Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Polenta e pesto cancerogeni?


Alcuni giorni fa ho pubblicato un post relativo alle dichiarazioni del Prof. Veronesi sulla cancerosità della polenta e del basilico, pubblico ora alcune considerazioni del Prof. Gianni Tamino, ­docente di biologia dell'Università di Padova, membro del Comitato Nazionale per la Bio-sicurezza e la Bio-tecnologia e già Europarlamentare.


"Il prof. Veronesi, con l’aiuto del prof. Sala, sta “terrorizzando” gli italiani affermando che il pesto genovese, la polenta tradizionale e gli alimenti biologici sarebbero cancerogeni, a differenza di quelli transgenici.

Per il pesto il pericolo deriverebbe dalle piantine di basilico sotto ai 10 cm. che contengono metileugenolo, inserito, però, solo cautelativamente nella lista dei composti cancerogeni, perché può provocare tumori in topi da laboratorio, ma ciò non significa ugual effetto per l’uomo, come ben sa Veronesi.
Va poi considerato che i tumori dei topi si sviluppano in parti del corpo diverse da quelle riscontrate per i più diffusi tumori dei Liguri, che le concentrazioni nel sangue umano di metileugenolo sono ben inferiori a quelle riscontrate nei topi e che piantine di basilico anche inferiori ai 10 cm. possono contenere basse concentrazioni del composto, in rapporto alle condizioni ambientali ed anche la ricerca cui fanno riferimento Veronesi e Sala indica nel basilico coltivato in Liguria meno metileugenolo che in quello del Piemonte.

Per quanto riguarda la polenta, il pericolo deriverebbe dalle micotossine delle muffe, ed in particolare dalle aflatossine cancerogene, che non si svilupperebbero nel mais transgenico, perchè resistente alla piralide.
Ma l’attacco dell’insetto non determina la presenza delle aflatossine, che si sviluppano in condizioni caldo-umide, soprattutto dopo la raccolta. Inoltre l’INRAN afferma di non aver evidenziato variazioni statisticamente significative nel contenuto di aflatossine tra mais transgenici e i corrispondenti mais non modificati, mentre uno studio dell'Università di Bologna evidenzia che la quantità di micotossine nei prodotti biologici è inferiore (o al massimo uguale) a quella che si rileva nei prodotti convenzionali.

Questa storia delle micotossine, però, non è nuova: le multinazionali, che controllano sia i pesticidi che gli OGM, oltre dieci anni fa mandarono dappertutto il Prof. Ames a denunciare la cancerogenicità delle piante non trattate con insetticidi.

Ma quest'idea era già stata abbandonata alla luce delle prove a favore dell'effetto protettivo della frutta e della verdura per la maggior parte dei tumori."

19 Apr 2005, 17:24 | Scrivi | Commenti (357) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

beppe ne ha parlato qui:
http://www.beppegrillo.it/2005/12/ferramenta_ambu.html

ma non è una vera e propria lista di prodotti cancerogeni... la cosa è complessa!

stefano m. Commentatore certificato 10.05.08 00:00| 
 |
Rispondi al commento

ciao a beppe e a tutti voi ,e la prima volta che vi scrivo .Mi puoi inviare la lista dei prodotti alimentari cancerogeni , e dei prodotti tipo saponi e creme,in somma un po di prodotti che ci circontano nella nostra vita quotidiana con queste publicita' molto invadente ,che bisogna prendere quello che loro dicono altrimenti se scartato dalla societa'.Vi prego leggete questo messaggio ed inviatemi un email ,vi seguo da tanto ed e' la prima volta che vi scrivo perche' ci stanno rovinando

giovanni cupello 21.04.08 14:21| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti anchio sono interessata alla lista degli alimenti cancerogeni come faccio ad avarla???? ciao a tutti

ornella riedi 05.12.07 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe sono un tuo grandissimo fan. Mi puoi inviare la lista dei prodotti cangeogeni? Grazie

Mattia D'Errico 01.12.07 10:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dove si puo trovare lista alimenti /prodotti per pulizia cancerogeni grazie!!!

laura cardia 24.11.07 11:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono alla ricerca della famosa lista degli alimenti cancerogeni. Come posso averla? Grazie, anche solo per avermi letto.

Stefania Corbino 17.11.07 17:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anch'io non trovo la lista degli alimenti cangerogeni. In coscienza la devo far avere a tutte quelle persone che conosco e che non hanno il computer, soprattutto anziani, perciò non possono leggere il blog. Mandatemela, vi ringrazio anticipatamente

Fabrizio Crotti 11.11.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe!volevo chiederti se potevi inviarmi gentilmente la lista degli alimenti cancerogeni visto che non sono riuscito a trovarli sul tuo sito...grazie...sei troppo forte

davide colaprete 07.11.07 15:32| 
 |
Rispondi al commento

ciao Grillo,
mandi anche a me la lista degli alimenti a rischio

giancarlo iorio 07.11.07 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,beppe!mi vuoi mandare,per favore,l'elenco delle ditte che fanno i dolci(biscotti) e altri prodotti cancerogeni.Ho sentito che esiste una lista con qst.ditte:tipo plasmon,barilaetc.Grazie

repetto michela 24.10.07 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe.... sei un mitico,mi puoi mandare la lista degli alimenti cancerogeni... Grazie mille!!!

Veronica C. Commentatore certificato 23.10.07 10:51| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe ho cercato nel tuo sito la lista degli alimenti cancerogeni ma purtroppo non l ho trovata potresti inviarmela ? sei un grande non mollare mai !!!!!!

mirko celso 08.10.07 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
sono convinta che non ci si può fidare molto di quello che i nostri cari politici ci raccontano perciò mi piacerebbe avere informazioni sugli alimenti e sulle medicine che fanno male. Grazie per il lavoro che stai portando avanti.

Francesca Palazzo 06.10.07 15:39| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe sei un grande...mi puoi mandare la lista dei prodotti cancerogeni così faccio un pò di buona informazione (che può salvare la vita)..
grazie di tutto

matteo consales 05.10.07 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Gradirei ricevere la lista degli alimenti cangerogeni, o conoscere il link dove poterli scaricare. Grazie mille e
FORZA BEPPE

DANIELA REDA 28.09.07 12:13| 
 |
Rispondi al commento

ciao.
ho letto da poco un romanzo che si intitola "mi fido di te" in cui si parla di sofisticazione alimentare, sostanze cancerogene nei cibi e processi di confezionamento e conservazione illegali. vorrei avere più informazioni al riguardo, se possibile, come liste di cibi da evitare, siti da poter consultare e magari qualche testo da studiare per approfondire l'argomento.
grazie in anticipo

sabrina fioravanti 20.09.07 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao!Ho sentito parlare di prodotti cancerogeni(alimenti in particolare)...mi potresti mandare la lista?
Grazie, sei un mito!
Mario

mario donadio 17.09.07 11:21| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe.... io ti adoro... e se è vero qll che ho letto non so che dire se non altro che è uno schifo...da tempo mi tengo informata sull'argomento...una montagna di schifo dal quale siamo sommersi fino al collo... no si sa piu come fare!non possiamo nuotare nel mare,non posssiamo respirare senza rischiare un tumore,tra poco finiremo bruciati dal sole...e adesso non possiamo nemmeno mangiare... che altro dire..... Che SCHIFO!!!!!!!! la tua 16enne che ti segua sempre.... -Sara- se mi risp mi fai contenta....senno vivo ugualmente....

Sara Massaccisi 31.08.07 20:42| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe potrei avere la lista dei cibi che provocano cancro. ciao grazie

diego ceola 30.08.07 21:33| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, potresti inviarmi la lista degli alimenti cancerogeni?
grazie...

michele coraggio 20.08.07 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!!
Ho cercato nel blog la lista dei cibi cancerogeni ma non la trovo, me la potresti inviare???
Grazie. Simona

SIMONA GORLA 30.07.07 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Per gli autori degli ultimi commenti: l'elenco che cercate è all'indirizzo

http://www.beppegrillo.it/2005/12/sassi_a_colazio.html

Marco M 27.07.07 12:54| 
 |
Rispondi al commento

salve per cortesia vorrei sapere quali sono i cibi tossici...e le medicine che fanno male....grazie tante

patrizia coffaro 20.07.07 17:26| 
 |
Rispondi al commento

salve per cortesia vorrei sapere quali sono i cibi tossici...e le medicine che fanno male....grazie tante

patrizia coffaro 20.07.07 17:25| 
 |
Rispondi al commento

salve per cortesia vorrei sapere quali sono i cibi tossici...e le medicine che fanno male....grazie tante

patrizia coffaro 20.07.07 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe, potresti mandarmi la lista dei prodotti? grazie.

Michele M. Commentatore certificato 16.07.07 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,ho sentito parlare della lista dei prodotti cancerogeni e mi hanno detto di richiederla. Potrei averla? Grazie sei GRANDE

irene casu 15.07.07 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
vorrei poter ricevere la lista degli alimenti cancerogeni.
Grazie mille

lorenzo tedeschi 14.07.07 02:21| 
 |
Rispondi al commento

Mio padre è morto da 1 mese di cancro, ormai tutto mi fa paura, rendi visibile la lista x capire cosa ci potrebbe far vivere meglio.

Susi Semenzato 14.06.07 11:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,ho cercato nel blog la lista degli alimenti cancerogeni ma non la trovo,me la puoi mandare???
vorrei anke la lista dei"farmaci" da evitare...
e...ho visto il tuo spettacolo,sei un grande..ce ne fossero di + come te!!!

Sabrina annunziata 14.06.07 02:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
sto cercando l'elenco degli alimenti che contengono metalli e non. Sapevo che c'era un elenco nel blog, ma non riesco proprio a trovarlo.
Spero mi possa dare indicazioni in merito.
Ti ringrazio e buona giornata

Valeria Chessa 11.06.07 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao!Ho sentito parlare di prodotti cancerogeni(alimenti in particolare)...mi potresti mandare la lista?
Grazie mille!!!sei un mito!!!!!

romina p. 16.05.07 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Ciao ho sentito tanto parlare di questa lista di alimenti cancerogeni...non la trovo sul blog...potresti gentilmente mandarmela?Grazie.
Sei grande

anntonella carpineto 15.05.07 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
prima di tutto sei un grande. Poi, volevo chiederti se potevo ricevere via email l'elenco dei cibi cangerogeni o almeno dove posso cercarli.

Grazie

maria rosaria franco 12.05.07 18:19| 
 |
Rispondi al commento

vorrei avere la lista degli alimenti cancerogeni grazie mille

patrizia olivito 08.05.07 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi potresti mandare la lista degli elementi cangerogeni,grazie sei un grande

Eduardo Spagnuolo 07.05.07 18:44| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, non riesco a trovare la lista degli elementi cancerogeni....me la potresti inviare o perlomeno inserirlo nel blog? grazie!
SEI UN GRANDE!!!

mirco n 05.05.07 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe dopo averti sentito nella tappa che hai fatto a Torino ad Aprile, ho cercato un pò in ogni dove senza trovare niente, in merito agli alimenti cancerogeni, o meglio la lista degli alimenti meno dannosi per la nostra salute, ma nulla potresti procurarmela tu o almeno dirmi dove trovarla sul tuo blog? grazie 1000 Fabio

FABIO BREUZA 02.05.07 16:44| 
 |
Rispondi al commento

La segnalazione degli alimenti di uso comune "inquinati" e pericolosi è giusta e dovrebbe essere divulgata il più possibile. Dato che i sindaci, in base alla riforma del tit.V, sono i responsabili sanitari dei propri comuni, perchè non inviarla a loro che per legge hanno il dovere di informare i cittadini?
Infine chiedo se potete inviarmi su mail l'elenco esatto trasmesso duratte lo spettacolo "Incantesimi", dalla registrazione video purtroppo non si legge nulla.
Grazie

Remo Coccia 01.05.07 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti; mi sono appena iscritto al blog ma non riesco a trovare la lista degli alimenti che contengono ingredienti cancerogeni. Potrei sapere dove andare a cercarla o riceverla via mail. Grazie mille

Riccardo Scandroglio 30.04.07 16:37| 
 |
Rispondi al commento

non riesco a trovare la lista degli alimenti cancerogeni, potri riceverla tramite mail o potete dirmi dove la posso scaricare?
grazie

erica pilotto 28.04.07 08:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei sapere,se possibile, il link dove trovare la lista degli alimenti cancerogeni.In caso contrario potete spedirmela? Grazie

Francesco Larcinese 23.04.07 12:29| 
 |
Rispondi al commento

una volta sul blog avevo trovato una lista di alimenti analizzati dove erano state rilevate tracce di metali e mondezze simili, ma ora non riesco piu' a trovarlo, potete inviarmelo o comunicarmi il link? grazie

fabio natalini 11.04.07 17:21| 
 |
Rispondi al commento

vorrei avere la lista degli alimenti cancerogeni. Grazie

FRANCESCA FANTIN 06.04.07 16:06| 
 |
Rispondi al commento

Beppe per favore mi fai avere la lista degli alimenti cancerogeni? Grazie mille, SEI GRANDE!!!!

riso federica 02.04.07 12:42| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, oggi al ritorno di una gita scolastica abbiamo guardato il tuo dvd in pullmann, tutta la classe era attenta e siamo rimasti tutti a bocca aperta per tutto quello che hai detto. In particolare stiamo cercando 1 lista degli alimenti "tossici" e dei parlamentari condannati....grazie

thomas svaldi 24.03.07 21:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per favore Beppe puoi mandarmi una lista degli alimenti cancerogeni che non riesco a trovarla sul blog. sei sempre il migliore!!!

Carmine G. Commentatore certificato 17.03.07 13:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

beppe mi puoi mandare la lista con gli alimenti cancerogeni?

luca pio canfora (liucos) Commentatore certificato 14.03.07 03:05| 
 |
Rispondi al commento

beppe mi puoi mandare la lista con gli alimenti cancerogeni visto che non riesco a trovarla. grazie per quello che fai

angela bortone 26.02.07 09:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo che i medici debbano smetterla di terrorizzare la gente!

Valentina Ghirardotti 23.02.07 14:57| 
 |
Rispondi al commento

cari commentatori,quando vogliamo sbattere grillo in tv o no.....?basta.... stare solo a parlare di lui e della lista maledetta dei cibi cancerogeni l'italia deve sapere,,,,la stra maggioranza del popolo italiano crede esclusivamente alla tv internet e'un percorso nuovo,l'informazione quella vera deve passare dalle tv non solo su internet!!!dobbiamo insistere tutti noi a convincere grillo a mobilitarsi per parlare in tv,so che lui gia' lo fa ma noi non siammo uno solo possiamo essere tanti e quindi.....lasciate commenti a grillo facendo sapere che noi ci siamo e che siamo stanchi di parlare soli e soltanto tra di noi,,,,,grillo grazie di esistere!!!

destefano emanuele 14.01.07 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, io e mio figlio stiamo svolgendo una ricerca sulle sostanze cancerogene presenti negli alimenti, visto che l'unica persona a cui noi possiamo rivolgerci, senza avere fregature sei tu,vorremmo informazioni a tale proposito.
Se ti fosse possibile vorrei avere notizie anche sugli alimenti provenienti da agricoltura biologica e le marche che tu ritieni sicure. Grazie di tutto quello che ci proponi.

Natascia Bachini 04.01.07 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
Ho visto il tuo ultimo spettacolo in dvd e se è possibile vorrei ricevere via e-mail l'elenco degli alimenti cancerogeni. grazie ciao

Filippo Oliviero 04.01.07 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe grazie per averci fatto passare un bellissimo capodanno,e come al solito siamo usciti contenti e INCAZZATI per come siamo trattati da numero nel nostro paese.Comunque anche noi vorremmo sapere dove trovare la lista per gli alimenti cancerogeni.Ringraziandoti ancora ti facciamo i nostri migliori auguri di Buon anno......grazie di esistere Katia e Graziano

ghirimoldi katia 01.01.07 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Il sign.Veronesi non fa altro ad accusare che il basilico fa male,la polenta fa male il fumo uccide l'OGM e dannoso, la pillola ammazza,la carne e affetta da mucca pazzoide,il pesce è inquinato la frutta e orribbilmente piena di pesticidi che agiscono di notte dopo le 24,00etc etc etc più ne a più ne mett.Ma dice anche che per una visita si prende 300.00euro

pasquale vangeli 29.12.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento

dovrebbe esserci anche una lista dei medicinali da evitare gradirei ricevere via mail anche quella, se possibile! grazie

maria rosaria esposito 28.12.06 14:52| 
 |
Rispondi al commento

vorrei ricevere la lista degli alimenti cancerogeni , se possibile non quella di veronesi ma quella reale!

maria rosaria esposito 28.12.06 14:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
Ho visto il tuo ultimo spettacolo in dvd e se è possibile vorrei ricevere via e-mail l'elenco degli alimenti cancerogeni. grazie ciao

Buondonno Stefania 27.12.06 15:35| 
 |
Rispondi al commento

IMPORTANTE! --- IMPORTANTE!

È un dato di fatto scientifico che tutti i tumori si propagano in base allo stesso meccanismo, l'uso di enzimi che assimilano il collagene (collagenasi, metalloproteinasi). L'uso terapeutico dell'aminoacido naturale lisina, specialmente insieme ad altri micronutrienti non brevettabili, può bloccare questi enzimi e quindi inibire la diffusione di cellule cancerogene. Tutti i tipi di cancro studiati finora rispondono a quest'approccio terapeutico: cancro al seno, alla prostata, ai polmoni, alla pelle, fibroblastoma, cancro sinoviale e qualsiasi altra forma di tumore.
Il solo motivo per cui questa grande scoperta medica non è stata approfondita e applicata alla cura dei pazienti di cancro in tutto il mondo è il fatto che queste sostanze non sono brevettabili e perciò hanno bassi margini di profitto. Inoltre, cosa più importante, ogni trattamento efficace di una malattia porta infine al suo sradicamento e all'eliminazione di un mercato di farmaci di molti miliardi di dollari.
La vendita di prodotti farmaceutici per pazienti affetti da tumore è stata particolarmente fraudolenta e dolosa. Con il pretesto di curare il cancro utilizzando il termine di copertura "chemioterapia", vengono somministrate al paziente sostanze tossiche che includono anche derivati del gas iprite. Il fatto che queste sostanze tossiche distruggano anche milioni di cellule sane è volutamente calcolato.
Sapendo ciò, sono state deliberatamente previste le seguenti conseguenze: primo, il cancro si sarebbe diffuso come epidemia globale, fornendo le basi economiche per un duraturo business multimiliardario su questa malattia; secondo, l'applicazione sistematica di agenti tossici in forma di chemioterapia causa la diffusione di nuove malattie nei pazienti afflitti da tumore che ricevono queste sostanze tossiche.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Prove dei crimini commessi contro l'umanità

Le prove delle accuse contenute in La presente citazione in giudizio riguardano due principali ambiti penali:
Prove del genocidio e di altri crimini contro l'umanità commessi in connessione con il business farmaceutico della malattia.
Prove dei crimini di guerra e di aggressione e di altri crimini contro l'umanità commessi in connessione con la guerra contro l'Iraq e l'intensificarsi della crisi internazionale verso una guerra mondiale.

1. Prove del genocidio e di altri crimini contro l'umanità commessi connessione con il "business farmaceutico della malattia".

Vengono presentate prove specifiche del fatto che gli accusati sono responsabili di aver deliberatamente provocato il perdurare e diffondersi delle malattie, causandone volontariamente di nuove ed espandendo l'uso di medicinali brevettati per una sola malattia al maggior numero di malattie possibili.
Per realizzare questi obiettivi, gli imputati hanno strategicamente progettato, implementato, condotto e organizzato un piano di frode commerciale su scala globale che per la sua vastità economica non ha precedenti nella storia umana.

1.1. La deliberata diffusione delle malattie
Vengono fornite le seguenti prove specifiche del fatto che le più diffuse malattie di oggi vengono deliberatamente mantenute e diffuse dagli accusati, nonostante possano essere efficacemente prevenute e ampiamente sradicate, salvando milioni di vite umane.

--------

Seguono succulente notizie in questa pagina internet del mio sito (senza www) che riguarda la Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath:

http://brudicchio.funpic.de/rath/crimini4.html

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Il Cartello della IG Farben

Il più potente impero industriale tedesco della prima metà del secolo scorso era la IG Farben, abbreviazione per Interessengemeinschaft Farben. "Interessengemeinschaft" significa associazione per interessi comuni ed era un potente cartello comprendente BASF, Bayer, Hoechst e altre società chimiche e farmaceutiche tedesche. La IG Farben fu l'unico grande finanziatore della campagna per l'elezione di Adolf Hitler. Un anno prima che Hitler prendesse il potere nel 1933, la IG Farben donò 400.000 marchi a lui e al suo partito nazista. Di conseguenza, quando il partito nazista andò al potere, la IG Farben fu l'unica a trarre profitti dalla Seconda Guerra Mondiale e dal saccheggio dell'Europa da parte dei nazisti. Il cento per cento di tutti gli esplosivi e della benzina sintetica proveniva dalle fabbriche della IG Farben. Quando la Wehrmacht tedesca conquistava un altro paese, i direttivi di Bayer, Hoechst e BASF rilevavano sistematicamente le industrie di quei paesi. Grazie alla stretta collaborazione con la Wehrmacht di Hitler, la IG Farben partecipò al saccheggio dell'Austria, della Cecoslovacchia, della Polonia, della Norvegia, dell'Olanda, del Belgio, della Francia e di tutti gli altri paesi occupati dai nazisti.
Nel 1946, le indagini del governo americano giunsero alla conclusione che senza la IG Farben, la seconda guerra mondiale non sarebbe stata possibile. Dobbiamo renderci conto che non fu uno psicopatico di nome Adolf Hitler né l'innato carattere del popolo tedesco a causare la seconda guerra mondiale. L'avidità economica di compagnie come Bayer, BASF e Hoechst fu il fattore determinante dell'Olocausto.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

Continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath/chemnitz8.html

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Perché non abbiamo sentito parlare in precedenza di queste scoperte?
.....
All'inizio del XX secolo il gruppo Rockefeller controllava già la maggior parte del business del petrolio negli Stati Uniti e in molti altri paesi. Basandosi su ricavi per miliardi di dollari, questo gruppo d'investimento ha definito un nuovo mercato: il corpo umano. I profitti o utili sul capitale investito dipendevano dalla brevettabilità dei farmaci inventati. I miliardi di dollari di profitti di questa nuova industria per investimenti furono utilizzati per convertire sistematicamente la medicina in un affare di investimenti manovrato a livello farmaceutico. Nel giro di poche decine di anni, la medicina fu controllata da questi gruppi d'interesse attraverso la loro influenza nelle scuole mediche, nei mass media e nella politica.
Uno dei principali problemi affrontati da quest'industria è stata la concorrenza con i prodotti sanitari naturali. Fra il 1920 e il 1935 furono scoperte la maggior parte delle vitamine e nutrienti naturali necessari per un metabolismo cellulare ottimale. Al mondo scientifico apparve chiaro che senza queste molecole essenziali per il metabolismo cellulare, le cellule non avrebbero funzionato adeguatamente, dando origine a malattie.
Gli strateghi degli investimenti farmaceutici se ne sono resi conto e si sono lanciati in una campagna globale per impedire che queste informazioni salvavita divenissero disponibili per le persone di tutto il mondo. Ma il mettere sotto silenzio queste informazioni è stato solo il primo passo. Fra le misure strategiche adottate per la costruzione di questo piano affaristico farmaceutico truffaldino c'è stato il gettare discredito sulle informazioni sanitarie riguardo a queste terapie naturali, non brevettabili e infine la messa al bando di qualsiasi iniziativa preventiva e terapeutica relativa alle terapie naturali.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

Continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Se volete dare il vostro sostegno alla citazione in
giudizio presentata dal Dr. Rath e altri al
Tribunale Penale Internazionale leggete il FAX Tradotto e poi compilate e spedite il FAX Ufficiale in lingua inglese.
FAX tradotto:
http://brudicchio.funpic.de/rath/materiale/FAX%20tradotto.pdf
FAX Ufficiale:
http://brudicchio.funpic.de/rath/materiale/FAX%20ufficiale.pdf

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 14:36| 
 |
Rispondi al commento

ciao

io invece ho visto il tuo spettacolo a Bologna in cui parlavi di alcuni, anzi molti alimenti cancerogeni...
sarebbe possibile pubblicarla sul sito la lista?
ho provato a cercarla ma non la trovo...
devo stamparla e tappezzare la casa...

grazie mille
martina

Martina Ciolli 09.11.06 19:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io ho seguito il tuo spettacolo a Gela e siccome i nomi degli alimenti cancerogeni li hai elencati in parte,me li puoi spedire via e-mail o mi dici come li posso procurare?grazie per le informazioni che ci dai.

geremia maicol 25.10.06 18:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fresco fresco d'iscrizione passo subito a chiedere gentilmente dove aver visione della lista degli alimenti nocivi,o comunque i più nocivi.Ho poi un'altra "piccola preoccupazione"che riguarda il mio lavoro.lavoro per trenitalia da 5 anni come capotreno(ho 25 anni)
,niente di eccezionale nonostante possa sembrare un ruolo importante;un tempo il mio capo era Cimoli che per i suoi alti meriti è finito all'Alitalia...ora abbiamo Catanìa o Moretti e l'andazzo è preoccupante. Delle Fs Si sente parlare in tv solo per gli incidenti avvenuti o per il perpetrarsi di ritardi su alcune linee,ma tante volte le condizioni di sicurezza vengono meno e non se ne sa nulla.Siamo gli unici statali che lavorano 10 ore prima di entrare in straordinario,abbiamo poca tutela sindacale(per dirne una,in caso di ritardo del treno in un turno di 9 ore che interessa le fasce pasto noi non mangiamo).Tuttosommato questo lavoro mi ha permesso "grazie" al mutuo di comprare casa.Ho fatto anche un fondo pensionistico integrativo con la Ras e lo sa chi è il mio consulente finanziario?Un'ex compagna di scuola di mia madre andata in pensione con le baby-pensioni Dini;probabilmente si era rotta di stare a casa e l'hanno reclutata come tante(prima o poi un amico di famiglia diventa un consulente finanziario,non so perchè).Tutti i miei colleghi non vedono l'ora di andare in pensione,ma quando arrivano all'età pensionabile rimandano,chiedono bonus,scivoli;poi mi guardano e dicono:.RASSICURANTE!Sono preoccupato:le Fs vanno male,se ci fosse un minimo di concorrenza saremmo tutti a casa,forse.Che mi devo aspettare dalla mia azienda,che ha il solo pregio di pagare puntualmente,ed è TANTO lo so,e con quei soldi rabbonire anche i più accesi sindacalisti che dovrebbero tutelarci o quantomeno dirci verso cosa stiamo andando?Saluti da Firenze.

riccardo mariotti 21.10.06 16:44| 
 |
Rispondi al commento

hei, ragazzi, io del metallo negli alimenti sono venuta a saperlo solo l'altra sera guardando il DVD (beh, meglio tardi che mai), quindi, prima di vuotare la dispensa (non sono genovese, ma anche i piacentini hanno un po' la "manina corta") dove posso avere l'elenco di questi cibi? mi ricordo solo le macine e i ringo, e non posso "stampare" dal DVD...o forse si? Grazie. Sara

Sara Testa 18.09.06 19:14| 
 |
Rispondi al commento

ieri sera ho assistito al tuo spettacolo a Pesaro. Vorrei sapere dove trovare l'elenco degli alimenti contenenti metalli e /o vetro che hai pubblicato durante lo spettacolo.Grazie e complimenti.

pierangelo giannini 05.03.06 21:00| 
 |
Rispondi al commento

ieri sera ho assistito al tuo spettacolo a Pesaro. Vorrei sapere dove trovare l'elenco degli alimenti contenenti metalli e /o vetro che hai pubblicato durante lo spettacolo.Grazie e complimenti.

pierangelo giannini 05.03.06 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Sembra alla campagna ideata dal trust americano del tabacco fin dagli anni 50 quando pagavano esperti per dire che il tabacco non fa male...

sommarti jaio 05.03.06 19:24| 
 |
Rispondi al commento

Questa è una considerazione che non avevo ancora sentito, a proposito delle amalgame a base di mercurio; è molto interessante, un po' perche MSM si trova con facilità in natura nelle brassicacee, come cavoli, cime di rapa etc., oltre che nelle forme commercializzate comunemente. E' interessante anche perchè mercurio, per essere organicato, è spesso metilato (mipare che sia Streptococco metilans) da un bacterio presente nella flora orale. Quindi il Metil-Sulfonil-Metano demetilando Hg e sulfonizzandolo, lo rende eliminabile. A questo punto chiedo: è mai stato fatto un esame delle urine con ricerca di Hg prima di MSM e dopo almeno due mesi? Se comparissero tracce del metallo dopo MSM significherebbe, in via teorica, che si sta eliminando il metallo e sarebbe un'indagine neanche troppo costosa... Grazie per la preziosa informazione. Alla prossima!

Gabriele Saudelli 31.01.06 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
ho scritto pocanzi il mio commento lungo ben 2000 caratteri ma poi quando l'ho spedito ..puuf svanito nel nulla ..mer.. non importa. Volevo solo dirti molto semplicemente che come dice Gian Paolo Vanozzi, nel suo commento, è importante non fare di tutta l'erba un fascio, anche se capisco che non sia facile conoscere tutto approfonditamente, mi permetto solo di dirti che se non vuoi rischiare di dire le stesse cose pressapochiste che dicono i politici avvalti di esperti nei settori in cui ti districhi tra un tour e l'altro. come tu ci insegni è la conoscenza che ci rende consapevoli e quindi pronti ad affrontare i pericoli. Da parte mia credo di essere piuttosto ferrato nel settore alimentare e se posso darti una mano lo farei volentiri perche credo che il modo con cui comunichi temi così seri agli italiani è diretto e stupendo. Ma per dovere civile devi essere anche preciso il più possibile.Ciao

ciao

Massimo Campagnaro 28.01.06 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
mi permetto di darti del tu perchè mi sento vicino ai tuoi pensieri e mi sembra di conoscerti di persona e so che se parlassimo assieme ci capiremmo al volo.. Vengo subito al dunque non preoccuparti.Ma prima mi presento: ho 32 anni lavoro in una nota azienda agroalimentare che tra le altre cose produce polenta da molti anni, svolgo compiti di controllo qualità e programmazione produzione con professionalità ed attenzione perchè credo fermamente che una sana alimentazione significhi un attesa di vita maggiore. Parlando di polenta però devo farti un'obbiezione, spero costruttiva, sul fatto che, come ho letto nell'articolo nel tuo sito, la piralide non determina la presenza di micotossine; ebbene non determina direttamente la presenza di micotossine ma è una concausa fondamentale: PERCHè LA PIRALIDE ALLO STATO LARVALE RODE LE CARIOSSIDI (I CHICCHI DI MAIS) FORANDOLI CREANDO COSI DEI LOCI DOVE L'ACQUA PUO ACCUMULARSI FAVORENDO UN MICROCLIMA IDONEO ALLO SVILUPPO DEI FUNGHI E QUINDI DELLE RELATIVE MICOTOSSINE. Per cui è determinante che la piralide sia controllata. Il discorso l'ho molto semplificato in realtà è molto più complesso ma il nociolo è questo. La presenza e pullulazione anomala di questo lepidottero è inoltre spiegabile con il fatto che esiste una monocoltura spinta di mais che lo ha favorito enormemente rendendo impossibile il controllo naturale (uccelli, virus altri insetti entomofagi, e ambiente)dell'insetto. Facendo 2 piu 2 diventa chiaro perchè i prodotti biologici senza la copertura di qualche insetticida è ancora più suscettibile allacontaminazione da micotossine. TUTTO QUESTO PER DIRE CHE I LIVELLI DI MICOTOSSINE, A CAUSA (MA QUESTO E UN MIO PARERE PERSONALE) DELLA MALAPOLITICA DI SOSTEGNO CON CONTRIBUTI A CERTE COLTURE ASSOCIATO AD UNA BASSA CULTURA DI BUONA PARTE DEI COLTIVATORI HA FAVORITO UN CONTINUO AUMENTO DI TALI TOSSINE CHE, NON STA A ME DIRLO MA AD UN COMMISIONE DI ESPERTI ...SONO PIU O MENO CANCEROGENE. avrei da dire molto ma ..

Massimo Campagnaro 28.01.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

Siamo sicuri che non esistano correlazioni fra onde elettromagnatiche, cibi "sofisticati" o altro, con i tumori, leucemie e altre malattie, soprattutto infantili ?
Sono il padre di un bimbo di 3 anni e mezzo a cui è stato diagnosticato un "neuroblastoma surrenale" in data 12.12.2005.
Mio figlio è stato operato il 20 dicembre, il 24 fortunamente siamo riusciti a rientrare a casa; da allora abbiamo effettuato diversi esami per "stadiare" il tumore e molto fortunamente, per mio figlio e per noi, non è necessaria nessuna cura, nemmeno la chemio.
Dovremmo eseguire diversi controlli per i prossimi 5 anni, per verificare l'eventuale formarsi di masse tumorali, ad oggi non diagnosticate.
Io vivo in Romagna, abbiamo curato ns figlio all'ospedale Infermi di Rimini, trovando personale competente, umano e solidale con il dolore che abbiamo sopportato.
Ho scoperto mio malgrado che in questo momento, presso il medesimo ospedale sono presenti in cura diversi bambini, dai 6 mesi agli 8 anni, residenti in una zona di 15 km di raggio, con epicentro Cesenatico.
Sarà una casualità?
Vi scrivo per sapere come posso collaborare per capire o aiutare a sensibilizzare quanti sono indifferenti a questo problema.
Una battuta molto semplice:
"dicono che la fortuna è cieca; ma la sfortuna ci vede benissimo !!!!"

Davide Rossi 10.01.06 23:54| 
 |
Rispondi al commento

mi chiedono amici dagli usa una versione del sito in inglese ,pare tu sia popolare pure la ,speriamo presto grazie

riccardo novara 25.11.05 02:35| 
 |
Rispondi al commento

Sono convinta che gli OGM(come risulta anche da studi seri che non possono essere divulgati perchè contrari agli interessi delle multinazionali) siano la causa primaria dell'obesità che sta crescendo in misura vertiginosa nella societa del "benessere". Il metabolismo umano,(così come quello animale e vegetale) è in grado di metabolizzare solo quegli alimenti che riconosce come compatibili, che hanno avuto cioè un'evoluzione simile alla nostra.Il cibo OGM (non riconosciuto)origina anticorpi,malattie autoimmuni,tiroiditi...mucca pazza...malattie del sistema immunitario..e non potendo essere assimilato, trasformato cioè in nutrimento ed energia, finisce per essere accumulato. Si prferisce continuare a produrre farmaci inutili, che mirano a bloccare il sintomo, piuttosto che cercare la causa delle malattie un po' più a monte e guarirle.

Tina Polenghi 01.11.05 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Sono convinta che gli OGM(come risulta anche da studi seri che non possono essere divulgati perchè contrari agli interessi delle multinazionali) siano la causa primaria dell'obesità che sta crescendo in misura vertiginosa nella societa del "benessere". Il metabolismo umano,(così come quello animale e vegetale) è in grado di metabolizzare solo quegli alimenti che riconosce come compatibili, che hanno avuto cioè un'evoluzione simile alla nostra.Il cibo OGM (non riconosciuto)origina anticorpi,malattie autoimmuni,tiroiditi...mucca pazza...malattie del sistema immunitario..e non potendo essere assimilato, trasformato cioè in nutrimento ed energia, finisce per essere accumulato. Si prferisce continuare a produrre farmaci inutili, che mirano a bloccare il sintomo, piuttosto che cercare la causa delle malattie un po' più a monte e guarirle.

Tina Polenghi 01.11.05 20:32| 
 |
Rispondi al commento

Questo intervento anche se in apparenza non c'entra, è collegato con l'informazione o la disinformazione medica in Italia. Ho cercato sul blog la parola amalgame dentarie non trovandola, a conferma che il problema è poco noto. Le amalgame, specie quelle vecchie, rilasciano giorno dopo giorno (per azione della saliva, della masticazione, dei cibi che mangiamo) parti del mercurio che le compone, intossicandoci subdolamente e lentamente. Magari inizialmente abbiamo minuscoli sintomi (pelle, muscoli, ossa, respirazione, mal di testa), ma in genere non ci si fa caso finché non aumentano progressivamente. Si va allora dal dottore (anche Veronesi?) che in genere le pensa tutte fuorchè puntare, su questa semplice causa (troppo facile?). Gli stessi dentisiti italici sono spesso scettici sulla faccenda mentre mi risulta che all'estero il problema è sentito e affrontato con altra sensibilità. Ma secondo voi perché in Italia c'è questa quasi voluta ignoranza sul problema? Superficialità? Calcolo politico/sanitario? Mera ignoranza?
Pensiamo a quanti magari sono morti a seguito di tale intossicazione (che provoca anche il cancro), a quanti patiscono per misteriosi sintomi che potrebbero scomparire togliendo il veleno dalla bocca.
Ed ora un'altra sorpresa. Fra gli elementi maggiormente disintossicanti scopro che c'è lo zolfo organico (MSM), che lo zolfo è il quarto minerale che compone il nostro organismo e che oltre ad essere un chelante del mercurio (cioè lo fissa e ne consente la progressiva espulsione) entra in quasi tutti i processi vitali oltre che nella composizione di antiossidanti endogeni. Bene, nessun integratore fra quelli in commercio contiene lo zolfo: potrete trovarci dentro di tutto, ma non questo prezioso minerale. E' vero che esso si trova in molti cibi ma poiché si disperde con la cottura, o anche solo con l'esposizione all'aria, quindi, invecchiando e facendo magari molto sport, ne perdiamo sempre di più perché con la dieta non riusciamo a reintegrare.

Giuseppe Miotti 25.10.05 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho cercato sul blog la parola amalgame dentarie non trovandola,
a conferma che il problema è poco noto. Le amalgame, specie quelle vecchie, rilasciano giorno dopo giorno (per azione della saliva, della masticazione, dei cibi che mangiamo) parti del mercurio che le compone, intossicandoci subdolamente e lentamente. Magari inizialmente abbiamo minuscoli sintomi (pelle, muscoli, ossa, respirazione, mal di testa), ma in genere non ci si fa caso finché non aumentano progressivamente. Si va allora dal dottore che in genere le pensa tutte fuorchè puntare, su questa semplice causa (troppo facile?). Gli stessi dentisiti italici sono spesso scettici sulla faccenda mentre mi risulta che all'estero il problema è sentito e affrontato con altra sensibilità. Ma secondo voi perché in Italia c'è questa quasi voluta ignoranza sul problema? Superficialità? Calcolo politico/sanitario? Mera ignoranza?
Pensiamo a quanti magari sono morti a seguito di tale intossicazione (che provoca anche il cancro), a quanti patiscono per misteriosi sintomi che potrebbero scomparire togliendo il veleno dalla bocca.
Ed ora un'altra sorpresa. Fra gli elementi maggiormente disintossicanti scopro che c'è lo zolfo organico (MSM), che lo zolfo è il quarto minerale che compone il nostro organismo e che oltre ad essere un chelante del mercurio (cioè lo fissa e ne consente la progressiva espulsione) entra in quasi tutti i processi vitali oltre che nella composizione di antiossidanti endogeni. Bene, nessun integratore fra quelli in commercio contiene lo zolfo: potrete trovarci dentro di tutto, ma non questo prezioso minerale. E' vero che esso si trova in molti cibi ma poiché si disperde con la cottura, o anche solo con l'esposizione all'aria, quindi, invecchiando e facendo magari molto sport, ne perdiamo sempre di più perché con la dieta non riusciamo a reintegrare.

http://www.omeolink.it/pages/amalgama.htm
http://www.aimo.it/amalgame.html
http://www.naturmedica.com/msm3.htm
http://www.arabafenix.


...MA PERCHE' DEVONO SPAVENTARE LE PERSONE?
SIAMO MICA PECORELLE DA GUIDARE CON IL BASTONE???
E' TERRIFICANTE COME MASSE DI PERSONE VENGONO "GUIDATE" COME IL CORSO DI UN FIUME E , NEL FRATTEMPO , "DISTRATTE" DAI VERI "DRAMMI" AMBIENTALI CHE ALCUNE PERSONE ( IO NON LE DEFINIREI NEMMENO COSI')COMPIONO PER ARRICCHIRSI ALLE NOSTRE SPALLE.
IO ABITO IN UN PAESINO DELLA PROVINCIA DI RIETI E PROPRIO L'ANNO SCORSO ABBIAMO VISSUTO IN "CASA NOSTRA" UNO DEGLI SCANDALI AMBIENTALI PIU' SENTITI NEGLI ULTIMI ANNI...
AVEVAMO LA "CAMPAGNA"...LA FRUTTA E LA VERDURA "BUONE"...CI HANNO PORTATO VIA ANCHE QUELLE !!!!
...VERGOGNA...
INVECE DI SPAVENTARE LA BRAVA GENTE...SPAVENTATE QUESTI DELINQUENTI!

CIAO BEPPE , SEI GRANDE!

Andrea Ballanti 20.10.05 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Salve,

andate a leggere l'articolo:
BEPPE GRILLO: IL "BUFFONE DI CORTE" DEL MONDIALISMO
nella sezione NEWS DEL FUTURO sul sito:

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

Saluti da Gaspare

gaspare 12.10.05 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ieri 19/09 ero presente al tuo spettacolo di Milano ed ho sentito per la prima volta attraverso le tue parole di quel che ha detto il dott.Veronesi a proposito dei cancro/inquinamento/polenta/basilico!
Premetto..Quest'anno mi dovrei laureare come infermiere e una minima conoscenza dell'argomento visto che studiamo anche oncologia penso di averla. Dai docenti (medici) ci viene insegnata una cosa che sappiamo tutti e che è ampiamente e scentificamente provata: l'inquinamento,quindi tutte le sostanze chimiche presenti nello smog provocano il cancro (principalmente il cancro al polmone), la polenta no!!! il basilico anche meno!! la polenta potrebbe causare il cancro in questo modo: ingestione di polenta bollente, che passando nell'esofago provoca delle ustioni che se non trattate possono (ma non è una regola) alterare l'epitelio necrotizzandolo e in seguito (ma è teoria) diventerebbe neoplastico, (un docente una volta ha fatto un esempio simile, per spiegare l'incidenza dell'tumore all'esofago (cmq bassa) più alta in veneto e la possibile causa...
Non immaginavo cmq che un luminare tale è considerato il dott.Veronesi si "sputtanasse" con certe affermazioni suggerite dai potenti!!!
sono veramente deluso!!!!!!! grazie Beppe, il tuo spettacolo mi è servito! per il futuro cercherò di guardare al mondo della sanità con occhi meno ingenui!!

Matteo Franzese 20.09.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ieri 19/09 ero presente al tuo spettacolo di Milano ed ho sentito per la prima volta attraverso le tue parole di quel che ha detto il dott.Veronesi a proposito dei cancro/inquinamento/polenta/basilico!
Premetto..Quest'anno mi dovrei laureare come infermiere e una minima conoscenza dell'argomento visto che studiamo anche oncologia penso di averla. Dai docenti (medici) ci viene insegnata una cosa che sappiamo tutti e che è ampiamente e scentificamente provata: l'inquinamento,quindi tutte le sostanze chimiche presenti nello smog provocano il cancro (principalmente il cancro al polmone), la polenta no!!! il basilico anche meno!! la polenta potrebbe causare il cancro in questo modo: ingestione di polenta bollente, che passando nell'esofago provoca delle ustioni che se non trattate possono (ma non è una regola) alterare l'epitelio necrotizzandolo e in seguito (ma è teoria) diventerebbe neoplastico, (un docente una volta ha fatto un esempio simile, per spiegare l'incidenza dell'tumore all'esofago (cmq bassa) più alta in veneto e la possibile causa...
Non immaginavo cmq che un luminare tale è considerato il dott.Veronesi si "sputtanasse" con certe affermazioni suggerite dai potenti!!!
sono veramente deluso!!!!!!! grazie Beppe, il tuo spettacolo mi è servito! per il futuro cercherò di guardare al mondo della sanità con occhi meno ingenui!!

Matteo Franzese 20.09.05 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Ma quante ca**ate che dicono!!!
Se le inventano tutte... e questo per nascondere le vere cause del tumore, le quali portano mooolto guadagno. Non c'è niente di più genuino della polenta e del pesto (se fatto in casa), alimenti privi di coloranti, conservanti, nitriti, nitrati e additivi vari, glutammato ed edulcoranti vari, e chi più ne ha più ne metta. Perchè invece di "far chiudere" i forni a legna non distruggono tutti gli apparecchi a raggi X? Perché fruttano miliardi. Perchè non levano di mezzo le macchine a benzina che inquinano? Semplice, perché vi sono accordi commerciali a livello mondiale... E' tutto un mangia mangia... E noi, invece, poveri cretini (secondo il loro illustrissimo parere) non dovremo mangiare più pesto, scegliendo magari "4 salti in padella" o sughi già pronti!!!!! ma andassero al diavolo tutti quanti (beh.. se è vero che esiste l'aldil°, al diavolo ci andranno sicuramente!!!)
ciao a tutti

Rita Rossi 16.09.05 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Take your time to check out some relevant pages dedicated to rating poker online rating poker online http://www.artisticlandscapes.net/poker-online.html http://www.artisticlandscapes.net/poker-online.html ...

free online strip poker game 31.08.05 09:12| 
 |
Rispondi al commento

A Francesco Marcellini
mi rivolgo a te che hai avuto la gentilezza di rispondere ad un mio commento, ma contemporaneamente mi rivolgo a tutti per proporre, da onesti cittadini desiderosi del bene comune, di cominciare a studiare qualcosa che eviti ai potenti, ai baroni, alle multinazionali, ai truffaldini etc. etc. di intascarsi i soldi che la gente dà spassionatamente per la ricerca!Non si tratta di fondare un'altra istituzione, no! Ve ne sono già troppe! Mio obiettivo è confrontare le opinioni di molti e cercare di trovare il giusto equilibrio per intraprendere qualcosa di veramente utile e significativo! Aspetto incoraggiamenti ed interventi.

giuseppe carusillo 05.08.05 13:35| 
 |
Rispondi al commento

SPERIAMO UN GIORNO ARRIVINO GLI EXTRATERRESTRI E CHE CI DIANO UNA LEZIONE (SPERANDO CHE SIANO PIù EVOLUTI DI NOI...MA PENSO CHE CI NON VUOLE TANTO!!!)E SE NON ARRIVANO GLI EXTRA...CI PENSERà CMQ MAMMA NATURA ..STATE TUTTI TRANQULLI HEHEHEHEHEHEHEH...CIAO BEPPE ,CONTINUA COSì!!!

francesco morra 01.07.05 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Kancropoli: la mafia dietro il Cancro.

Per chi fosse interessato ho messo a disposizione sul mio sito un libro in formato pdf che parla di tutte le verità occultate sulla malattia del nostro secolo a partire dal caso Di Bella..

http://www.peoplehavethepower.net/Kancropoli%20pdf.zip

"le bugie, le statistiche truccate, le diffamazioni e le denunce nei confronti di chi non è allineato al sistema, i comportamenti al limite della legalità e spesso oltre il limite stesso, usati dai baroni della medicina, dalle multinazionali farmaceutiche, dai famosi ricercatori, da tutte quelle persone insomma a cui, in caso di bisogno affidiamo la nostra vita.."

Rosario Pisanò 20.06.05 22:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, sta girando via e-mail il messaggio che riporto di seguito.
Mi sembra attendibile e degno di riflessione:

Vi preghiamo di trasmettere questa e-mail a tutte le donne che potete.
Per gli uomini che ricevono questa e-mail, vi preghiamo di spedirla ad amiche, ragazze, sorelle, madri, figlie ecc.
Grazie!
Controllate le etichette degli assorbenti interni che volete acquistare, la prossima volta, e controllate se riuscite ad
individuare alcuni dei segni familiari descritti in questa e-mail.
Non meraviglia che tante donne al mondo soffrano di cancro alla cervice e di tumori all'utero.
Sapete che i produttori di assorbenti interni usano diossina e rayon nei loro prodotti?
Sono sostanze cancerogene e tossiche!
Perche allora gli assorbenti interni non sono contro la legge?
Perché gli assorbenti interni non sono un prodotto alimentare e, dunque, non sono considerati pericolosi o illegali.
ECCO LO SCANDALO:
Gli assorbenti interni contengono due cose che sono potenzialmente pericolose:
Rayon (per assorbire) e diossina (un prodotto chimico usato per sbiancare i prodotti).
A volte contengono anche piccole percentuali di amianto,per indurre nell'organismo femminile una emorragia più intensa (più sanguinamento più assorbenti consumati).
L'industria degli assorbenti interni e' convinta che noi,essendo donne, abbiamo bisogno di prodotti candeggiati, sbiancati per
pensare che il prodotto sia puro e pulito.
Il problema e' che la diossina, che viene prodotta in tale processosbiancante, puo apportare gravi danni all'organismo!
La diossina e' stata associata al cancro da studi
clinici, ed e' tossica per i sistemi immunitario e riproduttivo.
E' anche stata associata con endometriosi e basso numero di spermatozoi
per gli uomini.
Lo scorso settembre, l'Agenzia di Protezione Ambientale EPA ha reso noto che non esiste un livello "accettabile" di esposizione
alla diossina, visto che e' cumulativa e lenta a disintegrarsi.
Il pericolo Reale viene dal contatto ripetuto (KarenCouppert "Pulling the Plug on the Tampon Industry"). Io direi che usare
circa 3-4 assorbenti interni al giorno, per cinque giorni al mese, per 38
anni e' un "contatto ripetuto".
Non pensate anche voi?
Il Raion contribuisce invece ai pericoli creati da assorbenti interni e dalla diossina perche' e' una sostanza altamente
assorbente.
Percio, quando fibre degli assorbenti interni restano nel collo dell'utero (come di solito accade), cio crea un "serbatoio" di
diossina nel corpo.
Tra l'altro, resta all'interno molto piu a lungo di quanto rimarrebbe con assorbenti interni fatti solo di cotone, perché il
rayon è più leggero e tende ad attaccarsi.
Questo e' anche il motivo per il quale la TSS (Sindrome da Shock Tossico) può colpire donne che usano assorbenti interni (come potete leggere dal foglio informativo di TUTTI gli assorbenti interni incommercio).
QUALI SONO LE ALTERNATIVE?
Usare assorbenti esteni, o prodotti non sbiancati e fatti completamente di cotone.
Anche altri prodotti d'igiene femminile (assorbenti esterni/fazzoletti) contengono diossina, ma non sono tanto pericolosi
quanto gli assorbenti interni. Sfortunatamente, prodotti non sbiancati e in cotone
si trovano quasi solo in negozi di "prodotti biologici" (quindi sono più
cari).
Nel 1989, degli attivisti inglesi organizzarono una campagna contro lo biancamento attuato con cloro.
Sei settimane e 50.000 lettere dopo, i produttori di diversi prodotti sanitari passarono all'ossigeno (uno dei metodi Verdi
disponibili)
(MS magazine, May/June 1995)
COSA FARE ORA:
Ditelo alla gente. Informatela.
Questa industria ci sta danneggiando, facciamo qualcosa per impedirlo!
Se avete tempo, scrivete una lettera alle società Tampax- Playtex - O.B - Kotex.
Sulle scatole c'è sempre un recapito.
Fate loro sapere che esigiamo un prodotto sicuro:
assorbenti interni COMPLETAMENTE DI COTONE NON SBIANCATO.

Graziella Simonetti 10.06.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo:)
Vorrei invitarTi alla lettura di un "Libercolo"
un piccolo libro, scritto qualche anno fa da un tedesco di nome Günther Schwab dal titolo
"La cucina del Diavolo" edizioni MACROEDIZIONI
"Il diavolo in persona racconta cosa combina l’industria alimentare: manipolazioni alterazioni chimiche informazione bugiarda. La salute del consumatore è sacrificata al profitto economico. Tutti i motivi per convertirsi all’alimentazione biologica e naturale diventando consumatori consapevoli ed evitando malesseri dovuti al cibo alterato".
Non puoi immaginare cosa fanno al cibo, penso che ne sarai sorpreso. Si può ordinare su http://www.macrolibrarsi.it
Costa più o meno 9 euro:))
Un abbraccio dal guerriero poeta:)

roberto berera 06.06.05 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,

mi piacerebbe sapere perché oggi, quando ti esprimi su argomenti che riguardano la SALUTE, capita di ascoltare frasi del tipo "essere sani significa convivere con qualche acciacco" oppure "... di qualcosa bisogna pure morire".

Anni fa parlavi di Di Bella, del Protocollo, del Prof. Pantellini che curava il cancro con l'ascorbato di potassio, ti ricordi?

Ora sembra che tu ne sia fatta una ragione, che tu abbia capito improvvisamente che tutti dobbiamo morire, presto o tardi.

Ti ringrazio di renderci così partecipi di questa tua sorprendente scoperta; vorrei solamente capire come mai, quando un argomento non è più "di moda" non ti attrae più così tanto.

Cosa c'è? Dove sono finiti quei ricercatori che nominavi qualche anno fa?

Caro Beppe Grillo, ti ringrazio anche che parli dei Bond Argentini, del Calcio e di come risparmiare al telefono, argomenti, naturalmente, molto più importanti delle terapie alternative contro il cancro.

In fondo, caro Beppe Grillo, muore di cancro solo circa il 35% della popolazione, ma questi sono dettagli, cosa vuoi che sia una malattia che colpisce circa venti milioni di persone in Italia? Un dettaglio.

Scusa, Beppe Grillo, quando anni fa parlavi di queste cose, pensavo affrontassi questo dettaglio con sincerità, con la sincerità ed il desiderio di Verità che attraversa o dovrebbe attraversare ogni uomo.

Per un attimo ho perfino pensato che saresti andato a fondo in questa tua ricerca; sentendoti nominare Di Bella, Pantellini, Giuseppe Zora ho creduto VERO questo tuo impegno a portare alla luce questo mondo sommerso.

Ma le cose cambiano, e le chiacchiere anche, quando sono chiacchiere.

A distanza di anni, ripensando ai discorsi che facevi, mi passa un brivido lungo la schiena.

Il parlare di argomenti come questo non è cosa da dimenticare o da archiviare come "argomento non più di moda".

Mi piacerebbe, al di là di tutte le polemiche, che tu facessi capire un pò come la pensi ora.

Francesco Marcellini 31.05.05 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Grillo!mi è arrivata questa mail un po' di tempo fa:dice che negli shampoo c'è una sostanza cancerogena: SODIUM LAURYL (o laureth) SULFATE.
"Siccome sei un comico ci devi dire tu la verita'..." ahahaha....
Prova a verificare la veridicita' di queste affermazioni, visto che non ti fai mai gli affaracci tuoi...GRANDE GRILLO!CONTINUA COSI..ASPETTO CON ANSIA IL DVD DEL TUO SPETTACOLO.

La mail diceva:
LEGGETE ATTENTAMENTE E DIFFONDETE !!!!!!!
QUESTO MESSAGGIO E' ARRIVATO DA UNA PERSONA CHE LAVORA ALL'ISTITUTO DI ONCOLOGIA DI MILANO.
Controlla gli ingredienti sulle bottiglie di shampoo e controlla se
contengono una sostanza chiamata "SODIUM LAURETH" o "LAURYL SULFATE" o
semplicemente "SLS". Questa sostanza si trova nella maggior parte
degli shampoo,i produttori la usano perché fa molta schiuma ed e economica.
Ma il fatto e che l'SLS si usa per strofinare i pavimenti dei garage ed e
molto forte. E' anche provato che può provocare il cancro a lungo andare,e questo non e uno scherzo. Il livello di cancerosità e a livello del benzene.
Il "VO5", Palmolive, Raul Mitchel, il nuovo shampoo della Hemp
contengonon questa sostanza, allora ho chiamato una ditta e gli ho detto che il loro prodotto contiene una sostanza che può far venire il cancro.
Hanno risposto:
"si,lo sappiamo, ma non possiamo farci niente perché abbiamo bisogno
di quella sostanza per produrre la schiuma." Anche il dentifricio Colgate
contiene quella sostanza per produrre bolle. Dicono che mi manderanno delle
informazioni.
La ricerca ha dimostrato che negli anni '80 la probabilità di prendere
il cancro era di 1 su 800 e ora, negli anni 2000 è di 1 a 3, e ciò è
ovviamente molto preoccupante. Cosi spero che prendiate questa lettera
sul serio e la passiate a tutti quelli che conoscete, nella speranza di
impedire di provocarci il cancro.
Contengono questa sostanza:
Shampoo dell'Antica Erboristeria
Bagnoschiuma Bionsen,
Bagnoschiuma Nivea
Colluttorio l´Angelica
Gli shampoo CLEAR, GARNIER, LOREAL, OSMOSE e BIOPOINT Dentifricio Mcleens, Oral-B Sensitive Fluoride, AZ VERDE protezione
carie
Non so quelli dell'ERBOLARIO perché ho scoperto che non hanno gli
ingredienti scritti sulla confezione.
Se hai ancora dubbi leggi "SALUTE" il settimanale di Repubblica del 9
novembre 2000 alla pagina 40 e 41 (riquadro verde in alto al centro),
troverai un articolo che parla di questa sostanza.

CONCLUSIONE: NESSUNA DITTA NEGA LA PRESENZA DI TALE SOSTANZA, MA LA
GIUSTIFICANO; ANZI PER MOTIVI PURAMENTE ECONOMICI, DICONO CHE LE BASSE
DOSI SAREBBERO ININFLUENTI. MA UNA BASSA DOSE CON LA DOCCIA, UNA PER LAVARE
I DENTI, UNA PER LAVARE I CAPELLI....A LUNGO ANDARE QUANTO FA'?

Ti consiglio di inoltrare questa lettera a tutti quelli che conosci.

ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Via Ripamonti 435 20141 Milano
tel +39 0257489205 fax +39 0257489872.

Lorenzo Smaldone 26.05.05 21:36| 
 |
Rispondi al commento

La Monsanto (multinazionale che commercia in prevalenza sementi sterili ed ora anche modificate nei loro geni,pesticidi e prodotti per la cosidetta agricotura) dichiara pubblicamente che il mais geneticamente modificato (OGM) potrebbe far sviluppare cellule cancerogene nell'organismo umano (ti viene un cancro)ma si rifiuta di rendere pubbliche le ricerche svolte nei suoi laboratori tutto ciò succede in un momento molto importante per noi Europei perchè tra qualche giorno dovranno decidere non sò quali capoccioni se anche quì da noi si dovrà coltivare e mangiare OGM o continuare sulla vecchia strada.
P.S. Mi dimenticavo di fare i miei piu vivi complimenti al Prof.Veronesi
Sono proprio contento che lei non sia più Ministro della Sanità

Paolo Discacciati 24.05.05 03:16| 
 |
Rispondi al commento

la sardegna credo sia l'esempio delle polveri sottili che dai poligoni piu importati Europa si innalzano ad inquinare la terra che veniva chiamata Atlantide,credo che le numerose persone che siammalano di varie forme di tumore sia dovuta anche queste polveri.ei proplemi della diroide?

Giovanni A: Sanna 20.05.05 00:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

spiegami una cosa: ma succede solo a me conoscere medici di famiglia che fanno abitualmente le diagnosi per telefono e che si incavolano se li preghi di passare per darti un'occhiata? che proprio per questo (e per andare gratis in vacanza) prescrivono antibiotici a tonnellate?
Possibile che i Signori Magistrati vivano una vita tutta loro nella quale queste cose non succedono mai????

Fabrizio Di Carlo

Fabrizio Di Carlo 16.05.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Mitico,
volevo chiederti se mi puoi spiegare come mai in questo paese così bacchettone nessuno parla del fatto che solo in Italia l'alcol uccide qualcosa come 30000 persone l'anno tra patologie , incidenti, e omicidi e siccome ci sembrano pochi i morti facciamo la pubblicità per stimolarne ed aumentarne l'uso.
Secondo me è giustissimo che la vendita di alcol sia legale quindi controllata, ma la cosa che mi sembra assurda è la pubblicità che si sa' serve a stimolarne l'uso.
Pero' se mi faccio una canna anche se dal medioevo ad oggi non esiste nemmeno un solo caso di morte per cannabis la polizia mi arresta.
E' come se liberalizzassimo le droghe per controllarne il fenomeno e poi tappezziamo le città di manifesti 6x3 con slogan tipo " fatti una pera e scoprirai il gusto pieno della vita"
Un abbraccio Marco Donati

marco donati 15.05.05 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Incredibile!!!

Questo messaggio e' arrivato da una persona che lavora all'istituto di
oncologia di milano.
Controlla gli ingredienti sulle bottiglie di shampoo e controlla se
contengono una sostanza chiamata "SODIUM LAURETH" o "LAURYL SULFATE" o
semplicemente "SLS".
Questa sostanza si trova nella maggior parte degli shampoo. I produttori la
usano perché produce molta schiuma ed è economica.
Ma il fatto è che l' SLS si usa per strofinare i pavimenti dei garage ed è molto forte.
E' anche provato che può provocare il cancro a lungo andare, e questo non è uno scherzo.
Il livello di cancerosità è a livello del benzene.
Il "VO5", Palmolive, Raul Mitchel, il nuovo shampoo della Hemp contengono questa sostanza; allora ho chiamato una ditta e gli ho detto che il loro prodotto contiene una sostanza che può far venire il cancro.
Hanno risposto:
"Si, lo sappiamo, ma non possiamo farci niente perché abbiamo bisogno di quella sostanza per produrre la schiuma." Anche il dentifricio Colgate contiene quella sostanza per produrre bolle.
Dicono che mi manderanno delle informazioni.
La ricerca ha dimostrato che negli anni '80 la probabilità di prendere il cancro era di 1 su 800 e ora, negli anni 2000 e di 1 a 3, e ciò è ovviamente molto preoccupante.
Così spero che prendiate questa lettera sul serio e la passiate a tutti quelli che conoscete, nella speranza di impedire di provocarci il cancro.
Contengono questa sostanza:
* Shampoo dell'Antica Erboristeria
* Bagnoschiuma Bionsen,
* Bagnoschiuma Nivea
* Colluttorio l'Angelica
* Gli shampoo CLEAR, GARNIER, OREAL, OSMOSE e BIOPOINT
Dentifricio Mcleens, Oral-B Sensitive Fluoride, AZ verde protezione carie
Non so quelli dell' ERBOLARIO perché ho scoperto che non hanno gli
ingredienti scritti sulla confezione.
Se hai ancora dubbi leggi "SALUTE" il settimanale di Repubblica del 9
novembre 2000 alla pagina 40 e 41 (riquadro verde in alto al centro),
troverai un articolo che parla di questa sostanza.
CONCLUSIONE: NESSUNA DITTA NEGA LA PRESENZA DI TALE SOSTANZA, MA LA
GIUSTIFICANO; ANZI PER MOTIVI PURAMENTE ECONOMICI, DICONO CHE LE BASSE DOSI
SAREBBERO ININFLUENTI.
MA UNA BASSA DOSE CON LA DOCCIA, UNA PER LAVARE I DENTI, UNA PER LAVARE I
CAPELLI, A LUNGO ANDARE QUANTO FA' ?

Ti consiglio di inoltrare questa lettera a tutti quelli che conosci.

ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA - Via Ripamonti 435
20141 Milano tel +39 0257489205 - fax +39 0257489872

brunetti lara 13.05.05 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Povera Italia sei di nuovo sprofondata nel Medioevo della scienza Medica:con il nuovo ministro siamo tornati a discutere della terapia Di Bella!! con gran sollazzo del resto del mondo che vergogna

attilio bonali 12.05.05 00:58| 
 |
Rispondi al commento

Premetto che è la prima volta che mi rivolgo qui e spero di farlo correttamente.
Sono una mamma di due ragazzi di 15 anni che si trova "costretta" a dover comprare il cellulare ai ragazzi. Essendo a conoscenza dei pericoli e dei danni che l'apparecchio può causare,mi sono messa a cercare una lista, una graduatoria con i migliori e i peggiori riguardo le emissioni di onde. Da qui mi sono resa conto che se esiste una marea di informazioni riguardo la pericolosità delle onde, per quanto riguarda l'aspetto pratico del problema e cioè l'uso di un cellulare a bassa emissione di onde,purtroppo tutto quello che sono riuscita a trovare è una lista di cellulari datata 2000-2002.Invece per i cellulari di ultima generazione, i tri band, non sono riuscita a trovare niente. Ora mi chiedo: perchè? Forse non ho cercato bene, o forse non è un argomento che può interessare.Mi auguro che la motivazione non sia dovuta al fatto che questi cellulari di ultima generazione sono tutti simili e con un alta emissione di onde. Comunque sia parlare della pericolosità delle onde elettromagnetiche senza evidenziare la qualità del prodotto che in questo caso sarebbe il cellulare a più bassa emissione elettromagnetica, a mio parere è come parlare dei danni dovuti dall'alcool senza sapere che bere un bicchiere di vino non è come bere un bicchiere di wisky.
Detto questo come posso fare? Mi puoi aiutare?
grazie.

adriana bovina 12.05.05 00:08| 
 |
Rispondi al commento


Mmh...

mi sa che su "Porta a porta" di stasera mi hanno detto una cazzata...

Francesco Marcellini 10.05.05 16:58| 
 |
Rispondi al commento


Volevo comunicare a tutti gli interessati (magari anche a Beppe Grillo, chissà...) che stasera (10 maggio 2005) la trasmissione di Bruno Vespa si occuperà della Terapia Di Bella.

Francesco Marcellini 10.05.05 13:22| 
 |
Rispondi al commento


Per Stefano Bianco:

"Pare" che tutto questo pericolo non esista.

Prova ad andare al sito qua sotto.
http://www.attivissimo.net/antibufala/sls/dentifrici_cancerogeni.htm

Francesco Marcellini 10.05.05 07:39| 
 |
Rispondi al commento

Strano che il signor Veronesi tiri in mezzo basilico e polenta, quando il 90% degli shampoo in commercio (se non di più) contiene una sostanza che è cancerogena al 100% (l'SLF: Sodium Laurentio Fosfate), il cui scopo è esclusivamente quello di fare la schiuma!!!

Stefano Bianco 10.05.05 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Giuseppe Carusillo,

chissà se il buon "Beppe Grillo" i fondi a cui tu fai riferimento li darebbe a quiei "ricercatori" inventori di cure per il cancro che allora difendeva e di cui adesso si è "un pochino" scordato...

Quasi quasi rivaluto Veronesi...

Francesco Marcellini 09.05.05 19:24| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere quali sono i rischi che una donna corre con la procreazione assistita, con e senza la legge per cambiare la quale voteremo al referendum.

Credo sia un'urgenza per questo sito quello di comunicarcelo. Soprattutto per le donne che vanno a votare.

Quali sono le percentuali di successo, quelle di danno permanente, le speranze di vita dl feto e gli efetti a lungo termine della pratica su madri e figli, e magari un commento da parte sua, se ritiene più saggio per una coppia che non può con metodo naturale tentare la via bogenetica o quella dell'adozione.

So che in molti casi il feto viene fatto nascere di 0,5 kg con parto cesareo. E' una giusta informazione? E' vero che la madre rischia ictus e infarti?

Solo lei "che è un comico" ci può aiutare a capire meglio.

Grazie mille.

Filippo Noceti 08.05.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, prima di tutto ti faccio tanti complementi per quello che fai e poi vorrei sapere maggiori notizie sull'uso dei cellulari e il problema di neoplasie e tumori alla testa.
Grazie.

Maurizio Avagliano 07.05.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Fondi per la ricerca sul cancro.
Già nel 1972, anno in cui mi sono iscritto alla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bari (interrotta poi per motivi familiari),si parlava di nuove cure e nuovi studi per sconfiggere il cancro.Da quel momento si sono centuplicate, grazie a mirate campagne pubblicitarie,le offerte in danaro che annualmente vengono raccolte ed inviate a....:a proposito dove vanno a finire tutti i miliardi raccolti, visto che i ricercatori di tutta Italia continuano a ripetere che nei loro laboratori arrivano pochi fondi? Se stimiamo che, in 30 anni, le varie associazioni di ricerca sul cancro hanno intascato mediamente dai 50 ai 100 miliardi l'anno (ed è sottostimato!),secondo te è mai possibile che non si sia andato più in là di qualche nuovo farmaco che comunque non ha migliorato di molto le aspettative di vita dei pazienti? Se un miglioramento c'è stato, è venuto solo nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso diagnosi precoci.Ma a livello di cura sai dirmi, per caso, se sono diminuite le mortalità nel campo dei carcinomi o dei sarcomi?
Se vi è un calo è dovuto soltanto alla presa di coscienza dell'individuo che adotta accorgimenti e stili di vita tali da ridurre l'incidenza dei tumori. Dalla scienza ho visto ben poco, checchè ne pensi il Prof. Veronesi che continua a giustificare alcune cose e demonizzarne altre!Oggi chi si becca sfortunatamente un tumore ha la medesima paura ed angoscia di chi se lo beccava 30 anni fa!
Date a chi veramente li fa fruttare i soldi della gente!

giuseppe carusillo 06.05.05 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Gentile sig.Grillo
sono molto contenta di avere un piccolo spazio, per (se qualcuno avesse delle risposte)capire più che commentare ,qualcosa che ritengo una deliberata manipolazione delle disinformazioni,mi riferisco al fatto che il 12 di giugno ci sarà un importante referundum sulla procreazione ,e potrei arrivare a dire che l'ho saputo quasi per caso!
Nel periodo precedente le elezioni politiche
eniamo invasi da programmi ,lettere comunicazioni su giornali, cartelloni ,fra un pò le facca dei politici sui cartoni del latte!
E adesso che noi cittadini abbiamo un briciolo di potere decisionale (reale )sulle nostre vite ,l'unica informazione "pubblicitaria" che ho visto è stata del prof.Veronesi sull'espresso.
Posto che mi siano sfuggite altre "pubblicità",Vespa ancora non ne ha fatto una trasmissione! e questo è un inequivocabile segnale dell'interesse che la nostra classe politica riserva a quasto referendum.
Ho cercato delle risposte con un analisi personale,e uno dei motivi che mi vengono in mente a parte il vergognoso moralismo di stampo cattolico che serpeggia nei palazzi del governo che di per sè come organo superiore non avrebbe il diritto di avere convincimenti religiosi che influenzino uno stato, e che i nostri politici evidentemente sono tutti ricchi!
é chiaro! visto che basterebbe andare nella vicina francia pagare,fare tutto quello che la legge italiana oggi vieta...tornare incinta e avere un bel bambino con cittadinanza italiana ,ma che ancora prima di nascere ha già la fedina penale sporca!
Dicevo quindi i nostri politici sono ricchi perchè tutto questo potrebbero permetterselo,ma una famiglia media no.
Devo pensare che lo facciano per il nostro bene cosi solo le classi agiate si riproducono...una sorta di selezione della specie. grazie per lo sfogo .

micaela scozia 04.05.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

Leggete qui e poi ditemi cosa ne pensate.
Ciao a tutti

www.aerrepici.org/rathinterit.htm

Sandro Gozzi 03.05.05 01:31| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe, ho assistito a Roma al tuo spettacolo e ne sono uscita “lacerata”. Ti scrivo in merito ad uno scandalo perpetrato ai danni di migliaia di bambini che va avanti da anni e di cui solo ora si inizia timidamente a parlare.
Sto parlando di una forma di autismo che colpisce alcuni bambini dopo che sono stati sottoposti ad alcune vaccinazioni obbligatorie.
Questi vaccini contengono una notevole quantità di mercurio, metallo utilizzato per conservarli in ambiente sterile, che non venendo espulso dall’organismo lo intossica, provocando gravi danni al sistema nervoso ed encefalico.
Dopo qualche mese bambini normalissimi, vivaci e loquaci nonreagiscono agli stimoli, non rispondono e non parlano più.
“Autismo” sentenziano lapidari i medici, malattia per cui non c’è nulla da fare.
Sconcerto, dolore, spese, viaggi in tutte le strutture sanitarie (magari c’è speranza) e bambini trattati da malati.
Dopo anni di ricerche fatte soprattutto attraverso la rete, su Report, rai 3 http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=213 pesco incredula l’intervista di un professore americano che parla di epidemia di autismo provocata da intossicazione da mercurio verificabile attraverso analisi non invasive (per esempio analisi del capello), che qui in Italia, manco a dirlo, non si fanno, e da cui, sostiene, spesso si può guarire.
Ora, siccome questo è uno spazio di informazione libera, vorrei che qualcuno commentasse o scrivesse di casi simili perché, al di là del fatto che bambini dati per “spacciati” riprendano a parlare e a rispondere alle carezze della mamma, ( e potete solo immaginare il dolore ed il calvario di queste famiglie), ma vorrei anche capire il motivo per cui uno stato che obbliga le famiglie a vaccinare i loro bambini, non solo non garantisce la sicurezza, ma poi non si assume nemmeno la responsabilità morale e materiale del danno causato, e come nega l’assunzione di responsabilità? Non informando.

marina placidi 02.05.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento


Ciao Beppe, ti ricordi di quando parlavi dei "ricercatori eretici" sul cancro?

Ti ricordi di quando ti schieravi a favore di Di Bella?

Come mai non ne parli più? Difetto di memoria?

Oggi Di Bella non c'è più e il chiacchierare di
terapie "alternative" sul cancro è un pò passato di moda.

Oggi si parla di economia, di fallimenti e tu che
fai? Parli di Parmalat, Argentina, Cirio...

Ma che fai? Vai col vento?

E la gente dice:
"Ma com'è bravo Beppe Grillo!"
"Ma perché non si candida alle elezioni?"
"Ma com'è giusto Beppe Grillo!"

Perché non chiediamo a Beppe Grillo se, qualora
avesse un tumore, si curerebbe affidandosi ad
uno qualsiasi dei "ricercatori eretici" di cui
chiacchierava tanto qualche anno fa
(il Prof. Pantellini e l'ascorbato di potassio,
l'oncologo Giuseppe Zora, il siero Bonifacio, ecc.)?

Poi vediamo se si fa una bella risatina...

Che tristezza... e che delusione.

Francesco Marcellini 02.05.05 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho sempre ammirato il tuo coraggio ed il tuo talento a mettere in ridicolo argomenti e personaggi che in Italia spesso sono considerati inviolabili.

Mi piacerebbe pero' che chiarissi la tua posizione sull’AIDS.

In uno dei tuoi spettacoli lasciasti intendere che i fondi per la ricerca contro l’AIDS sarebbero dettati più da interessi economici che da una vera necessità: dicesti che la pandemia annunciata si era rivelata una farsa.

A mio avviso invece la ricerca ha contribuito e deve continuare a contribuire a rendere le cure contro l'AIDS meno dolorose, meno costose ed ad avere risultati più sicuri e definitivi.

Purtroppo sai anche che in Africa l’AIDS sta devastando popolazioni intere, ha abbassato l’età media a 45 anni e riempito le statistiche di schiere di orfani senza futuro.

Senza parlare dell’importanza di campagne di informazione sulla corretta profilassi e prevenzione che devono essere finanziate: come l’uso del preservativo, la sterilizzazione delle scorte ematiche e cosi via.

Non sarebbe una cattiva idea se aprissi una sezione del tuo Blog sull’AIDS. Farebbe riflettere a molti, e magari aiuterebbe a sconfiggere certi preconcetti basati su principi suppostamente morali quali l’avversione dogmatica o suppostamente scientifica dell’uso del preservativo.
Che stanno contribuendo ad un vero e proprio genocidio.
Ciao

Carmen Del Sole 01.05.05 19:43| 
 |
Rispondi al commento

La mia e-mail sara molto dura nei tuoi confronti perche hai passato ogni limite di buon gusto.. capisco il tuo ruolo comico.... e devo dire che ti ho sempre seguito con interesse e rispetto per il coraggio che hai , ma credo che questa volta hai "Toppato" come si dice a roma alla grande.... sono stato ieri sera al tuo spettacolo PalaLottomatica e tra le tante cose che hai detto hai fatto una disquisizione su una donazione per la ricerca che avrebbe fatto berlusconi ( che io non condivido come persona) per una malattia di TUMORE al Pancreas, dicendo tra le righe che sono soldi buttati visto che la mortalià di questa patologia e 100% in 5 anni .
Prima di tutto visto che decanti tutta questa informazione sul web questa volta non ti sei documentato..."Genio" visto che non è come dici tu perche è vero che vi è una mortalità altissima ma la motivazione principale è che non da sintomi e quando li da e troppo tardi ( e fondamentale la prevenzione), è vero è una malattia rara....ma poi di questo non ne sono convinto io ho mio padre che ha avuto un tumore al pancreas mio cugino ne è morto 2 anni fa ... Sivori. giocatore ex juventus sai di che è morto????? indovina ... Lo schifo sai qule è e che essendo una malattia senza Bisness le case farnmaceutiche se ne infischiano... e tu in vece di puntualizzare questo che dici.. tanto si muore dopo 5 anni... bha ... sei veramente un ipocrita... ma che ne sai se fra i 10.000 "paganti" ieri sera c'era qualcuno con questa patologia che stava lottando contro tutto e tutti????? ringrazio dio che mio padre non è venuto.. altrimenti mi sarei alzato e ti avrei dato una capocciata.... dovresti devolvere parte del tuo incasso alla ricerca di malattie che come si dice sono rare e i grandi e potenti se ne fragano.... perche non ci si guadagna.. lo stato dovrebbe finanziare solo la ricerca di malattie che non hanno sovvenzioni "Particolari" vengono spesi piu soldi per la ricerca dei vaccini per il raffreddore che per un tumore che uccide le persone.. ma che schifo ma lasciateci prendere il raffreddore....
Tanto per puntualizzare un altra cosa che hai detto ieri sera non esatta o non completa.. anche io sono un malato di informazione alternativa.... e quando hai fatti i grafici delle società collegate a tronchetti e a berlusconi hai dimenticato una linea che congiunge le due sfere.... hai parlato nel caso di berlusconi di Sirti Spa... che hai detto che fa i cavi.... DISINFORMATOOOOOOOO Srti. spa oltre a fare i cavi è la societa Numero uno degli appalti Telecom Italia... molti manager da telecom sono passati in sirti.. prende milioni di euro di lavoro da telecom e poi li da in subappalto a societa piu piccole con sconto 25% questo vuol dire prendo appalti e poi lavorano altri ...molto difficile che riesci al lavorare nelle telecomunicazioni se non prendi lavoro in seconda battuta da Sirti.Spa Site, Alactel ,Sielte( ex ericcson ) . Vabbe sarebbe un ragionamento lungo... comunque quando parli di malattie accendi il cervello...
Marco Sorchetti

Marco Sorchetti 01.05.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

CARO Gian Paolo Vannozzi!!
La smetti di inserire ripetutamente lo stesso POST pieno di MINCHIATE fumosine. Ne abbiamo abbastanza di MINCHIATE da parte delle TV locali e Quotidiani del ca... Qui non c'e spazio per BUGIE, solo verità. Mi nonno è morto a 101 anni ..mangiava pesto, polenta e tutto ciò che la natura ti da (senza il minimo intervento dell'uomo)e le fumosine e aflatossine allora potevano essere solo DISCHI VOLANTI delle case farmaceutiche che inculcarci altre fobie. Caro signore, ma ti rendi conto che ci stanno inculcando piano piano la strategia della paura.
Buona vita

Rosario 01.05.05 08:35| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, Grazie! Ho visto il tuo spettacolo ieri sera con un gruppo di amici ... Mi è dispiaciuto che a circa 1 mese dal referendum sulla L.40/04 (procreazione assistita)tu non abbia detto nulla in proposito. Non ritieni che così com'è sia un passo nell'era preistorica e che anche il silenzio della stampa serva ad ignorare un problema che in Italia coinvolge oltre 70.000 coppie l'anno?Continuiamo così ci penserà Benedetto XVI. Vai sempre così. Stefania

stefania campitelli 30.04.05 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Il giorno 28/4 ero al palasport di Roma ad ascoltarti. Quello che ci hai detto ed il modo con il quale ce lo hai detto ha lasciato il segno. Ma dopo aver capito l'importanza di quello che hai detto, rimane la voglia di saperne di più e di darsi da fare anche attraverso le tue iniziative. Avere la possibilità di commentare sul tuo blog è un'ottima iniziativa ma è importante far seguire al pensiero l'azione. Anche soltanto individuare i 182 farmaci pericolosi è già qualcosa. Purtroppo, data la mia scarsa dimestichezza nel navigare nella rete, non sono riuscito a trovare l'elenco di quei farmaci. Mi potresti aiutare?
Non ti stancare di essere Beppe Grillo.
Ciao
Filippo

filippo vella 30.04.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

per i discorsi sul cancro mi piacerebbe leggeste tutti questo e mi faceste sapere le vostre idee.
Ciao

http://www.disinformazione.it/legge%20ferrea.htm

Davide Zambarria 29.04.05 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
non bisogna fare di ogni erba un fascio e considerare che oltre alleaflatossine,del resto presenti solo in annate con particolari condizioni climatiche, sono dannose le fumonisine sostanze cancerogene. Al riguardo la situazione in Italia è la seguente:

Conclusioni

E’ stata rilevata una maggior suscettibilità alla contaminazione da fumonisine delle classi FAO più tardive. Un fattore che è in grado di influire negativamente sul livello di contaminazione è rappresentato dall’epoca di raccolta. Si è osservato, infatti, che ritardando di 15 giorni questa operazione, si ottiene un incremento della concentrazione in fumonisine compreso fra il 60 e l’85%, a seconda dell’anno considerato e legato alle classi FAO tardive.
La presenza di fumonisine è un aspetto caratterizzante la produzione nazionale di mais nonostante si osservino variazioni in funzione della stagione agraria, dell’andamento climatico, e della località. Le possibilità di controllo derivano dall’impiego di ibridi di classi di maturità idonee per un particolare ambiente di coltivazione, dall’assenza di stress idrico, dall’adozione di rotazioni e arature adeguate per contenere le fonti di inoculo e dal controllo della piralide per mantenere l’integrità delle spighe e degli stocchi.

Se interessa posso mandare il lavoro completo
Grazie
Gian Paolo Vannozzi


gian paolo vannozzi 29.04.05 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
non bisogna fare di ogni erba un fascio e considerare che oltre alleaflatossine,del resto presenti solo in annate con particolari condizioni climatiche, sono dannose le fumonisine sostanze cancerogene. Al riguardo la situazione in Italia è la seguente:
(ACCUMULO DI FUMONISINE IN IBRIDI DI MAIS DI DIFFERENTE MATURITA) O- EFFETTI DELLA PRECOCITA’ DEGLI IBRIDI, DELL’EPOCA DI RACCOLTA E DELL’AMBIENTE SULLA DIFFUSIONE DELLE FUMONISINE IN MAIS.
1Berardo Nicola., 1Pisacane Vincenza, 2Vannozzi GianPaolo, 2Baldini Mario,3Miele Sergio, 3Salera Estilio, 4Marocco Adriano, 5Colombo Giorgio, 5Maggiore Tommaso.

1Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, 24126 Bergamo, 2DPVTA, Università di Udine 3Dip. Agronomia e Gestione Agroecosistema, Università di Pisa, 4Università Cattolica S. Cuore, 29100 Piacenza, 5DIPROVE, Università di Milano.
Metodologia sperimentale
Nel 2002 e nel 2003 sono stati valutati 8 ibridi commerciali di mais di diversa classe di maturità FAO (300 - 700) in prove replicate, in 6 località. Le località erano così distribuite: 2 in Lombardia, 1 in Piemonte, 1 in Toscana; in Friuli erano presenti due località nel 2002 ed una nel 2003. Lo schema sperimentale adottato è stato il blocco randomizzato con quattro ripetizioni. La parcella elementare era costituita da quattro file, distanti 0.7 m e lunghe 5.2 m. Gli ibridi sono stati allevati secondo le normali tecniche agronomiche. Allo stadio di 4a foglia si è provveduto al diradamento manuale per ottenere una densità di 7-7.5 piante per metro quadrato.
Sono stati effettuati due campionamenti di spighe: a 60 ed a 75 giorni dalla fioritura. Le spighe sono state raccolte su una delle file centrali. I campioni così prelevati sono stati pesati e posti in essiccatoio a 40 °C fino a raggiungimento di peso costante. Successivamente si è determinato il peso dei campioni essiccati e calcolata l’umidità delle spighe alla raccolta. Dopo la sgranatura è stato ottenuto un subcampione di 500 g che è stato conservato per le successive valutazioni analitiche. Un campione di circa 200 grammi è stato macinato utilizzando un mulino tipo Cyclotec con vaglio di 1mm ed i campioni così ottenuti sono stati conservati in barattoli di polietilene a chiusura ermetica fino al momento delle analisi. E’ stato determinato su ogni singolo campione di farina di mais il contenuto in fumonisine con il metodo immunoenzimatico RIDASCREEN®FAST Fumonisin (R-Biopharm).

Risultati

Confronto tra classi FAO nelle due epoche di raccolta.

La diffusione delle fumonisine è stata rilevante nei due anni di prova superando sempre la soglia limite di 5ppm (Figure 1 e 2). Tuttavia fra i due anni si sono rilevati intervalli di concentrazione diversi: da 5 a 11 ppm nel 2002 e da 7 a 30 ppm nel 2003. Per quanto riguarda le differenze tra gli ibridi, quelli di classe 700 presentano in entrambi gli anni un maggior accumulo di fumonisine. Differenze più contenute si sono registrate tra gli ibridi appartenenti alle classi più precoci. L’epoca di raccolta ha avuto un effetto significativo nel 2003, in cui il grado di infezione è stato elevato per tutte le classi di maturità considerate. Nel 2002, invece, le differenze tra la prima e la seconda epoca di raccolta sono risultate significative solo per le classi FAO 600 e 700. In particolare il contenuto medio in fumonisine nei due anni è stato compreso fra 6 e 14 ppm nella prima epoca e da 11 a 20,5 ppm nella seconda, passando dalle classi più precoci a quelle più tardive.

Confronto tra località nelle due epoche di raccolta.

Nel 2002 il livello di contaminazione in fumonisine nelle diverse località di prova è variato per la prima epoca di raccolta da 3 ppm fino a 8 ppm rispettivamente per le località di Rottaia in Toscana e Camino in Friuli (Fig. 3). La seconda epoca di raccolta ha evidenziato mediamente valori più elevati in tutte le località di prova, in un intervallo compreso tra 5 e 12 ppm corrispondenti, rispettivamente, alle località di Vigone in Piemonte e Luignano in Lombardia. Nel 2003, i valori medi di fumonisine sono stati decisamente più elevati rispetto all’anno precedente. L’unica località che ha fatto registrare un livello di contaminazione vicino al valore soglia è risultata Vigone in Piemonte, alla prima epoca di raccolta con un contenuto medio di 5ppm mentre, alla stessa epoca il valore più elevato è stato misurato a Luignano in Lombardia con 22ppm. Anche nella seconda epoca Vigone si è mostrata la località meno contaminata da fumonisine con un valore pari a 9 ppm, superiore comunque al limite in discussione. Alla stessa epoca, la località maggiormente contaminata da fumonisine è risultata Rottaia con valori superiori a 50 ppm.

Variazioni percentuali in fumonisine in relazione all’epoca di raccolta e alle classi FAO.

Dal confronto fra le classi FAO degli ibridi impiegati e le due epoche di raccolta nei due anni di prova risulta evidente la maggiore contaminazione in fumonisine nella seconda epoca di raccolta rispetto alla prima (Tab. 1). Solo l’ibrido della classe FAO 400 mostra una contaminazione pressoché analoga nelle due epoche di raccolta., mentre il confronto è sempre decisamente sfavorevole della seconda epoca rispetto alla prima con differenze che vanno dal 24 fino al 62 % di contaminazione in più, rispettivamente per le classi 500 e 700 nel primo anno di prova. Un situazione simile è stata registrata anche nel 2003 dove le differenze tra epoche di raccolta per le diverse classi di maturità sono diventate decisamente più significative ed evidenti con differenze percentuali che variano dal 32 all’85% corrispondenti, rispettivamente, agli ibridi di classe 400 e 500.

Conclusioni

E’ stata rilevata una maggior suscettibilità alla contaminazione da fumonisine delle classi FAO più tardive. Un fattore che è in grado di influire negativamente sul livello di contaminazione è rappresentato dall’epoca di raccolta. Si è osservato, infatti, che ritardando di 15 giorni questa operazione, si ottiene un incremento della concentrazione in fumonisine compreso fra il 60 e l’85%, a seconda dell’anno considerato e legato alle classi FAO tardive.
La presenza di fumonisine è un aspetto caratterizzante la produzione nazionale di mais nonostante si osservino variazioni in funzione della stagione agraria, dell’andamento climatico, e della località. Le possibilità di controllo derivano dall’impiego di ibridi di classi di maturità idonee per un particolare ambiente di coltivazione, dall’assenza di stress idrico, dall’adozione di rotazioni e arature adeguate per contenere le fonti di inoculo e dal controllo della piralide per mantenere l’integrità delle spighe e degli stocchi.

DIDASCALIE

Figura 1 -2 Contenuto in fumonisine totali (media di 6 località) negli 8 ibridi in prova (A - H) e nelle 2 epoche di raccolta nel 2002 e 2003. In parentesi il numero totale dei campioni analizzati per ciascun ibrido.

Figura 3 Contenuto in fumonisine totali (media di 8 ibridi) in 6 località, per 2 epoche di raccolta nel 2002 e nel 2003.

Se interessa posso mandare anche le figure
Grazie
Gian Paolo Vannozzi


gian paolo vannozzi 29.04.05 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
non bisogna fare di ogni erba un fascio e considerare che oltre alleaflatossine,del resto presenti solo in annate con particolari condizioni climatiche, sono dannose le fumonisine sostanze cancerogene. Al riguardo la situazione in Italia è la seguente:
(ACCUMULO DI FUMONISINE IN IBRIDI DI MAIS DI DIFFERENTE MATURITA) O- EFFETTI DELLA PRECOCITA’ DEGLI IBRIDI, DELL’EPOCA DI RACCOLTA E DELL’AMBIENTE SULLA DIFFUSIONE DELLE FUMONISINE IN MAIS.
1Berardo Nicola., 1Pisacane Vincenza, 2Vannozzi GianPaolo, 2Baldini Mario,3Miele Sergio, 3Salera Estilio, 4Marocco Adriano, 5Colombo Giorgio, 5Maggiore Tommaso.

1Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, 24126 Bergamo, 2DPVTA, Università di Udine 3Dip. Agronomia e Gestione Agroecosistema, Università di Pisa, 4Università Cattolica S. Cuore, 29100 Piacenza, 5DIPROVE, Università di Milano.
Metodologia sperimentale
Nel 2002 e nel 2003 sono stati valutati 8 ibridi commerciali di mais di diversa classe di maturità FAO (300 - 700) in prove replicate, in 6 località. Le località erano così distribuite: 2 in Lombardia, 1 in Piemonte, 1 in Toscana; in Friuli erano presenti due località nel 2002 ed una nel 2003. Lo schema sperimentale adottato è stato il blocco randomizzato con quattro ripetizioni. La parcella elementare era costituita da quattro file, distanti 0.7 m e lunghe 5.2 m. Gli ibridi sono stati allevati secondo le normali tecniche agronomiche. Allo stadio di 4a foglia si è provveduto al diradamento manuale per ottenere una densità di 7-7.5 piante per metro quadrato.
Sono stati effettuati due campionamenti di spighe: a 60 ed a 75 giorni dalla fioritura. Le spighe sono state raccolte su una delle file centrali. I campioni così prelevati sono stati pesati e posti in essiccatoio a 40 °C fino a raggiungimento di peso costante. Successivamente si è determinato il peso dei campioni essiccati e calcolata l’umidità delle spighe alla raccolta. Dopo la sgranatura è stato ottenuto un subcampione di 500 g che è stato conservato per le successive valutazioni analitiche. Un campione di circa 200 grammi è stato macinato utilizzando un mulino tipo Cyclotec con vaglio di 1mm ed i campioni così ottenuti sono stati conservati in barattoli di polietilene a chiusura ermetica fino al momento delle analisi. E’ stato determinato su ogni singolo campione di farina di mais il contenuto in fumonisine con il metodo immunoenzimatico RIDASCREEN®FAST Fumonisin (R-Biopharm).

Risultati

Confronto tra classi FAO nelle due epoche di raccolta.

La diffusione delle fumonisine è stata rilevante nei due anni di prova superando sempre la soglia limite di 5ppm (Figure 1 e 2). Tuttavia fra i due anni si sono rilevati intervalli di concentrazione diversi: da 5 a 11 ppm nel 2002 e da 7 a 30 ppm nel 2003. Per quanto riguarda le differenze tra gli ibridi, quelli di classe 700 presentano in entrambi gli anni un maggior accumulo di fumonisine. Differenze più contenute si sono registrate tra gli ibridi appartenenti alle classi più precoci. L’epoca di raccolta ha avuto un effetto significativo nel 2003, in cui il grado di infezione è stato elevato per tutte le classi di maturità considerate. Nel 2002, invece, le differenze tra la prima e la seconda epoca di raccolta sono risultate significative solo per le classi FAO 600 e 700. In particolare il contenuto medio in fumonisine nei due anni è stato compreso fra 6 e 14 ppm nella prima epoca e da 11 a 20,5 ppm nella seconda, passando dalle classi più precoci a quelle più tardive.

Confronto tra località nelle due epoche di raccolta.

Nel 2002 il livello di contaminazione in fumonisine nelle diverse località di prova è variato per la prima epoca di raccolta da 3 ppm fino a 8 ppm rispettivamente per le località di Rottaia in Toscana e Camino in Friuli (Fig. 3). La seconda epoca di raccolta ha evidenziato mediamente valori più elevati in tutte le località di prova, in un intervallo compreso tra 5 e 12 ppm corrispondenti, rispettivamente, alle località di Vigone in Piemonte e Luignano in Lombardia. Nel 2003, i valori medi di fumonisine sono stati decisamente più elevati rispetto all’anno precedente. L’unica località che ha fatto registrare un livello di contaminazione vicino al valore soglia è risultata Vigone in Piemonte, alla prima epoca di raccolta con un contenuto medio di 5ppm mentre, alla stessa epoca il valore più elevato è stato misurato a Luignano in Lombardia con 22ppm. Anche nella seconda epoca Vigone si è mostrata la località meno contaminata da fumonisine con un valore pari a 9 ppm, superiore comunque al limite in discussione. Alla stessa epoca, la località maggiormente contaminata da fumonisine è risultata Rottaia con valori superiori a 50 ppm.

Variazioni percentuali in fumonisine in relazione all’epoca di raccolta e alle classi FAO.

Dal confronto fra le classi FAO degli ibridi impiegati e le due epoche di raccolta nei due anni di prova risulta evidente la maggiore contaminazione in fumonisine nella seconda epoca di raccolta rispetto alla prima (Tab. 1). Solo l’ibrido della classe FAO 400 mostra una contaminazione pressoché analoga nelle due epoche di raccolta., mentre il confronto è sempre decisamente sfavorevole della seconda epoca rispetto alla prima con differenze che vanno dal 24 fino al 62 % di contaminazione in più, rispettivamente per le classi 500 e 700 nel primo anno di prova. Un situazione simile è stata registrata anche nel 2003 dove le differenze tra epoche di raccolta per le diverse classi di maturità sono diventate decisamente più significative ed evidenti con differenze percentuali che variano dal 32 all’85% corrispondenti, rispettivamente, agli ibridi di classe 400 e 500.

Conclusioni

E’ stata rilevata una maggior suscettibilità alla contaminazione da fumonisine delle classi FAO più tardive. Un fattore che è in grado di influire negativamente sul livello di contaminazione è rappresentato dall’epoca di raccolta. Si è osservato, infatti, che ritardando di 15 giorni questa operazione, si ottiene un incremento della concentrazione in fumonisine compreso fra il 60 e l’85%, a seconda dell’anno considerato e legato alle classi FAO tardive.
La presenza di fumonisine è un aspetto caratterizzante la produzione nazionale di mais nonostante si osservino variazioni in funzione della stagione agraria, dell’andamento climatico, e della località. Le possibilità di controllo derivano dall’impiego di ibridi di classi di maturità idonee per un particolare ambiente di coltivazione, dall’assenza di stress idrico, dall’adozione di rotazioni e arature adeguate per contenere le fonti di inoculo e dal controllo della piralide per mantenere l’integrità delle spighe e degli stocchi.

DIDASCALIE

Figura 1 -2 Contenuto in fumonisine totali (media di 6 località) negli 8 ibridi in prova (A - H) e nelle 2 epoche di raccolta nel 2002 e 2003. In parentesi il numero totale dei campioni analizzati per ciascun ibrido.

Figura 3 Contenuto in fumonisine totali (media di 8 ibridi) in 6 località, per 2 epoche di raccolta nel 2002 e nel 2003.

Se interessa posso mandare anche le figure
Grazie
Gian Paolo Vannozzi


gian paolo vannozzi 29.04.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
non bisogna fare di ogni erba un fascio e considerare che oltre alleaflatossine,del resto presenti solo in annate con particolari condizioni climatiche, sono dannose le fumonisine sostanze cancerogene. Al riguardo la situazione in Italia è la seguente:
(ACCUMULO DI FUMONISINE IN IBRIDI DI MAIS DI DIFFERENTE MATURITA) O- EFFETTI DELLA PRECOCITA’ DEGLI IBRIDI, DELL’EPOCA DI RACCOLTA E DELL’AMBIENTE SULLA DIFFUSIONE DELLE FUMONISINE IN MAIS.
1Berardo Nicola., 1Pisacane Vincenza, 2Vannozzi GianPaolo, 2Baldini Mario,3Miele Sergio, 3Salera Estilio, 4Marocco Adriano, 5Colombo Giorgio, 5Maggiore Tommaso.

1Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, 24126 Bergamo, 2DPVTA, Università di Udine 3Dip. Agronomia e Gestione Agroecosistema, Università di Pisa, 4Università Cattolica S. Cuore, 29100 Piacenza, 5DIPROVE, Università di Milano.
Metodologia sperimentale
Nel 2002 e nel 2003 sono stati valutati 8 ibridi commerciali di mais di diversa classe di maturità FAO (300 - 700) in prove replicate, in 6 località. Le località erano così distribuite: 2 in Lombardia, 1 in Piemonte, 1 in Toscana; in Friuli erano presenti due località nel 2002 ed una nel 2003. Lo schema sperimentale adottato è stato il blocco randomizzato con quattro ripetizioni. La parcella elementare era costituita da quattro file, distanti 0.7 m e lunghe 5.2 m. Gli ibridi sono stati allevati secondo le normali tecniche agronomiche. Allo stadio di 4a foglia si è provveduto al diradamento manuale per ottenere una densità di 7-7.5 piante per metro quadrato.
Sono stati effettuati due campionamenti di spighe: a 60 ed a 75 giorni dalla fioritura. Le spighe sono state raccolte su una delle file centrali. I campioni così prelevati sono stati pesati e posti in essiccatoio a 40 °C fino a raggiungimento di peso costante. Successivamente si è determinato il peso dei campioni essiccati e calcolata l’umidità delle spighe alla raccolta. Dopo la sgranatura è stato ottenuto un subcampione di 500 g che è stato conservato per le successive valutazioni analitiche. Un campione di circa 200 grammi è stato macinato utilizzando un mulino tipo Cyclotec con vaglio di 1mm ed i campioni così ottenuti sono stati conservati in barattoli di polietilene a chiusura ermetica fino al momento delle analisi. E’ stato determinato su ogni singolo campione di farina di mais il contenuto in fumonisine con il metodo immunoenzimatico RIDASCREEN®FAST Fumonisin (R-Biopharm).

Risultati

Confronto tra classi FAO nelle due epoche di raccolta.

La diffusione delle fumonisine è stata rilevante nei due anni di prova superando sempre la soglia limite di 5ppm (Figure 1 e 2). Tuttavia fra i due anni si sono rilevati intervalli di concentrazione diversi: da 5 a 11 ppm nel 2002 e da 7 a 30 ppm nel 2003. Per quanto riguarda le differenze tra gli ibridi, quelli di classe 700 presentano in entrambi gli anni un maggior accumulo di fumonisine. Differenze più contenute si sono registrate tra gli ibridi appartenenti alle classi più precoci. L’epoca di raccolta ha avuto un effetto significativo nel 2003, in cui il grado di infezione è stato elevato per tutte le classi di maturità considerate. Nel 2002, invece, le differenze tra la prima e la seconda epoca di raccolta sono risultate significative solo per le classi FAO 600 e 700. In particolare il contenuto medio in fumonisine nei due anni è stato compreso fra 6 e 14 ppm nella prima epoca e da 11 a 20,5 ppm nella seconda, passando dalle classi più precoci a quelle più tardive.

Confronto tra località nelle due epoche di raccolta.

Nel 2002 il livello di contaminazione in fumonisine nelle diverse località di prova è variato per la prima epoca di raccolta da 3 ppm fino a 8 ppm rispettivamente per le località di Rottaia in Toscana e Camino in Friuli (Fig. 3). La seconda epoca di raccolta ha evidenziato mediamente valori più elevati in tutte le località di prova, in un intervallo compreso tra 5 e 12 ppm corrispondenti, rispettivamente, alle località di Vigone in Piemonte e Luignano in Lombardia. Nel 2003, i valori medi di fumonisine sono stati decisamente più elevati rispetto all’anno precedente. L’unica località che ha fatto registrare un livello di contaminazione vicino al valore soglia è risultata Vigone in Piemonte, alla prima epoca di raccolta con un contenuto medio di 5ppm mentre, alla stessa epoca il valore più elevato è stato misurato a Luignano in Lombardia con 22ppm. Anche nella seconda epoca Vigone si è mostrata la località meno contaminata da fumonisine con un valore pari a 9 ppm, superiore comunque al limite in discussione. Alla stessa epoca, la località maggiormente contaminata da fumonisine è risultata Rottaia con valori superiori a 50 ppm.

Variazioni percentuali in fumonisine in relazione all’epoca di raccolta e alle classi FAO.

Dal confronto fra le classi FAO degli ibridi impiegati e le due epoche di raccolta nei due anni di prova risulta evidente la maggiore contaminazione in fumonisine nella seconda epoca di raccolta rispetto alla prima (Tab. 1). Solo l’ibrido della classe FAO 400 mostra una contaminazione pressoché analoga nelle due epoche di raccolta., mentre il confronto è sempre decisamente sfavorevole della seconda epoca rispetto alla prima con differenze che vanno dal 24 fino al 62 % di contaminazione in più, rispettivamente per le classi 500 e 700 nel primo anno di prova. Un situazione simile è stata registrata anche nel 2003 dove le differenze tra epoche di raccolta per le diverse classi di maturità sono diventate decisamente più significative ed evidenti con differenze percentuali che variano dal 32 all’85% corrispondenti, rispettivamente, agli ibridi di classe 400 e 500.

Conclusioni

E’ stata rilevata una maggior suscettibilità alla contaminazione da fumonisine delle classi FAO più tardive. Un fattore che è in grado di influire negativamente sul livello di contaminazione è rappresentato dall’epoca di raccolta. Si è osservato, infatti, che ritardando di 15 giorni questa operazione, si ottiene un incremento della concentrazione in fumonisine compreso fra il 60 e l’85%, a seconda dell’anno considerato e legato alle classi FAO tardive.
La presenza di fumonisine è un aspetto caratterizzante la produzione nazionale di mais nonostante si osservino variazioni in funzione della stagione agraria, dell’andamento climatico, e della località. Le possibilità di controllo derivano dall’impiego di ibridi di classi di maturità idonee per un particolare ambiente di coltivazione, dall’assenza di stress idrico, dall’adozione di rotazioni e arature adeguate per contenere le fonti di inoculo e dal controllo della piralide per mantenere l’integrità delle spighe e degli stocchi.

DIDASCALIE

Figura 1 -2 Contenuto in fumonisine totali (media di 6 località) negli 8 ibridi in prova (A - H) e nelle 2 epoche di raccolta nel 2002 e 2003. In parentesi il numero totale dei campioni analizzati per ciascun ibrido.

Figura 3 Contenuto in fumonisine totali (media di 8 ibridi) in 6 località, per 2 epoche di raccolta nel 2002 e nel 2003.

Se interessa posso mandare anche le figure
Grazie
Gian Paolo Vannozzi


gian paolo vannozzi 29.04.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
non bisogna fare di ogni erba un fascio e considerare che oltre alleaflatossine,del resto presenti solo in annate con particolari condizioni climatiche, sono dannose le fumonisine sostanze cancerogene. Al riguardo la situazione in Italia è la seguente:
(ACCUMULO DI FUMONISINE IN IBRIDI DI MAIS DI DIFFERENTE MATURITA) O- EFFETTI DELLA PRECOCITA’ DEGLI IBRIDI, DELL’EPOCA DI RACCOLTA E DELL’AMBIENTE SULLA DIFFUSIONE DELLE FUMONISINE IN MAIS.
1Berardo Nicola., 1Pisacane Vincenza, 2Vannozzi GianPaolo, 2Baldini Mario,3Miele Sergio, 3Salera Estilio, 4Marocco Adriano, 5Colombo Giorgio, 5Maggiore Tommaso.

1Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, 24126 Bergamo, 2DPVTA, Università di Udine 3Dip. Agronomia e Gestione Agroecosistema, Università di Pisa, 4Università Cattolica S. Cuore, 29100 Piacenza, 5DIPROVE, Università di Milano.
Metodologia sperimentale
Nel 2002 e nel 2003 sono stati valutati 8 ibridi commerciali di mais di diversa classe di maturità FAO (300 - 700) in prove replicate, in 6 località. Le località erano così distribuite: 2 in Lombardia, 1 in Piemonte, 1 in Toscana; in Friuli erano presenti due località nel 2002 ed una nel 2003. Lo schema sperimentale adottato è stato il blocco randomizzato con quattro ripetizioni. La parcella elementare era costituita da quattro file, distanti 0.7 m e lunghe 5.2 m. Gli ibridi sono stati allevati secondo le normali tecniche agronomiche. Allo stadio di 4a foglia si è provveduto al diradamento manuale per ottenere una densità di 7-7.5 piante per metro quadrato.
Sono stati effettuati due campionamenti di spighe: a 60 ed a 75 giorni dalla fioritura. Le spighe sono state raccolte su una delle file centrali. I campioni così prelevati sono stati pesati e posti in essiccatoio a 40 °C fino a raggiungimento di peso costante. Successivamente si è determinato il peso dei campioni essiccati e calcolata l’umidità delle spighe alla raccolta. Dopo la sgranatura è stato ottenuto un subcampione di 500 g che è stato conservato per le successive valutazioni analitiche. Un campione di circa 200 grammi è stato macinato utilizzando un mulino tipo Cyclotec con vaglio di 1mm ed i campioni così ottenuti sono stati conservati in barattoli di polietilene a chiusura ermetica fino al momento delle analisi. E’ stato determinato su ogni singolo campione di farina di mais il contenuto in fumonisine con il metodo immunoenzimatico RIDASCREEN®FAST Fumonisin (R-Biopharm).

Risultati

Confronto tra classi FAO nelle due epoche di raccolta.

La diffusione delle fumonisine è stata rilevante nei due anni di prova superando sempre la soglia limite di 5ppm (Figure 1 e 2). Tuttavia fra i due anni si sono rilevati intervalli di concentrazione diversi: da 5 a 11 ppm nel 2002 e da 7 a 30 ppm nel 2003. Per quanto riguarda le differenze tra gli ibridi, quelli di classe 700 presentano in entrambi gli anni un maggior accumulo di fumonisine. Differenze più contenute si sono registrate tra gli ibridi appartenenti alle classi più precoci. L’epoca di raccolta ha avuto un effetto significativo nel 2003, in cui il grado di infezione è stato elevato per tutte le classi di maturità considerate. Nel 2002, invece, le differenze tra la prima e la seconda epoca di raccolta sono risultate significative solo per le classi FAO 600 e 700. In particolare il contenuto medio in fumonisine nei due anni è stato compreso fra 6 e 14 ppm nella prima epoca e da 11 a 20,5 ppm nella seconda, passando dalle classi più precoci a quelle più tardive.

Confronto tra località nelle due epoche di raccolta.

Nel 2002 il livello di contaminazione in fumonisine nelle diverse località di prova è variato per la prima epoca di raccolta da 3 ppm fino a 8 ppm rispettivamente per le località di Rottaia in Toscana e Camino in Friuli (Fig. 3). La seconda epoca di raccolta ha evidenziato mediamente valori più elevati in tutte le località di prova, in un intervallo compreso tra 5 e 12 ppm corrispondenti, rispettivamente, alle località di Vigone in Piemonte e Luignano in Lombardia. Nel 2003, i valori medi di fumonisine sono stati decisamente più elevati rispetto all’anno precedente. L’unica località che ha fatto registrare un livello di contaminazione vicino al valore soglia è risultata Vigone in Piemonte, alla prima epoca di raccolta con un contenuto medio di 5ppm mentre, alla stessa epoca il valore più elevato è stato misurato a Luignano in Lombardia con 22ppm. Anche nella seconda epoca Vigone si è mostrata la località meno contaminata da fumonisine con un valore pari a 9 ppm, superiore comunque al limite in discussione. Alla stessa epoca, la località maggiormente contaminata da fumonisine è risultata Rottaia con valori superiori a 50 ppm.

Variazioni percentuali in fumonisine in relazione all’epoca di raccolta e alle classi FAO.

Dal confronto fra le classi FAO degli ibridi impiegati e le due epoche di raccolta nei due anni di prova risulta evidente la maggiore contaminazione in fumonisine nella seconda epoca di raccolta rispetto alla prima (Tab. 1). Solo l’ibrido della classe FAO 400 mostra una contaminazione pressoché analoga nelle due epoche di raccolta., mentre il confronto è sempre decisamente sfavorevole della seconda epoca rispetto alla prima con differenze che vanno dal 24 fino al 62 % di contaminazione in più, rispettivamente per le classi 500 e 700 nel primo anno di prova. Un situazione simile è stata registrata anche nel 2003 dove le differenze tra epoche di raccolta per le diverse classi di maturità sono diventate decisamente più significative ed evidenti con differenze percentuali che variano dal 32 all’85% corrispondenti, rispettivamente, agli ibridi di classe 400 e 500.

Conclusioni

E’ stata rilevata una maggior suscettibilità alla contaminazione da fumonisine delle classi FAO più tardive. Un fattore che è in grado di influire negativamente sul livello di contaminazione è rappresentato dall’epoca di raccolta. Si è osservato, infatti, che ritardando di 15 giorni questa operazione, si ottiene un incremento della concentrazione in fumonisine compreso fra il 60 e l’85%, a seconda dell’anno considerato e legato alle classi FAO tardive.
La presenza di fumonisine è un aspetto caratterizzante la produzione nazionale di mais nonostante si osservino variazioni in funzione della stagione agraria, dell’andamento climatico, e della località. Le possibilità di controllo derivano dall’impiego di ibridi di classi di maturità idonee per un particolare ambiente di coltivazione, dall’assenza di stress idrico, dall’adozione di rotazioni e arature adeguate per contenere le fonti di inoculo e dal controllo della piralide per mantenere l’integrità delle spighe e degli stocchi.

DIDASCALIE

Figura 1 -2 Contenuto in fumonisine totali (media di 6 località) negli 8 ibridi in prova (A - H) e nelle 2 epoche di raccolta nel 2002 e 2003. In parentesi il numero totale dei campioni analizzati per ciascun ibrido.

Figura 3 Contenuto in fumonisine totali (media di 8 ibridi) in 6 località, per 2 epoche di raccolta nel 2002 e nel 2003.

Se interessa posso mandare anche le figure
Grazie
Gian Paolo Vannozzi


gian paolo vannozzi 29.04.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
non bisogna fare di ogni erba un fascio e considerare che oltre alleaflatossine,del resto presenti solo in annate con particolari condizioni climatiche, sono dannose le fumonisine sostanze cancerogene. Al riguardo la situazione in Italia è la seguente:
(ACCUMULO DI FUMONISINE IN IBRIDI DI MAIS DI DIFFERENTE MATURITA) O- EFFETTI DELLA PRECOCITA’ DEGLI IBRIDI, DELL’EPOCA DI RACCOLTA E DELL’AMBIENTE SULLA DIFFUSIONE DELLE FUMONISINE IN MAIS.
1Berardo Nicola., 1Pisacane Vincenza, 2Vannozzi GianPaolo, 2Baldini Mario,3Miele Sergio, 3Salera Estilio, 4Marocco Adriano, 5Colombo Giorgio, 5Maggiore Tommaso.

1Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, 24126 Bergamo, 2DPVTA, Università di Udine 3Dip. Agronomia e Gestione Agroecosistema, Università di Pisa, 4Università Cattolica S. Cuore, 29100 Piacenza, 5DIPROVE, Università di Milano.
Metodologia sperimentale
Nel 2002 e nel 2003 sono stati valutati 8 ibridi commerciali di mais di diversa classe di maturità FAO (300 - 700) in prove replicate, in 6 località. Le località erano così distribuite: 2 in Lombardia, 1 in Piemonte, 1 in Toscana; in Friuli erano presenti due località nel 2002 ed una nel 2003. Lo schema sperimentale adottato è stato il blocco randomizzato con quattro ripetizioni. La parcella elementare era costituita da quattro file, distanti 0.7 m e lunghe 5.2 m. Gli ibridi sono stati allevati secondo le normali tecniche agronomiche. Allo stadio di 4a foglia si è provveduto al diradamento manuale per ottenere una densità di 7-7.5 piante per metro quadrato.
Sono stati effettuati due campionamenti di spighe: a 60 ed a 75 giorni dalla fioritura. Le spighe sono state raccolte su una delle file centrali. I campioni così prelevati sono stati pesati e posti in essiccatoio a 40 °C fino a raggiungimento di peso costante. Successivamente si è determinato il peso dei campioni essiccati e calcolata l’umidità delle spighe alla raccolta. Dopo la sgranatura è stato ottenuto un subcampione di 500 g che è stato conservato per le successive valutazioni analitiche. Un campione di circa 200 grammi è stato macinato utilizzando un mulino tipo Cyclotec con vaglio di 1mm ed i campioni così ottenuti sono stati conservati in barattoli di polietilene a chiusura ermetica fino al momento delle analisi. E’ stato determinato su ogni singolo campione di farina di mais il contenuto in fumonisine con il metodo immunoenzimatico RIDASCREEN®FAST Fumonisin (R-Biopharm).

Risultati

Confronto tra classi FAO nelle due epoche di raccolta.

La diffusione delle fumonisine è stata rilevante nei due anni di prova superando sempre la soglia limite di 5ppm (Figure 1 e 2). Tuttavia fra i due anni si sono rilevati intervalli di concentrazione diversi: da 5 a 11 ppm nel 2002 e da 7 a 30 ppm nel 2003. Per quanto riguarda le differenze tra gli ibridi, quelli di classe 700 presentano in entrambi gli anni un maggior accumulo di fumonisine. Differenze più contenute si sono registrate tra gli ibridi appartenenti alle classi più precoci. L’epoca di raccolta ha avuto un effetto significativo nel 2003, in cui il grado di infezione è stato elevato per tutte le classi di maturità considerate. Nel 2002, invece, le differenze tra la prima e la seconda epoca di raccolta sono risultate significative solo per le classi FAO 600 e 700. In particolare il contenuto medio in fumonisine nei due anni è stato compreso fra 6 e 14 ppm nella prima epoca e da 11 a 20,5 ppm nella seconda, passando dalle classi più precoci a quelle più tardive.

Confronto tra località nelle due epoche di raccolta.

Nel 2002 il livello di contaminazione in fumonisine nelle diverse località di prova è variato per la prima epoca di raccolta da 3 ppm fino a 8 ppm rispettivamente per le località di Rottaia in Toscana e Camino in Friuli (Fig. 3). La seconda epoca di raccolta ha evidenziato mediamente valori più elevati in tutte le località di prova, in un intervallo compreso tra 5 e 12 ppm corrispondenti, rispettivamente, alle località di Vigone in Piemonte e Luignano in Lombardia. Nel 2003, i valori medi di fumonisine sono stati decisamente più elevati rispetto all’anno precedente. L’unica località che ha fatto registrare un livello di contaminazione vicino al valore soglia è risultata Vigone in Piemonte, alla prima epoca di raccolta con un contenuto medio di 5ppm mentre, alla stessa epoca il valore più elevato è stato misurato a Luignano in Lombardia con 22ppm. Anche nella seconda epoca Vigone si è mostrata la località meno contaminata da fumonisine con un valore pari a 9 ppm, superiore comunque al limite in discussione. Alla stessa epoca, la località maggiormente contaminata da fumonisine è risultata Rottaia con valori superiori a 50 ppm.

Variazioni percentuali in fumonisine in relazione all’epoca di raccolta e alle classi FAO.

Dal confronto fra le classi FAO degli ibridi impiegati e le due epoche di raccolta nei due anni di prova risulta evidente la maggiore contaminazione in fumonisine nella seconda epoca di raccolta rispetto alla prima (Tab. 1). Solo l’ibrido della classe FAO 400 mostra una contaminazione pressoché analoga nelle due epoche di raccolta., mentre il confronto è sempre decisamente sfavorevole della seconda epoca rispetto alla prima con differenze che vanno dal 24 fino al 62 % di contaminazione in più, rispettivamente per le classi 500 e 700 nel primo anno di prova. Un situazione simile è stata registrata anche nel 2003 dove le differenze tra epoche di raccolta per le diverse classi di maturità sono diventate decisamente più significative ed evidenti con differenze percentuali che variano dal 32 all’85% corrispondenti, rispettivamente, agli ibridi di classe 400 e 500.

Conclusioni

E’ stata rilevata una maggior suscettibilità alla contaminazione da fumonisine delle classi FAO più tardive. Un fattore che è in grado di influire negativamente sul livello di contaminazione è rappresentato dall’epoca di raccolta. Si è osservato, infatti, che ritardando di 15 giorni questa operazione, si ottiene un incremento della concentrazione in fumonisine compreso fra il 60 e l’85%, a seconda dell’anno considerato e legato alle classi FAO tardive.
La presenza di fumonisine è un aspetto caratterizzante la produzione nazionale di mais nonostante si osservino variazioni in funzione della stagione agraria, dell’andamento climatico, e della località. Le possibilità di controllo derivano dall’impiego di ibridi di classi di maturità idonee per un particolare ambiente di coltivazione, dall’assenza di stress idrico, dall’adozione di rotazioni e arature adeguate per contenere le fonti di inoculo e dal controllo della piralide per mantenere l’integrità delle spighe e degli stocchi.

DIDASCALIE

Figura 1 -2 Contenuto in fumonisine totali (media di 6 località) negli 8 ibridi in prova (A - H) e nelle 2 epoche di raccolta nel 2002 e 2003. In parentesi il numero totale dei campioni analizzati per ciascun ibrido.

Figura 3 Contenuto in fumonisine totali (media di 8 ibridi) in 6 località, per 2 epoche di raccolta nel 2002 e nel 2003.

Se interessa posso mandare anche le figure
Grazie
Gian Paolo Vannozzi


gian paolo vannozzi 29.04.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
non bisogna fare di ogni erba un fascio e considerare che oltre alleaflatossine,del resto presenti solo in annate con particolari condizioni climatiche, sono dannose le fumonisine sostanze cancerogene. Al riguardo la situazione in Italia è la seguente:
(ACCUMULO DI FUMONISINE IN IBRIDI DI MAIS DI DIFFERENTE MATURITA) O- EFFETTI DELLA PRECOCITA’ DEGLI IBRIDI, DELL’EPOCA DI RACCOLTA E DELL’AMBIENTE SULLA DIFFUSIONE DELLE FUMONISINE IN MAIS.
1Berardo Nicola., 1Pisacane Vincenza, 2Vannozzi GianPaolo, 2Baldini Mario,3Miele Sergio, 3Salera Estilio, 4Marocco Adriano, 5Colombo Giorgio, 5Maggiore Tommaso.

1Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, 24126 Bergamo, 2DPVTA, Università di Udine 3Dip. Agronomia e Gestione Agroecosistema, Università di Pisa, 4Università Cattolica S. Cuore, 29100 Piacenza, 5DIPROVE, Università di Milano.
Metodologia sperimentale
Nel 2002 e nel 2003 sono stati valutati 8 ibridi commerciali di mais di diversa classe di maturità FAO (300 - 700) in prove replicate, in 6 località. Le località erano così distribuite: 2 in Lombardia, 1 in Piemonte, 1 in Toscana; in Friuli erano presenti due località nel 2002 ed una nel 2003. Lo schema sperimentale adottato è stato il blocco randomizzato con quattro ripetizioni. La parcella elementare era costituita da quattro file, distanti 0.7 m e lunghe 5.2 m. Gli ibridi sono stati allevati secondo le normali tecniche agronomiche. Allo stadio di 4a foglia si è provveduto al diradamento manuale per ottenere una densità di 7-7.5 piante per metro quadrato.
Sono stati effettuati due campionamenti di spighe: a 60 ed a 75 giorni dalla fioritura. Le spighe sono state raccolte su una delle file centrali. I campioni così prelevati sono stati pesati e posti in essiccatoio a 40 °C fino a raggiungimento di peso costante. Successivamente si è determinato il peso dei campioni essiccati e calcolata l’umidità delle spighe alla raccolta. Dopo la sgranatura è stato ottenuto un subcampione di 500 g che è stato conservato per le successive valutazioni analitiche. Un campione di circa 200 grammi è stato macinato utilizzando un mulino tipo Cyclotec con vaglio di 1mm ed i campioni così ottenuti sono stati conservati in barattoli di polietilene a chiusura ermetica fino al momento delle analisi. E’ stato determinato su ogni singolo campione di farina di mais il contenuto in fumonisine con il metodo immunoenzimatico RIDASCREEN®FAST Fumonisin (R-Biopharm).

Risultati

Confronto tra classi FAO nelle due epoche di raccolta.

La diffusione delle fumonisine è stata rilevante nei due anni di prova superando sempre la soglia limite di 5ppm (Figure 1 e 2). Tuttavia fra i due anni si sono rilevati intervalli di concentrazione diversi: da 5 a 11 ppm nel 2002 e da 7 a 30 ppm nel 2003. Per quanto riguarda le differenze tra gli ibridi, quelli di classe 700 presentano in entrambi gli anni un maggior accumulo di fumonisine. Differenze più contenute si sono registrate tra gli ibridi appartenenti alle classi più precoci. L’epoca di raccolta ha avuto un effetto significativo nel 2003, in cui il grado di infezione è stato elevato per tutte le classi di maturità considerate. Nel 2002, invece, le differenze tra la prima e la seconda epoca di raccolta sono risultate significative solo per le classi FAO 600 e 700. In particolare il contenuto medio in fumonisine nei due anni è stato compreso fra 6 e 14 ppm nella prima epoca e da 11 a 20,5 ppm nella seconda, passando dalle classi più precoci a quelle più tardive.

Confronto tra località nelle due epoche di raccolta.

Nel 2002 il livello di contaminazione in fumonisine nelle diverse località di prova è variato per la prima epoca di raccolta da 3 ppm fino a 8 ppm rispettivamente per le località di Rottaia in Toscana e Camino in Friuli (Fig. 3). La seconda epoca di raccolta ha evidenziato mediamente valori più elevati in tutte le località di prova, in un intervallo compreso tra 5 e 12 ppm corrispondenti, rispettivamente, alle località di Vigone in Piemonte e Luignano in Lombardia. Nel 2003, i valori medi di fumonisine sono stati decisamente più elevati rispetto all’anno precedente. L’unica località che ha fatto registrare un livello di contaminazione vicino al valore soglia è risultata Vigone in Piemonte, alla prima epoca di raccolta con un contenuto medio di 5ppm mentre, alla stessa epoca il valore più elevato è stato misurato a Luignano in Lombardia con 22ppm. Anche nella seconda epoca Vigone si è mostrata la località meno contaminata da fumonisine con un valore pari a 9 ppm, superiore comunque al limite in discussione. Alla stessa epoca, la località maggiormente contaminata da fumonisine è risultata Rottaia con valori superiori a 50 ppm.

Variazioni percentuali in fumonisine in relazione all’epoca di raccolta e alle classi FAO.

Dal confronto fra le classi FAO degli ibridi impiegati e le due epoche di raccolta nei due anni di prova risulta evidente la maggiore contaminazione in fumonisine nella seconda epoca di raccolta rispetto alla prima (Tab. 1). Solo l’ibrido della classe FAO 400 mostra una contaminazione pressoché analoga nelle due epoche di raccolta., mentre il confronto è sempre decisamente sfavorevole della seconda epoca rispetto alla prima con differenze che vanno dal 24 fino al 62 % di contaminazione in più, rispettivamente per le classi 500 e 700 nel primo anno di prova. Un situazione simile è stata registrata anche nel 2003 dove le differenze tra epoche di raccolta per le diverse classi di maturità sono diventate decisamente più significative ed evidenti con differenze percentuali che variano dal 32 all’85% corrispondenti, rispettivamente, agli ibridi di classe 400 e 500.

Conclusioni

E’ stata rilevata una maggior suscettibilità alla contaminazione da fumonisine delle classi FAO più tardive. Un fattore che è in grado di influire negativamente sul livello di contaminazione è rappresentato dall’epoca di raccolta. Si è osservato, infatti, che ritardando di 15 giorni questa operazione, si ottiene un incremento della concentrazione in fumonisine compreso fra il 60 e l’85%, a seconda dell’anno considerato e legato alle classi FAO tardive.
La presenza di fumonisine è un aspetto caratterizzante la produzione nazionale di mais nonostante si osservino variazioni in funzione della stagione agraria, dell’andamento climatico, e della località. Le possibilità di controllo derivano dall’impiego di ibridi di classi di maturità idonee per un particolare ambiente di coltivazione, dall’assenza di stress idrico, dall’adozione di rotazioni e arature adeguate per contenere le fonti di inoculo e dal controllo della piralide per mantenere l’integrità delle spighe e degli stocchi.

DIDASCALIE

Figura 1 -2 Contenuto in fumonisine totali (media di 6 località) negli 8 ibridi in prova (A - H) e nelle 2 epoche di raccolta nel 2002 e 2003. In parentesi il numero totale dei campioni analizzati per ciascun ibrido.

Figura 3 Contenuto in fumonisine totali (media di 8 ibridi) in 6 località, per 2 epoche di raccolta nel 2002 e nel 2003.

Se interessa posso mandare anche le figure
Grazie
Gian Paolo Vannozzi


gian paolo vannozzi 29.04.05 16:46| 
 |
Rispondi al commento

carissimo Grillo!
strepitoso il tuo show trasmesso dalla tv svizzera!
ci sono in programma repliche su qualsiasi tv?e' disponibile su cassetta?
grazie e complimenti.
marc

marco ferrario 29.04.05 16:07| 
 |
Rispondi al commento

a proposito del "basilico cancerogeno" di veronesi, se così fosse, da ventimiglia, dove abito, a spezia saremmo morti tutti, giusto? per non parlare della strage dei veneti causa polenta.
inoltre, come dice andreotti dopo averla sentita da un cardinale: "a pensare male si fa peccato ma ci si azzecca", se uno come veronesi che sbarca il suo ricco lunario grazie al cancro dice che il basilico e la polenta sono cancerogeni, per me, significa che svolgono un ruolo preventivo, se non terapeutico, contro questo malanno.
un abbraccio. ettore

ettore bilinski 29.04.05 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa dire della creazione/estensione dei CO.co.co, ed ora della Legge Biagi - ma se fosse in vita cosa ne direbbe Lui? -, quale effetto sulla economia italiana, sul calo dei consumi...eccetera? Chi sa darmi una risposta?
Fabio Ceteroni

Fabio Ceteroni 29.04.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Per Andrea Coletti:


Mi sembra di capire che Beppe Grillo non si
occupi più dei "ricercatori eretici" (tra cui
Di Bella) perché oggi Di Bella non c'è più e
il chiacchierare di terapie "alternative" sul
cancro è un pò passato di moda.

Mi sembra di capire che Beppe alimenti con
benzina sul fuoco i casi che fanno piacere a lui
affinché la "vox populi" possa diventare "vox
Dei" e tutti dicano:

"Ma com'è bravo Beppe Grillo!"
"Ma perché non si candida alle elezioni?"
"Ma com'è giusto Beppe Grillo!"

Inoltre il fatto che si usi l'acido retinoico
o la somatostatina (che si usava anche prima
del caso Di Bella) non significa di per sé
che la cura di Bella sia efficace.

Perché non chiedi a Beppe Grillo se, qualora
avesse un tumore, si curerebbe affidandosi ad
uno qualsiasi dei "ricercatori eretici" di cui
chiacchierava tanto qualche anno fa
(Pantellini, Zola, Bonifacio, ecc.)?

Poi dimmi cosa ti risponde...

Francesco Marcellini 29.04.05 14:07| 
 |
Rispondi al commento


Si chiama SKYPE. C'è un link proprio su questa
pagina.

Vai a destra e lo trovi.

Francesco Marcellini 29.04.05 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Scusate come si chiama quel telefono che ti fa telefonare con pochi € in tutto il mondo menzionato il 28/04/05 al palalottomatica (roma).
se qualcuno a info può scriverle Grazie

Paolo Giunta 29.04.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

La più alta giurisdizione britannica ha autorizzato, giovedì 28 aprile, il ricorso a "bambini-medicina "- concepiti per occuparsi di un fratello o una sorella raggiunte da una malattia grave -, alla fine di molti anni di battaglia giuridica." Law lord ha confermato all'unanimità la decisione di una Corte d'appello,Aprile 2003, che autorizza il ricorso a questa tecnica. Questa decisione mette fine alla battaglia giuridica condotta da un gruppo di riflessione sulle questioni bioetiche.


Nel 2001, l'autorità britannica che regola la procreazione assistita (HFEA) aveva autorizzato genitori di bambini seriamente malati a ricorrere ad una diagnosi préimpiantata accompagnata da un "typage tissulaire" ad avere un altro bambino. Il typage tissulaire permette di scegliere un embrione i cui tessuti sono compatibili con il figlio malato, per facilitare il successo di un prelievo di cellule nel cordone ombelicale alla nascita o ulteriormente di un innesto di midollo osseo.

All'epoca, Raj e Shahana Hashmi, genitori di quattro bambini, speravano di concepire un bambino sano per occuparsi dei loro figli di 6 anni, Zain, nato con una malattia genetica grave, la beta-talassemia principale (hémoglobinopathie ereditaria).


Ma la decisione del HFEA era stata annullata in prima istanza nel dicembre 2002. Senza selezione possibile, Mme Hahsmi aveva iniziato due gravidanze. La prima volta, il feto era portatore del beta-talassemia principale, ed un fallimento era stato deciso. Il secondo era stato condotto a termine, ma i tessuti del bambino si erano rivelati incompatibili con quelli di Zain. La decisione del HFEA era stata in seguito confermata nell'aprile 2003, ma CORE aveva allora deciso di portare l'affare dinanzi al Law lord.

Si autorizza anche questo. La genesi del ricambio umana e' iniziato!!!!!!!


Lorenzo Visi 29.04.05 11:03| 
 |
Rispondi al commento

ero a roma ieri sera
grazie per la bellissima serata, per le risate che ci hai fatto fare ma anche e soprattutto per le cose che ci hai rivelato per l'ennesima volta

per ora ti mando solo tanti complimenti ma prometto che tornerò tutte le volte che posso su questo blog e cercherò di 'conoscere' e 'sapere' utilizzando la rete ancora di più e meglio

sei un mito
ciao
mari

MArina Porcelloni 29.04.05 09:48| 
 |
Rispondi al commento

ciao, ciao!!!!!

irene patti 29.04.05 09:03| 
 |
Rispondi al commento

non si parla piu di exstracomunitari che arrivano con i barconi,,per far vedere che la legge berlusca-gheddafi funziona?
O perche con i nuovi tracciati in mezzo al deserto la gente non arriva nemmeno in libia...
e che dire di tutti quegli africani che lavoravano in libia come persone normali, sono state espulse senza motivo e senza nemmeno poter raccattare cose di propieta e risparmi? dove li mandano? asasieme agli espusi dal nostro paese...in campi di concentramento con cibo e acqua ogni due giorni...Grazie berlusca

brezzi paolo 29.04.05 04:29| 
 |
Rispondi al commento

Penso che, come ogni cosa, la verità non stia solo da una parte.
Il percorso di studi che ho intrapreso mi ha portato ad approfondire l'argomento "ogm".
Purtroppo quando si discute di ogm le due fazioni contrapposte portano come argomentazione a favore delle proprie tesi questo o quel lavoro scientifico senza che una parte riconosca le verità dell'altra.
Inoltre all'interno degli spazi per la discussione si trova solo una delle parti in causa e ciò causa un progressivo aumento delle distanze con la conseguenza che ognuno va per la propria strada.
I toni allarmistici utilizzati poi non aiutano la chiarificazione del problema, inducendo spesso una reazione contraria a quella voluta.
Io sono favorevole all'introduzione degli ogm, non nelle modalità con cui sta avvenendo in questi anni e secondo motivazioni diverse da quelle che solitamente vengono proposte.
Sono sempre stato disposto a cambiare idea nel momento in cui mi mi siano presentate delle valide motivazioni.
In ogni caso metto a disposizione il mio indirizzo e-mail per chi volesse aprire un dialogo serio sull'argomento.

Domenico Scotti 29.04.05 00:00| 
 |
Rispondi al commento

EVVERO CHE QUESTO GOVERNO HA DELLE COLPE,MA E' ANCHE VERO CHE LA COALIZIONE DI SX,IN TUTTI I GOVERNI PRECEDENTI IL NOSTO BEL PAESE NO GALLEGGIASSE IN BUONE ACQUE,QUINDI XCHE'ORA GRIDONO CHE BISOGNA FARE QUESTO O QUELL'ALTRO,XCHE' NON L'HANNO FATTO PRIMA?soprattutto quando c'era la lira?
VEDO ANCHE CHE LA DESTRA PARLA MALE DELLA SINISTRA,MA LA SINISTRA PARLA MALE SOLO DI SILVIO BERLUSCONI IN QUALITA' DI UOMO E NON DI POLITICO.

ENZUCCIO 28.04.05 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

ho guardato il video per la facenda Finivest, e voglio sotoporre quanto segue:

l padre nostro in lingua spagnola (attualmente in uso nell'America Spagnola) é:

Padre nuestro, que estás en el cielo,

santificado sea tu Nombre;

venga a nosotros tu reino;

hágase tu voluntad en la tierra como en el cielo.

Danos hoy nuestro pan de cada día;

perdona nuestras ofensas,

como también nosotros perdonamos a los que nos ofenden;

no nos dejes caer en la tentación,

y líbranos del mal.


di seguito la traduzione all'italiano nella parte cruciale:

"......perdona le nostre offese come noi perdoniamo a quelli che ci offendono..."

in italiano é ben diverso, e dice: "perdona i nostri debiti come noi perdoniamo ai nostri debitori "

la differenza non é di poco.

Finora nessuno mi ha saputo spiegare questo fatto reale.

Cosa possiamo fare ?

Tutto quello che ho scritto si può documentare !!

Rimango a sua disposizione

Rodolfo


Rodolfo Larosa 28.04.05 21:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
ieri sera ero anch'io come tanti per la prima volta ad ascoltarti, mi avevano avvisato che sarebbe stato un grande spettacolo ma non credevo così tanto.Grazie per tutto quello che fai e speriamo che tutti insieme si riesca un giorno a far cambiare qualcosa nel nostro paese. ciao

virna pino 28.04.05 19:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, oggi verrò al tuo spettacolo qui a
Roma, ma porca puttana vorrei farti una domanda
un pò seria:

tu, anni fa, parlavi di cancro, della cura Di
Bella, del Dottor Bonifacio, del Dott.
Pantellini e dell'ascorbato di potassio.

Tu dicevi testualmente "Centinaia di persone che avevano inventato cure che non costavano niente sono scomparse...".

Ti ricordi no? Non sono mica passati trent'anni,
in fondo...

Ma, cazzo, se tu avessi un cancro, ti cureresti
col siero Bonifacio?

Se le cose che dicevi avevano una parvenza di serietà, perché oggi non ne parli più?

Cazzo, fai qualche denuncia invece di stare lì a mugugnare, a prenderti applausi e a scrivere "Blog".

E tutta questa gente ad osannarti come fossi una divinità greca...

Queste sono cose importanti, mica cazzatine che uno dice, si tocca le palle e poi fa finta di nulla.

Ripeto: ti ci cureresti tu col Siero Bonifacio?

Dove sono le denuncie serie che tu hai fatto
perché queste "ricette contro il cancro" sono
state occulate?

Scusa la franchezza e comunque stasera sarò lì,
a ridere, ma nemmeno troppo.

Ciao Beppe.

Francesco

Francesco Marcellini 28.04.05 19:51| 
 |
Rispondi al commento

...Più una bugia è grossa,più facilmente essa verrà creduta...se l'opzione di non crederci è suffientemente dolorosa...

----TUTTO QUELLO CHE SAI E' FALSO---

E' il titolo di un libro che ho trovato pochi giorni fa e che ormai ho finito in un attimo.Esso fa porre delle domande sugli avvenimenti più importanti della storia recente(non ultime le torri gemelle che uno degli autori definisce uno dei più grandi Kolossal TV mai visti)che non mi sarei mai immaginato di pormi.E' scritto da parecchi autori e non da un singolo e fa riferimento al sito www.disinfo.com
Credo che possa essere di grande interesse a noi che seguiamo più o meno assiduamente questo blog.
Chiedo scusa se questa sezione non è adatta ma non sapevo esattamente dove postare ma lo volevo far conoscere a più persone possibile.
Se volete maggiori dettagli guarade questo link
http://www.delymyth.net/index.php?p=3082

Ciao a tutti

leonardo b. 28.04.05 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

stavo leggendo il commento di un utente sul tuo blog a proposito del siero di Bonifacio e delle cure anti-tumorali a bassi costi.

Ti si rimproverava di non aver più seguito a distanza di breve tempo questo discorso.

Oggi Di Bella non c'è più, e a me dicono che alcune cure nuove usano come base le componenti proposte da Di Bella.

Che c'è di vero?

Mi piacerebbe qualcuno che mi chiarisse le idee!

Andrea Coletti 28.04.05 17:36| 
 |
Rispondi al commento

che pena, Storace ha perso a Rome e lo hanno eletto ministro. possibile che noi cittadini non si possa fare nulla contro questo GIRO DI POLTRONE ?
certo che tra lui e Tremonti mi fanno tremare, tra la legge sul fumo e la vendita dei litorali italiani, vogliono proprio mercimoniare quest'Italia.
che schifo

luisa rossi 28.04.05 09:23| 
 |
Rispondi al commento

che pena, Storace ha perso a Rome e lo hanno eletto ministro. possibile che noi cittadini non si possa fare nulla contro questo GIRO DI POLTRONE ?
certo che tra lui e Tremonti mi fanno tremare, tra la legge sul fumo e la vendita dei litorali italiani, vogliono proprio mercimoniare quest'Italia.
che schifo

luisa rossi 28.04.05 09:23| 
 |
Rispondi al commento


Ciao Irene Patti,
anche io ero a conoscenza di Pantellini e dell'ascorbato di potassio, ma il punto è un altro: su Internet si trovano interviste che "dimostrerebbero" tutto ed il contrario di tutto.

Come se ne esce?

Non possiamo purtroppo dare credito a qualsiasi intervista presente su Internet, altrimenti scopriremmo che il cancro si cura con 12.000 erbe, erbette, infusi e rimedi vari, il che non so se risponda a Verità (con la V maiuscola).

Pantellini sarà stato sicuramente un professore autorevole, una brava persona ed uno scienziato competente, ma questo nulla ci dice della efficacia dell'ascorbato di potassio nella cura e prevenzione dei tumori.

PURTROPPO.

Scusa la franchezza, ma hai idea della valanga di stronzate che viaggiano sul Web?

Non è una cosa così semplice distinguere il vero dal falso.

Ripeto: PURTROPPO.

Un affettuoso saluto.

Francesco

Francesco Marcellini 28.04.05 09:07| 
 |
Rispondi al commento


Ciao Irene Patti,
anche io ero a conoscenza di Pantellini e dell'ascorbato di potassio, ma il punto è un altro: su Internet si trovano interviste che "dimostrerebbero" tutto ed il contrario di tutto.

Come se ne esce?

Non possiamo purtroppo dare credito a qualsiasi intervista presente su Internet, altrimenti scopriremmo che il cancro si cura con 12.000 erbe, erbette, infusi e rimedi vari, il che non so se risponda a Verità (con la V maiuscola).

Pantellini sarà stato sicuramente un professore autorevole, una brava persona ed uno scienziato competente, ma questo nulla ci dice della efficacia dell'ascorbato di potassio nella cura e prevenzione dei tumori.

PURTROPPO.

Scusa la franchezza, ma hai idea della valanga di stronzate che viaggiano sul Web?

Non è una cosa così semplice distinguere il vero dal falso.

Ripeto: PURTROPPO.

Un affettuoso saluto.

Francesco

Francesco Marcellini 28.04.05 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Continuo a scrivere ma haimè senza risposta!!!Allora insisto...
Si sta parlando di crimine contro l'umanità per la scoperta delle possibilità di cura e prevenzione dell'ASCORBATO DI POTASSIO e conseguente offuscamento delle scoperte.
L'ascorbato funziona e costa poco, non è brevettabile e romperebbe le uova nel paniere a molti!!! INFORMATEVI!!!!! Andate su internet e leggete l'intervista al prof. Pantellini...é incredibile cosa ci stanno tenendo nascosto!!!!!
SE volete scrivetemi a irene.patti@iol.it

irene patti 28.04.05 08:30| 
 |
Rispondi al commento

non c'entra molto, però volevo segnalare una cosa:
il neo ministro della sanità storace ha già annunciato che vuole ritoccare la legge sirchia sul fumo. allora io ho deciso di minacciare di boicottare i bar e simili se i ritocchi vengono attuati così da spingere i commercianti a far pressioni sul governo per non cambiarla. beppe, mi aiuteresti a diffondere l'idea? ti mando anche copia della catena di e-mail che ho cominciato. grazie! --

"Il neo ministro della sanità Storace (ovviamente fumatore) ha già annunciato l'intenzione di "ritoccare" la legge Sirchia sul fumo.

Proposta: minacciamo di boicottare bar, ristoranti e simili, nel caso questi "ritocchi" venissero davvero attuati: impegniamoci a disertare e a ridurre per quanto possibile la frequentazione di locali, se davvero ci dovessimo trovare di nuovo esposti alla puzza e ai rischi del fumo passivo.

I commercianti si erano inizialmente opposti alla legge Sirchia, temendo di perdere clienti. Ora possiamo farli diventare nostri alleati: facciamo capire che rischiano di perderne molti di più, che dopo aver visto quanto è bello sorseggiare un cappuccino senza l'odore della nicotina sotto il naso, non siamo più disposti a tornare indietro!

LA LEGGE SIRCHIA NON SI TOCCA!"

lucia tamburino 27.04.05 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Una volta entrò un rappresentante in una pasticceria storica della mia città...voleva lasciare un secchio di ricotta...la signora disse "ma io ne uso poco al giorno che ne devo fare di 5 chili" e il rappresentante rispose "no ma signora questa ricotta dura 2 mesi"...per fortuna la signora lo cacciò via a calci ... Rabbrividisco la ricotta dura 2 mesi!!

vorrei solo far presente una cosa sui cibi ogm e specialmente sulle schifezze che mangiamo ogni giorno...a cominciare dalla frutta e verdura che ormai non ha più stagione a finire alle varie merendine e insaccati che durano mesi alle varie creme cremine ecc.ecc.....

poi dicono che ci prendiamo i tumori.... ma secondo voi un corpo che per 3000 anni si è mangiato il mais normale i pomodori normali il pane fatto a legna....come reaggisce ai conservanti pesticidi ecc. ecc.

mi fa venire in mente una ricerca sulla quantità di tumori.... prima al nord dove il cibo ha cominciato a cambiare prima(è un dato di fatto che al nord le merendine sono andate di moda prima che al sud) c'è stata una impennata nella diffusione di tumori ...poi stabilizzata... man mano che scendeva al sud il concetto di mangiare cibi preconfezionati scendeva anche l'impennata di tumori per poi stabilizzarsi....

mi viene da pensare una sola cosa....il mio stomaco ha mangiato per 3000 anni cibi senza conservanti e senza pesticidi ecc ecc adesso vengono inseriti e partono i tumori allo stomaco... ma fa che forse è meglio tritarlo un po di basilico al posto di comprare quello confezionato, in cui faccio notare che c'è già il parmiggiano e il pecorino(roba che scade), che non si sa come dura mesi arg.

david drop 27.04.05 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena ricevuto un email da una mia amica che riguarda una sostanza cancerogena contenuta in alcuni shampoo, bagnoschiuma e dentifrici che serve per produrre la schiuma. Appena ho ricevuto l'email, ho controllato i prodotti che avevo in casa ed in percentuale il 99% di questi contenevano questa sostanza. Di seguito troverete l'email che ho ricevuto. Che dire... sporcizia = salute!!!
Se qualcuno di voi utilizza questi prodotti....
QUESTO MESSAGGIO E' ARRIVATO DA UNA PERSONA CHE LAVORA ALL'ISTITUTO DI ONCOLOGIA DI MILANO.
Controlla gli ingredienti sulle bottiglie di shampoo e controlla se contengono una sostanza chiamata "SODIUM LAURETH" o "LAURYL SULFATE" o semplicemente "SLS".
Questa sostanza si trova nella maggior parte degli shampoo, i produttori la usano perché fa molta schiuma ed e economica.
Ma il fatto e che l' SLS si usa per strofinare i pavimenti dei garage ed e'molto forte.
E' anche provato che può provocare il cancro a lungo andare, e questo non e' uno scherzo.
Il livello di cancerosità è a livello del benzene.
Il "VO5", Palmolive, Raul Mitchel, il nuovo shampoo della Hemp contengono questa sostanza,
allora ho chiamato una ditta e gli ho detto che il loro prodotto contiene una sostanza che può far venire il cancro.
Hanno risposto: "Si, lo sappiamo, ma non possiamo farci niente perché abbiamo bisogno di quella sostanza per produrre la schiuma." Anche il
dentifricio Colgate contiene quella sostanza per produrre bolle.
Dicono che mi manderanno delle informazioni.
La ricerca ha dimostrato che negli anni '80 la probabilità di prendere il cancro era di 1 su 800 e ora, negli anni 2000 e di 1 a 3, e ciò è
ovviamente molto preoccupante.
Cosi' spero che prendiate questa lettera sul serio e la passiate a tutti quelli che conoscete,
nella speranza di impedire di provocarci il cancro.
Contengono questa sostanza:
* Shampoo dell'Antica Erboristeria
* Bagnoschiuma Bionsen,
* Bagnoschiuma Nivea
* Colluttorio l'Angelica
* Gli shampoo CLEAR, GARNIER, OREAL, OSMOSE e BIOPOINT
* Dentifricio Mcleens, Oral-B Sensitive Fluoride, AZ verde protezione
carie
Non so quelli dell' ERBOLARIO perché ho scoperto che non hanno gli ingredienti scritti sulla confezione.
Se hai ancora dubbi leggi "SALUTE" il settimanale di Repubblica del 9 novembre 2000 alla pagina 40 e 41 (riquadro verde in alto al centro), troverai un articolo che parla di questa sostanza.
CONCLUSIONE: NESSUNA DITTA NEGA LA PRESENZA DI TALE SOSTANZA, MA LA GIUSTIFICANO;
ANZI PER MOTIVI PURAMENTE ECONOMICI, DICONO CHE LE BASSE DOSI SAREBBERO ININFLUENTI.
MA UNA BASSA DOSE CON LA DOCCIA, UNA PER LAVARE I DENTI, UNA PER LAVARE I CAPELLI....
A LUNGO ANDARE QUANTO FA'?
---- Ti consiglio di inoltrare questa lettera a tutti quelli che conosci. ----
ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA - Via Ripamonti 435 20141 Milano tel +39 0257489205 - fax +39 0257489872

Silvia Marzucchi 26.04.05 18:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo alle solite... ormai poche sono le certezze che ho nella vita, come quella che ho raggiunto in materia di "scientificità": nulla è meno scientifico dell'evidenza scientifica!
Ricerche pilotate da potenti ed interessi di turno... et voilà: basta sapere da cosa si parte e dove si vuole arrivare che è possibile dimostrare tutto, e il contrario di tutto!
Ragazzi: ormai è questa la ricerca scientifica!

Maria Genovese 26.04.05 02:20| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe, prossimamente l'acqua verra' venduta in monodose, ho il sospetto che qualche parlamentare abbia un'industria di bottigliette di plastica che non sapeva cosa farne . e' possibile?

umberto sammataro 25.04.05 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Tranquilli , da oggi c'è il nuovo ministro della Salute , Storace , e ha in serbo una cura per il malessere generale del paese :OLIO DI RICINO !

massimo legnini 23.04.05 23:51| 
 |
Rispondi al commento

sulla sanità ci sarebbe molto da dire, ospedali che non funzionano, medici che non funzionano, infermeri che non funzionano, case farmaceutiche che si imbottiscono di dollari con farmaci da prezzi irrazionali ma...ma.... tutto sommato in Italia con tanti e troppi problemi la sanità e l'accesso a cure e farmaci è garantito a tutti sarà sempre cosi'?

luca pezzullo 23.04.05 21:50| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno può togliermi il dubbio atroce ?

Fino a pochi istanti fa, ovvero prima di leggere il blog, ero convinta che il Prof. Veronesi avesse detto che Polenta e il latte fossero concerogeni, ma rispettivamente, la prima ( polenta ) per via del mais OGM ed il secondo ( latte ) a causa delle aflatossine e gli enormi quantitativi di antibiotici.

Leggendo ora mi sembra di capire l'inverso per la polenta, ovvero che quella non cancerogena sia proprio quella prodotta con mais transegenico...Mi togliete il dubbio per favore ? :-) Grazie

Per quanto riguarda invece il latte, pur amandolo come alimento, da anni non ne bevo più una goccia, ma questo perchè è imbevibile, tant'è che nella mia regione ne furono sequestrati ben 48 quintali a causa dell'elevata quantità di antibiotico all'interno. Non mi stupisce più ormai sapere che nel latte vi è solo un'elevatissima quantità di antibiotico e poco dei restanti elementi nutritivi. Le povere mucche infatti adesso sono solo spugne da latte dalle quali mammelle si munge meccanicamente latte dal mattino alla sera e le conseguenze per le povere mucche sono infiammazioni e mastiti continue alle mammelle, cosicchè per arginare la mastite prodotta dalla continua mungitura gli allevatori usano antibiotici in gran quantità...questo il link, il quale anche se un pò crudo rende l'idea:
http://www.biello.it/index.php?pag=news&id=277&id_click=277

Ciao Paola :-)

Paola P. 23.04.05 17:24| 
 |
Rispondi al commento

xchè hai cancellato il mio messaggio non ti piaceva?

Pal valdo 23.04.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Sono di Sondrio e qui la polenta é sacra!
Una volta era uno dei piatti principali (anche perchè c'era poco o nient'altro)
I miei nonni sono morti a 95 e 92 anni (di vecchiaia )e mia nonna ne ha 92 .
E credetemi di polenta ne hanno mangiata...e tanta..!!
Ciao Stefy

Stefania Colombini 23.04.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Invece di accusare la povera piantina di essere cancerogena e di dire che nella polenta ci sono funghettini, perchè non dite che nel il dolcificante (aspartame) deriva da veleno per le formiche e quindi nocivo e che lo zucchero raffinato è dannoso in quanto essendo "carboidrati allo stato puro" e cioè privati tramite la raffinazione dei minerali, non possono essere metabolizzati se non con la presenza degli stessi, di conseguenza i minerali mancanti vengono prosciugati dalle vostre ossa.
Meditate gente,meditate........ e soprattutto utilizzate zucchero di canna integrale, magari comprato dal commercio equo-solidale.

Cesare 22.04.05 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Stefano C. rispondo subito alle tue domande: tra mangimi arricchiti (???) con ossa di animali e mangimi ogm stranamente io scelgo i mangimi naturali. Hai presente quei bei polli ruspanti che mangiano il mais nell'aia? Il bel mais che i contadini coltivano da centinaia di anni, senza che mai a nessuno sia venuto di mente di modificarne la struttura genetica, finchè le aziende farmaceutiche non hanno cominciato a pensare di controllare l'alimentazione mondiale?
Tra fermare la scienza e accettare che le multinazionali lucrino in modo vergognoso, togliendo ai contadini (i poveri contadini del sud del mondo e anche i nostri contadini) la possibilità di conservare le sementi di anno in anno e costringedoli a comprare le loro sementi, e accettare che persone prive di scrupoli giochino con la nostra salute e il nostro futuro, stranamente io scelgo una scienza rigorosa, onesta, che si basi su sperimentazioni indipendenti e che informi correttamente noi poveri consumatori. Ora mi verrai a dire che sono idealista, bla bla bla, ma vogliamo dire la nostra sul mondo e intervenire se non ci piace quel che succede o accettare succubi tutte le porcherìe?

Francesca Nicolò 22.04.05 19:47| 
 |
Rispondi al commento

Francesca N. forse ho fatto il passo + lungo della gamba infatti probabilmente questi OGM verrano impiegati in modo piu ''proficuo'' che per aiutare ''poveri paesi asiatici''(non per nulla ho parlato di_un domani potrebbe_nel blog) ...

sono comunque convinto che delle applicazione per queste nuove tecnologie esistono e possono essere positive non solo per le multinazionali che come ci investono e ci vogliono guadagnare (almeno il 300%) per quanto rigurda Golden Rice e Frumento BT non sono animali mitologici meravigliosi ma una realtà in continuo sviluppo che già potrebbe essere utilizzata per risolvere problemi meno amibiziosi ma reali come la produzione di mangimi animali che possano neccessitare di una minore aggiunta di farine animali perchè già piu ricchi rispetto ai naturali.
alla fine mangiando l'animale assumi una parte di quello che l'animale ha mangiato e se devo sciegliere tra OGM dalla dubbia salubrità e farine animali che di morti ne hanno già fatti tanti con il prione BSE la scelta non è facile.
Per quanto rigurda le multinazionali mi dispiace che siano loro a lucrare sulle scoperte ma dato che ormai controllano la ricerca o fermiamo la scienza o accettiamo il loro guadagno ... a meno che tu non abbia un'altra idea...

Stefano Colombo 22.04.05 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Ma perche' nessuno mai parla del fatto che la droga piu' dannosa che e' anche legale e' l'alcool.
Costa poco, puoi comprarti casse di superalcolici al supermercato.
La trovi ovunque e a qualsiasi ora del giorno e della notte.
Tutti quelli che si sono accaniti contro le discoteche devono sapere che quando il figlio esce da un locale se ha voglia di sballarsi lo fa tranquillamente a prescindere dal "Demonio Disco",
ci sono chioschi che ti vendono birra fino alle 4 5 del mattino. Ci sono locali che rimangono aperti servendo alcolici...l'alcool uccide ed disponibile sul mercato in tutte le forme ma soprattutto a TUTTE LE ORE.....
Ho sentito trasmissioni per mesi parlare delle discoteche che sono la causa della morte dei ragazzi sulle strade il sabato sera perche' quando escono sono brilli e drogati...
ora chi e' stato in discoteca sa benissimo che ci puo' arrivare tranquillamente nel seguente stato:
Aperitivo delle 18.30:
a base di Mohito, Negroni....Cuba Libre
Cena con Amici:
Primo secondo......il tutto accompagnato da una bella boccia di vino da un buon caffe e magari perche' no un grappino secco oppure limoncello....
Dopo Cena:
Magari al Pub per una birretta oppure a casa di Tizio a prepararsi per la serata che ovviamente e' appena iniziata.......
E Infine la Disco:
ovviamente dopo i passi precedenti una base alcolica si e' creata....
ed ecco che qui si aprono diverse strade...
sei senza una lira: o scrocchi o ti limiti alla consumazione inclusa nel biglietto d'ingresso...
in questo caso torni a casa diciamo sobrio....
oppure se sei benestante allora senza problemi puoi aggiungere a quello che hai gia' in corpo altri liquidi piu' o meno pesanti...
in questo caso di solito sei cosi' fuori che la serata continua anche dopo la discoteca dove appunto l'alcool costa meno ed e' sempre e comunque legale a qualsiasi ora....
oppure sei amico del PR e allora viaggi a free drink.....in questo caso stai in discoteca finche' non ti mettono il ballo dell qua qua per sbatterti fuori....
ma una volta fuori cosa succede...se non vai a casa dove vai in un locale probabilmente e nei locali cosa ti vendono L'ALCOL.........perche' se vuoi ucciderti il modo lo trovi fuori e dentro le discoteca....perche' il tuo suicidio e' legalizzato....
Per esempio a dublino i taxisti fanno un sacco di soldi soprattuto il venerdi e il sabato sera perche' la gente sa che esce per omaggiare del proprio fegato il proprietario del Pub e di conseguenza la macchina non la usa...diro' di piu'
mi e' capitato spesso di uscire in macchina ma chi guidava non ha mai bevuto (solo una pinta che e' il limite consentito)....
MAH e vero Sig. Grillo il mondo e' alla rovescia.

Luca Urciuoli 22.04.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Il Veronesi si dovrebbe fare un giretto in qualche fabbrica dove ho lavorato io e dove lavorano migliaia di italiani; desse uno sguardo un giro... allora sì che vedrebbe gli agenti cancerogeni gironzolare a piede libero in comitiva a braccetto dei dirigenti ... con tanto di cartellino col nome e passy.

Miro Boscolo 22.04.05 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Mi rivolgo a Fabriazio Boaro e Stefano C, ma dove le andate a prendere queste notizie sugli ogm che salvano i poveri asiatici (ancora con questa solfa!) e le miracolose proprietà dei vari mais e risi trangenici! Ma insomma svegliatevi e andate a raccogliere le informazioni sui siti indipendenti, non sui siti delle multinazionali delle biotecnologie. Come recita un detto popolare del sud, "è come dire all'acquarolo se l'acqua è fresca"!
Il punto vero non è essere d'accordo o meno sull'introduzione degli ogm nell'alimentazione, ma l'essere liberi di scegliere e di informarsi senza venire manipolati.
Pensate un momento, se veramente gli ogm facessero così bene e servissero a sfamare il terzo mondo perchè le aziende biotech sono contrarie a dichiarare sulle etichette la presenza di ogm e perchè le stesse aziende cercherebbero in tutti i modi di introdurre gli ogm anche nella ricca e vecchia europa, invece di rivolgersi soltanto al mercato dei paesi emergenti? Appunto perchè la vecchia europa è ricca.

Francesca Nicolò 22.04.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento

i tumori tuomori piu diffusi sono: colon\pelle\polmoni\mammella-prostata

Perche?

semplicemente perchè vivere è cancerogeno

tutte le sostanze estranee che entrano e transitano nel nostro corpo sono potenzialmente cancerogene (qualcuna come il fritto e come apprendo oggi la !polenta! e il !pesto! a quanto si dice un po di più) _colon_

I raggi UV in quanto agente mutageno (promuovo la creazione di errori nel dna attraverso la dimerizzazione della timina, un nucleotide)sono cancerogeni (non parliamo poi di raggi x e altre radiazioni ad alta energia) _pelle_

L'aria che respiriamo contiene molecole volatili potenzialmente cancerogene _polmoni_

il nostro corpo produce ormoni (soprattutto androgeni ed estrogeni) che si è scoperto hanno un ruolo da protagonisti nello sviluppo dei tumori _mammella\prostata_

volete vivere felici e sicuri ???
nutritevi a flebo, state lontani dal sole, respirate da bombole, fatevi asportare il surrene\ tiroide

anzi già che ci siete non respirate: l'ossigeno puo creare i malefici RADICALI LIBERI

Stefano Colombo 22.04.05 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Gli OGM non sono solo un business per le multinazionali ma sono anche una grossa opportunità, è vero che la coltura intensiva di specie mutagenizzate e piu resistenti è una minaccia per la biodiversità e un ottima fonte di lucro ma non credo che questi siano motivi sufficienti per rifiutare una tecnologia che potrbbe portare ad un enorme miglioramento della vita (se gestita in modo opportuno).

ricordo ad esempio:

La produzione di Golden Rice, una varieta di riso mutagenizzata per produrre vitamine e proteine indispensabili alla dieta clonando geni codificanti proteine provenienti da organismi naturali, migliorando il golden si avrebbe un alimento abbastanza completo e a basso costo che un domani potrebbe aiutare a combattere la malnutrizione in paesi poveri ...il problema è che non è ancora sufficientemente sviluppato per supplire a tutti i bisogni di una dieta sufficientemente completa e che per ora sono in pochi quelli che vogliono darne quantità opportune a quattro morti di fame! per altre info:
http://www.biotech-info.net/golden.html

il BT CORN (o altri organismi OGM BT) e un grano resistente agli insetti comunemente infestanti il grano dov'è il trucco??? in questo grano è clonato un gene che produce una molecola cristallina che a contatto con i succhi gastrici di una determinata specie di insetto risulta tossico in ogni mammifero (ogni tipo anche l'uomo) non decristallizza (i nostri metabolismi sono molto diversi da quelli di un insetto) e non è tossico e nemmeno assorbito (come entra esce...almeno questo risulta dai test di laboratorio). inoltre il gene clonato proviene da specie vegetali naturali non tossiche naturalmenti resistenti a questi insetti(info:http://www.biotech-info.net/bt-transgenics.html#corn).un appunto: l'alternativa per difendere le piante dagli insetti in modo efficace mooolto utilizzata in campo commerciale è annaffiarle di pestici sulla cui tossicità non vi sono dubbi.

molti altri sono gli esempi...

non dico che l'OGM è una soluzione semplice e sicura a tutto (e anzi vi consiglio di mantenere comunque un atteggiamento critico verso questi prodotti) ma che da queste ricerche si possa sviluppare qualcosa di innovativo e di utile e percio non è il caso di rifiutarle in toto.

per chi volesse leggere un parere diverso dal mio:
http://www.aiabsicilia.it/carlo_petrini.htm
(intervista a petrini di slow food)

P.S.:ho sentito parlare rigardo un operazione di tipo genetico che a permesso la salvezza di una varietà di riso(la carnaroli se non sbaglio)che qualche anno fa rischio l'estinzione a causa di ,mi pare,una malattia ... se qualcuno ne sa qualcosa mi piacerebbe avere info se non altro per sapere se si tratta dell'ennesima bufala !

Stefano C. 22.04.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Voglio suicidarmi mangiando polenta al pesto!!!!

Giovanni Panzera 22.04.05 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Voglio suicidarmi mangiando polenta al pesto!!!!

Giovanni panzera 22.04.05 10:28| 
 |
Rispondi al commento

In un documentario trasmesseo all'ester si affermava che gli OGM fanno "morire le coltivazioni" normali dove, poi, crescono solo prodotti OGM... se tutte le coltivazioni divengono OGM saremo succubi delle poche aziene che li producono e, sopratutto, se scopriamo che fanno male siamo fregati e non torniamo più indietro.

Anna Hy 22.04.05 01:06| 
 |
Rispondi al commento

Per l'appunto, ci riprovo :-)

http://www.nuovamedicina.com
http://www.albanm.com

alba dirk 22.04.05 00:55| 
 |
Rispondi al commento

Per Fabrizio B.
Grazie Fabrizio, almeno non mi sento una mosca bianca :-)
Pero' è davvero strano, ma tu cosa hai postato?
Io avevo postato un paio di link, non riesco proprio a capire. Magari un disguido...

Mi sa che ci riprovo.

Ciao

alba dirk 22.04.05 00:30| 
 |
Rispondi al commento

Terrorismo su piatti tipici... del nord. Vuoi vedere che ste pare sono una pezza del Governo accusato di avere trascurato il caro vecchio mezzogiorno??

Alice Li Mandri 21.04.05 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Dietro agli OGM ci sono potenti lobby, ma altrettante ce ne sono dietro al "biologico".

Anche nel biologico sono permessi trattamenti alle piante, alcuni dei quali da molti anni in disuso nell'agricoltura tradizionale.

Si tratta di sostanze sì di origine naturale, ma dall'elevato potere cancerogeno e che persistono nella pianta, al contrario di molte sostanze chimiche, che dopo 15-20 giorni dal trattamento si decompongono.

Non pensiamo quindi che anche coloro che parlano tanto bene del biologico non siano disinteressati!!

fabio lozzi 21.04.05 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Per capire il perchè di un'affermazione così inusuale da parte del Veronesi (preferisco omettere il titolo di Prof. In che cosa? Finanza?) basta aver letto le cronache finanziarie. Costituita una S.p.A con il più potente operatore finanziario della borsa di Milano, mi pare 2 o 3 mesi fa, con lo scopo di quotarla in Borsa per raccogliere i frutti delle scoperte nel settore delle biotecnologie, modello amaericano, è partita la fase di marketing mascherato da informazione scientifica. Dopo aver propinato farmaci dannosi per anni, anche contro i risultati di studi internazionali ben più seri di quelli volti a dimostrare benefici inesistenti come l'"affaire" terapia ormonale sostitutiva, si è aperto un nuovo fronte. Ancora più subdolo, ancora più cinico. Il transgenico è nel vostro futuro, gente! Chiudete i bambini in casa e proteggeteli. Il lupo cattivo è a caccia di nuove prede!

Piero Di Martino 21.04.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Io non sono contrario agli OGM
Nessuno sa più cosa fa bene e cosa fa male
oggi al TG1 hanno detto che da ultimi studi è meglio essere leggermente sovrappeso che molto magri.
Il forno a legna è bandito perchè inquina.
Tempo fa volevano vietare il lardo di colonnata perchè antigienico.
Adesso il pesto genovese è dannoso ma vorrei vedere se quella società che qualche anno fa ha tentato di registrare il marchio ci fosse riuscita se adesso parlavano così del pesto !

Massimo

Massimo Vergottini 21.04.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

A proposito dei cibi trattati con OGM voglio dire la mia. Non sono contrario che alcuni alimenti siano trattati vorrei però poter scegliere quali comperare dallo scaffale.Per noi che possiamo andare a comperare tutto quello che vogliamo scegliendo tra carne pesce frutta dolci e tutto il resto è facile dire no all'OGM ma domandiamolo all' asiatico che mangia solo riso e che per carenza proteica a 40 anni comincia a diventare cieco se preferisce andare avanti così o se mangerebbe volentieri del riso arrichito con proteine dall'OGM.Quindi ribadisco per noi "ricchi" e facile dire a pancia piena no all'OGM perche abbiamo l' alternativa ma non tutti sono fortunati ad averla.Un saluto a tutti

boaro fabrizio 21.04.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento

RAGAZZI MI RACCOMANDO,

POCA PAPA (poco CIBO)
POCA PIPA (poco TABACCO)
e specialmente....
POCA PEPA(poco o niente FEMMINUCCIE)

E CAMPERETE CENT'ANNI, almeno datemi una Peroni...
AH AH AH AH AH

diego galli 21.04.05 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Per ALBA DICK...
Cara Alba, anche i miei vengono cancellati tranne (come il tuo) l'ultimo di protesta....
Chissà.

fabrizio b. 21.04.05 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ho visto che hai cancellato il mio precedente messagggio.

Puoi spiegarmi perché?

Magari anche in privato se preferisci.
Grazie.

alba dirk 21.04.05 01:27| 
 |
Rispondi al commento

“l’assenza di finanziamenti statali comporta un disagio evidente per la crescita economica del nostro Paese”. Prof. U. Veronesi
Che il nostro luminare sia più preoccupato di portare fieno in cascina piuttosto che dire cose sensate?
Il rischio, di questo passo, è finire a fare ricerche degne solo di IG-Nobel Prize (http://www.improbable.com/).

Alessandro Benati 20.04.05 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Per Saro , Carissimo niente di personale , ecco le mie risposte : perche sono in pausa pranzo e mi danno solo un ora per mangiare , perche se vado fuori per una pasta al pesto come dici tu, tranne se non vado in un ristorante e mi sveno, mangerei sicuramente un qualcosa di non salutare comunque . Parliamo dell' Italia si i prodotti vengono fatti in Italia anche se come tutta la carne che mangiamo arriva dalla Francia o dio solo sa !!

si L'italia e il miglior paese del mondo in fatto di cucina ,e Napoli e la prima citta !!
non ho additato i prodotti nostrani me ne guarderei bene , ma penso che la tolleranza nella vita, in alcuni casi non sia male - e quando dico tolleranza dico non tollerare chi e mafioso o giu di li ,ma che non deve essere necessariamente bianco o nero ma puo essere anche bianconero (nessun riferimento sportivo si intende).comunque non vorrei che il mondo si trasformasse in qualcosa dove non esistono piu le tradizioni , purtroppo pero i cambiamenti ci sono e se ci sono forse e anche un po colpa nostra !!

con affetto.
Gaetano. sempre Forza Napoli

Gaetano Gatto 20.04.05 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere dal proprietario di questo blog perchè i miei messaggi vengono regolarmente cancellati pur avendo tutti i requisiti richiesti per poter essere inseriti mentre ne leggo di doppi o tripli e con qualche turpiloquio. Devo pensare a una qualche forma di censura? Sarebbe seriamente ridicolo...
Attendo risposta.

fabrizio b. 20.04.05 20:41| 
 |
Rispondi al commento

E' chiaro come il sole che, davanti alle perplessità e alla diffidenza degli europei nei confronti degli ogm, le multinazionali come monsanto, sygenta ecc., che hanno investito miliardi di dollari in questa avventura biotecnologica (che spero sia disastrosa) abbiano bisogno di fare controinformazione, diciamo, scientifica. Capisco che sugli ogm ci sia molta confusione ma alcuni punti sono inequivocabili e riconosciuti di tutti:
le specie ogm sono purtroppo in grado di contaminare le specie non ogm e di sconvolgere, a lungo andare, l'ecosistema. Come dire che un domani saremmo tutti costretti a mangiare ogm, e a pagare le royalties alle multinazionali, anche non volendo, semplicemente perchè non ci sarebbero più specie autoctone. Quindi è un processo irreversibile. Dove andrebbe a finire une delle libertà fondamentali dell'uomo, ossia mangiare come cavolo gli pare?
E mettiamo che tra qualche anno i nostri cervelloni che adesso si schierano a favore degli ogm scoprano che invece fanno male? E' già successo con il fumo e l'amianto, per esempio.
Come si potrebbe tornare indietro? Buon senso vuole, invece, che difronte ad una novità (per me mostruosità) biotecnologica di questa portata, finchè non saranno fatti esperimenti seri, rigorosi ed indipendenti, si adotti il principio di precauzione. Ossia nel dubbio, mi astengo. E invece le multinazionali, con le loro lobbies alla comunità europea, premono perchè gli ogm invadano i mercati europei, cancellando la grande tradizione culinaria del vecchio continente. Vi ricordate le coltivazioni ogm illegali scoperte in alcune regioni italiane? Gli agricoltori non sapevano nulla, i sacchi di sementi erano stati regalati dalle multanazionali che, ovviamente, avevano omesso di informare della presenza di semi modificati.
Che bell'esempio di condotta, ma che ci volete fare sono preoccupati per noi!
Per chi ne vuole sapere di più sugli ogm vi ricordo il sito di greenpeace.
Insomma le multinazionali fanno pressing selvaggio perchè hanno paura di perdere i loro soldi.

Francesca Nicolò 20.04.05 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe voglio capire quanti risultati hai ottenuto, dopo tanto tanto tanto lavoro? Se permetti di accedere a questo canale di comunicazione fai sempre in modo che venga utilizzato al meglio e che magari la cerchia di amici che hai in tutta Italia ti sia anche di aiuto e di sostegno per le tue campagne così importanti: Auguro a te tanti e tanti e buoni risultati. Penso che ogni persona ragionevole ha in cuor suo tanto tanto da dire ma non ha la possibilità o la forza di gridare che si deve migliorare e che chi è stato nominato responsabile, prima o poi deve rimboccarsi le maniche e ascoltare qualche buon consiglio per metterlo in pratica.

francesca fiorentini 20.04.05 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti i Grilletti,
avete mai fatto caso al trucchetto che ti tendono gli ospedali quando prenoti un esame?
La tipa ti guarda e ti comunica il tempo di attesa:es due anni!!!e poi ti guarda in silenzio aspettando la frase magica:"ALLORA LA FACCIO PRIVATAMENTE" Non ci cascate non la dite e magicamente si libererà un posto con ssn
Ciao!

Floriana Granata 20.04.05 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe voglio capire quanti risultati hai ottenuto, dopo tanto tanto tanto lavoro? Se permetti di accedere a questo canale di comunicazione fai sempre in modo che venga utilizzato al meglio e che magari la cerchia di amici che hai in tutta Italia ti sia anche di aiuto e di sostegno per le tue campagne così importanti: Auguro a te tanti e tanti e buoni risultati. Penso che ogni persona ragionevole ha in cuor suo tanto tanto da dire ma non ha la possibilità o la forza di gridare che si deve migliorare e che chi è stato nominato responsabile, prima o poi deve rimboccarsi le maniche e ascoltare qualche buon consiglio per metterlo in pratica.

francesca fiorentini 20.04.05 19:01| 
 |
Rispondi al commento

a me pare che state esagerando......di schifezze ne mangiamo e ne mangeremo a tonnellate....ferma restando la buona fede di tutti alcuni dei post mi paiono offensivi e gratuiti....tifare per Grillo nn significa diventare ULTRAS...nn so se mi sono spiegato!!
(scrive uno che condivide molte cose dette e fatte dal creatore di questo BLOG....CORDIALITA'

marcello lupo 20.04.05 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
hai mai provato a fare un ricarica
con Ricaricard sul tuo cellulare TIM?
E' un'esperienza molto costruttiva, da provare
eseguendo ATTENTAMENTE le seguenti operazioni:
1. non eseguire telefonate per almeno 24 ore
(meglio se 48) cosicchè il CREDITO RESIDUO
possa essere calcolato secondo i tempi della
TIM;
2. fare il numero 4916 ed ascoltare ATTENTAMENTE
la voce gentile che vi ricorda che il
"VOSTRO CREDITO RESIDUO E' DI 0,46 CENTESIMI
DI EURO" (lo 0,46 è una cifra d'esempio
i centesimi di euro NO)

3. eseguire tutte le operazioni di ricarica.
Facciamo l'esempio di una ricarica di 45 €,
costo della Ricaricard 50€

4. ASCOLTARE CON ESTREMA ATTENZIONE LA GENTILE
VOCE DI CUI SOPRA CHE VI DICE, SE VA BENE E
SE NON VI TOLGONO ALTRI SOLDI, CHE IL VOSTRO
NUOVO CREDITO E' DI € 45. E I CENTESIMI DI CUI
SI PARLAVA PRIMA?
5. IN TASCA ALLA TIM!!!!

Ti saluto

dora magaudda 20.04.05 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Risparmiare per le rinnovabili

In altri Comuni, (stanchi dei ritardi "Statali" o solo lungimiranti non so), il ricorso all'energia solare, termica e fotovoltaica, è reso "obbligatorio" nei regolamenti edilizi per le nuove costruzioni e/o ristrutturazioni; l'avanzamento della ricerca ci offre interi tetti fotovoltaici, che si integrano perfettamente anche a livello estetico: coppi fotovoltaici e altro ancora.
Secondariamente chiedo: sono forse "belle" le parabole bianche sui tetti rossi in tutta Ravenna? I condizionatori piazzati ovunque, pure su palazzi storici?
Credo che l'estetica, se fattore limitante, debba valere per TUTTO. Sennò è una scusa.
Il ripetitore/monumento (suppongo per telefonini) nella rotonda di Via Trieste è forse arte moderna e sono io a non capirlo?
Non è mai abbastanza quanto si può fare per il risparmio energetico e le energie rinnovabili, e una cosa, su questo insisto molto, "finanzierebbe" l'altra.
Ravenna potrebbe e dovrebbe fare molto di più, e non solo con progetti specifici, bensì, mi auguro, in modo sistematico, a partire dalle semplici lampadine in tutte le case.

Allargo ulteriormente il discorso:
Il progetto della Regione per la costa è una buona cosa, ma come tempi rischiamo di perdere un'altra stagione estiva... Comune e Provincia possono impegnarsi ad andare "oltre"?, a premere perchè finalmente ci sia una vera svolta e non le sterili chiacchiere che si sentono da anni a tutti i livelli?...
Il Ministero attività produttive tiene in sospeso tutto il settore, non avendo ancora quantificato quanto l'energia rinnovabile debba essere remunerata dall'Enel.
Il decreto di recepimento della direttiva 2001/77/CE ha rimandato in pratica sine die la decisione, fondamentale, di quanto pagare l'elettricità da rinnovabili versata in rete. In febbraio doveva finalmente uscire il decreto attuativo: tutto tace.
Invece tali fondi, a petrolieri e inceneritori sono garantiti da anni: le insensate energie "assimilate" (sic) a rinnovabili.
Sempre in barba alle direttive europee (e aggiungo io al buonsenso...) ma qui "chi di dovere", almeno nella nostra città, sa già tutto e non occorre dilungarsi.
Ricordo che le compagnie per il risparmio energetico (Esco) coprono gli investimenti di tasca loro, senza che le P.A. tirino fuori un centesimo. Il loro lavoro è garantito dai risparmi che si ottengono dalle bollette, decisi contrattualmente per tot anni, dopodichè le P.A si ritrovano a gestire scuole, uffici etc che costano molto meno di prima, e hanno fondi a bilancio per altri investimenti, tra cui le energie rinnovabili.
Un meccanismo virtuoso che basta voler attivare.

Grazie per l'attenzione (e buon lavoro a tutti), Roberto Pirani
rinnovabili@libero.it

Roberto Pirani 20.04.05 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi purtroppo il male oggi ci circonda e vive dentro di noi.
Il male della guerra, la cattiveria dell'uomo, avvelenamento atmosferico, ed ora avvelenamento alimentare.
Io non sono un intelligentone ma condivido pienamente il significato di una frase che non so neppure chi l'ha scritta ma l'ho letta da qualche parte e dice:

"Perchè il male trionfi basta che i buoni rinuncino all'azione"

Forse il significato di questa frase può sembrare scontato ma pensandoci bene..........
Quanti di noi fanno qualcosa per combattere tutto questo.

Se fossero tanti serebbero tanti anche i buoni!
Forse i buoni saranno tanti ma probabilmente resteranno soli buoni.

Beppe tu sei un buono che non rinuncia all'azione nel far conoscere la vertità
continua così,
continua così..............Ciao.

Ruggero 20.04.05 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi purtroppo il male oggi ci circonda e vive dentro di noi.
Il male della guerra, la cattiveria dell'uomo, avvelenamento atmosferico, ed ora avvelenamento alimentare.
Io non sono un intelligentone ma condivido pienamente il significato di una frase che non so neppure chi l'ha scritta ma l'ho letta da qualche parte e dice:

"Perchè il male trionfi basta che i buoni rinuncino all'azione"

Forse il significato di questa frase può sembrare scontato ma pensandoci bene..........
Quanti di noi fanno qualcosa per combattere tutto questo.

Se fossero tanti serebbero tanti anche i buoni!
Forse i buoni saranno tanti ma probabilmente resteranno soli buoni.

Beppe tu sei un buono che non rinuncia all'azione nel far conoscere la vertità
continua così,
continua così..............Ciao.

Ruggero Mingardi 20.04.05 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,

Devo dire che il primo ed unico pensiero che mi e venuto leggendo e....Quanti soldi si e preso o si prende tuttora per andare a dire ste biricchinate in giro il Signor Professor Veronesi ? Sicuro andrà a dire anche in giro che oggi il pane nel Supermercato si fa con una farina con delle sostanze chimiche, che rendono possibile di fare 2 chili di Pane con un chilo di Farina. Il Pane !! Lo mangiamo tutti i giorni, in quantità molto più grandi che il Basilico. Voi dite che non lo fa ? Forse non ha trovato ancora lo Sponsor privato che gli paga una sommettina per comunicarlo al mondo !

Oscar Carluccio 20.04.05 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Perche se ci tengono alla nostra salute(ma quando mai!)
Ci evitano mesi e mesi di attesa per una T.A.C.
una R.M.....ecc E' chiaro a pagamento aspettiamo meno quasi nulla lo sappiamo..Ma quanto costa ad esempio una
R.M. al cervello?
Ve lo dico io..circa 335,00 (Eurini) ossia 768.000 del vecchio conio..Bella storia.
e poi mi parlano di cancerogeno..ciao a tutti

pratico pasquale 20.04.05 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Visto che il Prof. Sirchia e il Prof. Veronesi tengono tanto alla nostra salute, perchè non ci hanno avvertito quando è stato scoperto che le aziende alimentari usano il peperoncino indiano colorato col Sudan?
Per chi non lo sapesse il Sudan è un colorante cancerogeno (peraltro già vietato dall'Unione Europea) utilizzato per tingere solventi, oli, cere, scarpe, detergenti per pavimenti e... peperoncino indiano che altrimenti sarebbe troppo pallido...

E perchè l'unico giornale italiano che ha fatto la lista dei sughetti pronti e dei piattoni surgelati col Sudan è stato il “Salvagente”? E le tv dove erano? Forse a bombardarci con le pubblicità delle famigliole (allargate) che si mangiano i sughetti cancerogeni?

Sembra che questo scandalo sia nato perchè il peperoncino indiano costa qualche centesimo in meno del peperoncino italiano. Allora io mi domando: quanto peperoncino serve per un piatto di pasta o per un sughetto? Pochissimo. Quindi, se per risparmiare sul peperoncino ci rifilano un colorante cancerogeno, cosa ci rifileranno per risparmiare sugli altri ingredienti (pasta, pesce, pomodori, carne, verdure etc...)?

Comunque, dato che nella lista del Salvagente ci sono anche dei "Gran...pesti" forse Veronesi si riferiva a quei pesti lì e non a quelli delle nostre nonne!!!!

Link di riferimento

http://www.ilsalvagente.it/modules.php?name=News&file=article&sid=41
http://www.attivissimo.net/antibufala/peperoncino/sudan.htm

marco maiani 20.04.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

"Stiamo perdendo il BUON SENSO"... per citare il nostro amato "Grillo parlante". Si stà tentando di mettere in discussione la nostra centenaria tradizione culinaria, fortemente apprezzata in tutto il mondo per la genuinità delle materie prime, per sostituirla con innovativi prodotti bio-tecnologici dalla non accertata salubrità! E' per queste "spinte innovative" che di punto in bianco si è dovuto fare i conti col morbo della "mucca pazza"! Dovremmo ingozzarci di prodotti geneticamente modificati solo perchè qualche multinazionale ci ha investito un mare di soldi?!? Trovo davvero ridicola la strategia di assoldare autorità del mondo scientifico affinchè questi ci convincano, attraverso bizzarri studi in laboratorio, che determinati prodotti siano in grado di migliorare il nostro stato di benessere e la nostra salute. Ormai lo sappiamo in tanti che basta finanziare una ricerca affinché quest'ultima possa ottenere quei risultati che più fanno comodo (soprattutto quando si sfruttano le poco affidabili "metodologie statistiche").

Ora i commissari europei hanno stabilito che i "forni a legna" sono anti-igienici, quando da sempre sono considerati un "valore aggiunto" per ristoranti e pizzerie del nostro "bel-paese". Non ho mai sentito parlare di contagi o infezioni causate da una pizza cotta in un forno a legna (mentre di contagi da trasfusioni di sangue ne ho sentiti un bel po'!). Come è assurdo che in Italia si voglia imporre (se non lo si è già approvato) nei bar la confezione d'acqua monodose (ho visto che se ne è già parlato su questo blog). A cosa serve rifornirsi da una confezione d'acqua sigillata e monodose quando non è stato ben lavato il bicchiere in cui si beve?!?

"C'è qualcuno disposto ad investire sul BUON SENSO"??? (Beppe pensaci tu)

Poeta Guerriero 20.04.05 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe , ormai pare che tutti i giorni ti debba scrivere .........., oggi la domanda non è diretta a te .........., però insieme a tanti altri vorrei chiedere al prof veronesi :

- se smetto di mangiar polenta
- se smetto di mangiar pesto genovese

vivrò più a lungo ???? vivremo più a lungo ????

inoltre..son fumatore come tanti ........ quelle non le devo smettere vero ???? no quelle fanno bene allo stato................. perchè smetterle
anzi...........AUMENTATELE FUMATE DI PIU' .

Beppe , devo dire che certi personaggi sono proprio e solo RIDICOLI .

Ciao Emilio .

EMILIO BORSETTI 20.04.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

per gaetano gatto!

mi dai due motivi validi perche io debba andare a prendermi un menu da mcdonald´s e non mangiarmi la pasta col pesto?? perche quando si attacca qualcosa si attaccano sempre i prodotti italiani o la dieta mediterranea e non si da un occhio a quello che viene d´oltreoceano?? noi, come quello che mangiamo, abbiamo una cultura che ne veronesi ne pseudoscienziati a stelle e strisce non possono demolire a colpi di hamburger...

Tu sai da dove arriva la carne degli hamburger?? (e poi vengono fatte le paranoie sulla fiorentina...). in america sono tutti obesi (o quasi...), in europa la percentuale aumenta chissa perche?? forse aumentano anche i posti dove si mangiano porcherie?? chissa... prima di additare prodotti nostrani, che consumiamo da millenni, perche non si da un occhio a quello che viene dall´estero??

non perche il mcdonalds dia lavoro ad un sacco di persone bisogna santificarlo... pure la mafia ha alle sue dipendenze migliaia di persone... che dici chiudiamo un occhio perche spacciatori, estortori e killer si troverebbero in mezzo ad una strada?? beh dimmi tu...

Saro Napoli 20.04.05 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti sono felice di vedere che tanta gente la pensa come me , io ho sempre mangiato il pesto , la polenta , il latte........forse sono gia morto!!!!!

Beppe sei il migliore ti seguiremo dappertutto.
Matteo

Matteo Ragni 20.04.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento

TRANQUILLI

nonostante il basilichino piccinino,
la polenta e la farinata,
gli OGM,il BUCO nell'ozono,
le polveri fini,
i chupa-chups
i Mc'Donalds e la patata fritta
ecc...ecc...

........la vita media è più lunga
SI CAMPA DI PIU' !!!!!!

Anna D'Arco 20.04.05 15:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Matteo
ci sono già stati diversi casi di vegetali ogm ritirati dal mercato perchè risultati tossici, senza contare che quelli che producono ogm vogliono che ricompri da loro le sementi ogni volta, perchè hanno brevettato l'ogm da loro prodotto.
In Europa gli ogm sono ancora, preghiamo dio che lo siano a lungo, vietati, ricerche inglesi dicono che fanno male e ancora non sappiamo che effetto possono avere gli ogm quando si combinano con i prodotti non ogm, prova te a dire ad un ape che non deve andare a raccogliere polline dalle piante ogm e portarlo in giro, o peggio prova a spiegarlo al vento.
Noi non ne abbiamo bisogno, a meno che non vuoi far crescere i pomodori anche d'inverno incrociandoli col paraflu, dagli ogm abbiamo solo da perdere, e non è vero che gli ogm sono la soluzione per i paesi poveri, visto che gli fai strapagare le sementi e guastano anche il terreno su cui crescono.
Vatti a leggere un pò di articoli di scienziati che non sono daccordo con le multinazionali produttrici di ogm.

Stefano

stefano crema 20.04.05 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Beppe sei proprio grande .... .... chi avrebbe mai detto che Veronesi faceva di queste cosine ... anche se nulla dovrebbe sorprendermi io mi sorprendo ancora ... mi sa che sono zuccona

Francesca Marconi 20.04.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

a' beppe!!! ma per dimostrare che una sostanza è cancerogena, dopo aver sterminato 2 quintali di topi su cosa la devono testare?!?!?! su berlusconi? o sul prof. tamino?!?! o sugli ebrei, come faceva hitler?!?!
beppe, secondo me sei un grande, davvero... ma non pubblicare 'sti scoop pseudo-scientifici, ti prego!! lascia la scienza agli scienziati, che è meglio... non vedere intrighi internazionali ovunque: non crederai veramente che una qualche multinazionale abbia pagato veronesi (politico discutibile, ottimo scienziato) per dire che il rosmarino biologico è cancerogeno?!?! con quale scopo, poi? monopolizzare il mercato del rosmarino ogm in italia?!?! fa' quasi ridere...
che il prof tamino si abbuffi di rosmarino biologico, se vuole!!! se nei supermercati ce ne fosse una varietà ogm priva di metileugenolo io (modesto consumatore di rosmarino) ne sarei felice...
e probabilmente anche i topi.
i miei omaggi
teo

matteo savini 20.04.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe non ho commenti particolari da fare posso dire soltanto che il tuo spettacolo è stato molto interessante spero che ritornerai presto vicino a Bergamo con altre perle di saggezza.
Il motivo per cui ti scrivo e per sapere e avere informazioni su come diventare produttore di elettricità con i pannelli fotovoltaici.
Sempre se questa sia la strada giusta e se sia praticabile, naturalmente non mi asppetto che tu sappia rispondere ma mi basterebbero delle informazioni per districarmi dalla giungla di internet e dei venditori di fumo con le idee piu chiare vedi vorrei produrrla non solo per la mia abitazione ma in quantitativi superiori.
Grazie comunque della tua attenzione.
Ciao Massimo Trussardi.

Massimo Trussardi 20.04.05 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi,voi tutti.

Non credo che queste informazioni terrorizzanti abbiano lo scopo di informare preventivamente,
cioè non sono per metterci in guardia contro pericoli potenziali reali, ma per cominciare a farci modificare il nostro pensiero sugli OGM.
Dovranno pur trovare la maniera per farceli digerire questi artifici della natura che tanto non desideriamo.
E quale modo migliore per dimostrarne la salubrità se non quello di essere raccomandati da qualcuno importante e rappresentativo in campo medico?
Saluti
Alessandro Pisaniello

Alessandro Pisaniello 20.04.05 13:58| 
 |
Rispondi al commento

per Saro da Napoli , potresti approfondire il concetto " accanirsi su Mc Donalds" Perche ?
io non voglio dire che tutto quello che si mangia li e sano e nutriente , ma quante cose fanno male e pure lo stato non le vieta o ci si accanisce , ti volevo solo ricordare che in italia grazie ad aziende come Mc donalds parecchi giovani si pagano gli studi , e molti papa' mantengono le loro famiglie , ti puoi immagginare cosa succederebbe se domani di colpo un 'attivita commerciale cosi diffusa dovesse sparire di colpo?

scusa Beppe per l'OT , ma penso sia leggittimo.

visto che per 5 anni Mc Donalds mi ha dato un lavoro e la possibilità vivere a Londra .

un saluto sei Grande Beppe.


ciao !!

Gaetano Gatto 20.04.05 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Io vivo in una zona del Veneto dove la polenta era un tempo una parte importante della "dieta" dei più poveri, per niente si dice "veneti polentoni", negli ultimi tempi era un pò scomparsa, sostituita da altri alimenti, per ritornare di moda recentemente, sulla scia della riscoperta dei cibi dei tempi andati, adesso quasi una sciccheria, personalmente di quel che può dire Veronesi, o qualsiasi altro luminare mediatico, mi interessa ben poco e se mi capita a tavola della polenta la mangio tranquillamente, senza preoccuparmi da che tipo di produzione provenga, se sia di destra o di sinistra, ho sempre pensato che il mangiare dovesse corrispondere più ad una ragione di necessità che non quasi ad una ragione di vita e che sarebbe forse molto più utile preoccuparsi di quel che si pensa e della qualità complessiva della vita che non di quel che si mangia, ma osservo che intorno all'alimentarismo, igienismo, salutismo, si investono colossali energie, mentre sul fatto che c'è difficoltà a pensare, ad avere un'idea propria sulle cose, a non essere alienati in una frenesia pazzesca, assurda e contraddittoria, su questo fatto in genere le voci sono molto flebili e circoscritte...penso a mucca pazza dove si è fatto un casino colossale su qualcosa che probabilmente neppure non esiste e credo non occorra essere dei geni per capire quanti interessi stiano dietro a queste colossali operazioni create ad arte e dal nulla, qualcosa del genere mi vien da pensare anche intorno all'AIDS, dove, stando a tante apocalittiche previsioni di qualche anno fa, dovremmo essere quasi tutti contagiati...mi vien anche da pensare per quale ragione con la stessa "logica salutista" non ci si fa carico per esempio delle persone costrette a stare in fila magari per giornate intere per la compilazione di qualche cartaccia inutile e non ci si preoccupa di quanto doloroso e pericoloso per la salute possa essere tutto questo...con la stessa "logica salutista", quando qualcuno muore di infarto per il trauma e spesso i maltrattamenti di queste attese, che ricordano un pò la descrizione dei lager di Primo Levi, e sono quasi certo che succede, con la stessa "logica" si dovrebbe mettere il sigillo su tutti gli uffici pubblici e magari anche arrestare qualche burocrate particolarmente villano...penso tutte queste manovre tese ad isterizzare la società, creando dei falsi problemi, grazie ai quali indirizzare l'insoddisfazione generale verso canali innocui e manovrabili e di nuovo che sarebbe importante preoccuparsi molto meno di quello che si mangia e di quanto a lungo si vive e piuttosto di altri valori e di come si vive...

Sergio Canel 20.04.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento

E si stavolta caro grillo devi proprio fondare un partito che tuteli la povera gente.
LA gente deve sapere che uno dei grandi problemi sono i sindacati,l'importazione selvaggia che non tutela il lavoratore,e poi un altro problema i marocchini al semaforo,GENTE CHE VENDE DAVANTI AI NEGOZI MATERIALE CONTRAFFATTO O DI NATURA INCERTA SENZA CHE NESSUNO FACCIA FINTA DI VEDERLI e le prostitute in mezzo alle case dove i bimbi vedono preservativi e donne nude .
Intendiamoci vanno bene gli immigrati ma inseriti in un sitema regolare non come adesso dove qualsiasi pensionato fiat ha la colf SAI CHE CONQUISTA ANCHE L'OPERAIO HA LA SERVA,
e poi non se ne puo' piu di tutta questa gente che non lavora e vive di sciocchezze giornalisti menzognieri,magistrati politicizzati,notai che nella loro casta non fanno mai entrare nessunoCHISSA COME MAI AI LORO CONCORSI VINCONO SEMPRE LORO I LORO FIGLI CHE SIANO I PIU' INTELLIGENTI?
CREDIMI O SI RISOLVONO I PROBLEMI ANCHE SOCIALI
OPPURE QUANTO PRIMA PORTEREMO GLI ITALIANI E GLI EUROPEI A CREARE QUALCHE MOSTRO CHE IN CONFRONTO HITLER ERA UN MISSIONARIO, e bada che non dico storie perche se vedi le prospettive sia della destra che della sinistra in francia a febbraio dicevano (insieme) che il risultato del referendum SE si concludeva con il 65%dei SI era un po' una sconfitta, adesso il 65 %dei francesi dice NO alla costituzione europea, quindi questo significa che LA POLITICA E' MOLTO DISTANTE DALLA GENTE E POI NON SCORDIAMO LA EX YUGOSLAVIA VIVEVANO INSIEME PER 50 ANNI E POI ALLA MORTE DI TITO ALTRO CHE INTEGRAZIONE SI SPARAVANO DALLE FINESTRE GENTE CRESCIUTA INSIEME ANDATA ALLA STESSA SCUOLA MA DI RELIGIONE DIVERSA SI SPARAVANO DALLE FINESTRE CI SAREBBE MOLTO ALTRO MA NON VOGLIO APPROFITTARE MA TU PENSACI PERCHE ALTRIMENTI SI CREA DA SOLO E MAGARI QUELLO CHE VERRA' FARA MOLTO SCHIFO
CIAO
FATEMI SAERE LE VOSTRE IMPRESSIONI GRAZIE

franco TORINO 20.04.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Sono un po' confusa... Se ho capito bene, il Proff. Veronesi mette alla gogna polenta e pesto, alimenti che da centinaia di anni arrivano sulle nostre tavole? Magari aspettando qualche anno verrà fuori che per guarire da certe malattie basta prendersi regolari sbornie.
E' quasi vergognoso affermare che questo tipo di prodotti siano cancarogeni, serve soltanto a togliere la dovuta attenzione alle reali e principali cause di Tumore.

Silvia Marcellini 20.04.05 13:38| 
 |
Rispondi al commento

condivido in toto il pensiero di Fausto Gamba, fateli tacere sti strapagati 'topi di laboratorio'

Marko Letti 20.04.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma secondo il Prof. Veronesi, per curare il cancro ai polmoni vanno bene due pacchetti di sigarette al giorno, o occorre aumentare la dose?!?

Fabrizio Lucchesi 20.04.05 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Direi che il miglior testimonial dei benefici del pesto alla genovese sia proprio Beppe Grillo.
Non mi sembra sia ammalato, anzi sembra goda di ottima salute.
Ciao Mauro

Mauro Percivalli 20.04.05 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Sono un po' confusa... Se ho capito bene, il Proff. Veronesi mette alla gogna polenta e pesto, alimenti che da centinaia di anni arrivano sulle nostre tavole? Magari aspettando qualche anno verrà fuori che per guarire da certe malattie basta prendersi regolari sbornie.
E' quasi vergognoso affermare che questo tipo di prodotti siano cancarogeni, serve soltanto a togliere la dovuta attenzione alle reali e principali cause di Tumore.

Silvia Marcellini 20.04.05 13:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo è ora che le persone come te, che hanno le idee giuste e le vorrebbero vedere realizzate, si sporchino le mani nella politica attiva. Ci vogliono persone normali che guardino di risolvere concretamente e semplicemente i problemi di tutti i giorni per risollevare la nostra piccola ma amatissima Italia. Ti prego di dar vita ad un movimento che ci riunisca tutti intorno ai problemi che più ci stanno a cuore, come quelli dell'energia per esempio e vedrai che saremo tantissimi a seguirti.

Giovanni Fava 20.04.05 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe. Sono proprio contento che finalmente ci sia un posto per te. Questo sito non te lo può togliere nessuno, perciò dacci sotto.
Ciao Zoran

Zoran Aleksic 20.04.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e a tutti voi che la pensate come me !
Beppe è incredibile concretizzi i pensieri e le ansie di migliaia di Italiani, devi trovare una via....per unirci.Io ho qualche idea spero di scriverti qualche giorno....
Io sono d'accordo e non credo a Veronesi ma non serve "solo" offenderlo e dire che sbaglia.
Quindi vorrei dare un contributo a tutti per mangiare sano, almeno io credo a questo Professore che vi indicherò(anche se mai credere in modo maniacale....) .
Mia moglie dopo un corso di Naturopatia, ha conosciuto il Prof.Pecchiai.
http://www.rfb.it/Pecchiai/

Dice cose interessanti, come che la frutta/verdura(non BIO) è bombardata da raggi gamma al cobalto!!!!!!Non è terrorismo...serve per fermare la crescita...così la verdura a le stesse dimensioni non marcisce.

Personalmente non bisogna diventare estremisti del Bio (io penso che il fisico dell'uomo si adatti ma purtroppo non nel 100% degli uomini [e magari in centinaia di anni] )comunque stare attenti e leggere le etichette non fa male, specie a chi ha intolleranze.

Ciao a presto.
Maxbasi

P.S.Un premio a chi trova maionese senza amido modificato.....

Massimo Basirico' 20.04.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Ormai con tutti questi studiosi sponsorizzati dalle varie multinazionali non ci si capisce più un cazzo, una volta ti dicono una cosa e il giorno dopo il contrario, ci vogliono ricoglionire per farci consumare quello che vogliono e ormai non si sà più da che parte stare

fausto gamba 20.04.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe, sono un piccolo imprenditore, ero un tuo assiduo ammiratore quando frequentavi le televisioni italiane, per questo ti ringrazio di quanto ci hai trasmesso nel tempo. Ho letto il tuo sito web e le tue considerazioni sulla cina. Anch'io, da tempo, dico che ci dicessero, quelli che governano, come dovremo fare a breve e lungo termine a lavorare, quando questo popolo comincerà, e già lo fà, ad invaderci con prodotti di qualità e non dozzinali.
Poi bisogna dire che chi ci rimette è sempre la piccola e media impresa, l'artigianato, il commercio, coloro che hanno sempre sorretto l'economia di questo stato (lo dicono gli economisti non io). Queste imprese non hanno mai avuto fino al 120-150 % di finanziamento a fondo perduto (vedi mamma fiat), senza considerare tutti i privilegi fiscali (10/20 aziende come le matriosche), o la cassa integrazione, la mobilità etc. delle grandi industrie. Scusami delle lungaggini, potrei continuare per ore. Ciao beppe

carlo di clemente 20.04.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti,
sono sempre stato molto critico verso la nostra medicina, piu impengata a nascondere i sintomi che a curare le cause delle malattie; trovo molto piu coerente l'approccio orientale.
Girando sulla rete sono arrivata alla personale conclusione che da pasteur via si sia andato nella direzione completamente sbagliata e che avessero ragione Béchamp e poi Pauling e poi Rath.

A dimostrazione, tutti adesso dicono che bisogna mangiare frutta e verdura (vitamine)meglio crude, perche con la cotture perdono molti dei nutrimenti presenti e dei piatti gia pronti congelati meglio non parlare. Ma le grandi compagnie farmaceutiche, che si dovrebbero preoccupare per la salute dei cittadini, vogliono interdire l'accesso agli integratori vitaminici consigliati da molti medici visto la difficolta di avere una dieta equilibrata.
Per esempio Pauling (2 nobel, medicina e pace) parla di 4-8gr. di vitamina C per giorno (la dose consigliata e di 300mg)

A questo punto penso che un minimo di sana autoistruzione sia la soluzione migliore, almeno per formarsi un opinione di base.

vi lascio un indirizzo che puo interessare:

http://www.laleva.cc/indexital.html

o cercate pauling o bechamp con google.

ciao a tutti

Igor Scicchitano 20.04.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Ma per favore, non siamo ridicoli !!!
Il prof. Veronesi è un professionista che conosce molto bene le statistiche REALI che descrivono l'incidenza di tumori legati all'uso di pesticidi ad esempio, o all'uso di ormoni nelle carni (questi ultimi fortunatamente, ancora, vietati in Europa, seppure solo ufficialmente): sono cifre vertiginose !!!! Così come è altrettanto ben consapevole (come ogni donna o uomo che voglia definirsi un professionista in ambito scientifico) che ad oggi i dati forniti dalla sperimentazione sugli OGM sono ben lontani dall'essere sufficienti (sono infatti ben pochi gli "esperimenti" in proposito che possano definirsi tali !! Se Feynman avesse saputo che quelli che stanno facendo vengono definiti esperimenti, gli si sarebbero rizzati i capelli in testa!! Non seguono alcun protocollo che possa portare alla definizione di esperimento: ripetibilità, falsificabilità, indipendenza dal luogo e dagli strumenti di misura (a parità di strumenti usati) etc ... ).
Purtroppo però Veronesi (assieme ai suoi colleghi, sia nel mondo della Medicina/Biologia, sia in altri ambiti: vedi Tullio Regge, da me stimato, circa gli OGM) conosce anche altrettanto bene i finanziatori dei prestigiosi istituti di ricerca in cui lui ed i suoi colleghi lavorano. Io stimo tali persone in ambito professionale (in cui hanno ben dimostrato di aver raggiunto un alto livello). A maggior ragione devo dedurre che, non essendo stupidi ma al contrario, intelligenti, siano in malafede. Questo mi porta non solo a non stimarli ma a biasimarli dal punto di vista etico (che, detto fra noi, è alla fine l'unico punto di vista che conta di più per un essere umano: ciò che sappiamo fare termina con la nostra morte, ciò che siamo stati dal punto di vista etico, continua negli altri).

P.S.: propongo di istituire un'associazione in difesa delle piantine di basilico più basse di 10 cm. E' un'ingiustizia tagliarle ! (www.10cmnonsonoabbastanza.it) (;-D

Janosch Lenzi 20.04.05 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Invece di diffondere notizie allarmanti su cose che hanno sempre mangiato tutti che non hanno mai fatto male a nessuno, non sarebbe meglio che Veronesi e quelli che, come lui, hanno le chiavi del potere (politico, scientifico ecc.)scendessero dalle loro sedie da cui ci guardano da lontano ed entrassero nella vita reale? Faccio una prima proposta a loro e a tutti i visitatori di questo Blog: perchè non mettere il naso nel business infinito delle mense scolastiche? Ai nostri figli danno da mangiare ogni giorno tonnellate di schifezze, tanto loro non hanno "voce in capitolo"; i comitati mensa in Italia sono pochissimi, le mense "OGM-free" sono mosche bianche, le amministrazioni comunali fanno quello che vogliono e non vogliono interferenze.

PS: qualsiasi complimento a Beppe Grillo per il Blog e per tutto quello che fa, da anni, per la nostra società, è assolutamente insufficiente. L'augurio è che questo Blog sia e continui ad essere un punto di raccolta e confronto per tutti quelli che sperano che qualcosa cambi. Forza Beppe e Grazie.

Giuseppe Piasentin 20.04.05 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Per Giustino Goduti
Veronesi, evidentemente, prende soldi da qualche multinazionale che non fa solo farmaci, ma anche sementi transgeniche (la novartis ad esmepio è una grande azienda farmaceutica ma è anche fortissima nel settore delle sementi). Tutto estremamente semplice

Luca Scotto 20.04.05 12:09| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE GRILLO PRESIDENTE DI CONSIGLIO

Alessio Ciappi 20.04.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Ritengo che il fatto di essere informati circa ricerche di laboratorio sia comunque positivo......da profano non sò dire se la ricerca è da prendere comunqwue in considerazione per la mia salute ..... un fatto comunque è appurato, e cioè che gran parte dei tumori umani vengono provocati da una cattiva alimentazione.... e poi scusate ma il Ministro Sirchia CHE CI GUADAGNA A PRENDERSELA CON IL PESTO E LA POLENTA?
Ciao a tutti

GIUSTINO GODUTI 20.04.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Sentite questa...

SALUTE: USA, OBESITA' MENO LETALE DI QUANTO RITENUTO
NUOVA RICERCA ABBASSA RISCHI MORTALI ECCESSO DI PESO
(ANSA) - WASHINGTON, 20 APR - Essere sovrappeso potrebbe essere meno letale di quanto finora ritenuto dalle autorita' sanitarie americane che avevano indicato la obesita' come seconda causa di morte, dopo il tabacco, nella lista delle cause prevenibili. Il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Epidemie di Atlanta, che aveva stimato in 400 mila morti l'anno negli Usa le conseguenze della obesita', ha ridotto adesso le stime a 365 mila. Ma un nuovo studio sostiene che sono soltanto 25 mila le morti provocate dall'eccesso di peso. Se questo sara' confermato l' obesita' scivolerebbe dal secondo al settimo posto tra le cause di morte prevenibili dopo tabacco, alcol, germi, tossine, incidenti di auto e armi da fuoco. La ricerca, che trova che molti americani sovrappeso stanno mangiando meglio e facendo piu' esercizio, e' stata pubblicata sul Journal of the American Medical Association. (ANSA).

Non so perchè, ma così a naso al Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Epidemie di Atlanta, non gli chiederei un parere neppure sul colore delle mie mutande...

Lorenzo Pinto 20.04.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Sono dell'avviso che quando sentiamo cose di questo genere, oltre a scandalizzarci, dovremmo fare qualcosa di più.

Beppe per dire alcune verità si è messo contro moltissima gente, e noi?
Cosa facciamo per cambiare le cose?

Andrea Pilotti - APM CONSULTING
Comunicare con Etica
info@apmconsulting.it
www.apmconsulting.it

Andrea Pilotti - APM CONSULTING 20.04.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Esprimere un parere è difficile perchè è giusto che si esprima chi ha cognizione di causa ed io invece sono ignorante in materia.. Mi stupisco però quando vengo a sapere che adesso si parla di abolizione dei forni a legna mentre non si fa niente ad esempio per diminuire l'inquinamento delle automobili.
Mi pare che i consigli sulla salute vengano sempre indirizzati in settori nei quali non si vanno ad infastidire poteri economici forti.
La camapgna antifumo (apprezzabilissima) è purtroppo solo un'eccezione che conferma la regola in un settore nel quale non era davvero possibile continuare a fare come gli struzzi.

Gabriele Bernabini 20.04.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma Veronesi non era quell delle canne?? che non facevano tanto male?? forse ricordo male, comunque questa affermazione mi trovava d´accordo... come mai sta cazz... del pesto e della polenta... non capisco perche questi anzianotti non si accaniscano contro i macdonald´s e simili o contro i cibi precotti e surgelati che si trovano su tutti gli scaffali dei supermercati... e che dire della coca cola?? Sinceramente non capisco...

Volevo dire un ultima cosa non so come e entrato il discorso del papa... ma trovo anche ridicolo che qualcuno si offenda al pensiero libero di un altra persona... secondo me di qualunque colore sia (nero, giallo, rosso o verde...) sará sempre e comunque una palla al piede per la libertá dello Stato Italiano!!

Saro Napoli 20.04.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Anche il prezzemolo, dicono, accoppa i pappagalli non per questo e' vietato per l'uomo...

Saluti

Roberto Paris 20.04.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Ogni volta mi stupisco, che ci sia ancora qualcuno che fa il proprio dovere e ci tutela,
dopo le brutte notizie dal sud dove persino alcuni carabinieri erano collusi con la camorra,
continuo a sentire di operazioni della guardia di finanza che difendono NOI e non solo gli interessi delle industrie.
Grazie ragazzi, grazie di cuore, per fortuna qualcuno sano e in gamba ancora c'e'.
GRAZIE

Stefano


L'accusa: le tredici principali industrie del settore si accordavano per spartirsi il mercato dei medicinali nelle Asl di diciannove città
"Cartello per far lievitare i prezzi"
Antitrust contro le big dei farmaci
Il fascicolo aperto dopo l'inchiesta della Guardia di Finanza

stefano crema 20.04.05 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Un dubbio, si è rincoglionito Veronesi ? O si è venduto, tanto gli rimane poco da campare.....
So io dove gliele metterei le pannocchie modificate geneticamente....
Ma smettiamo di parlarne, ormai ha perso ogni credibilità come il dottore che andava da costanzo a difendere la chemio che pare sia sui libri paga di una multinazionale farmaceutica, ma dai, adesso speriamo solo che il nuovo papa non si metta a dar contro alle medicine alternative per paura che gli portino via un pò di pecorelle,
un po ci tosa il papa e un po il berlusca e qui cazzo fa sempre più freddo.

Stefano

stefano crema 20.04.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Io non lo so se pesto e polenta siano cancerogeni certo e' che gli insetticidi possono essere davvero nocivi. Quando sono stata concepita 26 anni fa i miei abitavano in campagna e sui frutteti era stato usato un'insetticida miracoloso... le mele erano bellissime e nel giro di due anni in tre case vicine sono nati 2 bambini con il labbro leporino e una (io) con una grave forma di palatoschisi. L'incidenza di queste patologie neonatali sono di 1 su 1000 e in tre case vicine tre bambini... Coincidenza?!? PS dopo 2 anni di trattamento con questa sostanza hanno dovuto sostituire le piante chissa' come mai... Quindi w il biologico ma biologico per davvero...
PS2- Beppe bel blog continua cosi'

Laura Mortin 20.04.05 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo Veronesi ha ragione: polenta e basilico fanno male, ma non per le sostanze naturali che contengono (secoli di uso e consumo lo dimostrano), ma per le porcherie che oggi ci mettono o dentro (OGM)o sopra (trattamenti chimici) e questo nessuno lo dice; si garantisce la salute del cittadino solo per aprire nuovi business, vedi acqua in bottiglietta, forni a legna, zucchero in bustina o cioccolato senza cacao, ma se si tratta di intaccarli i business la salute del cittadino va a farsi benedire.

Filippo Cotone 20.04.05 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Credo che il prof. Veronesi abbia voluto ricordare che esistono anche sostanze dannose naturali, per sfatare il mito della Natura buona e della Scienza cattiva. Poi è vero che non si deve fare terrorismo alimentare, ma non lo deve fare nessuno, evvero Tamino? Tra l'altro Veronesi è vegetariano e lo dice continuamente, quindi non ha certo preoccupazioni a mettersi contro le lobbies delle carni e degli allevamenti (pensate a tutto il mondo Mac Donald), e tutto sommato mi sembra abbastanza autorevole.

franco mistretta 20.04.05 11:02| 
 |
Rispondi al commento

se inveve di continuare a raccontarci stronzate, si metterebbero veramente a controllare le aziende,che giornalmente ci propinano cibi con prodotti,e sostanze che stra paghiamo e' veramente,ci avvelenano!! ciao BEPPE,sei grande.

di modugno domenico 20.04.05 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa se uso un nome inventato, non voglio nascondermi, ma parlerò dell'ambiente nel quale lavoro e non voglio compromettermi il posto, visto lo stipendio minimo che prendo e la precarietà del mio contratto.
Lavoro in ospedale(non faccio parte del corpo sanitario) e posso dire senza falsità che le case farmaceutiche fanno regali, pagano affitti, comprano mobili da ufficio per i loro clienti più affezionati: i medici. Mi è anche giunta voce che per la sperimentazione Di Bella, molti medici non la fecero(perché andava contro il loro interesse forse? Mah).
Sebbene Veronesi lo additiate come un "venduto" e sebbene io sia vicino alle vostre idee, mi sorge una domanda: Veronesi dice "A" e Tamino dice "B". Chi mente? Perché solo Veronesi può avere interessi e non Tamino? Sapendo quanti soldi girano nell'oncologia, propenderei per Veronesi. O forse sono entrambi in buona fede ed è solo questione che si mettano d'accordo sui rispettivi risultati raggiunti?

A mio modesto avviso, se mi viene dimostrato che un OGM è più sano e salutare del corrispettivo biologico, ben venga! Non mi piaciono le prese di posizione nette che appaiono nel blog: tutti gli OGM fanno schifo, w il biologico. E' alquanto ridicolo rifiutare tutto a prescindere! Se un giorno ci diranno(e succederà presto) che bisogna comprare le auto a idrogeno perché inquinano di meno, qualcuno di voi dirà "c'è sicuramente qualche interesse sotto"?

Io continuerò a mangiare il pesto fatto a mano da mia madre. E a mangiare la pizza cotta nel forno a legna. Ma se venisse dimostrato scientificamente all'unanimità che il pesto OGM è meglio che farò? Penserò che tutti hanno degli interessi? Mah...

Buon appetito a tutti.

Bob Rossi 20.04.05 10:24| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe i cinesi come dicevi tu nel tuo spettacolo stanno rovinando parte della nostra economia forse nella moda/ ora però vorrei segnalarti un'altra realtà che in campo edile, non sta rovinando la nostra economia e i nostri profitti, li sta completamente abbattendo dimezzando completamente i prezzi di mercato.
il motivo è perchè queste persone abitano in 20 dentro una casa per cui l'affitto che devono pagare è solo di 100/ 150 euro al mese
percui con uno stipendio di 600/700 euro mensili(in nero)vivono alla grande...........e ha noi poveri operai italiani che paghiamo 700 euro al mese di affitto .........non ci resterà che piangere.ciao beppe sei sempre er meyo.Roberto da Roma

roberto alessandrelli 20.04.05 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Propongo una sfida:

IO vs Veronesi

io mi metto a tavola e me magno (come diciamo qua a Roma) un bel piatto di linguine al pesto e un bel bicchierozzo (anche 2!!!) di Grechetto ed invece Veronesi Si fa un quarto d'ora di aereosol dei tubi di scappamento di una macchina omologata Euro 4 (tanto i fumi sono dei suoi sponsor!!!) da oggi fino a che ad uno di noi nn viene diagnosticato un cancro!!!!

Acc... è una sfida dura x me, ma x il bene della scienza l'affronterò!!!!
Che dite Veronesi l'accetterà!!!

Ciao e buon pesto a tutti!!!

Marco Raffo 20.04.05 10:19| 
 |
Rispondi al commento

TRATTO DA LA REPUBBLICA:


L'accusa: le tredici principali industrie del settore si accordavano per spartirsi il mercato dei medicinali nelle Asl di diciannove città
"Cartello per far lievitare i prezzi"
Antitrust contro le big dei farmaci
Il fascicolo aperto dopo l'inchiesta della Guardia di Finanza
di MARCO MENSURATI


MILANO - L'autorità antitrust ha aperto un fascicolo sulle filiali italiane delle tredici principali industrie farmaceutiche mondiali che avrebbero, secondo l'accusa, costruito un maxi-cartello per spartirsi l'intero mercato del farmaco nelle strutture pubbliche di diciannove città (tra le quali Roma, Napoli, Bologna, Torino e Cagliari). In questo modo avrebbero deciso per anni le modalità dell'aggiudicazione dei vari appalti e, soprattutto, avrebbero mantenuto alti i prezzi di specialità farmaceutiche, vaccini e perfino dei disinfettanti.

L'iniziativa dell'antitrust, che potrebbe concludersi con una multa senza precedenti, origina da un'inchiesta penale avviata dal nucleo speciale per la tutela della concorrenza e del mercato della Guardia di finanza. Al termine di due anni di indagine e di sei mesi di intercettazioni telefoniche, i militari avevano individuato due distinte associazioni a delinquere finalizzate alla turbativa d'asta.

La prima era composta dai rappresentanti delle società per azioni Glaxo-Smith-Kline, Pharmacia & Upjohn, Roche e Astrazeneca che avrebbero predeterminato (con un'intesa riservata valida in tutta Italia) i vincitori degli appalti per i medicinali. La stessa Astrazeneca insieme con altre sette aziende, tra cui Esoform, Pierrel, Asta Medica e Braun, si sarebbe invece spartita i contratti pubblici per i disinfettanti e i detergenti sanitari. Il cartello aveva diviso in due il mercato italiano: per i medicinali, il primo "cartello" si sarebbe aggiudicato le forniture di farmaci, vaccini ed emoderivati negli ospedali di Bologna, Pordenone, Sondrio, Napoli, Caserta e Caltagirone (Catania). Il secondo invece avrebbe avuto il monopolio nelle vendite di disinfettanti alle Asl di Roma, Benevento, Salerno, Cagliari, Livorno, Napoli, Torino e Fermo (Ascoli).

Dalle perquisizioni arrivarono i riscontri a quanto scoperto dalle intercettazioni: tutte le gare di cui si era parlato nelle telefonate erano state vinte dal cartello. Ma, al processo, fu tutto vano, perché la legge sulle intercettazioni telefoniche prevede che queste vengano realizzate "esclusivamente per mezzo degli impianti installati in procura"; dove però mancava lo spazio. Il provvedimento con cui il pm le autorizzava dalla caserma non era sufficientemente motivato e così il giudice non le considerò parte del processo e decise per una piena assoluzione.

Adesso però le carte di questa inchiesta, intercettazioni comprese, sono state acquisite dall'autorità antitrust che nei giorni scorsi ha già cominciato i suoi interrogatori. A ritmo serrato.


(20 aprile 2005)

NO COMMENT!

Mirco Conti 20.04.05 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra di sentire il medesimo discorso che è stato fatto sulla Stevia (rif. http://www.dentrolanotizia.com/n/111.php). Grandi interessi contro prodotti che fanno bene alla salute...

Lorenzo Orselli 20.04.05 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Io lo definirei "Terrorismo Alimentare", con questo non auguro a Veronesi che la notizia arrivi oltreoceano, potrebbe raggiungerlo una "supposta intelligente".

Valeria Masiello 20.04.05 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Buon dì :-)

ahhhh la saggezza perduta dei nostri vecchi...

quando dicevano semplicemente che un po' di tutto fa solo bene ... che ce ne importa se contengono minimissime quantità di sostanze che potrebbero ledere(dopo tutto anche i vaccini che ci proteggono si basano sull'assunzione di piccole quantità di batteri/virus, noh?)?

Eppoi, si è noti uno studio (reso pubblico dal Canton Ticino) che dice che puoi avere tutti i carcinoma che si vogliono (se si possono evitare lo farei comunque volentieri...) ma che la sopraggiunta morte non è pervenuta necessariamente per essi.

Eppoi ancora, poi smetto, più si vive in uno stato perfettamente asettico... il corpo non più abituato alle aggressioni... si indebolisce e quindi è più esposto a malattie...

Sia perdonato per la lunghezza del commento.

Buona giornata a tutti, in particolari gli estimatori di polenta e pesto alla genovese. :-)
Eros

Eros Carrara 20.04.05 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha detto 'sta roba del pesto e della polenta??... Ah! Veronesi... quello che ha uno dei piu' grandi istituti oncologici italiani... finanziato dall'agip, dalla montedison e dalla fiat, ovvero quelli che i tumori "li fabbricano"
Complimentoni!!! un genio!! Secondo questo qua allora i veneti dovrebbero essere tutti morti?? visto le tonnellate di polenta "che i se magna"
Te lo digo in triestin... Veronesi... VA A CAGAR!
Vien dale parti mie.. e tacate a 'na bona fiasca de cabernet, previen le monade!!!

Roberto Parenti 20.04.05 09:46| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno chef cucina non'ché ristoratore a bruxelles,68 anni sardo grande conoscitore del pesto ligure, e solo ligure!!! invito tutti a comprare certi Pesti esportati da certe industrie alimentari con il basilico desidratato di origine ignoto, pinoli sono solo menzionati nelle etichette, aglio in polvere, quanto ai due formaggie e l'olio d'oliva taggiasca meglio non parlarne. costo al publico per 180 gr € 1.20. sfido chiunche a fare 180 gr di pesto a € 1.20.per quanto riguarda il cancro, basta andare a vedere certi generi alimentari delle multinazionali che si vendono in giro, basta solo guardarli per essere intossicati e poi salvati (per modo di dire ) dalle multi nazionali farmaceutici. e tutta una cattena di intossicazioni e cure. vi ricodate quando a bruxelles dicevano che il forno a legna era cancerogeno? oggi il forno a legna non'é più cancerogeno ma inquina!!! ci vogliono cancellare dalla memoria i veri sapori delle cose, per la gente della mia bella età sarà impossibile, ma per i giovani sarà drammatico,
ecco perché il genio BEPPE GRILLO e privato di mezzi di comunicazioni.
povera democrazia
scusate il mio italiano
lorenzo

lorenzo Salis 20.04.05 09:43| 
 |
Rispondi al commento

ma figuriamoci.... Veronesi ha detto anche recentemente che se nella mia regione, il Friuli, c'è un tasso più alto di tumori, questo è dovuto all'alimentazione... ma mi faccia il piacere: il cibo ha sicuramente un posto importante ma non ha nemmeno accennato che siamo anche una delle regioni italiane più vicine a Cernobil.

antonella tubaro 20.04.05 09:27| 
 |
Rispondi al commento

Mangio pesto da quando sono nato.......e sono ancora vivo.
Ma fatemi il piacere..........
credo che questo ex ministro dovrebbe impegnare il suo tempo in modo più utile.
Forse....avrà un contratto con qualche azienda che vende prodotti alimentari di nuova generazione????'
Toglietemi tutto ma non il mio PESTO!!!!!!!!!!

fabrizio grazzi 20.04.05 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Notizie come queste ne ho sentite tante e mi auguro che la maggior parte della gente, nel sentirle, sorrida con ironia, come ho fatto io. Ormai fa tutto ridere in questo mondo per l'assurdità di certi comportamenti. Le multinazionali e la politica ormai sono allo sbando e non possiamo certo sperare che cambino le cose in positivo, con spirito altruistico nei confronti dell'umanità. Il singolo, con una piccola azione quotidiana, può stravolgere le cose in un tempo brevissimo. Siamo noi che arricchiamo la Nestle, la Benetton, la Coca Cola e tanti altri. Siamo noi che compriamo l'acqua minerale e lo yogurt nei contenitori di plastica. Noi andiamo al supermercato a comprare i surgelati, le merendine, la pasta precotta. Poi andiamo in farmacia, acquistiamo medicinali che solo a leggere gli effetti collaterali ti viene un malanno. Abbiamo cancellato i campi dove crescevano erbe spontanee buone da mangiare e ricche di nutrienti e ci lamentiamo se ci danno gli OGM. Noi abbiamo dato vita a tutto questo e solo noi possiamo cambiare le cose. E' ora di rendersi conto di questo.

Matteo Cardin 20.04.05 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti in particolare a Beppe.Che posso aggiungere a quello che avete gia'detto e che mi rivela che poi in Italia vivono anche persone intelligenti che ragionano e non solo ignoranti e stupidi? Vicino a casa mia ,a Bologna,c'e'un posticino che sarebbe ottimo per il signor Veronesi,o quanto meno per una sua permanenza piu'o meno lunga perche'si riprenda e la smetta di dare aria alla lingua.Magari fra un anno ci raccontera'che tortellini e lasagne sono la causa della calvizie e che la mortadella provoca impotenza?Coraggio ragazzi siamo costretti ad ascoltare anche 'ste robe qui,l'importante e'dargli il giusto peso,come alle favole del nano famelico o al TG (MAH...)di emilio fido.
Un abbraccio BEPPE

renzo rinaldi 20.04.05 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Naturalmente condivido il commento del professore che sdrammatizza le conseguenze di sostanze potenzialmente cancerogene in alcuni alimenti largamente diffusi.
PERO' TUTTO E' RELATIVO.
Un approccio scientifico e onesto al problema non può prescindere da certe distinzioni: ad esempio:cosa c'è di più buono e sano di una mela?
Lo dice anche il proverbio:una mela al giorno....
Ma se le mele vengono coltivate al limitare di una strada dove passano migliaia di macchine al giorno,i frutti che ne derivano saranno saturi di piombo e altre sostanze cancerogene peggio della mela della strega di Biancanave.
Così dicasi delle risaie,dei vigneti,dei pascoli attraversate dalle autostrade ecc. ecc...
In realtà di quello che compriamo per alimentarci noi non sappiamo proprio niente,o ben poco.
Anche gli alimenti biologici o sedicenti tali possono presentare queste problematiche.

ESISTE UNA VIA D'USCITA? NO,non possiamo avere tutti il nostro orticello o il nostro pollaio per produrre il nostro cibo.

Dietro ai movimenti delle derrate alimentari in un mercato globalizzato ci sono cose che nessuno immagina(non necessariamente negative).
Volete un esempio clamoroso? Uno dei piatti più buoni e gustosi che esistano è certamente i PIZZOCHERI valtellinesi;ebbene sapete da dove arriva il grano saraceno che si usa per fare la pasta dei pizzocheri? Dalla CINA e dalla ex CECOSLOVACCHIA.
E sapete da dove arriva la carne per fare la bresaola valtellinese? Dall'Argentina; questo comunque non è un fatto negativo,perchè la carne argentina è forse la migliore del mondo.

enzo orezzi 20.04.05 09:16| 
 |
Rispondi al commento

i nostri nonni sono cresciuti a polenta, ebbene sì sono un polentone, e d'estate una bella pestata fresca di giardino è il massimo! godo nel mangiarmi il gorgonzola che sgocciola e quei cotechini grassi che più grassi non si può! eppure sto bene e gli esami del sangue sono a posto, sono fortunato, lo so!
credo che nell'ultimo secolo, con tutte le vittorie conquistate, la scienza ha perso i suoi reali obiettivi. una volta era orientata a sconfiggere il vaiolo, la polio, e da sempre la ricerca, dai tempi del medioevo, era orientata a migliorare le combinazioni di crescita nel rispetto della natura (ma ve lo ricordate il maggese?). oggi invece si pensa a manipolare cellule perchè in milioni di anni la natura certamente qualche sbaglio l'ha combinato... e allora? ci sentiamo così perfetti da sconvolgere ciò che si è creato e modificato nel corso di ere?
spero fortemente che il papa nuovo, che dicono essere conservatore, lo sia principalmente su queste aberrazioni che la scienza sta portando avanti e a tutte le storture che esistono nel nome del profitto.

Walter Marazzini 20.04.05 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Partendo dalle citazioni sugli esiti degli esperimenti sui topi da laboratorio - perchè di questo si tratta e non di topini casalinghi sfamati da umani benefattori con pesto e polenta- che ancora una volta dimostrano tutta la loro inutilità, mi piacerebbe aprire anche il tema della vivisezione e delle valide alternative poco praticate perchè non interessanti per la lobby fsrmaceutica e quindi da questa boicottate pesantemente, complici autorevoli scienziati (ad esempiola famosa vecchietta premio nobel con cui Beppe Grillo credo sia ancora in causa);di materiale ce n'è a tonnellate

paola marcorini 20.04.05 09:10| 
 |
Rispondi al commento

Veronesi?!? Ma non è lo stesso che sostiene che "l'inquinamento non è poi così dannoso!"?!?
A Cornigliano hanno colto subito la palla al balzo: d'ora in poi si chiamerà CORNIGLIANO TERME... i fanghi ci sono, le acque minerali pure, per l'aerosol basta aspettare l'ora giusta...
Tanto per sapere: i totani sono "a norma"??? E i ravioli? fatemi sapere...
PS x Barbara Vito: Veronesi non è un ex-ministro di questo governo.

Federico Parodi 20.04.05 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Perche' secondo voi ha un senso vietare i forni a legna delle pizzeria e dei forni per il pane perche' inquinanti e non vietare la circolazione delle auto e camion?
Certi provvedimenti hanno veramente dei fondamenti inconcepibili.

Eugenio Varotto 20.04.05 09:04| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per iniziare un super grazie a Beppe Grillo,
che sta svegliando anche noi che in svizzera pensiamo che il mondo sia tutto avvolto nell'ovatta e che tutti, sopratutto se si parla di autorità, siano onesti. Purtroppo i fatti dimostrano il contrario, e che sopratutto le regole non sono fatte per chi le decide.
Grazie quindi a Beppe Grillo e a chi come lui cerca a spada tratta e con passione, come ho avuto il piacere di vedere nel suo recente spettacolo trasmesso dalla TSI, denuncia situazioni al limite del ridicolo.

Thomas Darlis 20.04.05 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Effettivamente potrebbero evitare di dire stupidaggini su alimenti che magiamo dall'inizio della civiltà umana... se dal 1800 ad oggi i casidi tumore sono aumentati del 200% è evidente che la causa è l'inquinamento apportato dagli impianti industriali, dalle automobili, dalla dispersione radioattiva di Chernobyl (ed eventuali altre dispersioni che non son giunte a nostra conoscenza), probabilmente dallo stile di vita forse troppo stressato e frenetico... Ma che c'entra la pasta al pesto o la polenta col baccalà? Forse effetivamente con l'aumento del benessere è aumentata la domanda di alcuni beni di lusso, come appunto la lussuosissima pasta alla genovese o l'aristocratica polenta delle quali se ne fa TROPPO abuso di questi tempi!!! E' proprio questa la causa dei nostri tumori, siamo troppo ben nutriti!!! ^_^

Riccardo Mazzia 20.04.05 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Ovviamente non sono all'altezza dei Prof. Veronesi e Tamino e quindi non sono in grado di ribattere le loro considerazioni. Però potrei scrivere un'ipotesi da studente di Biotecnologie.
Chi è del ramo sa bene che ci sono ben poche strutture in Italia che si occupano delle Biotecnologie, se non in alcuni privati produttori di antibiotici o recupero di materiali di scarto. Il motivo risiede nello scarso appoggio governativo italiano che, evidentemente, non trova futuro per questo ramo o lo crede ancora 'indietro'. Quindi è probabile che il Prof. Veronesi stia cercando di far cambiare idea sugli OGM, data la passata cattiva pubblicità, e stia cercando di far aumentare il numero di approvazioni per poi magari sollecitare il governo italiano ad un maggior finanziamento.
E' sicuramente giusto proteggere i valori dell'agricoltura biologica, ma se la ricerca sugli OGM fosse mirata non a sorprendere, ma a miglorare la qualità di vita, forse si potrebbe chiudere un occhio. Molti pensano che si utilizzi la modificazione genetica per creare pomodori di 1Kg (è un esempio, ma l'ho sentito); invece la si potrebbe usare per proteggere la pianta da malattie prodotte da microorganismi ed evitare così l'utilizzo di prodotti chimici cancerogeni o inquinanti, mantenendo intatte le proprietà organolettiche del prodotto senza effetti dannosi.
Ovviamente per ottenere questo non ci vogliono giorni, ma mesi o anni e a mio parere la modificazione genetica non verrà mai usata a questi scopi o con questi tempi poichè il vero tiranno è l'economia...

Riccardo Iattoni 20.04.05 08:17| 
 |
Rispondi al commento

Sentite lo sappiamo tutti che stanno cercando di propinarci in tutte le salse (queste sì che fanno male) che gli ogm sono indispensabili agli uomini. Che grandi balle! Ma veramente pensano che le persone siano così fesse? Vi do un consiglio, prima di credere allo scienziato illustre di turno, cerchiamo di scoprire chi è, dove lavora e chi lo paga. Sapete gli ideali, la ricerca rigorosa sono tutte belle cose, ma anche loro hanno famiglia e si devono adattare.
Ritornando agli ogm, prima hanno cercato di farci credere che avrebbero salvato le povere popolazioni del terzo mondo dalla fame, ma qualcosa stonava in questo loro messaggio evangelico, ossia il prezzo che i poveri agricoltori devono pagare per i semi superbrevettati. Poi ci hanno ripetuto fino alla nausea che è il biologico, coltivato da decenni e rispettoso della natura, che fa male, invece gli ogm, introdotti sul mercato con mezzi a dir poco immorali, senza una sperimentazione seria, da multinazionali il cui unico dio è il profitto, farebbero bene all'umanità. Come dire guardate c'è un asino che vola. Insomma volete usare la testa?

Francesca Nicolò 20.04.05 07:21| 
 |
Rispondi al commento

Per tornare al mio commento precedente posso dare circostanziate informazioni sul caso Di Bella se interessa a qualcuno. Che dire poi della difesa a spada tratta fatta da M. Costanzo ne suo show serale, insultando e gridando come un matto contro chiunque aveva osato parlare o scrivere di cure alternative alla "distruttrice chemio".Ora mi aspetto che difenda Sirchia, magari dicendo che anche l'amatriciana è cancerogena, e poi tutti di corsa alla chemio!!!!!!!!!!

Renato Mantegna 20.04.05 04:37| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo la Lobby dell'oncologia italiana difende solo la propria impotenza, e qualsiasi mezzo è lecito, anche sviare l'attenzione con " uscite " come quella del ministro Sirchia. E' noto come siano riusciti ad eliminare il Prof. Di Bella. Sapete come hanno fatto a dimostrare che la sua cura non era efficace? Sceglivano i malati terminali con una prevista vita ben al di sotto di un anno, malati senza nessuna possibilità di guarigione con qualunque cura, tantomeno quella ufficiale, facile no ?

Renato Mantegna 20.04.05 04:25| 
 |
Rispondi al commento

Bella storia!!
Il vino a cisterne fa bene...
ma a litrate va bene lo stesso?
Vai Beppe sei un Mito....si perchè beccarti sul servizio pubblico e impossibile!

alfio corvo 20.04.05 02:39| 
 |
Rispondi al commento

Veramente c'è gente che le butta lì a caso...ma se Ratzinger è stato la spalla destra di Giovanni Paolo II... come si fa a dire semplicisticamente che quest'ultimo ha messo d'accordo tutti (mah! A giudicare dalle critiche che ha ricevuto non direi) e il primo dividerà tutti? In tema di dottrina sono sulla stessa linea. Perché il signor Agate parla a caso?

Valentina Di Marco 20.04.05 02:37| 
 |
Rispondi al commento

Beh, cara Liliana...sai, credevo questo fosse un blog, ed invece tu mi hai illuminato dicendomi che c'è da seguire la traccia di Beppe altrimenti si rischia di finire fuori tema, come ho fatto io.
POI, non credo di aver urtato la sensibilità religiosa di alcuno. Forse semplicemente quella di chi caldeggiava il ritorno al medioevo della Chiesa Cattolica, dopo le imprese significative di un papa, Giovanni Paolo II, che invece è riuscito nella non facile impresa di mettere d'accordo quasi tutti...e ce ne vuole.
Insomma, volevo solo esprimere la mia delusione per la scelta di un uomo che notoriamente ha fatto riferimento (e da riferimento) all'ala più conservatrice del cattolicesimo....in un momento che personalmente ritengo storicamente inopportuno [basti come esempio quanto detto durante la cerimonia di inaugurazione del Conclave].

Ti sembra il vaneggiamento di un imbecille?
..vuol dire che posterò queste stesse mie impressioni non appena Beppe scriverà qualcosa riguardo al nuovo Pontefice...

Marco Agate 20.04.05 01:40| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me Veronesi ha fatto bene a tirare fuori questi argomenti, deve sempre valere il principio di precauzione, anche se si vanno a toccare cibi che abbiamo sempre considerato salutari o quanto meno innocui.

Luca Meroni 20.04.05 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Ogni tanto qualche eminente scienziato ci prova , forse per rinverdire la sua popolarità , o forse perchè fa esperimenti nel campo delle neurotossine su sè stesso.Esistono pubblicazioni scientifiche su tutto , e su tutto affermano tutto e il contrario di tutto. Il vino contiene resveratrolo(penso si scriva così) , potente antiossidante che combatte tumori e invecchiamento , notizia più volte ribadita dai telegiornali , giornali etc. , pare su raccomandazione del Ministro dell'Agricoltura ; quello che non ci dicono è che per beneficiare del potere antiossidante dovremmo berne una cisterna al giorno!Stesso discorso vale per la cancerogenicità di molte sostanze :se mangi 100Kg di pomodori al giorno ti becchi il cancro al retto , ma mi piacerebbe anche vederti!
La scienza è al servizio dell'uomo , è l'uomo (Delmonte?)che se ne serve male!
io intanto mangio bevo fumo come mi pare , e se mi ammalerò potrete dire "TE L'AVEVO DETTO!"

massimo legnini 20.04.05 00:44| 
 |
Rispondi al commento

A Marco Agate, ma non si stava parlando di polenta e basilico????
Scusa ma non capisco cosa c'entri la nomina del Papa. Cmq penso che il tuo scritto sia fuori luogo. Se volevi renderti interessante potevi inventarne un altra, senza offendere il pensiero di MIO di persone.
Beppe certi scritti dovrebbe eliminarli.Su certe cose ci vuole rispetto per il pensiero ed il credo degli altri. In avvenire, come diciamo noi in Ticino, non mescolare il burro con la ferrovia.
Poi, puoi anche andare all'inferno, tanto a noi non ce ne può fregà de meno.....
Tu volevi il Papa nero, io vorrei meno imbecilli

Lili

Liliana Amadò 20.04.05 00:41| 
 |
Rispondi al commento

il pesto e la polenta provocano il cancro,invece lo smog fa bene!!!!!io penso che una persona che ragiona in questo modo si qualifichi da solo!!!!!
inoltre è un convinto assertore della ormai raggiunta "curabilità del cancro",che è una cazzata gigantesca,il massimo che riescono a fare è allungare l'agonia di qualche anno a costo di cure che sono peggio del male,io ho conosciuto molte più persone morte di tumore che quelle guarite!!!Se un tumore è maligno non ti salvi!!!Mia madre ha avuti il cancro tre volte (due volte benigno) e una volta sel'è portata via a 62 anni!!!mi pacerebbe che Beppe scrivesse di questa gorssa cazzata che raccontano!!!
SE RIESCO VENGO A VEDERTI A ROMA!!!
BEPPE SEI UNA GRANDE MENTE!!!

marco del giovane 20.04.05 00:32| 
 |
Rispondi al commento

...E' vero che la storia ci insegna a fidarci di prodotti che consumiamo da oltre 100 anni, ma chi ci garantisce che questi prodotti siano sempre quelli di una volta? A mio avviso è proprio questo quello che ci devono garantire. Sul "know-how" di mio nonno non ho dubbi!

Fabio

Fabio Bomei 20.04.05 00:31| 
 |
Rispondi al commento

LE ROMPE PROPRIO I COGLIONI NON POTER FUMARE ACCANTO A UN BAMBINO O A UNA DONNA INCINTA?

Valentina Di Marco 20.04.05 00:26| 
 |
Rispondi al commento

Sirchia, Veronesi....

Ma tutti vecchietti rompicoglioni con la demenza senile ci dobbiamo tenere come ministri ?!?

Mariolino Rossini 20.04.05 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Invece purtroppo dobbiamo avere paura di un sacco di cose, anche che ti rapiscano un figlio sotto casa.

Valentina Di Marco 20.04.05 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Basta con "Mio nonno è morto a 206 anni" e "Mia nonna è campata fino a 378 anni". Ciò non ha alcun valore statistico e non prova proprio nulla. Ho anche un amico che mangia uova crude appena raccolte senza lavarle e che non si è mai beccato la salmonella, ma non mi sembra che questo voglia dire qualcosa.

Valentina Di Marco 20.04.05 00:21| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di "scienziati"... La prego sig. Grillo dica qualcosa riguardo il nuovo spot di sky che vanta come testimonial "il premio Nobel Rita Levi Montalcini", è a dir poco incredibile: sembra TUTANKAMON.

Fabio Bomei

Fabio Bomei 19.04.05 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Veronesi......ci sta prendendo per i fondelli !
Mio povero nonno è morto a 95 anni, dopo aver magiato
per tutta la vita la profumatissima polenta fatta al camino,
accompagnandola dal buon vino "nostrano" che lui stesso produceva !!
Io non vedo il momento di andare in Ligura per gustarmi,
senza farmi tanti probelmi, le trenette al pesto. Il pesto
vero, sempre più raro da trovare anche nei migliori ristoranti liguri !!
Beppe credo che lo possa confermare.

Silvano

Silvano Nessi 19.04.05 23:47| 
 |
Rispondi al commento

Approposito di cura Di Bella volevo farvi sapere che io sto facendo una cura sperimentale con la somatostatina per dei tumori al pancreas e che FUNZIONA. Oltre a me conosco altre persone che fanno questa terapia e su alcuni tipi di tumore (soprattutto endocrini) la somatostatina funziona! ciao a tutti da Ale

Alessandra Londoni 19.04.05 23:39| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, a proposito di Veronesi e cancerosità mi viene in mente la vicenda del prof. Di Bella. Che fine ha fatto? Si hanno informazioni corrette sul suo "metodo"? Era veramente inefficiente quel sistema? La sperimentazione non fu inficiata da gravi errori della commissione sanitaria? Che alternative ci sono oggi alle cure tradizionali?
ciao tiberio

tiberio riva 19.04.05 23:27| 
 |
Rispondi al commento

Prima di tutto salve! ho scoperto solo ieri sera l'esistenza di questo sito ed eccomi qua. Sono uno chef professionista iscritto alla federazione italiana cuochi sezione di Alessandria per cui trovo che sarebbe doveroso un attento controllo sulle panzane che escono dalla bocca di questi signori considerando che in base a questi dati si orienta poi l'attività degli organi controllori i quali sembrano poi divertirsi a complicare tutto quanto gira intorno all'uso di questi prodotti.
Tornando con la memoria al caos determinato dalla mucca pazza non fù proprio il dr.Veronesi che proibì agli italiani di leccare la "...." perchè era troppo vicina all'osso? alla prossima ciao

Marco Luviè 19.04.05 23:23| 
 |
Rispondi al commento

Questo commento non c'entra niente con Veronesi..

Volevo solo chiedere se qualcuno ha notato l'INTERESSANTISSIMO servizio del tg5 di stasera sul COMIGNOLO DEL VATICANO!! EFFETTIVAMENTE C'ERA DA DISQUISIRE PARECCHIO, HANNO FATTO CENNO ANCHE A DEGLI "ESPERTI" DEL CAMINO....EH, NON FUNZIONAVA TROPPO BENE, E'ANCORA NUOVO!!
MA CHE SERVIZI FANNO??

E LA CESARA BUONAMICI? Tutto il tempo CON UN SORRISO EBETE... MA COSA C'ERA DA RIDERE? Le hanno forse ordinato di fare tutto il pezzo sul nuovo Papa con un sorriso di gioia (OH GIOIA!!)stampato in faccia??

Mah, forse sono pazza e ha dato noia solo a me, non lo so...........

Concludo dichiarandomi in pieno accordo con il post di Marco Agate (poco più giù)(nonostante gli errori di battitura)!!

CIAO A TUTTI !

raffaella sapia 19.04.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

CHIEDO SCUSA PER GLI ERRORI DI ORTOGRAFIA FATTI PRIMA, MA HO SCRITTO MOLTO VELOCEMENTE.

SIMONA

simona contenta 19.04.05 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Io adoro il pasto, mangere pane e pesto tutti i giorni, credo sia una delle cose più buone che esista, poi con i gnocchi..come si dice:" E' la morte sua!"
Mi piace molto anche la polenta e la mangio spesso. Mia madre e ligure e mio padre piemontese quindi mi hanno fatto conoscere la bontà di questi tue alimenti.

W IL PESTO W IL PESTO W IL PESTO

Secondo i medici bisognerebbe privarsi di tutto,mangiare solo cose non condite, non fritte, senza grassi, senza niente!!!.... ma scusate, perchè vivere da malati per morire sani?
Simona

simona contenta 19.04.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

x domenico da leva
Il consumatore non so che vantaggio possa trarvi..la multinazionale i suoi vantaggi li ha: attualmente gli ogm sono brevettabili e cosi si possono convincere i paesi del terzo mondo(e non solo quelli)a usare ,chesso',i pomodori transgenici perche' resistono ai parassiti ,pagando ovviamente le royalties alla multinazionale...ma la cosa bella viene dopo..visto che le piante transgeniche non sono appetibili i parassiti si scatenano su quelle naturali sterminando cosi le coltivazioni di pomodori non modificati..in breve i contadini o gli stati interi si ritroverebbero a dover pagare alle multinazionali se vogliono mangiare qualcosa perche' le piante rimaste sarebbero brevetto di queste...
triste eh?
p.s. magari qualcuno ha gia' fatto questa osservazione,ma non ho letto che i primi commenti
ciao

luca tubiana 19.04.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Perché Veronesi (visto che si occupa di farine)non parla anche del grano ogm, tipo "creso", che é quello col quale ci intossicano da decenni, e che essendo più ricco di glutine del grano bio scatena allergie e intolleranze al grano? Forse perché potrebbe far danno ai mulini bianchi?
E perché Veronesi non fa un bello studio sui rapporti tra il consumo di cibi raffinati, zucchero e latticini e l'insorgenza di allergie, malattie del sistema immunitario e anche tumori?

E il problema sarebbero polenta e basilico...Ma per favore...
Grazie Beppe per questa VERA informazione.

Lucia Stella 19.04.05 23:11| 
 |
Rispondi al commento

PS: scusate gli errori di battitura (quindi se volete rispondere sul'argomento non appellatevi a questi in quanto SO SCRIVERE, ma la fretta e l'urgenza di esprimere ciò che penso mi hanno portato a questo)

Marco Agate 19.04.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Vabbè voi continuate a fare la guerra alla polenta o agli insaccati (tanto non lo sapremo mai cosa ci troveremo dentro nell'una o negli altri), intanto qua ti hanno eletto un papa dichiaratamente conservatore che nell'86 ha benedetto la crociati contro i "froci". Da notare le sue foto su ansa.it o repubblica.it....si frega già le mani pensando a quanti poveracci moriranno di AIDS in questo terzo millennio?
Spero di finire in inferno grazie all'ultima frase...secondo me ci troverò tanta bella gente, a dispetto del Paradiso propugnato da costui.
VOLEVO IL PAPA NERO

Marco Agate 19.04.05 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Penso che Veronesi non abbia nessuna intenzione di sminuire gli alimenti italiani! Quello che vuole far intendere e che gli alimenti "naturali", inclusi i biologici, non sono necessariamente più sicuri dei trasgenici, a differenza del pensiero comune! Il concetto di "naturale" sinonimo di "salutare" a mio parere è sbagliato! Da migliaia di anni l'uomo modifica la natura a proprio tornaconto, l'ingegneria genetica è soltanto l'ultima di queste innovazioni!
Grazie!

Marco Catoni 19.04.05 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Ma questo Veronesi non è quello che diceva che l'inquinamento cittadino non fa venire i tumori?
La domanda fondamentale a chi (pagato dalle multinazionali o stupido di suo) sostiene il transgenico è: dal momento che non è vero che col transgenico si usano meno prodotti chimici (li usano per resistere al diserbante più potente mai prodotto), non è vero che costano meno quindi, anche ammesso che non siano nocivi per la salute, QUALE VANTAGGIO SI TRAE A MANGIARE TRANSGENICO PIUTTOSTO CHE NATURALE?
non ho lo pretesa di poter capire tutto, quindi se c'è qualcuno che mi sappia dare una risposta valida è bene accetta
domenico

domenico de leva 19.04.05 22:27| 
 |
Rispondi al commento

ma quando mai.....
le cose genuine ke faceva la mia nonna....
mo questo vuole dirmi ke le cose buone e genuine fanno male...
non ke ste inkiate di cose in scatola sono fatte con kissà ke cosa...
ke i formaggi..il latte manko lo vedono,e ke il pane è crudo...e dura mezzagiornata...mentre dovrebbe durare na settimana
non date retta sti pazzi

maurizio rosa 19.04.05 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Ma non è che anche Veronesi è passato dall'altra parte ? Cosa c'e dietro questa storia?

Flavio Prada 19.04.05 22:17| 
 |
Rispondi al commento

La tua tournée venisse dalle parte di San Remo oppure ventimiglia sarei venuto con piacere al tuo spettacolo ma io sono residente di Nice (costa azzura ) e Genova o la spezia è un po lontano pero.....chi sa

Jimmy giordanengo 19.04.05 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Infatti non si sa di cosa si sta parlando.
Il problema degli ogm non e' tanto il fatto di inserire un gene di pomodoro in una lattuga. Il vero problema sta nel monopolio che le aziende stanno facendo sui semi. Tanto per dirne una la Monsanto ha creato una specie di mais gm resistente ai suoi pesticidi, cosicche' possa continuare a venderne e possa vendere anche i semi. E questo non mi sembra salutare.

Giovanni Di Bari 19.04.05 21:23| 
 |
Rispondi al commento

ma scherziamo veramente?
io vorrei che piuù che la polenta e il pesto........le persone che hanno il potere di farlo controllassero maggiormente le aziende produttrici di alimenti per evitare gravi sofisticazioni o grave mancanze di igiene che provocano purtroppo molti danni senza saperlo.
nelle scuole le mense ......che paghiamo profumatamente ..ogni tanto tirano fuori gli yogurt con la muffa.........e così via!
altro che il basilico alto 10cm!
saluti
luana

luana pasi 19.04.05 21:20| 
 |
Rispondi al commento

P O L E N T A T A R A G N A F O R E V E R

Matteo Masserani 19.04.05 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Il Tamino lo ricordo da tempi addietro e merita stima, ...il Veronesi mi pare si arrampichi sugli specchi. Meglio di lui, restando nell'evocazione 'cittadina' era il Veronelli, direi. Ringrazio di aver accesso ad ambienti come questo.

Marco Sicco Commentatore in marcia al V2day 19.04.05 21:17| 
 |
Rispondi al commento

TRANQUILLI

nonostante il basilichino piccinino,
la polenta e la farinata,
gli OGM,il BUCO nell'ozono,
le polveri fini,
i chupa-chups
i Mc'Donalds e la patata fritta
ecc...ecc...

........SI CAMPA DI PIU' !!!!!!

Anna D'Arco 19.04.05 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Chissà perché si dicono tante scemate sugli OGM. Ah sì perché non si sa di cosa si sta parlando.
Allora diciamo che se aggiungo un gene di una lattuga in un pomodoro per dare al pomodoro una caratteristica utile della lattuga (per fare un esempio qualsiasi), forse faccio una cazzata, ma certo non creo qualcosa di cancerogeno/mortale/letale dato che né lattuga né pomodoro contengono sostanze particolarmente dannose. Quando preparate un insalata non state facendo qualcosa di molto diverso, dal punto di vista nutrizionale. Per carità sappiamo così poco ancora della biologia che una remota ipotesi che si crei qualche problema esiste, ma non metterei gli OGM in prima fila tra i mali del mondo francamente.

I pesticidi invece sono molecole sintetiche, di derivazione chimica, e anche se mi dicono che sono come acqua fresca e non danno problemi sarei un'idiota se ci credessi. Se non ti fanno venire il cancro ti faranno sicuramente qualcos'altro. Per forza.

Ulisse Cucchi 19.04.05 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Contatto forza italia
da parecchio tempo mi sono iscritto a piuì' di un indirizzo di posta elettrronica di vari partiti per leggere ciò che espongono, da parecchi mesi, nonostante nell'ultima riga di celesca giuseppina- Forza Italia vi sia un indirizzo con la quale dovrebbe essere possibile cancellaresi e non ricevere piu' tutte le cazzate che dicono, ogni volta che si prova non si riesce a collegarsi a quel sito per la cancellazioe......e cosi continuano a invadermi di e-mail...che cancello senza neanche lggere.....

fernando cosmi 19.04.05 20:38| 
 |
Rispondi al commento

E stiamo ancora ad ascoltarli 'sti falsi esperti pagati dalle multinazionali per dirigere il nostro pensiero la' dove il loro portafogli desidera?
Diffidiamo da tutte le pseudoinformazioni che ci arrivano da pseudoesperti, e chiediamoci chi li paga per dire cio' e quel'e' il vero messaggio che tali affermazioni nascondono. Secondo me il messaggio, neanche tanto nascosto in questo caso, e' che gli ogm sono sicuri. In verita' non e' cosi', ma c'e' una campagna tesa a farcelo credere.

Giovanni Di Bari 19.04.05 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Scommettiamo che prima o poi si scoprirà che Veronesi e Sala sono soci di qualche società particolare???

Gianluca Avallone 19.04.05 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Questi attacchi ai produttori biologici da parte dei fautori degli OGM, (tra i quali possiamo anche annoverare la Santa Sede) sono la dimostrazione più lampante che ormai la biotecnologia in campo agrario non sa più che pesci pigliare.

Non a caso questi poverini sono ora costretti a contrabbandare i loro prodotti in mezzo a quelli tradizionali.

Che pena !

Aleardo Zaccheo 19.04.05 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Ho 22 anni e se ho da crepare per pesto e polenta son contento.
Non me ne frega proprio niente.
L'illustre professor Veronesi non riuscirà a farmi aver "paura" di quello che vogliono loro.
Anzi!
Questo mi spinge ancora di più a diffidare da questi loschi individui.
Grazie.

Giorgio Luoni 19.04.05 20:15| 
 |
Rispondi al commento

OGM no ma Eugenetica si. A Sinistra la situazione è davvero confusa.

Riccardo Palazzani 19.04.05 20:08| 
 |
Rispondi al commento

E'da poco che ho saputo di questo sito, molto bello!
Ma ne vale la pena? O questo mondo non ha più speranza?

Stefano Marigo 19.04.05 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe sapere,come fa' un Prof. a fare queste affermazioni, su quali basi poi...
Perche' non afferma invece che la chemioterapia,fa'piu' vittime della malattia stessa?
Perche' non dire che alcune sostanze contenute in alcuni cosmetici e alimenti, sono altamente cancerogene ?
Perche' non dire che uno stile di vita stressante, e' pure questo causa di molte malattie ?
Perche' non dire che anche alcuni esami diagnostici sono rischiosi ?
E l'elenco di cose nocive per la nostra salute fisica e psichica potrebbe continuare,ma mi fermo qui !
Anzi, no, vorrei aggiungere quale possibile causa di problemi vari , anche l'ascolto di certe stupide affermazioni, sopratutto se fatte da personaggi del "calibro" del Prof. Veronesi. Questi signori, proprio perche' presi in considerazione da molti noi, dovrebbero avere la decenza di valutare, soppesare, e pensare a quel che dicono....Perche' i danni potrebbero essere DEVASTANTI !!!!
Questa affermazione potrebbe creare , in persone particolarmente sensibili, delle paure , spingendoli a farsi eventualmente fare degli esami medici per verificare il loro stato di salute...Spendendo centinaia di euro..!¨
Ma vuoi vedere, che sia magari questo lo scopo finale ??? Spingere il cittadino a...
Non voglio andare oltre...
Beppe...GRAZIEEE

tery bettoni 19.04.05 19:57|