Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le Grandi Opere

  • 98


ecomostro.jpg
Foto: http://www.romaperiferie.it/modules.php?name=News&file=article&sid=101

Oggi 22 marzo alle ore 20 sarò a Roma (via Casilina Km 18, Borgata Finocchio) per inaugurare i lavori della Collina della pace, il parco pubblico che sorgerà sulla ex-proprietà confiscata dallo Stato alla Banda della Magliana.

Insieme a me ci saranno Paolo Carrazza, Assessore alle Politiche per le Periferie, lo Sviluppo Locale, il Lavoro, Don Ciotti Presidente di Libera, Giancarlo Caselli Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Torino.

La confisca delle proprietà mafiose si deve anche all’associazione antimafia Libera, che ha contribuito a far varare la Legge 109/96 sul riutilizzo a fini sociali dei beni conquistati ai mafiosi.

Su 13.000 mq, dove nel 2004 è stato abbattuto un edificio ecomostruoso di 20.000 metri cubi, sorgeranno un parco pubblico, una biblioteca e alcuni spazi di cultura.

Parteciperò a questa festa anche per ricordare tre cose:

1) IL CEMENTO
L’Italia è al primo posto nel mondo per consumo pro capite di cemento

2) LE GRANDI OPERE
Oggi ci sono due tipi di grandi opere: quelle dei muratori e quelle degli artificieri.
In un Paese sovracostruito e sovracementato come l’Italia, le grandi opere più urgenti richiedono i secondi, non i primi.

Da decenni ogni secondo viene cementato un nuovo metro di Italia.

Oggi però, dopo tutto quello che abbiamo costruito, bisogna cominciare a pensare che il progresso è diventato il contrario: meno costruzioni e più natura.

3) IL RICORDO
Sulla “Collina della pace” fate un parco e una biblioteca. Ma fate anche un piccolo museo, un monumento o almeno una lapide per ricordare cosa è stata questa collina prima.
Se andate a Seveso, sulla zona A, quella resa inabitabile dalla diossina della ICMESA della HOFMANN-LA ROCHE, oggi c’è solo un cartello: “Bosco delle Querce”.
Sembra un paradiso. Sotto però c’è la diossina. Sopra non c’è nemmeno una parola per ricordare cosa è avvenuto in quel posto.

22 Mar 2005, 15:34 | Scrivi | Commenti (98) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 98


Commenti

 

Ciao Beppe,
come al solito meno male che ci sei tu che qualche volta ci dai qualche buona notizia.
Il cemento? Vero e' un grosso problema. Io sono di Torino dove ben sai si svolgeranno le Olimpiadi invernali.
Beh qui il cemento stà diventando di "casa". Non sò se hai visitato la città recentemente per farti un idea!? Tutti in città sperano che non si ripeta un "Italia 61" dove si cotrui' all'inverosimile e ogni edificio creato per l'occasione poi andò in disuso.
Ci sono tante promesse dall'alto: "tutto ciò che verrà costruito sarà riutilizzato per altre funzioni!!".
Date le esperianze passate sarà proprio vero?

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 26.09.15 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Vorremmo sottoporti un video che abbiamo da poco inserito su YOUTUBE lo puoi trovare digitando "un mare di balle" saremmo lieti se potessi presentare in qualsiasi modo le immagini che abbiamo montato, trattasi di scene assolutamente inedite in quanto sono state girate eludendo la sorveglianza nel sito di scarico rifiuti in ACERRA Napoli. Aiutaci se puoi. Vorremmo che anche il tuo sito creasse un collegamento con la presentazione al fine di ottenere il massimo della diffusione.
Grazie
Obbiettivi

Carlo Manfredi 24.03.08 14:17| 
 |
Rispondi al commento

oggi ho sentito un servizio di Franco Di Mare sulla diossina in campania.Non ricordo il comune,è di sicuro una città alla periferia di napoli,dove un pastore denunciava la distruzione del suo gregge. Il direttore del CNR ha spiegato come la diossina attraverso la catena alimentare,arriva sulle nostre tavole.Un medico ha testimoniato di avere nel suo sangue tanta diossina da dover essere ucciso 11 volte se fosse una pecora.Sono sconvolta,che fare?

angelab.orsetta49 14.10.07 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Lui ha bisogno di noi, aiutiamolo!!!
di Gabriele Ferraresi Da Carmilla on Line

Di certe storie si parla sempre troppo poco; e di questa poi in particolare, che non è neanche facile da seguire, che è una storia complicata, seppur cristallina nel suo orrore, con un sacco di date e nomi da ricordare, non si parla più. In passato se ne è parlato si, ma di certo non abbastanza, o non abbastanza da fare massa critica perché succeda qualcosa. Dal 3 giugno 2005 Carlo Parlanti (nella foto) si trova rinchiuso nel carcere di Avenal, California: è stato condannato per reati che non ha mai commesso, accusato da una teste squilibrata, durante un processo farsa. Possibile? Negli Stati Uniti? Nella land of freedom che qualcuno, magari a capo di qualche quotidiano d’opinione di poche pagine, considera tale? Si, possibile.
Carlo Parlanti nasce a Montecatini nel 1964, cresce in una famiglia come tante altre, studia allo scientifico, poi, all’università, Fisica. A venticinque anni è a Milano, a cercarsi un lavoro: è uno sveglio, che sa studiare, e finisce che manda un curriculum ad un’importante multinazionale alimentare, una di quelle oggi più osteggiate. In epoca pre-global Carlo Parlanti ha bisogno di campare: e inizia a lavorare in Nestlè, fa l’analista di sistemi e il project manager, si direbbe oggi.

Fa carriera in fretta, si sposta spesso in giro per l’Europa, è uno a cui quella vita piace, sempre in giro, mai un giorno uguale ad un altro. A un certo punto cambia, di punto in bianco, così: è uno che dalla sera alla mattina è capace di partire per l’America. E lo fa, nel 1996: prende e parte, a quel punto non lavora già più in Nestlè, ma per la Dole: la carriera va a gonfie vele. Oltre al lavoro, però, c’è un’altra passione nella sua vita, le donne. Tante, con cui si lega per poche settimane o qualche mese, per un paio d’anni o alcuni giorni. Comunque, tante: anche da quel versante le cose non vanno affatto male, anzi, sembra una vita di quelle da spot, vite in ordine


parte quarta vicinanza dell’Amministrazione Comunale ai più piccoli e soprattutto allo sport in generale: vista, però la impossibilità del comune di affrontare la spesa, essa è messa in forte discussione.

Il motivo per cui abbiamo deciso di scriverVi non è solo legato alla passione che da quasi 30 anni ci lega al baseball, ma alla amara considerazione che in Italia lo sport - inteso nell'accezione più generale e pura - non ha diritto di cittadinanza
Nonostante ciò le nostre attività continueranno e cercheremo - sempre e solo con le nostre forze - di difendere a spada tratta gli sport minori e lo sport in generale nella speranza che si comprenda che esso è uno degli strumenti cardine per la crescita dei Nostri giovani

Mayk G. Commentatore certificato 05.06.07 16:06| 
 |
Rispondi al commento

parte terza
..Ma non è solo questo!!!!
Come riportato nell'articolo, in Agosto vi sarà altresì un torneo internazionale: è uno dei più grandi eventi di baseball e softball giovanile che si disputa nella stagione e quest’anno la Federazione Italiana Baseball Softball ha deciso di assegnarlo all’Abruzzo, vista la crescita che ha avuto negli ultimi anni. Si disputerà sui campi di Atri, Chieti, Francavilla, Lanciano, Pescara, Pineto e Tollo.
Il campo di Lanciano è il primo regolamentare costruito nella regione ed avendo i requisiti è stato destinato dalla FIBS, nonostante questa fosse a conoscenza della situazione, ad ospitare un girone di 8 squadre di Cadetti Baseball (ragazzi da 14 a 16 anni).
Il numero di nazionali ad oggi iscritte al torneo ha superato ogni aspettativa, infatti supera le 40 unità; nazioni come Iran, Sri Lanka, Hong Kong, Turchia incontreranno il Giappone, gli USA, e molte Nazionali Europee. La visibilità che la manifestazione offrirebbe alla città di Lanciano sarebbe grande. I contatti che il sito internet del Torneo (http://www.fibsabruzzo.it/mondialhit) ha avuto sono stati migliaia, soprattutto dal Giappone.
Alla manifestazione quest’anno si è aggiunta la presenza della Disney, partner ufficiale e grande protagonista soprattutto per i più piccoli
Le Nazionali partecipanti sarebbero ospitate nelle varie sedi gratuitamente, e verrebbero forniti vitto e alloggio. Quindi la spesa che il comitato organizzatore affronterà è ben maggiore del contributo chiesto - e naturalmente non ottenuto, neppure in minima parte - al comune di Lanciano
La presenza in città del villaggio Disney con le attrazioni, gli stand ed i personaggi Disney e di una manifestazione sportiva così importante (soprattutto perché giovanile) ha di certo una risonanza notevole, non solo in termini turistici e culturali, ma anche e soprattutto sotto il profilo della vicinanza dell’Amministrazione Comunale ai più piccoli e soprattutto allo sport in generale

Mayk G. Commentatore certificato 05.06.07 16:05| 
 |
Rispondi al commento

parte 2 .fare una piscina fossero necessari 10.000. metri quadri di terra (su cui senza intaccare la originaria destinazione e con una spesa di non più di 30/40.000,00 euro potevano esistere contemporaneamente due campi di calcio, un campo da rugby, un circuito podistico etc.)
Al contrario l'Amministrazione ha ritenuto di non dover accedere a tali proposte.
Ma andiamo oltre!!!
La nascitura piscina dovrebbe avere una lunghezza di circa 33, quindi non potrebbe essere destinata a gare ufficiali: nonostante ciò, pare (e ribadiamo, pare, non avendo ancora potuto visionare il progetto di massima) che il progetto preveda una serie di infrastrutture collegate alla piscina che ci potrebbe invidiare qualsiasi centro olimpico (palazzine per ospitare atleti, ristoranti bar, ampia reception e via dicendo).
Se così fosse allora dovremmo dire che si tratterebbe non di una piscina con servizi annessi ma più semplicemente di una grande struttura destinata ad altro che contiene al suo interno, anche una piscina.
Ma speriamo di fugare ogni dubbio, chiedendo sin d'ora scusa per le inesattezze, al momento della presentazione del progetto.
Ma parliamo di noi, del baseball
La nostra società è presente sul campo da moltissimi anni; fino al 2004 ha disputato campionati ufficiali. Nel 2005, a causa dei danni causati dal transito dei camion del circo è stata costretta a rinunciare al campionato.
A causa di ciò tutti i giocatori sono stati costretti a giocare in altre squadre d'Abruzzo, ed insieme ai tecnici lancianesi sono stimati in tutta la regione, ed anche fuori, a dimostrazione del livello tecnico del nostro baseball.
Nonostante tali disagi, però la nostra attività è continuata.
Il giorno 9 giugno sul campo si svolgerà il primo torneo scolastico di mini baseball, che è il risultato del lavoro svolto dagli allenatori in una scuola elementare di Lanciano. Sono sei le classi impegnate sul campo per un totale di circa 120 ragazzi.
Ma non è solo questo!!!!
Come riportato nell'arti

Mayk G. Commentatore certificato 05.06.07 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di sprechi mi è venuta in mente una lettera che ho letto sul sito della mia città ve la riporto qui per testimoniare il fatto che anche i cittadini di piccole realtà hanno le loro battaglie: Eagles29

Messaggio del 04/06/2007 13:16:35
Con dispiacere abbiamo appreso la notizia e la vorremmo commentare ed evidenziare alcune particolarità che speriamo non siano sfuggite alla cittadinanza.
Intanto segnaliamo la stranezza della decisione di costruire la piscina al posto di un altro impianto sportivo. Già la carenza di impianti è notevole ed eliminarne uno, all’epoca (1995) costato centinaia di milioni, per farne uno ancora più costoso è proprio un’assurdità. Gli sport minori soffrono e continueranno a soffrire.
Il campo da baseball, che viene chiamato già da parecchio tempo “ex”, occupa una superficie di circa 10.000 mq, molti di più di quelli necessari alla piscina. Come mai l’unico posto è quello? Forse non vogliono lo sport Baseball? Chissà! Ciò è ancora più vero se si considera che noi, non solo giocatori di baseball ma anche e soprattutto amanti dello sport negli ultimi anni abbiamo in più molteplici occasioni proposta alla amministrazione comunale di trasformare il campo da Baseball in un impianto sportivo polivalente in modo da sopperire alla evidente carenza di strutture nel territorio Comunale.
Ci è stato risposto che Lanciano da anni ha bisogno di una piscina. Di questo, da amanti dello sport siamo contenti e consapevoli: ma era proprio necessario distruggere una realtà già esistente; era necessario ridurre ulteriormente la recettività di Lanciano in termini di spazi destinati allo sport?? era proprio necessario cementificare una zona verde così importante??? Non ci si venga a dire che è stato necessario perché il campo ormai era in disuso perché non è vero; non ci si venga a dire che quella era l'unica area disponibile per costruire una piscina, perché non è vero e soprattutto non ci si venga a dire che per fare una piscina fossero necessari 10.

Mayk G. Commentatore certificato 05.06.07 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,

“Savona città narrata” (1) è un ritratto della città scritto da savonesi. Raccontando la sua adolescenza ad es. Carlo Freccero parla del cinema “Eldorado”, forse l’unico cinema italiano coperto da una cupola che nell’intervallo si apriva permettendo di vedere il cielo. Fantastico no? Peccato che oggi, a mille metri esatti da quella cupola, il cielo di Savona stia per essere oscurato da un ecomostro piu’ devastante del mitico “Protti” abbattuto, dopo 19 anni, dalla dinamite. Una quinta di cemento alta come le torri della città e lunga 150 metri oscurerà per sempre il cielo del vecchio porto della Torretta separandolo come un coltello dalla storica fortezza del Priamar.
L’opera, chiamata “Crescent” e benedetta da una “grosse koalition” di interessi politici e immobiliari che va dai Ds a Forza Italia, coronerà la cementificazione del porto che
da tempo avanza a tappe forzate con il cosidetto “Monsterplan” dell’architello Bofil e con altre iniziative altrettanto devastanti.
Qualcuno ha già ribattezzato il progetto “Crescempio”, ma chiunque sollevi un’ obiezione si scontra con il muro di gomma dei politici locali e della stampa. Noi cittadini o ex-cittadini di Savona ci rivolgiamo a te e al tuo sito perché oggi sei forse l’unico che puo’ dar voce ai nostri timori e alla nostra indignazione nel veder compromesso uno dei piu’ bei porti del Mediterraneo.

(1) edito da Viennepierre Edizioni a cura di Silvio Riolfo Marengo
Per aderire via e-mail mettendo nell’ “oggetto” : appello a Beppe Grillo mandare un messaggio a : viennepierre@virgilio.it

MIMMO LOMBEZZI,CARLO FRECCERO,TATTI SANGUINETI, SILVIO RIOLFO, MARIO MOLINARI, ALFREDO MECONI, WALTER MORANDO,FLORIANO PIZZO, AUGUSTA MOLINARI, PATRIZIA TURCHI LUCA URBINATI, GIANCARLO PODDINE, MARINA ATZIGANA, BARBARA VALLI, ANTONIETTA FERRARI, NADIA MORACHIOLI, GIUSEPPINA SGUERSO, DOMENICO BUSCAGLIA, SERGIO ZUNINO, MAURO DELL’AMICO.

mimmo lombezzi Commentatore certificato 22.02.07 22:14| 
 |
Rispondi al commento

(continua Dalla e-mail precedente)
4° Lo spot sulle grandi opere induce a pensare “in grande”: una Italia in crescita perfettamente integrata in Europa! Tutti sappiamo che non è così. Una gran parte degli italiani è sempre più povera e non arriva alla fine del mese, il vero progresso dovrebbe consistere nella tendenza ad una autentica uguaglianza tra i cittadini, al raggiungimento di un concreto sviluppo economico e alla creazione di posti di lavoro a tempo indeterminato, non “promesse vaghe” su “probabile” e “temporaneo” lavoro che tali opere dovrebbero produrre.
L’impressione complessiva, in questa come in tutte le vicende che riguardano il nostro attuale governo, è il tentativo continuo di non dire la verità, mostrare quanto di bello e “grande” è stato attuato da una legislatura, che io giudicherei disastrosa da molti punti di vista, e la attribuzione delle colpe di tutto ciò che non va bene ai governi precedenti.

Enza Lojacono 03.02.06 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Lo spot sulle grandi opere ad opera della presidenza del Consiglio è, a mio modo di vedere, una pubblicità illecita e ingannevole.
È illecita, perché un organo dello stato, con l’uso di denaro pubblico, dovrebbe limitarsi alla attuazione delle cosiddette “pubblicità-progresso”, ovvero quelle che invitano i cittadini a comportamenti sani e corretti (non drogarsi, non fumare, portare il casco e la cintura di sicurezza ecc.), certamente non spot elettorali.
È ingannevole, perché l’atteggiamento dello spettatore che guarda una pubblicità, piuttosto che un dibattito politico, è di colui che si pone all’ascolto in maniera passiva o indifferente, pronto alla ricezione del messaggio, certamente non dotato di valutazione critica, e come tutti sappiamo il nostro attuale presidente del Consiglio è un mago nelle tecniche di persuasione, più o meno occulte, e nelle comunicazioni mediatiche di grande impatto.
È pur vero, infatti, che la pubblicità ha come fine “palese” la fruizione di un numero verde al fine di ottenere le informazioni sulle eventuali interruzioni stradali causate dai lavori in corso, ma ciò è esplicato solo dopo un’ampia ed enfatica enumerazione delle “grandi opere” (attuate o in corso di esecuzione).
Purtroppo pochi sanno che il tema delle grandi opere è molto complesso e non può e non deve affrontarsi nei pochi secondi di uno spot per molteplici motivi:
1° Solo alcune “grandi opere” sono utili, altre rappresentano solo spreco di denaro pubblico.
2° Molte delle opere citate nello spot, a quanto è dato sapere, non sono iniziate e sono state finanziate solo parzialmente.
3° Per alcune esistono forti contrasti da parte di cittadini, ambientalisti e perfino sindaci locali (ad es. TAV, Ponte di Messina, Mose ecc.). Non a caso, infatti la (ancora eventuale) attuazione è stata resa possibile dalla legge obiettivo, considerata da molti avvocati e giuristi illegittima, in quanto espropria gli Enti locali della facoltà di porre in essere trattative.

Enza Lojacono 03.02.06 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio di ALERTBOX #50 - 02/02/2006

SONO INIZIATE LE OLIMPIADI

Sono iniziate le Olimpiadi invernali nella testa bacata dei mass-media
italici. Queste Olimpiadi piemontesi si sono già aperte con le notizie
delle disfunzioni ed incidenti vari esattamente come avvenne in
occasione dell’apertura dell’aeroporto di Malpensa 2000 quando
qualsiasi intoppo venne amplificato, malignamente, dalla stampa
"maggiordoma" del regime per scoraggiare i viaggiatori.
L’invidia di Roma e del suo aeroporto di Fiumicino: uno scalo in coda
a tutte le classifiche europee per sicurezza ed efficienza superato
in peggio solo da Atene.
A differenza che per Torino 2006, lo stato spese cifre esorbitanti per
le Universiadi siciliane del 1997. Avevate mai sentito i giornali o
televisioni parlarne in termini negativi? Eppure qualche intoppo e
inciampo in quella occasione ci sarà pure stato (come in tutte queste
manifestazioni in tutti i paesi).
Noi prevediamo che non solo la stampa “romana” e “tricolorata”
profitterà di ogni occasione per parlare male dell’avvenimento, ma ci
aspettiamo anche veri sabotaggi per far scrivere che il Nord è come
il Sud anzi il Nord è peggio del Sud, riproduzione fedele di ciò che
avvenne per l’aeroporto intercontinentale lombardo.

Domenico Gatti
Canna-Power Team

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

marcello ariosti 02.02.06 17:42| 
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Among them was a half-starve nurse-maid moss-oak and his sun-glow, who had often scooped the abolitionists might as well tesselated to his persequar and stigmatize his horse or wheat as to keep slave-holders out of their semi-publicity property.
free cingular ringtones

free cingular ringtones 31.10.05 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Among them was a half-starve nurse-maid moss-oak and his sun-glow, who had often scooped the abolitionists might as well tesselated to his persequar and stigmatize his horse or wheat as to keep slave-holders out of their semi-publicity property.
free cingular ringtones

free cingular ringtones 31.10.05 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Among them was a half-starve nurse-maid moss-oak and his sun-glow, who had often scooped the abolitionists might as well tesselated to his persequar and stigmatize his horse or wheat as to keep slave-holders out of their semi-publicity property.
free cingular ringtones

free cingular ringtones 31.10.05 18:02| 
 |
Rispondi al commento

You can also take a look at the sites dedicated to seed seed http://www.flower4us.com/send-flower-online.html http://www.flower4us.com/send-flower-online.html .

delivery 12.10.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

è mai possibile che nessuno si interessi a sviluppo italia, un mega carrozzone che paghiamo noi , che dovrebbe fare impresa e attrarre investimenti invece crea "mala occupazione" a scadenza, mangia soldi a più non posso e, li fa mangiare ai suoi amici.
A Massa Carrara su sette investimenti fatti da sviluppo italia tramite la legge 181/89 sei sono miseramente falliti ed il settimo era irrilevante ai fini dell'occupazione in questa zona disastrata.
Eppure l'amministratore delegato Caputi di sviluppo italia è spesso in questi luoghi poichè anche amministratore delegato dei cantieri navali apuania , di Carrara, azienda di stato che si sta cercando di privatizzare con gravi conseguenze per la qualità del lavoro e per l'occupazione.
Nessuno è profeta in patria ma qui mi sembra che si esageri un pò.
All'esperienza di sviluppo italia a Massa dopo varie denunce pubbliche ed anche alle autorita competenti,da parte di alcuni lavoratori pare che qualcuno abbia messo mano, la finanza ha fatto visita ad alcune fabbriche in fallimento o in concordato fallimentare, ma sembra che le cose si arenino per forze maggiori, che come succede spesso in italia remano contro insabbiano ecc,... quando, gli amici sono amici di amici.
Ad esempio la mia esperienza: a Massa e a Torre Annunziata si sono finanziate tre aziende di un unico propietario, una finanziaria, (FIMEL) il cui propietario di maggioranza è una societa anonima lussemburghese, di propieta di una societa dimorata nell'isola di men, (paradiso fiscale tra la gran bretagna e l'irlanda) nel cui collegio sindacale compariva una bella fetta della famiglia Previti, tutte fallite o giù di lì, hanno creato un buco occupazionale di 200 persone e divorato in pochi anni centinaia di milioni di euro tantissimi dei quali pubblici.
Unico risultato di quella che doveva essere reindustrializzazione: disoccupati e povertà, mentre chi ha fatto i suoi interessi è libero felice e si gode i soldi che ha "GUADAGNATO"
alle nostre spalle.
Marco

Marco Tonarelli 02.10.05 18:14| 
 |
Rispondi al commento

è mai possibile che nessuno si interessi a sviluppo italia, un mega carrozzone che paghiamo noi , che dovrebbe fare impresa e attrarre investimenti invece crea "mala occupazione" a scadenza, mangia soldi a più non posso e, li fa mangiare ai suoi amici.
A Massa Carrara su sette investimenti fatti da sviluppo italia tramite la legge 181/89 sei sono miseramente falliti ed il settimo era irrilevante ai fini dell'occupazione in questa zona disastrata.
Eppure l'amministratore delegato Caputi di sviluppo italia è spesso in questi luoghi poichè anche amministratore delegato dei cantieri navali apuania , di Carrara, azienda di stato che si sta cercando di privatizzare con gravi conseguenze per la qualità del lavoro e per l'occupazione.
Nessuno è profeta in patria ma qui mi sembra che si esageri un pò.
All'esperienza di sviluppo italia a Massa dopo varie denunce pubbliche ed anche alle autorita competenti,da parte di alcuni lavoratori pare che qualcuno abbia messo mano, la finanza ha fatto visita ad alcune fabbriche in fallimento o in concordato fallimentare, ma sembra che le cose si arenino per forze maggiori, che come succede spesso in italia remano contro insabbiano ecc,... quando, gli amici sono amici di amici.
Ad esempio la mia esperienza: a Massa e a Torre Annunziata si sono finanziate tre aziende di un unico propietario, una finanziaria, (FIMEL) il cui propietario di maggioranza è una societa anonima lussemburghese, di propieta di una societa dimorata nell'isola di men, (paradiso fiscale tra la gran bretagna e l'irlanda) nel cui collegio sindacale compariva una bella fetta della famiglia Previti, tutte fallite o giù di lì, hanno creato un buco occupazionale di 200 persone e divorato in pochi anni centinaia di milioni di euro tantissimi dei quali pubblici.
Unico risultato di quella che doveva essere reindustrializzazione: disoccupati e povertà, mentre chi ha fatto i suoi interessi è libero felice e si gode i soldi che ha "GUADAGNATO"
alle nostre spalle.
Marco

marco tonarelli 02.10.05 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

visto che chiedevi di essere informato sull'andamento dei lavori, lo faccio.

Sul sito di Roma Periferie si leggeva che i lavori sarebbero dovuti iniziare a Marzo 2005, ma anche tu hai potuto verificare (almeno fino al 22) che nulla si è fatto.
Su altri siti si leggeva dello slittamento a Giugno... anche quella data è passata senza che si vedesse l'ombra di un cantiere.

Due settimane fa, stanco di non avere informazioni attendibili, ho scritto al responsabile del progetto di Roma Periferie, dubitando fortemente in una sua risposta.
Ed invece, miracolo dei miracoli, tempo 2 giorni mi arriva la risposta di una gentilissima signora che mi spiega per filo e per segno come stanno i fatti.
Pare che i ritardi siano dovuti a due fattori, i controlli sulla società vincitrice dell'appalto (che sia in regola con tasse/contributi etc. etc. etc.) e lo spostamento del fruttivendolo che occupa una piccola parte dell'area.

Ieri sera, tornando a casa e passando davanti all'area in questione... ecco spuntare recinzioni varie nello spazio antistante (adibito fino ad ora a parcheggio) e questa mattina ho iniziato a vedere camion ed operai all'interno dell'area!!!

Speriamo sia la volta buona!!!!!

Marco M 29.09.05 08:32| 
 |
Rispondi al commento

"Giustizia ingiusta" (?) è un titolo che ho incontrato scorrendo i risultati trovati dopo avere inserito la parola "mafia" nella ricerca.
Era per accertarmi se avevi già in precedenza trattato l'argomento MAFIA. Invece vedo che "il titolo" che più si potrebbe avvicinare all'argomento è "Giustizia ingiusta". Per ciò che riguarda l'argomento MAFIA, non essendo trattato esplicitamente, pur di incominciare a parlarne si potrebbe anche utilizzare "Giustizia ingiusta". Io ti chiedo però di aprire una specifica trattazzione. Sono certo, se non temi per te, che avrai tanto successo e tanto seguito sia per l'enorme quantità di "vittime" che ti seguiranno e sia per tanti ignari e ingenui cittadini che potranno finalmente capire di averLA sotto il naso e che TUTTO e TUTTI sono sotto il SUO comando. Perchè frammentarsi in tanti insignificanti argomenti se puoi essere il primo a fare conoscere cosa veramente è quel MOSTRO? Basta solo che ti decida e tutte le varie Associazioni antiX, antiY, antiZ, ecc., sarebbero... spazzate via. Tanto sono sovvenzionate con soldi.... di CHI? e servono solo a organizzare: manifestazioni, sfilate, giorno della memoria, giorno della fiaccolata, maratone, tavole più o meno rotonde, convegni, riunioni, lezioni( che fanno perdere giorni di vero apprendimento), mostre, opuscoli, dibattiti, incontri,... e tanto altro ancora. Anche il coinvolgimento di tanti Magistrati che poi non dicono niente di coerente e di utile per "IL PRESENTE" e per "PREVENIRE". Tutto è sempre "RICORDO" e "FUTURO". Se invece decidi di rinunciare a questa benemerita opera di alta socialità, puoi ugualmente darci un'aiuto in altro modo. Ti mando separatamente una e-mail a
segnalazioni@beppegrillo.it dove troverai una bella storia per la quale TUTTI fanno come "le tre scimmiette". Quì non posso perche ho esaurito il numero dei caratteri concessimi. La mia 2^ e-mail ha lo stesso mittente di questa. Qualunque sarà la tua decisione dammi comunque un cenno di bonaria comprensione

giovanni pancari 23.09.05 20:52| 
 |
Rispondi al commento

"Giustizia ingiusta" (?) è un titolo che ho incontrato scorrendo i risultati trovati dopo avere inserito la parola "mafia" nella ricerca.
Era per accertarmi se avevi già in precedenza trattato l'argomento MAFIA. Invece vedo che "il titolo" che più si potrebbe avvicinare all'argomento è "Giustizia ingiusta". Per ciò che riguarda l'argomento MAFIA, non essendo trattato esplicitamente, pur di incominciare a parlarne si potrebbe anche utilizzare "Giustizia ingiusta". Io ti chiedo però di aprire una specifica trattazzione. Sono certo, se non temi per te, che avrai tanto successo e tanto seguito sia per l'enorme quantità di "vittime" che ti seguiranno e sia per tanti ignari e ingenui cittadini che potranno finalmente capire di averLA sotto il naso e che TUTTO e TUTTI sono sotto il SUO comando. Perchè frammentarsi in tanti insignificanti argomenti se puoi essere il primo a fare conoscere cosa veramente è quel MOSTRO? Basta solo che ti decida e tutte le varie Associazioni antiX, antiY, antiZ, ecc., sarebbero... spazzate via. Tanto sono sovvenzionate con soldi.... di CHI? e servono solo a organizzare: manifestazioni, sfilate, giorno della memoria, giorno della fiaccolata, maratone, tavole più o meno rotonde, convegni, riunioni, lezioni( che fanno perdere giorni di vero apprendimento), mostre, opuscoli, dibattiti, incontri,... e tanto altro ancora. Anche il coinvolgimento di tanti Magistrati che poi non dicono niente di coerente e di utile per "IL PRESENTE" e per "PREVENIRE". Tutto è sempre "RICORDO" e "FUTURO". Se invece decidi di rinunciare a questa benemerita opera di alta socialità, puoi ugualmente darci un'aiuto in altro modo. Ti mando separatamente una e-mail a
segnalazioni@beppegrillo.it dove troverai una bella storia per la quale TUTTI fanno come "le tre scimmiette". Quì non posso perche ho esaurito il numero dei caratteri concessimi. La mia 2^ e-mail ha lo stesso mittente di questa. Qualunque sarà la tua decisione dammi comunque un cenno di bonaria comprensione

giovanni pancari 23.09.05 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Confermo quanto detto da Maurizio Morgia, abito anch'io in zona.
Di lavori, come al solito, nemmeno l'ombra.
Tutti bravi a parlare e promettere quando i riflettori sono accesi... poi il nulla...

Marco M 13.09.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

You can also visit the pages in the field of texas holdem rules texas holdem rules http://www.bayfronthomes.net/texas-holdem.html http://www.bayfronthomes.net/texas-holdem.html .

texas holdem madrid spain 01.09.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

You can also visit the pages in the field of pacific poker bonus code pacific poker bonus code http://www.antiquejunkyard.com/pacific-poker.html http://www.antiquejunkyard.com/pacific-poker.html ...

game pacific poker 30.08.05 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiamo Maurizio Morgia e vivo appunto in Borgata Finocchio, purtroppo i lavori della costruzione della Collina della Pace non sono "ancora" iniziati , dovevano iniziare a Giugno, ricordi?, non possono iniziare perchè un commerciate che aveva costruito un negozio proprio a ridosso della via Casilina , visibile da tutti, abusivamente, non riescono a sfrattarlo, naturalmente questo sembra la motivazione, dico sembra percheè per la mia ignoranza potrebbero iniziare a ristrutturare i casali già esistenti , e abbastanza pericolosi, e il relativo parco.

Ti/vi faccio avere queste notizie, perchè quando eri lì avevi chiesto di tenerti al corrente di come andavano le cose,
l'Assessore aveva fatto promesse davanti a tutti voi e noi cittadini, ti allego anche qualche foto, come potrai vedere è finito lo spettacolo . . i riflettori si sono spenti e vieni a vedere tu stesso.

Grazie per quello che fai , stuzzichi . . . .
Felice vita di pace
Maurizio

Maurizio Morgia 21.07.05 20:47| 
 |
Rispondi al commento

COMITATO DI QUARTIERE CASILINA 18
PRESIDENTE
ANTONUCCI Loretta
e-mail: loriantonucci@libero.it
COMMISSIONE SCUOLA
Resp. PIVETTA Noris

AL SINDACO DI ROMA
VELTRONI VALTER

ALL’ASSESSORE SCUOLA COMUNE ROMA
COSCIA MARIA

ALL’ASSESSORE URBANISTICA COM.ROMA
MORASSUT

ALL’ASSESSORE PERIFERIE COM.ROMA
CARRAZZA

ALL’ASSESSORE L.L.P.P. COMUNE ROMA
D’ALESSANDRO GIANCARLO

PRESIDENTE MUNICIPIO VIII
CELLI GIUSEPPE

ASSESSORE SCUOLA MUNICIPIO VIII
SCORZONI FABRIZIO

PRESID. COMM.SCUOLA MUNICIPIO VIII
MORGIA ARMANDO

Roma, 27 Aprile 2005

OGGETTO: LE SCUOLE DI FINOCCHIO E PANTANO BORGHESE
Egregi,
forti delle nostre esperienze di vita in qualità di abitanti di Finocchio e Pantano Borghese, e consultando il sito dell’Ufficio Statistica del Comune di Roma sul portale dello stesso comune, dal quale si possono estrapolare dati relativi al censimento riferito all’anno 2004, possiamo con certezza dichiarare che il nostro Municipio è il più giovane in assoluto. E’ il municipio con più bambini al di sotto dei 3 anni, con più bambini al di sotto dei 6 anni, con più bambini al di sotto dei 10 anni, con più adolescenti e con meno anziani (solo 2 per ogni bambino). Detto ciò non sarà certo una numerazione statistica a far capire la gravità e l’emergenza di servizi mancanti (non solo scolastici purtroppo).
TERRE PROMESSE Già nei Piani di Investimento triennali del Municipio VIII di 15 anni fa (quando era già stato fatto il primo condono) erano state vincolate aree ed erogati finanziamenti per la costruzione di nuove scuole: Via Valderice (18 aule di medie e 4 di materna, ma il proprietario ha costruito x sé e per rivendere), Via Campofiorito (il terreno per la costruzione della scuola media è stato usucapito da una terza persona) Via della Lite (con progetto depositato presso il Dipartimento XI e interamente finanziato, mai attuato) Via Savoca (terreno attualmente recintato dal proprietario e parte di esso destinato ad edilizia scolastica). Quindi non si dica che noi abusivi (di 25 e 30 anni fa) abbiamo occupato tutti i terreni, i terreni erano a disposizione del Comune di Roma….
IL COMUNE SI COMPORTA COME UN ABUSIVO? Se la situazione relativa all’edilizia scolastica era urgente e grave dieci anni fa, con la costruzione di case nuove “in regola” su vecchi terreni edificabili, addirittura simili all’ecomostro abbattuto sulla Collina della Pace, si è raggiunto il limite. Le nostre continue denunce alle istituzioni competenti non sono state ascoltate e nonostante avessimo chiesto di fermare temporaneamente le concessioni edilizie e di dare priorità alla costruzioni di servizi la situazione di Finocchio ha raggiunto il collasso (non solo per ciò che riguarda la scuola!). Servizi primari e secondari che possono essere solo edificati con la costruzione di una 167, questa è l’unica proposta ricattatoria da parte dei nostri politici del Municipio VIII non capendo che così facendo si andrà a peggiorare una situazione già insostenibile. A rigor di logica i servizi di quella 167 soddisfano solo QUELLA UTENZA, lasciando a noi l’emergenza. La 167, nel nostro contesto, avrebbe senso SOLO se si costruissero meno case o più servizi di quelli previsti all’interno di essa.
DISAGI Attualmente le scuole hanno classi a 26-27 alunni con 1 o 2 portatori di handicap con 2-3 stranieri, senza laboratori e cercando di mettere in pratica la riforma Moratti….!!!! La scuola media ha 6 aule dislocate provvisoriamente da17 anni presso la succursale Due Leoni (5 chilometri dalla centrale); la scuola elementare ha difficoltà ad iscrivere i bambini alla classe prima per i pochi posti a disposizione; la scuola materna ha una lunga lista di attesa: su 20 classi di comunale e statale ci sono circa 250 bambini che non sono riusciti ad inserirsi (senza considerare i limiti di età della Riforma Moratti); l’istituto di suore di Via Roccacencia ha una lista di attesa di materna; il nido di Via Capaci non è sufficiente (60 posti)e i 2 asili privati lavorano a numero pieno; gli alunni della scuola elementare P.M.Kolbe fanno 4 turni mensa (primo turno alle 11.45 ultimo turno 14.20!).
POLITICA PARTECIPATA? La collaborazione (?!) tra il C.d.Q. Casilina 18 e le istituzioni ha fatto sì che la scuola che sorgerà all’interno della 167 di Via Roccacencia sarà una media poiché quella attuale è al limite della frequenza e per il prossimo anno scolastico si paventano i doppi turni.
Sarà così risolto provvisoriamente il problema della scuola media, ma non quello della scuola materna ed elementare prevedendo uno stanziamento di 1100 persone. Vi ricordiamo che la nuova scuola media sarà costruita con i finanziamenti previsti dai Piani degli Investimenti degli anni precedenti di Via Valderice e non con gli oneri concessori della 167. Quindi perché non iniziare a costruirla subito anziché fare sterri delle case come si sta facendo?
TRASPORTI SCOLASTICI Gli alunni delle scuole di Finocchio sono per l’80% autotrasportati, ciò vuol dire che i baby-pendolari prendono il pullman alle 6.50 per stare a scuola alle 8.00 (scuola media) o alle 7.10 per stare a scuola alle 8.30 (scuola materna ed elementare) poiché il pullman fa la doppia corsa! Da ciò si evince che per evitare il trasporto sia come costo per il Comune di Roma sia per dare una vita dignitosa ai nostri figli occorre costruire nelle zone da dove provengono gli alunni trasportati: Pantano Borghese e nei vari consorzi.

COSA CHIEDIAMO?: noi chiediamo che si diano gambe alle idee e ai progetti già sviscerati, pensati, disegnati e finanziati presso il Municipio VIII (vedasi i bilanci triennali da 15 anni ad oggi) con urgenza e velocità. Tutto ciò è stato fatto dopo un percorso partecipato e anche sofferto tra le istituzioni e il Comitato di Quartiere Casilina 18, per cui:
• il progetto di una scuola media statale è prevista all’interno della zona 167 di Rocca Cencia e l’immediata fine dei lavori di ristrutturazione delle 6 aule della scuola SMS D.Savio;
• la materna è prevista in Via Valderice;
• la scuola elementare e materna è prevista a Pantano Borghese (progetto e plastico depositato da 10 anni presso il Dipartimento con finanziamento immediato di 10 miliardi e con richiesta di Piano Integrato di zona da parte del proprietario, del Comitato di Quartiere Casilina 18 e delibera del Municipio VIII!!!!!! Più partecipato di così!!!).
Inoltre che si mantengano le promesse fatte in sede pubblica dai politici delle varie istituzioni come:
• il finanziamento di €350.000 per la costruzione di 5 aule elementari presso la scuola Motta Camastra così come promesso dall’Assessore D’alessandro G. durante il Consiglio Municipale Straordinario del 25/10/2004;
• il finanziamento per l’ampliamento della mensa scolastica presso la scuola P.M.Kolbe come garantito da Fazi nel precedente incontro (€100.000)

C. di Q. CASILINA 18
COMMISSIONE SCUOLA

Maurizio Morgia 27.04.05 09:09| 
 |
Rispondi al commento

x linda cima

parlare di sostanze stupefacenti(droga) come fai te . . sarebbe meglio non parlarne . . fiumi di metadone . . conosci la frase "riduzione del danno" . . sai che fanno in svizzera . . germania . . inghilterra . . spagna . . olanda . . uso compassionevole di eroina . . . camere per inezioni . . prevenzione . . scusa ma buttare un sasso senza sapere . . è veramente fuoriluogo (ti invito ad andare sul sito di fuoriluogo)sbaglio??
cortomaltese

corto maltese 27.04.05 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Azz, forse mi sono sbagliato, pensavo di essere sul Blog di Beppe Grillo, invece leggo solo messaggi di Tosca Albini. :)

Ciao a tutti!

A proposito di cementificazione, sono daccordo al 100% con Beppe. Meno cemento più ruspe ! Rendiamo più vivibili le nostre città !

Amministrazione Regione Campana, vinte dalla sinistra. Il Primo progetto presentato: Costruzione di 190.000 nuove abitazioni e .... vai con la cementificazione!
Al posto di risolvere definitivamente il problema dello smaltimento dei rifiuti....
In 5 anni il nostro caro Governatore Bassolino non è riuscito a risolverlo, più impegnato a fare feste di piazza e tavole delle trattative, che a rispondere con soluzioni valide ai problemi reali della città .....
Io penso che faranno una nuova 167, un ghetto come secondigliano con carcere annesso, anzi il carcere a Nisida c'è gia' (istituto di correzione minorile).
Per me dovrebbe diventare un'area verde!
Ora da semplice cittadino mi chiedo: se l'area è stata bonificata con più di 200 milioni di Euro dallo stato, allora perchè una società privata dispone la costruzione di 190.000 nuove case? Quell'area dovrebbe essere restituita ai cittadini e diventare il polmone verde che manca alla città.
Eppure ci sono anche i verdi al governo della regione !!
Forse ... sono più interessati al verde dei dollari ......

Alfredo Cacace 26.04.05 04:43| 
 |
Rispondi al commento

Volevo solo ricordare che il defunto papa si è opposto fieramente alla teoria della liberazione dei paesi sudamericani cosa un poco evangelica,mi sembra.

lucio de angelis 04.04.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Bravo, sono daccordo al 100% con questa visione! Eppure la stragrande maggioranza degli italiani e dei trentini è tuttora più che convinta che il progresso è stretto parente delle costruzioni, e quando dico che salvare un territorio, un ambiente vuol dire valorizzarlo, i più mi guardano come un marziano...
Ottone Taddei, presidente della (mai decollata) Associazione italiana Amici degli Alberi

Ottone Taddei 30.03.05 08:31| 
 |
Rispondi al commento

Cosa possiamo fare noi? Beppe, se tu girassi un video di un paio d'ore e lo lasciassi libero nelle reti del p2p, in poco tempo arriverebbe in tutte le case. Ogni smanettone ha gli strumenti per scaricarselo, trasformarlo in DVD e prestarlo o regalarlo in giro... Ed una volta immesso nella rete, non c'è censura che potrà ucciderlo.

Davide Bernardo 26.03.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Siamo in Italia!
Cancellazione blog. Persecuzione e vergogna continua

...cosa mai avranno in mente di farmi ancora? Dal 4 maggio ad oggi, un martirio, mancano 17 giorni all’udienza n° 2 e la "mia" avvocata, "rammaricata" REVOCA IL MANDATO. "Impostazioni differenti e differenti prospettive"

Differenti prospettive? Proprio cosi! Ma non mi è dato sapere quali.
Si possono intuire leggendo "Lettere al mio avvocato"

Tanti saluti e non pensate che la situazione non sia terribilmente seria, se a volte ne parlo ironicamente.
Ridere per non morire, alla faccia di chi si preoccupa del suo raffeddore e se ne frega se qualcun’altro è affetto da lebbra o peste.
Da altro sito
-------------------------------------------------------------------
CENSURA

taddeo1970@libero.it succ. »

Excite Blog Help posta indesiderata salva MorM@excite.it , taddeo1970@libero.it

Cancellazione Blog Inviato: 25/03/2005 17:37

Gent.le cliente,
le comunichiamo che dalla data odierna il suo blog http://MorM@excite.it è cancellato.

A seguito di una segnalazione pervenuta ad Excite Italia B.V. abbiamo provveduto a valutare i contenuti inseriti all’interno del suo blog ed abbiamo valutato che gli stessi presentano natura diffamatoria e conseguentemente violano le condizioni di utilizzo del servizio.

Cordiali saluti, Excite Italia B.V

http://www.excite.it Viale Guido Baccelli, 70 00153 Roma T: 06570231 F: 0657023250 ------------------------------------------------------------

Non di diffamazioni si tratta, ma di scomode verità.

Rendere noti gli autori della segnalazione, non si può eh?

Senza contare la moglie della vittima, signora Caramia Cira e i suoi figli plagiati, si vergognano i tanti delinquenti di questa storia, a partire dai due agenti della volante 4° turno in data 4 maggio 2004, provenienti dal Commissariato Baggio e delle due crudeli e perfide avvocate.

Tutti denunciati alla Procura di Milano e speriamo si celebrino finalmente questi benedetti processi!

Un piccolo uomo, praticamente ammazzato e spogliato di tutto, si rimette appena, cerca di avere giustizia e... Bisognerebbe fargli un monumento, altro che!

**********************
Hanno cancellato anche bestie.blog



Angelo Russo 26.03.05 00:01| 
 |
Rispondi al commento

Non si capisce come mai dininuiscono le nascite, i giovani rimangono a casa con i genitori, si! c'é qualche immigrato ma squattrinato e comunque si continua ad espandere il territorio urbanizzato. In meno di 10 anni sono state costruite almeno 10 milioni di unità abitative solo nella Lombardia, verificare agli uffici catastali... Per non parlare di aree destinate alle attività di servizi terziari ed industriali. Da Milano a Begamo c'é un'unica spianata di cemento tant'é che l'autostrada Milano Venezia oramai é diventata una banale tangenziale perennemente intasata 24 ore su 24. e si osserva da un banalissimo aereo che decolla da Linate si può verificare che il territorio non ha più una campagna e che l'urbanizzazione sta soffocando come una progressiva cancrena la pianura padana. Un gigantesco immenso agglomeratro urbano. Bisogna sorvolare gli appennini per vedere un po di verde. Come chiameranno nel 2050 l'immensa città padana? La spianata dei cumenda?

Gigi Balucchi 24.03.05 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Scusate la prolissità del messaggio, potevo linkarvi direttamente il sito, però penso che rileggere queste affermazioni possa far capire di che pasta siano fatti i nuovi padri costituenti:

Citazioni da discorsi di Umberto Bossi:

Silvio Berlusconi era il portaborse di Bettino Craxi. E' una costola del vecchio regime. E' il piu' efficace riciclatore dei calcinacci del pentapartito. Mentre la lega faceva cadere il regime, lui stava per il Mulino Bianco, col parrucchino e la plastica facciale. Lui e' il tubo vuoto qualunquista. Ma non l'avete visto oggi, tutto impomatato fra le nuvole azzurre?
Berlusconi e' bollito. E' un povero pirla, un traditore del Nord, un poveraccio asservito all'Ulivo, segue anche lui l'esercito di Franceshiello dietro il caporale D'Alema con la sua trombetta. Io ho la memoria lunga. Ma chi e' Berlusconi?
Il suo Polo e' morto e sepolto, la Lega non va con i morti.
La trattativa Lega-Forza Italia se l'e' inventata lui, poveraccio. Il partito di Berlusconi neo-Caf non potra' mai fare accordi con la Lega. Lui e' la bistecca e la Lega il pestacarne.
Berlusconi mostra le stesse caratteristiche dei dittatori. E' un Kaiser in doppiopetto. Un piccolo tiranno, anzi e' il capocomico del teatrino della politica. Un Pero'n della mutua. E' molto peggio di Pinochet. Ha qualcosa di nazistoide, di mafioso. Il piduista e' una volpe infida pronta a fare razzia nel mio pollaio.
Berlusconi e' l'uomo della mafia. E' un palermitano che parla meneghino, un palermitano nato nella terra sbagliata e mandato su apposta per fregare il Nord. La Fininvest e' nata da Cosa Nostra. C'e' qualche differenza fra noi e Berlusconi: lui purtroppo e' un mafioso. Il problema e' che al Nord la gente e' ancora divisa tra chi sa che Berlusconi e' un mafioso e chi non lo sa ancora. Ma il Nord lo caccera' via, di Berlusconi non ce ne fotte niente. Ci risponda: da dove vengono i suoi soldi? Dalle finanziarie della mafia? Ci sono centomila giovani del Nord che sono morti a causa della droga. A me personalmente Berlusconi ha detto che i soldi gli erano venuti dalla Banca Rasini, fondata da un certo Giuseppe Azzaretto, di Palermo, che poi e' riuscito a tenersi tutta la baracca. In quella stessa banca lavorava anche il padre di Silvio e c'erano i conti di numerosi esponenti di Cosa Nostra. Bisognerebbe conoscere le sue radici, la sua storia. Gelli fece il progetto in Italia e c'era il buon Berlusconi nella P2. Poi nacquero le holding. Come potra' mai la magistratura fare il suo dovere e andare a vedere dove vengono quei quattrini, ricordando che la mafia quei quattrini li fa con la droga e che di droga al Nord sono morti decine migliaia di ragazzi che ora gridano da sottoterra? Se lui vuole sapere la storia della caduta del suo governo, venga da me che gliela spiego io: sono stato io a metter giu' il partito del mafioso. Lui comprava i nostri parlamentari e io l'ho abbattuto. Quel brutto mafioso guadagna soldi con l'eroina e la cocaina. Il mafioso di Arcore vuole portare al Nord il fascismo e il meridionalismo. Discutere di par condicio e' troppo poco: propongo una commissione di inchiesta sugli arricchimenti di Berlusconi. In Forza Italia ci sono oblique collusioni fra politica e omerta' criminale e fenomeni di riciclaggio. L'uomo di Cosa Nostra, con la Fininvest, ha qualcosa come 38 holding, di cui 16 occulte. Furono fatte nascere da una banca di Palermo a Milano, la banca Rasini, la banca di Cosa Nostra a Milano.
Forza Italia e' stata creata da Marcello Dell'Utri. Guardate che gli interessi reali spesso non appaiono. In televisione compaiono volti gentili che te la raccontano su, che sembrano per bene. Ma guardate che la mafia non ha limiti. La mafia, gli interessi della mafia, sono la droga, e la droga ha ucciso migliaia e migliaia di giovani, soprattutto al Nord. Palermo ha in mano le televisioni, in grado di entrare nelle case dei bravi e imbecilli cittadini del Nord.
Berlusconi ha fatto cio' che ha voluto con le televisioni, anche regionali, in barba perfino alla legge Mammi'. Molte ricchezze sono vergognose, perche' vengono da decine di migliaia di morti. Non E' vero che "pecunia non olet". C'e' denaro buono che ha odore di sudore, e c'e' denaro che ha odore di mafia. Ma se non ci fosse quel potere, il Polo si squaglierebbe in poche ore. Incontrare di nuovo Berlusconi ad Arcore? Lo escludo, niente piu' accordi col Polo. Tre anni fa pensarono di farci il maleficio. Il mago Berlusconi disse: "Chi esce dal cerchio magico, cioe' dal mio governo, muore". Noi uscimmo e mandammo indietro il maleficio al mago. Non c'E' marchingegno stregato che oggi ci possa far rientrare nel cerchio del berlusconismo. Con questa gente niente accordi politici: E' un partito in cui milita Dell'Utri, inquisito per mafia.
La Padania chiede a Berlusconi se e' mafioso? Ma e' andata fin troppo leggera. Doveva andare piu' a fondo, con quelle carogne legate a Craxi. Io con Berlusconi saro' il guardiano del baro. Siamo in una situazione pericolosa per la democrazia: se quello va a Palazzo Chigi, vince un partito che non esiste, vince un uomo solo, il Tecnocrate, l'Autocrate. Io dico quel che penso, lui fa quel che incassa. Tratta lo Stato come una societa' per azioni. Ma chi si crede di essere: Nembo Kid?
Ma vi pare possibile che uno possiede 140 aziende possa fare gli interessi dei cittadini? Quando quello parla, fatevi una risata: vuol dire che va tutto bene, che non e' ancora riuscito a mettere le mani sulla cassaforte. Bisogna che Berlusconi-Berlusca-Berluskaz-Berluskaiser si metta in testa che con i bergamaschi io ho fatto un patto di sangue: gli ho giurato che avrei fatto di tutto per avere il cambiamento. E non c'e' villa, non c'e' regalo, non c'e' ammiccamento che mi possa far cambiare strada. Berluscoso deve sapere che dalle nostre parti la gente e' pronta a fargli un culo cosi': bastano due secondi, e dovra' scappare di notte. Se vedono che li ha imbrogliati, quelli del Nord gli arrotolano su le sue belle ville e i suoi prati all'inglese e scaraventano tutto nel Lambro.
Berlusconi, come presidente del Consiglio e' stato un dramma. Quando e' in ballo la democrazia, a qualcuno potrebbe anche venire in mente di fargli saltare i tralicci dei ripetitori. Perche' lui con le televisioni fa il lavaggio del cervello alla gente, col solito imbroglio del venditore di fustini del detersivo. Le sue televisioni sono contro la Costituzione.
Bisogna portargliele via. Ci troviamo in una situazione di incostituzionalita' gravissima, da Sudamerica. Un uomo ha ottenuto dallo Stato la concessione delle frequenze tv per condizionare la gente e orientarla al voto. Non accade in nessuna parte del mondo. E' ora di mettere fina a questa vergogna. Se lo votate, quello vi porta via anche i paracarri. Se cade Berlusconi, cade tutto il Polo, e al Nord si prende tutto la Lega. Ma non lo faranno cadere: perche' sara' pure un figlio di buona donna, ma e' il loro figlio di buona donna e per questo lo tengono in piedi.
Ma il poveretto di Arcore sente il bidone forzitalista e polista, il partito degli americani, gli va a scatafascio. Un massone, piduista come l'arcorista e' sempre stato un problema di "Cosa Sua" o "Cosa Nostra". Ma attento, Berlusconi: ne' mafia, ne' P2, ne' America riusciranno a distruggere la nostra societa'. E lui alla fine avra' un piccolo posto all'inferno, perche' quello li' non se lo pigliano nemmeno in purgatorio. Perche' e' Berlusconi che dovra' sparire dalla circolazione, non la Lega. Non siamo noi che litighiamo con Berlusconi, E' la storia che litiga con lui.
(Testo raccolto da Marco Travaglio e tratto da MicroMega Aprile 2001)

E' un periodo veramente, veramente triste.

Un abbraccio.

Luca Floris 24.03.05 15:38| 
 |
Rispondi al commento

PER GLAUCO SILVESTRI


COMPLIMENTI HAI LA PAGINA WEB DI CORRADONE - ANCHE IO L'HO MESSA - MA SE CLICCO SUL MIO NOME E COGNOME ESCE DI TUTTO MENO CORRADONE - CHE STRANO!

linda cima 24.03.05 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissimo ospite, cari frequentataori del blog, a proposito di Grandi Opere, Le/Vi invio una riflessione buttata giù a seguito di un "mancato intervento" telefonico a Primapagina di radio3.


Mi chiamo Claudio Giorno, telefono dalla Provincia di Torino, più precisamente dalla Valle di Susa quella che dovrebbe vivere, il prossimo anno, un ¼ d’ora di celebrità ospitando i xx giochi olimpici invernali.
Brevissima premessa:
Mi rendo conto che criticare la stampa a volte può essere come sparare sulla croce rossa, specialmente quando il ruolo di primo cecchino sembra essere assunto in servizio permanente ed effettivo dal Presidente del consiglio dei ministri; ma ieri ho voluto aspettare la fine della trasmissione prima di telefonare per chiedermi e chiederVi perché non è stata data (se io non me la sono persa) la notizia di un duplice gesto di disperazione avvenuto in Romacapitale e, soprattutto, perché nessuno ha ritenuto di telefonarVi sull’argomento.
Non mi riferisco al digiuno a cappuccini alterni dell’onorevole Alessandramussolini e a alle preoccupazioni di Ziasophia, né all’indignazione tragicomica del Governatorstorace, ma a due persone che hanno tentato di darsi fuoco perché le ruspe bypartisan della TAV, il Treno Alta Velocità, stavano per abbattere le loro attuali abitazioni per far posto ai binari del futuro.

E’ una notizia che solo il tg5 ha messo pur frettolosamente nei titoli, ma che la Stampa di Torino ha completamente ignorato anche nelle pagine di cronaca e via nonscrivendo.
Allora mi sono chiesto cosa occorre fare – secondo Voi - per “fare notizia”, per “bucare lo schermo”: anche perché domani mattina 39 consigli comunali (praticamente tutti i comuni della Val di Susa e della cintura ovest di Torino) verranno formalmente convocati nella piazza principale della Capitalesabauda – piazza Castello – per deliberare su un unico punto all’ordine del giorno: la ribadita e tenace contrarietà al devastante progetto di realizzazione della nuova ferrovia ad alta velocità/capacità Torino Lione. Crediamo si tratti di un evento unico, di assoluto profilo istituzionale, di grande correttezza democratica, ma non ne parla praticamente nessuno. Non solo: da oggi sappiamo che non ne parlerebbe nessuno neanche se davanti a Palazzomadama domattina ci dessimo fuoco in gruppo. Ora io credo che davvero la maggioranza degli italiani sia favorevole alla realizzazione delle grandi opere. Ma credo anche e soprattutto che non si tratti di un “consenso informato”. (E la terminologia medica, nel nostro caso, non è affatto usata a sproposito: perché se per realizzare questo tratto del mitico corridoiocinque occorrerà estrarre dalle nostre montagne alcuni milioni di metri cubi di rocce amiantifere e uranifere si potrebbero contare a migliaia i morti sia pure spalmati su molte decine di anni e senza quindi turbare troppo le coscienze dei fautori).
Ma anche senza prefigurare scenari apocalittici (peraltro a carico solo degli sfortunati residenti dei corridoi) sarebbe interessante capire se la stessa maggioranza di connazionali sarebbe anche favorevole alle grandi opere a qualunque costo. Manca la controprova, ma credo ovviamente che altro sarebbe se tale consenso fosse ugualmente presente, ma in un clima di massima consapevolezza. Un clima che la stampa in dieci anni di sonno profondo dopo aver frettolosamente attribuito la causa di tutti i mali a Lorenzonecci – chi era costui? – ha contribuito in modo determinante a non creare.

Claudio Giorno, Borgone Susa, 18 marzo 2005.

P.S.: il 19 marzo i Consigli Comunali di 39 Comuni e Comunità Montane hanno votato in modo pressoché unanime la delibera che ribadisce la posizione coerente di contrarietà a quella che costituirebbe l'ultima ma definitiva devastazione per la tratta alpina del corridoio5. Ne ha parlato brevemente il tg3 "provinciale" del Piemonte e - il giorno dopo - la cronaca cittadina de La Stampa e di Repubblica; del resto nessuno di noi s'era dato fuoco; ma non avendolo - purtroppo - fatto neanche i candidati al Governo regionale sabaudo non si capisce bene perché i suddetti organi di stampa abbiano trovato il modo di privilegiare le loro posizioni ( a favore dell'opera ) rispetto a quelle (rigorosamente contrarie) dei diretti interessati. Ma se in 15 anni non sono riusciti a convincerci non credo che ce la faranno nei prossimi 15 giorni; buone elezioni a chi ancora ci crede.

claudio giorno 24.03.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

"La Lega, quando decide di uscire dal governo, esce" (Roberto Calderoli, 6 novembre 2003).

"Sono dimissioni convinte le mie... Considero le mie dimissioni irrevocabili. Ho solo l'ottica delle riforme e così non si riescono a fare... Cosa ci sta a fare un ministro delle riforme se non ci sono le riforme? Sta a guardare la boccia dei pesci rossi? A Berlusconi dico che ci stanno fregando entrambi" (Roberto Calderoli, La Repubblica, 18 marzo 2005).

"Sono lieto di aver verificato come la serietà politica della questione posta dalla Lega sia stata compresa dal presidente del Consiglio. Ma voglio sottolineare la serietà delle mie dimissioni, che ora attendono di essere ritirate" (Roberto Calderoli, Ansa, 18 marzo 2005).
-----------
esemplare!!!

PS-x riccardo: no, li ho vinti e me li tengo tutti

tosca albini 24.03.05 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Cara Mery forse ai tempi lei pensava più a dare etichette che a studiare diritto.
A me hanno insegnato che nella nostra Cost. il Pres. della Rep. era sostanzialmente una figura priva di reali poteri. Formalmente poteva scogliere le camere ma sostanzialmente non lo poteva fare senza il consenso del parlamento. I poteri di tale figura sono sempre stati minimi e la sua utilità reale anche meno. Gli hanno praticamente levato anche i poteri formali, tanto valeva eliminare la figura, che non è mai stata garanzia di alcunché visto che non viene eletto dal popolo ma dal parlamento. Quindi è sempre stato comunque espressione della maggioranza e sostanziale area di parcheggio per politici illustri.Io l'ho sempre percepita come una specie di premio carriera, ricoperta da anziani signori che diventavano una specie di mascotte, di "nonno d'Italia".
Staremo a vedere ora se e come funzioneranno i nuovi meccanismi. Diventa ora fondamentale concentrarsi sulla scelta di buoni governatori locali, più di quelli del governo centrale, cosa a cui siamo poco abituati. Le scelte locali, finalmente, prevarranno sulle imposizioni centrali e ogni regione sarà costretta a farsi per benino i conti in tasca. Mi sembra ci siano le basi per una spinta a migliorarsi senza più la giustificazione di "roma ladrona". Personalmente io avrei spinto di più verso una costituzione presidenzialista, all'inglese o all'americana con premio di maggioranza (ma vietando le coalizioni!). Per un sistema più stabile con meno principini ricattatori a reclamar poltrone.

X Tosca
facciamo almeno a metà! :-)

Riccardo Palazzani 24.03.05 09:58| 
 |
Rispondi al commento

CARI LEGHISTI


STATE ATTENTI AL SCIUR PASQUINO...CHE ACCUSA BOSSI DI AVERE SUCCHIATO A ROMA TUTTO IL POSSIBILE:


CAR UL ME BOSSI...TESE SCANDALIZZET PIU'?
GIA' A ROMA TE SCIUSCIA' FIN CHE TE PUDU'.
MO' T'INCUMINCIET IN EUROPA A TETTA.-
PERO' HIN SEMPER I ALT CHE GHE TRA' A RUBA'.


UN PROVERBIO DICE:
chi troppo vuole nulla stringe!

A SOREDA!

linda cima 24.03.05 08:37| 
 |
Rispondi al commento

E VOGLIAMO PARLARE DI DROGA?

nessuno ne parla più.

I Sert distribuiscono fiumi di metadone,(eroina sintetita) ai ragazzi tossicodipendenti, con il rischio di overdose, perchè alternano eroina e metadone, in pratica li amazzano lentamente, cosi non rompono più i coglioni.


Se un ragazzo ne vuole uscire, lo aspetta minimo un mese di burocrazia, e come se tu ti devi arrampicare su una parete dritta e liscia.

QUESTA E' UNA VERGOGNA CHE NESSUNO DENUNCIA!


Le comunità di recupero private, costano un anno di stipendio di una persona normale al MESE, pero' ti dicono che te lo vengono a prendere il giorno stesso che tu chiami, quindi hai la possibilità di salvarlo, ma è concesso solo ai TOSSICI figli di RICCHI.

Migliaia di famiglie vengono distrutte, spesso senza ne colpa e ne peccato.

NON SE NE PARLA PIU'...VERGOGNA!

linda cima 24.03.05 08:26| 
 |
Rispondi al commento

PER RICCARDO PALAZZANI

COSTITUZIONE ITALIANA
RAPPORTI ECONOMICI

41. L'iniziativa privata e libera.
Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza alla libertà alla *dignità umana*.

La legge determina i programi e i controlli opportuni perchè l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

------------------------------------------------

Credi che io linda cima, avrei mai potuto fare o avere i favori che sono stati concessi a Berlusconi? lui violava le leggi con le sue tre reti, te lo ricordi? e i decreti legge ad hoc creati dal suo amico e compare Craxi te li ricordi?
La tessera della P2 n° 1815 te la ricordi?
E la legge Mammi te la ricordi?
Se avessi rubato una mela, e mi avessero condannato, potrei sedere in parlamento?

Lui è stato cosi bravo, che è riuscito a sedere e far sedere in Parlamento tanti suoi amici che avevano violato la legge.
Alfredo Biondi a cui tutti vogliono bene destra e sinistra, tutti si dichiarano suoi amici, è un evasore fiscale condannato, ma io me lo devo vedere in parlamento, credo sia il più ingenuo, non elenco gli altri.
---------------------------------------------------

E queste mammolette, insieme ad una destra ex *fascista*, e una lega formata da *Barbari* si permettono di mettere mano alla COSTITUZIONE...
che se fosse stata applicata in tutti i suoi articoli, saremmo un PAESE CIVILE..............

QUESTA E' GENTE CHE NON SA COSA E':

LA DIGNITA' UMANA!

linda cima 24.03.05 08:04| 
 |
Rispondi al commento

Ma porc...
Io abito ad un km da li...
L'ho saputo solo ora........

Fabio Casale 24.03.05 01:11| 
 |
Rispondi al commento

Egr.sig.Palazzani quella frase sulla inutilità della figura del Presidente della Repubblica, mi ha riportata indietro di circa 30 anni Lei dice le stesse cose che diceva il mio professore di Diritto (dichiaratamente fascista). Prima di scrivere queste cose si informi quali sono (o meglio quali erano)le funzioni del Capo dello Stato

mery rufino 24.03.05 00:56| 
 |
Rispondi al commento

grazie riccardo,

il tuo tipo di risposta, mi ha fatto vincere 10 euro.

tosca albini 23.03.05 23:49| 
 |
Rispondi al commento

Cara Tosca

"come dicevo prima. a un presidente costituzionale, tu preferisci un ducetto che ti comandi."

Invece prima comandava chi?
Signur... una legge contro gli slogan? :-)

Riccardo Palazzani 23.03.05 23:33| 
 |
Rispondi al commento

PER IL FIGLIO DEL TENERO GIACOMO

Risponderti sarebbe uno spreco di energie,non ne vale la pena.

linda cima 23.03.05 21:44| 
 |
Rispondi al commento

x palazzani

Cara Tosca tu continui ad esagerare A riportare la propaganda spacciandola per la Verità.
----------
si da il caso che quello che ho riportato è quanto, in fatto di riforma della Costituzione, è stato oggi approvato al senato. se per te informazione= propaganda...
oddio, posso capire che per chi nutre il suo intelletto con i TG (che manipolano o omeyttono le notizie), la troppa informazione che ti ho fornito ti abbia fatto andare in tilt

A me le riforme, prima di bocciarle, piace provarle.
----------
cos'è, credi che la riforma della costituzione si possa equiparare ad un assaggio di vini in enoteca? prima li provi, casomai li scarti?

Ne riparliamo fra un paio di legislature prima di piagnucolare sui bei tempi che furono.
---------
non è che piagnucolo sui tempi che furono, anzi. so già che piangerò su quelli che verranno, perchè io amo la democrazia e mi sento cittadina, al contrario di te, che ami sentirti suddito.

Personalmente se devo fare un critica è relativa al mantenimento dell'inutile (già anche prima della riforma) figura del Presidente della Repubblica che non è mai stato nulla di più di una mascotte, zona di parcheggio per vecchi politici a fine carriera. Adesso conta anche meno, perché tenersela? Forse sarebbe stato troppo per chi ha paura della propria ombra. Ma io avrei osato.
------------
come dicevo prima. a un presidente costituzionale, tu preferisci un ducetto che ti comandi.

tosca albini 23.03.05 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Cara Tosca tu continui ad esagerare A riportare la propaganda spacciandola per la Verità.
A me le riforme, prima di bocciarle, piace provarle.
Ne riparliamo fra un paio di legislature prima di piagnucolare sui bei tempi che furono.
Personalmente se devo fare un critica è relativa al mantenimento dell'inutile (già anche prima della riforma) figura del Presidente della Repubblica che non è mai stato nulla di più di una mascotte, zona di parcheggio per vecchi politici a fine carriera. Adesso conta anche meno, perché tenersela? Forse sarebbe stato troppo per chi ha paura della propria ombra. Ma io avrei osato.

Riccardo Palazzani 23.03.05 19:34| 
 |
Rispondi al commento

x daniel rossi

hai ragione a non voler tornare più. chi l'ha fatto si è pentito ed è ripartito.

tosca albini 23.03.05 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Io si`vivo all`estero....poi si chiedono perche` i "cervelli" se ne vanno dall`italia.....I don`t wanna belong there anymore !

Daniel Rossi 23.03.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento

PALAZZANI MA DA DOVE SALTI FUORI? TI RICORDO CHE IL SITO DI FORZA ITALIA E' DA UN ALTRA PARTE...VAI A SCRIVERE LA' LE TUE CAZZATE..MA ROBA DA MATTI

michele urban 23.03.05 17:49| 
 |
Rispondi al commento

x glauco silvestri

tu ci hai fatto l'abitudine? io no


PS- vivi all'estero?

tosca albini 23.03.05 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Beh! In Italia è normale nascondere e dimenticare...

Glauco Silvestri 23.03.05 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Camera dei Deputati Sarà l'organo politico, costituito da 518 deputati (oggi sono 630), di cui 18 eletti all’estero. I deputati a vita, nominati dal Capo dello Stato, possono essere 3; di diritto sono deputati gli ex Presidenti della Repubblica. L'età minima per essere eletti scende a 21 anni (adesso è di 25). La Camera è eletta per cinque anni. Le Commissioni d'inchiesta avranno gli stessi poteri dell'autorità giudiziaria; la loro presidenza sarà assegnata all'opposizione.

Senato Federale I senatori saranno 252 (oggi sono 315), eletti in ciascuna Regione contestualmente ai consigli regionali. A loro si sommeranno i 42 delegati delle Regioni, che partecipano ai lavori del Senato federale senza diritto di voto: due rappresentanti per ogni regione più due per le Province autonome di Trento e Bolzano. Sarà eleggibile chi ha 25 anni (oggi la soglia è di 40 anni). Con la proroga dei Consigli regionali e delle province autonome sono prorogati anche i senatori in carica.

Capo dello Stato Il presidente della Repubblica non è più il rappresentante dell'unità nazionale, ma è «garante della Costituzione e dell'unità federale della Repubblica». Sarà eletto dall'Assemblea della Repubblica, presieduta dal Presidente della Camera dei deputati e composta da tutti i parlamentari, i governatori e i delegati regionali. Può diventare presidente della Repubblica chi ha compiuto 40 anni (oggi il requisito anagrafico è di 50). Il Capo dello Stato è eletto a scrutinio segreto con la maggioranza dei due terzi. Non ha più il potere di sciogliere le Camere, potere che passa al primo ministro. In sostanza il presidente viene ridotto a notaio, esecutore della volontà del premier o della maggioranza. Decreta lo scioglimento della Camera su richiesta del primo ministro che se ne assume la responsabilità. Ha l’obbligo di sciogliere la Camera nel caso in cui la maggioranza uscita dalle urne approvi una mozione di sfiducia. Non è più il rappresentante dell’unità nazionale ma dell’«unità federale». Il Capo dello Stato indice le elezioni della Camera e quelle dei senatori. Nomina i presidenti delle Autorità indipendenti, il presidente del Cnel e il vicepresidente del Csm nell'ambito dei componenti eletti dalle Camere.
-------------
Il presidente della repubblica è esautorato dlle sue prerogative e ridotto al ruolo di notaio

Premierato Nella nuova costituzione non c'è più il presidente del Consiglio, ma il Primo ministro. Nominerà e revocherà i ministri (cosa che adesso spetta al Presidente della Repubblica), «determinerà» la politica generale del governo (anche il lessico ha il suo peso) e dirigerà l’attività dei ministri. Non dovrà più ottenere la fiducia della Camera ma solo illustrare il suo programma sul quale la Camera esprimerà un voto. Potrà chiedere alla Camera di esprimersi «con priorità su ogni altra proposta, con voto conforme alle proposte del governo». In soldoni può chiedere alla Camera di votare «con priorità» la fiducia su una proposta che gli sta particolarmente a cuore e se la sua maggioranza non è d’accordo a concedergliela subentra il ricatto dello scioglimento. Viene eletto mediante collegamento con i candidati ovvero con una o più liste di candidati, norma che consente l’adattamento a un sistema elettorale proporzionale e che è stata voluta fortemente dall’Udc.
---------------
il parlamento sarà sempre sotto ricatto del premier, pena lo scioglimento delle camere

Norma anti-ribaltone e sfiducia costruttiva La Camera potrà costringere il premier alle dimissioni dopo la presentazione e l’approvazione di una mozione di sfiducia firmata da almeno un quinto dei componenti. I deputati appartenenti alla maggioranza uscita dalle urne possono presentare una mozione di sfiducia costruttiva con la designazione di un nuovo primo ministro. Cioè si delinea un sistema che si basa sui ricatti e sul conflitto istituzionale.
-------------
e la maggioranza, ovviamente eleggerà premier altro facente parte della maggioranza stessa, praticamente un passaggio di testimone tra componenti della stessa squadra. niente più consultazioni al quirinale per la nascita di un nuovo governo

Devolution Le Regioni avranno potestà legislativa esclusiva su alcune materie come assistenza e organizzazione sanitaria, organizzazione scolastica, gestione degli istituti scolastici e di formazione, definizione della parte dei programmi scolastici e formativi di interesse specifico della regione, polizia amministrativa e regionale. Un esempio: la competenza in materia di salute è dello Stato, l’organizzazione sanitaria spetta invece alle Regioni. Ma l’organizzazione sanitaria è parte fondamentale della salute. Per quanto riguarda la scuola, una parte di competenze va allo Stato, un’altra alle Regioni, un’altra alla competenza concorrente di Stato e regioni. Tutto dipenderà dai rapporti di forza.
-------------
la nostra costituzione prevede all'art. 32 che il diritto alla salute è un diritto di tutti che va egualmente soddisfatto

la nostra costituzione prevede che il diritto all'istruzione deve essere alla portata di ogni cittadino, indipendentemente dalla sua condizione socio-economica
non tutte le regioni hanno lo stesso gettito fiscale, ma lo stato è tenuto a ridistribuire le entrate per ricreare un bilanciamento nei finanziamenti di ogni regione. questo oggi, ma domani?

Interesse nazionale e clausola supremazia È la bandierina di An. L’introduzione di questa clausola consente al governo - quando ritenga che una legge regionale pregiudichi l’interesse nazionale - di impugnare tutte le leggi regionali sottoponendole al vaglio del Parlamento che può annullarle. D’altra parte lo Stato può sostituirsi agli enti locali nel caso di mancato rispetto di norme internazionali o di pericolo grave. Da una parte la messa in discussione dell’universalità dei diritti con la devolution, dall’altra l’accentramento a seconda dell’orientamento dei governi.
-----------
e così AN è convinta di essersi salvata la faccia dopo aver venduto il c... per una poltrona

Corte Costituzionale Aumentano i giudici di nomina parlamentare. Dei 15 giudici 4 saranno nominati dal Quirinale, 4 dalle supreme magistrature, 3 dalla Camera, 4 dal Senato. Non si potranno candidare o essere nominati a cariche pubbliche nei tre anni successivi al mandato.
---------------
la nostra costituzione riconosce il fondamento classico della separazione dei poteri , ma allo stesso tempo riconosce come fondamentali anche quelle interferenze fra loro che sono accuratamente bilanciate per far si che i poteri rimangano autonomi, ma non si isolino l'uno con l'altro

tosca albini 23.03.05 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Cara Tosca a me sembra che esageri assai:

ecco un sunto delle modifiche recuperato dal corriere.it


Cosa cambierà
PARLAMENTO
Nasce il Senato federale
La riforma della Costituzione prevede la nascita del Senato federale: sarà composto da 252 senatori eletti in ciascuna regione contestualmente all'elezione dei consigli regionali. La Camera subirà un taglio dei seggi dagli attuali 630 a 500. Alla Camera siederanno anche i deputati a vita, che prenderanno il posto dei senatori a vita. Sparirà il bicameralismo perfetto: Camera e Senato federale si occuperanno di argomenti diversi. Per esempio: una nuova legge dalla Camera non dovrà passare al Senato, il voto della Camera sarà definitivo.

ESECUTIVO
Cambiano i poteri del premier
Per l'insediamento il premier non avrà più bisogno della fiducia della Camera. I candidati premier saranno collegati con i candidati alla Camera: il capo dello Stato nominerà primo ministro il nome della coalizione vincente. Il premier avrà il potere di nominare e di revocare i ministri, e di sciogliere la Camera. Il capo dello Stato potrà sciogliere la Camera ma solo su richiesta del premier o in caso di morte o dimissioni o di voto di sfiducia

DEVOLUTION
Le Regioni avranno nuovi compiti
Le Regioni avranno potere legislativo esclusivo su sanità, scuola e polizia amministrativa regionale e locale. È stata prevista una clausola di interesse nazionale che prevede che il governo possa bloccare una legge regionale se ritiene che questa pregiudichi l'interesse nazionale


-------------------------
A me sembrano tutte cose buone e che tutti desideravamo da tempo. La fine del bicameralismo perfetto snellirà le procedure, finalmente ci avviamo verso un vero federalismo, sancito costituzionalmente. Finalmente le Regioni decideranno per sé in molte materie senza subire imposizioni dal governo centrale se non in casi estremi. Diminuiscono anche i parlamentari! Meno stipendi d'oro e meno pensioni! Uno stato moderno ha bisogno di un governo rapido ed efficente e non vedo nessun pericolo per la democrazia.

Riccardo Palazzani 23.03.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Questa riforma assegna poteri enormi al governo, rendendo di fatto il Parlamento ostaggio del premier.
Inoltre esautora il Presidente della Repubblica delle sue prerogative.
Modifica, stravolgendola, la composizione della Corte Costituzionale e del Consiglio Superiore della Magistratura, aumentandone l'influenza politica.
Introduce un federalismo ibrido senza che ve ne siano i presupposti, di fatto è un'introduzione di barriere fra le regioni.
Prevede un meccanismo di formazione delle leggi complicato e che rischia di paralizzare i vari organi dello Stato.

tosca albini 23.03.05 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Povera patria


Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere
di gente infame, che non sa cos'è il pudore,
si credono potenti e gli va bene quello che fanno;
e tutto gli appartiene.
Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni!
Questo paese è devastato dal dolore...
ma non vi danno un po' di dispiacere
quei corpi in terra senza più calore?
Non cambierà, non cambierà
no cambierà, forse cambierà.
Ma come scusare le iene negli stadi e quelle dei giornali?
Nel fango affonda lo stivale dei maiali.
Me ne vergogno un poco, e mi fa male
vedere un uomo come un animale.
Non cambierà, non cambierà
sì che cambierà, vedrai che cambierà.
Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali
che possa contemplare il cielo e i fiori,
che non si parli più di dittature
se avremo ancora un po' da vivere...
La primavera intanto tarda ad arrivare.

tosca albini 23.03.05 16:12| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO DEL PONTE DI MESSINA

Scrive il proprietario di un albergo in Sicilia - a Taormina - al giornale Republica:

Un albergo a quattro stelle ha dovuto sostenere negli ultimi 10 giorni i seguenti disagi e soprusi:
1) guasto della linea telefonica Telecom - riparata dopo 9 giorni - un albergo sotto pasqua senza telefono per 9 giorni.
2) La posta non viene consegnata per sei giorni perchè il postino sta male ha l'influenza.
3)gli autobus di linea *interbus* non si fermano a prelevare i clienti alla fermata, perchè in ritardo sugli orari (passano, fanno finta di non vedere i clienti per lo più stranieri)
4)i collegamenti ad internet, sono fermi al 90, niente adsl che la televisione pubblicizza in continuazione.

Pensate sempre che abbiamo bisogno del Ponte di Messina? o sarebbe meglio che dagli anni 50, come sembra essere oggi, la Sicilia venisse portata almeno ai livelli degli anni 80/90? Per ora solo le tasse sono state adeguate al 2005.

linda cima 23.03.05 15:00| 
 |
Rispondi al commento

la Lega ha vinto, gli italiani hanno perso e il senato si è suicidato

Trasmetto di seguito un articolo scritto da Fabio Protasoni della Direzione Nazionale dell'Acli sul disegno di legge di riforma costituzionale. Il quadro è davvero preoccupante...

Tra pochi giorni, probabilmente, il Senato adotterà con il proprio voto la riforma costituzionale che la Camera ha già approvato. Non è un passaggio da poco perché, non sfugga a nessuno, con il voto al Senato si sarà svolto il 70% dell'iter previsto dall'art. 138. Infatti il testo, nelle successive due votazioni e, ovviamente, nel referendum approvativo che seguirà non potrà più essere cambiato.
In altre parole i prossimi giorni saranno decisivi rispetto al merito della riforma, ai suoi pregi e ai suoi difetti, alle sue palesi contraddizioni e ai rischi che comportano le scelte e le non scelte che contiene. Poi avremo il testo definitivo, non più emendabile, con il quale fare i conti. Avremo, nella sostanza, la nuova costituzione.
Mi sembra che questo fatto stia passando un po' in sordina. Non solo nell'attenzione dei cittadini che riflette inevitabilmente l'attenzione che al tema è dedicata dai mass-media, ma anche in quella delle forze sociali che in passato hanno invece animato il dibattito. Fanno eccezione alcune forze di opposizione e quei soggetti che stanno aggregandosi intorno al Coordinamento Nazionale per la salvaguardia della costituzione dotati però di pochi strumenti. Credo che occorrerebbe invece usare il megafono, le trombe e se possibile i fuochi artificiali per attirare l'attenzione su quello che sta avvenendo. Perché quella che ci si sta prospettando è una costituzione con la c minuscola. Una costituzione che ci suscita grande preoccupazione per l'architettura istituzionale che ne emerge, per la riduzione, che avrà negli effetti concreti, dei diritti e della efficacia del nostro sistema di welfare, per le contraddizioni evidenti e addirittura gli errori formali che contiene e che non si è voluto correggere.
Il punto essenziale di critica sta nella trasformazione del nostro regime parlamentare in regime elettorale del primo ministro, secondo una concezione fortemente personalizzata e tendenzialmente plebiscitaria della democrazia e con una forte riduzione del ruolo di bilanciamento e di controllo esercitato dagli organi di garanzia (Presidente della Repubblica, Corte costituzionale e autorità amministrative indipendenti). Secondo la riforma, il primo ministro sarà (sostanzialmente) eletto direttamente dal corpo elettorale; non deve ottenere la fiducia iniziale del Parlamento sul proprio programma di governo; nomina e revoca i ministri; può condizionare l'ordine del giorno della Camera, ponendola di fronte all'alternativa di accettare le sue proposte o sciogliersi; può chiedere sotto la sua esclusiva responsabilità lo scioglimento della Camera e in tal caso il Presidente delta Repubblica deve procedere. Il primo ministro italiano secondo questa riforma avrebbe poteri superiori a quelli di qualsiasi altro governante di qualsiasi altra democrazia avanzata (a parte Israele). Secondo questa concezione è come se col voto la sovranità popolare si trasferisse in capo al primo ministro, cui i cittadini conferiscono direttamente e irrevocabilmente un mandato quinquennale a governare. Quegli stessi cittadini che secondo il principio di sussidiarietà dovrebbero diventare soggetti attivi nella soluzione di problemi di interesse generale divengono semplici spettatori delle decisioni assunte. Una enorme delega in bianco, svincolata dal controllo parlamentare e svincolata addirittura dalla propria maggioranza di governo. In secondo luogo la revisione, che formalmente riguarda solo la seconda parte della Costituzione, in realtà va a toccare anche i diritti disciplinati nella prima parte. L'alterazione profonda degli equilibri istituzionali tra governo, parlamento, istituzioni intermedie e organi di controllo incide di fatto sulla esigibilità dei diritti e dei principi contenuti nella prima parte, stravolgendone il senso. Gli strumenti e i mezzi definiscono e decidono i fini. Inoltre l'attribuzione alle regioni delle competenze esclusive in materia di sanità, scuola e polizia amministrativa locale frantuma l'unita dei grandi sistemi nazionali, aggravando ulteriormente le disparità fra le varie parti del Paese.
Mi chiedo quali saranno i vantaggi per i cittadini? In funzione di quali bisogni di efficienza, di efficacia, di maggiore rappresentanza, e di qualità del processo democratico si è deciso di avviare questo progetto? O forse la domanda più giusta è in base a quali interessi? Forse qualche indizio si può dedurre dal comportamento parlamentare di alcune forze e dall'accelerazione ingiustificata di questi giorni che si è voluto dare all'iter del disegno di legge.
La Lega Nord, in particolare, e la maggioranza tutta, proprio mentre nello stesso Senato chiedevano e ottenevano di rinviare a dopo le elezioni l'approvazione della Costituzione Europea, hanno interrotto l'esame in commissione e dirottato in aula il testo per l'approvazione definitiva. E' evidente il calcolo elettorale e la ricerca di un argomento per la campagna a prescindere dagli interessi dei cittadini. Si tratta di un atto gravissimo, anche perchè c'erano i tempi per risolvere i problemi ed evitare al paese un così triste epilogo. Addirittura sono stati, con un atto di forza, contingentati i tempi del dibattito in aula. Quindici ore in tutto per varare la nuova costituzione. Un partito come la Margherita ha a disposizione un minuto ad articolo. I DS un ora e trenta complessivamente. Nessuno della maggioranza interverrà in aula per sostenere le ragioni di una approvazione per evitare "di perdere tempo". Con quale spirito e con quale concezione della democrazia, mi chiedo, sarà approvata la nuova costituzione? Come potremo riconoscerci, in quanto cittadini, in un tale scempio?
Da più parti le forze sociali, il terzo settore, molte istituzioni avevano chiesto alla maggioranza di riflettere, di abbassare i toni e provare ad avviare un percorso diverso per il bene del Paese, che necessita, nessuno lo nega, di riforme. Purtroppo questo appello è caduto nel vuoto. Forse le prossime elezioni regionali, anche su questo argomento, dovrebbero dire qualcosa.
Fabio Protasoni
Coordinatore Dip. Istituzioni Acli

tosca albini 23.03.05 14:32| 
 |
Rispondi al commento

x Riccardo
hai pienamente ragione, però se non ci fosse non ci divertiremmo così tanto.
Passeremmo il tempo a darci ragione e a piangerci addosso su come siamo caduti in basso.
Vedere che c'è qualcuno che sta peggio di te da un raro senso di esaltazione. ;-)))

giovanni pellegrini 23.03.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

E’ più difficile spaccare un pregiudizio che un atomo diceva il povero Einstein.
Quando il ragionamento procede secondo il concetto: destro, sinistro è tutto sbagliato e viceversa si arriva al paradosso di Giacomo…. tenero!!!…. meglio un’autostrada fatta dalla mafia che niente.
Oppure: spero che tu faccia la coda sull’autostrada così vedi a cosa servono le grandi opere.
Oppure: Caselli ha fatto meno di Ken per la mafia.
Assiomi, postulati, la cui verità o falsità non è dimostrabile se esaminati dentro il loro proprio sistema formale di regole secondo il noto teorema di Godel.
Ad una verifica oggettiva si scopre che le grandi opere sono i disegnini fatti sulla lavagna di Vespa e Caselli ha mandato in galera un centinaio di mafiosi. Per non parlare dell’assurdo che se si continuano a costruire autostrade per contenere tutte le macchine andrà a finire che ci conviene andare ad abitare tutti in un camper. Non tutti dentro a uno eh!, specifico per chi ha difficoltà di comprensione, ognuno nel proprio.
Salvo poi strillare come aquile se gli affiliati alla mafia ti chiedono il pizzo, ti rubano la macchina, ti bruciano il negozio, vendono la droga a tuo figlio che esce da scuola, ti fregano un contratto corrompendo i giudici e alla fine per avere un po’ di pace devi assumerne uno come stalliere.
Poveracci non si può che compiangerli, devono difendersi dai loro amici, non hanno molte alternative se non quella di venire accoppati.
Io li capisco!

Intanto, mi associo a Vincenzo, la costituzione va in camporella!!!
Allegria!!!!!!
Insegna il noto maestro di vita Mike Bongiorno.

giovanni pellegrini 23.03.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi ma che state a rispondere ai troll?
Così fate il gioco del "tenero giacomo"
I troll si ignorano, sempre, sennò non se ne va più.

Riccardo Palazzani 23.03.05 14:10| 
 |
Rispondi al commento

x tenero giacomo

per i sinistri convinti: la legge contro la mafia è del 7 marzo 1996 quindi votata da un parlamento non di sinistra: le elezioni "vinte " dall'ulivo sono di aprile 1996.
-------------
cosa vorresti dire? che dalla nascita della repubblica non c'è mai stata una legge contro la mafia? quella del '96 non è altro che una rielaborazione delle precedenti e scaturisce da una commissione nella quale tutte le forze che risiedono in parlamento sono rappresentate. una volta elaborato il testo, il parlamento, previa discussione, procede alla votazione. quella legge non è farina di dx o sx, come vuoi far credere: è stata votata da tutti. e, tanto per chiarire, il parlamento è di tutti, non è nè di destra nè di sinistra.

in ogni caso meglio avere un autostrada fatta dai mafiosi che non avere nulla.
-----------
praticamente, tu dici che "con la mafia bisogna conviverci" (lunardi dixit)

Se il vostro problema è evitare che qualcuno si arricchisca con le opere pubbliche l'unico sistema è non farle (infatti la sinistra al governo non ha costruito nulla, tuuttavia non costruire nulla non equivale a non sprecare denaro pubblico.
----------
come a dire che, invece, il cdx con la mafia non ha problemi a far affari?
e perchè, invece, non si può costruire vigilando che chi vince gli appalti non sia colluso? e se non è colluso che non sub-appalti a aziende in odore di mafia? c'è un legge, a tal proposito.
per tua informazione, molti dei cantieri che si sono chiusi o stanno per chiudersi con il completamento dell'opera, sono iniziati antecedentemente al 2001. anche la TAV.

Invece di costruire cose utili si fanno migliaia di studi progetti parole convegni ecc. si assumono dipendenti inutili e la salerno rEggio calabria non è finita!.
---------
secondo te, per costuire una grande opera (com'è un'autostrada, per esempio) basta prendere una cartina geografica, unire con una riga due località, dopodichè i lavori possono iniziare. evidentemente la progettistica è un optional.

Ci sono 11.000 forestali di troppo in calabria perchè non pagarli per spalare la neve sull'autostrada e liberare la gente bloccata
--------
vedi, se si combattesse la mafia, la 'ndrangheta, la camorra, la sacra corona unita, se si impedisse di infiltrarsi nelle opere pubbliche, se si combattesse la loro radicazione sul territorio, ecco, forse allora, anche queste povere regioni italiane potrebbero svilupparsi, le aziende potrebbero moltiplicarsi, creando quei posti di lavoro di cui il sud italia ha bisogno. ma per fare tutto questo, deve esserci la volontà politica di combattere veramente la malavita organizzata e chiunque ne sia colluso, a qualunque livello politico, va condannato e allontanato dalla gestione della cosa pubblica.

o per costruire il ponte sarebbe tutto denaro risparmiato.
------------
non credi che ai siciliani, più che il ponte interessi avere l'acqua tutti i giorni, estate e inverno? avere i servizi che qualsiasi cittadino di un paese, che si dichiara civilizzato, dovrebbe avere?
a proposito di quel monumento alla megalomania di berlusconi, che dovrebbe essere il ponte sullo stretto: non conosco i luoghi, quindi non discuto dell'impatto ambientale. riporto semplicemente dei dati e informazioni documentate:
"l'investimento per il ponte sullo stretto non prevede contributi statali, dunque non grava sul deficit pubblico e non sottrae risorse ad altre iniziative" dichiarato da Pietro Ciucci, amministratore delegato della Soc.Stretto di Messina.
non è così:
i soci della Stretto di Messina SpA sono per il 52% di Fintecna (ex IRI) controllata dal Ministero dell'Economia. "solo formalmente il contributo del tesoro sarà pari a zero, nella sostanza i fondi sono pubblici e fanno a capo al ministero dell'economia" (Sole 24 ore - 15.1.2203)
il restante 48% delle azioni della Stretto SpA è in parti uguali delle regioni sicilia e calabria, dell'Anans e delle Ferrovie. soldi pubblici.
nella fase di costruzione parteciperanno i privati? No, per deceto l'affidamento è alla Soc.Streddo di Messina che gestirà tutto.
Formalmente sul bilancio pubblico non figura un euro di spesa (anche per salvare il patto di stabilità), ma sarà in pratica lo stato a pagare
e sarebbe giusto, se l'opera fosse davvero indispensabile e prioritaria.
domando: lo è?

tosca albini 23.03.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, siamo sempre lì.... se dietro alle parole ci sono mondi infiniti.... ci sono mondi infiniti anche dietro i "silenzi"..
Vorrei però lanciare uno spunto: Spesso le persone interpretano le parole come più gli fa comodo.

Viola Massari 23.03.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Tenero Giacomo! "E' meglio avere autostrade costruite dai mafiosi che non averle!" Se poi questi mafiosi con i soldi che ricavano dalla costruzione dell'autostrada comprano tritolo per farle saltare in aria mentre passa un magistrato, non è un problema tuo...a te interessa viaggiarci sull'autostrada...basta calcolare bene i tempi. E' grazie alla mentalità come la tua che la mafia è cresciuta e si è sviluppata...

Mirko Marchesi 23.03.05 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Per linda cima

Finalmente qualcuno parla di onestà
Peccato che in italia è un'utopia.
Chi c'è a capo del governo?????

Verra un giorno un Dio e dirà che mi sono perso?????

vincenzo cupido 23.03.05 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio per tenero giacomo
Le tue accuse verso la sinistra pre berlusconi non sono del tutto infondate.
In finale un po di ragione bisogna dartela.
Si abbiamo oggi a capo una destra che sta facendo di tutto per le opere pubbliche.
La Salerno reggio calabria non è mai stata così praticabile come in questi anni.
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA......
Dobbiamo fare mea culpa perchè se la situazione ambientale sta in questo stato è colpa nostra.
TUTTI A CASA DESTRA O SINISTRA CHE SIA.

Spero che tu abbia sentito ballarò ieri sera.

I vanto di Giovanardi sulle opere pubbliche
Quanti deragliamenti ci sono stati quest'anno????

Quanti incidenti mortali ci sono stati quest'anno???

Beh mi dispiace dirlo io so stufo è ora di svegliarsi e di finirla cono destra o sinistra.

FARE FARE solo FARE.
QUESTO e' quello che dobbiamo vedere in giro.
No chiacchiere e distintivo.

E intanto la costituzione se ne va a canzonella


"Addio mia Vecchia Italia mai più ti rivedrò ooo oo o oo o Mimì tira buciò"

vincenzo cupido 23.03.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

PER TENERO GIACOMO


Grazie a un pugno di magistrati in Italia ...tra cui Giancarlo Caselli...è nata Tangentopoli...io personalmente per un periodo mi sono sentita riscattata...mi sono sentita meno fessa perchè *onesta* ...il nostro è un paese che ancora deve fare molto per togliere tante ingiustizie e disonesta'.

So che l'incontro di ieri sera è stato un successo, forse... anche Grillo era giusto che ci fosse...per alleggerire e portare un po' di allegria in una Borgata romana, a tanta gente che lotta per stare a galla.

linda cima 23.03.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE E MEGLIO DI PELE' CI SIAMO FATTI IM M.... TANTO PE LL'AVE....

BEPPE SEI UNICO.
E VAI

SPERANZA PONTINO 23.03.05 10:12| 
 |
Rispondi al commento

DIAMO IL NOBEL A BEPPE!!!

LORENZO MORELLI

lorenzo morelli 23.03.05 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
come anticipato ieri, ti segnalo i link di un progetto di cui credo ti dovresti occupare. E' la Citta' dell'altra economia, che come Assessore ho seguito dall'inizio fino alle mie dimissioni di poche settimane fa. E' un progetto che vuole dare a tutte le pratiche economiche equo-solidali uno spazio permanente nel centro di Roma, nonche' una serie di opportunita' per favorirne lo sviluppo cittadino e il rapporto centro-periferia. Il progetto e' stato interamente pensato e costruito insieme a piu' di 40 organizzazioni della societa'civile (da Rete Lilliput a Banca Etica, da CTM Altromercato a Legambiente e Wwf). Il Comune di Roma ci investira' 4,5 milioni di euro.
Il link e' http://www.autopromozionesociale.it/modules.php?sel=citta.htm&name=autohtml
Gia' che ci sei dai un'occhiata anche al bando per contributi per imprese verdi.
Ci tengo ad evidenziarti il lavoro di questo ufficio del comune (Autopromozione sociale) che prova ad usare lo strumento degli incentivi alle imprese in una chiave nuova. Il dirigente, chiamato da me e dall'attuale Giunta di Roma, e' Alessandro Messina, gia' presidente dell'Associazione finanza etica e noto per le sue competenze e la sua motivazione nel costruire un'altra economia.
Per qualunque altra informazione, non esitare ovviamente a contattarci.
Grazie

Luigi Nieri 23.03.05 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Saluti! volevo portare alla vostra attenzione e a quella del Grillo nazionale una bella novita' in ambito CABLATURA TOTALE!

Riporto la notizia:
"Roma - Un finanziamento straordinario che consenta di portare i servizi broad band laddove oggi gli operatori e i provider non possono investire senza rimetterci. Questo il carattere essenziale del bando da 127 milioni di euro presentato ieri da Sviluppo Italia-Infratel assieme al ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri."

Scommetto che i soldi per fare tutto questo li metteremo NOI, gli ISP ne beneficeranno e le aziende collegate si papperanno tutti gli introiti diretti ed indiretti che questa nuova cablatura generera'.

Bella cosa farcelo passare come un AIUTO AL SUD con questa motivazione da anni ci depredano.

Sarei tanto curioso di sapere cosa ne pensa Beppe di tutto questo.

Ciao!

enrico bosco Commentatore in marcia al V2day 23.03.05 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Indubbiamente il ricordo è importante.

Paolo Ciccone 23.03.05 08:17| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe per il tuo impegno..
Un nuovo parco, un nuovo passo, anche se la strada è decisamente lunga..

Nicola Pucciarelli 22.03.05 23:55| 
 |
Rispondi al commento

bene,bravi tutti,intelligenti tutti,ma,un partito.
un partito-bio per parlare alla gente di tutto ciò che "non è dato a sapere",un partito non-partito,che non agisce per il proprio interesse,a quando Beppe?
io ci sono e ci sarò in qualsiasi momento.
a presto,
romano

romano cugini 22.03.05 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Alle prossime elezioni: forza grillo vinci per noi!
Ma si sa' , uno come lui non puo' presentarsi perche'potrebbe mettere il serio pericolo la sua vita.
Ma allora niente si puo' fare?

Riccardino Ciccone 22.03.05 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sarebbe niente di strano visto che la politica è già piena di comici. :-P

Gian Maria Freddi 22.03.05 20:35| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe...non è che entrerai in poltica pure tu?

linda cima 22.03.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

e se demoliamo i centri storici che a volte fanno propio schifo con quelle case vecchie , umide ?

fation sejdaras 22.03.05 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, la cosa che mi lascia stupefatta, e' che tu *comico* devi andare insieme a un Magistrato come Caselli...a parlare di fatti gravi...
ti usano come lasciapassare...apriporta...per entrare in una borgata romana?
Veramente credo che dovremmo riflettere un po'!

linda cima 22.03.05 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Se tutta l'Italia fosse industrializzata e abitata uniformemente ci sarebbaro case grandi per tutti e spazi verdi per tutti. Sbaglio?

Marco Ancinelli 22.03.05 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Ieri 21/03 il nuovo manifesto del governo, il TG1 delle 13:30 ha riportato la notizia di un fantomatico sondaggio del CIPE relativo alle grandi opere realizzate negli ultimi 3 anni e mezzo, guarda caso dall'inizio della legislatura, seguita dalla notizia della percdentuale di disoccupati diminuita come non mai (con relativo aumento di quella dei precari, ovviamente taciuta da Mimum e soci) e nel mezzo un'intervista di Lunardi.
Pensando che il telecomando sia democratico l'ho utilizzato per cambiare canale, ma a quell'ora l'informazione oltre che al TG1 va in onda sul TG4.
Indovinate quali notizie stava dando?
E'proprio il caso di dirlo: abbiate Fede (Emilio)!!!!!!!!!

Antonio Cafagna 22.03.05 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
io sono un ingegnere civile quindi il mio mestiere consiste proprio nel progettare e realizzare edifici (non solo in cemento armato)
Di lavoro, fortunatamente, ne ho parecchio e contribuisco quindi a creare altre edificazioni, di cui alcune davvero mostruose (non sono sempre anche il progettista architettonico, ma solo quello delle strutture)

Il problema è molto complesso e si sintetizza all'osso nello schema:
pianificazione urbanistica (cosa lodevole se efficiente e ben organizzata)->vincoli edificatori->ottenere la massima cubatuta prevista a scapito di spazi, sagome, distribuzione degli ambienti->massimizzare i profitti dell'impresa->costi esorbitanti per appartamenti deprimenti->mancanza di verde e area per tirare due calci ad un pallone->gente sempre più chiusa in casa->socializzazione sempre più internettiana->incomunicabilità alle stelle

Questa è chiaramente una possibilità, nemmeno tanto remota, di quel che accade.

Manca la cultura del saper vivere bene, manca la concezione che si possono pagare allo stesso prezzo appartamenti con minor mq, ma più spazio per la vita all'aria aperta, manca il desiderio di costruire qualcosa di bello, manca nelle voci di profitto quella dell'immagine, della salute, del benessere non materiale, manca l'amore per la natura e per la propria città

La cosa peggiore è che manca una spinta che vada nella direzione opposta. Anzi, si incentiva sempre di più questo stato delle cose.

Al solito, il male non sono nè i materiali nè le leggi, ma il modo di adoperarli degli uomini.

Pietro Paolo Coppola 22.03.05 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Ho fatto un errore, volevo dire all'inaugurazione della collina della pace.

Antonio Cafagna 22.03.05 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Cos'e' un blog ?

http://www.casaleggio.it/content/archive/attach/232/circuits122604.pdf

Chi analizza e tiene traccia dei Blog ?

http://www.casaleggio.it/rapporto.asp?articleID=245&titolo=Focus:%20Il%20"Social%20Network"%20dei%20blog%20italiani

Ma se è vero che la rete è in grado di interconnettere cosi bene persone, società, gruppi e movimenti, perchè abbiamo ancora bisogno dei politici, perchè abbiamo bisogno ancora della grande distribuzione perchè c'e' ancora bisogno di intermediari ???

Stefano

Stefano Crema 22.03.05 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Da S.Maria di Leuca: 300 km di a/r per vederti ieri sera a Taranto..rifarei tranquillamente il doppio della strada, ma spero comunque in una data a Lecce.
Riso amaro.
Ci fanno vivere di reality per distrarci dalla realtà, ma la colpa è anche nostra perché:"chi usa il cervello degli altri butta il proprio"
Morale:
Toglieremo il potere al telecomando per darlo al mouse.

Non cambiare mai. MAI.
Rimani paladino del valore dell'onestà e della verità. Noi saremo sempre con te.

Sei grande.

ps: Grazie Dino per avermi dato modo di vedere lo spettacolo.

Giusy Pirelli 22.03.05 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe io sono pugliese e volevo ricordare che a Bari c'è l'area della ex Fibronit, nel cui quartiere è morta parecchia gente a causa di tumori provocati dalla presenza di eternit.
E'una zona che andrebbe bonificata e recuperata all'abitabilità al più presto.
E'un tipo diverso di mafia, si chiama mafia ambientale, molto diffusa in Italia, ma pur sempre deleteria.
Ciao e buon lavoro.

P.S.:oggi Veltroni è a Barletta, la mia città per motivi elettorali, forse sarebbe stata gradita anche la sua presenza al tuo spettacolo.

Antonio Cafagna 22.03.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

E' una bella cosa questa iniziativa.
E' anche una bella cosa che un comune come Roma abbia un Assessorato alle Periferie che in qualche modo contribuisce a queste iniziative.
Secondo voi a Milano c'è?
Ve lo dico io cosa c'è.
Prendono le aree industriali dismesse e le recuperano... vendendole a grandi società edil-immobiliari che con i grandi e piccoli architetti molto o poco famosi a seconda dei casi costruiscono case, case, case.
Come se a Milano mancassero le case.
Non sono le case che mancano... sono i soldi per comprarle.
Facessero dei parchi cittadini per la gente, per le mamme, per i bimbi. E invece fanno case, megapalazzi tutti uguali, oggi belli, tra vent'anni inguardabili ecomostri, e centri servizi, sul modello della Milano3 del nostro esimio onorevole cavaliere.
VOGLIO UN CENTRAL PARK A MILANO!!!!!!!!!!!

Stefano Baccarin 22.03.05 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Ho avuto modo di esprimere in diverse situazioni e su altre pagine un concetto che mi sta a cuore: in Italia si demolisce poco. Come noto esiste lo strumento legislativo che regolamenta tale istituto (della demolizione, appunto) ed è contenuto nel Testo Unico dell'edilizia - D.P.R.380/2001. Ma chissà perchè, si preferisce salvare l'impossibile, imbavagliati in una logica che definire conservatrice è poco.. Certo, vi sono le dovute eccezioni, per caratteri di alcuni manufatti che possono essere testimoniali di un'epoca, uno stile o una cultura. Ma quando ci vuole, ci vuole. Magari con una bella carica esplosiva, all'americana (a Napoli ci provarono, anni fà, con un ecomostro detto Le Vele, ma ironia della sorte, non cascò ...)

beppestarnazza 22.03.05 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Concordo, ma per dovere di cronaca devo dire che, oggi, a Seveso, sopra al Bosco delle querce, i cartelli li hanno messi: sono 14, li ha fatti Legambiente, e raccontano che lì c'era una fabbrica e che lì vivevano 709 persone, tutte costrette a lasciare le loro case avvelenate. Ci hanno quasi trent'anni, ma alla fine li hanno messi.
Non ci sono i cartelli che dicano che cosa è ancora custodito nelle enormi vasche a tenuta stagna sotto il bosco: le macerie, i mobili trovati negli appartamenti, le vecchie foto di tante famiglie, perfino qualche abito da sposa. Tutto lì, pietrificato.

Piero Fachin 22.03.05 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Ormai lo sfascio è irreversibile.

Si chiamano "Ecomostri" quelle costruzioni orribili, per dimensioni e inopportunità, che deturpano scorci dove la natura è più bella che altrove.

Ma lo sbaglio (al quale si può pensare, ma contro il quale si può ben poco per non dir nulla) è questo: non considerare IL COSTRUIRE, la mostruosità, e non il dove o il come la si crea, la belva...

Massimiliano Ottone 22.03.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Bella iniziativa. Spero solo che il Parco sia poi ben gestito (ma prima di tutto finito!)

Riccardo Palazzani 22.03.05 16:34| 
 |
Rispondi al commento

ciao, devo scrovere un pezzo su astaldi e impregilo...qualche commento? scrivimi.

camilla conti 22.03.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, penso che anche tu abbia letto l'articolo di Repubblica di oggi su come la mafia si sia spartita gli appalti dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria. Visto che tutto il tratto autostradale è in mano alle cosche mafiose nulla di strano se si confiscasse il bene in nome della Legge 109/96, magari trasformandola in enorme campo da bocce per i pensionati.....

Giovanni Frigo 22.03.05 16:09| 
 |
Rispondi al commento

tenero giacomo... forse a te va bene vivire in una grande città, ma ricordati che quando vai in giro con la tua grande macchinona inquini un bene comune: la natura.

se le case son di cemento non significa che ogni cosa in una grande città debba esser di cemento.

stefano "akiro" meraviglia 22.03.05 16:06| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
come al solito meno male che ci sei tu che qualche volta ci dai qualche buona notizia.
Il cemento? Vero e' un grosso problema. Io sono di Torino dove ben sai si svolgeranno le Olimpiadi invernali.
Beh qui il cemento stà diventando di "casa". Non sò se hai visitato la città recentemente per farti un idea!? Tutti in città sperano che non si ripeta un "Italia 61" dove si cotrui' all'inverosimile e ogni edificio creato per l'occasione poi andò in disuso.
Ci sono tante promesse dall'alto: "tutto ciò che verrà costruito sarà riutilizzato per altre funzioni!!".
Date le esperianze passate sarà proprio vero?

Gai Gianmaria 22.03.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori