Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Disfunzione dell'etica

  • 603


dottori1.jpg

Rispondo alla lettera pubblicitaria pubblicata dalla Bayer sul Venerdi di Repubblica dell'8 luglio.

Caro Dottor Pamparana,

sono un medico che non vuole dare al suo paziente nessun consiglio sulla disfunzione erettile, elencata dal British Medical Journal come una non malattia, che lei sponsorizza insieme alla Bayer (ex IG Farben, che produsse i gas utilizzati nei campi di concentramento).
La Bayer è la stessa del Lypobay, l'anticolesterolo ritirato perchè pericoloso.

Nella lettera si minacciano gravi conseguenze se la disfunzione erettile venisse trascurata: ipertensione, diabete, patologie cardiovascolari.

Lei mi chiede un primo passo e io lo faccio volentieri, denunciando su questo blog l'assoluta infondatezza di questa lettera e di sperare che si prendano seri provvedimenti su di lei da parte dell'Ordine dei Medici.

Fatelo questo c.... di ordine!

L'ultimo pensiero è ai mezzi di comunicazione: smettetela di pubblicizzare qualsiasi stupidaggine vi venga proposta.

Dottor Beppe Grillo.

Ovviamente non sono un dottore ma spero che questa mia lettera venga sottoscritta da dottori veri, che credono ancora che questa professione debba essere fatta dignitosamente.

9 Lug 2005, 14:00 | Scrivi | Commenti (603) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 603


Commenti

 

ho avuto anche io problemi con l'erezione, mi ha salvato il tadalafilo comprato su e-medsfree.com. Compravo nella farmacia di turno ma spendo troppo... Le spedizioni sono normali, dall'Europa. Con esso ho erezioni regolarmente, durature e forti, posso fare sesso tutto il giorno.

Emilio R 18.01.16 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, sono un ragazzo che ha avuto il tuo stesso problema. Anche io poichè sono uno molto emotivo non sono riuscito ad andare e consultarmi da un andrologo anche se la mia ragazza mi spingeva a farlo.
Cmq ho trovato su internet ci di cui avevo bisogno. Ho comprato cialis su questo sito http://weightlosscure.net  mi è arrivato dopo circa 8-10 giorni e credimi è un super prodotto.L'effetto dura 36 ore ma ovviamente nn sei in erezione per tutto questo tempoma solo se sei stimolato per bene dal tuo partner...

haggy 04.11.15 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Lei mi chiede un primo passo e io lo faccio volentieri, denunciando su questo blog l'assoluta infondatezza di questa lettera e di sperare che si prendano seri provvedimenti su di lei da parte dell'Ordine dei Medici.

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 28.09.15 16:15| 
 |
Rispondi al commento


Ciao,mondo! Purtroppo,è vero,però lo dico sempre -tutto può essere risolto,basta andare in cerca ad informarsi pure.
Anch'io ho avuto in passato problemi di disfunzione erettile maschile-non so per quale motivo,ma in un certo punto,non riuscivo più ad avere delle erezioni soddisfacenti.
Pensavo fosse una cosa temporanea,ed invece non è stato cosi.
Per non parlare del dispiacere di mia moglie..:(:(:(:(:(:(:(:(:(:(:(:(:(
Sono andato un pò in cerca su internet.Dappertutto c'erano prodotti farmaceutici,ed io invece volevo trovare qualcosa di naturale,anche per non avere poi problemi di salute.Volevo poi migliorare,anzichè peggiorare.Ho trovato una crema naturale,chiamata il Penon cream.L'ho trovata in vendita online su kamagra-cialis.biz/ e ho fatto semplicemente una prova. E vero,che non costa poco,però sono rimasto sorpreso dei risultati.La crema mi è arrivata in una settimana ed ho iniziato ad usarla proprio da quel giorno. Ho osservato un aumento del desiderio sessuale e dell'energia ,per non parlare del ottimo miglioramento delle mie erezioni.
E facile da usare,non è una crema grassa,non macchia,la applico regolarmente 2 volte al giorno !Da provare!!

Mario 11.02.14 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Dove sono finiti gli scienziati della medicina?
E' 25 anni che soffro di diabete mellito di tipo 1 ed ancora oggi non si vedono cure,farmaci in grado di debellare questo male del secolo,forse ci sono troppi interessi economici intorno a questa malattia(Penne,pennine,aghetti,ecc.).

Francesco V. Commentatore certificato 26.09.07 23:57| 
 |
Rispondi al commento

DA WIKI
L'alcaloide, derivato per acetilazione della morfina, fu sintetizzato la prima volta nel 1874 da un certo Wright, ma la nuova molecola sperimentata su animali non fu considerata interessante. Venne risintetizzata nel 1897 da Felix Hoffmann, un chimico tedesco che lavorava per la Bayer; in quel periodo l'acetilazione era una tendenza diffusa per la ricerca di molecole più attive. Nell'arco di quindici giorni Hoffmann realizzò l'acetilazione dell'acido salicilico, ottenendo l'Aspirina, e della morfina, producendo appunto l'Eroina. L'intento era quello di ottenere una molecola più efficace della codeina nel sedare la tosse, nella tubercolosi e nelle patologie respiratorie. Le effettive proprietà sedative sul centro del respiro (le stesse che portano a morte nell'overdose) furono inizialmente male interpretate, ritenendo che la riduzione del ritmo respiratorio dipendesse da una migliorata efficienza respiratoria. Fu battezzata commercialmente eroina e in breve tempo l'impiego terapeutico si ampliò alle più disparate patologie pneumologiche,ma anche neurologiche, ginecologiche, ecc. Si diffusero pertanto svariate preparazioni farmacologiche acquistabili liberamente. A parte qualche farmacologo contro corrente, non la si riteneva in grado di dare dipendenza. L'eroina in realtà è molto più potente della morfina, le dosi terapeutiche sono molto più basse e la sua azione ipnotica è minore. La dipendenza è molto forte e si instaura più rapidamente. Alcuni ritengono che il successo sia però legato al nome suggestivo, più che alle proprietà farmacologiche; non ha avuto lo stesso successo una molecola cinque volte più potente, ma dal nome commercialmente infelice l'idromorfone.
L'eroinomania divenne rapidamente una emergenza sanitaria: nel 1905 la città di New York consumava circa due tonnellate di eroina all'anno. In Cina, sotto forma di compresse da fumare, iniziò a sostituire l'oppio. L'Europa e il vecchio mondo non rimasero immuni e il consumo si diffuse rapidament

Stefano Laudani 13.11.06 16:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

IMPORTANTE! --- IMPORTANTE!

È un dato di fatto scientifico che tutti i tumori si propagano in base allo stesso meccanismo, l'uso di enzimi che assimilano il collagene (collagenasi, metalloproteinasi). L'uso terapeutico dell'aminoacido naturale lisina, specialmente insieme ad altri micronutrienti non brevettabili, può bloccare questi enzimi e quindi inibire la diffusione di cellule cancerogene. Tutti i tipi di cancro studiati finora rispondono a quest'approccio terapeutico: cancro al seno, alla prostata, ai polmoni, alla pelle, fibroblastoma, cancro sinoviale e qualsiasi altra forma di tumore.
Il solo motivo per cui questa grande scoperta medica non è stata approfondita e applicata alla cura dei pazienti di cancro in tutto il mondo è il fatto che queste sostanze non sono brevettabili e perciò hanno bassi margini di profitto. Inoltre, cosa più importante, ogni trattamento efficace di una malattia porta infine al suo sradicamento e all'eliminazione di un mercato di farmaci di molti miliardi di dollari.
La vendita di prodotti farmaceutici per pazienti affetti da tumore è stata particolarmente fraudolenta e dolosa. Con il pretesto di curare il cancro utilizzando il termine di copertura "chemioterapia", vengono somministrate al paziente sostanze tossiche che includono anche derivati del gas iprite. Il fatto che queste sostanze tossiche distruggano anche milioni di cellule sane è volutamente calcolato.
Sapendo ciò, sono state deliberatamente previste le seguenti conseguenze: primo, il cancro si sarebbe diffuso come epidemia globale, fornendo le basi economiche per un duraturo business multimiliardario su questa malattia; secondo, l'applicazione sistematica di agenti tossici in forma di chemioterapia causa la diffusione di nuove malattie nei pazienti afflitti da tumore che ricevono queste sostanze tossiche.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Prove dei crimini commessi contro l'umanità

Le prove delle accuse contenute in La presente citazione in giudizio riguardano due principali ambiti penali:
Prove del genocidio e di altri crimini contro l'umanità commessi in connessione con il business farmaceutico della malattia.
Prove dei crimini di guerra e di aggressione e di altri crimini contro l'umanità commessi in connessione con la guerra contro l'Iraq e l'intensificarsi della crisi internazionale verso una guerra mondiale.

1. Prove del genocidio e di altri crimini contro l'umanità commessi connessione con il "business farmaceutico della malattia".

Vengono presentate prove specifiche del fatto che gli accusati sono responsabili di aver deliberatamente provocato il perdurare e diffondersi delle malattie, causandone volontariamente di nuove ed espandendo l'uso di medicinali brevettati per una sola malattia al maggior numero di malattie possibili.
Per realizzare questi obiettivi, gli imputati hanno strategicamente progettato, implementato, condotto e organizzato un piano di frode commerciale su scala globale che per la sua vastità economica non ha precedenti nella storia umana.

1.1. La deliberata diffusione delle malattie
Vengono fornite le seguenti prove specifiche del fatto che le più diffuse malattie di oggi vengono deliberatamente mantenute e diffuse dagli accusati, nonostante possano essere efficacemente prevenute e ampiamente sradicate, salvando milioni di vite umane.

--------

Seguono succulente notizie in questa pagina internet del mio sito (senza www) che riguarda la Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath:

http://brudicchio.funpic.de/rath/crimini4.html

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Il Cartello della IG Farben

Il più potente impero industriale tedesco della prima metà del secolo scorso era la IG Farben, abbreviazione per Interessengemeinschaft Farben. "Interessengemeinschaft" significa associazione per interessi comuni ed era un potente cartello comprendente BASF, Bayer, Hoechst e altre società chimiche e farmaceutiche tedesche. La IG Farben fu l'unico grande finanziatore della campagna per l'elezione di Adolf Hitler. Un anno prima che Hitler prendesse il potere nel 1933, la IG Farben donò 400.000 marchi a lui e al suo partito nazista. Di conseguenza, quando il partito nazista andò al potere, la IG Farben fu l'unica a trarre profitti dalla Seconda Guerra Mondiale e dal saccheggio dell'Europa da parte dei nazisti. Il cento per cento di tutti gli esplosivi e della benzina sintetica proveniva dalle fabbriche della IG Farben. Quando la Wehrmacht tedesca conquistava un altro paese, i direttivi di Bayer, Hoechst e BASF rilevavano sistematicamente le industrie di quei paesi. Grazie alla stretta collaborazione con la Wehrmacht di Hitler, la IG Farben partecipò al saccheggio dell'Austria, della Cecoslovacchia, della Polonia, della Norvegia, dell'Olanda, del Belgio, della Francia e di tutti gli altri paesi occupati dai nazisti.
Nel 1946, le indagini del governo americano giunsero alla conclusione che senza la IG Farben, la seconda guerra mondiale non sarebbe stata possibile. Dobbiamo renderci conto che non fu uno psicopatico di nome Adolf Hitler né l'innato carattere del popolo tedesco a causare la seconda guerra mondiale. L'avidità economica di compagnie come Bayer, BASF e Hoechst fu il fattore determinante dell'Olocausto.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

Continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath/chemnitz8.html

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 21:50| 
 |
Rispondi al commento

Perché non abbiamo sentito parlare in precedenza di queste scoperte?
.....
All'inizio del XX secolo il gruppo Rockefeller controllava già la maggior parte del business del petrolio negli Stati Uniti e in molti altri paesi. Basandosi su ricavi per miliardi di dollari, questo gruppo d'investimento ha definito un nuovo mercato: il corpo umano. I profitti o utili sul capitale investito dipendevano dalla brevettabilità dei farmaci inventati. I miliardi di dollari di profitti di questa nuova industria per investimenti furono utilizzati per convertire sistematicamente la medicina in un affare di investimenti manovrato a livello farmaceutico. Nel giro di poche decine di anni, la medicina fu controllata da questi gruppi d'interesse attraverso la loro influenza nelle scuole mediche, nei mass media e nella politica.
Uno dei principali problemi affrontati da quest'industria è stata la concorrenza con i prodotti sanitari naturali. Fra il 1920 e il 1935 furono scoperte la maggior parte delle vitamine e nutrienti naturali necessari per un metabolismo cellulare ottimale. Al mondo scientifico apparve chiaro che senza queste molecole essenziali per il metabolismo cellulare, le cellule non avrebbero funzionato adeguatamente, dando origine a malattie.
Gli strateghi degli investimenti farmaceutici se ne sono resi conto e si sono lanciati in una campagna globale per impedire che queste informazioni salvavita divenissero disponibili per le persone di tutto il mondo. Ma il mettere sotto silenzio queste informazioni è stato solo il primo passo. Fra le misure strategiche adottate per la costruzione di questo piano affaristico farmaceutico truffaldino c'è stato il gettare discredito sulle informazioni sanitarie riguardo a queste terapie naturali, non brevettabili e infine la messa al bando di qualsiasi iniziativa preventiva e terapeutica relativa alle terapie naturali.

Medicina Cellulare del Dr. Matthias Rath

Continua sul mio sito (senza www):

http://brudicchio.funpic.de/rath

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 21:50| 
 |
Rispondi al commento

Se volete dare il vostro sostegno alla citazione in
giudizio presentata dal Dr. Rath e altri al
Tribunale Penale Internazionale leggete il FAX Tradotto e poi compilate e spedite il FAX Ufficiale in lingua inglese.
FAX tradotto:
http://brudicchio.funpic.de/rath/materiale/FAX%20tradotto.pdf
FAX Ufficiale:
http://brudicchio.funpic.de/rath/materiale/FAX%20ufficiale.pdf

lorenzo brudicchio Commentatore in marcia al V2day 10.11.06 21:49| 
 |
Rispondi al commento

VORREI AVERE NOTIZIE SUI NUOVI FARMACI INDICATI COME COME:"TERAPIA DEL DOLORE".
IN PARTICOLARE UN FARMACO DI NOME :LYRICA.
PARE CHE AGISCANO SUL SISTEMA NERVOSO CENTRALE,
OSSIA SUL CERVELLO.
POSSONO PROVOCARE VOMITO E CAPOGIRI O ALTRO...?

rosanna lemma 28.10.06 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Nella lettera pubblicitaria della Bayer si dice che la disfunzione erettile può essere spia di complicanze di svariate malattie (ipertensione,diabete, ecc). Questa è la classica scoperta dell'acqua calda: Si sa che il diabete è causa frequente di disfunzione erettile e che questa può fare la sua comparsa anche prima dell'insorgenza del diabete. Combattere la disfunzione erettile, certamente utile per il paziente, non serve evidentemente a curare il diabete.

giosue della porta 11.10.06 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Ho 29 anni, sono un Infermiere Professionista della provincia di Roma, laureato nel 2003.

Secondo me esiste solo un problema concreto: le multinazionali e le case farmaceutiche. Ogni giorno, per 365 giorni all'anno vengono nel mio reparto decine di informatori farmaceutici (senza nulla togliere a questa categoria che deve pur vivere), vendono i propri prodotti ai medici, che ovviamente avranno poi dei benefici economici o "regali" se riusciranno ad aumentare le vendite di un determinato farmaco..., ecco come di spiegano i viaggi di studio o i congressi siti sulle calapagos...

CHe i medici facciano quello che voglino, ma non in ospedale!! E' questione di etica e deontologia!!!

Io non sopporto l'idea che negli ospedali debbano avvenire queste "vendite" porta a porta... Se i medici vogliono aggiornarsi che lo facciano sulle riviste scientifiche come lo faccio Io e altre centinaia di persone come me. L'ospedale è un luogo di cura che deve essere estraneo a queste forme di "collaorazione" tra medici e case farmaceutiche: le grandi conquiste scientifiche non si fanno certo con le vendite porta a porta ma solo attraverso idee e scoperte brillanti, attraverso ricerche che toccano tutti gli aspetti di un problema che vogliamo esaminare.

E' una questione di principio!!!, se non riusciamo a capire questo allora significa che siamo già entrati nel circolo vizioso della normalità che vede la "Salute" come un bene economico quando invece didatticamente siamo stati tutti (medici e infermieri) preparati ed esaminati affinché questo non avvenga mai!!

Fin quando permetteremo di far entrae in ospedale forme di pubblicità del genere, molti medici (mi dispiace dirlo) avranno sempre interesse a trasformare la propria stanza in una sorta di ufficio privato nel quale sottoscrivere contratti.

Dovremmo cominciare a farlo anche noi Infermieri??? No, noi abbiamo un'etica ed una deontologia ferrea e poi abbiamo sempre tanto da lavorare...

Ciao Beppone!!!

Gabriele Cataldi 18.09.06 16:49| 
 |
Rispondi al commento

grande beppe sono un informatore medico-scientifico, ho iniziato da poco a leggere il tuo blog (scusami) ma mi è balzato all'occhio il tuo commento sulla lettera della bayer; allora c'è qualcosa da chiarire:
1) LA lettera (criticabile per carità) ha lo scopo di sensibilizzare gli uomini che si rendono conto di avere qualche problema di erezione, a confidarsi col medico per capire se realmente soffrono di DE o se il oro deficit è temporaneo (es . un periodo di stress).Questo perchè la cultura del macho-italico inibisce l'uomo difronte a questi problemi.
2) nella lettera c'è scritto che la DE può nascondere altre patologie (primo tra tutti il diabete) e non che la DE causa altre patologie cardiovascolari (è MOLTO diverso)
3)l'attività sessuale è riconosciuta dall'OMS (e dal buon senso di tutti noi, credo) fin dagli anni '70 come un diritto di ogni cittadino,quindi mi sembra onesto che si parli anche di questa patologia che coinvolge l'uomo in prima persona ma di riflesso anche chi gli sta accanto (fidanzata,moglie ecc..)
4) se esistono dei rimedi anche farmacologici efficaci e poco dannosi (se non vi è abuso ovvio) non vedo perchè demonizzarli

poi tra i commenti ho letto qualcuno che faceva riferimento ai gas nazisti e agli esperimenti nei lager finanziati dalla bayer,beh mi sembra un pò pesante tirare fuori cose di questo tipo, tanto più che di quella bayer non esisterà più alcun dirigente, e poi la bayer ha pagato queste cose nel corso degli anni (per es. negli usa il marchio bayer è rientrato solo negli anni '90!)

grande beppe continua a raccontarci ciò che altri nascondono

luca bianchi 06.03.06 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Prima di tuuto complimenti per il blog, II spero di non essere innoportuna con questo articolo trovato su : http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200602articoli/2575girata.asp
possa interessare io l'ho trovato aberrante! sinceramente spero davvero sia una "bufala"


Stupro meno grave se vittima non è vergine. Accolto il ricorso di un uomo che violentò la figlioccia di 14 anni: «Danni più lievi» perché già aveva avuto rapporti sessuali.

ROMA - D'ora in poi gli stupratori sceglieranno con più cura le proprie vittime.
Infatti la Corte di cassazione ha sentenziato che lo stupro di una minorenne non è grave in sé, ma è meno grave se la vittima ha già «avuto rapporti sessuali».
«È lecito ritenere» che siano più «lievi» i danni che la violenza sessuale provoca in chi ha già avuto rapporti con altri uomini prima dell'incontro con il violentatore. La Terza sezione penale della Cassazione ha infatti accolto il ricorso di un uomo 41enne che violentò la figlioccia di 14 anni sostenendo che la ragazza non era più vergine. I giudici sostengono che in questo caso la personalità della vittima, «dal punto di vista sessuale, è molto più sviluppata di quanto ci si può normalmente aspettare da una ragazza della sua età». Così chi violenta una minorenne vissuta in un ambiente socialmente degradato e difficile come quello in oggetto, e della quale abusa essendo per di più il convivente della madre, può ottenere il riconoscimento di una «attenuante».

erika rottondi 17.02.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Prima di tuuto complimenti per il blog, II spero di non essere innoportuna con questo articolo trovato su : http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200602articoli/2575girata.asp
possa interessare io l'ho trovato aberrante! sinceramente spero davvero sia una "bufala"


Stupro meno grave se vittima non è vergine. Accolto il ricorso di un uomo che violentò la figlioccia di 14 anni: «Danni più lievi» perché già aveva avuto rapporti sessuali.

ROMA - D'ora in poi gli stupratori sceglieranno con più cura le proprie vittime.
Infatti la Corte di cassazione ha sentenziato che lo stupro di una minorenne non è grave in sé, ma è meno grave se la vittima ha già «avuto rapporti sessuali».
«È lecito ritenere» che siano più «lievi» i danni che la violenza sessuale provoca in chi ha già avuto rapporti con altri uomini prima dell'incontro con il violentatore. La Terza sezione penale della Cassazione ha infatti accolto il ricorso di un uomo 41enne che violentò la figlioccia di 14 anni sostenendo che la ragazza non era più vergine. I giudici sostengono che in questo caso la personalità della vittima, «dal punto di vista sessuale, è molto più sviluppata di quanto ci si può normalmente aspettare da una ragazza della sua età». Così chi violenta una minorenne vissuta in un ambiente socialmente degradato e difficile come quello in oggetto, e della quale abusa essendo per di più il convivente della madre, può ottenere il riconoscimento di una «attenuante».

erika rottondi 17.02.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento

non so se questo articolo trovato su : http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200602articoli/2575girata.asp
possa interessare io l'ho trovato aberrante! sinceramente spero davvero sia una "bufala"


Stupro meno grave se vittima non è vergine. Accolto il ricorso di un uomo che violentò la figlioccia di 14 anni: «Danni più lievi» perché già aveva avuto rapporti sessuali.

ROMA - D'ora in poi gli stupratori sceglieranno con più cura le proprie vittime.
Infatti la Corte di cassazione ha sentenziato che lo stupro di una minorenne non è grave in sé, ma è meno grave se la vittima ha già «avuto rapporti sessuali».
«È lecito ritenere» che siano più «lievi» i danni che la violenza sessuale provoca in chi ha già avuto rapporti con altri uomini prima dell'incontro con il violentatore. La Terza sezione penale della Cassazione ha infatti accolto il ricorso di un uomo 41enne che violentò la figlioccia di 14 anni sostenendo che la ragazza non era più vergine. I giudici sostengono che in questo caso la personalità della vittima, «dal punto di vista sessuale, è molto più sviluppata di quanto ci si può normalmente aspettare da una ragazza della sua età». Così chi violenta una minorenne vissuta in un ambiente socialmente degradato e difficile come quello in oggetto, e della quale abusa essendo per di più il convivente della madre, può ottenere il riconoscimento di una «attenuante».

erika rottondi 17.02.06 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Aiuto !
L' Ospedale di Ittiri ( SS ), cittadina che ha dato i natali al Ministro Pisanu, rischia il totale ridimensionamento e declassamento senza che nessun politico di Centrodestra e di Centrosinistra ( escluso l' On. Nicola Rassu di FI e Cassano dei Riformatori )abbia sentito la necessità di intervenire in Consiglio Regionale. E' la solita solfa: prendono i voti e poi spariscono dal collegio. Ministro Pisanu, è possibile un intervento risolutore attraverso l'interessamento del Ministro Storace per dare un ruolo al nostro Ospedale nell' ambito della Sanità Sarda e della nostra Provincia ?

Antonio Fadda 04.02.06 08:19| 
 |
Rispondi al commento

ITALIA E LA LEBBRA (LIGURIA ZONA ENDEMICA PER LA LEBBRA)
http://www.asl20.piemonte.it/SEPI/Sorv_mi/Hansen/LGhansen.pdf

5.1 Dati epidemiologici italiani
Secondo i dati della Società Italiana di Hanseniologia (SIHAN) dal 1970 al 1997 sono stati
diagnosticati 294 nuovi casi di lebbra, di cui il 39% (107 malati) tra gli immigrati. Scomponendo i 28
anni in 4 periodi di 7 anni risulta che la quota legata all'immigrazione passa dal 10% del periodo 1970-
1976 al 66.2% del periodo 1991-1997.
I focolai autoctoni della Liguria di Ponente, costa ionica calabrese e siciliana e della costa occidentale
sarda sono quasi del tutto scomparsi: in queste zone si manifestano, ad intervalli di anni, casi sporadici.
Oggi la lebbra in Italia è quasi totalmente di importazione e compare tra i cittadini italiani che hanno
soggiornato in paesi con lebbra endemica e tra immigrati da queste regioni.
Nei casi autoctoni prevalgono le forme BL e LL, mentre nei casi importati la quota dei pazienti BT
pauci e multibacillare è di gran lunga superiore alle altre forme. Tra i pazienti di importazione si
osservano anche pochi casi TT.
http://www.asl20.piemonte.it/SEPI/Sorv_mi/Hansen/LGhansen.pdf

nico bini 22.01.06 09:55| 
 |
Rispondi al commento

www.nadir.org

www.lila.it

non esiste un tempo certo in cui si sviluppa la malattia. troppe variabili influenzano il processo. ne sono abbastanza sicura dopo 21 anni di infezione e 15 di attivismo. inoltre... basta con sta menata dell'africa. hanno un altro ceppo virale. le case farmaceutiche devono sperimentare farmaci di quel ceppo... o moriranno comunque. i test sono attendibili. l'hiv esiste. lasciate perdere duesberg e le sue teorie sul virus che non esite. E' un bigotto. ha condotto uno studio vent'anni fa sui samoani e poi si è rincoglionito. ci vorrebbe un blog solo per spiegarlo....


hiv positva 17.01.06 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Beppe Grillo,
le scrivo perchè turbata dagli effetti di una cattiva informazione sul tema del Deficit Erettile. Da molti anni, in quanto psicoterapeuta sessuologa, incontro il vissuto di uomini e coppie afflitti dal problema. Collaboro in molto interdisciplinare con importanti andrologi italiani con lo scopo unico del benessere psicosessuale dei pazienti che a noi, purtroppo molto tardi, si rivolgono.
Il deficit erettile è, secondo il DSM IV ICD-10, la "persistente o ricorrente impossibilità di raggiungere o mantere un'erezione adeguata fino al completamento dell'attività sessuale. L'anomalia causa notevole disagio o difficoltà interpersonali".Vengono forniti dei sottotipi per indicare l'insorgenza (primaria o acquisita), il contesto(generalizzato o situazionale), e i fattori etiologici(dovuto a fattori psicologici o dovuto a fattori combinati).CAUSE ORGANICHE: Malattie vascolari, endocrine, neurologiche, locali, traumatiche, uso di farmaci, malattie internistiche,chirugia addomino-pelvica,diabete. CAUSE PSICOGENE:Disturbi identitari, orientamento, disturbi di relazione e conflittualità coniugale, sessualità atipica, stress, ansia.O CAUSE MISTE.La definizione del Deficit Erettile secondo il DSM IV annulla,ormai, la vecchia suddivisione dei deficit erettili in PSICOGENI e ORGANICI.Infatti, ogni forma organica trova in fattori centrali psicologici o funzionali elementi di concausa che si vanno a sommare al sintomo rinforzando il disturbo…di contro ogni forma psicogena che trova in forme d'ansia, di depressione o di stress cronico il momento causale principale, porta con sè squilibri fisiologici e microstrutturali.
Come vede,una più accurata informazione sottende una migliore possibilità di rivolgersi adeguatamente a specialisti (medico-andrologo e sessuolgo)che dovranno collaborare integrando, dove necessario, terapie farmacologiche e psicoterapie sessuologiche,proprio perchè il sintomo della DE è solo la punta dell' icerberg.
Dr.Cristiana Bonaffini

dr. cristiana bonaffini 14.01.06 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Beppe Grillo,
le scrivo perchè turbata dagli effetti di una cattiva informazione sul tema del Deficit Erettile. Da molti anni, in quanto psicoterapeuta sessuologa, incontro il vissuto di uomini e coppie afflitti dal problema. Collaboro in molto interdisciplinare con importanti andrologi italiani con lo scopo unico del benessere psicosessuale dei pazienti che a noi, purtroppo molto tardi, si rivolgono.
Il deficit erettile è, secondo il DSM IV ICD-10, la "persistente o ricorrente impossibilità di raggiungere o mantere un'erezione adeguata fino al completamento dell'attività sessuale. L'anomalia causa notevole disagio o difficoltà interpersonali".Vengono forniti dei sottotipi per indicare l'insorgenza (primaria o acquisita), il contesto(generalizzato o situazionale), e i fattori etiologici(dovuto a fattori psicologici o dovuto a fattori combinati).CAUSE ORGANICHE: Malattie vascolari, endocrine, neurologiche, locali, traumatiche, uso di farmaci, malattie internistiche,chirugia addomino-pelvica,diabete. CAUSE PSICOGENE:Disturbi identitari, orientamento, disturbi di relazione e conflittualità coniugale, sessualità atipica, stress, ansia.O CAUSE MISTE.La definizione del Deficit Erettile secondo il DSM IV annulla,ormai, la vecchia suddivisione dei deficit erettili in PSICOGENI e ORGANICI.Infatti, ogni forma organica trova in fattori centrali psicologici o funzionali elementi di concausa che si vanno a sommare al sintomo rinforzando il disturbo…di contro ogni forma psicogena che trova in forme d'ansia, di depressione o di stress cronico il momento causale principale, porta con sè squilibri fisiologici e microstrutturali.
Come vede,una più accurata informazione sottende una migliore possibilità di rivolgersi adeguatamente a specialisti (medico-andrologo e sessuolgo)che dovranno collaborare integrando, dove necessario, terapie farmacologiche e psicoterapie sessuologiche,proprio perchè il sintomo della DE è solo la punta dell' icerberg.
Dr.Cristiana Bonaffini

dr. cristiana bonaffini 14.01.06 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
non so se ho sbagliato la sezione del blog per scrivere del mio problema, ma credo che possa andar bene lo stesso, dato che riguarda un caso di malasanità.
Quasi due anni fa, ho subito la frattura del collo del calcagno per un banale incidente sportivo: siamo nel gennaio 2004.
Dopo una prima radiografia, nessuno mi ha diagnosticato la frattura: non avevo niente, secondo loro, secondo i professionisti di cui ti fidi,i medici.
La mia vita, avevo 23 anni, è continuata normalmente, così come il dolore, che, anzi, aumentava.Un dolore subdolo, che si manifestava esclusivamente "a riposo", quindi la notte, impedendomi di dormire.
Nel febbraio ho deciso di fare esami più approfonditi, ovviamente a mie spese, coi quali, incredibilmente, è spuntata la frattura composta del collo del calcagno.
Ad aprile, appena mi ha potuto ricevere, sono andato da uno specialista, che, non ha saputo dirmi altro che fare cicli di magnetoterapia, per mesi. Inutile, il dolore è continuato.
Nel settembre, quindi 8 mesi dopo l'incidente, siamo passati al famoso CELEBREX, alla cura farmacologica: inutile.
Dopo il CELEBREX è stata la volta dell'ARTROTEC, dell'AULIN, del GLADIO, del MOBIC che , ancora oggi, 29 dicembre 2005, saltuariamente debbo assumere, tentando, attraverso una cura omeopatica parallela la disintossicazione da quei farmaci, coi quali mi hanno bombardato per 14 mesi.
Da allora ad oggi, dopo altre costose visite da "luminari" dell'ortopedia, non ho più avuto la possibilità di continuare lo sport che avevo cominciato nel 1986, il calcio, uno dei miei, legittimi, amori: non ho più calciato un pallone o visto altri calciarlo senza piangere.
Ho chiuso, e passi, ma anche la mia vita è rimasta condizionata dal dolore e dai farmaci sbagliati, senza sonno e salute.. spero che tu ce la faccia con la tua battaglia..
io sto ancora combattendo la mia, contro questi dolori e contro medici che hanno sbagliato tutto, ovviamente a mie spese.
Spero di essere meno solo
grazie
Sandro

sandro cosimi 29.12.05 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Sono un Medico di famiglia OGM (ibridato con Don Chisciotte) per cui continuo ad illudermi che la Medicina serva per alleviare le sofferenze delle persone. Ciò non mi giova un granché, ma spero che giovi a coloro che chiedono il mio aiuto. A "proposito del grave problema clinico" della disfunzione erettile ho scoperto che sono in allestimento per la successiva pubblicazione sulle più importanti riviste scientifiche mondiali una sessantina di ricerche cliniche. Sono, invece, solo tre le ricerche (molto ridotte nei finanaziamenti)in tema di schistosomiasi, malattia che affligge tra i 200 ed i 400 milioni di persone (tutte rigorosamente pezzenti e preferibilmente africane o del sud-est asiatico) e che trascurata porta a morte per insufficienza epatica, insufficienza renale o emorragie. I farmaci attualmente disponibili per la disfunzione erettile sono quattro o cinque, per la schistosomiasi uno. Ricerche o articoli o convegni sulla "prevenzione" della disfunzione erettile sono moltelpici, per la schistosomiasi non mi risulta che ne esistano ... ma, si sa, all'Industria rende molto di più far scopare artificalmente un Europeo, piuttosto che far invecchiare sano un Africano.

Ugo Montanari 20.12.05 12:18| 
 |
Rispondi al commento

RISPONDO PER FORZA E CON ESTREMA CONVINZIONE A QUESTO SEMPLICE QUESITO SULL' AIDS:
Forse è necessario fare un preambolo per chiarire un po' le cose:
1- uno si becca il virus HIV in un rapporto sessuale non protetto o con contatto con sangue infetto o altro...

2-A questo punto è SIEROPOSITIVO: che significa che nel suo sangue è presente il virus HIV..Ma ancora non è malato e probabilmente non lo sa..quindi continua ad avere comportamenti che espongono al contagio altri individui...

3-In un arco di tempo variabile (con un massimo di dieci anni) si sviluppa la malattia vera e propria definita AIDS che significa una sindrome in cui il sistema immune diviene incapace di funzionare e si muore per patologie che di solito neanche compaiono in persone sane (c'è tutta una gamma di patologie HIV correlate)

Se tramite un analisi del sangue viene scoperta la presenza del virus HIV prima che si sviluppi L'AIDS allora di solito si inizia una terapia con il classico cocktail di tre farmaci antivirali fra cui spesso l' AZT ..Lo scopo è impedire la replicazione del virus e ritardare il più possibile la comparsa dell'AIDS...Il trattamento è in genere tanto più efficace quanto più precocemente viene intrapreso ..nel senso che il virus viene controllato meglio ...ma ovviamente non si guarisce mai..almeno non ancora ...

VI CHIEDETE SE L'AZT E IL COCKTAIL DI FARMACI SERVONO A CURARE LA MALATTIA O A PROVOCARLA ???

PENSATE SEMPLICEMENTE AL FATTO CHE L'AZT E IL COCKTAIL NON VENGONO SOMMINISTRATI A TUTTI I MALATI DI HIV...
IL CONTINENTE AFRICANO E' UN OTTIMO BANCO DI PROVA PER RAGIONARE: Lì MOLTISSIMI SIEROPOSITIVI NON RICEVONO FARMACI ANTIVIRALI E VI GARANTISCO MUOIONO TUTTI!!!
VIVONO MOOOOOOOOOOOLTO MENO DI CHI I FARMACI LI PRENDE...
Il consiglio è questo: questo blog è pieno di buone notizie e di controinformazione ma non cominciate a pensare che ogni cosa sia una truffa,una montatura e che tutto sia pilotato da pochi per il loro esclusivo benessere..Non nego che ciò sia vero in molti casi(specie in Italia)...Ma bisogna sempre pensare con la propria testa ...e pensare bene : CON LOGICA ...invece di sparare a zero su tutti...
VE LA DO' IO LA NOTIZIA ...
L'OCCIDENTE HA ORMAI DEBELLATO LA PIAGA DELLA LEBBRA..MA QUESTA E' ANCORA UN SERIO PROBLEMA NELL'AFRICA DOVE LA GENTE MUORE ANCORA PER QUESTA MALATTIA..
LE INDSTRIE FARMACEUTICHE (CHE NON HANNO UNA CAZZO DI ETICA) HANNO SMESSO DI PRODURRE IL FARMACO PER CURARE LA LEBBRA..
SAPETE QUANTO COSTA PRODURRE QUESTO FARMACO ????????
VE LO DICO IO : 0,15 CENTS DI EURO...
MA OVVIAMENTE SE L'AFRICA NON PAGA QUESTI CAZZO DI MISERI 0,15 CENTS NOI CE NE FOTTIAMO E LI LASCIAMO CREPARE( così la popolazione sul pianeta la finisce di crescere in modo esponenziale e si avvicina alla curva di crescita delle risorse che è una retta e non sò poi fino a che punto "tenderà a infinito" !!!!!!!)

Manfredi Antioco 15.12.05 22:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E ancora, e scusate se mi permetto, ma sia il sig. Grillo, sia il sig. Benni, che tra l'altro stimo moltissimo entrambi sotto il profilo professionale, lanciano maledizioni contro un mondo sacrificato al denaro, ma hanno le tasche piene, e questo grazie al "sistema" che disprezzano". Scusate tanto se non vi credo, quando dite che le grandi somme di denaro di cui disponete ve le siete meritate, magari grazie al vostro genio e senza rubare a nessuno. Spiegatelo a uno che ha fame. Ditegli "Sai, io ho i miliardi perchè sono bravo. Tu crepa di fame, perchè sei bravo."

Antonio Colella 09.12.05 03:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppegrillo, sono un medico psicoterapeuta, e spesso devo affrontare i problemi legati alla difficoltà di erezione. Vorrei fare chiarezza: la gente soffre, se non può avere normali relazioni sessuali. Personalmente, mi sono sempre rifiutato di prescrivere farmaci tipo il Sildefanil o roba varia, perchè ritengo che siano inutilmente pericolosi, a fronte del fatto che l'"impotenza" è di fatto d'origine psicogena e può essere facilmente gestita senza farmaci. Ma mi chiedo: se esiste un preparato atto a rendere possibile - a chi è impedito da motivi organici - una normale vita sessuale, bisogna rifiutarglielo? Per quanto riguarda il volantino in sè, credo che nessuno si sognerebbe mai di andare dal medico con quell'affare in mano: qui il direttore della Bayer dovrebbe essere cacciato o per totale ignoranza della psicologia, o per averci voluto far credere che il suo volantino era rivolto veramente al paziente (e invece nasconde una pubblicità rivolta al medico).
Ciò premesso, io uscirei dalla dicotomia circa la natura di malattia o non malattia dell'impotenza, e vedrei tutto, e sempre, nella logica di chi ho di fronte: 1) soffre? 2) come posso aiutarlo senza lederlo? Ci sono altre strade, secondo te? Carissimi saluti
Gaetano Giordano

Gaetano Giordano 23.11.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppegrillo, sono un medico psicoterapeuta, e spesso devo affrontare i problemi legati alla difficoltà di erezione.

Vorrei fare chiarezza: la gente soffre, se non può avere normali relazioni sessuali.

Personalmente, mi sono sempre rifiutato di prescrivere farmaci tipo il Sildefanil o roba varia, perchè ritengo che siano inutilmente pericolosi, a fronte del fatto che l'"impotenza" è di fatto d'origine psicogena e può essere facilmente gestita senza farmaci. Ma mi chiedo: se esiste un preparato atto a rendere possibile - a chi è impedito da motivi organici - una normale vita sessuale, bisogna rifiutarglielo?

Per quanto riguarda il volantino in sè, credo che nessuno si sognerebbe mai di andare dal medico con quell'affare in mano: qui il direttore della Bayer dovrebbe essere cacciato o per totale ignoranza della psicologia, o per averci voluto far credere che il suo volantino era rivolto veramente al paziente (e invece nasconde una pubblicità rivolta al medico).

Ciò premesso, io uscirei dalla dicotomia circa la natura di malattia o non malattia dell'impotenza, e vedrei tutto, e sempre, nella logica di chi ho di fronte: 1) soffre? 2) come posso aiutarlo senza lederlo?
Ci sono altre strade, secondo te?

Carissimi saluti

Gaetano Giordano

Gaetano Giordano 23.11.05 19:56| 
 |
Rispondi al commento

uso lexotan da 11 anni e provo a eliminarlo con l"aiuto" di medici che fanno chiodo scaccia chiodo dandomi altre cose tipo mialin, anafranil, prozac, xanax...tutto un modo di fare per tentativi...so solo che da 11 anni io ho lo stomaco gonfio, l'ansia è diventata cronica, mi compromette un pò tutto, ho grosse difficoltà di concentrazione ed ho "ansia da prestazione" su tutto. chi ha avuto problemi simili mi dica come ha risolto e se c'è un medico che sia prima di tutto un UOMO, UNA PERSONA, mi dica come posso risolvere tutto questo. Grazie.
Volevo aggiungere che più volte ho iniziato percorsi psicoanalitici, ma a volte mi sentivo più preparato io sull'argomento, avendo acquisito esperienza nella questione, che l'esperto(...) che mi trovavo di fronte!!
esiste un posto, un luogo fisico, un centro dove si possa stare insieme e discuterne ??? Non i centri benessere meta di vip, ma persone normali che mi diano una mano.
Grazie ancora.

rino vernucci 22.11.05 19:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che l'utilizzo dell'acido zolendronico abbia gravi effetti sui pazienti, è cosa ormai risaputa, specialmente se in questa fase di trattamento dovesse coincidere un estrazione dentaria o altri tipi di cure allo stesso apparato.(Gli argomenti che tratto non sono altro che frutto di esperienza indirettamente personale). Per quanto riguarda la cattiva fede della NOVARTIS voglio solo precisare che il foglio illustrativo che accompagna lo Zometa è stato sostituito solo a metà del 2004 ed aggiunta la dicitura "" se ha o ha avuto dolore, gonfiore o intorpidimento della mascella o una sensazione di "mascella gonfia" o se avverte di avere un dente poco saldo. Ciò significa che un paziente sottoposta a terapia con Zometa e ha un estrazione dentaria rischia sicuramente "osteonecrosi mandibolare da acido zolendronico, cosa che e successo a mia miglie e dopo atroci sofferenze asportazione di mezza mandibola il 26.12.2004 è deceduta.In collaborazione con l'Avv. FABBROCINI Elvira con studio in OTTAVIANO (NA) al Viale della Rinascita 6 i suoi recapiti telefonici sono 3356861613 oppure 0815293663. Trattasi di persona molto disponibile nonchè di eccellente preparazione ma soprattutto molto ben disposta nei confronti di persone che stanno soffrendo la beffa oltre aver subito il danno.Tutti coloro che si ritengono danneggiati da questo farmaco possono mettersi in contatto con l'avv. FABBROCINI in modo da costituire un comitato per poter denunciare questo colosso che è la NOVARTIS.Concludo, che andare alla ricerca di un risarcimento , per chi perde una persona cara come è successo a me con mia moglie ,non significa assolutamente ottenere giustizia, quanto perlomeno evitare che certi errori, commessi da chi meno dovrebbe e parlo della categoria delle case farmaceutiche ,possano caratterizzare negativamente il resto della vita di altre persone. per ulteriori chiarimenti potete rivolgervi allo scrivente tel.casa 0815127190 o 3343299888.

milo vincenzo 18.11.05 21:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho comprato recentemente il CD dell'ultimo spettacolo: una opera realmente toccante.
Tra le decine di argomenti che illustri in modo così diretto e toccante (mentre i giornalisti detti veri sono ormai impegnati a disquisire dei reality show e altre sciochezze invereconde), uno mi ha toccato personalmente più di altri è stato il momneto in cui illusti l'elenco delle "non malattie". Tra queste è elencata anche l'oteoporosi. Mia madre è stata curata per otto anni per osteoporosi dovuta all'invecchiamento con un farmaco molto potente a base di calcio così potente che doveva assumerlo solo poche settimane ogni sei mesi.
Casualmente mia madre è stata colpita da un ictus violento che l'ha resa paralitica nel fisico e afasica nel cervello. Ovviamente non riuscirò mai a dimostrare che la cura dell'osteoporosi è stata causa prima o concausa rilevante dell'ictus, causa l'idurimento delle vene a caus dell'accumulo aormale di calcio (o forse è solo una mia paranoia e a 79 anni statisticamente qualcosa ti può anche succedere!)
Come dici spesso tutto sembra diventato così enorme e complesso, dalla politica, alle multinazionali, alla sanità, alla scuola, ecc.
Ma non voglio arrendermi a rassegnarmi che come singoli e come comunità non possiamo difenderci.
Al di la delle centinaia di denunce che appaiono su questo blog riguardanti i settori e contenenti nella maggioranza dei casi questioni etiche di enorme portata, nulla cambierà veramente se non si passa all'azione. Ma come? Ogniuno di noi si sente nudo e impotente di fronte all'enormità di problemi e penso che pochi faciloni si sentano veramente rappresentati da questi politici che al di là del colore sono vecchi nel fisico e obsoleti nella testa. Dobbiamo passare dal "dovete smetterla!" al "Rimbocchiamoci le maniche"!!! Io personalemente non so proporre ricette, ma nel mio piccolo qualche competenza c'è l'ho e sono disposto a collaborare con chiunque abbia la volontà di fare. AIUTO: CAMBIAMOLE VERAMENTE LE COSE!!!

Giorgio Degiorgis 17.11.05 11:24| 
 |
Rispondi al commento

college loan The nation had not merely to be air-stirred, but delivered, and delivered from the potuisset of that college loan which resummarized the shmile of reaction in Costes. They presented a reckless-looking

college loan 09.11.05 08:37| 
 |
Rispondi al commento

college loan The nation had not merely to be air-stirred, but delivered, and delivered from the potuisset of that college loan which resummarized the shmile of reaction in Costes. They presented a reckless-looking

college loan 09.11.05 08:36| 
 |
Rispondi al commento

carissimo Beppe Grillo,sono un'infermiera professionale,triste in questo periodo,perchè lo scorso novembre mi sono licenziata da un centro di fisiochinesiterapia, dove ho lavorato per nove anni.Là ho imparato tutto: dalle terapie con elettromedicali, dai massaggi e ginnastiche dolci e semplici(l'ex mansionario dell'infermiere professionale del 1994,prevedeva anche queste mansioni).Purtroppo il nostro legislatore con l'introduzione dei nuovi profili professionali nel campo della sanità, ha abolito tale mansionario, mettendo che l'infermiere può lavorare in ambito: curativo,preventivo,riabilitativo e palliativo....Non specifica più le cose che facevo in quel centro (privato tra l'altro, ma convenzionato in parte con l'usl di treviso); sicchè, siccome i capi del centro vivono con l'accreditamento usl, e quindi si parla di budget, ad es: tu caro centro di fisiochinesiterapia,puoi fare per l'anno 2004 tot prestazioni, io usl ti dò un badget.(si parla sempre del Signor DENARO!!!!).Morale della favola mi hanno tolto (pazienza le ginnastiche) i massaggi, ai quali dedicavo interesse,tanto che ho fatto un corso triennale, di massaggio cinese TUINA, (autopagato dalla sottoscritta)nei fine settimana,andando a Firenze (il primo anno), e a Bologna(nei successivi due anni).In più ho fatto dei corsi di aggiornamento continuo in medicina (c'è una legge che parla degli ECM, in ambito sanitario: Educazione Continua in Medicina),nei quali ho potuto frequentare corsi tipo questo: Il massaggio nell'assistenza infermieristica, e un'altro: ginnastica nella neurofacilitazione muscolare, editi dal CEREF di Padova ed accreditati dal ministero della sanità!!!!Insomma nel mio centro ero costretta ad applicare solo elettromedicali, e questo mi rattristì. N.B. il corso di massaggio cinese(qui si parla di medicina alternativa: NON RICONOSCIUTA DALLA LEGGE ITALIANA PERCHE' NON FA PARTE DELLA SCIENZA MEDICO-LATINA-SCIENTIFICA, non sperimentabile!!),e gli altri titoli,non valevano niente!!..continua

mazzi marina 08.11.05 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto attiene alla disfunsione erettile penso che sia un prblema secondario e non principale e sotto tale ttica dovranno essere valutati eventuali farmac per la disfunsione erettile .
Per quanto attiene alle bustine di cartilagine ( di squalo ) che da qualche parte si consiglia assumere per l'artrosi ho qualche riserva .
Interessandomi da 10 anni di medicina non convenzionale ho avuto modo di aver a che fare con tali prodotti sotto forma di capsule ma che venivano utilizzati come aiuto ( coadiuvanti ) nelle terapie tumorali in quanto antiossidanti .
PS. Alcuni mesi or sono su questo blog ho lanciato richiesta per trovare un editore per la pubblicazione degli atti del Workshop Alimentazione e Salute da me gestito .
Mi ha portato fortuna in quanto , salvo complicazioni sarà edito dalla IPSA .
G.

Giuseppe Sperandeo 29.10.05 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Egregio "Dr." Grillo
sono un medico,psichiatra psicoterapeuta,sottoscrivo la sua risposta alla bayer. Fare l'amore non è scopare.
La copula con il viagra è come mangiare l'anguria avvolta nel domopack
nanni pepino

nanni pepino 21.10.05 20:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Grillo, come stai? Prima di tutto spero che la gente la smetta di denunciarti.. e che i buddisti abbiano ragione quando dicono che chi fa del male prima o poi gli ritorna tutto indietro..
Solo che loro credono anche alla reincarnazione e quindi forse intendono che gli torna tutto indietro ma in un'altra vita :)
Beh, sono sicura che troverai sempre piu' gente che ti sosterra', cosi come tu stai sostenendo la liberta' dei bambini: la liberta' di dire la verita'...
Io ti sto scrivendo da Melbourne, in Australia, dove sono venuta per fare un corso post laurea, lasciando il mio impiego di giovane insegnante di inglese in scuola pubblica e pagandomi tutto, perche' mi sono accorta il bisogno ESTREMO che c'e' in italia di educazione sessuale nelle scuole, soprattutto per le ragazze.. Ma non le nozioni, non "questo va qui e questo fa cosi" Gli adolescenti hanno bisogno di poter fare domande.....
...
un posto dove poter chiedere tutto, senza paura, e di ricevere risposte in serenita'..
Il corso che sto facendo non esiste in italia, sono nella facolta' di medicina e il corso e' sulla salute delle donne e in particolare gli effetti della violenza e degli abusi sulle donne nel mondo..
La situazione e' un disastro.. in generale..
soprattutto nei paesi in via di sviluppo..
C'e' tanta ignoranza.. e tanta, tanta violenza sulle donne..e stereotipi e costrizioni..
Finora ho dovuto scrivere dei saggi sulla situazione e i bisogni di salute riproduttiva e sessuale delle adolescenti italiani, uno sulla situazione del traffico del sesso in Europa (allucinante..) e uno sull'industria farmaceutica e come stia commercializzando il testosterone per le donne, per curare le loro "disfunzioni" sessuali, nonostante sia straprovato che sono cause di natura sociale, interpersonale ecc. che causano quei problemi. Il punto e' che c'e' bisogno di tirarsi su le maniche.. Se ti interessa,ti mando volentieri gli allegati. PS che ne dici di 1 sezione sulle donne in italia e nel mondo? bye

Barbara B 15.10.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Salve,

andate a leggere l'articolo:
BEPPE GRILLO: IL "BUFFONE DI CORTE" DEL MONDIALISMO
nella sezione NEWS DEL FUTURO sul sito:

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

Saluti da Gaspare

gaspare petralia 12.10.05 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono medico ospedaliero a RE quindi privilegiato e in una realtà efficiente. Dico: la Sanità è uno strumento politico di confronto-scontro ed elettorale, i medici non hanno voce istituzionale e non abbiamo mezzi di comunicazione "tranquilla" con i pazienti e con i medici di famiglia. Siamo divisi e fà comodo tenerci divisi.Le regole della Sanità sono tante ed i loro cambiamenti sono misconosciuti.Sarò utopista ma, senza una discussione diretta fra medico e cittadino (che poi è la stessa cosa perchè il medico quando esce dall'ospedale ritorna cittadino non mediato dai politici non si avrà mai una conoscenza vera e diretta di ciò che ciascuno si aspetta dal proprio ospedale di riferimento.

carlo cordella 09.10.05 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Egregio signor Beppe Grillo, è con enorme piacere che faccio il mio esordio sul suo pregiatissimo blog, sono alquanto preoccupato non tanto del virus della pandemia, quanto della straordinaria somiglianza del nostro ministro Storace con un grosso e spennacchiato "tacchino" ucraino.
In quanto tale mi sorgono fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni di detto ministro, è lecito chiedersi se non stia coprendo una massiva e clandestina entrata di suoi simili nel nostro paese.......!!!!!
Nel porgerle cordiali saluti e nell'augurare a lei e al suo blog vita eterna (malgrado il virus)
mi congedo con una citazione cinematografica spero a lei gradita: "Pandemia che impressione!".

Suo grande fan Carlo.

Carlo Sabbatini 09.10.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Da quando in qua l'ordine dei medici prende provvedimenti contro i medici?

L'ordine dei medici funziona solo a *vantaggio* dei medici.

ho chiesto di sospendere un medico che mi ha seriamente danneggiato ... giammai .. il medico ci rimetterebbe.

Guardate cosa hanno detto dell'omeopatia ed altre pratiche la cui affidabilita' non e' riconosciuta ... ammettono che l'efecacia non e' riconosciuta, che in alcuni casi e' certo che non sono efficaci e che fanno si' che le persone non si sottopongono a terapie piu' efficaci .. ma un medico deve essere libero di praticarle. Non lo dicono ma e' perche' altrimenti perderebbero lauti compensi.

E poi questo ordine sarebbe ora di smantellarlo. Il suo scopo principale e' pensionistico. Ma cosi' facendo, come i giornalisti, non contribuiscono ai costi della previdenza sociale.

Andrea Fascilla 08.10.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
in relazione al tuo post del 9 Luglio 2005 (Disfunzione dell'etica - lettera al Dott.
Pamparana sul tema "salute/medicina"), volevo fare presente, per chi non lo sapesse, che molti esperimenti su cavie umane effettuati nei lager nazisti (e non solo dal tristemente noto dottor Mengele) furono commissionati nientemeno che dalla casa farmaceutica Bayer. Esistono ancora documenti dell'epoca.
Ciao.

Pietro Cavalli 08.10.05 04:32| 
 |
Rispondi al commento

..Finanziaria nuova..nuovi tagli alla sanità..allegri gente..e come diceva il Terzilli..: "..che vuoi?..vuoi essere ricoverato?..te lo sei portato il letto?..si?..e le lenzuola?..no?..eh..allora ripassa quando ce le avrai che è meglio..."

Riccardo Corsaro 07.10.05 02:53| 
 |
Rispondi al commento

Cercando in rete notizie sul dendrobate, la coloratissima rana amazzonica la cui velenosissima essudazione era usata dagli indios per avvelenare le frecce, ho scoperto che la farmacologia si interessa a questo anfibio perchè se ne può ricavare un analgesico, per affezioni acute e croniche, con efficacia di circa 200 volte superiore alla morfina.
Come altre specie della foresta pluviale il suo abitat si restringe in seguito a deforestazione ed altre forme di rapina dell'uomo.
Molte ancora sono le scoperte in campo farmacologico che si fanno in quel meraviglioso ecosistema.
Cosa fare in concreto per non farlo morire?
E' un appello che mi nasce dal più profondo del cuore avendo trascorso la mia infanzia in Venezuela, cosa che mi pone nello stato d'animo di soffrire fisicamente per gli scempi di cui non vorrei più sentir parlare.
Un saluto Gianfranco.

Gianfranco Signorini 06.10.05 22:18| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere se sono vere le varie notizie trovate in internet che parlano dell'HIV come una falsa e se è vero che non ci sono test attendibili per conoscere la sieropositività di un'individuo..........

luca lodovici 05.10.05 13:23| 
 |
Rispondi al commento

In riferimento a due post inviati da me ieri,agiungo per completezza di informazione.Oggi presso il tribunale di Roma si e' svolta una udienza civile(diritto societario) tra un signore ex prestanome del Prof.Fini fratello del fascista-ebreo Fini,e la Soc.a srl Cave ambulatorio analisi poiche' la societa' di cui fa parte la moglie del Prof.Fini,non ha pagato 600mila euro al suddetto ex prestanome che aveva anche quote della societa' che ha ceduto alla suddetta signora dette quote.Vorrei tanto sapere tramite Storace,quante analisi e intrallazzi vi siano stati.Inoltre vi informo che il S.Raffaele di Velletri,ha un'altra sede di riabilitazione a Montecompatri (castelli romani)dove vengono dirottati dagli ospedali civili i malati ortopedici per la riabilitazione !Mi potete suggerire a chi rivolgermi per far fare discrete "indagini" e scoperchiare qualche maleodorante water?

salvo save 03.10.05 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Il sig. Storace sara' un bugiardo,perche' non pensa affato ai problemi dei cittadini italiani(oggi) e del Lazio(da "governatorew del Lazio).Una mia cliente ricoverata presso l'Ospedale Civile di Frascati ,con camera nei pressi della guardiola,ha udito una caposala che al telefono litigava con un interlocutore per mancanza di farmaci.Tra l'altro diceva:" va bè per gli altri,ma ai cardiopatici che cazzo gli dò? me li faccio spirare in mano?". Certo,doveva dare una mano all'indagato (in Basilicata o Calabria)prof Fini primario del S.Raffaele di Velletri,privato,e ben tenuto con i "dirottati" dagli ospedali civili dei Castelli,privi anche di medicine!Per il mio papa' ci fu chiesto di portare i farmaci per la pressione e altro da casa.Prima dal medico per la ricetta,poi in farmacia e poi....vergognoso,le medicine all'Ospedale.Pronto a testimoniare davanti a qualsiasi giudice!

salvo save 02.10.05 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto su raisatextra un servizio di "60 minutes" in cui si descriveva un programma scolastico finanziato dal governo americano che invita gli adolescenti ad astenersi dal fare sesso per arrivare casti al matrimonio, piuttosto che usare il profilattico. Nel caso che però l'adolescente non tenga fede al suo "voto" (lo chiamano proprio così) il programma comunque incita al non uso della protezione. L'approfondimento del giornalista poi fa notare che per molti giovani americani la definizione di verginità è solo vaginale, quindi c'è un gran numero di giovani che pratica sesso orale e anale, ovviamente non protetti! Tutto ciò promosso dal governo Bush che se ne frega altamente della salute dei giovani e preferisce far felice la parte più estremista della chiesa cattolica (solo quella ovviamente, i veri cattolici dotati di buonsenso non arrivano a queste forme di estremizzazione). Aspettiamo con ansia che il governo Berlusconi importi da noi anche questa "chicca" dell'amico a stelle e strisce.
Ciao a tutti,
Simone.

simone saiu 02.10.05 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe faccio l INFORMATORE MEDICO e a suo tempo ho pure parlato di un farmaco analogo.
Condivido che la D.E. in se non e' una malattia, ma e' innegabile che e' sempre conseguenza di altre patologie fisiche (che tu hai elencato), o psicologiche di coppia e non.
Chi andrebbe dal medico a dire che non gli tira piu?....nessuno!....chi sollevato dal fatto di sapere che non gli tira piu' perche' potrebbe avere altre patologie andrebbe dal medico a riferire il problema?....molti.
Quella che vedi e' solo una abile (forse discutibile) operazione di marketing per fornire una soluzione (in cambio di soldi ...ovvio)ad un problema di cui tanti uomini soffrono ma di cui si vergognano di parlare.....
Lascia stare il gas per gli ebrei che non c'entra nulla.....
Ps: il tuo sano entusiasmo mi piace comunque. Ciao

attilio rivolta 29.09.05 01:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E vogliamo dare la colpa a Fisher? La vicenda finì in un gigantesco scandalo, uno scontro tra scuole di pensiero.
Uno dei miei professori universitari venne chiamato a testimoniare contro la Bayer diversi anni fa, in un processo nella quale la multinazionale era accusata di aver "regalato" a non ricordo quale comune tedesco un appezzamento sotto il quale erano stati "stoccati" residui farmaceutici... il comune usò il terreno per costruire la nuova scuola e qualche anno dopo gruppi di ragazzi cominciarono a sviluppare tumori ematologici con la stessa incidenza delle aree investite dalla nube di Chernobyl... La statistica dimostrò che c'era una correlazione positiva (e il rischio era altamente significativo) ma la Bayer venne assolta. La scuola venne comunque spostata. Risultato: i livelli di incidenza di malattia tornarono entro la media nazionale...
Insomma... io ci mangio con la statistica ma sono convinta che in ambito medico debba rimanere uno strumento conoscitivo e non deduttivo!

Antonio Ferrari 27.09.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
sicuramente sai come vengono fatti molti studi in medicina. Voglio lo stesso scrivere due righe per i frequentatori del forum.

Supponiamo che io voglia correlare il deficit erettile all'ipertensione. Prendo un gruppo di persone col problema erettile e uno uguale come numero ma senza problema erettile; faccio le dovute misurazioni e scopro che il 2° gruppo soffre maggiormente di ipertensione. Sono autorizzato a concludere che le due "patologie" siano correlate? NO, OVVIAMENTE. Possibile invece che esista una predominanza di persone con problemi di peso nel 2° gruppo, fattore di rischio REALMENTE CORRELATO sia all'ipertensione, sia alla prestazione sessuale. Insomma, utilizzare la statistica per i propri fini è semplice.

In questa maniera potrei correlare il deficit erettile con la calvizie, "dimostrando" che i calvi corrono più rischi di impotenza. Sarebbe scientifico? NO, OVVIAMENTE. Semplicemente le persone calve sono anche più anziane ed è normale che abbiano qualche problemino in più nel funzionamento del pisellino.

Fisher, il padre della statistica, venne assoldato da una multinazionale del tabacco per smontare - statisticamente - i lavori scientifici dei ricercatori che cercavano di dimostrare la correlazione fumo - cancro.

Meditate gente, meditate.

Fabrizio Dedola 27.09.05 11:06| 
 |
Rispondi al commento

finalmente un forum in cui si parla di aids in chiave truffa!
la malattia, come sostiene anche il premio nobel k. mullis, sarebbe provocata dai medicinali somministrati ai cosiddetti "sieropositivi" (in particolare l' azt non sarebbe nient'altro che un topicida).

MASSIMO GIUPPONI 26.09.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno studente di medicina ed in quanto tale fino ad ora a parte calci e spintoni non ho avuto niente da nessuno......
Il sesso è L'ANTISTRESS naturale per eccellenza (meglio della valeriana che si da ai bimbi per dormire) ed in quanto tale contrasta le malattie legate ad esso ahime molto frequenti nella terza età.
è chiaro che ogni studio condotto su farmaci per la disfunzione erettile (l' impotenza) evidenzierà effetti protettivi su tali patologie (diabete ipertensione...) ognuno si faccia la sua idea senza colpevolizzare affermazioni scientifiche che hanno una fondatezza che non può essere sindacata da chi non è informato.
altro simpatico aneddoto sulla Bayer lo sapevate chi ha inventato l' eroina ?
era una sostanza che la bayer voleva introdurre per la tosse!!!!!!
Anche qui faccio un piccolo inciso , io non so perchè non sia uscita in commercio forse una crisi di coscienza o forse un controllo severo di una commissione, ma poi come si è diffusa ????
PS
lo scandalo lipobay è stato un po mantato dai media per rincorrere un sensazionalismo che fa sempre notizia, in rtealtà ci sono tantissimi farmaci in commercioanche più tossici del Lipobay ed il fatto che dopo la commercializzazione massiccia si scopra che una molecola farmacologica 'fa male' non dovrebbe destare scalpore anche perchè gli effetti collaterali vangono gioco-forza scoperti solo dopo il largo utilizzo.
Grazie Beppe!!!!

Massimo Saviano 21.09.05 01:10| 
 |
Rispondi al commento

Volevo dire qualcosa sul problema degli assegni di accompagnamento per gli ammalati.
Purtroppo a me è capitato di dover fare tale richiesta causa malattia di mio padre,

1) il medico curante fa la richiesta

2) si porta la richiesta all' ufficio A.S.L. competente che ti da l'appuntamento dopo 3 (TRE) mesi
3) si va alla visita chi può (consiglio chi ha un problema del genere di fare venire quelle m...e di dottori?
a casa per la visita)
4) si entra dentro e quelle m...e ti guardano come se ti dovessero regalare i soldi di tasca loro.
5) dopo 5 max 10 minuti di visita(?) di dicono vada pure senza aggiungere altro e passano altri 3 (tre) mesi
totale mesi 6 (sei).
6) alla fine arriva la lettera dove sta scritto che mio padre è riconosciuto invalido al 100% ma che non ha diritto
all'assegno, anzi che non inoltrano neppure l'istanza all'I.N.P.S. anche se il paziente non può svolgere
nessuna funzione in modo autonomo consone alla sua età.
7) mio padre dopo 2 (due) mesi dall'ultima lettera è mancato.
8) guardando i Tg questa estate scopro che a Napoli (ma potrebbe succedere anche da altre parti, lo specifico per non essere accusato di razzismo) una famiglia di 9 (nove ) persone hanno ttutte l'assego di accompagnamento.
9) fra pochi giorni vado all' A.S.L. della mia zona e prendo a sberloni quelle m...e di pseudo dottori.
11) mi beccherò una denuncia?
12) qualcuno ha dei consigli da darmi?
Grazie
Marco

marco balzaretti 19.09.05 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Eccone una buona davvero... se non si sta a sottilizzare sulla morale insita.

Dalla nascita sono affetta da un handicap che mi impedisce di camminare e proprio per questo mi sono sempre avvalsa di una sedia a rotelle. Ora, per quanto consideri la carrozzina il minore dei mali possibili - potrei possedere il QI di un medico medio dell'ASL e allora sì che sarei conciata peggio! - ho sempre covato il segreto desiderio di darmi al footing. Il punto è che qualche anno fa mi sono rotta un femore e mi hanno ricoverata. Dopo gli esami di rito e l'ingessatura, mi dimettono con un bellissimo foglio di prognosi su cui è annotato: "La paziente potrà riprendere a deambulare tra due settimane, col supporto delle stampelle". C...!, ho subito pensato, se me lo avessero detto 25 anni fa che bastava rompersi un femore per poter camminare, mi prendevo a martellate seduta stante (in piedi stante non ci sarei altrimenti riuscita)! Piena di speranza chiedo conferme al medico che mi aveva curato la gamba (e sì, perchè non sono i pazienti ad essere curati, ma le loro parti anatomiche, come se fossero realtà separate), e questi, senza dar segno di alcun imbarazzo, si limita ad aggiungere a matita alla succitata frase: "se le sue precedenti condizioni lo consentono". Come a dire che la gamba me l'hanno aggiustata, ma per i miracoli non sono ancora attrezzati. Peccato, mi ero illusa. Non contento comunque, prima di uscire dallo studio il medico si premura: "Mi raccomando, quando si alza non carichi il peso sulla gamba destra". Una raccomandazione invero doverosa: puta caso che vado a Lourdes e su invito della Madonna mi alzo e cammino... meglio non sforzare l'arto ferito.
E questo è solo uno dei mirabili esempi del mio repertorio socio-sanitario. Un giorno ci scriverò un libro... tempo dovrei averne visto che non ho più il problema del footing.

Angela Gambirasio 19.09.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Salve!! Non ho un commento da fare , ma una domanda da porre al Partigiano Beppe Grillo.
Pier Luigi Ighina braccio destro di G.Marconi di cui penso abbia sentito parlare, aveva compiuto degli studi sull'energia (atomo)e non solo,facendo delle scoperte e invenzioni a dir poco incredibili.Possibile che nessuno abbia fatto niente per divulgarle ?
Grazie siamo con lei SEMPRE!!

Antonio Rucco 14.09.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Salve!! Non ho un commento da fare , ma una domanda da porre al Partigiano Beppe Grillo.
Pier Luigi Ighina braccio destro di G.Marconi di cui penso abbia sentito parlare, aveva compiuto degli studi sull'energia (atomo)e non solo,facendo delle scoperte e invenzioni a dir poco incredibili.Possibile che nessuno abbia fatto niente per divulgarle ?
Grazie siamo con lei SEMPRE!!

Antonio Rucco 14.09.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, se ogni anno tutti i calciatori italiani delle massima serie devolvessero anche solo un 10% del loro "salario" alla ricerca, quante malattie troverebbero una cura?

paolo mattei 13.09.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

non ci si può più fidare neanche dei medici; dovremmo diagnosticare e curare le nostre malattie da soli......
A che punto siamo arrivati?

E' un comico che ci deve dire la verità sui casini, complotti e tutto lo schifo che ci ciconda...

Siamo a livelli assurdi!!!

Ringrazio Beppe Grillo perchè sono felice di sapere che ancora ci sono persone che si danno da fare per cambiare qualcosa....non il mondo...ma almeno qualcosa!!

cristian pappafava 12.09.05 09:05| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno che crede nella medicina naturale (perchè l'ha anche studiata per anni) ed è 15 anni che non ingoio un farmaco, sto benissimo e spero di essere così per altri anni ancora. Anche per mio figlio ho fatto la scelta di non vaccinarlo con quei veleni che vanno ad ingrassare le multinazionali del farmaco e che non servono a nulla ( e che fanno i soldi nell'acqua), però gli altri bambini si ammalano molto più spesso e con maggiore intensità del mio, questo vorrà dire pur qualcosa!!!
Ma quale medicina si sta masticando oggi nei nostri ospedali???
parlo dell'eperienza che ho vissuto con mia madre che dopo la terza chemio (la medicina nucleare del 2000 !!!) è rimasta paralizzata dal tronco in giù, per poi morire qualche mese dopo, per fortuna.
Ma che tipo di medicina è, e ci vogliono far credere che sia!!!

un ringraziamento a Beppe per tutto ciò che sta facendo

Luciano Perfetti 06.09.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno che crede nella medicina naturale (perchè l'ha anche studiata per anni) ed è 15 anni che non ingoio un farmaco, sto benissimo e spero di essere così per altri anni ancora. Anche per mio figlio ho fatto la scelta di non vaccinarlo con quei veleni che vanno ad ingrassare le multinazionali del farmaco e che non servono a nulla ( e che fanno i soldi nell'acqua), però gli altri bambini si ammalano molto più spesso e con maggiore intensità del mio, questo vorrà dire pur qualcosa!!!
Ma quale medicina si sta masticando oggi nei nostri ospedali???
parlo dell'eperienza che ho vissuto con mia madre che dopo la terza chemio (la medicina nucleare del 2000 !!!) è rimasta paralizzata dal tronco in giù, per poi morire qualche mese dopo, per fortuna.
Ma che cazzo di medicina è, e ci vogliono far credere che sia!!!

un ringraziamento a Beppe per tutto ciò che sta facendo

Luciano Perfetti 06.09.05 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Riporto questa lettura interessante perchè mi interessa da vicino e visto che credo che solo
l'inforamzione sia l'unica nostra salvezza, che fosse a conoscenza di qualche notizia utile sull'argomento le sarei grata ne facesse pubblicità :
"attenzione... ho scovato una notizia INCREDIBILE
in giappone un gruppo di scienziati hanno scoperto la causa della PSORIASI e della
Dermatite seborroica ....

ma la cosa grave è che questa cura nn è assolutamente pubblicizzata...
perche' ??? le case Farmaceutiche hanno versato nella casse di questo gruppo di scienziati circa 40 milioni di euro per farli tacere....
calcolando che tra 10 anni tutte le persone affette spenderanno almeno 10 volte tanto per curarsi cn i palliativi presenti sul mercato le case farmaceutiche ci guadagneranno come al solito un sacco di soli .... !!!!
che mondo di M.....A

la gente soffre !!!
le cure si sanno
ma nn parla nessuno !!!

l'unica cosa certa che si sa e' ( scoperta Americana se nn erro )
che uno degli effetti scatenanti della psoriasi sia la proteina STAT3
info su google per saperne un po di piu'"

Guglielmina Rotondo 05.09.05 10:49| 
 |
Rispondi al commento

sono una donna operata al seno di tumore nel ospedale Casa Solloevo della Sofferenza. I medici molto bravi e preparati. Hanno bisogno di una macchina per radiare il paziente direttamente in sala operatoio. Sarebbe un bel gesto sè qualcuno potesse donare questa macchine. Contattare il Dott. Scaramuzzi Gerardo 0882 410273 Primario di chirurgia Toracica. Grazie

barbara bernardi 29.08.05 10:43| 
 |
Rispondi al commento

So che quello che sto per denunciare non è un caso unico, ma lo faccio lo stesso.
A Gennaio del 2004, fui sottoposto ad accertamenti per una febbre molto alta che mi aveva assalito; dopo Rx vari e Tac (mal fatte), mi fu diagnosticato un (probabile) tumore ai polmoni. Mi si voleva sottoporre a mille sevizie, anche riconoscendo che non avrebbero dato alcun risultato definitivo e tutto questo è durato fino a che ho fatto un viaggio della speranza in Inghilterra, grazie a mio figlio, dove mi hanno detto che avevo avuto una broncopolmonite e che ero guarito.
In contraltare, avevo dei disturbi che si collegavano alla zona del cuore e, sempre allo stesso Ospedale (Cardarelli di Napoli), mi fu detto che era una semplice nevrite. Vista la persistenza del dolore, nuovo viaggio della speranza e, nell'Ospedale di Reading, mi è stata diagnosticata una ipertensione (181/110), colesterolo oltre il livello di guardia e una Angina Pectoris, per la quale dovro' essere ricoverato, in tempi brevi, giacchè una arteria è completamente occlusa.
Mi scuso per lo spazio occupato, ma avevo necessita' di sfogarmi, visto che nessuno accetta una benchè minima responsabilità per quanto mi è accaduto.
Grazie
Ferdinando Colangelo

Ferdinando Colangelo 29.08.05 10:40| 
 |
Rispondi al commento

RICONOSCIMENTO BAMBINI IN OSPEDALE

Saluto tutti quelli che hanno l'adsl a 2 e 4 Mega e anche i poveri e disgraziati con il collegamento a 56 kb/sec.

Oggi 28 Agosto 2005 un'altra mamma è stata colpita da un colpo di emorragia dopo avere buttato il proprio figlio appena nato in un cassonetto.
A cefalù non c'è questo problema perchè i cassonetti fatti fare dalla sindachessa hanno sistema meccanico che i rifiuti li va compattando ed il problema non sorgerà mai di tentare di salvare la vita a qualche povera e disgraziata creatura.

C'è da tempo una legge che permette alla mamma che partorisce in ospedale di non riconoscere il proprio bambino che nasce.
Appena uscito naturalmente dall'apposito contenitore materno femminile l'infermiera con un sorriso smagliente potrà chiedere all neomamma:
"Questo bimbo è suo?"
La mamma portà rispondere: "No non lo conosco. E' la prima volta che lo vedo".

Rosario Costanzo 28.08.05 20:36| 
 |
Rispondi al commento

http://blogs.dotnethell.it/diabete/

Fabio Somma 28.08.05 17:06| 
 |
Rispondi al commento

gentile staff,se e'possibile vorrei sapere,per quanto riguarda skype,i requisiti minimi che occorrono per usarlo(programma windows,accessori vari e se e'necessaria l'adsl).
inoltre desidererei sapere se esiste una remota possibilita'che la telecom che detiene la proprieta'di alice adsl possa sfuttare la connessione e tassare le telefonate di skype voip...
nel ringraziarvi anticipatamente per la considerazione,vi faccio i complimenti per il sito e le notizie che molti dovrebbere sapere ma pochi sanno.....e mi complimento personalmente con il sig.beppe grillo perche'e'veramente obbiettivo in cio'che dice e lo dice senza interessi di nessun tipo!!!!!

fabrizio falzoi 26.08.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe se ho ben inteso la lettera cui fai riferimento nell'articolo "Disfunzione dell'etica' debbo dire che forse è stato frainteso il significato della stessa; è infatti innegabile che la disfunzione erettile può essere una conseguenza di patologie quali diabete(microangiopatia diabetica) o patologie cardiovascolari. Sebbene sia un umile odontoiatra all'università ci hanno dato basi abbastanza solide di medicina generale. Detto questo vorrei complimentarmi con te per l'impegno e la dedizione con cui ogni giorno denunci quanto aberrante sia ormai diventata la soietà in cui viviamo. Ti auguro e mi auguro che sempre più persone imparino ad aprire gli occhi. Ciao

paolo lopolito 22.08.05 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, volevo comunicare al Sig. Roman Malych e a chi ne fosse interessato che anch'io dormo poco la notte grazie alla mia seconda genita di 4 mesi ora, anche noi abbiamo cominciato con Umana 1 (caldamente consigliato in ospedale al momento della dimissione), la ns. pediatra ci ha detto che ordinando in farmacia si può avere il latte a 'prezzo europeo' ciò significa che 900gr li paghiamo 9 euro. E cosi abbiamo fatto ordinando il Neolatte 1 in farmacia. Continuando le ricerche siamo venuti a conoscenza che tale latte è prodotto con una ricetta di qualche anno fa acquistata dalle 'grosse' case produttrici di questi alimenti e ci hanno consigliato un ulteriore latte che è il NIPIOL 1, prodotto dalla Plasmon (non so se Plasmon = garanzia) e che trovo sia nei negozi specializzati per prodotti per bambini che in un supermercato, il prezzo in entrambi i casi è di euro 10,50. C'è anche il latte di proseguimento nr. 2. Se non fosse stato così avrei optato anch'io per l'ordine via Internet.
M.Cestaro

Michele Cestaro 22.08.05 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Navigando, ho incrociato quanto segue:
www.nuovamedicina.com
Io non sono in credulone, nè sono facilmente suggestionabile, ma sarebbe bello se.......
Caro Beppe, cosa sai in merito?
Immagina se fosse vero, che fine farebbero le multinazionali del farmaco?
Per autodifesa, brucerebbero Giovanna D'Arco?.
Un forte, fraterno abbraccio ad un AMICO della gente.......

Dionisio SICOLI 22.08.05 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, che ne pensi della vergognosa intromissione del privato nelle strutture pubbliche sanitarie? Ti spiego brevemente cos'hanno proposto a mio padre affetto da cancro al rene dal 2003 e deceduto un mese fa all'età di 62 anni. Marzo 2003,visita urologica nello studio del viceprimario del reparto di Urologia dell'Ospedale Cà Foncello di Treviso: il viceprimario ci propone l'intervento di asportazione del rene "a pagamento" (per un importo di circa 22000 euro)nella struttura pubblica. Una volta alla settimana gli urologi dispongono di sala operatoria e attrezzatura per effettuare interventi a pagamento e li propongono ai pazienti ricoverati. Inutile dirti che "a pagamento" si è sicuri di essere operati subito, aspettando i tempi normali chissà, la lista d'attesa è lunghissima, non c'è una graduatoria di gravità ed urgenza. Mio padre, profondamente "schifato", decide che se proprio deve pagare, i soldi li dà al miglior urologo e non certo al personaggio in questione ma, haimè,nell'attesa di decidere cosa fare, viene ricoverato d'urgenza per una violenta cistite emorragica. Non si può più aspettare: l'intervento dev'essere effettuato tempestivamente (il carcinoma aveva un diametro di 12 cm!)e le condizioni di mio padre peggiorano di g in g, non è più trasportabile in un'altra struttura sanitaria, per cui dobbiamo consegnarlo nelle mani dei cari urologi di Treviso. Viene fissata una prima data dell'intervento (nota che noi decidiamo di non pagare) poi posticipata, una seconda, una terza, una quarta, una quinta, tutte posticipate per "problemi diplomatici" come ebbe a dire il viceprimario (il primario ha 76 anni e non opera da tempo ma prende la sua parte di guadagno in questi interventi fatti "privatamente" all'interno dell'ospedale pubblico) tra i reparti di urologia e di cardiochirurgia (delle importanti implicazioni del tumore nella vena cava facevano sì che dovessero partecipare all'intervento anche i cardiochirurghi). Al quinto posticipo (erano passati più di due mesi e le condizioni erano tremende, il coaugulo alla vena cava era aumentato ben 2 cm in 20 gg di ricovero!)decido che è ora di andare in Direzione Sanitaria a protestare, alla protesta "verbale" segue una lettera scritta in cui spiego tutto e la faccio pure protocollare. Morale della favola: la sala operatoria è disponibile e i cardiochirurghi non erano nemmeno a conoscenza della gravità della situazione in quanto non informati dai colleghi(di quali "problemi diplomatici" si trattava, allora?), mio padre viene operato d'urgenza l'indomani, era il 30 maggio 2003. In Direzione Sanitaria mi fanno capire che sono a conoscenza di ciò che accade in Urologia ma che non possono fare niente (il primario è troppo potente), era meglio, mi dicono, se andavo subito, al primo posticipo, a protestare. In seguito, da quanto mi è stato detto, tutte le parti in causa hanno dovuto scrivere una relazioncina sull'accaduto e tutto è finito lì, continuano imperterriti a proporre gli interventi a pagamento e a far aspettare chi non paga, c'è chi è morto nell'attesa (il padre di un mio conoscente ha aspettato 9 mesi e quando l'hanno operato era troppo tardi). Ritengo che questa sia una cosa vergognosa. Sicuramente un intervento fatto qualche mese prima non avrebbe guarito completamente mio padre ma sicuramente le sue aspettative di vita sarebbero state migliori, avrebbe affrontato le terapie con un fisico non debilitato dai lunghi mesi di attesa (in quei due mesi di ricovero è dimagrito di 15 kg). Che te ne pare? Ti sembra giusto che i medici possano (alcuni medici, fortunatamentenon non sono tutti così)aprofittare del loro ruolo nella stuttura pubblica per arricchirsi, e possano pure disporre della struttura pubblica in questo vergognoso meretricio? Non si tratta di piccoli interventi ma di importanti ed urgenti interventi di asportazione di tumori! E chi non può pagare che fa? E chi non è in grado di scriverla una lettera che fa? Spero che la gente si svegli un pò e cominci a protestare ma spesso di fronte a certe situazioni di malattia si è inermi e annichiliti.
Scusami dello sfogo.
Mari

Mariangela Riva 21.08.05 01:00| 
 |
Rispondi al commento

Cari bloggers. Volevo portare a conoscenza di tutti che sia io che altre cari amici miei abbiamo letto il libro di Allen Carr "Easyway to stop smoking" (allegato a focus di luglio) ed abbiamo smesso di fumare. Sembrava un'assurdità: leggevo smettere di fumare è facile... eh si facile lo dicono loro che è facile , ma uno come me che ha già provato 2 volte ho fatto una fatica bestiale mi vengono a dire che è facile! Invece è davvero facile smettere. Basta leggere il libro. Si investono meno di 10 euro e in cambio si ha un dono meraviglioso: la salute! E quanto risparmio di denaro a fine mese! L' autore non è un medico ne uno psicologo ne un esperto ricercatore. E' semplicemente un commercialista inglese che fumava 100 sigarette al giorno ed ha smesso di colpo trovando un sistema eccezionale. Egli non usa tecniche intimidatorie del tipo se non smetti ti viene il cancro. Queste cose un fumatore le sa già e non servono a niente. Ti fa solo vedere le cose in modo diverso, ti fa ragionare, ti fa notare il bardamento quotidiano che ci fanno in tv e al cinema a livello subliminare. Se non siete fumatori allora scusate dello spazio, ma se lo siete o volete fare il più bel regalo che possiate fare ad un amico o parente fumatore con pochi euro gli donerete una gioia immensa. Sappiatemi dire.
Grazie dello spazio. Ciao a tutti e ricordate Allen Carr "Easyway to stop smoking"

Andrea Bernolfi 20.08.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo a cristina patelli, se le è possibile, di darmi la fonte di quanto da lei affermato al riguardo della pillola Jasmine. La mia Ragazza ha acquistato la suddetta in famacia la scorsa settimana e risulta ancora regolarmente in commercio!

Fabio Ranise 18.08.05 09:03| 
 |
Rispondi al commento

Ti dico in anticipo che sono un sindacalista di RdB e , quindi , un pregiudicato . Così non ho altri peccati .
Ho in corso un attacco alla barriere della sanità pubblica .
Mia suocera ( due ictus , diabete mellito , totalmente inabile , legge 104 etc.) una decina di giorni fà ne ha avuta una delle sue :guardia medica , 118 , ospedale ( ci sarebbe da scrivere un romanzo a parte ) potassio 7/8 , glicemia 650 , elottrolitici scompaginati etc. . Dieci giorni di lazzaretto , vergogne e umiliazioni , intolleranze , accidia , incopetenza , velate possibilita di "maggiore comprensione ; riequilibrio , in qualche modo , delle funzioni vitali e ti sbatto fuori ( ora si usa così ) la suocera ancora più intontita , con situazione generale scadente , edemi , piaghe e sofferenze varie .
Ma non importa , ci facciamo coraggio e le diamo aiuto .
Ma c'è bisogno dell'intervento di un oculista perchè non ci vede ( amenoacampsia? emorraggia cerebrale ? cecità da glicemia ?) ; occorre un neurologo ( prima ci si poteva parlare ora molto ma molto meno e potrebbe avere avuto un altro ictus !) ; e , principe dei vecchi ; un geriatra .
Non fosse mai stato !
La sportellista si è indignata : " Ma come tre visite specialistiche a domicilio ? Non ia mai !"
Ma guardi che le ha consigliate l'ospedale e il meico ha fatto le richieste ; non le ho mica scritte io .
Non esiste ... Dottoressa (non so chi ma la riconoscerei ...) che ne pensa lei ?
Anche questa ( che non è una di quelle che a Napoli concedono la pensione di invalidità a 25 persone della stessa famiglia , o forse si e , perciò deve coprire il buco negando , invce , ai poveracci che hanno davvero bisogno ma di cui lei se ne frega ) si indigna :"Ma che andate dicendo? tre visite specialistiche a domicilio? Vorrei vedere se dovreste pagarle!" .
"Ma come se dovremmo pagarle! Ma guardi che noi tutti i mesi paghiamo . Paghiamo dal nostro stipendio l'assicurazione obbligatoria ch comprende le visite e , pure , il suo stipendio. Guardi che lei non è mica lì per prendersi cura dei nostri affari personali , deve darci consulenza perchè mia suocera sia assistita!"
Finimondo ; rifiuto netto ; ricorso all'U.R.P. ( Ufficio Relazioni con il Pubblico) .
Un signore per bene si scusa , ci assiste , và dalla signora di prima e ci invia nuovamente .
Questa parla , un pò più calma , parla , parla ma ritorna ad una sola visita .
Allora io mi incazzo ( pardon mi adiro ) e la metto all'angolo con una serie di ragionamenti di carattere sociale .
Niente .
Torno Dal signor U.R.P. che và da un dottor : " ma se le richieste le portavano in tre giorni diversi?"
Me le dia , queste richieste , che le autorizzo .
Si poteva fare !.
Non vi racconto il giro di telefonate della lesa maestà che prima aveva negato :"mi avevte fatto fare la figura..."
"Ma signora ( mi aveva confessato chenon è dott.), in fondo mi pare che tutto ciò significa che si poteva fare , bastava non prendersi di puntiglio..."
Insomma , noi non facciamo medicina d'urgenza : i medici verranno quando possono perchè il servizio a domicilio è su base volontaria...
Azzardo:"Ma , su base volontaria dichiarata una volta , immagino , non credo che il medico , a suo piacimento , và o non và ..."
Insomma , abbiamo trenta giorni a partire da quando consegno la richiesta autorizzata!Per ogni medico ..."
"Ma ci sarà una lista di attesa , posso vederla ?"
"Non c'è alcuna lista d'attesa , è il medico che decide secondo i suoi impegni ... Entro trenta giorni , dunque ".
Bhè , in linea di principio si potrebbe considerare una battaglia parzialmente vinta .
Anche perchè , dopo circa mezz'ora è arrivato l'oculista che ha trovato del tempo libero ; venerdì verrà il geriatra che dopo un pò di atteggiamento ostile ( a seguito di intervento della signora presso la stanza dove questi effettua il ricevimento ) si è lasciato intenerire .
Non ci sono neurologi , al momento , perchè tutti in ferie ( per me che sono un misero impiegato d'ordine , ci vuole il sostituto prima di darmi le ferie !). Ma verra anche il NEUROLOGO : QUINDI SI POTEVA !
Adesso ho scoperto che esiste un servizio si ADI ( Assistenza Domiciliare Integrata ) , legge 328/2000 : gli anziani , gli oncologici , i soggetti HIV ...
Vado dal mio medico : ci vuole un modulo .
Vado a cercarmi il modulo .
Il medico lo riempie con delle cose ( forse si è scordato chi è la sua paziente ) ...
Glie lo rispiego ...
Vado alla ADI : il primo signore che ho incontrato ( dopo avere chiesto a chi rivolgermi a due signore che mi hanno lasciato dietro la porta ad aspettare per dieci minuti mentre parlavano , fumando tranquillamente sedute , dei loro affari di famiglia) , un infermiere che ha cominciato con lo spegarmi , non come accedere al diritto , ma : perchè non avrebbero , probabilmente , potuto darcelo ...
Prima ipotesi è che la signora anziana ( appunto per questo ) è cronica : il nostro intervento è previsto per i casi acuti ( per meglio capirci : una frattura a seguito della quale occorre fisioterapia ) .
Ma io , ormai incoraggiato dai miei precedenti successi , insisto , anzi oso :"Mi permetta , la legge parla di assistenza agli anziani non ultrasessantacinquenni non autosufficienti... per forza di cose , direi , cronici "!!!
Si è convinto a mandare la "commissione medica" . Anzi , dopo aver dato un'occhiata alla scollatura di mia moglie ha deciso che anche lui farà parte della commissione :Dio , ci sarà un prezzo così alto da pagare ?
Vi farò sapere il resto , se vi farete annoioare ancora .
Ciao .
Fiorello Rizzo
Via Gaetano La Loggia , 192 Palermo .

Fiorello Rizo 17.08.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

ho visto il tuo spettacolo 2005 in dvd a casa di amici,ti ringrazio perchè ci aiuti a riflettere su molti problemi esistenti facendoci morire dalle risate.Sono ormai 20 anni che non uso medicine,anche se con maggior dolore e più lentamente, si guarisce comunque. Questa premessa è per dirti che sono pienamente daccordo con te che le case farmaceutiche non hanno nessuna morale e nessun rispetto delle persone visto che pur di alzare il fatturato abbassano la soglia dei valori delle malattie.Da sempre lotto contro l'uso delle medicine,soprattutto nei casi delle non malattie che tu hai elencato nel tuo spettacolo , che tutti hanno e che tutti cercano di curare sempre e solo con le medicine.P.S. Io penso siano le case farmaceutiche stesse,a generare nuove malattie e relative cure.Pensi che esagero a credere questo?

vento antonio 17.08.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ti ho già scritto altre volte, (io ho comprato il tuo dvd) volevo dirti che la pillola jasmine è stata tolta dal commercio in italia perchè in un paese una ragazza è morta a causa di una trombosi provocata da questa pillola, visto che anche tu ci avevi detto che questo medicinale era pericoloso perchè il governo ha dovuto aspettare che morisse una ragazza prima di toglierla???????????????????
Spero che tu abbia passato delle belle vancanze!
Ciao Cristina

cristina patelli 16.08.05 18:57| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti,
io sono una giovane donna che ha dovuto purtroppo combattere il "MALE" grazie al cielo benigno (come si fa a chiamare un tumore benigno), quello che so è che un anno fa ho subito un intervento in testa sono fortunata perchè posso raccontarlo, e perchè sembra non si farà piu vedere però ha lasciato molteplici complicazioni, a cui non sono ancora abituata.
Questa prefazione per dire che nonostante i controlli precoci nessun medico (neurologi) ha pensato a una semplice risonanza magnetica, ho sofferto di violenti mal di testa per un anno e tutto quello che ho ricevuto sono state delle pillole,quando il mio occhio destro fu compromesso solo allora con urgenza feci la risonanza (ovviamente a pagamento) e finalmente ho scoperto l'intruso. Io non immaginavo assolutamente di avere un meningioma,è stata una notizia terribile, continuavano a dirmi che ero fortunata perchè era benigno ma dovevo operarmi subito.
L'intervento è andato bene posso camminare parlare, l'ospedale è stato magnifico, le persone eccezionali.
I miei figli non sanno nulla per loro mi sono assentata per dei controlli.
Ma se non avesse colpito l'occhio destro, quando gli esperti se ne sarebbero accorti ?
La mia vita è cambiata non ho più tanta fiducia nella prevenzione, il numero di persone è alto che fa i cosiddetti controlli ma quanto sono attendibili?
Scusate sono solo una mamma molto impaurita
Grazie
Ciao

rossella arru 16.08.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Pil cresce…
Da poco mi è capitato un miracolo. Sono diventato papà. Stupendo, anche se di notte non si dorme molto. Ma…
Siamo stati costretti alternare il latte materno con il latte artificiale. Mi rendo conto perfettamente che questo argomento è ormai conosciuto. Vorrei solo aggiungere alcune informazioni e ovviamente tutti documentati.
Il latte prescritto si chiama Humana1, prodotto in Germania e confezionato a Milano. Il prezzo? Nel quartiere Balduina di Roma sono riuscito a girare 5 farmacie. Il prezzo varia da: 17,15 – 13,50 – 16,40… fino ad arrivare a 11,90 per 400 grammi. L’ho preso pensando che sono fortunato avendo trovato un super sconto Storace. Ripassando nella stessa farmacia qualche giorno dopo un'altra commessa mi ha fatto 13,50. Forse non le piaceva la mia faccia. Chi sa…
A casa rosso di rabbia ho trovato un sito della casa produttrice: www.flaschenmilch.de e guarda caso lo stesso latte costa solo 9,59 al chilo anzichè 29,40 euro come è venduto in Italia. In due minuti ho ordinato 4 confezioni da 900 grammi pagando con le spese di spedizione (12 euro) 47 euro. E poi il Pil cresce …si ma quello tedesco.
Ho in mano tutti gli scontrini e varie testimonianze in caso di necessità…

Roman Malych 14.08.05 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
ho visto ieri il tuo spettacolo a Roma e ti vorrei fare miliardi di complimenti per il coraggio che hai sempre dimostrato e per la voglia di continuare ad aprire gli occhi a chi ce li ha chiusi o semplicemente non ha voglia di aprirli.....
ho due appunti però da farti:
il primo riguarga la disfunzione erettile: anche se rientra nelle non malattie sarebbe giusto a mio avviso trattarla per il semplice fatto che compromette la salute dell'uomo se per salute si intende (come giustamente indicto dall'OMS) il benessere fisico psichico e sociale dell'individuo; se infatti la disfunzione erettile compromette la vita di relazione di un uomo e gli crea problemi di ordine "psichico" che potrebbero minare la vita di coppia e di conseguenza il benessere psichico e sociale di cui avevo parlato allora secondo me dovrebbe essere curata!.
Nello spettacolo di Roma hai poi parlato della prevenzione del cancro del colon.......a parte che è estremamente "pericoloso" sottovalutare l'importanza della prevenzione in un Paese che per cultura va dal medico solo per riempirsi gli scaffali di medicine o quando proprio non ne può fare a meno,è proprio sul cancro del colon che si vede l'importanza della prevenzione: è un tumore che ha quasi il 100% di mortalità perchè nella maggior parte dei casi è asintomatico e viene scoperto solo in fase avanzata.....è per questo che con una seria prevenzione si potrebbero abbasare pesantemente i suoi indici di mortalità! sensa pensare al discorso costo benefici che in medicina è tutt'altro che cinico: trattare tempestivamente un tumore vuol dire risparmiare una marea di risorse che potrebbero essere utilizzate per trattare mlote altre patologie che sono in secondo piano o incentivare una seria ricerca che potrebbe che in Italia ha potenzialità enormi ma secondo me un futuro tristissimo...........
ti ringrazio per lo spazio concessomi
un salutone
Massimiliano

Massimiliano Toscano 12.08.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di "farmaci da banco"

Ho letto di recente in merito ad una iniziativa volta alla vendita dei cosidetti "farmaci da banco" presso la grande distribuzione.
Credo sia stata una iniziativa della durata di una giornata e poi nulla più.
Manca la Legge (ma ce ne vuole una?)e poi c'è stata l'immediata sollevazione della potente lobby dei farmacisti (lo metto minuscolo), i quali nei loro negozioni ricchi ed opulenti vendono di tutto...dallo spillo al carroarmato!
E se ti serve un farmaco con prescrizione...ma ti conoscono bene o ti hanno già visto in zona...te lo vendono senza problemi etici, morali e di ricetta.
Mentre negli USA, dove mi reco spesso per lavoro il farmacista o la farmacia è un banco all'interno di un negozio che vende di tutto...inclusa la famigerata aspirina (guarda un'pò, della Bayer...che da noi si lamenta), oltre a vitamine di ogni genere e prodotti o medicamenti blandi di prima necessità.
E se ti serve un antibiotico (a me è capitato) deve mostrare la ricetta e comunicare esattamente per quanti giorni di cura e poi ripassare alla sera per il ritiro.
Eh si perchè il lavoro del farmacista è...produrre il farmaco...non vendere cyclette o preservativi, oppure apparecchi per la pressione o peggio creme per la cellulite.
Ed i farmaci costano, forse troppo...ma in questo modo non si abusa di un prodotto che genera sempre un'effetto collaterale.
Quando da noi i farmacisti ritorneranno a fare il loro lavoro?

Beppe ieri sera ho visto il tuo spettacolo su DVD.
Come sempre approvo, ma al tempo stesso sono spaventato e vorrei reagire ma non so come.
Vorrei eliminare i tronchetti e tutti i postulanti che pensano di salvare l'Italia. Ho scelto il meno peggio degli altri, l'omino di Arcore e sai perchè?
Perchè almeno lui non mette in cassa integrazione i suoi dipendenti, prende i soldi di Stato dall'Inps e poi va a costruire qualcosa in Polonia o Romania come fanno gli altri a Torino.
E poi chi è senza peccato...

SILVANO COLOMBO 11.08.05 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Sarà sicuramente vero che il post di Beppe non è centratissimo, ma credo anche che il buon Beppe non sia onnisciente e come tutti gli esseri umani possa dire inesattezze. Intanto ha sollevato un problema dal suo punto di vista, fatto da cui è scaturita una discussione con informazioni decisamente interessanti da parte di un medico (ammettiamolo, le battute ciniche che ho sentito in una sala operatoria sono da brivido... e no! Non ero io sotto i ferri.) che ha puntualizzato la faccenda. Lo stigmatizzare ulteriormente la "svista" è inutile. Io trovo comunque pericoloso, a prescindere dal discorso etico e dal discorso di opportunità economica, che questo tipo di informazione poco chiara va a aumentare quella sensazione di ansia, di paura, di pericolo, che i media vanno diffondendo ogni giorno. Da che mondo è mondo ad agosto c'è la canicola e Firenze è sempre stata una delle città più calde. Oggi si mobilita pure la protezione civile e i prefetti diramano stati di emergenza. Siamo all'isteria collettiva e in questo clima questi messaggi che instillano dubbi di possibili complicanze sono mezzi per indurci a comprare il farmaco, piuttosto che il condizionatore.

Un saluto a tutti.

Alberto Rosso 10.08.05 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto ieri la registrazione da TSI. Tutto bello e divertente.
Permettimi tuttavia di dissentire completamente da un paio di interventi a mio punto di vista non azzeccati:
- dal tuo invito a non eseguire lo screening PSA per il tumore alla prostata. E' vero che non è del tutto dirimente e che anche un valore >4 può essere iperplasia piuttosto che tumore, ma per valori elevati è possibile completare lo screening con biopsia, che tu dici può succedere non riesca a raggiungere le cellule tumorali, ma è sempre meglio che morire tra atroci sofferenza per un k prostatico non riconosciuto e non curato (ti ricordo che x epidemiologia è il secondo tumore nel maschio, dopo il k polmone; e che è la prima fonte di metastasi osteoaddensanti, le più devastanti x dolore e complicanze). Inoltre, anche l'iperplasia prostatica benigna dà complicanze locali e sistemiche non da sottovalutare, quando un semplice omnic o proscar o... possono attenuare se non risolvere.
- il k pancreatico non è così rarissimo: 11 su 100mila significa 1 su 10mila: cioè circa 200 casi/anno tra Milano e Hinterland: ti assicuro che non è piacevole vedere un terminale da k pancreas. E l'idea non è quella di lasciarli morire "tanto non c'é cura", ma grazie ad esami ematochimici mirati o a marker tumorali specifici può essere aggredito in tempo, con interventi in alcuni casi risolutivi se non solo aiuvanti.
- la lettera sulla disfunzione erettile: non dice che tale patologia è causa di altre malattie cardiovascolari, bensì avvisa che può esserne il campanello d'allarme: spesso alla base di tale patologia vi è un disfunzione organica, vascolare (spesso per comparsa di vasculopatia diabetica), neurologica, funzionale... Quindi, scoperta tale disfunzione, è utile andare dal medico, non tanto per tornare a fare all'amore, bensì per approfondire le cause eziopatologiche.
- la legge Moratti va prima letta e poi criticata con cognizione di causa: l'impostazione con insegnamento multidisciplinare a moduli vs quello nozionistico ex-cathedra non è del tutto sbagliato: prova ad approfondirne al conoscienza, poi sicuramente su alcune cose farai marcia indietro.
ti ringrazio, spero mi leggerai e se vuoi ne discutiamo via mail

d.trevisan 09.08.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno..il 4 agosto mattina avevo mandato un messaggio a mio avviso importante per le donne che riguardava effetti collaterali della liposuzione, blefaroplastica e rinoplastica:NOn ho visto questo mio commento nel blob, sparito o selezionato o censurato non so..Avevo sì fatto senz'altro errori di forma e forse anche di sintassi, perchè avevo scritto di getto e non avevo riletto il "canovaccio", ma addirittura a vederne l'assenza mi pare eccessivo..Quindi chiedo formalmente che mi vengano date delle spiegazioni perchè quello che ho scritto non solo è veiritiero, ma sopratutto previene errori gravi che spesso le donne vanno incontro...e poi se devo scrivere per perdere tempo basta che me lo diciate...grazie di tutto, da una che segue sempre beppe grillo....M.Caselli

marisa caselli 06.08.05 07:10| 
 |
Rispondi al commento

Io vorrei fare un appello a tutte le donne che fanno o che sceglieranno di fare una liposuzione o interventi estetici di rinoplastica ecc ecc..
Il nostro corpo ha determinate cellule, quando per un intervento per esempio di liposuzione in quel punto anche se ingrassi NON ricompare l'adipe, ma essa si manifesta in altre parti del corpo laddove forse non avresti mai voluto...Tutto questo per dire a chi si sottopone a questi interventi, di sapere che una volta che si si ingrassa le cellule ormai radicalmente dalla nascita insite nel proprio corpo, ricompaiono spesso modificando in modo inestetico e peggiore di prima: chi si sottopone quindi a tae chirurgia è bene che lo sappia,,,cioè di non ingrassare MAI +
Un'altra cosa riguarda l'intervento al naso,,spesso chi fa questi interventi sopratutto da gente infame, incapace , perde l'odorato e i seni nasali si rimpiccioliscono favorendo un raffreddore costante e un indebolimento bronchiale che non si ritrova + una buona base di respirazione e con conseguenze anche serie..INtendo dire che interventi di chirurgia estetica , vanno considerati con la massima serietà...Inoltre anche per quanto riguarda la riduzione delle palpebre , faccio sapere a chi lo fa che l'occhio poi tende a stare "tondo" con evidente cicatrice sulle palpebre..Per ora non continuo per non annoiare ..alla prossima,,,Marisangri

MARISA CASELLI 05.08.05 07:10| 
 |
Rispondi al commento

Per prima cosa ti dico che non so se ho capito il senso o l'uso di questo forum!Ieri sera a casa di amici ho visto il dvd, presa dalla curiosità sono venuta a trovarti. Su una cosa che mi sta molto a cuore vorrei dare un giudizio: visto che si sa che la bayer, prima di chiamarsi cosi, faceva quello faceva(meglio non ripetere) perchè non si fa un bel articolo di giornale o si diffonde la notizia sui giornali.Se ogni persona ha la reazione che ho avuto io i suoi prodotti non li compra più!Non vogliamo essere ipocriti!? Riusciamo a far notizia (su internet) su qualunque cosa! Allora se la cosa è poco possibile, pubbliciziamo di più il tuo sito!
La gente non può cercarti in internet quando sa che per anni hai preso a calci la tecnologia!(P.s.la battuta di Andreotti mi fa sempre morire!)

Rosso Marta 04.08.05 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo e grandissimo Beppe,
Ogni giorno sulle strade ci sono morti e feriti come tutti ben sanno
Vai in autostrada a 130 e ti passano i pazzi sulle X5 e sulle Cayenne che volano a 170 - 200 e anche piu'

poi si ammazzano ... e il problema e che ammazzano anche gli altri!

Vai sul turchino a 110 e ti sorpassano gli autobus a 130!

morti ... quanti? 5000 all'anno?

perche non diamo l'esempio all'Unione Europea e al MONDO INTERO con una bella autolimitazione elettronica delle auto?

la cosa più importante non dimentichiamolo è la VITA

Non so se mi capisci, questo è quello che farei : una bella legge

DA RISPETTARE:

- ogni auto importata o prodotta in Italia NON PUO' superare i 130 ora - autolimitazione elettronica

- autobus 90 km ora
- camion e affini 80 km ora

che ne dici
so che tu puoi fare qualcosa contro questa FOLLIA COLLETTIVA che porta a vendere auto da 300 orari

fammi sapere qualcosa IO CREDO IN TE
YURI LEVERATTO
RECCO - GENOVA

yuri leveratto 04.08.05 00:59| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo e grandissimo Beppe,
Ogni giorno sulle strade ci sono morti e feriti come tutti ben sanno
Vai in autostrada a 130 e ti passano i pazzi sulle X5 e sulle Cayenne che volano a 170 - 200 e anche piu'

poi si ammazzano ... e il problema e che ammazzano anche gli altri!

Vai sul turchino a 110 e ti sorpassano gli autobus a 130!

morti ... quanti? 5000 all'anno?

perche non diamo l'esempio all'Unione Europea e al MONDO INTERO con una bella autolimitazione elettronica delle auto?

la cosa più importante non dimentichiamolo è la VITA

Non so se mi capisci, questo è quello che farei : una bella legge

DA RISPETTARE:

- ogni auto importata o prodotta in Italia NON PUO' superare i 130 ora - autolimitazione elettronica

- autobus 90 km ora
- camion e affini 80 km ora

che ne dici
so che tu puoi fare qualcosa contro questa FOLLIA COLLETTIVA che porta a vendere auto da 300 orari

fammi sapere qualcosa IO CREDO IN TE
YURI LEVERATTO
RECCO - GENOVA

yuri leveratto 04.08.05 00:58| 
 |
Rispondi al commento

Abito in una palazzina a Roma in Via Valsesia,55/v - e tra gli inquilini ci sono tre signore anziane portatrici di handicap e un'altra cieca, altri sono anziani, abbiamo chiesto varie volte all'A.T.E.R. ex IACP di iniziare i lavori per mettere un'ascensore (sono 5 piani) e alla faccia delle tanto decantate "barriere architettoniche" ci hanno dato risposta negativa adducendo che sono lavori straordinari e quindi di competenza della Regione etc....nel frattempo le stanno mettendo in vendita e quindi noi costretti ad acquistare, ci troveremo tra qualche tempo senza che siano stati interventi per risolvere questo annoso problema......forse aspettano che queste persone anziane muoiono ............pensiamo allo Zunami!!!!!!!!!!!italiano.
I tuoi spettacoli ...le nostre speranze future.
ciao Pietro

pietro leoni 03.08.05 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo questo articolo:


Per rendere i cibi più appetibili, con meno sale e calorie, forse la strada non è manipolare i cibi: si può invece manipolare l’essere umano (e fare un pozzo di quattrini.

Per milioni di anni gli esseri umani si sono affidati ai propri sensi per determinare se un cibo fosse commestibile o meno. Ad associare un gusto dolce con un cibo nutriente, un gusto amaro con un cibo (forse) pericoloso.

Sono allibita, ma come mai la natura nn ci ha pensato prima?


http://www.apogeonline.com/webzine/2005/08/02/18/200508021801

Silvia Brusadelli 02.08.05 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe. Per essere un medico ritengo di essere già abbastanza critico nei confronti del sistema medico-informatore farmaceutico-farmacista-spesa sanitaria-svantaggi per il paziente. Messaggi come questo sfortunatamente non mi stupiscono: ho imparato da te già molti anni fa come per giudicare cose e persone bisogna guardare da dove vengono,cosa producono o cosa gliene viene in tasca. Provo a entrarci. E' abbastanza chiaro che se una ditta farmaceutica si muove in difesa di un problema, ha delle armi al proprio arco dirette a quel problema. Stranamente non ho trovato nei vari post (molti di persone evidentemente del campo) alcun riferimento specifico riguardo all'interesse più diretto ed ESCLUSIVO che una "campagna progresso" come quella della Bayer potrebbe avere. Il che rende la cosa ancora più inquitante. Mi spiego meglio: Se una ditta che introduce sul mercato dei salami "light" promuove una campagna anticolesterolo, il fine è diretto e senza intermediari. Se invece a farlo è una ditta che produce profilattici, la correlazione con un suo SPECIFICO E PRIVILEGIATO guadagno non è così semplice. Certo esiste. Probabilmente bisogna solo cercare un pò meglio. Non disponendo di alcuna risposta certa non resta che farsi delle domande.
Ergo: rappresenterà la Bayer, nel mercato farmaceutico nazionale, una fetta consistente di tutti quei farmaci e della diagnostica utili alle patologie che potrebbero avere come "spia" la disfunzione erettile? C'è da giurarci. Ma questa non rappresenta la parte più antipatica del sistema. Tutto sommato dovremmo felicitarci della possibilità, offerta da una azienda privata, pur attenta al suo ritorno economico, di recuperare dal sommerso sanitario pazienti con patologie altrimenti curabili. L'altra domanda allora è: riuscirà la stessa ditta, forte del sentimento di simpatia ed altruismo raccolta attorno al suo marchio presso il cittadino, a vendere maggiori pezzi dei suoi prodotti da banco? Oppure: dopo avere indirizzato un esercito di pazienti con la loro bella lettera ritagliata in mano presso i propri medici, come farà a indirizzare i medici verso i propri prodotti prescrivibili?
Delle due domande una. O entrambe.
Conclusione: dato che le pubblicità progresso sponsorizzate vengono fatte nell'interesse primario di chi le fa e non di chi le legge, non sarebbe meglio vietarle? Seconda conclusione: le Autority competenti non troverebbero eticamente più corretto vietare alle aziende farmaceutiche le pubblicità negli inserti salute e medicina di molti giornali, indistinguibili come sono dagli articoli più o meno seri se non per quel minuscolo "annuncio pubblicitario" scritto sopra, e che fa splendere il prodotto di luce non propria? Terza conclusione: perchè gli ospita o promuove una pubblicità, in televisione o sul giornale, non deve essere responsabile nei confronti di chi si affida alla sua informazione, della bontà dei messaggi che promuove?

Max Rallo 01.08.05 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto più di una volta su internet e sentito parlare spesso di una sostanza che risulterebbe pericolosa. Si tratta del "sodium laureth sulfate" (non so in italiano) e risulta contenuta in praticamente tutti i bagno e doccia schiuma, negli shampoo e altri prodotti per la pulizia della persona. Molti sostengono sia cancerogena. Ho provato a cercare prodotti senza questa sostanza e, con difficoltà, se ne trovano un paio con il "sodium pareth sulfate" (ma devi avere mezza giornata per leggere le micro etichette dei vari shampoo e doccia schiuma del supermercato). A questo punto mi chiedo: ma la vecchia saponetta si può ancora usare per lavarsi?
Voi ne sapete qualcosa?

Stefano Barettini 01.08.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,

lei si è occupato molte volte nei suoi spettacoli dei problemi che riguardano la nostra sanità. Vorrei, se non l’ha già fatto, che desse un occhiata a questo file allegato all’ e-mail che rappresenta soltanto la punta dell’iceberg e che parla del tradimento della medicina ufficiale, della totale disinformazione dei cittadini a riguardo, e del reale potere della Vitamina c.

Anche se apparentemente può sembrare la solita cosa, le assicuro che se avrà tempo e pazienza per approfondire l’argomento scoprirà una delle più gravi censure ai danni dell’umanità che la storia possa raccontare.

Brevemente le posso riferire insieme alla mia compagna la “strepitosa” e “miracolosa” (secondo i medici) guarigione di mia madre da un cancro diagnosticatole mortale in tre mesi (cancro al seno rilevato nel febbraio 2005 , con circa tre anni di “ritardo”). Per capirci mia madre è svenuta dall’emoraggia provocata dal tumore sul capezzolo. Dopo l’intervento chirurgico siamo passati alla miracolosa chemioterapia...

Essendo grave la situazione ed essendo ovviamente mia madre, ci siamo gettati anima e corpo alla ricerca di tutto quello che riguarda il cancro per cercare di capire che cosa fosse realmente questa malattia che tutto credono essere già un verdetto di morte.

Beh!!!............le sorprese sono state enormi! Tutti conoscono, o dovrebbero conoscere, il precedente di Di Bella ma nessuno forse ha sentito perlare del Dott. Matthias Rath che con la Vitamina c e altri elementi naturali sta debellando (non curando), ripeto debellando le malattie cardiovascolari e il cancro attraverso l’impiego appunto della vitamina più discussa (chissà perchè!?) ma allo stesso tempo più fraintesa e sottovalutata dei nostri giorni. Ho perso il conto dei premi Nobel che negli ultimi settanta anni l’hanno studiata e hanno pubblicato numerosi scritti sui reali effetti di questa vitamina sulla nostra salute! (Domandate al Big Pharma dove sono finiti i libri del doppio premio Nobel Linus Pauling!).

Mia madre sarebbe dovuto morire in questo mese...... grazie al lavoro di queste persone oggi sta benissimo (grazie alla vitamina c e al Dott. Rath).

Non cerchiamo nessun tipo di pubblicità, spero solo che tutti gli esseri umani (so che lei ha sei figli) capiscano quali sono veramente gli effetti sulla grave carenza di Vitamina c (RDA 60mg/die la nostra sanità - da 2000mg a 6000mg al giorno consigliata da più di cinque premi Nobel in chimica e medicina) nel corso della nostra vita.

Ci scusiamo per le ripetizioni e per non aver chiarito sufficentemente la situazione, ma l’argomento richiederebbe troppo tempo e non so se lei ha la possibilità di dedicarcelo.

La ringraziamo anticipatamente soprattutto per il contributo che negli ultimi anni ha dato all’informazione....quella vera!

P.S.: Se ha bisogno di analisi o documentazioni riguardo al nostro caso siamo a sua completa disposizione.

Buon lavoro!!!!!! Simone e Judit

Marjai Judit 31.07.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
è un po' che seguo il blog e ora ho deciso di partecipare segnalandoti l'ormai nota vicenda di peter duesberg e delle sue teorie sull'aids. ho letto alcune cose e non essendo affatto digiuno dell'argomento visto che sono un chimico farmaceutico dai un'occhiata al suo sito www.duesberg.com

Saluti

david de orsi 31.07.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento



Quella che si riporta di seguito è la cronaca drammatica di un’esperienza allucinante, tremenda e vergognosa, vissuta presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

L’incubo – non lo si può che definire così - è iniziato il giorno 30/06/2005, quando mia madre, la sig.ra (omissis), è stata ricoverata per effettuare un intervento per “nutrizione parenterale”, presso il Reparto di Medicina Generale, Reparto femminile.

Un passo indietro è, tuttavia, necessario : la paziente pesa circa 35 kg. ed è divorata da un anno e mezzo da un male tremendo, che le ha precluso pressoché ogni possibilità di ingerire qualsivoglia sostanza, e liquida e solida.

La nutrizione parenterale è stata prospettata, quindi, come l’unica soluzione per la sopravvivenza e l’Ospedale di San Giovanni Rotondo indicato quale struttura modello per professionalità e, soprattutto, per umanità ed attenzione al paziente.

In virtù di tali referenze, la sig.ra (omissis) si è sottoposta ad un viaggio di circa 300 km, con 35° di temperatura esterna ed il cuore colmo di fiducia.

Lo scenario che, però, si è ben presto presentato, è stato, a dir poco, desolante e, comunque, ben lungi dall’oasi di umanità tanto propagandata.

Un episodio per tutti.

La notte del giorno 05/07/2005, alle ore 04,00, dopo l’ennesima giornata trascorsa in Ospedale fino alle ore 23,15 , ad assistere da sola, senza l’aiuto né di medici, né di infermieri, mia madre, ho ricevuto una telefonata dalla paziente, vicina di letto, la quale mi ha avvisato che – da ore – mia madre urlava per i dolori, vomitava, con una temperatura di 39 gradi. Avevo, peraltro, personalmente e ripetutamente chiesto, invano, consulenza medica sin dalle 19,00 del giorno precedente.

Mi sono immediatamente precipitata in Ospedale, dove – dopo lunga e disperata ricerca – sono stata raggiunta dalla dottoressa di turno, alla quale, ho comunicato gli antidolorifici che abitualmente le venivano somministrati .Mi è stato risposto: “faccia a casa sua quello che vuole, qui siamo in ospedale” .

E’ tornata con alcuni medicinali ed a quel punto, ho precisato, che mia madre è allergica ai fans.

La stessa dinanzi al letto della paziente , in stato di coscienza, ha urlato istericamente ed impietosamente di non rendermi conto della situazione “la signora è una paziente in stadio terminale, cosa vuole???”.

V’è di più. La detta dottoressa – nell’evidente assoluto oblio del giuramento di Ippocrate – ha lungamente insistito, invitandomi nuovamente a fare quello che volevo a casa mia, per somministrare un farmaco a base di fans, sostanza alla quale mia madre è allergica, come risultante dalla cartella clinica, oltre che riferito e ribadito verbalmente .

Tanto farebbe intendere , quindi, che le allergie si modificano, si curano e si gestiscono in base ai domicili.

Inoltre, ha aggiunto di disporre solo di un tipo di anti-dolorifico a base di fans e solo dietro la mia disperata ed esasperata insistenza, ha procurato – probabilmente da altra clinica – un sedativo.

Pare quasi superfluo dover evidenziare che l’accaduto , gravissimo, è stato solo uno dei tanti episodi di mala sanità subiti.

Senz’altro il più doloroso, il più irriverente e beffardo verso la morte e, più ancora, verso le sofferenze incommensurabili che rendono l’essere umano indifeso, quindi vittima degli attacchi più vili e vergognosi.

Che dire, poi, della ausiliaria che - richiesta di fornire una pala e di pulire il comodino - ha, con ineguagliabile sgarbo, invitato i familiari della paziente a provvedere direttamente, sul presupposto che la “collaborazione” sarebbe uso consolidato presso la Struttura, dove, probabilmente si ritiene che la disumanità possa superarsi con gli altarini e le cappelle diffusi un po’ ovunque.

Cosa direbbe San Pio di fronte al dolore ignorato, beffato, vilipeso ed all’uomo crudelmente abbandonato?

Ed il Sistema Sanitario, per quale ragione continua ad erogare finanziamenti e/o a mantenere accreditamenti a strutture che, almeno in certi Reparti, somigliano più a lager che a luoghi di cura?

Al proposito è, peraltro, d’uopo un ultimo rilievo : in circa una settimana di degenza, sempre vicina al letto di mia madre, non mi è mai capitato di incrociare il primario del reparto – auspicabilmente impegnato in studi e ricerche -, con la conseguenza che la gestione della struttura è rimasta probabilmente delegata a soggetti privi della necessaria qualificazione.

Ad ulteriore comprova, si riferisce che il medico responsabile della stanza ha “dimenticato” di determinare il valore dell’ammonio, indispensabile per la puntuale preparazione della sacca parenterale. La terapia, quindi, è iniziata al buio ed anche in questo caso, dopo innumerevoli richieste, questa analisi è stata effettuata solo la mattina del giorno delle dimissioni. Tant’è che il medico nutrizionista ha dovuto, all’ultimo momento, rideterminare i parametri di composizione della preparazione parenterale.

La mia è una denunzia accorata , affinché, quello che io e soprattutto mia madre abbiamo vissuto e sofferto, non abbia a ripetersi mai più e nei confronti di alcuno.

E’ una rivendicazione in favore del rispetto della persona, la prima legge che dovrebbe ispirare ogni azione umana. Una legge evidentemente ignorata presso la Casa Sollievo della Sofferenza, dove non c’è rispetto neppure per la morte.

E, dove non alberga neanche l’applicazione di quanto la Scienza Medica prescrive in tema di “Terapia del Dolore”, surrogata, piuttosto, da cinico sadismo, palesemente ostentato e da una inutile crudeltà, che merita giustizia.

Rimango a completa disposizione per ogni e qualsivoglia ulteriore contributo possa offrire, invocando attenzione e sensibilità alle Autorità in indirizzo che, uniche, possono evitare il ripetersi di simili vergognose situazioni e sanzionare oggettive e gravissime responsabilità personali e professionali.

Con deferenza.

P.S.: Mia madre è stata dimessa alla vigilia della visita della Commissione Parlamentare!

carmela 31.07.05 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Risposta al commento postato da: Francesco Marcellini il 26.07.05 09:35.
---

Caro Francesco,

per quanto possano essere vere le accuse che fai, le problematiche sollevate da Grillo nei suoi post sono VERE e drammatiche.

E' vero, a volte è esagerato e esaspera il fatto di essere "solo un comico" (travestito), ma comunque siamo noi giovani, in fin dei conti, il futuro, e siamo noi a doverci sensibilizzare a certe tematiche.

E in quanto a sensibilizzazione il Nostro è un grande. Magari non è un profeta, nè un saggio, nè le sue parole vanno prese come oro colato, però intanto la pulce ti entra nell'orecchio, e vai a informarti altrove, magari non necessariamente in internet.

Ciao,

Andrea Verlicchi 29.07.05 14:49| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA SUL NORLEVO:
Cara terry, hai ragione ero arrabbiata e ho usato termini un pò forti. Ma la sostanza del mio discorso la sottoscriverei anche da calma.
1°): Il norlevo non è una pillola abortiva, a meno che non si consideri anche il preservativo come un prodotto abortivo. Ti immagini se i farmacisti si rifiutassero di venderli?
2°) Non contesto la libertà di coscienza del sanitario (anche se come ho detto in questo caso non ha giustificazioni scientifiche adeguate). Mi arrabbio perchè quello stesso medico obiettore, invece di limitarsi a non prescrivere il farmaco, si sente in dovere di fare una crociata, boigottando il mio diritto. Nella fattispecie, pensando fossimo entrambi francesi e non conoscessimo la normativa italiana, ci era stato detto che ervamo stati sfortunati, perchè i 6-7 medici di turno erano tutti obiettori. Come se fosse possibile, per un ospedale, sopprimere totalmente una prescrizione d'urgenza ammessa dal Ministro della salute. Secondo loro, saremmo dovuti tornare il giorno dopo (quando cioè sarebbe stato troppo tardi), sperando in maggior fortuna. Solo le nostre vive proteste e minacce di azioni legali hanno indotto i responsabili a reperire un ginecologo non obiettore, che per legge deve essere disponibile sempre nel reparto. Se al nostro posto ci fosse stata una giovane e timida ragazza, magari sola, non informata di questi suoi diritti (cosa per quel che ho constatato frequentissima)l'avrebbe infine spuntata come noi?
3°) Come ho già anticipato, trovo assurdo che anche i farmacisti possano essere obiettori. La loro condizione di estremo privilegio e il ruolo sostanziale di commercianti che si limitano a consegnare prodotti prescritti da altri, li rendono assai diversi dalla figura del medico. E come mai nessun farmacista si rifiuta di vendere cosmetici prodotti con odiose sperimentazioni sugli animali? O prodotti che traggono origine dallo sfruttamento intensivo delle risorse amazzoniche? L'unico motore delle batatglie è la sessualità? Non esistono altri valori da difendere con altrettanto zelo?
Infine, riguardo all'espressione usata per le donne, sia pur con una certa amarezza, quale epiteto è più calzante per una categoria che, pur rappresentando la maggioranza degli elettori, ancora una volta si è fatta clamorosamente gabbare in occasione dell'ultimo referendum, accettando passivamente di veder calpestati i più elementari diritti alla salute, alla maternità e al libero arbitrio?
Spero che altri in questo forum siano d'accordo con me, sia nello specifico sia nel rivendicare, più in generale, un minimo di laicità nella gestione delle leggi e nella organizzazione della società.
Buona giornata a tutti
Sandra

sandra 29.07.05 12:03| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA SUL NORLEVO:
Cara terry, hai ragione ero arrabbiata e ho usato termini un pò forti. Ma la sostanza del mio discorso la sottoscriverei anche da calma.
1°): Il norlevo non è una pillola abortiva, a meno che non si consideri anche il preservativo come un prodotto abortivo. Ti immagini se i farmacisti si rifiutassero di venderli?
2°) Non contesto la libertà di coscienza del sanitario (anche se come ho detto in questo caso non ha giustificazioni scientifiche adeguate). Mi arrabbio perchè quello stesso medico obiettore, invece di limitarsi a non prescrivere il farmaco, si sente in dovere di fare una crociata, boigottando il mio diritto. Nella fattispecie, pensando fossimo entrambi francesi e non conoscessimo la normativa italiana, ci era stato detto che ervamo stati sfortunati, perchè i 6-7 medici di turno erano tutti obiettori. Come se fosse possibile, per un ospedale, sopprimere totalmente una prescrizione d'urgenza ammessa dal Ministro della salute. Secondo loro, saremmo dovuti tornare il giorno dopo (quando cioè sarebbe stato troppo tardi), sperando in maggior fortuna. Solo le nostre vive proteste e minacce di azioni legali hanno indotto i responsabili a reperire un ginecologo non obiettore, che per legge deve essere disponibile sempre nel reparto. Se al nostro posto ci fosse stata una giovane e timida ragazza, magari sola, non informata di questi suoi diritti (cosa per quel che ho constatato frequentissima)l'avrebbe infine spuntata come noi?
3°) Come ho già anticipato, trovo assurdo che anche i farmacisti possano essere obiettori. La loro condizione di estremo privilegio e il ruolo sostanziale di commercianti che si limitano a consegnare prodotti prescritti da altri, li rendono assai diversi dalla figura del medico. E come mai nessun farmacista si rifiuta di vendere cosmetici prodotti con odiose sperimentazioni sugli animali? O prodotti che traggono origine dallo sfruttamento intensivo delle risorse amazzoniche? L'unico motore delle batatglie è la sessualità? Non esistono altri valori da difendere con altrettanto zelo?
Infine, riguardo all'espressione usata per le donne, sia pur con una certa amarezza, quale epiteto è più calzante per una categoria che, pur rappresentando la maggioranza degli elettori, ancora una volta si è fatta clamorosamente gabbare in occasione dell'ultimo referendum, accettando passivamente di veder calpestati i più elementari diritti alla salute, alla maternità e al libero arbitrio?
Spero che altri in questo forum siano d'accordo con me, sia nello specifico sia nel rivendicare, più in generale, un minimo di laicità nella gestione delle leggi e nella organizzazione della società.
Buona giornata a tutti
Sandra

sandra 29.07.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA SUL NORLEVO:
Cara terry, hai ragione ero arrabbiata e ho usato termini un pò forti. Ma la sostanza del mio discorso la sottoscriverei anche da calma.
1°): Il norlevo non è una pillola abortiva, a meno che non si consideri anche il preservativo come un prodotto abortivo. Ti immagini se i farmacisti si rifiutassero di venderli?
2°) Non contesto la libertà di coscienza del sanitario (anche se come ho detto in questo caso non ha giustificazioni scientifiche adeguate). Mi arrabbio perchè quello stesso medico obiettore, invece di limitarsi a non prescrivere il farmaco, si sente in dovere di fare una crociata, boigottando il mio diritto. Nella fattispecie, pensando fossimo entrambi francesi e non conoscessimo la normativa italiana, ci era stato detto che ervamo stati sfortunati, perchè i 6-7 medici di turno erano tutti obiettori. Come se fosse possibile, per un ospedale, sopprimere totalmente una prescrizione d'urgenza ammessa dal Ministro della salute. Secondo loro, saremmo dovuti tornare il giorno dopo (quando cioè sarebbe stato troppo tardi), sperando in maggior fortuna. Solo le nostre vive proteste e minacce di azioni legali hanno indotto i responsabili a reperire un ginecologo non obiettore, che per legge deve essere disponibile sempre nel reparto. Se al nostro posto ci fosse stata una giovane e timida ragazza, magari sola, non informata di questi suoi diritti (cosa per quel che ho constatato frequentissima)l'avrebbe infine spuntata come noi?
3°) Come ho già anticipato, trovo assurdo che anche i farmacisti possano essere obiettori. La loro condizione di estremo privilegio e il ruolo sostanziale di commercianti che si limitano a consegnare prodotti prescritti da altri, li rendono assai diversi dalla figura del medico. E come mai nessun farmacista si rifiuta di vendere cosmetici prodotti con odiose sperimentazioni sugli animali? O prodotti che traggono origine dallo sfruttamento intensivo delle risorse amazzoniche? L'unico motore delle batatglie è la sessualità? Non esistono altri valori da difendere con altrettanto zelo?
Infine, riguardo all'espressione usata per le donne, sia pur con una certa amarezza, quale epiteto è più calzante per una categoria che, pur rappresentando la maggioranza degli elettori, ancora una volta si è fatta clamorosamente gabbare in occasione dell'ultimo referendum, accettando passivamente di veder calpestati i più elementari diritti alla salute, alla maternità e al libero arbitrio?
Spero che altri in questo forum siano d'accordo con me, sia nello specifico sia nel rivendicare, più in generale, un minimo di laicità nella gestione delle leggi e nella organizzazione della società.
Buona giornata a tutti
Sandra

sandra 29.07.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Sandra,
mi pare che il tuo commento sia un po' di gesso. Mi ha colpito la tua prima frase, forse sei arrabbiata per le difficoltà incontrate.
Hai ragione un paese laico dovrebbe garantire la possibilità di usufruire delle leggi senza problemi. e quindi mi pare alquanto .. che proprio tu , che vivi nella liberale Francia, faccia commenti così mirati sulle scelte delle delle persone mi stupisci. Se per una persona prescrivere una pillola abortva equivale (e sottolineo solo per quella persona) equivale a un omicidio, perchè lo deve fare? Ma scusa le tue scelte e i tuoi giudizi sono giusti e i suoi sono falsi scrupoli, ma che ne sai??
Dovrebbe essere l'ospedale a garantire l'erogazione del servizio, cioè assicurarsi che a disposizione ci sia del personale che prescriva la pillola, etc. Guarda che poi la chiesa non è così influente altrimenti tutti andrebbero a messa, le vergini sarebbero il 100%, gli aborti indotti pochissimi, le convivenze nulle. Diciamoci una verità che le persone hanno la morale come la pelle dei c... ( come dice l'antico detto) che va dove la tiri e quindi giustificano le loro scelte in nome di una fede o un'idea.
Sicuramente penserai che sono una super cattolica e invece no.
Io ho abortito.
Se non ci credi scrivimi e ti dirò tutto per filo e per segno, cosa si prova fisicamente e cosa nell'animo.
Ma nn per questo non capisco che c'è chi non se la sente di estrarre un feto da una vagina o chi pensa che un embrione sia vita. Sei proprio arrabbiata con la chiesa e in parte condivido le tue idee: la chiesa non è Gino Strada e non è nemmeno un centro sociale, è il ramo temporale di una religione, e noi decidiamo di essere o dentro o fuori,non è una moda e poi sono anche stufa che faccia fico pensare che la chiesa abbia tutte le colpe della nostra socetà italiana, perchè a me pare che di cristiani ce ne siano ben pochi in giro. Ti risparmio un commento sull'inciso sulle donne. Vabbèèè
Terry

teresa secondo 28.07.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sfogarmi contro il becero conformismo cattolico degli italiani che non ha nulla di nobile, ma è pura espressione di perbenismo ipocrita.
La Chiesa, con i suoi demenziali diktat, e d'ora in poi anche con le prediche insopportabili del pastore tedesco, mette il naso davvero dappertutto!
Tornata recentemente in italia per una breve vacanza con il mio compagno francese, causa una occasionale rottura del preservativo ho appreso che in Italia non solo è vietata la pillola R.U (cd. pillola abortiva), quel che già sapevo, ma addirittura è di fatto fortemente osteggiata la cd. pillola del giorno dopo (il "norlevo"). Quest'ultima, in Francia e in tutti i paesi civili viene offerta gratuitamente e senza prescrizione, essendo uno strumento efficace di contraccezione d' emergenza, da usarsi al più presto dopo il rapporto a rischio di gravidanza, preferibilmente entro le 24 ore. Vorrei aggiungere che, da quando è stata introdotta, i casi di aborto in francia sono diminuiti del 30% (30%!). E' evidente ai più, che se se ne ritarda l'assunzione, per un motivo o un altro, l'efficacia viene meno.
In Italia per il norlevo è richiesta la prescrizione del ginecologo, con dannoso allungamento dei tempi di assunzione e con costo supplementare che, verosimilmente, scoraggia le ragazze più giovani, ovvero le utenti principali del prodotto.
Inoltre - quel che è più grave ed inaccettabile - sia il medico che il farmacista (!) potrebbero essere obiettori di coscienza, ovvero rifiutarsi di fare la prescrizione o di consegnare il farmaco. Tanto per fare un esempio, nella civilissima Toscana, ("Spedali riuniti S. Anna di Pisa") in tutto il reparto di ginecologia c'era una sola dottoressa non obiettrice, rinvenuta a furia di gridare e di minacciare denunce penali per omissione di pubblico servizio e cause civili per risarcimento danni da gravidanza indesiderata. La nostra viva protesta, si è svolta dinnanzi ai volti sbigottiti degli astanti, che ci hanno rivolto occhiatacce di disapprovazione.
Gli immorali eravamo noi, e non i medici che rifiutavano un'assistenza che tutta la scienza ufficiale non considera abortiva, bensì "antinidificante" (da cui la illegittimità, a mio parere, dell'obiezione di coscienza).
Insomma, in Italia le donne (che si mostrano purtroppo più stronze degli uomini) continuano a stare in una condizione di sudditanza, vittime di disinformazione e della loro stessa ipocrisia.
E non solo con riguardo all'indecorosa legge sulla procreazione assistita.
Quel che mi fa arrabbiare, è che nessuno - a parte credo i radicali - denuncia questa situazione di arretratezza, neppure i rappresentanti politici della sinistra. Tutti immobilizzati dal timore reverenziale verso la Chiesa, il Papa, i Vescovi, chiunque si adorni di una croce.
Io per mio conto resto convinta che questa stessa Chiesa, se glielo consentissero, arruolerebbe anche lei kamikaze e martiri, accecherebbe i visionari, vieterebbe l'adulterio e ricondurrebbe la donna - che come sappiamo è impura - al suo ruolo naturale di moglie e madre.
Caro Beppe ti prego, visto che Prodi, Fassino & co. non osano (non parliamo della Bindi e di Rutelli), denunciale almeno tu queste vergogne!
Ciao, ti ammiro da lontano
Sandra

sandra 28.07.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
vorrei saperne di più sulla presunta tossicità dell'amalgama usata per otturare denti. Qualcuno potrebbe indicarmi dei link validi per informarmi? Oppure se qualcuno ha avuta esperienza diretta, ci sono metodi alternativi?
grazie e ciao
Silvia

Silvia Brusadelli 28.07.05 11:30| 
 |
Rispondi al commento

ODIO AI COMICI TRAVESTITI

Odio i comici quando si travestono. Li odio quando vestono, a seconda dell'occorrenza, i panni del rivoluzionario, del saggio, della persona comune.

Odio i comici quando si vestono da saggi per dare credibilità a tutto ciò che dicono.

Odio i comici quando, per alleggerire la pesantezza e la gravità delle cose che dicono, si nascondono dietro la loro comicità e dicono: "In fondo sono un comico…".

Odio i comici quando si travestono persino da persone comuni e ti dicono che sono come te, che sono dalla parte tua, senza riserve.

Odio i comici quando, travestiti da Messia, vengono a rivelarci la Verità sul cancro, le terapie che ci sono sempre state nascoste dalle "Multinazionali del Farmaco"; li odio perché, invece di URLARLO al mondo intero, dieci minuti dopo dimenticano tutto ciò che hanno detto e, facendo finta di niente, riescono anche a dormirci sopra.

Li odio anche perché se io solo venissi a sapere che esiste una sola terapia anti-cancro efficace, nascosta consapevolmente da qualcuno, impiegherei il resto dei miei giorni per fare in modo di scatenare più casino possibile. Con ogni mezzo. Non farei spettacolini parlandone per 3 minuti.

Odio anche tutta la gente che adora questo tipo di comicità/saggezza, la odio perché arriva a casa senza avere ben chiaro se ci sia da ridere o da piangere, poi alla fine ridacchia contenta e va a dormire soddisfatta.

Odio i comici travestiti quando tralasciano di dire che Internet è la più grande discarica a cielo aperto che il mondo dei mass-media abbia mai conosciuto. Odio i comici travestiti quando, frugando a mani aperte in questa discarica, prendono un rifiuto, gli danno due pennellate di verità, affittano un teatro ed un microfono e ce lo vengono a proporre come fosse la scoperta del secolo.

Odio i comici travestiti quando costruiscono il loro successo sul disagio della gente.

Odio i comici travestiti quando dimenticano in fretta le proprie "battaglie" perché l'argomento non è più di moda.

Odio i comici travestiti perché, nella loro continua e perversa ricerca di "scoop", devono stupire ad ogni costo, essere portatori di una Nuova Verità, e quindi passano da argomento in argomento, dal calcio alle fonti di energia, dalla politica a Internet, dalla televisione al cancro, con la massima disinvoltura.


Francesco Marcellini


Francesco Marcellini 26.07.05 09:35| 
 |
Rispondi al commento

più che un commento cercavo un posto dove sfogarmi 10 minuti

l'altro giorno mio zio( mutilato transfermorale,cioè con una sola gamba) arriva in uno deti tanti posti che devi visitare se hai avuto una disgrazia del genere .Dovevano certificargli nonsòcosa...un tizio gli si avvicina e gli fà "come mai siete su una sedia a rotelle? " ... non ho parola O.o ..."sà sono venuto di corsa e mi sono stancato"...

Giuseppe Iannone 25.07.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento


PROZAC (fluoxetina) e FLUOX (fluoxetina generica)
Home Page Anagen.net Salute generale

Prozac è un farmaco antidepressivo.

Usato particolarmente per la depressione "continua". I sintomi della depressione maggiore spesso includono cambiamenti nell'appetito, del sonno, coordinazione mente/corpo, decremento del desiderio sessuale, incremento della fatica, difficoltà di concentrazione, pensiero lento, sentimenti di colpa, pensieri suicidi.
E' anche prescritto per il trattamento di disordini ossessivi e coercitivi.

Una ossessione è un pensiero che non va via. Una coercizione è un'azione fatta in modo continuo per cercare di annullare l'ansia.

Si pensa che Prozac lavori normalizzando l'equilibrio dei naturali messaggeri chimici del cervello. E' stato usato anche per trattare l'obesità e i disordini dell'alimentazione.

Il farmaco va preso secondo le direzioni del proprio medico. Solitamente è preso una o due volte al giorno. E' effettivo se è preso regolarmente.

Cosa accade se si dimentica una dose ? Esso va preso appena ci si ricorda della dimenticanza. Se è quasi l'ora della prossima dose, prenda solo una dose, mai due dosi in una volta.
Gli effetti collaterali non possono essere anticipati. Se assistete allo sviluppo di qualcuna, informare il proprio dottore, solamente lui può determinare se è sicuro per Lei continuare ad assumere Prozac.

I più comuni effetti collaterali sono : sogni anormali, pensieri anormali, agitazione, reazione allergica, ansia, bronchite, dolori al torace, tosse, diarrea, vertigine, sonnolenza e fatica, bocca asciutta, sintomi dell'influenza, febbre da fieno, mal di testa, aumento dell'appetito, indigestione, prurito, dolore muscolare, nausea, nervosismo, infiammazione del seno, dolori di gola, disordini intestinali, tremore, perdita del peso, sbadigli.

Effetti collaterali meno comuni : esclamazione improvvisa anormale, portamento anormale, arresto anormale del flusso mestruale, acne, gusto alterato, amnesia, apatia, artrite, asma, dolore osseo, cisti alla mammella, dolore alla mammella, breve perdita di coscienza, borsite, confusione, congiuntivite, convulsioni, difficoltà di deglutizione, pelle asciutta, dolore all'orecchio, dolore all'occhio, sensazione di benessere esagerato, emorragia eccessiva, gonfiore facciale per ritenzione di liquidi, febbre, perdita di capelli, allucinazioni, sintomi del post sbornia, singhiozzo, pressione del sangue bassa o alta, ostilità, infezione, infiammazione dell'esofago, infiammazione gengivale, infiammazione dello stomaco, infiammazione della lingua, infiammazione della vagina, intolleranza alla luce, movimenti involontari, idee irrazionali, battito cardiaco irregolare, dolore della mascella o del collo, mancanza di coordinazione muscolare, disordini ovarici, reazione paranoica, dolore pelvico, respirazione rapida, problemi ai denti, vertigini, disturbi della visione, vomito, aumento di peso.

Chi non dovrebbe assumere Prozac ?

Se Lei è sensibili o ha avuto una reazione allergica a Prozac o medicine simili come Paxil o Zoloft, non deve assumere questo farmaco. Sia sicuro di riferire al proprio medico qualsiasi reazione sperimentata con questo farmaco. Non prendere questa medicina se sta usando un MAO inibitore, incluso Nardil e Parnate; oppure se si cessa l'assunzione di Prozac e subito dopo MAO inibitori.

Estrema attenzione : sono possibili serie o fatali reazioni se usato in combinazione con altri antidepressivi. Assolutamente importante : contattare il proprio medico prima di ogni uso. Il medico rilascerà la prescrizione medica se lo riterrà opportuno.

Massima attenzione anche per periodi lunghi di assunzione di Prozac o a dosi alte.

Se si sta assumendo qualche altro farmaco, notificare immediatamente i nomi dei farmaci al proprio medico curante.

Non bisogna bere alcool durante la cura con questo farmaco. Se Prozac è assunto con assieme ad altre medicine, gli effetti di queste potrebbero essere aumentati, diminuiti o alterati.

Ad esempio contattare il proprio medico in caso si assumono queste medicine : Carbamazepine (Tegretol), Diazepam (Valium), Digitoxin (Crystodigin), Drugs that impair brain function, such as Xanax, Flecainide (Tambocor), Lithium (Eskalith), Other antidepressants (Elavil), Phenytoin (Dilantin), Tryptophan, Vinblastine (Velban), Warfarin (Coumadin).

Contattare il proprio medico anche per informazioni sull'assunzione durante la gravidanza o l'allattamento.

La dose iniziale solita è 20 milligrammi per giorno, preso di mattina. Dosi superiori a 20 mg andrebbero prese una volta al giorno di mattina o in due dosi, una al mattino e una a mezzogiorno.

La dose iniziale quotidiana per la depressione varia da 20 a 60 milligrammi. Per disordini ossessivi-coercitivi la dose consueta varia da 20 a 60 milligrammi, sebbene la dose massima di 80 milligrammi è talvolta prescritta.

A meno che non direttamente indicato dal proprio medico, non prendere Prozac se lei sta recuperando dopo un attacco cardiaco, o in presenza di malattie del rene, fegato o diabete. Attenzione durante la guida, in attività che richiedano prontezza mentale

L'incolumità e efficacia di Prozac non sono state stabilite in bambini.

Vai a stress
Informazioni su Anagen.net | Pubblicità su Anagen.net | Privacy Policy | Legal Disclaimer | Consigli per una corretta visualizzazione
Comunica questo sito ad un tuo amico


delle volte rimango sbalordito

neghigno virdis 23.07.05 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
rispramio tutti i complimenti per il tuo lavoro di informazione, ma per quanto riguarda la lettera bayer ci sono alcune cose da puntualizzare.Sono un medico,un ricercatore che come tanti altri per poter lavoare è dovuto andare all'estero e ti assicuro che provo molta rabbia quando vedo un certo tipo di pubblicità e di informazone ingannevole nei confronti del povero paziente ma alcune volte anche nei confronti del medico poco informato (diciamo così).La lettera bayer è stata però da te male interpretata, in quanto dice che la disfunzione erettile può essere la "SPIA" e non la causa, come da te interpretata, di altre patologie ben più gravi ed è quindi prioritario curare tali patologie primarie (diabete,ipetensione..etc)che scatenano poi la disfunzione che tanto disagio porta alla coppia.Quindi ad un occhio medico sembrerebbe che lettera si tiri un pò la zappa sui piedi!!Però è vero che questo tipo di "spinte" inducano spesso i medici (poco informati..diciamo così)a prescivere farmaci a volte non solo inutili ma dannosi per la salute e per le tasche della sanità.
Un caro saluto
Ivan Monteleone

Ivan Monteleone 21.07.05 14:10| 
 |
Rispondi al commento

AUGURI A BEPPE IN RITARDO MA AUGURI DI BUON COMPLEANNO

danilo misrachi 21.07.05 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Sei formitamile sai cosa penso ma tutta questa gente che lavora per il popolo così dicono ti ascolta?vedi da noi non cambia niente o quasi ma se no ci fossi tu cosi attento dove saremmo arrivati !!!!!!!!!!!!!!!!!ciao Orazio Modica

modica ragusa 21.07.05 08:36| 
 |
Rispondi al commento

Ieri un parroco in Calabria si è rifiutato di celebrare il funerale di una donna la cui unica colpa era quella di convivere e non essere regolarmente sposata.
Gesù aiutaci tu!!! Tu l'avresti celebrato.

marco rallo 21.07.05 07:56| 
 |
Rispondi al commento

Voglio congratularmi con il CTO di Firenze, e specialmente con tutto il reparto del Dr CApanna.
Nella sfortuna ho trovato la fortuna di essere capitato in quel reparto circa 7 anni fà.
Che DIO vi aiuti sempre a fare cio che fate per tutti i pazienti,e magari il vostro esempio potesse servire per i nostri ospedali del Sud.
giuseppe da Taranto

giuseppe taranto 21.07.05 06:20| 
 |
Rispondi al commento

Sono Massimo Morbiato, ho appena ricevuto il DVD, sono un informatico che ti segue sempre,
e subito dopo aver riso, resto sempre male perchè purtroppo quello che dici è vero.

Volevo solo portare alla tua attenzione un nuovo metodo per la distribuzione del DVD.
In pratica il tuo spettacolo muta in funzione al posto dove ti trovi ed ai fatti che sono
successi nei giorni precedenti, questo rende comunque il DVD, obsoleto solo poche settimane dal ricevimento.

Mi sono chiesto come poter ottenere gli aggiornamenti, e penso che se usassi lo stesso metodo dell'ANTIVIRUS
sarebbe innovativo e ci consentirebbe di aggiornarci costantemente.

In pratica una volta acquistato il DVD, con un piccolo canone si ha il diritto per un periodo prefissato
(ad esempio un anno) a scaricarsi dal sito "gli aggiornamenti", (ANZI E' IL COMPUTER CHE CI AVVISA)
e visto il contenuto dei tuoi interventi sono equiparabili in tutto e per tutto ad un ANTIVIRUS.

Ci darebbe un grande piacere, poter scaricarci degli interventi e continuare a farci del male
ascoltando le 1000 censure che quotidianamente ci sveli.

Resto a disposizione se serve una mano al programma
Massimo Morbiato (padova)

massimo morbiato 21.07.05 02:40| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe....

perchè non pubblichi spezzoni, passaggi interessanti dei tuoi spettacoli, su questo blog in modo che la gente possa vedere di cosa ti occupi?
le immagini sarebbero molto utili a mio avviso, restano impresse, e creerebbero molta curiosità..
li potresti anche linkare su altri siti in modo da aumentare la diffusione... sai quanta gente avresti agli spettacoli? la gente và un po svegliata, e probabilmente non ti basterebbero i palasport.....

Francesco Grigoletto 20.07.05 21:50| 
 |
Rispondi al commento

A Roma qualche buffone del CODACONS si è messo a vendere farmaci al supermercato.
Mi risulta da dichiarazione dei buffoni emeriti che hanno applicato il 5% di ricarico sul prezzo del grossista.
Voglio esprimere il disgusto per l'imbecillità demagogica del gesto.
a)con il 5% neanche un cantinaro pagherebbe gli oneri finanziari. Ergo nessun' attività economica al mondo (cina inclusa)può reggersi sul 5% di margine lordo.
b)I Farmaci si devono usare solo se necessari.Non perchè costano meno.
c)LA CONCORRENZA SI CREA SE SI LASCIANO APRIRE LIBERAMENTE LE FARMACIE E SI LASCIA OPERARE GENTE COMPETENTE. PERCHE' UN FARMACISTA LAUREATO E CON TANTO DI ESAME DI STATO NON PUO' APRIRE UNA FARMACIA????
d)Buffoni incapaci falsi sia politicamente che economicamente che umanamente.
Non avete mai difeso un consumatore, mai un ca.. di nulla in vita vostra.

Filippo Trascinelli 20.07.05 21:14| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe, sono un giornalista scientifico e quindi puoi immaginare che di queste cose ne sento di tutti i colori. Diciamo la verità (proviamoci almeno..). Questo 'appello' dell'azienda nasce dall'impossibilità di fare certe pubblicità come accade all'estero. E quindi cercano escogitare qualcosa. In fondo il prodotto può essere acquistato solo con la ricetta medica e quindi SI SPERA che i camici bianchi sappiano cosa fare... un saluto . A.

Antonio Caperna 20.07.05 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Guardare il mare è il miglior anti-stress.
LONDRA - Guardare il mare e' il sistema piu' rapido ed efficace per spegnere lo stress da citta'. E a chi non ha una spiaggia a disposizione, non resta che fare quattro passi nel verde, ascoltare il canto degli uccelli, o respirare l'odore di erba tagliata. Questi sono i quattro anti-stress piu' popolari secondo un sondaggio condotto da Hoegaarden su 2.000 adulti in Gran Bretagna e illustrato sulla Bbc online. A promuovere il rimedio piu' estivo e' il 42% degli intervistati, mentre il 33% passeggia nel verde e il 14% ascolta cantare gli uccelli, o (10%) annusa prati tagliati di fresco.

Tutti anti-stress a basso costo per allontanare ansia e tensioni quotidiane, che affliggono il 30% degli intervistati. E se la vita da pendolari e' una delle cause di stress piu' indicate, non manca chi se la prende con il lavoro (32%) e con la sveglia mattutina (14%). Secondo gli esperti il fatto di vivere in citta' e non a contatto con la natura ha provocato un aumento dello stress. Inoltre, anche gli animali con cui si entra in contatto sono diversi: per chi vive in una metropoli e' piu' facile vedere topi o ratti che pecore e mucche. Ma perche' la natura aiuta ad allentare le tensioni? Secondo George Fieldman, terapeuta cognitivo e psicologo dell'evoluzione di High Wycombe ''in questo modo si ripetono i comportamenti dei nostri lontani progenitori''.

PIERGEPPE ASSI 20.07.05 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Tengo a comunicarti (e lo saprai già) che esiste un prontuario da fonte privata che spiega l'uso dei gas a base di fluoro, che veniva utilizzato nei campi di concentramento allo scopo di inibire una parte del cervello.
Trattasi dello stesso fluoro contenuto nei dentifrici, farmaci, disinfettanti per le acque potabili.

stefano montrone 19.07.05 17:58| 
 |
Rispondi al commento

a Beppe!!! Guarda che sulla lettera c'è scritto che la disfunzione erettile è una spia di qualcosa d'altro(ipertensione etc.),non che genera conseguenze gravi se non curata.Se uno leggesse a fondo la lettera,capirebbe che bisognerebbe approcciarsi al problema della disfunzione erettile alla radice(quindi a livello cardiovascolare -e perchè no- anche emotivo o mentale), intuendo che sarebbe inutile prendere una pasticchetta che te lo faccia rizzare,quando tu da solo non sei nella situazione fisico-mentale di sostenere un'erezione,perchè stai cominciando ad avere problemi cardiovascolari o derivanti ,per esempio,dallo stress.Quindi ringrazio la bayer di avermi informato che la non "erigibilità" del mio stantuffo non è il problema in sè, ma un'indicazione del mio stato di salute.Da ciò: col cazzo che je la compro la pasticchetta,ma anzi vado a fà una corsetta e dello yoga abbinato ad una dieta equilibrata per riottenere un pisellone da paiura come risultato di una tranquillità mentale e una efficacie circolazione sanguigna finalmente raggiunte(magari fosse così facile). P.S mi scusi se le ho dato del TU, all'inizio della lettera. ArrisentirLa, anzi arrisentirVi

Simone Di Maulo 19.07.05 10:36| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti

matteo balestra 19.07.05 03:59| 
 |
Rispondi al commento

di norma, quando leggo un comunicato, una pubblicità in cui l'autore elogia un particolare prodotto... e successivamente mi accorgo che vi è un qualche legame (leggasi: € o $ o £ o...), allora capisco tutto.

stefano "akiro" meraviglia 19.07.05 01:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
mi sembra che ormai per quanto riguarda la sanità sia oltre... come dici la m...
Ogni stagione porta i suoi frutti e come ogni stagione i giornali e le televisioni ci propinano le stesse cose con cadenzialità ormai stagionale (ovviamente). L'influenza .... il caldo ormai sono argomenti che tutti li conoscono a memoria ma tutti gli anni spuntano come cose nuove da scrivere.
purtroppo lavorandoi nel settore emergenza urgenza (sono un medico raianimatore) ogni anno mi vedo arrivare nel mio ospedale i giornalisti che fanno ormai le solite domande : quanti morti per il caldo o per l'influenza (a seconda ovviamente della stagione) quest'anno c'è stato un picco?: come ci si deve proteggere? cosa si deve fare ? e gli anziani ...
Ma per la coda di una lucertola ... invece di fare ogni anno le stesse domande non sarebbe meglio prevenire che curare e fin da che è nato il mondo il caldo ha sempre portato disagi.
Forse i giornalisti dovrebbe intervistare coloro che potrebbero far qualcosa per prevenire che gli ospedali si affollino per colpi di sole, per influenze che aggravano le patologie...
in fin dei conti prevenire è meglio che curare.
Per oggi mi fermo qui.
Grazie per lo sfogo.
Elena

Elena Guffanti 18.07.05 16:14| 
 |
Rispondi al commento

nel meccanismo della produzione anche la salute diventa elemento produttivo...per le case farmaceutiche....il timore oggi non è di ammalarsi...ma di essere curati!!!
danila

danila tinivella 17.07.05 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe:)

ecco una notizia che penso sia necessaro portare a conoscenza
Il 4 luglio scorso, mentre i media si occupavano della sonda Deep Impact e della cometa Tempel 1, e il mondo applaudiva gli scienziati di Pasadena, a Roma il Codex Alimentarius approvava un documento che porterà alla eliminazione delle vitamine...

Le Vitamine stanno per essere eliminate in tutto il mondo...
Di Tim Bolen - Quakpot Watch | 4 luglio 2005
Traduzione per Disinformazione.it a cura di Stefano Pravato

Oggi a Roma, "Big Pharma” (le principali industrie farmaceutiche mondiali, n.d.T.) ha ottenuto una grande vittoria. La quasi totalità delle vitamine e dei minerali non saranno più di “libera vendita”, in nessuna nazione del Pianeta Terra. Il "Modello Tedesco" della salute diventerà legge del paese – in ogni paese.
Segue un servizio di Diane Miller JD del National Health Freedom Coalition, che spiega l'accaduto. Diane si trova a Roma al congresso del Codex.

National Health Freedom Coalition: La commissione Codex al completo approva le linee guida Codex sui Supplementi Alimentari vitaminici e minerali in forma definitiva 4 luglio 2005, Roma Italia. Di Diane Miller JD.
Alcuni minuti fa il plenum della commissione Codex Alimentarius ha approvato in forma definitiva, le direttive Codex sui Supplementi Alimentari vitaminici e minerali. Si tratta dell'ottava fase di approvazione, quella finale per l'adozione internazionale delle direttive Codex. Le direttive Codex sui Supplementi Alimentari vitaminici e minerali ora sono ufficiali e non si tratta più di una bozza.
La Commissione, cui hanno partecipato 85 dei 171 paesi aderenti al Codex, hanno approvato consensualmente le direttive. L'approvazione è stata preceduta da una breve discussione in replica a pochi paesi e due ONG (organizzazioni non governative associate alle nazioni unite, n.d.T.)
L'Australia ha richiesto di inserire la parola "solo" nella sezione 1.3 tra le parole "applicano" e "in". La frase pertanto diventa "Queste direttive si applicano solo in quelle giurisdizioni nelle quali i prodotti definiti in 2.1 sono definiti cibi."
Un abbraccio
guerriero poeta

roberto berera 17.07.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno studente di medicina del primo anno di genova....di certo nn prentendo di conoscere i meandri dell'informazione sanitaria italiana e non....però pochi giorni fa giornali e telegiornali hanno parlato di un'importante scoperta nel campo della medicina...il vaccino contro hiv...il problema che dopo un paio di giorni nessuno ne ha più parlato se non qualche professore della mia facoltà....io mi domando il perchè di tale comportamento....in compenso non passa giorno in cui nn si parli della falchi di e riccucci..x carità matrimonio stupendo....PERO'!!!

Stefano Spinaci 16.07.05 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Grande beppe... mi e' piaciuta da morire questa tua risposta al killer Pamparama... continua cosi'.... sei un grande ciao Daniele

Daniele D'Arrigo 15.07.05 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, tu parla e tirali giu', cosi poi i giornalisti ti seguono, ma non sanno che qualcuno e' arrivato prima. Mi spiace ma non sei un comico, sei uno dei pochi in grado di far aprire gli occhi.

Cito da IL CORRIERE DELLA SERA:

Medicina Uno studio su tre smentito da altre ricerche Rivisti i risultati di lavori scientifici pubblicati dal 1990 al 2003 Tra le delusioni: gli ormoni post-menopausa e la vitamina E STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU' LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO
Ordini e contrordini, così vanno le cose in medicina e quel farmaco, che fino a un momento prima faceva bene, ora fa male o quantomeno non è più così efficace.

Uno studio pubblicato questa settimana su Jama( Journal of the American Medical Association), la rivista dell’Associazione dei medici americani, dimostra che almeno un terzo delle ricerche, su terapie farmacologiche e non, vengono successivamente smentite o ridimensionate. Un esempio: milioni di donne in menopausa hanno assunto ormoni per prevenire le malattie di cuore. Poi la ritrattazione: non solo la terapia sostitutiva non riduce il rischio cardiaco, ma può aumentare quello di tumore.

L’analisi ha preso in esame una serie di lavori pubblicati fra il 1990 e il 2003, compresi 45 studi che inizialmente documentavano l’efficacia di una cura. Ricerche successive, in una sorta di revisionismo terapeutico, hanno ribaltato i dati di sette studi e hanno ridimensionato i risultati di altri sette.

«Non è inusuale che anche gli studi migliori e più citati, pubblicati su riviste prestigiose, portino a conclusioni contraddittorie e a volte esagerate » ha commentato l’autore dell’indagine, John Ioannidis, dell’Università greca di Ioannina. Le riviste in questione sono l’inglese Lancet e le americane Jama e New England, le più diffuse al mondo, da cui i media attingono a piene mani per trasmettere notizie a un pubblico assetato di informazione sulla salute, ma sempre più disorientato di fronte a messaggi contrastanti. Ma da dove hanno origine tutte queste contraddizioni? «A volte è un problema di protocollo di studio — commenta Pier Mannuccio Mannucci, clinico medico ed ematologo alla Fondazione Ospedale Maggiore di Milano —. Prendiamo la terapia sostitutiva in menopausa: i primi dati di uno studio di coorte (in cui cioè si osserva nel tempo un gruppo di persone sottoposte a terapia, ndr) avevano evidenziato alcuni benefici, plausibili da un punto di vista biologico, dal momento che con la menopausa viene meno l’effetto protettivo degli ormoni naturali sul cuore. Quando poi sono stati condotti studi controllati (in cui c’è un gruppo che assume la terapia e un altro di controllo che assume placebo, ndr) è venuta fuori la verità: nessun vantaggio, anzi, qualche rischio». Più o meno per lo stesso motivo, l’ossido di azoto si è rivelato inefficace nel ridurre la mortalità in persone con insufficienza respiratoria e una promettente cura con anticorpi contro la setticemia non ha retto a verifiche approfondite. C’è poi il fattore «industria »: a volte quello che ricerche sponsorizzate dalle case farmaceutiche dimostrano (o non dimostrano) viene poi contraddetto da lavori indipendenti. «I contraccettivi di III generazione — continua Mannucci — aumentano lievemente il rischio di trombosi rispetto a quelli di II, rischio che non era emerso da studi sponsorizzati ».

La lista dei casi citati da Ioannidis comprende anche quello della vitamina E nella prevenzione dell’infarto e della posizione migliore per un paziente con trauma.
«La vitamina E — dice Mannucci —, che sembrava efficace nel ridurre il rischio cardiovascolare, non ha retto alla verifica su ampia scala. Per ottenere risultati il più possibile veritieri bisogna spesso lavorare su grandi casistiche».

Ma il problema non riguarda soltanto i farmaci. «Spesso vengono ridimensionate o abbandonate anche terapie che prevedono l’uso di apparecchiature — commenta Pasquale Spinelli, oncologo all’Istituto Tumori di Milano —: un esempio è quello della crioterapia per la cura dei tumori. Sono state comperate centinaia di macchine che poi sono finite in soffitta».
Adriana Bazzi
15 luglio 2005

jacopo mu 15.07.05 17:23| 
 |
Rispondi al commento

si, ma guarda che le riviste VERAMENTE prese in considerazione dal mondo medico sono veramente poche... giusto nature e poche altre e, in ogni caso, gli articoli che stanno sulla MEDLINE.

ci hanno insegnato a distinguere chi pubblica articoli su riviste prestigiose (con pochi su tali riviste si ottiene un posto di professore in america) da chi pubblica a iosa su riviste di scarso valore (magari il british journal è l'equivalente di salute di repubblica, chi lo sa...).

fatelo anche voi !

antonio chiaravalloti 14.07.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Mi riferisco ai due precendenti post - E' lo stesso Franco Pamparana della Bayer?

Simo Ciga 14.07.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento


SCIMMIE PROTETTE, IN ITALIA DIVENTANO CAVIE

Per tua informazione:

Il gruppo Pharmacia, con 3.209 dipendenti e un fatturato di oltre 1.570 miliardi di lire nel 2000, è fra le maggiori società farmaceutiche operanti in Italia.
Il quartier generale della società è situato a Milano dove, oltre agli uffici che gestiscono le operazioni sul mercato italiano, hanno sede anche Pharmacia & Upjohn International, la struttura della società preposta alle attività commerciali nei paesi dell’Europa Orientale, Africa e Medio Oriente, la divisione marketing per l’Italia della Diagnostica allergologica e Carlo Erba OTC, che gestisce il settore dell’automedicazione. Rozzano e Peschiera Borromeo, poco lontano dal capoluogo lombardo, ospitano gli insediamenti della ex-Searle e di Monsanto. Ad Aprilia, presso Roma, la società è presente con Pharmacia & Upjohn Animal Health, che opera nel settore della veterinaria.
I principali centri di produzione sul territorio nazionale sono gli stabilimenti di Nerviano (MI), che assicura la fornitura in Italia e all’estero delle specialità iniettabili, di Ascoli Piceno e di Rozzano (MI), dove si producono farmaci per uso orale e topico con grande varietà di indicazioni terapeutiche.
A Nerviano, pochi chilometri fuori Milano, Pharmacia è presente con uno stabilimento dedicato alla produzione di farmaci antitumorali e con il piu’ grande centro privato di ricerca oncologica in Europa, che si estende per quasi 400.000 metri quadrati (circa 40 ettari) e impiega 700 ricercatori. La sua realizzazione ha comportato un investimento di 335 miliardi negli ultimi dieci anni.
Il centro di Nerviano opera in stretta collaborazione e sovrintende alle attività in campo oncologico degli altri ricercatori della società che operano in Svezia e negli Stati Uniti. Sono inoltre numerosi e significativi i rapporti di collaborazione con una vasta rete di ricercatori esterni a livello mondiale.

Dati e cifre 2001 sul gruppo Pharmacia in Italia

Fatturato: 1.555 miliardi di lire (803 milioni di euro)
Investimenti in Ricerca & sviluppo: 248 miliardi di lire (128 milioni di euro), pari al 16 per cento del fatturato
Sede centrale: Milano
Centro ricerche: Nerviano
Poli produttivi: Nerviano e Ascoli Piceno
Dipendenti: 3.209, di cui 812 ricercatori
Portafoglio prodotti: circa 140 farmaci etici
Principale settore di ricerca: oncologia

Pharmacia Corporation nasce ufficialmente nell’aprile del 2000 dalla fusione di Pharmacia & Upjohn e Monsanto Searle. La prima era nata a sua volta nel 1995 dalla fusione di The Upjohn Company, statunitense e Pharmacia AB, svedese, che in precedenza aveva acquisito l'italiana Farmitalia Carlo Erba. Sempre in Italia, Monsanto Searle aveva acquisito Poli Farmaceutici. La nuova società, quotata al NYSE di Wall Street e a Stoccolma, è presente sui maggiori mercati farmaceutici mondiali. Ha realizzato nel 2001 un fatturato superiore ai 41.600 miliardi di lire (21,5 miliardi di euro), di cui 27.400 (14,1) nella farmaceutico e 14.200 (7,4) in agricoltura. Vi lavorano circa 60 mila dipendenti.

=========================================

Se vai in :http://www.PetitionPetition.com/forms/login.html trovi la petizione.

Diversamente puoi inviare questo messaggio cancellando la traduzione in italiano e firmandola:

- primeminister@intnet.mu (Sir Anerood Jugnauth's)
- webmaster.italia@pharmacia.com
alla c.a. degli Egr. Sigg.Franco Pamparana -M. Brughera - Roberto De Ponti

-- ecco cosa si aspettano questi signori di Ricerca e Sviluppo: Ci aspettiamo dallo Stato proposte collaborative, per esempio condividendo le risorse, e iniziative coraggiose, per esempio finanziando gli attori principali del cambiamento, cioè quegli Istituti pubblici e privati che hanno esperienza e capacità nel creare valore aggiunto per la ricerca farmaceutica.Le misure sono quelle che ho indicato prima, vorrei aggiungere che fare ricerca in Italia è difficile quando ci confronti con la relativa instabilita' del comparto farmaceutico ed un panorama legislativo non ideale.
Al di là di questo bisogna anche parlare di alcuni aspetti positivi della nostra professione. C'è un bellissimo rapporto di collaborazione tra ricerca pubblica e privata, basato sul rispetto reciproco che si riflette in modo proficuo sullo sviluppo delle risorse umane in questo settore. E' stimolante sul piano professionale il confronto tra due mondi molto diversi tra loro; con alcune grandi Università Italiane abbiamo raggiunto risultati interessanti, il settore pubblico si sta avvicinando a modelli di business che l'industria apprezza molto, perché ne vede un partner competitivo, di conseguenza gli scambi e i passaggi di cervelli e professionalità dal pubblico verso il privato fanno bene allo spirito del nostro settore, dinamico e sempre teso a cogliere il cambiamento per migliorarsi. --

Si può contattare l'azienda anche via posta ordinaria, telefono o fax, utilizzando i seguenti recapiti:

Pharmacia SpA oppure
Pharmacia Italia SpA
Via Robert Koch, 1.2
20152 Milano
tel. + 39 02 48381
fax + 39 02 48382734

Testo della petizione

You arrived in Italy with a flight of the air Mauritius NK 300 120 macachi (Macaca Fascicularis) 60 male and 60 females. These sweet animals "helpless religion of places of guards",their live at liberty and the inhabitants of the place carry their to eat and they have respect for them. You are come from the Indonesia, Malesia and South Asian East. They were withdrawn from the Airport of Malpensa ( Varese) destined to the experimentation in the laboratories of Pharmacia of Nerviano (Milan) These it you be special they are protected also in Europe but, the Scientific Commission Cites, is succeeded to give it the authorization to enter in Europe actual for the experimentation.These it you be it will not be able piu' to be free. Unfortunately, to the macachi will commit suicide with useless sufferings. These animals immediately should be freed and restored in their country. They will be submitted to untenable tortures. All of the world it is to knowledge that the experimentation on the animals they will not be able carry positive effects on the human beings. Instead they will carry surely a lot of earning to the multinational one that ordered it their captures. To become cavie from laboratory were gained between 2000 and 3000 dollars each. we can not allow that people unscrupulous you capture them for an absurd experimentation and to make one's will new produced. The Mr Marco Brughera, responsable of the center researches, he has not problems to communicate that Pharmacia of Nerviano, every year gain about 240 examples. This declaration is the confirmation that the experimentation not is necessary.
Stop to sperimetation!
Besides, I press the same center, are held about 100 beagle destined to the experimentation, gained to the Green Hill of Montechiari (Brescia). This allevamento supplies these beagle like that of S. Polo of Enza of the breeding MORINI. After that they have immediately the experimentation, affirms the Sig. Brughera, the poor animals come however killed.
The rights of animals are a huge issue in today!
If humans are allowed rights, why should animals be any different? They deserve to be treated with respect, just as humans do.
Sign the following petition if you agree with the above statement, or you just feel strongly about the prevention of animal cruelty, and the inclusion of more productive animal rights.
It's time to speak out and make a difference to the cruelty of animals! By signing this you will be supporting animals from all around the world, and you will hopefully help others see why animal cruelty is not acceptable.
You sign this petition and leak to sign all those that you know.
NOME COGNOME CITTA'

traduzione :

Sono arrivate in Italia con un volo dell'Air Mauritius NK 300 120 macachi ( Macaca Fascicularis) 60 maschi e 60 femmine.
Questi dolcissimi animali "guardiani indifesi di luoghi di culto , essi vivono in liberta' e gli abitanti del luogo portano loro da mangiare ed hanno rispetto per loro
Sono stati prelevati dall'areoporto di malpensa destinati alla sperimentazione nei laboratori di Pharmacia di Nerviano (MI)
Questi esseri speciali sono protetti anche nella comuntita' europea, ma, la Comissione Scientifica Cites, e' riuscita a darne l'autorizzazione ad entrare in Europa proprio per la sperimentazione
Questi esseri non potranno piu' essere liberi.Purtroppo, ai macachi toglieranno la vita con inutili sofferenze.
Questi animali devono essere immediatamente liberati e riportati nel loro paese.Saranno sottoposti a torture insostenibili.
Tutto il mondo e' a conoscenza che la sperimentazione sugli animali non potrenno portare effetti positivi sugli esseri umani.
Invece porteranno sicuramente molti guadagni alla multinazionale che ha ordinato la loro cattura.
Per diventare cavie da laboratorio sono state acquistate tra 2000 e 3000 dollari ciascuna.Non possiamo permettere che gente senza scupoli li catturi per una sperimentazione assurda e per testare nuovi prodotti.
Il Signor Marco Brughera, responsabile del centro ricerche, egli non ha difficolta' a comunicare che Pharmacia di Nerviano, ogni anno acquistano circa 240 esemplari.
Questa dichiarazione e' la conferma che la sperimentazione non e ' necessaria.Fermiamoli!
Inoltre , presso lo stesso centro, sono detenuti circa 100 beagle destinati alla sperimentazione , acquistati alla Green Hill di Montechiari ( Brescia).
Questo allevamento fornisce questi beagle come quello di S.Polo d'Enza dell'allevamento MORINI.
Dopo che hanno subito la sperimentazione, afferma il Sig. Brughera, i poveri animali vengono comunque uccisi
Firma questa petizione e falla firmare a tutti quelli che conosci.

***

Da
animali_iniziative@yahoogroups.com

Un articolo del Corriere della Sera di oggi, giovedi´ 1 maggio, afferma che
a Malpensa sono arrivati 120 macachi (originari dell'Indonesia, Malesia e
Sud Est Asiatico) e circa 100 cani beagle dalla Green Hill di Montichiari.

Gli animali sono destinati ai laboratori di ricerca di Nerviano (MI)
dell'azienda Pharmacia.
Dall'articolo non si capisce se gli animali sono ancora a Malpensa o gia'
nei loro lager.


Vi riporto questi dati, non sono controllati, ho fatto tutto in fretta
perche' non sono a casa in questi giorni:

Laboratorio di ricerche Pharmacia:
Nerviano (MI), Via Giovanni XXIII 23 - tel. 0331/583111

Ho trovato inoltre questi dati, dal sito:
http://users.unimi.it/~genetic/dott/progetti.htm

Sono titoli di progetti di ricerca su animali, e riportano l'email di
vivisettori della Pharmacia. Vedete un po' voi che farne.

THERAPEUTIC RESPONSE EVALUATION IN TUMOR MODELS "IN VIVO" BY
MAGNETIC RESONANCE IMAGING (MRI)

Docente guida: da attribuire
Supervisors: Dott Anna Degrassi, Dott. Enrico Pesenti
Sede: Pharmacia & Upjohn, Via Giovanni XXIII, n.23, 20014 Nerviano (MI)
e-mail: anna.degrassi@Pharmacia.com; enrico.pesenti@Pharmacia.com

COORDINATION BETWEEN INITIATION AND ELONGATION EVENTS IN S-PHASE
Docente guida: da attribuire

Supervisors: Dott. Alessia Montagnoli, Dott. Corrado Santocanale

Sede: Pharmacia & Upjohn, Via Giovanni XXIII, n.23, 20014 Nerviano (MI)

e-mail: corrado.santocanale@Pharmacia.com

Cose da fare: andare nei laboratori della Pharmacia a fare dei picchettaggi.
Credo sia inutile andarci prima della prossima settimana, perche' adesso
saranno tutti in ferie e inoltre non c'e' tempo per coordinarsi. Bisogna
anche andare sul posto a fare un sopralluogo, per capire se i cancelli di
ingresso e uscita sono accessibili al pubblico, e bisogna andarci negli
orari di ingresso (7.30-9.30) o uscita (probabilmente 16.30-18.30) dei
dipendenti.
Chi e' della zona, per favore, si organizzi.
Se definite la data e l'ora di un picchettaggio ditemelo, che lo faccio
sapere a tutti.
Meglio avvertire la questura 2 gg prima, cosi' non vi potranno allontanare e
potrete star li' a rompere le scatole ai vivisettori.

Infine, Maria Grazia Barbieri scrive questo, anche se non so se sia efficace
andare in Comune domani, comunque:

l'appuntamento è per domani venerdì dalle ore
17,30 davanti al comune di nerviano meglio davanti al laboratorio se
sappiamo dov'è contiamo sui milanesi che giocano in casa per aiutare
macachi ecc.
grazie maria grazia barbieri /PATTT PARTITO ANIMALISTA
TRANSVERSALE/cell. 3355454609
bollettinoanimalista@libero.it


Io sono via in questi giorni, ci sono di nuovo da lunedi'.

Ciao a tutti.
Marina Berati

Simo Ciga 14.07.05 12:09| 
 |
Rispondi al commento

ABORTO MEDICO
RU 486: il parere della Commissione regionale per le sperimentazioni cliniche del Piemonte

24-01-2003

fonte: Bioetica 4/2002


La Commissione ha preso in esame la richiesta (avanzata in data 6/9/02 pervenuta in Regione in data 6/9/02 e sottoposta ai componenti della Commissione in data 9/9/02) del direttore generale dell'Azienda sanitaria ospedaliera OIRM-S. Anna di Torino, relativa all'utilizzo del mifepristone e misoprostolo nello studio sperimentale denominato "IVG con mifepristone (RU 486) e misoprostolo". La richiesta in oggetto, com'è previsto nella lettera di accompagnamento della relativa documentazione, sostituisce completamente quella precedentemente presentata in data 8/2/02 e avente come titolo "Progetto pilota per l'introduzione di una metodica farmacologica per lo svuotamento abortivo dell'utero (IGV, aborto interno e uovo anembrionato)" (pratica n. 4244, pervenuta in Regione in data 8/2/02 e sottoposta ai componenti della Commissione in data 11/2/02).


Rispetto alla precedente richiesta, l'attuale limita lo studio alla sola interruzione volontaria di gravidanza (IVG) ed esplicitamente afferma di aver recepito tutte le osservazioni critiche avanzate dalla Commissione regionale nel corso di audizioni con i responsabili dello studio e con i diregenti dell'Azienda ospedaliera sponsor dello studio (Direzione sanitaria). In effetti, il progetto di studio sperimentale non è supportato sul piano economico da ditte produttrici di farmaci né da società scientifiche o da istituzioni di promozione della ricerca scientifica, bensì direttamente dall'Azienda ospedaliera OIRM-S. Anna di Torino (vedi parere motivato Direzione sanitaria 4/9/02).


Com'è noto, l'interruzione volontaria di gravidanza è legale in Italia ed è regolata dalla legge 194/78 emanata nel 1978. Fino al 90° giorno di gestazione per l'aborto volontario è necessaria una richiesta scritta della donna avallata, per quanto attiene alle specifiche problematiche mediche, da un medico ginecologo non obiettore. Fino a oggi l'unico metodo abortivo utilizzato è stato quello chirurgico, che prevede solitamente il ricovero per eseguire lo svuotamento chirurgico dell'utero in anestesia generale (dilatazione strumentale del collo dell'utero con isterosuzione e/o raschiamento). Esso di norma viene eseguito dopo la 7a settimana gestazionale. Attualmente, nell'ospedale ginecologico S. Anna di Torino sono eseguite circa 3.000 interruzioni volontarie di gravidanza (IVG) all'anno e ogni giorno feriale due sale operatorie e due équipes chirurgiche sono impegnate per i 18 letti di day hospital dedicati a questo servizio (vedi relazione della Direzione sanitaria). Con la stessa procedura chirurgica sono eseguite centinaia di revisioni strumentali della cavità uterina per aborto interno, uovo anembrionato e aborto incompleto.


Il progetto di studio oggetto della presente richiesta si propone di valutare l'efficacia e la tollerabilità di una metodica alternativa all'approccio chirurgico. Lo svuotamento della cavità uterina viene indotto farmacologicamente con l'utilizzo di una combinazione di farmaci: mifepristone e misoprostolo. Si tratta di una metodica di aborto farmacologico che è attualmente utilizzata in molti paesi europei, negli USA, in Canada e in altri paesi nel mondo. In Europa è stata utilizzata da oltre 650.000 donne, nella sola Cina da milioni di donne. In Francia, Gran Bretagna, Svezia e Cina è stata introdotta nella pratica clinica da oltre un decennio. Attualmente è utilizzata nei due paesi confinanti con il Piemonte, Francia e Svizzera. Centinaia di lavori scientifici sono stati pubblicati e la letteratura internazionale riguarda decine di migliaia di casi. L'Organizzazione mondiale di sanità (OMS) nel 1997 lo ha definito un metodo sicuro ed efficace e proprio sotto il coordinamento dell'OMS l'Italia partecipò a uno studio multicentrico che, pubblicato nel 1991, diede il via libera all'introduzione del mifepristone e della metodica medica in molti paesi europei. Nel settembre del 2000 la Food and Drug Administration ha autorizzato l'uso del mifepristone e del misoprostolo negli Stati Uniti. L'aborto medico è inserito nelle linee guida di molte società scientifiche, come il Royal College of Obstetricians and Gynecologist (RGOG) o l'American College of Obstetricians and Gynecologist (ACOG). La Federazione internazionale di ostetricia e ginecologia (FIGO) nelle sue "Ethical Guidelineas Regarding Induced Abortion for Non-Medical Reasons" raccomanda che, dopo un counselling appropriato, la donna abbia il diritto di potere accedere a opportunità mediche e chirurgiche e che il sistema sanitario provveda a tali servizi nel modo più sicuro possibile.


La Commissione ha preso in esame la richiesta (avanzata in data 6/9/02, pervenuta in Regione in data 6/9/02 e sottoposta ai componenti della Commissione in data 9/9/02) del direttore generale dell'Azienda sanitaria. Analogamente i principi della Convenzione europea di Oviedo del 1997, recentemente assunti nella legislazione italiana con legge 145/2001, in tema di consenso informato e autodeterminazione del paziente impongono di informare il paziente sulle possibili alternative terapeutiche. Nella richiesta, è ribadito che per l'IVG la procedura di accesso all'aborto rimane esattamente quella prevista dalla legge. Cambia semplicemtne la metodica operativa dell'azione abortiva nei casi nei quali può essere proposta o richiesta. Il tutto avviene infatti nel rispetto degli articoli 4, 5 e 8 della legge n. 194 del 22/5/78 e in osservanza dell'articolo 15, che esplicita come sia indicato applicare - in ragione del continuo aggiornamento delle conoscenze - "l'uso delle tecniche più moderne, più rispettose dell'integrità fisica e psichica della donna e meno rischiose per l'interruzione della gravidanza".


Scopo dello studio è quindi quello di valutare l'efficacia e la tollerabilità dell'induzione farmacologica di aborto completo nel rispetto della legge 194/78 confrontando quattro regimi terapeutici. Lo studio è definibile di fase II-III e prevede l'arruolamento globale di 400 donne suddivise nei quattro regimi terapeutici, con valutazione ad interim comparativa fra i vari gruppi dopo i primi 100 e 200 casi e possibilità di ridistribuzione successiva nei gruppi con regime più efficace e/o più sicuro in termini di effetti rilevanti.


Il mifepristone è un farmaco non registrato e commercializzato in Italia, ancorché lo sia in altri paesi CE. E' attivo come antagonista del progesterone e degli ormoni glicorticoidi ed è ampiamente noto nella letteratura endocrinologica. In Francia è commercializzato come induttore abortivo entro la 7a settimana gestazionale.


Il misoprostolo è un derivato prostaglandinico induttore della contrattilità uterina, registrato e commercializzato in Italia con l'indicazione terapeutica della prevenzione di ulcere gastroduodenali indotte da fans e della terapia di ulceri duodenali e gastriche. Le vigenti disposizioni ministeriali in tema di sperimentazioni cliniche di fase II-III impongono l'acquisizione per farmaci non registrati o impiegati con indicazioni e/o posologia difformi da quelle della scheda di registrazione del Giudizio di notorietà da parte del Comitato etico di riferimento per la struttura dove si svolge la sperimentazione.


Il Giudizio di notorietà è pre-requisito per l'approvazione del protocollo sperimentale e per l'inizio dello studio. La Commissione invita quindi i responsabili dello studio a sottoporre la documentazione richiesta per l'ottenimento dello specifico Giudizio di notorietà nel quale deve essere considerata l'associazione con mifepristone.


Le due ditte che commercializzano in Italia il farmaco misoprostolo, registrato presso il Ministero della salute con indicazione terapeutica diversa da quella dove si vuole sperimentare, hanno prodotto dichiarazioni di non coinvolgimento e di non sponsorship, prendendo atto che l'Azienda ospedaliera S. Anna di Torino ha predisposto, in modo autonomo e spontaneo, lo studio sperimentale clinico "IVG con mifepristone (RU 486) e misoprostolo", nel quale il farmaco misoprostolo è sperimentato con indicazione diversa dal decreto di registrazione (lettera Pharmacia a firma del direttore medico dottor Franco Pamparana in data 8/7/02, lettera Lusopharmaco a firma del direttore medico dottor Francesco Sarlo in data 4/7/02).


Ciò premesso, lo studio sarà effettuato presso diverse strutture assistenziali dell'ospedale S. Anna di Torino. Responsabili dello studio sono il professore Marco Massorbio, direttore del Dipartimento universitario di ostetricia-ginecologia e il professore Mario Campogrande, direttore del Dipartimento ospedaliero di ostetricia-ginecologia, co-sperimentatori saranno il dottor Franco Mascherpa e il dottor Silvio Viale, dirigenti medici di I livello della stessa Azienda ospedaliera. Tutti firmano lettera di impegno.


Nella documentazione allegata alla precedente richesta (pervenuta in Regione in data 8/2/02) erano inserite 94 adesioni allo studio da parte di medici dirigenti della stessa struttura ospedaliera, non obiettori ma anche obiettori, che affermavano la propria disponibilità a collaborare alla migliore attuazione operativa dello studio nelle rispettive strutture complesse di afferenza. Nella documentazione allegata alla presente è inserito un elenco nominativo di 51 dirigenti medici della stessa struttura ospedaliera che dovranno firmare una dichiarazione d'impegno alla collaborazione allo studio sperimentale. E' anche allegato il modulo di impegno. La Commissione sottolinea come sia necessario disporre della firma per presa visione e accettazione del protocollo sperimentale di tutti gli sperimentatori, responsabili e collaboratori, e invita petanto i responsabili a recuperare l'adesione formalmente sottoscritta di tutti i diregenti medici inseriti nell'elenco allegato.


Il protocollo allegato è schematico ma adeguato alla particolare tipologia dello studio. Le controindicazioni alla somministrazione dei farmaci sono tuttora elencate in modo generico (per esempio, diabete complicato, asma grave non compensata da terapia) senza una specificazione analitica dei parametri di giudizio per l'esclusione. E' allegata copia della scheda clinica inviduale (CRF), impropriamente definita Investigator's Drug Brochure, sono comunque bene specificati i parametri di valutazione dello studio ed è precisata la sequenza delle visite e degli esami clinici e strumentali. Nella scheda informativa per i medici e gli operatori viene indicata la possibilità di utilizzare all'occorrenza il misoprostolo (Cytotec/Misodex). A tal proposito si sottolinea come nell'utilizzazione di tale farmaco ci si debba attenere rigorosamente alle indicazioni del protocollo, non essendo, nell'ambito della sperimentazione, consentito diverso utilizzo.


E' allegata ampia e aggiornata bibliografia. Le informazioni per la paziente sono sufficientemente dettagliate anche per quanto attiene agli effetti collaterali e integrano la formale di consenso scritto. Non vi è invece alcuna dichiarazione istituzionale dell'Azienda sponsor in merito alle spese della sperimentazione che per le vigenti disposizioni ministetriali non possono essere a carico delle pazienti né della spesa corrente ospedaliera (acquisto dei farmaci; procedure diagnostiche o di monitoraggio diverse o aggiuntive rispetto a quelle previste dall'attuale routine dell'IVG) ma che devono essere coperte da fondi ad hoc.


E' allegata copertura assicurativa dell'azienda ospedalira OIRM-S. Anna di Torino.


E' stato acquisito il parere favorevole della Direzione sanitaria.


In conclusione: la Commissione a maggioranza esprime parere favorevole subordinatamente al completamento della pratica nelle parti carenti evidenziate nella presente relazione: acquisizione giudizio di notorietà sull'associaizone dei due prodotti utilizzati nel protocollo di studio e in particolare alla specificazione delle modalità di copertura delle spese sperimentali.


Torino, 28 ottobre 2002


Il presidente delegato: ingegnere Gianpiero Cerutti

Simo Ciga 14.07.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi inutile girarci intorno o stare a quisquiliare tra l’essere causa e l’essere potenziale sintomo; il problema che si pone, se non l’avete capito, riguarda il fatto che Pamparana non comunica questa cosa perché ha a cuore la nostra salute ma soltanto per propinarci qualche farmaco a lui ed alla multinazionale Bayer molto caro. Pensate diversamente? Pensate forse che la lettera (vi ricordo che le pagine dei giornali costano, se guardate il post ‘Giornalismo giudiziario’ potete trovare un costo ‘puramente indicativo’ di ben 180.000 euro!) sia stata scritta per spirito di missione, che siano stati spesi i soldi per lo spazio che occupa senza fini di lucro? Siete degli illusi! Lo scandalo (se così lo vogliamo definire anche se il termine lo ritengo troppo forte) è che venga il dottor Pamparana (o un qualsiasi altro medico) su un giornale e in uno spazio a pagamento a dirci cosa dobbiamo fare… Credo che ognuno di noi sia in grado di recarsi dal proprio medico e poi da un appropriato specialista se manifesta una qualche disfunzione rispetto alla sue normali funzionalità… Deve offendere il principio che venga qualcuno a darci elementari lezioni di sopravvivenza per uno spicciolo interesse di parte dell’industria che rappresenta come se non fossimo capaci di badare a noi stessi ed alla nostra persona, deve offendere tanto di più se si ipotizza che il messaggio sia diretto a tutti coloro che quando leggono un ‘annuncio’ di questo tipo pensano già di essere malati e magari si recheranno dal proprio medico benedicendo la bayer e cercando il suo rimedio, grati di essere da esse stati avvertiti per tempo della loro nuova potenziale malattia!!!

Donato Bartoli 13.07.05 23:53| 
 |
Rispondi al commento

SONO VERAMENTE SKIFATO DAL QUESTO SERVIZIO SANITARIO A SENSO UNICO!!
NEL 2001 MI SONO SOTTOPOSTO ALLA (((NUOVA TECNOLOGIA))) DI QUEL MOMENTO..L'OPRAZIONE VISIVA PRK CON LASER AD ECCIMERI PER FARLA CORTA DOPO L'INTERVENTO ESEGUITO CON NEGLIGENZA DAL MEDICO DI UNA CASA DI CURA DI MILANO..SENZA FAR NOMI IGEA KE INNAVERTITAMENTE (DICE LUI) MI HA DECENTRATO L'INTERVENTO NELL'OKKIO SINISTRO CAUSANDOMI LA PERDITA DI BEN 8 DECIMI(ORA NE VEDO SOLO 2)VISTO KE IL DANNO NON ERA RIMEDIABILE MA PERMANENTE L'HO DENUNCIATO PENALMENTE X LESIONI GRAVI..MA UDITE UDITE...TUTTI I MEDICI KE MI HANNO VISITATO AMMETTONO IL DANNO KE E' PALESE MA NESSUNO SI OFFRE DI DIRE KE UN LORO COLLEGA HA SBAGLIATO MA LA COSA ANCOR PEGGIORE E' KE NN HO TROVATO NESSUN MEDICO LEGALE KE SE LA SENTISSE DI ANDAR CONTRO IL SISTEMA BELLA LA TECNOLOGIA A SPESE DEL PAZIENTE!!! ORA MI TROVO A VEDERE CON 1 OKKIO SOLO E LA SERA O FORTI MAL DI TESTA VADO AVANTI A PATIGLIE DA 3 ANNI...
SE QUALCUNO AVVESSE AVUTO GLI STESSI MIEI PROBLEMI MI MANDI PURE 1 MAIL BUDM69@HOTMAIL.COMVI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE
GRAZIE A BEPPE X QUESTO SPAZIO DI LIBERTA'

MAURO BERGAMO 13.07.05 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Probabilmente la Bayer vuole ripetere quello che è successo con il farmaco a coloro sospettati di avere l'Hiv(l'Hiv e non l'AIDS). A metà secolo scorso, in America, a coloro che erano sospettati di avere l'Hiv, ma di non aver ancora contratto l'AIDS, veniva somministrato un farmaco. Naturalemete tutti a farsi gli esami per vedere se si aveva l'Hiv e miracolo..... aumentò a dismisura la positività al virus, aumentò a dismisura la produzione del farmaco e magia... aumentarono a dismisura i profitti. Purtroppo si scoprì che la maggior parte delle persone era sana come un pesce e che questa maggior parte aveva contratto l'AIDS in seguito alla somministrazione di tale medicinale. L'AIDS è una truffa, provate a leggervi "Sex virus" di Luca Rossi edito dalla Feltrinelli, ove si spiegano tutte le parti oscure legate a questa malattia. Oppure cercate i trattati e i documenti del Dott.PETER DUESBERG, direttore del laboratorio di Biologia Molecolare dell'Università di Berkeley in California, secondo lo scienziato vivente più diffamato, screditato dall'intera comunità scientifica mondiale solamente per aver completato una ricerca in cui svela l'invenzione dell'origine virale (da Hiv quindi)dell'AIDS. Riguardo questo si espresso anche il Nobel per la Pace 2005, ma gli è stato risposto che tale titolo non le conferiva alcun’ autorità di intervenire su questo argomento.
Ciao a tutti

Bassetti Niccolò 13.07.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di autofinanziamenti per fare o produrre qualcosa di socialmente e realmente utile,(come le mamme che si autotassano per produrre uno spot contro l'inquinamento),
propongo di affiggere dei manifesti durante le prossime elezioni con le Liste dei candidati indagati o gia processati e giudicati colpevoli.

Stefano Vaccani 13.07.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Ci credo :) in fondo le nostre radici hanno qualcosa di comune, in fondo siamo il cuore del romanticismo , e anche i tedeschi hanno avuto i loro eroi, sebbene un triste immenso b brecht sostenne saggiamente che è "povero il popolo che ha bisogno di eroi". Gruetzli ;)

Mimma Barbieri 13.07.05 14:23| 
 |
Rispondi al commento

x Mimma

Siamo d'accordo su molto di più cose che credevo all'inizio della nostra polemica.

Insisto solo su una cosa: Le sfumature esistono. E' vero che ci sono i furbi a tirale fuori per impedire una visione chiara del problema, ma ci sono altrettanto furbi che si cimentano su bianco o nero per evitare una discussione approfondita che potrebbe cambiare il loro punto di vista. credo che è importante rimanere aperti a questa possibilità, senza confondere comunque il bene e il male.

Jens Brase 13.07.05 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Questa volta non sono sicura io di capire: per i cretini oltre a on e off è sicuro che non c'è niente, per i cretini furbi ci sono le sfumature, per il resto dell'umanità, non so se è in mezzo o in parte o sopra o sotto, c'è la vita, quella vera, di valori, emozioni, momenti, sapori, risa e lacrime, scritti e note, l'umanità, ecco

ciao

Mimma Barbieri 13.07.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

x Mimma

"o vogliamo infilarci con la testa nel sacco e piangere un pò sulle sfumature, così la sera quando infiliamo invece qualche cappuccetto bianco ci sentiamo un pò più forti di diritti di una qualche sfumatura diversa?"

ti giuro, anche dopo averlo letto 5 volte, non l'ho capito - non ti prendo in giro, si vede che il mio italiano non mi basta per afferare il concetto.

hai ragione, i cretini funzionano con i commandi ON e OFF. così funzionano i militari. e i politici peggiori. e le piazze. e le capre. ON e OFF. bianco e nero, e in mezzo niente.

Jens Brase 13.07.05 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Miiii .... Ma come cavolo facciamo a continuare a preoccuparci delle 'sfumature' delle 'gradazioni' delle 'nuances' che stiamo perdendo il senso del bianco e del nero???
Sono nata e cresciuta in Svizzera, vivo nel Nord Italia e non mi interessa difendere niente e nessuno, ma CAZZZZZZZZZZZO ci sono cose che sono solo INDIFENDIBILI -non è un problema di neutralità (non ci provate!)- e si riparla di sfumature??? 6 anni o 60 a scuola di educazione non possono niente sui cretini, siamo d'accordo, ma i cretini ci credete che funzionano bene con semplici comandi di base tipo QUESTO Sì e QUESTO NO, ossia ON e OFF.
NON SI BRUCIA VIVO NESSUNO, comando semplice, ne' ai forni crematori né in casa sua propria di notte, chiaro il concetto, lieber Jens?
Se la Bayer è partita a braccetto con i più feroci criminali che l'umanità abbia partorito e poi ha per amor di guadagno facile ucciso un pò di ignare cavie con medicinali moderni, possiamo dire liberamente che è un'azienda da bandire? o vogliamo infilarci con la testa nel sacco e piangere un pò sulle sfumature, così la sera quando infiliamo invece qualche cappuccetto bianco ci sentiamo un pò più forti di diritti di una qualche sfumatura diversa?
PER FAVORE ......
Tutte le miliardate di parole che quotidianamente si sprecano su tutto (e di più) servono oramai soprattutto a confondere, cavillano, distinguono, sfumano, e con questo sparisce il bianco o il nero, travolti da leggeri incosistenti veli di niente fritto .. buona notte

Mimma Barbieri 13.07.05 13:27| 
 |
Rispondi al commento

x Jeans Brase

"sarebbe l'alternativa a questo sistema della salute? Il medico vuole guadagnare, lo scienziato vuole guadagnare, l'industria faramceutica vuole guadagnare, il farmacista vuole guadagnare: E allora? Che cosa è l'alternativa per un malato cronico (guarda che ci sono malattie croniche NON indotte da questa enorme cospirazione)? Non curarsi, a dispetto della gente che si vuole arrichire?"

La prima alternativa che vedo è parlarne, prenderne coscienza.

Ma tu che medicina vuoi per il tuo futuro? Perchè sembra che tutti sanno - diventa quindi retorica parlarne - ma la vedono come una cosa lontana, "tanto a mè non succede"..... sai quanti dicono "tanto a me non succede"? Quando poi ci sei dentro, è chiaro che accetti tutto pur di sopravvivere.

E' un fatto sociale, non ho la risposta preconfezionata in tasca. Se i governi cominciassero a fare una società a misura d'uomo e non il contrario, dove l'uomo deve adattarsi al calvario che la società ti impone, torneresti a casa meno stressato e chissà, forse potresti anche riuscire a dare il colpettino settimanale alla consorte senza imbottirti di viagra.
13:27, fine pausa pranzo!

Simo Ciga 13.07.05 13:26| 
 |
Rispondi al commento

x Mimma Barbieri

Non si tratta di "indottrinamento", ma di insegnamento che trovo assolutamente necessaria. Sui naziskin ti potrei dire mille cose che suonerebbero comunque come una difesa che non voglio assolutamente articolare. Diciamo che gli idioti ci sono dapperttutto, a Rostock come a Varese.

Hai ragione sull'intenzionalità per quanto riguarda una condanna morale sul livello etica.

Le sfumature purtroppo esistono nel mondo reale. Complicano le vicende e ogni tanto impediscono ad una persona con gli occhi e le orecchie aperte di trovare immediatamente una posizione su qualsiasi argomento. Non vengono tirate in ballo per cavillare, esistono.

Jens Brase 13.07.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

La ricerca farmaceutica - e più in generale medico-scientifica - è quella copertina corta che tutti strapazzano, è buona quando "salva" (ossia PROLUNGA, in quanto lo sappiamo ben tutti che di salvezza non ce n'è proprio per nessuno) la vita, cattiva quando per prolungare quella vita ne peggiora la qualità, con controindicazione sempre più articolate, più lunghe, più precise, più cattive
E' buona quando apre nuovi orizzonti, cattiva quando lo fa a discapito di qualcuno (i malati terminali) o di qualcosa (animali, ambiente, genetica ..) - nota: e gli embrioni stanno tra le persone o le cose? E come cristo dovrebbe fare uno per sperimentare le intuizioni?
E' buona quando indica l'intelligenza umana fino a quali altitudini può arrivare, cattiva quando indica quali bassezze raggiunge

Dove è il crinale che distingue? Per la mia cultura giuridica rispondo: LE INTENZIONI, L'ANIMO, ovvero L'ANIMUS ed è una risposta antica come il mondo; così se uno vende finte coperte o vere bombe chimiche per me scusate ma siamo sullo stesso piano, guardando all'animus pecuniario, ossia quando il primo vero scopo è quello unico di arricchirsi, a discapito di chiunque o di qualunque cosa; se poi ci sono le aggravanti o le attenuanti quello è affare dei tribunali e delle coscienze, ma L'ETICA, perdonatemi, è sempre la stessa, il bene o il male, e non tiriamo in ballo le sfumature, sorry o Entschuldigung, trovo il cavillare sempre fazioso e tendenzioso

Il mio augurio è che il rigore dell'onestà intellettuale di Grillo faccia quanta più strada possibile, i bloggers che scrivono certe tirate retoriche prendano anche il tempo di meditare ed imparare da qualche piccolo nuovo squarcio

Una curiosità x Jens: com'è che con tutta questa scuola positiva rispuntano qua e là i naziskin? com'è che con tutto questo indottrinamento alle volte si bruciacchia qualche turco anche molto più recentemente dei canonici decenni di cenere? E com'è che poi si finisce sui spaghetti e mandolino, ovvero i mafiosi? Mi sembra che con i tedeschi il più delle volte venga in mente il mondo tecnico, non quello criminale, allo stesso modo in cui con gli italiani viene in mente il mondo della creatività, non quello mafioso.
Ribattere sui poveri tedeschi fustigati è puro vittimismo, qui non si discute di colpe paterne addossate ai figli, sono considerazioni del tutto estranee ad una logica etica che guarda alla casamadre come ad una radice marcia dalla quale con poco ottimismo si potrebbe sperare in frutti buoni.



Mimma Barbieri 13.07.05 11:44| 
 |
Rispondi al commento

x Igor Scicchitano

No, non ho interpretato il richiamo all'IG Farben come odio verso i tedeschi, ci mancherebbe... Poi Beppe Grillo cita quel che fanno i tedeschi in positivo in ogni suo spettacolo. E poi, non ho problemi con critiche verso i tedeschi - ci sarà pure un motivo perché vivo nella caotica penisola da più di 12 anni, e non nella "perfetta" Germania...

E' l'uso della clave nazista che contesto - ci saranno pure altri argomenti per criticare una multinazionale con sede in Germania...

Saluti, Jens

Jens Brase 13.07.05 11:20| 
 |
Rispondi al commento

x Jens Brase

io interpreto il richiamo alla IG Farbe non come odio verso i tedeschi ma come stata attenti non tutto é fatto per il vostro bene.

C'é gente che non metterebbe mai in dubbi l'industria farmaceutica esattamente come ci sono gli estremismi dalla parte opposta.


ciao

Igor Scicchitano 13.07.05 11:10| 
 |
Rispondi al commento

x Simo Ciga

Guarda che il discorso sull'industria farmaceutica l'ho fatto io, non Luciano Lamarca.

L'argomento tuo è vecchio: Il dentista che regala caramelle ai pazienti, il bidello che è contento se i ragazzi sporcano il cortile perché così il suo lavoro è assicurato, il becchino che spara alle persone, il pompiere che appicca il fuoco... e più ne ha, più ne metta.

Cosa sarebbe l'alternativa a questo sistema della salute? Il medico vuole guadagnare, lo scienziato vuole guadagnare, l'industria faramceutica vuole guadagnare, il farmacista vuole guadagnare: E allora? Che cosa è l'alternativa per un malato cronico (guarda che ci sono malattie croniche NON indotte da questa enorme cospirazione)? Non curarsi, a dispetto della gente che si vuole arrichire?

Saluti, Jens

Jens Brase 13.07.05 10:19| 
 |
Rispondi al commento

x Mimma Barbieri

Ti sorprenderò: Ti do ragione - si tratta di crimini inqualificabili, ingiustificabili, indimenticabili, e credo che proprio in Germania si fa molto (ma veramente MOLTO) per far sì che nessuno mai dimenticherà. Per 6 (sei) anni scholastici, l'unico (l'unico) argomento di storia fu il tempo tra 1933 e 1945. E lo trovo giusto, è necessario che anche le generazioni che "non c'entrano nulla" sanno tutto sulle colpe dei padri, dei nonni, dei bisnonni, dei bis-bisnonni, etc.

L'unica cosa che trovo insopportabile è l'argomento "nazi" come argomento killer: Chi si è sporcato una volta le mani, le ha sempre sporche. Le colpe dei padri ricadono sui figli. E' come dire "Vieni dalla Sicilia? Ah, sì, il terreno della mafia...". E' una affermazione vera, ma credo se viene detto a un siciliano ogni giorno, in ogni occasione, in ogni discorso, inizierà a stufarsi...

Per quanto riguarda la ricerca: Guarda che so di cosa parlo. Certo che ci sono malati che non hanno più niente da perdere che si offrono volontari, ma prima di questo, è assolutamente necessario l'esperimentazione sugli animali. Siamo velocissimi a condannare se "scappa il morto" (vedi Lipobay), ma non vogliamo il coinvolgimento di animali. L'unica strada percorribile allora: Lasciamo crepare i malati senza medicinali, così non sporchiamo la nostra coscienza...

Saluti, Jens

Jens Brase 13.07.05 10:09| 
 |
Rispondi al commento

@LUCIANO LAMARCA

"è facile sparare sull'industria farmaceutica quando non ne hai bisogno. quando ti tocca, sei invece grato che esistono per curarti, forse addiritura con farmaci testati sugli animali (che orrore! peccato che l'alternativa è l'uso di carcerati come cavie...). "

Caro Luciano,

Finchè la nostra salute sarà in mano ad una multinazionale,fatta di azionisti, dividendi e superstipendi per i manager,non ci sarà guarigione per le nostre malattie. Se guarisci non hai bisogno di continuare a prendere le loro medicine e se non compri le loro medicine non gli fai guadagnare niente.Questa è la logica capitalistica applicata alla medicina. Da questo punto di vista, è facile capire perchè abbiamo sempre più farmaci che curano il sintomo ma non la causa della malattia, e quel giorno che una multinazionale troverà una vera cura risolutiva, non la troveremo nelle farmacie ma in qualche cassetto.......
Se lasci che un team composto da un analista finanziario, un medico e un esperto di marketing decidano come starai domani, compra le azioni della Novartis.
Ci trasformeranno tutti in malati cronici,non esistono più le persone sane, se pensi di essere sano non sei cosciente della tua patologia.
I media ti bombardano, tu corri dal medico da mezzo milione di euro di stipendio all'anno, gli chiedi una cura, ti manda dal farmacista, altro mezzo milione di euro all'anno, che ti vende farmaci, mercato da miliardi di dollari all'anno.
E ti aspetti di guarire? Non te lo permetteranno mai.


Simo Ciga 13.07.05 10:00| 
 |
Rispondi al commento

@LUCIANO LAMARCA

"è facile sparare sull'industria farmaceutica quando non ne hai bisogno. quando ti tocca, sei invece grato che esistono per curarti, forse addiritura con farmaci testati sugli animali (che orrore! peccato che l'alternativa è l'uso di carcerati come cavie...). "

Caro Luciano,

Finchè la nostra salute sarà in mano ad una multinazionale,fatta di azionisti, dividendi e superstipendi per i manager,non ci sarà guarigione per le nostre malattie. Se guarisci non hai bisogno di continuare a prendere le loro medicine e se non compri le loro medicine non gli fai guadagnare niente.Questa è la logica capitalistica applicata alla medicina. Da questo punto di vista, è facile capire perchè abbiamo sempre più farmaci che curano il sintomo ma non la causa della malattia, e quel giorno che una multinazionale troverà una vera cura risolutiva, non la troveremo nelle farmacie ma in qualche cassetto.......
Se lasci che un team composto da un analista finanziario, un medico e un esperto di marketing decidano come starai domani, compra le azioni della Novartis.
Ci trasformeranno tutti in malati cronici,non esistono più le persone sane, se pensi di essere sano non sei cosciente della tua patologia.
I media ti bombardano, tu corri dal medico da mezzo milione di euro di stipendio all'anno, gli chiedi una cura, ti manda dal farmacista, altro mezzo milione di euro all'anno, che ti vende farmaci, mercato da miliardi di dollari all'anno.
E ti aspetti di guarire? Non te lo permetteranno mai.


Simo Ciga 13.07.05 09:59| 
 |
Rispondi al commento

JENS: Come mai quando dei tedeschi si ricorda qualche malefatta GRAVISSIMA del passato coi tedeschi si finisce a ridimensionarla dicendo che 'sono passati 60 anni'? Vogliamo prescrivere o pensionare l'etica?
Chinare la testa in segno di rispetto o vergogna ovvero TACERE alle volte è molto molto meglio di inutili difese retroattive; gli sbagli ci furono, milioni di vittime pure, e com'è che anche ora si fa più o meno finta di niente, guardando certi sinistrati che rispuntanto con le svastiche??

La volete sapere una cosa? io non compro neanche una coperta della famosissima 'innocua' Marzotto, in quanto risulta che si è arricchita fornendo prodotti in finta (pagata per vera) lana alle forze armate, avete presente quei poveretti che morivano in giro per il freddo e con i piedi congelati??
Hai ragione che la ricerca ci va benissimo averla fatta, ma le vie della ricerca non sono solo quelle crudeli, dire questo sarebbe tendenzioso; esistono migliaia di malati che si rendono volontari per provare le nuove cure, mica sono ergastolani o animali, no?

Trovo che un pò più di consapevolezza e coerenza anche della memoria non guasta, e Grillo fa molto bene a ricordare queste cose. Anzi, torno ogni giorno a leggere le sue riflessioni, mi fa veramente bene al cuore trovare un'anima così limpida in reta

Ciao


Mimma Barbieri 12.07.05 23:34| 
 |
Rispondi al commento

Sono un medico-chirurgo, Segretario dell'Ordine dei medici-chirurghi ed odontoiatri di Venezia.
Ritengo utile fornire qualche precisazione e/o chiarimento nel merito. Il dottor Pamparana Franco
risulta iscritto all'Ordine dei Medici di Milano e
solo quell'Ordine provinciale può, se lo riniene utile e necessario, aprire un provvedimento disciplinare nei suoi confronti.
Il messaggio pubblicitario della Bayer fa riferimento ad un "nuovo" farmaco similare e concorrente del già famoso sildenafil (Viagra[R]). La disfunzione erettile è spesso la conseguenza ovvero si accompagna (a volte è il primo sintomo) di tutte quelle malattie a carico dei piccoli vasi sanguigni, vuoi arterie, vuoi vene (microangiopatie), come appunto il diabete mellito, l'ipertenione arteriosa ecc.
La prescrizione di tali farmaci è riservata agli specialisti urologi, ginecologi ed andrologi per
il S.S.N.; l'Art.53 del Codice di Deontologia medica vieta al medico tutte le forme, dirette o
indirette, di pubblicità personale o a vantaggio della struttura, pubblica o privata, nella quale presta la propria opera.
Tale annuncio è apparso su molte pubblicazioni mediche specialistiche e di larga divulgazione.
Tale informativa è regolata dalla Legge 175/92 sul
la pubblicità sanitaria, che prevede l'autorizzazione da parte dell'Ordine dei medici
di appartenza, cosa sicuramente avvenuta.
La gravità del fatto sta nella diffusione su media
indirizzati a tutti i cittadini, che indirettamente produrranno una inevitabile e procurata DOMANDA del nuovo prodotto miracoloso.
E' già avvenuto per altri prodotti tecnologici co-
me ecografi tridimensionali ovvero Tomografi Computerizzati di ultima generazione (la cosiddetta TAC)pubblicizzati addirittura con spot televisivi, sì da creare artatamente una domanda
da parte dell'utenza che inevitabilmente i medici
di base accoglieranno, se non vogliono perdere i clienti, e gli ospedali al top si procureranno
nella inutile e costosa concorrenza tra enti per
l'accaparramento dei clienti, utenti,pazienti.
Ho ritenuto necessarie queste precisazioni per aggiungere elementi utili al dibattito. Cordialmente
Luciano Lamarca

Luciano Lamarca 12.07.05 22:56| 
 |
Rispondi al commento

posso dire una cosa da tedesco? beppe grillo non si stanca mai a ricordare che la bayer e la basf sono ex ig farben (che produceva il zyklon b, il gas nervino che ha ucciso nei campi di concentramento dei nazi tedeschi gli ebrei, comunisti, gay, preti, artisti e politici perché non conformi alle pazze idee della nsdap).

abbiamo capito, grillo! ciò è successo 60 anni fa. dopo la guerra, è stato deciso di dividere la ig farben in 4 aziende. in questi 60 anni, ci sono stati sicuramente dei fallimenti e delle gestioni problematiche, ma ciò dipende dell'attività stessa delle aziende: voglio vedere l'azienda farmaceutica/chimica che trova il placet di grillo o di molti di voi.
è facile sparare sull'industria farmaceutica quando non ne hai bisogno. quando ti tocca, sei invece grato che esistono per curarti, forse addiritura con farmaci testati sugli animali (che orrore! peccato che l'alternativa è l'uso di carcerati come cavie...).

Jens Brase 12.07.05 14:01| 
 |
Rispondi al commento

@ consuelo cornalba

anche se non faccio uso di assorbenti né interni, né esterni, ogni volta che arrivano mail come quella che stai citando, fate prima una piccola verifica: è una bufala!
vedi qui: http://www.attivissimo.net/antibufala/tamponi_amianto/tamponi_amianto.htm

saluti, jens

Jens Brase 12.07.05 13:42| 
 |
Rispondi al commento

@Elisabetta.

E' un insetticida, neurotossico e cancerogeno.
Rimane nel suolo un paio di settimane.Non sei tu a doverti preoccupare ma quei due poveri disgraziati che tra 10 anni avranno danni permanenti al sistema nervoso, fegato e reni.

Simo Ciga 12.07.05 12:36| 
 |
Rispondi al commento

A volte la giustizia funziona, ecco un esempio
FOGGIA – Sono stati condannati a pene fino a oltre quattro anni di reclusione quattro imputati - un medico, un farmacista e due informatori scientifici - coinvolti nell’inchiesta sulle “Ricette d’oro” condotta dalla Procura foggiana. La condanna è stata disposta a conclusione del rito abbreviato dal giudice per l’udienza preliminare Antonio Diella che ha anche rinviato a giudizio gli altri due imputati, anche loro informatori scientifici.
Per tutti e sei l’accusa a vario titolo è di associazione per delinquere, corruzione, comparaggio, truffa al servizio sanitario nazionale, contraffazione di timbri e falso. La condanna più pesante - quattro anni e quattro mesi di reclusione - è stata inflitta a Felice Giuseppe Pettinicchio, medico di Manfredonia di 52 anni. Secondo l’accusa avrebbe prescritto medicinali a pazienti del tutto ignari per intascare l’8 per cento del prezzo dei farmaci dagli informatori scientifici.
A quattro anni e un mese di reclusione è stato condannato Mariano Tridente, proprietario della farmacia “Del Rosario” di Manfredonia. Secondo l’accusa, in questa farmacia venivano inviate le ricette false, cosa che consentiva a Tridente di lucrare sui rimborsi dell’Asl FG/2. Era questa una pratica che alla lunga provocava un accumulo tale di farmaci che il farmacista era a volte costretto a gettarli nei rifiuti per liberarsene.
A Michele Mele, informatore scientifico di 45 anni di Torremaggiore, il giudice dell’udienza preliminare ha inflitto 3 anni, 5 mesi e 10 giorni, mentre a Domenico De Filippo, 40 anni di Foggia, anche lui informatore scientifico, sono stati inflitti 3 anni e 1 mese. Tutti gli imputati hanno ottenuto lo sconto di un terzo della pena grazie al rito abbreviato. Tutti e quattro sono stati inoltre interdetti per cinque anni dai pubblici uffici.
Cosimo Diego Del Vento, 28 anni di Sant’Agata di Puglia e Sebastiano Granatiero, 48 anni di Manfredonia, anche loro informatori scientifici, invece, sono stati rinviati a giudizio e saranno giudicati a partire dal 22 settembre prossimi. L’operazione che portò all’arresto di queste sei persone, fu condotta dai carabinieri del Nas il 22 gennaio scorso.



Fonte "La Gazzetta del Mezzogiorno" 27/5/2004


Giuseppe D'Antonio 12.07.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

scusate l'O.T.
ma forse qui,medicina e salute,trovo qualche esperto!

Sono appena risalita dal giardino che circonda il mio palazzo.
Sentivo un rumore infernale, mi affaccio e vedo due tizi,con mascherina,che spruzzano qualcosa.
Li chiamo,nulla...forse il rumore..prendo l'annaffiatoio e innaffio...le mie piante...acqua giù...quasi li becco...niente!
Allora capisco:evitano!
Ok, SCENDO!
Infilo qualcosa e in un attimo sono giù...INCAZZATISSIMA!
cOSA SPUZZATE?

MICROSIN!

Che cazz'è?

Insetticida!

E senza avvertire?

E' irritante ma innocuo.

Mollo,sono due operai che probabilmente sanno che si stanno avvelenando pure loro,ma è il loro lavoro!

Merda!
Cerco scheda MICROSIN. Tutto dice meno dei danni possibili all'uomo.
Sono con le finestre chiuse. QUANDO potrò riaprirle?
E quanto posso stare tranquilla che i miei figli razzolino sul prato?
E gli alimenti sul tavolo,in cucina,butto tutto?
Tutte le schede portano alla chimica I.N.D.I.A.
NON FINISCE QUI.
Ho i cò pieni.
Qualcuno mi può dire qualcosa?
Sono angosciata pure per i gattini che abbiamo nel cortile.
Ora il portiere mi sente!


Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 12.07.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

@ consuelo cornalba:
ho ricevuto quella mail qualche anno fa. Non faccio uso di assorbenti interni, ma a parte la diossina non credo che utilizzino anche quantità di amianto.
Ad ogni modo, è meglio non fare uso di assorbenti interni se non quando strettamente necessario. Saranno pure comodi ma è meglio non rischiare.
CIAO!

Michela Russo 12.07.05 10:46| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti quelli che leggeranno,ieri ho ricevuto questa mail che ,naturalmente mi ha messo in allarme,non ho avuto ancora modo di verificare l'autenticità di ciò che descrive,ma una vocina mi dice che potrebbe essere vero.qualcuno ne sa di piu'? spero di cuore in una totale smentita! grazie Consuelo

Controllate le etichette degli assorbenti
interni che volete acquistare, la prossima volta, e controllate se riuscite ad individuare alcuni dei segni familiari descritti in questa e-mail. Non meraviglia che tante donne al mondo soffrano di cancro alla cervice e di tumori all'utero.

Sapete che i produttori di assorbente i interni usano diossina e rayon nei loro prodotti? Sono sostanze cancerogene e tossiche!

Perché allora gli assorbenti interni non sono contro la legge?

perché© gli assorbenti interni non sono un prodotto alimentare e, dunque, non sono considerati pericolosi o illegali. ECCO LO SCANDALO:

Gli assorbenti interni contengono due cose che sono potenzialmente

pericolose: Rayon (per assorbire) e diossina (un prodotto chimico usato per sbiancare I prodotti).

A volte contengono anche piccole percentuali di amianto, per indurre nell'organismo femminile una emorragia più intensa (più sanguinamento più assorbenti consumati).

L'industria degli assorbenti interni e' convinta che noi, essendo donne, abbiamo bisogno di prodotti candeggiati, sbiancati per pensare che il prodotto sia puro e pulito.

Il problema e' che la diossina, che viene prodotta in tale processo sbiancante, può apportare gravi danni all'organismo!

La diossina e' stata associata al cancro da studi clinici, ed e' tossica per I sistemi immunitario e riproduttivo. E' anche stata associata con endometriosi e basso numero di spermatozoi per gli uomini.

Lo scorso settembre, l'Agenzia di Protezione Ambientale EPA ha reso noto che non esiste un livello "accettabile" di esposizione alla diossina, visto che e' cumulativa e lenta a disintegrarsi.

Il pericolo Reale viene dal contatto ripetuto (Karen Couppert "Pulling the Plug on the Tampon Industry").

Io direi che usare circa 3-4 assorbenti interni al giorno, per cinque giorni al mese, per 38 anni e' un "contatto ripetuto". Non pensate anche voi?

Il Raion contribuisce invece ai pericoli creati da assorbenti interni e dalla diossina perche' e' una sostanza altamente assorbente. Perciò, quando fibre degli assorbenti interni restano nel collo dell'utero (come di solito accade), ciò crea un "serbatoio" di diossina nel corpo.

Tra l'altro, resta all'interno molto più a lungo di quanto rimarrebbe con assorbenti interni fatti solo di cotone, perché© il rayon è¨ più leggero e tende ad attaccarsi.

Questo e' anche il motivo per il quale la TSS (Sindrome da Shock Tossico) può colpire donne che usano assorbenti interni (come potete leggere dal foglio informativo di TUTTI gli assorbenti interni in commercio).

QUALI SONO LE ALTERNATIVE?

Usare assorbenti esterni, o prodotti non sbiancati e fatti completamente di cotone. Anche altri prodotti d'igiene femminile (assorbenti esterni/fazzoletti)contengono diossina, ma non sono tanto pericolosi quanto gli assorbenti interni.

Sfortunatamente, prodotti non sbiancati e in cotone si trovano quasi solo in negozi di "prodotti biologici" (quindi sono più cari).

Nel 1989, degli attivisti inglesi organizzarono una campagna contro lo sbiancamento attuato con cloro.

Sei settimane e 50000 lettere dopo,I produttori di diversi prodotti sanitari passarono all'ossigeno (uno dei metodi Verdi disponibili. (MS magazine, May/June 1995)

COSA FARE ORA:

Ditelo alla gente. A tutti. Informateli. Questa industria ci sta danneggiando, facciamo qualcosa per impedirlo! Se avete tempo, scrivete una lettera alle società Tampax - Playtex - O.B -Kotex.

Sulle scatole c'è¨ sempre un recapito.

Fate loro sapere che esigiamo un prodotto sicuro: assorbenti interni COMPLETAMENTE DI COTONE NON SBIANCATO.

PROMEMORIA: Per non perdere l'impatto di questa email, PREGHIAMO chiunque voglia spedirla ai propri amici, di copiarla e poi passarla su un NUOVO messaggio.

In questo modo, non potrà distorcere il messaggio a causa delle varie frecce che appaiono nelle e-mail inoltrate. Vi preghiamo di farlo con considerazione e serietà .

Grazie.

Dr.ssa Carla Zoboli

Direzione Prestazioni e Marketing

Azienda Ospedaliera- Policlinico di Modena

E-Mail: zoboli.carla@policlinico.mo.it


consuelo cornalba 12.07.05 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Cari signori della Bayer,

Di cazzate ne avete già fatte anche troppe, voi dimenticate ma ci penso IO a rinfrescarvi la memoria : "Nel 1898 la Bayer introdusse sul mercato l’eroina, ottenuta attraverso un processo di acetilazione della morfina stessa, proponendola anche come farmaco d’elezione per la cura del morfinismo (dipendenza da morfina). "

Voi siete dei CRIMINALI, avete rotto con le vostre cure che ci rovinano la vita e ci fanno vivere di merda!


Se come campione rappresentativo per i vostri trial del cazzo prendete 100 persone sopra i 65 anni, più della metà avrà una disfunzione erettile associata a qualche altra malattia degerativa ,ma è parte del processo degenerativo dell'intero organismo dovuto all'età, fate degli studi SERI su un campione REALMENTE rappresentativo della popolazione, tra i 20 e i 65 anni e vedrete che questa relazione NON ESISTE.

Io mi tengo la mia disfunzione erettile, voi vi tenete la vostra disfunzione celebrale e siamo tutti contenti!

ROTTINCULO


Simo Ciga 11.07.05 23:50| 
 |
Rispondi al commento

su questa storia della spia: sarebbe come dire che ho finito la benzina in macchina e mi si accende la spia.
allora spacco la lucetta della spia.
adesso la spia è spenta.
mi si è forse rigenerata la benzina?

cià

rossa rossi 11.07.05 19:12| 
 |
Rispondi al commento

La provincialità degli italiani si evince dai commenti come quelli che leggo qui.
Grillo aveva chiesto appoggi ai medici, non commentacci insulsi.
Possibile che se si fosse parlato di diabete nessuno avrebbe trovato niente di strano...
Lasciamo quindi a case come la Bayer la possibilità di influenzarci sui medicinali da prendere e le analisi da fare...
e scusate la serietà che cerco di metterci!

Michela Russo 11.07.05 16:28| 
 |
Rispondi al commento

il vaccino anti-polio viene preparato su reni di scimmie minori (macaco delle filippine per esempio).
su quelli degli scimpanze sono stati preparati i vaccini inoculati nel '59 in congo, con i quali si presume possa essere iniziato il contagio del virus hiv nell'uomo(gli scimpaze sono portatori sani della forma di hiv delle scimmie)

mauro maracc 11.07.05 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Ogni giorno mi trovo di fronte a nuove varianti di spy-ware, mascherate nelle sembianze di simpatici programmini che aiutano la navigazione. Uno dei casi più ricorrenti è la “toolbar”, una barra per la ricerca su internet che si aggiunge all’interfaccia di Internet Explorer; essa però non fa altro che sfalsare i risultati della ricerca, proponendo una lista di siti internet commerciali, da cui lo spy-ware è probabilmente sponsorizzato. Secondariamente si occupa di raccogliere “silenziosamente” dati sensibili, monitorando le attività di Internet Explorer.

Giuliano Marti 11.07.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

ok...
vedo che nessuno sa nulla sull'ansia da prestazione...
che peccato...dovrò andare dal medico che mi riempirà di medicine super care che ovviamente non risolveranno il mio problema ma forse risolveranno il suo...

max sordi 11.07.05 15:46| 
 |
Rispondi al commento

@ alessio bado

Senti Alessio o come ti chiami mi hai stufato! Passo e chiudo!

Vai a giocare altrove.

Giuseppe Rossi 11.07.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento

X Giuseppe Rossi e marina tonnini

Bambinoni non dite idiozie
Adesso la pubblicità siete voi che la fate a grillo
È solo andata
Diffidate gente leggete i post indietro e poi capirete
Le persone serie quando aprono un sito l’informazioni sono visibili del sito
Loro no le spiegazioni che hanno dato non stanno in piedi.

alessio bado 11.07.05 15:19| 
 |
Rispondi al commento

x m. terzi...
ho tante storie essendo single, ma dopo una storia sbagliata mi è presa quest'ansia che mi da tanti problemi....
aspetto consigli GRAZIE!!!

max sordi 11.07.05 14:59| 
 |
Rispondi al commento

pausa pomeridiana ...

Ma siete ancora dietro con questo tipo qua? Lasciatelo perdere. E per diretto di cronaca, a me sembra che sia Grillopedia che faccia pubblicità a Beppe Grillo, dato che ci sono molti dei suoi Post, incluso il suo Link.

Quindi è solo un viaggio di andata e ritorno.

E adesso mi sono scocciata, questo è l ultimo commento sprecato per Alessio Bodo.

... mangiare e poi di nuovo a lavoro. Buona giornata a tutti (meno uno)

marina tornini 11.07.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento

x max sordi

magari avere sempre belle ragazze attorno?

Massimino Terzi 11.07.05 14:38| 
 |
Rispondi al commento

alessio bado

Se era come dici tu, su Grillopedia non c'era il Link di Beppe Grillo e pure in bella vista!

La tua teoria comincia a fare acqua da tutte le parti.

Giuseppe Rossi 11.07.05 14:36| 
 |
Rispondi al commento

un consiglio dal dott.mosti o da chi vuole....
come si guarisce dall'ansia da prestazione che mi sta rovinando la vita sessuale?
ho 37 anni e nessun problema fisico...
grazie a te o a chi vorrà rispondermi...
ps ecco un'altro modo per rendere utilissimo qusto blog... scambiandoci consigli ed info...

max sordi 11.07.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Ma che c'entra adesso Castro? Mi sa che qui la gente si stia masturbando il cervello.

Romano Togni 11.07.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

@ alessio bado

In internet non esiste la trasparenza, chiunque può dire: io sono ..., come te, che puoi essere anche un delinquente comune. Sul sito di Beppe Grillo lavorano sicuramente molte persone, sotto il suo nome, quindi di che trasparenza parli? Su Grillopedia, da come ho capito, sono tutte le persone di Internet che vogliono dire la sua, che trasparenza vuoi? A me interessano i fatti non che la persona che scrive sia il dottore di turno!

Tu sei solo viziato, fattelo dire. Tu magari non ti chiami neanche Alessio Bado, quindi cosa mi vuoi dimostrare quanto sei bravo?

MA FAMMI IL PIACERE! Ma cosa vuoi disprezzare? Disprezzati da solo.

Giuseppe Rossi 11.07.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Giuseppe Rossi e altri come lui

Tu non tifi vero fanno pura informazione?
Anche chi contrastava castro faceva pura informazione
Eppure i capi erano tutti dei servizi segreti cubani
E secondo te chi è andato in galera i capi o la povera gente .
Tu hai la mente bacata non io bambinone e il giro fattelo tu
Trasparenza trasparenza come fa Grillo

GRILLOPEDIAZ CHIEDE NEL SUO SITO DI NON ESSERE ANONIMI PERò LUI RIMANE ANONIMO.

Z sono dispregiativi come tu usi le parole x insultarmi

alessio bado 11.07.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Che carini quelli della Bayer. Si preoccupano della vita di coppia degli italiani.

Anche quelli della Pfizer lo fanno. Poi si dimenticano di aiutare quelli che si prendono l'AIDS nei paesi piu' poveri, e pretendono per le stesse medicine prezzi che a malapena gli europei si posso permettere.

Che carini! :)

Alvise Sommariva 11.07.05 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Io visito sia il sito di Beppe che Grillopedia, cosi come molti altri, e non mi sembra di tradire nessuno. Non capisco questi atteggiamenti contro un sito o l'altro!

Roberto Meriani 11.07.05 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono molti accuse contro la Bayer e molte gente raccolte per denunciarla. Con una piccola ricerca su Internet scoprirete molti siti.

Fabio Ronti 11.07.05 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Certo,anch'io non sono un medico,ma non ci vuole tanto a capire che la "disfunzione" erettile comune...se non ci sono lesioni all'organo è una NON MALATTIA...ovvero tutto dipende dalla testa,dalla psiche...per quanto riguarda un giovane che ha questi problemi,per quanto riguarda un anziano,si sa l'età è l'eta...come ci possono essere vecchietti "arzilli" come no.... un mio voto a questa società: -100 ...il buon senso e la normale etica non viene considerata..non si può permettere di costruire un mondo di menzogne! Grande beppe grillo..anch'io ho realizzato un blog,nel mio piccolo e nei miei limiti,per denunciare queste cose..non faccio il nome del blog,non voglio farmi pubblicità..ci vuole etica!

Valerio Colombo 11.07.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento

@ alessio bado e altri come lui

da premettere che io non tifo per nessuno, comunque voglio dire la mia! Parlare male di Grillopedia o di siti che fanno pura informazione e come bestemmiare in chiesa.

Io non chi tu sia o cosa vuoi dimostrare, magari attirare la tua attenzione. Chi parla che il Blog in fatto di discussione non sia ordinato come un Forum, beh è cos, te lo dico io, e sfido chiunque a dire il contrario. Penso che tutta la gente adulta non abbia la tua mente bacata, e poi chi usa in Internet termini come Windoz, Grillopediaz e tutte quelle finali in "z" sono solo ragazzini viziati e ribelli.

Fatti a fare un giro, dai, te lo consiglio!

Giuseppe Rossi 11.07.05 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao sono Nalli Fabio vivo in Ceca Repubblica da
7 anni sono sposato o un figlio di 4 anni.
Vi scrivo per segnalarvi la mia vicenda commerciale che sto vivendo in questo paese EUROPEO? o avuto tre negozi di calzature negli ultimi anni e in particolare dopo l alluvione del
2002 a Praga e lapertura dei grossi gruppi commerciali,il mio lavoro e andato male.
O chiesto aiuti per sconti fiscali e lesclusione delle penalita sui pagamenti non ancora effetuati, visto che fino a prima i miei pagamenti erono sempre stati puntuali,e i miei ritardi erono dovuti principalmente dal pro alluvione.Niente da fare mi ritrovo con tutto pignolato e in mezzo a una strada, pero le grandi
azziende anno avuto tutto quello che io avevo chiesto e in piu anche finanziamenti agevolati.
Mi chiedo cosa deve fare una persona come me per pepoter iniziare una vita,non sono piu motivato o
perso la fiducia dei giorni accarezzo anche il desiderio del suicidio, pero quando guardo mio figlio so che devo andare avanti. Non so dove andremo a
finire finche le cose saranno cosi dicerto persone come me ce ne tante.


Fabio Nalli 11.07.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: marina tornini il 10.07.05 17:5
alessio bodo e smettila con questi battibecchi, per favore, cosa vuoi dimostrare?

GUARDA CHI STORPIA IL NOME TU SEI STATA LA PRIMA E ANCHE DANDOMI DEL CRETINO ACCUSANDOMI DI UN POST NON MIO

Postato da: marina tornini il 10.07.05 23:32
@ Liliana Amadò
leggendo i Post quel cretino può essere solo un certo alessio bado. Credo ce l'abbia con Grillopedia.
Vado a letto sono stanca!
Ciao e buonanotte


GRILLOPEDIAZ CHIEDE NEL SUO SITO DI NON ESSERE ANONIMI PERò LUI RIMANE ANONIMO MA CHE STRANO OLTRETUTTO STA CAMBIANDO I DATI MA CHISSà COME MAI FORSE SI SARà ACCORTO DI QUALCHE ERRORE MA……
LE SUE SCUSE NON REGGONO
E I VERI BLAK BLOK SU INTERNET SIETE VOI CHE CERCATE DI DISTRUGGERE IL SITO DI GRILLO CON POST CHE DICONO è MEGLIO GRILLOPEDIAZ E TUTTO + ORDINATO ...ECC...
SITO DI GRILLO è TRASPARENTE VOI NO
IO NON PROVO NE VERGOGNA NE PENA X TE

alessio bado 11.07.05 12:38| 
 |
Rispondi al commento

STATE TUTTI A PARANOIE!!!!!!PARANOIE PARANOIE PARANOIE PARANOIE PARANOIE PARANOIE PARANOIE PARANOIE!!

ANTONIO CAIAZZO 11.07.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Squadrani Biagio (mio nonno) 75 anni coltivatore diretto, a lui le pesche vengono pagate 25/30 centesimi di euro al kg...Voi quanto le pagate nei supermercati....?
Ricordate che la colpa è anche vostra che comprate frutto e verdura fuori stagione e non volete le mele con la buccia rovinata!!!!
Dico vostra solo perchè io per una volta non seguo la massa comune!!!
Se compri le zucchine in inverno e le paghi 4 euro al kg, ti sta bene!!!!
Ormai è uno schifo, con l'agricoltura moriranno le tradizioni e la vera dieta mediterranea...Quella che tutti ci invidiano e provano di copiare, e che noi stiamo uccidendo con le nostre mani....
Non vedo l'ora di iniziare a mangiare il Pescarino (pesca al gusto di mandarino) o il pomodoro già salato, magari le patate già con la maionese e la senape incorporata!!!
E affancuore le cavolate degli O.g.m contro la fame nel mondo, è ora di dargli la tecnologia a quella gente e non puttanate...Di quelle ne hanno già abbastanza!

Paolo Nicolini 11.07.05 12:06| 
 |
Rispondi al commento

E' davvero lodevole che la Bayer si preoccupi tanto della mia disfunzione erettile, sono commosso, vorrei comunque tranquillizzare il dott
Pamparana se mi fa fare un giro con una segretaria Bayer strafiga potrebbe passarmi la disfunzione, nel caso ciò non fosse possibile se abbassassero un pò il prezzo del Cialis e lo facessero diventare farmaco da banco potrebbe tornarmi utile per trombare una delle sue familiari a scelta.

Il 4 luglio scorso, mentre i media si occupavano della sonda Deep Impact e della cometa Tempel 1, e il mondo applaudiva gli scienziati di Pasadena, a Roma il Codex Alimentarius approvava un documento che porterà alla eliminazione delle vitamine...

Le Vitamine stanno per essere eliminate in tutto il mondo...
Di Tim Bolen - Quakpot Watch 4 luglio 2005
Traduzione per Disinformazione.it a cura di Stefano Pravato

Oggi a Roma, "Big Pharma” (le principali industrie farmaceutiche mondiali, n.d.T.) ha ottenuto una grande vittoria. La quasi totalità delle vitamine e dei minerali non saranno più di “libera vendita”, in nessuna nazione del Pianeta Terra. Il "Modello Tedesco" della salute diventerà legge del paese – in ogni paese.
Segue un servizio di Diane Miller JD del National Health Freedom Coalition, che spiega l'accaduto. Diane si trova a Roma al congresso del Codex.

National Health Freedom Coalition: La commissione Codex al completo approva le linee guida Codex sui Supplementi Alimentari vitaminici e minerali in forma definitiva 4 luglio 2005, Roma Italia. Di Diane Miller JD.
Alcuni minuti fa il plenum della commissione Codex Alimentarius ha approvato in forma definitiva, le direttive Codex sui Supplementi Alimentari vitaminici e minerali. Si tratta dell'ottava fase di approvazione, quella finale per l'adozione internazionale delle direttive Codex. Le direttive Codex sui Supplementi Alimentari vitaminici e minerali ora sono ufficiali e non si tratta più di una bozza.
La Commissione, cui hanno partecipato 85 dei 171 paesi aderenti al Codex, hanno approvato consensualmente le direttive. L'approvazione è stata preceduta da una breve discussione in replica a pochi paesi e due ONG (organizzazioni non governative associate alle nazioni unite, n.d.T.)
L'Australia ha richiesto di inserire la parola "solo" nella sezione 1.3 tra le parole "applicano" e "in". La frase pertanto diventa "Queste direttive si applicano solo in quelle giurisdizioni nelle quali i prodotti definiti in 2.1 sono definiti cibi."

I commenti dell'Australia sono stati seguiti da una richiesta di Venezuela e Spagna di chiarire la traduzione spagnola. Il Venezuela è stato seguito dalla Cina. La Cina ha detto che ogni governo, nel prendere decisioni sulle vitamine e minerali, dovrebbe considerare i vincoli della dieta del proprio paese, che i governi possono scegliere vitamine e minerali che si accordino agli usi e costumi del proprio paese. Inoltre, la Cina ha puntualizzato che si dovrebbe definire l'origine delle vitamine.
La Colombia è intervenuta per dire che le vitamine e i minerali sono da utilizzarsi in caso di deficienze e sono raccomandabili per ragioni di salute e ha concluso dicendo che non si deve fare un uso esagerato di minerali. L'Egitto ha commentato e offerto una chiarificazione dicendo che l'uso di vitamine e minerali dovrebbe essere preso in considerazione qualora il fabbisogno giornaliero non fosse raggiunto.
Dopo avere ascoltato i rappresentati nazionali, il presidente della sessione ha ammesso all'udienza le ONG (Organizzazioni Non Governative). Per prima è stata ammessa a parlare la NHF (National Health Federation) un'organizzazione mondiale di consumatori accreditata presso il Codex.

Il procuratore Scott Tipps della NHF ha chiesto che le direttive non fossero approvate ma rinviate al comitato per tre importanti motivi. 1) Secondo le regole Codex una dichiarazione di intenti deve far parte di ogni direttiva adottata e la direttiva sulle vitamine e minerali non la contiene. In secondo luogo, le direttive non definiscono cosa siano vitamine e minerali e pertanto non è chiaro cosa sia oggetto della regolazione. Per ultimo ha sottolineato che le osservazioni della Cina era “di sostanza” e pertanto, in ossequio alle regole di pag.27 del manuale delle procedure, un emendamento “di sostanza” avrebbe dovuto essere recepito a livello del comitato. I suoi commenti sono stati ascoltati.
Quindi è stata ammessa a parlare la NGO IADSA (International Alliance of Dietary/Food Supplement Association, n.d.T.).
La IADSA ha sottolineato il fatto che la bozza proposta si doveva adottare in quanto risultato del lavoro di quasi 10 anni del comitato e che una convergenza notevole era stata raggiunta sin dalla riunione di Bonn in Germania e che le direttive ora avrebbero dovuto essere approvate.
Dopo tutte le osservazioni, la Presidenza ha sentito i legali per stabilire se la parola "solo" avrebbe cambiato il significato della frase. Avendo appreso che non lo avrebbe fatto ha chiesto conferma all'Australia e l'Australia ha confermato la proposta di modifica. La Presidenza ha raccomandato l'adozione dell'emendamento e non c'è stato dissenso. Quindi la Presidenza ha raccomandato l'approvazione delle direttive alla fase 8 nella loro forma finale e che la Cina sottometta le proprie richieste di emendamenti sostanziali nel prossimo incontro del comitato. Non ci sono stati ulteriori commenti o dissensi da parte di nessun paese e le direttive sono state approvate.

Negli Stati Uniti ciò significa che non appena il trattato CAFTA (Central American Free Trade Agreement) sarà approvato alla Camera dei Rappresentanti (è già stato approvato al Senato) il governo USA dovrà necessariamente, in base ai termini dell'accordo CAFTA, limitare le vendite di vitamine e supplementi in accordo al "Modello Tedesco" della sanità.
Se e quando ciò succederà, la dura battaglia vinta per il DSHEA nel 1994 (Dietary Supplement Health & Education Act) sarà vanificata e inizierà lo smantellamento dell'industria Nord Americana dei supplementi.
Comunque ciò non è inevitabile – l'uso dei "supplementi" e altre "alternative" ai trattamenti medicali convenzionali rappresentano più del cinquanta per cento (50%) della spesa totale per la salute in USA annualmente. L'ottantotto per cento (88%) degli adulti in USA usano "alternative" e ci credono. L'opposizione si sta già preparando per la battaglia.
Si tratta di una battaglia tra "Noi il Popolo" e "Big Pharma", il più grande e peggior nemico ancora libero al mondo.

E dopo questa siamo liberi di crepare in assoluta balia delle case farmaceutiche.

Stefano Crema

stefano crema 11.07.05 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
quella di inventare nuove malattie o di abbassare la soglia che sancisce il tuo ingresso in una patologia è una moda che prende sempre più piede. Le case farmaceutiche hanno bisogno di nuovi malatie siccome la gente globalmente sta meglio abbassano i parametri con la compiacenza dei medici. L' abuso degli psicofarmaci è uno degli esempi più inquietanti, e il caso della depressione rende bene l' idea. Spesso, se non sempre, viene scambiata per depressione una naturale tendenza alla malinconia oppure la normale depressione che segue a una perdita e che non solo è fondamentale ma va considerata patologica solo dopo un anno di persistenza dei sintomi. Naturalmente basta che gli psichiatri che compilano il DSM cambino ìdea e la soglia si può abbassare significativamente producendo una messe di poveracci bisognoci di prozac e simili. Poi ci sono il diabete e tutte le patologie di chi si riempie la pancia di schifezze immonde prodotte dalle multinazionali. Poi c'è il medico di base che non fa più diagnosi perchè il telefono suona e non ascolta più il paziente ( non l' ho scoperto io, è una notizia tratta da un commento di Vittorino Andreoli su Io Donna ), perchè il medico di base ormai compila ricette, prescrive analisi e visite da specialisti che spesso sono amici suoi ed è impastoiato da una burocrazia assurda e dagli informatori del farmaco che hanno sempre nuovi prodotti da proporre, e sappiamo tutti come si fa. A me è capitato di stare piuttosto male e per mesi ho vagato fra le corsie dell' ospedale alle prese con esami, visite specialistiche e ho assunto una quantità di farmaci improponibile. Continuavo a insistere per il fegato, perchè mio nonno aveva il diabete e la familiarità non me la sono inventata io. Niente da fare. Alla fine sono andato, su consiglio di una mia amica, da un omeopata di Bologna che mi ha detto che avevo il fegato grasso e mi ha prescritto farmaci e dieta. Oggi, a distanza di un anno, sto bene e dal mio medico di base vado solo per i certificati. Al Dottor Mario Cassan invece va tutta la mia stima e la mia gratitudine. Riccardo Patti.

Riccardo Patti 11.07.05 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Senta signor spara sentenze (alessio bado), io mi permetto eccome.

Invece di criticare gli altri, e sparare sentenze a vanvera facci qualcosa per la società e poi vedremo il suo grado di intelligenza. E poi il mio nome è Tornini non Torrini.

Più che vergogna la mia è pena verso di lei.

marina tornini 11.07.05 11:17| 
 |
Rispondi al commento

@ per i finti Blogger

leggendo i vari commenti troppo veramente di poco gusto gli imbrattamenti di certi utenti, contro tutto e tutti, di insulti, denigrazioni, di gente che ci spaccia per altri. So che la gente non prende in considerazione tale azione, e fa bene, ma non lo trovo giusto in confronto a Beppe Grillo.

Anche se questa è gente scontenta della vita e deve far si che anche gli soffrano.
Il bello è, che ciò non funziona,belli miei, per fortuna!

Giuseppe Rossi 11.07.05 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Ed io, che sono una persona normale, che quotidianamente "timbro il cartellino" con mia moglie, mi chiedo: Inventeranno un "antiviagra" per chi è normale? Ci racconteranno, per trarre nuovi profitti, che troppo sesso fa male, chessò, fa abbassare la vista, e va curato? Non mi stupirei...

Gianni Cesari 11.07.05 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Alcuni post sono aberranti disfunzioni dell'etica!!!

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 11.07.05 10:16| 
 |
Rispondi al commento

CIAO Beppe!
Mi associo come farmacologa alle affermazioni di Beppe Grillo... sono rimasta sconcertata nel leggere la miriade di sciocchezze riportate da quella lettera, PRIVE DI QUALUNQUE FONDAMENTO SCIENTIFICO. Faccio inoltre notare che il sidenafil (il principio attivo del viagra)ha una serie di effetti collaterali rilevanti:

"gli effetti indesiderati più frequentemente segnalati sono cefalea (potrebbe colpire preferenzialmente i cefalalgici), vampate di calore al volto e dispepsia. Con meno frequenza sono comparsi: priapismo, congestione nasale, diarrea, capogiri, artralgie e rash cutanei. Le reazioni avverse rappresentate da cefalea, vampate di calore e congestione nasale indicano che la vasodilatazione indotta dal sildenafil (Viagra) non è confinata solo ai corpi cavernosi. Si sono inoltre manifestati, specie alle dosi più elevate, transitori disturbi della vista, generalmente una maggiore intensità dei colori o un’ aumentata brillantezza della luce o una visione offuscata e azzurrognola. L’ incidenza e l’ intensità delle reazioni avverse tende ad aumentare con l’ aumentare delle dosi.".

Affermare che l'impotenza sia un disturbo spia di altre patologie più gravi, quali ipertensione, diabete o che altro, significa di fatto fare una CAMPAGNA DISEDUCATIVA E CONTROPRODUCENTE PER LA PSICHE DEL PAZIENTE il quale smetterà di pensare che l'impotenza è un disturbo correlato a fattori diversi (stress, alimentazione, colesterolo elevato) e anziché correggere le abitudini sbagliate, avrà trovato un'altra pillola che risolve il sintomo ma non la causa!
Grazie!


Michela Russo 11.07.05 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo se le disfunzioni erettili siano la causa o la conseguenza delle disfunzioni cerebrali, che a quanto pare sono molto più diffuse.
Saluti ai bloggers

Alfredo Morfini 11.07.05 10:04| 
 |
Rispondi al commento


LO SO! IL solito Copia incolla

dèficit erèttile


disfunzione sessuale della fase dell’eccitamento maschile, generalmente indicata come impotenza, caratterizzata da un’erezione non soddisfacente o non sufficiente al coito. In particolare, vi può essere difficoltà a ottenere l’erezione (erezione parziale) o a mantenerla (erezione fugace). Il dèficit erèttile può colpire tutte le fasce d’età; può essere primario quando il soggetto non ha mai avuto un’erezione, o secondario ad altri fattori; assoluto, o situazionale, quando l’erezione non si ottiene solo in particolari circostanze o con taluni partner. Le cause possono essere psicologiche, farmacologiche od organiche, ma più spesso sono su base mista: infatti alla causa organica quasi sempre se ne associa una farmacologica con ripercussioni psicologiche (per esempio, l’infartuato in terapia teme l’esperienza sessuale, che considera pericolosa; il giovane diabetico peggiora il suo dèficit erèttile su base vascolare o neuropatica con una reazione depressiva alla malattia). Dèficit erèttili occasionali sono comunissimi e non devono allarmare, ma è proprio a partire da questi che spesso per ansia o insicurezza si sviluppa una disfunzione durevole (vedi ansia di prestazione). L’elenco dei farmaci potenzialmente in grado di influire negativamente sull’erezione è alquanto ampio ed è compito del medico curante scegliere, se possibile, i meno dannosi. Tra i maggiori fattori di rischio ricordiamo: stress, fumo, ipertensione, dislipidemia, diabete, neuropatia alcolica, malattie vascolari, neurologiche e andrologiche. Il primo passo per risolvere il dèficit erèttile è tentare di chiarirne l’origine: una volta escluse o contenute le cause organiche o farmacologiche, il compito del terapeuta sarà quello di individuarne, insieme al paziente, le radici psicologiche individuali, o relazionali di coppia. Nei casi di origine organica la terapia sarà medica nei confronti della malattia originaria, chirurgica (per esempio, nei casi di malformazioni muscolari o vascolari) o a base di farmaci vasoattivi, come l'alprostadil e il sildenafil.
Non esistono prodotti a base di sostanze naturali che possano sostituire farmaci come il sildenafil (Viagra) nel trattamento del deficit erettile. Sono invece in vendita nelle farmacie e nelle erboristerie dei fitofarmaci (di solito associazioni di più prodotti) la cui reale efficacia nel determinare l’erezione non è mai stata scientificamente dimostrata.
Questi prodotti da banco contengono solitamente sostanze di origine vegetale, tra cui il ginseng (considerato dagli antichi cinesi come un blando stimolatore sessuale, ha in effetti un’azione tonica di carattere generale), la damiana (un arbusto che agirebbe come tonico-stimolante generale), la muira puama (pianta brasiliana dalle presunte proprietà afrodisiache) e l'eleuterococco (indicato nelle condizioni di stress e astenia sessuale).

Quindi si tratta di un sintomo di svariate malattie....Mi sa che ha toppato.Anche se la bayer e bella furbetta!!!!!

rinaldo oliverio 11.07.05 09:35| 
 |
Rispondi al commento

@ una certa (sicuramente falsa)Lillana Amaderà

L'abbiamo capito il tuo messaggio forte e chiaro.

Ed è quello di evitare di leggere i tuoi Post e di quelli che sparano a vanvera sulle persone e sulle cose, senza senso. Per voi tutto deve essere uno sfascio e godete sul quello. Lasciate lavorare le persone in pace, se vi annoiate e non sapete cosa fare, andate al circo!

PS: voi sembrate come i Black Block che sfaciano tutto, ma non gliene frega niente di cosa la gente parla! La mia, verso di voi, è solo pena!


... Adesso vado al lavoro. Fatelo pure voi!

marina tornini 11.07.05 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Si lo so il solito copia e incolla

Le cause della disfunzione erettile

La disfunzione erettile ha cause organiche e psicologiche, entrambe agenti separatamente o in concorso tra loro o in differenti successioni temporali, anche sovrapponendosi le une alle altre.

Malattie Vascolari
Diabete
Farmaci
Squilibri Endocrini
Cause Neurologiche
Traumi e Chirurgia Pelvica
Malattia di Peyronie
Insufficienza Venosa
Congestione Pelvica
Cause Psicologiche e Stress

Quindi Queste sono le cause.....quindi la disfunzione erettile è un sintomo.Il marcheting lo fa diventare malattia.


oliverio rinaldo 11.07.05 08:55| 
 |
Rispondi al commento

e' successa la stessa cosa anche a me..
ho postato e la sera il mio commento era sparito..
mahh.

maurizio tomasoni 11.07.05 08:50| 
 |
Rispondi al commento

cmq beppe non può continuare così, c'è sempre + gente che usa nomi falsi, posta a nome di qualcun'altro ecc...

un minimo di gestione degli account, come in ogni forum che si rispetti, comincia ad essere necessario

Marco Tamarri 11.07.05 02:24| 
 |
Rispondi al commento

@ Liliana Amadò

leggendo i Post quel cretino può essere solo un certo alessio bado. Credo ce l'abbia con Grillopedia.

Vado a letto sono stanca!
Ciao e buonanotte

Postato da: marina tornini il 10.07.05 23:32


certa marina torrini non si deve permettere di dire certe cose perchè come al solito ti sbagli e la cretina sei tu quindi fammi il favore di stare zitta e vai a dormire che è meglio ...........

alessio bado 11.07.05 01:41| 
 |
Rispondi al commento

per massimo bonotti

eh, il viagra da solo non basta?

Giuseppe Rachiele 10.07.05 23:34| 
 |
Rispondi al commento

@ Liliana Amadò

leggendo i Post quel cretino può essere solo un certo alessio bado. Credo ce l'abbia con Grillopedia.

Vado a letto sono stanca!
Ciao e buonanotte

marina tornini 10.07.05 23:32| 
 |
Rispondi al commento

secondo me basterebbe una bella fica.

massimo bonotti 10.07.05 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Io visito sia il sito di Beppe Grillo sia Grillopedia e molti altri siti che offrano informazioni. Se poi questi dicono la stessa cosa allora si tratta di sicura verità.

Finora non ho visto su Grillopedia nessuna falsa informazione sui vari argomenti. Da premettere che non tifo per nessuno, dato che a me interessa sapere.

Rossi Carlo 10.07.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

CHI E'QUEL DEFICIENTE???

Alle 01.52 del 10.07.05 ho scritto sul Blog:

"Caro e simpatico Dr. Nicola Mosti, visiti senza paura il Forum "Grillopedia ecc. ecc" visto che esprimeva dei dubbi. Ora rileggendolo cosa vedo:
IL MIO NOME E COGNOME COMPLETAMENTE FALSATO.
Difatti il mio nome é
LILIANA AMADÒ e non é un nome inventato "per sponsorizzare gratuitamente un sito alle spalle di Beppe" (come ha scritto il cretinetti)ma il nome che mi porto dietro da più di 50 anni.
Invito il CRETINO, che si é permesso di fare pure quell'assurda aggiunta dopo il nome Liliana, a non permettersi mai più di fare una simile mascalzonata. CAPITO??????
Al limite usi il PROPRIO di nome o é talmente caprone e disonesto che non ha il coraggio di farlo SE PROPRIO DEVE SCRIVERE caxxate????????

Cmq invito ancora il Dr. Nicola a visitare "Grillopedia" in quanto é molto carino e istruttivo.
Saluti da
Liliana Amadò xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Liliana Amadò 10.07.05 22:57| 
 |
Rispondi al commento

x Igor Scicchitano

i problemi della medicina attuale sono davvero molti a mio parere, di cui molti causati dalle aspettative dei pazienti ed altrettanti dall'approccio del medico. Tra i primi annovero la continua richiesta da parte del paziente di soluzioni che risolvano "tutto e subito", un modo di fare alquanto consumistico, che non contempla l'oggettiva necessità del "tempo fisiologico" per una cura (quando essa esiste). I pazienti sembrano non rendersi conto del fatto che le patologie della società occidentale sono per lo + cronico-degenerative e come tali nella maggior parte dei casi non hanno cure definitive e veloci. Dal punto di vista dei medici, questi mi sembra che non si sforzino di associare alla comprensione fisiopatologica delle malattie anche quella psicologica dell'individuo. Nel caso della disfunzione erettile credo ci sia bisogno di una profonda empatia da parte del medico, che ovviamente non può limitarsi ad una semplice prescrizione. Tuttavia ho dovuto spessissimo constatare come i pazienti siano i primi a volere semplicemente una prescrizione, in quanto credono nei farmaci come in panacee. E' brutto dirlo, ma ci si attende troppo dalla nostra medicina positivista: la verità a mio parere è che gli strumenti non sono infiniti, che le cure richiedono sacrifici, che il campo d'azione del medico è limitato, che la fede incondizionata nel progresso è troppo cieca per vederne i limiti notevolissimi.
ciao

Luca Errichiello 10.07.05 21:31| 
 |
Rispondi al commento

6 luglio 2005 – Corriere della Sera
Intervista a “Sir Harold Kroto, Nobel per la chimica nel 1996: solo la scienza è maestra di libertà. La scienza è la sola autentica filosofia internazionale. E’ dovere di ogni scienziato attingere alle proprie capacità e alla propria esperienza per far sì che le acquisizioni scientifiche vengano utilizzate in modo saggio.”

Se eravate quasi sicuri che il sapere scientifico producesse anche una capacità logica e razionale per interpretare la realtà sociale, mi dispiace dirvi che vi siete illusi.
Personalmente resto sbalordito dal fatto che un cervello capace di produrre un Nobel non si rende conto di ciò che chiunque in buona fede comprende facilmente, cioè che la scienza, che ha prodotto conoscenze capaci di debellare ogni povertà, quasi ogni malattia, tecniche agricole per eliminare la fame, energie pulite, non ha alcun potere “etico”, “filosofico” o “politico”, e che i singoli scienziati non hanno NESSUN POTERE per fare in modo che le loro scoperte siano usate in modo saggio.
Il solo potere, assoluto, internazionale, senza volto, è quello economico e finanziario, che ha sostituito il vecchio potere politico, e prende ogni decisione anche in campo scientifico in quanto è questo potere che decide quali ricerche finanziare, quali bocciare,e fa degli scienziati degli impiegati al servizio dei propri progetti speculativi.
Non dovrebbe essere sfuggito a chiunque abbia un po’ di sale in zucca che il problema dei problemi è la perdita di capacità decisionale del potere politico, a favore di quello finanziario e multinazionale che è il solo a decidere cosa produrre, dove produrre (con le delocalizzazioni), riducendo le “democrazie” a scatole vuote visto che le si è private del maggior potere, che è quello di indirizzo economico.
Potere economico, potere mediatico, che poi sono un solo potere in quanto quello mediatico è di proprietà dei gruppi economici più forti, è il vero potere globale del nostro tempo, ed è in grado di riprodursi all’infinito anche se i protagonisti cambiano.
Quale libertà, quale democrazia, quali libere scelte abbiamo in questo sistema?
Se togliamo gli hobby e la squadra del cuore, tutto il resto lo decidono loro, salvo ripeterti fino alla nausea, con il “mantra ipnotico” delle Tv, che il protagonista di tutto sei tu, libero individuo in libero Stato.
Io produco e decido cosa produrre, faccio pubblicità a queste merci nella mie televisioni, le vendo nelle mie catene distributive. Io ho questo potere, ma tu sei libero!
Questo potere assoluto, dittatoriale, viene esercitato segretamente, in consigli di amministrazione dove si arriva in elicottero sui tetti degli edifici, dove vengono prese decisioni terribili che riguardano la vita e la morte di milioni di persone, e i dividendi sono infinitamente più importanti di etica o coscienza civile.
Facciamo un esempio facile, facile che riguarda il problema dell’AIDS.
I farmaci anti-Aids, che evitano la morte, una ventina circa, sono prodotti da 39 aziende farmaceutiche, tutte private e quasi tutte americane, con un brevetto che scade nel 2016, e consistono in una tripla terapia antiretrovirale che costa 1.500 euro l’anno a paziente.
E’ evidente che la grande maggioranza dei 40 milioni di sieropositivi africani non possiede il denaro per pagarsela, e in questo caso non potersi curare significa morire.
Alla riunione del Wto a Ginevra nel dicembre 2002, dove si discusse la questione, gli Usa bocciarono l’accordo del 2001 preso nel Quasar che permetteva ai paesi poveri di acquistare i farmaci dai produttori a basso costo, dove la delegata Usa Linnet Delly dichiarava “i diritti delle società farmaceutiche vanno tutelati”.
Ebbene in qualcuno di quegli asettici consigli di amministrazione, in nome della avidità e del profitto, uomini senza volto hanno deciso a freddo la condanna a morte di milioni di persone, e dove erano gli scienziati, di cui parla Kroto, che devono : “far sì che le acquisizioni scientifiche vengano utilizzate in modo saggio”?
E dove Sir Harold fonda le sue convinzioni che “la scienza è maestra di libertà” o che “la scienza è la sola autentica filosofia internazionale”?
Purtroppo sono solo parole in libertà, irresponsabili, che non fanno i conti con la realtà e lasciano insoluto il problema dei problemi: il ruolo del defunto potere politico, che su questa vicenda aveva l’obbligo di sospendere la validità fino al 2016 del brevetto e permettere a tutti gli Stati poveri di produrre le molecole anti-Aids senza tassa alcuna.
Un’altra cosa che fa pensare a decisioni ciniche e orrende, è la diminuzione dei finanziamenti destinati alla ricerca per un “vaccino anti-Aids”, vaccino di cui si parla sempre meno, ed io ho la personale convinzione che questo rallentamento della ricerca privata sia una scelta motivata dai grandi profitti che si realizzano nel commercio degli “antiretrovirali”
Risulta, infatti, almeno strano che la Dottoressa Barbara Ensoli, valente ricercatrice, con il poco denaro messole a disposizione dell’Istituto Superiore di Sanità in Italia, sia a buon punto sulla sperimentazione di un vaccino anti-Aids.
Spero ardentemente nel buon esito di questi studi, e mi conforterebbe molto verificare ciò che penso: che se la ricerca medica non avesse fini di lucro, fosse affidata a istituzioni universitarie statali e non a privati, e se fosse adeguatamente sovvenzionata (magari con i 2000 miliardi l’anno che spendiamo per le truppe in Iraq), i miracoli succederebbero davvero!
Andiamoci piano con le affermazioni filosofiche, con la scienza liberatrice, con le deontologie professionali che migliorano il mondo.
Quasi tutto il mondo è oggi in mano a forze ciniche, avide, senza rispetto per gli uomini e per l’ambiente, e se non troveremo il modo di limitare il loro problema resuscitando la politica e rinnovandola, il futuro della democrazia e dell’ambiente è segnato.
Paolo De Gregorio

paolo de gregorio 10.07.05 20:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X marina tornini
neanche tu sei sulle pagine bianche e allora?

alessio bado 10.07.05 19:21| 
 |
Rispondi al commento

X marina tornini
neanche tu sei sulle pagine bianche

alessio bado 10.07.05 19:18| 
 |
Rispondi al commento

x marina tornini
io non ho un sito e quindi fammi il favore
se vuoi mandami il tuo di numero e io ti chiamo
x grillopediaz
io uso il cervello tu abiti in svizzera in una via
che non esiste piantala di dire caz...
non rispondi alle domande perchè ?

alessio bado 10.07.05 18:55| 
 |
Rispondi al commento

x alessio bado

eh,eh ma da quale pulpito? Il tuo nome sulle pagine bianche non esiste!

marina tornini 10.07.05 17:48| 
 |
Rispondi al commento

x alessio bado

Tu sei strano e pure tanto. Io sono italiano, ed abito in svizzera quindi ho scelto un sito svizzero, tutto qui. Ma poi dove sta scritto che l'informazione di utenti di tutta italia e no deve avere una sede? Io sono un privato come te (spero) quindi nessun ufficio o altro, io amo l'italia, ma meno le persone come te, che sono contro tutti. E poi Beppe Grillo il profeta? Ma il tuo cervello funziona ancora? Lui le cose che dice sono verità (nascoste) da anni e per mezzo del suo sito, del mio e molti altri si sta scoprendo.

Invece di buttare fuoco fai qualcosa di concreto!
Usa la testa non le parolacce, il quale fanno gli uomini piccoli ed inutili.

Prima di parlare attiva il cervello per favore!

Mario Mo 10.07.05 17:46| 
 |
Rispondi al commento

X Grillopediaz

“Mi fa piacere vedere che Grillopedia cominci a dare fastidio a persone o simpatizzanti di qualche partito, significa che la nostra (vostra)informazione comincia a funzionare!”

Sentimi bene io non sono di nessun partito e scrivo sul blog del “profeta” perché lo stimo e il suo sito è visibile società indirizzo …ecc..e ci mette la faccia e Grillopediaz il cul..

Grillopediaz a la sede in svizzera in una via che non esiste quindi non prendete x il cul.
Dove siete chi siete?Io voglio sapere dove scrivo le mie caz… e quel sito è l’esempio di come vanno le cose in italia

“Quindi è palese che chi parla male di Grillopediaz è solo per creare mala informazione.”

Dammele tu le informazioni chi siete ?

“Vorrei ricordare a questi signori che comunque fate è sempre pubblicità per noi, quindi non serve a niente screditare Grillopediaz. Se avete palle invece potete discutere da persone adulte.”

Se avete palle? io mi chiamo Alessio bado e voi

Siete una società anonima

Gente diffidate .

alessio bado 10.07.05 17:31| 
 |
Rispondi al commento

per Amedeo Pagliaccini

o che dir si voglia... non preoccuparti la mia polemica con pascucci è finita, penso definitivamente. Le cose che dice sono interessanti, ma non penso sia affidabile, non penso abbia una visione chiara e credo abbia "scoperto" l'acqua calda... farebbe meglio a berla, che propagandarla, io ho altro a cui pensare e purtroppo non ho i soldi per andare al mare, quest'anno. signori si nasce... io lo nacqui.

Maria Adele Del Vecchio 10.07.05 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Alcuni commenti contro Grillopedia, mi fanno ridere anche perchè prive di verità, scritte poi tutte dalla stessa persona, per denigrare l'informazione.

Grillopedia non vi chiede di lasciare il Blog di Grillo, ma di postare le vostre idee ed iniziative anche sul Forum di Grillopedia, l'unione fa la forza!

Per le elezione del 2006, sono sicuro che Beppe Grillo ci aiuterà sulla nostra scelta su cui votare. Cmq (per i malafede) grazie per la vostra pubblicità!

Grillopedia non contiene ne Virus ne troiani. Fate attenzione invece alle Toolbar che regolano le vostre visite su Internet e non sono mai sicure! Molti siti parlano di Troiani sulle Toolbar.

Installatevi invece dei Software antispy che sono più sicuri! C'e' ne sono anche di gratuiti!

Mi scuso con Beppe Grillo, per il disguito!

Mario Mo 10.07.05 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna comunque tenere conto di una cosa: a parte gravi disfunzioni ghiandolari, l'impotenza è nella quasi totalità dei casi un problema psicologico. Secondo il Dottor Degli Uberti, Endocrinologo, primario del settore Endocrinologia dell'Ospedale Ferrarese S. Anna a volte basta una "spinta" di una pastiglia il cui principio attivo, l'apomorfina idrocloridato (un vasodilatatore in essenza) per avere un rapporto completo normale. Poi il cervello fà da sè, sempre che non incontri altri problemi psicologici (se non ho la pastiglia non riesco!). A questo punto il Professore consiglia visite regolari da uno psicologo per capire la radice del blocco mentale. Oppure forse dovremmo rivolgerci a loro:

www.fudenji.it

Uscire da noi stessi, rideci sopra un attimo e farci poi una sana scopata con la donna (o l'uomo) che preferiamo e mandare a CAGARE chi ci vuole malati per forza, consumisti per forza, depressi per forza ecc. ecc.

Andrew

Andrea Fogli 10.07.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Cari medici liberi, perchè non fate sentire la vostra voce anche in altre situazioni? Sappiamo bene che la politica crea le sue basi con il consenso popolare. Rinchiudersi in nicchie non aiuta a cambiare lo stato delle cose. Insisto che mentre lo scontro politico da 'stadio' infuria, si perdono di vista le cose urgenti da fare. Dovremmo tutti collaborare, ognuno con le proprie attitudini, anche le più umili, senza 'nascondersi' in torri d'avorio, e sfuggendo gli argomenti più 'volgari'. Un semplice blog, quindi microcosmo, può essere significativo. Gradirei confronti, grazie.

Riccardo Simiele 10.07.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Li 10/07/05 San Marzano sul Sarno (sa).

Oggetto: comunicazione esplicita per la popolazione Mondiale.


Oggi si parla dell"attentato a londra,

anno scoperto che si tratta di un marocchino, benissimo,

allora cè la stampa che fà subito il suo lavoro divulga al momento delle indaggini,
perfetto,

ecco che la stampa diventa AVVOCATO del crimine.

adesso il crimine e accorrente della situazione e fà la stessa cosa,
chiama la stampa del suo paese scusate chiama L"AVVOCATO STAMPA // // //.

Adesso facciamo noi il sondaggio,
è colpevole? mà adesso e un caso religioso e quindi bisogna vedere.

Il caso inizia a complicarsi e così facendo riusciamo a coprire tracce più importanti, perchè era questo
quello che cercava SCOTLAD YARD.

se avete capito abbiamo perso anche la nostra custituzione cioè non possiamo giudicare
ciò che è stato già giudicato dal GIUDICE STAMPA.

vi siete chiesto se era un londinese
che attentava il paese delle MERAVIGLIE,

sicuramente veniva giustiziato poi giudicato e a sua volta divulgato ( A MODO !!! ).

Carratù Pasquale 10.07.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

x MAD
-----------

"...
alla fine del sito sul cazzo del signoraggio ci starebbe bene un "fesso chi legge"
..."

è assurdo che i pos firmati pascucci spariscano
questo vuol dire che c'è proprio un'opzione di ricercadi termini "fastidiosi" su questo blog...

è assurdo che post chiaramente O.T. come il tuo rimangano (con tali volgarità, poi)

è assurdo che tu non riconosca che molte persone si stanno svegliando e quindi si sono già con me e con quello che dico...

è per finire è assurdo che
"Uno che parla di economia come se fosse un fenomeno avulso dal sociale, il signoraggio, per cui non ha importanza come girano i soldi nella società"

NON HAI CAPITO CHE E' LA SOCIETA' TUTTA AD ESSERE SOTTOMESSA AI BANKIERI E QUINDI SONO I SOLDI CHE FANNO GIRARE IL SOCIALE, NON IL CONTRARIO.

ciao
torno al mare...

[signoraggio]

Amedeo Pagliaccini 10.07.05 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei rispondere brevemente a Nicola Argese, studente in medicina che "sta quasi per laurearsi, quindi qualche cosa in materia la capisce".
Io sono medico ospedaliero, specialista, lavoro in un ospedale pubblico da 15 anni e penso di capirne anch'io qualcosa.
Alle aziende farmaceutiche non gliene frega nulla (e dico NULLA!) della salute della gente, e non per altro, ma solo perchè fanno il loro lavoro: fanno le aziende, cioè cercano di fare soldi, in un campo particolare, che è quello del farmaco. E non è assolutamente una critica alla Bayer, ma vale per tutte le aziende farmaceutiche.
Ora, se la Bayer ha avuto l'autorizzazione per l'utilizzo del suo farmaco per la disfunzione erettile, non ha speso centinaia di milioni per pubblicare la sua lettera su tutti i giornali per fare del bene al mondo, ma solo per ampliare il suo mercato creando una aspettativa dove non c'è, e offrendo una soluzione.
Per quanto riguarda la gratuità della valutazione del medico di medicina generale, tieni conto che ogni volta che si presenterà un paziente con una "disfunzione erettile", il medico di base lo manda come minimo a fare una visita urologica; l'urologo come minimo gli fa fare PSA, esame urine, urocoltura, ecografia prostatica, più qualche altro esame "funzionale" (per vedere se ti viene duro di notte), il tutto per una spesa complessiva, se va bene, di 3-400 euro che vanno a finire nel buco senza fine dei debiti della sanità, che poi paghiamo noi. Se poi il paziente è uno di quelli (tutti!) che, pur non avendo niente, non accetta di non avere più "erezioni efficaci" nonostante l'età prossima alla tomba, il medico, pur di toglierselo di torno (e avere il gadget dalla casa farmaceutica di turno, che, come tutte le aziende farmaceutiche, conta le scatolette prescritte, ogni mese, da ciascun medico) gli prescriverà la scatoletta magica, sempre a spese nostre.
Il grande male della nostra sanità è stato il passaggio, inizialmente corretto, poi strumentalizzato, della visione del malato da "paziente" ad "utente" ed infine "cliente": proprio questo ha portato a creare da una parte false aspettative e falsi malati (falsi ma redditizi), tendendo poi a rifiutare malati veri (cito solo i pazienti terminali, o gli psichiatrici, o i geriatrici) che nessuno vuole perchè veri ma costosi.

Caro "quasi dottore che ci capisce qualcosa" laureati ed entra nel mondo vero della sanità: "Hic sunt leones".

P.S. x Beppe: sempre sullo stesso tema, perchè non Ti informi sull'azienda Ethicon e sull'intervento di Longo?

Ciao

Giuseppe Piasentin 10.07.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento

X Marina Tanzi

Si!
Io no ma gli altri si.
Svejate!!!!!!!!!

Giuseppe Mazzei 10.07.05 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Ogni giorno mi trovo di fronte a nuove varianti di spy-ware, mascherate nelle sembianze di simpatici programmini che aiutano la navigazione. Uno dei casi più ricorrenti è la “toolbar”, una barra per la ricerca su internet che si aggiunge all’interfaccia di Internet Explorer; essa però non fa altro che sfalsare i risultati della ricerca, proponendo una lista di siti internet commerciali, da cui lo spy-ware è probabilmente sponsorizzato. Secondariamente si occupa di raccogliere “silenziosamente” dati sensibili, monitorando le attività di Internet Explorer.

Massimo Corti 10.07.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di Netcraft, vi consiglio di fare attenzione ad installare troppe Toolbar, compresa quella di Google, è rischioso!

Scaricatevi invece dei programmi antispy sono più sicuri!

Roberto Selini 10.07.05 15:07| 
 |
Rispondi al commento

x Giuseppe Mazzei

pensi perchè tu lo fai anche gli altri fanno lo stesso?

Pilota il tuo cervello da solo, forse ci riesci anche.

Marina Tanzi 10.07.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che nel 'nostro' blog, ci siano parecchie personalità con disfunzioni erettili, nonchè altre con disfunzioni uterine, non vorrei che ciò fosse causato da eccessiva permanenza nel blog stesso, con effetti collaterali su un sano equilibrio sessuale.. . ho già ordinato, per quanto mi riguarda, un buon quantitativo di viagra, tanto per premunirmi, nonchè una dieta a base di chewing-gum 'air-action'...

Buona domenica a tutti!

Riccardo Simiele 10.07.05 14:59| 
 |
Rispondi al commento

MArina Tanzi.

La tua ingenuità mi fa brrrrrr....paura!

Conosci le principali regole della manipolazione della comunicazione o credi a babbo natale?

Io lavoro nel settore...... ma non per Mediaset.
Ciao

Giuseppe Mazzei 10.07.05 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Ma che bel sunto Fabio.
P.s. allora se non ci vedi perchè mettersi gli occhiali, dico io?
Questa lettera, seppur pubblicitaria, è comunque informativa, e tanto per essere precisi l'informazione così com'è data è esatta (salvo poi lo stravolgimento di beppe grillo).
Se poi vogliam stare a parlar d'altro parliamone

Antonio Inochia 10.07.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento

"L'industria farmaceutica offre la "salute" a milioni di pazienti, ma non mantiene i propri impegni. Al contrario, distribuisce prodotti che alleviano soltanto i sintomi, favorendo la malattia che li causa per poter garantire gli affari futuri. Al fine di dissimulare questa truffa, l'industria spende per la copertura il doppio di quanto spenda per la ricerca su future terapie.
Questo inganno organizzato è il motivo per cui il business degli investimenti si è protratto per oltre un secolo dietro la cortina fumogena strategicamente creata di "benefattori dell'umanità". La vita di 6 miliardi di persone e le economie della maggior parte dei paesi del mondo sono tenute in ostaggio dalle pratiche criminali di quest'industria."

http://www.disinformazione.it/citazionepergenocidio.htm

Rosario Pisanò 10.07.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento

x marco ancinelli

questa é la puntata di report sui vaccini

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=13

tu hai postato il link all'aggiornamento.

grazie comunque

Igor Scicchitano 10.07.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Qual'é da un punto di vista economico uno dei fatti più rilevanti degli ultimi 5 anni?
Quanto valeva un barile di petrolio quando la prima volta Bush (figlio) é diventato presidente?
E quanto vale adesso? e di cosa si occupa la famiglia Bush? e tutti i loro sostenitori? E la famiglia Bin Laden di cosa si occupa? Ed Osama qualche giorno prima delle elezioni chi ha aiutato a vincere? (sono amici di famiglia?) e la storia non ipotizza che Nerone diede una bella mano ad aiutare l'incendio di Roma? E chi si é arricchito nel nostro paese,(TV non petrolio) seguendo le gesta di un amico d'oltroceano?

P.S. se non mi tira perchè devo prendere una pillola che me lo faccia tirare?

meditate gente, meditate...

Fabio Nocera 10.07.05 14:50| 
 |
Rispondi al commento

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=50
Sui vaccini al mercurio

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=151
Sul Radon

http://www.disinformazione.it/vaccinazioni.htm Sulla vaccinazione

marco ancinelli 10.07.05 14:44| 
 |
Rispondi al commento

x Giuseppe Mazzei

Spero che quando scrivi usi anche il cervello.
Se in un Forum o in un Blog scrivi un tuo pensiero come puoi imbavagliare la libera espressione?

Tranne che la tua sia male informazione!

Marina Tanzi 10.07.05 14:39| 
 |
Rispondi al commento

===

Mi fa piacere vedere che Grillopedia cominci a dare fastidio a persone o simpatizzanti di qualche partito, significa che la nostra (vostra)informazione comincia a funzionare!

Quando Beppe Grillo posterà i suoi argomenti questi potranno essere discussi qui nel Blog di Grillo come nel Forum di Grillopedia. Solo che nel Blog leggere ogni volta 500 Posts sono dispersivi e stancanti, mentre in un Forum più sistemato può dar fastidio a qualche persona, e si le elezioni del 2006! Comunque ognuno è libero di fare quello che vuole.

Grillopedia un è una organizazione, ma siete voi con le vostre idee e opinioni senza censura. Quindi ogni Post può essere discusso senza problemi. Quindi è palese che chi parla male di Grillopedia è solo per creare mala informazione.

Vorrei ricordare a questi signori che comunque fate è sempre pubblicità per noi, quindi non serve a niente screditare Grillopedia. Se avete palle invece potete discutere da persone adulte.

I moderatori del Forum sono persone del Blog di Grillo che si sono offerti di moderare il Forum.
Ognuno è libero di postare ogni pensiero ed il link del suo Blog se ce l'ha.

Se questo a qualcuno fa male può essere solo in malafede!

===
www.grillopedia.com/forum

Mario Mo 10.07.05 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe, come al solito mi precedi, volevo scriverti appunto in merito a quella lettera da bastardi che anche io avevo notato sul venerdi.

SEI UN MITO, INVIO SUBITO QUESTO POST A MIO PADRE(MEDICO) SPERANDO DI CONVINCERO AD INVIARLA

MICHELE

michele martini 10.07.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno studente di medicina,stò quasi per laurearmi,quindi qualche cosa in materia la capisco..e per questo vorrei invitare beppe a non sparare sempre a zero sulla prevenzione e sulla cura di tante malattie che forse per fortuna non ha mai avuto,ma che purtropo tanta gente ha e che potrebbe curare o prevenire.

Quando si parla di salute è facile fare del terrorismo se si è ignoranti e se la gente che stà ad ascoltare lo è altrettanto(mi riferisco all'ignoranza della materia ovviamente).
La disfunzione erettile può essere davvero un campanello di allarme per altre importanti patologie,quindi perchè invitare la gente,come fa grillo senza qualifica in merito,a sottovalutarla.
Vorrei aggiungere che chi soffre di questi problemi può parlarne con il proprio medico di famiglia a titolo gratuito,il quale potrà valutare in maniera competente(si spera)la situazione e orientare verso ulteriori accertamenti oppure rassicurare il proprio paziente dell'infondatezza delle proprie preoccupazione.Come vedete il tutto può avvenire anche senza andare a rinpinguare le casse delle multinazionali farmaceutiche.
VI PREGO NON AFFIDATE LA VOSTRA SALUTE SOLO AI CONSIGLI DI CHI NON E' DEL SETTORE-(VEDI GRILLO)-STUDIARE MEDICINA PER 6ANNI+5DI SPECIALIZZAZIONE SERVIRANNO PUR A QUALCOSA....certo ci sono pure i medici asini...ma questa è un'altra storia..

Nicola Argese 10.07.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE SALVACI TU! FAI SENTIRE LA TUA VOCE!

Con questi Forum ho l'impressione che si voglia imbavagliare la libera espressione.
Consiglio solo a chi interviene di pensare prima di crivere.
Tutto qua! Non mi piace che il bolg di Beppe diventi una chattstaion! Vorrei solo avere degli interventi interessanti, pro o contra che siano, ma interessanti dal punto di vista del contenuto culturale e soprattutto coerenti con il testo di Beppe.
Anche la politica é cosa buona....ma sono gli uomini che la rendono sporca. Non facciamo lo stesso con il blog.....tutto va a favore dei diversi siti trasversali con i loro forum!!!!!!!!

BEPPE E' LA BOCCA DELLA VERITA' E QUALCHE VOLTA PUO' ANCHE FARE UNA SVIRGOLATA MA ALMENO HA IL CORAGGIO DI GRIDARLO SENZA VELI, QUELLO CHE PENSA. PERCHA' NON LO FANNO PIU' ENTRARE IN TV????? CI VUOLE UN FORUM????? MA DAI.....SVEGLIATEVI ITALIANI!!!!!!!

Giuseppe Mazzei 10.07.05 14:17| 
 |
Rispondi al commento

ups, meglio il link cosi

http://www.the1phoenix.net/x-files/vaccini.htm


ciao

Igor Scicchitano 10.07.05 13:57| 
 |
Rispondi al commento

sempre sul terrorismo sanitario:-)

come non parlare dei vaccini che contengono il mercurio.

http://www.the1phoenix.net/x-files/vaccini.htm#mmr

buon appettito.

ciao

Igor Scicchitano 10.07.05 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Sodoma e Gomorra

sai Grillo a proposito di DIO

vieni di persona non mandare tuo figlio che non sono più cose di ragazzi.

lunedi dio si presenta d'avanti ai diriggenti politici,economici e capoccioni di multinazionali.Cosa potrebbe accadere lunedi?

vito liberto Commentatore in marcia al V2day 10.07.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ecco un assiduo lettore in più nel tuo spazio libero che trovo molto interessante in quanto istruttivo.
Grazie per la segnalazione del sito www.euronews.net: lo sostituirò alla mia attuale homepage (www.corriere.it)
E come disse qualcuno: "che la Forza (non Italia) sia sempre con te".

Elena Indignato60 Commentatore in marcia al V2day 10.07.05 13:47| 
 |
Rispondi al commento

x elisabetta e x tutti

sull'SV40

Come è entrato SV40 nella popolazione umana? "È noto dal 1960 che SV40 fu trasferito all'uomo mediante le vaccinazioni anti-polio (vaccini Salk e Sabin) eseguite su scala planetaria durante il periodo 1955-63 - afferma il professor Mauro Tognon, biologo e genetista dell'Università di Ferrara. Durante quel periodo nei soli Stati Uniti d'America 98 milioni di individui, vaccinati con le antipolio, furono infettati con SV40. Allo stato attuale delle conoscenze non si può escludere che tale virus fosse preesistente nella popolazione umana, oppure che le sequenze individuate nei campioni umani siano di un virus strettamente correlato ad SV40, ma distinto da esso. Tuttavia, altri gruppi di ricerca hanno dimostrato la presenza di SV40 in tumori umani, come i mesoteliomi della pleura, tumori cerebrali ed osteosarcomi".
Sulla scorta di queste scoperte, avvenute in tempi diversi e in laboratori indipendenti tra loro, è ragionevole ipotizzare che SV40 possa avere un ruolo, come cofattore, nell'insorgenza di questi rari tumori umani...

continua
http://www.disinformazione.it/sv40.htm

con google

http://www.google.it/search?hl=it&q=polio+sv40&btnG=Cerca+con+Google&meta=lr%3Dlang_it

Igor Scicchitano 10.07.05 13:45| 
 |
Rispondi al commento

x Elisabetta Carosi

posto quello che so (cioe quello che ho sentito/letto da fonti che posso ritenere affidabili) e parlavano del vaccino americano, non conosco la maniera con cui é stato coltivato il vaccino qui da noi.

ciao

Igor Scicchitano 10.07.05 13:34| 
 |
Rispondi al commento

@ Postato da: Igor Scicchitano il 10.07.05 13:20

Scusa, ma anche noi italiani siamo stati vaccinati contro la polio.
Perchè dici solo americani?
Il nostro vaccino era diverso?

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 10.07.05 13:31| 
 |
Rispondi al commento

"Nella vita privata non immagini chi sono o
cosa faccio per campare ed è giusto cosi.

tu giudichi troppo le persone e
analizzi poco i contenuti delle stesse."

come non detto, sono appena stata giudicata. Uno che parla di economia come se fosse un fenomeno avulso dal sociale, il signoraggio, per cui non ha importanza come girano i soldi nella società ( le da lui citate bollette del telefono)...
per me non ci ha capito molto neanche lui e fa le sue battaglie personalissime con certo egotismo. Sarei curiosa di sapere se in mesi qualcuno è riuscito ad incontrarlo o a confrontarsi con lui...
alla fine del sito sul cazzo del signoraggio ci starebbe bene un
"fesso chi legge"

Maria Adele Del Vecchio 10.07.05 13:30| 
 |
Rispondi al commento


PER INOCHIA

Questo è il tuo post

Certo Marco Ancinelli, forse non hai mai sentito parlare della campagna di prevenzione Mondiale dell'Aids, oppure che il nuovo vaccino messo a punto da un'equipe italiana passerà alla sperimentazione umana su vasta scala, visto che le prove di laboratorio hanno raggiunto risultanti esaltanti. Ma no, sono tutti ladri e imbonitori, diffidate...

E ho capito cosa dici. Dici che quello che hai trovato su un sito di medicina l'hai accettato per vero. Come hai accettato per vero la teoria sull'AIDS.
Come , accetteremmo per vero tutti gli spot pubblicitari fatti dalle case farmaceutiche che potrebbero sommergerci, se non si controlla il fenomeno. E il post di beppe secondo me vuole evidenziare il fenomeno.
Quanta gente credulona, (e oggi abbiamo capito che che è tanta,) e facilmente impressionabile si butterà dal medico a farsi svuotere il borsellino con la scusa della prevenzione?
Sei tu che poi hai voluto continuare il discorso sull'AIDS.
Ciao e lasciami perdere.

marco ancinelli 10.07.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento

Ma non era già andato via?
Pascù ma che fai gli agguati?

Maria Adele Del Vecchio 10.07.05 13:24| 
 |
Rispondi al commento

gia che ci siamo, un altro po di terrorismo sanitario:-).

il vaccino per la polio all'inizio fu coltivato da tutti nei reni degli sciampanze (credo fosse la scimpanze) questo ha portato alla maggioranza degli americani vaccinati contro la polio fino agli anni 70-80 il virus SV40 che non si é sicuri sia cancerogeno ma si crede abbia comunque una sua funzione nello svilupparsi del cancro.

ciao

Igor Scicchitano 10.07.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

il perchè dell'astio lo trovi nel post di ieri, anzi, nel tuo diarietto con i TUOI post censurati, quasi tutti tuoi. poi non pensare al mio nervosismo, hai un'occasione per parlare al di fuori della dogmaticità del tuo sito, di confrontarti, cosa che fai poco a quanto ho capito...
e poi i vari tedesco, teutonico etc te li dovevi pur aspettare... prendili con filosofia se puoi...

Maria Adele Del Vecchio 10.07.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

@ Postato da: Maurizio Di Bona il 10.07.05 12:47

Non avere pensieri, in questo momento storico, mi pare difficilino...non vado oltre perchè sono una signora!

Qualche commentino con qualche mia amica, però, non me lo toglie nessuno!

Sei in gamba! Molto, ma molto in gamba!

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 10.07.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

@ Postato da: marco ancinelli il 10.07.05 12:48

GRAZIE!

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 10.07.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento

x maria adele e per tutti

sull'Aids oltre alla teoria del non-aids (o almeno non HIV) gia esposta.

un altra teoria che ho sentito, documentario sulla tv svizzera.

durante lo studio di un vaccino per la polio, intelligentemente coltivato nei reni delle scimmie, ci sia stato il trapasso del HIV dalla forma dei primati a quello umano.
Effettivamente esiste una relazione entro i primi casi di AIDS e la distribuzione del vaccino.
Il dottore si chiamava Koprowski.

ciao

Igor Scicchitano 10.07.05 13:02| 
 |
Rispondi al commento


Beppe, hai ragione. Questo stato di cose
accade anche perchè i governi si guardano
bene dal creare organismi di controllo,
in quanto le multinazionali del farmaco
sono quelle che pagano meglio di tutte.

E' inutile prendersela con entità (le corporation)
che (come l'omonimo film di Mark Achbar ha mostrato)
fanno semplicemente ciò per cui sono state create:
creano esternalità.

Sono gli stati che, su commissione del cittadino,
devono preoccuparsi di porre barriere e organismi
di controllo atti a limitare le esternalizzazioni
delle corporazioni.

Ma non avremo mai un sistema politico in grado
di farlo finchè questo sarà gestito attraverso
dei rappresentanti (come i politici)
che sono corruttibili.

La democrazia rappresentativa è giunta ormai
al termine della sua storia, in quanto il sistema
di corruzione è diventato troppo esperto e
troppo organizzato ormai per poter essere
battuto.
E' giunto il momento di eliminarlo completamente
eliminando gli intermediari. E' giunto il
momento di tornare ad un sistema di governo
simile a quello che c'era nell'antica Atene.

Oggi con internet è possibile. Esiste anche un
sito di giovani che stanno unendosi al movimento:

http://www.internetcrazia.com

Io credo che non vi sia altra strada.

Danila Fava 10.07.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Ah, Big Pharma ha recentemente impedito agli stati africani di utilizzare i farmaci antiretrovirali generici (che potrebbero tranquillamente essere prodotti in loco, basta un po' di veleno per topi...)in luogo dei costosissimi antiretrovirali prodotti a casa nostra con le etichette colorate e accattivanti.
Anche ipotizzando che ci dicano tutta la verità sull'AIDS, non mi pare che la salute degli africani gli stia a cuore quanto il portafogli.

Ah, la storia del latte in polvere della Nestlè per impedire il contagio madre-figlio: è di recente pubblicazione uno studio di una università africana che dimostra come, quanto prima un bimbo cessa di essere allattato dalla madre, tanto maggiori (2,6 volte) sono le probabilità di diventare HIV+. Che strano, forse il virus si nasconde nella brocca di quell'acqua limpida e fresca che hanno in Botswana?

Ciao

P.S.: se non vi fidate vi do il link...

Marco Loreti 10.07.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

dieci anni fa era prestino per parlare di informazioni in rete, eppure giravano in ambienti che da pastore tedesco pascucci rifiuta di sentir nominare, serissimi opuscoli che spiegavano come l'aids nascesse in laboratorio, esperimenti su primati, tesi ad osservare quanto velocemente 'sta cosa si diffondesse, piuttosto che arginare il fenomeno... ambulatori di ricerca americani in africa (più carne da usare, sia animale che non).. i primi nomi fra i quali SAIDS...e il tentativo di impiego della malattia come arma, scartato perchè l'aids può avere tampi troppo lunghi... mi piacerebbe sentire dal pascucci perchè secondo lui, che cosiglia 1984 l'aids esiste... poi, internet non è l'unica fonte come vedi, tu beato ignorante, ciò che tu rifiuti, adducendo come scusa che sia roba passata, per me perchè potresti avere natali teutonici, è tanto tempo che fa lavoro di controinformazione...
se c'hai capito qualcosa...

Maria Adele Del Vecchio 10.07.05 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Cercando con google " sotto sequestro" ho trovato:

Un momento. Ma se il sito è sotto sequestro, come faccio a sapere cosa contiene? Semplice: basta immetterne il nome nella Wayback machine, un sito Internet che periodicamente registra delle enormi "istantanee" sfogliabili dell'intera Rete. Si sceglie una delle date per le quali è disponibile la copia del sito www.brigaterosse.it e si può sfogliare il sito sequestrato così com'era a quella data.

Purtroppo chi non sa della Wayback machine non ha di valutare il contenuto del sito sequestrato e capire che non si tratta del covo online dei brigatisti. Il sequestro, paradossalmente, impedisce al cittadino di informarsi correttamente e capire la vera portata della notizia sparata drammaticamente dai giornali. Può soltanto chiedersi chissà cosa c'era, in quel sito, di così terribile da imporne il sequestro. Come adulti, elettori e contribuenti, è difficile non sentirsi trattati con pesante condiscendenza quando qualcuno decide per noi cosa possiamo leggere e cosa no.

http://www.archive.org/web/web.php digitate il sito e vi portera ad alcune istantanee dei
contenuti.

Vado a mangiare. Buon pranzo a tutti.
A dopo

marco ancinelli 10.07.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

ma se rispolverassi un po' di proverbiale saggezza partenopea per l'occasione e sottoponessi a quelli di Repubblica questo farmaco, pubblicherebbero anche questa mia?!?

VIGNETTA!!!
http://www.alkemik.com

Maurizio Di Bona 10.07.05 12:47| 
 |
Rispondi al commento

consiglio a sandro di iniziare un percorso di apertura, magari leggendo... "la volontà di sapere" Michel Foucault... e se lo hi letto riguardalo...
ciao

Maria Adele Del Vecchio 10.07.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

marco ancinelli, adesso provo a ripetere spiegando piano e scandendo le parole, forse capisci.
Un ragazzo inglese ha letto i sintomi che accompagnano l'infezione con l'HIV in un cartellone pubblicitario, e visto che aveva delle strane eruzioni cutanee ha pensato bene di fare un salto dal medico.
Ci siamo capiti? Non sto entrando in merito dell'aids, sto facendo un esempio su quello che una pubblicità può fare. Se magari qualcuno scoprirà di avere il diabete grazie alla disfunzione erettile sarò contento di offrirgli una birra alla faccia di beppe grillo.
Ora puoi continuare a postare articoli sull'aids, l'epatite, la poliomelite e il cimurro dei cani se ti fa piacere.

Antonio Inochia 10.07.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Sulla questione AIDS ho solo una cosa da dire: è SCANDALOSO che davanti a un movimento di 1000 medici, rettori universitari e 3 premi Nobel che sostengono che l'AIDS abbia cause NON virali (con prove e documentazioni) NON sia mai stato aperto un DIBATTITO serio tra le due fazioni, quella ufficiale e quella "dissidente".
E' SCANDALOSO che la questione non sia mai arrivata in maniera sensibile ai grandi mezzi di comunicazione.
E' SCANDALOSO che al dottor K.B. Mullis, premio Nobel per la chimica nel 1993 per aver scoperto la PCR utilizzata anche come test HIV, siano stati offerti 6000 $ per NON parlare a un convegno.

Io non so quale sia la verità, ma la mancanza totale di confronto è SCANDALOSA.

La scienza si basa sul confronto e sull'apertura mentale.

Mullis scrisse un articolo su "Le Scienze" (sarà attendibile?), il titolo era: "Che fine ha fatto il metodo scientifico?".

Non parlava solo dell'AIDS, anzi. Direi che la lettura dovrebbe essere resa obbligatoria...

Ciao.

Marco Loreti 10.07.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

@Postato da: giuseppe ubaldi il 10.07.05 12:23

sotto sequestro dal 27.05.2002

Bah, cissà cos'è successo. C'è scritto che è un sequestro cautelativo.

Se digiti www.medicinenaturali.net non te lo apre.
Se vai su virgilio e digiti -medicine naturali-lo trovi e apri. E la guardia di finanza avverte.

Comunque non riguarda l'OMEOPATIA.

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 10.07.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

SANDRO
ma non ti sembra il classico "attacco a tenaglia" verso il genere umano?
Le banche e il libero commercio da una parte, e la medicina e l'eugenetica dall'altra?

marco ancinelli 10.07.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

in tutta la sfilza di reply, vi siete scordati il

V A L I U M tecnicamente noto come Diazepam.

C'è gente che beve codesto prodotto piu' facilmente di un' acqua minerale.

Esso procura sia dipendenza psichica che fisica e anche tolleranza ( cioè dopo prolungato uso, bisogna aumentare la dose per sentirne l' effetto.

Gli effetti collaterali del diazepam sono
- sonnolenza;
- tremore;
- rigidità muscolare;
- necessità di muovere continuamente le gambe, di camminare (sintomo detto "acatisia");
- abbassamento della pressione sanguigna e vertigini;
- aumento dell'appetito;
- secchezza in bocca, o, al contrario, eccesso di saliva;
- stitichezza;
- aumento della sensibilità alla luce del sole.
- aumento della sensibilità ai suoni
- contrazioni muscolari improvvise (chiamate "distonie"), specie ai muscoli del collo, a quelli che provvedono al movimento degli occhi o che consentono di parlare e deglutire, per cui queste funzioni possono essere disturbate;
- movimenti incontrollabili delle labbra e della lingua;
- difficoltà sessuali o irregolarità del ciclo mestruale, dovute allo squilibrio di alcuni ormoni.

Poi magari,codesti soggetti, hanno pure la faccia di puntare il dito dando del drogato a chi si fa una canna ogni tanto.

^_^

Kroat a.k.a. Mario 10.07.05 12:27| 
 |
Rispondi al commento

@ IGOR

Sono d'accordo con te,un medico, un VERO medico, dovrebbe fare un'indagine molto più profonda su un sintomo, qualunque esso sia e non limitarsi a farti una ricetta per una determinata medicina!
Purtroppo i medici così sono veramente pochi, non parliamo poi di quelli che fanno anche una chiaccherata con te...praticamente inesistenti...perchè la folla che è nella sala di attesa preme e loro devono finire entro una certa ora: cronometrato dal mio medico di base..circa 5-7 minuti a persona!!!

XXXXX TUTTI XXXXXX

Il mio nome è assolutamente quello vero (forse uno dei pochi!!!), non ho un blog mio da pubblicizzare, non ho alcun interesse personale in Grillopedia..se non quello di andare a vedere quello che propone e che mi sembra interessante!Nessuno è obbligato a frequentarlo, ma nemmeno, senza prove, a denigrarlo!!!
Rita

Rita Porrega 10.07.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

@ antonio inochia

Antonio sbaglio o il tuo nome è simile a quel Antonio Inochi che negli anni 80 era campione di wrestling giapponese... c'era anche tiger mask.

mario alessandrini 10.07.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.
A mio parere il problema della speculazione è reale e diffuso.
Comunque non bisogna mai generalizzare troppo, credo ancora nelle persone che facciano le cose a fin di bene e con passione. Gli ospedali e la sanità spesso non funzionano come dovrebbero, ma sono sicura che il medico che veramente ama il suo mestiere esista ancora.

Martina Meschiari 10.07.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

x marco ancinelli
sono andato acuriosare sul sito nedicinenaturali.net
e ho visto che è stato posto sotto sequestro dalla gdf
che cosa è successo?
saluti

giuseppe ubaldi 10.07.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

x marco ancinelli

il link http://space.tin.it/scienza/avufi/page4.html
non funziona.

compenso lasciandoti il link al sito di duesberg

www.duesberg.com

ciao

Igor Scicchitano 10.07.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Le medicine fanno male...molto, ma molto male!

Ma dobbiamo pure curarci...a volte dobbiamo fidarci...è difficile!

Io mi rivolgo all'omeopatia, ma a volte è proprio il mio omeopata a darmi medicine allopatiche.

Anche qui siamo alle prese con l'etica: ci sarà pure qualcuno, qualche ORGANISMO, che paghiamo per controllare che quelle che vorrebbero propinarci non sono nocive!

Ci sono, lo sappiamo.
Non fanno bene il loro lavoro?
A CASA!!!
Dandogli un lavoro a 1000 EURO, s'intende.
Noi siamo buoni!!!

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 10.07.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento


PER IL CARO INOCHIA

LA DISINFORMAZIONE RIGUARDO ALL'AIDS E' PIU' CONTAGIOSA DELLA MALATTIA STESSA

Così si esprime un autorevole lettore del libro " AIDS e se fosse tutto sbagliato?" Macro Edizioni, 2000 ( tel. 0541 344820), dando il massimo risalto alle sconvolgenti verità che rivela:

* l'HIV non causa l'AIDS;
* i test dell'AIDS non sono affatto sicuri e accurati;
* il numero dei malati non è in aumento;l'Africa non è flagellata dall'AIDS;
* l'AIDS è un nuovo nome dato a tante diverse malattie già esistenti e conosciute;
* i farmaci usati per curare l'AIDS servono solo a distruggere la salute di chi li assume;
* il figlio di una donna affetta da AIDS non nascerà necessariamente malato.Ognuna di queste affermazioni - e di molte altre - è accompagnata da informazioni dettagliate e dati scientifici che sono una dimostrazione convincente che l'AIDS non è nulla di tutto ciò che ci è stato detto.

Inoltre, tutto quanto è riportato nel libro è stato vissuto da persone, cosiddette "sieropositive" che, come l'autrice Christine Maggiore, hanno rifiutato il paradigma HIV=AIDS=Morte, conducendo una vita in salute, senza l'utilizzo di trattamenti farmacologici e senza temere l'AIDS.
Il libro contiene informazioni vitali per chiunque sia risultato positivo all'HIV ed è una lettura importante per tutti coloro che si sono ritrovati a vivere a ad amare nella paura, per superare questa condizione e scoprire alternative salutari ai farmaci proposti dalla medicina ufficiale.

Christine Maggiore

Nel 1992 la sua vita è stata improvvisamente sconvolta dal risultato positivo ad un test dell'HIV. I medici le avevano dato un massimo di 5-7 anni di vita con un peggioramento costante del suo stato di salute. Le avevano additato l'AZT, il farmaco dell'AIDS per eccellenza, come unico rimedio per rallentare gli effetti devastanti della malattia. Lei ha scelto un'altra soluzione: una ricerca che l'ha condotta oltre l'establishment dell'AIDS. Nel frattempo ha conosciuto un uomo meraviglioso e dalla loro unione è nato un bimbo sanissimo che ora ha due anni.

AIDS la grande truffa, Luigi De Marchi e Fabio Franchi, 1996, Edizioni SEAM, tel. 06 85301832
L'immensa balla dell'AIDS, Robert Lombardi, 1998, Macro Edizioni, tel. 0541 344820
AIDS il virus inventato, Peter Duesberg, 1998, Baldini & Castoldi, Milano
World without AIDS, Steven Ranson & Philip Day, 2000, Credence Publications, England
HIV e AIDS: fine degli opposti estemismi, Elio Rossi, 1998, Lombardo Editore, tel. 06 44290974
Le carte dell'AIDS, Francesco Romano e Elizabeth Vogel, 1989, Cesco Ciapanna Editore, tel. 06 87183441
La mafia della $anità, Guylaine Lanctot, 1997, Macro Edizioni, tel. 0541 344820
La medicina sottosopra. E se Hamer avesse ragione?, 1999, Edizioni AMRITA, Torino, tel. 011 9363018
La vera storia dell'Aids, David Rasnick, 2001, Edizioni SPIRALI, Milano, tel. 02 8054417 (novità!)
Alcuni siti internet italiani:
http://www.laleva.cc/cura/truffa_aids.html
http://digilander.iol.it/anok4u/Doc/aidsmm.htm
http://www.infoaids.freeweb.supereva.it/intro.htm?p
http://www.oikos.org/aids/it/default.htm
http://www.medicinenaturali.net/
http://www.disinformazione.it/
http://www.pantellini.org/
http://www.aerrepici.org/

L'AIDS è una malattia politica che serve a creare:

un sistema di potere; un sistema di controllo sociale e demografico; un sistema per emarginare persone scomode come drogati, omosessuali e negri. http://space.tin.it/scienza/avufi/page4.html (Il patto USA - Francia)

Cari amici e conoscenti, avete qui tutti i riferimenti per poter verificare personalmente la serietà e la veridicità di quanto sostenuto in questo comunicato. Se volete contribuire anche voi a diffondere queste informazioni alternative, non potrete che fare un bene alle tante persone che soffrono e vengono sfruttate dalla mafia della Sanità. Partecipate anche voi a diffondere questa controinformazione. Inviate questo messaggio ai vostri amici e conoscenti utilizzando la funzione seleziona tutto, copia e incolla. Grazie per il vostro contributo!

Sergio Battaglia

(studioso del problema Aids)

E adesso piantala per favore.

marco ancinelli 10.07.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Per Pascucci

Non mi riferisco alla giustezza del tuo allegato, sto dicendo che se tutti ci mettiamo a parlare d'altro non esisterà più una discussione. Visto che c'è la sezione di finanza e politica mi sembra più corretto che tu continui li, non ti pare, almeno in segno di rispetto per non spezzare la discussione.

Antonio Inochia 10.07.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Per Marco Ancinelli

da un sito di medicina

"Generalmente, entro tre settimane dall'infezione con l'HIV, quasi tutti i soggetti provano sintomi simili a quelli di un'influenza (febbre, cefalea, eruzioni cutanee, linfadenopatie e malessere), che durano all'incirca una-due settimane.

C’è poi la "fase asintomatica", che può durare anche più di dieci anni. In questo periodo gli individui infetti godono generalmente di salute normale, con livelli di linfociti T-CD4 ai limiti inferiori della norma (500-750 cellule per mm3)"

il ragazzo ha letto i sintomi sul cartellone ed è andato a farsi vedere da un medico, che gli fece per precauzione il test elisa.
P.s. L'HIV è un retrovirus, non un anticorpo.

Antonio Inochia 10.07.05 12:09| 
 |
Rispondi al commento

sugli integratori...
....
I difensori di "Big Pharma" e della medicina ufficiale hanno realizzato che non possono vincere la guerra dell’informazione. Non possono evitare che la gente scopra come preservare la propria salute. Credetemi, ci hanno provato! Ci hanno provato tramite la censura, oppressione, influenze e perfino tentativi di condizionamento dell’informazione su internet. Hanno tentato di creare un completo blackout dell’informazione, ma hanno fallito. Grazie a Dio noi viviamo in una società (relativamente) libera dove internet funziona ancora e la gente ha accesso a strumenti di informazione indipendenti. Man mano che sempre più persone scoprono che i medicinali sintetici in realtà ti uccidono, mentre vitamine, nutrienti e integratori a base vegetale salvano veramente la vita, la medicina ufficiale ha cercato di mettere in azione il piano B. il piano B consiste nel mettere fuorilegge la dietetica, che è quello che intende attuare la Direttiva Europea sugli integratori alimentari.

Facciamo un passo avanti. Supponiamo che abbiano successo nel mettere fuorilegge questo tipo di nutrizione. È improvvisamente illegale comprare qualsiasi quantità di vitamina C oltre i 50 mg, ad esempio. È illegale comprare diversi minerali, come il vanadio o il boro. Diventa illegale comprare tocotrienoli o altri antiossidanti derivati dalle piante. Bene, cosa sarebbe il passo successivo? Naturalmente sarebbe rendere fuorilegge tutti i nutrienti medicinali.

Potete immaginare un mondo in cui sia illegale comprare e consumare aglio? Sembra ridicolo, vero? Vien da dire:”Dai, questa è una esagerazione”. Ma sarà vero? L’aglio è uno dei più potenti cibi medicinali al mondo. È un prodotto che previene e tratta cancri interni e localizzati. Il succo di aglio crudo è uno dei più potenti integratori anticancerogeni che potete consumare. In questo esatto momento potete andare da un verduriere, comprare dell’aglio, e assumerlo senza bisogno di altro. Eppure è più potente di molti medicinali in commercio. È un antibiotico ad ampio spettro. È antivirale, antibatterico, anticancro e antitumorale. È un cibo incredibilmente efficace per la salute....-

trovate l'articolo su http://milho.ilcannocchiale.it/
ultimo articolo in basso, cmq ci sono altri che sono interessanti.

Igor Scicchitano 10.07.05 12:00| 
 |
Rispondi al commento

scusate : NON x igor ma x antonio...
-----------------------------------------

se una cosa è interessante ma O.T. deve essere ignorata? non ci credi, vero?

si parla di crack finanziari che hanno sconvolto il mondo, giusto?

credo giusto che un post O.T. sia "sopportabile", specie da gente che, se è qui, ha una apertura mentale tale (o dovrebbe averne) da "capire" qual'è "lo nero periglio" che ci schiaccierà tutti.

[signoraggio]

Amedeo Pajaccini 10.07.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

PER INOCHIA
Il ragazzo di cui parli, non ha scoperto una beata fava, dal momento che la sieropositività si accerta con la presenza dellHIV. che è un anticorpo. Ma la storia è che "probabilmente è la causa della malattia" Un anticorpo?
Robert Gallo quando se ne è uscito con questa scoperta ( che tra l'altro non è nemmeno sua )non ha mai prodotto un documento o il canonico protocollo con tutte le fasi della ricerca in questione con i risultati ottenuti, affinchè altri medici potessero ripetere la ricerca fase per fase ed arrivare alle stesse conclusioni. E' stato detto, preso per vero dalla comunità scientifica, e portato avanti come enunciato assoluto. Tant'è vero che c'è anche un farmaco l' AZT ( se ho sbagliato è l'ATZ ) che piano piano ti ammazza, così si è resa veritiera la legge AIDS = morte
E se qualcuno si azzarda a dire il contrario è un matto.
Il discorso della ricerca, o della scoperta di nuovi farmaci vive molto del fatto che pochi madici hanno il tempo per leggersi tutta la mappazza del protocollo, o il tomone con le fasi e le motivazione di tal risultato, e quindi danno per buono quello che gli dice i ldivulgatore farmaceutico, quel tale che ogni tanto trovate dal medico in gacca e cravatta con la valigietta.

marco ancinelli 10.07.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

@Antonio Inochia

>E allora alessandro? cosa vogliamo dimostrare? E'

E' semplice informazione. Se la metti sul "cosa vogliamo dimostrare" possiamo abolire tutti i giornali, i telegiornali e alla fine questo blog.

> mi vuoi mettere anche l'elenco dei panettieri
>disonesti oppure dei benzinai furboni?

Anche gli avvocati (o altri "dott" iscritti a qualsiasi albo) posso essere disonesti, ma l'esame che devono passare è certificato da un sistema e l'attestato che viene rilasciato è firmato da altre autorità. Ergo che sia il sistema che non funziona, con complicità dall'alto.

Anche i benzinai, per aprire le pompe di benzina, devono aver passato tutti i collaudi e se le forze dell'ordine scoprono pompe taroccate chiudono tutto. Per ora non mi risulta che queste certificazioni e controlli siano inefficienti o falsati.
Anche perché se i collaudi vengono fatti male può saltare tutto in aria, al contrario se abbiamo una giustizia scadente fa comodo a molti.

Questa la mia opinione.

Alessandro Tufi 10.07.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

x igor
----------

se una cosa è interessante ma O.T. deve essere ignorata? non ci credi, vero?

si parla di crack finanziari che hanno sconvolto il mondo, giusto?

credo giusto che un post O.T. sia "sopportabile", specie da gente che, se è qui, ha una apertura mentale tale (o dovrebbe averne) da "capire" qual'è "lo nero periglio" che ci schiaccierà tutti.

[signoraggio]

Amedeo Pajaccini 10.07.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

xGrillopediaz Team
posta un link della strada dove risiede la sede ?
già ricerca inutile hiiiii

alessio bado 10.07.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Sbaglio o sono stati cancellati degli interventi? C'è la censura anche qua?

Antonio Inochia 10.07.05 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Interessante pascucci, però si parlava d'altro...

Antonio Inochia 10.07.05 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Certo Marco Ancinelli, forse non hai mai sentito parlare della campagna di prevenzione Mondiale dell'Aids, oppure che il nuovo vaccino messo a punto da un'equipe italiana passerà alla sperimentazione umana su vasta scala, visto che le prove di laboratorio hanno raggiunto risultanti esaltanti. Ma no, sono tutti ladri e imbonitori, diffidate...

Antonio Inochia 10.07.05 11:46| 
 |
Rispondi al commento

x Angelo Mortola e per tutti

..Per non parlare poi di "ricostituenti" e "integratori" prescritti soprattutto agli studenti...ma chi ci crede che oggi in Italia possano esistere casi di carenze di vitamine o minerali in una persona sana?

se ti ammali non sei una persona sana dunque puo essere che soffri di un manco di vitamine o minerali come causa del malanno.

Abbiamo forse un'alimentazione così povera?...

tutto quello che co