www.beppegrillo.it


7 Agosto 2005

Braccia rubate al lavoro: Gianni Baget Bozzo

baget-jabba.jpg

business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance


Gianni Baget Bozzo è una delle figure più inutili ed enigmatiche della cultura italiana, praticamente un rebus di due parole. Non è prete e non è laico, non è un batrace, ma non è del tutto umano , non è un parlamentare ma si comporta da tale. Unico elemento di continuità, è quello di essere sempre al servizio di qualche potente. In giovane età , legge tutta l’opera di Del Noce (il direttore di Rai uno, non il filosofo). Colto da una crisi mistica dopo un’indigestione è incerto se prendere i voti come prete o come politico. Sceglie la seconda strada ; folgorato da Bettino Craxi , diventa socialista satanista e consigliere spirituale dei Vip.

Non c’è buffet o salotto mondano in cui i suoi consigli non diventino leggendari, così come la sua prerogativa rettiloide di saettare la lingua rubando tartine dai piatti.

Inizia a sparare frasi celebri del tipo “ non è peccato essere omosessuali , è peccato l’atto omosessuale”. A cui segue il motto “ è peccato essere ladri , ma non è peccato rubare”. Questo insegnamento rovina il povero Bettino.

Trovatosi disoccupato, Bozzo tenta la carriera del cinema. Impersona il mostruoso Jabba in “Guerre stellari” , con discreto successo, ma l’ambizione lo rode. Insiste per fare Darth Fener, ma non si trova una casco della sua misura e viene scartato.
Per fortuna viene accolto a Arcore dove Berlusconi, credendolo un vescovo si inginocchia. Partecipa a tutte le riunioni segrete di Arcore travestito da cameriere, qualche volta servendo anche a tavola. Comincia la sua crociata contro i Satana moderni. Attacca Wojtyla dicendo che è amico dell’Islam.

Attacca i preti amici dei poveri perché creano insoddisfazione e ribellione, e si chiede come mai in Africa non ha mai visto una sangrilla degna di questo nome.

La sua adesione a Forza Italia gli procura numerose apparizioni televisive, che mettono in crisi le telecamere, in quanto pesa ormai duecento chili e tende a scivolare giu’ dalle sedie come un budino. La sua famosa tonaca bisunta è in realtà un modello Dolce e Gabbana ed è ispirata al film l’Esorcista, che Bozzo ha visto seicento volte.
Il suo motto,ispirato a Cervantes, è: "le sole cause buone sono quelle perse".
Ma non lo ha mai seguito, anzi, se vincerà l’Unione si metterà a dieta e dirà ,come molti, che lui è sempre stato di sinistra,e che: ” la forza è forte in Romano Prodi”.


Mandiamolo a lavorare.

Che lavoro gli fareste fare:

a. Il tovagliolo pieno di macchie in un ristorante
b. Il presidente di una Banca Etica
c. L'estrema unzione di Forza Italia

di Beppe Grillo e Stefano Benni (il Lupo).

Postato da Beppe Grillo alle 16:31 in Politica