Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Malato come un pesce

  • 430


fish.jpg

Cosa vuol dire essere in salute?

La salute dipende dai farmaci, dalle cure disponibili o dalla tecnologia?
No, dipende dal livello socio economico, dal clima, dall'alimentazione, ecc.

Essere sani significa convivere con qualche "acciacco".

Una volta era il malato che andava dal medico perchè stava poco bene; oggi è il medico che ti dice "facciamo uno screening, sei sicuro di stare proprio bene?".

C'è bisogno di malati nuovi.

Nel marzo 2004 le case farmaceutiche hanno abbassato le soglie delle tre malattie più diffuse nel mondo occidentale: l'ipertensione, il colesterolo e il diabete, creando così, da un giorno all'altro, alcune centinaia di milioni di "malati" nuovi.

Il sano è colui il quale non sa ancora di essere malato.

A Verona su iniziativa di don Luigi Verzè, Rettore dell'ospedale San Raffaele di Milano, è partito il progetto Quo vadis?, ossia la creazione di una clinica per sani... PER SANI!

Attraverso un microchip installato sotto la pelle, i medici potranno monitorare lo stato di salute del "paziente" sano in ogni momento e curarlo prima che nascano i problemi.

Ti faranno sapere della tua malattia un attimo prima che insorga.
Nel frattempo potrai fare quello che vuoi: sciare, giocare a tennis, prendere un aereo, viaggiare... e tac!, un sms segnalerà:
"URGENTE, IMMINENTE INSORGENZA DI EMORROIDI A "GRAPPOLI", RIVOLGERSI AL NOSTRO CENTRO SPECIALISTICO PIU' VICINO".

27 Mag 2005, 13:27 | Scrivi | Commenti (430) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 430


Commenti

 

In fondo, caro Beppe Grillo, muore di cancro solo circa il 35% della popolazione, ma questi sono dettagli, cosa vuoi che sia una malattia che colpisce circa venti milioni di persone in Italia? Un dettaglio.

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 15:05| 
 |
Rispondi al commento

"ARMI PSICOTRONICHE E MK ULTRA Insomma un insieme di tecniche ti tortura
psicologica vere e proprie fatte al fine di estorcermi informazioni secondo
loro rilevanti.
Senza il mio volere sono stato messo in questa lista nera, che permettono a
loro di controllare i miei pensieri 24 ore al giorno. In questi 10 anni gli
episodi sono tantissimi e cercherò di riassumerli in pochi esempi al fine
di non essere ripetitivo :
- In primis immagini alla televisione che erano collegate ai miei pensieri,
cioè quello che pensavo, loro lo trasformavano in immagini penso con un
computer remoto su qualche satellite.
- Poi sentire alla radio discutere il presentatore di turno dei miei
pensieri .
- Sentire parlare persone accanto a me dei miei pensieri ma in realtà non
stavano neanche muovendo la bocca.
- Udire suoni e odori che in realtà non ci sono.
- Farmi avere intenti suicidi e farmi credere che sarei stato salvato cosa
ovviamente che non sarebbe mai accaduta.
- Farmi avere una sensazione di tachicardia e rallentamento dei battiti
cardiaci, penso che possano addirittura bloccarmi il cuore se volessero.
- Vedere cose che non esistono come volti sotto forma di fasci di luce.
- Sento sempre pressione alle tempie come se due mani facessero pressione
su di esse.
- Muovere i miei muscoli e i miei arti come se fossero pilotati.
- Metterti in testa pensieri che in realtà non ti appartengono.
In America questo tipo di tecnologia fu usata su centinaia di persone e ci
fu anche un processo quello di Norimberga dove fu lo stesso Rockefeller che
apri una commissione contro queste armi. Inseguito ci fu un trattato
appunto quello di Norimberga che a quanto pare nessuno rispetta.
Il progetto MKULTRA (conosciuto anche come MK-ULTRA) fu una serie di
attività svolte dalla CIA tra gli anni cinquanta e sessanta che aveva come
scopo quello di influenzare e controllare il comportamento di determinate
persone (cosiddetto controllo mentale).SONO TANTE LE VITTIME GUARDATE
http://italiaparla.wordpress.com/""

STEFANO DEGIO 03.06.14 10:09| 
 |
Rispondi al commento

http://independentconsumers.forumattivo.com/
IL FORUM "INDEPENDENT CONSUMERS" NASCE PER DARE VOCE A TUTTE QUELLE ESPERIENZE CHE SPESSO RIMANGONO AI MARGINI DEL SISTEMA, DELLA INFORMAZIONE E DELLA SOCIETA'. E' COMPLETAMENTE DEDICATO AL CONSUMO CRITICO FARMACEUTICO, PER PROMUOVERE UNA INFORMAZIONE LIBERA E CONSAPEVOLE RIGUARDO AD UN MONDO TACIUTO ED AL PIU' GRANDE BUSINESS ESISTENTE: IL MERCATO DELLA SALUTE. DENTRO AL FORUM C'E' SPAZIO PER RACCONTARE LE PROPRIE ESPERIENZE: SIANO QUESTE PERSONALI, SOCIALI O "FARMACOLOGICHE". E' UN SITO SU CUI CI SI PUO' CONFRONTARE SUGLI EFFETTI COLLATERALI, SCAMBIARSI OPINIONI E CRITICHE COSTRUTTIVE, MA ANCHE INFORMARSI PER IL PROPRIO BENESSERE E SCAMBIARSI IDEE E CONSIGLI UTILI. PERCHE' NON SEMPRE LE RISPOSTE CHE CERCHIAMO SI TROVANO NEI FARMACI.
"Si parla molto di mercati e poco di multinazionale farmaceutiche, si parla molto di farmaci e molto poco degli effetti collaterali che questi comportano. Questo forum nasce per dare voce a chi ha qualcosa da dire. Si vuole qui creare uno spazio che valorizzi l’esperienza di ogni persona che desideri condividerla perché questa è preziosa e può essere utile a qualcun altro. Parlare, ascoltare, ragionare insieme è fondamentale per maturare la consapevolezza, e con essa, la libertà di scegliere per noi stessi senza lasciare questa libertà a qualcun altro. Ecco perché questo forum è stato concepito: per informarci, scambiarci riflessioni, osservazioni, pareri ed esperienze. Nasce anche dalla assoluta necessità di scambiarci consigli e pensieri che, ognuno sulla base della propria cultura, formazione, esperienza personale e professionale, si sente di esprimere a se stesso ed agli altri, tesi all’obiettivo di aumentare la qualità della nostra vita in modo sano e naturale, imparando a stare meglio con noi stessi, con gli altri, con la natura, capendo l’importanza di una sana alimentazione, di una divertente ed appagante attività sportiva, e tanto altro..vi aspetto!!

silvia caldironi Commentatore certificato 04.04.08 23:41| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, sono una studentessa di Farmacia e tra non molto entrerò anche io nel mondo del lavoro, quello delle aziende farmaceutiche ahime!!Recentemente un esperto di Marketing farmaceutico è venuto in Facoltà a parlare e a fare una sorta di lavaggio del cervello sul nostro ruolo di FARMACISTI e come dobbiamo "spingere" i clienti tramite mosse pubblicitarie a comprare questo o quell'altro farmaco da banco!!insomma come se vendere anche la" innocua " Aspirina( che da problemi a tutto spiano)sia come vendere una maglietta o un cellulare!!Senza sentirmi la Maria Teresa di Calcutta della farmacia, credo profondamente nel valore che il mio contributo può rappresentare per le persone e anche nell'etica di questa professione e trovo scandaloso spingere persone ad assumere farmaci al primo doloretto!!!
Il male del "sistema salute" credo si trovi dietro a questa facile accessibilità ai farmaci ora pure nella Parafarmacia che se da una parte toglie il monopolio detenuto da quei tre o quattro farmacisti sui farmaci da banco, dall'altra parte crea una smania di acquisto nel supermercato dove si sa che si finisce per comprare un mucchio di cose inutili tra cui ora anche le medicine non prive di effetti collaterali!!
E' vero anche che esiste gente che fa un uso smodato dei farmaci anche al primo acciacco!!Ho avuto la fortuna di fare il tirocinio in una Farmacia dove la titolare molto spesso dava anche consigli "della nonna" per quei disturbi lievi con cui l'Uomo ha sempre convissuto .Questo a dimostrare che spesso possiamo fare a meno di pillole che prima o poi ci daranno problemi in qualche altra parte del corpo!!!
Vorrei sapere che ne pensi della legge Bersani sulle parafarmacie e su questo più facile accesso ai farmaci da banco!!

ludovica zagni 18.03.08 19:00| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe ti chiedo solo una cosa se mi aiuti a scoprire i dani che porta il SALAGEN compresse di 5 mg.ho la sindrome di sjogren e l artrite.le compresse dell artrite cioè il PLAQUENIL nn lo prendo piu'perchè ho deciso di intraprendere la strada dell omeopatia,perchè erano abbastanza tossiche come compresse.AIUTAMI A SCOPRIRE I DANNI CHE PUO PORTARE.CIAO

Giovanna S. Commentatore certificato 14.01.08 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, non so se sei tutta la storia del Verychip...tutto e' iniziato nel lontano 2002...e piano piano questa loggia massonica capitanata dall'occultismo piu' oscuro e' arrivato sino ad oggi...digitate MONDEX SU GOOGLE fratelli e sorelle e vedete cosa c'e' in serbo dietro tutto questo....
e' APOCALISSE 16:16, NN FANTASCIENZA, VE LO DICO IN VERITA'! GIULIA

GIULIA CICCARELLI 28.10.07 21:52| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe e' tutto vero! addirittura con mio padre anno fatto un ottimo lavoro, che con la sua urcera conviveva tranquillamente da piu di 50anni, convincendolo ad operarsi che così sarebbe vissuto senza quella fastidiosa acidita'.
BE MIO PADRE IL 24.01.07 E' MORTO. aveva 74.

caruso rosaria 06.06.07 21:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
sono perfettamente d'accordo con te nell'essere ormai convinta che c'è bisogno di malati e che noi,causa una società che ci impone sempre più di andare veloce e non fermarci,andiamo dal medico anche quando non è necessario.
Lavoro in un ospedale e di storielle ne avrei da raccontare,ma vorrei lanciare un messaggio;spesso,all'insorgere di un disturbo è meglio domandarsi perchè mi capita questa cosa,cosa è successo nella mia vita prima che capitasse.
Magari con la consapevolezza di avere un conflitto interiore da risolvere possiamo cercare di guarire.
Grazie ciao

ferrarese ornella 15.01.07 10:08| 
 |
Rispondi al commento

IMPORTANTE! --- IMPORTANTE!

È un dato di fatto scientifico che tutti i tumori si propagano in base allo stesso meccanismo, l'uso di enzimi che assimilano il collagene (collagenasi, metalloproteinasi). L'uso terapeutico dell'aminoacido naturale lisina, specialmente insieme ad altri micronutrienti non brevettabili, può bloccare questi enzimi e quindi inibire la diffusione di cellule cancerogene. Tutti i tipi di cancro studiati finora rispondono a quest'approccio terapeutico: cancro al seno, alla prostata, ai polmoni, alla pelle, fibroblastoma, cancro sinoviale e qualsiasi altra forma di tumore.
Il solo motivo per cui questa grande scoperta medica non è stata approfondita e applicata alla cura dei pazienti di cancro in tutto il mondo è il fatto che queste sostanze non sono brevettabili e perciò hanno bassi margini di profitto. Inoltre, cosa più importante, ogni trattamento efficace di una malattia porta infine al suo sradicamento e all'eliminazione di un mercato di farmaci di molti miliardi di dollari.
La vendita di prodotti farmaceutici per pazienti affetti da tumore è stata particolarmente fraudolenta e dolosa. Con il pretesto di curare il cancro utilizzando il termine di copertura "chemioterapia", vengono somministrate al paziente sostanze tossiche che includono anche derivati del gas iprite. Il fatto che queste sostanze tossiche distruggano anche milioni di cellule sane è volutamente calcolato.
Sapendo ciò, sono state deliberatamente previste le seguenti conseguenze: primo, il cancro si sarebbe diffuso come epidemia globale, fornendo le basi economiche per un duraturo business multimiliardario su questa malattia; secondo, l'applicazione sistematica di agenti tossici in forma di chemioterapia causa la diffusione di nuove malattie nei pazienti afflitti da tumore che ricevono queste sostanze tossiche.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Prove dei crimini commessi contro l'umanità

Le prove delle accuse contenute in La presente citazione in giudizio riguardano due principali ambiti penali:
Prove del genocidio e di altri crimini contro l'umanità commessi in connessione con il business farmaceutico della malattia.
Prove dei crimini di guerra e di aggressione e di altri crimini contro l'umanità commessi in connessione con la guerra contro l'Iraq e l'intensificarsi della crisi internazionale verso una guerra mondiale.

1. Prove del genocidio e di altri crimini contro l'umanità commessi connessione con il "business farmaceutico della malattia".

Vengono presentate prove specifiche del fatto che gli accusati sono responsabili di aver deliberatamente provocato il perdurare e diffondersi delle malattie, causandone volontariamente di nuove ed espandendo l'uso di medicinali brevettati per una sola malattia al maggior numero di malattie possibili.
Per realizzare questi obiettivi, gli imputati hanno strategicamente progettato, implementato, condotto e organizzato un piano di frode commerciale su scala globale che per la sua vastità economica non ha precedenti nella storia umana.

1.1. La deliberata diffusione delle malattie
Vengono fornite le seguenti prove specifiche del fatto che le più diffuse malattie di oggi vengono deliberatamente mantenute e diffuse dagli accusati, nonostante possano essere efficacemente prevenute e ampiamente sradicate, salvando milioni di vite umane.

--------

Seguono succulente notizie in questa pagina internet del mio sito (senza www) che riguarda la Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath:

http://brudicchio.funpic.de/rath/crimini4.html

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Il Cartello della IG Farben

Il più potente impero industriale tedesco della prima metà del secolo scorso era la IG Farben, abbreviazione per Interessengemeinschaft Farben. "Interessengemeinschaft" significa associazione per interessi comuni ed era un potente cartello comprendente BASF, Bayer, Hoechst e altre società chimiche e farmaceutiche tedesche. La IG Farben fu l'unico grande finanziatore della campagna per l'elezione di Adolf Hitler. Un anno prima che Hitler prendesse il potere nel 1933, la IG Farben donò 400.000 marchi a lui e al suo partito nazista. Di conseguenza, quando il partito nazista andò al potere, la IG Farben fu l'unica a trarre profitti dalla Seconda Guerra Mondiale e dal saccheggio dell'Europa da parte dei nazisti. Il cento per cento di tutti gli esplosivi e della benzina sintetica proveniva dalle fabbriche della IG Farben. Quando la Wehrmacht tedesca conquistava un altro paese, i direttivi di Bayer, Hoechst e BASF rilevavano sistematicamente le industrie di quei paesi. Grazie alla stretta collaborazione con la Wehrmacht di Hitler, la IG Farben partecipò al saccheggio dell'Austria, della Cecoslovacchia, della Polonia, della Norvegia, dell'Olanda, del Belgio, della Francia e di tutti gli altri paesi occupati dai nazisti.
Nel 1946, le indagini del governo americano giunsero alla conclusione che senza la IG Farben, la seconda guerra mondiale non sarebbe stata possibile. Dobbiamo renderci conto che non fu uno psicopatico di nome Adolf Hitler né l'innato carattere del popolo tedesco a causare la seconda guerra mondiale. L'avidità economica di compagnie come Bayer, BASF e Hoechst fu il fattore determinante dell'Olocausto.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

Continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath/chemnitz8.html

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 20:42| 
 |
Rispondi al commento

Perché non abbiamo sentito parlare in precedenza di queste scoperte?
.....
All'inizio del XX secolo il gruppo Rockefeller controllava già la maggior parte del business del petrolio negli Stati Uniti e in molti altri paesi. Basandosi su ricavi per miliardi di dollari, questo gruppo d'investimento ha definito un nuovo mercato: il corpo umano. I profitti o utili sul capitale investito dipendevano dalla brevettabilità dei farmaci inventati. I miliardi di dollari di profitti di questa nuova industria per investimenti furono utilizzati per convertire sistematicamente la medicina in un affare di investimenti manovrato a livello farmaceutico. Nel giro di poche decine di anni, la medicina fu controllata da questi gruppi d'interesse attraverso la loro influenza nelle scuole mediche, nei mass media e nella politica.
Uno dei principali problemi affrontati da quest'industria è stata la concorrenza con i prodotti sanitari naturali. Fra il 1920 e il 1935 furono scoperte la maggior parte delle vitamine e nutrienti naturali necessari per un metabolismo cellulare ottimale. Al mondo scientifico apparve chiaro che senza queste molecole essenziali per il metabolismo cellulare, le cellule non avrebbero funzionato adeguatamente, dando origine a malattie.
Gli strateghi degli investimenti farmaceutici se ne sono resi conto e si sono lanciati in una campagna globale per impedire che queste informazioni salvavita divenissero disponibili per le persone di tutto il mondo. Ma il mettere sotto silenzio queste informazioni è stato solo il primo passo. Fra le misure strategiche adottate per la costruzione di questo piano affaristico farmaceutico truffaldino c'è stato il gettare discredito sulle informazioni sanitarie riguardo a queste terapie naturali, non brevettabili e infine la messa al bando di qualsiasi iniziativa preventiva e terapeutica relativa alle terapie naturali.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

Continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 20:41| 
 |
Rispondi al commento

Se volete dare il vostro sostegno alla citazione in
giudizio presentata dal Dr. Rath e altri al
Tribunale Penale Internazionale leggete il FAX Tradotto e poi compilate e spedite il FAX Ufficiale in lingua inglese.
FAX tradotto:
http://brudicchio.funpic.de/rath/materiale/FAX%20tradotto.pdf
FAX Ufficiale:
http://brudicchio.funpic.de/rath/materiale/FAX%20ufficiale.pdf

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 20:40| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, tanti, tanti anni fa ho avuto "l'onore" di conoscere don verze' ed essendo una giovinetta di 17 anni in piena crisi adolescenziale e relegata in un collegio per una rivoluzione negli studi (non volevo più fare il liceo classico e era già febbraio) non mi sono resa conto del personaggio nel quale mi ero imbattuta, anzi peggio, ero ospitata nella di lui fondazione (monte tabor-cellore d'illasi verona). sembrava di essere in caserma, ma almeno la scula e le compagne non erano male. ora ho 40 anni, appena compiuti e orgogliosa di esserci arrivata ancora entusiasta ed innamorata della vita, quando sento nominare quel personaggio mi viene la pelle d'oca e penso di averla scampata bella. i dottori facciano i dottori e i preti pensino alle anime.VIVA GESU' L'UNICO PURO (spero)!!!!! Vai beppe sei grande!!!!

monica salvadori 05.03.06 16:50| 
 |
Rispondi al commento

E per chi ancora spera di potersi curare meno male che possiamo nel nostro piccolo far ancora qualcosa: dal sito


Emergency

Diritto al cuore

48587

Un sms per costruire in Africa un ospedale cardiochirurgico gratuito!

Il Sudan e i nove paesi confinanti: un’area grande tre volte l’Europa, dove i bisogni sanitari sono drammatici e le risposte scarse e inadeguate.

Per gli oltre 300 milioni di abitanti di questa immensa regione dell’Africa non esiste un ospedale cardiochirurgico gratuito e di elevata qualità: Emergency lo sta realizzando.

Il Centro si chiamerà Salam, in arabo “pace”. Un luogo dove sviluppare pratiche di pace attraverso il riconoscimento dell’uguale dignita’ e diritti di ciascun essere umano, la condivisione dei piu’ avanzati risultati della scienza medica e la possibilita’ di incontro e collaborazione tra pazienti e personale di diversi paesi e culture.

Grazie Beppe.

Ivana Badolato 02.03.06 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo beppe è da un po’ che non ti scrivo,e mi è venuta nostalgia,ti voglio dire un po’ di cose. Senti cosa mi è capitato in questi giorni…
Io sono un ragazzo di 27 anni e data la mia statura ( 1.93) da qualche anno a questa parte accusavo forti dolori alla schiena dovuti anche ad uno sforzo eccessivo,ora, fatta una risonanza mi dissero che avevo una piccola protrusione discale zona lombosacrale, terapia: nuoto e mi affibbiarono un antidolorifico VIOXX!!!che a dire il vero faceva la sua funzione non sentivo niente, insomma stavo bene!! Ma in quel periodo sentivo fortissime fitte al cuore che col senno di poi ho notato svanite con la mancanza del medicinale.Ora in questi giorni avevo di nuovo dolore alla schiena vado dal mio medico a farmi prescrivere qualche etto di VIOXX.. e mi dice che il medicinale è stato ritirato dal mercato perché forse faceva male,e mi da un medicinale nuovo “più potente” (2000-16 valvole 180 cv) allora vado in farmacia ritiro questa ferrari in pillole e chiedo al farmacista: ma il VIOXX che fine ha fatto?? E lui: è stato ritirato dal mercato perché faceva male al cuore,ho pensato e detto,me lo dite dopo che ho preso cartoni interi di VIOXX!!! Comunque ho preso questo nuovo medicinale e ho detto col cazzo che me lo prendo….mi tengo il mio mal di schiena ma almeno so che dopo qualche giorno o settimana passa, piuttosto che morire o stroppiarmi per un medicinale del bip!!! E non assumerò mai più medicinali, meglio convivere, come dici anche tu, con gli acciacchi….. per il momento questo è quanto, sentivo il bisogno di raccontarti questa piccola chicca! Grazie di tutto, ti ammiro tantissimo.. ps. Lo spettacolo ce l’ho ancora pezzotato (me lo hanno prestato)!!! Ma lo comprerò al più presto,lo meriti col CUORE,(visto che adesso mi funziona bene)..sai da queste parti esce prima pirata e dopo qualche mese asce l’originale!!

Con affetto Gerardo trapanese SALERNO

gerardo trapanese 19.02.06 15:16| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ho conosciuto il dott.simoncini,una bellissima persona che probabilmente ha avuto una intuizione geniale x la cura dei tumori.l'unica attenzione dei media è stata quella di"striscia" che l'ha deriso in quanto usa il bicarbonato di sodio...ma della chemio che tutti i medici consigliano quando non impongono nessuno dice niente.fate un pò di conti...sarebbe una tragedia scoprire che il bicarbonato fa come e meglio dei veleni delle multinazionali. consiglio a tutti di visitare il suo sito http://www.curenaturalicancro.org/

marina cappucci 08.02.06 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Sono appena rientrata dalla terza notte in clinica, ho assistino mia sorella per un cesario, e mi sono resa ancora più conto che la situazione è critica. in un reparto di maternità e nido non ci sono le materie prime.

Nido: cremine per culetti arrossati.......
hanno risposto "ma noi QUANDO ABBIAMO le creme le mettiamo" che significa che quando non le avete i bambini rimangono con il culo che brucia tutta la notte?

Maternità: carta igienica........ torna a casa e ti pulisci;
prevenzione racadi al seno....... "no signora figuriamoci se abbiamo questi prodotti, sopportate vedrete che vi passa, vs. figlio non si accorge di bere anche il sangue";
Mal di schiena........."signora è il letto questi fanno prorpio schifo che volete fare, mo che tornate a casa vi sentirete meglio" bastava mettere la fascia elastica pos-operazione, l'ho intuito io che non sono ne medico e infermiera.
Seno durissimo per il tanto latte......."no non possiamo portare alle 2 del mattino vs. figlio per farvi svuotare il seno, è la leggge, cercate di dormire e domani alle 6 ci si pensa" intanto il latte cola e loro per farli mangiare nel nido danno il latte artificiale;
Passaggio nido - maternità ....... 2 reparti diversi casdissimi e secchissimi divisi da una zona(le scale) aperto e ventilato.
ecc ecc ecc
mi chiedo davanti a tanta strafottenza VOGLIO TORNARE A CASAAAAAAAAAA

Pina Scroraggiata 06.02.06 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao cara, sono Fabio, ho letto il tuo lamento verso Beppe.
Non credo che lui intenda dire di non fare visite mediche o quant'altro. Solo che dovremmo cercare di non crearci malattie immaginarie, di non pensare che le medicine siano la soluzione a tutto........il troppo storpia....tutto qui!!!Ciao Fabio

Fabio Stefanini 05.02.06 19:11| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Qualcuno mi sa dire perchè sono stati ritirati i vaccini esavalenti per neonati? All'Asl mi hanno detto che è perchè il vaccino dell'epatite B non "copriva"abbastanza. Io ci credo poco anche pechè ho saputo che sono stati ritirati in tutta Europa e che si parla di gravi reazioni avverse. Ho un bimbo piccolo che con i vaccini ha avuto problemi (cianosi e dermatite atopica) a entrambi i richiami fatti. Tutti mi hanno detto che non sono in relazione gli eventi, ma non credo alle coincidenze. Solo il mio pediatra di base mi ha detto che potrebbe essere stato il vaccino. Mi sono un po' informata sui vaccini scoprendo che il mondo de vaccini è trattato con tanta superficialità: non si è fatto uno studio sugli effetti sul sitema immunitario, ma solo sull'efficacia nel prevenire le malattia. Io penso che ora che le malattia coperte da vaccino non sono + un serio pericolo immediato sia ora di attivare ricerche serie sugli effetti collaterali, non venendoci a raccontare che se tuo figlio che prima era perfettamente sano contrae una malattia sarà una coincidenza. Se nessuno fa una segnalazione non si saprà mai se è una coincidenza.
Se qualcuno sa qualcosa....

eleonora Trainini 26.01.06 10:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pordenone.

Ciao a tutti. Vorrei segnalare, per chi non lo conoscesse un sito ove è possibile confrontare tra loro diversi farmaci, prodotti da case farmaceutiche diverse ma con lo stesso principio attivo. I farmacisti hanno l'obbligo di proporre al cliente un'alternativa al farmaco "di marca", io comunque desidero portare alla conoscenza degli utenti del blog questo sito. Al suo interno (in alto a destra) c'è una sezione interattiva che permette di conoscere tutti gli altri farmaci, distinguendoli per casa produttrice e, soprattutto, per prezzo d'acquisto.
Sperando di aver dato un contributo valido, saluto tutti quanti.
Beppe, ieri sera sei stato formidabile.

Stefano Corsini 26.01.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusa ma mi sono informato su questo "erucico".
si, pare essere cardio tossico, ma viene usato nel famoso olio di lorenzo, come terapia (ufficialmente comprovata) dell'adrenoleucodistrofia... come mai?

"Precedenti studi su pazienti deceduti affetti da adrenoleucodistrofia (ALD) e trattati con l'Olio di Lorenzo non avevano rilevato un aumento di acido erucico nel cervello. Una delle spiegazioni era che l'acido erucico, uno dei componenti attivi dell'Olio, non attraversava la barriera emato-encefalica. Una nuova ricerca finanziata dal PM indica pero` il contrario. Il dott. Eric Murphy dell'Università' del Sud Dakota, usando acido erucico marcato radioattivamente, ha dimostrato che esso passa la barriera emato-encefalica del topo e che, nonostante una parte di esso venga metabolizzata, un rimanente 40% resta nel cervello." PROGETTO MIELINA

"L'acido erucico è un acido carbossilico appartenente alla classe dei cosiddetti acidi grassi.
Insolubile in acqua, è solubile invece in metanolo ed etanolo.
Il suo estere glicerico costituisce fino al 50% dell'olio dei semi di colza, girasole e senape.
Il suo estere metilico trova impiego in gascromatografia come sostanza standard di riferimento in alcune applicazioni.
Viene impiegato principalmente nella produzione di emollienti e tensioattivi." WIKIPEDIA

"Si ricava dai semi di Brassica napus oleifera e di Brassica campestris, della famiglia delle crucifere. L'olio che si ottiene contiene una notevole quantità di acido erucico, una sostanza che viene metabolizzata con difficoltà dal nostro organismo umano e che si accumula nei grassi del muscolo cardiaco, causando alterazioni.
La legge impone che nell'olio di semi vari e nelle margarine non sia presente una quantità maggiore al 5% di acido erucico. Dato che l'acido erucico è di fatto un veleno per il nostro organismo, perché consentirne l'uso anche solo di una piccola percentuale?" WWW.CIBO360.IT

fabio bredolo 12.01.06 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Stasera alla radio ho sentito una pubblicità che invitava a recarsi nei supermercati COOP per aderire alla raccolta di firme per la liberazione della vendita dei medicinali nei supermercati. Alla luce delle esperienze precedenti non mi sembra che la liberazione del mercato abbia procurato dei veri vantaggi per i cittadini quanto per gli intermediari commerciali (per anni tanti anni il latte in polvere nei supermercati è costato un'esagerazione come in farmacia. Non so quanto farà bene alla nostra salute avere a disposizione comode e in bella vista tante medicine che magari non ci sarebbe venuto in mente di poter usare... sopratutto senza sapere le interazione che un farmaco ha con l'altro.
Chiara

Chiara Coffrini 10.01.06 23:03| 
 |
Rispondi al commento

http://www.mednat.org/alimentazione/bevete_latte.htm

Ciao a tutti,
mi chiamo Majka e sono di Modena. Sono nuova del blog e faccio questo piccolo intervento per concentrare la vostra attenzione su questo articolo che mette in risalto il Latte vaccino, quello che noi esseri umani beviamo, come inquinante e portatore di batteri e malattie.
Non sto cercando di convincere la gente a seguire l'alimentazione vegetariana, anzi, sono una persona comune che segue la classica alimentazione, fino a poco tempo fa anche a base di latte..
Dateci solo un'occhiata e poi fatemi sapere cosa ne pensate.

Majka

Majka Rossi 06.01.06 22:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.mednat.org/alimentazione/bevete_latte.htm

Ciao a tutti,
mi chiamo Majka e sono di Modena. Sono nuova del blog e faccio questo piccolo intervento per concentrare la vostra attenzione su questo articolo che mette in risalto il Latte vaccino, quello che noi esseri umani beviamo, come inquinante e portatore di batteri e malattie.
Non sto cercando di convincere la gente a seguire l'alimentazione vegetariana, anzi, sono una persona comune che segue la classica alimentazione, fino a poco tempo fa anche a base di latte..
Dateci solo un'occhiata e poi fatemi sapere cosa ne pensate.

Majka

Majka Rossi 06.01.06 22:02| 
 |
Rispondi al commento

http://www.mednat.org/alimentazione/bevete_latte.htm

Ciao a tutti,
mi chiamo Majka e sono di Modena. Sono nuova del blog e faccio questo piccolo intervento per concentrare la vostra attenzione su questo articolo che mette in risalto il Latte vaccino, quello che noi esseri umani beviamo, come inquinante e portatore di batteri e malattie.
Non sto cercando di convincere la gente a seguire l'alimentazione vegetariana, anzi, sono una persona comune che segue la classica alimentazione, fino a poco tempo fa anche a base di latte..
Dateci solo un'occhiata e poi fatemi sapere cosa ne pensate.

Majka

Majka Rossi 06.01.06 22:01| 
 |
Rispondi al commento

http://www.mednat.org/alimentazione/bevete_latte.htm

Ciao a tutti,
mi chiamo Majka e sono di Modena. Sono nuova del blog e faccio questo piccolo intervento per concentrare la vostra attenzione su questo articolo che mette in risalto il Latte vaccino, quello che noi esseri umani beviamo, come inquinante e portatore di batteri e malattie.
Non sto cercando di convincere la gente a seguire l'alimentazione vegetariana, anzi, sono una persona comune che segue la classica alimentazione, fino a poco tempo fa anche a base di latte..
Dateci solo un'occhiata e poi fatemi sapere cosa ne pensate.

Majka

Majka Rossi 06.01.06 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono capitata su questo sito assolutamente per caso e ho cominciato a leggiucchiare qui e là giusto per curiosità... Ma questo messaggio di questa VAlentina mi fa proprio specie! A 28 anni le hanno messo un pezzo di metallo nel cuore e invece di ribellarsi e magari mettersi in cammino per cercare una soluzione "vera" al suo problema, si incazza con Grillo che invita a disertare le mammografie!

Io ho un nodulo a un seno da 5 o 6 anni e mi sono sempre rifiutata di fare una mammografia perché, per logica, se una il cancro non ce l'ha ancora, con una mammografia all'anno per 10 anni le viene di sicuro... Quando l'ho scoperto volevano subito farmi la biopsia e probabilmente mi avrebbero anche subito operato *per precauzione*... ebbene, sono convinta che se mi fossi infilata in quel tunnel a quest'ora sarei già morta... Pensate a tutte quelle poverette che magari hanno un nodulo innocuo, e si fanno irradiare anno dopo anno "per tenerlo sotto controllo", finché ovviamente il nodulo degenera, e così poi possono finalmente operarle "in tempo"! Vi giuro che a me sembra tutto così chiaro e lampante che non riesco a credere che la maggior parte della popolazione non veda il nesso tra queste cose...

Su un qualsiasi manuale di medicina interna si può trovare scritto che un terzo degli operati di cancro alla tiroide aveva fatto in precedenza almeno una radiografia alla cervicale! E tutti continuano tranquilli a prescrivere e a fare radiografie alla cervicale come se nulla fosse...

Al medico che più sotto parla di familiarità per il cancro al colon dico che tre dei miei nonni sono morti di tumore... e tutti avevano vissuto nei mesi immediatamente precedenti esattamente i conflitti descritti dal dottor Hamer per quei 3 diversi tipi di tumore... E io dovrei andare a fare una colonscopia per "precauzione"?!? Per poi scoprire magari che ho un polipo, che magari è lì da vent'anni e non ha mai dato fastidio a nessuno (al mondo c'è posto per tutti...)!?!?

Ho sentito che il sistema sanitario dei cinesi è basato su un sistema di remunerazione dei medici che è inversamente proporzionale al numero di visite effettuate e alla quantità di farmaci prescritti? Se un medico fa troppe visite e prescrive troppi farmaci significa che non è sufficientemente bravo a prevenire e a curare e quindi: stipendio decurtato! I cinesi non mi sono particolarmente simpatici per vari motivi, ma mi sembra un sistema estremamente logico e coerente... il nostro li farà sbellicare dalle risate: tutti quei soldi spesi per avere una popolazione sempre più malata!!!

Tre o quattro anni fa ho scoperto di avere due calcoli alla cistifellea grossi come due olive... prima sembrava che dovessi morire da un momento all'altro se non mi fossi operata (avevano già preso l'appuntamento con il chirurgo!), poi scava, scava scopro che i calcoli veramente pericolosi sono quelli piccolissimi che si possono infilare nei vari canali, gli altri in realtà si possono anche lasciare dove sono, per lo meno finché non provocano altri disturbi... non mi sono mai più accorta di avere i calcoli e non ho mai avuto altri disturbi!!!

Spero ardentemente che qualcuno che legge il mio commento e ha qualche disturbo anche apparentemente grave, cominci ad avere il coraggio di vedere le cose per quello che sono (e le malattie per quello che indicano) e non per quello che vogliono fargli credere i medici, spesso neppure per interesse (comunque tutti sanno che ogni operazione frutta al chirurgo un tot di punti... e daranno SICURAMENTE anche un premio a chi impianta un tot di defibrillatori l'anno... meno male che almeno il controllo dell'apparecchio non lo fanno pagare a noi!) ma semplicemente per ignoranza... intendo ignoranza dei meccanismi che regolano *veramente* i processi vitali dell'organismo...

Se il coraggio vi manca, provate a fare 15 giorni di digiuno e poi vedrete che non avrete più paura di niente, neppure di morire, se proprio così dev'essere (e sarebbe comunque, anche se vi faceste operare o vi sottoponeste a costose e/o devastanti terapie)!

Silvia

Silvia Delgado 05.01.06 03:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti,

volevo rispondere al Sig. Silva: io credo che prima di lanciare delle accuse sull'etica delle persone bisogna conoscere bene il settore; quando un direttore commerciale parla di aumentare le vendite di un prodotto probabilmente si sta riferendo alla possibilità di togliere delle fette di mercato ai diretti concorrenti e non all'aumento globale del consumo di quel farmaco.Oppure ha dei dati in mano che testimoniano che quel tipo di farmaco viene utilizzato sempre di più perchè magari sostituisce dei farmaci di vecchia generazione con effetti collaterali maggiori.....sai la scienza fa progressi!Io credo che ognuno debba occuparsi di quello che sa fare, anche se naturalmente è giustissimo informarsi su tutto, ma non lanciare accuse gratuite su un settore che ha gia abbastanza problemi, anche a causa della scarsa eticità, ma magari in altre situazioni.
Grazie


Michele

Michele Autuori 30.12.05 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Per Fabrizio Cosma.

In relazione al post del 28 maggio.

1°: eh no! e mica puoi scrivere un articolo come questo e poi liquidarci così?! Innanzi tutto quello che dici sembra essere l'uovo di colombo di tutti i mali economici....hai prove e documentazioni al riguardo?
2°: accenni appena, al termine del post, a monete alternative o materasso e a valute alernative. Di che cosa si tratta?
3°: Chi è Marcello Pamio?
Grazie.

maxemiliano giardini 23.12.05 10:52| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe,

sono una tua fan ma mi sono incazzata tantissimo nel sentirti blaterare contro la prevenzione.

Esami mirati, fatti durante la vita di noi tutti può evitare che molte malattie insorgano oppure consentire cure tempestive. Spesso queste sono L'UNICO MODO per sconfiggere o arginare TANTISSIME PATOLOGIE altamente diffuse!

Con quale coraggio inviti la gente a disertare esami del sangue, mammografie, colon-rettoscopie e quant'altro?

Andrai di persona a scusarti con le famiglie di chi muore perché ha seguito i tuoi folli consigli, per aver messo la gente sulla cattiva strada?

Bo... Cambiamo argomento.

Scrivo per riportare una cosa assurda: a 28 anni sono portatrice di un defibrillatore cardiaco (una specie di pace-maker), che va controllato ogni 6 mesi. In concomitanza con i controlli ingegneristici al mio apparecchio, vengo controllata anch'io: visita cardiologica ed elettrocardiogramma.

Questo avverrà per tutta la mia vita, quindi per altri 50 anni stando alle medie italiane.

Sono esente per patologia, ho tutte le esenzioni esistenti per patologie cardiache ma... Tutte queste esenzioni coprono solo la visita cardiologica e l'elettrocardiogramma: ogni 6 mesi devo invece pagare il controllo all'apparecchio.

In pratica, non è proprio CONTEMPLATO ai fini delle esenzioni che un paziente abbia un apparecchio cardiaco!


...Con chi me la devo prendere?

Valentina Madella 19.12.05 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono un medico di 36 anni,un clinico, quindi non faccio attivamente ricerca;sono uno di quelli che per il colon irritabile prescive innanzitutto sport e divertimento.
mi piace il lavoro che faccio ed il rapporto con le persone che incontro è la mia maggior fonte di nutrimento.
Tuttavia...ho un sogno più grande di me: la prevenzione! Faccio centinaia di colonscopie all'anno (si proprio quel brutto esame con quel lungo tubo nero)e lo faccio con l'assoluta convinzione che un esame fatto per tempo, quando il paziente non è ancora malato, quando non ha ancora sperimentato dolori lancinanti o emorragie imponenti, possa salvare la pelle ad un sacco di gente.
Ho appena terminato di vedere, con grande piacere, lo spetacolo in DVD e quindi sento il bisognio di dare la mia opinione.Una colonscopia dopo i 50 anni, in un individuo perfettamente sano, può permettere di diagnosticare un polipo che si asporta durante l'esame stesso e che, non diagnosticato in quanto incapace di dare sintomi, dopo 5-10 anni (cioè a 55 o 60)può essere già diventato un cancro, e non stiamo parlando di una patologia rara !!!
Se una persona ha familiarità per neoplasie del colon a maggior ragione dovrebbe anticipare l'esame endoscopico finchè è sano, senza aspettare i segni che spesso sono tardivi.
Una soluzione purgante il giorno prima dell'esame ed una procedura di circa 30 minuti, peraltro eseguibile anche in sedazione, sono davvero poca cosa se paragonate a ciò da cui ci si mette al riparo. IO non aspetto di vedere fumare il cofano della macchina per controllare il livelo dell'olio! So quanto deletria sia la ipermedicalizzazione della salute, quanto livore possa esserci nei confronti di una categoria parassitata da ragionieri del farmaco che non sanno più vedere un paziente nella sua interezza; ma attenti a non fare di tutta l'erba un fascio! A fianco di coloro che cercano di inventare nuovi malati per motivi commerciali vi sono persone che si spendono per scovare i malati di domani...in tempo

maxemiliano giardini 19.12.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

L'allarmismo è un pò la moda dei nostri tempi o meglio di alcuni paesi che giocano con la paura della gente per chissa quali motivi?..La gente che ha paura è come topi in gabbia, facili da gestire. Un pò come il porto d'armi negli stati uniti, che i più tardi credono sia un possibilità in più per difendersi ed invece.. sono solo dei cagasotto, lo dimostra per esempio la differenza del tasso di morti ammazzati tra USA(altissimo)e Canada ..e pensare che sono confinanti. Comunque per tornare al nostro discorso, la medicina fa passi in avanti e penso che sia doveroso sfruttare le nuove tecnologie.. io mi sento più protetto sapendo che posso essere in tempo per curarmi, quando magari prima non era possibile! ma il filo tra l'uso e l'abuso e molto sottile e sta nelle mani di poche persone oppure di tutti noi dal primo all'ultimo!!

Carlo Guerriero 17.12.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

ogni anno con l'arrivo del freddo ma forse anche prima già dal 16 agosto ti dicono che arriverà una mortale influenza e che ci si deve vaccinare. l'informazione non fa altro che parlare di vaccini quando si possono dare tanti consigli utili come; proteggersi dal freddo, l'alimentazione adeguata, riposo, integrare oligoelementi ecc. invece no ti dicono solo che esiste il vaccino ma poi quale vaccino ti fanno se non sanno quale influenza arriva, lo scorso anno a marzo non era ancora arrivata l'influenza ora questa aviaria mortale sembra creare più paura che informazione ma prima o poi ci indovineranno ci sarà un anno che arriverà un virus letale per forza matematica perchè se lo dici ogni anno prima o poi tra 100 o 200 anni ci indovini è una questione di probabilità. comunque tranquilli hanno impedito ai polli di venire in Italia bloccando le importazioni ma poi gli umani possono prendere l'aereo e andare in Vietnam, dove è la differenza?

@ angelo ercolani 14.11.05 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Bebbe, mi sono collegata al sito www.worstpills.org un pò per curiosità, un pò perhè essendo del settore avrei potuto leggerlo da un punto di vista obbiettivo, sicuramente diverso sarebbe stato se mi fossi connessa ad un sito in cui si parla di politica o di economia e commercio!!! A quel punto avrei dovuto chiedere a te "che sei un comico" un parere tecnico.
Sono andata alla pagina di "search index" è ho fatto una ricerca per nome del farmaco.
Sono rimasta positivamente colpita per due principali motivi: il primo è che grazie al fatto che i farmaci sono indicati sia per nome commerciale che per nome della molecola, la ricerca è facilmente fattibile anche ai non addetti ai lavori. Secondo: effettivamente è un sito affidabile (non per dubitare della tua integrità ma è sempre meglio essere come San Tommaso, almeno nel mio mestiere), ho potuto notare che varie molecole comercializzate da numrose case farmaceutiche vengono etichettati come "do not use" specificando che a parità di efficacia o di prezzo o di altro...,non sono migliori di altri farmaci.Ad onor del vero devo dire che ai medici arriva periodicamente un bollettino, edito dal Ministero della Salute dove queste cose vengono dette e ridette, così come vengono riportati i risultati di meta-analisi di studi scientifici con le loro rispettive conclusioni (ovviamente questi lavori non sono sponsorizzati dal case farmaceutiche.Peccato che le informazioni non siano accessibili on line, però nello stesso sito vi è l'indicazione di un numero verde al quale "operatori qualificati" rispondono ai quesiti sui farmaci, posti anche dai pazienti. Perchè non provare?
Complimenti per il blog.
Continua così, sei un Grande.

Cristina Linea 14.11.05 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Nell'ottocento il medico ungherese Ignac SEMMELWEIS ridusse di oltre 20 volte i decessi da parto con una semplice misura: obbligare il personale medico che entrava in contatto con le partorienti a LAVARSI LE MANI.
Perché dico ciò ?
Semplicemente perché sempre più spesso mi capita di essere visitato da dottori che non si lavano le mani.
Un esempio è il medico di base; ma potrei aggiungere anche l'oculista, il quale a volte fa entrare i pazienti a contatto di macchinari senza averli disinfettati tra una visita e l'altra (pensate se qualcuno avesse una congiuntivite...); potrei aggiungere il dermatologo il quale magari ha appena esaminato le verruche di qualcuno e poi stringe, sorridendo, la mano al paziente successivo.
C'è da pensarci... non trovate ?
Un saluto a tutti.

Fulvio Catto 08.11.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento

La salute (da O.M.S) è l'esito della risposta ai bisogni psico-fisici fondamentali dell'uomo.Ma essendo la società in continua e(in)voluzione, bisogna stare al passo coi tempi,perlomeno per giostrarcisi. Ritengo fondamentale il riposo,lo sport, il buon cibo e degli ambienti sociali adeguati e collaudati (dal tempo!).E ricordarsi ogni giorno che la persona a cui dobbiamo voler più bene siamo noi stessi...ciao a tutti

Isabella Cerri 06.11.05 07:04| 
 |
Rispondi al commento

scusate, sono poco pratico di blog vari, ho sbagliato a mandare il mio commento, l'ho iunviato ben3 volte, quello finale che volevo postare è il secondo qui sotto, il primo e il terzo sono incompleti o non definitivi. Scusate ancora il furto di spazio e la noia arrecata.
Cordialità
Filippo Rossi

filippo rossi 03.11.05 16:08| 
 |
Rispondi al commento

''una appendicite si cura in 7 giorni e tu dopo i 7 giorni vieni proprio buttato fuori altrimenti il costo della tua degenza è a completo carico dell'ospedale...che ci perde,,,così se un vecchietto muore sul tavolo operatorio lo stato nn paga perchè bisognava valutare bene le aspettative di vita e la qualità di vita del paziente.così capita che se il vecchietto è cardiopatico,o con il diabete o se è solo malnutrito e disgraziatamente ha una diverticolite,infiammazione all'intestino,cosa assai frequente il chirurgo lo scarica in un reparto di lunga degenza,e se ne lava le mani,il poveretto nn sarebbe in grado di sopportare una operazione e nessuno si sforzerebbe di moglioragli la salute per fargli subire l'operazione che gli salverebbe la vita.il vecchietto muore tra i dolori lancinanti in un letto d'ospedale perchè per legge nn gli si può dare la morfina''
-> le appendicectomie di solito vengono dimesse in 3°-4° giornata postoperatoria, non in 7°, e comunque non ho mai visto nessuno essere dimesso con dei problemi in atto (febbre etc..)
2. somministrare morfina non è assolutamente illegale
3.una persona molto anziana e debilitata si opera solo in caso di stretta necessità, in quanto il suo fisico probabilmente non reggerebbe neppure l'induzione dell'anestesia, figuriamoci un intervento chirurgico; trovo molto più umano tentare con metodi conservativi (es: farmaci), se poi non si riesce in estrema ratio si propone anche l'intervento.

Attraverso un microchip installato sotto la pelle, i medici potranno monitorare lo stato di salute del "paziente" sano in ogni momento e curarlo prima che nascano i problemi.
->ma hai visto star trek? comunque se i medici potessero dirmi in tempo che sto per sviluppare un tumore, io, sinceramente, quel microcip me lo farei installare, non so voi, una messa val bene la Francia!

reputo molto interessanti le teorie del dottor Hamer, che attribuisce ad ogni malattia (sclerosi compresa) una causa psicosomatica (proveniente nella

filippo rossi 03.11.05 16:01| 
 |
Rispondi al commento

''una appendicite si cura in 7 giorni e tu dopo i 7 giorni vieni proprio buttato fuori altrimenti il costo della tua degenza è a completo carico dell'ospedale...che ci perde,,,così se un vecchietto muore sul tavolo operatorio lo stato nn paga perchè bisognava valutare bene le aspettative di vita e la qualità di vita del paziente.così capita che se il vecchietto è cardiopatico,o con il diabete o se è solo malnutrito e disgraziatamente ha una diverticolite,infiammazione all'intestino,cosa assai frequente il chirurgo lo scarica in un reparto di lunga degenza,e se ne lava le mani,il poveretto nn sarebbe in grado di sopportare una operazione e nessuno si sforzerebbe di moglioragli la salute per fargli subire l'operazione che gli salverebbe la vita.il vecchietto muore tra i dolori lancinanti in un letto d'ospedale perchè per legge nn gli si può dare la morfina''
-> le appendicectomie di solito vengono dimesse in 3°-4° giornata postoperatoria, non in 7°, e comunque non ho mai visto nessuno essere dimesso con dei problemi in atto (febbre etc..)
2. somministrare morfina non è assolutamente illegale
3.una persona molto anziana e debilitata si opera solo in caso di stretta necessità, in quanto il suo fisico probabilmente non reggerebbe neppure l'induzione dell'anestesia, figuriamoci un intervento chirurgico; trovo molto più umano tentare con metodi conservativi (es: farmaci), se poi non si riesce in estrema ratio si propone anche l'intervento.

Attraverso un microchip installato sotto la pelle, i medici potranno monitorare lo stato di salute del "paziente" sano in ogni momento e curarlo prima che nascano i problemi.
->ma hai visto star trek? comunque se i medici potessero dirmi in tempo che sto per sviluppare un tumore, io, sinceramente, quel microcip me lo farei installare, non so voi, una messa val bene la Francia!

reputo molto interessanti le teorie del dottor Hamer, che attribuisce ad ogni malattia (sclerosi compresa) una causa psicosomatica (proveniente nella maggior parte dei casi dalla prima infanzia).
->purtroppo non è così, per es:pensa alle malattie genetiche, il nostro DNA non è una cosa che si possa influenzare con la psiche; ma anche più banalmente pensa alle malattie infettive: non è che se mi inietto il virus dell'HIV andando in psicoterapia posso guarirne, magari fosse così facile. E secondo me chi lo sostiene banalizza l'argomento e inganna la gente. Però ammetto che evidentemente c'è chi preferisce credere a questo piuttosto che alla realtà, e questo è dura da digerire per un medico.

Il direttore commerciale di allora (Schultze mi sembra) ci fece vedere delle belle diapositive spiegando che l'obiettivo per l'anno seguente era di aumentare le vendite di un tot per cento. Ed io rimasi come un cretino, perchè, dentro di me, dicevo: 'ma qui si parla di medicine, non di frigoriferi. Se servono se ne venderà di più, altrimenti di meno.
->si possono aumentare le vendite rendendo il proprio prodotto più noto o più affidabile di altri farmaci analoghi e concorrenti, non è che si devono vendere farmaci ai sani, semplicemente si cerca di vendere di più a chi ne ha già bisogno vincendo sulla concorrenza di altre marche e creando un prodotto migliore, non ci vedo nulla di male.

Mi dispiace fare l'avvocato del diavolo, sono un simpatizzante di Beppe, ma davanti agli estremismi non riesco a starmene zitto. Ovviamente errori in medicina se ne sono fatti tanti e altri ne faremo, ma cerchiamo di migliorare, cosa che altri non fanno. L a medicina comunque è noto che non sia una scienza esatta, in fondo, come diceva un mio compagno si studi: ma perchè non ci hanno fatto con 2 ruote e un telaio!

filippo rossi 03.11.05 16:00| 
 |
Rispondi al commento

''una appendicite si cura in 7 giorni e tu dopo i 7 giorni vieni proprio buttato fuori altrimenti il costo della tua degenza è a completo carico dell'ospedale...che ci perde,,,così se un vecchietto muore sul tavolo operatorio lo stato nn paga perchè bisognava valutare bene le aspettative di vita e la qualità di vita del paziente.così capita che se il vecchietto è cardiopatico,o con il diabete o se è solo malnutrito e disgraziatamente ha una diverticolite,infiammazione all'intestino,cosa assai frequente il chirurgo lo scarica in un reparto di lunga degenza,e se ne lava le mani,il poveretto nn sarebbe in grado di sopportare una operazione e nessuno si sforzerebbe di moglioragli la salute per fargli subire l'operazione che gli salverebbe la vita.il vecchietto muore tra i dolori lancinanti in un letto d'ospedale perchè per legge nn gli si può dare la morfina''
-> le appendicectomie di solito vengono dimesse in 3°-4° giornata postoperatoria, non in 7°, e comunque non ho mai visto nessuno essere dimesso con dei problemi in atto (febbre etc..)
2. somministrare morfina non è assolutamente illegale
3.una persona molto anziana e debilitata si opera solo in caso di stretta necessità, in quanto il suo fisico probabilmente non reggerebbe neppure l'induzione dell'anestesia, figuriamoci un intervento chirurgico; trovo molto più umano tentare con metodi conservativi (es: farmaci), se poi non si riesce in estrema ratio si propone anche l'intervento.

Attraverso un microchip installato sotto la pelle, i medici potranno monitorare lo stato di salute del "paziente" sano in ogni momento e curarlo prima che nascano i problemi.
->ma hai visto star trek? comunque se i medici potessero dirmi in tempo c

filippo rossi 03.11.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
sn un laureando in medicina.volevo fare due chiacchere conte riguardo la sanità pubblica in italia.E' noto a tutti che in italia il principio che la salute è un bene di tutti è sacrosanto,infatti molto spesso quando vado in ambulanza a prendere turisti stranieri si preoccupano di farmi sapere che loro hanno l'assicurazione sanitaria ed enunciano il loro codice.quindi devo sempre dir loro di star tranquilli che il soccorso pubblico è gratis per tutti e di stare tranquilli...bella soddisfazione.
ma da tirocinante debbo confessarti che vedo moolta gente morire....in ospedale con dolori lancinanti.
motivo:la mitica riforma fatta dalla bindi,infatti gli ospedali sn aziende,come tali devono rispettare un fatturato,e per avere i soldini devono rispettare i drg...ovvero un elenco di prestazioni con le rispettive giornate di degenza stabilite dalla legge.così una appendicite si cura in 7 giorni e tu dopo i 7 giorni vieni proprio buttato fuori altrimenti il costo della tua degenza è a completo carico dell'ospedale...che ci perde,,,così se un vecchietto muore sul tavolo operatorio lo stato nn paga perchè bisognava valutare bene le aspettative di vita e la qualità di vita del paziente.così capita che se il vecchietto è cardiopatico,o con il diabete o se è solo malnutrito e disgraziatamente ha una diverticolite,infiammazione all'intestino,cosa assai frequente il chirurgo lo scarica in un reparto di lunga degenza,e se ne lava le mani,il poveretto nn sarebbe in grado di sopportare una operazione e nessuno si sforzerebbe di moglioragli la salute per fargli subire l'operazione che gli salverebbe la vita.il vecchietto muore tra i dolori lancinanti in un letto d'ospedale perchè per legge nn gli si può dare la morfina.QUESTO AVVIENE QUOTIDIANAMENTE,MI FA PAURA INVECCHIARE PER POI MORIRE TRA I DOLORI DELL'INTESTINO IN PUTREFAZIONE.

Giuseppe Ragusa 29.10.05 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Ultimamente ho comprato un preparato per cappuccino molto gustoso e leggendo l'etichetta, ho notato le parole "Olio vegetale idrogenato".
la legge consente di usare descrizioni molto vaghe nell'indicare ingredienti di un prodotto; informandomi molto bene, ho scoperto che quest'olio è composto da quello di girasole o da quello di colza (nocivo per la crescita, sul fegato e sul cuore per colpa dell'acido erucico!)
Ma cos'è l'idrogenazione? E' un processo chimico che fà solidificare i liquidi, in questo caso, con l'olio vegetale otteniamo la margarina, che qualitativamente è peggiore del burro!
Allora noi che dobbiamo fare!??!?
Evitare prodotti con grassi idrogenati o margarina (anche quelli non idrogenati); scartare gli alimenti con dicitura vaga e sostituirli con quelli con una descrizione più profonda, se non esiste, dato che nell'elenco degli ingredienti essi sono elencati in ordine di quantità, è importante che la dicitura grasso, olio o margarina non sia fra le prime! Notare bene che i grassi idrogenati sono SEMPRE PERICOLOSI, mentre i grassi vegetali lo sono se non assunti con moderazione...infatti come i grassi saturi.
Spero che questa cosa faccia riflettere, ma soprattutto c'è una cosa che mi fà molto rabbia, che nessuno fà nulla per informare il cittadino di queste cose (ormai in Italia l'ASSENTE informazione è una consuetudine) e che non esista legge che consenta di specificare cosa c'è dentro a quello che ci IMPONGONO al supermercato ...provate a guardare dove nn è presente l'olio vegetale o la margarina! vi mettete paura! E' presente anche nei cibi più impensabili!
Facciamo girare queste notizie, perchè noi nn stiamo al mondo per mandare avanti le aziende!

Alessandra Boccanera 21.10.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,

andate a leggere l'articolo:
BEPPE GRILLO: IL "BUFFONE DI CORTE" DEL MONDIALISMO
nella sezione NEWS DEL FUTURO sul sito:

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

Saluti da Gaspare

petralia gaspare 12.10.05 14:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao,
qualcuno sa come sono cambiati i valori relativi all'ipertensione dal 2004 al 2005? cioè con quali valori una persona veniva e viene ora considerata ipertesa? gentilmente potreste citarmi anche la fonte dell'informazione.
Saluti e grazie,

Mario

mario riva 11.10.05 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei segnalare questo www.disinformazione.it/vitaminac.htm articolo che parla dei benefici medicinali dell'acido ascorbico conosciuto come Vitamina C.

Riccardo Forestieri 09.10.05 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei segnalare questo articolo che parla dei benefici medicinali dell'acido ascorbico conosciuto come Vitamina C.

Riccardo Forestieri 09.10.05 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e bravo per quello che fai. Non sei un comico, non sminuirti. Tu sei un agricoltore di cervelli. Semini il dubbio per far nascere la pianta della conoscenza. Altro che comico. Un comico è Bush. Vengo al dunque.
Anni fa lavoravo in una grande azienda farmaceutica tedesca, la Bayer. Lavoravo all'Informatica. L'azienda ebbe l'idea di farci fare degli incontri con tutte le direzioni per farcela conoscere meglio. Il primo incontro fu proprio con la Direzione Farmaceutica. Il direttore commerciale di allora (Schultze mi sembra) ci fece vedere delle belle diapositive spiegando che l'obiettivo per l'anno seguente era di aumentare le vendite di un tot per cento. Ed io rimasi come un cretino, perchè, dentro di me, dicevo: 'ma qui si parla di medicine, non di frigoriferi. Se servono se ne venderà di più, altrimenti di meno. Come si può pensare di venderne di più a prescindere dallo stato di sallute degli italiani ?'. ieri, vedendo il tuo DVD mi è subito venuto in mente l'episodio. Hai pienamente ragione sull'etica di questa gente.

Mirko Silva 08.10.05 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Help, sono vittima di una lobby politico mafioso,
qualcuno può darmi un consiglio utile?
Ho querelato un medico famoso per negligenza professionale, sono rimasto invalido a causa sua e nessuno mi da una mano perchè sono un "poveraccio".
Help milojhon@katamail.com

milio jhon 08.10.05 12:59| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe, ieri ho visto il tuo spettacolo e a un certo punto hai detto che nel tuo sito è presente un elenco dei farmaci da evitare assolutamente, ma non riesco a trovarlo, inoltre volevo chiederti se sai qualcosa dell'alcover e della sua presunta o meno nocivita'

antonio pasqua di bisceglie 01.10.05 11:46| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe

volevo segnalarvi il forum del sito miodesopsie.it ,dedicato a una patologia della vista SENZA SOLUZIONE e ignorata dalla medicina ufficiale

www.miodesopsie.it/forum

Grazie ciao ^_^

maria viteritti 27.09.05 01:34| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
nel tuo dvd con lo spettacolo presentato a Roma parli di un sito con in cui ci sono scritte tutte le malattie che in realtà sono non-malattie. Mi interesserebbe molto visitarlo ma non sò l'indirizzo, mi poteresti inviare l'idiizzo internet?
Ti ringrazio anticipatamente
P.S.
complimenti per il tuo operato, e spero che andando avanti così si riuscirà a cambiare qualcosa di questo schifoso sistema!!!

roberto celli 23.09.05 22:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
sono un nuovo iscritto e questo e il mio primo commento. da qualche mese vivo all estero, in olanda, e sono rimasto francamente stupito dal sistema sanitario che hanno da queste parti...quando ti iscrivi ti danno una tessera magnetica nella quale e registrata ogni tua prestazione sanitaria, farmaceutica ed ospedaliera. c'e il nome del tuo dottore e la farmacia nella quale devi andare, cosi in ogni momento controllano quante medicine, di che marca e tipo quel medico sta prescrivendo e a chi (da queste parti vacanze alle seichelles mascherate da meeting di lavoro non usano per comperare i medici). quando devi andare dal medico, devi telefonargli anche per un cerotto, ma in cambio aspetti non piu di 5 minuti invece delle due ore e mezza di attesa media in italia. per il pronto soccorso ed il night care ci sono dei servizi eccellenti, mentre per quanto riguarda i bambini c e un istituto che si prende cura del tuo bambino dalla nascita ai 18 anni.qui i bimbi nascono a casa (in ospedale solo se ci sono problemi particolari) ma per i primi 15 giorni la mamma avra un assistente in casa per tutte le necessita...naturalmente non c e la figura del pediatra come in italia, perche tutto e a cura dell istituto per la cura dei bambini....ah....dimenticavo....tutto questo e completamente GRATIS...cosa ne pensate?

sandro giovannetti 20.09.05 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Paolo Dorigo n.2 progressivo 16.09.05 01:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
il problema dei microchip installati su persone-cavia, non solo su detenuti, e di armi simili, biologiche, ultrasuoni, lo affrontiamo io ed altre persone colpite, non più solo sul mio sito, sorto durante la battaglia condotta con numerosi scioperi della fame dopo il maggio 2002 (inizio tortura controllo mentale per impedirmi revisione processuale su sentenza CEDU confermata CE), ma anche sul sito www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org. Ci aiuti ! Stiamo cercando adesioni per una conferenza stampa sul problema prima di Natale.
Saluti comunisti (è la mia ideologia, ancora buona se non si lecca come fan quasi tutti)
Paolo Dorigo

Paolo Dorigo n.1 progressivo 16.09.05 01:47| 
 |
Rispondi al commento

* ERRATA CORRIGE : si alza la glicemia nel sangue non l'insulina.

chiara cavallon 15.09.05 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Alle case farmaceutiche non interessa curare malattie come diabete,ipertensione,colesterolo,obesità...perchè vogliono vendere i loro prodotti!

Sono stata dal dott. LEMME e sono dimagrita 8 kg in un mese mangiando. Ho scoperto cose interessanti riguardo all'effetto biochimico del cibo sul nostro corpo.
Ha spiegato che per i diabetici è più dannoso il sale dello zucchero..in quanto lo zucchero per essere assorbito dall'intestino ha bisogno del sale..per cui se il sale è in eccesso lo zucchero passa velocemente nel sangue alzando l'insulina.
E' stato fatto un esperimento in una casa do riposo...hanno tolto il sale aggiunto ed è stata dimezzata la dose di insulina!
-
Molte persone imparando questo nuovo modo di alimentarsi del dott. Lemme (che comprende varie regole) non solo sono dimagrite ma hanno regolarizzato pressione,colesterolo,diabete e normalizzato il livello ormonale.

- Questo messaggio non vuole essere un promo per questo farmacista...ma un imput per pensare che molte "patologie" sono create o non volutamente curate dalla classe medica o dalle case farmaceutiche.

chiara cavallon 15.09.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono una ragazza di 27 anni e ho la sclerosi multipla. Mi sto informando sulla metamedicina, cioè su medicine alternative alla medicina tradizionale. In particolare, reputo molto interessanti le teorie del dottor Hamer, che attribuisce ad ogni malattia (sclerosi compresa) una causa psicosomatica (proveniente nella maggior parte dei casi dalla prima infanzia).
Vorrei sapere se c'è qualche altra persona che si interessa all'argomento. Per le aziende farmaceutiche, non sarebbe certo un grande affare se molte malattie si potessero curare con la conoscenza del proprio inconscio anzichè con le loro medicine... In particolare, la sclerosi multipla è una gallina dalle uova d'oro per le aziende farmaceutiche (Shering e c.), in quanto è una malattia che dura decenni, e quindi decenni di cure...

Cristina Ferretti 07.09.05 23:03| 
 |
Rispondi al commento


ciao Beppe,

Ho visto il tuo spettacolo a verona 4/9/05. Bravissimo. Cattivissimo. Bene.

Sono un medico. Ci tenevo a dirti la mia.

Credo che su questioni importanti bisogni distinguere quello che tira x la gente e ciò che è importante.
La pervenzione è 1 di questi. come tipo di medicina è quella che, se fatta bene, costa di meno (allo stato e al paziente) sia soldi che danno biologico. Prevenire un ICTUS o infarto vuol dire prevenire invalidità e futuro di malattie (quindi soldi).
Ovviamente ci vuole testa, ma come concetto è estremamente corretto. Ti voglio segnalare Dott. De Feo (perugia) o anche Tumiletho (helsinki) che con metodo scientifico hanno dimostrato che regolare attività fisica guarisce diabete, colesterolo pressione e malattie cardiovascolari. Solitamente se si trovasse un nuovo farmaco che facesse tutte queste cose lo si divulgherebbe con grande enfasi e sarebbe messo in fascia A (gratis). La prescrivibilità di questa terapia è ben lungi dall'essere possibile! come mai?

Quindi: OK comportamento sleale case farmaceutiche. Ma come tipo di intervento la prevenzione va enfatizzata= mi sembra irresponsabile definire malattia=sintomo. Ci sono molte malattie asintomatiche molto gravi (i.e. diabete che porta danno occhi/rene fino cecità/dialisi se non curato da subito.

grazie,
continua a lavorare per noi
ciao francesco

Francesco Bifari 07.09.05 22:21| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di salute una cosa che mi fa incazzare è il dover pagarmi le medicine per un decreto legge fatto nel novembre 2004. Infatti io - pensionato - soffro da parecchi anni di ipercolesterolemia famigliare. Fino all'anno scorso le medicine erano in classe A quindi gratis. Al contrario di quanto l'etica impone, il governo ha deciso che per la prevenzione il malato deve pagarsi le medicine, al contrario per chi ha subito un'infarto le medicine sono gratuite !!
E quì viene il bello ! Le capsule si chiamano "Sinvacor" e sono distribuite in italia dalla ben nota Merck e hanno il principio attivo della simvastatina.
Dette capsule costano ALL'UNA Euro 1,83.= quindi al mese io dovrei spendere Euro 54,90.=
Per mia fortuna e penso anche quella di tanti altri io ho degli amici in Germania tramite i quali mi faccio arrivare le stesse identiche medicine ma con un'altro nome. L'elenco di tutte le medicine con il relativo prezzo si può visualizzare su internet al sito www.apoteke.de.
PER FINIRE IL COSTO DI QUESTA MEDICINA E' PARI A EURO 0,69.= CADUNA !!!! VIVA L'ITALIA !!

silvio dallabernardina 05.09.05 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo ad ADELINA PEROLLI. La stanchezza cronica è una delle tante cose non da sottovalutare. In pratica, non dipende solo da carenze alimentari e vitaminiche, ma anche se sei affetto da anemia: "Anemia da ferro, anemia da vitamine, da proteine o dalla classica anemia da globuli rossi". La patologia non ti permette di poter fare lavori abbastanza pesanti, perchè potresti facilmente perdere i sensi; non basta acqua e zucchero per riprenderti.
La morale è che ogni male, leggero o pesente quanto sia, non bisogna assolutamente sopprimerlo pensando alle credenze popolari. Per esempio quando ti gira la testa, non bisogna pensare che sia il cambiamento di tempo; devi essere desto e far attenzione a tutto ciò che fai; potrebbe essere dipeso dalla pressione bassa o alta o colpi di calore ecc.
Di prima persona siamo noi il nostro medico curante.

Giulio Russo 15.08.05 11:53| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO DI SALUTE,CARO BEPPE,TI è MAI CAPITATO DI SENTIR PARLARE DI MELATONINA?
IL NOSTRO CONNAZIONALE RICERCATORE DOTTOR WALTER PIERPAOLI HA DIMOSTRATO LE SUE ECCEZIONALI PROPRIETà (COME CURA,MA SOPRATTUTTO COME PREVENZIONE CONTRO LE MALATTIE DELL'INVECCHIAMENTO E NON SOLO). SICCOME LA MELATONINA COSTA POCO E NON è BREVETTABILE(QUINDI LE CASE FARMACEUTICHE NON POSSONO FARCI I SOLDI)PERCHè QUESTA SI ESTRAE DA VEGETALI(AD ES. I POMODORI),IN ITALIA IL PIERPAOLI NON è STATO MINIMAMENTE CAG....ATO! CONSIGLIO A TUTTI DI LEGGERE I SUOI LIBRI PER FARSI UN'IDEA,I QUALI SONO:
"120 E PASSA DI MEDIA" E "LA FONTE DELLA GIOVINEZZA".
COMUNQUE BASTA ANCHE ANDARE IN GOOGLE E DIGITARE LA PAROLA "MELATONINA" E DALL'ELENCO CHE SI APRE SELEZIONARE LA PRIMA DEFINIZIONE PER AVERE GIà UN'IDEA DELL'ARGOMENTO.
UN SALUTO A TUTTI E......BUONA SALUTE!

PAOLO TOMASI 14.08.05 01:44| 
 |
Rispondi al commento

Le ricerche di psiconeuroimmunologia degli ultimi 15 anni hanno incontrovertibilmente dimostrato che mente e corpo si influenzano a vicenda, in modo che sono determinanti per la salute non solo fattori fisici, ma anche, e molto, psicologici.
In Italia è obbligatorio negli ospedali l'assistente sociale e, in Lombardia a seguito di accordo regionale Chiesa-Regione, anche il sacerdote cattolico (due oltre i 300 letti, pagati con lo stipendio da infermiere) ma non c'è l'obbligo di asicurare la presenza di uno psicologo, nonostante che ormai numerose ricerche abbiano provato l'efficacia di trattamenti psicologici nella cura di numerose patologie.
Per informazioni cercare su Entrez PubMed le parole trattamenti psicologici, psiconeuroimmunologia ecc.
Non sarà il caso, prima di curare i sani di introdurre la psicologia come cura e prevenzione?

Valentina sciubba 12.08.05 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Beppe carissimo,
vorrei tanto che leggessi questa pagina:
http://www.salutemed.it/forum/viewtopic.php?topic=2129&forum=4&4
E' una delle tante che puoi trovare nel forum dei malati di CFS (sindrome da stanchezza cronica). Il nome di questa sindrome è una mera condanna per chi ne soffre, perchè tutti credono che ci sentiamo solo stanchi e invece siamo tanto malati, anche se per legge siamo
SANI COME UN PESCE...al mercurio, aggiungo io!
La nostra patologia non è ufficialmente riconosciuta e noi malati siamo abbandonati a noi stessi, spesso nell'indigenza piùà assoluta, perché, vedi, siamo così sani che dobbiamo smettere di lavorare.
In molti Paesi del mondo (Gran Bretagna, Belgio, Usa, Russia, Sud-Africa, Belgio, ecc..)la CFS è ufficialmente riconosciuta e il 12 maggio si celebra la giornata mondiale dei malati di CFS. E in questi stessi Paesi sono sorti Centri di assistenza, sono stati stanziati fondi per la ricerca e il malato è aiutato in molti modi.
NOI SIAMO ABBANDONATI al nostro triste destino.
Qualcuno ha detto che una Nazione è come una grande famiglia... sarà!...a me sembra che chi mangia è solo papà!
Un abbraccio caloroso (fa caldo!)...adelina

Adelina Perolli 10.08.05 01:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ho voglia di urlare ma non so in che direzione.
Il medioevo è ancora vivo nel presente e a dispetto di quello che si pensa non è racchiuso nei confini di quelle nazioni considerate retrograde da noi grandi paesi rispettabili e moderni, anzi in questo momento proprio noi Europei ci stiamo macchiando di un enorme, inimmaginabile ( e sto urlando) crimine contro tutta l'umanità, presente e futura.
Il dr. Ryke Geerd Hamer, che ha scoperto cinque leggi che rivoluzionano tutta la comprensione della diagnosi medica è rinchiuso in un carcere nella grande, potente e moderna Francia con l'accusa di "istigazione alla nuova medicina" PER IL SOLO FATTO DI AVER SCRITTO DEI LIBRI!!! La Santa Inquisizione era uno spettacolo di cabaret in confronto! Il più grande scienziato del nostro tempo, che ha scoperto qualcosa di paragonabile alle scoperte di Galileo non è premiato con un Nobel, non è finanziato per le ricerche che servirebbero a rendere uniforme la nuova medicina e salvare milioni di vite, ma viene chiuso in carcere perchè si permette di scrivere quello che ha scoperto e pubblicarlo!
Perché ? Perché Hamer viene chiuso in carcere? perché se è un vero criminale gli viene data una pena di tre anni al pari di un qualunque ciarlatano da quattro soldi? perché nessun giornale pubblica i dossier che vengono mandati da associazioni, pazienti, amici medici e terapeuti studenti di nuova medicina? perchè Amnesty international, AMNESTY INTERNATIONAL!! riceve un dossier in quattro lingue con la documentazione relativa alle due verifiche scientifiche fatte dall'università di Trnava e dal prof. Niemitz dell'università di Lipsia che verificano e provano la veridicità delle leggi biologiche scoperte da Hamer, la documentazione relativa alle porcherie ed errori procedurali fatti dalla santa inquisizione Francese di Chamberie che evidentemente hanno negato al dr Hamer un regolare procedimento, ricattandolo, torturandolo psicologicamente e fisicamente (il dr hamer ha 70 anni e lo hanno tenuto per due settimane senza vestiti in cella in attesa di destinazione senza poter contattare ne parenti ne avvocato), e AMNESTY INTERNATIONAL, risponde che non può farci niente , che in Francia non avvengono torture e che infondo se Hamer è in galera significa che è un delinquente!!! Ma allora perchè non lasciamo lapidare le donne adultere visto che hanno messo le corna ai mariti?! Amnesty International, l'ultima frontiera della vergogna, dello schifo della falsità che impera silenziosa e sovrana, che tira i fili di noi burattini inconsapevoli in attesa di diagnosi forzate e pseudo terapie che ci ammazzano senza lasciare colpevoli. BASTA Ma basta, ho visto un tuo spettacolo in dvd e ho riso quando ti sei indignato perchè Veronesi ha parlato male del basilico e hai giustamente urlato " A me il basilico non me lo tocca nessuno" e io ti rispondo " A me le persone che amo non me le tocca nessuno" e invece si possono toccarmele, possono uccidermele, e lo hanno fatto più volte, in buona o cattiva fede ma l'hanno fatto per colpa della totale ignoranza di leggi biologiche che a dispetto delle ridicole statistiche che imperano nella medicina attuale (20, 30 al massimo 40%) sono verificabili e vere NEL CENTO PERCENTO DEI CASI, e i casi studiati da Hamer non sono due , non sono mille, non sono diecimila ma centinaia di migliaia di casi documentati. Purtroppo mi è chiaro, che nessuno parlerà mai del caso di Hamer, perché questa cosa è pericolosa, è pericoloso uno scienziato che capisce come funziona il corpo umano e può spiegarlo alle persone, è pericoloso perché quando uno capisce le leggi biologiche non ha più paura delle malattie, capisce, e quando uno capisce diventa pericoloso perchè non può più essere gestito, pilotato, usato come cliente forzato dell'industria della medicina e come schiavo dei suoi baroni, e diventa maledettamente pericoloso. Ho voglia di urlare caro Beppe ma non ho abbastanza voce per farmi sentire da tutte le persone che potrebbero essere vittime oggi, domani, e dopodomani di questa manovra criminale. Il mio appello non è solo verso un caso di ingiustizia diretta nei confronti del dr. Hamer, è soprattutto un grido di rabbia nei confronti del più grande, silenzioso e impunito crimine verso il genere umano. La nuova medicina è stata verificata da università europee e gli Stati, i tribunali e naturalmente i baroni della medicina, si rifiutano di prendere in considerazione queste verifiche, se ne fregano, possono farlo, agiscono indisturbati tanto nessuno può parlarne, i giornalisti scrivono gli articoli e poi gli vengono censurati e vengono strigliati perché non si parla di hamer, non si può parlare di Hamer, ne bene ne male, non se ne parla e basta. A ottobre verrò a vedere il tuo spettacolo a Milano che è la mia città e spero tanto di sentire almeno due parole su questo crimine pazzesco. caro Beppe ti abbraccio ma ho tanta voglia di urlare.
Puoi trovare tutta la documentazione e le lettere di Amnesty sui siti www.nuovamedicina.com e su www.albanm.com

max gandossi 09.08.05 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ci si lamenta sempre delle code per esami (ed oggi in cima c'è chi ha mandato in malora la sanità nel Lazio, bah!)
Mi ricordo, ho 65 anni, che il medico di famiglia mi guardava la gola, le orecchie, provava la pressione, auscultava i polmoni, schiacciava il ventre, insomma 8 volte su 10 mi curava lui. Oggi il medico di famiglia è uno scribacchino e basta.
"Ti fa male la gola? Vai dall'Otorino" "Ti fa male la gamba vai dall'Ortopedico" E così via. Esami su esami quasi sempre inutili che ti dicono ciò che tu stesso sai già. E ECCO QUI LE CODE. O i medici di famiglia sono rincoglioniti o qualcuno ci marcia con i rimborsi per gli esami.

Sergio Leva 08.08.05 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Vi racconto una bella: io ho giocato per 15 anni a baseball. Facevo il laciatore, mettendo seriamente sotto sforzo i muscoli e tendini della spalla. Bene, a 17 anni circa la spalla mi inizia a fare male, sempre di più, fino ad arrivare al puno di non riuscire ad alzare il braccio a fine partita. Vado a farmi vedere e mi diagnosticano, inizialmente, solo un'infiammazione al capo breve, dandomi antiinfiammatori e consigliandomi una ginnastica pre-allenamento (che altro non era se non lo stretching che ho sempre fatto). Ma la spalla non accenna a sanare. Così vado al Centro Medicina per lo Sport a Milano, ma non trovano niente se non, appunto, un'infiammazione molto violenta, per la quale mi danno altri antiinfimmatori (più potenti) e ancora altro stretching. Ma la spalla continua a farmi male. Decido di rieffettuare gli esami e questa volta come per magia qualcuno consiglia una ecografia. Da questa si evidenzia una lesione al'attacatura del capo corto - o breve - (un tendine che tiene attaccato un muscolo del braccio alla spalla). Mi dicono che è da operare. Allora io (diciassette anni) gli chiedo quanto dura il decorso post-operatorio e quando avrei potuto riprendere l'attività agonistica. E qui c'è il bello: mi dicono che non è detto che l'operazione riesca e che anche se avesse avuto successo, non avrei dovuto comunque sforzare ancora la parte lesa!!!.... "cioè", gli chiedo, ancora diciassettenne, "mi faccia capire, lei mi dice che mi dovete tagliare, aprire intervenire, ricucire, magari mi rimane anche una bella cicatrice di ricordo, ma non mi garantite la guarigione o se me la garantite il tendine si può rispacare e quindi che non potrò ritornare a giocare?", "esatto", mi risponde il dottore, col sorriso sulle labbra. "No", gli rispondo "non c'è niente di lontanamente esatto qui dentro. Arrivederci".

Capito? Tempo dopo, due o tre anni fa (quindi circa 10 ANNI dopo la mia precedente visita) mi rifaccio vedere sperando che nel frattempo, con il progresso tecnologico, la "scienza medica" abbia trovato finalmente una cura sicura per il mio male. Ma, dopo analisi, radiografie (inutili perché non si riesce a vedere un poblema come il mio dalla radiografia), ed ecografie scopro che la risposta è ancora quella. Sono rimasto sbalordito.
Sarebbe come comprare una macchina e sentirsi dire dal venditore "stai attento perché non so se ci arrivi a casa".

E si ostinano a chiamarla "scienza medica".
Da qualche giorno (alla veneranda età di 30 anni) e dopo 5 anni di assenza dal campo, ho deciso di rièprendere l'attività agonistica.

Ma adesso mi rivolgerò alla medicina alternativa, sperando che questo problema possa essere definitivamente risolto. Qualcuno ha qualche consiglio da darmi in merito?

Grazie
Marcos

Marcos Ingaldi 15.07.05 16:43| 
 |
Rispondi al commento

*****VAHID*****

hAI RAGIONE provate a tenere duro, e se proprio dovete fare aggiunte esistono dei metodi, provate a vedere se avete qualche amica che allatta e chiederle se vi da del latte che si conserva in frigo per un giorno e in freezer per un mese, poi esiste un biberon che si attacca al collo dal quale parte un tubicino che si attacca sopra il seno così mentre titta sollecita anche la produzione del proprio latte, perchè il problema delle aggiunte è che la natura fa sì che produciamo latte a seconda dell' esigenza del bambino, perciò se ciuccia da un biberon cala la produzione.

Esistono anche tisane che aiutano la produzione del latte (finocchietto selvatico, avena, cumino, galega, gallium, anice stellato e tante altre)

E l' alimentazione non deve cambiare solo il carciofo abbassa la produzione di latte aglio cipolla peperoncino si possono usare se si è abituati a mangiarli (dentro la pancia si alimentavano dal cordone ombelicale e gli aromi nel sangue non perdono il sapore!)

Fate attenzione al caffè è nocivissimo per il fegato del bambino che non ha la sostanza(non me ne vogliano gli esperti per i termini che uso!) per scindere la molecola della caffeina per cui staziona a lungo nel fegato intossicandolo.

E non date retta alla bufala della birra che aiuta: se ne dovrebbero bere dei litri.....e non credo sia il caso!

AUGURI E STATE UNITI

Ma se vedi che la tua donna è restia abbandona tu, l' importante è che lei sia serena!

AUGURI AUGURI AUGURI E SE HAI BISOGNO CHIEDI IO CI SONO.

claudia parmeggiani 30.06.05 12:50| 
 |
Rispondi al commento

UNA PICCOLA RIFLESSIONE

Quando ero in gravidanza notavo con immenso piacere che anche gli opuscoletti di note marche invitavano le future mamme ad allattare al seno così come i pediatri e tutti tutti tutti.

Il mondo è cambiato pensai, poi è nata la mia bella Caterina, corta e leggerina!
Si attacca al seno e tutto sembra andare bene, da bravi genitori la portiamo al primo controllo mensile e da lì comincia un calvario: non è cresciuta a sufficienza! Bisogna passare al latte artificiale è la sentenza, timidamente io e il mio compagno chiediamo perchè mai allora non è nervosa, sì piange, ma piangono tutti e sicuramente se dopo aver "tittato" si zittisce e o dorme o se ne sta in quello stato beato tipico dei lattanti non mi sembra denoti uno stato di fame! Si vede che a lei basta poco, mi risponde e penso già se a lei basta poco perchè darle allora di più?
In contemporanea a un' amica stressano la vita perchè doveva limitare le poppate del suo pargolo perchè cresceva quasi due chili al mese troppppooo! La mia cresceva mezzo chilo al mese! Pooooco.

E così diario doppia pesata e Caterina che ciucciava a lungo nel frattempo faceva una pipì e allora che peso considerare?
MAMME LA DOPPI PESATA E' UNA BUFALA VOI SOLE SAPETE COME STA IL VOSTRO BAMBINO

Io che sono cocciuta forse troppo ho tenuto duro vivendomi pure il lutto della mia nonna e Caterina oggi a tre anni e mezzo è perfettamente uguali agli altri bambini e prende ancora la titta! E il bimbo della mia amica (il ciccione!) che tra l' altro ha un papà giocatore di pallacanestro è alto quanto un bimbo di sei anni, ma è bello magro come si conviene a un bimbo.

Tutti dicono di allattare, ma nessuno è in grado di darti assistenza e il vero guaio dei medici è che non si assumono più responsabilità.

Allattare è un grande regalo che si fa ai figli, sarà un caso ma Caterina si ammala, ma reagisce in poco tempo e non sa ancora cosa significhi tachipirina antibiotici ecc.

Però credetemi ho vissuto dei mesi da incubo e ancora adesso mi viene il magone a pensarci: siate forti e credete in voi stesse: la natura è ben organizzata!!!!

LA MATERNITA' NON E' UNA MALATTIA

E attenzione ai vaccini....pensateci, ma non demonizzateli hanno avuto la loro utilità, ma le necessità cambiano....
e ciò che valeva in un contesto potrebbe non valere più in un altro!

Saluti

Claudia

claudia parmeggiani 30.06.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

e' ritornato il caldo, siamo ritornati in cronaca noi vecchietti
finiti i tempi dei pompieri e dei supermercati, quest'anno , non sapendo che fare , intanto ci spiano un po':

Notizia dell'Agenzia Ansa del 29 giugno 2005:

ROMA - Emergenza caldo: parte il monitoraggio degli anziani. Un' ordinanza del ministro della Salute, pubblicata oggi in Gazzetta Ufficiale, impone ai Comuni di trasmettere alle Asl gli elenchi delle persone da 65 anni in su, in modo da prevenire e monitorare ''danni gravi ed irreversibili a causa delle anomale condizioni climatiche''.

Le attuali, particolari condizioni meteorologiche stagionali, rileva il provvedimento, ''caratterizzate da un anomalo innalzamento delle temperature e dei tassi di umidita', impongono di intervenire con tempestivita' su tutto il territorio nazionale al fine di attivare ulteriori interventi, preventivi e assistenziali, necessari per prevenire gravi danni alla salute delle categorie piu' esposte e, in particolare, delle persone anziane che versano in difficolta' fisiche e socio-economiche''.

A questo scopo, prosegue l' ordinanza, ''si rende indispensabile e urgente effettuare con immediatezza una iniziativa straordinaria e organica allo scopo di conoscere l' esatta entita', quantitativa e qualitativa, dei soggetti beneficiari degli interventi medesimi''.

E' quindi necessario che le Asl si avvalgano in ogni caso della facolta' di acquisire ed utilizzare dalle anagrafi comunali della popolazione residente, elenchi di tutte le persone di eta' pari o superiore a 65 anni, senza acquisire il loro consenso in base alle legge sulla privacy.

Una volta acquisiti gli elenchi, le Asl, con la collaborazione della Protezione civile, promuoveranno ''ogni e piu' opportuna iniziativa volta a prevenire e a monitorare danni gravi e irreversibili a causa delle anomale condizioni climatiche legate alla stagione estiva specie in favore di soggetti bisognosi, non autosufficienti o incapaci''.

Commento:
ma che vuol dire? L'unico modo per sapere "l' esatta entità', quantitativa e qualitativa, dei soggetti beneficiari degli interventi medesimi" e' quello di telefonare a tutti gli anziani e sottoporli ad un accurato questionario, elaborare i dati predisporre un progetto con le misure necessarie, individuare chi e' in grado di realizzarle ed essendo una attività' non ordinaria delle ASL e facilmente prevedibile che non ci sia il personale in grado di realizzarle, e sarà quindi necessario fare n'appalto per identificare organizzazioni esterne (cooperative, associazioni ecc.) in grado di realizzarle. Ora anche correndo un ente pubblico non e' in grado di realizzare una gara d'appalto e relativa procedura di individuazione del vincitore in meno di tre mesi, quindi si potrà' fare qualche cosa quando il caldo sarà finito. Tutto questo senza entrare, ovviamente, in merito con quali risorse economiche l'ASL dovrebbe fare tutto questo. Oltretutto essendo i bilanci delle ASL sottoposti a competenza regionale, per stornare fondi, da un'attività' ordinaria e spenderli straordinariamente in questa attività e' necessario avere l'autorizzazione della Regione di competenza, con relativa delibera.
Insomma, siamo nella pura fantascienza, pero' quella di serie B.

anna couvert 30.06.05 07:13| 
 |
Rispondi al commento

Per il sig. Marcellini,

internet è una disarica? Perfetto, le discariche sono infatti piene di oggetti utili e verità. Certo, bisogna saper scegliere, ma almeno sono ammucchiate in maniera democratica, alla rinfusa, e democraticamente sono alla portata di tutti. La rivoluzione di internet è proprio la fine dell'accesso privilegiato alle informazioni che consentiva alle caste di divenire sempre più autoritarie, non necessariamente per maggiori abilità.
Io sono un ingegnere e non ho difficoltà ad ammettere che, se uno qualsiesi di voi, si mettesse a spulciare in internet potrebbe fra qualche mese o un anno rubarmi il mestiere, potrebbe fare un progetto migliore del mio. Oppure un contadino potrebbe prendere un mio progetto, studiarselo, analizzarlo e venirmi a dire che è una cagata.
Non fatico ad ammetterlo.
I medici (non tutti, per carità) invece si, loro si che faticano.
Se qualcuno confronta dei dati e vede che sono incongruenti o carenti (posso o devo indossare un camice?), se qualcuno si accorge che il capo di un ente sanitario è anche l'amministratore delegato di una casa farmaceutica (posso, o mi devo specializzare in cardiochirurgia?), allora è ERESIA!
La medicina è inattaccabile, eppure non è esente da errori anche palesati.
Se Beppe Grillo cita una cura contro i tumori che poi si rivela inefficace è un criminale, se l'OMS ci martella per mesi parlando di un'epidemia di SARS che NON SI E' MAI VERIFICATA, che cos'è?
"L'epidemia dilaga, si stimano 200.000 morti in un anno, avremo il picco a novembre"...ad agosto non se ne parlava già più.
Non crede che qulacuno ci debba delle spiegazioni?
Ma no, che dico, non posso io comune mortale mettere in dubbio il VERBO.

Per Daniele Cssinari:
Grillo è stato l'unico in Italia ad avere il coraggio di parlare di QUELLA questione, ma li si rischia davvero di essere bruciati in piazza.

Da quanto tempo non sentite in TV la frase:"Il dibattito è aperto, c'è scontro fra gli scienziati"? Da una vita vero? Oggi si dice solo:"Gli esperti concordano".
E la scienza non procede, non avanza. E' solo dal dibattito e dal confronto aperto e libero che emergono novità. Solo esplorando in ogni direzione, anche la più balzana, si ha vero progresso.
E questo, ahimè, da quando il commercio si è accorto che con la scienza si guadagna, e da quando la scienza si abbevera dagli stessi commercianti, questo confronto non accade più.

Ma chissà se posso esprimere queste opinioni, non ho mica una laurea in medicina...

Grande Beppe, tieni duro!

Saluti a tutti

Marco Loreti 29.06.05 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,

ecco un articolo molto interessante sui vaccini e sugli effetti sulla salute che tutti i genitori o i futuri genitori dovrebbero leggere. L'articolo e' tratto da http://www.nexusitalia.com/nexus_new/index.php e mette in relazione l'esplosione di autismo verificatasi in USA a seguito di vaccinazioni contenenti un composto di Mercurio il Thimerosal, altamente velenoso. Michiedo quante dosi di vaccino al mercurio vengono ancor oggi inittate ai nostri banbini in Italia senza che i genitori lo sappiano? Io ho due figli uno di 6 completamente vaccinato perche' non sapevamo ed una bambina di 1 anno non vaccinata! Gli effetti sulla salute del Thymerosal si vedono tra i 5 ed i 7 anni dopo la somministrazione.................................
LA SCIENZA PER L'UOMO? LEGGETE QUI! di Maurizio Blondet
martedì 28 giugno 2005
Era il giugno del 2000. Un gruppo di 52 fra scienziati, medici, funzionari della sanità e del governo USA si riunisce di nascosto in una località fuori...
mano, il centro metodista di conferenze Simpsonwood: un luogo isolatissimo, tra le foreste lungo il fiume Chattahoochee.

Sono stati convocati segretamente dal Center for Disease Control (CDC), l'autorevole e rispettatissimo organo statale che veglia sulle epidemie e la sicurezza dei farmaci: il cuore dove la scienza e la moralità più alta si congiungono al servizio del bene pubblico. Ma stavolta il CDC invita i partecipanti a mantenere il massimo segreto sulla discussione; vieta perfino l'uso di fotocopiatrici (come nell'URSS di Breznev) per scongiurare fughe di notizie.

Fra i presenti ci sono alti funzionari del Food and Drug Administration (FDA), il massimo specialista di vaccini dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità, un organo dell'ONU) di Ginevra, e parecchi capi dell'industria farmaceutica, Glaxo-Smithkline, Merks, Wyeth, Avensis.

Lo scopo della furtiva riunione: discutere il rapporto con cui Tom Verstraeten, l'epidemiologo del CDC, ha scoperto una relazione fra la somministrazione di vaccini per le malattie dell'infanzia e l'esplosione di casi di autismo infantile in America.

L'epidemiologo ha condotto la sua ricerca consultando i massicci archivi del CDC, che contengono le cartelle cliniche di 100 mila bambini. La relazione fra le vaccinazioni e la crescita di casi di disturbi mentali – autismo, iperattività e "disordine da deficit d'attenzione" (per cui milioni di bambini americani vengono trattati con antidepressivi tipo Prozac) – è subito saltata agli occhi del ricercatore.

Ancora più stupefacente, l'epidemiologo ha scoperto tutta una serie di rapporti, studi clinici e relazioni scientifiche precedenti, risalenti anche a 40 anni prima, che mettevano in guardia non già contro i sieri vaccinali in sé, bensì contro la sostanza largamente usata nei vaccini come conservante, fungicida e antibatterico: il Thimerosal.

Si tratta di un composto del mercurio prodotto dalla Eli Lilly, la cui neurotossicità è nota da decenni agli studiosi seri.
Già nel 1935 i ricercatori della Pittman-Moore (un'azienda farmaceutica oggi scomparsa), provati sui cani dei vaccini zootecnici contenenti Thimerosal, sconsigliarono il prodotto "per essere usato nei sieri per animali".

Durante la seconda guerra mondiale la Difesa USA obbligò la Eli Lilly, produttrice dei vaccini per la truppa, a scrivere sulle confezioni: "veleno".
E la stessa Eli Lilly, nei suoi rapporti interni, aveva riconosciuto che il suo Thimerosal era "tossico per le cellule dei tessuti" a concentrazioni di una parte per milione; nei vaccini per la truppa e l'infanzia, tuttavia, ne metteva concentrazioni 100 volte superiori.

La Russia (l'allora Unione Sovietica!), dopo una ricerca epidemiologica condotta nel 1977, ha bandito da oltre venti anni il Thimerosal; immediatamente seguita da Giappone, Austria, Gran Bretagna e da tutti i Paesi scandinavi.

Non così la civile, democratica, superscientifica America. La quale ha visto crescere l'autismo dei suoi bambini – malattia sconosciuta fino al 1943 – di ben 15 volte; specie dal 1991, quando il CDC ha raccomandato la somministrazione di tre vaccinazioni aggiuntive ai neonati a poche ore dalla nascita. Da allora i casi di autismo sono passati, da 1 ogni 2500 bambini, a 1 ogni 166.

Ecco il motivo della riunione segreta di Simpsonwood: proteggere le grandi industrie farmaceutiche dalle cause per danni che sicuramente sarebbero piovute a milioni, se la notizia fosse filtrata.
Il dottor Bob Chen, capo della sezione "sicurezza vaccini" (sic) del CDC, si congratulò in quella sede per "aver tenuto fuori dalla portata di mani meno responsabili delle nostre" la notizia sul Thimerosal.
Il dottor John Clements, il grande esperto immunologo dell'OMS, rimproverò il ricercatore Verstraeten: il suo studio, disse, "non andava nemmeno cominciato".
Ora che c'era, col pericolo che circolasse, era urgente "gestire il danno". Non il danno ai bambini, ma all'industria.
Infatti. Immediatamente, il CDC ha finanziato uno studio alternativo dell'Institute of Medicine, con lo scopo di "escludere" ogni legame fra vaccini e autismo.

Quanto a Versteaten, è stato assunto dalla Glaxo; e da allora è occupato soprattutto a seppellire le risultanze della sua ricerca in una nebbia di altri dati.
E le multinazionali farmaceutiche, intanto, si rivolgevano per soccorso ad un loro grande amico: il senatore Bill Frist, repubblicano, presidente della "maggioranza", super-destro alla Bush, autore di un libro allarmistico sul "terrorismo biologico", ovviamente "arabo".

Nel giugno 2002, il senatore riuscì ad inserire in una serie di decreti sulla "Sicurezza della Patria" (minacciata dagli arabi) un codicillo che, di fatto, esentava la Eli Lilly e tutte le altre case farmaceutiche da cause e querele per danni di genitori di bambini autistici (se n'erano già accumulate 4200).
Il giorno dopo, grata, la Eli Lilly comprava 5 mila copie del libro sul bioterrorismo musulmano, e staccava a Frist un contributo elettorale di 10 mila dollari. Piccola parte degli 873 mila dollari che il senatore ha ricevuto in questi ultimi anni dalle industrie farmaceutiche.

Un anno dopo, il Senato ha cassato il codicillo di Frist, altresì detto "Eli Lilly Protection Act"; ma ancora nel 2005 Frist è riuscito a inserire, sempre in una legge contro il terrorismo, un comma che vieta ogni compensazione finanziaria per "bambini sofferenti di disordini cerebrali causati da vaccini".
E pare che abbia compiuto l'operazione d'infiltrazione legislativa, in tutto, cinque volte. Si giustifica così: "le cause per danni sono di tale grandezza, che rischiano di far fallire le aziende produttrici di vaccini e pertanto ridurre la nostra capacità di fronteggiare un attacco biologico da parte di terroristi".
Le aziende hanno smesso di confezionare i vaccini con Thimerosal dal 2004, ma enormi dosi di vaccini tossici sono già state distribuite nei Paesi poveri.
E al loro veleno, le multinazionali del farmaco hanno rinunciato a malincuore. Il Thimerosal consente di conservare i vaccini per anni, e soprattutto di confezionarli in fiale che contengono dosi multiple, e sono perciò esposte a infezioni microbiche perché le boccette vengono penetrate da aghi più volte. Queste grosse boccette a dosi multiple costano la metà delle fiale monodose, che sarebbero imperative.

Moltiplicate i pochi centesimi per i milioni di fiale e boccette mandate nel mondo (specialmente nel Terzo), e sono costi risparmiati di milioni di dollari. L'argomento decisivo, per il business.
Il costo sociale è una Thimerosal Generation che ha ricevuto il vaccino al mercurio nella prima infanzia. Mezzo milione di piccoli americani sono diagnosticati autistici, e il gruppo è rafforzato ogni anno da 40 mila nuovi malati; nel solo Stato dello Iowa l'aumento dell'autismo infantile è stato del 700 % dal '95 (oggi lo Iowa è stato il primo Stato a bandire il composto al mercurio).
"Le scuole elementari affondano sotto il peso dei tanti bambini che manifestano danni neurologici o immunitari", ha dichiarato Patti White, infermiera scolastica, alla Commissione per la Riforma dello Stato nel 1999; "i vaccini dovrebbero renderci più sani; ma in 25 anni di professione non ho mai visto tanti bambini con danni e malattie. Ai nostri bambini sta accadendo qualcosa di terribile."

Ripetiamo: i primi casi di autismo infantile furono diagnosticati nel 1943, in 11 ragazzini che erano nati pochi mesi dopo che il Thimerosal era stato aggiunto per la prima volta ai vaccini. La malattia, prima sconosciuta, è stata catalogata da torme di psichiatri e psicanalisti (ah, la Scienza!) come una forma di schizofrenia, e attribuita a "rivelazioni traumatiche" subite dai bambini nella prima infanzia – tipicamente, veniva additato il fatto che avessero potuto assistere a rapporti sessuali tra mamma e papà – e in genere, a colpe della famiglia, comportamenti genitoriali, ereditarietà.

La famiglia come causa patogena, notoriamente, è un cavallo di battaglia dello scientismo progressista.
Invece, era intossicazione da mercurio.
Le migliori ricerche in questo campo le hanno fatte non gli "scienziati", ma i giornalisti. Nell' aprile 2005 un reporter della UPI di nome Dan Olmsted ha condotto un'indagine sulla comunità Amish di Lancaster County, Pennsylvania, che non consente la vaccinazione dei suoi figli.

Secondo le statistiche, se l'autismo nascesse da cause diverse dal Thimerosal, gli Amish avrebbero dovuto presentare una percentuale di casi pari a quella della popolazione generale. Olmsted calcolò che, nella comunità di Lancaster County, si sarebbero dovuti trovare 130 autistici.
Ne trovò 4.
Quattro: uno intossicato dal mercurio di una vicina fabbrica, gli altri tre (fra cui uno che gli Amish avevano adottato) erano stati tutti vaccinati. Altri giornalisti hanno stabilito che la Cina ha cominciato a conoscere l'autismo infantile solo dal 1999, quando ha introdotto vaccini Made in Usa, ed ora conta 1,8 milioni di piccoli malati mentali. Va aggiunto che la FDA continua a consentire l'uso di Thimerosal in prodotti farmaceutici vari, anche "da banco".

Il collagene usato dai chirurghi plastici per iniettarlo sottopelle e fare sparire le rughe contiene Thimerosal. Gli ormoni steroidi di cui abusano atleti e medici contengono Thimerosal. C'è da chiedersi quanto un'altra malattia che distrugge il cervello, l'Alzheimer, non sia dovuta alla stessa causa, intossicazione cumulativa da mercurio assunto inconsapevolmente durante tutta la vita, con tutti i generi di farmaci; in tarda età, il cumulo produce i suoi effetti.
Vuoi vedere che anche l'Alzheimer risulterà sconosciuto prima del 1943? Non c'è da sperare che tali rivelazioni vengano dall'OMS o dal CDC, dalle case farmaceutiche e dai loro scienziati.
Aspettiamo scientifiche indagini di giornalisti che ci illuminino.
O di avvocati e di procuratori come il dottor Robert Kennedy, uno dei coraggiosi che si battono per avvertire l'opinione pubblica del disastro, e a cui dobbiamo le notizie che avete letto (1).

Ma ovviamente la lobby farmaceutica sta già correndo ai ripari, mettendo la museruola ai media.
Un'intervista al dottor Kennedy fatta dalla ABC non è mai stata mandata in onda.
Offriamo queste notizie e considerazioni ai referendari da pochi giorni sconfitti. Nella loro campagna per il referendum contro la legge 40, costoro hanno inneggiato alla "Scienza" la cui luce benefica era sul punto di essere spenta dall'oscurantismo clericale.
La scienza ha bisogno di manipolare geni e feti "per la cura di malattie oggi inguaribili", ci hanno ripetuto fino alla nausea. Eccola lì, la scienza al servizio dell'industria e del profitto. La scienza omicida.
Ma non solo. Come dice Robert Kennedy, questa tragedia celata e soppressa segna anche il capolinea per la democrazia anglosassone, la storica protettrice della libertà d'impresa.

I nostri antenati, dice, scelsero la democrazia nella convinzione che i politici da loro scelti col voto, gente del popolo, fosse più pronta ad agire nell'interesse del popolo che non i re, i principi, i feudatari.
Vediamo che avviene il contrario; i politici eletti rispondono alle lobbies che li pagano, come gli scienziati alle ditte che li stipendiano. Il CDC e la FDA sono organi dello Stato democratico, la cui legittimità consiste nella difesa della vita e della salute dei cittadini: ed ora vediamo che, posti di fronte al dilemma se proteggere i cittadini o il business, non hanno una minima esitazione; scelgono il bene supremo del business.
Un pensiero, infine, anche a Massimo Teodori e a Giuliano Ferrara, i super filo-americani nostrani, che esaltano la "grande democrazia" USA, il pluralismo della sua "libera stampa", eccetera, eccetera, e la difendono contro i complottisti che la diffamano (censurandone la voce). Ecco: la censura, la soppressione di notizie, è parte integrante di questa loro democrazia-modello. Complimenti.

Note
1) Robert Kennedy jr., "Deadly Immunity", Salon.com, 16 giugno 2005. Il dottor Kennedy è un procuratore (senior attorney) specializzato in temi ambientali e di salute per il Natural Resources Defense Council. Ha ottenuto parte delle informazioni che avete letto, anche quelle segretate dal CDC, in base al Freedom of Information Act. Nessuna legge simile esiste ovviamente in Italia, dove il segreto del settore pubblico è inviolabile.
.............................................
Saluti, Paolo

Paolo Petracchi 29.06.05 15:11| 
 |
Rispondi al commento

==

ATTENZIONE AI VACCINI


Leggi l'articolo su Grillopedia

http://www.grillopedia.com/index.php?title=Categoria:Salute/Medicina

==

MArio Mo 28.06.05 23:28| 
 |
Rispondi al commento

Per vahid:

l'allattamento al seno è fondamentale per la crescita dei bambini. Purtroppo le multinazionali spingono per l'uso del latte in polvere che è carissimo e manca di un sacco di sostanze (es. gli anticorpi della mamma). Molte ditte pagano ai medici, computer, crociere, viaggi con congresso annesso in luoghi turistici e carissimi... perciò i medici invitano a usare il latte in polvere...

Se tua moglie non ha abbastanza latte dovresti informarti se nella tua città c'è una banca del latte umano dove potrai avere latte per aggiungere a quello di tua moglie. Ti metto un paio di link, oppure vai su Google e cerca "Banca Latte Umano"

La prima banca del latte italiana (Firenze)
http://www.ao-meyer.toscana.it/notizia_completa.asp?IDCategoria=466&IDNotizia=1763

Quella di Roma
http://www.ospedalebambinogesu.it/portale/opbg.asp?IDon=422

articolo di kataweb
http://www.kwsalute.kataweb.it/Notizia/0,1044,1695,00.html

Saluti e auguri per la bimba.

Un padre

Marco Maiani 27.06.05 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Beppe!!!!! AUITAMI!
Ho da poc oavuto una bimba e la mia ragazza è stata a dir poco convinta dalla pediatra ad abbandonare l'allattamento al seno x lasciare posto al quello artificiale! Le hanno deto che lei nn ha latte a sufficienza ecc ecc, leggendo su internet ho visto che i più grandi pediatri negano tutto ciò che ha detto la mia pediatra!
BEPPE IO HO IL SOSPETTONE CHE LE CASE FARMACEUTICHE CHE PRODUCONO QUEL VELENO (... pardon... latte) IN POLVERE ABBIANO UNA GROSSA INFLUENZA SUI PEDIATRI DI FAMIGLIA! sennò non si spiega come mai tante donne perfettamente sane allatino col biberon!!!!!!!!

vahid baharvand 27.06.05 00:55| 
 |
Rispondi al commento

dal manifesto del 29 maggio 2005

I pesticidi «coltivano» il morbo di Parkinson

Il rischio di contrarre la malattia di Parkinson, la «Paralisi agitante»
descritta nel 1817 da James Parkinson - patologia di origine ancora
sconosciuta ad andamento lento e progressivo e la cui evoluzione varia da
persona a persona - è notevolmente più elevato se si ci espone ai
pesticidi. Un recente studio pubblicato sull'autorevole rivista scientifica
New Scientist dimostra infatti quanto avevano già sostenuto diversi
ricercatori: i pesticidi potrebbero causare il morbo di Parkinson. Nello
studio, finanziato dall'Unione Europea e chiamato Geoparkinson, condotto su
tremila persone di cinque paesi europei (Scozia, Svezia, Italia, Malta,
Romania) sono soprattutto gli agricoltori, i giardinieri - che non sono
soliti proteggersi quando eseguono i trattamenti con pesticidi - a
sviluppare la malattia. Che aggrediscel 9% dei giardinieri «amatoriali» e
addiittura il 43% dei coltivatori. Se le persone hanno una predisposizione
familiare al Parkinson l'indice di rischio di contrarre la malattia sale al
350%. Maggiore è il numero dei pesticidi cui sei esposto, inoltre, più sarà
alto il rischio di sviluppare il Parkinson. Anche se David Coggon,
dell'Università di Southampton, in Gran Bretagna, capo della Commissione
Governativa sui Pesticidi (British Government's Advisory Committee on
Pesticides), afferma che allo stato attuale non è possibile individuare
quali siano i pesticidi responsabili. Che quotidianamente ci avvelenino,
con il nostro concorso, è cosa nota. L'ultima inchiesta di Legambiente cui
ha collaborato il Movimento in Difesa dei Cittadini parla chiaro: il 50%
della frutta com-mercializzata in Italia è contaminata da residui di
pesticidi. Anche buona parte delle verdure non si sottrae a questa
contaminazione, così come pasta, olio e altri prodotti alimentari derivati.
La presenza nei cibi di ormoni, pesticidi (e dove li mettiamo gli
antibiotici sommi-nistrati ad animali di allevamento, pesci compresi?) ed
altre sostanze chimiche, desta una grande preoccupazione anche nei pediatri
americani. Questi ultimi, infatti, nel puntare l'indice contro questa
contaminazione, denunciano che la comparsa della prima mestruazione
(menarca) nelle bambine è scesa addirittura a sei anni nelle comunità di
colore. Una pubertà molto precoce che non può non destare preoccupazione
per la salute futura dei bambini. Per rimanere in Europa, sempre in tema di
«attentati alla salute», l'European Food Safety Autorithy (l'Autorità
Europea per la sicurezza alimentare) è in serio imbarazzo e deve fornire
convincenti spiegazioni sul caso del mais geneticamente modificato (Ogm),
il famoso mais Mon 863 della multinazionale Monsanto. La faccenda risale a
circa un anno fa, ed è stata sollevata da un'associazione ambientalista
francese; e non nuovi sono i timori e i dubbi scientifici di diversi
scienziati. Negli animali da esperimento, infatti, il Mais 863 della
Monsanto (che per ora non sarà commercializzato in Europa) causa infatti
nei reni, oltre ad un rimpicciolimento, anche gravi malformazioni, nonché
alterazioni della composizione del sangue. Ma c'è dell'altro: uno studio
scientifico dell'Istituto di Istologia dell'Università di Urbino e del
Dipartimento di Biologia Animale dell'Università di Pavia ha infatti
dimostrato che piccoli animali (topi) alimentati con soya geneticamente
modificata (soya roundup ready), in commercio in Europa, hanno gravi
alterazioni delle cellule del fegato, del pancreas e del testicolo. Niente
male per la sicurezza della nostra salute. Alla prossima puntata.

Antonella Siri 26.06.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

caio sono sempre lo studente in medicina in questo periodo sto studiando anatomia patologica vorrei fare una domanda se ci fosse un dottore che ha voglia di rispondermi:
leggo dal libro Robbins di anatomia patologica che il Ca Broncogeno è il tumore maligno viscerale più frequente nell'uomo che sta aumentando anche nella donna ed è responsabile di 1/3 delle morti per neoplasia nel maschio e di circa il 7% in entrembi i sessi. Tra le cause della malattia c'è l'incontrovertibile correlazione con il fumo di tabacco....
La domanda è questa visto che quando si conclude il discorso il libro sollecita una diagnosi precoce in quanto quando il tumore si manifesta clinicamente è ormai irrecuperabile, vorrei sapere se una semplice campagna di prevenzione (Rx del polmone per esempio) come quella per la prostata (con l'esame del PSA) dopo i quarant'anni in forti fumatori è inutile o no?
GRAZIE
Ricordatevi
SMETTERE DI FUMARE PER 10 ANNI DIMINUISCE IL RISCHIO DI QUESTO CARCINOMA A LIVELLO DEI NON FUMATORI!!!!!!!!!!!

filippo niccolai 25.06.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe , sono uno studente in medicina e chirurgia dell' università di Pisa sono vicino ad entare nella casta dei Medici. Purtroppo quello che dici è vero, tra l altro ti ho visto a Livorno al teatro Goldoni e sono rimasto senza parole. quello che volevo dire semplicemente è che io sono giovane ma quello che sento in giro e che mi piacerebbe non sentire è la presunta complicità che i dottori possono avere con le case farmaceutica. io parlo bene adesso ma spero di non essere tra quelli che porteranno l'intera famiglia in vacanza o che accetteranno presenti lo spero con tutto il cuore.
di una cosa son sicuro sono la persone che cambiano le cose per cui ci potranno essere tanti poteri forti politici, economici e via ma il dottore è nato per aiutare e tale deve rimanere......nel rispetto totale della salute del paziente...per cui andando contro anche se mi rendo conto che non è facile....!!!!!

filippo niccolai 25.06.05 12:06| 
 |
Rispondi al commento

E'assolutamente tutto vero. Confermo. Sono un medico che quotidianamente deve arginare questo evidente progetto di ipermedicalizzazione nei confronti dei pazienti ignari dei programmi delle multinazionali del farmaco, ovviamente con la complicità del comparto salute. Si stanno abbassando i parametri per le principali malattie cardiovascolari, il diabete e le dislipidemie (alterazioni del colesterolo e dei trigliceridi) onde iniziare le persone a una precoce medicalizzazione o ipermedicalizzazione. Il problema è che è sempre più difficile capire se un nuovo sintomo fa parte degli effetti collaterali di un farmaco o di una nuova patologia ed inoltre esistono circa 30.000 interazioni tra farmaci di fronte ai quali noi medici siamo impreparati. Purtroppo non solo si inizia sempre più precocemente e inutilmente a dipendere da un farmaco, ma in età sempre più precoce si è sottoposti a politerapie pericolose e difficili da gestire per gli imponenti effetti collaterali derivanti dal singolo farmaco e dall'interazione tra i numerosi farmaci associati. Per non dimenticare i numerosissimi farmaci che mangiamo!!!!!!!!!!!!!!! E che entrano a buon diritto nel calderone delle interazioni.

Giorgio Romani 24.06.05 01:07| 
 |
Rispondi al commento

Londra, 31 mar. - Le centinaia di tonnellate di mais geneticamente modificato accidentalmente prodotto dalla Syngenta senza autorizzazione, contengono un gene che le conferisce la resistenza agli antibiotici.

Poi domandatevi perchè ci sono gli antibiotici di QUARTA GENERAZIONE e perchè non vi fanno un cazzo...

elena chioato 23.06.05 16:54| 
 |
Rispondi al commento

RESISTENTI SENZA SAPERLO ??
----------------------------
soffro di cistiti recidivanti come molte donne che ho conosciuto attraverso forum medici e d'Italia in generale.
Un giorno ho guardato il film "The corporation" e ho scoperto la storia del "latte all'ormone" della Monsanto.
Ho collegato questa faccenda alla mia vicenda e mi sono fatta una mia idea sulla causa del mio male.
Possibile che nessuno lo dica .... PER SOLDI E INTERESSI DI CASE FARMACEUTICHE E MULTINAZIONALI VARIE ?

Vi spiego.
vado da un'urologa che mi diagnostica una leucoplachia trigonale (*) cioè le cellule si sono ispessite per resistere ai batteri di infezioni ricorrenti, e mi ha prescritto un farmaco, unitamente a dei fermenti lattici e della vitamina.

Il Farmaco si chiama Uniquin.
Se cercate su internet trovate questo:
Sostanza : LOMEFLOXACINA (CLORIDRATO)
Gruppo Terapeutico : CHEMIOTERAPICI DIVERSI
Gruppo ATC : J01MA07
J 07 - ANTIMICROBICI GENERALI PER USO SISTEMICO
01 07 - ANTIBATTERICI PER USO SISTEMICO
M 07 - ANTIBATTERICI CHINOLONICI
A 07 - FLUOROCHINOLONI
07 - LOMEFLOXACINA

già la scritta "CHEMIOTERAPICI" mi ha fatto inquietare.
Poi leggendo [url="http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/UNIQUIN.htm#SottoTitolo_1"]sul bugiardino

[/url]leggo:

[b]è attivo nei confronti della maggior parte dei ceppi di batteri Gram- multi-resistenti (inclusi i ceppi resistenti ad aminoglicosidi, cefalosporine di terza generazione, penicilline, tetracicline, macrolidi e sulfamidici).[/b]

se andate sul sito [url="http://www.worstpills.org/search.cfm?"]www.worstpills.org[/url] e cercate

Lomefloxacin, trovate le seguenti informazioni:
1) danneggia i nervi periferici
2) These drugs have been alternatives for individuals allergic to, or with infections resistant to, other antibiotics.
cioè: questo farmaco viene usato per persone allergiche o con infezioni [b]resistenti ad altri
antibiotici.[/b]

Io ho preso altri antibiotici e nessuno mi ha fatto effetto.
Devo dedurre che ho mangiato o ingerito, a mia insaputa, sostanze che mi hanno reso RESISTENTE a certi antibiotici (chissà a quali) e questo, in sostanza ha permesso ai batteri di frequentare così tanto il mio corpo da provocarmi la leucoplachia.
Inoltre ora non posso più usare i tradizionali antibiotici, perchè sono diventata resistente.

NOI DONNE MALATE FORSE SIAMO LA PROVA DI UN'EPIDEMIA DI RESISTENZA AGLI ANTIBIOTICI GENERATA DA CIBO CONTAMINATO O OGM DI
CUI NON SIAMO A CONOSCENZA.
Dico forse. Chiaramente non sono un medico, ma visti gli interessi delle case farmaceutiche e delle multinazionali come la Monsanto (che continua a vendere liberamente il suo latte contaminato d antibiotici e ormoni in USA e chissà forse irregolarmente anche in europa) esisterà un medico disposto ad analizzare seriamente e onestamente questa ipotesi e a dirci la verità sulla nostra malattia ?

(*) leucoplachia =una formazione che si crea nella vescica in seguito a ripetuti episodi di infiammazione causati, per es., dalla cistite. La parete della vescica è formata da uno strato di 3 tipi di cellule..quelle più superficiali si sfaldano e muoiono con facilità per "ripulire" in continuazione la vescica. Nel corso di un'infezione, però, il loro processo di "estinzione" è più rapida rispetto alla loro capacità di riproduzione e pertanto l'organismo, per evitare che parte della mucosa rimanga "scoperta", la "rimpiazza" con cellule più resistente che fanno parte di uno strato inferiore.
Sono cellule cornee (e che sono, appunto, bianche)...ed essendo più resistenti resistono ai continui attacchi dei batteri (nel caso di cistiti recidivanti) e non muoiono come le altre.

elena chioato 23.06.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

alla Gent.ma Sig.ra Paola Lanfranco

Egregia Sig.ra/ina,
temo che esistano DUE tipi di "cultura alternativa": quella che sostiene bene o male che il problema non è di buttar giù il "palazzo", ma di sostituire, qua e là, il direttore che ruba all'attico, il segretario che inganna al 20mo piano, il P.R. corrotto al 12mo e così via (a parte ovviamente l'onesto e sfruttato portinaio); per il resto il "palazzo", debitamente ripulito, nella sua struttura VA (ANDREBBE) BENE.
Ebbene, il Dr. R.G.Hamer attacca l'intero PALAZZO, la sua stessa RAGION D'ESSERE.
Fatto per il quale NESSUNO che abbia un potere, per quanto ridotto, e cioè che confessandolo o meno aspiri a prendere il posto dei sudetti direttori,P.R.,etc., ne parlerà mai nei modi dovuti.
E' naturale.
E' meglio parlare dei SINGOLI problemi: virus falsi, medicinali killer, etc. Così li si potrà SOSTITUIRE, senza intaccare troppo la struttura portante dell'establishment. E poi, via daccapo.
Temo che questa regola la si possa agevolmente trasporre, senza troppa tema di sbagliarsi, in ogni altro settore: politico, economico, sociale etc.
Intelligenti pauca.
Cordialmente vostro,
Roffredo de Perrenelle

roffredo de perrenelle 23.06.05 02:41| 
 |
Rispondi al commento

è abbastanza imbarazzante per me cominciare a scirvere una mail ad una persona che ho seguito in teatro e che ammiro e per cui non so se cominciare con un buon giorno o con un ciao. Trovo interesante il sito che ha aperto e sono andata a curiosare nelle pagine dedicate alla medicina e alla salute per verdere se c'era qualcosa inerente alla Nuova Medicina del Dott. Hamer. Mi è dispiaciuto non trovare nulla in proposito, ma credo che, una persona come Lei, possa trovare affascinante ciò che sostiene il Dott. Hamer a proposito dell'evoluzione delle malattie come il cancro. Io ho trovato molto affascinante la sua teoria che sostiene che molte malattie possono essere curate e guarite attraverso la risoluzione del problema psicologico che le ha generate. Se Lei non dovesse conoscere nulla a tal proposito esiste un sito su internet. La richerca la potrà fare scrivendo il nome del Dott. Hamer su un motore di ricerca. Credo che lo troverà interessante.

Un saluto affettuoso e andate avanti così, le persone come me hanno bisogno di persone come Lei che hanno il coraggio di diffondere certe notizie.
Paola Lanfranco

Paola Lanfranco 22.06.05 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,in breve,la madre di un'amico aveva dei forti dolori alla schiena e ad una gamba,numerose visite da "luminari", ma la migliore delle ipotesi era la carrozzella in 2/3 anni,poi viene a sapere che in francia c'è un'equipe che con 15000 euro viene in Italia la opera e le garantisce che in 10 giorni potrà camminare...MIRACOLO,è successo davvero!Naturalmente non verrà rimborsata,ma come mai questi "luminari" non erano al corrente di questa soluzione?

Gianni Ivone 22.06.05 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena contattato il centro PRENOTAZIONI di Chirurgia della Mano dell'ospadale "Pellegrini" di NAPOLI, per una visita ambulatoriale. Mi hanno proposto una VISITA TRA QUATTRO MESI. Cioè, quando non mi serve più.
E la costituzione tutela il diritto alla salute...

Dario Cimafonte 21.06.05 14:41| 
 |
Rispondi al commento

L'ODIO AI COMICI TRAVESTITI

Odio i comici quando si travestono. Li odio quando vestono, a seconda dell'occorrenza, i panni del rivoluzionario, del saggio, della persona comune.

Odio i comici quando si vestono da saggi per dare credibilità a tutto ciò che dicono.

Odio i comici quando, per alleggerire la pesantezza e la gravità delle cose che dicono, si nascondono dietro la loro comicità e dicono: "In fondo sono un comico…".

Odio i comici quando si travestono persino da persone comuni e ti dicono che sono come te, che sono dalla parte tua, senza riserve.

Odio i comici quando, travestiti da Messia, vengono a rivelarci la Verità sul cancro, le terapie che ci sono sempre state nascoste dalle "Multinazionali del Farmaco"; li odio perché dieci minuti dopo dimenticano tutto ciò che hanno detto e fanno finta di niente.

Odio anche tutta la gente che adora questo tipo di comicità/saggezza, la odio perché arriva a casa senza avere ben chiaro se ci sia da ridere o da piangere, poi alla fine ridacchia contenta e va a dormire soddisfatta.

Odio i comici travestiti quando tralasciano di dire che Internet è la più grande discarica a cielo aperto che il mondo dei mass-media abbia mai conosciuto. Odio i comici travestiti quando, frugando a mani aperte in questa discarica, prendono un rifiuto, gli danno due pennellate di verità, affittano un teatro ed un microfono e ce lo vengono a proporre come fosse la scoperta del secolo.

Odio i comici travestiti quando costruiscono il loro successo sul disagio della gente.

Odio i comici travestiti quando dimenticano in fretta le proprie "battaglie" perché l'argomento non è più di moda.

Odio i comici travestiti perché, nella loro continua e perversa ricerca di "scoop", devono stupire ad ogni costo, essere portatori di una Nuova Verità, e quindi passano da argomento in argomento, dal calcio alle fonti di energia, dalla politica a Internet, dalla televisione al cancro, con la massima disinvoltura.


Francesco Marcellini

Francesco Marcellini 20.06.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

la fibrosi cistica è la malattia ereditaria più diffusa in italia. di fibrosi cistica si muore. e' una malattia che non da' segnali evidenti e può essere facilmente confusa nei primi anni di vita del bambino.Ho letto che dal 2003 in Italia il test al bambino appena nato è obbligatorio. Vivo in Emilia Romagna e qui un bambino nasce e non lo fanno. E' segno di civiltà questo?

mattia casadio 19.06.05 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Se sei in ospedale perdi i diritti umani.
E se non hai parenti che ti assistono, sei in grave difficoltà anche per le cose più banali, come accedere ad un bicchiere di acqua fresca.
Provengo da un ennesima esperienza di questo genere, questa volta avvenuta presso il Policlinico Umberto I di Roma.
Se non accetti di venir curato male (parlo nel complesso) e vai nelle strutture private, paghi agli stessi medici che avrebbero dovuto curarti nelle strutture pubbliche onorari stratosferici. Ti dici...tanto me lo rimborsa l'assicurazione...e chi l'assicurazione non ce l'ha? oppure ha una di quelle polizze che, non appena ti ammali, ti revocano la polizza?
Inoltre in ospedale non ho visto un religioso, mentre la clinica era gestita da suore. Ma non dovrebbero curare i POVERI?
Al di là delle lamentele (mi sono molto limitata), io sono certa che esistono medici e strutture sanitare competenti ed onesti.
Ma dove sono?
Le assicurazioni non ti indirizzano. Esiste qualche sito in cui la gente si scambia informazioni e si riesce ad organizzare un po' contro questri MOSTRI?

Antonella Blasetti 16.06.05 10:08| 
 |
Rispondi al commento

E' di ieri il caso di una ragazza che per 23 anni è stata costretta a vivere in sedia a rotelle per una errata diagnosi di malattia. L'insieme di medici( non so se posso definirli tali) che l'ha avuta in cura in questi anni, nemmeno lontanamente ha supposto la presenza di una forma diversa di malattia tale da indurli ad effettuare indagini più approfondite.La "malata" invece, grazie alla sua tenacità, tramite informazioni racimolate con cura e senza l'ausilio di una laurea in medicina, ha raggiunto il risultato di scoprire la vera malattia di cui è affetta e di poter finalmente camminare grazie ad una banalissima cura medica.
Proporrei a tutti i lettori del presente post e a Te, caro ed indispensabile Beppe, di farci promotori affinchè questa ragazza ottenga, meritatamente, una Laurea Honoris Causa in medicina così da poter essere considerata almeno alla stregua di quanti, e dovrebbero vergognarsi, l'hanno condannata alla sedia a rotelle per 23 anni.
Saluti a tutti.
Seguirò con attenzione l'interesse a questa mia proposta.

Vito Tedesco 15.06.05 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
in riferimento a quello che sarà la salute dei ns figli nei prossimi anni... oltre a giocare alla Playstation e farsi le pippe sarà nulla in confronto...fresca di giornata... mi sto già c****do addosso

http://www.wintricks.it/news1/article.php?ID=3932

Pesce David 14.06.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: alessandra altmann il 11.06.05 10:29

Per Pasquale Efisio Pistis,

mi permetto di chiarificare il mio pensiero.

3) Lei dice: "Non parlo di tumori come fosse una partita di calcio".
Io vorrei chiarezza, in primo luogo da parte di chi sostiene l'esistenza di ricercatori che curano il cancro con l'ascorbato di potassio.

4)Chi dice di conoscere questi "fatti" abbia il coraggio di approfondire.

La gente, mi creda, è piuttosto suggestionabile.

Saluti.

Cara Alessandra,
Le vorrei rispondere su questi punti partendo dall'ultimo.
Che la gente sia suggestionabile lo dimostra il fatto che ancora oggi si fida della medicina non solo per le diagnosi(che secondo me hanno davvero fatto passi da gigante), ma anche per quanto riguarda le terapie, dopo che è ormai palese l'impotenza medica della medicina ufficiale.
Ma siamo aggrappati alla figura dell'omino col camice bianco che già a vederlo ci fa stare bene.

punto 3) le assicuro che non è l'unica a volere chiarezza. Ma già il fatto che siano argomenti insabbiati volontariamente ci deve far pensare che ci sia qualcosa che dovremmo sapere e che andrebbe contro gli inetressi di chi lo impedisce....no?
si legga kancropoli e le assicuro che avrà mooolta chiarezza. Se serve una prova, c'è quella del dottore che curò la moglie. Perchè se un dottore riesce a curare una persona non vengono fatti dei studi su questo metodo, almeno così ci togliamo il dubbio?
Punto 4) Molte persone come il dott. Hamer hanno avuto il coraggio di portare avanti certi metodi e sono stati annientati moralmente e fisicamente(in galera o sottoterra). Il prof. dibella è stato soggetto di attentati alla sua persona.
C'è una società americana che per 7 anni ha studiato l'efficacia dell'estratto di graviola (un frutto dell'amazzonia), notando che aveva un effetto 10000 volte migliore degl'attuali farmaci chemioterapici.

Ricordandole che quasi sempre chi parla in questo modo di queste malattie lo fà perchè è stato costretto ad informarsi.

Chi non vuole ancora vedere la speculazione che la sanità efettua sui tumori, o è cieco o è un dottore!!


Marco Brodo 13.06.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
mi congratulo per la tua grinta.
Desidero aggiungermi al tuo gruppo di amici perché penso che l'unione fa la forza. Si cerca giornalmente di andare avanti con grinta, di affrontare minuto per minuto la giornata dando il meglio di se stessi ma, puntualmente ti arrivano delle mazzate che ti demoralizzano un attimo, resti per un momento disorientato poi, ricominci nuovamente dicendo: "ok, diamoci una mossa, la vita è questa, la vita dice una mia cara amica è bella perché è avariata, perciò gambe in spalla e riattiviamoci".
Ciao Beppe Grillo
Tony55

Atonietta Macera 12.06.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

E' UN VERO SCANDALO CHE SI FACCIA PROPAGANDA PER ASTENERSI DAL VOTO DEL REFERENDUM! SONO GLI STESSI CHE, QUANDO SI TRATTA DI VOTARE PER IL GOVERNO, CI RICORDANO OGNI SANTO GIORNO COME DOBBIAMO FARLO...

Daniele Iannone 12.06.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti. Rispondo a quel lettore che
chiede informazioni sul Dottor Hamer.
Invito il lettore e tutti gli altri a visionare
direttamente il sito del Dottor Hamer, c'è
da rimanere sconvolti:
www.nuovamedicina.com.

Giosuele

giosuele volante 11.06.05 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
oltre a farti i classici complimenti, ti volevo segnalare
qualcosa di veramente strano.

Ore 14:15:52
Sabato 11 Giugno 2205

Ricevo SMS con invito ad andare a Votare:
Domenica e Lunedi vai a dire 4 SI e prima
che lo dici manda sms a 10amici
Firmato COMITATOREFERENDUM.it

Premesso che il sottoscritto andrà come sempre
al seggio elettorale per esprimere la mia opinione in
merito, mi sembra che i signori di SMS AFFARI
uniti al COMITATO REFERENDUM.it abbiano pienamente
violato due cose molto importanti:

- SILENZIO ELETTORALE

- VIOLAZIONE PRIVACY del sottoscritto

Mi chiedo: possiamo unire la vita umana con gli SMS?

Evito altre polemiche!!! E' ora di finirla.
Combatto tutti i giorni, nel mio lavoro
per far applicare il buon senso e far rispettare i contratti
che faccio stipulare.

Mi chiedo: un comitato che si batte per un referendum
ha strettamente bisogno di UFFICIO MARKETING e SPONSORIZZAZIONI?

La vita ha bisogno del MARKETING?
Benissimo, adesso ho bisogno di chiamare il mio AVVOCATO.

Egregi (mi riferisco al comitato che ci legge in copia)
ci incontriamo in altre sedi, quelle giudiziarie!
Cordiali saluti

Viorel Vigna

Viorel Vigna 11.06.05 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Avete presente quei signori che, a bordo delle autoambulanze, ogni giorno salvano migliaia di vite umane, tra cui le nostre, quelle dei nostri familiari e quelle dei nostri amici?
Ebbene, essi sono medici ed infermieri che svolgono il "Servizio di Emergenza Urgenza 118".
I medici e gli infermieri del servizio 118 del Polo Palermo - Trapani sono gli unici in tutta Italia a doversi acquistare con i propri soldi le divise ad alta visibilità approvate da certificazione CEE, indispensabili per espletare il servizio di emergenza ed urgenza.
Senza dette divise, gli operatori del 118 non possono espletare il loro servizio.
Dette divise costano oltre €.300,00 l'una, si sporcano e si deteriorano con grande facilità, così che ogni operatore è costretto ad acquistarne almeno 4 l'anno A PROPRIE SPESE.
Mentre i predetti lavoratori rischiano le proprie vite per noi, eseguendo interventi sulle nostre strade ed autostrade, anche di notte, con il rischio di essere investiti o di contrarre malattie mortali, sull'argomento, l'Assesorato Regionale Sanità, l'Azienda Usl n.6 e l'Ospedale Civico di Palermo (ARNAS) giocano fra loro a "scarica barile".
MA VI E' DI PIU', nel Polo Palermo-Trapani non di rado mancano le postazioni 118, costringendo medici ed infermieri ivi impegnati a dormire dentro le autoambulanze, queste ultime spesso con i copertoni lisi, non revisionate, vecchie e precarie.
Per gli operatori, in queste condizioni, diventa un problema persino l'espletamento dei più elementari bisogni fisiologici. Figuriamoci prestare soccorso!!!
Potreste intervenire al fine di aiutarci a far traghettare la Sanità Siciliana in Italia ed a non rimanere confinata nel trezo mondo?
Fiducioso nella Vostra sensibilità al problema, e nel ringraziarVi per l'attenzione offerta, invio distinti saluti.

Alessandro Jeni 11.06.05 12:28| 
 |
Rispondi al commento

infinitamente caro Beppe Grillo,
ieri ho ripulito un po' il mobiletto dei medicinali col criterio di eliminare i farmaci scaduti e lasciare quelli ancora buoni. Non erano pochi e ci ho messo un po'. Ho diviso in due parti: a destra quelli scaduti a sinistra quelli buoni. poi rimettendoli dentro l'armadietto ho notato che molti di questi farmaci erano stati acquistati di recente, al massimo da un anno e così mi è andata l'attenzione sul fatto che specialmente quelli più recenti scadevano quasi in toto nel 2007.
Ora, se io li ho acquistati nel 2004/2005, e per la maggior parte (togliamo i farmaci a base di cortisone che hanno una scadenza molto più breve, e, altri simili) i farmaci scadono dopo circa 5 anni, mi sono resa conto che mi mancano due anni di scadenza: cioè nel 2007 saranno scaduti mentre dovrebbero essermi stati venduti farmaci che scadano almeno nel 2009.
Così fa 5 anni, altrimenti vuol dire che solo dopo 2 anni o 3 io devo acquistarli di nuovo.
Chi ci STRAguadagna se i farmaci in farmacia ce li vendono con una scadenza meno utile di quella garantibile?
Beppe dillo tu che sei bravo.

alessandra altmann di Roma

alessandra altmann 11.06.05 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Per Pasquale Efisio Pistis,

mi permetto di chiarificare il mio pensiero.

1) Con un "linguaggio elementare e condivisibile" si possono sostenere tesi di una pesantezza inaudita.

2) Non ho affatto accusato Lei di "mostrare BEPPE GRILLO come comico o come oratore serio a momenti alterni".
Ma questa realtà è sotto gli occhi di tutti.

3) Lei dice: "Non parlo di tumori come fosse una partita di calcio".
Io vorrei chiarezza, in primo luogo da parte di chi sostiene l'esistenza di ricercatori che curano il cancro con l'ascorbato di potassio.

4) A lei le intenzioni del sig. GRILLO sembrano chiarissime, a me di meno.

5) Vorrei che fosse Beppe Grillo a chiarire cosa pensa delle cure alternative di cui parlava nei suoi "spettacoli".

Chi dice di conoscere questi "fatti" abbia il coraggio di approfondire.

Chi era che parlava di "gettare il sasso e nascondere la mano"?

La gente, mi creda, è piuttosto suggestionabile.

Saluti.

Francesco Marcellini 11.06.05 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Francesco Marcellini il 10.06.05 20:41 ha scritto:
"Caro Signor Pasquale Efisio,
il problema è che una persona, nel caso specifico Beppe Grillo, ci dovrebbe dire se parla da comico o meno.
Su alcuni argomenti questo fatto è trascurabile, quando si tratta di terapie oncologiche non credo lo sia più di tanto.

Cerchi di capire, Signor Pasquale Efisio,
Beppe Grillo viene fatto parlare "da comico" quando conviene, mentre viene fatto parlare da "persona sapiente" quando non conviene più fargli fare il comico.

Lei è liberissimo di ammirare e rispettare Beppe Grillo quanto vuole perché, Lei sostiene, "ha trovato un linguaggio elementare...".

Questo "linguaggio elementare", a mio parere, non dovrebbe mai scadere nello slogan o nella frasetta ad effetto, soprattutto in materia oncologica.
In ultimo Le volevo far rispettosamente notare che non si tratta di far fare a Beppe Grillo il "promemoria periodico", né mi sentirei di ringraziarlo per "farci sentire un pò idioti per le scelte che facciamo".

Almeno fino a quando non farà un pò di chiarezza su questo argomento.

Vogliamo continuare a parlare di cancro come se stessimo ad una partita di calcio? "
----------------------------------------------------------------

Ho detto che il sig. GRILLO ha trovato un linguaggio elementare e condivisibile, nel senso che è comprensibile per tutti.

Non so chi le ha mostrato BEPPE GRILLO come comico o come oratore serio a momenti alterni. IO NON L'HO FATTO.

Non parlo di tumori come fosse una partita di calcio. E' una malattia che ritengo di conoscere piuttosto da vicino.

Non sono il segretario del Sig. GRILLO(non mi dispiacerebbe). Se lei desidera chiedere al sig. GRILLO di approfondire il discorso delle terapie alternative per il cancro, lo può fare comodamente da questo blog.

A me personalmente le intenzioni del sig. GRILLO sembrano chiarissime. Le ha esternate in più di un'occasione.


Negli spettacoli di BEPPE GRILLO raramente ci sono slogan o frasette. Ricordo molto bene il monologo su DIBELLA, BONIFACIO, WUGNER(mi pare si scriva così), Il siero K101 e infine il dott. PANTELLINI, che curò la moglie con succo di limone e ascorbato di potassio.

L'intero monologo metteva in evidenza quanto l'informazione attraverso i media fosse "faziosa".

E' un dato di fatto che di somatostatina e del dott. DIBELLA, l'Italia ne ha sentito parlare solo quando è iniziato il processo nei suoi confronti.

Chi prova a fare processi a queste intenzioni, senza prima ascoltarle, e magari appigliandosi a cavilli discorsivi , commette un atto vile e subdolo, in tutti i sensi. Abbiamo un'intera epoca italiana di "non giornalismo" che ce lo insegna.

Scrivo tutto ciò per non sembrare il classico "fan invasato", tipo di persona del quale il Sig. GRILLO non ha bisogno.

Cordialità.

Pasquale Efisio Pistis 11.06.05 05:23| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
parlando di salute vorrei postarti il manifesto di "Vitreo.it", un sito che si occupa di una patologia della vista finora ignorata dalla medicina ufficiale.

------------------------------------

Miodesopsie come male oscuro
(di Maurizio Pocci)
-----------------------
Vi narrerò di un disturbo della vista noto con il nome scientifico di "miodesopsie" ma comunemente riconosciuto con appellativi quali "corpi mobili", "opacità vitreali" o addirittura con la entomologa definizione di "mosche volanti".
Tale disfunzione è localizzata nel corpo vitreo, una zona gelatinosa dell'occhio situata tra la retina ed il cristallino. Nel suo stato di grazia il vitreo si presenta come una struttura trasparente. Nelle persone affette da miodesopsie, esso tende a perdere la sua consistenza con un improvvisa comparsa di detriti proteici sovente dall'aspetto filamentoso, che offuscano il campo visivo. Quando ciò accade, la visione risulta come filtrata attraverso una superficie vetrata sporca, e la speranza che tutto questo possa soggiacere ad una sorta di defilè regressivo, risulta quanto mai vana, giacché l'apparizione di tale macchie daranno il via ad una triste rinascita in negativo, che ci accompagnerà per tutta la vita. Certamente di miodesopsie non si muore, e non sono il passaporto per la cecità, tuttavia la qualità della vita ne risulta pesantemente compromessa. C'è qualcosa di rabbioso nella triste condizione dell'ammalato di miodesopsie, che gli deriva dal percorrere una strada fatta di solitudine e di incomprensione,visto che a tutt’oggi la medicina ufficiale nega lui lo status di sofferente, ma gli concede, più prosaicamente, di essere solo un altro semplice "caso" colpito da un fastidio a cui non bisogna dar troppo peso. Volendo introdurre una punta di polemica, in fin dei conti, neanche alcune rare malattie sono state collocate dalla medicina ufficiale in simile dimenticatoio. Le miodesopsie non sono una malattia rara, ma solo in questi ultimi tempi è possibile trovare in Internet qualche risposta in più alle mille domande di una comunità di ammalati certamente non del tutto appagata dai trafiletti striminziti che le enciclopedie mediche hanno saputo finora dargli. In questo scenario così nebuloso vede la luce www.vitreo.it, con il suo carico di informazioni dettagliate, e con un forum che,senza settarismi, vuole essere un porto franco per tutti quegli ammalati desiderosi di sentirsi meno soli. Comunicare agli altri il proprio disagio,scambiarsi informazioni utili rappresenta al meglio una semplice locuzione quale: "la mia sofferenza è reale", ed in ultima analisi il profondo desiderio che lo sguardo della ricerca medica possa, speriamo presto, volgersi un giorno,con meno indifferenza,verso questa malattia invalidante del corpo vitreo.

Artemisia Gentileschi 10.06.05 23:33| 
 |
Rispondi al commento


Pasquale Efisio Pistis ha scritto:

"Il fatto che non se ne parli più, non è da imputare al Sig. GRILLO. Egli non è "LA MEMORIA DEL MONDO", si definisce un comico, e nei suoi spettacoli diffonde notizie e informazioni che difficilmente da altra fonte riusciremmo a reperire..."

Caro Signor Pasquale Efisio,
il problema è che una persona, nel caso specifico Beppe Grillo, ci dovrebbe dire se parla da comico o meno.
Su alcuni argomenti questo fatto è trascurabile, quando si tratta di terapie oncologiche non credo lo sia più di tanto.

Cerchi di capire, Signor Pasquale Efisio,
Beppe Grillo viene fatto parlare "da comico" quando conviene, mentre viene fatto parlare da "persona sapiente" quando non conviene più fargli fare il comico.

Lei è liberissimo di ammirare e rispettare Beppe Grillo quanto vuole perché, Lei sostiene, "ha trovato un linguaggio elementare...".

Questo "linguaggio elementare", a mio parere, non dovrebbe mai scadere nello slogan o nella frasetta ad effetto, soprattutto in materia oncologica.
In ultimo Le volevo far rispettosamente notare che non si tratta di far fare a Beppe Grillo il "promemoria periodico", né mi sentirei di ringraziarlo per "farci sentire un pò idioti per le scelte che facciamo".

Almeno fino a quando non farà un pò di chiarezza su questo argomento.

Vogliamo continuare a parlare di cancro come se stessimo ad una partita di calcio?

Francesco Marcellini 10.06.05 20:41| 
 |
Rispondi al commento


Francesco Marcellini il 07.06.05 08:13 ha scritto:

"Attenzione perché Beppe Grillo, qualche anno fa, parlava nei suoi spettacoli di medici che curavano il cancro con l'ascorbato di potassio...
Ora non ne parla più.

Non so se mi spiego..."

Il sig. GRILLO, parlò dell'ascorbato di potassio, nello spettacolo "APOCALISSE MORBIDA".

Il fatto che non se ne parli più, non è da imputare al Sig. GRILLO. Egli non è "LA MEMORIA DEL MONDO", si definisce un comico, e nei suoi spettacoli diffonde notizie e informazioni che difficilmente da altra fonte riusciremmo a reperire(benvenuta internet). Il sig. GRILLO, sa come "indorare la pillola", facendoci ridere, e facendoci sentire anche un pò "idioti" per le scelte che facciamo per "migliorarci la vita".
Il fatto che non ne parli più nei suoi spettacoli, non significa proprio nulla. Nessuno lo obbliga a "ricordarci" cose che abbiamo voluto dimenticare, perché "vogliamo vivere la nostra vita al centoper cento".

Io ammiro e rispetto il sig. GRILLO, perché ha trovato un linguaggio elementare, condivisibile a qualunque livello di cultura in possesso dei suoi spettatori.

In conclusione, spetta a noi tenere a mente le cose che dice, non spetta a lui farci da promemoria periodico.


Pasquale Efisio Pistis 10.06.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Che fine ha fatto il dossier segreto della Monsanto sui danni del suo mais Mon-863?

Come mai non se parla più di questa sostanza transgenica che ha provocato gravissime deformazioni a fegato, reni, cervello, sistema immunitario e DNA nei topi da laboratorio? Forse perché la Commissione europea, cioè quei venticinque imperatori che oggi decidono per noi europei, hanno approvato questo mais nonostante conoscessero le gravissime implicazioni per la salute? Questi signori - che secondo me andrebbero chiusi per un intero anno dentro un McDonald’s - decidono per quasi 400 milioni di persone e non hanno un livello di coscienza tale per imporsi alle pressioni economiche delle lobbies!

Rosario Lambiase 10.06.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

scusate ho dimenticato di postare il sito con i dialoghi di "the corporation" :
http://news.nettaridibacco.it/Gennaio05/corporation.htm

elena chioato 10.06.05 11:54| 
 |
Rispondi al commento

La Oakhurst Dairy ("the natural goodness of Maine") è di proprietà della famiglia Bennet, che la conduce direttamente dal 1921.
Monsanto ha di recente tentato di metterla fuori mercato.
Oakhurst sta rispondendo alla richiesta di latte senza ormoni da parte dei consumatori, e prevede nel capitolato di fornitura da parte delle piccole stalle conferenti il divieto del loro utilizzo.

Monsanto, il primo produttore dello steroide sintetico, ha citato Oakhurst in tribunale, sostenendo che non può informare i suoi consumatori sull'assenza della sostanza chimica dal latte, perchè il rBGH, in qualche modo, ne subirebbe un danno all'immagine.

http://www.greenplanet.net/Articolo3640.html

qui trovate i dialoghi tratti da "the corporation" documentario che spiega la storia dell'informazione sulla Fox sul latte all'ormone cancerogeno della Monsanto.

elena chioato 10.06.05 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti. Da qualche tempo sento dire di un certo Dott. Hamer incarcerato per abuso della professione medica. Pare che le sue teorie stiano dando fastidio (forse) nonostante (pare) siano state confutate positivamente da una università. Non nè sò molto e non sono un medico o una persona che può di punto in bianco avvalorare una tesi solo per il desiderio di dar torto al ns. sistema. Ma sarebbe interessante saperne di più perchè a mè questo D. Hamer pare una brava persona che sta subendo una persecuzione eccessiva. GRILLO ..POTRESTI INTERESSARTI????
intanto per vedere se alcune notizie sono vere oppure costruite.....e poi magari sentire il parere di qualche esperto fuori coro....
http://www.disinformazione.it/hamer13.htm

Dario Panebianco 10.06.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Salve Sig.Grillo,
è la prima volta che le scrivo, leggo il suo sito e l'ho vista in alcuni spettacoli, la ringrazio per il suo impegno, l'informazione che fa e la sua forza d'animo.
Le scrivo perchè ho ricevuto questa e-mail da amici e mi ha molto colpito, ho allora pensato di inviargliela.
Spero possa avere un minuto per leggerla e dire cosa ne pensa. La ringrazio fin d'ora per la sua attenzione.
Maria Teresa
:
Controllate le etichette degli assorbenti interni che volete acquistare,la prossima volta, e controllate se riuscite ad individuare alcuni dei
segni familiari descritti in questa e-mail. Non meraviglia che tante donne al mondo soffrano di cancro alla cervice e di tumori all'utero.
Sapete che i produttori di assorbent i interni usano diossina e rayon nei loro prodotti? Sono sostanze cancerogene e tossiche! Perche allora gli
assorbenti interni non sono contro la legge?
Perché gli assorbenti interni non sono un prodotto alimentare e, dunque, non sono considerati pericolosi o illegali.

ECCO LO SCANDALO:
Gli assorbenti interni contengono due cose che sono potenzialmente pericolose Rayon (per assorbire) e diossina (un prodotto chimico usato
per sbiancare I prodotti). A volte contengono anche piccole percentuali di amianto, per indurre nell'organismo femminile una emorragia più intensa
(più sanguinamento più assorbenti consumati). L'industria degli assorbenti interni e' convinta che noi, essendo donne, abbiamo bisogno di prodotti candeggiati, sbiancati per pensare che il prodotto sia puro e pulito.
Il problema e' che la diossina, che viene prodotta in tale processo sbiancante, puo apportare gravi danni all'organismo!
La diossina e' stata associata al cancro da studi clinici, ed e' tossica per I sistemi immunitario e riproduttivo. E' anche stata associata con
endometriosi e basso numero di spermatozoi per gli uomini.
Lo scorso settembre, l'Agenzia di Protezione Ambientale EPA ha reso noto che non esiste un livello "accettabile" di esposizione alla diossina, visto che e' cumulativa e lenta a disintegrarsi.
Il pericolo Reale viene dal contatto ripetuto (Karen Couppert "Pulling the Plug on the Tampon Industry"). Io direi che usare circa 3-4 assorbenti interni al giorno, per cinque giorni al mese, per 38 anni e' un "contatto
ripetuto". Non pensate anche voi?
Il Rayon contribuisce invece ai pericoli creati da assorbenti interni e dalla diossina perche'e' una sostanza altamente assorbente. Perciò,
quando fibre degli assorbenti interni restano nel collo dell'utero (come di solito accade), cio crea un "serbatoio" di diossina nel corpo. Tra l'altro, resta all'interno molto piu a lungo di quanto rimarrebbe con assorbenti
interni fatti solo di cotone, perché il rayon è più leggero e tende ad attaccarsi.
Questo e' anche il motivo per il quale la TSS Sindrome da Shock Tossico) può colpire donne che usano assorbenti interni (come potete leggere dal
foglio informativo di TUTTI gli assorbent interni in commercio).

QUALI SONO LE ALTERNATIVE?
Usare assorbenti esteni, o prodotti non sbiancati e fatti completamente di cotone.
Anche altri prodotti d'igiene femminile (assorbenti esterni/fazzoletti)contengono diossina, ma non sono tanto pericolosi
quanto gli assorbenti interni. Sfortunatamente, prodotti non sbiancati e in
cotone si trovano quasi solo in negozi di "prodotti biologici" (quindi sono
più cari). Nel 1989, degli attivisti inglesi organizzarono una campagna contro lo sbiancamento attuato con cloro. Sei settimane e 50000 lettere dopo, I produttori di diversi prodotti sanitari passarono all'ossigeno (uno dei metodi Verdi disponibili. (MS magazine, May/June 1995).

COSA FARE ORA:
Ditelo alla gente. A tutti. Informateli. Questa industria ci sta danneggiando, facciamo qualcosa per impedirlo!
Se evete tempo, scrivete una lettera alle società Tampax - Playtex - O.B.-Kotex. Sulle scatole c'è sempre un recapito. Fate loro sapere che
esigiamo un prodotto sicuro: assorbenti interni COMPLETAMENTE DI COTONE NON SBIANCATO.
PROMEMORIA:

Per non perdere l'impatto di questa email, PREGHIAMO chiunque voglia spedirla ai propri amici, di copiarla e poi passarla su un NUOVO
messaggio. In questo modo, non potra distorcere il messaggio a causa delle varie frecce che appaiono nelle e-mail inoltrate. Vi preghiamo di farlo con considerazione e serietà.
Grazie

Maria Teresa D'Amato 10.06.05 09:25| 
 |
Rispondi al commento

A chi considera Luigi Di Bella un ciarlatano vorrei dedicare questa testimonianza. Una donna, dopo che si è sentita dire dall'oncologo svizzero Cavalli, nemico di Di Bella , che per lei non c'erano farmaci curativi, ha deciso di rinunciare alla chemio palliativa e di fare la Di Bella.

Testimonianza tratta dal sito www.terapiadibella.it

[...] mia moglie affetta da quattro anni e mezzo da Linfoma non Hodgkin centrofollicolare stadio IV° A, basso grado ; si sta curando dall’inizio della malattia con retinoidi, parlodel, ciclofosfamide, synachten depot e octeotride, in pratica la multiterapia del prof. Di Bella (di seguito MDB).
Aggiungo inoltre che mia moglie, per sua precisa scelta ha deciso sin dall’inizio della malattia di curarsi esclusivamente con tale terapia, conseguentemente non ha mai approcciato alla chemio tradizionale, caso questo, data la giovane età di mia moglie (38 anni) credo molto raro nel panorama italiano.
Attualmente gode di buona salute, da aggiungere che è sempre stata bene a parte due episodi di emolisi, molto forti, avuti rispettivamente nel marzo 02 e nel gennaio 04, conclusisi dopo 3 –4 mesi di terapia con epo + MDB intensificata.


In allegato una sceda medica del caso.

Cordialmente
Giulio M.

Relazione cronologica della paziente ..omissis..

13 luglio 1999
Ricovero presso Clinica medica IV Ospedale Civile di Padova per “pancitopenia di recente insorgenza” .
Successivi controlli ematochimici ed una biopsia osteo midollare hanno portato a formulare la diagnosi di “anemia emolitica autoimmune da anticorpi caldi”;


29 luglio 1999
viene effettuata una seconda biopsia osteo midollare, con diagnosi negativa per malattie linfoproliferative ;


09 agosto 1999
trasferimento in Clinica Chirurgica II° per splenectomia, vista la non responsività dell’anemia a dosi piene di corticosteroidi;


13 agosto 1999
ritrasferimento presso la Clinica Medica IV°;


21 agosto 1999
dimissioni per miglioramento delle condizioni generali (esami sangue del 20/08/99);
viene indicata terapia immunosoppressiva da aggiustare nei successivi controlli presso day Hospital della Clinica Medica IV°;

Marzo 2000
controlli mensili presso day Hospital con esami sangue che mostrano un buon controllo del processo emolitico;


21 aprile 2000
peggioramento del quadro emolitico ;


26 aprile 2000
viene effettuata biopsia osteo midollare con successiva diagnosi di “Linfoma non Hodgkin centrofollicolare stadio IV° A ;


02 giugno 2000
consulto presso Prof. Cavalli -primario Divisione Oncologica Medica ospedale di Bellinzona CH-; questi afferma che “strategie sicuramente curative, ad oggi non ce ne sono” propende quindi per iniziare con una chemioterapia a bassi dosaggi. La paziente rifiuta questo tipo di approccio terapeutico.


07 giugno 2000
consulto presso il prof. L. Di bella a Modena; la paziente decide di iniziare il protocollo denominato MDB . Da questa data la paziente non fa più uso di corticosteroidi prescritti dai medici della Clinica Medica IV.


13 luglio 2000
ad un mese dall’inizio della cura vi è un sostanziale miglioramento del quadro ematologico;

29 settembre 2000
biopsia osteo midollare presso Clinica Medica IV°. L’esame istologico evidenzia la RIDUZIONE della componente centroblastica ed il permanere della componente centrocitica .


N-B.: i medici del Day Hospital riconducono i risultati apprezzabili finora ottenuti, alla terapia steroidea, mentre la paziente l’ha interrotta ancora nel giugno ’00, quando ha iniziato la cura MDB;


16 gennaio 2001
consulto presso il prof. L. Di Bella che attesta il miglioramento del quadro generale;


Aprile 2001
Esami ematochimici che rilevano un innalzamento della LAD a 480 (valori di riferimento 180 –380) e una formula in rialzo.Conseguentemente è stato ridotta l’assunzione di Endoxan a giorni alterni con l’aggiunta di Polimod, rimane inalterato il resto della terapia;


Agosto 2001
Normalizzazione della formula leucocitaria e della LAD.

………………….
Marzo 2002
Innalzamento LAD e relativa perdita di emoglobina esami del 14/03/02;


Aprile 2002
Persiste il problema di perdita dei valori di emoglobina, cerchiamo di tamponare ciò facendo iniezioni di Eprex 4000 e ravvicinando le iniezioni di Synachten depot 0,25 ml (prima faceva 1 puntura ogni sette giorni adesso dal 30 aprile sta facendo una puntura ogni 3 gg.).

Maggio 2002
La situazione non è brillante (emoglobina 0,80 con LAD in aumento), continuiamo con L’Eprex 4000 e il Synachten ogni 3 die. (esami ematochimici del 14/05/02); su indicazioni del prof. Di Bella dai primi giorni di maggio abbiamo intensificato l’Endoxan (portandolo da ½ pastiglia da 0,50 mg. die ad una pastiglia intera 0.50 mg. al giorno), e rinforzando l’octeotride –Longastatina- da 0,1 die a 0,2 die) ed aggiungendo 2 compresse di acido folico die (folina).

Nonostante questi rinforzi l’emoglobina è quel che è, e le sue condizioni fisiche non sono più brillanti come prima. Siamo preoccupati, sembra che non risponda più al Synachten, ed inoltre siamo preoccupati di un possibile riacutizzarsi del L.N.H..


Segnalo peraltro che in questo periodo (aprile – maggio 02) abbiamo avuto in casa un lungo episodio di varicella (i ns. due bimbi più piccoli l’hanno presa in asilo, non sappiamo se ci sia collegamento tra il riacutizzarsi del processo emolitico e la varicella in casa !!).

Luglio 2002
Esami ematochimici che rilevano la LAD a 580 (valori di riferimento 180 –380) e una formula invertita, emoglobina 11,8 .Condizioni generali della paziente buone.

Dicembre 2002
Normalizzazione della formula leucocitaria e della LAD.

Claudio Nicoli 10.06.05 00:34| 
 |
Rispondi al commento

CLUB REGIONALI DI BEPPE GRILLO - TORINO:
Beppe Grillo sei pronto???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????' Giosuele Volante

giosuele volante 09.06.05 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Per Marco Brodo:

per quanto riguarda l'uso dell'Aloe in oncologia puoi rivolgerti tranquillamente a Beppe Grillo.

Lui è un esperto di terapie alternative, qualche anno fa parlava (nei suoi spettacoli) di nuove terapie contro il cancro boicottate per chissà quali motivi.

Chi meglio di lui sarà in grado di fornirci risposte adeguate su questa appassionante tematica?

Magari lui conosce cose a noi sconosciute.

Forse.

Francesco Marcellini 09.06.05 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe:)

Voglio darTi un poò di notizie riguardanti l'uso di psicofarmaci nell'età infantile, dati presi dal sito www.disinformazione.it
C'è bisogno di cuori impavidi:) breave heart....
Io un idea ce l'avrei:)) spero con tutto il mio cuore di poterTi incontrare presto ad personam:)
73.043.500, il numero di bambini ed adolescenti (0-18 anni) negli Stati Uniti (fonte: U.S. Census Bureau)

- 11.000.000, i minori che ogni anno utilizzano psicofarmaci (per tutte le patologie) nei soli Stati Uniti (fonte: NIMH, Nexus, Los Angeles Times)

- 20.000.000, il numero di ricette compilate in USA ogni anno per la somministrazione dei soli psicofarmaci di tipo stimolante ai bambini (fonte: British Medical Journal, Nexus)

- 10%, la percentuale della popolazione infantile USA che soffrirebbe dell'ADHD, Sindrome da Iperattività e Deficit di Attenzione (fonte:International Narcotics Control Board, OMS)

- 2 miliardi di dollari, il giro d'affari per la vendita di un'unica molecola (metilfenidato, nome commerciale Ritalin ®) nei soli Stati Uniti (fonte: DEA USA)

- 3, il numero di mesi dopo i quali sono state rilevate alterazioni genetiche (triplicate le anormalità cromosomiche) nei bambini sottoposti a terapia a base di farmaci stimolanti per l'ADHD (fonte: Università del Texas)

- 12%, la percentuale di bambini che ricevevano già psicofarmaci all'inizio delle scuole elementari nella vicina Francia (fonte: Ministere de la Santè , ricerca pubblicata su Canadian Journal of Psichiatric vol. 43)

- 8.103.000, i minori in età pediatrica in Italia, tra 0 e 14 anni (fonte: ISTAT)

- 9% (pari a 730.000 unità), la percentuale di minori italiani che soffrirebbero di disagi o turbe mentali secondo i risultati del progetto di screening PRISMA 2004 (fonte: Ministero per la Salute )

- 2% (pari a 170.000 unità), la percentuale di minori italiani che soffrirebbero della Sindrome da Iperattività e Deficit di Attenzione secondo i risultati del progetto di screening PRISMA 2004 (fonte: Ministero per la Salute )

- 4% (pari a 340.000 unità), la percentuale di minori italiani che soffrirebbero della Sindrome da Iperattività e Deficit di Attenzione secondo le associazioni scientifiche di impostazione organicista (fonte: Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile, Kataweb)

- 11, le molecole antidepressive in uso in età pediatrica la cui somministrazione è stata recentemente interdetta in quanto ispiravano idee suicidarie (induzione al suicidio) nei bambini (fonte: EMEA, Agenzia Europea per il Farmaco)

- 30.000, i bambini Italiani che ogni giorno assumono antidepressivi che inducono potenzialmente al suicidio, la cui somministrazione è stata interdetta dall'Agenzia Europea del Farmaco (fonte: Istituto Mario Negri di Milano)

- 1 anno, il ritardo del Ministero della Salute italiano nel dare riscontro ai primi "warning" sulla somministrazione di molecole antidepressive ai minori (fonte: Campagna GiùleManidaiBambini)

- 25%, il numero di giovani pazienti che hanno dimostrato dipendenza (difficoltà ad interrompere l'assunzione) di molecole antidepressive (fonte: Ufficio studi Glaxo)

- 275, in quotidiano aumento, il numero di specialisti che hanno già sottoscritto l'appello alla prudenza lanciato a febbraio 2005 dalla nostra Campagna (fonte: portale www.giulemanidaibambini.org, sezione Consensus ADHD, lista sottoscrittori)

- 173, il numero di autorevoli ricerche scientifiche universitarie già tradotte in italiano a cura di GiuleManidaiBambini, che mettono in allarme circa i rischi della somministrazione di psicofarmaci ai minori e che sono ignorate dalle autorità nazionali di controllo (fonte: www.giulemanidaibambini.org)

- 20, minimo uno per ogni regione, il numero dei Centri regionali per la somministrazione di psicofarmaci ai minori che verranno attivati sul territorio italiano (fonte: Istituto Superiore di Sanità, Ministero per la Salute )

- 1, il registro nazionale dove verranno "schedati" i bimbi in terapia a base di psicofarmaci (fonte: Istituto Superiore di sanità, Ministero per la Salute )

- 6.000.000, il numero di italiani di cui la Campagna GiuleManidaiBambini rappresenta la voce, e che si oppongono con fermezza a questa strategia governativa (fonte: Comitato Promotore GiuleManidaiBambini)

- 138.000 il numero delle pubblicazioni informative marchiate GiuleManidaiBambini distribuite gratuitamente in tutta Italia (fonte: portavoce GiuleManidaiBambini)

www.giulemanidaibambini.org

Un abbraccio
il guerriero poeta

roberto berera 09.06.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento

brava Zane...disinformazione è un sito veramente utile e, in questo momento, più che indispensabile per essere realmente informati.

Marco Brodo 09.06.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe,
mi piacerebbe molto tu potessi andare a vedere il link che riportero qui sotto,secondo me,un tema che ti potrebbe interessare molto.
Ciao e grazie.

http://www.disinformazione.it/hamer13.htm

Zane Alvise 08.06.05 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
ti scrivo per quotare in pieno l'ultimo tread del tuo blog sui parlamentari condannati è un vero scandalo.
Avrei una curiosità:
-Chi è che possiede le banche?
-Chi ha in mano gli zebedei del Debito Mondiale?
-Come avviene il ricambio generazionale di questi personaggi?

Sapere questi nomi e renderli pubblici secondo me potrebbe essere utile

Un abbraccio
Paolo

Paolo Titta 08.06.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

COERENZA
Sono riuscito a scaricare con un programma chiamato WINMX il video intero dello spettacolo Beppe Grillo 2005 a Milano senza spendere una lira.
Visto che è di Genova mi interesserebbe sapere cosa ne pensa ora della libertà dei internet lo stesso Grillo che ha perso il guadagno del DVD.
Saluti affettuosi.

Marco Lupetti 08.06.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

NOTIZIA ANSA del l'8 Giugno 2005:
ROMA - Primo contatto con la droga gia' ad 11 anni; a 15-16 anni l'uso non e' piu' occasionale. Si tratta di consumatori-ragazzini, soprattutto di cannabinoidi, ''insospettabili, che vanno bene a scuola, giocano al calcio. E le ragazzine sono tutte acqua e sapone''.

E' quanto emerge da un'anticipazione della relazione annuale al Parlamento sulle tossicodipendenze del 2005, messa a punto dalla Presidenza del Consiglio, che sottolinea un'altra novita': lo spinello anni '70, quello che conteneva una piccolissima dose di sostanze, e' sparito. Adesso, nei prodotti che vengono sequestrati, la percentuale ha raggiunto anche il 15-16%.

Le anticipazioni della relazione sono state rese note alla presentazione del congresso della Federserd Lazio, che comincia oggi a Roma e si concludera' sabato prossimo, in cui e' stato illustrato un rapporto nazionale della stessa federazione che conferma, sulla base dell'esperienza pratica, i dati della Presidenza del Consiglio e fra l'altro afferma che il ricorso ai Sert avviene gia' a 15 anni.

Considerazione finale:
le canne non fanno male e lo spinello anno 70 come dicono loro era più forte di quello di oggi. Ma la disinformazione distrugge i ragazzini e le loro famiglie. Tuo figlio si droga! gridano solo perchè si è fumato una canna. Ma chi è che spiega all'Italia e al mondo che le canne se le fumavano anche i frati nei monasteri? Chi? Non è mai morto nessuno. La canna esiste per criminalizzare e basta. Mettetevelo in testa.

Luk DeSisto 08.06.05 16:37| 
 |
Rispondi al commento

non capivo perchè non riportasse il mio commento e ho pensato che fosse per via del mio cognome che è abbastanza strano, quindi ho riprovato con un altro cognome (più comune).
non volevo mentire, lo giuro!!

marco brodo 08.06.05 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti

ho notato una coincidenza in quello che avviene nella sanità e quello che avviene a livello di leggi che dovrebbero tutelare il cittadino o comunque permettergli di sporgere denuncia.
Ormai è noto che non si possono denunciare furti in metro o per strada senza che sia stato riconosciuto il ladro. Viene schedata come smarrimento.(ecco spiegata parzialmente la diminuzione dei reati.
Bene (per modo di dire), mi sembra che questo abbassamento delle "soglie della salute" sia quantomeno un metodo simile per muovere i dati in un certo modo.
Un argomento più grave!!
La sanità attuale ritiene guarito un tumore se il paziente sopravvive almeno 4 anni dopo la diagnosi!! poi se il 5 anno muore, nelle statistiche, risulta guarito!!!! non avete mai visto un morto guarito o un guarito morto?

e se si riammala? bé, risulta come un nuovo malato.

La ricerca che da 50 anni ammala la gente con la chemio e contemporaneamente acquista immobili a più non posso e tira fuori miliardi di notizie su sperimentazioni e altre stronzate varie.

Quando troveranno un metodo abbastanza redditizio per curare le persone allora lo faranno, ma fino a quel punto ci dobbiamo pensare da soli, per esempio usando l'aloe.
si l'aloe e tante altre piante che sono state messe dalla natura a nostra disposizione da sempre, fino a quando l'industria chimica la vista come una concorrente troppo forte. Alcune cose sono divenute illegali e altre messe nel dimenticatoio.

marco rossi 08.06.05 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti.

ho notato una coincidenza in quello che avviene nella sanità e quello che avviene a livello di leggi che dovrebbero tutelare il cittadino o comunque permettergli di sporgere denuncia.
Ormai è noto che non si possono denunciare furti in metro o per strada senza che sia stato riconosciuto il ladro. Viene schedata come smarrimento.(ecco spiegata parzialmente la diminuzione dei reati.
Bene (per modo di dire), mi sembra che questo abbassamento delle "soglie della salute" sia quantomeno un metodo simile per muovere i dati in un certo modo.
Un argomento più grave!!
La sanità attuale ritiene guarito un tumore se il paziente sopravvive almeno 4 anni dopo la diagnosi!! poi se il 5 anno muore, nelle statistiche, risulta guarito!!!! non avete mai visto un morto guarito o un guarito morto?

e se si riammala? bé, risulta come un nuovo malato.

La ricerca che da 50 anni ammala la gente con la chemio e contemporaneamente acquista immobili a più non posso e tira fuori miliardi di notizie su sperimentazioni e altre stronzate varie.

Quando troveranno un metodo abbastanza redditizio per curare le persone allora lo faranno, ma fino a quel punto ci dobbiamo pensare da soli, per esempio usando l'aloe.
si l'aloe e tante altre piante che sono state messe dalla natura a nostra disposizione da sempre, fino a quando l'industria chimica la vista come una concorrente troppo forte. Alcune cose sono divenute illegali e altre messe nel dimenticatoio.

marco brodo 08.06.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
chi ti scrive è un felice padre adottivo (ma io preferirei chiamarmi solo padre) di un magnifico bimbo rumeno di quattro anni strappato appena in tempo da una non vita in un istituto-lager di Bucarest. Quando l'ho preso,anzi,liberato il bimbo non aveva reazionidi alcun tipo (piangeva solo e a stento camminava) ora dopo neanche un anno fatichiamo a stargli dietro e, in quanto a parlantina,non riesci a farlo stare zitto un attimo (domande, sempre domande su tutto e su tutti.
Non a caso ti ho scritto "appena in tempo" poichè subito dopo la Romania ha approvato una legge sulle adozioni internazionali che, di fatto, impedisce le adozioni di bimbi rumeni da parte di stranieri, anzi, permette questo solo ai parenti residenti all'estero che ne facciano richiesta. Praticamente 84.000 innocenti (stima fine 20004) rimaranno per sempre segregati all'interno di istituti e/o case famiglia senza alcuna possibilità di avere una vita normale, un avita in una vera e propria famiglia. Ma la cosa più abberrante sai quale è ? Questa legge è stata fortemente voluta ed imposta dall'Unione Europea che nel pacchetto di riforme richieste alla Romania per entrare in Europa ha incluso giustamente anche una legge che tuteli di più l'infanzia in quel paese, attaccando però, nel contempo l'istituzione della adozione internazionale.
In quel paese non esiste una cultura dell'adozione nazionale. Pensa che chi lo ha fatto, in qualche caso, ha dovuto cambiare anche luogo di residenza e gli abbandoni non accennano a diminuire. L'artefice "europeo" di tutto questo ha un nome ben preciso ed è la Baronessa Emma Nicholson che nell'esecutivo Prodi era il referente per la Romania e la Bulgaria. Non sono valsi a niente gli appelli inviati all'allora Presidente Prodi e a varie organizzazioni internazionali. Niente. Nessuna risposta. E nessuna risposta da parte dei nostri politici e di alcuni giornalisti a cui avevamo chiesto di aprire una inchiesta su questa palese violazione dei diritti umani di quei bimbi.
La nicholson, in sue dichiarazioni, ha più volte attaccato l'isituto dell'adozione internazionale dichiarandosi apertamente contraria a tale istituto adducendo anche la "scusa" che l'Adozione internazionale aiuterebbe il traffico di minori. Non puoi immagginare Beppe cosa abbiamo dovuto passare per avere l'idoneità all'adozione dal tribunale dei minori. Controlli, tre incontri con i giudici, visite psichiatriche, accertamenti dei carabinieri, relazioni periodiche dei servizi sociali e moltiplica tutto questo per tre quando siamo rientrati con il bimbo. Non credo che un trafficante di minori passi dai tribunale e dai carabinieri per avere un bimbo non ti pare.
Tieni conto che migliaia di famiglie con abbinamento avvenuto e dopo aver conosciuto il bimbo sono ormai disperate e non sanno più a che santo votarsi per sbloccare questa situazione. Ti preghiamo, lo faccio anche a nome di queste famiglie e di questi bimbi che aspettano, fai una inchiesta su questo tema e, se puoi, fatti voce di questi innocenti, grida i nomi, grida i fatti, xchè abbiano vergogna e si coprano il viso.
Se vuoi puoi contattarmi personalmente all'indirizzo di posta.
Ciao e grazie per tutto quello che potrai fare.

Francesco Caracciolo 08.06.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

X Nadia Consani

Grazie dei consigli.

In effetti ho fatto un po di giri sulla rete alla ricerca dei caratteri della miastenia gravis: le caratteristche non mi fanno però ritenere si tratti della malattia che ha colpito mia madre per varie ragioni: non ho trovato tra i caratteri della malattia (m.g.) la scomparsa delle fibre muscolari di tipo 2 e 3. Inoltre la durata: mia madre soffre da più di 10 anni.
Grazie comunque
Roberto

roberto bracco 08.06.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti

ho notato una coincidenza in quello che avviene nella sanità e quello che avviene a livello di leggi che dovrebbero tutelare il cittadino o comunque permettergli di sporgere denuncia.
Ormai è noto che non si possono denunciare furti in metro o per strada senza che sia stato riconosciuto il ladro. Viene schedata come smarrimento.(ecco spiegata parzialmente la diminuzione dei reati.
Bene (per modo di dire), mi sembra che questo abbassamento delle "soglie della salute" sia quantomeno un metodo simile per muovere i dati in un certo modo.
Un argomento più grave!!
La sanità attuale ritiene guarito un tumore se il paziente sopravvive almeno 4 anni dopo la diagnosi!! poi se il 5 anno muore, nelle statistiche, risulta guarito!!!! non avete mai visto un morto guarito o un guarito morto?

e se si riammala? bé, risulta come un nuovo malato.

La ricerca che da 50 anni ammala la gente con la chemio e contemporaneamente acquista immobili a più non posso e tira fuori miliardi di notizie su sperimentazioni e altre stronzate varie.

Quando troveranno un metodo abbastanza redditizio per curare le persone allora lo faranno, ma fino a quel punto ci dobbiamo pensare da soli, per esempio usando l'aloe.
si l'aloe e tante altre piante che sono state messe dalla natura a nostra disposizione da sempre, fino a quando l'industria chimica la vista come una concorrente troppo forte. Alcune cose sono divenute illegali e altre messe nel dimenticatoio.

Marco brodo 08.06.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti

ho notato una coincidenza in quello che avviene nella sanità e quello che avviene a livello di leggi che dovrebbero tutelare il cittadino o comunque permettergli di sporgere denuncia.
Ormai è noto che non si possono denunciare furti in metro o per strada senza che sia stato riconosciuto il ladro. Viene schedata come smarrimento.(ecco spiegata parzialmente la diminuzione dei reati.
Bene (per modo di dire), mi sembra che questo abbassamento delle "soglie della salute" sia quantomeno un metodo simile per muovere i dati in un certo modo.
Un argomento più grave!!
La sanità attuale ritiene guarito un tumore se il paziente sopravvive almeno 4 anni dopo la diagnosi!! poi se il 5 anno muore, nelle statistiche, risulta guarito!!!! non avete mai visto un morto guarito o un guarito morto?

e se si riammala? bé, risulta come un nuovo malato.

La ricerca che da 50 anni ammala la gente con la chemio e contemporaneamente acquista immobili a più non posso e tira fuori miliardi di notizie su sperimentazioni e altre stronzate varie.

Quando troveranno un metodo abbastanza redditizio per curare le persone allora lo faranno, ma fino a quel punto ci dobbiamo pensare da soli, per esempio usando l'aloe.
si l'aloe e tante altre piante che sono state messe dalla natura a nostra disposizione da sempre, fino a quando l'industria chimica la vista come una concorrente troppo forte. Alcune cose sono divenute illegali e altre messe nel dimenticatoio.

Marco brodo 08.06.05 13:06| 
 |
Rispondi al commento

per Roberto Bracco, scusa, troverai spiegazioni relative alla miastenia molto esaudiente digitando anche con riferimento alla miastenia gravis, e vi troverai anche tutti i numeri di telefono aggiornati. Ciao.Nadia.

Nadia Consani 08.06.05 04:42| 
 |
Rispondi al commento

per Roberto Bracco
Ti consiglio di consultare le pagine di internet digitando semplicemente Miastenia Gravis là troverai anche il sito della dott. Ricciardi anch'essa affetta dalla stessa malattia con cui poi si è specializzata, dopo anni di odissea fra una clinica e l'altra senza che gli venisse riconosciuta. Io non essendo medico non vorrei darti delle spiegazioni con terminologie inesatte, pur conoscendo questa malattia perchè ne è affetta mia madre. Per altre spiegazioni di ordine pratico non esitare,a contattarmi direttamente, se potessi esserti utile ne sarei felice, saluti. nadiaconsani@virgilio.it

Nadia Consani 08.06.05 04:28| 
 |
Rispondi al commento

Certo che il PM10 tocca sopratutto la città , diversamente da quello che si crede ,anche in campagna non si scherza , altri inquinanti certamente e non vedo articoli e tantomeno se ne parla , fitofarmaci,pesticidi,funghicidi ect , tutto un grande e continuo AEROSOL che appesta l'aria ,non è un aroma amaro ma dolce , un dolce che uccide per chi ci abita, il tutto poi penetra nella frutta e verdura , sopratutto nei vigneti, nel vino poi. ogni volta che piove o che il sole persiste una nuova irrorazione di questo o di quello , tutto regolare e obbligatorio per qualcuno, ma se parli con chi vende queste sostanze capisci che ogni viticoltore usa mescolare diverse sostanze chimiche e in chissà che dosi. controlli? sì , esistono , ma non sono approfonditi. altrimenti non si venderebbe + vino.

Ci vorrebbero delle centraline per monitoraggio dell'aria di campagna e di collina....ESISTONO ?

enrico marchi 08.06.05 01:31| 
 |
Rispondi al commento

E' proprio vero che l'uomo più furbo del mondo è quello che ha inventato la supposta perché ce l'ha messa nel cu.. a tutti !
E continua!!!

Marco Biagiotti 07.06.05 23:00| 
 |
Rispondi al commento

X Nadia Consani

Nella miastenia gravis c'è anche la scomparsa di cellule muscolari di tipo 2 e 3?

roberto bracco 07.06.05 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Per Roberto Berera:

quindi vogliamo far passare il messaggio che la duodenite e l'iperacidità gastrica si curano con
lo "Zell Oxigen Plus" e invece gli inibitori di pompa protonica e la ranitidina (Zantac) non servono a nulla?

Attenzione perché Beppe Grillo, qualche anno fa, parlava nei suoi spettacoli di medici che curavano il cancro con l'ascorbato di potassio...
Ora non ne parla più.

Non so se mi spiego...

Francesco Marcellini 07.06.05 08:13| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono vari sistemi per imporre scelte a persone etichettate come pazienti.
Ce n'è uno che è iniziato con la chiusura(giustissima a parer mio) dei manicomi(purtroppo non in tutta Italia mi pare) grazie alla legge Basaglia(un GRANDE), e che è sfuggito al controllo e all'attenzione di molti.

A quei tempi la psichiatria era molto diversa da quella odierna. Oggi si condannano subito tutti gli psichiatri, molto mal visti dalla chiesa per ovvie ragioni, quando invece sono solo il punto di partenza di una terapia, e in molti casi non hanno la possibilità di seguire i loro pazienti nelle sedi di riabilitazione.


"C'è un estraneo in casa mia. Non lo conosco, mi dà pacche sulle spalle e dice di essere un mio amico. Non mi è simpatico, ma non posso dirgli di andare via, sceglie gli abiti che devo indossare e non mi chiede neanche se mi piacciono o no. Entra in bagno con me, e mi spinge sotto la doccia, eppure io so lavarmi da solo......".

Questo è più o meno il pensiero comune di molti pazienti psichiatrici(alcuni affetti da psicosi altri da sindromi maniaco-depressive) che ho conosciuto in diverse comunità alloggio di riabilitazione, o anche nelle "case/famiglia" come vengono erroneamente chiamate.
Si tratta perlopiù di pazienti psichiatrici che furono interdetti o inabilitati molti anni fa, oppure anche più giovani, e la loro istanza di revoca dell'interdizione non è stata più ripresa in considerazione. Ma molti di loro, sono perfettamente in grado di badare a sè stessi, di scegliersi un abito, vestirsi, lavarsi, comprarsi cibo e posseggono altre autonomie. Alcuni magari hanno bisogno di un aiuto in termini di stimolo, indipendentemente dalla loro patologia.
Oggi però, non sono più nelle mani degli psichiatri. O meglio ci sono per brevi visite periodiche di controllo, il resto del loro tempo, lo passano con "GLI EDUCATORI e GLI ASSISTENTI DOMICILIARI".
Una figura professionale nata sul campo. Fortunatamente non sono tutti uguali. Nel loro corso di studio imparano tutto sulla riabilitazione e misteriosamente nulla sui diritti dei pazienti, prima di tutto esseri umani e poi pazienti ovviamente. E sia chiaro che non sono un sentimentale pacifista a tutti i costi che predica l'amore nel mondo e non vede altro. Sto parlando solo di diritti come quello di scegliersi che cosa indossare. In altre parole, di una reale valutazione delle autonomie di un paziente psichiatrico.

Non sto dicendo che tutti gli educatori sono così.
Sto dicendo che secondo me, gli educatori e gli assistenti domiciliari dovrebbero essere selezionati meglio, perché è un ruolo professionale complesso da ricoprire, e dietro ogni educatore può nascondersi facilmente un aguzzino o, come li chiamo io "un macellaio".

Pasquale Efisio Pistis 07.06.05 02:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
questo tuo post si ricollega perfettamente con quello che ho e, in parte, sto ancora vivendo come esperienza personale legata all'industria della malattia.

Per non dilungarmi troppo, rimando chi interessato a dare un'occhiata alla mia storia a questo indirizzo:

http://www.laleva.cc/phpBB2/

sotto la voce PYROLURIA ci sono tutte le informazioni che riguardano la mia vicenda.

Spero possa servire d'aiuto a qualcun'altro e soprattutto come spunto di riflessione per avere uno spirito molto piu' critico nei confronti dell'industria sanitaria che, come sappiamo bene, ha al primo posto delle priorita' il profitto e non la salute delle persone.

Ciao e grazie
paolo

Paolo Drusi 06.06.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe:)
Vorrei dare a Te in primis ed a tutti i componenti la Tribù del blog una notizia inerente all'uso dei farmaci e loro abusi:)
10 anni fa a causa di un profondo dolore affettivo
mi "venne":)) la duodenite, per chi non lo sapesse la duodenite non è una malattia ma semplicemente un infiammazione del duodeno, un piccolo segmento che collega lo stomaco all'intestino. La duodenite è molto fasctidiosa,
acidità gastrica, difficoltà a digerire ec...
andai dal dottore che mi prescrisse un farmaco noto come Zantac. Lo Zantac inibisce la produzione di succhi gastrici nello stomaco, evitando che l'eccessiva acidità possa danneggiare le pareti dello stomaco (ulcera).
Solo che preso per troppo tempo, alla fine non riesci più a digerire nulla, avendo inibito i succhi digestivi. Appena smetti lo Zantac ecco che dopo un pò ritorna la duodenite:))
Non sapevo come fare, fino al giorno in cui una mia paziente mi portò un prodotto enzimatico.
E' una specie di sciroppo che si deve prendere ai pasti principali.
E' una formula del dott. Waltz contenete lievito liquido, enzimi vitamine e minerali .
Non arrivai alla fine della confezione che i sintomi erano scomparsi del tutto e non solo mi era ritornato un sano appetito e digerivo tutto.
Da allora non ho avuto più nessun problema al duodeno. Un cucchiaio di lievito liquido contiene 100miliardi di cellule enzimatiche vive!
Allora andai in farmacia a richiedere una confezione di questo incredibile rimedio, e la dott.ssa mi rispose che loro non lo avevano.
Le chiesi perchè visto che funzionava così bene,
Lei mi rispose che se cominciava a vendere lo Zell Oxigen altrimenti conosciuto come lievito liquido o enzimatico, si sarebbero annullate le vendite dello zantac e affini!
NON MALE PER ESSERE UN DOTTORE:)
dA allora mi sono interessato a questo rimedio naturale, consigliandolo ai miei paienti.
Il prodotto si trova in alcune erboristerie
comunque potete andare ad informarvi sul sito
http://www.cosvalitaly.com/zell/zell_oxigen_plus.html.
Così caro Beppe, se Ti fanno incaz..e tanto e Ti senti un po lo stomaco in disordine...bhe sai cosa prendere:))
Mandiamoli tutti a casa questi signori della morte:)
Un abbraccio dal guerriero poeta

roberto berera 06.06.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
vedo che stai combattendo contro tutti gli abusi che stanno lentamente facendo fuori i meno abbienti, gli ammalati cronici e gli anziani, come se a loro fosse vietata per legge una vita al di sopra del livello di sopravvivenza tipo Sri Lanka, si parla spesso di persone che vivono con un dollaro al giorno in questi paesi del terzo mondo, ma voglio dirti che in certe aree della nostra amata italia,(tipo il possente nord-est) stiamo creando un quarto mondo, dove la sopravvivenza per due persone, marito e moglie vicini alla sessantina, vivono con 220 euro al mese e sono invalidi civili, lei al 75% lui al 67%, unica pensione i famigerati 220 euro. In questi 220 euro ci deve stare tutta la loro vita,affitto, luce, gas, acqua e udite udite,mangiare!!! lei soffre di epilessia e operata di recente di tumore maligno alla tiroide, lui diabetico insulino dipendente, costretto a comprare, si, ho detto comprare le pomate per le continue ulcere e guai dermatologici causati dalla malattia,centinaia di euro, perchè la usl non passa un grammo di pomata gratis neanche se sei un'ulcera deambulante con gli occhi. Lo so, ci sono i problemi grandi che interessano la salvezza del mondo, il petrolio ,la benzina,l'ozono, il nano,ecc ecc.. ma sai quanto gliene può fregare ai due già vecchietti in procinto di lasciare questa terra felice, dove hanno vissuto una vita a lavorare ed ora devono aspettare di avere 65 anni per uno straccio di pensione, questi problemi interessano centinaia di migliaia di persone, una maggioranza silenziosa che non osa più e non ne ha la forza, di protestare, 7 euro al giorno, quasi 14.000 lire e devi vivere, le ferie? (rido divertito)non si ricordano da anni! vestiti nuovi...ma lasciamo perdere che è meglio!!! Grazie dell'ospitalità caro Beppe,ti ricordi cosa cantava Bobby Solo?
"non c'è più niente da fare, è stato bello sognare..."

francesco panniello 06.06.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Per Max Catalano: un libro che ho trovato veramente interessante sull'argomento "case farmaceutiche e conflitti di interesse"e'quello di Marco Bobbio "Giuro di esercitare la medicina in liberta'e indipendenza" edito da Einaudi nella collana "Gli Struzzi".

Paola Cirio 06.06.05 13:16| 
 |
Rispondi al commento


Per Daniele Mura:

Quando dici che le aziende farmaceutiche hanno solo cura per i LORO interessi, ti sei già risposto alla domanda: "Quali interessi cura Beppe Grillo?".

Francesco Marcellini 06.06.05 08:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
sono super incazzato,per quanto riguarda le multinazionali, farmaci nuovi e malattie create...
BASTA... sono anni che questi ricercatori..devono darci risultati,
dopo i soliti soldi PER LA RICERCA..quali sono?
I RISULTATI NON SONO ALTRO CHE FARMACI SEMPRE PRODOTTI DALLE MULTINAZIONALI UN'ATTIMINO PIU COMODI PER IL MALATO...non lo vogliono guarire cazzo..
I malati che hanno a carico farmaci ( per la maggior parte costosissimi ) prodotti da questi MOSTRI....non vogliono guarire un bel niente se non i loro interssi.
Ma alla fine cosa possiamo fare contro questi colossi..
Guarire una malattia sarebbe la loro morte, e la mia sicurezza è che la chiave di tante malattie si sa .
Ma come dice Lei Grillo, ormai il ricercatore vero non c'è più; sono tutti sotto contratto di multinazionali..e quelli che sperano non hanno speranza. Daniele Mura

Daniele Mura 06.06.05 03:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma quale prevenzione, il tumore che ha portato via mia madre a 61 anni è per me sconosciuto, invano chiedo e chiesi a qualsiasi medico interessato con mia madre ancora viva, perchè si era arrivati cosi tardi; il cancro fa allargare le braccia, i chirurghi "l'abbiamo aperta, ma per asportare tutto dovevamo portarle via lo stomaco..".
Gli oncologi "abbiamo provato già tutte le terapie possibili, non c'è più niente da fare". Per i due anni precedenti alla diagnosi da 'ultimo stadio' mia madre ha continuato a sottoporsi agli stessi esami (gastroscopia, ecografia) per problemi fastidiosi di digestione. Sembrava ai medici di non ravvisare motivi tali da giustificare un approfondimento, con altri esami, di ciò che stava accadendo.
Confermo l'incapacità dei medici, o almeno la maggior parte di quelli che ho incontrato, al prendersi cura della persona, nel momento in cui non riescono a prendersi cura della parte del corpo interessata dalla malattia.
Adesso sono arrabbiato e stanco. Il tumore al coledoco, la sua diagnosi tempestiva, la sua eventuale prevenzione resteranno per me un mistero, voluto dalla mia paura di sapere cose che potrebbero farmi arrabbiare di più. Grazie per avermi dato l'opportunità di parlare di questo.

MARIO NARCISO 05.06.05 23:10| 
 |
Rispondi al commento

La scienza, come nuova religione. La scienza come nuovo business. La scienza come nuova forma di dittatura. Di fronte alla scienza guai chi fiata: tu cosa ne sai? chi te l'ha detto? come fai a saperlo? che specializzazione hai? chiunque provi con prove logiche a contraddire la scienza, gli viene chiesta la patente: se ne sei sprovvisto non hai diritto di cittadinanza, la tua parola non ha senso alcuno.

Una delle truffe più grosse perpetrate dalla scienza è l'antidoping, nulla di più lontano dalla lotta al doping. Chi ha storicamente introdotto il doping nella pratica sportiva? sicuramente un medico. Chi è deputato a verificare se sei dopato o meno? sempre un medico. La verità vera è che oggi lo sport professionistico senza doping non potrebbe reggere nè da un punto di vista economico (chissà quanti soldi prendono le società e i calciatori per "suggerire" determinate medicine, non sostanze dopanti, medicine!!!), e tantomeno dal punto di vista dello sforzo che debbono compiere gli atleti oggi a fronte di compensi fantascientifici. Il tutto perchè devi vendere sky, il digitanale terrestre, la maglietta di mia nonna, e tutto quanto orbita intorno a questo carrozzone. Per non dire dell'indotto che questo crea: se un calciatore non si può nemmeno fare una flebo, mi spiegano cosa ci stanno a fare catene in franchising di vitamin store? io ho frequentato palestre per quasi vent'anni, e posso dire con assoluta certezza che tutti gli integratori non servono assolutamente a niente. Se vuoi ingrossare o aumentare le tue prestazioni servono medicine, ma pure da cavallo. Io non ne ho mai assunte, ma conosco parecchie persone che lo hanno fatto. I risultati li vedevi rapidamente: in pochi mesi ragazzotti magri diventare dei piccoli schwarzy.


Ma la truffa della scienza non si ferma qui. Parte dagli albori dell'apparizione dell'uomo sulla terra, parte dall'homo sapiens. Ci dicono che abbiano l'assoluta certezza che deriviamo da questa specie, per poi diventare homo sapiens sapiens, ma le prove le hanno solo loro, chi le può contestare? dicono pure che con la mappatura del genoma umano la prova è addirittura assoluta. Peccato che il progetto genoma è partito nel 1987 per mano del prof dulbecco, poi chiaramente è stato sviluppato da una miriade di scienziati, perchè nessuno potesse verificarne l'effettiva efficacia. Ma chi lha brevettato? una multinazionale americana. Sul genoma ne hanno dette di tutti i colori: innanzitutto che hanno scoperto l'alfabeto dell'organismo, e che devono scoprire la lingua. Peccato che le parole siano forse qualche miliardo. Allora cos'hai scoperto?

Pur leggendo dei siti su questo argomento non ho ancora capito se lo abbiano identificato tutto o no. Però dicendo che nell'ignegneria genetica sono lontani anni luce, (ed è il genoma che dovrebbe riuscire a conquistare questa nuova frontiera), implicitamente ammettono di non sapere un cazzo. Inoltre quando non sanno spiegare una certa malattia ti dicono che c'è una componente genetica: quale naturalmente non si sa.

Insomma, oggi più che mai sta venendo a galla la verità, ovvero che i medici sono degli apprendisti stregoni, ma si danno sempre la patente di scienziati a tutto tondo. Dimenticando qual'è il principio fondante della prova scientifica: la ripetitibilità di una certa reazione in provetta. Sew questo è il principio della scientificità, mi devono spiegare cos'ha a che vedere con questo l'epidemiologia, ovvero delle statistiche da interpretare, che non danno nessunissima certezza, solo una casistica che indica la spiegazione più probabile. Il nesso causale scientifico è altra cosa. Anche con il fumo non esiste il nesso scientifico che provi che l'assunzione di tabacco provochi il cancro ai polmoni. Esiste solo una casistica che dice che con ogni probabilità il tabagista ha molte più possibilità di altri di contrarre questa orrenda malattia.

Insomma, siamo lotani anni luce da qualunque verità, in un'ipotetica scala evolutiva l'essere umano si sarà sviluppato a dir tanto al 15%, eppure vogliono farci credere di essere ben oltre la metà, almeno al 65-70%.

La scienza è la nuova forma di dittatura mondiale, basata sul terrore di ammalarsi, ed il fatto di doversi affidare ai medici ed alle medicine per stare bene. Avere fiducia nella scienza significa annullare la propria personalità, affidare le nostre vite in mano di gente che non conosciamo soltanto perchè da soli non abbiamo il coraggio di andare avanti.

Bisognerebbe imparare a tenersi il dolore, ad imparare a soffrire, a sopportare i dolorini, almeno quelli lievi senza ricorrere ai farmaci. Il farmaco è indicato solo quando non ce la puoi fare più. Ed anche i suggerimenti sugli stili di vita vanno presi con le molle, senz'altro non bisogna eccedere in sostanze che bene o male danno effetti fuori dal comune (alcohol, caffè, sigarette, ma anche droghe leggere), ma soprattutto è necessario imparare a comprendere il nostro organismo ed individuare i messaggi che esso ci manda sotto varie forme. la stanchezza innanzitutto non va mai trascurata, anche in funzione di quello che si sta facendo. SE stiamo sempre stanchi di una certa attività, forse il nostro organismo ha una repulsione, vuole cambiare almeno modo di farla. Ma soprattutto deleterio è credere all0nesorabile decadenza fisica. Perchè coll'avvicinarsi dell'età avanzata penseremo che bisogna metterci sempre più in naftalina, quindi prendere sempre più medicine per prevenire gli effetti più indesiderati dei malanni: PREVENIRE CON LE MEDICINE, E' UNA BARZELLETTA ASSOLUTA!!!!

Purtroppo nessuno sa la verità di qualcun altro, ma ognuno dovrebbe cercare di capire la sua, la potrà scoprire senz'altro meglio di un medico.

Luca Botti 05.06.05 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Ancora una volta la Tua intelligenza e il Tuo cuore generoso attivano in me l'amore per la comunicazione. Ti scrivo nuovamente legandomi al Tuo pensiero come in una danza fatta di struggente passione e piacere di condividere con Te un momento di riflessione.
Sono un massofisioterapista e sono a contatto con il mondo medico e paramedico da circa 22 anni.
Posso affermare con una certa consapevolezza che l'aspetto predominante sul quale si è andato via via organizzando il sistema sanitario si basa sul concetto della morte. Sai la morte fa paura
rende instabili, e dipendenti. Paura di morire, paura di essere attaccati da qualcosa che possa ledere la nostra salute....si ha la sensazione di essere continuamente sotto attacco.....questa sensazione muove le forze primordiali di difesa
"sono attaccato mi devo difendere":)
La medicina così come viene ad essere concepita
in questo nostro mondo "culturalmente avanzato"
usa la nostra paura amplificandola e organizzandola.
"sono attaccato da cosa?" Ci vuole un entità un qualcosa che attacca me....benissimo diamogli un nome....hai il Cancro, emicrania, ulcera, epatite B, C, A, Z:, e adesso che abbiamo il nome, l'entità che ci attacca, possiamo costruire il rimedio:))il Farmaco.
Quello che era un semplice sintomo di un momentaneo disordine psicofisico diventa LA MALATTIA. IL FARMACO inibisce il sintomo ma non la causa e la dipendenza dal farmaco è garantita.
Non voglio quì dire che tutti i medici agiscono in questo modo.
Comunque sia questo modo di usare la medicina è usato nella maggioranza dei casi.
Sai Beppe, una volta qualcuno mi disse che quando le cose assumono un aspetto troppo complicato è bene fermarsi e semplificare, così da ritrovare il filo.
Torniamo allora al filo della vita.
L'organismo vivente ha la facoltà/possibilità di autoguarire, qualora gliene venga data la possibilità:)
In questo senso la medicina dovrebbe essere proiettata a favorire/stimolare/indurre/innescare/aiutare i pazienti a ritrovare lo stato di salute ottimale
liberandoli dal concetto di malato/malattia attacco, paura di morire ecc....
Ce li vedi i medici che sono pressati dall'industria farmaceutica a prescrivere farmaci
informare il paziente che non esiste nessuna malattia, che non siamo malati?
Non possiamo aspettarci che cambino le cose a meno che non ci creiamo una valida alternativa che ci liberi dalla condizione di dipendenza:))
Ancora una volta siamo chiamati a muovere i nostri flaccidi glutei:)) dalle comode poltrone automassaggianti:) per andare a riprenderci le nostre vite:)Se nessuno si sente malato i farmaci a chi li daranno? Se scopriamo quanto sia facile organizzare la nostra salute e mantenerla nel tempo, chi verrà da noi a dirci che forse siamo malati ma ancora non lo sappiamo?:))
Un caldo abbraccio

roberto berera 05.06.05 14:48| 
 |
Rispondi al commento

come farmacista vedo ogni giorno moltissimi clienti-pazienti che piuttosto che regolare la propria vita con una dieta sana preferiscono ingurgitare compresse credendo così di compensare gli stravizi....e a nulla serve il consiglio del medico o del farmacista.

lucia battaioni 05.06.05 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao.
Scrivo per dire che talvolta è necessario valutare più approfonditamente alcune situazioni...i limiti di glicemia (diagosi di diabete), colesterolo ed ipertensione (malattie di cuore, ictus) vengono abbassati perchè studi scientifici indicano come i limiti precedenti si associno comunque al rischio di sviuppare quelle patologie. Teoricamente inoltre,le persone che "diventano malate" con l'abbassamento dei limiti, non vanno trattate, almeno in prima battuta, con farmaci, ma con cosiddette "misure igienche", come alimentazione più sana, più attività fisica, sospensione del fumo di sigaretta, etc, che spesso di per loro abbassano questi parametri. Ovviamente le aziende farmaceutiche acquisiscono potenziali futuri nuovi clienti, ed è per questo che è FONDAMENTALE valutare se gli studi su cui si basano questi nuovi limiti sono seri( perchè sono, come ogni cosa, manipolabili). Resta il fatto che la glicemia o la pressione alta molto spesso non alterano una sensazione di benessere, ma mettono a rischio chi li ha di scoprire il problema pagando un caro prezzo ( infarto, ictus, coma, etc )
Con grande stima.
Massimiliano

massimiliano franco 04.06.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Riporto letteralmente: "Che l'aspartame sia un edulcorante (dolcificante) insicuro è da diverso tempo un dato di fatto.
Recentemente la conferma diretta della FDA (Food and Drug Administration), che ha stabilito che l'aspartame è collegato con l'insorgenza di tumori al cervello, oltre che ha una comprovata neurotossicità ed è la causa di "92 sintomi" allarmanti, come cecità,problemi neurologici (parkinson, alzhaimer) e vascolari, paralisi."
[http://www.disinformazione.it/stevia.htm]

Mi chiedo in che società stiamo vivendo, perchè abbandonare la benzina super che conteneva piombo (relativamente cancerogeno) per passare alla benzina verde che contiene benzene (da alcuni definita la sostanza più cancerogena in assoluto ..) ma anche abbandonare lo zucchero (che causa carie e non altre patologie) per passare all'aspartame che provoca tutto ciò di cui sopra ... L'altro giorno ero con una persona che ha avuto un abbassamento della glicemia (livello di glucosio nel sangue) allora sono andato in un bar per prender un pacchetto di caramelle allo zucchero, niente! In un secondo, ancora niente! In un terzo finalmente ben nascoste le ho trovate ... AIUTO!!!!! Voglio poter liberamente coadiuvare il mio dentista (che mi è tanto simpatico) a costruirsi la villa!!! Gli oncologi non mi sono altrettanto simpatici ...

Cari saluti

Gianfranco Venturin 04.06.05 08:33| 
 |
Rispondi al commento

URGENTE X Roberto Bracco;
I sintomi de te descritti sono comuni alla Miastenia Gravis malattia autoimmune, non molto comune, di cui è affetta mia madre, ti consiglierei,prima di intraprendere altre vie,di contattare la dr, Ricciardi Roberta via Pilla Pisa tel. 050 21424 neurologa specializzata in questo tipo di malattie.Auguri
Nadia Consani

Nadia Consani 04.06.05 06:57| 
 |
Rispondi al commento

Se Fassino avesse subito l'analisi pre-impianto, non sarebbe mai nato. Un buon motivo per cui dovrebbe astenersi dall' andare a votare.

Lo so che se poi nasce magari non capisce una cazzo... pazienza.

Filippo Trascinelli 03.06.05 21:32| 
 |
Rispondi al commento

posto qui anche se non centra
penso si faccia in tutte le città:


come votare al referendum rimanendo a bologna

Se siete o conoscete uno studente fuori sede che è veramente impossibilitato a tornare a casa per votare il 12 e 13 giugno per il referendum abrogativo della legge sulla procreazione medicalmente assistita c'è un modo per votare rimanendo a bologna. Mandando un'e-mail a comitato.bologna@email.it potete chiedere di fare i rappresentanti di lista (o qualcosa del genere, non so bene la terminologia ufficiale). Il comitato per il si e i vari partiti che sostangono il referendum (rifondazione, verdi, ds, radicali, ecc.) hanno diritto ad avere un rappresentante per ogni quesito in ogni seggio e mettono a disposizione questi posti per chi vorrebbe votare ma abitando troppo lontano non ha la possibilità di tornare a casa solo per un week-end. Ovviamente previa esibizione del certificato elettorale(quindi fetevelo spedire da casa).

Quindi se siete interessati non esitate e fate girare quest'informazione.

Naturalmente bisogna votare 4 sì


andrea capano 03.06.05 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Mangiamo pure chewing-gum senza zucchero, cola light, ecc. Magari ci sentiamo a posto con la coscienza (= con la panza ke cresce). Intanto l'aspartame provoca danni al cervello, ma tanto ki se ne f***e, l'FDA (Food & Drug Administration) lo permette. X la cronaca: esiste una piantina innocua dalle foglie dolcissime a calorie 0! La stevia. Secondo voi e' pubblicizzata? E' consentita come alimento? Leggete qua... P.S.:potete trovare la stevia, in tutte le sue forme, su eBay.

http://www.disinformazione.it/automobiletesla.htm

Luca Palmieri 03.06.05 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Saluti a tutti.
Scrivo da Infermiere Laureato dipendente del San Raffaele.
L'iniziativo del chip sottocutaneo può essere positiva, ma come ogni iniziativa può essere fraintesa. Mi spiego: monitorare una persona sana per scoprire tempestivamente una patologia può essere positivo in determinate situazioni..pensiamo ad un astronauta ad esempio!
Ma se questo, il monitorare, viene allargato ad una persona comune, a tutti, allora signori miei perdiamo la libertà dell'uomo intesa nel senso più stretto; non saremmo molto diversi dai topini di laboratorio (quelli bianchi avete presente??)...detto questo saluto tutti

Mauro Aimi 03.06.05 03:21| 
 |
Rispondi al commento

Non so se tu leggerai quello che io scriverò e per questo sarò conciso così da non fare troppa fatica.
però ti prego rispondimi e rispondimi a tono perchè chi ha un figlio come me spera avere risposte rapide e congruenti, così non ti offendere se finisco quì quando sarò sicuro di te ti esporro tutto, dirai che rompiballe sto quì e poi tutte le mail del cazzo che ricevo e questo non mi dice niente, lo so hai ragione ma comunque aspetto una tua risposta.
Ciao
Massimo

Massimo Taffarelli 02.06.05 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,poco tempo fà mi è arrivata una mail nella quale si porta a conoscenza del fatto che nei tamponi assorbenti interni che le donne usano mensilmente,vi siano all'interno dei componenti che potrebbero portare serie conseguenze devastanti nel lungo periodo.
Nello specifico contengono elementi come il Raion(elemento per assorbire)è Diossina,(serve per sbiancare il prodotto),e dice ancora Tracce di Amianto (aumenterebbe le emorragie quindi più consumi.
Nel messaggio si cita anche l'EPA (agenzia protezione ambientale)la quale a dichiarato che non esiste un livello accettabile di esposizione alla diossina in quanto l'esposizione è cumulativa e lenta a disintegrarsi.
Mi chiedo ma se una donna lo usa per cinque giorni per il periodo che và dal primo ciclo fino alla menopausa farà male?
Potresti documentarti.Grazie

Franco Caracciolo 02.06.05 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro in una multinazionale farmaceutica americana, che non influenza (almeno l'affiliata italiana) neanche se stessa! ti assicuro che le soglie limite di colesterolo ,diabete, ipertensione non possono "essere abbassate" dalle aziende farmaceutiche, casomai queste possono , parlando con gli specialisti di settore, cercare di influenzarli sui rischi di un valore di questi parametri troppo vicino (o coincidente) al limite. Sai meglio di me che ci sono associazioni scientifiche (su cui siamo d'accordo che l'azienda farmaceutica esercita una pressione, non so con quali esiti)che possono fare ciò solo sulla base di dati sperimentali concreti e incontrovertibili.Beninteso, sono lontano dal dire che le aziende farmaceutiche siano delle associazioni di beneficienza, ma come in tutti i settori è INDISPENSABILE non generalizzare ed evitare le colpevolizzazioni diffuse e qualunquiste che non fanno altro che ridurre la credibilità di chi le formula. sono a disposizione per info sul mondo farmaceutico. UN ABBRACCIO E GRAZIE PER TUTTO QUELLO CHE FAI PER TUTTI NOI COMUNI CITTADINI

Max Catalano 02.06.05 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Fonte: www.topsecret.naturalia.net

Alcuni giorni fa, e precisamente il 10 gennaio 2005, durante la trasmissione condotta da Alessandro Di Pietro “Occhio Alla spesa” in onda tutti i giorni dalle 13.00 alle 13.30 su Rai Uno, è intervenuto Eugenio Del Toma, nutrizionista e docente all'Università Campus Biomedico di Roma, il quale nel corso di un dialogo piacevole e scherzoso ha fornito “ottimi” consigli circa l'utilizzo dei dolcificanti. Già! Davvero ottimi!

Parrebbe così che lui sostituirebbe il fruttosio (non lo zucchero…) con l'Aspartame! Anzi! Dal discorso fatto, a nostro avviso, si evince che il consiglio per tutti coloro che voglio mantenere la linea sia quello di adoperare questi tipi di dolcificante. Ovviamente anche noi ci uniamo al coro e vi consigliamo di utilizzare l'aspartame per dimagrire talmente tanto da diventare un… mucchietto di ossa… Peccato che non potrete assaporare la delizia di essere così magri perché ormai sarete già dentro una tomba (ovviamente stiamo scherzando!).

Chi non scherza invece sono coloro che utilizzano un mezzo pubblico quale la Rai , con una cassa di risonanza enorme per fornire delle informazioni, a nostro avviso, alquanto discutibili. È già! perché anche in questo senso, la disinformazione è all'ordine del giorno e si serve di personaggi come, in questo caso, Eugenio Del Toma, un nutrizionista che quindi figura come esperto e, di conseguenza, da ascoltare e seguire…

Volete sapere cos'è davvero l'aspartame e come è iniziata questa lunga storia? Bene, seguiteci…

Inizialmente l'FDA si rifiutava di mettere in commercio questa “pericolosa” sostanza in quanto si era già a conoscenza dei rischiosi effetti che causa a livello cerebrale (ad esempio convulsioni e traumi cerebrali). Ed allora, vi chiederete voi, come mai se tutto ciò è risaputo, questa sostanza è stata comunque commercializzata? Eeeeeeeeeeeeh, come sempre, tutto gira intorno al denaro ed al potere: il business è business!

Dopo parecchi anni di “diffusione negata” arriva alla presidenza degli U.S.A. il fu Ronald Reagan (l'ex attore di serie B che ora diviene di serie A), grande amico dell'attuale multinazionale Monsanto (allora G.D. Searle) il quale ebbe la “bella idea” di licenziare il commissario dell'FDA proprio a causa del problema “aspartame”. Al suo posto fu nominato commissario il Dott. Arthur Hull Hayes, ma siccome il pericolo per la popolazione era davvero grande, dovette intervenire una “Commissione Investigativa”. Tuttavia, il nostro “amico” Dott. Arthur Hull Hayes, non tenne conto delle decisioni della sopraccitata commissione e decise di metterlo in commercio nonostante tutto. Ma dove finì inizialmente l'Aspartame? Prima di tutto nelle bevande gassate e poi, indovinate un po'? venne firmato un bel contrattino con gli alimenti prodotti dalla G.D. Searle…casualmente! :-) in cui loro divennero i proprietari del brevetto “Aspartame”. Tenetene conto quando acquistate prodotti Monsanto!

L'aspartame, tra gli altri, induce dipendenza ed assuefazione (di fatto l'assuefazione fa sì che si sia “invogliati” a consumare sempre più prodotti che lo contengono, aumentando a dismisura il business delle aziende coinvolte) e, inoltre, non tutti sanno che il 10% dell'aspartame ingerito viene scomposto in una sostanza chiamata metanolo (vi ricordate lo scandalo del vino “al metanolo”?), una sostanza estremamente velenosa per il sistema nervoso, canceroso e che provoca cecità…
Il bello tuttavia è che il 27 giugno 1996, l'FDA ha deciso di eliminare qualsiasi limitazione nel commercio di alimenti contenenti aspartame; tra i tanti, oltre ai prodotti cosiddetti dietetici che, in realtà hanno ben poco di dietetico, si dà il via libera anche ai cibi precotti e da cuocere!
In più il metanolo, viene trasformato in formaldeide: una neurotossina fatale! Inoltre, il corpo non è in grado di smaltirlo in nessun modo. Pensate che il nostro corpo, potrebbe sopportare al massimo7,8mg di Metanolo al giorno (dati ENPA), ma chi utilizza bevande gassate o cibi contenenti aspartame, ne ingerisce mediamente 56mg e può arrivare oltre i 200 giornalieri!

Voi penserete: ma a me non è accaduto mai niente… eh già! Magari non sapete che si inizia sempre con danni al DNA, riduzione della vista, problemi alla retina… tutti disturbi cosiddetti “comuni” che rimangono nell'ombra e che pochi di attribuiscono al metanolo o all'aspartame.
Senza contare i seguenti disturbi: dolori addominali, artrite, asma, edema, ipoglicemia, iperglicemia, cancro al cervello, difficoltà respiratorie, bruciore degli occhi, irritazioni della gola, disturbi vaginali, dolori di vario genere (in particolare al petto), tosse cronica, affaticamento cronico, stato confusionale, depressione, diarrea, capogiri, fame o sete incontenibile, calvizie e/o assottigliamento dei capelli, emicrania, problemi di udito, palpitazioni, orticaria, ipertensione, disturbi sessuali, scarsa concentrazione, immunodepressione, insonnia, irritabilità, problemi relativi al ciclo mestruale, spasmi muscolari, formicolio degli arti inferiori/superiori, allergie e intolleranze, fobie, convulsioni, tremori, vertigini, aumento di peso… Bastano?

Se ritenete che alcuni prodotti contenenti aspartame vi abbiamo danneggiato in qualche modo, provate ad eliminare dalla vostra dieta tutti i prodotti che lo contengono per un periodo minimo di 60 giorni. Noterete indubbiamente miglioramenti! Vi invitiamo a segnalarlo a chi di competenza e, magari anche a noi!
A tale proposito vi informiamo, infatti, che c'è chi sta già denunciando le case farmaceutiche che mettono in commercio prodotti a base di Aspartame. A settembre 2004, ad esempio, in U.S.A. c'è chi ha intentato una causa RICO da ben 350 milioni di dollari, contro la NustraSweet corporation e la American Diabets Association. L'accusa mostra degli studi in “doppio cieco” in cui dimostra chiaramente che l'aspartame causa gravi disturbi di salute e che all'interno dei gruppi esposti allo studio è addirittura morto qualcuno. I dati riportano che le persone sottoposte allo studio, accusavano esattamente gli stessi sintomi sopra descritti, inoltre peggioravano gravemente quelli già affetti da: sclerosi multipla, mialgie, artrite, epilessia, Parkinson, Morbo di Alzaimer, malati di ADD, depressione, linfomi, ecc.

Controllate bene le etichette dei prodotti che acquistate e che contengono “aspartame”, “acesulfame-K”, “sunette”. Non acquistateli per nessuna ragione! A meno che non vogliate risparmiare sulla cassa da morto…

Percentuale di metanolo nelle principali bibite gassate:
Bevande a ridotto contenuto di zuccheri 0.024 gram
Aranciata 0.018 gram
Succo di mela 0.021 gram
Grape juice 0.046 gram
Succo di pomodoro 0.085 gram

Ed ora ehm… buon appetito!

Joe Vita 01.06.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

dopo il tremontismo e' l'ora del st(a)oracismo da domani ognuno di noi potra' barattare e contrattare il prezzo dei farmaci il tariffario di storace dall'orto di guerra di ventennio memoria ,un anti tumorale 3kg di bieda,un antiemofilico 2kg di carote,xla pressione 1kg di broccoli,x diabete 2kg di patate e via dicendo..ah la coerenza politica e culturale del trombato dopo aver umiliato la sanita' pubblica dell'lazio a favore degli amici clerici e privati ora rovinera'sia noi che che vincendo le prossime elezioni si troveranno a riordinare la catastrofe che questo personaggio si appresta a combinare... rivedremo al 2006...

valentini roberto 01.06.05 19:01| 
 |
Rispondi al commento

http://italy.indymedia.org/news/2005/05/791405.php

si commenta da se

tiziano ruggia 01.06.05 16:51| 
 |
Rispondi al commento

vi prego aiutatemi a trovare qualcosa sul caso iri-alfa romeo regalata alla fiat da romano prodi

grazie fabio garau

fabio garau 01.06.05 13:08| 
 |
Rispondi al commento

X Laura Rescaglio - il 31.05.05 18:12


ASCOLTANDO la TV alle mie spalle ho saputo di una mamma che chiede aiuto per "RACCIMOLARE"

500.000 euro - dico

cinquecentomila

per far operare sua figlia, Maria, di due anni da un medico in America (neanche a dirlo)UNICO al mondo a poter effettuare questa operazione delicatissima: la bimba è nata con una malformazione-mancanza di arterie che collegano il cuore ai polmoni.

Questi individui come giustificano questi costi?

Volevo mettere questa notizia quando m'imbatto nel tuo post.

In questi due casi mi ACCORGO che le PAROLE, dette o scritte, qualsiasi siamo in grado di trovare non hanno alcun SENSO.

Ti sono vicina e timidamente ti chiedo: hai provato a presentarti a visita prima della scadenza dei 3 anni?
La USL sarà sempre la stessa...PROVOCALI.

Se sei a Roma ti accompagno io.....altrimenti andiamo a "Mi manda Rai 3". Se mi fai avere i tuoi dati li mando a Vianello. Non ti prendo in giro, posso REALMENTE parlare con lui. Non so se in trasmissione hanno gia parlato di questo problema: commissioni, USL, pensioni non percepite da persone disabili senza alcun sostentamento ecc. ecc.

E' AVVILENTE che alcune difficoltà si risolvano in TV: facce da C...O che quando vengono chiamate davanti al video a rispondere dei loro misfatti assicurano, VISCIDI che la pratica sarà risolta. BAS....I. E quando te lo chiede il CITTADINO che ti permette di prendere lo stipendio?

SONO INDIGNATA...L'UNICA PAROLA SENSATA.

Baci, baci, baci.

Elisabetta Carosi 31.05.05 20:03| 
 |
Rispondi al commento

sono stata colpita da aneurisma cerebrale nel maggio del 1999 sono emiplegica ho ottenuto una pensione di invalidita' civile( circa 600 euro al mese comprensiva di accompagno perche' ritenuta invalida al 100/% cio' significa inabile agli atti quotidiani della vita) vivo di questa miseria purtroppo nla suddetta mi e' stata sospesa perche' ogni tre anni devo sottopormi a visita medica legale per accertamenti, anche questa volta mi e' stata purtroppo confermata,ma prima che il verbale della commissione della usl sia inviato all'ufficio competente che deve ripristinare il pagamento si puo' aspettare anche un anno, mi chiedo cosa si deve fare intanto?? morire di fame ecc.ecc.???

laura rescaglio 31.05.05 18:12| 
 |
Rispondi al commento

dai Beppe perche no...candidati alle prossime elezioni..il mio voto e il mio sostegno lo avrai e credo anke quello di molti altri!!!!!!

sofia rosada 31.05.05 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
a proposito di salute...
abito in provincia di Lodi, e ho scoperto che fra non molto partirà un progetto per costruire l'ennesima centrale termoelettrica nelle vicinanze... che bello, peccato che la provincia di Lodi sia quella con la più alta percentuale di malati di cancro di tutta Italia!!! E questo grazie soprattutto a queste belle centrali che ci circondano da tutti i lati... ma come si fa a far svegliare tutti e A FARE QUALCOSA PER DIRE BASTA???

Ilaria Mutti 31.05.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Peter Duisberg
AIDS - il virus inventato -

Kary Mullis
Ballando nudi nel campo della mente

Caro Beppe
Vuoi parlare seriamente di ciò che ci sta facendo la medicina moderna? Studiati questi 2 libri e poi raccontalo al mondo.. Ma forse questo tema è troppo grande anche per te.
Saluti

Daniele Cassinari 31.05.05 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Sleale, a dir poco, Il Foglio che che virgoletta Ceronetti in poeticissimo afflato millenaristico e si dimentica (sic!) di citare il bel pezzo dello stesso sulla prima della Stampa di domenica mattina. Dove si parlava, difendendo le propie idee sulla personalità dell’embrione e i non-sense degli allettamenti genetico-mefistofelici, della miseria di chi si astiene; e della condizione peggiore di chi ad astenersi, invita.
Pasolini, parlando del minimo che si potesse fare tendere ad una reale democratizzazione del paese, sosteneva non si dovesse – mai, in nessun caso, temere l’immaturità degli elettori: ciò è brutalmente paternalistico: è lo stesso ragionamento che fanno i censori o i magistrati quando considerano il pubblico “immaturo” per vedere certe opere-.

aldo albiero 31.05.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,

mi piacerebbe sapere perché oggi, quando ti esprimi su argomenti che riguardano la SALUTE, capita di ascoltare frasi del tipo "essere sani significa convivere con qualche acciacco" oppure "... di qualcosa bisogna pure morire".

Anni fa parlavi di Di Bella, del Protocollo, del Prof. Pantellini che curava il cancro con l'ascorbato di potassio, ti ricordi?

Ora sembra che tu ne sia fatta una ragione, che tu abbia capito improvvisamente che tutti dobbiamo morire, presto o tardi.

Ti ringrazio di renderci così partecipi di questa tua sorprendente scoperta; vorrei solamente capire come mai, quando un argomento non è più "di moda" non ti attrae più così tanto.

Cosa c'è? Dove sono finiti quei ricercatori che nominavi qualche anno fa?

Caro Beppe Grillo, ti ringrazio anche che parli dei Bond Argentini, del Calcio e di come risparmiare al telefono, argomenti, naturalmente, molto più importanti delle terapie alternative contro il cancro.

In fondo, caro Beppe Grillo, muore di cancro solo circa il 35% della popolazione, ma questi sono dettagli, cosa vuoi che sia una malattia che colpisce circa venti milioni di persone in Italia? Un dettaglio.

Scusa, Beppe Grillo, quando anni fa parlavi di queste cose, pensavo affrontassi questo dettaglio con sincerità, con la sincerità ed il desiderio di Verità che attraversa o dovrebbe attraversare ogni uomo.

Per un attimo ho perfino pensato che saresti andato a fondo in questa tua ricerca; sentendoti nominare Di Bella, Pantellini, Giuseppe Zora ho creduto VERO questo tuo impegno a portare alla luce questo mondo sommerso.

Ma le cose cambiano, e le chiacchiere anche, quando sono chiacchiere.

A distanza di anni, ripensando ai discorsi che facevi, mi passa un brivido lungo la schiena.

Il parlare di argomenti come questo non è cosa da dimenticare o da archiviare come "argomento non più di moda".

Mi piacerebbe, al di là di tutte le polemiche, che tu facessi capire un pò come la pensi ora.

Francesco Marcellini 31.05.05 08:40| 
 |
Rispondi al commento


Caro Beppe Grillo,

mi piacerebbe sapere perché oggi, quando ti esprimi su argomenti che riguardano la SALUTE, capita di ascoltare frasi del tipo "essere sani significa convivere con qualche acciacco" oppure "... di qualcosa bisogna pure morire".

Anni fa parlavi di Di Bella, del Protocollo, del Prof. Pantellini che curava il cancro con l'ascorbato di potassio, ti ricordi?

Ora sembra che tu ne sia fatta una ragione, che tu abbia capito improvvisamente che tutti dobbiamo morire, presto o tardi.

Ti ringrazio di renderci così partecipi di questa tua sorprendente scoperta; vorrei solamente capire come mai, quando un argomento non è più "di moda" non ti attrae più così tanto.

Cosa c'è? Dove sono finiti quei ricercatori che nominavi qualche anno fa?

Caro Beppe Grillo, ti ringrazio anche che parli dei Bond Argentini, del Calcio e di come risparmiare al telefono, argomenti, naturalmente, molto più importanti delle terapie alternative contro il cancro.

In fondo, caro Beppe Grillo, muore di cancro solo circa il 35% della popolazione, ma questi sono dettagli, cosa vuoi che sia una malattia che colpisce circa venti milioni di persone in Italia? Un dettaglio.

Scusa, Beppe Grillo, quando anni fa parlavi di queste cose, pensavo affrontassi questo dettaglio con sincerità, con la sincerità ed il desiderio di Verità che attraversa o dovrebbe attraversare ogni uomo.

Per un attimo ho perfino pensato che saresti andato a fondo in questa tua ricerca; sentendoti nominare Di Bella, Pantellini, Giuseppe Zora ho creduto VERO questo tuo impegno a portare alla luce questo mondo sommerso.

Ma le cose cambiano, e le chiacchiere anche, quando sono chiacchiere.

A distanza di anni, ripensando ai discorsi che facevi, mi passa un brivido lungo la schiena.

Il parlare di questi argomenti come questo non è cosa da dimenticare o da archiviare come "argomento non più di moda".

Mi piacerebbe, al di là di tutte le polemiche, che tu facessi capire un pò come la pensi ora.

Francesco Marcellini 31.05.05 08:35| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori