Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Odio all'adolescenza

  • 762


OkBeppeGrillo.jpg

Siamo all'"Odio" della domenica.
Mi si accusa che la mia parola odio sia troppo forte, ma è tra virgolette.
In realtà è l'amore che provo per queste cose che sono state stravolte nella loro natura.

L'Odio all'adolescenza.

Odio gli adolescenti quando si svegliano alle 3 del pomeriggio guardando nel vuoto.

Odio la loro puzza di piedi dentro le Nike marce e i pantaloni sotto l'ombelico che strisciano sotto la suola delle scarpe, con le mutande in vista.

Odio i loro "cioè", "tipo" o "cosa?".

Odio il loro happy hour, gli spinelli e le 5 birre con la pizza.

Odio "questo libro è una m...a, la scuola è uno schifo".

Odio il motorino distrutto appena comprato, con sotto il sellino un mondo di cose appiccicaticce (bollo, assicurazione, lattine, olio motore e maglietta sudata).

Odio il casco appena appoggiato in testa.

Odio le facce dei professori quando dicono "è intelligente ma non si applica".

Odio il gruppo, gli amici, il branco, che conta più di qualsiasi genitore.

Odio i loro modelli, MTV e tutto quello che c'è dentro.

Odio "e allora vado via di casa".

Odio l'adolescenza che non passa, e a volte dura tutta la vita.

Ma odio soprattuto la mia generazione che gli ha tolto la speranza, la fiducia e i valori nei quali credere e per i quali è giusto crescere.

12 Giu 2005, 13:29 | Scrivi | Commenti (762) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 762


Commenti

 

E odio dover dire queste cose mettendomi contro i miei coetanei che non la pensano come me e che dove vivo, purtroppo, ce n'è tanti. Ma ho bisogno di sfogarmi, perchè anche io, nel mio piccolo, sento il bisogno di dire la mia.

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 15:55| 
 |
Rispondi al commento

ognuno odia qualcosa... beh per certo versi hai ragione per altri no dopotutto "so ragazzi..." saluti e continua a informare il mondo su quello che succede e non ci dicono ^^

ah dimenticavo anch'io odio il dover crescere soprattutto fisicamente il crescere a mio parere imbruttisce...

un adolescente anche se ancora per poco ( 18 anni)

bastardo buono 09.10.10 00:34| 
 |
Rispondi al commento

eccomi qua a scrivere dopo 3 anni....che cosa è cambiato? niente!!! forse sono cambiato io....ormai ci ho fatto l'abbitudine e non ci faccio piu caso a certe cose....mi piacerebbe scrivere e poter dire che è cambiato qualcosa....ma nn è così..la mia generazione è sempre uguale....ho visto amici andarsene, perdersi per strada, scappare via... io pure ormai non esco piu con la stessa gente...sarà perchè ho voluto seguire la mia strada... sarà xkè se ne sono andati loro...comunque ormai sto bene...ho fatto i miei sbagli ma di sicuro sono molto piu maturo di 3 anni fa....giro con gente nuova...faccio il bullo ma senza dare fastidio a nessuno...cerco di vivere al meglio perchè la perfezione non è possibile...ho smesso di odiare tutto perchè tanto non c'è nulla da fare...il problema è che non manca la libertà... ma mancano gli uomini liberi....legati alle loro idee, che ancor prima di provarci gia pensano che non si possa cambiare nulla....io almeno nel mio piccolo cerco di fare ciò che voglio e ciò che posso sensa esagera e pensando solo a me stesso...almeno così non mi deprimo....la società è sempre la stessa e piu si va avanti e piu peggiora...ma ormai me ne frego...qui si parla tanto...si dice sempre di voler cambiare tutto ma di concreto mai nulla....solo fumo e niente arrosto...manca il corraggio di mettersi in gioco...rischiando alcune volte pure tanto...ma solo così si potrebbe fare qualcosa...ve beh dai basta parlare di certe cose....posso solo dire a chi è qui in cerca di qualcosa come io stesso 3 anni fa....che la cosa migliore da fare è pensare a se stessi...se dovete fare o provare qualcosa fatelo solo se volete voi...non ascoltate gli amici, parenti ecc...fate di testa vostra perchè solo sbagliando e provando sulla propria pelle si capisce come andara avanti...almeno io ho fatto così....nn prendete esempi da nessuno...non ci sono idoli da seguire...fate solo ciò che vi sentite di fare...però divertitevi finchè potete perchè non si puo tornare indietro.......

Gerry racano 08.04.08 00:05| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

..senti qua grillo prova a dire meno stronzate!
noi giovani siamo cosi e siamo belli e invidiati proprio per questo perche affrontiamo la vita con disinteresse...io fumo le canne il sabato sera bevo ho la moto e sono fiero di essere cosi come tutti gli altri ragazzi di 15 16 17 18 anni di sto mondo!.un saluto a noi tanto odiati giovani...e ricordate W GLI AMICI DELLA GANJA!...E FORZA SPEZIA!

kikKe&Spinelli 22.10.07 18:33| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

io odio la K sostituita alle c, alle ch e persino alle q!!!!
vedo ragazzi, miei coetanei, che durante i temi scrivono in questo modo!!!!
ki kapirebbe kuello ke sto skrivendo???
mah...

s z 08.09.07 13:39| 
 |
Rispondi al commento

io odio la K sostituita alle c, alle ch e persino alle q!!!!
vedo ragazzi, miei coetanei, che durante i temi scrivono in questo modo!!!!
ki kapirebbe kuello ke sto skrivendo???
mah...

s z 08.09.07 13:39| 
 |
Rispondi al commento

pedofilo di merda

mario bross 10.06.07 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Beh, Beppe, c'hai preso in pieno!!
Ho 16 e la penso esattamente come te!
Odio la mia generazione piena di zombie lobotomizzati omologati schiavi dei modelli di consumo...
Grazie per la tua passione!

Alessandro Z. 30.05.07 13:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

CHE BELLO LEGGERE CERTE COSE,DI 15,16,17... ENNI CHE PARLANO BENE, DI VALORI, DI "ODIO"..AHAHAH IO SONO X :.."ADDOMINALI A TAVOLA,GINNASTICA NEL LETTO E BICIPITI AL BANCONE.."
MA VOI PROSEGUITE CN I VOSTRI BLA BLA,CONDANNATE LA CANNA..AHAHAH O SPINELLO COME LO CHIAMA QUALCUNO..CE NE SARà DI + PER ME!
SKIAA

FATTI MIEI 17.05.07 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Essendo ankio una ragazza di 14 mi arrabbio a vedere questi post...Grillo i miei genitori ti ammirano, ma forse qui si tende a generalizzare un po'la cosa!
Sn di un piccolo paese dove tutti i + grandi ti giudicano e nn è bellissimo, ma alla fine nn siamo tt così...ci sn i giovani responsabili e quelli nn responsabili, proprio come nella generazione passata...ma cmq nn credo assolutamente ke voi vissuti negli anni 60/70/80 nn abbiate fatto nessunna cavolata...
Ciao saluto tutti...:-)

Giovane 14enne 14.05.07 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
siamo un gruppo di ragazzi di terza media.Stiamo cercando di capire perchè le generazioni venute prime di noi sono così astiose nei nostri confronti.Certo i tempi sono cambiati...in meglio?in peggio? Certo ci comportiamo in modo molto diverso dal vostro.Per noi è difficile capire il confine tra giusto e sbagliato,forse è un confine che non esiste.Terremo in considerazione i vostri "rimproveri" per guarire dalle nostre "colpe".
Fare i giovani oggi è un mestiere difficile,ma qualcuno deve pur farlo
buone riflessioni a tutti
i ragazzi di S.Giovanni (cr)

terza media 14.05.07 11:57| 
 |
Rispondi al commento

bravo grillo! cosí se fa!!!!! aho nn crtiticate che...
fa bene ha toccato in pieno tutti i problemi dei giovani d'oggi: odiano tutto! perfino gli amici! io non ero cosí! ai miei tempi... Grillo é unico!! mitico! non capisoc proprio cosa ci troviate di male in cio che ha detto! comunque buon appetito!

Priscilla de Marchi 25.03.07 12:42| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

mmmmmmmmmmm ...
bho
nn so.

mistermmmmmm 27.02.07 17:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Odia quello k t pare grillo, odia i giovani, odia i loro comportamenti, il loro aspetto...anzi più che loro dovrei dire nostri, xk ankio sn tra questi. Sei libero di dirlo, x ora lo siamo tutti qui sul web... ma dirlo nn serve assolutamente a un cazzo! La mia generazione fa skifo ok... ma la mia generazione viene dalla vostra, quindi magari al posto d dire k noi facciamo skifo, proviamo a pensare al fatto k qlk1 a pensato prima ai soldi e poi si è ricordato forse dei figli...
Mia nonna c tiene a me, c tiene ai miei genitori... ma neanke se ne accorge di quanto sia attaccata a quello che ha, a quello che ha conquistato lavorando, facendo sacrifici... e ai posteri cosa passa? passa qst immagine, ma distorta: la cosa importante è avere non essere.
probabilmente sto dicendo una marea di cazzate... ma tanto ormai lo fanno tutti... se c'è giurato sulla rai, beh, m si xmetta di sparare a zero, xk sarà sempre meglio...
quindi in conclusione volevo mandare a fan culo tutti quelli k odiano la mia generazione, e vorrei invitarli a odiare un po' meno e a fare qlks d + x evitare k dopo ce ne sia una ancora peggiore.

Pace a tutti

PS Legalizzala

Mark Nitro 08.12.06 17:04| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Odia quello k t pare grillo, odia i giovani, odia i loro comportamenti, il loro aspetto...anzi più che loro dovrei dire nostri, xk ankio sn tra questi. Sei libero di dirlo, x ora lo siamo tutti qui sul web... ma dirlo nn serve assolutamente a un cazzo! La mia generazione fa skifo ok... ma la mia generazione viene dalla vostra, quindi magari al posto d dire k noi facciamo skifo, proviamo a pensare al fatto k qlk1 a pensato prima ai soldi e poi si è ricordato forse dei figli...
Mia nonna c tiene a me, c tiene ai miei genitori... ma neanke se ne accorge di quanto sia attaccata a quello che ha, a quello che ha conquistato lavorando, facendo sacrifici... e ai posteri cosa passa? passa qst immagine, ma distorta: la cosa importante è avere non essere.
probabilmente sto dicendo una marea di cazzate... ma tanto ormai lo fanno tutti... se c'è giurato sulla rai, beh, m si xmetta di sparare a zero, xk sarà sempre meglio...
quindi in conclusione volevo mandare a fan culo tutti quelli k odiano la mia generazione, e vorrei invitarli a odiare un po' meno e a fare qlks d + x evitare k dopo ce ne sia una ancora peggiore.

Pace a tutti

PS Legalizzala

Mark Nitro 08.12.06 17:03| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ho 25 anni e anche io come il 90% dei liceali ho sostenuto scioperi inutili,boicottato il lavoro degli insegnanti,contrastato gli adulti fino a sfiorare il ridicolo.....ma i 16 anni non possono durare tutta la vita!
Alla mia età non è concepibile continuare a vivere ed operare nella società con la stessa testa di un 16enne!l'adolescenza è un periodo non una condizione di vita!
p.s.
BEPPE FOR PRESIDENT!
GOVERNO IDEALE:
Capo del Governo: Beppe Grillo
Ministro beni culturali: Marco Paolini
Parlamentare europeo: Maurizio Blondet
Ministro della pubblica istruzione :Franco Battiato
....considerando che i 3/4 del mio governo ideale si occupa di spettacolo e nella fattispecie di comicità i 2/4 e di musica 1/4....ci sarebbe molto da riflettere!

Angela Di Pinto 07.12.06 05:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro signor Grillo sono...potremmo dire "un adolescente" anche perchè al giorno d'oggi sono definiti adolescenti anche le persone di 30 anni, volevo dirle che anch'io odio la mia generazione, ma proprio perchè faccio parte della "generazione senza speranza", sono un'universitaria al terzo anno e ho sinceramente perso tutto l'entusiasmo che avevo all'inizio...ho perso la speranza di poter cambiare le cose con il mio futuro lavoro, ho perso la speranza di andar via di casa, ho perso la speranza di poter dire "e ora vivo la mia vita"! lei odia tutti i comportamenti che ha descritto ma...siamo sinceri...noi giovani non abbiamo più nulla e non perchè abbiamo tutto e ci annoiamo, come molti dicono....ma perchè non abbiamo più spazi, voglia di fare, voglia di vivere, non abbiamo neanche più voglia di parlare, a dir la verità, tanto nessuno ci ascolta e se ci ascoltano è solo per poter dire "ecco ora non puoi più dire che non ti ascolto mai!" tanto poi non cambia niente!e lo sa poi come pretendono di AIUTARCI??? ma togliendo fondi all'istruzione naturalmente, creando corsi di laurea e formazione in cui non formano un bel niente, dove si studiano cose che nella pratica (semmai ci arriveremo)NON SERVIRANNO MAI!Le dirò...sono delusa....e amareggiata.....e purtroppo non serve più neanche odiare la generazione che ci ha tolto tutte le speranze perchè noi veniamo da una generazione che già non ne aveva! MA COSA POSSIAMO FARE? COSA DOVREMMO FARE PER CAMBIARE VERAMENTE LE COSE?
Cordiali saluti Mx

Damiano Maria 04.10.06 11:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ed io voglio dire che sono d'accordo con te Beppe perchè,anche se sono adolescente anche io riesco a trovare qualcosa di insopportabile sia in loro che si sentono quelli con problemi più grandi di quelli degli adulti sia negli adulti che riescono talvolta a tappare le ali di un giovane.Un adolescentè non è altro che come un panetto d'argilla,per arrivare al vaso devi saperlo lavorare e per far si che un adolescente nella sua vita futura viva in mdodo sano e corretto bisogna saperlo guidare ma, non rinchiudere in casa o impedirgli di vivere la vita.Inoltre odio il fatto che gli adolescenti come dissi in un vecchio commento stanno arrivando a farsi dei pregiudizi persino all'interno del lorro stesso gruppo.Io dico che non si può arrivare persino a questo:io sono stato giudicato un inetto solo perchè avevo voglia di andare a scuola ad apprendere e a confrontarmi con gli altri in delle gare di matematica.Con questa azione sono stato etichettato come secchione(cosa che vi assicuro non sono davvero),fuori moda poichè i miei abiti come dicono loro non sono "cool" e qui ci sarebbe da rispondere "ma vaff...ul",e rigorosamente senza chance verso una dlle ragazze più carine della classe.E premettendo che prima di questo avvenimento eravamo il grupo forse più affiatato e che la ragazza era cotta di me, come vi sembra questa situazione?Io la definisco odiosa poi,giudicate voi.

Matteo

Matteo Barbagallo 03.03.06 09:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

cao beppe, adoro questi post in cui scarichi tutti questi "odio" , perchè sono pieni di passione ,un sentimento che noi italani non sappiamo più dove sia di casa .Non se ne può più di quelli che non dicono quello che pensano per paura di sembrare dei bacchettoni.Pensa, ho quasi 35 anni, due figli e la penso esattamente come te . Grazie ,sei la nostra voce.

manuela campagna 17.02.06 13:12| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

La cosa che più mi spaventa e mi fa arrabiare, è la mia generazione che ha avuto una regressione tremenda. Mi sembra di essere tornata nel settecento prima della rivoluzione francese. "Pensare con la propria testa, la felicità sta nel lume della propria ragione". Già, ma ora siamo ritornati indietro, i miei compagni non sanno ne leggere ne riscrivere le parole dette dal professore, omai non conoscono il significato delle parole più semplici come ambiguità, utopia, legittimità... Si sono persi quei valori che la storia avrebbe dovuto insegnarci! La storia, quella storia che leggiamo su un libro e che mentre la si studia, non ha significato perchè pasata; saperla servirà solo a prendere un bel voto. Ragazzi dove siamo chi siamo!? Non posso credere che la gente, i ragazzi maggiorennni o quasi, i miei coetanei ragazzi delle superiori, non sappiano niente di politica e che si mettano a sventolare svastiche agli stadi e che se ne fo...no di quello che li circonda! Veline calciatori e televisione sono il nostro futuro. No, non lo accetto di essere presa in giro e fare finta che il sapere sia inutile! Non esistono rivoluzioni con un Voltaire,un Robespierre, un Rosseau o un Diderot qualsiasi a cambiare le cose!? Sono nomi semplici che tutti dovrebbero conoscere ma che nsono stati sotituiti con un Totti, un Berluconi. La realtà e racchiusa in uno schermo e sembra che quello che ci circonda non esista. Tanti, troppi se ne fregano e non ci sarà un nuovo 68, un Rinascimento da tutto questo perchè siamo completamente rimbambiti da tutta la futilità di questo mondo! Io nel mio piccolo, nella mia ignoranza mi sento annaspare nella merda, magri imparerò a galleggiarci sopra come tanti. Noi giovani siamo troppo piccoli per reagire, e regrediamo sempre più, gli adulti ormai sono troppo stanchi per pensarci ancora. Ci prendono in giro queste istiuzioni e noi li lasciamo fare. Questo mondo è diventato troppo grande per un uomo solo, e troppo piccolo per tutti gli uomini ci stanno!

Gaiadaniela Ferrari 01.02.06 19:12| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 14:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

sono capitata qui per caso...non so nemmeno se sono fuori luogo...però ho letto ciò che ha scritto Gerardo e ne sono rimasta colpita...mi sono sempre domandata dove fossero persone del genere...e beh...eccone una qui...fra le migliaia e migliaia di pagine di internet prprio qui sono capitata...purtroppo non ho tempo per leggere tutti gli altri testi...ma lo farò...

irene rossi 09.12.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento

CENA fanGrillo non autorizzato a PARMA

[..]quindi il raduno passerebbe a Mercoledì, [..]
[..]facciamo due spaghetti, salsiccia, un insalata mista e siamo già a posto, che altro...Se conosci qualche chef bene, se no ci arrangiamo noi, due spaghetti li so fare anche io ;-)

Accorrete numerosi!!

Str. del Finale 6
Traversetolo (PR)
(premiato da Legambiente)

http://it.groups.yahoo.com/group/fanGrillo/

fabio vinciguerra 12.11.05 00:11| 
 |
Rispondi al commento

ho15anni e metà delle cose k odi le odio ankio l'altra metà ne faccio parte

daniele tengattini 07.11.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Parla del signoraggio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Bastardo!!!!!!!!!!!!

Andrea penna 01.11.05 20:13| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

molte volte penso di chi possa essere la colpa di questo mondo di merda ma non c'è risposta a questa domanda... ogni giorno quando esco di casa e vado a scuola vorrei non andarci perchè a scuola vorrei discutere sui nostri problemi vorrei che i prof ci aiutassero vorrei che a scuola ci fossero degli ideali invece no! a scuola siamo trattati come machine e poi i proff ci dicono "hai le abilità ma non le usi, potresti dare di piu, potresti fare meglio" odio quei discorsi! vorrei che a scuola ci invogliassero allo studio al sapere invece no! poi quando esco di scuola e vedo gli amici... sempre sulla stessa panchina sempre a fare gli stessi discorsi! sono stanco! certo anch'io fumo o bevo una birra ma non per farmi notare o perhè lo fanno i miei amici! se bevo non esagero e se esagero lo faccio per godermi la vità ma non riccorro al fumo, alle droghe o all'alcol per divertirmi!la mia generazione non ha ideali! i nostri ideali sono la play, il telefonino, i jeans, le nike o comprare droghe o bere perchè tatno sappiamo che piu di questo non possiamo fare! io invece vorrei avere degli ideali veri! ormai è tutto uguale! i cartoni sono tutti uguali, i programmi, i reality,i numeri come (892,1288,1248,1254), le canzoni, dapertutto ci sono negozi cinesi extracomunitari venuti ilegalmente!lo so sono come tanti adolescenti incazzati con tutto e con tutti ma credo di avere qualcosa di diverso... sono un ragazzo strano che quando è con gli amici o branko si diverte senza usare per forza droghe o alcol eppure sa divertirsi! che vorebbe essere nato 30/40 anni fa per godersi secondo me gli anni piu belli della storia gli anni 60/70/80 e i primi anni novanta anni da favola!in quei anni c'era la vera musica, i veri cantanti, le vere machine italiane, i veri italiani, i veri adolescenti sempre in movimento, sempre a fare qualcosa di diverso, sempre a divertirsi! non c'erano i telefonini e l'unnico ogligo era ritornare prima del tramonto e non potevano rintraciarci! non c'erano play ma solo tanti amici e vere compagnie! si anche in quei anni c'erano i problemi ma mai come adesso! ora sembriamo machine tutte uguali! quelli erano anni! nel film "la febre del sabato sera" toni manero dice una frase che per me è fantastica "io mi sballo di piu con una gassosa" è un pò il mio motto di vita godersi la vita ma non andando oltre... certo anch'io frequento un "branco" che fa sempre le stesse cose ma me ne fotto! mi vesto come voglio porto si anchh'io le nike ma perchè mi piaciono! mi metto i jeans ma non sotto il culo perchè non mi piace! anche se nel mio "branco" tutti li portano così, fumo e bevo quando voglio io e non quando lo fanno gli altri! ascolto la musica vera e non quella che passa da mtv! mi piace il cinema quello vero di kubrick,scorsese,spielberg,coppola o leone! adoro le machine sportive e le machine d'epoca! adoro le moto sopratutto le harley per il senso di liberta che danno! mi piace leggere! eppure sono uno dei piu simpatici del "branco" me lo dicono tutti! e sono felice che ho fatto valere i miei valori! e non ho fatto come persone che ho conosciuto che sono cambiate solo per integrarsi nel "branco"! eppure mi sento a disagio e vorrei veramente essere nato 30/40 anni fa.... non vorrei offendere nessuno ma tutte le persone che hanno scritto qualcosa su questo sito me compreso noi tutti vorremo cambiare tutto far capire che alcune cose non ci piaciono però non facciamo altro che parlare ma i fatti non li faremo mai! su questo mi viene in mente il filmato di quel ragazzo che si era messo davanti il carro armato per non farlo passare! quella persona aveva fatto i fatti e non parlato! però ora nessuno di quelli che sono contro la guerra in irac hanno mai provato a fare i fatti e per esempio mettersi davanti un carro armato americano! con questo vorrei far riflettere tutti me compreso! uniti tutti gli iscritti potremmo fare i fatti! come ha fatto gandi o martin luter king! invece noi e anche tu bebbe o come celentano,grasso,i politici,la chiesa,funari ecc...
parliamo e basta! mi scuso se sono stato lungo o palloso e mi scuso per gli eventueli errori di ortografia e grammatica ma volevo sfogarmi! da un ragazzo di 14 anni deluso se mai qualcuno mi volesse scrivere alicegerry@alice.it

distinti saluti gerry

gerardo racano 26.10.05 01:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ciao beppe,sai che hai raggione e tutto odio questo mondo...ti scrivo xche volevo scrivere anche la mia e volevo dire una cosa,,,,attualmente mi sorge un dubbio..e quasi un anno che nn scendo da casa,proprio xche mi odiano tutti,il dubbio sai qual'è,ma di sicuro sono le persone che mi odiano oppure sono io che odio loro....e xche mi odiano tutti,e pure li faccio ridere ,sono simpatico ma mi odiano nn so xche .......ti dico che sono simpatico xche mi e stato detto +di 1 volta,e allora xche mi odiano forse su questo mondo bisogna odiare x vivere ed io mi sto adeguando con chi mi odia,ma sono triste xche nn mi piace odiare,x niente nn sono fatto x questo xo cosa posso farci e la mia vita ,nn posso cambiarla,,,,adesso finisco di scrivere xche sto piuangendo e nn mi va di farmi becchare piangendo.(se qualc'uno entra nella mia stanza)ciao se vuoi mandami un email.....

ciro del sorbo 29.09.05 21:28| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe non mi pare ke tu risponda a questi commenti ma lo faccio lo stesso perkè mi ha dato fastidio questo post... Allora il fatto di svegliarsi alle 3 di pomeriggio , o gli spinelli , e le birre... dimmelo tu che cazzo di male c'è ???? Allora?? Ho 17 anni e fumo volentieri uno spinello con gli amici , non ho mai dato fastidio a nessuno , frequento il liceo , anke se sono discriminato dai professori per i capelli ( rasta ) ecc.... non mi frega , secondo me vivere la proria vita in funzione degli altri è la condanna peggiore ... Non ci si può aspettare un comportamento "modello" da parte degli adolescenti , altrimenti non sarebbero tali , saremmo tutti uguali e il mondo imploderebbe a mio parere ..... ma soprattutto una domanda ke non rinuncio mai a farmi è : Qual'è il ocmportamento modello ? Chi ha deciso che questo è sbagliato e questo è vero ? ... Gradirei una tua spiegazione sul tuo odio , tra l'altro ti ho visto dal vivo a Taranto e mi sei piaciuto un casino, ma adesso rimango un pò così, sinceramente ... mi piacerebbe davvero tanto una tua risposta , alla prossima , Pierfrà

Pierfrancesco Botrugno 12.09.05 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Accusami di tutto io sono colpevole, a volte ho infierito su chi era più debole,ho infranto delle regole,non sono l'ideale che magari ti aspetti, ma io rifletto in pieno il mondo dove vivo, specialmente i suoi difetti. se è vero che si nasce puri poi ci si sporca crescendo è difficile restare puliti nuotando, tentando di uscire dal fango. sono io il primo a dire che sono sbagliato ma la mia condotta è il risultato di ciò che mi hanno insegnato: che quindi almeno mi sia tolta metà della colpa che mi si faccia restituire ameno metà della merda raccolta.c'è chi mi ha detto che i soldi non contano alla fine più di un tot, ma a me sembra che la storia qua giri come un juke box: se non infili la moneta,non funziona,la musica non suona e c'è ancora la persona con la zappa e quella con la corona quindi sin da piccolo ho capito che dovevo fare quello che potevo per arrampiccarmi sulla vetta del mondo dove vivo.
ti può sembrare una visione egoista ed io eccessivo e negativo ma non è un parere ciò che devo fare per non cadere io sono realista,questo è il mondo dove vivo se ne conosci un altro fammelo sapere.
vivo di ciò che mi nutre e allo stesso tempo mi inquina spesso mi trovo a fare mattina sul fondo di una lattina e non c'è medicina per questa malattia,il virus scorre tutti i giorni nella via sotto casa mia:il menefreghismo, l' egoismo,l'arrivismo, tanti greminlies sotto le candide spoglie di un TERRORISMO, gente allo spasmo che tenta di venire fuori facendosi un mazzo tanto, criticato e ostacolato da chi c'ha sempre avuto chi pagava il conto. ieri ho pensato a un mondo di pace,senza un nemico, senza un confine,senza il concetto di straniero era un bel pensiero ma io non c'ero e comunque li non sarei sarvito a niente: io sono un delitto con l'odio come movente, il rancore come attenuante. così mi hanno voluto così mi hanno cresciuto tutto quello che ho avuto l'ho ottenuto senza aiuto se non dalla famiglia e dai fratelli che eran con me prima dei dischi d'oro quindi ora solo con loro divido i frutti del mio lavoro.
essendo un paradosso vivente nel mio egoismo credo nelle idee di condivisione,credo che un giorno una nuova coscienza di massa ci porti a stare tutti bene. ma so anche ci vorrà parecchio per farlo.sarò di sicuro che non sarò ancora in vita per vedere e a quelli come me toccherà fare il possibile per trovare un metodo infallibile per ritagliare dento 'sto macello insostenibile un oasi vivibile, a patto di portare addosso il peso di un odio tangibile non che mi piaccia ma così sarà finchè la legge della banconotasarà indiscutibile. quindi io mi sbatto per la salute del mio pezzettino che sommato a tutti gli altri da come risultato il mondo "avendo".un posto migliore la mia vita e di quella di chi mi sta accanto quindi sarebbe già un buon punto se tutti facessero altrettanto ma nel frattempo devo pensare alle regole che mi hanno fatto imparare,a quella parte del codice da non tramandare che dice di difendere ciò che è mio e che ti dice dopo vengano gli altri, prima io.

sara s. 02.09.05 01:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro bebbe è la prima volta che vengo in questo sito ma voglio anche io dire la mia...

sono un ragazzo di 14 nel pieno dell'adolescenza e posso dire che da una parte mi piace e dall'altra no...

mi piace perchè si è liberi, perchè si impara cosa è la vita
ma odio la stupidità di bere, fumare e farsi una canna per farsi notare, di vestirsi all'ultima moda per stare nel gruppo e non diventare uno sfigato, di doversi fare la figa del gruppo se no si è sfigati, di conoscere ragazze che si fanno il ragazzo figo del branco per diventare fige è essere al centro del attenzione, di dover odiare l'arte o nasconderla all'occhio del branco per non dover diventare sfigati o di odiare per forza la scuola sono stanco di questa generazione perchè non si puo dire, fare quel cazzo che si vuole per stare nello stupido branco o compagnia...
sono uno dei pochi ragazzi rimasti a cui piace la vera musica italiani, che ama le conzoni anni 70,80 che corteggia una ragazza, e non fa il pirla per farsi notare...una a cui piagge l'arte, la pittura, uno che ha degli ideali anche in questo mondo di merda.
uno che non vorrebbe fare il politico perchè in politica e tutto un magnia magnia
uno che vuole studiare per poi fare il notaio
uno che vorebbe essere nato nei primi anni 60 per potersi ricordare di quando la televisione era bella, di quando tutti si accontentava di tutto, quando sanremmo era bello, di quando uno sognava l'america, di quando gli italiani erani fieri di essere italiani, quando non cerano tutti questi exstracomunitari, quando non si aveva paura del terrorismo, quando sul mercato non cerano i prodotti cinesi, quando la fiat,l'alfa,la lancia erano belle machine, dei ragazzi che non erano sempre seduti sulla stessa panchina per anni ma era sempre in movimento, quando non esistevano reality show, lì sì mi sarebbe piacciutto vivere non in questi anni, non nel nuovo millenio dove tutto sta andando sempre peggio, ora ci sono parecchi italiani che non vanno fieri della loro terra,e la cosa che mi rende piu triste è che se queste parole le direi ai miei amici diventerei per loro uno sfigato... (e pensare che ho solo 14 anni)

mi scuso di essere stato troppo lungo ma mi dovevo sfogare scusatemi dei miei errori di ortografia e gramatica
p.s. se qualcuno mi volesse scrivere la mia emai è alicegerry@alice.it e caro bebbe spero che almeno tu sia d'accordo con me e spero che se leggerai questo messagio mi risponderai...

ciao da un addolescente delluso di tutto...

gerardo racano 27.08.05 22:50| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Finale a sorpresa!

Quando sento un anziano che dice:
"Ah! i giovani d'oggi..."

Io rispondo:
"Li avete cresciuti voi! Ma soprattutto gli avete messo in mano il vostro mondo già col tarlo dentro!"

Daniele Casella 26.08.05 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Ho 20 anni, i pantaloni sotto l'ombelico e le mutande in vista; uso spesso parole come "cioè", "tipo" e "cosa?"; fumo spinelli e bevo birra; la MIA scuola non mi ha insegnato niente tranne la storia che naturalmente dovevo integrare con libri che raccontavano più verità (hai mai letto un libro di scuola o sei solo capace di dire ai tuoi figli "studia!"?); gli amici (o branco come preferisci chiamrlo per far sembrare gli adolescenti più stupidi come hanno sempre fatto tutti i genitori...chissà con quale scopo)sono le persone che naturalmente, per un fatto di età, comprendono meglio le mie idee e problemi; Mtv l'ho sempre odiato e sono d'accordo con te;se tuo figlio ti ha mai detto "e allora vado via di casa" avrà avuto le sue ragioni...un modo come un altro per dirti che vuole condurre una vita diversa dalla tua...legittimo no?
E' da quando ho 10 anni che non mi perdo un tuo spettacolo in tv o comunque ripreso dalle telecamere; sono venuto a sentirti un paio di volte e mi hai insegnato a capire il mondo, più dei professori che i miei genitori mi hanno sempre detto di ascoltare perchè avevano fiducia nella scuola!
Che prospettive per il futuro vuoi che abbiano "i giovani" in questo mondo che conosci meglio di me?
Giudicare dalle apparenze è la prima cosa che impari a non fare mai quando sei adolescente...una lezione che ti sei dimenticato...
Non avrai mai conosciuto gente che fuma spinelli o gente che ha smesso di fumarne...e se ne hai conosciuta era la gente "sbagliata"!
"I giovani" sono e saranno sempre incazzati perchè nessuno li capisce e se anche le persone che stimano li attaccano non penso che comprendano la lezione

...ma forse volevi solo sfogarti un po' come fanno tutti! ciao beppe!!!

Max Bertocco 22.08.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

MTV
Signor Grillo, mi chiamo Giacomo Gambone e ho 20 anni. Sono in pieno target MTV. Io sono un fruitore di questo canale “giovanile” anche perché, sia chiaro, piuttosto che sciropparmi Fede e Gerry Scotti preferisco guardarmi qualche video di qualche cantante MADE IN USA (che cosa triste che ho scritto…).
Sono però scioccato dalla politica comunicativa dell’emittente. Mi fa sorridere il fatto che sponsorizzino il commercio equo e solidale nei loro programmi, che si battano contro la guerra i Iraq, e contro tutte le guerre nel mondo (ci dicessero anche quali sono…) e allo stesso tempo organizzino concerti sponsorizzati dalla THE COCA-COLA COMPANY, trasmettano in heavy-rotation spot di videogiochi di guerra e si facciano portatori diretti dell’imperialismo culturale americano.Non dobbiamo poi dimenticare chee il direttore di MTV Italia è tale Valerio Campo Dall’Orto (mi pare si chiami così…scusa ma sto scrivendo di getto..senza fonti da consultare..) che era delfino di Belusconi.
Mtv impone poi a i suoi conduttori di usare spesso termini anglofoni, che non fanno che accentuare l’incidenza Satunitense verso la nostra povera cultura. Mi fa quasi tenerezza vedere dei ragazzi come me, che non sanno NULLA di inglese, utilizzare alcuni termini cretini come “Check it out” solo per pura emulazione dei loro idoli.
Mtv si pone come canale alfiere del pacifismo e dei diritti umani, mentre è soltanto un canale usato come mezzo per renderci vittime del crescente imperialismo culturale statunitense teorizzato da molti linguisti nella storia. Mtv è come McDonalds, come la Coca Cola, come la Nike.Solo che loro hanno la faccia più pulita.

P.s. Tra l’altro MTV è di Tronchetti Provera.Un uomo inqualificabile.Io che ho pure la “fortuna” di essere di Ivrea ne so qualcosa.Grazie per lo spazio concessomi.

Se vorrà rispondermi, o se qualcuno volesse contattarmi per darmi qualche informaizone in più:
e-mail: etilybeat@libero.it

Giacomo Gambone 21.08.05 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Io ho 33 anni mica sono vecchio mi dico, mi chiedo e mi dico ,sei giovane hai la mente giovane pensi da giovane ti diverti da giovane vai in moto, fai sport come se piovesse, usi i computer hai il cellulare e allora perchè i ragazzi ventenni ,quindicenni e cosi via sono quasi tutti delle amebe che stanno seduti al bar e ti guardano quando passi ritornando dal lavoro come se fossi un alieno e pensano ,guarda sto sfigato che lavora mentre io me la sto passando al bar senza far nulla, ingrassando come un maiale con il mio cellulare in mano a messaggiare e a scaricare musiche e a spendere decine di euro che la mia mamma mi da, a bere ed a ubriacarmi cosi comincio a sballare un po e poi magari a farmi anche una canna o piu canne con il branco e magri dopo facendo casino e spaccando un po di infrastrutture in paese ...... tanto non dicono nulla i carabinieri al massimo una cazziata e via............... Colpa di questi comportamenti sono i genitori che non hanno piu il coraggio di dare dei bei schiaffoni come si deve, anche perchè ormai sei punibile per abuso e molestia verso minori ,causa i ben pensanti che guai a toccare un bambino o un adolescente dandogli una sana e correttiva sberla.
Be bella prospettiva che hanno i giovani di 15 anni e poco piu , mi sbaglierò ma se ne salvano molto pochi.
POVERA ITALIA DI DOLORE OSTELLO.

Gabriele Carini 20.08.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARO BEPPE E TUTTI VOI.
INVIO LA MAIL DI UN'AMICA CHE SI è TROVATA A FARE UN COLLOQUIO TRUFFA IN SARDEGNA. CI SONO NOMI E DATI.
Ora ti racconto del colloquio xkè voglio farti fare due risate perciò tieniti forte:
allora martedì vado in questo luogo che si trova alla periferia di ss in zona di campagnia (come diremo con la mia amica in "culonia"= in culo al mondo)!!
Mi hanno fatto compilare una scheda informativa dove mi veniva chiesto cosa mi piaceva fare, i miei hobbies, se mi piacesse viaggiare, se fossi ambiziosa etc. Dopo di chè sono entrata a fare il colloquio da questa tipa, non sarda, che mi parla dell'azienda: una filiale della kirby un'azienda americana che viene distribuita in Italia da una mutlinazionale,la Scott Fetzer company, che distribuisce anche marchi quali Coca cola, colgate, Gillette e non ricordo cos'altro...
La suddetta kirby è l'azienda distributrice di un macchinario che funge da analizzatore e da controllo dell'HCCP, ossia le norme igieniche che evono essere rispettate nei luoghi pubblici quali ristoranti, alberghi, bar etc. Quindi il lavoro di consulente pubblicitario per loro stava nell'andare presso queste aziende, previo appuntamento preso dal loro call center, per mostrare questo macchianario; lavoro con assunzione a tempo indeterminato, con possibilità di apertura di una carriera...chiacchieriamo un pò e poi mi dice che se mi chiama la sera stessa dovrò andare anche il giorno dopo x 3 gg consecutivi per seguire un MASTER che ci permetta di conoscere il macchinario e imparare tutte le sue caratteristiche...io non le ho chiesto la retribuzione xkè cmq ho pensato che da come mi aveva prospettato la cosa sicuramente si aggirava intorno alle 600/700 euro con possibilità di una crescita futura e che casomai se mi avesse chiamata la sera il giorno dopo arei capito bene la sitaziò....
E infatti ecco la chiamata la sera, il giorno dopo devo essere di nuovo lì alle 11.15..ieri mi presento, e come me altri 9, per farla breve ti dico solo che il lavoro consisteva nel vendere un'aspirapolvere che ha circa 70 funzioni ala modica cifra di 3700 euro!!!
Dicevano che il lavoro non consisteva nell'essere venditori porta a porta (cosa che io le avevo chiesto e precisato il giorno prima) ma bensì che gli appuntameti venivano fissati dal call center, con il piccolo dettaglio però che ogni qualvolta tu ti presentavi da qualcuno eri tenuto a chiedergli dei nominativi di persone che potevano essere interessate da passare poi al call center (quindi praticamente equivaleva ad essere venditori porta a porta!!!)...
In un mese dovevi fare almeno 60 dimostrazioni con un fisso di 800 eurocon un minimo di 4 contratti conclusi, dal 5 in poi di davano 200 euro in più per ogni contratto concluso; ora volio dire 60 dimostrazioni non sono poche, può succedere che qualche mese si possano fare più di 4 contratti (anche se ho dubbi con quello che costa la macchina e con la crisi che c'è in giro), ma nel mese in cui non ne fai nemmeno uno da 800 euro, dopo che ti giri tutta la provinciain macchina mettendo benzina di tasca tua e dopo tutte le telefonate che fai (obbligatoria almeno una all'azienda mentre fai la dimostrazione anche x dimostrare che la stai facendo) che cosa ti rimane??? Nulla dico io....

E ORA ? IL LAVORO NON LO Ha PRESO E L'IMBROGLIO CONTINUA.

Alex Brenna 19.08.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Odio l'adolescenza come l'ho vissuta io, con troppe incertezze, troppi sogni non realizzabili e con la certezza di non poterli realizzare.
Odio gli adolescenti di oggi, peggio di quelli dei "miei" tempi.
Amo gli adolescenti della tua generazione Beppe, perchè voi di ideali ne avevate, eccome, e credevate anche di poterli realizzare.
Oggi l'ideale è potersi comprare il cellulare che fa pipì, dice "mamma" e "papà" e fa anche la pupù...ammesso che il cellulare se lo lavorino e non rapinino per poterselo procurare.
...Forse gli ideali ci sono pure..ma sono consumistici,e gli adolescenti di oggi si consumano nel loro stesso consumismo.

Giovanni Turco 18.08.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

hi to all

xanax 16.08.05 19:17| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accordo con beppe su circa il 70% del suo Odio...credo principalmente che il vero problema per gli adolescenti sia il fatto che non cerchino più stimoli tranquilli e soprattutto c'è questa grande idiosincrasia di massa verso l'arte e tutte le sue espressioni (sì, l'arte come la pittura,cinema,musica...ma quella VERA!)...ed è per questo che me la prendo con la televisione,gli spot,la moda,la finta trasgressione,etc. Stanno limitando la fantasia e la curiosità nelle menti dei ragazzi, riciclando per loro mode e gusti di evidente e pessimo gusto retrò e facendoli conoscere solo le cose meno profonde e più cretine della vita.
In realtà gli adolescenti che conosco sono, in maggior parte, persino più abitudinari di un uomo di mezz'età.Dovrebbe essere il contrario!
Non siamo moderni, per niente...siamo solo peggiorati


con stima dal tuo grilloblogger

valerio cosi 14.08.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe Grillo, leggo spesso il tuo blog e ogni tanto rimango un po' così. Ho 18 anni e davero a volte vien da ridere.
Che tristezza questo post.
Ricorda tanto il vecchietto al bar che bevendo la Ferrarelle giudica col compagno d'ospizio con voce stanca e sprezzante la gioventù di oggi, "i giovani di oggi non hanno più una morale", "sono tutti bruciati, viziati", "non sanno cosa vuol dire farsi il culo", "alla loro età io ero a lavorare".
E se ci penso capisco che ahimè ormai sei molto anziano e non ricordi che alla nostra età anche tu eri così e che i giovani di ieri ora governano. Ma è vero che tu dici che "son dei ladri", ah governo ladro.
Ma perchè ogni tanto non la smetti di generalizzare e scrivi qualcosa di sensato. Non dirmi che tu a 20 anni passavi la giornata sui libri e la sera accompagnavi la nonna alla fontana per fare due chiacchere con le amiche.
Non dirmi che ai tuoi tempi nessuno usciva e nessuno beveva una birra.
Non ti sembra triste e un po' invidioso disprezzare i giovani di oggi?
Fa strano pensare a quante fraccate sei riuscito a messere insieme in un solo blog.
Con immutata stima,
Filippo M.

Filippo Maisto 06.08.05 03:31| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe Grillo,cari Tutti Voi solo ieri sera ho scoperto che esiste questo blog e ne sono molto felice.solo ieri ho visto lo spettacolo di Grillo quello di Milano mandato in onda in Svizzera.mi vergogno anche a scrivere perchè non sono molto abituata a comunicare su internet(ma a quanto pare è piu facile che a comunicare a voce)bhe arrivo al dunque.ho 23 anni e da qualche anno mi sono staccata dall'apatia e dal menefreghismo di massa giovanile rispetto a cio che succede nel mondo e dai" valori" ignoranti quali andare a saranno famosi o diventare come costantino , delle super dive anoressiche,guardare tutti grande fratello o la fattoria,avere lo stesso taglio di capelli e gli stessi vestiti che evocano i balilla del regime fascista(e non voglio dire che sono fascisti)stessa musica....ODDIO quanto é deprimente non mi piaceva per niente, cosi mi sono staccata come JACK FRUSCIANTE e ho cominciato a leggere libri di filosofia,di arte(la mia passione)saggi e sopratutto a spegnere quella maledetta scatola nera,guardando solo telegiornali su sky programmi come ballaro etc.. a leggere piu giornali.passeggio per le strade in silenzio a osservare gli altri miei coetanei e vedo solo vuoto e mi viene voglia di urlare SVEGLIA SVEGLIA!!!non voglio essre fraintesa sto parlando in generale dei giovani, sono sicura che ci siano altri molto colti (ANCHE PIU DI ME)che le STRONZ...non le guardano neppure.ma ahime penso che si possano contare sulle dita.

che tristezza..

vorrei parlare un po della scuola in generale e di quella che ho frequentato io un vero supplizio ora ve lo spiego.ho frequentato un istituto alberghiero,in realta volevo fare il liceo artistico ma si sa che di arte non si mangia e cosi pensando al mio futuro lavorativo ho scelto questa scuola. i primi 2 anni ti "infarinano"con sala bar,cucina,ricevimento e i programmi scolastici ovviamente sono gli stessi che nelle altre scuole .poi il 3 ti specializzi in uno dei 3 settori..il mio sala bar e da qui comincia l'avventura. per quasi tutto l'anno scolastico non abbiamo fatto altro CHE BANCHETTI PER FORZA ITALIA senza vedere un soldo, eh no ,la scusa era perche noi dovevamo imparare il mestiere,idem per questa nuova scoperta degli stage ci mandavano in qualche albergo per poter imparare il mestiere ma in realtà la maggior parte ha imparato a pulire i vetri , a far funzionare la lavastoviglie ,a spazzare senza mai servire un tavolo.poi i professori chiedevano a fine stage di scrivere una relazione...potevamo secondo voi scrivere cio che accadeva realmente?NOSSIGNORI perche noi dovevamo imparare ed é giusto cosi se no a scuola che ci andiamo a fare?ma un minimo di ricompensa perche no??no non c'era e guarda caso la preside era spesso in viaggio, a scuola c'era solo durante i banchetti di forza italia a dire che eravamo dei bravi ragazzi.sentivo molto puzza di bruciato...ma signori quel pezzo di carta chiamato diploma serve e a denti stretti ero al 4 anno.ah dimenticavo che il programma scolastico in 3 c'era, ma eravamo tutti occupati a far gli stage e all'esame di specializzazione di quell'anno molti hanno copiato o studiato molto gli ultimi giorni per arrivare in 4.se non volevi esser bocciato e fare brutta figura nella società.bene anno quarto primi giorni scolastici,ancora con la voglia di vacanza...prof.di sala in classe:chi è disponibile in questi ultimi 2 anni a fare ancora banchetti alzi la mano!io e altri le abbiamo lasciate sotto il banco e non sto scherzando all'esame di maturita ci hanno tolto dei punti.Signori la scuola è scuola e il lavoro è lavoro.La scuola si deve occupare degli studenti e a discutere con loro anche di altre cose non solo dare nozioni di date e avvenimenti seguendo i vari programmi scolastici in modo schematico...Professori cambiate il programma di storia non si puo studiare dalle medie alle superiori fino alla seconda guerra mondiale e poi il vuoto fino a oggi,italiano basta con i promessi sposi e fate piu grammatica...bisogna cambiarla un pò la scuola!!!non siamo solo quelli che vi danno il grano siamo esseri umani.parlate con noi,invogliateci al sapere,alla conoscenza,parlateci del lavoro non fateci fare il lavoro durante la scuola,quello viene dopo e si sa che è il mondo piu duro ma non metteteci fretta,siamo umani e non delle macchine.è il lavoro che ci insegna un mestiere ed è nostro diritto anche se per anni facciamo la gavetta essere retribuiti.Quando ho letto la riforma moratti volevo piangere,spero che per i nostri figli sia solo un brutto ricordo perchè se ci sarà i miei figli non andranno a scuola.mi rifiuto.va bene stare al passo con i tempi,siamo nel nuovo millennio ma i miei figli ,nipoti non voglio che siano delle macchine.


che tristezza!non incolpiamo troppo i giovani anch'io odio certe cose di loro ma bisogna aiutarli sopratutto i grandi!!!lo so che spesso non ascoltiamo ma proviamoci.

spero di aver scritto in maniera leggibile.se ho scritto qualcosa di sbagliato o anche di giusto mi farebbe piacere approndire e parlarne.Vi ringrazio

nicole cremaschi 12.07.05 14:02| 
 |
Rispondi al commento

"Non fare come fanno tutti."

Sant'Agostino

Agostino S. 29.06.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

ehi beppe, senti cosa ho da dirti!
ho 20 anni, e fino a 2 anni fa ero la testa di cazzo di adolescente che indichi tu...anzi molto di più, perchè la mia vita consisteva in poche cose: droghe, ragazze, giardini, zero problemi, capelli lungi, zozzo e il liceo strascicato, anche se mai bocciato etcetc....sai che ti dico: ero FELICE! eccome se lo ero!

poi puf! la mia famiglia comincia a devastarmi di rimproveri fino al punto che decido di cambiare:
ora mi ritrova all'università, a studiare economia, lavoro, suono...insomma un amore di figlio, con pure gli occhiali, la polo, capello ingellato..che al colloquio in azienda la pseudotesta di psicologa mi disse "ma sa che ha proprio la faccia da bravo ragazzo,assumo lei" ahhahahaahahahha...dentro di me..

ma nn sono più felice, ho perso molti amici, e sono cresciuto, purtroppo,ho imparato che ci vogliono i soldi altrimenti sei fottuto: se prima mi bastava portarle al parco le fichette, ora è tutta una spesa, disco,ristoranti etc, sono tute delle troie da mercedes (le conoscono più di me le auto)...in più mi tocca leggere giornali e politica di questo fottuto paese....

insomma se potessi fare la firma e tornare a 16..non ci penserei 2volte!

peace!

Mario Rossi 26.06.05 14:02| 
 |
Rispondi al commento

sei grande!!!! e' un piacere leggerti!!!! :)
non so che dirti tranne che: w beppe grillo!!!
a me mi schiaffeggiano le tue parole, mi fanno sentire viva, mi danno speranza, mi fanno sentire diversa in un mondo irrimediabilmente omogeneizzato e omogeneizzante!!!!
all the best!!!!
ale

Alessandra Martire 24.06.05 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un cosiddetto adolescente, ho 16 anni e dopo aver letto la lunghissima sequela di comportamenti giovanili che Beppe ha elencato, anch’io vorrei dire quali sono gli atteggiamenti di coloro che hanno sprecato più tempo della propria vita rispetto a me, e per questo si sentono in dovere di insegnarci qualcosa, che hanno causato tutta questa serie di comportamenti dei teen-agers e che io profondamente ODIO.

ODIO infatti il cinismo con cui molti adulti approfittano della facilità con cui noi giovani ci facciamo convincere a causa del fatto che non abbiamo abbastanza esperienza di vita percui ascoltiamo ancora solo chi strilla più forte e chi ci promette la felicità più rapida e immediata anche se talvolta questa nasconde tranelli e trappole ben peggiori di qualsiasi altra cosa.. siamo come un orto incolto e voi più adulti il contadino che se ne prende cura che deve seminare i semi che fanno germogliare le piante più belle e più forti anche se sarà più difficile farle crescere perché bisognerà dare loro da bere giorno per giorno; ma il contadino non deve però piantare quei semi che, sì, crescono con facilità e si sviluppano in fretta, ma danno tanti frutti di bassissima qualità che infestano tutto il giardino..
E’ per qusto che mi incazzo quando vedo bambini di 12 anni coinvolti in riunioni di Forza Nuova dove vengono convinti che gli sporchi negri vengono qua solo per rubarci e i soldi e il lavoro e anche la gnocca magari.. oppure quando la TV lancia come modello di vita da imitare Costantino Vitaliano e che se non sei uguale a lui te ne puoi benissimo stare a casa almeno fin quando non trovi tempo e soldi per andare a fare una full-immersion di 25 ore al giorno di palestra magari sotto una bella lampada per risparmiare il tempo per andare al mare ad abbronzarsi; allora sì che qualcuno/a ti caga, di striscio ma ti caga, tanto che si arriva al paradosso che devi essere finto fuori perché ti ascoltino quando devi dire cosa c’è di vero dentro di te..

ODIO inoltre l’ipocrisia dei sensi di colpa sul comportamento del figlio da parte del cinquantenne disilluso dalla vita in cui trionfa la filosofia del “mal comune mezzo gaudio”: tanto cosa costa ammettere la propria inadeguatezza in mezzo ad altri centinaia di commenti… tanto lo dicono tutti…cosa ci vuole a dire: ah sì sì è colpa mia se i prossimi cent’anni del nostro paese sono andati a puttane..tanto io fra quarant’anni crepo e dopo sono cazzacci vostri..

ODIO anche “ah sì questa gioventù fa veramente schifo..ma mio figlio no, per carità…

ODIO tutti quelli che vivono la vita di passaggio come se fossero in questo mondo in prestito: sono quelli che dopo essere nati sperano solo di morire il più tardi possibile riempiendo la proria esistenza di nulla cercando di auto-convincersi che la si è vissuta con uno scopo mettendo al mondo un figlio a cui si insegna a vivre secondo gli schemi prestabiliti non facendo altro che adeguarsi agli ALTRI.. queste sono quel genere di persone che dal lunedì al venerdì sgobbano, il sabato sera si divertono e la domenica guardano la partita, insomma volenti o nolenti siamo noi o comunque la stragrande maggioranza di noi siamo cioè il risultato che questa società ha creato un uomo che non è altro che un concentrato di meccanica quotidianità ripetitiva a cui basta avere la pappa sotto li naso e dopo sta buonino buonino.. e chi cazzo ci ha voglia di incazzarsi se la pappa gliel’hanno appena fregata al negretto che ti sta a fianco? E così anche noi giovani avendo da passsarcela decentemente vivremo di rendita approfittando di questo stato di appagamento conquistato dai nostri padri e dai nostri nonni, almeno fin quando il negretto non si alza, ci tira un cartone in muso e ci fotte la pappa.. e mi sa che il negretto forse con gli occhi un po’ a mandorla si stia cominciando ad alzare…

alessandro pavan 24.06.05 10:19| 
 |
Rispondi al commento

sono un tuo ammiratore, sono anche diventato papà per la seconda volta da circa un mese, purtroppo dobbiamo allattarlo con laTTE ARTIFICIALE E SAI QUANDO COSTA IN ITALIA, ULTIMAMENTA CI HANNO PROPOSTO NEOLATTE IN FARMACIA A 9.90 EURO PER 900 gr.mica sai qualcosa in merito a questo nuovo prodotto? visto che il lattre proposto dal pediatra dell'ospedale costa 600 gr. 16 euro

Antonio Bianchi 24.06.05 08:30| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere a che punto sono i dvd dello spettacolo che ho richiesto
grazie
distinti saluti
marcello

marcello monti 24.06.05 00:22| 
 |
Rispondi al commento

desidero avere informazioni su dove reperire il documento riguardante la scuola , nello specifico la scelta degli alunni delle medie, letto durante lo spettacolo.

Grazie.

cesare boga 23.06.05 17:32| 
 |
Rispondi al commento

caro sig Grillo,
ma lei che odia tanto tutti quei modi di fare e forse anche di essere degli adolescenti, quel loro detestare le cose fatte bene e la bellezza, non si rende conto di quanto poco propositivo lei stesso sia e poco valorizzatore del bello che c'è? perchè non la indica lei, perchè non ci applichiamo un po' tutti ad indicare questo "vale la pena di": aprire il libro e appassionarsi, tirarsi su i pantaloni, anche in senso non figurato, non bere troppe birre per far vedere che ci riesci, non fumare più le canne (e speriamo si siano fermati li nel frattempo!) e magari fare loro compagnia e magari anche ai loro genitori (ma poi lei ha figli? se si con loro come ha fatto?) che a volte proprio non sanno più che pesci prendere. io per la mia esperienza ho smesso di essere adolescente e odiare tutto ciò che mi voleva bene ed era buono quando ho incontrato qualcuno capace di farmelo vedere quel buono! di farmi piacere quel cazzo di libro arancione di letteratura italiana! di leggermi leopardi e pascoli e le formule di matematica e poi i modelli economici, che ora sono la roba che mi piace di più!con tutta la passione che ha nel dir le cose perchè non si mette a condividerla, potrebbe nascere un'opera.....
grazie della possibilità di intervento
Gio

giovanna pianta 23.06.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Mi sento chiamato in causa, essendo un ragazzo di 15 anni.
Forse fa tanto "in" criticare "i giovani d'oggi"; questa "gioventù bruciata".
Ho il motorino, si, anche scassato.
Ma scassato non perchè appena i miei genitori hannos sborsato 2000€ per prendermelo sono andato a schiantarmi da bravo pirla; no!
Solamente perchè me lo sono pagato con i soldi che mi sono raccolto in 14 anni e che, ovviamente, non potevano pagarmi che uno scooter vecchio e un po' rovinato.
Eppure ho il casco integrale e sempre allacciato e non ho birre sotto la sella.
Per dire una frase non ho bisgono nè di "cioè", nè di "tipo" nè di "cosa".
E neanche di "vai manzo!".
E' vero è pieno di 15enni coglioni; ma non venitemi a dire che i 40enni o gli 80enni sono tutti meglio.
Ascolto il punk perchè mi piace, non perchè va di moda. Ascolto De Andrè ed in questo momento Giorgio Gaber.
Mi piace leggere, mi piace Simenon.
Mi piacciono la Fisica e l'Informatica.
Non faccio parte di nessun branco, non mi faccio le canne, ogni tanto bevo, ma non mangio schifezze.
Faccio atletica e non calcio.
Il mio hobby al computer è programmare e tenere online una webzine sul punk, non giocare o visitare siti porno.
Nonostante tutto questo non sono considerato un "secchione", non vengo isolato.
Ho amici, come me, simili, diversi.

Matteo Loi 23.06.05 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con l'intento che la parola "odio" vuole esprimere. Ricordiamoci che igiovani di oggi sono il frutto dei grandi di oggi. E se i giovani d'oggi non hanno valori (o almeno così sembra) la colpa non è proprio tutta loro, ma un pò anche di noi, i genitori sempre meno presenti e sempre più disposti a regalare una playstation o un motorino, pur di togliersi i problemi dalle scatole, invece che insegnare a vivere; gli insegnanti sempre meno preparati, sempre più assenteisiti e politicizzati e sempre meno innamorati del proprio lavoro,(mia madre è stata insegnante e con le nuove riforme scolastiche è scappata perchè quel lavoro non era più lo stesso del quale si era innamorata anni fa) nonchè dell'andazzo generalizzato di un Paese (piove! Governo ladro) nel quale il Governo dovrebbe dare il buon esempio e invece sappiamo tutti che tipo di Governo abbiamo. E allora di chi è la colpa in realtà? Di tutti noi probabilmente, dal primo all'ultimo perchè il "buon" esempio lo diamo tutti in ogni manifestazione del nostro vivere anche inconsapevolmente ( se lo fa lui perchè non posso farlo io?), perciò quando un adolescente vi sfreccia di fianco con lo scooter mentre attraversate la strada rischiando anche di investirvi, come è capitato a me e vi manda pure a fan...o, prima di dire che ai nostri tempi c'era più rispetto (come faceva mio nonno),ricordiamoci che un pò di colpa è anche nostra. Ma purtroppo viviamo nel Paese del "chissenefrega", del "bastachenonmiromponoicogl...i" e del "megliofarsiifattiproprichepoisennò..."
l'importante è avere il calcio, neo "panem et circenses" della nostra epoca e se per caso la RAI non compra i diritti di tutte le partite dei mondiali allora si che si rischia la crisi di Governo. Come diceva mio nonno buon anima: "dove andremo a finire di questo passo?" che Dio ce la manni bbòna... e senza mutande!
Saluti
Francesco

francesco colaiacomo 23.06.05 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Ho 24 anni, adesso. La mia adolescenza non è stata facile, perchè odiavo anche io il branco, il casco poggiato in testa, i fiumi di alcool "per divertirsi", le discoteche piene di fumo, MTV e le sue cazzate, il rifiuto per qualsiasi manifestazione cuturale, i "questo libro è una m... e questo film fa schifo". Io, che a 16 anni amavo il cinema, la storia e facevo dei libri la mia scuola, non potevo tollerare la superficialità che mi circondava.
Eppure odiavo anche me stessa, perchè mi sentivo estranea, tagliata fuori. Dentro avevo un mondo che mal si addiceva alla "massa" in cui i muovevo a fatica. Oggi, quella massa non la rimpiango. Molte cose sono cambiate, ma quel mondo dentro di me c'è ancora, c'è quando la vita fa schifo, quando gli altri feriscono, quando sono in gruppo e quando sono sola coi miei pensieri.
Considerare la cultura "out", come un qualcosa di noioso e pesante da scacciare assolutamente, è l'errore più grande che la mia generazione possa commettere. E lo dice una che, pur passeggiando per musei e per le pagine ruvide di un libro, ha sempre amato ridere, scherzare e stare in compagnia. Ma non nel "branco".

Saluti

Chiara R. 23.06.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Ormai il "sistema", è basato su dei concetti che di ideale hanno poco e niente, tranne per le persone che sono al potere, e molto spesso nemmeno per loro, perché qualche volta gli si rivolta contro. Gli ideali vengono molto spesso soffocati e condizionati da quello che ci accade attorno... dal "sistema". Prendo per esempio, le persone che vengono rapite in Iraq. Loro credono nella pace, fin quando non vengono prese dai terroristi, e tenuti in ostaggio da 2 persone con un mitra ciascuno, allora magari potrebbe scattare la molla e potrebbero dire: MA CHI ME LO FA FARE?

Quello che voglio dire è che questo pianeta, soffocato sempre più dal "sistema" non lascia posto agli ideali, perchè devi pensare a come sopravvivere.

Marco Maggiore 22.06.05 14:18| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM REFERENDORUM
sono stata scelta per fare la presidentessa al seggio del paese in cui vivo..piccolo paese della provincia di Milano dal e per il GOVERNATORE(così è riportato sul frontespizio di numerose buste che la segretaria-mia mamma-compilava,lei sì,con impeccabilità);bolli di sezione che non si vedono neanche nei film di Totò,matite che si cancellano sforzandosi un pochino,e dapperttutto e solo politica-partitica!
pare che un recente decreto legge preveda il risarcimento di una quota del referendum allo stato da parte dei pomotori qualora non venga raggiunto il quorum..

alessandra dei 22.06.05 11:36| 
 |
Rispondi al commento

per marco bozzola
conosco um ottimo psicologo,penso ti possa servire...

i genitori repressi sono peggio di mtv e delle bombe inteligenti

niccolò francolini 21.06.05 16:24| 
 |
Rispondi al commento

...e soprattutto abbasso mtv e tutto ciò che gli fa credere che la vita sia tutta rose e fiori, flirt, e la maglietta carina... perchè al risveglio con la realtà (se mai arriva) il colpo è un po' duro...

Margie Viviani 21.06.05 05:55| 
 |
Rispondi al commento

Da adolescente cresciuto, dico :"Odio" la mia di generazione.

Francesco Caravelli 20.06.05 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Ho 26 anni e mi ricordo bene l'adolescenza. Sono perfettamente d'accordo con molte delle cose che Beppe ha scritto, ma voglio aggiungere un particolare: non scadiamo sempre nel buonismo del dare sempre la colpa ai genitori, alla società, alla televisione e probabilmente a Mandrake e ai semafori. Io mi sono divertito un bel po' (e continuo a farlo) seza canne, senza fare il maledetto "perché la scuola cioè fa troppo cioè schifo", senza casco slacciato, senza far cagare ai miei miliardi in capi firmati... potrei andare avanti, ma credo che sia chiaro il concetto; e tanti miei coetanei nella stessa scuola, nelle stesse condizioni socioeconomiche, con la stessa televisione passavano il tempo a inveire contro tutte le imposizioni del mondo (tipo i compiti in classe o la non libertà di drogarsi) pur avendo genitori attenti e disperati. Non è sempre colpa degli altri: a volte, semplicemente, la gente è una massa di stronzi. E gli adolescenti di oggi sono più stronzi di quelli di ieri grazie anche ad una cultura della stronzaggine che in parte (è vero) viene dall'esterno, ma in buona parte è tutta farina del loro schifoso sacco.

Carlo Baja 20.06.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Sogno di tornare 16enne, fare una bella colletta fra quelli della mia "cumpa", e coi 20€ racimolati... andare in pasticceria e comprare un bel cabaret di pasticcini da mangiare in riva al mare con una chitarra ed un falò, invece che comprare qualche grammo d'erba schifosa dallo stesso delinquente che mi ha rubato il casco sotto la sella del motorino

Davide Ricci 20.06.05 10:01| 
 |
Rispondi al commento

PER CHI HA CHIESTO DELLA FOTO...
PER ME NON E' BEPPE!
SONO I GENLTE GIANT... Credo...


WIK '78

Stefano Rossi 20.06.05 04:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro bebbe, come dice la pina a fantozzi "io ti stimo moltissimo...".
Mi permetto una riflessione, perchè parli e fai comizi come i tuoi "nemici" politici e poi ti riduci proprio come loro? Ovvero parli parli parli e parli ancora ma fatti ancora niente?
Se sapevi della vicenda Parmalat sei anni prima che accadesse perchè sei rimasto passivo? Sei il perfetto italiano, sepmre pronto a protestare ma soluzione concrete avviate di tua inizaitiva "zero" (e non fanno testo di sicuro i vari "Skype" ecc.ecc.
Un saluto italo-svizzero da Vincenzo.

Vincenzo Mammoliti 19.06.05 22:44| 
 |
Rispondi al commento

eccoci qua di nuovo a parlare di questa fottuta generazione...oramai priva di valori, figli di papà volete la macchina nuova, papà ve la regala,tieni amore mio oggi invece di 20 euro te ne do 50 perchè è sabato e magari stasera vai in discoteca (ad inchimicarti,pezzo di merda)...La scuola si è vero insegna ma li rimbecillisce tutti...escono a 30 anni dopo l'università e che cazzo fanno?? magari se sono fortunati riescono a trovare un posto da bidello...a te adolescente dico guadagnati la vita, impara ad arrangiarti che gli amici non esistono e datti una mossa lavora e basta sfilare soldi ai tuoi che magari pensano solo ad arrivare a fine mese per mantenerti piccolo imbecille...

http://progetto2005.splinder.com/

Marco Bozzola 19.06.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Credo d'avere voce in capitolo in quanto anch'io sono nell'adolescenza e nonostante che ci sia dentro fino al collo posso affermare senza pensarci due volte che questa genrazione (quella in cui mi trovo) fa davvero schifo. Adolescenti che inseguono ideali costruiti sulle menzogne e sulla suggestione dei media, senza ideali, senza prospettive... ma volevo giusto sottolineare che non sono TUTTE mele marce caro Beppe... anche se diciamo che il 90% degli adolescenti può essere considerato tale. In ogni caso sono d'accordo sulla tua ultima affermazione, questa generazione non si è fatta da sola, è il frutto della generazione precedente che io amo definire "la generazione del terrore". Disposti solo al confronto esclusivamente se hanno ragione e, nel caso non l'abbiano, sono disposti a fare carte false, avvalendosi del ruolo che DOVREBBERO coprire e del rispetto, inteso come una cosa che si deve a prescindere. IL RISPETTO SI GUADAGNA, NON SI HA A PRIORI!!! Non mi sorprende per niente che la nostra generazione sia uscita uno schifo di queste prorporzioni...
Spero che qualcuno legga queste folli righe scritte da un 15enne... senza considerarle spazzatura in quanto scritte da un adolescente...

Gabriele Primavera 19.06.05 13:35| 
 |
Rispondi al commento

condivido pienamente "l'odio" ,soprattutto per quel che riguarda gli ultimi tre versi.
adolescenti per tutta la vita! anche se come insegnante cerco di aiutarli a crescere.Ma chissà forse solo in qualcuno incido un po'....
odio la mia generazione per aver reso loro tutto facile e dovuto e per non saper loro offrire un futuro e dei valori in cui credere.
Proprio la mia generazione che credeva sinceramente , almeno per quel che mi riguarda,in valori,conquiste sociali e un modello di società giusta per tutti.

elena fazi 19.06.05 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno diceva:
"Se i giovani non capiscono i vecchi sono da capire, ma se sono i vecchi a non capire i giovani allora è molto grave, perchè si sono dimenticati che anche loro sono stati giovani."
Credo sia quindi chiaro qual'è la mia idea su questo intervento: inesatto, errato(ma non del tutto =PP).
Di solito sono d'accordo con le tue idee, ma questa volta no.
Sono un Ragazzo di 16 anni che nn porta i pantaloni sotto il culo, che nn si fuma i neuroni con gli amici, che beve il sabato sera quando esce(se bere 2 birre medie con la pizza e un cocktail non mi sembra essere tanto...), che si veste con le prime cose che trova nell'armadio la mattina presto, che legge ilbri, che si chiude in camera con il suo pc, che legge manga(fumetti giapponesi), che sa stare e adora stare con la gente a parlare,ridere e scherzare e che guarda con lo sguardo perso fuori dalla finestra i palazzi tutti uguali della sua Genova pensando a cosa può fare lui per migliorare il suo mondo, a come nn far scoprire una mia cazzata ai genitori, a come cercare di soprivvere quando nessuno ti aiuta e ti giudica solo perchè sei su una panchina, per la strada, davanti alla finestra ... con lo sguardo spento, senza minimamente immaginare nulla, pensando che nn abbia problemi(si ma senza i miei "non problemi" nn avrò mai i vostri "problemi" ci avevate mai pensato?) e che nn abbia voglia di far nulla, perchè ho i capelli lunghi e ho lo sguardo spento su una panchina alle 3 del pomeriggio.
Eh... si ora vi lamentate di noi, ma se nn fate nulla per aiutarci, chi si prenderà cura di voi quando sarete inermi? poi vi sentite risentiti se venite sbatutti in case di riposo invivibili e soffocanti,senza vita ne'affeto, aspettando inermi che passi; la morte senza godersi i propri ultimi momenti con le generazioni dei vostri nipoti.
Ma sapete qual'è il nostro, quindi il vostro, problema? L'epoca.
la nostra è di relativa pace(infatti la guerra mica l'abbimo in casa rischiando di essere bombardati senza aver fatto nulla, ma esiste, e molti innocenti pagano con il loro sangue la naturale follia umana: la guerra) l'uomo da il meglio di se nelle situazioni di pericolo, quando deve combattere per avere la + indispensabile delle cose, non come oggi che "tutti i pochi" io mi chiedo come si possa comprare un cellulare a un ragazzino(o forse sarebbe + giusto dire bambino...)o ancor peggio un MOTORINO.
Qualche giorno fa stavano parlando di motorini e uno mi ci dice:
"diddy quando ti comprano il motorino?"
"mai credo, nn lo voglio"
"Cazzo ma hai 16 anni e nn hai ancora il motorino e nn lo vuoi, sei proprio uno sfigato!"
La mia mano fremeva dalla voglia di tirargli un bel cartone sul naso, ma purtroppo nn si può fare quello che si vuole... mi sono limitato a dirgli:
"fiero di esserlo, e fiero anche di non essere un pericolo per me ma sopratutto per gli altri con quell'affare in mano."
Parlando di mtv, sono d'accordo, la sua musica viene suonata a migliaia di volte in tutte le radio e i suoi programmi sono + trash dei baletti della Lecciso ma personalmente seguo i suoi anime(cartoni animati giapponesi) che ritengo essere le uniche cose gurdabili su quella rete.
Infine sul fatto che la colpa della nostra mancanza di vaolori etc. è dei genitori, nn è completamente vero, in quanto nemmeno noi facciamo nulla per migliorare, torviamo scuse inesistenti solo perchè abbiamo paura del mondo stesso in cui viviamo e ancora di + in quello che ci "prepariamo" ad abitare(quello che ora è il vostro).
Perchè non abbattiamo queste stupide barriere? perchè non cooperiamo invece di offenderci e criticarci? ci daneggiamo e basta invece di costruire e ripare ciò che non funziona

Spero di aver fatto riflettere e spero che qualcuno faccia riflettere ancora me con i suoi futuri commenti^^
(scusate per la lunghezza del mio post ma ho dovuto tagliare un sacco di pezzi e mi è dispiaciuto... data anche l'ora nn molto consona mi scuso per la mia eventuale grammatica\sintassi\punteggiatura scoretta)

Ciao beppe, non si può fermare chi crede nelle proprie idee e vuole trasmetterle: tu ne sei la prova!

Di Dio Riccardo 18.06.05 02:20| 
 |
Rispondi al commento

penso preoprio che tu caro beppe hai ragione ! ma la colpa dei giovani bruciati di questa societa' e dei genitori, i quali non sono in grado di dare valori sani ai propri figli .
oggi non si crede piu' in nulla ma solo nel dio danaro e nel successo ! vorrei gridare ai giovani di riabbracciare la fede in gesu' cristo perche' solo lui li puo' liberare da tutti questi falsi idoli che li circondano in questa societa' priva di tutti i valori morali e religiosi. a me mi ha salvato gesu' e d e' per questo che faccio quest'appello . ciao ! in attesa di una tua risposta ! se possibile .

RAFFAELLA MASINI 17.06.05 22:27| 
 |
Rispondi al commento

10 e lode.......
ma possibile che gli abbiamo lasciato solo il peggio....

la LIBERTA' è partecipazione (G.Gaber)

Francesco Panceri 17.06.05 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Non ho paura di questo uso sistematico della parola "Odio".
Accompagna adeguatamente tutti gli usi e costumi da te diligentemente elencati (e quanti ne mancano ancora!).
Quello che mi fa veramente paura è guardarmi allo specchio ed ammettere (con tutti i miei ideali di sinistra...se ancora si può dire)che la tua chiusa sull responsabilità generazionali e genitori

Antonio Zanza 17.06.05 18:28| 
 |
Rispondi al commento

DEDICATO AI GIOVANI:


L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà:se ce n'è uno,è quello che abitiamo tutti i giorni,che formiamo stando insieme.Due modi ci sono per non soffrirne.
Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.
Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui:cercare e saper riconoscere chi e cosa,in mezzo all'inferno,non è inferno,e farlo durare,e dargli spazio.

LE CITTA' INVISIBILI" di Italo Calvino

nicola cellamare 17.06.05 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Si, comunicazione...si skype.... si al web e all'informazione non spazzatura! non quella del nano economo, industriale, fattorino, agricoltore, e potrei dirne miliardi....ghghgh...ma attenzione! NON DIMENTICHIAMOCI DEL MIO SUD! Li fare arrivare molte cose è più difficile! ci vuole 10 volte la fatica a volte...!!!! Aggriorniamoci..ma non perdiamo nessuno per strada... è li che loro vincono.. e anche e sopratutto li che i referendum non passano... Se l'italia ha un computer ogni 3/4 persone..il sud ne ha 1 ogni 7/8.... Odio chi si è dimenticato della mia terra! Ma la amo troppo per dimenticarmela! e vedi tu se queste cose le devo dire io che ho 21 anni...

Alfredo Spagna 17.06.05 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Posso aggiungere una cosa importantissima che nessuno ancora ha detto? La nostra generazione (io ho 23 anni), è ancora in tempo per salvarsi, quella che ormai è rimasta fregata è quella di Beppe e dei nostri genitori (tutti i politici 50enni di oggi, il tronchetto dell' infelicità, vi dicono niente?). NOI ce la possiamo ancora fare, dobbiamo ancora crescere e sta soloamente a noi (principio dell' esclusività del diritto soggettivo assoluto) decidere come e per quale fine.
Coraggio, possiamo ancora combattere bene (il discorso non vale per chi guarda MTV che purtroppo causa effetti irreversibili sul ceervello umano)

Claudio Carroccio 17.06.05 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe

continuo a pensare che di questa rubrichetta degli "odio" potremmo tranquillamente farne a meno.
Nessun essere intelligente puo' davvero odiare, è un sentimento estremo tipico degli ottusi, frutto dell'ignoranza, di una visione parziale e distorta della realtà (non per niente è un sentimento tipico della destra conservatrice e dei movimenti religiosi).

Esempio di visione parziale (leggi di "odio", come lo scrivi tu tra virgolette): non molto tempo fa proprio tu, Beppe, lanciavi strali velenosi contro Internet, oggi dici che salverà il mondo... (esagenrado dinuovo).

E allora? Cui prodest (a chi giova?)
Dammi retta, lascia perdere. Dicci piuttosto quello che tu ami, sarebbe assai piu' interessante.

Salutoni

Duilio

Duilio CUSANI 17.06.05 10:32| 
 |
Rispondi al commento

L'adolescenza…l'età dell'ignoranza.
A 14 anni è giustificabile non sapere, biasimevole non aver voglia di imparare.
Ho 21 anni, ho sempre amato lo studio e, malgrado i sacrifici, credo mi abbia donato una certa opulenza. Non penso che questa consista in una mera acquisizione di nozioni: lo studio porta a riflettere, riflettere a crearsi uno spirito critico.
Sembra di assistere al preambolo degli scenari di paventate utopie stile Fahrenheit 451 o 1984. Ragazzi ci vogliono riempire la testa di melma perché a loro conviene così! A loro fa comodo avere una scuola classista alla Moratti (Grillo se fai una congiura -pacifica!- per spodestarla sarò dei tuoi!), sfornare abili lavoratori poco pensanti che sorvolino sulle loro magagne. Mtv e la televisione in genere è ormai diventata il cavallo di battaglia di una politica evergetista, che spera di placare il popolo con poco panem, molti contratti cococo e tanti circenses (ahimè! spesso circenses politici…). Il risultato è sicuramente più evidente nei giovani, la cui personalità è ancora in via di formazione, anche perché non viene offerto loro un modello alternativo. Certo è più facile andare a sculettare in dementi trasmissioni stile "Mai dire gol", esibendo costanti sorrisi prezzolati, che passare i pomeriggi a studiare anatomia. E il cruccio è che gli irragiungibili archetipi ormai non sono più sapienti medici che pongono il loro sapere al servizio degli altri; o brillanti professori che iniziano giovani adepti alle profondità del pensiero. No! I modelli ora sono i glabri pettorali di Costantino e sodali! Si chiede alla scuola di intervenire. Ma mi è capitato spesso di assistere a patetiche insurrezioni di genitori che recriminavano presunte iniquità di insegnanti troppo severi. Come si può chiedere alla scuola di far valere la propria autorità dopo averla vituperata e infangata davanti a coloro che dovrebbero poi essere guidati da essa?
Quest'odio nei confronti degli adolescenti credo sia piuttosto rivolto alla futura società che andremo a formare. Perché se coloro che hanno vissuto nei tanto impegnati anni '60 hanno prodotto tanta sozzura, cosa farà la mia generazione che si dimostra costantemente nichilista?
Non credo di dovermi offendere per questo moto d'astio, lo prendo piuttosto come un monito che mi distolga dal tralignare!
Complimenti per il sito e soprattutto per presentare un'Italia recondita che continua a sognare e a pensare…

Loretta Piras 17.06.05 01:12| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo e questa e la triste realta, delle nostre generazioni ,,,,,,
pero io continuo a dirlo,, l unica cosa che dovremmo fare qui e agire, o non arriveremo da nessuna parte, questo blob che trovo fantastico ci serve solo per stimolarci a dover lottare di piu! dobbiamo riprenderci tutto quanto! anche la serenita per chi mette al mondo un figlio.
Qui in italia, purtroppi i ragazzi hanno troppo tempo libero, e questi li porta ad assorbire tutti quei brutti segnali che il nostro mondo oggi vuole ficcarci nelle testolina,,,,, quindi direi che l unica possibilita ad oggi e coinvolgerli il piu possibile,, in qualche altra attivita,, io avrei un idea, ma purtroppo c e necessita di almeno un 40 persone che possano far parte di un qualcosa di serio.
xxxx

paola buonfiglio 17.06.05 00:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,ho 20 anni...e non sò cosa risponderti...se ti dicessi che mi sento totalmente estraneo alla massa a cui ti riferisci,bè,cadrei di sicuro in contraddizione.Ma mi sento disorientato(se avessi detto"solo"non avrei usato il termine giusto),mi sento come il Winston Smith di George Orwell,non sò cosa sia giusto fare o pensare,non sò di chi posso realmente fidarmi,chi davvero può comprendere ciò che provo.In parte odio profondamente i miei coetanei ma non me la sento di giudicarli come te,abbiamo la mente annebbiata tutti quanti,dal primo all'ultimo...tranne coloro che sono stati capaci di costruire tutto questo,quelli che sono capaci di creare il vuoto dentro la gente.

Marco Giacalone 16.06.05 20:01| 
 |
Rispondi al commento

referendum: mi kiedo, visto come è andata, se valga ancora la pena di buttarci il sangue su certe battaglie... ogni volta mi ritrovo a distribuire volantini per tutta la città, a spiegare alla gente, parlare, parlare. ma questo paese è indifferente, egoista, ognuno pensa al suo orticello, e se gli toccano le tascke magari si arrabbia, ma non vede al di la' del proprio naso. triste...

Cristian Iannuzzi 16.06.05 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Ringrazio il cielo di non aver vissuto la mia infanzia e adolescenza nella cosidetta societa' civile. I miei primi 15 anni della mia vita in Africa nera con mamma, papa, fratello e sorella....gli anni 80 in Africa...vita spenzierata e senza troppe seghe mentali!!!moda, cinema, branco, codici, stress, consumismo..mai saputo cosa fossero..quanti bei ricordi... Qualche giorno fa' sulla spiaggia ho sentito un vucumpra africano scherzare con una piccola bimba in lacrime 'smettila piangere senno io prendo te, ti porto in Senegal e ti faccio diventare nera!!'..bella frase..proprio bella...fa' riflettere sicuramente.

Grazie Africa per il bel regalo che mi hai fatto.

Ciao e su' con la vita.

Rick

Repetto Riccardo 16.06.05 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti davvero :D condivido pienamente tutto ciò che ha scritto e soprattutto sono felice che ci sia qualcuno che la pensi come me:
"odio soprattuto la mia generazione che gli ha tolto la speranza, la fiducia e i valori nei quali credere e per i quali è giusto crescere."
PAROLE SANTE! ;0)

michele Nero 16.06.05 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono uno della tua generazione...ma non concordo sulla parte conclusiva del tuo pensiero.
"Le colpe dei padri ricadono sui figli" è un ragionamento che non sta in piedi perchè sarebbe come rotolare un masso giù da una scala.
Certo che dobbiamo trasmettere certi valori e avere un comportamento, noi genitori, ADEGUATO.
Ma il mezzo televisivo è contro di noi e spara sui nostri figli ore e ore di merda, li devia, li rende schiavi di comportamenti assurdi e ideologie legate a ...soldi, potere, successo, bellezza, salute e vita eterna !!!
Noi dobbiamo essere il primo esempio, quello più vicino, ma non siamo certo il più invasivo.
Sedere a tavola con la tv spenta può essere un segno molto forte per i figli...e ci si diverte anche molto di più a parlare di noi.
Saluti.
Alberto Lodi

alberto lodi 16.06.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

E bello vedere come la parola odio dia fastidio a molti eppure siamo in guerra.

Ci hanno insegnato a parlare bene ma non a fare bene.Siamo così abituati allo schifo che non lo riconosciamo più.

nicola cellamare 16.06.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ti adoro, ma mi fa male vedere la parola "odio" in grassetto nel tuo blog. E mi fa male che tu la dedichi all'età più difficile e lacerante della vita. Non tornerei adolescente per tutto l'oro del mondo.
Un caro saluto
Michele

michele impedovo 16.06.05 12:59| 
 |
Rispondi al commento

giovani...adolescenti.....
mi ricordo (ho 40 anni)della mia adolescenza?
io si :ero un paninaro(che tristezza),portavo le scarpe senza stringhe,due camice una sopra l'altra
se eri giusto, eri gallo, se eri sfigato ,eri un gino.
i ragazzi piu' grandi quando passavo dicevano "ma come c****o sei vestito"solo che quando andavi nei locali giusti, se avevi le scarpe senza stringhe entravi, senno ciaooo....
anche a me i giovani d'oggi non piacciono ,ma sapete perche? perche li invidio !!! e tanto, , adoro vederli vestiti in maniera incredibile e nei colori piu' disparati, adoro i
capelli lunghi tipo rasta, o tipo nero anni 70,
sapete cosa mi spaventa? io alla loro eta ero molto,ma molto piu' fesso.. loro sanno tutto di tutto.. per loro internet e' la nostra enciclopedia "i quindici" ve la ricordate? ecco e questa disillusione queste finte certezze che mi preoccupano......ma ho fiducia in loro ......
cleo

VENTURETTI CLAUDIO 16.06.05 12:20| 
 |
Rispondi al commento

sono l'1.46 del mattino passavo di qua e leggo molti commenti che dire.come diceva un mio ex collega di lavoro prima di perdere il posto,non esistono verita essistono punti di vista

michele bbbb 16.06.05 01:48| 
 |
Rispondi al commento

ODIO?No meglio non odiare,perchè loro sono il frutto dei "nostri sbagli",hanno una scuola che non serve se non esplicitamente per quello che si chimava "il pezzo di carta",hanno un mondo che li bombarda con il suo bisogno di consumo e hanno dei "genitori" che hanno perso la loro identità e preferiscono pensare alla "QUALITà" del tempo trascorso con i propri figli.Recuperare tempo,troppi straordinari per poter fare carriera,per poter comprare al proprio figlio il cellulare figo,far fare le ferie con gli amici(un anno di scuola prova),comprare la 1 moto,poter farli sentire uguali,tutti figli del dio denaro.Loro sono così perchè qualcuno gli ha trasmesso questi valori,non esistono più le ribellioni,del resto da una pecora non può che nascere pecora.!Che tristezza

marty scalas 16.06.05 01:15| 
 |
Rispondi al commento

io ho 26 anni e una sorella di 12.Anch'io sono innervosita dalla noia e l'apatia che tante volte le vedo adosso, dal suo bisogno di uscire truccatissima, fighissima, profumatissima e pettinatissima. Non so se è invidia, forse può essere che io inizi a sentire la giovinezza sfuggirmi; credo, però, che l'irritazione che provo quando sento che il suo mondo è diviso fra sfigati e non sfigati(per intenderci belli, alla moda, eccentrici e con soldi) sia qualcosa di genuinamente umano...
...e neppure mi sento responsabile di non averle dato modelli diversi a cui ispirarsi..ho girato vestita con i camicioni di mio nonno e con vestiti alla buona per moltissimo tempo..help..non ci capisco più nulla.. sorella in panne

francescavi 15.06.05 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
approfitto del tuo spazio per uno sfogo che spero faccia riflettere tutti e, per me, spero mi faccia sentire meno sola. Uno dei miei figli è stato bocciato, per la seconda volta. Bè, che c’è di strano? Capita. Già sento altisonanti le urla di chi mi consiglia: mandalo a zappare!!! Potevi pensarci prima. Forse ha sbagliato scuola. Forse non sei abbastanza severa. Forse non è intelligente!! Magari ha altro per la testa!!!
Personalmente le ho provate tutte: dalla severità, al dissodamento della terra, all’aiuto incondizionato su tutte le materie (sono insegnante), a cercare aiuto nella scuola, a lasciarlo stare e, poi, non ricordo più. Non credo sia giusto per la sua intelligenza non permettergli di conseguire un titolo, non tanto per il titolo in sé (anche se non lo sottovaluto); mi trovo di fronte ad un ragazzo quasi 19enne che non studia mai, quando lo fa, da solo o con me, si mostra entusiasta e per di più molto molto perspicace, ma è come se rifiutasse l’interrogazione e il modo di interrogarlo. Non so. Il problema è ora che l’unica possibilità è di pagare una scuola privata (minimo 4500 Euro) ed io mi chiedo ancora perché non c’è la possibilità di recuperare, perché permettiamo che in questo sistema scolastico retrogrado l’unica novità è quella di portarsi dietro i debiti. Il sistema dei crediti e dei debiti può solo funzionare in un sistema scolastico diverso (su cui tra l’altro ho seri dubbi), comunque nel quale i crediti acquisiti in una materia e sufficienti al proseguio scolastico devono garantire il minimo indispensabile di “nozioni” di base per poter andare avanti. Invece qui succede che per alcune materie si va avanti anche se non si ha un minimo di conoscenza. Poi gli adolescenti, grazie a Dio, sono furbi e cosa fanno?, almeno quelli che non hanno una gran voglia di studiare? Stabilito che con tre debiti la promozione è garantita, lasciano stare tre materie e studiacchiano le altre. Insomma può succedere che in un liceo scientifico per un anno un alunno venga promosso con debiti in matematica fisica e latino, oppure in un liceo classico con debiti in italiano, latino e greco. L’anno seguente, in genere a fine settembre, fanno un esamino di recupero: qui da me la scuola fa corsi di recupero, ma mai questi, da quando ho figli, impegnano i ragazzi per più di 8 ore, la scuola, infatti non ha mai i soldi sufficienti per permettersi corsi di recupero seri. E a questo punto la prima domanda: ma se i professori fossero motivati, preparati e pagati di più, non sarebbe giusto che dopo un periodo ragionevole di ferie (luglio o agosto) si dedicassero a corsi di recupero giornalieri? No, questo non è nemmeno proponibile. Quindi ,chi può, ricorre a lezioni private (ho pagato 33 Euro l’ora per la matematica dei miei figli) e, per di più, non sempre loro accettano questa soluzione perché, anche se non superano l’esamino di recupero di fine settembre, in ogni caso sono stati ammessi alla classe superiore, con effetti deleteri sul rendimento sia in termini di continuità sia in termini di motivazione. Così loro arrancano e i genitori si affannano a cercare di farli recuperare e spendono soldi. Intanto i furbi e intelligentissimi adolescenti decidono, strada facendo, la via migliore per evitare la bocciatura: per esempio, “lascio stare la matematica anche se ho il debito dell’anno scorso” (non ho mai capito quanto vale un doppio debito se due, uno e mezzo o varia a seconda della valutazione sulle altre materie), per una delle altre materie con debito precedente, per esempio latino, faccio una studiata pazzesca sulla letteratura, la professoressa è costretta a dare un buon voto (per esempio 7), “come fa a non considerare che anche se ho il debito dello scorso anno ho pur sempre un sette? “ L’altra eventuale materia dell’anno precedente ……………… basta che prendo un cinque, chè per bocciarmi devo avere insufficienze gravi!!!!!!!!!
E questo è solo il primo dei punti sui quali voglio sfogarmi. In questo sistema antico/moderno, quanto vale il disagio di un ragazzo? Non dico disagio intellettivo, quanto il disagio che deriva dal disinteresse in gran parte dovuto a quanto detto prima?
Questo non vale. E’ sempre colpa del ragazzo, della famiglia, della TV, degli spinelli, della playstation, dei divani, delle veline, delle lauree honoris causa ai motociclisti ……………. No, non occorre andare lontano, il perché, la colpa, le speranze, i motivi, ce li abbiamo davanti, sono quei ragazzi, belli, intelligenti e tanto tanto insicuri. Bisogna essere forti e credere in loro perché forse per noi era diverso ma chi di noi non ce l’ha fatta era magari, da adolescente, uno con genitori perfetti, con divani perfetti, TV satellitare, di successo che continuava ad odiare e mai amare le potenzialità insite in un adolescente.
Sinceramente io odio odiare tutto, ma invece che cercare un dialogo stentato con i nostri reticenti ragazzi, perché non cerchiamo un dialogo tra noi. Noi e la scuola, noi genitori, noi tutti?
Angosciata ma speranzosa mi firmo con uno pseudonimo.

giulia dari 15.06.05 21:49| 
 |
Rispondi al commento

GRANDE!!!
E' una vita che lo dico, e (porca miseria) ho solo 24 anni!
Ma come si fà ad uscire dall'adolescenza quando c'è un mercato silenzioso che sprona i giovani a restare giovani e... coglioni?!?
E non parlo solo delle televisioni, o dei media, ma parlo dei genitori perchè sono LORO ad essere maggiormente influenzati dai media; noi ci siamo cresciuti in questa merda che non abbiamo voluto...
A scuola dipende da molte cose, a me mi han cacciato da scuola a 17 anni dicendo che meritavo 7 ma mi davan 5 e mezzo perchè "SAPEVANO" che non avevo studiato... in un interrogazione!... come fai a ragionare con persone così?

P.S.
Un consiglio per i genitori che non sanno che dire quando certi professori vi dicono che vostro figlio o vostra figlia è intelligente ma non si applica, non vi preoccupate!!! Vuol dire che gli sta sulle balle vostro figlio o figlia o magari voi ma non sanno cosa dire! CIAO!

Andrea Ariberti 15.06.05 20:25| 
 |
Rispondi al commento

e il suo cazzo di fanciullino.

Valerio Zappa 15.06.05 18:50| 
 |
Rispondi al commento

ah, è naturale che su tutti odii Giovanni Pascoli.

Valerio Zappa 15.06.05 18:49| 
 |
Rispondi al commento

ho sempre odiato l'adolescenza... anche quando ero adolescente... forse è perchè odio la specie umana, non so... o magari odio me stesso. sì, sicuramente perchè odio me stesso...

Valerio Zappa 15.06.05 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, concordo con molte delle cose che hai scritto riguardo gli adolescenti. Anch'io non sopporto vedere queste mandrie di pecore andare su e giù per il corso del paese "vestiti" (e svestite) di tutto punto. Non sopporto vederli ciondolare senza uno scopo sulle panchine del vialone. Odio vedere ragazzotti di 15 anni con gli occhi rossi per le canne, seduti sulla loro macchina truccata, estremamente inquinante, che rigurgita "musica" tecno da casse anch'esse truccate che renderebbero sordo un pipistrello a centinaia di km. Odio vedere questi bulletti di periferia vomitare le loro ca***te razziste contro un povero ragazzo senegalese che cerca solo di sopravvivere. Odio le loro ragazzine ocheggianti, occhieggianti e ancheggianti. Odio dover vedere tutta questa pelle ogni volta che esco, è un insulto al buongusto, mi urta. Odio vedere ragazze giovani truccarsi per sembrare 10 anni più vecchie. Odio veder disprezzare i libri e vedere il risultato che questo disprezzo ha sulla strana lingua che parlano.
Uno poi pensa: ma dove sono i genitori? Com'è possibile che una madre lasci uscire una figlia conciata in quel modo?
Domande che sorgono spontanee...però a volte è impossibile riuscire a far ragionare gli adolescenti di oggi! proprio non ascoltano. L'autorità genitoriale non esiste più! Esistono solo gli amici, quello che pensano loro, null'altro.
Ma davvero tutto è perduto? io dico di no, perchè per 20 adolescenti caproni io sono sicura che ne esiste uno che ragiona con la sua testa! Lo vedo nella mia sorellina, una ragazzina di 14 anni che ad una compagna di scuola (che fa parte dei 20) che un giorno le disse "Tu ti vesti proprio male", rispose "A me non interessa. Mi piacciono i miei vestiti".
Credo che alla base di tutto debba restare la speranza, perchè la gente cambia...si evolve...magari la maggior parte resta pecorona e ottusa, ma ci sarà sempre una parte per cui varrà la pena sostenere l'adolescenza.
P.S. Chi scrive è una ragazza di 24 anni che ha ancora bene in mente tutte le lotte dell'adolescenza, il pugno di ferro dei genitori, ecc. e non credo che il pugno di ferro sia la soluzione, anzi...la soluzione è data solo dal dialogo e dal rispetto...per avere adolescenti non ottusi ci vogliono genitori non ottusi!

Francesca Lenti 15.06.05 18:39| 
 |
Rispondi al commento

ciao...era la prima volta che lo leggevo...mi è piaciuto molto...mi piace come scrivi...molto semplice per tutti...comprensibile e vivace...corretto e alto con tutte le tue belle parolacce! federica

federica avanzi 15.06.05 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Oggi ho avuto una furibonda discussione con un "cattolico integralista": ho espresso il mio punto di vista che verte sul fatto che andare a votare è un diritto ma anche un obbligo visto che generazioni prima di noi hanno combattuto per acquisire questo diritto di espressione.
Andare a votare non vuol dire essere d'accordo, si può anche dissentire, ma non si può astenersi sperando di non raggiungere il quorum e svuotare così di "peso" l'argomento trattato.

Questa cara persona mi ha attaccato dicendo se sapevo per cosa andavo a votare e se conoscevo il significato di procreazione eterologa; spiegato l'argomento la risposta è stata: e tu permetteresti che donando il seme ci sia la possibilità di far sposare due tuoi figli nel caso che il figlio concepito con il seme donato conosca e sposi l'altro tuo figlio avuto regolarmente? Per me (lui) è una cosa contro natura e inaccettabile.

Sono rimasto sbigottito!! Ma questa è fantascienza!! Capisco che ci sia una percentuale che questo possa accadere, ma è talmente bassa da essere trascurabile; d'altra parte in ogni cosa che si fà c'è la possibilità che questa ingeneri problemi più o meno gravi, ma il progresso passa anche attraverso questo.
Non sarà che noi siamo ancora troppo "acerbi" per recepire tali argomenti? Pensate a come valutiamo ora i comportamenti dei ns. avi di inizio secolo su temi quali salute o lavoro, non è che ci conveniva vivere nel prossimo secolo?????

Luca Branco 15.06.05 16:44| 
 |
Rispondi al commento

grillo sugli adolescenti

daniela palumbo 15.06.05 16:27| 
 |
Rispondi al commento

io preferisco jack folla...

gsdsfsd rfsdfd 15.06.05 16:02| 
 |
Rispondi al commento

ti conosco di nome. solo quello. sono capitata qui per caso, e mi ha colpito il tuo post sull'odio. come dire... sono un'adolesciente, di quelle che 'fuggo di casa' 'sveglia alle tre' e di tante cose che hai scritto... be, semplicemente volevo dirti che anche io come adolesciente amo e odio tutto questo, amo il 'non sono ancora grande e posso fare tutto prima che il meschino mondo mi inglobi' amo la ribelione, odio la resa che verrà dopo la ribelione e di cui i nostri genitori sono palesi esempi. odio quando ti dicono 'tu non hai problemi a cui pensare' ma amo anche quando te lo dicono perchè comunque sia ti invidiano.
odio questa società incapace di darci qualcosa in cui credere, odio il futuro che ci attende, odio dover crescere.
spero che leggerai questo commento, anche se ho notato che te ne lasciano molti.
scusa per la forma ma non ho tanto tempo. alla prox. miki

michela paci 15.06.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

ho la mano alzata!!!

stand up and shout it out loud!!!!

Francesco Coldesina 15.06.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,non ti seguo da molto, devo dire la verità, ma sono molto contenta di averti "conosciuto". questo tema dell'adolescenza forse non mi interessa più anagraficamente, ho 23 anni, ma dentro mi sento ancora 1 adolescente. mi sento ancora quella che si alza a mezzogiorno la domenica perchè la sera ha tirato le 5 e ha magari bevuto, mi sento ancora quella che fa gli happy hour, quella che dice "tipo?" "cosa?" "cioè?".. insomma l'adolescenza non è basata sui modelli visti intv ad mtv(ceh personalmente non seguo), ma l'adolescenza te la crei tu, bella o brutta che sia..e tu l'hai capito, come al solito, ormai non mi stupisci, tu capisci tutti alla perfezione. e io dentro sono ancora 1 adolescente con una voglia di vivere immensa.un bacio kià

chiara pezzotti 15.06.05 14:58| 
 |
Rispondi al commento

FUCK MTV AND ALL RADIO STATION WANT PLAY WITH ME
(MOP DEEP)
chi è d'accordo alzi la mano

ANTONIO CAIAZZO 15.06.05 14:48| 
 |
Rispondi al commento

gli adolescenti moderni sono i primi nella storia a non avere un supporto morale - genitori - disposto a seguirli durante la loro maturazione, che comincia dal momento in sui cominciano ad urlare al mondo di esserci anche loro. non avendo nessuna spalla su cui appoggiarsi, cercano disperatamente una soluzione alternativa, e quindi ecco che il brillante beppe attacca i branchi. purtroppo, cari genitori del 2000, non siete nient altro che produttori di esseri umani che se ne fregano di coltivare la vita, ma cercano costantemente di rimanere ventenni per sempre, e le madri sognano che un giorno spuntera un bell'uccellone in mezzo alle loro gambe, per essere sicure di avere la parita' e togliersi la responsabilita' di crescere il risultato di una scopata da mbriachi.
le donne moderne hanno scombussolato l'equilibrio famigliare perche' nessuno ha spiegato loro che senza una mamma come la mia, e so che ce ne sono altre ma sempre meno, il figlio si sveglia alle tre del pomeriggio perche non ha nessun motivo di svegliarsi prima (anche se lo fa, e' solo come un cane quindi meglio dormire e aspettare che scenda la notte per spaccarsi la faccia con il resto del branco), guarda mtv perche' senno vive nel silenzio totale (e sappiamo tutti che mtv e' il portavoce del diavolo americano che spinge i ragazzi per farli diventare tutti uguali, marionette spinte a consumare comprare spendere). a scuola ci dicono che per entrare nel sistema business dobbiamo imparare a soffocare le nostre rabbie e trasformarle in produttivita', per ottenere una promozione che fara' felice i genitori (e chissenefottelaminchia??!!) in una multinazionale che opera in culo ai lupi sfruttando fino all'osso dei poveracci privati della loro terra (chissa' se tra 100 anni i cinesi arriveranno anche da noi a rompere i maroni come abbiamo fatto noi per secoli... e li do ragione a beppe!). guai pero avere sensi di colpa, gli azionisti non lo approverebbero... siamo diventati una societa' di sciacalli che fa di tutto per coltivare nella mente delle nuove generazioni la stessa mentalita' lucrativa e distruttiva. e quando cominciamo a dire no, ci fumiamo una tromba, o ci pigliamo una sbornia ci etichettano come "una gioventu senza valori, senza volglia di lavorare, senza principi..."...

ma andate tutti a fanculo, onestamente. quando trovero' la donna giusta (e quindi non per forza di cose una strafiga 906090 tutta in tiro D&G - anche se nn mi farebbe schifo...) che si rende conto della sua responsabilita' e della suo compito meraviglioso di crescere ed educare i futuri cittadini italiani nel mondo, allora faro' di tutto per costruire una famigla solida attorno a lei - che e' l'oneroso compito del marito - , con dei principi che siano basati sui valori veri e sinceri, e non su tutte le stronzate che ruotano attorno all'ipocrisia moderna. prometto.

saluti a tutti,

Francesco

Francesco Coldesina 15.06.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Olio di semi di colza
Si ricava dai semi di Brassica napus oleifera e di Brassica campestris, della famiglia delle crucifere. L'olio che si ottiene contiene una notevole quantità di acido erucico, una sostanza che viene metabolizzata con difficoltà dal nostro organismo umano e che si accumula nei grassi del muscolo cardiaco, causando alterazioni.
La legge impone che nell'olio di semi vari e nelle margarine non sia presente una quantità maggiore al 5% di acido erucico. Dato che l'acido erucico è di fatto un veleno per il nostro organismo, perché consentirne l'uso anche solo di una piccola percentuale? La risposta è di carattere economico: l'olio di colza costa poco e il suo uso è molto diffuso negli oli e grassi utilizzati dalle industrie alimentari.

Qualcuno mi può dare delucidazioni in proposito?

Lucio Ciarimboli 15.06.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Come cambiano i tempi...
Come fa male vedere il quartiere dove son cresciuto da bambino così diverso,così triste,così silenzioso. Quando due panchine erano le nostre porte da calcio, quando girare intorno a tre palazzi con la bmx diventava il nostro giro d'italia,quando passavo ore sotto il balcone dove abitava quella bimba bionda che tanto mi piaceva e speravo di vederla,anche se solo per un istante,quando prima di una partita nel campetto di sassi e ghiaia toglievamo con ogni mezzo le innumerevoli m...e di cane che padroni che non oso definire portavano li appositamente... forse perchè le risate dei bimbi che giocano a qualche represso facevano male. Certe mattine d'estate mi alzavo col terrore che fosse tardi, assalito dalla paura di non riuscire ad arrivare in tempo per esser inserito nella squadra di un torneo organizzato in 5 minuti...dissi un giorno alla nonna... "nonna,quando divento grande e mi sposo mi comprerò una casa qui in Valleverde così sarò sempre qui"
Sino quasi a 18anni è stato il mio regno,il mio paradiso ma non poteva durare x sempre e pian piano ognuno ha fatto la sua strada, il gruppo (e non branco!)s'è perso ma quando rivedo i compagni d'allora il ricordo torna a quei giorni e si sogna ricordando.
Prima della nostra compagnia ce ne son state altre si andava a generazioni decennali, era così da sempre. Dopo di noi STOP,il nulla.
Ora vado ragazzini di 13/14 anni alle 2 di notte a mangiare, colti dalla cosidetta fame chimica,vestiti come bestie per l'esattezza capre che seguono la moda come un invisibile pastore,per non parlare di quelli che vanno oltre... giusto l'altra sera me n'è capitato uno che dio solo s'ha cosa s'era preso..fumato..mangiato... avrà avuto 16 anni (aveva il casco) caro Beppe non sai il connubio di emozioni che ho provato vedendolo, l'avrei pestato a sangue e nello stesso tempo volevo aiutarlo colto da un senso d'angoscia e tenerezza che è terribilmente difficile da spiegare. Mi chiesi l'indomani... è solo colpa sua?? No sicuramente no. Ma li i genitori dove sono? dove sono i valori? io a 16 anni alle 11 11.30 max dovevo esser a casa sennò era mazzate,ed appena arrivavo alle 11.25 ero sottoposto ad una sorta di visita medica x accertare il mio stato, odiavo sta cosa, era una tortura psicologica ai tempi x me.. ma ora ne capisco il valore. Beppe, utente X ke leggerai questo messaggio io ho paura di avere un figlio ho paura di farlo crescere in una società così, paura del domani!
Datemi una speranza un segno che un giorno migliorerà un po' questo mondo.. che torneremo un po' indietro o quanto meno faremo un'inversione di rotta radicale.
Nl film "il corvo" troviamo questa frase.. L'infanzia finisce quando capisci che un giorno morirai"
Parole sante.. auguro alle generazioni future di restare bambini il più tempo possibile.

Andrea Gandolfo 15.06.05 13:51| 
 |
Rispondi al commento

PER ANNA GOLETTI.

Grazie per le belle parole.
Gentile, educata e civile. Ce n'é bisogno.
Per info, io ho 32 anni, la mia mail é andrea.bix(at)libero.it.___
Scrivimi pure.

Un saluto ed un abbraccio
Andrea

Andrea Biggi 15.06.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

permettetemi un fuori tema.

Michael Jackson secondo me non lo condannano perchè è castrato!

1) cantava da piccolo, già molto bene e quello è il momento giusto per fare l'intervento ed eliminare la produzzione di ormoni e tenere la voce così comè.

2)immaginate la vocina di Michael su un viso accentuato e rude e nero come aveva prima.

3)ho sentito registrazioni di castrati o sopranisti e sono voci da pelle d'oca molto simili a quella di Michael.

scusate ancora la mia piccola interruzione.

nicola cellamare 15.06.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno grillo.grillo grillo... quando cambio canale.. posso riconoscere dalle prime immagini che c'è lucignolo... perchè le scene sono tutte uguali giocando sul quel modo nuovo di fare le riprese...un pò sfogato..tante luci..tutto in movimento..telecamera in terra proprio sull'asfalto.. (mi domando se si sono mai 'sfragnati' il muso su una cacca)..insomma una bella stupidaggine perchè non si capisce un bel niente delle inquadrature che fanno ma questo mi porta ad un'altro quesito sul quale rifletto, se puntano molto sul quel tipo si inquadratura, e quindi sull'estetica, questo sta a sottolineare che i contenuti sono davvero scarsi e naturalmente lo sanno pure loro. Cmq lucignolo a differenza di altri è la creme de la creme della cultura italiana destinata ai giovani, per me hanno davvero pensato che quel programma sarebbe diventato una sorta di mito per la new generation .. invece. meno male.. ma a me preoccupano di più altri programmi che sono veramente un offesa al mondo giovanile. Prendono delle coppie che per giorni e giorni devono viviere tipo 'grande fratello' in alcuni recidence. Lui in uno diverso da quello dove soggiorna la sua lei. Il compito è cercare di far ingelosire l'altro con dei mezzi, situazioni e parole assurde. Sembrano animali da esperimento... vivisezionati.. squartati .. dove più stai male e soffri come un cane, più fai audience e se piangi diventi un icona. Ma è mai possibile che siamo arrivati a questo? E' mai possibile che la gente ha bisogno di sentirsi e rispecchiarsi nella sfiga, nel terrore, nel dolore? E mi riferisco sia ai telespettatori che ai protagonisti del programma. Con questo programma, siamo arrivati al top del top, non può esistere al mondo e neanche in america, niente di più triste. melania

melania sinibaldi 15.06.05 12:20| 
 |
Rispondi al commento

io odio chi fa di tutta l'erba un fascio
e anche chi crede di essere diverso solo portando la maglietta con la faccia del che
ogniuno di noi ha la sua storia triste e i suoi sogni infranti, chi non ce l'ha è chi non si ancora reso conto di essere a questo mondo
nella vita capita di perdersi, di ritrovarsi, di cambiare idea, di capire di aver sbagliato qualcosa quando è troppo tardi
io non condannerei questi adolescenti che fin da bambini per farli stare buoni li schiaffavano davanti alla tv con un sacchetto di patatine formato famiglia
chiaro che o ci si ribella o ci si fa l'abitudine
non condannerei nemmeno la generazione degli odierni 50enni che per mandare avanti la famiglia vanno a lavorare in due e che alla sera, stanchi morti, seduti sul divano prendono sonno con la bocca spalancata

è la società che è cambiata, è tutto quello che sta attorno a un bambino che gli forma il carattere, non solo la mamma il papà e l'insegnate di italiano
ma anche i problemi che un bimbo non capisce e non conosce contribuiscono a formare un'esperienza alla persona che poi si troverà a fare i conti con l'affitto e l'inflazione

quello che mi fa incazzare è che a me i problemi hanno sempre cercato di spiegarli i miei genitori e non sono mica cresciuta con frustrazioni paranoiche o pessimismo cosmico, solo un po' più di callo agli urti della vita

ho combianto anche io le mie, mio padre squotendo la testa mi diceva che non era per una signorina quella musica infernale (il rock) ma io non portavo i jeans strappati, non mi tingevo i capelli di blu e non portavo il piercing al naso..

ho le mie idee e i miei gusti, non seguo mode ma nemmeno remo controcorrente
io vado per la mia strada, e non chiedo approvazione se non alla mia coscenza
per me non è assoluto ciò che è giusto o sbagliato, ma ciò che è buono o cattivo sì

se è la bontà a scaturire le mie azioni allora posso camminare a testa alta

elena mason 15.06.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento

A prescindere dalla propaganda che è stata fatta al fine di spingere "le pecore" a non votare, che non è consona ad un paese "civile e democratico", mi stupisce di più la gente che contraria all'abrograzione non ha avuto il coraggio di andare e mettere le croci sul NO.

Alessandro Toscano 15.06.05 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace essere il 667esimo commento...Il 666 era un numero così pieno e fermo...A prescindere dai significati...Comunque...Amen, fratello! Hai detto cose sacro e poi sante!

Silvia Broglio 15.06.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di cose importanti: ma la foto é un fotomontaggio?! Chi sono gli originali? Quella in secondo piano é una rickenbacker solidbody?!

cazzo, grande!!
m

Matteo Bocci 15.06.05 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Sono 1ragazzo di22anni di Napoli,e scriverò non cosa odio ma piu semplicemente cosa mi piace fare:mi piace leggere libri(anche se mi porta a essere visto come1alieno da i miei coetanei)mi piace dopo aver svolto il mio lavoro "gremare la mota"(dal messicano)senza esagerare e non ci trovo niente di male(la canapa è usata da 3000 anni da tutte le razze dai cinesi a i maya,veniniva chiamata pianta superiore perche apriva la percezione della mente,se usata in maniera giusta da persone giuste)mi piace andare su questo blog e su altri siti di controinformazione per vederci chiaro e creare 1mia opinione senza prendere per oro colato tutto quello che dice Beppe o chi che sia,mi piace mandare a quel paese i giovani pseudoimpegnati politicamente che distribuiscono i volantini che siano di destra o di sinistra che non fanno altro che abbuffarsi di erba e fare il gioco dei politici,mi piace portare i pantaloni sotto il culo non per moda ma perche quando li portavo io mi prendevano in giro le stesse persone che ora l'indossano perche in voga,mi piace il rap il punk(ma non la merda che passa mtv)ma evirerei bush 50 cent michel jakson(mi piace scrivere i nomi di chi non stimo in lettera minuscola e male)mi piace non essere come le pecore,mi piace andare a votare per il referendum per il gusto di non dare retta al papa,mi piace di non accendere la tv e giocare al xbox "pezzotata",mi piace scaricare i cd in modo da non dare soldi alla siae,mi piace la pirateria,mi piace bruciare i libri di g.faletti,mi piace e.fede è il mio ministro per la propaganda preferito,mi piace maria defilippi è "il mio presentatore preferito",mi piace Licio Gelli il mio massone preferito,mi piace pariare addosso a tutti i giovani lobotomizzati 16enni con le magliette rosa che credono che per trombare bisogna stare su1trono,mi piace EVA HENGER è1grande attrice,mi piace dare fastidio a tutti quelli che ben pensano,c'è 1cosa che odio chi rimurgina sul passato perche vuol dire che il presente fa schifo e che non si è fatto niente per cambiare!!!

antonio caiazzo 15.06.05 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Nessuna generazione ha fallito più di quella di Grillo e dei suoi coetanei. Chi oggi ha tra i 50 e i 60 anni e ha vissuto gli hanni caldi facendosi illusioni e canne, oggi dovrebbe solo tacere.
Solo che sono invecchiati e sono invidiosi degli smutandati che hanno meno anni, più soldi e meno cazzate astratte per la testa.
Certo che li odi, li invidi !!
Ribadisco: pessima trovata !!
Poi scrive questo e fa il vittimista: guardate cosa mi dicono di qua, guardate cosa mi fanno di là...
Non c'è troppa differenza tra te e il tuo rivale: entrambi fate spettacolo con le vostre vicende giudiziarie.
Ma del resto sei ligure e devi campare...

Davide Caselli 15.06.05 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro in una comunità per minori "a rischio". ADOLESCENTI. FEMMINE. E purtroppo mi rendo conto che mentre cerco di dare una spiegazione al comportamento delle "MIE", giustificandolo con il loro passato o con le loro storie familiari...le loro amiche, provbenienti da famiglie e raltà "normali" (ma cosa è normale??) si comportano esattamente nello stesso modo...se non peggio. E allora mi chiedo se non siano tutti a rischio. O se non sono i genitori, i professori, e che sta loro intorno ad essere a rischio.
Il che fa paura.

Silvia Alluto 15.06.05 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Ho 38 anni e un figlio di quasi 15...non uso fare tanti paragoni fra me e lui perchè semplicemente siamo vissuti e cresciuti in realtà differenti.
Condivido lo schifo e la noia al 100% ma non la disillusione che non ci sia più niente da fare.
Gli adolescenti hanno il diritto-dovere di cambiare il mondo è solo che ancora non sanno bene nemmeno loro come lo vorrebbero...questo mondo!E cercano disperatamente dei punti di riferimento,dei valori per i quali valga la pena vivere sino in fondo.
La società(=noi tutti) non offre grande scelta e non credo sia una buona idea proiettare le nostre vite su ideali e valori suggeriti da altri.Credo sia importante riuscire a conoscere se stessi più di ogni altra cosa.Solo dentro di noi possiamo trovare quei valori e quegli ideali potenti e indissolubili che ci danno la carica necessaria a fare tutto il resto.
Io AMO gli adolescenti perchè dicono:"NO!!!",AMO il loro innato senso di ribellione che li rende puri,anche se sono intossicati e sbandati.
AMO la loro puzza di piedi perchè nel tempo sarà forse quella a fargli capire che le Nike sono solo un paio di scarpe...
Ci vuole tempo,comunicazione,umiltà,pazienza e tanto tanto amore per questi angeli a metà,soprattutto quando sbagliano e si sentono i padroni del mondo sottovalutando decisamente il problema....ma i giovani devono sbagliare perchè devono crescere.
Allora non prendiamoci tutta la colpa di un pessimo mondo perchè anche loro fanno parte del mondo e anche loro se ne devono sentire corresponsabili.Non facciamoli crescere molli convincendoli che il denaro risolve tutti i problemi di un essere umano e non illudiamoli che vivere sia una passeggiata se loro faranno "cosi..così e cosà..".
L'adolescente di oggi altro non è che il bimbo di ieri e l'uomo di domani.Effettivamente non è messo in una posizione bellissima...un pò di comprensione e autoironia per tutti sono le soluzioni più istintive e naturali e forse anche le più efficaci.

Susanna Melis 15.06.05 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe nella tua ultima frase hai centrato il problema, non sono da odiare gli adolescenti ma sono da prenedere a schiaffi i loro gentori, quando gli permettono di bucarsi orecchie,lingua, naso, pancia ecc. con quelle schifezze di peercing, non so neanche come si scrive tanto mi nauseano, quando li lasciano andare in giro vestiti come clochard di Hugo, quando li lasciano soli davanti alla tv o video giochi cosi non scocciano, quando non si accorgono che hanno bisogno di amore, dedizione, disciplina e ordine; sono contenta di essere vecchia perche questo mondo non mi piace più. Ciao Bruna

BRUNA LENTI 15.06.05 09:15| 
 |
Rispondi al commento


Torno alla domanda fatta qualche giorno fa.
Ma c` e` qualcosa/qualcuno che Grillo NON odia?

matteo martini 15.06.05 07:45| 
 |
Rispondi al commento

caro il "beppe" come va la vita?
quando ti ascolto non so se ridere o se avere paura e quindi nell'indecisione ho paura di ridere...
a quando la fine del mondo?

sei un grande

augusto morelli 15.06.05 01:39| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa diavolo dovremmo fareeeeeeeeeeeeeeeeee?

Dove dovremmo andare? Chi dovremmo ascoltare?

Se fisso il vuoto alle 3 del pomeriggio è perchè la sera magari ho bisogno di sbronzarmi e fumarmi il cervello per resistere alla voglia di urlare! Perchè qui non si può urlare... qui non si può sognare... non si può neanche parlare.
Come si può allora capire...domandare?
E la colpa è vostra... si... è tutta vostra... perchè è troppo facile dire che è colpa della società... troppo triste dire che la colpa è mia.

Io non so neanche più camminare a volte.

E il branco?... non si tocca! Perchè forse io lo chiamo "amici"... e li ti senti a casa... c'è chi sta male come te. Mtv? Mi fa schifo... ma non c'è niente di meglio alla tv.
E poi ci sono mille cose in più che non hanno voce in capitolo... non adesso.. non ieri.
I sorrisi e le risate? Vanno bene?
Una piccola comprensione?
E l'amore?
E la fiducia?
E la complicità?

La musica... e c'è ance poesia.

Questo solo so io della mia adolescenza.

lijugaica 15.06.05 00:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, concordo con il tuo odio. Io ho 36 anni e quand'ero ragazzo sono stato escluso perchè mi distinguevo dagli altri.

David Lagordi 14.06.05 23:09| 
 |
Rispondi al commento

x Marco Panachia :
non è un buon motivo x astenersi!
bastava un NO...
se come da altre parti, anche qui in Italia non ci fosse il QUORUM, l'avreste avuta nel culo...
oltretutto dai dell'ignorante ad operai e contadini!!!
io sono metalmeccanico e non sono ignorante come credi ed HO VOTATO E HO CAPITO il quesito del referendum!
te lo hai capito e non hai votato?
bastava un NO sapientone se non eri d'accordo...
se ci tieni ho votato 3 SI e stavo x votare un NO sulla fecondazione eterologa ma poi mi sono detto tra me e me, che in inghilterra a farsi fecondare eterologamente lo possono fare in pochi ricconi e una coppia non abbiente deve avere i loro soliti diritti!
come vedi anche gli operai ragionano...

Riccardo Galatolo 14.06.05 23:05| 
 |
Rispondi al commento

La giovinezza sarebbe un periodo più bello se solo arrivasse un po' più tardi nella vita.
Charlie Chaplin

Vittorio Rena 14.06.05 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Pardon...
Avevo 15 anni nel 1995.
Non azzecco manco un semplice calcolo matematico.
Sto messo proprio male...

Alessio Re 14.06.05 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Quando avevo 15 anni mio padre mi aveva già insegnato che i quattrini non crescono sugli alberi.

Quando avevo 15 anni non avevo il telefonino con cui mandare gli SMS pieni di tvumdb plnrfglpkzv.

Quando avevo 15 anni andavo in giro in bicicletta.

Quando avevo 15 anni giocavo a pallone insieme agli amici sul mistico cancello di casa, sulla spiaggia, in qualsiasi luogo che sembrasse un campo di pallone.

Quando avevo 15 anni non fumavo perchè la sigaretta puzzava (e infatti non fumo manco adesso)

Quando avevo 15 anni andavo a scuola con poca voglia di studiare ma tanta voglia di sapere.

Quando avevo 15 anni non lavoravo perchè papà si spaccava la schiena per farmi studiare e per non farmi fare lavori di merda.

Quando avevo 15 anni dicevo 1000 cazzate cogli amici e ci si divertiva pure a inventà storie assurde con annessi tormentoni ancor più scemi che ancora oggi durano.

Che sballo quando avevo 15 anni.
Era il 1990.

Adesso ne ho 25 e sembro uno di 40 anni quando parlo, ma uno di 8 anni quando cerco 1000 modi bambineschi di passare una serata.
Sembro un vecchio matto quando vorrei sistemarmi ma non c'è una lira, quando ci stanno a fa fessi ma nessuno se ne accorge.


Speriamo che mio figlio abbia un carattere migliore del mio, che lancio sfoghi che sembrano superficiali elucubrazioni di un padre inadatto.
E spero di spaccarmi la schiena pure io per quello sciagurato di mio figlio, che se non studia lo mando a lavorare in una miniera di diamanti nel Congo e gli faccio vedere "Il meglio di Cesare Previti" senza stacchi pubblicitari! :)

Alessio Re 14.06.05 21:45| 
 |
Rispondi al commento

Elisabetta perchè non posti anche quello che hai detto prima a me?

Rosario Pisanò 14.06.05 21:45| 
 |
Rispondi al commento

Vai Beppe!!!!!
Finalmente ti posso seguire in internet. abbasso gli ...onzi che non ti fanno dire quello che pensi.
Non sei solo la nostra bandiera sei un monumento!

Egidio De Paoli 14.06.05 21:07| 
 |
Rispondi al commento

invito tutti i giorni i miei figli adolescenti a leggere i commenti del tuo blog..penso sia un modo di dargli speranza fiducia e voglia di lottare..un bacio..grazie che ci sei

lorella gherzino 14.06.05 21:00| 
 |
Rispondi al commento

x luca battaglia

anche io odio con tutta me stessa vespa e compagnia... e il peggio è ke sono proprio servitori di questo genere che ci vengono fatti passare come vera informazione, vera cultura, vera intelligenza... l'unica è sperare che sempre più giovani abbiano la voglia di andare al di là del muro, e si cerchino la vera informazione, la vera vita... chissà mai che un giorno de filippi, costanzo e il resto della cricca non rimangano senza lavoro... ah, se sei lo stesso luca8593 che scrive sul muretto, sappi che apprezzo molto quello che scrivi..
ciao

elisa gus 14.06.05 20:39| 
 |
Rispondi al commento

Ad esclusione delle birre (magari non 5 con una pizza... ma 1 litro di sabato sera non è tanto);

e di questo: "questo libro è una m...a, la scuola è uno schifo". (io ho imparato ad apprezzare la cultura dopo la fine della scuola; ammetto la mia parte di colpa ma bisogna dire anche che gli insegnanti forse non mi invogliavano abbastanza... anche perchè erano in troppo i teppisti che impedivano ai docenti di fare il loro lavoro. Per questo punto giustifico gli adolescenti.)

...per il resto sono pienamente d'accordo... e ormai capita sempre più spesso.
Grandioso come al solito.

Francesco Sandroni 14.06.05 20:25| 
 |
Rispondi al commento

X CAROLA TURATI

Porti un cognome importante...

E' vero gli adolescenti li odiamo, forse perchè ci rivediamo in loro e vorremmo barattare tutto per poter tornare a vivere un anno, nel mio caso dai 16 ai 17 anni, di quel magnifico periodo della vita dove si crede ancora che aldilà dell'arcobaleno ci sia un tavolozza di colori con un pennello ad attenderci per farci diventare pittori ed illusionisti... Ingannavo il tempo allora, lo faccio ancora oggi, ma la tavolozza sono impegni, responsabilità, appuntamenti ecc...

Massimo Sbizzera 14.06.05 20:07| 
 |
Rispondi al commento

sinceremente odio tutti quelli che dicono che la generazione prima era meglio della successiva. Cosa ha fatto la generazione al potere degli 80/90/2000?
- ha importato il lavoro interinale
- ha riportato l'apprendistato alle stelle
- ha eliminato gran parte dei diritti dei lavoratori
- ha portato il debito pubblico alle stelle
- ha mandato al potere B. (e dicono che siano gli adolescenti rincogloniti dalla Tv?, anche prima non si scherzava!)
Ha parte tutte le cazzate della moda (e ogni generazione ne ha avute) penso che si potrà giudicarne il valore e gli ideali solo quando saranno cresciuti.

Simone Cremo 14.06.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe. Approvo in pieno tutto l'Odio. Non se ne può veramente + dei figli della tv, dei figli del marito di Costanzo e dei figli del portatore sano di democrazia (gli adolescenti di oggi).
Peccato solo che nn ci siano + le mamme di una volta, che ti volevano intelligente ed educato, oggi i figli devono essere furbi, + furbi degli altri e nn per nn farsi raggirare ma per raggirare a loro volta, xk il mondo è cattivo.
Facile dimenticare che il mondo siamo noi.
Ma purtroppo siamo in Italia...

Luca Gaglianese 14.06.05 19:13| 
 |
Rispondi al commento

x elisa gus:
grazie per il tuo appoggio.
ma credo sia talmente evidente che nons ervono altre parole.
ognuno è libero di dire cio' che vuole,ma credo che il tempo faccia crescere dentro le persone quels enso di malinconia per i tempi passati che diventa mal sopportazione per ogni cosa che viene detta,fatta,pensata dai giovani.
sia chiaro,io ho 34 anni ma non riesco mai a giudicarli male,perche sono esattamente come ero io 17 anni fa.
son solo cambiate le marche dei vestiti.
io ero un paninaro,e di certo non meno stupido di loro.
a 17 anni odiavo i telegionali e non li guardavo mai,adesso odio bruno vespa,carlo rossella e la buonamici...
che li conducono o li "comandano" messi a 90 gradi come penosi servitori.
una volta guardavo gig robot d'acciao,adesso guardano la de filippi.
entrambi rincoglioniscono.
cambiano i partiolari,ma la sostanza è la stessa.
ciao
luca8593

luca battaglia Commentatore in marcia al V2day 14.06.05 19:06| 
 |
Rispondi al commento

sono daccordo quasi su tutto, tranne sull' happy hour gli spinelli e le birre con la pizza.
p.s.: mha, ripensandoci con la pizza ci sta meglio un montepulciano

emanuele - lajena 14.06.05 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho trent'anni e, a occhio e croce, non sono più un adolescente.
Ho un messaggio a riguardo per Grillo e chi è d'accordo con lui su "Odio".
ANDATEVENE AFFANCULO !!!
>Beppe, tu per primo, vai affanculo ogni tanto che ti fa bene pure a te.
La frase finale non ti scagiona per niente e la metafora, ammessa che lo fosse, è mal riuscita e di pessimo gusto.
Affermare certe cose significa non avere parlato mai con neppure uno di questi smutandati.
E soprattutto significa essere diventati VECCHI.
Andate a scuola di pedagogia fessi !!!

Davide Caselli 14.06.05 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Traendo spunto da un articolo pubblicato sul corriere della sera:


Usa: moltiplicate cellule staminali cerebrali

Per la prima volta dei ricercatori dell'Università della Florida sono riuscita a far sviluppare dei neuroni umani da reimpiantare

pubblicato Lunedì 14 giugno 2005 14:53:29 su:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/
Scienze_e_Tecnologie/2005/06_Giugno/
14/staminali.shtml

Alcune considerazioni:

(1) spero vengano impiantate al più presto nel 74% degli italiani che non è andato a votare aderendo all'iniziativa di chi - per interessi politici e non certo perchè paladino della morale ed ottenebrato da retrograde culture (paleo)cristiane - mostrando la sua faccia (...) sui manifesti o altrove vi ha associato la scritta IO NON VOTO (sarebbe stato più indicato scrivere IO NON PENSO) evidenziando la percentuale di italiani che possono essere manipolati dai media;

(2) stimo ed ammiro il 15% (sul totale del 26% dei votanti) di coloro che hanno votato ed hanno espresso il NO come preferenza perchè hanno utilizzato CIVILMENTE quell'eccezionale strumento di democrazia diretta che è il referendum esprimendo il loro pensiero e la loro posizione sull'argomento;

(3) vorrei far presente che se in Italia le leggi non consentono di fare ricerca, sperimentazione o semplicemente non danno la facoltà a chi ne avrebbe diritto (una madre ad esempio) di fare un'embrioriduzione, che le conseguenze immediate sono una fuga verso i paesi "più evoluti" delle nostre menti (illustri scienziati, ricercatori e persino premi nobel) e di chi per far valere la propria volontà ed i propri diritti è COSTRETTO ad allontanarsi dal suo Paese (o a farlo illegalmente) salvo poi rientrare a fatto avvenuto. Mi sembra che la legge sull'aborto, grande conquista culturale, sia stata introdotta per evitare un fenomeno simile...(e per tutelare la salute delle donne in molti casi)

Ma davvero c'è qualcuno che teme una sperimentazione selvaggia, di trovare embrioni agli angoli di periferia buttati via perchè inutilizzati?
Ma davvero c'è qualcuno che crede che una donna possa abortire e dimenticare di averlo fatto?

Credo che potremo definirci un Paese "civile" quando almeno l'80% degli italiani (residenti in Italia e non) andrà a votare esprimendo la propria opinione e facendo la sua piccola parte per un mondo migliore e quando, finalmente, cominceremo a renderci conto che la vera ricchezza sono le risorse umane...

Massimo Rosato 14.06.05 17:26| 
 |
Rispondi al commento

X FAbio Atis
Caro Fabio io non sono andato a votare, malgrado non sia cattolico, ma semplicemente credente e non l'ho fatto perchè non credo che abolire questa legge fosse cosa giusta non lo trovo giustonon prre limiti alla ricerca, non lo trovo giusto congelare gli embrioni senza sapere se ciò sia male o bene per la loro integrità. Pensare che chi non ha votato lo ha fatto solo perchè un personaggio vestito in maniera bizzarra ha detto non votate è davvero limitativo, vuole dire che nessuno di voi ha voluto ascoltare le ragioni del No e le ragioni di chi non vuole la sperimentazione su embrioni.

Massimo Toni 14.06.05 17:20| 
 |
Rispondi al commento

MESSAGGIO PER IL DIRETTORE DI QUESTO BLOG----


-----------B E P P E E E E E E E E---------------

NON FARE FINTA DI NON LEGGERE TANTO LO SO CHE MI

LEGGI. PERCIO' DAI UN OCCHIATA AL MIO POST SUL MURO DEL PIANTO DELLE 18.27 DEL 13.6.2005

ALMENO SCRIVIMI 2 RIGHE E FAMMI SAPERE COSA NE PENSI.

UN CORDIALE SALUTO.

IL VIAGGIATORE DEL TEMPO.

GIOVANNI GRECO 14.06.05 17:14| 
 |
Rispondi al commento

E mentre leggo mi viene da piangere!
Odio anch’io gli adolescenti, con i loro sogni, le facce da sberle, la battuta sempre pronta e quella strafottenza che nn ho mai avuto.
Oddio, quanto li odio! Io che nn riesco a vedermi con i miei 32 anni, io che ero adolescente, una di loro, solo IERI!
Sapere che avranno tante battaglie davanti, che piangeranno da soli e rideranno in gruppo, suoneranno la chitarra sulla spiaggia e litigheranno con i genitori per un ritardo…Quanto sono splendidi. Sgommano sui motorini truccati, masticano gomme americane e portano (vero…) i jeans talmente bassi da mostrare il sedere.
Lavoro in una scuola; mi occupo di formazione. Li vedo sti adolescenti…i “miei” sono un po’ diversi: quasi tutti hanno una vita non semplice, già ora.
Eppure sono meravigliosi. Li odio quando bestemmiano, li rimprovero quando sputano ma osservo e amo le loro facce. Sono ancora puliti, hanno ancora quella ingenuità e quella perfetta convinzione che il LORO mondo sarà diverso, che andranno più lontano e che saranno migliori di noi.
Se c’è davvero un Dio lassù, ti prego, davvero FA CHE CI RIESCANO, fai in modo che siano davvero migliori di noi, in fondo ci vuole così poco..

Carola Duranti 14.06.05 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono pienamente d'accordo con te, anch'io odio tutta quella sfilza di cose e modi degli adolescenti che hai elencato, penso proprio come dici tu, che non abbiano veramente niente di importante e di forte in cui credere, e di quello purtroppo ne sono gli autori le generazioni precedenti che non hanno saputo comunicare e soprattutto trasmettere quella speranza e quella forza tipica di altre generazioni!!!

monica fiaschi 14.06.05 16:56| 
 |
Rispondi al commento

concordo con quanto ha scritto ieri luca battaglia... d'altronde gli adulti sanno benissimo giudicare noi, ma forse lo fanno solo per non giudicare sè stessi.. per trovare un significato alle loro giornate, che altrimenti forse un senso non l'avrebbero e sono consapevoli anche di questo... sono schifata del fatto che nessuno sia andato a votare... si poteva anche rispondere NO, ma andare a votare era importante... e il peggio è che le persone che non sono andate a votare son poi le stesse che giornalmente si lamentano perchè la voce del cittadino italiano non conta nulla... le bigotte del mio paese hanno tirato fuori il papa, il prete, la chiesa e il peccato... e poi quando hanno saputo che sono andata ad un concerto di vasco le ho sentite bisbigliare tra loro "nooo, ma non è possibile, anche lei si droga... eh, questi giovani... chissà se sua madre lo sa...." che schifo

elisa gus 14.06.05 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sempre maggior esponente della stirpe dei Beppi...

Odi "gli" adolescenti o odi "questi" adolescenti?
Non è forse drammaticamente vero che i paninari sono i dirigenti d'azienda di oggi?

Oh...

Ora capisco qualcosa in più.

Beppi.

Beppi Menozzi 14.06.05 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Allego un bell'editoriale di Riccardo Barenghi da La Stampa di oggi: riflettiamoci su.



Il cardinal Ruini dice che non ha vinto lui ma forse vuole dire esattamente il contrario. Invece dice la verità. Per quanto appaia paradossale, l’Italia che esce fuori dal referendum non è il Paese che le gerarchie cattoliche amerebbero che fosse: fedele ai precetti della Chiesa, ubbidiente al clero, conservatore, bigotto al punto giusto.
Papista insomma, nelle sue scelte di vita come in quelle politiche. Semmai, e di questo Ruini dovrebbe preoccuparsi, la campagna astensionista del Vaticano e gli stessi messaggi del nuovo Papa - così netti, esposti, radicali, così «politici» - sono stati utilizzati come alibi da milioni di persone.

Che non hanno votato perché non hanno voluto prendere parte, cioè partecipare a una contesa di cui evidentemente sono sfuggiti gli enormi aspetti simbolici mentre hanno prevalso quelli specifici. Troppo specifici, complicati, difficili da decodificare. Troppo faticoso cercare di capire che cos’è la fecondazione eterologa per chi non ha problemi di questo genere, troppo impegnativo informarsi a fondo su cosa significa per chi è (o sarà) malato consentire la ricerca sulle cellule staminali embrionali. Se non ce l’hai in casa, il problema non esiste, non ti riguarda. Non è un’astensione clericale ma è peggio: un’astensione indifferente.

Se però domani si votasse sull’abolizione del preservativo, della pillola, del divorzio o anche dell’aborto (e chissà che non succeda), oppure sulla proibizione del sesso prima del matrimonio, sulle unioni di fatto, comportamenti che la Chiesa condanna tanto quanto la fecondazione, cosa farebbe l’italiano medio che oggi passa per clerico-papista? Neanche se fosse agosto se ne andrebbe al mare. Andrebbe a votare, parteciperebbe attivamente, potrebbe addirittura impegnarsi nella campagna elettorale, scendere in campo come si dice oggi. Ci penserebbe dieci volte prima di farsi togliere un diritto che esercita quotidianamente nella sua vita: lui, sua moglie, i suoi figli, gli amici, i vicini di casa. Non servirebbero a nulla gli appelli di Ruini, gli interventi del Papa, le parrocchie (che forse non riuscirebbero nemmeno a mobilitarsi per mancanza di volontari).

I valori della vita tanto propagandati e oggi apparentemente trionfanti lascerebbero il passo ad altri valori, anch’essi della vita ma di una vita più reale, toccata con mano. Il quorum verrebbe superato, le richieste abrogazioniste respinte con perdite, l’Italia si riscoprirebbe laica. E soprattutto, speriamo, non indifferente.


Claudio Bossola 14.06.05 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

sei un grande, condivido pienamente quello che hai detto sulla vergognosa propaganda astensionista del regime politico e cattolico che impone e detta regole da secoli nel nostro povero paese. Mi chiedo se in Italia si conosca ancora il significato della parola LIBERTA'... temo proprio di no... che popolo di pecoroni!

Veronica

Veronica Rossi 14.06.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento

io penso di essere uscita da poco dall adolescenza ed in parte confermo quello che viene elencato nell odio all adolescenza,ma ciò che va ricordato è che a parte l evidenza,cè di fondo una paura che spinge l adolescente all identificazione,all appartenenza ad un gruppo e anche un bisogno di allontanamento dai genitori per scoprirsi adulti...penso che siano gli anni più difficili per una persona e a volte gli anni in cui si fanno errori irreparabili...forse gli adolescenti andrebbero capiti di più,cercando un dialogo positivo e accettando le loro stranezze,instradandoli e ricordando sempre che comunque sono un immagine speculare della società...a questo punto tocca a noi un esame di coscienza...

michela colombo 14.06.05 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Ascolto musica a volte più vecchia di me tanto che mia madre si stupisce quando ascolto i queen. Ora che è finita la terza potrò dedicarmi a divorare libri. Mi piacciono i pantaloni a vita alta e non sopporto di vedere il culo delle persone, mi fa proprio schifo. Mi muovo a piedi o in autobus perchè non sopporto l'idea di inquinare troppo il mondo quando mi muovo... Per come le cose stanno andando so già che non riuscirò a farmi una casa e a trovare un lavoro a meno che non me ne vada dalla mia amata città (trieste) dove l'80% della popolazione ha più di 60 anni. Ho pochi amici e ho difficoltà a farmene di nuovo perchè sono una persona estremamente chiusa e preferisco il mio mondo. Ho sofferto di solitudine e di depressione ma ne sono uscita. Anche se ho perso i miei sentimenti per strada...
Odio il sole che mi brucia gli occhi e mi abbronza la pelle, mi piace restare pallida e mi piace il silenzio della notte.
Mi sento diversa. E` facile non avere valori saldi quando sembra che non abbiano peso(..o non ne hanno davvero?)

non facciamo di tutta l'erba un fascio.

Octavia Gregori 14.06.05 15:10| 
 |
Rispondi al commento

Ma si è proprio sicuri che la Chiesa abbia influito così tanto nella grande astensione avuta per questo referendum?Non è forse che l'italiano abbia voluto lanciare un segnale?Non è che ne abbia le scatole piene di votare per gente lontana da lui anni-luce,che ben poco lo rappresenta e che quando è in Parlamento al posto di far leggi pensa a farsi i fatti propri e a ritagliarsi spazi e privilegi su misura?E tutti questi pseudo devoti clericali(il 75% degli aventi diritto e che si sono astenuti)dove sono?A quanto risulta c'è sempre meno gente che frequenta le chiese e segue il clero, o mi sbaglio?
A mio avviso la disinformazione è stata quasi totale su un quesito referendario che se fosse stato passato alle Camere per modificar la legge avrebbe creato disequilibri politici palesi e immediati in ambedue le fazioni,meglio dar la parola al popolino,chiamato alle urne solo quando ai "camerieri dei banchieri"(i politici,citando E.Pound)fa comodo,mai quando gli interessi toccano il nostro portafoglio a discapito del loro(vedere entrata in Europa,entrata nell'Euro,un governatore di Banca Italia votato a vita ecc.)No,lì il popolo è ignorante,lasciate fare a noi che ne sappiamo di più e meglio,il popolo parli e voti sulla procreazione assistita che è molto più competente.
Mi sa tanto che alle prossime elezioni politiche l'astensione si aggirerà intorno al 30-35%,vorrei sbagliarmi ma vedo tanto fumo e poco arrosto,e con me parecchi italiani la pensano così.
Cordialmente.

fabrizio tamari 14.06.05 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Odio chi dice "non ci sono più i giovani di una volta"...andate al quel paese, io sono giovane ma non sono tanto diversa da mia mamma e mio papà, io sono cresciuta con dei valori forti e sono quelli che fanno la differenza, cambia il modo di vestire?anche una volta è cambiato...è tutto un ciclo...i giovani non sono forse più quelli di una volta (di testa) perchè non c'è più il trapasso di padre in figlio e non è solo colpa nostra.
Non giustifico un genitore perchè non ha tempo di parlare e discutere con i propri figli.
Non giustifico il genitore che non ha tempo per gli altri oltre che per se stesso.
Amo i giovani che hanno valori e ce ne sono...quelli che non ce li hanno è solo perchè non gli è stata data la possibilità di ragionare con la propria testa, e si nascondono dietro a falsi idoli;
Amo i giovani che sanno ancora giocare a palla in cortile e ce ne sono...
Amo i giovani che sanno ancora stupirsi dalle bellezze della natura e ce ne sono...
ciao Beppe Grillo, mi hai fatto un pò incavolare però volevo solo dirti come la penso io...

Annachiara Boschetti 14.06.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento

MI RATTRISTA NOTARE CHE L'ITALIANO MEDIO NON E' ANDATO AD ESPRIMERE LA PROPRIA OPINIONE PER UN SI' O PER UN NO (O UN NON SO!)SU UNA QUESTIONE COSI' IMPORTANTE ,SOLO PERCHE' LA CHIESA HA TACITAMENTE ORDINATO AI PROPRI FEDELI DI NON ANDARE A VOTARE!!!.... RINGRAZIO LA CHIESA DELL'ESEMPIO DATO AL POPOLO ITALIANO!...E AL RESTO DELL'EUROPA!..
IL DIVANO DI CASA ERA SICURAMENTE PIU' COMODO?? ...ITALIANI VERGOGNATEVI!

FABIO ADDIS 14.06.05 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Andate su questo sito
http://www.abcbimbo.it/art_f_adolescenti_oggi.htm

simona dari 14.06.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento

l'età peggiore,per me,pericolosa,problematica,ho fatto tante cazzate(meglio a 17 anni che dopo)ma ho trovato comunque fiducia in me da parte dei miei genitori il che mi ha salvato le chiappe e mi ha fatto capire che con i problemi dell'adolescenza ci vuole un'infinita pazienza e dialogo.
ps le nike non c'erano ancora,ma le superga hanno creato il buco nell'ozono.

giorgio valgolio 14.06.05 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti, è un pensiero bellissimo.

White Duke 14.06.05 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Amo mia figlia adolescente qando mi guarda piena di rancore convinta che sono io il suo nemico da abbattere
amo mia figlia quando si sveglia a mezzogiorno la domenica con gli occhi rintronati nella sua casa fidata tra le sue cose
amo mia figlia quando urla e manda maledizioni allo zaino perchè non si chiude
Amo mia figlia che piange nel letto per il ragazzo stronzo che l'ha presa in giro
ami mia figlia sola cosi' indifesa
amo mia figlia cosi' sicura di se' in apparenza e cosi' disarmante
amiamo cosi' i nostri figli siamo li' e ci presentano un po' i nostri anni di qualche tempo fa. ma neppure tanto no beppe?

Antonella Salera 14.06.05 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Sono 1ragazzo di22anni di Napoli,e scriverò non cosa odio ma piu semplicemente cosa mi piace fare:mi piace leggere libri(anche se mi porta a essere visto come1alieno da i miei coetanei)mi piace dopo aver svolto il mio lavoro "gremare la mota"(dal messicano)senza esagerare e non ci trovo niente di male(la canapa è usata da 3000 anni da tutte le razze dai cinesi a i maya,veniniva chiamata pianta superiore perche apriva la percezione della mente,se usata in maniera giusta da persone giuste)mi piace andare su questo blog e su altri siti di controinformazione per vederci chiaro e creare 1mia opinione senza prendere per oro colato tutto quello che dice Beppe o chi che sia,mi piace mandare a quel paese i giovani pseudoimpegnati politicamente che distribuiscono i volantini che siano di destra o di sinistra che non fanno altro che abbuffarsi di erba e fare il gioco dei politici,mi piace portare i pantaloni sotto il culo non per moda ma perche quando li portavo io mi prendevano in giro le stesse persone che ora l'indossano perche in voga,mi piace il rap il punk(ma non la merda che passa mtv)ma evirerei bush 50 cent michel jakson(mi piace scrivere i nomi di chi non stimo in lettera minuscola e male)mi piace non essere come le pecore,mi piace andare a votare per il referendum per il gusto di non dare retta al papa,mi piace di non accendere la tv e giocare al xbox "pezzotata",mi piace scaricare i cd in modo da non dare soldi alla siae,mi piace la pirateria,mi piace bruciare i libri di g.faletti,mi piace e.fede è il mio ministro per la propaganda preferito,mi piace maria defilippi è "il mio presentatore preferito",mi piace Licio Gelli il mio massone preferito,mi piace pariare addosso a tutti i giovani lobotomizzati 16enni con le magliette rosa che credono che per trombare bisogna stare su1trono,mi piace EVA HENGER è1grande attrice,mi piace dare fastidio a tutti quelli che ben pensano,c'è 1cosa che odio chi rimurgina sul passato perche vuol dire che il presente fa schifo e che non si è fatto niente per cambiare!!!

antonio caiazzo 14.06.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

PAROLE SANTE!!!!!!!!!!!!!!!!
GRILLO SEI GRANDE. conto su di te

Diego Tinelli 14.06.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento

X giusi pitari
ho letto un tuo post precedente che m'era sfuggito e ho estrapolato una frase:
UNA DIFFERENZA GRANDE LA VEDO:LA SOLITUDINE.
Questa generazione è sola,sola in mezzo a tanta gente che ride con finzione,finge di divertirsi,si finge amica l'una dell'altra,plasmata dai bei programmi televisivi della D'Eusanio,della De Filippi (notare che ambedue hanno il De nel cognome),ma la loro richiesta di aiuto certe volte è visibilissima nei loro comportamenti(altro che Ritalin),anche quando dicono la stereotipata frase:"la mamma o il papà é il mio/la mia migliore amica/o",questo è un sintomo di solitudine,fan capire che nel loro gruppo non son amici tra loro, ma conoscenti(é qui la differenza),molte volte rivali. Personalmente non capisco il discorso di certi genitori che dicono che con il figlio o la figlia si confidano tutto,non ci son segreti,vanno pure a bere una birra insieme;il figlio/a innanzitutto confida quello che più fa comodo(salvo poi contraddirsi la volta dopo)sta a noi vedere e giudicare se ciò che dicono può essere vicino alla realtà o ai suoi antipodi e correggerne la direzione,poi il genitore ha un ruolo che per forza di cose lo pone su un piano superiore a quello dei figli(per lo meno fino a quando i figli sono sotto la propria responsabilità e lo stesso discorso vale per il corpo insegnante,troppe pacche amichevoli e troppi Tu nelle relazioni tra insegnanti/alunni,forse per ovviare alla noiosità del non-insegnamento scolastico,da parte di insegnanti spiazzati e non più adeguati al ruolo,non tutti grazie al Cielo).Mancano,dal mio punto di vista,punti di riferimento solidi,ricordiamoci che il buon comandante non va a far bisboccia con la truppa,ma non per questo non è rispettato da essa,anzi è il comandante lassista,che naviga a vista,che rischia l'ammutinamento da parte della ciurma sfiduciata,e mi si perdoni il paragone militare fatto dal sottoscritto contrario per ideologia alle armi.
In buona fine al posto di esempi con la De come De Filippi e D'Eusanio,io porterei come esempio ai giovani De Andrè,De Gregori,De Curtis(Totò),De Chirico,De Gasperi,e molti altri personaggi anche senza il De,che nell'animo lasciano un segno,seppur piccolo,ma utile nei momenti di bisogno,quando il mare della vita è in tempesta.
Saluti.

fabrizio tamari 14.06.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

L'Odio alla vecchiaia

Odio i vecchi quando si svegliano alle 3 del mattino guardando nel vuoto.

Odio la loro puzza di piedi dentro le ciabatte marce e i pantaloni sotto il culo che strisciano sotto la suola delle scarpe, con le mutande in vista.

Odio i loro "cosa hai detto ???".

Odio la loro grappa grigioverde, i toscani puzzolenti e l'aglio.

Odio , "la pensione è uno schifo".

Odio la bici distrutta dopo 30anni che la usano
Odio la coppola che vola via.

Odio le facce dei figli quando dicono "è intelligente nonostante l'altzhaimer".

Odio il bar sport, gli amici, i compagni di piola, che conta più di qualsiasi TG.

Odio i loro modelli, Emilio Fede e tutto quello che c'è dentro.

Odio "figli ingrati".

Odio la vecchiaia che non passa, che non schiattano mai.

Ma odio soprattuto la mia generazione che gli ha tolto la speranza, la fiducia e i valori nei quali credere e per i quali è giusto crescere.

Luigi Accomazzo 14.06.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento

La storia siamo noi, nessuno si senta offeso,
siamo noi questo prato di aghi sotto il cielo.
La storia siamo noi, attenzione, nessuno si senta escluso.
La storia siamo noi, siamo noi queste onde nel mare,
questo rumore che rompe il silenzio,
questo silenzio così duro da masticare.
E poi ti dicono "Tutti sono uguali,
tutti rubano alla stessa maniera".
Ma è solo un modo per convincerti a restare chiuso dentro casa quando viene la sera.
Però la storia non si ferma davvero davanti a un portone,
la storia entra dentro le stanze, le brucia,
la storia dà torto e dà ragione.
La storia siamo noi, siamo noi che scriviamo le lettere,
siamo noi che abbiamo tutto da vincere, tutto da perdere.
E poi la gente, (perchè è la gente che fa la storia)
quando si tratta di scegliere e di andare,
te la ritrovi tutta con gli occhi aperti,
che sanno benissimo cosa fare.
Quelli che hanno letto milioni di libri
e quelli che non sanno nemmeno parlare,
ed è per questo che la storia dà i brividi,
perchè nessuno la può fermare.
La storia siamo noi, siamo noi padri e figli,
siamo noi, bella ciao, che partiamo.
La storia non ha nascondigli,
la storia non passa la mano.
La storia siamo noi, siamo noi questo piatto di grano.

Francesco De Gregori 14.06.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Mio figlio mi somiglia tanto che dicono che e' un mio "clone."
Quando fa delle cose sbagliate e che facevo anch'io alla sua eta', mi fa molta rabbia.
Ma poi mi tocca ingoiare perche', appunto le facevo anch'io.
Fiducia, fiducia, fiducia.

Marcello Semboli 14.06.05 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Per la prima volta ho visto il Grande Grillo a teatro, non è stata una serata teatrale, ma una esperienza di vita, la sua comicità amara (che è solo sua) non si può raccontare, non si possono condividere le sue storie, le sue battute con chi non ha visto lo spettacolo...Al contempo l'entusiasmo, la conoscenza e la denuncia di alcuni fatti mi portano a desiderare ardentemente l'acquisto dello spettacolo in dvd, già ripetutamente richiesto via e-mail.
Spero di ricevere notizie in merito quanto prima! Grazie e ancora grazie per avervi conosciuto. Buon lavoro

loretta di giampasquale 14.06.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Anche io trovo irritanti molti degli atteggiamenti descritti, eccessivi, stupidi...il punto è che credo di scoprirli così adesso che sono più grande. Non posso dire di non averne avuti di simili o peggiori in adolescenza, non posso dire che la mia adolescenza non sia sembrata "odiosa" a chi era più avanti negli anni. Forse non sono stato e non sono così intelligente e riflessivo, pieno di giudizio o "sveglio", ma non sarei comunque così impietoso verso gli "adolescenti".
Non mi sembra proprio il caso!

Luca De Filippis 14.06.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
io ho 20 anni e diciamo che l'adolescenza l'ho appena passata, o che piano piano mi sforzo x scivolarci fuori e cadere nella melma del mondo delgi adulti.
Non credo che gli adolescenti siamo migliori, o che lo sia la gente con qualche anno in più. Credo che tutto dipenda dalla personalità e dalla situazione in cui è cacciato.
Odio i miei amici quando dormono fino a tardo poemriggio e mi tengono incollata al loro divano x fare zapping mentre fuori c'è il sole e ad ogni proposta dicono "boh, tanto ormai è finito il giorno".
Odio vedere che le mie amiche a vent'anni non vanno a votare x il referendum dicendomi che tanto è una cosa che non le tocca e non le toccherà.
Odio vedere che gente giovane finisce in depressione e rimane barricata in casa perchè non trova stimoli, o forse non li ha mai cercati.
Odio vedere che quando si parla di politica tutti mi rispondono che resterà tutto uno schifo e che non possiamo cambiare niente.
Odio quest'accidia, questo essere morti dentro e soprattutto odio ste cose perchè mi fanno paura.

Hai dimenticato un "odio" secondo me....Non ti viene da odiare i giovani che ti parlano mentre digitano SMS, che ovviamente scrivono usando le K e omettono le H del verbo avere per risparmiare spazi?
Un saluto
Laura

Laura Paludo 14.06.05 11:34| 
 |
Rispondi al commento

X Erica Toscano

Effettivamente ho dato l'impressione di essere un po' il ligio secchione che cerca la verità sui libri...
Volevo solo fare una riflessione dicendo che l'avevo trovata su un libro scritto da chi ha fatto esperienze...
I libri servono, ma vanno criticati giustamente!!!
Ciao

Mattia Cacciari 14.06.05 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
a mio avviso hai omesso "un odio" che in realtà denuncia un problema enorme della nostra società ovvero :"odio i giovani che dicono la politica mi fa schifo, tutti sono corrotti e non voglio averci nulla a che fare".
Questo problema mi sta particolarmente a cuore e non ti nascondo che mi genera non poca ansia per il futuro della nostra "bell'Italia".
Chi sarà il nuovo rivoluzionario che ci libererà dallo scempio a cui siamo costretti tutti i giorni?! Chi avrà il coraggio che ebbero i rivoluzionari francesi alla fine del diottesimo secolo e dirà a questa gente di andare a casa perchè delle loro stronzate ne abbiamo piene le tasche?! Ma ci rendiamo conto che oggi un De Michelis ancora va in televisione a parlare di politica quando lui è stato uno dei fautori dello sfascio della politica?! Ma ci rendiamo conto che ancora sento in TV chi difende la vecchia DC (dimenticando che oggi ancora paghiamo il prezzo dello schifo che hanno fatto), ma se chiedi alla gente di parlare del "caso Cirillo" nessuno sa rispondere. La DC capeggiata da Andreotti trattava con "Cutolo" il rilascio di un suo esponente e portava al potere in Sicilia "Salvo Lima" uno che ha distrutto la Sicilia e Palermo, ucciso qualche hanno più tardi dalla mafia. Oggi purtroppo i giovani, forse vedendo intorno a se un mondo che va sempre più allo sbando, non hanno più il valore della legalità e soprattutto della lotta all'illegalità, ma nella mia zona (Campania) sento sempre più un ritorno a quella approvazione verso la camorra che, negli anni ottanta, fece divenire "un santo" Raffaele Cutolo e che rischia oggi di vanificare quei pochi passi in avanti che si sono fatti nella sensibilizzazione dei giovani. A proposito di ciò mi rivolgerei a quei sottosviluppati della lega che qualche tempo fa hanno messo una taglia sulla cattura di un delinquente, il messaggio che, inevitabilmente, passa è :"lo stato non c'è vedetevela voi" ed allora ieri in provincia di Varese una folla inferocita cercava per la strada degli albanesi da pestare!
Lo stesso giorno un ragazzo in Sicilia si faceva giustizia da sè uccidendo un diciassettenne con cui aveva avuto una rissa!!! Non credo che le due cose siano legate ma penso che se si continua in questa direzione una mente sprovveduta potrebbe mal interpretare certe affermazioni e far divenire lecito anche un gesto del genere.
Mi auguro che ci sia una ripresa dell'interesse dei giovani alle problematiche sociali altrimenti De Mita, Cirino Pomicino e company ce li dovremo tenere per sempre, magari clonandoli, ah no! questo no!! perchè loro sono pur sempre DC e tutte le mattine vanno in chiesa!!!!!!!
Saluti Carmine

Carmine Elia 14.06.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Condivido in pieno il tuo "odio" per la tua generazione che "ha tolto la speranza, la fiducia e i valori nei quali credere e per i quali è giusto crescere."
Io credo nell'uomo, nel singolo individuo il mondo è pieno di uomini e donne straordinari che producono vita e speranza.
Una certa cultura ideolocigizzata da sempre cerca di spegnere l'uomo in quanto individuo, per arginarlo per confonderlo in vari contenitori a seconda della necessità.
Ma l'UOMO l'INDIVIDUO trova sempre il modo di divincolarsi, questo BLOG è un esempio.
VIVA LA LIBERTA' VIVA IL CORAGGIO DI ESSERE LIBERI!

Paolo Rullo Commentatore in marcia al V2day 14.06.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

"Odio", così come scritto in queste frasi, scritto da Beppe Grillo che ha sempre creduto nei giovani, che li ha sempre supportati sà di amaro. Sono un ragazzo di 30 anni ma anche un padre, e mi ritrovo perfettamente con Bebbe nel guardare con delusione questi nuovi ragazzi, senza ideali concreti, senza capacità critica, senza senso di responsabilità. Ma sono certo che la colpa è soprattutto delle famiglie , dei genitori, che non li rendono in grado di affrontare la società, non li rendono capaci di criticare con intelligenza la realtà che li circonda. Sono capaci solo di "andare contro", ma contro cosa? se, una volta che gli viene chiesto il motivo di una loro scelta, non sanno dare una spiegazione sensata?
Stiamo tornando indietro, l'ignoranza di questi nuovi giovani spaventa.

Marco Arcolin 14.06.05 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Per Franco Baldoni:
a proposito di Grillo che ha remato per la morte e la manipolazione...ma perchè prima di sparare sentenze non leggi il blog??? Guarda il post di qualche giorno fa!!!

Chiara Rigo 14.06.05 10:34| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE TU ODI TE STESSO XCHE FACEVI ED ERI LE COSE CHE HAI SCRITTO.....

Ma odio soprattuto la mia generazione che gli ha tolto la speranza, la fiducia e i valori nei quali credere e per i quali è giusto crescere

NON POTRAI CAPIRE LA MIA GENERAZIONE QUANTO SI ODIERA' QUANDO AVRA' LA TUA ETA'....PER TUTTI I DISASTRI CHE LASCERA' AI FIGLI...........

RAOUL REDDITI 14.06.05 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Odio della mia generazione, ed ho 24 anni, il fatto di essere appiattiti su delle posizioni, odio chi sposa una causa e non la mette mai in discussione, gli occhialoni che coprono la maggior parte del viso di un ragazzo/a, odio le macchine 50 che corrono per le strade di Roma ed i genitori che le comprano, odio questa musica alla meneguzzi che sento in radio e lo scimmiottare gli americani nel loro modo di vestire, come se tutti foddimo cantanti hip pop-----

lorenzo grasso 14.06.05 10:00| 
 |
Rispondi al commento

No..NESSUNO me l'ha data giusta, caro Riccardo..Nemmeno Ruini. Nemmeno i "saggi" manifesti con la faccia e le tette della Ferilli me l'han data giusta. Secondo me, il problema e' ben diverso da come l'hai inteso tu. Ripeto: l'astensionismo a questo referendum non e' stato dovuto a chissa' quali scelte politiche o etiche. E' stato dovuto a causa della poca, e cattiva informazione. E' stata a dir poco una pagliacciata, la classica "casa tirata su senza fondamenta". Glie lo spieghi tu ad un agricoltore, ad un operaio quali sono i pro e i contro della fecondazione assistita? Cosa sono le cellule staminali? A cosa servono?..

Marco Panachia Commentatore in marcia al V2day 14.06.05 09:38| 
 |
Rispondi al commento

x Fabrizio Tamari
Grazie e sottoscrivo tutto quello che dici ed in particolare ciò che rivolgi agli strizzacervelli da 4 soldi e a come, in generale, vengono condotti alcuni studi. Però quel libro mi piacque molto, diciamo che è un punto di vista che non avevo mai preso in considerazione. Non per questo ritengo che Tomatis sia un santone nè che abbia la soluzione in mano

giusi pitari 14.06.05 09:32| 
 |
Rispondi al commento

PER SIMONA PIANOSI:
"Quando trovo qualcuno che condivide il mio pensiero generale circa il ruolo dei genitori, mi sento un attimo più sollevata ! Dovreste sapere che spesso amiche e comunque conoscenti, quando sentivano anni fa che mio figlio di 8 anni già si faceva il letto da solo , e sempre da solo faceva la polvere in camera sua, gli stessi amici etc. mi giudicavano una madre despota, quasi nazista, schiavista !
Onestamente a me pare di fare del bene ai figli, anche quando insegno loro passo dopo passo mansioni di questo genere, si parte dalle piccole cose per imparare a stare al mondo senza il supporto perenne dei genitori.
Poi non sopporto frasi del tipo.."tu figlio mio dovrai avere tutto ciò che non ho potuto avere io" ....ma chi lo dice, che quello che non hai avuto tu, lo vorrebbe tuo figlio!!!!?! Poi ancora.... per i figli "venuti bene " è sempre merito dei genitori; Mentre per i figli che prendono vie errate, le frasi tipo sono: "sai gli amici , frenquenta proprio cattive compagnie, è proprio colpa degli amici", allora lì i genitori sono sempre estranei, ma di chi è la colpa se un figlio si distrugge con droghe, alcol, videgiochi, è forse del VICINO DI CASA? Ma non scherziamo con il fuoco. Che ognuno si assuma le proprie responsabilità!
Sottolineo responsabilità, perchè i genitori sono umani e sbagliano, a volte si fa del male ai figli senza il DOLO, avere COLPA non significa essere dei genitori disgraziati intenzionalmente, spesso si fanno errori inconsciamente, si è diseducativi senza nemmeno accorgersene.

Ricordiamoci i nostri figli scelgono le amicizie malsane, non sono gli amici che scelgono i nostri figli,e noi genitori abbiamo sempre delle responsabilità."

Grazie Beppe sarebbe bello avere una ricetta ideale per crescere i figli..............
Sara Trics

Sara Trics 14.06.05 09:32| 
 |
Rispondi al commento

Odio odio odio odio.. odio sto cazzo!!
Ci sono tante cose che odio anch'io come un'informazione scorretta e monopolista , lo sfruttamento delle perone, le guerre, la religione (tutte!!!), gli albanesi, ecc...
Sono un ragazzo e vivo la mia vita come voglio, mi fumo una canna se mi va e vado in giro vestito come mi piace (non serve far vedere la mutanda!).
Non siamo tutti uguali ci sono ragazzi che sanno ragionare con la propria testa e chi no, ma potrei dire la stessa cosa degli adulti che magari con la maglietta sudata ci provano con le ragazzine o magari se ne vanno a troie e scrivono 'Bravo Beppe hai ragione'.

Luca Ferrazza Commentatore in marcia al V2day 14.06.05 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, hai ragione. I ragazzi di oggi non hanno più i valori a cui i nostri genitori tenevano tanto. E' una generazione di merda questa di oggi: i ragazzi non studiano, sono altamente ignoranti, sono maleducati, sono irrespettosi, completamente allo stato "brado"! Di chi la colpa? Sicuramente di ciò che li circonda: la famiglia (che, ahimè, magari li trascura), la società (che, purtroppo, se ne frega altamente di loro), le compagnie (non dico amici, perchè l'amicizia è un tesoro raro da trovare oggi giorno).
Sono d'accordissimo con te: questa loro pseudo spensieratezza mi da ai nervi. Ma ci vuole tanto a infilarsi il casco, a bere quanto basta anzichè ubriacarsi, a cercare di parlare correttamente, a farsi meno canne: prendono alla leggera tutto quanto, poi quando succede qualcosa di spiacevole maturano (solo in alcuni casi) tutto insieme.
Da genitore non lo dovrei dire, ma qualche ceffone una volta ogni tanto ci vuole! Eccome se ci vuole! Le piante per farle crescere si devono seguire giorno dopo giorno, dargli acqua, legargli il fusto se storto, potarle nelle loro parti secche!
Di nuovo, hai ragione Beppe, ma siamo noi genitori che dobbiamo pensare a farli crescere bene, insegnando loro che esistono dei valori, delle regole, il rispetto per la vita, l'amicizia e, soprattutto, DIO che è amore (sia nel dare che nel recevere), ingredienti essenziali per vivere al meglio nella nostra società attuale.
Buona giornata e buon lavoro a tutti.

Alessandro Onesti 14.06.05 09:00| 
 |
Rispondi al commento

x Marco Panachia e gli altri...
potevi andare a votare e fare la croce sul NO!
che ti costava?
a proposito di informazione spazzatura:ok d'accordo, e allora stai a sentire il cardinal Ruini?
lui l'informazione sulla procreazione assistita e sulle cellule staminali, te la dà giusta?
se dai retta a lui sei messo bene...
date retta a Ruini fate bene ma ricordate che cìè gente che ci ha rimesso le penne x poterci dare il diritto al voto libero e x far sembrare l'Italia un paese moderno e civile...

Riccardo Galatolo 14.06.05 08:45| 
 |
Rispondi al commento

ODIO Beppe Grillo. Io suo ostentato "Comunismo". In questo blog mi sembra di leggere le stese cose che potete trovare su "Lotta Comunista", su "l'Unità", ecc... Sempre a parlare male di qualunque destra, di qualunque chiesa, di qualunque multinazionale. E intanto, con la migliaia di fedeli che riempioni i suoi spettacoli LUI si riempie le tasche di soldi. Ha capito che parlando di temi "forti" può riempire uno stadio e guadagnare soldi a palate, quanto basta per pagarsi gli avvocati che lo difendano da cause intentate nei suoi confronti. Per fortuna non tutti gli italiani sono fessi e con l'enorme astensione dal referendum sono riusciti a salvaguardare quel poco che ci è rimasto di vero: la nostra vita. Beppe ha remato per la morte, per la manipolazione, per dare carta bianca alle multinazionali della genetica in modo che potessero creare i nuovi "mostri". Io ho votato perchè mio figlio nasca così come Dio lo ha voluto e NON come Beppe Grillo e i suoi scienziato vorrebbero che fosse.

Franco Baldoni 14.06.05 08:21| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Sig. Grillo,
posso solo dire di trovarmi assolutamente d'accordo con tutti i suoi "odio".
Ho solo paura che negli anni a venire la lista si allunghera'.

cari saluti

luca annibali 14.06.05 08:14| 
 |
Rispondi al commento

X Riccardo Galatolo
Io sono uno di quelli che non e' andato a votare a questo referendum, e allora? Sarei una persona di "m...a"? Se mi sono astenuto, avro' avuto i miei buoni motivi..come il restante 74 per cento di italiani. Tu sei andato a votare, e hai avuto i tuoi buoni motivi, e io ti rispetto. Vorresti togliermi il diritto di voto?! Ho fatto questa scelta solo perche' tutti i dati forniti dai mezzi di informazione non mi hanno convinto minimamente. Se e' una questione in corso da parecchio tempo, perche' si sono svegliati all'ultimo minuto a proporci sta cosa? Perche' non se ne e' parlato molto tempo prima..? Perche' a parte gli ultimi giorni non c'e' stato NESSUN dibattito il televisione che ci ha proposto medici specializzati al caso che potessero parlarcene chiaramente?! I pro e i contro !? Credi davvero di sapere tutto a riguardo? Se sì, buon per te. Avessi avuto le idee chiare sarei andato a votare "SI"..oppure "NO". Stiamo diventando schiavi di una informazione spazzatura, e di programmi televisivi pietosi.. i giornali sono TUTTI di parte, gli schieramenti politici si dividono sull'argomento, non c'e' chiarezza. E' questo il punto. Ed e' questo il VERO fallimento del referendum, lasciamo perdere la questione dell'etica. Nessuno, o meglio, la maggioranza NON HA AVUTO certezze necessarie tali da dover esprimere un voto. Altra cosa: Ti hanno chiesto se volevi l'Euro? Ti hanno chiesto se volevi entrare in Europa?..Eppure, ti hanno tolto il diritto di scegliere. Lamentati di questo, piuttosto.

Marco Panachia Commentatore in marcia al V2day 14.06.05 08:08| 
 |
Rispondi al commento

Signor Beppe,volevo farle i miei complimenti per come riesce a dire e difendere le proprie opinioni e denunciare le ingiustizie con cui in modo più o meno consapevole,conviviamo quotidianamente.Ammetto che non sono particolarmente informata sui vari argomenti da lei trattati;cerco comunque nel "mio piccolo" di dire la mia opinione sui vari argomenti che sono per così dire "alla mia portata" con il massimo della coerenza e sincerità che sono in grado di mantenere.Per esempio,quando parla degli adolescenti cresciuti senza i principi con cui sono cresciuti i genitori,vorrei dirle senza girarci troppo attorno,che secondo me,ritengo essenziali i valori di cui lei accennava che immagino fossero l'onestà,la coerenza,la sincerità,ecc. ma credo anche che nella società in cui viviamo,per un genitore non sia così facile far capire a fondo la grandezza e la profonda importanza di tali principi,quando gran parte delle persone più "in vista" vedi parlamentari,e simili,ma non solo,diano l'esempio negativo che tutti noi vediamo quotidianamente o quasi.
Ad es.:l'importante è apparire,non essere,che molte cose che non è possibile ottenere legalmente e onestamente,si riescono ad avere comunque pagando,che per essere persone rispettate bisogna avere potere,quando invece secondo me quelle,sono le persone più misere.
Credo infatti che,se una persona nonostante tutto riesce a rimanere umile,facendosi comunque valere senza diventare maleducato,volgare,o altro,riesce a guadagnare un rispetto che va' al di là della quantità di soldi del suo conto in banca. Forse le sembrerò troppo idealista e magari anche un po' troppo sognatrice,ma la penso in questo modo.
Cordiali Saluti
Pamela Ferrari

Pamela Ferrari 14.06.05 01:22| 
 |
Rispondi al commento

la mia (la nostra) generazione la castrerei e, di ogn'uno, l'asportato, lo impaccherei a pressione nel cavo laringèo di modo che potesse così morire soffocato...
..maleddetta l'ignoranza dell' "essere" che..sempre più regna e imperversa sovrana..!!

luciano mauri 14.06.05 00:55| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
condivido molto di quello che scrivi e ti seguo sempre da vicino.
Grazie per quello che stai facendo esponendoti in prima linea, deciso ma con intelligenza.
Sei tra i degni eredi di Gaber (ricordo su questo tema la canzone "Il grido"), che manca un po' a tutti noi.
Non mollare.

stefano calzolari 14.06.05 00:24| 
 |
Rispondi al commento

Odio tutte le ragazze che non sono andate a votare al referendum. A VOLTE BISOGNEREBBE RICORDARE ALLE DONNE DI QUESTA GENERAZIONE ... CHE POSSONO VOTARE LO DEVONO GRAZIE A CERTE PERSONE. LA LORO CHIESA CATTOLICA PER 2000 ANNI NON HA PERMESSO DI VOTARE ALLE DONNE INSTAURANDO UN MASCHILISMO SOVRANO IN TUTTI I PIU ALTI SETTORI DELLA SOCIETA'.
LE DONNE IN ITALIA HANNO DIRITTO AL VOTO DAL 1948, ODIO TUTTE LE DONNE CHE SONO DI DESTRA CHE SI ISPIRANO AL FASCISMO, ODIO TUTTE LE DONNE CHE CREDONO ANCORA NELLA CHIESA NONOSTANTE LE SUORE NON POSSANO DIVENTARE PAPA, CREDONO ANCORA IN UNA CHIESA CHE SPERPERA ODIO VERSO I DIVERSI, GAY SPRELATI, DIVORZIATI, E FA FARE ALLE DONNE L'ULTIMA RUOTA DEL CARRO DI QUESTA SOCIETA'. GRAZIE CHIESA CATTOLICA GRAZIE IDEOLOGIA FASCISTA. CHE CI AVETE REGALATO IN 2000 ANNI DI STORIA RAZZISMO GUERRE E DISUGUAGLIANZA.
ODIO CHI CHIAMA MISSIONE DI PACE LA GUERRA, ODIO I PATRIOTI "INVASORI" DI ALTRI PAESI CHE HANNO FATTO 2MILIONI DI MORTI, ODIO LA CHIESA CHE PARLA DI VITA E DEMONIZZA CHI E' PER LA PROCREAZIONE ASSISTITA L'ABORTO E L'EUTANASIA DIMENTICANDO CHE STANNO MORENDO IN IRAQ 2 MILIONI DI PERSONE, E STANNO PENSANDO DI COSTRUIRE GIA LE PRIME CHIESE CRISTIANE IN IRAQ. DOPO LA CAMPAGNA DI RATZINGER PRO BUSH 2 ANNI FA PER FARGLI VINCERE L'ELEZIONI CERCANDO DI SCOMUNICARE KERRY CHE ERA PRO ABORTO.

GRILLO LEGGILE QUESTE COSE:
http://www.chiesa.espressonline.it/dettaglio.jsp?id=7055

BASTA PAPI 14.06.05 00:17| 
 |
Rispondi al commento

Elisabetta è inutile che ti lamenti, quello che si semina si raccoglie...

E rispetta di più le persone e l'opinione altrui.
Altrimenti vai a dormire come dice qualcun altro..

Rosario Pisanò 14.06.05 00:14| 
 |
Rispondi al commento

X TUTTI

O CHE BELLA GENTE MADAMA DORE'!

LEGGETE COSA MI POSTA IL SIGNOR PISANO' NEL BLOG 11°COMANDAMENTO

E te vai a battere il marciapiede allora elisabetta.

Postato da: Rosario Pisanò il 13.06.05 23:46

SE MI DAI L'INDIRIZZO LO FACCIO SOTTO CASA TUA!

Postato da: Elisabetta Carosi il 14.06.05 00:05

Elisabetta Carosi 14.06.05 00:09| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, mi ritrovo nel tuo odio...
mi considero ancora un'adolescente, cresciuta con tante di queste persone che hai descritto con cui per me non è proprio facile legare..
la cosa che più mi rattrista è quella mancanza di prospettive, quella insicurezza profonda che mi prende lo stomaco quando qualcuno mi guarda e mi chiede:"cosa farai da grande?"
mi viene sempre da rispondergli "io sono già grande e non ho ancora fatto un cazzo di buono nella mia vita!"
baci a te beppe

michela marino 14.06.05 00:07| 
 |
Rispondi al commento

Amo tutti quelli che hanno la forza di ammettere i propri errori e che hanno i "coglioni", in tutti i sensi, e la forza di provare ad educare più di tre figli e a capire veramente qual'è il sale, la gioia e il senso della vita.

Marco Meggetto 13.06.05 23:55| 
 |
Rispondi al commento

-----------PER GIUSI PITARI-------------

SCUSA MA CHI SAREBBE QUESTO ESTIMATORE DI MARIO TOZZI?

FORSE HAI USATO L'IMPERSONALE O CE L'AVEVI CON ME?

SALUTI
IL VIAGGIATORE DEL TEMPO

GIOVANNI GRECO 13.06.05 23:47| 
 |
Rispondi al commento

Condivido le cose che dici, specialmente ti ringrazio per la precisazione che fai all'inizio, credo fosse necessaria.

Ti ringrazio soprattutto per la puntualizzazione che fai alla fine, il tuo ultimo "odio" lo avverto non come una scusa per non aver potuto fare qualcosa ma come un vero senso di sconfitta di un'uomo eccelso appartenuto ad una generazione mediocre, non forse nei fini che si è posta ma nelle strade che ha percorso e nei traguardi che ha raggiunto.

Io metterei un Odio agli adulti che realizzano per i bambini i sogni che loro stessi hanno avuto, togliendo ai piccoli il diritto di sognare e realizzare per se stessi i propri sogni e, peggio, di avere dei sogni.

Filippo Noceti 13.06.05 23:41| 
 |
Rispondi al commento

X giusi pitari
ti ringrazio per l'appunto,anche se io non amo molto i "sezionatori" della psiche umana,gli studiosi del comportamento e compagnia cantante;il mio disamore verso queste persone è dovuto al fatto che loro (come fa l'exit-poll)prendono in esame un determinato numero di persone per i loro studi e poi via come si fa con i polli d'allevamento,ciò che va bene per uno viene applicato a tutti,e se sbagliano come capita per gli exit-poll,pazienza;d'altronde il Ritalin non ho detto io di prescriverlo ai bambini "vivaci",ma fior di dottoroni strizzacervelli spalleggiati dalle case farmaucetiche.Mi scuso per la mia "verve" polemica ma nulla di personale contro A.Tomatis il mio discorso era rivolto,come avrai potuto capire, al mondo della psicologia e psichiatria.
Vediamo anche il RE degli psicologi quel tal Crepet che è onnipresente con la sua verità in ogni trasmissione dove ci sia da buttar la croce sui giovani(delitto di Novi,uccisione della suora ecc.)sempre a parlar di giovani in senso negativo(oltretutto in un suo dibattito a Novi,è stato parecchio criticato dai giovani del posto non contenti di fare i capri espiatori di questa società).Comunque certa gente non è meglio che vada a guadagnarsi lo stipendio in maniera migliore? Come?Aiutandoli i giovani e non "sparando"
banalità ed ovvietà a destra e a manca ed oltretutto essere pagati da noi contribuenti,dato che il dottor in questione ha una poltrona fissa da Vespa in compagnia della Palombelli,dell'antropologa col paraocchi,del barbuto criminologo,dei coniugi Cecchi Gori e,dimenticandone molti,della "fenomenale" amazzone anti-burka Clarissa Burt.
Scusa il tedio,saluti.

fabrizio tamari 13.06.05 23:09| 
 |
Rispondi al commento

X giusi pitari
ti ringrazio per l'appunto,anche se io non amo molto i "sezionatori" della psiche umana,gli studiosi del comportamento e compagnia cantante;il mio disamore verso queste persone è dovuto al fatto che loro (come fa l'exit-poll)prendono in esame un determinato numero di persone per i loro studi e poi via come si fa con i polli d'allevamento,ciò che va bene per uno viene applicato a tutti,e se sbagliano come capita per gli exit-poll,pazienza;d'altronde il Ritalin non ho detto io di prescriverlo ai bambini "vivaci",ma fior di dottoroni strizzacervelli spalleggiati dalle case farmaucetiche.Mi scuso per la mia "verve" polemica ma nulla di personale contro A.Tomatis il mio discorso era rivolto,come avrai potuto capire, al mondo della psicologia e psichiatria.
Vediamo anche il RE degli psicologi quel tal Crepet che è onnipresente con la sua verità in ogni trasmissione dove ci sia da buttar la croce sui giovani(delitto di Novi,uccisione della suora ecc.)sempre a parlar di giovani in senso negativo(oltretutto in un suo dibattito a Novi,è stato parecchio criticato dai giovani del posto non contenti di fare i capri espiatori di questa società).Comunque certa gente non è meglio che vada a guadagnarsi lo stipendio in maniera migliore? Come?Aiutandoli i giovani e non "sparando"
banalità ed ovvietà a destra e a manca ed oltretutto essere pagati da noi contribuenti,dato che il dottor in questione ha una poltrona fissa da Vespa in compagnia della Palombelli,dell'antropologa col paraocchi,del barbuto criminologo,dei coniugi Cecchi Gori e,dimenticandone molti,della "fenomenale" amazzone anti-burka Clarissa Burt.
Scusa il tedio,saluti.

fabrizio tamari 13.06.05 23:07| 
 |
Rispondi al commento

Vale lo sfogo anche se è lunedì?
Nel caso:

Odio gli insegnanti che non riescono a trasmettere agli studenti un minimo di passione per la materia che insegnano

Odio i genitori che non fanno capire ai figli il valore dei soldi

Odio i genitori che non fanno capire ai figli il valore della cultura

Odio le mamme che si vestono come le figlie

Odio i papà che si interessano ai figli solo per sapere com’è andato l’allenamento di calcio

Odio le famiglie bigotte che non fanno fare ai ragazzi nessuna esperienza

Odio i genitori che inculcano ai figli la politica per slogan

Odio i genitori che ritengono un premio portare i bambini da McDonald’s

Odio le mamme che fanno la gara a chi ha i figli vestiti meglio

Odio le mamme che parlano male degli amici dei propri figli

Odio la scuola, le famiglie e tutti i mezzi di comunicazione per non essere capaci di insegnare ai ragazzi a scrivere e parlare correttamente

Odio la tv e la pubblicità, che usano sempre le stesse cinquanta parole e propongono modelli stereotipati

Odio la polizia che ti ferma solo perché sei un giovane trasandato

Odio il fatto che la comunicazione di massa produca condizionamento di massa

Di conseguenza, odio tutti quelli che se la prendono con i 13-16enni per quello che fanno, visto che evidentemente non è colpa loro.

Io ho 19 anni e ringrazio tanto i miei genitori per avermi insegnato a vivere, ragionare con la mia testa e mettere passione nelle cose che faccio.

claudia cardea 13.06.05 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Io odio il paese in cui vivo ,il paese dove chi sta bene o ha figli non si pone il problema di chi non ne ha o non può averne. Il paese dove la destra usa gli argomenti della sinistra e la sinistra usa gli argomenti della destra.Il paese dove si fa un regalo non richiesto alla chiesa che ormai non ha niente più a che fare con la vita che vivono i sui proseliti tutti i giorni.
Il paese dove non si dimette mai nessuno.

Alessandro De lellis 13.06.05 22:56| 
 |
Rispondi al commento

O.T.!!!
_________________________________________________

io ODIO tutti quelli che non hanno votato!
potevano votare TUTTO QUELLO CHE GLI PAREVA, un SI o un NO,non era importante ma era importante ANDARE A VOTARE!!!
io gli leverei il diritto al voto!
gente del genere non ha il diritto di potere decidere delle mia vita...
che gente di merda!

Riccardo Galatolo 13.06.05 22:30| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE!!!!!
TI SONO VICINO .......DOBBIAMO FARE QUALCOSA BATTERCI .....PER MIGLIORARE LA SOCIETA' E ALLOSTESSO TEMPO AIUTARE I GIOVANI A CAPIRE I VERI VALORI DELLA VITA CHE FIN DA PICCOLI DEVONO FAR PARTE DEL LORO SVILUPPO E CRESCITA ADOLESCENZIALE.....CERTO CHE BISOGNA ANCOR PIù CREDO AIUTARE ANCHE I GENITORI A UNA RIEDUCAZIONE PERSONALE !!!!! CIAO ARTURO

arturo mason 13.06.05 22:23| 
 |
Rispondi al commento

ma... ma... ma... non saprei... penso, leggo, ripenso, rileggo... forse avete ragione a criticare gli adolescenti, lo faccio spesso anch'io (20 anni, studente c/o Fisica), però non esiste solo quella marmaglia di ragazzini, tutti cellulare, pokemon(no, non vanno più di moda), abbreviazioni e magliette attillate in dicembre! C'è anche, a guardar bene, una folta genia di ragazzi che cercano la libertà, la sognano e cercano di essere il motore e la spinta per un futuro migliore, dove al primo posto nelle preoccupazioni della gente, non ci sia la borsetta firmata da 500€ o la fecondazione assistita o meno, ma la possibilità di costruirsi e di vivere la propria vita liberi e felici!! ...e questo pare che Grillo l'abbia in parte capito, visti gli argomenti dei suoi "odi" di questa settimana!!

Stefano Bertone 13.06.05 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Il mio post vuole in un certo senso aggiungersi a quello di Emanuele Coltello, ma con un pizzico di distanza, un po' di moderazione in più.

E' senz'altro vero che le nuove generazioni, a cui tra l'altro appartengo, sono per lo più composte da ragazzi svuotati di ogni valore (e con questo non intendo per forza religioso, anzi!), ma questo è una conseguenza di come il mondo è andato sviluppandosi...la direzione intrapresa dalle generazioni precedenti, che hanno permesso un'evoluzione incontrollata della tecnologia nell'ambito sociale, è senz'altro il motivo e quindi la causa del malessere delle nuove generazioni. Se oggi le televisioni mandano in onda trasmissioni di livello culturale sottozero (come ad esempio Uomini & Donne), propindando ai miei coetanei modelli di vita come "Costantino"...oppure come "i piagnoni di Amici"...per non parlare dei protagonisti dei terribili e agghiaccianti reality show, bene, questo è senz'altro colpa di chi dirige...non si può giustificare il fatto dicendo "queste trasmissioni vengono realizzate perchè i giovani le guardano!"...i giovani qualche anno fa guardavano molto volentieri trasmissioni impegnate come quelle della Dandini e Guzzanti, oppure varietà come Panariello...insomma, la gente si adegua, purtroppo, a quello che gli viene proposto senza filtrare più di tanto la qualità del prodotto...ma sta a chi governa e a chi deve tutelare la nostra educazione (generazioni precedenti) preoccuparsi di mandare Costantino a fare in culo (scusate la volgarità ma anche io ogni tanto devo sfogarmi)...non se ne può più di sentir gridare persone adulte che i ragazzi di oggi sono insensibili...chi è stato tirato su con un minimo di attenzione e di educazione sa distinguere con la propria testa "i cretini" dalle persone intelligenti!

Perciò, anche se è la minoranza, c'è una quantità di ragazzi che hanno la voglia di migliorarsi la vita, che non si astengono dalle elezioni solo perchè qualche politico anticostituzionale lo ha proposto, che preferiscono mettersi a lavorare dentro un call center con paghe da schiavo piuttosto che mettersi a rubare, che hanno spirito d'iniziativa e s'impegnano per cambiare le cose.....Beppe....sai che ci siamo anche noi....e siamo proprio il tuo pubblico!!!

Claudio Recchia 13.06.05 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Fabrizio,
parlo di Alfred Tomatis e no tanto di lui come terapeuta, ma della sua particolare 2vsione" dell'ascolto. e' chiaro che lui è stato un fissato dell'orecchio e le sue terapie hanno basi fisiologiche riconosciute universalmente, ma uno dei suoi libri, L'orecchio e la vita, insegna, a ben vedere, quanto sia difficile porsi nella posizione di ascoltatore. Mi ha molto colpito lo studio della posizione che si assume nell'ascoltare. Alcune volte, quando tento un dialogo con i miei figli, tenaci proprietari del divano, mi rendo conto che desidero solo giustamente salvare il mio divano, ma non so mai se le mie orecchiene ascoltano il loro o il mio disagio. Spesso, a ben ascoltare, il lor o disagio è insostenibile, molto più lo è il nostro, forse perchè più radicato.
Sono comunque felice di lavorare per i giovani.

giusi pitari 13.06.05 21:51| 
 |
Rispondi al commento

E odiamo sopratutto gli adolescenti che si ubriacano col vino quello "buono" mentre guardano i calciatori in tv.
Grande Grillo,sempre di più!!!

Marco Sabatini 13.06.05 21:37| 
 |
Rispondi al commento

X giusi pitari
ma parli di Mariano Tomatis,lo studioso di fenomeni paranormali?Se è lui che cosa può dire a noi genitori e figli sui nostri rapporti generazionali?Oppure di Alfred Tomatis? Sarei grato se specificassi il nome,grazie.
Saluti.

fabrizio tamari 13.06.05 21:19| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a chi dice che "i giovanio d'oggi sono troppo superficiali, che seguono le mode e via dicendo" a loro rispondo: CHE SCHIFO DI MONDO CI AVETE LASCIATO?! CHE EDUCAZIONE DI MERDA CI AVETE DATO?! Dove eravate cari genitori, quando La moratti trasformava la scuola in un'azienda?! quando hanno distrutto le campagne dove giocavate da piccoli con i lombrichi e costruivano palazzi e giardini dove pisciano i cani?! dove eravate quando ci siamo rifugiati in un mondo virtuale e individuale fatto di giochini elettronici e marie de filippi? dove eravate quando ci toglievano i diritti sul lavoro, i luoghi di aggregazione?! dove eravate quando NON CI RESTAVA ALTRA VANA FELICITA' SE NON QUELLA DELL'ALCOL E DELLA DROGA?! Se siamo quello che siamo è perchè VOI CI AVETE FATTI COSI' E NON CI AVETE INSEGNATO A COMBATTERE. Voi eravate sulle vostre poltrone a guardare la tv. Noi guardavamo voi e crescevamo!.

Emanuele Coltello 13.06.05 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo.
Se persone come Mario Tozzi, terrorosita della comunicazione prima che geologo, vengono portati ad esempio di sapienza e saggezza, mi spiace mi astengo. Non sono prevenuta, ho seguito lezioni riguardanti la comunicazione ascientifica in TV con speciale riferimento alle trasmissioni di Tozzi: ho imparato che tutto in TV è possibile pur non sapendo nulla, neanche come si tiene in mano il pccone da geologo, e questo è il minimo.
mamma mia come è strana la comunicazione televisiva. Caro estimatore di Tozzi, ma lo sai che la magior parte dei servizi sono montati in studio? Se stai attento te ne accorgi, lui dice cose che non hanno nulla a che fare con ciò che dice, nè tanto meno le ha viste!!
Quanti sabati sera sprecati!!!

giusi pitari 13.06.05 21:15| 
 |
Rispondi al commento

cari fabrizio Tamaro e Alessio Re,
intendo sia rispondere a voi che dire qualcos'altro.
Lo scontro generazionale deve esserci è essenziale, come è essenziale capire quale e quanto tempo sia utile.
Purtroppo credo (e qui mi riferisco ad Alessio re) che dire di mandarli " a zappare la terra" perchè è di questo che hanno bisogno perchè, in fondo, non hanno nulla da afre, sia molto superficiale e anche un po' troppo presuntuoso: come a dire, noi vi diamo trppo, voi non apprezzate. Me lo diceva anche papà, per il quale la befana portava arance e caramelle e non giocattoli. Che un sano rapporto col materiale sia indispensabile è sacrosanto, ma non può sostitutivo nè tanto meno unico strumento educativo , per un tessuto sociale così mutato e inafferrabile pre per noi che, oggi abbiamo a che fare con una bassissima affluenza alle urne e, ancora, ricodiamo dei treni peni di emigrati che tornavano per votare.
Sì, caro Fabrizio, il tran tran che ci affligge e ci prende, e non è colmabile, nè con baby sitter, nè con lo sport, nè con la TV. L'ascolto, il vero ascolto, questa secondo me è la chiave. Ascoltare senza sperare di avere risposte, nè per esprimere giusdizi. Ascoltare.
Se potete leggete i libri di Tomatis.

giusi pitari 13.06.05 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Odio i comici che dall'alto della loro supponenza generalizzano sempre su tutto e tutti,dimenticando che ogni generazione ha avuto le sue mode,le sue idee,le sue piccole e grandi "rivoluzioni"musicali e culturali,e sempre soffocate dal "potere",quando cominciavano ad essere un pò troppo invadenti e fastidiose.Soffocate purtroppo dalla droga e dall'alcool,vedi l'eroina nel '70 la cocaina negli '80,le droghe sintetiche nel '90,alcool e droghe a fiumi nel nuovo millennio.Però...generalizzare troppo non fa bene a nessuno,anche perchè uno può vestirsi come vuole la moda,ascoltare la musica in auge oggi,ma leggere Bukowsky,Miller,Kafka,S.Fitzgerald,Orwell,Buzzati ecc. e sapere qualcosa in più anche dei genitori impegnati nel loro tran-tran quotidiano e sempre poco presenti nella vita dei loro figli.Poi lo scontro generazionale deve esserci,perchè se tutto va sempre liscio,senza alcun punto di vista diverso,se tutto è condiviso(parola che non manca nelle pubblicità e nel vocabolario noioso dei nostri politici),succede che prima o poi il velo di ipocrisia che si è frapposto tra figli e genitori,cade e lì son dolori.Meglio affrontarsi giorno per giorno e cercare di capire i vari punti di vista e ricordarsi che anche noi genitori siamo stati adolescenti con i nostri errori che son poi serviti ad affrontare la vita,nonostante i nostri genitori non approvassero sempre le nostre scelte(a torto e molte volte a ragione).
Ultima cosa: non mi piacciono i telefonini,sempre collegati coi genitori(Dove sei?Cosa fai?Con chi sei?)questo è un cordone ombelicale da staccare,non lamentiamoci poi se i figli non si "schiodano" più da casa,siamo troppo "presenti" nei momenti che non servono e troppo assenti in molti altri.
Non aspetto risposte e critiche da alcuno,questo è un punto di vista mio personale da genitore di una figlia di 19 ed un'altra di 10,
saluti a tutti

fabrizio tamari 13.06.05 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho dato uno sguardo al sito www.fattisentire.net...
Ma chi l'ha scritto? Girolamo Savonarola?
Occhio che tra un pò anche commettere atti impuri nel bagno sarà proibito, già mi vedo i cessi di tutta Italia circondati dalla Polizia!
State attenti adolescenti di oggi!

Alessio Re 13.06.05 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Il guaio è che non sanno niente di niente. Conosco gente che non conosce l'anno dell'Unità d'Italia, non sa chi era Garibaldi o Mazzini, che non si interessano di nulla che non sia la maglia alternativa o il taglio di capelli di grido, il che mi sembra figlio di una scientifica campagna di rincoglionimento orchestrata a tavolino.
Ci sarebbe una unica cosa da fare: mandarli 8 ore in un altoforno a lavorare come si deve così gli passa la voglia di non fare un c***o e si rendono conto di quanto è faticoso mettere insieme i soldi che loro sperperano, di dargli l'educazione del 1901, cioè mazzate a sfregio per ogni minima cosa, una repressione totale e inflessibile a base di randellate sui reni per dissuaderli dal commettere crimini tipo "baby-gang ruba telefonini ai coetanei", e un minimo di cultura nei mezzi di comunicazione, perchè è vero che non fanno tendenza, ma i Piero & Alberto Angela, un prof.Beccaria, un Luciano Rispoli, un Mario Tozzi, un Enzo Biagi, un Renato Dulbecco, un Antonino Zichichi, non solo sanno tante cose che è bello sapere (anche solo per il piacere di saperlo), ma hanno una espressione quasi felice quando le divulgano, come quei pochi fortunati che fanno un lavoro che amano.
E in più il sapere stuzzica a sapere ancora e anche una mai sgradita elasticità mentale che ti aiuta a comprendere il mondo che ti sta intorno, in modo che se un nano portatore di democrazia venisse a raccontarti un sacco di panzane, tu saresti in grado di confutarle tutte e di non farti fregare! Hai detto niente!

Alessio Re 13.06.05 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciao...
Sinceramente a me quello che fa piu' paura è la
superficialità dei giovani.
Ormai si segue solo la moda...se fa "tendenza" allora è giusto se domani non è piu' di moda allora perde valore.
E questo spazia dalla politica passando dal sesso ecc. Non esiste piu' l'individualità ma solo la massa.

Giuseppe D'apote 13.06.05 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
quando ho letto il tuo messaggio di amore, travestito nella parola odio, nei riguardi degli adolescenti, per primo mi sono sentita meno sola: sono la mamma di due ragazzi di quasi 17 e quasi 19 anni. Ai tuoi “odio” ne aggiungo un altro: odio il divano sul quale i ragazzi passano il loro tempo. Sono oramai un’adulta alle prese con i problemi adolescenziali. Vorrei tanto che quest’amore per i figli (sia il mio che il tuo che quello di tutte le persone adulte) all’improvviso divenisse tangibile e facesse scomparire tutti questi fantasmi con i quali ho a che fare tutti i giorni. Giorni fa ho riletto un diario che scrivevo quando ero adolescente e se qualcuno ce l’ha ancora che lo legga per piacere!!! Dentro ci ho trovato la piantina della mia classe di liceo, con i nomi di tutti e i miei commenti: quello è simpatico, quello è sgobbone, quello è carino, quello è figlio di papà. Poi ci ho trovato una filippica contro i miei genitori (scomparsi oramai) che non mi capivano e il mio desiderio di andarmene via di casa. Ancora oggi mi chiedo se lo desideravo veramente o lo scrivevo solo per sentirmi grande.
Il “problema” è che nasciamo figli e diventiamo genitori, spesso convinti che non faremo errori o che, perlomeno, sapremo capirli e gestirli: più o meno credo che lo pensassero anche la mia mamma e il mio papà. Poi arrivano i figli e ti confronti col fatto che, per fortuna, il loro crescere e divenire è un qualcosa di affascinante e non programmabile. Sì, va bene l’esempio, la disponibilità, la severità e tutto quello che ciascuno di noi in coscienza fa. Ma ……………. l’adolescenza arriva ugualmente.
I problemi di questo periodo della vita dei miei figli, prende quasi tutti i miei pensieri e, come tutti, cerco di tornare indietro nel tempo per ricordarmi come era per me.
Una differenza grande la vedo: è la solitudine. Cercarne i motivi mi mette in un percorso impervio, ma la solitudine di oggi è maggiore o perlomeno diversa da quella che si viveva un po’ di tempo fa. Non mi va di dare la colpa al video o ai videogiochi, se ne avessimo avuti, li avremmo usati anche noi. C’è un qualcosa in termini di comunicazione che è diverso e, nello stesso tempo, c’è anche una strana euforia nello sbandierare che con i figli si parla davvero, non come prima. Grandi discorsi con i miei genitori non ne ho fatti mai, ma le mie cene, i miei pomeriggi in casa non erano vuoti, anche se la pienezza non la concretizzo in qualcosa. Non so, il silenzio era il silenzio, il parlare era parlare. Qualche volta andavo a fare compagnia ai miei nonni, non parlavamo, forse andavo da loro solo per dovere, non ricordo, ma in qualche modo pensavo, evidentemente, che loro fossero parte della mia famiglia o della mia vita. Non dovevano telefonarmi per farmi sapere che mi pensavano, non dovevo chiamarli per annunciare il mio arrivo. Non c’erano più parole, ma, forse, i desideri erano desideri. E questo ci teneva compagnia.
Ora è tutto un peso: la scuola, il non avere, fare il pieno al motorino, cercare di affossare il cuscino del divano.
Certe volte mi sento sconfitta e sola in questi miei pensieri, poi so che ce la faranno, non a guadagnare soldi, non ad essere qualcosa, ma qualcuno che tra un po’ di anni penserà: odio l’adolescenza.
Semmai questo messaggio potrà essere utile a qualcuno o questo blog potrà servire a qualcosa, ti chiedo, caro Beppe, di pensare anche alla scuola di oggi: a come, per esempio, insegnare era una scelta fino a poco tempo fa, non un ripiego. Alcuni dei miei insegnanti erano scrittori (non Pirandello, intendiamoci), altri si erano laureati proprio per poter insegnare: oggi non è così e non può essere solo questione di stipendio. Grazie per avermi letto.

giusi pitari 13.06.05 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Il buon Petrilli ha postato un indirizzo che sono andato a vedere, e inorridisco come lui. Quindi ripeto il suo invito a gaurdare questo sito che nemmeno nel medioevo
www.fattisentire.net

Poi: ho letto di genitori che si disperano perchè non erano abbastanza presenti e non hanno instaurato grandi dialoghi e tutto il resto. Vi dico una cosa: chi è assente sbaglia, ma CHI E' TROPPO PRESENTE ancora di più. Soffoca l'individuo. Io inorridisco quando dento una ragazza dire "mia mamma è la mia migliore amica, io le dico tutto..". Inorridisco. Lasciate che ognuno viva la propria vita, è il modo più corretto per farne dei veri individui. E ancora di più in un'epoca di dissoluzione della famiglia, di single, di baby madri, di...creare un dialogo in laboratorio è ORRIBILE. O nasce spontaneamente oppure l'essere onnipresenti diventa un qualcosa di pesante. Come i silenzi durante un dialogo, o forse di più.

Giuseppe Castorina: concordo.

Salvatore Zaccone: puoi parlare di droga e dipendenza quanto vuoi, ma ti dico una cosa. Droga è una sostanza chimica in grado di alterare l'azione dei neurotrasmettitori. La teina è una droga. La CAFFEINA è una droga. Dà assuefazione e funziona allo stesso modo delle normali "droghe": per ottenere lo stesso effetto servono sempre maggiori dose di sostanza. Non ci credi? mIa madre beve minimo 10 caffè al giorno. Se non lo fa sta male. A livello dei neuroni, la caffeina svolge funzioni paragonabili a quelle di altre sostanze, come ad esmpio la cocaina (azione sui chemiorecettori). Le medicine sono una droga. Il tabacco è una droga.
In senso lato (non strettamente chimico), la televisione è una droga (e i suoi effetti sono devastanti). La religione è una droga. Consiglierei la lettura di uno degli ultimi capitoli di Storie di ordinaria follia di Bukowski, se non odiassi tutti quelli che non sanno fare un discorso senza citare qualcun altro.

Joe Romano: concordo in pieno.

Umberto Mas 13.06.05 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Non è tanto il fatto del jeans basso o della nike puzzolente, l'adolescenza è quasi sempre stata "di gruppo", quello che colpisce, almeno, a mio avviso, è la profonda maleducazione di questi ragazzi, e qui non ci sono dubbi, i responsabili sono i genitori, è vero che magari in casa si comportano in un certo modo e poi quando sono in gruppo cambiano,ma qui siamo davanti a gruppi di perfetti cafoni, vuoti ed arroganti, a pensarci bene sembrano miniature dei nostri politici, o forse sono il risultato di decenni di non cultura, di qualunquismo, di culto del denaro,apparire anziché essere, la "furbizia" anziché l'onesta' "tanto ad essere onesti non ci si guadagna" del prestito personale per andare in vacanza, "perché se non andiamo che figura facciamo......Non è che forse questi ragazzi sono il frutto dei nostri errori, non è che forse siamo un paese di "provinciali" non è che a forza di dire "tanto non cambia niente" abbiamo trasmesso indifferenza insicurezza.
A mio avviso il problema è tutto li, siamo un paese senza cultura,diviso ed egoista, e pretendiamo che questi ragazzi siano cosa????
Questi ragazzi non sanno piu' pensare, addirittura non sanno neanche esporre un pensiero in modo scorrevole, manca la cultura, mancano le strutture per la cultura, manca il senso civico, mancano l'educazione ed il rispetto.
Cominciamo a cambiare noi, e loro cambieranno, so benissimo che non è facile, ma almeno vale la pena provare......che dite

Francesco Pinna 13.06.05 19:11| 
 |
Rispondi al commento

ma la vogliamo smettere?!allora patti chiari e amicizia lunga. la smettano per primi chi richiede fatti e non parole perchè ricordo che le parole sensibilizzano e che ci si può rimboccare le maniche individualmente, senza che uno guidi il tutto. la smettano per secondi a un minuto di distanza quelli che "la generazione di oggi fa cagare" poichè A)non si generalizza mai. B)mai sentito parlare della varietà di verità? C)ho 23 anni e mi sento presa in parte in una discussione della quale non ho nemmeno idea di chi siano gli interlocutori. fatevi un giretto nei centri sociali o tra i gruppi di volontariato per esempio empirico volontariato ai ragazzi portatori di handicap...quanti 50enni volontari pensate di trovare? mi sa proprio che chi parla di fine di una generazione, di moda di una generazione vuota non abbia ancora sorpassato l'invidia di giovinezza tipica della mezza età. era tanto più estetico il capellone con le infradito in pelle ma vegetariano che suonava blowing in the wind emulando un -seppur genio Dilan-uomo dai dubbi principi? giovane non significa riminese da fottere abbronzata e depilata. e neppure un new-balilla schiavo di Amici di Maria de Filippi. Grillo provoca ma voi non vi state un po' troppo prendendo sul serio?

Silvia Maggi 13.06.05 19:04| 
 |
Rispondi al commento

io odio (senza virgolette) tutte quelle persone che hanno qui scritto,moraliste del cazzo,che se la prendono con ragazzini che loro stessi hanno "costruito",odio quell persone che edall'alto della loro eta' di merda se la prendono e accusano i ragazzini di ogni colpa,di non aver voglia,di non aver idelai,di non avere tempo,di non credere piu a niente.
io odio voi comodi e tranquilli col votro lavoro in banca di merda,mentre adesso le loro prospettive sono il lavoro a contratto!!!
odio chi li giudica dopo averli fatti crescere tra un dio di merda che non esiste e l'ipocrisia totale in cui li avete fatti affogare.
odio quelli che sentenziano senza pieta' su ragazzi che nons anno nemmeno da dove cominciare.odio quei genitori che la sera hanno tempo solo per la partita,che guardano la loro carriera e poi ne rimangonos convolti se il figlio si spara le pere! odio gli stessi genitori che danno il ritalin ai bambini perche troppo vivaci! mi fate vomitare,ho letto cose assurde.
siete noiosi!!!!!!!!!!! siete mortid entro.
siete spenti e invidiate la loro voglia di vita.che magari sara' una vita a caso,ma è VITA!!!!
siete spenti e vuoti,non avete piu un sogno,e i vostri idelai del cazoz dove li avete messi????
andate a messa la domnica per farvi perdonare le vostre assenze,i vostri peccati che nascondete sempre.
siete piccoli piccoli perche non avete ottenuto nulla!!!! e il vostro esempio lo volete appiccicare addosso ai ragazzi di oggi.
vi facevate di lsd negl 68 e adesso vi sconvolgete per l'ecstasi.
siete il regno dell'ipocrisia.
siete dei morti che camminano.
luca8593

luca battaglia Commentatore in marcia al V2day 13.06.05 19:03| 
 |
Rispondi al commento

----------------------------------------------
VOGLIO SPECIFICARE CHE SUL MIO POST DELLE 18.27
NON CE L'HO CON NESSUNO E A NESSUNO DO COLPE DI NIENTE.
IL MIO INTERVENTO E' VOLTO SOLO ALLA SENSIBILIZZAZIONE SU DI UNA REALTA' SCONVOLGENTE E PER ME, INCONTROVERTIBILE. POI SARA' IL LORO BUON SENSO A COMPORTARSI DI CONSEGUENZA. OVVIAMENTE PARLO NON SOLO DI MARIO TOZZI E ALESSANDRO CECCHI PAONE MA DI CHIUNQUE ABBIA LETTO IL MIO INTERVENTO NEL POST.

F.TO
IL VIAGGIATORE DEL TEMPO

Giovanni Greco 13.06.05 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Siccome sono un insegnante...
odio indistintamente tutti quelli che sottovalutano l'educazione delle persone. Tutti quelli che travisano il senso del "capitale sociale". La ricchezza della società infatti non si misura in euro, ma nel senso di solidarietà delle persone, nell'idea diffusa che essere onesti sia normale, nella certezza che chi fa il furbo a scapito degli altri non è un grande ma è uno stron.o, nel comune senso del rispetto per gli altri e per la natura, nel naturale desiderio di migliorare la qualità della vita per tutti, nel normale desiderio di applicare la propria intelligenza nel lavoro, nel desiderio di mettere al mondo dei figli donando parte della propria vita a loro scordandosi dell'egoismo, nel saper distinguere il bene dal male perchè non è vero che 'va bene tutto', nell'avere il coraggio di dire no alla corruzione, nel sapere che il mondo è grande e non finisce dopo il primo dispiacere, nel sapere che ogni cosa che si fa può essere di enorme importanza, nel sapere che tutto si può cambiare,...nell'avere un irresistibile desiderio di vivere!
Certo la scuola è a contatto con gli adolescenti, e forse noi insegnanti siamo scalcinati (ci assumono da graduatorie a punti...abbiate pazienza!), ma ognuno di noi adulti, in ogni occasione, è un educatore! Si ok i genitori per primi, ma anche tutti gli altri, per strada, sul posto di lavoro...aggiungo in calce dirigenti, funzionari, amministratori e uomini politici...avranno questi in mente il valore educativo del loro essere e delle loro azioni?.....Io continuo a sperare!........
un saluto a tutti

Massimiliano Paladini 13.06.05 18:35| 
 |
Rispondi al commento

------QUESTO MESSAGGIO E'INDIRIZZATO A TUTTI------

------LEGGETELO PERCHE' E' IMPORTANTE-------------

------SCUSATEMI IL FUORI TEMA, E' NECESSARIO------

Caro Beppe approfitto del tuo blog, per
comunicare un cosa importantissima non solo all'interessato ma a tutti.

LEGGILA ANCHE TE BEPPE.

--------------------------------------------------

MESSAGGIO PER -------MARIO TOZZI-----Conduttore Gaia-rai3

E ANCHE PER
----ALESSANDRO CECCHI PAONE-----
Conduttore de ''La macchina del tempo R4''


Caro MARIO ti ho seguito un attimo al mini costanzoshow questa mattina.

Hai detto che gli uomini sono la causa degli sconvolgimenti atmosferici sul pianeta, ed effettifamente non hai sbagliato in questo;
siamo stati ''noi'' tutte le volte che abbiamo realizzato una cosiddetta ''ricostruzione'' cinematografica. Ricostruzione di che? Se quello che veniva mostrato era una ''ipotesi'' di cosa poteva succedere se ....bla...bla...bla.
Per l'amor del cielo smettiamola con queste ipotesi e finzioni cinematografiche o ''ricostruzioni'' di quello che potrebbe succedere!!!!
Smettiamola!!!!!!

Abbiamo visto quali frutti hanno dato le varie simulazioni di catastrofi; si sono realizzate puntualmente.!!!!!
Per favore non copiamo gli Americani che hanno fatto centinaia di film che contengono immagini di distruzioni di vario genere del loro paese, e, purtroppo si sono concretizzati al 100 %.
Quante pellicole hanno realizzato gli americani dove si vedevano grattacieli in fiamme, distrutti ed abbattuti da mezzi aerei ??????

-INDIPENDENCE DAY

-L'UOMO RAGNO (LE CUI SCENE PIU' CATASTROFICHE
ALL'INDOMANI DELL' 11 SETTEMBRE PROPRIO IL GOVERNO AMERICANO FECE CENSURARE e TAGLIARE)

-DIE TO HARD

E TANTI TANTI ALTRI CHE VORREI MENZIONARE MA AL MOMENTO NON HO L'ELENCO SOTTOMANO.

Gli esecutori materiali, in questo meccanismo sono solo delle
pedine di una Forza immane che l'occhio umano non puo' vedere allo stesso modo di come non puo' vedere le varie forze che ci circondano: forza magnetica, energia elettromagnetica, campo gravitazionale etc. Non per questo non esistono. Ne possiamo constatare e verificare gli effetti continuamente.

Dagli effetti si puo' evincere che le Immagini hanno la tendenza a realizzarsi che tende al 100% quanti piu' occhi le vedono e quante piu' volte vengono ripetute e mostrate.

Per questo vi scongiuro, lasciate stare il sensazionalismo di vedere una ''ricostruzione'' di cosa potrebbe succedere se bla...bla...bla...!!!

Le immagini innescano queste forze come la scintilla innesca un rogo che si fermera' solo quando avra' esaurita la sua energia.

Per la nostra incolumita' lasciate perdere.
Permetteteci di vivere sonni tranquilli.

Non datemi del matto, non lo sono! Anche perche' parlano i fatti.

Meno male che non e' stato simulato uno TSUNAMI nel mediterraneo!!!!!!!!!!!!!
Forse la Madonna ci vuole ancora bene!

----------------
SCUSATE MA SENTIVO IL DOVERE DI DIRE QUELLO CHE HO IN CORPO.-----SPERO POSSA SERVIRE A SALVAGUARDARCI
DA QUALCHE CATASTROFE.
-------------------

Giordano Bruno e tanti altri furono BRUCIATI VIVI
perche' dicevano la VERITA'!!!!!!!!!

CHI LO DESIDERA PUO' SCRIVERMI LE SUE OPINIONI
IN MERITO CRITICHE E NON''g.a.greco@libero.it''

P.S. Mario, sia ben chiaro non ho nulla contro di te!!! Ne contro ALESSANDRO
-------------------------------------------------

CARO BEPPE,
--------------
'' Signor Grillo, noi siamo ingegneri, lo dica lei in giro , sa, lei e' un comico le danno ascolto''
------------------
TI RICORDI?

BEH! Questo e' lo stesso appello che vorrei fare io a te.

E NON FINISCE QUI'. LA MATERIA PURTROPPO E' VASTA!


Cordiali Saluti
F.TO IL VIAGGIATORE DEL TEMPO

Giovanni Greco 13.06.05 18:13| 
 |
Rispondi al commento

per gabriele monti.
www.disinformazione.it
scusate, pensavo di averlo scritto...

roberto querin 13.06.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Considerazioni sulle risposte al post del Sig. Saccone
Penso che quello che dice il Sig. Saccone non è sbagliato, perchè non dovrebbe essere vero, mi ricordo ai miei tempi che c'era della mariujana albanese con l'aggiunta di ammoniaca per aumentare gli effetti ed era vero perchè te ne accorgevi subito dall'odore, come l'hashish tagliato con il lucido da scarpe, per cui perchè non aumentare la dipendenza con altri prodotti. Non sto dicendo che non è vero, ma è verosimile.
Qualcuno ha mai fatto le analisi dell'hashis per poter dire che questo non è vero?????

ferruccio trivelli 13.06.05 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Sono madre di una 15nne... c'è molto da odiare ma anche molto da apprezzare in loro. Ieri mi ha detto: perchè invece di invitare la gente a non andare a(e buttare via i soldi dei cittadini spesi per fare questo referendum)non spiegano che possono fare scheda nulla? Almeno lasciano a quelli che vuglioni il diritto di far valere la loro idea!

Paola Bissoli 13.06.05 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Vedo spuntare tanti nomi nuovi, ed escludendo chi si ricicla (...ma anche qui?) sotto falso nome per non essere (ri)attaccato, non posso non cogliere l'occasione per riproporre ai nuovi arrivati la vignetta di GRILLO-NEO-MATRIX
http://www.alkemik.com/thehandxgrillo

Approfitto poi per farvi sapere che sono alla ricerca di un collaboratore che scriva pezzi satirici per una nuova sezione del sito alkemik.com

Grazie

Maurizio Di Bona 13.06.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accordo su quasi tutto ma perchè mi devi "odiare" se porto i pantaloni a vita bassa?
mi sembra parecchio esagerato sono altre le cose importanti...

paolo frattini 13.06.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

per Andrea Biggi
era giusto questo che intendevo...ti ringrazio per le belle parole, anche perchè sono state una prova del fatto che c'è qualcuno che impara dalla storia e che si mette a pensare...ed intendevo questo quando pensavo alla responsabilità...non so quanti anni tu abbia e non mi interessa,ma sicuramente ora la mia generazione e la tua hanno qualcosa in più in comune!
Sono d'accordo con te quando dici che tutti nel loro piccolo dovrebbero cercare di essere migliori, o quanto meno di migliorare ciò che ci circonda (anch'io intendevo questo con "rivoluzione"), e se per ogni persona saggia ma un po'cinica come te ce n'è una un po'ignorante ma sognatrice come me...beh...direi che già è un miglioramento, per entrambi e per tutti...
grazie per avermi migliorato, con rispetto, un bacio e un abbraccio

Anna Goletti 13.06.05 17:26| 
 |
Rispondi al commento

madonna quante cazzate ho letto su questo argomento. Beppe, ma non avevi altro da fare?

Il genere umano è sempre lo stesso. Ha bisogno di educazione. Anche gli odii tra virgolette, sono sempre odii. (si scrive con due i, vero?)

Pure tu ti ci metti, a parlare di cazzate, mentre l'italia va a puttane tra referendum e gran premi?

Le generazioni non i capiranno mai tra loro, se no non sarebbero generazioni. L'unica certezza è che si va sempre peggio, ragion per cui le cose sono due: o l'estinzione programmata del genere umano (c'è quelcuno che sostiene seriamente questa cosa, sapete? se trovo il link ve lo posto), oppure la completa rieducazione.
Voi che dite?

Valerio Grottola Commentatore in marcia al V2day 13.06.05 17:25| 
 |
Rispondi al commento

il post di ieri l'ho letto sta mattina velocemente in uffico, sta mattina ho velocemente detto che sono d'accordo, e confermo, ma è da allora che ci rifletto.

è vero, come dicono molti che la colpa non è del tutto dei giovani, ma è della società.

viviamo in una società senza perchè, troppo veloce per fermarsi a farsi domande corriamo sempre dietro qualcosa.

la colpa è quindi di ognuno di noi(plurale mai estatis(non so se è corretto, non ho mai fatto latino)), perchè alle domande che ci fa un bambino non sappiamo più rispondere, o siamo talmente stanchi che non ne abbiamo vogli, allora questo cresce con la convinzione che alle sue domande non avra mai risposta e smette semplicemente di farsele, non tutti per carità ma ormai la tendenza purtoppo è questa. è tutto un insieme di cose che permette questo. Non facciamo domande e non ci troviamo risposte per la guerra per esempio, forse perchè dentro di noi abbiamo paura di cosa potremmo scoprire. non ci chiediamo perchè con la morte di papa giovanni paolo II la chiesa sia scesa pesantemente in politica e non condanni più cosi costantemente la guerra. non ci fermiamo a ristudiare il perchè e come siamo arrivati fin qui. questo penso sia dovuto anche al fatto che la tv(che non ammiro, ma è il primo mezzo per arrivare a conoscere le cose) non ci informa più. non parla mai o quasi del periodo storico tra il 50 e il 2001, non so se ci avete fatto caso, ma per me è come se quel periodo(che racchiude tanti perchè(golpe borghese, p2, anni 70 br, forza nuova, guerra fredda 1°guerra del golfo, industrializzazione, liberismo,comunismo)).

scusate la lunghezza, ma vedo come fondamentale il ritorno, o l'avvento, di un periodo in qui le domande abbondino, dove ci si ri interroga, dove ci si migliora. senza farsi domande non si avranno mai le risposte.

quindi il consiglio che ci do è, ri iniziamo(noi per primi) a vivere come pensiamo, per non iniziare a pensare come viviamo,(che è quello che in pratica gia facciamo almeno in patre tutti noi, io per primo).

e ri-iniziamo a fare qualcosa, qualsiasi e non solo a parlarne.

domandare è l'inizio del parlare, il parlare è l'inizio del fare, almeno dal mio punto di vista.

Scusate ancora.

Michele Martini

Michele Martini 13.06.05 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Volete ridere?

http://www.tio.ch/common_includes/pagine_comuni/articolo_interna.asp?idarticolo=210113&idtipo=3

Flavio Bertola 13.06.05 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Siamo diventati un Paese di Adolescenti allo sbaraglio. Papa' e Mamma ci vogliono cosi.
Il problema e' che ci amano troppo.
Siamo viziati e annoiati.
La vita e il Paese in cui viviamo ci daranno una lezione di crudelta' e maturita', prima o poi. Meglio prima pero'.
Il paese sta andando verso il Fallimento.
C'e' bisogno di Uomini e Donne adesso.

Ivan Bettelli

Ivan Bettelli 13.06.05 17:20| 
 |
Rispondi al commento

http://www.noreporter.org/dettaglioArticolo.asp?id=3649

queste sono le cose che poi mi fanno incazzare

salvatore martino 13.06.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

X Giuseppe Castorina

Ora mi sei simpatico!

Cinzia Rossi 13.06.05 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Per Anna Goletti.
Anche a me viene un po' da risponderti...
Non ho detto che le generazioni precedenti non hanno responsabilità sulle successive. Penso solo che questa influenza sia pesantemente sopravalutata.
La mia sfiducia nel genere umano è pressochè totale. Dico solo paio di cose (per non intristire troppo):
1)Non c'è mai stato un periodo, uno solo, della intera storia umana senza guerre. Questa mi sembra una palese prova che ogni generazione si crea una sua morale atta a difendere i propri particolari interessi del momento. Non solo non si impara dal passato ma si affinano le tecniche più perverse per peggiorarlo. Accetto critiche su questo punto, ed a fronte di una bella e logica dimostrazione del contrario cambierò prontamente idea!
2)"Una rivoluzione parte sempre da un cambiamento" scrivi.
Si, ma una rivoluzione è una cosa buona in se stessa? E perchè? Analizziamo un paio, forse tre, rivoluzioni (non di più per non intristire gli animi sognatori):
i)rivoluzione di Ottobre in Russia. Risultato netto dopo 50 anni: instaurazione di una dittatura colpevole di un certo numero di delitti contro l'umanità ed i suoi cittadini. Non elenco.
ii)rivoluzione culturale in Cina. Risultato visibile attalmente: uno stato che prende il peggio dei due sistemi prima riconosciuti. La sopressione e limitazione delle libertà personali tipiche dei regimi comunisti; il cinismo e la stratificazione sociale tipiche delle peggiori società capitalistiche.
iii)rivoluzione nazional-socialista in germania. Non ha bisogno di commenti.
iv)nessuna rivoluzione (es: USA). Risultato: deriva capitalistica, apparente democrazia, allucinante diversità tra ricchi e poveri, stato di guerra permanente necessario per la sopravvivenza economica del sistema capitalistico stesso.

Quindi, con tutto il rispetto ed il bene (sincero) che posso volere ad i sognatori ed ai rivoluzionari barricaderi, non è forse il caso di cominciare a costruire una coscienza, prima di tutto personale, basata di più sul libero pensiero (che parola strana!).
Guardandosi indietro e, lasciando perdere le grandi "rivoluzioni" nate da grandi "cambiamenti", prendere coscienza che l'uomo, quando dotato potere, è fondamentalmente cattivo.
E che i rivoluzionari stessi si trasformeranno nei tiranni di domani.
Noi però, singolarmente e senza grandi rivoluzioni, possiamo essere un po' migliori, più gentili e tolleranti; senza però pretentere o pensare che il mondo cambi, perchè non lo farà.
Un saluto ed un abbraccio.

Andrea Biggi 13.06.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

ma ne dite di sciocchezzuole sull'erba...tutto mi aspettavo qui meno che luoghi comuni, dipendenza blablabla. per quanto riguarda gli adolescenti di oggi, non sono peggio degli adolescenti degli anni 60, 70 e 90. sono diversi da noi, come noi (35 anni in su) eravamo diversi da chi ci ha preceduti, perchè cambia il contesto sociale. se prima i giovanotti si stonavano con il vino, ora lo fanno con la birra. se prima andavano a mignotte nelle case chiuse, oggi si fanno una canna perchè almeno non prendono malattie. non gli possiamo dare nessuna colpa se non sono come eravamo noi da ragazzi. chi lo dice che sia quello il modello corretto? chi portava i capelli lunghi nei 60 e 70 è come chi adesso porta i pantaloni sotto al buco del culo: a noi non piace come noi non piacevamo ai nostri genitori, zii e padrini. se pensiamo che questi siano comportamenti che porteranno ad una futura generazione degenerata, diamo un'occhiata a cosa hanno prodotto le generazioni precedenti, guardate chi è adesso ai vertici, nelle famose 'stanze dei bottoni': loro non lo portavano nemmeno il casco perchè non era obbligatorio, non avevano i pantaloni a vita bassa e magari invece delle canne si facevano di lsd, ma ora uno sta occupando l'iraq, uno sta comprando l'italia, uno sta licenziano 3000 dipendenti...
tolleranza e pace a tutti.

joe romano 13.06.05 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Solo una piccola cosa:
mio cugino che ha 16 anni ogni mattina si lamenta e non vuole alzarsi dal letto perchè deve andare a scuola...
mia madre oggi (prima non poteva lamentarsi...doveva solo accettare in silenzio) si lamenta perchè quando aveva 16 anni avrebbe preferito andare a scuola anzicchè andare in campagna a lavorare o rimanere in casa ad accudire i suoi 4 fratelli...

Queste cose dovrebbero farci riflettere!

Erica Toscano 13.06.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Salvatore zaccone, ma scherziamo? ma ci vuole coraggio x dire ciò che hai detto. x chi ci hai preso? è una cosa cosa pazzesca (alla grillo).stop. nn ho parole. persone così rovinano i nostri giovani.scusate ma nn ho resistito. aggreditemi pure ora ma...pensateci.

furlani riccardo 13.06.05 16:52| 
 |
Rispondi al commento

X Cinzia Rossi.

Perchè si vede che sono di sinistra ?

Comunque:
- Odio Rutelli per il suo "paraculismo" e per aver fatto di qua e di là da un partito all'altro
- Odio Rutelli che di sinistra ha solo una parte del corpo.
- Odio questa sinistra che non ha le palle e le idee per battere il governo attuale (che non giudico né di destra né di centro: praticamente né carne né pesce)
- Odio anche Prodi che è riuscito a svendere i beni dell'IRI facendo solo i suoi interessi e non quelli del paese
- Odio chi ha paura di eleggere gente come Beppe Grillo e Dario Fo' che hanno delle grandi idee, ma che per alcuni sono solo comici
- Odio quelli che non hanno idee e si "attaccano" alle chiappe di qualcuno (vedi centro-destra)
- Odio quelli che non hanno idee e si scontrano solo per il "trono" (vedi centro-sinistra)

Giuseppe Castorina 13.06.05 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Vedo i risultati del referendum e penso a Napoleone: "GLI UOMINI SONO RARI"...
Che desolzione!

Mauro Manar 13.06.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

x katia alberghini. porca miseria brava katia. sii orgogliosa di te e di quello che pensi. e poi sii fiera dei tuoi genitori per quello che ti hanno insegnato.21 anni così,sono in pochi ad averli.che sia di esempio a tutti coloro che lo sanno cogliere. w i giovani ( e io ne sono uno)

furlani riccardo 13.06.05 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Salvatore Zaccone, informati meglio sugli spinelli malefici che contengono eroina cocaina e naftalina. ;) Occhio a non diventare troppo paranoico pero'.! Oltretutto non riesco a comprendere questo post di grillo ... non mi sembra proprio il suo stile, quello di odiare!
Odiare e' prerogativa di chi non ha niente da dire, come questo post che lascia il tempo che trova, mi duole ammetterlo, ma per me e' cosi'!
Sempre e comunque con grande stima !
alex brown

alex brown 13.06.05 16:42| 
 |
Rispondi al commento

appunto...tutti in galeraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.
viva s.patrigiano e le multinazionali del sano vivere dietro le sbarre

claudio carli 13.06.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno Sig. Grillo.
Io ho solo 21 anni, ma una cosa la so: i genitori fanno la differenza. Mio padre e' un operaio che ama il suo lavoro e che guarda chiunque negli occhi con rispetto e umilta' ma anche con orgoglio e consapevolezza. Ai suoi figli non si e' limitato a dare cultura e benessere, ma ha anche voluto dare orgoglio delle radici e amore per la patria e per il popolo italiano a volte così deludente. Quel saggio operaio con la terza media in tasca dice spesso: se vi arrendete nulla mai sara' possibile. Dovete crederci ed esserne convinti di cio' che fate, se no non partite nemmeno. Le nuove generazioni dovrebbero imparare ad avere un po piu' di coraggio e di forza e invece di andare in tv a mostrare quanto sono sfigati in amore, dovrebbero andarci a dire cosa possono fare per il futuro del paese. Io di mio inizio dal mio quartiere, e chissa'...un giorno potrei arrivare al ministero delle pari opportunita' o dell'economia. Anche se a me 1+1 continua a fare 2.
Saluti

katia alberghini 13.06.05 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Referendum fai da Te? No Ruini?? Aiaiaiaiai

Cinzia Rossi 13.06.05 16:24| 
 |
Rispondi al commento

E finitelà
Basta con il discorso che lo spinello non fa male e non crea dipendenza.
Lo spinello è una droga che crea dipendenza.
Vi spiego il perchè
In natura la majuana non crea dipendenza e non fà male ,anzi
Ma quello che comprano i ragazzi dallo spacciatore sotto casa non è majuana non del tutto,ma è un coctaik studiato a posta dalle multinazionali della droga per indurre alla dipendenza.in fondo se per loro stessa ammissione le multinazionali del tabacco aggiungevano alle sigarette sostanze per indurre alla dipendenza i fumatori non vedo perchè dovrebbero avere problemi le stesse multinazionali della droga.
D'altra parte se prima questi puntavano a creare tanti eroinomani ora si punta alla cocaina,un eroinìomane prima o poi lo perdi o perchè muore di overdose o percè arriva a un punto che l unico sbocco è la comunità il cocainomane no,te lo poti per tutta la vita e ti da meno problemi.
Smettetela di credere che lo spinello che si fuma vostro figlio è solo un po di hashish o majuana.
Lo spinello è cocaina,valium ,novalgina e altre sostanze chimiche varie
Non portate il discorso su destra o sinistra chi fuma lo spinello è un drogato almeno che non viva nelle piantagioni del suriname e strappi le foglie dalle piante per fumarsele

Salvatore Zaccone 13.06.05 16:20| 
 |
Rispondi al commento

e basta considerare il giovane stereotipo che va solo in discoteca e non si accorge dei problemi sociali!! guardatevi intorno qualcosa sta cambiando!!

Alessia madonia 13.06.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me non bisogna limitarsi a ragionare in termini di giovani, ma di generazioni.
Io ho 26 anni, quando ne avevo 18 mi sentivo fuori dalla mia generazione, troppo vecchio per trovarmi a mio agio tra i diciotenni, perchè? Probabilmente perchè ho sempre vissuto con persone che mi superavano di dieci anni in poi e di certo non potevo formare un gruppo con i miei nipotini di pochi anni.
Così, scrissi una volta una poesia chiamata l'uomo della mezza generazione.
Stiamo attenti nel ragionare al livello di gioventù, perchè ci sono diciotenni già trentenni e trentenni ancora diciotenni.
Chi è fuori dalla propria generazione generalmente è più solo degli altri e la solitudine non tutti la sanno affrontare.
Al che i genitori dovrebbero costruire qualcosa che abbia più valore del "Ciao ragà" spento come un mozzicone di sigaretta in un portacenere chiamato gruppo.
Ma perchè non ci riescono? Perchè ci sono un sacco di problemi, perchè a loro volta magari hanno fatto parte di una mezza generazione e quindi come possono comprendere il figlio che invece ha seguito di norma la sua di generazione.
Allora è veramente MTV il problema o tutto quello che fa di uno spettatore, lo spettatore di MTV.

Paolo Ghion 13.06.05 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ancora una volta cogli nel segno: non c'è amore più grande verso i figli che essere intolleranti verso comportamenti stupidi
Mario Giaccone

Mario Giaccone 13.06.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

> 8 anni di medie e superiori passate con l'ansia
> di incontrare i miei compagni perchè sono
> troppo diverso, perchè non fumo, non bevo, non
> vado in discoteca e non vado in motorino

Ma si fuma ancora? Comunque non esiste solo la scuola, ci sono altri posti per cercare amici.

Bruno Panetta 13.06.05 15:59| 
 |
Rispondi al commento

@ Giuseppe Castorina
Sei Mica di Sinistra ??
Hahahahahahah

Cinzia Rossi 13.06.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

ti fai gli spinelli??? ai ai ai in galeraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa (almeno cosi dicono i grandi che ne sanno tante di cose)

claudio carli 13.06.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

ognuno giudichi l'uomo come meglio creda.

ma la critica di Pasolini alla nostra società dovrebbe far riflettere tutti indipendentemente dal credo politico o da idee morali.

da pasolini.net
http://pasolini.net/download.htm (qui trovate i saggi e altri scritti):

Dunque: indegnita', disprezzo per i cittadini, manipolazione di denaro pubblico, intrallazzo con i petrolieri, con gli industriali, con
i banchieri, connivenza con la mafia, alto tradimento in favore di una nazione straniera, collaborazione con la Cia, uso illecito di
enti come il Sid, responsabilita' nelle stragi di Milano, Brescia e Bologna (almeno in quanto colpevole incapacita' di punirne gli
esecutori), distruzione paesaggistica e urbanistica dell'Italia, responsabilita' della degradazione antropologica degli italiani
(responsabilita' questa, aggravata dalla sua totale inconsapevolezza), responsabilita' della condizione, come si usa dire, paurosa,
delle scuole, degli ospedali e di ogni opera pubblica primaria, responsabilita' dell'abbandono "selvaggio" delle campagne,
responsabilita' dell'esplosione "selvaggia" della cultura di massa e dei mass-media, responsabilita' della stupidita' delittuosa della
televisione, responsabilita' del decadimento della Chiesa, e infine, oltre a tutto il resto, magari anche distribuzione borbonica di
cariche pubbliche ad adulatori. Ecco l'elenco (cfr. "Il Mondo"), l'elenco "morale" dei reati commessi da coloro che hanno
governato l'Italia negli ultimi trent'anni, e specie negli ultimi dieci....

Sulla TV

Oggi, al contrario, l’adesione ai modelli imposti dal centro, è totale e incondizionata. [...] Per mezzo della televisione, il centro ha assimilato a sé l’intero paese, che era così storicamente differenziato e ricco di culture originali. Ha cominciato un’opera di omologazione distruttrice di ogni autenticità e concretezza. Ha imposto cioè i suoi modelli: che sono i modelli voluti dalla nuova industrializzazione, la quale non si accontenta più di un uomo che consuma, ma pretende che non siano concepibili altre ideologie che quella del consumo. Un edonismo neo-laico, ciecamente dimentico di ogni valore umanistico e ciecamente estraneo alle scienze umane. [...]

Saluti

Igor


Igor Scicchitano 13.06.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

DISTINGUERSI
Badate bene, non è filosofia spicciola:
se non ci fossero le mode, quelli che vanno dietro le mode, gli status simbol, il conformismo e le abitudini malsane... come farebbero i ragazzi dotati di personalità, buon gusto, anticonformisti, trasgressivi e "puliti" a mettersi in mostra? Li disprezzano in molti e li apprezzano in pochi? E' PER QUEI POCHI CHE VAL LA PENA DI VIVERE IN SOCIETA'!!!
Dite ai vostri figli che hanno l'occasione di essere pastori ed eroi e non pecore e anonimi! Pochi di loro vi ascolteranno, solo coloro che sono nati LIBERI e VERI... E' per loro che vale la pena parlare!

Mauro Manar 13.06.05 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Io premetto che faccio parte di questa gioventù e quindi il problema mi coinvolge e osservo la questione anche dall'interno, dico che non è una canna o il bicchierino di troppo a crocifiggere la nostra generazione: queste cose ci sono sempre state e continueranno ad esserci. (scagli una pietra chi non si è mai concesso qualche sbandamento ogni tanto per uscire dalla routine di vita soffocante che ci avvolge) Gran parte di miei coetanei che conosco sono ragazzi in gamba che lavorano con o senza un diploma affisso al muro e vivono con dei giusti principi morali e se qualche volta si desidera "sbandare" un pò non cè niente di male se si abbraccia il fumo, una vodka o una prostituta :D Ma non tutti sono così: il problema è generato a mio avviso da tutti quei ragazzi chiamati "Universitari" che ormai la maggior parte di loro continua gli studi perchè non hanno voglia di fare un c...o (me l'hanno detto direttamente loro) continuandosi a farsi mantenere fino a 30 anni; fanno le "manifestazioni" contro-corrente, i più pericolosi sono quelli anarchici, i disobbedienti, drogati fino al midollo, le cui idee non hanno fondamenta: ""la casa è un diritto!"" dicono loro, perciò io come tanti altri siamo dei coglioni a pagare un mutuo per avere un abitazione mentre loro abitano in case divenute in loro possesso per il semplice fatto che ci sono entrati e quindi è loro e nessuno riesce a farci niente. Salgono sul treno senza pagare il biglietto o entrano nei market riempiendo un sacco di carrelli ed escono senza pagare..... questa è la parte di gioventù malata e da odiare.

Piero Contini 13.06.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

HA DIMENTICAVO!!!!!

ESISTONO DUE DICO SOLO DUE POSSIBILITA' SU QUELLO CHE HO POSTATO ALLE 15.26.

-------O DICO IL VERO O SPARO CA.....TE---------


50 E 50

PENSATECI.

F.TO IL VIAGGIATORE DEL TEMPO

Giovanni Greco 13.06.05 15:38| 
 |
Rispondi al commento

ehi, ma avevi una gibson sg a doppio manico!

pippo piersantelli 13.06.05 15:36| 
 |
Rispondi al commento

ehm... problemi con i tuoi ragazzi?

pippo piersantelli 13.06.05 15:33| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO DACCI IL BLOG
ATTILA

attila mona 13.06.05 15:33| 
 |
Rispondi al commento

eheh, l'invidia della gioventù passata :)
Grillo ti senti anzianotto ????
Viva i giovani

carlo azelio 13.06.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

canzone dei treallegriragazzimorti :


ogni adolescenza coincide con la guerra
che sia falsa che sia vera,
ogni a dolescenza coincide con la guerra
che sia vinta che sia persa
...
e non ti vantare se la tua e' stata mondiale
la mia sembra solo un fatto personale ,
e non ti vantare se ci hai perso un fratello ,
la guerra e' guerra
e succedera' anche a me

e non ti vantare se la tua si chiama vietnam ,
la mia e' poco piu' di un argomento da giornale
e non ti vantare se ci hai perso un fratello,
un amico mio ci ha perso il cervello

ogni adolescenza coincide con la guerra
che sia falsa che sia vera ,
ogni a dolescenza coincide con la guerra
che sia vinta che sia vera.

Frola Lorenzo 13.06.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, concludo così:il problema non sono gli adolescenti, sono gli stupidi e quelli, purtroppo, non hanno età.

Domenico Cerone 13.06.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Il prossimo odi potrebbe essere rivolto alle ADSL di Tiscali, Libero e soprattutto Telecom Alice!
Informazioni sulle caxxate che sparano le trovate qui: http://www.skorpion-labs.com/adsl_tis_lib_alice.txt

Manuel Monterosso 13.06.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Ho 20 anni anzi 21 tra poco...

anche io ODIO la televisione che sta imbambolando, meglio inbavagliando tutte le generazioni dietro programmi strappalacrime e incredibili storie d'amore. Se vent'anni fa la gente impazziva per le telenovelas ora impazzisce per la stessa cosa solo strutturata in maniera diversa.

ODIO anche io gli spinelli e tutto il resto ma non per questo non porto rispetto ai miei amici (al mio branco) che, nonostante abbiano incominciato così, continuano sempre ad essere gli stessi di prima. Si rovineranno, forse si metteranno "a posto", non lo so nè m'interessa. So che la mia vita è la mia e faccio cosa voglio io, non cosa mi dicono gli altri

ODIO soprattutto chi continua a rompere e a farmi a tutti i costi la morale. Non è che non ci credo alle parole dei vecchi, ma qualche cazzata la devo fare pure io, altrimenti con che coraggio dirò tra sessanta anni ai giovani "fidati di me, che di cazzate ne ho fatte nella vita!"

ODIO soprattutto chi generalizza lo stereotipo di giovane. Non è così, anche se la maggior parte vive solo tra le "pieghe della società delle scollature", ci sono, pochi anzi pochissimi che tentano di cambiare il futuro.

Infine ODIO chi ci ha fatto diventare così, chi non lascia spazio ai giovani ed alle proprie idee, chi mette a ministro delle tecnologie uno che non sa usare un computer quando ci sono 15enni che entrano traquillamente nel sito della NASA, chi mette a ministro dell'istruzione una che non sa neanche cosa sia avere un figlio che non ha mai fatto l'insegnante, ne la segretaria, ne il bidello, chi mette a ministro della giustizia...vabbe..questa neanche la commento e così via.

Certe volte mi sento davvero un pensionato standomene al bar a prendere l'aperitivo, ma non me ne voglia nessuno, ogni mattino mi guardo allo specchio e, nonostante non abbia piercing, tatuaggi ne capelli strani, vedo riflessa me stesso, una persona che mi piace così per quella che è. Senza star li a fare troppe favole

Domenico Cerone 13.06.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento

------QUESTO MESSAGGIO INDIRIZZATO A TUTTI--------

------LEGGETELO PERCHE' E' IMPORTANTE-------------

------SCUSATEMI IL FUORI TEMA, E' NECESSARIO------

Caro Beppe approfitto del tuo blog, per
comunicare un cosa importantissima non solo all'interessato ma a tutti.

LEGGILA ANCHE TE BEPPE.

--------------------------------------------------

MESSAGGIO PER -------MARIO TOZZI-----Conduttore Gaia-rai3

Caro MARIO ti ho seguito un attimo al mini costanzoshow questa mattina 13.06.2004.

Hai detto che gli uomini sono la causa degli sconvolgimenti atmosferici sul pianeta, ed effettifamente non hai sbagliato in questo;
siamo stati ''noi'' tutte le volte che abbiamo realizzato una cosiddetta ''ricostruzione'' cinematografica. Ricostruzione di che? Se quello che veniva mostrato era una ''ipotesi'' di cosa poteva succedere se ....bla...bla...bla.
Per l'amor del cielo smettiamola con queste ipotesi e finzioni cinematografiche o ''ricostruzioni'' di quello che potrebbe succedere!!!!
Smettiamola!!!!!!

Abbiamo visto quali frutti hanno dato le varie simulazioni di catastrofi; si sono realizzate puntualmente.!!!!!
Per favore non copiamo gli Americani che hanno fatto centinaia di film che contengono immagini di distruzioni di vario genere del loro paese, e, purtroppo si sono concretizzati al 100 %.
Quante pellicole hanno realizzato gli americani dove si vedevano grattacieli in fiamme, distrutti ed abbattuti da mezzi aerei ??????

-INDIPENDENCE DAY

-L'UOMO RAGNO (LE CUI SCENE PIU' CATASTROFICHE

ALL'INDOMANI DELL' 11 SETTEMBRE PROPRIO IL GOVERNO AMERICANO FECE CENSURARE e TAGLIARE)

-DIE TO HARD

E TANTI TANTI ALTRI CHE VORREI MENZIONARE MA AL MOMENTO NON HO L'ELENCO SOTTOMANO.

Gli esecutori materiali, in questo meccanismo sono solo delle
pedine di una forza immane che l'occhio umano non puo' vedere allo stesso modo di come non puo' vedere le varie forze che ci circondano: forza magnetica, energia elettromagnetica, campo gravitazionale etc. Non per questo non esistono. Ne possiamo constatare e verificare gli effetti pero'.

Dagli effetti si puo' evincere che le Immagini hanno la tendenza a realizzarsi che tende al 100% quanti piu' occhi le vedono e quante piu' volte vengono ripetute e mostrate.

Per questo vi scongiuro, lasciate stare il sensazionalismo di vedere una ''ricostruzione'' di cosa potrebbe succedere se bla...bla...bla...!!!

Le immagini innescano queste forze come la scintilla innesca un rogo.

Per la nostra incolumita' lasciate perdere.
Permetteteci di vivere sonni tranquilli.

Non datemi del matto, non lo sono! Anche perche' parlano i fatti.


Giordano Bruno e tanti altri furono BRUCIATI VIVI
perche' dicevano la VERITA'!!!!!!!!!

CHI LO DESIDERA PUO' SCRIVERMI LE SUE OPINIONI
IN MERITO CRITICHE E NON''g.a.greco@libero.it''

P.S. Mario, sia ben chiaro non ho nulla contro di te!!!
-------------------------------------------------
CARO BEPPE
--------------
'' Signor Grillo, noi siamo ingegneri, lo dica lei in giro , sa, lei e' un comico le danno ascolto''
------------------
TI RICORDI?

BEH! Questo e' lo stesso appello che vorrei fare io a te.

E NON FINISCE QUI'. LA MATERIA E' VASTA!


Cordiali Saluti
F.TO IL VIAGGIATORE DEL TEMPO

Giovanni Greco 13.06.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento

E' la prima volta che scrivo su un sito e spero di non cadere nel banale.
Mi ricordo quando ero adolescente, ai tempi (anni '80) vigeva la moda dei paninari che a me personalmente non piaceva. Mi chiedevo perchè si dovesse andare in giro come dei barboni con la camicia di fuori, lunga fino alle ginocchia, i jeans (magari appena comprati) schiariti con la candeggina e strappati e le Timberland (che trovavo esageratemente grosse e sproporzionate). Insomma a me non piaceva e mi mettevo semplicemente un paio di pantaloni e una maglietta senza sparare giudizi. I veri inquisitori invece erano proprio i miei comapgni che mi rimproveravano dicendo che loro in quel modo di vestire si esprimevano, che era di moda (dio quanto ho odiato 'sta frase) e che loro erano liberi di vestirsi come volevano. Bene...peccato che la libertà che esigevano per loro non la permettessero agli altri. Ti facevano la guerra se non vestivi, pensavi ascoltavi la musica o parlavi come loro. Ti insultavano e ti relegavano in fondo alla classe se solo pensavi con la tua testa. E quando davanti a tanta insipienza mentale rispondevo chiedendo "Ma se la moda ti dicesse di andare in giro in inverno in mutande, ma tu, lo faresti?".
Si vede di sì.

Francesca Michelato 13.06.05 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono contento. Questo è uno dei tuoi interventi in cui mi ci rispecchio di più, Beppe.
8 anni di medie e superiori passate con l'ansia di incontrare i miei compagni perchè sono troppo diverso, perchè non fumo, non bevo, non vado in discoteca e non vado in motorino. 8 anni passati con la speranza che, una volta preso il mio diploma (ci vorranno 2 o 3 settimane ancora ^^) incontrerò gente diversa, che sappia ragionare con la sua testa, senza farsi ipnotizzare dagli slogan, dai costumi, dalla musica della "nuova generazione".
Anche io odio.

Odio l'atteggiamento superficiale nei confronti di seri problemi sociali.

Odio gli ultras negli stadi, violenti malati skizofrenici.

Odio il "sto con lui" e "la mia tipa", quasi nessun giovane dice più "ti amo" pensandolo con il cuore.

Odio quelli che credono di poter ottenere un diploma con una pila di "bigliettini" strategicamente nascosti fin nelle mutande.

E odio dover dire queste cose mettendomi contro i miei coetanei che non la pensano come me e che dove vivo, purtroppo, ce n'è tanti. Ma ho bisogno di sfogarmi, perchè anche io, nel mio piccolo, sento il bisogno di dire la mia.

Alessandro Zorlone 13.06.05 15:23| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori