venuti a conoscenza del fatto che il motore era già arrivato al meccanico 10 giorni dopo il guasto!!!
Finché ieri la SORPRESA i miei si sono presentati direttamente in officina il motore che il meccanico aveva trovato già da 20 è troppo grande per la nostra macchina quindi niente riparazione!! Non ce lo poteva dire prima?? Visto che il noleggio della macchina sostitutiva, solo nel caso in cui il meccanico non riesca ad aggiustare la tua macchina, costa 10 euro al dì?
Tuttavia anche se la macchina non cammina più bisogna pagare il lavoro del meccanico 800 EURO più 300 EURO di noleggio di un mese dell'auto sostitutiva!!
RISULTATO: UN AUTO DA ROTTAMARE + 1.100 EURO DI SPESE!!
Dal momento che la cosa mi sembra UNA TRUFFA BELLA E BUONA c'è qualcuno che sa cosa posso fare per non pagare 1.100 euro per un lavoro che non è stato fatto?
Grazie!!

Solena Dal Molin 02.06.07 12:23| 
 |
Rispondi al commento

RIFLESSIONE SERALE -in 2 capitoli
CAPITOLO I
Ma io non capisco come mai siamo arrivati al punto da esser convinti che la macchina serva ancora a noi... è che ci fanno il lavaggio del cervello: Te la paghi tu (quindi se me la prendo mi serve), la benzina ce la metti tu (quindi se metto benzina è perchè mi serve), pago l'assicurazione ed il bollo.... mi fermano i vigili urbani e mi fanno la multa e mi tolgono i punti... ma non tutti.. se per caso mi tolgono la patente mi iscrivo a scuola guida dove con qualche centinaio d'euri mi ridanno i punti e RICARICO la patente.... Ora: vorrei sapere se per caso io non volessi più la macchina facendo qualche sacrificio spostandomi con i mezzi pubblici: La macchina non la compro più perchè non mi serve e impoverisco i costruttori d'automobili, la benzina non la metto più perchè non mi serve ed impoverisco i petrolieri, lo stato e tutti quelli che li sopra ci marciano, l'assicurazione ed il bollo non li pago più (non ho più la macchina)... i vigili non mi fanno multe e non pago per ricaricare la patente....

CAPITOLO II
E la presa in giro degli incentivi per gli impianti a GPL? Chi fa l'impianto è chi vuole risparmiare sul pieno oppure chi non vuole star dietro ai vari EURO 1,2,3,4,5 ...
Chi vuol risparimare è chi percepisce un salario mensile modesto, per cui spendere comunque 1000 euro (compresi incentivi statali) sono sempre uno stipendio in meno e ci pensa 2 volte prima di farlo.
Il ricco invece non vuole risparmiare su queste bazzecole e l'impianto GPL non lo fa... quindi io dico, anzichè fare degli incentivi che non incentivano,facessero degli incentivi veri dove l'utente finale per fare un impianto GPL va a spendere 300 euro... non sarebbe più sensato?
Ma che ci penso a fare...
Salutiii

Franzo Franchi 01.03.07 21:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono uno studente universitario che ogni mattina usufruisce dei servizi(a dir la verità scadenti)delle FERROVIE DELLO STATO.Proprio oggi ho saputo che per il prossimo OTTOBRE sono previsti degli aumenti del 10% sulle tratte a media/lungha percorrenza.Tratte per altro già sottoposte a aumenti nello scorso GENNAIO.Tutto cio' mentre i gruppi dirigenziali continuano a percepire stipendi piu' che profumati.Ormai le FS sono allo scatafascio ma nessuno tranne te,Grande BEPPE,sembra percepirlo.Speriamo che chi di dovere si accorga che se un AMMINISTRATORE DELEGATO PERCEPISCE MILIONI DI EURO L'ANNO GLI AUMENTI NON SERVONO PROPRIO A NULLA.ma,del resto l'ITALIA è questa,il solito paese in cui tutto finisce e sempre finirà a tarallucci e vino e chi lo prende in quel posto siamo sempre noi.............

Mattia Sarra 19.02.07 20:26| 
 |
Rispondi al commento

MULTA AL SEMAFORO....

Tornando dalle vacanze, ho avuto la fortuna di imbattermi in un impianto semaforico dotato di un timer posto proprio sopra la luce del rosso,della medesima forma circolare e dal quale si poteva vedere ,anche a 30 metri di distanza, esattamente quanto tempo rimaneva prima che che scattasse la luce rossa.Visto che grazie alle fotocellule che fanno la multa a chi passa con il rosso mi hanno già tamponato 2 volte,se questo accorgimento fosse "OBBLIGATORIO" per ogni società che li gestisce (visto l'enorme introito di cui dispongono)avremmo molti meno incidenti agli incroci,sacrosante multe a chi lo fa per vizio e sicuramente un sistema più civile (dal momento che la riforma del codice della strada dice che detti sistemi di controllo sono a carattere preventivo e "NON VESSATORIO" ).Vi ricordo inoltre che in finlandia le multe vanno in base al proprio reddito.Quindi congratulazioni alla persona che ha fatto installare il timer al semaforo nella piazza centrale di GUIDIZZOLO (MN). MUOVIAMOCI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

sergio archetti 17.02.07 22:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fucilatemi, ho dimenticato la revisione.
Ebbene si, ho dimenticato di revisionare la mia auto (la prima, quella dopo 4 anni), stamane uno zelante vigile mi ha sanzionato e ritirato la carta di circolazione, diciamo tutto ok, poi mi sono recato dalla prima officina autorizzata per fare la revisione, ma senza libretto non è possibile...in ufficio avevo la copia, ritorno in officina, ma la copia non basta, deve essere autenticata...vado dai vigili, ed a Nova Milanese (comune decisamente piccolino), non autenticano un bel niente!!! Mi dicono che tra 4-5 giorni posso scaricarmi da internet (senza indicarmi il sito preciso) la copia conforme e stamparla (danado per certo che io potessi e sapessi farlo!). Io oggi potevo pagare la multa (GIUSTISSIMO, HO SBAGLIATO!), PAGARE la revisione, portare il tutto ai vigili e riavere il mio libretto di circolazione, tornare a casa, invece no, perche ora deve andare all'ufficio di milano , dove un omino lo prenderà in carico, poi lo dovrò scaricare, lo dovrò stampare, dovrò andare con la copia a fare la revisione, dovrò andare a Milano agli uffici della motorizzazione a riprendermi il mio fot....issimo libretto (che userò per accendere il camino prossimamente) , tempo circa 10gg.

Peccato che trattasi di auto aziendale, che uso per lavorare (sono un tecnico) e per vivere, cosa dovrei fare nei prossimi 10 giorni, sto a casa a guardare la tv???
Mi sembra incredibile e tutto questo toglie veramente la voglia di continuare vivere in questo paese, non è possibile che tutto questo accada in un paese civile.
Reset!

Alessandro V. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.02.07 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Dato che in famiglia siamo sempre stati automobilisti da metano e simili, come possessore di un veicolo Euro 0 anche se alimentato a GPL ho deciso di avvalermi degli ecoincentivi previsti dalla Finanziaria 2007 per la rottamazione e l'acquisto di un veicolo alimentato a GPL (ahimè il distributore metano più vicino è a 80 km). TUTTE le concessionarie interpellate apparentemente non sanno nulla della Finanziaria o fanno orecchio da mercante. Finalmente ho trovato un concessionario ragionevole e ho trattato l'acquisto di una SKODA FABIA WAGON modello Urban GPLine 1.2 con alimentazione mista benzina/GPL 51 kW 70 CV.

Tale vettura ha un motore identico a quello della Fabia Urban non a GPL ed entrambe sono pubblicizzate dalla SKODA come aventi emissioni inferiori o uguali a 140 g/km
(vedi il sito http://www.skoda.it/news.asp?Pagina=2&IDnews=70 ).

Soddisfatto per aver trovato il veicolo che faceva al caso mio ho trattato col rappresentante di zona della SKODA, sig. Oliva della ETICA srl di Feriolo di Baveno, il quale dopo aver consultato la sua filiale madre di Cameri mi ha confermato che tutto era OK e che si poteva procedere al'acquisto del veicolo. Dopo trattativa ho concluso il contratto per l'acquisto firmando regolare contratto e versando un anticipo del 10%.

Alcuni giorni dopo lo stesso sig. Oliva mi ha richiamato dicendo che c'era stato un errore da parte del tecnico dell'omologazione e che la vettura pur avendo il motore identico a quello della Fabia Urban inquinava di più e dunque non rientrava negli ecoincentivi. Tuttora essi sostengono di avere diritto alla risoluzione del contratto oppure al mantenimento in vita dello stesso con contestuale pagamento da parte mia della maggiore somma (800 euro) non dovuta.
Morale: dovrò andare in causa per non inquinare o inquinare meno. Vi pare possibile? Attendo suggerimenti. Se avessi i soldi comprerei un'auto elettrica o a idrogeno...
ciaoa tutti forza Beppe!

augusto bruni 09.02.07 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Un pacco rotondo... ma sempre pacco è!

Massimo Lotto 28.01.07 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Beppe
volevo fare una proposta per evitare le code che ogni giorno ci sono sulla tangenziale di Mestre. La mia idea è quella di spostare i flussi di traffico provenienti da Milano in direzione Trieste per uscite successive alla barriera di Quarto d'Altino. E viceversa quelli provenienti da Trieste in direzione Milano per uscite oltre la barriera di Mestre, di farli percorrere la corsia di sx e lasciare libere la centrale e quella di dx. Così facendo agevoliamo e snelliamo i grandi flussi della SS Romea in direzione TS e della A28 in direzione MI oltre ai piccoli flussi degli abitanti di Mestre che intendono utilizzare la Tangenziale.Se la proposta venisse utilizzata vorrei però verificare lo stato delle polveri sottili allo stato attuale e succesivamente a proposta attuata.Questo per capire se oltre a far si che gli operatori che percorrono quel tratto di tangenziale riescono finalmente a non avere tempi di transito insostenibili( nella corsia di sx si potrebbe tenere una velocità di 70 gm/hr anzichè i 50 attuali della corsia di dx permettendo al traffico non commerciale di transitare agevolmente)abbiamo anche una riduzione dell'inquinamento. Un pò di attenzione ci vorrebbe anche su quei comuni che l'utilizzo forzato di certi semafori inducono a code esagerate e che gli organi comunali intendono eliminare con cartelli del tipo : "IN CASO DI SOSTA SPEGNERE IL MOTORE" senza valutare altre soluzioni più logoche.

Daniele Galiazzo 13.01.07 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Il titolo è:"Vogliamo il Ponte"
Per farvi un'idea visitate il nostro sito web.
Per capire le condizioni di vita della tanto famigerata Locride.
Roba da terzo mondo,altro che no!!!!

Domenico Catanzariti 12.01.07 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Volevo portarVi a conosceza di un un fatto.
In data 30/08/2006 ho usufruito di un treno Intercity Plus, da Catania diretto a Roma. Lo stesso ha portato un ritardo di 49 minuti, che mi ha permesso di chiedere un rimborso del supplemento Intercity (scatta dal trentesimo minuto in poi). A distanza di mesi ecco la risposta di trenitalia:
"... 30 minuti sono da ascrivere ad eventi accidentali. Il residuo di minuti di ritardo accumulato... non comporta l'erogazione del bonus".
Firmato dal responsabile Trenitalia - Centro Bonus Roma Valentino Genovese.
Non ho altri commenti da aggiungere.
"... eventi accidentali" :)

Agatino Vassallo 03.01.07 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
Volevo essere consigliato da te su qualche azienda "affidabile" che istalla e progetta pannelli fotovoltaici. Siamo in un grande condominio con numerose aziende interessate a realizzare una trasformazione contro i "tronchetti e i moratti della felicità"...
Per quanto riguarda la viabilità volevo metterti a conoscenza che, per chi ha un attivita commercie come la mia, oltre ad avere una limitazione negli orari di scarico e carico merci; (dalle 06,00 alle 10,00;ti premetto che fino alle 08,30 i clienti, per lo più enti stati e alberghi, non ci cagano proprio; fino dalle 14,00 alle 16,00, gli alberghi a quest'ora e non hanno il personale disponiblile alla ricezione merce. Oltre a quetso dicevo abbiamo anche un "aggravio" di costo per poter contribuire alle spese dello stato, Tant'ìè vero che a Roma i permessi ZTL sono aumentati del 600% E PRECISAMENTE da 32,40 per automezzo, fino ad un massimo di 36 mesi. senza alcun aggravio di spese, Ad Oggi, udite udite; € 550,00 con scadenza annuale( vedi tariffe 2007 all'indirizzo "www.atac.roma.it").
Grazie Comune di Roma che lavori per Noi...
Non sarebbe stato molto più producente incentivare l'acquisto di automezzi ecologici con l'abbattimento dei costi di gestione e il recupero sull'imponibile Irpef?( visto che da questa legge finanziaria pare che neanche più i costi si possa poter scaricare)...
Beppe so che sei una persona sensibile a soprusi, perchè tali sono... Fai qualcosa scriviamo tutti insieme a Veltroni porca puttana...
Ti voglio bene e sono sempre con te nelle tue battaglie
Enzo Amato


ENZO AMATO 05.12.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
Volevo essere consigliato da te su qualche azienda "affidabile" che istalla e progetta pannelli fotovoltaici. Siamo in un grande condominio con numerose aziende interessate a realizzare una trasformazione contro i "tronchetti e i moratti della felicità"...
Per quanto riguarda la viabilità volevo metterti a conoscenza che, per chi ha un attivita commercie come la mia, oltre ad avere una limitazione negli orari di scarico e carico merci; (dalle 06,00 alle 10,00;ti premetto che fino alle 08,30 i clienti, per lo più enti stati e alberghi, non ci cagano proprio; fino dalle 14,00 alle 16,00); gli alberghi a quest'ora non hanno il personale disponiblile alla ricezione merce. A Roma i permessi ZTL sono aumentati del 600% E PRECISAMENTE da 32,40 per automezzo, fino ad un massimo di 36 mesi. senza alcun aggravio di spese, Ad Oggi, udite udite; € 550,00 con scadenza annuale( vedi tariffe 2007 all'indirizzo "www.atac.roma.it").
Grazie Comune di Roma che lavori per Noi...
Non sarebbe stato molto più producente incentivare l'acquisto di automezzi ecologici con l'abbattimento dei costi di gestione e il recupero sull'imponibile Irpef?( visto che da questa legge finanziaria pare che neanche più i costi si possa poter scaricare)...
Beppe so che sei una persona sensibile a soprusi, perchè tali sono... Fai qualcosa scriviamo tutti insieme a Veltroni porca puttana...
Ti voglio bene e sono sempre con te nelle tue battaglie
Enzo Amato

ENZO AMATO 05.12.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

oggi ho fatto qualche fotografia alla stazione di Gorgonzola.
Come vedrà, versa in pessime condizioni e mette in pericolo l'icolumità dei passeggeri.
La banchina è per buona parte nelle condizioni in cui la vede.
La foto al sostegno dell'impianto elettrico mostra la mancanza di un bullone che evidenzia la scarsa manutenzione.
Manderò queste foto anche alla Gazzetta della Martesana a all'ATM.
Ne faccia l'uso che vuole, se serve alla causa di noi poveri pendolari.

Cordiali saluti

Mauro

mirella de gregorio 24.11.06 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno egr. Sig. Grillo.
Cosa ne pensa della notizia (forse da Lei già nota...) delle FS sul ciglio del baratro?...
Servono 4 miliardi di euro...
Com'è possibile che in un anno, dal bilancio 2005 al bilancio 2006 il suo AD lamenti improvvisamente una situazione a rischio fallimento???
Innanzitutto sarebbe corretto da parte del Sig Mauro Moretti dimettersi. Per incapacità. O sbaglio?

Adriano di Summa 15.11.06 08:25| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,

Le misure contro l'inquinamento auto tutte balle:
da anni circolo con auto a metano nel rispetto ambientale,ed ho installato l'impianto su più di un automobile di proprietà in questi anni;ciò mi ha permesso di essere attento nel mio piccolo all'ecologia,e di risparmiare sui costi poichè ogni anno per lavoro mediamente percorro 30000 km. Ma l'istallazione di un'impianto a metano provoca una perdita di potenza dell'ordine del 20% rispetto alla benzina,quindi risulta difficile circolare con un auto di piccola potenza trasformata a metano: così all'inizio del 2006 ho comprato un'auto usata a benzina di 103 Kw e l'ho trasformata a metano usufruendo per parte dei costi di istallazione degli incentivi del ministero dell'ambiente.
Ora vorrei farti fare 2 riflessioni.
La prima: oggi a distanza di 10 mesi con un governo di centro-sinistra in teoria più attento alle tematiche ambientali leggendo la finanziaria si scopre che le macchine euro 0-1-2 pagheranno di più di bollo ancora di più quelle superiori ai 100 Kw perchè inquinanti (fin quì tutto bene): purtroppo non viene esentato da questi aumenti chi circola a metano e gpl!
In questo modo ci stanno prendendo in giro: non è una tassa contro chi inquina ma è solo una tassa che serve a fare maggiori entrate nelle casse dello stato, che ne prende già tante, e per di più vuole costringere i poveri cittadini a comperare nuove auto euro 4 (molto costose e non alla portata di tutti)favorendo i costruttori di auto soliti amici dei potenti.
La seconda: si è sempre sostenuto che il costo del metano per auto varia in base alle variazioni di prezzo della benzina,e ad oggi la benza continua a scendere e il metano continua a salire. La realtà che nella distribuzione del metano per auto non c'è concorrenza poichè monopolista è l'Eni e quindi lo stato ci frega 2 volte.
La conclusione: chi aiuta l'ambiente (come me)in questo stato governato da chi fa demagogia sempre verrà preso in giro.
E' da meditare.
Ciao

Roberto Jourdain 13.11.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

piu che un commento e un lamento
io abito in stradone sant agostino a genova e tutti i i giorni ho da lottare contro i vigili che al mattino alle 8 passano per multare le macchine fuori posteggio. fin qui niente di strano è il loro lavoro, peccato che nonostante i 30 euro all'anno per lo ztl tutte le sere causa locali aperti nella mia zona ci siano quasi 100 macchine di non residenti e quando ho detto qualcosa ai vigili mi è stato risposto che anche i giovani hanno diritti di divertirsi.
morale loro possono divertirsi io che ci abito non posso posteggiare. ci sono state sere che sono andato a casa di mia madre a sestri ponente

forse pretendo troppo !!!! grazie

sandoli federico 10.11.06 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

Alessio Cottino 05.11.06 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe

Alessio Cottino 05.11.06 09:40| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe sono un pendolare che ogni mattina faccio Napoli Roma per andare a lavorare ma in queti giorni sta accadendo una cosa scioccante,dopo tanti anni anno attivato la linea di alta velocità per la tratta Napoli Roma che ci fa diminuire di solo 18 minuti l'arrivo casa ma per noi pendolari non è la dimuuzione di orari ma la precisione dell'arrivo del treno e siccome il treno nasce sia a Napoli che a Roma non abbiamo problemi di ritardi cioè che dobbiamo aspettare un treno che venga da milano quasi sempre con quei 40 45 minuti di ritardo ma la cosa che sta succedendo e che prima olte che all'abbonamento pagavamo un tichet di 1 euro all'andata ed 1 euro al ritono adesso invece paghiamo 2 euro a tichet cioè il 100% di aumento e per non finire adesso a partire dal 15 dicembre dobbiamo pagare o 4 o 5 euro per un solo tichet noi pendolari abbiamo fatto anche delle petizioni abbiamo bloccati treni ad abbiamo pure partecipato ad alcune riunioni con trenitalia ma la loro risposta è sempre la stessa è che trnitalia è in deficit e non possono fare altro che aumentare i prezzi noi siamo pure daccordo se i tichet si pagassero 3 euro ma loro non anno intenzione di cambiare ,percio ti scrivo per avere un tuo CONSIGLIO SU QUELLO CHE POTREMMO FARE E SE PUOI DI FAR PRESENTE QUESTA COSA A QUALCHE AUTORITà.Nell'attesa di ricevere tua risposta ti invio i mie più sinceri saluti e di tutti i pendolari di Napoli

Antonio Scognamiglio 29.10.06 21:56| 
 |
Rispondi al commento

ho sentito parlare del progetto EOLO, un'autovettura realizzata da un ingegnere della williams che funziona ad aria compressa...come mai nessuno ne parla?..eppure è stata anche presentata nel 2001 al Motorshow di Bologna!!!!..possibile che sia sparita nel nulla senza che nessuno se ne accorgesse????????

Donato Terrameo 19.10.06 13:16| 
 |
Rispondi al commento


PROBLEMA PAULLESE

A NOME DI TANTISSIMI PENDOLARI INCAZZATI HO SCRITTO ALLE AUTO GUIDOVIE

Sono una pendolara come tante ormai sempre più disperata e incazzata, sappiamo tutti che la Paullese è ormai al collasso e ogni anno la situazione sembra peggiorare.
Da qualche settimana la situazione è diventata veramente insostenibile, non si capisce bene quale sia il problema (le versioni sono tante) per cui ci si debba impiegare 1 ora per fare non più di 5 Km nel tratto che va da Spino d'Adda ponte a Paullo semaforo .... vorrei capire....

1. LA NUOVA ROTONDA DI ZELO???
2. CHIUSURA DEL TRAFFICO A PAULLO DALLE 7 ALLLE 9 ???
3. MANOVRE POLITICHE PER AFFARI PRIVATI????

Comunque sia, non mi sembra umano!!! Aspettate una rivolta generale con blocchi giornalieri della Paullese??? Aspettate che i pendolari vadano in massa a Lodi o Treviglio a prendere il treno???
Non ditemi che come Auto Guidovie non potete fare niente, non è una risposta accettabile.
Questa mattina ho provato gentilmente a chiedere all'autista se, visto che nessuno doveva scendere prima di Peschiera, poteva entrare a Zelo ed eventualmente uscire al semaforo di Paullo, considerando anche il fatto che oggi a Milano era previsto uno sciopero dei mezzi pubblici con inizio alle 9,45 e che quindi arrivare a San Donato per quell'ora era di fatale importanza, infatti ho dovuto fare una corsa disperata per riuscire a prendere al volo l'ultima metropolitana.... questa è stata la risposta dell'autista:

IO COSA CI POSSO FARE SE C'E' TRAFFICO NON E' UN PROBLEMA MIO - NON SONO AUTORIZZATO A ENTRARE A ZELO....

Come mai tanti autisti (e devo dire sopratutto quelli più giovani) quando ci sono incidenti o situazioni particolari si danno da fare e si inventano percorsi alternativi??? Allora non è vero che non hanno autorizzazione, è una decisione arbitraria la loro???
Ma diamine!!!! Un pò di buonsenso aiuterebbe tutti a vivere in modo più decente, NON NE POSSIAMO PIU' DI QUESTA SITUAZIONE - NO

patrizia curridori 17.10.06 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quali considerazioni si possono fare su questa deprimente vicenda? Certamente viene da pensare che le gigantesche corporazioni del petrolio non vogliano un mezzo che renda gli uomini indipendenti.

La benzina oggi, l'idrogeno domani, sono comunque entrambi guinzagli molto ben progettati.
Una macchina che non abbia quasi bisogno di tagliandi nè di cambi olio,che sia semplice e fatta per durare e che consumi soltanto energia elettrica, non fa guadagnare abbastanza. Quindi deve essere eliminata, nascosta insieme a chissà cos'altro in quei cassetti di cui parlava Beppe Grillo tanti anni fa, nelle scrivanie di qualche ragioniere della Fiat o della Esso, dove non possa far danno ed intaccare la grossa torta che fa grufolare di gioia le grandi compagnie del petrolio e le case costruttrici, senza che "l'informazione" ufficiale dica mai nulla, presa com'è a scodinzolare mentre divora le briciole sotto al tavolo....

invece delle inutili catene di S. Antonio, facciamo girare queste informazioni!!!
LA GENTE DEVE SAPERE!!!!!!!

Raffaella Di Marzo 16.10.06 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Al Motorshow fece un grande scalpore, tanto che il sito www.eoloauto.it venne subissato di richieste di prenotazione: chi vi scrive fu uno dei tanti a mettersi in lista d'attesa, lo stabilimento era in costruzione, la produzione doveva partire all'inizio del 2002: si trattava di pazientare ancora pochi mesi per essere finalmente liberi dalla schiavitù della benzina, dai rincari continui, dalla puzza insopportabile, dalla sporcizia, dai costi di manutenzione, da tutto un sistema interamente basato sull'autodistruzione di tutti per il profitto di pochi.
Insomma l'attesa era grande, tutto sembrava essere pronto, eppure stranamente da un certo momento in poi non si hanno più notizie.
Il sito scompare, tanto che ancora oggi l'indirizzo www.eoloauto.it risulta essere in vendita.
Questa vettura rivoluzionaria, che, senza aspettare 20 anni per l'idrogeno (che costerà alla fine quanto la benzina e ce lo venderanno sempre le stesse compagnie) avrebbe risolto OGGI un sacco di problemi, scompare senza lasciare traccia.
A dire il vero una traccia la lascia, e nemmeno tanto piccola: la traccia è nella testa di tutte le persone che hanno visto, hanno passato parola,hanno usato Internet per far circolare informazioni.
Tant'è che anche oggi, se scrivete su Google la parola "Eolo", nella prima pagina dei risultati trovate diversi riferimenti a questa strana storia.
Come stanno oggi le cose, previsioni ed approfondimenti. Il progettista di questo motore rivoluzionario ha stranamente la bocca cucita, quando gli si chiede il perché di questi ritardi continui. I 90 dipendenti assunti in Italia dallo stabilimento produttivo sono attualmente in cassa integrazione senza aver mai costruito neanche un'auto.
I dirigenti di Eolo Auto Italia rimandano l'inizio della produzione a data da destinarsi, di anno in anno.
Oggi si parla, forse della prima metà del 2006...

****CONTINUA***

Raffaella Di Marzo 16.10.06 15:32| 
 |
Rispondi al commento

L'auto ad aria è... volata via
Notizia del 28 febbraio 2006 - 14:49
L'auto ad aria è... volata via
Eolo, la vettura che avrebbe fatto a meno della benzina è stata fatta sparire. Perché?
VIVIMO IN UN MONDO DOVE CI VOGLIONO FAR CREDERE CHE IL PETROLIO E' IMPORTANTE QUANTO L'ACQUA
QUESTA DEVE DAVVERO FARE IL GIRO DEL MONDO!

Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha lavorato alla Williams per diversi anni, nel 2001 presentava al Motorshow di Bologna una macchina rivoluzionaria: la "Eolo" (questo il nome originario dato al modello), era una vettura con motore ad aria compressa, costruita interamente in alluminio tubolare,fibra di canapa e resina, leggerissima ed ultraresistente.
Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di110 Km/h e funzionare per più di 10 ore consecutive nell'uso urbano.
Dallo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata d'estate per l'impianto di condizionamento.
Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il compressore presente all'interno dell'auto riempiva le bombole di aria compressa, che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento.
Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta.
Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie lire, nel suo allestimento più semplice.
Qualcuno l'ha mai vista in Tv?


****CONTINUA****

Raffaella Di Marzo 16.10.06 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ti scrivo per segnalarti la situazione divenuta oramai insostenibile dei treni intercity plus delle 17 e 18 che da Milano partono per Genova.Come ogni venerdi arrivo in stazione Centrale alle 17.30,mi metto in coda nelle biglietterie automatiche fast pay per fare il biglietto, come al solito il treno che devo prendere è completo,sono costretto a fare il biglietto di un altro treno pagando la prenotazione di quel treno che mai usufruirò,a quell'ora di venerdi i treni delle 17 e 18 sono sempre completi.Ma questa volta dopo 2 ore su un seggiolino,a metà viaggio il controllore mi chiede il biglietto e mi fa pure la multa di ben 8 euro perchè ho la prenotazione di un treno successivo.Questo è veramente troppo.La tratta milano-genova è diventata oramai tratta pecorsa da lavoratori pendolari che affollano i treni,soprattutto il venerdi quando molti lavoratori come me tornao a casa dalle loro famiglie.Il treno è un mezzo di spostamento di massa pubblico,cioè non è di privati in un regime di mercato aperto,io vorrei anche prenotare il mio posto,ma posti sono sempre esauriti.Vorrei aggiungere un annedoto;d'estate i teni intercity plus delle 17 e 18 diventano veri e propri carri bestiame perchè ai pendolari si aggiungono i milanesi e i turisti stranieri che da milano vengono in riviera in vacanza o a prendere il traghetto per le isole,quest'estate c'erano le persone fin sull'ultimo dei gradini delle porte di ingresso a tutti i vagoni,40 gradi,sul treno,la gente che aveva l'affanno,con figli anche piccoli a carico.Io in uno di quei venerdi ho dovuto prenotare il posto della mattina successiva alle 06 perchè tutti i treni erano completi,secondo trenitalia io avrei dovuto restare in stazione centrale 12 ore per fare 180 Km ??? Se trenitalia vuole che tutti i passeggeri viaggiano comodi e seduti perchè non mette a disposizine più treni(visto che tra l'altro è un servizio pubblico)? Oppure la sua intenzione è quella di diminuire i suoi debiti con i soldi dei lavoratori

Luigi Tassara 14.10.06 15:03| 
 |
Rispondi al commento

L'auto ad aria è... volata via
Eolo, la vettura che avrebbe fatto a meno della benzina è stata fatta sparire. Perché? Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha lavorato alla Williams per diversi anni, nel 2001 presentava al Motorshow di Bologna una macchina rivoluzionaria: la "Eolo" (questo il nome originario dato al modello), era una vettura con motore ad aria compressa, costruita interamente in alluminio tubolare,fibra di canapa e resina, leggerissima ed ultraresistente. Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di 110 Km/h e funzionare per più di 10 ore consecutive nell'uso urbano. Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata d'estate per l'impianto di condizionamento. Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il compressore presente all'interno dell'auto riempiva le bombole di aria compressa, che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento. Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta. Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie lire, nel suo allestimento più semplice.
Qualcuno l'ha mai vista in Tv? Al Motorshow fece un grande scalpore, tanto che il sito www.eoloauto.it venne subissato di richieste di prenotazione:lo stabilimento era in costruzione, la produzione doveva partire all'inizio del 2002: si trattava di pazientare ancora pochi mesi per essere finalmente liberi dalla schiavitù della benzina, dai rincari continui, dalla puzza insopportabile, dalla sporcizia, dai costi di manutenzione, da tutto un sistema interamente basato sull'autodistruzione di tutti per il profitto di pochi. Questa vettura rivoluzionaria, che, senza aspettare 20anni per l'idrogeno (che costerà alla fine quanto la benzina e ce lo venderanno sempre le stesse compagnie) avrebbe risolto OGGI un sacco di problemi,scompare.Perchè?

Matteo Lolli 12.10.06 13:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è una cosa che mi manda ai pazzi, e cioè la campagna terroristica che viene fatta ogni estate ai danni della A3, Salerno-Reggio Calabria. Fra la fine di luglio ed i primi di agosto non si leggono altro che articoli catastrofici su quello che si prevede avverrà, o che è avvenuto sull'autostrada maledetta; ingorghi mostruosi, chilometri di code, traffico bloccato, automobilisti inferociti e chi più ne ha più ne metta. Poi, casualmente, ti metti all'ascolto di Isoradio e scopri che, contemporaneamente, ci sono problemi analoghi o addirittura peggiori sull'autostrada del Brennero, sulla Bologna-Taranto, sulla Genova-Voltri, sulla Firenze-Pisa, sulla Milano-Laghi ... insomma, su tutte le autostrade che portano a luoghi di vacanza. E però, si parla solo dell'"inferno della Salerno-Reggio", che poi è l'unica autostrada che non si paga mentre le altre sì per cui, a rigor di logica, ci sarebbe da essere molto più inc....ati a rimanere bloccati pagando che a rimanere bloccati gratis. Ma, chissà perché, secondo giornali e telegiornali la gente si inc...a solo sulla Salerno-Reggio e si parla solo di quelli!
Puoi darmi una risposta?

Pierpaolo Pisoni 06.10.06 13:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un paio di settimane fà ho visto una pubblicità,non ricordo di che prodotto(forse un'assicurazione)dove la gente passeggiava e correva con un particolare aggeggio ai piedi che ne migliorava e ne velocizzava la camminata.Ho pensato:"non si potrebbe fare davvero?".Pensate cosa comporterebbe nelle città:niente traffico ed inquinamento;inoltre incoraggerebbe il movimento e l'allenamento fisico.So che era solamente un trucco televisivo..ma non mi sembra un'idea irrealizzabile.Mi piacerebbe che si brevettasse una cosa del genere,almeno per rimpiazzare le auto e rendere obsoleti perfino i ciclomotori in città(il mezzo che per ora rimane ancora il più pratico nella risma delle urbe)..

francesco caputo Commentatore in marcia al V2day 01.10.06 03:04| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto che l'attuale ministro dei trasporti vuole portare a 120 Km/ora il limite di velocità in autostrada, per ridurre gli incidenti stradali.Prima di prendere tale provvedimento non sarebbe opportuno fare rispettare l'attuale limite di 130? Inoltre fare una campagna educativa e poi sanzionare chi non ripetta le norme di sicurezza quando si va in autostrada ( marciare sulla corsia di sorpasso a 90 Km/ora, sorpassare a detta velocità senza controllare se stà sopraggiungendo un'altra vettura a130Km/ora,sorpassare sulla destra o sulla corsia di emergenza, fare lo slalom nei sorpassi, ecc.)In termini di costi per la comunità conviene l'attuale ecatombe di morti e feriti o incrementare il numero delle pattuglie della polizia stradale ?Il nostro é un paese di improvvisatori specie i nostri dipendenti!! che ad ogni incidente stradale più significativo degli altri (con almeno 4/5 morti ) va in televisione e dice la sua sui provvedimenti da prendere , lasciando poi tutto come prima. P.S. perché non si toglie la patente a vita per chi guida sotto l'effetto di stupefacenti oppure sbronzo? Tali individui non smettono di drogarsi o ubriacarsi temporaneamente ma quei soggetti sono così per tutto il resto della loro vita costituendo un costante pericolo per i poveri cristi che avranno la sfortuna di incrociarli.L'attuale codice della strada é ricco di prescrizioni e divieti e sanzioni, facciamolo rispettare ,ritengo controproducente fare regole sempre più severe sapendo già a priori che non si é in grado di farle rispettare.

giuseppe spigno

giuseppe spigno 17.08.06 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' stata fatta la corsia dei pullman nel ponente genovese, la strada si è quindi ridotta a una corsia, il che significa che tornare a casa si farà prima a piedi x chi non ha l'elicottero o il teletrasporto. La cosa simpatica è che a pegli, dove la strada si sdoppia tra l'aurelia e verso l'autostrada è stata fatta la corsia dove l'autobus non passa!!!! Infatti il bus transita all'interno mentre la corsia è sull'aurelia!!!!! Tanto per farci qualche multa se la transitiamo!!!!

Melania Pastorino 10.08.06 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
sono una utilizzatrice (pendolare) della A4 nel tratto Agrate Brianza/Milano Certosa e viceversa.
In questo tratto si stanno ora svolgendo i lavori per la IV° corsia (a mio avviso INUTILI!!!)
Il problema é che il tratto autostradale, già intasato, si é trasformato in una trappola (30 minuti per percorrere Km. 4,5).
Possibile che nessuno parli veramente di questa disgraziata Milano/Bergamo? - Un cordiale saluto. Germana Brambati

Germana Brambati 03.08.06 12:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si può parlare anche di MULTE. Io con l'auto ci lavoro, le multe sono diventate tasse per far campare i comuni. Stiamo regredendo al medioevo, quasi tutti i comuni hanno aumentato gli incassi con le multe.anche la storia dei punti patente è stata strutturata in modo che se hai i soldi paghi e non ti tolgono più la patente, è studiato tutto per spillarci i soldi e non per farci circolare in sicurezza.
Spero che vi interessi questo argomento.
saluti TONY

TONY SABA 08.03.06 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono una fan delle monorotaie.
E conosco bene il golfo dei Poeti, a sinistra di la Spezia, e anche lì si hanno km di strade delirio per fare percorsi che, in linea d'aria, sarebbero un terzo...

Non so esattamente quale sistema lei nomini, di recente in italia c'è stato questo interessantissimo convegno:
http://www.trasporti.ing.unibo.it/aats05/
dove parlavano di sistemi di trasporto atomatici innovativi.
Il principio è quello del "personal rapid transit" PRT, piccole cabine automatiche che viaggiano su una linea propria dedicata, è possibile interrarle, farle di superficie, ma in aria è dove... spaccano meno le balle? dove costa meno? Funzionano a chiamata 24ore al giorno, senza orari, le stazioni sono fuori dalla linea, così il viaggio che si compie è direttamente dalla propria stazione alla stazione di destinazione, senza fermate intermedie.
E' l'evoluzione della monorotaia.
Degli ascensori orizzontali in pratica, fatti come delle macchinine. A disposizione alle stazioni, o su chiamata. Il viaggio si divide solo con chi si vuole. Si può arrivare direttamente negli edifici, hotel, scuole, ipercoop... risparmiando lo spazio dei parcheggi che ci facciamo delle piscine e dei giardini biologici....

I sistemi di trasporto... bisogna pensarci su, bisogna progettarli, dove caxxio vuo iandare che a modena abbiamo un veicolo ogni 5 metri e 12 cm? (dati Piani x La Salute comune di modena)

Di italiani al convegno non ce n'erano molti, io c'ero perché faccio parte dell'Associazione italiana Familiari e Vittime della strada, che aveva dato il patrocinio a questa coraggioso e interessantissimo convegno sperando che avesse più pubblico.

Ma la notizia buona è che faranno l'aereoporto di Heathrow a Londra
http://www.opinion.telegraph.co.uk/news/main.jhtml?xml=/news/2005/10/20/npods20.xml
speriamo che sia di buon, rapido, esempio....
zone30 e monorotaie x tutti

anna iori 28.02.06 00:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao caro Beppe,
ti seguo ormai da anni nei tuoi spettacoli teatrali e televisivi(quando permessi).Da qualche mese leggo giornalmente il tuo blog e trovo i tuoi articoli sempre puntuali,super partes,e giusti.L'unica cosa in cui non mi ritrovo è sulla ferrovia ad alta velocità della Val di Susa,non dal punto di vista ecologico(spero che la costruzione una volta tanto sia fatta a modo),quanto per il fatto che la ritengo fondamentale per far restare l'Italia a contatto con l'Europa.Una "corridoio" che parte se non sbaglio da Lisbona e arriva sino a Mosca non può saltare l'Italia.Sono stufo di vedere il nostro paese tagliato fuori dalle grandi opere europee.Ritengo quindi la linea ad alta velocità necessaria per lo sviluppo italiano.Sono naturalmente pronto a rivedere il mio giudizio nel caso in cui altre proposte migliori siano avanzate.
P.S:Beppe quando torni a La Spezia per il tuo tour teatrale....belin lo sai che ti aspettiamo in tanti!!!!

Federico Quaglia 20.02.06 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao caro Beppe,nutro per te molta stima e ammirazione per il coraggio che hai nell'esporre i nostri problemi,e tu lo fai nel modo piu' giusto,a volte pagandone delle consegunze,grazie!!.Ti scrivo per raccontarti un mio episodio con l'inail:nel luglio 2006 mi sono infortunato a lavoro,(io faccio l'autista di camion in una ditta di trasporto)ho riportato una distorsione alla caviglia,ho fatto tutti i certificati medici dal mio dottore curante,circa quattro per un costo di €.30 a certificato,ho acquistato un gambaletto e delle fascie per il piede in una sanitaria con tanto di fattura per una spesa di circa €.100 tutto questo perche sia il dottore curante e sia il dottore del pronto soccorso mi avevano detto che quei soldi mi sarebbero stati rimborsati dall'imps al momento che sarei stato chiamato dalla su detta per la visita di controllo.Il giorno che sono stato chiamato dall'imps ho portato i referti del pronto soccorso,le ricevute dei certificati medici,la fattura della sanitaria per l'acquisto dell'occorente per il piede,mi hanno detto va bene tutto ma caro signore non le possiamo rimborsare ne i soldi dei certificati ne i soldi della sanitaria,le leggi sono cambiate per quanto rguarda i certificati non si possono fare piu'dal medico curante ma da noi all'imps altrimenti li paga lei,per la fattura la deve pagare noi non possiamo rimborsargliela.Mi chiedo con tutte le ritenute che ho ogni mese sulla mia busta paga e quello che ho dovuto spendere,non era meglio che mi prendevo un mese di ferie?Se mi daresti una risposta mi farebbe piacere.(non fare caso alla mia scrittura avro' fatto degli errori ma sono un camionista)un abbraccione caro Beppe.

savini Roberto 19.02.06 07:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe. Mi dici se quello che ho letto oggi sul sito di quattroruote e' vero:

...of Italy's main cities. Furthermore it (Toyota-ndr) has used Beppe Grillo – Italy's best-known and most-pungent comedian – as a testimonial by giving him a Prius as a gratuitous loan. Grillo publishes a very successful blog and his ideas are considered very close to the most radical environmental opinions. As far as Gruppo Fiat is concerned....

davvero la Prius che stai usando non l'hai pagata???

Grazie

Mauro

Mauro Bertolotto 13.02.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
Qui a Piacenza siamo messi male
Costo Parcheggi per residenti una nuova tassa per i redditi bassi complimenti BRAVI Auguri

Vorrei essere informato in base a quale criteri io abitante è residente a Piacenza
dovrei pagare 75 Euro ogni anno per parcheggiare un auto . (se trovo il posto)
mentre a Torino per avere lo stesso diritto si pagano solo 8,00Euro
io la chiamerei una nuova tassa
Adesso che tra ZTL ,traffico a giorni alterni,
Non ti lasciano neanche posteggiare l'auto . Sciopero contro l'auto non compriamo più auto basta .
Sarà mica che il nostro Sindaco , chè non si è neanche degnato di rispondere , è troppo indaffarato negli studi di Ingegneria ?

Giovanni Massa 06.02.06 18:45| 
 |
Rispondi al commento


Volevo solamente commentare come sia il centrodestra (Moratti) sia il centrosinistra (Ferrante) per le comunali milanesi si siano schierati a favore dell'ignobile costruzione di vari grattacieli nel centro di Milano, quando probabilmente con gli stessi investimenti si potrebbe costruire una rete metropolitana ricca ed efficiente togliendo tutti quei pendolari ke la mattina e la sera vanno e vengono dai loro posti di lavoro. Io e mia moglie (e tra un mesetto anke nostro figlio) viviamo e lavoriamo a Milano, ci spostiamo principalmente coi mezzi e vi assicuro ke l'aria comincia ad essere seriamente irrespirabile! E' uno scandalo!!! Tutto qua! grazie e a presto.

Matteo Moscatelli 06.02.06 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Volevo solamente commentare come sia il centrodestra (Moratti) sia il centrosinistra (Ferrante) per le comunali milanesi si siano schierati a favore dell'ignobile costruzione di vari grattacieli nel centro di Milano, quando probabilmente con gli stessi investimenti si potrebbe costruire una rete metropolitana ricca ed efficiente togliendo tutti quei pendolari ke la mattina e la sera vanno e vengono dai loro posti di lavoro. Io e mia moglie (e tra un mesetto anke nostro figlio) viviamo e lavoriamo a Milano, ci spostiamo principalmente coi mezzi e vi assicuro ke l'aria comincia ad essere seriamente irrespirabile! E' uno scandalo!!! Tutto qua! grazie e a presto.

Matteo Moscatelli 06.02.06 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,ci vedremo a Treviso il 12-2-06.Hai niente in serbo per la Superstrada Pedemontana Veneta?Faccio parte di un comitato anti-SPV.Per un semplice motivo:è inutile,dannosa,costosa e clientelare.
E' tanto vergognosa che tutti i comuni la vogliono nel terreno dell'altro comune,quelli di FI,nel comune della Lega,e viceversa.Quelli delle cittadine(Thiene,Bassano,Montebelluna la vogliono vicino alle altre cittadine più a sud:Cittadella,Castelfranco,Treviso).E tutti insieme la vogliono in mezzo ai pochi campi rimasti,in mezzo,dove ci sono ancora i contadini in via d'estinzione!...e qualche bel paesaggio,e magari poca gente "che rompe" e che si fa abbindolare dal politichetto di periferia.
Tu riusciresti a farti dare il protocollo n°6999 del 4-1-06 della Giunta Regionale Veneta CON GLI ALLEGATI PROGETTUALI? Nelle 22 integrazioni della Commissione di Valutazione Impatto Ambientale Regionale si da'notizia di dove passerà l'autostrada'.Ma perchè nessuno riesce a farsi dare questi documenti dalla Regione?
Ciao,in gamba!Arrivederci,Elvio Gatto.Altivole(TV).

Elvio Gatto 03.02.06 23:29| 
 |
Rispondi al commento

Voglio ringraziare le Ferrovie dello Stato nello specifico per la tratta Battipaglia Napoli delle ore 08.05 perchè a me ed i miei amici pendolari ci fanno sentire degli ingegneri ogni giorno.Difatti il treno si ferma a pochi metri dalla stazione Garibaldi per farci controllare l'avanzamento dei lavori in atto. Questa è l'unica motivazione con cui riusciamo a spiegare l'ingiustificabile, stressante e dannoso e insolito stop che ha conseguenze sempre più devastanti.Consentitemi di chiedere scusa se non mi pronuncio sui complimenti in merito a ritardi e servizi (igienici, riscaldamento, pulizia) vari che la società offre!
Simona Paolillo

simona paolillo 01.02.06 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Voglio ringraziare le Ferrovie dello Stato nello specifico per la tratta Battipaglia Napoli delle ore 08.05 perchè a me ed i miei amici pendolari ci fanno sentire degli ingegneri ogni giorno.Difatti il treno si ferma a pochi metri dalla stazione Garibaldi per farci controllare l'avanzamento dei lavori in atto. Questa è l'unica motivazione con cui riusciamo a spiegare l'ingiustificabile, stressante e dannoso e insolito stop che ha conseguenze sempre più devastanti.Consentitemi di chiedere scusa se non mi pronuncio sui complimenti in merito a ritardi e servizi (igienici, riscaldamento, pulizia) vari che la società offre!
Simona Paolillo

simona paolillo 01.02.06 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Voglio ringraziare le Ferrovie dello Stato nello specifico per la tratta Battipaglia Napoli delle ore 08.05 perchè a me ed i miei amici pendolari ci fanno sentire degli ingegneri ogni giorno.Difatti il treno si ferma a pochi metri dalla stazione Garibaldi per farci controllare l'avanzamento dei lavori in atto. Questa è l'unica motivazione con cui riusciamo a spiegare l'ingiustificabile, stressante e dannoso e insolito stop che ha conseguenze sempre più devastanti.Consentitemi di chiedere scusa se non mi pronuncio sui complimenti in merito a ritardi e servizi (igienici, riscaldamento, pulizia) vari che la società offre!
Simona Paolillo

simona paolillo 01.02.06 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Voglio ringraziare le Ferrovie dello Stato nello specifico per la tratta Battipaglia Napoli delle ore 08.05 perchè a me ed i miei amici pendolari ci fanno sentire degli ingegneri ogni giorno.Difatti il treno si ferma a pochi metri dalla stazione Garibaldi per farci controllare l'avanzamento dei lavori in atto. Questa è l'unica motivazione con cui riusciamo a spiegare l'ingiustificabile, stressante e dannoso e insolito stop che ha conseguenze sempre più devastanti.Consentitemi di chiedere scusa se non mi pronuncio sui complimenti in merito a ritardi e servizi (igienici, riscaldamento, pulizia) vari che la società offre!
Simona Paolillo

simona paolillo 01.02.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Anche per me la prima e a questo punto unica esperienza con Ryanair è stata disastrosa. Il volo che avrei dovuto prendere era previsto da Treviso il 19/1, annullato per nebbia. Nessun tipo di assistenza ai clienti, un solo sportello "informazioni" per centinaia di persone , file chilometriche per avere informazioni col contagocce. Ho convertito il biglietto del volo cancellato per un volo del giorno successivo, stessa identica storia: volo cancellato, una fila di ore per sapere che l'unica alternativa reale era di richiedere (in Irlanda!!!) il rimborso del volo mancato. Sul sito Ryanair ti promettono che la richiesta di rimborso si può fare direttamente sul sito, ma la pagina non funziona!!! Ho cominciato a fare una ricerca su internet per capire un pò di più di questa fantomatica società e ne ho scoperte delle belle, in particolare nessun rispetto delle norme sindacali con i dipendenti, altro buon motivo per boicottare la società, fino al discorso della sicurezza in volo; da quello che ho letto, tra l'altro da fonti piuttosto attendibili, anche su questo fronte le notizie sono pessime. Invito chiunque pensi di affidarsi a questa compagnia di avventurieri, a cercare prima un pò di informazioni serie sulla Ryanair. Infine vi dico che paesi come Germania, Francia ed Inghilterra, dove i cittadini sono un pò più tutelati rispetto a noi, che la Ryanair è stata multata per pubblicità ingannevole dato che vende l'aereoporto di Beauvais come Parigi, Treviso come se si atterrasse a Venezia, Stansted come Londra e così via. Abbasso la Ryanair, una compagnia da boicottare, nessun rispetto per il cliente, giorni di ferie bruciate e alla fine forse è meglio che su quell'aereo non ci sia salito, dato che anche la sicurezza per loro è considerata solo un costo.

Nicolini Nicola 24.01.06 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Ho percorso l'autostrada (chiamarla così e ridicolo) A4 Milano Torino e ritorno domenica 22 gennaio. Durante i due tragitti mi è sfecciato di fianco per ben 4 volte il famoso TAV treno ad alta velocità. Non essendo ancora inaugurata la tratta Novara Torino, l'unica per ora prevista, ed essendo i treni vuoti ho pensato che l'unica ragione di una performance del genere sia una bella campagna elettorale. Sorge logica questa domanda: quanto costano queste corse avanti/indietro effettuate di domenica ??? Chi paga ???
Ciao A tutti
Guido Trolli Varese

Guido Trolli 23.01.06 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe non vedo l'ora ti venirti a vedere il 29 febbraio a Roma sei fantastico!! Comunque veniamo al dunque: Sono un Tecnico Spaziale, e siccome mi occupo di satelliti, mi stavo facendo un giretto su Google Hearth (sai il nuovo programma di Google dove hanno fatto un collage di foto di circa 1 anno fa di tutto il Mondo, che va’ da una risoluzione dai 5 ai 30 metri). Stavo visitando il sito Americano super segreto area 51 (sai cercavo ufo-alieni-mostri ecc.) con mio sgomento ho notato che esattamente a 25 km da questa area c'e' un parte desertica tappezzata di crateri del diametro che va dai 20 fino ai 460 metri. Informandomi bene mi sono accorto che li e' la parte desertica dove gli Americani fanno esperimenti nucleari (prendono la bomba la mettono circa 2 km sotto la sabbia e poi la fanno esplodere)come si puo' vedere i crateri sono centinaia... ecco perche' e' off-limits non per segreto militare o ufologico, ma in quanto sicuramente e' una zona altamente radioattiva. (E Noi che credevamo che Hiroshima e Nagasakye e Bikini fossero state le uniche bombe atomiche lanciate) per favore facci un salto con -il mouse. Le coordinate di Google Heart sono: 37.10.35.52N e 116.116.02.48.02W si vede anche il cratere piu' grande denominato se non mi sbaglio Cratere di Sedan.
Ma il resto del ,Mondo lo sa’ che gli Americani hanno e stanno avvelenando una parte del nostro pianeta per circa 25000 anni o di piu?
Gli Americani che popolo…..!
Con Grande Stima ti saluto.
Rinaldo

Rinaldo Sileri 23.01.06 09:33| 
 |
Rispondi al commento

SAlve.
Sono andato in fiera al nuovo macef e all'uscita ero in fila a prendere il taxi, ma sono rimasto sbalordito!!!
C'erano dei personaggi con tanto di cartellino di "riconoscimento" del radiotaxi 4040 che smistavano i taxi. I poveri ignari tra noi che avevano come destinazione gli aereoporti, venivamo destinati sui taxi del 4040, mentre gli altri poveri sfigati di altri tradio taxi caricavano clienti che percorrevano nei loro mezzi poche centinaia di metri!
Questa è l'Italia!

Giuseppe Mazzini 21.01.06 06:21| 
 |
Rispondi al commento

Sento parlare di trasporti e non posso che pensare a mia moglie che ogni giorno lavorativo deve prendere il treno, tratta Zagarolo-Roma Termini. Le Ferrovie puntano quasi tutto sul TAV, ed i soldi che hanno richiesto per il mantenimento della rete ferroviaria esistente gli sono stati negati dal governo. Dire che si viaggia come sardine è dire poco. In più ci si mettono partenze non proprio precise (mi è capitato di prendere un treno,senza nessun posto a sedere, partito mezzora dopo). Meno male che ci sono le sovvenzioni europee! Vedere dagli articoli di Striscia che anche nel nord Italia i pendolari stanno nella stessa situazione mi sconforta ancora di più.

Riccardo Consiglio 18.01.06 07:48| 
 |
Rispondi al commento

Sento parlare di trasporti e non posso che pensare a mia moglie che ogni giorno lavorativo deve prendere il treno, tratta Zagarolo-Roma Termini. Le Ferrovie puntano quasi tutto sul TAV, ed i soldi che hanno richiesto per il mantenimento della rete ferroviaria esistente gli sono stati negati dal governo. Dire che si viaggia come sardine è dire poco. In più ci si mettono partenze non proprio precise (mi è capitato di prendere un treno,senza nessun posto a sedere, partito mezzora dopo). Meno male che ci sono le sovvenzioni europee! Vedere dagli articoli di Striscia che anche nel nord Italia i pendolari stanno nella stessa situazione mi sconforta ancora di più.

Riccardo Consiglio 18.01.06 07:47| 
 |
Rispondi al commento

...Sul sito della Ryan Air c'è scritto a chiare lettere:
-In caso di cancellazione dei voli da parte di Ryanair e qualora non sia disponibile alcun volo alternativo, Ryanair si riserva il diritto di risarcire l'intera somma versata in pagamento del volo cancellato, come delineato nelle condizioni generali di trasporto di Ryanair. In nessun caso Ryanair fornisce buoni pasto o sistemazione in hotel in caso di voli cancellati o in ritardo.-
Ma non si tratta di una clausola vessatoria che contrasta con i diritti del passeggero? E se poi decidessero di risarcirci i biglietti (pagato una trentina di euro ciascuno) che sono quei pochi spicci in confronto allo stress e alla frustrazione mie e di tante persone che si sono sentite trattare come (o anzi peggio) di profughi che sbarcano a Lampedusa?

Il mio fidanzato ha mandato un fax alla RYANAIR con una richiesta di rimborso di 283,84 euro che è l'ammontare delle sole spese sostenute, senza calcolare che entrambi abbiamo dovuto prendere un giorno di ferie (e anche quelli son soldi) e che la sera del 10.01.06, stanchi morti, siamo dovuti andare a prendere la macchina a Bergamo, all'areoporto di Orio al Serio dal quale eravamo partiti e nel quale parcheggio custodito avevamo lasciato l'automobile.
CHE FICO VOLARE A PARIGI CON RYANAIR!!!
Sai Beppe quando nel tuo spettacolo dici di difenderci coi pennarelli o di usare la rete,...beh io sto facendo questo
Non riavrò i miei soldi, ma un mucchio di gente leggendo la mia esperienza sul tuo blog potrebbe decidere di non viaggiare più con RYANAIR...
...e solo questo un pò mi consola.
Ciao
Elisabetta

elisabetta presta 17.01.06 10:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..Abbiamo anche stilato una lista di quanto ci è costata questa farsa e di quanto ci sarebbe costata di più se il mio fidanzato per anni non avesse accumulato per anni i preziosissimi punti mille miglia Alitalia, senza i quali avremmo dovuto spendere più di 1.000 euro per acquistare un biglietto aereo Parigi Milano.
Mi chiedo allora:
perchè pur avendo visto la nebbia (molto piu soffusa di quella che spesso avvolge Linate)ed avendo constatato l'impossibilità di atterrare e decollare dall'areoporto di Beauvais (in confronto al quale Ciampino sembra Malpensa) la Ryan air non si sia adoperata per contattare i suoi clienti ed informarli della situazione. Perchè è stato comunque fatto il check-in con la conseguente perdita di tempo della riconsegna dei bagagli? Mi viene in mente che non sia stato per trattenere i passeggeri all'interno dell'areoporto, e viste le condizioni di stress, e la presenza dei bimbi stanchi, indurli a spendere per acqua, panini, caffè e quant'altro fino alle 12.30 di notte. Per informarvi sui prezzi vi dico che mezzo litro d'acqua costava 5,20€ e un caffè 1,80€, un panino 7,50€.
...e poi perchè non si è visto alcun responsabile RyanAir?
Il nostro volo è stato rimandato di tre giorni (da lunedì 9.01.06 a giovedì 12.01.05 vi sembra plausibile? Sul sito della Ryan Air c'è scritto a chiare lettere:-In caso di cancellazione dei voli da parte di Ryanair e qualora non sia disponibile alcun volo alternativo, Ryanair si riserva il diritto di risarcire l'intera somma versata in pagamento del volo cancellato, come delineato nelle condizioni generali di trasporto di Ryanair. In nessun caso Ryanair fornisce buoni pasto o sistemazione in hotel in caso di voli cancellati o in ritardo.-
Ma non si tratta di una clausola vessatoria che contrasta con i diritti del passeggero? E se poi decidessero di risarcirci i biglietti (pagato una trentina di euro ciascuno) che sono quei pochi spicci in confronto allo stress e alla frustrazione mie e di tante persone che..

elisabetta presta 17.01.06 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Sono inviperita, primo perchè siamo stati costretti a spendere un mucchio di soldi e di tempo per poter tornare in Italia,...secondo perchè ho visto famiglie con bimbi piccoli e anziani abbandonate a se stesse per ore, prima nel ridicolo areoporto di Beauvais, e poi in mezzo al piazzale di Port Maillot all'una e mezzo di notte con una temperatura di meno cinque gradi.
Ti dico solo che alcuni studenti che erano al verde alla fine del loro soggiorno sono andati a dormire a la gare di Lion, confidando di trovare l'indomani un treno alla portata delle loro tasche.
Abbiamo documentato quanto accadeva con alcune foto e nel marasma più totale mi son pentita di non aver portato la telecamera per filmare l'assoluta ostile inoperosità del personale dell'areoporto.Abbiamo anche stilato una lista di quanto ci è costata questa farsa e di quanto ci sarebbe costata di più se il mio fidanzato per anni non avesse accumulato per anni i preziosissimi punti mille miglia Alitalia, senza i quali avremmo dovuto spendere più di 1.000 euro per acquistare un biglietto aereo Parigi Milano.
Mi chiedo allora:
perchè pur avendo visto la nebbia (molto piu soffusa di quella che spesso avvolge Linate)ed avendo constatato l'impossibilità di atterrare e decollare dall'areoporto di Beauvais (in confronto al quale Ciampino sembra Malpensa) la Ryan air non si sia adoperata per contattare i suoi clienti ed informarli della situazione. Perchè è stato comunque fatto il check-in con la conseguente perdita di tempo della riconsegna dei bagagli? Mi viene in mente che non sia stato per trattenere i passeggeri all'interno dell'areoporto, e viste le condizioni di stress, e la presenza dei bimbi stanchi, indurli a spendere per acqua, panini, caffè e quant'altro fino alle 12.30 di notte. Per informarvi sui prezzi vi dico che mezzo litro d'acqua costava 5,20€ e un caffè 1,80€, un panino 7,50€....e poi perchè non si è visto alcun responsabile RyanAir? Il nostro volo è stato rimandato di tre giorni

elisabetta presta 17.01.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento

...Ho viaggiato parecchie volte con Ryanair ma Bva è veramnte uno schifo disorganizzato.Ryanair non ha colpa per il quanto riguarda il meteo ma è sicuramente a conoscenza della situazione BVA e nonostante tutto convoglia una quantità di voli mostruosa li."
http://www.zingarate.com/forum/viewtopic.php?p=7005&sid=5e83ec30a7c9d27fcc67348593ab9e58; http://viaggi.ciao.it/Ryanair_LTD_FR__Opinione_602183 da cui ancora...
"Sono arrabbiatissima, qualche tempo fa ho atto un viaggio a Parigi, visto il prezzo vantaggioso ho deciso di volare con ryanair, il volo di andata è andato abbastanza bene, i servizi a terra ed in volo sono veramente scarsi ma per quel prezzo ci può stare, la cosa grave è che mi hanno annullato il volo di ritorno, il rientro si è trasformato in un ordalia e sto ancora aspettando il rimborso delle spese, con tutte le lettere, telefonate e perdite di tempo che comporta. La prossima volta spendo qualcosa di più ma voglio viaggiare tranquilla."
E cito dal tuo blog la lettera di un "Cliente Ryan Air" che descrive perfettamente quanto accaduto anche a me appena due giorni or sono.
""A proposito delle tanto decantate low-cost e del trattamento da loro riservato ai loro clienti leggetevi una lettera inviata ieri a Repubblica da uno di questi malcapitati. Il signore, cliente Ryanair (poverino..),dopo la cancellazione del volo e' stato abbandonato all'aeroporto di Beauvais (che la benemerita compagnia vende come Parigi ma che in effetti dista dalla citta' "solo" 50km!) ed e' dovuto tornare a Roma a sue spese impiegandoci piu' di 24 ore...
La stessa scena si è ripetuta la sera e la notte del 09/01/06 per me, per Andrea e per oltre 700 sciagurati fra italiani, spagnoli e irlandesi e gallesi.
Sono inviperita, primo perchè siamo stati costretti a spendere un mucchio di soldi e di tempo per poter tornare in Italia,...secondo perchè ho visto famiglie con bimbi piccoli e anziani abbandonate a se stesse per ore, prima nel ridicolo areoporto di Beauvais...

elisabetta presta 17.01.06 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, ti scrivo per raccontarti una storia che, navigando in internet, non appare affatto "straordinaria" o isolata.
Alcuni esempi sono queste pagine http://viaggi.affari.to/forum/53/111.htm; http://viaggi.affari.to/forum/55/64.htm;
da cui..."Voglio segnalarvi il disagio che abbiamo avauto nell'ultimo viaggio fatto a parigi.All'andata non siamo atterrati a BVA per una fantomatica tempesta di neve che ci ha costretto ad aterrare a Lille 200 km da Parigi.Prima di farci uscire dall'aereo abbiamo dovuto aspettare 2 ore poi il viaggio fino a parigi 6 ore di bus.il ritorno 3/1272006 inizia un'altra avventura gli autobus che portano a bva non sono ogni 5 min ma ce n'è uno o due per ogni volo ai quali si accede tre ore prima con carta imbarco del volo se non arrivate in tempo dovete prendere il taxi, 120 euro,perchè non esistono altri mezzi.Arrivati a Bva tutto ok il volo doveva essere alle 18.25 ma dopo l'attesa nel gate2(tendone in tela bianca come festa dell'unità e pavimento in legno)alle 19.00 il volo è stato annullato per una nebbia che vi garantisco era assurda!si poteva decollare anche in retromarcia.Il primi posti disponibili per Treviso erano per il 5/1/2006 ed erano 5 e noi sul volo annullato più di 100 .Per fortuna ho trovato 2 posti per Bergamo la sera stessa(posti tot disponibili 5) da Bva che nonostante la mostruosa nebbia dell'ora prima non fosse cambiata(perchè non c'era) e' decollatao regolarmente.Ho dovuto quindi una volta arrivato noleggiare una macchina per raggiungere treviso costo 150 euro.Sono arrivato a treviso alle 6.00 del mattino ed era dalle 15 che viaggiavo.Ho viaggiato parecchie volte con Ryanair ma Bva è veramnte uno schifo disorganizzato.Ryanair non ha colpa per il quanto riguarda il meteo ma è sicuramente a conoscenza della situazione BVA e nonostante tutto convoglia una quantità di voli mostruosa li."
http://www.zingarate.com/forum/viewtop

elisabetta presta 17.01.06 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, ti scrivo per raccontarti una storia che, navigando in internet, non appare affatto "straordinaria" o isolata.
Io ed il mio fidanzato abbiamo deciso di trascorrere il ponte della befana a Parigi
Alcuni esempi sono queste pagine http://viaggi.affari.to/forum/53/111.htm; http://viaggi.affari.to/forum/55/64.htm;
da cui..."Voglio segnalarvi il disagio che abbiamo avauto nell'ultimo viaggio fatto a parigi.All'andata non siamo atterrati a BVA per una fantomatica tempesta di neve che ci ha costretto ad aterrare a Lille 200 km da Parigi.Prima di farci uscire dall'aereo abbiamo dovuto aspettare 2 ore poi il viaggio fino a parigi 6 ore di bus.il ritorno 3/1272006 inizia un'altra avventura gli autobus che portano a bva non sono ogni 5 min ma ce n'è uno o due per ogni volo ai quali si accede tre ore prima con carta imbarco del volo se non arrivate in tempo dovete prendere il taxi, 120 euro,perchè non esistono altri mezzi.Arrivati a Bva tutto ok il volo doveva essere alle 18.25 ma dopo l'attesa nel gate2(tendone in tela bianca come festa dell'unità e pavimento in legno)alle 19.00 il volo è stato annullato per una nebbia che vi garantisco era assurda!si poteva decollare anche in retromarcia.Il primi posti disponibili per Treviso erano per il 5/1/2006 ed erano 5 e noi sul volo annullato più di 100 .Per fortuna ho trovato 2 posti per Bergamo la sera stessa(posti tot disponibili 5) da Bva che nonostante la mostruosa nebbia dell'ora prima non fosse cambiata(perchè non c'era) e' decollatao regolarmente.Ho dovuto quindi una volta arrivato noleggiare una macchina per raggiungere treviso costo 150 euro.Sono arrivato a treviso alle 6.00 del mattino ed era dalle 15 che viaggiavo.Ho viaggiato parecchie volte con Ryanair ma Bva è veramnte uno schifo disorganizzato.Ryanair non ha colpa per il quanto riguarda il meteo ma è sicuramente a conoscenza della situazione BVA e nonostante tutto convoglia una quantità di voli mostruosa li."
http://www.zingarate.com/forum/viewtop

elisabetta presta 17.01.06 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei uno scooter elettrico.
La Piaggio lo ha tolto dal catalogo, ma perchè ??
Non vengono tanto pubblicizzati, danno proprio tanto fastidio ?
datemi informazioni
Grazie

Alfredo De Grandi 15.01.06 22:39| 
 |
Rispondi al commento

Faccio parte dell'Associazione italiana Familiari e Vittime della strada onlus, e comunque come cittadina sono convinta, dati alla mano, che le strade siano, anche, sistemi x produrre morti. E feriti.
Mediamente le strade italiane producono un paio di incidenti al km l'anno, e ogni 100 incidenti ci sono 5 morti.L'incidente stradale non è un attimo fatale dovuto al destino: ci son voluti anni, di indifferenza delle istituzioni, di favoreggiamento di interessi assassini, di leggi non fatte, di controlli non applicati...

Chiediamo città costruite per gli esseri umani, e non pe rle auto, e che sia data la precedenza alla vita. Chiediamo zone30, cioé zone con tanti parcheggi e strade strette, dove si proceda lentamente, perché tanto la velocità media quella è...così si ha meno smog e meno rumore! Meno morti e feriti!
Chiediamo che si studino e si installino rapidamente sistemi di trasporto economici, ecologici, sicuri e silenziosi. Come il personal rapid transit. PRT.
Al convegno internazionale a Bologna patrocinato dall'Associazione sui trasporti innovativi c'era tutto il mondo: di italiani eravamo noi vittime della strada....
No: c'era un romano che presentava un autobus enorme sul quale avevano montato una pesantissima gigantesca pila per renderlo elettrico, ma non aveva dati perché era poi sempre rimasto bloccato nel traffico...
E un sistema di car sharing di .. palermo? Messina? Con un costo di 8 euro l'ora.
Quando i sistemi Personal Rapid Transit sono progettati per costare all'utente 6 centesimi al km, incluso manutenzione e servizio, contro i 20 al km di autobus e tram
http://www.trasporti.ing.unibo.it/aats05/
sali, spingi un puilsante, e vai: come in un ascensore orizzontale, wow.

Muoviamo meno le merci! Guardiamo i cartellini quando compriamo la roba, ma, quello che si può, muoviamolo ai... 1500km all'ora col tubo di perugia!!!
http://www.pipenet.it/

zone30, pipeline e PRT x tutti,
xché io ce l'ho che sono nata fiduciosa
anna


anna iori 12.01.06 19:16| 
 |
Rispondi al commento

In autostrada gli autovelox non servono più di tanto. Basterebbe calcolare la velocità media tramite l'orario di entrata e di uscita dal casello. Se hai impiegato troppo poco tempo...paghi, assieme al pedaggio, anche la multa.
Inoltre esistono in commercio limitatori della velocità che propongo di installare per legge su tutte le auto.

Che ne dite?

Elio Orio 12.01.06 09:55| 
 |
Rispondi al commento

ho visto il servizio di striscia riguardo all aumento del pedaggio autostradale o meglio dell incongruenza tra quello scritto negli avvisi ai caselli autostradali per i cittafdini e la realta.
non si puo fare una bella raccolta di firme in tutta italia e far causa per truffa alla societa autostrade?

barbara spinetti 11.01.06 14:43| 
 |
Rispondi al commento

ho visto il servizio di striscia riguardo all aumento del pedaggio autostradale o meglio dell incongruenza tra quello scritto negli avvisi ai caselli autostradali per i cittafdini e la realta.
non si puo fare una bella raccolta di firme in tutta italia e far causa per truffa alla societa autostrade?

barbara spinetti 11.01.06 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
può essere che sia per la maggior parte delle persone una comodità, ma sono sicuro che non è un modo serio quello con cui vengono gestiti i trasporti urbani.
Mi riferisco alla libertà di scelta che viene data all'utente di timbrare o meno il biglietto salendo su un autobus cittadino (o prendendo una metropolitana). Ho vissuto in Inghilterra, in Olanda, in Spagna e posso confermarti che siamo l'unico paese che non permette all'utente di pagare il biglietto salendo su un mezzo pubblico. L'altro giorno a Torino, l'autobus era talmente carico che rendeva impossibile ogni tentativo di timbratura, e in periodi tranquilli, in orari serali e festivi è praticamente impossibile trovare aperti rivenditori di biglietti. Possiamo inventarci qualunque scusa (la sicurezza dell'autista, per esempio), ma la realtà è che questo utilizzo dei mezzi pubblici da terzo mondo (nemmeno in Messico funziona così!) ci fa solo comodo, non accorgendoci che quesa politica contribuisce a denigrare al turista (e all'estero) il nostro Paese e che permette ai gestori (vivo nella città di Bari dove il trasporto pubblico è a dir poco scandaloso) di non fare alcuna efficienza, forti dell'assenza di lamentele da parte degli utenti che vivacchiano su trasporti comunali pessimi ma pur sempre "a gratis".

Saluti

Antonio Negro 11.01.06 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Ieri, 07/01/06, mentre ero in coda verso l'Italia in direzione del tunnel del Frejus (4KM in 4 ore!!) dopo aver pagato la modica cifra di € 41 di sola andata, mi sono chiesto se nel 2006 si possa tralasciare un fatto del genere. Anche solo per dovere civico nei confronti dei nostri bimbi bisognerebbe far qualcosa. Sono reduce anche della NEVICATA DEL SECOLO!!! Ovvero quella che ha bloccato TUTTI gli ingressi in Piemonte dalla Liguria e che ha bloccato persone con bambini (come me) una notte intera al freddo e al gelo come Gesù (mi perdoni l'averlo nominato per così futili motivi)senza nemmeno sapere il PERCHE'(quello vero che nessuno vuol riconoscere). Notizie smorzate alla TV e poi il nulla. Ma porca miseria è ora di smetterla!!!. Boicottiamo questo stato di cose. Quando c'è un disservizio il servizio NON VA PAGATO!!! Punto e basta. Questo è solo il più "fresco" dei problemi non certamente il più importante ma va risolto anche questo. Il mio pensiero in questo momento va a tutte quelle persone che si trovano in coda con un voce che alla radio del 107.7 in Francia dice "bisogna pazientare", "ci sono 4 km di traffico". Forse sarebbe meglio se dicesse in quanto tempo si percorrono quei dannati 4 km ...
Grazie

Gianluca Bortolozzo 08.01.06 16:45| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe volevo sensibilizzarti sugli eterni cantieri dell'autostrada A4 torino-milano oltre gli eterni cantieri le gincane e i numerosi pericoli oggi tutti i telegiornali nazionali annunciano aumenti sulla rete autostradale tra cui la suddetta autostrada che di questo nome ha solo il pedaggio ma perchè la magistratura non interviene? A noi chi ci tutela?

gianluca capozzoli 05.01.06 20:55| 
 |
Rispondi al commento

ciao Grillo,è la prima volta che scrivo e mi sono iscritto da poco.
Quello che attualmente mi sta più a cuore è il fatto che tra un anno poco più dovrò decidere cosa fare della mia liquidazione TFR.
I sindacati concertativi esaltano la pensione integrativa come unico modo per salvaguardare la mia pensione. ma se permetti la cosa mi puzza molto.
Sapresti darmi dei consigli?????????
Con affetto un ex sosia

francesco bianchi 05.01.06 17:34| 
 |
Rispondi al commento

io per questo 2006 butterei nel cassonetto "trenitalia della vergogna".
non esistono più treni in orario,la pulizia nei treni stessi,la sicurezza e,è notizia di questa sera:una persona che doveva partire da Asti alle 10,22 per arrivare a La Spezia, si è sentita dire che i treni da Torino non partivano perchè non avevano carrozze pronte!!!!Ma dove stiamo finendo? forse tutta la nostra Italia ,come molte altre cose stà finendo nel cassonetto?e meno male che ci spronano ad usare il treno!!! incidenti a parte, come si fa a prendere un treno che non c'è????

annamaria ternelli 04.01.06 23:27| 
 |
Rispondi al commento

cosa ne pensi dell bufera UNIPOL?

Franco giuseppe 04.01.06 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,ho seguito sempre i tuoi spettacoli a Roma,e ricordo che spesso la tua satira prendeva di mira i problemi di Roma,e in particolare la viabilità e le condizioni della rete stradale.Non so da quanto non vieni a Roma,ma la situazione è peggiorata.Basta una settimana di pioggia e le strade si trasformano in un gruviera con innumerevoli incidenti soprattutto tra i motocicli.Ricordo che da bambino (ho 47 anni)quando ripristinavano un manto stradale,arrivava il rullo compressore (che noi chiamavamo in gergo "incarcaserci")che rullava l'asfalto in maniera perfetta,ma soprattutto la medesima strada durava anni senza sbriciolarsi.Possibile che il Comune di Roma o chi preposto ai controlli non fissi una durata minima del manto stradale che la ditta costruttrice dovrebbe assicurare?Quanto ci costano le strade e gli inevitabili lavori di riparazioni,per non parlare poi dei disagi al traffico?Non pensi che ci sia una strategia voluta a tutto questo?Grazie dell'opportunità,un saluto.

Valerio mazzei 04.01.06 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Salve… Mi chiamo Mario Scala, ho 22 anni, sono un Maresciallo di Marina e sono di Napoli… Per lavoro e per piacere mi trovo spesso a viaggiare lungo la rete autostradale italiana e vorrei attirare l’attenzione su alcuni fatti in particolare: “ Agevola il sorpasso, occupa la corsia più a destra ”… l’iniziativa che mi spinge a scrivere nasce dalla difficoltà che incontro ogni qual volta mi trovo sulla corsia di destra a 130 km orari e si sviluppa la necessità di dover sorpassare autovetture che percorrono la corsia centrale a 90/100 km orari… Signori cari, siete un pericolo immenso… per effettuare il predetto sorpasso, giacché è vietato sorpassare a destra, sono costretto a spostarmi nella corsia di sinistra, attraversando così due corsie e raddoppiando quindi i rischi di incidente… Vi invito a riflettere su quest’esempio: un’auto percorre l’autostrada a 130 km orari utilizzando la corsia più a destra, una seconda auto si trova sullo stesso tratto a 100km orari sulla corsia centrale, una terza vettura sopraggiunge a 160km orari dalla corsia di sinistra… il conducente della prima autovettura deve innanzitutto frenare, spostarsi sulla corsia centrale, aspettare che la terza auto compia indisturbata il sorpasso, spostarsi sulla corsia di sinistra ed effettuare il sorpasso… secondo voi, non sarebbe stato molto più semplice se la seconda auto fosse stata sulla corsia più a destra? Alla prima auto sarebbe bastato spostarsi sulla corsia centrale ed effettuare il sorpasso… evitando così di correre rischi inutili… Credetemi, per scrivere sul blog significa che questa situazione mi si è presentata così tante volte da averne piene le scatole… ogni estate impieghiamo tre ore per percorrere 30km a causa dei lavori per la costruzione della terza corsia, ma se a causa della negligenza di molti questi sono i risultati, allora i lavori sulla Salerno - Reggio Calabria sono uno spreco… Mi pare molto più semplice viaggiare a due corsie che a tre… Grazie Grillo, non siamo soli. Buone cose

Mario Scala 03.01.06 19:20| 
 |
Rispondi al commento

sono una studentessa di 21 anni e proprio per studiare utilizzo la tratta ferroviaria padova-firenze in intercity almeno due volte la settimana... ma sta diventando impossibile! hanno eliminato la fermata di santa maria novella deviandola a firenze rifredi e campo di marte.. raggiungere la città diventa scomodissimo per me, dovete vedere cosa diventa per anziani e turisti disorientati e pieni zeppi di valigie! sul treno tutti, proprio tutti, si lamentano e sono contrari ma pochi si fanno veramente sentire.. io non ci sto, anche perchè l'unico treno comodo rimasto è l'eurostar che costa decisamente troppo per uno studente, non trovo giusto diventi una scelta obbligata! so che se hanno scelto di attuare questo cambiamento avranno avuto certamente seri motivi ma per noi utenti diventa davvero impossibile muoversi..ho già mandato una mail e alcune lettere a trenitalia... Scrivo anche a voi perchè fate un servizio utilissimo ai cittadini, ci date voce! grazie! e grazie a radio dj che mi ha fatto scoprire questo blog!

nadia settin 02.01.06 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Salve, di recente ho visto/ascoltato lo spettacoloincazzante di Aprile 2005 a Roma, e mi interesserebbe sapere la provenienza della statistica secondo la quale il 50% dei km percorsi da automezzi pesanti sono a vuoto.
Lavoro nel ramo logistico di una azienda alimentare e vorrei fare alcuni studi su questo argomento.La/Vi ringrazio fin da ora.

STEFANO GUAGNELI 02.01.06 08:26| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto solo oggi della clio modificata per consumare la metà; ricordo che in un tuo spettacolo di qualche anno fa parlavi di una mitica auto ad aria compressa e dei sulfamigi fatti dallo scarico di un pulmino a idrogeno, di cui si son perse le tracce: c'è qualche motivo per ritenere più attendibile la qualità della clio rispetto agli altri esempi citati?
Andrea Rossi
Firenze

Andrea Rossi 30.12.05 15:09| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe . abito a biancavilla (catania)un paese tristemente rovinato dall'amianto e dall'incuria delle persone. qui si muore ,e
le istituzioni non fanno e non hanno fatto nulla fino ad ora i biancavillesi non li capisco sono
inermi a tutto cio'. con il mio cuore sono vicino
a tutte le persone che protestano anti tav
auguri a tutti gaetano

GAETANO CALI' 18.12.05 22:50| 
 |
Rispondi al commento

Stavo sognando di trovarmi in un paese dove si vuole realizzare un'opera di collegamento ferroviario già garantito da una presistente opera. Stavo sognando che anzichè migliorare la già usurata rete ferroviaria presistente si volesse destinare un consistente stanziamento di risorse pubbliche per un'opera che non serve.
Stavo sognando che il desiderio di questa opera partisse soltanto dall'interesse delle autorità di partecipare in quanto destinatari agli utili degli stanziamenti pubblici.
Stavo sognando che un consistente gruppo di persone che vivono in quelle regioni non fosse d'accordo e che decidesse di manifestarlo pubblicamente.
Poi ho sognato che durante la notte arrivassero delle presunte forze dell'ordine che bastonassero con l'uso della violenza molte persone.
Meno male che queste cose non accadono in Italia...!!!!
pensate che scandalo sarebbe stato per il prefetto ... inviare un contingente armato a bastonare pacifici manifestanti:
almeno 3 reati

1) Reato contro la costituzione
Ognuno può liberamente manifestare il proprio pensiero quandunque e dovunque purchè non leda diritti altrui
2) Violazione di domicilio ( nel mio sogno i poliziotti invadevano senza permesso del proprietario un terreno privato)
3) Abuso di Potere

Meno male che vivo a Torino e in Italia queste cose non succedono...

Manco Adirlo 15.12.05 20:10| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe Grillo, forse sarò una voce fuori dal coro sull'argomento TAV...
però volevo porre alla tua attenzione ciò che sta accadendo in Svizzera...
http://www.a9-vs.ch/
anche qui si deturperà il territorio...ma a detta degli svizzeri con questa nuova strada i loro figli potranno circolare con meno pericoli dovuti all’intenso traffico che si riversa nelle loro piccole e caratteristiche cittadine.

Mentre nella nostra cara italia c'è una valle in protesta (assurda) per un'opera che all'Italia serve e ci permetterà di alleggerire il traffico sulle strade che attraversano questa valle.

Valentina Fabbri 09.12.05 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sfugge qualcosa riguardo alla tav che si vuole costruire anche a colpi di manganello: si dice che serve per rendere più rapidi gli spostamenti dei passeggeri e delle merci, con conseguente riduzione dei trasporti su gomma. E questo sarebbe straordinariamente in ritardo come progetto. Ma...ve l'immaginate un treno carico di automobili che viaggia a 300 km/h? BALLE!!! a quella velocità anche una bmw se la fa sotto!!! Non potranno mai viaggiare merci su linee veloci. Allora perchè non si potenziano le linee già esistenti? GENTE DELLA VAL DI SUSA SIAMO CON VOI!!!

antonio bisanti 08.12.05 00:59| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto con attenzione il commento che hai inserito a proposito della linea ferroviaria ad alta velocita',credo , ed anzi sono pienamente convinto tu non abbia ben chiaro quale sia la posizione che esprimono quelli che tu chiami "oppositori della Val Susa".
Evidentemente parole come Amianto, Uranio, e distruzione di un bene comune...e ripeto comune..quindi non di pochi politici, quale il nostro paese, non possano esser svenduti a nessuno..sia che si chiami Europa o che abbia un colore politico.
L'attenzione alla salute pubblica deve esser il bene primario per un paese che si definisce "civile", e non esistono ragioni di nessun genere che possano giustificarne la messa al bando..
Tu chiedi quanto e chi ci guadagna se la TAV non viene realizzata..ma mi puoi viceversa dire chi invece ci guadagna e quanto ,a realizzarla..sapendo che i costi di realizzazione triplicheranno, e sono modesto nella valutazione, per lo smaltimento dei rifiuti tossici che deriveranno dalla produzione dei due tunnel di 53Km.
Verranno estratte tonnellate di materiale misto radioattivo,amiantifero...dove verranno smaltite??? perche' andranno smaltite....ovviamente.....
Magari ..visto che tu sei d'accordo sulla realizzazione della TAV, e visto che per te non esistono problemi, potresti indicare il tuo comune di residenza..cosicche' magari potrebbe esser preso in considerazione per la costruione dell'eventuale sito di smaltimento....!!! intanto non c'e problema..!!!..no?
Complimenti vivissimi per il tuo commento...pensavo l'era del VAJON fosse finita..ma mi son dovuto ricredere...
Un abbraccio di solidarieta' a tutti i cittadini del piemonte ed in particolare alla Val Susa che pagheranno con la loro salute quest' importante rete ferroviaria..
Marco di Genova

Marco Gardella 07.12.05 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto con attenzione il commento che hai inserito a proposito della linea ferroviaria ad alta velocita',credo , ed anzi sono pienamente convinto tu non abbia ben chiaro quale sia la posizione che esprimono quelli che tu chiami "oppositori della Val Susa".
Evidentemente parole come Amianto, Uranio, e distruzione di un bene comune...e ripeto comune..quindi non di pochi politici, quale il nostro paese, non possano esser svenduti a nessuno..sia che si chiami Europa o che abbia un colore politico.
L'attenzione alla salute pubblica deve esser il bene primario per un paese che si definisce "civile", e non esistono ragioni di nessun genere che possano giustificarne la messa al bando..
Tu chiedi quanto e chi ci guadagna se la TAV non viene realizzata..ma mi puoi viceversa dire chi invece ci guadagna e quanto ,a realizzarla..sapendo che i costi di realizzazione triplicheranno, e sono modesto nella valutazione, per lo smaltimento dei rifiuti tossici che deriveranno dalla produzione dei due tunnel di 53Km.
Verranno estratte tonnellate di materiale misto radioattivo,amiantifero...dove verranno smaltite??? perche' andranno smaltite....ovviamente.....
Magari ..visto che tu sei d'accordo sulla realizzazione della TAV, e visto che per te non esistono problemi, potresti indicare il tuo comune di residenza..cosicche' magari potrebbe esser preso in considerazione per la costruione dell'eventuale sito di smaltimento....!!! intanto non c'e problema..!!!..no?
Complimenti vivissimi per il tuo commento...pensavo l'era del VAJON fosse finita..ma mi son dovuto ricredere...
Un abbraccio di solidarieta' a tutti i cittadini del piemonte ed in particolare alla Val Susa che pagheranno con la loro salute quest' importante rete ferroviaria..
Marco di Genova

Marco Gardella 07.12.05 17:49| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe,
sono un ragazzo di ventun'anni che purtroppo ha il pallino di preoccuparsi di questo povero mondo che sta andando in malora.
la benzina aumenta, il petrolio sta per finire,chi li manovra lotta fino alla fine per fare soldi,è assurdo!le famiglie non ce la fanno più a sostenere aumenti del genere!da un lato spero che arriveremo al punto di prendere tutti quanti una bella e salutare e bicicletta per andare al lavoro,dall'altro spero che tutti gli stati del mondo si decidano ad accogliere (alcuni lo hanno già fatto) tecnologie come l'energia solare,eolica, ma soprattutto l'idrogeno, sono già delle realtà,ma ovviamente non fanno fare soldi come la vendita di benzina e gasolio! le macchine ad idrogeno esistono,ce ne sono già diversi prototipi,ma chissà perchè la ricerca e la produzione di quest'ultime sono bloccate! cosa aspettano?un'altro 1990 o un'altra "guerra preventiva" in iraq?non solo queste tecnologie ci permetteranno di spendere meno ma anche di inquinare di meno,anzi con l'idrogeno l'inquinamento è zero!sono certo che fra 5,al massimo 10 anni ci butteremo tutti sul gas,ma una volta finito quello?spero che la bramosia di ricchezza e l'avidità che spingono i potenti a continuare a inquinare questo povero mondo cessi, e spero di esserci quando accadrà. io ce l'ho in particolare con il mio paese e con chi ci governa, perchè c...o, preferisce spendere patrimoni per importare il maledetto petrolio anzichè investire sulla ricerca di fonti alternative! viviamo in un paese dove la NOSTRA opinione è messa a tacere,ci ignorano,ma siamo anche noi a volte che non ci facciamo sentire, è questa la verità!

cordiali saluti,

salvatore

p.s.CONTINUA COSI BEPPE!

Salvatore Sapia 04.12.05 18:29| 
 |
Rispondi al commento

Perchè per avere informazioni da TRENITALIA devo accendere un mutuo?????????????? Il numero 892021 che l'azienda mette a "disposizione" dei clienti costa più dei tartufi d'Alba!!!Ma...un numero verde no?
Sei grande...continua così!

Alessandro Macaluso 04.12.05 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, mi sono appena iscritto al Blog, anche se è gia da un pò che le notizie le leggo dalla rete, e non ho resistito al desiderio di confidarti la mia enorme preoccupazione per le popolazioni della Val Susa. E' possibile che l'Italia, tanto colta e preoccupata dei propri cittadini, non riesca ad imparare dagli errori del passato? Io temo di rivivere una situazione analoga a quella del Vajont dove per lungo tempo si invitato a riflettere chi sovraintendeva ai lavori sulle gravità, che si sarebbero poi realizzate, a cui si andava incontro modificando la natura la dove non è concesso! Perchè perchè perchè è così difficile rispettare la vita altrui che cosa autorizza a calpestare i diritti che ci spettano. GENTE DELLA VAL SUSA NON SIETE SOLI IO VI APPOGGIO E VI SOSTENGO CON LE MIE PREGHIERE. NO ALLA TAV!

Andrea Moscato 02.12.05 21:32| 
 |
Rispondi al commento

PER I MOTIVI GIA' NOTI (URANIO,AMIANTO, COSTI,IMPATTO AMBIENTALE)SIAMO CONTRARI AL
TAV E FAVOREVOLI AL MIGLIORAMENTO DELL'ATTUALE
LINEA FERROVIARIA TORINO-LIONE, COME DEL RESTO
LO SONO GLI OPPOSITORI DEL TAV.
PENSIAMO PERO' CHE QUESTA PROPOSTA DI MIGLIORAMENTO DELL'ATTUALE LINEA VADA PUBBLICIZZATA MOLTO DI PIU', SPIEGANDO QUALI RISULTATI SI POSSONO OTTENERE DA TALE MIGLIORAMENTO AFFINCHE' GLI OPPOSITORI DEL TAV
NON POSSANO ESSERE ACCUSATI DI ESSERE OPPOSITORI DEL PROGRESSO, DI PARTICOLARISMO, OSCURANTISMO ECC ECC.

MARINO ROTA 01.12.05 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Grazie, per aver sollevato quest'argomento, ribadisco che non si tratta solo di non voler rovinare il nostro giardino, è un'opera folle sotto gli aspetti:

-economico (otteniamo di più ristrutturando la linea attuale)

-utilitaristico (non ci saranno mai abbastanza merci per rendere l'opera conveniente, i passeggeri non ci sono da ora)

-salute (gallerie in roccia con amianto e uranio e relativo deposito delle rocce estratte a cielo aperto)

-tempi di realizzazione (a essere ottimisti funzionerà tra 20 anni fino ad allora che facciamo??)

Tutti i politici che la sostengono a spada tratta non potrebbero avere qualche convenienza economica??????????????
Si sa che in Italia i politici sono persone oneste.......

EZIA AUDI 01.12.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Perchè no tav?
E' lungo da spiegare, per chi si volesse informare ci sono siti come " notav.it " e altri.
Io non ne so moltissimo, vi posso dire in poche parole i motivi principali: - i monti da far galleria sono ricchi di amianto e uranio, le cui polveri sarebbero accumulate in val susa e fatte respirare anche dai vicini cittadini di Torino e provincia, date le correnti dei venti. Si parla di galleria di 50 Km, una galleria infinita e infinite polveri da smaltire. (50 Km!!!!!) - La val susa ha sopportato pochi anni fa la costruzione di un'autostrada quasi totalmente in galleria che ha già causato i problemi suddetti - oltre l'autostrada la val susa collega in modo molto efficente l'Italia con la Francia con una rete ferroviaria moderna, su cui già passano treni ad alta velocità. (Torino-Parigi meno di cinque ore. Roba che neanche Torino-Roma !), sarebbe al massimo solo da potenziare. - il tav è una linea che servirebbe solo per le merci, estremamente esagerata per i passaggi che vi sono, esagerata innanzitutto per i costi: 40.000 miliardi di vecchie lire. Lo ripeto per chi non avesse capito 40.000 miliardi! Se vi viene in mente un modo per spenderli meglio senza rovinare la salute dei valsusini...
dalla sanità, alla scuola, alle imprese, ai giovani, alle famiglie ....
- Opera prevista in 9-10 anni. Ovvero chissà quando finirà, se finirà.
- Lunardi e Berlusconi: garanzia di grandi opere inutili, pagate da noi, che serviranno a poco o niente. Nelle loro tasche migliaia di miliardi.
- In val susa il tav non passerà mai, piuttosto la gente passerà giorni a bloccare i binari, perchè sono tutti contrari, non avete idea di quanti miei conoscenti stanno passando la loro vita ai presidi, ma non da qualche giorno DA MESI! (cosa che in pochi sanno) Perchè ci credono, perchè non vogliono morire di cancro senza un motivo valido, perchè non sono menefreghisti come la maggior parte degli italiani. Il tav non passerà mai in val di susa, motivo in più per non farlo.

daniele lombardo 01.12.05 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
son molto lieto che tu abbia finalmente parlato del tav. Non sono un abitante della val di susa, ma abito comunque in provincia di Torino e la frequento abbastanza.
E' un'opera vergognosa tanto quanto il ponte sullo stretto di Messina, e costa circa 40.000 miliardi di vecchie lire. Ci rendiamo conto di quanti soldi sono? Potrebbero essere spesi in centinaia di modi migliori per il popolo italiano, ed invece ci dobbiamo sorbire uno dei tanti incredibili e dannosissimi "colpi di coda" del governo ladro Berlusconi.
Bisogna fermarli.
A quando un partito?
Hai fatto trenta fai trentuno, facciamo trentuno.
Ciao sei un grande

lombardo daniele 01.12.05 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Ma caro Beppe spiegaci a tutti noi ,perche in Val di Susa si oppongono all alta velocità.Stiamo come sempre delirando noi italiani...Siamo coinvolti in un progetto europeo per la viabilità al fine di togliere traffico dalle strade, sia traffico di persone che soprattutto merci e noi che facciamo ci opponiamo!!! furbi come delle volpi!!!! Spiegaci perche ci opponiamo,cosi aspramente, forse non abbiamo capito che più treni comunque portano a meno auto e camion, dunque meno inquinamento,dunque meno code sulle autostrade,dunque meno incidenti!!!!!! da italiano mi vergogno di quelli che protestano in val di susa ,bella figura ci facciamo ,in più sempre a richiamare e a cantare canzoni come bella ciao, ma basta...cresciamo un po non siam più negli anni della guerra e del post guerra!!! il mondo cambia il comunismo é finito il muro di berlino caduto ....cambiam mentalità più progressisiti, ma dico già la destra fa casini e ha messo il paese in una situazione di depressione economica, se in più le uniche cose buone che ha proposto vengon distrutte dalla sinistra allora siamo fritti!!! sia a destra che a sinistra si cerca disfare cio che uno o l altro fa o ha fatto....bei dipendenti che abbiamo.... e noi piccoli di mente continuiamo a cantare o bella ciao.... cosi alla fine o bella ciao ce lo diranno gli altri partner europei, e le altre nazioni più serie e concrete in progetti di sviluppo. E poi un altro bel dipende che salta fuori solo per contestare il dottor Agnoletto,ma cavolo mai che proponga unacosa sensata solo protestare...ma anche lui che io stimavo, sta invecchiando ...non hai piu20 anni per fare le proteste come al liceo..dai sei un parlamentare europeo..un attimo di intelligenze nei modi di protesta... mamma mia !!!! e per finire,se la tav non viene fatta chi ci guadagna?

Marco Impallomeni 30.11.05 10:08| 
 |
Rispondi al commento

salve,sono nuovo appena iscritto e forse non sarà proprio attinente conl'argomento ruota-pacco,ma vorrei sottoporre all'attenzione di tutti un quesito:se la ruota è un pacco,il mezzo pubblico è quello che a roma si chiama sgobbo,ossia furto.Lavoro presso la Metropolitana di Roma S.p.A. ed in questi mesi in cui si è parlato tanto di sicurezza per le metropolitane io che opero nel settore ho visto le cose più sconcertanti..Sig.Grillo perchè non si fa un giro nelle metro,io sono di roma,ma penso che anche milano sia nella stessa situazione,e vede con i suoi occhi se e che tipo di sicurezza c'è sulle linee? Un dato per tutti:nei mesi scorsi la questura di roma ha organizzato corsi per le guardie giurate che viglilano nelle stazioni chiedendo loro di effettuare perquisizioni di borse e soggetti sospetti.Signori le guardie giurate non hanno nessuna qualifica,ripeto,NESSUNA QUALIFICA,sono operai generici,in caso di contestazione la guardia rischierebbe un procedimento penale che come tutti sappiamo è PERSONALE.Chiaro che vi sia stato un netto rifiuto.Poi si è pensato a noi personale di stazione,notoriamente addestrato e dotato delle tecnologie più all'avanguardia,telefono di servizio-citofono e cellulari personali dove prendono..Allora se la ruota è un pacco,meglio un pacco alla napoletana che trovarsi accanto ad un pacco bomba no? Sig.Grillo vada a verificare se può,credo che ne trarrebbe spunti incredibili.Grazie.

Giancarlo De Angelis 29.11.05 20:24| 
 |
Rispondi al commento

vivo in un quartiere stupendo , vicino al policlinico Gemelli si chiama Torrevecchia , tutte le mattine ci vogliono almeno quaranta minuti per uscire dalla via principale di casa , il quartiere è il regno degli ambulanti , ne sono previste concessioni per venti posti .
Saranno almeno cento.
Il problema che mi pongo , dove sono i vigili della mia circoscrizione? Con stupore li trovo in" coppia " ad un incrocio dove la loro presenza è inutile.
La domanda è cosa posso fare?

ferdinando salce 29.11.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Tutti gli anni alla prima grossa nevicata sentiamo da tutti i giornali e telegiornali che le nostre strade rimangono bloccate da automezzi sprovvisti di catene da neve.Le case automobilistiche ci fanno pagare migliaia di euro i loro prodotti e quindi chiedo:perche' questi signori non vengono obbligati a dotare le auto(cosi' come si fa con il triangolo)di catene da neve? E poi;non pensate che risparmiare sulla ruota di scorta(vedi ruotino)sia un attentato alla vita altrui? Grazie dello spazio che mi avete offerto Gianmarco Testi

Gianmarco Testi 28.11.05 23:20| 
 |
Rispondi al commento


Assessorato al Mediterraneo
PROVINCIA DI LECCE

SPORTELLO DEI DIRITTI

COMUNICATO STAMPA

I cittadini perseguitati dalle multe.
Interviene a loro difesa e tutela lo “ Sportello dei Diritti “ della Provincia di Lecce la cui delega è stata assegnata all’assessore CARLO MADARO; non è possibile opprimere i cittadini già stremati dalla crisi economica con multe ingiuste che incidono notevolmente sui già traballanti bilanci famigliari.
“ Le somme corrisposte per la rimozione coatta dell’autovettura devono essere restituite al cittadino che si è visto annullare la sanzione dalla Prefettura ”. E’ quanto sancito dalla sentenza del giudice di pace di Lecce n° 3223 del 2005, su ricorso predisposto dallo “ Sportello dei Diritti “. Questa ulteriore battaglia dello “ Sportello dei Diritti “, era finalizzata a veder riconosciuto il diritto del cittadino - utente della strada – alla certezza della violazione contestata ed alla restituzione delle somme ingiustamente pagate.
La sentenza emessa dall’Avv. Annamaria Cosi, ha sancito che “ se la Polizia Municipale sbaglia ad elevare una contravvenzione e questa viene annullata, il costo della rimozione non può ricadere sull’utente della strada, che ha visto accolte le proprie ragioni, ma esclusivamente sul Comune. Per questo l’azienda appaltatrice addetta alla rimozione, deve restituire la somma percepita e pagare le spese di giudizio all’utente”.
Lecce, 26 novembre 2005
L’Assessore al “Mediterraneo”
con delega allo “Sportello dei Diritti”
Carlo Madaro


carlo madaro 26.11.05 19:30| 
 |
Rispondi al commento


Assessorato al Mediterraneo
PROVINCIA DI LECCE

SPORTELLO DEI DIRITTI

COMUNICATO STAMPA

I cittadini perseguitati dalle multe.
Interviene a loro difesa e tutela lo “ Sportello dei Diritti “ della Provincia di Lecce la cui delega è stata assegnata all’assessore CARLO MADARO; non è possibile opprimere i cittadini già stremati dalla crisi economica con multe ingiuste che incidono notevolmente sui già traballanti bilanci famigliari.
“ Le somme corrisposte per la rimozione coatta dell’autovettura devono essere restituite al cittadino che si è visto annullare la sanzione dalla Prefettura ”. E’ quanto sancito dalla sentenza del giudice di pace di Lecce n° 3223 del 2005, su ricorso predisposto dallo “ Sportello dei Diritti “. Questa ulteriore battaglia dello “ Sportello dei Diritti “, era finalizzata a veder riconosciuto il diritto del cittadino - utente della strada – alla certezza della violazione contestata ed alla restituzione delle somme ingiustamente pagate.
La sentenza emessa dall’Avv. Annamaria Cosi, ha sancito che “ se la Polizia Municipale sbaglia ad elevare una contravvenzione e questa viene annullata, il costo della rimozione non può ricadere sull’utente della strada, che ha visto accolte le proprie ragioni, ma esclusivamente sul Comune. Per questo l’azienda appaltatrice addetta alla rimozione, deve restituire la somma percepita e pagare le spese di giudizio all’utente”.
Lecce, 26 novembre 2005
L’Assessore al “Mediterraneo”
con delega allo “Sportello dei Diritti”
Carlo Madaro


carlo madaro 26.11.05 19:29| 
 |
Rispondi al commento

una sola parola che da ormai molti anni terrorizza gli automobilisti "AUTOVELOX"
limite 50km/h,velocità rilevata 73 km/h, multa dopo 12 gorni 154 euro e meno 2 punti, sapete qual'è il bello?no? ve lo dico io, se pago 350euro i punti non me li tolgono, non ho capito bene il meccanismo, chi è ricco può andare veloce e non perdere i punti perchè 350euro non gli fanno ne caldo ne freddo??Vogliamo parlare poi dei corsi recupero punti? certo! Con soli 150euro e 12 ore di corso"inutile"vinci 6 punti.
Conclusione: questa non è prevenzione agli incidenti stradali ma puro marketing statale e comunale visto che i comandati dei vigili hanno anche la percentuale sulle multe!!!! ah le scuole guide e chiaro che godono e non poco.. ciao. Beppe dicci la verità sei Gesù o San Pietro in incognito sulla terra!! Quando vieni a Pisa??!!!

gabriele volterrani 25.11.05 01:10| 
 |
Rispondi al commento

Scusate se intervengo di nuovo, ma non ce la faccio piu' qui ed ho 'soltanto' 27 anni...
Io penso che per farci ascoltare bisogna che si sciopera, pero' bisogna farlo bene, uniti. Un paio di anni fà (circa) in Francia per la modifica di una legge hanno scioperato per una settimana intera, trasporti uffici bar stampa, fino a quando
non hanno ottenuto quello che volevano,
cioè l'abolizione o la modifica di quella legge (nn ricordo perchè forse nn se ne è parlato molto qui in Italia). Noi siamo Italiani ca...o, ma se ci uniamo possiamo ottenere anche noi quello che vogliamo, lo abbiamo dimostrato diverse volte.
Blocchiamo l'italia per una settimana intera, vedrai che a qualcuno lassu' se non puo' prendere il caffè, non puo' leggere i giornali o non puo' mettere neanche la benzina, dopo una settimana si accorge che qualcosa non và.
Poi deleghiamo un nostro rappresentante (Dott. Grillo per esempio) e penso che se chiediamo ci verrà dato.

Forza regà...Ci vuole un po' piu' di coraggio!

Andrea cacciamani 24.11.05 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,

abito a Roma, una città con gravissimi problemi di traffico. Per andare al lavoro devo usare 3 mezzi pubblici e ci metto un'ora (quando va bene). Il problema è che le strade sono bloccate dalle auto che a fiumi si riversano sulle strade consolari, paralizzando la circolazione di tutti. Ho cercato di proporre una corsia preferenziale per un autobus sull'Appia Nuova da Capannelle ad Arco di Travertino (ci sono 2-3 corsie per ogni senso di marcia), per fare sì che almeno chi prende i mezzi pubblici possa raggiungere la meta in tempi accettabili. Solo per riuscire a sapere qual è la procedura per fare questa proposta sono stata rimbalzata da un ufficio all'altro: il Comune, il Municipio e l'ATAC mi hanno dato ciascuno informazioni diverse e contraddittorie, cosa che denota evidentemente la mancanza di abitudine al dialogo con i cittadini/utenti/clienti. Parlando infine con il responsabile della mobilità del Municipio interessato all'ipotetica corsia mi sono sentita rispondere che il progetto non è fattibile perchè "l'Appia Nuova è una strada a scorrimento veloce e se facciamo una corsia riservata ai mezzi pubblici le auto non possono più circolare". La stessa persona del resto mi ha anche detto che la metropolitana di Roma è frequentata solo da extra-comunitari e turisti perchè i romani preferiscono i mezzi di superficie (queste informazioni gli derivano dalla moglie, visto che lui la metro non la prende mai).
Dopo queste risposte ho capito che questa ipotesi non è percorribile e, con rassegnazione, ho iniziato a prendere la mia auto privata per fare quel tratto di strada che avrei voluto fare in autobus. Questo è il modo in cui si incoraggia la mobilità sostenibile a Roma. Ho già segnalato questa situazione anche a un politico dei Verdi senza avere nemmeno una risposta per e-mail.
Avete qualche idea migliore?
Ciao a tutti,

Simona

Simona Rossano 24.11.05 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Grillo santo subito!
Io sono un pendolare (Fara Sabina-Roma) da sei anni e vado al lavoro con il treno e metropolitana, ho stimato che calcolando i ritardi e i vari intoppi che Trenitalia ha(che ne pensi di questa azienda?)tutti i giorni soltanto per 5 gg lavorativi a settimana e prendendo il treno 2 volte, andata e ritorno, si perdono in media circa 3 ore a settimana,12 ore al mese e circa 144 ore l'anno.In pratica circa una settimana(6,5 gg) di "vacanza forzata" l'anno. Tutto questo per un ritardo medio giornaliero di circa 6 minuti.

Andrea cacciamani 24.11.05 09:55| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe grillo, grazie per tutte le denunce che porti avanti -
ti chiedo di indagare sullo "sfregio" della galleria autostradale del mugello, unitamente alle gravi offese che tutti i politici arrecano alla valle di susa (TAV), proiettate senza ritegno alla spartizione dei fondi stanziati -
getta anche uno sguardo sulle olimpiadi 2006 di torino: preparati ad ogni tipo di sorpresa
che tutti noi qui intravediamo - saluti
guido tua torino 11 23 2005

guido tua 23.11.05 17:23| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe grillo, grazie per tutte le denunce che porti avanti -
ti chiedo di indagare sullo "sfregio" della galleria autostradale del mugello, unitamente alle gravi offese che tutti i politici arrecano alla valle di susa (TAV), proiettate senza ritegno alla spartizione dei fondi stanziati -
getta anche uno sguardo sulle olimpiadi 2006 di torino: preparati ad ogni tipo di sorpresa
che tutti noi qui intravediamo - saluti
guido tua torino 11 23 2005

guido tua 23.11.05 17:19| 
 |
Rispondi al commento

I trasporti........ nota dolente.
Viaggiare in treno a volte è un'impresa, ritardi, cancellazioni, coincidenze perse, a volte fare un viaggio anche corto è una odissea.
E i treni? Spesso i riscaldamenti non funzionano e in questa stagione... E non parliamo di cose più semplice come riuscire a scendere senza cadere, scalini altissimi e cortissimi (tipo scarpa 34).
Vogliamo parlare delle autostrade? Lasciamo perdere. Devi viaggiare in corsia di sorpasso perchè nella 1° corsia ci sono file interminabili di camion, quando non si sorpassano fra di loro....
Mediamente ogni 30 km ci sono dei cantieri. Lavoreranno per noi, sicuramente, ma non finiscono mai???
Forse non bisognerebbe mai viaggiare, ma che vita sarebbe??

Maria Grazia Vestuti 22.11.05 22:26| 
 |
Rispondi al commento

salve, vengono investite somme stratosferiche per allargare autostrade, farne delle nuove ma poi tutti vi corrono con la propria auto, da soli!!(sembra sia sconveniente viaggiare in due o tre alla volta) ma allora ha ragione berlusconi che la crisi non c'è? e no! la crisi c'è e si vede sullo stipendio cambiato all'ultimo centesimo di euro ma mai adeguato all'inflazione reale.
ma qualcuno pensa anche di fare ne linee ferroviarie ma ad altri non piacciono perchè passano vicino a case o aree che perderebbero il loro valore, ma allora come dobbiamo circolare? stiamo fermi?
resta soltanto di trasferirsi vicino al lavoro ( chi ce l'ha) per poi andare in biciletta sempre che non costi troppo trovare casa, ed oggi la casa costa troppo. che fare?
da tanto tempo credo non ci siano soluzioni semplici ma qualcuna va trovata e provata. perchè non tassare diversamente ciò che serve per produrre il proprio reddito da quello che resta come "ricchezza" perchè non detrarre gli abbonamenti dei mezzi pubblici premiando chi li usa.
grazie
RDC

RINALDO DE CONTI 22.11.05 15:11| 
 |
Rispondi al commento

salve, vengono investite somme stratosferiche per allargare autostrade, farne delle nuove ma poi tutti vi corrono con la propria auto, da soli!!(sembra sia sconveniente viaggiare in due o tre alla volta) ma allora ha ragione berlusconi che la crisi non c'è? e no! la crisi c'è e si vede sullo stipendio cambiato all'ultimo centesimo di euro ma mai adeguato all'inflazione reale.
ma qualcuno pensa anche di fare ne linee ferroviarie ma ad altri non piacciono perchè passano vicino a case o aree che perderebbero il loro valore, ma allora come dobbiamo circolare? stiamo fermi?
resta soltanto di trasferirsi vicino al lavoro ( chi ce l'ha) per poi andare in biciletta sempre che non costi troppo trovare casa, ed oggi la casa costa troppo. che fare?
da tanto tempo credo non ci siano soluzioni semplici ma qualcuna va trovata e provata. perchè non tassare diversamente ciò che serve per produrre il proprio reddito da quello che resta come "ricchezza" perchè non detrarre gli abbonamenti dei mezzi pubblici premiando chi li usa.
grazie
RDC

RINALDO DE CONTI 22.11.05 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe, complimneti sinceri e vivi.

Riconosco la tua attività ceh definirei "Super partes" svincolata da interessi particolari di potere etc.

Molto bello il tuo spettacolo scorso a milano.

Sono un laureato con master che purtroppo, ha passato tutta la vita a studiare per fare lo stesso lavoro di chi la laurea nn ce l'ha.

Sui TRASPORTI in particolare il treno e la famigerata compagnia da annai in fase di ristrutturazione FS=Forse un Servizio ve lo diamo, che spesso e volentieri utilizzo.

Vorrei dire pochi concetti:

-pulizia:
pessima. Su interregionali, e intercity
sufficiente sugli Eurostar

-puntualità:
un utopia. Non ho mai preso un eurostar che nn abbia vuto 15-20 minuti di ritardo.ho assistito ad una scena in cui il controllore ha infamato un passegero perchè nn si sbrigava a salire, forse perchè essendo già in ritardo di 15 minuti, nn voleva arrivare ai 30 per i quali c'è il rimborso.

-servizio al cliente:
quando prendo due treni spessissimo quello antecedente all'eurostar fa ritardo e quindi mi salta la prenotazione, quindi prendo eurostar dopo e oltretutto devo pagare un supplemento, oltre il danno la beffa.

-Annnunci alla clientela:
fanno ridere gli annunci nei quali si dice i bagagli lasciati incostuditi verranno sottoposti al controllo di polizia, è come dire ad un terrorista attento che veniamo a controllare nella tua borsa se la lasci incostudita

-l'offerta sull'es business è un'altra pensata giusta per attrarre clienti profittevoli, anche lì tante promesse in termini di puntualità, clientela top business, alla fine come sempre pochi fatti.

Complimenti ai fenomeni del busines marketing media&comunication, management, CRM(Customer relationship management) developement: Buffonate!!!etc..

Bella la nuova pubblicità con tognazzi, ma nn ricorda quella antecedente con celentano in fatto di promesse?
I risultati si possono vedere salendo su un treno qualunque oltre che leggere sui quotidiani.

Saluti

Andrea Vigna 22.11.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe, complimneti sinceri e vivi.

Riconosco la tua attività ceh definirei "Super partes" svincolata da interessi particolari di potere etc.

Molto bello il tuo spettacolo scorso a milano.

Sono un laureato con master che purtroppo, ha passato tutta la vita a studiare per fare lo stesso lavoro di chi la laurea nn ce l'ha.

Sui TRASPORTI in particolare il treno e la famigerata compagnia da annai in fase di ristrutturazione FS=Forse un Servizio ve lo diamo, che spesso e volentieri utilizzo.

Vorrei dire pochi concetti:

-pulizia:
pessima. Su interregionali, e intercity
sufficiente sugli Eurostar

-puntualità:
un utopia. Non ho mai preso un eurostar che nn abbia vuto 15-20 minuti di ritardo.ho assistito ad una scena in cui il controllore ha infamato un passegero perchè nn si sbrigava a salire, forse perchè essendo già in ritardo di 15 minuti, nn voleva arrivare ai 30 per i quali c'è il rimborso.

-servizio al cliente:
quando prendo due treni spessissimo quello antecedente all'eurostar fa ritardo e quindi mi salta la prenotazione, quindi prendo eurostar dopo e oltretutto devo pagare un supplemento, oltre il danno la beffa.

-Annnunci alla clientela:
fanno ridere gli annunci nei quali si dice i bagagli lasciati incostuditi verranno sottoposti al controllo di polizia, è come dire ad un terrorista attento che veniamo a controllare nella tua borsa se la lasci incostudita

-l'offerta sull'es business è un'altra pensata giusta per attrarre clienti profittevoli, anche lì tante promesse in termini di puntualità, clientela top business, alla fine come sempre pochi fatti.

Complimenti ai fenomeni del busines marketing media&comunication, management, CRM(Customer relationship management) developement: Buffonate!!!etc..

Bella la nuova pubblicità con tognazzi, ma nn ricorda quella antecedente con celentano in fatto di promesse?
I risultati si possono vedere salendo su un treno qualunque oltre che leggere sui quotidiani.

Saluti

Andrea Vigna 22.11.05 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
presso un Concessionario Toyota volevo vedere la Prius ma non ce ne avevano nenache una disponibile in salone da farmi vedere. Mi spiegavano che ne avranno vendute soltanto due o tre e che anche su base Italia le vendite sono alquanto limitate. Forse è un problema di diffidenza generale verso un motore elettrico ma io stesso sono rimasto stupito quando ho saputo degli 8 anni di garanzia (o 160.000 Km), forse si immagina che non fosse possibile andare veloci (invece tale auto raggiunge 170 km orari). Allora la risposta più plausibile è che costa troppo (€ 25.000,00) e che sia troppo poco pubblicizzata (forse per niente!!!!)chissà perchè !......
E allora la proposta : perchè non ti ergi a paladino del risparmio e dell'ambiente come testimonial della Toyota o di eventuali altre marche che volessero proporci motori ibridi proponendo a tale casa una campagna pubblicitaria volta alla diffusione del prodotto ?
Credo che come prima conseguenza i maggiori volumi di vendita indotti dalla Tua pubblicità potrebbero far diminuire significativamente i prezzi e questo a loro volta far aumentare ulteriormente i volumi di vendita.

Grazie, per lo spazio concesso alle idee e confido quanto meno in una tua riflessione da persona intelligente come sei.

Dott. Stefano SFRAPPA

stefano sfrappa 20.11.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
presso un Concessionario Toyota volevo vedere la Prius ma non ce ne avevano nenache una disponibile in salone da farmi vedere. Mi spiegavano che ne avranno vendute soltanto due o tre e che anche su base Italia le vendite sono alquanto limitate. Forse è un problema di diffidenza generale verso un motore elettrico ma io stesso sono rimasto stupito quando ho saputo degli 8 anni di garanzia (o 160.000 Km), forse si immagina che non fosse possibile andare veloci (invece tale auto raggiunge 170 km orari). Allora la risposta più plausibile è che costa troppo (25.000) e che sia troppo poco pubblicizzata (forse per niente!!!!)chissà perchè !......
E allora la proposta : perchè non ti ergi a paladino del risparmio e dell'ambiente come testimonial della Toyota o di eventuali altre marche che volessero proporci motori ibridi proponendo a tale casa una campagna pubblicitaria volta alla diffusione del prodotto ?
Credo che come prima conseguenza i maggiori volumi di vendita indotti dalla Tua pubblicità potrebbero far diminuire significativamente i prezzi e questo a loro volta far aumentare ulteriormente i volumi di vendita.

Grazie, per lo spazio concesso alle idee e confido quanto meno in una tua riflessione da persona intelligente come sei.

Dott. Stefano SFRAPPA

stefano sfrappa 20.11.05 12:54| 
 |
Rispondi al commento


Assessorato al Mediterraneo
PROVINCIA DI LECCE

SPORTELLO DEI DIRITTI

LO “ SPORTELLO DEI DIRITTI “ DELLA PROVINCIA DI LECCE TUTELA UN DISABILE MULTATO

Un non vedente aveva lasciato la vettura, con il contrassegno ben in vista, nei parcheggi a pagamento.

MULTATO UN DISABILE, PARTE UN RICORSO AL PREFETTO.

Parcheggia lungo le striscie blu, senza pagare la prevista tariffa per la sosta. E, per questo, si becca la multa. Peccato che la vettura appartenga ad un non vedente e fosse regolarmente provvista di contrassegno in uso ai disabili. L’episodio risale allo scorso 19 maggio. Gli agenti di polizia municipale arrivano in via Tasso, verificano l’assenza del grattino ed effettuano quindi la contravvenzione. Scoperta l’amara sopresa, il proprietario dell’auto, un leccese di 56 anni, invalido civile al 100% per cecità assoluta, cerca in più occasioni di far notare sia in Comune che ai vigili urbani la sua particolare condizione. E, soprattutto, che aveva comunque esposto sul parabrezza il contrassegno identificativo di autovettura al servizio di persona invalida. Ma le sue ragioni restano inascoltate e così l’uomo decide di rivolgersi allo “ SPORTELLO DEI DIRITTI “ della Provincia di Lecce la cui delega è stata assegnata all’Assessore CARLO MADARO che ha presentato un ricorso al prefetto di Lecce per ottenere l’annullamento della sanzione.
Lecce, 19/11/2005
L’Assessore al “Mediterraneo”
con delega allo “Sportello dei Diritti”
Carlo Madaro

carlo madaro 19.11.05 18:39| 
 |
Rispondi al commento


in data 16 Novembre 2005 alle ore 12:08 am circa nella stazione ferroviaria di Seregno (MI) appena uscito dal treno in sosta in prossimità della linea gialla sulla banchina di attesa ho visto il macchinista del treno nella cabina di guida che fumava e alla mia domanda "ma non è vietato fumare sui treni?" mi rispondeva gesticolando in maniera intimidatoria dicendo :"ma lei chi è?,se ne vada di qui ,questa è casa mia!!! " mentre di fianco a me come testimoni c'erano anche il bigliettaio del treno in attesa di ripartire e un altro macchinista nella cabina che sentivano la discussione ,inoltre personale della stazione addetti ai binari nonchè il capostazione di Seregno ;

di fronte a tale comportamento del macchinista ,come cliente trenitalia mi sento offeso , inoltre , come cittadino rispetto alla legge che è uguale per tutti mi sento preso in giro .

pertanto chiedo che questa persona venga avvisata della gravità dei fatti dal manager responsabile della linea ferroviaria ed inoltre chiedo di poter avere il nominativo dello stesso in quanto mi sento in dovere di riportare l’accaduto all’ autorità giudiziaria di zona .

Ringraziandovi per lo spazio concesso ,rimango a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento ai numeri di telefono sopra elencati .

Grazie,

massimo olivieri 17.11.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mai più avrei pensato nella mia vita di dover far parte di un'associazione, un po' per pigrizia, un po' per ignoranza e po' per non so bene quale motivo. Ebbene Trenitalia è riuscita, aimè, in questo intento. Da pochi giorni, per disperazione abbiamo costituito l'associazione pendolari (sfigati) di Fiorenzuola d'Arda comune sonnacchioso in provincia di Piacenza. Siamo sempre stata brava gente, tranquilla (fin troppo, visto i risultati) che ha sempre saputo stare al prorprio posto, senza lamentarsi più di tanto, sopportando le "angherie" delle FFSS (ora Trenitalia, ma la musica non cambia anzi è peggiorata)senza sollevare polemiche. ORA BASTA!!!! La misura è colma. A seguito del nuovo piano di orari
previsto da Trenitalia che coinvolge 4 regioni (Emiliaromagna, Lombardia, Piemonte e Liguria)
verranno inflitte ai pendolari una serie di pesanti e onerose fregature come: soppressione dei treni interregionali (i più frequentati dai pendolari) sostituiti da treni Intercity (che fermano solo nei grandi centri) con conseguente maggiorazione dei costi(+65% per gli
abbonamenti,+95% biglietti normali)e grosse difficoltà per quei pendolari che come me (migliaia) sono costretti a cambiare i prorpri orari e quindi la propria vita per adeguarsi alle nuove tracce ferroviarie. Questo per ragione di spazio e di tempo è solo un assaggio di quello che si prospetta dall'11 dicembre 2005 per, in pratica, le linee ferroviarie più frequentate del nord Italia. In tutto questo, però, quello che è veramente vergognoso è l'atteggiamento della politica (in particolare mi riferisco alla Regione EmiliaRomagna) che invece di essere dalla parte dei cittadini è culo e camicia con Trenitalia ed è disposta, non si sa per quale motivo, a firmare questo nuovo piano scellerato.
Invito tutti, pendolari e non, a far sentire la propria voce e dire basta (o meglio:"vi prego aiutateci")Visitate il sito www.pendolari.too.it

Massimo Ziliani 15.11.05 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,mi piacion troppo gli Italiani mie connazionali!!! In questi gironi grande fermento e manifestazioni per la Tav che dovrebbe collegare Lione -Torino e poi in futuro continuare per Milano fin verso l Est Europa. Mi spieghi per quale motivo c'é gente che ancora non capisce che facendo nuove vie di comunicazione, sfruttano al meglio la ferrovia si riesce a togliere traffico merci dalle strade con conseguente riduzione di incidenti e inquinamento.Io lavoro a Marsiglia proprio nel settore dell 'intermodalità ovvero sfruttamento dei mezzi di trasporto alternativi alla strada ovvero ferrovia e maree,conosco bene il traffico lungo alcune direttrici principali come la Lione Torino Milano Venezia e dico ben vengano progetti che permettano di spostar direttamente i camion sul trasporto ferroviario,avete mai aftto la Torino Piacenza,due corsie un sacco di Camion e pericoli a ripetizione.Chi puo spiegare a queste persone che il futuro non sara piu il solo trasporto su gomma,causa caro benzina e autostarde giungla, ma sarà bensi il trasporto intermodale passando cioé direttamente le merci o vi amare o via treno limitando al minimo i tragitti su gomma;chi puo spiegare a queste persone che si ostinano a andare contro cose veramente utili,in più per una volta che noi Italia siamo coinvolti in un progetto europeo per la costituzione dei corridoi logistici attraverso che dovrebbero collegarci con tutte Europa per il trasporto merci, noi ci opponiamo,ma che siam pazzi!!!!!!Informatevi un po prima di protestare e basta e poi almeno spiegatemi perche si oppongono,perche qui dalla Francia,grazie alla magnifica comunicazione dei nostri media non si capisce nulla.

Marco Impallomeni 14.11.05 16:33| 
 |
Rispondi al commento

nuovo Codice della Strada = Codice di Truffa ai danni del cittadino.

Se per Vostra sfortuna passate dalle parti di un brutto paesino che si chiama uboldo (minuscolo)in provincia di Varese, fate bene attenzione perchè rischierete una sanzione amministrativa anche per "una eventuale emissione gassosa" involontaria dal Vostro sedere ...

I "semafori" Killer ti fulminano al punto che io, CHE NON ABITO IN QUEL PAESE mi fermo con il verde per poter partire "sicuro" ..

Poi occhio al telelaser .. e a non passare dalle vie RISERVATE AI RESIDENTI ...

Evviva l'Italia !!!

Chiedo a Voi, ma a chi compete evitare che certi comuni strozzino "casualmente" sempre i non residenti??

Se circa 2000 "idioti" (non di uboldo) al mese passano con il rosso bisogna mettere le camionette della Polstrada a mo di stop o
EVENTUALMENTE UNA ROTATORIA .....

a chi bisogna chiedere???????????

Intanto il comune incassa 160 Euro a pedaggio .. e vuole 2 Euro per farti vedere la foto con la tua macchina ferma nel traffico oltre la luce rossa!!

Edo Banfi 13.11.05 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
Sono Maddi la Compagna di Ripamonti.
Ho 56 anni,e lavoro in una falsa coperativa di servizio logistico, l'esperienza più brutta della mia vita.
Non sò se tu sei al corrente ma sono una vera galera, se cerchi di far valere i tuoi diritti ti eliminano.
Ti ammiro tantissimo un saluto Maddi

Sergio Ripamonti 12.11.05 17:36| 
 |
Rispondi al commento

NO TAV
NO TAV
NO TAV

Mauro Bertolotto 10.11.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

La ruota non è un pacco,però c'è bisogno di un equilibrio in tutto.In questo caso in italia mancano ferrovie e metropolitane efficenti.Se ci fossero gli italiani in automatico userebbero meno auto.Adesso il governo parla del TAV che è una bellissima idea ma come al solito è stata progettata all'italiana,chiedetelo agli abitanti della val Susa(TORINO).Sul sito www.disinformazione.it ho trovato un bellissimo articolo che spiega bene cosa sta succedento ma che i media nascondono.Si trova all'indirizzo http://www.disinformazione.info/notav.htm andate a dargli un occhiata e fantastico sapere come siamo presi in considerazione...Ciao a tutti Max

Ps: Noto che non esiste nessun Blog sul TAV e sugli incidenti della Val Susa perchè sig. Grillo(non riesco a darle del tu)non lo crea?

Massimo Ciardelli 09.11.05 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, non un commento o un lamento sulle nostre ferrovie (quelle liguri sono davvero disastrose: sporcizia, ritardi, soppressioni, ecc.), ma un suggerimento... O meglio, una proposta di resistenza quotidiana: perchè non provare, tutti noi pendolari, a mostrare l'abbonamento con lo stesso ritardo del treno che, malgrado tutto, siamo costretti a prendere quotidianamente...
Se il treno viaggia in orario, ti mostro l'abbonamento subito, altrimenti tra dieci, venti minuti o mezz'ora... Se lo facessimo tutti, sai che casino!
Saluti, Marcello

Marcello Zolezzi 08.11.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei portare a conoscenza degli Italiani che la Società Trenitalia intende chiudere 3 linee ferroviarie considerate "binario morto".
Queste linee sono: Pavia-Casalpusterlengo, Pavia-Alessandria, Colico-Chiavenna.
Trenitalia ancora non conferma ma se la decisionde diverrà definitiva la popolazione valchiavennasca reagirà.
I Sindaci della Nostra valle sono già pronti a scendere in piazza ed è già pronta anche la chiusura di un giorno d esercizi commerciali e pubblici in segno di protesta.
Forse solo così Trenitalia capirà l'importanza del TRENO per la nostra vallata sia a livello turistico che per studenti e lavoratori.
Nel frattempo Comunità Montana e Cisl si sono già mobilitate.
Il treno è IMPORTANTISSIMO per chi vive e per chi ha a cuore il futuro della Valchiavenna.

Paolo Della Bitta 07.11.05 18:51| 
 |
Rispondi al commento

ieri (6/11/2005)su report ho scoperto che paghiamo la luce il gas il telefono senza la certezza che i misuratori siano controllati dallo stato.
facciamo una proposta di legge popolare per fare in maniera che qualcuno si assuma la responsabilità di controllare coloro che ci fanno pagare in maniera salata le utenze.

ALBERTO DEL PRETE 07.11.05 16:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi fa piacere sentire tanta gente che inneggia alle Low Cost solo perche ha fatto qualche voletto quà e là.... Sono un assistente di volo della compagnia che tanto vorreste vedere bandita dai cieli, l'Alitalia, anzi per l'esattezza Alitalia Express, low cost di mamma Alitalia. Mi piace la verità e quindi vorrei dire a tutti coloro che parlano per il gusto di farlo di informarsi bene prima, perchè se no si rischia solo di fare disinformazione cosa che ormai và di moda in Italia. Primo, come assistente di volo sono stufo di sentirmi dare del ricco senza che nessuno conosca il mio conto in banca. Secondo, il prossimo che mi dice lo prendo a calci. Terzo, molto vagamente potrei spiegarvi se avete pazienza di leggere un po', perchè Alitalia si trova in questa situazione e questo senza interessi politici o sindacali di sorta. Ora però partiamo dalla vostra unica grande ragione, i voli Alitalia sono cari (come spesso lo sono tutti quelli delle altre grandi compagnie); vero, esiste tutto un baraccone da tenere in piedi, questo costa e a volte è inutile sia per chi ci lavora e sia per chi dovrebbe essere considerato il cliente, colui che va giustamente servito e riverito perchè CI PAGA. Il problema è che c'è stato un periodo in cui Alitalia era un modo per politici, dirigenti interni e sindacati per fare soldi, assicurare soldi, fare iscritti, dare posti di lavoro (a tanti parenti e amici di chi oggi inneggia o peggio dirige o serve le low cost). C'è stato un periodo in cui chi faceva il mio lavoro o ancor di più il Pilota o il Comandante, guadagnava un bel po' e faceva una bella vita, li abbiamo visti e conosciuti in molti. Oggi vi invito a guardare all'ultima generazione di assunti, di tutte e tre le categorie e vi accorgerete che non è più così. CONTINUA

Davide Morino 06.11.05 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Tante stagioni prima di un contratto a tempo indeterminato, tante partenze di riposo, trasferimenti di base da una città all'altra come se fosse un gioco, programmazione che ti manda una settimana a Oriente ed una settimana a Occidente con solo due giorni di riposo in mezzo (siete mai tornati da Tokyo e ripartiti per New York dopo 2 giorni? ma non solo una volta nel mese, per tutto il mese..). Vi invito ancor di più a parlare con chi vola in quelle altre belle compagnie a cui voi inneggiate, VISTO CHE PARLATE SPESSO DI DIRITTO DEI LAVORATORI, compagnie come Ryan Air, Blu Panorama, ecc ecc che non solo hanno contratti assurdi con giorni di riposo inclusi in quelli all'estero (fate conto di venire chiusi la domenica dentro il vostro ufficio dal vostro datore di lavoro, voi protestate e lui vi risponde che mica dovete lavorare,NOOO! potete giocare ai vostri giochini preferiti al computer o navigare su internet...Gratis? NO, ma almeno non dovete lavorare), hanno stipendi piuttosto bassini. Permettetevi di consigliarvi una bel giretto di qualche mese così prima di parlare. ORA PARLIAMO DELLA VOSTRA SICUREZZA: all'Alitalia si possono muovere tante critiche ma non posso permettermi di dire nulla per ciò che riguarda la sicurezza; a terra e in volo è sempre garantita e se il ritardo a volte è dovuto a problemi tecnici è perchè questi vengono segnalati di volo in volo e non a fine giornata(se va bene). Qualche giorno fa Lucio Bracco (perdonami se cito una tua frase senza chiedere permesso), ha scritto:Ho visto i loro aerei fare rifornimento con migliaia di litri di carburante e con 180 passeggeri a bordo e senza l'ombra di un vigile del fuoco sotto bordo, in barba alle disposizioni dell'ENAC. Pensate che questo sia simpatico. Alcune di queste compagnie utilizzano ass. di volo non certificati per svolgere compiti di emergenza (pensate se avete un malore a bordo...e succede credetemi); ricordate l'Aerbus 340 Uscito fuori pista a Toronto con 297 passeggeri a bordo? CONTINUA

Davide Morino 06.11.05 20:37| 
 |
Rispondi al commento

c'erano 12 membri di equipaggio che hanno lavorato in modo egregio portando in salvo tutti i 297 pax..e non so se avete visto come era ridotto l'aereo?(http://en.wikipedia.org/wiki/Air_France_Flight_358). Ricordate invece purtroppo il B737 della Helios (low cost) caduto nei pressi di Atene con 121 passeggeri? con problemi tecnici e Pilota e Comandante di nazionalità diverse e che non si capivano. Succede anche sulle low cost di cui parlate e in altre realtà italiane. Ricordate l'ATR della TunitAit 16 morti: blocco motori per il montaggio di una spia del carburante di un altro aereo più piccolo (come montare la spia della benzina di un Panda su un Ferrari pensando di fare gli stessi chilometri). Cosa pensate che volare voglia dire solo avere o meno un panino a bordo o meno? Pensate che l'Alitalia fallisce perche spende troppo per le cose essenziali al volo (1 Aerei. 2 Equipaggio. 3 Handling). NO, provo a dirlo in breve: l'Alitalia stà così perche è ancora gestita dallo Stato , da una intera categoria di dirigenti babbioni e LADRI a cui non frega un cavolo dei lavoratori e FIGURATEVI dei passeggeri. Il "povero" Cimoli di turno ha pensato, pensa e penserà solo a tenersi buono il governo ed i sindacati che saranno i suoi datori di lavoro anche per il prossimo incarico. Cimoli è l'esempio lampante di questo, visto che in molti parlate anche di Ferrovie dello Stato; che ha fatto lì? e cosa pensate che farà in Alitalia? ve lo dico io, per il momento prende un bello stipendio miliardario e poi prenderà una bella liquidazione come hanno fatto tutti i suoi predecessori. E come Tronchetti Provera stà in Yact con la figona di Afef pur avendo, come ci ha raccontato benissimo Beppe, qualche miliarduccio di passivo, Cimoli se ne andrà con la sua barchetta e la sua f....etta. Per il resto avete ragione, il biglietto è caro, ma NON SARA' CHE I NOSTRI SOLDI SONO SEMPRE MENO GRAZIE AL NANO E AI SUOI COMPLICI? Meditate gente, meditate.

Davide Morino 06.11.05 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Trasporti:siamo sull'orlo del baratro, ma chi ci governa ci farà fare un passo avanti.
Tutto è mosso dalla propaganda, si prendono decisioni importanti come se si giocasse a Monopoli. Servirebbebbero di più un ponte sullo stretto e l'alta velocità su lunghe distanze (l'aereo no?),od un VERO riammodernamento delle ferrovie? Su tratte brevi, quelle dei pendolari per intenderci, quelle che decongestionerebbero il traffico citadino. Io ho sperimentato il pendolarismo per anni in direzione Milano, e ho detto basta. Oggi faccio il pendolare in direzione Zurigo, e vivo meglio. Ed è questo il rischio della Svizzera: ci si abitua troppo bene, e poi non ci si adatta più a quel che offre l'Italia in termini di servizi.
Se non siete inca....i abbastanza per quello che i nostri dipendenti, come dice l'arguto (ma inca....o) Beppe, vi fanno passare, sperimentate qualcosa che funziona veramente, e poi tornate all'ovile. Forse allora la protesta si alzerà più forte. Ciao.

Francesco Gatti 06.11.05 08:52| 
 |
Rispondi al commento

E ancora:

Da Carrara a Ventimiglia, 230 km di autostrada e 15 cantieri in un alternarsi di restringimenti di corsie e cambi di carreggiata. Abbiamo contato i lavori in corso sulle autostrade tirreniche (ma in molti casi al lavoro non si vedeva nessuno) viaggiando con il camion dalla provincia di Massa sino a quella di Imperia in un giorno feriale di ottobre.

Giorno immediatamente successivo, tra l'altro, a quel lunedì 17 in cui sulla A15 Parma-La Spezia, in corrispondenza di un restringimento della carreggiata tra Fornovo e Pontremoli, un camionista tunisino di 27 anni, sbandando, ha tamponato altri due mezzi pesanti prima di travolgere alcune auto che provenivano in senso inverso, causando due morti e 15 feriti.

Insomma, le condizioni della rete autostradale italiane sono pessime. Certamente influiscono, e molto, il ritardo e la scarsa attenzione con cui gli amministratori pubblici e i concessionari si sono occupati delle infrastrutture. Ma questo non può diventare un alibi. Le tariffe sono diventate salate ovunque a fronte di un servizio che dovremmo spesso definire disservizio. Ad aggravare la questione c'è il fatto che gli autisti di mezzi pesanti, che sulle autostrade trascorrono buona parte del loro tempo, guidano in condizioni di serio pericolo non sempre comprese. Ragion per cui possono effettivamente causare danni gravi, in un concorso di colpe che è obiettivamente difficile ripartire in maniera equilibrata, finendo nel mirino dell'opinione pubblica anche quando non lo meriterebbero.

(Tuttotrasporti, ottobre 2005)


Questa è la realtà quotidiana, altro che camper!

Pantaleone Moisè 05.11.05 10:27| 
 |
Rispondi al commento

SICUREZZA STRADALE.....MA DOVE???????
ciao a tutti, Fabio da Roma.
Dalla "geniale" patente a punti in poi non hanno fatto altro che parlare di sicurezza stradale.Per passione ma soprattutto per andare in ufficio causa traffico, parcheggi inesistenti ed esosi sono costretto ad usare un mezzo a due ruote.Da qui potrei scrivere per giorni su cosa non và, e cosa andrebbe fatto x tutelarci da quello che sono i PERICOLI DELLA STRADA, ma quando un giudice nell'atto scrive:" a roma si sà che ci sono le buche con il brecciolino voi con le moto dovete stare attenti" e per questo motivo
si perde una causa dove ci siamo fatti male e il nostro mezzo è dannegiato x qualche migliaio di euro, che cosa posiamo fare.........help me

fabio proietti 04.11.05 14:07| 
 |
Rispondi al commento

A: Sergio Zanardi il 04.11.05 09:19

Questi Signori (e non signori) hanno chissà quante ore, ed ore, di viaggio sulle spalle (se lo sognano di prendersi un Camper!).
Sono trattati peggio delle bestie e, molto spesso, non c'è la fanno a tenere certi ritmi, tanto che a Bruxelles hanno deciso di rivedere il numero di ore lavorative settimanali e, soprattutto, distribuirli in una maniera più accettabile.
Ebbene, pur essendo io stesso contrario al trasporto su gomma, in genere, che è voluto dai signori capitalisti delle grandi multinazionali, penso che non sia assolutamente corretto (anzi è una vera e propria ipocrisia) il dare la colpa ai camionisti che, il più delle volte, sono costretti a stare alle condizioni che gli vengono imposte dagli speculatori (senza scrupoli) del mercato.
Queste persone scelgono la strada per cercare di sopravvivere e, invece, il più delle volte, nella strada incontrano la morte (del sabato sera!).
Per portare a termine un dato carico, trovandoci in un paese pieno di insidie (...), devono cercare di recuperare tempo in qualche modo...
Anzicchè osservare e denunciare le carenze in sicurezza su strada (ad es. perchè non viene usato l'asfalto drenante in tutte le stradi pericolose, ecc...), o meglio, le ineguatezze di certe leggi, che non tutelano affato l'utenza della strada (a prescindere dalla categoria), si preferisce attaccare senza mezzi termini uno dei più importanti traini della nostra economia, disinteressandosi di ciò che accade nel "dietro le quinte".
E allora, riflettete bene prima di fare certe affermazioni (e paragoni), per favore!

Pantaleone Moisè 04.11.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno amici,
tutte le volte che mi metto in marcia con la mia macchina o con il camper (peggio) mi trovo subito a confronto con la lobby dei camionisti. E sono sempre problemi perchè da qualche anno ( e soprattutto da quando sono protetti al governo)il loro comportamento è sempre di più delinquenziale.
Non ho i dati ufficiali ma forse non ci rendiamo conto di quanti morti seminano i TIR sulle nostre strade per la condotta di guida di un numero rilevante di autisti che non rispettano le norme e viaggiano con i loro mezzi sovracarichi a velocità insostenibili ?
Vorrei solo ricordare i ragazzi buttati giù da un ponte della Voltri questa estate o l'ultimo incidente in cui un TIR ha distrutto un Autogrill solo qualche giorno fa.
Basta solo seguire un TIR in Auotstrada o su una Supersatrada per osservare che la velocità normale è superiore di almeno 10 Km alla velocità prevista dal Codice della Strada.
Basta percorrere la superstrada Livorno Civitavecchia per assistere all'invasione della corsia di sorpasso (magari mentre tu stai sorpassando) da parte di questi mezzi i cui autisti (data la velocità ed il peso) non riescono a tenere la normale corsia di destra.
Bene, io penso che questi signori siano da ritenere pericolosi perchè spesso le infrazioni che fanno le fanno per creare disturbo e per una specie di delirio di potenza.
La domanda finale è semplice: Perchè è così grave che in una rapina ci scappi il morto e non è così grave, ma quasi una fatalità, che per la guida dei camionisti ci scappino magari tre ragazzi morti che stavano andando in vacanza per i cavoli loro ?
Ma già il trasporto su gomma è un Business e il nostro attuale Governo lo deve agevolare, che importa se c'è qualche morto in più o in meno !

Sergio Zanardi 04.11.05 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
concordo sul fatto che le tariffe ferroviarie in Italia non sono adeguate al sevizio offerto, che lascia molto a desiderare.
Ma che in Inghilterra restituiscano il 50% del costo del biglietto, in caso di disservizio, non si tratta affatto di rispetto nei confronti dei viaggiatori bensì di una vera e propria presa per i fondelli ("Fessi e Contenti")!
Come potranno essere risarciti dai danni (ad es. arrivare tardi sul lavoro in modo cronico, perdere un esame, insorgenze precoci di stati d'ansia, ammaloramento coronarico, ecc...) inferti tranquillamente da chi stà in poltrona?
Anche da noi, se un IC o un ES* fa un certo ritardo è prevista una certa % di rimorso spesa del viaggio. Ma la salute non ha prezzo! La salute è la vera esternalità, presente e futura!
Invece di pensare al viaggiatore come ad un "oggetto produttivo" (un pollo!), dovrebbero capire che è sì una risorsa, ma umana!
Che senso hanno avuto, ad esempio, tutte le varie offerte tariffarie in vista del Ponte d'Ognissanti se poi centinaia di persone, munite di prenotazioni di posto e/o cuccetta, giunte alla stazione c.le di Milano anzicchè salire su un treno per il Sud si sono ritrovate su un autobus (Servizio "sostitutivo") a causa della soppressione di 508 carrozze e 20 convogli da disinfestare contro i "clandestini multizampe"?.
Lo sapevate che nelle nostre stazioni ferroviarie ci sono molti più dirigenti che semplici operai; che molte operazioni e segnalazioni non sono più soggette a controlli e ricontrolli umani, bensì a macchine, spesso non controllate da chi di dovere (...); che per tutte le varie opere di manutenzione ordinaria e straordinaria si ricorre all'appalto di ditte private (...); che si preferisce assumere in Ferrovia solo giovani "dinamici" (cioè "poveri ingenui") con contratti di apprendistato, in modo da avere minori oneri contributivi e poterli licenziare dopo brevi periodi?
E meno male che stavano "lavorando" per noi!

W l'Italia, l'Italia che si muove!

Pantaleone Moisè 03.11.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
non pensavo si potesse arrivare a tanto.
Sono un pendolare come tanti altri. Mi piace viaggiare in treno. Tutti i giorni vado da Torino a Cuneo e ritorno. Sono circa tre ore di viaggio in tutto, se i treni sono in orario, cosa che si verifica raramente.
Accendo la TV e cosa vedo? La nuova pubblicità di Trenitalia che mi dice che loro sanno che i treni sono sempre in ritardo e che stanno lavorando per evitare questo disagio!? accipicchia che scoperta.
Non hanno nessun rispetto.
la pubblicità giusta sarebbe: visto che, sebbene si sia nel 2005, non arriviamo mai in orario da domani riduciamo il prezzo dei biglietti dell'X% per scusarci con i nostri clienti.
La tariffa piena la faremo pagare quando saremo in grado di far viaggiare i nostri treni in orario.

Ciao. Alberto

PS sempre sulle ferrovie: in Inghilterra la società che gestisce i trasporti ha deciso di restituire il 50% del costo del biglietto a quanti non trovano posto a sedere a causa del sovraffollamento (il capotreno restituisce i soldi!). Questo vuol dire avere rispetto.

Vay Alberto 02.11.05 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe , e ciao a tutti .
Se sono arrivato a scrivere anche Io , che sono restio a fere queste cose , vuol dire che la faccenda e' veramente molto grave... . Allora , nelle varie incazzature su tutto cio' che ci circonda , ne focalizzo due:

1) la Telecom e' una vera associazione a delinquere , che fa della truffa agli utenti l'unica fonte dei propri ricavi (non guadagni , perche' nonostante questo , perde continuamente ....), e di questo ho le prove , di 500 bollette documentete di traffico e costi , mie e di miei conoscenti , 395 sono gonfiate di costi , servizi , maggiorazioni , ed altre cose (anche molto fantasiose) .Se questa non e' appropriazione indebita , (penale...).

2) allora , io posseggo 2 macchine ed una moto . Lo so' , sono un cretino , ma ho delle esigenze lavorative che mi impongono di avere questo parco veicoli . (le macchine sono a gpl) .
Ora , perche' devo pagare tre assicurazioni rca?
RCA vuol dire Responsabilita' Civile , ma se Io posso portare un solo veicolo alla volta , perche' ne devo pagare tre?
Questo quesito posto all'assicuratore ha avuto come risposta che l'assicurazione e' legata alla macchina , ma puo' avere una Responsabilita' Civile una macchina? Io voglio pagare una sola RCA , magari quella della cilindrata piu'alta , ma una . Ho scritto a tutti , nessuno mi ha ca..to .
Sono triste ....vabbe' , comunicazione importante:
un pc in ogni casa , sempre acceso , Skipe sempre connesso , TELECOM E' MORTAAAAAA !

I disoccupati di Telecom (ormai molto pochi) si occuperanno di gestire e far fruttare i beni espropriati alla mafia ( tra cui fra' un po' spero anche Mediaset), guadagneranno e produrranno sicuramente di piu'.

basta va , se no' ci prendo gusto .bacioni a tutte e saluti a tutti .ciao Beppe .e grazie.

stefano passerini 01.11.05 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho saputo che sulle "rotonde stradali" ha fatto delle battute ironiche, generalizzando...
Tuttavia, sono certo della tua buona fede ovvero, come ha osservato qualche esperto, sicuramente non ti sei bene informato sui loro veri effetti positivi (...) e sul fatto che anche in Italia esistono alcuni esempi di rotonde ben sistemate caso per caso (vedi il Post di Marco Pinna il 01.11.05 10:36, che è del settore).

Ad ogni modo, per me sei sempre una Potenza!

Ciao!

Pantaleone Moisè 01.11.05 14:29| 
 |
Rispondi al commento

salve sono un principiante di questo sito e voglio portare all'attenzione di tutti l' uso degli autovelox , da parte dei vigili urbani di alcune localita' , che usano l'autovelox in maniera vessatoria ed utile solo per rimpinguare le casse dei comuni . questa estate percorrevo la strada statale che passa sotto spoleto. Tengo a precisare che è una strada in discesa e abbastanza ampia , quando ho avvistato in pieno curvone una macchinetta autovelox ,ma il piu' bello è che c'era un vigile nascosto in mezzo i cespugli che controllava chi scendeva a una velocita maggiore di 50 km\h ,secondo il suo giudizio ,ed azionava la macchinetta a sua discrezione. ricordo che la strada è in discesa e che anche una topolino anni 50 li arriva a 80 km\h la cosa mi sembra alquanto vessatoria e assolutamente non preventiva per la circolazione stradale . quindi fate molto attenzione , non ci vuole molto a perdere la patente

antonio marucci 31.10.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Trenitalia..una carrozza contiene 6 scomparti,che contengono 6 posti numerati dal N°1 al 6 dal 11 al 16 ecc ecc..fin qui tutto bene!
Ma cosa succede se arriva una persona che ha il posto numero 7 o 8 oppure 17 o 18 ancora 27 o 28?
Succede che resta in piedi,dopo aver pagato il costo del biglietto più 1 euro di prenotazione obbligatoria.
Perchè quei numeri e di conseguenza i posti non esistono(figuriamoci se qualcuno ti fa sedere..incazzati come siamo... qualcuno ha detto "signora è stata sfortunata" ma non ha giocato al gratta e vinci !)
Questo è successo il giorno 21 ott. (credo che succede ancora su tutti i treni) sul treno ICplus partito da roma e diretto a reggio calabria.Il treno era strapieno..pensate quanta gente in piedi e quanti soldi per un servizio finto!Hai ragione tu Beppe nessuno farebbe causa per 1 euro...ma se tutti quelli rimasti in piedi avessero fatto causa, beh sarebbe stata una bella cosa. Però loro per 1 euro te lo mettono nel culo...Ora capisco la sigla ICplus "In Culo Plus" e costa solo 1 euro.

Saluti da massimo

massimo pagano 31.10.05 03:54| 
 |
Rispondi al commento

Trenitalia..una carrozza contiene 6 scomparti,che contengono 6 posti numerati dal N°1 al 6 dal 11 al 16 ecc ecc..fin qui tutto bene!
Ma cosa succede se arriva una persona che ha il posto numero 7 o 8 oppure 17 o 18 ancora 27 o 28?
Succede che resta in piedi,dopo aver pagato il costo del biglietto più 1 euro di prenotazione obbligatoria.
Perchè quei numeri e di conseguenza i posti non esistono(figuriamoci se qualcuno ti fa sedere..incazzati come siamo... qualcuno ha detto "signora è stata sfortunata" ma non ha giocato al gratta e vinci !)
Questo è successo il giorno 21 ott. (credo che succede ancora su tutti i treni) sul treno ICplus partito da roma e diretto a reggio calabria.Il treno era strapieno..pensate quanta gente in piedi e quanti soldi per un servizio finto!Hai ragione tu Beppe nessuno farebbe causa per 1 euro...ma se tutti quelli rimasti in piedi avessero fatto causa, beh sarebbe stata una bella cosa. Però loro per 1 euro te lo mettono nel culo...Ora capisco la sigla ICplus "In Culo Plus" e costa solo 1 euro.

Saluti da massimo

massimo pagano 31.10.05 03:47| 
 |
Rispondi al commento

Per: Enrico Gorini il 27.10.05 10:08

Uno dei tanti modi per distinguere le diverse rotatorie può essere, ad esempio, in base al numero dei bracci e all'anello. Attualmente si tende a realizzarle con un'unica corsia nei bracci confluenti e nell'anello, con larghezza per quest'ultimo maggiorata (doppia della larghezza degli accessi per le medio-grandi) affinchè si possa facilitare l'inserimento del flusso dai bracci.
Pur rimanendo in ambito urbano, va però distinto il caso di zone di passaggio fra la viabilità "a scorrimento" e "di quartiere" da queste ultime.
Nel primo caso si sono dimostrate idonee le rotatorie "compatte", il cui diametro esterno è compreso tra 22 e 35m, di modo che l'utente vari gradualmente la propria velocità e senza percepire un brusco cambiamento di sezione della carreggiata.
Nel secondo caso quelle con diametro esterno tra i 12 e i 24m (le "Minirotonde"), essendo solitamente la zona a spazio limitato, al fine di far ridurre la velocità dell'utente e altresì riducendo al minimo fenomeni di "stop and go".
Spesso, per imporre limitazioni di velocità in corrispondenza di intersezioni di piccole dimensioni, vengono costruite delle particolari pavimentazioni e dispositivi psicologici decisamente più efficaci dell'autovelox.

Saluti!


Pantaleone Moisè 28.10.05 19:07| 
 |
Rispondi al commento

Per: Enrico Gorini il 27.10.05 10:08


Uno dei tanti modi per distinguere le diverse rotatorie può essere, ad esempio, in base al dei bracci e dell'anello. Attualmente si tende a realizzarle con un'unica corsia nei bracci confluenti e nell'anello, con larghezza per quest'ultimo maggiorata (doppia della larghezza degli accessi per le medio-grandi) affinchè si possa facilitare l'inserimento del flusso dai bracci.
Pur rimanendo in ambito urbano, va però distinto il caso di zone di passaggio fra la viabilità "a scorrimento" e "di quartiere" da queste ultime.
Nel primo caso si sono dimostrate idonee le rotatorie "compatte", il cui diametro esterno è compreso tra 22 e 35m, di modo che l'utenti vari gradualmente la propria velocità e senza percepire un brusco cambiamento di sezione della carreggiata.
Nel secondo caso quelle con diametro esterno tra i 12 e i 24m (le "Minirotonde"), essendo solitamente la zona a spazio limitato, al fine di far ridurre la velocità dell'utente e altresì riducendo al minimo fenomeni di "stop and go".
Spesso, per imporre limitazioni di velocità in corrispondenza di intersezioni di piccole dimensioni, vengono costruite delle particolari pavimentazioni e dispositivi psicologici decisamente più efficaci dell'autovelox.

Saluti!

Pantaleone Moisè 28.10.05 19:01| 
 |
Rispondi al commento

INCREDIBILE : grazie alla segnaletica particolarmente precisa e esaustiva, sono riuscita a sbagliare direzione nel Metro di Genova. Due binari : una linea eppure.........
probabilmente sto invecchiando.
Provare per credere. Partite da S. Giorgio oppure dalla stazione marittima , decidete voi la direzione e poi cercate la segnaletica.

ciao a tutti
eleonora

eleonora de marchi 28.10.05 11:16| 
 |
Rispondi al commento

INCREDIBILE : grazie alla segnaletica particolarmente precisa e esaustiva, sono riuscita a sbagliare direzione nel Metro di Genova. Due binari : una linea eppure.........
probabilmente sto invecchiando.
Provare per credere. Partite da S. Giorgio oppure dalla stazione marittima , decidete voi la direzione e poi cercate la segnaletica.

ciao a tutti
eleonora

eleonora de marchi 28.10.05 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Le rotatorie nei centri urbani sono indubbiamente un mezzo di fluidificazione del traffico. La scelta di farle a due corsie è solo apparentemente intelligente. In realtà è una scelta errata. La corsia interna incoraggia il doppio cambio di corsia e il taglio della strada, determinando l'arresto di chi, in presenza di un'unica corsia, si sarebbe tranquillamente introdotto in rotatoria. Inoltre tutti convergono al centro, sacrificando il bene dell'ampiezza di diametro, che come noto è il principale fattore di fluidificazione. Chi è d'accordo?
Enrico Gorini - Rimini

Enrico Gorini 27.10.05 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
che la mobilità di molte città sia ferma lo dice il fatto che accanto ad una motorizzazione sempre più diffusa, spesso non si operata correttamente (o si è solo fatta ma poi è rimasta sulla carta) una pianificazione ed attuazione di riequilibrio della mobilità urbana.
Nel progettare le strade in ambito urbano, spesso si è rivelata utile la politica del "traffic calming", ovvero l'attuazione di tutta una serie di strategie mirate alla limitazione della velocità veicolare, con le conseguenze positive che ne derivano. I fautori di detta politica sono stati gli Olandesi, a partire dagli anni '60.
Il motivo di questo successo è che mentre si limita la velocità di transito veicolare (Le famose Zone 30) se ne limita contemporaneamente anche il loro volume (a velocità ridotte ma costanti, infatti, i veicoli hanno bisogno di spazi minori).

Conseguenze:

beneficio alla vivibilità degli utenti "deboli";

riduzione dell'inquinamento atmosf. e acustico;

meno incidenti veicolari e tra questi ed i pedoni;

maggiore possibilità di socializzazione;

riduzine della micro-criminalità;

aumento valore proprietà limitrofa;

riequilibrio della mobilità.

Ovviamente, il tutto a monte di adeguate ed attente analisi delle condizioni socio-economiche del territorio esaminato, la cui amministrazione dovrà saperle attuare, oltre che preporle, ad esempio, facendo tesoro delle tante precedenti esperienze similari in tale ambito attuati da quasi tutti gli altri Paesi membri della Comunità Europea.

Ciao!

Pantaleone Moisè 26.10.05 14:01| 
 |
Rispondi al commento

sono di genova e sabato mattina il dipendente Pericu mi ha mandato tre multe per eccesso di velocita' a casa,martedi mattina me ne e' arrivata un altra per divieto di sosta presa 4 mesi fa per un totale di 500 euro e sei punti.
le strade fanno schifo,non si riesce a camminare e in piu' abbiamo i vigili che ci danno la caccia ,perche' e' questo una vera e propria caccia aperta ai soldi,si nascondono ovunque ed e' diventato impossibile andare in giro...tutti a piedi !!!!domenica ero davanti al don orione ,hanno il coraggio anche di fare multe a persone che parcheggiano per poco tempo per trovare anziani e bambine malate,vergogna,ed e' una cosa che succede sempre e loro ci vanno a nozze,ma dove siamo finiti??

Massimiliano Guida 25.10.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

L’Associazione Pendolari di Piacenza desidera segnalare che il gruppo FS-Trenitalia sta mettendo in atto una strategia per incrementare pesantemente i profitti e garantirsi un regime di monopolio nei trasporti su rotaia a danno di decine di migliaia di viaggiatori.
Dal prossimo 11 dicembre 2005 Trenitalia intende inserire sulla tratta Milano-Bologna-Ancona (e forse anche su altre tratte) pesanti modifiche all’attuale orario ferroviario e all’organizzazione del servizio ferroviario.
In particolare il servizio di treni Interregionali (IR) verrà smantellato senza motivo a favore del più costoso servizio di treni Intercity (IC). Decine di migliaia di viaggiatori che oggi utilizzano il servizio IR dovranno utilizzare il servizio IC con aumenti del costo di viaggio che arriveranno al 95% del prezzo attuale (quasi un raddoppio), senza che tale aumento ricada sul tasso d’inflazione!
E’ stato invece dimostrato da alcune associazioni di pendolari che il costoso servizio IC, proposto da Trenitalia, potrebbe essere effettuato con treni IR senza alcun aggravio di costi per i viaggiatori.
L’operazione, partita in piena estate 2005, doveva concludersi secondo i piani delle ferrovie entro agosto, nel silenzio generale. Fortunatamente migliaia di viaggiatori hanno iniziato a protestare ritardando l’approvazione della proposta. Nonostante questo alcune Regioni, tra cui l’Emilia Romagna, che acquistano il servizio da Trenitalia pagandolo con soldi pubblici, a dispetto del parere negativo dato dagli utenti del servizio e da alcune associazioni di consumatori, intendono ugualmente firmare l’accordo che porterà solo forti profitti alle ferrovie e la garanzia del monopolio al gruppo FS Trenitalia.

Per fermare questo sciagurato piano di Trenitalia invitiamo tutti a diffondere questa notizia e a protestare. Maggiori informazioni e i dettagli della protesta sono disponibili sul sito Internet:
http://digilander.iol.it/pendolaripiacenza/index.htm

Franco Trespidi 23.10.05 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Ho acquistato una nuova vettura a metano. Consuma poco, inquina meno di quelle a gasolio o benzina, posso circolare anche nelle giornate in cui il traffico viene bloccato. A 68 anni scelgo di non essere insensibile ai problemi ambientali. Sono attento ad ogni notizia che circola sui media e che riguardi queste problematiche, e cosa scopro?
Che nessuno vuole parlare di questa fonte di energia per autotrazione. Non ne parlano i giornali specializzati, non se ne sente parlare nei telegiornali, ecc. Come dice Beppe Grillo, ci sarà un perchè, no?
Enrico

Enrico Finetti 23.10.05 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Invio copia lettera mandata al ministro Lunardi, alla Ras assicurazioni, polizia stradale, istat, e altri. solo ras assicurazioni mi ha gentimente risposto:
"La presente per segnalare un'incidente causato dai fari accesi in pieno sole sulla statale 24.
Non ho visto che l'auto in senso contrario al mio aveva la freccia accesa a sinistra.
Ormai il danno è grave e nazionale, a parte l'aumentato consumo di benzina e l'inevitabile aumento delle RC.
Chiedo almeno di automatizzare lo spegnimento dei fari quando le frecce sono in funzione di giorno, e celle fotovoltaiche per l'alimentazione gratuita delle luci.
Preciso che, alla constatazione amichevole dei danni, lievi, ho accettato la cifra di 100 euro dal proprietario dell'altra auto fuoristrada (con parti cromate luccicanti al sole in aggiunta dei fari)."

Cordialmente Attilio Gariglio

Attilio Gariglio 23.10.05 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Invio copia lettera mandata al ministro Lunardi, alla Ras assicurazioni, polizia stradale, istat, e altri. solo ras assicurazioni mi ha gentimente risposto:
"La presente per segnalare un'incidente causato dai fari accesi in pieno sole sulla statale 24.
Non ho visto che l'auto in senso contrario al mio aveva la freccia accesa a sinistra.
Ormai il danno è grave e nazionale, a parte l'aumentato consumo di benzina e l'inevitabile
aumento delle RC.
Chiedo almeno di automatizzare lo spegnimento dei fari quando le frecce sono in funzione di giorno: celle fotovoltaiche per l'alimentazione gratuita delle luci.
Preciso che, alla constatazione amichevole dei danni, lievi, ho accettato la cifra di 100 euro dal proprietario dell'altra auto fuoristrada (con parti cromate luccicanti al sole in aggiunta dei fari)."

Cordialmente Attilio Gariglio

Attilio Gariglio 23.10.05 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
sono di Treviso!
In questi giorni torna l'angoscia delle pm10, con articoli osceni che illustrano una pianura padana ormai satura di fumi nocivi. Mi chiedo quale civiltà che si ritiene evoluta, non sia in grado di prendere provvedimenti drastici per risolvere la questione.
L'AUTO E' SUPERATA!!!
Come lo è stato il cavallo.
C'è bisogno di 1passo.Dobbiamo bloccare definitivamente il traffico.OVNUQUE E PER SEMPRE!L'auto ci uccide prima con gli incidenti, poi con il fumo
BASTA AUTOMOBILI.
Solo mezzi collettivi (elettrici) quali tram, treni, ecc... xè nn è possibile?? Chi controlla questo?Xè nn c'è reale interesse a risolvere i problemi?? Stiamo vivendo 1 triste fase di declino prima di una misera autoestinzione x soffocamento!
E non stiamo facendo proprio nulla!!!! QUESTA E' LA REALTA'!
Il fatto è 1: X risolvere il problema inquinamento dovremmo bloccare produzione auto, dovremmo bloccare quindi l'estrazione di petrolio,dovremmo ingrandire la rete collettiva (tram ecc..) ma è troppo difficile!!
Tutto il mondo dovrebbe cambiare. Troppi interessi economici di 1 piccola elite come al solito sono + importanti dell'elite stessa (se soffochiamo, soffochiamo tutti cavolo!!)
INIZIAMO TUTTI A NON USARE PIU' L'AUTO. RIUNIAMOCI TUTTI! FACCIAMOLO ASSIEME E CON GRINTA. CHI SI PRENDE L'INCARICO? IO MI OFFRO VOLONTARIO!!! DOBBIAMO INIZIARE A DIRE BASTA. O QUI MORIAMO TUTTI

Luca Zanetti 23.10.05 02:29| 
 |
Rispondi al commento

Ferrovie : cronaca di una morte annunciata ?
Caro Beppe , potrebbe iniziare così la cronaca di un pendolare che da Ventimiglia si deve dirigere a Genova TUTTI i giorni ( come il sottoscritto ) . E' una vera VERGOGNA il servizio offerto con ritardi , pulizie effettuate ad ogni morte di Papa ( ma l'ultimo l'hanno saltato ) , guasti interminabili sulle linee così come sui materiali . non se ne può più . E' stato fatto un sito www.comitatotreno.it che cerca di riunire noi poveri pendolari per avere un minimo di voce in capitolo nelle proteste quotidiane che facciamo a Trenitalia . Risultati ? NULLI , non ci considerano , fanno promesse mai mantenute ma intanto aumentano i biglietti con manovre "subdole" e riducono i treni . NON CE LA FACCIO PIU' !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

luciano canepa 22.10.05 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e ciao a tutti,
sono nuovo del blog, quindi chiedo piètà per il mio uso non ancora fluido.
Vengo da Mestre una delle città più brutte d'Italia a detta di molti e sicuramente una delle più trafficate, ma io l'adoro e non la cambierei con nessun altra, a parte Parigi, dove sono in azione questi simpatici amici http://degonfle.blogg.org/ .
I francesi si che hanno le palle quadrate!!

Diego Bellato 22.10.05 20:33| 
 |
Rispondi al commento

sarà una goccia dell'oceano ma il vaso è talmente pieno che basta quella per farlo traboccare... avete presente quei camion che trasportano enormi messaggi pubblicitari in pieno centro di Roma, magari in orari di punta? Te, cittadino, cogli una leggera contradizione fra lo spettacolo di questi cartelloni doppiamente inquinanti per l'occhio e il naso che intasano un traffico impazzito circolando in tutta legalità e i discorsi dei nostri politici che ti invitano a usare i mezzi di trasporto pubblico, ti convincono della necessità delle targhe alterne e del blocco domenicale.Il massimo dello sgomento avviene durante le campagne elettorali con il volto di questi predicanti che girano per la città con un sorriso a cinquantasei denti ... e a te ti girano!

Anne Mensier 21.10.05 01:36| 
 |
Rispondi al commento

ottobre cadono le foglie e si alza il Pm 10 come tutti gli anni.
eppure le tecnologie ci sono per spostarsi senza morire di cancro ; ricordo che anni fa la AEM aveva installato una centrale elettrica a fuel-cells alimentata a metano in città siccome non fa rumore , ha limitate emissioni di CO2 , niente polveri e per concludere un buon rendimento giustamente non se ne sa più nulla .
eppure non ci vorrebbe molto a applicare questa tecnologia al trasporto su gomma e , magari alle automobili.

sergio santini 20.10.05 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere perchè nessuno in Italia ha parlato dell'ultimo aumento dei prezzi dei biglietti di alcune carriole...ehm...treni (ad essere ottimisti e un po' orbi) delle ferrovie dello stato?!?Come, non ne siete al corrente?!ovvio!!perchè trenitalia non ha detto:da Ottobre aumentano i prezzi dei biglietti (mica sono nati ieri),nooo! Ha pensato di giocarsela con "eleganza" girando la frittata e dicendo che, da Ottobre su tutti gli intercity plus (che sono gli stessi intercity di prima solo che il fatto che adesso li chiamano "plus" costa!) se si vuole salire c'è la prenotazione obbligatoria...del misero costo di 1 euro!e cosa volete mai che sia 1 euro in più quando potete trovare compreso nel prezzo non solo il posto assicurato (perchè alle 5 del mattino c'è una ressa di pendolari!!ma per favore!)ma anche cimici, toilettes sporche, porte non funzionanti ect ect...? Per non parlare del minimo di mezz'ora di ritardo gratuita col quale le FS ci permettono di godere in più i "conforts" del treno!!...Perchè lamentarsi?...Ironia a parte, non so voi, ma a me 2 euro in più tutti i giorni (andata e ritorno ovviamente) o quasi, pesano alla fine del mese!!! sono 40 Euro!! 40 euro per una cosa CHE NON HO CHIESTO!! Ora dico io: perchè gli Italiani devono SEMPRE pagare per cose che non hanno chiesto e che magari non vorrebbero? io fin'ora ho vissuto benissimo senza prenotazione e mi sono sempre seduta in treno!Perchè non posso essere libera di scegliere di prenotare o no il posto? E se io volessi stare in piedi tutto il viaggio perchè ho mal di schiena o perchè voglio fare jogging su e giù per le carrozze del treno? alle ferrovie che gli frega?...Ma no!loro sono buoni!loro ci pensano alla clientela!Tra un po' saremo anche costretti ad acquistare col biglietto un pasto come sugli aerei e a mangiarci la peperonata anche alle 5 del mattino!!...beh...in qualche modo dovevano pur finanziare quelle carrozze che hanno mandato al macero!...ma le avranno davvero mandate??...Mah!

NADIA BONINI 20.10.05 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei fare una semplice proposta:
invece di chiedere inutilmente alle assicurazioni auto di diminuirci il premio(tanto non lo fanno), chiediamogli di aumentarci i massimali a importo illimitato o 25 milioni di euro che forse saranno esagerati, ma c'è gente che gira con i massimali a 1 milione di euro e quando succede un incidente con invalidi permanenti vi assicuro che per le famiglie che vogliono assistere il loro caro come si deve e non lasciarlo in mano alla "malasanità" quella cifra non basta per nulla!!
Forse sarà una sciocchezza ma secondo me visti i migliaia di incidenti ogni anno molte famiglie sarebbero meno in difficoltà e forse qualche assicurazione un pò più povera!

Alessandro Vinera 18.10.05 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Volevo sapere cosa ne pensa Beppe Grillo del Segway, come mezzo di trasporto, in sostituzione delle macchine e di motorini ,per i piccoli spostamenti soprattutto nelle grandi metropoli?

Raffaele Ruffolo 17.10.05 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei tanto sapere se quando alcune categorie di lavoratori (giustamente) partecipano ad uno sciopero non perdono la giornata di lavoro, ma bensi' rimangono sul posto di lavoro pagati, e come sciopero intendono solo il fatto di mettere in difficolta i cittadini di serie ''B'' che devono subire l'eliminazione di treni aerei bus etc etc. Ma se questo fosse vero dove si trova la nobilta' dei padri fondatori dello sciopero, di chi ha sofferto per ottenere questo diritto.

michele gerbino 14.10.05 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Aumenti tariffe treni mascherate?


Salve, sono Umberto pendolare ferroviario della tratta " Aversa-Roma" e sono venuto a conoscenza del cambiamento delle norme per viaggiare sugli Intercity plus: Trenitalia, infatti, ha modificato il regolamento ed esattamente ha precisato che dal 12 ottobre 2005, le cose cambiano: i viaggiatori dovranno pagare la prenotazione del posto, mentre i pendolari, che come me ogni mese pagano l’abbonamento comprensivo di supplemento ic, non avranno la garanzia del posto a sedere, a meno che non paghino la prenotazione del posto: e non credo che rimangano, come oggi, i posti liberi da prenotazione dal n. 71 al n.86, visto che la normativa ha precisato che non avremo la garanzia del posto a sedere.
Già adesso i treni sono pieni all’inverosimile e dal 12 ottobre i pendolari che vanno a Roma per lavoro (ma credo in diverse parti d’Italia), e non certo per divertimento, dovranno sobbarcarsi i viaggi (200 km all’andata e 200 al ritorno) all’inpiedi od al massimo seduti nei corridoi?
Non è una mancanza di rispetto nei confronti del pendolare che è costretto, suo malgrado, a viaggiare per centinaia di km ed ha pagato regolarmente l’abbonamento? Non sarebbe più giusto lasciare un certo numero di posti liberi da prenotazione, come adesso, solo per gli abbonati pendolari?
Mi chiedo: ma non erano stati bloccati gli aumenti delle tariffe? A me sembra un modo per ovviare alla mancata concessione dell’aumento dei prezzi. Trenitalia può modificare i regolamenti, che prevedono un aumento dei prezzi, autonomamente?

Saluti a tutti

Umberto Guarino 14.10.05 11:35| 
 |
Rispondi al commento

PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA

a quanto pare la IMPREGILO (banca pop.milano,generali,ecc., proprio quella che sta realizzando la diga in islanda, ha vinto l'appalto per la realizzazione di questo ponte che la gran parte dei siciliani non vuole.
tanti si chiedono a che serve effettivamente questo ponte. quasi nessuno riesce a dare risposte.
il ponte non serve perchè frutta e ortaggi che viaggiano su gomma o rotaia dal ragusano verso messina, per esempio, impiegano una media di 5 ore (per 180 km).il conto delle ore si perde se si giunge da trapani o agrigento.
lo stesso vale per le merci che giungono da nord,dopo aver percorso quell'agonia di autostrada che è la SA-RC.
per attraversare lo stretto su traghetto oggi si impiegano circa 40 min. in tutto. se ci fosse concorrenza, si attraverserebbe in 20 min. ed anche meno.
il ponte serve ai populisti oggi di destra e forse domani di sinistra. ai populisti che, in quanto tali, hanno bisogno di realizzare grandi opere per dimostrare la propria magnificenza.
come quando in prima repubblica si realizzavano mega-ospedali che mai sarebbero entrati in funzione e che oggi sono chiusi.
in quasi tutte le isole del mondo i trasporti che si incentivano sono quelli aerei e navali, giusto per ridurre il trasporto su gomma interno.
non ci vuole tutto questo genio per capire che sono queste le soluzioni al problema.
il ponte non serve ai siciliani, al resto degli italiani, ma solo a questo governo, ai governi futuri, ai governanti dipendenti che in sicilia sono sempre gli stessi da troppo tempo.

orazio calabrese 13.10.05 10:21| 
 |
Rispondi al commento

permettiamo al 'terzo mondo'(ce ne fosse un terzo staremmo più larghi!) di insegnarci qualcosa!

Di ritorno da Bogota mi sono reso conto che di molti paesi , Colombia inclusa, noi qui non abbiamo alcuna percezione.Di Bogota avevo un'idea molto vaga. Ho scoperto invece con sorpresa che molta gente si sposta in bicicletta e che esistono chilometri e chilometri di piste ciclabili.
Ne sono rimasto estremamente impressionato. Specialmente perchè al mio ritorno a Milano non ho smesso di chiedermi perchè qui non ce ne siano, e quelle che ci sono, non siano assolutamente funzionali ma piuttosto da 'passeggio domenicale'.
Milano , città in cui vivo da quasi un anno, è una città delle macchine e soofocata dalle macchine. Ne i pedoni e tanto meno i 'bikers' sono contemplati nella mobilità cittadina. I marciapiedi sono ad uso parcheggio, mentre chi si ostina ad usare la bicicletta lo fa saltando da un marciapiede alla strada ,driblando gli ostacoli.
In che mondo viviamo allora 1°, 2° o terzo?
Caro Beppe, non so perchè ma queste cose mi fanno incazzare!

GIANNI PUCCI 11.10.05 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
Sono un cittadino dell'area Sempione e avvicinandosi un altro inverno….si ricomincia a parlare di blocchi delle auto. Posso dire una cosa ? Non se ne può più! Ma è possibile che non si VUOLE pensare a una soluzione alternativa se non quella di bloccare l'uso delle auto?(Tanto più che il bollo e l'assicurazione li pago anche per questi giorni!)
A me in 2 minuti ne sono venute in mente a iosa: controllo dei veicoli tipo bus, furgoni, camion che emettono degli scarichi allucinanti, degli scarichi aziendali, dell'uso del riscaldamento domestico, incentivi per sostituire le caldaie a gasolio, obbligo a produrre nuove auto solo a GPL o utilizzando fonti di energia alternative, etc. Ma poi è assurdo l'orario, i blocchi devono essere per fasce orarie (es. dalle 08 alle 12 e dalle 14 alle 18) e non continuati (dalle 08 alle 20) altrimenti ti bloccano si, ma in casa!
E perchè non fanno un blocco dalle 0.00 alle 5.00 (che risolverebbe anche la piaga degli incidenti stradali) tranne per chi ha esigenze lavorative? Sono convinto che queste e molte altre soluzioni sono già state viste e riviste ma, ovviamente, ci sarebbe qualcuno che andrebbe a "smenarci" (negozianti, locali notturni, aziende, etc) e allora, come sempre, a "PAGARE" siamo SEMPRE E SOLO noi che, per puro divertimento, continuiamo a pagare le tasse!
Caro Beppe, possibile che non si possa far nulla? Non so se potrai aiutarmi in qs cosa, ma cmq grazie per la possibilità che mi dai far sentire la mia voce e di sfogarmi!

Valerio Zaro 10.10.05 18:10| 
 |
Rispondi al commento

beppe sei un grande grazie

paolo rossi 10.10.05 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Ti scrivo da PADOVA, nel quadrante di padova est hanno costruito tutta una serie di centri commerciali di FAMOSE CATENE INTERNAZIONALI, il traffico era gia' elevato di suo, ma ora e' altamente difficile transitare per la zona in qualsiasi ora. Stanno programmando la costruzione di altri CENRTI COMMERCIALI, in altre zone di PADOVA, AIUTOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!
lord-dmd@libero.it

Davide dml 08.10.05 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Ti scrivo da PADOVA, nel quadrante di padova est hanno costruito tutta una serie di centri commerciali di FAMOSE CATENE INTERNAZIONALI, il traffico era gia' elevato di suo, ma ora e' altamente difficile transitare per la zona in qualsiasi ora. Stanno programmando la costruzione di altri CENRTI COMMERCIALI, in altre zone di PADOVA, AIUTOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!
lord-dmd@libero.it

Davide dml 08.10.05 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Da un paio d'anni ci hanno messo a disposizione le auto "Euro4" cosicchè, facendo leva sul nostro senso di colpa (aiutato anche dal divieto di circolazione in molte città per le "Euro3" e precedenti), ci sentiamo spinti ad indebitarci per cambiare la nostra auto di 5-6 anni con una nuova "non inquinante". Nell'immaginario collettivo questa evoluzione tecnica dovrebbe portare l'aria delle nostre città a livelli qualitativi mai rggiunti prima... Chissà perchè ho il fondato sospetto che entro un paio d'anni spunteranno le Euro5, seguite a ruota dalle Euro6 e così via, che dimostreranno l'assoluta inadeguatezza della nostra "Euro4" per le strade cittadine. Possibile che non sia possibile, tecnicamente, passare già oggi alle emissioni previste tra 10anni per le "Euro7"? Mi sento come Don Chisciotte, so benissimo che ai produttori di auto conviene questo rinnovamento periodico del parco auto. Un'altro aspetto grottesco è che le evoluzioni tecniche (come il common rail, l'iniezione diretta di benzina, ...) siano utilizzate, in un periodo in cui il petrolio ed i suoi derivati sacarseggiano, per dare più potenza a parità di consumo anzichè meno consumi a parità di potenza!A cosa servono 200Hp per il tragitto casa-scuola-lavoro?

Marco Pinna 07.10.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
mi trovo in Germania in missione da 1 mese e penso con angoscia al mio rientro a Roma che avverra´tra breve...possibile che solo da noi non si sia capito che il benessere di un paese e´proporzionale ai suoi collegamenti viari e ferroviari cosí come una buona circolazione é sinonimo di un organismo sano? Mi trovo a 35 Km dalla periferia di Monaco e ogni giorno percorro questa distanza in meno di mezz´ora, tranquillamente, senza traffico, e soprattutto senza pedaggi autostradali! A Roma abito a 30 Km dal posto di lavoro (periferia) e un´ora non mi basta...potrei abbreviare con l´autostrada ma sarebbero 4 euro al giorno + la fila al casello (il telepass é otturato dalla coda per il pagamento contante). Ci si lamenta dei costi degli alloggi nelle metropoli, ma se si desse la possibilitá di usare le autostrade eliminando il pedaggio si svilupperebbe un decentramento che sarebbe sicuramente salutare.
Mi domando: ma c´era proprio bisogno di vendere le autostrade alla famiglia B. (nota per i tessuti), visto che con i decenni di pedaggi ce le siamo giá ampiamente ripagate? Mi duole soprattutto che questa vendita sia avvenuta sotto l´egida di un governo di centrosinistra...

Giampiero F. 07.10.05 12:16| 
 |
Rispondi al commento

la circolazione è un utopia; soprattutto per chi vive a Roma . Il grande raccordo anulare .. è una beffa . oramai per fare 10 km sul GRA ci si mette un ora!!!! le radio non fanno altro che ripetere di portare pazienza .... o qualke volta di lasciar perder e cambiare strada .
COSì NON VA!!!!
COSì SI PUò FARE PER SENSIBILIZZARE GLI AUTOMOBILISTI A CAMBIARE QUESTO STATUS DI TARTARUGA???? NESSUNO PROTESTA E NESSUNO A VOGLIA DI PROTESTARE O KE TU PROTESTI. PERKè LA GENTE è RASSEGNATA ?????
TI PREGO SENSIBILIZZA TU LA GENTE VISTO CHE HAI PIù PESO!!!! CERCA DI ESSERE VISIBILE ANCHE PER RADIO. IN UNA CITTà COME ROMA IL VENERDI POMERIGGIO PER FARE 10 KM CI SI METTONO ANCHE 3 ORE!!!!!!!!
BASTA !!!!!!!!
BLOKKIAMOLO DAVERO STO RACCORDO!! ALTRO CHE I TIR LUMACA.

GRAZIE PER LO SFOGO .. SPERO DI AVER RISPOSTA
SALUTI
CIAO
DUILIO

duilio polidori 07.10.05 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Sono un socio ACI e nel numero di ottobre della rivista "Automobile club" compare un articolo "Caro benzina-GUIDA AL RISPARMIO", nel quale ci suggeriscono alcuni accorgimenti per risparmiare carburante nell'uso dell'automobile. Mi va bene, accetto i consigli sicuramente importanti e cercherò di metterli in pratica.
Le voglio però fare una domanda: obbligare gli automobilisti all'uso dei fari anabbaglianti anche di giorno quali benefici e/o vantaggi ha portato? Da un punto di vista della sicurezza sulle strade, credo pochissimi e scarsamente verificabili, per lo Stato italiano e per i petrolieri credo moltissimi e sicuramente verificabili, in quanto i consumi aumentano (pare del 4% circa) ed il 20% di IVA su questo surplus non mi pare sia poco. Se vuol fare i conti...
Lei cosa ne pensa?
Cordialmente
Giuseppe Rigamonti

Giuseppe Rigamonti 06.10.05 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Valle di Susa, provincia di Torino.
In breve.
Continua da oltre 10 anni la resistenza della quasi totalità della popolazione valsusina atta ad impedire la realizzazione della sciagurata linea ad alta velocità ferroviaria che darebbe il colpo di grazia ad una valle già sventrata da due statali, un'autostrada ed una ferrovia.
La partecipazione della gente è aumentata negli anni fino a coinvolgere quasi 30.000 persone in una marcia di protesta nel mese di giugno 2005.
Dobbiamo resistere contro la quasi totalità delle forze politiche, degli industriali,dell'informazione filtrata e forse altro....
Queste poche righe vogliono solo richiamare la vostra attenzione su di una situazione difficilissima peraltro oscurata per anni da giornali e televisioni che hanno incominciato ad occuparsene da poco con servizi assai discutibili, a livello locale, e di rimando una pessima propaganda a favore di un'opera inutile, costosissima, con gravi rischi per la nostra salute e dei torinesi (leggasi amianto), oltre che la distruzione della nostra valle ridotta ad un corridoio di transito industriale.
Domani 6 ottobre ci schiereremo con le amministrazioni della valle per difendere un terreno oggetto di possibili carotaggi che in realtà nascondono la possibilità di dimostrare all'Unione Europea che stanno iniziando i lavori.
Ma tutto questo non vi sarà detto da giornali e televisioni.
Grazie per l'attenzione.
Consultate www.notavalmese.org e gli altri siti NO TAV.

Marco Alliano
Comitato NO TAV ALMESE

marco alliano 05.10.05 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco la polemica sui Suv.
Se non parcheggi dove non devi (posteggi per disabili, marciapiedi, passi carrai...), puoi anche guidare un carroarmato per quanto mi concerne. Personalmente ho adottato la tecnica che se trovo un veicolo privo di cartellino per disabili posteggiato in un parcheggio riservato o che blocca il marciapiede, gli chiudo dentro l'auto fino a che non ho finito il mio giro di shopping. Che provi a chiamare il carro-attrezzi per vedere se danno la multa alla povera disabile con gli occhioni da cerbiatta o a lui! Quando invece non posso chiudere l'auto perchè altrimenti ostruirei il passaggio, lascio uno dei miei post-it formato A4 sul parabrezza: "Ti sei preso il mio parcheggio, quindi fammi il favore di prenderti anche il mio handicap". Magari un giorno mi beccherà sul fatto qualche bestione con la fobia del disabile e mi spezzerà le gambine... ma chissene, tanto non hanno mai funzionato.

Angela Gambirasio 05.10.05 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Su ogni argomento si può discutere all'infinito e non approdare a nulla. L'errore in cui si cade molto spesso e che porta ai conflitti è la generalizzazione. Non credo che criminalizzando questa o quella categoria si arrivi da qualche parte. Occorre il senso civico e buon senso in generale, in altre parole ogni volta che compiamo una qualsiasi azione chiediamoci se a noi farebbe piacere essere i destinatari di quella azione. Credo fermamente che tutto ciò che accade, sosta selvaggia, deiezioni canine selvagge, transiti selvaggi, ecc...., siano solo una conseguenza dell'anonimato che si respira nelle città e di riflesso del senso d'impunità che ne deriva. E' un fatto che nelle piccole comunità il fenomeno è meno marcato per non dire assente. Allora visto che da qualche parte si deve incominciare, prendiamo ad esempio quelle realtà dove si vive decorosamente e importiamo ciò che è possibile utilizzare. Sopratutto diamo un bell'esempio a tutti coloro che invadendo la nostra area di libertà pensando di essere più furbi, non lasciamoci intimidire dai comportamenti sbagliati e sopratutto abbandoniamo la tentazione di emularli per rassegnata comodità. Abbiamo dei magnifici telefonini che fanno di tutto, bene incominciamo con il fotografare tutte le cose al di fuori delle regole e poi facciamone una bella raccolta e poi.... Un saluto da un cittadino che non si rassegna.

umberto mingolla 05.10.05 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Sono d'accordo solo in parte. Non per vantarmi, ma essendo del settore potrei condividere la tua affermazione solo riguardo all'infrastruttura strada. Chi si occupa di Urbanistica può confermarlo.
Di solito, infatti, accade che nel realizzare una strada come variante al traffico veicolare del centro cittadino, la stessa porta (in un periodo più o meno lungo) nuove appetibilità edilizie nella zona (residenziali, commerciali, sportive,culturali, ecc...), causando una nuova congestione veicolare e con tutte le conseguenze molto note, come inquinamento atm. e acustico, code, ecc...
Quanto alla costruzione di autoparcheggi, invece, se a monte della stessa vi è stata una serie di approfondite concertazioni tra gli "attori in gioco" (Enti pubblici e privati, aziende di trasporto e commerciali, ecc...), si avrebbero dei grossi benefici in generale. Come? Attivando per esempio una politica tariffaria, ovvero con un unico bigllietto si può disporre comodamente dell'autoparcheggio custodito e la possibilità di proseguimento dello spostamento "con navetta" in qualsiasi punto della città. Esempi del genere nè esistono abbastanza, note e meno note(Taormina, Catanzaro, ecc...). In ogni caso sono mirate essenzialmente a migliorare l'efficienza dei collegamenti interni cittadini, tutelando il patrimonio artistico, architettonico, culturare paesaggistico, ecc. di una data realtà urbana ma soprattutto garanteno una dignitosa vivibilità delle persone.
Ciao!

Pantaleone Moisè 04.10.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Finalmente mi e' arrivato qui a Londra il tuo dvd! Spettacolo eccezionale. Davvero complimenti.
Ma una data a Londra quando te la vieni a fare? Sono sicuro che con tutti gli italiani che trovi qua, farai un tutto esaurito. Poi questa e' la citta con le rotatorie piu' complicate al mondo quindi una visita in loco e' caldamente consigliata. Ti consiglio di dare un occhiata a quella dietro la stazione della metro di Hatton Cross (nei pressi di Heathrow)!!!
Cordiali saluti.
Arturo

Arturo Busca 02.10.05 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina a mio fratello che gestisce una pompa di benzina lo hanno informato che deve aumentare il prezzo della benzina...udite udite...di circa 29 centesimi, e nessuno ne stampa ne radio o televisione ne hanno fatto menzione. Possibile che nessuno ne sapesse nulla?
29 centesimi è circa 6 volte tanto un normale aumento!

Patrizia Petrini 01.10.05 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Nel settembre 2002 ho comprato una Seat Ibiza 1.9 TDI. Finora non ho avuto problemi di motore, ma gli alzavetri elettrici sono fatti di carta velina e si rompono con una frequenza disarmante… Nel 2003, in occasione del primo tagliando, l’alzavetro elettrico destro si rompe e il vetro scivola dentro il pannello… Ma il titolare del concessionario si premura di informarmi che viene sostituito gratuitamente (la macchina aveva 7 mesi), non tanto perchè la macchina sia nel periodo coperto da garanzia, quanto perchè questo è un difetto riconosciuto da Seat stessa e che è presente su moltissimi modelli immatricolati quell’anno. Di questo problema parlano migliaia di post su vari siti web europei. Fino qui niente di strano… Pochi giorni prima di partire per le vacanze di quest’anno si è rotto l’alzavetro SINISTRO, dal lato guida. Stesso difetto del precedente… Mi rivolgo ad un concessionario DIVERSO, il quale CONFERMA il difetto (chiedendomi proprio:”ma è per caso del 2003? Ah già, quelle di quell’anno hanno questo problema…..”), ma mi fa una riparazione temporanea (bloccano il vetro) dicendomi che per l’arrivo del pezzo servono MESI. Al ritorno dalle ferie scrivo una bella mail al servizio clienti SEAT, raccontando l’accaduto, ma senza ricevere risposta… DOPO UN MESE, dietro sollecitazione, hanno risposto che “Casa Madre Seat non ha MAI riconosciuto questo difetto come vizio di fabbricazione e quindi la sostituzione del pezzo va fatta a pagamento, poichè il termine di garanzia è decorso". Chiamo il servizio clienti e dopo aver rispiegato e DOCUMENTATO la situazione, mi sento rispondere: “beh sa, se lei è un buon cliente, ha fatto tutti i tagliandi da noi, magari il concessionario le viene incontro.. ci faccia due chiacchiere..." Si può a questo punto ipotizzare un vizio di produzione, conosciuto al costruttore quando l’auto e’ stata immessa sul mercato e da questi volutamente ignorato. Legalmente si tratterebbe di truffa.. BASTA SEAT! E confermo: LA RUOTA E' UN PACCO...

Max Mondiani 29.09.05 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
una curiosità: sulla A1, su uno dei display a messaggio variabile, si leggeva " Da oggi Telepass family anche con Unicredit Banca". Mi è sorto un dubbio: informazione di servizio (usa il telepass, da ora è possibile anche con la suddetta banca)o semplicemente pubblicità...? Lascio a voi il giudizio sull'opportunità del mezzo e del luogo.

fabrizio moscariello 27.09.05 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Percorro giornalmente il tratto che collega Mestre a Venezia in bicicletta. La pista ciclabile è interrotta nel pezzo più pericoloso in località San Giuliano dove si deve fare attenzione ad auto e camion ad altissima velocità. Inoltre la pista ciclabile che percorre il famoso ponte della libertà è piena di detriti derivanti dai numerosi incidenti e dalle imprese di ricostruzione. Preferiscono fare dei mucchi al centro della pista piuttosto che portarli in discariche autorizzate. A chi mi devo rivolgere? Al Comune, alla provincia? ringrazio per l'attenzione.
Grazie!
Beppe sei grande!
saluti
Vlady Semenzato
Venezia

Vlady Semenzato 27.09.05 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Percorro giornalmente il tratto che collega Mestre a Venezia in bicicletta. La pista ciclabile è interrotta nel pezzo più pericoloso in località San Giuliano dove si deve fare attenzione ad auto e camion ad altissima velocità. Inoltre la pista ciclabile che percorre il famoso ponte della libertà è piena di detriti derivanti dai numerosi incidenti e dalle imprese di ricostruzione. Preferiscono fare dei mucchi al centro della pista piuttosto che portarli in discariche autorizzate. A chi mi devo rivolgere? Al Comune, alla provincia? ringrazio per l'attenzione.
Grazie!
Beppe sei grande!
saluti
Vlady Semenzato
Venezia

Vlady Semenzato 27.09.05 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.
Volevo chiedere un parere al sign Beppe riguardo
alla legge 168/05 riguardo la confisca dei motoveicoli.
Secondo il mio parere non e' del tutto accettabile.
Perche' non e'ammissibile se beccano un motociclista con una mano alzata gli viene confiscato il mezzo. Oppure se uno va fare la spesa per la famiglia, che di questi tempi e' sempre piu'difficile trovare un parcheggio, invece una bella muta si. Ultima cosa il passeggero : Gli scooter 50 di oggi sono forse di piu' sicuri delle vecchie moto ho vespe che qualche ministro a usato nei tempi sui quando andava al mare con la ragazza. L'unica cosa giusta della legge e' il casco

marino tonarelli 26.09.05 16:00| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori