Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Come muore un Italiano

  • 287


beppe10.jpg

La politica di Bush verso la stampa è semplice.
Usa due strumenti:

1) giubbotto antiproiettile
2) mitraglia e cannone

I giubbotti antiproiettile sono per i giornalisti amici, cioè quelli "incorporati" (embedded) all'interno delle truppe statunitensi di invasione.

Mitraglia e cannone sono per tutti gli altri.

Ieri sera il militare italiano Nicola Calipari si è buttato sulla "non incorporata" Giuliana Sgrena per proteggerla dalla mitraglia statunitense.
I soldati di Bush gli hanno "incorporato" una raffica di mitra, uccidendolo.

"Noi siamo spendibili, gli ostaggi no" aveva dichiarato il militare.

Come muore un italiano lui non l'ha detto.
Ma lo ha fatto vedere.
Un vero eroe italiano.

3000 soldati su 130.000 non servono a niente. Sono solo un'operazione pubblicitaria, senza alcun esito sulla guerra in Iraq.

Spero che il Presidente del Consiglio dimostri di avere almeno metà di una delle palle che il suo amico Craxi dimostrò di avere a Sigonella.
Ritiri subito i militari dall'Iraq.

Ha fatto causa all'Economist e a me.
Ora faccia causa a Bush. Incarichi alcuni fra i cento avvocati che ha portato in Parlamento di difendere in tribunale non solo le sue aziende ma anche l'onore di Nicola Calipari e degli Italiani.

5 Mar 2005, 19:15 | Scrivi | Commenti (287) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 287


Commenti

 

penso proprio che sarebbe meglio riportare le truppe a casa; è ora di finirla di preferire alleanze di potere per eventuali scambi economici piuttosto che alla vita di persone!

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 26.09.15 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Intervengo anni dopo la fine di questa discussione per dire che mi pento di quello che ho scritto nei commenti a questo post e agli altri relativi alla guerra in Iraq. Dal 2005 le mie idee sono cambiate radicalmente, e non mi riconosco più assolutamente in quello che qualcuno aveva argutamente definito un John Wayne all'amatriciana.
Chiedo a Beppe se può di rimuovere tutti i miei vecchi commenti da questo post "Come muore un Italiano" del 5 marzo 2005.
Grazie.

Marco Liminta Commentatore certificato 07.10.10 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Per capire la durezza, interna ed estera, degli stati uniti, consiglio lo straordinario libro del newyorkese Webster Tarpley, che fa capire come alla base di certi attentati terroristici, di certi regimi e delle conseguenti guerre anti-regime ci siano strategie ben precise di un gruppo di oligarchi.

Gian Maria Lollini, Cosenza Commentatore certificato 26.09.08 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Siete solo un branco di comunisti di merda...

Fabio Toscanini 07.02.07 12:05| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

UN'ULTIMA COSA POI SU QUESTO BLOG NON METTO PIù L'OCCHIO,VISTO CHE A MIO PARERE è UN COVO DI PERSONE DALLA MENTE LABILE. SE FOSSIMO IN IRAQ SE CI FOSSE SADDAM ORA VOI NON POTRESTE SCRIVERE FARE E DIRE CIò CHE DITE! FARE I CASINI CHE AVETE FATTO A GENOVA E TUTTO QUELLO CHE VI PIACE FARE TRA GAY E OGNI DROGA CHE VI PIACE PRENDERE...IN UN GOVERNO MUSULMANO MA IN PARTICOLAR MODO DITTATORIALE COME ERA L'IRAQ DI SADDAM TUTTO QUESTO VE LO SCORDATE! VOI DIFENDETE UNA CULTURA CHE NON CONOSCETE,E CHE SICURAMENTE NON PUò PIACERVI,E VI CHIEDO...PERCHè LO FATE?? PERCHèèè?? DIFENDETE UNA CULTURA CHE METTE LA DONNA CHE PUò ESSERE VOSTRA MADRE O VOSTRA MOGLIE O VOSTRA FIGLIA, ALLA PARI D'UN CANE DA COMPAGNIA,XKè LO FATE! NON LO CAPISCO! XKè RINUNCIATE AD UNA FEDE CRISTIANA X UNA FEDE MUSULMANA CHE NON DA LIBERTà,NON DA FUTURO,è SOTTO I NOSTRI OCCHI GLI SBARCHI DI IMMIGRATI CHE SCAPPANO X AVERE UN FUTURO,E PIù LIBERTà...E ALLORA XKè XKè XKè???? XKè DIFENDETE I SUNNITI E SCIITI E CHIUNQUE SIA CHE NON COMBATTE X IL PROPRIO POPOLO MA X AVERE IL GOVERNO E LA DITTATURA DEL PAESE!! PERCHè LO FATE? AMATE LA CULTURA OCCIDENTALE,XKè RENDE LA LIBERTà NECESSARIA AD OGNI INDIVIDUO,AVVOLTE PURE TROPPA,UNA SOCIETà CHE DA IL DIRITTO ALLA DEMOCRAZIA,ALLA SCELTA! E VOI CI SPUTATE SOPRA SFRUTTANDO PROPRIO QUESTA LIBERTà QUESTA SCELTA! ALLORA VOLETE DIRMI CHE L'UMANITà HA SMESSO DI EVOLVERSI,CHE DOBBIAMO TORNARE INDIETRO NEL MEDIO-EVO COME è RIMASTO X MILLENNI IN MEDIO-ORIENTE,DOVE CI SONO PESTROLIERI SUPER RICCHI E PADRONI DEL PIANETA E IL LORO POPOLO CHE NON HA L'ACQUA X BERE? MI STATE DICENDO CHE è GIUSTO QUESTO? NON POSSO CREDERCI! SE NON ALTRO GL'USA E L'OCCIDENTE INTERO DA LA POSSIBILITà A CHIUNQUE DI POTER ESSERE QUALCUNO,IN BABILONIA E NEI PAESI GEMELLI, QUESTO NON è POSSIBILE!PENSO CHE ORIANA FALLACCI ABBIA X ESPERIENZE E CULTURA,MOLTA PIù CAPACITà VALUTATIVA DI BEPPE,E LUI NON ME NE VOGLIA,FORTUNATAMENTE VIVIAMO ANCORA IN UNA CULTURA OCCIDENTALE,E OGNUNO PUò DIRLA E PENSARLA COME VUOLE!

daniele baiocchi 23.12.06 16:10| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ONESTAMENTE...NON SONO ANDATO OLTRE LA TERZA RIGA DEL PRIMO COMMENTO! VOI,DEVOTI DI SINISTRA COMUNISMO E DROGHE LIBERE,VOI CHE SIETE X LE ADDOZIONI A COPPIE GAY...BEH SIETE GLI STESSI CHE AVETE INNEGGIATO 10 100 1000 NASSIRIYA....VI DICO UNA COSA,UN PARERE MIO PERSONALE E NIENTE DI PIù...CHE SCHIFO!!! IO SONO UN EX SOLDATO E VI DICO QUESTO,LORO SONO FIERI DI ESSERE Lì,DI FARE CIò CHE FANNO,SONO PAGATI X QUESTO,E VOI LI DELUDETE E BASTA. CALIPARI è UN'EROE X AVER DATO LA SUA VITA X L'OSTAGGIO(ERA IL SUO LAVORO),QUATTROCCHI è STATO RAPITO E GIUSTIZIATO E PRIMA DI MORIRE A RESO ONORE AL POPOLO ITALIANO COSì:"ORA VI MOSTRO COME MUORE UN'ITALIANO!"(AVEVA FAMIGLIA,ERA IL SUO LAVORO,HA DIMOSTRATO CHE L'ITALIANO NON METTE LA CODA FRA LE GAMBE!),NASSIRIYA 28 OMICIDI,19 ITALIANI ASSASINATI,9 IRACHENI,E 140 FERITI(ERA IL LORO LAVORO,HANNO PORTATO FIERI IL LORO AIUTO AL POPOLO IRACHENO,NON HANNO MAI SPARATO SE NON ATTACCATI,SONO L'ORGOGLIO D'ITALIA,I DECEDUTI E I VIVI,TUTTI!!!!) MATTEO VANZAN,MIO VICINO,ASSASINATO A CAUSA DI UN'ATtACCO DI TERRORISTI SUNNITI-CHE VOGLIO IL GOVERNO DITTATORIALE DEL PAESE,TOGLIENDO LIBERTà AL POPOLO MODERATO E INTELLIGENTE!-LIMITATI NEL POTERSI DIFENDERE A CAUSA DI REGOLE D'INGAGIO TROPPO RESTRITTIVE E BUROCRATICHE(ERA IL SUO LAVORO,è MORTO SVOLGENDO QUELLO CHE LUI STESSO ARRUOLANDOSI AVEVA SCELTO DI FARE!TI RICORDERò SEMPRE!). L'ITALIA NON HA FATTO LA GUERRA MA HA APPOGGIATO LA RICOSTRUZIONE UMANA NEI PRINCIPI E VALORI INALIENABILI E DIRITTO DI OGNI ESSERE VIVENTE:" LA LIBERTà E LA DEMOCRAZIA!" ED EDILE INSEGNANDO LA QUALITà DI UNA VITA PERSA CON ANNI DI DITTATURA!! ORA IL VOSTRO GRANDE PRODI E GRANDE GOVERNO DI COMUNISTA HA MANDATO I NOSTRI RAGAZZI E NOSTRI FRATELLI IN LIBANO! CHE DITE? NIENTE MANIFESTAZIONI? I PACIFISTI DOVE SONO?QUALCUNO PARLA DI CRAXI,CHE ORRORE,UN CODARDO CHE HA MANGIATO E BEVUTO ALlE SPALLE DEGL'ITALIANI,RIFUGIATO IN TUNISIA COME CODARDO,OFFENDENDO TUTTO IL POPOLO ITALIANO!E VOI LO PRENDETE COME ESEMPIO!CHE VERGOGNA!

daniele baiocchi 23.12.06 15:35| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Via Fabrizio Quattrocchi: strada a fondo cieco
-------------
Genova ha detto No! a "Via Quattrocchi".
La sorella del mercenario,
pardon,
del contractor (che è la stessa cosa ma suona meglio)ucciso,
ennesima vittima di una guerra illegale,
ha dichiarato che «Così si tradiscono gli italiani».

Io non so in che cosa dovrei sentirmi tradito dalla giunta comunale di centrosinistra genovese,
forse sì,
per non aver preso ferma posizione al fianco dei manifestanti
massacrati dalla polizia durante il G8,
quando era d'obbligo morale farlo.
Per aver cancellato così in fretta dalla memoria
il sangue fresco di Carlo Giuliani sull'asfalto di piazza alimonda.

Posso capire il lutto dei familiari di Quattrocchi,
e come ci tengano a elevare il ricordo del parente scomparso,
ma non bisognerebbe dimenticare che la nostra legge vieta
ai cittadini italiani di prestare impiego come mercenari, (articolo 288 del Codice penale)
e Quattrocchi era alle dipendenze di quel Gaetano Saya
al centro di indagini da cui emergono sordidi retroscena nell'estrema destra nostrana
mescolata ai soliti servizi deviati.

Cosa era a fare Fabrizio Quattrocchi in Iraq armato sino ai denti lo immaginiamo tutti,
non certo a fare il Gino Strada,
nemmeno il Baldoni che organizzava missioni per la croce rossa,
tanto meno il Calipari.
Enzo Baldoni e Nicola Calipari
hanno di fatto mostrato all'intero mondo come muore un italiano.

Morire esportando la morte a pagamento
non credo sia una morte dignitosa,
tantomeno da merita una via con la scritta:
Quattrocchi
mercenario in Iraq ucciso dalla resistenza.
.
.
Guerrilla radio
http://guerrillaradio.iobloggo.com/


Caro Beppe, visto che si parla di eroi e di Iraq mi sento di dover esprimere un concetto semplice, almeno per me, sulla questione relativa alla morte di Quattrocchi la cui professione è tutt'altro che degna (almeno da mio punto di vista di pacifista) del mio apprezzamento. Ti scrivo perchè ho visto in questi ultimi mesi che buona parte dei parlamentari della attuale maggioranza di Governo (in vista della nuova campagna elettorale) si sbracciano per proporre una medaglia al valore civile ed un riconoscimento economico algli eredi del Quattrocchi.
A questo proposito propongo che si debba fare altrettanto per tutti gli operai in nero, e sono moltissimi, che giornalmente muoiono cadendo da una impalcatura in un cantiere o dentro una fabbrica mentre stanno cercando con fatica di portarsi a casa uno stipendio da fame con cui sopravvivere. Mi sembra molto più eroico che andare in Iraq con stipendi da favola (quasi una decina di migliaia di euro) a fare il "defender" sparando, come per previsto dalle regole di ingaggio, su tutto quello che si muove. Io mi auguro che questa riflessione ci aiuti a ritornare con i piedi per terra e a dare il giusto significato alle parole ricordando che la parola mercenario (che nessuno, tranne i cronisti del Manifesto, usa più citare parlando di Quattrocchi) significa "2 agg., s.m., che, chi esercita il mestiere delle armi per professione al servizio di uno stato straniero o di gruppi politici o economici:".
Allo stesso modo non credo sia un atto di eroismo esaltare in punto di morte la propria "italianità". Essere un'eroe credo sia altra cosa.

Paolo Pignat 23.01.06 17:48| 
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 15:15| 
 |
Rispondi al commento

http://www.luogocomune.net/site/modules/911/

William xxx 07.09.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Volevo segnalare un sito

www.maipiu.tk

Cordiali saluti

Pino Napoli 05.08.05 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
mi perdonerai se uso il tuo Blog per fini impropri...
è cercando di recuperare sul web qualche informazione su una persona che, ogni tanto, dopo tanti anni, torna ancora dolcemente nei miei pensieri, che sono intoppata in questo spazio.
Solo due parole allora per dire a Stella che, se si riconosce (e soprattutto se mi riconosce), mi piacerebbe "glissarmi" nel suo presente per sapere se è ancora quella persona luminosa che non ho dimenticato...
Grazie Beppe

Daniela

Daniela Sanna 26.03.05 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Continuamente quell'omarino dalla lingua velenosa attacca e insulta Prodi e gli fanno eco i suoi sanciopanza. Ma gli Italiani sono così in larga parte babbei e torneranno a votarlo? Starò a vedere. Se anche alle regionali ottenesse valanghe di consensi, vorrebbe dire che il popolo italiano si merita di essere preso per il culo dalla mattina alla sera. E si merita la derisione planetaria che lo sommerge...

Giuliano Lazzarotti 24.03.05 00:45| 
 |
Rispondi al commento

Ma basta prendersela con i comunisti! Ci pensano già da soli a rendersi ridicoli. E ci si concentri sull'oggetto della discussione: Iraq.
Tralasciamo la storia ed evitiamo di rivangare pagine odiose di una certa politica estera che ha inevitabilmente finito con il rendere calda la situazione non solo nell'ex Persia ma in tutti i Paesi in cui è stata applicata.
Si è detto che Hussein era in combutta con Al Qaeda ed era quindi giusto intervenire per proteggere l'Occidente da altri 11 settembre. BEH MI SPIACE MA ERA E RESTA FALSO.
Si è detto avesse armi di distruzione di massa.
BEH MI SPIACE MA ERA E RESTA FALSO.
Si è detto che si era in possesso dei permessi internazionali, l'Onu d'accordo, Dio aveva dato il benestare e anche il bollo pagato. BEH MI SPIACE MA ANCHE LA RISOLUZIONE ONU SU CUI BUSH HA FATTO TANTO AFFIDAMENTO NON DICE PROPRIO QUELLO CHE ALLA CASA BIANCA SOSTENGONO. E SUL PADRE ETERNO NON DICO NIENTE ANCHE SE UNA VOLTA, DA UN PAPA HO SENTITO UNA FRASE "O CON CRISTO O CONTRO DI LUI..." PERO' IN QUEL CASO C'ERA DA AIUTARE SOLO LA DC ALLE ELEZIONI E NON DIFENDERE LA VALIDITA' DEI COMANDAMENTI E DELL'INTERO LIBRO SACRO DEI CRISTIANI (che di guerra preventiva non parla come soluzione ai problemi)PROBABILMENTE ERA PIU' IMPELLENTE L'ELEZIONE DEL 48
Si è detto che si va in missione di pace.
AZZO NON C'E' VERSO... E' FALSO.
I nostri soldati pattugliano le strade di Nassirija rendendole sicure con i bambini che corrono dietro ai nostri carri armati per le caramelle felici di avere gli italiani a casa loro
NON POSSO CREDERE CHE CI ABBIATE CREDUTO!
I nostri carri armati vengono accesi la mattina giusto per togliere la sabbia dai motori. Militari si sono persino rifiutati di uscire in elicottero (sono stati assolti tra l'altro dalle accuse di codardia). Altri sono morti e perchè?
Per la pace? Portare la pace con la guerra è come sfamare con la miseria. Prima o poi il risultato è vero lo si ottiene, muoiono tutti e non c'è più la fame nel mondo. Anche in Iraq prima o poi finirà ma quando? E se il nuovo governo decidesse che è sovrano del proprio suolo e sottosuolo e del petrolio che lì vi scorre e ne vuole fare quello che vuole? Secondo voi quel governo quanto durerà?
Esistono altre strade. Noi eravamo ad un bivio ma quella imboccata è sbagliata, è a fondo cieco. L'unica differenza è che quando in auto mi trovo in una strada senza uscita faccio marcia indietro ed al bivio prendo l'altra. Qui, pur di non dar ragione a chi dice che ci siamo infilati in un sacco, si è cominciato a scavare... prima o poi da qualche parte usciremo.
La via della pace è più dura, nessuno a parte Ghandi, l'ha mai praticata e forse nessuno sa neppure qual e e che effetto faccia. Un tentativo però.. anche solo per provare.. un attimo!

Davide Campoli 24.03.05 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè gli americani sono andati in Irak? E noi dietro?
Se non ci fosse una riserva immensa di perolio,
ci sarebbero andati lo stesso?

lorenzo pippo 23.03.05 23:43| 
 |
Rispondi al commento

...e intanto oggi 23 marzo dopo 20 giorni dalla liberazione gli americano non hanno ancora consegnato al vettura alle autorità itliane...e non si sanno nemmeno i nomi di chi ha sparato....

sandro marcon 23.03.05 22:22| 
 |
Rispondi al commento

gentili lettori non so voi, ma io mi sono rotto le palle di sentir parlare di missione di pace. Io se è possibile sono una delle persone meno informate del pianeta eppure so che le nostre truppe non proteggono i civili iracheni. No, le nostre truppe cercano di proteggere se stesse e quel po dell'economia irachena che sia possibile sfruttare. A Bari qualche mese fa è morta una bambina, è morta di fame. Ora ho pensato che mantenere le nostre truppe nel bel mezzo di una guerra debba costare qualcosa no? e allora perchè non ce ne andiamo via da lì e non mandiamo un po di quei soldi che so: alla sanità ai tanti che vivono di stenti, alla scuola, alle università? io magari ignoro tante altre cose, cause, o problematiche degne d'essere considerate ma so che quello che ci dicono non è vero. Io vi chiedo aiuto spiegatemi come funziona questa mafia. In uno dei miei delirii ho anche pensato di mettere su un partito che mandi a cacare la destra e la sinistra marcia. che salga al potere e ripristini la pena di morte per Rutelli, Bertinotti, Fini, Boldi, Dalema, il biscione e i tanti come loro che ci hanno preso per il culo. ovviamente questo e uno sfogo, ma a quanto pare non siamo pochi perchè non formiamo un partito e li disintegriamo?

Andrea Amoroso 22.03.05 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Un eroe come tanti ne riporta la storia d'Italia, un eroe forse scomodo che si è adoperato per ostacolare quella che sembrava dovesse essere un'esecuzione! Un eroe che non verrà ricordato a lungo, purtroppo, perchè il suo atto eroico ha impedito il normale svolgersi di eventi decisi da altri, che ora vogliono coprire con il velo dell'omertà la verità che non sapremo mai! Ma noi siamo qui, a dare fastidio, a denunciare gli abusi, a far sì che le cose vengano ricordate e sapute da tutti, facendo girare le nostre e-mail a tutti i nostri contatti, sperando di ottenere qualche risultato!
Grazie Beppe, per quello fatto finora e per quello che stai ancora facendo, grazie, grazie,
sperando che la coscienza collettiva si risvegli da 'sto letargo interminabile a cui siamo costretti inconsapevoli ed ignari della verita.
A presto.

Nello Gentili 20.03.05 22:11| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

grazie per adesso,

grazie graxzie grazie grazie.

maria grazia Celso 19.03.05 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Non so se Lei, Grillo, ha notato di come già a pochissimi giorni dall'accaduto (le scrivo oggi 18/3/05)del CASO Sgrena-Calipari non se ne parli assolutamente più nei telegiornali, nè se ne occupano i quotidiani. Solo il Manifesto (forse per ovvie ragioni) e L'Espesso continuano a non tacere e a "infastidire", a chiedere, a fare domande...sono passati poco più di 15 giorni, e già tutto pare appartenere ad un PASSATO ormai lontano.E'tornata la Sgrena,ha alzato la voce, ha detto cose che NON AVREBBE DOVUTO RIVELARE A NOI tutti, si è montato un bel dibattito (durato poco più di una settimana), è tornato Calipari, ha avuto il suo bel elogio funebre, i funerali di stato,etc. etc. e poi....tutto finito. Avanti con la prossima NOTIZIA, e poi, ora ci sono le Regionali...quale occasione migliore per distogliere l'attenzione dalle cose veramente importanti e parlottare d'altro??!! Meglio ancora se poi il Là te lo offre su un piatto d'argento la Mussolini, con le false firme per l'ammissione delle liste!! CHE CULO (mi consenta la licenza linguistica) che ha questo governo e la nostra bella Italia: una nuova Pietanza mediatica da scorpacciare, criticare, analizzare e giudicare...per poi digerirla con un bel rigurgito liberatore e passare alla Prossima Portata!

Ada Palma 18.03.05 23:55| 
 |
Rispondi al commento

ogni forma di violenza va denunciata e combattuta (ironico no che abbia voluto utilizzare proprio questo termine?). detto questo quello che non sopporto è come gli americani e i suoi, ahimè nostri, alleati giustificano questa violenza. Ma esiste una giustificazione plausibile alla violenza? Loro parlano della sua necessità per esportare la democrazia. ehh, behhhh... sarebbe come se un nostro amico ci consigliasse quell' idraulico che è venuto a casa sua, ha ucciso la moglie, violentato la figlia, rubato tutte le sue ricchezze, ma.....ha agiustato quell' odioso rubineto da cui scendevano incessantemente fastidiose gocce d'acqua. beh, fate vobis!

Emiliano Cristilli 18.03.05 18:15| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo che i nostri 3000 soldati su 130.000 servano a poco per una strategia bellica, ma non sono assolutamente pochi per quanto riguarda l'azione di ristabilire una vita dignitosa (luce, acqua, medicine, scuole, ecc.) per i civili a cui possono attendere.
Proprio per l'altissimo valore della vita umana fosse anche un solo iraqeno potesse venir aiutato dai nostri soldati, sarebbe comunque valsa la missione.
Il problema sta nel fatto che il positivo che noi italiani spesso facciamo, anche con i nostri militari, non viene evidenziato abbastanza se non in casi estremi come quello di Calipari.

Mauro Minosse 17.03.05 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Lungi da me pensare di avere la scienza infusa o essere convinto di avere ragione! Non è questo il punto, anzi, secondo me, la "ragione" e il "torto", il bene e il male, non esistono! Esistono solo modi diversi di vedere le cose, che purtroppo non sempre sono compatibili! Purtroppo mi rendo conto di non essere riuscito a spiegarmi...ho detto combattiamo contro un nemico, non perché noi siamo i buoni e loro i cattivi, perché Dio è con noi e loro sono infedeli, o robe simili! Ho detto combattiamo un nemico perché siamo minacciati e non possiamo fare altro...tranne naturalmente nascondere la testa sotto la sabbia e fingere che non ci sia nessun pericolo, come è tipico dei pacifisti..

Altra cosa: va bene, potrai anche avere esperienze positive dalla conoscenza di musulmani, e anchio non ho mai avuto personalmente problemi con loro...ma bisogna anche considerare che la singola persona è una cosa, l'intera massa di un popolo è un'altra...la singola persona può anche essere ragionevole, la massa non lo è, è anzi troppo facilmente influenzabile, in particolar modo, come hai detto tu, quando si tratta di convinzioni religiose! Non dimenticare che anche qua in italia ci sono svariati Imam che predicano la Jihad contro l'occidente!
Mi dirai che mi preoccupo troppo? Bene, personalmente credo al detto "Meglio prevenire che curare"...e soprattutto meglio preoccuparsi troppo che preoccuparsi troppo poco!

Per la sinistra esiste sempre e solo la lotta di classe, dunque..? Non è vero, non ci credo, non è solo lotta tra ricchi e poveri. E poi basta dire che se loro sono poveri la colpa è solo nostra! Se nei loro paesi non ci fossero tre o quattro sceicchi che fanno il bidet su tazze d'oro e una massa enorme di poveracci senza da mangiare, forse la gente non sarebbe così disperata, o no?

La poligamia E' una manifestazione di umiliazione delle donne, non solo un'espressione culturale. Mi fa piacere che tu condanni i maltrattamenti verso le donne...purtroppo succede che i soliti opinionisti di sinistra cadono fin troppo spesso nella sbadataggine, e sorvolano candidamente su questa questione pur di difendere gli amati musulmani... Non vorrei dover ricordare che quando qualche tempo fa venne approvata una legge contro l'infibulazione alcuni deputati del centrosinistra ebbero dei piccoli "se" e "ma" da attaccarci...ma come?? Era una cosa che andava approvata ALL'UNANIMITA' e senza nessunissima ombra!!

Sulla guerra in Iraq mi sono già pronunciato quindi non dico più nulla..

Marco Liminta 15.03.05 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Ho riletto il mio ultimo post e non mi è davvero riuscito di trovare il punto in cui esalto la cultura araba in relazione al trattamento riservato alle donne.quando dico " a prendere due o tre mogli" lo faccio con spirito..anche se non si è capito e me ne scuso.era per dire che non credo che in arabia abbiano come aspirazione maxima il farsi esplodere in mezzo alla gente.Ad ogni modo concordo con te quando dici che nella cultura araba il modo di intendere il gentilsesso, nel senso di privare le donne dei diritti fondamentali,è una cosa da condannare..per non parlare di infibulazione,lapidazione e degli altri terribili dettami della "sharia".Uno come me secondo te potrebbe essere favorevole a pratiche violente e discriminatorie?? E' comunque cosa ben diversa il discorso della poligamia:per quanto mi riguarda,spero di trovare una ed una sola compagna per la mia vita ma credo sia solo una questione culturale,che condiziona il nostro modo di intendere l'amore.Durante il matrimonio cattolico si dice "non osi separare l'uomo ciò che dio ha unito"..e,a mio avviso,da qui discende la consuetudine,poi divenuta legge,di prendere una moglie per volta.ma non esiste forse anche qui il tradimento?non esiste il divorzio?certo,sarebbe giusto che anche le donne musulmane potessero avere più mariti!ad ogni modo questo è un argomento molto complesso su cui ancora non sono riuscito a sviluppare una mia idea chiara..ma non mi sembra comunque sufficiente a dimostrare la nostra superiorità culturale nei confronti di un popolo che, tanto quanto greci e latini,ha scritto nel libro della storia del mondo pagine luminose grazie a splendidi matematici,pensatori ed artisti.
Quanto al discorso no-global, credo che ci sia un po' di confusione..se per no-global intendi i casarini e gli agnoletto,allora io non lo sono!quelli sono politicanti,ottusi almeno quanto quelli che vogliono combattere.se invece essere no-global, significa criticare l'appiattimento culturale,l'esplosione dimensionale di gruppi economici che giungono ad influenzare le politiche dei governi sull'altare del dio Profitto,e le discriminazioni e violenze perpetrate ogni giorno ai danni di lavoratori derelitti e maltrattati,allora considerami pure no-global..tanto non sono interessato alle classificazioni,e spero che la gente mi giudichi sulla base delle cose che penso e non di etichette.In ogni caso io non ho parlato di annullamento delle diversità culturali ma di fusione,cooperazione e convivenza tra culture diverse.Per quel che è la mia piccola esperienza personale,lo stare a contatto con persone che la pensano diversamente da me mi ha arricchito grandemente e mi ha insegnato a vedere le cose con un angolo di visuale più ampio.e mi auguro che anche tu possa fare quest'esperienza.Liminta,o hai visto dio in faccia e ti ha detto che hai ragione,nel qual caso dimmelo che mollo tutto e corro a farmi prete,oppure devi conservare dentro di te almeno il dubbio di non avere totalmente ragione..
Riguardo alla questione di che tipo di guerra sia questa..non mi sento di chiamarla guerra di religione.la religione come disse un saggio "è l'oppio dei popoli" e come droga viene usata.le masse ignoranti vengono non acculturate, bensì indottrinate,facendo leva sulla disperazione,sulla povertà e ricorrendo a trucchetti ridicoli tipo quello delle vergini che ti aspettano nell'aldilà!il problema è piuttosto che la gente non abbia la possibilità materiale di sviluppare una posizione critica..come ai tempi del duce e del furher,quando facendo leva sulla disperazione della gente,qualche bravo oratore malintenzionato e mentalmente deviato, è riuscito a convincere molti della superiorità della razza ariana..ma ti rendi conto??quelli mettevano gli ebrei nei forni crematori!!e non è successo 1000 anni fa come le crociate,ma 50..mio padre c'era,mio nonno era al fronte..se è successo qui come possiamo pensare che sia impossibile che anche in quei paesi attecchiscano culture di odio verso gli altri..è xenofobia.personalmente più che di guerra di relgione,mi pare si tratti di una guerra di classe,poveri contro ricchi,come sempre è stato,come sempre sarà,fino a quando tutti potranno avere pari opportunità.Riguardo ad Iraq ed Afghanistan,credo che ormai il danno è fatto e non possiamo lavarcene le mani.ma gli yankee e la loro "compagnia di volenterosi"(a fare soldi),non sono credibili come pacificatori dopo che hanno raso al suolo il paese e costruito una guerra sbagliata e bugiarda che non ha fatto che aumentare il terrorismo in giro per il mondo.hanno spianato la strada ai fomentatori più radicali,a coloro che li accusavano di essere satana comportandosi come tali!
**** VIA LE TRUPPE OCCUPANTI, PACE ALL'ANIMA DEI CADUTI,TUTTI ****

Menenio Agrippa 15.03.05 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Altro militare italiano morto oggi in Iraq per un colpo di arma da fuoco.
Beppe aiutaci ad organizzare una marcia silenziosa a Roma con la fascia nera al braccio, non se ne può più!!!!!!!!!!!


Giovanni Nifosì 15.03.05 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Tum, tum, tum, tum… ratatatatata…. qualcuno ha creduto di non dover più sentire rumori, vedere quegli strani bagliori. Luci, colori indesiderati. Altri pensarono che fosse solo sole. C’era ma era nascosto tra nuvole di panna di gelati avariati, vecchi e fuori stagione. Pace, pace, pace e pazzie pazze di pazzi echi pazzeschi. Adesso rimangono stupiti e scelgono di preferire il silenzio di stragi che parlano da sole. Era sole e non solo…

Simona Angeletti 15.03.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Marco non volevo persuaderti a nessun concetto precostituito. Il mio è ,e resta, un invito a riflettere sulle cose che affermi:-). Comunque, sei giovane e hai ancora tempo verrebbe da dirmi. Errore! Io ho quarantasette anni, porcaccio-giuda, e solo ora comincio a capire cosa pensare, cosa è o cosa non è “o’ munn a’ verità” (siamo a questo blog per lo stesso motivo, no?)…. occhio alla ragazza ;-).
G. Valente

G. Valente 15.03.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Mi rendo conto di aver dato l'impressione di essere completamente disfattista, di essere uno che chiama i sogni stupidaggini...ma non sai quanto la realtà sia lontana da questo...anzi, se lo vuoi sapere mi sono sentito dire molte più volte di essere un sognatore con la testa tra le nuvole piuttosto che un realista con i piedi per terra (ed essendo giovane, più giovane anche di te, mi sembra naturale)...è proprio per questo che mi arrabbio immensamente ogni volta che vedo i soldi vincere sulla verità, sull'onestà, sull'onore, sull'amore, soprattutto!...
Quello che io intendevo dire è che la realtà non si può cambiare da oggi a domani. Non si tratta di dire "la realtà è così e allora non si potrà mai cambiarla, percui è meglio voltare lo sguardo e non fare niente", ma si tratta di dire "la realtà è così, quindi agiamo compatibilmente con la realtà"! Affrontiamo i problemi, ma in una prospettiva realistica, non campando per aria utopie pacifiste...
D'altra parte il modo di ragionare dei pacifisti è sempre questo, unilaterale: la colpa di tutto il male del mondo è tutta nostra, tutta dell'occidente! Se invece di battersi il petto e condannare i governi per ogni cosa si incominciasse da una parte a vedere anche gli errori degli altri, e dall'altra ad amare un po' di più il proprio paese e la propria cultura, che i nemici vogliono solo schiacciare e annullare, a meno che non ci si converta alla loro...
Qual è per voi la soluzione? Ritirare tutti i soldati occidentali dall'Iraq, dall'Afghanistan ecc...? E pensate che se facessimo questo, il terrorismo scomparirebbe? Bisogna essere non sognatori, ma ingenui per credere una cosa del genere! Il terrorismo nasce da un odio preesistente dell'islam nei confronti dell'occidente! Anzi, non solo dell'occidente, di TUTTI COLORO CHE NON SONO ISLAMICI!
Un odio che dipende dal fondamentalismo religioso, e dalla inarrestabile intenzione di CONVERTIRE tutto il mondo! Nel medioevo la chiesa cattolica fece le crociate per cosa? Perché c'era ODIO verso gli infedeli, non perché i musulmani ci avevano bombardati, colonizzati o impoveriti con le multinazionali e lo sfruttamento...
E oggi l'islam sta facendo una crociata del terrore contro di noi, dettata dallo STESSO ODIO VERSO GLI INFEDELI!!

E devo dirlo, per me affrontare i problemi compatibilmente con la realtà dei fatti significa COMBATTERE contro un nemico che viene a porci la scelta tra la conversione e la morte. Per proteggere noi stessi, ma soprattutto le persone che ci stanno vicine e che amiamo, dobbiamo combattere contro chi ci minaccia! Questo è quello che credo. Questo è il problema immediato.

Se un maghrebino mi ha rubato la ragazza? Per fortuna SUA no, e qui, mio caro Agrippa, non ti nascondo che mi tocco cerimoniosamente gli attributi...prego il cielo che non accada mai, perché NON SO, dal profondo del mio cuore, quale potrebbe essere la mia reazione...
In questo mondo globalizzato, dici...ma perché la globalizzazione va bene adesso? A sinistra si fanno tante manifestazioni di noglobal e
ora mi decantate i pregi del mondo globalizzato? Non so se tu sia noglobal, comunque, quindi questo non era rivolto a te, ma in generale...Ebbene, quello che ti dico, è che la globalizzazione, in particolar modo CULTURALE, è una gran brutta bestia. Soprattutto quando viviamo in un paese dove si sacrifica la propria cultura per far piacere a quella straniera! Vedasi il caso del crocifisso a scuola, tolto per non offendere la sensibilità dei musulmani!!!!!!!!!!!!! Questo non ha bisogno di essere commentato, è semplicemente una cosa indegna! E non dal punto di vista religioso, ma culturale!!
La propria cultura è qualcosa che andrebbe preservato sempre e comunque! E le differenze tra NOI e LORO ci sono eccome, dettate proprio da culture diverse, e per molti versi incompatibili.

Ti piece l'idea dell'Eurabia..? Padronissimo....tanto per fortuna non sarò io a dovermela godere, al massimo i miei figli.., pace a loro..spero che riescano a emigrare in un paese ancora civile...dove per esempio gli uomini non si prendono DUE O TRE MOGLI!!!
Hai citato come cosa positiva e manifestazione di una "bellissima" cultura una delle infamie peggiori dell'islam, il modo di trattare le
donne! Alla faccia della sinistra femminista!
Io sarò anche di destra, ma per me la parità dei sessi NON SI DISCUTE! E chi maltratta le donne come nel medioevo non merita le bombe, ma di più!! Spero che con questo tu capisca anche il mio DISAPPUNTO all'idea della mia ragazza nelle mani di un maghrebino...sai, non vorrei mai che per sbaglio si prendesse qualche frustata o qualche pietra in testa, magari perché si è dimenticata di mettere il velo..

Ah, Valente....per fortuna non intendevo proprio TUTTO...

Marco Liminta 14.03.05 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Liminta,mi dispiace sentirti così disfattista,arreso al fatto che la realtà non ti piace ma non è possibile fare niente.Tu penserai senz'altro che sono un sognatore,ed è vero,ma siccome credo ai miei sogni, sto anche provando a fare qualcosa di concreto per cambiare un po' le cose mentre tu,nascosto dietro al realismo sussurrante e subdolo del "questa è la realtà e dobbiamo accettarla in quanto tale",finisci con lo stare seduto sul divano aggrappato all'immobilità.Era proprio questo l'atteggiamento a cui mi riferivo dicendo che i cosiddetti "realisti" non hanno mai cambiato una mazza semplicemente perchè non ci hanno mai provato.allora non dovrebbero nemmeno lamentarsi.
Non mi piace dare giudizi sulle persone,in fondo nemmeno ti conosco però..tutta questa "islamofobia" da dove nasce?qualche maghrebino ti ha rubato la ragazza?Ho visto anche io in televisione le brutalità di cui sono capaci ma resto convinto si tratti di una minoranza;mi ripeto dicendo così:terrorista sta ad islamico come mafioso sta ad italiano.
Inoltre,mi permetto di contestoare questo tuo dire "abbiamo già abbastanza problemi noi,perchè dobbiamo importarli dall'estero?" Il fatto è che dobbiamo superare questa divisione concettuale tra NOI e LORO.nel mondo globalizzato di oggi,questa distinzione è priva di senso in quanto i problemi dell'uno sono anche dell'altro.Se la gente muore di fame e non ha niente da perdere e si fa saltare in aria con le cinture esplosive,il problema non è solo loro o delle loro vittime.Il problema è di tutti.Soprattutto quelli che abitano nella parte più ricca del mondo dovrebbero sentire una grande responsabilità nei confronti di questo genere di problematiche.Io ho solo 24 anni e ti assicuro che nella mia vita non ho mai schiavizzato nessuno, eppure è il sistema di cui io stesso faccio parte ad avere creato le disparità che hanno portato a questa esplosione di intolleranza e violenza da ambo le parti.e quindi spetta anche a me trovare una soluzione,mettere in discussione il mio stile di vita e chiedermi se le mie comodità non abbiano causato problemi a qualche altro,anche se questi abita a un milione di chilometri da casa mia.
Al contrario di te non sono spaventato dall'idea dell'Eurabia,anzi credo che sia una cosa bellissima immaginare un futuro in cui tutti possano vivere in armonia indipendentemente dal colore della pelle e dalle credenze religiose,inutili e portatrici di divisioni ulteriori( e su questo concordiamo,credo).
Ingoranza e povertà devono essere combattute nell'interesse comune di ogni essere umano.Banalizzando..Se i palestinesi avessero una casa ed un lavoro, non salirebbero sugli autobus israeliani per farsi esplodere,se un bambino nato nella periferia di Rabatt avesse qualche prospettiva nella vita,non verrebbe qui a spacciare fumo schifoso e rubare autoradio..se ne starebbe a casa sua per costruirsi una famiglia, prendere due o tre mogli,magiare,bere, pregare e fare l'amore.Proprio come e te.Lungi da me il voler difendere qualsiasi forma di violenza,ma insomma un po'li capisco!
Il problema degli americani e di quanti li seguono è quello di non avere capito che nel mondo esiste il relativismo,che la verità assoluta sta solo nella mente di dio,ammesso e non concesso che esista.Sono convinti che la forza ed il denaro potranno spegnere o comprare ogni forma di protesta e di malcontento.Un errore simile a quello di Luigi Xqualcosa che sottovalutò la forza del suo popolo e si ritrovò con una testa di meno.l'unica che aveva.Ora, i potentati economici sono mostri pluricefali e non sarà "facile" come nel 1789 sistemare a dovere i padroni, ma nella vita non conviene dire la parola mai.Non vorrei ritrovarmi tra cinquant'anni a vivere sotto il giogo dei taliban,in un mondo dove regnano morte e devastazione,perciò conviene fare qualcosa per rendere il pianeta più ragionevole,l'alternativa è la guerra permanente e senza quartiere,e a dire il vero credo non sia molto allettante per nessuno.

Menenio Agrippa 14.03.05 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Signor Liminta caro, la realtà è anche che lei sta partecipando a difesa delle sue opinioni in questo blog senza percepire alcun compenso. La invito quindi cordialmente a riflettere più approfonditamente circa le sua affermazione “purtroppo il denaro comanda ogni cosa”. Mi appare in questo caso assolutamente generica e non condivisibile. Mi scusi se l’ho presa troppo “alla lettera” ma sono e resto convinto che non tutti gli elettori di questo governo non siano in grado di speculare.

Sciavo (ciao)!
G. Valente

P.S. aaaa Bè, ma possibile che tu non intervieni mai nel “tuo” blog? Che fai: a noi ce butti er miglio e tu te magni l’aragosta?

Giorgio Valente 14.03.05 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Più che commentare vorrei portare a conoscenza di chi già nn lo fosse un interessante brano tratto da "ATTI DI AGGRESSIONE E DI CONTROLLO" di Noam Chomsky, preso da "Il Movimento di Cunegonda".
http://www.cunegonda.info/chomsky.htm
Buona lettura

enrica maldini 14.03.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

é vero, tra due pensieri filosofici nessuno può dire di avere la verità in mano. Hobbes e Locke arrivarono a conclusioni opposte, e nessuno dei due poteva pretendere di avere ragione. Però milioni di anni di fatti storici davano ragione al primo e non al secondo...nessuno può pretendere di sapere tutto, e proprio per questo esiste il conflitto. Solo che guardando la realtà così com è, viene da pensare in un certo modo, anzichè nell'altro....

Le guerre sono ordinate dai ricchi e combattute dai poveracci perché purtroppo il denaro comanda ogni cosa. è una realtà brutta, ma è la realtà.
E purtroppo la realtà non si può cambiare da oggi a domani.

è vero, la mafia è una di quelle cose che deve farci vergognare. E senza dubbio dobbiamo pensarci bene, prima di accusare SOLO gli immigrati della criminalità. Ma a questo punto mi viene da dire: visto che di problemi ne abbiamo già noi abbastanza da soli, perché permettere che ce ne portino altri dall'estero..?
La cosa più tremenda è che ormai abbiamo BISOGNO degli immigrati, perché la popolazione invecchia, nessuno vuole fare più certi lavori, ecc ecc.. E la colpa di questo, non è degli immigrati che ci rubano il lavoro, ma degli italiani che non pensano più a quello che fanno..
Di questo passo verrà davvero a realizzarsi quella che la Fallaci chiama ironicamente "Eurabia"...l'unica cosa che io spero è di essere già passato a miglior vita quando succederà..

E per favore piantala di dire "caro Bush" come se io fossi filoamericano.


Marco Liminta 13.03.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente concordo con Menenio Agrippa e psilo matmol e mi congratulo con loro per la feracità intellettuale che contraddistingue i loro post.
Invito tutti a non cadere come al solito nei limitanti e riduttivi meati di una discussione basata su divisioni manichee: io con Quattrocchi, io con la Sgrena, pro-usa, anti-usa. Servirsi indebitamente di episodi tragici per mettere in luce ciascuno il proprio pensiero non è, a parer mio corretto.
Terry Scarpellini ha ragione, il punto nodale secondo me è questo: dobbiamo stare attenti a non cadere nell'atrofia del pensiero che i media in tutte le loro forme stanno cercando di attuare in noi. Processo d'inibizione mentale...Chi non pensa si controlla agevolmente....Nelle grandi dittature della storia, i canali informativi più ricercati dal popolo sono sempre stati quelli non legittimati dal regime che costavano sforzi fisici ed intellettuali per ottenere informazioni....
Il mio è un accorato appello a conservare l'indipendenza e le immense proprietà creativo-cognitive del nostro CERVELLO !!!
Un'ultima annotazione personale: dopo decine di mesi la situazione militare in Iraq è di non-controllo del territorio, caos istituzionale, tasso di mortalità elevatissimo, numero di profughi crescente e stato di guerra permanente....ergo non ci occorre certo Guderian per evincere che da un'ottica meramente bellica gli Stati Uniti stanno fallendo su tutta la linea...cui prodest?
Decidere arbitrariamente di "democratizzare" un paese è quanto di più totalitario si possa fare
Un affettuoso saluto a tutti
Lorenzo

Lorenzo Martini 13.03.05 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto che la guerra esiste da secoli non significa che debba esistere per secoli anche nel futuro.In quale modo dovrebbe esplicitarsi la nostra evoluzione,dove sta la grandezza della nostra cultura se non siamo capaci di risolvere i problemi senza alzare le mani?Tu sei convinto che la storia abbia dimostrato che le guerre sono inevitabili ma secondo me ha solo dimostrato che chi soffre per causa altrui prima o poi decide di reagire..sono l'oppressione,l'ignoranza e la povertà che causano le guerre,oppure la sete di potere.Quanto al fatto che gli uomini siano naturalmente portati alla guerra..mi pare di ricordare di due illustri filosofi,Locke e Hobbes, che hanno passato la loro vita a discutere sulla giustezza dell'affermazione di Plauto "homo homini lupus".alla fine sono arrivati a conclusioni contrastanti..esattamente come me e te nessuno di loro aveva in tasca la verità..Io non ho mai alzato le mani su nessuno,se non per difendermi, e non mi sento madre teresa di calcutta,credo sia NORMALE..i problemi vanno risolti discutendone o attraverso opportuni sistemi politici.La varietà e diversificazione del pensiero è il più grande patrimonio dell'umanità,per questo bisognerebbe valorizzare le differenze e non cercare di cancellarle a forza di bombe.
Quanto ad Orwell, se ti riferisci a 1984, mi pare che descriva più che altro il pericolo della omologazione delle persone causato dalla dittatura e dal controllo assoluto..il Grande Fratello che tutto vede e tutto decide.Stiamo assistendo proprio oggi alla proliferazione incontrollata di reality show,e le telecamere a circuito chiuso ormai sono dappertutto.Vendute con lo scusa della sicurezza, stanno riuscendo solo a fare nascere la cultura del sospetto..bisogna stare attenti perchè i terroristi sono un nemico oscuro,che si nasconde nell'ombra.infatti una volta hanno tirato giù due grattacieli nel centro di new york,e poi hanno fatto saltare in aria metà madrid.In faccia alle telecamere,amzi,grazie alle telecamere.
Nella mia giovane vita ho avuto la possibilità di vivere in alcune citta diverse,sia in Italia che all'estero.Ho sempre abitato in quartieri poveri,popolari e spesso i miei vicini di casa erano musulmani o di colore..beh,non ho avuto mai un problema con loro.Persone certemente diverse da me,con i loro vestiti a fiori e le loro tuniche..ma che fastidio ti danno?Quanto al fatto che siano spesso al centro di casi di cronaca nera..ma davvero ci sentiamo il diritto di accusare,noi,italiani,che abbiamo inventato ed esportato la Mafia?vai a vedere quanti morti ammazzati ci sono stati quest'anno nell'italianissima napoli e poi vedremo chi tra noi e gli arabi è più violento.

L'idea del patriottismo poi è davvero becera in alcune sue espressioni:io sono fiero di essere italiano perchè questo paese ha prodotto grandi poeti,musicisti,pittori e chi più ne ha più ne metta e la penisola è stracolma di bellezze architettoniche e paesaggistiche.Solo che le bandiere non dovrebbero servire a dividere stati e persone ma a ricordare a ciascuno un pezzo della propria storia.
Quanto a Gino Strada,perchè non dovrei "tirarlo fuori"? puoi negare che nel corso della sua vita abbia salvato centinaia di persone?magari è di parte e si prenderà anche dei soldi,ma signore,quanto li merita!credi sia facile passare la giornata in un ospedale da campo a ricucire gambe a pezzi,a vedere bambini squartati..io,personalmente,non credo ne avrei il coraggio.e tu ?
Mi rendo conto di starmi dilungando troppo.Un ultima domanda,che sicuramente ti sembrerà retorica ma vorrei tu rispondessi: PERCHè LE GUERRE SONO DECISE DAI RICCHI MA COMBATTUTE DAI POVERACCI?Il caro Bush cosa rischia a mandare 130.000 soldati al fronte?rischia di guadagnarci dei soldi.

Menenio Agrippa 13.03.05 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno BEPPE,
mi chiamo Giuliana Scialla e sono una ragazza di 39 anni ,abito a Cremona , da 10 anni soffro di SCLEROSI MULTIPLA ed usufruisco dei servizi messi a disposizione della sede dell’A.I.S.M. (ASSOCIAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA).Mio malgrado le persone nelle mie stesse condizioni sono numerose e temo che le esigue risorse finanziarie dell’associazione presto si esauriscano,impedendo quindi alla nostra sede di soddisfare tutte le necessità degli ammalati,e sono davvero tante e quotidiane!!Chi vi scrive è “un fiore”(anche se devo essere assistita in tutto) rispetto alle altre persone disabili iscritte all’associazione,le quali hanno bisogno di fisioterapia ,trasporti per visite in ospedale,assistenza domiciliare e altre necessità quotidiane,che purtroppo solo adesso che sono ammalata mi rendo conto di quanto siano importanti. Per questo motivo ti chiedo se fosse possibile organizzare untuo spettacoloallo scopo di raccogliere fondi per l’Associazione.
OSO TROPPO SE TI CHIEDO DI FARE UNA ESIBIZIONE DI BENEFICENZA ?
Confido in un tuocenno di riscontro e per ultimo vorrei segnalarti che dal 15 al 23 Maggio si svolgerà a livello nazionale la settimana della sclerosi multipla. P.S. L’indirizzo postale della nostra sede è A.I.S.M. Via dell’Annona,1/3 26100 CREMONA quello del computer è invece aismcr@aismcr.it
MI PERMETTO DI PRECISARE CHE SE TU RITENESSI OPPORTUNO REALUIZZARE QUESTO MIO SOGNO, FAREMMO INTERVENIRE ANCHE LA RETE LOCALE DELLA TELEVISIONE

TI PREGO DI RISPONDERMI PERCHE' COSì POTREI CERCARE DI ORGANIZZARE L'EVENTO.

GRAZIE E A PRESTO!!!

GIULY

GIULIANA SCIALLA 12.03.05 21:11| 
 |
Rispondi al commento

se se se...sarebbe sarebbe sarebbe...forse forse...voi parlate così, Agrippa, testimonianza del fatto che vivete nel mondo dei sogni. Rispondi a una domanda semplice semplice. L'uomo esiste da milioni di anni. Di questi milioni di anni c'è stato un solo momento in cui non ci fosse nemmeno un conflitto nel mondo?
La risposta ovviamente è no, e il motivo è chiaro, l'uomo ha il conflitto nel sangue, perché non è pensabile che tutti vadano d'accordo con tutti, che tutti la pensino allo stesso modo! Questo sarebbe possibile solo se gli uomini fossero tutti uguali e identici, come proponevano i creatori di utopie del passato: una società in cui gli uomini sono tutti identici, fatti con lo stampino per avere tutti le stesse idee. Riesci a pensare a qualcosa di più terrificante? Lo stesso Orwell citato da qualcuno adesso, ha saputo descrivere l'orrore di una situazione simile.
Al mondo esistono persone diverse, culture diverse, che a volte sono compatibili tra loro e a volte no. Questo è quanto. La guerra, la lotta, è una cosa NATURALE, da cui nessuna specie animale o vegetale può astenersi. Per questo ogni pacifismo è destinato a fallire.

Ma da quando in qua la Sgrena ha cercato di diffondere amicizia e simpatia? Quello che cercava in Iraq erano solo scoop per fottere gli americani, punto. Per voi l'amicizia e la simpatia esistono solo in un senso..

Non mi tirare fuori Gino Strada, ti prego!!

Per Gabriella Trabucchi: continuate a farvi le canne, così potete vedere nelle allucinazioni un mondo migliore....peace & love, mi raccomando...

Riguardo a Quattrocchi e ai suoi famigliari: se proprio vuoi sapere se preferisco l'atteggiamento esageratamente patriottico di quel padre a quello delle Simone e della Sgrena, io ti dico SI', E DI MOLTO! Perché almeno lui ha ringraziato chi andava ringraziato, non come le altre tre! Lui non ha fatto propaganda politica sfruttando la popolarità del caso, come la Sgrena! O se ne ha fatta perlomeno era un po' amore per la patria, che al giorno d'oggi nessuno sa più cos'è!!!! Non è questione di appartenenza ad una parte politica, è questione di onestà e di gratitudine!! Anche se fossi di sinistra dovrei indignarmi davanti all'ingratitudine delle tre ex rapite! Ma la sinistra non lo fa perché semplicemente è antipatriottica! Voi non riuscite a capire la frase di Quattrocchi, perché non avete amor di patria. Preferite andare a sparlare con i giornalisti stranieri di quanto fa schifo il vostro paese, come ha fatto la Sgrena. Ditelo che invece di mostrare coraggio, invece di affrontare i propri assassini, come ha fatto Quattrocchi, voi pacifisti preferiste inginocchiarvi davanti ai carnefici e implorare perdono per la malvagità dell'occidente e del vostro stesso Paese! Io sono disgustato da una cosa del genere, ma nel mondo di oggi non lo è più quasi nessuno, perché è un mondo di rammolliti corrotti dal buonismo e dal Politically Correct...
C'era un grande scrittore giapponese che sostenne l'idea secondo cui ci sono cose dal valore più grande della vita umana. Yukio Mishima, uno degli ultimi eroi... E con questo ho detto tutto.

Sulla Fallaci: non ho detto che la Fallaci dice senza peli sulla lingua quello che TUTTI pensano..
E poi continuate a parlare di razzismo, e che palle! Ma se si sentono ogni giorno reati, furti, omicidi, stupri di cui i colpevoli sono immigrati, quasi sempre musulmani...Forse devo ricordare cosa successe in Olanda un po' di tempo fa, che cosa capitò a un regista che diceva le cose senza peli sulla lingua, per aver osato andare contro alla meravigliosa gente islamica?
Parlate sempre di pregiudizi, ma dopo tutto quello che succede ogni giorno come si fa a chiamarli pregiudizi?!

Per Parmiani: concordo con il tuo discorso sulla religione, per 2000 anni la chiesa è stata forse il maggior pericolo per la razza umana...e questo per il solo e semplice motivo che è fatta da uomini, fallibili e imperfetti e cattivi come tutti gli uomini, ma che riuscivano a farsi passare come santi. La Santa Inquisizione da sola vale questo discorso...
Oggi la chiesa è certo potente, ma ha perso molta della sua forza con il diffondersi del concetto di laicità dello Stato.
Purtroppo questa verità non si è ancora realizzata per la religione islamica, che in pratica è al punto in cui il cristianesimo era nel medioevo, con tutte le conseguenze del caso...

PS mi stupisce il fatto che con tutto quello che dico non mi è ancora stato cancellato nessun post...

Marco Liminta 12.03.05 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, una mia amica USA, che su Bush la pensa come noi, mi ha detto che da loro gira voce che in Iraq vi sia una "moria" di reporters di ogni nazionalità, inclusi quelli degli States. Insomma, Bush avrebbe dato ordine di farli fuori tutti, quelli "non embedded". E che la cifra dei reporters Usa morti in questa guerra è già molto più alto di quelli morti ad esempio nella guerra del Golfo. Mi chiedo se e come è possibile procurarsi le cifre esatte, in qualche modo. Potrebbero essere una testimonianza importante.
Carmen

Carmen Catri 12.03.05 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei rispondere a Paolo Conti: ho letto alcuni anni fa "La fattoria degli animali" e lo trovo un bellissimo libro.

Un bellissimo libro che però non mi ha fatto cambiare idea sul fatto che il mondo può diventare come lo vogliamo. E non basta la volontà di molti. Ci vuole la volontà di tutti. E ci vuole la capacità di sognare e di spingersi oltre gli orizzonti della mente umana.

Luciano Cascone 12.03.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Per rolando giotto :

Giotto scrive :"Per NAVARRO VALIS hai troppo temo da perdere mi ritiro,"

Felipe scrive :" Qui caro mio, mi costa parecchio ma devo darti proprio ragione e ti ringrazio.
A lavare la testa all'asino si spreca tempo e sapone, e io tutto questo tempo da perdere non ce l'ho."

Giotto scrive :" anche se mi chiami urologo quando dicevo che l'avevi piccolo e mal funzionante non volevo evidenziare anche il tuo grave difetto fisico,"

Felipe scrive:"Lo dicevo che eri un fenomeno.
Riesci a visitare la gente via internet..."


Giotto scrive :"anche un bambino di tre anni capisce che il tuo problema è anche cerebrale!!"

Felipe scrive:" Effettivamente mi sembra di scrivere a un bambino di tre anni."


Giotto scrive:"E'chiaro che hai già iniziato ad applicare il concetto bertinottiano di superamento della proprietà privata partendo dai tuoi organi interni: pochi neuroni in libertà!"

Felipe scrive:"Meglio pochi neuroni ma in libertà, che l'unica particella di sodio, schiava del regime che ti ronza in testa impazzita e ti fa sparare le cazzate epocali che sgorgano copiose dalla tua bocca senza soluzione di continuità."

Felipe Navarro Vals 12.03.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

In tutto il sito nn ho visto nessun commento critico sulla/e religione o sulle istituzioni di potere religiose (nn se ne salva una!) .
Ma e' possibile che sia ancora un tale taboo o ve ne siete "dimenticati?".
Ancora adesso e'piu'pericoloso e inopportuno parlare in maniera critica di religione invece che di politica,guerra,finanza,e ladri?Ma non pensate che siano tutte collegate alla prima la quale svolge invece un ruolo sotterraneo molto importante.
Che non si faccia lo sbaglio di prendere come oro colato solo la facciata dorata che ci spara in faccia la chiesa e co, ! non c'e' politico o capo di stato o.....piu’ moralmente sporco delle lobbi religiose, tutte comprese o quasi (la chiesa cattolica e' la prima della lista,costruita nella menzogna ,basata sul potere e cresciuta sfruttando l'ignoranza ).

cristiano parmiani 12.03.05 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Il triste e drammatico episodio accaduto in Iraq dove ha perso la vita un funzionario dei sevizi segreti italiani, a mio avviso , ha mostrato per l'ennesima volta una sinistra patetica, di comodo antiamericana e soprattutto ipocrita.
Chiedo perchè in occasione delle dichiarazioni dei terroristi che affermavano che gli americani intendessero uccidere la Sgrena, ritenedole veritiere, tutto ciò sostenuto dalla stessa giornalista perchè in possesso di foto scandalo, agitando a proprio favore l'ira di molti italiani scolvolti dal tragico evento, mentre anno taciuto con un silenzio, alle mie orecchie assordante, quando in seguito i terroristi hanno detto che la sgrena era una spia dell'ex dittatore Saddam?? Addirittura alcuni comunisti si sono dissociati dalle dichiarazioni fatte precedentemente ... ma allora decidete con chi stare se con i terroristi o contro
Per questo non sono comunista!!

Pietro Carrassi 11.03.05 22:49| 
 |
Rispondi al commento

Egregio sig. Liminta,non voglio unirmi alla ridda di insulti che le sono arrivati da più parti ma alcune delle cose che scrive mi fanno paura.
La Sgrena era in Iraq per fornire un servizio,perchè in ogni paese libero la gente ha la possibilità di esprimere le proprie opinioni e la sua voce che canta fuori dal coro deve essere accolta con un grazie,al di là delle opinioni politiche di ciascuno, perchè mette sul piatto fatti ed idee che resterebbero oscuri se ci affidassimo solo ai famigerati reporter embedded.Forse Lei ha preferito il comportamento del padre di uno dei quattro della compagnia di Quattrocchi che se n'è stato un mese in giro col tricolore a gridare che siamo un grande paese e a ringraziare il governo per il suo impegno.Forse però dimentica che quei gentili signori erano in Iraq armati, e con una di quelle stesse armi,uno di loro ha trovato la morte..pace all'anima sua (qualunque morto merita rispetto) ma siamo riusciti persino a parlarne come di un eroe solo perchè(forse) ha detto la famosa frase "vi mostro come muore un italiano"..perchè un arabo,un argentino,un americano o un cinese muoiono in un altro modo?Muoiono e basta.
Quanto alle due Simone,perchè non va Lei in Iraq a rischiare la vita per aiutare poveri e bambini?ne avrebbe il coraggio?Non le pare un po' meschino rimanere seduti in poltrona ed indignarsi perchè quando sono tornate a casa non si sono prodigate in baci e abbracci al politico di turno?Trovo che anche loro meritino tutta la riconoscenza possibile per quello che facevano.
Il fatto è che se qualcuno si permette di dichiararsi pacifista viene subito bollato di essere un povero scemo sognatore..”bella la pace”, si dice, “ma la realtà sono le bombe”!perchè,chi l'ha deciso?Sull'altare della realpolitik siamo ormai in grado di sacrificare ogni cosa, dal momento che ci hanno convinti che quando si deve scegliere tra una serie di ipotesi alternative, per mostrarsi pragmatici e "persone che sanno stare al mondo" ,si deve sempre decidere per lo scenario peggiore.
Questo è quello che fa lei, in compagnia( o in camerata?) con la signora Fallaci,la quale passa per essere una che ha il coraggio di dire quello che tutti pensano senza peli sulla lingua..per quanto mi riguarda, certo non avrò il suo stile, ma sarei capace anche io di andare in giro a dire che i musulmani sono bestie.Questo è realismo?o forse razzismo?Quel tale pacifista indiano che rispondeva al nome di Ghandi,non è forse riuscito a liberare il suo popolo senza ordinare lo sganciamento di bombe a frammentazione?
Quanto al discorso del pagamento del riscatto,non capisco cosa ci sia di tanto ignobile.Forse qualcuno si infastidisce perché si usa denaro dei contribuenti?in effetti anche io preferirei che pagasse il premier di tasca sua,dal momento che ha contribuito a creare questa situazione..ma in fondo sono anche felice se una parte delle mie tasse è stata spesa per salvare una vita piuttosto che perderne la metà in tangenti,auto blu e cappuccini gratis per chiunque metta piede in parlamento!Se poi i cattivi le usano per comprare armi,vorrà dire che un po’ di quel denaro tornerà nelle casse di qualche nobile impresa del nostro nobile occidente( magari proprio in Italia),dal momento che in Iraq di fabbriche di armi ce ne sono ben poche,nonostante qualcuno sostenesse che Saddam ne aveva addirittura alcune semoventi..( ve la ricordate la storiella di Powell al palazzo di vetro?)
Non ritengo di essere in grado di elaborare la ricetta per il mondo perfetto,anche perchè se così fosse l'avrei usata da un pezzo.Però mi permetto di dire che le cose non cambieranno,fino a quando la gente non capirà che per realizzare un sogno bisogna almeno provare ad inseguirlo.Gente come Baldoni, la Sgrena, le due Simone,hanno almeno cercato di diffondere un po' di amicizia tra popoli,di fare capire a tutti che la convivenza è possibile,oltre che necessaria.Hanno cercato di dimostrarci che se noi ci possiamo permettere di stare qui a giocare ai filosofi con i nostri computer da centinaia di euro, è perché per secoli abbiamo comandato il resto del pianeta sotto il giogo del mitra e del dinero.( ed ora il resto del pianeta si è svegliato e pretende giustizia). Il loro modo di pensare può anche dare fastidio, e nessuno è obbligato ad essere d’accordo con le idee che esprimono, ma la gente di cui sono riuscite ad alleviare le sofferenze le ringrazierà per sempre, che piaccia o no. Tutti questi buoni a nulla di pacifisti (per esempio il signor Strada), hanno certamente contribuito a fornire un’immagine positiva del nostro paese più di quanto possano fare Berlusconi e Fini con le loro missioni di pace ed i loro G8 tutti sorrisi e strette di mano..come a Genova.Concludo: poiché il pianeta su cui siamo è il solo a nostra disposizione,sarebbe più intelligente cercare di sfruttarlo per il bene comune,piuttosto che costruire armi,muri e recinti.Sarebbe bello se la gente fosse in grado di entusiasmarsi ancora per una giornata di sole e per una vita salvata. A quel punto la guerra non servirebbe più a niente e non servirebbero più nemmeno i Bush,i Berlusconi,gli Al Zarqawi e,forse,nemmeno le Sgrena.
Cordiali saluti.

“….until there’s no longer first class and second class citizen of any nation, until the colour of a man’s skin is of no more significance than the colour of his eyes, me say war…”

Menenio Agrippa 11.03.05 22:41| 
 |
Rispondi al commento

rolando giotto
quà l'unico con problemi cerebrali sei tu
continua a guardare il tg4 e amici

michele giordano 11.03.05 22:04| 
 |
Rispondi al commento

...non sono andata a leggere tutto fino in fondo...vedo che c'è molta rabbia da tutte le parti...in Italia, in America, in Irak, qua, la..insomma, dappertutto...ABBIAMO CAPITO TUTTO VERO? Ecco, forse dovreste leggere il libro "lettere contro la guerra" di Tiziano Terzani...oppure "Conversazione con Dio" di Neal Donald Walsh (preferibilmente in inglese)...e vedere, che tutto questo parlare, alla fine, è già stato fatto e rifatto e nulla è servito se non a farci incazzare sempre di più, mandarci sull'orlo del suicidio globale e farci vomitare tristezza a tutto spiano. E' inutile, basta! Non esiste un pianeta dove NOI possiamo andare a vivere come vogliamo, il nostro pianeta è questo qua....quindi che fare???? Sediamoci, beviamoci una birra e pensiamo a come sarebbe il mondo, se domani tutti ci mettessimo d'accordo a voler essere semplicemente più simpatici..con chi avremo davanti. Bò, sembra che siamo tutti bisognosi di amore e simpatia...certo, siamo anche incazzati...ma poi, domani, il sole è li che ci guarda...proviamo!!! Un caloroso abbraccio dalla Svizzera...mi dispiace che non sono potuta venire a vederti Beppe, ma la ondata dello show che hai fatto a Bellinzona è stato cosi forte che mi sono sentita vibrare le viscere per l'emozione trasmessa dal tuo pubblico presente. Auguri caro amico...

Gabriella Trabucchi 11.03.05 19:49| 
 |
Rispondi al commento

due soldati italo-americani al posto di blocco di Bagdad: "CARMELO LA VEDI LA MACCHINA? "QUALE QUELLA CHE VA A 40 KM ALL'ORA? "SI PROPRIO QUELLA" "CHE FACCIAMO LA FERMIAMO? "MINCHIA CI STANNO QUATTRO IRACHENI DENTRO!" "ALLORA SPARIAMO SUBITO" "MINCHIA ERANO ITALIANI!"MA TU HAI VISTO MAI ITALIANI ANDARE A 40KM ALL'ORA? E POI AVEVANO IL TRIANGOLO? E LE CINTURE? "CARMELO A SKIFIO FINISCE!!!!!

paolo stancarone 11.03.05 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Speri non sia così? Cioè, speri che non sia stato un incidente ma che invece gli americani volessero davvero ammazzarli? Complimenti!

E finalmente si vede qualcun altro che ha da obiettare sulla Sgrena e non la santifica solo perché parla male degli americani o di Emilio Fede..

Marco Liminta 11.03.05 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Adesso c'é l'inchiesta mista italo-americana: gli americani si fanno una partita a carte e gli italiani, fuori la porta, fanno il palo; poi usciranno tutti fuori e diranno: "dai risultati dell'inchiesta risulta che ad uccidere Calipari sia stata una pioggia di micrometeoriti piovuta dall'orbita di saturno"; tutti contenti.
Medaglia d'oro a Calipari? Dovrebbero dargli tutto il medagliere, altroche! Ma il problema è un altro: i nostri pezzi grossi prima mandano la gente a morire, poi gli fanno i funerali di stato, danno quattro soldi ai familiari e così si puliscono la coscienza.
Sull'inchiesta ogni giorno si fanno ipotesi diverse, ma pare, a tutt'oggi, che il problema sia stato che gli americani non sono stati avvertiti dell'operazione (chi li doveva avvertire, la povera Sgrena??); io spero che non sia così, ma se così fosse si tratterebbe della seconda vittima accertata dell'incompetenza (o peggio...) di questo governo, dopo Marco Biagi, privato della scorta malgrado gli avvertimenti dei servizi segreti sulle intenzioni delle BR.
Banana Republic, sempre di più...

Alessandro Mangiagi 11.03.05 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Brava Sgrena sono con tè per la denuncia ad Emilio Fede. Se ce la fai dagli una bella lezione a quell'asservito commentatore televisivo che pretende di fare informazione e per giunta non di parte.

alberto bazzarini 11.03.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

PER il dottor rolando giotto (urologo).

Giotto :"Caro felipe navarro Ti invitavo a non BESTEMMIARE e ti ricordavo di non nominare il nome di Dio invano!! Visto il tuo nick ti credevo a conoscenza dei comandamenti!. "

Felipe: Anch'io pensavo che fossi un pittore col nome di battesimo di parrucchiere, invece ho scoperto che sei un bravo urologo.
Non preoccuparti, con Dio siamo buoni amici, io nomino lui e lui nomina me, no problem, siamo in ottimi rapporti.

Giotto: "Facevo un semplice esempio per farti capire che volontario non voleva dire gratis e che anche i nostri soldati sono Volontari."

Felipe: Adesso che so che lo sai sono più tranquillo.

Giotto:"Non sono infermiere, e neanche così ignorante scrivo solo sui blog tra una telefonata noiosa e l'altra quindi commetto anche degli errori. Tu fai il bloggista a tempo pieno?"

Felipe: Diciamo che rubo il tempo alla lettura dei vangeli e della bibbia

Giotto:"Meglio infermiere che scansafatiche in ogni caso!"

Felipe: Eh si !!

Giotto:"Comunque viste le tue conoscenze anatomiche, per il tuo problema non scomodare gli otorini il tuo difetto sta un pò più al centro e ti voglio aiutare: non è il setto nasale deviato!! "

Felipe:Lo sapevo che eri un bravo urologo. Hai provato a intuire la patologia, un vero fenomeno.
Ma voglio darti una brutta notizia: io contrariamente al tuo caso tra le orecchie ho il cervello, mentre tu che sei un caso a parte, hai l'apparato urinario.
Chissà che casino bere il the ?

Giotto:"Ma forse hai ragione tu e sono state le tue preghiere e non dei volgari dollari o euri a far liberare la tua santa giuliana, vuol dire che parlerò piano piano e non ti sveglierò dai tuoi sogni. scccccc... silenzio il bambino sogna....non svegliatelo bruscamente!"

Felipe:E' sicuramente lo scolo che ti fa esprimere in questo modo; il glande ti fa contatto col lobo temporale.
Non sei cattivo, sei malato, curati.


Giotto:se stai buono gesù bambino ti farà trasformerà la tua eroina in una nuova lilli gruber o in una nuova deputata. ma scrivi a gesù bambino non a beppe grillo!

Felipe:Ma devo scrivere una letterina o pregare e basta ?

Giotto:"Continua lo sciopero della fame in Irak gli americani cattivi stanno ancora a vessare quei gentiluomini.... Comunque se continua così dovranno venire anche da noi il prossimo anno!"

Felipe: Vedi, tu un bombardamento degli americani in casa te lo meriteresti proprio.
Immagina un po':
Il nuovo governo di sinistra decide che le servitù militari americane presenti col nucleare e sparse per tutta l'italia devono andare via.
Bush attacca gli italiani ex alleati ormai comunisti, e i bombardieri USA arrivano sopra casa tua e te la distruggono uccidendo tutti quanti eccetto te.
E vorrei sentirti dire prima che tu, ferito e sanguinante, venga sparato in faccia dal ventiduenne ottimo marine John Smith, "No no, io amico, forza italia, berlusconi, no comunista, please leggere blog Beppe Grillo, io essere rolando giotto, grande amico di america."
E come sente dire le parole "comunista" e "Beppe Grillo", con un mezzo sorriso decide che non ti spara più in faccia ma in pancia, e tu che sei un bravo urologo sai cosa vuol dire.

Felipe Navarro Vals 11.03.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Per Marco Liminta.

Ti cito:
"Se c'è questa legge, come mai la Sgrena era là..?
E comunque io non dico "missione di pace", perché quello è solo un eufemismo fatto per addolcire la pillola, frutto di un'ipocrisia che stavolta è di destra. Io so perfettamente che siamo in guerra."

La legge non dice che non si può stare ma che non si può riferire. Un bavaglio praticamente.
Caro Marco, stiamo diventando amici...

cito:
"Il fatto che fossero in missione umanitaria le autorizza a ringraziare lo Stato e il governo per la liberazione, anziché i "resistenti" iracheni, solo dopo essere state avvertite di farlo, e comunque palesemente controvoglia?"

Io credo che gli ex ostaggi abbiano ringraziato chi si è adoperato per la loro liberazione a prescindere dal credo politico.
Non mi risulta invece che abbia ringraziato i rapitori.
Penso anche che, avendo vissuto in quella realtà di persona, abbiano anche potuto misurare la sofferenza di quel popolo, e quindi giustificare le frange resistenti e la rabbia di chi ha perso tutto perché sono arrivati gli sceriffi.
Tutti sappiamo che il mercato di ostaggi a Bagdad è spesso in mano a numerose bande di criminali senza scrupoli, cerchiamo di distinguere le due cose.

Cito
"Quello che dice Totaro purtroppo è verissimo: siamo stati sconfitti, e ancora adesso, 60 anni dopo, dobbiamo pagarne le conseguenze dipendendo dagli USA. Non è vero che la seconda guerra mondiale è acqua passata. Se gli USA dominano il mondo oggi è una conseguenza della seconda guerra mondiale. Oppure, anche se con gli americani non c'entra, se in Italia è permesso alzare il pugno sinistro, agitare falci e martelli e dichiarare impunemente che una rapina è un'esproprio proletario bello e da ripetere, ma assolutamente non salutare con la mano destra tesa (vedi mare di polemiche per quel calciatore, che se avesse cantato bandiera rossa con il pugno al vento nessuno avrebbe detto niente), è merito della seconda guerra mondiale. La storia la fanno i vincitori, e anche il revisionismo."

Ovviamente è così, anche perché l'Italia ha prima subito il totalitarismo fascista, al quale per, fortuna, non è seguito il totalitarismo comunista.
E a causa di questo fatto adesso Paolo Di Canio ha €10.000 in meno in saccoccia.
Giusto per scherzarci un po' su ti informo che è comunque proibito, oltre che molto pericoloso, andare per strada agitando falci e martelli.

Saluti.

Felipe Navarro Vals 11.03.05 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Tutto bene... c'è solo una cosa che non ho capito in tutti questi mesi di assalto alle truppe italiane in irak (assalto da parte di Bertinotti, Diliberto, Casarini & C.).

Se andiamo via che succede? Voglio dire a parte i radical_sinistri che potranno dire che avevano ragione loro e che gli americani ora che sono soli si vede meglio che sono i cattivi...

Ma a parte quello, che succede poi? Fanno la pace? Basta autobombe? Per piacere mi spiegate?

Mario Bruno 11.03.05 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Scrive Giulia Bonometti:


La Sgrena immagino che avrà sensi dolpa per indirettamente la sua vicenda ha causato il tragico episodio ma non diciamo cazzate che la colpa è sua!


Io non ho mai scritto che la colpa sia sua; mica ha premuto il grilletto;semplicemente, dopo quanto successo in Iraq, con il rapimento di Baldoni, delle 2 Simone e di decine di altre persone, che si vada in una moschea in zona a rischio, rimanendoci 4 ore, mi sembra un attimino giocare col fuoco, probabilmente, e diciamolo anche se è di sinistra, (ma chi se ne frega), per ambizione personale, perchè voleva fare uno scoop, ambizione legittima,ma di cui ci si dovrebbe poi assumere la RESPONSABILITA'; per non parlare poi del video, in cui lei stesso ha ammesso di aver DRAMMATIZZATO la sua posizione, salvo poi chiedere aiuto al marito, rinnegando tutta una politica di emancipazione femminile occidentale, con il capo chino, piangente, disperata, da vera donna araba.
Ora scopriamo che RECITAVA; perfino Scalfari l'ha stigmatizzata, in un suo recento editoriale...; questa persona dovrebbe dunque scusarsi per tutto quello che ha causato, con la famiglia del poliziotto ucciso, per la sua imprudenza, e per la sua recita che ha coinvolto emotivamente milioni di italiani...., e che magari ha spinto il governo a mandare un poliziotto esperto a rischiare la vita per salvarla. Un gesto di scusa, anche un solo accenno, sia suo che del suo direttore, che ne condivide la responsabilità per averla inviata in una zona pericolosa, sarebbe stato opportuno e l'avrebbe rivalutata UMANAMENTE; invece no, conta solo il partito, la politica, l'ideologia; ma questa gente, avrà una coscienza?????

Quanto alla Costituzione, che ripudia la guerra, i francesi non hanno truppe in Iraq, eppure hanno avuto i loro rapiti, fra cui, buon ultima, la giornalista di Liberation; quindi, sostenere che la Sgrena sia stata rapita per la presenza delle ns truppe è un'altra di quelle frottole mediatiche che fa comodo a tutti, al governo che così può affermare di non aver ceduto ai terroristi, e all'opposizione che stancamente e ossessivamente ne chiede il ritiro......

Mario Donau 11.03.05 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Leggete questo articolo:

http://www.disinformazione.it/falluja.htm

Francesco Panero 11.03.05 09:07| 
 |
Rispondi al commento

PER MARCO LIMINTA


LA SINISTRA E' DURATA POCO
CHI SE NE FREGA
NON C'E' NESSUNO CON LE PALLE

MA LA DESTRA LE PALLE LE TIENE STRETTE
HANNO SEMPRE RAGIONE LORO
E SE NE FREGA DEL POPOLO

NON E' FORSE DITTATURA?

BUONA SERATA

Roberto Gramolini Commentatore in marcia al V2day 10.03.05 22:34| 
 |
Rispondi al commento

NON
VEDO
L'ORA
CHE
VI
CADA
UN
METEORITE
IN
TESTA
A
TUTTI
COME
ACCADDE
CON
I
DINOSAURI
65.000.000
DI
ANNI
FA

ALMENO
VE
LA
FINITE
TUTTI
DI
AZZUFFARVI


PURE
IO

Roberto Gramolini Commentatore in marcia al V2day 10.03.05 22:20| 
 |
Rispondi al commento

Se c'è questa legge, come mai la Sgrena era là..?
E comunque io non dico "missione di pace", perché quello è solo un eufemismo fatto per addolcire la pillola, frutto di un'ipocrisia che stavolta è di destra. Io so perfettamente che siamo in guerra.

Il fatto che fossero in missione umanitaria le autorizza a ringraziare lo Stato e il governo per la liberazione, anziché i "resistenti" iracheni, solo dopo essere state avvertite di farlo, e comunque palesemente controvoglia?

Quello che dice Totaro purtroppo è verissimo: siamo stati sconfitti, e ancora adesso, 60 anni dopo, dobbiamo pagarne le conseguenze dipendendo dagli USA. Non è vero che la seconda guerra mondiale è acqua passata. Se gli USA dominano il mondo oggi è una conseguenza della seconda guerra mondiale. Oppure, anche se con gli americani non c'entra, se in Italia è permesso alzare il pugno sinistro, agitare falci e martelli e dichiarare impunemente che una rapina è un'esproprio proletario bello e da ripetere, ma assolutamente non salutare con la mano destra tesa (vedi mare di polemiche per quel calciatore, che se avesse cantato bandiera rossa con il pugno al vento nessuno avrebbe detto niente), è merito della seconda guerra mondiale. La storia la fanno i vincitori, e anche il revisionismo.

Marco Liminta 10.03.05 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Per Rolando Giotto :

Scusa se non la cito(?):
Le "Simone" erano pagate, e quindi ?
Non ti seguo Giotto...
Il cerchio non si chiude e tu in quanto Giotto te ne dovresti intendere di O.
Vista l'ortografia e la sintassi dei tuoi scritti, immagino che tu debba essere un infermiere, non c'è nulla di male sia chiaro.
Te lo dico perché probabilmente in te sta insorgendo una nuova patologia.
Verosimilmente una sindrome da trattare nel reparto di otorino, detta "Orecchio palbebrato".
Cosa succede, quando al cervello arriva qualche notizia "antipatica", l'orecchio con la neoformazione "a palpebra" si chiude, e voi, affetti dal morbo, sentite solo quello che vi pare.

Per Rolando Bobbio :
Maradona non fa la dieta, ingrassa a dismisura quando smette di tirare la coca.
E non fa la dieta, si fa operare.
Potete dire quello che vi pare, ma l'unità e la volontà della maggior parte degli italiani ha fatto si che Giuliana Sgrena tornasse a casa.
Anche la maglietta di Totti.
Piuttosto cerca di scoprire se hai avuto un bisnonno che si chiamava Norberto.
In caso affermativo prendi esempio dalla sua vita.
Nel caso negativo, idem.

N.B. Ma tutti Rolando vi chiamano ...

Felipe Navarro Vals 10.03.05 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Ecco la risposta a Ms. Spider.

Perchè l'Italia è in guerra ed è alleata con gli Stati Uniti nonostante sia proibito dalla Costituzione?
Il motivo va ricercato nei termini dell'armistizio del 1943 dovuti alla resa incondizionata dell'Italia alle potenze alleate.

E' lo stesso motivo per cui i piloti responsabili della strage del Cermis non possono essere giudicati dall'Italia.

E' lo stesso motivo per cui i militari responsabili della morte di Nicola Calipari non potranno essere perseguiti in Italia.

Sessanta anni fa abbiamo perso una guerra e ci sono state imposte delle condizioni di resa ferree.

Per gli americani noi dobbiamo rigare dritto, è un nostro preciso dovere, altro che democrazia.

Il governo Italiano, anche con la sinistra al potere, non ha mai rifiutato un aiuto militare agli americani. Vedi ad esempio l'utilizzo della base di Aviano contro i Serbi.

Il governo italiano dovrebbe essere più onesto con i suoi cittadini, se desidera qualche cosa in cambio.
In questi affari di carattere internazionale, il nostro governo non può decidere proprio nulla.
Non è una casualità che nel territorio Italiano, Tedesco e Giapponese, siano presenti le forze armate statunitensi.

In poche parole, la Costituzione Italiana vale (o dovrebbe valere) solo in Italia. Per gli Stati Uniti, dato che ci hanno sconfitto ed invaso nella seconda guerra mondiale, l'importante è che noi righiamo dritto, altrimenti...

Se qualcuno fosse in possesso dei termini dell'armistizio del 1943, farebbe cosa gradita a pubblicarli...

Un saluto a tutti.

Antonio Totaro 10.03.05 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo costruire un discorso quindi.

Eccoti uno spunto senza retorica :
Il governo attuale ha fatto una legge per cui la stampa italiana non può più dare notizie su quello che succede in Iraq.
E' giusto ?
Ritieni opportuno che ogni informazione inerente l'Iraq debba essere oscurata ?
Non è strano visto che non siamo in guerra ma solo in missione di pace ?

Un altro spunto :
Le due "Simone", quelle che tu definisci "capre", erano in missione umanitaria, a aiutare le famiglie e i bambini iracheni, mentre tu ti scaccolavi sul divano davanti al TG4.
Non credi di dover riconoscere un po' di rispetto ?

Un altro spunto :
Non ritieni che se gli ostaggi italiani che sono tornati a casa sani e salvi, debbano la loro salvezza al fatto che i loro rapitori islamici, nonostante questi fossero cittadini italiani, quindi alleati Usa e, per conseguenza di ciò invasori, abbiano deciso che il motivo della loro presenza fosse non ostile alla loro causa ?

Un altro spunto:
Leggi cosa combinano i marines ai check point a detta del ex-marine congedato con onore qualche tempo fa.


Per chiudere ti dico che sugli americani la penso esattamente come te.
Per non darti nessun vantaggio e rassicurarti vorrei fare presente che so cosa succedeva nei gulag, chi veniva gettato nelle foibe e cosa faceva Stalin, o Hitler o Pol Pot, ma credo fermamente che se stiamo a ragionare su cosa faceva quel regime o quell'altro dittatore perdiamo di vista quello che succede oggi a noi e agli altri.
Non puoi darmi una connotazione politica perché io non ne ho mai dato nei miei messaggi.

Felipe Navarro Vals 10.03.05 17:44| 
 |
Rispondi al commento

Destra, sinistra.... come al solito gli estremi si toccano e agli occhi di uno che di politica come me non gliene importa niente siete tutti uguali, sempre a litigare e pronti solo a darsi adosso su luoghi comuni e frasi fatte ma pensieri concreti per migliorare le cose non se ne vedono mai.

Roberto Castellucci 10.03.05 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Io rinuncio a parlare con gente come Felipe Navarro, perché è evidente che non vuole capire e vuole solo rigirare retoricamente quello che dico.

Nonostante io abbia detto che non difendo assolutamente gli americani, voi continuate imperterriti a dire che, SICCOME SONO DI DESTRA, allora adoro gli americani, come se non avessi detto niente.
Io provo a dirlo, un'ultima volta, poi basta, perché parlare coi muri è da idioti. CI SONO MOLTI PIU' MOTIVI PER STARE CONTRO GLI USA CHE MOTIVI PER SOSTENERLI, e di questo sono arciconvinto! Gli usa sono un paese di arroganti che nonostante non hanno una pippa di storia alle loro spalle credono di essere i migliori a questo mondo! Si sono macchiati di crimini orrendi contro l'umanità, e le bombe atomiche sul giappone sono l'emblema immortale di questa verità! L'UNICO motivo per cui ADESSO gli USA sono da consideare nostri alleati, almeno a mio modesto parere, è la lotta contro il terrorismo islamico.
Poi però bisognerebbe esssere un momentino realistici, cosa che voi di sinistra non siete mai stati...non è che si può dire da oggi a domani, "basta con gli americani, sono cattivi e noi ci dissociamo completamente" perché PURTROPPO LA NOSTRA ECONOMIA DIPENDE DA QUELLA AMERICANA! Fate presto voi a dire "boicottiamoli!", ""ribelliamoci all'oppressore imperialista", "abbasso il capitalismo, da oggi basta proprietà privata, olè!" da bravi noglobal e sognatori marxisti, ma non riflettete un solo momento sulle conseguenze economiche!
Certo, gli americani hanno ammazzato un mucchio di gente in Iraq, e se lo vuoi sapere io alla guerra in Iraq ero contrario! A quella in Afghanistan ero favorevole, perché i talebani dovevano smettere di esistere, semplicemente! Ma quella in Iraq è stata sicuramente determinata da interessi economici (che poi, dove sia il vantaggio degli USA ancora non si vede...si dice che l'hanno fatta per il petrolio, ma guardacaso il petrolio è solo aumentato di prezzo...), e non principalmente da una lotta contro il terrorismo islamico, anche perché il regime di Saddam era socialista, laico, e i vari capi religiosi islamici lo consideravano nemico, finché non è stato attaccato dagli USA...Ed è anche per questo che ora dico che è quasi meglio che ci ritiriamo tutti sul serio, in modo da lasciarli tutti nel loro brodo ad ammazzarsi tra loro, se lo vogliono davvero...
Navarro, ho detto che gli USA devono pagare per quello che hanno fatto e anche su questo mi hai contraddetto?? Allora ditelo che non si può aprire bocca in mezzo a voi, perché si viene subito bollati come fascisti e servi degli americani! Sui fatti di Ustica e del Cermis, se gli USA non hanno pagato, è un'ingiustizia, e di questo sono convinto, anche se tu non lo credi possibile, dato che siccome sono di destra allora non posso non essere d'accordo su tutto con gli americani, vero?

Per il punto 8 di Gramolini: hai mai visto uno degli ultimi governi di sinistra resistere tanto come quello di Berlusconi?

Per Barnabini e gli altri che tirano in ballo Fini: ok, Fini ha detto che non è stato pagato nessun riscatto. E allora come mai la Sgrena è stata rilasciata? COME MAI? Forse i terroristi si sono convinti grazie alle vostre manifestazioni in piazza?? Forse si sono commossi di Scolari e del suo sciopero della fame (fasullo dato che lui non l'ha fatto..)??? Si, infatti viviamo nel paese delle meraviglie...
E dove sta la contraddizione in quello che ho detto?? Nel fatto che io che sono di destra ho detto che hanno pagato un riscatto, e Fini che è anche lui di destra ha detto il contrario (e doveva dirlo, mica si va a raccontarlo ai quattro venti!!)Mica devo considerare quello che dice Fini come la buona novella solo perché sono di destra! Perché adesso a destra devono dire tutti la stessa cosa su tutto! Ma piantatela con queste accuse puerili, e se proprio volete dibattere, cercate delle argomentazioni che reggano! Poi vi lamentate che noi vi chiamiamo tutti comunisti! Voi ci chiamate tutti fascisti, del resto!

Navarro, invece di ribattere solo che bevo sanbuca alla mattina e che sono il re dei luoghi comuni, cerca di costruire un discorso, altrimenti se non sai cosa ribattere stattene zitto che male non fai a nessuno.

Io non ci posso credere! Ho iniziato a postare commenti SOLO sul comportamento ingrato e profittatore della Sgrena, della sinistra e di quelle due capre di qualche tempo fa, e mi avete subito accusato di essere un totale sostenitore degli USA...io di questa storia ne ho veramente piene le balle! Ogni volta che sento nominare la Sgrena mi viene un conato di vomito..

E comunque, io la vita cerco di godermela per quello che posso, non crediate che mi avveleni l'anima per le imbecillaggini che vi sento dire qua...io una volta uscito di qui mi dimentico di quanto mi fate inca..are, almeno finché non sento un telegiornale fuffoso che racconta balle a raffica...

Marco Liminta 10.03.05 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma posto nuovamente perché le citazioni tra parentesi sono andate a farsi fottere !


PER MARCO LIMINTA

Ricito testualmente:
MARCO LIMINTA >
Ah, Felipe Navarro, una altro luogo comune vivente! Quello che dice "Saddam era cattivo, diabolico, la gente soffriva, veniva ammazzata...PERO' ora con gli americani sta peggio!"
>

Felipe:
Prescindiamo dai luoghi comuni dunque; tu hai usato il virgolettato quando definivi "prigioniera" Giuliana Sgrena.
Quindi era in vacanza secondo te ?
Dio benedica chi, a rischio della propria pelle, va in posti come quelli per far sapere come stanno veramente le cose.
L'unica cosa che sembra in vacanza è il tuo cervello.
Con gli americani, adesso, buona parte della gente che dici tu non soffre più.
Ha smesso di soffrire perché è morta

MARCO LIMINTA>
In poche parole prima schivi la buca con maestria, e poi ritorni subito sulla strada di prima difendendo terroristi e dittatori solo per andare contro agli USA...
>

Felipe:
Io difendo terroristi e dittatori ?
Devi smetterla con la sambuca alla mattina presto

MARCO LIMINTA>
Non come in Italia, dove tutti piangono per una che poi quando ritorna ti sputa in faccia!
Dove i genitori e i parenti dei rapiti approfittano per muovere propagande antigovernative e antinazionali in ricordo dei bei tempi andati del PCI, delle brigate rosse e di Togliatti che nascondeva la verità sulle foibe....LA SINISTRA E' IPOCRITA, e questo è quanto!
>

Felipe:
E poi sono io quello dei luoghi comuni eh ...


MARCO LIMINTA>
Ah, Navarro, non so se leggi solo quello che ti fa comodo, ma io non ho mai difeso gli americani, non ho mai detto che hanno fatto bene ad andare a tirare le bombe in Iraq, ho solo criticato l'ipocrisia della Sgrena e di tutta la sinistra in questa vicenda!
>

Felipe:
E sempre questione di punti di vista per fortuna.
Apri le orecchie e ascolta fino alla fine le dichiarazioni dell'una e dell'altra parte.
Vedrai che nuovi orizzonti ti si presenteranno di fronte


MARCO LIMINTA>
Se vuoi davvero sapere cosa ne penso, ti dico che gli americani sono dei bastardi, degli arroganti e degli ignoranti! e che se hanno ammazzato Calipari devono pagare!
>


Felipe:
Si e se mia nonna avesse le ruote sarebbe un camper.
Il conto si allunga, Ustica, Cermis...

MARCO LIMINTA>
Ma voi sinistri con il vostro antiamericanismo senza se e senza ma
>

Felipe:
Antiamericanismo senza se e senza ma ?
No, guarda sotto le macerie, i se e i ma ci sono eccome !!!


MARCO LIMINTA>
(altro che pace, a voi la gente ammazzata da Stalin, da Castro o da Tito non passa mai nemmeno per l'anticamera del cervello) mi fate solo ridere!
>

Felipe:
Hai dimenticato Gengis Khan e Attila e Pol Pot.
Tu sei il re dei luoghi comuni, io non sono degno.

Felipe Navarro Vals 10.03.05 15:44| 
 |
Rispondi al commento

PER MARCO LIMINTA

Cito testualmente:
>

Prescindiamo dai luoghi comuni dunque; tu hai usato il virgolettato quando definivi "prigioniera" Giuliana Sgrena.
Quindi era in vacanza secondo te ?
Dio benedica chi, a rischio della propria pelle, va in posti come quelli per far sapere come stanno veramente le cose.
L'unica cosa che sembra in vacanza è il tuo cervello.
Con gli americani, adesso, buona parte della gente che dici tu non soffre più.
Ha smesso di soffrire perché è morta.


>

Io difendo terroristi e dittatori ?
Devi smetterla con la sambuca alla mattina presto...

>

E poi sono io quello dei luoghi comuni eh ...


>

E sempre questione di punti di vista per fortuna.
Apri le orecchie e ascolta fino alla fine le dichiarazioni dell'una e dell'altra parte.
Vedrai che nuovi orizzonti ti si presenteranno di fronte.

>

Si e se mia nonna avesse le ruote sarebbe un camper.
Il conto si allunga, Ustica, Cermis...

>

Antiamericanismo senza se e senza ma ?
No, guarda sotto le macerie, i se e i ma ci sono eccome !!!

>

Hai dimenticato Gengis Khan e Attila e Pol Pot.
Tu sei il re dei luoghi comuni, io non sono degno.

Felipe Navarro Vals 10.03.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Si è assolutamente inutile continuare a controbattere quando la visone delle cose è così diversa. E forse è anche vero che probabilmente riuscirei a comprendere meglio lo scritto di una bambina di 8 anni.
Ho i miei limiti.
Lei però ne palesa di più evidenti.
E comuqnue su una cosa non ha tutti i torti...
Se nessun giornalista fosse mai stato in Iraq, se i telegiornali parlassero solo di Gosspi e Sport, se le trasmissioni di approfondimento si occupassero solo di come fare la calza, beh in quel caso io e molte altre persone saremmo più serene, dementi ma sereni..
Eppoi non è che le cose siano così diverse oggi.
Non è così male vivere nell'ignoranza.
Il problema è che io non ci riesco.

Gabriele Bernabini Commentatore in marcia al V2day 10.03.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Ho 17 anni e un consiglio per tutti. Prendete spunto da questo fatto per farvi una MINIMA idea di come sono UCCISE ogni giorno persone innocenti, e ricordatevi che non è niente rispetto al resto. Perciò ricordiamoci che, ALMENO, Nicola Calipari era coscente di rischiare la vita. Se tutti interessi si sono fatti avanti per lui, immagino per gli altri...

Rircordo che la guerra di oggi è in via di privatizzazione, la prima arma con cui è combattuta è la nostra cultura del cazzo che continua a pretendere di imporsi alle altre, con l' espediente che "è giusto".
Le altre armi sono ad esempio le PMC, qualcuno vi parla dei mercenari? vi parla di come terorizzano il cuore del popollo senza motivo?vi parlano di come cazzo investono i loro fottuti soldi?
neanche la Sgrena, non perchè sia una cattiva, ma perchè una giornalista è già tanto che come ha fatto lei veda da giornalista, perchè molti giornalisti vedono come vede l' esercito...e voi vi adeguate di consguenza...altri ralizzano montaggi che ne sò da Berlino e ufficialmente risultano come inviati.
La Croce Rossa insinua che i cittadini (in questo caso Iracheni) li ringraziano, si forse quelli che sono stati curati, ma ricordiamoci che la popolazione ce l'ha anche con gli italiani e la Croce Rossa stessa (si spiegano così alcuni attentati) perchè sono alleati degli americani...o meglio dei colonizzatori dell' america...perchè i Nativi Americani (eccetto qualche caso di "civilizzazione") hanno e avrebbero avuto ben altri scopi nella vita.
Parliamo di quello che realmente accade in questo mondo, e non accettiamo compromessi, ma incazziamoci, tiriamo fuori le palle, mandiamoli a fanculo loro e le loro stereotipizzazioni del cazzo, loro e le loro campagne mediatiche/terroristiche che incombono sulla nostra Coscienza distorta a tal punto di inghiottire ed assimilare e vivere in simbiosi a tonnellate di barilate di merda!
e, anche se ne fate parte, non accettae i "compromessi nascosti" che accettano, chi più chi meno, tutti i partiti, perchè ogni partito in quanto tale è costrettoa d avvalersene.
Grillo cazzo, fai qualcosa anche tu, incazzati ancora di più di quello che sei, usa la tua arte e il tuo lavoro anche a questo scopo, ricorda i genocidi del mondo...che ne sò parla del Tibet e della Cina, o che Sharon ha fatto dei genocidi, di quello che accade in Uganda, Ruanda, Turchia, eccetera eccetera eccetera eccetera ed eccetera (compresi tutti i compromessi che accettano i nostri politicanti!)

Non sò voi ma io mi sono rotto il cazzo.
E non solo, cosi come la criminalità organizzata questta percezione distorta deriva da ogni singolo individuo povero come me o ricco che sia...lo Yoga, che deriva da Yug (unione), solo per fare una delle migliaia di esempi vi aiuterà, aiutare gli altri nell' Unione fra voi, e fra gli altri esseri UMANI quali animali, insetti e piante, TUTTI figli della Madre Terra, guardate nelle quattro direzioni, poi scrutate il cielo, e poi baciate la terra. Pulitevi il retto con quegli oggetti di carta che vi "donano " una determinata posizione sociale e un relativissimo e paradossale benessere.

State Bene.

OM

Post scriptum:
scusate ma ho scritto tutto di fretta, un pò psicoticamente, non sò quanti errori e frasi inconcepibili abbia scritto ma il significato penso sia chiaro, ah e in quanto studente di tale materia vorrei ricordarvi che la psicologia occidentale è assolutamente immatura, è neata nel ventesimos ecolo...lo Yoga, l' unica psicologia veramente completa dell' umanità è nata OGGETTIVAMENTE seimila anni fà...in realtà molto molto di prima...

Yuri Bussi 10.03.05 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Da un'intervista a un soldato americano su Repubblica:
Il sergente Jimmy Massey è stato nei marines per 12 anni prima di finire in Iraq. Nell'aprile 2003 al checkpoint che comandava sono stati uccisi, in 48 ore, una trentina di civili: "Ci sono voluti due giorni perché ci spiegassero che il nostro alzare il braccio per intimare l'alt era interpretato come un gesto di saluto".
Nella tragedia, a me ha ricordato Fantozzi che gesticola per le dita rimaste incastrate nel finestrino dell'auto e la signorina Silvani che crede la stia salutando...
O era Fracchia?

Armando Festa 10.03.05 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco perchè ci dobbiamo schierare politicamente anche per un caso come questo..ma ne vale la pena?io al governo e all'opposizione non vedo grandi differenze,ci sono solo le caricature di una destra e di una sinistra che stranamente per i loro comodi sono sempre d'accordo.
Invece di parlarci addosso non sarebbe meglio fare qualcosa?io penso che la guerra non sia una risposta,questa tanto meno.E non è una questione di destra o di sinistra ma di intelligenza.
provate ad andare in questo sito:

http://db.peacelink.org/forum/thread.php?id_forum=24&id=1164

Silvia Carnio 10.03.05 10:13| 
 |
Rispondi al commento

"scusate ma se uno scrive che se la sgrena fosse stata a casa a fare la calza avremmo risparmiato milioni di euro per l'ativazione di un apparato di sicurezza e protezione, miliardi di parole inutili ed una vita umana è automaticamente di destra fascista e deficiente. Se l'intellighenzia di sinistra la pensa così datemi pure del fascista , non lo sono , ma qualsiasi insulto provenga da gente così priva di morale e di neuroni è un GROSSO COMPLIMENTO!!!! Se poi la sgrena si presenterà alle elezioni almeno pentitevi di fronte al vostro dio, avete eletto anche un padre di un tossico,disadattato e violento solo perchè vivete di fumo e di falsità

Postato da: Rolando Giotto il 10.03.05 09:46"

FINI HA DICHIARATO IERI CHE NON E' STATO PAGATO ALCUN RISCATTO!! FINI SECONDO LEI E' UN CAZZARO?
LA VITA UMANA PERSA (NICOLA CALIPARI) NON E' STATA PERSA PER LIBERARE LA SGRENA!!! LA SGRENA ERA GIA LIBERA.
I GIORNALISTI E' BENE CHE DOCUMENTINO QUELLO CHE AVVIENE SPECIE IN GUERRA.. ANZICHE' STARE A CASA A FARE LA CALZA!!
SUGLI ELETTI POI.. LASCIAMO STARE.. PERCARITA'..
IN FORZA ITALIA UN TERZO SONO INQUISITI, UN TERZO SONO GLI AVVOCATI CHE LI DIFENDONO ED UN TERZO SONO CABARETTISTI, VELINE E EX ATTORI COMICI.
PERCARITA'!!!!!!!!

(p.s. se Grillo mi leva il messaggio comprendo e condivido ma non potevo non risponedere)

Gabriele Bernabini Commentatore in marcia al V2day 10.03.05 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Buongiono. Sono Antonio e mi preme dire la mia. Premesso che della politica praticamente non me ne può fregare di meno, ma sul caso Sgrena nn posso tacere. Si dice che gli americani la volessero far fuori.....se così fosse, Signora Sgrena, stia tranquilla che nemmeno i bossoli si sarebbero più trovati. Ancora: durante i video mostrati durante la sua prigionia ha sempre aserito di essere stata trattata bene; cosa giustificata dalla stessa giornalista che asserisce poi di aver parlato "sotto pressione" (pressione= minaccia delle armi o cosa?). Attualmente "sotto pressione" non credo lo sia, ma allo stato ancora nn l'ho sentita condannare i suoi sequestratori (iracheni, coloro che in nome del Corano non ammazzano donne e bambini.. evidentemente non tutti gli iracheni conoscono il Corano, compresi i rapitori della giornalista francese). A questo punto mi chiedo: perchè la Signora Sgrena invece che di reclamare un fantomatico attentato nei suioi confronti non ringrazia prima Iddio, poi Calipari e poi il Governo che l'hanno salvata? E mi chiedo anche: la sinistra, invece di costruire castelli in aria, invece di esser prevenuti contro tutto e tutti, invece di dire contraddizioni su contraddizioni, perchè non mette in campo una opposizione intelligente, tenendo presente che un po' di umiltà non fa mai male.

antonio de martino 10.03.05 09:23| 
 |
Rispondi al commento

E' sorprendente come l'appartenenza politica sia determinante anche solo nel valutare un episodio.
Per coloro che votano DESTRA la Sgrena è una STRONZA (parola testuale scritta da qualcuno), non andava pagato alcun riscatto per liberarla (riscatto che FINI ha smentito sia stato pagato) e gli americani pur avendo una certa colpa non vanno criticati perchè sicuramente è stato un "incidente" (incidente che ci sia stato un morto perchè gli ha sparato addosso una mitragliatrice?).
A sinistra invece si sostiene il fatto che una vita umana (nel caso specifico quella della Sgrena) è sempre la cosa più preziosa da salvaguardare. Che la guerra fa schifo. A sinistra c'è rammarico perchè episodi come quello di Calipari purtroppo ce ne sono tutti i giorni in Iraq ma riguardano Iraqeni e quindi l'informazione se ne sbatte...
Insomma tutti quelli di destra la pensano in un modo e tutti quelli di sinistra in un altro.
Ora però a leggere i due modi di pensare (ed invito tutti a correggere eventualmente quanto ho scritto sopra) io mi chiedo come si fa a sorprendersi se poi le persone di sinistra sono convinte di essere più intelligenti...
Uno legge ad esempio quello che scrive LIMINTA e dopo (secondo me) ha tutto il diritto di sentirsi più intelligente.
Oltretutto il Sig. Liminta non solo le spara grosse ma scrive cose assolutamente non vere e che si contraddicono l'un l'altra.
Ad esempio Sig. Liminta, il Ministro Fini ha ripetutamente affermato (e non solo lui) che non è stato pagato alcun riscatto, lei sostiene quindi che Fini spara cazzate?

Gabriele Bernabini Commentatore in marcia al V2day 10.03.05 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Cari Amici

Suggerisco a chi puo' leggere in Inglese di andare a vedere cosa scrive Joe Viallis al seguente indirizzo al riguardo dell'assasinio del nostro Agente.

Saluti
Sergio Hk

http://www.vialls.com/italy/sgrena.html

Sergio Monteforte 10.03.05 05:47| 
 |
Rispondi al commento

Mi domando:
E'una delle ipotesi possibili quella che a qualcuno fra gli americani "non stesse a genio" Giuliana e che quindi inceppando qualche anello nella catena informativa era facile che passando di lì i soldati sparassero?
Allora i servizi segreti e quindi il governo americano sono fra i sospetti.
Non dico che siano colpevoli dico solo che è una delle ipotesi possibili.
Come può allora una delle parti in cause nominare una commissione di inchiesta?
Giuridicamente è ridicolo che uno degli imputati in un processo sia lo stesso e unico che conduce pure le indagini.
Ah ma dimenticavo, questa è una ipotesi che non può essere presa neppure in considerazione perchè CIA e governo non sono capaci di fare del male neppure ad una mosca....

Saluti

Pasquale Borrelli 10.03.05 00:00| 
 |
Rispondi al commento

GUERRA..

sapete, faccio assistenza tecnica da una vita ormai, c'è un'azienda dove abito io che ha una macchina a controllo numerico (una macchina dove da un pezzo di ferro ti tiran fuori di tutto se opportunamente programmata),
bene questa macchina produce caricatori per fucili, siccome ha farne uno impiega 45 minuti, hanno comprato 2 macchine così in 45 minuti fanno 2 caricatori
sapete quante persone uccidono 2 caricatori in 45 minuti?

guerra no grazie

Roberto Gramolini Commentatore in marcia al V2day 09.03.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

PER MARCO LIMINTA

PRECISO SUBITO CHE IO NON SONO NE DI DESTRA NE DI SINISTRA, SEMPLICEMENTE OSSERVO E VALUTO, MA VEDENDO QUELLO CHE SCRIVI AVREI DA CONTROBATTERE.

1) HAI PERFETTAMENTE RAGIONE SULLE FOIBE O SU STALIN E COMPAGNIA BELLA. TUTTI I GOVERNANTI PERO' SIA DI DESTRA CHE DI SINISTRA HANNO FATTO DEL MALE ALLE POPOLAZIONI CIVILI
2) A ME PERO' FA MALE L'ARROGANGA CON CUI GLI AMERICANI PASSANO SUI MORTI FREEGANDOSENE E MAI PAGANDO (FREE NON E' UN ERRORE), TI RICORDI USTICA? CHI HA PAGATO?, IL CACCIA AL CERMIS (20 MORTI) CHI HA PAGATO? (LO STRONZO ASSASSINO E' LIBERO IN AMERICA)
3) IL PASSATO E' PASSATO E SON DACCORDO, MA NON SO SE I MORTI CAUSATI DA REGIMI COMUNISTI SIANO INFERIORI AGLI ALTRI
4) TI RICORDI IL VIETNAM, ORA ACCADE LO STESSO IN IRAK, CHI CI RIMETTE SONO SOLO I POVERACCI, SIA CIVILI IRAKENI, CHE SOLDATI DELLA COALIZIONE
5) CHE CA..O SIAMO ANDATI A FARE IN IRAK? ABBIAMO GIA' PERSO UNA TRENTINA DI CONNAZIONALI TRA CIVILI E SOLDATI. MISSIONE DI PACE? NON CREDO! MA LA COSTITUZIONE NON DICE CHE L'ITALIA RIPUDIA LA GUERRA?
POTREMMO CAMBIARLA COSI', L'ITALIA POTREBBE RIPUDIARE LA GUERRA A PATTO CHE, NON CI FOSSERO GLI AMERICANI ED INTERESSI ECONOMICI.
6) L'AMERICA E' STATA L'UNICA NAZIONE CHE HA USATO LA BOMBA ATOMICA CONTRO CIVILI (TI RICORDI IL GIAPPONE, UNA VOLTA SOLA NON E' BASTATA)
7) CRAXI PER QUANTO NON CONDIVIDEVO LA SUA POLITICA E' STATO PIU' TENACE DELL'ATTUALE LEEDER. (UN NO ERA NO E NON UN NI)
8) HAI MAI VISTO TANTI SCIOPERI COME CON QUESTO GOVERNO? UN MOTIVO DI MALESSERE CI SARA', MICA SON TUTTI IMBECILLI!
9) E COMUNQUE QUEL COGLIONE DI AMERICANO IERI SERA A BALLARO' CERTE AFFERMAZIONI POTEVA EVITARLE, IO NON SONO RAZZISTA E' CHE LORO SONO AMERICANI E TRA UN PO' AVRANNO OCCUPATO TUTTO IL MONDO CON LA SCUSA CHE UN PAESE HA ARMI DI DISTRUZIONE DI MASSA..... A E' VERO SOLO LORO POSSONO AVERLE ALTRIMENTI CHE DITTATURA SAREBBE


CIAO E GODITI LA VITA

Roberto Gramolini Commentatore in marcia al V2day 09.03.05 22:05| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa e' certa: pagare dei riscatti a degli infami tagliagole non e' giusto.
Certo non si capisce se questi soldi verrano usati a finanziare i terroristi o vengano intascate da bande di taglieggiatori, fatto e' che chi si dimostra debole diventa un facile obiettivo.
Con questa gente non bisogna trattare! A qualsiasi costo.

p. conti 09.03.05 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Bravi, sinistri, bravi, non vi smentite mai! Quando non sapete cosa rispondere accusate gli altri di dire stronzate! Vero Vaerini?

Ah, Felipe Navarro, una altro luogo comune vivente! Quello che dice "Saddam era cattivo, diabolico, la gente soffriva, veniva ammazzata...PERO' ora con gli americani sta peggio!" In poche parole prima schivi la buca con maestria, e poi ritorni subito sulla strada di prima difendendo terroristi e dittatori solo per andare contro agli USA...

Io NON HO MAI DETTO di essere dispiaciuto perché la Sgrena è stata liberata...sono inca..ato per il modo indecoroso in cui si sta comportando adesso! Possono averla trattata bene, possono averle anche offerto tè e pasticcini...NON ME NE FREGA NIENTE, stia zitta, la pianti di difendere i terroristi dopo che Calipari ha dato la vita per salvarla da loro!

Certo, mi riferivo a un futuro rapito di sinistra (speriamo che non ci sia, non per lui, ma per le casse dello stato...), perché un rapito di destra dopo essere stato liberato non avrebbe fatto lo stronzo come la Sgrena!!
Sapete da chi dovremmo prendere esempio nella questione degli ostaggi? Dai giapponesi, che i loro ostaggi al ritorno li hanno presi a mazzate! e LA' i genitori degli ostaggi si sono SCUSATI con il governo per il fastidio provocato dai loro figli! Non come in Italia, dove tutti piangono per una che poi quando ritorna ti sputa in faccia! Dove i genitori e i parenti dei rapiti approfittano per muovere propagande antigovernative e antinazionali in ricordo dei bei tempi andati del PCI, delle brigate rosse e di Togliatti che nascondeva la verità sulle foibe....LA SINISTRA E' IPOCRITA, e questo è quanto!

Ah, Navarro, non so se leggi solo quello che ti fa comodo, ma io non ho mai difeso gli americani, non ho mai detto che hanno fatto bene ad andare a tirare le bombe in Iraq, ho solo criticato l'ipocrisia della Sgrena e di tutta la sinistra in questa vicenda! Se vuoi davvero sapere cosa ne penso, ti dico che gli americani sono dei bastardi, degli arroganti e degli ignoranti! e che se hanno ammazzato Calipari devono pagare! Ma voi sinistri con il vostro antiamericanismo senza se e senza ma (altro che pace, a voi la gente ammazzata da Stalin, da Castro o da Tito non passa mai nemmeno per l'anticamera del cervello) mi fate solo ridere!

Marco Liminta 09.03.05 19:29| 
 |
Rispondi al commento

In questa storia sono molti i fatti poco chiari, da dove è avvenuto il sequestro,dal riscatto, dai video manipolati all'uccisione di Calipari.
Sono in molti a dover dire la verità.Spero vivamente che la dicano tutta.

baiocco feliciano 09.03.05 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno, mi rivolgo alla signora Antonella Cutolo. Ho trovato il suo intervento del giorno 8 marzo molto interessante. Sarei molto interessato a saperne di più sull'argomento. Se vuole può contattarmi scrivendo a antoniototaro@negative.it
Cordialmente la saluto.
Antonio Totaro

Antonio Totaro 09.03.05 18:49| 
 |
Rispondi al commento

in meno di una settimana dalla liberazione della sgrena sono state tratte le piu svariate conclusioni e sono state fatte le ipotesi più incredibili su ciò che è successo.

ora il governo italiano,congiuntamente a quello americano ha UN MESE di tempo per dirci cosa è veramente successo

tradotto:ora il governo italiano,congiuntamente a quello americano ha UN MESE di tempo per inventarsi una storiellina da raccontare al popolo italiano.

come la storia della missione di pace.
per chi ha visto ballarò ieri sera,c'era un politologo americano (non ricordo il nome) che dopo aver detto qualcosa come "italia alleata degli usa nel conflitto",è stato prontamente corretto dal nostro ministro della giustizia che ha ribadito:"MISSIONE DI PACE!"
a quel punto il politologo si è scusato ed ha ripetuto le parole del ministro;ma non è riuscito a trattenere un sorriso sarcastico che valeva più di mille parole.

per chi non avesse visto lo spettacolo di grillo ricordo:
il 21 gennaio 2005 il Presidente della
Commissione Esteri Gustavo Selva ha dichiarato
sul quotidiano Libero:

"Basta con l'ipocrisia dell'intervento umanitario (...)
Abbiamo dovuto mascherare Antica Babilonia come
operazione umanitaria perché altrimenti dal Colle
non sarebbe mai arrivato il via libera".

bravi!continuate a prenderci per il culo

mr.spider 09.03.05 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, l'informazione è essenziale; prima avevo fatto un'osservazione, rigurdante le immagini dell'auto, che mi sembrava non dico elementare ma quasi. Spero che qualcuno in tv prenda la medesima iniziativa. Inoltre vorrei fosse chiaro che la mia impressione che gli americani l'abbiano combinata sporca è continuamente alimentata dalle neanche tanto sottili manipolazioni dell'informazione che si susseguono ora dopo ora.

Gianluigi Albertini 09.03.05 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma caro Rolando da Genova mi permetta di farle i miei più sentiti complimenti!!!! Lei è un genio!! per entrare in politica nessuno aveva pensato di partire in un paese in guerra, fraternizzare con assassini tagliatori di teste, vivere in una grotta un mesetto, farsi fare dei filmini ad hoc dagli sopracitati e rimanere vittima di un conflitto a fuoco violentissimo con le forze alleate. Lei è veramente un genio, io pensavo di diventare un massone (tipo altre personcine simpatiche... 1816) ma Lei mi ha aperto gli occhi.

Luca Floris 09.03.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,

io non so più a chi o casa credere.
Quello che so è quello che vorrei,
cioè che di tutta questa storia noi italiani
abbiamo il diritto, questa volta vero,
di sapere la verità.
Non accetto nè segreti di stato nè segreto di istruttoria.

Se è vero che gli USA la volevano uccidere, allora visto che è viva voglio sapere cosa sa
di così importante, che ce lo dica.
Ci dica pure la verità su cosa è successo
quella sera al check-point USA.

Ieri il TG1 ha mandato in onda delle foto
(esclusive?) della macchina, ed ha detto che
loro sono la vera informazione, ovvero sanno
che non gli crede più nessuno.
Su altri canali hanno mandato in onda documentari
fatti da altri, che fino ad allora non conoscevamo;
ma da quanto tempo li avevano quei documentari nel cassetto e non ce li hanno fatto vedere?
quante altre cose hanno o sanno?

Secondo me faranno in modo che finisca tutto come
USTICA, e come quelli che hanno tranciato la FUNIVIA.

Invece di far vedere agli USA che siamo uno stato supremo, facciamo le indagini CONGIUNTE,
con i giudici americani, te lo immagini un giudice americano che li condanna?
magari sarà la stessa corte suprema che ha dichiarato vincitore Bush alle penultime elezioni.

Certe volte penso che quella sera gli italiani
presi dall'euforia della liberazione, hanno combinato qualche stronzata.

Come magari penso che era già tutto programmato
da tempo, e volevano fare qualcosa di spettacolare
a Sanremo. (Bonolis che si fa intervistare con la giacca della tuta con la scritta ''Italia'',
forse in piccolo accanto c'era scritto anche ''forza'')

Ieri tutta la popolazione libanese era in piazza,
a dire che loro devono decidere con chi stare,
e questa volta senza bruciare bandiere o fare casini: hanno capito la democrazia più di noi,
ci combattono con le nostre stesse armi.
C'erano i convogli militari siriani che si ritiravano e la gente libanese li salutava;
se non fossero stati oppressi, si sarebbero anche baciati.

Ciao.

Curzio Calì 09.03.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

ho visto a blob frammenti di Oriana Fallaci...adesso ho capito come sarebbe diventato Ferrara Giuliano se, invece di essere figlio di un dirigente Pci , avesse fatto L'inviato di guerra...saluti

Davide Liguori 09.03.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Liminta, vergognati delle stronzate che dici!

mauro vaerini 09.03.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Grande Gianluigi. La finiamo come per il Cermis. Servi e calabraghe. Tra l'altro avete sentito i deliri di quel pagliaccio di Emilio Fede??

Luca Floris 09.03.05 12:34| 
 |
Rispondi al commento

sono rimasta basita/stupita dalla leggerezza dei giornalisti, quando nel dare informazioni sul sig. Calipari, a cui và tutto il mio rispetto viene chiamato lo "007"...ma come si può essere così superficiali nell'usare certe parole, come si può paragonare questa persona di tutto rispetto ed onore ad una "macchietta/presa in giro di agente segreto da romanzetto".
grazie - sara

sara cantarutti 09.03.05 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Smettiamola di fare i paranoici!!!E' solo perchè se riprendevano la destra dell'automobile avevano il sole contro, e come ben tu sai poi si vede male...


Ecco cosa non mi tornava!!!!Grande Gianluigi (scusa se ti do del tu).
Guardavo le foto su repubblica tratte dal tg (che non riesco a vedere a causa del mio 2° lavoro per campare!! ;-) ), e non c'è n'è una sulla parte dx della macchina.
Sono dei ruzzolamerda (espressione Santarcangiolese).
Spero che vengano fuori, ma voi ci credete?io no...

Paolo Nick 09.03.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a LIMINTA cedendo all'istinto, (non si dovrebbe dare seguito a esternazioni paranoiche di questo tipo):

(...)Come se non bastasse ora la Sgrena ha anche rivelato che quel filmato in cui piangeva, era DRAMMATIZZATO AD ARTE su richiesta dei rapitori. Cioè in poche parole che stava recitando, che in realtà stava molto meglio di quanto sembrasse! Lo ha detto lei! ....

Ma ci sei o ci fai Liminta? secondo te in mano a rapitori armati e a viso coperto che ti intimano di enfatizzare il tuo dolore, potresti avere il coraggio di rifiutarti e di manadarli a fan culo per non mentire alla tua patria? se qualcuno di quei personaggi mi dicesse di mettermi nuda e di cantare Faccetta nera io ti garantisco che lo farei per non morire e per rivedere la mia famiglia? Spero che questo passaggio ti sia sfuggito!

(...)ci ha preso per il culo, amici(?) miei, in combutta con i suoi amici “resistenti” e con i dannati comunisti che odiano la loro stessa patria e non desiderano altro che gettarla in pasto alla Jihad islamica (...)

ti ricordo che chi si vuole pulire il culo con il tricolore e presenzia a manifestazioni animate dal grido "ho un sogno nel cuore bruciare il tricolore" sono ministri di questo governo da te credo votato e voluto...non i dannati comunisti!


giulia bonometti 09.03.05 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Sempre Mario Donau scrive:
3) Giuliana Sgrena e la sinistra in genere ancora deve chiedere scusa alla famiglia del povero poliziotto ucciso....

Sicramente Giuliana Sgrena deve essere (ed è) grata e dispiaciuta per la morte di Nicola calipari. Non vedo però perchè debba chiedere scusa!
Scusa la dovrebbero chiedere coloro che l'hanno ucciso!
A me pare che si sia voluto (come al solito) fare un gran casino sulla vicenda e mescolare due episodi ben distinti.
Calipari non è mica morto per salvare la Sgrena.
calipari è morto per accompagnare un civile italiano all'aeroporto quando il civile italiano era gia stato liberato.
Questi sono i fatti non opinioni.
La Sgrena immagino che avrà sensi dolpa per indirettamente la sua vicenda ha causato il tragico episodio ma non diciamo cazzate che la colpa è sua!
Calipari è stato ucciso da militari americani negligenti che evidentemente sono abituati a sparare al minimo dubbio.

Gabriele Bernabini Commentatore in marcia al V2day 09.03.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Mario Donau ha scritto
"1) Esiste in italia una legge anti sequestri che VIETA espressamente il pagamento del riscatto attraverso il sequestro dei beni dei familiari del rapito e dei conti correnti bancari."
E' evidente che un sequestro effettuato in Iraq è cosa diversa da un sequestro a chiaro scopo estersivo effettuato in Italia.
E comunque io sono il primo a dire che sarebbe bene applicarle le leggi.. ma tutte le leggi!!.. TUTTE!!!!!
A partire dalla COSTITUZIONE!!!!
ART.11 "L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo."
Comunque è evidente che ormai tutto è opinabile ed allora prevalgono le priorità soggettive. Secondo me è prioritario cercare di salvare le vite sempre e comunque.
Secondo lei (e purtroppo molti altri) è prioritario applicare alcune leggi (ovviamente non tutte).


Gabriele Bernabini Commentatore in marcia al V2day 09.03.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento

PER MARCO LIMINTA.

Quindi Giuliana Sgrena ha inventato tutto in collaborazione con la mirabile regia islamica di Al Quaeda... e come mai l'Oscar l'hanno dato a Hilary Swank per Million dollar baby ?
Forse perché il camerino della Sgrena era buio e sottoterra ?
Forse perché non poteva andare a Hollywood a ritirarlo ?
Recitava quindi, volevi vederla pesta e piena di lividi per commuoverti e decidere che valeva il prezzo del riscatto ?
La volevi sgozzata per sdegnarti e condannare gli islamici assassini e terroristi ?
L'Iraq prima della guerra stava sotto il giogo della tirannica famiglia Hussein, sanguinaria, e potentissima.
Gli strumenti per tenere a bada i nemici politici erano le esecuzioni a cadenza regolare, torture e i gas.
Nonostante l'embargo che ha spezzato le reni e ha causato milioni di morti sopratutto tra i più deboli e i malati, Saddam Hussein investiva in armi e terrorismo.
L'unica cosa di buono di questa guerra è stata che sono stati tolti da mezzo, ma a quale prezzo ?
Hai una pur vaga idea di quante morti innocenti sono avvenute per "portare la democrazia" ?
Hai idea di come possa stare un padre di famiglia privato in una notte di bombe di moglie, figli, genitori, casa, lavoro ?
Prima stavano sotto il dittatore, ma avevano l'acqua, il lavoro, una casa.
Come ti saresti comportato tu nella loro condizione ?
Avresti forse detto :
"Eh si, certo mi hanno ammazzato i figli questi americani, ma in cambio mi hanno portato la democrazia!
Sto morendo di sete, bevo dalle pozzanghere ma quest'acqua ha il sapore della evoluta democrazia yankee !!
Dormo sotto il ponte del fiume Tigri, ma il fresco che sento deve essere quello della democrazia !"
O se fossi stato il padre o il compagno di Giuliana Sgrena non te le saresti calate le braghe e avresti fatto di tutto per riaverla a casa ?
No Liminta forse tu non l'avresti fatto perchè sei il nostro John Wayne all'amatriciana, ti pasci di informazione imparziale e ti compiaci degli ideali nobili così compostamente e responsabilmente esposti da Oriana Fallaci e compagnia bella.

Non credere a quelli che ti dicono che gli americani hanno interessi economici per stare li.
Sono assolutamente disinteressati.

Non penserai mica che gli americani abbiano ucciso dei civili, donne, bambini, anziani, malati.
Se anche fosse, questo è il prezzo della democrazia.

Anzi, ti dirò di più :
La Sgrena è il vicecapo della CIA, me l'ha detto Emilio in una pausa.
Ha staccato per dieci secondi la lingua dal culo di un signore bassottino e mi ha fatto questa confidenza.

Caro Marco Liminta, tu ragioni come uno a cui è stata portata la democrazia : a colpi di bombe in testa !

Felipe Navarro Vals 09.03.05 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Sul riscatto poi... Molti adesso dicono che non voglio più che venga pagato per eventuali nuovi rapimenti ma è evidente che si riferiscono all'ipotesi di ripamenti di persone di sinistra perchè vorrei vedere cosa avrebbero detto se la rapita fosse stata di destra.
Roba da matti.
Io pagherei (potedo) qualsiasi riscatto per vedere libero qualsisi ostaggio di qualsisi fede politica esso sia.


1 Esiste in italia una legge anti sequestri che VIETA espressamente il pagamento del riscatto attraverso il sequestro dei beni dei familiari del rapito e dei conti correnti bancari.

2 La suddetta legge, molto dura, fu promossa alla fine degli 80, con il voto a favore anche dell'allora PCI, e ha portato in pratica alla fine dei sequestri in Italia.

3 Giuliana Sgrena e la sinistra in genere ancora deve chiedere scusa alla famiglia del povero poliziotto ucciso; dopo il rapimento delle 2 Simone, gli Esteri avevano avvisato tutti i giornali di NON inviare più inviati nelle zone cosidette a rischio, direttiva puntualmente disattesa dal Manifesto; sarebbe come se durante la guerra del Vietnam, che pure ha avuto una vera copertura giornalistica, molto più dell'Iraq, dove invece le immagini sono sempre di repertorio, un'inviata occidentale fosse andata ad intervistare i Vietcong.....

4 L'ipocrisia dei ns politici, pronti a polemizzare tra loro per questioni elettorali, gli uni cone la tesi dell'agguato, come se Sgrena fosse portatrice di chissa quale verità, gli altri che ancora insistono sulla missione di "pace" delle ns truppe, è ormai insostenibile....

Berlusconi paga il riscatto dei sequestrati perchè non avendo ETICA di stato, ritiene più spendibile politicamente in Italia la liberazione dell'ostaggio piuttosto che la sua uccisione;questo ovviamente è vero, ma andatelo a dire ai familiari di Moro o alle persone assassinate dall'Anonima sequestri in Italia perchè alla famiglia è stato impedito di pagare.......; la sinistra ovviamente sa tutto ciò, ma tace per interessi di bottega.
Questa conferma l'impressione del teatrino politico in atto in Italia, da molti, troppi anni.......
Parole come INTERESSE NAZIONALE, patria, ecc, sono assenti dalla politica da troppo tempo....e ci voleva la morte del poliziotto buono per ricordarlo a tutti.....

Mario Donau 09.03.05 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Per Liminta.

Non ho capito se la sua lettera è vera o ironica, giuro... non ho capito davvero.

Gion Uein 09.03.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

ieri a ballaro il ministro castelli ha di chiarato che è gia un"ottimo risultato" il fatto che gli americani abbiano accettato una commissione mista per indagare sull'omicidio di nicola calipari(un colonello americano darà i compiti ai nostri commissari). Questa cosa mi inquieta perchè, almeno per me, questo fatto più che un "ottimo risultato" dovrebbe essere una cosa dovuta essendo noi coinvolti, e mi dimostra lo strapotere internazionale senza freni e regole che stiamo erroneamente dando all'ammiinistrazione americana. il ministro pubblicizzava questo grande evento bullandosi che l'abbiamo ottenuto grazie all'amicizia che lega il nostri paesi, e che la sinistra ai tempi della strage del cermis(non so se si scrive così)non era riuscita ad ottenerlo. domando a castelli è colpa della sinistra se l'amministrazione americana vuole, sentendosene in diritto, agire in maniera solitaria in tutti i casi internazionali che la riguardano? dico anche a castelli che se, fosse veramento amico dell'amministrazione bush, dovrebbe dirgli quando sbaglia, come si fa in una amicizia. perchè il nostro governo ha taciuto quando si trattava di dire ad un amico che "forse" a falluja aveva esagerato? perchè ha taciuto dopo le sconvolgenti immagini delle torture e delle sevizie subite dai prigionieri iracheni? perchè ha taciuto quando gli americani hanno deciso che la crocerossa internazionale non poteva più entrare a fallujia? so che i militari italiani non sono afallujia, come si giustificava castelli ieri dopo un video sulla situazione della città dopo l'attacco, ma questo non giustifica un silenzio. quei feriti e quegli sfollati non hanno diritti? io non sono anti americano, anzi amo l'america, ma questo non vuol dire che devo tacere quando in campo internazionale sbaglia, amo anche mia moglie, ma quando fa una cazzata quantomeno glielo faccio notare. se mia moglie non rispettasse le regole che unanimamente sono state votate dal mio condominio non dovrei chiedergli di rispettarle? l'america ha o non ha deliberatamente attaccato l'iraq senza l'ok dell'onu?? il fatto che ora l'onu abbia chiesto aiuto per l'iraq non vuole dire che la patria potesta del paese sia americana, ma che ci sia cooperazione internazionale e regole internazionali uguali per tutti. ricordo anche che non sono i nemici comunisti a non riconoscere una relazione di una onlus dove si denuncia il genocidio di fallujia, non sono i bolscievichi a non avere firmato il trattato di kyoto, non sono io a pretendere di dettare regole in tutto il mondo. penso che la morte di nicola sia stato un incidente, non voglio pensare a altre cose, ma se così è stato perchè ogni giorno viene fuori una scusa nuova?? la nuova è che la truppa era in allerta per il passaggio di Negroponte, è poi passato di li??? spero che questo caso non si chiuda con la colpevolizzazione dell'eroe morto, o del ragazzo militare comprensibilmente impaurito anche dale auto ferme. come al solito.

michele martini 09.03.05 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Pocaterra Fabbri Andrea il 08.03.05 22:24


E' veramente imbarazzante leggere certe cose!
Più che pocaterra c'è poca(pochissima)materia grigia.

scusate lo sfogo personale!!!

renato catti 09.03.05 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con Gabriele,finalmente un commento intelligente,senza scimmiottare quello che ci viene propinato quotidianamente..

Silvia Carnio 09.03.05 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Io veramente non finisco mai di stupirmi di come ragiona tanta gente. Il nostro è un Paese che solo pochi giorni fa sembrava (giustamente) unito nel lutto ed anche contento per la liberazione di una donna ostaggio di rapitori e terroristi.
Sono passati pochi giorni e le polemiche sono su tutto e dappertutto.
Sono passati pochi giorni e molta gente sembra quasi dispiaciuta che quella donna oggi sia salva.
Ma cosa ha fatto o dichiarato di cose grave per esser odiata?
La sua colpa è stata quella di esser sequestrata e di essere una giornalista di sinistra?
Ha detto che i suoi rapitori durante la prigionia non l'hanno tratta male.. e allora?.. Ha detto una cosa che solo lei può sapere. Perchè scandalizzarsi? Non significa mica che quei delinquenti non sono delinquenti.
Sul riscatto poi... Molti adesso dicono che non voglio più che venga pagato per eventuali nuovi rapimenti ma è evidente che si riferiscono all'ipotesi di ripamenti di persone di sinistra perchè vorrei vedere cosa avrebbero detto se la rapita fosse stata di destra.
Roba da matti.
Io pagherei (potedo) qualsiasi riscatto per vedere libero qualsisi ostaggio di qualsisi fede politica esso sia.
Basta con le polemiche!!
Stupide e fatte da stupidi!!!
Gia ci pensano i politici ad innervosire quando appaionoin televisione per favore evitiamo di farlo anche fra noi cittadini.
E' morta una persona evidentemente eccezionale nel compiere una missione che grazie a lui ha avuto successo. E' stata salvata una vita grazie a Nicola Calipari.
Quanto è accaduto dopo è un'altra storia, triste storia. Nicola Calipari è stato ucciso (non lo chiamerei esattamnete "incidente" perchè quando si spara con la mitragliatrice contro un'auto non è un caso accidentale se poi qualcuno muore) da dei soldati americani evidentemente non adatti a fare quello che stanno facendo.
La cosa su cui soffermarsi a ragionare non è tanto se c'è un complotto (non credo assolutamente ci sia alcun complotto) ma piuttosto quante altre persone sono state uccise esclusivamente per la negligenza e l'incapacità di quest militari? Però se i morti sono civili iraqeni non importa molto...
Ancora una volta i mezzi di informazione (basta leggere la prima pagina di LIBERO di oggi, ma anche il taglio dei servizi e dei programmi televisivi tipo quello del pessimo Vespa) i mezzi d'informazione hanno dato informazioni faziose e spesso orientate solo a denigrare la Sgrena e difendere (per quanto possibile) gli Stati Uniti. E' uno schifo che cosi' tanta gente abbia seguito questa sorta di propaganda ed addirittura la condividano.

Gabriele Bernabini Commentatore in marcia al V2day 09.03.05 08:04| 
 |
Rispondi al commento

Sgrena, vergogna!

Mentre la Sgrena stava ancora “prigioniera” in Iraq, Scolari indiceva inutili e quantomai opportunisti scioperi della fame (a cui lui nemmeno partecipava tra l’altro) e i telegiornali facevano a gara come sempre a chi manda in onda il servizio più tragico e strappalacrime, c’era qualcuno che sperava che una volta tornata in Italia, essendo una giornalista di fama, non si comportasse con tutta la disgustosa ipocrisia, l’ingratitudine, la stupidità e la faccia tosta delle due ragazzine di nome Simona, grazie alle quali moltissimi italiani sono rimasti disgustati e hanno prestato molta meno attenzione a quest ultimo rapimento. Purtroppo ora che è tornata e può parlare, ha saputo fare anche peggio delle due Simone! Lasciamo perdere quel povero mentecatto di Scolari che si inventa di sana pianta balle per strumentalizzare la vicenda, dato che nemmeno si meritava di veder rese pubbliche le sue parole. Ma parliamo della Sgrena! Ha avuto il CORAGGIO di dire, come le altre due là, di non essere stata trattata male, che stava bene! Ma dove diavolo lo trova il coraggio di dire ste cose dopo che sono stati pagati miliardi per liberarla, DOPO CHE UN UOMO E’ MORTO PER LIBERARLA!!??? Deve proprio odiare il suo paese!! Cosa mi dite di tutte le accuse all’Italia che confida ai giornalisti stranieri?? E suo padre, quel camicia rossa rincitrullito che osa dire di capire i rapitori!! Beh, certo, la causa viene prima di tutto, anche della propria figlia! CHE SCHIFO!!
Come se non bastasse ora la Sgrena ha anche rivelato che quel filmato in cui piangeva, era DRAMMATIZZATO AD ARTE su richiesta dei rapitori. Cioè in poche parole che stava recitando, che in realtà stava molto meglio di quanto sembrasse! Lo ha detto lei! Dopo che la gente ha sofferto per lei, si è preoccupata, si è data da fare, ha pagato, è morta per lei??!! CON CHE CORAGGIO?? Deve solo andare a nascondersi e stare zitta!!!
Almeno le due teste di capra maestrine del buonismo si erano limitate all’ingratitudine e alla menzogna, ma con la Sgrena si tratta di propaganda politica!
Ci ha preso per il culo, amici(?) miei, in combutta con i suoi amici “resistenti” e con i dannati comunisti che odiano la loro stessa patria e non desiderano altro che gettarla in pasto alla Jihad islamica! Come minimo si meriterebbe di essere rispedita in Iraq, lei e suo marito, a calci! Anzi, andrebbe aperta una causa giudiziaria sul suo comportamento, sulle sue menzogne, sulla sua strumentalizzazione! Ma qua siamo nella repubblica dei mezzi preti, dei magistrati venduti alla sinistra e dei politici paciocconi che non sanno prendere decisioni ferme!
Ma questa è l’ultima volta, ah, sì! Se ci provano ancora a rapire qualcuno della loro risma, COL CAZZO che lo si libera coi nostri soldi!

PS Io non sono americanista, anzi, ritengo gli USA un paese pieno di problemi gravissimi, senza storia e senza cultura e nonostante questo arrogante. Ma credo anche che ORA gli USA sono il nostro alleato con qualcosa di molto peggiore di loro: la minaccia islamica! E non datemi del cacciatore di streghe, perché lo si vede e sente ogni giorno quante barbarie vengono perpetrate in nome di Allah! (e per intenderci io non sono né ciellino né troppo simpatizzante nei confronti della chiesa, anzi..)

PPS Basta parlare delle armi di distruzione di Saddam Hussein! Certo che finché l'ONU avvisa due settimane prima dell'arrivo dei suoi ispettori in una locazione, andiamo bene!! Che facevano, prenotavano anche la suite in anticipo per sicurezza?

PPPS Oriana Fallaci è una GRANDE giornalista e scrittrice, una delle ultime persone che non si nascondono tremebonde e paurose piuttosto che dire la verità!! è una grande giornalista e una grande donna, a prescindere dalle sue idee politiche, e auguro al mondo di avere sempre persone come lei!

Marco Liminta 08.03.05 23:43| 
 |
Rispondi al commento

Si sta parlando del pericolo di una recrudescenza di antiamericanismo, ma speriamo!!!
Io sono fierissimo di essere antiamericano, lo sono sempre stato, all'inizio per via dei film western dove tenevo per i pellerossa che sono stati prima imbrogliati con i trattati e poi massacrati, poi prendendo coscienza del mondo ho scoperto il resto sulle colpe americane: i vari Golpe in giro per il mondo(Argentina, Cile, Nicaragua, Iran, ecc.) il Vietnam, l'aiuto all'alleato Pol Pot in Cambogia che massacrò un terzo della popolazione cambogiana.
Probabilmente se si facesse un conto dei morti propiziati dal paese della libertà, il risultato sarebbe uguale o addirittura superiore a quelli provocati dai nazisti, durante la loro "attività ventennale" oppure dai comunisti sovietici.
Fatto sta che adesso l'unica potenza mondiale rimasta sono gli Stati Uniti che io considero il vero impero del male.
In conclusione la brutta faccenda di Giuliana Sgrena e del povero Nicola Calipari é solo una delle tante malefatte americane mai stati prepotenti come adesso!!
Probabilmente molti non saranno d'accordo con me per il fatto che "bisognerebbe ringraziare gli americani per averci liberato nel '45" ma i fatti di cui sopra restano, e vorrei aggiungere che forse Giuliana Sgrena in quell'agguato doveva morire per non riportare notizie in patria, spero solo che gli americani non abbiano programmato il tutto insieme al governo italiano, strano il fatto che l'attesa liberazione della Sgrena sia proprio avvenuta durante il Festival di Sanremo e il ritorno della salma di Nicola durante la serata finale, meditate gente meditate....
....spot per un governo in crisi di credibilità, pensate, liberare una giornalista comunista sacrificando un uomo dello stato... dite che non é possibile??!!
Un saluto a tutti!

Pocaterra Fabbri Andrea 08.03.05 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Quella "giornalista" di nome Fallaci non scrive niente, in compenso ci pensa quella "gran giornalista" della Sgrena a continuare ad aprire bocca..

Giorgio Rossi 08.03.05 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Non trovo le parole giuste, le più profonde e significative per onorare la memoria di un mio concittadino che è caduto perchè credeva nel valore più alto esprimibile da un uomo: la difesa del prossimo.
Nicola Calipari è l'unica persona che mi sento di chiamare EROE da quando la marionetta Bush ha voluto iniziare quest'investimento economico che qualcuno chiama guerra e qualche altro addirirttura "portare la democrazia".

Voglio affidare il mio pensiero al linguaggio dei simboli matematici: e un linguaggio semplice e chiaro che non si presta ad ambiguità: -----

(!= si legge "diverso"; => si legge "implica") --------------------------

(ARMI = GUERRA)-----------(DEMOCRAZIA = PACE) -------------

(PACE != GUERRA => DEMOCRAZIA != ARMI)-------------------------

---------------------VIA tutte le truppe dall'Iraq--------------------------------------

P.S. Com'è che adesso quella "giornalista" di nome Fallaci non scrive niente? Non dà un segno di indignazione per il fatto che dei ragazzini esaltati chiamati esercito americano uccidono i veri pochi eroi che ci sono in Iraq? Ah già, dimenticavo che prendersela con l'orco fa vendere più favolette.

Massimo Malara 08.03.05 18:23| 
 |
Rispondi al commento

Quello che non viene detto da nessuno è che il debito americano,
inteso come debito interno ed estero, ha superato di molto quello che
all'epoca ha fatto sprofondare il paese nella crisi nera del 1929.
Ma snoccioliamo qualche dato: il totale del debito pubblico sommato a
quello commerciale delle corporate USA è arrivato a quota 33mila
miliardi di dollari[1], che tradotto in numeri è corrisponde a
33.000.000.000.000 dollari, e in vecchie lire:
66.000.000.000.000.000, cioè 66 milioni di miliardi.
Non male come debito, vero?
Questo immenso valore che corrisponde al 294% del PIL, il Prodotto
Interno Lordo, ha superato però anche il record precedente della
Grande Depressione del 1929, che era del 270%. Quindi 76 anni dopo il
terribile crollo di Wall Street, la situazione economica del paese ha
superato di ben 24 punti in percentuale il rapporto debito/PIL
dell'epoca!

Nonostante questi dati, c'è qualcuno che è molto più pessimista: il
miliardario statunitense Warren Buffet ha stimato un buco di ben
180mila miliardi di dollari, pari a 17 volte il PIL.
Capirete a ben donde, che sulla situazione economica di un paese come
gli Stati Uniti d'America, e cioè del paese fautore della democrazia
e della libertà, vige la massima e più assoluta segretezza, o se
volete, disinformazione.
Comunque sia, è sotto gli occhi di tutti come, dalla deflagrazione
della bolla finanziaria speculativa della "new economy" all'inizio
del 2000 che ha bruciato letteralmente moneta per 8,5 mila miliardi
di dollari, la situazione è andata peggiorando, proprio durante la
politica da far west del texano George Walker Bush junior. Però è
anche vero che è stato proprio il presidente-guerriero a tenere su
l'economia con le guerre preventive, perché se la macchina bellica si
dovesse inceppare, per qualsiasi motivo, i nodi verrebbero subito al
pettine. Ecco perché ogni, più o meno 2 anni, si deve mobilitare
l'esercito USA!
Abbiamo avuto nel 2001 la guerra in Afghanistan - immediatamente dopo
il crollo delle Torri Gemelle che hanno, guarda caso, sostituito il
crollo di Wall Street -, poi nel 2003 (dopo 2 anni!) c'è stata la
guerra in Irak, che continua tuttora. Per cui se il ragionamento
fila, dovremo attenderci quest'anno, nel 2005, una guerra contro
qualche obiettivo militare. Nella lista nera ufficiale c'era l'Irak
(che adesso è una democrazia rappresentativa, sic!), e c'è Iran,
Corea del Nord e Siria; nella lista, ovviamente non ufficiale, ci
sarebbero tutti gli stati del mondo che vanno a toccare gli interessi
economici e/o energetici degli Stati Uniti, e tra coloro ovviamente
rientrano quelli che hanno avuto la bruttissima idea di passare dal
dollaro all'euro: Irak (nel 2000), Corea del Nord (2002), Venezuela
(2000) e Iran (2002).
Proprio quest'ultimo è un paese membro dell'OPEC, e nel corso del
2002 (secondo le dichiarazioni di un membro della Commissione
Parlamentare per lo Sviluppo) ha iniziato ha convertire il 50% delle
riserve della Banca Centrale Iraniana da dollari a euro, e anche la
Corea del Nord, agli inizi di dicembre dello stesso anno, ha
annunciato il passaggio alla valuta europea per i suoi scambi
commerciali.
Non è una strana coincidenza che i paesi che hanno iniziato a
scegliere l'euro al posto del dollaro sono diventati "l'Asse del
Male"?

Avrete capito che non c'entra nulla la produzione di armi nucleari da
parte dell'Iran e della Corea del Nord, come d'altronde non
centravano assolutamente nulla le armi di distruzione di massa di
Saddam Hussein: sono solo scusanti mediatiche per convincere
il "gregge disorientato", come lo chiama simpaticamente Noam Chomsky
[2]. L'obiettivo è invece quello di bloccare con le "armi della
democrazia" USA: missili, bombe intelligenti, napalm e uranio
impoverito, ogni forma di comportamento che possa mettere a
repentaglio l'allarmante situazione economica statunitense, o che
possa creare un precedente per altri paesi (magari agli undici paesi
membri dell'OPEC).
Guerra a parte, per comprendere l'origine di tutta questa gravosa
situazione bisogna tornare indietro nel tempo di quasi un secolo, per
la precisione fino al 23 dicembre 1913, data questa della "federal
reserve act", e cioè della legge sulla "riserva federale" che ha
stabilito il nuovo sistema bancario nazionale (assolutamente
fraudolento) basato non più sull'oro ma sul niente. Questa è la più
grande truffa che sia mai stata fatta.
Tale legge ha infatti creato la banca centrale, la Federal Riserve
(banca privata e non governativa nelle mani dei Burattinai), che ha
un enorme potere, quello di stampare carta-moneta. Da quel momento la
Federal Reserve ha iniziato a stampare moneta priva di controvalore,
per cui carta-straccia, e non si più fermata.
Detto in parole povere: la banca privata chiamata Federal Reserve, ha
stampato dal 1913 montagne di dollari privi di valore che hanno
inondato il mondo intero. Tutti i vari paesi industrializzati e non,
se li sono accaparrati - perché il dollaro è la moneta di scambio
principale - convertendo addirittura le proprie riserve nazionali.
Morale: tutti i paesi del mondo hanno fatto riserva e incetta di
questa carta-straccia, e oggi purtroppo per noi, è arrivato il
momento di passare alla cassa!

Una delle soluzioni praticabili dai governi, per tentare di risolvere
la crisi e economica o almeno limitarne i danni, sarebbe quella che
fu messa in atto dal presidente John F. Kennedy nel 1963 (esattamente
50 anni dopo la nascita della Fed!). Con l'ordine esecutivo 11110
Kennedy dava al Ministero del Tesoro (invece della FED) il potere
di "emettere certificati sull'argento contro qualsiasi riserva
d'argento, argento o dollari d'argento normali che erano nel Tesoro".
In pratica, per ogni oncia d'argento contenuta nei forzieri del
Tesoro, il governo poteva emettere nuova moneta; moneta con
controvalore!
In tutto Kennedy fece stampare ben 4,3 miliardi di dollari (8600
miliardi di vecchie lire di allora), e questo stava per mettere fuori
gioco la Federal Reserve, perché permetteva al governo di pagare il
debito, liberandolo dalla stretta mortale della banca centrale! Una
cosa non da poco. Infatti qualche mese dopo e nella città simbolo del
denaro e del gioco d'azzardo (?), Kennedy viene assassinato
deliberatamente. Un avvertimento chiaro ai futuri presidenti che
avessero voluto estinguere il debito. E infatti, la prima cosa che
fece il presidente Lyndon è stata proprio quella di ritirare tutte le
monete emesse da Kennedy.
Monete che avevano una particolarità molto interessante: invece della
scritta "Federal Reserve Note", che sta a indicare, ieri come oggi,
la "proprietà privata" dei soldi della banca privata centrale,
avevano la scritta: "United States Note", a sottolineare che i soldi
erano di proprietà degli Stati Uniti e quindi dei cittadini
americani. Una bella differenza!
Viene da chiedersi a questo punto chi sia l'effettivo proprietario
dell'euro. Purtroppo nella moneta europea non compare la
scritta: "Pagabili a vista del portatore", per cui non sono nostri ma
della banca privata centrale europea, la BCE! L'euro quindi è una
moneta valida solamente perché noi ne accettiamo il valore nominale
stampato sopra: un semplice numero, che non corrisponde ad alcun
controvalore di oro e/o argento! Quindi dal punto di vista teorico,
le banche in futuro potrebbero rifiutarsi di riconoscere e accettare
questa moneta proprio perché NON è pagabile al portatore.
Probabilmente non succederà mai, ma per non saper né leggere né
scrivere, è bene che ci prepariamo psicologicamente ad accettare
nuove monete prive di interessi (che creano solamente il debito) e
molto lontane dalle banche.
Uomo avvisato..."

Antonella Cutolo 08.03.05 16:14| 
 |
Rispondi al commento

E' vergognoso vedere tutti quei politici ai funerali, parlare di patria, sacrificio, lealtà ed altre cose del genere, quando loro per primi sono il contrario di tutto questo.
Stanno strumentalizzando la morte di un uomo perbene, cercando di girare le cose a loro favore.
Cosa ci facciamo in Iraq? Nulla. Quanta gente è già morta? Tantissimi, già solo di nostri connazionali troppi.
Per cosa? Due lire e due contratti..., ma si vergognino.
Adesso ancora più di prima, via le nostre truppe dall'Iraq. Possiamo utilizzare tutti i soldi che spendiamo per il mantenimento del nostro contingente per motivi umanitari in Iraq, per appoggiare iniziative ed organizzazioni serie.

Ma so già che non sarà così, chi si oppone verrà marchiato come anti-patriota, ed altre cazzate del genere.

Sono profondamente disgustato, mi dispiace tanto per il povero Nicola Calipari, per la sua famiglia e per quelle persone che ogni giorno soffrono per questa assurda guerra.
Mi domando: come possono i nostri politici dormire tranquilli la notte con tutto quello che succede e che hanno sulla loro coscienza?
La risposta è che non gliene importa nulla, a parte qualche lacrima e discorso di circostanza da fare nelle occasioni ufficiali.

Ciao a tutti
Mauro Vaerini

mauro vaerini 08.03.05 14:48| 
 |
Rispondi al commento

L'esponete Cicchitto di Forza Italia (anche se viene chiamato "azzurro" dai mezzi d'informazione forse perchè suona meglio) nel ruolo di portavoce del maggior partito di Governo oggi in Parlamento ha detto, fra l'altro, queste esatte parole :

"Ribadiamo il giudizio che ritirare le truppe oggi vorrebbe dire arrendersi ai tagliagole e a gente come i rapitori di Giuliana Sgrena e come gli assassini di Fabrizio Quattrocchi e di Enzo Baldoni"

Se non cono completamente rincoglionito e se ho appreso bene il significato delle parole, VUOL DIRE CHE NOI SIAMO IN IRAQ NON PER UNA MISSIONE UMANITARIA E DI PACE MA PER NON DARLA VINTA AI TAGLIATORI DI GOLE? QUINDI NOI RIMANIAMO IN IRAQ PER UNA SORTA DI RIPICCA? PER NON DARGLIELA VINTA?... E' QUESTO IL MOTIVO?
Qualcosa non va

Gabriele Bernabini Commentatore in marcia al V2day 08.03.05 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Interessante la versione dell'amministrazione Bush,
che per certi aspetti dimostra quanto l'intelligence abbia
da dire la sua in merito alla questione Sgrena.
Oggi al "tiggìuno" hanno nominato addirittura Negroponte!
Caspita... è stata la prima volta che un tiggì ufficiale lo cita.
Se non la prima una delle rare ...
Tutti più o meno sanno chi è Allawi... un po meno chi è Negroponte.
La "pattugila errante sparatutto" secondo il Pentagono
sorvegliava il passaggio della colonna dell'ambasciatore-macellaio. In un mio precedente post mi ero spinto
troppo avanti ricordando il curriculum di questo individuo, sostenendo che non mi sarei meravigliato del fatto che tali azioni rientravano nel modo di operare di certi figuri.
La storia puzza ancor più dopo questa sbavatura commessa dalle pubbliche relazioni del Pentagono...
Devono solo ringraziare lo stato d'ignoranza nel quale è tenuta la gente se nessuno trae ovvie conclusioni, a volte meno complicate delle migliaia e inutili tesi che i nostri politicanti sbandierano ai quattro venti.

Giordano Bruno 08.03.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Spett.le Signora Visentin, la vorrei tranquillizzare, se parte dell'elettorato fosse stato veramente plagiato dall'astuto trozkista mangiabambini che consigliava ai minus habens di mettere una croce sopra falce e martello per esorcizzare il pericolo rosso incombente, questo sarebbe stato il tema portante degli spot della sinistra per le prossime elezioni amministrative.
L'attento pubblicitario non si sarebbe mai fatto sfuggire un cavallo di troia così incisivo per una campagna elettorale.

Così non è stato.

Vedrà che è solo una leggenda metropolitana.
Credo inoltre che Lei sia ingiusta oltre che scorretta nei confronti degli elettori del Polo e delle loro capacità mentali.

In ogni caso :

1) se l'elettorato grigio del polo è stato effettivamente plagiato, è preoccupante realizzare quali altre persone abbiano legittimato l'attuale governo.

2) se l'elettorato grigio non è stato plagiato dall'infame comunista probabilmente ho ragione io; saranno le solite cazzate alla Emilio Fede.

Felipe Navarro Vals 08.03.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma la gente conta proprio i peli nel sedere alla gente...
Sono partito dicendo che Cuba è una dittatura, e se dico dittatura comprende tutto quello che vuole dire!!!
DITTATURA: forma di governo in cui il potere statale è concentrato nelle mani di una sola persona, la quale, dopo averlo conquistato con azione per lo più violenta e anticostituzionale, lo esercita, indipendentemente dall'appoggio popolare, in forma dispotica, sopprimendo ogni espressione di libertà.
Ok?O serve anche un disegno?
Cito: "Castro vi sta simpatico", ma tu dove l'hai letto, l'ho mai scritto?
Quando mi riferivo che ci sono posti in cui si sta peggio mi riferivo a Ruanda & co., e non dite che non è vero...
Vi ricordate il genocidio dei Tutsii da parte degli Hutu?li ha cagati qualcuno?No!Ma chi vuoi che se ne freghi, lì il petrolio non c'è...E' non rompete che il petrolio non c'entra!
Gli Americani sono ARROGANTI, se ne strafregano di tutto e di tutti, avete presente l'accordo mondiale sulla diminuzione dell'effetto serra? Qual'è la nazione che non ha voluto partecipare? Fosse stata la svizzera che è piccolissima, ma guarda caso è una di quelle più grandi ed inquinanti che esistono sulla terra!!!
Se ne fregano dei loro cittadini che muoiono per strada senza assistenza, immaginate cosa gliene può fregare delle altre popolazioni.
Tornando ai fatti odierni, sono d'accordo anche io che la verità non si saprà mai, almeno la certezza assoluta, però non voglio dire che l'abbiano fatto apposta, spero che veramente si siano sbagliati (naturalmente qualcuno deve pagare).

L'importante è ricordare che ogni tipo di estremismo che miri alla libertà delle persone è da condannare....
Ma non lo devi combattere con lo stesso metodo, altrimenti diventi uguale a lui...

Speriamo di rivedere a casa loro tutti i soldati di questa guerra il prima possibile...

Paolo Nick 08.03.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Dalle cose che dice la signora Visentin si capisce che Emilio Fede non è solo un pagliaccio ma è anche il direttore di un telegiornale nazionale. Signora non è dando contro ai comunisti che riesce a rispondere a queste cose; non è facendo paragoni su quali nazioni abbiano ammazzato di più che giustifica i morti ammazzati, discorsi tipo: ne ha fatto di più la Russia perciò viva Pol Pot!! Sono, se ne renderà conto anche Lei (spero) assurdi;
Signora, e indignandosi contro tutte le guerre, contro i comunisti che fanno i "furbi" ai seggi e berlusconi "furbo" al suo seggio (sia quello di Arcore che quello in parlamento), i gulag e Auschwitz, ecc..., che ci salviamo dall'inquadramento mediatico.
Delle “cagate” di 4 Cobas (vedi 10, 100 ,1000 Nassirya), e di esempi tipo il comunista che circuisce i vecchietti al seggio né abbiamo piene le scatole. Davvero!!. Sono comportamenti esecrabili, e siamo tutti d’accordo. Ma davvero crede che Bertinotti crede nell’efficienza dello sterminio di massa?? O si possa mettere a costruire gulag in giro per l’Italia?!! (che pena…)
Signora questa guerra è stata fatta unicamente per interessi politici, ma non vede che le armi di distruzione di massa le ha anche la Corea del Nord e un altro paio i stati ma a nessuno frega niente. Che se si parla di Dittatori sanguinari l’Africa ne è piena e a nessuno frega una cippa di … Signora lei parla di guerra con una leggerezza che fa paura. Tra l'altro, pensa davvero che le persone che non sono d'accordo con lei siano tutte comuniste??

Signora ascolti meno Emilio Fede e non si indigni a senso unico.

Luca Floris 08.03.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

hai sempre insistito tanto sull'importanza delle parole, dei significati che vengono cambiati per confondere e distrarre la gente. Anche in questo caso i significati delle parole vengono stravolti violati calpestati...chi sono gli eroi? Calipari che protegge la Sgrena pagando con la vita o i SOLDATI morti a Nassyria? L'eroe è chi sacrifica la propria vita per una causa nobile o chi per soldi o per gloria è pronto a sacrificare quella degli altri? I soldati che sono in Iraq sono dentro ad una guerra sporca e inutile e uccidono come sempre in guerra, e per di + "sbagliano" e ammazzano gente invitata ad un matrimonio, sbagliano e ammzzano Calipari, sbagliano e fanno saltare case e chi ci è dentro...e i nostri SOLDATI sono lì insieme agli americani e sono come gli americani, pronti ad uccidere perchè sono in guerra e in guerra si uccide.

giulia bonometti 08.03.05 11:38| 
 |
Rispondi al commento


8 MARZO 2005

Nell’occasione dell’8 Marzo desidero rivolgere a tutte le donne un appello a riflettere sulla nostra società globalizzata dagli interessi economici dell’Occidente, che ha annullato ogni mediazione politica, ogni etica, e sta portando il mondo, ormai formicaio impazzito che produce in modo assurdo ed altamente inquinante, verso un collasso ecologico che da qui a poco produrrà disastri immani.
Le forze che guidano con pugno di ferro questo “sviluppo” sono potenti organizzazioni multinazionali, organismi quali Wto, Fmi, Banca Mondiale, supportate dalla potenza militare Usa, che con le 850 basi militari in tutto il mondo, minaccia, ricatta, interviene per continuare a sfruttare materie e manodopera a basso costo, che costituiscono buona parte dei profitti e della ricchezza occidentale.
Gli Usa, infatti, che sono il 5% della popolazione mondiale, consumano il 40% di tutte le risorse, da quelle alimentari a quelle energetiche, e inquinano nella stessa proporzione, risultando i più grandi inquinatori del pianeta.
Quella del nostro tempo è la più grande occupazione colonialista che vi sia mai stata nella storia, più subdola in quanto sbandierata come espansione della democrazia e della libertà, che utilizza i contrasti etnici e religiosi, il terrorismo, per estendere il proprio dominio economico e politico, creando regimi fantoccio, corrompendo le oligarchie al potere, riempendo gli arsenali militari dei propri alleati, utilizzando l’omicidio politico e la tortura, dappertutto vi siano presenti gli “interessi vitali” Usa: praticamente in tutto il mondo.
Tutto questo meccanismo globale, in cui il Pentagono è “il braccio armato di Wall Street”, ha un solo punto debole: le enormi quantità di merci che vengono movimentate e controllate da questo sistema hanno bisogno di sudditi obbedienti e inquadrati che le acquistino.
Tutto l’apparato mediatico (Tv, pubblicità, moda) di proprietà degli stessi capitalisti è impegnato in tutto il mondo, ogni anno, ogni giorno ed ogni minuto, a fabbricare i sudditi obbedienti di cui sopra e fino ad ora i loro programmi sono andati a buon fine. Gli enormi profitti del “sistema globale occidentale” riescono a chiudere il cerchio e a finanziare le immense spese per le macchine militari e mediatiche.
Solo la conoscenza di questo meccanismo e la nostra coscienza di individui, che non vogliono con i loro consumi finanziare questo sistema che porta guerre e distruzione del pianeta, possono bloccare il meccanismo.
Per la prima volta nella storia, un movimento globale, basato sulla consapevolezza e su l’etica sociale, può mettere in crisi strutturale, economica, il millenario ricorso alla guerra e l’attuale distruzione degli equilibri naturali, per realizzare una “decrescita felice” a misura d’uomo.
Io chiedo a tutti, ed oggi in particolare alle donne –visto che fino ad oggi hanno obbedito agli ordini degli stilisti e sono state capofila del consumismo con il risultato educativo di una generazione di giovani indifferenti e consumisti-, di cominciare a prendersi la responsabilità individuale e personale di mettere in crisi, di toccare il cuore del sistema, che poi è il portafoglio, mettendo in campo il ruolo educativo quasi totale che le donne hanno nelle scuole e nelle famiglie, come portatrici di vita, contro la distruzione dell’ambiente e contro la guerra.
Oggi non vi è nessuna forza politica di sinistra che abbia un progetto antagonista al colonialismo e al liberismo selvaggio dei più forti; solo la coscienza e la coerenza personale di milioni di persone può fermare questa corsa verso il baratro, nessun alibi può essere invocato e nessuno si illuda che qualche leader possa risolvere questi problemi.
Le pecore hanno bisogni di capi, le persone consapevoli hanno bisogno di programmi chiari e di fidarsi solo della propria capacità di autorganizzazione e di convinzione.
Diminuire drasticamente tutti i consumi, a cominciare da quelli superflui e dalle merci provenienti dai paesi guerrafondai (Usa-Inghilterra-Israele), creare ovunque gruppi di acquisto che vadano ad acquistare una volta alla settimana direttamente dai produttori, acquistare nelle botteghe dell’equo e solidale, non consumare cibi contenenti Ogm, conservanti, pesticidi -per non consegnare alle multinazionale farmaceutiche milioni di malati-, ridurre al minimo indispensabile l’uso di medicine, non accettare i consigli dei medici di base a libro paga delle aziende farmaceutiche, che prescrivono psicofarmaci già ai bambini (è provato che questa pratica favorisce da adulti l’uso di droghe), non seguire gli ordini degli stilisti che ci impongono anche la personalità da indossare, e finiamola con questa ossessione per il corpo e per l’apparire.
Pretendiamo dalla politica di mettere nei propri programmi la fine della produzione e del traffico di armi limitandosi solo a quelle necessarie alla propria difesa, l’uscita dalla Nato e l’allontanamento di ogni base militare straniera dal nostro territorio, l’introduzione dell’energia solare e dell’idrogeno e senza questi impegni non si vota più per nessuno.
Nessun sistema cambia se l’economia non va in crisi. Etica, morale, volontariato, religione, politica, non contano niente in un mondo governato dalle multinazionali e dalla potenza militare.
Tutti i movimenti, che sono realmente contro la guerra e contro la fame, devono rendersi conto che vi è la necessità di una risposta globale, mondiale, ad un dominio di queste dimensioni. L’unica arma democratica possibile, praticabile già da domani, è il personale e collettivo boicottaggio di ogni merce proveniente dal sistema globale multinazionale, senza bisogno di costituire una organizzazione centralizzata che sarebbe presto infiltrata da personaggi pagati per farla fallire.
Gli Usa spendono oggi per il loro apparato militare cifre esorbitanti, sono il paese più indebitato del mondo. Se cittadini di tutto il mondo, i più coscienti, non acquisteranno più le loro merci il declino sarà vicino, il cuore è l’economia e lì bisogna colpire, ricordandoci che la globalizzazione in atto è un evento essenzialmente economico.
Per restare con i piedi per terra, ricordo che l’Unione Sovietica crollò non già per una questione politica, ma per le folli spese sostenute per raggiungere una supremazia militare contro gli Usa a detrimento del livello di vita del popolo, e per risollevasi la prima cosa che fece fu quella di far marcire e arrugginire tutti gli arsenali.
Vi è una emergenza democratica e una emergenza ambientale e se non le affrontiamo ci lasceranno senza futuro, fondamentale è diffondere questa analisi e questi obiettivi con tutti i mezzi (fotocopie, e-mail, fax, etc) dovunque, anche all’estero.
Finiamola con le divisioni tra maschi e femmine, uniamoci sugli obiettivi, basta con le mimose, le feste, le celebrazioni, festeggeremo quando non saremo più sudditi e complici del “Globale Impero”.

Movimento globale per la Pace e l’ambiente

manuel fantoni 08.03.05 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa sulla morte di Calipari ancora non l'ha detta nessuno e cioè:
SIAMO COSI' SICURI CHE GLI STATI UNITI ABBIANO SBAGLIATO BERSAGLIO?

(io non so niente come tutti.. posso solo ipotizzare ed ipotizzo che sia stato un tragico errore ma.. se veramente si dovesse prendere in considerazione l'ipotesi di un attacco premeditato, allora non vedo perchè ci debba essere la certezza che volevano uccidera la Sgrena piuttosto che un agente dei servizi segreti)

Gabriele Bernabini Commentatore in marcia al V2day 08.03.05 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Commentando su questo forum ho potuto constatare che le persone di sinistra riescono a ribattere solamente dando degli stupidi agli altri... Un ultima cosa vi racconto... fatto accaduto realmente perchè c'ero, quindi sfido a ribattere. Periodo di elezioni: i comunisti si avvicinano a persone anziane e gli spiegano che i "comunisti" sono cattivi quindi sulle schede elettorali bisogna cancellarli.. BISOGNA FARGLI UNA BELLA CROCE SOPRA... Bhè penso non sia necessario un commento a questo vero?

morena visentin 08.03.05 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto:
"complotti per la sgrena? quando verrà eletta deputata mi dovrai pagare una spuma"
La Sgrena non la conosco ma di sicuro per sedere in Parlamento non sarebbe peggiore di G.Carlucci, Bud Spencer, Iva Zanicchi.. Sbirulino, Stanlio ed Olio ecc. ecc. (vedi FORZA ITALIA).
Purtroppo è vero che Santoro e Lilly Gruber si sono candidati ma vista la censura televisiva a loro un certo alibi lo concedo (entrare politica per dire quello che un politico gli ha impedito di dire facendo il loro lavoro in televisione).. Mentre su quanto e cosa avrà da dire Bud Spencer sono propro curioso

Abbasso Berlusconi 08.03.05 08:39| 
 |
Rispondi al commento

MORENA ha scritto: "La guerra uccide le persone, le dittature no??? Forse per te ci sono i morti di classe A e quelli di classe B. Certo la morte di un americano per te non fa notizia.... (eppoi).. E per quanto riguarda il numero dei morti forse non sono stati tutti pubblicizzati quelli di Saddam, del resto anche in Russia sparivi nei gulag senza che si avessero più notizie.... è più facile.. nessuno sa nessuno si lamenta... ".....


Evidentemente chi fa informazione oggi è riuscito anche a far scuola ovviamente alle persone più preposte a recepire certe cose.
Quanto ha scritto questa Signora è l'assoluto stravolgimento delle parti (morti di serie A iraqeni e di serie B americani) eppoi come frequentemente fanno molti politici difendere la sua posizione descrivendone altre di peggiori (peggiori secondo lei) e dicendo c'è, c'è stato o ci potrebbe esser di peggio (modo di ragionare che secondo me è alquanto.. parolacce non si possono dire quindi evito).
E' stupido e banale dire che Saddam Hussein era un dittatore ed un assassino solo per questo motivo le persone più intelligenti spesso non lo mensionano nei ragionamenti, è una cosa scontata!.. Le persone più intelligenti si sorprendono però nel vedere come un Paese democratico e libero come gli USA si adoperino solo in certe situazioni e solo con certi metodi.
Sul fatto poi che Saddam Hussein abbia fatto più morti iraqeni degli USA questo è davvero da dismostrare.. putroppo temo il contrario.
P.S. la mente illuminata di cui sopra ha anche detto che i morti fatti da Saddam Hussein sono stati poco pubblicizzati mentre quelli USA molto di più (ROBA DA PAZZI!!!!!!!.. Addirittura a Saddam gli hanno anche pubblicizzato le armi di distruzione di massa che non aveva!! ROBA DA PAZZI!!!!!) E comunque il fatto di avre paragonato la missione "pacificatrice" (anche al campo santo c'è una notevole pacificazione) degli USA con Saddam e con i Gulag la dice lunga....

Gabriele Bernabini 08.03.05 08:26| 
 |
Rispondi al commento

X MORENA

Mi sembra chiaro che a la guerra ti piaccia una cifra, be' sono felice per te.
Avrai sempre di che divertirti in televisione!
(Grazie di avermi ricordato dei Gulag, io sono un essere ignorante e comunista che auspica Morte, Terrore e Miseria, adesso tra l'altro ti devo lasciare perchè ho il bambino pronto in forno). Besos

Stefano Zamboni 08.03.05 07:55| 
 |
Rispondi al commento

Onore a Nicola Calipari...

salvatore carrozzo 07.03.05 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Ieri feltri ha attaccato con arroganza Giuliana per essere la causa della morte di Nicola mentre per conto suo se Giuliana fosse morta tutto sarebbe stato regolare. Ma se al posto di Giuliana ci fosse stato ad esempio un Emilio Fede quale sarebbe stata la sua reazione. Tutto ad un tratto si preoccupa dei contribuenti criticando il versamento di un riscatto (da verificare). Quanto ci costa la villa, l'anfiteatro e il porto privato in Sardegna del Presidente del Consiglio?
Quanto è stato versato per la liberazione di quei tre "bulletti di paese" andati in Iraq armi in pugno. Quanto ci costa avere le nostre truppe a non far niente in una guerra che non ci riguarda e non solo in danaro ma anche in vite umane. Il sig. Feltri pecca un po di presunzione sostenendo che Nicola fosse lo "sbirro di Berlosconi" voglio ricordagli che Berlusconi non è lo Stato e Nicola era dipendente dello Stato e sono convinto che avrebbe agito allo stesso modo difendendo come ha fatto anche se il giornalista fosse stato di destra. E se tutto fossae andato per il meglio molto probabilmente di Nicola, riservato e professionale com'era, non si sarebbe saputo niente come successo in precedenza e uno Scelli di turno avrebbe preso tutto il merito.
Per i "filo-americani" convinti li invito a leggere e a guardare i libri e i film di Michael Moore, americano verace e non certo comunista.

alberto bazzarini 07.03.05 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Credo signora che sia lei a non essere ben informata, perché gia nell’aprile 2004 l’Organizzazione della Conferenza Islamica (OIC) ha chiesto all’ONU di adottare una risoluzione per un nuovo mandato che prevedesse il ruolo centrale delle stesse Nazioni Unite nella stabilizzazione dell’Iraq e la presenza di truppe che provengano da paesi islamici. A questo proposito, alcuni paesi a maggioranza islamica come Pakistan, Indonesia e la stessa Malaysia hanno offerto la propria disponibilità ad inviare un contingente militare.
Oggi naturalmente è difficile trovare paesi disposti ad andare in Iraq. La situazione è diventata drammatica per una serie ininterrotta di errori che sono sfociati in vere e proprie atrocità da parte di che si fa chiamare liberatore e portatore di democrazia….
Senza considerare che il mio voleva essere solo un esempio per sottolineare il fatto che di proposte concrete e realizzabili ce ne sono state e ce ne saranno ancora ma non credo che i nostri alleati-comandanti si faranno sfuggire l’affare tanto facilmente...anzi a quanto pare di affare ne stanno gia preparando un altro, si chiama Iran…!!!

raffaele marciello 07.03.05 21:33| 
 |
Rispondi al commento

Uhm, non ci sono funivie in Iraq, strano che ammazzino italiani... speriamo almeno che a questi non li promuovano di grado...

stefano mearini 07.03.05 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Bene, c'è vita sul pianeta!

Propositi: - Quante cose non so! Caro Grillo non ho una lira ma quest'anno ti vengo a sentire.

Confessioni: - Una volta ho votato Forza Italia. Ero giovane. Ma il senso di colpa mi perseguiterà a Vita.

Speranze: - Che appaia un politico che valga la pena di votare.

Grazie a tutti di esserci. Mi sento meno solo oggi che sono così incazzato.

Giuseppe Mazzini 07.03.05 20:57| 
 |
Rispondi al commento

Leggo le opinioni di tutti, divento sempre più triste... Non perchè non siano d'accordo con me (del resto siamo tutti diversi, no?), ma perchè le informazioni che abbiamo sono informazioni del c...o; perchè la soluzione non è nelle nostre mani, e ormai non è più nemmeno in quelle mentalmente deviate di chi gioca a Risiko sulla nostra pelle... L'unica soluzione è ricominciare tutto da capo, quattro uomini (due uomini e due donne, possibilmente) e un mondo da esplorare. Tanto gli USA adesso cambiano nazione. Alla fine ne rimarrà uno solo, come Highlander. Alla salute di Bush MacLoud, il bambino che crede di fare le guerre come se stesse giocando alla playstation. E noi? Pronti a scannarci, a risponderci comunque l'uno con l'altro, io ho ragione, tu torto; e passa un altro giorno, l'ennesimo in cui noi contiamo meno di zero, mentre potremmo mandarli a fanculo tutti. Violenza? Guerre? Attentati? Chi è stato a fare questo e quello? Di chi è la colpa? Ma se non sappiamo nulla delle cose di trent'anni fa! (Ustica, Piazza della Loggia, Piazza Fontana, l'omicidio Kennedy, ecc. ecc. ecc.) Cosa dobbiamo fare? Non sappiamo più un cazzo. Per questo va bene una guida qualsiasi, compreso u tesserat p2 entrato in politica per pararsi il culo. Buona serata, signori

Stefano Filippini 07.03.05 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Sig. Giotto,
Sono un po' curioso.
Beppe Grillo chi avrebbe ucciso?

Stefano Botta 07.03.05 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimo Sign. Grillo.
D'accordissimo con Lei. Esprime tutto il mio pensiero, sicuramente accompagnato da quello di tantissimi altri italiani.
Grazie. Alessandro.

Alessandro Sessa 07.03.05 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Signori miei quanti bei discorsi!
Ritiriamo le truppe, i poveri bambini....
Ma sapete cosa sarebbe adesso l'America senza guerre?
Africa.

La guerra è solo un mezzo Il fine è sopravvivere.

La guerra fa girare l'economia di uno stato meglio di qualsiasi altra cosa.
Lavorano tutti i settori:
- Tessili
- Siderurgici
- Automobilistici
- Alimentari etc etc.

Non c'è cosa più assurda della guerra per un uomo, ma non c'è cosa più utile per una nazione.

Non esiste nessun motivo, non esiste nessuna guerra vera e propria. Esiste solo l'interesse, compreso il petrolio.

La Siria, L'Iran saranno le future giustificazioni per risanare l'economia americana allo sbando.

Ma vi rendete conto che stanno saltando le maggiori compagnie?
Non stanno saltando in Messico ma in America!

Mettetevi il cuore in pace, almeno quello.

Mirco Presepi 07.03.05 17:50| 
 |
Rispondi al commento

In risposta al Sig. Raffele Marciello.

Forse non è ben informato ma non ci sono paesi islamici disposti ad intervenire in Iraq: poichè non è loro interesse la democratizzazione di quel paese.Del resto la legittimazione da parte dell'ONU non le sembra sufficiente??? Crede che ci si dovrebbe rivolgere direttamente a Dio( o (Schroder)????

albina danna 07.03.05 17:29| 
 |
Rispondi al commento

In risposta a Stefano Zamboni.

La guerra uccide le persone, le dittature no??? Forse per te ci sono i morti di classe A e quelli di classe B. Certo la morte di un americano per te non fa notizia, sei quasi come i brigatisti che dicono: NOI NON UCCIDIAMO L'UOMO UCCIDIAMO LA DIVISA.. certo ma vai a spiegarlo ai famigliari... Le guerre sono ingiuste su questo siamo d'accordo tutti ma dovresti capire che urlando slogan tipo: FATE L'AMORE NON FATE LA GUERRA nessuno ha mai risolto niente. E per quanto riguarda il numero dei morti forse non sono stati tutti pubblicizzati quelli di Saddam, del resto anche in Russia sparivi nei gulag senza che si avessero più notizie.... è più facile.. nessuno sa nessuno si lamenta...

morena visentin 07.03.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Già, già, a Cuba stanno benone...tranne chi non la pensa come chi comanda. E allora! Anche con Mussolini si stava bene, la lira era forte, la gente aveva un lavoro, i mafiosi erano in gabbia e i treni arrivavano addirittura in orario (cosa che in Italia è notoriamente fantascientifica..)!
Però il fascismo lo aborrite, mentre Castro vi sta simpatico...ma parlare con quelli che non se la sentono di condannare le foibe di Tito è come parlare coi muri, si sa...

Se Pier Scolari era così traumatizzato, perché non se ne è stato a casa a piangere invece di presentarsi bel bello a fare propaganta antiamericana su tutte le reti...non avrà mica voluto approfittare della situazione..?

Ritirarsi dall'Iraq? Comincio a pensare che sia la cosa migliore da fare: con un po' di fortuna i vostri amici "resistenti" si ammazzeranno tra loro per il potere prima di poter nuocere all'occidente...

Marco Liminta 07.03.05 16:57| 
 |
Rispondi al commento

X MORENA
"Meglio far morire questi bambini sotto dittatura??? Meglio vivere una vita di paura senza poter mai esprimere la propria opinione???"

Postato da: Morena Visentin il 07.03.05 14:00


Cara Morena, la nuova campagna Iraquena di Bush e i 10 anni di embargo precedenti hanno ucciso più bambini di quanto non avesse mai potuto fare Saddam.
NB: Io non sono un fan di Saddam.
(No perchè sapete dire solo e sempre le solite quattro cose, tanto vale spiegarsi subito).


Ma questa gente che difende la guerra non l'ha mai visto un morto?!?!? Non ha mai sofferto?! Non ha mai visto soffrire? Ma che cazzo di persone siete? Guardatevi i quiz va là...

Stefano Zamboni 07.03.05 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei provare a rispondere alla sig.ra Albina Danna la quale non vede alternative all'attuale occupazione militare per la risoluzione del conflitto iracheno.


Non credo che nessuno possa essere così cinico da pensare di abbandonare a se stesso un intero popolo, è ovvio che un intervento militare è indispensabile, ma quest’intervento non può assolutamente prescindere dal rispetto della legalità internazionale. La situazione attuale è fuori da ogni legalità e le truppe della coalizione non sono altro che truppe d’occupazione, una soluzione possibile potrebbe essere quella proposta qualche tempo fa dal cancelliere tedesco Gerhard Schröder, inviare “truppe di pace” islamiche in Iraq che agiscano sotto l’egida dell’ONU, truppe musulmane, provenienti dai Paesi islamici, troverebbero meno impedimenti nel collaborare con gli iracheni alla costruzione di un Iraq libero.
Ora però sono io a porle una domanda sig.ra Albina Danna, secondo lei saranno gli americani disposti a perdere i profitti di quel grande investimento che per loro è stata la guerra abbandonando l'Iraq ora?

raffaele marciello 07.03.05 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Come tutti, anche io voglio dire la mia, tanto ho visto che c'è un sacco di gente che parla a vanvera...lo posso fare anche io.
In primis, sono dell'idea che si stava meglio quando si zappava la terra...
Siamo arrivati ad una situazione vergognosa, io non riesco a trovare le parole per spiegare tutto quello che mi frulla per la testa quando vedo quello che accade in questo pianeta.
Penso che Cuba sia una dittatura, ma stanno meglio di tanti altri paesi.
Penso che il nostro Presidente del consiglio riesca a farci fare più figure di merda in tutto il mondo che ne il Principer Carlo alla Regina Elisabetta.
Penso che il comunismo marxista sia irrealizzabile, ma ha idee di base buone.
Penso che il fascismo sia realizzabile (ci hanno già provato), ma non devono riprovarci, perchè poi ve la facciamo vedere noi la "guerra preventiva".
Penso che Giuliana Sgrena forse ha tirato un po' la corda (come lei ha ammesso), ma anche in Vietnam c'erano giornalisti che morivano in guerra per raccontare la verità, rossa o nera che sia.
Penso che se Pier Scolari ha detto quelle cose è perchè era sconvolto dall'accaduto.
Penso che se mi veniva a salutare qualsiasi politico sull'aereo io lo mandavo a fanculo, solo Ciampi avrei gradito, per la sua onestà e dignità.
Penso che nessuno si muova se non ha qualcosa da guadagnarci, almeno nella maggior parte dei casi...
Penso che era meglio Clinton che si faceva fare i pompini.
Penso che ci sia sempre lo stronzo che ti rompe le palle e ti getta merda addosso perchè dici cose che danno fastidio...
Penso che chi rompe le scatole a Grillo perchè dice che strumentalizza tutto per fare soldi è come i commentatori da Biscardi, fa solo del casino, almeno lui le dice le cose, poi che ci tiri su dei soldi...Tanto la spesa la deve pure fare...Basta che non andiate ai suoi spettacoli no?Lasciate che ci vada io povero 25 enne che non può capire delle cose che fanno i grandi...
Penso che sono un gran maleducato, perchè ho scritto un sacco di parolacce, ma lo fanno anche in televisione dove c'è gente + grande ed acculturata di me, quindi cosa vi aspettate da uno che viene dalla campagna Riminese....
Penso che sia ora di salutare tutti perchè ho pensato troppo ed è ora che faccia qualcosa per guadagnarmi lo stipendio...
____________________________________________________________
"Invoco il Dio vendicativo di Sodoma e Gomorra"

Paolo Nick 07.03.05 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Complotto, agguato... cavolo cos'avrà mai da dire di così importante e grave la Sig.ra Sgrena per essere stata oggetto di questo intervento americano. Io non ho ancora nè letto nè sentito niente... Non è che come al solito la sinistra cerca di strumentalizzare i fatti??? 1. Se gli americani avessero voluto farla tacere l'avrebbero fatto, non sarebbe neanche atterrata in Italia. 2. Pare che il Sig. Scolari ne sapesse addirittura più della compagna.. peccato che lui non c'era. 3. Forse sarebbe meglio stare zitti e piangere in silenzio un "Eroe": Nicola Calipari.

morena visentin 07.03.05 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Sono un'aspirante giornalista e vi dirò una cosa...
Sicuramente non sapremo mai se la morte di Calipari sia frutto di un incidente o meno,ma in entrambi i casi si evidenzierebbe una terribile falla nel sistema politico-militare americano:
Se è stato un incidente dovremmo comiciare a chiederci perchè vengono mandati in guerra giovani,inesperti e perchè essi non riescono a trovare un altro impiego soddisfacente
Se non è stato un incidente dovremmo cominciare a pensare che la Repubblica Americana,famosa per le suè libertà e per i principi di ricerca della felicità,sia diventata un regime

Fabrizio Pizza 07.03.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Mi aspettavo ovviamente di sentire sputare a destra e a manca tesi complottiste, entrando in questo blog, come potrebbe essere altrimenti..?
Ma prima di dire con certezza che gli americani volevano ammazzare la Sgrena perché sapeva troppo, BALLA messa in giro da quel pagliaccio di Pier Scolari e smentita dalla stessa Sgrena, a nessuno viene in mente che se i servizi segreti di un paese come gli USA avessero voluto davvero eliminarla, l'avrebbero davvero fatto in un modo così stupido?? Neanche un deficente farebbe una cosa del genere in maniera così scoperta, sparando in mezzo alla strada da uno dei propri mezzi!! Ci sarebbero stati centinaia di modi sicuri per ucciderla senza nemmeno far sospettare degli americani: mettere una mina sulla strada e dare la colpa ai terroristi (ah, scusate, voi li chiamate resistenti..), ingaggiare dei tagliagole, mandare una squadra in segreto...
Per l'amor del cielo, bisogna veramente essere idioti per dar credito alle fanfaronate di un povero deficiente come Scolari, che come è ormai chiaro che si fa a sinistra, non esita a servirsi dei propri amici, perfino della sua compagna per strumentalizzare tutto contro gli USA...

Marco Liminta 07.03.05 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,

è morto un'uomo, è morto un'eroe,
rendiamogli onore.

Se Berlusconi è un LEADER, che ce lo faccia vedere. Venerdi sera, prima che uscisse la notizia della morta del poliziotto, e circolave quella della liberazione di Sgrena,
il TG5 ci ha fatto sentire più o meno i commenti di tutti i politici, l'unico che non ci ha fatto sentire è stato quello del nostro comandante in capo; poi tra una notizia e l'altra sul liberamento Sgrena, ci hanno detto che lui nel 2006 abbasserà ulteriormente le tasse!!!! Ma non se ne può più, ma noi italiani siamo così idioti? Secondo me si basa su tutte le statistiche di tutti quelli che telefonano o mandano sms alle trasmissioni tv (rai/mediaset/la7) a pagamento. Il TG1 ha addirittura tagliato la parte in cui intervistando il direttore del Manifesto, questi diceva che è arrivato il momento, per l'informazione in Italia, di passarsi la mano sulla coscenza, di tornare a fare di nuovo vera informazione. Iniziamo bene.

Curzio Calì 07.03.05 15:22| 
 |
Rispondi al commento


Chi ha ragione?
Chi immola la propria vita per una guerra santa (musulmana) facendosi saltare in nome di Dio o chi parte dal proprio Paese per morire in nome di una democrazia di cui nessuno sentiva il bisogno?
ANDIAMO, PARTIAMO PER LE CROCIATE A CIVILIZZARE I MORI! Dicevano un tempo e forse anche ora.
Si sa che alle guerre muoiono le persone, l'importante e' che siano solo gli altri.
Ci accorgiamo che la guerra porta lutti veri solo quando vediamo i nostri morti?
Non esiste il pensiero di destra o il pensiero di sinistra, esiste solo la domanda:
Vorresti che tuo figlio si trovasse in Iraq adesso? saresti daccordo a farlo morire per la Pace? La pace sarebbe quella che intendi Tu o quella che pensano gli altri?

Non è forse che chi ha il potere in mano (da una parte come dall'altra) come sempre pensa ai propri interessi (vedi petrolio e non solo) nascondendosi dietro agli ideali solo per poter illudere e usare la povera e purtroppo stupida gente?
Non e' che la sinistra e la destra siano ormai come le squadre di calcio, attente solo ai soldi (o ai voti) dove l'attaccamento alla maglia e' rimasto solo ai tifosi piu' accesi che credono in qualcosa che non esiste piu?.
Come diceva un comico, meditate,gente,mnditate.

mauro came 07.03.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Io sono convinto che la Sgrena come tanti giornalisti sanno come stanno le cose in Iraq,ma solo adesso,con la morte di un italiano di serie A, perchè gli altri morti non contavano,vogliamo TUTTI sapere la verità dei fatti.
Maestro Beppe hai detto una cosa giustissima sulle palle di Berlusconi,ma lui deve capire,fare sondaggi,"riflettere" molto bene su quale massimo profitto puo'trarre da una scelta del genere...Bush l'hanno rieletto PER ESEMPIO


In tutte queste chiacchiere resta una famiglia affranta su cui non bisogna speculare... con Fede

ho detto tutto

Agostino De Rosa 07.03.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Domanda per Silvia Vasco: "Meglio far morire questi bambini sotto dittatura??? Meglio vivere una vita di paura senza poter mai esprimere la propria opinione???"

Morena Visentin 07.03.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

APPENA RISTABILITA LA SGRENA CE L'AVREMO SU TUTTE LE TELEVISIONI , PER LEI UN BEL BISNESS,E NOI PAGHIAMO IL RISCATTO.
CARA MARTA PILLIU'A CUBA MANCA DI TUTTO E PER PRIMA COSA L'EGUALIANZA CI VADA E CI STIA.

felice baiocco 07.03.05 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Anche se le vere causali NON le sapremo MAI, a mia modesta opinione, la questione dovrà essere chiarita dal Governo statunitenze; non penso che ci sia dolo, ma la "colpa" giuridica di questo incidente sicuramente SI. Starà al Governo Italiano fare i passi necessari per arrivare a un chiarimento che corrisponda a verità: certo, bisogna vedere fino a che punto la sudditanza politico-economica di Berlusconi e del suo "entourage" verso BUSH prevarrà sul senso di giustizia verso il povero CALIPARI,la Sgrena e il popolo Italiano; in questo sono pinamente d'accordo con BEPPE: sarà il ns.Premier all'altezza, come politico e come Uomo, di precedenti Capi di governo non solo italiani ma europei del presente o del recente passato? Bè, spero di sì, ma non per la sua persona quanto per l'immagine dell'Italia intera. In caso contrario, se tutto si risolverà in una nuvola di fumo e in inadeguate esternazioni di solo dolore verso un destino avverso e crudele, penso che la gente comune debba incominciare a riflettere in maniera più accorta e globale, farsi un'opinione, che vada oltre il rammarico e il dispiacere, e, infine prendere coscienza della situazione politica e porvi rimedio con l'unico strumento a sua disposizione, che rimane ancora il simbolo più concreto della valenza popolare verso lo Stato: il VOTO. spero che queste mie piccole considerazioni NON rimangano pura e sola utopia.BEPPE sei GRANDE!.... un abbraccio....

Mauro Cola 07.03.05 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono anche gli errori. Ad esempio, non far intervenire, come di prassi, i caccia in occasione degli attentati alle torri gemelle, è stato un errore. Mettere in salvo tutti i famigliari di Bin Laden, è stato un errore, dire che in Iraq c'erano le armi chimiche quando in realtà NON C'ERANO, è stato un errore, fare una guerra per prendere un uomo e poi farne un'altra perchè sto cazzo di petrolio ci serve, ma si, sono errori, in fondo ci si può sbagliare no? Sogni d'oro, coglioni!
Linca

Linca Pace 07.03.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

allora: 4 miliardi di dollari alla famiglia di Calipari, 4 miliardi di dollari allo stato italiano, processo per omicidio a chi ha premuto il grilletto (colposo o simili... lo deciderà un tribunale internazionale), licenziamento con disonore ai superiori e agli addestratori di quei soldati. inoltre condanna agli USA come debitori vita natural durante verso i familiari di Calipari.
Questo è il minimo che dovrebbe accettare Bush per potersi permettere di provare a chiedere scusa.

alessandro cani 07.03.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

alla fine ha ragione chi dice che in guerra o in "missione di pace", comunque a sparare addosso a qualcuno o a farsi sparare addosso da qualcuno, l'Italia (gli altri? affari loro!) non deve andare...

salvata una vita... persa una vita...

da eroe, per sbaglio, sfiga, caso, con coraggio, senza... che importa?

persa e basta.

Massimo Vandoni 07.03.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Pare impossibile ma di come muore un italiano a certa gente interessa poco (a dire il vero a me interessa il fatto che qualcuno muoia per causa diversa da quella "naturale"... a prescindere dalla cittadinanza).

Così abbiamo un prode americano, al secolo "lutto vago" (scusatemi, non conosco la lingua), che s'è assunto il compito di tranquillizzare tutti spiegando che non è successo niente, che la facciamo troppo grossa, che non è proprio il caso di agitarsi tanto e che faremmo meglio a prendere un'aspirina, andare a letto per risvegliarci domani rilassati e sereni.

Ringraziamo per il disinteressato consiglio questo campione di sensibilità umana (che non è un imbecille qualsiasi ma uno specializzato: esperto militare fra i più accreditati al mondo) e, per ricambiare, lo invitiamo a venire a letto con noi ... magari senza alcun farmaco ... per sentire meglio quello che ciascun italiano ha da dirgli prima di addormentarsi.

Grazie beppe.

cataldi francesco 07.03.05 12:38| 
 |
Rispondi al commento

La Sgrena faceva il lavoro di giornalista come lo fanno gli altri raccontando la sua verità, non "la verità" in modo assoluto... (di Dio mi sembra che ce ne sia uno)... sprezzante del pericolo forse lo era perchè era convinta come tanti altri che sono stati rapiti e poi liberati che raccontando e scrivendo "contro" gli americani si diventi intoccabili. Il caso Sgrena mi sembra la testimonianza che ai terrosti non gliene importa assolutamente niente di quello che sei o che pensi... hanno l'interesse di continuare a fare quello che facevano con la dittatura. Ma perchè non pensate alle persone uccise dai kamikaze????

stefania gallello 07.03.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

La signora Graziella Liverani ha scritto: "Io mi chiedo soltanto : ma che C..ZO ci faceva ancora la Sgrena in Iraq quando tutti gli altri giornalisti avevano fatto fagotto e se ne erano tornati a casa ?".. La Sgrena non se n'è andata con gli altri giornalisti perchè quando il governo ha detto di andarsene era sequestrata.
Non è un dettaglio il fatto che gli altri giornalisti se ne siano andati proprio mentre Lei era sequestrata.
Tutte le opinioni hanno stessa dignità ma è bene sapere le cose prima di esprimerle.

Gabriele Bernabini 07.03.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Continuo a leggere guerra ingiusta, guerra di interesse, guerra per la spartizione... appurato che nessuna guerra è giusta, qualcuno gentilmente mi da una spiegazione di come risolverebbe la situzione in irak senza un intervento militare? Lasciarli morire tutti sotto i terroristi???? Del tipo se non mi tocca non mi interessa????

albina danna 07.03.05 12:18| 
 |
Rispondi al commento

In Iraq la Sgrena faceva il proprio lavoro, sprezzante del pericolo, come pochi altri giornalisti stavano (o magari stanno ancora)facendo. Per evitare che le notizie arrivino solo filtrate all'esercito americano che è famoso (ma in questo caso, quale paese non lo farebbe?) per far trapelare solo quello che pare a lui. Così da far vedere al mondo che gli americani usano ad esempio le "cluster bomb", bombe a grappolo, PROIBITE DALLA CONVENZIONE DI GINEVRA, con la quale gli americani si spazzano il sedere in continuazione (vedi Guantanamo, e per es il caso dell'egiziano presunto terrorista arrestato dalla CIA in Italia calpestando la nostra legislazione e la nostra autorità e indipendenza).

Ecco cosa ci faceva: non è poco! Purtroppo ne ha pagato le conseguenze!

Calipari faceva un altro mestiere: il suo era quello di salvare le persone, di proteggere, trattare, informarsi, recuperare. Possiamo dire che ha cercato di portarlo a termine nel modo migliore e purtroppo, per "sfortuna" o per qualche altro motivo che dubito salterà mai fuori, ha pagato per questo un prezzo molto più alto.

Sarà la magistratura che dovrà tentare di dare una spiegazione a questi fatti, e anche se temo che la storia farà la fine di Ustica, o del Cermìs, mi sembra importante dare alla Sgrena e alla famiglia di Calipari tutto il supporto e l'affetto che possiamo e cercare di fare il possibile per far saltar fuori la verità QUALUNQUE ESSA SIA: sia che sia stato un complotto americano, sia che sia stato un tragico errore.

Enrico Fiorani 07.03.05 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
io di politica ne so poco nulla, ma ho vissuto abbastanza tempo negli USA, per aver cocosciuto il modo di pensare degli americani: sono come dei bambini egoisti e viziati che vogliono tutto senza considerazione per gli altri, sono come quei bambini che a scuola fanno il capoclasse e la spia, sentendosi utili e riscuotendo l'ammirazione della maestra.
In generale sono convinti di essere nel giusto e solo spiegandoglielo con esempi semplici riesci a fargli capire che ci sono anche altri punti di vista.
Dei soldati impasticcati o in speed cosa vuoi che ne capiscano del valore della vita, per loro e' stato come sparare ad un poligono.
Se fosse successo a loro ne avrebbero fatto uno scandalo internazionale.
Se i nostri politici avessero una dignita', si discosterebbero e chiederebbero un risarcimento economico, visto che e' l'unico mezzo che l'americano medio conosce e utilizza per relazionarsi nella sua societa'.
Sono vicino alla famiglia del nostro funzionario che e' morto da eroe per uno sbaglio di alcuni idioti.

Un abbraccio Andrea

Andrea Chierico 07.03.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

La sinistra anche nel caso Sgrena dimostra il solito comportamento arrogante e doppiopesista: chi va a cercare lavoro in Irak è un "mercenario", mentre i giornalisti di sinistra che fanno la stessa cosa (i loro servizi sono ben pagati) vengono considerati quasi dei martiri del lavoro. Sarebbe meglio cercare di essere più obiettivi...

albina danna 07.03.05 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Io mi chiedo soltanto : ma che C..ZO ci faceva ancora la Sgrena in Iraq quando tutti gli altri giornalisti avevano fatto fagotto e se ne erano tornati a casa ? Voleva continuare a mostrarci le condizioni disumane del popolo iraqeno e le vittime innocenti di questa guerra ingiustificabile ( se mai fosse possibile giustificarne una )ma le abbiamo già viste e riviste..le conosciamo benissimo anzi in " quest'era della comunicazione globale " non se ne può più ... la guerra è un grandissimo business per le industrie di armi ma anche per altre industrie, ad esempio quella petrolifera , e per i media ? ci hanno sguazzato impunemente !! Va bene fare informazione ma un'intera guerra trasmessa giorno per giorno in televisione a me sembra un abominio ! E lei era ancora là..l'eroina dell'informazione a guadagnare i suoi bei soldini di inviata speciale ( chissà se durante il sequestro è stata ugualmente retribuita dal suo giornale..presumo di sì ) ma si è fatta fregare..l'hanno rapita ed i suoi cari ( povera famiglia ) sono stati con il fiato sospeso ( e posso immaginare l'angoscia ) per un mese intero !!! Poi finalmente è arrivato il capo dei nostri servizi segreti , certo anche lui ben pagato per il suo lavoro , solo che il povero Calipari il suo lavoro lo ha portato fino in fondo : è morto per salvare lei!! E non è forse un eroe? Ma no! Per alcuni l'eroina è lei che addirittura dice che gli americani la volevano morta perchè aveva dei documenti importanti .... bhè io credo che sia molto facile fare le eroine con la vita degli altri.. è stata in Iraq fino adesso ,gli americani la volevano morta e non sono riusciti ad ucciderla? Con tutta la gente che hanno ucciso in Iraq ??? Ma quante canne s'è fatta questa esaltata ? Ma chi crede di essere ?Calipari è morto , lui è l'unico vero eroe di questa brutta faccenda ... ed è morto colpito da un solo colpo?! Ma come ne hanno sparati 400 ??? Lei non l'hanno presa l'altro neanche e lui solo un colpo ? Gli altri 399 dove li hanno sparati...che mira pessima devo avere questi americani per non essere stato solo un brutto incidente!
Oppure ... ma a nessuno è venuto in mente che invece poteva essere veramente lui l'uomo che qualcuno voleva uccidere, il povero Calipari che però era forse un tantino più interessante come bersaglio visto che era il capo dei servizi segreti?
Ma io sono un po' paranoica, anch'io come Matteo qua sopra penso che le Twin Towers se le siano tirate giù da soli per avvallare la guerra in Iraq ed altre ingerenze militari, mi fa specie solo che nessuno ci abbia pensato.

Graziella Liverani 07.03.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
io non sono ne a destra ne a sinistra, ne al centro. non ho interesse alcuno in questa politica che non ci da nulla.
Eppero, questa volta, credo che l'unica persona che deve vivere di rimorsi e' quella fomentatrice della Sgrena, che se avesse evitato di fare casini in una zona di guerra....

e attenzione anche a persone come il compagno Scolari...gente inutile...per questi personaggi deve morire un eroe come Calipari? E' una VERGOGNA.

Massimiliano Patanè 07.03.05 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Volevo chiedere a Gramolini:" Quando parla del NANO PELATO si riferisce a Bertinotti? Credo l'abbiamo votato in pochi.

albina danna 07.03.05 11:38| 
 |
Rispondi al commento

FORSE, CARO BEPPE, PER STAVOLTA POTEVI METTERE DA PARTE UN PO' DEL TUO EGO E METTERE UNA FOTO DI NICOLA.

luca fissolo 07.03.05 11:26| 
 |
Rispondi al commento


Secondo me tutti hanno decisamente esagerato; la strumentalizzazione politica di questa storia è un po troppa sopra le righe,come sempre in Italia in queste vicende; la realtà, depurata dall'ideologia, è molto più semplice; la Sgrena, fidandosi della sua mentalità basata sulla presunta superiorità morale dell'essere di sinistra e credendo dunque di essere intoccabile perchè nel giusto si è fatta rapire, andando a fare un servizio in luoghi pericolosi per gli occidentali (intesi come non arabi e non iracheni), nonostante le raccomandazioni delle Farnesina ai giornalisti italiani.
Ciascuno si dovrebbe assumere le proprie responsabilità; gli americani sono contrari al pagamento di riscatti, il governo italiano è invece favorevole (di qui la contraddizione, noi paghiamo, salviamo l'ostaggio ma favoriamo altri rapimenti, quando in Italia esiste una legge che VIETA il pagamento di riscatto alle famiglie dei rapiti), la Sgrena dovrebbe semplicemente scusarsi per avere commesso una terribile sciocchezza, un'imprudenza che è costata vite umane in un teatro certamente di guerra....
Ma questa gente ce l'ha una coscienza, o spiega tutto in base all'ideologia?????
Politicamente sarà pure di sinistra, ma UMANAMENTE, il suo atteggiarsi a martire mi sembra puerile; il martire è il poveretto che è morto per salvarla, non certo lei....

Mario Donau 07.03.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Non so se e' stato un incidente o qualcosa di peggio, credo che sia stato tutto frutto di un'incomprensione.
Gli italiani credevano di aver avvertito tutti e andavano veloci, i soldati americani quando gli ufficiali li hanno avvertiti(?)erano in bagno e non appena hanno visto un'auto correre troppo veloce hanno sparato. Credo che bisogna viverle certe situazioni per capirle e non vedere solo la TV.Di sicuro la Verita' non si sapra' mai o comunque sia a quella fornita non ci crederemo mai.

Mi dispiace che sia morta una persona, sopratutto perche' italiano e sopratutto in questo modo.
Mi dispiace che noi italiani entriamo sempre in guerre non nostre per mania di grandezza e di avidita'.
Mussolini entro' in guerra con Hitler perche' pensava di giocare in una guerra di breve durata e di sedersi al tavolo dei vincitori per la spartizione dei beni, Berlusconi ha deciso di partecipare alla guerra in Iraq per lo stesso motivo. Il risultato e' sempre la morte di poveri innocenti, pochi o tanti che siano.
Vedi i corsi e i ricorsi storici.
Come si fa' a dire basta????

mauro came 07.03.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a Sara: tardo è chi crede che se gli americani avessero veramente voluto uccidere la persona, non siano riusciti a farlo. A uccidere sono stati sempre molto bravi...a salvare degli innocenti un pò di meno..

Cesare Campra 07.03.05 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Spero e credo che sia stato un incidente.

Cesare Campra 07.03.05 10:51| 
 |
Rispondi al commento

La tragedia è nel fatto che probabilmente è stato veramente un errore umano.
Ma l'errore consiste nell'aver messo in prima linea una serie di ragazzini terrorizzati e totalmente privi di adeguata preparazione psicologica.
Calipari è stato ucciso dalla paura di un soldato che, per definizione, a quella soglia di paura non dovrebbe mai arrivare.
L'unica spiegazione seria da parte del Pentagono dovrebbe essere: "scusateci, l'omicidio di Calipari è il frutto della nostra paura, della paura dei nostri soldati e della paura dei nostri comandanti in capo.
Non siamo i supereroi che vogliamo far credere al mondo, ma solo degli uomini a volte impauriti e fallaci come tutti".
Ma per ammattere le proprie debolezze bisogna essere forti, molto più forti....

Massimiliano Gabba 07.03.05 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me non è assolutamente un incidente, dai, che casualità... bisogna proprio essere tardi per pensare che sia un incidente! La terra delle liberta??? Pffffff....che tristezza.
Chi è che ha detto che la Sgregna è un'ingrata perchè ha detto che gli americani la voleveno morta?? Eh già, sfido chiunque a guardare la morte in faccia in mano a dei rapitori, essere poi liberato E RISCHIARE DI MORIRE PER I NOSTRI AMICI E PACIFICI U.S.A... per cortesia... Bisogna essere degli stronzi forte!

SaraBertoia 07.03.05 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Uno dei problemi dell'Italia è che purtroppo c'è molta gente che scrive e pensa cose come questa:
"noi italiani oltre ad un eroe morto per questa esibizionista faziosa abbiamo speso 10 miliardi per liberala grazie ad una legge di centrodestra che finazia questi interventi" e.. soprattutto.. questa stessa gente quando scrive in un Forum o in un Blog si firma con "Dott."

P.S. io (se li avessi) ne spenderei anche mille di miliardi per salvare la vita di una qualsiasi persona esibizionista e faziosa (e non parlo solo di Berlusconi)

Gabriele Bernabini 07.03.05 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.
Ho trovato questo blog per caso, e devo dire che è stata una sorpresa bellissima. Complimenti Beppe!

Vorrei dire una cosa a Riccardo Palazzani, commentando un suo commento.
Il fatto che la teoria del "tragico incidente" non venga tirata fuori da nessuno è dovuto, a mio parere, al fatto che un'operazione del genere doveva essere nota alle forze di sicurezza di stanza in Iraq. Dovevano sapere che c'erano funzionari italiani che sarebbero andati a prelevare la giornalista e che poi sarebbero ripartiti piuttosto in fretta per tornare in Italia. Per il recupero dell'ostaggio non penso che siano partiti un gruppo di amici dopo una riunione in un qualche bar, ma penso che sia stata organizzata una missione con tutti i crismi.
Non conosco le regole di ingaggio dell'esercito USA, ma penso che questo non sia che una ulteriore prova del fatto che la democrazia esportata a forza di bombardamenti non porti a nulla di buono, come invece si ostinano a sostenere fior fiore di governanti. Dovevano sapere che c'erano dei nostri su quella macchina, e se non lo sapevano significa che qualcuno non glielo aveva detto.
Sia come sia, il problema è che non sapremo mai come mai sia avvenuto quello che è successo, e questo non può che far aumentare la mia personale indignazione per il modo in cui veniamo trattati dai mezzi in informazione di massa.

Meno male che c'è Fede a mantenere alto il nostro morale, chiedendosi esterrefatto come abbia fatto la Sgrena ferita a contare tutti i bossoli per terra..

Marco Milanesio 07.03.05 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Lei schierato come sempre non parla del fatto che la Sgrena era stata invitata ad andare via dall'iraq perchè pericoloso per gli occidentali e che noi italiani oltre ad un eroe morto per questa esibizionista faziosa abbiamo speso 10 miliardi per liberala grazie ad una legge di centrodestra che finazia questi interventi, lei non parla dei milioni di iracheni che sono andati a votare grazie ad americani ed italiani, delle prossime elezioni in libano delle elezioni in palestina , del ritiro della siria dal libano tutto grazie ad una guerra giusta ,non una parola per i terroristi (o anche per lei i resistenti?) avete odiato i poliziotti ed ora vi servite anche della loro morte!!!
Mi fa pena
dott. Francesco Maariani

francesco mariani 07.03.05 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Stanco di dire fare, baciare, lettera e per finire ho fatto pure testamento, ho pubblicato sul mio sito ancora in fase di realizzazione quello che Giuliana Sgrena ha fatto per anni fotografare e documentare le atrocità di una guerra fatta dai signori del Marketing del pentagono. Ho messo solo il rimando alla sua mostra fotografica che si è aperta proprio nel giorno della sua liberazione. E' comunque singolare che nel 2005 il popolo (Americano) con meno storia e cultura si atteggi ad unico portatore della democrazia nel mondo. Credo che l'arroganza americana nasca proprio dalla loro ignoranza dettata dalla gioventù storica di questo popolo, spero che i movimenti americani che negli anni 70 hanno dato una accelerata al processo di crescita culturale americana si risveglino per portare questo popolo almeno alle elementari regole di vita comunitaria. Se leggiamo la storia scopriamo che gli americani sono un popolo che occupa le terre altrui per poi fare pulizia etnica di chi ha dovuto sopportarli a casa propria. Vedi gli INDIANI D'AMERICA e proseguendo fino ai giorni nostri. Credo che usare la violenza per portare la democrazia sia una questione di ARROGANTE IGNORANZA che non considero un modo per arrivare ad un fine, ma una malattia che purtoppo ha fatto più morti di tutte le malattie messe assieme.
Forse è meglio che Sirchia invece di proibire il fumo si faccia qualche canna con vasco rossi ed ORGANIZZI un pronto soccorso PSICHIATRICO nelle due camere del parlamento tentando di combattere una malattia che inizia proprio nelle camere del nostro parlamento: "l'Arrogante Ignoranza" di chi si crede il Salvatore della Patria e prende decisioni anche per me senza nemmeno darmi un colpo di telefono.


Beppe scusa se occupo il tuo spazio ma credo sia giunto il momento di FARE oltre che di dire.


http://www.brand-new.it/allother/modules.php?name=News&file=article&sid=844

Ivano Gaio 07.03.05 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe sono contento che qualcuno faccia informazione,anche se vorrei che fosse fatta da chi la dovrebbe fare e sono veramente allibito e offeso dal continuo tentativo di farci bere quello che a loro fa comodo anche su quest'ultima vicenda,aggiungendo un ennesimo mistero ai tanti che gia'questo paese deve sopportare.

renato drovandi 07.03.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Bla Bla Bla, questa è la mia risposta a un commento che ho letto qui sotto. Commento scritto a questo pacatissimo post di grillo, pacato quanto meritevole di rappresentare una realtà che pochi italiani accettano, commento che parlava di quel che Pierre Scolari sta annunciando alle televisioni italiane da qualche giorno a riguardo della vicenda della liberazione della Sgrena in cui è morto Nicola Calipari. Beh, ben venga questo Scolari, destabilizzatore, provocatore, che ci fa ragionare colpendoci con le sue dichiarazioni, che sono pallottole in fronte a chi tenta di mettere un bavaglio a chi dovrebbe infomarci.. Ben vengano le discussioni in famiglia, tra gente che la pensa in maniera differente, e non la solita routine accendi tv, metti sul tg, ascolta e incorpora tutte le cose dette, ma sopratutto quelle non dette..
Vai Scolari, c'è chi non ha bisogno dell'assassinio di un pezzo grosso dei servizi segreti, uomo coraggioso, sensibile ed umano da quanto dicono coloro che lo conoscevano, nemmeno del tentato omicidio di tua moglie Giuliana Sgrena per arrivare a riconoscere a sè stesso che gli Americani sono dei gran FdP, tutti, perchè qua, come con gli extra comunitari che per colpa di uno la pagano tutti (Bossi-Fini,) non siamo nel paese delle distinzioni: americani buoni, non violenti, pacifisti ce ne saranno oggi come ce ne erano a fine anni sessanta, quando correvano nudi nei parchi, fatti marci di lsd inneggiando alla pace in vietnam che arrivò proprio quando smisero di cagare il cazzo al loro governo e si dedicarono alla cocaina e alla febbre del sabato sera.. una cosa che gli Americani purtroppo non hanno nei geni, LA PACE.
Gente nata a suon di revolverate e di conquista, mi parla di pace..
Ebbene allora come oggi, questi bravi americani contro la guerra, contro lo sfruttamento dei popoli (fin dallo schiavismo in cui i negri lavoravano il cotone a gratis) che ha reso gli USA la potenza che è, e contro l'OTTUSA ARROGANZA (cit.Sgrena) con la quale vanno in giro per il mondo a far casini senza rendere mai conto di nulla a nessuno, dove sono?
Dove sono questi americani bravi e buoni?
Per uno come me, che pensa addirittura che le Twin Towers se le siano tirate giu da soli per aver la scusa verso l'opinione pubblica mondiale ma sopratutto americana, per poter inasprire logiche di guerra e di potere in tutto il mondo, infascistendosi sopratutto in casa loro, essi non possono essere che cancri da combattere ideologicamente, perchè io vorrei sapere che gente può essere quella che investe in armi micidiali cifre esorbitanti di danaro e non ha previdenza sociale ed ha il più alto numero di senza tetto al mondo. E' la terra delle contraddizioni, prima lo si capisce prima la si smette di sdegnarsi per nulla.. Sopratutto per le dichiarazioni di un marito che per un mese è stato col cuore in gola attendendo il ritorno di sua moglie.. Felice per la famiglia Scolari, rammaricato per la famiglia Calipari, arrabbiato con chi MALGOVERNA il mio paese da quasi 4 anni..

MATTEO

Psilo matmol 07.03.05 10:05| 
 |
Rispondi al commento

a parte un giudizio sulla validità della tesi del giubbotto antiproiettile e della mitraglia, stavolta non si può non essere d'accordo.

Segno che quando uno che guadagna soldi incazzandosi quando si calma un pò, ne guadagna in ragionevolezza

Tommaso Ciuffoletti 07.03.05 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Beh,signori,il marito della Sgrena che ,chissà perchè, fanno parlare in continuazione ieri allo speciale tg1 si è rimangiato tutto ma in maniera ambigua:ha affermato che lui non ha mai parlato di volontà americana di far fuori la giornalista italiana ma di AGGUATO!!!
Per chi avesse ancora dei dubbi sulla strumentalizzazione dei fatti (gravissimi) accaduti,c'è sempre il buon vecchio caro dizionario della lingua ITALIANA.
Stiamo un po' in silenzio a piangere la morte di un uomo vero!

renato catti 07.03.05 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe semplicemente rispettare le regole di civiltà che ci siamo dati.
ARTICOLO 11 DELLA COSTITUZIONE:

"L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come
mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo."

Gabriele Bernabini 07.03.05 08:37| 
 |
Rispondi al commento

Siamo d'accordo sulla gravità dell'episodio. Siamo d'accordo sulla necessità di fare chiarezza.
Siamo d'accordo sull'eroismo VERO di Nicola Calipari.
Però mi chiedo e vi chiedo: non pensate che tutto questo incensare i Servizi Segreti militari da parte della sinistra italiana sia un po' ipocrita? Gli agenti del Sismi non erano "fascisti stragisti al soldo della Cia"?
In un paese in cui la coerenza è virtù rara, l'atteggiamento strumentale della sinistra, persino dell'Infausto Bertinotti, mi fa cadere le braccia.

Pur di massacrare l'America riescono anche a esaltare i servizi segreti. Che MITO che è la nostra sinistra!

Domenico Naso 07.03.05 08:25| 
 |
Rispondi al commento

Calipari è stato ucciso dal "fuoco amico" (mamma mia che pessima definizione usata da quasi tutti i commentatori televisivi!!) per un errore o per una precisa volontà... Molti dei commenti che ho letto e sentito escludono la deliberata volontà dei soldati americani ma porcaccia miseria il fatto che sia stato un errore è forse ancor più GRAVE!!!.. Eppoi va tenuto sempre ben presente che di Calipari se ne parla (giustamente) ed è un caso che interessa e tanto l'opinione pubblica ma.. QUANTI CIVILI SARANNO STATI UCCISI PER "errore" COSI' COME E' STATO UCCISO CALIPARI?

Gabriele Bernabini 07.03.05 08:23| 
 |
Rispondi al commento

sono convinto ke tutto andrà come per l’incidente del Cermis, i soldati responsabili verranno rimpatriati, fintamente processati e poi insigniti con onorificenze al valore. MA come fermare lo strapotere americano su tutti i continenti? Si dovrebbe parlare di + dei metodi x far in modo ke questa dittatura mondiale abbia fine.

Sandro Cagnin 07.03.05 06:32| 
 |
Rispondi al commento

Cari Amici siamo un popolo lobotomizato , lontano anni luce dalla attuale realta' del mondo , ancora persi dietro la menzogne e le separazioni imposte dagli invasori , anocora a scontrarsi su Fascisti e comunisti , ma bisogna capire che e; giunto il momento di metterci una pietra sopra tracciare una linea sul passato e' ritrovarsiItaliani ed uniti , andare a cercare nella nostra storia gli esempi , eliminare l'influenza anglosassone deleteria per la nostra gente e cercare di costruirci un futuro con le nostre forze e con gli europei nostri vicini .
Putroppo la mentalita' detta del padrinaggio e' piu viva che mai in italia , sia nel privato sia nel pubblico , Berlusconi sta a Bush come Fede sta a Berlusconi.
Non possiamo pretendere una vampata di orgoglio da chi ci rapresenta perche' sono troppo conpromessi , hanno troppi scheletri nell armadio per poter andare contro il vero potere atlantico , non siamo un popolo sovrano ma una nazione ingannata per piu' di 50 anni e che oggi comincia a intuire la verita'
Sveglia Italia , questo dovrebbe essere il motto da ripetersi ogni mattina prima di andare a faticare .
Dall Iraq forse qualche mente piu' aperta sta capendo che cose analoghe sono avvenute in Italia , SCiti e Sunniti = Comunisti e fascisti , dividi et impera , crea il caos e' potrai aver la meglio , fai leva sulle differenze .

Apriamo gli occhi

Saluti
Sergio MOnteforte

sergio Monteforte 07.03.05 03:32| 
 |
Rispondi al commento

Io ce l'ho con tutti quelli che hanno votato il "NANO PELATO", chi era ad Urbino sa di chi parlo.

Roberto Gramolini Commentatore in marcia al V2day 07.03.05 01:58| 
 |
Rispondi al commento

La cosa più triste è che ogni cosa che ci verrà detta, sia vera che non, verrà subito in fretta metabolizzata dalla maggioranza delle persone. Come del resto questo grande dolore per l' uccisione del ns connazionale.

Caro Beppe continua nella tua battaglia contro la menzogna, io ti seguirò sempre.

Ciao

Benedetto Patrone 07.03.05 00:47| 
 |
Rispondi al commento

Per anti...; caro amico non ho detto che tu sei comunista, in ogni caso fatto che non ritengo offensiva, quel companero voleva esere sola una scherzosa battuta. Tu invece continui ad insultare dimostrando a squallida pochezza di argomenti! Mi dispiace peche' penso che si possano confrantare idee anche molto diverse; l'importante e' avere qualche idea da esporre cosa che tu non sembri possedere del tutto.

Circa l' uguaglianza presente a Cuba consiglio una lettura :" la fattoria degli animali" di George Orwell. La morale e' " c'e' sempre qualcuno piu' uguale degli altri". Una morale tragica...

paolo conti 06.03.05 23:47| 
 |
Rispondi al commento

Libertà?
Meglio l'uguaglianza. Più facile.
Nella merda fino al collo, ma tutti uguali.
Io non ci sto. E fortunatamente più della metà degli italiani.
Oriana, per favore, tieni duro.

ilario zamborlini 06.03.05 23:25| 
 |
Rispondi al commento

Democrazia... invadere un paese e imporre la propria cultura è, di per sé, anti democratico.
E qualcuno ancora ci crede...

-M-

Marta Pilliu 06.03.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

E' vero: come ha detto qualcuno, qui in Italia, a differenza che a Cuba, c'è qualcosa che si chiama LIBERTA'. Non lo metto in dubbio.

Però a Cuba, a differenza che in Italia, c'è qualcosa chiamato UGUAGLIANZA: di questo termine in Italia come negli USA si è oramai perduto il significato, non so se siano molte le persone che ricordano cosa voglia dire.

Sinceramente preferisco la seconda che ho detto.

E un giorno le cose potrebbero cambiare... Tremate, berlusconiani... Il vostro destino è già segnato!

Luciano Cascone 06.03.05 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sono stato al tuo spettacolo a Casale M.to l'applauso nato dopo quello che hai detto sulla storia Sgrena Callippari l'ho sentito tra i più sinceri della serata, detto questo non pensi sia utile il tuo ascendente sul pubblico e l'utilizzo della rete per mettere il nano ed il suo governo di ballerine, di non infangare la memoria ed il lavoro di un uomo che ha dato la vita per qualcosa in cui crede?

leonardo bilello 06.03.05 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Già e ora che Giuliana è stata liberata, pensiamo anche a liberare Fabio e Emiliana?

Ulisse Sifossifoco 06.03.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Ha detto bene il direttore de Il Manifesto: "...gli è andata male che in quella macchina c'era una persona famosa, perchè altrimenti sarebbe accaduta e passata inosservata..."
chi sa quante altre volte è successo e nessuno ha detto niente.

Antonio Lo Presti 06.03.05 22:23| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,sono un ragazzo di 18 anni e sono appena stato a Montichiari a vederti.Sono rimasto affascinato dal tuo sapere e dalla tua voglia di cambiare il mondo,di trasformarlo in qualcosa di migliore passando di città in città a far aprire gli occhi a migliaia di persone.Credo che quello che stai facendo sia davvero qualcosa di grande.Volevo dunque ringraziarti per la merda che stai togliendo da questo mondo a fatica e a tue spese.....voglio concludere dicendoti che non sarai mai solo...io ti appoggerò qual ora ne avessi bisogno...sei un grande...

Roberto Palazzani 06.03.05 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Non sono daccordo sul definire eroe una persona che sta compiendo il suo dovere per cui viene anche profumatamente stipendiato.
Allora tutti gli operai che per poche lire muoiono sul lavoro come sono? Poveri cristi.
In secondo luogo sono convinto, come era già accaduto anni or sono in Italia, per il terrorismo, che solo non pagando lauti riscatti si possano debellare i rapimenti.
Posso anche capire la posizione dei soldati statunitensi, e non, che non approvano trattative con i rapitori con conseguenti pagamenti di riscatti. Denaro che molto probabilmente servirà all'acquisto di armi per sparargli addosso.
Infine, senza ombra di dubbio non è con la guerra che si impone la democrazia ad un paese, la storia delle crociate non ha insegnato nulla.

Aurelio Rossini 06.03.05 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Entro subito nel dettaglio: in questi giorni si è fatto un gran parlare della liberazione di Giuliana e dell’omicidio (ops, nessuno ha ancora usato questa parola…) di Nicola Calipari.
Chissà perché la destra accusa la sinistra di speculazione politica dell’evento??? Voglio dire: l’unico tg che ha mandato in onda l’intervista alla Sgrena (chi può testimoniare meglio di lei sull’accaduto???) è stato il tg3. gli altri, da quella m…a di Fede in poi hanno continuato a parlare delle telefonate di Bush al suo fido cagnolino Berlusconi, secondo le quali gli americani sono addolorati per quanto accaduto e faranno del loro meglio per scoprire quanto è successo…
1-quanto è successo l’ha già detto Giuliana: sono stati attaccati da soldati americani che volevano uccidere la giornalista (chissà perché l’altro 007 che c’era dietro non è stato nemmeno sfiorato…), cosa aspettano ad ascoltarla???
2-perché Bush non chiama le famiglie interessate (invece di riferire al capo della casa delle impunità!) e non chiede scusa??? Dove li ha i c……i??? Almeno Clinton li aveva sotto alla scrivania…
3-vogliamo scommettere che tutto andrà come per l’incidente del Cermis? Cioè con i soldati responsabili rimpatriati, fintamente processati e poi insigniti con onorificenze al valore???

E intanto i nostri grassi politici continueranno a tirarsi m…a addosso a vicenda, mentre in Iraq e in tanti altri paesi al mondo si muore per molto meno…

Quanto c’è voluto perché noi, “popoli civili”, avessimo la democrazia??? Anni, secoli??? E chi ha detto che un paese dove la democrazia, dai tempi del sultano Nabucodonosor, non l’ha mai avuta, adesso “ha il diritto di averla”??? ma se non si forma la gente, la coscienza, il pensiero (e ci vogliono secoli….), non si può servire un’idea e dire che è la verità assoluta nel giro di pochi mesi!

Basta, se no divento polemico!

Non ci sarò a vederti a Treviglio, e mi dispiace molto, ma voglio ringraziarti per tutto quello che hai fatto in questi anni, per aver risvegliato le coscienze “drogate” da una informazione scandalosamente falsa, per aver frustato chi meritava (chiunque esso fosse!!!) e per averci aiutato ad allargare lo sguardo al di la dei nostri piccoli insulsi confini!

omar rottoli 06.03.05 21:36| 
 |
Rispondi al commento

in risposta ad Alberto.

Il comunismo non e' caduto pacificamente e' crollato su se' stesso! L' intero sistema comunista e' collassato nei paesi del'est per l'inefficienza, perche' un' economia del genere non puo' funzionare!
In ogni caso non si puo' non ricordare i milioni di vittime causati dal comunismo nei paesi dell' est. MILIONI non migliaia!
D' altro canto qualcuno nega l' esistenza dei campi di sterminio nazisti.
Quindi non mi meraviglio che ci sia qualcun altro che affrma che i Sovietici erano persone pacifiche.

paolo conti 06.03.05 21:30| 
 |
Rispondi al commento

il mio commento è quello di un ragazzo ventitrenne che al momento della caduta del muro di berlino era ancora troppo piccolo. Non credo tutt'ora di avere le conoscenze per rispondere a questa tua domanda stimolante, ma ci provo. il comunismo aveva si alla base ideali di uguaglianza, ma non credo che sia caduto pacificamente, molte persone hanno lottato e spesso donato la loro vita prima del 1989 per la loro libertà. il muro si è sgretolato pacificamente, ma grazie a migliaia di persone che con il loro impegno incondizionato e la loro vita ne hanno corroso le fondamenta.
Forse sbaglio, forse potete illuminarmi. ciao a tutti.

francesco bettinelli 06.03.05 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Premesso che ritengo Bush e soprattutto quelli che tirano i fili di questa marionetta dei criminali, mi pare demenziale pensare che volessero uccidere, o meglio sapessero chi uccidere. Questo non per un fatto etico, ma pratico. Hanno sparato, dicono, 400 colpi e ammazzato un uomo (complimenti per la produttività!). Avessero voluto, ne sparavano 4000 e la strage era sicura. E' una tragica conseguenza della situazione paranoica che una dissennata guerra ha creato. Ragazzini allo sbaraglio pieni di paura col dito sul grilletto.
La gente muore, chi con funerali di stato, meritati, per il coraggio come Calipari, altri (100.000 ? chi lo saprà mai?)nelle fosse comuni o spianati dalle ruspe nelle case bombardate. Uomini senza volto né nome, ma uomini.
Vorrei non essere anti-americano, ma non ci riesco. Hanno portato terrorismo e kamikaze dove non c'erano. Complimenti. Dal sedicente paese più democratico del mondo sarebbe logico aspettarsi ben altro esempio di civiltà. Forse qualcuno un giorno ci spiegherà, o meglio ci documenterà l'attività di missione di pace del nostro contingente? Chi ci crede alzi una mano.

Guido Maselli 06.03.05 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere se qualcuno a visto la trasmissione di Fabio Fazio questa sera.
Quando intervistava il generale polacco questi ha detto che il comunismo a differenza del fascismo e del nazismo e' caduto pacificamente e non militarmente e che il comunismo non voleva creare differenze tra la popolazione.
Che ne pensate?

Alberto Pavesi 06.03.05 21:11| 
 |
Rispondi al commento

Per l' amico Ercole:
Spero che il bambino che hai mangiato fosse tenero.
Comunque potresti andare a vivere a Cuba, se ti piace tanto c'e il sole, il mare....; manca solo una cosa chiamata LIBERTA'; sai cosa e'?
Sono d'accordo nel centro-destra ci sono personaggi penosi, il problema che gli altri riescono ad essere anche peggio,e sopratutto condiscono il tutto con odio ed estremismo.
Non capite che siete i migliori alleati di Berlusconi.
Come potete sperare di governare un paese democratico continuando a strillare che gli Americani sono assassini; a dire che tutto sommato a Cuba si sopravvive ( gli ospedali servono per curare i torturati in prigione?).
Il mondo cambia ma voi rimanete gli stessi.
Siete degli ottimi combattenti di retroguardia.
Costringete al gente a votare per Berlusconi!

paolo conti 06.03.05 20:41| 
 |
Rispondi al commento

P.S. SIGNOR CONTI, LO SA CHE DALLE PARTI DI CUBA, UN PO' PIù IN LA' CI SONO ALCUNI PAESI CHE DA QUANDO LA CIA CI HA MESSO LE MANI NON RIESCONO PIU' A CAPIRE COSA POSSANO FARSENE DI TUTTE LE RICCHEZZE CHE HANNO? RIESCONO A COLTIVARE SOLO LA COCA? ALMENO A CUBA VIVONO DI POCO, S'ARRANGIANO, SPENSIERATAMENTE, HANNO STUDI E CURE MEDICHE GRATIS PER TUTTI (TRANNE LE MEDICINE, QUELLE NON SE LE POSSONO PERMETTERE PER VIA CHE GLI AMERICANI SONO UN PO' FETENTI E GLI HANNO MESSO L'EMBARGO, COME AGLI IRACHENI) QUANDO VENGONO A VIVERE QUA CI DICONO CHE QUESTA E' UNA GABBIA DI MATTI, MA VIVONO, "VIVONO". QUEGLI ALTRI NON SO. S'INFORMI. GUARDI COSA C'E'DOVE SONO PASSATI QUEI BIRBACCIONI DEGLI AMERICANI ... QUANDO LE DITTE AMERICANE DOVEVANO COSTRUIRE LA TRANSAMAZZONICA CON LA SCUSA CHE DAVANO VIVERI ALLA POPOLAZIONI INDIGENE, OGNI TANTO SI BAGLIAVANO, GLI DAVANO ARSENICO, E UN VILLAGGIO CHE AVREBBERO DOVUTO AGGIRARE DIVENIVA IMPROVVISAMENTE SPIANABILE E COSì PERDEVANO MENO TEMPO E DENARO. COMUNQUE ANCHE TRA GLI AMERICANI CI SON MOLTI CHE HANNO RISPETTO PER IL PROSSIMO, QUELLI PERO' DURANO POCO. KENNEDY, MARTIN LUTHER KING..... LA SALUTO, ALLA PROSSIMA. DEVO ANDARE A MANGIARE UN BAMBINO.

ERCOLE ELBERTI 06.03.05 20:23| 
 |
Rispondi al commento

vorrei che qualcuno mi spiegasse la differenza che c'e' tra chi muore per salvare una giornalista e chi muore per salvare qualsiasi altro essere umano.ad ogni buon conto siamo italiani e quindi emotivi:e'un bel gesto quello compiuto da nicola,ognuno di noi istintivamente sente di condividerlo.chi non ha mai sognato di proteggere l'eroina esposta al pericolo?sin da bambini,credo.bene.quello che non va bene e' che si prenda spunto da questa struggente storia per enfatizzarla ad uso e consumo delle proprie convinzioni,legittime,ma pur sempre personali.
mi rivolgo al caro beppe che ci ricorda un altro italiano ammazzato,anche se non da fuoco amico,e che a suo dire non ha fatto vedere come muore un italiano,limitandosi solo a dirlo...ora,per farla breve,tutti noi riconosciamo a beppe un certo margine di intelligenza,ma evidentemente su questa fa premio una militanza di pensiero che la relega in un cantuccio.la conferma purtroppo ci viene dall'altra sua considerazione secondo la quale tremila soldati(italiani)su centocinquantamila(statunitensi)sono numericamente irrilevanti,quindi farli restare non ha senso.non ha senso militare,ovviamente, ne'politico,se non marginale,ma il senso di presenza umanitaria,semplicemente e generosamente di presenza umanitaria,si.

alias vhega 06.03.05 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Troppo facile fare il comico in questo modo (e dico comico). Peccato perchè lei, signor Grillo, avrebbe avuto i numeri per non dovere essere costretto a rovistare nel qualunquismo mascherato. Peccato.

angelo cesare 06.03.05 20:17| 
 |
Rispondi al commento

HO LETTO TRA I TANTI IL COMMENTO DEL SIGNOR PAOLO CONTI. STO ANCORA CERCANDO LE BOCCE RUZZOLATE IN GIRO PER LA STANZA. E' VERO CHE NON ABBIAMO UNA SINISTRA CHE POSSA VANTARE UN GRAN CHE. MA VORREI DIRE CHE GENTE DEL GENERE DOVREBBE ASCOLTARE LE DICHIARAZIONI DEI VARI "BONDI" "CICCHITTO" "GASPARRI" (CHE PARLA SEMPRE DI TUTTO TRANNE CHE DI QUEL CHE RIGUARDA IL SUO DICASTERO) "SCHIFANI" E AMMENNICOLI VARI (INTESI COME SPORGENZE O PROTUBERANZE DI QUELLA GRANDE PARTE POLITICA CHE E' IL "POLO") E METTERE LE LORO PAROLE E SOPPESARLE. TOGLIERNE TUTTE LE SOLITE CHIACCHIERE DI DISCREDITO VERSO LA SINISTRA, TUTTE LE PAROLE INUTILI DI SCHERNO, RIPESARE, E QUANTIFICARE IL PENSIERO ESPRESSO VERAMENTE..... TUTTO TEMPO PERSO DAL GIORNALISTA FERMO COL MICROFONO A MEZZ'ARIA, PELLICOLA SPRECATA E VIA DICENDO.
VORREI DIRE AL SIGNOR CONTI CHE QUANDO MI GUARDO INTORNO NON VEDO SOLO DISONESTI O SOLO GALANTUOMINI. NEL SISMI C'E' STATO QUALCUNO CHE HA PENSATO BENE IN PASSATO DI FARE ANCHE UN COLPO DI STATO O NO? E NON E' CERTO PERCHE' ALLORA CI SON STATI PERSONAGGI DEL GENERE COME PER FORTUNA ESISTONO PERSONE, QUESTE SI "ONOREVOLI", COME IL NOSTRO FUNZIONARIO DEL SISMI, UN POLIZIOTTO ABITUATO A LAVORARE NEL SILENZIO, IN UN MONDO DI PRIMEDONNE, E CHE HA FATTO UN LAVORO DOVE BEN POCHI SAREBBERO STATI CAPACI DI FARE ANCHE SOLO UN PASSO. SE NON GLI FOSSE ACCADUTO QUESTO "INCIDENTE" COME LO CHIAMANO GLI AMERICANI, AVREMMO CONTINUATO AD IGNORARE CHE IN ITALIA C'E' GENTE COME LUI, DALLA RARA PROFESSIONALITA' CHE RISCHIA LA VITA MENTRE GLI SCHIFANI DI TURNO CHIACCHIERANO. NON MI SEMBRA CHE GLI AMERICANI TANTO A LEI CARI, ABBIANO BRILLATO IN GIUSTIZIA, CORRETTEZZA E RISPETTO DELLA SOVRANITA' DI UN ALTRO PAESE, TRA I PIU' AMICI DEGLI USA, QUANDO UN LORO AEREO HA TRANCIATO LA VITA DI UN GRUPPO DI PERSONE PER FAR LA PROVA SE RIUSCIVA A PASSARE SOTTO I CAVI DI UNA FUNIVIA. OPPURE DI DARCI INFORMAZIONI SU COSA ACCADESSE MENTRE UN VOLO DI LINEA CON 81 PERSONE A BORDO VENIVA ABBATTUTO, COSì COME FECERO CON UN AEREO DI LINEA IRANIANO SCAMBIATO PER UN CACCIA AI TEMPI DI KOMEINI. CERTO GLI STATI UNITI SONO UN GRANDE ESEMPIO DI ALTRUISMO MA NON HANNO IL SENSO DELLA MISURA. E' VERO CHE I COMUNISTI HANNO I FANTASMI NELL'ARMADIO, MA STRANAMENTE DELLE FOIBE LA DESTRA SE NE E' RICORDATA SOLO ORA "GUARDA UN PO'" CHIUNQUE SIA STATO A TRIESTE, O ABBIA UN AMICO O UN PARENTE TRIESTINO AVRA' SAPUTO DI QUEI FATTI, STRANO MA VERO TUTTI PER QUESTI ANNI HANNO TACIUTO, POI IMPROVVISAMENTE... EH? CHE FORTI CHE SONO. E' VERO CHE MOLTI DI SINISTRA FAREBBERO MEGLIO A STAR ZITTI E VERGOGNARSI, MA QUANTI AMICI DEGLI AMERICANI POSSONO DIRSI PULITI? HANNO MAI SENTITO PARLARE DI OBIETTIVITA' QUELLI CHE RAGIONANO COME IL NOSTRO CARO SIGNOR CONTI? NON CE L'HO CON QUELLI DI DESTRA, MA SOLO CON QUELLI CHE VOGLIONO TOGLIERE DI MEZZO I GIUDICI PER METTERCI I LORO.

ERCOLE ELBERTI 06.03.05 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Il problema serio ora sarà la Sgrena da Vespa...

Filippo De Sanctis 06.03.05 19:50| 
 |
Rispondi al commento

per l' amico anti... qualcosa. Mi permetto di fornirti qualche consiglio:

Consiglio numero 1: non insultare; quindi non dare dell' imbecile a nessuno, non e' molto carino epoco educato.
Consiglio numero 2: impara ad argomentare le tue opinioni.
Consiglio numero 3: rispetta le idee altrui.

Inoltre non mi definisco ne' qualunquista ne' fascista. Ho esposto solamente dei fatti oggettivi, facilmente provabili.
Ah mi dimenticavo un 4° consiglio se non ti va' la maggioranza che governa l' Italia c'e sempre Cuba; buon viaggio companero!

paolo conti 06.03.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Credo proprio che Lipari o Calipari non faccia differenza. E proprio questo credo sia il senso della conclusione col nome sbagliato. Ricordiamoci che l'informazione esiste perchè noi la utilizziamo. Dipende tutto da noi.

La ricerca della verità è molto meno complessa di quanto sembri. La Sgrena è viva. Quanti sono i morti?

Alfredo Capelli 06.03.05 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Le vicende dei giornalisti rapiti mi fanno venire in mente "quarto potere" di O. Wells.
Perchè il rapimento di un giornalista, la sua eventuale segregazione e morte, vengono presi ad emblema dell'atrocità della guerra? Come se toccare le persone preposte alla divulgazione della informazione mass-mediatica sia il delitto dei delitti. E gli innocenti? i bambini, i vecchi, gli orfani, i mutilati, gli uomini e le donne che si trovano precipitati nell'abisso senza avere nemmeno gli strumenti per comprenderlo? Un giornalista vale di più di un altro? Il giornalista è la nuova verità incarnata?

La morte di un uomo che è dovuto andare per lavoro a salvare un altro uomo in difficoltà ci ricorda che la vita di chiunque vale tanto quanto quella dell'ultimo tra gli ultimi. Non ci può essere un sacrificio più inutile di una vita fermata da un proiettile sparato in guerra.

Perchè tanta attenzione solo per chi soffre avendo la possibilità di urlare il proprio dolore al mondo? Il dolore di un muto vale di meno?

Le guerre irachene sono due: una che lascia i morti sulle strade in Iraq, l'altra che lascia le notizie giornalistiche ad ingrassare i pubblicitari ed i politici.
La morte di Lipari continua a ricordarlo.

paolo moretti 06.03.05 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

io voglio solo sperare che Silvio non contatti la Sgrena...riuscirebbe a fare il lavaggio del cervello anche a Giuliana!
Tenetelo lontano da Giuliana,è l'unica che potrebbe dire come sono andati veramenete i fatti!

Beppe se hai gia delle cause con il presidente del consiglio sappi che con te c'è tutta l'italia che si è rotta le "beep" di tutti i politici!
Non andrò a votare finchè sulle schede elettorali non compare una casella che dica "Non sono rappresentato da nessuno!"...ma che bella X ci farei sopra!

Beppe tieni duro,che le palle non le ha Silvio,ma Te Beppe!

massimo michelini 06.03.05 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Non mi stupirei se un giorno si scoprisse che gli americani sono d'accordo con i terroristi... Magari questa guerra non è stata fatta solo per il petrolio, ma semplicemente per utilizzare ARMI, per fare contente le industrie che producono ARMI negli USA...

Riflettete... Non è poi così assurda come ipotesi... Agli USA i terroristi fanno molto comodo: più è il terrorismo, maggiore è il numero di armi da impiegare per fronteggiarlo... E più sono i soldi intascati dai ricconi americani amici di Bush...

La storia si ripete... Chi vuole la guerra non è mai chi la fa. Avevano paura che Giuliana sapesse qualcosa, e l'obiettivo era metterla a tacere. Non ci sono riusciti grazie a quell'eroe che è stato Nicola Calipari.

Luciano Cascone 06.03.05 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Operazione pubblicitaria. E' questo il cuore, marcio, della cosa. Siamo laggiu' per un operazione pubblicitaria nei confronti del mondo e di Bush: "siamo gli amici di Bush" è lo slogan berlusconiano. Leggendo ieri il New York Times il giornalista chiudeva scrivendo che "le truppe italiane sonosolo 3.000, appena una presenza utile.. ma il presidente Bush gli attribuisce un forte valore SIMBOLICO..." A quale prezzo?

diario notturno 06.03.05 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Giuliana Sgrena scrive oggi sul Manifesto: "Avevo davanti a me la verifica puntuale delle analisi su quello che la società irachena è diventata con la guerra e loro mi sbattevano in faccia la loro verità: -Non vogliamo nessuno, perchè non ve ne state a casa, che cosa ci può servire a noi questa intervista?- L'effetto collaterale peggiore, la guerra che uccide la comunicazione, mi precipitava addosso.(...) Ora mi chiedo. E' un fallimento questo loro rifiuto?"
Che dire? L'orrore della guerra (perchè di guerra si tratta, o qualcuno ancora nutre dei dubbi?) non si cura solo di mostrarci se va bene corpi straziati, martoriati, decapitati o nel peggiore dei casi crateri a ricordare corpi disintegrati, ma sfigura ed uccide anche le coscienze. E così i vivi tengono stretto a loro stessi ciò che di più caro hanno, il loro dolore. Non intendono condividerlo con nessuno. E' una lezione, una dura lezione che certo i "grandi" non saranno in grado di comprendere perchè la grandezza è altrove.

Giuseppe Peota 06.03.05 18:39| 
 |
Rispondi al commento

gli americani non brillano di raffinatezza in guerra,noi italiani ne abbiamo fatto spesso le spese............
Sono comunque riusciti in un miracolo fare in modo che il Manifesto parlasse bene sei servizi italiani.
Mi dispiace per Nicola,temo che la Giuliana soffrirà abbastanza per la spalla!

michele cerquetti 06.03.05 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo alcuni commenti qui presenti, sono colto da un senso di angoscia e disgusto.
Ho il fondato sospetto che coloro che ora compiangono il povero Calipari, morto per salvare la compagna Sgrena, dimostrano molta ipocrisia, perche' sospetto e'che siano gli stessi che hanno sempre definito gli uomini del Sismi bombaroli fascisti, sono quelli che hanno disonorato i nostri militari caduti in Iraq con commenti e argomentazioni assurde, sono quelli che non spesero una frase di cordoglio per il povero Quattrocchi e per i suoi 3 compagni di sventura perche' erano parole testuali "mercenari".
Ebbene chi ora grida al complotto americano per uccidere la famosa giornalista del Manifesto, noto pericolo per il presidente Bush e la stabilita' degli Usa abbia il pudore di tacere!
Si sta' sfiorando il ridicolo.
Continuare a dire che gli Americani sono degli assassini , sostenendo che in Iraq esiste una legittima resistenza e' un insulto alla ragione, una porcheria. Sappiate che i resistenti Iracheni sono gli sgherri di Saddam H., sono coloro che fan saltar le bombe nei mercati per uccidere donne e bambini, che massacrano giovani reclute della polizia irachena, che sgozzano persone in diretta Tv. Questi sono i nemici degli Americani e i nostri nemici.Se volete stare con questa gente accomodatevi....

paolo conti 06.03.05 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Con ho commenti a quanto accaduto perchè il fatto è molto grave, sia per la morte di una persona speciale, sia per la verità che sin dall'inizio si capisce si vuol modificare e come già successo tante volte è la vittima sempre presente in certe situazioni. Ho visto il tuo spettacolo a Piacenza e ne avevo visto uno registrato in cassetta tempo fa, non è facile seguirti visto che ti hanno censuarto da tempo, ho letto il libro Regime che come penso tu sappia tratta appunto della censura dell'informazione effettuata dal potere. Questa anticipazione per chiederti una cosa banale e che sicuramente altri ti avranno chiesto, perche tu ed altri liberi pensatori quali Guzzanti, Santoro,
Luttazzi, Fò e altri, che hanno le capacità di espressione e sono seguiti da migliaia di persone, non fondate un partito completamente alternativo alle solite destra e sinistra, che sinceramente a volte mi sembrano tanto uguali.
Adesso che c'è la possibilità di poter scrivere in libertà penso che ne approffitero più spesso.
Ti ringrazio per questa possibilità e continua così

alberto bazzarini 06.03.05 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Non voglio entrare nel merito di una questione sulla quale probabilmente (com’è gia successo Ustica, Ilaria Alpi ecc.) la verità non si saprà mai, ma incidente o complotto che sia la vicenda Sgrena è solo l'ennesima tragica conseguenza di una guerra sbagliata, il cui unico vero scopo è l'imposizione del diritto al dominio del più forte. Quella a cui purtroppo partecipiamo, grazie al servo Berlusconi, non è una guerra per la democrazia, come tentano di farci credere, ma solo l'attuazione concreta del programma di governo planetario degli Stati Uniti. Basta è ora di smetterla, è ora di ritirare il contingente italiano dall’Iraq.

Raffaele Marciello 06.03.05 17:33| 
 |
Rispondi al commento

cordoglio per tutte le vittime di questa guerra unilaterale e per noi italiani "normali" assolutamente inutile.
Intanto il berlusca si continua alla grande gli affaracci suoi. anche stavolta fa fare alle sue tv un polverone incredibile per non farci sapere quello che stanno facendo in parlamento. ps: parlo di tutti i reati fininvest che cadranno magicamente in prescrizione, altro che salva-previti. saluti Adele

adele agostino 06.03.05 16:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti
Vorrei fare un ipotesi su questo fatto.Dopo la liberazione delle Simone il commissario della Croce Rossa Scelli disse che aveva dovuto agire evitando di coinvolgere gli americani perchè disse "quelli sparano e ammazzano i sequestratori e facilmente anche gli ostaggi".
Ora è possibile che anche questa volta i nostri abbiano agito da soli,poi quando quelli l'hanno saputo è successo questo ""incidente"".Percè?

Ciao

Sergio Lorenzi Commentatore in marcia al V2day 06.03.05 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Non so se si sia trattato di complotto perchè credo che per gli americani ci sarebbero stati altri modi meno eclatanti per farla fuori.
So solo che questa vicenda ci conferma, ancora una volta, cosa stia succedendo in Iraq.
Questo episodio è venuto alla luce per i motivi che tutti conosciamo. Ma quanti civili iracheni hanno fatto la stessa fine del nostro Nicola Calipari? Quanta violenza gratuita ad opera di americani che, ufficialmente, sono lì per aiutare il popolo iracheno?
E quello che fa ancora più rabbia è il modo in cui tutto si risolverà. Si troverà una ricostruzione dei fatti adatta alla situazione, ci saranno le frasi fatte dei nostri e dei loro politici ed, alla fine, avremo un secondo Cermis...
Nel frattempo il popolo italiano avrà già dimenticato tutto tra una fiction ed un real tv.
Grazie

Cesare Palma 06.03.05 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
credo che,oltre l'eccezionalità, lo scandalo e la bruttura di questa triste storia, la cosa che mi fa più rabbia è il fatto che non si farà mai luce sui fatti, riusciremo mai a sapere la causa che ha prodotto quell'evento? Credo di no e spero di si...fino ad allora: olio di gomito!!!
ciaaaaaoooooooo

daniele odierna 06.03.05 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
posso solo riportarti quello che sento e penso che sia una sensazione diffusa:
sono molto turbato e infastidito e non so perché...
forse,come qualcuno in questi giorni, rispondo male e innervosito alla madre/moglie che ci porge la vivanda così amorevolmente preparata e ci impedisce di ascoltare alla tv l'uscita del feretro..
rispondo male alla fidanzata che cerca di portarmi su altri argomenti forse perchè,purtroppo la mia opinione sull'accaduto è inadeguata e impotente,oscilla tra emotività rabbiosa e razionalità illuminante, e lascia trapelare solo un soffocato lamento e gli okki si gonfiano e ,anche su questo,non so perché;
certo il Sig. o Dott. Calipari non era mio parente,probabilmente non l'avrei mai sentito nominare se non l'avessero fatto così tragicamente i media..
ma quale verità dichiarata incolleremo come cerotto in bocca alla nostra coscienza per metterla a tacere?
INCIDENTE?INCIDENTE VOLUTO?
COMPLOTTO ORGANIZZATO DA UNA PIOVRA SUPERIORE?VOLERE DIVINO NECESSARIO ALLA STORIA E NON IMMEDIATAMENTE COMPRENSIBILE?
Eppure sento che è stato portato via qualcosa dentro di me,un morso della coscienza mi ruba quelle frasi educatrici che ogni futuro genitore sogna di poter dire ad un futuro figlio:- "Fa la cosa giusta,agisci col cuore"; "sta dalla parte giusta"; "Siamo tutti sotto lo stesso cielo,proteggi invece di devastare".
sono molto turbato e preoccupato per l'ombra proiettata da questi fatti e in cui probabilmente depositerò un mio figlio fra qualche tempo.
Credo che la mia unica presa di posizione nell'immediato è una preghiera,
semplice,commossa e silenziosa, da bambino in cui vorrei tornare,
ma anche ironica e che ricorda tue frasi di qualche spettacolo fa:
-Signore, che Tu venga in UFO o mediante le parole di tutti i Vangeli religiosi..torna presto su questa terra e questa volta non mandare più Tuo Figlio,che non sono più cose da giovani....vieni Tu di persona!-

Non sono mai stato un facile giudice,ne tantomeno un credente x fede a capo chino...sarò solo un genitore,in difficoltà,credo.

Grazie Beppe.

Crescenzo Rapuano 06.03.05 16:15| 
 |
Rispondi al commento

E se invece l'obiettivo fosse stato perfettamente centrato?
Nicola Calipari, oltre che dirigente delle operazioni estere del Sismi, era depositario di molte verità, tra cui, come ci informa Gabriella Carlizzi nel sito lagiustainformazione.it, del delitto "irrisolto" di Via Poma..
Una delle spiegazioni dell'accaduto è che la Sgrena sia in possesso di informazioni scomode riguardanti il comportamento degli Usa a Falluja e quindi andava fatta fuori, o quantomeno avvertita: è da notare però che, a differenza dei delitti di Simonetta Cesaroni, Michele Landi, etc... queste verità stiano già venendo a galla (anche se ignorate dai massmedia.. finchè possono).
Hugo Chavez, da Nuova Delhi, ha dato sabato una pià ampia risonanza alle affermazioni del Dr. Khalid ash-Shaykhli, portavoce del Ministero della Sanità dell'attuale governo Iracheno, che ha compiuto delle indagini sui crimini di guerra Usa a Falluja stabilendo che vi sono prove dell'utilizzo di gas mostarda, nervino e armi al napalm, come leggiamo da http://iraqwar.mirror-world.ru/tiki-read_article.php?articleId=41942
Nessuno mette in dubbio che fare il giornalista unembedded in Iraq, e specialmente a Falluja, possa valere la morte, sia essa accidentale o meno.
Ma forse stavolta non è l'unica chiave di lettura...

Emmanuel Goldstein 06.03.05 16:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Stupendo questo posto! Un saluto by Lis!

Lisergico Formico 06.03.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Per Riccardo Lodi:
non incappare in ciò che i detrattori della verità vogliono così tanto. Quello di far passare per "antiamericani" coloro che tentano di denunciare le piccole ma potentissime realtà economiche che ci hanno condotto a questa pericolosissima situazione internazionale. Vogliamo davvero giungere allo scontro delle civiltà come auspicato da certi comitati d'affari?
Vogliamo davvero proseguire con dubbie analisi basate su semplici luoghi comuni?
Questi poteri forti non hanno nazionalità e chi ne denuncia le efferatezze non è antiamericano. L'attuale amministrazione Bush è assai lontana da rappresentare la volontà degli statunitensi e il fatto di appartenere al cosiddetto occidente non ci esime dal criticare quello che non funziona.
Informati meglio e vedrai solo alla fine a chi veramente interessa tenere in piedi certi regimi musulmani (si scrive con una "s" sola per tua informazione) ... ne rimarrai sorpreso.
Mhhh ... hai citato la Cecenia ... sai dove risiede colui che finanzia i terroristi Ceceni tra cui quelli che hanno compiuto il massacro della scuola? Se ne sta comodo comodo a London City... ed è manco a dirlo ... il lucifero di Putin... :)))
E' Boris Berezovskij ... informati se hai ovviamente tempo e voglia... altro che "mussulmani" ...

Giordano Bruno 06.03.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento

...ma Dio..o chi per Lui...in cui credo di credere(??)...si e' dimenticato di noi?!Il bene, il male, il giusto, lo sbagliato ...si confondono tra loro..e non si capisce piu' nulla.
Cosa insegno a mio figlio di 6 anni che mi cresce accanto?Caro Beppe...intanto aiutaci tu..!...e speriamo bene!
Ho annotato una frase, che forse ho sentito dire in un film :"..perche' il male trionfi..e'sufficiente che i buoni rinuncino all'azione.."..non molliamo mai..!!
Ciao e grazie di esserci
Laura Capone

Laura Capone 06.03.05 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Inizio a pensare che questo tizio di nome Palazzani abbia qualche rotella fuori posto.
Non c'è un commento in cui non dica qualcosa per andare controcorrente e per fare il provocatore. Senza alcun seguito e senza costrutto.
Adesso pur di non stare zitto deve dire che la Sgrena porta sfiga... Bah, speriamo ci siano pochi italiani cosi.

Enrico Bezzi 06.03.05 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Beppe sei unicooo....!Dovresti essere CLONATO, ma visto che siamo in un mondo di M.... e tu sei uno dei pochi onesti rimasti ne dubito....

Franco Da Re 06.03.05 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono un tuo fan, ti stimo perchè pensi con la tua testa e cerchi di comprendere.
Detto questo, sono personalmente stufo di sentire intorno a me commenti solo negativi nei confronti degli americani, sembra quasi che senza di loro il mondo sarebbe in pace. Ma vogliamo scherzare? La storia non ci insegna proprio nulla? Gli americani hanno fatto grandi cose, continuano a farne e fanno anche errori, a volte tragici ma per adesso nel mondo comandano loro, ci piace? non ci piace, a mio parere quando in futuro comanderanno i cinesi avremo molta nostalgia degli americani che avranno tutti i difetti del mondo, però sono capaci di mandare in pensione un presidente che spia altri coandidati, ne mettono alla gogna un'altra per un pom...io propenderei per ricordarci quel tale che disse di non guardare la pagliuzza nell'occhio dell'altro ma il trave paintato nel nostro. Saremmo migliori al posto degli americani? qualche altra nazione sarebbe migliore? Perchè nessuno scende in piazza per la Cecenia o per i massacri in Nigeria, (migliaia di persone ogni anno), o per la totale mancanza di libertà nella maggior parte dei paesi mussulmani, (piaccia o nò è la realtà). Continuiamo pure a criticare gli U.S.A.quando sbagliano ma se diventa uno sport nazionale....a quel punto io stò con le streghe.....

Riccardo Lodi 06.03.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

L'uccisione del nostro eroe dal cuore buono, dimostra ancora di più l'arroganza degli USA, che qualunque persona sparli o dimostri prove contro la loro immagine e interesse viene fatto fuori!
E' lampante che volevano uccidere la Sgrena e punire l'Italia perchè ha fatto vedere le immagini degli effetti delle bombe americane sulla popolazione!

Davide Gambi 06.03.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Scusatemi pero no so scrivere Italiano, ce qualcosa
che nessuno dice, una telefonata salvo la vita di Sgrena, e se i marines non hanno concluso il fatto (assassinio) è per che si sono accorti subito di una telefonata in corso, sicuramente questa è stata segnalata dai loro comandi, occhio erano al telefono con l’Italia.
Risposta americana va bene lagiateli morire da soli, e per questo che hanno aspettato 30 minuti prima di soccorrerli.-

Hernan Garcia 06.03.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

E si ormai è sempre più difficile difendere l'indifendibile....anche i tg ora dicono,
Nicola Lipari,morto PER UN SOLO COLPO...ma sono stupidi o che cosa?.... vorrebbero forse sottolineare
che è stato un errore? Cara italietta ipocrita..
sara sempre più difficile difendere l'indifendibile,la Causa Usa...
LA situazione per me è chiarissima...senza girarci in torno...VOLEVANO FARLA FUORI E BASTA...oltrettutto la Sgrena in un intervista ha detto che non c'era nessun posto di blokko e andavano a velocità regolare...sono stati abbagliati da una luce...e poi non credo che un uomo di esperienza come Lipari abbia commesso un errore simile...come faranno ora davanti a cose cosi evidenti i TG ipocriti nascondere la verità? Alcuni aspettano che gli stati uniti chiariscano quanto e successo...Ma nn ammetteranno mai che volevano farla fuori,no? ops...è stato uno sfortunato incedente dicono...
Non serve aspettare il chiarimento degli stati uniti per me la verità è + che chiara...

Valerio Colombo 06.03.05 13:31| 
 |
Rispondi al commento

basta cn questi politici e questi USA ke ci pilotano cn la leve del denaro...rivoluzione frickettona!chitarre violini e vino rosso dentro gli stanzoni del potere!

Paolo Candela 06.03.05 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Bravo.

Jacopo Quattropassi 06.03.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Cosa dire?
Solamente che sei sempre il migliore...
Una persona che non ha paura di raccontare la verita´ e che,come spesso accade,e´ vittima di querele atte a proteggere sempre gli stessi
"criminali legalizzati".

6 GRANDE

Simone Lavina 06.03.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Incredibile Sgrena!
Nonostante un mese di prigionia eccola a dare subito addosso agli Americani. "Mi volevano morta".
Peccato che anche stavolta hanno fallito sti Marine!
Andiamo controcorrente e diciamo le cose come stanno:
La Sgrena porta sfiga!

Riccardo Palazzani 06.03.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Beppe non ho parole..sei sempre il migliore

Lorenzo Bellomo 06.03.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe,
più che un commento, ti rivolgo una richiesta. ho appena finito di leggere il tuo articolo su Internazionale di questa settimana. condivido che internet sia una grande potenzialità e il tuo blog stesso ne è la prova. Nella mia qutidianità, spesso febbrile come quella della maggior parte di noi, mi chiedo se i miei dubbi dal punto di vista informativo troveranno mai pace. la consapevolezza della mia ignoranza trova ogni giorno delle conferme, purtroppo. vengo al dunque: mi chiedevo se tu, come spesso fai nel corso dei tuoi spettacoli, nel tuo ruolo di guida nella notte dell'informazione (dai, concedimelo!)potresti segnalare sul tuo blog o altrove una lista dei siti web che ritieni più attendibili o, comunque, che potrebbero aiutare a oliare i meccanismi arrugginiti del nostro spirito critico con qualche margine di fondamento e veridicità.
Probabilmente questo potrebbe essere in antitesi con il principio dell'infromazione fai da te, ma una spintina iniziale non farà di certo male. buon, anzi buonissimo, lavoro.
stella

stella gidoni 06.03.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Credo che la vignetta che compare oggi sul Corriere della Sera spieghi benissimo la vicenda Sgrena. Giannelli ha disegnato un Bush gigantesco, vestito da militare, che si trova davanti il topino Berlusconi che inutilmente si dimena e protesta.
Purtroppo gli Americani avranno sempre la meglio, anche in questa situazione. Lo dimostrano gli esempi di Sigonella, del Cermis e di tanti altri casi.
Questo non vuol dire che non bisogna lottare e protestare. Bisogna però avere molta forza e determinazione! Voi credete che Berlusconi ce l'abbia? Mica è Zapatero!
Comunque spero che questa storia si chiarisca al più presto e che tutte le informazioni arrivino anche all'opinione pubblica. Magari da quotidiani spagnoli come "El Mundo" (che è del 95% di RCS MediaGroup, se non erro).
Non so che altro dire. Mi dispiace moltissimo per la morte di Capipari, uomo del Sismi. Odio tutta quella gente che sparla su di lui e che, da una parta o dell'altra, dice fesserie. Era un uomo di Stato e soprattutto era un diplomatico, non un uomo con mitra e fucile. Giuliana Sgrena questo lo sa e spero che lo ricordi sempre con le sue parole che, da oggi, sono ricominciate a comparire su "Il Manifesto".
Ciao

Davide Vitali 06.03.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Ad una delle prossime serate, ma non troppo in là,
invita Giuliana Sgrena a raccontarci una fetta di verità...in diretta, potrebbe essere di notevole aiuto per tutti. Ciao e grazie Beppe

Danilo Toma' 06.03.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

A me colpisce molto il fatto che Buttiglione, filosofo oltre che politico, ci abbia rassicurato, ricordandoci che siamo ancora 'Amici degli americani' (sentita al tg).

Questa si' che e' una bella notizia, di cui ne avevamo proprio bisogno dopo aver appreso della morte di Calipari (mio conterraneo).


Grillo, non so se hai il tempo di leggere tutti i messaggi di questo forum, ma ci provo lo stesso a farti una domanda: ma il sabato e la domenica non ti va proprio di faticare? Mi trovo all'estero per uno stage (leggi 'sfruttamento'), e mi piacerebbe venire a sentirti. A meno di non prendermi dei giorni di vacanza infrasettimanali, cio' mi e' impossibile perche' quei pochi sabato e domenica che fai gli spettacoli sono sempre in luoghi difficilmente raggiungibili!!! Mannaggia a te...

Colonnello Kurtz 06.03.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

colgo l'occasione per aprire un'altro fronte, l'uso delle parole come strumento politico.
INCIDENTE,CASUALITà.ERRORE,FATALITà,DISGRAZIA......
Attenzione però, la nuova propaganga passa attraverso l'esposizione sistematica di alcuni eventi lontanissimi dal nostro quotidiano,la nostra distrazione permette a "qualcuno" di operare indisturbato.......dite la vostra...( sempre se avete ancora un'opinione)

Carlo Cattane 06.03.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Tipico comportamento infantil-americano: cancellare le cose (e le persone) scomode.
Sarò anche prevenuto, ma la faccenda puzza di marcio...speriamo che la puzza sia forte e riesca a nauseare anche i personaggi dallo stomaco forte (i nostri politucoli).

Alessandro Savalli 06.03.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono ammirato nell'osservare quanti cadranno dalle nuvole per tentare di dare una spiegazione a questa vicenda.
Voglio dire: mica tutto potrà filare liscio all'infinito per questa congrega di ipocriti che continuano a mentire in merito alla reale situazione in Iraq! Forse finalmente qualche dubbio verrà anche a chi è convinto di sapere come stanno realmente le cose da quelle parti ...
Per una volta l'informazione ufficiale subisce uno scossone anomalo... qualcosa non torna ... in attesa che venga sapientemente archittettata una versione di comodo da scodellare ai fotonizzati da tubo catodico, godiamoci i falchi politicanti, che da provocatori di professione, si trasformano in agnellini davanti all'evidente incongruenza.
I media internazionali preferiscono lasciare nell'ombra personaggi del calibro di John Negroponte, attuale ambasciatore americano in Iraq, personaggio degno del posto che occupa con alle spalle anni di fortunata carriera come addestratore di squadroni della morte in america latina: insomma come sempre gli uomini giusti, al posto giusto... Non mi meraviglierei certo se, per ipotesi, l'ordine di sterminare il convoglio italiano fosse arrivato direttamente da lui.

Giordano Bruno 06.03.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

In un mondo dove tutto è in vendita anche la vita umana è un bene spendibile,e come in ogni trattativa ognuna della parti da il suo "prezzo"

Carlo Cattane 06.03.05 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Tratto dal quotidiano El Mundo (ES):
"Mientras, ni el Gobierno italiano ni el estadounidense se han pronunciado sobre cómo se logró su liberación, mientras algunas fuentes han empezado a hablar de que se pagó un rescate.

El parlamentario iraquí Youdam Youssef Kanna aseguró a la televisión belga que tenía informaciones no oficiales según las cuales se había pagado un millón de dólares (760.000 euros) de rescate."

L'ipotesi del pagamento di riscatto di 760.000 EUR (che non ho trovato nei quotidiani on-line italiani) è un nuovo tassello del mistero...

Vedremo...

Mario Nardi 06.03.05 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Chiediamoci piuttosto quanto vale la vita umana,e che cosa possiamo fare per difenderla, non lasciamo che le parole coprano la realtà.

Carlo Cattane 06.03.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Sono ovviamente addolorato per la morte di Calipari, come lo sarei stato anche se ci avesse lasciato la Sgrena.
Trovo grottesca la "presa di posizione" di Berlusconi che ha convocato l'ambasciatore USA per chiedere spiegazioni (è come se avesse convocato sè stesso...): tanto finirà che gli USA insabbieranno tutto (Cermis docet) e ci pagheranno per il "sinistro" poco più dei 5 milioni di euro consegnati ai criminali irakeni per la liberazione della Sgrena...
Ancora più triste è la strumentalizzazione politica che ne è scaturita, con Feltri ed altri scagnozzi scatenati nelle loro battaglie di retroguardia tra il rosso ed il nero, che tanta presa hanno sulle "desperate housewiwes" italiche : per desolante par condicio preciso che lo stesso senso di nausea mi provocano anche i vari sinistrorsi che ne approfittano per insultare il Governo, chiedere le dimissioni ed alzare peana ai "resistenti" irakeni.
Qua l'unica resistenza è quella del nostro stomaco di fronte a questo schifo.

filippo corvi 06.03.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Ecco, e come nel Cermis gli Americani ci terranno buoni con qualche scusa formale e altrettanti assoluzioni facili a dimostrazione della nostra sudditanza e sottomissione verso gli Usa.Agli occhi del mondo ci dimostreremo il solito popoletto da repubblica delle banane quale siamo. Il guaio è che a rimetterci è sempre il più debole.

Dario Scalfi 06.03.05 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare in fretta perchè gli italiani si dimenticheranno presto dell'accaduto. In fondo, martedi è la festa delle donne e studio aperto non vede l'ora di dedicare il paginone centrale alle mimose.
POVERA PATRIA!
BEPPE.....AIUTACI!

Andrea Costa 06.03.05 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Disgustato dalla intervista della Clerici, che ben sapeva che era morto un uomo ed invece sprizzava felicità per la liberazione della Sgrena.La serata doveva tingersi di rosa, Sanremo incombeva, ai lutti ci pensiamo il lunedì, che ne dite ?

SALVATORE INTRUGLIO 06.03.05 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Due commenti:
Ovviamente non sapremo mai la verità come tutte le volte che è l'esercito o i servizi segreti ad esser coinvolti. Questo non vuol dire però che non dobbiamo cercarla con tutta la nostra forza.
Perchè non si organizza una vera missione di pace negli uSA con un girotondo ITALIANO intorno alla casa bianca?

Gianluca Giarrizzo 06.03.05 10:40| 
 |
Rispondi al commento

E' con tutta probabilità "un tragico incidente" (questo anche per rispondere al Sig. Palazzani), ma occorre tener conto del fatto che questo non esclude la "colpa". Ed a mio parere la colpa di tutto questo sta nelle regole di ingaggio dei militari americani, che sono autorizzati a sparare a qualunque cosa che gli sembri anche lontanamente sospetta, e non sono molto ben addestrati a gestire la situazione (pare che la pattuglia che ha sparato appartenesse ad un'unità di riserva). Ovviamente questo ha portato ad un alto numero di vittime civili (il New York Times riferisce che solo nell'ultima settimana su quella stessa strada ci sono stati altri due "incidenti" simili (i militari hanno sparato ad un'auto con sette persone a bordo di cui cinque bambini, uccisi un uomo e una donna, ferito un bambino; poi i militari hanno anche sparato ad un camion con a bordo guardie occidentali, che andava solo a 10 km/m, nessun morto o ferito, anche se i colpi hanno attraversato la cabina).
La ragione di queste regole è semplice, ed è proteggere la vita dei soldati americani a tutti i costi. Comprensibile, ma a mio parere è in conflitto con la ragione (nominale) della loro presenza in Iraq.
Gli americani dicono di esser lì per proteggere gli iracheni; bene, che comincino a farlo (e la prima cosa sarebbe smettere di sparargli addosso).

Stefano Botta 06.03.05 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Cari Amici

Che mondo di merda che ci aspetta , per lo meno altri venti anni di escaletion militare , con il grande fratello che controllera sempre di piu' le nostre vite , il futuro e' grigio come non mai , e la nostra piccola nazione e' come una barchetta senza bussola , purtroppo siamo stati comprati per 2 denari dalle forze di occupazione che entrarono in Italia nel 45 , e per quei due denari dopo 70 anni paghiamo ancora gli interessi , oggi mi vergogno di essere italiano perche ho capito che l'onore del nostro paese non esiste piu' che per paura o per ignavia abbiamo dimenticato sia la nostra bandiera che il rispetto per noi stessi .
Se continuaimo cosi' faremo la fine dei pellerossa , gia' gli americani che passano le loro vacanze in Italia ci vedono come noi vediamo i Nativi americani quando attraversiamo il gran kenion .

Ma ancora piu' grave e' la Morte del militare Italiano in Iraq , certo , una morte piu' o meno direte voi che vuol dire in un paese dove ogni giorno crepano centinaia di persone , poco prima di ricevere le sventagliate di mitraglia stava parlando con l'unita di crisi in italia , probabilmente con Berlusconi , questo sta a significare che proprio in funzione delle onde del suo cellulare gli americani sapevano perfettamente di chi si trattava e che era a bordo della macchina.
Il piccolo benessere e tutto quello che fino ad oggi pensavamo vero e destinato a finire e se non ci prepariamo in tutti i sensi sara difficile sopravvivere agli eventi catasrtofici che si stanno addensando all' orizonte .

Saluti
Sergio Monteforte

Sergio MOnteforte 06.03.05 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Per quel che riguarda questo post: complimenti, più o meno la penso come te. Anche se non credo che il fatto di essere 3mila su 130mila abbia importanza, è la guerra che uccide e continuerà a farlo. Sempre. Volevo dire una cosa rispetto ai tuoi spettacoli: li adoro, ma mi fanno stare male, che credo sia l'obiettivo a cui miri..., nel senso che esco e avrei voglia di menar le mani, mi fanno ripensare a mio padre, 30 anni di lavoro in ospedale senza mai aprire uno studio privato "Perchè non tutti possono pagare la tariffa da libero professionista, e poi lo stato mi ha formato e io che faccio? lo mollo proprio adesso che posso cominciare a restituire un po' di quello che ho avuto?" - faceva il ginecologo - ed è morto di tumore ai polmoni a 56 anni.... I tuoi spettacoli mi danno il magone, mi sento preso in giro, arrivo a casa e ci stanno le bollette da pagare, alle compagnie di cui tu mi hai svelato la maialaggine.... Maledetto Grillo! Io ti amo

Manuel Galbiati 06.03.05 09:25| 
 |
Rispondi al commento

vero sì... come è vero che italiani o meno... comunque sconosciuti eroi(?) ogni giorno ci lasciano la pelle sul lavoro... per forse meno nobili motivi (ma perchè meno? ché forse arrampicarsi su un ponteggio per mettere insieme pranzo e cena ha un ché di meno nobile...?)
ci lasciano la pelle all'improvviso o piano piano... morendo (anche consapevolmente a volte)di respiro che si affanna per fumi e e solventi e polveri neanche tanto sottili...in squallide officine e fabbriche e cantieri...
lo fanno per semplicemente vivere... con un lavoro che forse nemmeno si sono scelti... quello che è capitato...che capita...per condizione umana a volte disumana... per mancanza di scelta altra...
a loro ...anche a loro ...come certo! a nicola ...và il nostro pensiero

massimo ossimori 06.03.05 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Veramente interessante questo Blog! Basta con questa "missione di pace" di questi "costruttori di pace" che utilizzano armi di morte per perseguire un finto fine!

Mauro Cabrini 06.03.05 08:42| 
 |
Rispondi al commento

Penso che il discrimine sia la VITA UMANA. Non ha senso distinguere se si muore per opera di un kamikaze o per le Cluster bombs.100.000 morti Irakeni valgono meno di 2000 morti occidentali? 4000 Palestinesi(ultima Intifada) valgonomeno di 1000 morti Israeliani? Non bisogna fare le guerre, ma bisogna prima che vi sia un livello culturale tale che ciascuno sia un essere pensante, altrimenti il "Potere" troverà sempre i poveri pronti a morire per il tornaconto di chi comanda. F. TrANE, rOMA

Franco Trane 06.03.05 07:52| 
 |
Rispondi al commento

non so se credere alla riflessione di un amico paranoico, ma credo che un fondo di verità ci sia sulla decisa punizione a causa dei pagamenti dei riscatti delle persone rapite.

è evidente che la scomodità di questi capitali riversati nella resistenza irakena non siano di gradimento a chi lotta per vendere il suo prodotto a gente che evidentemente non lo gradisce.

la democrazia è la formula magica per avere sempre una minoranza scontenta?
a chi serve veramente e perchè proprio li?
noi siamo l'esempio negativo da seguire, o il finale tragico di un film dell'orrore?

chiedo scusa per il tono polemico e per le troppe domande ma non sopporto i sistemi truci...

luca galliani 06.03.05 04:48| 
 |
Rispondi al commento

Se sia stata combinata o no la cosa, il risultato non cambia.

Adesso la vera vergogna è la speculazione politica che ci si fa dietro...

Sono anche io convinto che in Iraq ci stiamo a fare le "belle statuine" e che sarebbe meglio ritirare le nostre truppe.

NON sono convinto che se avessimo avuto l'attuale opposizione al governo NON saremmo andati in Iraq.

In America (e ormai anche da noi l'andazzo e' quello) che al governo ci stiano Repubblicani o Democratici non cambia assolutamente nulla, soprattutto per quello che riguarda la politica estera (loro).

Da noi la vedo molto simile.

Sia che stia col Polo o con l'Unione, per l'italiano medio non ci sono differenze sostanziali, è un po' come nel calcio...

Per qualcuno ben ammanicato al partito di potere vigente sicuramente i vantaggi ci sono, ma per gli altri?

La Sgrena dava fastidio? La volevano fare fuori? E' stato un incidente? C'era bisogno di un martire?

Tutto e' possibile...Pensate sul serio che lo verremo a sapere?
Alla fine della fiera ognuno recepisce le notizie e le immagazzina come gli fa piu' comodo.

Complimenti per il blog.

Franco Riccardi 06.03.05 04:22| 
 |
Rispondi al commento

Si...ho sentito dire al tg che alcuni membri dell'esercito usa han parlato di tragico incidente..
che coraggio! Ma pensano che la gente sia cosi stupida da crederci? Questi eserciti e governi SONO SUPERATI..LA GENTE E' PIU' AVANTI DI QUANTO SI CREDA...per fortuna...
queste storie forse poteva crederle mio nonno (con tutto il rispetto,poverino)negli anni 20...la politica USA è proprio fuori dal tempo..
questo sistema si distruggerà con le sue stesse mani....
questa volta gli Usa l'han fatta grossa (non che le altre volte non la facessero grossa)visto che chi doveva essere colpito si è salvato potra finalmente testimoniare e dire la verità--A MENO CHE NON VENGA CORROTTA A SUON DI QUATTRINI!!
Speriamo che la Sgrena dica tutto...Era indubbiamente un personaggio scomodo per gli USA...perchè neanche un esercito di burattini sparerebbe a un civile di un paese alleato...
MA A CHI LA RACCONTANO? SONO SUPERATI,DALLE COSCENZE E DAL TEMPO....

Valerio Colombo 06.03.05 03:21| 
 |
Rispondi al commento

Tragico errore? non so perchè ma ho il terrore che questi eventi siano una tragica routine che avviene in iraq.. chissà quanti altri morti ci sono e noi non lo sappiamo.. neanche fosse un campo di concentramento!

Floriano Calcagnile 06.03.05 02:56| 
 |
Rispondi al commento

La Fondazione Liberal ha annunciato l'istituzione di un premio alla memoria di Nicola Calipari, il funzionario del Sismi rimasto ucciso ieri durante le operazioni per la liberazione di Giuliana Sgrena. ''Lo cominceremo a preparare nei prossimi giorni - il presidente della Fondazione Liberal Ferdinando Adornato -. Il terrorismo ci impone di vivere in un'altra maniera, ma noi vogliamo continuare a celebrare i nostri valori, la liberta', la democrazia, anche in questo modo''.

Grazie forza Italia. Spero che un giorno il montone Gildo ti colga alle spalle.

http://www.forza-italia.it/notizie/pol_6281.htm

giuseppe tolva 06.03.05 01:07| 
 |
Rispondi al commento

Vi è ancora spazio per lo sconcerto.
Da Bush a Berlusconi: dove quando come e perchè???!!!...

Dante Marcos 06.03.05 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, eciao a tutti i naviganti del sito.
E' appena passata nmmeno che una giornata dalla liberazione della Sgrena che già la puzza di presa per il c..lo la si può toccare oltre che annusarla.
Ora, non ritengo sia io a dare un parere con la P maiuscola a riguardo, dato che si tratta di episodi lontani migliaia di kilometri da casa mia, fatti e vicende che per mia fortuna/sfortuna non mi toccano, quindi non aggiungerò nulla di quello che s'è già detto a riguardo, al contrario di quello che tanta gente fa (e non mi riferisco a persone che cercano di dare un senso alla situazione irakena, ma a tutti quei personaggi che decidono di partecipare ad una guerra, parlano di interventi "pacifici" utili al bene comune qunado non hanno mai lontanamente nemmeno immaginato (non dico vissuto) gl'orrori di vivere sotto dei bombardamenti e la paura di morire da un giorno all'altro per mano di questi "esportatori di democrazia". Io per primo, ripeto, non sò nemmeno lontanamente che cosa significhi la parola guerra, e propio per questo non mi sento di dire nulla in tal proposito sennon dando delle considerazioni, che rimangono puramente personali, su cui chiunque può sentirsi a favore come ripudiare (e questa ritengo sia un'ombra di democrazia, cosa che i governi non applicano!).
Oggi ho avuto l'ennesima conferma di un fatto che ormai ho appreso da diversi anni purtoppo: il valore della vita ha sempre un punto di vista "sociale".
Per capirci, ritengo che Calipari abbia fatto un gesto immenso, che la Sgrena sia riuscita ad uscire da una prigionia e ad un "probabile" (la conosciamo tutti l'etica del regime americano, non prendiamoci in giro...) attentato per eliminarla grazie ad un gesto umano che raramente si vede di questi tempi. Quello che vorrei far notare è che ogni giorno chissà quanti irakeni (e cito questo popolo per non tirare in ballo altre popolazioni che si trovano in analoghe situazioni) hanno la stessa sorte, uccisi senza il minimo senso morale e forse in circostanze ancora più drammatiche.
Come al solito la mentalità Europea-Americana-Occidentale ragiona sempre con lo stesso criterio: succede agl'alrti è cronaca, succede a noi è tragedia. E tragedia lo è, ma mi chiedo: se al posto della Sgrena fosse stata liberata una reporter, mettiamo, giapponese, e se a morire fosse stato un agente dei servizi segreti giapponesi, avremmo avuto la stessa indignazione e la stessa sensazione di un enorme ingiustizia compiuta??
Col senno di poi la maggioranza dirà di sì...
purtoppo ci sono situazioni a 'sto mondo dove il senno di poi è un lusso, come il diritto alla stessa vita. Io spero solamente che questo episodio, per una volta almeno in cui siamo stati ANCHE noi vittime della democreticità americana, ci faccia riflettere e per una santa volta che accada a prescindere dal propio credo politico, perchè la morte non è comunista nè republicana: E spero che il gesto eroico di Calipari si amplifichi fino a far cambiare la mentalità del nostro governo e porti al ritiro delle truppe. Facciamo diventare Calipari non solo il salvatore di Giuliana ma di quante più vite possibili! Spero di cuore sia un impegno che tutti nel loro piccolo riescano a prendere!
Grazie come sempre per il lavoro che fai, grande Beppe!!!!!

Eddy de Carlo 06.03.05 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Allora sto sognando!

Non può essere vero!
Non svegliatemi, perché voglio che sia un sogno!

Allora quando sarò desto, tutto sarà l'opposto di quello che stiamo vivendo!


Addio collega!

giovanni stasi 06.03.05 00:51| 
 |
Rispondi al commento

Ora ditemi: che cosa è cambiato ? Abbiamo salvato la vita della giornalista per barattarla con questo eroe ? Guadagno ? Perdita ? O forse immagine ?

Alessandro Zanasi 06.03.05 00:14| 
 |
Rispondi al commento

POLITICA FATTA DAI CITTADINI E NON PIU' POLITICA FATTA DAI" POLITICI DI PROFESSIONE "

e aggiungo....senza FORSE O MA O SE..NON CI SAREBBE STATA L'ENTRATA IN GUERRA DELL'ITALIA IN IRAQ, NATURALMENTE SE LA DECISIONE FOSSE STATA LASCIATA AI CITTADINI O NO ??.

Vorrei tanto che Beppe Grillo mi rispondesse e naturalmente tutti quelli che si sentono di commentare cio' che mi accingo a scrivere, LA DEMOCRAZIA DIRETTA quella che non viene esercitata ma che ci e' garantita dalla Costituzione all'Art. 1 L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA FONDATA SUL LAVORO LA SOVRANITA' SPETTA AL POPOLO.........BASTA!!BASTA COSI' che e' gia 'sufficente a farci capire che siamo noi i PADRONI del nostro destino e non gli altri a cui DELEGHIAMO tutto.
Ora vorrei fare un esempio IL CONDOMINIO di una citta' chi gestisce un CONDOMINIO? l'amministratore chi decide le spese che si devono fare? l'assemblea dei condomini cioe' dei propietari del bene in parti diverse chiamate millesimali ( spero di non essermi sbagliato)perche' l'Amministratore non arriva all'assemblea con i contratti gia' fatti sottobraccio e comunica che cosi' ha disposto e ai condomini non resta altro che pagare senza fiatare?? naturale dirai tu Beppe e tutti Voi!! sarebbe preso a calci nel C....LO da tutti quanti penso che se la riunione si svolgesse al v piano del palazzo gli farebbero fare le scale con la parte anteriore del viso tenendolo sollevato per i piedi.
Ma se tutto questo Tu/Voi lo condividete mi spiegate perche' tutto cio'che ho descritto qui sopra in realta' accade a noi, tutti i santi giorni in tutti i comuni e in tutte le province e Regioni el al Parlamento? semplice perche' a noi non ci hanno voluto insegnare che cos'e' la DEMOCRAZIA DIRETTA, Spetta a noi decidere se l'amministratore( Sindaco di un paese) vuol spendere 100.000 euro per ogni gradino di una scala del condominio da riparare, secondo me lui puo' solo proporcerlo ma ladecisione deve spettare a noi all'assemblea che da casa puo' tranquillamente votare si o no con il mezzo che sto' usando io e tutti voi che mi leggete compreso il Beppe.
PER LA DECISIONE DI ENTRARE IN GUERRA IN IRAQ L'AMMINISTRATORE ATTUALE DI PALAZZO CHIGI DOVEVA CHIEDERE AL POPOLO ITALIANO DI DECIDERE DI INTERVENIRE OPPURE NO,MA CERTO CHE DIRAI/DIRETE E' TROPPO BANALE QUESTA SOLUZIONE PECCATO CHE ALLE ELEZIONI CI CHIEDANO ASSOLUTAMENTE DI RECARCI ALLE URNE PER VOTARLI .
P.S. naturalmente tutto questo e' troppo semplice e rischierebbe se conosciuto dalle masse di diventare realta' se diventasse realta' quello che dico ADDIO AI POLITICI PER SEMPRE DOVREBBERO ANDARE A LAVORARE E SAREBBERO C...I AMARI PER LORO. CIAO A TUTTI

Gino De Pauli 05.03.05 23:59| 
 |
Rispondi al commento

Un altro morto. Un altro morto italiano. Ma forse bastava la prima definizione. Un altro morto. E basta. Massimo rispetto e massimo onore per Calipari, eroe da applaudire, senza condizioni e in dignitoso silenzio, ma quanti morti in Iraq non fanno notizia?
Ce li hanno tutti sulla coscienza, questi morti, i "paladini del Bene" che portano "la pace". Ma siamo sicuri che questi ci badino, alla coscienza? Il nostro premier ha deciso che ciò che fa a casa sua è segreto di Stato e non deve rendere conto a nessuno, quindi, è al di sopra della legge, cioè al di sopra dello Stato.
Circa 300 anni il Re Sole diceva che lo Stato era lui stesso, il re. Attualmente, in Italia, il capo dell'esecutivo può tranquillamente dire che l'Italia è SUA.
La figlia Barbara, vent'enne, viene intervistata su canale 5. A che titolo? E' una ragazza felice. Beata lei.
Il fratello Piersilvio comanda Mediaset. Che gli sia mai venuta voglia di portare un po' di pace in Iraq? Che gli sia mai venuta voglia di far intervistare uno qualsiasi di quei soldati esposti in passato ad azioni di guerra e a bombardamenti nel Kosovo e tornati a casa ammalati di cancro?
Come torneranno i ragazzi italiani dall'Iraq? Come sarà il loro corpo? Come sarà il loro spirito?
C'è chi se lo chiede, Presidente Berlusconi.
Ci pensi, mentre festeggia i goals di Kakà.

Bentornata, Giuliana.

Ciao a Beppe e a tutti i naviganti.

Luca Mingioni 05.03.05 23:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe se e' vero che hanno sparato circa 300 colpi da una mitragliatrice di un blindato di quella macchina deve essere rimasto ben poco (vorrei vedere le foto) e pure degli occupanti sarebbe rimasto ben poco...qualcosina a me non torna..,
ciao con simpatia

elvio iusco 05.03.05 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Sono presidente del CNC (Comitato Nazionale per Colombo)a cui aderiscono diverse organizzazioni nazionali, abbiamo promosso una petizione per istituire il 12 ottobre festa nazionale. Se lei ricorda, una Commissione ligure andò a Roma dal presidente Ciampi per presentare il programma di Genova 2004, e, a richiesta del perchè nulla fosse previsto per celebrare Colombo ci fu chi rispose che Colombo porta notoriamente jella.
Le stesse persone dopo aver visto che la nostra petizione è esplosa con le adesioni di 520 Comuni (Bolzano, Trieste, Napoli, Bari, Milano, Venezia,Firenze, Teramo, Ascoli, Rimini, Forlì, Pavia, Novara etc) e 2500 associazioni etc (e quelle che spero aderiranno ancora)e tutto il settore marittimo in quanto l'idea è di celebrare Colombo e la cultura del mare (nonchè l'inizio del Rinascimento e le Comunità italiane residenti all'estero), ebbene questi politici hanno fatto fare un decreto legge che fa riferimento proprio a chi prima sosteneva che Colombo porta jella (riferendosi alle Colombiane del 1992) ed adesso sentendo profumo di soldi si è ritrovato invece un paladino di Colombo. Infatti al primo decreto ne hanno fatto seguire un secondo, quasi copiando letteralmente il nostro nome, infatti è sorto il Comitato Nazionale per le celebrazioni di Colombo con presidente decretato Scajola. Oggi sembrerebbe sia uscito un altro decreto che gratifica questo "decretato Comitato" con oltre due milioni di euro. Bontà loro noi abbiamo lavorato da soli contro tutti (e non ci lamentiamo lo abbiamo fatto perchè ci crediamo)e poi con due o tre decreti ministri come Tremaglia e Scajola si sono fati paladini di Colombo. Se questa non è arroganza di potere ...... Se potete contattarmi sarò più preciso. Tra l'altro l'Espresso dedicò un articolo alla questione. Mi spiace intervenire quando ci sono problemi importanti e prima delle elezioni ne vedremo penso ancora delle belle, ma volevo sottolineare questa tipica arroganza di gente che ci governa e purtroppo debbo anche dire che gli organi di stampa sono stati latitanti. Nel paese dell'esecrato Bush si sarebbero buttati a pesce e non so come se la sarebbero cavata i nostri cari Ministri. Qui in Italia invece debbo stare anche attento a quel che dico. Caro Beppe penso che ci sia materia per le tue "invettive".
Cordiali saluti.

bruno aloi 05.03.05 23:14| 
 |
Rispondi al commento

Questa volta non sono stati i COMUNISTI?

Francesco Bossi 05.03.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Le informazioni vere non si trovano in tv ma in rete.
La Sgrena doveva essere eliminata, gli è andata bene.
Spero che qualcosa trapeli, ma già vedo puzza di complotto.
Beppe c'ero anch'io a Urbino e come 2 anni fa mi sono reso conto delle cazzate e delle bugie che i media ci propinano.....bella roba.

Roberto Gramolini Commentatore in marcia al V2day 05.03.05 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro peppe sono un tuo ammiratore della provincia di avellino.
Io penso che sparare quasi 300 proiettili, il compagno ha detto che prima della partenza i sequestratori gli han detto di stare attenti ai terroristi!! Allora cosa è? che succede? Dir che la cosa puzza è poco.

Io ero indeciso sul ritiro delle truppe, ma ora non ho dubbi!! Io sono dei ds ma giuro che se mi gira stavolta voto bertinotti!!!
NOn vogliamo piu' pagliacci al governo

vito franzese 05.03.05 23:02| 
 |
Rispondi al commento

questa ennesima e dolorosa vicenda dell'uccisione di un nostro connazionale ha finalmente fatto scoprire a tutti che il re è nudo, è lo è da un bel po di tempo ( ma non è nudo in quanto naturista come me, ma per altri motivi).

Vi siete mai chiesti quanti iracheni muoiano ogni giorno in quei famigerati posti di blocco ?
Vi siete mai chiesti perchè esista un numeratore dei morti americani e non esista un numeratore dei morti irachieni?
Vi siete mai chiesti perchè non si vada in ArabiaSaudita o in Kuwait ad esportare la democrazia sotto il nome delle libere elezioni, visto che non mi risulti che in questi due paesi filo-americani esistano le libere votazioni?
Vi siete mai chiesti se un iracheno preferiva vivere o morire sotto il regime di Saddam o preferisce vivere(?) e morire (soprattutto) sotto il regime di Bush?
Quante domande, forse senza risposta , ma credo valga la pena di farsele.

gianpaolo

gianpaolo ravizzola 05.03.05 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

Vorrei trovare parole di fronte al senso di impotenza, di indignazione e vergogna che provo in questo momento.
Questo evento, l'atto terroristico protratto da parte dei militari statunitensi ai danni della Sgrena, così drammatico ed estremo (direi anche inequivocabile nella sua assurdità) sembra portare al culmine il percorso sul quale ci hanno messo forzatamente da qualche anno a questa parte i signori del male, Bush ed il suo leccapiedi.
Non è forse ora di dire BASTA a questa vergogna?!
A Biella qualche sera fa ricordavi l'11 marzo spagnolo, quando il popolo iberico, accortosi di essere stato ignobilmente aggirato da Aznar, è sceso in piazza, pacificamente, e dopo qualche giorno il governo è saltato. Qui invece si va in pizzeria e buonanotte al secchio.
Qui occorrerebbe ribaltare l'Italia allo stesso modo, da cima a fondo, subito.
Ma che dico l'Italia: il Mondo!

Simone Bocca 05.03.05 22:52| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa ci facciamo ancora in Irak? Quanti ragazzi,padri, mariti bisogna ancora perdere per accontentare Bush ed il fido Berlusconi? I loro figli in Irak non ci sono..... Ma che senso ha stare in un paese che è nel caos totale... accanto a uomini che non vogliono essere aiutati..... sono arrivati persino a sparare su un ospedale poco tempo fa e allora? purtroppo in tutto questo a rimetterci sono le persone umili che spesso si trovano lì per lavoro.. si perchè per quanto ne dica il Berlusca per tanti ragazzi del sud la carriera nell'esercito è l'unico modo per portare a casa uno stipendio e crearsi una famiglia....Spero solo che tutto ciò finisca presto abbiamo pagato abbastanza la smania di stare accanto agli Stati Uniti. Vorrei solo mandare un abbraccio alla famiglia di Nicola Calipari, UN VERO EROE ITALIANO.

Alessandra Sitzia 05.03.05 22:43| 
 |
Rispondi al commento

sentire il ministro degli esteri dire che è stato uno "scherzo del destino"..... è troppo.
non so più se si può ancora parlare di un paese "libero"!
state a vedere che alla fine la colpa è di Calipari...

vito pavone 05.03.05 22:27| 
 |
Rispondi al commento

avete letto il "libro nero degli Stati Uniti", oppure "Con la scusa della libertà", entrambi di William Blum? avete visto "fahrenheit 9/11"? ebbene, allora di cosa stiamo parlando? ma quale democrazia da portare ai selvaggi iraqeni? basta, giù la maschera e riprendiamoci il cervello.

antonio falso 05.03.05 22:25| 
 |
Rispondi al commento

agguato o incidente la tragedia di calipari ci ricorda che la gueera è SEMPRE una cosa assurda; non ci sono motivazioni che tengano, nulla può giustificare le bombe e i morti. facciamo la cosa giusta: diciamo al mondo che a noi la guerra fa schifo e torniamocene a casa.

antonio falso 05.03.05 22:16| 
 |
Rispondi al commento

mercoledi 2 marzo a Biella c'ero anch'io e dopo le iniziali risate pensavo che non c'era proprio nulla di comico se non le tue battute.Quello che vogliono farci credere, anche in una situazione triste come la morte di Calipari, offende la nostra capacità di ragionare.Ora cercheranno i colpevoli tra i ragazzini spaventati dalla guerra che sparano per paura e tutto finirà come per il Cermis.

terry scarpellini 05.03.05 22:08| 
 |
Rispondi al commento

...e comunque sia, questi stavano lì con l'ordine di sparare a qualunque macchina che si poteva ipotizzare essere piena di iracheni (di qulsiasi età, forma, intenzione)....questo mi da l'idea di guerra...il paradosso

daniele baldassarri 05.03.05 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Bisognera' forse aspettare l'evolversi della situazione per formulare dei giudizi,ma intanto conviene non dormire, non lasciare che le cose vengano insabbiate,rcordare sempre,non dimenticare il Cermis,parlare sempre anche di queste cose coi nostri figli.
Per ora... perche' solo i giornalisti italiani sono stati allontanati dall'Irak? Qual e' il motivo per cui sarebbe piu' pericoloso per loro piuttosto che per un francese o un tedesco stare li'a testimoniare?..
Un saluto.

flora vota 05.03.05 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Incidente?.. Attentato? Qual'è stato il motivo degli americani?

La mia modesta opinione:

Lasciamo trascorrere qualche giorno e valutiamo molto attentamente cos'avranno da dire in merito, sia gli americani che i nostri politici sia di maggioranza che di opposizione, e i giornalisti tutti. Cerchiamo di capirli dai gesti e dalle possibili motivazioni. Svegliamo i nostri sensi nel beccarli se si schierano, difendono, attaccano mentono o dicono una verità perchè..cari amici..QUA LA FACCENDA PUZZA!! PUZZA DA FARE SCHIFO!! RENDIAMOCI CONTO CHE è UNA SITUAZIONE VERGOGNOSISSIMA!!!!
PRENDIAMO POSIZIONE UNA VOLTA E RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA GIUSTIZIA XKè GLI ITALIANI SIAMO NOI, IL NOSTRO GOVERNO SEMBRA TANTO NON ESSERLO PIù!

Matteo Salerno di Milano

Matteo Salerno 05.03.05 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
mi chiamo Gianluca e ti scrivo perchè penso che tu possa darmi un consiglio su un problema.Sono laureato in Scienze della Comunicazione e mi sto specializzando in Comunicazione di Massa e Multimediale.Il problema è che più studio, più mi fa schifo pensare a cosa sta diventando il mezzo di comunicazione più potente ,la tv.
Volevo solo chiederti, sempre se te la senti,un consiglio:qual'è il campo comunicativo in cui posso fare informazione pulita?
Grazie mille Gianluca

Gianluca De Iorgi 05.03.05 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito dire che ci han sparato contro 200 pallottole.

Sta e vedere che ci chiedono il rimborso spese...

Luca

Luca Mazzara 05.03.05 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Quante ipotesi si possono formulare su questo doloroso avvenimento...
Incidente? In principio sono possibilista, poi un dubbio mi assale: perchè non riconoscerlo, perchè sparare a bruciapelo la panzana che l'automobile non si sarebbe arrestata all'intimazione dell'alt? Perchè uno esperto come Calipari, o come il suo collega avrebbero fatto una cazzata del genere, dopo chissà quali peripezie per liberare tutti i nostri ostaggi?
Agguato? Non credo, se avessero voluto Giuliana Sgrena morta, non si sarebbero fermati...
Una tragica fatalità alla Carlo Giuliani? Dei giovani militari spaventati da pericolo imminente, hanno reagito istintivamente? Ma và, che pericolo potevano costituire quattro poveretti su un'auto dell'ambasciata italiana (o perlomeno così ha affermato qualche TG...)? In ogni caso, non credo proprio che se ne andassero in giro con un cartello con scritto "Occhio che siamo un pericolo, sparateci a vista!"
E allora? E allora credo proprio che le certezze siano solo due a riguardo di questo caso: la prima è che ci propineranno la solita spiegazione pre-confezionata e ben concertata.
La seconda, purtroppo, è che un italiano (un altro...), un marito, un padre, un eroe non tornerà più a casa per colpa di una guerra che non è mai stata una missione di pace.

Lara Ortolani 05.03.05 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Non dichiaro guerra all'Illinois per rappresaglia perché sono per la non violenza, ma spero che il nano coi tacchi si faccia sentire più di quanto fece d'alema nella strage della funivia.

Ma forse conierà uno slogan per i militari giornalisti in iraq "Più elemmti e giubbotti per tutti!"

A

Alessandro Ansuini 05.03.05 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Sono stufa delle false ipocrisie che celano solo ed esclusivamente interessi di potere e controllo!
Come italiana pretendo di dare voce all’’infinità di ingiustizie che tutte le guerre portano con sé, senza lasciare mai niente di positivo, ma solo dolore, rancore, odio e violenza, la quale non fa altro che inveire altrettanta violenza!
Ieri un Uomo Giusto è morto, ma la macchina del potere continua incessante! Quante altre bombe intelligenti, paesi sterminati, bambini martoriati e mutilati, donne straziate e odio negli occhi di un intero popolo dovremo ancora vedere per poter dire: “BASTA!”.

Silvia Vasco 05.03.05 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno si chiede chi c'è dietro i rapimenti in Iraq? Nessuno si chiede che senso avesse per i sequestratori rapire la Sgrena?
1-era dalla loro parte
2-aveva appena finito un pezzo contenente foto e interviste dei profughi di falluja
3-poteva informare noi dei vari casini che son successi.

Considerato poi che il gruppo dei rapitori non era legato ad Al Quaeda ma erano dei semplici cani sciolti, com'è che il nostro premier si definiva tranquillo e pacifico? Perchè stava trattando ci dicono i media... Ma con chi trattava? Perchè tutto ha un filo logico così perfetto e così inquietante?
Se ci fossero gli americani stessi dietro il rapimento della giornalista?

Moreno Mazzon 05.03.05 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno prende in considerazione l'ipotesi del tragico incidente?
No?
Come mai?
C'è poco materiale per fantasticarci sopra e tirare acqua al proprio mulino eh?
Evvai con l'ennesimo complotto.

Riccardo Palazzani 05.03.05 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, non c'e' da meravigliarsi di quanto e' successo. Quelli che hanno sparato non erano soldati, ma giovinotti di 20-25 anni mandati a morire, per un po' di dollari. Mi viene anche il dubbio che sia veramente stato un incidente....

Antonio de siato 05.03.05 20:19| 
 |
Rispondi al commento

Siamo sempre alle solite, i giochi di potere possono avere tutti i nomi che volete ma restano tali.
NOI andiamo a portare la DEMOCRAZIA?! Noi che non sappiamo nemmeno piu' cosa sia?
Noi andiamo a portare uomini e mezzi per permettere agli americani di fare i loro porci comodi ed interessi e magari una fettina di quelli tocchera' a noi o a Berlusconi direttamente.
Un uomo e' morto nel compimento del suo dovere, peccato che la stessa sorte non tocchi anche a certi ministri o a qualche presidente...

Enrico Bosco Commentatore in marcia al V2day 05.03.05 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Davvero Berlusconi ti ha fatto causa???
Come Previti anche lui ci ha messo 2/3 anni per capire le battute che hai fatto sul suo conto?? :)
Ma dico io, chi te lo fa fare? ti prendi denunce, fai cause, vai in tribunale, ti costa anche tanti soldi (poi per te che sei di Genova)ma da cosa sei spinto?
Qualsiasi sia il motivo continua cosi sei tutti noi!!!!!!!!

alfredo serafini 05.03.05 20:10| 
 |
Rispondi al commento

penso proprio che sarebbe meglio riportare le truppe a casa; è ora di finirla di preferire alleanze di potere per eventuali scambi economici piuttosto che alla vita di persone!

alberto donati 05.03.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori