Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Odio al turismo

  • 408


turismo.jpg

Odio i viaggi, le vacanze, i bagagli, farli e disfarli.
Odio le vacanze nei “villaggi” con il cocktail di benvenuto.
Odio gli animatori sempre allegri, il tennis alle 8, la pallavolo
alle 10, lo snorking alle 14 e il calcetto alle 18:
torni a casa che sei uno straccio!
Odio gli aeroporti con il duty free, il check point e la sala vip e il “grazie signore da quella parte”.
Ma odio soprattutto l’aereo, le compagnie aeree che ti tengono in ostaggio con qualche minuto di ritardo, i sedili per nani, le hostess con i loro “prego lo zainetto”, “scusi lo schienale”.
Odio la spiegazione delle dotazioni di sicurezza. Quando tua moglie assume l’espressione della hostess mentre spiega devi velocemente divorziare.
Odio gli alberghi tutti uguali, i last minute, quelli che viaggiano senza muoversi di casa.
Odio i viaggi alternativi come www.latourex.org, l’archeoturismo (rifare un viaggio già fatto), il dodecaturismo (si parte il giorno 12 alle ore 12 con il treno e si scende alla dodicesima stazione), il retroturismo (quello in cui si parte velocemente e si torna lentamente).
Odio il turismo alternativo, in cui parti a piedi, volti alla prima a sinistra, quindi a destra fino a che non prendi una facciata contro un muro.

19 Giu 2005, 19:22 | Scrivi | Commenti (408) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 408


Commenti

 

E' iniziata la stagione delle ferie e quindi se ne vedranno di tutti i colori!!
Ciao Simo

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Il turismo nel nostro paese occupa milioni di persone. Sapete quante famiglie vivono di turismo? Questo articolo mi sembra uno sfogo isterico di chi davvero ha poco da pensare. Non ami le vacanze? Resta a casa :) Semplice no?

Hotel Ischia 01.03.13 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Clienti Eden Village Kos (Grecia) Agosto 2007

Durante il nostro soggiorno a Kos (Grecia), presso la struttura “Sovereign Beach, Kos”, abbiamo avuto un pessimo trattamento relativamente ai servizi di accoglienza, bar, ristorazione e all inclusive.
Inoltre scarsa igiene, aria condizionata mal funzionante e in alcune circostanze inesistente, servizio spiaggia non consono alle aspettative con ombrelloni e lettini mal tenuti, inesistenza di un presidio medico e soprattutto scortesia da parte del personale addetto alberghiero.

Clienti EDEN VIAGGI 03.11.07 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Per chi non odia il turismo,un sito con molti links
http://www.lastminutetravels.it

Paolo Marconi 28.02.07 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Per chi non odia il turismo,un sito con molti links
http://www.lastminutetravels.it

Paolo Rossi 28.02.07 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Per chi non odia il turismo,un sito con molti links
www.lastminutetravels.it

Paolo Rossi 28.02.07 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Per chi non odia il turismo,un sito con molti links...
http://www.lastminutetravels.it

Paolo Marconi 28.02.07 01:44| 
 |
Rispondi al commento

L'ho sempre detto: il miglior turista e' quello che sta a casa, che non va a inquinare i posti ancora belli, diversi, naturali.
Cosa ci fa un turista bianco-latte vestito in goretex rosso con zaino, cellulare, macchina foto digitale, videocamera, in un villaggio del Nepal? E cosa ci fa sua figlia coi capelli tinti di azzurro, la ferramenta aggrappata alle orecchie e al naso e la pancia scoperta fino al pube? Buttiamoli fuori! Impediamogli di inquinare il paesaggio e la cultura! Perche' tagliamo a fettine lo strato di ozono con i jet per andare a fare una vacanza ecologica? Ecologica dove? Non esiste piu' un bosco senza detriti di plastica e alluminio. Non esiste piu' un brandello di mediterraneo pulito. Non esiste piu' una montagna senza ferite, strade, tralicci, funivie, impianti da sci. Non esiste piu' una collina senza una fabbrica sullo sfondo.
Propongo la cultura di Salgari: lui scrisse tutta la letterature di Sandokan senza muoversi dalla sua povera e scura casetta, tanto calda e con tanta fantasia e intelligenza.

Greg pulcher Commentatore in marcia al V2day 29.11.05 11:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Salve, questo è il mio primo post in questo blog. Ho 20 anni e sono sardo. E a proposito di vacanze volevo solo dire (e chi lo sa più di me?) che il turismo fa "vivere" le persone massimo 3 mesi l'anno ma vorrei ricordare a tutti quei bontemponi che dicono che la mia terra è solo l'isola delle vacanze (costa smeralda, alghero, villasimius.....) che io mangio 3 pasti al giorno per 12 mesi l'anno, non è che mangio solo d'estate, come posso io sperare in futuro io? voglio vivere nella mia beneamata Sardegna, mi fa piacere che i turisti vengano e ci lascino "il contante" ma proviamo a svegliarci: costa di più un prodotto locale che uno che viene da chissà dove con una etichetta fasulla...e le (poche) industrie sarde sono tutte sull'orlo della catastrofe...siamo italiani anche noi, siamo un'isola con un altissimo potenziale, non siamo mica le Hawaii noi....

Roberto Nieddu 18.11.05 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro amico tu avrai pure le tue ragioni per odiare il turismo, ma sai io ci vivo di turismo, ho pure due figli da sfamare, e nello specifico agli animatori diciamo di essere non tropppo pressanti e non troppo in orario.
Questo per dire che non tutto è male nelle vacanze, anche quelle più o - organizzate.
Ciao Paolo
ps.non andare in vacanza in Saredegna ma prova adriatico

Gian Paolo GHIA 14.11.05 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Ci terrei a precisare che il sito http://www.md80.it NON è un sito ISTITUZIONALE DI MCDONNELL DOUGLAS, come da qualcuno affermato, ma è un sito TOTALMENTE INDIPENDENTE da qualsiasi azienda costruttrice di aerei e che siamo il portale di aviazione civile reale più grande d'Italia. Forniamo quotidianamente notizie di aviazione civile e, ripeto, non abbiamo nessun collegamento con aziende operanti nel settore.

Zeno Guarienti 07.11.05 08:23| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo il tuo DVD, ma ora senti questa.
L'Italia si definisce paese civile e tecnologico, bene nella Cattedrale nel Deserto denominata Aereoporto della Malpensa, luogo di sperpero del denaro pubblico, voluto dalla Lega e suoi accoliti, siamo peggio che nel Terzo Mondo come servizi, il termine di paragone lo faccio con Aereoporti tipo: Bombay, Abidjan, Bangkok, Nairobi, Quatar, Emirati Arabi, per non parlare poi di quelli del Nord Europa tipo Londra, Francoforte, Parigi Amsterdam.
Se alla Malpensa una famiglia con dei bambini parte con ritardo non ha nessun posto dove far giocare o riposare le proprie creature, non ha poltrone che possono essere allungate per riposare,non ha locali dove poterli accudire e cambiare, cose che sono presenti in tutti gli aereoporti sopra menzionati.
In tutti gli aereoporti c'è la zona fumatori, Malpensa nò, se sei nei transiti internazionali sei preso in ostaggio, non ti puoi muovere e tanto meno far riposare i bambini.
Ora cosa più bella per aumentare i costi l'Alitalia ha la bella idea di portare gli equipaggi a Malpensa, così da creare l'esatto doppione di Fiumicino, con la differenza che da Fiumicino si parte sempre anche in Inverno a Malpensa non si sà (nebbia)
Non è ora che la così detta dirigenza della Nostra Aviazione Civile e dell'Alitalia vada a casa. Chi scrive è un ex Assistente di Volo e mi ricordo che prima che arrivassero questi scenziati la Compagnia di bandiera era proprietaria dei propri aerei, era proprietaria della sede all'EUR, ora paghiamo l'affitto per tutto, aveva scali in tutto il mondo e soprattutto non accomulava deficit per scelte operative senza senso, loro hanno distrutto la Compagnia non i lavoratori.
Scusa lo sfogo, ma è ora che la smettano di far credere coso non vere
Ciao
Enzo

Postato da: Enzo Di Matteo il 16.10.05 05:48

Enzo Di Matteo 16.10.05 05:58| 
 |
Rispondi al commento

Salve,

andate a leggere l'articolo:
BEPPE GRILLO: IL "BUFFONE DI CORTE" DEL MONDIALISMO
nella sezione NEWS DEL FUTURO sul sito:

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

Saluti da Gaspare

gaspare petralia 12.10.05 14:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
lavoro a Torino ormai da 1 anno e 4 mesi,ho lasciato il mio bel paesino in montagna nel parco nazionale del gransasso e monti della laga,c'ho passato le ferie a modo mio. Con degli amici, ormai da qualke anno a questa parte, ci riuniamo in 2 o 3 tende in montagna dopo aver chiesto i dovuti permessi a comune e forestale! La SIMBIOSI con la nature è dovuta, se nonkè inevitabile! Abbiamo mangiato carne alla brace e bevuto vino dei + nostrani ke il mio paese poteva offrirmi! La sera si stava tutti davanti al fuoco... non voglio entrare nel dettaglio, sarei banale, ma raga...se ne avete la possibilità provateci, io almeno in quei giorni ero la montagna e la montagna era me! salut a tout le monde! Fede

federico marcocci 08.09.05 00:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
lavoro a Torino ormai da 1 anno e 4 mesi,ho lasciato il mio bel paesino in montagna nel parco nazionale del gransasso e monti della laga,c'ho passato le ferie a modo mio. Con degli amici, ormai da qualke anno a questa parte, ci riuniamo in 2 o 3 tende in montagna dopo aver chiesto i dovuti permessi a comune e forestale! La SIMBIOSI con la nature è dovuta, se nonkè inevitabile! Abbiamo mangiato carne alla brace e bevuto vino dei + nostrani ke il mio paese poteva offrirmi! La sera si stava tutti davanti al fuoco... non voglio entrare nel dettaglio, sarei banale, ma raga...se ne avete la possibilità provateci, io almeno in quei giorni ero la montagna e la montagna era me! salut a tout le monde! Fede

federico marcocci 07.09.05 23:57| 
 |
Rispondi al commento

Ebbene sì, lo confesso... ho fatto le ferie a Cesenatico e Alba Adriatica, pensione completa, camera con aria condizionata, piscina, ombrellone e lettino compresi nel prezzo (con quello che mi è costato era proprio il minimo).
Dopo quasi 20 anni di vacanze randagie, moto o zaino e pedalare...
E sì, lo ammetto, ho goduto, ho visto mio figlio di 16 mesi impazzire per la spiaggia, il mare, tutte quelle cose che in città non ci sono, esplorando un mondo fisico che gli era ignoto e sì, me ne sono fottuto di essere in mezzo a ombrelloni distanti uno sputo, dell'odore dolciastro degli abbronzanti, della musica a manetta dagli altoparlanti, di qualche sguardo riprovevole se facevo il buffone col mio cuccioletto.

Certo, ritrarsi nel privato non è la soluzione, ma a volte fa bene, ragazzi!

E magari l'anno prossimo ci troviamo a Cesenatico!

Carlo Sironi 02.09.05 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Più che le vacanze, odio la massificazione che le vacanze organizzate implicano...gli animatori che ti calpestano i cabasisi, inducendoti a relazioni più o meno untuose con gli altri villeggianti cosparsi di creme protettive ...per me le vacanze sono un momento di sviluppo della mia individualità che, nel resto dell'anno, se non calpestata è, per lo meno, trascurata...università, convivenza con i nervi schizzati di altre studentesse, docenti simili a dinosauri persi nelle foreste del tempo, etc etc che, per esplicite ragioni, inducono a smorzare i lati più aspri del carattere (quelli a cui sono anche più affezionata) e ad infonderti una diplomazia che fa campare formalmente tranquilli ma non fa di certo bene al fegato...perchè, almeno in vacanza, non dovrei fare quello che mi passa per il cervello? "No, grazie...preferisco starmene per i cavoli miei ad ascoltarmi De Andrè"...e lì le occhiate degli animatori ...sottotitolo "anvedi l'asociale"...e che ti tormentano finchè non smuovi le carni dal telo e ti autoconvinci svogliatamente che il tiro alla fune nell'acqua, caspita, era proprio quello che ti ci voleva...per poi finire con l'invocare mentalmente che qualche ragazzetto ti tiri in testa un pallone per fingere l'infortunio e ritirarti a vita privata...ecchecaspita, un pò di tregua: sto in vacanza!...anche dalle convenzioni...quindi voglio essere selvatica e si, anche asociale...problemi?
Quest'anno mi sono concessa un giro del nord Europa in sacco a pelo...un calcio alle comodità della vita borghese di tutti i giorni (su cui assolutamente non sputo sopra, per carità) ma che mi ha fatto scoprire, in pochi giorni, in poche ore, tante cose...anche l'effetto catartico e liberatorio di una doccia...o gli strani e pittoreschi personaggi della zona dei canali di Copenaghen...diventare protagonista di una delle canzoni di De andrè, ecco...in un ambiente fatto di sottili contraddizioni che ti riempiono d'emozioni...una scorta di sentimenti fatti di visi, di canti d'ubriachi, di sorrisi di denti spezzati...capaci di farti campare di rendita per un altro anno...fino alle nuove vacanze, ecco...un'induzione al pensiero, a mettere in moto il meccanismo del cervello e non a perderlo tra le gag comiche più o meno trite e ritrite degli anfiteatri del villaggio...non un "pensa solo a divertirti" ma un semplice "pensa"...a cosa lo decidi tu...o la vita che ti scorre attorno...e non l'esistenza programmata e dorata proposta dalle agenzie di viaggi...ma, in fondo, ho vent'anni...e si..."m'innamoro di tutto".
Ma,Beppe, lei (tu?), davvero legge(leggi) tutti questi commenti?

Stefania Villani 23.08.05 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Io odio gli italiani all'estero che appena scesi dall'aereo cominciano a cercare i giornali italiani, le notizie sportive italiane, il caffè italiano, la pizza italiana, il ristorante italiano, il venditore italiano...
Ma statevene in italia allora!!!

Poi quelli che partono a 4 o 5 maschi e che fanno terra bruciata provandoci con qualsiasi essere vivente a forma di femmina...
Peggio ancora quelli che scelgono paesi poveri per fare i ricconi e magari poter comprare a poco qualche ragazzina...
Poi quelli che appena torni dalle vacanze chiedono quante te ne sei fatto e tu, per non fare brutta figura, 3 o 4...
Poi quelli che dicono alla famiglia di partire per motivi d'affari e poi...

Poi all'estero appena dici che sei italiano scappano, anzi già lo capiscono ad un km di distanza dai vestiti, aspetto, atteggiamento...
Così rimangono gli esploratori in cerca di nuove terre "vergini" di conquista, senza italiani...

luca colaiacovo 08.08.05 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo
Ansa di oggi 6 agosto

2004.

Dai dati emerge che nel 2004 si sono verificati 108 tra incidenti e inconvenienti in Italia, mentre 9 sono avvenuti all' estero. Le vittime in Italia sono state 20: 6 in incidenti che hanno riguardato l'aviazione commerciale, 13 l'aviazione turistico-sportiva e una gli elicotteri. Tre le persone morte all'estero in incidenti che hanno coinvolto velivoli italiani. Il numero delle vittime e' in calo sia rispetto al 2003, quando furono 31, sia rispetto al 2002 (43 morti). Impossibile un raffronto con il 2001 in quanto in quell'anno i morti furono 147 in conseguenza della tragedia di Linate che da sola fece 118 vittime.

 

ROMA - L'incidenti di oggi di fronte all'aeroporto di Palermo ha avuto un grave precedente la sera del 23 dicembre 1978 quando un Dc9 dell'Alitalia precipito' in mare a 3 miglia dall'inizio della 'pista 25' dell' aeroporto di Punta Raisi. Su 129 persone a bordo, ne morirono 108, compresi i due piloti.

L'incidente, che rese tristemente famoso l'aeroporto, fu subito addebitato al mancato funzionamento di alcune apparecchiature della struttura (un impianto ottico era effettivamente rotto), ma l'inchiesta giudiziaria accerto' che i due piloti avevano sbagliato le procedure di atterraggio e che non conoscevano bene quello scalo: i due scambiarono i riflessi dell'acqua per le luci della pista e atterrarono in mare.

Molte delle 108 vittime morirono affogate, anche a causa del ritardo dei soccorsi. I superstiti si salvarono a nuoto e furono raccolti da pescherecci. Direttore dello scalo, il predecessore e il direttore di Civilavia furono processati, ma assolti nel 1987 dal tribunale di Palermo che ritenne determinanti gli ''errori umani'' dei piloti.

Alcuni altri incidenti sono avvenuti in mare negli ultimi anni in Italia ma non hanno fortunatamente mai avuto le dimensioni di quello del 1978 e di quello di oggi.
- febbraio 1999. 4 persone morirono in un incidente aereo del Dornier 328 della Minerva Air Lines di fronte all'aeroporto di Genova.
- maggio del 2000. Un aero da turismo Piper cadde nell'adriatico senza causare vittime.
- ottobre 2002. Un altro Piper precipito' in mare nello specchio d'acqua di fronte all'aeroporto di Genova senza conseguenze per il pilota, unico a bordo.
- maggio 2205: un bimotore P68 Observer della polizia cade in Adriatico nei pressi di Pescara a causa di un'avaria al motore. Muoiono i tre agenti.
- venerdi' un piccolo aeroplano e' precipitato nel mare Adriatico in Croazia con un morto e tre feriti, tutti italiani.

Negli ultimi anni la sicurezza aerea in Italia, come d'altronde nel resto del mondo, e' migliorata ma restano ancora situazioni non del tutto soddisfacenti, relative soprattutto agli aeroporti, sottolinea l'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) nel suo ultimi rapporto per il


© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati 06/08/2005 20:20

nico bini 06.08.05 23:35| 
 |
Rispondi al commento

E POI DICONO DOPO L'INCIDENTE GRAVE DI PALERMO DOVE E' CADUTO IN MARE UN AEREO FACENDO PIU' DI 30 TRA MORTI E DISPERSI E FERITI (LETTO SU REPUBBLICA) CHE L'ATR 42 O 72 SONO AEREI SICURI.LEGGETE LA SFILZA DI INCIDENTI
SUL SITO http://www.md80.it/search.php?mode=search&type=stories&topic=incidenti LE CASISTICHE DI TUTTI GLI INCIDENTI DIVISI PER MARCA E MODELLO AEREO (MA IL SITO E' ISTITUZIONALE DI MCDONNEL DOUGLAS FABBRICANTE USA DI AEREI )

SCHEDA
Uno degli aerei regionali più diffusi
realizzato da Italia e Francia

ROMA - L'Atr-72 è un aereo biturboelica realizzato dall'italiana Alenia insieme alla francese Aerospatiale. Concepito per voli regionali, ha fatto il primo volo nell'agosto 1984 e in questi anni ha avuto un ampio successo commerciale in tutto il mondo.

L'Atr-72 è lungo 27,2 metri, ha un'apertura alare di 27,1 metri ed è alto 7,7 metri. Può trasportare 66 persone a una velocità di crociera di circa 500 chilometri orari. Il velivolo ha un raggio d'azione di 900 chilometri. Tra le caratteristica degli Atr ci sono la fusoliera ampia e l'ala alta (sopra alla carlinga).

Insieme alla versione più piccola denominata Atr-42, l'aereo è stato prodotto in circa 700 esemplari ed è presente nella flotta di più di 50 compagnie aeree. Gli esemplari consegnati fino ad oggi hanno volato complessivamente per tre milioni di ore trasportando circa 500 milioni di passeggeri.

Il successo commerciale del velivolo, dovuto all'economicità e alla facilità di utilizzo e di manutenzione, è diminuito dall'inizio del 2000 con l'avvento dei jet (aerei a reazione) regionali. Negli ultimi mesi, tuttavia, il numero delle commesse è tornato ai livelli elevati di dieci anni fa. L'aumento dei prezzi petroliferi ha riportato in auge la propulsione ad elica, meno "assetata" di carburante rispetto a quella a reazione.

Quello di oggi non è il primo incidente che vede coinvolto un Atr. L'ultimo risale al 12 novembre 1999: un velivolo della compagnia Si Fly, in missione umanitaria da Roma a Pristina, si schiantò in Kosovo provocando la morte di 24 persone. Più grave l'incidente avvenuto nel 1987 a Conca di Crezzo (Como): le vittime furono 37. In quell'occasione si scoprì che il turboelica aveva problemi di manovrabilità in caso di ghiaccio e l'aereo venne modificato. L'incidente con il numero più alto di vittime si è vericato negli Stati Uniti nel 1994, quando un Atr-72 dell'American Eagle precipitò durante il volo Indianapolis-Chicago provocando la morte di 68 persone.

(6 agosto 2005)


---
http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/chan/esteri:323292:/1999/11/13
ARTICOLO DEL 1999-----Sangue su una rotta battuta tutti i giorni"> Sangue su una rotta battuta tutti i giorni">
Quei cieli dei Balcani maledetti dalla guerra
Sangue su una rotta battuta tutti i giorni

La Sifly aveva iniziato l'8 novembre i voli umanitari tra Ciampino e il Kosovo. La tratta dall'aeroporto romano alla tormentata provincia balcanica viene coperta in base ad un contratto con le agenzie internazionali dell'Onu che scadrà nel marzo del prossimo anno. Ma l'attività della Sifly dalla base tecnica di Ancona è più articolata. Il servizio prevede infatti la tratta Ancona- Ciampino, il servizio per conto del Pam per Pristina, Palermo, Ciampino e Ancona. L'Atr 42 precipitato ieri, che aveva le marche francesi F-ohfv, era atteso nello scalo marchigiano alle 21. Il bimotore era stato costruito nel 1989: di questi aerei il consorzio italo-francese Atr ne ha venduti oltre 600, e ne sono stati consegnati poco meno di 550. Sotto il profilo commerciale gli Atr42 e «72» (la versione allungata e con motori più potenti) rappresentano un indubbio successo, anche se si avviano verso la fine graduale del loro fortunato ciclo. Ormai gli aerei a reazione da 50 posti si sono ritagliati un forte segmento di mercato, e il futuro per i turboelica sembra relegato ad un ruolo di nicchia. L'Atr, comunque, rimane una pietra miliare nella storia del trasporto aereo sulle brevi distanze (e non solo, se si pensa che la Guardia di Finanza ne impiega due in una speciale versione da pattugliamento marittimo, missioni anti infiltrazione di clandestini e monitoraggio dei traffici illeciti), anche se nella sua storia è stato protagonista di alcuni inquietanti incidenti. Il «caso» Atr deflagrò la sera del 15 ottobre 1987, quando a Conca di Crezzo precipitò il volo Milano-Colonia dell'Alitalia provocando la morte di 37 persone. Quella volta venne accertata una scarsa conoscenza da parte degli equipaggi in presenza di condizioni favorevoli al ghiaccio. In seguito l'aereo venne protetto più estesamente non solo lungo le ali e il timone, ma anche sul dorso alare. Perché in un'altra sciagura, quella dell'ottobre del '94 nell'Indiana (l'aereo della American Eagle, in avvicinamento a Chicago incontrò severe condizioni meteo) emerse che i flap erano esposti al fenomeno dell'«ombra» provocata da un non corretto scorrimento dell'aria in presenza di ghiaccio. Fu così esteso il sistema di protezione aumentando le guaine di gomma, dove circola aria calda, per evitare che anche la parte dell'ala compresa tra il sistema antighiaccio e i flap potesse risentire del negativo fenomeno. Dopo quell'episodio, analizzato irrorando in volo un Atr con acqua colorata di giallo da un Kc-135 della Nasa, per stabilire qual era la dimensione delle gocce che provocavano a bassa temperatura il fenomeno, i bimotori si possono considerare assolutamente immuni da fattori meteo negativi. Naturalmente, come del resto avviene per tutti gli aerei, l'equipaggio deve conoscere i manuali e applicare le misure preventive indicate. Altrettanto drammatico l'episodio accaduto su un Atr42 della Royal Air Maroc nell'estate di sette anni fa. Il comandante decise di suicidarsi puntando l'aereo contro le montagne dell'Atlante, nonostante gli sforzi del copilota (una donna) che tentò in ogni modo di contrastare la follia del comandante. Anche in quell'occasione morirono diversi italiani. Invece l'incidente accaduto nel luglio 1997 a Firenze (Atr42 di Air Littoral) fu causato da un errore del pilota che effettuò un atterraggio «lungo», contravvenendo alle norme della compagnia francese che vietano l'addestramento con passeggeri a bordo. In tredici anni di servizio gli Atr hanno volato tre milioni di ore trasportando 100 milioni di passeggeri. Il massimo successo commerciale è stato raggiunto negli Usa, dove i bimotori italo-francesi detengono il 40 per cento del mercato. Marco Tavasani
http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/chan/esteri:323292:/1999/11/13

NICO BINI 06.08.05 23:26| 
 |
Rispondi al commento

CHIUSURA ESTIVA

Quante volte sulle saracinesche dei negozi abbiamo potuto leggere l’avviso “chiusura estiva” o “chiuso per ferie”?

In Italia la chiusura estiva interessa la maggior parte delle aziende (piccole, medie e grandi), e si concentra in special modo nel mese di agosto. E’ facile capire il risultato di questo comportamento.

Nonostante i ripetuti appelli del governo agli italiani nel cercare di sensibilizzare e focalizzare l’attenzione sulle “vacanze intelligenti” e, soprattutto, sulle “partenze intelligenti”, le aziende continuano ad effettuare le chiusure estive liberando, in un sol colpo, milioni di lavoratori che, sacrificandosi, metteranno le mani al loro misero portafoglio e la propria famiglia in auto, per trasferirsi nelle località turistiche, congestionando la rete viaria nazionale.

Risultato (se tutto va bene): milioni di famiglie in autostrada in fila e sotto al sole, e migliaia di Euro, guadagnati faticosamente da quelle stesse famiglie, spesi da ciascuna famiglia per pochi giorni di vacanza in posti sovraffollati.

Per poi vedere e sentire al telegiornale l’ennesimo appello del governo sulle vacanze intelligenti, le critiche alla rete viaria ancora insufficiente, e, disgraziatamente, la cronaca (sempre puntuale e troppo minuziosa di particolari) degli incidenti avvenuti durante il trasferimento, da casa al luogo di villeggiatura. E che villeggiatura!

E a settembre, non solo si è più stanchi di prima per aver affrontato una vacanza forsennata, ma bisogna rimboccarsi le maniche per poter affrontare l’ennesima fatica: il rientro al lavoro e la preparazione alla scuola per i figli; con tutto ciò che ne consegue, ossia le spese scolastiche.

Ma, non sarebbe più intelligente lasciare libero arbitrio al lavoratore sulla scelta del periodo per andare in ferie? Certamente non si formerebbero file chilometriche in autostrada! Altrimenti, oltre a dirci quando fruire delle ferie, ci dicessero anche dove, ci dessero i soldi necessari e ci portassero loro (le cose o si fanno per bene o non si fanno affatto).

http://lavoratori.blogspot.com/2005/08/chiusura-estiva.html

Andrea Maria Arrigo 04.08.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Adesso tu mi dici per quale stupida ragione in agosto la città si paralizza: i negozi chiudono, gli uffici chiudono, quasi tutti partono per le vacanze....perchè allora non in maggio, o in novembre o febbraio,come se agosto fosse un mese diverso dagli altri: non è il più caldo, perchè si boccheggia anche in giugno e tutti quelli che vanno in ferie spendono il doppio e stanno peggio perchè i turisti sono molti di più....Non è quello più a buon mercato: ogni posto che vai anche ai caraibi dove è sempre caldo è considerata alta stagione. Ma cosa è che fa' continuare questa insensata e stupida abitudine di abbandonare in massa le città in questo periodo? Io odio le vacanze fatte nei periodi di punta, dover fare la fila per andare al ristorante, trovarmi con i gomiti del vicino di ombrellone in bocca quando sono in spiaggia e stressarmi l'esistenza in ferie più di quando sono in città a lavorare.....Finiamola per favore, vi prego! Anche voi sul vostro blog avete segnalato che per il mese di agosto le consegne del video del tuo spettacolo sono sospese...riprendono a settembre .... noooooooooooooooooo!!!! Io lo voglio adesso!!!!!!!!!Io ho deciso da molti anni che in agosto continuo a lavorare e le vacanze le prendo in altri periodi dell'anno.Ma cosa sono l'unica???????

Beatrice Morini 04.08.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
mi fa rabbia vedere giornali e telegiornali e qualsiasi altro mezzo di comunicazione parlare solo del popolo dei vacanzieri, di quei dodici, venti, trenta o chissà quanti milioni di persone che abbandonano le città per andare in giro per la penisola e per il mondo in vacanza in cerca di relax, spiagge esotiche, paradisi terrestri, stravaganti alternative e non spendere una parola, magari silenziosa, per le altrettanti milioni di persone che magari per un altro anno dovranno rincorrere il sogno di una vacanza, perchè se non vai in vacanza sei diverso; qualsiasi cosa tu non faccia che la massa fa sei considerato un pazzo o un diverso, credo che ci manipolino in tutto ormai, decidono cosa farci comprare, dove dovremo passare le ferie perchè se vai in un posto non pubblicizzato sei uno sfigato, cosa metteremo per l'inverno o per l'estate, delle marionette. Credo in due persone, in questo momento, due persone molto simili a me, una sei tu ed ho avuto modo di vederti e provare le tue stesse emozioni e l'altra è il nostro caro amico Fabrizio. Un grazie da chi crede che un mondo nuovo è possibile.

Domenico Porporato 03.08.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Mi fanno ridere le assistenti di volo che ti dicono: "Posso offrirle qualcosa da bere?"
Mah! Con quello che ho pagato il biglietto credo che da bere l'ho già abbondantemente pagato. Altro che offrire.

gabriele castellucci 31.07.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Ai lettori che denunciano l' ipocrisia di odiare le vacanze last minute quando c'è gente che in vacanza non può andarci mai o che suggeriscono che sarebbe meglio odiare chi va in vacanza sullo yacht:
ma che c'entra? non posso odiare il fegato alle cipolle perchè c'è chi non ha abbastanza cibo? Magari il fegato lo mangio lo stesso, come do' quello posso in beneficienza alle associazioni che sostengono i bisognosi. Non vedo il nesso....insomma esprimere le proprie preferenze cosa ha di ipocrita?

laura maggio 29.07.05 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Orrore e devastazione, di nuovo, ma questa volta nelle vite spezzate di tanta gente e nel mio cuore. Avevo inviato un messaggio sulle vacanze a sharm el sheikh, critico e un po' sdegnato, ma adesso...in fondo a sharm mi ero divertita, anche io ero stata a naama bay a guardare i negozietti tra cui supa lo strafico...ora quel locale non esiste più, e forse nemmeno supa. Ho pianto tutto il giorno, ma non saranno le mie lacrime a fermare l'odio che cresce ogni giorno di più. Dobbiamo fare qualcosa, non possiamo solo guardare: iniziamo col mandare a casa i nostri politicanti, patetici buffoni. Creiamo il nostro mondo, anche se non è facile almeno proviamoci
laura

laura jelenkovich 26.07.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Caro Papa,
beato te! che ti godi il fresco sulle montagne valdostane.
Io sono un vecchio parroco, di una povera parrocchia di periferia, o, forse, della più povera parrocchia della mia diocesi o della mia regione o d’Italia … e mi sento alle costole tutti gli abitanti delle favelas, delle bidonville, delle baraccopoli, di tutti i bassifondi del mondo.
Qui la gente non può andarsene in montagna e tanto meno in Val d’Aosta, perché il giorno in cui non lavora, non mangia.
Se tu abitassi qui con questi poveri cristi, non ti verrebbe nemmeno l’idea di portarti a Les Combes, ma siccome tu vivi nelle sale affrescate dei palazzi vaticani e puoi goderti una villeggiatura a Castelgandolfo, vai cercando cime ardite e innevate in piena estate.
Parli addirittura che le vacanze sono una necessità per coloro che abitano in città, ma noi qui abitiamo nella periferia maledetta di una città e così, siamo fortunati da non avvertire la necessità che gente come te patisce.
Tu appartieni a quel mondo in cui le condizioni di vita, spesso frenetiche, lasciano poco spazio al silenzio, alla riflessione e al distensivo contatto con la natura. Qui la povertà, altrove la miseria, non avverte nemmeno che possano esserci zone di silenzio, di riflessione e di distensione naturistica… oltre il bisogno di sussistere, di sopravvivere.
Altro che dedicarsi alla preghiera,… alle letture,… alla meditazione,…! sui significati profondi – e nemmeno superficiali – della vita, nel contesto di famiglie, spesso disgregate o allargate, fuori dai canoni di quella che hai davanti gli occhi tu.
Tu non vedi quanta gente vive ai margini del tollerabile, in fogne che scorrono a cielo aperto, o accanto a discariche mai svuotate… e così ti riempi gli occhi degli spettacoli suggestivi della natura, quelli mai visti, neppure in sogno, dagli adulti e dai piccini di questo mondo alternativo al tuo.
Semmai l’individuo qui si scopre “unico”, è perchè non sa considerarsi che il punto estremo della disgrazia e della sventura…
Per chi di vacanze non ne ha mai godute, né mai se ne potrà permettere, è risparmiata la “domanda di senso” che non le urge certo in cuore.
Questa mia gente, e tanta altra che versa nelle medesime condizioni, è esclusa da qualsiasi dono provvidenziale come tu definisci la paura estiva che si possono consentire papi, principi e ricconi di questo mondo.
L’unica realtà che può gratificare i poveri di questo mondo, è che Gesù Cristo non si consentiva lussi di tal fatta, e se ne stava in messo alla folla, fatta anche quella di “poveri, storpi, ciechi e zoppi”, visto che gli invitati trovarono mille scuse per non partecipare al banchetto del regno di Dio. Loro dovevano andare a vedere il terreno che avevano comprato, dovevano andare a provare le cinque paia di buoi che avevano comprato, si era sposati o erano stati elevati al sogli pontificio da poco e perciò non potevano andare …
Ci sono stati sempre al mondo quelli baciati dalla Provvidenza e quegli altri che non hanno avvertito questo bacio. Meno male che tu stai tra i primi e tanti altri qui e nel mondo intero, purtroppo stanno con i secondi.
Chissà da che parte farebbe la sua villeggiatura Gesù Cristo?!

Longo Borina 25.07.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Orrore e devastazione!! Sono un'appassionata di immersioni e a furia di sentirmi dire vai in mar rosso, vai a sharm el sheikh" ahimè ci sono andata. Catastrofe e disperazione: una succursale del bel paese, un concittadino come guida subacquea (era genovese come noi Beppe, temevo che ci mettesse meno aria nelle bombole per risparmiare un pò!)gli egiziani che parlavano napoletano e i napoletani che parlavono napoletano! Ma la tragedia è che tutta la costa è un enorme cantiere per mega villaggi: i detriti finiscono in mare e zone meravigliose come il pink wall (una parete completamente ricoperta di coralli rosa e spirografi fucsia) sono state distrutte. Però ci sono i negozietti come "supa lo strafico" gestiti da tanti francesco totti e laura pausini. Meno male che sott'acqua c'era gente per bene: i pesci.
Tristezza
Laura

laura jelenkovich 20.07.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento

insomma non hai visto niente del mondo, non capisco

Fabio Sebastiano 19.07.05 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Oltre la beffa l'inganno.Una pesante accusa è stata mossa ad un grosso numero di cittadini palermitani appartenenti a diverse zone della città: lottizzazione abusiva, reato oggi punibile tra l'altro con la confisca dell'immobile. Senza sentenza alcuna di colpevolezza, sono già stati costretti a lasciare le proprie abitazioni perchè investiti da un duro provvedimento, quello dello sgombero coatto.A nulla è valso chiedere aiuto alle istituzioni.Le loro tacite urla non sono state ascoltate e le loro civili manifestazioni sono state punite."La beffa", di avere investito i risparmi di una vita per una casa, viene negata la richiesta di custodia del proprio immobile, sino a sentenza di colpevolezza, concessa sempre a chiunque ne avesse fatto richiesta.Oltre alla beffa del comune che incassa le rate per sanare gli immobili incriminati, che si rende indisponibile ad ascoltare i problemi da risolvere ed a quella "equa" magistratura per la quale la legge è uguale per tutti, almeno a quel che si legge in ogni aula di tribunale, che lascia, a decenni di distanza, ancora abitate le case confiscate della Collina del Vip, ma fa sgomberare forzatamente gli alloggi dei comuni ed anonimi cittadini della stessa città, già bollati quali "colpevoli", senza alcun tipo di processo, se non qualcosa che ancora deve iniziare. E l'inganno, quello delle forze politiche che fingono di intercedere col Prefetto e con la Procura, con il solo risultato di una elegante passerella che anticipa il tortuoso cammino della prossima campagna elettorale.Ma l'inganno più eclatante e quello delle forze dell'ordine, che, nel corso di una civile manifestazione chiedono di identificare i manifestanti, solo per prassi ed utilizzano i dati personali raccolti per colpirli con una sanzione amministrativa che oscilla da 2.580 ad 1.000 euro!
E la storia continua......

Cettina Terranova 15.07.05 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Odio fare acquisti per corrispondenza. Odio il fatto che quando ciò che mi arriva è difettoso, fevo inviare un FAX a mie spese e rispedire la merce, a mie spese. "Casaleggio Associati si riserva la possibilità di effettuare la sostituzione del prodotto dopo opportuna verifica. Le spese di spedizione tramite Raccomandata AR del materiale suddetto è a carico del Cliente" Quindi odio anche la Casaleggio Associati. Sò che i soldi che ho speso per il DVD di Beppe sono in buone mani, quindi faccio a meno del DVD originale che ho pagato e cerco in rete... ok?

paolo zambernardi Commentatore in marcia al V2day 11.07.05 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Beati apostoli dell'insegnamento
non cedete alla rabbia e allo scontento
che l'assiduo operar di zia Letizia
non possa cagionarvi l'itterizia.

Il rampollo d'un uomo facoltoso
pur se svogliato, ignorante ed ozioso
frequenti o meno la squola (sic)privata
avrà comunque la strada spianata.

Sia che governi il felsineo professore
o che sgoverni il mafioso imprenditore,
sia come sia, avvenga quel che avvenga,
sempre trionfa la legge del Menga.

Sandro de Paoli 04.07.05 18:54| 
 |
Rispondi al commento

mah ... caro Beppe ...hai molto spesso spunti interessanti .. ma ogni tanto scivoli ....
perchè odiare? dietro quello che odi ci sono migliaia di lavoratori che ci campano ... senza recar danno a nessuno ... e poi lascia ad ognuno la libertà di fare il turista come gli pare, purchè rispetti gli altri ....
trovo più disdicevole chi invece usa grosse barche da nababbi che oltre a cercare di mostrare la sua distinzione dalla plebe, inquina pure!
ciao

massimiliano riccardi 29.06.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

sono un'insegnante della neodetta scuola primaria come l'ha ribattezzata zia Letizia!Voglio manifestare tutto lo sdegno del corpo docente verso i contenuti di questa riforma che noi insegnanti NON VOGLIAMO!!!!Ribadiamo che...è meglio vivere in tristezza che ...morire in ....Letizia!!!!!!

claudia cefaro 27.06.05 18:03| 
 |
Rispondi al commento

carissimo odiante ma è così semplice... non andarci in vacanza o scegli posti con poca gente, ne esistono basta accontentarsi! quante energie sprecate a odiare! poi pensa a chi (come me) in aereo DEVE sorriderti e farti alzare lo schienale del tuo sedile in decollo e atterraggio (per la tua sicurezza poi).
Conosco bene la tua espressione di sufficienza scolpita in faccia... almeno tua moglia si sforza di essere carina con chi lavora.
Con affetto. un assistente di volo.

luigi spernanzoni 27.06.05 10:00| 
 |
Rispondi al commento

odio quelli che arrivano e stressati dall'obbligo di fare vacanza, si arrabbiano perche' non trovano il parcheggio libero; odio le mammme che vengono in vacanza con tre bambini di rispettivamente due, tre e sei anni ( tutti e tre gratuiti ) ed arrivano con le verdure di casa dicendoti che i loro bambini mangiano solo brodo vegetale fatto con le verdurine del loro orto; odio quei signori che "sbarcano" i loro vecchi qui in Hotel,li accompagnano in camera, svuotano i bagagli, mi lasciano un numero di telefono ( per qualsiasi evenienza Signorina.... ) e poi si dileguano per due settimane.....; odio le famiglie che pretendono il posto spiaggia in prima fila; odio le mamme stressate che vogliono venire in vacanza e quando sono qui non vedono l'ora di tornarsene a casa; odio quando piove per piu' di due ore, perche'fatto sta che c'e' sempre un bimbo che si ammala e una famiglia che parte prima..; odio la prepotenza di certe persone che pretendono di far da padrone a casa tua; odio chi il prezzo se lo fa e chi invece aspetta l'ultimo giorno per dirti cosa non gli va.......

Enrica Morasso 25.06.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

il turismo che descrivi te , anche a me non piace.
Io ho avuto la fortuna di viaggiare ,2004 brasile 2 volta ho amici nel paranà, a taubatè sao paulo, io ho fatto il viaggiatore piu di 4000 km tra macchina autobus..ho degli amici con cui mi tengo in contatto .Mi piace la terra , la gente l'ospitalità....questa è una vacanza conoscere un altra cultura, condividere esplorare....

fabrizio ferlito Commentatore in marcia al V2day 25.06.05 00:15| 
 |
Rispondi al commento

Alice cara . c'est dure!
I miei genitori vivono con una pensione minima...se non ci fossimo noi sorelle a dare loro na mano.sarebbe grama assai.........
Ognuno racconta il suo vissuto...
lamenta la propria condizione : grave o ridicola che sia
sarebbe opportuno avere rispetto per le altre realtà, insieme a mio marito veniamo da famiglie umili
e se ti raccontassi la mia storia sarebbe molto simile a tante altre, di privazioni ecc.......per scrivere uso il pc di casa....ed anche questo ha un costo...
A proposito : conoscete un altro mezzo oltre adsl alice?.....(che fa du palle e non funge mai?)
mi dispiace che tu non possa godere di una vacanza...
io ci vado domani in vacanza e ne sono felice.....erano due anni che non ci andavo.....
e lo dico non come :tiè!
Ho già superato quella fase! Già dato per sensi di colpa!
Ci ho campato per troppo tempo.....
ti auguro ogni bene possibile...credimi
a presto

sorkunde colombo 24.06.05 18:43| 
 |
Rispondi al commento

Sai cosa odio io? Non poter fare più una cazzo di vacanza da circa 5 anni perché non ho un centesimo........... Le cose che elenchi le sopporterei volentieri.

alice patrignanelli 24.06.05 17:31| 
 |
Rispondi al commento

mi rivolgo all'ultima ragazza che ha postato ( che poi siamo sempre ragazze, dai)....sono disponibile a cambiare modus
sicuramente
mi trovo d'accordo con grillo su ciò che vede e che denuncia
se dovessi vederlo solo come spirito critico
no
l'ho scritto nel post
sennò ci si fossilizza nel "mogogno"
e non c'è evoluzione........
saremmo delle grandi pentole di fagioli......borbottone............
per quanto spesso si ridacchi del pensiero positivo in generale, l'italiota lo fa ed il ligure pure ...........io ci spero e credo!
Non lo metto spesso in pratica
prendere il problema da un'altra angolatura o angolazione ..(sono na casalinga pentita che frequenta le serali.....sono colta e geniale......ma mi capita di sbagliare qualche volta.....avviso prima , così v'impietosite)....ma quello è unlavoro su noi stessi innanzitutto........lungo, amorevole e silenzioso......
boh stasera mi dovete un po' cuccare..............
buonanotte e dormite bene...........fa bene
ah ah ah
ps: meno acidume....più gioia......iuhu

sorkunde Colombo 24.06.05 01:25| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei scrivere un fuori tema, ma considerando che qui siamo nel "muro del pianto" penso si possa eccezionalmente fare...credo che sia il momento di mettere da parte tutto questo "odio" e di cominciare ad "amare" di più. Non intendo dire che bisogna far finta che tutto vada bene, anzi credo che le denuncie, le informazioni su ciò che accade siano importantissime per diventare più consapevoli ma poi credo che questa consapevolezza debba aiutarci a costruire un mondo migliore...e se è vero che fà molto più rumore un albero che cade di una foresta che cresce", io propongo con questo mio messaggio di creare un luogo dove dar voce alla "foresta che cresce". Chiamerei questo "luogo" in questo blog "il giardino delle idee"...spero che questo mio messaggio sia condiviso e se così sarà questo potrebbe essere il primo "fiorellino" del giardino...in ognuno di voi c'e' tanta di quella energia creativa...buona notte cari amici. Grazie per aver letto questo messaggio e grazie al padrone di casa per averlo ospitato...

Elisa Laudi 23.06.05 23:56| 
 |
Rispondi al commento

beh, nel leggerti....
mi riconosco in pieno
detesto tutte queste cose
e molti mi definiscono spaccaballe........un po' lo si è........però se non ci fossero i personaggi come il signor Beppe Grillo..........quante cose non sarebbero emerse......
io abito nello spezzino....mio padre è di ste bande
tu sei genovesi
ed in quanto a criticoni
"a prescindere" eh eh

Per quel che riguarda gli aerei.....io ci sono salita pochino
perchè ho il terrore del volo( vabbè questa è n'altra storia) e quindi quando ci salii(l'ho detto bene, 'zz)
ero servile
sudavo freddo
e loro
le hostess
gli stewards o come cacchio si chiamano "lo sanno"
ti annusano
grrrrrrrrrr

comunque in generale non sono pratica...
detesto viaggi organizzati in generale
perchè sono selvatica
e rompiballe appunto

e comunque i deficienti che mi dicono
cosa devo fare
o farmi ridere per forza
non li reggo
sono selettiva
si
si
si


a volte la sono stata anche con ella /lei/tu/te

ora mi ci piace..di più.......
ti vedo libero
davvero


per intenderci non mi piace l'umorismo cattivello ed equo..........du palle alla Ricci, li trovo al bar quelli così.......i criticoni a-gratis...........
tu sei altro
che c'entra?
niente
o forse si

arrivederci
spero
(perchè io leggerò ancora e tu o "il management" lo farà altresì......)

sorkunde colombo 23.06.05 23:37| 
 |
Rispondi al commento

Bravo, bravo, bravo, Beppe! Continua così. Frustaci. Stupiscici. Disorientaci. Facci incazzare.
Scuoti i nostri castelli di carte fatti di piccole grandi certezze come: il BUON VINO; il CALCIO ; il TURISMO INTELLIGENTE e........ "si però, così bene non eravamo stati mai!".
Costringici a svegliarci. A pensare. Fosse anche solo per infamarti o per sputarti addosso, non importa. Il tuo compito è questo e lo svolgi piuttosto bene.
Le provocazioni che metti nei tuoi "L'odio...." sono ossigeno per la nostra mente.
Grazie Beppe! Veramente grazie di esistere.

Massimo

Massimo Pozzi 23.06.05 23:11| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE,
SCUSA SE TE LO DICO MA QUESTO POST E' IL PIU' IPOCRITA CHE TU ABBIA MAI SCRITTO... SEMPRE CHE LI SCRIVA TU...!
SARA' ANCHE ODIOSO FARE LE VACANZE LAST MINUTE MA IO ODIO ANCORA DI PIU' QUELLI CHE SI GIRANO IL TIRRENO IN YATCH ( SI SCRIVE COSI' NO?) E STANNO ORE FERMI NEI PIU' COSTOSI PORTI D'ITALIA.

ESATTAMENTE COME FATE TU E GINO PAOLI.

SCUSA SE NON HANNO LO YATCH...

Alberto Sella 23.06.05 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti
io .....non odio le vacanze ,magari...un po' di stati li ho girati e devo dire che l' unica cosa che non sopporto sono gli italiani che quando si trovano all' estero (certo non tutti )danno il peggio di se' ,tipo pretendere di mangiare come dalla mamma ,o che tutto sia come LORO vorrebbero che sia, e spesso anche maleducati con la gente del posto.Si lamentano per ogni mosca che vola ,perché l' espresso non è come in Italia ,perché la pasta non é al dente ,perché le chiese o i posti che si visitano non sono belli come in Italia...e cominciano con la lista di come in Italia sia tutto perfetto ...(cosa che poi si dimenticano quando ritornano)
Io sono stata spesso in alberghi frequentati sopratutto da tedeschi ,che saranno anche quadrati ma che quando sono in vacanza l' unica cosa che fanno é mangiare rilassarsi bere e fare festa.Per concludere penso che chi non é capace di vivere le vacanze con un po' di menefreghismo é meglio che se ne stia a casa ,a bere l' espresso e a mangiarsi la pasta al dente.
(ho fatto la cameriera per 15 anni in svizzera e devo dire che pesanti come gli italiani, ragazzi, non c'é nessuno. )Un altra cosa ODIO QUEI TURISTI CHE VENGONO NELLA MIA BELLISSIMA VALTELLINA ,E CHE BUTTANO DALL AUTO ,CARTE BORSE DI PLASTICA....E CANI.Un saluto a tutti
P.S Chiedo scusa a tutti gli italiani che non fanno parte di questa categoria

Stefania Colombini 23.06.05 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa a Beppe se pubblicizzo i mio blog sul suo, ma è per non intasarglielo troppo e tratta un argomento specifico da lui ancora non trattato

LA CARTA DEI DOVERI ADERITE!

cliccate sul mio nome e cognome

Claudio Carroccio 23.06.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Odio gli animatori che "se non ho tremila persone davanti a me sto male".
Odio gli animatori che vengono sottopagati e se ne vantano.
Odio quelli gli animatori che "tu vendi alimenti, io vendo divertimento".
Odio gli sprovveduti che dicono di scrivere commedie, mentre eseguono pantomime di fiorello in un residence di semipensionati annoiati.
Odio gli animatori simpatici a tutti i costi, in ogni momento.
Odio chi fa sentire importante un animatore che evita di dire cose intelligenti.
Con qualche piccola e rara eccezione, odio tutti i miei colleghi animatori.

Giuseppe Giavedoni 23.06.05 00:22| 
 |
Rispondi al commento

ragazziii scusate,,, mi e arrivata l INPS da pagare, cosa faccio?? hahahah aiuto, e che qui non se ne viene piu a capo!
quanche consiglio?

paola b 22.06.05 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Visto che è stato citato un poeta (si scrive senza l'accento sulla a) ne voglio citare uno io scomodando Pirandello.Aveva scritto una novella
"la fortuna di vivere come cavalli" se ricordo bene.
Allora io odio la gente che vive così, cioè in maniera passiva facendosi sommergere dalla quantità
di spazzatura che arriva da tutte le parti( qualità dei mass media, scelte di politiche economiche e sociali ecc.)e continua a vegetare pensando che questo sia il migliore dei mondi possibili come il Candido di Voltaire(leggetevi anche questo).
Tieni duro Beppe.

Giovanni Paolucci 22.06.05 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Adesso che abbiamo un concetto di "Odio" della vacanze possiamo darne uno di "Amo"?
Io condivido una certo astio nei confronti di certe tendenze attuali, ma qualcuno sa anche offrirmi una valida alternativa ?
Beppe tu che fai per le vacanze ?

Roberto Favalli 22.06.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ragazzo di genova e per la prima volta,dopo attente letture ai vari post, mi decico a scrivere su uno di questi oserei dire a caso...
Mi ha colpito infatti come un argomento forse anche un po futile , sicuramente molto sentito perche di quasi tutta la nostra societa', abbia scatenato ire di questo calibro.
Dal canto mio , per riallacciarmi al post Michele (nn tengo a precisare il cognome) , dedicherei piu' importanza al concetto di ferie e a quel patema d animo e sperperio di soldi che e' diventato.
Ho 24 faccio il poco che mi basta per vivacchiare e talvolta sono ancora con rammarico a chiedere aiuto ai miei genitori (per fortuna che me lo possono dare).
Mi si prospetta quindi un' estate ricca di lavori massacranti sottopagati e poco altro....
Dico questo perche' nonostante cio' ,appena mi e' concesso , mi sdraio sul terrazzino della mia casa con un buon libro da bancarella (ormai costano un enormita' anche quelli...) e mi sento in vacanza o per lo meno lontano da tutto...
Ovunque sia andato in ferie questo e' lo spirito che ho messo....vedo che lo fa sempre meno gente ora , come nella quotidianita' , l'obbiettivo e' occupare il tempo libero e poter raccontare piu' attivita' possibili....
Come se fosse stupido oziare in vacanza.....
p.s volevo rispondere ai precisini e ai letterati che si ritengono degni di impartire lezioni di grammatica a chicchessia nonostante abbia letto che e' stato chiarito il malinteso.....(sembrava di aver a che fare con l infermiera di "qualcuno volo' sul nido del cuculo").
Penso solamente che chi ha voglia e' tempo da perdere nel redarguire gli altri potrebbe trovare qualcosa di piu' utile da fare...in questo caso infilarsi le dita nel naso.....o in altri pertugi corporei solitamente posti a retro dell individuo e nn mi dilungo visto che ci sono signore che leggono.........
ciao a tutti grazie beppe 6 sempre un grande
Robby da Zena

roberto rando 22.06.05 06:25| 
 |
Rispondi al commento

Ma forse qualcuno di voi si è dimenticato dei "VIAGGI DI NOZZE". Irritanti, frenetici e pilotati pacchetti divisi in settimana:"Vi facciamo vedere tutto così tornate a casa e non potrete sentirvi da meno!" e settimana "ora stai tranquillo, rilassati è finito"!!!
Capito!prima gli stancano la mente con una settimana ai limiti dello stress poi li mettono su una spiaggietta messicana!
Dopo una settimana come quella anche tornare a lavorare potrebbe sembrare bello!
Ohhh ma il mondo non è quello!!!
Se il mondo non è alla vostra portata (come non lo è alla mia) allora scegliete un altro posto, più vicino,magari anche in italia e comunque bello, soprattutto rilassante cosicchè possiate finalmente baciare con calma la persona che avete accanto e che avete appena sposato!!!..eppure...

Nedo Pejani 22.06.05 03:28| 
 |
Rispondi al commento

pienamente d'accordo con quanto scritto... io mi domando a cosa serve la privacy?
Sere fa cercavo su internet un antivirus free per il mio pc, il giorno dopo ho ricevuto un mms sul mio cellulare che ne pubblicizzava uno! Adesso qualcuno mi dica chi gli ha dato il numero del mio cellulare, visto che io nemmeno quello di casa ho inserito nell'elenco?

Debora Ravazzini 22.06.05 01:53| 
 |
Rispondi al commento

X MARCELLINI

ho capito:
anche tu cerchi santi e messia...!!!
e vorresti che grillo lo fosse!
e invece nel bene e nel male non lo è!
riflettici!
senza offesa.

luca frangella 21.06.05 20:52| 
 |
Rispondi al commento

Io che vivo in una cosiddetta località turistica della riviera ligure di ponente, aggiungerei:

odio i Turisti del fine settimana, quelli che ti invadono le strade, che tornano dalla spiaggia tutti alla stessa ora e camminano come pecoroni in mezzo alla strada, che si sentono i padroni del posto solo perchè dicono di portare i soldi, quando in realtà portano solo l'intasamento delle fogne, traffico e auto in doppia fila (perchè si portano anche l'insalata da casa).
Odio i turisti che comprano la seconda casa al mare, che sono disposti a spendere cifre esorbitanti per minimonolocali grandi quanto loculi, facendo salire alle stelle i prezzi delle case anche per noi rsidenti, facendo costruire ovunque e facendo sparire anche qui il poco verde che rimane.
Odio quelli che sporcano le spiaggie buttando in mare di tutto, dagli assorbenti alle bottiglie, ai piatti di plastica, agli avanzi del pranzo ecc. ecc.
Odio quelli che con il costumino e l'asciugamano sulle spalle ti chiedono un euro per un pezzo di focaccia, a te che d'estate ti tocca lavorare e in vacanza quest'anno non ci vai perchè non ti bastano i soldi!!!
Odio quelli che vengono qui in vacanza e si lamentano che non c'è niente ed è tutto caro.
Odio le code alla domenica sulla Via Aurelia, che ti occorrono 2 ore per percorrere un tratto di strada che normalmente faresti in 10 minuti.
Bastaaaaaaa!!! Restatevene a casa vostra!!!!!

Domenica Bisaccia 21.06.05 16:50| 
 |
Rispondi al commento

incominciata male è questa giornata!!!

rosita micheli 21.06.05 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Credo che Grillo non ce l'abbia realmente con gli attori, o meglio le comparse, di questa tragicommedia che è il nostro mondo. Forse il suo odio è per i registi, i produttori, i tecnici audio e video, per le segretarie di produzione e per gli attori principali.

Ritengo anche io imbarazzante che qualcuno "avvisti" Grillo sul suo Yacht da 20 metri ma questo fa parte anche di una certa generazione di comunisti, come si è spesso definito Grillo, con villa o villetta ed accessori vari, che hanno capito che con le ideologie (e senza soldi) si va poco lontano.

Io operai comunisti non ne ho ancora conosciuto, sono tutti borghesi con la barca a Voltri o la villetta in campagna, odiano il vicino e si cintano bene il terreno quelli che vivono dalle mie parti. Io che sono operaio non mi ci trovo in questo tipo di mentalità, preferisco seguire il primo comunista della storia, Gesù Cristo, che perlomeno per le sue idee è finito sulla croce, non dimenticando che è figlio di Dio ed è stata anche la prima ed unica volta che il padrone si è alleato con i proletari.

Filippo Noceti 21.06.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
Come al solito ritorni con questa storia dell'odio.
Mi sa che stai perdendo un pò di colpi, se il tuo blog continua a riportare delle stupidate come queste, che in ogni caso fanno parte della vita di tutti noi.Vorrei chiedere a quanti di quelli che hanno scritto su questo argomento, non andranno in qualche villaggio o utilizzeranno un last minute.
Te lo ripeto, non siamo tutti ricchi come te che abbiamo la villa sul mare o la piscina, la barca e la possibilità di prendere un aereo di prima classe per andare in qualche meta vip tropicale.
Lavoro come una bestia, sudo quelle 4 lire che guadagno fino al 13 di agosto e se le mie possibilità mi permettono solo questo stile di vita vacanziero che tu odi(perchè come ho detto prima sei ricco) io che ti devo dire che hai ragione?
Leggo i vari post e mi accorgo che la maggior parte della gente che scrive la sua, va spesso fuori tema, nel tentativo di giustificare la tua santa parola che qualche volta crea dei dubbi sul tuo vero pensiero.
Quando c'è da darti ragione come l'argomento della Esso sono il primo a sostenerti, ma quando dici queste pirlate mi lasci davvero perplesso.
Caro Beppe, grazie a te ho imparato a ragionare con la mia testa e questo vuol dire che il coraggio delle proprie idee viene prima del pensiero comune per partito preso.
Buone vacanze

Fabio Rigamonti 21.06.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

X per fabio avaro,leggo il tuo post,e concordo con te,ma voglio porre l'accento su una cosa,che trovi anche in altri post,quando parli dell'auditorio letteralmente abbindolato,succede la stessa cosa quando tu sei sul palco a fare un qualsiasi pezzo,la tua arte si estrinseca appunto nel fare in modo che l'attenzione di tutti sia puntata su di te;cito Carmelo Bene che diceva:"le sale teatrali,per me piu' sono piene e più son vuote." Il potere del teatro,della rappresentazione, " il ballo di san vito dei buchi neri del linguaggio" ,sempre CB.,sono le debolezze fondamentali,del popolo inteso come massa,massa senza capo ne coda,se in casa hai uno che ti ripete un mare di stronzate,finisci per non sapere piu' quello che è vero e quello che non lo è,la gente poi di suo crede a quello che vuole,il pettegolezzo è la cosa che interessa,a chi vuoi che freghi se oggi cucini pasta o patate? a nessuno,ma se la vicina di pianerottolo se la fa con il postino,bhe ecco qui altro che velocità della luce. In sostanza continuiamo a farci i cavoli altrui perche sono piu' interesanti dei nostri,e magari dispensiamo buoni consigli qui e la, sentendoci come gesù nel tempio,(grazie de andrè),e dimentichiamo esopo e la sua trave nell'occhio.argomento ad infinitum potrei continuare per un pezzo,ma non voglio.rispondimi se vuoi magari non sul blog,e invito gli altri a fare altrettanto,ecco la mia e-mail,fatevi vivi.


arrakis@ngweb.it

salvo ciulla 21.06.05 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe giusto dedicare uno spazio anche a ciò che AMI?
Ciao, e grazie per tutti i tuoi sforzi.

andrea binelli 21.06.05 09:50| 
 |
Rispondi al commento

PS n°2:
errata-corrige il ps precedente era per Marcellini, scusa.

Paolo Di Rosa 21.06.05 08:57| 
 |
Rispondi al commento

PS: a Fringuella consiglio due cose a scelta:
1)il salto dalla rupe.
2)il salto dalla rupe in Tibet

Paolo Di Rosa 21.06.05 08:56| 
 |
Rispondi al commento

Dal momento che hai detto di leggere tutti i commenti, condivido con te questo momento di riproduzione d'endorfine (risate) con gusto.
Condivido anche tutto il resto (aihmè).
Paolo di Genova.

Paolo Di Rosa 21.06.05 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Per Luca Frangella.

Ti rispondo.

Tu dici:
"beppe parla ad un pubblico maturo e colto o almeno tale dovrebbe essere il pubblico che guarda i suoi spettacoli visto il luogo, il costo, il contenuto del suo spettacolo".

Dissento totalmente.
Beppe NON parla ad un pubblico necessariamente maturo e colto. Per credere ad una bufala circolante su Internet non c'è mica tanto bisogno di essere ignoranti o immaturi.
Basta poco per confondere LA VERITA' fra le tante verità.

Tu dici anche:
"Grillo ci invita a ragionare. non fa demagogia".

Questo lo considero ampiamente falso.
Beppe Grillo alimenta e amplifica con molti watt lo scontento già presente nella gente. Segue la moda: se un argomento non tira più, lo abbandona, sbattendosene allegramente della sua serietà e importanza. E' successo per discussioni su terapie anti-tumorali, succederà ancora, non c'è più da meravigliarsi troppo.

Tu dici che "tocca a noi poi rifletterci su e trarne le nostre conclusioni".

Io invece penso che c'è già abbastanza Internet a mettere in dubbio dove stia di casa la Verità
e la menzogna. Grillo amplifica i dubbi che abbiamo poiché, ovviamente, non è IL PORTATORE DELLA VERITA' ASSOLUTA.
Fare questo lavoretto su argomenti molto seri è molto, molto, molto pericoloso.
Ti sei chiesto da chi andrebbe Beppe Grillo a farsi curare se avesse un tumore?
Forse da Di Bella? O si curerebbe con l'Ascorbato di Potassio, di cui parlava nei suoi spettacolini qualche anno fa?

Ce lo dicesse chiaramente, così ci regoliamo di conseguenza.

Su questi argomenti non mi sembra proprio il caso di arraffare qualche rifiuto da Internet, se trattasi di rifiuto, naturalmente.

Ma lui non lo ha ancora capito, forse.

Francesco Marcellini 21.06.05 08:46| 
 |
Rispondi al commento

"Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L'indifferenza è abulia, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. L'indifferenza è il peso morto della storia. L'indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l'intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l'assenteismo e l'indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva; e la massa ignora, perché non se ne preoccupa: e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un'eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch'io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo? Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime. Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l'attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c'è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti".

Antonio Gramsci "La città futura" 1917

Antonio Gramsci 21.06.05 08:20| 
 |
Rispondi al commento

X Linda Cima

GRANDE, GRANDE LINDA.

Volevo farlo io per te...poi ho visto il tuo post di risposta a:

Postato da: Ramon Ricci il 20.06.05 08:40

-------------------------------------------------
Ramon i tipi come te mi fanno sorridere...
non so se mi fai pena... eppure l'ignorante sei tu visto che crescere quattro figli costa una certa cifra..di solito i genitori si sacrificano per i figli...o no? hai letto i miei post?
Mi sembri come mentalità ...facente parte della Margherita...o dei DS...i moltiplicatori dei pani e dei pesci...a me i miracoli non mi sono mai accaduti...con molta grazia, posso dirti...ma vaffanculo!

Postato da: linda cima il 20.06.05 12:15

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 21.06.05 02:16| 
 |
Rispondi al commento

Torneranno di nuovo le piogge,
riapriranno le scuole,
cadranno foglie lungo i viali,
e ancora un altro inverno,
che porterà la neve
e un'altra primavera.
--------------------------------------------
E tu che fai di sabato in questa città
dove c'è gente che lavora, per avere un mese all'anno di ferie.
--------------------------------------------
E poi nel bene, nel male, è una questione sociale
coatti nella convivenza, affrontiamo il progresso
coi nostri problemi di sesso.
Hare, Hare, Hare Krisna, Hare, Hare, Hare Krisna.
Torneremo di nuovo ai progetti riguardo al nostro futuro,
guardando annunci sui giornali,
girando per le agenzie,
e avremo nuovi amici,
vicini a nuovi amori.
E poi soli di sabato
in questa città dove c'è gente che lavora,
nelle fabbriche in negozi dietro a scrivanie.
Hare, Hare, Hare Krisna, Hare, Hare, Hare Krisna.

F.B. Gente in Progresso

Franco Battiato 21.06.05 01:04| 
 |
Rispondi al commento

Ma le persone che si lamentano di quelli che non scrivono bene in italiano credono che si possa essere accettati solo se si è colti?
Sapete, a mio parere lo scopo di un blog del genere, che uno sia daccordo o no, è quello di fare mucchio, di incontrarci e di scontrarci, ma credo che il modo migliore non sia denigrare chi non è mostruosamente padrone del dizionario.
Perchè invece non vi soffermate qualche secondo in più su quello che la gente scrive? Magari potreste dire qualcosa di più costruttivo.
Se invece vi nausea tanto questa infame distruzione della nostra lingua sono convinto che in rete sia pieno di blog e siti incontro per intellettuali. Qui si è tra persone comuni e ognuno dovrebbe avere il diritto di dire quello che pensa, anche se la sua grammatica non è il massimo... o stiamo già iniziando a fare divisioni di casta?

Lorenzo Malaguti 20.06.05 23:25| 
 |
Rispondi al commento

@ Roberto Paris

Hai pienamente ragione quando parli dell'atteggiamento ipocrita e viscido di molti clienti che non vedono l'ora di fregarti. Di solito i fenomeni sociali sono complessi e tra le controparti si creano spesso intrecci del tipo "Ti frego prima che mi freghi tu.". Chi di voi conosce il rompicapo dei due prigionieri? Chi lo conosce ha già capito tutto, chi non lo conosce si romperebbe le palle a sentirselo spiegare, ma sintetizzando il succo di questo rompicapo è che due prigionieri che potrebbero avere un giovamento fidandosi l'uno dell'altro preferiscono non fidarsi e andare entrambi alla massima condanna. Se vi interessa vi do anche gli estremi per approfondirlo in Internet (devo fare prima una ricerca però...). In termini più discorsivi, tutto ciò si può riassumere nel concetto di "punteggiatura della sequenza di eventi": a cerca di fregare b perchè crede (o pensa) che a ha intenzione di fregarlo, e altrettanto farà b con a. Sia a che b hanno ovviamente a propria disposizione una vasta aneddotica per dimostrare che "è l'altro che ha cominciato". Che commercianti e consumatori siano in un simile impasse? Eh, Roberto, che ne pensi?

Luca Rinaldoni 20.06.05 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, sono un imprenditore del ponente Ligure, ho un'azienda agricola che produce vino con annesso l'agriturismo (solo ristorante). Mi piacerebbe raccontarti i miei "scontri" con la burocrazia italiana, visto che da circa 5 anni sto cercando di ampliare l'agriturismo dotandolo di camere, ma sembra che in liguria si dia la precedenza alle seconde case, demolendo le "vecchie pensioni" trasformandole in mini alloggi venduti a prezzi assuedi demolendo la ricettività turistica del 70% in dieci anni.
Spero che l'argomento ti interessi..
Aspetto tue notizie.

Armando Sancio 20.06.05 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Rita Porrega, mi hai letto nel pensiero!!! Abbasso la Colò e "Turisti per caso"!!!

Ale Marchetti 20.06.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

...come?!?! Non odi gli animatori/trici che prostituti/e per scelta?...e che magari si fanno le sposine in viaggio di nozze??...(Storia vera)

alberto castiglioni 20.06.05 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Fosse per me abolirei anche tutti i programmi tipo "Velisti per caso" ed "Alle falde del Kilimangiaro"...anche perchè, sempre con i soldi nostri e con la scusa di andare alla scoperta di nuove possibile mete per i "nostri" viaggi, tanto se li fanno tutti loro.....Licia Colò & C.!!
Rita

Rita Porrega 20.06.05 20:40| 
 |
Rispondi al commento

oddioooo!! scusate mi si era incantato il pc....!! ho inviato senza volerlo lo stesso commento 3 volte.
Chiedo scusa!
Fabio

Fabio Avaro 20.06.05 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Cara Marta,
forse mi sono spiegato male, io non sto facendo nessun piagnisteo, mi spiace che abbia capito ciò.
Vogtlio far solo notare come quello dell'animatore sia un lavoro ancora NON RICONOSCIUTO come vero mestiere e utilzzo questo sito per dirlo a più persone possibile. Se anche Lei fa parte del club dei sottopagati e lavoratori non riconosciuti, beh, lo dica, lo urli, ci porti a conoscenza. Inoltre riguardo a "azienda di papà" non so davvero di che parla, ho aperto la mia società con i miei e solo miei sacrifici, mi creda.Quanto al post di Grillo: lo so. la sua è una provocazione, l'ho premesso nel mio commento.
Ah, dimenticavo, non credo ai Santi, per me Grillo è solo uno che riesce a dire quello che penso anche io, solo che da grande oratore lui lo fa alla grande!!
fabio Avaro - artistico@miagroup.it

Fabio Avaro 20.06.05 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Cara Marta,
forse mi sono spiegato male, io non sto facendo nessun piagnisteo, mi spiace che abbia capito ciò.
Vogtlio far solo notare come quello dell'animatore sia un lavoro ancora NON RICONOSCIUTO come vero mestiere e utilzzo questo sito per dirlo a più persone possibile. Se anche Lei fa parte del club dei sottopagati e lavoratori non riconosciuti, beh, lo dica, lo urli, ci porti a conoscenza. Inoltre riguardo a "azienda di papà" non so davvero di che parla, ho aperto la mia società con i miei e solo miei sacrifici, mi creda.Quanto al post di Grillo: lo so. la sua è una provocazione, l'ho premesso nel mio commento.
Ah, dimenticavo, non credo ai Santi, per me Grillo è solo uno che riesce a dire quello che penso anche io, solo che da grande oratore lui lo fa alla grande!!
fabio Avaro - artistico@miagroup.it

Fabio Avaro 20.06.05 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Cara Marta,
forse mi sono spiegato male, io non sto facendo nessun piagnisteo, mi spiace che abbia capito ciò.
Vogtlio far solo notare come quello dell'animatore sia un lavoro ancora NON RICONOSCIUTO come vero mestiere e utilzzo questo sito per dirlo a più persone possibile. Se anche Lei fa parte del club dei sottopagati e lavoratori non riconosciuti, beh, lo dica, lo urli, ci porti a conoscenza. Inoltre riguardo a "azienda di papà" non so davvero di che parla, ho aperto la mia società con i miei e solo miei sacrifici, mi creda.Quanto al post di Grillo: lo so. la sua è una provocazione, l'ho premesso nel mio commento.
Ah, dimenticavo, non credo ai Santi, per me Grillo è solo uno che riesce a dire quello che penso anche io, solo che da grande oratore lui lo fa alla grande!!

Fabio Avaro 20.06.05 20:13| 
 |
Rispondi al commento

Cari animatori,

ma come fate a fare gli animatori e non avere un pelino di senso dell'ironia? Se invece di leggere le cose che Grillo ha scritto qua sopra le aveste sentite direttamente in uno dei suoi spettacoli, anche voi vi sareste messi a ridere invece di partire in quarta con 'ma io sono un animatore e non sai quanto poco guadagno' e tesoro, benvenuto nel club, non conosco nessuno sui venti o trent'anni che non sia o figlio di papà o emigrato a Londra o erede dell'aziendina di famiglia che non guadagni uno straccio di stipendio, se ci mettiamo tutti a fare i piagnistei non finisce più nessuno!

Ciao e buon villaggio a tutti!

Marta Strana 20.06.05 19:59| 
 |
Rispondi al commento

Benito Benito, almeno paga i diritti d'autore ad Aldo Giovanni & Giacomo per la tua stinta battuta. O sennò citali come faccio io quando riciclo le battute di Paolo Rossi.

Luca Rinaldoni 20.06.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiamo Paco e ho fatto l'animatore per tante stagioni,siceramente la tua rubrica "odio"questa volta trovo che sia fuori luogo!Fare l'animatore e' la cosa piu' eccitante che esista,io non posso farlo piu' a tempo pieno perche' come ben sai avendo un legame vero non puoi permetterti di stare sempre in giro,ma secondo me almeno una stagione di animazione nella vita bisognerebbe farla!perche ti fa' crescere in ogni senso e fa' scoprire in te delle qualita' che non ti saresti mai immaginato di possedere.spero accetterai la mia critica.....e colgo l'occasione per salutarti cia Beppe

Giuseppe Macaluso 20.06.05 19:50| 
 |
Rispondi al commento

x MARCELLINI

ma no ma no..

beppe parla ad un pubblico maturo e colto o almeno tale dovrebbe essere il pubblico che guarda i suoi spettacoli visto il luogo, il costo, il contenuto del suo spettacolo.

non si rivolge alla povera gente purtroppo spesso ignorante. grillo ci invita a ragionare. non fa demagogia.
ma non leggi il blog?
tocca argomenti disparati, dal calcio al clima, dalla spesa alla fecondazione etc. etc.
dove ha da recriminare recrimina....
ed esprime una sua opinione giusta o sbagliata che sia e tocca a noi poi rifletterci su e trarne le nostre conclusioni

questa è informazione, discussione positiva e creativa, stimola alla comunanza di idee, allo scambio di idee.

che poi ci sia qualcuno sul blog che cerca un santo... pazienza... ma non mi pare che grillo giochi a fare il santo....

luca frangella 20.06.05 19:45| 
 |
Rispondi al commento

vacanze...vacanze...quest'anno non porterò i miei figli al mare, a otranto non è rimasto un briciolo di spiaggia libera per i comuni mortali e i lidi attrezzati sono peggio degli strozzini, uno schifo, e come se non bastasse per arrivare al mare bisogna attraversare la pineta...la pineta...luogo di accesso a pochi eletti, il comune di otranto da i pass ai disabili, è giusto, giustissimo, ma non credo che i disabili viaggino in auto superlusso, anzi......
ricordo km di spiaggie vuote, trovavi una persona ogni 500 mt, adesso devi passare sopra le persone per trovare un po di posto....spiaggie libere...un ricordo...il parcheggio costa un euro all'ora...figurati se vuoi stare al mare tutto il giorno...la sera prima devi fare qualche rapina se no ai bambini non puoi comprare il gelato...fanculo...fanculo otranto e cosa è diventato...fanculo il turismo e chi ci guadagna sopra....fanculo la stessa città di otranto che ha distrutto dei luoghi bellissimi per far soldi...ho un sogno...una grande petroliera che si spacca davanti al golfo di otranto e riempie di merda albergatori e turisti.....fanculo i turisti che in estate vanno a otranto.

riccardo santo 20.06.05 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
secondo me questi post "dell'odio" sono superficiali...e rischiano di far perdere credibilita' alle altre notizie..

Marcello Cagliani 20.06.05 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Leggo.”Odio gli animatori sempre allegri, il tennis alle 8, la pallavolo
alle 10, lo snorking alle 14 e il calcetto alle 18…”

E rispondo:
Capisco e penso di aver afferrato la provocazione, non ad personam nei confronti di coloro che operano in strutture turistiche come animatori turistici.
Ma leggere proprio oggi questo post di Beppe Grillo mi fa pensare ad una strana coincidenza, mi spiego: Ho scritto poche altre volte sul questo blog, mi sono proposto come piccolo, minuscolo portavoce di una corrente di pensiero (i “filogrilleschi”, faccio l’attore(teatro) e il cabarettista, la scorsa settimana ho debuttato col mio nuovo testo e in molti a fine serata mi hanno paragonato, col dovuto rispetto a grillo, per me è stato un gran complimento, credetemi.
Adesso però, dopo aver letto a proposito di “odio il turismo e gli animatori” mi presento in altre vesti. Infatti sono appena tornato dall’auditorium della Confindustria di Roma – EUR, dove ho partecipato all’Assemblea elettiva Confesercenti Nazionale. Eh si, perché in quanto ANIMATORE da 15 anni, nonchè socio di una piccola azienda che fornisce servizi di animazione turistica, sono il primo presidente nazionale della neonata F.I.A.S.T.(Federazione Italiana Animazione e Servizi Turistici) un’associazione di categoria, in pratica un sindacato degli animatori e delle agenzie che li reclutano per lavorare nei villaggi turistici( dove organizzano il calcetto alle 16, tennis alle 18 ecc ecc).affiliata ad Assoturismo di Confesercenti.
Ebbene a questa Assemblea Nazionale erano presenti quest’oggi politici ed esperti(dicono) Da Veltroni a Marrazzo, da Scajola al già presidente naz. Confesercenti, che, già si sa, domani verrà rieletto, più che altro per mancanza di alternative, pensa un po’…!
Ho sentito parlare per ore di argomenti bellissimi, Turismo, rinascita della PMI (piccola e media impresa) speranze, posti di lavoro e formazione per i giovani.. Ne parlavano con una semplicità abominevole, spaventosa… Sembravano dei poveri profeti che cercavano di convincere me e le altre 700 persone sedute in platea che avevamo ragione ad essere preoccupati per il nostro futuro e per quello del nostro paese… Ma NOI LO SAPPIAMO BENE CHE ABBIAMO RAGIONE, CACCHIO!!! Gran belle parole insomma… Ad un certo punto però, mi sono guardato attorno, ho osservato uno ad uno, o quasi, tutte le altre persone in platea: erano come drogati, assuefatti, guardavano il palco col politico di turno che parlava loro, e annuivano, battevano le mani, fregati… tutti fregati da quei 5-6 oratori(alcuni tecnicamente pessimi per giunta…), avrei avuto voglia di alzarmi in piedi e di urlare:”FERMIIII!!!!” E porre qualche quesito, ma purtroppo non era il luogo e il modo più adatto.
Però ne voglio parlare qui: Siete mai stai in vacanza in un villaggio turistico? Sapete quanto lavora un qualsiasi animatore al giorno per far divertire il vostro bimbo, o il nonno a briscola, o per organizzare il vostro torneo, o la vostra escursione. Lo spettacolo serale… sapete quante ore e a che ora della notte, nei mesi precedenti alla messa in scena, è stato provato da quei ragazzi che lavorano per la vostra vacanza?
E ora: sapete qual è lo stipendio medio di un animatore italiano? Lasciate perdere....Una miseria!!
(si parte da una retribuzione media, per un animatore a prima esperienza, di 400€ netti, oltre a vitto alloggio e viaggio).
E ancora: prendendo ad esempio un villaggio con una capienza media di 1000 turisti: la famosa tessera club, che il vacanziere paga(obbligatoriamente)all’arrivo in villaggio che dà diritto al servizio di animazione ed intrattenimento, utilizzo materiali sportivi e tutto ciò che concerne l’animazione turistica, sapete quanto costa? Mediamente 30€. Ora un villaggio del genere mediamente( a seconda della categoria e dei sevizi che il gestore intende offrire) necessita di uno staff animazione di c.ca 30 persone. Per uno staff di 30 operatori, con relativi capo animatore, responsabili di settori, sportivi ecc nonché materiali necessari a svolgere un lavoro degno di una buona stagione di animazione, il prezzo medio che le catene alberghiere italiane pagano alle agenzie di animazione come la mia è di c.ca 110.000 € (per semplificare prendiamo in considerazione solo i mesi di giugno, luglio e agosto, quando il villaggio è pieno o quasi e lo staff animatori è al completo).
Ora se la matematica non è un opinione, volendo esser buoni in questo villaggio, in questi tre mesi, avrà una media di 700 presenze di turisti, che pagano una tessera club cioè:
30€ X settimana = 21.000€ X 12(le settimane dei 3 mesi) = 252.000€
Ma allora: se all’agenzia d’animazione, per gli stipendi dei propri animatori + contributi + rimb. viaggi + materiali + proprio guadagno(visto che non abbiamo aperto centri sociali ma società di sevizi e di questo vorremmo vivere anche noi soci di tali aziende) vanno come dicevo prima c.ca 110.000€, gli altri 142.000€ (252.000 – 110.000) di differenza, dove vanno a finire? Chi se l’intasca? Non dovrebbero essere destinati al servizio di animazione ed intrattenimento, come chiaramente espresso da tutti i cataloghi e depliant dei migliori Tour Operators??
NON è FORSE ARRIVATO IL MOMENTO di prendere sul serio, MIGLIAIA di posti di lavoro rappresentati dall’ ANIMAZIONE TURISTICA? Di regolamentare sul serio, non a presa in giro, come è la situazione attuale, una nuova professione che ricopre un ruolo sempre più importante (a prescindere dai gusti e dalla vacanza che ognuno di noi preferirebbe fare, caro Beppe) nel mondo del turismo. Se è vero che il turista medio del villaggi chiede e pretende un’animazione qualificata, non né il caso di dare a questa professione il giusto peso e la giusta voce in capitolo?
QUASI 5 ANNI Fa UN EX ANIMATORE HA PROMESSO 1 MILIONE DI POSTI LAVORO, E LO ABBIAMO ELETTO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, GIURO CHE NON SIAMO TUTTI COME LUI, LO GIURO, MA NON SAREBBE IL CASO DI DARE ASCOLTO A QUALCHE DECINA DI MIGLIAIA(TANTO PER INIZIARE)DI GIOVANI LAVORATORI SENZA PARLAR DI MILIONI DI POSTI DI LAVORO MAI VISTI DA 5 ANNI AD OGGI …???
Grazie.
Fabio Avaro
3209669798 – artistico@miagroup.it

Fabio Avaro 20.06.05 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un turista fai da te.In internet mi sono prenotato unalberghino per una settimana di tutto riposo vicino ad un laghetto austriaco.Mi rilasso ,cazzeggio e poi torno a casa.Mangio dove voglio ,quando voglio e giro lentamente con calma qualche lembo del salisburghese.
Dovresti provare anche tu.
Non nsalverai il mondo ma ti sentirai meglio.
Provare per credere.

massimiliano bugno 20.06.05 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Salvo Ciulla:

Non lo posso salvare, io sono di Bergamo e Atalantino. Carlo Mazzone a Bergamo non può entrare. :)

Marco Ghisleni 20.06.05 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Con tutto questo odio, forse hai semplicemente bisogno di una vacanza...

Trool Zebub 20.06.05 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, va be' che pare siano in tanti su questo blog a non cogliere certe tue provocazioni con la parola "odio", ma anche tu, ti ci metti a confondere le acque mannaggia! :D
Le proposte sul sito che citi, latourex.com, non sono mica da prendere alla lettera, fanno ironia sulle varie manie turistiche. Eddai.

toh, per i seriosi, un esempio brillante di turismo intelligente: fingersi un pezzo di Tetris e girare alla ricerca di un pezzo in cui incastrarsi
http://videos.somethingawful.com/mega64/tetris.mpg

Ciao! :)

Marta Strana 20.06.05 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Siamo tantissimi i figli d'italiani con name e cognome italiano ma che siamo nati e cresciuti al estero, faccio veramente un grande sforzo ed entrare a far parte di questi interscambi mi aiuta in tutti i sensi , comunque mi sforzero di più. Aceto le sue scuse , a volte girando l'angolo si scopre che tutto ha un significato, mi sono sentita male e ho pensato di non scrivere più, poi mi sono detta non conosco tanti Italiani che scrivano altre lingue tanto bene come io questa, e li assicuro che è molto dificile

Danila polini 20.06.05 16:40| 
 |
Rispondi al commento


Beh, se non è di lingua italiana, le porgo le mie scuse.

Il fatto è che il nome lasciava aperto il dubbio.

Abbia pazienza.

Francesco Marcellini 20.06.05 16:29| 
 |
Rispondi al commento

"A volte io fare fatica anche a legere mesagggi moto sempleici.

Provare a coreggere i mesagi prima di inviarlli."

vedo che ne anche lei è di madre lingua italiana
mi scuso comunque

Danila polini 20.06.05 16:23| 
 |
Rispondi al commento


Per Danila (o Daniela?) Polini

Mi piacerebbe che le persone cominciassero a scrivere per benino.

In particolare:

"forse" invece di "forze",
"quello" al posto di "quelo",
"anzi" al posto di "ansi",
"troppo" al posto di "tropo",
"disagio" al posto di "disaggio",
"può" al posto di "puo",
"più" al posto di piu.

A volte io fare fatica anche a legere mesagggi moto sempleici.

Provare a coreggere i mesagi prima di inviarlli.

Francesco Marcellini 20.06.05 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Ormai nn è solo moscio è diventato un posto per pubblicizzare ristoranti
Qualcuno ha altro da pubblicizzare gratis?, alberghi, bar , gelatiiiiiii

Danila polini 20.06.05 15:46| 
 |
Rispondi al commento

cosa fa stare meglio te e chi ti legge: pensare a cosa odi o a cosa ami?
Strano il mondo se un comico ti fa pensare e un politico ti fa ridere!
Paolo
PS:
rimani un mito comunque, ma un po' di "positività" ogni tanto ;)

Paolo Pettinato 20.06.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento

vivo da 20 anni all'estero ed ho un ristorante
italiano come quelli che c'erano una volta in
italia e che oggi si trovano solo nei piccoli
centri in italia, quindi e' possibile avere
una buona amatriciana anche in India con pasta
non precotta ma espressa. Quando un italiano
capita per la prima volta nel mio ristorante legge il mio vasto menu' e sogghigna, pasta
alle vongole veraci ahahahah, troccoli alla
pugliese ahahahah, i piu' spiritosi poi
chiedono (troppo pigri per leggere la lista) e
a vino come stiamo ? Ne ha di veramente buono ?
Sa i nostri palati sono fini, offro il mio
migliore il sassicaia ma quando vedono il prezzo
decidono di bere birra, piu'leggera: dicono.
www.dongiovanniristorante.com -

Giovanni Federico 20.06.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento


Nn avevo visto mai questo blog così moscio,
non siamo stati molto motivati o siamo già in vacanze?

mi sembra che gli "odio" di Grillo siano troppo lontano da noi tristi stipendiati, no che lui non abbia il diritto di dichiarare quelo che sente, ansi è il suo di blog, solo che per quanto mi riguarda il vino di 200 euro no sò neanche se è bianco rosso o blu, le vacanze mie son di una ristrettezza che nn ho tempo ne anche a odiarle che sono già finite.
Siamo purtroppo tropo distanti , per quello tanti se la prendono, quella è la tua realtà caro Beppe e la di pochi altri, e la rispetto .
Sicuramente ci sarà qualcuno che penserà :ma di che si lamenta questa che va in vacanze io non ho neanche un lavoro.
Sempre c'è qualcuno che ci guarda da dietro , ma non è sicuramente un motivo per sentirsi meglio.
Io invece "odio " le persone che sentono il disaggio solo quando li tocca a loro di dover privarsi di qualcosa, in tanto non gli puo fregare di meno di nessuno.
Ciao Beppe, forze il prossimo ci arriva piu vicino.


Danila polini 20.06.05 15:33| 
 |
Rispondi al commento

x sig. pascucci

volevo farle i complimenti per il sito, che da qualche mese ho incominciato a leggere, ma principalmente per l'importanza dell'argomento
da lei trattato...(il signoraggio)

andrea zaccagnini 20.06.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Odio stare a casa,
Odio le vacanze in città con le fontanelle secche.
Odio i vecchi sempre tristi, il portiere alle 8, il postino
alle 10, la TV 14 Emilo Fede alle 18:
rimani a casa che sei uno straccio!
Odio i treni in seconda classe, la puzza delle stazioni e la sala di aspetto e il “ il treno viaggia con 28 minuti di ritardo”.

Ma odio soprattutto i treni, le FS che ti tengono in ostaggio in aperta compagna, i sedili bucati, il con controllore con i loro “esibire il biglitto”, “tirare su il finestrino”.


Odio le pensioni tutti uguali, la cena alle 19, quelli che sciabattano in canottiera.

Odio il turismo alternativo, in cui parti a piedi, volti alla prima a sinistra, quindi a destra, , quindi a destra, , quindi a destra e sei di nuovo a casa .

Luigi Accomazzo 20.06.05 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Credo che il messaggio di Beppe vada interpretato nel senso che bisogna prendere atto, rendersi conto che siamo mucche da mungere anche e soprattutto nel momento in cui dovremo dedicare tempo a noi stessi, al nostro relax, alla nostre "salute mentale". Quando partiamo per le ferie ci costruiamo uno schema mentale basato su un prototipo di evasione standard dalla realtà. Questo prototipo si basa su alcuni pilastri fondamentali a seconda delle categorie cui sono rivolte le offerte turistiche. Ad es per i giovani single come me i pilastri possono essere mare, alcool e figa. Per le coppie bell'albergo, tour organizzati per vedre un po' di rovine di antiche civiltà (in modo di dare l'illusione di essere in qualche modo interessati alla cultura e alla storia in generale) e così via.
Gli addetti al tourism marketing queste cose le sanno benissimo e ci costruiscono sopra i loro teoremi (come per ogni altra attività della nostra vita). Cosicchè noi ci illudiamo di evadere dalla quotidianità ma ci ritroviamo proiettati in qualche altra realtà standard, illusi di essere liberi (come quando andiamo via con la NOSTRA auto, illusi di poter andare ovunque liberi, salvo poi dover lavorare 2 mesi l'anno per mantenerla e ritrovarsi imbottigliati in ingorghi infiniti).
Sicuramente tutti ci meritiamo, dopo 12 mesi di lavoro, almeno 1 settimana di evasione dalle nostre "prigioni", ma c'è sempre e comunque qualcuno che ci include nel proprio Business Plan....

nicola rullo 20.06.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, sono d'accordo su quello che dici anche se la parola ODIO mi sembra un po' eccessiva...a me sinceramente suscita PENA!
Qualche tempo fa Licia Colò definiva coloro che andavano nei villaggi, non Turisti, ma "persone che si trasferiscono". Termine azzeccattissimo in quanto il cliente tipo cerca nella vacanza una struttura che lo faccia sentire a casa, che gli offra di tutto senza muovere un dito, dove ci sia qualcuno che PENSA per loro.....
Amo però viaggiare, riempire il mio corpo di immagini e sensazioni nuove... e se per far questo devo subire le code ai check in....
accetto la sfida!

norma pelizzari 20.06.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

“Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere”

François Marie Arouet, al secolo Voltaire tratto dal Dizionario Filosofico, 1764

Maria Rita Bovi 20.06.05 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Quelli che lavorano per l'Alitalia, sono quasi tutti parac**o...e perchè? Sono stati messi lì in cambio di voti, tanti anni fa, vi ricordate Bettino, la Dc? Quindi non è personale qualificato e se ne fregano di dare una bella immagine alle compagnia, che se va male è colpa anche loro. Io per lavoro viaggio molto e, mi dispiace dirlo, ma se posso non viaggio Alitalia, proprio perchè il sevizio non funziona.
In altre compagnie, anche quelle a basso prezzo, ho trovato personale molto ma molto più preparato.

Cmq il mio consiglio è quello di fare vacanze interessanti e stimolanti, cercando di non andare dove vanno tutti e specialmente di farle con criterio e intelligenza!!!...non cercate gli spaghetti alla carbonara in Cina ne tanto meno alle Galapagos!!!
Ciao SImo

simona contenta 20.06.05 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Ho un impiego statale, una casa due figli e un ex marito che mi aiuta con lealtà e correttezza a mantenerli. Mi reputo e credo davvero di essere, oggi , una persona fortunata.
Dovrei appartenere si o no a una categoria di persone socialmente non dico benestante ma dignitosamente autosufficiente.
Possibile che con il mio reddito, oggi, portare i figli un giorno al mare, senza il solito carro di viveri dietro, sia diventato un lusso .
Possibile che togliersi la libidine di 3 insalate (un pomodoro e un pò di mozzarella a testa), e una bottiglia d'acqua fresca oggi, (35 euro! pane a parte) sia diventato per gente come me un lusso.
Ma quanto bisogna guadagnare per poter non rabbrividire alla richiesta di un ingresso e di un ombrellone in uno spartanissimo bagno privato della prov. di Genova.
Questi dovrebbero essere servizi abbastanza accessibili a un lavoratore medio, non pretendo mica di andare in Polinesia, qualunque famiglia con un reddito medio dovrebbe poterselo permettere. Ma in che razza di società viviamo!!!

paola sciutto 20.06.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento


Grillo odia il turismo " di massa " perche` lui con i $$ che c` ha va alle Barbados con un jet privato?

matteo martini 20.06.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti. Quel che ti è stato segnalato corrisponde a verità perchè è successo pure a me. Io però ho preteso di pagare il prezzo esposto e, dopo l'intervento del Direttore, così è stato. Per legge il prezzo esposto non può essere cambiato senonchè esista un evidente errore di esposizione ,come uno scambio di numeri, che risulti evidente. Attenti a quei.....prezzi!!!!!

Ruggero Ruggeri 20.06.05 14:44| 
 |
Rispondi al commento

X Grillo
Odio il turismo
Odio il vino
Odio il calcio
Odio i giovani
Odio le donne
Odio la Ferrari
Odio il divertimento
Viva il monachesimo e alla sera qualche bella fustigata sui "maroni" per punizione
Ma dai Grillo,comincia a fare il serio.

tisper nacchio 20.06.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

A Miguel, ma che c...o scrivi?
Le opinioni, giuste o sbagliate che siano, vanno rispettate!
La parola ODIO non va bene in nessuna circostanza ed è un sentimento che non porta da nessuna parte, altro che democrazia! Ciò che scrive Beppe è da interpretare in modo diverso: il suo odio non sono altro che aberrazioni, capaci di dividere la nostra comunità di italiani. C'è gente a cui piace divertirsi, viaggiare, e purtroppo altre che non se lo possono permettere: ma non per questo devi necessariamente usare la parola ODIO, anche se è giustificabile!
L'opinione personale deve aiutarci a crescere intellettualmente, ad avere rispetto degli altri (non ad insultarli, ma non è il tuo caso!?), a comprendere (nel possibile dei casi) che esistono altri possobili motivi diversi dai nostri.
In alcuni post si legge chi di destra (il siciliano pescatore) chi di sinistra: quando parliamo di opinioni, queste zuffe da parlamentari lasciatele a Montecitorio. Questo è un blog per gente che vuole confrontare le proprie idee, per spaziare i propri orizzonti.
Quindi, massimo rispetto x tutti, ed attenzione a come interpretate il Beppe.
Buon lavoro a tutti e buona giornata.

Alessandro Onesti 20.06.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Patetico semplicmente patetico.. Qualunquismo radical chic di chi fa le vacanze in crociera sul suo yacht. Se sei a corto di argomenti lascia perdere che fai più bella figura.Il bello della vacanze è la libertà di fare ciò che si preferisce. Se a qualcuno piace la discoteca, il villaggio con animazione, la pensione a Rimini che male c'è? Impara a rispettare le scelte della gente e prova un po' di umiltà. Nessuno ti ha eletto detentore del pensiero unico. Con queste idiozie ti rendi poco credibile su tutto il resto. Auguri.

Francesco Dadi 20.06.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

"... sono 7 anni che me ne vado a: "Rototom Sunsplash" 01-09.07.2005 European festival. Il tutto no profit", si ma ascoltando gente come sizzla e capleton che istigano a bruciare i finocchi...ma fammi il piacere!!!!

salvatore martino 20.06.05 14:15| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE ODI ANCHE ANDARE IN VACANZA COL MOTOSCAFO IN SARDEGNA E PIANTARLO SULLO SCOGLIO?

SALVATORE PRATO 20.06.05 14:15| 
 |
Rispondi al commento

X Francesco M.
Guarda che il personale di Alitalia ha da sempre la faccia da cu.o , sono famosi per questo. Perfino quelli del'Air France lo dicono ( immaginiamoci!!)

maria celeste arazi 20.06.05 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, mi piacerebbe venirti a vedere qui a Cagliari, in Settembre, però accidenti se ti fai pagare ... I tuoi spettacoli sparano a 360 gradi ma evidentemente non sono per tutti !
Voglio vedere se mi rispondi e ti saluto cordialmente.

ignazio depau 20.06.05 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Miiiii.... Miguel De 'Cerveza'

mario pairani 20.06.05 13:54| 
 |
Rispondi al commento

x luca frangella

Ciao Luca, tu dici che se Grillo non ci fosse "sarebbe una perdita per tutti noi", io sostengo da tempo che la PERDITA sarebbe solo per Grillo, e nemmeno di entità trascurabile.

Grillo esprime ciò che esprime la povera gente, mancante di mezzi e Cultura.
La gente, anni fa, si schierò in massa per la Multiterapia Di Bella, ricordi vero? Cosa fece Beppe Grillo? Parlò di Di Bella nei suoi spettacolini, e non certo CONTRO Di Bella.

Ma è solo un esempio, uno fra tanti.

Tu dici che non cerchiamo santi, questo è falso.

Noi cerchiamo santi, eroi che ci emancipino da questo presente ingiusto e poco civile e Lui... eccolo qua, è qui per noi, è la nostra voce, voce di un popolo muto e disinteressato al proprio destino ed a quello del mondo.

Questo amore fideistico nei confronti di Beppe Grillo è segno delle nostre carenze, dei nostri bisogni e della poca maturità di tante persone.

E, lasciamelo dire, questo è un dramma e c'è ben poco da ridere. Purtroppo.

Francesco Marcellini 20.06.05 13:51| 
 |
Rispondi al commento

x ALITALIA concordo. Facciamola a pezzi. Abbandoniamola. Odiamola...
Pero'lasciamo perdere il personale di bordo che si trova tra incudine e martello.
Spesso, quasi sempre, tra ALITALIA e tonnellate di stronzi milanesi in vacanza.

mario pairani 20.06.05 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente d'accordo.
La figura del viaggiatore è stata sostituita da quella del turista, personaggio che visita posti FINTI costruiti appositamente per lui, senza sapere delle persone che lì ci vivono davvero.

Che differenza c'è tra un villaggio vacanze in Sardegna, uno in Tunisia e uno alle Maldive?
Vi piacciono davvero quei paesini immersi nel verde, tutti puliti, con un ristorante e un hotel ad ogni angolo?

Il turista vede il mondo o migra ogni anno da un parco divertimenti ad un altro?

Giuseppe Fiori 20.06.05 13:37| 
 |
Rispondi al commento

x MARCELLINI

devi prendere grillo con più filosofia.

vedi, lui fa il suo lavoro ma allo stesso tempo fa qualcosa per noi. è innegabile.
se non ci fosse sarebbe una perdita per tutti.
è importante che ci sia una persona che dica ed esprima certe idee, che inviti a riflettere.
grillo è un ottimo comunicatore sociale.

non cerchiamo santi, cerchiamo persone che si impegnino civilmente e socialmente, che propongano idee e valori con il loro lavoro.

santo non lo è nessuno, nemmeno gli stessi santi!!!

ti immagini che tristezza se venisse a mancare una voce come quella di grillo?

luca frangella 20.06.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Non posso che darti ragione mio caro.Ho quasi 30anni,sono nata e vissuta in Sardegna,era splendida,un vero paradiso, sino alla metà degli anni 80,oggi è solo una macchina per fare i soldi di pochi (sicuramente non sardi),per sfruttare e degradare il paesaggio con tutti quei barconi ma per il popolo sardo?Il nulla ci hanno colonizzato e ora rovinano ciò che noi abbiamo tenuto integro,unico nostro "vantaggio"?Lavorare per 3 mesi all'anno,12 ore(se va bene) al giorno,con mezza giornata settimanale libera,per 1100 euro al mese.Semrano tanti?Bè io direi di no visto che servono per tutto l'inverno,perchè la realtà della sardegna è questa,ti sfruttano d'estate,poi,l'inverno,bè durante l'inverno la Sardegna non esiste.Hai mai notato che durante i mesi estivi si parla della Sardegna se piove ad Alghero,quali "personaggi sono lì in ferie,ma ,durante l'inverno per far parlare di noi dovrei caricarmi di tritolo.

marty scalas 20.06.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

vado controcorrente, probabilmente anche xchè, fin ad ora sono, stato fortunato. da quando mi sono lanciato nel web, grazie ad una connessione flat offerta dal "tronchetto", e con l'ausilio di una carta di credito per acquistare on line, viaggiare a basso costo non è più un sogno! essendo giovane e senza pretese (unico lusso irrinunciabile è il bagno in camera) devo ammettere che posso adattarmi meglio alle offerte che si possono reperire su internet. non vi potete neanche immaginare, ad esempio, quanto sia bello andare in una capitale europea in aereo, andata e ritorno, con 1 euro! scusami beppe, ma non riesco proprio ad odiare chi mi permette di viaggiare...
ciao!

Stefano Pelloni 20.06.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
forse il problema non è tanto il turismo, ma il turismo stupido. O forse gli stupidi che fanno turismo. Il turismo non va "odiato", ma "trasformato", bisogna renderlo intelligente. Hai forse dimenticato che è proprio uscendo dal proprio piccolo guscio e vedendo il mondo che si riesce a vincere quel nostro italianissimo provincialismo? E non credi che un turismo diverso, che ci faccia vedere realtà diverse e che ci insegni a interpretare la nostra vita sotto una prospettiva nuova, sia una componente fondamentale per raggiungere quella emancipazione intellettuale per la quale così spesso ti batti?

Massimiliano Bartolini Commentatore in marcia al V2day 20.06.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Considerando la conoscenza dell'italiano delle persone che scrivono in questo blog, consiglierei ai più una bella vacanza studio...in Italia.

Ted Marciano 20.06.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Mah,incomincio ad intravedere una preoccupante scarsita'di temi da affrontare!!!X me Grillo e' un mito,pero',saro'fissato,ma non riesco a capire perche'non parla mai del "Signoraggio" bancario!!!Ciao a tutti!!!

Franco De Martino 20.06.05 13:27| 
 |
Rispondi al commento

x Marco Cassè
**************
x alitalia concordo.
fai come me, cambia compagnia..siamo in europa !
l'alitalia è rimasta in italia.

emanuele frontini 20.06.05 13:24| 
 |
Rispondi al commento

ODIO ALITALIA

Che mi ha fatto passare 1 ora in aereo con una bambina di 6 mesi in braccio senza aria condizionata, per dirci che l'aereo era guasto. Tornati nella sala imbarco abbiamo spatettato 2 ore persapere che non c'era un'aereo diponibile per un volo. Io dico è mai possibile che non ci sia un aereo Alitalia a Malpensa!
Alle ore 8 di sera veniamo a sapere da una dipendente SEA (quelli dell'Alitalia non li ho MAI visti!) che ci sbatteva no per la notte in un albergo a Milano per la notte per poi portarci a Malpensa alle ore 10. All'albergo ci siamo arrivati alle ore 21 con un belviaggetto in pulman di un'oretta. Con piacere :( ho dovuto pagare anche 12 euro di telefonata, anche se i dipendenti della SEA mi avevano detto che avevamo ha disposizione 2 telefonate... ho scoperto, solo al mattino, che dovevano durare solamente 3 minuti totali :( xché nessuno me l'aveva detto prima!!!???
Come se non bastasse un gentile cameriere dell'hotel, mi ha informato, divertito, che a luglio e agosto è assolutamente normale l'arrivo di turisti con il volo spostato, e che ne pernottano a centinaia!!!
Complimenti all'Alitalia per il servizio offerto!
Questa è l'ultima volta che mi vedete su uno dei vostria aerei!
E non ci stupiamo se rischiano di fallire... forse sarebbe un bene per noi viaggiatori.

A Madrid alla fine ci sono arrivato... in 24 ore ma ci sono arrivato.


Marco


PS qualcuno vuole i miei punti mille miglia?! ;)


Marco Cassè 20.06.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

C'è un gioco dalle mie parti che comincia ... Vedo Vedo
E l'altro risponde che vedi?

Io vedo tanto odio, Beppe odia, e i postati si odiano tra di loro.
Io amo viaggiare, amo i popoli sconosciuti, le terre che mi raccontano storia o leggenda o qualunque cosa che faccia sognare..
Non per questo rinunciò a odiare , per esempio a chi non ha lasciato un solo km di spiaggia libera nella zona dove avito e quando finalmente la trovi non solo non e pulita, gli gestori dei stabilimenti butano lì la sporcizia .
Si... capisco che si posano odiare i gruppi di turisti comandati a bacchetta dalla guida di turno,qualche volta non riesco a viaggiare in un altro modo, specialmente in Europa, ma quando la guida ci lascia e il gruppo va a nana , io scapo ...salgo sul punto piu alto , mi godo il paesaggio , e chiacchierio con qualcuno in qualche bar di periferia che mi racconta qualcosa di quel suo posto e sarà quello che vorro ricordare quando tornerò a casa.
Quel momento è mio, e lo amo.

Danila polini 20.06.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

"odio" chi "odia" le mie vacanze, perchè può permettersi di farle migliori delle mie.

enrico grandesso 20.06.05 13:18| 
 |
Rispondi al commento

Premessa: "PARCO BUOI" - termine con il quale gli operatori professionisti della finanza indicano il pubblico dei piccoli risparmiatori ai quali devono succhiare, appunto, i risparmi.

Il PARCO BUOI si sposta a frotte nel centro della canicola. Milioni di poveretti sfatti, spossati, sudati, accaldati, alla ricerca di un po' di ombra e refrigerio. Di una minerale da 22 cl (!!) in cambio di qualche moneta da 1-2 euro.

Per 15 giorni da Bue!! Alla ricerca dell'offerta migliore.

Poi dopo si ritorna in prigione, i 15 giorni di aria sono finiti. Ricomincia la triste realtà del caro prezzi, delle spese negli hard discount, delle cibarie da pagare con la carta di debito. Perché i soldi per acquistarle li hanno depositati nele casse delle multinazionali del turismo, quotate in Borsa.

Benito LR, mi dispiace dirlo: non hai capito proprio niente!!

ivan verdi 20.06.05 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Vabbè dai, questo post non può che essere ironico...

Yukio Mishima 20.06.05 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Scusate l'offesa per tutti quei simpaticoni che hanno a che ridire sull'odio di Beppe... siete dei rincoglioniti o cosa!!!

1) L'odio è di Beppe e non necessariamente deve essere il vostro!

2) Beppe di lavoro fa' il comico se lo pagano ben per lui vuol dire che fa' ridere

3) se Beppe ha deciso di mettere la domenica dell'odio, non posso altro che leggere e rispettare le sue scelte, e se qualcosa non mi va' metto la mia opinione, documentandola.

4) Se molti non hanno ancora capito che è solo una provocazione, beh! allora il problema e' il vostro on il suo!

Alessandro Cortigiani 20.06.05 13:14| 
 |
Rispondi al commento

> Panetta, lei che è così peragmatico, ed ha la
A Panetta:

> fortuna di vivere in Inghilterra, me lo
> rimedierebbe un biglietto per il concerto di
> Hide Park del 2 luglio?

Mi dispiace ma non ho idea di dove li vendano (credo che bisogni mandare dei messaggi SMS, ma non so a chi). In ogni caso probabilmente non me li potrei permettere...

Grazie mille, ci ho provato, magari lei era un appassionato, non si sa mai...
Grazie, comunque.

Se qualcuno sa come trovare i biglietti a prezzi umani, si faccia vivo. Dopotutto, questo blog è per noi, usiamolo anche a nostro vantaggio...

Lorenzo Pinto 20.06.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

amo il dolce far niente

elisabetta pasquini 20.06.05 13:12| 
 |
Rispondi al commento

grazie al cielo abbiamo benito le rose che ha trovato l'anima gemella,tra tutti e due da 20 anni vanno dicendo che cosa non funziona,e adesso si preparano a levarci tuti dal merdaio,elevasndoci al di sopra della nostra pochezza.nel frattempo io alzo il mio riverito deretano dalla sedia e vado a farmi il mio turno di lavoro,se nel frattempo batman e robin risolvono la situazione postatelo qui sul blog che stasera appena mi levo la polvere di dosso vengo a ringraziarvi.

salvo ciulla 20.06.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

A Benitooo...

E leggersi un libro, mentre stai in vacanza, così certi sfondoni grammaticali magari li eviti...

A voi di destra vi piace tanto, l'Italia.
L'italiano un po' meno...

Lorenzo Pinto 20.06.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

> Panetta, lei che è così peragmatico, ed ha la
> fortuna di vivere in Inghilterra, me lo
> rimedierebbe un biglietto per il concerto di
> Hide Park del 2 luglio?

Mi dispiace ma non ho idea di dove li vendano (credo che bisogni mandare dei messaggi SMS, ma non so a chi). In ogni caso probabilmente non me li potrei permettere...


Bruno Panetta 20.06.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

X Roberto Cavallo:

Condivido perfettamente quello che dici, a tal punto che mi e' venuto il dubbio di averlo scritto io senza accorgermene! Se' il pensiero comune fosse molto piu' diffuso di quello che e', a quest' ora molti venditori di fumo che al momento
spopolano, sarebbero sicuramente a casa o a lavorare come si meritano! Perche' non iniziamo
seriamente e in tanti a ragionare con la propria testa, a valutare e non a subire quello che ci viene proposto, e finalmente a scegliere ponderatamente e non perche' e' di moda fare cosi! Se si parte dalle piccole cose, ci si abitua , poi e' piu' difficile credere alle baggianate che ti raccontano quelli che poi ti vogiono governare e organizzare la vita a profitto loro.
Forse sono gia' finito nel paese delle meraviglie, meglio tornare immediatamente in Italia. Ciao

Sandro Bardo 20.06.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Evviva, sempre evviva la polemica a tutti i costi.
Polemizzare significa alzare la voce contro qualcosa che non ci va giù, una cosa che al giorno d'oggi non è quasi più possibile fare, purtroppo.

Mary Cerrato 20.06.05 13:08| 
 |
Rispondi al commento

A volte sembra che non sai proprio cosa scrivere e che tu debba fare polemica per forza... in questo post ma anche in altri , in cui scrivi l'odio della Domenica, sembri un vecchio brontolone.Ciao
Daniele

(Daniele) semprescomodo 20.06.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Ho da aggiungere qualche odio...

Odio Enti e Regioni che pagano alla Tivù di Stato centinaia di migliaia di euro per pubblicizzarsi, quando la Tivù di Stato dovrebbe parlarne gratuitamente ma con obbiettività informandoci anche su cosa non va in quel territorio.

Odio tutte le trasmissioni televisive di Turismo perché mentre pubblicizzano una località dimenticano di metterci una bella scritta che c'informi tutti che la tramissione è pagata da un assessorato al Turismo locale così possiamo immaginarci con che obbiettività è stata realizzata.

Odio il turismo congresssuale perchè è di moda, è finto ed è fine a se stesso.

Odio il turismo termale perchè del turismo vero non ha nulla ed un solo un filo meno finto di quello sopra.

Odio tutti i grandi comunicatori che appaiono in Tivù parlandoci di turismo, e ci enunciano i propri di dogmi fatti di luoghi comuni che con la realtà hanno davvero poco a che fare.

Odio i luoghi comuni del turismo, tipo che l'Italia è il paese più bello del mondo, perchè l'Italia potrebbe esserlo ma grazie a noi italiani non lo è. Sì perchè è inutile avere tante meraviglie se poi il territorio circostante è una m_rd@. E' inutile spedere milioni di Euro di contributi per ristrutturare i borghi centenari se poi ci mettiamo le finestre in alluminio, la parabola, i cavi a vista e non rimettiamo a posto i cantieri a lavori ultimati.
E' inutile avere bellezze come la Valle dei Templi se poi non si abbattono con le ruspe le CENTINAIA DI CASE ABUSIVE (condonate), è inutile avere paesaggi da mozzafiato come sul Monte Bianco se poi lo Stato permette che ci passi un eletrodotto con 18 cavi (+uno) che taglia a Zig Zag un'intera vallata.

Odio tutti quegli esercizi turistici che d'estate non accolgano me per colpa del mio cane e spero che chiudano.

Odio tutti quegli abitanti di località turistiche che odiano, guardano e trattano male i turisti (e in Italia sono tanti), dimenticandosi che senza quei turisti sarebbero con le pezze al s_d_re. Anzichè vivere il turismo come un opportunità la vivono come un'intrusione.

Odio coloro che sperando di incrementare il turismo distruggono ambienti naturali, fruibili da molti, nella realizzazione di strutture ricettive o di svago fruibili da pochi.

Odio tutti gli operatori turistici che sono maleducati e ti trattano male solo perchè "la loro località è talmente bella che tanto la gente viene lo stesso".

Odio tutti gli operatori turistici che appliccano dei prezzi che non hanno alcun riscontro con il servizio che danno.

Odio tutti i turisti che quando vanno in vacanza non rispettano niente e nessuno.

Odio il turismo di tendenza perchè è il turismo che si sta imponendo è perchè fa del turismo la vera peste del 2000.

Jean Claude Junod 20.06.05 13:03| 
 |
Rispondi al commento

x Benito Le Rose

E' come quando in un paese c'è una che mette le corna al marito, tutti lo sanno ma nessuno ha il coraggio di dirlo.

Beppe Grillo ha il coraggio di dirlo chiaramente e di fare nomi e cognomi.

Essendo un essere umano non è perfetto e può anche sbagliare, si può essere anche non d'accordo su alcune cose che dice ma lui, almeno, le dice.

Poi ci sono quelli che preferiscono dare del pirla ma Grillo ste cose sono almeno 15 anni che le dice, inascoltato.

Filippo Noceti 20.06.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Per Bruno Panetta...

Panetta, lei che è così peragmatico, ed ha la fortuna di vivere in Inghilterra, me lo rimedierebbe un biglietto per il concerto di Hide Park del 2 luglio?

Da noi non li hanno proprio venduti, e su internet li stanno bagarinando a cifre astronomiche, che non mi posso permettere, contando anche la spesa per il viaggio.

So che non c'entra un piffero e che non ci conosciamo, se non per occasionali scambi di improperi, ma per i Pink Floyd vale la pena tentare.
Se non mi manda a quel paese, ed ha modo di accontentarmi, mi risponda e io le fornirò la mia e-mail.
Grazie e scusate tutti per questo "uso privato" del blog.

Lorenzo Pinto 20.06.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

L'ODIO AI COMICI TRAVESTITI

Odio i comici quando si travestono. Li odio quando vestono, a seconda dell'occorrenza, i panni del rivoluzionario, del saggio, della persona comune.

Odio i comici quando si vestono da saggi per dare credibilità a tutto ciò che dicono.

Odio i comici quando, per alleggerire la pesantezza e la gravità delle cose che dicono, si nascondono dietro la loro comicità e dicono: "In fondo sono un comico…".

Odio i comici quando si travestono persino da persone comuni e ti dicono che sono come te, che sono dalla parte tua, senza riserve.

Odio i comici quando, travestiti da Messia, vengono a rivelarci la Verità sul cancro, le terapie che ci sono sempre state nascoste dalle "Multinazionali del Farmaco"; li odio perché dieci minuti dopo dimenticano tutto ciò che hanno detto e fanno finta di niente.

Odio anche tutta la gente che adora questo tipo di comicità/saggezza, la odio perché arriva a casa senza avere ben chiaro se ci sia da ridere o da piangere, poi alla fine ridacchia contenta e va a dormire soddisfatta.

Odio i comici travestiti quando tralasciano di dire che Internet è la più grande discarica a cielo aperto che il mondo dei mass-media abbia mai conosciuto. Odio i comici travestiti quando, frugando a mani aperte in questa discarica, prendono un rifiuto, gli danno due pennellate di verità, affittano un teatro ed un microfono e ce lo vengono a proporre come fosse la scoperta del secolo.

Odio i comici travestiti quando costruiscono il loro successo sul disagio della gente.

Odio i comici travestiti quando dimenticano in fretta le proprie "battaglie" perché l'argomento non è più di moda.

Odio i comici travestiti perché, nella loro continua e perversa ricerca di "scoop", devono stupire ad ogni costo, essere portatori di una Nuova Verità, e quindi passano da argomento in argomento, dal calcio alle fonti di energia, dalla politica a Internet, dalla televisione al cancro, con la massima disinvoltura.


Francesco Marcellini

Francesco Marcellini 20.06.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

> @ A TUTTI COLORO CHE NON SONO DACCORDO CON
> L'ODIO DI BEPPE,LEGGETE:

Troppo lungo, mi dispiace. Scrivi un riassunto e magari lo leggero'.


Bruno Panetta 20.06.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Io capito il senso del messaggio di Beppe (magari non come i profondi conoscitori della mente umana che si palesano su questo blog ...) ma mi piacerebbe conoscere i perché ...
Io vado in vacanza in montagna perché lì non c'è nessuno che rompe le palle!

marco marchetti 20.06.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, sei grande!

Ho letto il tuo sfogo ed ho riso di gusto, condividendolo.
Volevo solo dirtelo.

paola nardi 20.06.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

La provocazione di Grillo è perfettamente chiara, tuttavia ritengo che ognuno sia libero di scegliere e agire come meglio ritiene, chi si diverte andando in discoteca ci vada, chi a farsi strapazzare da un animatore, lo faccia; insomma si agisca secondo coscienza e basta, se fossero questi i problemi della vita !!

Marco Zambrini 20.06.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

@ A TUTTI COLORO CHE NON SONO DACCORDO CON L'ODIO DI BEPPE,LEGGETE:

ODIO quelli che diffidano da Beppe, senza capire il senso del blog stesso.Pare si faccia lo stesso errore che faceva mia nonna, che mentre mi vedevo degli spettacoli del Grillo (e lei era nelle vicinanze), diceva "si vabbè, ma a quello lo pagano!Se mi pagavano pure io parlavo così". Perchè Beppe Grillo oggi viene visto dagli "scettici" una specie di mago silvan, c'è chi crede che sia un mago, chi invece pensa che ci siano solo effetti speciali. Quindi se si parla di ODIO GLI ANIMATORI SEMPRE ALLEGRI, non credo sia come dire "non andate più in vacanza ", ma credo che ci stia ricordando l'inutile sorriso "mercenario" dell'animatore, che equivale all'organizzazione degli odierni matrimoni(90% tutti uguali,dove lo sposo e la sposa servono solo per qualche applauso,il resto lo fa il cabarettista che hanno affittato per la sala),equivale ai flicornisti durante i funerali(Quando c'è gente che piange un parente caro, e l'immagine del tutto sembra quella che anche la banda "piange" con la musica questo momento.... invece stanno solo pensando alle cosce di qualcuna,oppure alle 20 euro della giornata[believe me])
Dopo queste cose non è detto che uno non deve più andare ai matrimoni,o ai funerali...bensì vuol dire che NON DOBBIAMO DIMENTICARE QUESTA REALTA' VIVISSIMA DI QUESTA GENERAZIONE.
Scommetto che quelli che difendono gli animatori e i viaggi di ogni tipo, son proprio quelli che adorano questo senso di goliardìa "finta" e che a loro fà mooooooooooolto male sapere che è finta(probabilmente perchè attingono il senso della vita da quelle cose finte).Sarebbe molto meglio essere allegri da sè!E non grazie ad un citrullo che balla e dice minchiate al microfono....
qui di sicuro mi ricollego a mia nonna... "se mi pagavano vedevi tu quanto facevo il coglione!"
In realtà stiamo perdendo il senso di viaggio..
Se uno dice "lo so lo so, è veramente scandaloso un viaggio organizzato etc etc, ma con tutti i mesi che lavoriamo non ci rimane altro,quale sarebbe una vacanza migliore???????" Siamo noi un viaggio migliore,per quale diavolo di motivo nella MIA (e dico MIA) vacanza io devo SOPPORTARE delle persone,delle strutture,delle organizzazioni,degli appuntamenti??
Poi il massimo sarebbe: Uno parte da Napoli per andare in Grecia ,dopo mooooooooolti km di viaggio arriva in Grecia ,si va a coricare per riposarsi un po'..e la notte dove va'?IN discoteca!!!!!Ahaha hahhah è il massimo!Uno si fa migliaia di km per andare in una discoteca, E' IL MASSIMO.
Tutti stì arrapati che vanno a Cuba, talvolta ne parte uno e se ne torna in coppia con un bebe' mulatto.
"A cuba?Basta regali un jeans, o degli orecchini , e quelle te la danno"
oppure amsterdam
"Ahhhh le prostitute di Amsterdam sono una meraviglia"
oppure Ibiza "no comment" .
Ma da dove vengono queste "realtà" o "leggende metropolitane?"
I politici,i ricchi non si fanno queste seghe mentali?Chi ha detto questa mitica frase?Ah ah, senza offesa caro.... lo sai perchè?ma questo è tutto un "ritorno" per loro... se sapevano che ci fosse tutta stà gente che si fà seghe mentali, non starebbero proprio bene... loro vogliono gli elementi come TE che invidiano la LORO vita, e vogliono che tu ti debba rilassare,stenderti, così possono trasportarti dove vogliono,come vogliono,e quando vogliono.Ahhhhh, se in italia ci fossero 50 milioni di persone che si facevano "seghe mentali" come queste, sarebbe ben diverso il viso dei cosìddetti "potenti" sulle spiagge....aimè purtroppo abbiamo tanti elementi che non solo li votano,ma li invidiano pure. Qui ci vorrebbe solo un miracolo....niente di più.

Roberto Cavallo 20.06.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

appassionati del mondo finche' i problemi toccano gli altri..appena vi toccano il portafoglio o guai..le vacanze.. tutti si tirano indietro e a fare i conti in tasca al grillo. Abbiamo cio' che ci meritiamo. buone vacanze a tutti

claudio carli 20.06.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

A)

** Per Elisabetta C. **

Ho letto di 'sto Alcatraz sull'apposito sito. Mi sembra 'na bella cosa, interessante.

Ti rispondo su questo nuovo blog perché mi sembra molto in tema.


B)
Per quanto riguarda il messaggio di Beppe Grillo dico semplicemente: VACANZA = RIPOSO

E' chiaro che il SISTEMA delle cui storture discutiamo, incazzandoci a più non posso, su questo sito, è riuscito a eliminare anche questa semplicissima uguaglianza.

Ricordo, quando lavorai come dipendente di una grandissima azienda italiana ed internazionale, che quando chiedevo le ferie mi guardavano come un appestato. Niente da fare nel nostroa sistema il RIPOSO non deve esistere, non può esistere!!

Ciao a tutti.

ivan verdi 20.06.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

> possibile che tutto questo sia odioso,ma io
> getto il mio cuore oltre l'ostacolo

Hai letto le Sturmtruppen?

Bruno Panetta 20.06.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Hei Grillo,
la domenica quando vai al mare ti devi mettere un cappellino, sennò poi il sole ti fa di questi scherzi.

Marco Zambrini 20.06.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

è venuto fuori un bel can can su questo argomento , la provocazione era tosta , la mia riflessione è sul viaggio in sè , viaggiate , non importa la distanza , non importa il mezzo , se potete viaggiate ,anche con semplicità , il vostro tempo non sarà tempo perso.

Michele Pietrelli 20.06.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Io amo la Basicair che percorre Napoli-Amsterdam
in due ore e mezzo!!!

antonio caiazzo 20.06.05 12:27| 
 |
Rispondi al commento

possibile che tutto questo sia odioso,ma io getto il mio cuore oltre l'ostacolo e sorrido alle avversita'che si presentano.poi viaggio con amici positivi e smetto il combattimento.in linea di massima mi diverto sempre.

simonetta risaliti 20.06.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

io odio le vacanze perchè costanouna marea di soldi....andando allo sbaraglio con sistemazioni di coomdo e il minnimo indispensabile ormai è un lusso. io in vacanza spesso muoi o di fame e mangio pochissimo perchè i soldi non bastano mai....venite a visitare il mio sito se non siete di fretta ciao ale

alessandro alimeri 20.06.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Simona Contenta:

> Io ODIO l'Alitalia e il suo personale di bordo!!
> Sono maleducati, cafoni e hanno sempre lo
> scazzo sulla faccia.

E perche' dovrebbero comportarsi bene? Tanto lo sanno che nessuno li puo' licenziare e che se l'Alitalia minaccia di fallire lo Stato interverra' con un nuovo prestito... Con buona pace di Grillo e di tutti quelli che si scandalizzano quando qualcuno viene licenziato.

Bruno Panetta 20.06.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Comprendo perfettamente lo sfogo di Beppe, per me la barca non c'entra...
Amo molto il modo di viaggiare che è descritto in questo bellissimo sito (per me) e che vorrei sperimentare quanto prima:
www.artoftravel.com
ciao!

Luigi D'Ambra 20.06.05 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Forse Grillo sta diventando come quei tristi pensionati genovesi che passano la vecchiaia sulle panchine dei giardinetti vicino casa a mugugnare su tutto e su tutti?

...comincio a riconoscerne i sintomi....

Claudio Marchi 20.06.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Io ODIO l'Alitalia e il suo personale di bordo!!
Sono maleducati, cafoni e hanno sempre lo scazzo sulla faccia. Per dirsi qualcosa l'uno con l'altro non si incontarno a metà aereo ad esempio ma si urlano da una parte all'altra. Le chiedi qualcosa e con aria di insufficienza e guardando da un'altra parte forse ti rispondono. Io non capisco chi si credono di essere, in fondo sono dei camerieri (con il max rispetto per i camerieri) e che si comportano come se facessero dei dirigenti di industrie!!!
E' sempre odiodo viaggiare con loro...

E poi ODIO quelli che fanno i turisti, cioè quelli che vanno in Oriente e pretendono di trovare la "Banana Split" (mi è capitato in Cina ad un chiosco vicino alla Muraglia Cinese) oppure quelli che vanno fino in Messico per poterlo dire agli amici, che però poi non escono dal villaggio vacanze!!!

E' iniziata la stagione delle ferie e quindi se ne vedranno di tutti i colori!!
Ciao Simo

simona contenta 20.06.05 12:16| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori