Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Etica della repressione

  • 491


fidel.jpg

A Cuba sta aumentando la repressione contro la libera informazione e i giornalisti, tra cui alcuni italiani trattenuti nei giorni scorsi dalle forze di polizia cubane prima di essere espulsi.

Reporters sans frontières, l’organizzazione internazionale per la difesa della libertà di stampa e dei giornalisti sotto arresto, mi ha inviato una lettera scritta a Marco Tronchetti Provera lo scorso anno per una sua presa di posizione sulla partecipazione di Telecom Italia nell’operatore cubano delle telecomunicazioni ETEC SA, società grazie alla quale il governo cubano esercita la repressione della libertà di informazione in Internet e persegue gli oppositori.

E’ inconcepibile che un’azienda italiana possa partecipare alla repressione di un popolo, sia pur per via finanziaria.

Chiedo a Tronchetti di dimostrare cos’è veramente l’etica prendendo una posizione pubblica sulla repressione che avviene attraverso la compagnia ETEC SA da lui partecipata.

Altrimenti, invece di parlare di etica dell’informazione al convegno che si è tenuto a Borgo La Bagnaia, dovrà parlarci dell’etica della repressione.

26 Mag 2005, 13:38 | Scrivi | Commenti (491) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 491


Commenti

 

Non avrei la polizia in casa e non passerei dei giorni in carcere perchè, se è vero quello che è scritto nel post di Beppe, non avrei potuto usare internet per scrivere il mio post...giusto, no?
E poi la mia voleva essere anche una provocazione per dire di guardare prima di tutto in casa nostra: come possiamo pensare di avere una libera informazione se tutte le testate televisive e non, sono di proprietà diretta o indiretta della stessa persona?Ma l'avete mai visto un TG4 di Fede?
Come dire, per citare un proverbio cinese (toh!): "PRIMA DI GUARDARE LA PAGLIUZZA CHE HA IL TUO VICINO NELL'OCCHIO, GUARDA IL TRONCO CHE E'NEL TUO!"
Rita

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 15:05| 
 |
Rispondi al commento

www.yocuba.net Affitta un alloggio per le tue vacanze direttamente dai Cubani.

YoCuba.net - Clicca mi piace su https://www.facebook.com/YoCubanet-613887348752876

Appartamenti a L'avana 16.09.15 23:10| 
 |
Rispondi al commento

e' la prima volta che partecipo ad un commento,sfiduciato dalla politica di natura mafiosa che si e' ormai insediata al governo,immaginavo che un governo di destra avrebbe pensato prima ai suoi ,ma da uno di sinistra in pieno stile staliniano,mah !cosa aspetta ai nostri figli.non ho idee per modificare lo stato di non diritto,ma visto che le leggi se le fanno su misura ,perche'non costituire,un parlamento virtuale,ovvero una community che discute le leggi del parlamento italiano e le vota ,o meglio propone le leggi e le presenta al parlamento italiano,una comunity che decida che tipo di legge elettorale ci vuole.
forse sono un sognatore . stanno contribuendo al degrado mentale e civile e detto da un napoletano che ci vive ogni giorno col degrado deve essere vero

marcello messere 22.10.07 14:56| 
 |
Rispondi al commento

fabri balzani Commentatore certificato 19.09.07 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Le dittature ultilizzano il controllo mentale ,se vuoi saperne di piu' digita controllo mentale su youtube

fabri balzani Commentatore certificato 19.09.07 14:59| 
 |
Rispondi al commento

La repressione e le dittature utilizzano il controllo mentale

guarda questi video su youtube

http://it.youtube.com/watch?v=m6vxwmy9XNA

fabri balzani Commentatore certificato 19.09.07 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Che delusione mi è sembrata abbandonata, stanca, un popolo alla ricerca di espedienti per vivere pur lavorando.Penso che i Cubani stiano facendo una "cura" che gli U.S. li rende stitici è il proprio governo li....... purga
per il resto lo vista come il sig. Giorgio Schvarcz
Chiunque sia stato a Cuba e abbia avuto contatti con i cittadini cubani ha percepito sicuramente tante, diverse, emozioni.
Per quanto mi riguarda, più che dall'orgoglio cubano, dal livello di istruzione, e dai servizi sanitari, sono stato colpito dalla paura e dalla miseria.
I paragoni con gli altri paesi sono fuorvianti, le attrattive dei turisti non hanno senso per un Cubano, un Cubano non è libero di comunicare via internet, non è libero di decidere se andare via da Cuba e non è libero neppure di andare in spiaggia dove vuole.
La miseria è ovunque, la paura si legge negli occhi di chi non può dissentire, commentare, contestare, esprimere un'opinione dissonante.
Provate a chiedere ad un cubano che significa incontrare un poliziotto che ti chiede i documenti per un controllo e poi non te li restituisce,altro che inviato del corriere......

Davide Messi 15.01.06 23:57| 
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 14:57| 
 |
Rispondi al commento

Cuba ottiene di nuovo una schiacciante e ampia vittoria alle Nazioni Unite
(Cubaminrex) - 8 novembre 2005 – Per la quattordicesima volta consecutiva, e in questa occasione con il più alto sostegno mai raggiunto, Cuba ha ottenuto una schiacciante e ampia vittoria all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dove 182 paesi hanno oggi approvato la risoluzione che richiede al Governo degli Stati Uniti di porre fine immediatamente al blocco economico, finanziario e commerciale contro la nazione dei Caraibi.
Dei 191 paesi rappresentati nell'Assemblea Generale dell'ONU, solo quattro hanno votato contro la risoluzione (Stati Uniti, Israele, Palau e Isole Marshall) e uno si è astenuto (Micronesia).
Da parte loro, non erano presenti alla votazione El Salvador, Iraq, Marocco e Nicaragua.

Discorso pronunciato dal Ministro degli Esteri cubano Felipe Perez Roque all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite - 8 novembre 2005
Signor Presidente, signori delegati,
oggi è un giorno di speciale importanza per le Nazioni Unite poiché si vota per la quattordicesima volta il progetto di risoluzione presentato da Cuba dal titolo "Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti contro Cuba". L'Assemblea Generale non deciderà su un tema di interesse solo per Cuba, voterà anche a favore dei principi e delle norme del diritto internazionale, contro l'applicazione extra-territoriale delle leggi e in difesa dei diritti umani dei cubani, dei nordamericani e dei paesi dei 191 Stati rappresentati in questa assemblea.
È verità che il Governo degli Stati Uniti ha ignorato la reiterata esigenza, quasi unanime, della comunità internazionale ed è certo che il Presidente Bush renderà ancora più duro il blocco, che è già il più lungo e crudele della storia. Ma questo non diminuisce l'importanza etica, morale e giuridica di questa votazione.
Mai prima, come negli ultimi 18 mesi, il blocco è stato applicato con tanto accanimento e brutalità, mai prima è stata tanto crudele e spietata la persecuzione di un Governo degli Stati Uniti contro l'economia e il diritto dei cubani a una vita degna e decorosa.
Da quando il 6 maggio 2004 il Presidente degli Stati Uniti ha firmato il suo nuovo piano per annettere Cuba, si è prodotta un'isterica scalata senza precedenti nell'applicazione di nuove e aggressive misure, compresa la minaccia dell'uso della forza militare contro Cuba e la persecuzione di aziende e di persone non solo cubane, ma anche degli Stati Uniti e del resto del mondo. Così nel maggio del 2004 è stata imposta una multa di cento milioni di dollari alla banca svizzera Unione delle Banche Svizzere, la maggiore sanzione contro un ente bancario per avere violato in modo presunto il blocco contro Cuba.
Il 30 settembre 2004 nel colmo del delirio e della ridicolaggine sono state rese più dure le cosiddette regole di controllo sui fondi cubani ed è stato stabilito che i cittadini o i residenti permanenti negli Stati Uniti non possono comprare legalmente in un paese terzo prodotti di origine cubana compreso tabacco e alcool, neanche per proprio uso personale all'estero.
Le sanzioni penali per queste violazioni possono giungere a multe fino a un milione di dollari per le aziende e a 250.000 dollari e fino a 10 anni di carcere per le persone.
E' la unica volta nella storia in cui fumare un sigaro cubano o comprare una bottiglia dell'incomparabile rum Havana Club è proibito a un nordamericano, perfino se lo fa in un viaggio turistico in un altro paese. In materia di pazzia questa proibizione draconiana dovrebbe essere inserita nel libro del Guinness de primati.
Il 9 ottobre 2004 il Dipartimento di Stato ha annunciato, con un'aggressione senza precedenti nella storia delle relazioni finanziarie internazionali, la costituzione di un gruppo di persecuzione dei fondi cubani. La sola esistenza di un gruppo con tale nome dovrebbe far vergognare il Presidente della nazione più potente della storia.
Nel gennaio 2005 l'ufficio di controllo dei fondi esteri ha reinterpretato le regole sui viaggi in modo tale che oramai non è più permesso a cittadini nordamericani di partecipare a riunioni a Cuba che siano patrocinate e organizzate da agenzie delle Nazioni Unite con sede negli Stati Uniti, salvo che ottengano una licenza previa del Governo nordamericano.
Il 24 febbraio 2005 in netta e sfrontata violazione delle regole internazionali sui marchi e sui brevetti è stata realizzata una manovra legale orchestrata per sottrarre a Cuba i diritti sulla marchio Cohíba, il più prestigioso tra i sigari cubani.
Il 13 aprile 2005 è stato emesso il verdetto di colpevolezza contro il cittadino nordamericano Stefan Broil, ex-presidente dell'azienda Piurolait (come si pronuncia) accusato di avere venduto a Cuba resine ionizzate per la purificazione dell'acqua negli acquedotti cubani.
Il 29 aprile 2005 il Presidente Bush ha ordinato al Dipartimento del Tesoro di consegnare 198.000 dollari dei fondi cubani illegalmente congelati nelle banche degli Stati Uniti, per adempiere a una delle illegittime richieste contro Cuba dei gruppi violenti ed estremisti che da Miami organizzano in totale impunità piani terroristici contro Cuba.
Nell'aprile 2005 è stata negata l'entrata negli Stati Uniti ai nuovi dirigenti della compagnia canadese Sherrit e ai loro familiari in applicazione della legge Helms-Burton. Pure nell'aprile 2005 l'ufficio di controllo dei fondi esteri ha reso più dura la sua persecuzione persino contro organizzazioni religiose che possiedono permessi per viaggi a Cuba a tale scopo.
Nell'anno 2004 il Governo ha imposto multe a 316 cittadini residenti negli Stati Uniti per avere violato disposizioni del blocco. Fino al 12 ottobre 2005 si era già arrivati a 537 multe.
Nell'anno 2004 un totale di 77 compagnie, istituti bancari e organizzazioni non governative nordamericane e di vari paesi è stato multato per avere violato il blocco a Cuba. Undici di esse sono aziende estere o filiali di compagnie nordamericane in Messico, Canada, Panama, Italia, Regno Uniti, Uruguay e Bahama. Altre sette compagnie, tra esse Iberia, Air Italia, Air Giamaica, sono state sanzionate perché le loro filiali negli Stati Uniti hanno violato, secondo il Governo nordamericano, le leggi del blocco.
I viaggi dei cittadini nordamericani a Cuba sono diminuiti del 55 % a paragone dello stesso periodo del 2003 prima delle nuove sanzioni approvate dal Presidente Bush. Nel caso dei cubani residenti negli Stati Uniti la diminuzione di coloro che viaggiano direttamente è stata del 49 %.
Gli scambi culturali, sportivi, accademici, studenteschi e scientifici, così come i vincoli dei cubani che vivono su entrambi i lati dello stretto della Florida, sono stati bersaglio speciale delle aggressioni anticubane di questa amministrazione. Si è arrivati perfino a proibire i viaggi a Cuba di zii e cugini, tra gli altri, adducendo il fatto che non fanno parte della famiglia.
Eccellenze, il blocco è costato al popolo di Cuba, in questi quasi 47 anni, più di 82.000 milioni di dollari. Non c'è attività economica o sociale a Cuba che non patisca le sue conseguenze. Non c'è diritto dei cubani che non sia aggredito dal blocco. In virtù del blocco Cuba non può esportare alcun prodotto negli Stati Uniti. Per la sua vicinanza, Cuba potrebbe esportare ogni anno negli Stati Uniti oltre 30.000 tonnellate di nichel o un milione di tonnellate di zucchero a un prezzo tre volte maggiore di quello che Cuba riceve oggi. Venderebbe pure 180 milioni di dollari all'anno di ateromixol se solo raggiungesse l'1 % delle vendite negli Stati Uniti di medicine che riducono il colesterolo. Secondo gli editori della rivista Harvard Internazionale Review questo è il miglior farmaco anticolesterolo disponibile.
Inoltre Cuba avrebbe esportato lo scorso anno negli Stati Uniti quasi 30 milioni di dollari di rum Havana Club e più di 100 milioni di dollari in sigari. Cuba non può neppure importare dagli Stati Uniti altre merci che non siano prodotti agricoli e questo con ampie e sempre nuove restrizioni.
Cuba non può ricevere turismo dagli Stati Uniti. Nel 2004 se Cuba avesse ricevuto solo un 15 % degli 11 milioni di turisti nordamericani che hanno visitato i Caraibi, Cuba avrebbe incassato oltre 1.000 milioni di dollari.
Diversi studi pubblicati negli Stati Uniti stabiliscono da 2 a 4 milioni i turisti provenienti da questo paese che Cuba riceverebbe se il blocco fosse tolto.
A causa del blocco Cuba non può utilizzare neanche il dollaro nelle sue transazioni con l'estero, né ha accesso a crediti, né può realizzare operazioni con istituti finanziari nordamericani, con le loro filiali e perfino con istituzioni regionali o multilaterali. Cuba è l'unico paese dell'America Latina e dei Caraibi che non ha mai ricevuto in 47 anni un credito dalla Banca Mondiale né della Banca Interamericana di Sviluppo.
Se il blocco fosse solo un tema bilaterale tra Stati Uniti e Cuba, sarebbe già una cosa molto grave per il nostro piccolo paese, ma è molto di più di questo, il blocco è una guerra economica, applicata con zelo incomparabile a livello mondiale.
Il blocco è inoltre l'applicazione extra-territoriale di leggi degli Stati Uniti contro i paesi che voi qui rappresentate, eccellenze, ed è pertanto una grave violazione del diritto internazionale.
Ora Cuba ha due nuovi ostacoli da affrontare. Da una parte l'impotente superbia imperiale del Presidente Bush, che l'ha portato più lontano di qualsiasi altro in questa pazzia e la crescente globalizzazione dell'economia mondiale, perché gli Stati Uniti controllano quasi la metà delle aziende multinazionali del pianeta, comprese otto delle dieci più importanti. Gli Stati Uniti sono padroni anche della quarta parte dell'investimento estero diretto e importano il 22 % delle merci a livello mondiale. Gli Stati Uniti sono padroni di 11 delle 14 maggiori aziende multinazionali nel settore informatico e delle comunicazioni e assorbono circa l'80 % del commercio elettronico mondiale.
Delle dieci compagnie farmaceutiche che realizzano quasi la metà delle vendite mondiali di medicine, cinque sono nordamericane e alcuni di questi paesi sono unici. È per questo motivo che sia gli investimenti negli Stati Uniti di aziende di paesi terzi sia di compagnie nordamericane all'estero riducono lo spazio economico estero di Cuba. Ogni fusione o acquisizione tra aziende presuppone per il nostro paese la sfida molte volte insuperabile di trovare un nuovo fornitore o un nuovo mercato per i nostri prodotti.
Ricordiamo eccellenze le disposizioni extraterritoriali del blocco.
Si proibisce, in virtù della legge Torricelli, a filiali di aziende nordamericane in paesi terzi, di commerciare con Cuba. Una parte delle apparecchiature e degli articoli dei centri di ricerca della biotecnologia cubana che già producono vaccini terapeutici contro il cancro, era fornita dall'azienda svedese Famacma, che è stata comprata dall'azienda britannica Amerchin e questa a sua volta dalla nordamericana General Electric, che ha dato un termine di una settimana per sospendere ogni contatto con Cuba.
Quando l'azienda brasiliana Oro Rojo è stata comprata da un'azienda nordamericana, ha cancellato le sue vendite di carni in scatola a Cuba che venivano destinate a malati di AIDS come parte di un progetto con il Fondo Mondiale di Lotta Contro l'AIDS, la malaria e la tubercolosi. Non erano, eccellenze, armi di distruzione di massa, non erano droghe, non erano prodotti proibiti, era carne da fornire ai malati di AIDS come parte di un programma delle Nazioni Unite. Si perseguono, si proibiscono queste vendite, si perseguono le aziende che cercano di avere commerci normali con Cuba. Si viola un diritto del nostro paese e un diritto di aziende e di imprenditori cittadini di altri paesi.
La compagnia Cairo Corporation non ha più venduto a Cuba dopo essere stata multata lo scorso anno con 168.500 dollari perché una delle sue filiali europee aveva esportato a Cuba due vaccini per bambini. Non armi nucleari, non razzi strategici, due vaccini per bambini.
Il 7 febbraio 2005 la Caribean Internacional Bank di Bahama ha cancellato le sue operazioni con Cuba sotto la minaccia del Governo degli Stati Uniti.
La Banca Britannica Barkeis ha recentemente indicato che avrebbe fatto la stessa cosa di fronte alla paura di sanzioni nordamericane. L'azienda canadese Beko, a partecipazione di capitali nordamericani, ha dovuto sospendere la sua progettata partecipazione allo sviluppo a Cuba di capacità per l'immagazzinamento di combustibile.
La compagnia danese Sabrot è stata acquistata dall'azienda nordamericana York e immediatamente sono state cancellate le operazioni in atto per vendere a Cuba compressori di refrigerazione necessari per il programma cubano di fornitura di yogurt di soia per tutti i bambini dai sette ai tredici anni.
Il blocco proibisce pure ad aziende di paesi terzi la vendita a Cuba di beni o di servizi in cui sia utilizzata tecnologia nordamericana o che contengano oltre il 10 % di parti di questa provenienza. Per questo, il Governo nordamericano mantiene dall'anno 2004 la sua proibizione alla compagnia olandese Interbet per la vendita a Cuba di vaccini aviari adducendo il fatto che contengono un antigene prodotto negli Stati Uniti.
La compagnia messicana Bafe S.A. ha dovuto sospendere la vendita a Cuba di un materiale necessario per la fabbricazione di pentole domestiche a pressione perché conteneva una materia prima degli Stati Uniti.
Nel settembre 2004 la compagnia aerea della Svezia ha cancellato il contratto di affitto di un'aeronave Airbus 330 con Cubana de Aviación perché non poteva ricevere i servizi di manutenzione perché, anche se l'aereo era di fabbricazione europea, utilizzava varie tecnologie nordamericane.
Nell'ottobre 2004 la compagnia giapponese Hitachi Higth Tecnologies Corporation non ha potuto vendere un microscopio elettronico per un prestigioso ospedale cubano per le stesse ragiona già elencate.
Il blocco proibisce ad aziende di paesi terzi, quelle che qui voi rappresentate, signori delegati, di esportare negli Stati Uniti qualunque prodotto o apparecchiatura se questi contiene materia prima cubana. Nessuna azienda al mondo può esportare confetture negli Stati Uniti se contengono zucchero cubano. Nessuna azienda al mondo può esportare negli Stati Uniti automobili o altre apparecchiature se prima non dimostra che i metalli usati per la loro fabbricazione non contengono nichel cubano.
Il blocco proibisce l'entrata ai porti degli Stati Uniti a navi che abbiano trasportato merci a o da Cuba, non navi nordamericane, navi dei paesi che voi rappresentate non possono andare negli Stati Uniti se prima hanno toccato un porto cubano. È la legge Torricelli firmata dal Presidente Bush padre nel 1992. Il blocco proibisce in virtù della legge Helms-Burton gli investimenti a Cuba di aziende di paesi terzi, sotto l'ipotesi che siano in relazione con proprietà soggette a reclamo da parte degli Stati Uniti.
Per questo motivo, signori delegati, restano sanzionati i dirigenti della compagnia canadese Sherrit e l'anno scorso si è ritirata da Cuba, sotto questa minaccia, la compagnia giamaicana di turismo Superclub.
Il blocco, eccellenze, viola i diritti costituzionali del popolo nordamericano, gli impedisce di recarsi a Cuba, di godere della nostra cultura e di scambiare liberamente con il popolo cubano. Cuba si trova oggi in questa tribuna non solo per difendere i diritti del popolo cubano, lo fa anche per difendere i diritti del popolo nordamericano, verso il quale proviamo sentimenti di simpatia, di amicizia e di rispetto, il popolo nordamericano a cui non diamo la colpa per la nostra sofferenza e per l'ingiusta e genocida politica che ha contro la nostra patria. E siamo qui pure in difesa del diritto di tutta la comunità internazionale, che è violato da questa politica illegale unilaterale.
Il blocco colpisce anche gli interessi economici, non solo i diritti degli Stati Uniti. Secondo uno studio del luglio 2005 pubblicato dal centro di commercio e di ricerca dell'Università del Sud dell'Alabama l'eliminazione del blocco potrebbe generare centomila nuovi posti di lavoro ed entrate per 6.000 milioni di dollari all'economia nordamericana.
Signori delegati, signor Presidente. Dopo molti anni, osserviamo che la delegazione degli Stati Uniti qui presente ha rinunciato a partecipare al dibattito previo a questa votazione. Penso che si deve al fatto che non hanno idee, che non hanno neppure un solo argomento, hanno rinunciato per tal motivo almeno a difendere le loro posizioni nel dibattito generale. Sono angosciati perché una ventina di delegazioni è intervenuta qui prima della delegazione cubana.
Fanno probabilmente silenzio perché, come diceva il Presidente Abraham Lincoln, non si può ingannare tutto il mondo per sempre. Devo dire che intendiamo questa decisione come una specie di resa di tipo morale. Si richiede più che potere, si richiede etica, si richiede autorità morale, e l'autorità morale non si ottiene con la forza, non si ottiene con la guerra, non si ottiene con le armi. L'autorità morale si conquista con atti esemplari, con il rispetto al diritto degli altri anche se sono piccoli e poveri.
So che sono iscritti per partecipare poi alla spiegazione del voto. Parleranno dopo, e pertanto io non posso commentare le loro opinioni ma garantisco che nel turno di replica la delegazione cubana respingerà ogni menzogna e ripeterà ogni verità che sia necessario dire in questa sala.
Signori delegati, signor Presidente, alla fine voglio insistere sul fatto che il blocco contro Cuba deve essere tolto. Il Governo degli Stati Uniti deve far finire le sue aggressioni contro Cuba, alla fine deve riconoscere il nostro diritto alla libera determinazione. Il Governo degli Stati Uniti si crea false illusioni, e lo dico con tutta chiarezza, con l'idea che si può sconfiggere la Rivoluzione cubana. Maschera i suoi piani, chiama transizione quello che sarebbe una rozza e sanguinosa annessione di Cuba.
Ma si sbaglia, ignora il coraggio, lo spirito di indipendenza e il livello di coscienza politica che la Rivoluzione ha seminato nel popolo cubano. La fermezza ed il senso della dignità che hanno dimostrato i cinque giovani cubani prigionieri politici nelle carceri nordamericane, eroi della lotta contro il terrorismo, i cui familiari, le cui mogli, le cui madri, i cui figli là a La Habana seguono questo dibattito e confidano nel senso di giustizia delle delegazioni presenti. La fermezza di questi cinque giovani è una prova dello spirito indomabile con cui i cubani difendono oggi e difenderanno sempre il nostro diritto a costruire una società più giusta, solidale e umana.
Nel nome di questi cinque eroi, signori delegati, nel nome dei bambini e dei giovani cubani che hanno dovuto vivere tutta la loro vita sotto il blocco, nel nome del popolo generoso, allegro e coraggioso che là a Cuba confida in voi perché sa che il mondo ha visto i cubani combattere, insegnare e curare dovunque sia stato necessario il loro concorso.
Perché sa che il mondo ha visto sempre i cubani non dare quello che eccede, bensì condividere quello che hanno nel nome del diritto di Cuba, signori delegati, che è oggi anche il diritto di tutti, che è oggi anche il vostro e quello dei popoli che voi rappresentate in questa Assemblea, vi chiedo rispettosamente di votare a favore del progetto di risoluzione "Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti contro Cuba.
Molte grazie.

Leggere tutto poi fare commenti sui dittatori americani dal 50 a oggi e sul dittatore Fidel
Il mio commento è siamo tutti schiavi del sistema stelle e strisce e se non si è dentro al sistema c'è l'enbargo = emarginazione totale,(sopra descritto) tutto il resto sono bla bla bla
Saluti Davide


Davide Messi 16.11.05 10:34| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di Reporter Sans Frontiere:

www.giannimina.it

cliccate su entra e successivamente su America Latina, poi cercate l'articolo del 09/07/2005.

Vorrei ricordare che Cuba è un paese che si trova sotto la minaccia degli USA da più di cinquant'anni i quali, se ben ricordo, si trovano a 90 km di distanza dalle coste Cubane e sono il paese più armato al mondo, non solo in termini relativi, ma anche in termini assoluti.
Sono il solito sentimentale? No, sono stufo dell'ipocrisia.

Saluti.

Gabriele Bellussi 05.10.05 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Storia allucinante....from Naples


Cari amici...
oggi ho voglia di raccontarvi una storia...
molto reale e purtroppo molto poco romanzata... purtroppo
una di quelle storie che ti viene in mente di dire:"è successa a mio Cugggino..."

SCENARIO:
all'1.00 di notte di un ipotetico 16 giugno 2005, 2 pericolosissimi criminali si accingevano a tornare a casa anzi nei loro covi...da via dei tribunali...che per chi conosce Napoli è tra FORCELLA e San FERDINANDO...2 bei quartierini insomma...

LA STORIA:
quando venivano quasi investiti dalla volante dei prodi servitori della patria anche detti volgarmente "carabinieri"...
dalla scintillante volante discesero solerti 2 valorosi servitori dell'arma...Donatoranieri e Ranierodonati eraro i loro nomi...appuntati...chi scelto e chi no...
"patente e libretto" quasi disarcionandomi dalla moto...
estraggo la patente e porgo gentilmente il portadocumenti...
"HO DETTO CHE VOGLIO IL LIBRETTO!!!!" mi urla in faccia
"eh si ... appunto appuntato sono questi i documenti..."
"QUELLO E' SOLO UN INVOLUCROOOO"
"che?"
"HO DETTO CHE E' SOLO UN INVOLUCROOOOO"
"è sicuro di sentirsi bene?"
"SIIIIII...STO BENISSIMO"
estraggo dopo una ricerca di mezz'ora il libretto di circolazione e l'assicurazione...e quello mi fa...
"MA LO SA CHE L'ASSICURAZIONE VA ESPOSTA?"
"che? ha mai visto una moto al mondo con l'assicurazione esposta??????" "si immagina su una R1..ehhehe... vola via al primo rettilineo..."
"ANDIAMO MALE..."
"ma perchè grida! ci sento benissimo"
"sono 31 € di multa"
"che? ma state male... stiamo fra forcella e san ferdinando e fra 2 basi di fumo... che conosco io comeconoscetevoi... e mi state facendo la multa perchè non esponevo l'assicurazione!!! ma a Napoli ringrazia a maronn' ca aa tenev' l'assicurazione...."
nel mentre sfreccia una coupè con 2 criminaloni dentro... e Ranierodonati li ferma e gli fa..
"ahiahi andate più piano che la prossima mi devo prendere le chiavi..."
"cheeeeeeeeeeeeeeeeeee????????"

MA FACCIA DI CAZZO A ME MI FAI 250€ DI VERBALE E A QUEL CAZZO DI TRAFFICANTE DI DROGA GLI FAI LA RAMANZINA????????

"ahiahaiahai"
"che c'è adesso?"
"qui la seconda revisione è scaduta da 2 giorni"
"ommadonna ci dovevo andare ma dato che parto per un posto a 6 ore di volo da qui... dopodomani ....per 2 settimane, l'avrei fatto al rientro a luglio...tranquillo tranquillo"
"sono 153€ di multa"
"ma voi veramente state facendo???"

nel mentre sfrecciano due criminali senza casco su una moto di grossa cilindrata...
e ci sorridono compassionevoli...

"senza considerare che la sua ragazza è senza casco ed è prevista multa di 71€ + fermo amministrativo della moto di una mese"
"ma voi da che parte state??? no, perchè fatemi capire? mi state facendo capire che quelli delle brigate rosse hanno ragione?" " cioè mi state facendo un secondo verbale e il sequestro della motooooo?"
"FIRMI IL VERBALE O FACCIO VENIRE IL CARRO ATTREZZI!"
"ma lei è sempre così...o io stasera ho avuto una botta di culo? e cmq contesto tutto il verbale"
"SI MA FACCIA PRESTO CHE ABBIAMO FRETTA"
"il cazzo... mi avete fatto perdere un'ora, non ho potuto festeggiare la mia migliore amica che mi sta aspettando da 1 ora a piazza S.Maria la Nova!!!!...mo mi devo leggere ATTENTAMENTE tutti i verbali prima di contestarli... è un mio diritto..."
"FACCIO VENIRE IL CARROATTREZZIIIII"
"faccia venire chi vuole lei..pure il carro funebre ma mo stiamo un'altra mezz'ora ed io mi leggo i verbali"

nel mentre si era assembrata una folla di amici che cercavano di farli ragionare... ma nulla come parlare con un muro...
ah... dimenticavo.... mi voleva fare pure un quarto verbale perchè sulla patente c'è scritto "guida con lenti" (ossia non con uno dei due dietro la moto con me)...ed io essendo operato agli occhi dovevo camminare col certficato medico dietro....che certificasse che ci vedevo...
volete sapere come l'ho convinto????
lo volete sapere???
GLI HO LETTO LA TARGA... si ho letto la targa della volante dimostrando vista acuta...
alchè ho cominciato a ridere... nonostante la moto sequestrata ...la pila di verbali che si accatastavano... io ridevo... e pensavo....

ho delle splendide scarpe verdi al piede...
dopodomani vado per 2 settimane a CapoVerde...
me le sono sudate... e 2 ignoranti non mi rovineranno il mio angolo di quiete...
lontano da tutto questo....

e vaffanculo gli mando pure una cartolina!
io vado in paradiso... gli umanoidi torneranno a casa con loro stessi ed è già un bel fardello....
ma temo...
senza la consapevolezza... di aver perso un occasione.

CONSIDERAZIONI:
...e poi dicono che non è vero che con i malamente almeno ci puoi parlare...puoi convicerli...
ma con la simbiosi Donatoranieridonati... la letal weapon dell'arma... è praticamente impossibile...
impossibile spiegargli che dovremmo essere dalla stessa parte... che sono qui per proteggerci ed eventualemente per educarci (voglio proprio esagerarla...)
che se posso capire l'aggressività iniziale...
perchè stiamo sempre a napoli e non sai mai chi puoi incontrare...
una volta accertato che non eravamo pericolosi criminali o terroristi... (che poi quelli erano a 15 metri svoltato l'angolo...vabbè) che bisogno c'era di infierire? ... fammi la multa senza casco... fammi una ramanzina raccomandandomi di fare subito la seconda revisione ed io ti stringo pure la mano...
ma farmi 3 verbali... il sequestro della moto... 250 euro di multa... ma sei proprio ignorante... non posso pensare altro... non vivi il contesto... dovresti essere contento tu di aver incontrato due persone per bene che avevano l'unica colpa di essersi dati appuntamento al locale dimenticando di portare il secondo casco...potevi insegnare senso civico..ed invece hai guadagnato 250 € ma hai perso Credibilità e Stima...

in questa città devi metterti più paura dei Carabinieri che dei "Mariuoli"... quelli almeno possono rubarti solo quello che hai addosso... i carabinieri anche quello che hai in banca...
bella morale
ed una profonda tristezza... e non per i soldi che pure pesano e molto sul mio bilancio...
perchè ti viene proprio di mollare...
ti viene lo schifo...

RIFLESSIONE:
ma se da una parte ci sono i criminali che in questa città ti martellano dalla mattina alla sera... IMPUNITI!
e dall'altra parte questa specie non ben definita di tutori non si sa bene di quale ordine...
la gente perbene dove cazzo va?
perchè al criminale gli fai la ramanzina e a me mi fai nero?????
Ranierodonati ha avuto pure il coraggio di chiedere i documenti alla mia ragazza con tono minaccioso dopo aver scrupolosamente appuntato su un foglio di carta l'ingiuria ricevuta...
ma leggiamola assieme questa tremenda ingiuria....

"m a q u e s t i n o n s o n o m o d i"...

GRAVISSSSSSSSSSSSSSIMA MIO BEL APPUNTATO..

ma vi rendete conto...
no perchè io non mi faccio capace...
maltrattato...minacciato... un mobbing dell'arma ^_^
dissanguato economicamente... perchè?
perchè non ho la faccia da criminale e non ti sparo addosso quando tenti di fermarmi...
o non caccio un qualsiasi tesserino del cazzo...
ma veramente stiamo facendo?

beh io parto e vi lascio con un augurio ^_^
spero che da queste parti arrivi un enorme ed intelligente Tsunami... un onda immensa .... altissima...ma di un acume ed un ironia travolgenti...che non si porti via solo i poveracci... no quelli li lasci stare... ma che si scelga bene i percorsi ed i sentieri... e che magari ci regali un bel Sole splendente....dopo il suo passaggio...

scherzavo!

vabbè buona notte
...e se non è repressione questa....

Emiliano

K.Gibran : "...xché , in fondo, chi ci capisce ci rende in qualche modo Schiavi..."

emiliano buglione 18.06.05 00:47| 
 |
Rispondi al commento

Sig.Grillo,
lei che è un comico, saprebbe dirmi se mi stavano prendendo per il culo? (http://www.bambinidisatana.com/montatura/interrogatorio.htm) l'ho esaminato con politici, avvocati, giornalisti, gli studenti ci fanno anche la tesina ma nessuno c'ha mai capito niente...

PS. Qualcuno c'ha pure scritto un libro
(http://www.wumingfoundation.com/italiano/Giap/lasciate.htm)

marco dimitri 14.06.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Per matteo martini (28.05.05 20,47):

Ma stiamo parlando entrambi di Che Guevara?
Mi sembra impossibile...
Mi vieni a dire "con tutti i morti che ha fatto"?
Dico, ma hai bevuto prima di scrivere questo commento?
Inutile dire che quelli come te sono degnii sudditi del regime che hanno votato....
E non farmi il pistolotto sui "colori" che io li vedo molto meglio di te!
O magari sei un diessino che legge "Il Riformista", sdogana l'ex psi e gli annessi craxiani, rinnega trascorsi da militante radicale... Se non sei un missino, sei un nuovo prototipo di D'Alema o Rutelli in versione cittadina...
Goditi la tua cultura da cruciverba!

Pietro Sannino 10.06.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Due giornalisti italiani vengono espulsi da Cuba perchè con UN VISTO TURISTICO stavano LAVORANDO.
La stessa cosa sarebbe accaduta anche in Italia.
Avessero avuto un visto per lavoro e dopo fossero stati espulsi, allora vedrei lo scandalo.

Simon Basten 09.06.05 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente non mi interessa sapere se a Cuba si vive meglio o peggio. Anche Mussolini quando ha preso il potere aveva motivi che sembravano validi. Il punto è che a Cuba c'è un dittatore, questo a seconda dei gusti e dei fatti può essere un buon dittatore o un cattivo dittatore ma sempre dittatura è! Il che non è altro che il nome moderno del re.
Chi ha un approccio democratico non può provare nè simpatia nè giustificazione per la dittatura.

Alessandro Rendina 07.06.05 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe quando comincerai la battaglia contro gli abbonamenti RAI, perchè non promuovi un referundum sull'abollizione del canone RAI? Perchè dobbiamo vedere questo balzello di spartizioni di posti per far funzionare una televisione? Inizia una forte campagna contro questa TV, meglio dire un mirror di pessime webcam. Non guardo più la Tv, mi fà letteralmente schifo. Perchè non prendi una frequenza digitale e fai una televisione vera, sono sicuro, da me è certo, che riuscirai ad ottenere tantissime adesioni e contribuzioni, anche tramite abbonamneto, per tutti i costi necessari.
Ci sei rimasto solo tu, non è più questione di destra, sinistra, centro, è necessario svuotare il calzino. Perchè siamo un popolo di banderuole!!Perchè!!!
ti saluto
scusa lo sfogo
giorgio

giorgio secci 07.06.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo a volte per realizzare o difendere degli ideali si decide VOLONTARIAMENTE di incarcerare od uccidere delle persone che non si dichiarano concordi con gli ideali stessi. Purtroppo... certo, e intanto noi possiamo mangiare bere e divertirci e discutere delle magnifiche sorti del popolo cubano dalle nostre comode scrivanie. Purtroppo...

Luca Bordoni 07.06.05 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti
Sono un nostalgico della Rivoluzione Cubana anche se non l'ho vissuta in diretta perchè non ero ancora nato ma ho letto molto sull'argomento e credo che tutto sia stato mosso da alta morale e sincero amore verso la patria (Cuba) e i sui abitanti. Senza dubbio non è stata fatta una guerra, perchè di questo si è trattato, perchè "l'obiettivo" era ricco di petrolio o interessava per motivi strategici.
Ciò nonostante sostengo che, in mezzo alla moltitudine di strumentalizzazioni come l'ultima dei giornalisti espulsi, la dirigenza cubana dovrebbe avere maggiore attenzione per i diritti umani e quindi per la democrazia perchè senza questa non si può costruire nulla che non sia dittatura.
Permettetemi però un'opinione che non può essere null'altro che ampiamente positiva su quegli uomini, appoggiati completamente dal popolo, che alla fine degli anni '50 hanno lottato per avere per se e i loro concittadini delle condizioni di vita dignitose e ora cercano di difendere quello che allora è stato conquistato. Purtroppo a volte si usano dei metodi sbagliati perchè è difficile difendere un'ideale che in quanto "ideale" non è realizzabile completamente.
Ciao

Mauro Sintini 07.06.05 15:46| 
 |
Rispondi al commento

C'e' poco da dire: al mondo esistono le chiacchiere e i fatti.
I fatti sono semplici: a Cuba da quando sono finiti i contributi che l'URSS forniva strapagando lo zucchero e regalando il petrolio, la situazione non ha fatto che peggiorare, solo il turismo permette di far sopravvivere il povero popolo cubano. Fra altri dieci anni vedrete se Cuba sarà ancora il paese dell'America Latina dove si vive meglio (sempre che questo dogma sia mai stato vero e non sia semplicemente il frutto dell'indottrinamento ideologico della sinistra...).
Se siete degli esponenti delle alte gerarchie del partito comunista, allora, lo ammetto, a Cuba si sta' proprio bene.

Luca Bordoni 07.06.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Caro ministro Pisanu
d'accordo con i vertici del calcio, hai risolto il problema della violenza negli stadi ... a favore delle squadre di calcio...
dopo i biglietti nominativi, le riprese negli stadi (ma non c'erano già)e non ricordo cosa è stato risolto il problema violenza.....
c'è una soluzione semplicissima che non costa nulla e che mi permetto di suggerire: far pagare in solido alle squadre di calcio il costo delle forze dell'ordine impegnate ogni domenica negli stadi, far pagare alle squadre ed in solido tutti i danni causati prima - durante - dopo dell'incontro, dai vandali calcistici
individuato il vandalo, fargli pagare in solido i danni causati, senza intervistare la mamma che ovviamente dice che è un bravo ragazzo...
è tutto molto semplice... perchè non si può fare...???
semplice, perchè giustamente i vertici del calcio scaricano sulla massa incolpevole la colpa ed i costi di tutto... tanto la massa non ... "s'incazza"... ma subisce.
saluti.
enrico

enrico pompilio 07.06.05 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro ministro Pisanu
d'accordo con i vertici del calcio, hai risolto il problema della violenza negli stadi ... a favore delle squadre di calcio...
dopo i biglietti nominativi, le riprese negli stadi (ma non c'erano già)e non ricordo cosa è stato risolto il problema violenza.....
c'è una soluzione semplicissima che non costa nulla e che mi permetto di suggerire: far pagare in solido alle squadre di calcio il costo delle forze dell'ordine impegnate ogni domenica negli stadi, far pagare alle squadre ed in solido tutti i danni causati prima - durante - dopo dell'incontro, dai vandali calcistici
individuato il vandalo, fargli pagare in solido i danni causati, senza intervistare la mamma che ovviamente dice che è un bravo ragazzo...
è tutto molto semplice... perchè non si può fare...???
semplice, perchè giustamente i vertici del calcio scaricano sulla massa incolpevole la colpa ed i costi di tutto... tanto la massa non ... "s'incazza"... ma subisce.
saluti.
enrico

enrico pompilio 07.06.05 08:48| 
 |
Rispondi al commento

C'e' poco da dire: al mondo esistono le chiacchiere e i fatti.
I fatti sono semplici: a Cuba si vive meglio che in qualsiasi altro paese di tutta l'America Latina.
A meno che siate dei terroristi, o dei latifondisti, o dei vescovi, allora, lo ammetto, a Cuba si sta' proprio male, meglio l'Honduras con le sue tragedie, oppure i grandi Stati Uniti, li' si che c'e' rispetto per i veri ricchi!

E. Belcampo
paganesimo@libero.it

E. Belcampo 06.06.05 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è sempre quello: vi dà PIU' FASTIDIO il fatto che il popolo cubano sia oppresso da CASTRI, o vi dà PIU' SODDISFAZIONE che, indirettamente, siano anche gli odiati capitalisti a finanziare il DITTATORE???

Luca Bordoni 05.06.05 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, sei andato a Cuba?
Hai vissuto con un cubano qui in Italia?
Hanno la possibilità di rendersi conto che quanto da loro è gratis et amor dei, qui si paga, comunque si paga.
Se ha sbagliato Fidel è stato ad aprire all'occidente.
Finito lui, finirà un sogno, di tanti, di tutti noi, nostalgici e idealisti.
Il caldo che ti ammmazza, i mosquitos, gli odori incredibilmente forti, el caribe e la voglia di vivere di questa gente: al di sopra di tutto.
Che significa INTERNET se tu vivi i tuoi giorni beato e contento di esere nato?
Beppe, vai a Cuba, lasciati portare dal vento caldo, dai sorrisi veri, dalla bellezza nella sua forma piu' assoluta.
Ti troverai, come me, sulla scaletta dell'aereo a chiederti:" Perchè dovrei tornare?"
Cuba starà peggio quando questo sogno finirà, quando la voglia d'amore avrà soltanto un prezzo, torneranno al 1956, con lo spalancare una porta.

Eleonora Proietti 02.06.05 23:01| 
 |
Rispondi al commento


Per Rosario Ferrante:
" Perchè da ogni parte del mondo cosiddetto democratico si levano voci contro Cuba per la repressione in atto contro i giornalisti?
Essi hanno violato le leggi di quel paese ed è giusto che vengano espulsi.
Gli Usa, che dovrebbero essere la culla della democrazia, violano sistematicamente i diritti fondamentali dell'uomo con la scusa della lotta al terrorismo (vedi Guantanamo, Abu Ghaib ecc.) "

Facciamo una prova.
Io vado a New York e inizio a dire al primo venuto che non condivido l' operato di George Bush.
Tu vai all' Avana e dici che non condividi l' operato di Fidel Castro.
Chi dei due finisce in galera?

matteo martini 01.06.05 06:19| 
 |
Rispondi al commento


Per Donatella Farina:
" ci scandalizziamo di un regime dittatoriale che offre a tutti gratuitamente e ad alti livelli formazione, sanità, casa ecc.
Io conosco un cubano che purtroppo si è innamorato di un'italiana e ha deciso di trasferirsi nel nostro paese. Ebbene nel suo paese era professore universitario, da noi viene sfruttato da un'achitetto per 6 € all'ora. Lui fa i progetti e l'architetto, che gli paga questa miseria, li firma a nome suo. Ora mi chiedo: è migliore la nostra democrazia della loro dittatura? "

Un' altra che deve andare a Cuba per qualche annetto SOPRAVVIVENDO CON LO STIPENDIO LOCALE!!

matteo martini 01.06.05 06:16| 
 |
Rispondi al commento


Per Matteo Giannoni:
" Contro ogni repressione e dittatura, vera o presunta.... tranne quella di Cuba. "

Bravo!

matteo martini 01.06.05 06:13| 
 |
Rispondi al commento


Per Matteo Turchetti:
" Per Matteo Martini,

ma i nostalgici del fascismo sono tutti noiosi come te?!
Abbiamo capito! I comunisti mangiano bambini.... "

Se non sei bianco devi essere nero, se non sei nero devi essere bianco.
Certa gente non conosce ancora i colori.

Poverini, come li compiango..

matteo martini 01.06.05 06:12| 
 |
Rispondi al commento

Per Matteo Martini,

ma i nostalgici del fascismo sono tutti noiosi come te?!
Abbiamo capito! I comunisti mangiano bambini....
"Miseria, terrore e morte!"
E BASTA!!
Tornate a parlare di calcio tra di voi e non scassate più!!

Matteo Turchetti 01.06.05 04:14| 
 |
Rispondi al commento

ma quante parole, e quanti link... comunque mi par di aver capito in linea di massima il pensiero generale. Contro ogni repressione e dittatura, vera o presunta.... tranne quella di Cuba. L'eccezione che conferma la regola, dico bene? Eh?

michele giannoni 01.06.05 00:01| 
 |
Rispondi al commento

Salve, sono molto apero ai problemi mondiali e quindi anche a quello che succede a Cuba, ma i problemi di casa mia mi toccano un pò di più e non siamo lontani da quello che succede a cuba.
Consiglio a tutti di guardare CITIZEN BERLUSCONI e di riflettere un pò forse e tempo di rivoluzione nel nostro paese. Programma non trasmesso in Italia dovete trovarlo sul web.
Guardatelo

Carlo Laiso 31.05.05 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Dio mio!E' orribile ciò che viene scritto di reporters sans frontières!Visitate anche voi il sito di reporter associati!Grazie a Giulio Dinapoli ed a Chiara Banchini!Beppe,se questo è vero,fai attenzione!Ti prego!Documentati ed informaci!

Pietro Sannino 31.05.05 19:49| 
 |
Rispondi al commento

eppure la castrointerite è malattia assai diffusa, il contagio è in aumento a sinistra

Leonardo Vecchi 31.05.05 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Beppe ciao, volevo segnalarti che hanno assegnato i BIG BROTHERS AWARDS: http://punto-informatico.it/p.asp?i=53111&r=PI (fonte ufficiale: https://bba.winstonsmith.info/ - Privacy International: http://www.privacyinternational.org/ - progetto Smith: http://www.winstonsmith.info/pws)..Guarda quanti bei premi, e soprattutto guarda chi casualmente ha vinto... =D

Alessandro Sironi 31.05.05 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Repressione a Cuba. Dedicato a tutte quelle persone che sventolano le bandiere della pace,che cantano "evviva il comunismo e la libertà"e dicono che a Cuba si stà bene(sicuramente in vacanza,meglio ancora senza fidanzate o famiglia al seguito).CIao a tutti Stefano.

Stefano Tozzi 31.05.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

In base alle norme internazionali ed agli accordi bilaterali, nessun cittadino può entrare nel territorio di un altro Stato senza aver
previamente ottenuto un visto, qualunque sia il motivo del viaggio: per turismo, per lavoro, per studio o anche per ragioni di salute.
Naturalmente, la Repubblica di Cuba ha un proprio regolamento migratorio assistito dagli strumenti giuridici che il paese si é dato.
Recentemente, gli organi di stampa italiani Corriere della Sera e La Repubblica, entrambi al corrente dei regolamenti esistenti nel nostro paese concernenti lo svolgimento dell'attività giornalistica da parte di professionisti stranieri, hanno mandato a Cuba dei loro inviati provvisti soltanto di tessera turistica con la deliberata intenzione di violare i suddetti regolamenti, come é stato ampiamente dimostrato dal modo di agire di tali inviati nel territorio nazionale cubano dove, fin dal primo momento, essi hanno svolto attività
giornalistica. Nessuno dei due inviati rimpatriati aveva chiesto il corrispondente visto per l'ingresso nella Repubblica di Cuba.
Di conseguenza, le autorità cubane competenti hanno proceduto ad agire in base alle leggi vigenti che regolano l'esercizio
dell'attività della stampa estera a Cuba.
Entrambi gli organi di stampa, nel violare le leggi di un altro Stato e in aperta provocazione verso le nostre autorità, hanno con ciò dato dimostrazione di un atteggiamento irresponsabile. Per quanto riguarda il Corriere della Sera, il caso é ancora più grave dato che tale quotidiano aveva ricevuto un chiaro segnale secondo cui le autorità cubane non avrebbero permesso l'ingresso nel paese di un inviato che non avesse presentato neanche la richiesta di accredito, come occorso in una precedente occasione, quando un altro giornalista dello stesso organo di stampa era stato reimbarcato.
Il trattamento informativo dato a tali fatti ha scatenato una nuova campagna contro Cuba, facendo intendere all'opinione pubblica che era stato impedito a due giornalisti l'esercizio della loro professione, mentre si é taciuto sui veri motivi che hanno provocato il loro rimpatrio, e cioè la violazione delle leggi del nostro paese. E' inoltre passato sotto silenzio il comportamento disonesto, manipolatore e poco obiettivo che, come in tante altre occasioni, viene applicato contro Cuba dai mezzi di informazione.
A differenza di quanto sopra segnalato, organi di stampa italiani (tra cui un importante canale televisivo) che, nel rispetto dei regolamenti vigenti, hanno fatto richiesta di inviare un loro gruppo per svolgere attività giornalistica in questo periodo, hanno ottenuto l'autorizzazione ed il relativo visto. Ciò pone in evidenza chiaramente la nostra disponibilità ad accogliere e a lasciar
lavorare ogni professionista che agisca seriamente rispettando le istituzioni e le leggi cubane.


Roma, 23 maggio 2005

claudio manca 31.05.05 09:34| 
 |
Rispondi al commento

... nel tempo dell'inganno universale dire la verità è rivoluzionario...

Ernesto Che Guevara, rivoluzionario

claudio manca 31.05.05 09:02| 
 |
Rispondi al commento

Chiunque sia stato a Cuba e abbia avuto contatti con i cittadini cubani ha percepito sicuramente tante, diverse, emozioni.
Per quanto mi riguarda, più che dall'orgoglio cubano, dal livello di istruzione, e dai servizi sanitari, sono stato colpito dalla paura e dalla miseria.
I paragoni con gli altri paesi sono fuorvianti, le attrattive dei turisti non hanno senso per un Cubano, un Cubano non è libero di comunicare via internet, non è libero di decidere se andare via da Cuba e non è libero neppure di andare in spiaggia dove vuole.
La miseria è ovunque, la paura si legge negli occhi di chi non può dissentire, commentare, contestare, esprimere un'opinione dissonante.
Provate a chiedere ad un cubano che significa incontrare un poliziotto che ti chiede i documenti per un controllo e poi non te li restituisce,altro che inviato del corriere......

Giorgio Schvarcz

giorgio schvarcz 31.05.05 00:39| 
 |
Rispondi al commento

no beppe,che accantonata che hai preso....
reporters sans frontieres?
ma non sai ancora che tipo di organizazzione sia quella? ecco un link utile:

http://www.reporterassociati.org/index.php?option=news&task=viewarticle&sid=7466

cuba è un argomento delicatissimo,beppe ti prego,sii più preciso e più onesto.sei un uomo informatissimo e sveglissimo,non fare questi errori.

giulio dinapoli 30.05.05 19:59| 
 |
Rispondi al commento

ho lavorato in: 1967/68 Cecoslovachia
68/71 Ungheria e Romania,72/76 Jugoslavia Polonia, Bulgheria e per finire la favolosa Albania. Per favore non parlate MAI di Socialismo e tanto meno di Comunismo.Beppe sei super OK OK OK FRITZ

friedrich pepper 30.05.05 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici, caro Beppe,
la repressione non è MAI giustificata e Fidel sbaglia di grosso a farla, dovrebbe lasciare andare chi vuole....troverebbe certo molte persone pronte ad andare a Cuba (gli scriverò un giorno quando proprio non ce la farò più chiedendo asilo politico).
TRE cose: 1. Cerco casa a Milano per vivere da sola: i monolocali sono arrivati a 900-1300 euro al mese se vuoi una casa decente e non uno sgabuzzino maleodorante! 2.Ho lavorato gratis per 3 anni in attesa che qualcuno si decidesse a pagarmi (dittatura e ricatto degli stage...una vergogna da terzo mondo)3. Tre miei amici (giovanissimi) sono stati arrestati l'altro ieri (e non sotto il fascismo) per "attentato alla democrazia" o qualcosa di simile per aver manifestato! E QUESTA LA CHIAMATE DEMOCRAZIA????

Mariagrazia Fortieri 30.05.05 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Beppe leggi cosa dice il sito di Reporter Associati a proposito di Reporters sans frontieres.

chiara banchini 30.05.05 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Max Stirner,

apprezzo molto il tuo contributo, hai merito di scrivere senza che la scrittura ti si rivolti contro, liberamente senza, credo, essere ciecamente orientato da incrostature ideologiche. Tuttavia io credo che tu smarrisca un pezzo del ragionamento, o se preferisci che io non sia stato in grado di spiegarlo appieno. Il punto non è chiedersi se Fidel Castro e Cuba siano legittimamente antiamericani o se Bush e gli Stati Uniti siano legittimamente anticubani...la cosa ha le sue radici storiche, non sosterrei che una parte per essere meno armata sia stata per questo meno aggressiva, c'è un conflitto ideologico sotto l'embargo, sotto la baia dei porci, sotto lo schieramento delle testate nucleari sovietiche a Cuba. Non credo che la contabilità dei torti subiti sia così univoca. Per spiegarmi meglio non risucirei a interpretare il conflitto israelo-palestinese sostenendo che siccome il bambino lancia pietre contro il carroarmato, il bambino ha certamente ragione...( e mentre lo scrivo temo di sollevare un vespaio di fraintendimenti, ma tant'è...). Il punto della questione sono i diritti politici a Cuba. A mio parere non si dovrebbe legittimare, giustificare o comprendere qualcosa del tipo "siccome il governo di Cuba ha subito degli enormi torti da parte americana, o anche, siccome ha creato una sorta di stato sociale, allora può reprimere i diritti politici, incarcerare o mandare a morte dei dissidenti cubani". E' un ragionamento un po' strabico, mentre legittima la persecuzione dei dissidenti, non è scontato che miri agli americani. O sì? tutti i dissidenti sono agenti della CIA sotto copertura? se così fosse allora sì che mi trasferirei IO, domani stesso a Cuba (e la cosa non sarebbe ritenuta sarcastica e offensiva da nessuno), la terra della spontanea concordia sotto una dittatura. Una dittatura che non reprima il pensiero, che non conosca violenza, che è unanimemente accettata. Perchè non fare le elezioni? Sarebbero un successone.

Gian Luca Corso 30.05.05 12:49| 
 |
Rispondi al commento

ci scandalizziamo di un regime dittatoriale che offre a tutti gratuitamente e ad alti livelli formazione, sanità, casa ecc.
Io conosco un cubano che purtroppo si è innamorato di un'italiana e ha deciso di trasferirsi nel nostro paese. Ebbene nel suo paese era professore universitario, da noi viene sfruttato da un'achitetto per 6 € all'ora. Lui fa i progetti e l'architetto, che gli paga questa miseria, li firma a nome suo. Ora mi chiedo: è migliore la nostra democrazia della loro dittatura?
Per quelli invece che parlano di concorrenza e privatizzazione, vorrei sapere se non rimpiangono la vecchia gloriosa SIP dove avevi riferimenti fermi, precisi ed efficienti, rispetto alla nuova Telecom, dove senza tutti i raccomandati, come qualcuno li ha chiamati, che per il piacere di tanti, grazie al tanto citato Tronchetto, sono già tutti licenziati o in mobilità o in cigs.
Perchè non ci preoccupiamo della fine che rischia di fare il nostro paese senza cercare altri imputati altrove?

donatella farina 30.05.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

"E’ inconcepibile che un’azienda italiana possa partecipare alla repressione di un popolo, sia pur per via finanziaria."

in teoria lo stesso discorso doveva esser applicato anche per le mine antiuomo (e chissà cos'altro) che anni fa venivano fabbricate in italia e vendute all'estero...

sempre in teoria, etica e morale non dovrebbero avere un prezzo, purtroppo con la società moderna non è così, troppe persone si fanno corrompere, troppe persone sono avide.

Il tronchetto non leggerà nemmeno la lettera forse... risponderanno per lui, ma non sperate in miracoli.

stefano "akiro" meraviglia 30.05.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA SULLA PSEUDO-DITTATURA ITALIANA:
Scusate se mi arrabbio un po'... non ho simpatico il Berlusca nazionale, ma non vi pare di stare esagernado? Berlusconi è stato inquisito non so quante volte, con sentenze non certo favorevoli... "prescrizione alla Andreotti" direi, basta leggere
Repubblica e il suo settimanale Venerdì per scoprirne di cotte e di crude: io ho scoperto
li dell'esistenza degli accordi Agip-Saddam, e del fatto che Nassyria è la sede dei "Pozzi" italiani. Il problema è la Televisione non la stampa in generale!! Del resto cosa vi aspettate da un pubblico che guarda il Grande Fratello? La televisione ormai è mercè della pubblicità,
per quello io preferisco un po' di più le Tv a pagamento, è ovvio che sia l'informazione che
la programmazione sia fatta per "quel pubblico": sempliciotti che NON GUARDEREBBERO MAI IL GRANDE FRATELLO, troppo stupido, ma che poi di nascosto.... un po' come chi vota Berlusconi!!

Simone Maccanti 30.05.05 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Son iscritto da poco a questo blog (che mi sembra un'ottima fonte di INFORMAZIONE, quella vera, a cui noi non siam + abituati) quindi non so se questo link http://www.cormorano.net/media sia già stato segnalato. Questo è un documentario, dal titolo CITIZEN BERLUSCONI, sul nostro DORIAN GRAY e la sua influenza sull'informazione, sviluppato da un'emittente pubblica amaricana (PBS), che NATURALMENTE non è stato comprato da nessuna tv italiana! Dura meno di un'ora e invito tutti a vederlo e a riflettere...!

Alfredo Monaco 30.05.05 01:49| 
 |
Rispondi al commento

E’ difficile dare la parola al popolo, quando questo non partecipa per mancanza di mezzi. Avrebbe valore forse l’insegnamento di Freire, e cioè la coscientizzazione.
Non basta fornire agli uomini nuove tecniche di comunicazione, occorre farli passare a una nuova coscienza della loro situazione e della possibilità di liberarsene, è questo il momento del processo globale di trasformazione della società. Il senso è imparare a scrivere la propria vita come autore e testimone della propria storia, questo è coscientizzare e politicizzare.
Quando c'è un regime di oppressione delle coscienze, i dominatori hanno il monopolio anche della parola. Imparare a conquistare la parola è il primo passo: nella lotta per la liberazione la prima azione liberatrice è il dialogo.
Va corretta la visione " depositaria " in cui l’uomo viene riempito di idee, in cui la coscienza degli uomini diventa un settore vuoto da riempire di contenuti, come una stanza passivamente aperta al mondo. Il " leader rivoluzionario” non deve sovrapporsi all'oppresso ma deve dialogare, così si avrà una pratica il cui il metodo non è più manovrare le coscienze. Gli oppressori invece sono contrari a qualsiasi cosa che stimoli veramente il pensiero, anche l'educazione viene vista come pratica di dominio che pretende di addottrinare l'uomo affinché si adatti al mondo dell'oppressore, gli oppressori non capiscono che la vita umana ha senso solo nella comunicazione.
Questa rigidità vuole controllare il pensiero, nega la conoscenza come processo di ricerca, proibisce di pensare veramente, così l’uomo non si inserisce nel mondo ma vi si adatta passivamente come un automa negando la sua vocazione a " essere di più ".
Non bisogna cadere perciò nell'errore di depositare anche la voglia di liberazione: la liberazione autentica è umanizzazione, non è una cosa che si deposita ma è una prassi che comporta azione e riflessione degli uomini sul mondo per trasformarlo, non si può compiere un azione liberatrice usando le stesse armi della dominazione....il depositare.
A distanza di anni da “La pedagogia degli oppressi”…Freire insegna?

Maria Rita Angioni 29.05.05 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Perchè da ogni parte del mondo cosiddetto democratico si levano voci contro Cuba per la repressione in atto contro i giornalisti?
Essi hanno violato le leggi di quel paese ed è giusto che vengano espulsi.
Gli Usa, che dovrebbero essere la culla della democrazia, violano sistematicamente i diritti fondamentali dell'uomo con la scusa della lotta al terrorismo (vedi Guantanamo, Abu Ghaib ecc.)e
poi non dimentichiamo che Guantanamo e territorio della Repubblica Cubana, occupato illegalmente dagli USA; e noi li definiamo un paese democratico:Democrazia non significa votare
ogni quattro, cinque anni per mandare al potere bande di guerrafondai e capitalisti annoiati:

Rosario Ferrante 29.05.05 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Speriamo che il sig. Bush la smetta di minacciare di morte Fidel, e speriamo che queste notizie siano rese pubbliche e non insabbiate.

claudio manca 29.05.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

XXx Grillo Beppe xxxxx

Ormai Signor.Grillo come a potuto constatare gli italiani hanno aperto gli occhi.
Quindi,la sua crociata per l informazione potrebbe espandarla in altri paesi tipo Cuba ,Cina etc. etc.
Porti con lei pure gli altri paladini di democrazia Rizzo,Bertinotti,Cossutta,D alema,etc etc etc etc
Distinti saluti

Benito Le Rose 29.05.05 12:46| 
 |
Rispondi al commento


Per Pietro Sannino:
" Chissà se ne nascerà un altro, anche fra cent'anni!!!"

Speriamo di no con tutti i morti che ha fatto..

matteo martini 28.05.05 20:47| 
 |
Rispondi al commento


Per Umberto Rossi:
" LA SALUTE PUBBLICA A CUBA PRIMA E DOPO LA RIVOLUZIONE "

Quindi se a Cuba si sta male è solo colpa dell' embargo?

E come mai che 15 anni fa si stava male anche in Cina, U.S.S.R., Romania, Bulgaria, Vietnam.. ?

E qualcuno di questi paesi si deve ancora riprendere?

matteo martini 28.05.05 20:45| 
 |
Rispondi al commento


Per Giovanni Retone:
" credimi siamo meno liberi in italia che a Cuba. "

Questo lo manderei a Cuba ad aprire un giornale che dice di Castro quello che l' Unita' dice di Berlusconi.

matteo martini 28.05.05 20:42| 
 |
Rispondi al commento


Per Alma Masé
Segretaria del Circolo Hilda Guevara Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba Trieste

Quindi a Cuba si sta bene e Fidel è buono?

Ma per piacere..

matteo martini 28.05.05 20:40| 
 |
Rispondi al commento


Per Riccardo Galatolo:
" comunque meglio sotto Fidel che sotto a bush e al NANO MALEDETTO!!! "

Questo bisognerebbe mandarlo qualche anno a Cuba.
Con lo stipendio di un cubano, ovviamente!!

matteo martini 28.05.05 20:37| 
 |
Rispondi al commento


Per Niccolo' Petrilli:
" Gli stoici avrebbero accettato il suicidio, in queste condizioni. "

Vai avanti tu per primo?

Piangiamo, piangiamo..

matteo martini 28.05.05 20:35| 
 |
Rispondi al commento


Per Ale Ercoli:
" io ci sono stato a cuba
ed ho parlato con la gente, chi ha vissuto la rivoluzione ci crede ancora "

Certo di matti ce n' è dappertutto !!

matteo martini 28.05.05 20:33| 
 |
Rispondi al commento


Per Anna d' Arco:
" Mandiamoci qualcuno a fare una vacanzina a CUBA
o in CINA.... a scelta!


CHE VERGOGNA QUESTA DITTATURA REPRESSIVA
che ancora regge nel 3 millennio!

CUBA ES NO LIBRE! "

Giustissimo.
Pero' la Cina sta cambiando..

matteo martini 28.05.05 20:31| 
 |
Rispondi al commento


Per Mauro Mazzerioli:
" Cuba era nata per essere un'altra cosa "

Come l' U.S.S.R. di Stalin e la Romania di Ceaucescu ??

matteo martini 28.05.05 20:30| 
 |
Rispondi al commento


Per Gian Luca Corso:
" ruolo di simbolo decadente e romantico sia di quel che è rimasto del socialismo reale (la Corea del Nord è davvero difficilmente presentabile...), "

Qualche milione di morti fatti dal socialismo reale..
Che romantico..

matteo martini 28.05.05 20:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Max,
rispondo sul tema delle armi da fuoco, brevemente, visto che siamo fuori tema.
Ritengo la legge italiana sul porto d'armi abbastanza equilibrata, io la vorrei piu' restrittiva, ma potrebbe andare, se non fosse che, come in altri casi, l'applicazione non e' all'altezza delle intenzioni. Ci sono persone come te, che per passione sportiva, o altri motivi, ne fanno richiesta, e passi, se sono persone incensurate; il problema, come rimarchi tu, sono gli altri, quelli in possesso di armi illegalmente.
In tempi di emergenza tali soggetti venivano fucilati. Io non dico di fare cosi', ma di prendere provvedimenti drastici, si'. Parlo di qui e adesso, non voglio fare un discorso storico; a me piacerebbe che esistesse una societa' anarchica, nel senso di una societa' dove non c'e' bisogno di leggi coercitive perche' ognuno rispetta gli altri... per adesso pero' abbiamo solo lo Stato, e dobbiamo rassegnarci.
Resto convinto che la maggioranza delle leggi siano concepite per favorire la democrazia, se non la demagogia; il problema e' lo stesso da decenni: la legge viene scritta per tutti, ma non viene applicata su tutti.
Ciao.
paganesimo@libero.it

p.s.: Gli scritti di Sergio Pensato, mi fanno tornare in mente la situazione della mia citta'; sono originario di Napoli, e non posso dimenticare come la mancanza della legge si faccia sentire nella convivenza civile.

E. Belcampo 28.05.05 19:07| 
 |
Rispondi al commento

x Yang Chenping:

Mio caro amico (ma perchè non ti firmi?credi che sarebbe impossibile risalire a te, se a tua insaputa fossi indagato?) mi sembra che la questione che tu sostieni presenta due aspetti per così dire paralleli.
Il primo è etico e quindi soggettivo: è giusto? Qualunque società, oltre che essere fatta da cose materiali, nasce da un progetto talmente vasto e partecipato da ricalcare il mondo e sostituirglisi nella comune percezione: infatti noi non abbiamo nè possiamo avere (nell'universo relativistico che ci lega al nostro orizzonte) una esperienza diretta della realtà, ma la percepiamo coi sensi e ricostruiamo quegli impulsi col cervello, rappresentandocela tramite il linguaggio in una sorta di teatro che è il nostro ambiente culturale. A maggior ragione, il nostro limite dal nulla è fatto di tanti punti fermi e ragionevoli, ancor più necessari perché sono opinabili. Può una società giudicarne un'altra? Si, con l'esercizio di un abuso (non importa per quali ragioni) sostenuto dalla forza. Non sarebbe altrimenti plausibile rimproverare ai Romani l'inferno della schiavitù ed ai coloni americani il Far West (che sarebbe la negazione del moderno Stato di Diritto). Anche quando siamo minoranza, dobbiamo partecipare le nostre idee agli altri per ottenerne il consenso, perchè in un certo senso siamo noi gli artefici del mondo. Allora il controllo degli altri, sia la fisicità degli individui coi loro bisogni, che il controllo delle coscienze, diventa per le classi dirigenti un mezzo per possedere il mondo. C'è un delirio di onnipotenza nell'esercizio del potere, talmente evidente che non può essere rimosso senza esserne complici. La tecnologia offre oggi alla catena della comunicazione mezzi potenti, che condizionano la libertà di agire e di pensare.
Mia sorella è stata assassinata... ti lascio immaginare cosa avrei fatto all'essere capace di un'azione tanto efferata. Ma hai idea di cosa significhi poi essere lasciati soli dalle migliaia di persone che affollavano la chiesa, dopo essersi nascosti in casa mentre scannavano una donna, e poi hanno avuto paura di collaborare? E cosa merita chi dirige e lavora al giornale che commentava la vicenda con la frase UNA VITA BRUCIATA (se fosse stata una prostituta avrebbe avuto eguali diritti, ma per renderti il grottesco, Pina Pensato era una persona talmente banale da non offrire il minimo spunto per le indagini)amplificando sulla piazza l'infame senso comune che una finita tanto male, chissà cosa si portava sulla coscienza. Ad ogni anniversario il giornale LA SICILIA usciva con un grazioso fumetto che mostrava lo scempio della signora, o un articoletto pruriginoso. Bene... l'assassino era un pazzo o un sadico, e questa massa cos'altro? La mattina al lavoro vedo tanti bravi padri di famiglia improvvisarsi strateghi e sentenziare contro tutti i dittatori del mondo, con una scintillina d'orgoglio per la nostra partecipazione armata in Irak. Gente che non fa una grinza di fronte ai bambini massacrati e gli orrori della guerra. Allora mi chiedo quante persone normalissime e pulite affollavano i raduni fascisti. Sartre diceva L'Inferno sono gli altri e gli do ragione: siamo tutti legati nel bene e nel male. Io non ho perdonato l'assassino e non amo la folla; ma scelgo egualmente per la Legge contro la giustizia sommaria. Non pretendo per questo di avere ragione, propongo dei valori ed un modello conseguente.

Sul secondo punto, invece, ci possiamo tirare i capelli: la delinquenza E' ORGANIZZATA come una efficientissima (nel Sud poi è l'unica cosa che funziona) impresa del crimine. Credi che alzare la soglia di costi-benefici avrebbe ripercussioni significative? Forse sfiducerebbe i balordi non più di tanto, perchè di cazzate in pieno giorno ne ho viste fare tante... E a due bambini scippatori cosa proponi? Del piombo nella schiena? Una persona che non ha inclinazione e passione per le armi (ero un appassionato di armi e strategia) quante ore è disposto ad allenarsi al tiro? E chi va a delinquere sapendo che l'aspetta una pistola, cosa farà col vantaggio del primo colpo? In ogni modo, il discorso della diffusione di armi da fuoco non può prescindere dalla società in cui si applica. E veniamo al punto che taglia la testa al toro: l'organizzazione del crimine - almeno nel Sud - è talmente vasta e capillare che certamente chi ha reagito si troverà a renderne conto ad un boss, e se non risponderà personalmente ne risponderà la famiglia. Proprio perchè chi è solo non ha possibilità di spuntarla contro una intera organizzazione è fondamentale la presenza dello Stato, e se non funziona i più grandi pezzi di merda sono coloro che lo dovrebbero guidare. Le vittime della Mafia, gli esercenti che rifiutano di pagare il pizzo, tutte le associazioni legalitarie sono in prima fila e appese ad un filo, la loro sorte è quella dello Stato.
Quindi occorre sanare le ingiustizie a monte, creando condizioni di vita dignitose ed un futuro per tutti.
Infine, ci sarebbe un giudizio necessario e difficile, che è il giudizio politico. Hai un esempio negli scabrosi fatti di Genova. Un intreccio di tante forze e spinte, talmente aggrovigliato che la nostra stessa facoltà di giudizio è costretta ad operare scelte arbitrarie per reggere ai fatti. Mi sforzo di essere obbiettivo sulla violenza come su ogni questione, ma ho scelto il marxismo rivoluzionario e conseguentemente sono pronto ad usarla per un fine sociale... pragmaticamente, non credo invece che distribuire armi alla popolazione avrebbe benefici di sorta, tranne che per gli armieri.
Stiamo facendo un torto agli altri del blog... se vuoi ribattere scrivimi, per favore.

sergio pensato 28.05.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Cuba solleva un fuoco di emotività. Io credo che riguardino principalmente il ruolo che il destino ha riservato a quell'isoletta, un ruolo di simbolo decadente e romantico sia di quel che è rimasto del socialismo reale (la Corea del Nord è davvero difficilmente presentabile...), sia di quel che è rimasto del contrasto alla potenza egemone mondiale, gli Stati Uniti. E' evidente che le due cose fanno emergere parecchia emotività sia perchè ci sono un po' di nostalgici del socialismo reale, sia perchè ci sono molti più oppositori alla politica di Bush che ha ri-infiammato l'antiamericanismo. Siamo sicuri che il regime di Cuba debba essere assolto perchè rappresenta queste due cose? I diritti politici esistono o sono conculcati a Cuba? Se non esistono è sicuramente tutta colpa degli americani e del loro blocco "criminale"? Senza quello Cuba avrebbe "prosperato" come tutti gli altri sistemi di socialismo reale? Non sono mai stato a Cuba, nemmeno son sicuro di aver fretta di andarci. Il fatto che a Cuba si sia creato qualcosa di simile ad uno stato che interviene positivamente nel sociale, che la sanità pubblica funzioni, che l'istruzione sia gratuita, che la televisione trasmetta cultura (non di regime? mi vien da chiedere, ma vabbè...) non può che far piacere per i cubani. Dispiace che haitiani, salvadoreni, brasiliani e altri siano da questo punto di vista, secondo molti, in condizioni peggiori. Onestamente non mi fido dei sistemi che non garantiscono nessun ricambio di governo, perchè di questo si parla, al di la del fatto che siano riusciti o meno a costruire uno stato sociale. In Italia lo stato sociale fu costruito dal fascismo, nonostante la nostra repubblica non sia da ammirare mi guardo bene dal rimpiagere il ventennio, anche con tutte le contestualizzazioni storiche del caso. Torniamo a Cuba. La signora dell'associazione cubana ci parlava di elezioni a livello locale, diciamo che ho i miei dubbi che quelle elezioni significhino qualcosa per Cuba, è evidente che Fidel è intoccabile. Temo che gli USA facciano un errore grossolano con l'embargo (ferma restando per ogni stato la possibilità di far la politica commerciale che crede...), a mio parere diventa un potente alibi per l'Havana, inoltre non credo che abbia significativi effetti politici se non quello di far apparire l'isola una vittima del gigante statunitense e di affamare ulteriormente il popolo cubano. Quanto a Fidel, che non viene certamente affamato dall'embargo, per lui è un vero affare...avrà modo di brindarci sopra con Gianni Minà.

Gian Luca Corso 28.05.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

vorrei ricordare a tutti e a Beppe che il presidente di RSF è a libro paga della cia, come da lui stesso ammesso, e che rsf ha ricevuto ingenti fondi dal governo degli stati uniti per indebolire i governi cubano e venezuelano

http://www.reporterassociati.org/index.php?option=news&task=viewarticle&sid=7466


stefano rossi 28.05.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento

> Ho un conto molto molto lungo, e lo presenterò a chi governa lo Stato Italiano

Non è un caso che ultimamente si investa molto sui cosiddetti "crowd control weapons." Indovina a cosa serve...

Yang Chenping 28.05.05 14:02| 
 |
Rispondi al commento

>Il problema è che prima o poi il cittadino medio capirà più o meno come funziona il tutto e andrà a saldare qualche conto con chi di dovere.

Ho un conto molto molto lungo, e lo presenterò a chi governa lo Stato Italiano

sergio pensato 28.05.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

l'america ha paura
altrimenti non si spiega come faccia
a vedere questo stato in miniatura
questa orribile minaccia

il progresso della cultura cubana senza embargo sarebbe schiacciante verso la pochezza degli USA

Hasta siempre Fidel! Venceremos!

claudio manca 28.05.05 13:12| 
 |
Rispondi al commento

> Concludendo: non pensi che in un ambiente come quello che ti ho descritto la libera vendita di armi avrebbe effetti devastanti?

Può anche darsi che certi personaggi, presa coscienza del fatto che il bottegaio, il passante, il pensionato possono sparare indietro con un'arma automatica, prendano opportunamente in considerazione i rischi e i benefici delle loro azioni.

L'alternativa è aspettare che "lo Stato ci difenda perché lo Stato siamo noi" (infatti si è visto) o chiedere "maggiori poteri per lo Stato", un "governo forte" ed altre meraviglie di cui sono pieni i libri di storia.

La triste verità è che i delinquenti sono tutti armati, anche se è "illegale" (non a caso sono delinquenti), il cittadino onesto è carne da macello e lo Stato si occupa esclusivamente di rubare altro denaro con le tasse per finanziare campagne contro l'obesità dei bambini o roba del genere.

Il problema è che prima o poi il cittadino medio capirà più o meno come funziona il tutto e andrà a saldare qualche conto con chi di dovere.

Yang Chenping 28.05.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

A Cuba non c'è democrazia, è una società socialista in cui la rivoluzione non ha (e temo che non avrà) modo di normalizzarsi: penso che noi italiani saremmo un tantino isterici se fossimo come i cubani una enclave nel Meso/Sudamerica dove si vedono ben altri abusi; se fossimo sopravvissuti come loro al torto proprio del Comunismo, ed alla strategia del domino applicata dalle democrazie avanzate contro i superstiti stati socialisti, cancellati con la guerra; se subissimo un embargo spietato contro i nostri bambini (la barbarie di non vendere medicinali è cominciata contro Cuba, prima che in Irak); se ci trovassimo a due passi dal governo di pazzi criminali USA, che sta devastando il mondo. Penso che sia un errore grossolano paragonare grandezze tanto diverse: Castro è un leader (con tutte le sue luci e le sue ombre) e Provera è... Provera. A Cuba serve la tecnologia, non credo che Provera sia particolarmente caro a Castro, nè gli auspico una carriera migliore dal tagliare canna da zucchero in una piantagione (a sera controllategli le tasche, però: lo hanno visto intrattenersi con dei brutti ceffi dell'Eridania).
Penso che sia sbagliato applicare formalmente i canoni di una società all'altra, senza la critica di un adeguato senso storico: altrimenti il nostro giudizio ha scarso valore perchè non sa fondarsi, e, con buona pace dei mascalzoni, non ne usciamo più. Napoleone era accusato a ragione di tirannia da papalini e reazionari, intanto che però esportava le idee repubblicane e dettava la costituzione moderna; credo che il mondo gli deva qualcosa.
Castro è vecchio e il Comunismo finito... Cuba rientrerà nell'orbita amerikana ed esporterà sesso e ballo, crociere organizzate come sta facendo. Vorrei che finisse con tanta dignità e amore, com'è cominciato e come merita questo popolo meraviglioso, ma è così e così sarà: appena muore il leone si avvicinano le iene.

sergio pensato 28.05.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento

ONU: 173 voti contro 3, a favore della cessazione dell'embargo a Cuba, il veto degli USA però ha costretto il blocco politico, commerciale ed economico, a continuare. In maniera globale e più aspra. Questa forse è guerra non dichiarata? Se è così, non può fininre nemmeno la dittatura. Questa è una semplice conseguenza di una guerra. Cuba era nata per essere un'altra cosa. Ai politici "corrotti" piace strumentalizzare Cuba con due pesi e due misure.

Mauro Mazzerioli 28.05.05 11:54| 
 |
Rispondi al commento

devi sapere che per operare a Cuva ci vuole un permesso di lavoro e non un visto turistico come i giornalisti espulsi.
quando vai in un paese straniero ti devi adeguare alle loro leggi altrimenti stiano a casa loro, questi giornalisti.
Perchè questi giornalisti non si interessano a far togliere l'EMBARGO?. sono solo capaci di parlare a vanvera, l'embargo dura da quasi 50 anni i chi paga le conseguenze è solo il popolo cubano. Fidel è vero che è un dittatore ma, se non ci fosse stato lui, ora a Cuba ci sarebbe nuovamente la mafia americana e i cubani esuli, i quali se le danno la possibilità di ritornare porterebbero solo prostituzione e droga alla grande. Quindi questi giornalisti prima è meglio che si informino di un paese che li ospita.
Io in questo paese di cui si parla solo male ci sono stato per 7 anni, mi sono adeguato ai loro
costumi , modi e usi.
Beppe continua io ti seguo sempre
Ciao Carlo

carlo gentilin 28.05.05 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Della serie “perle di democrazia”

Giornalisti e parlamentari di molti paesi arrivati a Cuba per assistere all’assemblea dei dissidenti, arrestati ed espulsi.
Cresce lo sdegno, fino a Rifondazione Comunista, per il trattamento ricevuto dai nostri valorosi giornalisti accorsi a Cuba per raccontarci dei delitti del Regime contro la libertà.
Peccato però che gli stessi, presenti da due anni a Baghdad e reclusi all’Hotel Palestine, costretti a fornire notizie di solo fonte Usa, portati raramente a documentare qualche fatto sotto scorta americana e dove gli americani decidevano, ad eccezione della Sgrena che cercava da sola qualche notizia autentica, non abbiano sentito il dovere di denunciare questa violazione totale della libertà di informazione.
Gli stessi fatti legati alla pratica delle torture nelle carceri e delle uccisioni di detenuti, sono venuti fuori per vie interne all’esercito Usa e non per inchiesta giornalistica.
Non parliamo poi dei divieti americani che hanno impedito qualunque documentazione sul fatto che portò alla morte di Calipari, un bell’esempio di libertà, non troppo sottolineato dai nostri valenti giornalisti, sempre consolati da buoni trattamenti alberghieri e da ottimi stipendi.
Ma una volta fatto un viaggio a vuoto a Cuba, potevano approfittare del fatto che proprio nell’isola, a due passi, vi è un avamposto della democrazia e della libertà che è la base militare Usa di Guantanamo, dove si tortura democraticamente e si detengono illegalmente centinaia di persone al di fuori di ogni diritto internazionale, dove sicuramente gli avrebbero aperto le porte per documentare convenientemente la situazione.
Ma forse si sono distratti o temevano le punture dei “mosquitos” così fastidiosi in questa stagione.
La verità che nessuno dice, ad eccezione del grande intellettuale americano NOAM CHOMKY nel suo libro “Il golpe silenzioso”, ciò che si rimprovera a Cuba è di non fare mancare il latte ai bambini, di avere sconfitto l’analfabetismo, di avere un sistema sanitario all’avanguardia con una mortalità infantile inferiore a quella degli Usa, di non essere più il bordello a disposizione dei ricchi americani, e di non fornire manodopera a basso costo.
Dovrebbe somigliare alla vicina Haiti, una isola libera, dove gli Usa con i loro sistemi che si chiamano soavemente “programmi di sviluppo della democrazia” impongono dittatori e classi dirigenti, dove l’isola, ridotta alla fame, esporta derrate alimentari negli Stati Uniti, e dove vengono fabbricate, in stabilimenti di proprietà Usa dove le operaie guadagnano 10 cent l’ora, palle da baseball considerate estremamente buone, perché vengono immerse a mano in bagni di sostanze chimiche che le rendono estremamente resistenti. Quello che non si dice è che le sostanze in cui le donne immergono le palle sono tossiche e di conseguenza le operaie addette a questo processo produttivo non hanno una vita lunga.
Questo è un paese libero, almeno secondo gli Usa!
Non vi è alcun dubbio che la “libertà” e la democrazia che si vogliono portare a Cuba consegnerebbero il paese in mano alle varie multinazionali e in breve tempo il modello Haiti sarebbe realizzato.
A Castro mi sentirei di dire solo due cose: non incarcerare, né perseguitare i dissidenti, ma offrire loro un biglietto di sola andata per la Florida.
La seconda, non accettare mai più i dollari che stanno corrompendo i giovani, cacciare le grandi organizzazioni del turismo ed affidarlo interamente ai cubani, con piccole iniziative (le case particular), diffuse su tutto il territorio.

paolo de gregorio 28.05.05 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Castro sempre e da sempre nemico del suo popolo. Provera nemico dei suoi clienti...?
Comunque sia ti do manforte e ripubblico anchio il tuo articolo nella rubrica Spiritus Mundi (http://www.galluzzo.it/news.asp?cat=26)
Cari Saluti e avanti a tutto Grillo!

Andrea Claudio Galluzzo 28.05.05 10:41| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe vorrei ricordarti che il presidente di Reporters sans frontières è a libro paga della CIA, quindi tutti i giudizi e le prese di posizione su Cuba sono quantomeno dubbie.
In merito alle recenti espulsioni dei due giornalisti entrati irregolarmente a Cuba con visto turistico, vorrei fare qualche considerazione:
New York riunione dell'opposizione comunista al governo americano intervento in video conferenza di Fidel Castro.....................a Cuba è successo il contrario.

daniele marmondi 28.05.05 09:41| 
 |
Rispondi al commento

x Max Stirner:
proprio questa mattina, nella mia Catania, assistevo ad una scenetta assai poco edificante. Un energumeno, facendo ritorno col bimbetto da scuola, accostava la sua macchina al marciapiede e minacciava al cellulare (gridando tanto forte da assordare ancora a due isolati di distanza) il suo interlocutore che gli avrebbe ucciso il nonno. Ciò accadeva, emblematicamente, davanti alla sede della Polizia Scientifica. Non so dove vivi, ma purtroppo a Catania la violenza è diventata un connotato di cittadinanza, mentre Stato e legalità sono concetti liturgici, ipostasi di un credo assai incerto. Non c'è una consapevole società civile, come ho constatato in altre comunità. Mafia e voto di scambio insegnano. Per conto mio, ho digerito l'assassinio per scannamento di mia sorella sotto casa, in un quartiere popoloso: nessuno è intervenuto a difendere una signora aggredita in piena luce e soprattutto nessuno ha poi fornito indicazioni utili a rintracciare l'assassino. In un autobus affollato, un parente della bestia di cui sopra schiaffeggiava un cieco, senza che nessuno intervenisse... Un altro tizio rantolava dopo essere stato investito da un pirata della strada. Uno studente in medicina gli prestava i primi soccorsi, ma era a piedi e perciò chiedeva alle macchine di fermarsi. Quando si decise a bloccare l'ennesimo cittadino che tirava dritto, quello lo picchiò lasciandolo tramortito accanto al ferito, urlandogli che mai avrebbe sporcato i sedili di sangue. Ho visto un'auto a gas andare a fuoco in un quartiere del Centro ed un Vigile del Fuoco incazzarsi come un saracino, dopo quel finimondo, con i numerosi gestori di esercizi commerciali (compresa una autorimessa) nella zona: costoro esponevano estintori rosso fiammante, come da Legge. Mi ero rintanato dentro la bottega di un fotografo, che si lasciò scappare la frase: e a me la ricarica poi chi me la paga? Dove vivo (si fa per dire) io, l'aggressività inizia col cercarsi un posteggio a discapito di qualcuno più debole e dirime poi tutte le questioni; si salta la fila agli sportelli, si fa la voce grossa quando si ha sfacciatamente torto; soprattutto la violenza si manifesta in forme più subdole e sublimate: raccomandazioni e favori dai politici, protezione dalla malavita. Nella frazione in cui abitavo risiedevano alcuni luogotenenti di una rinomata impresa criminale. Un bel giorno un esercente rimostra sgarbatamente contro la signorina che gli ha parcheggiato la macchina sul marciapiede davanti al negozio: purtroppo per lui, è la donna di un boss. La signora invita quindi il compagno ad uno scambio di vedute col negoziante, colloquio che si formalizza in un lago di sangue. Dopo appena un'ora arrivano i Vigili Urbani... l'accoltellatore si era allontanato tranquillamente e non c'è stata mai alcuna azione legale contro di lui. Il bottegaio è sopravvissuto per un pelo, ma morì suicida in circostanze oscure. Lavoro come dipendente dello Stato. Due miei colleghi sono stati ammazzati da killer. Uno di essi aveva una fedina penale da fare spavento (ci trovavi di tutto, dall'omicidio all'associazione mafiosa, ai brogli elettorali) eppure lavorava in un Ente Pubblico con la motivazione che così si sarebbe potuto recuperare.
Allo stesso modo, se prendi le difese di un debole aggredito per strada la gente ti riprende infastidita: ma chi te lo fa fare? Fatti i fatti tuoi! Ciò che un settentrionale non può capire della Mafia (semplicemente perchè non ne ha esperienza) è il suo profondo radicamento sociale. Il controllo del territorio non agisce come una forza militare dall'esterno, bensì è un atteggiamento condiviso (nei fatti, che sono tanti) a tutti livelli dalla comunità. Ivi compresi i rapporti di sangue: in un grosso paese dell'interland catanese, la Digos dichiarava anni fa che una famiglia su quattro aveva parenti coinvolti in fatti di mafia. E se vuoi, dai pure un'occhiata alle liste elettorali ed ai politici eccellenti della mia Sicilia. Ed in scala minima, se il sangue ti da la nausea, considera una scenetta che nella mia città è abituale: due vigili stanno prendendo le contravvenzioni ad una fila di auto in divieto di sosta; ignorando deliberatamente che in tutte le strade circostanti le macchine sono accatastate sui marciapiedi. Ti garantisco che in tale circostanza l'applicazione della legge farebbe gridare allo scandalo. Maledetta Sicilia! Se si facessero multe a tappeto, i cittadini indignati chiederebbero agli amministratori della città posteggi, strade, un piano del traffico: meglio allora accomodarsi, facciamo il minimo indispensabile con la complicità di tutti; c'è persino la possibilità per i più intraprendenti di non pagare affatto la multa. Temo che le origini del fenomeno mafioso siano collegate a problematiche di sviluppo, stante che le varie mafie si connotano in modo sostanzialmente simile nel Sud di tutto il mondo. E mi accorgo che sono andato abbondantemente fuori tema. Chiedo scusa a te e a tutti gli altri. Concludendo: non pensi che in un ambiente come quello che ti ho descritto la libera vendita di armi avrebbe effetti devastanti?

sergio pensato 28.05.05 02:00| 
 |
Rispondi al commento

> io resto convinto che nessuno al di fuori dei funzionarii dello Stato debba avere armi

Ohibò: in modo da poter caricare più facilmente la gente sui treni?

> non i soliti pazzi o gli esaltati, come avviene negli Stati Uniti d'America.

L'ultima volta che ho controllato il secondo emendamento valeva per tutti. Gli unici pazzi esaltati che vedo negli USA sono gli "agenti di polizia" armati come militari ("contro il terrorismo", ovviamente, come se qualcuno ci credesse ancora...)

Una rapida ricerca con google per "Amadou Diallo" e "Firearms Training Systems, Inc." porterà all'elenco clienti della suddetta azienda, in figurano anche alcune "forze dell'ordine" italiane. Questo tanto per non parlare sempre di Tronchetti ed altre grillaggini assortite :-D

Yang Chenping 27.05.05 23:06| 
 |
Rispondi al commento

Troncheti Provera e l'etica del capitalismo? risibile

Capretti Maria Romana 27.05.05 22:46| 
 |
Rispondi al commento

Troncheti Provera che cosa ci guadagna a prendere una posizione pubblica sulla repressione a cuba?

Capretti Maria Romana 27.05.05 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Max, sei troppo buono...
Ci siamo conosciuti in un'altra vita? Forse si', eravamo a Roma insieme a combattere la tirannia dei Tarquinii, o forse a Parigi per difendere la Repubblica contro la Restaurazione, oppure tra le brigate di Giustizia e Liberta' per cercare di riscattare l'Italia e darle un futuro migliore...
Comunque sono Corrado Canzanella, e ti saluto con fraternita', a te e a tutti i compagni e i cittadini che lottano in piccolo o in grande per migliorare il mondo.
Ciao.

-per Yang Cheping: scusami ma non capisco bene il tuo commento; premesso che in varii Stati del mondo le leggi sono diverse sul possesso delle armi da fuoco, io resto convinto che nessuno al di fuori dei funzionarii dello Stato debba avere armi; c'e' chi sostiene che il popolo debba essere armato perche' sarebbe una sua forza, diciamo insurrezionale, ma secondo vale soltanto se tutti, proprio tutti sono armati, e non i soliti pazzi o gli esaltati, come avviene negli Stati Uniti d'America.
Saluti.
paganesimo@libero.it

E. Belcampo 27.05.05 22:42| 
 |
Rispondi al commento

COMPLIMENTI X E. Belcampo

Hai dato forma a quello che ho sempre pensato quando leggo critiche e commenti su Cuba.

Non sono mai stato a Cuba ma ho visto alcuni documenti molto interessanti in televisione che confermano quello che hai visto con i tuoi occhi: alcuni diritti fondamentali come il diritto allo studio, il diritto all'assistenza sanitaria, una casa, un lavoro sono cose acquisite e consolidate laddove a non molti chilometri di distanza il problema giornaliero è di riuscire a sbarcare il lunario e intere famiglie per non morire di fame sono costrette a scavare, bambini compresi, tra montagne di spazzatura ai margini delle grandi metropoli del Brasile o del Messico in una continua lotta tra poveri per accaparrarsi la "spazzatura" migliore.
Allora mi chiedo: ha veramente un senso fare continui confronti tra Cuba e la realtà in cui noi siamo abituati a vivere senza valutare il contesto in cui è inserita CUBA ma soprattutto senza ricordare cosa era CUBA prima della rivoluzione Cubana?

Fabio Rinaldi 27.05.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

X LALA SALA

Posso ANCORA dire che non sono d'accordo con quelli che hanno votato x Berlusconi, anche se sono la maggioranza, oppure no?
(Ed io non ho parlato di voti "tarocchi":l'hai fatto TU!)

Questa si chiama LIBERTA' DI PENSIERO!
Rita

Rita Porrega 27.05.05 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Non ci posso credere che queste società utilizzino volti noti per "rubare" soldi a persone spesso anziani o ragazzini che un trucco così malefico. Mi meraviglio di certi personaggi che vorrebbero fare trasmissioni per il prossimo, ma forse solo per il loro prossimo futuro.
Grazie dello spazio concessomi.

Biagio

Biagio Stramaglia 27.05.05 21:43| 
 |
Rispondi al commento

> e solo la polizia ha armi da fuoco

Poi magari ti stupisci perché c'è un "regime", vero?

Yang Chenping 27.05.05 21:41| 
 |
Rispondi al commento

X E. Belcampo

Parole sante.

Ciao.

Mario Scafroglia 27.05.05 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Non trovo neanche le parole ....Sei un grande Beppe!!!

Sergio Ostuni 27.05.05 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Era inevitabile che si passasse dalla questione Tronchetti-Telecom ad uno scontro su Cuba, quindi vorrei raccontare brevemente la mia esperienza: a marzo sono andato a Cuba con la mia famiglia, ho visitato L'Avana e l'occidente dell'isola: Vinales, Pinar del Rio, Puerto Esperanza, Maria la Gorda, ecc.
Mi interesso piu' di filosofia che di politica, e non avevo preconcetti su Cuba, se non confrontarla con gli altri paesi sudamericani che ho visitato (Brasile, Costarica, Nicaragua,
Argentina e Peru'). Oltre alle spiaggie, ho visitato anche scuole ed asili, per far contenta la mia ragazza; la conclusione che ho tratto e'
semplice: a Cuba si sta meglio che negli altri paesi latino-americani che ho visitato.
Tutto e' relativo: il castrismo e' un regime, ma con quale Stato lo volete confrontare, con la Danimarca, con la Norvegia, con il Liechtentsein?
Diciamo dei fatti: sapete che in Honduras, in Salvador, ci sono ancora gli squadroni della
morte? Siete stati in Giamaica, sapete che rischiate la vita ad ogni angolo?
Vogliamo parlare di Haiti, l'inferno in Terra? Perche' gli Stati Uniti, che fanno il bello e il cattivo tempo, non portano un po' di
democrazia-soldi-verita'-liberta' in questi paesi dove hanno mano libera?
Cerchiamo di essere un minimo obiettivi; a Cuba per esempio, la televisione cerca di fare un poco di cultura, i mafiosi e gli sfruttatori sono mosche bianche, i bambini sono tutti a scuola, e solo la polizia ha armi da fuoco; c'e' miseria, e c'e' poca liberta' di opinione, ma intorno a lei cosa troviamo?
Tra i tanti slogan piu' o meno retorici che campeggiavano sui pannelli stradali, quello che mi e' piaciuto di piu' recitava:
50 MILIONI DI BAMBINI AL MONDO, SOTTO I DODICI ANNI, SONO COSTRETTI A LAVORARE. NESSUNO DI LORO E' CUBANO.
Dall'educazione, dall'istruzione si parte per formare dei cittadini meno ignoranti e rozzi.
Su certe cose avremmo da imparare anche noi, e penso alla mia terra natia, il Sud, coi problemi che ha...
Rispettiamo le differenze, ogni popolo ha diritto a vivere e sbagliare a modo suo, senza ingerenze fasulle e interessate.

E. Belcampo
paganesimo@libero.it

p.s. volevo ringraziare il cittadino Raggi che ha ricordato la richiesta di abolire il segreto bancario; se i magistrati avessero quest'arma,
cambierebbero le cose.

E. Belcampo 27.05.05 19:41| 
 |
Rispondi al commento

@Max Stirner

Grazie per avermi risposto
Concordo con te su tutta la linea, specie sulla strumentalizzazione del suo pensiero.


Però, per ciò che concerne l'informazione credo che le cose non possano stare così. Se è vero che la rete mi mette nella condizione di raggiungere più efficacemente fonti indipendenti, è perlomeno verosimile che chi vi scrive oggi, deve avere avuto altre possiblità per esprimersi prima dell'avvento di questa tecnologia. Non so, forse sono solo ottimista, o forse il punto è che le cose sono talmente degenerate da non lasciare altri spazi che non siano la rete. concludo questo intervento citando il nome di una delle poche riviste d'informazione che reputo piuttosto complete : "Internazionale"
per chi non la conoscesse, vi invito a visitarne il sito www.internazionale.it per comprenderne le caratteristiche.
tra l'altro, potete trovare una raccolta completa di tutti gli articoli pubblicati da vari giornalisti e non.... E indovinate un pò... c'è qualcosa anche del buon vecchio Beppe

Sergio Bianchini 27.05.05 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma ci fai o ci sei? Mai sentito parlare di IRONIA? Se dico ad uno che mi apostrofa, "Hai studiato ad Oxford?" non è proprio un complimento, comunque...

(Riguardo al Castrismo...)
E chi ha mai detto il contrario!
Come noterai da questo mio post, quando si tratta di discutere, parlare e confrontarsi sono sempre pronto a farlo. Quando i toni scendono nel qualunquismo della retorica (è inutile che attacchi il mio modo di pensare, che puoi modificare con interventi intelligenti, ma non certo cambiare!)allora si che mi inalberò. Non ho certo mai parlato di "Giustificazioni" al Regime Castrista, bada bene, semmai di motivazioni:
Se Hitler (paradosso) perseguitava gli Ebrei, non vi si trovano motivazioni plausibili. Se Castro perseguita i dissidenti, invece, un motivo c'è. Ed è ben diverso dalle "inquisizioni" Staliniste a mio avviso...
Se poi ancora insisti sulla democratica America, e sull'"alibi del Blocco" (anche a me fà fatica il copia incolla...)allora mi incazzo proprio.
Se vuoi parlare di diritti calpestati a Cuba allora facciamolo dappertutto, no? Ecco allora perchè ti parlavo di Iraq e Afganistan, due paesi occupati, additando fantomatiche motivazioni, rivelatesi sempre fasulle. O vogliamo negare pure questo?
Ascolta prima di parlare. Sopratutto quando gli argomenti sono Democrazia e Libertà.
Pensi ci sia Democrazia oggi in Afganistan? ed in Iraq? Senti cosa dice a proposito uno degli ITALIANI impegneti nella ricostruzione:

http://www.rainews24.it/ran24/speciali/guerra_petrolio/
(il filmatino in 2 parti! molto int.)

Senti come parla di democrazia, di Stati Uniti e di interessi. Un Italiano!
Pensi che oggi nel 2005 Cuba sia (nei rapporti con l'estero...) libera ed indipendente (come qualsiasi altro paese)?

http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idpa=&idc=67&ida=&idt=&idart=428

http://www.nuovimondimedia.com/sitonew/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=1219&topic=46
http://www.nuovimondimedia.com/sitonew/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=1216&topic=28

C'è chi la pensa diversamente...

Quello che non capisco io è questo:
Assodato che Cuba è una realtà poco liberale e democratica, cosa sulla quale siamo bene o male tutti daccordo (anche se ripeto, non più illiberale di molte altre realtà, ad esempio la cina etc...), cosa programma la politica internazionale? La "Baia dei Porci 2" con Arnold Spazzaneger?
Ti prego di dare un'occhiata ai link postati, sono molto interessanti...
Cordiali Saluti.

X Max Stirner.
Grazie, uno dei tuoi link come vedi l'ho già "riciclato"...
La verità è che la sfera sociale non esiste più.
Esiste solo un'egemone, immensa e monopolistica sfera economica, dove il valore di tutto(anche della vita) si misura in barili di petrolio.
E mi viene da vomitare vedendo come con la scusa della democrazia si attacchi in realtà il diritto ad esistere.
Come il lupò che si traveste da agnello, per poter entrare nel recinto a fare man bassa.

Mario Scafroglia 27.05.05 17:31| 
 |
Rispondi al commento

UNA CURA PER TUTTE LE INGIUSTIZIE, PER TUTTI I SOPRUSI E TUTTE LE SCEMENZE CHE CI PROPINANO OGNI GIORNO...

BUTTATE VIA LA TV,NON LEGGETE I GIORNALI ITALIANI E NON ASCOLTATE IL SEGNALE PIATTO DEI TELEGIORNALI ITALIANI...

Con questa operazione non diventerete Immortali ma certamente sarete più SANI !

Rosario Lambiase 27.05.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

non so se è qui il posto giusto per scrivere, ma dato che riguarda l'informazione:
date un'occhiata al sito www.disinformazione.it

non è la bibbia,(e già qui ce ne sarebbero di cose da dire ;-) ma molte cose sono indiscutibilmente acute.
per esempio questo articolo intitolato:

come il DNA si difende da darwin
http://www.disinformazione.it/darwin2.htm


ciao! e mi raccomando, cercate cercate e comparate! mai fermarsi a una sola campana! anche (anzi, soprattutto) se esplicitamente dichiaratasi obbiettiva e democratica!

ps per beppe grillo: ma ti è arrivato il plico di fotocopie (milano, la prima serata) da una ragazza seduta sul palco? mi aveva detto che ti avrebbe consegnato il materiale dopo, nel tuo camerino! spero di si cmq perchè era davvero interessante e trattava di argomenti importanti!

Andrea Bonomi 27.05.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Lala...il rimpiazzo di dittatori con dittatori è un problema
che rientra nei
"dovrebbero".

Esattamente come le democrazione DOVREBBERO essere interattive al 100%.

Niccolò Petrilli 27.05.05 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Signori in italia va tutto bene cribbio!!!E non ascoltate il signor Beppe Grillo perchè ha dei pregiudizi.....cribbio!!!

Silvio B. 27.05.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Independenti da cosa??
I giornalisti sono indipendenti....solo che sono loro stessi disinformati e non hanno voglia di informarsi (tranne pochi, non vorrei generalizzare)
A fare il giornalista basta poco, si prendono le notizie ansa (o altro) e si ricamano un pò scrivendo qualche cagata e ecco sono pronti i giornali.
Un lavoro veramente impegnativo che ci difende e ci da libertà (scherzo ovviamente).
La cosa più bella è che ora vanno di moda le statistiche, ogni tesi supportata da una stupida statistica.
Per il resto concordo con SIlvio, in Italia stiamo bene, c'è chi sta male e è povero ma pochi sono davvero poveri come nel resto del mondo. In Italia siamo fortunati!
CHi sta male in Italia sono quei poveri immigrati, che (io non li chiamo campi di concentramento) sono rinchiusi in prigioni appposite.
Bello no? In prigione perchè sei scappato dalla disperazione; e come possiamo noi allora giudicare gli altri??

carlo azelio 27.05.05 17:02| 
 |
Rispondi al commento

x Max Stirner

Grazie per l'accoglienza!

Per fortuna lavoro in questo settore e sono venuto a conoscenza di questo blog da quando era disponibile on-line da poche ore, e ovviamente mi sono letto gli interventi di tutti, evitando solo trolls e sciroccati di varia natura.

Purtroppo non posso essere d'accordo con te perche' non amo il macchiavellismo, e non mi convincero' mai del fatto che il fine giustifichi i mezzi. Mi rendo conto che questo ragionamento e' poco pratico ed in ogni caso decisamente fuori moda, soprattutto in un momento come questo nel quale l'utilizzo di "qualsiasi mezzo" e' praticamente diventato uno standard non in discussione, ma continuo a pensare che anche nella lotta debba esistere un confine etico che non va superato, anche se da questo dovesse dipendere la differenza tra la vittoria e la sconfitta.

Inoltre, per quanto possano essere sempre provocatori, i messaggi di Palazzani hanno spesso provocato risposte lunghe, articolate e dense di informazioni. Quindi piu' che i suoi post in se' lo considero in ogni caso interessante per il flusso di informazione che una figura come la sua puo' alimentare in uno spazio pubblico come questo.

Ciao. Franci

Francesco Angiolieri 27.05.05 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei porre un punto di vista leggermente differente, non per fare l'avvocato del diavolo ma per dare una prospettiva in un quadro piu' generale.. di come ragionano le ditte, forse.

Ho lavorato per una multinazionale americana di telefonia mobile.

Tra i molti contratti di appalto (per i soliti miliarid di dollari), c'erano nazioni tipo Arabia saudita, Cina e altri stati africani dove i diritti umani sono poco piu' di leggende metropolitane...

In un meeting ho avuto occasione di chiedere ad un manager di alto livello americano quali fossero le nostre prese di posizione a riguardo, la risposta e' stata un po'amara.

In pratica mi ha semplicemente risporto che se non lo prendevamo noi il contratto lo avrebbe preso un concorrente, e che con quei soldi ci si pagavano i nostri stipendi (ed il suo superbonus, ovviamente)..
E che in fondo i nostri installatori sarebbero stati trattati come un qualsiasi impiegato americano ( che pero gode del 20% die diritti di un europeo) e non sarebbe stato uno schiavo (tipo come i ragazzini della nike o credo la chicco).

il tutto era presentato come una scelta:
sono leale verso la mia ditta e perdo il businnes o verso questi popoli oppressi MA licenzio il mio personale ?

Una risposta che lascia l'amaro in bocca...


Maurizio Balla 27.05.05 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Per Max Stirner

Forse è un'ovvietà, ma il tuo nick deriva dall'autore de "l'unico e le sue proprietà"?

Per tutti:

in vari post ho trovato critiche al giornalismo in genere e a Reporters sans frontières in particolare. volevo sapere se c'è qualcuno che può citare qualche associazione di giornalisti che sia davvero indipendente.

non è una domanda polemica ma solo una richiesta di informazione

Sergio Bianchini 27.05.05 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Non mi sembra giusto che la Telecom rinuci a operare a Cuba, rafforzerebbe solo l'embargo ignobile che gli USA stanno imponendo all'isola a cuisi sta aggiungendo di riflesso e non, anche l'europa schiavetta di Bush. Pensiamo prima a noi stessi (occidente) ed ai diritti umani che ogni giorno no rispettiamo.
Due esempi:
USA = pena di morte, guantanamo, IRAQ, ecc
ITALIA = "Campi di concentramento" per immigrati, ecc...

emiliano giannarelli 27.05.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Ma vi immaginate se in un altro stato qualcuno volessere venire a liberarci dal capitalismo e decidesse per cui di farci un embargo mondiale, poi magari ci buttano le bombe addosso?? saremmo contenti??
Penserei di più a casa nostra e meno alla casa dei cubani.
Per quel che dice grillo invece come al solito si dimostra che per fare soldi si scende a tutto.
Del resto in Italia esistono ancora le prostitute di 15 anni schiavizzate dalle organizzazioni criminali, esistono miliaia di ragazzi costretti a tutto per aver un permesso di soggiorno, esistono ragazze costrette a tutto per un permesso di soggiorno, esistono interi paesi in mano alla mafia.
Esistono organizzioni che fatturano miliardi col traffico di droga.
Esiste ancora il pizzo.
In Italia l' informazione è una: il tg danno le stesse identiche notizie, nello stesso ordine.
I giornali danno le stesse notizie (magari commentate in modo diverso dai giornali più politicizzati).
L' unica cosa che fanno è informare: ci parlano degli scienziati che fanno lo sciopero della fame per il referendum, ma non ci dicono e spiegano cosa significa il referundum.
Ci dicono che Prodi dice che Berlusconi fa schifo e viceversa, ma non ci parlano delle loro idee (forse in questo caso perchè non ne hanno)
Del resto cosa ci si aspetta da giornalisti che non fanno niente se non pensare a come fare rumore, e cosa ci si può aspettare se a dirigere il paese ci sono da una parte uno che ha fatto giurisprudenza e diventato ricco facendo edilizia, e dall' alta parte un cattolico de mitiano andreottiano bigotto e cellino anche lui laurea in giurisprudenza?
Va bhè, this is I T A L I A, intanto a Cuba sono più felici (almeno sorridono) che a Milano, anche se senza soldi :)
se per voi è poco...

carlo azelio 27.05.05 16:45| 
 |
Rispondi al commento

IL punto del discorso non e se sia giusto o sbasgliata la represione della stampa(di sicuro non fa bene a 1nazione)ma cosa s'intende per stampa;la stampa in teoria e l'unico metodo di controllo verso i potenti in pratica sta in mano ai potenti, 1giornale non dovrebbe nemmeno avere publicita al suo interno se vogliamo essere sicuri della sua imparzialita,ma visto che lo scopo della stampa e vendere piu copie possibili se ne fregeranno sempre della verita!!
ora se i Cubani non vogliono piu Fidel per ciocche ho appena elencato ben venga1altra rivoluzione,ma se invece della liberta vanno trovando di bere la COCACOLA,di camminare con le NIKE SHOX,la MERCEDES,ECCC.be sapete cosa vi dico VIVA LA FIDEL FANCULO L'AMERICA
Pace

ANTONIO CAIAZZO 27.05.05 16:39| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE,
PERCHE PREOCCUPARSI DEL VECCHIO FIDEL, IL BUON DIO CI METTE SEMPRE LA SUA SANTA MANO, ANCHE SE A VOLTE UN PO IN RITARDO (PER NOI) MA TUTTE LE DITTATURE FINISCONO MALE; PIUTTOSTO SONO DA CONDANNARE QUELLI CHE FANNO "AFFARI" CON PERSONAGGI DEL GENERE!CHE NAUSEA!
CIAO BRUNA

BRUNA LENTI 27.05.05 16:34| 
 |
Rispondi al commento

Quanto ondeggi...dall'accusa di ignoranza nei miei confronti passi a quella di "oxfordismo"...vabbè le questioni sul personale le lasciamo a te e al tuo stile.

Come dicevi giustamente, il punto di tutta la discussione è il ruolo di telecom nell'appoggio al regime castrista, che, è dato per assunto nel post di Beppe Grillo, è una dittatura che reprime i diritti politici. Continui a scrivere cose interessanti sugli Stati Uniti, come se l'affermazione di un certo numero di malefatte americane compensi quelle del regime castrista ...come noti non sono mai entrato nella discussione, semplicemente non capisco che centri, tantomeno tu mi rispondi sei troppo occupato a cercare qualcosa sugli Stati Uniti. Ora, non che non mi interessi, anzi, direi che è parecchio interessante (si potrebbe dire scavando indietro che l'atto fondativo della nazione statunitense è un genocidio se ti fa particolarmente piacere, quello degli indiani d'America, si potrebbe risalire indietro agli atti fondativi di nazioni un po' meno recenti e non so se scopriremmo di meglio, se ne potrebbero dire di cose risalendo all'indietro...non so se aiuterebbe a capire e se ci illuminerebbe su Cuba che dovrebbe essere vittima di tutta la storia americana)...ma posso ri-chiederti che centra? Parlando di Cuba e di diritti umani tu facevi un parallelo tra Fidel e Bush sostenendo che preferivi il primo. Io mi son limitato a constatare alcune cose oggettive relativamente ai diversi sistemi istituzionali (non mi sembra pochissimo detenere il potere a vita o essere vincolato a qualcosa come una costituzione, un elezione, un numero finito di mandati...). A te non piace sentirti dire che Bush può fare solo due mandati e ti inalberi un po' (rileggiti i tuoi post, non ho davvero voglia di tagliare e incollare), anche se ora fai il distaccato. Questo è quanto... se uno è interessato a conoscere un problema, credo sia inutile costruire paraventi...probabilmente, ma solo probabilmente il regime castrista QUALCHE responsabilità ce le ha sulla sua persecuzione per reati politici, così pare agli esuli cubani, e continuo a non capire perchè dovrebbero averle gli Stati Uniti. Esaltare Cuba solo perchè si oppone agli Stati Uniti sembra una negazione di un problema. Fine dei miei interventi, grazie mille per democraticità del confronto.

Gianluca Corso 27.05.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Piccola parentesi che chiudo molto in fretta: qualcuno scrisse "Parla, anche male ma parla. L'importante è che se ne parli". In questo il presidente del conSilvio è un maestro...

Ilario Moresco 27.05.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento

x Alex Morutti

Anch'io non ho nessuna simpatia per Palazzani, pero' ne ho ancora meno per i colpi sotto la cintura, come quello che hai sferrato tu.

Tolto il consueto "rumore di fondo" (trolls, messaggi estemporanei di passanti, eccetera) questo e' uno dei rari blog in cui il livello di discussione a volte raggiunge punti abbastanza alti, e penso sarebbe meglio se ci adoperassimo tutti per migliorarlo ancora, magari cercando di utilizzare idee e contenuti invece che attacchi personalizzati e inutili.

Ah, questo e' il mio primo post. Ciao a tutti.

Franci

Francesco Angiolieri 27.05.05 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Dal resto del carlino di oggi:
BERLUSCONI E LA CRISI
'L'Italia è ricca e benestante
Non ha bisogno di stampelle'
Il quadro a tinte rosa di Berlusconi
*BOTTA E RISPOSTA 'L'Economist sbaglia a raffigurare l'Italia con le stampelle', dice durante l'incontro con Blair
*SIAMO RICCHI E ancora: 'L'Italia è un paese ricco e benestante. Lo dimostrano i dati sulle case di proprietà, sulle automobili, sui telefonini e su alcune regioni che sono fra le più ricche di Europa'

ciro lanza 27.05.05 16:25| 
 |
Rispondi al commento

X Domenico Schietti
Hai ragione, i ragazzi dei paesi piu` poveri vanno aiutati a poter progredire da soli, bastano pochissimi dei nostri soldi.
Se gli si compra un PC, pero` va evitato di dare soldi a Bill Gates che e` il nuovo dittatore mondiale, puo` controllare tutto cio` che viene fatto sulla maggioranza dei computer del mondo !

Usate Linux, evitate tutto cio` che ha a che fare con Micro$oft, soprattutto chi e` particolarmente critico con la politica degli USA.

Gianni Raco 27.05.05 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Tronchetti Provera che pensa senza scrupoli al profitto? Ma dai. Io me lo sono sempre immaginato missionario in Zambia.

kitterle gnosky 27.05.05 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi e la crisi
"L'Italia è ricca
più di altri paesi"
Si, più ricca della tanzania del mali e del niger e forse anche del pakistan

ciro lanza 27.05.05 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Eh eh eh! Se non siete d'accordo con le idee ok, ma non sfottete i trekkers ;D
Lunga vita e prosperità. ^_^

Marco Guarnieri 27.05.05 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Max Stirner

link molto interessanti...

te ne propongo uno sull'argomento Cuba...

http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idpa=&idc=67&ida=&idt=&idart=428

Ciao

Mario Scafroglia 27.05.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Conferenza stampa dopo il vertice con Tony Blair Berlusconi: «In Italia benessere e ricchezza» «L'Economist sbaglia: siamo un Paese benestante». Poi l'ammissione: «Ci sono difficoltà difficili da superare» STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU' LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO
ROMA - «L'Economist sbaglia a raffigurare l'Italia con le stampelle. L'Italia è un paese ricco e benestante. Lo dimostrano i dati sulle case di proprietà, sulle automobili, sui telefonini e su alcune regioni che sono fra le più ricche di Europa». Lo afferma il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nella conferenza stampa con il premier britannico Blair. Il presidente del Consiglio si è detto tuttavia convinto che l'economia italiana stia vivendo «delle difficoltà non facili da superare», che potranno essere affrontate «solo con un ammodernamento del sistema produttivo, con una qualificazione tecnologica e con un intervento dell’Unione europea che possa far fronte alla contraffazione e alla concorrenza sleale attraverso un sistema di dazi sui quali siamo impegnati in Europa, con la Commissione, a trovare una soluzione adeguata».
27 maggio 2005

ciro lanza 27.05.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

E' vero Max... ma a volte non è facile far finta di niente davanti a certe affermazioni...

Alex Morutti 27.05.05 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Lo riposto perchè è TROPPO BELLO.

"Mario Scafroglia sei tristissimo, cambi di continuo argomento e ti appassioni all'arrampicata sugli specchi, mi spiace che non ti vada di trasferirti e che la prenda così a male solo per un suggerimento...non fai altro che cercar di parlar male degli Stati Uniti per procurarti un paravento e non affrontare l'argomento che ti ricordo riguardava vagamente la dittatura e i diritti politici a Cuba...estensibile quanto vuoi tu, per carità. Mi spiace per tutte le cose che io ignoro e che tu invece conosci in maniera così approfondita, soprattutto in materia di Stati Uniti e di relazioni con Cuba. Eppure parrebbe da fonti ben informate che lì esista un problema di democrazia, almeno secondo un po' di dissidenti esiste, ma vuoi parlare di Iraq (tutt'altra cosa, immagino che per te però siano la stessa cosa...), di Afghaninstan (ancora un'altra cosa...) e di non so che altro e lo fai così bene che inviti al confronto democratico. Se la cosa non ti disturba troppo, al sito www.cubaitalia.org c'è qualche esule che parla dell'argomento di cui trattasi, che cioè sarebbe Cuba e la mancanza di diritti politici, lì se vuoi c'è anche una lista di oltre 70 prigionieri politici relativi all'ultima ondata di persecuzioni castriste a partire dal 2003. Ancora mi sfugge il passaggio logico per cui l'embargo statunitense legittimerebbe la dittatura cubana, sono sicuro che a te, mente illuminata, non sfugge che che lo spiegheresti abilmente alle famiglie di quei condannati per reati politici."

Nb Ma chi se la prende, riportavo solo il tuo tono BLASONATO (devi aver studiato ad oxford...).
Io se una persona non la conosco, non la giudico, ne tantomeno mi interessano offese e sarcasmo. Ho risposto alle tue affermazioni e tanto mi basta.Se i tuoi argomenti poi sono:

"Mario Scafroglia sei tristissimo, cambi di continuo argomento e ti appassioni all'arrampicata sugli specchi, mi spiace che non ti vada di trasferirti e che la prenda così a male solo per un suggerimento"

Mi sa' che stavi parando a te stesso...

Da oltre quarant’anni negli Stati Uniti – come risulta anche da documenti del Governo statunitense, ora declassificati – vengono progettate, finanziate, promosse, favorite e attuate azioni contro Cuba che vanno dall’invasione armata all’assassinio dei dirigenti della Rivoluzione, dagli attentati contro persone o beni alla diffusione di malattie epidemiche, dalle trasmissioni radio-televisive illegali che incitano a commettere atti criminali o di guerra, al finanziamento e all’addestramento di gruppi paramilitari per azioni armate sul territorio cubano. Tutto questo è terrorismo.
Questa situazione ha avuto e continua ad avere un costo per Cuba. Finora i danni materiali ammontano a circa 54.000 milioni di dollari. Per i danni al popolo cubano non si possono fare stime in dollari: le 3.478 vittime o i 2099 feriti si possono solo contare e si può solo condividere il dolore arrecato alle famiglie e al popolo cubano.

Ma ancora oggi, dopo la tragedia che l’11 settembre ha colpito il popolo degli Stati Uniti e dopo che il Governo degli Stati Uniti dichiara e attua una guerra mondiale prolungata e indefinita contro il terrorismo presentandola come una guerra umanitaria, per la libertà, la democrazia e i diritti violati, c’è una situazione paradossale che continua.

A Miami, nella Florida, sono stati incarcerati cinque cittadini cubani che raccoglievano informazioni sui gruppi paramilitari e sulle attività della mafia cubano-americana, per prevenire atti di terrorismo e difendere il proprio popolo dalle aggressioni e dalla morte. L’accusa nei loro confronti è stata quella di avere messo in pericolo la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

I giudici di Miami, condizionati dalla mafia della Fondazione Nazionale Cubano-Americana, hanno emesso questa sentenza: due ergastoli e 15 anni di carcere a Gerardo Hernández; ergastolo a Ramón Labañino; ergastolo ad Antonio Guerrero; 19 anni di carcere a Fernando González; 15 anni di carcere a René González.

Come se questo non bastasse, gli Stati Uniti hanno inserito Cuba nella lista degli 80 paesi che, secondo loro, hanno connivenze con il terrorismo: siamo arrivati alla situazione incredibile per cui negli Stati Uniti, dove da decenni si organizza il terrorismo contro Cuba con la complicità di apparati dello Stato (la C.I.A.) vengono condannati cittadini cubani che indagavano su piani terroristici e sono giudicati, dalla giustizia nordamericana, come terroristi.

Ma la giustizia degli Stati Uniti, non accuserebbe e non condannerebbe mai un cittadino di qualunque paese che offrisse informazioni su azioni di terrorismo in preparazione contro di loro, o contro le proprie Ambasciate, o che potrebbero costare la vita di cittadini nordamericani. Come sempre, la doppia morale produce infamie.

Per questi motivi, ci impegniamo in una campagna di solidarietà con i cinque cittadini cubani ingiustamente incarcerati negli Stati Uniti e lanciamo un appello per sostenere ogni possibile iniziativa per la loro liberazione.

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba
mail amicuba@tiscalinet.it
http://www.italia-cuba.it

Come vedi IO qualche ARGOMENTO c'e l'ho, non faccio demagogia...


NB:guarda che l'argomento è la partecipazione della Telecom al progetto Etec Sa...

http://www.venceremos.it/cuba/blocco.htm
http://www.italia-cuba.it/cuba/i_cinque/terrorismo_usa.htm

Ciao Ciao

Mario Scafroglia 27.05.05 16:02| 
 |
Rispondi al commento

....PALAZZANI FATTI VEDEREEEEEE.......MA DA UNO BRAVO

marco baz 27.05.05 15:56| 
 |
Rispondi al commento

E intanto Gianni Minà realizza un altra ode a Cuba e al potere di Fidel e Mara Venier dice: accattatavill' !!!!

Katya Madio 27.05.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Sostegno alla difesa dei diritti del bambino

http://helpchildren.blog.tiscali.it/

Paolo abcd 27.05.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

A tutti gli utenti del blog:
Attenzione Palazzani e' uno psicopatico!!! guardate questo link con le sue foto:
http://www.veridiano3.com/html/chi%20sono.htm

Alex Morutti 27.05.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

"E’ inconcepibile che un’azienda italiana possa partecipare alla repressione di un popolo, sia pur per via finanziaria". Cito e correggo: E' inconcepibile che un'azienda italiana possa partecipare alla repressione di un popolo, soprattutto per via finanziaria". E capirai in un paese di poveretti senza soldi si decuplica lo strapotere economico . . . . . E' inutile dire che non mi sorprende la fonte di questo "aiutino" alla repressione!!!!

Silvia Federici 27.05.05 15:39| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno può anche pensare che da single a cuba si sta bene.
io li ho visti i nostri conpatrioti al ristorante con le famose fidanzate cubane,... mi sono vergognato di essere italiano!!
ma questa è un'altra storia.
per legittimare o meno il regime di Fidel bisogna leggere molto attentamente la storia di Cuba e forse qualcuno potrebbe cambiare idea
suerte!

ale ercoli 27.05.05 15:39| 
 |
Rispondi al commento

citazione

"ho deciso di fare politica anch'io. Senza candidarmi. Senza dare nell'occhio. Di nascosto. L'ho fatto per tanti anni nei teatri. Ora voglio abbinare i teatri e la rete, cioè Internet. Per fare politica senza intermediari, senza politici: quelli non servono più, sono obsoleti, superflui, cadaveri ambulanti. Non rappresentano più nessuno, nemmeno se stessi. Lancio un movimento politico che, tanto per cominciare, punta a smuovere un milione di persone. A tirar fuori il furore che c'è il loro. Lo chiameremo "A furor di popolo". Voglio un po' vedere come potranno ignorarlo. E, soprattutto, come faranno a censurarlo."
Beppe Grillo."


ti appongio in pieno e invito tutti a far conoscere questo blog a tutti per tutti i canali disponibili sia rete che a voce.Se vi e possibile scrivetelo anche sui muri e più facile togliere un pò di vernice che spalare tonnellate di mer.a in continuo aumento

giuseppe mazzara 27.05.05 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Rinaldoni!
A Bello!
PRIMA SCRivi queste cazzate:

"Marco M., dammi l'indirizzo del tuo pusher..."

e poi fai il moralista? Ma per favore...

guarda che sano leggere tutti...

Mario Scafroglia 27.05.05 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Colgo uno dei tanti interventi sulla libertà di informazione per informarvi di un'iniziativa della quale spero si interesserà anche Beppe prossimamente.

Dopo l'ennesimo spot controinformativo lanciato dal governo per fronteggiare il problema della pirateria in italia (come se i problemi si risolvessero a suon di spot!) su un post su punto informatico è nata l'idea di rispondere con le stesse armi, ovvero con uno spot, al governo e alle varie major.

L'idea è ospitata sul mio sito alla pagina: http://www.ciccio.org/controspot.php
dove ho da qualche ora aperto un paio di forum (uno a registrazione l'altro libero) su cui discutere del progetto e dare il proprio contributo.

Come si può leggere sul sito e soprattutto nel forum si tratta di realizzare uno spot in cui si faccia notare come acquistando un cd o dvd originale, oggi, si danno i soldi a aziende che hanno il brutto vizio di violare la privacy degli utenti, di interferire nelle decisioni dei governi. Il boicottaggio è l'unica arma rimasta ai consumatori per farsi sentire e far capire, forse, che non è mandando in galera un 16enne perché s'è scaricato un mp3 che si risolve il problema.

Lo spot ha l'obiettivo di raggiungere il target che i tanti siti di protesta non possono raggiungere, ovvero chi internet non la usa assiduamente. Vorremmo riuscire a raggiungere la gente fuori dai cinema, o negli spettacoli di Beppe ad esempio, sarebbero migliaia di persone in più raggiunte e sono sicuro che forse, una volta, l'occhio di bue si sposterà da Faletti che si fa trafiggere dai CD per finire su chi quei cd in teoria li dovrebbe comprare.

Spero che anche da questo blog qualcuno venga a far sentire la sua voce, la sua presenza e il suo sostegno.

Se poi ci vuol dare una mano, ben venga che fra impegni di studio e altro siamo tutti ben incasinati!!!

Francesco D'Offizi 27.05.05 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Per fortuna c'è qualno che la pensa come me, e anche se non lo fà con cui almeno si può discutere. Tutto il resto è noia...

Mario Scafroglia 27.05.05 15:34| 
 |
Rispondi al commento

Come mai tutti quei signori che parlano di libertà,hanno la bandiera della pace appesa sul davanzale di casa e dicono che a Cuba si stà bene(sicuramente in vacanza,meglio da single)non fanno commenti sul compagno Fidel?

stefano tozzi 27.05.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

io ci sono stato a cuba
ed ho parlato con la gente, chi ha vissuto la rivoluzione ci crede ancora, perche conosce il passato e sa da cosa si ribellava,
le nuove generazioni le ha sciupate l'occidente con la rincorsa al superfluo, il turismo sessuale, il "tutto è dovuto perchè pago" ecc ecc. ho parlato anche con un italiano anticastrista che però si faceva 2-3- mesi l'anno a cuba per pescare... ma si può!!!!!!!!

ale ercoli 27.05.05 15:31| 
 |
Rispondi al commento

X Andrea Riberti

CONCORDO PIENAMENTE. Anche io in fondo simpatizzo per quella formichina, che ha saputo sfidare i giganti e ne ha pagato le conseguenze. Ed anche io non posso non vedere la durezza e l'intransigenza di quel sistema illiberale.

Meglio Il regime Castrista o il golpe alla Pinochet in pieno stile repubblica delle Banane?
Mi ripeto, la realtà stà sempre nel mezzo e spesso è anche peggio...

Mario Scafroglia 27.05.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Mario Scafroglia sei tristissimo, cambi di continuo argomento e ti appassioni all'arrampicata sugli specchi, mi spiace che non ti vada di trasferirti e che la prenda così a male solo per un suggerimento...non fai altro che cercar di parlar male degli Stati Uniti per procurarti un paravento e non affrontare l'argomento che ti ricordo riguardava vagamente la dittatura e i diritti politici a Cuba...estensibile quanto vuoi tu, per carità. Mi spiace per tutte le cose che io ignoro e che tu invece conosci in maniera così approfondita, soprattutto in materia di Stati Uniti e di relazioni con Cuba. Eppure parrebbe da fonti ben informate che lì esista un problema di democrazia, almeno secondo un po' di dissidenti esiste, ma vuoi parlare di Iraq (tutt'altra cosa, immagino che per te però siano la stessa cosa...), di Afghaninstan (ancora un'altra cosa...) e di non so che altro e lo fai così bene che inviti al confronto democratico. Se la cosa non ti disturba troppo, al sito www.cubaitalia.org c'è qualche esule che parla dell'argomento di cui trattasi, che cioè sarebbe Cuba e la mancanza di diritti politici, lì se vuoi c'è anche una lista di oltre 70 prigionieri politici relativi all'ultima ondata di persecuzioni castriste a partire dal 2003. Ancora mi sfugge il passaggio logico per cui l'embargo statunitense legittimerebbe la dittatura cubana, sono sicuro che a te, mente illuminata, non sfugge che che lo spiegheresti abilmente alle famiglie di quei condannati per reati politici. Ciao

Gian Luca Corso 27.05.05 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Comunque alla fine ben pochi sono degni dello spazio messo a disposizione: ricordatevi che il confine fra il blog e la chat (altro che il forum) è quanto mai labile. La tendenza ad offendersi l'uno con l'altro, cercando di squalificare il portatore di opinioni diverse dalle proprie piuttosto che cercare di confutarle, o addirittura immaginandosi cosa voleva dire dietro quello che ha esplicitamente detto, questo è degno dei politici che ci rappresentano e contro cui non abbiamo alcun diritto di protestare se appena ci viene fornito uno straccio di tribuna facciamo peggio di loro.

Luca Rinaldoni 27.05.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Onestamente non vedo nulla di male nel legittimo governo cubano. Certo (!), Cuba non è il paradiso terrestre, ma neanche l'Italia lo è! Ha cose positive e negative come qualsiasi altro paese. Ciò che rende Cuba un paese orribile sono, a mi modesto parere, le accuse diffamatorie rivolte da parte di governi e testate giornalistiche. Consiglio di andare a Cuba e di chiedere ai cubani cosa pensino del loro sistema e del loro governo. (Anche se minima) una percentuale di cubani desiderosi di capitalismo è realmente presente: gli hanno anche dato la possibilità di riunirsi in un convegno in cui hanno priettato Bush che diceva "..stiamo lavorando per liberare Cuba".
Dunque, non avendo alcun problema riguardo il governo cubano, non credo sia negativo che la Telecom investa a Cuba. Pensiamo, invece, agli illeciti e tuciuti investimenti italiani in Libia o in Somalia dove, come diceva Ilaria Alpi, si costruiscono strade a non finire.

Cordiali saluti

Alessandro Di Maio 27.05.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Il probelma è proprio questo: che cosa bisogna fare per non trasformare Cuba nel parco giochi degli americani? Bisognerebbe - presumo alla dipartita di Castro - che gli altri stati tirassero fuori le palle - per una volta - e si schierassero contro gli usa. Una volta per tutte. Per appoggiare sì una democrazia, ma non quella che vogliono imporre gli americani al mondo.

Simona Pianosi 27.05.05 15:24| 
 |
Rispondi al commento

ma lasciatelo stare Fidel
avrà le sue pecche, ma perchè noi qua siamo totalmente liberi come si dice,
caro beppe ti stimo moltissimo, ma prova a far stare l'Italia 40 anni con l'embargo di Cuba poi ne riparliamo, saremo tutti a strasciconi come si dice a firenze.
leviamo pure il regime rivoluzionario a Cuba e cosa mi diventa il parco giochi degli americani
mi piace ancora meno.

suerte!
alessandro

ercoli alessandro 27.05.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo
Per quanto riguarda:

"Auguri, un bel trasferimento nel Paradiso terrestre non è all'ordine del giorno?"

Col dovuto rispetto, coi tuoi consigli e col tuo sarcasmo mi ci pulisco il c..o.

"al massimo può provocar danni per la durata di due mandati per un totale di otto anni "

Mi fai quasi compassione! Se per te, la guerra in afghanistan, in Iraq (e chissà chi saranno i prossimi), la deligittimazione in seno all'onu (hai presente l'onu, quella che oggi non conta più un c...o!)e le decine di migliaia di morti (di Guerra!) di tutte le "Fazioni", rapimenti, torture nei campi di prigionia, etc etc sono poca cosa DIO CI SALVI! e tutto in cinque anni! te lo immagini in otto!

"Quindi volendo si può oggettivizzare, a meno che di non voler a tutti costi sfuggire all'argomento per rincorrerne altri (il Messico, la Baia dei Porci, la guerra Fredda, le fasi lunari son tutte cose intereassanti ma cosa cacchio centrano con il permanere di uno stato dittatoriale a Cuba?). "

E che un problema mio se non ci arrivi? Se non capisci che un regime, come quello castrista era la risposta ad una ingerenza, violenta e autoritaria, inserita nel contesto dello scontro tra modello capitalistico e modello socialistico, è colpa mia?
Se non capisci che gli arresti dei dissidenti, l'incarcerazione o l'espulsione sono risposte, dure, a tentativi armati di occupazione dell'isola (non sò se l'hai studiato, ma solo la minaccia di uso dell'atomica da parte dell'Urss evitò una seconda INVASIONE, AGGRESSIONE e OCCUPAZIONE del suolo Cubano.
Non è colpa mia se non capisci che sono ritorsioni per ciò che da decenni accade a Guantanamo (ma anche mooolto recenti no? vedi iraq...) dove cubani non-dissidenti venivano arrestati, torturati, uccisie fatti sparire.
Non è colpa mia se non capisci che la ragione non stà ne di "qua" ne di "La", ma la si deve CERCARE nel mezzo.

" Io penso che per l'Havana il blocco "criminale" statunitense (ma una nazione può scegliere o no con chi commerciare?!?) sia un alibi."

NO COMMENT


Lascio al resto dei lettori del blog l'ardua sentenza su questa tua affermazione, e vediamo cosa viene fuori...

Cordiali saluti


"negli Stati Uniti non è possibile importare alcun prodotto da qualsiasi paese del mondo che contenga anche in una minima percentuale materia prima proveniente da Cuba.
La nave che attracca ad un porto cubano non può per sei mesi fare scalo nei porti statunitensi.
Ai dirigenti di una impresa (e ai loro familiari) che abbia relazioni economiche con Cuba è negato il visto di ingresso negli Stati Uniti.
Gli Stati Uniti proibiscono a entità di paesi terzi di riesportare a Cuba prodotti di origine nordamericana, a meno di un’approvazione del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Di fatto le richieste relative sono sempre state respinte"

..non ho resistito...


Mario Scafroglia 27.05.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

x Niccolò Petrilli

no, non credo di fraintedere, è che mi pare che in genere quello che sale sul palcoscenico a scacciare il cattivo comico, non lo faccia con lo spirito di dire "ragazzi questo faceva schifo e lo cacciamo. Vediamo che fa il prossimo."
In genere quello che sale sul palcoscenico per "liberare", ha come mira più quella di subentrare allo scacciato che quella di liberare gli spettatori.
Grazie, ma io preferisco lo spettacolo interettivo.


lala sala 27.05.05 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Andrea,
Concordo pienamente con te, nessun tipo di dittatura è scusabile e giustificabile. Su questo non ci piove. Ma Castro che 'resiste' all'egemonia degli Stati Uniti rimane comunque grande, purtroppo a discapito della sua gente.

Simona Pianosi 27.05.05 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Marco M., dammi l'indirizzo del tuo pusher....

Luca Rinaldoni 27.05.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Non esiste scusante alla dittatura, sia essa di sinistra o di destra. C'é ancora chi ricorda con nostalgia Stalin o Mao. Ma altro non sono stati che criminali sanguinari al pari di Hitler o Pinochet. A Cuba vi è una dittatura. Forse non sanguinaria come quelle citate sopra, ma di regime duro si tratta. In fondo basta chiederlo (se fosse possibile) a chi si vede incriminato e imprigionato "SOLO" per la raccolta di firme, per chi osa non pensarla allo stesso modo. (A Cuba si finisce in prigione perché si fanno petizioni mentre in Europa, ove votare, far firmare, eleggere, non solo è un diritto ma anche un dovere, la partecipazione langue; raramente si raggiungono quote elettorali che onorino la "democrazia"). E' vero, gli Stati Uniti aggrediscono l'Isola indecentemente da sempre e io in fondo tifo per Cuba. Ma proprio perché ho molta simpatia per lei, ogni volta che vedo i diritti umani calpestati sento tanta rabbia: l'opposizione democratica fa bene, è necessaria, rappresenta lo spirito critico che eviti le derive del potere. Ho lavorato in Nicaragua durante la Rivoluzione Sandinista, credendo in quel moto di popolo e nella buona fede del Governo. Ma che delusione constatare che a molti dignitari sandinisti non faceva affatto schifo circondarsi di tutti gli orpelli del capitalismo, quando la gente comune faceva fatica a trovare una tanica di benzina, un pezzo di pane, un litro di latte. A Cuba è forse diverso?

Andrea

andrea riberti 27.05.05 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Lala.

Trasforma per un attimo la politica in un palcoscenico.

Hai pagato per vedere un comico, fai conto.

Ma lo spettacolo fa schifo.
La pubblicità era deliziosa, ma il comico non fa ridere nessuno. Non puoi chiedere indietro i soldi, perchè ti sei fatto attrarre dalla pubblicità...hai pagato...nessuno ti ha chiesto niente.
Puoi solo andartene prima della fine, sconsigliare lo spettacolo, scrivere una pessima recensione se sei un giornalista.

Cambio di scena: tu sei andato a vedere uno spettacolo di cui non sai niente, ma a un certo punto sul palco sale un tizio qualsiasi e inizia a fare LUI lo show.
Se è un talento divertente può anche restare(magari per quei 10 minuti prima dell'inizio del vero spettacolo)...ma se è un deficente qualsiasi, qualcuno sale sul palco e lo butta fuori.

La democrazia è un'arma delicatissima. è un rasoio che può diventare a doppio taglio. La dittatura è una scure.

Ovviamente come impostazione è migliore la democrazia! Però bisogna stare attenti, e molto.

Ora se vuoi fraintendere, fraintendi.

Niccolò Petrilli 27.05.05 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Esatto signor Baz, vede che quando vuole le riesce di fare ctrl+c e ctrl+v.
Complimenti!

Riccardo Palazzani 27.05.05 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Ha ragione...la persona a cui mi riferisco è il Sig. Riccardo Palazzani (forse della Palazzani Industrie SpA - Paderno F.C. Brescia)

marco baz 27.05.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento

UAZUAZUAZ
A tutti quelli che si fanno portavoci delle libertà negate !!!
Di libertà negate ce ne sono miliardi sulla terra !
Non scherzo col numero MILIARDI di uomini hanno libertà e diritti negati.
Ora vorrei chiedervi se siete CONSAPEVOLI CHE se giustizia ci sarà, il giorno nel quale LORO si ribelleranno verranno da voi paladini della libertà a prendervi a calci in culo e farvi subire tutto ciò che loro oggi subiscono.
MEDITATE perchè non è Cuba il problema, sono i miliardi di asiatici, i milioni di africani, i milioni di arabi che sono il vero problema.
Le carceri esistono in ogni paese, non vedo perchè quelle cubane devono essere peggio di quelle di altri paesi , poi a parlare siamo noi italiani , con le carceri piene di ragazzi colvepoli solo di essere nati poveri e ignoranti!!
Suvvia cerchiamo di essere più obiettivi.

giovanni catalonga 27.05.05 14:41| 
 |
Rispondi al commento

PALLANZANI

è uno che racconta PALLE

o se si preferisce

PALLANZANI è l'unione di "PALLE" + "PANZANE"

meglio di cosÌ ;-)

Michele Riva 27.05.05 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi è sto "pallanzani" che spesso nominano?
Eppure non posta mai.

:-)))))))))))))))))))

Riccardo Palazzani 27.05.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

...............grazie pallanzani per avere rsposto. Forse ho chiesto troppo.

marco baz 27.05.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ricordare che R.S.F è stato pagato a suon di bigliettoni verdi dalla C.I.A per esercitare pressioni su Cuba e "deviare" l'opinione internazionale. A mio parere Castro è a capo di un regime. Vorrei però che la situazione fosse vista in un quadro più generale, comprendente un embargo ai danni di Cuba che dura da oltre 40 anni. Inoltre mi chiedo, in quale paese, tra quelli in via di sviluppo, esiste una vera democrazia, fate una conta e poi rispondetemi. Per concludere non credo che Tronchetti Provera abbia fatto una cosa giusta, e che troppe poche volte è stato messo sul banco degli imputati dall'opinione pubblica, ma questa è un altra storia.

fabio manfredi 27.05.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Penso che il torto stia da entrambe le parti: è deplorevole e scandaloso il blocco economico esercitato dagli USA contro Cuba, ma i problemi di Cuba sono anche da imputare a un sistema che nega la dignità e la libertà della persona.
Comunque sia, molte volte mi chiedo se gli Stati Uniti non siano veramente "El Diablo" sulla terra...

Simona Pianosi 27.05.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di Cuba!
Gent.mo nonché stimatissimo Beppe Grillo da Genova!
É facile essere "democratico" in un Paese dalla pancia piena occidentale ed europeo. Ma vorrei vedere te, a qualche km dagli Yankees, ai quali da fastidio un Paese che con una rivoluzione ha voluto conquistarsi una propria indipendenza, con una forma di Stato Socialista.Perché da fastidio?Perché non si puó assoggettare al volere degli Yankees, che stanno schiavizzando il sudamerica(e non solo...) succhiandole le risorse, solo per far star bene gli Yankees!
Finanziano di tutto per far cadere Castro, alla faccia della libera determinazione e sovranitá nazionale dei Paesi!Contemporaneamente fabbricano false prove per entrare nei Paesi ove ritengono che siano lesi i loro interessi, portanto sangue e morte(dove sono le armi di distruzione di massa in Iraq?e Bin Laden in Afganistan?Se dovessero cercare un terrorista italiano, verrebbero con l'esercito ad occuparci?)! Temo per Cuba, perché prima o poi Castro morirá....
Salute e Frasca

Gino Pasquino 27.05.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

"Io tra Bush e Fidel preferisco di gran lunga il secondo."

Auguri, un bel trasferimento nel Paradiso terrestre non è all'ordine del giorno?

Se ci si sente in dovere di oggettivizzare occorre dare un peso ad un dato oggettivo. Bush può far schifo, la sua politica è opinabile, viene largamente criticata per primo nel suo Paese, al massimo può provocar danni per la durata di due mandati per un totale di otto anni e, piccolissimo particolare, è scelto per elezioni. Capisco che alcuni preferiscano le rivoluzioni, de gustibus, ma le elezioni parrebbero ad un democratico ancora un buon sistema per scegliere una leadership politica.

Fidel si è autonominato guida di una nazione tramite la leadeship di un processo rivoluzionario circa quarant'anni fa (ottanta rivoluzionari dice qualcuno...), ha mantenuto iol potere con la forza, la sua politica non è opinabile in patria ma solo ed esclusivamente dai dissidenti all'estero (a sentire alcuni dei sostenitori espetrni dell'Havana, essi sarebbero sempre schiavi del Satana americano.. sembrerebbe quasi che anche all'estero la politica di Fidel non sia opinabile), la dissidenza è un reato punibile con il carcere, la tortura e la morte a Cuba quindi è assolutamente un controsenso affermare che se i cubani volessero rimuovere il regime lo rimuoverebbero (!?!?!?!?). Semplicemente nei sistemi autoritari e in quelli totalitari non è ammessa dissidenza, il problema dell'alternanza di governo non c'è, non esiste. Il non allineamento si reprime. Nei casi migliori c'è il carcere o il confino, nei peggiori la morte per reato politico. Quindi volendo si può oggettivizzare, a meno che di non voler a tutti costi sfuggire all'argomento per rincorrerne altri (il Messico, la Baia dei Porci, la guerra Fredda, le fasi lunari son tutte cose intereassanti ma cosa cacchio centrano con il permanere di uno stato dittatoriale a Cuba?). Io penso che per l'Havana il blocco "criminale" statunitense (ma una nazione può scegliere o no con chi commerciare?!?) sia un alibi. Si tiene in piedi la stessa tensione che ha caratterizzato la guerra fredda, per cercare un motivo di coesione all'interno, visto che probabilmente la coesione non si può trovare diversamente. Inoltre evocare continuamente l'embargo per giustificare una dittatura, per caso, non fa il gioco della dittatura? L'embargo leggittima la repressione, la negazione dei diritti politici? L'embargo legittima il potere assoluto di Fidel nei secoli dei secoli?

Gian Luca Corso 27.05.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

X Rita Porrega

qualcuno l'ha votato, ed era la maggioranza.
(si può pure pensare che fossero voti tarocchi, ma se alle prossime vince Prodi&co, saranno voti tarocchi pure quelli?)

Si chiama democrazia.

Se poi si pensa che è meglio un dittatore che con una rivolta se non ti sta bene lo cambi...

Bhò, sono molto perplessa.... forse anche un po' ottusa. Ci deve essere qualcosa che non ho capito, o forse ho capito che per molti (per fortuna non tutti, e spero non la maggioranza) che si autoproclamano di sinistra, una dittaturina è meglio di un governo liberamente (anche se poco oculatamente) votato.
E poi si fanno proclami contro il portatore nano che avrebbe creato un regime.
Già, c'è molto non capisco...

lala sala 27.05.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Petrilli
la morale di questa storia è che comunque vada sti cubani devono sempre farsi fottere :-)
Poveracci, speriamo che la morte di Castro li liberi da questo giogo.

Riccardo Palazzani 27.05.05 14:07| 
 |
Rispondi al commento

@ SIMONE MACCANTI

Mai pensato che con Prodi cambierebbero le cose e sono d'accordo con te che gli italiani dovrebbero andare a votare sempre e comunque e non soltanto quel 60% che già lo fa (...io comunque l'ho sempre fatto!) e non è neanche giusto lasciare la scheda bianca.....ma il problema, forse è proprio qui:la gente non va a votare perchè non SA chi votare, non SA dov'è l'alternativa...Allora, mi risponderai tu, non si può lamentare di quelli che si ritrova al Governo!
Giusto, ma io Berlusconi non l'ho votato e ce l'ho ugualmente!!!!
Rita

Rita Porrega 27.05.05 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Palazzani: Macro
e Micro
sociologia.
Per impedire alla gente di andare a scoparsi le ragazzine andrebbero posti dei filtri molto più ampi di quelli su turismo e giornalismo.
Tessera di "turista sessuale". Da portare sempre appeso alla camicia, in tutti i locali e per strada.
Sei venuto solo per turismo e ti fotti una minorenne? Arrestato. Senza estradizione. O con estradizione e gogna.

Per la telecom e tutte le imprese...quindi anche Google in Cina collaborazioniste invece ci dovrebbero essere delle Norimberga.

Il tutto è un dovrebbero, perchè l'onestà è sotterrata nei corpi dei potenti.

Niccolò Petrilli 27.05.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM: RUINI RINGRAZIA CATTOLICI PER IMPEGNO
Vorrá dire "disimpegno", Sua Eccellenza....
Salute e Frasca

Gino Pasquino 27.05.05 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Maccanti:
"Mi riferisco a tutti quelli che, non sapendo cosa dire, parlano della pseudo-dittatura Italiana: informazione pilotata, Berlusconi Premier e via dicendo..."

La gente sta emigrando, non temere.
Comunque tra quelli che non sanno cosa dire ci sono giornalisti, economisti, avvocati, ingegneri, pubblicitari, personaggi della televisione. Italiani. E stranieri.

E nessuno dice che Prodi rimetterà a posto le cose. Si tratta di scegliere tra il peggio e il pochino meno peggio.

Niccolò Petrilli 27.05.05 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Gracias.

Mario Scafroglia 27.05.05 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Alla fin fine viene comunque da dire che, lasciata aperta la querelle di quanto e come sia scandaloso e umanamente non condivisibile il regime castrista, rasenta l'evidenza la percezione che, sì, con tutto quello che Tronchetti Provera sta combinando in Italia, il fatto che prenda dei soldi da Cuba piuttosto che dal Liechtenstein rientra per così dire nei sintomi collaterali irrilevanti e trascurabili di una patologia che ha ben altri connotati di inaccetabilità e che forse stavolta lo sdegno di Grillo poteva orientarsi su temi più decisivi della nostra realtà nazionale. Aggrediamo il teorema e lasciamo perdere i postulati.

Luca Rinaldoni 27.05.05 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Da ieri non vi recevo più!!
sono disperata!!!
che sucede?

lidia tirina 27.05.05 13:39| 
 |
Rispondi al commento

E BASTA CON STA PRESUNTA DITTATURA ITALIANA...
ne ho pieni i maroni di sta storia! Mi riferisco a tutti quelli che, non sapendo cosa dire, parlano della pseudo-dittatura Italiana: informazione pilotata, Berlusconi Premier e via dicendo... cosa vi devo dire, emigrate in Spagna o in Svezia!
Vi faccio una domanda: ma siete veramente convinti che quando arriverà San Prodi a liberare l'Italia dalla dittatura poi cambierà davvero tutto??
Ecco appunto vi siete risposti da soli... impariamo intanto ad andare a votare, cosa che solo il 60 % degli italiani fa!

Simone Maccanti 27.05.05 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Ma povero il Tronchetto, tutti lo criticano, nessuno lo capisce! Solo Afef, tra una visita ginecologica e l'altra, gli dedica 5 minuti rispondendo sempre "sì" mentre sfoglia interessata l'ultimo numero di Cosmopolitan.
E poi caro il mio Beppe ricordati che dove ci sei tu non c'è lui. Parole del Tronchetto, mica pizza e fichi!...

Ilario Moresco 27.05.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento

X MARIO SCRAFOGLIA

Viva la sintonia

claudio manca 27.05.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

è giusto ricordare le guerre scomode, quelle che l'etica della repressione dei potenti non vogliono che si menzionino...
RIFLETTETE SU TUTTE LE COSE INGIUSTE, ANCHE SU DUE PAROLE CHE SI DICONO SU GUERRE "NASCOSTE" CHE NON INTERESSANO PERCHE' NON C'E' DI MEZZO L'ECOCONOMIA DEI POTENTI. Perchè il problema non è Cuba o Fidel ma le distorsioni volute delle notizie.

claudio manca 27.05.05 13:17| 
 |
Rispondi al commento

> http://www.free-people-world.com/3/discorsi-opinioni/schietti/2005/03/neoliberalismo-e-scemenza-collettiva.html

Anche per oggi la porzione quotidiana di globalismo è servita.

Yang Chenping 27.05.05 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma se una nazione intera non si rivolta, significa che sta bene così!? Evidentemente i cubani non hanno intenzione di uscire da quella situazione...e poi credete che la nostra è una società più libera di loro? siamo veramente liberi noi italiani!? chiediamoci questo prima guardare le altre nazioni.
viva l'italia ....quella vera!

giuseppe fidelfi 27.05.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

A Noi vengono a parlare di informazione e libertà di stampa...e a noi chiedono partecipazione? Sembra incredibile...

Ricordo poi che fà ed ha sempre fatto comodo attaccare la mancanza di Libertà a Cuba, la povertà, il turismo sessuale...

Però nessuno si ricorda mai quel fazzoletto di democraticità che in tutti i modi gli Stati Uniti hanno occupato e difeso, circondato da km di terreno minato (e indovina a tutt'oggi chi è che salta in aria...) e dove si perpetuano i crimini peggiori che l'aberrazine umana riesce a concepire: Guantanamo.
Nessuno si ricorda come è morto il loro più grande Leader rivoluzionario(Cheguevara) o quell'episodio di "sponsorizzazione democratica" che fù la baia dei porci...
Senza contare i decenni di embargo...
Con questo non voglio certo discolpare le incarcerazioni dei dissidenti o altri episodi liberticidi, ma spezzare una lancia a favore di un paese che ha veramente dovuto organizzarsi e crescere da solo (Non hanno certo sfruttato gli ingenti investimenti del piano Truman, loro...)e che ha vissuto in maniera gravissima le conseguenze più dure dello scontro tra Superpotenze.

E' sempre bene ricordare che le aberrazioni di quel periodo storico ci sono state dall'una e dall'altra parte (noi poi, con la nostra storia ed i nostri "segreti di stato", dovremmo capirlo ancora meglio...); che se da un lato si condannava il blocco di berlino, poi si faceva altrettanto a Cuba. Che pur denunciando le installazioni miss. di Cuba gli US le avevano in Turchia già da parecchio tempo. Senza parlare poi della Nato...
Insomma, un paese figlio della lotta per l'esistenza, la sopravvivenze. Che ha ripudiato forse in maniera troppo netta una parte del sistema economico mondiale, isolandosi (?), autoamministrandosì.
Con ciò non mancano gli aspetti positivi (come il sistema sanitario: tasso di mortalità infantile bassissimo (il più basso di tutto il continente!"Il dottor Hiroshi Nakajima, Direttore Generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, ha affermato che "Cuba può insegnare molto al mondo sul modo di affrontare i problemi della salute nelle circostanze difficili che sta vivendo l'umanità". Questa frase sintetizza il riconoscimento e l'ammirazione internazionali per quello che è riuscito a fare questo piccolo grande popolo di Cuba.") così come quelli negativi...ma come diceva Gesù, chi è senza peccato...(Fresca fresca..."Madrid, April 10 (Prensa Latina).- An energetic denounciation of the terrible conditions five Cubans jailed in the US for fighting terrorism are undergoing has been made by Olga Salanueva, the wife of one of these political prisoners"
Mi indignerei anch'io fossi Cubano (e avessi già mangiato!) per questo ennesimo tentativo di Colonialismo commerciale...("Cuba condanna il terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni.
Cuba non permetterà mai che il suo territorio venga utilizzato per azioni terroristiche
contro il popolo degli Stati Uniti o contro qualsiasi paese.
Cuba rivendica il diritto a difendersi contro il terrorismo
FIDEL CASTRO
Da oltre quarant’anni negli Stati Uniti – come risulta anche da documenti del Governo statunitense, ora declassificati – vengono progettate, finanziate, promosse, favorite e attuate azioni contro Cuba che vanno dall’invasione armata all’assassinio dei dirigenti della Rivoluzione, dagli attentati contro persone o beni alla diffusione di malattie epidemiche, dalle trasmissioni radio-televisive illegali che incitano a commettere atti criminali o di guerra, al finanziamento e all’addestramento di gruppi paramilitari per azioni armate sul territorio cubano. Tutto questo è terrorismo.
Questa situazione ha avuto e continua ad avere un costo per Cuba. Finora i danni materiali ammontano a circa 54.000 milioni di dollari. Per i danni al popolo cubano non si possono fare stime in dollari: le 3.478 vittime o i 2099 feriti si possono solo contare e si può solo condividere il dolore arrecato alle famiglie e al popolo cubano.")
E' Che dire del'Urss(Ex) tanto pronta a schierarsi e a difendere il loro "Baluardo Socialista", così come a cedere ed a passare sul tavolo delle contrattazioni commerciali.
Sono stati abbandonati, isolati in un conflitto ideologico (ma non solo, a tutt'oggi Cuba esporta solo verso Russia(?) Messico e nussun altro paese:
"negli Stati Uniti non è possibile importare alcun prodotto da qualsiasi paese del mondo che contenga anche in una minima percentuale materia prima proveniente da Cuba.
La nave che attracca ad un porto cubano non può per sei mesi fare scalo nei porti statunitensi.
Ai dirigenti di una impresa (e ai loro familiari) che abbia relazioni economiche con Cuba è negato il visto di ingresso negli Stati Uniti.
Gli Stati Uniti proibiscono a entità di paesi terzi di riesportare a Cuba prodotti di origine nordamericana, a meno di un’approvazione del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Di fatto le richieste relative sono sempre state respinte").
Si parli di Embargo o di Blocco, quello americano è comunque un atteggiamento criminale, che costa la vita e getta in condizioni di miseria un intero paese.
Trovo normale che molta gente fugga, abbagliata dal (falso) luccichio delle cosidettè "Democrazie Occidentali".
Penso ad una stampa oggettiva che rappresenti i danni, gli sfaceli e la degradazione creati dalle ingerenze e dai blocchi (=minacce) americani, contrapponendoli con le incarcerazioni dei dissidenti e le "mancate" libertà, dipingendo un quadro oggettivo e comprensibile di uno scontro ancora vivo.
Ed ancora parleremo della presenza sul suolo Cubano ripeto, di una installazione di tortura e repressione politica come Guantanamo.

A noi venite a chiedere di essere garanti, ma di cosa? Io Tronchetto ce lo manderei a Cuba, ma da solo...

Io tra Bush e Fidel preferisco di gran lunga il secondo.

Mario Scafroglia 27.05.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Disse il filosofo ed epistemologo Gregory Bateson: la prima cosa che puoi fare per capire il mondo è "fai una differenza". L'importante è capire che ogni differenza è relativa e parziale, e la molteplicità del mondo nasce dall'intreccio di migliaia di differenze che si intersecano. Ma una differenza che risalta in codesto blog come in quasi tutti gli altri è quella tra chi parla con onestà e senza ipocrisie di quello che sa e che ha visto, conscio delle sue contraddizioni, e chi ha una metafisica capacità di fare la morale ragionando per preconcetti e sconfinando nell'anatema. E del resto è sulla tutela di queste differenze che cerca di fondarsi la nostra pericolante democrazia (pericolante perchè quasi nessuno di noi ne è degno). Questo blog (ecco, passando dal codesto al questo me ne riapproprio) resta uno straordinario spazio di espressione e confronto.

Luca Rinaldoni 27.05.05 13:08| 
 |
Rispondi al commento

strano che nessuno parli del messico, dove gli indigeni vivono come bestie, dove i diritti per la maggior parte del popolo non esistono, dove la ricchezza è in mano a sceicchi, Americani agli Italiani e agli altri mangia mangia....
Ah dimenticavo è colpa di che guevara !!
A no scusate sono cose che non esistono perchè in messico non c'è un dittatore spietato come FIdel.
Ragazzi FIdel ha salvato cuba, o almeno ci ha tentato, lui vuole solo la libertà del suo popolo, libertà da quei cani che mangiano tutto ciò che c'è sulla terra !!!!
Ma io mi chiedo come si può difendere quei porci ancora oggi !!

giuseppe castro 27.05.05 13:07| 
 |
Rispondi al commento

X Petrilli

quinid, se ho ben capito il suo pensiero, visto che quelli che fanno turismo sessuale sono dei maiali irrecuperabili, nella lista delle priorità scivolano direttamente fuori?
Onestamente, se dovessi fare una lista dei problemi che affliggono Cuba e che riguardano il nostro paese, il turismo sessuale e lo sfruttamento della prostituzione, erano decisamente molto più in alto di una joint venture che al massimo permette a Castro di controllare le telefonate.
La bambina di 11 anni abusata x fame è meno importante della Telecom?

Riccardo Palazzani 27.05.05 13:06| 
 |
Rispondi al commento

x mauro mazzerioli

ne avrei una anche x lei
mi scusi tanto sig. mauro
a parte qualche castroneria folle....
lei sa cosa vuole dire dare una notizia???
credo di si....
la notizia la si da
uno legge, riflette, magari dice la sua, o magari in seguito a quella vengono fuori altre cose....
si chiama libertà di espressione...
poi chiaramente ringraziamo che lei esiste.....
come grillo....
ma sa......siamo in tanti.....
lei ha la libertà di scegliere cosa leggere.....
che bello poterlo fare....non trova???
saluti a tutti

anna paolini 27.05.05 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Caro Floris

cito:Possibile che non ci arrivi? Secondo te gli immigrati cubani cercano di finanziare Castro o di aiutare la famiglia??

Non conta quale sia l'intenzione ma il risultato. Se Grillo sentenzia contro Tronchetti perché lo definisce complice di Castro (e stando ad alcuni andrebbe per questo, il Tronchetti, ringraziato visto il bene che ha fatto ai cubani la dittatura castrista) allora, per semplice coerenza logica, dovrebbe sentenziare contro TUTTI coloro che volontariamente o meno, consapevolmente o meno, finanziano la dittatura.

Riccardo Palazzani 27.05.05 13:02| 
 |
Rispondi al commento

@ Simone Fineschi

Non mi permetterei mai di ironizzare sulle fucilazioni, in qualsiasi paese avvengano!
Fede per ora è una "pagliuzza", ma può diventare anche un "tronco"...bisognerà vedere come e quanto si lascerà strumentalizzare!!!
Rita

P.S.: Anch'io lo guardo.... ma non quando ho voglia di ridere (....perchè da ridere c'è veramente poco!),ma quando voglio vedere a che punto siamo arrivati!

Rita Porrega 27.05.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

X LUCA RINALDONI


le faccio una proposta o lo veda come un consiglio.....
primo provi a vivere all'avana in qualche famiglia dove ogni gg mangierà riso e fagioli, stia con loro giorno e notte....e vedrà che prima o poi il malumore verso castro salterà fuori.....
secondo
quando va in un paese dove è certo che la povertà la fa da padrona....x favore....non faccia voti alla madonna o nn so a chi forse al dio che sta in lei.....di non fare elemosine.....
provi a viaggiare sui loro mezzi di trasposrto invece dei taxi.....e i soldi che avanzano li dia a qualcuno con i quali magari potrà comprarsi una bistecchina di carne....
mi scusi sa.....ma se è andato fino a cuba sono certa che un cento euro da "sperperare" in questo modo se le possa "permettere"
saluti a tutti
anna

anna paolini 27.05.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Avete rovinato il Blog, avreste dovtuo dire che pensate "solo" riguardo a quello che ha scritto Grillo e basta, non riempite il blog di polemicuzze, non stiamo in un Forum!

Grillo ha evidenziato un paradosso capitalistico. Ed io ho postato questo:

http://www.beppegrillo.it/archives/2005/05/etica_della_rep_1.html#c37373


Punto, non vomito addosso a nessuno, non scrivo cose inutili, non faccio sprecare tempo a chi legge, non sono un troll, come tanti altri.

mauro mazzerioli 27.05.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

E sulla povertà ha ragione il grande Benigni quando, con l'Oscar fresco in mano, ringraziò in modo direi sublime il su' babbo e la su' mamma per "avergli dato il più grande dono: la povertà". Ieri sul tema finanziarie ladrone in quanti hanno detto che bisogna tirare la cinghia e imparare a fare i poveri invece di inseguire "falsi miti di progresso". Beh, un po' di coerenza....

Luca Rinaldoni 27.05.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Il popolo cubano si potrebbe liberare da Castro se realmente lo volesse, come si liberò di Batista appoggiato dagli americani.
Ricordo che erano in 80 contro batista e america!
Se la dittatura di Castro fosse cosi' odiatà come quella di Batista, allora in 80 oggi farebbero meno fatica (magari con qualche aiuto dall'america che sarebbe dall'altra parte dello schieramento).

Francesco Romano 27.05.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

E va bene, continuiamo così, facciamoci del male, diceva quell'acidone di Nanni Moretti ma in realtà per il banale motivo che i genitori della sua partner non conoscevano la Sacher Torte. Anche noi ci facciamo del male banalmente continuando ad indulgere in stereotipi e in esercizi di "pensiero per assoluti": a Cuba ci si va per trombare , a Cuba ci si va perchè fa figo, a Cuba ci si va per provare il mojito nello stesso bar in cui ci si sbronzava Hemingway.... Trovate civile etichettare le persone con queste modalità barbariche? Io credo che ci possano essere 1000 motivi diversi per andare a Cuba, magari si spera più d'uno, come per andare a Strasburgo o a Cormano....

Luca Rinaldoni 27.05.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

L'incapacità di usare il proprio senso critico per guardare liberamente anche alle mostruose questioni che riguardano i propri scheletri nell'armadio ( o quelli della propria fazione...) genera queste simpatiche cose. Si parla di repressione a Cuba, può essere largamente documentata senza che si ricorra alla solita argomentazione del complotto americano.
Castro non ha neanche consentito all’inviata dell’Onu, Christine Chanet, di mettere piede nell’isola per riferire dettagliatamente sulla precaria situazione dei diritti umani. Quasi trecento oppositori siano rinchiusi in luoghi da incubo come Combinado del Este, Canaleta, La Pendente, Ceramica Roja, Kilo 8 (nella provincia di Camaguey). Castro è, nella classifica di Forbes, uno degli uomini più potenti e ricchi della terra, sì ricchi perchè il suo patrimonio diponibile a vita è quello dello Stato cubano. I diritti politici a Cuba, semplicemente non esistono. Gli italiani vanno a far turismo a Cuba perchè piace e fa anche un po' intellettuale. Bene. Alcuni italiani dicono "ma guardatevi Berlusconi e lasciate in pace Castro". Castro è sicuramente in pace, in guerra ci sono costretti i suoi oppositori che si sbattono per cercare di far capire che i percorsi guidati per i turisti non sono la realtà di Cuba. Le carceri non sono visitabili. Di Berlusconi, ammesso che lo voglia, il popolo italiano si potrà libererare fra poco...personalmente per l'occasione non mi metterò in lutto. Di Castro come e quando e a quale costo si potrà liberare il popolo cubano?Quando smetteremo di difendere l'indifendibile per agitare una bandierina un po' scolorita?

Gian Luca Corso 27.05.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Io a Cuba ci sono stato, non certo per ragioni di turismo sessuale, cinque anni fa. Concordo con chi dice che Cuba è un crogiolo di contraddizioni che non possono essere sintetizzati in slogan alla Pino Campagna. Una settimana è sicuramente poco, i posti visitati altrettanto (l'orrida Varadero che sembra una Gabicce tropicale, solo al ritorno ho capito che le spiagge più belle sono quelle del versante sud che si affaccia sul mar dei Caraibi e non quelle del Nord che si affacciano più banalmente sull'Atlantico; la bellissima Matanzas e quell'incredibile mix di Napoli, Barcellona e Manhattan che è L'Avana). Cercando di pormi senza impalcature ideologiche (a 20 anni durante gli anni di piombo ne avevo, oh se ne avevo, adesso un po' di meno) ho visto una decorosa povertà, poche macchine in giro, quasi tutte vecchie di una cinquantina d'anni (chissà come funzionano là le revisioni? Boh...) e comunque tutte rigorosamente di produzione americana (così come il dollaro era l'unica moneta con cui si poteva accedere ad acquisti), tanti camion che trasportavano decine di cubani accaldati (era la fine di febbraio ma a mezzogiorno si seuperavano tranquillamente i 30 gradi); il taxi che ci ha trasportato da Varadero a Cuba fermato 5-6 volte dalla polizia per controlli, quasi tutti di routine ma almeno uno non so quanto, col taxista trattenuto per una mezz'oretta e noialtri squadrati a lungo con modalità da guardie di confine cecoslovacche ma non degnati di una domanda; la gente in generale povera, allegramente povera, decorosamente povera, ma comunque un fenomeno mi ha colpito: io per abitudine non faccio elemosine a nessuno "per principio", a volte la coscienza mi rimorde ma porto avanti comunque la scelta: o la faccio a tutti e poi vado a chiederla io, o per non saper nè leggere nè scrivere non la faccio a nessuno. Ebbene, il mendicante-tipo italiano dopo un po' di insistenza ti molla e talora ti maledice in modo più o meno esplicito. A Cuba mai. Quanti ragazzotti scalcagnati ci seguivano e, non ottenuto alcun obolo, restavano comunque a chiacchierare con me che ero l'unico del gruppo che masticava un decoroso castigliano. A Napoli, Roma e Milano spesso mi sono dovuto difendere e/o arrivare a contraccare sulla mia scelta di non fare l'elemosina. A Matanzas e all'Avana mai. Ignoro come fosse la realtà di Budapest o Praga sotto il socialismo reale. E in queste lunghe chiacchierate ho registrato un malanimo più che comprensibile contro gli "yanquis" ma non una parola contro Castro, nonostante io avessi verso quest'ultimo un atteggiamento non certo di ostilità ma senz'altro, disemm inscì, "critico".
Basta. Nient'altro. Se si può parlare con onestà,umiltà e neutralità di quello che si è visto e si conosce senza indulgere in stereotipi credo che il dibattito ne guadagnerà.

Luca Rinaldoni 27.05.05 12:36| 
 |
Rispondi al commento

****************************************
CONSULENZA GRATUITA
***************************************+

SAREBBE IL CASO DI PENSARE AD UNA FORMA COLLABORATIVA A MO DI MUTINAZIONALE DI POPOLO, GLI AMICI DEL BLOG DANNO CONSULENZA GRATUTIA SU VARI ARGOMENTI AI SOCI DEL BLOG....IN MODO DA RISPARMIARE FREGATURE.

IO MI PRESTO VOLENTIERI.
********************************************

Marcus Libero 27.05.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Di hobby, Berlusconi non ne riconosce nessuno in particolare: “Gli unici veri hobbies sono lo studio e il lavoro”. E infatti, come smentirlo? Se da studente di ginnasio, nell’ora di italiano, scriveva non uno ma tre temi, e poi passava gli altri due ai compagni meno dotati...

TRATTO DAL SITO DI FORZA ITALIA

Paolo Mori 27.05.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

FORUS - FORUM.... Fantastico quando a far pubblicità di questa finanziaria è la Dalla Chiesa nei messaggi pubblicitari all'interno del suo programma FORUM appunto. Secondo voi crea confusione il nome moooolto simile? Mah...

Nicola Ditel 27.05.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Schietti hai iniziato a fare il comico al posto di Beppe?
Preferisco lui

Francesco Romano 27.05.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ,
provo a leggere qualche commento in riferimento al tuo articolo e la situazione e' la seguente :
70 % : insulti tra i commentatori
20 % : argomenti postati che c'entrano davvero come i cavoli a merenda (ne ho letto uno sul tfr , un altro sul referendum in sardegna .... decisamente inerenti al tuo articolo)
10 % : opinioni ....

Per quel 90% di zavorra , presumo che come accade a me , occorre una damigiana di novalgina per placare un terribile mal di testa .....
per cui ti chiedo ... vedi, se puoi, di metterti d'accordo con qualche casa farmaceutica per farci avere degli sconti su questi farmaci , almeno riusciamo a districarci in questa giungla .

Grazie comunque Beppe , sono quasi certo che tu convenga con me ..... sul fatto che i commenti dovrebbero rimanere sul tema da te espresso ... altrimenti diventa un inutile fritto misto ....
Grazie e buona giornata a tutti
G.

Gino Latino 27.05.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

prendere le armi è una decisione se sia migliore o no dipende da che cosa si deve cambiare.
e logico che se ci fosse un'altra strada attuabile sarebbe sempre meglio di distruggere altre vite

Francesco Romano 27.05.05 12:27| 
 |
Rispondi al commento

************************
PETRILLI!!!!
************************

MAI ANDATO CON UNA PROSTITUTA!!!
ma se vedo una bella donna sono mica scemo..no?
Il turismo sessuale è odioso, ma in un mondo dove tutto è commercio e profitto.

CORPORATION IN THE WORD
****************************************
LE CORPORAZIONI ECONOMICHE , hanno un obiettivo chiaro, eliminare la tassazione e il welfare, per farci pagare direttamente i servizi che oggi sono dello stato, e domani verranno distruibiti direttamente da loro, che sono nati solo per creare profitto.
Acqua, luce, gas, terra, aria, etere...tutto anche L APROSTITUZIONE, sarà privatizzato, e avrà un costo.
quello che oggi è invivibile, è il clima dove lo stato Ti ruba il 60 % di quello che guadagni, ma avendo privatizzato tante parti di aziEnde statali, paghiamo i servizi in pratica due volte.
ECCO PERCHè NON SI ARRIVA PIU' A FINE MESE.
O fallisce lo stato, o falliamo noi...possiamo pagare i costi a mala pena una volta, due sono troppi!
600 multinazionali, controllano il mondo.....
Meditate, quando andate a fare la spesa, quAndo fate prestiti, quando comprate auto...E QUANDO ANDATE A cuba(EHEHEH)
Aziende come la Renault, si vendONO le macchine trA stesse aziende Renault, solo per profitto.
Non investite in borsa...vi fottono i risparmi.
SVEGLIATEVI, LEGGETE, SVEGLIATEVI, LEGGETE!

Marcus Libero 27.05.05 12:25| 
 |
Rispondi al commento

per max pagani
Dal 1985 esiste un accordo bilaterale fra usa e cuba che consente di regolare il flusso di cittadini cubani verso gli usa.Tale accordo è stato sin dalla sua firma completamente disatteso dalle autorità americane, al solo scopo di rendere tragico e quindi spendibile mediaticamente la fuga dei "balzeros" verso la "amata" miaimi.A ciò bisogna aggiungere il rapporto stretto fra le autorità americane,gli anticastristi e la mafia cubana di miami,anchessi interessati alla disperata traghettata degli esuli de l'Avana.
Cordiali saluti.

davide scaramuzzino 27.05.05 12:25| 
 |
Rispondi al commento

che dire.....rimanere senza parole.....lascia dell'amaro in bocca....
ma poi riflettendoci bene mi chiedo....
cosa mi deve sconvolgere di questa notizia sulla telecom, quando alla fine, facendo un esempio, si parla tanto di cina, anche dagli organi politici....e poi che fanno le grandi industrie??? bè semplice.....vanno ad aprire filiali dove usano bambini che non sanno cosa voglia dire la parola "ricreazione".....
si che dire
solo che mi vergogno di fare parte di una popolazione il cui karma prima o poi dovrà essere scontato....
e nonostante io nn la pensi uguale.....ci sarò in mezzo.....e dovrò scontarmelo anche io....
saluti a tutti
DELUSA ANNA

anna paolini 27.05.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

e aggiungo: Fidel ha fatto tutto il meglio per il popolo cubano anche se ha fatto grandi errori come lo schierarsi con i russi durante la guerra fredda.
Del resto si sa, schierarsi contro i padroni del mondo non è conveniente ^^

gianni rotolo 27.05.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

lala.

tasso fisso IBSP di TO 20 anni
Oppure Bancaintesa strutturato 25 anni..

poi non dirmi che non ti avevo avvertito..

dimenticavo...Unicredit 100% di mutuo....

Marcus Libero 27.05.05 12:19| 
 |
Rispondi al commento

ma lol.
Mai stato a cuba, però vorrei sapere se sta meglio una prostituta in Italia o a Cuba.
VOrrei sapere se meglio un povero senza soldi a cuba o in Italia.
A milano vi dico: se non hai un euro non conti niente, 0 di zero, se poi sei extracomunitario vali ancora meno. E' facile fare i conti e criticare paesi in cui quasi nessuno ha ricchezza, perchè vivono in paesi poveri.
Cuba ha un solo difetto: è troppo vicina agli USA.
Se no non ne parlerebbe nessuno.

gianni rotolo 27.05.05 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Libero:

riguardo al turismo sessuale?
Devi essere un cultore dell'argomento, allora(scherzo)
Lì le paghi meno
e puoi fare quello che ti pare
senza essere visto dalla polizia italiana
e da tua moglie
o dalla tua ragazza
e scoparti ragazzine di 11 anni.

Come definiresti persone del genere?
Che ci siano anche a Roma è colpa di altri criminali che ce le portano e di altri criminali che le scopano.


Non ho bisogno di notorietà...ne ho abbastanza, grazie a Dio ;)

A dopo!

Niccolò Petrilli 27.05.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento

per Petrilli:

si però in "democrazia" almeno sai che se non ti dice culo con le elezioni anticipate, puoi rosicare al massimo 5 anni, nell'altro caso il tempo è incerto (come direbbe Giuliacci) e proprio perché il potere è stato preso "con la forza" non si faranno scrupoli ad usarne altrettanta per mantenerlo

stefano leopardi 27.05.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento

X Simone Fineschi

giusto, però le idee e i pensieri civili vanno espressi con civiltà non per "formale educazione" ma per non fargli perdere forza.

Rispondere con laccatta formalità (o diplomazia) senza dire niente è facile ma lascia il tempo che trova (vedi i politici nostrani: dimmene uno che sia credibile).
Esprimere idee e proposte in forma civile fa pensare molta più gente (almeno tra quelli che volgiono pensare) piuttosto che le accuse e gli improperi che permettono a chi vuole di agganciarsi alle provocazioni, ma non stimolano riflessioni.
(ed è un parere ilmio, non un giudizio).

OT
per Marcus, please consolami, tasso fisso andrebbe meglio (se lo trovo!!)

Lala

lala sala 27.05.05 12:16| 
 |
Rispondi al commento

"Chiedo a Tronchetti di dimostrare cos’è veramente l’etica prendendo una posizione pubblica sulla repressione che avviene attraverso la compagnia ETEC SA da lui partecipata."

credimi.... fatica sprecata!
saluti

Domenico Pedullà 27.05.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

scusate ma sono senza parole...d'accordo che qui tutti possono scrivere quello che vogliono e pensano (al limite vengono insultati) ma questa discussione sembra un comizio elettorale tanto è politicizzata. Perche' non si ammainano un po' di bandiere rosse con falce e martello e si prova a discutere un po' piu' obiettivamente? Adesso stai attento che viene fuori che Cuba è il paradiso delle libertà e che la dittatura sta qui da noi! Benissimo se è così chiunque può andarsene da qui e trasferisi a Cuba senza che nessuno gli dica nulla, peccato che nel caso opposto, se solo ci provi, il "buon Fidel" ti mette una palla nella zucca come ha già fatto con migliaia di persone che hanno provato ad andarsene dal quel "paradiso terrestre".

max pagani 27.05.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Petrilli in cerca di notorietà.......
Petrilli in cerca di notorietà........
petrilli...sei mai stato a roma?
è come essere a CUBA.(per via delle donne che ci sono)
ehehehehehhehehehehheh

Marcus Libero 27.05.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Per Rita Porrega,

riguardo al nome conta anche me. Il mio è vero come lo è l'indirizzo e-mail. Per certi versi ti dico che uno come Fede io lo ascolto solo quando ho voglia di ridere e mi manca Zelig. Solo una cosa.... la pagliuzza e Fede? o le fucilazioni cubane? Analizziamo la cosa con due metri di giudizio, credo sia giusto nei confronti delle vittime. Quelle vere.


Per Lala Sala,


ti ringrazio per l'apprezzamento e mi scuso per il linguaggio. Trovo però molto piu offensivo per la mia morale gente che esprime delicatamente messaggi allucinanti e dal contenuto subdolamente violento. A volte si urla, non sempre per rabbia, ma anche per disperazione.

Simone Fineschi 27.05.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Leopardi!
Ma no! Mi hai frainteso!^__^
Ovviamente la democrazia(quella vera) è mille volte superiore ad un regime di qualsiasi tipo.
Io intendevo dire che se compiamo un errore democratico(come se Hitler formasse un nuovo governo, metti), sarebbe un errore della maggioranza della popolazione, e nel bene o nel male per l'idea di democrazia che abbiamo avrebbero il diritto di governare per almeno 5 anni...con tutto quel che ne consegue.
A meno di una rivoluzione o un colpo di stato(e non una rivolta).

Mentre un uomo che diviene dittatore si espone direttamente alla possibilità di essere destituito in qualsiasi momento, perchè non è salito al potere con i voti di una popolazione, e non a tempo determinato.

Se un Premier sbaglia, ha comunque diritto a 5 anni.

Se un dittatore sbaglia, può essere eliminato in qualsiasi momento.(è per questo che i greci in guerra usavano la Tirannia come sistema politico)
Ovviamente può essere destituito se
a)la popolazione è discorde
b)la popolazione è informata
c)la popolazione può agire.
Il che, anche grazie a Tronchetti Provera, anche fosse possibile, non lo è.

In parole povere: per la democrazia deve esserci una base di "intelligenza" della popolazione superiore a quanto necessiti per un regime. perchè se la popolazione perde di vista la democrazia, finisce sotto un regime.
Guerre Stellari III è un buon esempio di quanto detto.

Niccolò Petrilli 27.05.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

A favore di Cuba e tutti i paesi che cercano libertà.

E' con grande dispiacere che in questo periodo leggo notizie riguardanti Cuba e la sua crisi. Chiunque parli di Cuba parla esclusivamente di spiagge da sogno, belle donne, e dittatura feroce. Mi piacerebbe riflettere un po' sulla storia di Cuba che è anche quella di molti paesi dell'America Latina, del terzo mondo e di chi finora deve solamente sottostare al dominio dei superpotenti.
Questo stato è piccolissimo, ha un'economia condizionata da un embargo chiesto dalla superpotenza che la vorrebbe far sua. La popolazione gode di diritti (che in Italia sono PRIVILEGI) che in Europa stentiamo a raggiungere tra i quali: l'efficienza della sanità e il livello ed efficienza delle scuole. Tutto fatto nel loro piccolo paese, dove il cibo scarseggia, dove esiste la lotta al narcotraffico, dove esiste un piano politico contro il terrorismo (fatto anche dalla CIA).
Ci sarebbero tante cose a favore di Cuba che purtroppo non vengono divulgate. Forse a noi converrebbe controllare i nostri organi d'informazione, capire fino a che punto sono genuini o pilotati.

Grazie Beppe per l'opportunità e spero di creare un dibattito di conferme e di smentite anche per cercare di aprire gli occhi.

claudio manca 27.05.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Per Romano:

è una decisione ma non delle migliori

stefano leopardi 27.05.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Cuba è un posto talmente contraddittorio che esprimere pareri definitivi mi risulta difficile.
E' comunque grave che si violi la libertà di informazione e di pensiero. D'altro canto in tutto il mondo (e tu ce lo insegni) più o meno velatamente l'informazione è controllata, vagliata, e spesso censurata.
Combattiamo per le libertà di qualunque tipo.

Ps prima volta che sono qui e mi ci trovo bene.

salutoni

Roby

Roberto Pitetti 27.05.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Scusate l'OT

A TUTTI I SARDI PRESENTI SUL BLOG

C’è un Referendum regionale il 12/13 giugno 2005 di cui nessuno organo di stampa regionale parla...

Infatti il 12/13 giugno 2005, oltre che al referendum statale sulla fecondazione
assistita, si terrà in Sardegna il referendum regionale per l'abrogazione
della legge regionale n°8/2001 che consentiREBBE l'importazione in Sardegna di
scorie tossiche qualificandole come materie prime. La legge regionale n° 8,
infatti, consente l'introduzione di rifiuti di origine extra-regionale
da utilizzare esclusivamente quali materie prime nei processi produttivi
degli impianti industriali ubicati in Sardegna e già operanti alla data
dell'approvazione delle legge regionale, non finalizzata al trattamento
ed allo smaltimento dei rifiuti".

In questo modo, SECONDO ME, con la scusa di ulteriori lavorazioni di
impercettibili quantità, le scorie veRREBBERO fatte passare per materie prime e aggirando le normative Europee che impongono una documentazione sull'origine, il trasporto e lo stoccaggio dei rifiuti tossici, E si smaltIREBBERO in Sardegna scorie che SICURAMENTE nessuno al mondo vuole.

Queste scorie lascEREBBERO nella nostra terra MILIONI di tonnellate di residui
tossici con il loro contenuto di metalli pesanti e talvolta anche
radioattivi, estremamente nocivi per il territorio e per gli esseri viventi,
dei quali possono modificare (FORSE...) addirittura il DNA.

SECONDO ME, tutto ciò è incompatibile con il nostro popolo e con il nostro territorio.
E SEMPRE SECONDO ME, stravolgerà il giusto rapporto che la civiltà sarda ha stabilito con il
proprio habitat! Ciò non può essere tollerato, ANZI IO NON LO TOLLERO.

LA SARDEGNA NON PUO' DIVENTARE UNA DISCARICA ! , QUESTO ALMENO E' IL MIO PUNTO DI VISTA...

PERCIO' Il 12 e 13 Giugno

VOTA SI' CONTRO LE SCORIE, SEMPRE SECONDO ME, MA NON VORREI IMPORRE IL MIO PENSIERO A NESSUNO… OK?

Votando "SI'" viene abrogata la legge regionale n. 8/2001 e ripristinato
il comma 19 dell'art. 6 della Legge Regionale 24 aprile 2001 n. 6, recanti
norme in tema di rifiuti speciali, che cita: "E' fatto divieto di
trasportare, stoccare, conferire, trattare o smaltire, nel territorio della
Sardegna rifiuti, comunque classificati, di origine extraregionale".

Passate l’informazione la vostra terra ve né sarà grata.

PS
Al gestore, grazie...

FORTZA PARIS!!!!
CI BOLINTI CODDAI CUSTA BORTA PURU...

Luca Floris 27.05.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

perchè non conosciamo chi è il proprietario della banca d'italia?etica dell'informazione

Francesco Romano 27.05.05 12:06| 
 |
Rispondi al commento

scusa Petrilli intendevo leopardi

Francesco Romano 27.05.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento

A favore di Cuba e tutti i paesi che cercano libertà.

E' con grande dispiacere che in questo periodo leggo notizie riguardanti Cuba e la sua crisi. Chiunque parli di Cuba parla esclusivamente di spiagge da sogno, belle donne, e dittatura feroce. Mi piacerebbe riflettere un po' sulla storia di Cuba che è anche quella di molti paesi dell'America Latina, del terzo mondo e di chi finora deve solamente sottostare al dominio dei superpotenti.
Questo stato è piccolissimo, ha un'economia condizionata da un embargo chiesto dalla superpotenza che la vorrebbe far sua. La popolazione gode di diritti (che in Italia sono PRIVILEGI) che in Europa stentiamo a raggiungere tra i quali: l'efficienza della sanità e il livello ed efficienza delle scuole. Tutto fatto nel loro piccolo paese, dove il cibo scarseggia, dove esiste la lotta al narcotraffico, dove esiste un piano politico contro il terrorismo (fatto anche dalla CIA).
Ci sarebbero tante cose a favore di Cuba che purtroppo non vengono divulgate. Forse a noi converrebbe controllare i nostri organi d'informazione, capire fino a che punto sono genuini o pilotati.

Grazie Beppe per l'opportunità e spero di creare un dibattito di conferme e di smentite anche per cercare di aprire gli occhi.

claudio manca 27.05.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

petrilli,prendere le armi e rischiare di morire nn è una decisione?

Francesco Romano 27.05.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

per Petrilli:

figurati nessuna polemica sono contento di scambaire idee (a questo dovrebbe servire il blog, tornando a noi quella da te esposta non mi pare una buona argomentazione, il fatto che una persona o partito abbia preso il potere "non basandosi su una decisione popolare" è grave di per se, ma poi dire che è meglio perché con una rivolta si può destituire...minchia!

stefano leopardi 27.05.05 12:01| 
 |
Rispondi al commento

per Petrilli:

figurati nessuna polemica sono contento di scambaire idee (a questo dovrebbe servire il blog, tornando a noi quella da te esposta non mi pare una buona argomentazione, il fatto che una persona o partito abbia preso il potere "non basandosi su una decisione popolare" è grave di per se, ma poi dire che è meglio perché con una rivolta si può destituire...minchia!

stefano leopardi 27.05.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

beh, visto che con la tutina rossa di star trek non lo hanno voluto neanche a Gardaland, il "pala" sta cercandola notorietà quì.

In pratica poi lamenta degli insulti ma in pratica dà delle "troie" a tutte le donne cubane. sempre più un bell'"esemplare" di coerenza: non sta neanche più nella pelle quasi, aspetta un post di Grillo per attaccarlo in ogni modo. Idee, come al solito niente.
Qual'è il tuo problema? sarà mica carenza d'affetto?
No.. sono sicuro che da qualche parte qualcuno ti vorrà bene come se fossi normale.

ottone ermini 27.05.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Toh, adesso salta fuori che è colpa nostra se a Cuba i comunisti reprimono la libertà di parola...bene, un plauso, direi.

Marco Liminta 27.05.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

E' TUTTO GIUSTO, DEL RESTO CUBA E' UNA DITTATURA DICHIARATA.
FIDEL POI E' VECCHIO E SICURAMENTE UN PO' RINCO.
PERO' IO HO TERRORE DI VEDERE COSA SUCCEDERA' A CUBA QUANDO FIDEL MORIRA'.
GLI USA SONO A GUANTANAMO DA UNA VITA PRONTI A FARE GLI AFFARI LORO.
LE ALTRE POTENZE ECONOMICHE GIA' CI STANNO METTENDO LE MANI ...
TEMO CHE DIVENTERA' UN ENORME BORDELLO.
E NON SAREBBE NEANCHE L'UNICO AL MONDO ...
SPERIAMO BENE ...

MARCO CATONI 27.05.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

...volevo dire a Pallazzani (così va meglio?) adesso so che non potrò mai essere al suo livello culturale. Evidentemente la mia pochezza lessicale (non tutti siamo così fortunati per avere potuto acculturarci come lei) è talmente lontana dalla sua immensa cultura che nel farmelo notare testimonia quanto lei sia colto. Grazie per farmelo notare, ma non per la sua poca educazione. Io mi scuso per averla apostrofata come cilindro fecale. Per essere considerato da Lei poco colto, ed avermelo fatto notare, non pretendo scuse. Forse, però, lei dovrebbe fare lo stesso quei cubani che sono in italia.

Marco Baz 27.05.05 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Pallazzani!
non tutti vanno a Cuba x scoparele prostitute...
un mio caro amico ci ha trovato moglie!io a Cuba non ci sono stato e neanche a puttane, ma se vado a Cuba, o a Parigi, o a Brescia, o a Catrone sul Minchio e trovo una MAGGIORENNE che mi piace e ci stà, io ci scopo...

poi la prostituzione e i viaggi del sesso sono tutt'altra cosa...
e di puttane è pieno anche in Italia!

Riccardo Galatolo 27.05.05 11:46| 
 |
Rispondi al commento

x Palazzani

Possibile che non ci arrivi? Secondo te gli immigrati cubani cercano di finanziare Castro o di aiutare la famiglia?? Guarda che questo discorso prescinde da cosa tu possa pensare di Cuba.
Magari al posto dei soldi potrebbero spedire direttamente panini con la mortadella…
O magari delle cartoline? no!! anzi, cartoline con raffigurazioni di panini con la mortadella
Palazzani un buco con un culo intorno… come dice Megan Gale:
“e tuto intorno a te….”

Luca Floris 27.05.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

mi ripeto:
agli imprenditori italiani dà fastidio solamente il comunismo EUROPEO!
quello cinese no, e a quanto pare neanche quello cubano...
e comunque meglio sotto Fidel che sotto a bush e al NANO MALEDETTO!!!

Riccardo Galatolo 27.05.05 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Palazzani:
"Mi spieghi perché Grilluccio nostro se la piglia tanto con Tronchetti ma dimentica il turismo sessuale (per me ben più grave sul piano etico di una joint venture)."

Perchè il turismo sessuale è una pratica disgustosa attuata da degli idioti col pisello al posto della testa e che spendono milioni ogni anno solo per buttarlo dentro a qualche ragazzina dalla pelle scura, perchè in Italia non gliela danno neanche se paga oppure non gli basta mai.
Persone del genere non conoscono la vergogna, ma anche se la conoscessero sarebbe sempre troppo tardi. Sono solo errori genetici, delinquenti che avrebbero dovuto morire molto, molto tempo fa.

Mentre prendere parte alla repressione di un popolo con la potenza di una multinazionale(anche se indebitata fino ai capelli) non è dettata da malattie mentali(in realtà sì, ma non mi soffermo), ma da motivi economici. Il che è disgustoso e senza giustificazioni.

Inoltre se la pratica della prostituzione diffusa è dovuta al fatto che se non la dai non hai come soddisfare bisogni primari perchè l'embargo ti impedisce di importare beni che Cuba non può produrre e devi comprarli al mercato nero...

Capito?

Leopardi:
Non vorrei essere polemico(è solo uno scambio di opinioni^__^)...però se un governo eletto democraticamente svolge pessimamente il suo lavoro, va tenuto comunque 5 anni. Mentre un regime può essere destituito in qualsiasi momento, proprio perchè non basato su una decisione popolare.

A Cuba basterebbe una rivolta.
Noi dobbiamo aspettare le elezioni. E nelle nostre condizioni non abbiamo neanche più chi votare.


Niccolò Petrilli 27.05.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

La censura nei suoi vari aspetti, compreso l'abuso di notizie futili che occupano il posto di notizie d'interesse sociali, è l'evoluzione in salsa democratica della repressione della libertà di pensiero con olio di ricino e manganello.

Invito tutti ad andare sul sito di articolo21 per firmare l'appello contro la censura sul referendum del 12 e 13 giugno

Giorgio Muccio 27.05.05 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto che i cubani apprezzino e meno il loro Lider Maximo sono solo affari loro, il problema è che un'azienda italiana ne sostitene attivamente uno degli aspetti repressivi. La cosa interessante perciò è leggere la risposta del Sig. Tronchetti Provera. Se mai ne darà una.

Buona giornata a tutti

Marco Antonello 27.05.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

x ELENA FERRACINI:
ma se uno vuol dare del pirla a PALAZZANI non puo'???
bella questa...

Alex Morutti 27.05.05 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Non vedo perchè mettiate tutti Cuba in prima posizione, è una realtà un po' malata... lo sanno tutti che gli Usa pagano scienziati, politici, terroristi, servizi segreti e molte prostitute per un proprio "tornaconto" contro quello che rappresenterebbe Cuba secondo la loro mentalità universale: il pericolo comunista.

E' come se in una rissa, nessuno se la pigliasse col più grosso, ma tutti dessero la colpa al più piccolo continuando a fare rissa perchè ha cominciato il più piccolo, è colpa del più piccolo, e il piccolo fa questo, il piccolo quà e là etc... secondo me è un modo per nascondersi e per poter continuare a fare quello di cui si ha paura di ammettere (vedi modello capitalista attuale)

Ancora peggio è nascondersi dietro Cuba accusandola di reprimere le libertà, demonizzando ogni forma di comunismo e sottobanco trarne profitto reprimendo la poca libertà che quel paese si può permettere.

In questo caso si tratta di bietto sciacallaggio e paraculaggine aguzzina.

A Cuba ad esempio, il sistema scolastico funziona benissimo, solo che non essendoci i soldi a causa degli Usa (nemico non indifferente per un paese solo), per cui i dottori fanno i tassinari ai turisti e le professoresse ogni tanto devono darla a qualche manager americano in vacanza.

Lo stolto direbbe che il dr. non gli va di fare niente e che la prof è semplicemente una troia.

La confusine però è l'arma del nemico.

Ed è il motivo per cui Tronk.Prov.& Co non subisce un linciaggio mediatico se è per questo.

mauro mazzerioli 27.05.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

La connivenza di Reporters Sans Frontieres con CIA e personaggi criminali come Otto Reich e' gia' stata segnalata in altri post.
Dispiace vedere Beppe Grillo fungere da propagatore di campagne create dalla propaganda anticubana e dimostrare ahime' in questo caso colpevole superficialita'.
Dispiace altresi' riscontrare come pontificare a sproposito su Cuba sia uno dei passatempi preferiti dagli italiani che, grazie alle piu' di 100 basi americane sul nostro suolo, ad un presidente del consiglio piduista amico degli amici e alla Gazzetta dell Sport del lunedi' - giornale piu' venduto (mi fermo a tre ma la lista e' infinita) si possono vantare di vivere in una grande democrazia e di disquisire circa il feroce e spietato dittatore sanguinario Castro dimostrandosi, ancora una volta, piu' piccoli del proprio premier.

Venceremos?

Enrico Levorato 27.05.05 11:27| 
 |
Rispondi al commento

x ELENA FERRACINI

ma chi sei? Lascia la gente scrivere liberamente ... ogni commento e' un commento!

Clausi Caludia 27.05.05 11:25| 
 |
Rispondi al commento

PER CARLO:
dimenticavo di dirti che su questo blog ognuno è libero (o almeno penso) di esprimere la propria opinione.
Riporto di seguito le tue frasi:
"Non sai neanche quello che dici perchè sei ignorante e analfabeta torna a scuola che è meglio e vai a cuba a vedere cosa fà fidel ai cubani"

"Ottavio Notaro vai a miami e chiedi ai cubani che sono scappati da cuba rischiando la loro vita chi è fidel e sciacquati la bocca prima di parlare degli americani e degli inglesi comunista dei miei cogl..ni!!!!!"

1) Io non sono nè analfabeta, nè ignorante, e non so con quale parametro mi stai giudicando
2) Io parlo di americani, di inglesi e di chi mi pare e quando mi pare, quando me ne è concessa facoltà
3) E' evidente il tuo stampo nazifascista-filoamericano, così come è evidente che hai dei paraocchi a stelle e strisce (blu/rossi/bianchi con qualche stellina).

Se i concetti degli altri non ti piacciono o non li leggi oppure ribadisci con lo stesso linguaggio con il quale sono stati espressi.
Per quanto ne so io a Cuba amano Fidel e se così non fosse ribadisco che avrebbero (anche grazie agli americani) ribaltato il loro dittatore, così come prima avevano cacciato a pedate i capitalisti, amici degli americani, che opprimevano il loro paese.
IMPARA L'EDUCAZIONE E LA DEMOCRAZIA, QUELLA VERA NON QUELLA DEGLI AMERICANI, E RISPETTA LE OPINIONI DEGLI ALTRI.

Ottavio Notaro 27.05.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento

*************************************************
x Caruso Nicola

Sei andato a Cuba molte volte, ma mi sembra che non hai capito una mazza. Cuba ha bisogno di altre cose che il collegamento a Internet, dato che molti lavorano la terra, la quale e' stata regalata da Castro. Li il capitalismo non esiste ed e' una cosa bellissima, non esiste pubblicita', la gente compra quello che vuole, naturalmente alle capacita' finanziarie, ... potrei elencarti ancora mille cose, ma se tu vai li per sesso, allora ragione con la testa sbagliata.

In italia chi ha parlato male di Berlusconi ha perso il posto, Grillo e' sotto causa, ... certo non ti mettono in carcere, ma soffri allo stesso modo.

Rifletti (con la testa giusta) e forse capirai.

Gio Bianchi 27.05.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento

rispondo a Stefano Crema:

ma è sempre stato così, perché quando al potere c'era la sinistra non era lo stesso? Io me la ricordo la trasmissione di Reporter quando intervistarono Fassino sulle lobby europee e il casino che venne fuori, o anche le inchieste di Antonio Ricci sulla missione Arcobaleno e sugli affitti irrisori di D'Alema e co.
il fatto è che chiunque salga al potere ha la tendenza a nascondere il più possibile le verità "brutte" e mostrare le verosimiglianze "belle", ma poi dopo 5 anni so c..zi loro.

stefano leopardi 27.05.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento

I quotidiani italiani hanno montato un vero e proprio caso politico su una vicenda inesistente.
La notizia non c’era ed è stata creata: un giornalista ha violato la legge ed è stato rimpatriato, senza abusi o torture. Fine del problema.
La legge è legge, ovunque. Il suo rispetto implica l’accettazione delle norme, altrimenti si è dei fuorilegge.
A Cuba, nonostante molti in Italia e in Europa sperassero in arresti, retate, violenze e bagni di sangue, non è accaduto nulla.
I cosiddetti ‘dissidenti’ hanno tenuto il convegno dimostrando anche la loro vera faccia, grazie al messaggio di Bush: vogliono diventare una stella in più nella bandiera nordamericana dimenticando le lotte per l’indipendenza, le parole di Martì, gli attacchi terroristici della mafia cubano-americana, le figure di Posada Carriles e di altri loschi personaggi legati alla destra più oltranzista del governo statunitense.

Si è anche visto che rappresentano solo se stessi. Se l’incontro è stato organizzato da 350 organizzazioni di ‘dissidenti’, come è possibile che al Convegno ne fossero presenti solo 100? Gli altri erano osservatori, giornalisti, diplomatici. Queste cifre provengono dallo stesso Corriere della Sera, uno dei principali quotidiani italiani per cui lavora Battistini. Evidentemente la voglia di scrivere contro Cuba non fa riflettere la cosiddetta ‘stampa libera’ italiana.

C’è la questione dei visti. Cuba non è l’unico paese al mondo che richiede un visto giornalistico. Accade quasi dappertutto, dall’India all’Indonesia, dall’Australia al Brasile, dai paesi Arabi ad Israele, dai Paesi Africani agli Stati uniti.

NOTA STAMPA DELL'AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA DI CUBA IN ITALIA


In base alle norme internazionali ed agli accordi bilaterali, nessun cittadino cubano può entrare nel territorio di un altro Stato senza aver previamente ottenuto un visto, qualunque sia il motivo del viaggio: per turismo, per lavoro, per studio o anche per ragioni di salute.

Naturalmente, la Repubblica di Cuba ha un proprio regolamento migratorio assistito dagli strumenti giuridici che il paese si é dato.

Recentemente, gli organi di stampa italiani Corriere della Sera e La Repubblica, entrambi al corrente dei regolamenti esistenti nel nostro paese concernenti lo svolgimento dell'attività giornalistica da parte di professionisti stranieri, hanno mandato a Cuba dei loro inviati provvisti soltanto di tessera turistica con la deliberata intenzione di violare i suddetti regolamenti, come é stato ampiamente dimostrato dal modo di agire di tali inviati nel territorio nazionale cubano dove, fin dal primo momento, essi hanno svolto attività giornalistica. Nessuno dei due inviati rimpatriati aveva chiesto il corrispondente visto per l'ingresso nella Repubblica di Cuba.

Di conseguenza, le autorità cubane competenti hanno proceduto ad agire in base alle leggi vigenti che regolano l'esercizio dell'attività della stampa estera a Cuba.

Entrambi gli organi di stampa, nel violare le leggi di un altro Stato e in aperta provocazione verso le nostre autorità, hanno con ciò dato dimostrazione di un atteggiamento irresponsabile. Per quanto riguarda il Corriere della Sera, il caso é ancora più grave dato che tale quotidiano aveva ricevuto un chiaro segnale secondo cui le autorità cubane non avrebbero permesso l'ingresso nel paese di un inviato che non avesse presentato neanche la richiesta di accredito, come occorso in una precedente occasione, quando un altro giornalista dello stesso organo di stampa era stato reimbarcato.

Il trattamento informativo dato a tali fatti ha scatenato una nuova campagna contro Cuba, facendo intendere all'opinione pubblica che era stato impedito a due giornalisti l'esercizio della loro professione, mentre si é taciuto sui veri motivi che hanno provocato il loro rimpatrio, e cioè la violazione delle leggi del nostro paese. E' inoltre passato sotto silenzio il comportamento disonesto, -------

- 2 -


manipolatore e poco obiettivo che, come in tante altre occasioni, viene applicato contro Cuba dai mezzi di informazione.

A differenza di quanto sopra segnalato, organi di stampa italiani (tra cui un importante canale televisivo) che, nel rispetto dei regolamenti vigenti, hanno fatto richiesta di inviare un loro gruppo per svolgere attività giornalistica in questo periodo, hanno ottenuto l'autorizzazione ed il relativo visto. Ciò pone in evidenza chiaramente la nostra disponibilità ad accogliere e a lasciar lavorare ogni professionista che agisca seriamente rispettando le istituzioni e le leggi cubane.


Roma, 23 maggio 2005

RICCARDO BRANDONI 27.05.05 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordissimo con Alessandro Cortigiani, e ne approfitto per esprimere la mia idea: il regime cubano non è per fortuna una democrazia se per democrazia dobbiamo intendere questa specie di illusione costruita in America (USA) ed esportata (la si sta esportando ancora!)in Europa nel secondo dopoguerra.In politica (mi si perdoni il tono arrogante) la libertà di stampa vale quando è strumento concreto di partecipazione politica, se questo non è allora tutte le nostre "libere" opinioni (compreso questo mio intervento) possono essere tranquillamente assimilate (dal punto di vista formale!!) ad un prurito, ad uno sbadiglio, ad una scoreggia, ad uno scarabocchio ecc., nella migliore delle ipotesi ad uno sfogo. Ma amore per la politica è cercare strade per cambiare non per sfogarsi.Evito di dilungarmi con le mie "opinioni" noiose e lancio una proposta, anche a Beppe Grillo: ogni volta che si parla di Cuba approfittiamo per parlare di forme autentiche di democrazia e di partecipazione, perchè, se no, si rischia di fare della gran confusione, e soprattutto di fare il gioco dei potenti di casa nostra che tanto critichiamo, imbrigliati nelle loro categorie politiche e concettuali.DEFINIZIONE DELLA PROPOSTA:PARTIAMO DA GRAMSCI (come disse qualcuno a sproposito:non abbia(te)mo paura)

Graziano napolitano 27.05.05 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Basta con i messaggi che dicono:
x tizio e caio!
x pinco pallino!
volevo dire a ...
messaggio x ...
insomma inserite commenti e non conversazioni virtuali e insulti tra chi posta.

ELENA FERRACINI 27.05.05 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Petrilli,
io c'avrò l'ego grosso ma anche il suo non scherza.
Mi la spieghi lei, che ha capito tutto, Cuba.
Mi spieghi coraggio, che qui ne sto leggendo di belle.
Mi spieghi perché Grilluccio nostro se la piglia tanto con Tronchetti ma dimentica il turismo sessuale (per me ben più grave sul piano etico di una joint venture).
Telefonia no, prostituzione si?
Mi spieghi lei, che c'ha l'ego più grosso.

Riccardo Palazzani 27.05.05 11:13| 
 |
Rispondi al commento

rispondo a Niccolò Petrilli:

ciò che intendevo dire non era "ma di cosa ci lamentiamo, tanto a noi chi ce la guasta", ma "le cose vanno male? Ok si cambia registro", ossia siamo liberi di esercitare questa grande facoltà di mandare a casa chi non è stato in grado di far bene il proprio dovere, al contrario di chi o volente o nolente deve sopportare tutto per anni e anni e anni, per questo ritengo di non vivere in un regime, non perché le cose vadano alla grande ma perché se vogliamo possiamo cambiarle

stefano leopardi 27.05.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Per uno che fa pagare di meno la connessione adsl in uno stato estero dove è in concorrenza con altri operatori e nel suo stato dove ha il monopolio assoluto la fa pagare il doppio di quanto la fa pagare all'estero ci si può aspettare che faccia affari col demonio in persona. L'etica, non sa manco dove sta di casa.

stefano crema 27.05.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Palazzani, ma oltre al tuo ego possiedi qualcosa?
Mi dispiace per le offese.
Però di Cuba non hai capito una mazza.
Però anche tu finanzi indirettamente Castro...tramite Telecom. Tutti noi, anzi. E se la signora consegna i suoi soldi che verranno spesi per scuole, ospedali, commercio interno...anche sigari di Castro, purtroppo...i nostri finiscono nel bloccare la libertà. Quella vera, senza casa.

Niccolò Petrilli 27.05.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

al mio omonimo leopardi

prova ad essere un giornalista rai o peggio mediaset e a parlare male del premier e ti ritrovi a spalare letame dopo 5 minuti, se questo non è regime non saprei come altro poterlo definire, un paese dove è VIETATO parlare male del presidente del consiglio secondo te è un paese libero ??? Una repubblica, siii delle banane!!

stefano crema 27.05.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

"Anche Hitler e Stalin avevano migliaia di persone che ascoltavano i loro comizi, se questo e` il metro per giudicare quanto un regime e` amato..."

Incredibile che l'ultimo film di una saga riesca a trasmettere un messaggio così forte...semplicemente con delle immagini.
Guerre Stellari, episodio III.
Da vedere al cinema.
Non sto facendo pubblicità...ma secondo me è da vedere...per ciò che cerca di comunicare.

"Così muore la libertà...sotto scroscianti applausi"
Padme Skywalker Maroon

Niccolò Petrilli 27.05.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

X il moderatore (ammesso che esista)
messaggi come quello di Marco Baz andrebbero censurati a mio giudizio visto che sono insulti gratuiti.

X Marco Baz
al di là della sua pochezza lessicale, le faccio notare che sua moglie, che le piaccia o meno è 14 anni che finanzia in maniera nemmeno troppo indiretta Castro, contribuendo a mantenere immutata la condizione sociale dei suoi cari.

Riccardo Palazzani 27.05.05 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Per Stefano Serra
Cuba è piena di turisti, i cubani non sono fessi, le informazioni arrivano anche laggiù, ho molti amici cubani alcuni dei quali vivono in Italia.
Non ho mai sentito un cubano parlare male di Fidel senza fare riferimento alla politica scellerata imposta dagli USA nei confronti della loro nazione.
Anche loro riconoscono che la maggior parte dei loro problemi viene dal fatto che i cubani sanno cos'è il capitalismo e se possono farne a meno tanto meglio, il problema è quando ti manca la salute, non quando non puoi chattare su internet, e fidati che i giovani cubani userebbero la rete per le stesse frivolezze per cui tutto il mondo ne fa uso (chat, scaricare musica, pornografia ecc.ecc.), tutto ciò a Cuba è superfluo.

Genovese Incazzato 27.05.05 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Per Carlo e per tutti coloro che sostengono la democrazia alberga in America e negli americani:
la democrazia l'hanno insegnata agli indiani d'America, li hanno quasi sterminati, ma sono riusciti alla fine ad insegnargli il concetto di democrazia.
L'hanno insegnata anche alla gente di colore loro schiavi per lunghi e lunghi anni, ancora oggi nel Sud degli U.S.A. hanno un grandissimo rispetto per la gente di colore (se sanno stanno al loro posto, cioè "schiavi").
La volevano insegnare ai vietnamiti, ma dopo la grande carneficina ne uscirono con il culo rotto, e capirono per la prima volta che non tutti amano la loro democrazia.
La stanno insegnando agli iracheni che per tanti anni hanno vissuto sotto un tremendo dittatore che preparava ordigni nucleari e armi per fare stragi di massa, dimenticando che il primo a fornire i primi elementi fu il paparino dell'attuale presidente, e dimenticando che i primi al mondo a costruire armi letali ed ordigni nucleari sono proprio loro.
Da tanto tempo affogano Cuba con il loro embargo perchè la gente cubana non vuole la loro democrazia.
Ma la democrazia deve essere imposta ad un popolo, o è il popolo a chiederla a gran voce.
La Cuba di Fidel si era ribellata ai precedenti oppressori scacciandoli via (il pruno però non è stato ingerito dagli americani). Se la gente di Cuba non volesse Fidel si ribellerebbe all'istante, ed avrebbe l'immediato appoggio dall'America (felice di importare la propria democrazia anche a Cuba).
A proposito date un'occhiata qui http://www.linearossage.it/campagnapersilvia.htm
oppure qui http://silvia.malcolmx.it/
Silvia Baraldini è detenuta da 22 anni per un reato che non meriterebbe più di 5 anni di carcere, ma era comunista e bisognava dargli una lezione.
Amici che bella democrazia c'è negli USA, quando verranno ad insegnarla anche a noi ?

Ottavio Notaro 27.05.05 11:02| 
 |
Rispondi al commento

@Porrega:

Grazie a Dio...no!^__^

Leopardi: una nazione che vota compatta per un partito di brocchi solo perchè è la soluzione migliore...le regioni che tornano di sinistra con un rapporto di 5.5 a 1...
e il governo traballa solamente...
e i giornali che ci fanno sapere che va tutto bene
salvo poi scoprire che siamo nella cacca, sempre di più...
forse è peggio di un regime. Perchè nei regimi lo sai che c'è un grosso rischio di essere fxttuti da un momento all'altro. Noi andiamo in giro con delle scimmie sulla schiena e l'unica cosa che diciamo è "cosa ci manca? Abbiamo tutto!"
Ma il tutto è relativo...le idee di Schietti possono essere nobili...ma la gente non ha bisogno di soldi. Ha bisogno di BENESSERE.

Niccolò Petrilli 27.05.05 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Bella persona il Tronchetto! Io ho la linea fastweb e ho appena disdetto tim (una compagnia così poco seria non s'era mai vista!...solo perchè non ho dato il consenso al trattamento dei miei dati mi è stato revocato il premio delle Lune!! ed io ho li ho revocati del tutto!!! Sono passata ad altra compagnia!) E non comprerò mai pneumatici Pirelli!!! Siamo noi consumatori che possiamo "punire" questi begli imbusti da strapazzo con le ns scelte di protesta!!! Finchè ci sarà la possibilità di fare le scelte facciamole!!!! Acci!!! Meglio colpirli nel vivo, nei valori per cui vivono!!! IL FATTURATO!

PS: Il blog di oggi mi sembra incentrato sul Tronchetto che fa affari con un regime dittatoriale ...e tutti a parlare di Castro e Berlusconi... mah!!!....mi sembra fuori tema!

Monica Tortora 27.05.05 11:01| 
 |
Rispondi al commento

In italia abbiamo non una semi liberta'... ma una liberta' apparente... che fine hanno fatto tutti quei giornalisti che hanno dato contro il portatore nano... fatti fuori dal mercato... la sudditanza e' gia' una dittatura e l'italia e' suddito del portatore nano!

Alessandro Cortigiani 27.05.05 10:58| 
 |
Rispondi al commento

X Tiziana Manaresi
Anche Hitler e Stalin avevano migliaia di persone che ascoltavano i loro comizi, se questo e` il metro per giudicare quanto un regime e` amato ...
Il dissenso c'e` ovunque, ma in alcuni posti i dissidenti vengono ammazzati, in altri no.

Gianni Raco 27.05.05 10:57| 
 |
Rispondi al commento

@ SIMONE FINESCHI

Non avrei la polizia in casa e non passerei dei giorni in carcere perchè, se è vero quello che è scritto nel post di Beppe, non avrei potuto usare internet per scrivere il mio post...giusto, no?
E poi la mia voleva essere anche una provocazione per dire di guardare prima di tutto in casa nostra: come possiamo pensare di avere una libera informazione se tutte le testate televisive e non, sono di proprietà diretta o indiretta della stessa persona?Ma l'avete mai visto un TG4 di Fede?
Come dire, per citare un proverbio cinese (toh!): "PRIMA DI GUARDARE LA PAGLIUZZA CHE HA IL TUO VICINO NELL'OCCHIO, GUARDA IL TRONCO CHE E'NEL TUO!"
Rita

P.S: Certo che sono proprio un'ingenua:usare il mio vero nome per firmare quello che penso!Devo essere ....unica!

Rita Porrega 27.05.05 10:49| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori