Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La presa per i fondelli della privacy

  • 394


orwell_privacy.jpg


Nel mio spettacolo se chiedessi a uno spettatore il suo nome e cognome potrei fargli vedere casa sua, il suo quartiere, la sua macchina, il suo cane, se ne ha uno, e il panettiere dove compra il pane.

Il settimanale americano Reason ha inviato a tutti i suoi 40.000 abbonati una copia personalizzata con in copertina il loro nome e la fotografia della loro casa presa dal satellite.

Si sa tutto di noi, siamo noi che noi sappiamo nulla di quello che succede sopra le nostre teste.


Nei giorni scorsi si è insediata la commissione sulla privacy, della cui privacy mi voglio occupare.

Componenti:
Giuseppe Chiaravalloti, Vice Presidente
Mauro Paissan
Giuseppe Fortunato.

Chiaravalloti Giuseppe, già alto Magistrato, già Avvocato Generale dello Stato che abitualmente dava il benvenuto ai propri ospiti eseguendo (assai bene) alcuni passi di Tip Tap, già gran barzellettiere, già governatore della Calabria, attualmente indagato per associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello stato per la sua attività quale Commissario delegato per l'emergenza ambientale (rifiuti e depurazione) in Calabria.

Giuseppe Fortunato, nuovo membro dell'Autorità garante per la privacy è stato condannato con sentenza definitiva (Cassazione) per gravi reati contro la privacy (Cassazione penale, sez. VI, sent. n. 9331 del 8 marzo 2002)".


Mauro Paissan, lei è in mezzo a Chiavallarotti dietro e Fortunato davanti, stia attento a come si muove.

3 Giu 2005, 16:47 | Scrivi | Commenti (394) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 394


Commenti

 

Un caro abbraccio da uno dei suoi tantissimi amici che le scrivono con tanto affetto e stima.
Mario Cresci

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi,

ieri sera sono stato al Paladozza di Bologna ad assistere allo show di Beppe Grillo il quale ha parlato di un sito il quale nn ricordo bene il nome e che vorrei me lo ricordaste esattamente.

Era un sito riguardante la privacy ( spoken ! o simile ).

Potete inviarmelo esattamente, ho fatto ricerche su googhel (come dice lo psiconano), ma nulla !

Grazie e
Forza nn molliamo.
40 enne disoccupato e precario da SEMPRE (purtroppo)

Saluti

Marco C., Dozza Commentatore certificato 17.02.11 18:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho visto lo spettacolo di MOdena e mi piacerebbe sapere il nome del sito in cui basta mettere il nome dell' interessato e viene fuori la sua scheda personale questo per dare un calcio alla così sposorizzata Privacy

Grazie By Mario

mario druda 14.02.11 14:28| 
 |
Rispondi al commento

ciao e scusatemi,ieri sera ho partecipato all'Ariston di Sanremo allo spettacolo di Grillo,mentre parlava della privacy sullo schermo è apparso il nome di un sito che sa tutto di tutti(alla faccia della privacy come giustamente ha detto lui)vorrei x cortesia sapere il nome del sito,grazie

Giuseppe Morello Salet 09.12.10 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buon giorno, ieri eravamo al tuo spettacolo. Innanzi tutto i soliti complimenti!!! Speriamo che qualcosa si smuova! Stupidamente non mi sono segnata (facendo riferimento su una memoria da Pico della Mirandola che invece non esiste..) i due siti, quello in spregio della privacy e quello riferito al riciclaggio, dove posso trovarli.
Buon lavoro a tutti

Pierangela Franco 01.12.10 11:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao beppe....sono nuovo del tuo blog.....ma volevo porti una domanda....qualè il sito in questione?
e solo in america ho e in funzione anche in italia?
puoi darmi delle delucidazioni a riguardo?

jaan Frombarcellona 29.10.10 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, sono nuovo del blog, mi sono appena iscritto e sono felice di averlo fatto. Nel contempo ho acquistato on-line due tuoi libri. So che la mia può essere una domanda banale a cui probabilmente nemmeno risponderai ma voglio fartela lo stesso: "Nella pagina del pagamento dell'ordine mi è stato chiesto, come d'altronde viene fatto dovunque, il consenso al trattamento dei miei dati sensibili come da legge bla bla bla... Dati che potranno essere (sicuramante aggiungo io) divulgati a terze parti per motivi pubblicitari (uhmmmmm....). Comunque, venendo al sodo, se non dai il consenso la transazione non puoi ultimarla, ma allora cosa c...o me lo chiedono a fare il consenso, ovvero, perchè devo obbligatoriamente dare un consenso al (mal)trattamento dei miei dati per scopi pubblicitari a terze parti mio malgrado pena la non riuscita di una transazione tra me e te (anche se te in questo caso vieni rappresentato da una banca)? E' una cosa che ogni volta mi fa andare fuori di testa. Perdonami lo sfogo e non mollare mai !!!

massimo m. Commentatore certificato 07.01.08 19:30| 
 |
Rispondi al commento

il più grande torto per un cittadino, è quello di parlare con un politico, sapendolo politico e non pensando che è un mafioso.

il più grande momento per un mafioso è di parlare con un politico sapendolo mafioso e non pensando che quello è un sindacalista.

il più grande desiderio di un sindacalista è quello di servire il politico per avvicinarsi al mafioso strozzando il lavoratore.

il sogno di un cittadino e di un lavoratore è che il mafioso, il politico e il sindacalista camminino insieme sulla Salerno - Reggio Calabria, prima o poi schiatteranno.

Pensiero gioviale di Livio da Cosenza

livio pietramale 22.02.07 23:59| 
 |
Rispondi al commento

sto ricevendo fax e lettere con l'informativa a termini di legge e con la relativa richiesta di consenso
In base alla legge sulla privacy devo dare (o negare) il consenso al trattamento dei dati (necessari per mantenere un normale rapporto di lavoro con un cliente e/o con un fornitore)
La mia aziendina è molto piccola (15 dipendenti) ma nel mio database (aggiornato ad oggi!) ho 12.722 nominativi di clienti/fornitori/contatti vari ai quali, in base alla legge, dovrei trasmettere, a mia volta, sia l'informativa che la richiesta di autorizzazione.
Ma vi sembra possibile che io mi metta a scrivere 12.722 lettere (con un costo di quasi 7.000 euro solo per i francobolli ... senza contare il costo di ben 25 risme - una risma è un blocco da 500 fogli - di carta!) o magari che faccia 12.722 fax, o 12.722 mail!
Ipotizziamo di fare 12.722 fax: a parte il costo (diciamo un costo telefonico di un euro a fax? Siamo già a oltre 12.000 euro!?) dovrei mettere una persona al fax per la trasmissione. Se ogni fax per essere spedito impiega due minuti (e sono stato ottimista!) significa 24.444 minuti di lavoro ... cioè 425 ore ... cioè 53 giornate lavorative ... cioè TRE MESI di lavoro ininterrotto per una persona!
E se io (piccolissima azienda) devo accollarmi questo "onere" e predisporre questo "numero" enorme di comunicazioni (ma quante persone dovrei assumere per smaltire questa enormità di lettere?), quante ne dovrà fare una Fiat o una Pirelli?
E non basta, dovrei accertarmi che tutti i 12.722 mi rispondano, preparare un archivio da tenere aggiornato e "sollecitare" quelli che tardano con la risposta!
Ed ancora, dovrei tenere un elenco aggiornato di tutti quelli che hanno chiesto a me l'autorizzazione al consenso, facendo il controllo incrociato dei dati!
Ma qualcuno si rende conto dell'assurdità di una tale "regola"?
Ah dimenticavo: dei 12.722 contatti presenti nel mio database, finora solo cinque o sei mi hanno mandato l'informativa con la richiesta del consenso.
Paolo


====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento

PER COMPLETEZZA DI INFORMAZIONI, in merito al post di qualche minuto fa':

non sono di parte, non conosco Fortunato ne' mi occupo attivamente di politica, il mio e' un giudizio soggettivo che mi sono fatto leggendo la sentenza di cui allego il link.

http://www.lexfor.it/lexfor/2002-10/2002-10-Pen-Giu-1683.asp

Beppe, che ne pensi ???

Matteo Rosato 28.11.05 23:06| 
 |
Rispondi al commento

RIFLESSIONE
sulla condanna di Giuseppe Fortunato (componente del Garante della Privacy) per gravi reati contro la privacy.
Da notare che all'epoca (1994) in Italia non esisteva alcuna normativa sulla privacy!
Riporto uno stralcio della sentenza, fatevi voi una idea di quanto la condanna sia giusta!
Secondo me Fortunato e' stato spregiudicato nel reperire le informazioni ma nel merito il torto e' del Sindaco Bassolino e/o degli Assessori che hanno sperperato i nostri soldi in telefonate HARD !
Fortunato, in fin dei conti, ha fatto cio' che ogni cittadino avrebbe dovuto fare, ma e' stato condannato, mentre gli sperperatori no!
Beppe Grillo, approfondisci !!!
STRALCIO DELLA SENTENZA
(...) al Fortunato era stato originariamente contestato di aver formulato alla SIP (...), nella sua qualità di consigliere del Comune di Napoli, e di Presidente (fino al 17 giugno 1994) della "Commissione consiliare speciale trasparenza - partecipazione e informazione", una richiesta di acquisizione (...) tabulati, avente a oggetto tutte le linee telefoniche del Comune di Napoli e in particolare i telefoni cellulari in dotazione al sindaco e ad assessori, sulla quale apponeva la data del 16 giugno 1994, facendo così risultare (contrariamente al vero) che la missiva era stata redatta allorquando rivestiva ancora la carica di Presidente dell'anzidetta commissione, mentre (in realtà) era stata redatta nel novembre 1994 (...) A seguito di tale richiesta, venivano acquisiti (...) i tabulati (contenenti i soli dati esterni alle conversazioni) di sei utenze cellulari (...una intestata al sindaco e cinque ad assessori). Il Fortunato, rilevato che le predette utenze cellulari erano state utilizzate anche per fini extraistituzionali (risultavano contattate anche linee "hard"), denunciava il tutto alla Corte dei Conti e al Consiglio comunale (...)
all'epoca dei fatti, la SIP non aveva ancora provveduto alla emanazione del regolamento disciplinante l'accesso agli atti.

Matteo Rosato 28.11.05 22:59| 
 |
Rispondi al commento

C'è una speranza che venga abolita la legge sulla privacy?
Oltre a essere inefficace sull'obiettivo che si prefigge e a rendere costose le informazioni che prima erano disponibili gratuitamente, rende impossibile anche la vita lavorativa: oramai gli adempimenti da rispettare sono così tanti, contraddittori, opinabili e confusi che è impossbile essere certi di fare la cosa giusta.
Inoltre gli errori sono soggetti a pesanti sanzioni che (ovviamente) vengono ridotte se si decide di pagare subito.
Già è difficile arrivare a fine mese, ricorrere ad un avvocato per questi problemi è impensabile.

Alessio Marizza 25.11.05 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungo un ultima cosa.
Vedrete che fra poco anche l'altro mezzo, più scomodo e limitante, che avevamo per trovare un numero, scomparirà, perché di fatto la TUA privacy dovrà essere in mano alle aziende tipo NumeriItaila e tu, volente o nolente, se vorrai chiamare una persona di cui non conosci il numero, dovrai PAGARE per farlo..

Complimenti alla privacy!

Andrea Salicetti 24.11.05 14:29| 
 |
Rispondi al commento

vorrei farvi notare l'ennesima presa per il culo ai danni degli italiani della legge sulla privacy.
Non so chi si ricordi, ma fino a poco tempo fa se avevi bisogno di cercare un numero di telefono di una persona o di un azienda (il ristorante dove portare la tua ragazza a cena la sera, ad esempio) avevi due strade:
- o prendevi l'elenco telefonico (o le pagine gialle)
- o, più velocemente, andavi su siti come quelli messi a disposizione di portali tipo Virgilio, sotto "Pagine bianche" e inserendo addirittura solo la via e il civico ti venivano mostrati i numeri di telefono che cercavi.

Bello no? Il primo metodo chiaramente era un po' meno veloce del secondo e ti limitava il raggio di ricerca alla tua provincia, mentre invece su internet potevi prenotarti il ristorante fuori provincia, per esempio, senza avere l'elenco telefonico della relativa provincia.
Molto bello!

Troppo bello.
Se oggi provate a cercare una cosa che si può trovare regolarmente sull'elenco, ma effettuate la ricerca su internet, è molto probabile che non troviate alcun risultato! Provate col vostro nominativo (io l'ho fatto, un tempo mi "trovavo" col servizio GRATUITO su internet, oggi NO).
Come mai?
Ma è chiaro! Adesso hai un nuovo DIRITTO! Quello di scegliere liberamente (anziché avere solo un elenco telefonico, che limitava le tue possibilità) a quale delle centinaia di nuove aziende richiedere A PAGAMENTO una cosa che prima avevi GRATIS!
Il tutto fra l'altro te lo fanno passare come conseguenza della privacy! Messaggi tipo "l'utente non ha dato il suo consenso a mettere questa informazione disponibile..". Peccato che se poi chiami uno qualunque di quei numeri truffa si scopre che in realtà l'utente (che sei anche TU) ha negato (ma quando mai?) il consenso solo ai servizi gratuiti, mentre invece chi sul tuo numero specula non vale lo stesso principio..
In pratica la privacy ti tutela solo nei confronti di chi non vuole pagare per sapere il tuo numero di telefono!
VIVA L'ITALIA,PAESE SCARPA!

Andrea Salicetti 24.11.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Ho cercato su "Reason " l'articolo in cui parlavano del controllo totale su ognunodi noi, vorrei saperne qualcosa di più, e sapere cosa fa vedere lei nel suo spettacolo a questo proposito. Grazie , il sito è bellissimo

Giuliana Ruberti 16.10.05 08:42| 
 |
Rispondi al commento

Mitico Beppe, senti questa sulla privacy (se non la sai gia').

C'e' un sito internet che, a partire da un codice fiscale, ti sviscera i dati anagrafici completi (nome, cognome, sesso, data di nascita, luogo di nascita).

E sai che sito e' ?

Quello del ministero delle finanze !!!!

Facendo finta di richiedere il duplicato del codice fiscale, chiunque puo' ottenere, da un codice appunto, tutti i dati completi.

L'indirizzo e':

http://www1.agenziaentrate.it/servizi/duplicatocf/duplicatocf.htm

Non sono esperto, ma credo sia una palese violazione della privacy.

Sarebbe il colmo!! Ah ah ah.

Ciao.

Maurizio Reato 10.10.05 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Porn incest links Porn incest links [ http://dau.thrustockings.com/pornincestlinks.html ]
Incest seduce mother Incest seduce mother [ http://dau.thrustockings.com/incestseducemother.html ]
Top 100 incest cams Top 100 incest cams [ http://dau.thrustockings.com/top100incestcams.html ]

Albert 06.10.05 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,sono in cerca di lavoro e ho pensato bene di valutare anche qualche offerta proveniente dal settore iterinale, visitando varie agenzie di lavoro temporaneo ed inviando curriculum alle stesse..Dopo vari colloqui e non avendo risposte concrete, mi sono iniziati a venire dei dubbi..Ho iniziato a candidarmi per posizioni che non avevano niente a che vedere con il mio profilo lavorativo..Mi chiamavano, mi facevano un colloquio e dopo 3/4giorni mi mandavano una e-mail comunicandomi che l’azienda aveva scelto una persona con un profilo più in sintonia con la mansione da svolgere..Cazzo, te l’avevo detto io che non avevo le caratteristiche per ricoprirla..Per che cosa mi hai fatto fare il colloquio..Ora vengono le mie considerazioni..Io abito in un comune che ha circa 35.000 abitanti..Sono presenti sul territorio 9 agenzie di lavoro interinale..Quasi tutte hanno esposto in vetrina dai 15 ai 20 annunci di ricerca per svariate mansioni lavorative..Quindi solo nel mio comune sarebbero disponibili circa 170 posti di lavoro..Se consideriamo che in Italia ci sono 8104 comuni, tenendo la media di agenzie presenti sul territorio comunale e di annunci da loro proposti, arriviamo alla bellezza di circa 1.375.000 posti di lavoro..
Cazzo..il piccoletto pelato(ormai però ha già anche lui un’idea meravigliosa in testa) era pessimista quando ne prometteva solo 1.000.000 di nuovi posti….Ho iniziato a riflettere su tutto l’insieme..Alla fine sono giunto alla conclusione che probabilmente la maggior parte degli annunci non esistono, nel senso che sono inventati dalle agenzie al solo scopo di ricevere candidature da loro accettate solamente con il consenso al trattamento dei dati sulla privacy(ma non capisco perche questa cazzo di privacy deve consentire il divulgamento a terzi dei miei dati personali).. Probabilmente finiamo tutti in a grande banca dati dove tutti possono attingere, magari anche pagando, ai nostri indirizzi ,numeri telefonici, per romperci i coglioni.Ciao Davide.

davide salani 23.09.05 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Se nel Regno Unito un politico, soprattutto se "in vista" o con responsabilità di governo, parcheggia nel posto degli invalidi, prende la multa e il giorno successivo si dimette. Quanto al pentagono, diffido delle operazioni commerciali che lucrano sulle tragedie e sui morti, come il sig Meyssan ( http://www.effroyable-imposture.net/sommaire-en.php )....
Postato da: Roman Clarke il 03.06.05 18:56
---------
No, Meyssan sta solo incitando il fondamentalisti musulmani comparendo alla tv iraniana e spiegando le sue pseudo teorie. Ma il bello è che ha anche fondato un sito sulla resistenza iraquena e sostiene il gruppo di terroristi (non a caso) quando questi uccidono qualcuno, traducendo l'articolo in + lingue sul suo sito di resistenza iraquena.
In fin dei conti essendo il punto nevralgico di un Collettivo francese in crescita (gruppo di noglobal), deve buttar concime ai suoi cavoletti affinche crescano grossi e numerosi per affrontare il governo.
E quale miglior modo se non sostenere i terroristi e fare guerra di informazione...la stessa che fanno i terorristi quando riprendono con la telecamera attacchi e proclami...oltre che a fare siti con foto di bambini e civili morti-feriti dicendo che sono vittime degli americani, per convincere popolazione interna e esterna.
(se trovate il sito di alquaeda cambia sovente e lo traducete vi trovate questi come principi di guerra al terrorismo)

Complimenti. Bel mondo di sfruttatori di merda.

giorgio delle pertiche 18.09.05 01:54| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno sa dirmi della questione della banca d'italia? io ancora non ho capito cosa è successo
e cosa centra Fazio. Non doveva condurre un nuovo
programam su rai 2? hum?... volevo poi, inserire un nuovo spunto di riflessione... mah? non vi sembra troppo il prezzo di un appartamento in centro a Milano? 9 Mila euro... non capisco perchè il sindaco Albertini sia cosi orgoglioso di questo fatto lui ha detto sul corriere di qualche tempo fa: I PREZZI DELLE CASE SALGONO ALL'INFINITIO !! è MERITO MIO WOW... hum non capisco... il mondo va al contrario!

alberto rossi 13.09.05 22:22| 
 |
Rispondi al commento

ma questo blog ha un virus all'interno....
risulta che io ho inserito un messaggio che non
ho mai inserito... secondo me qualcuno sta boicottando il sistema... io mi rivolgo alla digos

saluti

alberto rossi 13.09.05 22:15| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,
Concordo con le paure espresse dagli altri bloggers, ma vorrei puntare il dito su una cosa ancora più terrificante: il fatto che il tutto sia orchestrato per dare l'ILLUSIONE della privacy. Così come per molti prodotti e servizi si tende a fornire al consumatore l'illusione della sicurezza.
L'inquetudine verso l'occhio del grande fratello è soggettiva , ma è certo che si dovrebbe almeno essere al corrente se siamo osservati, da chi e perchè.
Sempre più spesso il diritto del cittadino alla sua privacy è subordinato a varie esigenze di multinazionali e istituzioni, e non è assolutamente un problema per queste entità andare a rovistare nella nostra immondizia,leggere le nostre lettere, impadronirsi dei nostri mezzi di comunicazione per sapere cosa diciamo.
( Se non ne siete a conoscenza questo è uno tra i fatti gravissimi che coinvolgono le nostre strutture informatico/istituzionali: http://www.autistici.org/ai/crackdown/index.html )

Fuorviare l'opinione pubblica è una delle nuove scienze che si stanno affermando negli ultimi anni (interessanti opinioni a tal proposito si trovano su www.luogocomune.net ). Stiamo tutti attenti a cosa leggiamo e dove.. informiamoci da diverse fonti..informiamoci e ancora informiamoci .. e mettiamoci in testa che
qualcuno crede di avere il mondo in pugno..
Cerchiamo di mettere in moto il cervello e capire chi e perchè sta facendo questo e prendiamo le adeguate contromisure.
Io ad essere preso per il c**o non ci sto.
Ove possibile uso servizi di crittografia e lascio il minor tracce possibile in giro.. mi difendo come posso.. ma non passi mai l'idea che le nostre vite sono di pubblico dominio.. perchè non deve essere così..
Ogni minuto che passa si prendono una fetta della nostra privacy nel silenzio assoluto nella totale indifferenza.. cerchiamo di svegliarci!!
Combattere il fenomeno è possibile ed è un pò quello che si fa in questo blog..
serve una contro-contro-contro-contro-...-informazione..
E' proprio l'era della confusione semiotica.. e chi controlla la cosa sguazza in questa confusione
attingendo profitti e cancellando i nostri diritti uno per uno.. STIAMO IN GUARDIA!! TRA POCO IL NOSTRO UNICO DIRITTO SARA' QUELLO DI SPENDERE SOLDI!!

manuel marchese 02.08.05 19:10| 
 |
Rispondi al commento

elisa,

In Italia mi sembra che la famiglia sia uno dei punti principali per le persone, il fatto che i
giovani rimangono a casa per molto tempo (25/30 anni) e dovuto al fatto che non gli si permette
economicamente di poter andare a vivere da soli.
Io quando sono andato in Australia avevo 18 anni,
sono rimasto li' per 3 anni e devo dire che a differenza dell' Italia, li un affitto costava poco, trovare un lavoro part-time per poter soppravvivere decentemente era possibile, vivevo
con degli studenti universitari che potevano benissimo continuare con gli studi.
Qui, non e' possibile, quindi chi se ne andrebbe via da casa? giusto un pazzo.
spero che un giorno ci si svegli e si cambino le cose.
Se ieri e' come oggi, domani sara' come oggi.

Robert Hanrahan

robert hanrahan 17.06.05 13:08| 
 |
Rispondi al commento

ciao volevo andare fuori tema
ma avete visto l' ultima pubblicità della cirio quella con il ragazzo che nn vuole andare fuori di casa ..adesso è diventata una cosa pure da pubblicizzare???ci vogliono far passare come gli italiani -mammoni?? il massimo dello stereotipo , il peggio è che all' estero ci vedono davvero così!!

elisa fedeli 15.06.05 16:17| 
 |
Rispondi al commento

vorrei solo dire a tutti gli "adolescenti" o presunti tali (e tra questi mi ci metto anche io perchè ho 22 anni ) che si indignano per non dire altro e raccolgono la provocazione e non sanno argomentare il proprio sdegno di fronte a questo odio che ritengo senza dubbio giustificato. reagiscono così solo perchè si sentono punti sul vivo sanno di meritare tali considerazioni e non sanno fare altro che dimostrarsi ancora più immaturi e replicano in malo modo. non è così che si rivendicano i propri gusti e le proprie idee sempre se si hanno .... elisa

elisa fedeli 15.06.05 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho ricevuto questa mail...mi sembra interessante...la rigiro a te Beppe...e a voi tutti lettori..

"Vi preghiamo di trasmettere questa e-mail a tutte le donne che potete.

Per gli uomini che ricevono questa e-mail, vi preghiamo di spedirla ad
amiche, ragazze, sorelle, madri, figlie ecc.

Grazie!

Controllate le etichette degli assorbenti interni che volete acquistare,
la prossima volta, e controllate se riuscite ad individuare alcuni dei
segni familiari descritti in questa e-mail. Non meraviglia che tante donne
al mondo soffrano di cancro alla cervice e di tumori all'utero. Sapete che
i produttori di assorbenti interni usano diossina e rayon nei loro
prodotti? Sono sostanze cancerogene e tossiche! Perche allora gli
assorbenti interni non sono contro la legge? Perché gli assorbenti interni
non sono un prodotto alimentare e, dunque, non sono considerati pericolosi
o illegali.

ECCO LO SCANDALO: Gli assorbenti interni contengono due cose che sono
potenzialmente pericolose:
Rayon (per assorbire) e diossina (un prodotto chimico usato per sbiancare
iprodotti). A volte contengono anche piccole percentuali di amianto, per
indurre nell'organismo femminile una emorragia più intensa (più
sanguinamento più assorbenti consumati). L'industria degli assorbenti
interni e' convinta che noi, essendo donne, abbiamo bisogno di prodotti
candeggiati, sbiancati per pensare che il prodotto sia puro e pulito. Il
problema e' che la diossina, che viene prodotta in tale processo
sbiancante, puo apportare gravi danni all'organismo! La diossina e' stata
associata al cancro da studi clinici, ed e' tossica per i sistemi
immunitario e riproduttivo. E' anche stata associata con endometriosi e
basso numero di spermatozoi per gli uomini. Lo scorso settembre, l'Agenzia
di Protezione Ambientale EPA ha reso noto che non esiste un livello
"accettabile" di esposizione alla diossina, visto che è cumulativa e lenta
a disintegrarsi.

Il pericolo Reale viene dal contatto ripetuto (Karen Couppert "Pulling the
Plug on the Tampon Industry"). Io direi che usare circa 3-4 assorbenti
interni al giorno, per cinque giorni al mese, per 38 anni e' un "contatto
ripetuto". Non pensate anche voi? Il Raion contribuisce invece ai pericoli
creati da assorbenti interni e dalla diossina perche'è una sostanza
altamente assorbente. Percio, quando fibre degli assorbenti interni
restano nel collo dell'utero (come di solito accade), cio crea un
"serbatoio" di diossina nel corpo. Tra l'altro, resta all'interno molto piu
a lungo di quanto rimarrebbe con assorbenti interni fatti solo di cotone,
perché il rayon è più leggero e tende ad attaccarsi. Questo e' anche il
motivo per il quale la TSS (Sindrome da Shock Tossico) può colpire donne
che usano assorbenti interni (come potete leggere dal foglio informativo
di TUTTI gli assorbenti interni in commercio).

QUALI SONO LE ALTERNATIVE?
Usare assorbenti esteni, o prodotti non sbiancati e fatti completamente di
cotone. Anche altri prodotti d'igiene femminile (assorbenti
esterni/fazzoletti)contengono diossina, ma non sono tanto pericolosi quanto
gli assorbenti interni. Sfortunatamente, prodotti non sbiancati e in cotone
si trovano quasi solo in negozi di "prodotti biologici" (quindi sono più
cari). Nel 1989, degli attivisti inglesi organizzarono una campagna contro
lo biancamento attuato con cloro. Sei settimane e 50000 lettere dopo, I
produttori di diversi prodotti sanitari passarono all'ossigeno (uno dei
metodi Verdi disponibili. (MS magazine, May/June 1995)

COSA FARE ORA:
Ditelo alla gente. A tutti. Informateli. Questa industria ci sta
danneggiando, facciamo qualcosa per impedirlo! Se evete tempo, scrivete
una lettera alle società Tampax - Playtex - O.B -Kotex. Sulle scatole c'è
sempre un recapito. Fate loro sapere che esigiamo un prodotto sicuro:
assorbenti interni COMPLETAMENTE DI COTONE NON SBIANCATO.

PROMEMORIA:
Per non perdere l'impatto di questa email, PREGHIAMO chiunque voglia
spedirla ai propri amici, di copiarla e poi passarla su un NUOVO
messaggio. In questo modo, non potra distorcere il messaggio a causa delle
varie frecce che appaiono nelle e-mail inoltrate. Vi preghiamo di farlo con
considerazione e serietà.

Grazie.

Dr.ssa Carla Zoboli"

Alice Marciello 15.06.05 11:49| 
 |
Rispondi al commento

...fra un po tutti avremo dei microchip installati sotto pelle dalla nascita utilizzabili come chiavi di casa..bancomat .....ci verra pure detto che sara' utile per i satelliti che potranno cosi' individuare la nostra posizione nel caso venissimo sequestrati da un gruppo terrorista ...e chi non ci sta sara' trattato come un criminale

mario canosa 15.06.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
Ti confesso che mi piacevi molto di più quando facevi il comico vero: oggi dici tante cose vere, ma Ti lasci trascinare da una demagogia della quale forse non Ti rendi conto neanche Tu: ci sono argomenti di così grandi dimensioni che è difficile circoscrivere ad uno spettacolo che dovrebbe servire a divertire gli spettatori (che, guardandoli bene, non si divertono, ma si spaventano, un po' si rompono, rimangono increduli e se ne vanno sconcertati); non solo, ma ritengo inutile puntare il dito contro ingiustizie reali, realissime, ma irreparabili, per mille, ovvi motivi. Si facciano pure le giuste guerre alle ingiustizie, ma quelle che pensiamo di vincere o che almeno pensiamo di far vincere da chi è preposto a tale scopo: ce ne sono a migliaia e tutte o quasi causate da un pessimo senso di responsabilità ormai molto diffuso e da un senso dello Stato che ormai si è perso, grazie ad una classe politica che da decenni è riuscita a disamorare sempre di più il cittadino dalla 'res publica'.
Combattiamo, ma restiamo con i piedi per terra: se ognuno di noi, ogni mattina che si alza pensasse a sistemare una piccola cosa che lo riguarda o che riguarda il suo posto di lavoro e che, comunque, si dedicasse a compiere per intero il suo dovere, senza stare a pensare a come fare per fregare il prossimo o le tasse o la concorrenza, già avremmo fatto un piccolo, ma significativo passo avanti: non credi? Se sei d'accordo, dedicati ai problemi che più ritieni risolvibili e sono certo che troverai molti più consensi nella lotta all'indifferenza, alla sopraffazione, alla mancanza di rispetto, alla totale ineducazione che affliggono i nostri giorni.
Grazie, se hai letto queste mie poche righe.
stefano sabatini

STEFANO SABATINI 15.06.05 09:22| 
 |
Rispondi al commento

prima di cominciare vorrei porgere i miei piu rispettosi saluti a tutti , e un piacere enorme incontrarvi . vivo a dublino e vorrei fare presente che non ho ricevuto nessuna sceda eletorale per i 4 referendum sulla fecondazione assistita ne alcuna informazione ( visibile ) era presente all'ambasciata. si sono trovati nella mia stessa situazione tutti i conazionali di mia conoscenza. i miei ringraziamenti per lo spazio datomi a disposizione .

marianna farris 14.06.05 22:05| 
 |
Rispondi al commento

Eg sig. Grillo,
essendo iscritto a msn (messanger) e gestendo un blog gratuito (come negli ultimi mesi stanno facendo migliaia di italiani...) mi è sorto un dubbio: è possibile che un mezzo così diffuso e "alla moda" come il blog sia offerto in maniera del tutto gratuita, e che tutto ciò lo faccia la Microsoft (società più che di lucro)?!

Mi son risposto da solo: NO!

Ma allora perchè ci offrono tale possibilità?!

E' possibile che il loro scopo sia farsi consegnare "belli e pronti" tutti i nostri dati?!
E' possibile che noi, ignari, scriviamo tutto ciò che ci piace, che non ci piace, che leggiamo, che guardiamo, che mangiamo, pensando di farlo per puri fini "sociali" ed in realtà non stiamo facendo altro che consegnare la miglior indagine di mercato mai esistita?!

Antonio Salmeri 14.06.05 21:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe siamo alle solite.

Fra un po' sarà violazione sulla privacy anche chiamare per nome un conoscente che vedi passare per strada. Lavoro per gli ospedali e di assurdità ne vedo. Quando il paziente passa all'accettazione per motivi di privacy non è più possibile registrare il numero di telefono tra i dati anagrafici (e cioè dove registri, oltre a nome e cognome, data e luogo di nascita, residenza e domicilio). Ma se io prendo un appuntamento come fanno a comunicarmi uno spastamento di data e/o ora????????????????? Con i segnali di fumo?????????????? O mi mandano una lettera che per inefficienza del sistema postale arriva dopo 1 settimana? Allora accade, come è logico che sia, che l'infermiera o il medico registrino il numero di telefono da qualche altra parte del programma, oppure che lo scrivano nella cartella clinica. Fatta la legge trovato l'inganno

Patrizia Garufi 14.06.05 16:01| 
 |
Rispondi al commento

alle persone in fondo piace essere controllate.
Attraverso l'ingenieria sociale possiamo ottenere
informazioni su chiunque.
Sta a noi imbrogliare le notizie su noi stessi.
Bisogna dargli cazzi per caramelle.

Robert Hanrahan

robert james hanrahan 14.06.05 00:04| 
 |
Rispondi al commento

ho creato un account su http://www.skype.com
spero di poter utilizzare questo servizio
e non dare piu' soldi a quei buffoni di telecom
e tutte le altre societa' che stanno succhiando
i soldi agli italiani.
bisogna smetterla con questi citofoni/cellulari!

Robert Hanrahan

robert james hanrahan 13.06.05 23:52| 
 |
Rispondi al commento

Siamo osservati,è chiaro!!Basta aprire gli occhi e guardarci un attimo attorno,...si,voglio dire nella vita quotidiana!!!Basti notare come ci vengano propinati quesiti di "ricerche di mercato" assolutamente anonimi,dove nella prima pagina è obbligatorio inserire:sesso,giorno di nascita e ultime due cifre dell'anno di nascita,terza lettera del nome,comune di residenza.........ma NON NOME E COGNOME!!!!!!Quesiti riguardanti la propria intimità,il rapporto con se stessi e il proprio corpo,..non so se mi spiego!!Quesiti propinati a ragazzini di15,16,17 anni!Questa è la privacy!!!????....

margherita gechelin 13.06.05 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Bella l'ultima trovata della nostra CE riguardo lo strapotere cinese (la Cina non potra' esportare prodotti tessili piu' di un quantum stabilito.....!!!), adottata (e accettata dalla Cina) perche' dicono che i paesi europei non sono pronti a "competere" con i cinesi...; e perche', e chi l'ha detto...? e poi il libero mercato dove e', e non solo..., e la globalizzazione?
Certo che ci sono delle belle facce toste in giro, capaci di dire e smentire senza neppure arrossire.
L'Europa non e' pronta, deve prima abbattere i costi dovuti agli stipendi dei lavoratori per poter recuperare margine di guadagno al punto da abbassare i prezzi sul mercato e stare tranquilla nei confronti della Cina!!! deve prima cancellare l'inderogabilita' in pejus dai nostri contratti di lavoro e poi potra' raggiungere il sogno del mercato globale (utile a chi e perche' non si sa).
Che bello vedere i nostri rappresentanti rimangiarsi le regole di giuoco del mercato libero e concorreziale e tornare in dietro con l'euro spendendo i nostri soldi per i referendum (cosi' il costo dell'euro ce lo accolliamo due volte noi), che bello.

Giuseppe Salvini 12.06.05 00:50| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, caro Beppe....siamo rovinati!!!:)

A proposito di PRIVACY, guarda un po che ho pescato?
L'Fbi ha creato "Echelon 2". Siamo spiati il doppio
Di Antonio Bachiorri – tratto da: www.borsari.it

Un supercomputer chiamato "Carnivore" vaglia milioni di e-mail al secondo. E sa tutto su di noi, anche se abbiamo acquistato la pizza on-line.

Le orecchie di Echelon non sono sole.
C'è ben altro a rovistare nei server dei provider e negli hard disk di milioni di americani e di navigatori di tutto il mondo, una sorta di "Echelon 2" che si aggiunge al sistema messo a punto dalla Nsa. A muoversi silenziosamente tra i cavi telefonici e le banche dati, ci sono i tentacoli di "Carnivore", un supercomputer dell'Fbi in grado di analizzare milioni di e-mail al secondo. Il suo obiettivo? Cercare prove di attività criminali negli scambi di messaggi online. E basta? Nessuno può saperlo, perché qualsiasi altra illazione entra nel campo della fantapolitica, ma quel che è certo, è che il supercomputer è attivo, funziona e fa bene il suo lavoro.

A produrlo è stata la stessa Fbi, che per questo genere di ricerche ha appositi laboratori in Virginia, a Quantico (curioso il riferimento della località ai quanti della fisica, la prossima frontiera dei computer insuperabili).
A "fare la spia" sull'esistenza di "Carnivore" è stato il Wall Street Journal, che ha avuto l'imbeccata dalle industrie private. Queste sono state sollecitate dai federali americani ad "abbassare le difese" per un certo periodo per facilitare le operazioni di controllo delle comunicazioni durante la ricerca di un criminale informatico. Ma quando si è visto cosa era in grado di fare il sistema dell'Fbi, la sorpresa dei tecnici è stata pressoché totale. Il tam-tam sulle caratteristiche del sistema è stato rapido; la notizia è ora di dominio pubblico.
Il nome del computer è indubbiamente inquietante, ma "Carnivore" è il figlio dell'altrettanto "terrificante" (ma meno efficiente) "Omnivore", che già consentiva da tempo di mirare dritto su un utente, controllarlo in ogni suo movimento nel cyberspazio e spulciarne tutta la posta elettronica.

Ed ora cosa accadrà quando sempre più persone inizieranno a sospettare che gli acquisti on-line non sono del tutto sicuri come si pensa? Ci saranno contraccolpi nello sviluppo del commercio elettronico? Indubbiamente l'Fbi non andrà a pescare i soldi del nostro conto, ma saprà - per filo e per segno - cosa abbiamo comprato: dal Cd musicale a quegli articoli che non vorremmo far sapere in giro che ci piacciono.
«Carnivore» è il nemico di tutti: cittadini e criminali
Ciao:))
il guerriero poeta

roberto berera 10.06.05 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Siccome di natura sono molto dispettosa, sto passando da un post all'altro nel sito di Beppe, e, poichè lascio "tracce", mi diverto pensando che li sto facendo diventare pazzi...per seguirle...e vedere dove scrivo!
Rita

Rita Porrega 10.06.05 14:36| 
 |
Rispondi al commento

di che vi preoccupate? si tratta di un caso di cura omeopatica.

vincenzo de simone 08.06.05 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Paura, siamo tutti osservati, spiati...
+ tecnologia - vita priva = robot

Questa è fantasia ma andiamo in questo senso? Meglio che torni a coltivare la campagna come faceva il mio Nonno? Mi ha sempre detto: "Ricordati Bruno che la terra non si vende MAI, ti darà sempre di che vivere!". Mi sa che fra un po' di tempo butterò via tutta questa IPER tecnologia e tornerò alla vita di campagna.

Un saluto, Bruno da Bolzano

Bruno Mattei 08.06.05 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei fare due commenti. Il primo riguarda il bombardamento di critiche verso la moneta unica. Come si fa a far capire alla gente che la moneta è un mezzo, perciò non centra se sia la lira, il dollaro, l'euro, il problema è come lo utilizzi e come proteggi i consumatori (gli italiani sono sempre un poco più furbi degli altri).
Il secondo è legato alla critica fatta da Berlusconi verso il modo di fare tlevisione delle TV pubbliche. Chi parla!!!! Le sue televisioni sono l'incarnazione della manipolazione e dell'"iformazione" che fa tutt'altro che iformare.
Vi averto, da rumena doc che ha assaggiato il regime di Ceausescu, ci sono molte assomiglianze.
Tutti quelli che non sono con lui sono contro di lui!!! E' storicamente dimostrato che l'eccesso di potere (nel suo caso economico, politico e mediatico) da alla testa e nel suo caso la rottura con i problemi di tutti i giorni del "popolo" e netta.

Simona Vasu 07.06.05 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Articolo dell' agenzia ANSA del 7-6-2005

LONDRA - I lavoratori impiegati in magazzini e depositi britannici vengono controllati da mini-computer portati al braccio o attaccati ai loro vestiti che registrano movimenti, ritmo di lavoro ed impartiscono loro ordini. Secondo un nuovo rapporto, i dispositivi basati su onde radio e tecnologia satellitare stanno creando in alcuni luoghi di lavoro un sistema di sorveglianza simile a quello di una prigione.

Il sistema, sviluppato inizialmente negli Usa, obbliga i lavoratori a indossare piccoli computer legati a polsi, braccia o persino alle dita. In alcuni casi, i dispositivi, che comunicano loro dove si devono dirigere per prelevare determinati oggetti all'interno di un deposito, sono contenuti in un indumento. I computer permettono inoltre di controllare se l'impiegato si sta prendendo pause non autorizzate e se completa il proprio lavoro nel minimo tempo richiesto.

Secondo uno studio condotto da Michael Blakemore, professore presso l'universita' di Durham, il diffondersi di tali sistemi anziche' rendere il lavoro nei magazzini piu' efficiente, rischia di alienare i lavoratori privandoli di qualsiasi tipo di iniziativa e di scelta, trasformandoli in automi che prendono ordini da computer.

Tali tecnologie sono state introdotte nel Regno Unito circa sei mesi fa e stanno diventando sempre piu' comuni nei magazzini e nei depositi che riforniscono grandi catene di supermercati e di negozi d'abbigliamento. La loro diffusione preoccupa gli studiosi, che temono che la Gran Bretagna - la nazione che gia' ha il piu' alto numero di telecamere nelle strade - si trasformi nel paese a piu' alta sorveglianza di tutto il mondo.

''Questi sistemi provocano la completa 'dissoluzione dell'invisibilita'', nell'ambito della quale un lavoratore non puo' far nulla senza che la macchina ne sia al corrente e lo controlli'', ha dichiarato Martin Dodge, studioso di ambienti di lavoro presso il University College di Londra.

I sindacati del Paese da parte loro sono insorti chiedendo la revisione di tali tecnologie e l'introduzione di misure mirate a salvaguardare la privacy dei lavoratori. ''Abbiamo saputo di gente che ha abbandonato il proprio lavoro dopo pochi giorni, in alcuni casi addirittura dopo qualche ora. A nessuno piace essere controllato da un computer e non poter decidere nulla da solo'', ha dichiarato Paul Campbell, rappresentante di GMB, uno dei piu' grandi sindacati britannici.

''GMB non e' un'organizzazione di luddisti, ma non ce ne staremo a guardare mentre i nostri iscritti vengono ridotti ad automi. L'applicazione di questa tecnologia dev'essere rivista in modo che serva da aiuto ai lavoratori anziche' schiavizzarli'', ha dichiarato Campbell.

Secondo le societa' che utilizzano il sistema di controllo tuttavia, la tecnologia si sta rivelando utile a rendere il lavoro piu' efficiente e a ridurre gli sprechi ed ai lavoratori non disturba utilizzare i mini-computer. ''A tutti piacciono i computer indossabili perche' sono comodi e facili da usare. Di conseguenza il lavoro diventa piu' semplice'', sostiene un portavoce della catena di abbigliamento Peaco

Guido Giannini 07.06.05 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Non so perchè sto scrivendo... In realtà, come sempre più spesso di questi tempi, non ho parole!

Luisa Moleri 07.06.05 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Mi vergogno veramente di dover assistere a queste prese di giro.... il dramma di tutto ciò e che la mia voce è come una noce nel sacco... fa ben poco rumore! e loro, quelli che gestiscono così bene l'informazione, lo sanno bene e continuano indisturbati a realizzare i propri piani diabolici....
In ogni caso, non vognio mettere la testa sotto la sabbia, così lascio il mio pensiero che spero sia condiviso da molti.

Pierpaolo Caverni 07.06.05 15:09| 
 |
Rispondi al commento

In merito ai referendum del 12 giugno, vorrei sapere se qualcuno è in grado di dirmi chi finanzia la campagna per il "no" e in particolar modo il numeroso materiale prodotto dal "Comitato Scienza & Vita"...il mio sospetto è che una parte dell'otto per mille sia finito in questo invito a disertare le urne...vorrei tanto essere smentito per poter credere ancora nella carità cristiana.
Grazie!

Alberto Romano 07.06.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

UN PO' DI CHIAREZZA: il D.lgs 196/03 è una regolamentazione, che OBBLIGA chi mantiene
in qualche forma, cartacea o elettronica, dati a voi collegabili, al trattamento di questi dati secondo modalità definite dal decreto, per la tutela della "privacy" del soggetto interessato! Tutto qui. In soldoni: con la vostra firma autorizzate il trattamento dei vostri dati secondo quanto previsto dal decreto, che vuol dire "Fate quello che cavolo volete coi miei dati"!
Il decreto prevede che chi vuole può richiedere di conoscere l'esistenza dei suoi dati e dei fini per cui sono stati raccolti, si può addirittura chiedere i danni se questi dati sono stati trattati in un modo che ha provocato un danno! Mi piacerebbe sapere chi e quando ha mai sfruttato quell'articolo!
Saluti

Simone Maccanti 07.06.05 09:32| 
 |
Rispondi al commento

Andate in Google, digitate:
crimine solicitationies
INVIO.

La prima pagina e' in inglese, le traduzioni in italiano sono nelle seguenti.

Carlo Raggi 07.06.05 09:12| 
 |
Rispondi al commento

La privacy, da quando è entrata in vigore questa legge ho ricevuto tutta una serie di grossi problemi lavorativi inquanto non potendo più accedere a delle banche dati non ho più la possibilità di controllare determinati accadimenti.

A me sembra modestamente un sistema per proteggere chi delinque perche se una persona è onesta e corretta cos'ha da nascondere...

Comunque viva l'italia

Massimo Sbizzera 06.06.05 22:13| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno mi può dire se questi messaggi me li sono pagati io in qualche modo?
grazie

Luca

luca borri 06.06.05 17:58| 
 |
Rispondi al commento

cari tutti illuminatemi
è possibile che senza la mia autorizzazione locali pubblici possano invitarmi alle loro serate tramite sms. Chi gli ha dato il numero?
e poi non posso nemmeno richiamarli perchè il numero dell'inviante è 3311 quindi introvabile.
Sono pronto a denunciare che esiste a fare il no sul modulo del trattamento dei dati?

Luigi Schiraldi 06.06.05 16:27| 
 |
Rispondi al commento

"Privacy"........ come suona bene, ma a cosa serve e a chi soprattutto? ....Mi sto convincendo che serva solo a creare "posti di lavoro". Hanno fatto di questa legge terrorismo vero e proprio, dal cambio della password un giorno sì e uno no, nel portatile nel computer in ufficio e in quello a casa, però nei giorni "no" cerca di ricordarti di cambiare l'user name.
Il tutto al riparo da occhi indiscreti che potrebbero in qualche modo entrare nei tuoi file aziendali e..... trovare che... il giorno xx del mese yy il sig. Rossi era a casa in malattia! Capite? In malattia!...come se nessuno lo avesse capito... O forse qualcuno ha pensato "sarà in crociera", in fondo, ha solo due figli da mantenere, un mutuo per la casa, la macchina comprata a rate, e chissà quanti altri debiti "privati"!...NO io l'ho capito siamo noi gli unici fruitori della Privacy, cioè senza la nostra firma Noi non potremmo usufruire dei servizi che richiediamo, Noi non potremmo far elaborare i dati che ci occorrono, mentre chiunque altro non ne ha bisogno, già li conosce!

barbara masetti 06.06.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, la notizia porta due riflessioni (probabilmente anche di più io vedo ste due):
1 - Questione Privacy
2 - Questione "i posti in alto sono sempre coperti da persone sospette"

1 Sincermante la privacy è figlia della paura, io non credo di avere nulla da nascondere e sinceramente se uno sa cosa faccio.. beh.. fatti suoi .. a me non frega niante. Se poi mi si creerà qualche casino per che mi incastrano con qualche cazzata.. beh .. il mondo è pieno di stronzi e se mi vogliono incastrare lo riescona a fare con o senza privacy.
Io personalmente non mi vergogno di ciò che sono e quindi se vogliono spiarmi lo facciano pure.
E poi... tutti dicono che "sanno tutto di noi"... ma chi sa tutto di noi???
qualcuno sa dare soggetto alla frase... soggetto concreto?
Sinceramente credo che la privacy serva solo a proteggere chi compie qualcosa da nascondere.


2 Questo è il vero problema. E' qui che il paese dovrebbe lottare... nel rendere nullità gli stronzi... non dargli potere!
CIao
Mike

Michelangelo Sanguineti 06.06.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei far conoscere ai + una cosa curiosa, che credo sia stata espressa in qualche altro post, ma non potendo leggerli tutti per mancanza di tempo, mi permetto di dirla brevemente.
Il sottoscritto, lavora per un'importante società milanese che si occupa di ediliza pubblica. Pochi mesi fa abbiamo concluso un lungo lavoro di controllo della clientela, chiedendo loro di compilarci dei format stampati per l'occasione.
Esistono due firme da mettere in calce, una per presa visione dei dati e l'altra per la privacy. Teoricamente, se decido in coscienza di non firmare sulla legge per la privacy, la modulistica dovrei prenderla ugualmente... sbagliato! La legge (ma siamo sicuri che sia così?) dice che se il cittadino, non mette la firma sulla privacy, non possiamo ritorare niente che riguardi quella persona.
????????
Cosa????
Teoricamente, la legge sulla privacy non dovrebbe essere una scelta personale?
Teoricamente, credo che sia un modo come un altro per raggirare il sistema e per incrementare soltanto malcontento e confusione, perché, non so voi, ma io lo sono!
Forse troppo!!!

andrea satta 06.06.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

PUHAHAAAHAAA... ma quale privacy???
Ma dico stiamo scherzando?? Privacy? Non esiste privacy: basta usare una qualsiasi tesserina magnetica per far sapere i nostri costumi a chicchessia, basta possedere un collegamento a internet per venir tracciati e catalogati come utenti appassionati di "Beppe Grillo"... basta accendere la luce per far sapere all'Enel i nostri strandard di utilizzo della corrente!!! E chi più ne ha più ne metta! Le leggi sulla privacy sono solo burocrazia: puoi dire di no al trattamento dei dati, ma nel 90 % dei casi non puoi avere il servizio!

Simone Maccanti 06.06.05 13:21| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe sono sempre io, come posso fare ad averti in Home Page????

greta boreni 06.06.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

========================
www.uncas.splinder.com
========================

E di questa signora non vogliamo parlarne?

quello che non dice il curriculum pubblicato sul sito della Consob, lo si trova con pochi click su un qualsiasi motore di ricerca:
http://www.assolombarda.it/fs/200441616741_20.PDF

capite? è stata consigliere di amministrazione di Fideuram Gestioni e ora dovrebbe controllare Fideuram (una fra le principali aziende del "risparmio gestito" ...

CARLA RABITTI BEDOGNI
Membro della Commissione nazionale per le Società e la Borsa da aprile 2002.
Nata a Modena il 26 novembre 1939.
Laureata in Giurisprudenza all'Università di Modena.
Professore di Diritto del Mercato Finanziario nella Facoltà di Economia di Roma "La Sapienza".
Docente di Diritto Bancario e del Mercato Finanziario nella Scuola di Specializzazione in Diritto ed Economia della Comunità Europea dell'Università di Roma " La Sapienza", ove è direttore del Corso di Perfezionamento in Diritto Comunitario e interno degli Intermediari Bancari Finanziari e Assicurativi. E' direttore del Master in Intermediari, emittenti e mercati finanziari dell'Università "La Sapienza" di Roma. Titolare dell'insegnamento di Diritto dei mercati finanziari nella Terza Università di Roma "Federico Caffè". Direttore di una ricerca finanziata dalla Università di Roma "La Sapienza" su "La nuova disciplina della cartolarizzazione dei crediti".
Avvocato cassazionista. E' stata consulente di Società e gruppi in materia societaria e del mercato finanziario, fornendo soprattutto pareri su problemi di interpretazione o applicazione delle norme. E' stata per più di dieci anni nel consiglio di Amministrazione di una delle più importanti società di gestione di fondi comuni di investimento. Ha ricoperto l'incarico di Presidente della Commissione Regionale per l'Albo dei Promotori Finanziari dell'Umbria.
Membro della Commissione per la riforma del diritto delle società di capitali e della Commissione per la legge delega di modifica della legge fallimentare. Membro della Commissione per il Testo Unico delle Assicurazioni.
Ha organizzato il I° Convegno Internazionale in Italia sul tema dell`insider trading ed il convegno internazionale sulla indipendenza delle società di revisione. Ha partecipato, con relazioni, comunicazioni ed interventi ai principali convegni in tema di mercato mobiliare e, in qualità di relatore, a tavole rotonde e convegni promossi dalle associazioni di categoria.
Autore di numerose monografie sui temi della disciplina della concorrenza, della sollecitazione del pubblico risparmio, del diritto del mercato finanziario. Ha inoltre coordinato e diretto opere collettanee, ivi compreso un ampio commentario al Testo Unico della finanza, sulla normativa dei mercati mobiliari e dell'intermediazione, temi ai quali ha dedicato oltre 60 saggi.

Francesco Bastianelli 06.06.05 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno ha scritto "bastardi", rivolto a coloro i quali abusano dei nostri dati.
E BASTARDI sono. Grandissimi BASTARDI.
Non ho mai patito tanta mancanza di privacy come da quando ci sono le leggi sulla tutela della privacy - che poi perchè privacy e non riservatezza, proprio non lo capisco.
E gli inglesi che vogliono far pagare la tassa auto in base ai kilometri percorsi!?!?!!! Che vuol dire che sapranno esattamente cosa fai dove vai con chi sei quanto stai con che mezzo... arrivera' anche da noi...
Pensate che Tronchetti Provera con la sua bellissima azienda Telecom - uno come lui! - ha ancora piu' potere grazie al controllo sui cellulari. Pensateci.
E' finita. Non c'e' piu' speranza. Anche lasciando perdere Tronchetti Provera.

Paolo Manfrin 06.06.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento

E che dire di quel personaggio che contesta il provvedimento alla firma di Pisanu per introdurre il biglietto nominativo allo stadio e l'utilizzo di telecamere per individuare i "tifosi" violenti?
Cosa c'entra la privacy? Non è che quel parlamentare vuol tutelare gli stessi facinorosi che un giorno sono allo stadio un giorno in piazza a sfasciare vetrine sotto la bandiera della pace? Non è che gli serva il loro voto fra un anno? Non gli ha insegnato niente lo schiaffo dei no global a Fassino o l'assedio a cui è costretto Cofferati a Bologna?
Se il biglietto nominativo per lo stadio viola la privacy, come mai è consentito quello aereo? Non è che qualche buffone adesso chiederà di togliere il nominativo anche da quello? E magari di rendere obbligatorio il passamontagna al check-in?

Fabio Medda 06.06.05 10:18| 
 |
Rispondi al commento

La privacy non esiste, tranne che nelle sale di attesa.....
Non appena ti fai una utenza (telefonica, energia eletrica, gas, adsl e altro) subito ti arriva la richiesta di pagamento del canone RAI!!!!
Alla faccia della privacy......

Giovanni Salamone 06.06.05 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Ma come è possibile che un personagio come fortunato ricopra questo tipo di incarico?
Chi è che ha deciso di mettere lì proprio lui? è uno schifo!!!!per diventare dei personaggi di una certa importanza ci si basa su quanto uno è bravo a rubare,raggirare,truffare? incredibile!

Stefano Ossoli 06.06.05 10:03| 
 |
Rispondi al commento


X Ghidini
si sa tutto di tutti tranne che dei delinquenti che sono gli unici forse in grado di proteggere la propria privacy, i dati sensibili delle persone comuni che vanno a lavorare per vivere sono alla mercè di qualsiasi bastardo li voglia trattare per ricavarne informazioni utili al suo business, compresi i politici che possono selezionare i cittadini a cui mandare i propri santini elettorali facendone semplice richiesta agli uffici anagrafici.
Altrimenti spiagami come fa telecom a sapere che dal mio numero di casa qualcuno si collega a internet, chi gli da il diritto di curiosare sui tabulati delle mie chiamate per verificare che ho chiamato dei provider internet per poi rompermi i coglioni con quella sola di alice ???
Mi hanno tritato i coglioni ripetutamente chiamando ad ogni ora del giorno e della sera e chiedendo direttamente di parlare con chi in questa casa usa internet....
Tutela della privacy ZERO, l'ho comunicato al garante il quale mi ha risposto con una email:

Gentile utente,

Le inviamo in allegato la documentazione relativa ai nuovi elenchi
telefonici. Se ha ricevuto a casa il modello con il quale esprimere diverse
opzioni riguardo a come apparire in elenco, attraverso quel modello avrà
espresso o potrà esprimere le proprie preferenze sul come apparire, appunto,
in elenco.

--------------------------------------------------
Dopo che gli ho spiegato che i call center telecom mi hanno scardinato i coglioni nel tentativo di farmi abbonare ad alice, il garante della privacy mi risponde dandomi le nuove disposizioni per gli elenchi telefonici.

Garante di sta minchia.


Stefano

stefano crema 05.06.05 23:48| 
 |
Rispondi al commento


MA DI CHE MONDO PARLIAMO?

QUANDO CI SONO DEI FIGLI CHE SI SENTONO AMATI MENO

DELLE AUTOMOBILI DEI LORO PADRI??

Il grottesco della situazione è che ci sono ragazzi che si uccidono per aver rovinato la macchina del padre e ci sono invece figli di puttana come Tanzi e i funzionari di banca suoi complici che dopo aver rovinato migliaia di famiglie non provano alcun rimorsoe e continuano a vivere allegramente il Tanzi godendosi tutti i soldi che si è fottuto e i funzionari di banca continuando a guadagnare montagne di soldi.
Se accogliessimo tutti quelli che vogliono entrare in borsa per ripianare i propri debiti, leggi tre, con delle sonore pernacchie e una foresta amazzonica di diti medi alzati, forse comincerebbero a chiedersi cosa sta succedendo.
Stefano

stefano crema 05.06.05 23:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma se questa gente sa tutto di tutti perchè in Italia ci sono ancora dei "latitanti"?

Massimo Ghidini 05.06.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

Sono calabrese e conosco benissimo il "signor" Chiaravalloti.Purtroppo ho assistito al suo operato da governatore della Calabria, quando lo sentite nominare toccatevi subito: è una maledizione del Signore. Ciao

Mario Greco 05.06.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento

é tutto un gran puttanaio!!!! questa è la verità e sarà sempre peggio e noi non ci si puotrà fare nulla, ho appena sentito al tg che un ministro del governo inglese ha proposto di eliminare i prelievi fiscali di bollo e benzina e tassare le miglia che uno fa, con tariffe diverse a seconda delle strade che percorre, delle fasce orarie ecc..ecc...,come, monitorando tutto da satellite...minchiaaaa, immagino l'italia dove nessuno è capace di farsi i cazzi propri quanto ci potrebbe mettere ad adeguarsi a questa "stupenda" iniziativa, ovviamente con qualche modifica che sicuramente consisterebbe nel aggiungere questa nuova tassa sulla percorrenza effettiva ma, senza assolutamente occare bollo e benzina, qualche scusa la si trova sempre. e tutto un puttanaio!!!! e sarà sempre peggio!!!!

Davide Petris 05.06.05 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
Sono Stefano di Pistoia, ho 19 anni e ti scrivo per segnalarti e chiederti di una nuova opportunità che tiscali dice di poter offrire.Sul sito, e dal call center si dice che è possibile fare qualunque telefonata con un modem che ti inviano loro(3euro in + al mese) previo abbonamento annuale ad una loro adsl flat (20 euro al mese).Così io potrei telefonare quanto voglio a questo prezzo e, volendo recedere il contratto telecom.
Mi posso fidare secondo te??
Se sì vorrei che lo sapessero tutti perchè sarebbe davvero una gran cosa.
Grazie.

Stefano Matteini 05.06.05 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
Sono Stefano di Pistoia, ho 19 anni e ti scrivo per segnalarti e chiederti di una nuova opportunità che tiscali dice di poter offrire.Sul sito, e dal call center si dice che è possibile fare qualunque telefonata con un modem che ti inviano loro(3euro in + al mese) previo abbonamento annuale ad una loro adsl flat (20 euro al mese).Così io potrei telefonare quanto voglio a questo prezzo e, volendo recedere il contratto telecom.
Mi posso fidare secondo te??
Se sì vorrei che lo sapessero tutti perchè sarebbe davvero una gran cosa

Stefano Matteini 05.06.05 21:02| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno mi saprebbe dire come si fa a vedere casa propria col satellite?
Qualcuno mi risporda.
PER FAVORE!

maurizio nardi 05.06.05 20:27| 
 |
Rispondi al commento

per filippo manci
grazie per l'informazione. Domani ci riprovo e poi ti faccio sapere

carlo Pappalardo 05.06.05 18:56| 
 |
Rispondi al commento

@Yang Chenping

>

Il punto è che proprio perchè vorrei vivere in pace, preferirei non dover fare la spola tra un ufficio e l'altro per fare il passacarte.

Le informazione che gli uffici pubblici ci chiedono, sono generalmente già disponibili. Allora, mi chiedo:
perchè dobbiamo essere noi cittadini a fare i corrieri ? Basterebbe che ci chidessero di volta in volta l'autorizzazione per potersele andare a prendere, senza per questo obbligarci a fare i fattorini.

Tutto qui.


dan sallo 05.06.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento

http://www.lexfor.it/lexfor/2002-10/2002-10-Pen-Giu-1683.asp

GIusto per chi voelsse leggere la sentenza di condanna in cassazione

Emanuele Colazzo 05.06.05 13:27| 
 |
Rispondi al commento

@dan sallo:

> Provo a portarti i primi esempi che mi vengono in mente di casi in cui lo Stato o Enti parastatali ti chiedono certificazioni:

Non dubito che sia vero, ma ti sembra normale avere lo Stato nascosto sotto il letto dalla mattina alla sera?

Yang Chenping 05.06.05 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Umberto Mas,
bene,tutto chiaro.
Dalla mia esperienza,e da come conosco l'uomo,io non farei proprio nessun affidamento sulla lettura delle e-mail o dell'ascolto dei telefoni.Anzi,se fossi un giudice,me ne impipperei.
I veri sovversivi,i terroristi, agiscono in altra maniera.Almeno penso,se non sono stupidi.
Saluti
Sandro

Sandro zonfrilli 05.06.05 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
a proposito di privacy, qulcuno può spiegarmi un piccolo mistero sul quale mi arrovello da qualche tempo?
Volevo iscrivermi a eBay, ma siccome non capivo perché diavolo volessero il mio codice fiscale, avevo:
(1) modificato di qualche giorno la mia data di nascita,
(2) generato un codice fiscale in base alla data di nascita "modificata"
(3) verificato la correttezza formale di tale codice
(4) usato il codice per la mia iscrizione.
Tutti gli altri dati erano corretti. Dopo nemmeno un'ora (di domenica, poi) ho ricevuto una mail che nella quale mi si diceva che i miei dati erano falsi. Visto che non ho nessun contatto con le autorità fiscali italiane (non svolgo nessuna attività, non ho entrate in Italia, ecc.) come diavolo hanno fatto a scoprire che avevo modificato la mia data di nascita?
Grazie in anticipo!

PS: quando siete obbligati a fornire i vostri dati provate a "personalizzarli". Ad esempio non indicate Caio Sempromio, ma Caio A. Sempronio in un caso, Caio B. Sempronio in un altro, e così via. Dopo qualche settimana comincerete ad essere sommersi di offerte e pubblicità: grazie alla "personalizzazione" scoprirete che spesso sono proprio le aziende apparentemente più serie quelle che se ne fregano delle regole e "vendono" il vostro nome.

carlo pappalardo 05.06.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

In piu´ di una occasione, nel mio blog e altrove, ho sottolineato l´importanza di una societa´ e di un´economia libera, in cui lo Stato svolga un ruolo di Servizio, attraverso l´istituzione e l´equilibrato controllo di Autorita´ di Garanzia.
Niente liberismo sfrenato, quindi. Niente statalismo oppressivo, d´altra parte.
L´ho sempre ribadito con forza (e sempre lo faro´) anche perche´ non vedo chi stia difendendo questa formula con la dovuta energia. Una formula, d´altra parte, che finora ha avuto pochi momenti e possibilita´ per essere applicata e portata alla sua piena efficacia.
Una formula che oggi non e' solo poco difesa, ma sembra proprio 'combattuta da dentro'.

Gino Tocchetti 05.06.05 10:31| 
 |
Rispondi al commento

@Sandro Zonfrilli:
è possibilissimo che nei reati "comuni" non ci sia più solerzia. Già me li vedo.
Io sto parlando di reati "politici". In questi giorni sono in corso perquisizioni, sequestri e anche arresti in tutta Italia, sulla base di intercettazioni da telefonini, email, siti internet, telefoni. In gran parte ientra nell'ottica del giro di vite contro gli ambienti anarchici.
Attenzione che non sto difendendo gli anarchici di per sé; sto dicendo che COMUNQUE il fatto è gravissimo. Con alcune aggravanti: per i reati "comuni" tutta questa solerzia non c'è; il tutto viene fatto in modo silenzioso; i procedimenti adottati violano apertamente la privacy e tutte le normative.
Esempio: un dissidente, new global, scrive per email a un'amica che è stufo di questa società e che vorrebbe far saltare tutto in aria. Esagerato, se vuoi, ma per certi versi comprensibile (partendo dal fatto che è un'utopia e detta non "sul serio"; un po' come quando, dopo una giornata in mezzo al traffico, uno pensa "righerei la fiancata a tutte queste macchine"). Bene. Questo basterebbe per inserirlo nelle indagini, e volendo a farlo arrestare.
Chi ruba per qualche migliaio di euro di roba lo trattano da annoiati, quasi che gli rompesse cercarlo.
Chi ruba per quarantamila miliardi di lire lo eleggono..
vedi, va così.
(attenzione, non voglio iniziare una polemica su presidenti e non, volevo solo dire che la libertà personale è sempre più limitata)

Umberto Mas 05.06.05 08:25| 
 |
Rispondi al commento

Caro Umberto Mas,
non so a chi ti riferisci.
Personalmente ho videoregistrato in primissimo piano due ladroni che scorazzavano nella mia casa di campagna,e ,nonostante le prove, i carabinieri non li hanno ancora arrestati.
Vuoi dire che c'è una solerzia di tipo politico?
Fammi sapere.
Saluti
Sandro

Sandro zonfrilli 05.06.05 05:51| 
 |
Rispondi al commento

Sandro Zonfrilli:
io non sto parlando di una banca che vuole aprire un conto. Sto parlando di centinaia di arresti e perquisizioni in atto in questi giorni. Centinaia, si, e basati prevalentemente sul contenuto della posta elettronica e sulle conversazioni telefoniche. Ora, una persona di destra potrebbe dire "fanno bene ad arrestarli, sono anarchici e terroristi etc etc", mentre una di sinistra potrebbe dire che hanno utti i diritti di fare certe affermazioni o ragionamenti. Personalmente aggiungo soltanto che la libertà di pensiero, espressione (tramite qualunque mezzo), satira, critica etc è sancita dalla Costituzione italiana e limitata dalle regole imposte dal Codice. Ricordo ancora che si tratta di centinaia di arresti e sequestri.
Se fosse un problema di banche o mutui non me la prenderei troppo, va bene, sapete tutti i miei dati e siete contenti, io meno, ma basta che non mi fregate i soldi o che nessuno venga a sequestrarmi nulla.
Ma qui il problema è sostanzialmente diverso...
non so se mi sono spiegato, c'è da dire che sono quasi le due di notte
saluti a tutto il blog

Umberto Mas 05.06.05 01:50| 
 |
Rispondi al commento

@Yang Chenping

Provo a portarti i primi esempi che mi vengono in mente di casi in cui lo Stato o Enti parastatali ti chiedono certificazioni:

- Immatricolazione macchina
- Patente
- Acquisto casa
- Contestazioni fiscali
- Matrimonio
- Denuncia in Commissariato
- Iscrizione figli all'asilo
- Costituzione società
- Allacciamento telefonico

e ogni volta, ti devi presentare con le carte che dichiarano più o meno tutte le stesse cose:

- chi sono
- dove abito
- quanto guadagno
- se posseggo una casa
- se sono sposato..

Ora, mi verrebbe una battuta 'grilliana' : ma perchè, belin, mi chiedete sempre le stesse cose ?
Sono sempre io, non cambio identità e residenza tutti i giorni !
Basterebbe che gl uffici competenti potessero attingere le informazioni una volta per tutte dalla stessa fonte, e non delegassero al cittadino l'incombenza di dover dimostrare di essere chi è ogni voltà...

Non so se è chiaro...


dan sallo 05.06.05 00:29| 
 |
Rispondi al commento

> E chissenefrega della privacy, se dovessimo guadagnarne in efficienza amministrativa.

Efficienza amministrativa di cosa? Dei "servizi dello Stato?" Prendi in giro?

Yang Chenping 05.06.05 00:08| 
 |
Rispondi al commento

> Se potessi avere queste informazioni su una scheda magnetica, insieme al numero di carta sanitaria, dati bancari, utenze acqua, gas, stato di famiglia, reddito, pendenze varie..

E per quale insulso motivo lo Stato dovrebbe avere accesso a queste informazioni?

Yang Chenping 05.06.05 00:06| 
 |
Rispondi al commento

@Umberto Mas

Vai tranquillo.. non aver paura che la CIA non ha bisogno di chiedere in comune per raccogliere le informazioni di cui necessita.. viceversa, introdurre un pò di informatizzazione intelligente, ci farebbe vivere tutti un pò meglio, non credi ?

dan sallo 04.06.05 23:32| 
 |
Rispondi al commento

Un esempio di privacy di cui farei volentieri a meno...

Per abbonarsi ad un contratto telefonico business come società, bisogna fornire alla compagnia telefonica:

- atto costitutivo societario
- registrazione camera commercio
- documento di identità

Se potessi avere queste informazioni su una scheda magnetica, insieme al numero di carta sanitaria, dati bancari, utenze acqua, gas, stato di famiglia, reddito, pendenze varie..

e se gli esercenti o i pubblici uffici potessero, (ciascuno per la parte che gli compete e con le debite autorizzazioni)accedere alle informazioni, avremmo risparmiato un sacco di scocciature alle persone e snellito la macchina burocratica italiana.

Perchè non si fa ?
Semplice: in stile tutto italiano, si aspetta che che anche l'ultimo degli impiegati statali vada in pensione.. e poi, con il beneplacito dei sindacati e dei politici.. forse, cominceremo a fare 'ste benedette schedine e a tirare un pò di cavi di rete tra gli uffici delle pubblica amministrazione...
C'è una speranza... che ce lo imponga l'Europa... così avremo una buona scusa per tutti.

dan sallo 04.06.05 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Umberto Mas,
mi dispiace contraddirti, ma gli strumenti che citi per violare la riservatezza della propria vita non hanno aggiunto granchè a quello che già si faceva.
Alle banche ,ad esempio, "non gli può fregar di meno" di tutte le sciocchezze elettroniche.Se deve concedere un mutuo ha semplicemente i suoi informatori fidati: molto più efficaci delle sciocchezze che si possono dire a telefono: e se ne dicono tante.
Io conosco queste persone:sono impiegati del comune,avvocati,forze dell'ordine.Ma qui lo scrivo e qui lo nego. Ma anche i cosiddetti "cani di piazza":quelli che conoscono tutti.
In una società non si può assolutamente essere liberi.D'altronde le patologie a volte aiutano a capire:il desiderio incoercibile di fuggire e vagabondare sono figli di questa oppressione inconscia.Si può sempre vivere come Thoreau.
Dimenticavo:intercettare i telefonini è facile come bere un bicchiere d'acqua; e mi dicono che sia un'ottima scuola per apprendisti psicologi e pettegoli
Saluti
Sandro

Sandro zonfrilli 04.06.05 23:10| 
 |
Rispondi al commento

Caruso:
non mi degno di commentare il tuo "faccetta nera", e nemmeno insulti ad altri bloggers.
Non sarà nemmeno una soddisfazione quando ti leveranno i post dal blog (leggi il regolamento del blog alla voce "contenuto razzista e sessista", e quanto dicono Costituzione e Codice a proposito di "apologia del nazifascismo"). Mi lascerà indifferente, credo.

Umberto Mas 04.06.05 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Nel caso del governo, poi, parte di automazione c'è. Anzi, gran parte. Ma già così fanno dei soprusi incredibili.
Qualche tempo fa un certo "premier" mi invitava a votare via sms. Sapeva che avevo 18 anni compiuti, sapeva che avrei potuto votare. Sapeva anche che in quel momento non ero all'estero.
Vedi, nelle cose che a loro interessano NON C'è PRIVACY. Quando fai una pratica devi dare 20 volte i tuoi dati perchè a)non gliene frega nulla della tua pratica e b)gli sta comodo che sia così.

Umberto Mas 04.06.05 19:36| 
 |
Rispondi al commento

@ Dan Sallo.
Ma complimenti. Efficienza, giusto? Beh, dal punto di vista di un governo anche ammazzare tutti i dimostranti sarebbe efficienza. Spesa minima, qualche cecchino e qualche fossa. Massimo risultato: nessun dissidente.
Già con l'attuale livello di "privacy" sanno tutto di me, mi arrivano ogni giorno cose di cui non me ne può fregare meno. Mi arrivano anche se do dati falsi durante le iscrizioni. Mi arrivano comunque. Certo, potrei semplificargli la vita, alle aziende che "fanno solo il loro lavoro, lasciamoli lavorare". Adesso nel mio sito metto su nome cognome dati codice fiscale numero patente e numero carta, più hobby, liquore preferito, animali domestici, letture, cd, etc etc. Sarà più facile per loro, poverini...

Umberto Mas 04.06.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

E chissenefrega della privacy, se dovessimo guadagnarne in efficienza amministrativa.

Faccio un esempio :

basterbbe che tutti gli uffici pubblici potessero condividere, con i debiti privilegi, tutte le informazioni relative ai cittadini, ed evitarci così il supplizio di dover essere sempre noi a dover dimostrare qualcosa...

Altrochè 'ricerca&sviluppo'.. questo paese ha bisogno di un pò di buon senso applicato !

dan sallo 04.06.05 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Devo ammettere che ogni giorno ormai devo andare a controllare di cosa parla il blog di beppe grilo.
E' come una droga.
Quindi oggi sono in crisi di astinenza.
Come mai manca il 4 Giugno?
Spero tutto bene.
Comunque io suggerisco di evitale lil giorno del "io odio " domenica.
Non mi pare il momento di odiare alcunchè:
Saluti a tutti

mara albert 04.06.05 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Il padre della nuova medicina

Il Dottor Hamer a 70 anni rimane in carcere!

fonte: http://www.disinformazione.it/hamer13.htm

forse perchè queste sue nuove teorie si scontrano con gli interessi miliardari delle multinazionali del farmaco (il mercato dei farmaci è stimato valere circa 200 miliardi di dollari, cioè quattrocentomila miliardi, 400.000.000.000.000 delle vecchie lire)?

Rosario Pisanò 04.06.05 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Perché per aprire un conto corrente *devo* acconsentire a tutte e 5 le clausole proposte? Che cazzo mi mettono a fare la possibilità di dire NO se poi mi dicono: "se dici no non ti facciamo il conto corrente".

Perché sul MIO telefono non posso vedere le ultime cifre del numero che ho chiamato? Per salvaguardare la privacy di chi? la mia???? Da me stesso???

Perchè nonostante abbia rimosso il mio numero di telefono dagli elenchi mi continuano a chiamare per vendermi ora un tappeto, ora un depuratore d'acqua, ora un abbonamento dls? (Ma cazzo dico...almeno per la DSL non sanno che già ce l'ho?).

Perchè il NIC permette a chiunque di vedere i dati personali di tutti gli intestatari di domini italiani?

In realtà non c'è nessuna privacy. Continuano a riempire i Tiggì di stronzate sulla Privacy per distogliere la nostra attenzione dal reale problema e cioè che la Privacy la stiamo perdendo.

Ci illudiamo, quando siamo in coda alla reception dell'ospedale di avere la nostra privacy, tutelati dalla bellissima riga gialla... Ma incuranti del fatto che la receptionist abbia un tono di voce cosi alto che quando dice: "Se lei è malato di AIDS questa prestazione è gratis!", la sentono fino al reparto.

Volete saperne una bella? Questa è davvero bella...

Faccio siti per professione e un mio cliente ha deciso di farsi un sito di ecommerce. Siccome non si fidava di un *normale* server ha deciso di chiedere alla sua banca... Ha pensato...se non sono sicuri loro!

La sua banca era (ora ha chiuso il conto) il Credito Valtellinese. Questa banca ha i server a Sondrio, presso una società che si chiama "crypto".

Beh, questi geni della sicurezza informatica mi hanno dato un accesso ftp per caricare il sito, senza assicurarsi di avermi tolto i privilegi di scrittura e lettura sulle cartelle non mie...

Risultato? Se dicessi che ho scaricato tutti i database db2 sarei perseguibile penalmente, quindi dico che non li ho scaricati anche se avrei potuto.

....

I nostri dati sono continuamente alla mercé di chi se li vuole prendere...

Gli unici che non possono vedere i nostri dati...siamo proprio noi!!! (le stelline sulle bollette)...

Alex Kava 04.06.05 18:53| 
 |
Rispondi al commento

per Roberto Minciaroni

potevano mettere la faccia di totò riina; era più esplicativa magari

Rosario Pisanò 04.06.05 18:46| 
 |
Rispondi al commento

MA DI CHE MONDO PARLIAMO?

QUANDO

CI SONO DEI FIGLI

CHE SI SENTONO

AMATI MENO

DELLE AUTOMOBILI

DAI LORO PADRI??

E' successo a Frosinone, il protagonista un ragazzo di 23 anni Distrugge la macchina del padre e si uccide Una vicenda molto simile a quella del giovane di Carmignano di Brenta, nel Padovano, cheil 29 maggio si sparò un colpo di fucile

FROSINONE - Ha distrutto la macchina del padre e, terrorizzato dalla punizione che gli sarebbe toccata, si è ucciso. Il protagonista di questa terribile storia è G.F., operaio 23 anni. Salito nella mansarda del villino di famiglia a Piglio, nel nord della Ciociaria, si è gettato nel vuoto. Due ore prima l'incidente stradale che aveva seriamente danneggiato la vettura del padre. Il ragazzo è tornato a casa sconvolto, il fratello maggiore ha tentato inutilmente di farlo ragionare e di fargli capire che non era accaduto niente di grave, che l'auto si sarebbe potuta sistemare. Non era la prima volta che il giovane operaio prendeva la macchina del padre: già un paio di mesi fa l'aveva rovinata, in un altro scontro.
IL PRECEDENTE Una vicenda che ricorda in modo inquietante quella molto simile del giovane di Carmignano di Brenta, nel Padovano, che il 29 maggio scorso si sparò un colpo di fucile dopo aver strisciato per la seconda volta l'auto del padre. In quel caso si era trattato di danni modesti, ma per il giovane operaio di 25 anni il senso di colpa è stato troppo forte, tanto da portare al drammatico epilogo.
04 giugno 2005

Francesca Caroli Commentatore in marcia al V2day 04.06.05 18:44| 
 |
Rispondi al commento

www.ilmanifesto.it

Il manifesto- oggi

PRIVACY????????????

BERNARDO = B.

Fascisti assaltano il Forte
Blitz nella notte nel più antico centro sociale romano. Accoltellato un giovane militante
A. MAN.
ROMA
Bernardo parla con un filo di voce e nel letto d'ospedale sembra più esile di quel che è. Un vistoso cerotto copre il taglio, dalla gola fin sulla guancia, ricucito nella notte con sette punti dopo che il ragazzo, 24 anni, aveva perso molto sangue. «Se la lama fosse andata un centimetro più a fondo sarebbe stata una tragedia», dicono i sanitari dell'ospedale Figlie di San Camillo di Tor Pignattara. Nella colluttazione Bernardo ha preso anche una botta alla mascella e una all'arcata sopracciliare. Una risonanza magnetica ha escluso danni più seri ma i medici lo terranno in osservazione per [...]

--------------------------------------------------------------------------------


La versione integrale dell'articolo sarà disponibile domani.
Oggi, l'accesso al testo integrale è riservato ai soli abbonati.


ed ora vado a vedee altre TESTATE, SICURA DI TROVARE NOME E COGNOME.

Francesca Caroli Commentatore in marcia al V2day 04.06.05 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Sono andato a curiosare sul sito del settimanale americano Reason. L'occhio mi è caduto su un loro sponsor che pubblicizzava un prodotto per imparare le lingue estere. Tra queste lingue c'era pure l'italiano...
Vado a cliccare su questo sito (http://www.champs-elysees.com/products/italian/default.aspx) e guardate un po' che esce fuori?
Capisco che sono americani ma non so quanto sia bello avere un libro con la faccia di Berlusconi sulla copertina...
Mah!

Roberto Minciaroni 04.06.05 18:29| 
 |
Rispondi al commento

Calderoli...mah, è dentista...ora, io non mi fiderei mai di un dentista così. Non so voi, ma..

Detto questo: dal punto di vista "informatico" siamo normalmente spiati tramite i ping (detto in parole povere, il nostro pc lascia una "traccia" navigando), siamo spiati nei testi delle email, negli indirizzi etc. In più si affinano le tecniche: Microsoft, per il prossimo longhorn, pensa di impostare in automatico l'invio dell'informazione di errato funzionamento di un programma (informazione che comprende anche dati sul pc e sulle applicazioni). Inoltre, insieme a Intel, sta varando una nuova serie di processori CONTROLLABILI DA REMOTO e che possono fermare FISICAMENTE l'hardware che sta eseguendo un qualcosa ritenuto "pirata". Ovvero: mettete un dvd masterizzato? Il lettore si ferma. Avviate office, la copia che vostro padre/fratello/zio usa in ufficio? SEmplicemente NON PARTE (ricordo che secondo le licenze microsoft ci vuole UNA COPIA di tutto PER PC). In arrivo nuove protezioni per dvd, interagenti col lettore. Un vostro amico vi passa un dvd? Non lo potete leggere. In più nuove "funzioni spia" in varie applicazioni, molte microsoft ma anche l'ultimo adobe acrobat (http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=4170&numero=999).
Insomma, siamo a dei livelli incredibili. Consiglio di controllare il sito www.zeusnews.it e webmasterpoint.org, oltre che passare a linux o quantomeno alle applicazioni "libere" sotto windows (ad es: www.openoffice.org). Nessuno mi paga per fare pubblicità, lo dico per tutti perchè penso sia giusto.

Ultima cosa: complimenti per la lettura di 1984, illuminante insieme a Fahrenheit 451 e Brave New World. A proposito, leggete "Ritorno al mondo nuovo", saggio pubblicato in appendice a quest'ultimo. Vengono descritte delle cose che sembrano l'attuale politica di molti paesi "democratici e Liberi" (v. propaganda, uso della guerra, uso della menzogna, dei media, etc etc).

Umberto Mas 04.06.05 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo per fortuna parlante, ti invio una recente puntata del mio blog Aruotalibera su www.espressonline.it, che ha scatenato le ire dei baciapile leccapantofola.
FORZA BEPPEEEEE!!!!!
--------------------------------------------------

1. Se l'ovulo fecondato muore dove va la sua anima?------------------------------
2. E perche' non proibire le mestruazioni?--------
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La posizione dei ’difensori della vita’ nei confronti dell’ovulo fecondato, ‘già individuo completo’ non appena raggiunto dallo spermatozoo, è ormai stranota: ma il chiasso provocato dalla sussiegosa grancassa dei suoi sostenitori è direttamente proporzionale all’assurdità della loro tesi. Che resta tesi assurda anche se in suo favore milita un fronte composito, che va dalla gerarchia cattolica fino ai politici genuflessori alla Marcello Pera e fino agli intellettuali supini, già stanchi di appena due secoli di libertà di pensiero. Un fronte che annovera urlatori amanti della guerra ‘preventiva’ come Giuliano Ferrara e cattolici pacifisti convinti, proprio quelli che lo stesso Ferrara derideva e deride tuttora per il loro pacifismo anti guerra irachena. Si badi bene che a dimostrare che la tesi di lor signori è solo una sciocchezza, anzi una autentica corbelleria, non sono io, bensì la stessa dottrina della Chiesa: quella in vigore da duemila anni, e non improvvisata sull’onda di questo o quel papa o di una qualche suggestione massmediatica.

Poniamo infatti che abbia una qualche base, se non scientifica almeno culturale, la pretesa che l’ovulo appena fecondato sia un ‘individuo già completo’, cioè un essere umano come noi: ma allora la Chiesa avrebbe provveduto da secoli a battezzarlo! Non si è invece mai visto né sentito nulla di simile. E nessuno – dentro e fuori Vaticano - l’ha mai immaginato neppure per scherzo. Nei primi secoli di cristianesimo il battesimo era un sacramento per gli adulti. Ci si battezzava il più tardi possibile, meglio se in punto di morte, perché si credeva che quel sacramento cancellasse tutti i peccati e aprisse quindi automaticamente ai moribondi le porte del paradiso. In seguito è invalso l’uso opposto, quello del battesimo sin da neonati onde evitare che questi in caso di morte prematura anziché in paradiso finissero nel limbo. Da qualche anno però, altro cambio di certezze: si può andare in paradiso anche se non battezzati. Ma in questi 20 secoli, pur essendo cambiate almeno tre volte le ‘certezze’ riguardanti il battesimo – per moribondi, per adulti, per neonati - nessuno s’è mai sognato di porsi il problema dell’eventuale battesimo per nascituri, feti, morule, zigoti e ovuli freschi di fecondazione. Anzi, se qualcuno si fosse azzardato a battezzare in un grembo materno una morula, o anche un feto più sviluppato, sarebbe incorso nei fulmini dei guardiani dell’ortodossia della fede, della dottrina e della tradizione.

Ai monsignori Elio Sgreccia e Camillo Ruini poniamo una sola e semplice domanda: dove va, in paradiso, in purgatorio, nel limbo, o dove ancora, l’anima del feto se la gravidanza muore? Smentendo perfino S. Tommaso, Sgreccia e Ruini affermano a gran voce che, in quanto ‘individuo già completo’, l’ovulo di fatto è dotato di anima non appena fecondato, quasi che a portargliela sia lo spermatozoo. Bene. Spieghino, per cortesia, dove vanno le anime degli ovuli, degli zigoti e quelle delle morule, cioè degli stati successivi del feto, in caso di morte nel grembo materno e in caso di morte della madre prima della loro venuta al mondo. E spieghino come mai santa romana Chiesa non s’è mai posta prima il problema. Problema che, a ben vedere, non si sono mai posti neppure gli ortodossi dopo lo scisma con Bisanzio né i protestanti dopo lo scisma luterano. Anzi, per essere precisi, non se l’è mai posto nessuna religione e nessuna cultura da quando il mondo esiste. Ci volevano Sgreccia, Ruini e Ferrara per colmare una così grave lacuna...

Se l’ovulo appena fecondato ha già diritto - perfino giuridico! – di svilupparsi completamente e di venire al mondo, eventualmente anche contro la volontà della madre - ridotta, as usual, a mero contenitore sotto comando altrui - per quale motivo un ovulo qualsiasi non invece ha il diritto di essere fecondato? Dove fa a finire il ‘diritto alla vita’? Perché si permette anche alle donne sposate che venga espulso con le mestruazioni? Il portatore del diritto alla vita e del diritto giuridico, oltre che portatore della stessa anima, è forse lo spermatozoo? Siamo curiosi, siamo tutt’orecchi in attesa di ascoltare le spiegazioni – che sicuramente arriveranno e saranno dotte – di un Ruini o di uno Sgreccia o di un Ferrara.

Ci permettiamo di suggerire a tutti costoro una nuova grande battaglia ‘in difesa della vita’: la messa fuori legge delle mestruazioni. A Ferrara però diamo un suggerimento aggiuntivo: eviti di fumare, lui che ama il sigaro, e si dia anzi da fare per la totale messa fuori legge del fumo, sia in pubblico che in privato. E’ infatti ormai scientificamente assodato che il fumo fa male anche al feto, sia che la aspirante mamma fumi e sia che respiri il fumo altrui. La ‘difesa della vita’ da parte di questi fumatori e venditori di fumo dove va a finire? In fumo anch’essa?

Quando si è anche incoerenti, oltre che ignoranti della Storia, è più facile che la propria ipocrisia e il proprio opportunismo vengano smascherati. Anche se ammantati di scientismo. O nascosti dalle cortine fumogene dei sigari e di altre supponenze.

pino nicotri 04.06.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Cito da repubblica di oggi, riguardo il gay-pride: Ma la presenza dei bambini ha irritato il ministro per le Riforme, Roberto Calderoli. Che in una nota ha definito "una schifezza" l'idea di "utilizzare bimbi innocenti per sostenere le proprie perversioni", osservando che "i bambini nati in coppie lesbiche da fecondazione eterologa, che vengono fatti sfilare in questo corteo, gridano vendetta a Dio".

Giuliano Torre 04.06.05 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Tempo fa mentre sfogliavo le pagine di 1984 di orwell, ed entravo in quella prosa ricca e sofisticata me nello stesso tempo di semplice immedesimazione, pensavo al mio povero mondo e ne trovavo i connotati positivi, rispetto al mondo Orwelliano...ma più le attinenze tra i due mondi spariscono più mi rendo conto che chi sta sopra di tutto questo colui o coloro che governano VERAMENTE il mondo (Giulietto Chiesa in un suo saggio dice che sarebbero da 200 a 300 mila persone che vivono nn oltre la soglia di ricchezza ma oltre..oltre..qualsiasi tipo di soglia immaginabile..in quanto a soldo...),
questi non sono esseri umani ma bestie assetate di sangue....

Massimiliano Caboni 04.06.05 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Cito da repubblica di oggi, a proposito del gay-pride e della decisione di far sfilare i figli delle lesbiche: >
Ho un'irresistibile voglia di vomitare su Calderoli.

giu torre 04.06.05 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Altrocchè grande fratello!!

provate a scaricarvi il software dal sito www.keyhole.com e vi renderete conto di come sti bastardi potranno spiarci dall'alto..

I mezzi li hanno, e come..

Rosario Pisanò 04.06.05 18:04| 
 |
Rispondi al commento

@ Sandro Zonfrilli
attenzione. Qui si parla di un'altra cosa. E' vero che in un paesino tutti si conoscono, ma non è un buon motivo per avere la posta letta da altri e immagazzinata per anni nei server a propria insaputa, gli sms schedati, le chiamate intercettate e tutto il resto. E' sempre curioso vedere come in nome della Libertà le libertà fondamentali di ognuno siano calpestate.
Attenzione a non giustificare il tutto dicendo "beh, ma tanto ormai tutti sanno tutto di tutti". Che in una comunità ci si conosca (a volte anche troppo) è normale e comprensibile, meno normale è quando estranei ti spiano (è un termine un po' melodrammatico, lo so, ma appropriato) con ogni mezzo e senza un motivo più che plausibile.
Il satellite PUO' ESSERE usato come segugio (qualcuno ricorda un cderto libro in cui si parlava di un Segugio e dell'annullamento della vita privata e del singolo? Un libri di un certo...Ray... ;-D), e se non dovesse funzionare ci sono le intercettazioni telefoniche e informatiche (vi prego di leggere qui: http://www.autistici.org/ai/crocenera/), le telecamere nascoste etc etc.

@Bruno Mammola:
attenzione che quelle sono le parole più richieste nella sezione "notizie" (news.google.it), non nella rete. Qui le più richieste sono pagine porno.
In ogni caso interessante come nulla sfugga al controllo di altre persone, perfino se cerchi "la transumanza nella val d'ossola" o "bomaso"..

Umbeto Mas 04.06.05 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti per l'intervento Umberto Mas

purtroppo queste notizie sono in pochissimi a saperle.. ma da quando l'ho conosciuto questo giornalista avrà da parte mia valanghe di pubblicità gratuita perchè se la merita. Al contrario di centinaia di altri giornalisti italiani che sono solo capaci di curvare la loro spina dorsale al "regime" o a favore di chi gli "da" veramente da mangiare.

Una volta Previti tolse lo stipendio a Marco Travaglio solo per aver scritto delle cose vere sul suo conto.. alla fine Travaglio vinse la causa e Previti dovette pagare lui e tutti gli altri ai quali aveva sottratto lo stipendio!!

che goduria hahaha :D
Vai cosi Marco

Scusate se esagero ma per me lo dovrebbero gia inserire nei libri di storia questo giornalista.

www.marcotravaglio.it

Rosario Pisanò 04.06.05 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Beppe Grillo,
la riservatezza non è mai esistita.Quando mai?
Ricordo che una volta nei vantaggi che c'erano nel trasferirsi in città,quello dell'anonimato da "giro del palazzo" era il più gradito.
Si svoltava l'angolo...e potevi essere chiunque.Almeno in Italia.A Londra e negli Stati Uniti,invece, i polizziotti di quartiere da sempre conoscono tutto e tutti.
Nel mio paese, e nelle città limitrofe, i carabinieri conoscono vita ,morte, e miracoli.Da sempre hanno in paga delatori ed affini.L'appartenere ad una società annulla utomaticamente qualsiasi riservatezza sulla propria vita.Mi sembra banale continuare il discorso portando esempi.
Il satellite non è mica un segugio...e poi con le nuvole non funziona.
Saluti
Sandro

Sandro zonfrilli 04.06.05 17:14| 
 |
Rispondi al commento

@ Panetta: tu ti trovi in Inghilterra, se non vado errato, e fai un lavoro che ti consente di informarti su internet. Ti consente addirittura di collegarti con questo blog.
Ma milioni di italiani NON CONOSCONO internet. Al massimo si collegano per vedere l'email e scoprirla zeppa di messaggi. Spesso non si collegano perchè costa, magari non hanno l'adsl, magari non sanno cosa guardare, magari vanno solo sui siti porno. Non voglio dire "siamo i meglio, l'élite etc etc", ma POSSIAMO e SAPPIAMO documentarci, sempre che ci sia ancora possibile (molti siti che parlavano delle vicende berlusconiane sono stati soppressi, e se ci clicchi sopra vieni reindirizzato all'home page di Fi o di ragiopolitica.it- l'organo informativo dello stesso partito). E ti dico subito che anche ora i siti "anti berlusoni" hanno spesso e volentieri delle cose divertenti, ma raramente quelle importanti: la banca Rasini, i soci mafiosi a Palermo, la faccenda Mangano, Dell'Utri, le inchieste di Falcone su Berlusconi e Dell'Utri prima della morte, le sctole cinesi dietro fininvest (22 holding, poi una cinquantina), Telecinqo, i terreni di Macherio, la contessa Stampa, violazioni dell'antitrust, corruzioni, tangenti, p2, diritti cinematografici gonfiati, ville abusive, lavori abusivi su ville non abusive, gli enormi flussi di denaro, le tangenti pagate con libretto al portatore e firmate Berlusconi, i rapporti con craxi, le amnistie e le prescrizioni (ovvero: l'imputato è colpevole ma non più punibile, e non- come spesso vogliono far credere- "l'imputato è innocente" oppure "non si sa se l'imputato sia colpevole o innocente, perchè il reato è prescritto e quindi non s'indaga più") etc etc etc
Una parte di tutto questo la si può trovare nelle inchieste di Travaglio. A chi lo accusa di essere un comunista ricordo che sarebbe "di destra", ed era il pupillo di Montanelli. A chi lo accusa di essere un giustizionalista vendicativo, dico che le stesse inchieste le porta avanti a destra e a sinistra. Forse su Berlusconi scrive di più perchè c'è più da scrivere (20 miliardi di euro di dubbissima provenienza contro la barca di D'Alema, per esempio).
Comunque è un giornalista serio, scrupoloso fino in fondo e documentatissimo. Ha tenuto delle lezioni a Torino e devo dire che era in gamba (questo per rispondere al suo ammiratore di qualche post più sotto).

detto questo, saluti a tutti..

Umberto Mas 04.06.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro Max (mi consenta ehehe ehm.. scusi) è proprio perchè il suo sito l'ho visitato (e mi ripeto: normalmente leggo tutti gli interventi, provo praticamente tutti i link e faccio quasi sempre tutte le ricerche proposte..) che ho detto quel che precede.

E il bello inoltre è che quì, quello che apre il suo sito con una calzamaglia che farebbe sganasciare Superpippo (lui la maiuscola se la merita eheheh) poi da del giullare a chi gli fa pure pubblicità "aggratisse" ed a sua insaputa..

Però a volte a trattenersi non ci si fa..
Mi scuso coi bloggers..

Cordiali saluti :)

marco paganella 04.06.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

>Oramai anch'io la penso così. E' tutto un bel caravan sto blog per raccattare pubblicità.

..chissà, forse proprio come il link al suo sito >> sito con pubblicità dell'azienda del nonno, eh? chissà quante presenze in meno avrebbe se non avesse il link quì.. (una volta le dissi "come il bue che dice cornuto all'asino.." sono stato anche troppo gentile, mi sa..)

>E' diventato una fogna colma di violenza verbale, insulti ed estremisti di vario genere.
Mi pento di aver contribuiti a riempire le tasche di un millantatore...

Ah, ora è Grillo ad aver beneficiato di lei?? azz mi sa davvero che gli alieni le hanno fatto qualcosa in testa, altro che star trek..

> Un indagato che sputtana gli indagati...

Mi scusi, ma una sentenza emessa dalla cassazione, forse non è solo "essere indagati" (ma lei sa leggere o lo fa qualcuno per lei??)

>Ho aperto gli occhi su Grillo. Deludente, il solito giullare alla corte della politica, solo con un costume diverso. Bye Bye blog

La prego, ho visto molti dissensi nel blog espressi con più intelligenza, motivazioni valide e basate sul puro spirito di una sana discussione. E li ho apprezzati, fanno parte di un normale dibattito.
Ma nel suo caso la prego: mantenga la parola (riferito al bye bye..)

Postato da: Riccardo Palazzani il 04.06.05 12:47

Cordiali saluti

marco paganella 04.06.05 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Io propongo i dazi e la manovrina così ci sarà la ripresina

ciro lanza 04.06.05 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Evviva, non mi sento più tanto solo.
Voi non lo sapete , ma noi del 1942.
Siamo veramente tosti........

gennaro tosti 04.06.05 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Nell'intervista con luttazzi il giornalista travaglio, alla fine cita il fatto di un politico inglese che sbagliò un giorno a pagare il conto d'albergo della figlia.. insomma fece una piccola truffa di 3 milioni .. fu messo in carcere per 6 mesi e quando usci naturalmente ebbe la sua carriera politica finita..
aggiunge ancora Travaglio: "Io non oso immaginare quanta gente ci sarebbe nel Parlamento Italiano se vigessero le stesse leggi, probabilmente sarebbe semideserto."

Travaglio lo trovo semplicemente grande

Rosario Pisanò 04.06.05 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Ma Palazzani e le sue minchiate se ne sono andati? Aaaaaaaaahhhhh, finalmente....

Riccardo Bagni 04.06.05 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Non avevo letto il tuo post precedente.
Io quel video l'ho trovato ILLUMINANTE.
Non tanto per la vicenda strettamente legata a quei personaggi (cavalli consegnati nelle Hall, etc...) ma per come si colloca nel panorama nazionale.
Non a caso era nelle liste P2 come Sindona...

Mario Scafroglia 04.06.05 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Mammamia che pesantata sta cosa della foto dal satellite....
No comment come al solito Beppe.

Io la vedo senza speranza, l'unica cosa a cui mi riesce ancora dare un po di fiducia è la musica per tutto il resto non ho parole.

Grazie come al solito

laura

Laura Fioravanti 04.06.05 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Se non li trovi si può scambiare slot...
:-)

Mario Scafroglia 04.06.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Mas:

> Scusa ma devo contraddirti. Gran parte
> dell'elettorato, cinque anni fa, non sapeva
> molto di Berlusconi.

E non potevano informarsi, invece di bersi tutta la propaganda? Bastava andare su internet, leggere i giornali o andare in libreria.

Bruno Panetta 04.06.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Mas:

> Scusa ma devo contraddirti. Gran parte
> dell'elettorato, cinque anni fa, non sapeva
> molto di Berlusconi.

E non potevano informarsi, invece di bersi tutta la propaganda? Bastava andare su internet, leggere i giornali o andare in libreria.

Bruno Panetta 04.06.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

X Mario Scrafoglia,

l'intervista di borsellino c'è l'ho in tutte le versioni possibili..

era riportata anche nel libro di travaglio "l'odore dei soldi" quello che ha scatenato il tutto... (gli irritamenti di berlusconi ha ha)

Rosario Pisanò 04.06.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Inizio subito la mia ricerca Mario Scrafoglia

grazie :)

Rosario Pisanò 04.06.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Sono SARDO,
Dove sta` Bin Laden?

Antonio Tanchis 04.06.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

@Rosario,

The Agronomist e
The Corporation, se non li hai visti, sono MOLTO interessanti.

Nb su Edonkey trovi anche un'intervista a Borsellino una settimana prima della sua morte, in cui si parla di Mangano e Berlusconi...

Nb2 Cerca anche "Il Caso scafroglia" MITICO...

Se non li trovi fammi sapere...

:-)

Mario Scafroglia 04.06.05 15:44| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

vedo che dal mio computer c'è una coda immensa per scaricarsi lo spettacolo di sabina guzzanti, quello costretti a girarlo a teatro e non più in televisione..

scaricatevi anche l'intervista luttazzi-travaglio: un "documento" ancora più forte e più scandaloso..

usare edonkey poichè questo permette la condivisione immediata dei file scaricati e cosi anche la loro diffusione

Rosario Pisanò 04.06.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

io credo che rutelli miri a fare il terzo polo)casa/ounione che voler si chiami ed ha preso il la' a Venezia con il prof. ora aspetta come un pescatore che sta lì con la canna ad aspetare che
qualcuno lo chiami, forse sarebbe bene che la sinistra prendesse il 40% anche meno e il 12 con
Prodi il moderato

paolo amantini 04.06.05 15:10| 
 |
Rispondi al commento

Ma che belli i Mondiali 2006!
Sky si è aggiudicata lo sfruttamento delle 36 partite mondiali, il che può far prevedere, da qui a giugnio 2006, un aumento consistente del numero di abbonamenti (non lo vogliamo vedere il Brasile? o l'argentina?...) e di conseguenza nella vendita dei decoder per il criptato...
Indovina chi fornisce i decoder a Sky?
La Amstrad, del fratello del Berlusca, Paolo:
Ed il digitale terrestre?
"Per capire in quale paese noi si viva è sufficiente leggere con attenzione un manifesto pubblicitario in cui viene reclamizzato il decoder digitale terrestre Amstrad (''Un'occasione da prendere al volo!'', questo lo slogan), con la seguente promozione: 'Il nuovo decoder digitale terrestre Premium Pack ti offre Mediaset Premium, con le prime tre partite prepagate!'. Non dite subito 'chi se ne frega', perchè tutti questi elementi, messi insieme, hanno un certo interesse. La Amstrad è stata recentemente acquistata da Paolo Berlusconi (e testimonial, non a caso, ne è Natalia Estrada), Mediaset è diretta da Pier Silvio Berlusconi (il padre ne è il mero proprietario, come tutti sanno), il contributo statale per l'acquisto del decoder è stato erogato dal governo di Silvio Berlusconi.

"La Amstrad fornirà decoder digitali satellitari a Sky Italia
Notizia inviata Venerdì, 30 Aprile 2004 alle ore 11:16 da Loris
Amstrad Plc ha riferito oggi di avere siglato un accordo per fornire a Sky i decoder digitali satellitari, facendo salire il prezzo delle proprie azioni del 6%. Amstrad fornisce già gli apparecchi a BSkyB, il più diffuso provider britannico di pay-TV. News Corp. detiene il 35% di BSkyB e circa l'80% di Sky Italia. "Siamo stati fornitori di Sky da quando sono entrati (nel mercato della) Gran Bretagna", ha detto a Reuters Simon Sugar, il direttore commerciale di Amstrad.I termini finanziari dell'accordo con Sky Italia non sono stati resi noti, ma Amstrad inizierà probabilmente a fornire gli apparecchi entro luglio quando comincerà per l'azienda il nuovo anno"
Ma guarda strano, la rai perde la sfida mondiale (sarà mica di Silvio? [domanda retorica]) con Sky a tutto favore della Onorata Famiglia Berlusconi. I giornalisti Rai fanno sciopero contestando l'asservilimento dell'azienda al referente politico ed alla concorrenza.
Ancora un'altra volta.

Mi scuso per l'OT con tutti i lettori del Blog, ma mi interessava sapere che ne pensate...

:-)

Mario Scafroglia 04.06.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Che bello! Possiamo dormire sonni tranquilli. Proprio l'altro giorno su 'l'Espresso' è uscito un articolo sulle ecomafie in cui un boss della 'ndrangheta dichiarava che in Basilicata, in località non meglio precisate, sarebbero state occultate negli anni notevoli quantità di rifiuti radioattivi. Ora, visto che Chiaravallotti potrebbe avere qualche notizia più precisa, dato il suo capo di imputazione e visto che Fortunato può aiutarlo nel reperimento di nomi e luoghi, pregherei di farci sapere qualcosa sulle suddette località. Almeno per ripulirle! Ma di pulizia ne andrebbe fatta soprattutto in certe sedicenti 'Istituzioni'.

giovanni perrino 04.06.05 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Questo post di Beppe non è che mi abbia sorpresa più di tanto: o meglio, sapevo che eravamo più o meno tutti "spiati" tramite e-mail, bancomat, telefonini,ecc. ma non immginavo certo che fosse stata insediata una commissione per garantire la "privacy"...che non abbiamo!!Come dire, un modo come un altro per dar da "mangiare" a qualcuno che non ci serve, non ci tutela, non ci garantisce: forse avevano gente da riciclare (...e che gente...le persone giuste al posto giusto!!!)
Recentemente ho letto che se hai un telefonino in "tasca", anche se non lo stai usando, cioè non stai telefonando...possono sapere esattamente dove sei e sul giornale di oggi della mia città, Genova, e cioè il SECOLOXIX, c'è un articolo nel quale si dice che basta essere fermati una volta per un controllo, da una qualsiasi pattuglia della polizia stradale e sei....automaticamente schedato!Che bello, adesso che lo so, se mi dovessero fermare, vedrò di mostrare il lato migliore del mio viso e di dire ...cheese...con un bel sorriso a 36 denti!
Ciao a tutti e buon week-end!
Rita

Rita Porrega 04.06.05 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi ,
sono riuscito ad organizzare un workshop :Alimentazione e Salute in San Giovanni Rotondo presso " Casa Sollievo della Sofferenza " in cui si sono confrontati esperti di medicina convenzionale e non ( omeopatia , omotossicologia ).
Vorrei che le esperienze maturate senza preconcetti possano divulgarsi attraverso la pubblicazione degli atti di circa 50 pagine .Le case editrici finora contattate mi hanno richiesto uno sponsor .
Qualcuno mi può fornire un'idea ?

Giuseppe Sperandeo 04.06.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Google: 'Crimine solicitationies', invio !

Carlo Raggi 04.06.05 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, e' un po' che Ti leggo, e come sempre dopo averlo fatto mi incavolo con me stesso perche' subisco e subiamo tutto cio' senza far nulla di concreto. Allora propongo un referendum sul Tuo sito, per la nascita di un Movimento Politico che mandi a casa la maggior parte dei Politici che nostro malgrado ci governano o che ci hanno governato(SONO TUTTI UGUALI). Se non facciamo nulla, fra 5, 10, 15, 20 anni siamo ancora qui incavolarci su cio' che combinano tutti i giorni.
DIAMOCI UNA MOSSA.

Alessandro Dall'Olio 04.06.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe.
Metti un po di ordine al tuo blog. grazie

emanuele frontini 04.06.05 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Stesso comportamento di Pascucci...sparito Pascucci si fa strada Caruso...spacca i marroni con il Signoraggio...stesso linguaggio provocatorio e irriverente nei confronti di Beppe...gusto chiaro...profumo intenso...ed ecco che spunta fuori Nicola Caruso!

1 + 1 = 2

Ciao Puscucci!Ci si nasconde come il boss di cosa nostra?

Danilo Treio 04.06.05 14:09| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi...ma lo vogliamo ignorare sto caruso ?? si o no??

emanuele frontini 04.06.05 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Per chi ancora non avesse capito:

CARUSO NICOLA E' SANDRO PASCUCCI!

SVEGLIAAAAAAA!!!

Chiaro no?


Lui scrive gli articoloni...poi si risponde da solo con altro nome!...tutto ben organizzato!

Danilo Treio 04.06.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

PESCI PIGLIARE...

soluzione problema...

nel senso che il SUO BLOG è INFETTATO dal

SIGNORAGGIO...

qualsiasi sia l'argomento PRINCIPALE.

Ma, a proposito, com'è nato questo mitragliamento su GRILLO con il signoraggio?

Pensate che sappia QUALCOSA... AAAAAAAAAA...e non lo vuole dire?

Francesca Caroli 04.06.05 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Volevo dire...

Scusa Nicola...

ma SE sei sempre ai suoi spettacoli come puoi dire una cosa del genere???

p.s. mi era sfuggito il "SE" :D

Simone Silenzi 04.06.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Nicola...

ma sei sempre ai suoi spettacoli come puoi dire una cosa del genere???

Vabbeh, ora vado a lavorare....ti ringrazio comunque per aver risposto garbatamente...ultimamente è un pò difficile.

Saluti

Simone Silenzi 04.06.05 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Nicola Caruso...

Caro Nicola,
che lo scetticismo sia una prerogativa italiota questo si sapeva...
Mi dispiace deluderti per quanto riguarda quello che tu chiami, a mio avviso senza motivo, portatore grasso di democrazia...il suddetto, nei suoi spettacoli cita spesso gli interventi che vengono fatti in queste discussioni!!!!

Basterebbe informarsi, prima di criticare solo per il gusto di farlo o per mettersi in mostra...ma purtroppo i pregiudizi di quelli come te, sono arrivati ad un livello tale che è ormai inutile cercar di convincervi del contrario. Ripeto...se volete criticare qualcuno invece di inventare favole....documentatevi e poi parlate.

Un saluto

Simone Silenzi 04.06.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

CARUSO N.


Scusa ma chissene....a
se li legge o no

a me interessa informarmi e informare

e poi...chissà...risolvendo il problema forse LO aiutiamo... anche LUI non sa più che PESCI PIGLIARE...


@ Francesca Caroli

Vivi nel mondo delle favole Tu!
Secondo Te Il portatore GRASSO di democrazia legge gli interventi del BLOG?

SVEGLIAAAAAAAAAAAAAA

Postato da: Caruso Nicola il 04.06.05 13:25

Francesca Caroli 04.06.05 13:39| 
 |
Rispondi al commento

visto le ultime follie di rutelli? basterebbe che lo ammettesse, ma perche' non lo dice che vuole rifare la democrazia cristiana? l'atteggiamento di chi si scopre un po' alla volta, per non rischiare, e' odioso e cosi' sta mettendo nella merda la sinistra, che se ne sta ancora li' a farsi prendere per il culo, anziche' prenderlo a calci e buttarlo fuori. ma vi rendete conto che sandro bondi SANDRO BONDI lo chiama per telefono e fa il tifo per lui? io mi vergognerei anche solo se sandro bondi sapesse chi sono. porca vacca.
io penso che l'italia non sia fatta per questo sistema bipolare, mi sa tanto che tutti vorrebbero tornare al sistema della prima repubblica, ma nessuno ha il coraggio di ammetterlo. era meglio quando c'erano destra, sinistra e dc? tanto la gente e' la stessa, le idee e gli interessi gli stessi, perche' nascondersi dietro al dito degli appellativi diversi? se volete questo allora fatelo, ma fatelo per davvero, senza prenderci ancora tanto in giro.
quanto alle prossime elezioni, la sinistra si sta marcando da sola, com'era prevedibile. berlusconi e' a pezzi, non credo che sia in grado di farcela un'altra volta. l'unica possibilita' per la destra di vincere le elezioni era farlo fuori dopo le regionali, sedersi ad un tavolo, fare un programma politico e non circense e scegliere un lider e non un nano buffone. e non l'ha fatto.

ma perche' nessuno parla di programma? il nostro programma riformista... ma si puo' sapere il vostro programma riformista o dobbiamo andarlo a leggere sugli slogan dei manifesti elettorali?

la situazione e' la seguente: siamo ai minimi storici. 1. le finanze statali sono un abisso. 2. l'economia e' allo sfascio, le imprese sono in crisi, i soldi, a parte quelli di ricucci, non girano, le famiglie arrancano e non ce la fanno 3. l'universita' e la scuola sono senza una lira ad affrontare riforme senza capo ne' coda, chi puo' studia nelle scuole private o se ne va all'estero. 4. dal punto di vista energetico non c'e' nessuna intenzione se non quella di tirare a campare alla meno peggio, non c'e' una politica, uno straccio di strategia. 5. quanto all'ambiente, almeno ogni tanto si sentiva qualche parola, almeno qualche discorso sull'aria fritta. ora nemmeno quello. ogni tanto si parla di kyoto, la minuscola punta dell'iceberg, con parametri da barzelletta e l'italia punta a rispettarli comprandosi i diritti d'inquinamento dagli altri paesi.

domanda: e' difficile pensare ad un programma razionale e di buonsenso su questi punti? visto che siamo decisamente a terra, perche' non provare finalmente a pensare a qualcosa di lungo termine? credo sia l'unica maniera per uscire da questo merdaio e starci fuori definitivamente. e invece si parla di simboli e coalizioni.

noto con piacere che a questo blog partecipano molte persone competenti, ciascuna nel suo campo. collaborando tutti si potrebbe lavorare per definire qualche linea guida di un programma di governo, che rispetti i principi e le idee che vengono fuori nel blog. e poi lo si potrebbe proporre alle forze politiche, anche solo per mostrare loro quanto sono lontani dalle reali esigenze del paese, che sono quelle che vengono a galla nella vita reale, non nel mondo fantastico di montecitorio.

caro beppe, che cosa ne pensi di farti promotore di un'iniziativa del genere? servirebbe solo uno spazio comune e un po' di impegno da parte di tutti.

stefano botto 04.06.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento


per massimo a. sul naturismo

dovresti ricevere in settimana a casa una foto
(alta definizione a tuo carico)

:D :D :D

edmond dantes 04.06.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
sono un ligure di Chiavari classe 42, grafico e fotografo emigrato da sempre in altre regioni italiane, soprattutto al Sud, in Basilicata. Un ligure senza radici perchè lontano dalla sua terra per molto tempo. Ho sempre seguito il suo lavoro con interesse ma non mi aspettavo il colpo di genio dei suoi ultimi spettacoli e soprattutto della sua forza comunicativa e del suo comprendere la complessità dei problemi come fonte continua di idee e di concrete relazioni con le cose che tutti viviamo e che tutti pensiamo di conoscere.
Ho diretto per dieci anni l'Accademia Carrara di belle arti di Bergamo e da un decennio insegno "Fotografia e comunicazione" a Brera, al Politecnico di Milano, all'Orientale di Napoli e alla Nuova Accademia di Milano, sempre tramite contratti a termine perchè non ho mai voluto entrare nei labirinti delle nomine dei docenti di ruolo per essere libero di scegliere e di dire le cose che ritengo di dover dire ai miei studenti.
Questa breve premessa per esprimerle parte della mia eperienza e per darle tutto il mio appoggio per la promozione e la divulgazione del suo pensiero. Vivo a Bergamo e purtroppo noto che la città non è inclusa in quelle attuali del tour 2005 e spero che l'attuale amministrazione (di centro sinistra edulcorato) abbia il coraggio di invitarla per il prossimo anno.
Le invio un'immagine che è stata scelta per la copertina degli annuali di fotografia Einaudi come segno di affetto e stima nei suoi riguardi e nelle persone che la seguono da vicino.
La saluto e mi permetto di abbracciarla perchè con lei, a titolo personale) ho ritrovato un senso di avvicinamento alla mia terra che non ho mai amato come in questo momento, ritrovata improvvisamente
nelle parole, nei pensieri e nelle azioni di Beppe Grillo. Ma al di là di questo, trovo straordinario il suo progetto di parlare e di mettersi IN CONTATTO con le persone senza l'uso di effetti speciali, senza mezzi termini e comunque con i gesti e la poesia di un attore. Con tutto rispetto per i grandi comici della storia, penso che lei sia una "persona normale", un artista e un attore
che racconta il mondo. Come scriveva Alighiero Boetti: "L'artista è colui che riesce a mettere al mondo il mondo" e lei ha la magia di usare la realtà e i problemi reali dell'esistenza umana per trasformare il tutto in un linguaggio in cui la comunicazione e il senso della vita vengono riproposti come beni e valori da difendere come se
dovessimo tutti quanti fermarci un attimo a pensare e a riflettere sui nostri diritti di esseri umani.
E' un problema di CONOSCENZA come dice lei, ma è anche un problema di SENSIBILITA', di cuore, di emozioni e di regole da rispettare.
Quando mai un comico mi ha emozionato così tanto?
Di questo la ringrazio e la sensazione è quella di aver trovato un AMICO fraterno. La vità non è "bella" se si pensa all'Africa e ai miliardi di persone che vivono ai limiti della sopravvivenza,
ma diventa "quasi bella" se ci sono persone come lei che si danno da fare per migliorarla.
E questa non è retorica!
Un caro abbraccio da uno dei suoi tantissimi amici che le scrivono con tanto affetto e stima.
Mario Cresci

mario cresci 04.06.05 13:06| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori