Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Valentino vestito di nuovo

  • 769


valentino_rossi.jpg


La nota fabbrica di caschi da moto AGV di Alessandria, sponsor di Valentino Rossi, ha chiuso l’azienda e spostato la produzione in Cina.

La Cina è una grande opportunità per le imprese e anche questa volta si sono raggiunti buoni risultati:
- 205 dipendenti licenziati
- caschi prodotti in Cina a bassissimo costo di produzione venduti in Italia al costo di produzione italiana e con la bandierina tricolore
- soldi per pagare Valentino Rossi

Valentino, sei un campione ed un esempio per tanti ragazzi. Fai sentire il rombo della tua voce, non quello della tua marmitta.
Magari non avrai il plauso di milioni di persone, ma solo di 205 famiglie.
Un po’ di palle, rivestiti di nuovo, Valentino.

20 Mag 2005, 16:45 | Scrivi | Commenti (769) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 769


Commenti

 

Ma chi è quel pazzo che oggi rimane a produrre qua in Italia?
La AGV non è più italiana, quindi ha tutte le ragioni di questo mondo per trasferire la produzione dove più gli piace.

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Interventi come l'ultimo, quello di Irene, ci fanno capire come le cose in Italia non cambieranno molto facilemte: si parla di Rossi per un'azienda italiana che ha licenziato 205 dipendenti e si deve intervenire per difendere l'idolo Rossi!!! Facendo discorsi su qunato sia intelligente, bravo etc etc....allora chiediamoci se Rossi si è interessato di quelle 205 famiglie? Addirittura anche il commentatore Meda in diretta televisiva ha criticato l'intervento di Grillo, ma Meda lavora per Berlusconi....
L'Italia purtroppo è un paese per vecchi!

Giancarlo B. Commentatore certificato 28.07.08 15:21| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

salve sono una quasi diciasettene capitata su questa specie di sito molto interessante.
volevo scrivere la mia, rispondendo anche ad alcune persone come ad esempio RIVA ENRICO(che secondo me a morte ci deve andare lei!).
è da diversi anni che seguo valentino rossi e lo reputo una persona ,che a diferenza di altri personaggi che non sanno neanche parlare e stanno in tivù come ad esmpio laMARINI,BETTARINI,LA SANTARELLI,TRONISTI/E; valentino rossi il suo lavoro lo sà fare e anche di molto bene..e sono pochissime le volte che l'avete visto in giornali di gossip; pechè lui la notorietà non se la va a cercare ma se la fa grazie al suo lavoro.
quindi volevo tornare a dire che se l'AGV si è trasferita in cina no è di certo colpa sua! l'importante è che non sia consapevole di un eventuale sfruto di persone(cosa che mi farebbe rimnere molto male)..ma ricordate una cosa la Cina anche se è a migliaia di chilometri lontana dalla nostra Italia è allo stesso tempo molto vicina.
volevo concludere dicendo una cosa riguardo alla birra italiana che pubblicizzava lo stesso ROSSI.
delle persone hanno definito vale il ragazzetto cretino che per due bravate prende i soldi sulle vite degli altri(spero di essermi spiegata).non è colpa di rossi se dei giovani bevono prima di guidare e poi si vanno a scintare contro un muro! perchè se fosse così andrebbe abolita l pubblicità delle sigarette e molte altre cose...in questo caso, se il la persona è minorenne è compito dei genitori educare il proprio figlio a non fare determinate cose sennò basta usare la TESTA..e non essere un amasso di conformisti che si fanno condizionare da una stupida pubblicità...e riguardo ai soldi che guadagna lo ammetto sono tanti ma almeno lui rischia..mentre un calciatore che dà un calcio a un pallone mi dite cosa rischia?!
soddisfatta di quel che ho scritto vi saluto espero che qualcuno mi risponda...ciao ciao

irene pe 08.06.07 16:58| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti questo è solo l'ultimo caso di aziende che chiudono in italia per andare ad aprire nei paesi dove possono avere tanti lavoratori senza diritti da spremere per guadagnare il piu' possibile.

Hanno anche avuto la legge 30 che li aiuta a sfruttare di piu' i lavoratori ma non gli è bastata vogliono di piu' percio vanno all'estero.

Questo è lo stile degli pseudo impredintori che abbiamo...
invece di fare innovazione industriale per abbatere i costi ed essere piu' competitivi usano questi mezzi che nell'immediato ti danno dei vantaggi ma alla lunga ti distruggono.
non a caso tutti gli " industriali " sono alla canna del gas e andra' sempre peggio.
perchè portando la produzione all'estero in italia la disoccupazione aumenta e i consumi calano loro a chi vendono?

ciao

saverio pullano 26.02.06 16:51| 
 |
Rispondi al commento

volevo comprare la replica del casco di vale, ma visto il comportamento dell'AGV eviterò di acquistare i loro prodotti, visto che ci sono caschi migliori a prezzi più bassi!

non so se vale sia al corrente della cosa, certo non si può dargli la colpa per delle scelte fatte da altri, ma aprezzerei molto che considerasse il fatto cambiando sponsor, a proposito quali aziende lider di caschi producono in italia?

stefano bandiera 06.01.06 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Sarò deficiente (ma tanto in Italia sono in buona compagnia) ma pensa che ti ripensa mi è venuta un'idea, sia agganciandomi a quanto viene fatto in toscana a livello edile per limitare il lavoro nero (tutte le pratiche edilizie devono riportare i dati fiscali della ditta esecutrice e un documento chiamato DURC (documento unico di regolarità contributiva) in cui INPS INAIL e cassa edile dichiarano la regolarità dell'impresa medesima) e le certificazioni che vengono fatte per le imprese agricole in merito alle filiere.
Per evitare che nel mondo vengano sfruttati il 90% dei lavoratori e che queste merde di ditte, a cominciare dalle Multinazionali riescano a mettere in commercio prodotti a prezzi stracciati facendo fallire le Ditte che producono "umanamente" si potrebbe inserire una sorta di "certificazione di filiera" dove si attesti la regolarità contributiva e salariale dei lavoratori impiegati, il metodo produttivo e i materiali utilizzati e la loro provenienza etc. etc. Naturalmente tale certificazione dovrebbe essere richiesta a livello quantomeno europeo e gestita da enti sovranazionali e apolitici (il che è difficile ma ci si può fare). Chi non è in grado di ottenere tale certificazione non può più entrare a vendere i propri prodotti in Europa (e poi si importa in tutto il mondo!!)Forse deliro e sicuramente il tiro va aggiustato: che ne pensi!?!

sandra vannucci 22.11.05 12:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di quello che mi ricordo dei miei studi di economia, in certe lavorazioni industriali automatizzate (oggi direi, praticamente tutte), il costo della manodopera incide in maniera ridicola sui costi di produzione!
La Svizzera ha la manodopera ben più cara di quella italiana; ebbene, avete la percezione che in Svizzera ci sia una crisi economica drammatica con milioni di eprsone per la strada in cerca di lavoro?
magari sarò male informato ma non è così.
Il problema del costo dei rpodotti italiani è...nella mentalità della classe industriale italiana.
per decenni noi siamo stati la cina d'europa: pochissima ricerca e sviluppo, manodopera a basso costo e produzione di oggeti a basso contenuto tecnologico (tessile, elettrodomestici, calzature...).
Se 20 anni fa avessimo investito di più nella ricerca, non dico che la situazione sarebbe rosea, ma nemmeno così funerea: la germania, la Francia o la Gran Bretagna sicuramente non sono in un periodo dorato, ma al nostro confronto stanno benissimo, e questo eprchè una buona parte delle loro rpoduzioni porevedono tecnologie e specializzazione della mano d'opera che, al momento la Cina non è in grado di offrire.
la cosa più triste è (vedi il caso della FIAT), che 20 anni di pessima gestione manageriali hanno come uniche vittime i dipendenti, mentre gli incapaci sono sempre a galla.

se volete, collegatevi al mio Blog:
http://blog.libero.it/freeware/view.php

Ferdinando Boccazzi 21.11.05 06:10| 
 |
Rispondi al commento

Di quello che mi ricordo dei miei studi di economia, in certe lavorazioni industriali automatizzate (oggi direi, praticamente tutte), il costo della manodopera incide in maniera ridicola sui costi di produzione!
La Svizzera ha la manodopera ben più cara di quella italiana; ebbene, avete la percezione che in Svizzera ci sia una crisi economica drammatica con milioni di eprsone per la strada in cerca di lavoro?
magari sarò male informato ma non è così.
Il problema del costo dei rpodotti italiani è...nella mentalità della classe industriale italiana.
per decenni noi siamo stati la cina d'europa: pochissima ricerca e sviluppo, manodopera a basso costo e produzione di oggeti a basso contenuto tecnologico (tessile, elettrodomestici, calzature...).
Se 20 anni fa avessimo investito di più nella ricerca, non dico che la situazione sarebbe rosea, ma nemmeno così funerea: la germania, la Francia o la Gran Bretagna sicuramente non sono in un periodo dorato, ma al nostro confronto stanno benissimo, e questo eprchè una buona parte delle loro rpoduzioni porevedono tecnologie e specializzazione della mano d'opera che, al momento la Cina non è in grado di offrire.
la cosa più triste è (vedi il caso della FIAT), che 20 anni di pessima gestione manageriali hanno come uniche vittime i dipendenti, mentre gli incapaci sono sempre a galla.

se volete, collegatevi al mio Blog:
http://blog.libero.it/freeware/view.php

Ferdinando Boccazzi 21.11.05 06:09| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me Valentino rossi manco sa dove sta la Cina sull'atlante

stefano dirta 14.11.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Eh...si Caro Valentino . Probabilmente questo problema non Te lo sei neanche posto . Chi vive momenti di gloria tende a non vedere troppo quello che viaggia a livello del marciapiede . Ma non credo che la Tua sia una svista colpevole ....sinceramente . Ora però qualcuno Te lo ha segnalato e sarebbe bello potere sentire la Tua voce anche se questo significherebbe rinunciare a Bei Privilegi ....ma ...Vale ......Tu sei al Top non ti sposterà nulla lavorare per qualcuno anche gratis che però farà lavorare tanti connazionali Tuoi fans . Con Affetto comunque vada

antonio callegati 10.11.05 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Non e' la Cina il problema, ma il motivo per cui un'azienda italiana e' costretta ad andare a produrre in Cina anziche' progredire nel suo paese.
Attualmente la scelta e' divisa tra il proseguire l'attivita' in paesi a basso costo di mano d'opera o fallire nel proprio paese a causa della concorrenza sleale causata da questi paesi.
E' un problema policito e Valentino farebbe bene a tenersene fuori, per non inquinare anche questa rara icona di semplicita' e bravura che ci e' rimasta.
Fate fare la politica ai veri politici e i record ai veri campioni.
Purtroppo l'Italia produce solo record......

Stefano Giusto 31.10.05 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Come mai il 99 % dei personaggi famosi non denuncia queste cose?
Gli sfruttamenti ecc?Un motivo secondo me c'è, ed è ovvio, loro sono sponsorizzati, e siamo noi i cretini che andamo dietro a queste persone che guadagnano dietro ai nostri sogni, passioni.
Sono anni che non vado allo stadio, il calcio lo seguo sporadicamente, ero appassionato di moto, ma anche li tutto gira intorno al denaro, non esiste + la passione vera, mi spiace vedere ragazzi come Valentino che attraggono le folle, non dare un esempio positivo.

Simone 29.10.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi siamo ancora troppo pochi e poco potenti per cambiare le cose,comunque potremmo essere sulla buona strada forse.Purtroppo però questa strada l'allungano ogni giorno sempre di più e così ci fregano!Comunque forza ragazzi e soprattutto forza Beppe che ci dai questa opportunità!A volte mi domando ma gli altri dove sono?Non si accorgono della situazione?O forse fanno finta di niente.Parlando poi con molta gente mi accorgo che i "matti"oggi sono quelle persone che si accorgono che siamo nella m...a e vogliono provare a cambiare le cose,purtroppo viviamo male.Ciao a tutti e continuate così.

Emerson Barbieri 24.10.05 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Ma per piacere. Adesso parlate di cina!
Tutti contro i cinesi e la manodopera cinese ma cosa avete fatto tutti quanti fino adesso come italiani puristi ???
Se non andavate fino a pochi giorni fà in un ristorante cinese vi sentivate male, se non avevate un telefonino all'ultimo grido non ci sentivate bene, se non vi mettevate in casa un gioiellino di tv da 2000 pollici fatto in corea i vostri occhi rischiavano la miopia se avevi un Irradio ero uno sfigatone.
E guai lavorare un ora in più, perchè allora si che saltano i nervi, "non siamo cinesi".... lavoriamo un ora in meno...possibilmewnte anche otto . E se possiamo ci presentiamo al 27 del mese.
Il lunedi mattina nà fatica meglio fare la fila dal medico perdi qualche ora ma ci guadagni i giorni.
Da venti anni le aziende portano la produzione in cina non da oggi o da ieri, la telecomitalia distribuisce modem Alice adsl(milioni) e indoviniamo dove li assemblano....si...giusto in cina.
la publicizza valentinorossi allora va bene tutto è il numero uno anche se è ALICE ROSSO CINA.
Sei un poveraccio sfigato se non indossi le scarpe di plasticaccia da 200 euro ,anche se li fanno fare dai bambini sfruttandoli.
Per fortuna in Italia non è così non si sfrutta niente e nessuno.... si butta tutto e tutti....
A proposito di......Bambini sfruttati!!!!!!
Ci sono centri commerciali dove cassieri/e sono minorenni, hanno l'obbligo di rimanere sempre in piedi per molte ore lavorative al giorno.....dipendenti che lavorano anche di domenica e il contratto di assunzione non lo prevedeva, se si vuol lavorare adesso è così e sara sempre peggio, per il semplice fatto che il finto boom economico degli anni ottanta era in realtà un ........BOOMERANG

Mirko Maniero 20.10.05 03:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma per piacere. Adesso parlate di cina!
Tutti contro i cinesi e la manodopera cinese ma cosa avete fatto tutti quanti fino adesso come italiani puristi ???
Se non andavate fino a pochi giorni fà in un ristorante cinese vi sentivate male, se non avevate un telefonino all'ultimo grido non ci sentivate bene, se non vi mettevate in casa un gioiellino di tv da 2000 pollici fatto in corea i vostri occhi rischiavano la miopia se avevi un Irradio ero uno sfigatone.
E guai lavorare un ora in più, perchè allora si che saltano i nervi, "non siamo cinesi".... lavoriamo un ora in meno...possibilmewnte anche otto . E se possiamo ci presentiamo al 27 del mese.
Il lunedi mattina nà fatica meglio fare la fila dal medico perdi qualche ora ma ci guadagni i giorni.
Da venti anni le aziende portano la produzione in cina non da oggi o da ieri, la telecomitalia distribuisce modem Alice adsl(milioni) e indoviniamo dove li assemblano....si...giusto in cina.
la publicizza valentinorossi allora va bene tutto è il numero uno anche se è ALICE ROSSO CINA.
Sei un poveraccio sfigato se non indossi le scarpe di plasticaccia da 200 euro ,anche se li fanno fare dai bambini sfruttandoli.
Per fortuna in Italia non è così non si sfrutta niente e nessuno.... si butta tutto e tutti....
A proposito di......Bambini sfruttati!!!!!!
Ci sono centri commerciali dove cassieri/e sono minorenni, hanno l'obbligo di rimanere sempre in piedi per molte ore lavorative al giorno.....dipendenti che lavorano anche di domenica e il contratto di assunzione non lo prevedeva, se si vuol lavorare adesso è così e sara sempre peggio, per il semplice fatto che il finto boom economico degli anni ottanta era in realtà un ........BOOMERANG

Mirk Maniero 20.10.05 03:19| 
 |
Rispondi al commento

Non è la voce di Valentino Rossi che potrà fare qualcosa ne il suo rifiuto di utilizzare il casco AGV. NOI DOBBIAMO BOICOTTARE LE AZIENDE CHE ABUSANO DEL MARCHIO MADE IN ITALY (a proposito anche le italianissime scarpe GEOX sono ormai fatte tutte al di fuori dell'Italia)COME NOI DOBBIAMO MANIFESTARE IL NOSTRO DISSENSO VERSO UNA CLASSE POLITICA CHE NON FA QUELLO PER CUI DOVREBBE SEDERE NELLE VARIE CAMERE DEL GOVERNO.tURARSI IL NASO E VOTARE IL MENO PEGGIO E' UNA ENORME CAZZATA!!!!! IL MIO INVITO E QUELLO DI RICONSEGNARE LA SCHEDA BIANCA, PER DIMOSTRARE A LOR SIGNORI CHE NON CI INCANTANO PIU' CON IL GIOCHETTO DESTRA-SINISTRA-CENTRO-CENTRODESTRA-CENTROSINISTRA-SINISTRADESTRA.....

VI PREGO COMINCIATE A RIBELLARVI, OGNUNO, OGNI GIORNO, PER OGNI COSA INGIUSTA....

Alberto Cristofoli 11.10.05 23:37| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di eroi dello sport nostrano.
L'edizione online del Corriere del 10 ottobre titola, con un supposto commento di Del Piero, l'episodio del ricovero in ospedale di Lapo Elkann, per un'overdose di cocaina. "Forza Lapo. E' un giovane di valore". Ma come "di valore", mi dico!!
E' istigazione a delinquere? Un'apologia di reato? O solamente un ennesimo, irriverente schiaffo alla moltitudine che le droghe disprezza e combatte?
Dal buio della mia modestissima trincea, attrezzata di tutto tranne che di TV, decido istantaneamente di non finanziare piu' il Corriere, che leggo da trentacinque anni, anche considerando che l'analoga edizione di Repubblica non riporta l'inopportuno commento.
Ricarico il moschetto, alzo il bavero, e mi riaffondo in questa deprimente, ostile e lunghissima notte italiana, cercando di trarre forza dal mio piccolo atto di resistenza attiva.

Salvatore Rizzi 10.10.05 21:38| 
 |
Rispondi al commento

E' facile dire che Valentino dovrebbe farsi sentire, come pure Totti (che per anni ha avuto come sponsor tecnico la Nike e contemporanemente era ambasciatore Unicef); la realtà è che se dovessimo fare solo ciò che è eticamente corretto l'unica cosa che possiamo fare è andare a vivere in cima a una montagna.
Le colpe sono un po' di tutti, di Rossi che vuole sempre più soldi (ma chi di noi non ne vuole? però oltre certe cifre si perde il contatto con la realtà), delle multinazionali che spostano le loro fabbriche nei paesi a basso costo di manodopera per resistere sul mercato, dei neo-capitalisti cinesi (che secondo me hanno le colpe peggiori) che sfruttano la loro popolazione per arricchirsi, dei lavoratori cinesi che non riescono a coalizzarsi per scioperare in massa (ma purtroppo per loro anche loro devono riempire la pancia tutti i giorni) e dei compratori occidentali che non riescono a boicottare i prodotti fatti in quei paesi (e noi la pancia piena ce l'abbiamo!).
sto scrivendo in maniera forse un po' confusa perchè ad essere sincero sono confuso anche io, ho un forte conflitto interiore, mi sento una merda ad andare a correre con delle scarpe insanguinate di fatica e sfrutamento, ma l'alternativa è fare Abebe Bikila, correre a piedi nudi! Neanche al mercato si trovano più scarpe fatte in Italia!
Gli stessi computer con cui noi ci colleghiamo e scriviamo in questo blog dove sono fatti? con quali costi sono fatti? con quali sfruttamenti sono fatti?
Io sono arrivato a una conclusione un po' triste perchè figlia di un compromesso: io cerco di essere a posto con la mia coscienza cercando di fare quello che riesco a fare nel mio piccolo, con la consapevolezza che quello che faccio non servirà a cambiare la condizione di nessuno e con la coscienza che non sempre riuscirò a rispettare le mie regole, però prometto che ci proverò sempre.
e sono convinto che l'uomo piano piano punterà al meglio per la collettività che a quella personale, sono ottimista! ciao a tutti

emanuele gori 06.10.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Che dire???
Molti imprenditori producono in Cina, causa concorrenze spietate, questa è la realtà. Come colpire allora questo stato di schiavitù lavorativa che ci è nota? Ci vorrebbero (lo so sembrano banali utopie) imprenditori "un po'più umani". Immaginate dei lavoratori cinesi con stipendi NON DA FAME, con stipendi che permettano loro di vivere dignitosamente, sempre più consci della loro importanza produttiva! Chi potrà mai fermare un miliardo di cinesi incazzati che vogliono migliori condizioni di lavoro? Molte cose cambierebbero, anche per noi...

Veronica Irsara 06.10.05 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Che dire???
Molti imprenditori producono in Cina, causa concorrenze spietate, questa è la realtà. Come colpire allora questo stato di schiavitù lavorativa che ci è nota? Ci vorrebbero (lo so sembrano banali utopie) imprenditori "un po'più umani". Immaginate dei lavoratori cinesi con stipendi NON DA FAME, con stipendi che permettano loro di vivere dignitosamente, sempre più consci della loro importanza produttiva! Chi potrà mai fermare un miliardo di cinesi incazzati che vogliono migliori condizioni di lavoro? Molte cose cambierebbero, anche per noi...

Veronica Irsara 06.10.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
secondo il mio modesto parere imporre dei dazi non è corretto. Imporre una maggiorazione del prezzo di un prodotto per la sola motivazione di essere stato prodotto all'estero o fuori dall'europa per me non è giustificabile.
Più che altro dovrebbe essere ammessa la commercializzazione di un determinato prodotto solo se si attiene a determinati requisiti tra i quali, appunto, lo stato lavorativo dei dipendenti della sede all'estero ecc. ovvero sottostare a tutti quei controlli cui vengono sottoposte le aziende in Italia; ovviamente quasi la totalità delle merci prodotte da paesi come la Cina non verrebbero ammesse. Se poi l'azienda tal de tali che produce scarpe dalla cina adotta le stesse normative sui dipendenti, sulla qualità ecc. e magari fà anche un prezzo più basso ben venga, perché quella si che è concorrenza. Pagare un prodotto puro Made in Italy 4 volte di più perché senza concorrenza oppure perché tramite i dazi (che li decidono i polotici) i prodotti non Italy raggiungerebbero un prezzo tale da avvantaggiare i svariati monopoli Italiani, mi sembra più una soluzione apparente del problema che una reale soluzione.

Spero di essermi ben spiegato (nel caso in cui non lo fossi stato direi che è colpa dell'umidità di questi giorni; con l'umidità mi arriccio scusate per la pessima battuta ma dopo una cosa seria ci vuole).

Emanuele Culicelli 05.10.05 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Sulla Cina io ho una mia opinione ben precisa.
E' la più grande NON democrazia del mondo. Gli operai lavorano come bestie, non esistono chiari diritti dei lavoratori etc etc (basta girare un po in rete e si racattano queste informazioni).
L'Italia produce determinati prodotti, il cosidetto made in Italy. Prendiamo le Tod's. Costano 220 euro in media. Sono fatte interamente in Italia (vicino a Macerata). Prodotti e manodopera italiana, tasse pagate in ITALIA etc etc...
Bene questo ha un costo.
Prendiamo ora le NIKE (solo per fare un esempio). Costano circa 180 euro (per un modello alla moda). Sono fatte in Cina. Materiali scadenti, manodopera scadente etc etc..
Il costo sociale per l'Italia di questi prodotti è altissimo. La crisi strutturale dell'Italia e dell'europa è per una gran parte in questo.
Ragioniamo da imprenditori: chi me lo fa fare tenere le fabbriche in Italia (o in europa o negli USA), se in Cina, Thailandia, Indonesia etc... non ho pressione fiscale elevata, il costo del lavoro è irrisorio e in più posso sfruttare i lavoratori pagandoli un tozzo di pane per 15 ore al giorno? Ovviamente io imprenditore vado e investo in Cina.
Ma se lo stato dove la mia azienda risiede, mi obbliga ad avere qui le fabbriche, instituendo DAZI (si dazi...) o qualsiasi altro provvediamento allora io ci penso due volte a aprire le fabbriche in Cina o dove sia.
Il punto è che nella cosidetta GUERRA DEL MERCATO, noi italiani ci dobbiamo difendere da chi compete con noi ad armi non pari.
Io nel mio piccolo cerco di stare attento alle etichette e faccio le mie piccole scelte da consumatore. Ma non critico la NIKE, la AGV, la GEOX etc.. loro fanno delle scelte industriali, se non fanno così non stanno nel mercato.
Critico i governi europei che come al solito se ne stanno a guardare..
La cina è vicinissima...

Stefano Z 05.10.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

cina: stato schiavista senza diritti per il lavoratore, abituato sotto il regime communista ad uno stato che pensa a tutto, alle cure ed alla vecchiaia.

italia: popolo che con la sua storia, una volta iniziata l'industrializzazione (periodo storico per noi ormai "lontano", in cina estremamente attuale) e resosi conto della schiavitù a cui era soggetto (bassissimo reddito, lavoro infame, orari assurdi, pochi ricchissimi sempre più ricchi, produzione per i ricchi ... non sembra ci siano forti analogie con la cina attuale ?) si è organizzato con i sindacati ed oggi gode di forti diritti e salvaguardie (ora minate anche dai cinesi, tra le altre cose !).

Tali diritti COSTANO, usare attrezzatura a norme cee, garantire locali a norma cee, mantenere gli estintori in tutte le stanze, costa .... uno stipendio degno di questo nome, che permette di andare a cena fuori ed in vacanza .... costa all'azienda ... e quindi il prodotto finale costa di più .... molto di più .... poi ci mettiamo altri fattori come le tasse (guardiamo la busta paga con attenzione, quanto paga il datore di lavoro e quanto rimane in busta ...) aggiungiamo poi gli sprechi sociali, la cattiva gestione dei politici, i loro super stipendi e benefit (che finalmente verranno ridotti) ecc... e il prodotto finale costa molto di più.

AGV, come tantissimi altri, ora porta la produzione sul paese emergente, l'Italia NON è competitiva, ma i lavoratori .. se ci sono ancora .. sono protetti nel loro posto di lavoro ...

ATTENZIONE: se non ci sono più lavoratori, non ci sono più neppure gli acquirenti .... se non ci sono gli acquirenti saltano anche i fornitori strettaemnte legati (ristoranti, agenzie viaggi, bagnini, piscine, palestre, ecc..) che sono persone che non lavorano più ... e quindi non acquistano più ... ecc....

quindi che fare ????

Togliamo l'INPS ? Togliamo la sanità ? o l'istruzione ? o le tasse ... o magari gli estintori e le porte rompi fiamma ...

la cina è lontana,è vicinissima

Marco Fabrizi 05.10.05 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Sono anch'io del parere che Valentino DOVREBBE farsi sentire. E' famoso e apprezzato....se lo può permettere con quello che incassa con gli sponsor...e può anche mandare a quel paese la AGV.
Ma per quanto riguarda il made in Cina O China...oramai siamo lettealmente invasi: a me riesce sempre più difficile trovare qualcosa made in Italy(parlo in particolare del tessile, per ora)... e se nn è made in Cina è in Vietnam, Indonesia, turchia, ma anche romania, Lituania, ecc....non dovremmo comprare più niente. Certo casi come quello della AGV sono estremi e in tal caso, se fossi un motociclista, non avrei esitazioni a boicottarla.Ma il trend è purtroppo quello. Speriamo che ce la caviamo....

Saverio Mazzarelli 05.10.05 12:19| 
 |
Rispondi al commento

rispondendo alla realtà cinese, alla libertà di mercato e di investimento nei paesi stranieri (di fondo ugnuno è libero di investire i propri soldi dove vuole... ) e si è combattuto tanto per la nostra indipendenza e libertà di scelta, bisogna andare avanti e non indietro.
La soluzione non è quella di istituire dazi, boicottare marche di abbigliamento o quant'altro. Quando ci troviamo di fronte, per fare un esempio, ad una casa come la AGV (ma anche la Levis, Nike e chi più ne ha più ne metta), che chiude i propri stabilimenti spostando la produzione in cina è necessario che il prezzo di vendita finale contempli i reali costi di produzione. Se un casco prodotto in italia costa 300 euro, mentre prodotto in cina costa 50, non dobbiamo pagarlo 400 !! Se l'azienda, spostando i sui stabilimenti risparmia anche il 90% dei costi, il prodotto finito deve costare il 90% in meno anche per noi! E' qui che a questo punto si valuta la reale convenienza ad investire all'estero, la verità è che si pagano poco i lavoratori cinesi e si vende il prodotto finito come se lo avesse fatto un lavoratore italiano !
Questa è la soluzione a chi decide di aumentare anche del 3000% i propri guadagni semplicemente sfruttando i paesi più poveri. E' qui, che lo stato deve inervenire controllo dei prezzi, calmierare l'avidità dei già tanto ricchi, non farci prendere per il culo !

Paolo Cipolloni 05.10.05 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Solo un'altra informazione alle tante che ci sono.....anche io mi sono accorta (solo dopo averle comprate ma d'ora in poi ci farò caso prima), che le mie Geox tanto carine avevano una bella etichetta "made in China".......non è tanto semplice boicottare, ma per ora mi sembra l'unica via.

Elvira Costantini 05.10.05 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con il fatto che V.Rossi sia una persona come le altre e nulla piu', ma la notorietà che gli ha portato il suo lavoro fa si che, in un mondo dove conta solo apparire in tv e qualcuno sarebbe pronto a dar via anche il culo per partecipare a programmi ebeti come GF e altri,un suo:> mandato in onda al TG delle 20 avrebbe un buon effetto. Sicuramente qualcuno ci fa più attenzione. E' proprio il sistema che nel suo vincolare e censurare la tv rende necessario che uno come Rossi si esponga in queste esternazioni. Infatti tutti i personaggi appartenenti a settori frivoli come sport, moda, musica e tv stessa vengono utilizzati per riempire ogni spazio del palinsesto. L'operaio che protesta perchè la fabbrica chiude non porta audience e mostra che i problemi ci sono e che non tutto va bene come ci vogliono far credere. Oramami non ci sono più trasmissioni come Samarcanda, Barbato, Biagi, Minoli, tra poco faranno chiudere anche Report e quindi bisognerebbe far passare le proteste e il malcontento attraverso canali dove non sono previsti. Io credo che per combattere la dittatura della tv, bisogna imparare a documentarsi e capire le cose per proprio conto. Nella cultura sta la salvezza dai tiranculo (politici e non). Il web può essere il mezzo alternativo.

elia diodati 05.10.05 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Sono una italiana residente all'estero vivo a Cipro .Sono stanca di essere ridicolizzata come italiana da berlusconi BASTA!!! facciamo qualcosa

Anna Gargiulo Pattichi 05.10.05 07:48| 
 |
Rispondi al commento

Spesso ci si lamenta del ruolo predominante che la televisione e i suoi personaggi hanno nella nostra vita!E' una scatola nera che succhia il cervello e che fa sapere e credere solo quello che lei vuole!Cito Grillo:"tutto quello che lei non tratta non esiste"!E se cercassimo di toglierle questo privilegio?Se la smettessimo di idolatrare le persone che compaiono al suo interno,pensando che siano persone speciali...un esempio da seguire?Penso che sia necessaria una maggior indipendenza mentale!Valentino Rossi e' semplicemente un ragazzo che sa guidare molto bene la moto!Perche' un determinato comportamento dovrebbe avere maggior rilievo solo perche' fatto da lui!Non e' nulla di piu' del mio vicino di casa!E' una persona come tante e come tale e' libera di fare quello che vuole!Ok!Compare in tv,e' piu' esposto agli occhi e al giudizio altrui...ma cosa importa?Cio' non lo rende di certo speciale e degno di maggior considerazione!Nessuno l'ha mai investito del ruolo di mentore e non penso lui voglia esserlo!

Giulia 05.10.05 00:44| 
 |
Rispondi al commento

La cosa bella dei forum è che ognuno scrive le proprie idee... è come al bar... o al parlamento.
E ora dico io la mia...
Valentino Rossi fa un mestiere che è il pilota. E' il n.1 e tutti lo vogliono per le sponsorizzazioni. Sponsorizza nell'ordine: ALICE, TIM, NASTRO AZZURRO (birra).
Ma come? Criticate che sponsorizzi una birra? Una birra!!!!!!!!!!!!!!! Ma siete bigotti o cosa???? Non fa mica pubblicità alla Coca Cola, alla Nike, a un wiskey, ma a una birra ITALIANA.
Non è certo lui che deve dire ai ragazzi di 18 anni di non ubricarsi prima di mettersi al volante...
A ognuno le proprie responsabilità!
Per quanto riguarda il made in CHINA... io evito di comprare prodotti fatti in Cina o prodotti di marche Cinesi. A ragione Tremonti.. ci vogliono i dazi. I cinesi fanno concorrenza sleale. E' la mia opinione da bar..

Stefano Zandara 04.10.05 22:16| 
 |
Rispondi al commento

La cosa bella dei forum è che ognuno scrive le proprie idee... è come al bar... o al parlamento.
E ora dico io la mia...
Valentino Rossi fa un mestiere che è il pilota. E' il n.1 e tutti lo vogliono per le sponsorizzazioni. Sponsorizza nell'ordine: ALICE, TIM, NASTRO AZZURRO (birra).
Ma come? Criticate che sponsorizzi una birra? Una birra!!!!!!!!!!!!!!! Ma siete bigotti o cosa???? Non fa mica pubblicità alla Coca Cola, alla Nike, a un wiskey, ma a una birra ITALIANA.
Non è certo lui che deve dire ai ragazzi di 18 anni di non ubricarsi prima di mettersi al volante...
A ognuno le proprie responsabilità!
Per quanto riguarda il made in CHINA... io evito di comprare prodotti fatti in Cina o prodotti di marche Cinesi. A ragione Tremonti.. ci vogliono i dazi. I cinesi fanno concorrenza sleale. E' la mia opinione da bar..

Stefano Z 04.10.05 22:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, penso che quanto ho potuto leggere sopra sia uno sfogo di molte persone che sentono purtroppo sempre di più la presenza di questo mercato cinese così lontano dalle nostre realtà.
Come dice Beppe "dobbiamo esportare i diritti"...cercare in qualche modo una soluzione alla macabra situazione di lavorare e concepire la vita.Personalmente non sono un centauro e penso di non comprarmi in futuro la moto, ma volevo prendere spunto dalla vicenda AGV per rendere noto come anche il vestiario di marche affermate come la Champyon o la Asics siano griffate CINA. Un giorno uscendo da un negozio nel quale avevo fatto degli acquisti mi sono ritrovato dei completi sportivi e delle scarpe molto belle che a me piacevano molto, una volta indossati ho notato che mi stavano anche bene ma subito dopo ho scoperto che dalla testa ai piedi ero marchiato CINA. L'impatto è stato terribile, mi sentivo un verme pensando in pochi secondi a tante cose e situazioni lavorative...morale della favola...HO DETTO BASTA E ABBANDONATO QUESTE MARCHE PER LE QUALI FINO AD ALLORA ERO STATO COSI' ATTACCATO RIPORMETTENDOMI DI COMPRARE SOLO VESTIARIO SPORTIVO MADE IN ITALY,... sarà una goccia nel mare ma intanto ci provo.

Paolo

paolo farnararo 04.10.05 21:44| 
 |
Rispondi al commento

mi associo a Tanya,io xaltro ho un casco agv...che tra poco cambierò con un altro,cmq Vale c'entra poco,ho mandato a lui una mail chiedendogli di fare qualcosa x quelle famiglie...ma come ha detto Grillo bisognerebbe esportare i nostri diritti in cina e in tutti quei paesi come la Cina x vedere le nostre ditte rimanere in italia

MASSIMO FLAGIELLO 04.10.05 21:39| 
 |
Rispondi al commento

non mi stupisce il fatto che uno sponsor di un personaggio come velentino rossi possa compiere operazioni scandalose come queste, ma credo che rossi dovrebbe usare la sua popolarità per qualcosa di nobile e doveroso nei confronti degli italiani, mi chiedo se esiste una iniziativa per sensibilizzare il nostro( e l'affetto è sincero ) campione a battersi per ottenere dalla AGV una svolta in questa faccenda! non solo, forse sarebbe utile che i personaggi famosi siano spinti, magari intasando i loro fantascentifici siti web, a prendere posizione e sconfessare pubblicamente i propri sponsor ogni volte che accadono fatti di questo tipo.
Luca.

luca stellato 04.10.05 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici,
smettiamola di andare allo stadio, di seguire i campioni.

Sono stati creati per farci dimenticare la realtà. La situazione di m...a in cui questo mondo stà affondando.

melotti gian mario 04.10.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Buon Giorno a tutti.
Ho letto alcuni dei commenti fatti a proposito della vicenda sull'azienda dei caschi AGV. Purtroppo in Italia succede...non è la prima e non sarà l'ultima! Da perte mia, che mi sposto e viaggio in moto, non comprerò mai un casco AGV, è l'unica cosa che possiamo fare...boicottare. Vorrei spezzare una lancia però in favore di Valentino Rossi che è un grande campione e che viene qui attaccato, secondo il mio modesto parere, a torto.
I vari commenti che ho letto lo criticano soprattutto per la pubblicità della birra, evidentemente è l'unica cosa a cui ci si può attaccare? Comunque lui non dice "Ehi ragazzi bevetevi una birra e mettetevi in moto!" o forse io non ho capito. Lui per primo, quando cominciò a pubblicizzare una birra (italiana)specificò "...o bevi o guidi!" quindi queste critiche gratuite a un personaggio, perchè la persona non la si conosce, sono insensate.
In ultimo vorrei dire a Beppe: "Bello spettacolo a Faenza!!"

Mengoli Tanya Commentatore in marcia al V2day 04.10.05 11:00| 
 |
Rispondi al commento

La colpa non è di Valentino ma dei vertici aziendali, ai subalterni cosa voi che importi se le produzioni vengono spostate,di fatto loro non hanno poteri decisionali.
La cosa che potrebbe fare è pensare di aprirne una in ITALIA e fare concorrenza.
Credo in ultima analisi che qualcosa in cambio al suo (paese) lo dovrebbe dare.

mauro babbo 30.09.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Salve!
Volevo solo ricordare a chi propone l'esportazione di diritti, come quelli del lavoratore, che anche noi con tanta fatica e impegno li abbiamo ricercati e infine ottenuti (grazie alla partecipazione di lavoratori, delle loro famiglie e dei sindacati) e che nessuno è venuto in Italia imponendoci i propri. Come si può portare in Cina un modello di diritto che non è nato da loro?
Questa non è la democrazia.
Anche loro con la lotta e con il tempo sapranno conquistarli.

Giulia Pinna 30.09.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Ciao.
Valentino è simpatico ed è un grande campione. Questo non vuol dire che sia un modello da imitare e non cadiamo nel luogo comune che i giovani /ragazzi /bambini si facciano influenzare .....sono i genitori che fanno capire ai ragazzi quali sono i valori fondamentali e chi è degno di essere ammirato e chi no, sono più ricettivi e sensibili di noi . Il fatto è che tutti noi dovremmo collegare che le ns. aziende chiudono perchè noi consumatori scegliamo di spendere meno.Sarebbe di grande aiuto se un personaggio pubblico come Valentino dicesse la sua , ma solo se la AGV sfruttasse manodopera infantile oppure se nei suoi stabilimenti non sono rispettai i diritti umani. facciamo una cosa : esportiamo un pò di diritti civili , se sappiamo ancora cosa significhi.

Silvia Bergonzi 30.09.05 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Queste cose normalmente non si sanno.

Nel momento in cui diventano note si dovrebbe semplicemente non acquistare piú quel prodotto.

Quindi da parte mia AGV ha chiuso.

Come la HP.

Paolo Garrone 30.09.05 08:30| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me il problema è nell'istituzione cinese.
Loro obbligano a lavorare i poveri cinesi 24 ore su 24 con stipendi bassissimi.
Come vogliamo noi europei controbattere?
Non possiamo.
Noi nn dobbiamo pensare di batterli, ma ci dovremmo impegnare a divulgare nel loro paese un briciolo di leggi che tutelino il lavoratore prevaleggiando la loro umanità di persona e non facendoli vedere come delle bestie da cui si ricava e si valuta il loro profitto.

Daniele Romeo 29.09.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Perchè tanto clamore per l'AGV e altre 250 famiglie che restano a casa..... e tutte quelle del settore tessile e calzaturiero?? facile attacarsi ad un nome famoso per polemizzare... il mercato però è così, le fabbriche italiane sono costrette per sopravvivere ad andare in cina per le loro produzioni lasciando a casa operai italiani che costano 1000 volte di più e
"rompono" anche 1000 volte di più (a volte anche per motivi non giusti), che cosa si può dire ad un imprenditore che vuol spendere meno quando tutti dal primo all'ultimo facciamo lo stesso quando andiamo a fare la spesa o shopping??? dobbiamo dirgli restate in Italia e fate i caschi che costano 500 euro tanto dopo noi ci compriamo quelli che arrivano dalla Cina che costano 100 euro.....

leonardo verga 29.09.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

ma si sono spostati in cina perchè la statura media è quella del nostro premier??

250 famiglie per strada sono tante e stiamo perdendo (o abbiamo già perso) un altro made in italy.
Valentino dovrebbe accorgersi che ormai come marca è sputtanata.. ..un pò di informazione in più sarebbe necessaria

Giorgio Lo Nardo 29.09.05 00:41| 
 |
Rispondi al commento

Valentino Rossi è soltanto l'emblema preso a rappresentare una realtà corrota. Io faccio il pilota. Corro in macchina da quando a 3 anni mio padre mi ha messo sul kart. Oggi non posso di certo paragonarmi a grandi PILOTI come Valentino Rossi, ma nel mio piccolo ho avuto a che fare con il mondo degli sponsor e della corruzione che gira intorno alle corse come intorno ad ogni cosa. Beh vi dico la verità. Valentino ha il sicuro merito di correre...e forte...ma non è piu un PILOTA. Ormai è un uomo di spettacolo. Ma ve l'assicuro è difficile restare puliti nuotando nella merda. Ormai inseguire i propri sogni vuol dire doversi piegare al sistema. C'è chi lo fa e chi no. Ma finchè le cose andranno cosi se uno dice no ci sarà sempre un altro che dice si. E' contro il sistema che bisogna andare...non contro a Valentino a Pinco Pallino...che secondo me sono solo vittime.

andrea di pasquale 28.09.05 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Ormai anche il motociclismo è diventato come il calcio. troppi sponsor, troppi "traffici" ormai tutto ciò che è seguito diventa una macchina per far soldi. penso quindi che tutti noi dovremmo seguire sport meno blasonati.

Marco Meneghetti 28.09.05 18:30| 
 |
Rispondi al commento

[...]Rossi non è uno di noi

Non sapevo che questo blog nascondesse un'elite!!!

Penso che ognuno di noi si debba confrontare con il proprio mondo e che sia molto difficile giudicare le azioni degli altri, soprattutto in base alle informazioni parziali che possiamo reperire sulla stampa e in televisione.
Sparare a zero non è mai servito a niente.

Francesco Guidieri 28.09.05 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Quindi basta!!!! A morte!!! A morte tutti!!!

Bene o male, agv e valentino, va bene tutto, ogni opinione, ma frasi del tipo che ho letto sopra mi mettono tristezza!

Riva Enrico 28.09.05 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Valentino Rossi??? Esempio per chi?? Per una massa di ignoranti che non riesce a guardare oltre il proprio naso. Nulla si deve pretendere da personaggi di questo calibro, tanto meno da un ragazzino cretinetto e presuntuoso che non sà far altro che andare in moto. Valentino Rossi non è un mito, non è niente, e mi disturba addirittura che Beppe Grillo gli dia credito dicendo di tirare fuori le palle. Rossi non è uno di noi, lui stà lì, non gliene può fregar di meno di quello che succede al di fuori del suo box, checchè faccia il sinistroide amico di tutti. Quindi basta!!!! A morte!!! A morte tutti!!!

gabriele giovannini 28.09.05 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, ma voi amici buonisti vi siete mai fermati a pensare prima di sparare a zero sull'ennesima azienda che deve farsi i conti in tasca per mantenere aperta la propria attività?
AGV, PIRIPI', non me ne frega: se queste cose succedono vuol dire che:
1- qualcuno lo permette
2- qualcuno non sa come evitarlo
3- qualcuno ricostruisce la propria villa in Sardegna.

Credete che se Valentino Rossi punti i piedi, l'AGV torni sui propri passi? E se non potesse, anche volendo?
Io non lo so, dato che non conosco la situazione.

E magari avete anche in mente di restituire la vostra carta d'identità, visto che rinunciate ad indignarvi ma poi pubblicate post come quelli che si leggono sopra...

Vado a curare i miei pomodori.

Turco.

Giovanni Bocca 28.09.05 14:27| 
 |
Rispondi al commento

AGV = Amisano Gino Vetroresina (se ben ricordo).
Era un amico personale del mitico Agostini.
L'azienda oggi sarà probabilmente in mano ad una holding o a delle fiduciarie.
Non diamo colpe a Valentino che deve convivere con il suo mondo.
Speriamo che si faccia sentire...
Io, da parte mia, non acquisterò mai più un prodotto AGV. E' questa la miglior punizione: l'assenza di acquisti.
Se devo comperare un casco prodotto in oriente, allora ne compero uno di una azienda che ha davvero sede e capitali orientali (Arai e Shoei).....
Abbasso Superbone lo sborone!!!!!!

Giampaolo Cavca 28.09.05 10:22| 
 |
Rispondi al commento

E pensare che avevo notato questa marca di caschi. Ma dopo sta notizia mi dispiace ma comprero' un'altro marchio, questo e' sicuro.
E dovra' essere made in Italy.


Ha capito Sig. Rossi?

Alessio Bartolini 27.09.05 23:24| 
 |
Rispondi al commento

Rossi che difende posti di lavoro?
....potrebbe anche.
Ma siamo NOI che se possiamo (giustamente) acquistiamo dove c'è risparmio o no?

giuseppe barretta 27.09.05 18:29| 
 |
Rispondi al commento

SCHIFOSO SCHIAVISMO!!!

pizzato daniele 27.09.05 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Una persona che registra il "suo" numero della moto, che fa pubblicità di alcolici, non credo proprio che si possa interessare di 205 miseri ex dipendenti!
Dobbiamo smetterla di crearci questi miti da iMITare, apriamo gli occhi, la mente ed il cuore: si vive benissimo senza tante cose, senza marche e senza dover per forza prevaricare sugli altri!
Giusto ieri ho letto di un'azienda ITALIANA, facente parte del gruppo del fratello del nostro caro prremier, che produce in Cina scopiazzando i modelli delle altre ditte...questa cosa non avrebbe dovuto accadere per mezzo di una legge..che guarda caso non si è fatta!
Siamo nelle mani di pidocchi, zecche e quant'altro!

Daniele Comoglio 27.09.05 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Aderisco anch'io alla CARTA DEI DOVERI!!!!
E' già da molto che cerco,per quanto mi è possibile,di selezionare eticamente i miei acquisti...
Bella iniziativa!!

Ombretta Baccarini 27.09.05 10:25| 
 |
Rispondi al commento

La AGV?
E la Superga?
E la ITT?

Tutte produzioni spostate chi in India, chi in Thailandia.

Gli industriali pagano meno la manodopera e in compenso i prezzi al consumo sono sempre gli stessi!

Pensare che sarebbe piuttosto semplice!

Fare una legge, industriale... vuoi spostare le tue produzioni all'estero? Liberissimo di farlo, ma la manodopera la paghi quanto la paghi in Italia!

Laura Capogrosso 27.09.05 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe, queste notizie il governo Italiano non ce le da'. Non mi aspetto nulla da Valentino, è un motociclista e i suoi interessi sono ben altri, mi aspetterei invece qualcosa in piu dal nostro governo che è tanto bravo a moltiplicare i posti di lavoro durante i comizi, ma tace impunemente sui numerosi tagli di medie e grandi aziende nel nostro paese. Come si spiega tanta falsità, ci stanno occultando la realtà, ci stanno trattando come marionette.
Questo governo ha mani in pasta ovunque tranne che nella vera politica, non per caso i politici veri, quelli che hanno studiato la materia vengono sempre meno, si moltiplicano invece personaggi di tutt' altro interesse, preparati forse ad arrabattare ad arrangiare, prediligono la trasfigurazione la loro materia forte, come maghi hanno poteri oscuri che praticano in tutti i settori "vedi banche, istituti di credito, assicurazioni, telecomunicazioni, immobliari, sport e chi ne ha piu ne metta. Ma questa gente mi chiedo lavora davvero per il popolo italiano ? o lavora per le proprie attività ? La competitività delle nostre aziende con l' estero si sa, sta avendo un periodo di crisi, ma lo stesso sta accadendo anche all' interno del nostro paese, continuare a privatizzare a beneficio di un solo o di pochi imprenditori, come puo' aumentare la competitività, la ricerca, l' innovazione e soprattutto la libertà di mercato ??????????

Emiliano Brambilla 27.09.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo credo che questo non sia il primo e nemmeno l'ultimo caso di "GRANDE IMPRENDITORIA ITALIANA" vista l'UMANITA'dei nostri industriali che da decenni continuano a dirci che bisogna abbassare il costo del lavoro(PER INGROSSARE I LORO PORTAFOGLI).
Ma perche' da quando hanno fatto cadere il muro perche' i comunisti mangiano i bambini continuano ad arrivare le carrette con i clandestini?.
Secondo me' sono loro che in base alla loro necessita'li "reclutano" salvo poi far pagare alla comunita' il loro costo:sanita',case,integrazione(siamo noi che ci dobbiamo adattare a loro)criminalita'.Mi dispice scrivere questo ma se io faccio fatica ad arrivare alla quarta settimana senza avere vizi(ferie,vestiti firmati,ristoranti,ec...)come mai gli extracomunitari la prima cosa che fanno e' acquistare il macchinone?(anche se usato):perche'con lo stipendio che prendono qui a casa loro sarebbero dei ricconi e non sanno apprezzare il valore della fatica perche' non hanno mai lavorato.Percio' penso che se noi occidentali esportassimo la democrazia(senza armi)non ci servirebbe importare manodopera,e alla fine che vinca il migliore.
VALENTINO DIMOSTRA DI AVERE LE PALLE COME QUANDO SEI IN SELLA ALLA MOTO:DISDICI IL CONTRATTO CON AGV E FARAI FELICI 205 FAMIGLIE(ARRIVERAI LO STESSO ALLA QUARTA SETTIMANA)

Mi scuso per la mia non ortodossa esposizione ma io sono uno del popolo bue,che pero'ne ha piene le palle degli industriali e politici tutti.

!!!!!!NON SE NE PUO'PIU'!!!!!

battistuzzi valter 18.09.05 00:55| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe complimenti per lo spettacolo a Cagliari.Vorrei sapere sul fallimento della banca Bipop Carire e come posso recuperare i soldi delle azioni da me possedute,so soltanto che i papponi gli stanno processando e che mass media tacciono. grazie Ciao a sibiriri

giulio coiana 17.09.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,e' da poco che"frequento"questo blog, non ho molto tempo per leggere tutti gli argomenti in esso contenuti( tutti molto interessanti).Ho gia' scritto il mio parere su "energia"e volevo dire la mia anche su questa dei caschi AGV.La situazione e'la stessa di molte altre ditte italiane che si spostano all'estero con la produzione e,diciamocelo,nessuno(governo,confindustria,noi stessi acquirenti etc.)fa qualcosa per impedirlo.Valentino Rossi E' un campione,tra i miei preferiti,ma per lui l'AGV e' uno sponsor,alla pari degli altri,non e' molto sensato pensare che se fa uno spot sulla birra possa essere deleterio per chi si mette alla guida di una moto e deve esserne conscio!Certo,sarebbe bello se si facesse paladino di certe iniziative,ma dopo i primi anni di carriera si e' dovuto inchinare ad uno sponsor tabaccaio(!)sulla carenatura,che gli garantiva un team competitivo,lui che di certo non fuma e non esorta a farlo,e'l'ambiente dei motori che funziona cosi' . Ho acquistato un casco italiano ,non AGV,molto bello e costruito con cura,in fibre composite come quelli racing,perche' sono favorevole da sempre all'uso del casco(ben prima che entrasse l'obbligo),perche'le ditte italiane sono tra le migliori al mondo nel settore dell'abbigliamento specifico per moto,perche'il rapporto qualità/prezzo e'validissimo,perche'vado in moto da quando avevo 14 anni e ne ho 35 e mi preoccupano di piu'certe leggi sballate e il caro benzina e assicurazione.Bisogna saper scegliere,Rossi non c'entra,e'un campione del suo sport,le agenzie pubblicitarie e gli atenei ne vorrebbero a decine e una laurea ad honorem non si puo' confondere con una laurea vera e propria!Pensate ai calciatori,quelli si'(a parte pochi esempi)che si avvicinano a Costantino e soci!!Prendiamocela con chi ha messo gli operai a spasso,con chi permette la fuga di capitali e cervelli all'estero,con quelli che continuano a dirci che tirano fuori milioni di posti di lavoro e ci stanno riportando al feudalesimo!

Mauro Marcassoli 13.09.05 10:57| 
 |
Rispondi al commento

ma che bella notizia! son proprio contento!ma che stronzi...
Vogliamo fargli un bel servizio? SMETTIAMO DI COPRARE I CASCHI AGV!

Valentino in politica? tanto non ha una dialettica inferiore a quella della maggior parte dei politici ne un cervello con un QI superiore!
Sono un suo tifoso, lo ammetto.Con la moto è il numero 1, non gli si può dire nulla su questo.

Qualcosa però vorrei dirlo:
1- DARE LA LAUREA AD UNO COME LUI è UNO SCANDALO!!! IO, COME TANTISSIMI ALTRI, MI SONO FATTO IL CULO ALL'UNIVERSITà E A QUESTO CRETINO GLIELA REGALANO! BELLO, PROPRIO UN BELL'ESEMPIO!
CI MANCA SOLO CHE LA DIANO ANCHE A QUEL FROCIONE DI COSTANTINO VITAGLIANO POI SIAMO A POSTO!
2- Valentino, cerca di scegliere delle aziende che si preoccupano un po' di più dei lavoratori italiani! Non hai bisogno dei soldi di chi li lascia senza lavoro!

Buona giornata a tutti e forza...ehm... w l'Italia !

Andrea Pini 11.09.05 09:43| 
 |
Rispondi al commento

mah, che dire del valentino di pesaro?!... prima Alice, poi l'Agv, poi la birra... chissà se gli faranno fare la pubblicità anche al panettone!? e se entrasse in politica? la cosa mi angoscia, ve lo immaginate uno come valentino accanto a prodi o al berlusca? brrrrrrrrrrrrr...

"c'è più gusto ad essere italiani"! si, ma con la cittadinanza svizzera vero valentino? per non pagare le tasse che si sa in italia le pagano solo pensionati e operai.

ciao beppe, continua cosi!

stefano fiocchi 09.09.05 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Noto con rammarico che,nonostante l'inasprimento di alcune norme del Codice della Strada, il pluri-iridato Dottor Rossi-il mago dei 300all'ora- continui,con italico orgoglio, a consigliarci di comprare della birra. Qualcuno, con un pò di pazienza, gli spieghi che l'alcool e la velocità non vanno d'accordo....

Umberto Race 08.09.05 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Oramai lo sappiamo tutti che le aziende scappano dall'italia per colpa del nostro governo e non per merito della cina.
Io sono un libero professionista (con due dipendenti) che , nonostante la mole di lavoro vado avanti con mille difficoltà.Questo grazie al nostro amato governo(senza distinzioni di colore)che ci costringe a lavorare sempre di più, a discapito dei colleghi, per guadagnare lo stesso perchè quello che ci esce in più serve a pagare le spese che sono in costante aumento.
Se un giorno non dovessi più farcela nel pagare le spese che cosa mi toccherà fare.....!?

max 07.09.05 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Visto che si parla di moto... vogliamo dire qualcosa sulla scandalosa legge marziale 186? E' la legge che prevede la CONFISCA del mezzo a due ruote a chi si gratta il naso, alza la visiera con la mano, si sistema sulla sella, si sgranchisce una gamba dopo ore di viaggio. Confisca per un motociclista (vero) significa amputazione, spossessamento, perdita di un affetto sincero, quello per la moto. Abbiamo accettato a denti stretti le multe, le buche di Roma, i divieti, le "fasce verdi", i rincari dell'assicurazione, il bollino blu, pur sapendo che stavamo mantenendo la città degli automobilisti. Se i vigili urbani (e a Roma non mi stupirei che accadesse) applicassero alla lettera questa legge, senza moto dovremo tornare a spostarci in auto? (metro e bus sono da tempo esclusi come possibilità vista l'inadeguatezza). Pensateci bene, 1.000.000 di moto e motorini in cambio di 1.000.000 di auto in circolazione. Che affarone... per chi vende benzina e chi fa pagare la sosta 1 euro l'ora!!!

Marco Lotito 07.09.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

La AGV se ne è andata...
Come tanti sanno è una delle molte aziende che lo hanno fatto (per andare a produrre in paesi dove "costa meno").
Ma ci si è mai fermati a pensare come mai in certi paesi costa meno? Solo perchè i lavoratori vengono "sfruttati" a fronte di stipendi da fame (questo ovviamente da provare, da qui nessuno lo sa)?
A mio avviso non è solo questo il motivo.
Nel caso italiano giocano sicuramente un ruolo importante la quantità di tasse che le aziende pagano annualmente nel bel paese, così come la poca "voglia e responsabilità" di tanti lavoratori, siano essi operai, impiegati, dirigenti o altro, che sovente sfruttano il sistema della "mutua" per prendersi una settimana di riposo, che poi viene sfruttata magari ad imbiancare casa.
Così come la presenza dei cosiddetti "sindacati", veri e propri protettori dei "lavoratori fagnani" (per fortuna non è sempre così).
Oltre a queste macro-motivazioni ve ne sono di sicuro altre meno evidenti, che ovviamente mi sfuggono, anche perchè non sono un economista esperto di finanza.
Il tutto fa si che i costi di produzione salgano vertiginosamente, da qui la scelta di spostarsi ove le condizioni sono più favorevoli.
Forse per spiegare meglio la "fuga" delle aziende, è bene immedesimarsi nelle aziende stesse e fare degli esempi più a portata di "popolino" (cui ovviamente faccio parte anche io): chi di noi ha mai scelto di acquistare un prodotto in un negozio dove costa di più di un altro? Solitamente si acquista dove il rapporto qualità/prezzo è migliore.
Bene, anche tutte le aziende che hanno spostato le loro produzioni all'estero fanno questo ragionamento e non vedo motivo per cui non lo debbano fare.

Vogliamo il "made in Italy"? Bene! Ma per ottenerlo, puntiamo il dito verso chi governa, sia esso schierato a dritta o a manca non importa, e chiediamo un migliore sistema fiscale che non sia penallizzante al massimo.

Tornando ai caschi, ho appena comprato un bel HJC AC11 costruito interamente in Korea.

Cristian Gallo 07.09.05 01:00| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe Carissimo,
condivido le tue affermazioni
aggiungo che un ragazzo giovane
pieno di talento, all'apice della carriera come Valentino
potrebbe impegnarsi per il prossimo
almeno un pochino.
E' facile vivere nel proprio mondo dorato e fra finta che attorno tutto scorra..
VALENTINO SVEGLIATI...............
datti da fare, presta la tua voce
per cause giuste, fai muovere i giovani
hai una marcia in più per farlo.

Sara

Sara Caligaris 06.09.05 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe Carissimo,
condivido le tue affermazioni
aggiungo che un ragazzo giovane
pieno di talento, all'apice della carriera come Valentino
potrebbe impegnarsi per il prossimo
almeno un pochino.
E' facile vivere nel proprio mondo dorato e fra finta che attorno tutto scorra..
VALENTINO SVEGLIATI...............
datti da fare, presta la tua voce
per cause giuste, fai muovere i giovani
hai una marcia in più per farlo.

Sara

Sara Caligaris 06.09.05 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Siamo solo pedine di una partita di Risiko tra multinazionali. Loro si spartiscono il mondo e ci utilizzano come pedine e ci annebbiano la vista con questa "Terra Promessa" di un mercato unico globale.
La verita' e' che si e' persa la voglia di lottare contro le aziende e l'economia globale, che di globale ha una sola cosa: la voracita'. Voracita' di fagocitare il cittadino comune sia esso francese italiano americano inglese o pakisdtano che cuce palloni o cinese che lavora 16 ore al giorno. E chi l'alimenta? noi purtroppo con questi finti bisogni di campioni nei quali identificarsi, di necessita' che diventano tali in quanto imposte dalle compagnie che noi, nonostante tutto continuiamo a servire producendo/acquistando i prodotti. Siamo tutti vittime senza forza di reagire sia i cittadini del primo mondo che acquistiamo sia l'immigrato sfruttato mei paesi del primo mondo o sfruttati nei loro paesi:aesi paesi che ormai sono stati colonizzati dalle varie Multinazionali e non solo.
Scusatemi se non ho una cura a questo male il mio e' solo uno sfogo ed e' il mio punto di vista su come vedo lo stato attuale delle cose.
Valentino Rossi cosi' come Totti o Del Piero o chiunque altro puo' fare ben poco se non c'e' una volonta' di massa di rifiutare ed opporsi a quanti ci stanno sfruttando.
Mauro

Mauro Giusti 31.08.05 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Sempre sull'argomento ...
http://www.repubblica.it/2005/h/sezioni/esteri/paperino/paperino/paperino.html

Vittorio Sala 22.08.05 08:50| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena inserito lo stesso commento sul muro del pianto...
Cina e dintorni.
Sentivo giusto ieri sera al TG che ora l'Europa vorrebbe fare retromarcia sulla limitazione delle importazioni di abbigliamento dalla Cina perche i nostri negozi, dopo l'applicazione di queste limitazioni, hanno dei problemi di rifornimento.
Si aggiunga a questo, per lo meno lo ha aggiunto il giornalilsta, che queste limitazioni danneggiano notevolmente gli imprenditori che in Cina (o altri paesi che come la Cina approfittano di questa nuova tendenza del mercato internazionale) hanno eseguito notevoli investimenti e che quindi, con queste limitazioni, vengono notevolmente penalizzati.
Ma le attività trasferite in questi paesi hanno danneggiato (o danneggeranno) la nostra economia? E l'aumento della disoccupazione, della chiusura di fabbriche ecc è solo causato dal 11 settembre e dalla congiuntura che da questo nefasto giorno ha cominciato la sua costante ascesa?
L'acquisto di una maglietta cinese o pakistana oggi a pochi euro fa piacere a tutti, è innegabile, ma questi pochi euro non ci verranno messi in un contro salato che ci verrà presentato in un futuro poi non tanto in là da venire?
Probabilmente, sottoponendo queste domande, verrò sommerso da una serie di giustificazioni economico - finanziarie di cui, forse, non ne comprenderei le parole figuriamoci il significato ma la mia preoccupazione è veramente forte.
Questo naturalmente non vuole essere uno sfogo contro quei paesi che giovano di questa nuova tendenza ma un disprezzo di come l'economia moderna possa essere, dal mio punto di vista, dannatamente votalile e inaffidabile.

vittorio sala 20.08.05 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Scrivo a Lei Signor Beppe Grillo , ma anche per far conoscere tutti quello che ho letto nel web.....che io approvo in pieno
e ho mandato questa pagina anche nei Forum che conosco...
leggete tutti !! e Lei Signor Beppe Grillo, che ne pensa?
Per conto mio , postero' questa protesta
a tutti i gruppi dove sono iscritta perchè ci credo fermamente che l'unione fà la forza....

LEGGETE GRAZIE!.....
Lia

--------------------------------------------------------------------------------


NON VOTO
NON SONO UN POLITICO NON FACCIO POLITICA NON SONO DI DESTRA NE DI SINISTRA PERO’:

MI DOMANDO PERCHE’ E COME MAI I POLITICI SI POSSONO AUMENTARE LO STIPENDIO A LORO PIACIMENTO, MA SE POI DOBBIAMO FARE SACRIFICI COME DICONO PERCHE’ NON SI DIMEZZANO GLI STIPENDI LORO? SAPETE QUANTO GUADAGNANO? PER QUESTE COSE SI DOVREBBERO FARE I REFERENDUM LO DOBBIAMO DECIDERE NOI SE AUMENTARE GLI STIPENDI AI POLITICI CHI SONO LORO?
IL GOVERNO HA DIMINUITO LE TASSE STATALI , LE REGIONI E I COMUNI HANNO AUMENTATO LE TASSE.
L’UNICO VANTAGGIO DELL’EURO FORTEMENTE VOLUTO DA TUTTI I POLITICI E’ STAO QUELLO DI FARE ARRICCHIRE ANCORA DI PIU’ I RICCHI E I COMMERCIANTI TRUFFALDINI.
L’UNIONE CONSUMATORI VUOLE FARE LO SCIOPERO DELLA SPESA NON SERVE A NIENTE TANTO SANNO CHE LA FAI L’INDOMANI PREFERIREI ADERIRE AD UNA PROTESTA PIU’ SERIA NON PAGHIAMO LE TASSE TUTTI.
LA BENZINA COSTA 1,30 CIRCA E AUMENTA SEMPRE DI PIU’ IL GOVERNO FORSE SCALERA’ L’ACCISE MA CI SIAMO DOMANDATI PERCHE’ NON HANNO LEVATO TUTTI GLI AUMENTI FATTI NEL CORSO DEGLI ANNI PER GUERRE ,AUSTERITY, ECC. ECC. ! QUESTI SOLDI DOVE FINISCONO?

QUESTE SONO SOLTANTO PICCOLE COSE E MI DOMANDO IO PICCOLO IMPIEGATO ONESTO O FORSE FESSO PICCOLO COMMERCIANTE ONESTO O FORSE FESSO POVERO DISGRAZIATO PENSIONATO COME FACCIO A VIVERE?

I MIEI FIGLI CHE FUTURO HANNO SE OGGI LAVORANO SOLTANTO GLI EXTRACOMUNITARI E I DELIQUENTI INFATTI SE NON LI FANNO LAVORARE DISTRUGGONO LE CITTA’ E ALLORA? LAVORANO

UN LAVORATORE STAGIONALE BRACCIANTE AGRICOLO CHE LAVORA PER CIRCA CENTO GIORNI PRESSO L’AZIENDA FORESTALE REGIONALE (OGGI CORPO DI POLIZIA)

GUADAGNA CIRCA QUINDICIMILA EURO L’ANNO E QUASI TUTTI HANNO IL LORO LAVORO IN NERO IN PIU’ IL 99 PER CENTO SONO STATI CARCERATI.

PREMETTO CHE TUTTI ABBIAMO DIRITTO AL LAVORO MA OGGI LAVORANO SOLTANTO I DELINQUENTI E I TRUFFALDINI E FRANCAMENTE NON MI SEMBRA UNA PROPORZIONE GIUSTA ANCHE PERCHE’ PENSO…… I MIEI FIGLI CHE FANNO?

PER FARLI LAVORARE DEBBO FARLI DIVENTARE DEI DELINQUENTI?

OGGI GLI STIPENDI I GUADAGNI DEI PICCOLI COMMERCIANTI LE PENSIONI

NON BASTANO PIU’ PER POTERE SOPRAVVIVERE.

DICONO CHE IL 25 PER CENTO DEGLI ITALIANI NON VA’ IN VACANZA SECONDO ME’ SONO MOLTI DI PIU’

DICIAMOCELO MANGIAMO ANCHE MENO SI RISPARMIA INSOMMA FACCIAMO LA FAME.

ORA PERCHE’ NON DOBBIAMO POTERE PORTARE I NOSTRI FIGLI IN VACANZA?

FRLI STUDIARE? PORTARLI A CENA FUORI?

LAVORIAMO PAGHIAMO LE TASSE EPPURE NON POSSIAMO NEMMENO MANGIARE A POCO.

PERHE’ CI TRATTANO COSI?

PERCHE’ NON ABBASSANO VERAMENTE LE TASSE?

PERCHE’ NON ADEGUANO GLI STIPENDI AL VERO COSTO DELLA VITA?

PERCHE’ NON METTONO LE PERSONE ONESTE IN CONDIZIONE DI LAVORARE DANDO LORO LA PRIORITA’

POI DICONO CHE L’ITALIA NON CRESCE GRAZIE NON POSSIAMO NEMMENO MANGIARE.

ABBIAMO DIRITTO A VIVERE UNA VITA DIGNITOSA !!!!!

RICORDA IN ITALIA E’ IL POPOLO IL SOVRANO NON IL POLITICO DI TURNO

“”IN NOME DEL POPOLO ITALIANO”” SIAMO NOI SIAMO NOI IL POPOLO E’ IL SOVRANO !!!!!!!!!!!

ORMAI ABBIAMO TOCCATO IL FONDO


NON SI PUO’ PIU’ VIVERE DIGNITOSAMENTE

UNA PERSONA ONESTA COSA PUO’ FARE?

SE NON CAMBIA

IO NON VOTO PIU’

MADA UNA LETTERA AL PRESIDENTE

DELLA REPUBBLICA ITALIANA CON

SU’ SCRITTO SONO UN CITTADINO

ONESTO NON POSSO PIU’ TIRARE

AVANTI ABBASSATE LE TASSE E

ADEGUATE STIPENDI E PENSIONI

ALTRIMENTI NON
VOTO PIU’
L'indirizzo postale è:
Palazzo del Quirinale, 00187 Roma
NON METTETE FRANCOBOLLO
LO PAGANO LORO
TI SEI DOMANDATO COSA SUCCEDE SE

NON VOTIAMO PIU’ CHI GOVERNA?

COME FANNO?

COSA FANNO

E’ L’UNICA ARMA CHE ABBIAMO SE

NON ABBASSANO LE TASSE E ADEGUANO

GLI STIPENDI E LE PENSIONI

ALLE PROSSIME ELEZIONI NON VOTARE

PASSA PAROLA

FAI VOLANTINAGGIO

MANDA MAIL

FAI SENTIRE LA TUA VOCE

UNITI SI VINCE

F.N.


l'indirizzo di posta elettronica è:

presidenza.repubblica@quirinale.it

Lia Basso 18.08.05 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me Rossi dovrebbe far sentire la sua voce;minacciando l'AGV di rompere il contratto
di sponsorizzazione.
Rossi può stare tranquillo:se rompe con l'AGV,c'è sempre l'ARAI disponibile per fargli da sponsor.
P.S. Sono d' accordo con Tristano

ciao a tutti
Pedrito

Pedro Bianchi 17.08.05 17:39| 
 |
Rispondi al commento

PER TRISTANO IODICE

io ci sto’ all’iniziativa la CARTA DEI DOVERI

francesio fabio 03.08.05 13:06| 
 |
Rispondi al commento

Il palcoscenico Economico Mondiale porta inesorabilmente le aziende ala ricerca degli enormi profitti a trasferire le produzioni laddove la manodopera ha praticamente costo zero. Una regolamentazione comunitaria dovrebbe limitare il fenomeno, distruttivo e privo di ogni morale.
Valentino, se informato sui fatti, potrebbe sicuramente dire la sua!
Ciao

Marco Gherarducci 01.08.05 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Le aziende non devono più portare all'estero le proprie fabbriche: si deve riprendere a produrre in Italia anche perchè così gioverebbe alle aziende stesse se qui rimangono ancora dei soldi per poter comprare quello che le fabbriche producono. Ci vuole un governo che faccia rientrare le fabbriche in Italia, magari come ha fatto la Francia che minacciava le aziende che volevano piantare le proprie fabbriche in Cina, che se così avessero fatto, i loro prodotti non avrebbero avuto possibilità di commercio in Francia, ma in ogni caso bisogna intervenire subito anche con altri mezzi. Ciao a tutti

Juan Josè cetrangolo 30.07.05 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Libero mercato, WTO, ecc......
L'Italia, l'Occidente, il Mondo pare seguano questa strada.
Come è possibile reggere alla concorrenza di produzioni a scarso contenuto tecnologico, provenienti dai paesi in via di sviluppo?
Rinnegare il libero mercato, i benefici della concorrenza?
Pagare gli operai italiani come quelli cinesi?
Esportare il nostro know how all'estero ed aggredire invece di essere aggrediti?

Giovanni Ponti 30.07.05 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Per me questa gente è la merda di cui si nutre la TV. Qualsiasi sport basato sui motori è la negazione stessa dello sport.
E' una grand cagata petrolifera.

Propongo di rende "sacro" del tutto lo sport visto che ormai è molto più influente della religione.

Amilcare Pellettero 29.07.05 09:29| 
 |
Rispondi al commento

ciao io sono luigi mi sono iscritto proprio oggi dopo mesi di visione del sito e dopo anni da fans sfegatato di beppe... volevo fare i miei saluti a tutti e dirvi che da oggi ci sarò anche io a partecipare con voi... uno di più.
Inizio parlando di valentino rossi e dicendo che questo e l'esempio di societa post- industriale basata sull'immagine e chi meglio di valentino rossi potevano scegliere... un ragazzo giovane amato da tutto il mondo e con il sorriso ingenuo come noi comuni mortali.... io sono alessandrino e conosco e per "sentito dire" la questione della chiusura della chiusura dell'azienda....ma conosco anche la fredda situazione sociale della mia zona e chi conosce come me questa zona potra capirmi; un beso!

luigi pisano 28.07.05 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Beppe come al solito hai ragione e penso che hai colto in Valentino quel qualcosa di buono che ha dentro.
Sono un appassionato di moto e di corse e conoscendo un minimo quel mondo penso che se Valentino parla lo fanno correre senza casco...altro che mafia!!

Giuliano Hughes 27.07.05 16:35| 
 |
Rispondi al commento

CON QUELLA FACCIA DA BRAVO RAGAZZO E LA PARLATA DA RAGAZZINO STA PRENDENDO PER IL CULO TUTTI.
E' LA PERSONA PIU' FALSA MAI VISTA.

FABIO GUIDI Commentatore in marcia al V2day 27.07.05 13:45| 
 |
Rispondi al commento

faccio il tifo per lui!,sia per lei señor grillo!.
quindi anche lui dovrebbé fare qualcosa, ma belli! oltre al dire e il fare é meglio fare!...

antonio gomez 20.07.05 00:33| 
 |
Rispondi al commento

HO LA SENSAZIONE CHE VALENTINO ROSSI NON SAPPIA NEMMENO COSA SIA LA CINA...LUI E' IL CLASSICO INCONSAPEVOLE EFFETTO MEDIATICO CREATO X TENERCI BUONI E CONVINTI CHE GLI ITALIANI SIANO DEI VINCENTI.
P.S. TRA L'ALTRO LO TROVO SIMPATICO...

VINCENZO PETTINATO 15.07.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Ottima mossa quella dell'Agv...io sono un motociclista e un casco lo pago 400-500 Euro...e loro lo producono con 2 soldi. Bene, bene davvero!

marco fraboni 06.07.05 17:21| 
 |
Rispondi al commento

per TRISTANO IODICE

ADERISCO ALLA TUA PROPOSTA "DELLA CARTA DEI DOVERI", E' DA MOLTO TEMPO CHE LE MIE SCELTE SUGLI ACQUISTI HANNO UNA DETERMINATA DIREZIONE-
UN CORDIALE SALUTO - STEFANIA GERMANI

Stefania germani 05.07.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento

bisogna fare in modo che il costo del lavoro in italia si abbassi!
ed alla base ci sono i costi energetici troppo alti per le aziende e per tutti noi!

pietro paolo Janni 03.07.05 01:45| 
 |
Rispondi al commento

segnalo un'antenna di telefonia mobile nel comune di San Miniato nella frazione di La Serra a ridosso di un campo sportivo e vicinissina ad una scuola materna.

La cittadinanza ha manifestato la propria indignazione non avendo nessun risultato.
Penso che se ognuno di noi comprasse meno telefonini sarebbe la migliore protesta

Diana Lacanà 01.07.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, mio concittadino
Io l'ho messo alla prova Valentino Rossi, nell'unico modo che la rete mi concede, mi sono iscritto al suo fans club (nella versione basic - gratis, ripeto sono concittadino di Grillo, dunque genovese!!!) e ho scritto un post nel suo forum dal Titolo: Valentino contro AGV, ho spiegato in breve la questione e ho lanciato il sassolino!!! vedremo se ci sarà e in che termini la sua reazione.
Mi ha sempre dato l'impressione di un ragazzo fuori dal Coro.
saluti roberto parodi
p.s. ho messo anche il link per andarsi a leggere l'articolo che avete messo a disposizione
speriamo bene

Roberto Parodi 28.06.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Per Tristano Iodice confermo la mia adesione.

nadia magoni 23.06.05 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,dicevo che.....
Valentino Rossi guida bene il motorino (brum brum
peee peee).
Che posso dire di qualcuno che guida bene la moto
Che è intelligente?
Che è un uomo retto e sapiente?
Posso solo dire che..............guida bene la moto.
Le scelte per diventare migliori le fanno i "cercatori"(così mi piace chiamare le persone che provano a risolvere i problemi valutando le informazioni in loro possesso,"cercando"di ampliare la lora conoscenza)e non mi sembra il caso di mettere il povero (e bravo con la moto)Valentino e nemmeno tutti gli altri (Totti & Co)nella zona "Cercatori" dato che le loro scelte non sembrano riflettere alcuna ricerca se non quella della fama e soldi(ma quanti cazpiterinziola ne vogliono????).
ps.Le parentesi erano in svendita e qundi ne ho approfittato
Ciao e grazie

Liviano Pedretti 21.06.05 22:34| 
 |
Rispondi al commento

X TRISTANO IODICE & Co:

Confermo, ci sto!
Includi pure anche me nei prox messaggi.

Saluti a tutti

Umberto Papponetti 19.06.05 21:06| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, sento al tg odierno che si preparano 500 uomini delle NOSTRE FORZE DELL'ORDINE per scongiurare gli incidenti che possono provocare i 'tifosi' napoletani ed avellinesi; poiché questi 500 uomini sono pagati anche da me, mi chiedo perché un pò dei miei soldi debbano andare là, in quello stadio, in mezzo a quei 'tifosi' e non pagare invece, per esempio, una nuova macchina per ecografie mammarie di cui abbiamo così bisogno qui vicino a me ma presumo anche in altre parti d'Italia. Perchè questa arbitraria decisione di buttare i nostri e con essi pure I MIEI soldi a salvare i 'tifosi' di opposte fazioni dai reciproci 'sgarbi'?
Chi rappresenta la collettività deve volerne il bene, ma non credo che il bene sia sperperarne i danari in questo modo, bensì, per esempio, abolire le partite a rischio!

Un altro bene non molto tutelato l'ho visto qualche giorno fa .. un terreno è diventato edificabile, pur in presenza di una servitù di elettrodotto; ora scade quasi questa edificabilità ed il proprietario costruisce una casetta che pone in vendita, dunque edificabilità salva, guadagno idem, ma chi ci va ad abitare è stato tutelato davvero?? (valori di microTesla tripli rispetto al valore di attenzione)

Navighiamo in mezzo all'ignoranza ed in una malriposta fiducia, fiducia che le NOSTRE ISTITUZIONI siano i nostri garanti :((((((((((((((

miryam barbierato 19.06.05 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Un inquietante caso di ABUSO DI POTERE accaduto in provincia di Trapani, leggetelo che ha dell'icredibile. E se avete tempo leggete anche la breve che ho postato sul blog "PALERMO" dove si parla di antenne tim, nel mio paese (Castellammare del Golfo, Trapani), le hanno messe vinico ad una scuola.. e aumentano i casi di tumore----------SE A SBAGLIARE E' IL DURO BRACCIO DELLA GIUSTIZIA! Secondo voi cosa succede se ad un tizio in divisa capita di fare un incidente ed avere torto? Normalmente, si mette in mezzo l'assicurazione che paga i danni e la cosa si chiude lì. NORMALMENTE. Ma l'Italia, si sa, sta diventando sempre più un Paese in leggera controtendenza. Figuriamoci poi un piccolo paesino di provincia. Vogliamo documentarvi su un fatto decisamente "originale" (non troviamo altro modo per definirlo) in cui una cittadina, con cui una macchina dei Carabinieri ha fatto un frontale parandosela in pieno, si è trasformata velocemente da "vittima" a "carnefice".

Abbiamo ricevuto una segnalazione che ha davvero dell'incredibile e che riguarda un incidente stradale dai risvolti inquietanti ed interessanti. Interessanti, perché a fare l'incidente è stata una macchina dei Carabinieri, inquietanti, perché secondo la ricostruzione della storia e in un modo che davvero ignoriamo il Carabiniere che ha fatto l'incidente se n'è andato dal "torto" alla "ragione" in pochissime e abilissime mosse! Tipo una partita a poker con le carte truccate (speriamo non ci accusino di istigazione al gioco d'azzardo per questo simbolismo ardito che abbiamo deciso di usare). Ma partiamo dall'inizio della storia se no non ci si capisce nulla e partiamo proprio dai protagonisti della vicenda che sono la signorina Jenny Bucchieri, che ci ha dato la segnalazione, e il signor Michele Albiolo, Carabiniere scelto presso il Nucleo Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Alcamo. "Il giorno 18 novembre 2003 alle ore 15.15 mi trovavo a percorrere con la mia auto la strada che da via Segesta si interseca in via Leonardo Da Vinci, dove c'è la Chiesa di San Paolo - ci racconta Jenny Bucchieri - per passare da lì c'è un semaforo che era verde, così ho attraversato e proprio in pieno incrocio mi è venuta addosso una macchina dei Carabinieri. Col forte impatto e il contraccolpo la mia auto è stata trascinata per diversi metri, arrestandosi accanto al muro del panificio. Ho riportato una frattura della rotula destra e un trauma cranico non commotivo, per non parlare del forte spavento che mi sono presa. E' stato uno shock. Il Carabiniere alla guida, che era accompagnato da un collega, mi ha investito senza pensarci su due volte, perché sulla strada non ci sono tracce di frenata improvvisa e la loro auto non si era annunciata né con sirene, né col clacson, né tantomeno con luci o altri segnali luminosi. Hanno acceso il tutto qualche istante prima dell’impatto e ci sono testimoni che lo possono provare davanti al giudice. Tra l'altro, visto che io avevo il semaforo verde, era segno che dal loro lato c'era il rosso". Così Jenny ci ha spiegato i fatti. Di tutt'altro avviso è invece il Carabiniere che si trovava alla guida e che è stato chiamato a rispondere in prima persona dell'incidente, il quale ha contestato questa versione, citando l'assicurazione della famiglia di Jenny, tutto questo nonostante l'Assitalia (l'assicurazione dei Carabinieri) aveva già liquidato il danno, dando così torto al guidatore in divisa. L'assicurazione della famiglia Bucchieri appena ricevuta la citazione è letterlamente caduta dalle nuvole, visto che, non essendo stata Jenny, secondo sua stessa dichiarazione, a commettere il fatto, non era al corrente dell'incidente. Adesso, anche se c'è ancora una causa in corso, l'assicurazione dei Bucchieri ha aumentato il premio (poi chissà perché chiamano premio un pagamento, che diamine di premio è). Come se anche l'assicurazione abbia già messo le mani avanti ritenendo Jenny colpevole. La versione del Carabiniere riportata sull'atto di citazione presentato all'ufficio del giudice di pace recita così [pubblichiamo solo alcuni spezzoni significativi per ovvie ragioni di spazio]: "Nella circostanza [dell'incidente] l'autovettura dei Carabinieri procedeva con i segnalatori luminosi ed acustici in azione, in quanto poco prima la Centrale Operativa aveva allertato i militari che in località Buseto Palizzolo era stata consumata una rapina ai danni di un Istituto di Credito. Nonostante avesse i segnalatori luminosi e acustici in azione, giunta in corrispondenza dell'intersezione tra la Via L. Da Vinci e la Via Segesta, l'autovettura dei Carabinieri veniva investita dalla Nissan Micra della convenuta, che con il semaforo a luce verde attraversava l'incrocio senza rallentare e senza avvedersi minimamente del sopraggiungere della pattuglia a sirene spiegate [...] per quanto sopra esposto, la responsabilità del sinistro è da addebitare esclusivamente alla negligente, imprudente e colposa condotta di guida della Bucchieri Jenny, la quale [...] non ha concesso la dovuta precedenza al veicolo dei militari [...]". "Ma quando è accaduto il fatto - ci dice Jenny - di quei segnali acustici e luminosi non ce n'era neanche l'ombra. Altro che sirene spiegate, l'auto dei Carabinieri non ha fatto in nessun modo notare la sua presenza e io non andavo ad una velocità così sostenuta come dichiara il Carabiniere nella citazione, ero nei limiti di velocità che una circonvallazione e un semaforo verde permettono. Non è giusto che venga dichiarato il così apertamente, solo perché si ha addosso una divisa e oltretutto si faccia addirittura avallare la propria tesi da due testimoni che hanno dichiarato di trovarsi nelle vicinanze al momento dell'incidente e che, il caso vuole, sono anch'essi in divisa, visto che lavorano presso la Compagnia dei Carabinieri di Alcamo. Lo trovo parecchio scorretto. Nella citazione viene fuori persino colui che ha allertato la macchina dei Carabinieri (che ha fatto l'incidente con me) per la rapina a Buseto Palizzolo ai danni di una banca. Anche lui ha dichiarato che >. Ripeto che invece non è stato così e ho chiamato Gran Motel proprio per contestare questo assurdo caso che a mio parere rasenta e si trova al limite dell'abuso di potere e del ridicolo". Questa è la storia nella sua interezza, ai lettori l'ardua sentenza. Naturalmente Gran Motel e il GM-Team sono disponibili a sentire chiunque abbia qualcosa da dire, contestare o avallare in merito a questo caso che apre nuovi, inquietanti scenari.

Fabio Barbera 19.06.05 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Un caso inquietante... le antenne Tim vicino alle scuole, e a Castellammare del Golfo (provincia di Trapani) aumentano i casi di tumori. leggete il pezzo in questo messaggio! Fabio e la redazione di Gran Motel.

REDAZIONE DI GRAN MOTEL Rivista di resistenza satirica Sms: 333-5721201, 339-6642036. E-mail: granmotel@inwind.it. Web-site GMteam: http://www.granmotel.net/Fabio/fabio.htm. www.granmotel.net.
-----------------------------------
PER CHI SUONA IL CELLULARE. Qualcuno avanza dubbi sulla salubrità delle zone limitrofe alle installazioni delle antenne per la telefonia mobile sostenendo che il continuo bombardamento da campo elettromagnetico può generare” impazzimento” cellulare tale da generare tumori e malattie del sistema linfatico. Poco più di nove anni fa, circa 2000 cittadini castellammaresi manifestarono contro l'installazione dell'antenna per la telefonia mobile dell'allora TIM in pieno centro abitato, fra le due scuole elementari di Castellammare del Golfo (Trapani): la Verga e la Navarra. I timori che le emissioni elettromagnetiche potessero nuocere alla salute di chi passa gran parte della giornata a stretto contatto con l'antenna, non sono del tutto svaniti anche perché la scienza in tal senso non ha dato risultati certi e i pareri sono molto discordanti. Certo è che dopo tutto questo tempo l'antenna è sempre al proprio posto con il carico di perplessità che sin dal primo momento essa si è portato dietro. Infatti, l'installazione fu a suo tempo autorizzata dal vice sindaco Cacciatore (giunta Battiata), senza cercare pareri di Soprintendenza, Asl e altro. La TIM doveva impiantare un'antenna per la telefonia mobile in nome del business nascente e…tutto doveva rapidamente avvenire. In seguito si cercò di acquisire i pareri e “sistemare le carte” mentre la Soprintendenza, solerte nel bastonare i “piccoli” cittadini, tentennò fino all'ultimo prima di procedere timidamente per quanto di sua competenza. Si ricordi che la stessa Soprintendenza pochi giorni prima l'installazione dell'antenna, aveva fatto rimuovere con grande fermezza e determinazione, tutte le insegne a bandiera dei pubblici esercizi perché non consone al paesaggio. Sembra sia passato un secolo da allora. Le antenne per la telefonia mobile fanno ormai parte del paesaggio e tutti noi andiamo in fibrillazione se sul nostro cellulare non c'è “campo”. Il vice sindaco di allora ha in corso un procedimento per abusivismo edilizio o qualcosa del genere. I bambini di allora sono degli adolescenti che si affacciano alle problematiche serie della vita. La Soprintendenza continua a fare la parte del leone con gli agnelli e l'agnello con i leoni tanto che il Soprintendente Gini in un recente convegno svoltosi a Castellammare ha dichiarato che “se a Scopello ci sono 9000 metri cubi di cemento qualcuno ha sbagliato” (e qualcuno dovrebbe pur pagare per quell'errore, ci sentiamo di aggiungere). Ma ritorniamo all'antenna; alcuni cittadini hanno iniziato a constatare una certe incidenza di malattie tumorali nell'intorno dell'area d'ubicazione della stessa e ci segnalano la cosa con un rilevamento dei punti sulla cartina del paese, che pubblicheremo sul prossimo numero con un inquietante reportage a corredo di una situazione da non prendere sottogamba. Certo non è nulla di statistico e nè, tanto meno, di scientifico, però è uno stimolo per approfondire e a valutare se un tale problema possa essere riconducibile con maggiore frequenza all'intorno dei siti d'ubicazione delle antenne oppure no.

Fabio Barbera 19.06.05 12:13| 
 |
Rispondi al commento

A: CLAUDIO CARROCCIO, VINCENZO CARMELLINO, GIOVANNI GRECO (a cui si è aggiunto dopo Umberto Papponetti )

Vi ringrazio molto per l’apprezzamento alla proposta della “CARTA DEI DOVERI”, ma, siccome non mi piace che le parole di ognuno vengano disperse nel nulla e i commenti hanno un senso solo se in grado di produrre qualcosa (soprattutto quando i problemi sono VERAMENTE SERI), ci tengo a portare fino in fondo la proposta: e perché ciò avvenga E’ NECESSARIO CHE BEPPE CI LEGGA!!!
Mi rendo conto che, nonostante affermi di leggere anche più di 1000 commenti al giorno, sia ben difficile sperare di essere letto inviandone uno soltanto.
Per questo Vi chiedo (se credete che la mia proposta possa essere sviluppata positivamente) di aderire con me nell’inviare un COMMENTO UNICO a Beppe su questa sessione, con TUTTI i nostri nomi, del tipo:
“CLAUDIO CARROCCIO, IODICE TRISTANO, VINCENZO CARMELLINO, GIOVANNI GRECO: TI CHIEDONO CORTESEMENTE DI LEGGERE E VALUTARE LA PROPOSTA della “CARTA DEI DOVERI” del 14.06.05 h01:18 e di RISPONDERCI QUALCOSA (anche nel caso l’iniziativa fosse inattuabile…), perché TUTTI NOI saremmo DISPOSTI A PARTECIPARVI.
Chiediamo a chiunque altro legga il commento del 14.06.05 h01:18, se vuole, di aderire inviando un commento del tipo:“io ci sto’ all’iniziativa la “CARTA DEI DOVERI” e il suo nome verrà aggiunto a quelli sopra scritti e inviato nuovamente a Beppe.”

SE MI DATE L’OK, IO MANDO IL PRIMO COMMENTO COME HO SCRITTO SOPRA E, ogni volta che si aggiunge una o più persone, LO RIMANDO CON I NOMI AGGIUNTI (credo sia l’unico modo per sperare di essere letti da Beppe e non disperdere l’iniziativa…)


TRISTANO IODICE 19.06.05 10:44| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di "parlamento pulito", quello Siciliano è ancora meno pulito. E' possibile fare qualcosa ? Se vuoi qualche ulteriore notizia sull'argomento leggi il libro di Francesco Forgione (deputato siciliano di rifondazione comnunista), titolo: Amici come prima.

Danilo Salvato 19.06.05 10:43| 
 |
Rispondi al commento

----------- xxx Rita PORREGA ---------------

RE POST GIOVANNI GRECO

-
INIZIA
-

------QUESTO MESSAGGIO E'INDIRIZZATO A TUTTI------

------LEGGETELO PERCHE' E' IMPORTANTE-------------

------SCUSATEMI IL FUORI TEMA, E' NECESSARIO------

Caro Beppe approfitto del tuo blog, per
comunicare un cosa importantissima non solo AGLI interessati ma a tutti.

LEGGILA ANCHE TE BEPPE.

--------------------------------------------------

MESSAGGIO PER -------MARIO TOZZI-----Conduttore Gaia-rai3

E ANCHE PER
----ALESSANDRO CECCHI PAONE-----
Conduttore de ''La macchina del tempo R4''


Caro MARIO ti ho seguito un attimo al mini costanzoshow questa mattina.

Hai detto che gli uomini sono la causa degli sconvolgimenti atmosferici sul pianeta, ed effettifamente non hai sbagliato in questo;
siamo stati ''noi'' tutte le volte che abbiamo realizzato una cosiddetta ''ricostruzione'' cinematografica. Ricostruzione di che? Se quello che veniva mostrato era una ''ipotesi'' di cosa poteva succedere se ....bla...bla...bla.
Per l'amor del cielo smettiamola con queste ipotesi e finzioni cinematografiche o ''ricostruzioni'' di quello che potrebbe succedere!!!!
Smettiamola!!!!!!

Abbiamo visto quali frutti hanno dato le varie simulazioni di catastrofi; si sono realizzate puntualmente.!!!!!
Per favore non copiamo gli Americani che hanno fatto centinaia di film che contengono immagini di distruzioni di vario genere del loro paese, e, purtroppo si sono concretizzati al 100 %.
Quante pellicole hanno realizzato gli americani dove si vedevano grattacieli in fiamme, distrutti ed abbattuti da mezzi aerei ??????

-INDIPENDENCE DAY

-L'UOMO RAGNO (LE CUI SCENE PIU' CATASTROFICHE
ALL'INDOMANI DELL' 11 SETTEMBRE PROPRIO IL GOVERNO AMERICANO FECE CENSURARE e TAGLIARE)

-DIE TO HARD

E TANTI TANTI ALTRI CHE VORREI MENZIONARE MA AL MOMENTO NON HO L'ELENCO SOTTOMANO.

Gli esecutori materiali, in questo meccanismo sono solo delle
pedine di una Forza immane che l'occhio umano non puo' vedere allo stesso modo di come non puo' vedere le varie forze che ci circondano: forza magnetica, energia elettromagnetica, campo gravitazionale etc. Non per questo non esistono. Ne possiamo constatare e verificare gli effetti continuamente.

Dagli effetti si puo' evincere che le Immagini hanno la tendenza a realizzarsi che tende al 100% quanti piu' occhi le vedono e quante piu' volte vengono ripetute e mostrate.

Per questo vi scongiuro, lasciate stare il sensazionalismo di vedere una ''ricostruzione'' di cosa potrebbe succedere se bla...bla...bla...!!!

Le immagini innescano queste forze come la scintilla innesca un rogo che si fermera' solo quando avra' esaurita la sua energia.

Per la nostra incolumita' lasciate perdere.
Permetteteci di vivere sonni tranquilli.

Non datemi del matto, non lo sono! Anche perche' parlano i fatti.

Meno male che non e' stato simulato uno TSUNAMI nel mediterraneo!!!!!!!!!!!!!
Forse la Madonna ci vuole ancora bene!

----------------
SCUSATE MA SENTIVO IL DOVERE DI DIRE QUELLO CHE HO IN CORPO.-----SPERO POSSA SERVIRE A SALVAGUARDARCI
DA QUALCHE CATASTROFE.
-------------------

Giordano Bruno e tanti altri furono BRUCIATI VIVI
perche' dicevano la VERITA'!!!!!!!!!

CHI LO DESIDERA PUO' SCRIVERMI LE SUE OPINIONI
IN MERITO, CRITICHE E NON''g.a.greco@libero.it''

P.S. Mario, sia ben chiaro non ho nulla contro di te!!! Ne contro ALESSANDRO
-------------------------------------------------

CARO BEPPE,
--------------
'' Signor Grillo, noi siamo ingegneri, lo dica lei in giro , sa, lei e' un comico le danno ascolto''
------------------
TI RICORDI?

BEH! Questo e' lo stesso appello che vorrei fare io a te.

Beppe fammi saper cosa ne pensi, qualsiasi cosa.

-----------------------------------------------
E NON FINISCE QUI'. LA MATERIA PURTROPPO E' VASTA!


Cordiali Saluti
Il Viaggiatore del tempo

Giovanni Greco 18.06.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

X TRISTANO IODICE & Co:

Io ci sto

Umberto Papponetti 17.06.05 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Salve Sig. Grillo (spero di non sbagliare l'intestazione!),
oggi sono entrato per la prima volta in questo sito e volevo farLe i miei complimenti per questa sua iniziativa.
Volevo anche offrire la mia solidarietà al collega ing. di Napoli che ha 30 anni guadagna 1200,00. Posso sicuramente confermargli che anzi può dirsi fortunato (io mi sono visto offrire da un'azienda che cercava un ing. max 32enne con almeno cinque anni di esperienza un contratto di formazione/lavoro per circa 900). Per trovare un lavoro migliore sono dovuto andar via dalla mia terra ed oggi ho difficoltà ad integrarmi nella grande città dove lavoro (ROMA) dove per una vita dignitosa di un single occorrono 1500 €. Alla fine si corre il rischio di lavorare solo per mantenersi e escludere dalla propria vita qualsiasi progetto per il futuro.
Grazie per l'attenzione.
Maurizio Esposito

Maurizio Esposito 17.06.05 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
volevo dirti che vedendo il tuo spettacolo ho voluto iscrivermi al sito perchè sono contenta che finalmente c'è qualcuno che ascolta e si interessa di veri problemi.Ho 23 anni e sono di Taranto.Purtoppo la mia città è sfruttata nel modo più sbagliato puntando su industrie super inquinanti,quando si potrebbe puntare sulla risorsa naturale e bellissima del mare.M vallo a spiegare al sindaco o a chi per lei(perchè è "una" sindaco).Spero che la situazione cambierà perchè non ho voglia di abbandonare il sud,come fanno tanti ragazzi.Grazie di tutto. Ti ammiro da quand'ero piccola,e non prenderla come offesa!Sei grande!

giuliana liaci 17.06.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento

A: CLAUDIO CARROCCIO, VINCENZO CARMELLINO, GIOVANNI GRECO

Vi ringrazio molto per l’apprezzamento alla proposta della “CARTA DEI DOVERI”, ma, siccome non mi piace che le parole di ognuno vengano disperse nel nulla e i commenti hanno un senso solo se in grado di produrre qualcosa (soprattutto quando i problemi sono VERAMENTE SERI), ci tengo a portare fino in fondo la proposta: e perché ciò avvenga E’ NECESSARIO CHE BEPPE CI LEGGA!!!
Mi rendo conto che, nonostante affermi di leggere anche più di 1000 commenti al giorno, sia ben difficile sperare di essere letto inviandone uno soltanto.
Per questo Vi chiedo (se credete che la mia proposta possa essere sviluppata positivamente) di aderire con me nell’inviare un COMMENTO UNICO a Beppe su questa sessione, con TUTTI i nostri nomi, del tipo:
“CLAUDIO CARROCCIO, IODICE TRISTANO, VINCENZO CARMELLINO, GIOVANNI GRECO: TI CHIEDONO CORTESEMENTE DI LEGGERE E VALUTARE LA PROPOSTA della “CARTA DEI DOVERI” del 14.06.05 h01:18 e di RISPONDERCI QUALCOSA (anche nel caso l’iniziativa fosse inattuabile…), perché TUTTI NOI saremmo DISPOSTI A PARTECIPARVI.
Chiediamo a chiunque altro legga il commento del 14.06.05 h01:18, se vuole, di aderire inviando un commento del tipo:“io ci sto’ all’iniziativa la “CARTA DEI DOVERI” e il suo nome verrà aggiunto a quelli sopra scritti e inviato nuovamente a Beppe.”

SE MI DATE L’OK, IO MANDO IL PRIMO COMMENTO COME HO SCRITTO SOPRA E, ogni volta che si aggiunge una o più persone, LO RIMANDO CON I NOMI AGGIUNTI (credo sia l’unico modo per sperare di essere letti da Beppe e non disperdere l’iniziativa…)

TRISTANO IODICE 17.06.05 01:50| 
 |
Rispondi al commento

Per Iodice:

Una carta dei doveri? non ci sarei arrivato! ma è una cosa eccezionale! io ti appoggio, è una cosa che a me sembra fantastica! davvero esaltante, sai quante cose si possono cambiare? immagina che si arrivasse a formare un gruppo di 2 milioni di persone circa (con la tournee di beppe a fine giro la lettera per l' Iraq sarà stata spedita da c.a. 1 milione di italiani). Le vendite di alcuni bastardi potrebbero seriamente calare e fornire un abbassamento dei prezzi o meglio ancora un cambio di direzione per quanto riguarda le modalità di produzione. Hai avuto davvero un ideona! mi sei piaciuto!

Claudio Carroccio 16.06.05 19:11| 
 |
Rispondi al commento

caro grillo, nei suoi spettacoli mi piacerebbe sentire un suo commento sul mondo delle lauree ad honorem. Ultimamente l'università di Urbino ha deciso di conferire tale laurea in sociologia a valentino rossi. La manifestazione è stata paradossale: il rettore e i suoi fedeli vestiti in alta uniforme accademica mentre rossi era in jeans. Questo ragazzo è stato usato dalla università solo per farsi notare in giro visto che le iscrizioni sono calate del 30%, poi, è mai possibile mancare di rispetto a tante famiglie che pagano fior di denari per mantenere i figli all'università mentre poi si vedono regalare lauree a personaggi che a malapena stentano a mettere due parole in fila. La lista è lunga, da vasco rossi a lucio dalla fino al motociclista. Mi sembra che questo strano mondo delle università andrebbe messo sotto torchio.
Il mondo politico ha deciso, poi, di appropriarsi delle istituzioni artistiche come le accademie, i conservatori, l'accademia di arte drammatica, la scuola del cinema, l'accademia di danza. Infatti, ha pensato bene di estromettere qualunque docente di tali scuole dal comando e dalla gestione finanziaria delle stesse (come accade in tutte le scuole di ogni ordine e grado)piazzando come presidenti figuri politici scelti a piacimento dal ministro del MIUR senza alcuna elezione diretta da parte dei docenti che sono così costretti a subire le iniziative di costoro. Forse il Ministro e il Governo ritiene che i docenti di tali scuole e solo loro siano degli incapaci? Anche tale argomento mi sembra meritevole di approfondimento da parte sua.
Perché non viene a Foggia ospite della mia associazione culturale a parlare un po' di ciò che accade nel mondo della cultura e della economia? Grazie, Giuseppe Magaletta

giuseppe magaletta 15.06.05 23:51| 
 |
Rispondi al commento

PER TRISTANO IODICE

Aderisco alla tua proposta! Se ne potrebbe parlare e magari organizzare meglio! comunque io ci sto...

Vincenzo Carmellino 15.06.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
due parole sul commento di Andrea Potere:
vero, chi vuole giocare lo fa,chi non ne ha voglia si astiene.Idem con le donne.Con il vino eccetera.Ma promuovere il gioco d'azzardo o la prostituzione o l'assunzione di sostanze...)sulla TV di stato,beh... insomma...
Allora ben venga in "negativismo" di Grillo.
Saluti.
Cristina Carboni

Cristina Carboni 15.06.05 10:06| 
 |
Rispondi al commento

@ GIOVANNI GRECO

Siccome sono un tipo curioso, sono andata a cercare il tuo post....ma non ho trovato niente!!!!
Ops....cancellato? Di che cosa parlava, scusa?
Rita

Rita Porrega 15.06.05 09:36| 
 |
Rispondi al commento

CARO -----TRISTANO IODICE------

HAI IL MIO TOTALE APPOGGIO SULL'ARGOMENTO.

CONCORDO PIENAMENTE CON TE SU QUELLO CHE HAI DETTO.

SE SOLO LA GENTE SI RENDESSE CONTO CHE IL POTERE E' NELLE MANI DI TUTTI NOI E NON DI QUESTI QUATTRO SCIAGATTATI CHE PENSANO DI ESSERE ''POTENTI''

CORDIALI SALUTI

IL VIAGGIATORE DEL TEMPO.

Giovanni Greco 15.06.05 09:30| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace per valntino, è un grande campione che sta rendendo grande l'Italia dello sport in tutto il mondo

Fabio Piciacchia 15.06.05 00:45| 
 |
Rispondi al commento

sono pienamente d'accordo con te sulle considerazioni a proposito della pubblicità in tivù del gioco d'azzardo. Il dato che riporti è confortante. Forse gli italiani cominciano a capire qualcosa?

SARA MARSICO 15.06.05 00:19| 
 |
Rispondi al commento

MESSAGGIO PER IL DIRETTORE DI QUESTO BLOG----
-----------
CIAO BEPPE!
-----------
DARESTI UN'OCCHIATA AL MIO POST SUL MURO DEL PIANTO DELLE 18.27 DEL 13.6.2005?
SE PUOI SCRIVIMI 2 RIGHE IN PROPOSITO E FAMMI SAPERE COSA NE PENSI.

TI RINGRAZIO

UN SALUTONE DA GIOVANNI

IL VIAGGIATORE DEL TEMPO.

GIOVANNI GRECO 14.06.05 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo a BEPPE e TUTTI coloro che mi leggono, DI VALUTARE QUESTA PROPOSTA:

ho inviato un commento e leggendo la q.tà di commenti per ogni argomento mi sono impressionato!!
Siamo veramente TANTI a credere che si debba cambiare qualcosa.
BEH, CREDO SIA POSSIBILE FARE QUALCOSA!!!
BASTA ESSERE IN TANTI E TU, BEPPE, CI PUOI AIUTARE, perché UN TUO IMPUT VALE Più di 10000 ns. commenti o suggerimenti, per ovvi motivi.
ECCO LA PROPOSTA:
in base alle tue informazioni e a quelle di tanti altri partecipanti al BLOG,
Ø formuliamo una CARTA DEI DOVERI: (anche se ci sembrano già tanti i ns. doveri, facciamocene di nostri) e PROMETTIAMOCI tutti insieme di seguirli!!
Ø OGNUNO SOTTOSCRIVE IL PROPRIO IMPEGNO E SE LO PORTA NELLA PROPRIA COSCIENZA (è ora di darLe un po’ di credito…) inviando una sottoscrizione con proprio NOME E COGNOME AL BLOG e “spuntando” i punti che decide di seguire nel lasso di tempo (es.6 mesi) che ci si è dati.
Ø La sottoscrizione, alla scadenza ad es. dei 6 mesi, può venire rinnovata o meno da ognuno: Beppe ci potrà avvisare con una e-mail.
Ovviamente ognuno potrà rendere partecipe tutte le persone che credono che qualcosa si possa ancora fare!!!!!!!
ESEMPIO:
PER 6 MESI:
q NON COMPRERO’ NESSUN ARTICOLO DELLA TAL MARCA
q NON SI FA BENZINA NEI DISTRIBUTORI DELLA TAL COMPAGNIA
q NON SI GURDA IN TELEVISIONE LA TALE RETE
Etc……
NOME E COGNOME di chi sottoscrive gli impegni

Così si potrebbe veramente essere in tanti e BEPPE NEI SUOI SPETTACOLI potrà divulgare tali AZIONI in giro per l’Italia e magari raccogliere i risultati se riusciremo a renderli plausibili.

SPERO CHE, TUTTI COLORO CHE CREDONO che LA VIA SIA QUELLA DI AGIRE CONCRETAMENTE e di usare le idee e le informazioni di ognuno PER CAMBIARE RELAMENTE QUALCOSA, ACCOLGANO QUESTA PROPOSTA!!!

TRISTANO IODICE 14.06.05 01:18| 
 |
Rispondi al commento

dal poeta - se non disturba...

così si parla d'amore
non una ma due etc etc...

perle solventi al mio collo d'upupa
nodi in cotone per conclamarmi al tuo vas sanguinis
che mi chiama tra le benedette.
il riposare - nel rabarbaro, borsaiolo notturno -
tue lettere testarde su primavere più testarde
come serenata d'apostolo che ha cura di me.
le ninfee qui non amano il sale e non amano
che mangi loro la fronte, le sopracciglia
per vedere meglio lontano qui vicino a me:
te che smazzi numeri dentro lo zenzero,
te che vecchiezza non passa la cruna del poeta,
l'attesa di te, appetibile bugiarda.
dando uno sguardo ai pellegrini c'è un'emorragia
allegata alla sete alla fame alla salvezza.
ma noi stiamo - sappiamo che farcene, noi -
strappando alle ninfee ingorde, la sabbia,
i libri di pane umano e scibile quando gli argini
s'ingrumeranno di rivoli seppure colti dal dubbio
di non procedere e le chitarre
- moltissimi rombi a destra nel cuore -,
gli angeli forse e forse buoni
rinfocoleranno freud di gehenna in gehenna
e le mie mani sapranno essere fredde se tu infebbrato,
lente se tu veloce e nella valle del giove
mangeremo il cuorelegno di lupi rimorso.

lovisolo paola 14.06.05 00:04| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM...allora ci meritiamo quello che ci fanno.

Amaramente ci accorgiamo che noi italiani non facciamo altro che lamentarci di tutti i governi ladri che limitano la nostra libertà per poi, quando ne abbiamo l'occasione (vedi i referendum) sfilarci dalla discussione; come se quegli argomenti non ci riguardassero.
Ma allora di cosa ci lamentiamo?
Non andare a votare è un atto di grande vigliaccheria e, peggio di desolante accidia.
Sono profondamente deluso dal mio popolo che non sa fare altro che recriminare senza neanche muovere le chiappe, almeno una volta ed esprimere la volontà di fare sentire la propria opinione.
Grandi!!

Roberto Carella 13.06.05 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Adesso potete fare di più che scrivere solo al muro del pianto, magari se argomenti più scottanti sarebbero su Grillopedia Forum:

http://www.grillopedia.com/forum

La vostra voce potrebbe arrivare più in alto.
Fatevi sentire.

:::

Roger Marione 13.06.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Ultima da Hotmail. Oltre alla chiusura della casella di posta, senza alcun avviso, dopo trenta giorni di mancato utilizzo, con perdita totale di tutti gli indirizzi e emails, ora qualche genio si è inventato: (cit. sito Hotmail) "Per continuare, digita i caratteri che vedi nell'immagine. Perché?" ... e il perchè è: "È necessario digitare i numeri e le lettere che vedi nell'immagine per dimostrare che è una persona che sta cercando di accedere alla pagina e non un programma automatizzato. Questa procedura serve per evitare che programmi automatizzati creino account illeciti o utilizzino account per scopi illeciti, ad esempio per inviare grandi quantitativi di messaggi non richiesti. Nella maggior parte dei casi, i programmi automatizzati non sono in grado di riconoscere i numeri e le lettere dell'immagine."
Dopo 15 volte che scrivo quei numeri che genialmente vengono scritti da mano incapace alla coordinazione elementare su uno sfondo incatrapegorito di carta carbone celeste, non riesco ad antrare nella mia posta, con la quale LAVORO (porc...). Il messaggio è (Hotmail): "I caratteri digitati devono corrispondere ai caratteri dell'immagine o dell'audio. Riprova.". La geniale alternativa è l'ascolto e la trascrizione di una sequenza di numeri pronunciati da uno con la pancia piena di un sontuoso pranzo domenicale al matrimonio della sorella.
A cosa gli serve creare confusione in un servizio che creano?
Se qualcuno ha un'account come me in Hotmail come me e riscontra lo stesso problema, mandi una segnalazione (ci vogliono due minuti) a hotmail, dal sito stesso.
Grazie e ciao a tutti

Simone Giorgi 13.06.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Imprenditori incazzati sul piede di guerra, mass-media che demonizzano i cinesi perchè saranno la nostra rovina: "Bruxelles pensaci tu!" gridano.
Nel frattempo però, in attesa che qualcuno prenda provvedimenti, spostano il loro orticello, che sia di caschi o di scarpe o di abbigliamento proprio lì in Cina. Usando gli stessi metodi per abbassare i costi che accusano essere sleali. Quello che gli stà a cuore è proprio e soltanto quel loro orticello, gli zappatori e tutto il resto poco contano. Perciò trovo insopportabili le loro lacrime.

Luca Annessi 13.06.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto sul giornale, e ho visto in televisione il sig. Diego Maradona, scortato da polizia e guardie del corpo, portato in trionfo come un re, però mi risulta che il sig. Maradona deve allo stato Italiano (quindi a noi)€. 27.000.000 per tasse arretrate, non era meglio scordarlo come un re in carcere, e tenerlo lì fino a quando non ci molla il maltolto no?

Boh magari sono drastico...... ma a volte serve.

Grazie e saluti.

Alessandro Capello
Via Marabini 8
40013 Castel Maggiore (BO)

Alessandro Capello 13.06.05 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Ormai è da un pò di tempo che seguo le tue imprese, anche se non sono molto vecchio (32 anni) ricordo ancora le tue prime imprese e spettacoli televisivi, seguo con estrema attenzione ed interesse anche il tuo blog.
Volevo segnalare una notizia letta oggi 13/06/2005 sul quotidiano sportivo Contro campo che riporta una notizia di un argomento trattato un pò di tempo fà sul tuo blog.
Cito testualmente l'articolo: "Beppe Grillo aveva pubblicamente invitato Vale a cambiare casco, perchè l'italiana AGV aveva chiuso lo stabilimento italiano per spostare la produzione in Cina, licenziando numerosi operai. Ebbene, si dice che il clamoroso divorzio sia ormai vicino".
Essendo un tifoso sfegatato di Valentino Rossi sin dai suoi inizi in 125 apprezzo questo gesto che dimostra il suo valore non solo come campione del motociclismo ma anche come uomo, sensibile alle problematiche sociali. Ma gli altri campioni seguiranno il suo esempio?

enrico graziano 13.06.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe grazie a te,eccomi quà pronto (finalmente)a raccontarti un pò dei miei primi
50 anni.Ma per non farti smettere subito di leggere questa mia,inizierò brevemente nel dirti che alla bellissima età di 11 anni ho iniziato il mio primo lavoro,grazie ai miei genitori separati,per poi passare direttamente a metà della mia vita.

Ho iniziato il mio vero lavoro nel 1977 (sono del 1953)come Guardia Particolare Giurata,presso un'Istituto di Vigilanza di Firenze,(la mia città)subendo dopo pochi mesi una rapina ad opera di cinque terroristi,(caso strano)mentre ero di servizio presso una banca riportando per fortuna lesioni varie al costato,ma niente più.
Nel 1981 incontro Antonella (mia moglie)alla quale avremo nel 1983 la prima figlia Ilaria,e successivamente nel 1989 arriverà l'erede della mia dinastia Mirko.Moltissimi i nostri sacrifici ma ero finalmente riuscito nel mio intento,una gran bella famiglia.Tutto fila liscio negli anni,finchè un bel giorno (passava l'anno 1998) ricevo una telefonata da un dirigente della Fiorentina calcio S.p.A.
"Gradiremmo avere un colloquio con lei,può passare alla nostra sede?" La mia risposta fù affermativa,e presi appuntamento per il pomeriggio,dopo il turno di servizio.
Arrivai presso la sede della Fiorentina calcio S.p.A e subito tramite il portiere mi presentai dal dirigente alla quale avevo avuto il colloquio telefonico.La persona che per ovvi motivi non menzionerò,mi propose l'incarico presso la società,di autista e responsabile della sicurezza, della compianta signora Valeria Cecchi Gori.Accettai l'incarico,ovviamente lasciando dopo 21 anni l'Istituto di Vigilanza.
E così iniziai una nuova vita,i figli allo stadio,qualche lira in più,ma i sacrifici erano tanti,sempre fuori lontano dalla mia adorata famiglia.Grazie al mio nuovo lavoro iniziarono moltissime conoscenze di persone più o meno importanti,anche qui non farò nomi,ma basterebbe controllare come direttori generali, amministratori delegati,allenatori, si siano succeduti dal 1998 al 2002,anno del fallimento.
E così arriviamo al sospirato giorno del fallimento,31 Agosto 2002,tutti a casa!!!!
E da quel momento il Sindaco e l'assessore allo sport Giani,alle loro conferenze per formare una nuova società promettevano a destra e manca un posto per gli ex dipendenti.Nel frattempo arrivava il nuovo proprietario della nuova fiorentina Diego della Valle,che con due misere lire acquistava il tutto(ma la verità dove starà di casa?Vedi giudice fallimentare Puliga indagato.)Noi ex dipendenti fummo indicati dalla nuova società,come i colpevoli del fallimento e quindi non avrebbero assunto nessuno dei vecchi dipendenti.(Il mio stipendio si aggirava sui 2.300.000 delle vecchie lire.)
Caro Beppe Grillo sono stato disoccupato per quasi due anni lavorando prima per cinque mesi come operatore ecologico,e nel 2004 di Giugno un'impresa edile mi ha offerto un lavoro come manovale a tempo determinato/indeterminato si vedrà.
Chiudo in bellezza informandoti che a coronare il tutto, la società Fondiaria Assicurazioni,del tuo amico Tronchetti, ha intrapeso nei miei confronti,essendo inquilino di uno dei suoi (centinaia) appartamenti di avviso di sfratto,no per morosità ma per l'aumento del canone,che passerebbe da quello attuale di €450 mensile a €1,450
Ti ho scritto perchè solo tù puoi capire il tutto, la mia sofferenza,il dispiacere nel vedere la mia famiglia non sorridere,ma sono sicuro che riuscirò anche questa volta a vincere!! Ti seguirò grazie!!
Luciano

Luciano Romolini 12.06.05 19:13| 
 |
Rispondi al commento

sono un operaio emigrato al nord per lavoro sono alle dipendenze di una cooperativa con sede ad aversa che ha un lavoro presso una grossa ditta di logistica in europa ha in periodo che ha iniziato ha iniziato ad assumere manovalanza exstra comunitaria iniziando a licenziare noi italiani siamo preoccupati i sindacati non ci aiutano speriamo solo in dio che ci aiuti a tirare avanti ti saluto spero di risentirci

marcello di fiore 12.06.05 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Valentino "vestito di nuovo", hai mai pensato, di parlare con le famiglie che hai lasciato a casa x i tuoi nuovi "vestitini"? Io, penso che MOLTE PERSONE, tue estimatrici, che sono impegnate nel sociale, in special modo in casa nostra,
avranno meno da rallegrarsi guardantoti vincere.Se tu rispondi che solidarietà ne fai....., io ne dubiterei: la solidarietà non si sbandiera ai 4 venti e poi si inizia a ricordarlo ai tuoi sponsor.....RICORDATI CHE FORSE FRA LE FAMIGLIE CHE TU HAI (E LE QUELLI COME TE)HANNO FATTO RIMANERE A CASA SENZA UN LAVORO CI PUO' ESSERE QUEL FRATELLO AL QUALE PROPRIO IERI HAI FATTO FELICE IL FIGLIO FACENDOGLI UN AUROGRAFO.......
MIA FIGLIA (8 ANNI) NE SA + DI TE E ME DI SFRUTTAMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE POVERE, VEDESSI LE SUE LACRIME !!!!!!!!!!!!!!!!!!
ADDIO VALENTINO "DAI CASCHI NUOVI"

giordana perfigli 12.06.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

La settimana scorsa un lavapiatti del Bangladesh che lavora con me al ristorante, mi ha regalato una camicia che ha portato con se dal suo paese natale. L´Italia, se dovessi credere a cio´che sta scritto sull´involucro della camicia.

Ma perche´lo stato italiano continua a far di tutto per rendere la vita dei propri cittadini un inferno? Ma non sono gli italiani lavoratori a pagare le tasse?

Certo che le tasse non le possono piu´pagare, se vengono licenziati in tronco per l´esportare delle fabbriche all´estero, questo mi sembra un dettaglio che qualcuno che sta in alto non ha ben afferrato...

Io nel frattempo, mi sono trasferito in Svezia, da 15 anni ormai, meglio che in Italia non e´, ma almeno le donne sono piu´alte e bionde....

Stefano Galli 12.06.05 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe volevo sapere come mai sul tuo sito viene affermata la campagna contro l'astenzionismo e sul periodico "oggi" viene riferito il contrario. Si perchè su "oggi" c'è scritto:
La vita non può essere messa ai voti. E' lo slogan della campagna per l'astenzione.Che e' sostenuta da papi e vescovi ed ha avuto l'appoggio di scienziati biologi e anche dai non credenti come Giuliano Ferrara e BEPPE GRILLO ...

valentino de ieso 11.06.05 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Lauree ad honorem a cani e porci ! Valentino Rossi è l'ultimo che mi fa vergognare di avere un connazionale di tal specie o che rappresentano il tricolore per il mondo. Ho schifato sempre Alberto Tomba e gli ho tifano contro, per quel suo carattere arrogante e sprezzante ( vergogna a chi gli fece portare la bandiera italiana alle olimpiadi invernali di non ricordo quale anno). Mi fa schifo che Schumaker rappresenti una macchina italiana, e ora questo bamboccio viziato che corre su due ruote a cui è permesso di tutto e osannato dalle tv (vedi Italia Uno). Ma la cosa che mi fa più rabbia è che questi elementi sono di una ignoranza profonda, limitati nel parlare e con concetti da demenza. Laurea a V.Rossi a vAsco Rossi! Ma i testi di V. Rossi li avete letti ?
Questo può impasticcarsi quanto vuole la pietà divina non riuscirà mai a fargli scrivere un testo decente ! V. Rossi per il messaggio comunicativo che da ?! Insegnare ai giovani ad andare a 250 all'ora rompersi le ossa ad impennare la moto e far capire sottilmente che "Voi giovani coglioni non avete un cent e io faccio i milioni di euro correndo e mi pagano per dire due fesserie per promuovere una linea telefonica o una birra".
Ma vadano a quel paese !

Camillo Capolupo 11.06.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

------------ PER ORIETTA PELLIZZARI --------

MI TROVI PIENAMENTE D'ACCORDO.
AVENDO VIAGGIATO UN PO IN GIRO PER IL MONDO,
IO DIREI COSE ANCOR PIU' PESANTI.
LASCIAMO PERDERE PERCHE' SE NO SI OFFENDONO.
CIAO SALUTI

F.TO ''IL VIAGGIATORE DEL TEMPO''

Giovanni Greco 11.06.05 10:05| 
 |
Rispondi al commento

"Da bambino volevo guarire i ciliegi,
quando rossi di frutti li credevo feriti,
la salute per me li aveva lasciati
coi fiori di neve che avevan perduti..."

Si pagano anche i sogni ora

Vincenzo Carmellino 11.06.05 01:35| 
 |
Rispondi al commento

Voglio segnalare lo stato di "CHIUSURA MENTALE E POCA FLESSIBILITA'" che contraddistingue un paese come l'Italia. Tutto è gestito da vecchi di spirito che non vogliono creare una nazione moderna e aperta alle nuove generazioni. E' meglio vivere altrove. perchè questa nazione è fatta per persone chiuse nel proprio guscio dell'Apparire per non perdere il posto che hanno conquistato. Ed i giovani (come me) sono costretti ad andarsene per vivere con mentalità più aperte. Tutti si lamentano della crisi ma non rinunciano a spendere per Apparire. Solo lamentele e pochi che si rimboccano le maniche. I giovani hanno voglia di fare e lavorare sodo. Ma è praticamente impossibile con questa mentalità chiusa e burocratica. Timorosa del nuovo. Si dice che anche all'estero ci siano problemi. Come mai l'Italia è retrocessa in tutte le statistiche?
Peccato! Stiamo andando via in tanti, delusi da tanta chiusura.
Hanno paura dei cinesi?
Hanno ragione. Loro sono più veloci, flessibili ed entusiasti di innovare. Gli italiani sanno solo piangersi addosso ed accusare gli altri dei propri limiti.
O.P.

orietta pelizzari 11.06.05 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Voglio segnalare lo stato di "CHIUSURA MENTALE E POCA FLESSIBILITA'" che contraddistingue un paese come l'Italia. Tutto è gestito da vecchi di spirito che non vogliono creare una nazione moderna e aperta alle nuove generazioni. E' meglio vivere altrove. perchè questa nazione è fatta per persone chiuse nel proprio guscio dell'Apparire per non perdere il posto che hanno conquistato. Ed i giovani (come me) sono costretti ad andarsene per vivere con mentalità più aperte. Tutti si lamentano della crisi ma non rinunciano a spendere per Apparire. Solo lamentele e pochi che si rimboccano le maniche. I giovani hanno voglia di fare e lavorare sodo. Ma è praticamente impossibile con questa mentalità chiusa e burocratica. Timorosa del nuovo. Si dice che anche all'estero ci siano problemi. Come mai l'Italia è retrocessa in tutte le statistiche?
Peccato! Stiamo andando via in tanti, delusi da tanta chiusura.
Hanno paura dei cinesi?
Hanno ragione. Loro sono più veloci, flessibili ed entusiasti di innovare. Gli italiani sanno solo piangersi addosso ed accusare gli altri dei propri limiti.
O.P.

orietta pelizzari 11.06.05 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, parli sempre della rete e di come in essa si possano cercare informazioni diciamo meno di parte di quelle che si leggono sui giornali o si vedono in tv.
Ma vogliamo parlare dell'ADSL?
Vogliamo parlare di come Telecom faccia di tutto per far si che si attivi Alice invece che quella di altri operatori?
Io ho attivato una nuova linea Telecom dopo aver comprato una casa nuova (nuova... costruita da pochissimo).
Ebbene Telecom mi ha attivato Alice Free senza permesso ed a oggi, a distanza di 5 mesi non riesco ancora a farla togliere.
Il fatto è che se non viene rimossa non è possibile sottoscrivere nessun abbonamento ADSL con altri operatori.
Ho telefonato oramai non so più quante volte ed addirittura mandato una raccomandata ar con minacce di querela.
Non è servito a nulla... ancora oggi sono senza adsl.
Questo è come Telecom tratta i suoi abbonati.

Evviva l'Italia.

Saluti.

Alessandro Pomes 10.06.05 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe , volevo solo far notare a te , e spero lo dirai in qualche spettacolo , che la tendenza a rendere tutto sterile pulito, disinfettato e privo di microbi ( vedi pubblicita' del terrore di pseudomicrobi sulla frutta, sugli abiti, in casa.......)sta' rovinando inesorabilmente tutto quello che madre natura crea e ha creato in millenni di evoluzione, ovvero gli anticorpi naturali, se un bambino cresce da piccolo attorniato da pavimenti sterili, ciucci sterilizzati, giocattoli sterilizzari, abitini intonsi alla fina basta una scoreggia di un microbo innoquo e quel bambino sara' colpito inesorabilmente da malattie , allergie e via cosi.....e' un problema grave secondo me, le prime difese che ci creiamo da piccoli le sviluppiamo gattonando per terra, mettendo le schifezze in bocca......come abbiamo fatto noi e i nostri genitori....nonni e cosi' via, e' un problema sociale, le allergie stanno aumentando in modo impressionante, i nostri anticorpi (disoccupati dalla troppa "pulizia" ) non sanno piu' che cazzo fare se incontrano un microbo.
Beppe , ti saluto e ti ringrazio di esistere!!

giovanni boldetti 10.06.05 00:15| 
 |
Rispondi al commento

Non sapevo di queste due lauree ... e non mi piacciono, no dico, ma allora veramente perché nn diamo anche qualche laurea postuma, che so ingegneria genetica a mengele, oppure anatomia a jack lo squartatore e via discorrendo! Ma andiamo! due istigatori a delinquere!!!! Vasco l'ho sentito dire al Festival di Sanremo che lui il vizio di fumare se lo tiene (orgogliosamente) e Valentino lo vedo fare delle acrobazie che se mio figlio ci prova gli spacco le gambe ..
begli esempi .. davvero, comunicatori mica da ridere .. sbaglio o le lauree honoris causa le diamo per meriti e 'buoni esempi'? vabbé che va sempre considerata sciagurata la nazione che ha bisogno di eroi, ma ribaltare così le cose non mi sembra un indice fortemente intelligente di modernità
Saluti a tutti, mi fa molto piacere di ritrovare in piazza un pò di gente che pensa
Miryam da Vicenza

Miriam Barbierato 09.06.05 14:57| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere qualcosa di più sui Bildbergers e sui loro legami con gli Illuminati e con il Nuovo Ordine Mondiale.
Ho letto alcuni articoli sul sito www.nwo.it e mi farebbe molto piacere conoscere il vostro punto di vista, anche perchè sono argomenti a me estranei e non ho molti elementi per giudicarne la veridicità.


Beatrice Nolli 09.06.05 11:35| 
 |
Rispondi al commento

AGV.
Sono un fortunato possessore di un casco AGV da circa 3 anni e mezzo. Mi trovo egregiamente, ottimo casco, leggerissimo, ergonimia ottima, materiali ottimi ma ora... A parte che l'avevo pagato uno sproposito e non che avesse disegni stile Valentino è normale, ma si sa un buon casco è semrpre una sicurezza in più quando si viaggia in moto.
Ma ora? ORA NON ACQUISTERO' PIU' AGV. E' una vergogna! Gli stampano sopra un tricolore tinto di rosso, e gli operai da noi? A casa o peggio ancora CASSA INTEGRAZIONE. Per il resto il costo è rimasto invariato e i soldi finisco in pubblicità... Non è ora di invertire un cambio di rotta? Non è ora di svegliarci e capire che questa economia del "Bel Paese" va a gambe all'aria?
Fra un po' non avremmo più lavoro e tutto andrà peggio. W il MADE IN ITALY. E... perché non riusciamo politicamente a creare i DAZI doganali per le importazioni CINESI? Quali trame ci sono dietro?

UN DELUSO da AGV, anche se i suoi caschi sono ottimi.

Bruno di Bolzano

Bruno Mattei 08.06.05 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me ste due lauree sono una gran cazzata servita a far pubblicità all'università.
Lauree in comunicazione per cosa?
Valentino non comunica proprio nulla se non andate forte in moto su una ruota e possibilmente salutando!!
Vansco Rossi invece comunica: DROGATEVI, UBRIACATEVI, ROVINATEVI LA VITA IN TUTTI I MODI POSSIBILI, FATE COME ME.....
Peccato che si dimentica di aggiungere che poi lui ha trovato un sacco di imbecilli che pagano 22 euro per un suo CD e gli permettono di campare.

Marco Radrizzani 08.06.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Vasco Rossi

Nel suo tour porta avanti uno slogan tipo: "Divertitevi fin quando potete".
Per scaramanzia prima di tutto ....mi toccherei.
Poi aggiungo che da un artista e uomo maturo come lui mi aspetterei frasi diverse, più edificanti o almeno più simpatiche.
Rossi pensa forse che i suoi fans non sappiano divertisi o non si divertano nella loro vita ?

Nicola Valentini 08.06.05 15:28| 
 |
Rispondi al commento

dai Vale,sentiti italiano!!!lo sei e ognio domenica dimostri in pista quella creatività e d energia che solo noi italiani possediamo.allora x' nn fare questo piccolo sforzo?!?!?che poi sforzo nn è...un cotratto sono sicuro loo puoi strappare a qualsiasi altra azienda...e credo ci sia la fila alla porta

andrea bogani 08.06.05 15:10| 
 |
Rispondi al commento

salve , ci tenevo a specificare che cmq la laurea honoris causa non è come la laurea conseguita normalmente , è un titolo rappresentativo !!
Io sinceramente non so se sia stato giusto o no dare ai 2 ROSSi dello spettacolo la laurea , dico solo che nel nostro paese l'arte è troppo messa in secondo o addirittura terzo piano e se un vasco rossi riceve una laurea per ciò che ha fatto non per le minchiate di esami che ha dato , io sono contento .
Così un valentino rossi che mi dimostra che se ti impegni ce la fai mi comunica molto di + di un laureato anonimo che ha dato tutti gli esami ma che magari è un coglione e non mi trasmetterà mai nulla!!
L'arte è il mezzo di comunicazione + importante e nessuno ne parla qui !!!
Uno nasce e segue un percorso di studi , senza mai chiedersi che forse l'ipse dixit va messo in discussione !!!
L'arte è il mezzo per metterlo in discussione , l'arte che oggi in italia è in mano a maria de filippi o ai cosiddetti "colti" .
Chiedetevi perchè la musica è in crisi ad es
perchè forse produce 400.000 singoli alla settimana di cui solo 4 entrano in classifica ?
O perchè ci sono artisti strapagati che producono letteralmente merdate che di musica non hanno nulla ???
Un vasco rossi laureato è un riconoscimento che forse la musica (anche se pop commerciale) esiste !! ciao

Giacomo Paradiso 08.06.05 14:09| 
 |
Rispondi al commento

io invece in Cina ci sono stato e se non l'avessi fatto avrei chiuso.
Ho combattuto con il mio allora capo e adesso socio (mio padre), innamorato del made in Italy e della produzione propria (eravamo principalmente produttori, adesso commercilizziamo), che avrebbe portato sicuramente alla chiusura.
Perchè?? il made in italy non era competitivo e la qualità non veniva presa neanche in cosiderazione, perchè la cosa importanet per i clienti era il prezzo e vi posso garantire che nel promozionale il prezzo è bassoe lo deve essere sempre meno.
Chi ha i soldi sponsorizza il made in italy e io con il made in italy ci guadagnerei anche di piu'... e adesso smetto di parlare, perchè in televisione dicono che c'è un'azienda che fa in Italia quello che importo dalla Cina.. sapete perchè ne parlano in TV.. sono amici di Vieri.. io non lo conosco purtroppo..

pero'' tifo per Beppe Grillo

claudio baracani 08.06.05 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Sei depresso ? ascolta Radio Maria. Dieci minuti. Non di più.
Capirai subito che ti manca molto prima di raggiungere il rincoglionimento assoluto.
Ieri, il vicario di turno se le presa prima con Gad Lerner, colpevole di avere definito la santa emittente “oscurantista”. Ma va….L’unto dj a sottolineato il fatto di non avere niente a che fare con lui, essendo triplemente laureato (e finire a Radio Maria..) e avendo scritto 60 libri in 3 anni. Alla faccia di Tolstoj e Simenon.
Ha poi definiti chi voterà si ai referendum “ peggiori del diavolo “, finendo, per l’amore di dio, con un panegirico alla Fallaci per l’ultima fatica sua concessa al Corriere con cui “si è guadagnata sicuramente un bel posto in paradiso, prima di molti preti.”
L’ultimo loro miracoloso pensiero è questo “ L’Islam è un pericolo, l’Europa si sfascia e saremo tutti presto in ginocchia su un tappetino..” . Non lontani dunque dal Bush pensiero..
Ma voi, integralisti cattolici, perché integralisti siete ( lo scandaloso 8/1000, l’emettitore onnipotente di Radio Vaticano..) non siete lontanissimi dei vostri fratelli integralisti islamici.
Anche voi avete la pretesa di decidere per me :
-chi sono
-come devo nascere
-a che scuola devo andare
-che giornale devo leggere, che programmi tv guardare, che musica ascoltare, che film vedere
-chi devo amare (uomo ? donna ? testimonio di jehovah ?)
-Se e come mi devo sposare
-Come mi devo curare
-Come devo fare l’amore
-Come devo fare figli e come educarli
-Come devo pensare
-Come devo morire..
La sola parola “laico” vi fa rabbrividire e volete che il posto dove vivo, che si chiama Europa, abbia una costituzione che parla di voi, voi che siete in Europa solo ed esclusivamente una minoranza.
La causa del vostro declino non è l’Islam.
E insistere ancora nel 2005 con la costa di Adamo, il paradiso perduto, l’inferno, la Maria vergine prima e dopo il parto, la pesca miracolosa, lo spirito santo che visita Roma ad ogni morte di papa, il santissimo feto….
Siete voi stessi la causa del vostro declino e chi rappresenta e diffonde il vostro obsoleto pensiero : Ratzinger, Baget Bozzo, Soci, la Gardini, Buttiglione..
Capisco che vi dispiace abbandonare le rene del potere mentale dopo anni di vacche grasse ma sparirete, perché grattando grattando non si trovo in vuoi, una sana e consapevole volontà di rispetto, liberta, modernità e toleranza.
Per adesso continuate a ostentare il quasi cadavere della Fallaci. Siete recidivi.

Roberto bernardini 08.06.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Proposta (vecchia forse) Beppe Grillo in politica
cosi, forse qualcosa aggiusta ciao a tutti

fabio ferrarese 07.06.05 23:02| 
 |
Rispondi al commento

Da un po' di tempo sono un fedele lettore del
"blog" ed, in genere, condivido sia la lettera che lo spirito dei suoi contenuti. Ieri, però,
rientrando da una breve assenza da Milano, ho letto quanto pubblicato sull'Europositività
il 2/6 scorso e non posso far a meno di un
commento, anche perchè è un argomento a me ben
conosciuto e su cui ho una lunga ed approfondita
esperienza:
- il Trattato Costituzionale non è composto da
"400 pagine lunghe ed incompresibili", anche
se la sua lettura non è certo facile per tutti
senza una debita preparazione. La parte vera-
mente "costituzionale" del Trattato (Parti I^ e
II^) consta in tutto di 114 articoli (la
Costituzione Italiana ne ha 139 e quelle di
altri Paesi europei ancor di più). Il resto
(334 articoli) non è che il riassunto e la
semplificazione di migliaia di articoli accu-
mulatisi con i precedenti Trattati, ancor oggi
in vigore;
- gradirei sapere qual è il "pensiero unico
europeo": almeno esistesse, specie quando si
devono prendere decisioni fondamentali, quali
quelle concernenti la partecipazione o meno a
guerre ed eventi simili: è proprio quello che
oggi manca di più in Europa!
- chi tiene in ostaggio i cittadini europei che
in questi giorni hanno liberamente votato
(anche contro i loro interessi)?
- come si può dire, parlando del Trattato Costi-
tuzionale, che è mancato il parere delle per-
sone e che i popoli sono senza rappresentanza,
quando - per la prima volta nella storia - il
Trattato è stato elaborato non da soli diploma-
tici rappresentanti i governi, ma anche dai
rappresentanti dei popoli sia a livello nazio-
nale che europeo e sono stati consultati molti
esponenti della società civile? Solo la disin-
formazione esistente ai nostri giorni, malgrado
il moltiplicarsi dei mezzi di comunicazione,
e dovuta forse alla loro concentrazione in
poche mani "interessate", ha permesso un tale
errore;
- anche se insufficienti (ed il voto popolare lo
ha dimostrato), la semplicità e la chiarezza
(per quanto possibili) sono una delle principa-
li caratteristiche del Trattato, in confronto
a quanto è sempre avvenuto in passato.
Non dico nulla sulla prevista riforma della Costituzione Italiana, perchè condivido il fondo del pensiero espresso.
Certo, ora è tutto molto più difficile perchè bisogna ricominciare daccapo, ma non bisogna
perdere speranza: l'Europa ha già conosciuto
periodi di difficoltà, anche peggiori (si pensi,
per esempio, alla bocciatura del Trattato CED nel 1954 od alla politica della "sedia vuota" voluta da De Gaulle nel 1965). Si è sempre
trovata una via d'uscita, magari migliore di
quella abbandonata. L'importante, specie per chi
ha votato contro per avere di più e di meglio,
è ricordarsi che l'Europa progradisce a piccoli
passi, senza pericolosi salti in avanti: ben
coscienti ne erano i cosiddetti "Padri fondatori
cui dobbiamo la realtà di oggi, senza più guerre
ed odii, con una moneta ed un mercato unici,
liberi di stabilirci, lavorare e studiare dove
vogliamo, in attesa che anche nel mondo l'Europa
parli con una voce unica. E' questo,in verità,
quanto ci chiedono i cittadini europei!

marco piccarolo 07.06.05 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Da un po' di tempo sono un fedele lettore del
"blog" ed, in genere, condivido sia la lettera che lo spirito dei suoi contenuti. Ieri, però,
rientrando da una breve assenza da Milano, ho letto quanto pubblicato sull'Europositività
il 2/6 scorso e non posso far a meno di un
commento, anche perchè è un argomento a me ben
conosciuto e su cui ho una lunga ed approfondita
esperienza:
- il Trattato Costituzionale non è composto da
"400 pagine lunghe ed incompresibili", anche
se la sua lettura non è certo facile per tutti
senza una debita preparazione. La parte vera-
mente "costituzionale" del Trattato (Parti I^ e
II^) consta in tutto di 114 articoli (la
Costituzione Italiana ne ha 139 e quelle di
altri Paesi europei ancor di più). Il resto
(334 articoli) non è che il riassunto e la
semplificazione di migliaia di articoli accu-
mulatisi con i precedenti Trattati, ancor oggi
in vigore;
- gradirei sapere qual è il "pensiero unico
europeo": almeno esistesse, specie quando si
devono prendere decisioni fondamentali, quali
quelle concernenti la partecipazione o meno a
guerre ed eventi simili: è proprio quello che
oggi manca di più in Europa!
- chi tiene in ostaggio i cittadini europei che
in questi giorni hanno liberamente votato
(anche contro i loro interessi)?
- come si può dire, parlando del Trattato Costi-
tuzionale, che è mancato il parere delle per-
sone e che i popoli sono senza rappresentanza,
quando - per la prima volta nella storia - il
Trattato è stato elaborato non da soli diploma-
tici rappresentanti i governi, ma anche dai
rappresentanti dei popoli sia a livello nazio-
nale che europeo e sono stati consultati molti
esponenti della società civile? Solo la disin-
formazione esistente ai nostri giorni, malgrado
il moltiplicarsi dei mezzi di comunicazione,
e dovuta forse alla loro concentrazione in
poche mani "interessate", ha permesso un tale
errore;
- anche se insufficienti (ed il voto popolare lo
ha dimostrato), la semplicità e la chiarezza
(per quanto possibili) sono una delle principa-
li caratteristiche del Trattato, in confronto
a quanto è sempre avvenuto in passato.
Non dico nulla sulla prevista riforma della Costituzione Italiana, perchè condivido il fondo del pensiero espresso.
Certo, ora è tutto molto più difficile perchè bisogna ricominciare daccapo, ma non bisogna
perdere speranza: l'Europa ha già conosciuto
periodi di difficoltà, anche peggiori (si pensi,
per esempio, alla bocciatura del Trattato CED nel 1954 od alla politica della "sedia vuota" voluta da De Gaulle nel 1965). Si è sempre
trovata una via d'uscita, magari migliore di
quella abbandonata. L'importante, specie per chi
ha votato contro per avere di più e di meglio,
è ricordarsi che l'Europa progradisce a piccoli
passi, senza pericolosi salti in avanti: ben
coscienti ne erano i cosiddetti "Padri fondatori
cui dobbiamo la realtà di oggi, senza più guerre
ed odii, con una moneta ed un mercato unici,
liberi di stabilirci, lavorare e studiare dove
vogliamo, in attesa che anche nel mondo l'Europa
parli con una voce unica. E' questo,in verità,
quanto ci chiedono i cittadini europei!

marco piccarolo 07.06.05 18:12| 
 |
Rispondi al commento

…citazione da “Timeline” di Michael Crichton:
“L’antagonismo tra borghesi e nobili è al suo culmine in questo periodo. La gente comune non ne può più di dover pagare tasse e tributi per mantenere la classe dei cavalieri, anche perché, quando giunge il momento, i cavalieri non adempiono ai compiti stabiliti. Non sono in grado di vincere le battaglie per proteggere il paese.”
Per chi non conosce il libro il periodo in questione è il XIV° secolo…
Siamo nel XXI° e la cosa combacia perfettamente…

Marco Boschini 07.06.05 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente penso che il titolo conferito al giovane rossi sia la solita notizia più da rotocalco di moda che non da telegiornale serio, ma tant'è........ pazienza.

Io non penso ci siano persone preoccupate per il fatto che il titolo di studio "ad honorem" sia l'equivalente dello "scavalcare qualcuno che studia veramente".

Io credo che il giovane motociclista sia solo un giovane motociclista che ha notevoli capacità di coordinamento motorio, le quali ben allenate gli hanno dato la possibilità di diventare campione di motociclismo. Fine. Il soggetto in questione possiede abilità motorie, per queste è diventato campione di motociclismo, non per altre abilità. Quando si sente il nome di valentino rossi, si pensa ad una moto, a un casco, a una tuta da motociclista, alle veline e al cepu; non ad Harvard, o al MIT o alla Normale di Pisa.
Forse la laurea ad honorem serve anche per aggiungere questo nuovo connotato.

Il fatto è che ci sono pubblicitari bravi(ahinoi pochi), e pubblicitari subdoli, i quali hanno colto al volo la possibilità di veicolare il pensiero di tanti giovani che vedono nel giovane motociclista un esempio da seguire.
Da seguire nella scelta della marca di birre.
Da seguire nella scelta della marca di un casco.

E a me preoccupa questo, che è stato suggerito in questa discussione da qualcuno prima di me. Siamo sicuri che la AGV ora in versione schiavista(perché oggi creare filiali di produzione in paesi dove i lavoratori non hanno diritti significa creare schiavismo e null'altro), riesca a garantire gli stessi standard qualitativi che aveva prima di trasferirsi??????

Il giovane rossi è appunto giovane. Un giovane che, tolta la sua abilità di motociclista(che è notevole per carità), è un giovane come tanti altri. Uno che interpellato sulle polemiche relative alla sua laurea saprebbe solo rispondere "è tutta invidia".
Il conferimento della laurea ad honorem, oltre che strappato per i capelli, è palesemente l'ennesima manovra pubblicitaria, io le cosiddette vaticinate "abilità comunicative" non le vedo. Negli spot recita copioni, non monologhi scritti da lui.... dà il suo volto, non il suo pensiero. E' ben diverso, non credete???

Quindi chi in questa discussione manifesta sdegno per questa manovra pubblicitaria, non dà dimostrazione d'invidia a parer mio, ma solo di BUONSENSO.

Buon proseguimento a tutti.

P.S.
Anche io appoggio la proposta di un forum

Pasquale Efisio Pistis 07.06.05 02:07| 
 |
Rispondi al commento

Non sono mai andato in Cina a comprare: vino, magliette, orologi, giocattoli, computer, mouse, webcam, macchine fotografiche digitali e non, TV, videoregistratori, lampade, stampanti, letti, futon, materassi, cuscini, automobili, moto, caschi per la moto, soprammobili, macchine fotografiche, tessuti, telefoni, cellulari, quadri, vasi, scaffali, valigie, stendibiancheria, maniglie, poltrone, strumenti musicali, borse, portafogli, penne, matite, creme per il corpo, olii per la pelle, pasta, pomodori, pesci, scarpe, calze, mutande, cappelli. Giuro di avere tutte queste "cineserie" in casa, ma di non essere mai stato in cina. Son andato all'Ikea, all'Esselunga, da Benetton, Nike, Viceversa, Expert, Ricordi, Giocheria, Roncato, Zara, Armani, Telecom, Tim, AGV....
Ma perchè gli industriali continuano a lamentarsi della Cina? Perchè trasferiscono le produzioni in paesi lontani? Io non ci sono mai stato in Cina! Vi rendete conto che 205 famiglie dei lavoratori licenziati alla AGV contribuiranno a "non far girare l'economia"? Se in Italia non si lavora perchè non conviene economicamente come cazzo gira l'economia? E che razza di economia è se acquistiamo qualsiasi cosa dalla Cina e la rivendiamo come se fosse stata prodotta in Italia? Che cosa fanno le nostre industrie: i magazzinieri? Ma quanti managers abbiamo? Cos'è la specializzazione? Cosa fanno gli apprendisti? Perchè i migliori pizzaioli sono egiziani? Perchè i muratori sono albanesi ed i manovali rumeni? Perchè le zoccole arrivano dalla Ucraina? Perchè i magazzinieri sono marocchini? Perchè i senegalesi vendono CD prodotti a Napoli? Perchè i brasiliani montano i nostri mobili? Perchè i russi si comprano tutto? Io in Cina non ci sono mai stato, ma qualcuno si! Jopesh

Joseph Geraci 06.06.05 17:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho simpatia per Valentino Rossi, sembra un 'brau fiol', ma da qui a consegnargli una Laurea in Scienza della Comunicazione mi pare un pò troppo .. soprattutto alla faccia di chi se l'è sudata.
Poco fà anche Vasco si è visto consegnare una Laurea in Scienza della Comunicazione.

Ripeto, sia Valentino che Vasco mi stanno molto simpatici, ma consegnare una Laurea per ragioni di immagine e $$ ci toglie anche l'ultima piccola speranza di soddisfazione personale. Se anche la Laurea è qualcosa di 'acquistabile', il mito del grande fratello non potrà che spopolare sempre di più
.. stiamo attenti che fra un pò anche a Totò Riina consegneranno una Laurea in .. Criminologia

riccardo caserini 06.06.05 16:09| 
 |
Rispondi al commento

gentili signori,
da un po' di tempo si discute della faccenda italia/cina e se ne parla come se fossimo vittime di un popolo di gente perfida e cattiva.
premetto che la mia azienda importa prodotti dalla cina da circa trenta anni.
in molte nostre visite anche negli anni passati abbiamo assistito al carico sui container di prodotti di "griffe" italiana di ogni genere.
attenzione però!! non sto parlando di prodotti contraffatti ma di prodotti "italiani" commercializzati da presunti produttori del nostro paese!
allora la domanda è: con quale faccia oggi ci lamentiamo di un popolo che ha imparato DA NOI il mestiere e che oggi alza la testa e vuole vendere ai suoi prezzi?
non sarà il caso che gente come ad esempio i benetton che comprano da sempre le magliette in cina a pochi centesimi e le rivendono a 20 o 30 euro in italia si facciano un esame di coscienza?
è sicuramente vero che in cina lavorano in condizioni a dire poco disumane ma quanto incide sul costo di una maglietta? e quanto ha inciso la società autostrade sul prezzo delle magliette "italiane"?
la colpa del caro/euro è veramente dei commercianti? e se è così perchè gli industriali sono più ricchi dei commercianti?
perchè nessuno dice che la merce cinese permette anche alla povera gente di vestirsi?
grazie
luciano vianello

luciano vianello 06.06.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Ma ne abbiamo veramente bisogno???

È arrivata l’estate, e con l’estate il caldo torrido che da anni ormai caratterizza la città di Milano.
E i Milanesi?
Si occupano principalmente della cosa che riescono a fare meglio.
Lavorare?
No, l’altra cosa: lamentarsi istericamente.
In effetti è un’attività che svolgono durante tutto il corso dell’anno, ma diciamo che con i primi caldi le connessioni neurali probabilmente si surriscaldano e si comincia ad esagerare.
Alle prime avvisaglie di aumenti della temperatura i telegiornali ci convincono con insistenza martellante che stiamo vivendo l’estate più calda degli ultimi venti, trenta, quaranta e anche cinquant’anni, e cosa fa la gente? Si lamenta.
A parte che mi chiedo come ci possa essere ancora gente che crede al 100% alle notizie dispensate dai telegiornali, e come ci si possa sempre e solo lamentare senza porsi domande.
Non si vuole che piove, non si vuole faccia freddo, non si vuole ci sia il sole e non si vuole che ci sia caldo, però si rimpiangono i tempi in cui l’inquinamento non ci aveva ancora portato via le quattro stagioni.
Si vuole tutto e nel caso lo si abbia non lo si vuole più, a seconda di quello che la televisione ci impone di volere.
Ora torniamo alle prime avvisaglie di caldo.
A Milano, ma ormai credo sia lo stesso quasi ovunque, tutti si preparano alla corsa per l’aria condizionata, questo grande strumento tecnologico che “salverà le nostre vite da un caldo opprimente”.
Nell’ufficio in cui mi trovo a dover lavorare, l’hanno già messa in funzione da almeno dieci giorni e io ho cominciato ad avere i bollori dal nervoso.
Ho a che fare con ragazzi di vent’anni che si lamentano per il troppo caldo, che sembrano non poter sopravvivere senza l’aria condizionata, con personaggi idioti che nonostante le temperature in aumento si ostinano a venire in ufficio in giacca e cravatta, con pazzi suicidi che arrivando in ufficio sudati spalancano i bocchettoni regolandoli al massimo.
Ora io mi domando, la razza umana si è evoluta tra milioni di problemi, in ambienti spesso avversi e in continuo cambiamento, ha vinto su tante malattie e si è adattata alle condizioni più disparate, dai poli all’equatore troviamo impronte conosciute, ma è possibile che veramente sudare un po’ per le temperature estive possa nuocerci a tal punto da non poter più fare a meno di chiuderci in frigoriferi ermetici che invece di preservarci ci provocano più danni di quelli da cui dovrebbero proteggerci?
Perché nessuno vuole più sudare?
Al contrario dell’aria condizionata che, come ormai è appurato, ma forse tanti non sanno o preferiscono ignorare, fa male, il fatto di sudare è una reazione naturale all’aumento esterno di temperatura e aiuta ad eliminare le tossine, in poche parole:fa bene.
L’aria condizionata provoca danni, spesso anche gravi, alla circolazione sanguigna e alla respirazione. Favorisce la formazione di germi e batteri che noi respiriamo e che provocano quello ormai conosciuto come il morbo del “legionario”, una forma di polmonite, o alcune forme di asma e di allergie.
Queste cose si sanno ma non vengono pubblicizzate abbastanza e intanto la gente sta male e si indebolisce e chi produce queste armi improprie si arricchisce.
Come è possibile che un ragazzo di vent’anni possa non sopportare di sudare?
Perché se fa caldo l’idiota in giacca e cravatta non si toglie la giacca e la cravatta e si sbottona almeno il colletto per far circolare aria tra le cellule celebrali?
Perché chi suda e vuole rinfrescarsi non si porta una maglia asciutta e pulita di ricambio?
Sono soluzioni troppo semplici per essere prese in considerazione?
Mi chiedo come facesse mio nonno più di cinquant’anni fa in tempo di guerra a proteggersi dal grande caldo afoso estivo. Forse c’era anche allora chi soffriva e moriva per il caldo, ma forse c’era anche una televisione che certe cose non ce le faceva vedere e la gente prendeva certi eventi come dati di fatto, delle situazioni normali e naturali.
Qualcuno spesso mi dice che ormai non è più come una volta. Vengo quasi deriso quando affermo che in passato non esistevano nelle case e nei casermoni che fungono da uffici gli impianti di condizionamento. Eppure si tirava avanti. Se ci si lamentava lo si faceva per problemi veri, concreti.
Ora ci fanno respirare aria gelata negli ambienti interni e buttano aria bollente all’esterno provocando un ulteriore innalzamento della temperatura, fattori che contribuiscono insieme all’inquinamento, alla creazione di un microclima da cui si può scappare solo spostandosi in posti dove i condizionatori non fanno ancora parte della vita quotidiana di tanta gente.
Mi si guarda come si guarderebbe un marziano, eppure sono dati di fatto, scientificamente provati.
Stessa situazione quando affermo che già ai tempi dei faraoni o dei romani esistevano metodi naturali e molto più brillanti di proteggersi dal forte caldo o dal forte freddo, basterebbe documentarsi un po’ per saperlo, con internet oggi sarebbe un attimo. Ma forse sarebbe anche troppo intelligente e oggi l’intelligenza non paga.
Ho colleghi che impazziscono senza aria gelata che gli raffreddi la pelle, alcuni sono convinti di sentirsi svenire, di non riuscire a respirare, e poi la sera si lamentano per dolori e mal di testa.
Io mi lamento per gli stessi malesseri, ma almeno tento di proteggermi da questo “rimedio” che ci fa più male che bene.
E poi pensavo, forse per un difetto di carattere mi trovo spesso a pensare, sono un fumatore e da un po’ di tempo a questa parte grazie alle nuove leggi in vigore sono stato bollato quasi come un delinquente e come tutti gli altri che come me hanno questo vizio che nuoce a me e a quelli che mi stanno vicino, mi ritrovo costretto a dover consumare il nostro vizietto solo all’aperto. Si può essere d’accordo o meno con le scelte fatte, ma se i non fumatori vengono tutelati da una cosa che a tutti gli effetti fa loro del male, perché con quelli come me che odiamo l’aria condizionata, che stanno male con l’aria condizionata, non si può fare la stessa cosa.
Perché se chiedo di essere tutelato da una cosa che è provato nuocere alla mia salute vengo deriso come uno matto da legare?
Se si vuole essere coerenti, nei luoghi comuni dovrebbero esserci aree attrezzate per chi come me non vuole star male per qualcosa che altri scelgono di fare, è la stessa logica!

Concludendo, non voglio essere quello che va contro tutto e tutti, quello che va contro il progresso e contro le nuove tecnologie, ma mi piacerebbe vedere usare il cervello in modo coerente alle proprie potenzialità.
Posso capire se una vecchietta di novant’ani chiede un ambiente fresco per poter respirare in modo più agevole, posso capire che negli ospedali si tenga una temperatura accettabile e costante per aiutare i malati, ma veramente mi riesce difficile accettare di dover star male, perché un ragazzo di vent’anni non vuole macchiare la propria maglietta di sudore o perché un idiota deve dimostrare di essere importante solo perché indossa una giacca e una cravatta!

Riccardo Saccotelli 06.06.05 01:42| 
 |
Rispondi al commento

Oltre al fatto gravissimo del licenziamento "205 famiglie", un altro grave problema sarà la sicurezza di questi caschi costruiti in Cina. Siamo davvero convinti che gli standard qualitativi saranno mantenuti? Gli AGV erano caschi eccezzionali, continueranno ad esserlo?
Sono un motociclista convinto, tanto che giro tutto l'anno in moto, ed il tema della sicurezza mi sta particolarmente a cuore; tanto più che giornalmente per motivi di lavoro, sono a contatto con pazienti in coma.

Luca Giraldi 05.06.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Permettetemi di dire una cosa,Al di la di tutto , Valentino Rossi e in ogni caso seguito da un manager,e quando un ragazzo si trova al successo gia all eta di 14 o 15 anni di sicuro non sa come puo essere la vita reale intorno a se.Apprezziamo il campione per quello che ci da sulla pista, e un ragazzo che come tanti altri in questo sport, rischiano veramente la vita attimo per attimo, donando poi la propia esperienza per migliorare moto messe in vendita per il pubblico, come anche i pneomatici e tutto il resto. E verissimo il fatto che sia milionario, ma se uno che da 4 calci ad uno stupido pallone prende ogni anno 5 10 15 milioni di euro,uno che guida a 350kmh quanto deve prendere??Questo sport esiste e va rispettato come va rispettato anche il campione Valentino, se poi vogliamo cominciare con le morali, allora cominciamo dal governo,riduciamo le importazioni della merce cinese, facciamo visionare dalla guardia di finanza tutti gli scantinati dolve lavorano sti benedetti che fanno 14 15 ore al giorno senza essere messi in regola, non pagano tasse via discorrendo,in america esiste chinatown ma li i cinesi hanno un nome un cognome e pagano le tasse,tutti quelli che invece sono in italia,la maggior parte sono clandestini e lavorano initerrotamente per "qualcuno" che dite li verifichiamo??denunciamo gli scandinati dove ce tanto lavoro nero??se i cinesi pagano le tasse se i cinesi hanno gli operai in regola nelle propio fabbriche nere in italia, di sicuro non potranno piu fare concorrenza ai produttori Italiani, e non diamo colpa ad un pilota eccelente se lo stato Italiano e diventato una latrina.

Domenicoi Maella 04.06.05 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Maria De Filippi e Costanzo: gli emblemi italiani dello sfruttamento dei sentimenti e della distorsione della realtà in fatto di amore, raggiungimento della fama, lacrime scaturite da lettere lette durante le trasmissioni (e scritte da chissà chi), avanzamento di falsi e improbabili ideali, messaggi irreali alla gioventù italiana, costruzione patetica di storie e tradimenti fra coppie, creazione di modelli il cui messaggio principale non va altre la promozione di libri del tipo "Desnudo", sfruttamento di scioperi della sete e della fame di Pannella durante la trasmissione "Buona Domenica" con aggiunta di telefonata di Ciampi, organizzazione di svariati quanto sospetti matrimoni fra personaggi del grande fratello, ricongiungimento (reale?) di fratelli, parenti o famiglie distrutte mirato all'innalzamento dell'audience televisivo, uso improprio dei muscoli e del cervello di Costantino come esempio per gli adolescenti, uso improprio dell'immagine delle donne avute da Costantino come abbassamento della dignità femminile, uso improprio dell'espressione "vero amore" in ambito di tradimenti, ammiccamenti, scambi di coppia e gelosie isteriche, utilizzo incosciente delle capacità artistiche di giovani, parte dei quali sono finiti nel gregge di "Buona Domenica" a fare i salti in alto... Sono lontani i tempi del MCS, di quando si parlava di cose serie! No, qualcosa di utile è rimasto: trovare, ogni tanto, un nuovo padrone a qualche presunto cane abbandonato portato negli studi di "Buona Domenica"... Senza nulla togliere ai cani abbandonati: quelli veri!

Alessio Fortino 04.06.05 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Guido Meda alle prove del moto gp del 5 giugno 2005:

"E' vero che ci sono stati 250 licenziameti ma ci sono tante altre persone che lavorano e se non fosse per Valentino Rossi probabilmente i licenziamenti sarebbero maggiori,sarebbe quindi una gran perdita perdere Rossi come immagine per l'azienda"

NOTA IMPORTANTE... purtropppo per limiti della mia memoria non è una citazione fedele,ma grosso modo quello che ha detto e lasciato intendere.

Lorenzo Ciaravola 04.06.05 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Credo che a Valentino Rossi non importi nulla dei 205 dipendenti licenziati, lui fa quello che ama e guadagna miliardi, il resto non conta perchè anche ai suoi tifosi non interessa nulla.

marco dalmasso 04.06.05 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Parlando del caro Euro (per me, l'Euro c'entra poco)visto che tanti hanno approfittato al momento opportuno portando tutto cio' che costava 1000 lire, a 1 Euro e in alcuni casi sono andati ben oltre il doppio; io questo fenomeno lo combatto a modo mio. Mi spiego : quando vedo dei prodotti che hanno visibilmente un prezzo elevato, decido di privarmene e pertanto non li acquisto. E' vero le situazioni sono disparate. Anche se la mia posizione economica mi permetterebbe di scialacquare tranquillamente, per principio metto in atto quanto poc'anzi detto; in sintesi se ognuno di noi (ove e quando possibile) si comportasse cosi, sicuramente i prezzi calebbero, eccome! In sintesi, il mio messaggio e'che il potere e' nelle nostre mani (il popolo)e non solo sui prezzi.

Giovanni Greco 03.06.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Avete letto il mio appello?
questa è la prima mail che potremmo prendere di mira:
callcenter@giustizia.it
ma servirebbero mail + dirette, con un maggiore potere di penetrazione, trovatele se riuscite...
Buona giornata a tutti.
Aderite all'iniziativa.

Marcello Mariano 03.06.05 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Il Dr. Valentino Rossi credo sia diventato oramai un veicolo di pubblicità regresso. Non credo sappia nulla del suo casco, ma spero che questo nostro sforzo comune lo induca ( tra una derapata e l'altra ) a riflettere sul pericolo giallo..
Vale facci vedere quanto vali

Vito Catone 02.06.05 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Non credo tanto al "politico" Grillo sia perchè sarebbe una voce soltanto e sia perchè si farebbe "imbrigliare" come è successo a tanti.
<credo in un progetto che parta da un movimento con tanti coinvolti e che in futuro potrebbero essere più di uno.
Allora sì! La Forza!

Alfonso Privitera 02.06.05 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Vivi la vita senza compromessi e così facendo sarai libero di vivere e l'unico compromesso sarà quello che dovrai dare a te stesso.
E in realtà tu sei gli altri e gli altri sono te:
Rispetto per te stesso = rispetto per gli altri, rispetto per gli altri = rispetto per te stesso e così via fino all'infinito.
Proporzione dare avere: (Come dico io)2:20=(attuale)1:1;
Equivalente di 2=20 e cosi via;
Cioè più dai più avrai(es.: "Gli amici si vedono nel momento del bisogno" ed è tutto ciò che ci vuole in questo momento) dimostrato matematicamente e si sa la matematica non è un'opinione.
Conseguenza: Cambiamento esponensiale in positivo sempre in meno tempo e più tempo avrai per vivere la tua vita: Vivere la vita = Libertà
(Vedi sopra).

Mauro Coppola 02.06.05 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Quoto tutto quello che ha detto Jean Gasperi, sottolineando però 2 punti che forse voi di questo blog non avete afferrato:

1) una laurea ad honorem non è ASSOLUTAMENTE una laurea vera; non si può partecipare ai concorsi, non vale alle selezioni personali. Insomma è un riconoscimento con il quale ci si può solamente fregiare del titolo di Dott.

2) questa operazione è ovviamente idea dell'università di urbino per grosso ritorno di pubblicità che avrebbe avuto, pubblicità che in questo momento è molto importante visto che è in un periodo di crisi finanziaria nera. Chi sta protestando ha pensato che delle persone che stanno studiando seriamente potrebbero non laurearsi?

3) molte di quelle persone dicono anche "che bello, hanno laureato pure uno che incita i ragazzi a bere birra". Beh, questa non la commento proprio perchè mi fa solo ridere. C'è dell'invidia in questo forum nei confronti di persone che prima erano come noi, poi invece di lamentarsi hanno dato il massimo e grazie a tanti sacrifici ce l'hanno fatta.

Antonio Corrado 02.06.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

...mah.
Io ancora ancora capisco la laurea a Vasco, che tutto sommato ha trovato un modo di comunicare che gli permette di colmare uno stadio di persone che lo vanno ad ascoltare. Non capisco che cosa ha fatto in questo senso Valentino Rossi, che giustamente, guidando una moto molto bene, ha già ottenuto tutte le onorificenze del caso.

Alessandro Gatsis 02.06.05 01:26| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiamo Lucio Rossi, ho 29 anni e per Laurearmi in Ingegneria Elettronica mi sono fatto un culo così! Sono vincitore di una borsa di dottorato da 800 euri al mese (+o-) elargiti chissà perchè solo una volta ogni due mesi con i quali cerco di pagare l'affitto... Mi chiedo... Perchè nessuna major discografica o scuderia motociclistica si è ancora fatta avanti per offrirmi i soldi di Vasco o di Valentino???Sarebbe un bel modo per riportare un pò di equilibrio in questo paese di guitti e affaristi, dove i nuovi eroi sono solo campioni di ignoranza (vedi blog sul calcio)!!! Tenete duro...

Lucio Rossi 01.06.05 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Madonna quanta mal posta acredine per una laurea honoris causa! E' solo un riconoscimento, state tranquilli non la userà per rubarvi il lavoro, non manderà un curriculum da laureato, non preoccupatevi. Valentino Rossi ha molto a che fare con la comunicazione, e non solo perché pubblicizza una birra o porta sulle carene sponsor tabaccai. Grazie a lui e alla sua innata verve il mondo del Motomondiale ha ricominciato ad attirare sponsor, a funzionare, a fare audience e questo significa partecipazione di aziende, peraltro anche italiane (Aprilia, Ducati, Gilera)che investono, assumono, vendono e dunque fanno girare l'economia. Se ci fossero stati solo bravi piloti poco interessanti tutto ciò non sarebbe successo ergo Valentino Rossi è direttamente correlato col mondo della comunicazione e se l'Università di Urbino gli offre la laurea ad honorem non fa una piega. E' giovane, è il migliore in assoluto, è italiano e porta in giro per il mondo l'Italia che vince. Ma qualcuno s'incazza per la laurea fittizia, per carità... Ah, laureandi in Scienze della Comunicazione, sapevate che il posto più ambito e dunque caro per far pubblicità sui motociclisti è la chiusura frontale della tuta? Lui da quando corre riserva quello spazio a WLF ossia w la figa. Orrore, pubblicizza le birre, si laurea "gratis" e fa pure lo spiritoso volgare! Per quanto concerne la AGV scriviamogli in massa come dice un altro bloggista magari mette una buona parola per quei 180 poveracci, o magari passa a Shoei, Arai, Suomy etc... tutte marche orientali al 100%.

Jean Gasperi 01.06.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento

cercavo, nelle città dove hai fatto i tuoi spettacoli, una in Sardegna.
Non c'è ne una.
Ma qui ci vieni solo per le tue vacanze?

vinicio contu 01.06.05 17:11| 
 |
Rispondi al commento

sono da circa 2 anni alla ricerca di un posto di lavoro per le mie 2 figlie e mi sono fatto un'esprienza sia su internet che sui giornali e ti posso dire che sulla disoccupazione giovanile cè un grande bussiness, per no dirti sul lavoro interinale fatto sta che ho proposto a molti giovani interninali che ho visto passare nel mio ufficio di creare un sito internet dove si potevano iscrivere tutti gli interinali d'Italia (www.interinalinculati.it) che ne pensi l'oro sarebbero d'accordo ma non sanno come fare .
ciao

enzo cruciani 01.06.05 16:58| 
 |
Rispondi al commento

-Valentino come fa la tua moto?
-BRUMBRUMBRUM.
-E cosa bevi quando vai in moto?
-BIRRA ,BIRRA,BIRRA E POI BIRRA,
-E non hai paura di cadere?
-NO PERCHE' CON LA BIRRA GUADAGNO SOLDI
-Bravo Valentino hai meritato la laurea specialistica honoris causa in "COMUNICAZIONE E PUBBLICITA' PER LE ORGANIZZAZIONI"

gianni vitali 01.06.05 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Valentino Rossi ha detto che per ottenere la Laurea ad honorem in comunicazione e pubblicità ha scelto la strada più difficile: vincere sei mondiali. Quindi per laurearmi e diventare assistente sociale è sufficiente che io impari ad andare in moto? O magari, essendo donna, devo vincere sei gare di cucina? Scusate ma le lauree ad honorem le concepisco se motivate....

Silvia Alluto 01.06.05 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Con l'avvicinarsi della data per il referendum sulla fecondazione assistita e in generale "sulla sorte dell'embrione", non ho ancora avuto modo di capire con chiarezza da che parte stia Beppe.
Vista l'importanza che molti di noi danno alla sua PRESA DI POSIZIONE, stella polare nella nebbia dei nostri tempi, vorrei invitarlo a prendere posizione e schierarsi, in modo chiaro e palese anche sul blog, dalla parte di chi voterà per la salvaguardia dei diritti dell'uomo.
Beppe, fottuto l'embrione fotteranno l'aborto e poi il divorzio. E' solo l'inizio. Calate le ombre, per far ritornare la luce, ricominceranno a bruciare le streghe.
Batti un colpo Beppe, magari sarà una manciata di "SI" conquistati da te a renderci la vita migliore.

Con fiducia e stima.

Marco Bernardini

marco bernardini 01.06.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento


Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA' e senza astenuti (ma và?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa 1.135,00 al mese.
Questo mi fa capire che la differenza ideologica fra destra e sinistra non c'è più,è una balla,
perchè l'unico scopo per cui i parlamentari stanno sulle loro poltrone è SOLO il profitto economico!

Inoltre la mozione,come se non bastasse, è stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali.


STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE

STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese

PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)

RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese

INDENNITA' DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00)

+

TELEFONO CELLULARE gratis

TESSERA DEL CINEMA gratis

TESSERA TEATRO gratis

TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis

FRANCOBOLLI gratis

VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis

CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis

PISCINE E PALESTRE gratis

FS gratis

AEREO DI STATO gratis

AMBASCIATE gratis

CLINICHE gratis

ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis

ASSICURAZIONE MORTE gratis

AUTO BLU CON AUTISTA gratis

RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per ora!!!)

Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l'auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)

La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.

La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!

queste informazioni possono essere lette solo attraverso Internet in quanto quasi tutti i massmedia rifiutano di portarle a conoscenza degli italiani......

Questo è il testo di una e-mail che sta circolando nel web, ma possibile che non si possa fare nulla per "limitare" i nostri parlamentari?

Domenico Baronio 01.06.05 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Ieri hanno conferito una laurea in comunicazione e pubblicità a Valentino Rossi.Si è voluto quindi riconoscere un grande merito che ha:quello di incitare i ragazzini a bere birra!
Complimenti!

Simona

Simona Manghi 01.06.05 08:24| 
 |
Rispondi al commento

Mi ritrovo in questo spazio finalmente ... uno spazio dove posso sfogarmi con il mio più "caro amico" Beppe Grillo; sperando che questa mail arrivi a destinazione.
Il "finalmente" di prima si riferisce a quando il sito beppegrillo.it trattava altri argomenti e non apparteneva al comico-drammatico :) Sig. Grillo.
Sono un ragazzo di Bari,27 anni e qui al sud come tutti sanno c'è disoccupazione e circa 2 mesi fa mi sono recato in una ricevitoria per tentare la fortuna con il Lotto.
Ho giocato l'estratto determinato su Bari e Napoli con importo TOTALE 2€ e la mia intenzione quindi è stata di spendere 4€ (dato che le ruote sono due)ma ... erroneamente annerisco la casella 200€ in direzione del primo estratto determinato e quindi la giocata mi costa 400€!!!
Questo perchè era il primo giorno che si poteva scommettere sulla posizione del numero estratto e non conoscevo per bene il regolamento; inoltre se analizziamo la nuova scheda LOTTOMATICA, credo che sia una trappola dato che la tabella degli estratti determinati è separata dalla prima che ha come intestazione i vari importi delle possibili giocate.
Per questo quando ho annerito la prima casella dell'estratto determinato, questa si è ritrovata in direzione dei 200€ della tabella di sopra.
Ora considerando che 400€ riesco a metterli da parte in un anno dato che studio e non lavoro, mi chiedo COME FACCIO A PAGARE?
Caro Beppe, (scusa se mi permetto ma dopo aver visto i tuoi spettacoli come si fa a darti del lei?! SEI UNO DI NOI),secondo te è normale rendere valida una giocata dove sul totale è annerito 2€ e nella specifica della giocata c'è 200€ (nel mio caso in maniera erronea)?
Il tabaccaio mi ha detto che la LOTTOMATICA funziona così e cioè da per buono l'importo più alto annerito e allora mi chiedo: A COSA SERVE LA RIGA DEL TOTALE???...forse a prendere per i fondelli gli italiani sperando che sbaglino???
E' ASSURDO TUTTO QUESTO, E' COME SE VADO IN UN SUPERMERCATO, IL TOTALE E' 10 EURO E NELLA SPESA C'E' UN PRODOTTO CHE COSTA 20.
Non voglio dilungarmi ancora ma voglio precisare che la giocata è stata fatta la mattina del mercoledì ed io sino alle 20 non sono riuscito a far annulare la giocata perdendo una giornata tra Finanza e Polizia e nessuno ha saputo tutelarmi mandandomi da un ufficio all'altro.
W LA BUROCRAZIA ITALIANA.
Inoltre mi chiedo se il tabaccaio era tenuto a chiedermi conferma sulla giocata o non ha colpe, mah...!
Infine voglio concludere dicendo che POSSIBILE CHE NEL 2005 CON TUTTA LA TECNOLOGIA CHE CI CIRCONDA NON E' POSSIBILE ANNULLARE UNA GIOCATA???
Grazie per l'attenzione, un abbraccio.

PS: ad oggi non ho pagato un euro al tabaccaio anche se di tanto in tanto mi chiama per ricordarmi che devo saldare il debito dato che quel giorno risolvemmo dicendo che l'avrei fatto con rate da 50€ mensili ma, il tutto senza firmare nulla.

Angelantonio Cafagno 01.06.05 01:39| 
 |
Rispondi al commento

chi si ricorda quando Prodi ha regalato l'Alfa Romeo alla Fiat?? Non aveva sicuramente fatto gli interessi dell'iri.. chi mi sa dire dove posso trovare documenti certi su tutta la vicenda?? vi ringrazio..

fabio garau 01.06.05 01:09| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe, non mollare mai!! Grazie a te chi non ha l'informazione la ottiene. Spero che ogni giorno, la gente che apra gli occhi sia sempre di più di quella che ottusamente si guarda intorno convinta che questo mondo sia giusto cosi!!

Gianluca Sorrentino 31.05.05 22:34| 
 |
Rispondi al commento

dovrebbero esistere almeno 100.000 beppe grillo
per poter mandare a casa tutti coloro che stanno incasinando il mondo. sei un grande. f.to losito gerardo. Torino

gerardo losito 31.05.05 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Incedibile, Valentino Rossi si ritrova laureato...in "Comunicazione e Pubblicità" ( http://it.sports.yahoo.com/050520/8/88zp.html ) .
Dopo Vasco ( http://www.tuttogratis.it/musica_gratis/vasco_rossi/ ) anche a Valentino è arrivata una bella laurea, a questo punto mi chiedo chi spiegherà ai figli o nipoti che nella vita è importante studiare ( una volta si sperava di avere un figlio laureato, adesso si spera in un calciatore?).
Dare lauree honoris sembra diventato una moda, o una forma di pubblicità. Ma gli studenti che ne pensano? ha senso studiare per una laurea che viene regalata (non ha Dario Fo o a Enzo Ferrari) a personaggi pubblici.
Onestamente a me sembra si stia esagerando un tantino.....andando avanti cosi Nando Orfei lo facciamo veterinario ?

matteo pini 31.05.05 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto grazie per lo spazio concessomi. Ho visto il tuo spettacolo ad ancona e l'ho molto apprezzato. Volevo sapere se è legale che in caso di infrazione al codice della starada esistano 2 tariffe ?: se pago la multa normale mi scalano i punti, se pago la multa il doppio non mi scalano i punti
Ma è possibile ?

Grazie

Corrado Novelli 31.05.05 20:04| 
 |
Rispondi al commento

ciao grandissimo beppe mi chiamo marco e sono un tuo grande fan....mi piacerebbe ricevere una tua foto con dedica al seguente indirizzo:
PLANET COMPUTER
VIA F.LLI CARLE 54/B
10129 TORINO
GRAZIE..CIAO

marco moramarco 31.05.05 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Amo il calcio, è lo sport più bello ed emozionante.
E mi stanno sulle balle quelli che odiano il calcio perchè quelli che parlano (solo) di calcio sono dei coglioni. Bella scoperta.
E' come odiare la poltica perchè ci sono i politici, odiare la filosofia perchè c'è Gianni Vattimo e odiare l'arte perchè c'è Sgarbi.
Francamente da Grillo mi aspettavo di più. Sembra una roba pensata (non scritta, perchè non sta bene), dalla Lina Sotis.

paolo ascari 31.05.05 16:56| 
 |
Rispondi al commento

era già abbastanza diseducativo qundo pubblicizzava la birra, bevanda alcolica per eccellenza.
consigliava a tanti giovani di bere in barba all'educazione.
che si può pretendere..?

luigi achilli 31.05.05 16:11| 
 |
Rispondi al commento

era già abbastanza diseducativo qundo pubblicizzava la birra, bevanda alcolica per eccellenza.
consigliava a tanti giovani di bere in barba all'educazione.
che si può pretendere..?

luigi achilli 31.05.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

ci prendono in giro in una maniera incredibile da una parte chiedono i dazi e poi vanno a produrre in cina a prezzi stracciati rivendendo a prezzi da usura con il governo che sta a guardare è una vergogna per quello che si definisce un paese civile, ma quale civiltà per piacere questo è il paese del tirarlo in tasca ai cittadini

alessio montini 31.05.05 15:56| 
 |
Rispondi al commento

volevo ringrziare Beppe Grillo

giorgia lazoni 31.05.05 15:17| 
 |
Rispondi al commento

A qualcuno ho letto dispiace per i lavoratori della AGV - bè ovvio mica hanno chiusop la Sua azienda -, ma il giovane, tenero, Centauro Campione che dopo la birra e l'incentivazione all'aumento del tasso alcolico fra i suoi fans,come fa ora a preoccuparsi di 215 dipendenti o giù di li - e l'indottoche fine ha fatto -, ha problemi più seri come sparare stronz... nei vari talk show, al microfono, ad indossare il tricolore per non prendere freddo alla schiena - poverino è sudato -, ed inoltre lui sa che se poi se la comprano i Cinesi lui la stessa struttura fisica dei cinesi la possiede e porebbe trovarcisi molto meglio, sopratutto dal punto di vista del portafoglio.....!Poverini , ma il Berluska dice che in Italia ci sono sempre meno disoccupati....!W l'Italia

Fabio Ceteroni 31.05.05 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono un dipendente di PosteItaliane.Vorrei porre l'attenzione sulla cosiddetta privatizzazione (che per me è una illusione collettiva).Innanzitutto, quando una società cambia ragione sociale (in questo caso da Ente Pubblico Economico a S.p.a.)deve licenziare i dipendenti,liquidarli(!) ed eventualmente riassumerli e tutto ciò in Poste non è successo.Seconda cosa:l'anticipo del TFR (liquidazione).Una società privata è obbligata dalla legge ad anticipare a richiesta dei suoi dipendenti il TFR, una società pubblica no (e naturalmente i dipendenti di Poste possono farsi anticipare la liquidazione solo in casi tremendi tipo malattia grave, acquisto casa, ecc.).Terzo e più importante motivo:propietà del capitale.Come può dirsi privata una società il cui capitale è per il 35% in mano a Cassa Depositi e Prestiti (Ministero del Tesoro) e il restante 65% in mano al Ministero delle finanze?Grazie.Buon lavoro Beppe e grazie.

Giovambattista Camia 31.05.05 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un tifosissimo di Valentino e non credo che dobbiamo colpevolizzare lui se usa caschi agv ma il sistema e lo Stato che non agevolando le imprese le lasciano andare via in questo modo.
Sapete qual'è lo sponsor tecnico della Nazionale di calcio? La PUMA.
La PUMA annovera tra i suoi giocatori/vetrina campioni del calibro di Buffon, Cassano, Eto'o, Cocu, Ljungberg, Pires e tanti altri.
Sapete dove vengono fatti i prodotti della PUMA? In CINA!!! Ma sopratutto non sapete come vengono trattati i lavoratori di queste fabbriche.
Il fornitore della PUMA si chiama Pou Yuen, un colosso da 30.000 dipendenti. In un intero stabilimento, l'impianto F, 3.000 (dico TREMILA!!)operai fanno scarpe sportive su ordinazione per la multinazionale tedesca. La lettera di un operaio descrive la sua giornata-tipo nella fabbrica. "Siamo sottoposti a una disciplina di tipo militare. Alle 6.30 dobbiamo scattare in piedi, pulirci le scarpe, lavarci la faccia e vestirci in 10 minuti. Corriamo alla mensa perché la colazione è scarsa e chi arriva ultimo ha il cibo peggiore, alle 7 in punto bisogna timbrare il cartellino sennò c'è una multa sulla busta paga. Alle 7 ogni gruppo marcia in fila dietro il caporeparto recitando in coro la promessa di lavorare diligentemente. Se non recitiamo a voce alta, se c'è qualche errore nella sfilata, veniamo puniti. I capireparto urlano in continuazione. Dobbiamo subire, chiunque accenni a resistere viene cacciato. Noi operai veniamo da lontani villaggi di campagna. Siamo qui per guadagnare. Dobbiamo sopportare in silenzio e continuare a lavorare. (...) Nei reparti-confezione puoi vedere gli operai che incollano le suole delle scarpe. Guardando le loro mani capisci da quanto tempo lavorano qui. Le forme delle mani cambiano completamente. Chi vede quelle mani si spaventa. Questi operai non fanno altro che incollare... Un ragazzo di 20 anni ne dimostra 30 e sembra diventato scemo. La sua unica speranza è di non essere licenziato. Farà questo lavoro per tutta la vita, non ha scelta. (...) Lavoriamo dalle 7 alle 23 e la metà di noi soffrono la fame. Alla mensa c'è minestra, verdura e brodo. (...) Gli ordini della Puma sono aumentati e il tempo per mangiare alla mensa è stato ridotto a mezz'ora. (...) Nei dormitori non abbiamo l'acqua calda d'inverno".
Allora signori cominciamo a boicottare noi stessi i prodotti della PUMA e sullo stesso piano si trova anche la TIMBERLAND, e cerchiamo di sensibilizzare la nostra federazione di calcio a non far sponsorizzare la nostra nazionale da questi mascalzoni!!!

Piero Giardino 31.05.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Signor Grillo,

è possibile, che con tutti le varie antenne, celle, per i cellulari, non si riesca a parlare in modo da ricetrasmittente, usando le antenne come ponti, senza dover pagare costi alti???
Grazie.

danilo bogdanovich 31.05.05 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Cerco aiuto. Vorrei collegare un PC-Sony modello VGC-V2M con un televisore Samsung-LCD.E' possibile? Qualcuno c'è riuscito ?

Grazie.

sante.casali 30.05.05 21:13| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo moltissimi post che non c'entrano niente. Cosa vogliamo raccontare a valentino rossi che si fa sponsorizzare dalle sigarettine e dai birrini dopo tutte le arcimenate sui cancraccio e l'alcolismo?
A me non me ne frega una benemerita di valentino rossi, ancora una volta un'idolo minorato.

giovanni ca 30.05.05 20:17| 
 |
Rispondi al commento

dai vale, mi piace molto come ti comporti sui circuiti sportivi, facci vedere che ti stà a cuire un pochino anche la gente che ti segue e che hai appassionato.

roberto seghizzi 30.05.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

********A TUTTI I PROTESTANTI********

IT-ALT.FAN.BEPPE-GRILLO

FINALMENTE MI E' STATA APPROVATA LA RICHIESTA PER IL NG.
E' GIA' POSSIBILE SCRIVERCI.
TUTTI COLORO CHE HANNO QUALCOSA DA DENUNCIARE O DA CHIEDERE E SI ASPETTANO UNA RISPOSTA DA QUALCUNO E' OPPORTUNO CHE OLTRE A POSTARE QUI', POSTINO ANCHE DI LA'.
PER CHI NON SA COS'E' UN NEWSGROUP O PER CHI NON SA DOVE CERCARLO:
APRITE OUTLOOK EXPRESS; SOTTO POSTA ELETTRONICA, C'E' SCRITTO NEWSGROUP; SOTTO C'E' SCRITTO SOTTOSCRIVI NEWSGROUP; CI CLICCATE SOPRA E VI SCARICATE TUTTI I NEWSGROUP.
QUESTA OPERAZIONE VA FATTA UNA VOLTA SOLTANTO.
VI VERRANNO CHIESTE ALCUNE INFORMAZIONI ALLE QUALI DOVETE RISPONDERE. UNA VOLTA TERMINATO DI SCARICARE TUTTI I NG ANDATE A CERCARE
IT-ALT.FAN.BEPPE-GRILLO E VE LO SCARICATE.
A QUESTO PUNTO, OGNI VOLTA CHE VOLETE SCRIVERE UN POST QUI' E SUFFICIENTE CHE CLICCHIATE ANCHE SUL NG E CON UN SEMPLICE COPIA/INCOLLA INVIATE LO STESSO POST ANCHE SUL NG.
L'UNICA COSA CHE DOVETE AGGIUNGERE E IL TITOLO DEL POST.
IN QUESTO MODO L'UTENTE CAPISCE SUBITO IL SOGGETTO DEL POST GIA' DAL TITOLO, SE E' INTERESSATO A QUELL'ARGOMENTO SE LO VA A LEGGERE, ALTRIMENTI PASSA AD UN ALTRO.
IN QUESTO MODO CHI INTENDE RISPONDERE AD UN POST CHE HA COME TITOLO "IL REFERENDUM", CI CLICCA SOPRA E RISPONDE, IL POST SI VA A COLLOCARE SUBITO SOTTO IN MODO CHE TUTTI COLORO CHE SONO INTERESSATI A QUELLA DISCUSSIONE POSSONO SEGURE SOLO QUELLA SENZA LEGGERSI DECINE DI POST SU ALTRE COSE.

QUI DI SEGUITO VI POSTO LE PASSWORD DI ALCUNI DEI MAGGIORI NEWSREADER; SE IL VOSTRO NON E' TRA QUESTI, ANDATE SUL VOSTRO SERVER E LA CERCATE LI'

Tin - news.virgilio.it
Alice - news.tin.it
Libero - powernews.libero.it
Tiscali - news.tiscali.it
Supereva - news.supereva.it
Ciaoweb - news.ciaoweb.it
Infinito - news.albacom.net
kataweb - news.albacom.net
mclink - news.mclink.it
Interfree - news.interfree.it

PER QUANTO RIGUARDA IL FORUM C'E' DA ASPETTARE UN PO DI TEMPO IN QUANTO IL FORUM PREVEDE DEI MODERATORI; INTANTO VEDIAMO DI SFRUTTARE AL MEGLIO IL NG. CHE NON E' MODERATO; IL FORUM VERRA' DI CONSEGUENZA


Yuri Rossini 30.05.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

salve a tutti, non sono amante delle polemiche ma a questa non posso rinunciare: Amo TIZIANO TERZANI , ho letto tutti i suoi libri e devo segnalare questo perchè è veramente TROPPOOOO; vado a cercare il suo sito ufficiale e trovo come sponsor ufficiale ben in vista UNICREDIT BANCA..... cosa ...come???.Ma la unicredit non è una della tante banche italiane che finanzia le armi? Nel 2003 UniCredit Banca – C.I.€ 1.796.703,84
UniCredit Banca d'Impresa € 30.149.607,44
Non lo dico io ma:Presidenza del Consiglio dei Ministri, Relazione sulle operazioni autorizzate e svolte per il controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento nonché dell'esportazione e del transito dei prodotti ad alta tecnologia (Anno 2003), Roma, Senato della Repubblica, Atti Parlamentari, Doc. LXVII n. 1, 2004 (cfr. Tabella S nell'Allegato E: Relazione del Ministero dell'Economia e Finanze, Dipartimento del Tesoro- Direzione III)
Mi spiegate perchè una banca che finanzia le armi sponsorizza il sito di TERZANI da sempre contro tutte le armi???

Christian Gherardi 30.05.05 12:12| 
 |
Rispondi al commento

premetto che sono una fan di Valentino Rossi.. Mi sembra sia rimasto un ragazzo sorridente e semplice nonostante la notorietà
propongo di scrivergli, in tanti, in massa, spargendo la voce con gli amici che seguono e non il motoGP e lo tifano, affinchè lui che è il diretto interessato intervenga! con coraggio, a nome di tutti i licenziati, delle relative gamiglie disperate e di noi che abbiamo ancora un lavoro ma forse.. seguiremo a ruota il destino del lavoro in cina ma con etichette italiane CHE SCHIFEZZA EH?!
Spargiamo la voce, stampiamo l'articolo di Beppe, facciamolo leggere, appendiamolo nelle bacheche a scuola, a lavoro, negli uffici, imbuchiamolo come la posta dei supermercati in casa alla gente, specifichiamo l'indirizzo dove inviare il "sollecito al coraggio di Valentino" perchè lui si possa ribellare, si possa interessare, dica ai signori dell'AGV di tornare qua, altrimenti cambierà marca di casco!
coraggio scriviamogli!!!!!

linda nicosia 30.05.05 12:00| 
 |
Rispondi al commento

QUESTO E' UN MESSAGGIO-APPELLO A TUTTI!!!!
ANDATE A VOTERE AL REFERENDUM!!!!
VOTATE QUELLO CHE VOLETE....MA VOTATE!!
E' UN DOVERE PRIMA CHE UN DIRITTO!!!

I "SIGNORI" POLITICI QUANDO CI SONO LE ELEZIONI POLITICHE CI ROMPONO LE.....CON LE SUPPLICHE AD ANDARE A VOTARE!! E ORA!!! QUANDO NON CONVIENE LA COSTITUZIONE CI PERMETTE DI NON VOTARE!!! VERGOGNA!!!!
COSA SARA' COSTATO A NOI CONTRIBUENTI ORGANIZZARE IL REFERENDUM???? E VOGLIAMO CHE SIANO SOLDI BUTTATI NEL CESSO???? COME SE GIA' NON CI SIANO SPRECHI!!!
VOTATE, VOTATE, VOTATE, VOTATE, !!!!!!!!!!!!!

diego deo 30.05.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento

il calcio e' un bel oggetto su cui far concentrare i pensieri della gente per distrarla dai problemi,quelli veri.
come la religione, strumentalizzata dal potere e' un oppio dei popoli, anche a discapito di tutti gli altri sport che si giocano con la voglia di giocare e non con la finalita' di depistare le menti.

anna monti 30.05.05 01:09| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo perchè i diretti interessati non intervengano mai... Eppure Valentino Rossi, attraverso la TV, sembra un ragazzo a posto.
Probabilmente non si è posto il problema e non era informato (...com'è? Chi non si informa muore scemo? :) Bè, in ogni caso mi piacerebbe sentir parlare le persone chiamate in causa, Valentino Rossi per l'agv, i diversi personaggi dello spettacolo per le assicurazioni... potremmo arrivare ai politici che finalmente ci spiegano il loro strano comportamento... ma forse l'insana illusione che le persone non siano cattive ma solo distratte, sperse nella quotidianità, nei loro personali problemi dovrei un po' abbandonarla... forse davvero esistono persone cattive che se ne fregano e calpestano gli altri senza grossi problemi?.....................................................................
Una nota a margine... (è da considerarsi pubblicità? Non penso).
La wikipedia cerca news: la cosa è semplice e gratuita (per voi e per wiki ovviamente ;)
Se avete una notizia (niente di copiato mi raccomando), andate su http://it.wikinews.org/wiki/Pagina_principale
Qui, potrete inserire la notizia che volete dare. Ovviamente... zero commenti personali, solo i fatti come li conoscete. Le istruzioni comunque sono nello stesso sito.

Maurizio Contino 30.05.05 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che ultimamente tra quelli che decidono cosa fare dei soldi che riescono a togliere dalle tasche della maggioranza dell'umanità, NOI, diventino sempre piu numerosi quelli affascinati dall'idea di possedere armi atomiche. Se non é solo una mia impressione, non vogliamo parlarne un po di piu? Credo che ci riguardi tutti, anche se a produrle sono i pachistani, gli iraniani, gli svizzeri o magari i kosovari...

maurizio Sandri 29.05.05 02:41| 
 |
Rispondi al commento

Non è una novità che succedano queste cose, è un'infamia che le lascino succedere. Una buona mossa sarebbe smettere di comprare i casche AGV. La cosa comica è che magari i simpatici proprietari della AGV fanno beneficenza a Intervita o all'Amref =) e magari queste ultime associazioni gli mandano tanto di ringraziamenti e li portano ad esempio! =).
Ma qui ormai si fa la festa delle mucche nel macello !

matteo pini 29.05.05 02:10| 
 |
Rispondi al commento

caro pedro del vale.....
MA COME SI FA AD ESSERE COSI' IGNORANTI?

Diego Cella 28.05.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

ma figurarsi, Vale pensa piuttosto ai tuoi 200 CV e passa....ai cinesi ci pensano i fascisti: purghiamoli tutti

pedro del valle 28.05.05 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Follia d'Amore.


Batte forte il mio cuore quando lo sguardo si posa sui suoi occhi blu come il mare di notte, quando la luna si riflette su quella pelle che appare bianca come il latte e i colori dell'arcobaleno vestono il suo corpo sinuoso e corrotto. Come un'invasata, mi sommerge di parole, talora dolci e altre volte violente e volgari.

Canta, con la voce del passato, una melodia intensa e sofferta come un gospel, e spesso non comprendo il suo linguaggio difficile, sebbene io sia cresciuto con lei. Si profuma, ma capita che il sudore acidulo, reso sporco dal marcio che le cresce dentro, sovrasti la nuvola d'aromi, la miscela di fiori e salsedine che la rendono inconfondibile tra tutte le altre. Arde di passione, brucia e pulsa la sua anima irrequieta.

La guardo e penso all'amore che mi unisce a lei, un legame indissolubile, che non riesco a recidere nonostante la consapevolezza dei suoi tranelli. L'accompagno, donna malata, donna pazza di vita, donna matta di follia, l'accompagno e vorrei fuggire, ma non posso perché sono ammaliato, sedotto, stregato; sono perso di lei, di un amore che si alimenta d'odio e di rabbia, di gioia e d'ammirazione. Amarla senza odiarla non è possibile; odiarla senza amarla sarebbe una blasfemia. Le chiedo di liberarmi dal suo incantesimo, ma non mi ascolta e ride, e ride, e insieme piange; e allora la consolo e le chiedo perdono, mentre il mare fa lacrime degli spruzzi, mentre il bosco fa di carezze le sue foglie, mentre una castellana si affaccia dal suo torrione e si accorge di essere morta.

E' una malattia. E' una condanna che la mia bella Napoli ha tramato nei secoli, lei femmina incantatrice, fattucchiera bugiarda che mi lusinga e mi delude ogni giorno. Vorrei fuggire da questangoscia che mi porta ad aggrapparmi disperatamente al mio lavoro, alla famiglia, agli amici, a voltare lo sguardo per non vedere la lordura che mi circonda, a sognare vanità.

Si, donna malata, per lei continuo a subire, ad abbassare la testa; proprio io, uomo dignitoso che ha sempre lottato contro l'impossibile per vincere. Una sconfitta dopo l'altra, adesso, perché è il destino di chi si lascia sedurre dalla Napoli matrigna più della Natura leopardiana.

E' sofferenza il destino di chi, pur di non andare via, accetta compromessi o resta inerte ad osservare il suo lavoro e il suo alloro dissolversi lentamente ma inesorabilmente come uno sbuffo di vapore, e vede un telone nero cadere sul proprio futuro, come un palcoscenico alla fine di una rappresentazione durata trentacinque anni; ma l'attore resterà lì, senza spettatori, senza più luci, senza controfigure: solo a piangere lacrime che non sa versare.

Lasciami andare via, Amore mio, perché non accetto questa morte che ti travolge. Lasciami correre verso un futuro che non potrò vivere con te. Lasciami e basta. Oppure, aiutami.

Luigi Civita 27.05.05 22:07| 
 |
Rispondi al commento

VALENTINO ROSSI LAUREA AD HONOREM: http://www.quellicheilpc.com/forum/viewtopic.php?t=26323&start=0&postdays=0&postorder=asc&highlight=

Mattia F. Pappalardo 27.05.05 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo l'ultima finale di Champions League non capisco perchè nessuno si sia ricordato della similitudine con la finale del 1984 rappresentata dalla squadra da battere che era la stessa, il Liverpool, la sicumera dei romanisti come quella dei milanisti, che già si consideravano campioni d'europa, la sequenza dei gol simile cioè dal 1-0 di Roberto Pruzzo al 1-1 con gol di Ian Rush e gli errori dai calci di rigore determinanti da parte dei giocatori più rappresentativi cioè Bruno Conti e "Ciccio Graziani".

Federico Falconieri 27.05.05 09:25| 
 |
Rispondi al commento

STAMINALI: OTTENUTE CELLULE EMBRIONALI SENZA PRODURRE EMBRIONE

ROMA - Un gruppo di ricerca americano ha annunciato la creazione di 10 linee di cellule staminali embrionali ottenute senza passare per la produzione di embrioni.

Lo riporta oggi il settimanale inglese New Scientist. L'innovativa tecnica, denominata 'stembrid', consente di clonare staminali a partire da cellule embrionali presistenti.

Per ottenere questo risultato, i ricercatori coordinati da Yuri Verlinsky del Reproductive Genetic Institute di Chicago hanno sottoposto cellule di linee embrionali gia' esistenti a una centrifugazione che consente di espellere il nucleo. Quindi si e' fusa la cellula denucleata con quella di un donatore adulto riprogrammandola e ottenendo poi le staminali embrionali denominate 'stemibride'.

Entusiasta della ricerca si e' detto il biologo molecolare Angelo Vescovi dell'istituto San Raffaele di Milano: ''se il metodo funziona abbiamo risolto definitivamente il problema etico producendo staminali embrionali senza dover creare embrioni''.


Fonte ANSA
Non sembra un tantino strano che una notizia del genere faccia la sua comparsa proprio a così breve distanza dal referendum in italia??
A me sembra un tipico esempio di informazione studiata a tavolino per condizionare l'opinione pubblica in vista di un voto così importante. NON mi stupirebbe se tra un mese non si avessero più notizie riguardo questa "bomba"...Teoria del complotto? mah...

Pablo Castellani 27.05.05 01:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe sono un meccanico,penso che sarebbe come chiedere a SChumacher di dire che le sigarette del suo sponsor fanno male,e altri ancora.

renato lami 26.05.05 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo bisignera' non comprare piu' caschi AGV e tutto cio' che porta il nome AGV.
Loro chiudono e nessuno dice niente, a nessuno importa gli operai che restano senza lavoro ne ai sindacati(buoni quelli)ne ai nostri governanti.Solo pronti a raggirare gli Italiani e a mettersi in tasca piu soldi che possono.

Libero Mazzanti 26.05.05 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Beh,non è questa grossa novità...,non ricorda più nessuno i commenti di Rossi su chi aveva sponsor di tabacchi nella moto?Sbaglio o l'attuale mezzo del campione Italiano ha una GIGANTOGRAFIA di un produttore francese di sigarette?Sarà triste come concetto,ma nei contratti è la cifra a far quasi sempre la differenza!Vorrei vantarmi di essere un moralista coerente,quello cioè,che davanti ad una proposta di aumento consistente,rifiuta perchè l'azienda proponente ha una filiale in Cina...,vorrei...VORREI...ma...,a voi il finale.Un in bocca al lupo generale.ciao

andrea gambarotto 26.05.05 19:02| 
 |
Rispondi al commento

boicottiamo la laurea a valentino rossi: -non presentiamoci -vestiamoci da finti impiegati anas e dirottiamo i giornalisti a urbania -facciamo una petizione per negargli il riconoscimento COMUNICATORI DI TUTTO IL MONDO UNITI!!!

Luca Burattini 26.05.05 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Come ogni mattina, andando in ufficio mi viene consegnato "City" di Bologna (ma - vi chiedo - chi/cosa sta dietro la distribuzione di questi quotidiani grtuiti?).
Fra le varie notizie trovo pure questa:
Battiato, laurea sospesa "per colpa di uno studentello di destra"
Riporto l'articolo in merito tratto da lasicilia.it

Giudicate un pò voi ...


CATANIA - Non ci sarà, almeno per il momento, il conferimento della laurea honoris causa in Lettere da parte dell'università di Catania per Franco Battiato. A sospendere l'iter della pratica, che sarà valutata successivamente, è stato il senato accademico dell'ateneo dopo il parere contrario espresso da alcuni dei suoi componenti. Quello non approvato era il punto 17 all'ordine del giorno, contro il quale, si è espresso per primo Giacomo Bellavia, rappresentante degli studenti nel Senato Accademico.

Per il 22enne studente, in possesso di laurea triennale in Scienze giuridiche, l'ateneo «dovrebbe tenere in considerazioni non solamente gli indubbi e riconosciuti meriti artistici del soggetto, ma anche il rapporto instaurato con la comunità di riferimento e l'apporto dato alla città». «E' noto a tutti - ha detto spiegando il suo 'no' Bellavia - che recentemente Battiato ha dichiarato che in caso di vittoria del sindaco uscente Scapagnini (ricandidato dalla Casa delle libertà, ndr) avrebbe abbandonato Catania».

«Io - ha sottolineato Bellavia - non contesto la scelta di schieramento compiuta da Battiato, sicuramente indiscutibile e legittima, ma la sua minaccia di fuga dalla città in caso di vittoria del centrodestra». «Siamo pronti - ha aggiunto - a rivedere la posizione se il cantautore chiederà scusa alla città e farà un concerto per l'università e per tutta una città, non solo per una parte. Saremo davanti al palco a applaudirlo». Nessun commento arriva invece dal preside della facoltà di Lettere e filosofia, il prof. Nicolò Mineo, che aveva proposto la concessione della laurea a Battiato: «è stata una decisione del senato accademico - si è limitato a dire - si deciderà in futuro, ma sono cose che possono accadere».

Durissimo il commento sulla vicenda il presidente dell'università di Enna, Cataldo Salerno: «E' una vergogna che uno studentello di destra possa avere bloccato il conferimento della laurea honoris causa a Franco Battiato da parte della più antica università siciliana. Sono quindi ancora più orgoglioso del fatto che l'università di Enna, la più giovane della Sicilia, abbia offerto a Franco Battiato la direzione artistica del Dipartimento arte musica e spettacolo. Battiato ne ha, più che in abbondanza, le capacità e i titoli. Dopo tutto, il conferimento di un incarico di docenza e di ricerca vale molto di più di quello di una laurea».

24 Maggio 2005

elisa finetti 26.05.05 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Un altro passo avanti per la globalizzazione, che sembra riunire sotto la bandiera del denaro governi di ogni nazione.

Fato crudele per la canzone IMAGINE di John Lennon?

Lisa Vitolo 26.05.05 14:34| 
 |
Rispondi al commento

siamo tutti corrotti noi italiani(ma esiste l'italiano?)si fa la gara a mettere nei posti giusti la gente sbagliata in tutti i settori.
e ....poi...che esempi!!!!!!!
siamo una accozzaglia di cogl...........
io lavoro da 28 anni 17da operaio e 11 da imprenditore ho sempre pagato lo stato ma ho sempre cercato di fregarlo (perchè vedo che chi non fa il proprio dovere non sarà tranquillo ma vive bene)MANCANO I CONTROLLI ED IL CARCERE A VITA ESEMPLARE e poi gli stranieri che vengono in italia starebbero sempre qui,gli italiani che vanno all'estero muoiono se non ritornano

daniele suman 26.05.05 14:23| 
 |
Rispondi al commento

La AGV chiude in Italia? Purtroppo non è l'unica fabbrica che sposta del tutto o in parte la sua produzione all'estero. La FIAT lo ha fatto da molti anni spostando la sua produzione di auto piccole in Polonia con un tentativo persino in Russia. Il ragionamento imprenditoriale è questo: se nel 2003 ho guadagnato 1000 e nel 2004 ho guadagnato 999 io sono in flessione e devo cercare di guadagnare ogni anno di più del precedente. Quali sono le aziende che in tutto e per tutto producono e creano lavoro in Italia? Nonostante la FIAT (mi fa inca--re sto fatto) non abbia MAI pagato l'ALFA ROMEO allo Stato continua ancora oggi a ricevere aiuti dallo stesso. Differenza tra le migliaia di dipendenti della FIAT e i "soli" 205 della AGV? Forse quei "soli" 205 non sono esseri umani?

Lorenzo Salese 26.05.05 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Lo sapete che il Ministero dell'Interno non può avere beni immobili di propietà e quindi ogni struttura che ospita una qualsiasi "Caserma" della Polizia o dei VVFF è in AFFITTO? Sapete quante centinaia di MILIONI di EURO paga ogni anno di affitto? provate ad immaginarlo.....

Lorenzo Salese 26.05.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento


Dopo aver consultato i vari argomenti del blog, ho pensato che questo del "muro del pianto" fosse il più adatto ad ospitare il mio post: perchè?Perchè su un giornale di oggi ho letto che l'Italia (...il nostro amato paese...?!?)secondo Amnesty è uno dei principali ESPORTATORI di armi: vi rendete conto, esportiamo armi verso quei paesi dove magari andiamo a fare "missioni di pace" e, forse, qualcuni dei nostri militari é stato ucciso con qualche arma che abbiamo fabbricato noi!!!! A questo proposito mi domando per quali motivi continuiamo a tenere i nostri soldati in Iraq visto che probabilmente ci resteranno anche oltre il 2005 e, come ha detto Fini durante la sua ultima visita, l'eventuale "ritiro italiano avverrà solo d'intesa con gli alleati e il governo di Baghdad".... e certo.. vorrai mica per caso lasciare gli "amici americani" da soli?...Nooooo, naturalmente, soprattutto visto quanto ci considerano e come si sono dati da fare per fare luce sull'uccisione di Nicola Calipari, che, se vanno avanti ancora un po' le varie inchieste, per non scontentare nessuno...alla fine, si sarà sparato da solo!!!!!Ma l'imporante è rendergli "pubblicamente" onore ed è per questo che Fini ("onorevole" è, per la seconda volta, VOLUTAMENTE omesso!!!)non ha perso l'occasione per scoprire una targa all'interno dell'ambasciata italiana a Baghdad alla memoria di Calipari che,
costa molto meno che fare indagini serie, molto serie e PRETENDERE spiegazioni logiche, molto logiche!!!!Rita

Rita Porrega 26.05.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Signor Carta,nonostante ci provi non riesco a darle del tu come lei fa con me poichè, come lei ben evidenzia, noi nulla abbiamo in comune.

Ivano Lunardi 26.05.05 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Vi sembra giusto che un uomo debba essere rovinato dalla separazione coniugale? Ed in particolare quando la colpa della separazione è dell’altro coniuge! Se almeno mi fossi comportato male potevo accettare il tutto come “giusta punizione”! Avevo una splendida figlia cui ero legato da un ottimo rapporto, una casa di proprietà acquistata interamente con i soldi dei mie genitori, un “buono” stipendio. Mia moglie trascurava la bimba e così me ne occupavo completamente io (anche da questo deriva l’ottimo rapporto che ho con la piccola). Ora ho perso tutto grazie ad una legge ingiusta: la figlia, la casa e buona parte dello stipendio; non posso neanche piu’ permettermi un affitto e a 40 anni sono stato COSTRETTO a ritornare a casa dei miei genitori perché non ho più soldi per mantenermi. Mia moglie invece spende per se quanto le do io per la bambina facendole quasi mancare il necessario. Io sono costretto a vedere mia figlia “a tempo” mentre mia moglie potrebbe costringere mia figlia ad abitare insieme alla “peggiore” persona senza che nessuno abbia niente da dire. E la cosa piu' drammatica e' che mia figlia di 4 anni e mezzo non vuole assolutamente stare con la mamma ed ogni volta che la riaccompagno dalla mamma sono pianti disperati perche' non ci vuole andare. C’e’ una legge che vuole tutelare i figli ed invece li rende meri strumenti del coniuge affidatario che, nella maggior parte dei casi, li “usa” per estorcere soldi all’altro coniuge. C’è un progetto di legge fermo alla Camera perché osteggiato da diverse forze politiche di uno dei due schieramenti. Chi può fare qualcosa per eliminare questa ingiustizia?

Mauro Costantino 25.05.05 19:34| 
 |
Rispondi al commento

QUALE IMPREDINTORE VUOLE FALLIRE
QUALE RICCO NON VUOLE PIU GUADAGRARE

NON PRENDIAMOCI IN GIRO CHE LA CINA PRODURRA SOLO PRODOTTI DI BASSA QUALITA'......
ANDIAMO NOI A FARGLI PRODURRE TUTTO......

LA MIA SODDISFAZIONE E CHE NON VENDERANNO PIU A NESSUNO.... SOLO A I CINESI......
IL PROBLEMA E CHE SONO 1 MILIARDO E 300 MILIONI DI LORO

QUESTO E' UN MOTIVO PER SCIOPERARE

Raoul Redditi 25.05.05 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro andrea bella,
nel TUO italiano si scrive GiaMpiero. Con la emme prima della pi.

Continua a venire giù da noi, siamo ospitali anche con nei confronti degli asini.

...sardigna no est itaglia!

GIAMPIERO CARTA 25.05.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro Gianpiero Carta,

hai ragione.

Se posso, vorrei solo aggingere che è sempre meglio avere sopra la testa del sapone oppure dentro della nebbia piuttosto che il vuoto pneumatico assoluto.

Felicissimo di annoverami tra gli inflazionatissimi asini, Le auguro una buona serata.

Andrea Bella 25.05.05 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Lunardi,
ma come parli?
che vuoi dire?
che pastiglie usi?

Abbi la palle di rispondere alle domande che ti ho posto (se vuoi), mi sembri il politico di turno che parla di convergenze parallele.

Ma come stai?

GIAMPIERO CARTA 25.05.05 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro Andrea Bella,
iniziare un contraddittorio con te è come lavare la testa ad un asino.
Siccome di asini ne abbiamo fin troppi, preferisco vederti pascolare insieme alla mandria.
Avete solo la nebbia (in testa).

GIAMPIERO CARTA 25.05.05 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Cara nicoletta teodori,
perchè la propaganda politica non la vai a fare in qualche altro blog?
Cosa voteremo al referendum non ti riguarda nella maniera più assoluta, a dirla in parole povere sono cazzi nostri!
Quando si imparerà ad avere rispetto delle coscienze e delle idee altrui?

Andrea Bella 25.05.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

il secessionismo di stampo padano è la cosa più cretina che esista poichè non esistono storicamente i presupposti.

L'indipendenza di un popolo oppresso come il popolo Sardo è ben altra cosa, poichè noi siamo un popolo, abbiamo la nostra lingua e la nostra storia.

Un popolo opprresso? e da chi cazzo? vi hanno invaso i francesi di nuovo? (perdoni il neologismo colorito)
Anche noi piemontesi abbiamo la nostra storia e il nostro dialetto, la lingua ufficiale è quella italiana, e siamo un popolo come lo sono i campani ecc ecc, casomai le fosse sfuggito tutti questi popoli, come li chiama lei, incluso quello sardo formano quello Italiano.
Se lei si sente solo sardo, non nel senso riduttivo del termine, ne ha tutto il diritto, ma per favore non dica che siete oppressi perchè da quel che mi ricordo io , turista per anni in quella magnifica isola che è la sardegna, tutto mi è sembrata meno che oppressa.


Valentino Rossi è già da un pò di tempo che non paga le tasse in italia, (risiede a Londra) e FA BENE!!!

Quelli sono fatti suoi, la legge lo permette, e comunque per correttezza d'informazione la residenza fiscale di Valentino è Montecarlo, come molti altri suoi colleghi.

La costituzione l'ha tirata in ballo un signore che con me non c'entra una mazza...

Andrea Bella 25.05.05 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti! Scrivo in questo fantastico blog perchè sto cercando di sensibilizzare/informare quante più persone possibile su un tema che purtroppo mi riguarda molto da vicino, ma che trova pochissimo spazio sui mezzi di informazione.

Come spero sappiate il 12 e 13 giugno ci sarà un referendum: quello sulla procreazione assistita. In merito sono a chiedervi 2 favori:

- il primo è quello di andare a votare. Qualunque sia la vostra opinione in merito.
- il secondo è quello di concedermi cinque minuti per spiegarvi perchè secondo me dovete votare SI.

La maternità non è un "diritto", siamo d'accordo, ma un desiderio e un'aspirazione talmente forte e ancestrale da mutilare letteralmente chi soffre di infertilità. L'infertilità è una malattia, riconosciuta dall'Organizzazione Mondiale di Sanità. E come per ogni altra malattia si deve avere il diritto di curare anche questa.

L'attuale legge italiana, in contrasto con tutte le altre leggi degli stati europei ed extra europei, lo impedisce. Ecco in sintesi di che cosa si tratta.

--------------------------------------------------------------------------------

Cosa significa pma?
Quando una donna si sottopone a pma subisce cure ormonali allo scopo di produrre più ovociti, rispetto al classico uno al mese, che arrivati al giusto grado di maturazione vengono prelevati con un piccolo intervento chirurgico (aspirazione eco-guidata). Questi ovociti vengono fecondati in vitro con spermatozoi e trasferiti nuovamente all'interno dell'utero sottoforma di embrioni di pochissime cellule, sperando che, nei successivi 14 giorni, si impiantino dando seguito alla gravidanza.

Quali sono i SI' che ci vengono chiesti al referendum?
Secondo l'attuale legge 40/04 gli ovociti prodotti dalla donna sotto stimolazione ormonale non possono essere sottoposti a fecondazione in numero superiore a tre. Questo significa abbassare notevolmente le probabilità di successo di ogni tentativo: non è garantito infatti che i tre ovociti saranno fecondati e che si avranno degli embrioni da impiantare. Inoltre se tutti e tre saranno fecondati, tutti e tre dovranno obbligatoriamente essere impiantati in utero. indipendentemente dalle condizioni e dall'età della donna e dalla qualità degli embrioni.
Il primo SI è perchè la donna non sia costretta a sottoporsi a maggior numero di tentativi e quindi maggiori stimolazioni ormonali, allo scopo di non congelare embrioni, cosa che la legge impedisce.

Esistono tecniche di diagnosi pre-impianto per analizzare, senza danneggiarlo, le caratteristiche genetiche dell'embrione. In questo modo è possibile scoprire gli embrioni affetti da malattie come l'emofilia, la talassemia, la sindrome di down e un'infinità di altre. Con le diagnosi pre-impianto si può evitare, soprattutto in casi a rischio, la tecnica dell'amniocentesi e dell'aborto terapeutico, perchè si può scegliere di impiantare solo gli embrioni sani. L'attuale legge impedisce queste tecniche e obbliga ad impiantare tutti gli embrioni prodotti indipendentemente dal rischio di malattia. però permette le indagini prenatali e l'aborto terapeutico.
Votare SI per consentire la diagnosi preimpianto.

Quando uno dei due partner è sterile negli altri paesi europei si può fare ricorso alla donazione di gameti, ovvero si può utilizzare un'ovocita o uno spermatozoo esterni alla coppia attuando quella che si chiama fecondazione eterologa. In Italia la coppia non ha questa scelta. E' lo Stato che ha deciso a priori che è una scelta illegale (immorale?) a prescindere dalle convinzioni etico-morali-religiose della coppia stessa.
Votare SI per lasciare alla coppia la scelta.

Le ricerche sulle cellule staminali embrionali stanno portando, nel resto del mondo, a scoperte che potranno salvare la vita a molte persone. l'Italia era all'avanguardia in questa ricerca ma ora tutto è fermo perchè la legge 40/04 la vieta.
Votare SI per permettere la ricerca scientifica sulle cellule staminali.

--------------------------------------------------------------------------------

Vi ringrazio per essere arrivati fin qui e voglio chiedervi un ultimo favore, parlate ed informate quante più persone possibili. Come ho detto prima e come vi potete rendere conto da soli, l'informazione in merito a questo tema è estremamente insufficiente, parlo di informazione reale che viene da persone realmente informate. Purtroppo medici, biologi e pazienti non si ascoltano mai.
Quindi se volete approfondire il discorso in maniera più "tecnica" ed andare a votare in maniera realmente consapevole potete visitare il sito:
http://www.comitatoreferendum.it

Grazie.

nicoletta teodori 25.05.05 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro Andrea Bella,
il secessionismo di stampo padano è la cosa più cretina che esista poichè non esistono storicamente i presupposti.

L'indipendenza di un popolo oppresso come il popolo Sardo è ben altra cosa, poichè noi siamo un popolo, abbiamo la nostra lingua e la nostra storia.

Valentino Rossi è già da un pò di tempo che non paga le tasse in italia, (risiede a Londra) e FA BENE!!!

La costituzione l'ha tirata in ballo un signore che con me non c'entra una mazza...

GIAMPIERO CARTA 25.05.05 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Cortese Signor Carta,
la costituzione non sostituisce la volontà delle persone e di tutto un popolo, non è un fine ma un mezzo. Certo, le risposte alle sue domande possono non essere definitive ma questo dipende dalla volontà degli uomini, la stessa che, sulla base del dettato costituzionale e ben incanalata, ha garantito al paese un progresso sociale costante e diffuso, seppur a volte poco equilibrato. Non è la costituzione ad essere assente nei luoghi della sperequazione e del disagio, è il senso civico di molti, tra i quali queelli che delocalizzano.

Ivano Lunardi 25.05.05 16:36| 
 |
Rispondi al commento

ma che c'entra la costituzione con la chiusura dell'AGV?
Il secessionismo è veramente la cosa più cretina che si possa invocare, specie in un momento come questo.
Signori, cinesi o non cinesi, non sarà l'eventuale gesto di Valentino a cambiare le sorti di questo paese, ci vuole ben altro.
Cominciamo a combattere l'evasione fiscale, le truffe legalizzate e il lavoro nero, comunciamo a pensare di avere dei DOVERI, oltre che ai diritti, smettiamola di pianiucolare come l'opposizione fa spesso e volentieri, cominciamo a rispettare le regole ma sopratutto che lo stato si inpegni a farle rispettare a TUTTI, e dico TUTTI .
Io sono di Torino, una città che presto ospiterà un evento mondiale come lo sono le olimpiadi invernali, e che paradossalmente sta vivendo un momento di crisi profonda legata sostanzialmente alle sorti della FIAT, che quasi certamente chiuderà dando luogo ad un bagno di sangue, francamente non me ne frega un cazzo se Valentino manderà o meno affanculo la AGV quello che dovrebbe fregare è se questo evento catastrofico avrà tuttavia uno sbocco positivo a livello occupazionale per tutti quei torinesi che domani dovranno fare i conti con la mobilità e la cassa integrazione, i figli da mantenere, le bollette da pagare ecc.

Ciao a tutti.

Andrea Bella 25.05.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo

Seguo da sempre, con interesse i suoi spettacoli. Le avevo già scritto mesi fa invitandola a visitare il mio sito e leggere l'introduzione del mio libro che lì mettevo a disposizione gratuita dei visitatori. Quel libro discende anche da quello che ho sentito o creduto di percepire da Lei.
Non Le nascondo che speravo molto di ricevere una Sua risposta, qualunque essa fosse. Credevo di averne diritto in quanto sconosciuto. Lei dal pulpito parla a degli sconosciuti. Per un criterio di istintiva par condicio dovrebbe, secondo me, dare quindi ascolto e risposte anche agli sconosciuti. Non sembra però che siamo d'accordo su questo. A parte le polemiche, che sono anche il Suo lavoro, nel mio sito metto ora a disposizione dei visitatori l'intero mio libro. A questo punto è corretto e, mi dicono, molto interessante. Alcuni lettori on-line continuano a suggerirmi di chiedere anche a Lei di darmi una mano, avere un'opinione autorevole e magari per diffonderlo. Sia chiaro che non mi interessano gli incassi; vivo o muoio per altre cose. Mi interesserebbe che esso fosse a disposizione di eventuali lettori almeno quanto lo è un libro di un calciatore diplomato al Cepu, che parla di filosofia. Lei, meglio di me, sa che oggi nemmeno Gesù Cristo riuscirebbe a parlare più alla gente senza passare prima un filtro a nido di “vespa” e “fede”. Sono allergico alle vespe ed eretico, come si vede anche dalla copertina che ho immaginato per il mio libro. Cerco pertanto di rivolgermi ad altri, che sembrano diversi. Non ottengo però risposta. Non so più cosa pensare salvo che il non rispondere mi sembra il tipico comportamento italiano che cede solo a criteri di convenienza diretta oppure a un contratto o perchè chi attende è qualcuno “forte”, quindi utile o per rispettarlo o per attaccarlo o per far finta, in entrambi i casi.
Questo sistema di “informazione spettacolare” che ha come evidente scopo solo la demagogia, provoca nelle persone dotate di una anche minima capacità di discernimento la domanda: “Chi sta da una parte? Chi dall'altra?”
Chi ha appena un pizzico di dedizione oltre il minimo, si chiede chi stia in qualunque delle parti solo perchè è il suo mestiere. E' evidente che in questa ipotesi di “mestieranza”, chi recita meglio la parte del trasparente e sincero a tutti i costi rischia di più in termini di credibilità personale qualora alle apparenze dovute al mestiere non seguano i fatti.
Spero che Lei apprezzi almeno la mia sincerità. Se lo vorrà nel mio sito che indico qui sotto potrà scaricare ora l'intero mio lavoro: “La Democrazia dei Grandi Vecchi”. Forse è pura m...., forse no. Almeno me lo dica.
www.lademocraziadeigrandivecchi.com

Cordiali saluti

Beppe D'Agostinis 25.05.05 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissimo Sig. Lunardi, (già il suo cognome evoca terribili ricordi per la mia terra),

cercherò di argomentare meglio (forse le ha dato fastidio l’estrema sintesi del mio intervento) la mia posizione.

Lo stato italiano e le imprese italiane si sono comportate alla fine della seconda guerra mondiale come si comportano i cinesi oggi: il comparto tessile era composto per larga parte da lavoratori in nero, che svolgevano tale attività come secondo e ben remunerato lavoro.

La costituzione? Forse non esisteva per queste persone.

Lo stato italiano e le imprese italiane dagli anni 60 hanno creato le loro “cattedrali nel deserto” in Sardegna creando fantasmagorici “poli industriali” e illudendo migliaia di onesti lavoratori per poi portarli alla fame. (vedi il polo industriale di Ottana e il polo industriale di Porto Torres).

La costituzione? Non pervenuta.

Lo stato italiano ha costretto mio padre ad emigrare in Germania. Lui ha toccato con mano la triste realtà di essere onesto lavoratore ma straniero in un paese ostile, che da una parte accoglieva gli “italiani” perché unici lavoratori ad essere “facilmente ricattabili”. Quando è rientrato in italia ha dovuto rimboccarsi le maniche e lavorare duramente per mantenere la famiglia: il vostro stato italiano non ha fatto mai nulla perché potesse avere una pensione dignitosa.

La costituzione? Vai a chiedere a mio padre.

Sulla carta la costituzione esprime concetti difficilmente “contestabili” (mi passi il termine), ma in pratica questi concetti non vengono applicati.

Le chiedo se Le risulta che:
1 - Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale;
2 – Tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge;
3 - la repubblica ha rimosso gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese;

Se ha risposto tre si, mi dica dove vive, perché corro a trasferirmi. (scherzo, non lascerei mai la mia terra).

Per quanto riguarda il mio anti-italianismo, Le rispondo così: io sono per una Sardegna Indipendente, libera dal colonizzatore italiano che ha sempre visto la mia terra come mucca da mungere.

Rifletta su questi dati:
la Sardegna ospita il 60% della totalità delle basi militari italiane e americane presenti nel territorio dello stato italiano. Nelle zone dove sono ubicate queste basi (pensi a La Maddalena) lo sviluppo turistico ed economico è congelato e i pochi Sardi che ci vivono hanno solo una chance: lavorare per gli stranieri.

Il poligono militare e la base missilistica di Quirra (mai sentito, vero?) sono ubicati in un tratto di costa che è una meraviglia della natura; nel territorio circostante da qualche hanno l’incidenza dei tumori nella popolazione è aumentata del 300%, gli aborti spontanei sono passati dallo zero al 30%.

Per non parlare poi del ritorno del gettito fiscale: il vostro stato italiano non ha mai erogato quanto spettante alla Sardegna per i ritorni IRPEF e IVA dal 1991.

Per concludere: si scandalizza ancora che una azienda estera sposti il suo stabilimento in cina?

P.S. Le auguro buona lettura della vostra costituzione.

GIAMPIERO CARTA 25.05.05 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
condivido in pieno il tuo messaggio sulla politica della AGV e di molte altre ditte italiane che ormai di italiano hanno solamente il "management".
Penso però che chiedere al Valentino "nazionale" di fare qualcosa in proposito e di far sentire la sua voce anzichè la sua marmitta non sia la soluzione giusta.
Il Nostro è nato per guidare una moto e, essendo in questo campo il migliore al mondo, mi pare che faccia già una buonissima pubblicità al Belpaese.
Se poi ha la "sfortuna" di essere considerato un re mida da tutte (o quasi) le multinazionali mondiali e ha la possibilità di "prestare" la sua immagine a suon di milioni (di euro!!!!!) onestamente penso che faccia bene e sono contento per lui.
Chiaramente poi si può discutere ore ed ore a proposito dell'utilizzo che fa di tutti questi soldi ma in fin dei conti sono solo affari suoi.
In definitiva penso che Valentino (alla tenera età di 26 anni) abbia fatto per l'Italia già molto di più di certi altri personaggi (sessantaseienni o giù di lì) in anni e anni di "onorata" carriera politico-affarista.
Chiaramente sono enormemente dispiaciuto e mortificato per le 250 famiglie della AGV.

Saluti
Alessandro

Alessandro Mangolini 25.05.05 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Sul sito del fan club di Valentino Rossi è stato postato un nuovo topic da parte del moderatore, http://www.fanclubvalentinorossi.com/public/forum/forum_posts.asp?TID=2412&TPN=1 , chi ha voglia ci dia una letta ed esprima le sue idee, che magari ha già postato in questo blog, su quel forum e in risposta a quel topic (altrimenti i messaggi vengono cancellati).
Saluti.

Alessandro Romagnoli 25.05.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto in linea di principio giusto, mi sembra che "puntare" il dito contro Valentino sia solo una cosa di facciata. Personalmente preferisco guardare a quello che posso fare io. Perché non iniziamo noi a non comprare ciò che non è necessario? Perchè non usiamo la bici invece della macchina ove possibile? Perché non spegnere le luci se non servono? Perché non eliminare la tv? Io tutte queste (ed altre cose), pur con tutti i miei limiti cerco di metterle in pratica giorno dopo giorno con la consapevolezza che comunque noi non contiamo nulla, che la nostra vita nella storia del mondo è meno di nulla e che tanto quando la terra non potrà più sopportare quel cancro che è l'uomo moderno farà una scorreggia un po' più grossa e tutto ripartirà da zero.
Un saluto a tutti

andrea bizzocchi 25.05.05 09:08| 
 |
Rispondi al commento


Per Mirko Mangiapane:
" DA BUON PIEMONTESE DICO SOLTANTO CHE OGGI SIAMO INVASI DAGLI STRANIERI CHE CI RUBANO IL LAVORO....IN PIU'LA BEFFA...DI CHIUDERE AZIENDE CON MANOFATTURA NOSTRANA..PER COMPRARE E DARE LAVORO AI CINESI....... "

Questo e` perche` siamo NOI che compriamo i prodotti cinesi a basso costo !!
Se noi comprassimo i prodotti italiani a ALTO costo, il problema non ci sarebbe

matteo martini 25.05.05 07:04| 
 |
Rispondi al commento

Impara l'arte......

Nel cercare un monitor LCD per il PC, come sempre, ho fatto caso alla provenienza.
Assodato che vengono tutti dalla Cina, che senso ha oramai scegliere questo o quel marchio?
Alla fine ho scelto il più economico.
Marchio mai sentito prima.
Ma se non ho la possibilità di fare una scelta su base etica o ecologica o sociale, tanto vale mandarli a quel paese i marchi.
Chissà se capiranno la lezione prima di estinguersi?
Saluti

Diego D'Agostino 25.05.05 01:02| 
 |
Rispondi al commento

no http://www.valentinorossi.org/ non è il sito ufficiale di vale rossi


claudio de giorgi 25.05.05 00:43| 
 |
Rispondi al commento

Ora basta, FACCIAMO QUALCOSA!

Quello di Valentino ed i caschi AGV, non è che l'ennessima vicenda i cui protagonisti sono un testimonial ultra-miliardario ed uno sponsor che ha come UNICO scopo, la massimizzazione dei profitti dei suoi amministratori, anch'essi ultra-miliardari.

Ma possiamo fare qualcosa e l'ìdea, Beppe, l'hai già messa tu nel tuo sito. Si potrebbe infatti fare una cosa simile all'appello a Ciampi per la missione in IRAQ e mandare vagonate di e-mail collettive, ai diretti interessati di questo genere di vicende: I TESTIMONIAL.

Corpo del testo? Semplicissimo:

"Caro [inserire qui il nome del testimonial: es, Totti, Buffon, Rossi etc],

sarei felicissimo di spendere le stratosferiche cifre che chiedono i produttori degli articoli che reclamizzi [caschi, occhiali, scarpe] a patto che questi prodotti siano fatti IN ITALIA, da lavoratori NON PRECARI e regolarmente stipendiati. In questo modo, si otterrebbero 3 importanti risultati:

1) si creerebbero nuovi posti di lavoro VERI in Italia (e non creati facendo alchimie sui dati ISTAT);

2) valorizzeresti la tua immagine, distinguendoti da certi tuo colleghi che a scuola, hanno imparato solo a fare la firma e la mettono ovunque questa sia in grado di accrescere il loro già cospicuo conto in banca;

3) si darebbe un freno allo sfruttamento del lavoro minorile nei paesi del terzo mondo (di cui presto forse farà parte anche l'Italia, se andiamo avanti così...).

Se queste argomentazioni ti sembrano valide, imponi al tuo agente di far mettere clausole in tal senso nei prossimi contratti che firmerai.

Hai solo da guadagnarci... sotto tutti i punti di vista.

Saluti [etc...]"

Ora Beppe, se la cosa non la ritieni troppo banale, realizzarla per te sarebbe facile ed estremamente efficace.

Primo perchè tu hai sicuramente modo di ottenere, in maniera agevole, gli indirizzi e-mail utili per questa iniziativa.

Secondo perchè il tuo sito, con i suoi 50.000 contatti al giorno, ha un bell'impatto. Va be' che i "campioni" spesso non sono delle cime ed hanno anche qualche problema con l'italiano, ma a furia di leggere 50.000 volte lo stesso concetto, alla fine qualcosa in testa gli entrerà, o no?

Ciao,

Massimo

Massimo Tumiati 25.05.05 00:34| 
 |
Rispondi al commento

dimenticavo la mail che ora è memorizzata nel db del blog

gianluca cinquepalmi 25.05.05 00:07| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramente se le persone con un certo potere mediatico fossero più consapevoli che quello che dicono o fanno può essere di stimolo ed esempio per molte persone....il germe di ciò che è giusto che è in quasi tutti noi, escluso alcuni cerebrolesi che si sono autosegnalati inviando l'e-mail, acquisterebbe più forza, il problema è che in Italia siamo troppo pigri per capire cosa succede....anzi per prenderne coscienza, il concetto di fare progetti che non vadano aldilà del mero calcolo dell'interesse personale da esaurirsi nel più breve tempo possibile, è stato sempre favorito da una classe politica e sociale che non premia la meritocrazia ma la furbizia.....e non punisce i trasgressori ma li lascia liberi di ricommettere altri abusi.
Ma poi siamo così sicuri che se una persona oggi gode di carisma si alza in piedi e dice "se le regole sono queste io non gioco più", domani non sia altro che un ricordo sbiadito?
Il giusto e lo sbagliato percorrono spesso la stessa strada e il dramma è che a noi non ce ne frega niente di dove vanno, l'importante è che ci sia della "gnocca".

Alessio Moretto Commentatore in marcia al V2day 24.05.05 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Salve sig. Grillo
mi permetto di scriverle perchè sono rimasto colpito dalle sue dichiarazioni dello spettacolo di Milano.
mi chiamo Gianluca ho 26 anni di milano

purtroppo non ho avuto la fortuna di vederla dal vivo e da impaziente cronico no volevo attendere a giugno

quindi ecco il potere della rete ....

sono realmente rimasto colpito dal suo spettacolo
soprattutto vedere come enfatizza sull'importanza della conoscenza !!! io stesso mi sono reso conto di essere uno dei tanti che si fa trasportare dai media e vive un pò con i para occhi o meglio vivo la mia vita come su un binario.

non sono un giovanotto che ha tempo da perdere e lo "butta" scrivendo su un blog. Solo volevo esprimele il mio rispetto per il suo sforzo nell' informare la gente.

Sono davvero sconcertato sul fatto come dice lei che debba essere un comico a far affiorare certe problematiche.

Domanda: ma allora perchè queste persone che dovrebbero govenare un paese non lo fanno (destra o sinistra che sia) quali sono le dinamiche che portano queste persone a non usare il semplice buon senso ?
è possibile che siamo circondati da coglini ?

Ho avuto la fortuna di vivere un anno in svezia per studio un anno univesitario per capire e conoscere un'altra cultura.

Risultato ? per conflitti interni e cambi di potere nell'università ho perso la media degli esami di 1 anno !!!!

ma non era questo il punto. peso che sia un pò piu semplice gestire 9.000.000 di persone in 450.000 kmq (una volta e mezzo l’Italia) rispetto ad un paese come l'italia

non pensa che dovremmo cambiare noi la nostra mentalità e non aspettarci dei migliorino i "governati" quando siamo noi i primi a fare i pecoroni ??

non pensa che prima di rivendicare così tanti diritti come lavoratori dovremmo guardare ai nostri doveri ???

non so se riceverò una sua risposta e se avrà voglia e tempo da dedicare ad un giovane che desidera uno scambio di opinioni, ma almeno io ci ho provato la mia parte l'ho fatta adesso sta a lei.

sarei davvero onorato di ricevere uan sua mail e magari approfondire alcuni argomenti.

PS:
fore dovrebbe dire che per far funzionare skipe al meglio è necessaria una connessione internet meglio se flat e veloce ( cosa non sepre semplice da ottenere per costi e tempi).
e comunque il nostro tronchetto anche se ci si appoggia ad altri provider i cavi sono sempre suoi. ad eccezione di fastweb

attendo ansioso una sua risposta e la saluto calorosamente

Gianluca Cinquepalmi

gianluca cinquepalmi 24.05.05 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Chi sia il proprietario della catena GS giuro lo ignoro, ho amici peraltro che lavorano come buyers per dei concorrenti e sono...loro malgrado....obbligati a fare acquisti in Cina, altrimenti li lasciano a casa.

Comunque Vi riassumo in poche righe il meccanismo della GDO e la sua tragica realtà:

NON è comperato in Cina: IL FRESCO e GLI ALIMENTARI IN GENERE.

Tutto il resto arriva dalla Cina. Ombrelli, scarpe, magliette, maglie, cachemire, telefoni, televisori, mobili, sdraio,cappotti, videocassette vergini, cd, giocattoli, l'arredo Natalizio, luci varie, lampadine, pile e batterie varie, intimo, calze, ferramenta in toto, giardinaggio.

Un noto marchio della GDO ....lo so per certissimo......importa dalla Cina 1122 Container all'anno di schifezze.

Cordiali saluti

Cristiano Gilardi

Cristiano Gilardi 24.05.05 20:23| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno mi sa dire (sono ignorante) chi è il proprietario dei supermercati GS? perche' li potete trovare tonnellate di robaccia a 1 euro cad. (orologi, sgommarelli, palle di natale ecc ecc) tutta fatta in cina.....

Stefano Carocci 24.05.05 18:56| 
 |
Rispondi al commento

DA BUON PIEMONTESE DICO SOLTANTO CHE OGGI SIAMO INVASI DAGLI STRANIERI CHE CI RUBANO IL LAVORO....IN PIU'LA BEFFA...DI CHIUDERE AZIENDE CON MANOFATTURA NOSTRANA..PER COMPRARE E DARE LAVORO AI CINESI.......SI E'PERSO IL GUSTO DEL VERO MADE IN ITALY!!! VALE TU RAPPRESENTI L'ITALIA..CHI MEGLIO DITE SAREBBE ASCOLTATO?..DAMMI RETTA CAMBIA CASCO!!!!
CIAO MIRKO

MIRKO MANGIAPANE 24.05.05 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Signor Giampiero Carta, ammetto che il suo anti italianismo di maniera ("la vostra Italia"...ma per favore)un poco mi infastidisce per la pochezza del ragionamento che sta a monte, e che lei ben esplicita nelle sue righe.
Intanto, proprio lei potenziale campione del liberismo delocalizzatore dovrebbe astenersi dal nominare eventuali finanziamenti dallo stato (il cui valore, peraltro, pare apparirle ignoto), e poi informarsi meglio sul ruolo fondamentale che la costituzione italiana assegna al lavoro ed alla sua salvaguardia, nonchè a quello etico che la stessa assegna all'impresa economica nel quadro dell'emancipazione dell'intera società.
Come potrà notare leggendo gli articoli che seguono la "delocalizzazione" è pratica straordinariamente antitetica alle norme della costituzione, quella stessa che le ha garantito le condizioni per permettersi l'aziendina con sei dipendenti che, se può apparire verosimile ai profani che non "comprendano", non sono tenuti a dividere con Lei le sue preoccupazioni, per le quali lei ha un ritorno ben differente ripetto ai 1000 euro degli stipendi che paga loro. Fare impresa oggi, e glielo dice un dirigente d'azienda, significa dimostrare che si è capaci di competere ben oltre il proprio orticello ed essere abbastanza capaci, competenti ed innovativi da non dover ricostruire le condizioni di privilegio assoluto delle quali abbiamo sempre goduto (non ho statistiche rilevanti di imprednitori in povertà) in altri luoghi, a scapito di chi perde il lavoro e di chi lo acquisisce a condizioni aberranti.
Concluderei facendo una riflessione sui dettati costituzionali: da sommo ignorante quale sono mi pare di leggere, tra le righe, la possibilità di un marcato intervento dello stato ove la situazione economica non permettesse la difesa del lavoro e della pari dignità, dallo stesso garantita; mi viene in mente che lo stato potrebbe proibire il rientro dei beni prodotti in seguito a delocalizzazione di aziende, prima, presenti sul territorio italiano.
(Art. 1 - L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro)
(Art. 3 - Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese).


(Art. 4 - La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società).

(Art. 41-L'iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali).

(Art. 42-La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati. La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti. La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d'interesse generale).

Ivano Lunardi 24.05.05 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Sono una grande fan di Valentino, e penso sia dura essere tanto giovani e con così grandi responsabilità. Però se stiamo puntando il dito contro Valentino per lo sponsor che si sposta in Cina per pagare lui e gli chiediamo di fare il paladino della giustizia per queste povere famiglie, perchè non andiamo a vedere, a verificare, dato il momento economico oggettivo che rende comunque la Cina attraente per quasi tutti i settori industriali! Può davvero Valentino opporsi al trend mondiale che sposta in Cina quelle aziende che trovano lì l'unico modo di sopravvivere in questa pazza economia globale? In televisione appare una pubblicità che ci invita a comprare auto italiane, perchè siamo italiani. Quanti sanno che il materiale usato per costruire le "nazionali" quattroruote non hanno poi granchè a che fare con le nostre "nazionali" industrie? La Cina non si è certo impossessata solo del casco di Valentino. Sta invece chiaramente soppiantando il nostro tessuto industriale "domestico", che lascia a casa ogni giorno decine, centinaia di persone, e di famiglie. Che facciamo: chiediamo a Schumacher di inscenare una manifestazione a Roma con tanto di striscioni?

Raffaella Grassi 24.05.05 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe. sono molisano e purtroppo io e tutti gli altri viviamo fuori dai circuiti informativi e culturali. I tuoi spettacoli possono vederli solo i milanesi, napoletani, romani, ma noi della provincia italiana più povera e dimenticata, MAI. Perchè non vieni a Santa Croce di Magliano (CB) e fai uno spettacolo dal vivo? Sarebbe portare la tua voce tra coloro che non hanno possibilità reali di capire, vedere, ascoltare. Faresti un gesto importante, significativo. Ma non abbiamo i soldi per pagarti, come sarà possibile?

Pasquale Licursi 24.05.05 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Gent.mo Sig. Gilardi,
1) non sono un dipendente;
2) pago le tasse (purtroppo) in Italia;
3) ho un'azienda con sei dipendenti, tutti assunti regolarmente;
4) siccome la vostra Italia non fa altro che tartassare le piccole aziende come la mia, non vedo perchè un'azienda libera, che non ha mai avuto un centesimo dal vostro stato italiano, non possa decidere di andare a produrre fuori;
5) probabilmente Lei è un dipendente e non immagina cosa voglia dire fare impresa oggi.

Saluti

GIAMPIERO CARTA 24.05.05 17:52| 
 |
Rispondi al commento

valentino non deve occuparsi di nullaltro di cio per cui DIO gli ha dato la parola!!!

paolo munli 24.05.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Chi Vale vola, chi vola Vale e chi non vola è un vile.
Valentino, tiragli il casco sulla schiena!

Andrea Bella 24.05.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

scusate se rubo spazio
vorrei lasciare un messaggio per barbara mensi :

se vuoi un buon endocrinologo per la tua amica con problemi alla tiroide puoi:

a genova rivolgerti alla struttura che all'ospedale galliera se ne occupa ovvero al centro tiroide dell' endocrinologia

a pisa ,se non mi sbaglio all'universita',
c'è un centro importante di endocrinologia che si occupa di tirode

ciao

caterina michelis 24.05.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Carlo rossella è passato dal "tettimanale" Panorama al "tettegiornale".

Questa può essere una risposta alla tua domanda.

A buon intenditor....

Sergio Anzi 24.05.05 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena finito di guardare il TG5 delle 13,hanno fatto passare un servizio che diceva che abbiamo tutti il colesterolo e che una nota azienda ha appena prodotto un medicinale acquistabile anche al supermercato che può aiutarci a far abbassare il colesterolo e addirittura salvarci la vita.
Io sono ignorante,credo si sia capito,ma a me è sembrata una pubblicità piu che un servizio giornalistico.
Ma forse mi sbaglio,vi prego aiutatemi

salvatore zaccone 24.05.05 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato l email del sito ufficiale di Valentino Rossi info@valentinorossi.org gli ho inviato un email dicendogli di comportasi da vero campione il sito di riferimento è
http://www.valentinorossi.org/

salvatore zaccone 24.05.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Per Massimo De Leonardis e tutti quelli che vogliono informazioni sul referendum del 12/13 giugno.

ANDIAMO A VOTARE AL REFERENDUM E VOTIAMO 4 SI’.

Massimo, non sono assolutamente d’accordo con te: i politici hanno deciso al posto nostro, sono le loro decisioni che non ci vanno.

Quesito 2 e 3 sulla salute della donna
Una donna che non riesce a rimanere incinta nel modo tradizionale deve:
1. Produrre le cellule uovo da fecondare. Per fare ciò deve assumere delle “bombe” ormonali che possono anche avere gravi effetti collaterali.
2. Farsi prelevare gli ovuli così prodotti
3. Farsi impiantare gli ovuli fecondati
Il successo dell’impianto degli ovuli è piuttosto basso perciò è probabile che la donna debba ripetere il tentativo d’impianto diverse volte.
Prima della legge gli ovuli fecondati erano un certo numero di cui qualcuno era impiantato nell’utero, gli altri congelati per un eventuale successivo impianto. In questo modo nei tentativi successivi la donna poteva saltare le fasi 1 e 2.
Con questa legge invece gli ovuli fecondati non possono essere conservati quindi ogni volta bisogna ripetere l’intero ciclo.
Inoltre non si possono effettuare test sugli ovuli da impiantare per sapere se sono sani o no e i medici sono obbligati ad impiantare anche ovuli con malformazioni gravi. Tanto poi la donna può ancora ricorrere all’aborto terapeutico magari rischiando di abortire un feto malato e due sani.

Quesito 4 sulla fecondazione eterologa
Inoltre non possono ricorrere alla fecondazione assistita le coppie portatrici di malattie genetiche per espresso divieto e perché non possono utilizzare gameti di donatori esterni alla coppia.

Quesito 1 sulla ricerca scientifica
Perché dobbiamo permettere che la ricerca scientifica sugli embrioni sia fatta in tutto il mondo tranne che in Italia?

Ciao

Barbara

Barbara Mensi 24.05.05 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Voglio ricordare che "la Patria" è utile anche per pagare la tasse "da italiano", non solo quando si sventola una bandiera dopo aver vinto un gran premio od una gara, per poi andare a festeggiare (a casa???) a Montecarlo oppure a Londra.
L'involucro (il casco) sarà purtroppo anche diventato cinese,ma anche il contenuto (il pilota) non è poi tutto tricolore!!!

alberto pizzocri 24.05.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento

é veramnte molto molto triste questa cosa di valentino Rossi....
Si nota che dietro la faccia del campione buono ci siano solo gli interessi di denaro...
Caro valentino fatti valere per quello che ritini di essere..non uccidere l'economia italiana..

Diego Ferretti

Diego Ferretti 24.05.05 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Oltre all'esempio citato dal sig. Cristiano Gilardi (calzature NIKE) ce ne sono tanti altri e pure molto famosi. Come ad esempio la NIKKO, famosa per le sue auto telecomandate vendute in tutti i supermercati e negozi di giocattoli. Oppure le piste elettriche della CARRERA. Figuratevi che pure i giapponesi, famosi per la loro produttività, sfruttano la Cina. Scusate io non ce l'ho con i cinesi, ma questa che attuano è una concorrenza sleale. Il punto più triste è che non hanno colpa neanche di questo i cinesi (ovviamente mi riferisco agli operai). Sono le nostre stesse multi-nazionali colpevoli di tutto ciò, aiutate dalle alte cariche cinesi (sotto ricompenso naturalmente). Il problema è molto serio e non facilmente risolvibile.

Giuseppe Castorina 24.05.05 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti

.....questa la dovete sapere visto che siamo in tema di "Cinesate".

Ho lavorato per anni per una multinazionale leader mondiale nel settore delle calzature. Avevano (ed hanno tuttora) fabbriche di calzature in ogni angolo del Far East. Qualche tempo fa ci siamo imbattuti in un grosso ordine da parte di una ben nota Marca di articoli sportivi.....inutile dire chi....il più grosso.....4 lettere...inizia per "N"...etc..etc...

Dopo estenuanti trattative durate 4 giorni l'ordine di 400,000 paia si è concluso con l'accordo siglato sulla base di 6.25 Dollari al paio.....(tenete in considerazione che a noi costavano quasi la metà). Questo Articolo di calzature, famosissime.....chissà quanti di Voi le hanno ai piedi adesso.....al pubblico vanno a 148 Euro (circa 130 Dollari). Vi è chiaro adesso del come fanno a pagare i Sig. Calciatori che utilizzano per le Publicità.........un operario in Cina ci costava 80 Dollari al Mese.Io non compro da anni prodotti che vagamente possano farmi pensare ad una produzione Cinese perchè sono schifato dai Mark-Up che queste Multinazionali applicano ai loro prodotti.Prego notare che l'unica differenza tra le famosissime calzature e quelle che facevamo per il mercato locale era giusto il Logo. Quelle per il mercato locale venivano vendute a circa 12 Dollari....(10 Euro contro i 148).

Cordiali saluti
Cristiano Gilardi

Cristiano Gilardi 24.05.05 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Buona notte a tutti voi, forse questo argomento centra solo in parte, ma vorrei affrontarlo assime a Voi. Vi pare giusto che un invalido totale in Italia abbia delle agevolazioni sulle autovetture? Ebbene si mio suocero purtroppo ha avoto anni fa un ictus (mi dispiace per lui),ma non è giusto che questa persona abbia accompagnatoria, 1000 aggevolazioni ed in più per tornare sul nostro argomento un ottimo sconto sull'acquisto di un autovettura. Se io fossi lo "STATO", si la macchina sono disposto anche a dartela, ma quella che ti dico io: una di PRODUZIONE ITALIANA e il modello che ti dico io. In questo modo anche se ho dato ad un disabile qualche cosa, almeno ho prodotto lavoro per degli operai italiani e non per l'estero.
Questo vale anche per Polizia, Carabinieri, Esercito ecc.
Scusate il mio "sfogatoio" ma era tanto tempo che mi tenevo queste cose dentro.
Un abbaraccio a tutti W l'ITALIA.

Gianluca Fattori 24.05.05 07:07| 
 |
Rispondi al commento

Beppe ti stimo tantissimo ed apprezzo veramente il tuo lavoro anche se per motivi di lavoro non ho potuto vedere il tuo spettacolo a Chieti.
E'vergognoso come ci caghino addosso quotidianamente con quelle belle facce pulite e quell'aria da dotti di politica ed economia.Per questo ti ringrazio ancora ed invito tutti quelli che dovessero leggere questo commento di seguire sempre il tuo blog.
Comunque stasera sono stato ad un dibattito tenuto da un prof.dell'università di Chieti di medicina sul tema del referendum.
Sono andato in quanto ignorante in materia e quindi per trarre informazioni scientifiche che mi potessero chiarire le idee in merito.
I chiarimenti li ho avuti,ma sono stato veramente colpito dalla difficoltà del contenuto scientifico di questo referendum,ed ho provato un certo disgusto nel pensare che i nostri politici pur di avere i loro tornaconti dalle multinazionali, che come sempre saranno fruitrici
dell'esito positivo di tutto ciò,hanno delegato gli italiani alla scelta di così delicate decisioni che potranno cambiare il futuro del nostro paese.
Voglio dire,questa gente è stata votata e vien pagata fior di milioni dai contribuenti italiani,
e nel momento di stanziare equipes di scienziati
per studiare approfonditamente,dettagliatamente per ridurre al minimo i rischi scientifici di errore(poi irrecuperabili ed impagabili),delegano
una popolazione che non ne sà nulla approposito e che rischia di più se si esprime che non se si astiene!!
Penso che l'unico modo per far balzare la palla indietro alle loro responsabilità sia la scelta univoca dell'astensione ed invito tutti quelli che non hanno chiaro quello di cui qui si tratta a farlo nel bene di tutti.

ASTENIAMOCI IN MASSA LAICAMENTE,E FACCIAMO SI CHE SIANO COSTRETTI A DELEGARE LE COMUNITA' SCIENTIFICHE A DARE I VERI VERDETTI DI QUESTI CAMBIAMENTI RADICALI DELLA STORIA DEL MONDO!!!!!
GRAZIE, MASSIMO
Ciao Beppe.

massimo de leonardis 24.05.05 02:49| 
 |
Rispondi al commento

è vero...la MAXI RICARICA TIM è una stronzata per non dire di peggio(che sarebbe meglio).

francesco ficchì 24.05.05 00:05| 
 |
Rispondi al commento

ciao grillo! bella la poesia di mina! sarà bene che ci contagiassimo un po' tutti a vicenda! riguardo a valentino rossi, non credo in lui, non mi da fiducia ed ha poco senso di umanità...forse è ancora giovane! quelli come lui vivono di presunzione; non voglio discutere lE sue capacità motociclistiche, ma le sue qualità di umanità, essendo lui un simbolo e (peggio ancora) un mito tra i ragazzi, lasciano un pò a desiderare! non mi pare, per ora, che egli possa aiutarci!

IERI HO VISTO REPORT SU RAITRE E TI CHIEDO CARO GRILLO, DI DIRE QUALCOSA A FAVORE DEI GENITORI CHE HANNO PERSO I LORO FIGLI NEL TERREMOTO DI SAN GIULIANO! GRAZIE

francesco ficchì 23.05.05 23:59| 
 |
Rispondi al commento

Beppe sei il migliore, io ti faccio concorrenza in materia sindacale; se solo il 3% fosse come Te sicuramente le cose andrebbero in modo diverso...Complimenti, e per quanto riguarda Vale l'AGV dovrebbe sistemarla come fa con qualche suo rivale...G..

David Sforna 23.05.05 23:31| 
 |
Rispondi al commento

vorrei segnalare quanto sia un pacco pazzesco la maxiricarica tim.
ti chiedono, alla ricarica da 30 €, se si voglia passare da una carica normale (=25€) ad una che consiste in 15 € di ricarica senza limiti, 20 € di ricarica verso tim e 80 di ricarica verso fissi, questi ultimi con scadenza entro un mese dalla ricarica.
attenzione al pacco: prima viene fatto partire il credito da 15 euro, quello che non dovrebbe avere scadenza, e poi ovviamente, a seconda delle telefonate, quello verso fissi e tim. gli sms vengono addebitati sul credito senza scadenza.
una gentilissima signorina probabilmente laureata con ottima dizione (che leggeva bene un foglio prestampato) e sicuramente vittima anche lei di un sistema che sa solo generare precariato (io ho 2 part time e non arrivo a 900 euro al mese, e ho 2 figli da crescere) mi ha detto che forse è perchè ho telefonato a numeri tim che sono passati ad altri operatori che il mio credito è già esaurito.
una volta esaurito il credito si perde il diritto al bonus tanto osannato in tv da tipe che non riescono neanche a parlare bene ma sono stragnocche e questo sta bene a tutti noi italioti fallocentrici...
quindi state attenti e non cadete nello stesso mio errore...
buona vita a tutti!

daniel regis 23.05.05 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Tutti i giocatooli della chicco sono prodotti in Cina. Un mio amico è stato in svizzera mmi ha portato un a statuetta in metallo tipica fabbricata in Cina. Si predica bene ma si razzola male

vertolli massimiliano 23.05.05 22:11| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti,
vorrei replicare al commento del Sig. Gianpiero Carta poichè non mi vede per nulla d'accordo.

"Sig. Carta , Lei è licenziato a decorrere da domani stesso..........passi dall'ufficio del personale a firmare e riempia lo scatolone dei suoi affetti personali entro stasera".................se lo immagina sentirselo dire Sig. Carta.........provi ad immaginare che cosa dovrà dire a Sua moglie ed ai figli ....ed alle Banche alle quali deve ancora 6 anni di mutuo......pensi bene Sig. Carta...........pensi bene che bello vedersi cacciare da un'azienda per la quale magari a sputato sangue per anni .......e lo cacciano senza che Lei Sig. Carta abbia la minima idea di che cosa abbia combinato per meritarsi questo.

Adesso Lei è a spasso senza un lavoro.....perchè secondo la sua vibrante strategia aziendale le aziende fanno benone a spostarsi in massa all'estero a produrre.....


Credo che dovrebbe riflettere prima di fare simili affermazioni.

Cristiano Gilardi

Cristiano Gilardi 23.05.05 20:05| 
 |
Rispondi al commento

LA CINA, pensate qualche centinaia di anni fa l'imperatore cinese dell'epoca decise di tagliare tutti i ponti con qualsiasi altra civiltà inquanto era giunto alla conclusione che nessuno avesse niente da offrire loro perchè avevano tutto, maledisse il suo popolo che oggi preso coscenza del suo potere, anzi correggo le multinazionali preso coscenza di sfruttare secondo una semplice strategia di mercato chi non ha niente facendogli credere che potrà avere tutto, potranno tenere in scacco il mondo mandando al macero qualsiasi economia altro che bombe atomiche oggi l'esplosione non porterà radiazioni, leucemie e tumori ma impoverimento quindi perdita di tutte quelle belle abitudini alle quali siamo stati viziati grazie al garantismo e al clientelismo dalla sicurezza di un qualcosa che si basava sull'indebitamento e se invece di lamentarci utilizzassimo una srtategia molto semplice, la migliore difesa e l'attacco, come si può fare? CARO BEPPE credo che se i titolari delle nostre aziende mettessero la marcia in più ed investissero in ricerca, formazione, prodotti d'avanguardia... Nel mercato mondiale bisogna dividersi i compiti giusto? Facciamo produrre a loro ciò che serve per vivere a basso costo così avremmo più denaro per fare studiare chi ne ha le capacità, investire in sistemi di energia alternativi, nel campo sociale, faremo questo anche per loro credo perchè al scienza e di tutti e qualcuno ha l'obbligo e il dovere di investire su di essa per il bene dellumanità.

SBIZZERA MASSIMO 23.05.05 20:05| 
 |
Rispondi al commento

sono daccordo caro SIX NILAV.......rimettiamoci in piedi cominciando dal prendersi ognuno le proprie responsabilità di quello che si pensa....e che si vuole dire o gridare....usando nome e cognome reali.
anna

anna paolini 23.05.05 18:34| 
 |
Rispondi al commento

solo un piccolo racconto....
è chiaro che valentino rossi ha talento ed è chiaro che sia bravo.
constatato questo però vorrei raccontare una cosa che in una sera di tristezza....accendendo la tv ho visto.
parlo di qualche anno fa.....lasciamo perdere i protagonisti e quello che penso di loro....ma sicuramente è una cosa che mi ha colpito....
qualche anno fa in una puntata credo di paperissima fecero vedere un fuori onda di mike bongiorno che se la prendeva e non poco con la signorina antonella elia....
eh si.....
la poveretta aveva durante una registrazione battuto le mani alla vincitrice che rifiutava la pelliccia che aveva vinto....perchè animalista....
la cara signorina elia nel fuori onda venne attaccata come nn mai......
diciamo che forse la poveretta l'unico vero sbaglio lo fece riguardo al fatto che lei ancora non era poi tanto famosa.....e nn poteva permetterselo.....e infatti non è che sia così in cima tra le celebrità...
ora io mi kiedo....
e se il nostro caro valentino, saputa la notizia sia sul suo caro casco AGV e sia sul fatto che tutto quello che indossa è cinese(presumendo che lui non lo sapesse prima)......credete che rifiutandosi la yamaha lo licenzierà???
credete che la yamaha non possa permettersi di far sfrecciare la sua moto col suo pilota senza uno straccio di sponsor????
si lo so.....pura utopia.....
ma l'unica cosa in cui credo è che il caro valentino visto dove è arrivato.....
può e nn dico potrebbe....PUO'rifiutarsi di correre.....
bè sarebbe bello nn trovate???
non rischierebbe neanche di fare la fame x avere intrapreso un azione del genere.....ha guadagnato talmente tanto da potersi permettere mille vecchiaie tranquille.....
quindi........il caro valentino.....ma lui è solo un esempio.....può permettersi questo ed altro....
io nel mio piccolo posso solo come ho scritto giorni fa....scegleire di fare una o un altra cosa.....lui invece può fare la differenza.
baci a tutti
anna

anna paolini 23.05.05 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi è quel pazzo che oggi rimane a produrre qua in Italia?
La AGV non è più italiana, quindi ha tutte le ragioni di questo mondo per trasferire la produzione dove più gli piace.

GIAMPIERO CARTA 23.05.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori