Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Dovete smetterla!

  • 415


citta.jpg


Le città nate per condividere, spesso isole di libertà durante la Storia, stanno cambiando.

Nascono città postmoderne, città parchi a tema, quartieri residenziali con piscina-tennis-uffici-scuole-negozi-palestra, tutto rigorosamente privato.
Il pubblico scompare.

Ci sono guardie private, telecamere ai cancelli, regole condominiali inflessibili.

In alcune città della Florida succedono cose pazzesche:
il colore dei muri interni è deciso dalla comunità;
l’accesso dalla porta posteriore di casa viene proibito perché si forma un sentiero nell'erba non previsto dal regolamento;
un amministratore querela un condomino perché la moglie di 45 anni aveva tre anni in meno dell’età di ammissione: il tribunale gli ha ordinato di vendere la casa o di viverci senza la moglie;
quartieri senza bambini e se ti nasce un figlio devi cambiare zona.

La città del film “Truman show”, Seahaven, non è un set, ma una città vera, Seaside, vicino a Tampa, bianca e azzurra, ordinata, con le case tutte uguali.

Anche da noi stanno arrivando queste allucinazioni:
In agosto 100.000 persone hanno scelto di andare in Toscana per il fine settimana a passeggiare e fare shopping tra le mura di un outlet.
Cos’è un outlet? Una cittadella finta con piazzette, vie e ingressi, con anfiteatri, ristoranti, pizzerie e centinaia di negozi che svendono roba di stilisti famosi.

Tutto è privatizzato, mercificato, regolamentato: tempo libero, servizi, spazi cittadini, ospedali, scuole, parchi, partiti politici, prigioni.

11 Ago 2005, 15:16 | Scrivi | Commenti (415) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 415


Commenti

 

l’accesso dalla porta posteriore di casa viene proibito perché si forma un sentiero nell'erba non previsto dal regolamento;

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 29.09.15 00:49| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti.Mi sono iscritto da poco al Blog Di Beppe Grillo.
Sono uno studente universitario e sono stupito davvero di tutte le cose che sto scoprendo grazie a QUESTO SERVIZIO.
Questo articolo sulle città "dalle case tutte uguali" mi ha shockato!!!
Credevo che per Truman Show fosse un set...cavoli:quella città sembra davvero finta!!!!
Non permettiamo assolutamente che avvenga una cosa simile.Se c'è una cosa che ancora ci rende liberi è proprio l'"individuo":non permettiamo che uniformizzino tutto e ci rendano solo dei numeri di matricola!!!

andrea524 11.11.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe ,ciao gente.mi chiamo Alberto e vengo da Milano.Leggendo il post mi è venuto in mente un bellissimo articolo di Umberto Eco sulle citta dei divertimenti californiane,queste curatissime ricostruzioni di "mondi"(dalla town mineraria a quella dell'antico west, passando per una di pirati con tanto di galeoni)si erano sostituite alla realta proponendo una sorta di iperrealismo consumistico.Perche soffermarsi troppo sulla "vera" ricostruzione dell "ultima cena "di leonardo(vera perchè fatta con tutti gli accorgimenti tecnologici ,una fotocopia insomma) ,quando subito dopo ti fanno vedere la " vera " ricostruzione però come se non fossero passati secoli ,come appena fatta, quindi intrensicamente piu vera di quella a milano con tutto quello sporco e quelle crepe.Eco notava come questa somministrazione di iperreale stesse appiattendo ,uniformando il gusto del pubblico, educandolo non al bello ma al kitch,non alla proporzione aurea ma al neon; di mio aggiungo che la paura è che questo iperreale ci renda di fatto incapaci di riconoscere il bello,quando raramente lo incontriamo.Per tornare sulle nostre citta tema, ricordo che l'articolo di Eco fu pubblicato sull'Espresso nel '73-'74,l'Italia con tutti i travagli dell'epoca NON era ancora conformizzata come oggi(ho soprannominato questo concetto" consuma,produci,muori e soprattutto fallo senza rompere i co....), leggendolo adesso quell'articolo sembrerebbe un depliant dei divertimenti californiani e qualcuno direbbe" che bello ,andiamo".Temo che ormai sia troppo tardi ,la conformizzazione è mondiale ,Terzani faceva notare che i cinesi non mangiano quasi piu con le bacchette,i nostri bambini trovano il castagnaccio immangiabile( poverini sono i piu bersagliati da quantità incredibili di input e sono i meno consapevoli del fenomeno)fino a pochi anni fa uno dei non plus ultra della dolcificazione,gusto troppo robusto non conformizzabile alle cremine con piu omeno latte .Il fenomeno caro Beppe temo sia implacabile.

alberto fortuzzi 02.11.05 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
dove andranno a finire i 10 mln di euro, che la Humana deve pagare per i prezzi del latte in polvere? perché lo ha dovuto scoprire Striscia, e non lo ha fatto l'autorità competente????
Complimenti

Giuseppe Poletto 31.10.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
dove andranno a finire i 10 mln di euro, che la Humana deve pagare per i prezzi del latte in polvere? perché lo ha dovuto scoprire Striscia, e non lo ha fatto l'autorità competente????
Complimenti..

Giuseppe Poletto 31.10.05 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Non credo più a niente. Ho trentadue anni e da almeno venti continua a ribadire che la gente non capisce un cazzo. Mi danno fastidio le persone che mi dicono "perchè non ridi mai?", perchè non c'è un cazzo da ridere.
Caro Beppe, ieri sera io e mia moglie abbiamo guardato in DVD il tuo spettacolo di Roma: stupendo, ma sopratutto drammatico. Devo confessare che ho pianto. Mentre parlavi del Ritalin e della Germania, con il suo opuscolo della piovra puttana, guardando mia figlia ho pianto. Che mondo di merda caro Grillo. Non lo sopporto alle volte.
Dov'è finita la verità? ma dico io, ma anche di fronte ai figli? Anche nei loro occhi vogliamo vedere le menzogne?
Mia figlia è il mio cuore e ogni bambino su questa porca terra è nato da un medesimo... o no?
Vaffanculo posso dire alle nazioni bugiarde. Dalle mie labbra avrete solo questo: un vaffanculo senza mezzi termini che proviene dal cuore.

Luca Andrini 27.10.05 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Voglio prima di tutto salutare tutti i partecipanti del blog essendo questa la mia prima volta,mi chiamo Andrea vivo a La Maddalena (SS)ho 38 anni e sono disoccupato per motivi di raccomandazioni che non hosbaglio che il raccomandato faceva,ho moglie e 2 figli caro Peppe e ho tanta rabbia in corpo è tutto uno schifo e non credo più a niente sopratutto dopo aver visto il tuo DVD sullo spettacolo a Roma è bello che Peppe Grillo esista una voce stonata nel panorama attuale che ci propone quantità di voci intonate piene di bugie .ciao

Andrea Scolafurru 18.10.05 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Si Gaspare, ho visitato il sito (fottitiitalia), letto l'articolo su Beppe e navigato qua e là. Naturalmente in rete c'è spazio per tutti e per le opinioni di tutti. La mia su quel sito è che gli cambierei nome in www.chiacchieredabarcel'hocontuttiaprescindere.com
Un pò come quelli che si ritrovano al bar dopo la partita e si mettono a discutere sulle decisioni arbitrali ecc. e viene fuori di tutto e il contrario di tutto. Per quanto mi riguarda credo di essere in grado di scegliere le mie amicizie e di farmi un'idea della rete in totale autonomia.
paolo

paolo tumolo Commentatore in marcia al V2day 12.10.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Salve,

andate a leggere l'articolo:
BEPPE GRILLO: IL "BUFFONE DI CORTE" DEL MONDIALISMO
nella sezione NEWS DEL FUTURO sul sito:

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

Saluti da Gaspare

petralia gaspare 12.10.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe sei l'unica carica positiva che ci e' rimasta se tu sarai sempre con noi ,noi saremo sempre con te.
detto cio' ti volevo dire che siamo stati sotto il re' e ci lamentavamo,sotto la dittatura ci lamentavamo,abbiamo votato sinistra idem, destra idem, insomma chi ci vogliamo mettere al potere?
sicuramente non te' perche'ti inquineresti come tutti i politici.
rimani quello che sei cioe' mitico saluti

giulio salvi 11.10.05 16:13| 
 |
Rispondi al commento

ulteriore precisazione a mio avviso doverosa:
negli extra del dvd c'e' un tuo messaggio nel quale tra l'altro ci dici che lo spettacolo e' scaricabile anche gratuitamente dalla rete,non quello del dvd ma comunque uno del 2005,e che tu non avresti niente a che ridirne,ecio' te ne fa molto onore ma sai cosa si scopre visionando tale tuo spettacolo scaricabile gratis in internet:
UDITE UDITE NON E' ASSOLUTAMENTE CENSURATO!NON CI SONO BIP A COPRIRE I TUOI GUSTOSI COMMENTI ETTCC.ETTCC..!!??
PER CUI LA MORALE CHE SE NE RICAVA SAREBBE:
CHI COMPRA IL TUO DVD UFFICIALE DIRETTAMENTE DA TE SUL TUO SITO,VOLENDO COME TU STESSO CI DICI NELLE SOPRARICORDATA TUA INTERVISTA NEGLI EXTRA DELLO STESSO,VOLENDO RIPETO FARTI ANCHE UNA FORMA DI FINANZIAMENTO...OTTIENE UN PRODOTTO INFERIORE!??
MENTRE TU STESSO CI DICI,SEMPRE IN TALE MESSAGGIO DEL TUO DVD UFFICIALE,CHE QUESTO DVD ACQUISTATO E' "MIGLIORE PIU' PROFESSIONALE TCC..ETCC."!!??
GRADIREI UN TUO COMMENTO DIRETTO IN MATERIA!

Postato da: LUCA BERNARDESCHI il 12.08.05 12:09

ho comprato il tuo dvd dello spettacolo di aprile 2005 a roma e..incredibile..e' censurato!ci sono moltissimi bip che oscurano la tua voce quando fai commenti su alcuni personaggi..e' incredibile!
ti sei autocensurato?!!
CREDEVO CHE COMPRANDO UN DVD DIRETTAMENTE DALL'AUTORE E PER DIPIU' SU SUO SITO UFFICIALE INTERNET CIO' NON ACCADESSE!
CHE TRISTEZZA!!
RISPONDICI!

luca bernardeschi 19.09.05 16:19| 
 |
Rispondi al commento

ulteriore precisazione a mio avviso doverosa:
negli extra del dvd c'e' un tuo messaggio nel quale tra l'altro ci dici che lo spettacolo e' scaricabile anche gratuitamente dalla rete,non quello del dvd ma comunque uno del 2005,e che tu non avresti niente a che ridirne,ecio' te ne fa molto onore ma sai cosa si scopre visionando tale tuo spettacolo scaricabile gratis in internet:
UDITE UDITE NON E' ASSOLUTAMENTE CENSURATO!NON CI SONO BIP A COPRIRE I TUOI GUSTOSI COMMENTI ETTCC.ETTCC..!!??
PER CUI LA MORALE CHE SE NE RICAVA SAREBBE:
CHI COMPRA IL TUO DVD UFFICIALE DIRETTAMENTE DA TE SUL TUO SITO,VOLENDO COME TU STESSO CI DICI NELLE SOPRARICORDATA TUA INTERVISTA NEGLI EXTRA DELLO STESSO,VOLENDO RIPETO FARTI ANCHE UNA FORMA DI FINANZIAMENTO...OTTIENE UN PRODOTTO INFERIORE!??
MENTRE TU STESSO CI DICI,SEMPRE IN TALE MESSAGGIO DEL TUO DVD UFFICIALE,CHE QUESTO DVD ACQUISTATO E' "MIGLIORE PIU' PROFESSIONALE TCC..ETCC."!!??
GRADIREI UN TUO COMMENTO DIRETTO IN MATERIA!

Postato da: LUCA BERNARDESCHI il 12.08.05 12:09

ho comprato il tuo dvd dello spettacolo di aprile 2005 a roma e..incredibile..e' censurato!ci sono moltissimi bip che oscurano la tua voce quando fai commenti su alcuni personaggi..e' incredibile!
ti sei autocensurato?!!
CREDEVO CHE COMPRANDO UN DVD DIRETTAMENTE DALL'AUTORE E PER DIPIU' SU SUO SITO UFFICIALE INTERNET CIO' NON ACCADESSE!
CHE TRISTEZZA!!
RISPONDICI!

luca bernardeschi 19.09.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe
sono un giovane in cerca di casa, attualmente vivo in un appartamento in affitto a Roma ma il mio sogno, come credo sia quello di molti giovani, è quello di acquistare una casa, ma cosa è successo al mercato delle case di ROMA?.
sono circa 1 anno che sono alla ricerca di un appartamento in vendita ma i prezzi sono assurdi.
ho provato in tutti i modi, dalle case all' asta a quelle in costruzione.
è impossibile per un dipendente con un reddito di circa 1200 euro mensili poter acquistare una casa di due camere a ROMA.
stanno costruendo nuovi appartamenti ma anche lì i prezzi sono troppo cari. non scendono sotto i 200 mila euro.i vecchi 400 miglioni di lire.
allora la mia unica speranza, visto che vivo in un appartamento di proprietà di un ente e aspettare che venda, ma l'ente sta facendo una gara per la riqualificazione e probabilmente ci venderà al prezzo del nuovo mercato.
ho visto anche per prendere un mutuo, è vero i tassi sono bassi ma per prendere un mutuo di 200 mila euro dovrei pagare una rata di 900 euro per 30 anni e poi come mangio? calcolando che per fare la spesa ci vogliono alme no 100 euro alla settimana?...
prima con 2 milioni e mezzo al mese vivevo tranquillo oggi con 1200 euro non riesco ad arrivare alla fine del mese.
e il nostro governo cosa fa?

DANIELE TUMINO 19.09.05 10:24| 
 |
Rispondi al commento

si è tutto vero cio che dice Grillo
sulle assurdità nelle città, tutto è piu privato,
perchè la gente non vive piu nelle corti?
perchè abbiamo l'automobile, io faccio l'architetto e forse lo sono, ma non è questo il punto; la città Italiana è quella con matrici romane e medievali che la contraddistinguono dal mondo interno, vengono dalla germania per vedere il giallino del coccio pesto delle case di Brera, peccato che qualc'uno si diverta con i graffiti ma anche questo non è il punto, il punto è che sfasciano il territorio perchè gli SPECULATORI
e a voi capire CHI è...... VENDONO IN CENTRO A MILANO UNCESSO A 4 MILIARDI DI VEKKIO CONIO..
Signori... siamo arrivati a 9 MILA EURO A METRO QUADRO A MILANO UNA CITTà CHE IN QUANDO A BELLEZZA è certamente buona ma... è pur sempre un
vekkio borgo medievale un po ingrandito m'anco fossimo a PARIGI !! QUA CI SONO SPECULATORI STORDITI... cosa c'entra chi puo permetterselo sono le banche che danno i mutui ...........
kiudo lo sfogo !!
BACI :)

alberto rossi 15.09.05 00:05| 
 |
Rispondi al commento

penso che bisognerebbe andare a rileggere quello che diceva pier paolo pasolini riguardo l'omologazione e la distorsione della reatà da parte della borghesia capitalista che tenta per puro scopo di interessi personali di farci consumare il più possibile con il sorriso forzato sulle labbra (vi viene in mente qualcuno?).Hah come aveva ragione pier paolo!Penso che lui è stato per i comunisti quello che Gesù è stato per i cristiani,senza offesa per nessuno,lui non credeva nella dinità di Cristo ma penso che lo ammirava molto.Ciao Pà

sergio gaffuri 09.09.05 00:23| 
 |
Rispondi al commento

... segue

- Sarei destinato a non sposarmi e non avere figli, come potrei mantenerli?

- Sarei destinato a una vita senza mai spostarmi.

Signori svegliatevi non è destino.
Qualcuno ci sta trasformando in macchinette che producono gratis e consumano

La nostra vita sta diventando un buisness di cui non siamo consapevoli

Se questo scempio non finirà si dovranno prendere decisioni estreme.

Caro Beppe spero leggerai e diffonderai

NO ALLA VITA STANDARDIZZATA

ALessio CAPONE 05.09.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.
Riguardo all' argomento sopracitato vorrei denunciare a gran voce che sto sentendo qui a Roma, la città dove ho avuto la sfortuna di nascere, una gran puzza di merda statunitense.
Stanno spuntando in alcune zone, quartieri che mettono i brivisi, tonnellate di cemento assemblate nell arco di poche settimane, che dimostrano il tentativo da parte dell' imprenditoria di creare una classe media lobotomizzata, e di imprigionarla senza bisogno di sbarre nella propria casa e nel proprio lavoro.
Hanno costruito casermoni a schiera di una bruttezza incredibile, e con le zone verdi assenti, e a fianco altrettanti casermoni che fungono da centri commerciali ristoranti di qualità pessima che ci avvelenano, e mega cinema.
Il cittadino medio con una cultura media, e un reddito medio, si troverà quindi ad avere tutto cio che questi signorotti propinano, nell' arco di cento metri da casa sua.
Personalmente sarei appartenente a questa nuova classe e vorrei citare il mio esempio che credo somigli a quelli di molti altri.

- Guadagno circa 1100 euro al mese, stipendi che ai tempi della lira sarebbe stato più che sufficiente.

- Di questi 1100 euro ho calcolato che tra pranzi in pausa lavoro, benzina usura macchina e assicurazione, tenendo presente che la macchina è indespensabile solo per recarmi al lavoro, spendo circa 300/350 euro, pPE ANDARE A LAVORARE !!!!

- Il prezzo medio di un appartamento di una sola camera in quartieri che fanno venire il voltastomaco è di circa 600/700 euro al mese.

- Non credo che potrei saziarmi d' aria, ma consideriamo che sono immortale, una volta pagate queste cose io si cosa campo?

- Un altra notizia con i miei 1000 euro di stipendio il mio datore di lavoro ne guadagna, al mese, circa 1 milione e mezzo.

- Mi arrivano in continuazione proposte di finanziamenti in centomila rate senza interessi

... continua

ALessio CAPONE 05.09.05 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Nelle città, da tempo stanno scomparendo le fontane con acqua potabile ed i servizi igienici.
Sicuramente saranno aumentati i clienti dei bar con conseguente insonnia da caffè - pìpì.
Nella stazione FS di Porto san giorgio (Ascoli pic) sono scomparsi i servizi igienici (letteralmente murate le porte) e pare che non sia l'unico caso.
O si va al bar della stazione (se attrezzato) o si prende il treno per la stazione più vicina (andata e ritorno).
Quando elimineranno anche le toilettes dei treni (magari a favore del vagone ristorante) avremo anche la cellulite da pastasciutta - popò.
A quel punto ci diranno che siamo un popolo di goderecci, che viaggia molto sta spesso al bar ed ha problemi di sovrappeso.
Ragazzi! Usciamo di casa con provvista d'acqua e facciamola dove capita.
Ci guadagneremo in salute e portafogli.
Quando quando ci obbligheranno al sacchetto paletta etc. vedremo come rimediare.
Ciao
Andrea Giovannini

Andrea Giovannini 03.09.05 16:44| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno a tutti, vorrei propormi nel mio primo sfogo multimediale, dato che il livello della mia indignazione sta raggiungendo vette oltremodo pericolose (per me). Quando (domanda) finalmente ci renderemo conto che siamo tutti coinvolti in qualità di miserevoli (per ora) pedine in un disegno strategico preciso il cui fine è il dominio delle nostra coscienza e conseguentemente la soppressione delle nostre libertà naturali? Per favore, amici, non pensate che il male accada per caso! Berlusconi, le chiese fondamentaliste (cattolica e islamica in primo luogo), le multinazionali del petrolio e quelle farmaceutiche, i politici di qualsiasi schieramento che ci mentono sapendo di mentire e tutti i cattivi maestri in generale, anche quelli più banali (un tizio che vuota per strada il posacenere è già un cattivo maestro!), non agiscono casualmente e in modo slegato tra loro. Ovviamente non sto dicendo che siano pedine consapevoli di questo gioco! Non lo sono affatto! Sto solo dicendo che come cellule inconsapevoli di un unico organismo, tutti questi "elementi del male" costituiscono nel loro insieme un essere "pensante" che ha per fine il dominio di noi tutti e la soppressione delle nostre coscienze. Se qualcuno vuole capirmi lo faccia. Il nostro inconscio, che ha una dimensione collettiva, lo sa. Questa consapevolezza si manifesta in vari modi, per esempio nell'arte e nel cinema. Avete presente Matrix? Provate a pensarci. Ciao a tutti.

stefano lodi 02.09.05 17:19| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno mi da la mail di emris cipriani?:-)

paola a 02.09.05 12:12| 
 |
Rispondi al commento

LEGGETELO...MI SERVE IL VOSTRO PENSIERO!!!!!

Credo che la costruzione dello spazio e la regolarizzazione del tempo determinino anche, in modo molto forte, il modo di vivere. Lo spazio e il tempo merce sono funzionali al "non pensare", e al non conoscere, al non parlare elementi che da sempre hanno rappresentato le basi di una società civile attiva e critica. a monte c'è la dispobinibilità di spazi e tempi dove incontrarsi e condividere. Sono uno studente che deve fare un esame dicomunicazione pubblica e pensavo di parlare di questo blog come esempio di spazio tempo per la creazione di una forma di società civile. la cosa interessante è poi che non resta in linea ma crea gruppi faccia a faccia che esercitano democrazia diretta. Mi piacerebbe che qualcuno mi scrivesse la sua esperienza rispetto al senso che ha per lui la possibilità di questo spazio virtuale e, anche, di quello reale creato nella sua città
grazie a tutti.

Matteo fantinel 30.08.05 16:43| 
 |
Rispondi al commento

IL PADRE CHE NON ABBIAMO MAI AVUTO..

Cosa pensereste se vostro padre cercasse ogni giorno di avvelenarvi ?
Che stima avreste di lui se cercasse continuamente di sfruttarvi per un suo tornaconto personale ?
Come potreste rispettarlo se non facesse altro che ingannarvi ?
Non lo posso più accettare e mi piacerebbe che tanti ,come me, prendessero coscienza che lo STATO, la nostra grande famiglia, non faccia nulla o quasi nello slancio emotivo ed affettivo, proprio di un padre, per farci stare bene e garantire un'esistenza serena a noi ed ai nostri figli.
Il tornaconto che dovrebbero perseguire i governi non dovrebbe essere altro che la consapevolezza di essersi comportati come un buon padre di famiglia, (pietra di paragone che troviamo tutt'oggi nei nostri codici ). Quale più grande soddisfazione potrebbe mai avere un papà se non quella di essere amato da tutti i suoi figli ?
Abbiamo ormai da tempo gli strumenti e la conoscenza per limitare al massimo l'uso del petrolio e se ciò non avviene, mi domando se non sia solo per ragione di interesse ( di pochi ).
Un buon papà-stato ci obbligherebbe a smettere di ucciderci con le nostre mani, conscio di ciò che sta accadendo direbbe: " Basta ! da domani su ogni tetto voglio veder fiorire pannelli solari e fotovoltaici, voglio che vengano bruciati i combustibili meno inquinanti (gas naturale, metano, biomasse...etc. ) voglio che venga sostenuta la ricerca di fonti di energia alternativa sempre più efficiente. Voglio che i miei figli abbiano una buona istruzione,voglio accompagnarli nella loro crescita, voglio difenderli da tutti coloro che li vogliono raggirare (banche, aziende in regime di monopolio,imprese farmaceutiche...etc. )e tutto questo solo per la ricompensa più grande del mondo, una ricompensa senza prezzo, che nessuna lobby può comprare, che nessuna sensazione di potere può offuscare, l'amore dei miei figli !

massimiliano serra 28.08.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

ci sto scrivendo una tesi su queste cose.
chiunque voglia aiutarmi o collaborare mi contatti.
saluti
riccardo

riccardo zilli 25.08.05 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Per Mariano Tuveri

Bonsai Kitten... bufala da 4 anni
http://punto-informatico.it/p.asp?i=34983

Leonardo Gatto 25.08.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

hey, io sono di livorno... ma dov'e' sto' outlet!?

mauro banzai 24.08.05 23:11| 
 |
Rispondi al commento

Egr. sig. Grillo, spero sempre che nei suoi interventi parli e approfondisca del probelema dei PAPA'che spesso per colpa delle loro compagne o mogli , nei divorzi e separazioni, riescono a non far vedere i propri figli. Oppure li vedono , come me , ogni 15 giorni per un'ora. Nel mio caso la mia compagna stufa del nostro rapporto se ne è andata da casa e sperando che le assistenti sociali l'aiutassero, mi ha denunciato con cose assurde che per fortuna i giudici non hanno creduto ,però alla fine ci hanno tolto i nostri due figli,a tutte e due, per due anni in affidamento.Grazie per avermi letto le auguro tutto il bene possibile.

vincenzo francia 24.08.05 11:26| 
 |
Rispondi al commento

fybsaodufy34qgrtfsvbuxcvbajskgbfrebtq345968ì4089fgvjcvbcnx,,fra,etkb35tigfxhvjcxbjfdagjrflghfuvuhczlhdfajd gnr g ere,k bfiuc<g<òEIHR AWAFSADFGSDAFASDF

Damiano Colombo 23.08.05 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao grande!!! Ti volevo fare i complimenti per lo spettacolo tenutosi a roma il 29 aprile sono rimasta molto colpita tanto che vorrei venire a rivederti a viterbo l 11 settembre....nell'incitarti a continuare in questa tua missione,ti esprimo tutta la mia più sincera stima.


Linda Papaleo

linda papaleo 23.08.05 01:57| 
 |
Rispondi al commento

rido

Damiano Colombo 22.08.05 19:42| 
 |
Rispondi al commento

piango

Damiano Colombo 22.08.05 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Ci siamo stufati di tutti questi ipocriti giorni
della memoria...ma di Nagasaki ed Hiroshima chi
si ricorda?Non è stato il lancio della bomba atomica il più grande crimine contro l'UMANITA'?
Altro che lager...sul cui rimorso hanno terroristicamente costruito uno stato e basta
con gli arabi,le loro donne si prostituiscono sui
marciapiedi delle nostre città e gli uomini a bere birra ai tavolini dei bar...ma quali fondamentalisti...ogni mondo è paese e ogni popolo è schiavo delle debolezze dell'UOMO,sono
pochi i Santi e meno ancora i fanatici...sono una
macchietta nell'era della tecnologia.Chi ha in mano le chiavi del POTERE sono sempre gli stessi e chi dirige ed attua "le operazioni"i servi del
POTERE...e finiamola una buona volta con queste stronzate:tsunami,bombe,attentati,cadute strane
di aerei...siamo in piena terza guerra mondiale e
abbiate il coraggio di dirlo...Signori Apprendisti Stregoni.

alberto maietta 22.08.05 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Prezzi carburante nel mondo

http://money.cnn.com/pf/features/lists/global_gasprices/

Raistlin Majere 22.08.05 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Gen.le Sig. Grillo...
Le scrivo perchè giusto ieri sera ho avuto il piacere di visionare un divx relativo a Suo spettacolo di Milano trasmesso dalla TV Svizzera.
Anche io come Lei cerco di tenere gli occhi aperti...anche se forse vivrei meglio se li tenessi chiusi, e condivido praticamente tutto quanto da Lei detto.
Quello che mi chiedo è...nonostante la censura su di Lei operata dalle TV italiane, a forza di spettacoli per forza ormai ha raggiunto un numero di persone piuttosto ampio.
Non conosco nessuno che non sia d'accordo con Lei...eppure continuiamo a dormire, continuano gli eccessi, gli indebitamenti delle famiglie, continuiamo ad avere una classe politica allucinante.Non è che per caso le persone aprono gli occhi per un paio di ore durante i suoi spettacoli e poi si dimenticano tutto quanto da Lei faticosamente divulgato?Alla Sua giustissima battuta "il calcio dovrebbe cominciare a farci schifo" hanno applaudito tutti....eppure continua ad essere la cosa piu importante per "l'italiano"...possibile che nessuno dei presenti in platea segua il calcio tutte le domeniche?
La ringrazio per quello che fa....cordiali saluti,
Stefano Solieri

Stefano Solieri 22.08.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

ciao sono vittima di una lobby mafiosa vorrei un tuo consiglio per liberarmi da questi tentacoli.
Mariano.

mariano tuveri 22.08.05 11:54| 
 |
Rispondi al commento

ti allego una email che ho ricevuto....da non credere !!!!!
bye ermanno

*******************************************
Spero che firmerete alla fine del foglio....Il
messaggio in
questione serve a raccogliere firme per bloccare
l'affare di un
cretino di un giapponese che vende GATTI IMBOTTIGLIATI
vivi e assolutamente coscienti e la cosa peggiore che
la sta facendo diventare una moda in USA. Questo
giapponese mette il cucciolo del gattino in
unabottiglia di vetro con una sonda che penetrandolo
dall'ano, tiene
un'uscita fuori per liberarsi dall'urina e le feci.
Tutto questo per
fare prendere al gatto la forma di una bottiglia. Il
micio viene
alimentato con sostanze chimiche che lo renderanno
sterile, rendendo inutili
i suoi testicoli. Quindi il gatto vive così la sua
vita, una vita
di torture e sopravvivenza, non può muoversi nè
camminare, ne' pulirsi..
è una vera tortura per questo povero animale. Vi prego
di aiutarci
firmando perchè è una moda che prende sempre più
spazio in Usa, Cina,
Indonesia e Nuova Zelanda! L'animale viene visto come
un soprammobile... Se volete maggiori
informazioni....andate a visitare il sito!!!!!!!!!!!!!

www.bonsaikitten.com (andate a visitare il sito.) NON
CREDERETE AI VOSTRI OCCHI. IO L'HO VISITATO E SONO
ANCORA SGOMENTA.
Quello che stiamo cercando di fare è raccogliere delle
firme in tutto il mondo per non permettere a questa
società giapponese di continuare con questa
vergogna....e mandare queste firme ad una società che
protegge gli animali in Usa e Messico. Vi ringrazio
per l'attenzione e spero che manderete questa lettera
ad altre persone, non solo amanti degli animali, ma
anche della decenza e della vita...aggiungete il
vostro nome alla lista e mandate la mail ad altre
persone...
Come farlo... usate un sistema di copia ed incolla
(per cortesia utilizzate questo sistema anzichè le
funzioni apposite delle vostre caselle per girare le
e-mail, in quanto appesentirebbero il testo con i
classici simboli ">> " rendendolo poco chiaro)...
selezionate con il mouse tutto il testo, cliccate col
tasto destro sulla parte selezionata e cliccate COPIA.
Aprite un nuovo messaggio nella vostra posta
elettronica, cliccate col tasto destro sulla pagina
vuota e poi su INCOLLA Aggiungete in fondo al testo
ilvostro nome come hanno fatto molti prima di voi..
Invia la mail finale a tutte le persone presenti nella
tua rubrica! Se riceverai questa lista
con più di 500 persone allora inoltra subito questa
mail all'indrizzo:
anacheca@hotmail.com
1.- AnaChecaMexico, D.F.
2.- Manolo AllerMexico D.F.
3.- Alberto HuertaMexico D.F.
4.- Manuel GutierrezMexico DF
5.- Marco ZapataMadrid
6.- Teresa Morato Mexico D.F.
7.- XimenaGoyenecheaMexico D.F
8.- LarissaLara Mexico D.F.
9.- Marina ArencibiaVenezuela
10.- AnaMariaCarvajalVenezuela
11.- EdgardD\'Angelo Venezuela
12.- Claudia MarquezVenezuela
13.- DerekLudovicVenezuela
14.- Rodolfo PlacenciaVenezuela
15.- Marbella CaceresVenezuela
16.- MaríaCristina CaceresVenezuela
17.- AnaC. Castro, Venezuela
18.- Victoria Sanchez, Venezuela
19.- MariaEdithaValdeavellano, Chile
20.- Patricio Valdeavellano, Chile
21.- ReinaldoLopez, Venezuela
22.- Paula Aedo, Chile
23.- ConstanzaCarrasco, Chile.
24.- Cecilia Noton, Chile
25.- CarlosEduardo BrionesBolbaran, Chile
26.- XimenaAlejandraBrionesBolbaran, Chile
27.- Pamela Andrea RoaAlarcon, Chile
28.- Gabriela BeatrizChristinyGuajardo, Chile
29.- Magdalena AmenabarIniguez, Chile
30.- IndraSoledadKleinhempelValladares, Chile
31.- Monica MarisolMoreno Muga,Chile
32.- Pilar Rebolledo, Chile
33.- Andrea Villagra, Chile
34.- Claudia Jerez, Chile
35.- Erna Zagal,Chile
36.- Andrea Munoz, Chile
37.- JacquelineMateluna, Chile
38.- BeatrizCrovetto, Chile
39.- KarinSchepoks
40.- JorgeWilson
41.- Veronica Schauenburg, Chile
42.- Mariana Reinoso, Chile
43.- Paulina Vera, Chile
44.- Veronica VallejosMarchant, Chile
45.-MariaJose Rosello, Chile
46.- Paula Andrea LopezUrzua, Chile
47.- Lorena Burotto, Chile
48.- SoledadAravena, Chile
49.- Catalina García,Chile
50.- Daniela Jiménez, Chile
51.- StephanieEllies, Chile
52.- Claudia VillagraHuijse, Chile
53.- MariaTeresa EspindolaGomez, Chile
54.- Tatiana EspinozaSilva, Chile
55.- GonzaloTomasello, Chile
56.- SebastianGrandonG, mare tranquilitatis
57.- CarlosEscobarBastias,Chile
58.- Pamela Guajardo, Chile
58.- Rosa AntonAlbarracin, Barcelona,Espana
59.- Nicolas Bergh, Chile
60.- AlejandraMenzel, Chile
61.- Ricardo Menzel, Chile
62.- MichaelLambieD., Chile
63.- HarryLozanoJeffs, Chile
64.- Patricio BarriosK., Chile
65.-DanielBennasarDiaz., Espana
66.- Daniel AresteHernandez, Espana
67.- JaviSegarraRoman, Espana
68.- EduardMartinezBernal, Espana
69.-Adriande la Prada, Espana
70.- VictorianoTamayoPintos, Barcelona- Catalunya-
Espana
71.- Cristina Pena, Barcelona- Catalunya- Espana
72.- Xavier Sole i Maso, Barcelona-Catalunya-Espana.
73.- CarlosRodriguez-MartosIglesias - Catalunya-
Espana
74.- Miryam CruzBerbegalBarcelona- Espana
75.- Lolo Martinez del Toro, Barcelona- Espana
76.- Tomi BerbegalMingoteBarcelona- Espana
77.- Jose CruzMiguelBarcelona- Espana
78.- Angeles Del Toro Barcelona- Espana
79.- MontseMartinezdel Toro Barcelona- Espana
80.- Gema MoralMartinBarcelona- Espana
81.- Manolo MartinezCarreñoBarcelona- Espana
82.- Crisanto GomezJimenez-Barcelona- Espana
83.- Ricardo SanzSole- Barcelona- Espana
84.-DavidQuintana Estall-Barcelona- Espana
85.-PalomaCarballalRecoderBarcelona, Catalunya, SP
86.- Judith HernanzLadcani-Barcelona-Espanya
87.- PauCarrerasLligé- Barcelona- Catalunya
88.-ArnauQuintana Pujol- > Barcelona- Catalunya
89.-DavidMormeneuPascual- Barcelona- Catalunya
90.- MarcPijoanJosa- Barcelona- Catalunya
91.-MartaRocamoraGimenez- Sligo- Irlanda
92.- HeikoEser- Sligo- Irlanda
93. MiquelAngelParraMarin- Barcelona- Catalunya
94. Sira AndreuRahola- Badalona - Catalunya
95. Diana AriasBurguera-Barcelona- Catalunya
96.Joan SaezMorato - Barcelona- Catalunya
97.Silvia SaezNunez-Barcelona- Catalunya
98.Marta SabateFontanet-Barcelona-catalunya
99.Ivan AntonAlbarracin, Barcelona, Catalunya
100.Juan CarlosSastre, Barcelona
101.M.Rosa HernandezFructoso, BarcelonaEspanya
102.Guillermo\"
103. Francesca Da RIn. Italia
104. Dimitrj Greco, Brooklyn, NY-USA
105. Anna Holt, Milan, Italy
106. Mariemma Cazzola, Milano Italia
107. Francesco Attanzio, Milano Italia
108. Vicky de' Sanna, London, UK
109. Annaluisa de' Sanna, Milano, Italia
110 fiammetta positano
111.Francesca Grolla, Milano, Italia
112. Marzia Grolla, Milano, Italia
113. Luisa Rotondo
114. Lisa Angelillo, Mola di Bari, ITALIA
115.Emanuele Allegrezza,Roma,Italia
116. Chiara Cavallari, Roma, Italia
117. AndreaCavallari, Roma, Italia
118. Marina Bassani, Roma, Italia
119. Bruno Cavallari, Roma, Italia
120. Letizia Bassani, Roma, Italia
121. Ippolito Bassani,Roma,Italia
122. Aurora Sperandini,Roma,Italia
123. Daniela Moretti,Roma,Italia
124. Adriano Cavallari,Roma,Italia
125. Pasqualina Farina,Roma,Italia
126. Raffaele Cerri, Roma, Italia
127. Danilo Troianiello, Scafati (SA), Italy
128. Pasquale Severino, Scafati (SA), Italy
129. Francesco Attana\', Reggio Calabria, Italy
130. Abritta Achille, Cosenza, Italy
131. Dimasi Antonella, Vibo Valentia, Italy
132. Erika De Francesco, Cosenza, Italy
133. Eugenio Dei Giudici, Cosenza, Italy
134. Edoardo Aulicino, Cosenza, Italy
135. Franco Zangari, Cosenza, Italy
136. Nadia Tavernise, Cosenza, Italy
137. Katjiuscia Rotondi
138. katry Mohamed, Alessandria d'Egitto
139. Alex Darwesh Mady, Alessandria d' Egitto Egypt
140.Giulia Coppola, Mestre Venezia Italia
141. Matteo Scalet, Trento, Italy
142.Arianna Deriu,Trento, Italy
143. Grassi Patrick, Trento, Italy
144. Vanzo Maura, Trento, Italy
145. Alice Giudiceandrea, Trento, Italy
146. Luca Dallafior, Trento, Italy
147. Flavia Casari, Trento, Italy
148. Gianna Barbieri, Caserta, Italy
149. Luigi Esposito, Milano, Italy
150.Andrea De Marzi,Rome,Italy
151. Angelo Di Rosa,Rome,Italy
152. LorenzoIovino,Ispica,Italy
153. Manuela Pellegrino, Catania, Italy
154.Alessia Guarino, CAtania, Italy
155. Giuliana Arcangeli, Catania, Italy
156.Clelia Blanco,Catania,Italy
157.Fabrizio Vecchio,Catania,Italy
158. DiMauro Francesco Italy
159. Trainiti Francesco Italy
160. Alessandra Di Mauro Italy
161. Gabriella Currao Italy
162. Marina Currao Italy
163. Riccardo Pulvirenti italy
164. Daniela libra Italy
165. Carla Di mauro Italy
166. Eva Slabihoudkovà REP. Ceca
167. Martina Arecco Italy
168. Sara Giuliano italy
169. Elisa Romondia, Italy
170. Michela Santoro, Italy
172. Nicola Romondia, Italy
173. Federica Coppola,italy
174. Chiara montanari,italy
175. Paola Spensieri, roma
176. Rosanna Gattozzi, Italy
177. Giorgio Gattozzi, Italy
178. Pietro Gattozzi, Italy
179. Wilma Spensieri, Italy
180. Silvia Gattozzi, Italy
181. Antonio Gattozzi, Italy
182. Paola Pituello, Italy
183. Laura Gattozzi, Italy
184. Max Carboni, Italy
185. Emma Sattolo, Italy
186. Alessia Di Bernardo, Italy
187. Claudia Daniela Andrianò, Italy
188. Paola Piccinno, Italy
189 viola polverino italy
190 Stefania Mozzillo Italy
191 Anna Di Pasquale Italy
192 Sara Adibnolfi Italy
193 Antonia Gravagnuolo Italy
194 Michele Luzzi Italy
195 Serena Fasano Italy
196 Raffaella Cannizzaro Italy
197 Ambra Cassibba italy
198 Serena Cassarino italy
199. Nunzio Guardiano Italy
200. Ilaria Gazzé Italy
201 tidona alice italy
202. Roberta Fattorusso, Italy
203. Daniele Walter Rossetti, Italy
204. Aldo Pergjergji, Roma, Italy
205. Massimo Bonanno, CS Italy
206. Massimiliano Benincasa, Cosenza, Italy
207. Lukas Antoniolli, Bozen, Italy
208. Marina Carletti, Trento, Italy
209. Francesca Polo, Mattarello, Italy
210. Silvia Piva, Molina di Ledro, Italy
211. Sara Vescovi, Italy
212. Norma Collotta, Bezzacca, Italy
213.Martina Pizzedaz, Riva del Garda, Italy
214.Delvai Sara, Arco, Italy
215.Bertoldi Karin, Riva del Garda, Italy
216.Prati Giulia, Torbole sul Garda, Italy
217.Moiseenco Floriana, TN, Italy
218.Ciatto Thomas, Padova, Italy
219. Tosetto Elena, Italy
220.Tosetto Irene, Italy
221.Golfetto Stefano, Italy
222. Ambra Bosello, Italy
223. Francesca Zardo, Italy
224. Rocco Silvia, Italy
225. Evelin Comelato, Italy
226 Luca comelato, Italy
227 Emma Levarato, Italy
228 Roberto isolla, Italy

ermanno domenicale 22.08.05 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Ma scusa Beppe ma nel tuo blog sono tutti così intellettuali?Sembrano scrittori,critici,giornalisti,politici,e mamma mia che pubblico aculturato che hai.....posso scrivere la mia senza sentirmi così ignorante?E si scannano pure qui......mi verrebbe da scrivere un luogo comune in merito.......

meli mary 21.08.05 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Le città che cambiano. I non-luoghi che le assorbono. Ci sembra tutto disumano, ma siamo noi umani a concepire il disumano. Non ci si accosta all'orrore ma ci si appartiene.
Mi è capitato di leggere qualche commento o lamentevole orazione stile ragazzo della via Gluck...c'è poco da fare siamo fottuti

luca meoli 20.08.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Scorrendo i vari posts, ho notato che chi decide di vivere in queste cittadelle tipo Seaside, in genere gistifica la propria scelta sostenendo di essere cosi’ in grado di sentirsi al sicuro da ladri, spacciatori, teppisti e cosi’ via.

Non dubito che tutto questo sia letteralmente vero, ma ho la sensazione che sia soprattutto emblematico:
la paura del diverso (l’immigrato), della malattia e del contagio (il drogato o la prostituta), del dolore e della morte (il criminale). Sono queste le ragioni profonde che, credo, spingono le persone a trasferirsi in queste isole residenziali volutamente situate lontano da altri centri abitati, talvolta separate dal mondo esterno per mezzo di muri e recinti, protette da guardie armate e sorvegliate da telecamere.

Si e’ giustamente citato il carattere postmoderno (qualsiasi cosa questa parola voglia dire) di questi progetti abitativi (ad esempio le citta’ a tema), i quali tuttavia mi sembrano, per altri versi, saldamente ancorati ad una rappresentazione del reale tipica della modernita’, nella misura in cui operano secondo una logica binaria basata su una serie di contrapposizioni (dentro/fuori, noi/loro, bene/male, etc.), il cui scopo ultimo e’ la definizione – per contrasto e negazione – e la difesa della propria identita’
Se chi sta fuori e’ sporco, malvagio, disonesto, ignorante, ne deriva che chi sta dentro deve essere buono, integro, onesto e pulito; mescolare il dentro con il fuori significa mettere in discussione la propria identita’ e quindi la propria soppravivenza.

In questo quadro, anche gli aspetti che a dei profani come noi possono sembrare bizzarri ed incomprensibili – vedi regolamenti piu’ o meno pervasivi ed omologazione estetica - , acquistano significato: ci si rifugia nel conformismo nel tentativo di escludere dalla propria vita tutto cio’ che viene percepito come imprevedibile, incalcolabile, incerto e fuori dalla norma. Oppure l’ossessione per l’ordine e la pulizia che si respira di solito in queste “comunita”: sporcizia significa malattia, ma anche e forse soprattutto poverta’; ecco perche’ l’enfasi data a tali concetti, oltre che a rispondere ad una necessita’ pratica di igiene e funzionalita’, serve a sottolineare il benessere ed in definitiva lo status di queste “comunita’” tenendole al riparo dallo “sporco” che sta al di fuori.

In conclusione, ho l’impressione che in questi luoghi si tenti (ingenuamente) di realizzare l’ideale edonistico che sta a base del vivere borghese, ovvero di una vita agiata, confortevole, senza dubbi, preoccupazioni, al riparo dal dolore, dalla paura e dalla morte. Ma c’e’ in questo qualcosa di mortifero e forse fatale. Si tratta di un binario morto che non va da nessuna parte; piu’ in la’ c’e’ solo il nulla..........

giuseppe corradi 20.08.05 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Per fortuna io son ancora senza lavoro e quando voglio scappo dalla città andando in collina dove io e i miei amici giriamo per i sentieri sporcandoci di terra!
W LA LIBERTA'!

Daniele Comoglio 19.08.05 21:03| 
 |
Rispondi al commento

ops! scusate! il commento che ho aggiunto sta mattina non era in risposta a Marco Papa ma a massimiliano s. il 16.08.05 07:37 scusate non volevo imbrattare la pagina!

Emiliana Di Carlo 19.08.05 16:33| 
 |
Rispondi al commento

ops! scusate! il commento che ho aggiunto non era in risposta a Marco Papa ma a massimiliano s. il 16.08.05 07:37 scusate!

Emiliana Di Carlo 19.08.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Se prendi una rana e la butti in una pentola d'acqua bollente, questa schizza via.
... per bollirla la mettere in una pentola d'acqua fredda e scaldare l'acqua lentamente.

Care le mie rane.

Mauro Strippoli 19.08.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento

RISPONDO A MARCO PAPA, al suo post del
17 08 2005

SI non ti sbagli, in Germania ad un certo punto (anni '60/'70) si è fatta questa scelta: costruire attorno alle grandi aziende poco fuori il centro urbano di qualsiasi città dei quartieri in cui il lavoratore possa vivere senza arrecare il minimo ritardo quindi perdita di produttività all'azienda. Così è stato. Concetto terribilmente simile a quello del Grande Fratello ma il fatto è che questi quartieri sono splendidamente costruiti nel pieno rispetto del verde, del cittadino visto che si trovano sempre al capolinea del tram o metrò che va in città e quindi ben collegati, ognuno ha la sua casa e il suo parcheggio, i bambini vanno alla scuola dotata di sedie a norma, ortopediche, giardino e palestra, spesso c'è anche un piccolo zoo con animali domestici di cui i bambini si prendono cura, in questi quartieri sorti proprio accanto alla X-Azienda (tipo la Bosch a Sindelfingen, Stoccarda ad esempio) ci sono sempre marciapiedi puliti.
Siamo sicuri che nei nostri appartamenti in zona centrale in capitale con marciapiedi schifosi e autobus che non passano, zero parcheggi e scuole-caserma, nessuno che si ferma alle strisce pedonali etc NOI possiamo dire "ehhhh però vuoi mettere? io sono libero, mica vivo nel grande fratello in quei quartieri perfetti fatti appositamente per gli operai"...
ah davvero? noi saremmo liberi? Ci siete mai stati in uno di quei quartieri di lavoratori sorti in Germania accanto alle grandi aziende poco fuori città? no?
allora andateci poi tornate a casa/città/quartiere proprio e mi raccomando guardarselo bene.

Emiliana Di Carlo 19.08.05 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Colgo l'intervento di Giorgio delle pertiche per sottolineare che ancora una volta si faccia confusione.

"Gli americani non hanno mai capito un emerito di urbanistica (guardate per esempio l'intasamento delle strade di new york mai risolto e che provoca un super inquinamento...oppure i modelli si macchine super-succhia carburante che non hanno mai preso piede qui in europa...)."
La società americana e di conseguenza le città si basano sull'automobile. Frutto di una civilizzazione passata attraverso la conquista del west e dai lunghi spostamenti che l'americano compie. L'automobile diventa il bene di lusso prima e poi la standardizzazione per la diffusione di massa. Ford è il padre putativo dell'automobilizzazione e della industrializzazione americana e non solo. Il modello è uno standard, memorabile il modello ford t simbolo della standardizzazione dell'automobile e della riduzione dei costi, dal 1908 al 1923 15.000.000 di auto vendute. Ecco perchè la città e il disegno della stessa derivi da una logica organizzativa che è esente dall'interpretazione che noi vogliamo darvi. Il fatto che il modello a griglia provochi più inquinamento rispetto ad un modello ortogonale non è verificabile ne' confrontabile. Probabilemte potremmo mettere a confronto i dati di Torino, Latina (città a maglia ortogonale italiane) rispetto a quelli di Milano e Roma. Forse la comparazione sarebbe più corretta anche se il carico di automobili e riscaldamento è ben diverso.

"Poi si capisce come mai abbia attinto dal modello di lecorbusier dei megapalazzi (con dentro migliaia di persone) e delle ville a schiera."
mmmm mi sa che tu stia prendendo una gran cantonata.... Storicamente il building e sopratutto il grattacielo nasce ad opera della scuola di Chicago (Burnham, Adler, Sullivan, Wright, solo per citarne 4) con il famoso Home Insurance Building nel 1885. Grattacielo costruito in ferro e cemento decorato tramite l'utilizzo di terracotta.... Le Corbusier, famoso non solo per Unité d'Habitation di cui fai riferimento, nasce nel 1887 quindi due anni dopo la nascita del "megapalazzo"....

"Paradossalmente l'america usa ancora il legno come materiale da costruzione...fuori citttà si capisce..."
L'utilizzo del legno è frutto sempre della cultura del self made man e del fatto che io possa costruirmi la casa come voglio. L'utilizzo del legno fa si anche che la stessa abitazione possa essere modificata, abbattuta, ricostruita più velocemente e senza molti vincoli.

"L'alienamento in uno schema ippodamico è grande e toglie quella parte di storia e variegazione che per esempio qui in Italia rende le nostre città una scoperta continua (dall'uso del mattone pietra marmo per la casa perchè i signori usavano questo materiale....un po' come dire son diventato ricco), passando per schemi platonici o ippodamici o misti con sapienti tocchi di personaggi come Fontana ed un occhio all'ambiente sia con le varie protezioni del paesaggio che dell'ambiente (su cui solo ultimamente la lega in veneto sta investendo in modi innovativi...per esempio il censimento delle antenne o delle cave inquinate...oppure imponendo a chi esegue lavori che per ogni albero abbattutto venga piantato in altro loco possibilmente vicino un albero)"
Non è così.... Come ho già scritto la genesi della città europea è l'evoluzione del modello a griglia utilizzato dalle città coloniali romane, ossia la mutazione del forum a piazza del mercato. Credo, dalle tue parole riferite a platone ecc, che si faccia riferimento ad una nascita della città come esperienza filosofica ed ordinatrice. Come se una mano dall'alto imponesse il disegno. I processi nel disegno e nell'organizzazione della città sono molteplici e riempiono migliaia di bellissimi libri e di esempi architettonici ancora esistenti (vedi barcellona con il piano urbanistico di Cerdà antecedente allo stesso Le Corbusier...). Esempi falliti di pianificazione ideologica in italia ve ne sono molti, dalla città ideale Rinascimentale a quella razionale moderna della nuova Gibellina. La protezione e la consapevolezza del paesaggio è un'altra cosa. Avviene anche in USA.

Sulle regole, canoni ecc non credo si possa fare un discorso comparativo in quanto non conosciamo la legislazione americana la quale cambia di stato in stato ed in contea in contea....

Ronny Melli 18.08.05 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ho appena scaricato Skype dopo aver visto ieri sera il dvd del tuo ultimo spettacolo a casa di un amico...6 un grande..non so come scriverti ma volevo avere info piu' dettagliate..quali sono le telefonate gratuite..posso telefonare a fissi nazionali che non hanno scaricato skype e se si pago? cosa e' gratuito?..ti ringrazio per una tua risposta e magari se potrai inviarmi l'indirizzo dove poterti scrivere sarei la persona piu' fekice del mondo.
ciao

marco papa 17.08.05 23:38| 
 |
Rispondi al commento

"sbaglio o in Germania esiste una citta chiamata wolkswagen...dove eretta la fabbrica ci hanno costruito tutt'attorno case negozi etc dove praticamente gli operai della piu celebre autovettura per essere sempre presenti e produtivi vivono... beppe ti prego dimmi che sbaglio.
ciao Massimiliano..."

pensa che in Austria c'è una città che si chiama Fuc-king...da televideo di oggi.

Il fatto è che una cosa è la pianificazione territoriale e l'urbanistica che lotta contro ciò che si vorrebbe fare e i soldi che non ci sono...un'altra è invece l'inciviltà dell'uomo che a Napoli o in altri paesi fa quel cavolo che gli pare....
Abbiamo così gente che per non differenziare la spazzatura la getta mixata fuori dai cassonetti costringendo gli spazzini di Napoli a turni di 6-8 ore di notte per raccoglierla differenziarla e spedirla in Germania (By "Rifiuti d'Italia" fatto su RAI3...veramente molto bello), abbiamo new artisti-disobbedienti o similari che mettono i loro graffiti dove vogliono certi che piacciano a tutti e senza che tutti glielo abbiano chiesto, ecc...
Abbiamo svariate problematiche....

Giorgio Maguolo 16.08.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Ho 19 anni e vivo in un paesino in periferia. Conosco praticamente tutti. Non posso fare 10 metri in bicicletta che macchine suonano o che braccia vengano sventolate nell aria. Abito vicino a poche persone, ma quelle poche le conosco e molte mi sono amiche

In citta' sei vicino di tutti, ma amico di nessuno.

Roddy MCcorley 16.08.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

sbaglio o in Germania esiste una citta chiamata wolkswagen...dove eretta la fabbrica ci hanno costruito tutt'attorno case negozi etc dove praticamente gli operai della piu celebre autovettura per essere sempre presenti e produtivi vivono... beppe ti prego dimmi che sbaglio.
ciao Massimiliano

massimiliano s. 16.08.05 07:37| 
 |
Rispondi al commento

caro gloutch,
è vero che ci propinano quello, ma noi ci andiamo ad abitare perchè è l'unico posto dove possiamo sopravvivere con i nostri redditi. Io abitavo, in affitto, nel centro di Roma ma, dopo 30 anni mi hanno cacciato e ora sono in una dei tanti ghetti dorati (!!) della periferia. Posso ribellarmi come voglio e lo faccio, ma comunque mi hanno buttato fuori. Non ci lasciano scelta, l'unica cosa che non possono comprarci è il cervello ed è da lì che dobbiamo ripartire. Un saluto.

alessandro iacoacci 15.08.05 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Sempre meglio questo tipo di citta' che Gela, Crotone o altre amene citta' del sud Italia dove il primo che si alza la mattina va a costruirsi la sua bella (si fa per dire) casetta abusiva sulla spiaggia, e sempre meglio di Napoli dove i panni stesi coprono finestre in alluminio anodizzato, condizionatori, parabole, caldaie, scritte sui muri e quant'altro...
Io direi di non puntare l'indice stavolta verso gli Stati Uniti, in tema di urbanistica nessuno al mondo o quasi sta peggio di noi.

Andrea Cicogna 15.08.05 18:08| 
 |
Rispondi al commento

"ma secondo voi andranno in bagno tutti alla stessa ora???" Bella domanda.
La risposta è: quasi...diciamo in mezzoretta si hanno i massimi afflussi giornalieri

tutti in italia vanno in bagno prima di partire per lavoro e la sera quando danno acqua in giardino.

Quando deve essere dimensionata una rete elettrica si stimano le sortite in bagno per numero di abitante ed i flussi prodotti in modo che anche se piove la rete fognaria riesca a supportare un insieme di persone che si lavano e tirano l'acqua del cesso al medesimo momento...

girogio delle pertiche 15.08.05 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Si, devono smetterla ma... perché la gente ci cade dentro? Se io devo decidere dove vivere e mi propinano luoghi del genere... semplicemente dico di no! Se tutti facessimo così... quei bei posticini figli del mercato sarebbero delle cattedrali nel deserto, completamente vuote e improduttive... alla fine smetterebbero di farle e, invece, appena ne costruiscono una, tutti a fare la fila per entrarci. Bah!

Ciao e buon ferragosto.
Glotuch.

Glauco Silvestri 15.08.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

ma secondo voi andranno in bagno tutti alla stessa ora???

Gianpaolo Battaglia 15.08.05 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Si...vabbe...

Gli americani non hanno mai capito un emerito di urbanistica (guardate per esempio l'intasamento delle strade di new york mai risolto e che provoca un super inquinamento...oppure i modelli si macchine super-succhia carburante che non hanno mai preso piede qui in europa...).
La realtà è che l'america si è fermata per secoli al modella Ippodamico di ordinamento urbano con gravi danni per l'amibiente e situazioni veramente paradossali (vedi per esempio livellette delle strada intorno a 15% per rispettare lo schema geometrico).
Poi si capisce come mai abbia attinto dal modello di lecorbusier dei megapalazzi (con dentro migliaia di persone) e delle ville a schiera.

Paradossalmente l'america usa ancora il legno come materiale da costruzione...fuori citttà si capisce...
Ciò fa si che l'america abbia + bisogno di legno che di petrolio...e per fortuna che l'america secondo alcuni fa le guerre per il petrolio (visione infantile del mondo della politica internazionale!).

L'alienamento in uno schema ippodamico è grande e toglie quella parte di storia e variegazione che per esempio qui in Italia rende le nostre città una scoperta continua (dall'uso del mattone pietra marmo per la casa perchè i signori usavano questo materiale....un po' come dire son diventato ricco), passando per schemi platonici o ippodamici o misti con sapienti tocchi di personaggi come Fontana ed un occhio all'ambiente sia con le varie protezioni del paesaggio che dell'ambiente (su cui solo ultimamente la lega in veneto sta investendo in modi innovativi...per esempio il censimento delle antenne o delle cave inquinate...oppure imponendo a chi esegue lavori che per ogni albero abbattutto venga piantato in altro loco possibilmente vicino un albero)

Il problema è che queste cosa avvengono se tutti sottostanno a dei canoni di costruzione...altrimenti ognuno fa quello che vuole...un po' come se nel mio terrento in centro città non rispetto le regole e facessi una discarica di rifiuti nucleari...
Poi che alcuni canoni siano assurdi niente da dire.
Qui in Italia ogni comune decide questi canoni.
Per esempio: in molti comuni nei viali principali gli alberi non potrebbero essere tagliati a meno di comunicazione al comune.
Oppure i vincoli architettonici alle ville per cui chi vive in una villa non può pitturare casa (=la villa storica) perchè altrimenti deturperebbe un patrimonio paesagistico.

Insomma le regole devono esserci altrimenti chiunque farebbe i cavli suoi e verrebbe fuori gravvi danni al sociale (che poi taluni facciano delle regole del cazzo...niente da dire, il mondo è pieno di imbezilli messi dove non dovrebbero stare)...e se tutti rispettassero le regole (a cominciare dalla cina per quelle economiche), si vivrebbe un po' meglio (soprattutto qui in italia)...

girogio delle pertiche 15.08.05 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Questo mi ricorda Charles Fourier,precursore del socialismo,che teorizzò un modo di organizzazione cooperativa della società fondato sul principio universale dell'armonia. Tale principio, attivo nel mondo materiale e nella vita organica, secondo Fourier si sarebbe affermato anche in campo sociale solo annullando le restrizioni imposte alla gratificazione del desiderio dalle convenzioni sociali, dal commercio e dalla famiglia.

Lo stato ideale si sarebbe ottenuto segmentando la società in falangi, comunità di circa 1600 persone che dovevano vivere nel falansterio, un vasto edificio posto al centro di un'area agricola. Un complesso sistema di norme avrebbe organizzato la vita di ogni falansterio: l'assegnazione del lavoro sarebbe avvenuta in base alle capacità di ciascuno; la proprietà privata non sarebbe stata abolita, ma la convivenza avrebbe cancellato le distinzioni tra ricchi e poveri; i beni comuni avrebbero ampiamente provveduto alla sussistenza dei membri; il matrimonio sarebbe stato soppiantato da forme di libera convivenza.

Elisabetta Carosi Commentatore in marcia al V2day 14.08.05 03:37| 
 |
Rispondi al commento

ho ricevuto una mail dove venivo informato che il famoso "bonus"della patente a punti(riguardante chi non aveva subito decurtazioni negli ultimi 2 anni)non e' automatico ma e' necessario chiamare un numero verde.qualcuno e' in grado di rispondermi?se fosse vero perche' non ho sentito alcuna notizia sul tg?a proposito di multe vorrei vedere in faccia quei 2 vigili che hanno multato di ben 3ooo euro la signora che ha acquistato degli occhiali lungo la spiaggia,noi contribuenti paghiamo lo stipendio a questi str...!!!nello stesso tg e' andato in onda il servizio sulle scorribande di Tyson con il suo acquascooter a pochi metri dalla riva mettendo a rischio qualche bagnante e gli hanno rifilato solo 300 euro di multa!!assurdo,2 pesi 2 misure.

rompietti gianluca 14.08.05 02:32| 
 |
Rispondi al commento

caro Peppe, sono stato contemporaneamente in visita a Venezia, Roma antica, egitto antico, Lago di Como dove ho dormito, poi ho acceso una sigaretta al flamingo, ho fatto un giro con una Hammer streecht di appena 12 metri, tutto finto tutto las vegas, tu non ci credi ma c'e`anche la torre eiffel e la statua della liberta` e se vai al museo delle cere c`e` anche la tua statua.
un caro e vero saluto da un visitors della california.
Sarebbe il caso che la televisione italiana ti faccia fare uno spettacolo da Las vegas, secondo me ti daranno il Nobel.

massimo lupino 14.08.05 02:21| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppone, so bene cosa significa un outlet-cittadella di marzapane..ce n'è uno vicino a ospitaletto! con tanto di persiane finte e gerani..
a proposito di città stile truman show: fra un pò in Florida costruiranno AVE MARIA CITY: avranno accesso solo 5mila cattolici (scelti in base a test..) ci saranno pure cappelle ogni metro e i ginecologi dovranno prescrivere come anticoncezionali la castità!!! il costruttore crociato (o scaltro businnessman) non è nient'altro che tom monaghan, magnate della catena domino's pizza..

http://www.bostonphoenix.com/boston/news_features/top/features/documents/04761831.asp

http://www.ilbarbieredellasera.com/article.php?sid=13924

Marco Mora 13.08.05 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo come dici tu nei tuoi spettacoli forse sei proprio la nostra ultima speranza.Vorei chiederti se hai mai parlato dei problemi che hanno i ragazzi delle Forze dell'Ordine, o se qualcuno di essi ha mai avuto il coraggio di raccontarti come vengono trattati.Vorrei dirtelo io, spiegarti alcuni fatti che forse non conosci. In quale sezione del blog posso esporre la situazione? P.S. Sei ammirevole.

Elena Di Carlo 13.08.05 18:59| 
 |
Rispondi al commento

eiiii se comprate roba falsificata dai negozzi o vù cumpra ti mettono in galera ormaiiii
heheheheh
hohohohoh
che cazz....te, se le fabriche le fanno loro e le finanziano....lo fanno perchè non anno il guadagno totale....IL FAMOSO MONOPOLIO TOTALE....

Adamo Moscatelli 13.08.05 18:55| 
 |
Rispondi al commento

X alice cavicchioli:

Un outlet, molto finto tanto che ogni volta che ci vado (si trova a due passi da dove abito, e qualche mio amico ogni tanto insiste) mi sembra di stare dentro ad un cartone animato, tant'è che anche questo ha piazze e fontane, finti edifici con facciate che sembrano uscite da un fil,m surreale, è quello che si trova a Valmontone (Roma), e che comunque, di marca non s'è proprio quasi niente, mi sembra solo una vetrina per i polli, che acquistano prodotti sconosciuti, magari fatti in Cina, e che in un contesto diverso nonavrebbero mai acquistato.

Antonio Amati 13.08.05 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Se qualcuno orchestra sulle nostre spalle sono tanti aristocratici vecchi, privilegiati che fanno e disfano leggi a loro piacimento e interesse..
Se uno come tanti altri credono che un minimo di rispetto verso un mondo che lavora per ingrassare le budelle dei nuovi aristocratici vestiti alla moda.
Se uno "schiavo" si alza per dire basta!
Gli tengo fede fino a quando lotta per una giusta informazione libera e non chi ha consigli d'amministrazione controllati da uno o altro "signore".
Devono saltare fuori tutte le magagne che vengono perpetuate a scapito del popolo lavoratore italiano che paga, sta zitto e malinformato.

Luca Bertoni 13.08.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,rimango molto male nel vedere tutto quello che succede quando si tocca il calcio.Basta vedere i fatti di Genova e non solo.E' mai possibile che non ci rendiamo conto che il calcio non ci da da mangiare?Io personalmente mi considero uno sportivo prima che un tifoso ma,scene come quelle a cui abbiamo dovuto assistere nel caso Genoa(grandissima e storica squadra)e per altre,mi rendono molto amareggiato.Perche'non si fanno quei casini quando si decide di chiudere una fabbrica e lasciare centinaia di famiglie senza uno stipendio?Perche' non si fa altrettanto quando aumenta la benzina?O quando il governo decide di imporre alcune tasse NON dovute?GuardiamoCI in faccia...

marco cavallero 13.08.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

è il rappresentante dello stato + ricco del mondo ,è stato in passato ed è al presente sempre al fianco di dittatori e ladroni,parla di uguaglianza e solidarietà e appunto si fa chiamare Sua Santità,nn me ne intendo molto ma gesü se nn sbaglio era povero nato da poveri ed e morto povero e odiato da dalla maggioranza delle persone soprattutto sacerdoti conservatori e dittatori sanguinari(..erode mi pare)In un mondo alla rovescia il mio eroe è quello che nn ha bisogno d altro che di quei 3 euro nel cappello per mangiare e bere ed ha il suo cuore per casa.

Emris Cipriani 13.08.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, qui stai sbagliando.
Non puoi giudicare la florida o l'argentina con gli stessi parametri con cui noi,italiani, viviamo.

Noi abbiamo la costituzionbe più evoluta del pianeta. Una costituzione che dice che lavoro,casa,giustizia,salute,istruzione sono per tutti senza distinzione di sesso,razza o religione ed anche di nazionalità.
In USA è tutto privato,la spiaggia,la terra, tutto. Non ci sono diritti umani li.
E' la loro legge,la loro cultura, cose che per noi sono assolutamente difficili da capire.
E che quindi non possiamo criticare.
Li o hai i soldi o muori. Semplice .
In argentina cosi come in usa il massimo stipendio di un impiegato è tra 11 e 14 volte più grande del minimo stipendio, in italia solo 5.
Perchè ? Perchè ti devi pagare tutto. perchè tutto è privato ed il privato si può fare le legge che vuole nella sua proprietà. Il mondo non è pazzo, forse i pazzi siamo noi che crediamo in una costituzione cosi avanzata (credo di almeno 500 anni) rispetto alla nostra attuale civiltà.
Chiudo, e ringrazio ricordando la classifica di coloro che contano qualcosa:
3 posto ) avrebbe voluto
2 posto ) avrebbe dovuto
1 posto ) l'Ha fatto !!!
Quando parti con una iniziativa concreta ?!
GRazie
G.

Giuseppe Fina 13.08.05 10:00| 
 |
Rispondi al commento

naturalmente avrete capito che il mio nome è una copertura... Stefano Liboni non esiste. Leggete i "miei" messaggi... capirete qual era il mio vero scopo...

Stefano Liboni 13.08.05 00:06| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, la sai l'ultima? Wind Telecomunicazioni ha deciso, dopo il passaggio alla società egiziana, di aumentare le tariffe delle offerte che sino ad pra erano state reclamizzate come l più convenienti; l'aumento è stato del 33%, cioè a fronte dello stesso servizio hanno aumentato i costi del 33%. Ho chaimato il call center e la prima addetta mi ha richiuso il telefono in faccia, come se non ne potesse più di dare spiegazioni sugli aumenti. Poi ho scritto un fax al quale mi hanno risposto con una chiamata il giorno dopo dicendomi che la tariffa era sempre conveniente, ma la decisione di aumentare era stata una decisione aziendale e Wind poteva farlo in base al contratto stipulato con la Clientela. Come vedi l'abbiamo presa ancora sul fondo schiena: sta accadendo quello che succede con il petrolio: ci sono stati aumenti del 30-40% rispetto a qualche anno fa, ma tutti i politici sembrano non preoccuparsene.....e intanto Moratti con l'aumento di qualche centesimo alla volta acquista giocatori alla faccia di noi lavoratori che paghiamo sempre più tasse per avere sempre meno servizi sociali(ad es.la sanità). Dove andremo a finire?
Grazie per avermi dato spazio sul tuo Blog
Wladimir

Wladimir Ambrosini 12.08.05 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Forse non ho ben capito questo intervento di Beppe Grillo che mi appare contraddittorio, infatti prima si lamenta l'uso eccessivo delle privatizzazioni e poi si lamenta che in alcuni condomini degli Stati Uniti la comunita' obblighi le persone addirittura a scegliere il colore delle porte.
E' ovvio che Beppe estremizza portando come esempio il colore delle porte, ma che ci debbano essere delle regole che impongano a condomini e inquilini ad attenersi a semplici regole estetiche mi sembra non solo giusto, ma anche doveroso per un paese civile.
L' Italia e' il regno del menefreghismo, del lassismo e dell'abusivismo, le periferie delle grandi citta' sembrano ormai le squallide periferie albanesi (con tutto il rispetto degli albanesi), per non parlare di paesi medievali devastati da antenne paraboliche, finestre in alluminio anodizzato, caldaie e condizionatori appiccicati su facciate in tufo antico etc etc
Magari ci fosse uno stato severo capace di impedire questi scempi, altro che liberta'.
E' ovvio che bisognerebbe anche impedire il proliferare di centri commerciali, outlet e americanate simili.

Andrea Cicogna 12.08.05 22:36| 
 |
Rispondi al commento

In merito all'articolo dell'11/08 u.s. sulle nuove città sono d'accordo. Inoltre il piano prevede oltre alla ghettizzazione in periferie virtuali (con parchi, palestre e altro, meno che cinema, librerie e tutto ciò che possa portare all'uso del cervello) l'allontanamento dal centro delle città. Mi aspetto tra poco anche l'interdizione per chi abita in periferia (*), della possibilità di visitare il centro storico delle città. Tutti chiusi nei nostri 80 mq con letterine,satellite (solo per le partite), pizza nel cartone e inferriate alle finestre. Attenti! Ci stanno lobotomizzando lentamente!!
(*) Repubblica di domenica 7/8 - cronaca di Roma riferita alla moda dei "megafonini" (:" i responsabili sono giovani che calano dalle periferie - Torpignattara, Montesacro...."). Le città non sono solo di chi ha il potere!!! sono di tutti!!!
Grazie !!!!!

alessandro iacoacci 12.08.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento

l'inteliggenza è andata afarsi benedire :/

Alessandro Vaulà 12.08.05 21:42| 
 |
Rispondi al commento

salve,avrei bisogno di informazioni dettagliate sulle fonti di quanto comunicato in questo post,sia per quanto riguarda la Florida sia per il caso della Toscana, e per eventuali altri casi. sarebbero molto utili per la mia tesi di laurea!Potete aiutarmi?Grazie,un saluto

alice cavicchioli 12.08.05 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a Luigi Nappa

anch'io accetto le tue idee ma non le condivido al 100%

by the way... le condizioni dei condo con carafaggi fanno parte di quelle realta' marginali di persone che vanno a vivere a NY... gli altri... hanno condizioni normali.

a Manhattan non si comprano appartamenti con pochi soldi... ma in long island si.

poi ultimo ma non meno importante.... in italia si guadagnano molti meno soldi che in america... specialmente a NY... dove uno stipendio minimo ( per messicani ) e' di $ 2000.00 al mese.

io personalmente ne guadagno molti di piu'... e posso comprarmi una casa qui... in Italia con 1000 euro al mese cosa compri?

nel mio paesino in italia un mini costa 100.000 euro... in un villaggio????...


per il sig. Luigi Nappa

orfeo smana 12.08.05 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Noi siamo una generazione ormai senza speranza, ma i nostri figli no e possiamo attraverso loro cambiare le cose senza fare nessuna rivoluzione ma semplicemente insegnando loro quale sia la vera vita.
La vera vita la puoi impararare nei film di Totò, di Monicelli, di Gassman, De Sica, Sordi, etc: attori e registi di un'epoca di grandi cambiamenti per l'Italia, positivi e negativi, che hanno saputo cogliere nella trapasso generazionale di un'intera nazione le semplici cose che possono fare felici le persone senza il ricorso ostentato ed assiduo alla frivolezza del materialismo capitalista: dobbiamo ritrovare la bellezza perduta, quella bellezza ingenua ma sincera che avevano i nostri padri e le nostre madri prima che anche loro fossero rapiti dal fatuo benessere del cinico consumismo: dobbiamo avere il coraggio di dire no prima nel nostro piccolo poi con la divulgazione di un messaggio discreto ma costante a chi ci sta intorno. Viviamo in un mondo pieno di luce si, ma di luce artificiale, non naturale ed ora non sappiamo più cogliere le leggere sfumature di un quadro dai colori troppo vividi, quasi accecanti. Dobbiamo rieducare i nostri occhi ad apprezzare il buio e l'oscurità come situazione adatta ad una nuova visione della realtà, più meditata e ragionata, meno impulsiva e diretta cosicchè il passaggio ad una luce nuova avvenga senza traumi e senza ripensamenti. Dobbiamo cercare la bellezza del mondo e quale esempio migliore se non la natura, nella sua infallibile perfezione evolutiva. Dobbiamo tornare ad ascoltare con le nostre orecchie, eliminando i filtri impuri che the controlled mediatic community interpone continuamente fra noi e la verità. Ecco cosa ci può salvare: la bellezza come metro di misura assoluto ma personale che risulta dalla somma degli elementi positivi che compongono l'universo nel quale viviamo quotidianamente. Dobbiamo leggere e leggere fra le righe, tenere sveglio il cervello e pronto il cuore per saper cogliere ogni più piccolo segnale da chi giorno dopo giorno si impegna nella annosa lotta perchè la vita sia mai uno scontrino fiscale battuto nel supermercato dell'inutilità.

Mariano Moriggi 12.08.05 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, sono Mauro ho 28 anni, sono di Ponzano Veneto, prov. di Treviso, la Gentiliniana provincia, ed è la prima volta che scrivo. Grazie a Beppe, ma anche alla scuola (sì, alla scuola e a qualche straordinario prof), ho sempre cercato di vedere la vita dal mio punto di vista, e che qundo credo di essere nel giusto di proseguire dritto per la mia strada.Ora leggo che si stanno regolarizzando le cittadine, che il mondo va negli outlet (sono veneto: forse la traduzione corretta è "fuori dal letto" )a fare la spesa, e altre situazioni perverse... Esiste una speranza, lo vedo ogni giorno nella mia possibilità di scelta, quella cosa che tutti i governi del mondo stanno sempre più limitando, facendoti però credere che in realtà stai scegliendo !!! Come diceva Zorro al sergente Garcia, ora io ribadisco:" Non mi chiapperai mai !!!" Ogni giorno IO scelgo di non seguire i canoni normali dell' esistenza. Quando andavo a scuola, i miei compagni in gita camminavano tutti pigiati sul marciapiede di destra, mentre io andavo dall' altra parte: e stavo comodo e largo !!!! Finchè qualche altro, dopo avermi deriso, mi seguiva e si accorgeva che avevo ragione.Questo è solo un esempio del mio modo di pensare, e mi accorgo che sono quasi una rarità !!! E finchè le mie finanze non mi permetteranno di aiutare anche economicamente le persone che ne hanno bisogno, dovrò come adesso dirvi: "Scusate vi devo lasciare perchè al ristorante hanno bisogno di me. Faccio il cameriere!!!" Ci risentiremo presto, Un saluto a coloro che hanno anche il fegato di scrivere la propria opinione, e anche a ,valà, Beppe, che ci fornisce i mattoni da scarabocchiare con lacrime e pensieri..Ma anche il mio ottimismo !!! Mauro Pizzolato, stregatto nonchè gemellino pungente.

Mauro Pizzolato 12.08.05 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Cito ciò che ha scritto il Corriere della Sera online oggi "l'Italia è in testa nella classifica dei prezzi al consumo della benzina con 1,289 euro, davanti alla Danimarca con 1,264 euro, seguita da Inghilterra con 1,202 euro, Germania con 1,185 euro, Belgio con 1,178 euro, Francia con 1,085 euro, Austria con 0,983 e Spagna con 0,910 euro. Ultima la Grecia con 0,850 euro. «È assurdo - spiega l'associazione - che gli italiani paghino il 40% in più dei greci o degli spagnoli per le imposte sulla benzina» e chiede «una armonizzazione delle imposte a livello europeo in modo che la verde possa essere venduta in tutta Europa allo stesso prezzo. È giusto che i contribuenti italiani paghino la benzina a prezzi europei». Il costo della benzina verde in Italia al netto degli oneri fiscali «è di 0,474 euro - continua la nota - e, tenendo conto che le imposte sul carburante a livello europeo non possono essere inferiori a 0,359 euro, la benzina potrebbe tranquillamente essere venduta a 0,833 euro, rispettando le norme Ue». "...beh, facciamo qualcosaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!! L'Italia siamo noi, non i politici tutti corrotti! Loro rubano...e non siamo noi, italiani, i leccapiedi (per non dire altro) degli americani? Come mai non abbiamo benefici da questa alleanza? W la carenza cronica del petrolio...era ora...chissà...a volte mi viene il pensiero che i terroristi facciano bene a farci saltare tutti in aria, non capiamo niente, viviamo nella bambagia...noi ci lamentiamo di pagare più degli altri Stati europei...ci lamentiamo...ma facciamo qualcosaaaa!!!

Desi Zavatta 12.08.05 18:12| 
 |
Rispondi al commento

ciao grillo,mi chiamo umberto e ti ammiro molto per quello che dici senza peli sulla lingua tanto è vero che i nostri mass media hanno paura di te.sono un papà di 2 figli affetti da sclerosi tuberosa,il primo ha 27 anni il secondo19,ti lascio immaginare che vita possiamo fare io e quella santa di mia moglie,ciò nonostante però abbiamo capito quale è il vero senso della vita e cioè di combattere tutti i giorni e con tutte le nostre forze fino a quando nostro Signore ci darà la forza.Perchè scrivo a te?per farti sapere che sono anni che compriamo medicina per loro ,si perchè alcuni farmaci non sono mutuabili come ad esempio i salvavita,come frisium,clopixol gocce e altri,comportano una spesa settimanale dieuro30.00,questo è solo qualche piccola cosa.Sono un ristoratore da tanto tempo ho 49 anni,non è che si navighi nell'oro e specialmente in questi ultimi tempi e credimi non è retorica ma si va avanti,mi sono sempre chiesto:se tutto questo fosse accaduto a qualche impiegato con un unico stipendio come avrebbe fatto?fare il ladro? fare qualche stronz....,una pensione attuale e di euro233,87,indennità di accompagnamento443,83. abbiamo una signora che ci aiuta e che a giusta ragione dobbiamo pagare.perchè questi grandi uomini che stanno al governo sia di ds che di sinistra non fanno qualche cosa invece di sperperare in cose che non servono a nessuno,e sappiamo tutti quello che loro guadagnano.dalla tua ultima rappresentazione che io ho comprato tramite il tuo sito,mi hai fatto conoscere altre verità,tanto da avere schifo di questa gente,scusami se sono crudo ma sono molto arrabbiato.vorrei tanto dirti con quale pene si vivono certe situazioni,ma sono sicuro che leggerai queste poche righe e capirai tutto,spero tanto sentirti.ti ammiro tanto carissimo beppe grillo ciao.

umberto d'arienzo 12.08.05 17:18| 
 |
Rispondi al commento

ciao grillo,mi chiamo umberto e ti ammiro molto per quello che dici senza peli sulla lingua tanto è vero che i nostri mass media hanno paura di te.sono un papà di 2 figli affetti da sclerosi tuberosa,il primo ha 27 anni il secondo19,ti lascio immaginare che vita possiamo fare io e quella santa di mia moglie,ciò nonostante però abbiamo capito quale è il vero senso della vita e cioè di combattere tutti i giorni e con tutte le nostre forze fino a quando nostro Signore ci darà la forza.Perchè scrivo a te?per farti sapere che sono anni che compriamo medicina per loro ,si perchè alcuni farmaci non sono mutuabili come ad esempio i salvavita,come frisium,clopixol gocce e altri,comportano una spesa settimanale dieuro30.00,questo è solo qualche piccola cosa.Sono un ristoratore da tanto tempo ho 49 anni,non è che si navighi nell'oro e specialmente in questi ultimi tempi e credimi non è retorica ma si va avanti,mi sono sempre chiesto:se tutto questo fosse accaduto a qualche impiegato con un unico stipendio come avrebbe fatto?fare il ladro? fare qualche stronz....,una pensione attuale e di euro233,87,indennità di accompagnamento443,83. abbiamo una signora che ci aiuta e che a giusta ragione dobbiamo pagare.perchè questi grandi uomini che stanno al governo sia di ds che di sinistra non fanno qualche cosa invece di sperperare in cose che non servono a nessuno,e sappiamo tutti quello che loro guadagnano.dalla tua ultima rappresentazione che io ho comprato tramite il tuo sito,mi hai fatto conoscere altre verità,tanto da avere schifo di questa gente,scusami se sono crudo ma sono molto arrabbiato.vorrei tanto dirti con quale pene si vivono certe situazioni,ma sono sicuro che leggerai queste poche righe e capirai tutto,spero tanto sentirti.ti ammiro tanto carissimo beppe grillo ciao.

umberto d'arienzo 12.08.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Vero, verissimo.
Leggere per documentazione:
Jeremy Rifkin, "L'era dell'accesso".
In particolare, il Cap. VII: 'L'accesso come modo di vita'.

Saluti
Andrea

Andrea Campanozzi 12.08.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

CARO Grillo,sono sempre più sconcertata dal comportamento irrazionale dei nostri compatrioti,mi sembra che la schizofrenia si sia impossessata del paese;a parte i 100000 o quasi che la domenica vanno in un outlet d'estate!!! ma vogliamo parlare di quelli che bloccano i traghetti o danneggiano le città perchè le loro squadre di calcio vanno in b,c o dove diavolo?Ma perchè non manifestare per il caro verdura bruciando copertoni sotto le finestre diMontecitorio o indignarsi per le scalate per il monopolio dell'editoria per le scelte rRAI?

marina zorzi 12.08.05 16:44| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe
si hai ragione,siamo andati a fan..lo e i nostri figli più di noi;un qualsiasi giovane(se occupato) deve lavorare tre mesi per pagarsi l'assicurazione obbligatoria dell'automobile indispensabile se vuole lavorare e unipol(sai bene che in alcune regioni ha fatto man bassa di polizze perchè il colore delle pareti degli uffici di bologna è più o meno come un noto giornale sportivo)per contrastare il VAMPIRO DI ARCORE,prima compra agenzie di banca intesa e poi scala la BNL arrichendo ancora di più i cosidetti immobiliaristi,alla faccia di noi lavoratori e di quei giovani che quando si avvicina il giorno di scadenza della polizza incominciano ad arruffianarsi ai nonni, si ai nonni, piccoli "capitalisti" finanziatori di molte famiglie italiane

elvio perioli 12.08.05 16:31| 
 |
Rispondi al commento

L'outlet non mi pare uno schifo totale. Il boom di presenze al nuovo outlet in Val di Chiana è in gran parte merito dello spettacolo di Giorgio Panariello, anche perchè molti negozi erano ancora chiusi o addirittura in via di allestimento. Comunque le presenze ci sono state e nonostante non è ancora tutto operativo si vocifera già di una ulteriore espansione. Una vera e propria città insomma. Perchè così tanto successo? Ovvio, io compro quello che mi piace, se costa 80 centesimi lo faccio senza pensarci due volte se costa 39 euro ci penso un poco di più. Se lo stesso capo lo trovo in un negozio a 100 euro è ovvio che appena passo dall'outlet me lo accaparro.
Vogliamo levare gli outlet? Evitare queste cittadine commerciali? Allora andrebbero eliminate le aziende come la Nike, Prada, Tod's e chi più ne ha più ne metta.
Tanto nessuno riuscirà mai ad eliminarle, per il semplice fatto che una maglietta della Nike mi dura anni rispetto a quella da 80 centesimi (magari perchè ci fo anche più attenzione, fatto sta che la fattura generalmente è migliore). Preferisco dare 29 euro per una maglietta ad un commerciante italiano piuttosto che 5 euro ad un cinese che più lavora e più viene sfruttato e ultima cosa, ma non meno importante, mi piace molto di più in quanto non ha uno stile "anonimo". A questo punto viene da dire "Allora segui la massa, te lo prendi perchè piace...". E certo che me lo piglio perchè piace, mi devo vestire come non mi piace per fare piacere a qualcuno? Io mi vesto come mi pare, se una cosa costa tanto una volta ogni tanto il lusso me lo posso permettere, no?

Alessio Calafiore 12.08.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento

@ Bruno Panetta

sono costretto a replicare al tuo post delle 17:31 che ho avuto modo di leggere solo oggi.

>Alfonso Balducci:

>> Amici, il problema outlet mi tocca direttamente.
>>
>> Io sono un commeciante di un paese vicino Bari.
>> Il mio negozio esiste da almeno ottant'anni (è
>> ormai alla sua terza generazione) e non so per
>> quanto ancora riuscirò a tenerlo aperto.

>>Se la gente preferisce andare a fare la spesa nell'outlet
>>invece che da te, vuol dire che gli conviene. Se non riesci
>>a tenere i prezzi piu' bassi, prova a fartene una ragione
>>e a darti a qualche altra attivita' invece di fregare i contribuenti...

Hai perso un'altra splendida occasione per stare zitto. E' straordinaria la tua capacità di non capire il senso delle cose. Complimenti, hai veramente una dote innata. Reputo inutile tentare di spiegarti più nel dettaglio quali sono le mie considerazioni perché è impossibile confrontarsi con un qualunquista come te (per favore smettiamola con il luogo comune secondo il quale tutti i commercianti sono ladri, altrimenti quelli dell'outlet sarebbero dei ladroni) che tra l'altro con conosce il significato di parole di uso comune come "contribuenti" usato da te in modo del tutto improprio. A qualunque tua replica non risponderò. Sarebbero solo bit sprecati.

Alfonso Balducci Commentatore in marcia al V2day 12.08.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento

X Tommaso Lanzi (14:33)
non fare così! invitiamo tutti a pranzo e cerchiamo di capire cosa possiamo fare per perlomeno ammorbidire gli eventuali punti di contrasto, d'altronde sarebbe quasi da persone mature capire che, in un modo o nell'altro dobbiamo convivere su sto mondo, allora perchè non utilizzare le nostre energie per capire come farlo al meglio?

Fabio Di Niro 12.08.05 15:10| 
 |
Rispondi al commento

per Mosti:
non ci crederai ma l'ho letto tempo fa! Ho cercato signoraggio su google e mi è usccito fuori... bello l'articolo che dice che la BCE è privata ed è proprietà delle banche più piccole (ci sono persino le quote). Però mi fido molto di ciò che ho ivi letto...
Ps come mai fai 'pubblicità' a PasQualcosa: hai la collezione dei suoi post, indichi il suo sito... ti chiami mica PasMosti?

Stefano Liboni 12.08.05 15:04| 
 |
Rispondi al commento

America grande paese, case di legno, calde accoglienti, in due settimane al massimo la costruisci con annessi e connessi, spesa contenuta, burocrazia al minimo ..........case mobili, le metti dove vuoi...o quasi..quando ti va la sposti a Cortina o a Porto Cervo....l'america e' un paese democratico, dove il cittadino sceglie come vivere.....questa italia non e' ne carne e ne pesce, e' l'isola di tortuga !! Senza paerlare della CLASS ACTION .!!!

ITALIANI POPOLO DI LIMONI !!

carlo raggi 12.08.05 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Comperarsi una casa, dovrebbere significare liberarsi dal mensile dovuto dell'affitto....O NO ??
Vi fate fregare dalle banche, comperate una cazzo di appartamento, piccionaia (mansarda), porcilaia (a schiera), lo pagate due reni, per trovarvi tutti i mesi fra spese di condominio, ICI, portiere, ascensore, guardie giurate (perche' avete una paura folle che l'albanese venga a rompervi il cuxxo mentre vostra moglie legata alla sedia vi guarda......e possa mettere in dubbio la vostra mascolinita'....)eccc...una spesa sul groppone superiore al costo di un affitto esoso in centro !!
PER ME VOI ITALIANI SIETE MASOCHISTI !!

carlo raggi 12.08.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

@ Fabio Di Niro

penserei che non invito a pranzo piu' nessuno, ne anarchici ne mussulmani ne cristiani

Voi poco fa' avete criticato la chiesa perche' secondo voi la chiesa implica sottomissione, (dopo mi spiegherai che tipo di sottomissione uno è costretto a subire se crede nei precetti della chiesa)

Tommaso Lanzi 12.08.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

... amico Beppe... Grillino mio... (permettimi il possessivo) .. tu m'insegni (e io imparo) che tutto (molto... và) è possibile.. allora io dico... ma non riusciamo mica a trovare una cazzo di piattaforma petrolifera come quelli di Sealand (sealandgov.com) per "tentare qualcosa" che non sto nemmeno a specificarti, dal momento che ti basterebbe dare un'occhiatina per capire cosa intendo..?

Io ho ben poco da offrire per un eventuale progetto: la mia stessa esistenza, ma potrebbe servire a qualcosina pure lei..

Qua non si tratta più di Italia, come BEN sai...

Massimo Del Genio 12.08.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Per Stefano Pirani

Caro Stefano nel mio piccolo faccio molte cose per cercare di migliorare.
Ad es. sto cercando di costruire una centrale elettrica sul fiume, ho creato un'associazione contro il mobbing e per sostenere i depressi, ho un'associazione per l'aiuto ai bambini rumeni e te ne potrei citare molte altre.
Quindi mi sono fatto avanti.
In politica sono stato trombato perché avevo un'idea diversa da quella ufficiale del partito.
Cerco di fare da solo con i pochi mezzi che ho.

Ciao

Claudio

Claudio Walter 12.08.05 14:32| 
 |
Rispondi al commento

I soldi dovrebbero dare "qualita' della vita" NO ??
Perche' allora tutti ne vogliono accumulare sempre di piu' e fare per tutta la vita una vita di merda a milanello ?? per poi mettersi in colonna sotto la canicola per stare 5 ore in auto per andare su una spiaggia del cazzo con un altro milione di persone del cazzo come te, a sudare e a svuotare i magazzini frigoriferi del pesce andato a male ???
VI SIETE GIA' SCAVATI LA FOSSA !!

carlo raggi 12.08.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

@ Michelangelo Sanguineti

Gli anarchici presuppongono che tutti siano buoni d'animo, nel senso che se tu vedi una mela sull'albero e qualla mela fa' gola anche ad un'altro, allora ci si mette d'accordo e la si lascia a chi ha piu' fame.

Il fatto è che l'essere umano difficilmente si comporta in questa maniera. Sarebbe bello, ma come dicono loro stesse, questa è utopia. Loro sognano un mondo cosi' (e chi non lo sogna un mondo nel quale ognuno riesce a mettere da parte il proprio egoismo?)

Il fatto è l'uomo per natura è da sempre un animale opportunista. Non ci scanniamo come le iene quando siamo a pranzo solo perche' di cibo ne abbiamo in abbondanza.

Tommaso Lanzi 12.08.05 14:19| 
 |
Rispondi al commento

X Tommasi Lanzi (14:01)
scusa Tommaso ma al tuo pranzo potrebbe venire pure un musulmano che ti schifa perchè hai scelto pietanze di maiale, un cattolico che vorrebbe bruciare vivo il musulmano perchè immondo, un capitalista che vorrebbe far pagare a tutti il biglietto per entrare, un anòmico (che figata, grazie ancora Rita) che schiferebbe tutti ma resterebbe lì a scroccare e tu che... (che? come la pensi tu?).

Per Michelangelo Sanguineti: se vuoi qualche esempio di relazione tra anarchia e regole intese come organizzazione sociale ti consiglio letture sull'anarcosindacalismo (per intenderci un modello a cui credo sia molto ispirato "el sup" il subcomandante Marcos)

Fabio Di Niro 12.08.05 14:13| 
 |
Rispondi al commento

@ carlo raggi

Se parli dello schifo alimentare che vendono allora siamo d'accordo. Mi unisco anche io al coro.
Pero' dove trovi oggi carne e frutta come era cento, duecento anni fa'? Non la trovi piu', ovunque vai trovi frutta omologata, senza sapore, carni di animali nutriti con porcherie.

Ma questo non succede solo negli Outlet (o come cavolo si scrive). Comunque la colpa è anche nostra, che andiamo a comprare dove tutto costa meno.

Tommaso Lanzi 12.08.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

X TOMMASO LANZI

Fra la merda che vi danno da magna', e la Romania....ci deve essere una terza via......O NO !?????

Per quanto mi riguarda, GIA' FATTO, sono scappato
da alcune decine di anni !! E vista da lontano, l'italia fa ancora piu' pena !!

carlo raggi 12.08.05 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Amoretti
Mi si scalda il cuore a leggere post intelligenti come il tuo.
Sul significato della parola libertà mi ci arrovello sin bambino ,per me libertà è prima di tutto libertà di non scegliere.
Consiglio a tal proposito di ascoltare le ultime parole dell'ultima intervista concessa dal "grullo" Tiziano Terzani a Controradio (http://www.radiopopolare.it/html/iniziative/terzani.htm) ,per me una vera illuminazione.
E allora passa tutto ,anche la rabbia per quelli che si fanno i post addosso ...

Gabriele Martinetti 12.08.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

@ Rita Russo

Sono pieno di ciccatrici lasciate dallo scudiscio inquisitore di Torquemada.

Il fatto è che per gli anarchici tutto è imposizione, tutto capisci? TUTTO. Se ne invito uno a pranzo sono sicuro che si porta il pasto da casa sua per non mangiare quello che gli impongo io!

Tommaso Lanzi 12.08.05 14:01| 
 |
Rispondi al commento

per T. Lanzi:

e pensare che ho scritto chiaramente la differenza fra "anarchico" e "anòmico", e perché ci sia questa confusione. Tu confermi ciò che ho scritto, e io ti riconfermo che sei pieno di pregiudizi come il 99% degli italiani.
Credevo ci fosse più serietà in questo blog, ma Torquemada ha lasciato proprio il segno.

Rita Russo 12.08.05 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Se anarchia è assenza di sottomissione... come ci si comporta nei confronti delle regole? non ci si da regole... perchè la regola a senso solo se le persone si sottomettono a questa...
Anarchia e regola possono convivere? ... se sì come?
E nei rapporti tra persone l'anarchia come viene gestita?... vedo un frutto su un'albero.. frutto e albero sono di tutti non essendoci proprietà (la proprietà implica la sottomissione alla regola della proprietà) ... un'altro lo vuole questo frutto.. come ci si aggiusta?
Ciao
Mike

Michelangelo Sanguineti 12.08.05 13:56| 
 |
Rispondi al commento

@ carlo raggi,

che ci fai qua'? fuggi dall'Italia: il paese che sogni tu esiste: l'Ungheria, la Romania, l'Ucraina, la Cina....no, la Cina no, scusa, (i cinesi stanno diventanto peggio degli americani)

Questi paese non sono ancora inquinati dal mostro a otto zampe del consumismo. Andiamo tutti a vivere in Romania!!!

Tommaso Lanzi 12.08.05 13:55| 
 |
Rispondi al commento


Qui si va a toccare un dilemma: essere o avere?

Come diceva in un suo libro Eric Fromm, l'uomo che ha come caratteristica interiore l'avere o il possesedere è malinconicamente e a sua insaputa una rotella di un sistema incentrato appunto sulla possessività delle cose. Bisogna Avere a tutti i costi quell'oggetto, quella cosa e conseguentemente ciò, nascono le gigantesche domande di tutti noi nel costruire addirittura città esclusivamente nate per deliziarci, per infiammarci, per rincoglionirci sempre di più ad AVERE.
Ma chi è il sistema? chi lo manovra? lo manovrano i potenti della terra, che ci tengono buoni buoni come cagnolini a cui lanciano il biscottino ogni tanto, ma siamo noi che gli diamo questo potere e finchè sono li a governare in questo modo vuol dire che gran parte di noi si è rassegnata a questo sistema. purtroppo finchè non ci svegliamo saremo solo i giocattolini di queste persone che ci fanno il lavaggio del cervello in continuazione con le pubblicità, la Tv spazzatura ecc...
Dobbiamo puntare sulla condivisione delle cose come dice il caro amico Beppe, le regole devono essere create in funzione del fatto che dobbiamo ESSERE, non avere.
Trovo difficile pensare che avverranno dei cambiamenti su milioni di persone che sono ormai assuefatti da questa morbosità di possedere le cose, e finchè sara così abituiamoci a veder nascere questi "biscottini" per tenerci buoni buoni, per non pensare.

Maurizio Quagliano 12.08.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Gli OUTLET ???
UNA MONTAGNA DI MERDA A PREZZI ESORBITANTI !!
ROBA PER COGLIONI CONDIZIONATI !!!

CI STIAMO SCAVANDO LA FOSSA CON LE NOSTRE MANI !!!

carlo raggi 12.08.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento

@ Rita Russo

nessun pregiudizio, solo semplice constatazione dei fatti: l'anarchico non vuole lavorare, non si piega a questra mostruosa imposizione che gli viene da altri, da sistema consumistico. Egli preferisce accumulare energie fisiche per meglio capire il pensiero di Bakukin (o come cavolo si scrive)

Tommaso Lanzi 12.08.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Rita! (Rita Russo 13:15)
Mi hai regalato la parola che da giustizia all'anarchia prendendo le distanze da quell'ammasso di parassitismo che mi hai fatto scoprire essere invece l'anòmia.

Per chi volesse dare una rapida occhiata al pensiero anarchico mi sento di consigliare "Anarchia e libertà" di Howard Zinn che, passando per Bakunin e compagni dà una veloce e meritiera chiave di accesso a quel che erroneamente è considerata dai più la filosofia del fancazzismo (ma invece questa è l'anomia! hehehe ora c'ho la chiave!).
Mi sento di consigliare anche www.anarca-bolo.ch che raccoglie un pò di riviste anarchiche online.
Tra queste c'è la bellissima "A", bellissima non perchè condivido tutto ma perchè tratta quasi sempre in modo assolutamente non banale molte problematiche da ottiche svincolate da ogni pregiudizio.
X Tommaso Lanzi: sappi che gli anarchici hanno più voglia di lavorare di te, ma solo se il loro lavoro non è sfruttato per l'arricchimento di qualche singolo panzone. Dai una letta al libro ed ai siti che ho riportato, rischia pure che magari ti interessa...

Fabio Di Niro 12.08.05 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Per TOMMASO LANZI:

ma...hai letto quello che ho scritto? oppure sei semi analfabeta, oltreché pieno di pregiudizi?

Rita Russo 12.08.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento

rispondo a g. corti
scusami ma sei rimasto al "primo libro" leggi anche il resto, ancora insisti con il votare e chi? magari rutelli? ex radicale, socialdemocratico (brrr mi sento sporco solo a scriverlo questo nome)d.s ed ora margherita? oppure prodi? ex lacche' dei peggiori personaggi dell'ex democrazia cristiana all'epoca dell'impero e/o fondatore della famigerata "nomisma"? oppure l'ex ministra pecoraro scanio che di verde ha solo la bile? o mastella? costantemente preoccupato di appecorarsi al vaticano e di coltivare il suo campicello elettorale? o rosi bindi? chi di grazia? i vetero comunisti di bertinotti che per qualche pugno di voti assecondano le posizioni becere di agnolin e compagni?
senza parlare poi del centro destra anche perche' qui se ne parla gia' abbastanza
purtroppo ogni popolo ha i governanti che merita.
in quanto a spaccare i vetri non ne' voglio nemmeno parlare.
io un'idea ce l'avrei, resistenza passiva, non voto, rifiuto di partecipazione astenzione passiva da tutto quello che viene da questa dirigenza.
boicottaggio economico, mettiamoci d'accordo sui prodotti da non comprare, le tv da non vedere, ecc-ecc. lotte nuove e soprattutto non strumentalizzate da sindacati fantoccio che fanno parte integrante di un sistema ormai alle corde (quando addirittura non sono conniventi)
occorrono idee nuove azioni nuove scelte nuove, ma soprattutto uomini nuovi.
un saluto a tutti

giorgio giorgi 12.08.05 13:31| 
 |
Rispondi al commento

@ Rita Russo

GLi anarchici a LAVURA'. altroche'

Tommaso Lanzi 12.08.05 13:26| 
 |
Rispondi al commento

BASTA con le città piene di centri commerciali che come mostri rovinano i nostri bambini. Costruiamo tante Togliattigrad tutte uguali, piccole e leggere per non inquinare (come le Twingo di Greepeace), ammassiamo la gente in scatoloni di cemento.

Diamo alla gente la libertà di viverei assieme a maghrebini spacciatori. Questa è la vera liberta'.

BASTA cone le cittadelle ordinate e tutte piene di regole come Seaside. Viva Togliattigrad

Tommaso Lanzi 12.08.05 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Il mio mestiere?
Sono un medico specializzato in psichiatria.

Postato da: Nicola Mosti il 12.08.05 13:
SIIIIII non era Woody Allen in "Zelig" eri Te!!!
Sono emozionata!!

Danila polini 12.08.05 13:18| 
 |
Rispondi al commento

ANARCHIA -ANOMIA - UTOPIA

Anarchia: da "an"-"arché", cioè "non comando esterno". Nessuna sottomissione a simboli, comandi, archètipi o dogmi. L'anarchico non accetta sottomissione nè allo Stato nè alla chiesa cattolica (entrambi pongono la sottomissione come uno dei propri princìpi). L'anarchico vero, conduce vita regolare e - soprattutto- *indipendente*, e l'indipendenza psicologica è la più difficile da acquisire.

L'"anòmico", al contrario, è quello che vive senza regole, non gliene importa di lavorare, di pensare alla propria dignità fisica e morale, e spesso invade gli spazi altrui.

Purtroppo, da sempre (ma in Italia soprattutto dalla II guerra mondiale) i termini vengono mischiati e confusi tra di loro, in modo che le persone si trovino sempre più sbandate, divise, ed infine *manipolabili*.

Utopia: deriva da "eu" o "ou" - "tòpos": nel primo caso significa "luogo felice", nel secondo "luogo che non esiste".
Ma, dal momento che -in italiano- i dittonghi "eu" ed "ou" sono diventati entrambi "u", ognuno interpreta come crede. Però l'utopia, che è anche un luogo felice, è realizzabile. Magari dagli anarchici.

Rita Russo 12.08.05 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Anche a te, buon appetito!
Ciao

Stefano Liboni 12.08.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa che ho notato nell'arco dei mesi? Verso l'ora della pastasciutta il "Moderatore" molla un po' la presa e si è per un'oretta più liberi di scrivere...

Buon Appetito!

Nicola Mosti 12.08.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

per Mosti:
volevo sapere il mestiere di PasQualcosa, non il tuo... mi domandavo come facesse ad avere il tempo per stare dietro al blog così a lungo...
Comunque ti credo: non sei PasQualcosa. Però fai la collezione dei suoi post! Dove li hai trovati e perchè li conservi?

Stefano Liboni 12.08.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

X Michela

Scusa, non me la prendo con te, è il pessimismo che ci sta intorno che non ci permette più neanche di sognare.
Ma credo che se non siamo capaci di realizzare neache le cose più banali di che dobbiamo lamentarci, abbiamo quel che meritiamo e se questa è la strada non mi maraviglierà affatto ritrovarmi il Berluska al comando anche l'anno prossimo.
Dopo di ciò a che mi serve ascorlare i discorsi di Democrazia Diretta e Signoritaggio???

barbara albanese 12.08.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Per Danila Polini e Michela Milleni:

Come posso convincervi che non sono Pascucci? Vi devo forse dare il numero di telefono e l'e-mail come ho audacemente già fatto in passato sul blog?

Nicola Mosti 12.08.05 13:07| 
 |
Rispondi al commento

E' favoloso come riuscite a fare propaganda con le menzogne. Voi post comunisti, odiate il consumismo e siete quelli che consumano di piu' a cominciare dal vostro messia Grillo che gira in yacht in Costa Smeralda.

Odiate le cittadelle ordinate come Seaside ed i centri commerciali e non vi lamentate del fatto che albanesi, rumeni maghrebini spacciano sotto casa vostra rendendo le nostre citta' poco sicure grazie alla politica della sinistra post comunista che ha voluto che in Italia entrassero tutti senza un limite e senza dare garanzie.

Ne è prova il fatto che nelle carceri italiane vi sono piu' carcerati extracomunitari che italiani. Lamentatevi di queste cose anzichè lamentarvi di Seaside.

salutatemi lo yacht di Grillo

Tommaso Lanzi 12.08.05 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Credo che votare beppegrillo.it nel premio www sia una grande idea....andate qui:
http://premiowww.ilsole24ore.com
Io l'ho fatto mi sono registrato in un minuto e ho votato, non è vero che ci sono mille puublicità da sorbirsi, anzi. peccato che il sito sia sponsorizzato dal tronchetto.... che ne dite il beppe ce l'ha qualche possibilità? se votiamo in tanti secondo me si.... :-)
P.s. Pascucci.... basta!!

Omar Fardin 12.08.05 13:07| 
 |
Rispondi al commento

@ Liboni:

Non sono Pascucci e neppure un suo acritico ammiratore, ma semplicemente Nicola Mosti, un individuo contrario ad ogni forma di Censura.

Il mio mestiere?
Sono un medico specializzato in psichiatria.

Nicola Mosti 12.08.05 13:05| 
 |
Rispondi al commento

x danila
sì, è sempre lui.

Michela Milleni 12.08.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Barbara, perchè te la prendi con me? ti avevo dato ragione, ho solo detto che dobbiamo essere in tanti.

Michela Milleni 12.08.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,
è la prima volta che scrivo in un blog e a dire il vero che scrivo pubblicamente ma la questione ha colpito il mio interesse.
Purtroppo mi trovo in disaccordo con l'accento posto nell'articolo ossia l'equiparare la suburbia americana alla colonizzazione degli spazi outlet in italia. O adirittura il cercare un'assonanza fra due modelli urbanistici diversi frutto di una genesi profondamente diversa rispetto l'esperienza italiana. Per questo motivo i post che vogliono paragonare l'esperienza morfogenetica della città italiana ma anche europea con quella statunitense è viziata dal fatto che non si conoscono i germi che stanno alla base di tale origine.
L'outlet è un discorso a se' che si basa su quella che può essere letta come l'architettura dell'immaginario o dell'insegna di cui Venturi ne è un abile maestro e che ha fatto il successo della nuova Las Vegas e di molti theme park. Ma questo non è il punto della stonatura o meglio è il motivo per il quale paragonare un modello commerciale ad uno insediativo è sbagliato, sopratutto se non viene letto con le lenti del way of life americano. L'equazione città dormitorio americano e città italiana non esiste in quanto il modello della ripetizione e del closet in America esiste da sempre ed è parte integrante del loro abitare. In USA non è mai esistita la piazza come luogo di socializzazione mancando un vero e propio centro all'interno della città, ma si è preferito trovare altri luoghi. Le città europee nascono invece attorno al vecchio foro diventato poi la piazza dei mercanti o la sede dell'arengario e il modello del "scendere in piazza" per incontrare gente è rimasto immutato. Direi che invece sia più interessante riflettere perchè la nuova generazione tende negare questo andando verso la piazza artificiale. Ecco l'unico punto in comune che è c'è fra modello statunitense e nuovo modello italiano: la creazione di un artefizio chiamato piazza all'interno di luoghi commerciali. Per il resto è molto difficile stare a discutere sul closet americano e sul modello europeo.
Interessante invece l'idea di privato. Privato è tutto ciò che è tolto dalla funzione pubblica, ma il primo confine di privato è la stessa soglia di casa nostra che determina la separazione dallo spazio pubblico. Dovremmo allora riflettere su tutta la funzione della casa nel determinare la fruizione dello spazio e di come si pone rispetto a quello che crediamo sia pubblico.
Mi sono molto dilungato e forse non tutto è molto chiaro, l'ultimo spunto riguarda le regole. Anche qui c'è profonda confusione. I closet americano nascono come piccole comunità di gente che sceglie di vivere lì. Sceglie e accetta tale condizione, non è obbligata. Le leggi imposte sono frutto di una loro volontà quindi si possono trovare comunità che vivono al'interno di strane cupole vicino a villini tutti bianchi e che hanno regole profondamente diverse ma si accettano in tutta tranquillità. Qui abbiamo tutti le stesse regole ma non ci accettiamo mai. Ultima provocazione, non è vero che solo in USA esistono tali città.... In europa abbiamo copiato i sistemi di standardizzazione costruttiva per fornire alle fasce operaie una comoda e degna abitazione. La standardizzazione aveva il vantaggio di ridurre i costi ed aumentare la salubrità dello stabile. L'esperienza dell'Existenzminimum in Germania, la rote wien austriaca, l'esperienza della scuola di amsterdam in olanda, le stesse case popolari italiane, non sono altro che il tentativo che si era attuato per risolvere il problema di una casa funzionale, salubre a poco costo.

Ronny Melli 12.08.05 13:02| 
 |
Rispondi al commento

STUPEFACENTE, NO?

P.S. Per Barbara Albanese:

Forse è meglio che tutti prendiamo per braccio la persona a cui teniamo di più per andare davvero a fare un giro in campagna... sempre che ne sia rimasta un po' dalle vostre parti.

Nicola Mosti 12.08.05 13:02| 
 |
Rispondi al commento

X Michela e altri
adesso ci credete che è lo stesso?

Danila polini 12.08.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Nicola Mosti....... sei miche quel PasQualcosa?
Se lo sei: perchè lo fai? Non ti prende molto tempo? Che lavoro fai?
Se non lo sei: ignora le righe sopra perchè non sono per te :)

Nota che comunque a me piace molto questo blog e trovo normale che esista un moderatore (anche se non capisco perchè censuri chi parla di censura, visto che è giusta in certi casi (vedi regole blog)).
Certo è che se PasQualcosa continua a postare cose inutili merita di essere cassiato... lo spazio sul server non è suo e ripetere sempre le stesse cose non aiuta nessuno.
Per quanto mi riguarda ho postato la mia esperienza (negativa), per il resto rimango un grilliano in moltissime cose.
Froza Grillo, informaci! :)

Stefano Liboni 12.08.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

X Michela e per tutti gli altri

Ma allora che ci stiamo a fare qui?? Allora a che serve il Bebbe che pubblicizza il sito e dice "Siamo in tanti". Bisogna essere tutti fuori dai supermercati e centri commerciali a pregare la gente di seguirci, anche se non ci crede e non ci capisce.
Se questa è la risposta che ricevo posso anche spegnere il computer e ritornare davanti la televisione.

barbara albanese 12.08.05 12:59| 
 |
Rispondi al commento

x barbara

sarebbe bello riuscire a farlo, ma purtroppo mi risulta che in italia non c'è una "coscienza collettiva" abbastanza forte per portare al successo iniziative come queste.
Scusa il pessimismo, ma temo che se anche in quattro gatti sparsi per l'Italia ci mettessimo a non comprare coca cola per un mese....anche perchè saremmo poi i soliti quattro gatti che comunque non la comprano mai.
Scusami, non è una critica nei tuoi confronti, tutt'altro, è bello che qualcuno proponga qualcosa di costruttivo e alla portata di tutti. Ma credo che bisognerebbe cercare, prima di iniziare un boicottaggio di questo tipo, il coinvolgimento di altre organizzazioni interessate a queste iniziative, per poter "fare numero", che ne dici?

Michela Milleni 12.08.05 12:50| 
 |
Rispondi al commento

La cassazione è talmente precisa ed implacabile per cui non può essere altro che l'opera di un "moderatore" con manine e ditina infime comprese...

Nicola Mosti 12.08.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Per Stefano Liboni:

"Pillola rossa o pillola blu?"

Vedo finalmente che qualcuno apre gli occhi e si accorge che "MATRIX" non è la paranoia di un folle...

Nicola Mosti 12.08.05 12:45| 
 |
Rispondi al commento

per Michelangelo Sanguineti:
penso proprio che il sistema di filtri di cui parli non ci sia visto con quanto ritardo vengono censurati/cancellati in messaggi (oppure c'è ma è blando e la maggior parte del lavoro è fatta a mano). Io propendo per l'omino che legge i commenti e li 'modera' a mano (di solito questa figura si chiama appunto moderatore). Qui è un po' spinto...

Qualche settimana fa ho fatto una prova e per vedere se mi censuravano ho spedito un post polemico contro Grillo. 2 persone mi hanno risposto (un ragazzo (che mi ha detto che gli sembravo il mago della gialappas!) e una ragazza) e subito dopo ho ripostato dicendo che non c'era censura.
Ho refreshato la pagina e il mio primo post era sparito! Allora ho postato nuovamente dicendo che il post non c'era più e in breve tempo TUTTI i post iniziati dal mio sono scomparsi.

Stefano Liboni 12.08.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Sono molto belli tutti questi discorsi, ma credo che senza un impegno concreto di tutti non si vada da nessuna parte.
Siamo in tanti? Siamo tutti arrabbiati e con voglia di fare? Dimostriamolo.
Non si possono risolvere i problemi del mondo partendo dal vertice, sarebbe magnifico vedere tutti questi nostri politici rinchiusi in carcere perchè il popolo italiano si ribella, manifesta e questo vuole, ma non ci credo neanche un pochino che possiamo riuscire a farlo ed in tempi brevi.
Diamoci degli obiettivi semplici, concreti e tangibili:
La via del boicottaggio mi sembra la prima cosa che dovremmo mettere in pratica, visto che tutti i mali partono dai soldi. Ma non come viene suggerito ora: vatti a leggere quel sito che contiene un elenco di milione di prodotti. Scegliamone uno, mettiamoci tutti daccordo, in un lasso temporale scegliamo di non acquistare Nestle? CocaCola? (un prodotto di tutti i giorni, non tipo Nike). Mettiamoci daccordo e facciamo volantini da stamparci in casa e distribuire fuori tutti i supermercati (Lo devono sapere tutti non i soliti fortunati che leggono internet quotidianamente).
Per natale non continuiamo a cadere nella contraddizione di dire "non compro niente" e ritrovarci l'ultimo minuto a dover scegliere una di quelle miriadi di caz..te che ci propongono, perchè tanto tutti devono fare un regalo a natale. Ve lo suggerisco io riduttori di flusso (http://www.commercioetico.it/ecologia/ridutflusso/index.html) qualcosa che faccia del bene all'umanità e ci spinga al miglioramento di noi stessi.
Diamo retta anche a Beppe: beviamoci acqua minerale prodotta ed imbottigliata nella nostra città. (Chi ha un elenco da pubblicare e stampare e distribuire a mano??)
Partiamo dalle cose semplici altrimenti non arriveremo da nessuna parte!

barbara albanese 12.08.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

ho visto che il premio www. del sole 24 ore è patrocinato dal ministero delle innovazioni tecnologiche e mi sa che Grillo lo cassano al volo .
Prima del voto Ti ammorbano con 150 pubblicità, al posto di votare e basta devi sorbirti il malloppone pubblicitario ...... che mmmer**da.

cort. g 12.08.05 12:37| 
 |
Rispondi al commento

x favarato

grandissimo , bravo
corro a votarlo ...voglio vedere la premiazione sul palco con TronKi e il beppe che lo sputtana

ottimo
ciao

g. corti 12.08.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Quanto alla "mercificazione" accennata nel Post di oggi, non è affatto una degenerazione recente...

Vi devo forse ricordare che prima della Riforma la gente si PAGAVA l'indulgenza dai peccati per andare in paradiso?

Nicola Mosti 12.08.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Per Matteo Melchiorri:

Indicami quali sarebbero le "scemenze" degne di Censura... il fatto forse che semplicemente parlo di Censura subìta nel Blog di Grillo? Guarda che non sono affatto l'unico!

Rinnovo anche a te la proposta: vai a scrivere tu in un altro sito! (mai aggredisco per primo...)

Nicola Mosti 12.08.05 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe!!!
Ho visto ieri sera il tuo DVD semplicemente eccezionale. Purtroppo però la gente non apre gli occhi abbastanza. Oggi sono andato a far spesa in un supermercato dove c'è in offerta il digitale terrestre con l'incentivo statale (incentiviamo a gaurdare le TV piuttosto che a leggere un libr o usare il computer o vacanze studio all'estero); c'era la ressa con la gente che quasi si prendeva a botte per gli ultimi pezzi! Certo che il livello culturale di costoro non era elevato ma sono andato via con molto amaro in bocca.
Oggi allora ho pensato di andare a votarti per il premio del miglior sito così saranno costretti ad invitarti alla premiazione......anche se non gli farà molto piacere siccome lo sponsor è il tuo grande amico TRONCH....

VOTATE sul sito http://premiowww.ilsole24ore.com
beppegrillo.it!!!

marco favarato 12.08.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Nicola anch'io sono daccordo con Stefano Moncellin, se devi far polemica sulla censura scrivi su altri blog e non occupare spazio per niente. Se hai letto l'informativa d'iscrizione sai perfettamente che non puoi scrivere certe scemenze e quindi evita di scriverle in modo tale da non essere censurato.
Questo è un blog di persone che vogliono esprimere le proprie opinioni civilmente e non in completa anarchia....... e ricorda.... neanche i popoli più arretrati vivono in anarchia, seppur poche anche loro hanno le loro regole.

Matteo Melchiorri 12.08.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

come architetto non sono sorpreso da questo fenomeno, tenendo conto che in italia, e penso nel resto del mondo industrializzato, ben più della metà degli edifici di nuova costruzione sono outlet o centri commerciali o mega parcheggi per centri commerciali. la vita delle città, ma anche quella delle cittadine di media grandezza, è improntata sul consumo, sugli spostamenti, specie di massa, e da questo dipende gran parte dell'economia.
le città non hanno la misura dell'uomo, perchè gli uomini posti al loro disegno si occupano solo di aumentare il proprio reddito, e perchè loro, siano imprenditori, ingegneri ei architetti, amministratori pubblici, raramente vivono in città.
le città saranno un luogo in cui vivere quando la cultura dell'abitare riguarderà ogni aspetto della vita sociale e privata delle persone.
ora nelle città c'è la cultura del consumare, l'aria innanzitutto.
scusate l'amaro sfogo, spero sempre in un futuro migliore lavorandoci su.
ciao

emanuele varone 12.08.05 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Le Primarie del Centro-Sinistra sono una farsa:
nel 2006 Prodi guiderà il Governo.

La preferite cruda o più cotta?

Nicola Mosti 12.08.05 12:16| 
 |
Rispondi al commento

guardate un po che nomi "nuovi" per altri scandali che accadono nel nostro paese.

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/08_Agosto/12/cit.shtml

ogni giorno di piu' mi chiedo come ci si puo' risollevare da una situazione del genere. al giorno d'oggi l'etica e la morale sembrano tanto strane come vedere una carrozza trainata da cavalli a tokyo!!!

gabriele restivo 12.08.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Io sogno che Beppe Grillo PARTECIPI ALLE PRIMARIE dell'unione per rivitalizzarle.
Non sarebbe l'unico non politico, ecco un esempio che potrebbe imitare. Chi vuole questo come me, lo scriva su questo blog...

Dall’UNITA’ del 10.08.2005
Ecco Ivan Scalfarotto, il sesto candidato alle primarie
di Wanda Marra

«Punto a vincere le primarie». Ivan Scalfarotto, il sesto candidato alle consultazioni dell’Unione, sembra avere le idee chiare. In una maniera persino un po’ sconcertante, visto che il suo non è un nome esattamente dei più noti. Per ovviare a questo inconveniente, ha approntato un blog (http://70.84.186.210/~ivansca/blog/), con i “cenni biografici”, il suo progetto politico e anche le modalità per partecipare alla sua campagna. Ma chi è, da dove nasce, dunque, questo neocandidato? Lui, 40 anni, che dal 2002 vive a Londra, ed è un manager con tutti i crismi (fa il capo delle risorse umane di Citigroup in Europa: 2200 persone in 54 paesi), racconta: «Sono il coordinatore del circolo di Libertà e Giustizia di Londra, e alcuni amici dell’associazione mi hanno chiesto di presentarmi. L’idea è cresciuta con una certa forza: arriva un momento in cui si deve restituire al paese quello che ci ha dato».
Nato a Pescara nel 1965, laureato in Legge all’Università di Napoli, poco prima di laurearsi Scalfarotto è stato consigliere di circoscrizione a Foggia, con i verdi del Sole che ride. «Ho lasciato la politica in Puglia per un lavoro al nord (come capita a tanti!)», racconta sul suo sito. Dopodiché un lavoro alla Banca Commerciale Italiana, poi all’Ambroveneto, dal 1998 a Citibank, in quella capitale del Regno Unito dove molti nostri connazionali approdano.
Le sue (poche) esperienze politiche sono così riassunte: «Nel 1996 scrivo una lettera a Repubblica per dire che il governo dell’Ulivo non fa sognare come ci aspettavamo. Nascono “I delusi dell’Ulivo” e mi ritrovo d’improvviso a Palazzo Chigi con Prodi e Veltroni che vogliono saperne di più. Nel 2001 fondo con alcuni amici “Adottiamo la Costituzione”, un movimento per la difesa della nostra Carta fondamentale (www.adottiamolacostituzione.it). Chiediamo a tutti i cittadini di adottare un articolo e di difenderlo, come si fa con le scuole e con i monumenti. E anche con i bambini».
Certo il traguardo che Scalfarotto si è posto non è facile, soprattutto per uno che non ha un’organizzazione forte alle spalle: per presentare la propria candidatura alle primarie, ci vogliono 10mila firme da raccogliere entro il 15 settembre, in almeno 10 regioni. Lui non si scompone: «Ci provo. E per la raccolta delle firme, mi piacerebbe ci fosse un movimento dal basso». A conferma del motto che la fortuna aiuta gli audaci, Scalfarotto ha già ricevuto sul suo blog un sostegno di eccellenza: «Sono quasi certo che alle primarie voterò Prodi, perché vivo sulla Terra e non nel Paese dei Sogni - scrive Michele Serra - Ma la mia firma per la candidatura di Scalfarotto non mancherà, perché almeno una volta al secolo bisognerà pure fare un gesto che corrisponda allegramente a quello che si sogna e soprattutto a quello che si pensa». Il neocandidato, comunque, a scanso di equivoci precisa: «La mia non nasce come una candidatura contro, ma per portare nell’Unione energie che stessero dormendo. Appartengo non a un partito, ma a tutta la coalizione».
Sul blog campeggia a tutto schermo lo slogan semplice e incisivo che è la cifra della candidatura di Scalfarotto: «Io partecipo». E di un candidato della società civile si parlava già da qualche tempo. Proprio sulle colonne del nostro giornale era apparso un appello di un gruppo di intellettuali (da Carlo Bernardini a Paolo Flores d'Arcais). «Non mi è stato chiesto da loro di candidarmi, non sono un’espressione di quel gruppo», spiega però Scalfarotto.
E i soldi? «Se un progetto politico è importante e ha gambe per correre, corre, l’idea che si debba uccidere solo per dettagli tecnici non mi piace. Conto su molto entusiasmo, sul movimentare energie che oggi dormono, sia in politica, che fuori», risponde il neocandidato.
Il programma, invece, si muove su tre direttrici precise: coinvolgere la generazione precaria dei quarantenni, affermare i diritti individuali e la laicità dello stato, rilanciare l’Europa. E per cominciare,Scalfarotto ha affidato la sua campagna di immagine a Sintesi, la società di comunicazione di Davide Guadagni, 53 anni, amico di Adriano Sofri (uno dei 5 volontari che lo andava a trovare in carcere ogni settimana), che ha definito «pazzesca» l’impresa, ma ha accettato la sfida.

paolo michelotto 12.08.05 12:12| 
 |
Rispondi al commento

per Stefano Piazzi:

Mi va bene, mi va bene.


Adoro il Governo Debole... è una mia fissa.

Nicola Mosti 12.08.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Michelangelo Sanguineti il 12.08.05 11:55
Con le premesse di vita di oggi, sinceramente ne anch'io, ieri qualcuno li diceva a Grillo di non parlare male di chi vuole comprare un capo di marca in un oulet perchè questo lo fa sentire importante,e probabilmente è vero, anchè se trite.
Chissà in una società che pensi a quello che è e nn a quello che ha si potrbbe provare . Perchè l'anarchia parla anche de formazioni di gruppi autogestiti a seconda de i bisogni comuni, la cosa è un po complessa

Danila polini 12.08.05 12:09| 
 |
Rispondi al commento

per nicola mosti:Anarchia Mancanza di governo Stato di disordine politico dovuto a mancanza o debolezza di governo.
Dottrina o movimento politico e sociale che intende sostituire a un ordine sociale basato sulla forza di uno Stato un ordine sociale fondato sull'autonomia e la libertà (sic) degli individui.... Ti va bene messa cosi?

stefano piazzi 12.08.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

A rigor di logica e per rispetto di Bakunin una cosa va detta però: l'Anarchia impedirebbe la creazione di una Classe Dirigente ma non ostacola -anzi, in teoria favorirebbe- l'organizzazione delle persone in corporazioni e federazioni. Non è quindi la società dell'estremo individualismo.

Nicola Mosti 12.08.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Beh, in fondo l'Anarchia è una incantevole Utopia...

Nicola Mosti 12.08.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Per Michela Milleni:

Sempre lui con nomi diversi?

Ma chi?

Non mi prendo la responsabilità di altri...

Sono semplicemente Nicola Mosti.

Nicola Mosti 12.08.05 12:03| 
 |
Rispondi al commento

anche a me piacerebbe capire un po' meglio cosa intendete per anarchia...chi non se ne intende di economia (io per prima) ha sempre l'idea che l'anarchia sia assenza di qualsiasi regola, quindi confusione totale...

Michela Milleni 12.08.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

@ Mocellin:

Trovalo tu un altro Post!

Sentirsi offeso per aver detto cose vere è paradossale.

LA CENSURA ALEGGIA IN QUESTO BLOG!
LA MIA NON VUOLE AFFATTO ESSERE UNA PROVOCAZIONE:
E' UN INOPPUGNABILE DATO DI FATTO!

Ma in fondo non voglio fartene una colpa ed offrirti la possibilità di abbassare i toni... probabilmente se ci conoscessimo non avremmo parlato in questi termini.... lascia perdere il secondo rigo va'... ciao.

Nicola Mosti 12.08.05 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Per yang: bè grillo cosa ti sembra un liberale?

stefano piazzi 12.08.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

caspita, io stavo cominciando a crederci, anche se mi pareva impossibile 'sta storia della censura... ma è veramente sempre lui con nomi diversi? ma perchè lo fa?

Michela Milleni 12.08.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Ma l'anarchia propone una soluzione concreta, dico realizzabile.. magari non perfettamente coerente con il sogno utopico, ma che sia cosa fattibile come ha fatto il comunismo (che poi è degenarato però almeno ci ha provato) oppure è un'idea destinata a rimanere solo un sogno delle persone che ci credono?
E' possibile una società anarchica sostenibile?
...
Io non riesco a vederla così com'è escritta, ma magari qualcuno ci riesce...
Mike

Michelangelo Sanguineti 12.08.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

La Censura non è MAI -DICO MAI!- SACROSANTA...

...E' meglio ascoltare il parere di un folle e magari dissentire piuttosto che metterlo a tacere.

Per di più ribadisco che molti Post sono stati cassati senza che avessero trasgredito le regole del Blog.

Parlare di Censura, tra l'altro non mi sembra mai fuori tema nel sito di Beppe Grillo...

Nicola Mosti 12.08.05 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Nicola, se sei dentro a questo blog per esercitare polemiche gratuite e autoreferenziali, ricorda che stai occupando spazio prezioso. Fai la cortesia a tutti di trovare un'altro blog più favorevole alle tue libere idee.

Grazie!

Ripeto che io di censura non ne ho mai vista qui dentro. Credo alla buona fede e alla capacità di giudizio delle persone che frequentano il blog, se censura c'è il servizio scadrà autonomamente. Qui di pubblicità non se ne vede.

stefano mocellin 12.08.05 11:53| 
 |
Rispondi al commento


...il Comunismo è la Dittatura del Proletariato (ed è oramai dimostrato dalla Storia che si tramuta presto in un Regime dei Funzionari di Stato).

...Secondo gli Anarchici invece non deve affatto esistere una Classe Dirigente, quale che sia, perchè ogni nuova Classe Dirigente è una nuova Classe Dominante.
Concetti forse un po' utopici, ma se di confronto tra utopie si deve trattare, meglio l'Anarchia del Regime Comunista!

Nicola Mosti 12.08.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Io leggo ogni giorno il blog... e leggo ogni giorno le cose che scrive pascucci...
Purtroppo ci sono persone che sono così ossessionate dall'idea di essere controllate e censurate che vedono il problema ovunque.
Ma secondo te, Nicola, c'è un'omino che legge in tempo reale i messaggi e scegli quali mettere e quali no???
Figuriamoci!
Ci saranno delle regole nel sito che filtrano, regole dettate dal REOGOLAMENTO del blog che a tutti è richiesto di rispettare (e come ogni regolamento limita la libertà di ognuno e non ci si può lamentare di questo).
Poi come ogni cosa informatica , il sito avrà dei bachi e magari la regola non è scritta perfettamente (non è facile tradurre regole "umane" in codice per PC), e a volte alcuni fengono filtrati.
Errori si chiamano.
Potrebbe anche essere così non trovi???
Magari è censura..magari è errore..non possimao saperlo..ma prima di accusare pensaci dieci volte e cerca anche altre vie, Nicola... non si deve vedere il complotto ovunque... altrimenti si rischia di diventare paranoici.
Ciao
Mike

Michelangelo Sanguineti 12.08.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

x nicola mosti

se vai fuori tema sempre ,
se dai nomi falsi,
se ammorbi la gente con post kilometrici ( pask- signoragg. ecc)

è SACROSANTO cancellare i post che non sono utili alla discussione e che inquinano il blog.

Per gusto non per fascismo ......
ciao

g.corti 12.08.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Le scuse ufficiali me le dovresti tu Mocellin per avermi accusato di dire fregnacce (tieni per te le tue offese gratuite): non so da quanto frequenti questo Blog, ma io ho purtroppo sufficiente esperienza per poter dire che la Censura si fa eccome!

Nicola Mosti 12.08.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

@ Mocellin e quant'altri...

Caro Mocellin, non mi scuso affatto perché sono spesso constretto a ripostare i messaggi.
Inoltre, la cancellazione non è un problema limitato ad oggi, che poteva anche dipendere da un ritardo legato a disguidi tecnici -e come tale ammissibile- ma ti garantisco che è un "abitudine" dello Staff e che dipendende largamente da ciò che si scrive.

Prova a scrivere qualcosa a proposito di tal Pascucci (d'accordo o meno che tu sia) e te ne renderai conto...

Ognuno è libero di giudicare, ma ognuno deve pur essere libero di esprimersi, Grillo, Pascucci, io, e chiunque altro, perché NESSUNO DEVE ESSERE CENSURATO.

Nicola Mosti 12.08.05 11:43| 
 |
Rispondi al commento

C'è qualcuno che ha volglia di spiegare con poche parole cosa intende per anarchia?
Grazie
Mike

Michelangelo Sanguineti 12.08.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

In effetti in questo Blog si fa un po' di confusione tra Comunismo (percaritaddiddìo, un Regime!) ed Anarchia...

Nicola Mosti 12.08.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro Nicola Mosti redivivo.

Smettila, di dire fregnacce, perchè io vedo tutti i messaggi che dici sono censurati.

La tecnologia dovete imparare ad usarla! Spendete più tempo per migliorare le cose non per saturare l'informazioni di inutili messaggi!

Adesso attendiamo le tue scuse ufficiali!

stefano mocellin 12.08.05 11:36| 
 |
Rispondi al commento

> A te ti ci vorrebbe un po' di anarchia ma quella vera, cosi che la tua casa è tua di tutti e di nessuno,

Guarda che quello è il comunismo rampante.

Yang Chenping 12.08.05 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Grillo!
Controlla scrupolosamente il tuo staff perché vengono eliminati con troppa disinvoltura Post che non contravvengono affatto ai regolamenti del Blog.

Vi garantisco che di tutti i siti visitati questo è uno di quelli con la Censura più spietata.

Vi ripropongo a proposito l'ultimo commento cassato:

"Dati di fatto alla mano, questo sito FA Censura."

Il redivivo Nicola Mosti

"E S I S T E

D A V V E R O

L A

L I B E R T A'?"

Nicola Mosti 12.08.05 11:31| 
 |
Rispondi al commento

A te ti ci vorrebbe un po' di anarchia ma quella vera, cosi che la tua casa è tua di tutti e di nessuno, cosi come come la tua macchina ecologica, i tuoi pannelli solari e a ben vedere anche la libertà individuale della tua famiglia.
p.s. mi piacciono i tuoi spettacoli ma dicci qualcosa che ti va bene ogni tanto anche perchè a 57 anni con 6 figli e con un fisico "robusto" ci sei arrivato in questo "schifo" di paese!!

stefano piazzi 12.08.05 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Il proibizionismo finanzia tutta la malavita e di conseguenza tutte le altre attività illegali .....

Postato da: g . corti il 12.08.05 10:41

D'accordisimo, scometiamo che senza il proibisionismo non si aprono piu oulet , supermercati, ipermercati , shoppoing, centri comerciali, ecc,ecc che si trovsno da pertutto e che tutti sano che perdono soldi perchè il mercato è satturo.
Sig. i soldi sporchi è li dove vano , son 30 anni che succede ( in italia solo da 10 , prima c'era molto piu controlo).

Danila polini 12.08.05 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Il Proibizionismo è indispensabile alla Classe Dirigente perché consente di mantenere una delle principali fonti di guadagno illecito.

Nicola Mosti 12.08.05 11:25| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori