Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Basta! Parlamento pulito!

  • 940


Parlamento_pulito_big.JPG


Chi è stato condannato in via definitiva non deve più sedere in Parlamento.
Un parlamentare non può rappresentare i cittadini se è stato condannato dalla Giustizia Italiana in via definitiva.
E se la legge lo consente, va cambiata la legge.

E’ possibile essere ancora rappresentati da questa gente che è stata condannata (tralascio i prescritti e quelli sotto giudizio, non mi basterebbe il blog…)?

Berruti Massimo Maria (deputato FI)
Biondi Alfredo (deputato FI)
Bonsignore Vito (eurodeputato UDC)
Bossi Umberto (eurodeputato Lega Nord)
Cantoni Giampiero (senatore FI)
Carra Enzo (deputato Margherita)
Cirino Pomicino Paolo (eurodeputato Uudeur)
Dell’Utri Marcello (senatore FI)
Del Pennino Antonio (senatore FI)
De Michelis Gianni (deputato NuovoPsi)
De Rigo Walter (senatore FI)
Frigerio Gianstefano (deputato FI)
Galvagno Giorgio (deputato FI)
Jannuzzi Lino (senatore FI)
La Malfa Giorgio (deputato PRI)
Maroni Roberto (deputato Lega Nord)
Rollandin Augusto (senatore Union Valdotain-DS)
Sgarbi Vittorio (deputato FI)
Sodano Calogero (senatore UDC)
Sterpa Egidio (deputato FI)
Tomassini Antonio (senatore FI)
Visco Vincenzo (deputato DS)
Vito Alfredo (deputato FI)

Questa lista dovrebbe apparire tutti i giorni su tutti i mezzi di informazione.

E’ profondamente immorale che sia loro consentito di rappresentarci.

Chiedo per questo il vostro aiuto, per inviare una mail al Presidente della Comunità Europea, José Manuel Barroso per far cessare questo scandalo.

La mail da inviare è riportata sul blog.

Cominciamo a farci sentire, diffondete questa iniziativa con "Invia ad un amico"!


7 Giu 2005, 18:58 | Scrivi | Commenti (940) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 940


Tags: parlamento-pulito

Commenti

 


Però mica male l'idea!

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 15:58| 
 |
Rispondi al commento

sono giorni che mi rosico cercando di capire perche io devo pagare per tutti gli altri sono un impiegato statale (reparto difesa)con famiglia a carico di moglie e 2 figli stipendio dopo 32 anni di carriera 1700 euro con contratto gia bloccato da due anni e adesso il mio bel governo mi vuole bloccare (ridurre chissa di quando)l' aumento io che ho sempre pagato le tasse e i miei bastardi ricconi che non pagano una lira teste di cazzo ve lo dico io come fare a beccare gli evasori basta mandare in borghese gli agenti in un qualsiasi meccanico, studio dentistico,dottori specialisti in genere e in tutti quei esercizi commerciali di questi bastardi finti poveri e poi vedi come sbucaco gli evasori oppure coinvolgere direttamente gli utenti ogni volta che si paga qualcosa una percentuale va in detrazione della fattura/scontrino di chi acquista vedi come la gente poi pretende che i bastardi rilasciano le fatture/scontrini ecc non e possibile che io possa guadagnare piu del mio fruttivendolo che ha 3 case di proprieta o del mio meccanico che ne ha 2 e non paga neache il ticket sanitario perche risulta povero a voi le conclusioni

crudo marcello 20.06.10 09:45| 
 |
Rispondi al commento

...

giorgio pinerolo 22.07.09 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono un tuo grande estimatore e avrei voluto seguirti al v-day ma il volo di andata e ritorno era troppo caro per le mie tasche....
Ho seguito tantissimo il blog e tutte le questioni trattate ma di tutte, quella che assai mi fa incazzare è la questione deputati condannati in via definitiva che siedono in parlamento.
Devo dire che le condanne sono tutte diverse, dal favoreggiamento personale alla corruzione e falso in bilancio....
Proprio su questo vorrei porti una domanda: L'On. Massimo Berruti (il primo della lista al v-day) è uno dei condannati a 8 mesi per favoreggiamento.
Ho fatto ricerche su ricerche ma non riesco a darmi una risposta: Berruti viene condannato per aver commesso favoreggiamento sulle tangenti che il Nano avrebbe pagato alla Guardia di Finanza.Giusto?Ok!La domanda è : ma perchè Berruti viene condannato per aver favorito una persona(IL Nano) che è stata assolta???Non capisco come si faccia a condannare un "esecutore" il cui mandante è stato assolto!!
Per carità, fosse per me li inculerei tutti ma non comprendo proprio come si faccia ad essere condannati per aver favorito uno giudicato non colpevole nello stesso processo!Non posso credere che uno al mattino si svegli e decida di corrompere di tasca propria e di sua iniziativa la GDF per ottenere verbali favorevoli sul controllo di una società che appartiene ad un altro(il nano)!Vorrei capire come si puo subire una condanna cosi e non incazzarsi come un'ape!!Onestamente credo che anche in questo caso i due pesi e le due misure siano stati usati per colpire una persona e salvarne un'altra!POVERO CRISTO!!...attendo una tua risposta! SEI GRANDE!!

Alessandro Zedda 06.11.07 17:55| 
 |
Rispondi al commento

> INELEGGIBILITA' DI PERSONE DICHIARATE IN SEDE PENALE:
1° RINVIATE A GIUDIZIO;
2° PRESCRITTE;
3° ASSOLTE PER INSUFFICIENZA DI PROVE;
4° DIFFIDATE DALL’ AUTORITA' DI PS.

> ABLIZIONE DELLA GIUNTA PER LE AUTORIZZAZIONI A PROCEDERE DELLE CAMERE;

> ABOLIZIONE DELL'IMMUNITA' PARLAMENTARE;

> INTRODUZIONE DEL REATO DI ABUSO DELLA FUNZIONE PARLAMENTARE;

> AGGRAVANTI CON IL RADDOPPIO DELLE PENE E AZZERAMENTO DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI CON RESTITUZIONE ALLO STATO DI TUTTE LE MENSILITA' RISCOSSE DAL GIORNO DELLA COMMISSIONE DEL REATO DAL PARLAMENTARE DURANTE LA SUA CARICA ELETTIVA;

> INTRODUZIONE DEL CARTELLINO MARCA TEMPO PER LE ORE DI LAVORO EFFETTIVAMENTE MATURATE NEI PALAZZI DI POTERE;

> INSTALLAZIONE DI TELECAMERE A CIRCUITO CHIUSO NEI PALAZZI DI POTERE PER VIGILARE CON RIGORE I COMPORTAMENTI DEI PARLAMENTARI;

> PER SCARSO RENDIMENTO DEL PARLAMENTARE - INSERIMENTO DI UNA SANZIONE DEL DECURTAZIONE DEL 70% DELLO STIPENDIO MENSILE;

> PER ASSENTEISMO O SCARSO RENDIMENTO AGGRAVATO - INSERIMENTO DI UNA SANZIONE DEL LICENZIAMENTO IN TRONCO.

Caro Beppe sei un grande personaggio. Sono pienamente d'accordo nella battaglia della mala politica in piazza. Ti staro' vicino anche io. Continua così.

pulire a fondo il parlamento 22.09.07 05:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Quando avevo 10 anni mio padre mi disse: "Sembra che il fascismo sia il manganello e viceversa. Ma il vero fascismo è il privilegio, il manganello serve solo per difendere il privilegio"
Via tutti i privilegi
Via tutti i fascismi

Dario Ligori 29.07.07 18:06| 
 |
Rispondi al commento

E' una cosa ignobile che coloro che ci rappesentano in parlamento sono condannati in via giudiziaria come fa uno che ha commesoo un reato a sedre in un posto cosi importante coloro che hanno voluto la repubblica si staranno rivoltando nella tomba vedendo che i parlamentai sono cosi corotti

Lorenzo Piovano 09.07.07 17:33| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe, sono Elisa , ho un'idea un pò folle ma, come diceva se non erro Totò, "a me l'idea piace" pertanto mi auguro che piaccia anche a te perchè ho bisogno del tuo aiuto per poterla realizzare. I politici, i dirigenti (e perchè no i dipendenti) degli Enti Pubblici usufruiscono benefici non indifferenti nonostante i loro stipendi non sono di 1000-1500 euro mensili come la maggior parte degli italiani. Sappiamo benissimo che il POPOLO non ne può più di questa situazione e se non vogliamo rischiare come in Francia ai tempi del Re Sole e di Maria Antonietta, la famosa "Rivoluzione", dobbiamo darci una mossa, raccogliendo firme per ABOLIRE tutti i privilegi che godono i Sigori su citati. D'altronde, il popolo è il loro datore di lavoro e quindi solo una rappresentanza del popolo con il sindacato possono decidere ciò che gli è dovuto. Non è forse cosi' che avvengono le trattative ad ogni rinnovo di contratto? Se ho scritto stupidaggini o, se anche a te l'idea piace, contatta questo indirizzo di posta elettronica perchè ora mi trovo a Bologna; tra una decina di giorni sarò a Bari ed il mio indirizzo è elisapascale@libero.it. Non credi che agli Ordini Religiosi non dovrebbe essere consentito dare il loro voto politico? I preti e Co. dipendono dallo Stato Italiano o dal Vaticano?

elisa pascale 04.07.07 18:53| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti questo è il mio primo commento nel blog del grande Beppe. chiedevo a chiunque ne avesse la conoscenza come poter praticamente controllare lo stato penale delle persone che ci governano. siano esse consiglieri comunali, sindaci, assessori...... questo per avere un'idea più precisa e completa al fine di votare qualcuno sapendo qualcosa in più o qualcosa che è nel nostro diritto di elettori sapere(almeno io ritengo sia un mio diritto) . saluto tutti gli Amici

giovanni pulcino 23.06.07 16:06| 
 |
Rispondi al commento

ho letto su "La Casta" qualcosa in riguardo ad un certo personaggio di nome Sergio De Gregorio de " L'Italia dei valori" e su certi "giochini finanziari". Come mai non se ne parla in giro??? Strano ke Di Pietro non se ne sia accorto...

Sante Lucchini 17.06.07 21:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ci siamo dimenticati di richiedere la reintroduzione del reato di vilipendio alla bandiera depenalizzato dal Governo di centrodestra poichè qualcuno la preferiva alla carta igienica quando doveva pulirsi il culo.


giovanni cocco 30.05.07 21:43| 
 |
Rispondi al commento

grande grillo comunque se 14 parlamentari sono condannati in cassazione vuoi vedere quanti puoi condannarne per droga? be io sono uno che quarda striscia la notizia e un giorno hanno fatto un servizio sui parlamentari (adesso non mi ricordo il numero esatto) ma mi ricordo che (dopo un piccolo test) striscia a trovato che molti parlamentari si drogavano....
perciò io mi chiedo se parlamento è un posto di recupero (come dici tu) perche a ma pare che non è gnanche quello!!!!!!!

bernardo zeni 22.03.07 10:28| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

la legge elettorale odiera, che il cavaliere dice non essere un problema, permette questo. Finchè chi tira estintori in testa ai carabinieri ha aule del parlamento a suo nome finche ci sarà la pussibilità ai volta gabbana di restare sulla loro sedia, finchè non si potranno votare le persone e mandarle a casa quando non sono coerenti alle idee per cui le abbiamo votate, possiamo spazzare la bandiera fin che vuoi ma ci sarà sempre qualcuno che la calpesterà sempre dopo aver pestato una merda.

Michele Battistella Commentatore certificato 02.03.07 18:58| 
 |
Rispondi al commento

ci prendono in giro, é stato riconfermato il governo,quando finirà il circo, moira orfei ha i leoni noi abbiamo i coglioni. un saluto

gianluca pelati 28.02.07 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Sul sito "comincialitalia" è gia esistente da alcuni mesi una petizione comprensiva di una valida proposta di legge che trovo rispecchi molto bene l'ideale di PARLAMENTO PULITO. Beppe prova a darci un'occhiata, se non lo hai gia fatto. Poi magari potresti fargli un pò di pubblicità sul blog...un pò di VERA SANA PUBBLICITA' PROGRESSO!!!!

Manuele Vannuzzi 17.12.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Soy un ciudadano europeo, que amo la Italia, pero estoy disgustado y preocupado por todo lo que sucede en ella, la corrupción, la mafia ecetera, y los parlamentarios la mayor parte de ellos que comviben con las mafias, por que no hechan a esos senadores a vida que estan cobrando unos sueldos astronomicos mientras el ciudadano ace fatiga a llegar al final de mes,
Por que no se sctua y se egecutan las sentencias, esperemos que esta Italia se pueda un dia reperder de tanto delincuente, cosa que veo dificil, por que el rico es cada vez mas rico y el poibre cada vez mas pobre.Saludos desde Suiza

Guillermo Pérez 18.11.06 19:22| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bella iniziativa. Una cosa e` chiara dal risultato delle ultime elezioni: gli italiani non si riconoscono in questa classe politica di bassa lega. E` ora di cambiare, vogliamo gente di valori morali che sia di esempio. Cominciamo a levare di mezzo i condannati, dal parlamento, dalle amministrazioni locali e dalle liste dei candidati.

Sergio Missori 10.11.06 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande Beppe................un favore...... una supplica........un consiglio........una preghiera.........ti prego salvaci.......fonda un partito degli onesti.......

Mimmo D'Orazio 21.10.06 23:30| 
 |
Rispondi al commento

PUBBLICATE anche LE FOTO vicino ai nomi e cognomi dei parlamentari condannati. Non tutti li conosciamo... e se li incontrassimo per strada... SE LI RI-CONOSCI LI EVITI

Carlo Strano 12.10.06 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe sei grande e ti regalo una riflessione (facendo tanti auguri all'ex ministro Bossi che si ristabilisca presto): ma perché Bossi si fa curare in Isvizzera? Forse perché la sanità lombarda in mano ai leghisti lo preoccupa un po'?

Domenico Lanfranchi 01.02.06 00:39| 
 |
Rispondi al commento

Mi viene in mente di quando da ragazzo litigai con mia madre ,allora titolare di una attivita' commerciale, perche' non volle assumere una persona uscita di galera che cercava lavoro.
Se una persona ha scontato la pena per un reato non deve essere marcata a vita, anzi dovrebbe essere stata rieducata (questo in linea di principio).
Forse la vera cura e' un'altra. Limitiamo il tempo di permanenza di questi simpatici signori ad un numero limitato di legislature, facciamo 2 o 3, e dopo ...tutti a casa! Se la politica diventa per il singolo un lavoro e non un servizio alla comunita' ( o comunque a parte di essa, la democrazia si basa sulla rappresentanza dei cittadini ), e' ovvio che l'interesse del politico diventa la distanza del proprio fondoschiena dalla sedia in parlamento (con i benefici che ne conseguono) e non il bene della cosa pubblica.
Ho sempre sognato di poter in qualche modo portare avanti questo progetto di limitare la permanenza in parlamento dei nostri dipendenti, "fusse che fusse la vorta bbona ?" (Nino Manfredi docet.)
So' di un coraggioso parlamentare (sardo?) del vecchio PCI che fece questa proposta di legge, non so' che fine abbia fatto, ma non mi stupirei se qualche collega in parlamento gli abbia fatto una macumba...

Fabrizio Rinalduzzi 14.01.06 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Sono giorni che mi inoltro nelle letture di Marco Travaglio sui "nostri" processi di corruzione e associazione mafiosa. Ora mi chiedevo e spero che tu Beppe mi possa rispondere: Per diventare un parlamentare Euoropeo e ancor prima, per creare un partito politico in Italia, devo per forza seguire le orme del nostro corrispondente in parlamento europeo quale Dell'Utri Marcello, o posso cavarmela in altro modo?
Volevo solo ricordare ti tifare Italia almeno per i mondiali di calcio sperando di non doverci vergognare anche su quel fronte.
BUON ANNO....

Massimo Valentini 31.12.05 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!!
Ma senti: e se noi quando andiamo a votare ci presentiamo, non votiamo perché insoddisfatti dei candidati e facciamo mettere per iscritto la nostra motivazione di non voto sul registro? Pensa un pò che botta!! Eh??

Angela Nicolinici 29.12.05 10:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 13:03| 
 |
Rispondi al commento

NON AVENDO LA SUA EMAIL SPERO PROPRIO CHE QUESTA MIA SIA LETTA DA QUALCHE PERSONA A LEI VICINA.

Sig. presidente del consiglio ieri ho sentita dire DA LEI la seguente frase" per votare la sinistra bisogna essere stupidi" IL RUOLO ISTITUZIONALE CHE LEI RICOPRE NON DOVREBBE CONSENTIRLE DI USARE CERTI TONI DA BAR DEL "CIAMBELLINO" FINO A ORA ABBIAMO SOPPORTATO LE SUE ESTERNAZIONE DA BAR CON MOLTA PAZIENZA ORA DOPO LE SUE ESTERNAZIONI HO TUTTO IL DIRITTO COME LEI DI ESTERNARE PUBBLICAMENTE UN GIUDIZIO NON POLITICO, MA DA BAR COME FA LEI NELLE SEDI ISTITUZIONALI, QUINDI POSSO DIRLE CON TUTTA IL MIO TOTALE DISPREZZO CHE LEI è UN CRETINO. E BADI BENE NON CRETINO PER IL SUO COMPORTAMENTO MA CRETINO GENETICAMENTE PARLANDO. , CREDO CHE LE TESI UN PO SOTTOVALUTATE DEL PROFFESSOR LOMBROSO ABBIANO PIENA APPLICAZIONE NEI SUOI CONFRONTI E NEI CONFRONTI DELL'ATTUALE PRESIDENTE AMERICANO. A GUARDAR BENE LE VOSTRE FACCE CREDO CHE POSSANO ANDARE A COLMARE UN VUOTO. TRA VOLTI DI INCENDIARI, UXORICIDI, FRATICIDI ,, ANCHE I VOLTI DEI CRETINI.
(tutto questo è avvalorto dal suo vano tentativo di modificarne l'aspetto attraverso le plastiche facciali)
IL SUO AMICO BOSSI DICE CHE è UN MAFIOSO.. PUO' ESSERE... IO LA RITENGO PIU UN CRETINO.
UNO CHE VOTERA' A SINISTRA. (STUPIDO?)


carlo pisu 15.12.05 17:04| 
 |
Rispondi al commento

E'cosa evidente ed opinione diffusa nella maggioranza dei cittadini italiani che la classe politica di questo Paese, e il governo in particolare, operino a proprio vantaggio, a discapito del Popolo italiano e contro gli interessi nazionali. Ignorante ma parte lesa mi chiedo:
-Qual'e' lo spazio e le modalita' per procedere con un'incriminazione di "ALTO TRADIMENTO" (se non esiste tale reato andrebbe introdotto nella riforma costituzionale)?
-E' possibile pretendere una perizia psichiatrica relativa al Presidente del Consiglio in caso manifesti evidenti segni di squilibrio mentale? Quali ad esempio: delirio di onnipotenza; distacco dalla realta';tendenza alla menzogna sistematica; gravi disturbi alla memoria; incapacita' di valutazione oggettive; grave forma di paranoia e mania di persecuzione; reiterati oltraggi nei confronti di parte della popolazione....
Un "disgraziato" afflitto da tali gravi disturbi sarebbe totalmente incompatibile con la carica istituzionale alla guida del Paese. Converrebbe a tutti accertarsene, magari prima di incaricarlo....
suggerisco,oltre alla fedina penale dei dipendenti, d'inserire nella scheda elettorale il loro profilo psicologico ed eventuali patologie conclamate.
Grazie Beppe, grazie a tutti.

Gianluca Fontanella 30.11.05 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi rivolgo alla redazione,
vorremmo pubblicare anche noi questo elenco, pero' ci piacerebbe citare ed approfondire le fonti. Mi spiego meglio: vorremmo che il lettore potesse, una volta letto che Tizio e' stato condannato per questo reato, leggere la sentenza e le sue motivazioni.
Cosi' sarebbe molto piu' istruttivo.

Per il resto concludo con una frase molto originale: complimenti per il sito.

Giacomo Alessandroni 07.11.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.

Se pssibile, volevo sapere quali sono le testate internazionali che hanno RIFIUTATO l'appello "Parlamento pulito".
Sono state interpellate anche testate nazionali?
Rispondete anche a poncho_mao@yahoo.it

VI RINGRAZIO!!!

Maurizio Ferrero 23.10.05 21:35| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimo e inossidabile Beppe Grillo,
Spero vivamente che questa lista sia epurata di alcuni nomi che "vergognosamente" sono stati inseriti.
Lasciamo stare i residui della "vecchia repbblica-DC-PSI-PRI etc etc..." che se sono stati condannati probabilmente (e sottolineo la possibilità che non sia così) se lo meritavano.
Maroni e Visco però.........
Bastano loro per dare un carattere ridicolo a tutta l'operazione.
Se Barroso non ci considera forse c'è un motivo....

ulisse nicola 27.09.05 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimo e inossidabile Beppe Grillo,
Spero vivamente che questa lista sia epurata di alcuni nomi che "vergognosamente" sono stati inseriti.
Lasciamo stare i residui della "vecchia repbblica-DC-PSI-PRI etc etc..." che ses sono stati condannati probabilmente (e sottolineo la possibilità che non sia così) se lo meritavano.
Maroni e Visco però.........
Bastano loro per dare un carattere ridicolo a tutta l'operazione.
Se Barroso non ci considera forse c'è un motivo....

ulisse nicola 27.09.05 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe

Claudio MUSA 09.09.05 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, mentre sono d'accordo sul principio che i condannati non debbano sedere in Parlamento (in Germania, un Parlamentare si e' dimesso solo perche' guadagnava le miglia aeree con i viaggi di lavoro, da noi invece...), il mezzo utilizzato mi pare decisamente fuori luogo.
La lettera a Barroso e' assolutamente inutile, in quanto la Commissione Europea non ha alcun potere di agire su una questione PURAMENTE NAZIONALE. Inoltre, potresti immaginarti gli insulti che gli verrebbero mandati (quegli "eurocrati di Bruxelles", di cui faccio parte, che non si impicciano mai dei fatti loro).

Quanto a quelli che dicono "e Prodi dov'e'?, uno vale l'altro", io dico NO!!! Prodi non e' mai stato condannato, e uno non vale l'altro, basta vedere la lista. Questo e' qualunquismo e, guarda caso, ha fatto vincere Berlusconi...

Stefano Fantaroni 05.09.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Volendo applicare quel criterio, neanche Alessandro Pertini detto Sandro non avrebbe potuto sedere in Parlamento, in quanto di condanne definitive ne ha subito svariate.

daniela dani 31.08.05 02:29| 
 |
Rispondi al commento

Sometimes even to live is an act of courage.

xanax 26.08.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Se invece dei parlamentari ladri e sempre fieri togliessimo di mezzo le poltrone? Ma tutte però! Non voglio più sapere quanto deve essere lunga la zucchina, nemmeno della pesca da 5,5 cm o delle fragole 2 cm in sù! Poi dei nani da giardino che offendono i nani, c'hanno pure ragione, non i nani con le ballerine. Ma tutto questo costa tanti di quei milardi che non riesco neppure a scrivere. Forse mi dovrò abituare ma, a me sembrano tutti matti. Meno male che mio nonno non c'è più sennò, quando mi portava le ciliege dalla campagna le potevo anche dire "ah nonno! ma che me stai a da, le ciliege fuorilegge?" O me menava o me faceva ricoverà. I tempi cambiano...eeeeeeeeeee se cambiano. Ma i nani e ballerine restano sempre... sono le "capoccie di legno" di qualcosa che ci sovrasta.

Giovanni Proietti Cara 27.07.05 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Premetto che sono un sostenitore irriducibile dell’idea che la satira non debba essere politicamente corretta, anzi in tempi di corruzione dilagante e delirante come questi la penna deve essere quanto mai affilata .

Nella scelta degli amministratori della cosa pubblica otre che guardare le facce bisognerebbe ascoltare il suono delle parole, dei nomi, in modo da percepirne il significato occulto e il grado di pericolosità. Certo il qualunquismo che potrebbe emergere da questo metodo è deplorevole ma nel caso di alcuni individui mi pare comunque lecito.
Ecco qualche esempio:
1)Miccichè : si tratta senza dubbio di quel filo che collega l’esplosivo al detonatore.
2)Cuffaro : il tipico rumore dello sparo di un fucile a canne mozze.
3)Dell’Utri : forse una clinica per gli aborti clandestini.
4)La Loggia : ve la devo proprio spiegare questa?

Mi scuso con tutti coloro che portano questi cognomi innocentemente ma a che punto siamo arrivati? A quando l’elezione dell’ onorevole Tinculo?

Ciao Beppe continua così.

Gianni zoccheddu 27.07.05 18:33| 
 |
Rispondi al commento

grillo...esco dal seminato se mi permetti:)....ho letto tutto di un fiato..cifre e dati ripugnanti per un operaio che a casa ha dei problemi economici...decido per una "pazzia"se mi aiuti....voglio chiedere danaro a qualche politico per affrontare i miei problemi economici..nati da un problema serio a mio figlio paolo(17-05-2003- mielomelingocele)...io voglio aiutare il suo futuro con i soldi che qualcuno ruba tutti i giorni.....aiutami tu(...se leggerai:).....)...ciao e comunque vada grazie in anticipo per queste 2 ore che hanno impegnato la mia vita!ciao da sergio

sergio blesio 27.07.05 01:14| 
 |
Rispondi al commento


Ho spedito la mail a l paralmento Europeo, ma credo che dall'elenco manchi un personaggio: mi sembra che Berlusconi di condanne definitive ne abbia collezionate più di una, anche se per qualcuna ha ottenuto il perdono giudiziale....

roberto sega 24.07.05 17:42| 
 |
Rispondi al commento

...Perchè avrebbe dovuto farlo Prodi quando era presidente lui. Anche perchè, ne sa molto di più dei soldi "distratti" che di che quei ceffi loschi elencati. Vedi nomisma, i cammelli nel deserto, cirio alfa ecc. Ma, il nemico da combattere si sa, rimane sempre il più recensito dai scribacchini e ruffiani di corte. Però, quando si tratta de magnà so tutti compari.Da che monno è monno. Dividi et impera. Il bifolco contro il cafone e via andare, INTANTO LORO MAGNANO TUTTI, GNAM...GNAM...GNAM...

Gianni Proietti Cara 22.07.05 19:49| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Grillo,

Ma perché non chiedere direttamente a BARROSO di pulire il parlamento EUROPEO, visto che 5 dei deputati europei Italiani hanno condanne definitive, ovvero: Vito Bonsignore, Umberto Bossi, Mario Borghezio, Paolo Cirino Pomicino, Gianni De Michelis.

Meglio forse anche nominare Dell'Utri, come membro del Consiglio d'Europa)

E'non parlo neanche di quelli che hanno avuto la fortuna di vedere la loro condanna cambiare in 'fatto non sussiste', grazie a cambiamenti di legge. So almeno di due: Giuseppe Castiglione(appalti ospedale Catania), Lorenzo Cesa (tangenti ANAS).

Invece per il parlamento Italiano, dovresti mandare l'email a Ciampi, non a Barroso.

Hedwig Zeedijk 22.07.05 17:46| 
 |
Rispondi al commento

La verità? Se non ci fossero le bugie non potrebbe esistere. Come il giorno son sarebbe tale senza la notte e il bene se non vi fosse il male.Il pensiero dell'essere è come una stella. Peccato che ce ne sono miliardi. Anzi no! E' così perchè è così.
Katia Cipriani

Katia Cipriani 21.07.05 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici che avete replicato alla mia, ci tengo a precisare che nulla ho contro chi ha fatto delle scelte a modo suo per soddisfare la propria libidine, ma visto che si parla di morale per chi ha rubato, volevo solo "allargare" il concetto di moralità. In certi paesi, ad esempio Cuba, Cina, paesi islamici ecc. a certe persone ....si sa che fine gli fanno fare. Però dichiararsi come i ventola , i pecorari ecc. affascinati dal sesso maschile, preferirei che dirigessero un bordello. Magari ci vado anch'io. Baci et abbracci..ma, non in bocca. Non ho mai provato.preferisco assaporare un bel bicchiere di vino genuino.

Gianni Proietti Cara 21.07.05 21:31| 
 |
Rispondi al commento

Io non riesco piu' a capire chi e' pulito e chi invece non lo e'!ma com'e' possibile che se una persona comune sbaglia,paga giustamente e questi, ormai molti, benpensanti non pagano mai!!!!
La legge e' proprio uguale per tutti!!!
Viva sempre di piu' le persone leali e sincere!!!!

simone conte 17.07.05 03:56| 
 |
Rispondi al commento

IN RISPOSTA A "EPILOGO"
be caro Beppe,
forse non ha
compreso la firma
se gli'e la facessi
leggibile............

sergio de luca 16.07.05 19:54| 
 |
Rispondi al commento

di cosa ci stupiamo ancora ........
sono anni che ci prendono in giro su tutti i fronti e noi siamo ancora li a scandalizzarci possibile che nessuno se ne sia accorto prima; cambiano i colori, i nomi. le influenze, ma il risultato non cambia......
finchè non ci decideremo ad alzare la testa tutto resterà invariato.
la mia proposta e sicuramente banale ma se per una volta ci fosse una disobbedienza totale .....
ma dico totale su di una cosa scelta e mirata e la cosa piu ovia che mi viene in mente sono le tasse ......se tutti e dico tutti insieme decidessimo di non pagarle cosa ci fanno ci arrestano tutti.........e dite che forse dopo, qualcuno ci ascolta.......booh però mi piacerebbe provarci e vedere cosa succede saluti a tutti..... sasa

sauro paolotti 16.07.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Perchè,MIster 56 anni suonati(all'anagrafe Gianni Proietti Cara) ha paura degli omosessuali? Mha'...la libidine!MA certo!! effettivamente è decisamente un ragionamento giusto quello del politico omosessuale che,nella camera dei deputati o al senato è distratto dall'occhione azzurro di Rutelli o dalla mascella di Pecoraro Scanio! Per non parlare del sorriso affascinante di La Russa!!
Ma,Signor ho 56 anni suonati,se posso le dico che almeno loro in parlamento ci vanno,e non suonano il piano come gli amici di quelli che sono al mare! E comunque,mio buon amico,se proprio non ne esce fuori da questo timore mi scriva il suo indirizzo che le mando un bel tappo di sughero...baci(con la lingua)e abbracci

Pierluigi Pagliuca 14.07.05 18:11| 
 |
Rispondi al commento

per Gianni Proietti Cara e Marcello Zappella

fatevi pure due coglioni così...ma prima controllate attentamente se e quanto grandi li avete, piuttosto...
certo la soluzione migliore è passare sotto silenzio tutte queste stupidaggini, visto che lasciano ( ma chi? ) uscire chi commette 3 omicidi...beh, allora... un consiglio : non postate più commenti così privi di gusto e che denotano una pericolosa assuefazione alla merda che onestamente preoccupa e fa spavento. Forse i telegiornali sono proprio lì adesso,per informarvi "meglio"... p.s. alcuni vogliono sapere, anche se fa star male molto spesso, soprtattutto quando ti ritrovi a parlare con chi, per voler usare una frase tratta dal film "Il Dottor Stranamore,non capisce sè e i paraocchi attraverso cui guarda il mondo...beppe, sei nel cuore, anche un conforto che riscalda, informa, forma i cittadini.

Benedetto Gagliardo 14.07.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

per Gianni Proietti Cara

Una correzione, perchè certe cose si dimenticano.
Bossi è anche stato condannato per tangenti: niente toghe rosse, appena arrivato al governo ha preso 200 milioni di tangenti, come lui steeo ha confessato, e ha patteggiato la pena.
Era il periodo in cui tuonava contro Roma ladrona.
E' stata definita da tutti una pirlata, una bazzeccola. Ma se uno fa una rapina con una pistola giocattolo e trova solo 200 milioni chi la definirebbe una pirlata?

matteo franca 14.07.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Avevo postato sul mio forum anzutempo:
http://www.freeforumzone.com/viewmessaggi.aspx?f=16776&idd=49
tutti i deputati e parlamentari con relative condanne.

Rosario IACOVINO 14.07.05 08:40| 
 |
Rispondi al commento

Mettere al bando i politici giudicati? OK! Ma, io all'età di 56 anni vissuti intensamente senza mai aver saltato i fossi torbiti, prima di loro metterei al bando i politici omosessuali. Sì per il semplice motivo che hanno la mente okkupata dal tormento della libidine.Una volta era così semplice. Oggi invece, basta cambiare nome o nick per pretendere d'imporre un progetto maledetto in quanto tende solo a "dividere per imperare". Schierarsi con chi e che sia significa segnare la propria fine.

Gianni Proietti Cara 09.07.05 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Mah...visto che lasciano a piede libero quelli che ammazzano 3 persone mentre da ubriachi guidano un auto.......che gli volete fare ad un Bossi che vilipendia la bandiera italiana?.....Beppe,che due coglioni che mi stai facendo con queste storie inutili........

Marcello Zappella 09.07.05 01:12| 
 |
Rispondi al commento

Mah...visto che lasciano a piede libero quelli che ammazzano 3 persone mentre da ubriachi guidano un auto.......che gli volete fare ad un Bossi che vilipendia la bandiera italiana?.....Beppe,che due coglioni che mi sdtai facendo con queste storie inutili........

Marcello Zappella 09.07.05 01:11| 
 |
Rispondi al commento

CARO GRILLO,HO VISTO IL DVD DELLO SPETTACOLO RIPRESO DALLA TV SVIZZERA E MI SONO SENTITO MALE A SENTIRMI COSI' IMBECILLE E COMUNQUE GRAZIE CHE CI SEI TU CHE CI APRI GLI OCCHI E LA MENTE,PERCHE' QUQLCOSA POSSIAMO E DOBBIAMO FARLA PER SALVARE QUESTA NOSTRA ITALIA DA QUESTI BASTARDI LADRI E STRONZI.L'ULTIMA VERGOGNA E' DI QUELLI STRONZI LEGHISTI DEL CAZZO AL PARLAMENTO EUROPEO.CHE VERGOGNA,CHE TRISTEZZA INFINITA.VAI AVANTI COSI'CHE NOI,ITALIANI CHE VOGLIONO VERITA' E GIUSTIZIASIAMO CON TE E TI APPOGGEREMO SEMPRE

caiulo giuseppe 06.07.05 22:32| 
 |
Rispondi al commento

"Cancemi ha fatto riferimento a contatti tra i vertici di Cosa nostra e soggetti capaci di orientare la legislazione in senso favorevole all'organizzazione, intercorsi sia in epoca precedente, che successiva all'arresto di Salvatore Riina, e ha dichiarato di aver avuto conferma - da una frase pronunciata da quest'ultimo: la responsabilità è mia", nel corso di una riunione tenutasi per brindare al buon esito della strage di Capaci e per deliberare quella di via D'Amelio - che il Riina aveva ricevuto precise garanzie in favore dell'organizzazione, nonostante l'effettuazione di un eclatante attentato da compiersi a breve distanza da uno parimenti grave, da parte delle persone importanti (che ha indicato nei dottori Marcello Dell'Utri e Silvio Berlusconi) verso le quali aveva presentato tutta una serie di richieste, fra le quali quelle di "far annullare 'sta legge sui pentiti ", di abolire l'ergastolo e di eliminare la normativa sul sequestro dei beni o di affievolirne le conseguenze".
Dunque le "persone importanti" che, secondo Cancemi, avrebbero incontrato Riina incoraggiandolo nella sua strategia volta a scalzare i vecchi partiti e a favorire la nascita di nuovi soggetti politici che diventassero referenti più credibili e utili per Cosa nostra, sarebbero Berlusconi e Dell'Utri. Cancemi fa i loro nomi
- dicendo di averli appresi dalla bocca dello stesso Riina -
soltanto al processo di appello per la strage di Capaci. Dove racconta anche la sua missione presso Mangano, per convincerlo a lasciare a Riina la gestione dei rapporti, coltivati per vent'anni, con Berlusconi e Dell'Utri. "Io - racconta in aula Cancemi - quando sono andato da Mangano, ci dissi: "Vittorio, senti qua, ho parlato cu' 'u zu' Totuccio [Riina - e mi disse che per quelle persone, Dell'Utri e Berlusconi, siccome lui se l'ha messo nelle mani lui, che è un bene per tutta Cosa nostra, quindi tu fammi questa cortesia [ ... ] mettiti da parte perché è una cosa che sta portando avanti 'u zu' Totuccio, e quindi mettiti da parte" [ ...]. Il Mangano mi disse: "Ma, perciò, è una vita che ce l'ho nelle mani, ora mi devo mettere da parte. Ma perché? - dice - perché io non sono un uomo d'onore e non posso portare le cose avanti io?". Ci dissi: "Vittorio, per cortesia, fammi questa cortesia, non insistere, non mi dire niente. Quando lui mi dice che è un bene per tutta Cosa nostra, che cosa ci devo dire io? Dimmelo tu" [ ... ]. Poi il Riina mi disse che queste persone erano interessate ad acquistare la zona vecchia di Palermo [ ... ]. E mi disse: "Me la sbrigo io, come ti ho detto che ce li ho nelle mani io, ci penso a tutto io" [ ... ]. Siamo, credo, nel 1991".
Nell'udienza del 22 ottobre 1999, il pm Tescaroli domanda a Cancemi: "Senta, lei ha fatto riferimento - per quanto attiene l'individuazione dell'epoca in cui eseguire la strage di Capaci -
a questi accordi, a questi contatti intercorsi tra queste "persone importanti" e Riina. Chi sono queste persone importanti?". Cancemi risponde con un filo di imbarazzo: quella è la prima volta che ne fa i nomi e i cognomi, e lo fa - chissà perché - proprio in un momento in cui i carabinieri non sono più i suoi esclusivi "angeli custodi": "Ma io quando... quando me l'ha detto il Ganci lui non me l'ha fatti i nomi, quando stavamo andando... indietro... a Capaci. Mi disse solo "4 persone importanti": `U zu' Totuccio si incontrò con persone importanti". Poi, io, più avanti, l'ho saputo da Totò Riina: e parlava di Dell'Utri e Berlusconi".
Poi ritorna sul tema delle presunte tangenti Fininvest a Cosa nostra (la storia dei 200 milioni): "Riina diceva che era un contributo che arrivava da parte di Dell'Utri e Berlusconi a Cosa nostra Mi disse che loro avevano delle antenne, ripetitori diciamo, nella zona che Ganci Raffaele me l'ha fatto vedere una volta passando di là [ ... I. Posso dire pure che Riina mi disse che loro, intendo sempre quelle due persone, erano interessate a comprare la zona vecchia di Palermo. Quindi il Riina diceva che questo era un contributo che arrivava per Cosa nostra".
Tescaroli pone un'altra domanda precisa: "Allora, lei sa se queste persone siano state correlate, accostate alle possibili conseguenze derivanti dalla strategia stragista?". E Cancemi: "Ma guardi, io le posso dire con assoluta certezza che il Riina non aveva nessun timore, nessuna paura, aveva una franchezza enorme. Non spiegava che ci potevano essere dubbi [ ... ], anzi sollecitava, aveva una certa premura di fare questa strage. Specialmente quella di Borsellino".
---
Due trattative: il "papello" e il Ros.

"Lo stesso Brusca, sia pur con riferimento ad epoca antecedente alla campagna stragista, ha riferito di essere a conoscenza del fatto che alcuni imprenditori milanesi pagavano, a titolo di estorsione o di contributo, una somma di denaro ad appartenenti all'organizzazione e che, in particolare, l'on. Berlusconi "mandava qualche cosa giù come regalo, come contributo, come estorsione" al di lui cugino Ignazio Pullarà. Quest'ultimo inviava Peppuccio Contorno (omonimo del collaborante) e tale Zanga, a ritirare il denaro negli anni 1981-'82-'83". Ma soprattutto "Brusca dichiarava di essere venuto a conoscenza, nel periodo compreso tra la strage del 23 maggio e quella del 19 luglio 1992 [ ... ] dell'esistenza di una trattativa condotta da Riina per ottenere benefici in tema di revisione dei processi, di sequestri dei beni, di collaboratori di giustizia, ecc.: un'occasione relazionale propiziata dall'esterno, non ricercata da Riina, da questi sfruttata, tanto che dopo la strage di via D'Amelio, per agevolarne la ripresa e la definizione, richiedeva l'effettuazione di un ulteriore attentato nei confronti di un rappresentante delle Istituzioni, che veniva individuato nel dottor Pietro Grasso [già giudice a latere del maxiprocesso, oggi procuratore capo di Palermo]. In proposito, [Brusca] ha così articolato il suo racconto. Una volta eliminato l'on. Lima, si "andavano a cercare i nuovi contatti". Un canale era costituito dall'impresa Reale. Dopo la strage di Capaci, incontrandosi con Riina, gli chiedeva notizie: "Come va? Che si dice? Che notizie abbiamo? Reazioni?", con riferimento alla campagna stragistica in atto. In una prima occasione (circa 10-15 giorni dopo la strage) il Riina gli rappresentava che "volevano portare a questo Bossi", che il Riina considerava un pazzo e che non gli interessava; in una seconda (che ha collocato circa una settimana 15 giorni prima della strage di via D'Amelio), Riina gli poneva in rilievo che "si sono fatti sotto". A distanza di 3-4 mesi [dopo via D'Amelio], tramite Biondino, gli comunicava, sapendo che ne aveva la possibilità, che "si sono fermati, ci vuole un altro colpetto", nel senso che occorreva colpire un ulteriore obiettivo. A seguito della sollecitazione, [Brusca] si era attivato per perpetrare un attentato in pregiudizio del dott. Pietro Grasso".
La trattativa è quella del famoso "papello". Secondo
Brusca - afferma Tescaroli - "Riina gli riferiva che aveva.predisposto per questi interlocutori una serie di richieste: "Gli ho fatto un papello tanto": revisione del maxiprocesso al fine di far annullare gli ergastoli e demolire il "teorema Buscetta"; neutralizzazione dei sequestri dei beni; estendere i benefici della legge Gozzini ai reati di cui allarticolo 416 bis; abrogare l'ergastolo; ottenimento degli arresti ospedalieri e domiciliari [specie per i boss detenuti più anziani] [ ... ]. Entrambi i suddetti colloqui si svolgevano tra i soli Riina e Brusca".
in quel periodo, però, s'intrecciava più di una trattativa tra pezzi delle istituzioni e i vertici di Cosa nostra. Un'altra è quella rivelata dal capitano del Ros Giuseppe De Donno e l'allora vicecomandante del Ros Mario Mori. I quali, a cavallo fra Capaci e via D'Amelio e anche dopo via D'Amelio, avevano contattato l'ex sindaco mafioso di Palermo Vito Ciancimino per chiedergli aiuto nell'individuare i nascondigli di Riina e Provenzano. Ciancimino, tutt'altro che "pentito", ma propenso addirittura a infiltrarsi nel mondo degli appalti siciliani per "ricostruire il sistema di Tangentopoli" e agganciare così i nuovi padroni della mafia e della politica, si era apparentemente ritratto dalla trattativa quando gli avevano chiesto la consegna di Riina e Provenzano. Senonché, dopo un mese di silenzio, si era improvvisamente rifatto vivo, dicendosi disponibile - afferma Tescaroli, sulla scorta delle deposizioni di Mori e De Donno - "a fornire indicazioni per la cattura di Riina [di Provenzano non si parlava più ... ] e chiedeva all'uopo di poter consultare alcune mappe di Palermo".
La trattativa si interruppe poi definitivamente perché il Ros, che aveva già qualche idea sul covo dei boss, ottenne le ultime conferme da Balduccio di Maggio e, nel gennaio '93, lo catturò". Resta il fatto, molto inquietante, che mentre la mafia assassinava i magistrati e i poliziotti con il tritolo, i vertici del Ros
- probabilmente non a titolo personale - trattavano con i suoi capi. "Ciancimino - ricorda Tescaroli - aveva iniziato una sorta di attività di infiltrato in seno all'organizzazione, rapportandosi con Salvatore Riina, per il tramite del dott. Antonino Cinà, divenendo l'interfaccia tra gli appartenenti al Ros e i vertici dell'organizzazione. I primi, a detta di Mori e De Donno, portatori dell'esigenza di sfruttare una fonte qualificata per iniziare
un'efficace attività di contrasto e giungere all'arresto di Riina
e Provenzano, ottenendo nel contempo la collaborazione formale di Ciancimino; i secondi, a detta di Brusca [che aveva "intuito" i termini della trattativa dalle confidenze di Riinal determinati a sviluppare una trattativa con un "papello" di richieste, per indurre lo Stato a scendere a patti e a riconoscere loro una serie di benefici, come contropartita della cessazione delle stragi".
---
"Si vis pacem para bellum".

Riina d'altronde l'aveva detto ad altri mafiosi. Filippo Malvagna, collaboratore di giustizia, ha riferito le frasi precise del capo dei capi: "Bisogna prima fare la guerra per poi fare la pace".
Una guerra che fra l'altro - scrive Tescaroli - avrebbe liberato l'organizzazione "degli uomini appartenenti alle Istituzioni che avevano creato, con la loro azione investigativa o istituzionale, un documento essenziale al sodalizio" (come Falcone e Borsellino), ma anche "di quei politici che, contigui o collusi con l'organizzazione, l'avevano poi abbandonata, non avendo più potuto o voluto continuare nell'attività di copertura o convivenza promessa". Ad esempio Ignazio Salvo e Salvo Lima e, tramite quest'ultimo, Giulio Andreotti (uccidendo Lima - dice Brusca -
"sì additava l'onorevole Andreotti come mafioso"; e ricorda quel che gli disse Riina alla vigilia della strage di Capaci: "Speriamo che l'attentato del dottor Falcone avviene prima, che per effetto sicuramente non faranno più all'onorevole Andreotti presidente della Repubblica"; infatti, conclude Brusca, "prima con l'effetto Lima, poi con l'effetto di Capaci, l'onorevole Andreotti non fu più eletto presidente della Repubblica, e quindi non si realizzò il sogno della sua vita").
Resta da capire, osserva Tescaroli, se i capi del Ros e Brusca si riferiscono alla stessa trattativa oppure a due trattative diverse e parallele. E forse è bene ricordare che Dell'Utri - come dirà anche il suo amico e collaboratore Ezio Cartotto (di cui parleremo più avanti) - fin dagli anni '70 era legato a Ciancimino.
E, come nota il Pm, in questa trattativa del '92 "il comportamento di Ciancimino appare davvero singolare. Dinanzi alla richiesta di fornire indicazioni per la cattura di Riina, Ciancimino mostra un atteggiamento di chiusura, "rectius" chiede una pausa di riflessione. A distanza di tempo è lui stesso che chiede il colloquio [al Ros] e che offre la disponibilità a dare il suo contributo per la cattura del solo Riina. Cosa è intervenuto in questo frangente che gli ha fatto mutare atteggiamento? Si tratta del frutto di un calcolo utilitaristico interconnesso alla propria posizione giuridica o di un qualcosa di più e di diverso? Perché una generica proposta, sostanzialmente di fare il confidente, diventa una via percorribile? Chi o che cosa gli ha dato lo stimolo, la forza o il coraggio di compiere un passo di questo tipo? [ ... ] Tali aspetti problematici debbono essere tenuti a mente, in quanto interagiscono con i vincoli relazionali che hanno accompagnato la campagna stragista. Un dato deve altresì considerarsi assolutamente certo: i vertici dell'organizzazione [Cosa nostra], subito dopo la strage di Capaci (secondo il racconto di De Donno) o dopo il 25 giugno (alla stregua delle indicazioni del generale Mori) ricevettero un segnale istituzionale che, nella loro prospettiva, suonava come una riprova dell'idoneità dell'azione stragista a raggiungere l'obiettivo di aprire nuovi canali relazionali, capaci di individuare nuovi referenti politico-istituzionali. Una convinzione che aveva, verosimilmente, indotto il Riina a cercare una rivitalizzazione, dopo la strage di via D'Amelio, della trattativa, con il progetto di attentato nei confronti del dott. Pietro Grasso. Riina, tramite Biondino, fa presente che occorre porre in essere un ulteriore attentato nei confronti di un rappresentante dello "Stato". Una sollecitazione delittuosa che fa il paio, temporalmente, con il congelamento del rapporto Mori-De Donno-Ciancimino".
Che rapporto c'è fra la trattativa rivelata dagli stessi vertici del Ros (di cui era sommariamente informato anche Brusca) e quella di cui parlano Cancemi, Siino e altri collaboratori di giustizia che fanno i nomi di Mangano, Dell'Utri e Berlusconi? E' uno dei nodi fondamentali da sciogliere. "Si impone - dice il p.m. Tescaroli - la necessità, ai fini di una disamina complessiva degli elementi acquisiti, [ ... ] di correlare gli stessi con le indicazioni del Cancemi - Il Cancemi ha posto in rilievo che Riina aveva esposto, nel corso di una riunione, che si stava accingendo a inoltrare una serie di richieste (il cui contenuto è in larga misura coincidente con quanto costituiva oggetto della trattativa, di cui ha riferito il Brusca) nei confronti di soggetti esterni all'organizzazione, che ha individuato negli onorevoli Berlusconi e Dell'Utri. Orbene: dette indicazioni suscitano una serie di interrogativi."
---
Quante trattative fra Stato e mafia?

"Innanzitutto - dice ancora il p.m. Tescaroli - quali rapporti intercorrevano tra la trattativa di cui parla il Cancemi e gli incontri intercorsi tra il Riina e le "persone importanti", in epoca precedente alla strage di Capaci?
"E poi la trattativa a cui si riferisce il Cancemi è la stessa di cui parlano Brusca, De Donno e Mori? E se si tratta della stessa trattativa, come mai il solo Cancemi indica gli interlocutori? Siamo davvero dinanzi a personaggi o ci troviamo di fronte a due facce della stessa medaglia? [ ... ] Una serie di quesiti che costituisce oggetto di diversi procedimenti penali, volti a verificare se sussistano o meno profili di responsabilità, nei delitti rientranti nella stagione stragista nei confronti di altri soggetti, in ipotesi, partecipi di un vero e proprio disegno cospirativo. In ogni caso si può sottolineare che, astrattamente, si possono formulare, con specifico riferimento alle relazioni rievocate dal Brusca e dal Cancemi, Collocate dopo la strage del 23 maggio 1992, tre ipotesi a livello logico razionale." Eccole:
1) "Cancemì riferisce, nella sostanza, della medesima trattativa con papello di cui ha narrato il Brusca. In questo caso si deve ritenere che al Cancemi e agli altri capimandamento presenti, a suo dire, nell'abitazione di Guddo (Biondino e Raffaele Ganci), sia stato prospettato un segmento di verità ulteriore e di completamento rispetto a quanto conosciuto dal Brusca: che gli appartenenti al Ros avrebbero agito per conto dei personaggi indicati dal Cancemi", cioè di Berlusconi e Dell'Utri. In questo caso, delle due l'una: "O il Ciancimino ha prospettato realmente in questi termini la vicenda al Riina, per il tramite del dottor Cinà, perché questa è stata l'interpretazione che lo stesso [Ciancimino] ha dato alle parole del gen. Mori, che millantava di agire per conto di altri soggetti ben più influenti nel tentativo di persuaderlo a collaborare"; oppure, "per rendere credibili ai vertici dell'organizzazione i suoi interlocutori, il Ciancimino ha accreditato gli appartenenti all'Arma dei Carabinieri di aderenze o appoggi in realtà non esistenti". Ma c'è anche una terza possibile spiegazione: "Potrebbe essere stato di contro Riina, consapevole dell'esistenza di contatti e rapporti di natura economica con quegli interlocutori, ad aver ritenuto che i referenti per conto dei quali agivano Mori e De Donno, fossero proprio le Persone indicate da Cancemi [Dell'Utri e Berlusconi]; e ciò ritenendo vi fosse da parte loro, nell'offensiva di attacco verso il potere costituito, una coincidenza di interessi nel disegno criminale ordito dal sodalizio, in termini di acquisizione di potere o di propositi di determinare nuovi equilibri politico-istituzionali".
2) Seconda ipotesi: "Cancemi fa riferimento a un vincolo relazionale diverso e ulteriore intercorso e coltivato dal Riina rispetto a quello riferito dal Brusca e dagli ufficiali del Ros". Ma "questa ipotesi non appare nemmeno astrattamente sostenibile, posto che gli aspetti peculiari del racconto del Brusca, come ad esempio quello della correlazione della trattativa con il progetto politico imprenditoriale volto a sostituire l'Impresem con l'impresa Reale, appaiono il frutto, allo stato, di mere intuizioni, e che v'è coincidenza nell'oggetto delle richieste di cui fanno menzione i due dichiaranti".
3) Terza ipotesi: "Cancemi e Brusca riferiscono della medesima trattativa con papello, che rappresenta una realtà fenomenica diversa rispetto a quanto dichiarato da Mori e De Donno; posto che l'organizzazione ha mostrato di coltivare altre trattative nell'arco temporale caratterizzato dall'attuazione del progetto stragista, ed in particolare i rapporti Gioè-Bellini [un misterioso personaggio venuto dal Nord, che intavola una terza trattativa con Cosa nostra nello stesso periodo], concernenti la trattativa o l'ipotesi di trattativa che prevedeva nella sostanza una cessione di opere d'arte (quadri) oggetto di furto e recuperate da parte dell'organizzazione, a fronte di trattamenti carcerari migliorativi, come arresti domiciliari od ospedalieri, per alcuni uomini d'onore e segnatamente per i seguenti capimandamento detenuti: Giacomo Giuseppe Gambino, Luciano Liggio, Giuseppe Calò e Bernardo Brusca, nonché per Giovanni Battista Pullarà. Un vincolo relazionale, quest'ultimo, che il Bellini aveva promosso; che faceva capo, come ha ricordato Brusca, sempre al generale Mario Mori; che si era sviluppato a cavallo tra l'assassinio dell'on. Lima e la strage di Capaci".
---
Riina invocava un nuovo partito.

Comunque siano andate le cose - afferma p.m. Tescaroli -
"a prescindere dalla verifica investigativa tuttora in corso, nell'ambito di separato procedimento penale, per individuare quale ipotesi sia aderente al vero e concretamente riscontrabile [ ... ], possiamo affermare con assoluta certezza che il disegno criminale nel suo complesso, e la strage del 23 maggio 1992, in particolare, si è mosso correlativamente al procedere di trattative volte a incidere sui poteri politici e istituzionali, e sull'azione degli stessi, per ottenere vantaggi per gli adepti dell'accolita".
Cioè per gli affiliati a Cosa nostra.
Le conclusioni del discorso portano, ancora una volta, ai tre fatidici nomi di Mangano, Berlusconi e Dell'Utri. Cancemi e Brusca - osserva Tescaroli - "hanno riferito la loro porzione conoscitiva, che rappresenta una parte di una realtà più complessa, da nessuno dei due conosciuta nell'integralità. Invero Cancemi era in condizione privilegiata rispetto al Brusca, per poter conoscere del rapporto, o comunque dei contatti con le " persone importanti" dallo stesso menzionate [Berlusconi e Dell'Utri], posto che Vittorio Mangano, che nel passato aveva coltivato quelle relazioni, è uomo d'onore del suo mandamento [Porta Nuova] e che lo stesso Cancemi era intervenuto per far mettere in disparte il predetto Mangano nel mantenimento dei rapporti con quei soggetti, onde consentire al Riina la gestione diretta del rapporto.
Nondimeno, la conoscenza di tali rapporti da parte di Raffaele Ganci e di Salvatore Biondino, riferita dal Cancemi, appare coerente, sviluppando logicamente le sue indicazioni, se si pone mente al fatto che Pierino Di Napoli, uomo d'onore della "Noce", e quindi gerarchicamente dipendente dal Ganci, era un anello di collegamento nel "percorso" delle somme di denaro versate dalle cosiddette "persone importanti" all'organizzazione; e che il Biondino era il personaggio più vicino al Riina, in seno a Cosa nostra. Perciò le indicazioni di Brusca, allo stadio delle attuali acquisizioni, non si pongono in antitesi con quelle del Cancemi, ma devono ritenersi complementari".
Ma c'è anche un altro collaboratore che dice cose interessanti: "Maurizio Avola ha riferito che, negli ultimi mesi del 1992, si era svolta a Palermo una riunione dei rappresentanti delle varie "province" siciliane [...], nel corso della quale Riina aveva esposto il piano strategico ordito dall'organizzazione, consistente nell'instaurazione di un clima di attacco allo Stato che avrebbe consentito di "togliere il vecchio" sistema politico e, al contempo, di creare un clima favorevole per l'affermazione di un nuovo soggetto politico [ ... ]. Si tratta di una riunione che si colloca, senza dubbio, in una congiuntura del tutto particolare, poiché il livello dello scontro con lo Stato s'era fatto consistente e le cosiddette "trattative" erano in corso, mentre altre forme di aggressione nei confronti delle Istituzioni erano in cantiere, quali il progetto di attentato nei confronti del dott. Pietro Grasso. Orbene l'accostamento di dette indicazioni a quelle del Cancemi e del Brusca consente di inquadrare le ipotesi di trattativa coltivate e gli attentati eseguiti e programmati, nell'azione volta a creare le condizioni per l'affermazione di una nuova formazione politica. Che in particolare l'ipotesi di trattativa con papello fosse propedeutica a favorire l'ingresso di una nuova forza politica, è reso verosimile dal fatto che il 15 gennaio 1993, giorno dell'arresto del Riina, era stata indetta una riunione della commissione [la cupola di Cosa nostra], a detta del Brusca, per affrontare, tra l'altro, tale questione.
"V'è, poi, un dato obiettivo che emerge dalla realtà fenomenica istituzionale: effettivamente, anche per l'azione dirompente prodotta dalle indagini su Tangentopoli, venivano soppiantati da altre realtà Politiche, nel corso degli anni 1992, 1993 e 1994, i partiti della Dc e del Psi, che, prima dell'inizio dell'attuazione del disegno strategico, rappresentavano la roccaforte del potere nel paese. E infatti, a partire dalla seconda metà del 1992 e sino al febbraio 1993, si creava progressivamente la spaccatura all'interno del Psi, tra gli on. Craxi e Martelli, quest'ultimo si dimetteva da ministro di Grazia e Giustizia, mentre l'on. Craxi riceveva due avvisi di garanzia dai giudici milanesi e lasciava la segreteria del partito; il segretario amministrativo della Dc Citaristi, raggiunto dalla nona informazione di garanzia, annunciava dimissioni. E ancora il 6 aprile la Commissione antimafia approvava la relazione conclusiva dell'indagine sui rapporti tra mafia e politica redatta dal presidente Luciano Violante, nella quale si afferma che "risultano certi alla Commissione i collegamenti di Salvo Lima con uomini di Cosa nostra" ed egli era il massimo esponente in Sicilia della corrente democristiana che faceva capo a Giulio Andreotti, sulla cui "eventuale responsabilità politica dovrà pronunciarsi il parlamento"; il 21 aprile 1993, veniva inoltrato un avviso di garanzia al Ministro Salvo Andò per voto di scambio; il 12 maggio 1993 nasceva il nuovo governo guidato dall'on. Ciampi; il 13 maggio 1993 il Senato concedeva l'autorizzazione a procedere nei confronti dell'on. Giulio Andreotti. Ma non solo. In tale divenire, la strategia criminale non si arrestava, ma si perpetuava, nonostante l'intervenuto arresto del Riina indirizzandosi verso obiettivi ubicati fuori dal territorio siciliano, concretizzandosi - dal 14
maggio 1993, due giorni dopo la nascita del governo Ciampi - nel fallito attentato al conduttore televisivo Maurizio Costanzo e con quelli al patrimonio storicoartistico-monumentale della nazione". Il seguito è noto: nel 1993 prende corpo una forza politica tutta "nuova": si chiama Forza Italia, l'hanno fondata un certo Silvio Berlusconi e un tal Marcello Dell'Utri. Forza Italia vince le elezioni politiche del 1994, le prime dopo la stagione di Tangentopoli e delle stragi. E, per fortuna, le bombe smettono di esplodere.
Le conclusioni di Tescaroli sono agghiaccianti: "Possiamo affermare con certezza che l'organizzazione denominata Cosa nostra è un soggetto criminale che, particolarmente a partire dagli anni 1991-92, ha recitato un ruolo non marginale nel quadro politico-istituzionale della nazione. E proprio in quel periodo si è assistito a un proliferare di azioni criminali, alcune delle quali portate a compimento, altre rimaste in uno stadio embrionale, di notevole rilevanza, per la valenza delle vittime designate, che hanno prodotto un profondo condizionamento della vita democratica del paese. [ ... ] Una vera e propria strategia destabilizzante
[ ... ] rafforzata da soggetti esterni [ ... ] concepita a cavallo di un periodo storico nevralgico, estremamente adatto per un verso a far saltare ogni equilibrio esistente, e peraltro a crearne di nuovi, caratterizzati da nuovi e più favorevoli rapporti di forze". Insomma, per dare vita a "centri di poteri ritenuti più acconci ai propri interessi". Cosa nostra si proponeva dunque di "incidere sugli assetti di potere esistenti e di creare le premesse per la formazione di nuovi aggregati politici". Una strategia nata nel '91, e poi modificata via via in corso d'opera, a mano a mano che sortiva l'effetto di raccogliere "persone importanti" pronte a trattare. Fino alla svolta del 15 gennaio '93, giorno dell'arresto di Totò Riina: "punto di svolta, come ha rilevato il Brusca, tra la stagione di aggressione concretizzatasi nel 1992 e quella del 1993, inaugurata con l'attentato in via Fauro. L'arresto [di Riina]
ha indotto i vertici dell'organizzazione a rivedere e correggere il tiro nelle modalità e nelle forme di aggressione, anche in considerazione dell'andamento dei rapporti e del le trattative in corso con entità esterne all'organizzazione e segnatamente con rappresentanti del mondo politico-istituzionale, imprenditoriale-finanziario e con soggetti a questi comunque collegati.
"Ma per individuare le ulteriori responsabilità di chi, all'esterno di Cosa nostra, ha avuto interessi convergenti, occorrerà ancora indagare; anche per individuare chi, in quell'epoca, era in rapporto di reciproco scambio di interesse politico, economico e finanziario, se e in che misura sussista un collegamento tra le indagini di Tangentopoli e la campagna stragista, se e in quale misura quest'ultima sia da collegare, in toto o in parte, ad un proposito di arginare o congelare quelle investigazioni, per impedire che si estendessero al Sud e, infine, per meglio sviscerare i collegamenti e le reciproche influenze con gli eventi istituzionali freneticamente susseguitisi in quegli anni.
"Tutto questo - conclude il pm Tescaroli nella requisitoria al processo d'appello su Capaci - fa parte di un altro filone di indagine. Si continuerà a lavorare non solo perché questo è un obbligo giuridico, ma perché è la memoria di Falcone, è la coscienza critica e morale della società civile che impone questo dovere: senza verità non c'è giustizia. E ci auguriamo, sebbene siano passati quasi nove anni, di trovare il filo conduttore che ci faccia risalire a questi mandanti esterni, per poter esercitare l'azione penale nei loro confronti ed evitare che questa realtà, per ora solo intravista, vada ad accrescere i molti misteri che avvolgono lo stragismo nel nostro paese."
Se ciò sarà davvero possibile, ancora non lo sappiamo: appena Tescaroli è partito da Caltanissetta, quella Procura ha annunciato di aver chiesto l'archiviazione dell'inchiesta sui mandanti occulti, nella quale erano indagati Berlusconi, Dell'Utri e altri. Archiviazione per proseguire le indagini, o per mettervi la parola fine? Presto per dirlo. Bisognerà attendere le motivazioni della Procura e le decisioni del Gip.
Certo è che quella strategia raffinatissima, che ha insanguinato l'Italia nel 1992-93, non può essere stata partorita soltanto dai macellai di Cosa nostra. Perché - come sostiene Tescaroli - "fu una vera e propria cospirazione politica, mutando atteggiamento nei confronti dello Stato rispetto al passato, in quanto ha realizzato non più una strategia selettiva diretta a colpire persone determinate, che avevano creato nocumento all'organizzazione, in vista del mantenimento dell'equilibrio istituzionale mafioso che dal dopoguerra si era venuto a creare tra i sodali e rappresentanti delle istituzioni; ma una rottura creativa di nuovi equilibri, attraverso una concentrazione di azioni eclatanti e destabilizzanti in un breve lasso temporale. Nuovi rapporti da consolidare e/o creare ex novo sfruttando, per un verso, quei canali economico-finanziari dei quali l'organizzazione poteva disporre sulla base dei pregressi rapporti, e per l'altro verso, ponendo i presupposti per goderne di nuovi".
Rapporti fra mafia e alta finanza milanese, indagini in corso al Sud, anzi a Palermo, da (possibilmente) bloccare. Sembra di sentire parlare Paolo Borsellino, quando nell'intervista parla dei referenti economico-finanziari di Cosa nostra nel Nord Italia per il riciclaggio del denaro sporco. Borsellino, quel 21 maggio 1992, non sapeva ancora nulla della strategia stragista. L'avrebbe scoperta anche lui, come tutti gli italiani, due giorni più tardi, di fronte al cadavere carbonizzato dal suo amico Giovanni Falcone. Prima di sperimentarla anche lui, due mesi dopo, sulla propria carne viva.
---
Intanto, ad Arcore, accade che...

Mentre a Palermo Borsellino rilascia quell'intervista, dopo tre mesi dall'inizio di Mani Pulite e un mese e mezzo dalle elezioni politiche del 6 aprile'92 che hanno portato il Caf al minimo storico, a Milano, in gran segreto, già fervono i preparativi per dar vita a una nuova forza politica che sostituisca i vecchi e ormai moribondi referenti della Fininvest. Se ne incarica Marcello Dell'Utri, ovviamente d'intesa con il suo padrone Silvio Berlusconi. Possibile che già nel maggio '92, oltre un anno e mezo
prima della "discesa in campo" del Cavaliere, il partito di Arcore già pensasse alla futura Forza Italia? Possibilissimo. Anzi, praticamente certo. Non lo dice un mafioso pentito, e nemmeno un pm in vena di teoremi. Lo afferma l'uomoche fu chiamato, proprio nel maggio '92, a catechizzare i manager di Publitalia sui primi rudimenti della politica. Ufficialmente lavorava per la Publitalia, all'ottavo piano di Palazzo Cellini a Milano 2, come procacciatore di contratti pubblicitari. In realtà seguiva il progetto politico del partito Fininvest, che sarebbe sfociato alla fine del '93 in Forza Italia. Quest'uomo si chiama Ezio Cartotto e ha una storia interessante, quasi tutta nella sinistra democristiana Milanese, Cartotto era il ghost writer di Giovanni Marcora e Piero Bassetti, ma era anche molto vicino alla Fininvest. Conosce Berlusconi dal 1971 e a metà degli anni '80 tiene lezioni di "formazione" ai manager di Publitalia. Dal '92 al '94 partecipa, insieme a Berlusconi, Dell'Utri, Letta, Confalonieri, Previti, Dotti e pochissimi altri top manager del Biscione (con l'aggiunta, ogni tanto, di Bettino Craxi), alla creazione di Forza Italia. Ed è l'unico che racconterà quelle riunioni senza reticenze, ai magistrati di varie Procure della Repubblica che lo interrogheranno. Inutile dire che la sua testimonianza, anche perché unica, è ritenuta importantissima dai magistrati che indagano sui mandanti occulti delle stragi del '92 e del '93.
Le coincidenze di dati e circostanze sul fronte "milanese" con quanto raccontano i collaboratori di giustizia sul "fronte palermitano" è impressionante. Ecco dunque il testo integrale delle due deposizioni di Cartotto dinanzi ai pm di Palermo Domenico Gozzo e di Caltanissetta Anna Palma e Luca Tescaroli. Ogni commento è superfluo.
Il verbale, in stretto burocratese, si apre con queste parole:
"Il giorno 20 giugno 1997, alle ore 10,15, negli Uffici della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo innanzi al Sostituto Procuratore della Repubblica Dott. domenico Gozzo [...]
è comparso: Cartotto Ezio Carlo, nato a Milano il 05/07/1943, residente in Cesano Maderno [...]. Avvertito dell'obbligo di riferire ciò che sa intorno ai fatti sui quali viene sentito dichiara...". Ed ecco il racconto di Cartotto; (i corsivi sono nostri).
"Nel maggio-giugno 1992 sono stato contattato da Marcello Dell'Utri perché lo stesso voleva coinvolgermi in un progetto da lui caldeggiato. In particolare Dell'Utri sosteneva la necessità che, difronte al crollo degli ordinari referenti politici del gruppo Fininvest, il gruppo stesso "entrasse in politica" per evitare che una affermazione delle sinistre potesse portare prima ad un ostracismo e poi a gravi difficoltà per il gruppo Berlusconi.
"Immediatamente Dell'Utri mi fece presente che questo suo progetto incontrava molte difficoltà nello stesso gruppo Berlusconi e, utilizzando una metafora, mi disse che dovevamo operare come sotto il servizio militare e cioè preparare i piani, chiuderli in un cassetto e tirarli fuori in caso di necessità, eseguendo in tale ultimo caso ciascuno la propria parte. Il Dell'Utri mi invitò
anche a sostenere questa sua tesi presso il Berlusconi,
con il quale sapeva che io coltivavo da tempo un rapporto di amicizia.
"Successivamente a questo discorso cominciai a lavorare presso gli uffici della Publitalia, all'ottavo piano in un ufficio nei pressi di quello di Dell'Utri. Insieme a me lavoravano: la segretaria messami a disposizione da Dell'Utri, signora Piera Milanesi; una serie di collaboratori che avevo portato io stesso: Giuseppe Resinelli, ex sindaco di Lecco; il defunto Vladimiro Pizzetti, dirigente della Coldiretti; Roberto Ruppen, giornalista; Giovanni Mucci, giornalista; il dott. Rodolfo Garofalo, di Brescia, di area socialista. Inoltre Dell'Utri mi mise a disposizione per qualsiasi necessità il dott. Giorgio Preda, che si occupava dei master, e il dott. Nicolò Querci, che era allora il suo segretario.
"Non so indicare con certezza il momento in cui Berlusconi è stato informato della mia presenza alla Fininvest, o, per meglio dire, della ragione per cui ero in Fininvest. Sono certo comunque che nel settembre '92 lo stesso fosse informato pienamente. Ciò dico in quanto ad una convention di quadri della Fininvest, tenuta a Montecarlo, Berlusconi tenne un discorso che posso definire
"d'attacco" dicendo specificamente: "I nostri amici che ci aiutavano, contano sempre di meno; i nostri nemici contano sempre di più; dobbiamo Prepararci a qualsiasi evenienza per combatterli".
"Successivamente partecipai a un incontro tra Berlu sconi e Dell'Utri, nel corso del quale Berlusconi disse espressamente a Dell'Utri e a me di non mettere a conoscenza di questo Progetto né Fedele Confalonieri, né Gianni Letta, che probabilmente stavano sondando diverse possibilità. Da questo e da altri successivi discorsi capii che il gruppo Berlusconi era profondamente diviso, tra quelli che io chiamo "falchi", certamente comprendenti il Dell'Utri, e le "colombe", comprendenti Confalonieri e Letta.
"Questi ultimi sostenevano che un impegno diretto del gruppo in politica avrebbe potuto avere ritorni disastrosi. Successivamente aderirono alle posizioni del Dell'Utri e Previti (quando ne venne messo a conoscenza e cioè quando io so nel maggio 1993) ed Ennio Doris, presidente di Programma Italia, quando anche lui lo venne a sapere (luglio 1993).
"La posizione di Confalonieri, e quindi l'ostilità verso questo progetto del Dell'Utri, era invece di molti degli opinionisti del gruppo e in particolare in Montanelli, Federico Orlando, Maurizio Costanzo [che proprio in quel periodo, il 14 maggio '93, si salverà per miracolo da un terrificante attentato mafioso in via Fauro nel cuore dei Parioli a Roma] e Gori di Canale 5. Alcuni, invece, mantenevano una posizione defilata, come Galliani e Bernasconi.
"Dall'ottobre 1992 in poi, mi occupai quindi insieme ai miei collaboratori, di contattare associazioni di categoria ed esponenti del mondo politico dell'area di centro (tra questi ricordo: la Confartigianato, la Coldiretti, una parte della Cisl ed i sindacati autonomi) e il risultato del sondaggio fu che tutte queste forze sentivano fortemente la mancanza di un referente politico nell'area appunto del centro.
"Si arrivò quindi all'aprile del 1993, quando Berlusconi
mi convocò e mi disse che aveva la necessità di prendere una decisione definitiva su ciò che si doveva fare perché le posizioni di Dell'Utri e Confalonieri gli sembravano entrambe logiche e giuste, e lui non era mai stato così a lungo in una situazione di incertezza.
"Mi disse quindi che per prendere una decisione aveva chiamato un suo amico, che lui stimava molto dal punto di vista politico, e cioè Bettino Craxi. Alla riunione partecipammo io, Craxi e Berlusconi. Non è un caso che mancasse il Dell'Utri, perché Berlusconi voleva decidere se aderire o meno alla sua impostazione."
---
Craxi cofondatore di Forza Italia.

"Craxi in quell'occasione diede il suo via libera a Berlusconi, anche se devo precisare che in quel frangente il progetto riguardava esclusivamente la possibilità che Berlusconi e il suo gruppo appoggiassero direttamente alcune forze politiche. Ricordo che una ragione di contrasto tra Berlusconi e Craxi fu la possibile alleanza con l'allora Msi. Craxi era convinto che un'alleanza con i missini avrebbe fatto perdere voti di centro a quel nuovo contenitore politico che andava profilandosi. Inoltre riteneva che si dovesse cercare di scardinare la Lega Nord e che, se si fosse arrivati a una alleanza con l'Msi, questo l'avrebbe ricompattata.
A fronte di questa posizione il Berlusconi sosteneva che bisognava chiamare a raccolta tutte le forze non comuniste.
"Alla fine della riunione Berlusconi mi disse: "La decisione è presa" con ciò facendomi capire che aveva prevalso la linea Dell'Utri.
"Successivamente, come ho già detto, la decisione venne comunicata a Previti in mia presenza e in presenza anche di Dell'Utri e Berlusconi. Si decise in quell'occasione di fare (come venne detto) un "Giro d'Italia" di tutte le aziende clienti del gruppo, per sensibilizzarle sulle iniziative politiche da assumere. Previti diede il pieno appoggio all'iniziativa manifestando però dei dubbi su eventuali ipotesi di leader di questo nuovo movimento. Sin da allora del resto Berlusconi aveva evitato accuratamente di fare il proprio nome come leader di questa nuova forza politica. Si pensava infatti ad alcuni ex Dc come Martinazzoli e Segni o ad un ex Psi come Amato.
"I rapporti tra il gruppo Berlusconi e la Lega Nord erano sicuramente presenti. Berlusconi ha infatti cercato più volte di instaurare una alleanza su questo progetto con la Lega Nord, tanto che mi risulta personalmente abbia portato un aiuto determinante nell'elezione di Formentini a Sindaco di Milano. Ciò mi risulta anche perché, dopo l'elezione di Formentini, Berlusconi cercò di farsi ricevere e la segretaria del Sindaco rinviò l'incontro a qualche mese dopo. Berlusconi si adirò molto di questo comportamento e disse davanti a me testualmente che non se l'aspettava, visto l'aiuto dato per l'elezione di Formentini.
"Anche Dell'Utri intratteneva rapporti con uomini della Lega Nord, e in particolare ricordo di avere notato dei rapporti con Maroni e con Patelli, forse il più vicino a Dell'Utri. Dell'Utri aveva rapporti anche con Miglio, così come Berlusconi, anche se entrambi sembravano non considerarlo granché. Il progetto di Dell'Utri era alla lunga quello di Craxi e cioè quello di portare dalla propria parte un settore della Lega Nord e quindi arrivare ad esautorare Bossi. La preoccupazione di una possibile vittoria delle sinistre era assolutamente prevalente sulla preoccupazione derivante dalla natura della Lega Nord. In quest'ottica, anche i pericoli per lo Stato unitario che derivavano dalla posizione della Lega venivano vissuti sia da Dell'Utri che da Berlusconi come un problema successivo ed eventuale, da affrontare quando fosse stato scongiurato il pericolo della vittoria delle sinistre.
"Dopo questi incontri di cui ho parlato, io continuai a svolgere il lavoro che ho già detto, e nel periodo tra il luglio e l'agosto 1993, posso dire vi fu il "salto definitivo", tanto che si lavorò a pieno ritmo e lo stesso Berlusconi prese pochissime vacanze.
Nel luglio '93, presso lo studio del notaio Roveda di Milano, venne costituita l'associazione "Forza Italia! Associazione per il buon governo". In questo periodo vennero abbozzati i progetti Politici della nuova forza e vennero coinvolte persone esterne al gruppo come Urbani, Ciaurro e Calligaris [soltanto per orientarsi temporalmente nella cronologia della Procura di Caltanissetta, ricordiamo alcune date: dopo l'attentato a Costanzo del 14 maggio '93 vengono quello di via dei Georgofili a Firenze il 27 maggio '93, quello di via Palestro a Milano il 27 luglio '93 e quelli di San Giorgio al Velabro e San Giovanni in Laterano il 28 luglio '93; poi più nulla].
"Nell'agosto del 1993 quindi si arrivò a una riunione dei principali dirigenti Fininvest e degli altri esterni aderenti al progetto, nel corso del quale la decisione venne comunicata a Confalonieri e a Letta. In quell'occasione erano presenti: Giuliano Urbani, Gianni Pilo, Dell'Utri, l'avv. Travaglia, Angelo Codignoni, Doris e Baldini. Nell'ambito di questo incontro, avvenne un forte scontro tra Confalonieri e Berlusconi. In particolare Confalonieri sostenne che era negativo sia per il gruppo sia per il paese che intervenisse direttamente in politica un gruppo che aveva una cosìforte presenza e influenza sui mezzi di comunicazione, dato che questo avrebbe potuto influire pesantemente sulla libera scelta dei cittadini. Questo, anche in caso di vittoria, dei politici "amici" li avrebbe messi comunque in una posizione assai scomoda e nell'impossibilità di favorire in alcun modo il gruppo Berlusconi.
"Sull'accelerazione nella attuazione del progetto ebbero influenza sia il rapido deteriorarsi della politica della cosiddetta Prima Repubblica, sia il deteriorarsi anche dell'ordine pubblico, manifestatosi nella lunga serie di stragi avvenute nel 1992 e 1993. Il pericolo paventato era che questa situazione di confusione potesse portare al potere forze non democratiche (come era accaduto a Weimar) e, in particolare, che preponderante divenisse il ruolo di Rifondazione comunista.
"In questo periodo, proprio a seguito di un sondaggio effettuato da Pilo, poco prima delle elezioni comunali della fine del 1993, si evidenziava come, in ogni caso, un movimento politico che avesse raccolto i voti degli ex democristiani e socialisti, non avrebbe potuto vincere se non alleandosi con la Lega al Nord Italia e con il Movimento sociale nel Sud.
"Data proprio a questo periodo una ulteriore accelerazione e la scelta di eseguire il "Progetto Botticelli", di cui io venni prima tenuto all'oscuro e a seguito del quale venni poi estromesso.
Il Progetto Botticelli prevedeva di trasformare alcuni dirigenti d'azienda in dirigenti del nascente partito politico. Dietro a questo progetto c'era sempre il Dell'Utri, come può anche evincersi dal fatto che tutti* i dirigenti del nuovo movimento sono stati arruolati dalle strutture di Publitalia.
"Questo progetto chiaramente confliggeva con quello originale che, come ho detto, prevedeva il coinvolgimento di forze sociali esterne alla Fininvest, la creazione di un nuovo soggetto politico con il semplice sostegno aperto da parte della Fininvest. Questo progetto
implicava chiaramente la costituzione di un soggetto politico certamente di centro, e prevedeva anche il tentativo di coinvolgere una parte della sinistra moderata (come per esempio Amato).
"Il Progetto Botticelli, invece, era decisamente sbilanciato a destra, e prevedeva il coinvolgimento sia della Lega che dei missini.
"In quest'ambito temporale si colloca anche quella che io posso definire una vera e propria "bomba" politica, e cioè l'appoggio che venne dato pubblicamente da Berlusconi a Fini per l'elezione del sindaco di Roma. Questo appoggio mi sembrò tanto più incomprensibile poiché il Berlusconi mi aveva espresso qualche mese prima il suo apprezzamento per Rutelli, che riteneva la persona giusta come sindaco di Roma.
"Io andai a parlare al Berlusconi dell'estromissione subita; il Berlusconi in quell'occasione disse di essere stato messo davanti al fatto compiuto dal Dell'Utri. Si trattava chiaramente di una finzione in quanto, per quanto la mia conoscenza relativamente alle dinamiche Interne al gruppo Berlusconi, Dell'Utri non fumai nulla di importante senza il preventivo assenso di Silvio Berlusconi.
A fronte della mia protesta Berlusconi mi chiese dunque di tornare a occuparmi del progetto, come suo consigliere personale, trovando però che al mio posto era stato collocato Domenico Mennitti, già appartenente al Movimento sociale. Credo che Mennitti fosse stato, portato dall'on. Servello, da sempre sponsor a destra della Fininvest.
"Tale fatto mi fece ancor più convincere che il progetto aveva preso una chiara connotazione di centrodestra. A questo punto mi allontanai dal progetto, pur rimanendo sempre vicino a Silvio Berlusconi, con il quale continuo a sentirmi.
"Al Progetto Botticelli diedero il proprio contributo, oltre che il Dell'Utri e il Mennitti, anche Lo Iucco, che poi divenne il primo segretario amministrativo di Forza Italia, e molte persone che poi divennero dirigenti regionali del Movimento. Un'altra persona che venne coinvolta fu Angelo Codignoni, che venne richiamato dalla Francia, in cui si era occupato de "La Cinq" e che mi risulta fosse in stretti rapporti con alcuni banchieri arabi (della Arab Bank). Il Codignoni portò in Italia anche alcuni consulenti del movimento neogollista, che si occuparono di istruire il Pilo nel settore dei sondaggi politici.
"Subito dopo il Natale del 1993 si tenne dunque una grande riunione ad Arcore, nell'ambito della quale venne formalizzata la decisione di Berlusconi di divenire egli stesso il leader del nascente movimento. Alla riunione di Arcore erano presenti, oltre a me, Letta, Mennitti, D'Onofrio (che venne ad assicurare l'appoggio di una parte del Ppi), Urbani, Doris, Dotti, Previti, Dell'Utri e Spingardi. La riunione durò tutto il giorno, e nel corso della stessa Berlusconi disse che la decisione da lui presa avrebbe comportato le sue dimissioni da qualsiasi carica Fininvest>
---
Dell'Utri era vicino a Ciancimino.

"Come ho già detto in altri interrogatori, ebbi modo di conoscere Dell'Utri già negli anni '70. Anche allora il Dell'Utri era uomo di Berlusconi, ma in una posizione sottordinata e di minore responsabilità. In occasione di qualche congresso democristiano, ebbi modo di incontrare il Dell'Utri che cercava di coinvolgermi in qualche modo, pur se ci trovavamo su Posizioni Politiche diverse. In particolare, mentre io facevo parte della cosiddetta "Base" e mi collocavo quindi nella sinistra democristiana, il Dell'Utri, per come mi disse lui stesso, vicino al gruppo Ciancimino in Sicilia, persona di cui a quell'epoca mi parlò bene.
"Alla fine degli anni '70, ricordo che Berlusconi parlandomi mi disse che era dispiaciuto del fatto che Dell'Utri fosse andato a lavorare con il Rapisarda. Il Berlusconi affrontò con me questo discorso anche perché mi propose di prendere il posto di Dell'Utri; posto che rifiutai e che poi venne preso da Fedele Confalonieri.
"Nonostante questo rammarico so dal Dell'Utri che egli continuò sempre a vedersi con il Berlusconi [anche mentre lavorava per il suo principale concorrente: Rapisarda, appunto]. Nel periodo in questione Berlusconi attraversava un momento difficile dal punto di vista finanziario, occasionato dal blocco di alcune iniziative edilizie e da alcune difficoltà con i mutui bancari. Il Dell'Utri, invece, in quel periodo sembrava "andare a gonfie vele" e nei discorsi che mi fece colsi la volontà di diventare egli stesso imprenditore e, se così posso dire, "di diventare lui stesso un Berlusconi".
"La situazione poi ebbe una diversa evoluzione, dato che Berlusconi recuperò liquidità, soprattutto passando da iniziative nel settore dell'edilizia a iniziative nel settore televisivo. Ciò avvenne all'incirca nel 1978-79.
"Ed è proprio al 1978 che posso fare risalire i primi contatti del Dell'Utri per cercare di rientrare nel gruppo Berlusconi. Ricordo anche che successivamente trovai Dell'Utri nuovamente alle dipendenze del Berlusconi, ma in una funzione decisamente più alta, dato che era stato nominato a capo della raccolta pubblicitaria del gruppo televisivo del Berlusconi [Publitalia 80].
"Diquesto ritorno Berlusconi mi parlò quasi con fastidio, dicendomi che adesso aspettava di vedere che cosa sarebbe riuscito a fare il Dell'Utri.
"Nel periodo in cui Dell'Utri si allontanò dal Berlusconi, questi cominciò a parlarmi di pericoli di rapimenti per i suoi familiari. Ricordo che lo misi in contatto con il Dott. Allegra, allora capo dell'Ufficio Politico della Questura di Milano, che gli suggerì di incaricare della sua protezione un certo Quartarone, che ancora oggi lavora per il Berlusconi. Fu proprio il Quartarone che organizzò una squadra di protezione che prima non era presente. Preciso che io conosco il Berlusconi dal 1971 e che prima del periodo in questione non mi aveva mai espresso tale genere di preoccupazioni [ ... ].
"Ricordo che un giorno, in cui insieme al mio collaboratore Giovanni Mucci ci trovavamo con Marcello Dell'Utri in Publitalia, venne data la notizia alla televisione del suicidio del magistrato dott. Signorino [già pubblico ministero nel maxiprocesso a Cosa nostra, poi sfiorato da sospetti di collusioni mafiose].
La reazione del Dell'Utri fu inaspettata, dato il suo carattere sempre freddo e distaccato: senza dire nulla, scagliò immediatamente e con forza il telecomando contro il muro, spaccandolo. Ricordo che il rumore attirò l'attenzione della segretaria Ines Lattuada, che entrò chiedendo cosa fosse successo. Successivamente e in maniera sbrigativa Dell'Utri ci spiegò che lui conosceva Signorino e che aveva con lui un vecchio rapporto."
---
"Mi accuseranno di essere mafioso..."

"Berlusconi temeva che entrando in politica potessero essergli rivolte accuse di contiguità con l'associazione mafiosa [le sue parole esatte Cartotto le riporterà in un'intervista al "Corriere della sera", pubblicata il 12 aprile 1996: "Confalonieri e Letta mi dicono che è una pazzia entrare in politica e che mi distruggeranno. Che mifaranno di tutto, andranno a frugare tutte le carte. E diranno che sono un mafioso. Che cosa devo fare?
A volte mi capita perfino di mettermi a piangere quando sono sotto la doccia ... "].
"Ricordo che lo stesso Dell'Utri aveva avvisato i suoi familiari che qualora dovessero venire fuori notizie sui suoi rapporti con associati mafiosi, non vi dovevano in alcun modo credere.
"Del problema in questione si riparlò nel marzo 1994, successivamente all'attacco giornalistico al Dell'Utri. Ricordo che il Berlusconi mise sotto accusa Dell'Utri, specificando che nei sondaggi Forza Italia stava scendendo proprio per questo problema dei suoi rapporti con la mafia. Ricordo che la reazione di Dell'Utri mi sorprese alquanto in quanto mi disse testualmente: "Silvio non capisce che deve ringraziarmi, perché se dovessi aprire bocca io... ".
"Ricordo, ancora, che nell'estate 1995 Berlusconi mi disse che lui non conosceva assolutamente alcune circostanze che aveva appreso sui giornali sulla storia personale di Dell'Utri e in particolare certe sue conoscenze palermitane e i suoi rapporti con il Rapisarda negli anni '70. Ricordo che Berlusconi mi disse testualmente:
"Io, Ezio, non ne sapevo niente".
"In relazione agli interessi edili in Sardegna del Gruppo Berlusconi, ricordo che alla metà degli anni '80 Paolo Berlusconi si lamentò con me di avere un milione di mq di terreno su cui non aveva avuto la possibilità di costruire. Ciò mi disse facendomi anche capire che era chi aveva venduto queste aree che impediva che le stesse divenissero edificabili. Io, del resto, avendo frequentato a lungo Silvio Berlusconi, ero a conoscenza dei suoi rapporti con Flavio Carboni, e da tutto quanto mi è stato detto sono arrivato alla conclusione che in qualche modo il Carboni si sia interessato (anche presso i suoi amici) per dare una mano al Berlusconi".
Ed ecco l'ultimo verbale di Cartotto, reso "il giorno 16 luglio 1999, alle ore 16.15, presso gli Uffici della Dia, siti in Roma, innanzi al Pubblico Ministero, in persona della dott.ssa Annamaria Palma e del dott. Luca Guido Tescaroli, Sostituti Procuratore presso il Tribunale di Caltanissetta". E' chiamato a testimoniare "con riferimento a dichiarazioni in precedenza già rese, e in particolare nel verbale del 20 giugno 1997 all'A.G. di Palermo". Qui il verbale procede a domanda (D.) e risposta (R.).
" D. Vuole riferire le circostanze di tempo e di luogo nelle quali vi sarebbe stato il contatto con l'on. Marcello Dell'Utri, nel corso dei mesi di maggio-giugno 1992, durante il quale quest'ultimo aveva manifestato il proponimento di coinvolgerla in un progetto politico diretto a sostituire i referenti politici del gruppo Fininvest, che avevano dimostrato di non essere più funzionali, con altri più idonei a soddisfare le aspettative? Cerchi di meglio puntualizzare l'epoca dell'incontro.
" R. Premetto che gli incontri sono nati da una antica conoscenza che rimonta a molti anni addietro, intorno a metà degli anni '70. Il dott. Dell'Utri aveva stima di me come persona esperta di faccende politiche. Questa stima derivava dalla mia pregressa esperienza quale esponente della Dc nell'area milanese. Dell'Utri, dopo che divenne responsabile di Publitalia, tra la fine degli anni '70 e gli inizi degli anni '80, mi invitava a tenere conferenze ai dirigenti dell'impresa anzidetta, onde consentire loro di venire a conoscenza dell'evoluzione politico-sociale del paese. Effettuavo quasi ogni anno delle conferenze, a far data dal 1981 fino al 1992. A partire da questo momento, dette conferenze sono aumentate a dismisura, intensificandosi in particolar modo dal settembre 1992
[ ... ]. Preciso che le mie fonti reddituali provenivano prevalentemente dall'attività di giornalista pubblicista (ho scritto per diversi giornali L'Italia di Milano, Politica di Firenze, Il Popolo Lombardo, che ho diretto per 7 anni, l'Ascoltone, che ho diretto per 3 anni, Arte Bianca, la rivista dei panificatori, e altri ancora) e dall'attività di marketing. Aggiungo di essere stato dipendente Eni per 7 anni, a partire dal 1971 al 1978. Anche nell'Eni mi occupavo di attività pubblicistica.
"Sottolineo che il provento dell'attività di conferenza svolta per conto di Publitalia rappresentava solo una parte dei redditi di cui potevo disporre. Il 5 aprile 1992, si erano svolte le elezioni politiche che avevano segnato un forte indebolimento della maggioranza parlamentare che si riconosceva nel "pentapartito".
Si era poi arrivati all'elezione del nuovo capo dello Stato, dopo una travagliata guerra intestina dei partiti della maggioranza, risolta solo dal trauma conseguito all'attentato che portò alla morte del giudice Falcone. Il nuovo presidente della Repubblica on. Scalfaro, a seguito delle inchieste in corso a Milano tra gli altri su Bettino Craxi, non aveva dato a quest'ultimo l'incarico di fare il governo, contrariamente a quello che tutti si aspettavano.
E la presidenza del Consiglio dell'on. Amato si dimostrava debole per tre motivi: le inchieste giudiziarie che colpivano ora questo ora quello degli esponenti dei partiti della maggioranza; la crisi economica che culminerà qualche mese dopo nella clamorosa svalutazione della lira; la fine ingloriosa del famoso decreto Amato con il quale il governo, smentito dal presidente della Repubblica che non voleva firmare, tentava di fermare in qualche modo le indagini su "Tangentopoli". Per queste ragioni il dott. Dell'Utri mi chiese con preoccupazione di aiutarlo a capire sulla base della mia esperienza i possibili scenari politici in movimento. Il dott. Dell'Utri aveva vissuto in modo molto sofferto tutte le vicende che avevano riguardato la regolamentazione della materia radiotelevisiva in Italia, in quanto la Publitalia con il suo grande fatturato viveva come fornitrice di servizi per le televisioni commerciali del gruppo Fininvest. Solo qualche anno prima cinque ministri della sinistra della DC (tra cui l'on. Martinazzoli) si erano dimessi per protesta contro la regolamentazione radiotelevisiva decisa in sostanza dal cosiddetto Caf (Craxi-Andreotti-Forlani). In questa mutata situazione politica Dell'Utri vedeva gravi rischi di una modifica in negativo per il gruppo Fininvest e della Publitalia di questa regolamentazione. Inoltre, Dell'Utri vedeva profilarsi in questo vuoto di potere sia il rischio di elezioni anticipate che spostassero ancora più a sinistra il governo del paese, sia il rischio di un referendum sulla normativa radiotelevisiva.
"Dell'Utri voleva perciò una analisi fatta da me per parare con delle iniziative i pericoli di questa situazione. Poiché mi viene richiesto, preciso che la Fininvest manteneva un rapporti privilegiato con l'on. Craxi, pur avendo cura di mantenere buoni legami anche con l'on. Forlani, segretario della Dc, e con il senatore Andreotti, che rappresentava il principale sostegno per Forlani. Com'è notorio, con l'on. Craxi sussisteva un rapporto Personale di amicizia molto stretto con il presidente Silvio Berlusconi, che risaliva agli anni 1973-74-75. In particolare, ricordo che fu Silvano Larini a presentare Berlusconi all'on. Craxi. Da allora i rapporti si sono intensificati, tanto che l'on. Craxi è stato testimone in seconde nozze dell'on. Berlusconi.
" D. Vuole riferire in cosa sia consistita l'attività di appoggio del Caf, ed in particolare dell'on. Craxi, in favore del presidente Berlusconi e del suo gruppo?
" R. Al riguardo, mi risulta che l'appoggio si sia concretizzato con specifico riferimento all'attività legislativa nel campo delle telecomunicazioni. Mi spiego meglio. In un primo momento, vi fu un'attività tesa a neutralizzare le iniziative legislative dirette a fornire una regolamentazione del settore e ciò dal 1978-1979, epoca in cui il presidente Berlusconi iniziò a espandersi su questo fronte della televisione commerciale, e sino agli anni 1982-1983.
" D. Vuole spiegare come è venuto a conoscenza di questa attività svolta principalmente dall'on. Craxi in favore del presidente Berlusconi e del suo gruppo?
" R. Per poter rispondere debbo richiamare l'iniziativa che detto imprenditore aveva assunto a partire dal '78-79 di effettuare una interconnessione dei vari programmi che gli aveva consentito, sul crinale della legalità, di poter disporre di televisioni private a diffusione nazionale. Intervenne l'opera di alcuni pretori che avevano considerato questa attività illegale. Fu allora che l'on. Craxi, Presidente del Consiglio pro tempore, aveva emanato un decreto legge con la quale veniva legalizzata l'attività di interconnessione dei programmi, in attesa dell'intervento di una normativa legislativa specifica. Seguì una crisi nel gruppo Fininvest proprio a causa dei provvedimenti dei pretori, ditalché decisero di cacciare il dott. Vittorio Moccagatta, in quanto, sebbene fosse il responsabile delle relazioni esterne, non aveva saputo arginare adeguatamente le iniziative dei magistrati. Questi venne sostituito dal dott. Fedele Confalonieri, a cui venne affidato il compito di gestire i contatti con il mondo politico.
"Egli in prima battuta si rivolse a me per poter fruire del mio supporto onde essere agevolato nella ricerca dei contatti con appartenenti al mondo politico romano.
Ero consapevole che si trattava di una attività temporanea, ma accettai ugualmente l'incarico in vista della remunerazione. Dopo circa un anno venni rimpiazzato da Gianni Letta [ ... ].
" D. Ci vuole spiegare qual è stata l'evoluzione, sulla base delle sue conoscenze, della vicenda, su cui si è già soffermato nel corso del presente verbale, relativa alla autorizzazione a servirsi dell'interconnessione dei programmi?
" R. Al riguardo, pongo in rilievo che il Governo reiterò il decreto che aveva ripristinato la possibilità di interconnettere. Si arrivò così alla adozione della legge Mammì" nel 1990, che fu preceduta da roventi polemiche e dalle dimissioni di ben 5 ministri della sinistra Dc. Ricordo che l'on. Berlusconi si mostrò intransigente, nel senso che non mostrò alcuna disponibilità a rinunciare alla parità di reti con il settore pubblico. Rammento, in particolare, di avergli sentito dire che la riduzione da tre a due reti per il suo gruppo avrebbe implicato una perdita di competitività non sopportabile, in quanto si venivano a ridurre le entrate a fronte dell'aumento dei costi. Formulò questa valutazione imprenditoriale, se mal non ricordo, un anno prima del varo della Mammì, durante una riunione tenutasi in via Rovani, ove sussiste la sede della Presidenza della Fininvest a Milano.
" D. Vuole spiegare meglio quanto ha già detto con riferimento al suo coinvolgimento nel progetto politico da parte di Marcello Dell'Utri? Dalla lettura del brano in questione si evince che il Dell'Utri aveva una sua idea o Meglio ancora un suo progetto che caldeggiava. Perciò, vuole spiegare se il Dell'Utri le avesse indicato determinati obiettivi da raggiungere, o se comunque le avesse tracciato delle direttrici su cui muoversi?
" R. [ ... ] Il dottor Dell'Utri mi prospettò la necessità di individuare nuovi referenti per il gruppo Fininvest in quanto quelli tradizionali non rappresentavano una capacità adeguata alle esigenze. Tra l'incarico che ricevetti di disegnare possibili scenari idonei a raggiungere l'obiettivo divisato trascorse poco tempo. Ricordo che gli prospettai la possibilità di trovare intese con i partiti della sinistra. Questa ipotesi la scartò, in quanto tali forze politiche avevano un rapporto privilegiato con i gruppi imprenditoriali concorrenti riconducibili a "Repubblica" e all'"Espresso", che non avrebbe mai consentito di raggiungere lo scopo. Gli sottoposi l'ulteriore possibilità di coinvolgere o comunque di dar vita ad un legame con la Lega Nord, partito emergente in continua crescita. Dell'Utri si manifestò più possibilista innanzi a questa via, anche se in definitiva ritenne di scartarla, perché si trattava di uomini nuovi che non presentavano adeguata affidabilità. Mostrò, invece, maggiore interesse per la terza ipotesi che gli suggerii, vale a dire il cambiamento all'interno dei partiti tradizionali. Pensavo alla scissione del partito della Dc, come si era ventilato da alcuni settori del medesimo partito, con la creazione di una Dc del Nord da contrapporsi a quella del Sud. Il dottor Dell'Utri, nell'aderire a questa proposta, disse che si rendeva necessario creare un aggregato di quel partito anche al Sud. Tuttavia, in concreto l'idea non sembrava percorribile, perché il potere non poteva essere ceduto da coloro che lo detenevano. Conclusivamente, mostrò di voler privilegiare la quarta via che gli avevo prospettato, vale a dire quella della creazione di un gruppo contenitore. Preciso che tutti questi discorsi che ho riassunto si sono sviluppati nell'arco di un paio di mesi, durante gli incontri che avevamo al Palace Hotel di Milano. Ricordo di aver predisposto degli appunti nei quali avevo esposto le linee delle proposte di cui ho detto.
"Con certezza posso dire che Dell'Utri decise di dar corso all'iniziativa "contenitore nel giugno 1992. Il dottor Dell'Utri decise di affidarmi il compito di dar vita a un "processo" accelerato di formazione e di trasformazione dei quadri dirigenti del gruppo Fininvest in dirigenti politici, a far data dalla ripresa del lavoro dopo la sospensione feriale estiva. Preciso di essere stato invitato a metà settembre 1992 a Montecarlo, assieme agli ospiti istituzionali del gruppo, alla tradizionale convention annuale. Fui invitato a partecipare, per "sentire il polso" ai vari dirigenti del gruppo che vi partecipavano.
Nel corso della stessa vi fu un discorso del Presidente Berlusconi con cui aveva manifestato forte ottimismo per il futuro imprenditoriale del gruppo. Rammento che questi, nel corso del suo intervento, si era abbandonato a una "parentesi politica", ponendo in rilievo che i nemici erano divenuti più forti, mentre gli amici si erano indeboliti, e che ci si doveva, pertanto, preoccupare.
" D. Vuole spiegare se, prima del settembre 1992, L'on. Berlusconifosse al corrente del disegno politico del Dell'utri?
" R. Non posso fornire indicazioni precise al riguardo. Non credo, però, che il Dell'Utri agisse

gianni trepuzzi (3) 04.07.05 23:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

di Palermo, che si erano occupati di Mangano e dei suoi traffici al Nord. Borsellino, nella primavera del '92 lascia la Procura di Marsala (di cui era il capo) per ritornare in quella di Palermo con i gradi di procuratore aggiunto. E ha appena preso possesso del nuovo ufficio e ripreso in mano vecchi fascicoli quando, il 21 maggio 1992, rilascia un'intervista, la sua ultima intervista televisiva, al giornalista Fabrizio Calvi (pseudonimo di jeanClaude Zagdoun) e al regista jean-Pierre Moscardo per una tv francese. Un'intervista che avrà tante, forse troppe disavventure.

"Nel 1992 - racconta Calvi ai pm di Palermo che lo sentono come testimone il 26 aprile 1994 - conducevo una inchiesta giornalistica con jean-Pierre Moscardo sull'argomento dei rapporti fra criminalità e finanza in Europa. Per quanto riguarda l'Italia la nostra attenzione si soffermò in particolare sull'inchiesta giudiziaria milanese comunemente nota come indagine "San Valentino": indagine nel cui ambito erano emersi i nomi di importanti esponenti della criminalità organizzata, tra i quali quelli di Bono Giuseppe, Bono Alfredo, Zaza Michele, ecc. Ci interessavamo di questa inchiesta, poiché sapevamo che la stessa aveva riguardato anche un episodio francese, cioè la compravendita del casinò di Beaulieu. in relazione al quale si era sospettata la ingerenza di personaggi vicini alla criminalità organizzata.
Nel corso di questa inchiesta giornalistica, a un certo punto, abbiamo appreso che le indagini avevano accertato l'esistenza di rapporti tra un presunto mafioso, tale Mangano Vittorio e Dell'Utri Marcello, un uomo che lavorava o aveva lavorato alle dipendenze dell'imprenditore Silvio Berlusconi. La cosa naturalmente ci incuriosi, e per questo motivo studiammo più attentamente gli atti del processo San Valentino che erano ormai consultabili perché pubblici. Per quanto riguardava la personalità di Mangano Vittorio pensammo di chiedere notizie al dott. Paolo Borsellino, che io personalmente conoscevo da dieci anni come uno dei magistrati più impegnati e più esperti in materia di criminalità organizzata di tipo mafioso. Fu questa l'origine dell'intervista che il dott. Borsellino accettò di darci, e che fu registrata nella sua casa di Palermo in via Cilea, il 21-5-1992, due giorni prima della strage di Capaci, in cui persero la vita il dott. Giovanni Falcone, la dott. Francesca Morvillo e gli uomini della loro scorta [ ... ].
Il dott. Borsellino non disse, fuori dall'intervista, nulla che io ricordi allo stato come particolarmente rilevante, all'infuori di una osservazione riguardante il possibile coinvolgimento del Mangano in sequestri di persona. Il dott. Borsellino disse, se ricordo bene, che il Mangano "era legato all'Anonima sequestri insieme a Pietro Vernengo"."
L'operazione San Valentino, scattata a Milano nella notte del 14 febbraio 1983, porta all'arresto di decine di mafiosi, fra i quali i fratelli Bono, Gaetano Fidanzati, Vittorio Mangano e Ugo Martello, ma anche al sequestro di conti correnti bancari, libretti al portatore, titoli di credito, azioni in capo a personaggi e imprese collusi con la mafia. Alcuni dei boss colpiti da mandato di cattura risultano correntisti della Banca Rasini, diretta per anni dal padre di Berlusconi e appartenente al finanziere Carlo Rasini che aveva concesso i primi crediti e le prime fidejussioni al giovane Silvio. L'operazione San Valentino nasce da un rapporto della Criminalpol di Milano, che si occupa a lungo dei rapporti fra Dell'Utri e Mangano, definito "pericolosissimo pregiudicato, schedato mafioso, coinvolto, interessato o cointeressato in imprese commerciali e finanziarie con vorticosi volumi d'affari su scala nazionale e internazionale". L'operazione riguarda varie città e varie procure d'Italia. Compresa quella di Palermo, dove se ne occupano personalmente Falcone e Borsellino (e molti atti di quell'indagine confluiranno nel processo a Dell'Utri, tutt'oggi in corso).
Il 13 settembre 1991 un altro rapporto di polizia, questa volta del Servizio informazioni droga della Polizia cantonale di Bellinzona, inviato fra l'altro al procuratore ticinese Carla Del Ponte, va ben oltre: "Per quanto riguarda il denaro da ricevere in provenienza dall'Italia, il medesimo apparterrebbe al clan di Silvio Berlusconi. Già si dispone del codice di chiamata (per il trasferimento del denaro in Italia): dovranno unicamente designare una persona di fiducia di tale gruppo. Il nome di Berlusconi non deve impressionare più di quel tanto, poiché anni fa, segnatamente ai tempi della Pizza Connection [la megaÄinchiesta, condotta da Falcone, sugli affari sporchi della mafia turca e siciliana, e sui loro rapporti con la finanza svizzera e con il maestro venerabile della loggia P2 Licio Gelli], lo stesso era fortemente indiziato di essere il capolinea dei soldi riciclati. All'epoca si interessava dell'indagine il giudice [Francesco] Di Maggio, che era stato anche in Ticino per conferire con l'ex procuratore pubblico on. Dick Marty". Il funzionario della polizia di Bellinzona che scoprì quel giro di riciclaggio, infiltrato nel giro del narcotraffico internazionale, è stato intervistato dal giornalista Giovanni Ruggeri (Gli affari del Presidente, Milano, Kaos, 1994). E ha riferito: "Attraverso uno stratagemma sono entrato in contatto con il finanziere brasiliano juan Ripoll Mari, personaggio che in Brasile gode di poderosi appoggi politici [ ... e] dispone di quattro società-paravento panamensi dislocate a Lugano, dove tra l'altro è in contatto con un avvocato fiduciario con funzione di amministratore [ ... ]. L'intenzione di Ripoll Mari era quella di riciclare 300 milioni di dollari provenienti dalla Francia, dalla Spagna e dall'Italia [ ... ]. A suo dire il denaro fermo in Italia e da riciclare proveniva dall'impero finanziario di Silvio Berlusconi, attualmente alle prese con grosse difficoltà finanziarie ... ".

Il nastro con la registrazione dell'intervista a Borsellino (registrazione "in presa diretta", senza tagli né montaggi) scompare per otto anni. Fabrizio Calvi e il suo regista affermano che di quel documentario sulla criminalità e l'alta finanza in Europa, di cui faceva parte il colloquio con Borsellino, non se n'era più fatto nulla, per il venir meno dei finanziatori. Improvvisamente la televisione francese aveva perduto l'interesse a occuparsi di quegli argomenti. E tutto il materiale già accumulato era andato disperso. Ne rimaneva soltanto una traccia scritta, grazie alla trascrizione riportata dall'"Espresso" l'8 aprile 1994 (con qualche imprecisione rispetto al testo originale). Senonché, nella primavera del 2000, Rai News 24, canale satellitare della tv di Stato, decide di preparare un programma speciale per commemorare l'ottavo anniversario delle stragi. Il curatore, Sigfrido Ranucci, si rivolge alla famiglia Borsellino, e apprende che Mammetta, una delle figlie, conserva una copia della cassetta con l'intervista del padre. Il documento è talmente eccezionale per le parole esplicite di un uomo prudente come Borsellino, che il direttore di Rai News 24 Roberto Morrione lo offre ai telegiornali e ai principali anchormen della Rai, perché lo trasmettano nei loro programmi di prima o seconda serata, con l'evidenza che merita.
Ma niente da fare: nessuno lo vuole. Così Morrione decide di preparare uno speciale sul nastro ritrovato, sia pure in terza serata. E appena in Rai si diffonde la notizia, accade di tutto. Uno dei difensori di Dell'Utri, avvocato Enzo Trantino (deputato di An), chiede alla Procura di Caltanissetta di sequestrare il nastro e bloccare la trasmissione, per "non intralciare" l'indagine sui "mandanti a volto coperto" delle stragi del '92, che vede indagati Dell'Utri e Berlusconi. Il procuratore Giovanni Tinebra sulle prime accetta, poi però - di fronte al parere negativo del suo sostituto Luca Tescaroli, pm dell'indagine - fa marcia indietro. Tescaroli lascerà la Procura di Caltanissetta un mese più tardi, spiegando che "non ci sono più le condizioni per lavorare". E qualche settimana dopo Tinebra chiederà l'archiviazione dell'inchiesta sui mandanti occulti.
Il programma con la clamorosa intervista a Borsellino va in onda, fra mille difficoltà e sotterranee polemiche, alle ore 23 del 19 settembre. L'ora dei sonnambuli. In studio i sostituti procuratori Luca Tescaroli e Antonio Ingroia (pupillo di Borsellino, pm a Palermo nel pprocesso Dell'Utri). Presente, con un'intervista registrata, l'avvocato Trantino. In qualunque paese civile, tutto questo susciterebbe dibattiti accesi e approfonditi. Invece in Italia passa sotto silenzio. Sia prima che dopo la trasmissione.
A parte una tragicomica campagna del "Giornale" di Berlusconi, che accusa la Rai di avere niente meno che "manipolato" le parole di Borsellino. Manca poco che il povero giudice venga querelato post mortem. A futura memoria.
---
DOCUMENTO
Fabrizio Calvi intervista Paolo Borsellino

Sì, Vittorio Mangano l'ho conosciuto anche in periodo antecedente al maxiprocesso e precisamente negli anni fra il 1975 e il 1980, e ricordo di aver istruito un procedimento che riguardava delle estorsioni fatte a carico di talune cliniche private palermitane. Vittorio Mangano fu indicato sia da Buscetta che da Contorno come "uomo d'onore" appartenente a Cosa nostra.

Uomo d'onore di che famiglia?
Uomo d'onore della famiglia di Pippo Calò, cioè di quel personaggio capo della famiglia di Porta Nuova, famiglia della quale originariamente faceva parte lo stesso Buscetta. Si accertò
- ma questo già risultava dal procedimento precedente che avevo istruito io, e risultava altresì da un procedimento cosiddetto "procedimento Spatola", che Falcone aveva istruito negli anni immediatamente precedenti al maxiprocesso - che Vittorio Mangano risiedeva abitualmente a Milano, città da dove come risultò da numerose intercettazioni telefoniche, costituiva un terminale del traffico di droga, di traffici di droga che conducevano le famiglie palermitane.

E questo Mangano Vittorio faceva traffico di droga a Milano?
Il Mangano, di droga... Vittorio Mangano - se ci vogliamo limitare a quelle che furono le emergenze probatorie più importanti - risulta l'interlocutore di una telefonata intercorsa fra Milano e Palermo, nel corso della quale lui, conversando con altro personaggio delle famiglie mafiose palermitane, preannuncia o tratta l'arrivo di una partita di eroina chiamata alternativamente, secondo il linguaggio convenzionale che si usa nelle intercettazioni telefoniche, come "magliette" o "cavalli".

Comunque lei, in quanto esperto, può dire che quando Mangano parla di cavalli al telefono, vuol dire droga.
Sì. Tra l'altro questa tesi dei cavalli che vogliono dire droga, è una tesi che fu asseverata dalla nostra ordinanza istruttoria e che poi fu accolta al dibattimento, tant'è che Mangano fu condannato al dibattimento del maxiprocesso per traffico di droga.

E Dell'Utri non c'entra in questa storia?
Dell'Utri non è stato imputato nel maxiprocesso, per quanto io ne ricordi. So che esistono indagini che lo riguardano e che riguardano insieme Mangano.

A Palermo?
Sì, credo che ci sia un'indagine che attualmente è a Palermo con il vecchio rito processuale nelle mani del giudice istruttore, ma non ne conosco i particolari.

Ma rcello Dell'Utri o Alberto Dell'Utri?
Non ne conosco i particolari, potrei consultare avendo preso qualche appunto... Cioè si parla di Dell'Utri Marcello e Alberto, di entrambi.

Ifratelli
Sì.

.. Quelli della Publitalia. Sì.

Perché c'è, se ricordo bene, nell'inchiesta della San Valentino, un'intercettazione fra lui e Marcello Dell'Utri in cui si parla di "cavalli".
Beh, nella conversazione inserita nel maxiprocesso, se non piglio errore, si parla di cavalli che dovevano essere mandati in un albergo, quindi non credo che potesse trattarsi effettivamente di cavalli. Se qualcuno mi deve recapitare due cavalli, me li recapita all'ippodromo o comunque al maneggio, non certamente dentro l'albergo.

C'è un socio di Marcello Dell'Utri, tale Filippo Rapisarda
che dice che questo Dell'Utri gli è stato presentato da uno della famiglia di Stefano Bontate.
Eh, Palermo è la città della Sicilia dove le famiglie mafiose erano più numerose. Si è parlato addirittura in certi periodi almeno di duemila uomini d'onore con famiglie numerosissime: la famiglia di Stefano Bontate sembra che in un certo periodo ne contasse almeno 200. Si trattava comunque di famiglie appartenenti a una unica organizzazione, cioè Cosa nostra, e quindi i cui membri in gran parte si conoscevano tutti, e quindi è presumibile che questo Rapisarda riferisca una circostanza vera.

Lei di Rapisarda ne ha sentito parlare?
So dell'esistenza di Rapisarda, ma non me ne sono mai occupato personalmente.

Perché a quanto pare, Rapisarda, Dell'Utri, erano in affari con Ciancimino, tramite un tale Alamia [Francesco Paolo Alamia, ex assessore regionale siciliano ai tempi di Ciancimino, sindaco di Palermo e socio di Filippo Rapisarda, ex datore di lavoro ed ex
amico dei fratelli Dell'Utri.
Che Alamia fosse in affari con Ciancimino è una circostanza da me conosciuta e credo risulti anche da qualche processo che si è già celebrato. Per quanto riguarda Dell'Utri e Rapisarda, non so fornirle particolari indicazioni, trattandosi - ripeto sempre -
di indagini di cui non mi sono occupato personalmente.

Non le sembra strano che certi personaggi, grossi industriali come Berlusconi, Dell'Utri, siano collegati a uomini d'onore tipo Vittorio Mangano?
All'inizio degli anni '70, Cosa nostra cominciò a diventare un'impresa anch'essa: un'impresa nel senso che, attraverso l'inserimento sempre Più notevole, che a un certo punto diventò addirittura monopolistico, nel traffico di sostanze stupefacenti, Cosa nostra cominciò a gestire una massa enorme di capitali, una massa enorme di capitali, dei quali naturalmente cercò lo sbocco, perché questi capitali in parte venivano esportati o depositati all'estero, e allora così si spiega la vicinanza fra elementi di Cosa nostra e certi finanzieri che si occupavano di questi movimenti di capitali.

Lei mi dice che è normale che Cosa nostra si interessa a Berlusconi?
E' normale il fatto che chi è titolare di grosse quantità di denaro cerchi gli strumenti per potere questo denaro impiegare, sia dal punto di vista del riciclaggio, sia dal punto di vista di far fruttare questo denaro.

Mangano era un pesce pilota?
Sì, guardi, le posso dire che era uno di quei personaggi che, ecco, erano i ponti, le teste di ponte dell'organizzazione mafiosa nel Nord Italia.

Si è detto che ha lavorato per Berlusconi.
Non le saprei dire in proposito, o... anche se le debbo far presente che, come magistrato, ho una certa ritrosia a dire le cose di cui non sono certo, poiché so che ci sono addirittura ancora delle indagini in corso in proposito, per le quali non conosco addirittura quali atti sono ormai conosciuti e ostensibili, e quali debbono rimanere segreti. Questa vicenda che riguarderebbe i suoi rapporti con Berlusconi è una vicenda che, la ricordi o non la ricordi, comunque è una vicenda che non mi appartiene. Non sono io il magistrato che se ne occupa, quindi non mi sento autorizzato a dirle nulla.

C'è un'inchiesta ancora aperta?
So che c'è un'inchiesta ancora aperta.

Su Mangano e Berlusconi, a Palermo?
Sì.
-------------------------------------------------------------------

2. POST SCRIPTUM
Palermo, Arcore, Italia

Due giorni dopo questa intervista di Paolo Borsellino, il 23 maggio 1992, il giudice Giovanni Falcone - distaccato presso il ministero della Giustizia e candidato numero uno per diventare il primo Procuratore nazionale antimafia - salta in aria insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli uomini della scorta sull'autostrada Punta Raisi-Palermo in località Capaci. Meno di due mesi dopo, il 19 luglio, salta in aria (con 5 uomini della scorta) anche Paolo Borsellino, da poche settimane tornato a Palermo (dopo la parentesi di capo della Procura di Marsala): anche lui è candidato alla Procura antimafia, ed è l'ultima "memoria storica" del glorioso pool antimafia di Palermo, nonché l'uomo di punta di quella Procura palermitana che, come ha rivelato lui stesso nell'intervista, sta indagando sui legami fra esponenti mafiosi e il duo Berlusconi-Dell'Utri.
Più che naturale che i magistrati di Caltanissetta, che da nove anni indagano sulle stragi di Capaci e via D'Amelio, appena scoperta l'esistenza di quell'intervista, l'abbiano subito acquisita agli atti. Ritenendola utilissima per iniziare la ricerca dei "mandanti a volto coperto" delle stragi. Così ha fatto Luca Tescaroli, che indagava (prima della sua partenza poco spontanea da Caltanissetta) sui registi occulti di Capaci. E così han fatto Anna Palma e Antonino Di Matteo, che investigavano (Prima del loro trasferimento a Palermo) su quelli di via D'Amelio.
Di che cosa si stava occupando Borsellino negli ultimi mesi della sua vita, nella sua nuova veste di procuratore aggiunto a Palermo? Rispondere a questa domanda significa, probabilmente, scoprire il movente vero del suo assassinio. Un assassinio che, a differenza di quello di Falcone, non trova alcuna spiegazione logica nemmeno nell'ottica mafiosa. Infatti, fino alla vigilia, non rientrava nei piani a breve e medio termine di Cosa nostra, che - come hanno riferito diversi collaboratori di giustizia - stava preparando attentati contro ben altri obiettivi (ad esempio l'on. Calogero Mannino). Che cosa li indusse a ripiegare precipitosamente su Borsellino?
Palma e Di Matteo, nella loro requisitoria al processo per la strage Borsellino, hanno così ricostruito il contesto di quella drammatica intervista, davanti alla terza sezione della Corte d'assise nissena, nell'udienza del 29 settembre 1999: "Abbiamo accertato che l'impegno dopo la strage di Capaci del dottor Borsellino, che pure da sempre era abituato a lavorare dalla mattina alla sera, divenne assolutamente frenetico, spasmodico, quasi parossistico. Borsellino iniziò a girare come una trottola impazzita, a interrogare pentiti, a rispolverare vecchi rapporti e indagini che Giovanni Falcone aveva seguito con grande interesse. Borsellino rivisitò vecchi rapporti riguardanti la attività e i collegamenti milanesi delle famiglie palermitane. Borsellino rilasciò anche interviste su questi argomenti, prendendo spunto dalle vicende giudiziarie di Vittorio Mangano e di uomini d'onore della famiglia di Santa Maria di Gesù. In una intervista prodotta agli atti, che rilasciò alla televisione francese il 21 maggio del '92, quindi ancor prima della strage di Capaci, asserì - andate a rileggere il testo letterale di quella intervista, anche questa è un po' stupefacente - l'esistenza di indagini che risalivano da Vittorio Mangano e da uomini d'onore della famiglia di Santa Maria di Gesù fino a Dell'Utri e ai canali di riciclaggio del denaro sporco ... ".
Ancor più inquietanti gli scenari tracciati da Tescaroli nella requisitoria pronunciata nel 1999 dinanzi alla Corte di assise d'appello di Caltanissetta, nel secondo processo ai killer di via D'Amelio (per chi la volesse leggere integralmente: Perché fu ucciso Giovanni Falcone di Luca Tescaroli, Soveria Mannelli, Rubettino, 2000) Scenari che contemplano quei tre nomi, pronunciati nella fatidica intervista da Borsellino: Silvio Berlusconi, Marcello Dell'Utri, Vittorio Mangano.
"Non v'è dubbio - dice Tescaroli - che l'agire criminale di Cosa nostra potrebbe apparire prima facie dissennato, se valutato sìc et simpliciter nel suo divenire fenomenico, alla stregua della prevedibile controffensiva dello Stato. In realtà lo stesso appare, di contro, sulla scorta delle acquisizioni probatorie, consono al disegno criminale e sincrono ai tempi di evoluzione di attività relazionali esterne intraprese dai vertici dell'organizzazione.
"La linea di attacco ordita dal 1991 non mirava a produrre una rottura fine a se stessa, ma a una cesura protesa alla creazione di nuovi equilibri e alleanze con nuovi referenti politico-istituzionali-fìnanziari: una frattura costruttiva oggettivamente agevolata dal fiorire, all'inizio degli anni '90, di una serie di iniziative politiche, riconducibili in gran parte alla massoneria deviata o all'estremismo politico di destra, e caratterizzate, tra l'altro, dal sorgere di piccoli movimenti con vocazione separatista in più punti del territorio nazionale: le Leghe Italiane Pugliese, Meridionale-Centro-Sud-Isole, Molisana, Marchigiana, degli Italiani, Sarda, La Lega delle leghe, quella Nazional Popolare, Sud della Calabria, Toscana, Laziale, Sicilia Libera (che veniva fondata il 28 ottobre 1993, a Catania, da Antonino Strano, poi divenuto assessore regionale di An per il Turismo e lo Sport, nonché dall'avv. Giuseppe Lipera e da Gaspare Di Paola, dirigente del gruppo imprenditoriale riconducibile ai fratelli Costanzo), Sicilia Libera nell'Italia Libera ed Europea (che veniva fondata in data 8 ottobre 1993, a Palermo, presso lo studio del notaio Salvatore Li Puma, residente in Corleone, da Tullio Cannella, da Vincenzo Edoardo La Bua, e da altri, e che avrebbe dovuto avere come referente, nella Provincia di Trapani, Gioacchino Sciacca), ecc.
"Leonardo Messina ha riferito che i vari rappresentanti Provinciali di Cosa nostra si erano riuniti, nell'Ennese, nel settembre-ottobre del 1991, per "gettare le basi per un nuovo progetto politico" di stampo separatista: creare una nuova formazione. la Lega del Sud, appoggiata da un un'ala della Massoneria e da Cosa nostra, nel cui ambito dovevano entrare uomini dell'organizzazione, in contrapposizione alla Lega Nord, costituente, a suo dire, espressione della P2 di Licio Gelli e di Giulio Andreotti [ ... ].
"A riprova del fatto di come i vertici dell'organizzazione fossero impegnati, correlativamente e nel mentre dell'esecuzione di un vero e proprio disegno cospirativo, alla ricerca e al consolidamento di più legami per giungere a individuare nuovi referenti politico-istituzionali, sorreggono le indicazioni" di diversi collaboratori di giustizia, fra i quali Angelo Siino, Salvatore Cancemi, Giovanni Brusca e Maurizio Avola.
"Siino evidenziava di aver appreso da Nino Gargano e da Giuseppe Madonia che Bernardo Provenzano stava adoperandosi per "agganciare Craxi tramite Berlusconi". Ha aggiunto di avere, successivamente, saputo da Antonino Gioè che Bagarella, tramite un ex ufficiale della Guardia di finanza, amico di Salvatore Di Ganci [ ... ] stava cercando di contattare una persona influente vicina all'on. Craxi e che, a tal fine, era necessario "fare più rumore possibile" (alludendo con ciò ad attentati), onde consentirgli poi di intervenire per far sistemare "la situazione in Italia" a favore di Cosa nostra".
Il 29 gennaio '98, davanti al pm Tescaroli, Cancemi racconta che "20 giorni prima della strage di Capaci", mentre già fervevano i preparativi per imbottire di tritolo l'autostrada Punta RaisiÄPalermo, partecipò a un vertice "presso l'abitazione di Girolamo Guddo, alla presenza di Raffaele Ganci e Salvatore Biondino, nel corso del quale Riina ebbe a dire: 1o mi sto giocando i denti, possiamo dormire tranquilli, ho Dell'Utri e Berlusconi nelle mani, che questo è un bene per tutta Cosa nostra". Questo incontro avvenne mentre era in corso la preparazione dell'attentato [ ... ] quasi contemporaneamente alle confidenze ricevute dal Ganci [cioè fatte da Ganci a Cancemi] sulle "persone importanti" (incontrate da Riina prima della strage). Il contesto in cui le parole di Riina si inserivano era proprio quello riguardante la strage e le conseguenze che dalla stessa sarebbero potute derivare a tutta l'organizzazione [ ... ] Riina reiterava discorsi fatti anche in precedenza, confermando che gli accordi intervenuti con quelle "persone importanti" avrebbero garantito non soltanto i provvedimenti legislativi favorevoli per tutta l'organizzazione ed in genere interventi con l'Autorità giudiziaria, ma anche la protezione per le conseguenze derivanti dall'esecuzione della strage". In aula, il 22 ottobre '99, Cancemi aggiunge che Riina tranquillizzava tutti dicendo: "Queste persone sono quelle che a noi ci devono portare del bene, queste persone noi le dobbiamo garantire ora e nel futuro di più".
Nel mese di giugno, a cavallo fra Capaci e via D'Amelio, ci furono altri vertici, in cui "Riina specificò di aver chiesto favori legislativi alle "persone importanti"", le quali si erano impegnate a soddisfarle. Le richieste riguardavano - ricorda Cancemi - "annullare 'stu 41 bis, sta legge sui pentiti, sequestri di beni, insomma un sacco di cose: l'ergastolo, tutte queste cose [ ... ]. Lui le ripeteva diverse volte ... ". E "nella riunione di giugno Riina aveva una certa premura, una certa urgenza per fare questa strage di Borsellino. Ha spiegato che 'sta cosa si
deve fare subito [ ... ]. Lui era tranquillo, aveva queste persone e quindi lavorava sicuro ... ".
Dunque - riepiloga Tescaroli - "Cancemi riferiva che Riina, in epoca antecedente alla strage di Capaci, si era incontrato con "persone importanti" [ ... ], autorevoli personaggi del mondo politico nazionale (il cui nominativo apprendeva da Riina e ha indicato al processo d'appello)", per avviare negoziati "aventi a oggetto provvedimenti legislativi favorevoli all'organizzazione, interventi sull'Autorità giudiziaria e garanzie dalle conseguenze derivanti dalla strage". Cancemi riferiva pure "che appartenenti al gruppo Fininvest versavano periodicamente una somma di 200 milioni lire a titolo di contributo ["Questi soldi, con assoluta certezza, Riina li usava per Cosa nostra, per alimentare Cosa nostra", assicura Cancemi. Sottolineava che il Riina si era attivato, a far data dagli anni 1990-91, per coltivare direttamente i rapporti con i vertici di detta struttura imprenditoriale (mettendo in disparte Vittorio Mangano, che fino a quel momento li aveva gestiti) e che, tramite Craxi, stava cercando di mettersi la Fininvest nelle mani o viceversa. Peraltro, non sapeva precisare se e come, Riina avesse preso il controllo diretto di questo rapporto, ma ricollegava la stagione stragista proprio a tale avvicendamento. Ha aggiunto che Riina, nel corso del 1991, gli aveva riferito che detti soggetti erano "interessati ad acquistare la zona vecchia di Palermo" e che lui stesso si sarebbe occupato dell'affare, avendolo "nelle mani". Riina e Mangano gli avevano fatto presente che era stata incaricata una persona, chiamata "ragioniere", per seguire "materialmente l'operazione". E ancora [Cancemi] ha dichiarato di aver appreso da Raffaele Ganci, intorno agli anni 1990-1991, mentre transitavano con l'autovettura in prossimità di via Notarbartolo, che in quella zona vi erano dei ripetitori che interessavano "a Berlusconi". Sottolineava di aver ricevuto conferma di quest'ultima circostanza dal Riina. Va rilevato, solo incidentalmente, che le indicazioni del Cancemi, con specifico riferimento agli esborsi di denaro, hanno trovato puntuali conferme nelle dichiarazioni di altri collaboranti (Francesco Paolo Anzelmo, Calogero Ganci, Aurelio Neri, Antonino Galfiano e Giovan Battista Ferrante) e riscontri obiettivi.

gianni trepuzzi 04.07.05 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Elio Veltri Marco Travaglio
L'Odore dei soldi.
Origini e misteri delle fortune
di Silvio Berlusconi.
Editori Riuniti.
---------------------------
"Per me Berlusconi era proprio come un parente. La fiducia che aveva in me era pari a quella che io avevo in lui e nella sua famiglia. A Berlusconi ci voglio bene, fino ad oggi.
E' una persona onesta, scrivetelo"
(Vittorio Mangano, boss della famiglia di Porta Nuova, condannato a due ergastoli per mafia, omicidio e traffico di droga, "Corriere della sera", 14 luglio 2000).

"Anziché occuparsi di rapine e spaccio di droga, ci sono magistrati che preferiscono perseguitare Berlusconi e altre persone che danno loro visibilità [ ... ]. L'obbligatorietà dell'azione penale non esiste [ ... ]. E nelle cose che sia il governo a definire gli indirizzi della lotta alla criminalità [ ... ]. E' ragionevole che tocchi al governo indicare le priorità da seguire nella tutela del cittadino, rivolgere le opportune raccomandazioni a chi ha il compito della repressione"
(Marcello Dell'Utri, "la Repubblica, 6 dicembre 2000).

"La verità è che se Berlusconi non fosse entrato in politica, se non avesse fondato Forza Italia, noi oggi saremmo sotto un ponte o in galera con l'accusa di mafia. Col cavolo che portavamo a casa il proscioglimento nel lodo Mondadori"
(Fedele Confalonieri, "la Repubblica" 25 giugno 2000).
-------------------------------------------------------------------

1. INTRODUZIONE
Cavaliere, dove ha preso i soldi?

Questo libro può essere utile per molte ragioni.
I fatti che racconta, nonostante la loro gravità, sono conosciuti solo da una ristretta cerchia di politici, magistrati e forze dell'ordine.
I partiti e quasi tutti gli organi di informazione hanno una sorta di consegna al silenzio, che rispettano con impegno inusuale e compattezza granitica.
Negli altri paesi dell'Unione europea i fatti di cui parliamo provocherebbero un terremoto politico e, comunque, costringerebbero i responsabili ad abbandonare la vita pubblica.
In Italia, niente di tutto questo. Nemmeno una timida domanda all'interessato, Silvio Berlusconi, in una delle tante interviste in ginocchio che ammorbano giornali e televisioni pubbliche e private.
Non possiamo certo meravigliarci che facciano finta di non vedere e di non sentire i giornalisti e i politici mantenuti dal Cavaliere. E' vero che, in un paese democratico, il giornalista dovrebbe essere "gli occhi, le orecchie e la bocca della società". E anche il Parlamento dovrebbe svolgere una costante azione di controllo. Ma in Italia questa tradizione stenta ad affermarsi. La carne è debole e dobbiamo farcene una ragione.
Ma le televisioni e i giornali che di Berlusconi non sono? E i partiti del centrosinistra? I loro comportamenti sono molto meno comprensibili. Se parli con qualcuno di loro, ti senti rispondere: attaccare Berlusconi è fare il suo gioco, perché la gente lo considera un perseguitato. Si può obiettare che per fatti di tale gravità il gioco non vale la candela, perché sono in discussione questioni e valori che costituiscono il fondamento dello Stato di diritto. Ma prendiamo per buona la motivazione al silenzio e all'autocensura di chi non è amico di Berlusconi. Allora chiediamo: siamo proprio sicuri che una battaglia sulla questione morale riguardante Berlusconi, condotta alla luce del sole dal 1996, data della vittoria dell'Ulivo, non avrebbe dato i suoi frutti?
La verità è che il centrosinistra ha scelto la strada
dell'appeasement o, come si dice, dell'inciucio, in Bicamerale, sulle televisioni e sulla giustizia. E quindi, di fatto ha lavorato per il re di Prussia, cioè per Berlusconi.
Non possiamo certo dimenticare che il Cavaliere è stato dichiarato eleggibile dalla Giunta per le elezioni della Camera, a maggioranza di centrosinistra, sebbene una legge del 1957 preveda la ineleggibilità dei concessionari di pubblici servizi. Che per quasi due anni è stato promosso a Padre Costituente, pur essendo il politico più inquisito d'Europa. Che è stato accreditato presso le banche quando le sue aziende avevano oltre 5000 miliardi di debiti. Che in nome di una politica "garantista" è stata approvata una legislazione sulla giustizia voluta dal Polo. Che sono state affossate tutte le proposte di legge anticorruzione. Che gli uomini più influenti del partito-azienda (Previti e Dell'Utri), di fronte alle richieste di arresto dei magistrati, sono stati graziati con i voti determinanti di settori del centrosinistra. Che Rete 4 doveva andare sul satellite e invece continua a trasmettere via etere.
Ma rimuoviamo pure tutto questo. E chiediamoci perché documenti tanto inquietanti quanto inoppugnabili vengono sistematicamente censurati. Parliamo di documenti che hanno per protagonista Paolo Borsellino, il giudice assassinato dalla mafia, notoriamente un conservatore; e Francesco Giuffrida, ispettore della Banca d'Italia, non certo un covo di giacobini.
Perché il lettore capisca: in questo libro non si parla di accuse dei soliti politici giustizialisti, né di teoremi delle solite "toghe rosse". In questo libro parla Paolo Borsellino, con una intervista (riportata nel primo capitolo) rilasciata a due giornalisti francesi due giorni prima della strage di Capaci e due mesi prima di quella di via D'Amelio. E' una intervista inedita, scomparsa per anni e ritrovata di recente quasi per miracolo dalla sua famiglia: un documento sconvolgente per la gravità delle accuse che il magistrato-martire, solitamente prudente e silenzioso, muove a Berlusconi e Dell'Utri a proposito della frequentazione con Vittorio Mangano, lo "stalliere di Arcore", uno dei più importanti trafficanti di droga di Cosa nostra.
Cosa si può dire: che Borsellino ce l'aveva con Berlusconi? Che era anche lui una toga rossa? Che usava i pentiti per fare politica? Che ha anticipato di otto anni la "cavalleria" elettorale dei comunisti?
Roberto Morrione, capo di Rai International, che con i colleghi Sigfrido Ranucci e Arcangelo Ferri è riuscito a recuperare la cassetta "smarrita", sabato 18 novembre 2000, a Firenze, in un incontro antimafia organizzato da Antonino Caponnetto, ha rivelato di fronte a un migliaio di persone di aver offerto l'intervista a tutte le reti Rai: ma nessuno l'ha voluta. Anche i giornali, con l'eccezione di qualche invisibile trafiletto, hanno taciuto.
Berlusconi e Dell'Utri hanno cercato con ogni mezzo di far sequestrare la cassetta perché non andasse in onda, nemmeno nottetempo, su Rai News 24. E lo stesso Dell'Utri, tramite i suoi legali, con un comunicato Ansa del 28 novembre 2000 ha diffidato la Rai dal diffonderla perché il nastro con l'intervista, a suo dire, sarebbe stato manomesso. I giornalisti che hanno curato la trasmissione hanno replicato ricordando che avevano inviato la cassetta a Berlusconi e a Dell'Utri perché ne verificassero l'autenticità e li avevano invitati alla trasmissione, ricevendone un netto rifiuto. Possiamo affermare che la diffida di Dell'Utri è strumentale e lascia il tempo che trova, perché la cassetta è stata acquisita agli atti dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo e dalla Commissione parlamentare antimafia: e coincide perfettamente con quella trasmessa da Rai3.
La verità è che Dell'Utri e Berlusconi temono la diffusione dell'intervista perché essa rappresenta un vero e proprio atto d'accusa nei loro confronti da parte di un magistrato che, per combattere la mafia, ha sacrificato la vita.
Il secondo documento è un doppio rapporto, firmato dal dottor Francesco Giuffrida, funzionario della Banca d'Italia, e dal maresciallo capo della Dia Giuseppe Ciuro, incaricati dal pool antimafia di Palermo di scavare nelle 22 Holding di Berlusconi che diedero vita alla Fininvest.
In altre parole, il rapporto, sia pure con tutti i limiti dovuti al tempo trascorso, alla documentazione sparita o bruciata, ai prestanome nel frattempo defunti, alla scadenza dei tempi delle indagini preliminari, alla omertà delle banche, ci spiega come si è arricchito Berlusconi.
Si tratta di un documento di eccezionale valore perché per la prima volta getta qualche spiraglio di luce sui tanti buchi neri che punteggiano le, origini dell'impero del Cavaliere. Non a caso nessuno mai era riuscito a entrare nelle tante scatole cinesi che, come un prestigiatore, Berlusconi ha costruito in oltre vent'anni per arricchirsi.
Finora le 34 Holding (perché nel frattempo ne sono state scoperte altre 12) erano rimaste impenetrabili per chiunque avesse tentato di aprirle e chiunque ne avesse scritto era stato seppellito dalle denunce e aveva visto sparire in un baleno tutte le copie della sua opera dalle librerie.
Cosa raccontano il diligente funzionario di Bankitalia e il sottufficiale della Dia ai magistrati del pool antimafia? Che di 114 miliardi su 200, transitati negli anni '70 nelle varie società, pari a 500 miliardi del 1997, non si conosce la provenienza né la destinazione finale. Che la capitalizzazione delle società avveniva spesso in contanti proprio per non lasciare tracce. Che i soldi seguivano percorsi tortuosi difficilmente individuabili. Che le società erano costituite da una infinità di scatole cinesi che spesso servivano per una sola operazione e che i prestanome anonimi pensionati, malati cronici e terminali,
casalinghe risultavano i titolari del nascente impero berlusconiano. Che la documentazione non si trova o è stata bruciata. Che alcune banche hanno facilitato le operazioni del Cavaliere: soprattutto la Banca Popolare di Lodi (che aveva classificato le Holding sotto la voce "negozi di parrucchieri", così nessuno poteva metterci il naso) e la Banca Rasini, nota per i transiti di denaro sporco, della quale il padre di Berlusconi per una ventina d'anni era stato il factotum. Che le prime operazioni erano state curate dalla famiglia Previti al gran completo: padre e due figli.
Dai documenti emerge con chiarezza che le tappe dell'ascesa del Cavaliere sono fondamentalmente due: la prima inizia negli anni '70, attraversa gli anni d'oro della P2 e termina nel 1983, anno in cui Craxi sale a palazzo Chigi. La seconda comprende gli anni del governo Craxi e prosegue in quelli del Caf fino allo scandalo di Tangentopoli. Nel primo periodo piovono sul Cavaliere fiumi di miliardi che nessuno sa da dove siano arrivati. Negli anni del craxismo l'amicizia con il leader socialista gli permette il boom televisivo su scala nazionale, in barba a tutte le norme e le leggi, fino all'approvazione della Mammì. Cioè di una legge televisiva su misura.
E' bene ricordare, come più avanti è documentato, che i dirigenti Fininvest hanno tentato, con ogni mezzo, di ottenere da Bankitalia la sconfessione del dottor Giuffrida, quasi si fosse autonominato. L'iniziativa, però, si è risolta in un boomerang perché Bankitalia ha dovuto ammettere che il funzionario era stato indicato dalla propria Direzione di Palermo per la sua competenza, e la descrizione dei fatti e le conclusioni del rapporto Giuffrida sono stati successivamente confermati e rafforzati dalla relazione del maresciallo Giuseppe Ciuro.
Un altro documento riguarda l'applicazione della "legge Tremonti", che Berlusconi, nella doppia veste di tycoon televisivo e di presidente del Consiglio, utilizzò nel 1994 per Mediaset grazie a una interpretazione ad hoc del suo ministro delle Finanze, guadagnando 243 miliardi (proprio quando affondava nei debiti). Per dare un'idea dell'affare, basta ricordare che Mediaset negli anni 1989-1993 non aveva fatto investimenti. Con l'arrivo della legge Tremonti, "interpretata" per Mediaset, la società ha investito circa 1000 miliardi, dei quali circa la metà esentasse.

Berlusconi si è giocato gli avversari e ha conquistato gli italiani. Bisogna ammettere che quanti, all'inizio dei lavori della Bicamerale, pensavano che D'Alema di Berlusconi avrebbe fatto un sol boccone, sbagliavano di grosso. Il Cavaliere ha sempre giocato su tutti i tavoli, compreso quello di Mani pulite.
L'8 dicembre del 1994 Ä si badi bene: due settimane dopo l'invito a comparire per le tangenti alla Guardia di finanza - Berlusconi ancora elogiava "l'ansia di verità che si è espressa anche con le inchieste di questi magistrati" (del pool di Milano) e definiva Di Pietro "un magistrato che si è conquistato con il suo lavoro il rispetto degli italiani". Poi aggiungeva: "Penso di incontrarlo molto presto [ ... ]. Di Pietro in politica potrebbe essere un'ottima cosa [ ... ]. E' un uomo di centro come me. Ho sempre riconosciuto il ruolo svolto dai magistrati nella lotta al sistema perverso della Prima Repubblica. Le tv e i giornali della Fininvest sono sempre stati in prima linea nel difendere i magistrati, e in particolare Di Pietro [ ... ]. La sua spinta alla moralizzazione sarebbe un patrimonio prezioso per tutto il paese ... ".
In quei giorni il Cavaliere si illudeva ancora di tirare Di Pietro dalla sua parte, perciò trascurava quell'invito a comparire firmato anche da Di Pietro e parlava bene del pool di Mani pulite. Salvo poi rimangiarsi tutto poche settimane più tardi: "Se sarò assolto vorrà dire che c'è ancora una giustizia in Italia; se sarò condannato vorrà dire che la democrazia ha ceduto il posto al regime contro il quale gli uomini liberi e i partiti che li rappresentano hanno il diritto di reagire in tuttiJ modi, dalle dimostrazioni di piazza all'ostruzionismo parlamentare".
Di fronte a dichiarazioni di tale gravità, il centrosinistra balbetta e distingue in maniera bizantina tra le inchieste giudiziarie e la lotta politica, inviando così ai cittadini un messaggio devastante: i politici, come i cittadini comuni, sono innocenti fino a sentenza passata in giudicato e quindi si può anche essere inquilini di Palazzo Chigi o del Quirinale con una condanna per corruzione sulle spalle.
Ma Berlusconi non è l'unico nel Polo a voltare gabbana col girar del vento. Il senatore Marcello Pera negli anni '92-93 scriveva articoli di fuoco sulla "Stampa" invocando financo la ghigliottina contro i corrotti (come ha documentato Marco Travaglio nel suo Manuale del perfetto impunito, Milano, Garzanti, 2000). Eccolo all'opera il 19 luglio 1992, sul giornale della Fiat: "Come alla caduta di altri regimi occorre una nuova Resistenza, un nuovo riscatto e poi una vera, radicale impietosa epurazione...
Il processo è già cominciato e per buona parte dell'opinione pubblica già chiuso con una condanna". Seguirà la folgorazione al garantismo (peloso) sulla via del Senato.
---
La transizione bloccata e la restaurazione compiuta.

Berlusconi, scrive Indro Montanelli sul "Corriere della sera" del 14 luglio 1998, è "il macigno che paralizza la politica italiana". Constatazione tanto più significativa, in quanto non proviene da un pericoloso giacobino. Ma del tutto inutile, perché oramai i giochi sono fatti e i buoi sono scappati dalla stalla.
Al Cavaliere sono bastati due anni, dalla vittoria dell'ulivo, per rovesciare tutte le situazioni in suo favore: ha liquidato la Bicamerale dopo essersene servito a dovere: ha convinto almeno la metà degli italiani di essere un perseguitato dalla magistratura per scopi politici; si è fatto osannare in Parlamento perché qualcuno, manovrato chissà da chi, gli aveva piazzato il famoso "cimicione" in casa per spiarlo, attentando alla Costituzione; ha cancellato i debiti e iniziato ad accumulare utili da capogiro, fino a diventare l'uomo più ricco d'Italia con un patrimonio stimato in 30.000 miliardi di lire; ha ottenuto di far passare tutte le leggi sulla giustizia che gli servivano per far scattare la prescrizione di gran parte dei reati di cui è incolpato da varie procure; ha fatto di Forza Italia il primo partito; ha steso al tappeto Fini e Bossi, che ora gli ubbidiscono ciecamente; ha ripreso saldamente in mano la leadership del Polo che nel '96 tutti contestavano; ha paralizzato la già lunga transizione italiana avviata da Mani pulite e ora lavora con successo alla restaurazione, reclutando vagonate di vecchi arnesi della Dc e del Psi.
Così, mentre tutti gli organismi internazionali lanciano l'allarme contro la corruzione, alleata prediletta della criminalità organizzata e del riciclaggio di denaro sporco, il Cavaliere convince politici, intellettuali e cittadini che tutto sommato il nostro paese non è diverso dagli altri e che la corruzione è una invenzione di un pugno di magistrati assetati di potere.
Alla Camera chiunque parli di legalità è dileggiato e insultato; i deputati inquisiti o condannati per qualsiasi reato (corruzione e lesioni comprese) vengono dichiarati "insindacabili"; le richieste di arresto di Previti, Dell'Utri, Cito, Giudice vengono considerate persecutorie e rispedite al mittente.
Poco importa se nelle risoluzioni del Parlamento europeo e del Consiglio d'Europa si legge che la corruzione "mina il funzionamento di un sistema democratico" e si chiede di "pubblicare sulla Gazzetta ufficiale della Comunità i nominativi e le qualifiche delle persone fisiche o morali condannate in via definitiva per fatti di corruzione connessi a decisioni o finanziamenti di origine comunitaria". Poco importa se il Parlamento di Strasburgo invita i rappresentanti eletti dagli Stati membri a "organizzare indagini conoscitive pubbliche sullo sviluppo e le conseguenze della corruzione", ed esorta "la Commissione e gli Stati membri ad adottare misure tese a escludere per un determinato periodo di tempo dal concorrere ad appalti pubblici e dal diritto di ogni altra forma di sovvenzione gli operatori di mercato corrotti". Richieste analoghe a quelle provenienti dall'Onu, dall'Ocse, dalla Conferenza di Lima sulla corruzione e financo dalla Colombia. Da noi tutto viene ovattato, nascosto. Tutto scorre come acqua sul vetro, senza lasciare traccia.
Le proposte della Commissione speciale anticorruzione del Parlamento italiano sono state coperte di insulti: giacobine, giustizialiste, massimaliste, inquisitorie, persecutorie, moralistiche, staliniste, roba da caccia alle streghe e da Grande Fratello (quello di Orwell). E pensare che erano molto più moderate di quelle sostenute in Inghilterra dalla commissione Nolan, che prende nome dal suo presidente, un vecchio Lord conservatore, preoccupato di prevenire fenomeni di corruzione nonostante il buon livello degli standard di moralità nella vita pubblica inglese.
Nel nostro Parlamento, invece, si vuole tutto e il contrario di tutto: la sconfitta della criminalità organizzata e, al contempo, l'approvazione di leggi lassiste e ipergarantiste; l'efficienza della pubblica amministrazione e la garanzia di mantenere i funzionari corrotti e condannati ai loro posti; la giustificazione dei fondi neri e la tutela dei piccoli azionisti; la comprensione per l'evasione fiscale e la richiesta di finanziare al meglio pensioni e servizi; la tolleranza zero per i criminali "comuni" e lo sfascio del sistema repressivo e penale.
---
Il conflitto di interesse.

Il giudice americano Joel Klein' quello che ha "incastrato" Bill Gates e si occupa di conflitti di interesse e di concorrenza, ha dichiarato orgoglioso: "Abbiamo mandato in prigione due dirigenti della Hoffmann la Roche, e incriminato altri top executive della stessa azienda e della Sbaf. Tutti hanno accettato di venire in America, affrontare il processo e scontare la pena detentiva: hanno capito che il mondo sta cambiando e non possono vivere come fuggitivi".
Non sappiamo se Berlusconi conosca Klein e se abbia letto le sue dichiarazioni. Sappiamo però che negli States, la terra dei suoi sogni, se lui avesse osato fare un decimo di quello che ha combinato in Italia sarebbe da tempo dietro le sbarre.
Parlare di semplice conflitto di interesse è riduttivo: il suo è un conflitto composto e intollerabile in qualsiasi paese democratico: un conflitto politico, imprenditoriale e giudiziario.
Indro Montanelli ha scritto ("Corriere della sera", 20 luglio 1998) che "almeno su una cosa gli italiani sono d'accordo, tanto è solarmente evidente: che fin quando non si sblocca il caso Berlusconi, non ci sarà dibattito politico cioè non ci potrà essere politica". E con mirabile sarcasmo ha proposto un referendum sul seguente quesito: "Volete voi l'abrogazione dei reati in base ai quali è stato condannato Silvio Berlusconi?". Sì, in effetti è vero: forse il paese avrebbe subito meno danni se il Parlamento avesse cancellato, con apposita legge costituzionale, i reati di Berlusconi e dei suoi amici più stretti. Almeno si sarebbe evitato di devastare il sistema penale con riforme "salvaladri" alla portata di tutti.
Sergio Romano, opinionista dell'area di centrodestra, è ancora più severo: quello del Cavaliere - scrive - "è il più colossale conflitto d'interessi registrato nelle cronache dello Stato unitario".
Ma Berlusconi la pensa diversamente. "Sul conflitto di interessi la soluzione è molto semplice - ha dichiarato al "Corriere della sera" del 20 settembre 2000, con ineffabile candore. - Il presidente del Consiglio, che è un primus inter pares e coordina l'attività degli altri ministri, ha l'obbligo morale di astenersi quando sono sul tappeto decisioni che potrebbero riguardare anche i suoi interessi. Io l'ho fatto durante il mio governo e mi comporterei allo stesso modo oggi."
Forse Berlusconi parla di un altro governo, perché durante il suo fece esattamente il contrario. Clemente Mastella ha raccontato che quando il governo dovette deliberare sui telefonini in assenza di Berlusconi, allontanatosi per evitare un conflitto di interesse, i tre ministri rimasti assegnarono la concessione a Omnitel di
De Benedetti. Ma, quando poi lo comunicarono a Berlusconi, questi si imbestialì, perché ha sempre visto l'Ingegnere come il fumo negli occhi. Sulla legge Tremonti ha fatto di peggio, come vedremo nel corso del libro.
Per non parlare del decreto Biondi, che vietava le manette per i colletti bianchi proprio mentre stava per essere arrestato Paolo Berlusconi.
---
L'Europa è un altro mondo

Prendiamo il caso Kohl. l'ex presidente della Cdu èun gigante della politica: ha riunificato la Germania e ha contribuito in maniera determinante all'avvio dell'Euro. Appena scoperti alcuni miliardi di fondi neri riferibili al suo partito, è stato cacciato dalla Cdu e inquisito dalla magistratura. E continua a ripetere di essere un uomo finito, a chiedere scusa al popolo tedesco, a impegnarsi a risarcire il danno arrecato, a promettere che, nei due anni che gli restano di vita parlamentare, si batterà per difendere il suo onore. Non ha mai attaccato gli amici di partito e non ha mai polemizzato con la magistratura che indaga su di lui.
Un caso isolato, dovuto al carattere dell'ex cancelliere? Assolutamente no. Per molto meno la Commissione europea presieduta da jacques Santer ha dovuto dare le dimissioni. Sullo scorcio del 2000 l'ex sindaco di Parigi Jean Tiberi è stato espulso dal suo partito, l'Rpr (lo stesso di Chirac), perché coinvolto nello scandalo delle case popolari: aveva concesso un paio di appartamenti in affitto a parenti.
Certo, la recente condanna a morte per corruzione dell'ex vicepresidente del Parlamento cinese, Cheng Kejie, ci fa orrore.
Ma a tutto c'è un limite anche nell'altro senso: che nel nostro paese l'essere inquisiti sia diventato quasi un titolo di merito e che ad alcuni corrotti eccellenti si riservino i collegi elettorali più sicuri, trasformando il Parlamento in zona franca da guai giudiziari, è intollerabile.

Esportare Berlusconi negli altri paesi non sarà certo una gran figura, per l'Italia. Giornali e televisioni che non amano il nostro paese avranno buon gioco a rinfacciargli il suo poderoso curriculum giudiziario.

Berlusconi, infatti, è inquisito anche in Spagna (altro paese dei suoi sogni: il "modello Aznar" per frode fiscale e, siccome li non scherzano, ha dovuto versare una consistente cauzione.
Lui sostiene che i giudici Baltasar Garzón (lo stesso che ha "incastrato" Pinochet) e jimenez Villarejo (procuratore generale anticorruzione) sono marionette nelle mani del pool di Milano.
Ma siamo seri. Uno come Garzón, che in Spagna è più popolare del capo del governo e che ha messo sotto processo anche i suoi amici socialisti, si fa influenzare da quattro magistrati italiani?
Eppoi Garzón non è l'unica autorità straniera ad es sersi interessata ai reati di Berlusconi.
Basta leggere la "requisitoria", tutta inglese, del Lord Justice Simon Brown, rappresentante della regina, a proposito delle "carte" inglesi della Fininvest.
Nel '96 la regina Elisabetta ha chiamato in giudizio il suo ministro dell'Interno perché giustificasse il rifiuto a dichiarare le carte Fininvest protette dalla legge britannica sull'estradizione. Lord Brown ha risposto al Parlamento a nome della regina e ha bastonato il Cavaliere, elogiando la magistratura italiana per la sua indipendenza e volontà di "smascherare e punire la corruzione"; ha sottolineato che la corruzione non è un reato politico; ha ironizzato sul fatto che Berlusconi si consideri un perseguitato politico sol perché è stato capo del governo; e ha concluso con la stoccata finale: "Non riesco proprio a vedere i pagatori corrotti della politica come Garibaldi di oggi ... ".
E, se da Madrid e da Londra ci spostiamo in Germania, le cose per l'uomo di Arcore non migliorano.
Il 9 luglio del 1998 la "Suddeutsche Zeitung" di Monaco di Baviera, dopo la condanna in primo grado per le mazzette alla Guardia di finanza (reato poi prescritto in appello), scriveva: "Che la permanenza in politica [di Berlusconi] venga considerata normale è un fenomeno in concepibile in Inghilterra, in Germania, in America [ ... ] Berlusconi è una contraddizione che nessun'altra democrazia dell'Unione europea deve sopportare [ ... ]. Sarebbe davvero paradossale che un imputato già condannato interloquisca nella riforma dell'ordinamento giuridico".
Sarà paradossale per i tedeschi. Ma per molti italiani, ormai, è normalissimo.
Dopo la condanna per i 21 miliardi di All Iberian a Craxi (anche qui, prescrizione in appello) un altro giornale tedesco, la "Frankfurter Rundschau", ha rincarato la dose: "Berlusconi non subisce la reazione giusta. Che è una sola: fermarlo, o, meglio ancora, toglierlo dal gioco".
Garzón, Villarejo, Lord Brown, i giornalisti tedeschi: tutti servi delle toghe rosse?

Secondo una recentissima ricerca della Confcommercio sulla criminalità organizzata in Italia, un quinto del paese è nelle mani delle mafie; il volume d'affari della criminalità è di 300 mila miliardi all'anno, pari al 15% del Pil; il patrimonio consolidato della criminalità è di 2 milioni di miliardi, dei quali solo il 6-7 % viene sequestrato e solo il 3 % confiscato.
Non sappiamo se i dati siano esatti. Ma certamente sono verosimili. La responsabilità è in primo luogo di chi ha governato, perché ha sottovalutato il fenomeno e non ha fatto della legalità la più importante "missione" del governo.
Ma le colpe di Berlusconi sono anche maggiori, perché i suoi messaggi e le sue azioni politiche hanno contribuito al disarmo etico del paese.
Quando si attacca sistematicamente la parte migliore della magistratura e la più esposta sul fronte della lotta antimafia, definendola assassina e golpista; quando si delegittimano Mani pulite e i pool antimafia e anticamorra, facendo l'apologia della illegalità in nome delle "garanzie", per salvare se stessi e i propri amici; quando la Guardia di finanza viene definita "un'associazione per delinquere" (e da chi l'ha corrotta, per giunta), è difficile che la criminalità non si rafforzi di pari passo con il dilagare del senso di impunità. Il resto lo fanno le leggi ipergarantiste approvate per favorire i colletti bianchi inquisiti dentro e fuori dal Parlamento, e che hanno finito per favorire tutta la criminalità, grande e piccola.
Perché, è ovvio, la legge vale per tutti: scassinatori, scippatori, pedofili, corrotti, falsificatori di bilanci, evasori fiscali.
Un grande criminologo americano, Sutherland, qualche anno fa ha scritto: "Sarebbe ragionevole attendersi dai giovani di un'area urbana condotte più oneste, morali e decenti di quelle che essi riscontrano negli uomini che li governano?".
Il 28 luglio del 1981, Enrico Berlinguer rilasciava a Eugenio Scalfari una famosa intervista, presto dimenticata, sulla questione morale. Il leader comunista attaccava la partitocrazia che occupava lo Stato. Oggi la questione morale è - se possibile - ancor più di attualità. I partiti superstiti e quelli presunti "nuovi" non hanno più la forza di approvare riforme degne di questo nome.
Ma continuano a occupare lo Stato, sempre più intrecciati con i potentati economici, e soprattutto con i padroni dell'informazione.
La miscela è esplosiva e corrode la democrazia: quella che un tempo veniva definita "un'arena nella quale si entra lasciando fuori il portafogli e la pistola". Senza regole, nell'arena del nostro paese, Berlusconi è entrato con un enorme portafogli. E, al posto della pistola, ha portato l'informazione. La sua "informazione", che fa più danni della pistola. Come i documenti raccolti in questo libro, e l'oblio che li avvolge, dimostrano.
-------------------------------------------------------------------

I. Borsellino) l'intervista scomparsa.

1. PREMESSA Un mafioso ad Arcore

Quando sia arrivato nella villa di Arcore, nessuno esattamente lo sa. Chi dice nel 1974, chi nel 1975. E anche la data e le modalità del suo allontanamento restano un mistero. Ma una cosa è certa: per alcuni anni un boss di prima grandezza della mafia siciliana, Vittorio Mangano, ha soggiornato nella villa di Silvio Berlusconi, con moglie e due figlioletti, ufficialmente per svolgervi le mansioni di "fattore" o di "stalliere". Grazie alla raccomandazione di un conterraneo e amico di vecchia data: Marcello Dell'Utri.
Nato a Palermo il 18 agosto 1940, giovane emergente della famiglia mafiosa di Porta Nuova (quella di Pippo Calò e Tommaso Buscetta), fin dai primi anni '70 Mangano fa la spola fra la Sicilia e Milano, dove divide un piccolo appartamento con la suocera e il cognato
operaio all'Ansaldo. Per gli investigatori, è già un soggetto pericoloso: la prima segnalazione della Questura sul suo conto risale al 1967, dopodiché il giovane boss colleziona denunce, arresti (tre, per l'esattezza) e condanne per ogni sorta di reati: dalla truffa agli assegni a vuoto, dalla ricettazione alle lesioni volontarie, alla tentata estorsione. Mica male, per un uomo che non ha ancora trent'anni.
Il suo curriculum di tutto rispetto lo fa presto notare da Stefano Bontate, "principe di Villagrazia" e numero uno di Cosa nostra.
Il suo vestire elegante, i suoi modi raffinati e la sua intelligenza pronta convincono la cosca a promuoverlo sul campo rappresentante degli interessi mafiosi a Milano per tenere i rapporti con gli industriali del Nord. E lui intreccia subito una buona rete di conoscenze e amicizie, grazie anche a uno sponsor d'eccezione: un certo Marcello Dell'Utri, di un anno più giovane di lui, a sua volta amico intimo (ed ex compagno di università) di un certo Silvio Berlusconi, il più rampante fra i giovani palazzinari milanesi dell'epoca.
"Io e Marcello - racconterà Mangano ai giudici di Palermo il 4 aprile 1995 - ci siamo conosciuti fra la fine degli anni '60 e l'inizio dei '70, quando lui gestiva la squadra di calcio della Bacigalupo all'Arenella [a Palermo]. Dal nostro incontro casuale nacque un rapporto di conoscenza. Dell'Utri venne così a sapere che ero esperto di bestiame e di cavalli. Tre o quattro anni dopo mi telefonò per propormi un lavoro nella villa di Berlusconi. Avrei dovuto dirigere l'azienda agricola e la società ippica di cui Berlusconi era titolare. Ma mi occupavo un po' di tutto: dalla compravendita alla doma, all'addestramento dei cavalli, fino a quando non iniziavano a gareggiare. Con l'aiuto di alcuni artieri ho così allenato decine di puledri per volta [ ... ]. Vedevo Berlusconi ogni giorno e avevo con lui gli ordinarirapporti tra titolare e impiegato. Ero totalmente libero nel mio lavoro perché sia Berlusconi che Dell'Utri non s'intendevano di cavalli. Dell'Utri, che abitava nella villa di Berlusconi, mi veniva a trovare spesso nelle scuderie e a poco a poco gli ho insegnato a montare."
Nessuno lo dirà mai ufficialmente, ma in quel periodo tutti i miliardari milanesi temono i sequestri di persona, tanto che Berlusconi manda per un po' i figli all'estero. L'arrivo di Mangano, con i suoi rapporti e le sue conoscenze, non può che rassicurare l'ambiente. E non soltanto perché il Nostro è solito aggirarsi per il parco di villa San Martino con "sei mastini napoletani al guinzaglio" (come rivelano Peter Gomez e Leo Sisti in l'intoccabile, Milano, Kaos, 1997: l'opera più completa e informata sulle frequentazioni mafiose di Berlusconi e Dell'Utri). Insomma, è una sorta di factotum, e viene per questo stipendiato profumatamente: "Guadagnavo 500 mila lire, che poi divennero addirittura un milione in un periodo in cui la paga di un magistrato era 100' mila lire". Lira più, lira meno guadagna l'equivalente di 10 milioni di oggi al mese. E' lui ad accompagnare a scuola ogni mattina i giovani figli di primo letto del futuro Cavaliere, Marina e Pier Silvio detto "Dudu". E i due ragazzi fanno presto amicizia con le due prime figlie del "fattore" siciliano, Loredana e Cinzia. Mangano battezzerà la sua terzogenita Marina, come la figlia di Berlusconi.
Anche Berlusconi, nel 1987, verrà chiamato da un giudice, Giorgio Della Lucia (che indaga sul crac della "Bresciano", la società di costruzioni amministrata da Marcello Dell'Utri), a spiegare quella strana presenza nella sua villa: "Ad Arcore - spiegherà il Cavaliere - avevo bisogno di un fattore, di uno che si occupasse dei terreni, dei cavalli, degli animali [ ... ]. Chiesi a Dell'Utri, che mi presentò Vittorio Mangano come persona conosciuta da un suo amico: assumerlo fu una mia scelta, su una rosa di nomi che mi vennero prospettati. Non feci indagini preventive perché Mangano mi diede l'idea di una persona a posto e competente
[ ... ]. Avevo in animo di impostare un'attività di allevamento di cavalli che poi non fu realizzata". Strano, perché Mangano dichiarerà il contrario. E anche Dell'Utri smentirà Berlusconi, nel 1996, di fronte ai pm di Palermo: "Quando Berlusconi acquistò villa Casati c'era una bellissima scuderia con un solo cavallo. Berlusconi decise di farla rivivere acquistando numerosi animali. Questa scuderia ben attrezzata esiste ancora".
Dell'Utri ha sempre sostenuto di aver scoperto i trascorsi criminali di Mangano soltanto diversi anni dopo la sua assunzione ad Arcore. Ma secondo la procura di Palermo mente: li conosceva almeno fin dal 1973. Lo dimostrerebbe un documento conservato nell'archivio della stazione dei carabinieri di Arcore. Un rapporto in cui i militari dell'Arma scrivono: "Dell'Utri [ ... ]
ha lasciato un impiego in banca [lavorava alla Cassa di RisParmio di Belmonte Mezzagno] per seguire Berlusconi ed una volta qui ha chiamato Mangano, pur essendo perfettamente a conoscenza - è risultato dalle informazioni giunte del Nucleo investigativo del gruppo di Palermo - del suo poco corretto passato".
A farli incontrare era stato, oltre alla comune passione per il pallone, un comune amico, Gaetano Cinà detto Tanino, che secondo i giudici è un uomo d'onore palermitano della famiglia di Malaspina. "Cinà - ha raccontato Dell'Utri - era il padre di uno dei tanti ragazzi che imparavano il calcio nella scuola in cui ero istruttore. Mangano assisteva alle partite. Veniva da noi talvolta da solo e talvolta con Cinà del quale era amico> E ancora, sempre dal racconto di Dell'Utri (al "Corriere della sera" del 21 marzo 1994): "Mangano l'ho conosciuto nella Palermo anni '60: ero allenatore della Bacigalupo, squadra di calcio giovanile. Mangano era una specie di tifoso. Commerciava cavalli. Me ne ricordai nel 1975. Berlusconi mi aveva incaricato di cercare una persona esperta di conduzione agricola. Così chiamai Mangano".
Mangano racconta che fu proprio Cinà ad accompagnare Dell'Utri quando questi andò a casa sua per chiedergli di prendere servizio a villa Berlusconi. Era, secondo Mangano, il 1973. Naturalmente Dell'Utri giura di non aver mai neppure sospettato che Cinà fosse un mafioso, e nemmeno "vicino ad ambienti di mafia". Né un quarto di secolo fa, né pochissimi anni or sono, visto che ancora nel '96 diceva: "Cinà lo frequento ancor oggi e sono legato a lui da grande amicizia".
Strano. Perché Tanino Cinà, nato a Palermo nel 1930, titolare di una lavanderia e di un negozio di articoli sportivi a Palermo, nonché del titolo di studio di terza elementare, è indicato da tutti i principali collaboratori di giustizia come l'uomo che
- scrivono Peter Gomez e Leo Sisti nell'Intoccabile - almeno a partire dal 1980 e sicuramente fino a dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio (1992), attraverso il gruppo Berlusconi avrebbe periodicamente versato alla mafia grosse somme di denaro. Cinà, ovviamente, nega. Ma arrestato e interrogato nel 1996, sarà costretto ad ammettere perlomeno parentele e amicizie con alcuni tra i più bei nomi dell'onorata società come Mimmo Teresi, braccio destro e cugino di Stefano Bontate. Sua moglie, una Citarda, appartiene a una dinastia di gente di rispetto che, almeno fino alla seconda guerra di mafia, ha retto con il pugno di ferro la famiglia mafiosa di Malaspina, alla quale - secondo il pentito Francesco Marino Mannoia - apparteneva il deputato andreottiano Salvo Lima. Quanto a Teresi, è lo stesso Cinà a definirlo "nipote di mio cognato Benedetto Citarda". Un altro parente ingombrante
è Salvatore Sbeglia, "con cui - dice Cinà - ho messo in piedi un negozio di articoli sportivi": lo stesso Salvatore Sbeglia che secondo i giudici faceva da prestanome a Raffaele Ganci, cioè al più fedele alleato di Totò Riina, accusato di aver fornito il telecomando usato da Cosa nostra per far saltare l'autostrada PalermoÄPunta Raisi in località Capaci al momento del passaggio delle auto di Giovanni Falcone, di Francesca Morvillo e degli uomini della scorta.
Mangano, lasciata Arcore, diventa poi il numero uno della famiglia di Porta Nuova dopo l'arresto di Pippo Calò. E lo rimane finché non finisce in carcere per scontare due condanne all'ergastolo per duplice omicidio, associazione mafiosa e traffico di droga. Muore nell'estate del 2000 per un male incurabile. Negli anni '70 era considerato l'anello di congiunzione tra la cosca di Salvatore Inzerillo e quella dei siciliani trapiantati a Milano, legato a pericolosi pregiudicati come i fratelli Fidanzati, Giorgio Bono, Gerlando Alberti, Tommaso Buscetta e Ugo Martello detto "Tanino". Ma negli anni '80, dopo l'ultima guerra di mafia, si era prontamente "convertìto" ai nuovi padroni di Cosa nostra, i corleonesi di Totò Riina. Tantè che il suo nome ricorre spesso negli atti del maxiprocesso. Falcone indagava su di lui per mafia e droga. E la Procura di Palermo si interessava a lui - come dimostra l'intervista di Paolo Borsellino che pubblichiamo qui di seguito - ancora nel 1992, a proposito dei suoi rapporti con Dell'Utri e Berlusconi.
Ma torniamo ad Arcore, nei primi anni '70. Racconta Mangano: "Quando arrivai, la villa - che si componeva di 147 stanze - era ancora in fase di ristrutturazione ed era pertanto abitata solo dalla mia famiglia e da parte della servitù. Dopo qualche tempo arrivò anche il dottor Berlusconi". Dunque la data di arrivo dello "stalliere" mafioso ad Arcore dovrebbe essere i primi mesi del 1974. Nello stesso anno torna a Milano Marcello Dell'Utri, che ha conosciuto Berlusconi all'Università statale nei primi anni '60 e, dopo un periodo trascorso in Sicilia a farsi le ossa in alcune banche, è stato richiamato al Nord dall'amico Silvio per fargli da segretario-tuttofare nella nuova villa (appena acquistata, a prezzo di superfavore, dalla marchesina Annamaria Casati Stampa, grazie ai buoni uffici dell'avvocato Cesare Previti, protutore della ragazza rimasta orfana dei genitori e consulente del futuro Cavaliere).
Nei primi anni '70 la Lombardia pullula di pezzi da novanta di Cosa nostra, quasi tutti al soggiorno obbligato, oppure in libertà per espandere riciclaggio e narcotraffico in quel mercato in piena espansione dopo il boom dei '60. La parabola di Michele Sindona, banchiere e riciclatore della mafia, è soltanto una delle tante.
E quando, nel 1985, il giornalista del "New York Times" Nick Tosches chiederà a Sindona, in carcere in America, "Quali sono le banche usate dalla mafia?", si sentirà rispondere: "E una domanda pericolosa... In Sicilia il Banco di Sicilia, a volte. A Milano una piccola banca di piazza dei Mercanti". Quale? La Banca Rasini, di cui è stato direttore generale fino alla metà degli anni '70 Luigi Berlusconi, padre di Silvio: la banca che - come vedremo più avanti - è all'origine dei primi finanziamenti del palazzinaro in erba Silvio Berlusconi. "Le città giardino di Berlusconi - spiega Paolo Madron in Le gesta del Cavaliere (Milano, Sperling & Kupfer, 1994: l'unica biografia berlusconiana autorizzata) - sono servite [ ... ] per far rientrare le valigie di soldi a suo tempo depositate nella vicina Svizzera. Alla fine degli anni '60 le vie che portano al paese degli gnomi sono intasate di spalloni che vanno a mettere al sicuro il denaro della ricca borghesia terrorizzata dai sequestri (ci provano anche col padre di Berlusconi) [ ... ]. Il Cavaliere va da Rasini e gli chiede di appoggiarlo su quei suoi amici, clienti o meno della banca che hanno portato fuori tanti soldi [ ... ] Berlusconi non ha mai voluto rivelare i nomi di chi lo ha finanziato [ ... ]. In tempi diversi tutti sono stati liquidati da Berlusconi con piena soddisfazione".
E questo l'ambiente che trova Mangano quando prende servizio, probabilmente all'inizio del 1974, nella villa di Arcore ancora in fase di restauro. Un clima pesante, per gli imprenditori milanesi: Berlusconi, oltre ai progetti di rapimento del padre Luigi e alle minacce di sequestro del figlio Pier Silvio, ha subito un attentato (una bomba contro la sede delle sue società, l'ex villa Borletti di via Rovani a Milano). Pericoli che cessano come per incanto con l'arrivo in villa dello "stalliere" siciliano. Il che fa pensare ad alcuni biografi del Cavaliere che il suo entourage non abbia raccontato tutto sui veri motivi che portarono all'ingaggio di Mangano. Sospetti avvalorati dal racconto di un mafioso pentito del calibro di Francesco Di Carlo che, se fosse confermato, modificherebbe la ricostruzione del ruolo di Mangano: da quello di fattoreÄstalliere a quello di garante-guardaspalle.
Dal 1974 al 1978 Di Carlo - capo della potente famiglia di Altofonte, poi espulso da Cosa nostra con l'accusa di aver imbrogliato gli amici fingendo il sequestro di una partita di droga e riparato a Londra - racconta di aver conosciuto Dell'Utri perché "Cinà me lo presentò in un bar di via Libertà a Palermo, a metà degli anni '70. Qualche mese dopo rividi Dell'Utri a Milano [ ... ] In un ufficio di via Larga di proprietà di alcuni nostri amici.
Lì incontrai Cinà, Mimmo Teresi e Stefano Bontate. Quel giorno erano particolarmente eleganti. Io domandai il perché e loro mi risposero che dovevano andare da un grosso industriale milanese amico di Cinà e Dell'Utri, e mi proposero di seguirli".
Il quartetto si reca così nella sede dell'Edilnord dove - secondo Di Carlo - incontra Berlusconi e Dell'Utri. Parla Bontate: "Dottore, lei da questo momento può smettere di preoccuparsi. Garantisco io... Perché piuttosto non pensa a investire nella nostra bellissima isola? Da noi c'è tanto da costruire".
E Berlusconi (secondo Di Carlo): "Vorrei, vorrei... Ma sa, già qui al Nord ci sono tanti siciliani che non mi lasciano tranquillo ..". "La capisco - replica Bontate - ma adesso è tutto diverso. Lei ha già al suo fianco Dell'Utri, io le manderò qualcuno che le eviterà qualsiasi problema con quei siciliani> Berlusconi: "Non so come sdebitarmi, resto a sua disposizione per qualsiasi cosa".
E Bontate: "Anche noi siamo a sua disposizione. Se c'è un problema basta che ne parli con Dell'Utri".
Senonché, sia prima, sia durante il suo soggiorno a villa San Martino, Mangano avrebbe continuato a fare il furbo, organizzando estorsioni, financo ai danni di Berlusconi, e addirittura progettando sequestri ai danni degli ospiti del suo nuovo "padrone". Così almeno racconta un altro pentito, Salvatore Cucuzza, successore di Mangano alla guida del clan di Porta Nuova e suo compagno di cella dal 1983 al 1990. A quel punto - sostiene Cucuzza - Berlusconi si rivolse a Cinà per trattare direttamente con Bontate e Teresi e "raggiunse con loro un accordo per il versamento di una tangente di 50 milioni l'anno. La stessa cifra che veniva prima versata a Mangano". E Mangano, divenuto ormai superfluo per il Cavaliere, sarebbe stato liquidato. Fantasie? Farneticazioni di pentiti ansiosi di compiacere le solite "procure rosse"? Mica tanto. Almeno sui tentativi di sequestro di alcuni ospiti di villa San Martino, visto che sono gli stessi Dell'Utri e Berlusconi a indicarli come la ragione principale dell'allontanamento di Mangano dopo soli due anni di servizio (e dunque, si presume, nel 1976, visto che secondo Dell'Utri egli "rimase ad Arcore due anni").
Ma sull'addio di Mangano le versioni dei protagonisti non potrebbero essere più divergenti, contraddittorie ai limiti dell'inverosimile.
Tutto ruota intorno a un misterioso sequestro di persona: quello di Luigi D'Angerio, avellinese trapiantato a Milano e sedicente principe di Sant'Agata, subito dopo una cena a villa San Martino, chez Berlusconi. Un sequestro che risalirebbe alla notte di Sant'Ambrogio (7 dicembre) del 1975. Anche su quell'episodio, il primo rapimento in Brianza, le versioni divergono. E la dicono lunga sull'imbarazzo e la reticenza dei protagonisti di fronte a un capitolo così ingombrante della loro biografia. Eccole, in estrema sintesi.
Primo. Intervistato dal "Corriere della sera" (21 marzo 1994), Marcello Dell'Utri racconta: "Mangano rimase ad Arcore due anni.
E si comportò benissimo. Trattava con i contadini, si occupava dei cavalli. Ma la notte di Sant'Ambrogio del 1975, dopo aver cenato con noi, il principe di Sant'Agata fu sequestrato vicino ad Arcore. C'era una nebbia terribile. L'auto dei rapitori andò a sbattere.
E il principe riuscì a fuggire. Le indagini lanciarono sospetti su Mangano, svelarono che non aveva un passato immacolato.
Fu allontanato. Poi finì in carcere". Ma le date non tornano:
se - come dice Dell'Utri - l'avevano assunto nel '75 e l'hanno allontanato nel dicembre dello stesso anno, come faceva Mangano a restare a villa San Martino "due anni"? Infatti Berlusconi racconta una storia un po' diversa.
Secondo. "Avevo bisogno ad Arcore di un fattore, più precisamente di un responsabile della manutenzione dei terreni e della cura degli animali, cioè cavalli, avendo in animo di impostare una attività di allevamento di cavalli, attività poi non realizzata": chi parla è Berlusconi, interrogato il 26 giugno 1987 dal giudice istruttore Giorgio Della Lucia. "Ciò che mi determinò a non portare avanti detta attività fu la difficoltà di reperire uomini fidati, specialmente dopo una per me preoccupante scoperta circa il fatto che Mangano Vittorio si fosse poi rivelato un pregiudicato [ ... ]. Il Mangano si era sistemato con la sua famiglia ad Arcore, cioè nella mia villa [ ... ]. Poco tempo dopo, dopo un pranzo avvenuto nella mia villa, uno dei convitati, il signor Luigi D'Angerio, era stato vittima di un sequestro di persona, casualmente sventato dall'arrivo di una pattuglia dei carabinieri. Nell'ambito delle indagini seguite a questo sequestro emerse che Mangano era un pregiudicato [ ... ]. Non ricordo come il rapporto lavorativo del Mangano cessò, se cioè per prelevamento delle forze dell'ordine o per un suo spontaneo allontanamento. Ricordo comunque che qualche tempo dopo fu tradotto in carcere". Strano che Berlusconi, scoperto di aver assunto e ospitato in casa un mafioso pregiudicato, scarti l'ipotesi più naturale: quella di licenziarlo. E resti nel dubbio se Mangano se ne sia andato con le proprie gambe oppure trascinato a viva forza dai carabinieri. Strano anche che un evento di tale portata - l'irruzione dei carabinieri a villa San Martino per arrestare il factotum del padrone di casa, rivelatosi un pregiudicato mafioso - possa sfuggire alla memoria del padrone di casa medesimo. In ogni caso, secondo il Cavaliere, Mangano non rimase in villa due anni, ma "poco tempo".
Terzo. "Rapporti con la mafia - dichiara Berlusconi il 20 marzo 1994, intervistato dal "Corriere della sera" - ne ho avuti una volta sola, quando tentarono di rapire mio figlio Pier Silvio, che allora aveva cinque anni: portai la mia famiglia in Spagna e lì vissero molti mesi." Il tentato sequestro risale dunque al 1973 (essendo Pier Silvio nato il 28 aprile 1968), prima dell'arrivo di Mangano ad Arcore. Addirittura prima dell'acquisto di villa San Martino. E questa volta, a proposito del "fattore" mafioso, il Cavaliere rivela: "Lo licenziammo non appena scoprimmo che si stava adoperando per organizzare il rapimento di un mio ospite, il principe di Sant'Agata. E poco dopo venne scoperto anche il tentativo di rapire mio figlio". Una contraddizione via l'altra: se il tentato sequestro di Pier Silvio viene dopo quello di Sant'Agata, Pier Silvio doveva avere 7 anni e non 5. E sarebbe stato spedito in Spagna con madre e sorella addirittura nel '76, dopo la partenza di Mangano. E poi: perché, nel 1986, con la memoria molto più fresca per la maggior vicinanza ai fatti, Berlusconi esclude di aver licenziato Mangano, mentre ora afferma di averlo licenziato e scarta le altre due ipotesi formulate nel 1986 (allontanamento spontaneo o arresto da parte dei carabinieri)?
Quarto. I giornalisti Claudio Fracassi e Michele Gambino (Berlusconi. Una biografia non autorizzata, Roma, Avvenimenti, febbraio 1994) hanno raccolto una versione alternativa, di cui tacciono la fonte ma che almeno ha il pregio della coerenza logica e cronologica. Anche perché - come osserva Giuseppe Fiori (Il venditore, Milano, Garzanti, 1995) - "delle tante incriminazioni dello "stalliere" di Arcore, nessuna risulta collegata all'avventura del principe Sant'Agata". Ecco, dunque, la versione di Fracassi e Gambino: "Il fallito sequestro D'Angerio davanti alla villa di Arcore, secondo il nostro testimone, avvenne prima dell'assunzione di Mangano, e anzi ne fu la causa. Secondo questo racconto, Berlusconi rimase terrorizzato da quell'episodio, probabilmente convinto che i sequestratori avessero in mente di prendere lui e si fossero sbagliati. Di certo c'è che, nei giorni successivi a quell'episodio, Berlusconi partì per la Svizzera con l'amico e collaboratore Romano Comincioli, la moglie, i due figli e la governante. L'imprenditore tornò ad Arcore pochi giorni dopo, senza la famiglia [ ... ]. Fu qualche settimana dopo, secondo il racconto del nostro uomo, che Mangano arrivò alla villa, presentato da Dell'Utri su segnalazione di Cinà, un altro uomo di rispetto del clan di Mimmo Teresi e Stefano Bontate. E, stando a questa versione dei fatti, l'arrivo del boss avrebbe tranquillizzato Berlusconi; e infatti, di lì a poco, la famiglia fece rientro in Italia".
Quinto. La quarta versione si integra perfettamente con la cronologia ricostruita dai giornalisti Peter Gomez e Leo Sisti (Lintoccabile, cit.): il fallito sequestro D'Angerio avvenne sì nella notte di Sant'Ambrogio, ma non del 1975, bensì del 1974.
Ma l'incastro finisce qui. Perché, secondo Gomez e Sisti, in quel periodo Mangano era già da tempo alloggiato in villa, e forse quella sera a tavola con il Cavaliere, il principe e alcuni amici del Cavaliere (Fedele Confalonieri e Dell'Utri) c'era seduto anche lui, il "fattore" mafioso. Le indagini, comunque, lasciarono molto a desiderare, e non appurarono neppure con certezza l'elenco completo dei commensali. Anche perché la testimonianza di Berlusconi fu molto reticente: il futuro Cavaliere, al magistrato che gli chiedeva la lista completa degli invitati, "dimenticò" addirittura di nominare il suo stalliere mafioso. Una dimenticanza che lo rende poco credibile quando racconta di non aver sospettato, allora, chi veramente si era messo in casa. Il pentito Salvatore Cucuzza, poi, nel 1996 ha sostenuto che il vero obiettivo del tentato sequestro era Luigi Berlusconi, padre di Silvio e direttore generale della Banca Rasini: "Il sequestro era stato ideato da Nino e Gaetano Grado [due mafiosi siciliani amici di Mangano, Teresi e Bontate, residenti abitualmente a Milano in quegli anni], assieme a Totuccio Contorno [guardia del corpo di Bontate e futuro pentito, il secondo grande pentito dopo Buscetta] e Pietro Vernengo [altro boss palermitano]. Mangano doveva fare il basista. Ma quella sera Contorno, che guidava l'auto con a bordo i sequestratori, ebbe un incidente a causa della nebbia. Il padre di Berlusconi non venne rapito, ma fu sequestrato un altro ospite della villa". Il principe di Sant'Agata, appunto, che però riuscì a fuggire dopo pochi minuti, proprio grazie all'improvviso incidente.
Le indagini sull'"invito a cena con sequestro" non portano praticamente a nulla. Ed è per puro caso che gli inquirenti scoprono, il 27 dicembre 1974, che a villa San Martino abita il noto pregiudicato Vittorio Mangano: grazie al fatto che i carabinieri vanno a prelevarlo chez Silvio, sotto gli occhi della moglie e delle figlie, per eseguire la condanna appena subita dal "fattore" di Berlusconi a 10 mesi e 15 giorni di reclusione per truffa. Mangano resterà comunque in carcere appena tre settimane. Tant'è che il 22 gennaio 1975 è di nuovo a villa San Martino. Dove - rivelano Gomez e Sisti - "rimane ancora per un mese. Poi, a metà del 1975, quando il suo spessore criminale è ormai evidente anche agli occhi poco allenati degli investigatori di Milano, spontaneamente decide di fare le valigie. Una decisione motivata
- questo è almeno quanto sosterrà lui con i magistrati - da ragioni di "sensibilità"". Una sensibilità che evidentemente non hanno avuto né Berlusconi né il suo segretario Dell'Utri, che si sono ben guardati dal cacciarlo, anche dopo il suo arresto.
"Un giornale locale - ricorda Mangano - pubblicò un articolo nel quale venivo descritto come un soggetto pericoloso collegato con ambienti di mafia. Mi preoccupai molto, soprattutto per l'immagine del dottor Berlusconi, che rischiava di uscirne offuscata.
Ne parlai quindi con il dottor Dell'Utri, che mi fissò un appuntamento col dottor Confalonieri. Nel colloquio con lui io gli espressi la mia intenzione di lasciare la villa per lo stato di disagio che si era creato. Confalonieri mi lasciò libero di decidere e non mi chiese di andarmene." Quando però se ne sia andato per davvero, Mangano, da villa San Martino, non si sa con certezza. Basti pensare che nel tardo autunno del 1975 fu di nuovo arrestato. E quando fu scarcerato, il 6 dicembre 1975, elesse domicilio "in Arcore - via Villa San Martino 42". Una circostanza che Dell'Utri, smentito dallo stesso Mangano su tutta la linea, non riesce a spiegare con i giudici: "Mangano continuò comunque a frequentare Arcore e più precisamente la scuderia, dove teneva a pensione il suo cavallo, di nome Epoca".
Certo, tagliare i ponti con un personaggio del suo calibro, che aveva respirato per un paio d'anni l'aria di casa Berlusconi, non era facile. In quei due anni, aveva goduto di una certa libertà di azione. E, secondo le rivelazioni di alcuni pentiti, aveva addirittura preso l'abitudine di ricevere in villa uomini d'onore, alcuni dei quali latitanti. "Mangano mi spiegò - ha rivelato Salvatore Cancemi, già ottimo amico di Mangano - che nella tenuta di Arcore furono nascosti anche dei latitanti, fra cui i fratelli Grado, Giuseppe Contorno [soltanto omonimo di Totuccio] e Francesco Mafara." Anche il medico palermitano Gioacchino Pennino, ex politico democristiano nonché mafioso doc, che collabora da anni con la giustizia, ha confermato le accuse: "Gaetano Zarcone [un avvocato siciliano intimo amico di Bontate] mi spiegò che Mangano teneva i rapporti con Silvio Berlusconi, visto che faceva fittiziamente il guardiano in una sua villa vicino a Monza.
Lì venivano ospitati tutti i latitanti della famiglia di Santa Maria del Gesù e forse di altre. A un certo punto però Berlusconi aveva interrotto questa consuetudine perché qualcuno di questi ospiti aveva trafugato dalla villa oggetti di valore. Ricordo che commentando queste vicende lo Zarcone diceva: "Come al solito, nifacimmu canusciri e schifari"...".
Dell'Utri, anziché smentire sdegnato queste ricostruzioni, fornisce loro a suo modo un certo grado di credibilità. E' vero, sostiene, che Mangano riceveva a villa San Martino un sacco di amici siciliani, ma lui non sapeva chi fossero e, riservato com'era, non faceva domande indiscrete: "C'erano molte persone che andavano a trovarlo... Io ebbi modo di vederne alcune, perché in quel periodo trascorrevo molto tempo in villa, visto che Berlusconi mi aveva incaricato di seguirne la ristrutturazione. Mangano a volte mi presentava delle persone dicendo che erano dei suoi amici, ma non mi faceva nessun nome. Non si fanno mai nomi quando si presenta una persona nel modo di Mangano ... ". Nulla da stupirsi se poi, nel numero, qualcuno se ne andava dalla villa con l'argenteria sotto la giacca: "Effettivamente nel 1974, quando Mangano stava già ad Arcore, furono rubati quadri e altri oggetti. L'episodio venne regolarmente denunciato".
Tutto sembra combaciare anche con il racconto di un altro collaboratore, Antonino Galliano, uomo d'onore del clan della Noce, di professione impiegato di banca, anch'egli citato da Gomez e Sisti: "Mangano venne licenziato col consenso di Cosa nostra, perché aveva finto un furto di quadri per potersi adoperare poi per ritrovarli, allo scopo di accrescere la propria credibilità agli occhi di Berlusconi ... ".

Nel 1977, a 36 anni, Marcello Dell'Utri lascia Berlusconi che
- dirà lui stesso (vedi la sua deposizione al processo di Torino, che pubblichiamo da pagina 182) - lo pagava troppo poco. E trasloca da Arcore a Milano per andare a lavorare come dirigente nel gruppo di un siciliano di Sommatino (Caltanissetta) di 11 anni più anziano di lui: Filippo Alberto Rapisarda, uno spregiudicato finanziere amico di molti mafiosi, con alle spalle vari precedenti penali e persino un arresto. La sua holding, la Inim, ha sede nello splendido palazzotto di via Chiaravalle 7. E qui Marcello Dell'Utri e suo fratello gemello Alberto vanno ad abitare. La paga è buona
- il doppio di quel che offre Berlusconi, allora piuttosto a corto di liquido - e il lavoro è tanto, visti i capitali che miracolosamente affluiscono nelle scatole cinesi rapisardiane dalla Sicilia degli "amici". Il gruppo Inim e la consorella Raca vengono definiti, in un rapporto della Criminalpol del 1981, "società commerciali gestite dalla mafia e di cui la mafia si serve per riciclare il denaro sporco provento di illeciti". Soci occulti sarebbero Vito Ciancimino, l'ex sindaco-imprenditore-mafioso di Palermo, e il suo amico e socio Francesco Paolo Alamia.
A raccomandare Marcello e Alberto all'amico Rapisarda presso quella simpatica compagnia di galantuomini è il solito Tanino Cinà. Uno che - spiegherà Rapisarda - "rappresentava il gruppo in odor di mafia facente capo a Bontate-Teresi-Marchese" e dunque "era difficilissimo potergli dire di no".
Ma l'esperienza dirigenziale dei due gemelli (Marcello alla Bresciano Costruzioni e Alberto alla Nuova Venchi Unica) durerà poco, meno di due anni. Sia la Bresciano che la Venchi finiranno in bancarotta (ovviamente fraudolenta): Alberto finirà in carcere a Torino insieme a Rapisarda e Alamia, mentre Marcello resterà indagato a piede libero, ma disoccupato. Solo, però, per pochi mesi. Poi, nel 1980, verrà riassunto dall'amico Silvio. Come dirigente alla Publitalia 80, la neonata concessionaria pubblicitaria dell'impero Fininvest. E negli anni '80, proprio per quel po' po' di frequentazioni mafiose o paramafiose, finirà sotto inchiesta per associazione mafiosa. L'inchiesta verrà poi archiviata nel 1989 dal giudice milanese Giorgio Della Lucia (tutt'oggi indagato con l'accusa di essersi fatto corrompere, in quegli anni, da Rapisarda).

Mangano, intanto, si è messo definitivamente in proprio. Risiede in pieno centro a Milano, albergo Gran Duca di York. E di lì dirige i suoi loschi traffici. Sempre in contatto con i vecchi amici. Almeno con Marcello Dell'Utri. Che, nel 1980, finisce sotto inchiesta del giudice Della Lucia per concorso in associazione mafiosa. Come pure Mangano, i cui telefoni vengono intercettati dal 5 al 15 febbraio '80. Dalle bobine salta fuori che, lungi dall'aver raffreddato i loro rapporti, l'epilogo delle vicende di Arcore li ha vieppiù riscaldati. Marcello e Vittorio si danno affettuosamente del tu ("Caro Marcello", "Caro Vittorio"). Ecco il racconto di quella istruttiva conversazione, tratto dal rapporto della Criminalpol del 13 aprile 1981: "Mangano parla cordialmente con tale dottor Dell'Utri e, dopo averlo salutato cordialmente, gli chiede se ha telefonato Tony Tarantino [uno che Dell'Utri definirà "uno che faceva affari di vario tipo, di piccolo cabotaggio, ma leciti"]. L'interlocutore risponde affermativamente e aggiunge che Tony Tarantino ha lasciato detto che avrebbe chiamato il Mangano in albergo alle ore 16. E Mangano riferisce allora a Dell'Utri che ha un affare da proporgli e che ha anche il "cavallo" [espressione spesso usata da Mangano per indicare partite di droga, come ricorderà Paolo Borsellino nell'intervista che pubblichiamo qui di seguito] che fa per lui. Dell'Utri sorride e gli risponde che per il cavallo occorrono i "piccioli" [cioè soldi] e lui non ne ha. Mangano non ci crede. Dell'Utri spiega allora che ha avuto dei problemi. Mangano con tono scherzoso gli dice di farsi dare i "piccioli" dal suo amico Silvio. Dell'Utri risponde che "quello "nu'sura" ["non paga", oppure - secondo Dell'Utri - "è un santo che suda, che significa: inutile insistere"] e gli spiega che, per via di suo fratello, ha dovuto pagare 8 milioni solo per le perizie contabili; nello stesso tempo lui stesso ha bisogno di soldi per gli avvocati perché è nei guai, sempre per via "d'u pazzu... dà"... Mangano chiede allora se suo fratello si trovi sempre a Torino [in carcere]. Dell'Utri risponde che suo fratello Alberto è sempre a Torino e che spera gli venga tolta la "camurrìa" [che si risolva il problema giudiziario], così potrà muoversi e lavorare [ ... ]. La conversazione si chiude e i due interlocutori fissano un appuntamento [ ... ] in albergo da Mangano, e cercheranno di "sbrogliare" una _situazione".
Interpellato dal pool di Palermo ("Come mai lei nel 1980 continuava a intrattenere questo tipo di rapporto con Mangano?"), Dell'Utri risponde con evidente imbarazzo: "Se nella telefonata ho adoperato un tono amichevole, ciò è stato solo perché in quel periodo Mangano faceva paura, ero cosciente della sua personalità criminale
[ ... ]. Mi telefonava di tanto in tanto ed io Ä data
la sua personalità - non potevo non rispondergli". Quanto al "cavallo", Dell'Utri sostiene che "Mangano voleva vendere il cavallo a Berlusconi, non voleva venderlo a me, anche perché in quel periodo ero sostanzialmente senza lavoro. Mangano si rivolgeva a me perché facessi da intermediario con Berlusconi". Una versione che lascia molto perplessa la Procura di Palermo, visto che "la frase di Mangano concernente "cavalli" da vendere al Dell'Utri è in altre coeve intercettazioni utilizzata dal Mangano per riferirsi a partite di droga. Ma anche da altre prove raccolte da questo Ufficio viene esattamente definita la natura dei rapporti fra il Mangano e il Dell'Utri, natura perfettamente corrispondente a quanto dichiarato dal Rapisarda". Il quale Rapisarda assicura che Dell'Utri riciclò al Nord svariati miliardi sporchi per conto della mafia. Un'accusa, questa, ripetuta da diversi collaboratori di giustizia. Impossibile, ovviamente, inseguire tutte le accuse, i sospetti, le ipotesi investigative che sono al centro del processo che vede imputato Marcello Dell'Utri a Palermo per concorso esterno in associazione mafiosa (per chi volesse saperne di più, c'è il libro L'onore di Dell'Utri, edito da Kaos nel 1997, che riporta il testo integrale della richiesta di rinvio a giudizio della Procura, poi accolta dal gip).
Abbiamo lasciato Mangano e Dell'Utri al telefono, nel 1980, a parlare di "cavalli". Passa il tempo e cambiano le alleanze (Mangano passa dal clan perdente della guerra di mafia, quello dei Bontate e degli Inzerillo, a quello vincente dei corleonesi).
Ma non le amicizie. E così, quando la Procura di Torino fa arrestare Marcello Dell'Utri nel maggio del '95 per le false fatture di Publitalia, e gli fa perquisire gli uffici e sequestrare le agende, scopre un appunto della sua segretaria in data 2 novembre 1993 (quand'era in piena gestazione il nuovo partito di Forza Italia). Un appunto che dice: "Mangano Vittorio sarà a Milano per parlare problema personale". E, nel foglio seguente: "Mangano verso il 30-11". Interrogato su quelle annotazioni, Dell'Utri confesserà serafico: "Mangano era solito venirmi ogni tanto a trovare, prospettandomi questioni di carattere personale, spesso attinenti a motivi di salute ... ".
Un anno e mezzo prima i corleonesi amici di Mangano hanno assassinato i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, memorie storiche del pool antimafia d

gianni trepuzzi 04.07.05 23:29| 
 |
Rispondi al commento

MANDIAMOLI A LAVORARE :
Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA'e senza astenuti (ma và ?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa 1.135,00 al mese.
Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare
nei verbali ufficiali.
STIPENDIO 19.150,00 AL MESE

STIPENDIO BASE circa 9.980,00 al mese
PORTABORSE circa 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)
RIMBORSO SPESE AFFITTO circa 2.900,00 al mese
INDENNITA' DI CARICA (da 335,00 circa a 6.455,00)
+
TELEFONO CELLULARE gratis
TESSERA DEL CINEMA gratis
TESSERA TEATRO gratis
TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis
FRANCOBOLLI gratis
VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis
CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis
PISCINE E PALESTRE gratis
FS gratis
AEREO DI STATO gratis
AMBASCIATE gratis
CLINICHE gratis
ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis
ASSICURAZIONE MORTE gratis
AUTO BLU CON AUTISTA gratis
RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per ora!!!)
Circa 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l'auto blu e d una scorta sempre al suo servizio)
La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.
La sola camera dei deputati costa al cittadino 2.215,00 al MINUTO !!

franco greco 28.06.05 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Dalla Padella nella Brace/
Dieci Domande a Romano Prodi 

Chi scrive è arrivato all' Avversione per la Sinistra, passando attraverso innumerevoli e-mail, rimaste senza risposta: il Silenzio, ed in qualche caso il Kilfile, danno ulteriore fondamento all'assunto di una Sinistra paventata come Rovina del Paese, causa primaria di tutti mali del Paese?
Mi resta solo di scrivere al Prof. Romano Prodi, che nel 1996 ho votato, ma quella fu l'ultima volta che entrai in una cabina elettorale.
- Consulenze senza limiti e senza controllo alcuno [ questa legge è Vostra]. E' stata una allegra girandola di miliardi dalle Alpi a Capo Passero. Domande: Qual è la Ragione, il fondamento sociale, di questa Legge? Perché il contribuente dovrebbe ballare giulivo al pensiero che grazie alla Sinistra, ora i partiti hanno buttato la maschera e si possono dividere la Tangente senza il rischio di dovere rendere conto alla Magistratura? Tangentopoli andava superata legalizzando la Tangente? Sarebbe questa la "Questione morale", di cui parlava il Pds? Questa valanga di miliardi, che i Partiti distribuiscono agli amici, dividendoli con gli stessi, hanno qualcosa a che vedere con le Nuove Tasse imposte dalla sinistra quando è stata al Potere? Da quale pianeta vengono questi soldi, chi paga?
- Stipendi: tre milioni per un Consigliere di Quartiere (Dieci per il Presidente) e quattro milioni per i Consiglieri comunali [Anche quest'altra legge è Vostra] 40 milioni un deputato o senatore, 70 un europarlamentare. Anche qui l'obbligo di dividere con il Partito. E' populista chiedersi se quest'altra valanga di miliardi, a livello nazionale, abbia una qualche connessione con la Tassazione da Esproprio, ovvero, da quale colpa siamo condannati a versare oltre metà del reddito in tasse, per mantenere i Partiti ed i loro amici ? Così nello spazio di una notte si seppe che l'Esecutivo aveva messo le mani sui Risparmi degli italiani. Perché l'italiano dovrebbe ballare di gioia, sapendo che per plateali demeriti dell'antagonista, ora quella stessa Sinistra, che nel 2001 era stata letteralmente cacciata dal Paese, ora si ripresenta a governare? Cosa sarebbe cambiato, Bertinotti ?
- Legge 416 [Anche quest'altra è Vostra): grazie a questa legge i Partiti di Sinistra buttano ancora una volta la maschera e con il pretesto dell'aiutino alla stampa mettono le mani sulla stampa medesima. Un'altra valanga di miliardi, a livello nazionale, si riversa così sugli Editori sotto forma di Paginoni ed Interviste autogestite senza una straccio di contraddittorio, editori che non creano un solo posto di lavoro. Domande: a) Secondo Costituzione, la Libertà di Stampa è un diritto che compete alla Maggioranza del momento? b) Davvero sarebbe boia ipotizzare che la Sinistra con queste leggi abbia inteso perpetuare se medesima come coalizione di governo a vita? Nasce da qui il livore scomposto per Berlusconi?
- Soppressione dell'Organo di Controllo degli Atti Amministrativi [Anche quest'altra legge è Vostra]. In breve, è accaduto che siccome detto Organo era in mano ai Partiti, la Sinistra del Pds buttò il bambino insieme all'acqua sporca: niente più controlli. E' nata da qui la SOSTARE di Scassagnini Umberto, patriota dell'altro schieramento, che dopo avere usato tutti le Leggi di Sistema (sopraelencate) nel più maldestro e plateale dei modi (Scassagnini Umberto e Filippo Grasso) ora giura di avere ridotto le tasse (quali?), dando un esempio classico di politica come imbonimento. Domande: a) Perché il Contribuente dovrebbe andare in sollucchero se i Partiti, ancora una volta, grazie alla Sinistra, hanno buttato la maschera e hanno legittimato l'Abuso, la Vessazione, la Prevaricazione [SOSTARE è un esempio classico] dei Partiti, maggioranza (destra) e Opposizione (sinistra). Tangentopoli andava superata legalizzando l'Abuso dei Partiti? E' questa l'Etica dei partiti italiani, con la quale noi dovremmo lottare la mafia della lupara e la mafiosità di Telecom, Banche, Assicurazioni e di quanti occupano un qualsiasi posto, pubblico o privato?
- Telefono: prima era SIP, monopolio di Stato, poi diventò Telecom, monopolio privato. Domande: a) Perché il cittadino dovrebbe saltare di gioia, avendo cambiato solo padrone con l'aggravante, che ora è un privato? b) Come c'entra il cittadino in quest'altra Operazione dei Partiti? Quanto versa Telecom ai Partiti, Pds soprattutto?
- Euro: non capisco un accidenti neanche di Economia, ma sento che si è trattata di una scelta imposta da ragioni di sopravvivenza. Domande: a) Come avete fatto a non accorgervi della piega presa dall'Euro, fin dal primo giorno: £.1.000 = 1 Euro ? Ora si è saputo che, sistemate le proprie personali cosette anche con l'Euro, sia compito del Cittadino sbrogliarsela tra prezzi, che sono levitati oltre il 100%, mettendo in ginocchio un Paese a beneficio di pochi. Si è sentita una proposta da parte del CentroSinistra?
- Lungo sarebbe l'elenco delle vessazioni dei partiti: il Canone-Rai, dopo le Tv Private, Ski, si deve pagare per dare un pulpito a Bertinotti? Scusino, cosa può fottermi a me di Bertinotti e Compagni, se queste domande si possono leggere solo in questo sito? Non le dice niente? Il canone Rai serve per pagare stipendi miliardari a... Lucia Annunziata, pds? Davvero non la impressiona che quella tizia dall'occhio strabico, solo perché Pds, e dividendo con questo, ha uno stipendio di 800 milioni + Indennità, con la "Garanzia" di mantenere il tutto anche in caso di dimissioni? 
- Un'altro esempio di Prevaricazione dei Partiti? il Finanziamento pubblico caparbiamente imposto due volte. Domande: a) Davvero l'indipendenza economica del candidato, l'averlo sganciato dall'obbligo di cercarsi il finanziamento garantisce una migliore selezione della classe politica, e non incoraggi piuttosto lestofanti avventurieri a calcare la scena? Come c'entra la Politica, che è tensione ideale, è progetto, è modo di intendere l'interesse collettivo, con lo scintillio di miliardi, che la indorano? b) Ancora miliardi di denaro pubblico, stavolta bruciato in inutili manifesti. Chi paga, da quale pianeta arrivano? E, soprattutto, sta pressione fiscale per quale miracolo dovrebbe diminuire, in virtù di un altro imbonimento? No, la Sinistra certe cose non le fa: come impone Bertinotti stavolta la proprietà sarà semplicemente requisita: sarà Bertinotti a fare la fila per l'Ici... Possiamo sperare che la Sinistra butti la maschera ancora e modifichi l'art.1 della Costituzione: "L'Italia è una Repubblica fondata sul furto dei Partiti, il popolo non conta un cazzo"? Vi deciderete stavolta?
- Nella cosiddetta Prima Repubblica la funzione del Fisco consisteva nel togliere legittimamente alla parte della Società che ha, per dare alle "Fasce Deboli". Siete arrivati Voi ed avete sconvolto tutto: si toglie al contribuente, per dare ai partiti. Domanda: con quale Diritto vi permettete di affondare le mani nel conto correnti degli italiani... sennò poi vi mettete a rubare? E siccome non so tenermi dentro niente... Se lei fosse stata una persona seria, come pretende di apparire, avrebbe accettato ancora rapporti con Bertinotti, dopo quanto è accaduto? 
Con quali iniziative parlamentari, nell'immediato, conterebbe di riconquistare la fiducia delle persone libere, che non esprimono un voto in funzione di un favore, e pertanto si sono stufate della politica dei partiti ?
-
www.ricostruire.it
Un Grido di Dolore, ma anchi cazzi amari per lor signori

Prospero Pirotti 27.06.05 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi perdoni per l'intrusione, ma avrei bisogno di una conferma in merito a questa mail ricevuta.
Ringrazio anticipatamente.
MANDIAMOLI A LAVORARE
>
> Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che
> recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA' e senza astenuti (ma
> và?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa Euro 1.135,00
> al mese.
> Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare nei
> verbali ufficiali.
>
> STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE
> STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese
> PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)
> RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese
> INDENNITA' DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00)
>
> +
>
> TELEFONO CELLULARE gratis
> TESSERA DEL CINEMA gratis
> TESSERA TEATRO gratis
> TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis
> FRANCOBOLLI gratis
> VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis
> CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis
> PISCINE E PALESTRE gratis
> FS gratis
> AEREO DI STATO gratis
> AMBASCIATE gratis
> CLINICHE gratis
> ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis
> ASSICURAZIONE MORTE gratis
> AUTO BLU CON AUTISTA gratis
> RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per
> Euro 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione
> dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 40 anni di
> contributi (per ora!!!)
> Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in
> violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per
> quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della
> Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una
> segretaria, l'auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)
> La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255
> MILIONI di EURO.
> La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!
>
> Far circolare......si sta promovendo un referendum per l' abolizione dei
> privilegi di tutti i parlamentari............ queste informazioni possono
> essere lette solo attraverso Internet in quanto quasi tutti i mass-media
> rifiutano di portarle a conoscenza degli italiani......(Vorrei ben vedere, il Padrone è uno solo).

antonino verulento 27.06.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

la politica.ideali o interessi? fino a 50 anni fa ideali,poi fate voi

severino massimo 27.06.05 01:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, vorrei chiederti se potrebbe essere una buona idea il fatto di proporre nell'eventualità che Berlusconi diventasse Presidente della Repubblica, uno sciopero di massa e disobbedienza civile, anche per 3 giorni continuativi.
Inoltre ho inviato al Presidente della Repubblica, se ti serve il testo te lo mando,la comunicazione che se questa eventualità si avverasse, io e altri amici siamo pronti ad andarcene dall'Italia. Per quanto ci riguarda destinazione Spagna, più precisamente Galizia.
Se proporre questo durante i tuoi spettacoli pensi possa metterti nei guai che mi sembra ne hai già tanti, puoi benissimo fare il mio nome e Cognome, oppure possiamo pensare a come diffondere questa notizia.
Sarò a Udine per vederti.
Grazie di cuore E.T.

Enrico Tancini 26.06.05 06:29| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe è la prima volta che ti scrivo qua..tralascio i complimenti xchè tutti ti avranno detto che 6un grande in tutto..ma come dice tu...vuoi solo far ridere la gente e ti 6rotto che ti cerchino x i consigli x come investire in borsa..ahha x quanto riguarda la politica dico solo che..non ci resta che piangere!!!!!!!!!

Mattia Serra 23.06.05 17:18| 
 |
Rispondi al commento

E perchè non fare la stessa indagine sugli amministratori locali (Regione, Provincia, comune)? Sono certo che la percentuale del 10% salirebbe, e di tanto.....
Spero accoglierai il mio suggerimento.
Forza Beppe!

PS: certo che il fatto che sia un comico (e soltanto lui) ad occuparsi di queste cose dimostra che siamo in un Paese di pazzi!!!!

Marco Rossi 21.06.05 19:11| 
 |
Rispondi al commento

A questa iniziativa meritevole dell'attenzione e della partecipazione di tutti coloro che credono di avere ancora una coscienza civile ne aggiungerei un'altra, accompagnata magari da quegli ODI che Beppe nostro posta sovente: L'odio e la richiesta di delegittimazione dall'arco Costituzionale di quel covo di esseri ignobili ignoranti e nazifascisti chiamato Lega Nord. Non posso più sopportare l'idea che nel Parlamento italiano siedano personaggi inquietanti che odiano dal profondo questo paese che io e la maggioranza di chi ci vive amiamo.
Non è più tollerabile sentire la loro beceraggine pubblicizzata dalle tv di Stato; non sarebbe il caso di zittirli una volta per tutte. Propongo che sia introdotto nella costituzione un'articolo simile a quello che nega la possibilità di ricostruzione del Partito Fascista e che sia applicato a tutti i movimenti xenofobi, razzisti e rivoltanti come la Lega Nord. Odiano l'Italia? e allora che ci fanno nel governo italiano? Fuori dai Maroni, fuori i Kalderoli, fuori gli pseudonazisti come Castelli. Liberiamocene una volta per tutte!!! Consegnamoli all'oblio; dall'assenza di esseri così rivoltanti questo paese ne trarrà solo beneficio

Beppe Fontana 21.06.05 19:08| 
 |
Rispondi al commento

quando mi vengono girate queste email ringrazio il cielo di non essere l'unica ad avere certe idee e ideali speriamo che qualcosa si muovi grazie beppe e a tutti voi

elisa penzo 21.06.05 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda la Bufala dovete, dico dovete, contattare il seguente indirizzo di posta eletronica giometto@goldnet.it a questo indirizzo vi rispondera' la persona che ha indetto il referendum del 1999 per ABOLIRE I PRIVILEGI AI PARLAMENTARI ITALIANI.
Oliviero Bea in una sua trasmissione radio RADIO A COLORI ha intervistato il Sig. Giometto che ha spiegato come ha fatto ad avere i conteggi degli stipendi o meglio delle diarie o meglio indennita' o chiamatele come c...o volete dei Parlamentari e sono compresi anche naturalmente quelli che sono stati CONDANNATI IN VIA DEFINITIVA DALLA LEGGE ITALIANA e che naturalmente noi tutti....tutti quanti noi paghiamo ogni mese
Buon Divertimento........................

Gino De Pauli 21.06.05 02:03| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto buonasera a tutti, questo e' il mio primo post...

Per Rosita Micheli:

Il tuo commento all'articolo di Beppe è una HOAX (bufala) che girava tempo fa su internet...
http://www.attivissimo.net/antibufala/stipendi_parlamentari/stipendi_parlamentari.htm
Qui e' spiegata bene tutta la storia...e non c'e' solo quella mail: un sacco di altri appelli si rivelano delle grosse balle.

In merito all'articolo di Beppe che dire? Un'altra vergogna...

Alessandro Colombo 20.06.05 20:47| 
 |
Rispondi al commento

MANDIAMOLI A LAVORARE :


Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA' e senza astenuti (ma và?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa ¬ 1.135,00 al mese.

Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali.


STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE

STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese

PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)

RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese

INDENNITA' DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00)

+

TELEFONO CELLULARE gratis

TESSERA DEL CINEMA gratis

TESSERA TEATRO gratis

TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis

FRANCOBOLLI gratis

VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis

CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis

PISCINE E PALESTRE gratis

FS gratis

AEREO DI STATO gratis

AMBASCIATE gratis

CLINICHE gratis

ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis

ASSICURAZIONE MORTE gratis

AUTO BLU CON AUTISTA gratis
RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 40 anni di contributi (per ora!!!)

Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l'auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)

La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.

La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!

Far circolare.......si sta promovendo un referendum per l' abolizione dei privilegi di tutti i parlamentari............ queste informazioni possono essere lette solo attraverso Internet in quanto quasi tutti i massmedia rifiutano di portarle a conoscenza degli italiani......

PER FAVORE CONTINUATE LA CATENA.

rosita micheli 20.06.05 19:11| 
 |
Rispondi al commento

FORZA ITALIA!
ABBASSO BERLUSCONI.

luigi de benedictis 20.06.05 17:54| 
 |
Rispondi al commento

FORZA ITALIA e a mare il bandito Berlusconi!

luigi de benedictis 20.06.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Ma che razza di popolo siamo? come facciamo a guardarci in faccia alla mattina allo specchio?
un bandito sta al governo, cè un regime in atto nel nostro paese, i giornalisti sono stati messi a tacere (Santoro, Travaglio, Biagi)e noi qui ad assistere al minuetto Prodi Fassino Rutelli. Beppe fatti sotto, qui l'unica cosa che conta è toglierci questa ameba dalle viscere, poi proveremo a rifondare lo stato: per adesso Beppe for president!!!

luigi de benedictis 20.06.05 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Avete ragione è uno scandalo...ma è ancora più scandaloso che la meta di essi facciano parte del patito che governa il nostro paese e che ci rappresenta all'estero!!!

Cristiano Della Spoletina 20.06.05 10:59| 
 |
Rispondi al commento

"bruno panetta" = paraculo della piccola finanza

Bruno Pagnotta 19.06.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

E' giusto che paghino. Se sono stati condannati e la sentenza è passata in giudicato vuol dire che sono colpevoli.
E' da ammirare questa iniziativa

michele santochirico 18.06.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento

La proposta di rendere ineleggibili i condannati in via definitiva è sostenuta da sempre dal senatore Di Pietro. Secondo me è il motivo per cui è così mal visto da tutti, anche da quelli del controsinistra. A cominciare da Marini, Boselli, Mastella e via via tutti gli altri. Ho letto di recente, su Repubblica, che Di Pietro si sarebbe proposto a Prodi per avere l'incarico di ministro della giustizia, in caso di vittoria. Prodi gli ha risposto, sempre dall'articolo di Repubblica, che non potrà dargli quell'incarico per via della sua fissazione di fare quella legge.
Mi son sempre chiesto perchè questa proposta non trovasse sostegno almeno nella società civile. Ben venga ora Beppe Grillo! Speriamo sia solo il primo di una lunga lista!

pierluigi rovagnati 18.06.05 02:14| 
 |
Rispondi al commento

Consiglio la lettura dell'ottimo libro di M.Travaglio sul processo a Marcello Dell'Utri, "L'amico degli amici". Leggete, informatevi, è la sola forma di resistenza... Grande Beppe, sei una persona meravigliosa.
Lorenzo

Lorenzo Alberti Commentatore in marcia al V2day 18.06.05 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro sig. Sergio Carducci, lei non è l'unico che aspetta una risposta dalla sinistra!!!

Io sto ancora (13 mesi) attendendo dal sito della Regione Campania delle delucidazioni in merito ad alcune riforme. Che non sappiano di cosa parlo????!!!!

Grazie BEPPEEEEE!!!!!!
TI VOGLIAMO BENE.

Gianluca Sabia 16.06.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM PER ABOLIRE I PRIVILEGI AI PARLAMENTARI ITALIANI G. U. N. 220 DEL 28-09-1999

Per tutti coloro che sognano di indire un referendum di questo tipo,e' gia' atato esperito il tentativo finito miseramente nel 2000 per avere informazioni ulteriori giometto@goldnet.it

Gino De Pauli 16.06.05 01:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
dopo il responso delle urne referendarie, ho deciso che occorre davvero fare qualcosa per la società civile italiana e, tra le tante, la tua iniziativa mi sembra una delle più trasparenti e libera da condizionamenti di parte. Eccetto che per il tuo odio per il vino (certo che anch'io non sopporto quelli che fanno scena, che sciupano prodotti millenari facendone oggettti alla moda e abbindolano persone vuote di culture, ma col portafogli pieno; tuttavia, credo proprio che il problema non sia il vino...), trovo il resto pressocché coincidente col mio modo di sentire.
Ti vorrei segnalare che per quanto a me noto, Silvio Berlusconi è stato condannato in via definitiva per un reato piuttosto grave, quello di falsa testimonianza sotto giuramento in procedimento giudiziario. Affermò infatti di non essere iscritto alla P2, cosa poi risultata falsa. La sentenza della Cassazione venne resa nulla dall'amnistia che, guarda caso, fu tempestivamente promulgata dall'allora Presidente del Consiglio Bettino Craxi. Ma può anche darsi che ricordi male.

Ciao e buon lavoro

Vito Umberto Vavalli 16.06.05 00:24| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di politici inseguiti dalla giustizia, questa e' cosi' surreale che sembra la trama di un film. Un articolo di Repubblica di oggi descrivendo una truffa ai danni della UE, dice:
"[...] A capo dell'organizzazione, secondo il nucleo di polizia tributaria regionale del Veneto, c'era l'ex sindaco di Ariano Polesine (Rovigo), Savino Tessarin, 49 anni, che è stato raggiunto dalla misura cautelare a Santa Rosa, in Argentina dove si era rifugiato, latitante, nel 2003. Nella città sudamericana, Tessarin gestiva una società finanziaria e una fazenda." ...........
Una Fazenda???!!!

Vittorio Torroni 15.06.05 13:51| 
 |
Rispondi al commento

Siamo alla frutta, intanto complimenti per lo spettacolo, ma devo fare a Grillo una domanda: ti senti piu' un politico o un comico? Non è una domanda stupida; il problema è proprio questo. Anni fà ero di centro, da 3 anni ero di destra e oggi sono di nessuno. Possibile che una persona come me di 33 anni alla prossime politiche si senta ed abbia la speranza di trovare sulla scheda elettorale una lista o un partito che come segretario presenti il nome "Grillo Beppe"? Sono sicuro che se ci sarà prenderà piu' voti (se non di piu' almeno piu' sentiti) di tutti. Pensate a qualche comizio di Grillo che, cercando di fare campagna elettorale, dicendo cose piu' che sacrosante, farà anche ridere... Fai 'sto partito!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

PIER PAOLO PORRO 15.06.05 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,sei meraviglioso non solo per ciò che ci stai insegnando da anni(anche se il termine "insegnare" magari ti starà sui c...ni),ma in particolare ammiro il tuo aver conservato un minimo di speranza tanto da augurarti che ci sia almeno un giornalista capace di un guizzo di rivolta.....mi unisco alla tua speranza,forse con un pizzico di speranza in meno,purtroppo....Un abbraccio e grazie di tutto

fiorella tessitore Commentatore in marcia al V2day 15.06.05 08:46| 
 |
Rispondi al commento

scusate la mia ignoranza in merito ,ma andreotti non è stao condannato?

nello annunziata 15.06.05 00:19| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Bebbe,
ho 25 anni e con nostalgia cerco di ricordare la tua voce... e la voce delle mie risate accompagnate da due lacrimuccie che mi suggerivano: "che c***o di mondo è questo?"

...cmq nostalgie a parte sono daccordo con quello che dici a proposito del parlamento pulito...

...rispetto e ritengo giusto anche quello che dice il sig. Beppi Menozzi, il quale ritiene suo sacrosanto diritto poter votare un condannato, ma non capisco il perchè un condannato (che abbia pure scontato la condanna) non debba poter partecipare ad un concorso pubblico!

Mi sbaglierò, magari sono io che non arrivo a capire, ma questi DIRITTI non sono un po a senso unico!

Sono per lo Stato di Diritto, ma nel momento in cui il diritto che chiedi me LO RICONOSCI ANCHE!

....MEDITIAMO....

Gianluca Sabia 14.06.05 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho provato a mandare la mail per la lista dei condannati ma mi è tornata indietro senza essere consegnata ....

Roberto Canfora 14.06.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
maggior esponente della grande stirpe dei Beppi,
non sono d'accordo.
Ragioniamo: io, elettore, delego qualcuno a rappresentarmi. Un processo dichiara colpevole la stessa persona.
Su che base daresti la priorità di giudizio ad una (seppur attenta e nutrita) selezione di giudici, magistrati, avvocati e testimoni, rispetto al pensiero di un elettorato?

Qui entrano in competizione la fiducia nella democrazia e la fiducia nel processo giudiziario, pur credendo ciecamente al secondo, se mi permetti io do maggior valore al primo, esigo che un processo di elezione democratica abbia la priorità su un processo giudiziario!

Io VOGLIO essere informato su condanne dei personaggi politici. Questo sì, è giusto che ciascuno possa valutare tali condanne liberamente. Ben venga l'indormazione.

Ma VOGLIO poter votare anche persone condannate, è mio assoluto diritto, e toglierlo è togliere un pezzo di democrazia!!!!


Beppi.

Beppi Menozzi 14.06.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

"A proposito di parlamentari italiani, a quando un bel referendum per eliminare un po' di privilegi ai nostri "cari" rappresentanti e tagliare loro una fetta di stipendio? credo che l'affluenza alle urne in quel caso sarebbe molto alta!"

Appunto l'affluenza sarebbe alta e sai chi vincerebbe. Non te lo dico non te lo dico! I vari Pannella e C. invece di perdersi in buffonate dovrebbero fare proprio questo. Anzi non so se è possibile che un referendum venga chiesto da un privato cittadino (spero e credo di si), ma se qualcuno mi dice come fare mi ci metterei io a farlo. Ed io lo farei gratis (tanto ci guadagnamo tutti dopo la vittoria), perchè non credo che qualcun altro lo faccia gratis

Patrizia Garufi 14.06.05 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Anche io ho ricevuto da un'amica la "catena di s. antonio" sui privilegi dei politici. Questi dati che ho letto, penso siano veritieri visto che provengono da un settimanale molto conosciuto in tutta Italia (L'Espresso), mi fanno veramente preoccupare. A questo punto anche io sto pensando che alle prossime elezioni politiche non andrò a votare, anche se fosse un gesto grave nei confronti della nostra "povera Italia", perchè il voto per un cittadino è il modo per far valere le proprie ragioni. MA DOPO QUESTE ULTIME NOTIZIE SUI PRIVILEGI E SULLE CONDANNE DEI NOSTRI POLITICI, LA POLITICA INIZIA VERAMENTE A FARMI SCHIFO! Propongo a tutti coloro che seguono il blog e a Beppe stesso di iniziare a "sputtanare" questi politici. Metterli a conoscenza del fatto che noi tutti sappiamo del "magna magna" generale che c'è nella politica italiana e vedere la loro reazione. Possiamo farlo ad esempio inviando e-mail alle trasmissioni televisive di politica, non potranno ignorarci! Dobbiamo fare qualcosa perchè se no finiremo sempre più nella corruzione peggio che nella prima repubblica.

Alfredo Vitelli 14.06.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di parlamentari italiani, a quando un bel referendum per eliminare un po' di privilegi ai nostri "cari" rappresentanti e tagliare loro una fetta di stipendio? credo che l'affluenza alle urne in quel caso sarebbe molto alta!

Emanuele Campra 14.06.05 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Ho idee tendenzialmente di destra, ma in questo caso sono d'accordo. E' uno schifo. Che alzino il sederino dalla poltrona, si mettano i guanti da lavoro e vadano a lavorare.
Però pongo un'altra domanda. Quanto è lungo veramente l'elenco? Quanti sono i "falsi preti" che si ergono a paladini dei diritti degli italiani, salvo poi darti una pugnalata appena ti giri? Io credo siano molti molti di più

Patrizia Garufi 14.06.05 10:59| 
 |
Rispondi al commento

fatto, e spedito a parenti ed amici (molto meglio delle catene di s.antonio...) però dubito che servi a qualcosa...

i nostri voti li raccolgono solo quando ai vertici fa comodo

stefano "akiro" meraviglia 13.06.05 20:56| 
 |
Rispondi al commento

SIGNOR GRILLO
PROVIAMO A ORGANIZZARE UN REFERENDUM PER ABOLIRE IL DIRITTO DEI PARLAMENTARI AD ANDARE IN PENSIONE DOPO 35 MESI DI "ONORATO" SERVIZIO.

Purtroppo la "paga" dei parlamentari è uno scandalo senza fine, ma guardando in chiave locale si possono trovare altrettanti esempi di gravissima immoralità della classe politica.
In Campania, nella scorsa legislatura, un noto partito politico (Udeur) avendo 6 consiglieri regionali, ha pensato bene di costituire 3 gruppi consiliari, con 3 capigruppo e quindi 3 di tutte le prebende che toccano ai gruppi e capigruppo.
Prima di andarsene, il precedente presidente del consiglio regionale della Campania (Casamassa) ha operato per garantire agli ex-consiglieri regionali (poveri bisognosi) dei robusti privilegi economici per i propri spostamenti.
Vorrei infine ricordare la spartizione sistematica e inesorabile dei posti di potere e sottopotere, operata dai rappresentanti dei Partiti.
E' chiaro che tanta parte della classe politica pratica una immorale distrazione di beni e soldi pubblici favore proprio o di propri amici e sodali.
L'informazione dei TG nazionali, invece di raccontarci le solite chiacchiere (replicate sulle 3 reti) raccolte un po' qui e un po' lì a Montecitorio e a Palazzo Madama, dovrebbe continuamente informare il cittadino su queste pratiche vergognose di sistematica indecente e immorale ricerca e accaparramento del posto, dell'arricchimento o del privilegio.
saluti

Paolo Mario Citarella 13.06.05 18:43| 
 |
Rispondi al commento

senza parole

mauro vezzoli 13.06.05 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Dalle mie parte c'è una catena di S. Antonio che dice così:
MANDIAMOLI A LAVORARE :
Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA' e senza astenuti (ma và?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa 1.135,00 al mese.

Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali.

STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE

STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese

PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)

RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese

INDENNITA' DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00)

TELEFONO CELLULARE gratis

TESSERA DEL CINEMA gratis

TESSERA TEATRO gratis

TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis

FRANCOBOLLI gratis

VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis

CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis

PISCINE E PALESTRE gratis

FS gratis

AEREO DI STATO gratis

AMBASCIATE gratis

CLINICHE gratis

ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis

ASSICURAZIONE MORTE gratis

AUTO BLU CON AUTISTA gratis

RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per ora!!!)

Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l'auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)

La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.

La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!

Far circolare.......si sta promovendo un referendum per l' abolizione dei privilegi di tutti i parlamentari............ queste informazioni possono essere lette solo attraverso Internet in quanto quasi tutti i mass-media rifiutano di portarle a conoscenza degli italiani......

forse a volte le catene non sono masturbazioni mentali.

Gerardo Ciccone 13.06.05 16:05| 
 |
Rispondi al commento

...nel sito c'è il richiamo a "parlamento pulito"

leontina vannini 13.06.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

- La Prestigiacomo afferma:

"Casa delle libertà. Ma dov'è la libertà? Ho subito attacchi personali, mi hanno ferita, ma non piegata. Troppi integralismi, troppa intolleranza. Si sono spinti fino al punto di usare mezzucci, ma alla fine i mezzucci restano tali. Mi sono ritrovata con gran parte del mio partito contro"
Dal sito www.repubblica.it 13.06.2005

- Il regista Vanzina afferma: "Non votero' piu' Berlusconi..."
dal Corriere della Sera 11.06.2005

- Ombretta Colli (moglie di Giorgio Gaber, che Dio lo abbia in gloria!) afferma:"Nel partito non vedo più la tensione verso il cittadino. Peccato: la grande promessa era quella".
Forza Italia addio. Ombretta Colli lascia il partitone azzurro.
Dal Corriere della Sera del 11.06.2005


...sembra che molti stiano rinsavendo...meditiamo gente, meditiamo...e mettiamoci al lavoro che questa massa di delinquenti li mandiamo a casa (centro/sinistra permettendo)!!

Enrico Giuga 13.06.05 13:41| 
 |
Rispondi al commento

- La Prestigiacomo afferma:

"Casa delle libertà. Ma dov'è la libertà? Ho subito attacchi personali, mi hanno ferita, ma non piegata. Troppi integralismi, troppa intolleranza. Si sono spinti fino al punto di usare mezzucci, ma alla fine i mezzucci restano tali. Mi sono ritrovata con gran parte del mio partito contro"
Dal sito www.repubblica.it 13.06.2005

- Il regista Vanzina afferma: "Non votero' piu' Berlusconi..."
dal Corriere della Sera 11.06.2005

- Ombretta Colli (moglie di Giorgio Gaber, che Dio lo abbia in gloria!) afferma:"Nel partito non vedo più la tensione verso il cittadino. Peccato: la grande promessa era quella".
Forza Italia addio. Ombretta Colli lascia il partitone azzurro.
Dal Corriere della Sera del 11.06.2005


...sembra che molti stiano rinsavendo...meditiamo gente, meditiamo...e mettiamoci al lavoro che questa massa di delinquenti li mandiamo a casa (centro/sinistra permettendo)!!

Enrico Giuga 13.06.05 13:39| 
 |
Rispondi al commento

io ho inviato la mail, inserito il bannerino sul mio blog e inviato per posta il post di Beppe.
Vai bbello! Vai!

Giancarlo Abruzzese 13.06.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Fatto. E' stata la mia prima e-mail con un destinatario così importante, spero sia servita e che non sia l'ultima.

Ciao Beppe e continua SEMPRE così.

Carlo Riso 13.06.05 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Dovresti inserire un contatore per sapere quante mail sono state inviate. Ma quanti siamo?!?!?!?!

Giordano Bigarelli 13.06.05 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Chi è stato condannato non può fare il volontario nella croce rossa italiana perchè non dispone dei requisiti necessari per rappresentare l'associazione, volta principalmente all'aiuto del prossimo, ma può rappresentare 50 milioni di italiani??
ma per favore!
mail inviata con estremo piacere!

Enrico Contri 12.06.05 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Fatti e non parole... Non passa settimana senza che mi connetta al tuo blog. Il parlamento europeo non farà nulla, ovviamente, ma questo mi sembra un buon inizio. Forza Beppe, cominciamo ad abbattere queste mura marce di corruzione e servilismo che nulla hanno a che fare con le esigenze sociopolitiche di un paese (d' "Europa!!")

giorgio argenta 12.06.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

TANTO PER CHIARIRE COSA E' LA POLITICA:

numero di parlamentari 900 (sono un po' di più)

costo medio mensile di 1 parlamentare
10.000 euro (molto sottostimato)

costo annuale del parlamento per i cittadini=
10.000 x 900 x 12 = 108.000.000 di euro
(più di 200 miliardi di vecchie lirette!!)

108.000.000 / 500 = 216.000 pensioni minime sociali

Saluti

ivan verdi 12.06.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

secondo me dovrebbero andare ingiro con una maglietta con scritto : (Io sono un Parlamentare che vi ha fregato ). Tutti noi cittadini dovremmo avere il diritto di suonargli un caloroso schiaffone.Se pensiamo poi che percepiscono 5000 euro circa al mese in più della media europea e che per mettersi al pari con l'Europa aspetteremo fino al 2018 ,faranno prima ad andare in pensione.

Gino Mantoan 12.06.05 02:41| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei difendere in questa occasione Beppe Grillo dagli attacchi di Fabio Schiavoni che ha intasato il blog con materiale altrui e che riportando le note di demerito scritte da altri diventa automaticamente accordante delle stesse.
Puoi essere informatissimo su tutto,in questa occasione del signoraggio e del sistema monetario europeo, italiano, statunitense;
NON PUOI criticare malamente Grillo sul fatto che non dica niente di tutto questo;
NON lo PUOI fare, e mi limito solo alla logica di una critica, perchè sei DISINFORMATO sulla totalità dei testi che Beppe Grillo ha prodotto e portato in scena.
Io so per certo che in uno spettacolo, APOCALISSE MORBIDA-mi sembra, egli accenni, mostrando tra l'altro a video come la dicitura "PAGABILE A VISTA AL PORTATORE" dovesse essere modificata, al non sense insito nel sistema monetario da quando l'ancorabilità all'oro è venuta meno.
Quindi non è che non tratti l'argomento.
Reputa di più immediata urgenza altri problemi che non quelli radicati nelle origini dell'uomo (come per esempio non ha mai osato proporre il modo di combattere la mafia)

Vito Errico 11.06.05 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Consiglio di leggere "Intoccabili" (Saverio Lodato, Marco Travaglio). Insegna e "inkazza" molto, soprattutto dopo aver letto "Regime". I dati di fatto scritti in questi libri non possono che appoggiare questa protesta...

Marco Ghisleni 11.06.05 20:06| 
 |
Rispondi al commento

..... Falcone, Moro, Borsellino ecc. Arcangelo xkè non metti questi nomi nella lista?
Anke loro volevano cambiare il sistema, ma c pensate ke spesso Beppe pesta i calli a ki ha kiare amicizie malavitose? Solo x il coraggio ke ha deve essere ammirato e sostenuto.

P.S.

Cuccia se ne è andato prima, ma fatti un'altra toccatina x sicurezza, Beppe!!!

Vincenzo Izzo 11.06.05 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Fatto

Luca Corridori 11.06.05 19:02| 
 |
Rispondi al commento

L'idea è buona, ma anche pericolosa.
Questa proposta, ossia che chi è condannato non può più rappresentare gli italiani, darebbe un potere enorme alla magistratura che potrebbe dunque decidere chi deve o non deve governare il nostro paese. Se per esempio io non sono d'accordo con una determinata legge, e rappresento una certa porzione degli italiani, e questa legge fa comodo a un qualche magistrato/giudice/benpensante egli potrebbe limitarsi a farmi causa e condannarmi... e automaticamente sia io che la parte degli italiani che rappresento perderebbe la sua voce. Si verrebbe dunque a creare una dittatura in cui l'eliminazione dei "concorrenti" sarebbe addirittura banale.
Pensateci dunque bene prima di fare petizioni di questo tipo... con tutto il mio rispetto per Beppe e le sue idee naturalmente.

Luca Tomat 11.06.05 15:53| 
 |
Rispondi al commento

A proposito :come si fa a pulire la merda se non la si vede?
Caro Arcangelo Neri per favore rispondimi!

Giuseppe Pasquino 11.06.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Non la manderò.
Il giorno in cui una persona condannata dalle leggi dello stato ma eletta direttamente dai cittadini non potrà più sedere in parlamento potremo festeggiare la fine della democrazia.
Io voto per chi voglio, anche per uno che è stato condannato, destra o sinistra che sia.

Beppe, a parer mio il vero disonesto sei tu.
A mostrare continuamente l'umana miseria e la merda che c'è nella società, non si costruisce un bel niente.
Hai solo proposte giacobine di fare pulizia nella società, perchè hai capito qual'è il male del mondo.

Prima di te ci hanno provato sotto altre forme Robespierre, Hitler, Stalin, Pinochet, Milosevic, Mao Xe Tung, Mussolini, Franco, Tito, Jaruzelsky (si scrive così?), Castro, Antonio Di Pietro e tanti altri.
Mi pare che abbiano fallito, pur eliminando gli avversari.
Inventati qualcosa di meglio.

Postato da: Arcangelo Neri il 10.06.05 14:23
Non la manderò.
Il giorno in cui una persona condannata dalle leggi dello stato ma eletta direttamente dai cittadini non potrà più sedere in parlamento potremo festeggiare la fine della democrazia.
Io voto per chi voglio, anche per uno che è stato condannato, destra o sinistra che sia.

Beppe, a parer mio il vero disonesto sei tu.
A mostrare continuamente l'umana miseria e la merda che c'è nella società, non si costruisce un bel niente.
Hai solo proposte giacobine di fare pulizia nella società, perchè hai capito qual'è il male del mondo.

Prima di te ci hanno provato sotto altre forme Robespierre, Hitler, Stalin, Pinochet, Milosevic, Mao Xe Tung, Mussolini, Franco, Tito, Jaruzelsky (si scrive così?), Castro, Antonio Di Pietro e tanti altri.
Mi pare che abbiano fallito, pur eliminando gli avversari.
Inventati qualcosa di meglio.

Postato da: Arcangelo Neri il 10.06.05 14:23


Risposta ad Arcangelo Neri

Voteresti realmente Brusca se si candidasse?
Triste vero?
La realtà è un amaro calice e pare che tu non voglia proprio berlo!
la attuale nostra democrazia non mi permette di vedere Beppe Grillo e Luttazzi in tv ma ironia della sorte la faccia di Bin Laden la vedo spesso come la faccia di tutti gli elementi della famosa lista di Grillo.
E pago pure il canone!!!!!
Vai Grillo!

Giuseppe Pasquino 11.06.05 12:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bozza di proposta...anticipo per i detrattori soliti, che è solo una bozza per partire a ragionarci insieme, per iniziare a fare qualcosa.
non so voi ma a me fermo non piace stare.

Bozza per la:

PROPOSTA DI REFERENDUM POPOLARE PER L’ABROGAZIONE DELLA PRESCRIZIONE DEI REATI SE SI E’ INDIVIDUATO IL POSSIBILE COLPEVOLE.

Partendo dall’idea che la prescrizione di un reato serve a migliorare il servizio della magistratura per diminuire i tempi dei processi per i quali non sono stati trovati colpevoli, o non ci sono prove reali di colpevolezza, e che per giusto processo si intende ricerca della realtà dei fatti ed applicazione del principio per il quale la legge e la giustizia sono al servizio e in difesa delle vittime di un reato, propongo un referendum abrogativo sulle norme che applicano la prescrizione dei reati anche nei casi in cui si è individuato il possibile colpevole e ci siano prove a sufficienza per dubitare della sua colpevolezza.
Tutto questo per garantire alle vittime del reato giustizia e per evitare che l’eccessiva durata di un processo sia viziato dalla volontà dei difensori, girovagando tra le maglie della legislazione (che come sappiamo è interpretativa, indi per cui facilmente opinabile) di protrarre i tempi per arrivare al termine di prescrizione.
Per fare un esempio(i tempi sono casuali, non ho avuto tempo di controllarli) se y ruba ad x e y è stato individuato come possibile colpevole sulla base di prove, e la pena per y è di 5 anni, basterà che l’avvocato di y riesca a far passare 2 anni e mezzo dall’inizio del processo fino alla sentenza per evitare la pena ad y, escludendo la possibilità di giustizia per x.


Michele Martini

Michele Martini 11.06.05 09:21| 
 |
Rispondi al commento


I soci della Banca Centrale Europea
Banque Nationale de Belgique (2,83%)
Danmarks Nationalbank (1,72%)
Deutsche Bundesbank (23,40%)
Bank of Greece (2,16%)
Banco de Espana (8,78%)
Banque de France (16,52%)
Central Bank and Financial Services Authority of Ireland (1,03%)
Banca d'Italia (14,57%)
Banque centrale du Luxembourg (0,17%)
De Nederlandsche Bank (4,43%)
Oesterreichische Nationalbank (2,30%)
Banco de Portugal (2,01%)
Suomen Pankki (1,43%)
Sveriges Riksbank (2,66%)
Bank of England (15,98%)
Perchè la Banca d'Inghilterra riceve i proventi dal signoraggio (chiamato seigniorage), pur non adottando l'EURO in Inghilterra?

Fabio Schiavoni 11.06.05 02:01| 
 |
Rispondi al commento

LA FEDERAL RESERVE BANK E’ UNA PROPRIETA’ PRIVATA.
L’articolo 1, Sezione 8 della Costituzione stabilisce che il Congresso deve avere il potere di coniare moneta (creare) e di stabilirne il valore. Tuttavia, attualmente, la FED, che è una società privata, controlla e trae profitto dal produrre moneta attraverso il Tesoro, e controllandone il valore.
La FED ebbe inizio con circa 300 persone o banche, che diventarono proprietari (azionisti che hanno comprato il capitale azionario a $ 100 per azione – il capitale azionario non è commercializzato pubblicamente) del Sistema Bancario della Federal Riserve. Essi formarono un cartello bancario internazionale di ricchezza senza confronto (Riferimento 1, 14) Il sistema bancario della FED raccoglie miliardi di dollari (riferimento 8, 17) di interessi annui e distribuisce i profitti ai suoi azionisti. Illegalmente, il Congresso ha dato alla FED il diritto di stampare moneta (attraverso il Tesoro) senza alcun onere per la FED. La FED ha creato denaro dal nulla, e lo presta a noi attraverso le banche, e carica gli interessi sulla nostra moneta. La FED compra anche i debiti del Governo (ndr: obbligazioni) con il denaro stampato con una semplice pressa tipografica e carica gli interessi sui contribuenti degli Stati Uniti.
Molti deputati e presidenti dicono che questa è una frode (riferimento 1,2,3,5,17)

Chi possiede attualmente le Banche Centrali della Federal Riserve?
La proprietà delle 12 banche Centrali, un segreto ben mantenuto, è stato svelato:

La Banca Rothschild di Londra

La Banca Warburg di Amburgo

La Banca Rothschild di Berlino

La Lehman Brothers di New York

La Lazard Brothers di Parigi

La Banca Kuhln Loeb di New York

Le Banche Israel Moses Seif in Italia

La Goldman, Sachs di New York

La Banca Warburg di Amsterdam

La Chase Manhattam Bank di New York

(Riferimento 14, P, 13, Riferimento 12, P, 152)

Questi banchieri sono collegati ad Istituti bancari londinesi che ultimamente controllano la FED. Quando l’Inghilterra ha perso la guerra di Rivoluzione Americana (i nostri antenati stavano combattendo contro il loro governo) essi programmarono di controllarci controllando il nostro sistema bancario, lo stampaggio del denaro, ed il nostro debito (Riferimento 4, 22).
Gli individui elencati di seguito possedevano banche che a loro volta possedevano azioni della FED: Le banche elencate di seguito hanno un controllo significativo sul New York FED District, che controlla gli altri 11 FED Districts. Queste banche sono in parte possedute da stranieri e controllano la New York FED District Bank. (Riferimento 22).
q First National Bank di New York

q James Stllman National City Bank, New York

q Mary W. Harnman

q National Bank of Commerce, New York

q A.D. Jiullard

q Hanover National Bank, New York

q Jacob Schiff

q Chase National Bank, New York

q Thomas f: Ryan

q Paul Warburg

q William Rockfeller

q Levi P: Morton

q M.P. Pyne

q George F. Baker

q Percy Pyne

q Mrs.G.F. St. George

q J.W. Sterling

q Katherine St. George

q H.P. Davidson

q J.P. Morgan (Equitable Life/Mutual Life)

q Edith Brevour T. Baker
(Riferimentro 4, per quanto sopra, Riferimento 22 ha dettagli, P. 92,93,96,179)

Come è successo? Dopo il precedente tentativo di promuovere la legge per la Federal Riserve attraverso il Congresso, un gruppo di banchieri fondò e fornì di personale la campagna di Woodrow Wilson come Presidente. Egli si era impegnato a firmare questa legge. Nel 1913, un Senatore, Nelson Aldrich, nonno da parte materna dei Rockfeller, promosse la legge sulla Federal Riserve attraverso il Congresso proprio prima di Natale quando la maggior parte del Congresso era in vacanza (Riferimento 3,4,5,). Quando fu eletto, Wilson approvò la FED. In seguito, Wilson, pentito, disse (riferendosi alla FED), “ho, inconsapevolmente rovinato il mio paese” (riferimento 17, P, 31).

Ora le banche sostengono finanziariamente i candidati condiscendenti.
Non sorprende che la maggior parte di questi candidati vengano eletti (Riferimento 1, P. 2°8-210, Riferimento 12, P. 235, Riferimenti 14, P. 36). I banchieri impiegano i Membri del Congresso durante i weekends (Nomignolo T&T club- fuori giovedì…..dentro martedì) con lucrosi salari (Riferimento 1, P. 209). Inoltre, la FED cominciò a comprare i media negli anni 30 ed ora ne possiede o influenza in modo rilevante la maggioranza (Riferimento 3, 10, 11 P. 145).

I Presidenti Lincoln, Jackson e Kennedy cercarono di fermare questa famiglia di banchieri stampando dollari degli S.U. senza caricare gli interessi sui contribuenti (Riferimento 4). Oggi, se il governo presenta una gestione passiva, la FED stampa dollari tramite il Tesoro degli S.U, compra i debiti, ed i dollari circolano nell’economia. Nel 1992, i contribuenti hanno pagato al sistema bancario della FED 286 miliardi di dollari di interessi sul debito che la FED ha acquistato stampando denaro di fatto a costo zero (riferimento 12, P. 265). Il quaranta per cento di tasse del nostro introito personale federale serve a pagare questo interesse. I registri della FED non sono aperti al pubblico. Il Congresso deve ancora verificarli.,

Fabio Schiavoni 11.06.05 01:50| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di parlamento pulito:

sul mio sito ho aggiunto la nuova sezione

http://www.peoplehavethepower.net/tuttidentro.html

mettete il volume.. :)

Rosario Pisanò 11.06.05 01:43| 
 |
Rispondi al commento

Se ora desiderate sapere qualcosa in più sull'euro-usura, andate su: www.mclink.it/personal/MCO823/euroeusura.html

Fabio Schiavoni 11.06.05 01:42| 
 |
Rispondi al commento

Duisenberg ed il signoraggio

> (Repubblica, 13/12/2002)

--------------------------------------------------------------------------------
Traduzione:
Tremonti, sei sicuro di voler perdere (e dunque cedere a noi) il signoraggio (pizzo) sulle monete (tradizionalmente concesso agli Stati dalle bande centrali, e quindi anche dalla Banca Centrale Europea) ?
Conclusione:
Duisenberg ha implicitamente ammesso che la Banca Centrale Europea sta lucrando il signoraggio sulle banconote Euro. Ricordo che il signoraggio è la differenza di prezzo tra il valore nominale di una banconota (es 500 €) e il suo costo di stampa (0,03 €).


Ricordo inoltre che molte Banche Centrali, tra cui la Banca d'Italia, pur essendo istituti di diritto pubblico sono di PROPRIETA' dei privati.

Ergo:
Un manipolo di banchieri sta facendo il più enorme pranzo a sbafo della storia: divertente, no ?

>

(Henry Ford)

--------------------------------------------------------------------------------

FONTE: Indymedia.org
(18 Settembre 2004)

since 1-10-2001
visits 1,797,261
online 6



Fabio Schiavoni 11.06.05 01:33| 
 |
Rispondi al commento

Non avere al potere persone che sono state ritenute colpevoli di reati sarebbe un primo essenziale gesto di rispetto per noi cittadini italiani.

ALBANA MAGNANO 11.06.05 01:27| 
 |
Rispondi al commento


Da tutta questa storia si può facilmente capire in mano a chi siamo e che, dato che la banca d'Italia ha un immenso potere finanziario e politico, qualsiasi governo in Italia conta come il due di coppe.

Pare che il 1861 sia stato l'anno dell'unità d'Italia.
Una dozzina di anni prima - nel 1849 - si costituiva in Piemonte la banca Nazionale degli Stati Sardi, di proprietà privata.
Il maggiore interessato, Cavour - che aveva interessi propri in quella banca (1) - impose al parlamento savoiardo di affidare a tale istituzione compiti di tesoreria dello Stato.
Si ebbe così una banca privata che emetteva e gestiva denaro dello Stato!
A quei tempi l'emissione di carta moneta veniva fatta solo dal piemonte.
Il Banco delle Due Sicilie emetteva invece monete d'oro e d'argento.
La carta moneta del Piemonte aveva anch'essa una riserva d'oro - circa 20 milioni - ma il rapporto era: tre lire di carta per una lira d'oro, dunque una "convertibilità in oro" fra virgolette.
Inoltre, per le continue guerre che i savoiardi facevano, anche quel simulacro di convertibilità crollò, tanto che la carta moneta piemontese - per l'emissione incontrollata che se ne fece - era diventata carta straccia già prima del 1861.
Ma torniamo ai fatti. Conquistata tutta la penisola, i piemontesi misero le mani nelle banche degli Stati appena conquistati.
E dopo qualche tempo fu la banca Nazionale degli Stati Sardi a divenire la banca d'Italia.
Con l'occupazione piemontese era stato immediatamente impedito al Banco delle Due Sicilie - diviso poi in Banco di Napoli e Banco di Sicilia - di raccogliere dal mercato le proprie monete d'oro per trasformarle in carta moneta secondo le leggi piemontesi, poiché in tal modo i Banchi avrebbero potuto emettere carta moneta per un valore di 1200 milioni e sarebbero potuti diventare padroni di tutto il mercato finanziario italiano.
Quell'oro pian piano passò nelle casse piemontesi, nonostante la nuova banca d'Italia non risultasse averne nella sua riserva, e nonostante appunto tutto quell'oro rastrellato al Sud. Come avevano fatto? Avevano dato a tutto quell'oro una via "sociale", naturalmente, quella del finanziamento per la costituzione di imprese al nord, operato da banche, costituitesi per l'occasione come socie - guarda un po' - della banca d'Italia: Credito mobiliare di Torino, Banco sconto e sete di Torino, Cassa generale di Genova e Cassa di sconto di Torino.
Le ruberie operate, e l'emissione non controllata della carta moneta ebbero come conseguenza che ne fu decretato già dal 1° maggio 1866, il corso forzoso: la lira di carta non poteva più essere cambiata in oro.
Da qui incominciò a nascere il Debito Pubblico: lo Stato, per finanziarsi, iniziava a chiedere carta moneta a una banca privata.
Lo Stato quindi, a causa del genio di Cavour e soci, cedette da allora la sua sovranità in campo monetario, affidandola a dei privati, che non ne avevano - non ne hanno e mai dovrebbero averne alcun titolo o diritto - in quanto la sovranità per sua natura non è cedibile. Essa è del popolo e dello Stato che lo rappresenta.
Oltretutto da quando nel 1935 fu decretato definitivamente che la lira non era più ancorata all'oro, si ebbe che il valore della carta moneta derivò da allora semplicemente e unicamente dalla convenzione di chi la usa e di chi l'accetta come mezzo di pagamento.
La carta moneta, dunque, è carta straccia. Ne consegue che alla banca d'Italia - che è privata - e alla quale si dovrebbe pagare il debito pubblico, in realtà non si deve dare nulla.
E' necessario, infine, ricordare che le quote attuali dell'attuale banca d'Italia sono possedute da varie Casse di Risparmio, da Banche e da Assicurazioni, cioè da altri enti privati su cui la banca d'Italia dovrebbe vigilare.
Da tutta questa storia si può facilmente capire in mano a chi siamo e che, dato che la banca d'Italia ha un immenso potere finanziario e politico, qualsiasi governo in Italia conta come il due di coppe.

E' di ieri la notizia che siamo ancora più poveri, infatti, il debito pubblico, è ulteriormente salito, ovvero: ci hanno tolto dalle tasche ancora soldi,senza chiedercelo!

1) cfr. Antonio Pagano in http://www.cronologia.it/mondo28s.htm

--------------------------------------------------------------------------------

FONTE: AFIMO

Fabio Schiavoni 11.06.05 01:27| 
 |
Rispondi al commento

Azionisti e quote di partecipazione della Banca d'Italia:


Gruppo Intesa (27,2%) http://www.bancaintesa.it/
Gruppo San Paolo IMI (17,23%) http://www.sanpaoloimi.com
Gruppo Capitalia (11,15%) http://www.capitalia.it
Gruppo Unicredito (10,97%) http://www.unicredito.it/
Gruppo Assicurazioni Generali (6,33%) http://www.generali.it/
INPS (5%) http://www.inps.it/
Banca Carige (3,96%) http://www.carige.it/
Banca Nazionale del Lavoro (2,83%) http://www.bnl.it/
Banca Monte dei Paschi di Siena (2,50%) http://www.mps.it/
Gruppo Premafin (2,00%) http://www.premafin.it/
La Fondiaria (2,00%) http://www.fondiaria.it/
Cassa di Risparmio di Firenze (1,85%) http://www.carifirenze.it/
RAS-Riunione Adriatica di Sicurtà (1,33%) http://www.ras.it/

Il restante 5,65 % non è, per ora, dato di sapere a chi appartenga. Ma forse, con un pò di fantasia... magari sono gli stessi nomi privati che compaiono nelle altre banche centrali? Specie quello di un certo barone?

Questa è la Banca d'Italia! Questo è l'organismo che dovrebbe controllare se stessa!

Fabio Schiavoni 11.06.05 01:18| 
 |
Rispondi al commento

Spesso nei tuoi spettacoli sostieni che il publico vuole risposte da te.Questo mi sembra una responsabilita' troppo grande.Io penso che tu riesci A trasmettere a uno spettatore ALLEGRIA e INFORMAZIONE e questo credo sia il segreto del tuo successo.Pero' c'e' un problema l' allegria va bene ma l' informazione e' prerogativa di altri ,mi fa piacere che te ne occupi E francamente non mi meraviglio visto che oggi l'informazione la fanno i comici:Luttazzi,Guzzanti,Paolo Rossi...ORA che ci penso la facevano prima di essere vittime del REGIME MEDIATICO come lo sei stato tu molti anni prima.

Italo De Luca 10.06.05 22:07| 
 |
Rispondi al commento

da lab 05...mandato... ma penso che il parlamento europeo sia già al corrente della situazione....forse i cittadini italiani non sono del tutto al corrente.
saluti

LAB 05 10.06.05 17:35| 
 |
Rispondi al commento

-- Risposta per Mark Brio
"...e per favore non facciamo confronti con svezia, inghilterra, svizzera, germania e via dicendo: sono notevolmente più civilizzati di noi."


Oggi ho parlato con un mio amico italiano che ha sposato una ragazza del Guatemala. Hanno avuto un bambino e sono andati al consolato per fare il passaporto al piccoletto.
Al consolato del Guatemala a Madrid hanno fatto la foto in sede, preso un'impronta digitale-digitale (con una macchinetta senza inchiostro per intenderci) e hanno spedito il passaporto A CASA in 2 giorni, il tutto per 64€ tutto compreso.

Voi avete mai provato a rinnovare il passaporto in Italia o all'estero? Gli orari impossibili, il numeretto, la fila, il carabiniere che non sa un cavolo, settimane di attesa per ritirare...

ITALIA vs GUATEMALA 0-1


Maria Rita Bovi 10.06.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

La vera rivoluzione è intravvedere ciò che va bene, che funziona, che è utile per tutti, che è buono per tutti.
E su quello costruire.
Il resto è pura violenza.

Arcangelo Neri 10.06.05 16:06| 
 |
Rispondi al commento


Per Barbara Mazzaracchio:
" Fatto...e speriamo di riuscire a cambiare qualcosa!!!
Ciao Beppe! "

[IRONIA]Cambiera' qualcosa SICURAMENTE!![/IRONIA]

matteo martini 10.06.05 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Fatto...e speriamo di riuscire a cambiare qualcosa!!!
Ciao Beppe!

Barbara Mazzaracchio 10.06.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Certo che la mando. Perchè credo che fare poco o fare cose inutili è comunque "fare", cioè il contrario di stare a guardare. Chi dice "non protestare perchè non serve" ha letto pochi libri di storia. La democrazia è anche bella perchè ognuno la interpreta a modo suo,a quanto pare, questa è libertà. Per esempio alcuni dicono che democrazia è votare la gente sbagliata, oppure diffondere un idea sbagliata se si vuole. Io dico che la differenza la fanno le persone, donne e uomini. Non fa paura una pistola senza un dito o un computer senza una mano che lo guida. Quindi io il mio sasso nell'acqua lo butto e poimi giro non guardo dove va a finire...non importa. Il giorno in cui la maggioranza vuole ciò che non è giusto smetterò di gettare sassi in acqua. Per ora....

Gianluca Trunzo 10.06.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, io ti dico che fai benissimo, continua così!!!!!!!!!!!!!!!

Eugenia D'Alterio 10.06.05 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Io ti stimo ti ho sempre stimato e ti dico chefai bene.
Un abbraccio!

Eugenia D'Alterio 10.06.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Non la manderò.
Il giorno in cui una persona condannata dalle leggi dello stato ma eletta direttamente dai cittadini non potrà più sedere in parlamento potremo festeggiare la fine della democrazia.
Io voto per chi voglio, anche per uno che è stato condannato, destra o sinistra che sia.

Beppe, a parer mio il vero disonesto sei tu.
A mostrare continuamente l'umana miseria e la merda che c'è nella società, non si costruisce un bel niente.
Hai solo proposte giacobine di fare pulizia nella società, perchè hai capito qual'è il male del mondo.

Prima di te ci hanno provato sotto altre forme Robespierre, Hitler, Stalin, Pinochet, Milosevic, Mao Xe Tung, Mussolini, Franco, Tito, Jaruzelsky (si scrive così?), Castro, Antonio Di Pietro e tanti altri.
Mi pare che abbiano fallito, pur eliminando gli avversari.
Inventati qualcosa di meglio.

Arcangelo Neri 10.06.05 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Prendetevi 1 minuto di tempo per leggere, e' importante.

SPARGETE LA VOCE

Nei prossimi mesi verra' applicato il famoso decreto legge sul TFR (trattamento di fine rapporto=liquidazione) con il silenzio-assenso.

COSA VUOLE DIRE? Significa che se non facciamo niente, il nostro TFR verra' tolto dalla gestione delle nostre aziende ed assorbito in un fondo gestito dall'INPS comune a tutte le categorie.

Questo significa molte cose:

1- non rivedremo mai piu' il capitale, ma solo un vitalizio a fine carriera di cui non si sa il valore

2- molti dei fondi che aderiscono sono in passivo: ad es. i piloti sono in passivo e percepiscono stipendi lordi annui intorno ai 250 milioni; questi fondi cosi' "pesanti" in passivo non fanno altro che abbassare anche i nostri che magari non lo sono

3- se non si esprime volontariamente il diniego a questo trasferimento entro i sei mesi dall'approvazione del decreto, il 100% del TFR verra' definitivamente perso ed incorporato nel fondo comune di cui sopra

4- chi lavora, ma anche chi e' disoccupato, deve spedire la dichiarazione di non assenso: ad es. se 5 anni fa ho lavorato una stagione a raccogliere le pere e da allora non ho piu' lavorato, se non spedisco la dichiarazione mi verra' per sempre tolta la possibilita' di riavere il mio TFR

5- Se il mio TFR viene assorbito, non potro' piu' riaverlo neppure per motivi di salute o per la ristrutturazione o l'acquisto della casa, come invece avviene adesso

6- l'assenso o il diniego andra' deciso prima di sapere quali saranno le condizioni di tale fondo, ergo: prima dateci tutti i vostri soldi, poi vi diciamo come ve li ridaremo!!

Per esprimere il vostro diniego su questa espropriazione indebita, si possono seguire due strade:

-se siete aderenti al sindacato, non ci sono preoblemi perche' avvertiranno attraverso una riunione sindacale e probabilmente avranno approntato tutti i moduli; http://www.usiait.it/testi/modtfr.htm (modulo)

-se invece non lo siete, potrete recarvi presso uno studio legale o di commercialisti, curandovi del fatto che la dichiarazione venga redatta in carta intestata.

Sarete tutti d'accordo con me che e' l'ennesima porcata del governo, ma stavolta' e' piu' grave perche' sicuramente ci sara' qualcuno che non essendone informato ci caschera' di brutto; inoltre i titolari delle societa' per cui lavoriamo non sono obbligati a comunicarci tutte queste cose.

Il decreto dovrebbe essere attuato verso novembre, SPERO CHE INVIERETE A PIU' PERSONE POSSIBILE QUESTE POCHE RIGHE, SPERANDO CHE CONTRIBUISCANO AD INFORMARE TUTTI QUELLI CHE NE SONO ALL'OSCURO

Antonio Lo Rupo 10.06.05 11:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bè...mica solo i parlamentari possono continuare ad essere in carica nonostante le condanne, per quanto mi risulta anche nelle forze dell'ordine vige la stessa regola...con la sola differenza che i poliziotti almeno finiscono dentro... e dopo il gabbio tornano ad esercitare! sbaglio?

luca Bruzzese 10.06.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

E anche questa è fatta... mandata mail, da aggiungere alla lista delle petizioni firmate, delle manifestazioni in piazza, dei boicotaggi... non serve a una sega, ma almeno mi consolo pensando che io qualcosa ho cercato di fare... Beppe, abbassa i prezzi delle tue serate, lo so che devi pagarti tutti i processi, ma per venire a vedere te, poi tocca comprare le cose dai cinesi o dai discount e allora che senso ha? ciaoooo

Elena Mazzarano 10.06.05 10:58| 
 |
Rispondi al commento

e voi spedite uma mail di protesta e aiuto a quest'uomo [Barroso] ?

UE: PE; MOZIONE CENSURA BARROSO IN AULA IL 25 MAGGIO (2)

(ANSA) - STRASBURGO, 12 MAG - Nigel Farage, leader dell'Ukip, ha espresso tutta la sua soddisfazione per la raccolta delle 77 firme, (ne erano necessarie almeno 74), rilevando che l'obiettivo primario di questa iniziativa e' di far rispondere in Parlamento il presidente della Commissione Ue sulla sua partecipazione ad una crociera a bordo di un panfilo dell'imprenditore greco Spiros Latsis. ''Quello che chiediamo e' che Barroso venga in aula e dia un pieno resoconto di questa vicenda'' ha spiegato Farage in una improvvisata conferenza stampa, facendo riferimento anche alla crociera che ha avuto per protagonista il commissario al Commercio Peter Mandelson. ''Regali di un valore discreto - ha spiegato Farage - devono essere resi pubblici cosi' come deve essere creato un registro di queste donazioni. Se Barroso il 25 fara' questo annuncio, ritireremo la mozione di censura''. E il fatto che questo dibattito arrivi a pochi giorni dal referendum in Francia e' una pura coincidenza, hanno chiesto i cronisti. ''Credo sia una felicissima coincidenza - ha replicato Farage -. Credo sia positivo che gli elettori francesi possano ascoltare questo dibattito prima di votare. I presidenti dei gruppi non volevano questo dibattito su una materia cosi' delicata , ma io invece sono convinto che questa sia una ottima notizia''. Tra i 77 nomi dei promotori della mozione, figurano quelli di quattro eurodeputati italiani. Ai tre della Lega - Mario Borghezio, Matteo Salvini e Francesco Speroni - che gia' erano nella lista diffusa ieri, oggi e' stato aggiunto quello di Umberto Guidoni del Pdci. (ANSA) CLG

Daniele Longobardi 10.06.05 10:46| 
 |
Rispondi al commento

La tua iniziativa è la mia: da tempo mi rodevo il fegato a vedere gente condannata per reati comuni pontificare in televisione e spiegare a noi cosa è bene e cosa no...se si tiene conto che per esercitare la mia professione debbo essere per la legge professionale di condotta "specchiatissima ed illibata" se ne deduce che loro possono fare i deputati ma non possono, per fortuna, fare gli avvocati...assurdo!

Nino Cavaleri 10.06.05 10:40| 
 |
Rispondi al commento

complimenti per tutto quello che fai,sono completamente d'accordo con le tue idee che seguo da anni con molta attenzione e che successivamente mi impegno a divulgare negli ambienti che frequento anche se ho notato un basso livello culturale e di sensibilita' nel riguardo generale di grossi problemi che tu per primo ti impegni a esporre alla luce del sole.ma non per questo noi ci arrenderemo anzi la sfida piu' e' difficile e ci impegneremo ciao Beppe al prossimo spettacolo

marco caporicci 10.06.05 07:58| 
 |
Rispondi al commento

Oggetto: ONU fa un sondaggio.


Sono usciti i risultati di un sondaggio effettuato dall'ONU.

La domanda era:

"Per piacere, dica onestamente qual'è la sua opinione sulla scarsità di alimenti nel resto del mondo."

Il risultato è stato il seguente:

gli europei non hanno capito cosa sia la "scarsità."

Gli africani non sapevano cosa fossero gli "alimenti."

Gli americani hanno chiesto il significato di "resto del mondo."

Gli irakeni, straniti, hanno chiesto maggiori delucidazioni sul significato di "opinione."

Nel parlamento italiano, si stà ancora discutendo su cosa voglia dire "onestamente."

Elena Mariano 10.06.05 01:50| 
 |
Rispondi al commento

VIRUS DEI POLLI: QUARANTENA PER I RISPARMIATORI PARMALAT

Il ministero della Sanità inasprisce la profilassi contro il morbo dei pollai: migliaia di povere bestie spennate da Calisto Tanzi potrebbero essere incenerite per prevenire il dilagare dell'epidemia. Nel mirino di Sirchia altre specie sospette: le vittime del crac Cirio, le categorie Pulcini delle associazioni sportive, le pollastrelle che riempiono di petti e cosce le trasmissioni tivù. Datori di lavoro in crisi: dovranno abbattere tutti i co-co-co. L'Oms raccomanda la prevenzione: astenersi dai rapporti occasionali con i polli, mai scambiarsi lo stesso spiedo, succhiare le ossa solo col preservativo. Gli avicoltori che tenteranno di sfuggire ai controlli verranno processati dal tribunale dell'Aia. Unico esentato, Silvio Berlusconi: potrà continuare a influenzare i polli almeno fino alle elezioni del 2006.

Elena Mariano 10.06.05 01:41| 
 |
Rispondi al commento

fatto!
mo, volevo dirti: "vieni a vedere!"
ma devi farti 850 visite!
vabbè, non importa, comunque fatto.
ciao
luigi

luigi perrella 10.06.05 01:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho provveduto a riportare la notizia sul mio blog e a inviarla ai miei amici tramite mail.
La seguo con piacere e non manco di indignarmi assieme a lei.
Stefano

stefano panizzolo 10.06.05 00:46| 
 |
Rispondi al commento

@ Mark Bernardini

Ho letto con interesse il suo intervento e, alla luce di quello che ha riportato sul suo sito, cerco di comprendere la sua amarezza. Dico che "cerco" di comprenderla perché non essendo lei posso soltanto farmene un'idea.

Dicevo: posso condividere la sua amarezza e, nonostante si capisca benissimo che lei è tutt'altro che uno sprovveduto, vorrei porre l'accento su quello che liquida con la frase "Chi diavolo l'ha votato, Berlusconi? Sì, d'accordo, quello ha le televisioni, i giornali, le case editrici, tutto quel che si definisce mass media. Scusa la domanda personale, Beppe: ti è mai capitato, in vita tua, di votare per un Partito piuttosto che per un altro per aver letto un manifesto per strada? Suppongo proprio di no, la domanda è retorica".
Vede, dal mio modestissimo punto di vista il problema sta tutto qui: Berlusconi, da grandissimo pubblicitario qual è, ha capito ormai da anni che qualsiasi cosa NON vada in televisione non esiste. Nel mio piccolo ogni tanto mi piace fare qualche sondaggio tra amici e conoscenti (lo so: statisticamente fa ridere, ma mica sono la Doxa... ;) ) sui temi più disparati, ma soprattutto sulla politica italiana. Sa cosa emerge? Emerge che spesso e volentieri ci si fida dei telegiornali e di quanto riportano, lapidando qualsiasi questione possa insorgere con una frase da far rotolare i sentimenti "l'hanno detto al telegiornale: non può essere falso..."
Mi piace credere che gli italiani non siano scemi (almeno la gran parte), ma d'altra parte se uno comincia a sentire da più parti e a più riprese che gli asini volano finisce che ci crede, non foss'altro che per semplice "omologazione" (scusate, non è il termine più adatto, probabilmente, ma al momento non mi viene in mente nulla di meglio).
Sta di fatto che dai succitati sondaggi risultano cose di questo tipo:
- nel '94 il primo governo Berlusconi non è caduto per colpa della Lega Nord ma per via di Mani Pulite;
- praticamente nessuno sa che il Silvio nazionale è stato condannato per falsa testimonianza;
- Andreotti risulta innocente, quando invece non è stato condannato soltanto perché il reato da lui commesso è caduto in prescrizione.
E via andare...

Siamo oramai lontani dai tempi di "l'hanno detto alla Rai", eppure il mezzo d'informazione più diffuso e più creduto resta il telegiornale, rete Mediaset o nazionale che sia.
Le alternative quali sono? I quotidiani, quale più quale meno, sono praticamente tutti schierati da una parte piuttosto che dall'altra. A questo va aggiunto che mediamente gli italiani leggono pochissimo, quindi...
L'altra alternativa di massa è internet, ma ci insegna Beppe che in Europa abbiamo una delle percentuali più basse in fatto di utilizzatori di pc.

Denis Staccoli 09.06.05 22:55| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, non ci conosciamo, sono quello che fece il sito con i manifesti taroccati di Berlusconi nel 2000-2001 e che a causa di ciò dapprima ha perso casa e lavoro, e poi ha dovuto emigrare: http://markbernardini.boom.ru/noberluska.htm

Tutto ciò premesso, mi permetto di dissentire: "Un parlamentare non può rappresentare i cittadini se è stato condannato dalla Giustizia Italiana in via definitiva" ... [...] ... "E’ profondamente immorale che sia loro consentito di rappresentarci". Davvero convinto? Chi diavolo l'ha votato, Berlusconi? Sì, d'accordo, quello ha le televisioni, i giornali, le case editrici, tutto quel che si definisce mass media. Scusa la domanda personale, Beppe: ti è mai capitato, in vita tua, di votare per un Partito piuttosto che per un altro per aver letto un manifesto per strada? Suppongo proprio di no, la domanda è retorica.
Sto cercando di dirti che, banalmente, ciascuno ha il governo che si merita e l'Italia merita Berlusconi. Di più: lo merita anche per la prossima legislatura, perché non noto alcun anelito di ravvedimento. Quando la fame sarà quella vera, ne riparleremo. Ma da parte mia, dall'estero, non ci sarà più solidarietà alcuna: io l'ho pagata in prima persona, ora ho capito parecchie cosette del popolo cosiddetto di sinistra italico. Che, alla stregua degli stalinisti (io ero e resto comunista) degli anni '30, preferiscono prendersela con chi gli è simile ma non uguale, piuttosto che col nemico di classe. Con certi amici, come suol dirsi, i nemici non servono.

Mark Bernardini 09.06.05 22:09| 
 |
Rispondi al commento

E' l'ennesima conferma che abbiamo veramente sbagliato tutto!!!
--------------------------------------------------------------------------------

MANDIAMOLI A LAVORARE :


Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA' e senza astenuti (ma và?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa € 1.135,00 al mese.

Inoltre la mozione è stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali.


STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE

STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese

PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)

RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese

INDENNITA' DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00)

+

TELEFONO CELLULARE gratis

TESSERA DEL CINEMA gratis

TESSERA TEATRO gratis

TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis

FRANCOBOLLI gratis

VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis

CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis

PISCINE E PALESTRE gratis

FS gratis

AEREO DI STATO gratis

AMBASCIATE gratis

CLINICHE gratis

ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis

ASSICURAZIONE MORTE gratis

AUTO BLU CON AUTISTA gratis

RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per ora!!!)

Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l'auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)

La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.

La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!

Far circolare.......si sta promuovendo un referendum per l' abolizione dei privilegi di tutti i parlamentari............ queste informazioni possono essere lette solo attraverso Internet in quanto quasi tutti i massmedia rifiutano di portarle a conoscenza degli italiani......

PER FAVORE CONTINUATE LA CATENA.

.................................................

RIPORTO E DIFFONDO QUESTA E-MAIL CHE HO RICEVUTO.

GRAZIE ANCORA BEPPE PER QUESTO SPAZIO!!

raffaella 09.06.05 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Alla lista andrebbero aggiunti anche coloro i quali sono stati riconosciuti colpevoli di reati, però con la concessione delle attenuanti generiche hanno avuti ridotti i tempi di prescrizione. Quindi non condannati per sopravvenuta prescrizione.
Trattasi ad esempio di un paio di scartine (Berlusca e Andreotti) per un due sciocchezzuole quali corruzione di magistrati e concorso con mafia. Anche questi sono atti pubblici. Loro hanno la fedina immacolata ma, al loro confronto, i 20 è come se avessero preso una multa per una cicca gettata in terra.

Guido Maselli 09.06.05 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Cari tutti, circa sei mesi fa in Inghilterra, il numero due dei Labour ed Ministro dell'interno David Blunkett, fu costretto a dimettersi poichè utilizzò la sua influenza per accellerare le pratiche di un permesso di soggiorno relativo ad una sua ex governante (http://www.equilibri.net/europa/uk705.htm). In Italia una cosa del genere non avrebbe fatto notizia, ed il peggio è che la gente non si sarebbe neanche scandalizzata più di tanto. Le dimissioni poi, roba da confini della reltà. Sono sempre più convinto che una legge apposita sia la soluzione più appropriata. Saluti a tutti

vito valiante 09.06.05 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Simpaticissimo Beppe Grillo, ormai è diverso tempo che partecipo ai tuoi spettacoli e seguo il tuo blog, ma devo farti rilevare che non condivido il contenuto generico della notizia apparsa il 7 Giugno 2005 dal titolo: Basta! Parlamento pulito!.
Secondo me non andrebbero piu' ricandidati e quindi non dovrebbero piu' sedere in parlamento solo coloro che sono stati condannati per reati gravissimi (es. corruzione, associazione per delinquere, etc). Pertanto, bisognerebbe accertare per quali reati sono stati condannati i parlamentari riportati in elenco sul tuo blog. Le generalizzazioni fanno male all'informazione e ingenerano confusione nell'opinione pubblica.
Cortesemente non lasciarti influenzare anche tu dalla forza dei numeri, altrimenti finisci per essere uguale a tutti coloro che credono di fare informazione.
Grazie

Sergio Amedeo Rizzuti 09.06.05 20:15| 
 |
Rispondi al commento

attivati....

agostino.pasqualino@la7.it 09.06.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

In linea di principio chi rappresenta il popolo dovrebbe essere "pulito", anche se qualche scheletro nell'armadio lo abbiamo tutti. Non si può certo mettere però sullo stesso piano chi è stato condannato per un "semplice" reato tipo la diffamazione con chi è stato condannato per associazione a delinquere o truffa aggravata. Quindi penso che l'idea di per sè sia giusta ma da attuare facendo delle dovute distinzioni.

Leonardo Boni 09.06.05 18:12| 
 |
Rispondi al commento

aderisco volentieri e, nel mio piccolo farò circolare

manuela bonan 09.06.05 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Magari a mandarli via, comunque ben fatto e sono pienamente d'accordo con te Beppe.
Mandiamoli a casa , ma sopratutto mandiamoli a lavorare perchè così avremo meno persone sulle spalle. In parlamento sono sempre assenti + o - ma quando si sono riuniti per aumentarsi lo stipendio (e che stipendio) erano tutti presenti.

Pacifico Foresi 09.06.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Per Adriano Farano:
vuoi dire che non credi che quegli uomini siano stati davvero condannati, oppure che trovi ingiusta l'iniziativa?

Paolo Rossi 09.06.05 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Questa lista mi ricorda le tristi liste di proscrizione. Correva l'anno 82 a.C. e un certo Silla, dittatore, infranse tutte le libertà repubblicane con un'iniziativa che ricorda quella del Dott. Grillo...

Adriano Farano 09.06.05 17:55| 
 |
Rispondi al commento

E' proprio vero, aderire a questa iniziativa è giusto, ma dovremmo farlo tutti in silenzio e col capo chino, come agisce chi rimedia a un errore di cui è corresponsabile.

Invece siamo proprio italiani, sempre pronti a urlare e puntare il dito... a Gesù gli è andata bene quando ha detto "Chi è nato senza peccato scagli la prima pietra", perchè se c'era un italiano gliela ficcava dritta in fronte!

Siamo tutti santi :-)

Paolo Rossi 09.06.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Speriamo nell'Euro e comunque date un'occhiatina qui:

http://www.sancesario41018.it/pages/politici.asp

Ciao Beppe e continua così

Germano Bianconi 09.06.05 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Mettiamola così, probabilmente è la parte di parlamento che più fedelmente rappresenta il mio popolo.

Bisognerebbe piuttosto verificare se la percentuale di parlamentari condannati coincide con la percentuale di italiani condannati, nel qual caso anche questi sono perfettamente rappresentati!
...o forse sono anche pochi?

Ogni giorno siamo il popolo del "...chi ha dato ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto ha avuto, scurdammoce o passato simm'e Napule paisà!"

Massimiliano Montelatici 09.06.05 17:36| 
 |
Rispondi al commento

OK Beppe!!!
Ora la mando....VIA!!!

Fabrizio Delfino 09.06.05 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Non ho letto gli 800 e passa commenti precedenti (tanto lo fai già tu) per cui non so se qualcun altro già te l'ha segnalato, ma nell'elenco non dovrebbe figurare anche il tesserato P2 n° 1816, condannato a 8 mesi (condonati) per false dichiarazioni davanti a un giudice?

Enrico Pacenti 09.06.05 17:07| 
 |
Rispondi al commento

aderisco all'iniziativa

giuseppe de santis 09.06.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao! Ho appena mandato la mail a Barroso.
Segna +1 nel conteggio, Beppe! :O)

Luca Beato 09.06.05 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Ha senso mandare queste mail se almeno 4 (a mia memoria) di questi soggetti sono anche parlamentari europei????

Anto Villico 09.06.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

vai Beppe siamo con te.

feliciano. baiocco 09.06.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

beppe sono con te, vai avanti!!!

B.F.

baiocco feliciano 09.06.05 15:24| 
 |
Rispondi al commento

fate tutti schifo!!!

fabrizio timperi 09.06.05 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

ci volevi proprio tu per pensare ad una cosa così semplice e a mio avviso decisamente giusta.
Pensa a quante limitazioni e umiliazioni un povero cittadino condannato deve sottostare...e poi permettiamo ad un condannato di rappresentarci in parlamento.

Hai ragione questo paese è proprio marcio dentro, è il paese dei DINOSAURI...ma l'adoro e per questo farò di tutto per cambiarlo.

Continua così sei grande!!

michele mininni 09.06.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento

XXXXXX TUTTI QUELLI CHE SI INTENDONO DI COMPUTER

Qualcuno mi può se si può fare ed in caso affermativo come si fa a mettere la "bandierina"
anche sulle mail?
Grazie!
Rita

Rita Porrega 09.06.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe e cari amici,
come dicevano i nostri "vecchi" il pesce comincia a puzzare dalla testa.....

Prima puliamo il palazzo e conseguentemente dovremmo avere anche un Parlamento pulito.

Democraticamente con il voto.

Ciao

daniele cravero 09.06.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho qualche dubbio: l'uso della giustizia per evitare che qualcuno si candidi di lontana memoria, ad esempio.
E' che il sitema giudiziario non è dei più limpidi: Berlusconi paga un giudice e questi gli cambia l'esito del processo. Berlusconi corruttore, in galera.
Ma il giudice che si fa corrompere? Vittima? Complice? Concussore? (si dice così?)
Con una tale "giustizia" dove vogliamo andare?

Pistu Lino 09.06.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

LE STORIELLE DELL’EURO E DELL’UE
I’U AND I’URO SMALL STORIES

ULTIMA PUNTATA n. 7

La soluzione finale (parte 2)

Premessa: il capitalismo e lo sviluppo dei paesi occidentali si basano su una sola legge. Il PIL deve crescere sempre, anno dopo anno.

Qui il discorso si fa ancora più filosofico. Ma semplice da capire comunque. Infatti una teoria realistica non può ammettere che esista qualcosa in grado di crescere costantemente nel tempo. Non ha alcun senso. Invece politici ed economisti fanno credere ai gonzi che la crescita zero del PIL è la catastrofe senza ritorno, da scongiurare ad ogni costo. Quindi è una corsa senza freni al profitto continuo, sempre in crescita. Senza curarsi degli effetti che questo ha sulla vita di tutti i giorni. I politici hanno tutta la convenienza nel fare credere ai gonzi che le cose vanno male o, nella migliore delle ipotesi, che dovranno andare meglio. Sono di sinistra? Allora va tutto male perché gli altri sbagliano tutto. Sono di destra? Allora tutto va benissimo e, se non ne siete ancora convinti, investiremo così tanti soldi che il prossimo anno la crescita economica sarà a due cifre, come quella dei cinesi. Tutti saremo di anno in anno più ricchi. E i gonzi, da una parte e dall’altra, contenti abboccano! Tutti hanno soluzioni per garantire una crescita stabile e duratura. Tagliamo le tasse? Sìììì, grande, bravissimo!!

Anche qui la soluzione invece sarebbe semplice, almeno concettualmente: UNO STATO STORICAMENTE “RICCO” SI PUO’ PERMETTERE DI RALLENTARE, AL LIMITE DI ANDARE INDIETRO.

Inoltre non si devono dimenticare alcune cose della massima importanza, che rafforzano la validità della soluzione proposta:

A - Crescita costante vuol dire anche aumento costante di energia da “bruciare”; la temperatura del pianeta aumenta e il collasso del pianeta stesso si fa ogni giorno più vicino.

B - “Bruciare” ogni giorno sempre più energia per crescere vuol dire inquinare l’ambiente a livelli insostenibili; le malattie aumenano e la popolazione comincia a morire a frotte causa gravissime patologie prima meno diffuse.

C - Crescita costante vuol dire sempre più rifiuti da smaltire; rifiuti che già oggi non si sa dove mettere; rifiuti il cui smaltimento comunque è inquinante.

D - Non dimentichiamo che in moltissimi paesi del mondo la gente è costretta a vivere con 1 euro al giorno!! Far credere agli “europei” che 2000 euro al mese non sono sufficienti per tirare a campare, mi sembra quanto meno azzardato; gli sforzi dovrebbero essere invece mirati a bilanciare questi squilibri.

Fine dele storielle.

Saluti a tutti.

ivan verdi 09.06.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Nell'elenco parlamentari condannati in via definitiva c'era la sigla "FI".
.... certo che carognoni questi fiorentini eh ?
;-)

Marco Gioanola Commentatore in marcia al V2day 09.06.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

x Fabio Greggio

Purtroppo molte persone, e per carità affatto colpevoli, sia per età sia per forzata appartenenza ideologica, ancora stentano ad accettare realtà di fatto inconfutabili che molti libri confermano...testi che purtroppo in libreria troviamo in basso negli scaffali, nascosti, oppure che non troviamo affato perchè in qualche modo boicottati.
Beppe ha stilato una lista di parlamentari **notoriamente** condananti, vorrei riportare una lista di questi libri:
1. Regime (Marco Travaglio e Peter Gomez)
2. Il pollaio delle Libertà, meno grazia, più giustizia (Marco Travaglio)
3. Berlusconi. Gli affari del presidente (Giovanni Ruggeri - introvabile in libreria)
4. Il manuale del perfetto impunito. Come delinquere e vivere felici (Marco Travaglio)
5. L'odore dei soldi (Marco Travaglio e Elio Veltri)
6. Milano degli Scandali (Gianni Barbacetto e Elio Veltri)
7. Da Craxi a Craxi (Elio Veltri)
8. Manifesto per un paese normale (Elio Veltri)
9. Il processo. Storia segreta dell'inchiesta Fiat (Marco Travaglio)
10. O mia bedda Madonnina (Goffredo Buccini e Peter Gomez)
11. L'intoccabile. Berlusconi e cosa nostra (Peter Gomez e Leo Sisti)
12. Bravi ragazzi (Gianni Barbacetto, Peter Gomez e Marco Travaglio)
13. La repubblica delle banane (Gianni Barbacetto, Peter Gomez e Marco Travaglio)
14. Lo chiamavano impunità (Gianni Barbacetto, Peter Gomez e Marco Travaglio)

... Mi sono più volte chiesto se tutto questo fiume di parole, di prove e di testimonianze, anche di persone che oggi non sono più con noi poichè **arse vive** nell'esplosione di una bomba, fosse falso o opera di una montatura ... ma proprio non riesco a cedere alla tentazione di credervi :-)

Enrico Giuga 09.06.05 14:20| 
 |
Rispondi al commento

La mail l'ho mandata, e, per ora, non ho ricevuto nessuna "disdetta".

Ora mi sorge un dubbio però:

NON E' CHE PER CASO ANCHE BARROSO HA UN PASSATO POCO LEGALE? ahuahauhauhahu!

Sarebbe il colmo... ma ormai siamo abituati a tutto

Alessandro Cremonini 09.06.05 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
Volevo rispondere ad un msg che ho letto all' inizio e quindi lo citerò tutto così da non farvi diventare matti per cercarlo:
"Beppe, su questa storco il naso, un pò.
Sarà che mi sento democratico e tutto, e che ragiono un pò sul mondo delle idee, ma non mi va di togliere ad una persona la possibilità di sedere in parlamento una volta pagato il trito e ritrito "debito verso la società"

Certo, tu mi parli di farabutti che probabilmente non hanno ucciso nessuno e siedono in parlamento sentendosi innocenti da sempre, gente che quei reati "ma, chi? Io? ..non ho mai fatto nulla di male.." Hai ragione a prendertela con loro, ma non fino al punto di vietare ad un condannato di sedere in parlamento.
..starebbe ad un elettorato più attento, la decisione di mandare o no in parlamento un rappresentante del genere."

Allora vorrei solo dire una cosa.
Ok che la Democrazia deve permettere a tutti di poter accedere al parlamento, allora spiegatemi questa, se viviamo in uno stato democratico perchè quando fai un colloquio di lavoro vogliono la tua fedina penale? E perchè se c'è scritto che sei stato arrestato per "presunto" spacio (magari ti hanno beccato con 2 grammi di hashish") molto probabilmente il lavoro non lo trovi?
Allo stesso modo, anzi a maggior ragione, perchè un parlamentare con la fedina penale sporca (ancora di più del tipo di prima arrestato con 2 grammi di hashish) dovrebbe rappresentare i cittadini italiani in parlamento?

W lo stato democratico delle banane e delle scimmie corrotte

Marco Trognoni 09.06.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Oggi i giornali riportano la notizia che il Presidente della Regione Sicilia Totò CUFFARO HA AMMESSO DI AVERE CHIESTO VOTI ALLA MAFIA (confermando le deposizioni del pentito Siino) SOLO CHE NON SAPEVA CHE I SUOI INTERLOCUTORI ERANO MAFIOSI...

AHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHHAHAHAHAHAH

Grazie a Cuffaro non ridevo così da anni.
Luigi

Luigi Luigi 09.06.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

mi date perfavore l'indirizzo a cui mandare la e-mail? grazie..

michel torrisi 09.06.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Scusatemi, l'email di protesta l'ho inviata tre volte di suguito. Non mi dite che ho sbagliato!
Ieri ho avuto seri problemi, per la rabbia di non
riuscirci! Dovevo pure un poco sfogarmi!!!!!!


P.S. Piccolo messaggio per la sig.ra Ivana Iorio.

Provi a contattarmi.
Siamo della stessa provincia. Io forse capisco di più i suoi sfoghi!!!!!!!Sono un incazzato come Lei, ma non leghista però.

gennaro tosti 09.06.05 13:29| 
 |
Rispondi al commento

L'email l'ho spedita. Sbaglio ho ne ho letto qualcuno di FI.

Blob di ieri era molto figo.

Cristian Caula 09.06.05 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Non sono pienamente d'accordo. Il regime fascista utilizzava la magistratura per spostare persone scomode e impedire loro di fare politica: per evitare ciò è nato il principio dell'immunità parlamentare.
Mi viene poi tristemente da pensare che con la mentalità che contraddistingue l'italietta che sopravvive a tutte le recessioni saranno in pochi ad essere scandalizzati da un onorevole che patteggia una condanna per concussione.

Infine nella lista vedo insieme:

>Umberto Bossi (eurodeputato e segretario Lega Nord):
>8 mesi definitivi per tangente Enimont.

e

>Roberto Maroni (deputato Lega Nord e ministro Lavoro):
>condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni per resistenza a pubblico ufficiale durante la
>perquisizione della polizia nella sede di via Bellerio a Milano.

Secondo me c'è una grossa differenza tra i due.
La democrazia pretende che ognuno di noi sia garantista per gli altri quanto per se stesso.
In ogni caso io comincerò con il non votare per nessuno dei suddetti signori e per le liste che li ospiteranno.
Caro Beppe, aggiornaci la lista almeno ogni 6 mesi pls!

Massimo del Vecchio 09.06.05 13:21| 
 |
Rispondi al commento

risolto!

marco capizzi 09.06.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

E pensare che quando bandiscono il concorso da usciere pretendono che gli aspiranti abbiano una fedina penale cristallina. Che facce di bronzo!

massimiliano Arcangeli 09.06.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, su questa storco il naso, un pò.
Sarà che mi sento democratico e tutto, e che ragiono un pò sul mondo delle idee, ma non mi va di togliere ad una persona la possibilità di sedere in parlamento una volta pagato il trito e ritrito "debito verso la società"

Certo, tu mi parli di farabutti che probabilmente non hanno ucciso nessuno e siedono in parlamento sentendosi innocenti da sempre, gente che quei reati "ma, chi? Io? ..non ho mai fatto nulla di male.." Hai ragione a prendertela con loro, ma non fino al punto di vietare ad un condannato di sedere in parlamento.
..starebbe ad un elettorato più attento, la decisione di mandare o no in parlamento un rappresentante del genere.

davide tagliabue 09.06.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ecco l'ennesima tua ottima iniziativa........
di persone come te ne abbiamo veramente bisogno...
continua cosi...
ma tu pensi che Barroso non sappia queste cose?
con te a prescindere......GRANDE!

ugo burranca 09.06.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Da: MAILER-DAEMON@swip.net
Data: 06/09/05 11:50:09
ciao a beppe grillo e a chi si occupa del sito

intanto grazie di avera aperto questa finestra di controinformazione
la controinformazione serva ad ossigenarci il cervello e a tenerci svegli su quanto accade intorno a noi
Ho provato a mandare la mail di sollecito a Josè Maria Barroso in merito ai parlamentari condannati incompatibili con le cariche parlamentare ma credo che venga respinta all'istante dai sistemi di sicurezza del parlamento europeo, ho copiato qui sotto una di queste mail di risposta:
se potete darmi una mano a risolvere il problema sono disposto a riprovarci
ciao Fabio

A: fabio.silva@tele2.it
Oggetto: Undeliverable mail: Basta! Parlamento pulito! - Enough! Clean Parliament!


Failed to deliver to 'info@beppegrillo.it'
SMTP module(domain beppegrillo.it) reports:
host mail.beppegrillo.it says:
554 Service unavailable; [212.247.154.225] blocked using dnsbl.isoc.bg

fabio silva 09.06.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti,
IO HO MANDATO L'E-MAIL A BARROSO.
MA DOBBIAMO ESSERE NOI ITALIANI, E QUESTO ANCORA NON LO ABBIAMO CAPITO,A DECIDERE CON IL NOSTO VOTO CHI DEVE SEDERE A ROMA.
INVECE PENSIAMO SOLO ALLA BANDIERA POLITICA E NON AL PERSONAGGIO,
SIAMO NOI CHE DOBBIAMO DECIDERE .
CIAO

marco barattieri 09.06.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Però mica male l'idea!

Daniele Nerozzi 09.06.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori