Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I nuovi poveri

  • 735


centralino.jpg

Anna, operatrice di call center della Cosmed del gruppo COS (che ha migliaia di addetti call center in Sicilia) a Misterbianco, Catania, ha guadagnato in un mese 109 euro.

Ha lavorato quattro ore e mezzo per sei giorni alla settimana, un totale di 108 ore per 109 euro. Un euro all’ora.

Sindacati dove siete?

Il gruppo COS è di proprietà di Alberto Tripi, a cui Tronchetti Provera ha venduto la Finsiel, il primo gruppo italiano informatico per dimensioni, per rilanciare l’informatica italiana.

Cosa pensano le persone di Finsiel di questa operazione lo si può leggere sul loro sito.

I call center sono nati come servizio più o meno efficiente per risolvere i problemi dei clienti.
Oggi sono evoluti. Servono a vendere. Rompendo i c…i anche il sabato mattina a casa per la vendita di un nuovo servizio di Telecom o di Wind.

Ma la legge sulla privacy non dovrebbe vietarlo?

Le vittime sono questi ragazzi e ragazze senza alternative dopo il diploma o la laurea, senza tfr, malattia, ferie.
Buttati a fare telefonate a cottimo, pagati 25 centesimi lordi per ogni telefonata che superi i 25 secondi.

Se ricevete una telefonata da uno di loro, non siate sgarbati, parlate del più e del meno e, mi raccomando, superate i 25 secondi prima di salutarli.

10 Giu 2005, 13:30 | Scrivi | Commenti (735) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 735


Commenti

 

Altro che referendum, qui ci vogliono subito le elezioni...
Saluti da un aspirante programmatore nauseato...

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 15:56| 
 |
Rispondi al commento

I nuovi poveri non solo solo questi poveri ragazzi dei call center ma anche le nuove famiglie con due lavori e due figli e che hanno per vari motivi cercato e avuto bisogno di prestiti ed ora pagano prestiti di 1000 eruo al mese e un affitto di 850 euro mese.Conclusione? più poveri di così!1900 euro mese tra affitto e prestiti e quello che rimane da due buste paga normali da 1200 euro mensili si sopravvive fra rate asilo, bollette, mantenimento auto e spese mediche e legali (perchè ci hanno imbrogliato quando stavamo prendendo casa e adesso sono 5 anni che aspettiamo di vincere una causa ma...niente....tutto sospeso)..-....c'ho na rabbia dentro che il fegato parte alla grande...

Francesco F. Commentatore certificato 13.05.13 23:55| 
 |
Rispondi al commento

So che il post è ormai invecchiato, ma l'argomento è ancora di stretta attualità!
Caro Beppe, inutile favorire gli operatori parlandoci per 25 sec.!!!!
Io ho lavorato in un call center a Catania, e avevo un collega veramente bravo a vendere, gli procurava contratti a iosa.....loro sai che facevano?....gli annullavano i contratti (x finta ovviamente) x pagarlo di meno!!!!
Se faceva 100 contratti ad esempio, gliene annullavano 40, x pagarlo di meno....ribadisco ovviamente quei 40 contratti erano effettivi!
Domani andro' a sostenere un colloquio di lavoro presso worknet, per andare a lavorare proprio in questo strafottuto call center di misterbianco.....parlano di un fisso....vabbè proviamoci!
Ma domani saro' implacabile, li tempestero' di domande, pretendero' un contratto (xkè al nord ci sono i contratti a progetto, qui si lavora in nero, nel nero + nero ke c'è), e soprattutto chiedero' se il fisso esiste effettivamente e soprattutto se verrà dato a priori o se solo al raggiungimento di un certo numero di contratti!
Essi', xkè io me l'aspetto la sola che il fisso scatta solo se faccio 2000 contratti....!
Se le cose non saranno limpide li mandero' affanculo, x 100 euro al mese sto a casa a grattarmi la pancia e a cazzeggiare su internet....
Spero che vada bene, ma non sono molto fiduciosa, il lupo perde il pelo ma nn il vizio....non posso credere che la cos prima ti dava 100 € al mese e ora ti promette un fisso di 400 €.... ma quando mai!!!!
Se non altro avro' la soddisfazione di non farmi prendere per il culo.....
Mia sorella ha fatto la formazione alla cos poki giorni fa....dice che il capannone era vuoto....chissa' come mai????

Sue Ellen Maestri 24.09.07 19:54| 
 |
Rispondi al commento

CARISSIMA LILLY O FORSE MEGLIO CHIAMARLA TITOLARE DELLA STUPENDA CALL CENTER TELECTRA.........ahahahahahahahahahah........Scusami se rido...ma hai sbagliato alla grande, hai avuto un grosso ABBAGLIO.....ahahah e comunque scusami ma non so se continuare a ridere o risponderti con un ..MAGARI!!!....perchè sarei davvero a capo di una bella azienda....mi spiacex te...cara FALLITA...sempre Lilly! :)

Lilly-soddisfatta e rimborsata 17.06.07 14:02| 
 |
Rispondi al commento

CARISSIMA LILLY O FORSE MEGLIO CHIAMARLA TITOLARE DELLA STUPENDA CALL CENTER TELECTRA SITA SEMPRE A SAN SEVERO COME VEDO DIRE CAZZATE E' LA VOSTRA SPECIALITA' (FATE SCHIFO) CERTO, LA CAPISCO SENZA SARESTE GIA' CHIUSI E SENZA DIPENDENTI.
STATE ATTENTI!CHE TRA UN PO' IN UNO DI QUEI BELLISSIMI UFFICI PAGATI GRAZIE A NOI VI SARA' CONSEGNATO UN BEL TAPIRO D'ORO ANCHE SE L'ORO NON VI MANCA
DISTINTI E (SINCERI) SALUTI

SEMPRE NOI 16.06.07 14:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma vi lamentate tutti, chi più e chi meno, ma se questo lavoro non vi porta soddisfazioni, perchè non vedete altro? perchè sparlate ma continuate a rimanere in quel posto che tanto schifate? MAH, questo non lo capirò mai!!

Lilly l 11.06.07 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Cara call center telectra sita sempre a san severo come vedete il coraggio di risponderla non mi manca ci mancherebbe altro anzi……….
Ha anche il coraggio di dire Vergogna? Ma si vergogni lei di questo sfruttamento, invece di mettersi solo soldi in tasta ci dia un stipendio fisso per il tempo che noi trascuriamo li seduti, di certo a non perdere il nostro tempo ma a lavorare .
Quando dico stipendio fisso intendo fisso non se si raggiungono un tot di ore lavorative per essere pagati al mese una misera somma di 150 euro.
Questa e’ bella voi che ci pagate 5 euro ad attivazione ma che attivazioni poi?
Quelle misere 5 euro sono sudate da noi operatori poichè si chiamano quei poveri anziani che non capiscono nulla di pc e adsl rovinandoli dando loro un contratto (Alice adsl) che in bolletta risulteranno altre voci in piu’ da spendere ma dov’e’ la vostra faccia, dove la mettete, Dov’e’ la serietà?
e non dite che ci rimettete voi come azienda se non riusciamo a quei poveri (come noi) ad attivare. Voi come azienda ci guadagnate ugualmente anche solo con le nostre telefonate con il nostro sudore e le nostre corde vocali per non aver nulla in tasca …..
La verità che oramai i call center stanno andando sempre piu’ in fallimento i clienti non si fidano, sono stufi……… specie quei poveri anziani che vogliono solo esser lasciati in pace .
Non vi preoccupate già sono state informate di tutto chi puo’ dar risposta a tutto cio’
DETTO CIO’ SOLO UNA DOMANDA MI VIEN DA DIRE QUALE PUO’ ESSERE IL NOSTRO FUTURO LAVORANDO DA VOI ? E NON DITE IL 187 ALTRIMENTI MI VIEN DA RIDERE LO SANNO TUTTI, TUTTA SAN SEVERO CHE NON DIVENTERA’ MAI
ANZI SE VOLETE GIA’ SO LA RISPOSTA: IL FUTURO E’ SCAPPAR VIA ALTRIMENTI SAREMO POVERI E SENZA (PENSIONE) .

SAN SEVERO

POVERI NOI 22.05.07 12:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno a tutti e al signor Beppe.
Ho da chiedere al signor Beppe una sua opinione relativa a cosa fare con il Tfr.
Io sono, credo tra le poche persone, che non si fida delle varie assicurazioni sulla vita, sull'infortunio e quant'altro che hanno più clausole negative scritte in piccole che altro ...
Sarei intezionata a lasciarlo in ditta, credo sia questo il gergo che si usa.
Se per favore quando ha un attimo di tempo se mi può esprimere la sua opinione.
Chiara Guzzon da San Martino di Lupari provincia di Padova, sono impiegata in una ditta metalmeccanica.
In attesa auguro una felice giornata

Chiara Guzzon 16.05.07 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti!vi scrivo perchè sono nel mare dell'incertezza riguardo alla destinazione del TFR. Anch'io, come tanti, a fine giugno dovrò scegliere come investire questo fondo. La mia azienda ha inviato a tutti i dipendenti una Circolare informativa riguardante la Previdenza complementare e il conferimento del TFR, ma credetemi! dopo averla letta ero più confusa di prima...
Potreste farmi capire qua'è il modo più giusto, ma soprattutto il modo più "sicuro" per impiegare quelli che sono il frutto di anni di lavoro?
grazie mille! un saluto a tutti!

silvia zara 16.03.07 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe, se posso vorrei solo puntualizzare quanto detto nel mio precedente commento, io sono grato all'azienda Mercatone Uno perchè è stata l'unica a credere in me, la mia critica è rivolta al sistema che non permette alle persone di essere loro stesse promotrici di iniziative utili al luogo di lavoro, quando dico lingua mi riferisco al fatto che la maggior parte delle volte l'idea si ferma al solo concetto verbale e non viene approfondita.
Oggi e anche grazie al luogo in cui lavoro se sono riuscito a vincere le mie difficoltà.
grazie.

Massimiliano Franzon 18.02.07 00:26| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe, ho 37 anni e ti seguo da quando ero piccolo, mi hai sempre fatto sperare che come te ci fossero altri italiani che la testa la usano davvero. Se posso e se ne hai voglia ti racconto brevemente la mia storia. Dai 16 ai 26 ho usato eroina, lo so sono stupido ma è cosi. La usavo perchè ero cosi timido da senbrare scemo eppure avevo anche io tante cose da dire, e l'eroina mi faceva diventare una persona che nell'apparenza stava nella società.
La realtà e che ho sempre sofferto, io e la mia famiglia. Finalmente a 26 anni decido di smettere e vado in comunità, una comunità dura creata per i reduci del vietnam che tornavano dalla guerra fatti di tutto. Li ho avuto modo di conoscermi e di capire perchè le mie paure avevano il sopravvento su di me. Finita la comunita un'operatrice della stessa si innamora di me, io cazzo ero cosi felice che finalmente dicevo è finita la sfiga, finalmente sono come tutti gli altri, l'illusione però è durata poco, lei più che altro voleva divertirsi e ha schiacciato tutti i miei sentimenti. No non può essere era rimasto tutto come prima, come senon bastasse muore mio zio, ti dico solo che da piccolo mi portava a Torino ai festival dell'Unità e che con lui parlavo di tutto.
Sono caduto in una forte depressione con forti attacchi di panico. Mi ricordo che durante una delle tante visite mediche il preside dell'universutà di psichiatria di Torino disse a mia madre che non avevo speranza.
Piano piano ho iniziato un'altra vita, tra medicine, attacchi improvvisi e preghiere ho dapprima smesso dinascondermi in casa, e poi ho iniziato a lavorare. Io sono diplomato ma ho riiniziato pulendo tutti i giorni un officina meccanica. Adesso lavoro al Mercatone Uno al mio paese, mi sono preso delle rivincite, ma sento che comunque per me non ci sonooccasioni.
Dove lavoro si fà carriera con la lingua, io avrei tante idee ma mi cadono le palle, la gente non fa altro che mettersela nel culo.
L'italia è cosi perchè siamo noi ad essere mediocri.ciao

Massimiliano Franzon 17.02.07 21:31| 
 |
Rispondi al commento

Sul TFR tutti d'accordo: destra, sinistra e sindacati. In futuro servirà a finanziare una pensione integrativa alla nostra misera paghetta che l'INPS ci darà ogni mese da vecchi.
Vorrei farvi due domande:
1. ma voi li daresti i vostri soldi a qualcuno che non conoscete, che non vi dice in quali società le investirà, che non è in grado di dirvi ogni volta che lo volete se ci state perdendo o guadagnando e, senza poter recedere prima di un certo numero di anni?
Con la riforma del TFR lo farete. E se questi fondi privati facessero sparire in nostri soldi e dichiarassero bancarotta? E' già succeso, no?
2. ma voi i vostri soldi li dareste alla terza persona più indebitata del mondo?
Con la riforma del TFR glieli darete perchè l'INPS è dello stato che ha il terzo debito pubblico più alto del mondo.

luca lamacchia 11.02.07 12:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho trovato il sito, il blog, ecc. oggi quando esasperata dall'ennesima telefonata di un call center telecom sono andata a cercare informazioni su come poter far smettere questo continuo ed inutile squillare del mio telefono.

Mi dispiace per le vostre paghe, mi dispiace che vi sfruttino, mi dispiace se questa è per voi l'unica possibilità di lavoro, ma provate a capire anche chi, come me, si deve alzare dalla sedia che si trova davanti al suo pc, dove sta lavorando e cercando di concentrarsi, per rispondere al telefono e trovare voi che volete convincerci all'acquisto di questo o quel servizio e prodotto.
Non stiamo parlando di una o due telefonate al mese, ma di decine e decine, spesso per più di una volta al giorno, per poi scoprire anche che la stessa compagnia che mi fornisce il servizio ADSL, non si degna nemmeno di rendersene conto e mi telefona per vendermelo un'altra volta....

Mi dispiace se vi pagano poco, ma questo non giustifica la vostra frequente maleducazione, le parolaccie dette a mia suocera perchè essendo anziana non capiva, l'insistenza e l'invadenza nel telefonare dopo che vi viene detto "il titolare non vi vuole parlare, non ci interessa!" e voi richiamate e richiamate più volte sperando che sia lui a rispondere ed innervosendovi perchè non ve lo passo...sarà un nostro diritto quello di scegliere con chi comunicare e con chi no??? O non lo è?

Non è giusto che si lavori nelle vostre condizioni, ma non è giusto nemmeno ritrovarsi a subire tutto questo perchè malgrado tutto è un abuso...non me la prendo con tutti voi, ma fate un lavoro che purtroppo infastidisce la gente, cercate almeno di rendervene conto e così come ci chiedete di avere pazienza provate anche a mettervi in condizione di meritarvela

Paola Poggi 02.02.07 15:41| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere cosa posso fare del mio tfr e cosa faresti tu del mio tfr se fossi al mio posto.
sono un ragazzo di 25 anni e lavoro nel campo della meccanica da 6 anni mi occupo di progettazione di stampi e industrializzazione del prodotto sono un impiegato di 5 livello in un azienda di 500 dipendenti circa.
te ne sarei grato se mi daresti un consiglio a riguardo.
grazie

daniele previtali 18.01.07 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Sto appena iniziando la mia esperienza in questo settore del telemarketing! e in generale voglio affermare che in questo settore come nella vita ci vuole soltanto OTTIMISMO e PAZIENZA! penso ai poveri ragazzini rom morti in un incendio nella mia cittadina di residenza ad Orta di Atella! e penso quanto siamo fortunati anche nel possedere questo"pseudo-lavoro", invece di lamentarci continuamente per i soldi che non ci sono, per lo pseudo-sfruttamento di laureati frustrati e depressi! Godetevi la vita, anche le cose semplici e piccole... non voglio fare paternalismi e divulgare perle di saggezza! Ma, sfogarsi fa bene e aiuta, invece continuamente e inutilmente rende solamente l'animo amareggiato e senza sbocchi di uscita, che possono essere nel tempo libero la ricerca di un lavoro più gratificante o la semplice carezza data a un cagnolino in cerca di affetto! si!! so cosa mi aspetterà, ho già avuto una certa esperienza a riguardo! ma quando riceverò i continui no, lamentele o parolacce e sfotto diretti e di sottofondo, penserò alla fine che le offese resteranno a loro e all'ignoranza, superficialità, menefreghismo e vanagloriosa sicumera di chi me le dirà... mai arrendersi, andare sempre avanti... comunque sia, lottando a denti stretti, finchè anche nella caduta e nella delusione che può portare questo lavoro, ritenere e essere convinti che alla fine abbiamo tentato di andare avanti senza mai arrenderci!
Pensate, un tempo c'era la guerra, l'analfabetismo, la dittatura, la povertà più dilagante ( anche se adesso è presente , è comunque nascosta di più), la medicina alle prime armi ( si moriva per una semplice poliomelite). Adesso, se ci lamentiamo, comunque, è per lo sfruttamento nei call-center! la vita non sarà mai perfetta, ci sarà sempre qualche problema, e vorrà dire che questo sarà quello del nostro secolo, insieme a tanti altri ancora molto peggio...

Stefania Pepe 07.01.07 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Vedo che siamo davvero in tanti. Io lavoro in un call center inbound, cioè assistenza clienti. E per fortuna ho un contratto stabile, e di ciò non mi posso lamentare. Ma condivido quanto detto a proposito dello stress che questo lavoro comporta, dei problemi fisici e psichici che arreca a tutti noi. Sarebbe un lavoro tranquillo o cmq accettabile se dall'altra parte del filo ci fosse sempre gente civile ed educata. Purtroppo spesso non è così e ci capita, ingiustamente di sentirci dire qualunque cosa, insulti, minacce e molestie di ogni genere, davvero inaccettabili, qualunque sia il problema esistente. Io sono una persona piuttosto forte, ma vi assicuro che un paio di persone sono riuscite a farmi piangere, per quanto offensive ed aggressive.
Aggiugo solo una cosa in risposta a chi a scritto:"Cambiate lavoro no?Per tutti sti call-center operatori(che sono anche tanti,anzi troppo)non avendo altre ambizioni nella vita,lo avete scelto voi il lavoro facile no". Innanzi tutto, non è affatto carino quello che scrivi, soprattutto se non conosci la nostra realtà. Sei proprio sicuro che abbiamo scelto noi questo lavoro?Non pensi che piuttosto, non siamo riusciti a trovare di meglio?Io sono laureata con il massimo dei voti, e come me tanti colleghi, in tre anni, dalla laurea a oggi, ho inviato tanti curriculum, fatto concorsi, ma nulla di serio è emerso. Secondo, ti posso assicurare che non è assolutamente un lavoro facile, che per essere assunti, c'è una lunga trafila, che per rimanere bisogna aggiornarsi continuamente, che i turni sono duri, e spesso non abbiamo neppure il tempo di un sorso d'acqua tra una chiamata e l'altra....Terzo, ti assicuro che le ambizioni noi le abbiamo, eccome, e abbiamo sogni e speranze, ma abbiamo anche delle esigenze quotidiane, e non possiamo stare fermi ad aspettare che giunga il lavoro dei nostri sogni....Tutti abbiamo una vita, una casa e una famiglia, o vorremmo crearcela, ma servono i soldi.

Monica C. 05.10.06 00:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao ragazzi ancora oggi lavoro in un call center, rispondo all'ormai tristemente famoso 187.
La situazione lavorativa è molto stressante. Indipendentemente dai contratti (che per l'amor di Dio sono importanti) lavorare in un call center ti porta automaticamente dopo un periodo ad avere problemi di stress e di ansia. io adesso non sono nessuno per dirlo e di conseguenza non posso dimostrarlo ma vorrei che qualcuno della materia provasse (magare gia forse qualcuno si sta muovedo ma io non lo so)a fare una ricerca in tale direzione. Lavoro in call center costituito da 600 operatori e a parlarne sento dire che quasi tutti stanno giu con l'umore. Forse è solo una mia paranoia ma quetso lavoro qualcosa nel cervello la provoca. Sarei felice se qualcuno fosse a conoscenza di qualcosa correlato a questo argomento.

carlo deviato 05.09.06 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Ancora una volta in un call center di Misterbianco è stato compiuto un abuso. Ancora una volta è stato calpestato il minimo diritto ad un lavoro stabile, equo, libero, dignitoso. Ivana Maugeri, una giovane donna che lavorava nel call center Incoming, è stata licenziata perchè incinta. Avete capito bene... perchè ha commesso il reato di aspettare un bambino. Ivana ha anche pensato di abortire pur di non perdere il lavoro. Non l'ho ha fatto. La sua straordinaria voglia di vita ha prevalso, ma ha perso il suo lavoro. Questo succede in Italia e non nel Sudamerica di cinquantanni fa. E c'è ancora chi dice che non bisogna cancellare la legge Biagi. E c'è chi ancora, anche a sinistra, continua a nascondersi dietro le flessibilità dello sviluppo. Si vergognino insieme ai mafiosetti delle Incoming.
Forza Ivana e la tua giovane vita in grembo.

Antonio Biuso 07.07.06 14:44| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe,
il tuo sito mi ha veramente rincuorato, credevo ormai che al mondo si fosse fatta la scelta di arrendersi alle ingiustizie e che nessuno avesse più voglia di dire veramente ciò che pensa...
ho visto che lavorare al call center non è stata solo la mia brutta esperienza, ma come me di tanti ragazzi ,specie universitari, che per poter mantenere gli studi, cercano di raccimolare qualche soldo a destra e a manca...figurati che non solo lavoriamo da mesi senza aver ancor percepito un soldo, ma l'altro giorno in vista delle elezioni politiche stavo esprimendo un mio modesto parere sul governo berlusconi, mi sono sentita richiamata in quanto il mio parere tipicamente di sinistra non era ben accetto in quel call center dove tutti a dire la loro sono "fascisti" ....lascio a te immaginare cosa mi è passato per la testa....mi auguro solo che delle nostre voci non resti solo un eco..ma che coloro a cui abbiamo dato il potere di governare cerchino di legiferare in materia garantendo cio che ci spetta.
P.S. Beppe sei grande. un saluto da Catania

Lucia Russo 31.05.06 21:33| 
 |
Rispondi al commento

http://www.splinder.com/media/comment/view/7763968
TRENKWALDER: 5 LAVORATRICI LICENZIATE La Trenkwalder, azienda di lavoro somministrato (interinale) con sede legale a Modena presente in diverse citta' italiane del centro/nord con oltre 50 dipendenti su base nazionale, ieri pomeriggio ha licenziato cinque lavoratrici modenesi senza alcun preavviso per riduzione del personale. 'La cosa sconcertante di questo atto- commenta la Filcams-Cgil in una nota- e' che in questa azienda esistono buone relazioni sindacali: l'anno scorso e' stato firmato uno dei primi contratti aziendali del settore' e proprio a marzo l'azienda aveva illustrato al sindacato e alla Rsa 'l'andamento economico dell'anno appena passato', con 'dati di crescita del primo trimestre 2006 superiori del 50% rispetto all'anno precedente e l'intenzione di procedere ad un'espansione con nuove filiali'. Il sindacato contesta all'azienda vari 'comportamenti scorretti': non avere informato preventivamente il sindacato dei licenziamenti, come previsto per legge e dall'accordo aziendale; l'inosservanza degli adempimenti obbligatori in tema di licenziamenti, che diventano cosi' inefficaci. Non solo: tra le lavoratrici licenziate, 'una e' in gravidanza, un'altra e' a casa per una grave malattia, mentre un'altra e' il Rappresentante dei Lavoratori alla Sicurezza'. Inoltre, 'un altro fatto gravissimo e' avvenuto in una filiale della regione: due responsabili dell'azienda che erano andati a consegnare il licenziamento immediato ad una lavoratrice, avendo questa chiesto chiarimenti sulle motivazioni del licenziamento, l'hanno aggredita sbattendola fuori dalla filiale. Questo episodio e' gravissimo- conclude la Cgil- ed il sindacato intende andare fino in fondo per evitare che al giorno d'oggi possano avvenire fatti simili'. In ultimo, un'altra anomalia: 'Tutti le dipendenti licenziate erano iscritte alla Filcams-Cgil di Modena.

stefano Dallai 23.05.06 01:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Comunque IO ho capito solo ed esclusivamente una cosa.Vi lamentate perche'alla fine del mese non riuscite ad avere il minimo ed indispensabile per mangiare?Cambiate lavoro no?Per tutti sti call-center operatori(che sono anche tanti,anzi troppo)non avendo altre ambizioni nella vita,lo avete scelto voi il lavoro facile no?l'avete voluta voi la bicicletta..no?allora pedalate oppure andate nel piu'vicino distretto militare della vostra citta'e vi arruolate no?Poi vi lamentate degli extracomunitari...eh gia'...loro si'che lavorano...ma non ho mai visto una filippina a perder tempo in un fottuto ufficio di callcenter propio come voi,o di chi si lamenta di questa situazione.Allora amici miei,alzatevi le maniche e andate a pulire voi le scale della vostra citta'...ah..no?questo vi fa'schifo vero??Ma non e'un lavoro da Italiano questo eh?ma perche',noi Italiani come siamo?e cosa facciamo?A cosa serviamo?A Nulla.In tutto questo secolo non abbiamo fatto altro che regredire invece di progredire e mi raccomando,IO,non sono nessuno per poter giudicare e neppure un inutile sindacalista che risolve i problemi della gente.Allora arrampicatevi ancora sugli specchi almeno mentre andate scivolando lascerete le vostre impronte cosi'un giorno potrete dire di aver combattuto per qualche cosa...solo per NULLA.Ora appoggiatevi pure a qualche altro Dio...magari quello del DON GALEAZZO...MANGIO E BEVO E NON FACCIO UN CAZZO...ammettetelo che non volete fare un cazzo.Cordialmente .JOSAEL.

josael gambino 21.05.06 21:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Faro' una segnalazione importante spero che venga accolta.Io come tanti ragazzi della mia eta' (24),per mantenersi gli studi,e anche per necessità lavora in un call center patner di TELECOM ITALIA,a Reggio Calabria.Questo call center non si differenzia molto dagli altri che voi avete gia' trattato nella vostra trasmissione,anzi gli è molto vicino.Partendo dal presupposto che c'è gente che lavora all'interno della struttura gia' pensionata da anni,quindi che non potrebbe lavorare.anche se questo è nulla confronto allo sfruttamento che noi operatori dobbiamo subire durante quelle sette ore di lavoro quotidiano.Il lavoro consiste nel telefonare ai clienti telecom di tutta italia e proporre prodotti, sulla vendita di ogni prodotto l'operatore ha degli incentivi,inoltre viene retribuito per ogni telefonata di 20c/E conclusa indipendentemente dall'esito.Quindi si puo' pensare che in sette ore di lavoro giornaliere si puo' arrivare a fine mese ad un bel gruzzoletto,ma non è cosi.Il contratto che abbiamo firmato fa comodo solo all'imprenditore e a chi gestisce la struttura,nel senso che il contratto a progetto Biagi non viene per niente risettato.Abbiamo un fisso mensile di 500 uero che ci verra' dato solo al raggiungimento dell'obbiettivo di vendita che è fissa dalla struttura,qualora arrivasse il mancato raggiungimento dell'obbiettivo l'operatore viene minacciato e intimidito da chi gestisce il call center ad andare via.Inoltre il contratto dice che il lavoro in sette ore lo gestisce l'operatore,ma in realta' non è così l'orario è rigido.Non si possono fare piu' di due pause di 5 minuti,dobbiamo chiedere il permesso hai supervisori di sala.I soprusi in quela struttura sono all'ordine del giorno.Spero che questo msg. venga letto e accolto perchè siamo stufi di essere sfruttati per pochi soldi al messe,oltre a subire i danni nella vita lavorativa siamo anche beffati sullo stipendio.Vi prego fate qualcosa.Grazie di cuore OPERATORE DANIELE.

daniele lauteri 21.03.06 16:41| 
 |
Rispondi al commento

AURELIO DI BENEDETTO MEDICO CATANESE FURFANTE!!!

MARCO MINNITI 19.03.06 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
io sono Francesco, fino a pochi mesi fa vivevo a Milano, lavoravo, sono nato e cresciuto lì.
Poi a seguito di alcune vicende della mia vita, mi sono trasferito a Roma.
A Milano, benchè la situazione del mondo del lavoro sia quella che conosciamo tutti, si hanno buone possibilità di trovare impieghi che danno una certa sicurezza.
A Roma, nonostante la mia lunga esperienza professionale, la mia disponibilità e la grande voglia di dare una svolta alla mia vita, mi ritrovo con un pugno di offerte alquanto vergognose;inoltre,non vi è assolutamente serietà da parte delle aziende e/o agenzie di lavoro Interinale.
Mi ritrovo dopo circa 6 mesi, a svolgere un lavoro presso una nota azienda di spedizioni e,nonostante abbia un contratto a tempo determinato, non mi viene data nessuna certezza di un eventuale inserimento nell'organico della stessa azienda; come se non bastasse, non vengo nemmeno messo nelle condizioni di svolgere il mio lavoro nel migliore dei modi.
Per arrivare al dunque, io mi chiedo:
ma oggi per avere un lavoro serio, che dia la possibilità di costruire un proprio futuro, cosa bisogna fare?
Vi chiedo se esiste un corso per diventare come certa gente che il posto ce l'ha, ma non ha assolutamente la preparazione per coprirlo.
Cordiali saluti a tutti

Francesco Marturano

Francesco Marturano 01.03.06 02:39| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere cosa pensa Beppe Grillo sulla legge rigurdante l'investimento dei TFR in fondi pensionistici e che consigli ci può dare in merito.Ciao e grazie

Francesco Ortore 28.02.06 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Credo che sia più dignitoso e salutare andare a pulire i cessi piuttosto che alimentare questo sistema di finto lavoro, tenuto in piedi (per modo di dire) da markettari ignoranti. Questo non è lavoro, è aria fritta che serve solo a fare numero nelle statistiche, che peraltro sono la cosa più lontana dalla realtà, o meglio, la più pilotata.

Sandra Giannetti 01.02.06 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Che trasferissero pure il call center in Albania o Romania ... magari daranno informazioni più precise di quelle dei lavoratori italiani !!!!!
Per risolvere un problema ho telefonato al 133 10 volte parlando con altrettante differenti persone ed ognuna mi ha dato informazioni diverse da quelle dell'altro !!!! Ed mio problema non è ancora risolto

nadia pellegrino 01.02.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che trasferissero pure il call center in Albania o Romania ... magari daranno informazioni più precise di quelle dei lavoratori italiani !!!!!
Per risolvere un problema ho telefonato al 133 10 volte parlando con altrettante differenti persone ed ognuna mi ha dato informazioni diverse da quelle dell'altro !!!! Ed mio problema non è ancora risolto

nadia pellegrino 01.02.06 17:44| 
 |
Rispondi al commento

Che trasferissero pure il call center in Albania o Romania ... magari daranno informazioni più precise di quelle dei lavoratori italiani !!!!!
Per risolvere un problema ho telefonato al 133 10 volte parlando con altrettante differenti persone ed ognuna mi ha dato informazioni diverse da quelle dell'altro !!!! Ed mio problema non è ancora risolto

nadia pellegrino 01.02.06 17:44| 
 |
Rispondi al commento

26 ANNI OPERATRICE CALL CENTER 2 LIVELLO DA 3 ANNI, FACCIAMO ASSISTENZA AGLI OPERATORI DEL 187, 191, NEGOZI TELECOM, E ALTRI UTENTI TELECOM VARI DI TUTTA ITALIA, CONTRATTI A PROGETTO CON FISSO MENSILE RIDICOLO SE SI PENSA CHE NON SI HANNO NE FERIE, NE PERMESSI, NE MALATTIA, NE MATERNITA', NE FERIE MATRIMONIALI, NULLA DI NULLA SOLO TANTI OBBLIGHI; CERTIFICATI MEDICI ANCHE SE LA MALATTIA NON TE LA PAGANO, TIMBRATURA BADGE ENTRATA E USCITA, FIRMA ENTRATA E USCITA, FIRMA PAUSA BAR E PAUSA PRANZO, FIRMA TIME SHEET MENSILI, ASSURDO VERAMENTE ASSURDO!!!!!!!!
STESSI OBBLIGHI DEI LAVORATORI DIPENDENTI MA DIRITTI ZERO!!!
L'ITALIA HA ROVINATO I GIOVANI, SONO CONTENTA CHE BIAGI ABBIA FATTO LA FINE CHE HA FATTO ANCHE SE ERA MEGLIO CHE LA FACESSE PRIMA DI INTRODURRE QUESTI CONTRATTI DEL CAZZO!!!
SONO ANTICOSTITUZIONALI, STANNO ROVINANDO I GIOVANI COME NOI E DI CONSEGUENZA IL FUTURO DELL'ITALIA.
LOTTIAMO PER AVERE CIO' CHE CI SPETTA DI DIRITTO E CHE LE AZIENDE CI STANNO RUBANDO OGNI GIORNO CHE PASSA!

SARA R. 23.01.06 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo proprio tanti.....
Laureati, svegli, pieni di voglia di fare....
Eppure.....
Non prendiamocela con chi ci "sfrutta" nei call center.
Prendiamocela con chi o cosa ha reso un miraggio il realizzare un benchè minimo progetto di vita.
Con chi o cosa ha reso il lavoro (quello vero, quello che puà renderti economicamente autonomo)un privilegio per pochi.
In una realtà del genere siamo pronti a svenderci per "il tozzo di pane"....sapendo che se saremo noi a rifiutarlo sdegnati, un esercito sarà pronto a sostituirci.
Legge (schifosa) del mercato.
Ma i diritti sono diritti.
Chi può li faccia valere per se stesso e per tutti quelli che sono nelle nostre condizioni.
Cerchiamo di non lasciare una realtà del genere a chi incolpevole verrà dopo di noi.

UN OPERATORE OUTBOUND (e non solo...)

Davide dg 16.01.06 13:20| 
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, complimenti per il blog!

I CALL CENTER SONO LA FABBRICA DEL XXI SECOLO e la nostra bella Italia comincia ad assomigliare alla Cina per colpa di una classe politica attenta solo alle esigenze dell'imprenditoria.

Anche I LAVORATORI DEI CALL CENTER DI PALERMO hanno un sito internat e un forum... se avete tempo leggete quello che pensano i giovani palermitani di questa NUOVA FORMA DI SFRUTTAMENTO...

WWW.RADIOAGENT.IT

Radioagent.it 03.12.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento

a proposito di cose vomitevoli, vogliamo parlare dell'uso sconvolgente che fa dei mass media l'avvocato Taormina?

ada gay Commentatore in marcia al V2day 24.11.05 21:07| 
 |
Rispondi al commento

I call center sono diventati una "disgrazia"!
Sono nati per aiutare e facilitare l'utente, ora sono diventati la dannazione dell'utente! Mi dispiace per tutti coloro che ci lavorano (mi dispiace perchè guadagnano poco e mi dispiace per loro quello che sto per dire...)ma dovrebbero chiudere o cambiare! Così come sono organizzati ora non servono all'utente ma solo a chi ci sta "dietro", le grosse compagnie li usano come blocco alle rotture di scatole: unico riferimento per problemi e reclami sono i famosi numeri verdi o numeri di assistenza; L'UTENTE si sente dare risposte generiche che nella maggior parte dei casi non servono a niente, L'OPERATORE si becca le arrabbiature di chi vorrebbe parlare con un tizio che si assuma le responsabilità. Tutto questo unito alla consapevolezza dello stato in cui si trovano gli operatori mi viene proprio da dire A CHI SERVONO REALMENTE? Io ho lavorato pochi mesi in un call center, di quelli piccoli che fissano appuntamenti per i venditori/commerciali; era qualche anno fa e ancora i contratti di lavoro erano un pò più vantaggiosi, ma appena ho trovato una alternativa sono "scappata". Per come sono ora le cose direi che CHI DI DOVERE li dovrebbe regolamentare meglio.

beatrice montironi 02.11.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

PS: saluto tutti i Romani ke ho stressato in questi ultimi due mesi con la mia frase iniziale:"Buongiorno!!!!!Sn Giulia della Telecom Italia!....."

Giulia Layena 01.11.05 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Ehiii!!!!ma allora siamo davvero tanti a lavorare nei call center!!!!Mi fa piacere xke ciò significa ke potremmo fare qualcosa!!Io lavoro x 24h settimanali al prezzo di 240euro.Nn male se si pensa ke questo è un fisso!Malissimo se si paragona al prezzo di un cameriere occasionale ke x due sere guadagna il mio settimanale!E ancora peggio:oltre 80% dei miei colleghi sono LAUREATI e molto svegli!Sapete quanto si guadagna x ogni contratto TELECOM O FASTWEB piazzati??? TRE EURO LORDE!!!!Ovviamente occorre nn fare assenze xke altrimenti ci sn delle penali!La formazione???sempre fatta durante le ore di pausa e nn vengono retribuite!
FACCIAMO QUALCOSA!!!!
Insomma,nn riesco a guadagnare neanke 400euro al mese x campare!Eppure svolgo un lavoro dal lunedi fino al sabato!
Davvero,roba da terzo mondo!
Ma ki autorizza loro LEGALMENTE a dare queste misere paghe???
Mi viene il vomito!con quelle 240 euro a mala pena pago le spese di casa(l'affitto me lo pagano i miei).
MA KE VITA è???
Mai potersi permettere una pizza fuori!Mai potersi permettere di comprare un paio di scarpe nuove!Non potersi permettere di comprare una maglia di 40euro(se si trovassero)!!!
Ma ke vita è???Xke vivere cosi pur lavorando???
E meno male ke godo di buona salute!
Ecco,mi sono davvero demoralizzata!
Ma se fossi una extracomunitaria prendere qualcosa in piu dallo STATO???
XKE LO STATO SI BURLA DI NOI ANZIKè CURARCI?

Giulia Layena 01.11.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono stato uno dei primi a passari a Fastweb e disdire il contratto Telecom. Recentemente è un continuo ricevere telefonate, con la scusa di nuove promozioni, dai call center Telecom per "riconquistarmi"... non cambio ma devo dire che sono sempre molto garbate le signorine dall'altra parte. Adesso che so che devo stare almeno 25 secondi, farò in modo di fargli guadagnare due soldi in più. Non cambio gestore, ma almeno un giovane guadagna qualcosa di più!
In merito al TFR, con questo decreto legislativo 522 ci sarebbe da saperne un pò di più, non si capisce bene quello che vuole fare questo governo (sicuramente niente di buono per noi lavoratori dipendenti)... Caro Beppe sarebbe utile avere un tuo chiarimento in merito. Grazie e avanti così!

Ivano Croce Commentatore in marcia al V2day 26.10.05 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Io sono stato uno dei primi a passari a Fastweb e disdire il contratto Telecom. Recentemente è un continuo ricevere telefonate, con la scusa di nuove promozioni, dai call center Telecom per "riconquistarmi"... non cambio ma devo dire che sono sempre molto garbate le signorine dall'altra parte. Adesso che so che devo stare almeno 25 secondi, farò in modo di fargli guadagnare due soldi in più. Non cambio gestore, ma almeno un giovane guadagna qualcosa di più!
In merito al TFR, con questo decreto legislativo 522 ci sarebbe da saperne un pò di più, non si capisce bene quello che vuole fare questo governo (sicuramente niente di buono per noi lavoratori dipendenti)... Caro Beppe sarebbe utile avere un tuo chiarimento in merito. Grazie e avanti così!

Ivano Croce Commentatore in marcia al V2day 26.10.05 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe. Anch'io mi ritrovo nel grigio mondo dei call center. Mi sono laureata con lode in Storia dell'Arte, ho conseguito il diploma di specializzazione post-laurea (con lode anch'esso), ho vinto una cattedra con l'ultimo concorso pubblico indetto nella scuola...sono 5 anni che sono in graduatoria di merito (ventesima!!) e ancora non vengo chiamata. Neanche per le supplenze. Un ringraziamento alla Moratti xché è grazie a lei che ora sono una frustrata operatrice di call center che invece di parlare dei cangiantismi michelangioleschi, si ritrova, suo malgrado, ad elogiare (falsamente) la serietà di corsi ecdl da vendere al costo di 2000 euro a poveri sfigati che mi rispondono al telefono! Tutto avrei immaginato tranne che trovarmi a lavorare com operatrice di call center. Vendo corsi d'inglese e d'informatica a ritmi di 220 chiamate al giorno in outbound x 4 ore di lavoro!La paga?Dipende.Se superi le 80 ore mensili (considera che lavoriamo dal lun al ven dalle 17.30 alle 21.30,ma spesso per problemi "loro" iniziamo a lavorare più tardi e ci fanno terminare 5 min prima...così è più difficile raggiungere le 80h!!)sono 4euro lorde all'ora, da 50 ore lavorate a 79 sono 3 euro lorde all'ora, sotto le 50 sono 2 ore lorde all'ora.In media un mese ha 21 giorni lavorativi. Fatevi i conti e scoprirete che non è possibile assentarsi neanche un giorno...Praticamente devi godere sempre di ottima salute perché, caso mai ti venisse la febbre, è meglio che al lavoro vai lo stesso altrimenti tutte le ore che hai lavorato ti vengono considerate anziché a 4euro a 3euro se non addirittura a 2euro!!!Per non parlare poi dei possibili imprevisti che tutti noi nella vita privata abbiamo: un funerale in famiglia, la macchina che ti lascia per la strada, lo sciopero dei trasporti pubblici con le relative conseguenze...oppure una visita medica da tempo prenotata alla ASL!!!Poi ci sono le provviggioni. Si...vabbé!Un'altra presa in giro.

Evelina Colella 21.10.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Roma 13/10/2005

Caro Beppe,
sono una ragazza di 27 anni, che per soli tre mesi ha fatto parte della TELECOM” come operatrice call-center, addetta al 191, assunta tramite l’ufficio di collocamento dei disabili.
Purtroppo, da dieci anni ho dei problemi di salute, che mi hanno fatto trascorrere parecchio tempo in ospedale.
A causa di questo non riuscivo mai a trovare un lavoro duraturo, che mi rendesse magari in parte autonoma.Questo mi provava psicologicamente e delle volte anche fisicamente, all’affannosa ricerca di qua e di la di un posto di lavoro.
Finalmente nel mese di Aprile di quest’anno vengo assunta, come sopra, alla TELECOM, nello stesso tempo continuavo i miei soliti controlli, che cercavo di inserire prima o dopo i miei turni di lavoro, per non gravare troppo sull’azienda.
Certo la mia vita era stressante ed il mio lavoro all’inizio mi creava ansia, anche perché, essendo la prima volta, mi sono un po’ trovata spaesata, ma come ero felice!!!!
Il 28 giugno mi comunicano che non avevo superato la prova trimestrale e quindi il nostro rapporto di lavoro finiva li.
Tre mesi sono tre mesi per poter decidere se ero idonea o no, eppure nell’ultimo mese mi ero sciolta molto, anche nel proporre agli utenti, tutte le promozioni che l’azienda faceva e che molti accoglievano favorevolmente.
Poi si parla di “pari opportunità” ma forse alle persone considerate svantaggiate, si dovrebbe dare un vantaggio di partenza, considerando lo stress fisico che la malattia ti lascia.
Forse bisognerebbe essere un po’ più umani e solidali per aiutare chi è in difficoltà.Non voglio credere che non possa essere cosi. Sono talmente amareggiata che potrei ancora scrivere fiumi di parole amare più del fiele, ma mi fermo qui perché forse questo è uno sfogo che tante volte tu avrai sentito.
Voglio solo sperare che le migliori intenzioni nei confronti dei più deboli non siano solo scritte nei libri dei diritti ma diventino doveri di chi può fare i fatti.

mari Francesca 13.10.05 19:28| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno sa dirmi cosa bisognerà fare quando approveranno la legge che modificherà il TFR????
non vorrei che mi portassero via anche quei soldi

enrico pezzile 13.10.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente leggo con estremo piacere, che esiste una rubrica che permette alle persone come noi operatori telefonici non solo di essere dei numeri o meglio strumenti meccanici di risultai impossibili, anche di poter esprimere un opinione personale, senza per questo temere, che il team leader di turno ti isoli dagli altri operatori per paura che tu possa istigarli a reagire a certi soprusi autorizzati e manifestare cosi' la loro personalita'. Non solo lavori per loro e in realta', sei tu operatore che permetti alla societa' di guadagnare e realizzare somme consistenti che gli consentono di affontare le varie spese che hanno per mantenere in piedi la societa'. E' ora che qualcuno trovi il coraggio di denunciare quanto succede, visto che anche i sindacati che sembra siano nati a tutela del lavoratore alla fine, quando hai bisogno di loro, si aspettano come prova che magari il proprio datore di lavoro confermi il fatto che il lavoratore e' sottopagato. aspetto numerose risposte da parte vostra per conoscere meglio le vostre idee in proposito.

ROBERTAMASTROPIETRI 20.09.05 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sento in dovere di commentare questa lettere assurda e diffamatoria MANDIAMOLI A LAVORARE :
Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega
che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA'e senza astenuti
(ma vaff....?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa
1.135,00 al mese.
Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare
nei verbali ufficiali.
STIPENDIO 19.150,00 AL MESE

STIPENDIO BASE circa 9.980,00 al mese(lo stipendio base di un senatore è di 6,500 euro lordi al mese 4,000 netti)
PORTABORSE circa 4.030,00 al mese generalmente parente o familiare(con la voce portaborse si vuole intendere forse il personale d'ufficio? comunque non ho mai conosciuto un senatore ,e ne conosco molti, che ha per segretaria la sorella inoltre i soldi non gli vengono dati, il senatore puo presentare spese d'ufficio fino a quella somma ogni mese)
RIMBORSO SPESE AFFITTO circa 2.900,00 al mese( non è vero, l'affitto dell'ufficio e compreso nella cifra detta sopra)
INDENNITA' DI CARICA (da 335,00 circa a 6.455,00) l'indennita di carica è appunto lo stipendio base sopra detto
+
TELEFONO CELLULARE gratis( il senatore puo prensentare ogni anno spese telefoniche cellulari fino a 4,000 euro, il cellulare lo deve comprare)
TESSERA DEL CINEMA gratis( è un omaggio che i cinema fanno ai senatori,non certo a spese dello stato)
TESSERA TEATRO gratis( vuole forse dire abbonamento? comunque è falso)
TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis( solo per gli incarichi di lavoro)
FRANCOBOLLI gratis( pagano le tasse ed i francobolli come tutti i cittadini)
VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis( avete mai visto un impresa, in questo caso lo stato italiano, che manda i suoi dirigenti in giro facendoli pagare?)
CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis(idem)
PISCINE E PALESTRE gratis( falso)
FS gratis(non capisco)
AEREO DI STATO gratis( l'aereo di stato ( gli arei di stato, sono 3) lo possono usare solo il pres.della repubblica,il presidente del senato, ed i presidente del consiglio e della camera..ovviamente con motivi validi!, non certo per fare la spesa,)
AMBASCIATE gratis(chi ha scritto questo messaggio crede che la ambasciate siano luoghi in cui si organizzano party forse..ma non è cosi)
CLINICHE gratis(hanno un assicurazione sanitaria)
ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis( solo durante la carica)
ASSICURAZIONE MORTE gratis(idem)
AUTO BLU CON AUTISTA gratis( solo i presidenti della camera e del senato ne hanno diritto i semplici senatori possono trovarle o no, e comunque solo un senatore su venti ne puo usufruire visto che sono circa 40)
RISTORANTE gratis è vero, ma solo alcuni ristoranti (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per
1.472.000,00 ((visto il loro numero(( ). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione
dopo 35 mesi( ogni 2 anni hanno uno scatto che corrisponde al 10 % dell'indennita, quindi 500 euro ogni due anni) in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di
contributi (per ora!!!)
Circa 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali questi li incassa il partito non loro, e comuqnue le spese sono ingenti (in
violazione alla legge sul finanziamento ai partiti ERRATO), i privilegi per
quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della
Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio,
una segretaria, l'auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)- vero
La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255
MILIONI di EURO. (tsk..larga la foglia stretta la via dite la vostra che io ho detto la mia!) CIFRE CAMPATE IN ARIA, E COMUNQUE LA CLASSE POLITICA HA UNA GAVETTA LUNGHISSIMA,MOLTE RESPONSABILITA E DI CERTO NON è PRIVILEGIATA
La sola camera dei deputati costa al cittadino 2.215,00 al MINUTO( un carcerato costa 400 euro all'ora, e sono piu dei deputati) !!
Far circolare.......si sta promovendo un referendum per l'
abolizione dei privilegi di tutti i parlamentari(certo, facciamoli lavorare gratis! dopotutto lavorano solo 10 ore al giorno in una citta distanti centinaia o miglialia di km dalla loro abitazione! è giusto penalizzarli!............ queste
informazioni possono essere lette solo attraverso Internet in quanto
quasi tutti i massmedia rifiutano di portarle a conoscenza degli
italiani......VEDETE? ALL'INIZIO DICE DI AVERLE LETTE SULL'ESPRESSO, ADESSO SCOPRIAMO CHE SI TROVANO SOLO SU INTERNET...QUESTAè PROPAGANDA

Eduardo De castro 22.08.05 21:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, oggi ho visto il cd del tuo spettacolo fatto a Milano, bello come sempre. Ti vorrei chiedere una cosa non pensi che se il tronchetto dell'infelicità fallisse, centinaia di persone che lavorano in Telecom rimarrebbero senza lavoro?
Sono sorella di un'operatrice del 187 telecom italia, dipendente telecom, che per lavoro deve proporre offerte, linee e servizi ai clienti che la contattano, lavorare reclami, sentire i maniaci di turno, prendere le parolacce da parte di persone incivili e sentirsi fare l'augurio di morire entro la giornata.
Ho letto la mail di una signora che parlava del passaggio ad un altro gestore, le operatrici o gli operatori del 187 non possono vedere sui loro terminali se un cliente utilizza o meno altri gestori.
Un ultimo chiarimento i dipendenti Telecom del 187 o del 191 non hanno un contratto a cottimo, hanno uno stipendio fisso, il 90% dei servizzi o offerte appioppati sono merito di società esterne a telecom o di affiliati che per ogni servizio o offerta "data" prendono soldi da Telecom
Scusa questo commento, ma difendo il lavoro di molte persone serie che lavorano per una grande società.
Ciao
Elisabetta

elisabetta costantini 21.08.05 00:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ho mai sentito parlare di pagne come quelle descritte in questo blog, 25 centesimi a chiamata. Devo dire che ho lavorato in call center abbastanza seri, con contratti più o meno decenti Tcc, telecomunicazioni(anche se a volte è capitato che proponessero come inquadramento "metalmeccanici"...!!!!
La paga è comunque uno schifo, 5 euro l'ora per un lavoro che quanto a stress è secondo solo a fare il Prof alle Scuola medie. Quando non è telemarketing è assistenza clienti, ma è comunque uno schifo perchè devi sorbirti mille lamentele e non sei mai formato abbastanza per risolverle da qui frustazione e stress ulteriori. Per quanto riguarda il teleselling, si lavora per obiettivi, anche quando non sei pagato a provvigione, e se un povero vecchietto si sente proporre un adsl e giustamente ti dice non mi interessa...(non sa neppure di che si tratti giustamente), io da operatore non potevo neppure eliminare subito quel num telefonico. Ci dovevano essere almeno 3 o 4 contatti tentati prima di poter schedare quel cliente come "non interessato". Quanto ai poveri operatori telecom...non sono quasi mai assunti dalla telecom direttamente perchè quel contratto gli costerebbe troppo.Quando chiamate il 191 o 187 chiamate operatori che rispondono per telecom ma sono assunti tramite call center esterni con contratti di merda,quegli stessi call center sono anche quelli che offrono contratti telefonici per altre compagnie, vini, e altri vari servizi. Siamo tutti commerciali e venditori. Anche l'assistenza clienti, non è più limitata al semplice risolvere il problema, devi cercare a tutti i costi di vendere qualcosa. Tipo, si lamenta di una fattura elevata, gli proponi un'offerta telefonica che lo farà risparmiare, si lamenta di dover pagare ancora il canone dovuto al noleggio del vecchio apparecchio , l'unico modo di levarselo è acquistare un nuovo cordless, altrimenti i poveri operatori 191 non possono togliere il vecchio canone, non è colpa nostra. Siamo vittime anche noi.
Per tutti coloro che si lamentano degli scassapalle telefonici, cerchino di mettersi nei loro panni.E' un lavoro di merda, pagato di merda, ma la maggioranza dello stress è dovuta proprio alla cafonaggine della gente che sta dall'altra parte.
P.S.scusate gli errori, scrivo di fretta nel quarto d'ora di pausa che ci spetta per legge per chi si stressa davanti a un computer.

Gianna Fronteddu 29.07.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Un ragazzo con cui ho lavorato prendeva due euro l'ora per massacrarsi 12 ore al giorno (a me davano per lo stesso lavoro al mese 1200 euro a lui 500.

Manuela Catalano 10.07.05 13:25| 
 |
Rispondi al commento

La domanda che mi fai trova facilmente la sua risposta in quello che tu stesso affermi nel post.Ritengo sia superfluo replicare, mi riserverei di aggiungere qualcosa ma il mio primo post non prevedeva risposte. E' un proposito che voglio mantenere. L'unica cosa che vorrei sottolineare è che per quanti sforzi possa fare, non riesco a capire perchè ho ragione solo in parte. Quello che ho scritto è
la testimonianza di un disagio che è stato vissuto e di come è stato vissuto. Il mio è un punto di vista e non uno spunto dialettico.
E per concludere alla tua maniera......certamente non temo nè per il presente nè per il futuro!
Saluti

Pollyanna Blasi 06.07.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

E di Intrage ne vogliamo parlare?

Mario Bonanno 04.07.05 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Pollyanna,
se in Eustema se lavoravi "tanto e bene" perchè ti hanno messo fuori la porta? Molte volte lavorare tanto non significa per forza produrre, ma sicuramente non è il tuo caso.
In realtà hai ragione in parte. Eustema ha fatto uso massiccio di contratti di formazione e contratti a progetto, solo per avere agevolazioni e finanziamenti, fregandosene altamente di formazione e competenze acquisite. Un mio amico era contentissimo di essere entrato in una società di quel livello per di più del gruppo telecom, ma poi è dovuto andare via perchè erano anni che lavorava sodo e non un soldo di aumento o di bonus (diciamo che era stato messo in condizione di andarsene). E pensare che era stato sempre a disposizione per restare fino a tardi dal cliente. Alla società costava troppo ed è stato agevolmente sostituito da un collega con meno esperienza e cosa che più conta con stipendio più basso.
Ma questa è un'altra storia.
Tante persone sono state mandate via come nel tuo caso, ma alla fine una persona competente fa presto a trovare un posto migliore e a ricevere gratificazioni di ogni tipo.
Purtoppo quelli che affermano che prendono un sacco di soldi e non fanno nulla prima o poi si troveranno senza lavoro e saranno presi dal panico.
Comunque secondo me chi è preparato non ha nulla da temere, un buon posto si trova sempre.
Ciao a tutti.

Michele Cucuzza 04.07.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento

SPIONAGGIO DOMESTICO TELECOM ANTI VOICE OVER IP

Telecom, gia`. La sapete l'ultima? Io abito in Giappone, e ho attivato skype per telefonare all'estero. Siccome i miei genitori in Italia non capiscono di computer, sto utilizzando, da un paio di mesi, un servizio di www.messagenet.it, freenumber, che consente di prendere gratuitamente un numero di telefono italiano (di Roma, ad esempio) e di ricevere attraverso tale numero telefonate sul pc. Praticamente ora i miei, invece di chiamare in Giappone, chiamano quel numero di Roma, con un bel risparmio (naturalmente devo avere il pc acceso quando mi chiamano).

Il bello e` che la Telecom, essendosi accorta che la bolletta dei miei era drasticamente diminuita a causa delle mancate telefonate internazionali, ha chiamato due giorni fa i miei chiedendogli spiegazioni con domande del tipo "Signora, lei usa un computer per telefonare in Giappone? Il contatto che per tre anni aveva in Giappone non c'e` piu`?..." ecc. ecc.. Ora i malcapitati centralinisti Telecom sono costretti anche a fare questa sorta di spionaggio... domestico (non industriale). Non vi pare che questo sia un palese tentativo di violazione della privacy? Grazie per l'attenzione,

paolo marchetti

paolo marchetti 03.07.05 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Un piccolo commento su un'altra azienda: la Morellato, che vende le famose linee di gioielli Morellato e Molecole, ha liquidato circa una ciquantina di operai l'anno scorso.
Lo dico con certezza perche sono stato assunto dalla azienda stessa per compilare i moduli di "mobilitazione".
E circa due mesi dopo hanno mandato in onda per televisione la pubblicita' con l'attore americano Ben Affleck: l'hanno pagato circa 5 milioni di dollari.
E gli operai mobilitati magari hanno una famiglia da mantenere.

Enrico Malgarini 01.07.05 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

parafrasando il titolo di un celebre film con Gian Maria Volontè , è il caso di dire che se la classe operaia una volta andava in paradiso QUELLA MEDIA OGGI VA ALL'INFERNO.
Più mi muovo nel mondo del lavoro e più veramente mi rendo conto che siamo a un passo dalla catastrofe. Il lavoratore italiano strangolato dalla truffa - euro, dai costi del conflitto irakeno, dal precariato, non ce la fa più.
Non solo il lavoro è precarizzato ma anche l'abitazione di una casa non è più così scontata. A Milano si moltiplicano i casi di lavoratori che nn possono permettersi l'affitto e si devono arrangiare a dormire dove capita ( condivisioni in stanze con sconosciuti o panchine del parco)e a ridursi al "sacchetto viveri" distribuito dalle varie associazioni caritative. Il tutto lavorando giorno , notte, festivi anche molto più di 8 ore al giorno.
Insomma perfino la casa o il pasto due volte al giorno sta diventando un lusso per pochi mentre esplodono i prezzi dei servizi che teoricamente dovrebbero essere alla portata di tutti (vedi università).
E i capitalisti nostrani ritengono sia la mancanza della flessibilità (=precariato)la causa del naufragio italico: la verità è che è iniqua la distribuzione del reddito dove a fronte di stipendi da nababbi ( i loro)corispondono salari da morti di fame.
Tra i settori più mercificati oltre al classico call center segnalo le cooperative che offrono servizi vari come pulizia, custodia, facchinaggio, servizi reception etc.: stipendio base 700 euro se va bene e turni da esaurimento nervoso.
Ultimamente stanno spuntando come funghi e costituiscono l'ultima spiaggia cui approdare prima di arrendersi e lasciarsi andare alla deriva.


Un caro saluto e alla prossima.

marco sambruna 30.06.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Con quale coraggio la mattina entri nel tuo ufficio, sapendo che ti pagano per non fare nulla o ben poco?
Anche io ho fatto parte della grande famiglia Eustema ma contrariamente a quanto ti sta succedendo io lavoravo bene e tanto e non lo dico io!!
Purtroppo questo non è servito a nulla, poiché al primo problema economico non hanno avuto alcun rimorso a mettermi alla porta...ho sempre pensato che lo abbiano fatto per dar da mangiare a persone come te, ora lo credo fermamente ma ovviamente non te ne faccio una colpa!! Ho passato un bruttissimo momento grazie a codesta entità giuridica, così brutto che forse sarei felice, oggi, se la vedessi fallire. Mi rendo conto che sono parole molto forti ma non è semplice ritrovarsi in mezzo ad una strada, dopo che ti avevano promesso certezze. Ho ancora dentro di me quel senso di impotenza e di disperazione quando ho comunicato la notizia in famiglia e sotto voce ho sentito mio padre dire " ed ora come facciamo?" riferendosi al fatto che io fossi nuovamente a loro carico. Provo ancora rabbia, una rabbia che si rinnova ogni volta che sento il nome della società e che si fortifica per quello che succede al suo interno!!! Rabbrividisco ogni volta che penso che vi abbiano trovato la loro occupazione persone oggettivamente incapaci, che non sanno distinguere un biglietto aereo da quello del treno, persone che, invece di lavorare, si dedicano ad attività personali, persone che, come te, si vantano pubblicamente di lavorare poco e di guadagnare tanto, rabbrividisco perchè so che ci sono persone che lavorano tanto e bene e non sono considerate giustamente, rabbrividisco perchè vengo a sapere di allontanamento di persone perchè non ci sono soldi e nello stesso tempo viene rinnovato il parco macchine della società. Rabbrividisco perché ci sono persone che hanno davvero bisogno di questo lavoro e si ammazzano per ottenere dei risultati e uno stipendio appena sufficiente.
Inorridisco per tutti coloro che hanno sperato e sperano, credono o hanno creduto in questa chimera che si è ricoperta di oro e d' argento da sola per nascondere la tanta insoddisfazione che gira al suo interno! Una società che ti fa credere che per lei sei insostituibile ma in realtà lo fa solo per convenienza. Una società che attua la politica dei due pesi e delle due misure. Una società che è solo una grande bluff, una società che non si fa scrupoli a lucrare sui suoi figli giuridici per poi disconoscerli.
Io ritengo che la grandezza di una società non sia nel suo limite dimensionale ma nella stima dei singoli che vi lavorano ma questo non è il nostro caso, vero?
Io trovo delle dissonanze in tutto questo e alla luce di tutto ciò che ti ho detto, vorrei che ti ponessi una domanda: cosa faresti tu se improvvisamente perdessi il tuo posto di lavoro? Non credo che sia una ipotesi tanto remota, visto le condizioni in cui la società versa, pensi che, da solo, l'appoggio del sindacato possa bastare per farti scrivere messaggi di questo tipo?
Io non lo so e no lo voglio sapere perchè non mi interessa saperlo.....aspetto e nel frattempo mi chiedo:
....Fu vera gloria?.....

pollyanna blasi 26.06.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento


CLAP CLAP!

Io capisco molto bene il tuo cinismo, che in fondo è il risultato di una disaffezione verso il genere umano, di una ripulsa profonda nei confronti del nostro (ma anche tuo) modo di vivere. Ma è troppo facile essere cinici, troppo facile. E in più con questo atteggiamento si fa il gioco di qualcun altro. Attento alle strumentalizzazioni!


Serena Pimpi 24.06.05 10:22| 
 |
Rispondi al commento

un grandissimo PLAUSO A ROCCO GIOACCHINO PER L'ACUME CON IL QUALE HA ANALIZZATO LA SITUAZIONE E SOPRATTUTTO IL PROFONDO E INDISPENSABILE CONTRIBUTO CHE HA FORNITO ALLA DISCUSSIONE...

CLAP CLAP

beniamino scraccagliu 23.06.05 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè non la piantate e vi mettete a studiare e la smettete di comprarvi macchine lussuose, moto della grandezza di buldozer, gioielli, scarpe...
Io vedo che si lamentano tutti ma poi alla fine in pizzeria ci vanno ogni sera. E basta!!!

rocco gioachino 23.06.05 12:41| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di STAGE "illegali":
ad un mio conoscente (laureato con master e al momento libero professionista) è stato proposto di fare uno STAGE "GRATUITO" alla BOSH di Milano della durata di 4 mesi.
Il "gratuito" era rivolto naturalmente al potenziale stagista: niente stipendio, niente rimborso spese, nessuna garanzia di regolarizzazione futura.
Ma come fa un'azienda come la BOSH a poter "offrire" una forma di sfruttamento lavorativo in tale maniera spudorata? Chi lo permette (e non controlla)? E, cosa più importante: in quale regolamentazione e forma contrattuale rientra (oltre al "lavoro nero")?

Solitamente, le ziende che propongono stage di questo tipo possono farlo solo se chi vi partecipa rientra nell'ambito di uno stage universitario, master o corso professionale. L'altra possibilità è che o stage sia "sponsorizzato" e quindi il compenso dello stagista venga pagato dallo "sponsor" permettendo all'azienda un risparmio.
Sarà mica che la Bosh intasca i soldi che dovrebbero essere destinati allo stagista, magari facendogli anche firmare una "liberatoria" ?!?!?!?!?
... a che punto siamo arrivati! .. mi dispiace solo che ci sarà qualche giovane senza lavoro che pur di fare qualcosa accetterà la proposta, REGALANDO la sua professionalità, il suo tempo e la sua dignità ad una grande e meschina azienda.

Sally Spencer 23.06.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono dipendente Eustema. Però al contrario degli altri ho un contratto a tempo indeterminato prendo un sacco di soldi e faccio ben poco. E non mi va neache di studiare!!!

Cire Ristorante 23.06.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Serena per il tuo consenso. Spero tanto che avrai altro da dire per far conoscere il mestiere di operatore telefonico al maggior numero di persone possibili.
Voglio dare un piccolo suggerimento a chi sta attualmente lavorando come operatore di telemarketing e teleselling(per quelli che non lo sanno sono i rompiscatole che chiamano anche all'ora di pranzo per proporvi offerte vantaggiosissime,trattateli sempre come "esseri umani" perchè i veri maleducati sono quelli che li insultano gratuitamente).Il consiglio è questo:
SE AD UN CERTO PUNTO SI PRESENTA IL VOSTRO TEAM-LEADER(dicesi team-leader il cane da guardia che si assicura che l'obbiettivo aziendale giornaliero venga raggiunto)E VI COMUNICA CHE CHI NEL CORRENTE MESE CHI AVRA' RAGGIUNTO IL MAGGIOR NUMERO DI CONTRATTI VINCERA'IN PREMIO UNA LINEA ADSL CON NAVIGAZIONE GRATIS PER UN ANNO CON MODEM E WEB-CAM INCLUSI,vi consiglio calorosamente di NON ESSERE VOI I VINCITORI.Perchè?Rischiate di accollarvi a vostra insaputa un NORMALE CONTRATTO ADSL A PAGAMENTO!E' successo a me: mi sono impegnata per vincere e purtroppo ci sono riuscita!Ma non ho visto ne web-cam ne modem(volendo con cosa diavolo mi connettevo?)e sopratutto avevo solo 3 mesi di navigazione gratuita e i successivi ero costretta a pagare circa 29euro mensili(praticamente il classico abbonamento accessibile a chiunque).Ho chiesto spiegazioni al 155 ma erano più sconcertati di me.La mia ex-azienda in proposito ha detto che non ne sapevano nulla e io giustamente ho disdetto il contratto adsl.
Se proprio ci tenete a vincere un ipotetico premio vi consiglio di assicurarvi che davvero esista e sopratutto, una volta accertati della vincita, fatevi fare almeno una dichiarazione scritta e firmata da qualche responsabile che attesta che voi ne avevte diritto.
Avete visto gente? Non si limitano a vendere patacche agli utenti telefonici ma anche AGLI STESSI OPERATORI CHE LE RIFILANO!
Sono dei patetici morti di fame...


Sara Spano 22.06.05 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Per Sara Spano:

hai ragione.. quasi dimenticavo... l'inganno: è vero, anche io lo posso testimoniare... tra l'altro si è sottopagati per dire falsità, e questo è un'ulteriore aspetto di umiliazione nel lavoro dell'operatore precario. L'altra umiliazione deriva dal fatto che spesso il cliente ti fa richieste legittime (ad esempio: come faccio a fare questa cosa col mio telefonino???), ma tu non sai rispondere e non è colpa tua, nella maggior parte dei casi. Non è che non sai fare bene il tuo lavoro, è che la tua azienda spende zero in formazione, e in un mondo in cui le cose cambiano molto in fretta, non è infrequente che tu non sia a conoscenza dei servizi/funzioni più aggiornate.

Serena Pimpi 22.06.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Ho 25 anni, sono laureata, ho fatto un master ed ora un dottorato e in più lavoro come precaria nella ricerca, dove mi occupo di economia dell'ambiente... fino all'anno scorso, ovvero prima di vincere la Borsa di Dottorato, ho lavorato in diversi call center di Milano (TIM, WSI, Ispos, Explorer...). Gli affitti a Milano sono cari, e devo dire che se sono riuscita a mantenermi a Milano cinque anni è stato solo grazie a questi lavoretti e alle borse di studio. Lavorare in un call-center mi permetteva infatti di avere la giornata libera per studiare o lavorare ai miei progetti. La sera e i fine settimana invece li passavo là dentro. Nei call-center ho trovato un'umanità molto varia, in parte fatta di chi, come me, si sentiva molto di passaggio, e non per questo ci metteva meno impegno, c'erano molti giovani studenti, mamme con bambini per le quali era impossibile trovare altri lavori part-time, e molti per i quali quel lavoro era quello principale, che ogni giorno lavoravano in due o tre call-center contemporaneamente, con orari improponibili, per riuscire a raggranellare una cifra decente. Raggranellare, sì, perchè proprio briciole sono i soldi che si riescono a guadagnare.
Al di là di questi miei ricordi, vorrei spendere due parole a proposito della mia esperienza al call center di TIM, il 119. Ci ho lavorato per nove mesi, in fascia serale, con contratto interinale, che vuol dire stipendio fisso!! Fantastico!! 450 euro al mese, per 5 giorni di lavoro la settimana (quasi sempre anche sabato e domenica), su turni tra le 16 e le 23,30. Mentre ero lì dentro ho assistito a grandi cambiamenti, in breve TIM si è accorta che gli interinali, enorme risorsa che copriva più del 60% del fabbisogno giornaliero di operatori, venendo pagata i 2/3 era diventata troppo cara.... così gradualmente gli interinali sono stati licenziati... anche gente che stava lì da quasi due anni e aspettava l'assunzione, e si è passata ai lavoratori a progetto, i mitici co.pro (...faghi, sì certo!), pagati ancora meno degli interinali. Ora non vi sto a dire quanto sia brutto per un precario lavorare a fianco di un vero dipendente e vedere che tu fai esattamente le stesse cose, anzi di più perchè ci speri, perchè vuoi dimestrare che sei bravo, ed essere pagato molto meno di lui... una vera ingiustizia. A parte questo, la situazione in Tim era davvero paradossale, aggravata dalò fatto che nel tempo il lavoro è cambiato molto, in peggio! Come diceva Beppe se all'inizio il compito principale era quello di dare assistenza, in breve venivi spinto a diventare un venditore. La parola d'ordine era PROATTIVITà: il cliente ti dice che non riesce a mandare messaggi? Bene, allora tu vendigli il fantastico servizio che ti permette di avere gratis 10 sms al giorno! Quell'altro ti dice che ha probelemi di ricezione? Bene,allora proponigli il nuovo servizio per chiamare dall'estero.. e così via. Tutte le tue proposte sono registrate e si fa il conto di quante ne fai al giorno, che si sommano a quelle del tuo team che gareggia con gli altri... ci sono in palio favolosi premi e una cena col capo, quindi mi raccomando, sii proattivo! Ma ricordati che, anche se vincessi il premio, il qualità di precario non ne potrai usufruire... ci dispiace. E altri paradossi del genere. Vorrei raccontare anche un'altra cosa molto personale, che contribuisce a completare il quadro di disumanità: dal momento che io mi dimostravo comunque brava e proattiva perchè mi piace fare le cose bene, ad un certo punto mi hanno proposto l'assunzione, e ho pensato, ok, anche se ci rimango solo un altro mese, almeno mi pagano di più!! Faccio tre colloqui tutti andati benissimo, mi dicono di prepare i documenti e poi viene il momento della visita medica: mi mandano in una clinica: esami del sangue, delle urine, dell'udito e oculistici. Da quel momento non sento più nessuno... Perchè? Perchè dalla mia scheda clinica risulta che ho subito un trapianto di cornea... per questa ragione il medico legale TIM mi dichiara "non idonea a svolgere l'attività di addetta call center".... ma come, se ci vedo 10/10 con gli occhiali? E poi ho fatto questo lavoro con profitto per nove mesi, come faccio ad essere non idonea?? Tant'è, non sono idonea, un'azienda grande come la TIM, per una volta che ne assume uno a tempo ind. lo vuole perfetto, senza difetti. E poi non è discriminazione, è un suo diritto scegliere i candidati milgiori.

Scusate se mi sono dilungata, vorrei concludere dicendo che i sindacati, in tutto questo non ci sono mai stati, li ho interpellati più volte, ma non mi hanno dato né consigli né aiuto. I sindacati non sono fatti per supportare le nuove categorie di lavoratori precari. E sono convinta che anche se politici, sindacalisti, sociologi ed opinionisti si riempiono la bocca coi "GGiovani", nessuno, nessuno in questo paese ha la chiara consapevolezza della situazione e delle condizioni nelle quali noi viviamo.

Serena Pimpi 22.06.05 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Ogni giorno leggo sui giornali storie di persone emarginate dal mondo del lavoro solo perche' vittime di ristrutturazioni aziendali e che hanno difficolta' di reinserimneto perche' non hanno piu' l'eta'. Sono persone che hanno dedicato la vita alla famiglia, al lavoro e non hanno colpa di quello che e' successo; sono state vittime anche di mobbing perche' "ormai danno fastidio" alle aziende...ed oggi sono dei disperati.
Oggi leggo sul giornale che il sig. Sofri, condannato per terrorismo e omicidio (e non importa se non ha materialmente premuto il grilletto) ha ottenuto un posto di lavoro come bibliotecario. Quante persone oneste invece, potevano avere quel posto? Forse in questo paese i valori si sono veramente rovesciati e mi domando se essere onesti ne vale ancora la pena.

Dino Solari 21.06.05 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, sono un ex operatrice di call-center. Ho lavorato per conto di telecom e successivamente anche per la wind-infostrada. Ho letto molti di questi commenti sia quelli da parte di operatori sfruttati sia di persone "tormentate" dalle loro telefonate. Ho notato che tutti si lamentano (gli operatori vogliono contratti umanamente tollerabili, gli utenti di linea telefonica meno pubblicità ingannevole)ma pochi propongono ipotetiche soluzioni. Mi sono domandata cosa posso fare io piccola formichina per contribuire ad un miglioramento di questa disgustosa situazione senza l'ausilio dei sindacati, dato che in merito poco possono fare.Sembra impossibile? Io credo proprio di no. Per prima cosa voglio precisare che sia l'operatore che il cliente sono vittima di un enorme inganno: il primo di schiavismo-semilegalizzato,il secondo sappiamo bene cosa li viene rifilato nel di-dietro mascherato da superofferta. La mia proposta è molto semplice: IO PERSONALMENTE MI PROPONGO COME TESTIMONE DIRETTO DI CHE COSA AVVIENE ALL'INTERNO DI UNA DELLE AZIENDE CHE LAVORANO PER CONTO WIND-INFOSTRADA, COME FORMANO GLI OPERATORI E COME ADDESTRANO QUESTI A TRUFFARE LE PERSONE(TARIFFE CHE SI SPACCIANO GRATIS E NON LO SONO,DISTACCO DA TELECOM SENZA COPERTURA WIND-INFOSTRADA COSTRINGENDO GLI UTENTI A RIALLACCIARSI A TELECOM PAGANDO LA PENALE...ECC).VOGLIO TESTIMONIARE COME ALL'INTERNO DI QUESTE AZIENDE NON VENGONO RISPETTATE LE PAUSE(ALMENO UNA OGNI DUE ORE)COSTRINGENDO GLI OPERATORI MAL-PAGATI A RESTARE A VOLTE 6 ORE DI FILA DAVANTI AL PC E ALTRO ANCORA. VOGLIO FARMI TESTIMONE DIRETTO PER DARE LUCE A QUESTO DIFFUSO IMPIEGO COSI' CRITICATO E COSI' POCO CONOSCIUTO.INVITO TUTTI GLI OPERATORI DI CALL-CENTER A FARE LO STESSO SENZA TIMORE DI NULLA, PRENDENDO COSCIENZA CHE QUESTO NON E'CONSIDERABILE COME IMPIEGO E CHE ANCHE IN QUESTO MODO SI PUO'COSTRINGERE LO STATO A MAGGIORI CONTROLLI A DECRETARE LEGGI ECC... DI CONSEGUENZA CI SARANNO CONDIZIONI LAVORATIVE DECENTI E MENO TRUFFE TELEFONICHE. INVITO QUINDI ANCHE GLI UTENTI TELEFONICI A TESTIMONIARE LA LORO ESPERIENZA SE HANNO CONTRATTO FALSE OFFERTE.

Aspetto con ansia dei consensi per questa mia iniziativa.
Sara Spano.

Sara Spano 21.06.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

TELECOM ITALIA ESTERNALIZZA ( EUFEMISMO PER BUTTARE IN STRADA) 105 DIPENDENTI DEI CENTRI SORVEGLIANZA IN 10 SEDI ITALIANE , I SINDACATI VENDUTI CI CHIEDONO DI "ARMONIZZARE" LA NOSTRA DIPARTITA UNA AZIENDA CON UTILI STRATOSFERICI E DEBITI COLOSSALI , PER PAGARLI ECCO LO SPEZZATINO DI TRONCHETTI PROVERA, MA NOI TERREMO DURO IL + A LUNGO POSSIBILE

LUCIANO CAPONNETTI 21.06.05 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
in questi giorni ho dovuto inviare il 730 e mi è sorta spontanea una domanda riguardante l'otto per mille. Dato che non sapevo a chi porla ho pensato a te che mi sembri il più beninformato su qualsiasi cosa che non venga detta in TV o sui giornali. La domanda è la seguente: chi decide le caselline dove apporre la firma dell'otto per mille? Io penso che siano come gli spazi pubblicitari: Chi paga di più ha un posto tra le famigerate caselline, oppure chi ha un "Amico" che conta trova spazio anche lì....
Io personalmente, tendo spiritualmente al buddismo e vorrei dare i soldi ai buddisti...perchè non posso scegliere di farlo?
Grazie e continua così!
Silvia

Silvia Parigi 21.06.05 16:22| 
 |
Rispondi al commento

ciao
dov'è il sindacato?
Nuove Identità di Lavoro (NIdiL-CGIL)è federazione nuova, composta da persone poco burocratizzate e con un'età in media sui 35 anni, che si impegnano peri diritti dei collaboratori progetto, per i collaboratori occasionali, per gli ex interinali ex solo per il nome perchè oggi si chiamano lavoratori in somministrazione e per tutti i lavoratori "atipici" (il d.lgs 276 evidentemente prevede che qualora ad un'azienda serva un lavoratore in più possa chiamare un agenzia per il lavoro che gli "somministra" un lavoratore, insomma gli fa una pera!).
Nel NIDiL siamo impegnati in un lavoro simile a quello dei sindacati prima della creazione dei contratti nazionali. Chiunque abbia un problema inerente al lavoro ed abbia un contratto atipico non esiti a telefonare alla cgil più vicina e chieda del nidil (anche se pronunciandolo si attorciglia la lingua).
cominciano ad esserci risultati importanti ,ma il lavoro è lungo e difficile. poi se chi ha di questi problemi resta nascosto, un po' è probabilmente colpa nostra che non troviamo nuove forme di rappresentanza o di pubblicizzazione del nostro lavoro, un po' anche di chi descrive i sindacato come impiegati pubblici seduti sugli allori e corrotti, un po' anche del lavoratore che deve solo venire a fare una chiacchierata, poi deciderà se alzare la testa e ribellarsi, se converrà al suo interesse, e se la sentirà di farlo. nessuno è obbligato
ciao
Adriano
(membro del coordinamento territoriale del nidil di brescia in cui svolgo un impegno pressochè volontaristico)

adriano favero 21.06.05 09:57| 
 |
Rispondi al commento

ho tentato di collegarmi con skype, ma non termina nemmeno lo scarico del programma e mi fa scattare continuamente l'allarme di norton.
potete aiutarmi?

Grillo a quando la tua discesa in campo ... i "nani" l'hanno già fatto e si sono visti i risultati.

svegliare un po' i triglobulati non sarebbe un compito da comico?

leggerti farebbe piacere ad uno del popolo a cui tu parli.

riccardo tocco 20.06.05 23:41| 
 |
Rispondi al commento

anche in veneto attorno agli istituti che si occupano dei servizi alla persona, sia pubblici che privati,ci sono amministratori e politici che sono come le mosche attorno al miele.
penso che sia una nuova lobby come per i rifiuti e sono tutti d'accordo, sindacati compresi.
saluti emanuela.

emanuela bottaro 19.06.05 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ex-operatore sociale di 49 anni. Lavoravo fino allo scorso aprile per per una Cooperativa sociale (I.So.La.) che gestisce il servzio di emergenza sociale del V Dipartimento Comune di Roma. Quest'ultimo è dotato di un call center e mette a disposizione degli automezzi propri per l'intervento.
Ero inquadrato con il Contratto a Progetto e siccome da oltre tre anni chiedevo il Contratto nazionale di lavoro come spetterebbe di diritto la Presidente alla scadenza (del Contratto) mi ha sostituito con altro operatore ed ora sono disoccupato. Il Comune di Roma è rimasto indifferente in quanto l'Osservatorio sul lavoro informato ufficialmente dell'accaduto non ha fatto niente.
Le Cooperative che operano sul territorio di Roma spesso esprimono in modo vincente una cultura mafiosa: omertà, sfruttamento, scarsa solidarietà tra lavoratori, gestione verticista.
Poco si parla di questi profitti fatti con soldi pubblici tramite i servizi di assistenza alla persona e in completo anonimato.

Giampietro Petroselli 19.06.05 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Robe da pazzi!Devo pagare anche quello che non voglio...Circa un mese fa,mi telefona una centralinista della Telecom per propormi di sostituire il mio vecchio apparecchio in comodato con il nuovo Sirio con videochiamata.I miei genitori non ne vogliono assolutamente sapere,dato che già telefonano poco e non ci tengono a farsi vedere mentre rispondono al telefono in mutande.ma la signorina dalla voce incalzante prosegue,dicendo che al costo di 8 euro per due anni (invece del comodato mensile di 5)il telefono lo acquisto,risparmiando sensibilmente. E mi conviene accettare subito,perchè poi sarà obbligatorio e dovrò pagare di più!Fatto sta che i miei genitori,disorientati,hanno accettato...E ora mi ritrovo con un coso che mi sembra un'astronave che fa quasi paura toccare con mille servizi ce non userò mai...AL MISERO COSTO DI 192 EURO...Robe da pazzi!

Elisa Bonomo 19.06.05 16:01| 
 |
Rispondi al commento

riguardo alla legge contro la pirateria, leggete qua:
--------------------------------------------------------------------------------


http://web.fiorellocortiana.it/html/

leggete questo articolo (il primo in alto) sul sito di fiorello cortiana,
l'unico(o quasi) senatore che in italia si batte contro la possibilità di
brevettare il software e per le libertà digitali.

lorenzo Calzoni 17.06.05 19:19| 
 |
Rispondi al commento

ok,chiedo se sono 25 secondi o diversamente..così evito stronzate...

Francesco Spina Commentatore in marcia al V2day 17.06.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

due cose:

1) la storia dei 25 secondi può essere vero per un'azienda. Ma non è LA regola! Ogni call center ha le sue. In tutti quelli in cui ho lavorato io era diverso. Ci pagavano solo a contatto utile (la chiamta che finiva con un contratto oppure con un interessato/richiamare). Se invece parlavo 2 ore con un cliente ma poi mi diceva di non essere interessato non venivo pagato manco un cent (e in più avevo buttato 2 ore di lavoro). Quindi altro che superare i 25 secondi! Se dovete rifiutare l'offerta che vi fanno ditelo subito! Non vi immaginate gli insulti che mandavamo dopo aver "chiaccherato" per mezzora con qualcuno che alla fine ci diceva "no grazie..."

2) seconda cosa: circa 1 mese fa una trasmissione della rai ("10 minuti di..." che va in onda la mattina) ha fatto un servizio sul call center in cui abbiamo lavorato io e la mia ragazza. La cosa scandalosa sapete quale è stata?! Ai poveri operatori davano pure le risposte!!!!! Un mio amico ha dovuto dire di stare a fare l'università e che un lavoro così flessibile con gli orari (ma doveee?!?!) gli permetteva di pagarsi gli studi! Ma porca zozza! Lui ha preso il diploma 4 anni fa e manco c'ha mai pensato all'univ!
Ma che senso ha fare una trasmissione con storie inventate?! Capisco quelle tipo la de filippi... ma costa tanto fare domande a dei ragazzi e mandare in onda le loro risposte VERE?!?!!?!?!?

no furure

Joey Ramone 17.06.05 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Sono tremendamente dispiaciuto: sapevo che gli operatori di call center non avevano un adeguato inquadramento professionale ma non credevo che per alcuni le cose andassero così male. Mi scuso con i tre operatori che ho trattato poco bene nell’ultimo mese (ma la telefonata è comunque durata più di 25 secondi!) ma era l’unico modo da parte mia di difendermi da queste continue invasioni alla mia privacy. Ho compilato da un po’ e già rispedito il foglio sui nuovi elenchi che saranno pronti da Luglio 2005 barrando NO relativamente alle caselle che chiedevano se volevo pubblicità telefonica o postale… spero che tra poco questo genere di rotture possano avere termine!! …sono esasperato dalle pressanti richieste di aziende che anziché farmi proposte interessanti o veramente convenienti mi propinano falsi sconti che non mi servono a niente. Attendo con ansia la linea adsl da anni ma non se ne vede neanche l’ombra, attendo di poter, prima o poi, licenziare la telecom per essere stata per anni soltanto un incapace gestore di telefonia fissa…

Donato Bartoli 17.06.05 02:31| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei mettere a conoscenza chi legge di 2 piccole esperienze personali.
A Palermo.
Faccio una selezione per un posto per 5 mesi a 500 euro per 5 ore al giorno inclusi turni notturni e festivi per un call center di una "notissima" azienda telefonica. Si precisa prima di iniziare i test preliminari che " se i test andranno bene saremo richiamati per la seconda selezione". Nessuno, nemmeno io, fiata! Lo consideriamo piu prudente. Seguono test diversi particolarmente difficili per una persona media soprattutto alcuni di informatica (non credo di essere stupido e me ne intendo abbastanza di informatica), si fa anche una prova insieme per risolvere un problema aziendale poi dichiarato irrisolvibile dall'esaminatore stesso. Poi una prova di risposta al cliente e soluzione di un problema specifico della telefonia. Durata dei test: quasi 5 ore.
Nemmeno per entrare alla NASA!
Risultato: nessuna chiamata, nessuna graduatoria, nessuna spiegazione, silenzio.
Inoltre se non passi non puoi più ritentare.
Ho fatto male i test? Non credo, dai primi commenti uscendo ho capito di avere risposto sopra la media. Ma non è questo il punto.
Il problema sta in tutto quello che ho scritto. E' normale, per 500 euro per 5 mesi, a quelle condizioni? E' normale? E' giusto subire questo?

Io lavoro, o meglio, tento di lavorare come grafico e programmatore web, sono laureato, e so di essere considerato abbastanza bravo.
L'ultima azienda dove ho lavorato mi ha offerto 600 euro al mese LORDE (tasse e spese tutte a carico mio, ho la P.I.) per 9 ore al giorno di lavoro senza ferie pagate e senza prospettive di continuità.

Per questo ho giocato la triste carta del call center, non senza molte riserve e... perchè se non si interessava un amico forse nemmeno mi avrebbero chiamato per fare la prima tristissima selezione per questo posto di alta responsabilità e prestigio.

Questo è uno degli aspetti del lavoro nella mia città.

Inutile aggiungere altro.

Se solo giocassimo un pò meno col cellulare... chissà... magari...

Claudio Marciano Commentatore in marcia al V2day 17.06.05 01:42| 
 |
Rispondi al commento

se qualcuno mi chiama mi metto con il cronometro e faccio amicizia :)
cmq è una VERGOGNA!!

Francesco Spina Commentatore in marcia al V2day 16.06.05 23:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Sergio,la tua è una bellissima idea,un tantino futuristica,forse,ma è veramente una bella idea.

marty scalas 16.06.05 23:33| 
 |
Rispondi al commento

e xchè -tanto x dirne una- devono continuare ad esserci gli ordini professionali di architetti, ingegneri, avvocati ..? xchè sono una garanzia x i clienti? o forse xchè sono una casta di intoccabili che si proteggono a vicenda? in teoria l'ordine deve tutelare gli iscritti, peccato che in italia ci siano migliaia di giovani iscritti che lavorano come servi della gleba dai vecchi iscritti, se va bene a 3 euro all'ora, che rispetto a 109 euro al mese sono già qcosa, questo è vero.. che tristezza..

silvia ceffa 16.06.05 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Magnifici call center, mi hanno appena intervistato da milano per capire se ho capito che oggi non conosco più il gestore, e le tariffe, del numero al quale sto chiamando.
mi spiego se chiamo un 338******* penso di chiamare un tim, invece forse chiamo tre o wind o chissà, e li pago fior di quattrini perchè adesso ti regalano il traffico in uscita ma hanno moltiplicato il costo del traffico in entrata.
w i call center

paolo morri 16.06.05 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Non tutti i call center outsouring sono uguali! C'è, esinte un CCLN dove dice che i dipendenti hanno diritto a 6.74€ per il primo anno e 7.??€ per l'anno successivo, e poi tante altre cose. Ma il call center dove ho lavorato io per 11 gg si distinque: ho fatto 6 contratti, quindi mi darà 6€ per contratto. Importo 36€ LORDI.
Quindi ho lavorato 44 ore, ho preso 0.81€ all'ora.

Valeria Banni 16.06.05 14:48| 
 |
Rispondi al commento

ho mandato il mio commento sui sindacati confederali, alla trasmissione "report" della Gabanelli che va in onda su rai tre. mi è stato censurato con la dicitura: sindacati confederali "non autorizza".in più hanno scritto: se avete ricevuto questa comunicazione per errore non utilizzatene il contenuto e non portatelo a conoscenza di alcuno.
secondo voi, perchè non si può esprimere le proprie opinioni personali sui sindacati liberamente? io per esperienza personale ho subito soprusi dal sidacato al quale ero iscritta, perchè pretendono l'asservaggio totale, e adesso che non sono più iscritta ( ho avuto un bel coraggio secondo la delegata sindacale), stanno spingendo per farmi mobbing.
saluti .

emanuela bottaro 16.06.05 09:57| 
 |
Rispondi al commento

per marty.
Ti do completamente ragione qua bisogna fare pulizia generale comuqnue dovremmo davvero iniziare noi a darci da fare se rimaniamo sempre qui a scrivere...
Purtroppo qua non si parla di iniziative reali invece dovremmo proprio farle.
Io propongo l'apertura di un nuovo punto di appoggio (chiamarlo movimento mi scoccia) apolitico apartitico ma che potrebbe in futuro invece allargarsi.
Si potrebbe iniziare inanzitutto con gruppi di acquisto locali per spingere alla sensibilizzazione i consumatori e le imprese.
La forza deriva dai numeri in Primis.
Potremmo in seguito muoverci a ben piu nobili propositi penso sia facilissimo raggiungere le 100K 200 K persone interessate.
Una idea sul nome: RICOMINCIAMO
Ho appena registrato ricominciamo.com non c'e' nulla non andateci ma se qualche d'uno fosse interessato ad iniziare un progetto serio sarebbe bello.
Quindi la butto li se ci sono programmatori webdesigner hosting etc... tanto per dare una struttura sarebbe magnifico.
Che ne dite?
Insieme poi si decide dove andare.
Comunque i maggiori interessati dovrebbero essere le persone che vivono in Italia non noi poveri emigranti.
Una o due ore al giorno al progetto non dovrebbero incidere troppo.

sergio liberta 16.06.05 02:39| 
 |
Rispondi al commento

caro sergio,La soluzione al nostro problema è semplicemente una ,cambiare tutti i nostri parlamentari,TUTTI.Magari fare un esperimento antropologico i nostri per quelli olandesi(così smetteranno di deriderci).Come darti torto,del resto siamo italiani,qui basta un piatto di pasta per avere amicizie,lo spaghetto al sugo,la pizza.Per qunto riguarda il sud e il suo potenziale...bè forse è meglio che non mi esprima ma sono sicura che tu capisca bene quante braccia siano state rubate alla terra.

marty scalas 16.06.05 01:37| 
 |
Rispondi al commento

Risposta per Marty:
Beh cara/o Marty sicuramente ho esagerato per far capire alla gente che infondo il problema sostanziale risale nel contesto sociale Italiano piu' di qualsiasi altra cosa.
Una volta all'anno chiamo i miei amici in Italia (Nord) e rimango stupito nel sentire conoscenti 37 anni laureati in giurisprudenza che non hanno mai lavorato.
Hanno pensato a divertirsi fino ai 30 anni mantenuti dai genitori ed ora si guardano in giro e non trovano un lavoro.
Ma va?
Comuqnue cara Marty ricorda che queste "agenzie per sfuttamento legalizzato delle persone" sono state una causa diretta del posto fisso del lavoro garantito per troppi anni, dalla cassa integrazione e dei sincadati.
In Italia si salva ancora la pubblica istruzione e la Sanita' dite pure quello che volete ma e' la realta' (andate all'estero per capire magari non in scandinavia :)).
A proposito del Sud:
pur essendo originario del nord molto meglio il sud specialmente per i valori che vengono ancora trasmessi.
Il giorno che la Sicilia calabria Puglia e Sardegna (non me ne vogliano le altre regioni) realizzeranno il loro potenziale (specialmente a livello di turismo) altro che lega padana...
I giovani al Nord caro Beppe si sono persi tanto tempo fa colpa del Ns. caro Berlusca (non direttamente ma tramite la televisione commerciale) e del suo Drive in (nota trasmissione del passato) e di altre trasmissioni SCIAGURATE (troppe per farvi anche un piccolo elenco.
Alla fine degli anni ottanta abbiamo avuto un senso di falso benessere e la televisione (l'unica vera nemica) che ha diviso socialmente le persone in classi.
L'Italiano stupidamente si e' dovuto adattare o a seguire le masse consumistiche o a diventare un emarginato.
Altro che Rossi e Neri della politica (tutti uguali) il vero problema e' la societa' e la TV ed ancora una volta voglio puntualizzare l'immensa colpa delle persone della tua generazione che hanno sfruttato il sistema all'inverosimile e che ora si lamentano.
Ho ancora in mente la tua pubblicita' (uno yogurt?).
Bisogna pagare il debito che avete fatto senza pensare alle generazioni future (e chi ve lo faceva fare hai tempi dei condoni degli amici finanzieri etc...).
Bene ora e' arrivato il tempo di battere cassa preparateVi.
Mi dispiace seriamente per queglle categorie di lavoratori che hanno lavorato davvero per il bene dell'Italia ma se penso hai lavoratori (guarda a caso quasi tutti statali) delle poste (mi dispiace generalizzare mi scuso con la parte pulita del sitema) delle ferrovie della polizia di stato dei finanzieri dei magistrati dei governanti e specialmente dei GIORNALISTI (un anno di galera solo per esserlo stato in passato gli farebbe bene )etc... etc...
Sono entrati praticamente tutti in un sistema corrotto da corruttori tramite spinte amicizie regali raccomandazioni etc... etc...
Comuqnue le mie critiche sono soprattutto portate da un amore vero e smisurato per la mia Italia quella pura.
Pero' a tutti i bloggisti prima di criticare tutto e tutti guardatevi dentro e ponderate bene quello che avete fatto in passato e da domani siate persone nuove, non seguite piu' i giochi di potere, non fatevi abbindolare dal consumismo parlate con i Vs. figli passeggiate ,invitate il vicino a casa spegnete sta cacchio di televisione limitate l'uso del telefono della macchina comprate la bici...
Vedi e' qua che alla fine ci si perde quante persone in realta' faranno tutto cio'?
1 o 2% dei lettori il resto andra' dalla finanziaria per farsi il viaggetto al mar rosso (piu' che altro perche' la vicina c'e' andata l'anno scorso), comprera in leasing la mercedes e manterra' i figli fino ai 40 anni...
Per quell'uno o due percento invece mi fate sentire fiero di essere Italiano.
Un messaggio a tutti:
SVEGLIA SVEGLIA SVEGLIA VI HANNO ADOPERATO E VI STANNO UTLIZZANDO AL MASSIMO SPEGNETE LA TV E' LEI LA VERA RESPONSABILE VI STANNO CONDUCENDO COME VOGLIONO COME UNA MASSA DI PECORE.
Comuqnue in mezzo a tutta sta merda siamo tutte mosche pero' si spera ancora che qualche d'una rimanga bianca.
Le soluzioni comuqnue ci sono basta prendere iniziative serie, Grillo sta semplicemente tentando di fare emergere i problemi e spiegarli alla gente pero' bisogna anche avere le palle per cambiarle le cose semplicemente scrivere e parlare a volte non basta (non sto parlando di rivoluzioni etc.. per i malintenditori ma la democrazia anche se nascosta ancora esiste).
Un saluto
Sergio

sergio liberta 16.06.05 01:03| 
 |
Rispondi al commento

Mio caro Sergio Libertà è probabile che tu sia da troppo tempo fuori dall'Italia e forse è per questo che scrivi queste inesattezze,tranquillo,tu stai parlando di un ITLAIA antecedente a quella simpatica legge Biaggi,meglio,antecedente alla nascita delle agenzie di lavoro Temporaneo(che bella parola ,mi emoziona).ma anche considerando tutto questo,io mi riferisco al nord Italia,perchè se dovessi soffermarmi diciamo al centro Italia(meglio evitare il sud per non cadere in inutili tragedie greche)bè diventa proprio una guerra tra poveri,altro che pensare a farsi una famiglia,speriamo che mamma e nonna vivano a lungo......

marty scalas 15.06.05 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Come Sergio Liberta anche io lavoro all'estero. Ho letto i post e mi piacerebbe fare delle considerazioni. Quello che dice Sergio nella sostanza è vero. Abbiamo in Italia un sistema inquinato alla base che viene lasciato funzionare senza cercare alternative ma al quale ci si cerca di adeguare. Faccio alcuni esempi: attendere la raccomandazione giusta, continuare a 'sfruttare' la propria famiglia, vivere in un eterno stato di contemplazione apatica. Oggi su repubblica è uscito un articolo interessante che vi consiglio di leggere in cui è scritto che "in italia non esiste meritocrazia" http://www.repubblica.it/2005/f/sezioni/cronaca/giovalavoro/giovalavoro/giovalavoro.html
Se andate sul sito www.lavoce.info ci sono degli articoli nei quali si spiega come vi sia un numero di laureati con qualifiche non richieste dal mercato del lavoro. Di come non ci sia mobilità studentesca e di come tre soggetti, ovvero ministero università e mondo del lavoro non dialogano affatto tra di loro.
Adesso, a me non interessa andare alla ricerca delle cause o dei responsabili (anche se condivido l'analisi di sergio). Quello che a me fa paura è la mia generazione. Sono nato nel 77 per la cronaca. Mi ripugna la rassegnazione, la ricerca della persona giusta per ottenere quello che si dovrebbe ottenere per proprio merito, il conformarsi a delle regole imposte da gente che vive ancora nell'età della pietra, i pregiudizi e gli stereotipi tra regione e regione, le università piene di docenti che non fanno ricerca scientifica, le università lontane anni luce dal mondo del lavoro, la riforma biagi che era nata per far emergere il sommerso ed è diventata strumento per la creazione di nuovo precariato (dove sono i sindacati?), i dirigenti statali che guadagnano cifre folli e non hanno alcuna competenza nelle materie che trattano (raccomandati a destra come a sinistra), i cosidetti imprenditori che non capiscono una mazza e che chiudono per aprire dove garantirsi dei costi fissi bassi quando dovrebbero investire sul prodotto, gli imprenditori che non rispettano le regole ed evadono, lo stato che ti condona e i miei coetanei che pretendono il lavoro sotto casa con tutti i comfort. Ho conosciuto in rete tanti italiani/e che vivono all'estero e donano una bella immagine dell'Italia. Indovinate un po' perché ce ne siamo andati?
saluti dalla francia

emmanuele angione 15.06.05 17:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Egregio" Marco Neuro(mail del 13 giugno), le sto scrivendo(anche se visto il suo cognome(autentico??mah!!)non dovrei neanche perdere tempo a risponderle!!) con la tristezza nel cuore a distanza di due giorni dall'ennesima vergogna di cui sono stato testimone. Faccio, infatti, parte di quella "esigua" minoranza di italiani che durante il we sono andati a votare x cercare di esercitare un proprio diritto e provare a cambiare una legge idiota difesa da idioti e dalla chiesa!!Ma quando al telegiornale della domenica sera ti rendi conto che sono andati a votare solamente il 13% circa degli elettori, allora pensi:"Vabbè, che ci vado a fare??Tanto il quorum non verrà mai raggiunto!!!". Faccio questa premessa solo x farle capire che se nella vita ci saranno sempre persone come lei, capaci di nascondersi dietro gli stereotipi, seguire unicamente la massa, non saper pensare autonomamente, capaci solo di lamentarsi senza reagire e di insultare gratuitamente, allora è questo che ci meritiamo. Ci meritiamo una società pregna di menefreghismo e arroganza e maleducazione e delinquenza e di ogni tipo di sopruso che ci calpesta quotidianamente la dignità di esseri umani.
Vorrei un mondo più "pulito", in cui poter far crescere i miei futuri figli ed i figli dei miei figli...ma se poi loro non potessero averne??beh, potremmo sempre fare un referendum x cambiare la legge sulla fecondazione assistita, no??ah, giusto, è già stato fatto e gli italiani non sono andati a votare!!!mi verrebbe da dire pazienza...ma io non sono come lei e non ci riesco!!!ma in fondo a lei che gliele racconto a fare queste cose??Non sarebbe più giusto andare a fondo delle cose e non fermarsi di fronte alle apparenze??Beh, ora purtroppo devo lasciarla perchè è quasi l'ora di pranzo e mi aspettano ostriche, caviale e champagne(questo nel suo mondo di stereotipi lo aveva dimenticato, vero??)...che grande tristezza!!

Fabio Palopoli 15.06.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento

A proposito dei nuovi poveri: devo dire che mi sento disarmato davanti ad una società che in pochi anni ha permesso la cancellazione di diritti ottenuti dai nostri nonni con anni di battaglie e scioperi.
Il lavoro interinale, detto flessibile, già perchè precario fa brutto...le varie leggi Biagi che permettono oramai di fare ciò che si vuole con due braccia dette risorsa umana. Allora succede il fatto dei call center da te citato...e consapevole che sempre più spesso questa è la regola, mi sale la rabbia,sopratutto contro la classe politica, che condannerei a vivere con 900€/mese,riprendendo una battuta che tu facesti anni fa! Ma sopratutto mi sale un senso di angoscia e impotenza,perchè il popolo non sa come muoversi, è scoordinato e non unito. I sindacati sono spariti da un bel pò, oggi si dovrebbe tornare come ai tempi passati a sbattagliare veramente, non a scendere a compromessi e contrattare tutto. Certi diritti sono fondamentali, non contrattabili!!
Io sono a disposizione per lottare in questo senso...a qualsiasi livello, ma serve un "coordinatore" con carisma che si faccia promotore....beppe, tocca a te!

ivan melandri 15.06.05 11:18| 
 |
Rispondi al commento


Per Stefano Meraviglia:
" ci si lamenta che si fatica a trovar lavoro allora perkè non provare a ridurre l'orario lavorativo? "

Ci hanno gia` provato in Fracnia con l` orario di lavoro a 35 ore settimanali ma non ha funzionato

matteo martini 15.06.05 07:29| 
 |
Rispondi al commento


Per Arturo Pero:
" io di anni ne ho 43 e lavoro da quella volta (15 anni) e ho lavorato in Austria e in Svizzera e in mezza Italia e ho cambiato per gusto una marea di lavori. Ora sono statale precario "

Sono 28 anni che lavori, ha cambiato un sacco di lavori " per gusto " e adesso sei statale precario?
Non si puo` certo dire che hai fatto una gran carriera!

matteo martini 15.06.05 07:27| 
 |
Rispondi al commento


Per Andrea Laurino:

"...alla fine l'unico ragazzo serio che ha avuto e dimostrato voglia e serietà è stato un Camerunense che collabora con me da 3 anni, l'ho assunto subito dopo con contratto a tempo indeterminato, gli ho trovato una casa ed è riuscito a portarsi qui la famiglia..."
Chissà perchè ma penso proprio che questo povero camerunense non sia l'unico serio e volenteroso, bensì l'unico "cretino" che abbia accettato di lavorare alle sue condizioni.

Mah se e` riuscito ad avere una casa e a portarsi su la famiglia forse le condizioni del Sig. La Torre non erano cosi` male..


matteo martini 15.06.05 07:24| 
 |
Rispondi al commento


Per Sergio Liberta`:
" Guarda se vai in provincia di Brescia o Bergamo co sono migliaia di lavori che ti aspettano ma tu caro stronzetto non ne hai mica voglia giusto? "

Concordo Sergio con molto del tuo pensiero ma se mi permetti dovresti evitare gli insulti.

matteo martini 15.06.05 07:19| 
 |
Rispondi al commento


Per Sergio Liberta`:

SL
hanno negli occhi le veline ed i calciatori e li seguono come dei fessi.

MM
In America non e` che le cose vadano diversamente

SL
La poverta' sarebbe la cosa piu' giusta per l'Italia del giorno d'oggi.

MM
Non vedo perche` te la devi prendere cosi`

SL
L'ITALIA E' FALLITA SVEGLIA!!!!!!!

MM
Non credo che le cose vadano COSI` male

SL
Cazzo a 18 ero gia' a Londra a lavorare in un Fast food Ora sono 9 anni che vivo in america Guadagno in un giorno piu' di sta lavoratrice eppure sono un merdoso ragioniere uscito con 36 pero' mi sono dato da fare.

MM
Storia simile alla mia, solo che sono in Giappone

SL
E voi sempre a lamentarvi, pero' ve ne state in casa dalla mamma e non riconoscete mai le Vs colpe e lo stato Vi deve aiutare.
La pappa pronta non c'e' piu' e ne sono felicissimo.
PS l'Italia innanzitutto piu' che gli imprenditori la hanno rovinata i sindacati che hanno voluto pensioni ad eta' incredibili e non hanno mai concesso la flessibilita' del lavoro.
Tutti hanno accontentato tutti i politici il popolo il sindacato il popolo gli organi giudiziari il popolo.

MM
Su questo sono d` accordo

SL
Mai nessuno ha avuto le palle di dirVi la verita'. E chi glielo fa fare cazzo 12.000 euro al mese per stare seduti non sono male solo per dirVi sempre si.
Prodi Berlusconi e chi altro...
Ma chi se ne frega e' tutto uguale l'importante e' che il nipote prenda 3K euro al mese che in pensione si vada dopo 3 4 o 5 anni (nda non ricordo) che in Polizia in Finanza etc... si entri con le raccomandazioni che i notai passino il lavoro ai propri figli che l'amico barista non Vi faccia lo scontrino che i giornalisti sono giornalisti chissa perche', che i comunisti hanno la erre moscia (si scrive cosi non mi ricordo) che il presidente del consiglio abbia il trapianto che il figlio dell'operaio abbia il cellulare Nokia che ti dice cazzo sei fico quando lo premi che il geometra in comune ti aiuta perche' conosce molto bene la Marisa tua vicina di casa che in discoteca passate prima perche' siete fichi e tutti Vi conoscono.
Ma vedetevela un pochino Voi

MM
Usi un linguaggio " colorito " ma sono piu` o meno d` accordo con te..

SL
Ora che navigate nella merda cosa volete?
Io propongo orario ridotto a 20 ore settimanali pensione a 45 posto fisso inamovibile.

MM
Ah! Ah!

SL
Comunque caro Beppe sono sempre mooolto daccordo con quanto dici e non sono qui a difendere gli imprenditori ma solo la gente che ha fatto dell'Italia un paese del quale si e' fieri quando si va all'estero.
Mi vergogno per l'altro 90% delle persone che ci circondano maleducati che siete ed anche dietro questo Blog guardatevi dentro perche' i primi colpevoli siete anche Voi.
BASTA CACCHIO TUTTA STA IPOCRISIA MI FA VOMITARE.

MM
Continuo ad essere d` accordo

SL
Tirate fuori le palle buttate sto cavolo di cellulare comprate un auto che vi possiate permettere, iniziate a fare le vacanze in citta' e non al mar rosso.
Spegnete sta cacchio di televisione.
Seeee proprio ma a voi chi ve lo fa fare c'e' la partita alla domenica la ragazza vi scrive il messaggino, l'auto va lavata, al mercato a 200 metri da casa a piedi non ci andate.

MM
Beh! Sbagli a prendertela con i telefonini ma su tutto il; resto piu` o meno concordo

SL
Mi scuso per lo sfogo ma leggere le mamme scrivere sa mio figlio poverino...quando chissa la mamma come lo ha preparato per la vita (vero signora?).
Mantenete i figli fate bene pero' il lavoro c'e' caro Beppe solo che i poveri stronzetti non lo vogliono fare.
Ci sono i campi agricoli pieni di albanesi i ristoranti le fabbriche idem ma sa mio figlio ha studiato...
Bravi.

MM
D` accordo al 100%

SL
Chiudiamo le Universita' a sto punto lavori forzati (umili ) per almeno 10 anni poi vediamo che parla piu' tanto.
Diamo la scelta: 1500 euro al mese nei campi o 100 euro davanti ad un telefono e vedrai che vanno tutti per i 100 euro tanto i genitori ci pensano loro.

MM
Mi stai togliendo le parole di bocca!

SL
Ancora una volta Italiani vergognatevi.

MM
Ma no..
Perche`?
Se le cose andassero veramente male vedrai che la gente cambierebbe

matteo martini 15.06.05 04:51| 
 |
Rispondi al commento

"sersgio liberta"
mi raccomando, visto che guadagni parecchio fai molte donazioni... perkè a parole sei un "cicinino" irritante.
ho pochi anni in meno di te non mi sento nemmeno io minimamente vicino all'ultima generazione ma non è che il 90% delle persone sia così...
forse il 90% della classe dirigente... anzi 99.

Stefano "akiro" Meraviglia 15.06.05 01:02| 
 |
Rispondi al commento

Per Arturo Pero,
Guarda ma lasciamo proprio stare
A) io sono utopicomunista quindi hai proprio sbagliato target
B) L'Italia caro mio la hanno rovinata anche gli imprenditori ma con l'aiuto dei sindacati.
C) dimmi te allora come risolvere i problemi Italiani si va in pensione tutti a 55 anni?
Si realista e guardati intorno prima di criticare. Fatti magari anche un esame di coscienza.
La storia va letta hai ragione ma mi sa tanto che tu dell'Italia dei fine anni 70 inizi anni ottanta non ne sai proprio nulla economicamente.
Vatti a rileggerla e poi si puo' parlare.
Comuqnue la maleducazione e l'attacco personale (stronzetto) che ti ha contraddistinto la dice
lunga.
Ti consiglio allora di tornare in Svizzera a fare il cameriere almeno i tuoi 3K 4K franchi al mese li porti casa.
Siamo in un circolo vizioso che ora va saldato a caro prezzo e tu questo non riesci a capirlo.
Comuqnue chi vivra' vedra.
La mia era piu' una critica nei confronti del costume sociale Italiano che ha creato questa situazione niente piu'.La ricchezza improvvisa degli anni 70 80 a spese del debito pubblico (e quindi a spese nostre ) ha portato tutti gli Italiani a pensare che fossero ricchi quindi dalla fine degli anni 80 la gente ha iniziato a viziare i figli a dismisura, ha iniziato a pretendere sempre piu' priovilegi dovuti etc...
Scusa ma tu a 45 anni sei un precario statale?
Guarda se vai in provincia di Brescia o Bergamo co sono migliaia di lavori che ti aspettano ma tu caro stronzetto non ne hai mica voglia giusto?
E allora accontentati di cio che prendi e non rompere le balle.

sergio liberta 14.06.05 19:10| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere come acquistare il telefono per poter utilizzare Skipe grazie e a presto

raffaele vadino 14.06.05 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Ecco... mia sorella faceva call center, veniva pagata di più, ma la scortesia è quella. Ricordatevi che non lo fanno apposta a interrompervi e ad arrecarvi disturbo. Siate cortesi perchè un giorno vostro/a figlio/a o vostra sorella o vostro fratello potrebbero lavorarci lì. Le 'signorine del call center che vi rompono le scatole' stanno semplicemente cercando di guadagnarsi il pane...
Se ora ho l'adsl è per merito di una simpaticissima ragazza che oltre a chiamarci spesso per sapere la nostra decisione, ci ha anche chiamati dal suo telefono PRIVATO di casa per parlarci perchè quel giorno non lavorava!!!!

Octavia Gregori 14.06.05 17:04| 
 |
Rispondi al commento

io ho lavorato un mese in un call center,proponevo tappeti persiani,nel 1999,devo dire che mi pagavano discretamente,um milione al mese,ero anche bravina,comunque questo è successo in veneto,a roma ho cercato lo stesso lavoro quattro anni dopo e pagavano meno della metà,ora,la ragazza sopracitata è siciliana...

michela colombo 14.06.05 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Sempre a proposito di sfruttamento...

andate su questo sito

http://www.ricercatoriprecari.org/public/modules/news/article.php?storyid=96

Ciao,

Max

Massimo Tumiati 14.06.05 14:27| 
 |
Rispondi al commento

..lavoro in un call center all'estero da circa 3 anni...un eternita' credetemi.. il lavoro e' stressante, ma fortunatamente per la mansione che occupo tenere gli auricolari per 8 ore al giorno non mi ha mai comportato vendere nessun prodotto..ricevo le chiamate anziche prenderle..diciamo come dici tu beppe mi trovo ancora a in un call center "come servizio più o meno efficiente per risolvere i problemi dei clienti." ..e almeno riesco a vivere da solo..in Italia non me lo potevo permettere,

......scusandomi per la noiosa premessa vorrei portare a conoscenza di un nuovissimo trend che negli UK sta prendendo piede ... molte compagnie/multinazionali delocalizzano dopo aver iniziato con le fabbriche anche i call center o meglio il customer service in paesi in via di sviluppo e con tutele sindacali (minime..se esistono)India..cina..bangladesh....il problema e' che queste aziende non soddisfatte del servizio fornito dai lavoratori locali cercano lavoratori europei... che parlino meglio oltre che l'inglese anche altre lingue come l'italiano.. ho fatto per curiosita' un colloquio con un azienda americana di sw per una posizione in un call center in India ... la paga era di circa 200 euro al mese mensili ...(certo li il costo della vita e' piu basso...) ma chissa che non sia una nuova frontiera ( tragi-comica) per la futura lotta contro la disoccupazione... una cosa simpatica
che ricordo ..al momento di declinare la posizione e' stata la domanda se non avessi debiti da pagare visto che non avrei la possibilita' di pagarli con lo stipendio indiano..vabbhe..in India ci andro un giorno in vacanza spero...ja guru deva om

Mario Canosa 14.06.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

ho compreso sulla mia pelle una cosuccia da nulla: i collabortori sono, un pò come le lepri o i conigli nel mondo animale, la base della catena nutritiva (antropofoga) del sistema economico italia...
per usare un eufemismo, lo prendono "in the back" un pò da tutti, sindacati compresi! infatti, incredibile ma vero, esiste anche un sindacato che tutela perfino i topi da laboratorio, però non ce n'è mezzo che difenda i diritti di chi, dopo 4 anni passati da "dipendente", va via con una stretta di mano ed un "grazie tante" per non dire altro.

simone frappi 14.06.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

A "sersgio liberta"
che immagino volesse dire Sergio, vorrei dire che avrebbe totalmente ragione se non fosse che a me gli eversivi di destra mi hanno sempre fatto schifo: quelli che sparano nel mucchio, che mettono le bombe nei treni della gente qualunque perche' tanto non sono gli "eletti".
Ho stentato a non sentirmi coinvolto. Poi ho pensato che ho cominciato a lavorare a 15 anni in una fabbrica di verniciatura senza nessuna sicurezza tra l'altro, dove ogni giorno mi cambiavano di reparto perche' dovevo crescere e poi dopo due mesi ho dovuto lasciare per prepararmi agli esami di riparazione e il padrone ha detto che era rimasto deluso da me e che lui mi aveva trattato come un figlio... colpa dei sindacati??? guarda stronzetto! che io di anni ne ho 43 e lavoro da quella volta (15 anni) e ho lavorato in Austria e in Svizzera e in mezza Italia e ho cambiato per gusto una marea di lavori. Ora sono statale precario e i sindacati mi stanno umiliando, ma non andro' mai a gridargli contro che sono loro che hanno rovinato l'Italia e non i padroni. La storia va letta studiata confrontata capita analizzata.
Ueh ciccio, visto che hai molte ragioni vedi di prendere meglio la mira la prossima volta, perche' dato che mi hai mancato potrei tornarti il proiettile.
Sul fatto che odio l'Italia e gli italiani-truffatori-imbroglioni-farabutti-trasformisti-comunisti-fascisti-democristiani-cialtroni---
su questo siamo d'accordo

Arturo Pero 14.06.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Io odio questa gente qua che ruba i soldi a chi lavora veramente.
Odio quelli che organizzano il "sistema" e che sono banchieri, capi industria, amministratori delegati, manager, politici e via dicendo. Sara' per colpa loro che l'eversione ritornera' e fara' tanti e tanti morti come mai prima. E sara' sempre per colpa loro che l'Africa e i paesi del terzo mondo continueranno a morire di fame e di guerre inventate dai ladri delle Borse. ODIO

Paolo Manfrin 14.06.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Cacchio 100 euro...
Pero' 2 o 3 note
ma Vi rendete conto i govani d'oggi i valori che hanno? A calci in culo ed a zappare questo bisognerebbe fare innanzitutto altro che motorino vestiti etc...
hanno negli occhi le veline ed i calciatori e li seguono come dei fessi.
Io personalmente ho solo 33 anni ma esiste un abisso tra me e la generazione del giorno d'oggi (forse mi sono salvato per un solo anno).
Ho visto l'Italia cambiare incredibilmente in questi pochi anni.
Scansafatiche fannulloni vuoti come non mai TUTTI.
La poverta' sarebbe la cosa piu' giusta per l'Italia del giorno d'oggi.
Comuqnue e' un circolo vizioso che sta per chiudersi :quei pochi che stanno facendo tanti soldi arraffano piu' che possono e pensano che la vacca sia sempre grassa ma si sbagliano.
L'ITALIA E' FALLITA SVEGLIA!!!!!!!
E la colpa e'tutta nostra (Vostra).
Io giocavo con la terra perche' non potevo permettermi nulla fino ai 18 anni.
Cazzo a 18 ero gia' a Londra a lavorare in un Fast food Ora sono 9 anni che vivo in america Guadagno in un giorno piu' di sta lavoratrice eppure sono un merdoso ragioniere uscito con 36 pero' mi sono dato da fare.
E voi sempre a lamentarvi, pero' ve ne state in casa dalla mamma e non riconoscete mai le Vs colpe e lo stato Vi deve aiutare.
La pappa pronta non c'e' piu' e ne sono felicissimo.
PS l'Italia innanzitutto piu' che gli imprenditori la hanno rovinata i sindacati che hanno voluto pensioni ad eta' incredibili e non hanno mai concesso la flessibilita' del lavoro.
Tutti hanno accontentato tutti i politici il popolo il sindacato il popolo gli organi giudiziari il popolo.
Mai nessuno ha avuto le palle di dirVi la verita'. E chi glielo fa fare cazzo 12.000 euro al mese per stare seduti non sono male solo per dirVi sempre si.
Prodi Berlusconi e chi altro...
Ma chi se ne frega e' tutto uguale l'importante e' che il nipote prenda 3K euro al mese che in pensione si vada dopo 3 4 o 5 anni (nda non ricordo) che in Polizia in Finanza etc... si entri con le raccomandazioni che i notai passino il lavoro ai propri figli che l'amico barista non Vi faccia lo scontrino che i giornalisti sono giornalisti chissa perche', che i comunisti hanno la erre moscia (si scrive cosi non mi ricordo) che il presidente del consiglio abbia il trapianto che il figlio dell'operaio abbia il cellulare Nokia che ti dice cazzo sei fico quando lo premi che il geometra in comune ti aiuta perche' conosce molto bene la Marisa tua vicina di casa che in discoteca passate prima perche' siete fichi e tutti Vi conoscono.
Ma vedetevela un pochino Voi
Ora che navigate nella merda cosa volete?
Io propongo orario ridotto a 20 ore settimanali pensione a 45 posto fisso inamovibile.
Comunque caro Beppe sono sempre mooolto daccordo con quanto dici e non sono qui a difendere gli imprenditori ma solo la gente che ha fatto dell'Italia un paese del quale si e' fieri quando si va all'estero.
Mi vergogno per l'altro 90% delle persone che ci circondano maleducati che siete ed anche dietro questo Blog guardatevi dentro perche' i primi colpevoli siete anche Voi.
BASTA CACCHIO TUTTA STA IPOCRISIA MI FA VOMITARE.
Tirate fuori le palle buttate sto cavolo di cellulare comprate un auto che vi possiate permettere, iniziate a fare le vacanze in citta' e non al mar rosso.
Spegnete sta cacchio di televisione.
Seeee proprio ma a voi chi ve lo fa fare c'e' la partita alla domenica la ragazza vi scrive il messaggino, l'auto va lavata, al mercato a 200 metri da casa a piedi non ci andate.
Se siete artigiani o piccoli imprenditori defrodate il fisco se siete lavoratori dipendenti fissi siete scansafatiche se siete imprenditori siete dei ladri.
Ridicoli ridicoli e ridicoli.
Craxi e compagnia bella andavano bene a tutti avete mangiato TUTTI ed ora che fate Vi lamentate?
La generazione di mio padre (la tua caro Beppe) e' forse la maggiore responsabile di tutto cio'.
Avete permesso il tutto.
Vergognati anche te caro Beppe (anche se ti voglio bene).
Un saluto ai veri lavoratori quelli all'estero che hanno capito come l'Italia sia sprofondata, al resto Vi auguro buona fortuna ne avete tanto ma tanto ma tanto bisogno...
Mi scuso per lo sfogo ma leggere le mamme scrivere sa mio figlio poverino...quando chissa la mamma come lo ha preparato per la vita (vero signora?).
Mantenete i figli fate bene pero' il lavoro c'e' caro Beppe solo che i poveri stronzetti non lo vogliono fare.
Ci sono i campi agricoli pieni di albanesi i ristoranti le fabbriche idem ma sa mio figlio ha studiato...
Bravi.
Chiudiamo le Universita' a sto punto lavori forzati (umili ) per almeno 10 anni poi vediamo che parla piu' tanto.
Diamo la scelta: 1500 euro al mese nei campi o 100 euro davanti ad un telefono e vedrai che vanno tutti per i 100 euro tanto i genitori ci pensano loro.
Ben vengano gli extracomunitari altro che.
Come nota personale sappi che sono tornato per 6 mesi in Italia ho aperto una attivita' la ho venduta dopo 15 giorni, ho fatto il reato di provare ad assumere i dipendenti a libretto ma tutti gli Italiani si sono rifiutati perche' a loro dire prendevano di + in nero, gli extra comunitari non potevo assumerli perche' non avevano il permesso di soggiorno.
Non ti dico i probleim ASL notai dottore commercialista (bei dottori che ti istruiscono quando e come devi rubare) etc... dopo 15 giorni sono scappato via grazie a Dio.
MAI e poi MAI piu'.
Ancora una volta Italiani vergognatevi.

sersgio liberta 14.06.05 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Mio figlio, di 21 anni, lavora nell'azienda acqua e gas cittadina, ha una "borsa di studio" di 309euro al mese e lavora 7.30 ore al giorno dal lunedì al venerdì. Finita la "borsa" gli hanno raccontato che verrà assunto come interinale e poi?
Bastardi!!!!!!
Lo mantengo io, basta che lavori, ma in una azienda dove tutti fanno un c...o, che apprendistato è? Se lavoraSSE DA UN FABBRO O DA UN ELETTRICISTA, LO CAPIREI; LI' PUOI IMPARARE IL MESTIERE ANCHE GRATIS

stefano maselli 14.06.05 08:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Simone Fromboli

penso che bisogna rivolgersi alle autorità, per la salvaguardia della privacy
Non sò aiutarti in questo. Io adesso ho trovato sul mio cellulare 2 numeri in più e penso di andare a denunciare la cosa ai carabinieri.
Un saluto

roberto berera 14.06.05 07:07| 
 |
Rispondi al commento

a mio parere non è un problema solo dei call center... certo 109 sono incredibili, però anche lavorare 8h al giorno con 4h di viaggio ed 1h di pranzo e vedersi riconosciute solo 8h di lavoro a me sembrano un controsenso...
che poi si parla tanto che non c'è lavoro... ci si lamenta che si fatica a trovar lavoro allora perkè non provare a ridurre l'orario lavorativo?
io lo so perkè, perchè alle aziende costa meno sfruttare una persona per 12h piuttosto che prenderne 2 a 6h...

questo non è offrir lavoro, questo è sfruttare le persone.

il fine ultimo dell'uomo è quello di inc...are il prossimo per esser sempre più potente e sempre più ricco, ed i meno fortunati che s'arrangino.. peccato che le persone che la pensino così non lo sanno che andando avanti di questo passo non si fa altro che allargar i poveri ed allarga allarga ci ritroveremo tutti sulla stessa barca, allora perchè non remare tutti insieme già da ora?

speriamo di capitar nelle mani di qualche signorotto potente ma onesto, almeno quello...
mah

stefano "akiro" meraviglia 13.06.05 21:11| 
 |
Rispondi al commento

io e la mia ragazza lavoriamo nei call center da 2 anni.
Lei nella precedente azienda aveva un contratto cococo. Come sapete tale contratto non prevede orari. Ma diversi operatori venivano chiamati al cellulare nei giorni in cui non si presentavano al lavoro per "invitarla" ad andarci. C'era un orario affisso in bacheca con gli orari della settimana. Il super capo megagalattico faceva delle riunioni con gli operatori dicendo: (testuali parole!!!) "Lo so che voi avete questo tipo di contratto(!!), però (peròòò?! un par di palle però!!!!!!) non dovreste fare assenze soprattutto il lunedì e il venerdì.
MA brutto $tron$@! Se lo sai che contratto abbiamo non ci fare la ramanzina sugli orari. C'è scritto chiaro SUL CONTRATTO CHE !!!!!CI HAI FATTO FIRMARE TU!!!!! che i lavoratori cococo non hanno obblighi di orario. Non devono avvisare delle assenze. (tanto se non lavori non vieni pagato. Mica fessi, no?!)
Capite?! I lavoratori cococo (ora a progetto, ma tanto è la stessa cosa) costano un nulla alle aziende. Però vogliono che tu gli garantisca lo stesso servizio di un lavoratore dipendente. Però senza alcun diritto di un lavoratore dipendente. Niente ferie pagate. Niente malattie pagate. Niente tfr. Niente buoni pasto. Niente tredicesima. Niente altre 1000 cose.
Fisso orario?!?! Certo che si: 3 euro. Fatevi un po' i conti.

E in questi due anni in cui abbiamo lavorato nei call center (inbound - outbound - teleselling - servizi adsl - ...) ce ne sarebbero da dire....

Disgusto.

no future

Joey Ramone 13.06.05 20:21| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe
Ho una piccola impresa tessile, con me lavorano 5 operai a qui pago regolarmente i contributi, hanno uno stipendio che per ora li soddisfa. Ho letto che Mendelson ha ottenuto una vittoria importante con il suo pari cinese. Fino al 2007 dovranno limitare le esportazioni fino ad un massimo del 12,50 di aumento annuo. Questo tempo dovrebbe servirci per aduguare -dice lui- la nostra competitività nella sfida globale. Io ti chiedo - visto che hai più conoscenza di me - per adeguarmi debbo smettere di pagare i contributi? Obbligare a lavorare sabato e domenica? Se qualcuno è malato obbligarlo a venire a lavorare? Le ferie? Dimezzarli lo stipendio? I miei macchinari sono nuovi e non vedo quale adeguamento produttivo possa fare!!!!

Piero Cardini 13.06.05 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti e soprattutto a te Beppe!
Seguo il blog da un po' di tempo ormai, ma ho letto l'intervento del Sig. La Torre che veramente è esilarante!!!

Quoto:"E allora vogliamo dire anche che io per trovare un solo collaboratore ne ho dovuti provare 14 (quattordici) per un lavoro paragonabile al lavaggio auto come difficolta..."
Ah si 14 (quattordici)? QUATTORDICI!?!?!?!
Ma scusi ci pensi un po'bene : quando è arrivato al settimo, ottavo licenziato non si è insinuato il dubbio nella sua testolina che forse ma forse il problema è lei e/o quello che pretende e/o quello che paga e/o come si comporta ecc..?

"Li facevo assumere per una settimana dall agenzia interinale e e difficilmente uno di loro ha passato la settimana"
Ma cosa gli faceva a questi poveri ragazzi torture cinesi?

"...alla fine l'unico ragazzo serio che ha avuto e dimostrato voglia e serietà è stato un Camerunense che collabora con me da 3 anni, l'ho assunto subito dopo con contratto a tempo indeterminato, gli ho trovato una casa ed è riuscito a portarsi qui la famiglia..."
Chissà perchè ma penso proprio che questo povero camerunense non sia l'unico serio e volenteroso, bensì l'unico "cretino" che abbia accettato di lavorare alle sue condizioni.

"..., non si è ancora mai assentato un giorno dal lavoro e produce come una macchina."
Qui il suo pensiero si eleva a vette irraggiungibili...Peccato che parli e mangi sennò sarebbe stato proprio perfetto VERO?

"Non voglio per questo generalizzare, sto solo portando la mia personale esperienza."
Ci vuole del coraggio per licenziare 14 persone e poi andare ancora a raccontarlo sul blog complimenti...

"Faccio il piccolo imprenditore da 9 anni, non è molto ma un'idea chiara del mondo del lavoro me la sono fatta, sia da una parte che dall'altra perchè sono stato alle dipendenze per molti anni e sono dell'idea che oggi si pensi molto ad accampare diritti e un po meno a sostenere i propri doveri.
Con questo volgio dire che il lavoro interinale è utile ma va ben gestito e controllato perchè l'ìuomo (se disonesto) ci mette un attimo a rovinare tutto il giochino facendone un bel business per sfruttare i più bisognosi..."
LOL!!!
Vorrei proprio sapere il motivo di quei 14 licenziamenti!
Saluti a tutti! E Beppe non posso fare altro che complimentarmi con te e continuare a sostenerti per quanto mi è possibile!!!

Andrea Laurino 13.06.05 17:55| 
 |
Rispondi al commento

x roberto berera

grazie dell' informazione, ma uno cosa dovrebbe fare se scopre altri numeri dopo l' IMEI.

Ciao grazie

Simone Fromboli 13.06.05 15:51| 
 |
Rispondi al commento

E' chiaro che il denaro è un'allucinazione colletiva.

Marco Neuro 13.06.05 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda lo smembramento della Finsiel...
Posso essere d'accordo sul fatto che sono lavoratori e vanno tutelati, posso essere d'accordo sul fatto che una vendita al gruppo COS svuoterebbe le tasche di molti padri di famiglia.
Ma la Finsiel è la Finsiel: chi come me lavora nel settore dell'IT (ed ha anche lavorato per la Finsiel stessa, seppure come consulente) conosce il suo mondo, i suoi impiegati totalmente incompetenti strapagati 4000 euro al mese, che prendono premi produzione (di cosa, che non fanno nulla senza consulenti, so non danni) , premi da 5-6000 euro..
No, per la Finsiel, per una volta, sono d'accordo. Sono d'accordo perchè sono tremendamente deluso ed incazzato. Deluso dal fatto che un lavoratore in gamba non può raggiungere uno stipendio decente, nè può sognare di diventare dipendente della Finsiel, e incazzato perchè lavoratori mediocri, se non addirittura incapaci, percepiscono il triplo del mio reddito (e già mi ritengo una persona fortunata).
Questo, senza fare figli e figliastri, è perfettamente riprodotto in scala su una miriade di società più piccole.
Posso quindi dire la mia:
Quella società VA' ASSOLUTAMENTE smembrata, perchè i raccomandati nullafacenti non devono mangiare ostriche e caviale alla faccia dei c.d. "esterni", collaboratori di microsocietà quasi sempre sottopagati.
Basta con le racconamdazioni, basta con lo stipendio garantito per chi non sa fare niente. Lo stipendio va meritato, va sudato, e giustamente chi fa di più deve essere pagato di più.
I dipendenti Finsiel ora se la stanno facendo sotto solo per un motivo: se vanno via da lì, date le loro pressochè nulle competenze, non troveranno mai un altro lavoro (salvo raccomandazioni).
Per concludere, non aderirò al loro appello, perchè non sono loro i nuovi poveri, sono semplicemente i vecchi parassiti. E questo lo sanno tutti quelli che conoscono l'organigramma di questa splendida società dei magnaccioni.

Davide Rossi 13.06.05 13:06| 
 |
Rispondi al commento

Il mondo del lavoro è già cambiato da un pezzo, i sindacati ormai sono delle lobby e sono pari
a circoli quali il Rotary o il Lions.

Un giorno ho fatto un colloquio di lavoro per Eustema e ho saputo che questa bella azienda
partecipata telecomItalia, olivetti e, udite udite, CISL!!!, ha più del 50% di consulenti in partita iva con contratto a progetto. Poi sento Pezzotta dire di andarci piano con i lavori a progetto...


P.S. anche a me hanno proposto un contratto a progetto di tre mesi rinnovabili..., fortunatamente ero nella
condizione fortunata di poter rifiutare...

giovanni meda 13.06.05 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Provo tanta tristezza e tanta amarezza nel sentire queste storie. Mi chiedo come faremo ad uscirne e a dare una speranza a queste persone se al governo c'è chi dice che l'Italia è un paese ricco e ottimista, se chi guida il treno non si accorge che sta deragliando e la sua unica preoccupazione è fare i gestacci a quelli che lo insultano a Bolzano! Povera Patria, per dirla alla Battiato...

Maria Grazia Attinasi 13.06.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

che vergogna!

leonardo maiellaro 13.06.05 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Attenti, a non parlare con i tizi dei call center.
Se tu parli con loro più di TOT tempo vuol dire che sei interessato all'offerta. E spesso fanno risultare che te l'hanno venduta. Basta contare quante persone hanno ricevuto Alice ADSL.
Non è colpa dei poveri operatori ma di chi li gestisce. Mi spiace contraddire Grillo ma non parlate con gli operatori a meno chè non vi interessi l'offerta o che venga cambiata la legge (non rendendo più validi i contratti telefonici)

Bricke Dotnet 13.06.05 10:35| 
 |
Rispondi al commento

...a proposito di sindacati (tratto dal quotidiano "Il Gazzettino" di domenica 12 giugno 2005 (ediz. di Pordenone):

" La battaglia della dipendente licenziata dal sindacato
Beni Uil da pignorare Rinvio a ottobre

Si arricchisce di un'altra puntata la battaglia giudiziaria di Gianna Pollesello, ex dipendente della Uil di Pordenone e moglie dell'ex segretario provinciale dello stesso sindacato, Gino De Pin, e i vertici provinciali e nazionali dell'Unione lavoratori.

La storia della vicenda è piuttosto lunga e complicata, quindi bisogna fare un passo indietro. Gianna Pollesello, nel 1999, venne licenziata dal sindacato. La donna, assistita dall'avvocato Rosanna Rovere, si rivolse al giudice del lavoro che, dopo un esame delle prove, delle tesi prodotte dal legale dell'ex dipendente e di quelle della Uil, assistita dagli avvocati Paolo Carbone e Carlo Baseggio, emise la sentenza che restituì serenità Gianna Pollesello.

A quel punto, la stenza del giudice del lavoro dichiarò il licenziamento nullo e illegittimo in quanto «discriminatorio - recitano le stesse motivazioni -, costituendo un atto di rappresaglia contro Gianna Pollesello in quanto moglie di Gino De Pin, segretario provinciale uscente della Uil, ossia persona che all'epoca del recesso era critica nei confronti della nuova dirigenza sindacale».

Il giudice poi condannò il sindacato a risarcire alla donna i danni materiali e morali (quantificati in circa 77mila euro), ma anche al riconoscimento della nuova qualifica (per una somma pari ad altri 80mila euro, con l'aggiunta della rivalutazione e del riconoscimento degli arretrati ai fini pensionistici).

«A quel punto - spiega Gianna Pollesello - pensavo che il mio calvario fosse terminato. Invece, nonostante il fatto che dal momento di quella sentenza è trascorso un lungo periodo, non ho ancora visto una lira. È pensare che la Uil ha condotto una forte battaglia proprio diretta contro chi voleva abolire l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, togliendo in questo modo le tutele sui licenziamenti». «Tutto bene finché si parlava di questioni generali. Nel caso pratico - aggiunge tuttavia Pollesello -, la Uil ha fatto e sta facendo di tutto per non applicare tale norma a tutela di un suo dipendente. Non solo. Non riconosce nemmeno la sentenza del giudice del lavoro di Pordenone, che pure l'ha condannata a pagarmi stipendi arretrati e quant'altro, avendomi licenziata senza alcuna motivazione, o meglio per una forma di rappresaglia».

Gianna Pollesello è amareggiata e scoraggiata. La sentenza del giudice del lavoro è esecutiva dall'aprile del 2004, ma è ancora lettera morta per la Uil. «Con l'avvocato Rovere che mi assiste - conclude Pollesello - abbiamo chiesto il pignoramento dei conti della Uil. Il risultato? Non c'è un euro. Abbiamo allora chiesto di pignorare i beni della Uil nazionale. Il risultato? Ancora niente perché da Roma sostengono di non aver alcun rapporto con Pordenone. Una tesi che il mio legale, che ha chiesto e ottenuto dal giudice una serie di approfondimenti, conta di smontare. Intanto continuo a attendere i soldi che la Uil dovrebbe pagarmi come deciso dal giudice del lavoro»."

Bruno Bortolussi 12.06.05 23:29| 
 |
Rispondi al commento

Grillo Grillo... Forse non lo sai ma questa è "flessibilità"... Quel procedimento virtuoso che consente di abbattere il costo della manodopera, di incrementare profitti e produttività delle imprese, di creare ricchezza e posti di lavoro. Dalla flessibilità non possono che derivare un concreto impulso all'economia, un rinvigorimento del PIL ed un ovvio contenimento della disoccupazione.

Gli effetti benefici potranno anche realizzarsi nel medio-lungo termine, ma non credo sia il caso di allarmarsi per alcuni transitori effetti collaterali...

...Incremento dell'incertezza economica

...Difficoltà nell'affrancamento dalla famiglia

...Impossibilità di attivazione di un mutuo

...Impossibilità di acquistare un'abitazione

...Difficoltà nel mantenimento dei figli

...Difficoltà nel fare progetti per il futuro

...Inasprimento dello scontro socio-generazionale

Reazioni indesiderate peraltro modeste che davvero non mi sembrano sufficienti a scatenare insurrezioni.

P.S. Ragazzi prepariamo le pentole!

Nicola Mosti

Nicola Mosti 12.06.05 21:06| 
 |
Rispondi al commento


Per Michele Martini:
" non è cosi, con qusto matteo martini non centro niente "

Confermo ( per l' ennesima volta ! )

matteo martini 12.06.05 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Risposta a: postato da Fabio La Torre il 10.06.05 15:39

Purtroppo, dopo avere scorso l'intero blog, le mie speranze si sono affievolite.
Sono "emigrato" dall'Italia nel 2002 e temo che in soli 3 anni la situazione sia davvero peggiorata. Oggi vivo nel vicino Cantone Ticino.
Per parlare con Call Center Agent di aziende serie, le suggerisco di tentare con numeri verdi di aziende svizzere - per esempio Swisscom, UBS, Credit Suisse. Anzi, nemmeno numeri verdi - basta che cerchi il numero e chiami. Le risponderanno senza meno dei Call Center Agent. Le daranno le informazioni di cui lei ha bisogno. Soprattutto, saranno gentili e la faranno sentire un "signor cliente", perché questo è il loro lavoro. Per svolgere questo lavoro hanno un contratto, vengono adeguatamente retribuiti e vengono puntualmente aggiornati su nozioni, prodotti e processi, oltre che sulle più aggiornate teorie relative alla comunicazione e all'orientamento al cliente.
Le aziende per cui lavorano presentano ogni anno bilanci con utili stratosferici, che scandalizzano i cittadini (i quali però sono per la maggior parte anche azionisti), per via dei quali, certo, pagano le tasse (contribuendo all'economia pubblica anziché viceversa), ma grazie ai quali consolidano le loro quotazioni sui mercati borsistici, quindi la loro capacità di attrarre ulteriori capitali e di crescere e investire sul futuro.
Il Call Center, nella sua concezione attuale, è uno strumento di marketing tattico. Le aziende che lo usano male, concretizzano male la propria strategia di marketing (guardi che bell'immagine dànno di sé Fastweb e telecom...). Chi fa male il proprio marketing, perde clienti. Chi perde i clienti, se non si vive in regime di monopolio ma di concorrenza vera, prima o poi chiude.
Temo davvero che se la classe imprenditoriale italiana è quella che emerge dagli spettacoli di Beppe, dai blog e da altre prospettive che non le veline dei TG, facciamo meglio ad aspettare che l'Italia venga colonizzata da imprenditori stranieri. Anzi, magari anche a favorire questo passaggio.
Forse, a differenza dei nostri, gli stranieri, ignoranti della nostra atavica "capacità d'arrangiarci", cercheranno di costruire un sistema che garantisca la sopravvivenza della risorsa umana, quindi dei cittadini.
Forse, imprenditori stranieri non vedranno nello stato finanziato dal cittadino beota (l'unico che paga le tasse...) una mucca da mungere, grazie alla quale ripianare le voragini finanziarie provocate dalla loro incapacità.
Peccato però.... Io nel miracolo Italiano (forse proprio da buon emigrante) ci credevo davvero...

Buona serata a tutti.

Francesco Puglioli 12.06.05 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe:)

Ti do un informazione che penso possa essere utile
a tutti i blogger:)
A proposito della privacy vi comunico una cosa una cosa....Allora i telefonini cellulari hanno un UN NUMERO SERIALE DI IDENTIFICAZIONE composto da 15 cifre, se aprite il cellulare e togliete la batteria vedrete il numero di identificazione.
Qualche volta accade che anzichè 15 numeri ci sono uno o più numeri aggiunti alla fine del numero seriale, bene questi numeri non sono solo semplici numeri aggiunti ma stanno a significare che una antità vuoi giuridica polizia, finanza o economica... sta controllando il tuo numero,
per verificare se il tuo cellulare è sotto controllo basta digitare ASTERISCO-CANCELLETTO-06-CANCELLETTO e SE ti APPARIRANNO I 15 NUMERI SERIALI E BASTA IL TELEFONO è PULITO, ALTRIMENTI SEI SOTTO CONTROLLO DA UNA O PIU ENTITA'DIPENDI DA QUANTI NUMERI CI SONO DOPO I 15 SERIALI.
RICORDATI CHE AD OGNI NUMERO DOPO I NUMERI SERIALI CORRISPONDE UNA ENTITA'
CIAO
il guerriero poeta

roberto berera 12.06.05 19:28| 
 |
Rispondi al commento

E’ in discussione nell'Unione Europea il progetto di direttiva (legge
europea) chiamato Bolkestein dal nome dell'ex commissario europeo che
l'ha proposto, il liberale olandese, Frits Bolkenstein, sulla libera
circolazione dei servizi in seno all'Unione Europea, in base alla quale
tutti i servizi forniti nei 25 stati dell'Unione Europea potranno essere
considerati prodotti economici ordinari. La direttiva in discussione
prevede il principio del Paese d'origine, che stabilisce che un prestatore
di servizi sia esclusivamente sottoposto alla legge del Paese dove ha
sede legale e non più alla legge del Paese dove fornisce il servizio. Si
tratta in pratica di un incitamento a trasferire la sede di un'impresa
nei Paesi europei dove la protezione sociale e del lavoro prevista
dalle leggi è minore. Secondo questa direttiva, se un azienda trasferisse
la sede legale in Grecia o in Polonia, i diritti dei propri lavoratori
potrebbero essere legalmente regolamentati dalle legislazioni del lavoro
greche e polacche. Si realizzerebbe così un vero e proprio "dumping
sociale" per cui ci sarebbe una spinta a livellare verso il basso le
legislazioni sociali e del lavoro, che ridurrebbe notevolmente il margine di
trattativa contrattuale dei sindacati e dei lavoratori. Contro
l’approvazione di questa direttiva o almeno condizionarne una sostanziale
modifica è già attivo un vasto movimento popolare.
Dettagli sui link: http://www.fpcgil.it/noallabolkestein.htm
http://www.fpcgil.it/news/050305.htm

COSA CENTRA QUESTO CON LA H3G?
L'Italia, con la sua lingua poco conosciuta, sembrava immune dal
fenomeno della delocalizzazione dei call center. Ora la tendenza potrebbe
essere invertita dalla H3G, compagnia di telefonia mobile Umts, che sta
esplorando (tenendo conto della proposta di legge europea appena citata)
la possibilità di trasferire il suo servizio clienti in Albania o in
Romania, dove la lingua italiana è più diffusa perché si ricevono da
sempre i programmi delle nostre Tv e i rapporti sono molti intensi anche
per l'immigrazione. Qualcuno si chiede che fine faranno gli attuali
lavoratori italiani (con contratti di inserimento e a termine) dei suoi call
center? Neanche a farlo apposta, quanto detto coincide con
l’attivazione del nuovo servizio informativo 412 a pagamento. Servizio che
permette, a cliente ed operatrice customer, tra le ore 8.00 e le ore 22.00 non
solo di parlarsi, ma anche di vedersi (al costo di 1,32 euro, più 1,32
euro alla risposta).
Se 3 attuasse il trasferimento del suo call center, nel campo della
telefonia avremmo una delle prime imprese in Italia veramente
"globalizzate": capitali cinesi della Hong Kong Hutchison Wampoa, rete italiana
gestita da svedesi (Ericsson), utenti italiani, servizio clienti albanese.
Come già preannunciato a metà gennaio l'amministratore delegato di H3G,
Vincenzo Novari, vuole arrivare alla quotazione in Borsa entro il 2005
e per farlo ha affittato la rete UMTS e il settore informatico (ramo
d’azienda in cui sono raccolte la progettazione, la pianificazione,
l’esercizio e la manutenzione delle infrastrutture di telecomunicazione e
dei sistemi informativi) ad ERICSSON per 5 anni (la stessa potrà poi
subaffittare tutto a terzi) mantenendo invece la proprietà e il controllo
totale della sua infrastruttura di rete, oltre alla titolarità delle
strategie, della pianificazione di rete e alla decisione sugli acquisti
degli apparati e dei sistemi. L’accordo, spiegava in una nota la società,
garantirà ad H3G, nello stesso periodo, risparmi gestionali per circa
250 milioni di euro E RICAVI PER 1,5 MILIARDI DI EURO.
Secondo l’accordo raggiunto (accettato da Slc-Cgil, Fistel-Cisl,
Ulcom-Uil ma non condiviso dai lavoratori) circa 760 tecnici di rete e di IT
di H3G confluiranno in ERICSSON, mantenendo per due anni e mezzo (SU
CINQUE) l’attuale contratto lavorativo.. poi si vedrà!
Completamente incerto invece il futuro dei circa 1000 dipendenti (un
terzo della forza lavoro totale) interessati alla cessione dei rami
d'azienda, cui si aggiungono circa 600 persone tra consulenti esterni e
lavoratori interinali.
Quando nel 2001 la H3G (la compagnia di telefonia mobile UMTS) cominciò
la sua attività, arruolando dipendenti e presentandosi alle pubbliche
amministrazioni con la promessa di innumerevoli investimenti in Italia,
nel corso degli anni, di finanziatori esteri (per l’esattezza cinesi -
Hutchinson Whampoa Limited), evidenziò di voler essere una società che
aveva fra i propri obiettivi il benessere dei propri dipendenti; la
stampa italiana, prima ancora che alle novità tecnologiche e dei servizi
di telefonia, evidenziò proprio questa volontà di innovazione nella
gestione delle risorse umane. 3, per bocca dello stesso Amministratore
Delegato (e fondatore), all'interno dell'ufficio del personale intendeva
istituire un'insolita figura di "direttore della felicità", un manager
impegnato esclusivamente nell’assicurare la massima soddisfazione dei
dipendenti che lavoravano ed avrebbero lavorato nella nuova azienda. Tanto
era stato promesso in un incontro in open-space (tutti seduti su
cuscini) tenutosi nel maggio di quell’anno con le prime poche centinaia di
persone che, lasciando aziende consolidate, avevano deciso di abbracciare
questo progetto. Inoltre nei corridoi c'erano sempre ceste di frutta
fresca ed era stato istituito per i dipendenti un servizio di lavanderia
e stireria con consegna in azienda, nonché una squadra di massaggiatori
che si spostava di sedia in sedia alleggerendo il lavoro di chi lo
richiedesse.
Probabilmente nella fase di start-up per 3 era conveniente mostrarsi
come un'azienda esemplare sotto il profilo del rapporto con i
collaboratori. Era il periodo delle assunzioni e bisognava strappare risorse agli
altri gestori mobili già esistenti (Tim, Vodafone, Wind e Blu)
soprattutto nei settori tecnici. Ora non è più così. Lo start-up, con il
raggiungimento di circa 2.800.000 e più abbonati, sembrerebbe concluso. La
costruzione della rete prossima all’ultimazione. L’obiettivo
imprescindibile, da raggiungere assolutamente entro l’inizio del 2006, a qualsiasi
costo.. resta la quotazione in Borsa.
Il valore approssimativo di H3G è tra i 10 e i 14 miliardi di euro e
secondo quanto dichiarato, dall’Amministratore Delegato, andrà in Borsa
tra il 25% ed il 30% del capitale.
Il pool di banche che potrebbero partecipare al collocamento in Borsa
della società non sono di difficile individuazione.
A JP Morgan, Morgan Stanley, Goldman Sachs, Merrill Lynch e HSBC il
probabile incarico di global coordinator e book runner.
A JP Morgan e HSBC la partecipazione alla ristrutturazione del debito.
A San Paolo IMI, come pattuito contrattualmente al momento
dell'ingresso della banca italiana nel capitale della società (della quale detiene
da sempre circa il 5%) un ruolo tra i global coordinator.
Dettagli sul link:
http://www.wineuropa.it/news/dettaglionews.asp?id=9065
COME AL SOLITO AGLI INVESTITORI SPETTANO MERITI E LAUTI GUADAGNI MENTRE
AI LAVORATORI SCARSO SALARIO E INSICUREZZA SIA LAVORATIVA CHE
PENSIONISTICA.
IN PASSATO E’ TOCCATO GIA’ A TANTI, QUESTA VOLTA TOCCA AI LAVORATORI DI
3.. E PIU’ AVANTI?

federico palmieri 12.06.05 18:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao amici del blog, sono un ex dipendente della cosmed di misterbianco. La situazione non è delle migliori; il sistema è molto incasinante: wind appalta questa cosmed a promuovere per via telefono, le nuove promozioni di infostrada (fisso e adsl), e si deve mantenere una media di attivazioni tale che wind continui ad utilizzare questa società per fare le chiamate. Così i superiori, per salvarsi il c**o, sfruttano più gente possibile, cercando di vendere il più possibile. si inizia con un colloquio farsa, poi vieni preso al 100%, e fai un corso di formazione scadente, visto che non ti spiegano i svantaggi di tutto il pacchetto. Il nuovo contratto è trimestrale, e si ha 1.70 ogni 15 minuti di chiamate. se riesci a fare due ore (cosa impossibile in 4 ore di lavoro, al massimo stavo 1 ora e 3 quarti), guadagni 13.6. Prima questi soldi si guadagnavano facilmente x via che si contavano quattro chiamate qualsiasi ogni ora. Poi se riesci ad attivare prendi 25€ se fai un contratto con infostrada come operatore unico, 10€ se è operatore primario o adsl (con 2 bollette, wind e telecom).
I primi mesi, stai tranqullo, provi a chiamare, la maggioranza delle persone che si chiamano sono ANZIANE!! (facilmente truffabili, molti sono troppo ingenui e troppo gentili, una civiltà diversa dalla nostra moderna), oppure gente che è sola, e non gli serve proprio nulla, e non la compagnia di un telefono! Molta gente viene richiamata 4/5 volte, e gli assistenti di sala che fanno da motivatori agli operatori. Se vai male (cioè vendi poco) dopo qualche mese, ti mettono nella zona dedicata detta all'epoca "l'isola dei famosi", dove ti fanno un corso di aggiornamento, e ti controllano se fai miglioramenti o meno, ovviamente il morale di questa gente va sui tacchi, lo stress e la paura aumentano. Se vai male, ti mandano una stupida lettera di sospenzione del contratto di lavoro (ormai il licenziamento non si chiama + così), oppure non rinnovano il contratto. La paga è bassissima, gli stipendi venivano sbagliati ogni mese, anche chi guadagnava, si lamentava anche. Io non fui riconfermato, per via una crisi isterica a sentire gente ovviamente esausta che mi mandava a fanculo ogni volta, e quindi a dicembre 04, ho attivato solo una misera CPS. Quindi non mi riconfermavano. I sindacati: inesistenti, fino a quando hanno cambiato il metodo di pagamento, (quello attuale), e quando molta gente, veniva licenziata, mentre si lavorava!
Io ho scritto per dare a voi informazione come il gruppo cos, lavora, perchè tutti hanno paura, di perdere il contratto con wind, perchè prima si vendevano salami..... E sono le società che fanno questo, i call center fanno parte del gioco è l'anello più debole sono gli operatori.. Se volete più info, utilizzate la e-mail che ho dato su questo sito.

Marco Calandra 12.06.05 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Per Michelangelo Sanguineti. Caro Mike, hai mai pensato che a lavorare nei call center può finirci anche chi ha studiato, facendo un brillante percorso di studi e non pensando a "cazzeggiare" piuttosto che a crearsi una solida formazione? Sono laureata da quasi un anno e mezzo (con un buon punteggio) e la formazione pre-universitaria è stata più che dignitosa. Subito dopo la laurea, avendo già mandato qualche curriculum qua e là, sono stata chiamata proprio dalla Cosmed di Catania: mi hanno proposto il lavoro e ho ACCETTATO! Si era ormai quasi a ridosso dell'estate, riguardo al mio campo di studi non avrei potuto fare granchè in quel periodo, pensavo di rimanere 2/3 mesi per guadagnar qualcosa e non stare senza far nulla e alla fine ci sono rimasta 1 anno. La strada che avevo previsto, attinente ai miei studi, si è dissolta, stare con la mani in mano non mi sembrava il caso, così ho deciso di impiegare quei pochi soldi che mi davano per pagarmi dei corsi di formazione ("per migliorare la mia condizione")e non per spenderli per lo svago. Per fortuna dopo un anno mi hanno licenziato (x loro non mi hanno rinnovato il contratto perchè non ho raggiunto gli obiettivi previsti, ovvero non ho raggirato abbastanza persone). Non è facile dire "mi sfruttano, non glielo permetto, me ne vado", soprattutto quando i tuoi possono garantirti a stento un tetto sulla testa. Non credi?! P.S. I miei colleghi non avevano chissà quali studi, ma non ero l'unica laureata (forse altri sono solo andati via un pò prima di me).

Anna Patti 12.06.05 15:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La tv e' buona

Quel rincoglionito dello zio Fernando
Si e' mangiato il telecomando
Se l'e' mangiato con il te e i biscotti
E due denti se li e' rotti

Marcus Libero 12.06.05 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Per sindacalisti

io come uomo, libero cittadino,sono stuffo e stanco!Sono decine di anni che;giorno dopo giorno,settimane,mesi e anni di scioperi e disastri economici voi sindacalisti siete i veri responsabili della situazione attuale,con intrallazzi politici e per vostri interessi avete fatto finta di difendere le poche bricciole dei lavoratori (risultato 109 euro mensili).

Altrimenti come si spiega,politici che si auto-aumentano la paga di milioni di lire prima,migliaia di euro oggi.Con il vostro silensio e non solo.

Ancora, permettete con il vostro silensio a trasformare il parlamento italiano in criminalita organizzata.

Conclusione 50 anni di lotta finta a portato 109 euro mensili al suddito,bel risultato?


vito liberto Commentatore in marcia al V2day 12.06.05 14:44| 
 |
Rispondi al commento

RICERCA E SVILUPPO IN ITALIA
di Roberto Renzetti.

Si discute molto di queste cose ma si gioca sempre con i dati. Vorrei dire con molta forza che in Italia non si fa né ricerca e quindi non vi è sviluppo. L'oggi lo sosteniamo ancora per qualche eredità di ieri ma, se non si cambia drasticamente e rapidamente, andiamo verso il declino definitivo. Riporto qui due grafici tratti da Affari & Finanza del 3 maggio 2005. Nel primo si vede la quota di ricerca in Italia in confronto con gli altri Paesi del mondo, nel secondo la presenza di alcuni Paesi in Cina.

Credo sia chiarissimo che l'Italia, tra i Paesi cosiddetti sviluppati è l'ultimo con un misero 1,9%. In questo modo sarà impossibile battere qualunque concorrenza, a meno di portare i salari di 1000 euro a meno di 100 euro e di abolire ogni conquista sociale (sanità, scuola, pensioni). Voi sapete che i padroni hanno tentato questa strada ma si sono arresi di fronte all'impossibilità di seguirla...............
CONTINUA su http://www.fisicamente.net/index-730.htm.


Cari Beppe e cari amici del blog, ogni tanto date un'occhiata anche a questo sito:

http://www.fisicamente.net

ho molto apprezzato gli argomenti che il Dr Renzetti tratta.
Spero possa essere di vostro interesse.
Saluti a tutti.
Luca

luca valentino 12.06.05 13:24| 
 |
Rispondi al commento

scusate tutti se intervengo ancora, ho visto che ieri in mia assenza sono stato insultato, e mi è stato detto che entro con nome di altri.

non è cosi, con qusto matteo martini non centro niente e se volete controllare perchè non vi fidate chiedete a grillo quante segnalazioni ho fatto, o andate a vedere sul mio web.giornal www.gurgone.it. forse capirete che io scrivo qua dentro solo perchè vedo come gira il nostro paese e vorrei fare qualcosa infatti se leggete i post che metto faccio proposte per cambiare la nostra situazione, e non derido le idee degli altri come quell'altro martini. ho solo purtoppo lo stesso cognome.

Scusatemi quindi se ho utilizzato il blog per difendermi dagli attacchi di quella persona, facendo solo notare che mi sono accorto che mente, leggete i post per controllare.

Purtoppo sono caduto nel suo giochino, non succedera più. chiedo ancora scusa.

Ieri cmq avevo lanciato due proposte, 1 legge e un referendum. lasciando stare le polemiche, vogliamo farle?
vogliamo cambiare?

io dico di si, e mi piacerebbe(penso nello spirito di beppe) che questo blog sia la spinta che ci mette insieme a cooperare per migliorare la nostra situazione.

scusate ancora il disturbo.

Michele Martini

michele martini 12.06.05 11:28| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere se l'art. 18 ci sia ancora o sia solo una parvenza. se esistono diritti per i lavoratori dipendenti in italia, esistono solo per quelli del pubblico impiego. d'altra parte è solo per loro che si battono i sindacati e a ragione perchè tolto il pubblico impiego , quale altro lavoro esiste in italia? i sindacati confederali ormai lottano solo per il loro di impiego: gestiscono i caff, il collocamento privato e gli enti previdenziali ( è corretto?), per questi servizi sono pagati dallo stato, oltre che riscuotere alla fonte, in busta paga, il contributo degli iscritti. e questo in barba al referendun del 95 che aboliva tale metodo di riscossione. ma i sindacati devono pur vivere! ma perchè lo stato italiano non esporta i confederali in cina? dopotutto sarebbe un affare per tutti anche per i sindacati che avrebbero molti più clienti là che da noi.

emanuela bottaro 11.06.05 22:40| 
 |
Rispondi al commento

E i 12.000 euro al mese dei nostri parlamentari europei, non vi dicono nulla? Senza considerare gli stipendi di quelli nazionali...Non potrebbero ridurseli SUBITO a 7500 euro, invece di aspettare il 2019? Non oso conteggiare quanto ci costano...oddio, magari Bossi ne ha bisogno x pagarsi le fisioterapie...e mio marito operaio siderurgico che ci mette un anno per prendere 12.000euro! sic sempre meglio di 109 euro al mese, pero'!

Daniela Cassarri 11.06.05 21:14| 
 |
Rispondi al commento

------------ per IVANA IORIO -----------

HAI RAGIONE!
E, LO SAI COSA MI HA DATO AI NERVI?

QUESTO VOLER COPIARE GLI AMERICANI A TUTTI I COSTI.

HANNO ADDIRITTURA CAMBIATO LE SIRENE ALLE AMBULANZE, AMERICANIZZANDOLE. MA IO DICO, SI PUO' ESSERE PIU' FRIVOLI? PROPRIO NON HANNO COME AMMAZZARE IL TEMPO.

MAH!!!!

GIUDICATE VOI.

F.TO ''IL VIAGGIATORE DEL TEMPO''

GIOVANNI GRECO 11.06.05 20:59| 
 |
Rispondi al commento

Oggi al Tg1 ho ascoltato una notizia drammatica per questo Paese: le estrazioni del lotto passeranno dalle attuali due a ben tre per settimana! Hanno VERGOGNOSAMENTE cercato di venderci la cosa come una benedizione, sottolineando il fatto che la "possibilità di cambiare la propria vita" sarà offerta ad ognuno di noi molte più volte di prima.
Alcune considerazioni:
A) 1 euro l'ora, guadagnato in un call-center corrisponde esttamente alla giocata minima del lotto (ragazzi, appuntatevi il primo numero di telefono della vostra giornata lavorativa e partite senza indugio verso la ricevitoria più vicina);
B) ero sintonizzato sul Tg1 per puro caso ma da ora in avanti prometto di stare più attento;
C) vorrei sapere cosa abbiamo fatto di male per meritare che la nostra intelligenza venga insultata in maniera tanto brutale da un giornalista-schiavo;
D) forse sono meglio le una tantum per spillare quattrini ai cittadini, almeno le pagano anche i ricchi.

Nicola Metrangolo 11.06.05 20:17| 
 |
Rispondi al commento

X ivana
nn lo fanno solo i marocchini o i terroni

Francesco Romano 11.06.05 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Non aspettiamo che arrivi Il vendicatore mascherato a farci giustizia ceerti lavori non li possiamo accettare,lavorare un mese per 109 € è disumano e non esiste necessità che giustifichi tale sottomissione. Reagire in qualche modo, stiamo riuscendo a perdere i diritti dei lavoratori che i ragazzi del 68 riuscirono a conquistarsi con spranghe e manganelli. Sono sicuro che riusciranno, con una legge europea a toglierci l'articolo 18 con la scusa della competitività e flessibilità,e noi cosa faremo?? Staremo a guardare??

Carlo Bissanti 11.06.05 18:29| 
 |
Rispondi al commento


Postato da Matteo Martini ( R )

Per Keiko Tamura:
Digli per cortesia anche quante ore lavora il giapponese medio..
L' ultima metro di mezzanotte e mezza sulla Yamanote Line e' sempre piena si pendolari che tornano a casa dal lavoro..
E si fanno ferie solo durante la golden week ( 5 giorni ALL' ANNO )
E si lavora il sabato.

Smettiamola di raccontarci solo quello che ci piace, ragazzi..

matteo martini 11.06.05 18:14| 
 |
Rispondi al commento

...l'uomo è scappato, prima in strada poi sui tetti...PECCATO NON SIA CADUTO!

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento

SOS TOPOLINI

Corsa al formaggio
ISTRUZIONI

Diverse missioni nelle quali devi condurre dei topolini sprovveduti e affamati verso la loro meta, il formaggio. Ma la strada è piena di ostacoli - come trappole e fiumiciattoli - e per riuscire a salvare i piccoli animali puoi soltanto ricorrere a fiammiferi, accendini, monete... insomma, a ogni oggetto che possa fare da ostacolo e indirizzarli verso la giusta strada.
Prima di ogni missione, studia il percorso migliore per far sì che i topolini seguano una strada sicura. Per costruire il percorso è sufficiente trascinare col mouse gli oggetti mostrati sulla sinistra e disporli nel quadro. All'inizio di ogni livello viene comunicato quanti topi devi portare al traguardo sani e salvi. Un suggerimento: prima di aprire le gabbiette di fiammiferi, accertati dell'assoluta sicurezza del percorso disegnato.

GIOCA


Questo è un gioco che ho trovato su internet, ma facendolo mi sono venute in mente tante persone: disoccupati, interinali, t.d.,che NECESSITANO di qualche guida per uscire dalla trappola.

A CHI AFFIDARSI?

Oggi il panorama istituzionale cosa offre a difesa, per restituire dignità al lavoro e ai lavoratori?

Io mi sono affidata agli avvocati. La mia non ha voluto nulla fino a sentenza. Quando ho iniziato a lavorare, ho pagato...e VOLENTIERI!

Nel frattempo, PER SOPRAVVIVERE, sono rimasta in balia di appaltatori...MA POI CHE VITTORIA!

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 17:47| 
 |
Rispondi al commento

COMPAGNI : CONTINUATE A DIFENDERE I NOSTRI INVASORI E FUTURI PROPRIETARI DELL'ITALIA E FUTURA FORZA LAVORO COME DICE CIAMPI E COMPANY CHE SONO LA NOSTRA SALVEZZA :Prima l’ha colpita al ventre e all’addome con un coltellaccio da cucina e poi, in preda ad un raptus di follia, l’ha spinta verso il balcone e l’ha scaraventata giù in strada. È l’ennesima storia di violenza tra le mura domestiche che ha come protagonisti una giovane donna italiana sposata con un marocchino. Il motivo del litigio? Lui l’ha selvaggiamente picchiata perchè lei voleva lavorare e vivere “all’occidentale”.
Troppo per la cultura del marito che sentendosi evidentemente padrone della donna si è sentito autorizzato a gettarla dalla finestra. Soccorsa e trasportata in ospedale, Antonella Trovato, 22 anni, originaria di Catania, ha riportato ferite e fratture su tutto il corpo guaribili in 90 giorni. L’uomo, Mohammed Idaaf, di 26 anni, venditore ambulante di spugnette, in regola con il permesso di soggiorno, è scappato, prima in strada poi sui tetti, ma è stato arrestato dagli agenti della seconda sezione della squadra mobile di Torino.
La coppia ha un figlio di meno di un anno.

IVANA IORIO 11.06.05 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ciao ragazzi!

Scusate ma, premettendo che € 100,00 non sono assolutamente sufficienti x tirare avanti un mese e proseguendo col dire che nella società diMè in cui viviamo, è più probabile essere già morti prima che si venga a capo di una causa cui si ha palesemente ragione, se nessuno di noi permettesse + a questi st****i imprenditori di sfruttarci in questo modo, loro come si comporterebbero?? Penso sarebbero messi di fronte ad un'unica soluzione.

Sono attualmente disoccupato, ho 28 anni e vivo ancora con mia madre. Non sono indipendente e me ne vergogno, ma meglio ammettere la propria vergogna ché lavorare x gente simile che non capisce, che un giorno.. "tutti quei soldi" non saranno in grado di ridar loro la vita...

Luigi Ciarciaglini 11.06.05 17:25| 
 |
Rispondi al commento

QUESTI SONO I NOSTRI AMICI AMERICANI :Non contiene né pietre preziose né elisir della giovinezza il barattolo che è all'asta su E-Bay in questi giorni. Ma ha già superato la cifra di 80 mila dollari e non sembra fermarsi. All'interno del contenitore di vetro sono presenti le molecole che probabilmente hanno sfiorato due divi del cinema: Brad Pitt e Angelina Jolie. Potrebbe sembrare uno scherzo multimediale, ma ci sono foto e riprese che testimoniano che è tutto vero. E soprattutto risulta un grande affare.......E DA NOI E' QUASI UGUALE..SIAMO LI'.ALLA FACCIA DEL PRECARIATO...PURTROPPO O CAMBIAMO TUTTO O RESTIAMO TRANQUILLI CON QUESTE SCEMATE

IVANA IORIO 11.06.05 17:04| 
 |
Rispondi al commento

EASTTO .. E' TUTTO LI L'INGHIPPO: CI STIAMO AMERICANIZZANDO ....CIOE I NOSTRI CAPITANI DI INDUSTRIA SEGUONO IL MODELLO AMERICA, CON COMPIACIMENTO DEI POLITICI...LORO HANNO UNA MENTALITA' DIVERSA. SOLDI, SCHIAVI, BUSINNESS. LAVOREBBERO TUTTA LA VITA SE VEDONO POSSIBILITA DI FAR SOLDI,,,DIFATTI NELLE STRADE DELLE CITTA VI SONO VERAMENTE I BARBONI SOTTO I CARTONI......QUI IN ITALIA SONO RARI CASI..E TRA POCO LI VEDEREMO ANCHE QUI NORMALMENTE

IVANA IRORIO 11.06.05 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe Grillo,
mi sei piaciuto.

Prima di tutto voglio farti i miei complimenti (forse un po` in ritardo) per il tuo Blog : una finestra sul mondo!

Poi, vorrei dire ad alcuni signori/e che scrivono, di essere piu` precisi ed indicare magari le fonti.

Questa storia dei 25cents l`ora mi ricorda tanto zio paperone con paperino costretto a tutto pur di sfangare la giornata anche per un misero cent.

Forse dovremmo guardarci intorno con occhi diversi...preciso per il Giappone (per altri paesi non so):

1. tutti pagano le tasse
2. tutti ricevono la pensione
3. tutti hanno la possibilita` di fare un qualsiasi lavoro (che sia anche soltanto per sopravvivere come part-time job)
4. e` rarissimo vedere stranieri fare lavori umili (solo di recente anche koreani e cinesi cominciano a inserirsi)

.....non preoccupatevi, non e` l`eden, ci sono altre cose che non vanno......

Riguardo alla instabilita` lavorativa e alla possibilita` di licenziamento senza preavviso, beh, questo e` un modello americano che si sta/to adottato in tutto il mondo ormai.

intanto ecco alcuni dati

http://web-japan.org/stat/stats/10LIV12.html

buona lettura*K.T.

keiko tamura 11.06.05 16:14| 
 |
Rispondi al commento

x Rosario Pisanò

Ti ringrazio per il conforto morale... Tieni presente (non l'ho scritto prima per non dilungarmi) che l'assegno che mi avevavo dato era SCOPERTO!!!! Ti sembrerà strano ma è cosi.. Io ho voluto raccontarvi con onestà una mia esperienza... Poi decidi tu. (Tengo, infine a precisare, che dopo circa un altro mese e un'altra mezza decina di telefonate sono riuscito a riscuoterlo.)

Ciao ancora!


Alessandro Blasi 11.06.05 16:12| 
 |
Rispondi al commento

==

x moreno melegatti

Posta la tua domanda sul nostro (di tutti) Forum di Grillopedia, li ti aiuteranno sicuro. Già si parla di VoIP.

www.grillopedia.com/forum

==

Mario Mo 11.06.05 16:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

>> moreno melegatti Innanzi tutto 2 E all'ora son troppi...ti stanno fregando alla grande...

allora, se hai il 56 k potresti chiedere un abbonamento Flat a Tiscali...
Con Tiscali Flat 24 (ma c'è anche quella giorno dalle 9 alle 18, costa meno) che ti offre la connessione tutto il giorno a 26.95 euro al mese.
Se hai ADSL ti consiglio Adsl 1,25 Mega Flat
più Tiscali VOCE a 19.95 euro al mese, chiamate incluse SENZA CANONE TELECOMA ;-)

daniele piredda 11.06.05 16:06| 
 |
Rispondi al commento

Mio padre ha in negozio dei dipendenti. Li paga 2 milioni e quattro al mese, liquidazione, ferie e contributi.

Se ci sono casini coi dipendenti, in caso estremo ci sta l'intervento dei sindacati (com'e' giusto che sia nei limiti ovviamente della decenza).

Queste grande aziende ne combinano di tutti i colori. Pagano poco i dipendenti e se possibile spostano all'estero pure i call centers!

Avete mai provato a chiamare il call center della Compaq? Una volta l'ho fatto. Mi ha risposto uno che parlava in italiano con un accento strano. Bene. Gli ho chiesto dov'era il call center ... in SCOZIA!

Asus Computer divisione Oceania. Call centers in Asia!

Fatto il militare nel 96. Paga ... 200 mila al mese.

C'e' chi lavora da avvocati, ingegneri o architetti, facendo di tutto per prendere l'abilitazione ... dalle fotocopie ai documenti che poi il suo capo di turno vi mette in conto con cifre ad almeno 6 zeri di vecchie lire. Paga del suddetto schiavetto? Al buon cuore dell'avvocato, ingegnere o architetto per cui lavora. Chiedete ai vostri amici. Vi diranno nel migliore dei casi "Mi da' 400 mila lire al mese, sono fortunato"!

Alvise Sommariva 11.06.05 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena sentito la radio... i paesi europei hanno cancellato il debito di alcuni dei paesi più poveri.

...

A quando la cancellazione del nostro?!

Marco Bresciani 11.06.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

Tengo a precisare che molti operatori che chiamano e sparano caz.... su prezzi , e offerte inesistenti quanto improbabili, delle volte sono spinti dall'azienda stessa a farlo. Sapete perchè?
Perchè il manager di un call center esterno deve raggiungere l'obbiettivo mensile per poter campare e aver ancora dal provider l'autorizzazione di vendere i suoi prodotti.
Questi poveri ragazzi che chiamano e ci fanno girare le palle nn ne hanno colpa (la maggiorparte delle volte.)
Invece chi riceve le chiamate in un call center è costretto a assorbirsi chiamate assurde solo esclusivamente di clienti incazzati.
Perchè se ci pensate bene.... chiama solo chi ha dei problemi e incovenienti sulla linea ADSL.
Non chiamerà mai il cliente solo per ringraziarti che il servizio va sempre bene.


E COME DIRE CHE CHI SPARA NON HA COLPA PERCHè LA PISTOLA NON L'HA FABBRICATA LUI....
GRAZIE A GRILLO PER QUESTO FORUM,MI METTE ALLEGRIA:-)

emilio marini 11.06.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Ivana Iorio

Rosario Pisanò 11.06.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

Sarà mai possibile mandare a casa tutte queste persone?
Intendo tutti i "POLITICI" e "PSEUDOIMPRENDITORI" che stanno distruggendo la nostra Italia, l'economia e la nostra pazienza?
Perchè, come dice sempre Beppe, "DOBBIAMO ACCONTENTARCI TRA IL PEGGIO E IL LEGGERMENTE MENO PEGGIO"?
Qualcuno di voi, che abbia recepeito anche solo un minimo,di tutta la satira e le battaglie del Beppe in questi anni, ha in mente da chi dovrà farsi rappresenterare alle prossime elezioni del 2006? (Io no!)
Pensavo di votare a sinistra per mandare a casa nanetto, ma la cosa mi spaventa e mi fa accapponare la pelle amici... E a cosa servirebbe? A stare meno peggio?!
E se non vai a votare?
Penso che le cose rimarranno sempre uguali...
Io a parte Beppe Grillo, non ho punti di riferimento, nessuna informazione seria.
C...O ! un comico...
C'è qualcosa che non va, ma sinceramente io non saprei proprio cosa fare.


Aspetterò come un fesso un tuo cenno dall'alto caro Beppe, se non ti muovi tu come al solito, dubito che qualcuno di noi possa fare, nel suo piccolo qualcosa di forte e concreto.

Emiliano Nardecchai 11.06.05 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Un "grande" a Beppe Grillo,
Ho visto il tuo spettacolo con molta attenzione riesci a denunciare delle cose eclatanti con quel pizzico di satira che non guasta mai. Vorrei capire meglio una cosa; tu dici che Skype è una opportunità facendoci risparmiare parecchi soldi di telefonate che vanno in tasca al "tronchetto dell'infelicità" ma nello spettacolo non fai capire che per collegarsi in internet bisogna allacciarsi ad un operatore telefonico nazionale. Nel mio caso ho un collegamento a Tin.it free con una tariffa di 2 Euro all'ora....conti alla mano mi conviene ancora la cornetta...COSA DEVO FARE????
grazie fin d'ora per i tuoi consigli

moreno melegatti 11.06.05 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Rosario Pisanò PAROLE SANTE..

IVANA IORIO 11.06.05 15:57| 
 |
Rispondi al commento

==

x Alessandro Blasi

Quasi non credo a quello che dici, tanti soldi spesi per pubblicità e poi non pagano lo stipendio, e pure in nero.

TI prego di approfondire il discorso nel nostro (di tutti) Forum di grillopedia!

http://www.grillopedia.com/forum

Grazie

==

Mario Mo. 11.06.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Alessandro Blasi è vero io credo alla ragazza siciliana e a te..

Queste multinazionali hanno solo questi metodi meschini per divantare sempre più grandi..

Se dovessero effettivvamente pagare gli operatori dei call center per quello che veramente gli spetta penso che sarebbero le aziende più sfigate d'italia. Le loro strategie di marketing sono queste appunto: sottopagare i proprio dipendenti o chi lavora per loro..

mi fanno vomitare..

Rosario Pisanò 11.06.05 15:52| 
 |
Rispondi al commento

Citazione:"La cosa che più mi da ai nervi IVANA IORIO è che la gente continua a credere a quello che dice questo "burlone d'italia" che vuole tentare fino all'ultimo di rassicurare i cittadini coprendo la catastrofe nella quale stiamo per cadere..

Poi si intromette nelle cose che non gli riguardano solo per fare bella figura.. è quello che odio di quest'uomo viscido..

"

Per un momento ho creduto che costui stesse parlando di Beppe Grillo, saluti

francesco ancarani

francesco ancarani 11.06.05 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

hai ragione... la mia ragazza ha lavorato per un call center a Roma (di 3 e fastweb) per 3 settimane (in nero!) sai quanto è stato il suo stipendio? 119,00 € pagati dopo circa 4 mesi di attesa. (Sono dovuto andare io a farmi dare l'assegno perchè loro si negavano!!)

Ma ti rendi conto??

e poi c'è il signor Luigi Accomazzo (che ha postato poco prima di me!) che chiede la busta paga... che provi ad andare in giro...

Ciao a tutti e buona domenica!

Alessandro Blasi 11.06.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che più mi da ai nervi IVANA IORIO è che la gente continua a credere a quello che dice questo "burlone d'italia" che vuole tentare fino all'ultimo di rassicurare i cittadini coprendo la catastrofe nella quale stiamo per cadere..

Poi si intromette nelle cose che non gli riguardano solo per fare bella figura.. è quello che odio di quest'uomo viscido..

ieri al tg3 parlavano della liberazione di quella giornalista.. e il commento era "all'aereoporto c'erano anche.. berlusconi a braccetto con Clementina.." in realtà dalle immagini si vedeva che lei non lo stava cagando neanche di striscio e che si stava intromettendo negli affari che non gli riguardano, piuttosto che pensare a risanare il pil...

Rosario Pisanò 11.06.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento


Postato da Matteo Martini ( R )

Per Elisabetta Carosi:
Mi avvicino a Beppe e gli chiedo:

"potresti mandarci una e-mail con l'elenco dei nomi usati dal Sig. Martini? Hai il suo indirizzo di posta elettronica e quindi lo sai."

Cara Elisabetta,
chi mi dice che ti chiami proprio Elisabetta Carosi ?
Chi mi dice che non sei Panetta o Michele Martini?

Per daniele piredda:

Il fatto che Martini ci stia ASSILLANDO con tutti questi POST è la prova che NON c'è Censura, infatti se ci fosse non li avrebbero passati!

di nuovo: BASTA!

Devo dire che Daniele ha ragione.
Finora ( finora ) nessuno dei miei post e' stato censurato

matteo martini 11.06.05 15:42| 
 |
Rispondi al commento


Postatoda Matteo Martini ( R )

Per luigi Accomazzo:
" 109 euro per 108 ore di lavoro ?
Non ci credo;
mi pare una delle tante bufale del web "

Anche questo e' possibile!!

matteo martini 11.06.05 15:39| 
 |
Rispondi al commento


Postatoda Matteo Martini ( R )

Per luigi Accomazzo:
" 109 euro per 108 ore di lavoro ?
Non ci credo;
mi pare una delle tante bufale del web "

Anche questo e' possibile!!

matteo martini 11.06.05 15:39| 
 |
Rispondi al commento

>>>UN CONSIGLIO A TUTTI QUELLI CHE SFOGANO LA LORO RABBIA QUI E ABUSANO DELLA LIBERTA' CHE BEPPE CI DA!


Su questo però non gli si può dare torto...
Litigando fra oi occupate spazio inutilmente

daniele piredda 11.06.05 15:36| 
 |
Rispondi al commento

DALLA SVIZZERA....L’economia della vicina Penisola sta rellentando in modo preoccupante. È di ieri infatti la notizia che il pil italiano, destagionalizzato e corretto per giorni lavorativi, ha registrato nel primo trimestre dell’anno una flessione dello 0,5% rispetto all’ultimo trimestre 2004. Si tratta del secondo calo congiunturale consecutivo dopo il –0,4% di fine 2004 e quindi si conferma la situazione di recessione tecnica. Lo comunica l’Istat, l’istituto italiano di statistica, confermando le stime preliminari. Sul dato ha inciso notevolmente il calo delle esportazioni, diminuite del 4,1% su base congiunturale. Il pil è diminuito dello 0,2% rispetto al primo trimestre 2004. Il calo sul I trimstre è il più ampio dal 4. trimestre del ’98 che si era chiuso con una flessione analoga dello 0,5%.....PER FORTUNA BERLUSCONI DICE CHE ANDIAMO BENE

IVANA IORIO 11.06.05 15:36| 
 |
Rispondi al commento

PER GLI UOMINI: FATEVI UNA PIPPA
PER LE GENTILI SIGNORE... ANDATE PER STRADA!

Postato da: gianluca pellegrino il 11.06.05 15:00

TI COMMENTI DA SOLO!

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

ALTRO:

http://www.cyclops.it/Docs/dirlav_01.pdf

PICCOLO ESTRATTO, pag.3:

Il presente accordo si applica ai lavoratori a tempo determinato, AD ECCEZIONE di quelli messi a disposizione di un'azienda utilizzatrice (LEGGI APPALTI) da parte di un'agenzia di lavoro interinale. E' INTENZIONE delle parti considerare la NECESSITA' di un analogo accordo relativo al lavoro interinale.....

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

109 euro per 108 ore di lavoro ?
Non ci credo;
mi pare una delle tante bufale del web

Prego pubblicare busta paga.
ciao
Luigi

Luigi Accomazzo 11.06.05 15:22| 
 |
Rispondi al commento

LO RIPETO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
UNA CURIOSITà...
mA SEI VERAMENTE TE BEPPE ad aggiornare il blog..o è qualcuno che hai delegato....ciò non toglierebbe l'importanza a ciò che dici...ma se sei veramente te sei un grande perchè trovi il tempo per scrivere una informazione al giorno ed informarmi... ho 21 anni e trovo offensivi programmi come studio aperto (programma, no TG)
Grazie a te e a pochi altri fra cui i gestori di disinformazione e luttazzi riesco ad informarmi in maniera sana... io cerco di trascinare anche altre persone in questa informazione..ma lo faccio in maniera sanguinea e mi incazzo come una scimmia...e le persone non mi danno retta....va bè... comunque sei un genio...ti stimo troppo...GRAZIE DI TUTTO....
P.S lo dico sempre..io ho conosciuto l'esistenza della P2 grazie a Luttazzi..no grazie a Studio aperto o tg5... o simili


marco burberi 11.06.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento

VERGOGNA
State distruggendo questo importante mezzo d'informazione!!!!
Mi riferisco ai mentecatti che hanno postato messaggi firmandosi come Beppe Grillo...
Ora per fortuna quei messaggi li hanno cancellati, ma il gesto orrendo rimane.
Ho un'idea su chi li abbia scritti, e ho anche TANTI aggettivi, ma sono educato e mi limito a far sapere ciò che è accaduto.

daniele piredda 11.06.05 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Non ho mai lavorato in una fabbrica, ho però alcuni amici che ci lavorano, da loro testimonianze ho appreso che il sindacato, quello che fa gli interessi del lavoratore in contrapposizione al padrone, non esiste.
Sempre da loro testimonianze ho appreso che i lavoratori sindacalisti, non lavorano più perchè sono sindacalisti e fanno gli interessi del padrone.
Ho scoperto sempre dai miei amici che all'interno della fabbrica le persone più volenterose, più coraggiose e più libere creano delle sigle sindacali nuove diverse da quelle tradizionali "CGIL-CISL-UIL" ma incontrano molti ostacoli posti non dal padrone ma dalle vecchie sigle che non vogliono perdere potere.
All'interno delle fabbriche il gradimento per queste vecchie sigle è minimo, ma grazie al potere acquisito negli anni e grazie a leggi a loro favorevoli è molto difficile per le nuove sigle fargli concorrenza.

Beppe Grillo ha sempre fatto satira graffiante prendendo di mira ogni forma di potere,
il SINDACATO potrebbe essere un ottimo argomento da sviluppare.

Paolo Rullo Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 15:10| 
 |
Rispondi al commento

X I LAVORATORI DEI CENTRALINI
E T.D. IN GENERE.

se volete leggete:

Postato da: Elisabetta Carosi il 11.06.05 11:40

e leggete:

http://www.ecn.org/coord.rsu/doc/altri2001/2001_0706.htm

piccolo estratto:

La disciplina degli "aiuti di stato" mira a scongiurare che ciascuno Stato membro, adottando misure con effetti protezionistici, alteri il regime di libertà di intrapresa e di concorrenza, favorendo e discriminando le imprese a seconda della nazionalità. Questa disciplina non tocca, peraltro, quella che potremmo chiamare una concorrenza tra Stati membri, ossia non impedisce che ciascun Stato nazionale, anzitutto

------- abbassando il livello delle garanzie sociali e di quelle dovute al lavoratore,-----

si predisponga ad attrarre maggiormente le imprese nel proprio territorio, a discapito dell’economia nazionale di altri Stati membri, i quali continuino ad assicurare livelli più elevati di garanzie sociali e del lavoro, foriere di vincoli e costi per gli imprenditori.

Con gli artt. 136 e ss. del Trattato CE nella versione consolidata si tende (anche) a calmierare o moderare una tale concorrenza tra Stati, la quale potrebbe recare pregiudizi e rischi immani, soprattutto nella prospettiva di un allargamento dell’Unione, alla coesione dell’Europa ed allo sviluppo stesso di un diritto europeo.

Ad evitare, o perlomeno attutire, questi pregiudizi e questi rischi, gli artt. 136 e ss. del Trattato CE nella versione consolidata stabiliscono direttamente, o demandano al diritto comunitario derivato di stabilire, "prescrizioni minime" per le garanzie sociali e del lavoro; le quali "prescrizioni minime", tra cui sono da classificare le regole ed i principi della direttiva del Consiglio 1999/70, fallirebbero quindi lo scopo ad esse assegnato nel diritto europeo, qualora, anziché come tali, e quindi come
--------criteri al di sotto dei quali gli Stati nazionali non possono scendere nell’assicurare le garanzie sociali e del lavoro,---------

potessero essere interpretate, così come in pratica sembra volerle interpretare il governo italiano, alla stregua di appiglio per riforgiare a piacimento, anche abbassandone il livello, le garanzie sociali e del lavoro medesime


BUON LETTURA

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 15:07| 
 |
Rispondi al commento

"Prima di fondare Forza Italia la dimensione dei debiti di Berlusconi, la sua dimestichezza nel falsificare i bilanci, la sua ragnatela di società finanziarie offshore ricordavano la situazione di Tanzi. Berlusconi confidò a giornalisti come Biagi e Montanelli che l'unico modo per salvarsi era conquistare il potere politico.
È qui la differenza insormontabile tra Tanzi e Berlusconi: Tanzi non avrebbe potuto fondare "Forza Lat" e salvarsi con la politica come ha fatto Berlusconi con Forza Italia. Il latte non può essere trasformato in una proposta politica, la televisione commerciale sì. La mentalità, l'ideologia, l'apparato, gli uomini e i metodi del business di Berlusconi consistono da decenni nell'imbrogliare e conquistare milioni di persone con l'immagine affascinante di una società ideale in cui tutti sono giovani e belli, annegano in un'alluvione di consumi e sono sempre allegri, oltre la soglia della stupidità."

http://www.internazionale.it/beppegrillo/articolo.php?id=7483

Grande Beppe!!!


Rosario Pisanò 11.06.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

UN CONSIGLIO A TUTTI QUELLI CHE SFOGANO LA LORO RABBIA QUI E ABUSANO DELLA LIBERTA' CHE BEPPE CI DA!

PER GLI UOMINI: FATEVI UNA PIPPA
PER LE GENTILI SIGNORE... ANDATE PER STRADA!

DATEVI UNA CALMATA!
PLEASE

GL

gianluca pellegrino 11.06.05 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Caspiterina....ma è davvero Beppe o ci stanno prendendo in giro...
vabbè, io ne approffitto...
Mi scusi non è che il form per i POst si potrebbe mettere in alto...non ho adsl e per caricare tutta la pagina ci vuole un sacco di tempo (dannato Digital Divide)

Grazie Mille per l'ascolto
Daniele Piredda

daniele piredda 11.06.05 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Mi avvicino a Beppe e gli chiedo:

"potresti mandarci una e-mail con l'elenco dei nomi usati dal Sig. Martini? Hai il suo indirizzo di posta elettronica e quindi lo sai."

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto che Martini ci stia ASSILLANDO con tutti questi POST è la prova che NON c'è Censura, infatti se ci fosse non li avrebbero passati!

di nuovo: BASTA!

daniele piredda 11.06.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento

SCCCCCCCCCC!!!!!!!

P O V E R I N O !!!!!!

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 14:40| 
 |
Rispondi al commento


Postato da Matteo Martini ( R )

Per Rosario Pisano':
" per favore litigate da un'altra parte "

Parla con loro e digli che mi lascino in pace !!

matteo martini 11.06.05 14:39| 
 |
Rispondi al commento


Postato da Matteo Martini ( R )

Per Michele Martini:
" visto che cìè confusione giuro che non ho nulla a che fare con matteo martini, per controllarlo basta andare sul mio sito.

per favore non confondiamo, potrei anche offendermi.

Michele Martini "

Questa e l' unica cosa su cui concordo con il mio quasi-omonimo!!
Per cortesia i commenti intelligenti sono di Matteo quelli ingenui sono del Michele

matteo martini 11.06.05 14:37| 
 |
Rispondi al commento

BASTA!! siete tediosi...
Se avete contrasti personali risolveteli in un'altra sede

daniele piredda 11.06.05 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Basta con questi litigi Matteo Martini, Elisabetta Carosi, il blog non è fatto per questo.

per favore litigate da un'altra parte

Rosario Pisanò 11.06.05 14:36| 
 |
Rispondi al commento


Postato da Matteo Martini ( R )

Per Kyoko Tamura:
" per matteo martini o ki per lui:

sonokangaegata ha wakattakedo korekara
iwanakute moii desu. yoroshikuonegaitashimasu! "

Nihongo gahana semasen!!

matteo martini 11.06.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento


Postato da Matteo Martini ( R )

Per Michele Martini:
" chiedo venia, non sai il terrore che ho ad essere confuso per assonanza con certa cente ;) "

Che noia!!

matteo martini 11.06.05 14:34| 
 |
Rispondi al commento


Postato da Matteo Martini ( R )

Per Elisabetta Carosi:
" Dobbiamo fare a meno di te. "

Benissimo.
Evita per cortesia di leggere i miei post in futuro.

Baci, baci, baci

matteo martini 11.06.05 14:32| 
 |
Rispondi al commento


Postato da Matteo Martini ( R )

Per Elisabetta Carosi:
" Infatti, il piacere che potrebbero farci sarebbe quello di scriverci il signor MARTINI con quali altri nomi posta. "

Hei bella, non prendertela con me!

matteo martini 11.06.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento


Per MatteoSchizoMartini:
" Martini=Martini=Carosi (perchè sei la stessa persona, anche se cerchi di sviare il lettore con strategie infantili e facilmante riconoscibili): "

La paranoia sta invadendo il blog!

matteo martini 11.06.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo ancora alla campagna per la pulizia in parlamento... Se volete fare informazione, cominciate dal chiamare la comunita' europea col suo nome, cioe' Unione...
altrimenti qui, tra professori universitari di cose internazionali che confondono (sulle proprie fatiche letterarie!) il consiglio europeo col consiglio d'europa e tante altre imprecisioni, il lettore medio non capisce mai chiaramente di chi/cosa si parli. grazie,
Giovanni Miglione

Giovanni Miglione 11.06.05 14:27| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno sign.grillo sono una sua fan molto giovane e ho 18 anni sono venuta al suo ultimo spettacolo che ha fatto a modena...la stimo perche è l'unica o tra le poche persone che in questo mondo tira fuori le p...e e dice tutto quello che pensa..la verita ai politici fa molto male..se ne deve fregare dei processi e di tutto il resto perche per via legale i politici possono anche vincere ma davanti a lei a fare 4 chiacchiere riuscirebbero solo a tacere e sa perche...perche sono dei DELINQ.... è IL MIGLIORE SIGN GRILLO CONTINUI COSI

giada motti 11.06.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

x Elisabetta Carosi,

non conosco le cause di lotta della tua azienda,se sono contro i licenziamenti o contro la cassaintegrazione o per un rinnovo
del salario.

Mi fai pero'capire che i sindacati non sono in grado di risolvere i problemi di voi lavoratori, e sono solamente manipolati.


Fabrizio

fabrizio saiu 11.06.05 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Giusto...ma preferiscono risparmiare su tutto, spremere all'osso i dipendenti e rifilandoci servizi scadenti a prezzi esorbitanti, un'esempio?
se avete un'ADSL a 6 mb state freschi che arriverete a 6mb di download, perchè se andate a vedere le clausole ci sarà scritto che la velocità dipende dalla congestione dei server.
MOrale: voi ai 6 mb non ci arriverete mai!!!!!!!!!

daniele piredda 11.06.05 14:20| 
 |
Rispondi al commento

tanto poi degli stagisti non se ne fanno nulla, perchè sono appena usciti dall'università e non è che in quel momento uno è tanto specializzato..

le aziende lo sanno benissimo che se vogliono un senior lo devono pagare a fior di quattrini..

L'unica cosa che non sopporto e che li vogliono tutti preparati e nessuno vuole fare formazione..

Rosario Pisanò 11.06.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono occupato anche io delle vendite di servizi di telecom italia (e derivati) tramite call center, ero il responsabile del settore informatico presso tale call center in puglia. Anche noi lavoravamo a nome di telecom ma nessuno degli impiegati era assicurato o aveva un contratto diverso da quello di collaborazione coordinata e continuativa. E' il mezzo che usano telecom ed altri per non assumere. La magia della parola 'outsurcing' consiste in questo.

Grazie per le informazioni che ci dai beppe.

giuseppe urso detto Beppe 11.06.05 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Ritorniamo al Blog...se avete problemi tra voi scambiatevi e-mail e risolveteli...
______________
Insieme a quello dei call center e degli interinali c'è anche l'enorme problema degli Stagisti...lavorano come muli nella speranza che, finito lo stage, l'azienda li prenda ma non è così, purtroppo molte aziende vanno avanti così, si fanno mandare stagisti su stagisti che lavorano gratis e non pagano nulla...
NON è giusto!!!!!!!!

daniele piredda 11.06.05 14:08| 
 |
Rispondi al commento

EI, BELLO!

POSTI:

Matteo Martini, Michele Martini, Elisabetta Carosi (sono quelli sicuri, anche se ce ne sono degli altri) ovvero:

Martini=Martini=Carosi (perchè sei la stessa persona, anche se cerchi di sviare il lettore con strategie infantili e facilmante riconoscibili):

ci stai privando del piacere del Blog. Starete (starai) facendo vomitare anche Grillo. Mi ricollego domani sperando di vedere contributi veri e non


Grillo potrà vomitare per altre cose, per concetti espressi da chiunque,seppure li legge, o chi per lui ma, arrivandogli le e-mail sa/sanno da dove arrivano.

Infatti, il piacere che potrebbero farci sarebbe quello di scriverci il signor MARTINI con quali altri nomi posta.

Comunque, BASTA.

Torniamo alle cose serie: attendo risposta da Fabrizio Saiu.

Per Martini, da ora in poi, solo

P O V E R I N O

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Caruso Nicola ...ALLORA DOVE E' IL PROBLEMA ? FORSE SEI ARRABBAIATO PERCHE NON TI HO PIU' RISPOSTO ? L'ULTIMA FRASE CHE TI HO DETTO...SE TU HAI GIA' UNA ATTIVITA, PERCHE' MI HAI CONATTATA ? ..... VUOI SAPERE ALTRI KIEI PENSIERI SU DI TE : TU SEI DELLA ZONA DI PADOA IMMAGINO O GIU' DI LI : DA QUELLA ZONA PARTONO LE PIU GROSSE FRAGATURE ALLA GENTE: VENDITA DI STRUZZI, ALLEVAMENTI DI LUMACHE, INCONTRI IN RISTORANTI CON LETTERE A STUDENTI REGALANDO IL COMPUTERE SE COMPRANO L'ENCICLOPEDIA....E POTREI CONTINUARE....CERTO CHE CON QUESTE USCITE DENUNCI LA TUA PICCOLA INTELLIGENZA..E NON SEI NEANCHE GIOVANE...MA VA A MANGIARE POLENTA E NON ROMPERE LE PALLE ALLA GENTE ONESTA....SGHEI..VIVETE SOLO PER QUELLO NEL MITICO NORD EST, SGHEI, DEMOCRAZIA CRISTIANA E IL PIU ALTO NUMERO DI CORNA IN ITALIA

IVANA IORIO 11.06.05 13:52| 
 |
Rispondi al commento


X Elisabetta Carosi

un rinnovo di contratto probabilmente ha meno risonanza dei soprusi nei confronti dei lavoratori.

fabrizio saiu 11.06.05 13:50| 
 |
Rispondi al commento

--------- per EMILIO MARINI ------------

ATTENZIONE !!!!!!!!!!

ATTENZIONE!!!!!!!!!!

VUOI UN CONSIGLIO ACCORATO?
LASCIA PERDERE QUELL'ARGOMENTO.
SE PROPRIO VUOI PARLARNE, FALLO SOLO CON AMICI FIDATI MA NON SU UN BLOG.

F.TO IL VIAGGIATORE DEL TEMPO

GIOVANNI GRECO 11.06.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Caruso Nicola ...MA STAI DANDO I NUMERI ? MA DA DOVE VIENI ?????? COSA VUOI FARE CON 60 MILIONI ...APRIRE UN'ATTIVITA' ? PUOI AL LIMITE AFFITTARE UN BUCO, METTERTI IN REGOLA..COMPRARE DUE MOBILI...SI VEDE CHE SEI LONTANO DA QUESTE COSE ...SOLO PER FONDARE LA SOCIETA DAVANTI AL NOTAIO E SPESE RELATIVE OCCORRONO DAGLI 7 AI 9 MILIONI,,,,MAGARI SEI ANCHE LAUREATO

IVANA IORIO 11.06.05 13:40| 
 |
Rispondi al commento

LE NOSTRE ORECCHIE ASCOLTANO

Matteo Martini, Michele Martini, Elisabetta Carosi (sono quelli sicuri, anche se ce ne sono degli altri) ovvero:

Martini=Martini=Carosi (perchè sei la stessa persona, anche se cerchi di sviare il lettore con strategie infantili e facilmante riconoscibili):

ci stai privando del piacere del Blog. Starete (starai) facendo vomitare anche Grillo. Mi ricollego domani sperando di vedere contributi veri e non autoreferenziali! Ma quanti anni hai? Almeno sei maggiorenne?
Se altre persone facessero come voi (come te) e occupassero il Blog in questa maniera il Blog diventerebbe definitivamente nauseante. Adesso dovrai far finta di di rispondermi da parte di ogni persona che ti sei inventato. Quello vero è quello che è rimasto al centro dell'attenzione e che dopo essere stato attaccato da più parti ha "sguinzagliato" gli altri. E' Matteo Martini. Ecco: adesso sarai contento che un altro commentatore reale ha parlato di te.

Postato da: Matteo SchizoMartini il 11.06.05 13:13

SCCCCCCCCCCCCCCCCCCCC!!!!!

P O V E R I N O

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 13:40| 
 |
Rispondi al commento

tentare una concicliazione sul lavoro su un contrato ad es. di 3 settimane (che certamente no ti verra' rinnovato appena hai varcato la soglia del sindacato) per recuperare due euro.... ci vuole l'avvocato e qualche raccomandata... (ed ERI gia' in rosso)

:|

edmond dantes 11.06.05 13:38| 
 |
Rispondi al commento

X FABRIO SAIU

POSTI:
x Elisabetta Carosi

...Bisogna affidarsi agli avvocati?
........
Ora quello che vorrei capire e semplicemente
questo.
Si denuncia per difendere i diritti del lavoratore?
o si denunciano i soprusi commessi nei confronti del lavoratore?

L' onesta non e' piu' in grado di convivere con la disonesta'

cordiali saluti
Fabrizio

Postato da: fabrizio saiu il 11.06.05 13:06


Scusa, ma non ho capito cosa vuoi esprimere.
Potresti rispiegarmelo?

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

sul sindacato appare sfuggire una cosa
(cigl in particolare) trattasi ormai di gestore di fondi di investimento, immobiliari ... etc etc impresa di servizi caf ..... etc etc il tutto a cavallo (per essere gentili) di assistiti abbandonati:
provi la anna finsiel ad andare alla cigl per chiedere aiuto sul suo contratto: per prima cosa le chiederanno 26 ( o quello che e' ) euro di iscrizione alla cigl, POI dovra' capire che mettere la cigl contro i rappresentanti della RSU dela finsiel ( homen nomen mai cosi' azzeccato) nonn e' cosi' facile essendo questi ultimi integrati con finsiel: non sono di certo i migliori consulenti per anna.

meditare

edmond dantes 11.06.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Caruso Nicola...MA COME TI PERMETTI !!!! IO NON CHIESTO NULLA, HO CHIESTO SOLO SE C'E QUALCUNO CHE VUOLE INIZIARE UN'ATTIVITA CON ME ... VOI VEDETE VANNA MARCHI DA PER TUTTO ? IN GIRO ESISTE ANCHE GENTE SERIA CHE HA VOGLIA DI FARE..

IVANA IORIO 11.06.05 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Matteo Martini, Michele Martini, Elisabetta Carosi (sono quelli sicuri, anche se ce ne sono degli altri) ovvero:

Martini=Martini=Carosi (perchè sei la stessa persona, anche se cerchi di sviare il lettore con strategie infantili e facilmante riconoscibili):

ci stai privando del piacere del Blog. Starete (starai) facendo vomitare anche Grillo. Mi ricollego domani sperando di vedere contributi veri e non autoreferenziali! Ma quanti anni hai? Almeno sei maggiorenne?
Se altre persone facessero come voi (come te) e occupassero il Blog in questa maniera il Blog diventerebbe definitivamente nauseante. Adesso dovrai far finta di di rispondermi da parte di ogni persona che ti sei inventato. Quello vero è quello che è rimasto al centro dell'attenzione e che dopo essere stato attaccato da più parti ha "sguinzagliato" gli altri. E' Matteo Martini. Ecco: adesso sarai contento che un altro commentatore reale ha parlato di te.

Matteo SchizoMartini 11.06.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Nel caso estremo

Si potrebbe con un avvocato del lavoro denunciare sia ditta e sindacati per inadempienze ?

fabrizio saiu 11.06.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Certo se Alberto Tripi vuole rilanciare l’informatica italiana sfruttando le persone come fa con i Call Center, allora un programmatore, o uno che aspira ad diventarlo, è meglio che cambi mestiere o sogno. Siamo il nuovo terzo mondo!!!
Altro che referendum, qui ci vogliono subito le elezioni...
Saluti da un aspirante programmatore nauseato...

Massimo Russo Commentatore in marcia al V2day 11.06.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori