Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Nuovi mondi, nuove parole

  • 440


altro

Cultura: il furto delle parole.
Le parole devono far paura.
Ci sono mondi dietro le parole, ci sono cose.
Se ci cambiano le parole, ci cambiano il mondo. Ci cambiano la vita

28 Gen 2005, 17:39 | Scrivi | Commenti (440) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 440


Commenti

 

Ciao Beppe.
Un abbraccio Giorgio

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 26.09.15 13:55| 
 |
Rispondi al commento

IMPRENDITORIA ITALIANA MALATA
la storia si ripete ...
la grande azienda Esprinet di distribuzione prodotti IT e consumer anche conosciuta come Monclick (quotata in borsa con i soldi dei suoi clienti) acquista la piccola Actebis e 30 onesti lavoratori sono a rischio licenziamento e altri 50 incerti. Da due mesi molti dipendenti ex Actebis subiscono azioni vessatorie da parte di Esprinet al fine di ottenere le dimissioni spontanee. Molti i casi di mobbing e di demansionamento ma adesso è ora di reagire.
Il giorno 26 febbraio scioperiamo (ore 16.00 piazza San Babila a Milano).
per chi vuole maggiori informazioni :
http://lavoratoriactebis.blogspot.com

davide zappaterra 21.02.07 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Aridatece li sordi nostri !!! domattina andiamo tutti nelle nostre banche e facciamoci restituire tutti i nostri soldi !!! sarebbe bello vedere cosa accadrebbe !! Penso già al buon direttore di filiale che ci rincorre per convincerci a "tenere i soldi in banca" . " MEGLIO NEL BUON VECCHIO MATERASSO " gli risponderei !!
Sarebbe ora che ci riappropriamo del diritto di fare ciò che vogliamo con i nostri sudati risparmi ! ARIDATECE LI NOSTRI SOLDIIIIII !!!!

luciano de martino 07.02.07 07:51| 
 |
Rispondi al commento

Il propietario di un cavallo costoissimo si accorge che lo stesso è sempre sdraiato e non si muove pertanto decide di chiamare il veterinario.
Questi visto il cavallo perla con il propietario e gli dice di provare dei farmaci x 3 giorni dopo di chè se non guarisce devono abbatterlo! Li vicino c'è un maiale che ascolta tutto e appena solo dice al cavallo" alzati altrimenti ti abbattono" ma questi continua a dormire. Il secondo giorno altre medicine ma nulla cambia ed il maiale sollecita ancora il cavallo . Terzo giorno torna il veterinario e sommistra le medicine dicendo al propietario che se entro 2 ore non si sarebbe alzato lo avrebbero abbattuto. Il maiale disperato sollecita il cavallo " Guarda che se non ti alzi tra due ore ti abbattono, forza amico alzati!!" A questo punto il cavallo si alza e corre per i prati a tutta velocità. Il padrone urla di gioia Miracolo, miracolo dobbiamo festeggiare e chiama il fattore. Questa sera faremo una grande festa pertanto uccidi il maiale per la festa!!"
MORALE: nella vita impara a farti i c...i tuoi!!!

Maurizio Monticelli 15.01.07 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Mi rivolgo allo staff del blog di Beppe Grillo che SPERO SOTTOPONGA A BEPPE la mia proposta di fare degli incontri per le Università.Mi chiamo Andrea e frequento la Facoltà di Scienze Politiche di Padova.Sono accanito sostenitore delle proposte che Beppe sottopone attraverso il blog e ritengo che una corretta informazione fra i giovani debba iniziare a svilupparsi.

Per questo proprio in questi giorni pensavo all’opportunità di contribuire a diffondere una corretta informazione,organizzare un dibattito all’Università,con TE presente (beppe) e presenti anche alcuni professori della Facoltà di Scienze Politiche e di altre Facoltà [...] VORREI CHE VENISSE FATTA SERIA INFORMAZIONE A ME COME AI MIEI COLLEGHI STUDENTI.Sarebbe un incontro dove la democrazia scenderebbe non in piazza, MA NELLE UNIVERSITA’.Un incontro che VARREBBE PIU’ DI CENTO LEZIONI un incontro dove non ci si annoierebbe, dove le idee verrebbero espresse, dove si vedrebbe cosa non va e tanti aprirebbero gli occhi (non solo gli studenti).

Ti chiedo Beppe se fossi interessato a venire a parlare, venire a fare un minimo di giusta informazione presso la Facoltà di Scienze Politiche della mia città, che è Padova. So che a Padova già sei passato con il tour ma una tua lezione presentata in ambito universitario credo sia un’altra cosa.Se sei d’accordo mi piacerebbe poterti aiutare per realizzare questa visita! Potrei, rivolgermi al Preside di facoltà, parlare con dei professori che non credo rimangano indifferenti all’evento di Beppe Grillo all’Università. Certo è che devo sapere se sei interessato e se sei disposto a venire a Padova. SE MI DICI OK, chiedo al Preside se possibile organizzare tale evento.

Sarebbe una grande occasione Beppe!!Le Facoltà di Scienze Politiche invece di spiegare solo fredde procedure potrebbero sensibilizzarsi maggiormente ai veri problemi di un Paese che chiede di essere meno ignorante.

Ora sentiamo se il blog é favorevole. Le primarie dei cittadini le ho capite..:))ciao!

Andrea Andrea 04.01.07 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe sono Vittorio Giannelli un ragazzo di 29 anni di Roma, sono un musicista e per la gente e lo stato sono un nullafacente cronico, so che la mia classe di lavoro fondamentalmente non ha molta importanza, ma io da quando ho 15 anni studio 8 ore al giorno e oggi ne lavoro 12!!! piu 3 di studio costante. Ringrazio Dio che posso vivere di musica ma quando sarò vecchio come vivrò?, quando parlo con le persone mi sento ancora dire.. " ma oltre la chitarra che fai nella vita?" vedi Beppe a me non interessa il successo i soldi i miliardi, non mi importa nulla, il mio sogno è di avere una donna d'amare a cui dare i miei occhi, sdraiarmi la sera e svegliarmi la mattina e sapere di avere accanto le speranze ed i sogni di uno sguardo da difendere ed avere un lavoro in cui posso dare amore. Ho lottato tanto per vivere di musica , contro i miei genitori contro i produttori, contro qull'ignoranza saccente che si eleva al di sopra dell'arte. Ogni mattina ringrazio Dio o chi per lui perche posso trasformare le mie modeste emozioni in note, poi mi guardo intorno.....e vedo l'invidia e la noia..di quelle persone che hanno tutto. Io Beppe lavoro in centro e ogni giorno che esco dalla metro vedo bambini belli come il cielo su di una sedia a rotelle.. e penso ma come facciamo a lamentarci a chiedere di piu? come facciamo a non apprezzare il cielo il sole..c'è chi non puo vederlo nemmeno, nel mio mondo della musica tradire è all'ordine del giorno, sia sotto il profilo lavorativo che sentimentale, ma le sensazioni delle note non insegnano questo. Forse la mia è solo " UTOPIA ARTISTICA" MA LOTTERO' FINO ALLA FINE PER AVERE L'AMORE IN OGNI MOMENTO DEI GIORNI CHE VIVRO'. Ciao Beppe auguri di un buon natale

vittorio giannelli Commentatore certificato 27.12.06 02:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, nei suoi magnifici monologhi non ha mai accennato ai diritti di tutti noi ad essere tutelati nei confronti del Governo. Non mi riferisco alle porcherie che giornalmente fanno, ma all'episodio capitato nel 1996 relativo al "lotto71". Se non si ricorda,la aiuto, è il fatto che centinaia di cittadini sono stati "truffati" con il gioco del famoso "Gratta e vinci" che in quell'anno hanno concentrato le vincite nella provincia di Bergamo.
Malgrado le assicurazioni del ministro Fantozzi, e poco dopo del ministro Visco,(erano i giorni di elezioni),che i nostri diritti sarebbero stati rispettati ad oggi non abbiamo avuto nessuna comunicazione.E'vero che i tribunali di Milano, Bergamo, Cremona,e addirittura Palermo ci abbiano dato ragione con sentenze di 1° e 2° grado ma il tribunale di Brescia ha fatto sempre ricorso alle sentenze a noi positive: Brescia è la sede dell'avvocatura di stato di competenza.Ad oggi stiamo aspettando la sentenza della Corte di Cassazione sulla vicenda, ma per tutti i cittadini che hanno sborsato soldi agli avvocati, per tutelarsi in questi 10 anni,ormai la sentenza non ci preoccupa più di tanto, la conferma è una sola: SE TU DEVI ALLO STATO 5 CENT. TI FANNO UN C...O COSI'E TI TARTASSANO SINO AL RAGGIUNGIMENTO DELLO SCOPO; SE LO STATO TI DEVE QUALCHE COSA CHE HAI PAGATO E CHE E' TUO DIRITTO AVERE, BE ALLORA LA COSA CAMBIA. Certo noi gli avvocati li dobbiamo pagare,lo stato usa l'avvocatura di stato contro di noi. Ma porca putt....a l'avvocatura di stato non la paghiamo ancora noi? Mi scusi per il mio sfogo confuso e incasinato ma sarebbe ora che le risorse della magistratura dello stato siano utilizzate per incriminare quei politici che lo meritano e non rompano i c........i ai cittadini che nulla chiedono se non essere presi per il c...o. Sempre disponibile per ulteriori chiarimenti la saluto cordialmente,
Il presidente del lotto 71

giorgio moressa 27.12.06 00:29| 
 |
Rispondi al commento

Ero vestita in maniera estremamente sobria e non gli ho dato assolutamente ad intendere che pensassi di prostituirmi in cambio di un lavoro,o di un aiuto,(gli avevo chiesto di eseguire una ricarica sul mio cellulare).Dopo un bel po’ di questa tortura,(io spingevo il mio braccio e il collo all’indietro e pregavo piangendo “NO”), mi ha lasciato libera,ma,guarda un pò,le sue promesse di aiuto sono svanite.Ieri l’ho chiamato sul cellulare ed egli ha finto di non sentire ed ha tolto la comunicazione.Conosco questa persona da oltre 10anni ed ebbi con lui una breve relazione sentimentale,conclusasi dopo un paio di mesi di scarsa frequentazione.Questo(poco)signore è assessore presso il Comune di Ascoli Piceno.Le sue esatte parole sono state:“Su di me puoi contare.”.Inutile comunicarti il mio stato d’animo.Vorrei morire adesso.Subito.

Elisabetta Lelli 22.11.06 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Vivo a Spinetoli,in provincia di AP.Durante la mia vita ho potuto svolgere soltanto lavori saltuari ed estemporanei,poiché soffro da tempo immemore di DAP,(attacchi di panico).Nel 2001 ero in procinto di specializzarmi in teatroterapia,ma ho dovuto abbandonare tutto perché mia madre si è ammalata di Morbo di Alzheimer e abbisognava di presenza e cure costanti.Mamma è morta lo scorso Settembre,di cancro.Sono stata al suo fianco,con il mio umanissimo amore di figlia,fino alla sua fine.Aveva 68anni.
Mio padre è pensionato ed ha 85anni.Svolgo il lavoro di casalinga full time,ovviamente senza percepire alcun guadagno.Inoltre,con la morte di mamma,al DAP si è aggiunta una feroce sindrome depressiva, che mi spezza l’anima e mi impedisce di svolgere anche le più elementari attività e mi ha tagliato fuori dai rapporti sociali normali,(la gente che soffre viene generalmente allontanata).
Sono priva di reddito.Non ho neanche un’automobile.Ho circa 20000euro di debiti che non so COME estinguere.Ho 44 anni e non riesco a trovare un lavoro che possa conciliarsi con le mie possibilità logistiche e non.Sono costretta ad elemosinare persino le ricariche sul cellulare.Ma il lato triste e squallido è la sporca solerzia che ho riscontrato finora in taluni soggetti,i quali, promettendomi aiuto,non hanno mancato di saltarmi addosso.
L’ultimo di questi cosiddetti“uomini”,dopo avermi fissato un appuntamento e ricevuto nel proprio ufficio,(gli ho esposto TUTTI i miei problemi),ha parcheggiato la sua auto sulla piazzola di sosta della superstrada,si è slacciato i pantaloni,ha tirato fuori il suo pene, poi, spingendomi e tenendomi con forza bruta,ha costretto la mia mano a posarsi sul proprio sesso.Non soddisfatto mi spingeva da dietro la schiena affinché potessi praticargli una fellatio.Inutili i miei dinieghi e le mie lacrime,(non sarei neanche potuta scendere dall’auto,essendo in superstrada).Ero vestita in maniera estremamente sobria e non gli ho dato assolutamente ad intendere che p

Elisabetta Lelli 22.11.06 11:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2 argomenti che non vengono mai trattati.
1) l'IVA in italia la pagano solo gli operai.
2)si parla di tagli alle spese. ma possibile non si tratti mai l'argomento di quelle migliaia di deputati che con 5 anni di legislatura si portano a casa 2000 euro al mese di pensione(?)
quando a me dopo 40 anni, daranno si e no 700 euro?

pierluigi pinna 25.09.06 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
volevo proporre una nuova voce di discussione da inserire nel blog : Giustizia (con la g maiuscola o minuscola? Per coma la vedo io in questo momento, con la minuscola, molto minuscola).
Ne posso raccontare delle belle, ma aspetto un cenno di assenso da parte del proprietario del blog.

Francesco Notarstefano 28.02.06 21:51| 
 |
Rispondi al commento


CARI NAVIGATORI E COMUNI ESTIMAToRI DEL MERAVIGLIOSO GRILLO E DEL VIVER CIVILE, INSERISCO UN MIO RECENTE ARTIC0LETTO (18 FEBBRAIO) PASSATO SOTTO SILENZIO BENCHE' PUBBLICATO SU UN GIORNALE IMPORTANTE E DIFFUSO. COME L'UNITA'. MI FAREBBE PIACERE AVERE UN VOSTRO COMMENTO E...SCRIVERE TUTTI INSIEME UNA LETTERA AI VERTICI RAI.
CIAO e grazie per la vostra attenzione
Umberto

articolo unita
PER LA FAME NEL MONDO PORTE CHIUSE DA VESPA «NON FAREBBE AUDIENCE» DICE LUI
di Umberto Rondi

Roma, complesso del Vittoriano, è appena finita una conferenza stampa sulla mostra Solidarietà e sviluppo. Ci sono i pezzi grossi della Cooperazione italiana e Alfredo Luigi Mantica (An), sottosegretario al ministero degli Affari esteri. Sorpresa: non è possibile fare alcuna domanda agli intervenuti. Va beh (anzi, va male). Moderatore dell'incontro benché, curiosamente, nel suo Porta a Porta non si parli mai di questi problemi, è Bruno Vespa. Gli chiediamo perché non si occupa mai di problemi giganteschi, importanti, come quelli della fame nel mondo, della povertà? La risposta è immediata: «Perché non farebbe audience». A parte che non è detto, Vespa, lei lavora nel servizio pubblico, non crede che la Rai abbia anche il dovere di parlare di argomenti del genere? «Cosa le devo dire? Se ricevo una lettera dai vertici Rai che mi autorizza a fare puntate perdendo audience, mi occuperò anche di fame del mondo». Al di là di ogni altra considerazione, il 27 gennaio scorso, il direttore generale della Rai, Meocci, aveva detto di avere in mente l'apertura di un nuova sede in Africa: «L'apertura di questa sede deve essere il segno concreto di una nuova attenzione della Rai al continente africano, alla lotta alla povertà e fame nel mondo». Non servono altri commenti.

UMBERTO RONDI 28.02.06 01:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe..
Rispondo Grazie alla legge Biagi e Grazie alla città di Torino che non tutela un cittadino residente da 44 anni !
Mi chiamo Antonello ho 46 anni e vivo a Torino dal 1961..ho fatto l'artigiano per 20 anni e ho dovuto smettere perchè "NON CONVIENE PIu' LAVORARE IN PROPRIO".
Come dipendente non mi vuole nessuno perchè sono VECCHIO ! ...a me non mi tutela nessuno! perchè ho più di 30 anni meno di 50 non sono in mobilità non appartengo a nessuna lista non ho NESSUNA TESSERA DI PARTITO ! e quant'altro ...
Con questo sistema attuale non si hanno certezze per il futuro... non solo non si formeranno nuove famiglie ma si distruggeranno anche quelle esistenti perchè il DIO DENARO è sopra ogni cosa ...
Sono d'accordo con te Beppe sui politici CO.CO.CO.
distinti saluti Antonello

P.S. ma dimmi te! a 46 anni mi devo buttare via ?

Antonello Loi 24.02.06 12:16| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe.intanto complimenti !!!.sono riuscita ad avere il tuo spettacolo in svizzera..e ho preso mia figlia una 18 enne ..come tante..sno una donna separata da anni ormai e vivo nella politicizzata reggio emilia..cresciuta in una sana consapevole idea comunista.e lo sono.mi sno separata anni fa ,mi sno misurata con i problemi di un reddito un affitto carissimo scuola salute e l educazione di una allora bimba eschiacciata dal sistema..non abbiamo voce ..non ci sno piu parole..io non le trovo piu..mi rendo conto dei soprusi..delle mancanze..ci si approffitta dei piu deboli..come non credevo..ho sempre avuto una visone del mondo come un posto decente e ci voglio credere ancora ..ma il decente nn ha voce..mancano davvero le parole.e questo lo dici nel tuo spettacolo ,il senso delle parole,.rimangono gli sguardi...quelllo su mia figlia è quello piu importante..è il futuro..pretendo un mondo diverso..se le parole hanno un senso ..pretendo un mondo diverso..si puoò fare=???non lo so ..ma io ci provo..voglio che la giustizia sia giusta,voglio che chi ha diritto..lo abbia..voglio non piu di cio che è giusto... ,non meno difficile..meno violento,dove i soprusi ..le italiette.non siano la regola,. ...voglio un mondo alto..all altezza dei sogni che ho..voglio un mondo decente..non ho dio ..non ho dei..e non smetterò di credere che c 'è di meglio,lo farò sul posto di lavoro ,lo farò cn mia figlia,lo farò dappertutto ,perchè c 'è di meglio ..si puo fare..lo devo a me per prima,al passato ..i miei nonni ,mia madre,lo devo al futuro mia figlia..e poi è giusto..questo è il mio orgoglio..se le parole hanno un senso...voglio un mondo giusto.

pini patrizia 17.02.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento

credo di aver fatto cosa gradita indicando il tuo blog ad amici e parenti, ora leggono e scoprono com me e con te di tutto di piu'. un grazie sergio

sergio piccioni 07.02.06 19:22| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe
mi chiamo Ester sono mamma di un ragazzo di 14 anni al quale l'anno scorso ad agosto ho comprato con sacrifici un motorino ad ottobre gli viene sequestrato perche' senza casco( cosa giusta anche se qui in Sicilia continuano a camminare senza) comunque da brava cittadina non faccio storie e paga il fermo di 30giorni presso il deposito autorizzato e mi riporto il motore a casa in attesa dell'ammenda da pagare non faccio ricorso in quanto un "bravo" poliziotto mi riferisce che la legge 168/05 sara' modificata da confisca a sequestro amministrativo con relativa ammenda.Oggi chiamo la Prefettura di messina la quale mi riferisce che la legge non e' stata modificata in quanto il 18/11/05 grazie all'assenteismo di parecchi parlamentari la modifica alla legge non e' stata possibile farla, quindi lo stato diventera' padrone del mortorino.Io non dico che mio figlio non abbia
sbagliato a non mettersi il casco ma per una volta che ' e' stato fermato noi genitori ne dobbiamo pagare le conseguenze. Era giusto che dopo due volte che ti fermavano per lo stesso reato venisse tolto il patentino ma non cosi'.Ho giurato che se dovessero venire a prendere il motorino glielo brucero' davanti a costo di finire in galera ora sono proprio stufa di questa italia con leggi assurde e con italiani che non ci ribelliamo mai.un saluto affettuoso una mamma incazzata.

Ester Caruso 01.02.06 12:35| 
 |
Rispondi al commento

PASSI INDIETRO

Sono stanco di veder questo paese fare passi su passi ma sempre indietro....
è passata una legge assurda: si può sparare ai ladri che entrano nella tua proprietà... Abbiamo licanza di uccidere. dov'è il Papa? non dice niente? Siamo nel paradosso. per questo governo un embrione è una vita da difendere e un ladro no. BASTA!

Mirko Cantale 26.01.06 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro sig.Grillo,
sono sicuro che tu nei tuoi spettacoli ci metti molto humor, e questo mi piace, però alcune cose vengono molto enfatizzate tanto da far apparire i politici inutili e perversi.sono sicuro che chi ha l'intelligenza per capire le tue battute, percepisca che tu lo fai perchè sei un comico, ma sono dispiaciuto nel constatare che sei troppo duro coi nostri politici. p.s. io sono iscritto ad alleanza nazionale ho 19 anni, i miei genitori sono operai e non navigo nel lusso, inoltre aggiungo che mi diverto a guardare i tuoi spettacoli.
Muzzi gregorio, crevalcore (bo)

Gregorio Muzzì 20.01.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento

(finanziamenti dei patiti)
nessuno rinuncia che vergogna. Sentir parlare di solidarieta dai ns. parlamentari verso i piu' sfortunati mi sembra che ci prendano in giro.

antonio 15.01.06 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,

Ieri, al telefono fisso di casa mia, ho ricevuto una telefonata pubblicitaria pre-registrata dall'azienda [b]LAVAZZA[/b].

Ho telefonato alla Telecom per segnalare la cosa, e loro mi hanno detto che è possibile fare richiesta che i miei dati telefonici, in loro possesso, non possano essere utilizzati a fini pubblicitari né via telefono, né tramite posta.
Quindi ho detto si! Evitate che questo accada.
Ebbene, l'operatore mi ha risposto che avevo già fatto richiesta in passato di questa richiesta, e quindi non si spiegava come era possibile che la LAVAZZA mi chiamasse a casa per fini pubblicitari.

Dopo di che ho chiamato Tele 2 (per sentire un'altra "campana"), la società che uso per telefonare. E loro mi hanno rivelato che le telefonate pubblicitarie a casa sono una cosa che avviene indipendentemente dalle scelte Telecom. [b]Poiché è consentito dalle nuove leggi italiane sulla privacy![/b]

Quella di ieri sera è stata la mia prima telefonata che ho ricevuto di questo tipo.
Spero in futuro di non riceverne più. Ma la vedo dura.

Cosa potremmo fare per difenderci da questo nuovo trend pubblicitario?
La radio e la televisione si possono spegnere, ma il telefono??

Per ora mi limiterò a NON COMPRARE prodotti della LAVAZZA.

Ma porc...

Salutoni,

Oderisi.

Oderisi Arrigoni 08.01.06 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho letto qualche giorno fa in un paesino della provincia di Rieti che sarai a Roma il 15 Febbraio prossimo.
Visto che sul blog non ho letto nulla in proposito volevo sapere quanto quel volantino corrispoonda a verità.
Visto che se è vero correrò piu veloce di un centometrista a comprare un biglietto fammi sapere!!!!
per ora ti ringrazio e spero che tu possa rispondermi al piu presto! NON MOLLARE MAI BEPPE CHE SEI UN GRANDE! ciao Simone

Simone Del Bianco 03.01.06 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho letto qualche giorno fa in un paesino della provincia di Rieti che sarai a Roma il 15 Febbraio prossimo.
Visto che sul blog non ho letto nulla in proposito volevo sapere quanto quel volantino corrispoonda a verità.
Visto che se è vero correrò piu veloce di un centometrista a comprare un biglietto fammi sapere!!!!
per ora ti ringrazio e spero che tu possa rispondermi al piu presto! NON MOLLARE MAI BEPPE! CHE SEI UN GRANDE! ciao Simone

Simone Del Bianco 03.01.06 19:40| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di parole....ho appena ascoltato la rassegna stampa del mattinio....
al posto di Fazio ,a Bankitalia, sapete chi è in pol position: un tale di nome Grilli.
Ahahahah,quando si dici l'ironia della sorte ecco chi c'era dietro tutta l'operazione anti fazio.:-)

Buona giornata

Danilo Villa Commentatore in marcia al V2day 17.12.05 06:10| 
 |
Rispondi al commento

volevo solo far notare che oggi visionando la pagina del sole 24 ore ho notato che negli USA è partita una class action contro lo Stato Italiano.
tutto è iniziato da una perdita di 150 dollari di una signora che ha investito in titoli di Stato italiani e che a causa delle "bugie" dei ns. governanti circa il rapporto deficit/Pil ora si ritrova con titoli aventi un rating più basso e con valore inferiore.
essendo 25 miliardi di dollari l'ammontare complessivo dei titoli di stato interessati il valore della class action "ad oggi" si aggira sui 375 milioni di dollari.
Niente male per un Governo che afferma (su cartelloni pubblicitari) che ha mantenuto le promesse fatte e che continua a dire che se i conti non tornano è dovuto al fatto di aver ereditato un "buco" dal centro-sinistra.
Credo che se lo stato pagherà noi poveri italiani dovremo rimetterci di tasca 2 volte e come al solito non saranno tutelati i risparmiatori italiani che a causa di una legge "leggermente in controtendenza" ci costringe a sopportare ma per fortuna non più in silenzio.
grazie

Enrico Rapetti 05.12.05 19:48| 
 |
Rispondi al commento

...fine della neolingua non era soltanto quello di fornire un mezzo di espressione per la concezione del mondo e delle abitudini mentali proprie dei seguaci ...ma soprattutto quello di rendere impossibile ognI altra forma di pensiero...
Attualissimo George Orwell "1984" APPENDICE ALLA NEOLINGUA.

Elena Cucciari 04.12.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Dietro le parole un mondo...il mondo che ci stanno costruendo intorno, i modi che stanno utilizzando.
Attualissimo George Orwell "1984" APPENDICE ALLA NEOLINGUA.
...fine della neolingua non era soltanto quello di fornire un mezzo di epressione per la concezione del mondo e per le abitudini mentali proprie ai seguaci ...ma soprattutto quello di rendere impossibile ogni altra forma di pensiero...

Elena Cucciari 04.12.05 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Dietro le parole un mondo...il mondo che ci stanno costruendo intorno, i modi che stanno utilizzando.
Attualissimo George Orwell "1984" APPENDICE ALLA NEOLINGUA.
...fine della neolingua non era soltanto quello di fornire un mezzo di epressione per la concezione del mondo e per le abitudini mentali proprie ai seguaci ...ma soprattutto quello di rendere impossibile ogni altra forma di pensiero...

Elena Cucciari 04.12.05 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, innanzi tutto grazie di aver iniziato la tua campagna di "apertura degli occhi" di noi Italiani, scrivo per chè oggi (domenica 27 novembre 2005)leggendo il giornale sono rimasta sconcertata. Ho letto l'articolo sulla giovane uccisa dall'uomo che la molestava da 10 anni e che lei più di una volta aveva denunciato e ho pensato "questa donna ha vissuto anni nel terrore da sola" perchè le forze dell'ordine non l'hanno aiutata? Continuando a leggere ho trovato dichiarazioni di Castelli che chiede scusa da parte dello Stato per non essere stati in grado di garantire la sicurezza della giovane. Quello che mi ha sconcertato è stato trovare un altro articolo, il medesimo giorno, su una insegnante 28enne che molestava con degli sms una ragazzina di 13. I genitori della 13enne hanno denunciato l'insegnante ma, cito le parole del giornale (Corriere Adriatico): "l'eventuale ipotesi di reato potrebbe solo essere quella di molestie telefoniche che è estinguibile con una semplice multa". Io, Beppe e tutti gli altri lettori del blog, a 19 anni mi trovo veramente sconcertata da questa frase. Perchè subito dopo aver visto morire una giovane per non aver saputo fermare un molestatore lasciamo tranquillamente insegnare una professoressa che viene accusata di molestie telefoniche per aver inviato sms a sfondo erotico e sussuale ad una sua allieva? Gli insegnanti dovrebbero essere coloro che ci aiutano a formare i nostri figli e non è accettabile lasciare ad un insegnante il suo posto di lavoro dopo che è stata accusata di un qualunque tipo di molestie su un allivo/a.
Chiedo per informarmi, possibile che in Italia non ci sia una legge che tutela le famiglie su problemi come questi?

Anna Gattafoni 27.11.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe e beppiani,

magari arriverò ultima su una riflessione già fatta, nel caso mi scuso ma non sono riuscita a leggere tutto il blog (vistane la rassicurante abbondanza di commenti ;-) )

Vista e discussa l'attuale situazione informativa (e tutto ciò che la causa e ne segue), perchè non iniziamo uno sciopero dello spettatore?

Si potrebbe decidere un periodo in cui sospendere la visione della tv (in particolare tg e pubblicità), diffonderne le motivazioni (anche se le sappiamo tutti) e le caratteristiche, e poi... probabilmente non succede niente, ma perchè non tentare?

La cosa più bella sarebbe che voi artisti vi metteste d'accordo per fornire informazione e intrattenimento durante lo sciopero, su mezzi alternativi a tv e stampa, per esempio su internet e per radio.

Mi piace immaginare le persone che conosco intorno a una specie di Radio Londra ad ascoltare qualcosa di VERO - non balle e reality show - e magari parlarne il giorno dopo al lavoro e condividere, indignarsi, accalorarsi e sperare, come mi capitava una volta la mattina dopo una trasmissione di Santoro, o un bel film, o qualunque programma che svegliasse il cervello.

Mi sono dilungata da morire, me ne scuso, ho tanta voglia di partecipare a una lotta contro i mulini a vento!

Ciao a tutti!

Giulia Lucarelli 25.11.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe e beppiani,

magari arriverò ultima su una riflessione già fatta, nel caso mi scuso ma non sono riuscita a leggere tutto il blog (vistane la rassicurante abbondanza di commenti ;-) )

Vista e discussa l'attuale situazione informativa (e tutto ciò che la causa e ne segue), perchè non iniziamo uno sciopero dello spettatore?

Si potrebbe decidere un periodo in cui sospendere la visione della tv (in particolare tg e pubblicità), diffonderne le motivazioni (anche se le sappiamo tutti) e le caratteristiche, e poi... probabilmente non succede niente, ma perchè non tentare?

La cosa più bella sarebbe che voi artisti vi metteste d'accordo per fornire informazione e intrattenimento durante lo sciopero, su mezzi alternativi a tv e stampa, per esempio su internet e per radio.

Mi piace immaginare le persone che conosco intorno a una specie di Radio Londra ad ascoltare qualcosa di VERO - non balle e reality show - e magari parlarne il giorno dopo al lavoro e condividere, indignarsi, accalorarsi e sperare, come mi capitava una volta la mattina dopo una trasmissione di Santoro, o un bel film, o qualunque programma che svegliasse il cervello.

Mi sono dilungata da morire, me ne scuso, ho tanta voglia di partecipare a una lotta contro i mulini a vento!

Ciao a tutti!

Giulia Lucarelli 25.11.05 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Come mai nessun telegiornale parlando di un terribile delitto accaduto anni fa e tornato alle cronace recentemente ha mai menzionato il fatto che la persona in questione che ha commesso il fatto é parente stretta di una persona che potrebbe essere il rivale di Berlusconi alle prossime elezioni? E come mai al processo si sono presentati solamente i genitori del marito dell'imputata e non i genitori della signora in questione? Forse perché la mamma di questa signora é sorella con il personaggio politico sopra citato? allora svelato l'arcano si capiscono tante cose... Se fosse accaduto un caso simile a una persona qalunque l'avrebbero già condannata. Scommetto che non ci sarà mai un assassino.

Armienti Antonio 19.11.05 11:35| 
 |
Rispondi al commento

UDITE UDITE
-------------------------------

IO NON FACCIO PARTE DELLA CORTE DEI RUFFIANI CHE OSANNANO IL 'GRILLO PARLANTE' PERCHE' LUI NON E' MIGLIORE DI TANTI ALTRI.
-------------------------------
BEPPE GRILLO HA ESPOSTO DENUNCIA CONTRO IGNOTI PRESSO LA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI ALESSANDRIA PERCHE' GLI COPIAVANO ILLEGALMENTE I CD E I DVD RIPRODUCENTI I SUOI SPETTACOLI.
GLI UOMINI DELLA POLIZIA POSTALE HANNO SORPRESO UN ABITANTE DI TERAMO MENTRE ERA INTENTO A MASTERIZZARE CD E DVD RIGUARDANTI APPUNTO GLI SPETTACOLI DELL'ATTORE.
IL RESPONSABILE E' STATO DEFERITO ALL'AUTORITA' GIUDIZIARIA ED E' FINITO SOTTO INCHIESTA.
LE INDAGINI SONO STATE CONDOTTE IN MODO MOLTO VELOCE, ALTRI ACCERTAMENTI SONO ANCORA IN CORSO.
-----------------------------
TOCCATEMI TUTTO MA NON IL MIO............................................................ PORTAFOGLI.

antonio manicone 18.11.05 20:36| 
 |
Rispondi al commento

premiamo per una legge che obblighi ad inserire in tutte le pagine web esistenti al mondo due link a fondo pagina:
uno alla carta dei diritti umani
uno ad un sito a piacere, che tratti di temi sociali mondiali,
pace liberta inquinamento (siti come il tuo ad esempio)


e inserire anche una scritta che ci ricorda a tutti! (popolo di internet)
che
non siste un dio che ama la guerra, o ami sterminare altri uomini, ma solo falsi profeti che la inneggiano per il loro tornaconto

in tutte le lingue! dei siti.

scusami l'anonimato ma tu lo sai come funziona, me ne vrgogno, pero... !

fai tuo 18.11.05 16:02| 
 |
Rispondi al commento

In Italia siamo abituati a nascondere la polvere sotto il tappeto invece di raccoglierla e cestinarla definitivamente.
Togliere il lavoro nero equivale a sollevare il tappeto e la polvere in questo caso rappresenta le migliaia (mi tengo stretto) di famiglie che si scoprirebbero irrimedibilmente pevere.
IL problema euro non è colpa di chi ha aumentato i prezzi ma di chi ha fatto credere alla gente di poter acquistare nonostante gli aumenti.
Le banche non servono più per conservare i risparmi ma per chiedere prestiti, per questo aumentano in modo smisurato.
Non sono razzista e penso che siamo tutti cittadini del mondo, ma non concordo con il capo dello stato quando afferma che gli emigrati sono addirittura una risorsa(intendo dire oggi e con queste leggi).
Sono un artigiano e vengo danneggiato da chi viene in Italia per lavorare quanto da chi viene per vivere in modo illecito e questo dovrebbe far capire che qualcosa non funziona.
Soluzione:
SI agli immigrati/emigrati
SI alla cittadinanza Italiana
SI a diritti,doveri e responsabilità
Pari opportunità insomma
................ma solo dopo aver eliminato il contante.
I Pagamenti dovrebbero essere effettuati solo ed esclusivamente con carte di credito eliminando il lavoro nero in modo quasi definitivo(rimane il baratto che non prevede l'utilizzo di soldi) non circolando più la moneta incontrollabile, ogniuno di noi dovrebbe sollevare il tappeto vivere del solo guadagno alla luce del sole e lamentarsi vigorosamente se questo non basta.
Chi decide di lavorare per un pezzo di pane, dovrà accontentarsi delle briciole dopo aver pagato tasse e contributi vari e forse in alcuni casi non avrà neppure quelle e contribuirà all'apertura e il sostentamento di una nuova banca quel giorno condividerò le affermazioni del Ciampi e di tutti coloro che le sostengono.

PS:Benvenuto a chiunque voglia diventare italiano e non voglia ottenere che gli italiani diventino emigranti.


andrea trimboli 18.11.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

caro blog, scrivo per la prima volta e ringrazio beppe grillo per la possibilità che offre a tutti i "senza voce"; volevo porre l'attenzione su la reazione spropositata dell'opposizione riguardo ai tagli del governo nel settore cultura..premetto, per evitare fraintendimenti, che proprio dalla sinistra più estrema proviene la mia formazione culturale, non sono filo-governativo. Dovete sapere però che questi tagli, se ben mirati ,andranno a colpire tanti uffici, ufficetti, pseudo enti o agenzie,addirittura costituitesi in onlus,associazioni che si spacciano come "organizzatrici di eventi culturali" che, ve lo assicuro avendoci transitato di passaggio, non organizzano proprio nulla (o poco, un concerto, un dibattitino l'anno, una mostra di qualche amico di amici) e sulle quali transitano milioni di euro da spartirsi tra nullafacenti interessati alla cultura( meglio, senza voglia di lavorare..); più volte, all'interno di una tra le più note agenzie della capitale ben fornita (anzi, creata)dalla giunta veltroni, che organizza(ve lo posso giurare) un evento all'anno(sic!), ho visto pseudo cultural business men passare giornate intere alla playstation, stagiste impegnate nel salto della corda,giovani direttori tutti presi a farsi fare un preventivo a spese del comune per andare in "missione culturale", tale era la giustificazione arbitraria, a londra a vedersi i radiohead a scrocco, echeggiando ad ogni elezione del sindaco il lamento tragico di qualcuno di questi operatori culturali" speriamo che resta sennò finisce la pacchia! e giù risate liberatorie da ogni corridoio dellufficio zona esquilino(vi devo dire chi paga l'affitto?.Io amo ogni forma d'Arte ,quella vera,queste persone esercitano un potere assoluto e nepotista(sono quasi sempre figli di, nipote dell'on ecc..)lasciando agli altri le briciole (si, parlo di soldi) per vivere di rendita..allora, chiunque venga a governarci,please questi soldi pensi adarli a chi non ha una casa,la Cultura si farà da sè,come sempre

andrea silvestri 17.11.05 16:45| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe puoi mandarmi tutti i tuoi articoli
sulla macchina ad idrogeno...
sei il primo libero pensatore pubblico che ho conosciuto ormai 10 anni fa!
ciao grande

Christian Cacco 16.11.05 16:48| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe puoi mandarmi tutti i tuoi articoli
sulla macchina ad idrogeno...
sei il primo libero pensatore pubblico che ho conosciuto ormai 10 anni fa!
ciao grande

Christian Cacco 16.11.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Com'è la questione dell'uso dell'etanolo in Brasile al posto della benzina?
Non si potrebbe fare in Italia?
Loro usano la canna da zucchero, noi potremmo usare le sovraproduzioni agricole (uva, pomodori)?
Grazie,
Franco Milani

franco milani 15.11.05 09:20| 
 |
Rispondi al commento

un discorso un po' alla Nanni Moretti...

L'importante è che siamo NOI a cambiarle

é necessario che il linguaggio si evolva,nel bene e nel male,altrimenti staremmo ancora a darci del Voi o cagate simili.Troppo conservatorismo giace qui

stefano ditra 14.11.05 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, e salve a te illuminato beppe,
è la prima volta che scrivo su questo blog.
Mi pare assurdo, che nel 2005 ancora esita il concetto di differenzazione di razza.
Quando guardo fuori, nel mondo che mi/ci circonda,vedo tantissimi esseri umani che hanno rispettivamente due occhi, un naso, una bocca, due braccia due gambe, emozioni, desideri, sogni.
Però ancora ci sforziamo di creare differenze, non sò a quale scopo, per quale maledetto motivo. Al mondo esistono e vero delle differenze, ma le uniche differenze che davvero esistono in questo momento e solamente, fra avere ricchezze, e non averle per niente. Mi addolora quindi leggere, dei rom che vengono mandati via dai loro campi, mi addolora vedere che ancora asurdamente e molto freddamente conviviamo con le guerre, dicendo che sono sempre esistite.
Mi adolora l'idea di far parte di un mondo che non sa più indignarsi davanti ad orrori del genere, ma la cosa che davvero mi fa incazzare in una maniera veramente brutale è che noi tutti insieme saremo la vera ed unica risposta per poter debellare tutto questo marciume, ma nessuno veramente poi ci crede realmente.

Grazie Beppe, ora ho riniziato a sognare.

Angelo Rascionato 14.11.05 02:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,

mi sembra non si parli mai di alzare la soglia della maggiore età
eppure... le prospettive di vita sono di vivere fino a cent'anni e l'adolescenza si prolunga sempre piu' verso i trenta
quindi... com'e possibile che la maggiore eta' rimanga 18 anni?
Osservo con molta preoccupazione i ragazzi di questa eta' e li vedo occuparsi quasi solo di calcio, di telefonini o simili, di moda, di televisione (veline o poco piu'), talvolta figa e molte pippe

Privilegiano i rapporti superficiali sebbene abbiano emozioni e possibilita' infinite di fronte a loro
non esprimono ancora un'atteggiamento problematico di fronte al mondo, perche' di problemi, se ne han fatti han risolto forse quelli della prof di matematica e probabilmente molto di malavoglia perche' dalla cima della piramide (cfr.nostri dipendenti al governo) cala qualcosa che definirei "pressapochismo imperante"
una vera e propria piaga contagiosa come una malattia tropicale che fa credere alle nuove generazioni che studiare e' brutto, che lavorare e' peggio, che il massimo e' vincere un reality show e fare il michelazzo per il resto della vita...
Di conseguenza non sanno quasi nulla di nulla e spesso di quel quasi non ne hanno neppure un'opinione critica
e dunque mi chiedo... come possiamo pensare che questa gioventu' "maggiorenne" possa comportarsi in maniera matura alle elezioni?
secondo me possiamo solo sperarlo, ma il rischio e' troppo elevato per andare avanti cosi'

Sono convinto che un voto ad un'elezione ha senso e dà un risultato maturo se chi esprime il voto ha avuto modo di crearsi un'opinione di come va il mondo
un'opinione che si basa sulle proprie esperienze, positive e negative, sui propri successi e sulle proprie sconfitte, sulle proprie fortune e sfortune
e a diciott'anni mi sembra onestamente molto difficile ormai...

Le sembrano osservazioni plausibili?
Ha forse gia' qualche idea in proposito?
La ringrazio anticipatamente

Alessandro Damico

Alessandro Damico 11.11.05 03:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, come cazzo fai a leggere tutti sti messaggi!! Cmq, volevo porre alla tua attenzione il fenomeno "wrestling"; hai presente, quelli che se le danno sul ring (italia1, sabato sera, 19.00)? Bhe, io sono un animatore acr, e noto un sempre maggior dilagare di bambini (dagli 8 ai 12 anni) che se le danno di santa ragione, così, solo perchè vogliono assomigliare ai loro "idoli" (Zorro era un idolo!!).

Tu che sei un comico, non è che potresti far notare sta cosa al mondo...?
Grazie.

Io lo seguo, al sabato sera su italia1, e sinceramente mi piace anche; ma se si guarda bene si vede anche che fanno solo finta! (insomma, non è che ci voglia tanto per accorgesene); ma si sa come sono i bambini, volgiono sempre assomigliare ai loro idoli (idoli fasulli direi!); e così si divertono a darsele, ma non per finta, si menano per davvero! Calci a non finire (perchè sono convinti che i pugni sarebbero più visibili a chi li controlla). Di violenza ce nè già abbastanza a questo mondo, perchè non lasciamo fuori almeno i bambini...?

Luca 05.11.05 19:26| 
 |
Rispondi al commento

ciao. Io volevo dire solo una cosa a proposito della vergognosa legge che impedisce la condivisione dei file"per uso personale",forse si sa o forse no,ma su tutti i supporti di memoria, Hard disk,ram,cd vuoti,dvd,etc, è stata applicata una tassa, non sò quale sia la percentuale ma poco importa, una tassa che è riscossa dalla SIAE,ma porca puttana,ma se io già devo pagare una tassa alla siae sui supporti vergini e non ma perchè cazzo non posso scaricarmi un mp3 o altro.
E se dovessi per esempio registrare un film,chessò magari di una festa girato da me con una mia telecamera? è si devo pagare la SIAE, ma vi rendete conto, ci frgano i soldi,e si rischia pure 4 anni di carcere.

datteri luca 05.11.05 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno.
Ho acquistato il dvd dello spettacolo. Superbo.
Ho appreso dell'esistenza di Skipe, ho ordinato il tel che mi è stato recapitato velocemente, ma così velocemnente che sono uscito fuori la porta per vedere se avevano notte tempo impiantato un negozio Skipe sul pianerottolo.
Un piccolo problema,oltre a dover capire bene l'uso di skipe, ho trovato le istruzioni in suomi, certo meglio che in milanese stretto ma comunque incomprensibili. Miscelando nella mia ignoranza il ricordo o l'intuito del significato delle parole in inglese, portoghese ecc spero quanto prima di telefonare.
Angelo Tomasetta

Angelo Tomasetta 04.11.05 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro "Beppe", ieri sera sono rimasta estasiata guardando la folla che si apprestava ad entrare al palazzetto di Forlì...i giovani che numerosi si sono riuniti attorno al palco delle speranze in attesa di sentire le Vs. parole, il Vs. urlo che è il nostro, di fronte all'indifferenza che Governa e che fa da padrona a questa POVERA Italia. Si perchè l'unica speranza, l'unico appiglio che ci rimane è la forza dei giovani, perchè siamo noi che DOBBIAMO ASSOLUTAMENTE CAMBIARE LE COSE! Siamo noi che dobbiamo, come dovere di popolo, spingerci verso il giusto verso l'etica e la morale, e abbattere questo maledetto muro d'ipocrisia che sta divorando, anzi lo ha già fatto, la nostra vita, i nostri progetti e soprattutto il futuro dei nostri figli che verranno. È triste nel 2005 aprire il bidone della spazzatura e trovarci dentro dell'ETERNIT, non trovi??? Ed è ancora più triste vedere che la stessa spazzatura ci viene servita quotidianamente alla tv e nei giornali. FORZA FACCIAMO PICCOLI PASSI.
Ti dico Grazie! Davvero di cuore.
Patrizia

Patrizia Fiorini 02.11.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

anche oggi ho terminato mezza giornata di lavoro mi rimane da pienare il pomeriggio e posso rilassarmi con la mia donna tutto cio' non mi dispiace si arriva a fine settimana decidendo cosa fare dove andare ma guardo il portafoglio e le dico torniamo a letto vai mi sa' che oggi piove

caporali luca 02.11.05 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono un Avvocato civilista, tuo omonimo di Napoli.
Mio padre mi portò a vedere un tuo spettacolo al teatro tenda ...all'incirca nel 1975!
Le parole sono i miei strumenti del mestiere che voglio mettere a disposizione della TUA GRANDE CAUSA. So bene che di avvocati ne conosci tanti (eh eh eh) ma considerami a tua completa disposizione!
P.S. Verba volant SCRIPTA MANENT !!!

Beppe Iacobelli 01.11.05 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio Abbado 2a parte:

Nei giorni scorsi sono stato a Roma per dirigere in una serie di concerti all'Auditorium, su invito dell'Accademia di Santa Cecilia, la Lucerne Festival Orchestra, di cui fanno parte molti strumentisti italiani, da Mario Brunello ad Alessio Allegrini, da Enrico Bronzi ad Antonello Manacorda. So che gli stessi ministri che hanno stabilito o stanno stabilendo quei tagli hanno spesso prenotato posti in platea per i concerti per poi non presentarsi, lasciando le poltrone vuote, nonostante il teatro esaurito. Il che dimostra in quale considerazione tengano il pubblico e quanto sia sviluppata la loro sensibilità all'ascolto musicale.

Vorrei aggiungere che l'annuncio di nuovi, sostanziosi tagli al "Fondo unico dello spettacolo" è solo l'ultimo dei molti, gravissimi episodi che dimostrano l'intento, da parte dell'attuale governo, di uccidere la cultura in ogni forma. Se una volta in Italia si mandava la gente al confino, oggi vige piuttosto un sistema subdolo di esilio: non si è cacciati in modo esplicito, ma la gente che sa pensare, lavorare onestamente e produrre idee nuove, si vede ben presto costretta ad andare altrove.

Lo ha fatto Carlo Rubbia, premio Nobel per la fisica, allontanato o meglio esiliato in Spagna, paese che, al contrario dell'Italia, gli sta rendendo possibile la prosecuzione delle sue ricerche. Ed è priva di qualsiasi giustificazione la mancata conferma alla Commissione Europea di un economista autorevole come Monti, stimato ovunque, e temuto in quanto persona validissima e onesta. Allo stesso modo molti giovani ricercatori scientifici italiani sono obbligati ad emigrare all'estero per poter portare avanti il loro lavoro.

("La Repubblica", 14 ottobre 2005)

Isabel Longato 30.10.05 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, mi permetto di mettere a disposizione dei visitatori del tuo blog un articolo scritto dal M.° Claudio Abbado in merito al taglio sui fondi dello spettacolo.
Isabel

Non spegnete la cultura
di CLAUDIO ABBADO
L'ANNUNCIO di un'ulteriore, rovinosa diminuzione dei finanziamenti pubblici destinati alle attività culturali e alla musica rappresenta l'ennesimo attacco frontale alla cultura da parte di un governo che sembra adoperarsi in tutti i modi contro il suo sviluppo e la sua diffusione, e che da tempo sta dimostrando ai cittadini di voler negare loro ogni diritto all'esperienza musicale. È inaccettabile che politici non comprendano che la musica è una delle basi fondamentali della vita culturale italiana e un patrimonio essenziale e imprescindibile per la vita di noi tutti.

Da un punto di vista molto personale, posso testimoniare che la musica è stata per me la migliore terapia dopo la malattia di cinque anni fa, e che ha finito per trasformare l'operazione chirurgica che ho dovuto subire in una grande fortuna.

È scientificamente provato che per l'attività quotidiana si usa una sola parte del cervello, e che l'altra parte si sviluppa anche con lo studio e l'ascolto della musica. È quindi evidente che coloro che intendono infierire sulla musica con tagli massicci alle sovvenzioni appartengono al gruppo di persone che non hanno mai avuto la possibilità di usufruire di quella ricchezza.

Probabilmente ignorano quanto Platone sosteneva, e cioè che "la musica fa bene al cuore e all'anima", e anche il pensiero di Nietzsche, il quale diceva che "la vita senza musica non è vita". Lavorare contro la musica, come fanno gli attuali ministri, significa lavorare contro l'educazione, la crescita e la consapevolezza degli individui, e minacciare concretamente il futuro del paese.

Isabel Longato 30.10.05 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Made in Italy addio.
Ah, se avessi avuto le capacita' di adattamento dei napoletani alle avversità della vita , certe cose non mi sarebbero accadute.
Ero a pranzo con un industriale produttore di calzature nel napoletano. Uno di quelli, pensavo, che copiavano le Tods e forse le rivendevano taroccate.
Ebbene mi disse una cosa sconvolgente.
E' stato costretto ad etichettare le calzature di sua produzione con l'etichetta Made in China in maniera ben visibile all'interno della scarpa perche' il consumatore finale, vedendo il Made in China in vetrina nei negozi napoletani, anziche' il Made in Italy, era sicuro di comperare un buon prodotto ad un prezzo competitivo! Altro che globalizzazione, ci hanno globalizzato e non ce ne siamo nemmeno accorti.

gianfranco peri 30.10.05 18:11| 
 |
Rispondi al commento

gent/mo beppe grillo
sono anni che la seguo.....lei di certo non segue me....ma da anni mi emoziona ogni sua parola,dai tempi di te lo do io brasile (c'è ancora una cassetta conservata.....)ogni sua parola mi da gioia ,la parola è vita....ho attraversato gli anni della memoria con tutta la gioia che potessi metterci....lotta armata...droga....normalizzazione...eppure ancora la ritrovo ed ogni giorno aspetto che su queste pagine si riaprano le sue notizie e la sua voce...sono anonimo anche se mi firmo,sono anonimo anche quando sono ormai quasi trent'anni
che non voto...non mi piace votare.tanto voto ogni giorno quando sto in silenzio...quando compro...quando ascolto parole che diventano suoni indefiniti...quando vorrei che mia figlia
vivesse in un mondo più suo,,come tutti i mondi di tutti i figli del mondo...come l'ultimo uomo del mondo... fosse il primo.
ho sofferto non poterla vedere ier sera a Napoli..e soffro che lei non scenda fra la gente.
mi creda.ho amato tanto julian beck.un palco è una sorta di muro...tanto a lei non manca la parola....la parola è vita.lei non ha bisogno di mura lei, non ha bisogno di distanze...io per questo mi sento disperato..io per questo la rispetto....c'è dignità nelle sue parole (dignità che bella parola) e lei nella mia mente e nella mente di molti fa crescere un momdo nuovo...questo mondo sta crescendo ora...
c'è bella gente in giro per il mondo...lei le scopra...può farlo...ha le misure e le distanze..
quando vorrà qui da noi troverà un po' di pane caldo...un pranzo...una coperta e la gioia di stringerle la mano....
ciao grillo.....
bruno

bruno d'amgelo 30.10.05 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Mio figlio di 18 mesi mi guarda. Spietato, il suo sguardo taglia i tendini che reggono il mio corpo. E vado giù. Eppure io amo mio figlio. Anche lui mi ama. Pochi passi di vita e lui ha già iniziato a capire le regole del gioco: imparare per primeggiare. Le mie parole sono acqua per la sua sete di conoscenza, così come i miei movimenti. Imparerò da lui a parlare, anzi, ad usare le parole anche per giocare. Sarà l'unico modo per non sbagliare e per restituirgli tutto l'amore che il tempo e soprattutto alcune persone cercano di farci dimenticare. Il suono delle parole è la prima melodia che un bambino ascolta.

Francesco Lemma 25.10.05 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Prima volta in blog. prima volta che qualcuno ascolterà?
ho 25 anni, studentessa di lettere laureanda. domanda al professore con cui faccio la tesi:" Professore mi sa dare qualche dritta sui dottorati di ricerca? sa mi piacerebbe poter continuare in università...." risposta del professore:" signorina...si prepari a far le valige per l'america perchè la ricerca in italia non esiste."
gli americani ringrazino il ministro moratti perche la tradizionale fuga delle migloiri menti italiane non si fermerà certo sotto di lei.
un grazie anche a professori come questi che cullandosi beati nelle loro poltrone non muovono un dito per fermare l'inevitabile declino deli nostri atenei. w il cepu e le univeristà private per i figli di papà!!!
giulia alberti

Giulia Alberti 24.10.05 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Partito Socialista di destra significa Nuovo PSI o meglio ex-craxiani condannati e corrotti che si trovano in sintonia con gli ideali di corruzione, illegalità, massoneria, sottobanco e antidemocrazia di questa Casa delle semilibertà. Il socialismo non ha niente a che vedere con la destra se non ci sono interessi che superano gli ideali per altro falsi e demagogici.

Antonio Del Vecchio 22.10.05 05:03| 
 |
Rispondi al commento

Sempre a proposito di parole (non so se il quesito
ti sia stato già posto, mi scuso se è così ma non riesco sempre a leggere tutto) mi puoi spiegare che cosa si intende per Partito Socialista di Destra?
Ti auguro tutto il bene possibile.

mauro majo 22.10.05 04:46| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe,
e' il primo post che invio ti seguo da molti anni e questa e' la prima occasione che ho di farti direttamente i miei complimenti per la tua tenacia e per il tuo sempre piu' limpido senso di giustizia.Volevo farti una domanda ,ieri ho seguito la trasmissione di celentano ho sentito che ti aveva invitato e che tu per ovvi motivi non hai potuto accettare,non pensi pero'che questa occasione (soprattutto in questo periodo)sia da prendere in considerazione? potresti parlare a piu' di 10 milioni di persone e magari svegliare qualcuno dal "torpore" praticato da quest'ultimo governo.Non so se sara' possibile ma spero di rivedeti presto in tv noi saremo tutti li con te ad ascoltare finalmente una persona che da un giusto peso ed un giusto significato alle parole. a presto

salvatore todisco 22.10.05 02:45| 
 |
Rispondi al commento

Chiaro che la cultura fa paura, da noi più si diventa colti, più si diventa soli.
Al liceo avevo vergogna di intervenire alle lezioni, di citare o di elogiare il pallosissimo Ariosto. Come se l'amore per un letterato possa fare di te il più accanito misantropo...come si può capovolgere così il nostro sistema di valori??
Sono cresciuta in bilico tra due massimi sistemi, piedi per terra - testa tra le nuvole, e ancora non ho scampo. Studio legge solo per non trovarmi senza lavoro, e per non finire nel rogo ( per fortuna è una figura) degli umanisti dannati del nuovo millennio. Otium, negotium. Solo tra pochi o con tutti, o meglio, con tutto il resto. Osservare il reale, o il reality. Questo è il nostro vero dilemma.
Certo il Sapere pare infondere un principio di filantropia, pare un complicato corteggiamento dell'Uomo, ma di un Uomo platonico, lontano dai suoi immediati rapporti con la terra. L'uomo alle prese con le sue possibili sublimazioni.
Fuori dal libro, dall'enciclopedia, lì si rischia di restare seriamente delusi, dal dialetto troppo forte della realtà (non mi riferisco alle beneamate minoranze linguistiche, ma è ancora solo una figura), dalle disparate visioni della Bellezza nel cuore degli uomini, dalla riluttanza degli uomini a studiare diverse visioni del mondo, come se la faccia del mondo fosse cosi netta che a nulla gioverebbe descriverla, come se il mondo dovesse essere amato in silenzio, così com'è, oppure odiato tra valanghe soffocanti e rovinose di parole..Se tra il "vascio" e L'Accademia ci fosse una terza via, le parole di tutti si verrebbero incontro.

Fabiana Cuomo 17.10.05 22:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe.Ti do del tu visto che ti considero un amico!Ho un'idea da darti :tramite i tuoi spettacoli potresti fare una proposta ai telegiornali nazionali che aprano una rubrica che parli di nanotecnologie,acceleratori di prticelle,traguardi scientifici,nuove tecnologie????Anzichè proporre la ricetta del giorno non potrebbero informarci anche di come saremo da qua a un'pò di tempo?Si sente parlare di nuove tecnologie,di futuro ma noi non sappiamo niente.Ho visto una trasmissione sulle nanotecnologie sono rimasta sbalordita per le cose che riescono a fare.Ad esempio i vetri che non si sporcano perchè scorre via tutto.Pareti che si illuminano senza esseci lampade.Ma dove sono tutte queste cose?Perchè le fanno vedere senza metterle in commercio?E' lo stesso "pacco"dell'automobile a idrogeno ti dicono che c'è ma non te la fanno comperare!E'per questo che ci vuole uno spazio giornaliero di informazione!

anna frizzi 16.10.05 00:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, Qusta sera ho seguito un interessantissimo servizio "giornalistico" sulla seconda rete nazionale (RAI2) su gli aiuti umanitari che vengono inviati dall'Italia in Africa per aiutare le popolazioni.
Ascoltando ho riflettuto su lieve particolare: Perchè inviamo farina e non grano? sembra un particolare da nulla... Ma il grano può essere autoprodotto, la farina invece, solo consumata (o buttata)... a chi ci guadagna dall'invio di questi prodotti in africa (perchè comunque lo stato li deve comprare la farina e gli altri aiuti) conviene inviare farina e non certo il grano ma per chi la riceve?

Americo Iacovizzi 15.10.05 21:28| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, sono un nuovo "fiero" iscritto al tuo blog e trovo in te la voglia di mandare a quel paese tutte quelle (tante) persone che in italia predicano bene e razzolano male,compresi tutti i miei amici,egoistici pensando solo al loro interesse.Grazie di esistere.

romolo de maio 15.10.05 19:27| 
 |
Rispondi al commento

MAESTRO beppe,quante cose vorrei dirti.tutto quello che stai facendo è a dir poco meraviglioso,tutte le iniziative che stai portando avanti io non solo le appoggio in pieno ma molte mi sono venute in mente già da tempo,come ad esempio FORZA ITALIA,la parola più bella che conosco e vorrei gridarla con emozione e patriottismo,pensando alla nostra storia,ed ai partigiani morti fucilati gridando parole come questa,ed invece è andata a finire in mano a coloro che d'italia non vivono.
ridateci il nostro grido la nostra speranza la nostra parola più importante... FORZA ITALA
grazie beppe di cuore,continua così,siamo tutti con te...
un umile italiano

gerardo trapanese 15.10.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Incest brother and sister sex encounter Incest brother and sister sex encounter [ http://bro.jerkthumbs.com/incestbrotherandsistersexencounter.html ]
Incest anal movie clips Incest anal movie clips [ http://bro.jerkthumbs.com/incestanalmovieclips.html ]
Uncle incest stories Uncle incest stories [ http://bro.jerkthumbs.com/uncleinceststories.html ]

Max 12.10.05 20:09| 
 |
Rispondi al commento

Son fucks hot mom incest Son fucks hot mom incest [ http://bro.jerkthumbs.com/sonfuckshotmomincest.html ]
Incest young insest photo Incest young insest photo [ http://bro.jerkthumbs.com/incestyounginsestphoto.html ]
Incest mom i would like to fuck Incest mom i would like to fuck [ http://bro.jerkthumbs.com/incestmomiwouldliketofuck.html ]

Max 12.10.05 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Salute a tutti, non sarò prolisso in questa occasione ma, come primo post, vorrei solo dare un piccolo contributo_ Ho dato un'occhiata ai temi di cui si parla in questa pagina e forse sto scrivendo su quella sbagliata-perdonatemi-; arrivando subito al punto credo si parli poco della Chiesa e delle sue implicazioni considerate lecite-piu quelle "occulte"- con lo stato e le varie istituzioni-vedi abolizione ICI-
Altro punto gravoso sono le molteplici conseguenze dovute all'"addozione",da parte di un popolo ovvero nazione, di una religione, nel caso di quella cristiana, monoteista-la cultura e la scienza dovrebbero farne a meno.é un sistema ideologico che porta a conseguenze per lo meno pittoresche- vedi teoria creazionista tornata in auge in America sotto il nome di "intelligent design":roba da far accaponare la pelle!Il bello è che fa parte dei programmi scolastici...

Paolo Rovere 11.10.05 00:33| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe..ho letto un articolo su repubblica che parlava di un inviato dell'espresso nei centri di acoglienza a lampedusa cammuffato da profugo,raccontando dei barbari trattamenti che ricevono questi disperati,vergognoso,forze dell'ordine che picchiano e insultano questa gente addirittura costringono a far vedere loro filmati porno,bagni in cui la pipi arriva alle caviglie e questi li mandano li con i sandali..e il governo cerca di insabbiare questa inchiesta..provo vergogna per loro..ti chiedo di portar fuori questa cosa e di far sapere a tutti cio che non tutti sanno..ciao buon lavoro.

simone orlando 09.10.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

sono un giovane cittadino italiano sono davvero sconcertato nel vedere come la nostra nazione sembra andare verso il terzo mondo fra qualche anno finira che noi ci metteremo sui gommoni per fare il viaggio della speranza..e in tanto nelle televisioni mandiamo in onda il grande fratello la talpa l'isola dei famosi etc etc...mandano a casa santoro e biagi perchè sono considerati faziosi e tengono però vespa e fede..stanno per sconvolgere la costituzione italiana con una legge elettorale,che è un cazzotto nello stomaco per la democrazia...ho la netta sensazione che il prossimo governo prima di cominciare avra tanta forse troppa merda da togliere prima di cominciare..io come molti di noi ci sentimo inermi davanti a tutto questo anche perchè sono ancora in tanti a credere in queste persone..

simone orlando 09.10.05 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sarò breve anche se mi ci vorrebbe qualche ora per dirla tutta. Io con le parole ci campo: sono un attore (ho 53 anni) di quelli che tirano la carretta, con due pose quà, un contratto a recita là e con il mio caché che ogni anno diminuisce invece che aumentare:" Mi dispiace, non abbiamo soldi, questa è la paga prendere o lasciare. Senti questa: "Tempo fa, cercavo lavoro, e fra i tanti ho telefonato anche a Ronconi e l'ho incontrato. Tu sai che gli hanno dato 15miliardi di vecchie lire, povero, per fare 5 spettacoli, e mi sento dire che vedrà, che deve capire e che comunque deve stare attento perché hanno problemi di budget. Ma dico io...si può! Insomma, per farla breve, da anni, dico da anni ormai il Teatro vive nella più totale illegalità, è saltato ogni rispetto della professionalità, si assiste ad ogni tipo di soppruso e di ricatto. Da anni cerco di svegliare amici, colleghi, e ne parlo appena posso anche con l'idraulico, non si sa mai...niente, niente e niente. Di quello che succede dietro le quinte non frega niente a nessuno. Mi sai spiegare perché? L'ultima, poi chiudo: il governo ha tagliato l'ici alle proprietà della chiesa e guarda caso la cifra corrisponde esattamente a quello che hanno tolto al F.U.S. Adesso fanno lo sciopero perché l'acqua ha toccatto il c...o alla Melato che ha paura di non poter più guadagnare migliaia di euro al giorno. Lo sciopero ammesso che funzioni non cambierà la situazione. Chi ruba continuerà a rubare e a me come a tanti come me continueranno ad abbassare il caché perché sanno che non posso dire di no. Lo so siamo pochi, ci applaudono persino quando andiamo a lavorare, tutto quello che vuoi, ma siamo o non siamo parte di questa c...o di società?! Ciao Beppe e grazie. Daniele

Daniele Griggio 09.10.05 02:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe o chi per te dello staff leggerà questa mail.
Sono Fabio Zulli universitario di Mantova, cerco di tenermi informato come posso avendo fatto mio il tuo consiglio.
Leggendo il quotidiano La Stampa mi ha addirittura sconvolto:
Seconda notizia e questa mi ha sconvolto sul serio, è che Bush ha dichiarato a leader di Al Qaeda che ha attaccato l'Iraq per "ordine di Dio"... ma ti rendi conto di cosa è andato a dire quest'uomo?
Questo secondo me, potrebbe significare che il presidente ha grossi dubbi di vincere le prossime elezioni (o comunque ha dubbi che vinca la sua fazione), che si rende conto che la guerra ormai è durata troppo e che le promesse fatte ai cittadini non hanno più senso e che ricorre addirittura alla chiamata di Dio per giustificare questa guerra che a tutti, lui compreso, appare ormai senza senso.
Ma non solo, la cosa ben più grave e che mi ha fatto addirittura paura è che, a mio avviso, un'affermazione come questa, cambia le carte del conflitto in corso.
Cioè: una guerra di religione è praticamente interminabile, perchè la fede è qualcosa in cui credi e che nessuno può cambiare e quando si parla di religione non esistono molti compromessi.
Ora, se prima la guerra era tra una fazione che lo faceva per religione e l'altra che lo faceva per liberare uno stato, potevamo pensare che la seconda delle due fazioni potesse ancora ragionare e agire per il bene di tutti; se invece la guerra ora diventa tra una fazione che lo fa per l'Islam e l'altra lo fa per una chiamata di Dio, allora possiamo pensare che nessuna delle due nazioni sarà disposta a ragionare molto e che andranno avanti finchè il più debole sarà costretto a soccombere con chissà quali ripercussioni e quali sentimenti di rivalsa avrà in futuro.
Questa è solo una mia interpretazione, un pensiero fatto in 5 minuti al tavolino di un bar quindi forse neanche troppo giusto, ma è stata una serie di pensieri che mi sono venuti velocemente e che mi hanno fatto ripensare alle ve

Fabio Zulli 07.10.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Free dad and dau incest Free dad and dau incest [ http://files.cleargals.com/freedadanddauincest.html ]
Incest wild mothers Incest wild mothers [ http://files.cleargals.com/incestwildmothers.html ]
Incest comics Incest comics [ http://files.cleargals.com/incestcomics.html ]

Serg 07.10.05 11:35| 
 |
Rispondi al commento

cari Padre di Roma e Beppe io l'ho fatto ... ho emigrato e per 9 bellissimi anni non ho fatto parte di niente turista per scelta cittadino del mondo unico problema mi sono reso conto che i paradisi non esistono o per lo meno io non li ho trovati ...stesse facce stessi trucchi ... e stessi stress sia ai tropici che in europa e allora ??non demordiamo nelle piccole battaglie quotidiane ci dobbiamo sentire liberi ..
un abbraccio
mauro

mauro durante 06.10.05 19:09| 
 |
Rispondi al commento

tratto da http://www.soverato.biz/il_Muro.htm
Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITÀ e senza astenuti(ma và?)un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa 1.135,00 al mese.
Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare
nei verbali ufficiali.
STIPENDIO 19.150,00 AL MESE
STIPENDIO BASE circa 9.980,00 al mese
PORTABORSE circa 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)
RIMBORSO SPESE AFFITTO circa 2.900,00 al mese
INDENNITA' DI CARICA (da 335,00 circa a 6.455,00) + TELEFONO CELLULARE gratis
TESSERA DEL CINEMA gratis
TESSERA TEATRO gratis
TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis
FRANCOBOLLI gratis
VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis
CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis
PISCINE E PALESTRE gratis
FS gratis
AEREO DI STATO gratis
AMBASCIATE gratis
CLINICHE gratis
ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis
ASSICURAZIONE MORTE gratis
AUTO BLU CON AUTISTA gratis
RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per ora!!!)
Circa 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l'auto blu e d una scorta sempre al suo servizio)
La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.
La sola camera dei deputati costa al cittadino 2.215,00 al MINUTO !!
Far circolare....... si sta promovendo un referendum per l' abolizione dei privilegi di tutti i parlamentari....... queste informazioni possono essere lette solo attraverso Internet "vorrei sapere se ti risulta visto che il mio stipendio nn supera i 1100

franco faceri 01.10.05 23:26| 
 |
Rispondi al commento

questa sera 29-09-05 su la rete televisiva tne tele nordest hanno detto che una autovettura ha percorso un viaggio da bolzano a trento spinta solo con carburante acqua,ma l'ideatore di questa innovazione si è dovuto nascondere in un convento di frati perchè è stato minacciato di morte, questa è la notizia data dal presentatore di nome gandi.
hanno anche detto che in austria c'è la possibilità di acquistare un kit per realizzare in casa il biodisel e che le azziende agricole lo usano per crearsi il biodisel tranquillamente ( come da noi ).
se è vero siamo in piena " democrazia ".

pio bellese 29.09.05 22:58| 
 |
Rispondi al commento

"Le parole sono come pietre" diceva un grande filosofo.Bisogna sempre stare molto attenti a ciò che si dice e anche a come lo si dice.A volte penso che siamo tutti derivanti forse da un 'unica matrice,anzi dalla stessa ed unica matrice, eppure giungiamo eternamente ai soliti, per non definire caratterizzanti la razza umana ,"conflitti d'opinione".Sarà che in fondo l'uomo ha bisogno di sbagliare prima di accostarsi a pareri"altri".Io ho pensato questo voi?

Teresa De Marzo 29.09.05 19:23| 
 |
Rispondi al commento

chi di voi ha letto la notizia della bambina indiana suicida per fame e disperazione causa il degrado in cui si vive quando la povertà e pressochè assoluta? io l'ho letta e non riesco a rimuovere l'immagine della bambina: qualcuno può aiutarmi a trovare un rimedio?
ho provato a dare l'elemosina ad una ragazza al semaforo sotto casa, poi ho comprato una rosa al venditore pachistano, sabato sera ho saltato la pizzeria, ora mi accingo a fare una piccola donazione a qualche ente benefico..... non funziona, la bambina non và via.
magari poi si scopre che era tutta una bufala...
si forse era una bufala

Filippo Sarti 27.09.05 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Bebbe(PARTE TERZA)
...o alla mussolin che guarda e giudica opinioni delle persone di diversa visione politica o sociale, come merce di cattiva qualità o addirittura merce guasta .Ora quale giustificazione consente a tali personaggi, esempi di una falsa cultura fallata dentro,di continuare ad invadere con le loro nefandezze una televisione già abbastanza in rovina e priva di una sana informazione?.Perchè dobbiamo accettare ipocrite insinuazioni che non fannno che allontanare le distanze fra noi simili, confusi ed amareggiati?

la nostra pax ha amato la famiglia,ma soprattutto ha amato ciò che amava,senza distinzioni.

giampiero mazzola 24.09.05 06:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Bebbe (PARTE PRIMA),
a pochi giorni di distanza mi ritrovo ad usare nuovamente il tuo...e forse anche un pò il nostro amatissimo blog,per raccontarti una storia che forse se venisse raccontata a quella demente della mussolin e qualche altro falso moralista dei nostri falsi politici,potrebbe forse loro chiarire il concetto tanto in voga in questo momento di pax,come dovrebbe essere intesa, senza le loro insinuazioni più subdole.

Premessa la preghierina prima in classifica nella nostra top-ten di questa politica italiana:


...Che tu sia bianco o nero,giallo o rosso
non importa Paga le tasse,
FALLO PER ME,
Contribuisci all’economia e alla Costosa vita di Noi Politici
FALLO PER ME,
Sacrificati socialmente per il tuo paese
FALLO PER ME,
e se sei frocio,convivente,disoccupato(appartengo a questa categoria!),divorziato,
legato a sette sataniche,mafioso,buddista,
schiavo in una cazzo di miniera del lavoro,

...Fai un favore, tienitelo per te.

Ho perso nostro padre a tre anni.Mia madre si è unita ad un nuovo compagno con il quale ha condiviso la sua successiva esistenza fino all'agosto del 2005,dopo 35 anni di indiscussa unione : amore,fede, valori cristiani, coscienza, felicità,
in poche parole, credo tutto ciò che un Personaggio vissuto un paio di millenni fà, forse anche un pò destrutturato nel suo linguaggio , intendesse suggerire per una vita nel rispetto di suo Padre, prima che i politicanti lo crocifiggessero.

giampiero mazzola 24.09.05 06:28| 
 |
Rispondi al commento

E' vero: le parole hanno un peso enorme. Le parole devono far paura e non solo quelle dette, ma soprattutto quelle non dette, quelle che restano in un pensiero, soffocate dalla paura, dal pregiudizio, dalla rabbia, dall'umiliazione.
Poi ci sono anche parole dette a sproposito, da chi forse più saggiamente avrebbe dovuto astenersi dallo scrivere il proprio sdegno sul tuo blog, caro Beppe, perchè ci sono cose che fanno ben più inorridire della "spesa con la calcolatrice" o dell'"impero del marketing". Lo sai, ad esempio, che ancora oggi c'è chi non riconosce un figlio, scappando come un vigliacco invece di assumersi una responsabilità così grande? E bada che non parliamo degli anni 40, ma del 1998. Ora, una ferita del genere è durissima da far guarire; scoprire poi che il padre di questa creatura stupenda (che grazie a Dio è nata comunque) che da allora si è dato tanto da fare per nascondersi, si prenda il disturbo di scrivere che il governo fa schifo, che è colpa nostra se l'Italia rischia di far la fine dell'Argentina e via dicendo riapre quella vecchia ferita. Caro esperto di marketing e grande distribuzione, tieni per te i tuoi inutili commenti e ritorna nel buco dove ti eri nascosto in questi sette anni. Resta lì e rifletti, ammesso che tu ne sia capace, sulla tua inutile esistenza. E se poi ti verrà ancora voglia di scrivere ti fornisco io uno spunto su cui pensare: è vero il governo fa schifo, il nostro paese rischia il collasso, Berlusconi, come hai scritto tu è una sottospecie di dittatore. Ma tu per scrivere tutto questo, ti senti davvero al di sopra di ogni giudizio? Sei migliore di lui? E' vero, la nostra Italia va male, ma noi siamo il nostro Paese e anche tu lo sei. Il comportarsi senza nessuna morale, non fa che peggiorare lo stato di salute della nostra Italia. Le parole hanno un grosso peso. Lascia lo spazio di questo blog a persone pulite e sincere, perchè solo questo vogliamo leggere. Di te e della tua molta fifa, facciamo volentieri a meno.

Francesca Milano 19.09.05 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao caro Beppe e chi mi leggerà.
Per poter esprimerci nella modalità più opportuna, usare parole appropriate bisogna, come dici tu, non essere ignoranti, e allora cerchiamo tutti di imparare dagli altri, specialmente da chi non sà.
Tante volte chi non sà, significa che non ha trovato il modo giusto per esprimersi e fa un casotto, creando negatività, paura ecc.
Chi sà, deve aiutarlo usando il modo più vicino a lui.
Insomma, come faremmo con un bambino piccolo, ci adeguiamo alle sue conoscenze.
Io, come reputo molti di noi, abbiamo imparato sulla nostra pelle, dopo tantissime ferite ciò che sto cercando di spiegare.
Troppe cose vorrei dire, intanto Beppe perchè non crei all'interno del tuo sito, una finestrella dove chi vuole può scambiare opinioni più sociali, più vicini al quotidiano.
Questo perchè se ci si avvicina alle piccole grandi cose, e quindi all'anima, si potrà avere la possibilità di far vedere ciò che chi ha paura non vede.
Con la tua satira opportuna, e quindi lavorando attaccando usando negativà, forse non lasci vedere il positivo.
Chi ha paura si rintana, si nasconde.
Chi accoglie loro, con amore, fà si che la paura scompaia e così, il pauroso, si trasformerà in un adulto, consapevole dei suoi limiti e prenderà le sue decisioni, quelle che non avrebbe mai preso, perchè occupato a colpevolizzare gli altri dei suoi guai.
Noi italiani o no, dobbiamo fare i conti con le nostre paure, espressioni, parole, ecc., ma soprattutto con il nostro mondo, che è fatto di negatività e di positività.
Basta scegliere consapevolmente da quale finestra guardare.
Io dopo tante paure, o scelto di guardare attraverso la finestra del positivo, sapendo che anche da quella vedrò cadere la pioggia.
Ci vuole più coraggio per esprimere l'amore, sia a parole o no.
Ma, la non espressione per paura, o altro, porta al dolore della nostra anima, e a secondo delle nostre scelte posso dire anche del dolore del nostro corpo.
Cerchiamo di crescere insieme, osiamo vivere.

ELISABETTA D'ALESSANDRO 19.09.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Milano - Muro del pianto: Inter

Gianluca Lazzaroni 15.09.05 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Quale è il titolo della sigla d'apertura dello Spettacolo "Apocalisse Morbida"?

potete farmelo sapere tramite email: marcio113@hotmail.com

Grazie in anticipo!

Marcio Santos 13.09.05 22:45| 
 |
Rispondi al commento

CHI OTTIENE CIO' A CUI ANELA E' UN VINCITORE.
CHI NON OTTIENE RISULTATI E' UN PERDENTE
SAGGIO E'CHI PRENDE CONSAPEVOLEZZA DELLA
CICLICITA' DEL TEMPO

YURY PASTORE 12.09.05 23:27| 
 |
Rispondi al commento


cosi come mi é arrivata la giro all' opinione del Popolo

L 'informazione arriva da TELECOM!

I castori OGM dell'892892
Ci sono in giro due castori OGM, magri, ambigui, in tutine attillate rosso
fiamma, un incrocio tra la Carra e Japino, che fanno la pubblicita a un
numero magico: l'892892.
Un servizio che replica il vecchio numero 12 della Telecom Italia
(rappresentato da un pensionato in panchina), per le informazioni sugli
elenchi telefonici. Per conoscere un numero telefonico si chiama l'892892
(www.892892.it) e si paga, ma quanto si paga? Nel caso migliore, dal
telefono di casa, 0,12 euro di scatto alla risposta e 0,03 euro al
secondo. Cinque minuti per ottenere un numero di telefono costano 0,12 +
(0,03 x 300 secondi), quindi 9,12 euro. Per un'ora di conversazione paghi
108 euro. Belin!
Ma chi ha autorizzato queste tariffe? In Italia chiunque puo fare i prezzi
che vuole? E poi quale societa fornisce questo servizio? La solita
casalinga di Voghera, dopo aver visto i castoroni e le bande
rosse orizzontali sul sito, risponderebbe Telecom Italia. Sbagliato!
Il proprietario e la societa internazionale InfoNXX, ma il dominio
www.892892.it e intestato a: "Il Numero Italia srl (societa
a responsabilita limitata)".
Comunque, se proprio volete delle informazioni sugli elenchi,
non telefonate, ma usate i siti gratuiti in Rete.
_____

Attenzione : il numero 892892 NON E' TELECOM ma di un gruppo americano (
infoxx ) che opera anche in altri Paesi. Le informazioni pervenute NON
hanno mai parlato di Telecom, ma NON HANNO mai specificato di NON ESSERE
Telecom. Il servizio di Telecom e 892412

Sarebbe utile informare quante piu persone possibili, visto le tariffe che
vengono applicate.


_________________________

luca degasperi 08.09.05 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Se in Italia i poteri forti (in economia, nelle professioni-corporazioni, nell'informazione, nelle burocrazie di ogni tipo:amministrative, religiose, etc..)sono forti, ciò è essenzialmente dovuto alla debolezza tragica della politica, che preferisce (in generale e in gran maggioranza, pur con le debite eccezioni-mosche bianche) essere autoreferenziale, non decidere, considerare i cittadini come bambocci da imbonire con le chiacchere a vuoto.Questa debolezza della politica, discende direttamente dal fatto che non abbiamo (quasi) per niente politici con le palle, statisti (l'ultimo è stato De Gasperi)capaci di fare grandi, dirimenti scelte (per esempio, alla Zapetero su guerra e coppie di fatto. Noi no! noi abbiamo giovanard, rutelli, mastella, mantovano, e compagnia tutta!
Ecco prchè da noi ci fu la p2, ci sono gli ordini professionali potentissimi, le Banche che controllano il loro controllore Banca d'italia, i giornalisti fiancheggiatori del potere qualunque esso sia, e insomma tutto ciò che "diluisce" e "ridistribuisce" il potere, le ricadute dello stesso, le relative responsabilità, in mille posti,centri neanche esposti a controlli, livelli, sedi, e alla fine non ci si capisce più un cazzo, se non che i fottuti siamo sempre noi "semplici" cittadini, che non partecipiamo a nessuna frazione, neanche minuscola, della spartizione della torta.
PROPONGO 2 ARGOMENTI DI CAMPAGNA-DENUNCIA:
1- LA VERGOGNA DELLE INDENNITA' (+ DIARIE, + RIMBORSI SPESA A VARIO TITOLO, + GETTONI MPRESENZA ALLE COMMISSIONI ESENTASSE E INTASCATI ANCHE SE ASSENTI) DI CONSIGLIERI REGIONALI E PROVINCIALI(VERREBBERO FUORI COSE DA VOMITO NELLE 19 REGIONI E 112 PROVINCE TRA AUTONOME E ORDINARIE!!!).
2- L'ABOLIZIONE DEGLI ORDINI PROFESSIONALI O SIMILI)VERI BALUARDI DEI PRIVILEGI DI MOLTE "CASTE PROFESSIONALI",CHE HANNO SEMPRE I LORO NUMEROSI ADDENTELLATI IN PARLAMENTO E NEI PARTITI,GUARDA CASO(MEDICI, GIORNALISTI, AVVOCATI, NOTAI IO CI METTO PURE I MAGISTRATI,CHE SPESSO SI SENTONO SOPRA LA LEGGE)

daniele orlandi 06.09.05 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Le parole sono il mio mestiere, credo abbiano un potere superiore a quello delle azioni, possono creare emozioni, stimolare azioni. Intorno alle parole si costruiscono le nostre idee, di parole sono fatte le nostre convinzioni. A volte le parole possono curare, anche questo blog e tutti coloro che vi scrivono usano le parole. Senza parole Beppe potrebbe fare il mimo , ma dubito che avrebbe la stessa potenza di oggi nel trasferire il suo pensiero.
Le parole stanno cambiando, me ne accorgo leggendo i giornali, ascoltando la radio e la tv.
Cambiano a poco a poco, modificando i significati che veicolano. Piccole modifiche che fanno grandi differenze.
Credo che il nostro impegno giornaliero debba essere diretto verso coloro che non hanno abbastanza consapevolezza per difendersi da questa "colonizzazione" linguistica, aiutandoli a porsi delle domande sul significato prima di "ingurgitare". Credo che ognuno di noi possa porre un filtro in entrata e in uscita, andando verso la concretezza del linguaggio, abbandonando, ove possibile le generalizzazioni linguistiche e ritornando ad un linguaggio essenziale e comprensibile.

Laura Quintarelli 06.09.05 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Le parole sono il mio mestiere, credo abbiano un potere superiore a quello delle azioni, possono creare emozioni, stimolare azioni. Intorno alle parole si costruiscono le nostre idee, di parole sono fatte le nostre convinzioni. A volte le parole possono curare, anche questo blog e tutti coloro che vi scrivono usano le parole. Senza parole Beppe potrebbe fare il mimo , ma dubito che avrebbe la stessa potenza di oggi nel trasferire il suo pensiero.
Le parole stanno cambiando, me ne accorgo leggendo i giornali, ascoltando la radio e la tv.
Cambiano a poco a poco, modificando i significati che veicolano. Piccole modifiche che fanno grandi differenze.
Credo che il nostro impegno giornaliero debba essere diretto verso coloro che non hanno abbastanza consapevolezza per difendersi da questa "colonizzazione" linguistica, aiutandoli a porsi delle domande sul significato prima di "ingurgitare". Credo che ognuno di noi possa porre un filtro in entrata e in uscita, andando verso la concretezza del linguaggio, abbandonando, ove possibile le generalizzazioni linguistiche e ritornando ad un linguaggio essenziale e comprensibile.

Laura Quintarelli 06.09.05 10:27| 
 |
Rispondi al commento

prova ? prova ? ma perchè non provi annà a morì ammazzato ???

Luciano de Martino 06.09.05 08:39| 
 |
Rispondi al commento

Ho notato che nella vita si incontrano tante , tantissime persone che si lamentano riguardo tutto ciò che succede nel mondo e aggiungerei giustamente! l'unica cosa che mi sfugge è che il mondo continua ad andare in un unica direzione, tra l'altro a mio avviso sbagliata!
Ma è possibile che poche persone possano decidere tutto ciò mentre la moltitudine sta a guardare?

Francesco Candelari 04.09.05 13:21| 
 |
Rispondi al commento

asd

ciao a te 03.09.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento

provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova
provaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprovaprova

provaprova 03.09.05 15:18| 
 |
Rispondi al commento

PROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVASADPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPROVAPR

prova caratteri 03.09.05 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Giuse sono gianluca il figlio del gorilla e voglio dirti che il tuo lavoro piace a un sacco di gente, io faccio vedere il cd del tuo spettacolo di Roma a un sacco di miei amici e nessuno mai si alza prima che sia finito.
Dopo la fine dello spettacolo ci viene un po di tristezza perchè ci sentiamo schiavi di tutto e di tutti .
Volevo dirti che da qualche anno a questa parte essere liguri è più bello , questo anche grazie a te .Ciao
Gianluca.

gianluca passeri 27.08.05 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Essendo all'estero per le vacanze due componenti della mia famiglia (tutti clienti tim) hanno aderito all'offerta con la quale si poteva parlare con 1 euro alla risposta ed un cent. al minuto verso telefoni fissi e cellulari tim. In due o tre circostanze abbiamo usufruito del servizio facendo e ricevendo telefonate dal nostro telefono fisso in italia ai nostri cellulari (in quel momento a Nizza - Francia) ogni volta (a campo massimo) non siamo riusciti a parlare per + di una ventina di secondi e costretti a richiamare due o tre volte sempre con lo stesso esito !!! caduta della linea !!!! deduco quindi che l'offerta vacanza debba ritenersi ridicola per noi utenti ed estremamente remunerativa per i vari gestori che sembrano tutti d'accordo per scippare dolosamente euro a dritta e a manca !!! una chiamata rifatta 3 volte per forse 50 secondi di conversazione è costata alla mia famiglia 6 Euro o meglio quasi dodicimilalire - EVVIVA LA TELEFONIA !!!!

Luciano de Martino 23.08.05 04:18| 
 |
Rispondi al commento

carisimi, vi posto un link che tratta di una notizia che credo i media italiani non diffonderanno. Sono senza parole.

http://www.nogod.it/sartori.htm

Claudio Ruzza 18.08.05 13:43| 
 |
Rispondi al commento

PRESO DA LIBERO. LEGGETE. ALTRO CHE NUOVO MEDIOEVO!!!

Notizia del 21 luglio 2005 - 10:22
Usa, ragazzino gay lancia grido d'aiuto dal suo blog


Il giovane è stato rinchiuso in un campo cristiano di "riabilitazione per omosessuali"


NEW YORK, 21 lug - Grazie al suo blog, un adolescente gay americano, ha rotto il silenzio e ha lanciato il suo grido di auto da una delle cliniche cristiane americane, sorte con l'intento di cambiare gli omosessuali in eterosessuali, servendosi di corsi intesivi a base di Bibbia e isolamento. La vicenda è riportata dal "New York Times" dopo che su internet in pochi giorni un tam tam di link e citazioni ha portato la storia di Zach agli occhi del pubblico.

Zach è un 16enne del Tennessee che ha suscitato l'attenzione non per il suo coming out, bensì per la disperazione che lo ha assalito quando i genitori hanno deciso di fargli seguire un programma di "riabilitazione per omosessuali". Ecco che cosa ha scritto pochi giorni prima di iniziare le sei settimane nella clinica Refuge, campo creato a Memphis dalla associazione cristiana "Love in Action": «Per loro sono una persona sbagliata che non sta sul cammino che Dio l'ha chiamato a seguire. E allora sto qui seduto in lacrime proprio come tutti gli altri ragazzi come me che si lamentano sul loro blog dei loro genitori, e non posso farne a meno… È come un campo di addestramento militare. Anche se dovessi venirne fuori etero sarei talmente depresso e instabile che non sarebbe servito a nulla». Poche ore prima di entrare nel campo aggiunge: «Prego perché tutto questo finisca presto... Non sono uno che si toglierebbe la vita, non sono uno da suicidio, credo sia stupido, ma al momento non riesco solo a pensare ad altro - no non mi voglio uccidere - ma non faccio altro che pensare ad ammazzare me e mia madre». Il diario di Zach riceve moltissimi contatti. Il 12 giugno la polizia dello stato del Tennessee ha ispezionato il campo Refuge per accertare che non si verificassero abusi sui giovani ospiti.

All'associazione Love in Action arrivano oltre 80mila e-mail con la richiesta di liberare Zach e di lasciarlo venire via dalla clinica. Il reverendo John Smid, direttore esecutivo, non ha voluto discutere dettagliatamente della situazione personale del ragazzo per questioni di privacy, ma ha commentato così l'ondata di proteste: «Hanno deciso che deve essere liberato. Ma forse nemmeno lui lo vuole, forse non ha davvero la personalità adatta a sopportare tutto questo». Il programma ha l'intento di far scomparire il desiderio sessuale verso persone del proprio sesso, con discutibili risultati. Lo stesso reverendo Smid, un tempo gay, dice che ora non prova più nessun tipo di attrazione per gli uomini, ma altri raccontano quanto sia difficile rinunciare alle proprie vite e fingere di esser qualcosa di diverso.

Zach dovrebbe uscire da Refuge in questi giorni. Nel suo ultimo post prima dell'ingresso nel campo ha ringraziato tutti quelli che dalla rete lo hanno appoggiato con più di 1700 commenti e messaggi sul suo blog: «Non vi preoccupate, ce la farò. Hanno detto che le cose andranno meglio, che il programma funzioni o no. Speriamo solo che non stiano mentendo». (Libero News)

laura violante 04.08.05 14:06| 
 |
Rispondi al commento

il manichino alla standa

fabio gardella 02.08.05 13:51| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno ai presenti.
Aggiungo la mia sull'utilizzo dell'energiua elettrica nel capo del condizionamento ambientale. Noi siamo quello che si può reputare un paese ricco e, soddisfatte tutte le necessità consumistiche primarie e secondarie, ora (e non certo da oggi) siamo passati a quelle terziarie o iperfutili. Un condizionatore d'aria prodotto in cina oggi costa meno di 150 euro completo di tutto. E' una nuova fonte di consumo per trainare la Nostra economia e distruggere quel poco di ambiente rimasto. Si condiziona ambienti inadatti a mantenere temperature basse utilizzando energia elettrica. Qui l'assurdo fisico. raffresco dentro e scaldo, di brutto, fuori. assorbo centinaia di kilowatt (e già per produrli si emette calore) e li brucio per abbassare di qualche grado un ambiente pensato esclusivamente per proteggerci a aftica dai ladri o al massimo dalla pioggia.
Le città come la mia, Bologna, già cementificate e asfaltate, d'estate raggiungono facilmente i 40° quando appena a due chilometri sui colli la temperatura è 5° inferiore...
Che mentalità perversa. Miglioni di motocondensanti che sparano nell'ambiente aria a temperatura tra i 50° e i 70° con assorbimenti di classe E o peggio (una legge che imponga la classe A!!!). Vibrazioni continue di fondo ad aggiungrsi all'inquinamento acustico usuale. Almeno di notte un tempo calava il silenzio; ora no, se accosti l'orecchio al muro si può facilmente percepire un rombo di fondo, ovunque. Che bello.
E' il solito concetto del proprio orticello; Basta che sia verde il mio, che gli altri muoiano pure. Raccontatelo ai vostri figli che il mondo è così anche grazie a papà.
grazie signor Grillo, continui nella sua impresa, ci aiuti ad aprire le fodere che portiamo sugli occhi.

carlo pierantozzi 28.07.05 10:28| 
 |
Rispondi al commento

ok ok è tutto vero , i potenti di natura sono infami
ma qualunque tipo di potere porta al infamia

noi , e sottolineo NOI
abbimo un grande potere , possiamo , con le nostre scelte,influenzare i fenomeni di massa.Grande esempio( lacrime e sangue) na televisione.Potevamo impedire a cose come il reality show di essere trasmesso ,le trasmissioni di gossip(già i vips del 2005 sono al 90%persone inutili,figuriamoci la destinazione delle loro vacanze) ,i cartoni animati ispirati a un giocattolo( era il contrario una volta) ,potevamo impedire che i presentatori dimenticassero l'uso della lingua italiana ( io sono giustificato in quanto informatico...loro no , PARLARE E COMUNICARE é IL LORO MESTIERE ) ...potevamo impedire queste e altre piaghe semplicemente cambiando canale ...scegliendo liberamente che la spazzatura non è uno spettacolo...
( ok ok ho punteggiato una kiavica , perdonametemi)


ci hanno lobotomizzato, dev'essere qualcosa nel acqua , o magari un parassita del cervello che produce andorine quando guardiamo il nulla+nulla...forse ce lo infilavano sotto la lingua insieme al vaccino della polio
ma io li frego, mio figlio lo vaccino come si faceva una volta...che resta la cicatrice ma non voglio che cresca così...

Giuseppe Iannone 25.07.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Perfetto!
Ora dopo le Banane ci sono anche le Slot Machine con il Bollino Blu!
che ne pensate di Drogherie con prodotti no OGM e di Mignotterie a DOCG !
Potremmo far emergere un po’ di sommerso,eliminare la microcriminalità e
risanare le casse dello stato.
Ragazzi qui si mette in serio pericolo l’imprenditoria Mafiosa!

Marco Ercolani 19.07.05 11:33| 
 |
Rispondi al commento

il problema è che non sappiamo più usare le parole......la parola che ha cambiato il mondo non riesce più a far cambiare noi
danila

danila tinivella 17.07.05 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Per il comune dove io abito, questa è la differenza tra pagamento in unica soluzione e pagamento a rate della tassa sui rifiuti:
Unica soluzione:
scadenza unica 30/11/2005 €211.11

Rate:
Prima scadenza 01/08/2005 €70.37
Seconda scadenza 30/09/2005 €70.37
Terza scadenza 30/11/2005 €70.37

Come si può vedere, il comune mi da la possibilità di pagare in tre comode rate ma prima della scadenza del tributo!!!

Antonio Cannelloni 16.07.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo avrei tante cose da raccontarti , da cui poi lei potrebbe facilmemnte e con la bravura che ti ha sempre contraddistinto fane una satira politica. Ma mi soffermo solo all'ultima che mi è accaduta in ordine di tempo.
HO AQUISTATO UN PACCHETTO PREPAGATO A SKY A 349 EURO PER UN ANNO , CONPRENSIVO DEL PACCHETTO BASE PIU A SCELTA IL CINEMA OPPURE SKY SPORT. QUESTO TIPO SI ABBONAMENTO VALE PER UN ANNO ED ALLA FINE IL CONTRATTO S'INTERROMPE AUTOMATICAMENTE. POICHè HAIME SONO TIFOSO DI CALCIO HO CHIESTO DI VOLERE AGGIUNGERE anche I PACCHETTI RIMANENTI E PRECISAMENTE IL CALCIO CHE COSTA 15 EURO IN PIU AL MESE.EBBENNE ECCO LA SORPRESA DELLE SORPRESE. LE 15 EURO AL MESE IN PIU CHE AVREI DOVUTO PAGARE MI SONO SEMTITO RISPONDERE CHE LA FORMA DI PAGAMENTO SAREBBE STATA POSSIBILE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE TRAMITE CARTA DI CReDITO. IO HO RISPOSTO , CHA LA CaRTA NON L'AVEVO E CHE AVREI POTTUTO PAGARE IN CONTANTI OPPURE TRAMITE BOLLETTINI IN UN UNICA SOLUZIONE MA NON CON LA CARTA DI CREDITO. Niente da FARE , AL CHE MO SONO LEGGERMENTE IC****TO RITENENDO E DICENDO LORO CHE QUESTA ERA UNA PROCEDURA PERLOMENO DUBBIA SUL PIANO LEGALE E COSTRITTIVA , COSE DELL'ALTRO MONDO UNA PERSONA VUoLE PAGARE IN CONTANTI E PURE IN ANTICIPO , MA LORO RIFIUTANO E TI COSTRINGONO A PRENDeRE UNA CARTA DI CREDITO.TI HO VOLUTO FAR SAPERE QUesTA COSA PERCHE TU POSSA FARCI una qualche BATTUTA DELLE TUE PERCHE3 LA DEMOCRAZIA SI è ANDATA A FAR FRIGGERE E DI QESTO PASSO RISHIAMO PROPRIO DI BRUTTO. Forza BEPPE SEI UNICO E STRAORDINARIO , UNO DI NOI .

NUCCITELLI MAURO 16.07.05 06:55| 
 |
Rispondi al commento

L'importanza delle parole: che ne dite della "crescita negativa"? O' ma siamo veramente ingrulliti tutti?????????
'caz vuol dire CRESCITA NEGATIVA???????????
e' quasi peggio della temperatura percepita .. cominciare a ridere in faccia a questi neologi?
ciao

Mimma Barbieri 14.07.05 14:19| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe,sai mica quante e-mail sono arrivate a ciampi x il ritiro delle truppe dall'iraq?
giusto x sapere quanti cittadini si"possono" ignorare.
6 grande

Chiara Poluzzi 08.07.05 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,
ho resistito fino ad ora a non scriverti ciò che penso, ma leggendo il tuo commemto sulle parole non posso trattenermi dal farlo.
Quale uomo politico, quale partito politico in Italia riesce a cogliere questo concetto? Il valore della parola.
Ora io scrivo in maiuscolo, modo che indica urlare sulla rete:
BEPPE, TU DICI CHE SEI UN COMICO. BENE CONTINUA A FARE IL COMICO MA DACCI IL VIA PER CREARE UNA RETE DI CIRCOLI IN TUTTA ITALIA, CHE FANNO RIFERIMENTO A TE. ORA SIAMO TANTI SINGLE, COSTITUIAMO UN BLOCCO E SCEGLIAMO DI FARE AZIONI CONGIUNTE. INTENDO AZIONI DI COMPORTAMENTO CIVILE CHE ESPRIMONO SCELTE PRECISE E RAGIONATE.
PRENDI QUALCUNO DI NOI E FATTI AIUTARE IN QUESTA OPERAZIONE. E SBATTILO FUORI APPENA SI PERMETTE DI USARCI. VEDIAMO COME VA. CI FAI STARE MALE SE TI LIMITI A FARCI RIDERE O AD INFORMARCI. HAI IL DOVERE DI RISPONDERE A QUESTA RICHIESTA CHE NON è SOLO MIA. QUANTOMENO HAI IL DOVERE DI MOTIVARCI UN NO.

Giacomo Carlucci 08.07.05 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Londra. Ennesima tragedia e questi pseudo gionalisti coi loro Tg fasulli e Studio aperto ( aperto a cosa proprio non lo so ) si preoccupano di informarci sui crolli degli indici di Borsa. Ma vergognatevi! Per fortuna grazie al Suo sito ed altri, fra i quali Nuovi Mondi Media (consigliato) e Greepeace ricerco le vere notizie. A Londra è successo di nuovo e temo che succederà di nuovo e in mezzo a tutto questo, il circo del G8 non si ferma e i tre B. sputano sentenze "...il terrorismo non vincerà" e "... per il bene della democrazia" bla bla bla (la guerra è dolce per coloro che la vedono da lontano - scrisse Erasmo da Rotterdam). Intanto il B. Yenkee ha già fatto sapere che è intenzionato a far archiviare, a suo vantaggio naturalmente, il trattato di Kyoto. FERMATELOOO! So che c'è una giustizia divina per cui
mi rimetto nelle mani di Dio anche se penso che ormai Dio non abiti più qui. Amo la vita, amo la mia famiglia, le persone che cercano di vivere nel pieno rispetto dei valori umani e in armonia con gli elementi della natura, amo tutto ciò che è arte e le cose semplici. Ma ho paura per i nostri figli per ciò che troveranno quando noi non ci saremo. Ogni secolo ha il suo medioevo e pare proprio che questo sia il peggiore fra tutti. Sono fiero di Lei e del suo lavoro, fiero di sapere che esiste una persona come Beppe Grillo, grazie. Con immutata stima.

cristian di blas 07.07.05 20:26| 
 |
Rispondi al commento

L'altra sera ho visto su Italia1 un servizio della trasmissione Lucignolo in riferimento al matrimonio di Totti.
Nel vedere le immagini del suo "bel" matrimonio ho visto una serie di auto che sfilavano per le vie di Roma scortate da auto della polizia e dai vigili urbani di Roma.
Anche nei pressi della villa,dove si è svolto il ricevimento, si vedevano tante di quelle forze dell'ordine che difficilmente si vedono in una normale strada di ogni città italiana.
La domanda che mi pongo con tanta rabbia è questa;E'mai possibile che un giocatore che guadagna miliardi deve essere scortata da agenti di polizia dello Stato pagate da noi cittadini?
Perchè non si prende delle guardie private pagate da lui o dalla società calcio Roma?
Nella nostre città il poliziotto di quartiere non si vede,ai matrimoni si.

Raffaele De Lucia 06.07.05 00:02| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Marco Ercolani. Anch'io avrei una ricetta simile senza essere un economista o un fiscalista. Ti domandi come mai un sistema così semplice ed efficace non sia ancora stato pensato dai governanti sia di destra che di sinistra ? Perchè le tasse, quelle vere , le pagano solo i lavoratori dipendenti e i pensionati che hanno reddito trasparente e l' economia italiana si fonda su questo. Un prelievo all'origine garantito per molti e per gli altri, compresi i liberi professionisti , il reddito creativo ! Qualcuno deve pagare i conti del ristorante dei parlamentari, e le vacanze del tuo dentista ! e loro mangiano e viaggiano tantissimo. Non vedo in futuro una coalizione politica che abbia interesse a renderci giustizia e sono arciconvinto che dopo le elezioni del 2006 con la vittoria presunta del centrosinistra, per noi sarà ancora peggio perchè non ci sarà più neppure quel barlume di opposizione fasulla che oggi c'è. E daltronde chi ha inventato per i nostri giovani il lavoro interinale e a tempo determinato, se non il governo di D'Alema ? Saluti e speriamo bene !

Marco Barberis 02.07.05 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Le parole sono importanti.

Proprio per questo le campagne pubblicitarie stanno cambiando il significato letterario delle parole mettendoci nella condizione di non capire più cosa realmente si intenda dire.

Faccio riferimento in particolare alla parola GRATIS che plubbicitariamente parlando sembra non significare più "dato in cambio di nulla" ma sia quantificato in €.

Quanto segue è un sms che ho ricevuto dal gestore di telefonia mobile "WIND"

"300 SMS al mese GRATIS PER SEMPRE dall'Italia verso cellulari Wind! Attivazione 8 Euro. Costo mensile 3 Euro. Per aderire rispondi NOI WIND SMS."

La domanda che mi sono fatto è, perchè scrivere Gratis per sempre se poi mi costa 3 euro al mese?
Perchè non essere più precisi e scrivere a costo ridotto?


Se Io dicessi all'amministratore delegato della wind che per me è un pirla e gli dicessi che per me la parola pirla significa che è simpatico sarebbe la stessa cosa?

Che fine farà la nostra lingua di questo passo?

Massimiliano Colista 30.06.05 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, ho letto sul "Focus"n°153(pagg.187)quanto segue:"La superconduttività? Costruire un elettrodotto superconduttore,capace di trasportare quantità enormi di corrente senza dissipare energia? Sarebbe l'applicazione più conveniente per la superconduttività(scoperta nel 1911 dall'olandese Heike Kammerlingh Onnes),il fenomeno per cui alcuni materiali annullano la resistenza alla corrente elettrica e temperature vicine allo zero assoluto(-273,16°C).L'ostacolo è che per raffreddare chilometri di cavo serve più energia di quella che si può risparmiare. Nei mesi scorsi,però,una società italiana,insieme con il Laboratorio materiali innovati e artificiali dell'Istituto nazionale per la fisica della materia(Infm),ha realizzato un filo in deboruro di magnesio di 1.583 metri(il più lungo del mondo):è un nuovo materiale che diventa superconduttore a-233,16°C. I ricercatori stanno pensando di produrre,nel deserto del Sahara,idrogeno ed energia elettrica usando l'energia solare,per poi trasportarli,entrambi nello stesso tubo,in Europa. La bassa temperatura necessaria per la supercondutività del deboruro di magnesio,verrebbe assicurata dall'idrogeno liquido."____________Cosa dire di tutto ciò:chè è assurdo e dispendioso da realizzare! Invece il sottoscritto ha da proporre una scoperta straordinaria >,non dispendiose le realizzazioni qualsiasì si voglia costruire . Non esiste nessuna resistenza,anzi-la resistenza viene utilizzata come energia primaria. La superconduttività nella disciplina specifica (con la scoperta)è la "Regina". I disegni propri e due prototipi ci sono per dimostare la semplicità di tutto quanto ho scritto in questa memoria. Aggiungo:che,la mia scoperta-rivoluzionerà tutto ciò che ora costa-perchè non è più sostituibile per la necessità di nostri giorni.Sia per l'energia sia per l'industria-deve essere rinnovato il principio dell'evoluzione-perciò non più petrolio>tutto funzionerà con l'elettricità. Questi sono i punti principali che sono preminenti per venirci fuori dalle difficoltà incombenti. Il resto c'è-ma non mi pronuncio,altrimenti mi giudicherai un matto se ti dico ancora che la scoperta andrà a stravolgere qualsiasì disciplina scientifica. Finalmente il grafico del DNA si potrà leggerlo fino in fondo,seguendo un suo circuito specifico e abbandonare quella ridicola forma di elica che non dice nulla! Caro Beppe,se hai dei dubbi-ci incontriamo-così ti faccio vedere il lavoro compiuto in 20 anni! Ti aspetto,abbi fiducia-faremo un bene per l'umanità. Sei sempre il solito simpaticone-ti abbraccio-ciao. Otello.30.06.05

Otello Anzivino 30.06.05 10:48| 
 |
Rispondi al commento


Oggetto: I SASSI...PATRIMONIO DELL'UNESCO!!!!
Salve, abito a MATERA /Basilicata/ città antichissima, città unica al mondo, abitata dal Paleolitico continuamente sino ad oggi.
Città con un patrimonio di tutti : I SASSI.
Ma purtroppo i ns. meravigliosi SASSI sono preda e vittima di chi ci amministra e delle AUTO. E’ un' annoso problema , ma credo che chi ci governa, e amministra dovrebbe intervenire,senza preoccuparsi di accontentare o scontentare. qualcuno SENZA CERCARE IL CONSENSO, QUELLO NON SI OTTIENE MAI . Le AUTO deturpano i ns. SASSI. I SASSI costruiti e pensati non certo per il transito delle auto. I sassi patrimonio di tutti e non di quelle persone che hanno avuto la fortuna di abitarci , ma vogliono avere anche di più LE “COMODITA’. AVERE la macchina parcheggiata sotto casa….non importa se è su un marciapiede, se è in un centro storico ANTICHISSIMO e preziosissimo, non fa niente se chi viene a visitarli deve fare la GIMAKANA tra le auto sul marciapiede e quelle che ti sfrecciano accanto. MA SCUSATE TANTO….
Non è una loro scelta vivere dove sono? Se volevano le auto sotto casa…… perchè non scelgono di abitare da un'altra parte , in periferia magari, come la maggior parte delle persone COMUNI che non ha la fortuna di svegliarsi la mattina in un posto così meraviglioso ? Non si rendono conto che rovinano quello che loro stessi avevano scelto per distinguersi da noi POVERACCI che abitiamo in condomini pieni di gente cemento e traffico? Possibile che a MATERA SI PAGHI IL PARGHEGGIO DELLE AUTO persino all’OSPEDALE , PERSINO NELLE STRADE MENO CENTRALI
e invece quei poverini che abitano in quella meraviglia che sono i SASSI non solo parcheggiano, ma addirittura GRATIS???Ma il colmo è che il Comune ha messo le linee bianche per i parcheggi proprio sui marciapiedi!!!
Bè diranno ….e dove se nò…Senza rendersi conto che qualche migliaio di anni fa i SASSI non avevano il problema di costruire parcheggi, ma usavano il MULO….
Ed è mai possibile che soIo a Matera esiste la PIAZZA DUOMO (del 1500) con le auto parcheggiate ? Io in una piazza DUOMO, ovunque sia andata non ne l’ho mai vista…!!! VERGOGNA e ancora VERGOGNA..per chi ci abita, perché se avesse CULTURA., e sicuramente non ne ha, dovrebbe per prima cosa rendersi conto , che se sceglie di abitare in un posto come quello a qualcosa deve pur rinunciare.
E VERGOGNA per chi ci amministra , perché non si rende conto che non si possono neanche visitare agevolmente, anche per i turisti.....non si può camminare sulla strada nè di giorno nè di sera, perchè passano,o meglio sfrecciano le auto, non si può camminare sui marciapiedi perchè sono PARCHEGGIO per le auto....!
Ma forse chi abita a Venezia (e paga fior di quattrini per il privilegio) oppure chi abita a Piazza Navona,o in un qualsiasi centro storico ,ha la macchina parcheggiata sotto casa? L'assenza delle auto non è uno svantaggio ma può essere un migliorativo della qualità della vita e chi vi risiede in cambio di una piccola scomodità ha il vantaggio di vivere in un posto del genere .SASSI ormai stanno diventando solo una proprietà privata di quelli che hanno avuto la fortuna..(e non solo quella) di abitarci? I Sassi Egregio sig. SINDACO,sono patrimonio di TUTTI...e non solo per quelli che ci sono voluti andare ad abitarci.!!!!!, Và RISPETTATO PER TUTTI ,anche e soprattutto per chi non ci abita.,per chi vieni a visitarli, sono la ns. immagine, il ns. SALOTTO BUONO. Sono il ns. punto di forza, l'unica vera risorsa per il turismo...Con quale criterio pensiamo di incentivarlo ? Come pensiamo di poter pubblicizzare qualcosa che viene tenuto male, che noi per primi non rispettiamo in alcun modo? Ci dovremmo vergognare tutti perchè questo accade...io trovo scandaloso che chi abbia l'autorità non intervenga..!!.Pensate che bello poterli guardare ed ammirare…goderli senza le macchine. Personalmente credo che non si voglia farlo perché manca il rispetto per la nostra stessa città Cordiali Saluti.

Luciana Ciuffreda 30.06.05 10:40| 
 |
Rispondi al commento

salve a tutti,

Vorrei segnalare uno dei tanti episodi di prepotenza mediatica che si può tranquillamente verificare in particolare su una rete Rai:
Ieri 24/06/05 è andata in onda la pubblicità oscena che dice di comprare solo roba di marca perchè in qualche modo quest'ultima ti è stata vicino e fedele tutta la vita!!
"...le marche...da sempre con te!"(si a succhiarti il sangue!)...
Poco dopo, al tg2 c'era un servizio su una rinbambita svedese che è stata multata 3300euro per aver comprato
occhiali contraffatti finto-gucci da un marocchino.....

Gli imprenditori anche quelli famosi producono a costo zero in paesi come la Cina oggetti che poi rivendono a in Italia con ricarichi assurdi....e noi???

noi non possiamo fare altro che pagare perchè se cerchiamo di risparmiare con dei ripieghi ci flagellano con le multe!!!
Il servizio sul tg è stato un monito, un ultimatum e non una notiziuola simaptica di quelle per riempire uno spazio del tg come la si voleva spacciare.
Il messaggio è stato:"dovete pagare, sottomettervi agli speculatori, solo a loro è permesso risparmiare a voi NO!"
che sistema di m***a!!!!
Il messaggio televisivo è sempre lo stesso :di fronte ai problemi, in particolare economici, gli unici
che devono rimboccarsi le maniche siamo noi Lavoratori.....fai girare l'economia!...spendi acquista la roba griffata!!...così siamo tutti più ricchi!
....e berlusconi aumenta il fatturato del 30% solo in questo ultimo anno che per noi è stato di crisi!
Marco

Marco Giusti 24.06.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

anche per oggi una bella operazione di maquilage in citta' non guasta.......ma il berlusca sotto il tappo del vasetto della nutella trovera' cioccolata o merda.........? .......................................................................patenti.meno bonus a parma e in generale al nord,
secondo me i dati non sono veritieri in quanto che al sud non vi sono i velox come al nord.
al nord tutti portano i caschi,
al nord vi sono molti piu' controli da parte delle forze dell'ordine
al nord le macchine sono tutte assicurate.
al sud per effetto(come in politica) parenti e conoscenti e molto piu' facile che le patenti non si toccano.....
e detto cio' si capisce che in italia ci sono 2 pesi 2 misure e 2 realta diverse.byby e' si oggi tutti contenti ( ) cominciando dalla gazzetta che avranno da riempire il giornale per i prossimi tre giorni per poi continuare con tutti quelli che accetteranno di appoggiare il berlusca per le prossime elezioni. e poi la sfilata dei finti industriali e per finire con quello dei trasporti ... che fara del ponte nuovo un suo gioiellino in attesa del nulla osta per quello ancora + inutile di messina e tutti gli altri che cercheranno di leccar per trarne vantaggio ...............ma il berlusca ci fa' c'e' o tutto quello che dice e.fido e company in tv dobbiamo ciucciarcelo e far finta di niente sapendo tutti quandi che sono solo balle quelle che ci raccontano...........perchè per certi aspetti i nostri politici ci ricordano chissa' perche' le facce gia' viste dal 1929 in poi sara' una clonazione?????.

angiolino benedetto 21.06.05 17:21| 
 |
Rispondi al commento

finalmente un bel sito!

valter mattiuz 21.06.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, e cari frequentatori del nostro blog preferito, vorrei segnalare a tutti un libro, difficile da trovare in quanto parecchio anziano: Vance Packard, "I persuasori occulti", Einaudi 1958! E' un trattato non solo riguardante i messaggi subliminali,ma più in generale le tecniche di manipolazione che le corporations applicano nei confronti di Noi FORMICHE. La cosa curiosa è che è uscito nel 1958, quando ancora la pubblicità poteva essere considerata una cosa sana. Secondo me il suo contenuto è estremamente applicabile ad oggi. Io ho 23 anni e ho trovato questo libro tra i cimeli di mio padre, me lo sono divorato. Se lo trovate ad una vendita di usato non fatene a meno. Ciao!

Claudio Carroccio 17.06.05 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe mi spieghi perchè io che vivo a cornigliano e tu sai benissimo dove si trova , debbo far fare il BOLLINO BLU ogni anno alla mia auto" controllare i fumi e scarichi " ma DEBBO RESPIRARE TUTTI GLI SCARICHI DELL' ILVA ? CHE COSA RIDICOLA IO NON DEBBO INQUINARE MA VENGO OGNI GIORNO INQUINATO.......


MEZZOCLONE

andrea carlino 15.06.05 11:16| 
 |
Rispondi al commento

ASSURDITA' TERMODINAMICA 1: scaldacqua elettrico...

si utilizza una forma di energia nobile quale è l'energia elettrica per... scaldare l'acqua...

quindi, in pratica, il "sistema occidente" affronta dei costi di produzione dell'energia elevatissimi, diretti e indiretti... guerre, scorie nucleari, inquinamento d'ogni genere, ecc...

PER FARSI LA DOCCIA CALDA!!!

noi utilizziamo energia nobile (energia elettrica), per produrre calore, il che già è una cosa poco furba! come se non bastasse prendiamo il calore prodotto (l'acqua calda), e lo gettiamo via! energia prodotta con costi elevatissimi, pagata, presa e gettata via!

ma che cxxxo siamo, deficenti?!

BANDIRE GLI SCALDACQUA ELETTRICI, PER SEMPRE!

Dario Pecoraro 11.06.05 01:33| 
 |
Rispondi al commento

Errata corrige: non 4000 euro a testa ma 400!!!! Eccheccavolo!

Silvia Malavasi 10.06.05 22:05| 
 |
Rispondi al commento

[LUNGO, MA LEGGETELO]
Innanzitutto GRAZIE. Grazie a Beppe Grillo per le sue parole ed ai suoi esempi pratici che mi hanno dimostrato innanzitutto che non si può e non si deve solo parlare, ma soprattutto fare. Grazie per le informazioni sui cogeneratori e sulle auto ad idrogeno che mi hanno fatto cercare tra il web le soluzioni che io in prima persona potevo attuare (e adesso ho una macchina a metano, un progetto di quasi-elettro-autonomia ed una discreta connessione ad internet senza pagare un telefono fisso). Grazie perchè è anche con il suo aiuto morale che io e il mio ragazzo abbiamo cambiato la nostra vita in una che neanche da lontano potevamo immaginare. Grazie anche a Jacopo Fo che ci ha ugualmente ispirati e moralmente incoraggiati. Ora vivo bene, come un essere umano e non come un dato statistico, sono felice alla faccia di questo squallidissimo casino post-moderno e faccio meno danni possibili. Non so se la mia esperienza sia ripetibile nè se piacerbbe a tutti, però è come minimo la dimostrazione che un altro modo di vivere è possibile! Io e il mio ragazzo avevamo una laurea a cranio prese lottando soprattutto con la burocrazia e la stupidità del sistema accademico e un futuro davvero incerto (vedi precariato a vita). Vivemamo a Roma in una casa che ci portava via una quantità spropositata di soldi, in un buco disumano, con ricevitori satellitari sulla testa, coi clackson, con lo smog, con tre quarti d'ora di motorino sotto il sole o la pioggia per raggiungere il posto di lavoro, con lo stress di una grande città, con l'angoscia di dover crescere dei figli in questo ambiente disumano e pericoloso. Sto esagerando? All'epoca forse lo avrei giudicato un criticismo esagerato, ma da qui, cari cittadini, la vostra vita mi sembra folle. Abbiamo mollato tutto e ci siamo dati all'agricoltura, il che significa pochi pochi soldi e tanta paura di non farcela, di essere inadeguati, di investire in un'attività ufficialmente "in perdita". Abbiamo rispolverato la terra di famiglia e siamo venuti a vivere qui in Umbria, in un casale che più che un'abitazione è un rudere. Abbiamo passato quest'inverno (il più freddo di tutti i tempi.... seee....) senza vetri alle finestre e senza riscaldamento se non il vecchio camino che tira pure poco, rimediando qua e là la legna. Lo scarico del bagno funziona a secchiate, conviviamo con ogni tipo di insettini, abbiamo avuto il frigorifero la settimana scorsa. Ci laviamo in palestra perchè non abbiamo l'acqua calda. Ora comincerà la ristrutturazione ma nel frattempo SIAMO STATI BENISSIMO!!! In certi periodi siamo andati avanti con 4000 euro al mese a testa. A volte spendevamo troppo e ci rimanevano per finire il mese 2 euro al giorno. Abbiamo comprato molto pane che costa poco e nutre molto. Ora abbimao l'orto e i polli. Un pollo da crescere costa 1 euro e mezzo, una gallina che ti fa un uovo ogni due giorni ne costa 2. L'acqua la prendiamo alla fontana ed è quonissima. Abbiamo un panorama bellissimo, percepiamo il cambio delle stagioni. Ci siamo resi conto che ci sono tante di quelle cose che crescono e che muoiono in natura che in città non avrei mai immaginato. Ho scoperto tante cose. Ho riscoperto lo spazio, i prati. Il cielo non è quel fazzoletto che trapela dai palazzi. In primavera le piante profumano. Il freddo è freddo e il caldo è caldo. Per abbronzarsi non ci si sdraia a luglio in spiaggia, ci si abbronza a stare all'aria aperta da maggio. Il frigo non è qualcosa di strettamente necessario. Si può fare un'antenna della tv con un pezzo di ferro e uno di rame e prende benissimo. Il mal di testa non è una cosa normale. I polli sono animali stupidissimi. la natura fa nascere e uccide continuamente e lo fa in maniera bella ed efficentissima. Un seme nella terra viene su che è una bellezza. La gente si può benissimo conscere per nome e cognome ed è meno scema di quanto non si pensi. La cocacola ha mille alternative gstosissime. Le fragole comprate nei negozi NON SONO FRAGOLE. L'insalata ha un suo sapore proprio. Ma soprattutto le stagioni... le mezze stagioni sono incredibili! Ogni giorno è diverso e non puzza. Roma puzza oggettivamente e assolutamente. Puzza tanto che non credo sia un posto dove gli uomini debbano vivere. La gente che incontri a Roma è incazzatissima e non riesce a essere critica. I bambini sono zombie. Qui i bambini hanno le guanciotte e non hanno bisogno di spiaccicarsi davanti alla tv per divertirsi. Le lucciole esistono davvero. Tutte le sere. Questa è a mia vita adesso. E' diversa. E' più bella di quanto non immaginassi da Roma. E' un'altra cosa. Non riesco più a pensare di rivivere come vivevo prima, sono un animale diverso in un ecosistema diverso: quello fatto per l'uomo. Se volete scrivermi ne sarei felice. Spero di poter essere utile come altri sono stati utili a me. E' questione di informazione. La mia mail è sugna24_levatequestoantispam_@yahoo.it
Ciao e GRAZIE!!!

Silvia Malavasi 10.06.05 22:02| 
 |
Rispondi al commento

SVEGLIARE LE COSCIENZE

Per andare oltre il “muro del pianto”, cioè fare circolare informazioni, bisogna rendere la gente consapevole. Immaginate che mille persone vengano informate, tra questi ci saranno gli indifferenti, i rassegnati, ci saranno coloro che negano, pure coloro che non sono capaci di sopportare ne vizi, ne rimedi …reazioni diverse, di ogni tipo, ma ci sarà anche chi vorrà sapere, chi agisce.

Per non stare solo a mugugnare o rassegnarsi, del tipo “tanto il paese si rialza sempre, si rimette tutto a posto”. No! Non si aggiusta niente, da solo. Siamo in balia dell’homo politicus, con i suoi perenni discorsi incomprensibili e inconcludenti, dei continui pro e contro falsi, che fingono cambiamenti.


Intanto qualche piccolo rimedio c’è già,
ad esempio,

- prediligere i libri, ai giornali(magari leggerli al bar), ecco il sistema per sapere di più, tenersi informati e approfondire gli argomenti che interessano.

- FARE UNA VITA A COMPLETO DIGIUNO DI CALCIO, cioè sostenere la squadra del proprio paese o della parrocchia, dei dilettanti, o al massimo le squadre minori)
ad esempio, se lo si desidera, sprecare le proprie corde vocali e urlare solo quando serve(mi riferisco alle pietose e tristi false liti in studio di certe trasmissioni), cioè, ad esempio, quando c’è la figlia che gioca a pallavolo, o il nipotino che gioca nei pulcini…non giocare al totocalcio.

- Prediligere altri sport(e farli magari, così si sottrae tempo alla televisione)

- Boicottare tutti i prodotti delle grosse industrie e reclamizzate in tv
acquistare quelli artigianali, i “nostrani”.

- Guardare solo programmi culturali, divulgativi (sempre con critica e attenzione), se si riesce spegnere la tv.

- Non pagare il canone, perché pagare per un disservizio.

- Non giocare al lotto.

- Votare solo ai referendum, e lasciare scheda bianca quando si vedono facce che danno il voltastomaco. Infatti a ogni votazione siamo alle solite, il potere del parlamentarismo si manifesta attraverso vecchie e nuove facce alla ricerca di voti. Quindi mai votare turandosi il naso, è pericoloso e dannoso, per se stessi, ma soprattutto per i propri figli e pronipoti, ecc.

Riprendiamoci l’Italia di Raffaello, Michelangelo, Cellini, di Dante, Petrarca, di Verdi, Rossini, Puccini … l’Italia che ci appartiene, l’Italia degli scienziati, degli scrittori, letterati, filosofi, degli esploratori, di Giordano Bruno, anche dei politici. Si! Politici, quelli veri, come de Gasperi, …, … insomma l’Italia eterna, infinita, riprendiamoci e rivolgiamoci all’Italia che ci hanno rovinato, che hanno fatto scomparire e che ormai appartiene agli stranieri. Lasciandoci l’Italia che non ci piace, l’Italia carica di difetti, falsa.


Eppur si muove,

andy


andrea cavariani 10.06.05 08:29| 
 |
Rispondi al commento

Ho la presunzione di scrivere interpretando il pensiero di milioni di italiani preoccupati della situazione economica, finanziaria e politica del paese.
Economica, perche' i livelli
retributivi,le pensioni attuali e
quelle future non permettono una vita compatibile con la maggior parte degli
italiani. Finanziaria,
perche' la perdita di competivita' e di sopravvivenza delle grandi, medie e
piccole imprese, e'
drammatica: stendiamo un velo pietoso sui politici al potere e su quelli in lista
d'attesa per diventarlo.
Ma pensiamo anche alle banche, alla scalata in esse di gruppi stranieri,la cui
logica chiarammente e' una logica di profitto e di potere. Pensiamo all'euro in evidente pericolo,anche a seguito degli ultimi avvenimenti, e' vero esprimenti una opinione sulla costituzione europea, ma, sotto le righe anche sull'euro.
L'Inghilterra non e' mai entrata nell'euro e questo e' un terribile monito.
Ammetto che l'analisi e' spietata, ma non si vedono uomini e soluzioni che possano intravedere
una via d'uscita. Comunque speriamo che la Gente si accorga di tutto questo prima che il sole tramonti.

Barbara Pacetti Bustini 09.06.05 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissimo Signor Beppe, sono emozionata! E' in assoluto la prima volta che accetto di intervenire in una o più discussioni e di dire la mia. Grazie a Lei e al suo spettacolo che ho visto in dvd ho aperto gli occhi. Sono stufa di essere presa in giro e voglio fare qualcosa, voglio dire la mia, voglio essere presente. Non voglio più essere una tra la massa (anche se non lo sono mai stata). La ringrazio di avermene dato l'opportunità a me e a molti come me. Ho visto le risposte di tanta gente che è stufa di essere massificata in una presa in giro generale. Questa volevano solo essere delle righe di ringraziamento. Mi aspetto una felice continuazione di libera comunicazione! Grazie ancora! Francesca

Francesca Cremonesi 08.06.05 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Il 1° giugno ho scoperto come intendono coprire il debito pubblico.
Mi sono recato di buon mattino al Comune della mia città (Salerno) per le pubblicazioni di matrimonio (la cd. promessa di matrimonio).
Avevo già sentito qualcosa circa gli aumenti delle marche da bollo, ma non vi avevo prestato troppa attenzione. Al comune, neppure il solerte impiegato sapeva nulla, e siamo stati noi ad accennargli qualcosa. Per averne conferma si è collegato al sito del sole24ore e ha scaricato un articolo di giornale (quindi non sono state emanate circolari dal capo ufficio o comunicazioni ufficiali simili).
Avendo già comprato la marca da 11,00 euro, ho dovuto integrare con 3 marche da 1,29 il cui totale è 14,87, rispetto ai 14,64 o giù di lì dell'importo delle marche. Quindi oltre all'aumento ho anche dovuto pagare un arrotondamento perchè le marche da bollo nuove non esistono in circolazione.
Ho fatto alcune riflessioni.
O esiste una totale disorganizzazione per cui si emette una legge senza prima curarsi dell'organizzazione interna o, peggio ancora, è tutto voluto per cercare di svuotare i magazzini delle marche esistenti e guadagnare anche sull'arrotondamento, chiaramente a danno del cittadino.
Luca

luca marino 07.06.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

un consiglio per tutti, adulti e adolescenti, per tutti coloro che credono nell'importanza del linguaggio e non solo della comunicazione, per i prevenuti nei confronti delle "nuove" forme di diffusione di messaggi, per chi è stufo di sentire solo canzonette, per i retrò, i poetici, gli idealisti, i realisti, i convinti e gli indecisi e per chi ha bisogno di una bella confezione altrimenti si annoia anche del contenuto, per chi vuole ascoltare e non solo sentire, per chi balla al ritmo del cuore della comunità e non solo del proprio, per chi ama i cantautori vecchio stile e per chi è sempre al passo con la moda: Frankie HI-NRG, 3 dischi in 12 anni perchè ci ha pensato, non ci ha mangiato!
°verba manent
°la morte dei miracoli
°ero un autarchico
un godimento per orecchie e testa e tante citazioni "colte", che non fanno mai male!
ciao a tutti
*potere alla parola!*

simona di giorgio 06.06.05 17:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
a proposito del linguaggio, ho il piacere di invitarTi alla lettura di un libro scritto da un italiano Stefano Re (Criminologo) dal titolo inqiuetante:))
MINDFUCKING OVVERO L'ARTE DI FOTTERE LA MENTE:)
edito da CASTELVECCHI.
Qui di seguito uno stralcio della presentazione del libro presa dal sito http://www.skorpio.net/boo/mf/index.html

"Negli ambienti di lavoro o nei sentimenti, in famiglia o tra amici, al bar come a scuola, c'è sempre chi sta agendo per manipolare la nostra mente. Esistono vere e proprie strategie studiate per ottenere questi risultati, strategie applicate dai più vari soggetti e per le finalità più diverse nel corso della storia del genere umano.
Dagli interrogatori della CIA e del KGB all'Inquisizione, dagli imbonitori televisivi ai guru della new age, dagli addestramenti militari all'influenza dei mass media: richiamo sessuale, terrore, isolamento, ipnosi, uso di droghe, privazione sensoriale, tortura, disorientamento, controllo dell'ambiente, associazione stimolo-risposta: tutti i modi in cui è possibile modificare la percezione della realtà della nostra mente.
Fini politici, religiosi, lo sfruttamento economico o sessuale, o la semplice ansia di potere spingono singoli, enti, apparati statali ad usare questi metodi per influenzare e modificare il pensiero altrui. Un condizionamento le cui tracce compaiono ovunque nella vita quotidiana, mostrandosi nitidamente in condizioni "estreme" come nelle carceri, negli interrogatori di polizia o nella detenzione dei prigionieri di guerra, fino a raggiungere i tremendi parossismi dei gulag sovietici o dei lager nazisti.
Uno studio inquietante e rigoroso, supportato da fonti e sperimentazioni scientifiche ma al tempo stesso facilmente accessibile anche ai profani di psicologia e sociologia, che disegna la mappa dei condizionamenti cui la mente umana può venire sottoposta e le più efficaci strategie per contrastarli."
Buona lettura:))
il guerriero poeta

roberto berera 06.06.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe:)

Tu hai detto:"Cultura: il furto delle parole.
Le parole devono far paura.
Ci sono mondi dietro le parole, ci sono cose.
Se ci cambiano le parole, ci cambiano il mondo. Ci cambiano la vita"
Vorrei continuare a tessere con filo di seta questo Tuo pensiero con il dire che il potere della parola condiziona la costruzione del modo di vedere il mondo, di interpretarlo, di viverlo, di costruirlo.
Bene perchè se è vero che le parole ci cambiano il mondo, allora cambiamo le parole, il linguaggio.....è come una sorta di disintossicazione da tutti quei concetti,parole modi di dire, luoghi comuni. Facciamo spazio nelle nostre menti. Facciamo spazio e ricominciamo a parlare con la forza dei nostri cuori. Il linguaggio del cuore.
Facciamo posto per accogliere la forza innovatrice dell'amore incondizionato.
Spiazziamoli usando un linguaggio che tende ad unire i nostri cuori, un linguaggio che abbia la forza di farci saltare le barriere, che abbia il senso della cooperazione, dell'unione, delle cose vere. Un linguaggio che riapra la facoltà del pensiero più nobile, che ci porti in alto....Un linguaggio che disarmi, che faccia posare le armi della scimmia ancestrale e ci faccia prendere la fiaccola della ragione, un linguaggio capace di riaccendere gli animi, un linguaggio capace di contenere la passione dei nobili cuori, dei semplici...un linguaggio che ci faccia sognare di nuovo. Un linguaggio che ci possa far divenire uomini dal cuore caldo
Un abbraccio dal guerriero poeta

roberto berera 06.06.05 15:09| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe mi emoziona scriverti ho stretto la mano a tanti personaggi grandi ,almeno per me cito berlinguer enrico ma vorrei sapere perchè di un grande giornalista rai manuele rocco non si sa piu niente neanche su internet ne negli archivi rai in rete credimi questi è stato un grande giornalista + di quanto sappiamo egli ha rinunciato ad uno sitpendio da nababbo alla rai pur di continuare a dire cio che pensava giusto dire fammi sapere tu qualcosa se hai materiale di m.rocco ciao grazie continua cosi

salvatore russo 02.06.05 23:40| 
 |
Rispondi al commento

D'accordissimo con la "messa in campo" del Beppe Nazionale!!!Circa una settimana fà,mi è venuta in mente la stessa idea,...perchè no?Secondo me potrebbe essere la persona giusta,al momento giusto,nel "posto" giusto!!Avrebbe una marea di voti,proprio per il suo essere come Noi,sarebbe il "nostro" salto del fosso!Viste le prossime elezioni,perchè non iniziamo insistentemente,a chiedergli di CANDIDARSI?....Insomma,ci è riuscito il "Bambino cattivo"!!(Mandiamolo a casa!!!!)

simonetta gastaldi 01.06.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento

carissimi amici,qualche sera fa' ho visto il camorrista,film sulla camorra e mi ha colpito l'organizazzione :quattro rubagalline che,grazie alle capacita' di una persona ,si organizzano e diventano (societa')incarichi precisi,organigramma definiti e via dicendo.
allora io dico ,visto che i nostri (?)politici
pensano solo alle loro occasioni e pensioni,visto che la protesta e' forte,giustamente,perche' non saltiamo il fosso e prendiamo coscienza della nostra forza e facciamo qualcosa di concreto,non solo avvelenandoci il fegato dall'ira con le parole ma,con i fatti.
io ritengo che una persona come il grande beppe
ci possa rappresentare davvero ma,diamogli le armi per farlo al meglio cioe' votiamolo.
nel parlamento italiano ci sono state perfino pornostar,forse e' giunto il momento di una persona seria:beppe nazionale

francesco profeta 01.06.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

errata corrige! come ampliamento al mio precedente commento sull'uso improprio volontario delle parole.consigliavo di leggere gli atti veri e propri, ma quelli ovviamente non li trovi. trattasi infatti di una recensione degli Atti del simposio sull'inquisizione del convegno svoltosi in Vaticano fra il 29 e 31 ottobre 1988, e pubblicati solo nel Giugno 2004 curata dello Studioso di Storia Adriano Petta e pubblicata sull'inserto "ALIAS" del "Manifesto" dell' 11/09/2004.
grazie ciao beppe!

julien spicocchi 27.05.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

vorrei farvi conoscere una mia riflessione sul fatto che con le parole ti deviano già da piccolo; "se non mangi viene l'uomo nero!"
mi domando che sensazione dia incontrare un fratello africano ad un bambino vivace al quale tutti i giorni viene fatta la stessa "minaccia". è stato messo in terra il seme della xenofobia. è più facile plasmare menti che già hanno...incubato parte del messaggio. i grandi manipolatori risolvono il problema alla radice. sarà più facile dopo convincerti che i neri sono i cattivi se da quando hai tre hanni te la fare addosso per una sagoma (per forza nera!ndr) nella tua stanza!
comunque la mia riflessione era principalmente riferita ai permessi di lavoro.

fin dalle prime esperienze lavorative ciascuno di noi impara che quando si ha bisogno di un giorno libero per qualsivoglia motivo personale bisogna "chiedere il permesso" con ampio anticipo.
anche in questo caso con subdola psicologia te lo mettono nel .... fin dall'infanzia, per fare qualsiasi cosa dovevamo chiedere il permesso ai nostri genitori, giusto? questo presupponeva una risposta negativa o positiva e sottolineava il potere decisionale del "grande" sul "piccolo", cosa sacrosanta nel tipo di situazione sopra descritta, ma attenzione!
sul lavoro non è la stessa cosa! anche se se dice nello stesso modo (in una lingua meravigliosa e vasta come l'italiano alle coincidenze non ci credo.ndr)
quando ti serve un giorno il tuo "chiedere il permesso" non presuppone una risposta dall'alto,
ma è semplicemente un... "mettere al corrente"... punto! salvo eccezioni a seconda delle situazioni, delle responsabilità, etc nessuno deve dirvi si o no, ma semplicemente prendere atto della vostra futura assenza!
chi sono gli inventori di questo metodo? di questi diabolici messaggi subliminali? di questo fott..ci da talmente lontano da nemmeno accorgersene?
coloro che erano i soli ed unici beneficiari della cultura. la chiesa, la quale addirittura perseguitava i pochi istruiti perchè provavano da soli a leggere le sacre scritture invece di ascoltarle dalle abili bocche dei preti i quali ovviamente cambiavano linguaggio a seconda degli interessi del momento.omissis

alla morte di giovanni paolo II la gente si è riempita la bocca di frasi come: "ha compiuto un gesto unico: ha chiesto scusa all'umanità per i crimini commessi dalla santa sede in tutto il mondo", ma anche qui attenzione. leggetevi gli atti del SIMPOSIO INTERNAZIONALE SULL'INQUISIZIONE del 1998 e giudicate voi.
caro beppe, mi piacerebbe tanto sapere cosa ne pensi tu riguardo alla chiesa.
nel mio piccolo sto cercando di scrivere uno spettacolo a tema con un bel rogo sul palco e il comico che all'inizio blatera frasi incomprensibili a causa di una MORDACCHIA che gli serra le labbra!omissis

ciao a presto
julien

julien spicocchi 27.05.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti,
vediamo se riesco a "sfruttare" il blog di Beppe ad uso personale e in modo concreto.
Ho deciso di cambiare banca e di trasferire i miei soldi (cmq pochi!) presso una banca che abbia un conto corrente zero costi e anche zero interessi(tanto per quello che prenderei..).
Per ora ho trovato solo "conto aperto" della Unicredit.
Qualcuno può darmi una mano?
ringrazio chiunque si faccia avanti.
grazie

marta montini 26.05.05 18:01| 
 |
Rispondi al commento

correzione: editore Laterza. scusate.

gigi moroni 25.05.05 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei consigliare un libro: "l'ombra del potere", di David Lane, editore Feltrinelli. Lane é un corrispondente dell'economist, in Italia da parecchi anni. Bel panorama dell'Italia dei nostri giorni, ovviamente incentrato sulla figura del nostro glorious leader.
A Milano non sono riuscito a trovarlo (!), l'ho trovato a Teramo.

PS
Beppe sei un grande, se vivessi in Italia ti verrei a vedere ovunque. Continua cosí!

gigi moroni 25.05.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

i manifestanti del G8 non erano pacifisti ma disubbidienti.
ho visto un documentario di una tv americana PBS,WIDE ANGLE il titolo della trasmissione,dove ai giornalisti rai veniva chiesto di cambiare la parola pacisti con disubbidienti.

Paolo Mori 25.05.05 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Ti segnalo due (tre) parole degne di attenzione:
diritto d'autore. La SIAE sta distruggendo ogni voglia di fare arte. Per chi in questo campo lavora è un problema enorme.
Quello che dovrebbe essere una proprietà inalienabile è diventato un banale fatto speculativo. A Milano esiste un signore che possiede tutti i diritti sulle opere di Brecht. Ti consente di mettere in scena Brecht solo a suo gusto e contro il pagamento di cifre iperboliche di "diritti" che, di fatto, impediscono che los pettacolo avvenga. Ed è solo un esempio...
Se volete altre informazioni, scrivetemi.
Intanto complimenti e avanti così!
Francesco Pazzi

Francesco Pazzi 23.05.05 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Volevo semplicemente dire che qui in Molise il terremoto è servito solo a dilapidare milioni di euro e ancora non si è visto nulla. Perchè non torni sull'argomento? E' uno scandalo.

Pasquale LICURSI 23.05.05 08:22| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe , peccato che non vivi in quest'isola felice che è la città di Bolzano,dove per poter trovare lavoro pubblico o sei tedesco o straniero ( che sa il tedesco),perchè se sei italiano devi avere il patentino di bilinguismo nache per spazzare i marciapiedi.Pensa che si sono lasciati scappare un primario dell'ospedale,perchè non aveva il bilinguismo,come se un cancro al cervello ti parlasse in qualche lingua...Abbiamo il presidente della giunta provinciale che è un fanatico cacciatore,e quando è "espatriato" un orso,forse due ,dall'Adamello -Brenta,(orso ivi introdotto da qualche pirla che pensa ancora che certi animali possano riconoscere confini imposti da noi umani,e che invece zuzzurellano in giro per i masi di montagna a sventrare pecore-finchè va bene-e a spaventare la gente),invece che pensare a farlo narcotizzare e "rimpatriare",si è fatto bella pubblicità dicendo che era meglio abbatterlo.
Poi a Bolzano abbiamo un assessore provinciale che,in campagna elettorale,si è adoprato ad invitare telefonicamente tutti i suoi sostenitori,per mezzo della sua galoppina,che a sua volta fa parte di una specie di cosca pseudoreligiosa o qualcosa del genere,ad un Party,dal quale mi son guardato bene dall'andare,e poi,sempre telefonicamente la stessa galoppina invitava e indicava a votare per il suddetto assessore,come ringraziamento per il Party offerto ( forse...?).
Ma in che caspita di mondo viviamo..
Noi siamo giornalmente a contatto con persone che mangiano insieme a noi prodotti che la merda potrebbe guardare con ribrezzo,e di questi prodotti il mondo è pieno.Nel sud del mondo muoiono di fame,perchè,invece di spendere i soldi per comprarsi da mangiare si comprano le armi...
e ancora:dai discorsi di qualche miserabile,sempre politico,chiaro,percepiti una sera,dei quali però non ho riscontri audio,ho captato questo:"Se in Africa i mòre de fame,ghe compremo ,invezze che le scatolette de carne e il latte,che i costaaa cari,il magnàr dei cani e dei gatti.Tanto con la fame che i g'ha nò i se ne ascorze miga...e poi l'è l'istes beneficienza!".
Dio ,(se esisti),quanto mi vegogno per costoro..
Ma tu Beppe non ti fermare,che il tuo popolo sarà sempre con te.

andrea fasoli 23.05.05 03:32| 
 |
Rispondi al commento

approfitto di questo spazio per farle i complimenti per....tutto!
ho assistito al suo spettacolo pochi giorni fa in quel di pavia come membro di croce rossa.. mai vista così tanta gente ad uno spettacolo!!
la cosa che più mi ha colpito è stato notare due tipi di risata. quella "allegra", che nasceva dalle battute comiche, e quella "amara", quando messi di fronte allo schifo del nostro amato paese, si rideva per non piangere...
comunque continui così..
questo sito e il suo esempio son la prova che in italia non tutti hanno ancora portato il cervello all'ammasso.

Ferdinando Fichtner 20.05.05 16:58| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe sono Massimiliano. Io scrivo testi musicali che comprendono sia musiche che parole.
Suono in una band e vorrei (visto che sto mandando i miei pezzi in giro)tutelare le mie opere...Esiste un modo che non sia SIAE o comunque qualcosa che mi garantisca l'intoccabilità delle opere e che non mi sveni economicamente?
Mi hanno consigliato di depositare tutto al copyright di washington perchè (dicono) che tutte le opere vanno a finire li e sono super tutelate con un costo si ma non eccessivo.
Non so a chi di fiducia affidarmi..per favore aiutami.

Massimiliano D'Oscini 19.05.05 16:23| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, ho visto il tuo video al processo fininvest.
commento: hai ragione sei un punto di riferimento o per meglio dire ... una "controtendenza" e devi continuare ad esserlo
... quindi in bocca al lupo per il tuo lavoro e grazie.

savina arpini 18.05.05 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Assetato di metà un terrorista segaiolo ti offre la sua conoscienza.

Emris Cipriani 17.05.05 20:13| 
 |
Rispondi al commento

Anche a mio figlio stava per essere diagnosticata la Sindrome da iperattività...solo perchè ha voglia di vivere e non sopporta le ingiustizie che ritiene gli siano fatte (viene preso in giro, lui reagisce arrabbiandosi, le maestre rimproverano solo lui e dicono di ignorare chi lo prende in giro senza fare nulla) o segue il filo delle sue fantasie invece di stare attento a scuola (non ha comunque problemi di apprendimento ed è bravissimo, memoria prodigiosa!). Qualunque genitore o bravo maestro non può che ridere dei test che fatti a noi e a mio figlio per valutare se era iperattivo. Ad es. "Sa giocare quietamente?" ma quando mai i bambini non fanno rumore giocando? Vi ricordate lo "state buoni, se potete" di s.Filippo Neri rivolto ai suoi orfanelli? Oppure "Si distrae facilmente mentre svolge un compito?" sfido chiunque a non distrarsi MAI anche se è molto concentrato! Guarda caso la sindrome è stata elaborata negli USA, dove se non sono tutti "irregimentati" e "politically correct" sono sicuramente degli alienati. Guarda caso si è trovata subito la "pillola" giusta per tenere sotto controllo questi pericolosi soggetti che sono i bambini troppo vivaci e ribelli! Mia zia (vecchia maestra) dice di aver avuto scolari veramente terribili che rendevano spesso le lezioni difficoltose e adesso sono stimati professionisti e ottimi padri di famiglia!
Prima di scoprire nuove patologie psichiatriche cercate di intervenire su quelle serie che già esistono (tipo l'autismo) e per le quali il Sistema Sanitario Nazionale NON FA ASSOLUTAMENE NULLA!
Giovanna

Giovanna Corona 17.05.05 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Sulle PAROLE...
Oggi si legge sui giornali che il Governo vuole inserire una nuova tassa sulle rendite.. Una tassa patrimoniale in poche parole.
Ebbene la definiscono "UNO SPOSTAMENTO DI RISORSE".
Non so se piangere o ridere

Gabriele Bernabini 17.05.05 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
ti voglio segnalare tre libri, che magari non hai ancora letto e che penso ne valga veramente la pena.

Il primo si intitola "L'epoca delle passioni tristi" di Benasayag e Schmidt, edizione Le collane del sapere Feltrinelli, il secondo sempre di Benasayag insieme alla povera Froncoise Aubenas si intitola "Resistere è creare", il titolo mi sembra si addica parecchio alla tua figura, il terzo è uscito solo in francese ma mi auguro possa essere tradotto entro breve in italiano, si intitola "Mecreance e discredit", in italiano potrebbe essere "miscredenza e discredito", di Bernard Stiegler, filosofo e direttore dell'IRCAM di Parigi. Su internet puoi ovviamente avere molte più informazioni su questi tre testi.

Ti saluto

Diego Pietrafesa

Diego Pietrafesa 16.05.05 13:17| 
 |
Rispondi al commento

In quesi gg si sente parlare ai tg di RECESSIONE, l'europa è preoccupata per l'italia. recessione significa POVERTA'. personalmente sono in recessione da almeno 2 anni.
sono giovane, laureata e ovviamente non ho il "posto fisso" ma lavoro con partita iva. gran parte di quello che guadagno lo tengo da parte per sganciarlo trimestralmente attraverso un F24.
Figlia di un bancario e un'insegnante sono cresciuta con la convinzione che i liberi professionisti sono quelli che non pagano le tasse e che mandano a rotoli il paese.
oggi, nel lavoro, mi confronto quotidianamente con ambienti quali le banche e le amministrazioni pubbliche e vedo molte, troppe persone che rubano lo stipendio. Vedo che i clamorosi servizi di striscia non sono così rari nella realtà, leggo gli atti del processo di Marta Russo e scopro che l'usanza all'università la sapienza è che il primo che arriva timbra tutti i cartellini e così fa l'ultimo. Vedo donne che stanno in maternità per 2 anni e poi si lamentano perchè non fanno carriera...
I diritti acquisiti dai lavoratori sono sacrosanti, ma introdurre un po' di meritocrazia non guasterebbe soprattutto in riferimento all'attuale situazione economica. Forse basterebbe che tutti (o quasi...) producessero abbastanza da giustificare i soldi che gli arrivano a fine mese.

Annalisa Bosco 16.05.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Una persona disse: L'intelligenza ha dei limiti, la stupidita' no!
Ti voglio bene Beppe!!!
Maurizio, Rimini.

maurizio marioni 16.05.05 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, al muro del pianto bisognerebbe far piangere "loro"! E' ormai più che evidente la volontà di ricacciare la donna ai fornelli e a far figli, l'attacco forsennato scatenato da Ruini&C contro il diritto d'aborto e il referendum parla chiaro. Del resto era già chiaro dall'ultimo documento elaborato da Ruini&C con la pretesa di insegnare alla donna qual è il suo ruolo in società e nel mondo. Come si permettono dei maschi, sia pure in gonnella da tonaca, a pontificare ciò che la donna dovrebbe o non dovrebbe fare, è un bel mistero. Reso più forte dal fatto che questa loro fissazione ha già fatto fallimeto da molti secoli. Il mistero è davvero fitto anche perché vogliono far passare cose che non sono scritte certo nei vangeli e che servono solo agli interessi politici della Chiesa, intesa come struttura papalina.

pino nicotri 15.05.05 11:53| 
 |
Rispondi al commento

un mondo così; tinto da tossiche essenze,privo di sentimenti ormai estinti dall'interno,pieno di odio,lussuria,vanità ed egoismo, perchè mai dovremmo considerarlo civile? ci supporta una società fondata sulla fanteconomia, su cause giudiziarie e sui media e ci ostiniamo a definirla civile! sono molto felice
perchè so che ci sono ancora persone libere in questo mondo, che cercano con tutte le loro forze di far aprire gli occhi a chi si accontenta. la cosa che più mi ha fatto inorridire è stato che l'abbiano censurata al tg1. dovremo seguire l'idea di un commentatore e cioè boigottare le reti commerciali ma secondo me bisognerebbe spegnere la tv a tempo indeterminato non come i contratti lavorativi del milione di nuovi posti di lavoro trovati dall'amministrazione di mafiopoli.
il problema, secondo me, è pensare che: possono rimpicciolire i nostri diritti e crearne altri che magari non vogliamo (alcuni servizi). grazie beppe per tutto quello che fai per noi giovani.

antonio caforio 15.05.05 02:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe...
digito da Bari e sono un cantautore (anche se magari è una parola un pò grossa per me)...!
Ho 24 anni e probabilmente a breve
canterò per la prima volta in pubblico (al Politecnico di Bari).
Ora, io vorrei ringraziarti perchè tu più di tanti altri, con l'estrema leggerezza che caratterizza la divulgazione della verità di cui ti fai motore, mi hai fatto capire il reale peso delle parole quando queste sono cariche di verità.
I miei stessi testi hanno un nuovo valore ora,
perchè da sempre scrivo quello che vedo(quindi piccole e grandi varità), anche se francamente,
sempre più spesso ormai, mi rendo conto che vorrei non vedere, vorrei proprio nascondere alla vista gli scempi di cui parli, che stanno però in chi li compie quanto in chi non li vuole vedere. Per questo mi ostino a osservare sfogando la rabbia, la delusione (che un pò mi deriva anche da una famiglia di excomunisti tanto sfegatati allora quanto delusi oggi), in testi che per me risultano liberatori...! AI MIEI OCCHI ATEI, OGGI, SONO QUELLI COME TE I VERI PROFETI... GRAZIE GRAZIE E ANCORA GRAZIE...! PER QUELLO CHE SEI PER QUELLO CHE FAI E PER COME LO FAI... GRAZIE!

Francesco Poli 14.05.05 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e ciao a tutti gli italiani.
Non so se la notizia che ho sentito oggi sia vera, ma pare che i prossimi mondiali di calcio (Germania 2006) verranno trasmessi su sky, in quanto la rai non ha partecipato all'asta per i diritti perchè troppo costosi.
Allora perchè non fanno un'asta per pagare il CANONE?
E ancora: perchè ce lo fanno pagare per forza, visto lo squallore dei programmi propinatici, che non hanno niente da invidiare per mediocrità a quelli trasmessi sulle reti del cavaliere? (Ho scritto apposta cavaliere in minuscolo per non offendere i Cavalieri veri)
Le uniche trasmissioni che valevano la pena di essere viste (secondo me) le hanno censurate -vedi la Guzzanti-Grillo-Rossi.
Comunque, consapevole di essere io un malato cronico (di calcio vero, cioè giocato), quindi in fremente attesa ogni quattro anni di guardare uno degli spettacoli più belli del mondo, perchè devo essere costretto a pagare quello che posso solo definire come una tassa sulla mia malattia (cioè l'abbonamento a sky)?
Spero almeno che le partite dell'Italia ce le facciano vedere senza pagare.
Ciao.

Stefano Dininno 14.05.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
sappi che anche se non partecipano tutti al tuo blog conosco decine e decine di persone che vanno pazze per i tuoi spettacoli... ti ringraziamo per il tuo impegno civile e speriamo (io ed i mie amici) che continui a fare delle incursioni a manifestazioni tipo "l'Italia tra le righe"... anzi, prima di farlo avvisaci sempre che ci mettiamo anche noi il vestito buono e ti accompagnamo fisicamente.

Alessandro Sacconi 14.05.05 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,

mi chiamo Manlio, ho 39 anni, ed abito nella prima cintura di Torino.
Mi rivolgo a Te in quanto unico faro di questo nebbioso millennio, mi rivolgo a Te in quanto penso Tu sia il vero “eletto”, il “predestinato”.
Mi compiaccio che Tu abbia compreso l’importanza dei computers e di Internet. Una volta finivi sempre il tuo spettacolo con una demolizione di essi.
Internet non è solo virus e pornografia, Internet è condivisione.
Condivisione di tutto, di programmi completamente gratis, di aggiornamenti, di migliorie realizzate da persone che come tutti noi rincasano tardi dopo una giornata di lavoro e dopo cena e nel tempo libero creano, migliorano, inventano tutto e lo condividono con tutti completamente gratis.
Questa è la vera rivoluzione delle idee. Il “Think Different”.
Ora chiedo a Te Beppe ed a tutti noi blog-men che ti stiamo seguendo perché crediamo in Te, dove stiamo andando?
Hai presente il film “Forrest Gump”? Quando il protagonista improvvisamente comincia a correre?
Tu sei come lui, sei uscito dalla mischia, dal percorso definito, dal conformismo convenzionale, dagli interessi meschini dalle lobbies dei pochi. Tu hai visto la luce esattamente come l’hanno vista i Blues Brother’s, ed hai iniziato a correre su altri sentieri, per altri percorsi e noi ti abbiamo seguito.
La Tua idea di inviare informazioni è interessante ed è un primo passo, ma penso e di questo vorrei che tutti voi blog-men me ne diate conferma, ora penso che se vogliamo veramente cambiare le cose, se vogliamo veramente poter dire la nostra piccola ed insignificante libera opinione, se vogliamo agire nell’interesse di molti e non di quello di pochi, dobbiamo agire.
Hai a disposizione migliaia di persone: ingegneri, dottori, tecnici, operai, casalinghe, sarte, studenti….. ecc., ognuno di loro è ognuno di noi con la propria esperienza, devozione, intelligenza e dedizione. Tutte queste persone sono una fonte di idee ed un gruppo coeso nell’interesse comune di poter e voler fare qualcosa che lasci il segno.
Potremmo ad esempio costituire una vettura (automobile) completamente ecologica e non inquinante e potremmo venderla ad un prezzo equo che tutti ne possano trarre benefici, magari con l’aiuto di sponsor (non direttamente interessati) per finanziare costi e stipendi per quelli che parteciperanno direttamente all’impresa.
Sono idee così campate in aria ma che ti danno il senso di chi non vuole stare fermo ma vuole agire, vuole uscire fuori dal gruppo, vuole andare contromano, controtempo, controcorrente. Vuole cambiare in meglio le cose a vantaggio di tutti. Progetti ce ne sarebbero in numero infinito, idee ne potresti avere centinaia al giorno, gratis e disinteressate.
Il bene comune è il bene di tutti, peccato non ci sia nessuno che lo applichi questo concetto. Io penso tu possa essere la persona giusta per fare tutto ciò. Non lasciare che siano solo parole ora possiamo fare i fatti.
Un abbraccio Beppe, nella speranza che Tu non smetta mai di correre.

P.S.: Fammi sapere cosa ne pensi.

Manlio Saglietti 13.05.05 17:47| 
 |
Rispondi al commento

A proposito dell'importanza della parola, il tuo spettacolo mi ha fatto ripensare a"1984" di Orwell. io sono una studentessa e da un pò di anni sento parlare dell'insegnamento scolastico come un conto bancario con profitti, crediti e redditi formativi. A Palermo ci sono dei cartelloni pubblicitari che parlano di preparazione universitaria da 280 euro al mese.Dobbiamo prezzare anche la nostra conoscenza!!!

Adriana Pantano 13.05.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

A proposito dell'importanza della parola, il tuo spettacolo mi ha fatto ripensare a"1984" di Orwell. io sono una studentessa e da un pò di anni sento parlare dell'insegnamento scolastico come un conto bancario con profitti, crediti e redditi formativi. A Palermo ci sono dei cartelloni pubblicitari che parlano di preparazione universitaria da 280 euro al mese.Dobbiamo prezzare anche la nostra conoscenza!!!

Adriana Pantano 13.05.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Salve!
A proposito di quanto sono potenti le parole, ecco un esempio freschissimo, che trovate sull'ansa di oggi:


"Breaking News

emergenza CLANDESTINI, 600 sbarchi in 12 ore tra lampedusa e agrigento
(AGI) - Milano, 11 mag. - Clandestini: quasi 600 sbarchi in Sicilia in 12 ore. A Milano sequestrati 40mila permessi di soggiorno falsi.. - Mentre riprendono gli sbarchi clandestini in Sicilia, con quasi 600 arrivi in 12 ore(...)"

non sono persone, disperati, esseri umani come noi, non sono piu' nemmeno clandestini, extracomunitari, irregolari...ora sono SBARCHI,
e se ogni tanto (spesso) uno sbarco va male, cioe' affoga, non sara' nemmeno un cadavere in piu' ad infastidire i pescatori dello stretto, ma solo uno sbarco in meno.

grazie Beppe per questo spazio.

Giorgia Tordini 11.05.05 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo, la manipolazione dell'opinione pubblica e della (DIS)informazione, avviene ormai in gran parte sotto forma di sconvolgimento del rapporto significante-significato-oggetto, che è, ovviamente, volto a sconvolgere e confondere la percezione della realtà finora universalmente valida e condivisa e mettere così in discussione anche i capisaldi più comuni dell'etica e della moralità, che dovrebbero essere (in via molto teorica) principi trasversali a qualsiasi classe o categoria, sia essa politica o sociale.
Questo ha due conseguenze che sono, però, anche il modo in cui il detto fine viene posto in essere (si ha quindi una strana coincidenza dei fattori causa-effetto). La prima è che non si possano più chiamare le cose col proprio nome, ad esempio, in televisione non avete mai sentito dire che Andreotti è un MAFIOSO, che è la verità (reato accertato ma prescritto fino almeno alla primavera dell'80), il che non vuol dire INNOCENTE, come invece viene sbandierato a reti unificate, e questo è l'aspetto più macroscopico, smaccatamente ballistico, ma di conseguenza più facile da evitare, basta cercarsi la verità da se.
Il secondo aspetto è invece a mio avviso infinitamente più pericoloso e difficilmente individuabile, nel momento in cui diventa consuetudine, ed è l'uso smodato e inapprpriato di eufemismi di ogni sorta per una parte politica e di termini dal forte connotato negativo per l'altra.
Faccio un esempio: non molto tempo fa, capitando inavvertitamente su rete4 al momento del sedicente tg, ho avuto modo di seguire un servizio sulla proposta di Berlusconi del partito (è proprio alla frutta, le prova veramente tutte per pararsi il fondoschiena!), ho così sentito sia il giornalista nel servizio che poi l'omino peluche in studio affermare a più e più riprese che la volontà del premier è quella di costituire un partito unico che raccolga tutte le forze MODERATE, che si contrapponessero ovviamente, per contrappasso, ai lupi mannari estremisti del centrosinistra. Ora, attenzione perchè questa è la parola: MODERATE. E' una parola messa lì fra tante altre che lì per lì non gli si da importanza alcuna se non ci si ferma a pensare. Invece è importante eccome, ma vi sembra che si possa chiamare MODERATA una forza politica che dovrebbe raccogliere:
1-La lega nord, che vuole dividere l'Italia in tre, i cui esponenti, anche di spicco, si sono lanciati in esternazioni estremamente moderate tipo "Noi col tricolore ci puliamo il ...." oppure "abbiamo un sogno nel cuore: bruciare il tricolore", e che di tanto in tanto lancia idee che non verrebbero in mente neanche a un malato mentale, tipo annettere la Lombardia alla Svizzera. Altra idea che sfiora la perfezione politica è la proposta dei dazi contro la Cina, a cui allego, per pietà, un no-comment.
2-AN, la quale checche se ne dica e nonostante il recente repulisti di immagini e il relativamente recente cambio di nome altro non è che il partito legato a filo rosso ed erede con i neo-fascisti che non mi pare siano i più moderati al mondo. Lo stesso partito che ha fatto una legge per cui con 10 spinelli si rischiano anni e anni di carcere, mentre chi falsifica i bilanci societari per centinaia di miliardi non rischia niente, basta solo che lo faccia un po' per volta. Sempre sua, a braccetto con la lega, la moderatissima legge sugli immigrati.
3-FORZA ITALIA. E qui ci vuole un'ovazione al moderatismo!!!
Un partito in cui il premier ha dichiarato in più riprese di non avere il senso delle istituzioni. E lo ha anche dimostrato coi suoi ripetuti attacchi alla magistratura volti a violare il principio reggente qualsiasi democrazia della separazione dei poteri, e a delegittimare i giudici. Ma in quale paese gli imputati giudicano i loro giudici? Immaginate se al processo al mostro di Firenze avessero fatto parlare in tv solo Pietro Pacciani, non credo avrebbe detto che era colpevole, così non sono vere tutte le cose che dice il premier a proposito dei suoi processi, però, aforza di ripeterlo a reti unificate la gente finisce per convincersi che sono vere.
Un partito che per salvare due o tre imputati illustri (tra cui è quasi sempre compreso il signor B.), ferma il 50% circa dei processi comuni lasciando così impuniti altre centinaia di pericolosi criminali oltre a loro.
Un partito che conglomera un numero di pregiudicati che credo (e spero) non abbia eguali al mondo.
E mi fermo qui per pietà.
4-L'UDC che, anche se sta in posizione un po' più defilata, certe porcherie le vota a che lei.
E poi togliete la U e guardate cosa rimane, altro che seconda repubblica, questa altro non è che un peggioramento della prima.
5-Il nuovo PSI, con gente come De Michelis dentro, direi che si commenta da solo.
Il marciume che c'è sotto questa casa delle semilibertà, nella sua storia, nella storia di gran parte dei suoi esponenti di spicco è un qualcosa di vergognoso che provocherebbe sfaceli e rivolte in qualsiasi altro paese civile (andatevi a vedere, tanto per dirne una, i contatti tra lega nord, Arcore e Sicilia Libera, ovvero il partito di Leoluca Bagarella, cioè Cosa Nostra), non in Italia.
Vi pare che un soggetto politico di questi tipo si possa chiamare moderato?
Impariamo a chiamare le cose col proprio nome e a non farci abbindolare da uno come Emilio Fede, che il siginificato di esse ha interesse a cambiare, è l'unico modo ormai per non soccombere.
Questa è la mia modestissima e personalissima opinione.

Luca Canavese 11.05.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe fai bene a parlare di parole di informazione e perchè non parlare del diritto d'autore?

Io ho una copisteria e da 5 anni sono costretto a rifiutare di fotocopiare un lbro se il cliente me lo richiede.
Perchè?
allora dal 2000 noi titolari di copisterie siamo stati schedati e dotati di relativo registro(con spesa a nostro carico naturalmente!) dove segnare le fotocopie effettuate ai clienti con il limite del 15% dell'intero testo, morale si lavora meno perchè detto tra noi gli unici operatori che è possibiule controllare siamo noi, logicamente le copiatrici degli uffici pubblici o delle aziende private chi le controlla?

E poi perchè non fare come in Germania, se il problema è il compenso per l'autore, cioè far pagare qualcosina di + tutti gli oggetti atti a riprodurre? se hai bisogno di ragguagli in merito contattami ciao !!

Grazie!!

Roberto Vergani

Roberto Vergani 10.05.05 15:20| 
 |
Rispondi al commento

LA NUOVA PUBBLICITA'FIAT

Caro Beppe,
ho visto la pubblicità Fiat sul ringraziamento di tedeschi e giapponesi e mi ha fatto venire in mente il "dono dell'oro alla patria" di antica memoria, o ancora un appello di pessimo gusto di stampo nazional/mafioso. Ok ti compro la panda, ma visto che sono italiano me la dai al prezzo della vecchia panda che ho comprato nel '98, quando guadagnavo lo stesso stipendio che guadagno oggi, e non al doppio esatto.
Non c'è creatività, talento, allegria, innovazione, voglia e coraggio di rischiare, di mettersi in gioco per le proprie convinzioni.
Non voglio fare del moralismo, ma mi ha fatto molto pensare e mi ha detto molto sulla persona del capo della fiat, quando si è sposato una ragazzetta di buona famiglia lasciando una splendida carica autentica Fenech, per un matrimonio "comme il faut".
Io da uno così non ci comprerei mai una macchina.
Ripeto, non voglio fare moralismo, e sono affari del Cordero chi si sposa, ma mi sembra che il manager più potente d'Italia rispecchi un po' questo atteggiamento molto italiano di voler salvare capra e cavoli, di favorire i figli degli amici, di fare le mosse furbette.
Il capo del progetto della nuova utilitaria francese è una ragazza poco più che trentenne.
Anche i francesi avranno molto da ringraziare.

luigi de benedictis 08.05.05 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, hai ragione nel dire che le parole possono ingannare...fin da piccola mi è stato insegnato a capire che una stessa cosa può essere detta "altrimenti", così, ogni volta che qualcosa mi colpisce, provo a raccontarmela in modi diversi ed è così che capisco ciò che provo e ciò vedo...Ho provato amarezza durante e dopo il tuo spettacolo (quarta serata a Roma), perché mentre parlavi, mi accorgevo che ciò che dicevi era tutto vero e che, se anche qualcuno potrà smentirti, rimane inattaccabile la tua profonda onestà. Grazie, Debora Tonelli

Debora Tonelli 08.05.05 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, sei grande!
Il mio sogno è quello di vedere un tuo spettacolo dal vivo. Spero di poterti stringere la mano ed esprimere tutta la mia stima e ammirazione.Continua così, non permettere che la VERITA' venga soffocata.

caterina cosentino 07.05.05 20:43| 
 |
Rispondi al commento

I TEDESCHI RINGRAZIANO...
...almeno sono educati


Caro Beppe Grillo
Scrivo questo articolo perchè occupandomi di pubblicità, sono rimasto letteralmente schifato da quella che in questi giorni si vede in TV, dei marchi auto (totalmente del gruppo FIAT) , ovvero quella in cui si vedono cittadini tedeschi o giapponesi che ringraziano quando gli italiani comprano una loro auto.
Ma siamo matti? Ma noi cosa vendiamo all'estero? Non vogliamo considerare i nostri prodotti che poi neppure facciamo in Italia, l'abbigliamento prodotto in Cina, Pakistan, India, Turkia e pure le auto FIAT (Polonia) che solamente marchiamo e rivendiamo grazie alla stima che proprio gli stranieri hanno del nostro stile e modo di lavorare.
Ricordiamoci quindi di ringraziarli anche noi i tedeschi e i giapponesi che comprano il frutto del nostro ingengno e della nostra cultura.
Poi magari confrontate a pari prezzo una macchina italiana con una tedesca e scegliete voi.
Io direi che se la FIAT si mettesse un po' a pensare di migliorare le auto che produce forse forse...
Comunque voglio ringraziare proprio te caro Beppe che dai la possibilità a tutti di poter esprimere una propria opinione sul tuo Blog.
Grazie ancora
Leonardo

Leonardo Gasperetti 06.05.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

è la prima volta che scrivo ma credo di proporre un argomento conosciuto a tante persone: l'invidia sul lavoro da parte dei colleghi.
ne sono vittima da un po' di tempo e la cosa mi disgusta. Vorrei avere da voi qualche consiglio in merito.

marianna dibiscglia 06.05.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Spendi un attimo del tuo tempo per leggere questa missiva e se puoi,
inoltrala ad altri indirizzi, GRAZIE! Ecco la la goccia che fa traboccare il
vaso! Nestlé batte cassa in Etiopia esigendo 6 milioni di dollari come
risarcimento dal paese più affamato del mondo. Per Nestlé è «una questione di principio».
La Nestlé che è il più grande produttore di cibo mondiale, un gigante del
settore agro-alimentare, con stabilimenti in più di 80 paesi ed un giro
d'affari di miliardi e miliardi di dollari, rivendica nei confronti del
governo dell'Etiopia, poverissima ed in preda ad una grave carestia (forse
più grave della terribile fame degli anni `80), un risarcimento pari a 6
milioni di dollari. La causa è stata la nazionalizzazione di un'azienda
avvenuta nel 1975, dopo un colpo di stato militare avvenuto in quel paese.Un solo anno di vendite realizzate da Nestlé è pari a 8 volte il Prodotto interno lordo della misera Etiopia...

ECCO QUINDI LA PROPOSTA: PER UN PO' DI TEMPO, CI AUGURIAMO IL PIU' POSSIBILE, SOSPENDIAMO L'ACQUISTO DEI PRODOTTI DI QUESTA MULTINAZIONALE ED IN PARTICOLARE I PRODOTTI SIMBOLO DELLA NESTLE': NESCAFE' & NESQUIK. RICORDA QUESTI MARCHI PERCHE', SEMBRA POCO ED INVECE E' MOLTO, UN CALO NELLE VENDITE
(anche minimo) COLPISCE L'IMMAGINE DELLA SOCIETA' E PUO' COSTRINGERLA A REIMPOSTARE LA SUA POLITICA DI PUBBLICHE RELAZIONI. Ogni singolo consumatore, se unisce i suoi sforzi insieme a quelli degli altri, ha il potere di far vacillare questi imperi ed in fondo, diciamoci la verità, a noi costa poco, basta allungare la mano sullo scaffale e prendere il prodotto a fianco! Se vuoi allargare il tuo gesto di solidarietà evitando il più possibile prodotti della NESTLE' eccoti i marchi più conosciuti:
BEVANDE:Nescafé, Nesquik, Nestea, Orzoro
ACQUA MINERALE: Perrier, vittel, Acqua Vera, San Bernardo, S.Pellegrino,
Panna, Levissima, Pejo, Recoaro
DOLCI: Smarties, Kit Kat, Galak, Lion, After Eight, Quality Street Toffee,
Polo, Rowntree, Motta, Alemagna
CIOCCOLATO: Perugina, Nestlé
SALUMI: Vismara, King's
OLIO: Sasso
CONSERVE: Berni
FORMAGGI: Locatelli, Hirz
PASTA: Buitoni, Pezzullo
DADI PER BRODO: Maggi
SURGELATI: Findus, Surgela, Mare Fresco, La Valle degli Orti
GELATI: Motta, Alemagna, Antica Gelateria del Corso
PASTA PER DOLCI: Leisi
MAYONESE: Thomy
CIBI PER ANIMALI: Friskies, Buffet
COSMETICI: L'Oreal, Lancome
Curiosità sulla NESTLE': come ripetutamente segnalato dall'UNICEF la Nestlé
viola il codice internazionale redatto dall'Organizzazione Mondiale della
Sanità che proibisce la promozione dell'uso di latte in polvere per
l'alimentazione dei neonati...bisogna sapere che nelle società povere, i
bambini allattati artificialmente sono 25 volte più esposti alla morte di
quelli allattati al seno.
Il Premio Nobel Dario Fo ha sparato a zero contro la Nestlè, responsabile di
aver diffuso in Africa il latte in polvere: "Hanno compiuto una strage
infame dicendo che andavano a salvare l'umanità. Ma sono andati solo per
interesse di mercato".
Padre Pier Maria Mazzoli (direttore del mensile Nigrizia) ha presentato il
punto di vista dei missionari che esprimono forti perplessità e disaccordo
sulla politica delle multinazionali Dal Monte frutta, DeBeers diamanti,
Shell: petrolio, ma Nestlé in particolare perché è una delle più potenti con
una affermata presenza in Africa.
Beppe Grillo ha attaccato le multinazionali della chimica e i brevetti di
tutte le nuove forme di vita. "Sapete cos' è la Novartis? È un'azienda nata
dalla fusione di Ciba e Sandoz. La Ciba ha prodotto in Giappone un farmaco
che nel primo mese ha fatto 30 morti e tremila un anno dopo. La Sandoz ha
invece il premio per i pesticidi:ha gettato tonnellate di rifiuti tossici
nel Reno, dandoci i"pesci-diesel". Ciba e Sandoz insieme? È come se Totò
Riina e Pacciani si fossero associati per creare un asilo per bambini".
Ornella Martini: "Ho smesso di mangiare il panettone Motta quando mi sono
accorta che è della Nestlè...ed inoltre una delle ultime azioni contro tutti
noi è stata quella di far passare la possibilità di etichettare come
cioccolato, prodotti fatti anche senza il cacao, pensate un po'....!! e
d'altra parte, così facendo si abbassano ancor piu' i prezzi pagati ai
contadini del sud del mondo produttori del vero cacao....perciò NESTLE', sai
noi cosa ti diciamo: Buon boicottaggio della NESTLE' a tutti...!...e ricorda
di passare il messaggio agli amici...

chiara pasqualato 04.05.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,scrivo soltanto per segnalarti che oggi mi sono rifiutata di pagare 95 euro un paio di scarpe del signor GEOX con sopra scritto MADE IN CHINA.Ho così sfruttato la mia "arma" di consumatore. Beppe Grillo docet!

Sonia D'Amico 04.05.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe sono di torino e faccio un lavoro ignorato da molti,l'educatore da + di10 anni,non voglio stare a raccontare le sfighe di questo mestiere, tanto pare che gli argomenti in generale non manchino mai,mando questa mail per solidarietà e per far numero contro chi sta uccidendo la vita di questo pianeta e per chi prova a far qualcosa per cambiarlo, saluti.
Ah, sarei curioso di sapere se le mail le leggi proprio tu o se hai qualche schiavo che lo fa x te, ci vediamo a turin il 20 e cerca di non arrivare troppo stanco!

atzeni andrea 03.05.05 11:35| 
 |
Rispondi al commento

In Risposta all'amico Mauro Mauri ed al suo commento su -striscia la notizia-..
Non mi fido.Non mi fido,no mi fiderò mai di chi usa un mezzo televisivo.
Mi piacerebbe sapere quanto costa uno spot su striscia,chi decide che cosa mandare,chi taglia e cuce i servizi, chi ci guadagna e quanto, insomma Qui Prodest.
Guarda mi manda rai tre e il suo ex conduttore ora presidente della regione Lazio.
Voglio vedere a fine mandato che avrà combinato.
In una nazione che trabocca di scandali ed ingiustizie è facile erigersi a paladini del cittadino soprattutto se televisivo.
Le due ore di Beppe valgono molto di più del biglietto ed il suo introito è ridicolo se paragonato a quello degli spot su striscia.
Inoltre ricorda che gli autori di Striscia hanno l'ufficio legale di Mediaset alle spalle.
Poi voglio esprimere un commento sui nostri editori radiotelevisivi.
Ma tra tutte le tv e le radio più o meno locali che abbiamo, e con gli introiti che porterebbe in raccolta pubblicitaria uno spettacolo come quello di Beppe, posso solo pensare che non abbiamo neanche una radio locale a Lampedusa veramente libera e dalla parte del cittadino.
Ciao umberto

umberto tuccini 02.05.05 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe sono Umberto da Roma.Venerdì scorso ero al tuo spettacolo e ti confermo che sei unico.
Ho molto apprezzato il tuo disappunto per il presidente della ss lazio ed i suoi progetti e da buon romanista ti ringrazio a nome di tutti noi.Scherzi a parte ho sentito da qualche parte che l'ingegnere citatom a giudizio per il crollo della scuola di San Giuliano ha ricevuto un incarico di responsabilità da un qualche ente territoriale.
Non conosco il nome del soggetto e credo che sia giusto aspettare una sentenza definitiva(stai fresco)ma nel frattempo sarebbe stato meglio non affidare a costui un incarico simile.Spero solo che nel frattempo non succedano altre sciagure nel territorio di sua competenza.
Da buon romano devo rettificare la tua battuta"da Servio Tullio a Marrazzo"poichè nella città eterna c'è un personaggio eterno molto più importante dei due da te citati "ZIO GIULIO".
Ciao a presto.
PS;per chi non lo sapesse mi riferisco ad Andreotti.

umberto tuccini 02.05.05 23:14| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe sono Umberto da Roma.Venerdì scorso ero al tuo spettacolo e ti confermo che sei unico.
Ho molto apprezzato il tuo disappunto per il presidente della ss lazio ed i suoi progetti e da buon romanista ti ringrazio a nome di tutti noi.Scherzi a parte ho sentito da qualche parte che l'ingegnere citatom a giudizio per il crollo della scuola di San Giuliano ha ricevuto un incarico di responsabilità da un qualche ente territoriale.
Non conosco il nome del soggetto e credo che sia giusto aspettare una sentenza definitiva(stai fresco)ma nel frattempo sarebbe stato meglio non affidare a costui un incarico simile.Spero solo che nel frattempo non succedano altre sciagure nel territorio di sua competenza.
Da buon romano devo rettificare la tua battuta"da Servio Tullio a Marrazzo"poichè nella città eterna c'è un personaggio eterno molto più importante dei due da te citati "ZIO GIULIO".
Ciao a presto.
PS;per chi non lo sapesse mi riferisco ad Andreotti.

umberto tuccini 02.05.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

this is not my beatiful house
stop making sense
the name of this band is
talking heads

david byrne

david byrne 01.05.05 03:59| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena messo qui un ipertesto che sintetizza gli aspetti più volgari esistenti in un diario scolastico che quattro dei miei alunni di prima media avevano acquistato, tramite i genitori inconsapevoli, nel settembre scorso.
http://www.homolaicus.com/scuola/comix/
E' stata una scoperta casuale, ma analoga a quella che feci vari anni fa con un altro diario, Smemoranda, la cui redazione, dopo di allora, si premurò di mettere la dicitura "Diario adatto agli studenti delle scuole superiori".
Ora vorrei da voi un piccolo commento, se possibile, e l'autorizzazione ad aggiungerlo allo stesso ipertesto.
Grazie e cordiali saluti
eg.

Enrico Galavotti 30.04.05 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono una ragazza di ventisei anni di Roma e torno ora dal tuo spettacolo. Se dovessi chiedermi con quale stato d'animo sono uscita dal Palalottomatica, potrei usare solo un termine. Poco Ortodosso ma assolutamente realista. sono uscita INCAZZATA! Perchè? Perchè le tue parole mi hanno scossa, svegliata e catapultata di violenza in una realtà che non conoscevo e che non conosco ancora approfonditamente che banalmente è quella in cui vivo. Una realtà che immaginavo dai retroscena bui e squallidi. Ma non così, te lo giuro non così. Tu parli di parole, di senso delle parole, delle parole che possono cambiare la vita. Mai come in questo momento in cui sono seduta davanti a questo computer credo che tu abbia detto una verita sacrosanta. Le parole possono scuoterci e darci la forza di reagire. Le parole sono veicolo di conscenza di quella conoscenza che è la sola ancora di salvezza che abbiamo per non lasciarci sopraffare ancora, inermi. Se conosco posso difendermi. Se non conosco lascio che mi si inganni, che mi si copra di menzogne. Se non conosco vivo a metà, vivo da stupido e muoio da stupido...
E questo non lo accetto!
Non accetto di morire come un imbecille qualunque, trasportato dagli eventi, squassato e plasmato come un inerte blocco di plastilina dagli eventi della vita che mi pulsa attorno. Quella vita che, se non mi sveglio, non capirò mai e che, non capendola, non potrò vivere, nè affrontare.
Posso solo dirti grazie.
Per avermi detto la verità. Quella verità che i signori della politica e del mondo dell'informazione tutto manipolano, gestiscono credendoci tutte vittime, tutti scemi, tutti incapaci di porre un benchè minimo freno alla mistificazione dilagante di cui è imbibito il dna del nostro paese...
Grazie per avermi fatto capire che il mondo in cui vivo e nel quale vorrei mettere al mondo dei figli è peggio, molto peggio di come l'ho sempre immaginato.
Grazie per continuare a farlo anche e soprattutto lontano dai riflettori. Perchè il vero eroe è quello che si alza ogni mattina e affronta con coraggio la vita, quello che non si culla nell'ignavia del non sapere, del non voler sapere, perchè crede che non sapere equivalga un po' a salvarsi.
L'eroe vero è colui che sa che solo conoscendo potrà salvarsi dall'inutilità di una vita vissuta ai margini della vita stessa, che solo conscendo potrà lottare.
Non sapere non è salvarsi.
Non sapere, non consocere è morire e, se è vero come il sole che sorge ad est che le uniche certezza nella vita sono che siamo nati e che moriremo, io non voglio morire da ignavo. Voglio lottare ogni giorno e dare un senso alla mia vita.
Grazie Beppe.
Sei Nel Mio Cuore.

Serena Cianfano 30.04.05 00:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe! Ho 25 anni e per me sei un mito!!!

Mi aveva molto colpito una battuta del tuo spettacolo,in cui dicevi che i giornalisti abusano delle parole...
Per un avvenimento di poco conto scrivono paroloni come "catastrofe"...poi quando la catastrofe arriva davvero,non hanno più parole per descriverla....
L'11/09/2001,giorno in cui la catastrofe c'è stata davvero,mi sono chiesta cosa avrebbero scritto l'indomani sui giornali...
Trovarono la parola(usarono tutti la medesima): l'apocalisse!
Ora bisognerà aspettare l'apocalisse... :-)

Sara Chessa 29.04.05 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Fuga di cervelli.
Caro Beppe, ti seguo praticamente da sempre grazie all'educazione dei miei genitori...vorrei sottoporti una questione per me molto importante e di cui si parla sempre troppo poco. Sono una giovane architetto laureata a pieni voti, assistente universitaria, e mi trovo negli stati uniti con visto J-1 come "specialist" visto che qui hanno riconosciuto le mie doti (seppur limitate ad un piccolo campo del sapere...),per svolgere una ricerca particolare nel mio campo, che in Italia non potrei sviluppare. Il problema è che grazie al nostro piccolo amico portatore nano di democrazia, mi vedo privata di una delle libertà fondamentali: decidere dove vivere e dove lavorare!!! Sono sottoposta al regime della cosiddetta "legge dei due anni" contro la fuga dei cervelli, grazie alla quale per i due anni successivi alla conclusione della mia ricerca qui non posso essere assunta con nessun tipo di contratto in una università o istituto di ricerca americano! La cosa penso che non sia da sottovalutare visto che credo che questo sia il governo che ha fatto maggiori tagli alle università...e se uno mi impedisce di andare all'estero a fare quello che voglio fare perlo meno deve consentirmi di poter fare le stesse cose qui! Ma con l'attenzione e il peso che si dannoin questo momento in Italia alla ricerca penso che nel mio futuro ci saranno due anni da disoccupata. E' davvero scoraggiante!
Grazie per avermi dato modo di sfogarmi al muro del pianto,
tua affezionatissima, Annalisa

Annalisa Frattarelli 29.04.05 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,

ho sentito il nuovissimo ministro della sanità
dire che innanzi tutto bisogna spiegare cosa vuol dire essere in salute; per l'amor di Dio, fondamentalmente il concetto potrebbe essere giusto, ma non è che sta rubando le parole a te adesso, solo per i suoi fini puramente politici?

WE ARE ON THE ROAD TO NOWHERE

ciao

Curzio Calì 29.04.05 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Io sono uno di quelli che considera la parabola politica di Silvio Berlusconi il minore dei mali possibili nel momento in cui l'abbiamo vissuta e la stiamo vivendo. Occorre riconoscere che l'Italia non e' una democrazia compiuta. Il modo strumentale con il quale e' stata spazzata via la prima repubblica da parte della magistratura mette i brividi. A confronto le televisioni di Berlusconi sono una quisquiglia, come direbbe Toto'. D'altra parte la sequenza di eventi innescatisi in Italia dopo la caduta del muro di Berlino fa pensare che essi abbiano un filo conduttore nel rimettere in carreggiata un partito politico che era a quel punto fuori gioco e destinato all'estinzione. Includo in questo anche le due morti eccellenti dei magistrati di Palermo, come l'inquietante episodio del suicidio del maresciallo Lombardo lascia intendere. Occorreva infatti assestare il colpo di grazia alla democrazia cristiana processando Andreotti. Ed i due defunti magistrati non lo avrebbero permesso. Aggiungo che nessuno potrebbe pensare ad un elemento come Toto' Riina quale effettivo capo della mafia, piuttosto ad un capobastone della fazione degli assassini. Sembrerebbe sia stato sacrificato come capro espiatorio e 'pillola' digestiva nei confronti dell'opinione pubblica per le due morti eccellenti. Immediatamente sostituito da un altro "imprendibile". Che paese l'Italia!

Alessandro Pesci 28.04.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe sono stefano uno spazzino di Roma e mi chiedo(visto che sono tutti solidali con la mia categoria )chi sporca la citta'......forse organizzano dei viaggi da fuori,vengono a Roma sporcano e se ne vanno...........bugiardi !!!!!!! grazie Beppe continua ad aiutarci ad aprire gli occhi.....ciao.

stefano canuti 27.04.05 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato questo sito per caso, quando mi sono appassionata alla lettura dell'articolo su Parmalat e Fininvest... raccapricciante.
In effetti, tornando alle parole, mi ha colpito molto che qualcuno ci dia ancora peso.
Bombardati come siamo da parole ormai vuote, forse abbiamo perso la cognizione della loro importanza.
Una volta, esisteva la letteratura orale, ora se a un bambino si parla di una filastrocca, l'unica cosa che si suscita è l'orrore di doverla magari imparare a memoria. Già, la memoria, la parola... sono forse un po' sfiduciata, ma credo che di questo passo perderanno completamente il loro valore.

Rossella Zugan 27.04.05 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Non so se questo è il campo giusto per inviare i miei commenti, che sarebbero comunque troppi e per questo mi limiterò ad un generico accenno.
Mi avevano proposto di venire al Suo spettacolo, a Napoli, città dove vivo, e mi sono rifiutata persuasa che mi avrebbero annoiato quelle che immaginavo sarebbero state due ore di satira politica. Poi mi hanno, insistentemente e da più parti, ripetuto che lo spettacolo valeva davvero la pena di andarlo a vedere perché erano tali e tanti gli spunti di riflessione che offriva... Per caso, e per lavoro, mi sono trovata la settimana successiva ad Eboli ed ho saputo che avrebbe fatto tappa anche al Palasele. Non mi sono fatta sfuggire l'occasione per la seconda volta.
Ebbene, il mio commento è un ringraziamento perché, attravereso la comicità, ci sprona tutti a riflettere su ciò a cui sempre più andiamo incontro:un "indottrinamento" coatto... Abbocchiamo come tanti pesciolini a ghiotte esche che, celando enormi ami, si riveleranno amari bocconi...
Grazie per la Sua schiettezza, l'impegno profuso e l'informazione che alacremente va propugnando in modo semplice, chiaro, diretto e scevro dai compromessi.
Una nuova ammiratrice, Enrica.

Enrica Laudato 26.04.05 18:47| 
 |
Rispondi al commento

vorrei chiedere una cosa che non è pertinente ma forse qualcuno lo sa: che spettacolo era quello in cui Grillo parlava delle pubblicità e della candeggina gentile?Tanto per capirci quello in cui diceva "quella p***** morisse con metà della minima!"

cristina 26.04.05 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!

Io ho paura di come vengono utilizzate le parole. E sinceramente l'utilizzo della parola "disobbedienti" in riferimento a persone che hanno una concezione differente dai politici che ci governano, su tematiche legate all'ambiente o al terzo mondo o alla globalizzazione,mi ha terrorizzato.
Questo mi ha fatto pensare che, non siamo più liberi di poter avere una nostra idea, perchè, a mio avviso, l'essere etichettati come disobbedienti significa essere contro a ciò che invece "deve" essere considerato corretto.
La prossima parola che sentiremo quale sarà? Sovversivi?

Roberto M. 26.04.05 11:47| 
 |
Rispondi al commento

La baraccopoli di Korogocho

Ho vissuto da volontario la baraccopoli di Korogocho,in Kenia, a due passi dai grattacieli di Nairobi. L'ho vissuta nella sua interezza, camminando fra le capanne di sterco e fango, fra l'odore penetrante del liquame, spaventato dalla diossina che un'immensa discarica a cielo aperto, bruciando, consegna ai polmoni degli abitanti.
Devastandoli.
Ho giocato con bimbi uguali a quelli di tutto il mondo, con la stessa voglia di correre e crescere, consapevole che solo uno su dieci di loro diverrà adulto. Sono entrato in capanne dove persone malate riuscivano a sorriderti solo perchè tenevi per mano il loro figlio, ho guardato e sono uscito, inutile nella mia impotenza. Sono stato alla Messa che padre Luciano celebra nel capannone di legno, quattro ore di funzione e canti con una potenza tale da far paura e con la capacità di farti capire l'assurda inutilità di oro ed argento a corollario della religione.
Sono stato crocefisso da un bambino che ha spezzato una carota in due parti, la sua merenda e forse anche cena, offrendomene la metà solo perché avevo giocato con lui.
A poche centinaia di metri i grattacieli di Nairobi diretti verso il cielo, le strade piene di auto, gli uffici lussuosi, l'occidente ricco ed opulento a vomitare la realtà che avevo attorno, la realtà dell'80% del mondo.
Ho vissuto lo slum di Nairobi, l'ho vissuto e sono andato via, troppo vigliacco per restare in quel posto dove mi era stato regalato il mondo in cambio di niente. Ma le stesse cose ho incontrato in Madagascar, in Senegal, in Camerun, in tanti posti dove la sopravvivenza si cattura giorno dopo giorno senza mai la certezza di possederla.
Lo slum di Nariobi, oltre 300000 persone vivono lì, periodicamente decidono di scacciarli. Gigantesche ruspe come demoni cattivi entrano fra le case, scardinano i pochi sogni, la voglia di vivere ancora nonostante tutto. Anni fa era già successo, un padre comboniano con migliaia di persone era riuscito a fermare la devastazione a rischio della vita. Ma fra le capanne crollate si dice abbiano trovato la morte persone che non avevano la forza per uscire. O forse che non volevano semplicemente andarsene. Si dice che un'impresa della grande madre della libertà, l'America, abbia deciso di costruire sulla collina un enorme complesso per il golf, nobile gioco di nobili persone che certo non possono avere sotto gli occhi lo spettacolo di una baraccopoli con le sue disgraziate vicende e pestilenziali odori. La concentrazione per un buon colpo ne risulterebbe compromessa. Per questo motivo l'anno scorso si parlava di demolizione sicura e totale, la luce divina del benessere mal si associa al male della povertà. In Kenia nessuno può acquistare la terra, appartiene interamente allo Stato che può decidere in ogni momento la requisizione.
Io non credo a girotondi, appelli, preghiere alle autorità del mondo per molte delle quali gli esseri umani senza risorse sono poco più che fastidiosi insetti. Non lo credo, anche se sono certamente importanti come tutte le ribellioni a situazioni simili. Credo invece che colpire gli interessi economici ottenga il risultato migliore, perché solo il denaro e l'interesse hanno valore per il potere. Perché allora non sensibilizzare tutte le agenzie di viaggio, contestare le vacanze in terra keniota fino a quando una parte del salato visto d'ingresso non venga destinato alla costruzione di villaggi, strutture di accoglienza, di cura? Perché non far comprendere a chi sogna il sole dorato delle spiagge africane e i safari fra esotici animali che questo avviene fra il dolore inimmaginabile di milioni di persone devastate fra AIDS e fame?
Solo con la consapevolezza di tutti l'assurda sperequazione nelle condizioni di vita del pianeta potrà, lentamente, ridursi. Solo un semplice caso non ci ha portato a nascere e morire a poche ore d'aereo, per questo dobbiamo trovare la voglia di lottare per dei fratelli privi di ogni cosa, cercare di cambiare qualcosa. L'ingiustizia atroce di quello slum non è la sua demolizione, ma la sua esistenza stessa. Anche se fra sterco e fango esiste un'umanità autentica, spesso dimenticata dal quotidiano vivere della nostra parte di mondo. La mezza carota di quel bambino possedeva e possiede la forza autentica della parola di Cristo per chi crede, dell'umanità per chi non crede. Parole oscurate dal luccicante spettacolo del nostro tempo.

William Giusti

William Giusti 25.04.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Letto i 7 dell'oca selvaggia ed ho trovato un'ideale aggancio con il mio commento "balla con i Lupi":
In Italia ormai fa notizia chi riesce a fare il proprio lavoro...
Dei poliziotti di trastevere e dei caramba di Napoli non parla infatti quasi più nessuno..
La televisione non la fanno più le persone che la sanno fare (Luttazzi,Grillo,Santoro e secondo me tra un pò faranno fuori anche Fiorello...)
ma quelli che non sanno bene come sono capitati lì..
volevo segnalarti,nell'imperante cultura berlusconiana del "Falsembiante" un abitudine che sta prendendo piede nei nostri Supermercati:
Se entri in un grosso spaccio di alimentari subito dopo l'orario di apertura vedrai gli addetti alle carni,ai salumi, ai formaggi alacremente impegnati in una stravagante attività.
in pratica tolgono tocchi di formaggio,pollame,e pezzi di prosciutto dai celophan per confezionarli di nuovo.Perchè?
ma è semplice:
Domani 26 aprile compreremo dello stracchino e del Grana "confezionati" il 26 aprile e saranno gli stessi che risultavano confezionati il 23 o il 22 o 21..
capito il giochino?
Detto questo una domanda:
ci scagliamo sempre contro la noncultura berlusconiana, ma ci sono personaggi che questa cultura avallano in pieno e grazie ad essa si sono arriccati,che non vengono neppure sfiorati dalla satira o dalla controinformazione.
perchè nessuno osa attaccare veramente Costanzo e la sua "adorabile mogliettina",ad esempio?
Sono trai massimi promotori del nulla.inventano attori,danzatori,commentatori,tuttologhi che sono braccia tolte all'agricoltura...
ti ricordi quando accogliesti Jovanotti(e probabilmente lo costringesti ad una serie di riflessioni che lo hanno trasformato) gridando: IN MINIERA!!!.
Buon lavoro e 1000 di questi Grilli.
paolo proietti

paolo proietti 25.04.05 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,sono un ragazzo di quasi 33 anni,ti seguo moltissimo e anche in questa occasione ho potuto ammirarti vedendoti nello spettacolo ripreso dalla rete svizzera tsi,sei grande e condivido tutte le tua idee,basta con la demagogia,sarebbe ora veramente che la gente riflettesse ed agisse come fai tu.Io sono sempre stato un grande amante della storia e della filosofia,bisognerebbe che molte persone leggessero di piu´e si interessassero,guardando programmi utili a cio´che ci circonda.Molte secondo me sono le persone prive di interessi culturali,e cio´e´molto grave,si tratta di disinformazione globale,che si ripercuote anche nella scelta politica.Mi spice molto di non poter assistere al tuo spettacolo di maggio a Jesolo,ma sono troppo impegnato per lavoro,so comunque che ci andranno alcuni miei amici.
Ti saluto e ti ringrazio per cio´che fai per tutti noi,sarei entusiasta per una tua risposta;sei grande......Ciao Beppe.
Un abbraccio Giorgio

Giorgio Meneghini 24.04.05 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,sono un ragazzo di quasi 33 anni,ti seguo moltissimo e anche in questa occasione ho potuto ammirarti vedendoti nello spettacolo ripreso dalla rete svizzera tsi,sei grande e condivido tutte le tua idee,basta con la demagogia,sarebbe ora veramente che la gente riflettesse ed agisse come fai tu.Io sono sempre stato un grande amante della storia e della filosofia,bisognerebbe che molte persone leggessero di piu´e si interessassero,guardando programmi utili a cio´che ci circonda.Molte secondo me sono le persone prive di interessi culturali,e cio´e´molto grave,si tratta di disinformazione globale,che si ripercuote anche nella scelta politica.Mi spice molto di non poter assistere al tuo spettacolo di maggio a Jesolo,ma sono troppo impegnato per lavoro,so comunque che ci andranno alcuni miei amici.
Ti saluto e ti ringrazio per cio´che fai per tutti noi,sarei entusiasta per una tua risposta;sei grande......Ciao Beppe.
Un abbraccio Giorgio

Giorgio Meneghini 24.04.05 16:56| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori