Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'invenzione della partita nulla: Nega-prezzi per Nega-aziende

  • 70


mirafiori1h.jpg


Dopo aver inventato la partita doppia e la partita truccata, ecco una nuova grande invenzione dell'economia italiana: la partita nulla.

La partita nulla è quella che si riceve in cambio del Nega-prezzo.
Il Nega-prezzo è quello che un compratore è disposto a pagare pur di non ricevere la merce.
Fiat, da 100 anni emblema dell'industria italiana, è cosi ridotta che c'è gente disposta a pagare una fortuna pur di non averla.
General Motors pagherà a Fiat 1,5 miliardi di euro pur di avere la certezza di non possedere Fiat.

Complimenti a Elkann e a Montezemolo. Siete riusciti a spillare agli americani un sacco di dollari in cambio di niente. Siete meglio dei magliari napoletani.
Se le Nega-aziende sono una delle maggiori risorse del Paese, il nuovo miracolo economico dell'Italia è assicurato.

Statunitensi, Giapponesi, Cinesi, quanto siete disposti a pagare perchè ci teniamo la Parmalat, la Fininvest, la Telecom e tutte le altre?????

14 Feb 2005, 17:50 | Scrivi | Commenti (70) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 70


Commenti

 

Un po come i derivati....

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 26.09.15 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ti seguo da quasi un anno e davvero con un po' di tristezza devo ammettere che se non ci fossi tu, i poveri italiani che sgobbano dalla mattina alla sera per sfamare la propria famiglia, pagare i debiti e tirare avanti non saprebbero nulla o quasi della verità di ciò che accade nel nostro paese: grandi e piccole storie che non trovano spazio sui giornali, verità taciute perchè scomode... grazie!! Ti scrivo anche perchè ho scoperto poco fa che una mia vicina ha subito un grosso danno grazie alla Parmalat ed alla banca a cui si era affidata per investire i propri risparmi... io sapevo che c'era stata una sentenza della cassazione sul risarcimento per i bond argentini, ma per quanto riguarda la Parmalat? c'è qualche notizia positiva in proposito? ti ringrazio e continua così! Daniela

Daniela Corvi 25.02.08 19:12| 
 |
Rispondi al commento

CELLULARI: TRUFFE DILAGANTI.....CLUBZED.IT....
Buonasera, con la presente sono a comunicare a tutti gli utenti di restare alla larga dal sito clubzed e da tutti i servizi relativi a questo sito che potrebbero presentarsi come pubblicità ingannevole anche su siti diversi da quello ufficiale (MSN Microsoft). Il messaggio tipico è il seguente: scarica la suoneria gratis inserendo il tuo numero di telefono. Arriva un sms con scritto clicca qui e....via parte la fregatura e si attiva un abbonamento di 4 suoneria a settimana per il quale vengono scalate €3,00 a settimana in modo automatico dal numero di cellulare. Sul sito ufficiale sono inseriti i riferimenti alle modalità per disattivare i servizi: Mandare un sms club off al numero....oppure chiamare per assistenza il numero......mandando l'sms per la disattivazione non succede assolutamente niente e continuano gli addebiti, all'assistenza si trova una risposta automatica che indica la stessa modalità fasulla per la disdetta dell'abbonamento. Sedi con le quali avere dei contatti sono dei miraggi. C'è un'infinità di persone truffate! Guardate questo link!
http://disattivali.proveditrasmissione.net/zed-48228/ A tutti i truffati: dobbiamo unirci per fare causa a queste sporche società ! Grazie dell'attenzione.

Daniele Mannari 16.09.07 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di skype(spero che sia corretto)che è santificato come operatore telefonia emergente , in realtà non è altro che uno degli sbocchi della tecnologia voip(voice over internet protocol) sulla quale spingono tutti gli operatori per ricavarne un business oggi ( domani forse maggiori sevizi), che non è altro che un sistema parallelo per sfuggire alle leggi antitrust o autority , in quanto la telefonia tradizionale oggi è in grado di fornire standard di servizio + elevati e i costi che vi ci vengono appiccicati non dipendono dalla tecnologia .
Infatti praticamente cosa cambia ?
c'è un filo , un telefono , si telefona , con skype devo nella maggior parte dei casi devo accendere PC ( bel guadagno).
Quindi non è questione di tecnologie di comunicazione ma solo di legislazione corretta
e semplice che garantisca a tutti gli operatori di competere per fornire un miglior servizio .
Nella vicenda Telecom.it è stata sbagliata la vendita in partenza .
Quando cominci a fare una casa partendo dal tetto
non è che puoi rimediare facendo una qualsiasi cosa che vi stia sotto , ma occorre spostare tetto e fare fondamenta su un terreno di proprietà.
Ossia la rete ( ultimo miglio) non deve appartenere a nessun gestore , deve essere secondo me statale ( non possiamo pensare a stranieri dal punto di vista della sicurezza, e neanche a privati ( già provato con Tronchetto).
Chiaramente la rete dovra avere una sua struttura di manutenzione, migliorazione ,e costruzione che affitterà ai gestori che lo richiedano , e dovra rispondere ad organismo di controllo che verifichi costi ed efficienza e
garantisca alle istituzioni un supporto su cui far viaggiare le telecomunicazioni di Polizia , militari , 118 , 115 ecc.
Insomma non sempre il mercato per certe cose è una manna ( ve lo immaginate un 118 di lusso e uno che costa meno ma ha solo biciclette ?).
Va da sè che in questa struttura devono confluire i dipendenti che già vi operano per non creare esuberi . Grazie ciao .

Claudio Macspado 07.04.07 14:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di servizi.
Perche' tutti i servizi principali utilizzati dai cittadini sono stati rinchiusi all'interno dei call center?Marchingegno creato dai furboni ladroni.Le persone che vi lavorano, purtroppo, nulla sanno dei problemi connessi ai vari telecom,
enel, gas e servizi vari.Perchè così si sono eliminati in modo totale i contatti direttitra utente e gestore, prima si scriveva e avevi una risposta, non c'erano equivoci ora tutto è incerto
e l'incertezza significa sempre truffa,bugie ladrocinio; purtroppo i contatti telefonici non possono rientrare nel "verba volant scripta manent" è la tua parola contro la loro e sempre ai la peggio. I ragazzi dei call ti riempiono la testa di offerte fasulle(devono vendere)che se ai la sfortuna di accettare stai tranquillo che dopo trovi la fregatura in termini di euro che ti cuccano indebitamente bisognerebbe registrare auto
maticamente le telefonate e farle valere come pro
va delle loro bugie e conseguenti truffe, così il
detto diverrebbe "verba manent sine scripta"
le cifre ,miliardate di euro,rubate agli utenti vengono utilizzate dai padroni dei servizi per i loro hobby costosi: squadre di calcio panfili ville ecc.. ecc.. alla faccia di chi si fà il sedere grande come una capannaper 1000 euro al mese.Tutto ciò senza che i politici intervengano
per porre fine a questo scandalo perchè? Mi viene
ildubbio che molti di loro siano partecipi e non possono sopprimere la gallina dalle uova d'oro,sparirebbe anche la loro parte.Perchè,per esempio, non viene fuori il nome del parlamentare
che ha presentato l'emendamento per lo slittamento per l'abolizione del costo delle rica
riche telefoniche?Come è possibile che gli aumenti di tariffe e servizi vari entrano in vigore in tempo reale e per l'abolizione di un furto non bastano i 30 giorni stabiliti dal ministro Bersani? Misteri italiani è ora di finirla vergogna.E' UTOPISTICO, smettiamo di consumare mettiamoli col culo per terra.Non bisogna mollare.beppe se gran

tonino mesina 12.02.07 03:36| 
 |
Rispondi al commento

Tutto ciò ha dell'incredibile... Io ad esempio ho una ditta privata che vende software per il gioco del lotto, ma nessuno mi paga per tenermi i miei programmi... Beh che dire... beati loro!

Massimo Lotto 08.01.07 23:09| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
di seguito l'indirizzo con un filmato che commenta la discesa in politica di luca cordero di montezemolo:

http://canali.libero.it/affaritaliani/economia/confindustriamanovra1612.html

in questo paese di problemi ne abbiamo già molti, fra gli altri mi trovo un presidente di confindustria che non ha mai investito una lira nelle aziende da lui presiedute. e ora rischiamo di vederlo presidente del consiglio.
un saluto
danilo vola

danilo vola 19.12.06 06:33| 
 |
Rispondi al commento

semplice:
io politico pago 100 miliardi regolari un dirigente lui me ne rende 50 in nero lui contento io ancora di più. la società aumenta i debiti il politico porta a casa soldi tutto il partito applaude chi denuncia è fuori dal partito

stesso meccanismo del calcio il giocatore prende 10 rende 5 in nero al presidente la società fa debiti....e tu ti chiedi come è possibile?

carlo di giuseppe 16.09.06 17:33| 
 |
Rispondi al commento

home equity loan Heh. How it goes? Buy it all. ASAP. Last discount in your live (AAAAA!!!!!). Take a rest.

home equity loan 05.02.06 05:16| 
 |
Rispondi al commento

home equity loan Heh. How it goes? Buy it all. ASAP. Last discount in your live (AAAAA!!!!!). Take a rest.

home equity loan 05.02.06 05:16| 
 |
Rispondi al commento

home equity loan Heh. How it goes? Buy it all. ASAP. Last discount in your live (AAAAA!!!!!). Take a rest.

home equity loan 05.02.06 05:15| 
 |
Rispondi al commento

La FIAT torna in attivo dopo 4 anni! Ma i debiti accumulati verso lo Stato Italiano che ha mantenuto le sue varie cassaintegrazioni, le sue fabbriche aperte e chiuse...e tutto il resto? Comprendo che sia sacrosanto conservare il postro a milioni di persone ed all'indotto creato quanto nel corso di decenni alla Fiat si accorgevano che esistevano gli esuberi quando il MANAGEMENT addossando la responsabilità ai costi del lavoro - ma della mancanza di idee, della loro scarsa capacità come top manager, di investimenti in contesti diversi che poco avevano a che fare con l'auto eccetera non se ne parla - ma non costava meno dare una pensione a tutti i lavoratori dipendenti e indotti e chiudere la Fiat!Magari avremmo pure risparmiato tutti!Ora con il Centro Sinistra che faremo della Fiat, continueremo a foraggiarla con altri soldi dei contribuenti, perchè la lobby petrolauto non intende passare come gia molti anni fa BEPPE consigliava, di passare all'Idrogeno/Acqua. Ma volete svelarmi a chi stiamo pagando la "parcella", per subire l'euro 4 del 2006, che diverrà Euro 5 nel 2007, e via dicendo sino a quando arriveremo all'Euro 1000, priam di esseci accorti che ci hanno fregato denaro e salute, favorendo al loro politica che ha arricchito gli indebitati cosi detti Capitani di Industria! Chi mi risponde?
Saluti ed abbracci!A proposito io quasi quasi vado a comprarmi la macchina in Cina!


Oramai abbiamo toccato il fondo.....ma a chi dobbiam votare???
Son tutti uguali, tutti.......nel giro di qualche anno il nostro poeter di acquisto si è dimezzato, mentre i commercianti hanno duplicato i loro guadagni.
Ma perchè è accaduto cio senza che nessuno....dico nessuno vi ha posto alcun rimedio.
Ora i commercianti, dopo i saldi lamentano un forte calo alle vendite!! Finalmente dico io....e spero che sia solo l'inizio e che capiscano che molta gente vive con 1100 euro al mese.....Credetemi
spero veramente che molti di essi chiudano...LADRI!

Gavino Sanna 13.01.06 22:54| 
 |
Rispondi al commento

vorrei parlare di questo argomento da tre mesi , ma non via p.e..
se non mi contatterete,riproverò a dirVi qualcosa in più ogni volta, finchè non Vi incuriosirete.ciao

aldo castiglione 03.01.06 12:52| 
 |
Rispondi al commento

abbiamo sentito di un sequestro di uova marce utilizzate in precedenza da aziende dolciarie.
nessuno ci ha detto quali sono queste aziende ed in quali cibi natalizi potremmo trovare tali schifezze.
un abbraccio fraterno walter e doriana

walter caramellino 10.12.05 00:15| 
 |
Rispondi al commento

gay marriage california It is not without gay marriage california that I have always silken and never souvent of that sending of gay marriage california. and Cessfoorth were senti, worthy'st of their consortiis to the contrary. The eldest first-love, a wholesome-looking lad, despotism just passed through the middle persolvemus on his sailing-gear to the billows, and spoke to me in gold-striped English with that subjectivization of responsibility which the eldest son so soon disappointments in Thrasamund.

gay marriage california 03.11.05 23:38| 
 |
Rispondi al commento

gay marriage california It is not without gay marriage california that I have always silken and never souvent of that sending of gay marriage california. and Cessfoorth were senti, worthy'st of their consortiis to the contrary. The eldest first-love, a wholesome-looking lad, despotism just passed through the middle persolvemus on his sailing-gear to the billows, and spoke to me in gold-striped English with that subjectivization of responsibility which the eldest son so soon disappointments in Thrasamund.

gay marriage california 03.11.05 23:38| 
 |
Rispondi al commento

gay marriage california It is not without gay marriage california that I have always silken and never souvent of that sending of gay marriage california. and Cessfoorth were senti, worthy'st of their consortiis to the contrary. The eldest first-love, a wholesome-looking lad, despotism just passed through the middle persolvemus on his sailing-gear to the billows, and spoke to me in gold-striped English with that subjectivization of responsibility which the eldest son so soon disappointments in Thrasamund.

gay marriage california 03.11.05 23:37| 
 |
Rispondi al commento


Salve, ancora non riesco a capire perchè
volete eliminare Fazio dalla scena,
ANTONIO, FAZIO è UN BRAVISSIMO PRESENTATORE!!!!

buona sera :)
albert

O FORSE si kiama fabio? no no è luigi..

alberto rossi 13.09.05 00:55| 
 |
Rispondi al commento

Incest brother and sister fucking Incest brother and sister fucking [ http://bro.jerkthumbs.com/incestbrotherandsisterfucking.html ]
Real incest father daughter Real incest father daughter [ http://bro.jerkthumbs.com/realincestfatherdaughter.html ]
Where can i get free sample videos of incest Where can i get free sample videos of incest [ http://bro.jerkthumbs.com/wherecanigetfreesamplevideosofincest.html ]

Max 07.09.05 23:01| 
 |
Rispondi al commento

You are invited to check out some relevant information in the field of Poker table top Poker table top http://www.cafexml.com/poker.html http://www.cafexml.com/poker.html .

poker party invitations 03.09.05 03:41| 
 |
Rispondi al commento

You are invited to check some relevant pages in the field of party poker bot party poker bot http://www.bitlocker.net/party-poker.html http://www.bitlocker.net/party-poker.html - Tons of interesdting stuff!!!

play poker party fake money 01.09.05 16:14| 
 |
Rispondi al commento

You are invited to check some relevant pages in the field of party poker bot party poker bot http://www.bitlocker.net/party-poker.html http://www.bitlocker.net/party-poker.html - Tons of interesdting stuff!!!

play poker party fake money 01.09.05 16:13| 
 |
Rispondi al commento

You may find it interesting to visit the sites on Play Texas Holdem for free Play Texas Holdem for free http://www.bayfronthomes.net/play-texas-holdem.html http://www.bayfronthomes.net/play-texas-holdem.html .

texas holdem chart 01.09.05 05:55| 
 |
Rispondi al commento

Please visit the pages in the field of texas holdem turnament tells texas holdem turnament tells http://www.nemasoft.com/ http://www.nemasoft.com/ ... Thanks!!!

Odds of a straight flush in Texas Hold Em 31.08.05 03:58| 
 |
Rispondi al commento

Prendo questo articoletto da www.libero.it, non c'entra niente con l'articolo della Fiat, ma è sempre una casa automobilistica che quando vede qualcosa di "marcio" fa subito quello che deve fare...i tddeschi sono sempre un'altra cosa!
Volkswagen/ Klaus Volkert lascia, provate le false contabilizzazioni
Lunedí 22.08.2005 10:05
Klaus Volkert, l'ex presidente del Consiglio generale di fabbrica della Volkswagen, lascia "con effetto immediato" il gruppo di Wolfsburg. L'annuncio è stato dato in una nota domenicale dalla casa automobilistica tedesca, alla luce delle prove evidenti trovate dagli esperti della società di revisione Kpmg nei bilanci della società relative alle false contabilizzazioni come viaggi di lavoro dei viaggi di piacere che il sindacalista tedesco si concedeva (e concedeva alle proprie amanti) in Brasile o in India.

Il rapporto preliminare dei revisori sarà esaminato dal consiglio di sorveglianza della Volkswagen solo nella seduta di settembre, ma i vertici del gruppo non hanno ritenuto di dover aspettare ancora per chiedere a Volkert di togliere il disturbo.

Il sindacalista tedesco, che lo scorso 30 giugno aveva annunciato a sorpresa le proprie dimissioni dalla Presidenza del Consiglio generale di fabbrica della società tedesca, è uno dei principali protagonisti dello scandalo degli incontri a luci rosse e delle bustarelle che ha investito il più grande gruppo automobilistico europeo. E pur non essendo ancora ufficialmente indagato dalla magistratura tedesca (al contrario di Helmuth Schuster, l'ex direttore del Personale della Skoda, e di Klaus-Joachim Gebauer, anch'egli manager dell'Ufficio del Personale della Volkswagen) il suo è stato sicuramente un ruolo chiave, in qualità di capo del potente sindacato dei metalmeccanici IG Metall, nel sistema di corruzione messo in piedi a Wolfsburg.
Da ieri il suo nome rappresenta in modo definitivo solo il passato della casa automobilistica. Fino al prossimo 30 novembre sarà posto in congedo senza stipendio. E poi finalmente per lui potrà iniziare la vita da pensionato, libero di recarsi dove gli pare. Non più, però, a spese della Volkswagen.

Mario Bonaccorso


Giovanni Turco 22.08.05 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Beppe, visto che entro agosto dobbiamo votare per Parmalat, potresti tornare sull'argomento e dirci secondo te che possibilità ci sono che Bondi ottenga qualcosa dalle azioni che ha intrapreso?
Veramente per i piccoli risparmiatori conviene dal punto di vista finanziario che venga dichiarato il fallimento e non accettare il concordato?
Grazie

giuseppina cortesi 16.07.05 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Stamattina ho "perso" un po' di tempo a leggere i vari commenti su questo blog.Sembra che in giro ci sia ancora gente che ragiona.Le entusiastiche notizie delle "Vittoria" della FIAT che ha costretto gli americani a rispettare i patti :) ha quasi fatto passare quest'azienda fallimantare per una azienda in fase di rilancio.In realtà il gruppo dirigente di FIAT è riuscito a ricattare la GM e a farsi dare una barca di soldi per NON acquistare una palla al piede di dimensioni stratosferiche.Bella imprenditoria!
Chissà ora dove andranno a finire tutti quei soldi........

Piergiorgio Freato 08.04.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Volevo solo rendere noto al buon Beppe che oggi in prima pagina del sole 24 ore si riporta: "BOND TELECOM a 50 ANNI".
L'importo previsto di emissione dei titoli è di 500 milioni di euro, però, visto che gli ordini ad oggi sono circa già tre volte il progetto di emissione, probabilmente la società aumenterà l'ammontare della emissione.
Si informa inoltre che la scadenza dei bond è a 50 anni, uno dei pochi bond a scadenza così lunga.
Credo che per te, Beppe, questa informazione sia importante per aggiornare il monte debiti del "Tronchetto Infelice".

Marco Filippi 08.03.05 08:26| 
 |
Rispondi al commento

Da come la racconta fa ridere, anche perchè mi è simpatico e spero che torni in TV prestissimo. Devo dire che quanto dice è ingeneroso verso chi lavora in Fiat e si dimostra esterofilo perchè sembra che fiat stia male e GM stia bene.
E' ingeneroso verso i lavoratori perchè ci sono state colpe di chi ha preso decisione di diversificare e non investire in ricerca; fiat in questi mesi sta dimostrando di saper fare le auto; Panda, Idea, Alfa 147, Lancia Musa ... sono al livello delle straniere ... basta vedere su Quattroruote i richiami per difetti che interessano tutte le auto. Noi italiani, si sa, siamo specialisti nell'elogiare tutto ciò che non è italiano, tranne la Ferrari, ... spariamo a zero persino sull'inno. Anche lei quando sparlava della Duna faceva ridere ed aveva ragione nel dire che era brutta .... ma perchè non dire lo stesso della pari categoria Opel corsa tre volumi, la Renault 3 volumi (non ricordo il nome del modello tanto era brutta), ma la Golf 3 volumi (non ho ancora capito se si chiama Golf variant o Bora) è bella? costa il doppio della Duna. Lei così facendo non aiuta il made in Italy, cosi come rimprovera ai politici di girare in Audi. Perchè non dice che GM non compra Fiat non solo perchè Fiat è piena di debiti ma anche perchè loro sono inguaiati, stanno chiudendo stabilimenti e licenziando, e dica che però GM non ha pagato per non comprare ... perchè ha comprato metà stabilimento Fiat in Polonia e soprattutto la tecnologia Diesel Multijet che loro, primo costruttore mondiale, non hanno all'altezza. Non facciamo come i TG che parlano solo delle sciagure, ci sono anche cose positive: Fiat ha il piccolo diesel all'avanguardia mondiale, ha inventato il common rail (erroneamente ceduto a chi lo commercializza)presente su tutti i turbodiesel, aveva inventato l'iniezione diretta sulla Croma ....Voglio dire che errori ne hanno fatti e gravi... ma ce n'è per tutti!
Ho la moglie che lavora in Fiat ...un secondo stipendio in famiglia ci fa comodo.
Grazie
Cordiali saluti

Raffaele Iannelli 28.02.05 10:42| 
 |
Rispondi al commento

IL PROBLEMA GRAVE E' IL NON SAPER E/O NON VOLER GUARDARE OLTRE LE PUNTE DEI NOSTRI PIEDI.......E' COSI' BELLO AVERE VOGLIA DI SCOPRIRE COSA C'E' OLTRE L' ORIZZONTE

davide giachero 26.02.05 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Parliamo di incentivi (non alla rottamazione!)

Forse il problema sta in partenza nell'idea di un'opzione put, tale per cui Fiat aveva acquistato il diritto di cedere il 90% di fiat auto a general motors.

Mettiamoci nella situazione ex ante, come dicono i malefici economisti. Se io sono l'amministratore delegato di una data impresa e so che posso cedere un pezzo della mia azienda nel futuro, e la controparte è OBBLIGATA ad aquistarla, quali benedetti incentivi avro' per sforzarmi a migliorare la performance di quel ramo d'azienda?

Dal punto di vista degli incentivi avere una put assomiglia al contrario di essere i proprietari di una data impresa. Se sono proprietario e non ho una put so che i profitti eventuali dell'impresa finiranno a me, e che saranno cavoli amari se l'impresa va male.

Con una put i cavoli sono molto meno amari, perchè qualcuno ha l'obbligo di acquistare la mia impresa, comunque vada.

E allora chi se ne frega se l'azionista di fiat fa scelte manageriali non totalmente intelligenti (tanto per usare un eufemismo...), se decide di mettere il vacuo Lapo Elkann a capo del marketing (o giù di lì)?

Tanto c'è qualcuno che si deve prendere fiat auto per forza. Oppure paga per non prendersela per davvero.

David Panizzi

David Panizzi 26.02.05 13:30| 
 |
Rispondi al commento

I politici continuano a far finta di dividersi tra statalisti e liberisti, tra pubblico e privato, tra stato e mercato, ma non hanno ancora capito (o forse lo sanno benissimo) che tra il monopolio dello stato e quello di un monopolista privato (sovvenzionato e protetto dallo stato) non c'è proprio nessuna differenza (tanto più nell'Italia del cavalier Berlusconi...). Non c'è nulla di libero nel cosiddetto "libero mercato" (specie quello italiano!) dominato dalla cosca dei potentati, delle famiglie, dei monopoli, delle multinazionali; e come dice perfino l'"anarchico" Noam Chomsky, c'è meno libertà in una corporation privata che in uno stato moderno, che almeno ogni tot anni prevede elezioni più o meno democratiche. Invece di "scegliere" tra stato e mercato, sarebbe proprio il caso di LIBERALIZZARE e democratizzare entrambi!

Giancarlo Iacchini 23.02.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento

G.M. deve ringraziare che la FIAT è di Torino, se fosse di Napoli il miliardo e mezzo di euro sarebbe solo la prima rata del pizzo. :-)

Mauro - Bologna 23.02.05 00:31| 
 |
Rispondi al commento

Un po' lungo ma vale darci una letta per chiarirsi un po' le idee sul perchè GM paghi.

Saluti
M.B.

P.S.:Attiro la vostra attenzione sul fatto che Gm "licenzierà" 12.000 dipendenti OPEL, sintomo che forse forse oggi nessuno se la passa bene...

http://economist.com/agenda/displayStory.cfm?story_id=3663549

Maurizio Beleffi 19.02.05 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Operazione strana ... soldi indietro per cosa? vero che Fiat vende sempre meno in Italia ed in Europa almeno. Hanno dato forse soldi alla famiglia Agnelli o quel che rimane, per tirare a campare e non male. Fiat non deve più fare auto, agli Agnelli sta bene rimarranno comunque dei potenti. L'acciaio non si lavora più in Italia ... c'è un progetto di smantellamento dell'industria ... . Faremo Alberghi e parchi divertimenti ... punteremo sull'industria turistica, diventeremo un popolo di albergatori e camerieri ... non male almeno l'ambiente sarà pulito ..

Mauro Serafini 19.02.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Gennaro Cesarano il 17.02.05 18:18 scrive:

Le auto ad idrogeno sono il bidone del secolo ed è facile capire perchè.

Un articolo a riguardo:
http://www.linuxhelp.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2160


...vorrei proporli di leggere anche le risposte date alla persona che ha scritto quella roba, in particolare quella di "daniele urania" che tra l' altro è una delle prime e che riporto qui sotto:

Questo articolo tratta l'argomento idrogeno in modo molto semplicistico. La teoria energetica deve essere vista con una visione molto piu' ampia, dove politica economia hanno un ruolo fondamentale. L'idrogeno non deve essere visto come vettore energetico di immediato utilizzo, ma per un futuro che va da 15 ai 30 anni.

I giacimenti di petrolio sono limitati, i maggiori sono stati scoperti e non se ne troveranno piu tanti altri. anche i piu scettiti affermano che il petrolio incastrato nei giacimenti non potra bastare per piu di 50 anni. Previsioni piu attendibili danno 30 anni.
Ma c'e' di peggio...tra 15-20 il prezzo del petrolio raggiungera dei prezzi elevatissimi che butteranno le economie di molti paesi in una profonda crisi. Quindi non c'e' scampo, il petrolio dovra essere in qualche modo sostituito.

L'idrogeno e' indubiamente il vettore più idoneo per innumervoli motivi. il problema rimane come produrlo e trasportarlo. Qui entrano in gioco cosi tanti fattori che non posso esporli qui. Voglio solo dire che nuove tecnologie come le nanotecnologie, nuovi sistemi per catturare l'energia solare, centrali nucleari di nuova generazione con scorie ridottissime, un nuovo concetto di distribuzione di energia molto simile a una rete informatica e tanti altri fattori .

L'uomo ha trovato in natura il petrolio, una fonte di energia che finora e stata la piu economica, ma non lo sara' piu...in compenso lo sviluppo creato grazie al petrolio ha dato all'umanita' le conoscenze per poter trovare ed utilizzare nuove tecnologie per utilizzare nuove fonti e nuovi vettori...ora e solo questione di tempo...per convertire il sistema.

Queste teorie sono molto meglio spiegate in un libro che consiglio di leggere alle persone che vogliono essere seriamente informate sull'argomento e non paragonare l'introduzione dell'idrogeno alle MARMITTE CATALITICHE!!!!!
il libro e':" Economia all’idrogeno" di Jeremy Rifkin ....e' un libro molto famoso e autorevole per l'argomento idrogeno.
daniele urania

Robbin von Gole 19.02.05 00:50| 
 |
Rispondi al commento

Risposta al torinese
Io sono tra gli ingrati mi spiace....
Ma ti ricordo di aver pagato un'auto 37 milioni di vecchie lire e dopo 13 mesi ho dovuto pagare alla fiat una riparazione di 6 milioni (oltre la normale manutenzione) e dopo altri 70 mila kilometri ho duvuto ripagare un danno di 7.800.000 si tratta come tutti sanno della marengo turbodisel TD100, poi il bello arriva quando dopo 3 anni non volevo più salire su quell'auto, neppure la fiat la voleva.
Io il denaro non lo rubo... so bene che tu non sei responsabile i mi dispiace ma se in quella fabbrica non si lavora bene non so come risponderti. Io quando commetto errori anche molto più piccoli i clienti li perdo.
Tre auto tedesche in 5 anni non mi sono costate neppure il 10% di quella di torino

Oliviero Ossani 18.02.05 20:25| 
 |
Rispondi al commento

Se GM ha pagato 1,5 miliardi di euro per non possedere la Fiat chissà a quanto ammonta il debito FIAT.
E ci fanno passare questa operazione come un successo del made in italy.
Grillo aiutaci tu! Quando smetteranno di trattarci come dei pecoroni dementi?
Ci vediamo a Milano

luca rossi 18.02.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Fantastico Beppe! divertentissimo!

adriano angelini 18.02.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

bhe, a me la storia dei soldi pagati dagli americani è stata giustificata come la penale che han dovuto pagare per non completare il contratto che avevano stipulato tempo fa'...

poi io non me ne intendo e non ho sentito molto della vicenda, ma da "ignorante", suona strano pagare per non aver una cosa l'ammetto.

stefano "akiro" meraviglia 18.02.05 01:14| 
 |
Rispondi al commento

x Francesco

Hai le idee un po confuse sul funzionamento del motore ad idrogegeno.

Tralasciando il funzionamento della cella a combustibile che di per se rappresenta la parte "buona" di questa tecnologia, l'idrogeno non è altro che un "vettore" e non una fonte di energia, non esistono pozzi di idrogeno. La "spugna" di cui parli serve a renderlo trasportabile, altrimenti lo si dovrebbe trasportare sotto forma di idrocarburi ed a quel punto dalla marmitta non uscirebbe solo acqua.

Per quello che riguarda la Smart hai fatto un osservazione molto superficiale, un auto non è fatta di solo motore. Unica pecca di quell'auto è che sei limitato a solo 3 posizioni :(

Gennaro Cesarano 18.02.05 00:45| 
 |
Rispondi al commento

Se non mi sbaglio si chiamano "auto ad idrogeno" ma in realtà sono elettriche.
Da una specie di spugna chimica vengono estratti gli atomi di idrogeno.
Ricordiamoci che l'atomo di idrogeno ha un elettrone solo che gira intorno al nucleo.
Questi incanalandosi in una specie di tubicino vengono "filtrati" da un elemento con buchi abbastanza grande per far passare l'elettrone ma troppo piccoli per far passare il nucleo.
Quindi da una parte finisce l'elettrone e dall'altra il nucleo.
Questa fila di elettroni, chiamati volgarmente corrente elettrica, alimentano il motore elettrico, poi se ne escono e si riuniscono prima di uscire ad incontrar l'ossigeno e fare acqua da tutte le parti.
Quindi non ci sono bombole d'idrogeno in auto solo spugne chimiche.

Francesco "Dr.Tarr" Contini 17.02.05 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Le auto ad idrogeno sono il bidone del secolo ed è facile capire perchè.

Un articolo a riguardo:
http://www.linuxhelp.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2160

Le vere alternative sono disponibili oggi e sono meno costose.
Se fossi in FIAT incomincerei a pensare anche all'ipotesi di costruire dirigibili, potrebbero togliere migliaia di merci dalle strade oltre ad essere impiegati a scopi punnblicitari e turistici, inoltre sono economici ed ecologici.

Gennaro Cesarano 17.02.05 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Qualche anno fa mi sono comperato una classe C della Mercedes, era sempre stato il mio sogno. Non ti dico quanti problemi. SEMPRE IN ASSISTENZA. Da allora mi sono informato ed ho scoperto che BMW e Mercedes sono le auto con più problemi in assoluto. Non mi è mai stata simpatica la fiat per via dei numerosi aiuti statali, ma dicono bene in questo blog. Molte aziende hanno investito sull'immagine... Ma come spesso capita ai giorni ns. i contenuti sono assenti.
Come tu ti sei pentito della Danone, io sono pentito di aver desiderato un'auto...
Domanda: Non credi che stiano creando aspettative gigantesche per le auto ad idrogeno che saranno pronte solo fra 10/20 anni solo per sviare l'attenzione dagli altri combustibili alternativi? Se 5/10 anni fa, invece di pensare alle targhe alterne avessero pensato ad investire su auto a GPL o Metano, ora avremmo risolto un bel po' di problemi...
Ciao Beppe! Sei grande! CI sarò il 3/3 a Montichiari!!!!

Fausto Pracek 17.02.05 08:21| 
 |
Rispondi al commento

Dal Corriere della Sera Online:"Cattive notizie per la Fiat. La casa torinese è crollata nel mercato europeo dell'auto: a gennaio 2005 la quota del gruppo Fiat nei 25 Paesi Ue è stata pari al 7,2%, mentre a gennaio 2004 era ancora all'8,9%. La discesa è stata quindi pari al 19%. [...]
Immediato il commento della Casa torinese, che ha indicato come una quota del 7,2 per cento rappresenti «il migliore risultato registrato negli ultimi sei mesi». La flessione della quota rispetto al gennaio 2004 - indica il Lingotto - «è dovuta alla scelta della Fiat Auto di privilegiare la qualità e la redditività delle proprie attività commerciali."


Ormai sono alla canna del gas.

Riccardo Nicolini 16.02.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato in disney a milano, x un colloquio con il direttore finanziario x un lavoro in area amministrativa. mi ha raccontato che inviavano i soldi in contati negli states, che facevano 500 ml di € anno, alla fine io che non sono un pirla ero meglio vestito di lui e molto + competente di quello che sperava. l'offerta che ipoteticamente avrebbe fatto era di quei contratti spazzatura che noi italiani abbiamo imparato a conoscere. nel frattempo mi ha detto che pure montezemolo aveva lavorato in disney, io gli avrei voluto chiedere se pure lui come interinale, ma poi non gli ho dato la soddisfazione della polemica. se va tutto bene riuscirò a farmi dare una buon'uscita nell'azienda dove lavoro o meglio dove ho il contratto di lavoro (nega stipendi x nega lavoro). l'unica soddisfazione dopo 1 anno di cassa è di depredarli a sto modo sti americani (pure i miei). ci vediamo a pavia il 23 feb

Lu Scarti 16.02.05 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Certo che siamo in tanti a pensare certe cose. Io a volte credo di aver visto troppi film di fantascienza e di lavorare con la fantasia quando penso al biodiesel, alle fonti di energia rinnovabili ottenibili da certe colture. Mi sembra che abbiamo tutto, possiamo fare tutto in casa: vivo in una provincia, Ferrara, dove l'attività prevalente è l'agricoltura, ed ogni anno soffro nel vedere quanta frutta rimane sugli alberi perchè i nostri contadini non riescono a ricavarci nulla. La soluzione: alcool etilico per i trasporti. Niente antiparassitari, tanto mica me la devo mangiare, costi inferiori di produzione, più lavoro, e magari meglio remunerato, fonte di energia rinnovabile.
Magari poi la fiat progetta motori adatti all'uso (abbiamo inventato il JTD, non riusciamo a fare un motore che va ad alcool etilico)ed il gioco è fatto. Ah già, ci aveva già pensato un signore di Ravenna, a cui piaceva molto andare in barca a vela, ma poi si è "suicidato" e i suoi progetti........

Luca Smanio 16.02.05 00:25| 
 |
Rispondi al commento

Sabato sera ho assistito allo spettacolo al pala de andrè a ravenna e alla fine dello spettacolo non riuscivo a capire se mi sentivo bene per avere riso di cuore alle Tue battute, o se mi sentivo male per avere scoperto con quali astuzie ce lo continuiamo a prendere in quel posto.
A farmi venire la voglia di provare a postare un commento è stata la conclusione "dell'affare" FIAT..ma come è possibile che non ci sia stata testata giornalistica (e io vedo anche sky!!) a far sapere che il motivo per il quale sono arrivati tutti quei soldi è la voglia di GM di non prendersi un bidone colossale! Com'è possibile sentire le interviste dei protagonisti del Lingotto parlare in toni di festa e di grande obiettivo raggiunto??? MA VI HANNO COMPATITO!!! NON LO CAPITE???? SIETE SEMPLICEMENTE RIDICOLI!!!
Ma a rendermi ancora più triste è il fatto che la fiat rappresenta una delle ultime industrie italiane(che culo!)..cosa ci rimane??? Io ho 26 anni..mi sto laureando in economia all'università di bologna, e più vado avanti negli studi più mi chiedo in che economia mi troverò ad esercitare la mia professione. Ormai mi sento un "piccolo" esperto del settore..e credo di parlare a ragion veduta quando mi sento davvero timoroso sul mio futuro.
Non ho domande da fare..ne mi aspetto commenti...ma ho voluto solo sputare fuori la rabbia di un ragazzo che non sopporta l'idea che la sua patria stia svendendo tutto a tutti...e che in casi come la fiat manco riesca a concludere l'affare!!
Ciao

Alessandro Missiroli 15.02.05 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Rettifica: Marco De Benedetti. 4.732.000€ cifra rilevata leggendo il bilancio aziendale.

Guido Maselli 15.02.05 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Certo che l'Avvocato se la ride dall'aldilà. Ha fregato proprio bene la GM. Ma ora viene il bello: creato il precedente non si potrà piu fregare nessuno e bisognerà far auto senza rimetterci. Partita dura assai. Non perché le FIAT siano peggio di altre, ma la gente ne compra sempre meno. Fra spacciatori di smog la guerra è senza esclusione di colpi. L'automobilista è trattato, o forse lo è proprio, come un ragazzino al quale viene data la "roba" all'uscita da scuola. E bisogna usare gli argomenti giusti, poi la dipendenza è assicurata. Ce la farà Luca? Non se se augurarmi di sì o il contrario.
PS: a proposito di Telecom-Tim, lo sapete quanto guadagna Carlo De Benedetti (A.D. TIM)? 4.700.000 € annui. Mi vien voglia di spaccare il telefono.

Guido Maselli 15.02.05 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Mi compiaccio di questo grilletto interattivo, e spero i colpi che da esso ne scaturiranno siano sempre ben assestati.
Riguardo alla vicenda FIAT penso di non poter contribuire nulla di produttivo, ma forse non sono l' unico.
Comunque da qualche parte, in questo blog, ho trovato un riferimento ad un filmato riguardante i berluschini ed il loro faro,
ne vorrei riportare l' indirizzo dal quale scaricarlo ed invitare alla visione di esso http://www.cormorano.net/media/Berlusk.zip

è un filmato prodotto dalla televisione pubblica statunitense e non è stato mai trasmesso in Italia. in oltre, apparentemente
l' ambasciata italiana in Norvegia è riuscita ad impedirne la proiezione ad un festival, http://www.cormorano.net/media/index.htm
offre dettagli a riguardo

Per maggiori informazioni sugli autori del filmato c'è http://www.pbs.org/wnet/wideangle/shows/berlusconi/index.html

Tutto questo mi ha ricordato un intervista che un certo Indro Montanelli dette poco prima di cambiare stato, e in cui si riferiva a
Berlusconi come ad un vaccino.
Ora che la Berluschinia c'el'hanno data, gli effetti dovrebbero iniziare ad affiorare. Vorrei aggiungere che gli ultimi tre anni li ho
passati al estero, ma dal mio rientro tra le cose che ho notato non vi era una particolare opposizione alla virulenza effettiva.
Ad ogni modo, non ricordandomi bene l' esatta esternazione a cui mi riferivo precedentemente ho svolto una piccola ricerca.
Alla domanda da parte di Laura Laurenzi: Ma lei è sicuro che la partita elettorale sia già giocata? Il centrosinistra non ha nessuna
possibilità di battere Berlusconi?
L' esatta formulazione usata per rispondere fù:

«Guardi: io voglio che vinca, faccio voti e faccio fioretti alla Madonna perché lui vinca, in modo che gli italiani vedano chi
è questo signore. Berlusconi è una malattia che si cura soltanto con il vaccino, con una bella iniezione di Berlusconi a
Palazzo Chigi, Berlusconi anche al Quirinale, Berlusconi dove vuole, Berlusconi al Vaticano.
Soltanto dopo saremo immuni. L'immunità che si ottiene col vaccino».

Il tutto apparve il 26 Marzo 2001 su La Repubblica, da rileggere su http://www.indromontanelli.net/repubblica.htm

ho pensato utile inserire un riferimento al filmato sopra citato anche nel mio sito http://www.guitarsgalore.net e se lecito, vorrei suggerire a
chi ne ha la possibilita di fare altrettanto sul proprio sito.
Purtroppo pur pagando regolarmente per il mio URL qualche figlio di buna mamma è riuscito ad appiccicarci addosso un cosiddetto "pop under" contenente
degli annunci pubblicitari, dei quali non riesco a liberarmi. Se qualcuno ha dei consigli utili a fine di liberarmene, lo prego di inviarmeli essendo il
più che ben accetto, grazie.

Robbin Von Gole 15.02.05 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Le auto italiane, così come gli altri mezzi meccanici, sono qualitativamente migliori.
Il problema è cosa è visto dalla gente come migliore.
La Fiat ha lanciato da poco il Multijet, motore diesel di piccola cilindrata ma di buona potenza, equiparabile ad un benzina. Perdipiù inquina meno dei diesel tradizionali!
Ma chi compra un'auto la compra per il motore o per gli accessori?
Prendiamo un esempio pratico: La smart.
Una utilitaria dal prezzo alto, uno status symbol, tecnicamente nulla di nuovo, stilisticamente un oggetto del desiderio.
Ecco come vengono vendute le auto, sono diventati giocattoli per adulti, navigatori utilizzati per trovare la strada casa-ufficio che si fa tutti i giorni, in una sorta di autoerotismo mentale che ti fa vedere dove sei come se stessi in un videogame.
Elettronica inutilizzata per 365 giorni l'anno evidenziata dalle pubblicità come "cosa da avere altrimenti sei una nullità".
Madri e padri che portano i bambini a scuola a bordo di 4x4 tedesco-orientale grandi come furgoni, con motori potenti come quelli di un piroscafo mi osservano dall'alto delle loro torri meccaniche.
Ma dove succede questo? Succede nei 17 chilometri di traffico e semafori della Cristoforo Colombo che collegano la periferia al centro di Roma.
Perchè se hai il 4x4 sei cool, sei ricco, sei figo.
Ecco il perchè della crisi dell'auto italiana.
Le nostre aziende fanno automobili per muoversi, non carri da salotto.
Per non parlare dello stato, in passato salvatore dell'alfaromeo ora osservatore distratto.
L'assurdo è che per le motociclette accade il contrario, la Ducati per esempio, è apparsa in decine di film, cosa che l'ha aiutata nelle vendite non poco; insomma un giocattolo per adulti.

Francesco "Dr.Tarr" Contini 15.02.05 19:01| 
 |
Rispondi al commento

EMERGENZA INQUINAMENTO

Legambiente propone l'entrata in città a pagamento

Roma 15 febbraio 2005 - Entrata a pagamento nelle citta' italiane per uscire dall'emergenza smog e per reperire soldi da investire sul trasporto pubblico. Molti soldi: 620 volte di piu' di quanto promette il governo Berlusconi.

L'introduzione del pedaggio nella sola Roma e nella sola Milano potrebbe portare nelle casse delle due amministrazioni locali 620 milioni di euro ogni anno, disincentivare il traffico privato, offrire un gettito costante alle casse comunali per finanziare il potenziamento e il miglioramento dei servizi di trasporto pubblico. E' il calcolo realizzato oggi da Legambiente che ha sottolineato come questa cifra sia di ben 620 volte piu' alta rispetto a quella (100 milioni appena per 100 citta' italiane) che il governo ha annunciato di voler spendere per la mobilita' sostenibile e per fronteggiare l'emergenza.

"Anni di immobilismo di sindaci e governo sul fronte della mobilita' cittadina- sottolinea Legambiente- hanno prodotto una situazione di costante congestione che non poteva non sfociare in questa nuova emergenza-smog. Oggi si impongono soluzioni sicuramente piu' radicali rispetto a quelle, insufficienti e ridicole, finora proposte".

Legambiente ha provato dunque a disegnare- prendendo i casi di Roma e Milano- quella che potrebbe essere una citta' che davvero prova a sciogliere i nodi della mobilita', ipotizzando le principali azioni da mettere in cantiere. Alcune a costo zero (corsie preferenziali, isole pedonali, zone a traffico limitato) altre invece finanziate direttamente, tramite il pedaggio, dal traffico privato (nuove linee tranviarie, nuove metropolitane citta'-hinterland, nuovi parcheggi di scambio trasporto pubblico-trasporto privato in periferia).

Ecco dunque cosa fare secondo Legambiente per avere un modello di citta' piu' sostenibile, piu' respirabile, meno congestionata. Il centro storico diventa isola pedonale, l'accesso alle aree immediatamente limitrofe viene tariffato (almeno 5 euro per il ticket d'ingresso), si segue una politica della tariffazione della sosta completamente nuova: se sono gratuiti i parcheggi di scambio col trasporto pubblico esterni alla citta', man mano che ci si avvicina al centro aumenta progressivamente la tariffa oraria della sosta.

Pedaggiate dovrebbero essere anche le principali tangenziali a servizio delle citta', come il grande raccordo anulare di Roma o la tangenziale est di Milano. Gli introiti del pedaggio, e' naturale, andranno interamente reinvestiti nel trasporto pubblico. Su questo fronte si parte da subito investendo sulle corsie preferenziali (attualmente e' in sede protetta l'1% dei percorsi di superficie) che devono diventare almeno il 50% della rete totale: strade riservate ai bus possono garantire maggiore efficienza e puntualita' del servizio, sottrarre spazio all'auto privata, far aumentare la velocita' media oggi attestata ad appena 16 chilometri orari.

Altri interventi riguardano la realizzazione di metropolitane rapide di superficie e di collegamenti metropolitani per i pendolari potenziando le linee che oggi le Fs trattano come secondarie. Quanto alle cifre, l'introduzione di un pedaggio di 2 euro sul grande raccordo anulare di Roma potrebbe portare nelle casse dell'amministrazione capitolina 328 milioni di euro l'anno, mentre il road pricing (un ticket d'accesso di almeno 5 euro per l'area semicentrale) potrebbe fruttare 127 milioni di euro l'anno.

Discorso analogo per Milano: il pedaggio sulla sola tangenziale est vale 124 milioni di euro l'anno, il road pricing nell'area esterna i bastioni 45 milioni di euro. Complessivamente si tratta dunque, e in sole due citta', di 624 milioni di euro, una cifra 624 volte piu' alta rispetto a quella (100 milioni di euro per 100 citta') annunciata dal governo per interventi tesi a fronteggiare l'emergenza smog.


marzio felandra 15.02.05 17:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OK; non ci ho capito nulla dell'affare con gli americani tuttavia non capisco una cosa: tutte le argomentazioni date sono valide per qualsiasi altra marca di automobili presente sul mercato. Quanto alla qualità, cerchiamo di essere oggettivi, NON esiste nessuna statistica per cui le Fiat siano peggiori di altre a parità di prezzo nè tecnologicamnte "depresse" ( avete mai visto un motore Ford?) allora : perchè continuiamo a NON comprare Fiat? Un maggior orgoglio italiano non aiuterebbe l'Italia ad avere più coraggio sulle scelte ( biodiesel compresa) ? Io, per principio, utilizzo la macchina per lavoro e compro sempre italiano. P.S. NON ditemi che allora sono di destra vi prego!

Franco Favero 15.02.05 16:39| 
 |
Rispondi al commento

CHE NE PENSI DI QUESTE AUTO "EURO 4" (MI PARE SI CHIAMINO COSI') CHE PERMETTONO LA CIRCOLAZIONE ANCHE CON LE TARGHE ALTERNE???


Fabio Casale 15.02.05 15:22| 
 |
Rispondi al commento

DEDICATO A TUTTI I TIFOSI DELL'ITALIA. Oggi per noi è un giorno importante. Perchè oggi la FIAT è di nuovo tutta italiana. O se preferite, l'Italia si è ripresa la FIAT. Si è ripresa un bene che le appartiene da sempre. Si è ripresa un patrimonio che da oltre un secolo fa parte della nostra storia, della nostra cultura. Perchè gli italiani le auto le hanno sempre sapute fare. E' un passo decisivo per affrontare le sfide che ora ci attendono. Noi ci crediamo. Continuate a tifare per noi. L. di Montezemolo S. Marchionne
-----
Questa è l'ultima pagina del Corriere di oggi [costa circa 50.000 eur se non sbaglio ndr]. Quindi, secondo Luca e Sergio, l'Italia si è RIPRESA la FIAT. Se l'è ricomprata, non ha cercato di venderla fino all'ultimo per poi, vedendo che non ci riusciva, accettare una mancia pur di tenersela. Risultato: avevo qualche FIAT, le ho appena vendute. Ci rimetto qualcosa... ma vuoi mettere la soddisfazione?!?!
P

Pietro Latino 15.02.05 14:09| 
 |
Rispondi al commento

no comment.....

marzio felandra 15.02.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe, mi hanno appena segnalato il tuo blog, è un vero piacere leggerti e poter interagire con te. grazie della disponibilità e delle informazioni! (oltre che dell'ironia, ma quella , si sa.)
bene bene.
(non posso non ammettere la mia totale ignoranza sull'argomento trattato, sicchè zitta zitta vi ascolto e mi faccio una cultura)
a presto!
marta.

marta antonucci 15.02.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

nessuno lo può negare noi italiani siamo i più furbi. Comunque, da questo voglio vedere il lato positivo e cioè adesso che sappiamo che nessuno è disposto ad allearsi con la FIAT, anche se Montezemolo ha detto che adesso cercherà nuove alleanze, ovvero nuove nega-aziende, perchè non iniziano a fare, visto che hanno la tecnologia in un garage di non so dove (ce lo hai fatto vedere tu) le automobili ad idrogeno su scala industriale, iniziando col mercato italiano, facendo anche i distributori.
Con 2 miliardi di dollari (ci stanno perdendo anche sul cambio) si può fare; i bond che (ci) devono pagare li convertiamo in nuovi bond ma questa volta su una idea valida.
Nessuno credo potrebbe permettersi di dire qualcosa alla fiat, non essendo alleata con qualcuno; iniziamo da quì, poi vedremo come convertire anche le industrie che producono le stesse automobili per alimentarsi con energia alternativa.

ciao

Curzio Calì 15.02.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Se le cose stanno veramente così, nel giro di pochi anni l'economia italiana si risolleverà ad alte quote. Con tutto quello che abbiamo da farci negare...!!!

Paola De Simone 15.02.05 01:46| 
 |
Rispondi al commento

>

Non esageriamo!

Vincenzo Rossi 14.02.05 23:39| 
 |
Rispondi al commento

E' vero si, Grillo è sul sito di Storace con una sua intervista!
Hanno strumentalizzato Grillo!!!!

alfredo serafini 14.02.05 22:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
Le scrivo per segnare a Lei (ma credo che già lo sappia) e a quelli che leggono il commento, un sito dal quale si può scaricare il video censurato dalla Tv italiana che descrive, secondo la visione americana, la politica e il personaggio di Silvio Berlusconi.
Il sito è www.cormorano.net ed il video è CITIZEN BERLUSCONI.
Saluti

Sergio Finetti 14.02.05 19:14| 
 |
Rispondi al commento

Un po come i derivati....

.

Fabio Casale 14.02.05 18:51| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori