Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fazio "cubista"

  • 624


fazio.jpg
Fonte: www.haverford.org

Tutti parlano di Fazio in questi giorni e così per non deluderlo ne parlo un po’ anch’io, anche se non è necessario: la sua fisiognomica da quadro cubista parla per lui.

Il suo faccione riportato in prima pagina sul Wall Street Journal e sul Financial Times ha esposto l’Italia a una delle peggiori figure della sua storia.

Io lo denuncerei non per i fatti relativi alla Banca Antonveneta, ma per lo sputt…mento del Paese. Poco o molto che valga la nostra reputazione di italiani, Fazio ci deve risarcire. Togliamogli la pensione, così per iniziare…

I suoi "compagnucci der quartierino" sono, se possibile, più impresentabili di lui.
Guardatele le facce di Ricucci, di Gnutti, di Fiorani, di Boni.
Sono così impresentabili che, per l’appunto, hanno deciso di non presentarsi, oggi, davanti ai giudici di Milano che li aspettavano per interrogarli.

I giudici volevano sapere da loro alcune "cosucce" sull’aggiotaggio (operazione che si esplica nella diffusione di notizie false, effettuata al fine di generare un movimento al rialzo o al ribasso dei titoli quotati in Borsa), sull’ostacolo all’attività della Consob e sull’insider trading.

Ma gli imputati non erano abbastanza preparati a una linea difensiva in così poco tempo.
Il legale di Gnutti, Giuseppe Frigo, ha dichiarato con stile sobrio e forbito:
“Presenteremo una nota scritta in cui specificheremo che la complessità del materiale probatorio, 24 faldoni, richiede tempo per la sua cognizione e valutazione”.

E intanto i compagnucci che fanno? Vanno in vacanza!
E i giudici?

I giudici comunque qualcosa hanno portato a casa.
Il ministro Castelli avrebbe infatti aperto oggi un’azione disciplinare sul giudice Clementina Forleo per un suo diverbio con una pattuglia di agenti che aveva fermato un immigrato a Milano.

Clementina Forleo è il gip di Milano dell’inchiesta Bpi-Antonveneta.

4 Ago 2005, 16:45 | Scrivi | Commenti (624) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 624


Commenti

 

giudici comunque qualcosa hanno portato a casa.

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 29.09.15 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Ciao ale quando puoi portarmi il cd di windows in inglese?
risp alla mia casella postale: tpxxx9@alice.it

Alessio e marco 06.03.06 19:16| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio di ALERTBOX #53 - 15/02/2006

Capitali senza capitali

Chi lavora o naviga spesso in Internet avrà notato, ultimamente, l’aumentare vigoroso dello spamming, ossia l’ invio ad ignari utenti di posta elettronica indesiderata. Questo spam riguarda in particolare i “consigli per gli acquisiti” di azioni di società quotate alla borsa di New York. Le e-mail hanno oggetti del tipo “microcap idea for you” o “stock profile” ecc… e spesso mostrano pseudo prospetti informativi sulla futura crescita in valore del titolo di una certa piccola società.
E chi è più acuto avrà realizzato che lo spamming “finanziario” aumenta vertiginosamente quando la borsa americana è sull’ orlo del baratro.
Dovete sapere che dietro questa operazione vi è lo stesso governo USA, la stessa CIA, bramoso di reggere la pantomima del dominio americano sul mondo, incarnato finanziariamente dalla borsa di Wall Street. Il disastro economico americano, dovuto alla globalizzazione, non riescono più a nasconderlo dietro le finte aziende come Google.
Ora che i cinesi e gli arabi hanno la seria intenzione di mollare il dollaro USA come moneta di scambio internazionale gli Stati Uniti si stanno attaccando a qualsiasi cosa pur di sopravvivere, forse per qualche altro mese.

Canna-Power Team

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

bocchini ilaria 15.02.06 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Fazio indagato per abuso d'ufficio, dal primo agosto; il tutto era secretato. La notizia è di pochi minuti fa. E di oggi è la notizia che il consiglio superiore di Bankitalia ha dato la fiducia a Fazio.

Non commento.

Tiziano Miani 29.09.05 17:50| 
 |
Rispondi al commento

E vogliamo parlare del ns. Ministro della Giustizia?!?
Un poveretto che gestisce il suo Ministero solo a colpi di Ispezioni ed Indagini Disciplinari presso le Procure, ogni volta che queste toccano gli interessi degli "amici degli amici"!!
Ma é un governo questo? Siamo una barzelletta internazionale, la Repubblica delle Banane d'Europa. Bisogna mandarli tutti a casa a zappare la terra!!
Marco Penati

Marco Penati 19.09.05 17:54| 
 |
Rispondi al commento

nella vicenda Fazio è stato dato poco spazio riguardo la moglie, mi risulta che sono molte le mogli di manager e banchieri vari che si immischiano troppo nell'operato dei mariti, usufruiscono di macchine con autista e gestiscono il personale con assunzioni e provvedimenti vari..... ma è regolare tutto questo

Paolo Giubilei 12.09.05 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto alcun i commenti all'iniziativa antifazio e sono meravigliato di come ancora l'informazione tradizionale riesca a far tenere a certa gente la testa sotto la sabbia, come gli struzzi: ma è possibile che ci dobbiamo preoccupare di disquisire su particolari di uno che prova a farci essere protagonisti di un sistema, ormai vecchio e da cambiare,piuttosto che arrabbiarci e mobilitarci perchè proprio il sistema di potere collassi?
Mi pare che il gruppo dirigente di questo paese stia riuscendo ad avere ragione delle persone comuni proprio con vincendoci ad entrare in polemica per i particolari, distogliendo la nostra attenzione dai problemi reali ogni volta che se ne presenta uno. E' ora di crescere.

sergio rufinelli 02.09.05 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Di fronte a tutto ciò riamango attonito e impaurito. Impaurito perchè mi viene da pensare se io, nella stessa posizione dei vari attori dell'affare Antonveneta (presunti rei), avrei agito in maniera analoga. Ho il timore che il malcostume sia qualcosa che nè la scuola nè la famiglia ci ha insegnato ad evitare. Daltronde è il nostro il paese dei figli cresciuti fino a 35 anni in famiglia, dei figli che se vanno male a scuola la colpa e dell'insegnante o del metodo, del posticino in Banca o in Pubblica Amministrazione, del figlio che se non trova lavoro il Babbo parlerà con qualche conoscente e....dell'amico in Comune, in Provincia, in Regione. La questione è che abbiamo insegnato a generazioni intere il sistema mafioso di affrontare la vita. La MERITOCRAZIA, L'IMPEGNO, IL LAVORO DURO IN TUTTE LE DISCIPLINE (SCIENTIFICHE ED UMANISTICHE), LA LEALTA', LO SPIRITO DI SERVIZIO...CHI LI HA MAI INSEGNATI.
Per anni ci siamo cullati sui primati dei nostri posteri: le solite litanie (L'Impero Romano, Il Rinascimento, La Scoperta Dell'America, L'invenzione della Pila, l'invenzione della Radio ...ca..te !!). E intanto il mondo andava avanti.
Adesso ci meritiamo tutti questi personaggini che sanno solamente come rimpinguare le proprie tasche e dei nostri problemi non gliene frega proprio niente.

Michele Marcosignori 15.08.05 23:51| 
 |
Rispondi al commento

... ultimamente sento un impulso incontrollabile ad evadere in un altro stato dove se tutto va a finire a carte 48 come da noi non me ne frega niente, perchè non è il mio paese. Devo ritenermi sconfitto?

Marco Della Verde 15.08.05 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, ciao sono un Vigile del Fuoco di Sassari, ho acquistato il biglietto per il 17-settembre ad Alghero...io e diversi colleghi, sei forte!!! Una cortesia.... parla di noi ,del nostro stipendio da fame ad Alghero..,ti saremo infinitamente grati. tuoi amici Vigili del Fuoco.

Salvatore Usai 14.08.05 00:16| 
 |
Rispondi al commento

Come è possibile che in un paese "democratico" sopravviva una carica, importante ed influente come quella occupata oggi (e speriamo ancora non per molto) da Mr Fazio, che non ha un termine. Tutto ciò ricorda molto la figura del re che o abdica o muore, altrimenti sta al suo posto finchè gli pare. Ma in Italia non abbiamo votato per la Repubblica nel dopoguerra? Io chiamerei gli ispettori dell'Onu per verificare se in quel caso non ci siano stati dei brogli elettorali che, una volta emersi, giustifichino una volta per tutte il ruolo intoccabile del presidente di Bankitalia. Stai avedere che ci siamo sbagliati per 60 anni e che in realtà la famiglia regnante è solo cambiata, da Savoia a Fazio. Beh, se ci fosse al potere un Fazio come Fabio ci faremmo anche due risate e probabilmente non se le farebbero gli altri Stati nei nostri confronti: ogni giorno ci sarebbe una puntata di " Che banca che fa". Va beh!

Stefano Rivellini 12.08.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento

credo basti dire che il caro gran governatore sia fiancheggiatore o meglio sostenitore esterno dell'OPUS DEI (la conferma la da un sito che non lascia dubbi http://www.chiesa.espressonline.it/dettaglio.jsp?id=7199). Cos' è? Wiki aiuta sempre anche in questo caso http://it.wikipedia.org/wiki/Opus_dei.

Facciamo attenzione siamo narcotizzati e lentamente ci stanno infilando qualche cosa di morbido nel ....

stefano mocellin 12.08.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

To seasoned observers of Italy's colourful financial imbroglios, this summer's Banca Antonveneta affair evokes memories of many of the country's most lurid scandals.

As details emerge of how Antonio Fazio, governor of the Bank of Italy, sought to favour Banca Popolare Italiana, a small Italian bank, over Dutch lender ABN Amro in the takeover battle for Antonveneta, one past scandal comes readily to mind: the Banco Ambrosiano affair. This culminated with the body of Roberto Calvi, Ambrosiano's chairman, hanging from Blackfriars Bridge in London in 1982.

Ecco ci hanno totalmente spu...nato Inizio a vergognarmi di essere italiano...il mondo ride di noi e quegli inetti senza spina d'orsale non fanno altro che ingrassare i loro pancioni...Che dio ci aiuti.

Francesco Lofranco 10.08.05 01:46| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE AVREI UN'IDEA PER IL SUCCESSORE DI FAZIO CHE SICURAMENTE AVREBBE PIU' SUCCESSO PER RIDURRE I DEBITO ITALIANO IN POCHI ANNI...ELEGGIAMO LA VANNA MARCHI CHE CON L'AIUTO DELLA FIGLIA E DONASCIMIETO HA INC....O CENTINAIA DI ITALIOTI INCASSANDO DECINE DI MILIONI DI € DEI QUALI SI E' PERSA TRACCIA (P.S.NON E' CHE SARANNO RICOMPARSI CON IL CONDONO DEL NANO E ACCOLITA???HO QUESTA PAURA VISTO CHE ESISTE IL SEGRETO SULLE LISTE DEI BENEFICIARI...) LE SOPRA ELENCATE PERSONE SONO LE UNICHE DEGNE DI GOVERNARE NOI PECORONI CREDULONI ITALIANI

valentini roberto 09.08.05 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, pensa che quando ho letto su Repubblica.it (nella sezione "cronaca" dato che quella di "politica occulta" ancora non è stata creata) che Castelli ha aperto un'azione disciplinare nei confronti della Forleo per un suo "atteggiamento" assunto non in ambito professionale, ma in veste di pubblica cittadina, ho pensato:" fortuna che poco prima della questione Antonveneta, la cara Clementina si è fatta beccare in qualche cosa "d'illecito", altrimenti chissà il povero Castelli cosa si doveva inventare per scagliare la pietra!".
Un inciso: mi sbaglio o sul quotidiano del giorno la notizia non è stata riportata?

LARA MAZZOTTI 09.08.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

CAVOLO BEPPE E' SCONCERTANTE QUELLO CHE DICE QUEL PORTATORE NANO DI DEMOCRAZIA, SONO VERGOGNOSE LE INTERCETTAZIONI TELEFONICHE E NO QUELLO CHE HA FATTO FAZIO, E' PROPIO VERO CHE IN ITALIA SI VA "LEGGERMENTE AL CONTRARIO". SONO DAVVERO CURIOSO DI SAPERE COSA DICE LA STAMPA ALL'ESTERO DI NOI VISTO CHE IN ITALIA LA STAMPA E' SOTTO CONTROLLO.

QUARTA TOMMASO 08.08.05 18:51| 
 |
Rispondi al commento

copia incolla da un giornale 6/8/2005

Si sa, i risparmi degli altri fanno comodo. Se poi “gli altri” si fanno fregare meglio ancora. Capitasse mai che un movimento, la Lega Nord, si facesse portavoce delle difese dei risparmiatori, che subito interviene l’apparato della “conquista”, che forte dei suoi apparati d’informazione, comincia l’opera di screditamento al punto di riuscire a mettere molte delle sue vittime prescelte, contro la Lega stessa...
Leggo, in questi giorni, degli appetiti romani sulle nostre banche, in particolare sull’Antoveneta di Padova, e mi vengono in mente i miei appunti di qualche anno fa, e vado a rileggerli. Ricordo subito come svuotarono la Cariplo lombarda per salvare le dissanguate Casse di Puglia e Calabria (con buchi di un migliaio di miliardi di lire) - ricordo che giá allora l’Antoveneta padovana fu chiamata a comprarsi centocinquantacinque sportelli della Banca di Roma (che aveva 9.000 mld di lire di buco) per una cifra di 650 miliardi di lire - le banche popolare di Brescia e San Paolo di Torino chiamate in soccorso del Banco di Napoli (allora viaggiava con un buco di 13.000 miliardi di lire) - Mediocredito che controlla molte banche del nord “interessato” ad aiutare il polo bancario siciliano, ed altro ancora...
Ricordo, per arrabbiarmi ancora di più, che la Sicilcassa aveva seimila miliardi di lire di buco, e ben duemila furono persi concedendo fidi da 200 miliardi di lire l'uno a dieci conti correnti intestati con nomi di fiori (del tipo: rosa, tulipano, margherita, viola...). Mi sono sempre chiesto come poteva succedere questo, la mia risposta é che quando delle banche perdono cifre da far fallire il mondo creditizio di un continente, questi soldi devono andare pur da qualche parte, manca mai che i dieci fiori avessero comprato pacchetti azionari di controllo delle banche dei polentoni, per poi infilarci dentro qualche loro uomo pronto ad aprire prestiti ad altri fiori del sud ?
Le mosse sono abili, perché non si svuotano i conti correnti dei polentoni, semplicemente, i loro soldi vengono “investiti” in altre aree. È ormai noto che se un artigiano del nord chiede ad un sua banca un prestito ha vita dura, ed alla fine lo ottiene se fornisce tante di quelle garanzie che rendono superflua la stessa richiesta di prestito. In sostanza ci fregano. Ci prendono in giro come ai tempi di Sindona e Marcellino Gavio, gente che venuta al nord senza nulla si ritrovò padrona un po’ di tutto il nostro, e soprattutto di buona parte delle nostre autostrade.
Sto leggendo qualcosa del giovane Ricucci (sposo della Anna Falchi), apprendo che il padre era un autista dell'Atac, lui fino a poco fa faceva l'odontotecnico, ed ora vuol comprarsi le nostre banche, ed i conti non mi tornano. È dello stesso interesse anche il gruppo Caltagirone, che ha giá fatto acquisti di giornali al nord, ed ora ne annusa le banche. Mentre scrivo mi torna in mente la figuraccia fatta a suo tempo quando i socialisti inviarono un ex cameriere meridionale a far offerte d’acquisto per la più grossa casa produttrice cinematografica americana, probabilmente i soldi c’erano ed erano i nostri, per i giri che ipotizzavo prima, ma mancava la credibilitá e non se ne fece nulla. Eh, la credibilitá!
Che dire, se non: ragionate gente, ragionate...

ivana iorio 08.08.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Radiocor - Milano, 08 ago - Standard and Poor's ha rivisto da stabile a negativo anche l'outlook di 17 enti locali italiani (Regioni e Comuni), in seguito alla decisione assunta oggi per il rating sovrano dell'Italia. S&P punta il dito contro 'i limiti imposti dal governo centrale all'autonomia fiscale delle regioni e i ritardi della tassazione collettiva che portano a un peggioramento della liquidita' delle regioni'. I Comuni interessati sono Bologna, Brescia, Firenze, Milano, Roma, Sesto Fiorentino, Torino, Udine e Venezia, mentre le Regioni sono Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Toscana, Umbria e Valle d'Aosta. L'agenzia ha anche rivisto l'outlook sui titoli amortizing denominati in dollari emessi dalla Regione Sicilia (A+/stable) in scadenza nel 2006.

Antonio Cassano 08.08.05 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Ehi Sergio, ocio che non è così.
S&P hanno portato la prospettiva dell'Italia da stabile a negativa. Se entro 18 mesi nulla accadrà allora anche i nostri titoli subiranno un abbassamento del rating. Ma la cosa peggiore S&P a dice dopo:

"Nessuno dei due maggiori raggruppamenti politici ha presentato una strategia puntuale per affrontare gli squilibri di bilancio", si legge nel comunicato di S&P's.


"Dal momento che tanto il centro-destra quanto il centro-sinistra soffrono di profonde divisioni interne, sarà difficile per entrambi intraprendere dopo le elezioni una strategia di consolidamento sufficientemente decisa da portare a un sostenuto miglioramento fiscale e strutturale".

Ed è questo che mi fa tremare i polsi.

Antonio Cassano 08.08.05 16:17| 
 |
Rispondi al commento

08.08.2005 15:11:58 AFX *REPUBLIC OF ITALY OUTLOOK CUT TO NEGATIVE FROM STABLE - S&P

Come volevasi dimostrare ci è arrivata anche la S & P a declassare il debito italiano...

Sergio Monti 08.08.05 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Ettore!! Però io vorrei aggiungere qualcosa: io sono uomo del nord trapiantato al sud perchè ho sposato una sua bella rappresentante; ebbene vorrei farti notare che, di fatto, non esistono più banche del sud indipendenti. Infatti, vado a memoria, di un certo rilievo vi è forse rimasta la Popolare di Bari, non certo una banca di dimensioni tali da impensierire una Intesa qualsiasi. Banche del sud non ne esistono più. Prescindo dal fare ogni tipo di considerazione e mi attengo a dati nel modo più oggettivo possibile. Ti dirò di più: la proporzione tra raccolta ed impieghi è spostata verso i primi e questo significa che parte della raccolta va verso altri lidi dove questo rapporto è invertito. Inoltre, credimi perchè nel mondo bancario ci lavoro, ottenere un qualche prestito è molto molto difficile!
Con questo voglio solo dire che forse il mondo bancario non si divide tra nord e sud, i suoi pensieri volano alto, sopra le nostre teste e di noi se ne frega altamente e lo dimostra tutti i giorni ed in tutti i modi possibili.
Siamo nei guai, perchè da una parte e dall'altra, in politica, ci sono persone che da sempre sguazzano in tutti gli intrecci possibili. Se poi un ministro dei governi Andreotti riesce addirittura a dire che è un uomo giovane della politica..........

Antonio Cassano 08.08.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Giù le mani dalle banche del Nord
di Luciano Dussin
Si sa, i risparmi degli altri fanno comodo. Se poi “gli altri” si fanno fregare meglio ancora. Capitasse mai che un movimento, la Lega Nord, si facesse portavoce delle difese dei risparmiatori, che subito interviene l’apparato della “conquista”, che forte dei suoi apparati d’informazione, comincia l’opera di screditamento al punto di riuscire a mettere molte delle sue vittime prescelte, contro la Lega stessa...
Leggo, in questi giorni, degli appetiti romani sulle nostre banche, in particolare sull’Antoveneta di Padova, e mi vengono in mente i miei appunti di qualche anno fa, e vado a rileggerli. Ricordo subito come svuotarono la Cariplo lombarda per salvare le dissanguate Casse di Puglia e Calabria (con buchi di un migliaio di miliardi di lire) - ricordo che giá allora l’Antoveneta padovana fu chiamata a comprarsi centocinquantacinque sportelli della Banca di Roma (che aveva 9.000 mld di lire di buco) per una cifra di 650 miliardi di lire - le banche popolare di Brescia e San Paolo di Torino chiamate in soccorso del Banco di Napoli (allora viaggiava con un buco di 13.000 miliardi di lire) - Mediocredito che controlla molte banche del nord “interessato” ad aiutare il polo bancario siciliano, ed altro ancora...
Ricordo, per arrabbiarmi ancora di più, che la Sicilcassa aveva seimila miliardi di lire di buco, e ben duemila furono persi concedendo fidi da 200 miliardi di lire l'uno a dieci conti correnti intestati con nomi di fiori (del tipo: rosa, tulipano, margherita, viola...). Mi sono sempre chiesto come poteva succedere questo, la mia risposta é che quando delle banche perdono cifre da far fallire il mondo creditizio di un continente, questi soldi devono andare pur da qualche parte, manca mai che i dieci fiori avessero comprato pacchetti azionari di controllo delle banche dei polentoni, per poi infilarci dentro qualche loro uomo pronto ad aprire prestiti ad altri fiori del sud ?
Le mosse sono abili, perché non si svuotano i conti correnti dei polentoni, semplicemente, i loro soldi vengono “investiti” in altre aree. È ormai noto che se un artigiano del nord chiede ad un sua banca un prestito ha vita dura, ed alla fine lo ottiene se fornisce tante di quelle garanzie che rendono superflua la stessa richiesta di prestito. In sostanza ci fregano. Ci prendono in giro come ai tempi di Sindona e Marcellino Gavio, gente che venuta al nord senza nulla si ritrovò padrona un po’ di tutto il nostro, e soprattutto di buona parte delle nostre autostrade.
Sto leggendo qualcosa del giovane Ricucci (sposo della Anna Falchi), apprendo che il padre era un autista dell'Atac, lui fino a poco fa faceva l'odontotecnico, ed ora vuol comprarsi le nostre banche, ed i conti non mi tornano. È dello stesso interesse anche il gruppo Caltagirone, che ha giá fatto acquisti di giornali al nord, ed ora ne annusa le banche. Mentre scrivo mi torna in mente la figuraccia fatta a suo tempo quando i socialisti inviarono un ex cameriere meridionale a far offerte d’acquisto per la più grossa casa produttrice cinematografica americana, probabilmente i soldi c’erano ed erano i nostri, per i giri che ipotizzavo prima, ma mancava la credibilitá e non se ne fece nulla. Eh, la credibilitá!
Che dire, se non: ragionate gente, ragionate...

Ettore Mauri 08.08.05 11:38| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe , mi puoi spiegare perchè il nostro beneamato Berlusca difende Fazio al punto di scrivere "di suo pugno" una legge contro le intercettazioni telefoniche?
Non ci capisco più niente!!
Mi vergogno per loro.
Ciao Bruna

BRUNA LENTI 08.08.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Antonio ha scritto:
>

Me lo stavo chiedendo anch'io, ma mi rispondo da solo quando noto l'italiano medio affascinato dallo stile filoamericano e le banche che fanno affari d'oro.. Periodo nero sulla bocca di tutti e banche che spuntano come la gramigna!
Col cavolo che l'Abn Amro deterrà il controllo di una banca di tali dimensioni. All'italia manca solo che i danari dei contribuenti vengano dirottati!
Da parte nostra una cosa del genere in Francia ad esempio non andrebbe assolutamente a buon fine, alla faccia dell'UE..

Alessio Celin 08.08.05 10:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io penso che la cosa grave del caso Fazio non sia tanto il fatto che mette in cattiva luce l'italia e l'italiani (ci pensano Silvio e Marco), quanto che di questa questione nn si parli quasi affatto. O meglio se ne parla ma dai tg arriva sempre una versione che di serietà a ben poco.A una settimana dallo scandalo delle intercettazioni ancora nn riesco a capire nulla di più di:accordi segreti, antonveneta, bankitalia. La cosa ancora peggiore è che sta tutto venendo mascherato dalla storia delle intercettazioni o dei giudici che hanno poteri.Ma se è da 5 anni che i giudici perdono potere?
Che sia una tattica di Silvio che dopo la tassa sulla successione(dei ricchi), il condono(edilizio o fiscale)e altre castronerie stia cercando di rendere invincibile il suo impero del mare.Ma se poi i telefoni dei mafiosi possono essere intercettate(ma se nn li intercetti che ne sai se sono mafiosi?)
, perchè nn vediamo pubblicate le conversazioni del premier con tutti i sui amici della Sicilia??.
Che mondo

Andrea Miliani 08.08.05 02:43| 
 |
Rispondi al commento

In genere sono abituato a richiedere lo scontrino fiscale quando faccio un acquaisto non si sa mai , ma qualche giorno fa per la fretta " parcheggio etc" sono uscito di corsa da una panetteria dopo aver acquaistato 1/2 Kg di pane, cosicche i finanzieri mi hanno beccato senza scontrino ed è finita a verbali e contestazioni.......se verrò convocato per questo "reato" posso anche io non presentarmi ed avvalermi della facoltà di non rispondere?

Gino d'Ignazio

Gino d'Ignazio 08.08.05 01:21| 
 |
Rispondi al commento

Anchio vorrei sapere perchè quelle stesse persone che solo un anno fa dichiaravano la intangibilità istituzionale del governatore ora ne vogliono la testa. E vorrei sapere perchè le intercettazioni Unipol non vengono prese minimamente in considerazione dalla procura di Milano. E vorrei sapere perchè proprio in questi giorni tutti quei fetenti della Banca 121-MPS sono stati praticamnete assolti visto che il PM ritiene non vi siano gli estremi per agire. E vorrei anche sapere perchè a livello europeo vi siano pressioni incredibili da parte di spagnoli e olandesi per fotterci le banche. I giochi sono molto grossi e come al solito da noi conta più il polverone; è come quando si era bambini: chi grida più forte non è detto che abbia ragione ma di sicuro non si capirà probabilmente mai chi la ragione l'aveva veramente.

Antonio Cassano 07.08.05 15:46| 
 |
Rispondi al commento

DOMANDA: qualcuno ha sentito qualche politico del governo e della LEGA scagliarsi contro Fazio dopo gli ultimi avvenimenti e relative intercettazioni????? DOMANDA:come mai fino al dicembre 2004-gennaio 2005 questo governo ma la LEGA in particolare non perdevano occasioni per screditare insultare o meglio quasi linciare mediaticamente parlando (x fortuna)il governatore della Banca D'Italia? DOMANDA:ci sara stata mica qualche banca di riferimento della LEGA,che ne so magari in difficolta che dopo un intervento di Fazio si e' rimessa in sesto nei primi mesi di quest'anno? avrei altre domande che mi assillano ma se ne faccio troppe magari poi nessuno mi risponde CIAO BEPPE SEI UN GRANDE MA X ME NON SAREBBE GIUSTO CHE TU ENTRASSI IN POLITICA TI MANGEREBBERO VIVO,IL TUO MA SICURAMENTE DI PIU' LO FAI DA TEMPO E LA GENTE TI SEGUE COMUNQUE.CIAO

profumo cristiano 07.08.05 14:34| 
 |
Rispondi al commento

> Io sono un consulente di Banca Mediolanum,che lavoro sodo,con onestà e trasparenza.

Ottimo.

> Non capisco perchè lei debba parlare della mia banca come di una banca "moolto strana"

Io avrei un'idea, ma non gliela posso dire, tantomeno accennare, perché certi segreti si portano fino alla tomba. Ma è una stranezza "tecnologica" che non riguarda il suo lavoro, quindi può dormire sonni tranquilli :-)

Yang Chenping 07.08.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma che cosa aspettate ad andarvene! Beppe, ti prego, aiuta queste anime belle a trovare una degna sistemazione in un qualche luogo in cui non ci siano mai ingiustizie e tutto sia a posto sempre ed ovunque. Vorrei soltanto far notare che l'Italia spende una cifra diverse volte multipla di quella che spendono gli Usa per le intercettazioni telefoniche, con una popolazione che per numero non è molto paragonabile. Io non sopporto che la magistratura si insinui in ogni dove ed in ogni momento della vita di ognuno di noi, almeno potenzialmente. Mi arrabbio invece se penso a tutti gli intrecci tra finanza e politica ci sono stati e ci sono ancora; ai salotti buoni ed a quelli meno buoni in cui noi poveri mortali manco possiamo immaginare di entrare. E vorrei fare notare due interviste praticamente uguali lasciate da Dalema e Violante che negano una qualsiasi validità storica alla loro partecipazione a questi cavolo di salotti ed addirittura vi si schierano contro. Chissa chi era quel Dalema che più o meno una decina di anni fa sbavava per l'arrivo sui divani della Angiolillo?!?!?
La mia paura non viene dal governo odierno ma dalla terrificante nullità di programma, e non solo, della odierna opposizione. Se poi qualcuno pensa che sia tutta colpa di Berlusconi sempre e comunque allora si prenda quel cavolo di passaporto utilizzato solo per farsi delle belle vacanze e se ne vada per sempre; potrà , alla meno peggio, utilizzare un bel computer per scrivere sul blog di Beppe.

Antonio Cassano 07.08.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

incredibile!!!!!!vengono intercettate le telefonate che parlano del nano mafioso e lui che fa'?subito faremo una legge che punisce con la galera chi le fa' e chi le pubblica!!!!!!ma vi rendete conto a che punto siamo arrivati?scappiamo da questo paese sfasciato...beppe aiutaci

veronica panichelli 07.08.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Non so sono dubbiosa ... tu dici "anno in cui ci troviamo" o "anno di cui ci troviamo"? E' uno stato in luogo figurato.

Postato da: Valeriana Dispert il 06.08.05 11:40

________________________________________________


Dipende dal discorso; dico "anno in cui-nel quale-ci troviamo", ma anche "anno di cui-del quale-sto parlando".........
Rita

Rita Porrega 06.08.05 17:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Calissi,
è vero che ci saranno difficoltà a far conciliare le vedute di Rutelli con quelle di Bertinotti.
Infatti mi auguro che i suddetti,viste le conseguenze di passati disaccordi che ci stiamo beccando dal 13 maggio 2001,abbiano imparato dai precedenti errori e,se al Governo,ci pensino bene prima di farlo cascare.Ciò non toglie che ognuno abbia le sue idee e,alla fin fine,voti secondo coscienza.Ma,a proposito di coscienza,ti pare che nella cdl ci sia questa grande uniformità di vedute?Come ha fatto la Lega,che 2 lustri or sono veniva in Aula con i cappi contro i tangentisti della Prima Repubblica,a votare le varie Cirami,Cirielli(che poi si è ritirato come relatore,ribadisco!),leggi su rogatorie,falso in bilancio,rientro dei capitali?Ed AN,tanto attaccata alla questione morale fino a poco tempo fa?E come fanno Fini,o peggio ancora quelli della Destra Sociale,con origini più affini ai ceti poveri,ad andare d'accordo coi secessionisti padani e i liberisti sfrenati di Forza Italia?Ed i tanto moderati post-democristiani,come fanno a vantarsi delle loro origini e poi permettere lo smembramento dello Stato Sociale(il tanto vituperato "assistenzialismo" o "statalismo"),o ascoltare i discorsi di Bossi & C. senza vomitare?Cosa pensano,di sparare sui gommoni degli immigrati e poi correre in chiesa a confessarsi?
La verità è che questo sistema elettorale,acclamato a suo tempo da tutti,tranne la DC(non ce lo scordiamo),perché avrebbe favorito l'estinzione di certi "dinosauri" della vecchia politica,costringe a degli apparentamenti "alla luce del sole" tra anime apparentemente in disaccordo su tutto.Sta a chi va al governo cercare la più ampia base di intesa,a meno che non possa permettersi,come Berlusconi,l'arma del ricatto:"Smetti di remare contro o ti aizzo i miei TG"(a Follini),"Se nza le mie TV voglio vedere chi vi fa propaganda,voglio vedere con quali soldi finanziate le vostre campagne elettorali"(detto,o fatto intendere,a tutti gli alleati,secondo me...).E' facile tenere in pugno i politici con lo spauracchio dei mass-media:non ci vuole nulla a montare un caso di cui tutti parlino in un paio di giorni,basti pensare al caso Di Bella:sembrava l'uovo di Colombo e che solo la Bindi non volesse accettarlo,per favorire gli interessi dei baroni della medicina tradizionale.Questo ci hanno fatto sentire per mesi alla televisione,tanto è vero che ho pensato:"Minimo minimo,se Berlusconi va al governo la prima cosa che farà è mettere la cura Di Bella gratis per tutti".Invece così non è stato.Perché?Forse perché era solo una "mezza bufala" utile per screditare il governo di centro-sinistra.Basta poco.Basta trovare un Igor Marini qualsiasi,fargli imparare a memoria qualche data e qualche nome e poi sbatterlo in prima pagina,senza uno straccio di riscontro probatorio o qualche altro testimone,mentre,intanto,si dice peste e corna di chi fa le indagini serie,con mandati,intercettazioni,rogatorie,testi a carico ed estratti bancari.
Non pensi che sia così?Che gli alleati del Boss non siano tenuti più o meno per i gioielli di famiglia?Allora è solo un caso che si siano trovati d'accordo,in quasi 5 anni,sulle materie che più attenevano agli interessi privati del Capo:giustizia,televisione,tassazione delle plusvalenze e così via,tutte leggi approvate a spron battuto,con tappe forzate alle Camere,al limite(se non oltre)delle corrette procedure parlamentari e,comunque,calpestando decenni di sana tradizione democratica.
Per quanto riguarda l'Europa,sono fermamente convinto che col debito pubblico che abbiamo(circa il 106% del P.I.L.) ed,ultimamente,col disavanzo al 3,5-4%,se non fossimo agganciati all'economia europea(anzi,direi attaccati alla loro locomotiva),adesso il marco tedesco varrebbe 5000 lire,che può andare bene per gli operatori turistici e per chi esporta,ma non certo per il portafoglio dei lavoratori e per il Paese in generale,dato che importiamo da quei paesi molto di ciò che consumiamo,a cominciare dall'energia!
Come ha fatto a vincere Berlusconi nel 2001?Secondo me per una serie di fattori:1)Il centro-sinistra gli ha lucidato la poltrona a palazzo Chigi,mostrandosi appunto litigioso su tutto e dopo il sostanziale fallimento agli occhi della gente,sia a destra che a sinistra,della coppia D'Alema-Amato,dato che erano,sì,più di sinistra di Prodi,ma erano sostenuti da una maggioranza molto più destrorsa,con Cossiga e la Pivetti al posto di Bertinotti!2)Gli italiani non avevano ancora visto all'opera l'Unto dal Signore,dato che nel '94 non aveva avuto il tempo di fare troppi danni,a parte riuscire a far dimettere Di Pietro dalla Magistratura ("non lo avevano lasciato lavorare" ci ha cantilenato per anni)
3)Last but not least,l'illimitata disponibilità economico-mediatica di FI e di chi accetta di allearsi con lei.Basti pensare che per le Europee del 2000,dopo mesi di martellamento pubblicitario sulle reti Mediaset,la Bonino prese più del 10% quando i Radicali avevano e sono,poi,tornati ad avere sì e no il 3-4%!
Altro esempio lampante:nel 2001,in un paesino della Sicilia,per un problema tecnico gli abitanti non hanno potuto ricevere il segnale televisivo per un certo tempo:ebbene,lì Berlusconi ha preso il 4% in meno,no dico,il 4%.Sai che significa il 4% con questo sistema elettorale?!?
Per concludere,io non so se un eventuale governo di centro sinistra potrà risolvere tutti i nostri problemi,ma so che,pur avendo ognuno il proprio orticello,i loro eventuali interessi privati da mantenere suno una goccia nel mare nei confronti di quelli di Mr. Posseggo Mezza Italia,per cui sono più fiducioso verso di loro che verso chi ha sacrificato i suoi ideali sull'altare del Capo Indiscusso.

paolo falchini 06.08.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Per Paolo Falchini
Prodi e soci hanno governato talmente bene che nel 2001 gli italiani hanno votato il centro-destra.
La Turco-Napolitano una buona legge? Come dici giustamente tu molti stranieri lavorano sottopagati e in nero, quindi sono sfruttati da padroni disonesti che approfittano della loro situazione e sono gli unici che guadagnano sull' immigrazione.
Se non fossimo stati in Europa saremmo rovinati? Questo è tutto da dimostrare.
Poi vedremo il prossimo anno quando il centrosinistra andrà probabilmente al governo, io spero che governino benissimo e risolvano qualche problema dell' Italia, però mi chiedo come potranno governare insieme Bertinotti e Rutelli visto che non vanno d' accordo praticamente su nulla, dalla politica economica alla politica estera.

Antonio Calissi 06.08.05 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Per Trascinelli e Breanzi(cui si deve essere incantato il tasto CAPS LOCK):
ammesso che noi di sinistra ("comunisti",come se gli eredi del PCI si dovessero vergognare,specie se detto dagli eredi ed estimatori di Mussolini e dai sociin affari di Licio Gelli e i fratelli Salvo!) siamo dei "professionisti della menzogna",con quale mezzo di comunicazione riusciamo a convincere delle nostre menzogne le molte persone che sono sempre più deluse da questo Governo?
Con la RAI?Forse RAI 3,tanto è vero che il TG3 lo fanno alle 19 e alle 14:20...Lo vedono proprio tutti!!Ah,forse con Studio Aperto,TG5,TG4...Lasciamo stare,che già quando c'era Mentana,il meno schierato dell'azienda,per non parlare male di Berlusconi riducevano la Politica ad un "Bignami" di 40 secondi,tra una velina ed un cane zoppo che aveva ritrovato la padroncina in Indocina!
La7?Può darsi,è tra i meno inguardabili,ma,sebbene ci sia Rula Jebreal,l'unica giornalista di origini arabe,tra quelli che popolano le nostre TV,a non essere anti-islamica,le prime serate sono monopolizzate da Giuliano Ferrara,non certo una voce indipendente ma molto abile ad annichilire le altre,di voci.
Allora,forse,vi riferite alla carta stampata.
Qui va fatta una premessa:la gente che legge i giornali è sempre meno,tanto è vero che gli inserzionisti pubblicitari,il vero "termometro" dell'orientamento della gente,ormai investono il 90% in TV ed il resto nei giornali.Questo fatto,poi,è accresciuto dalla fioritura di pseudo-giornali gratuiti:Leggo,City e così via.In essi,naturalmente,si parla di calcio,letterine,oroscopi,tre righe su qualche notizia scientifica e 3 parole di attualità politico-economico-mondiale:una specie di Studio Aperto formato-stampa!Chi li finanzia questi giornali?Mah!Comunque,fanno sicuramente comodo a chi non vuole si legga la stampa comune,soprattutto da parte delle generazioni più giovani.
Parliamo de L'Unità,Liberazione,Il Manifesto:loro sì che sono di sinistra e,giustamente,è agli occhi di tutti;il problema è che non li legge la parte "incerta" dell'elettorato,quella il cui "indirizzamento" può far vincere o perdere le elezioni:chi legge quei giornali ha già determinate idee e la loro "utilità" consiste solo nel pubblicare certe notizie taciute dal resto dell'informazione,tipo aggiornare il pubblico con cadenza circa mensile sui (continui) aumenti di utili realizzati dal gruppo Mediaset dal 2001 ad oggi!
La Repubblica?Anch'essa ha la fama di giornale che guarda a sinistra,anche se le cose sono un po' cambiate nel dopo-Scalfari.Però non risparmia critiche a sinistra come a destra,certo non può fare orecchie da mercante in caso di Cirami e schifezze simili....Ma questo è essere di sinistra?E' distorcere la realtà chiamare "salva-Previti" una legge talmente obbrobriosa da costringere il suo relatore originario a ritirarsi e,per stessa ammissione di esponenti della cdl,partorita per rimediare i guai incombenti di "qualcuno in particolare"?Certo,è di sinistra agli occhi di coloro,come Bondi,Schifani e Fede,per cui è comunista chiunque sia in disaccordo con Silvio l'Infallibile!!
Ed,infine,eccoci giunti a parlare dei "veri" giornali indipendenti dalle appartenenze politiche,per lo meno in maniera diretta:Corriere della Sera e La Stampa(cito quelli più famosi e mi scuso con gli esclusi).A parte che,trattandosi di giornali di proprietà di grossi gruppi industriali,credo sia difficile leggervi slogan proletari contro lo "sfruttamento padronale",non sara mica per quello che l'Unto del signore ha fatto di tutto per ottenerne il controllo?A parte che,seppur indirettamente,ha fatto cacciare Ferruccio De Bortoli dalla direzione del Corriere perché a Porta a Porta faceva domande troppo scomode(ora c'è il mieloso Mieli,aggressivo come Ghandi!),vi ricordate come si precipitò in soccorso di Agnelli,anni fa,durante l'ennesima agonia della FIAT?Del tipo:"Non ti preoccupare Gianni,ti aiutiamo noi(il Governo),se intanto vuoi liberarti della RCS(il gruppo editoriale della FIAT),sono dissssponobilisssssimo a comprarlo io...".
E di questa scalata al Corriere da parte di probabili prestanome(Ricucci?Ma chi era questo Carneade fino a qualche anno fa?Sarà mica stato compagno di merende di Igor Marini?)?
Ma davvero il Sommo Silvio è riuscito a convincervi che i comunisti controllano i mezzi di informazione o è solo fumo negli occhi da gettare agli interlocutori dell'opposta fazione quando siete con le spalle al muro per via dell'indifendibilità di certe scelte del vostro Governo?
Ammesso(e non concesso:voglio le prove,i testimoni,le sentenze)che Prodi & C. abbiano la coscienza altrettanto sporca,in attesa dei fatti e presumendo l'innocenza,volete paragonare il Governo Prodi con questo?Prodi ha per caso depenalizzato la "truffa in ambito di privatizzazione di gruppo alimentare a partecipazione statale",se è vera la storia della Cirio?Ha proposto gli incentivi statali per l'acquisto di una bicicletta nuova(o di una barca a vela,per l'alleato D'Alema)?No!
Forse perchè non è andato a Palazzo Chigi per accrescere il potere economico delle sue aziende,come qualcun altro sta facendo....
La tassa sull Europa?Almeno serviva a qualcosa:se non fossimo in Europa,oggi,i turisti tedeschi verrebbero qui a fare le vacanze per comprare le nostre bambine e usarle come macchinette da sesso,come facciamo noi in Thailandia,a Cuba e così via!
La Bassanini?E ci voleva quel genio per eliminare ore di coda e quintali di scartoffie per una semplice autocertificazione?Evidentemente sì,se nessuno ci aveva pensato prima.
La Turco-Napolitano?Quella sì che ha fatto venire l'ittero a chi non vedeva l'ora di andare sulle spiagge del sud armato tipo Omaha Beach a dare il benvenuto a quei delinquenti che osano ribellarsi a secoli di sfruttamento occidentale mettendosi in 100 su un canotto senza remi per venire a fare la manodopera sottopagata qui,occupando posti di lavoro che nessuno di noi augurerebbe al peggior nemico e mandare quasi tutto il guadagnato a casa loro,visto che noi,con la nostra "carità cristiana" non diamo loro nemmeno le briciole(basti pensare a come li trattiamo ai semafori quando chiedono mezzo euro, poi stendiamo i tappeti rossi a sedicenti operatori finanziari che ci succhiano anche il sangue....scusate,ho divagato,ma ce l'avevo sullo stomaco!).
Sapete qual'è stata la colpa di Prodi?Voler utilizzare un metodo democratico!
Ha detto:"In Italia molte cose devono essere cambiate,ammodernate,ma le grandi decisioni non si possono prendere col 51% dei consensi.Facciamo la Bicamerale e stendiamo un progetto di riforma largamente condiviso per una seria ed incisiva riforma fiscale,giudiziaria,del lavoro,..."
Risultato?Dopo mesi di confronti che hanno prodotto una bozza di semi-presidenzialismo tanto caro ad AN,FI,Lega ed accettato loro malgrado dai DS,seppure maggior partito di maggioranza,che preferivano una forma di cancellierato(questa sì che è democrazia!),Berlusconi ha dapprima detto di sì(il famoso "patto della crostata"),poi,dal momento che non intendeva procedere sull'argomento Giustizia,dato che l'unica riforma che concepisce lui è quella di limitare l'azione legale ai rubagalline,ha fatto (l'ennesima) marcia indietro ed ha buttato tutto all'aria.Tanto lo sapeva che,molto probabilmente,avrebbe rivinto le elezioni ed avrebbe avuto carta bianca a colpi di maggioranza e,quando non bastava,di fiducia!
Fate voi,facciano i frequentatori del blog,ma a me sembra che ce ne siano di differenze,eccome.Parlare solo di fedine penali,dire "Sì,ma te hai più avvisi di garanzia di me",o,meglio,"Ce li hai anche te",perché di fare a gara con Berlusconi avrebbe paura anche Al Capone,vuol dire sviare l'attenzione dal problema vero:oltre al merito,che mi trova ovviamente in disaccordo,è il METODO con cui il centro-destra governa che mi fa sentire vittima di un regime di cui i mass-media sono lo strumento migliore di "assuefazione" o di distrazione.
Se non fosse così,non ci sarebbe bisogno di spulciare Internet alla ricerca delle vere notizie!!!!
Saluti a tutti e boune vacanze a chi ci può andare,forza e coraggio a tutti gli altri(me compreso!)

paolo falchini 06.08.05 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,io la seguo da molto e debbo dire che non manca mai di divertirmi.Ma una cosa non accetto:le generalizzazioni!Io sono un consulente di Banca Mediolanum,che lavoro sodo,con onestà e trasparenza.A dimostrarlo sono i miei clienti che continuano a darmi fiducia ed il loro danaro,e portano a casa i risultati più che soddisfacenti.Ed io come lei pretendo di guadagnare dal mio lavoro come è giusto e legittimo!Non capisco perchè lei debba parlare della mia banca come di una banca "moolto strana",ma se per "strana" intende dire che non dissanguiamo i nostri clienti con costi stratosferici allora siamo d'accordo!Non ho dubbi che anche da noi ci siano consulenti che non lavorano con onestà e arrechino danno ai clienti...ma per fortuna sono in pochi!Per quanto riguarda la cronaca "bancaria" di questi giorni,sono convinto come lei, che ancora una volta è l'Italia che rischia di uscirne sconfitta.
Ma le rispondo caro Grillo che non paga essere negativi e pessimisti ad oltranza.
Io mi sveglio la mattina e vado dai miei clienti sforzandomi di offrire un servizio bancario il più possibile vicino a loro,trasparente,innovativo ed economico e le assicuro che ci riesco.
La nostra mente può tenere soltanto due posizioni,e visto che non c'è niente da guadagnare ad essere negativi siate positivi!

Carlo Sandrin 06.08.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

@ Rita Porrega

Non so sono dubbiosa ... tu dici "anno in cui ci troviamo" o "anno di cui ci troviamo"? E' uno stato in luogo figurato.

Valeriana Dispert 06.08.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

vorrei spendere due parole sul gip forleo. rispettando sempre la funzione della magistratura e ritenendo che la sua autonomia sia garante di democrazia e libertà (nn può essere altrimenti) a volte mi chiedo se la signora in questione nn stia cercando un modo per farsi pubblicità. ora nn avendo seguito l'ultimo strascico di polemiche sui vari personaggi della nostra (economia) mi riferisco soprattutto agli ultimi casi che l'hanno vista protagonista e in particolare sul caso dei ragazzi arabi nn ritenuti colpevoli in quanto trattasi di guerriglieri o nn terroristi. ora credo che questi signori che operano in italia di guerriglia ne sappiano poca e ne abbiano fatta poca.... ma la signora forleo quando mai ha avuto a che fare con guerriglieri o terroristi? quindi ben venga una "super" procura antiterrorismo con persone capaci e che sappiano il linguaggio che usano. sempre con te... anche se avrei da ribattere su qualche argomento da te addotto. comunque a parte ciò dici sempre che nn ci andresti mai in tv.... soprattutto dall' uomo strisciante, ma come vorrei vederti li e mettere in difficoltà tutta quella gente finta che frequenta quel finto salotto.... DAJE GRILLO DAJE GIU' CHE SO TUTTI FROCI!!!!!

roberto mosca 06.08.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

La denuncia dagli USA: 'Coca-Cola viola i diritti umani e sindacali anche in Turchia'.
I dettagli su http://www.tmcrew.org/killamulti/cocacola/news/2005_07_29_cola_turchia.html


SALVA LA VITA AI SINDACALISTI COLOMBIANI - BOICOTTA COCA-COLA

BOICOTTA COCA-COLA LIVEatMTV
24 AGOSTO: siracusa - 4 SETTEMBRE: civitavecchia

TUTTE LE INFO SU www.nococacola.info

Maurizio Morgia 06.08.05 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Un popolo, al quale nonostante tutto sono fiero di appartenere, che non è in grado di rispettare la legalità e di insegnare alle sue nuove generazioni il rispetto delle regole, non può che essere governato da chi ci governa (opposizione inclusa) e rappresentato all'estero da uno che si comporta come Fazio. Cominciamo a rispettare le regole noi (e a farle rispettare) nel nostro piccolo, a cominciare dal parcheggiare dove si può, dall'attraversare sulle strisce, dal chiedere sempre lo scontrino guardando in cagnesco i ladri che non lo fanno automaticamente, e a pagare TUTTE le nostre tasse, e vedrete che anche ai più insensibili capiterà qualche volta di chiedersi se non sia il caso di rispettare le regole.
Chi evade anche una sola lira di tasse o semplicemente non attraversa sulle strisce, non faccia l'ipocrita parlando di Fazio: al suo posto probabilmente avrebbe fatto lo stesso (chi non mi è fedele nel piccolo non lo sarà neanche nel grande...)...

Francesco Guarino 06.08.05 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Ma che cosa vuol dire che hanno le facce impresentabili?! Cos'è adesso uno che ha la faccia che non piace a Beppe non deve neanche uscire di casa? E questa voglia di scandalizzarsi oltre ogni limite adesso da dove viene fuori? Faccio rispettosamente notare che la Banca D'Italia ha, nel corso della sua storia, coperto ogni ignominia non solo bancaria e di sicuro non nell'interesse della gente comune. Il buon anima di Guido Carli, che quasi lo fanno beato, qualcosa da dire forse l'avrebbe su quello che lui ha fatto. E Fazio... E' una vita che ritengo faccia il suo sporco dovere. Ma dov'era tutta questa bella gente quando Tremonti ministro chiedeva il mandato a termine per il Governatore sulle orme dello scnadalo MPS-121 e Cirio e Parmalat. Ve lo dico io!! Si chiedeva il rispetto sacro dell'istituzione in quanto tale ed è una delle cose più deficienti lette e viste negli ultimi anni. Già, ma in quei casi i soldi volatilizzati erano quelli dei singoli cittadini e gli interessi delle grandi banche italiane, guarda caso con presidenti che hanno lo sguardo strabico a sinistra (per loro stessa ammissione: Profumo- Unicredito, Passera e Bazoli-Intesa per non parlare delle incredibilmente politicizzate MPS Bnl e chissa quiante altre minori ebbene tutti questi hanno dichairato che voteranno a sinistra) detto che non me ne importa nulla avete mai visto o sentito presidenti di banche straniere dichiarare e sbanderiare le loro simpatie politiche? Ve lo dico io: MAI!!!!
Allora io penso che pur in modo torbido, vi sia stata una levata di scudi contro coloro che detengono il potere vero; contro quelli che decidono e che si sono sentiti minacciati da persone che sprezzantemente definiscono nei vari modi ma sempre senza alcun rispetto. Mi fa specie che persone come Beppe difendano alla fine uno schifosissimo status quo pur di andare contro alla parte politiche che meno gli aggrada. A me sembra che gli interessi in gioco siano ben diversi dalla bassissima lega politica e molto semplicemente vedo un intreccio banche-politica che nel corso degli anni è diventato inestricabile. A proposito faccio notare come proprio in questi giorni il PM abbia chiesto l'assoluzione per tutti coloro coinvolti a vario titolo nella schifosissima vicenda 121-MPS. Nessun ha visto niente e la gente è rimasta fregata. Complimenti a tutti gli strabici!

Antonio Cassano 06.08.05 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Spero che anche Valentina fra qualche anno non sia "costretta" a scendere in campo per salvarsi dalle turbe giustizialiste della politica, come è successo a Di Pietro e come temo farà la Bocassini.....
Non basta un manipolo di magistrati, per quanto bravi e coraggiosi possano essere, a salvare il Paese di Pulcinella: vi ricordate di Tangentopoli.....
Ci vuole una rivoluzione democratica, innanzitutto per mandare a casa tutta questa gentaglia incapace di gestire il proprio condominio.
In Italia tutto deve essere a tempo, orologio alla mano: massimo tre anni per tutte le cariche, con una sola possibilità di rinnovo:dall'amministratore di condominio al presidente del consiglio/repubblica.
Almeno, porca miseria, se danni devono fare li mettiamo il timer.
Saluti ai bloggers e a Beppe.

Alfredo Morfini 06.08.05 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Meglio spagnoli e olandesi che i nostri finanzieri e banchieri corrotti ed indebitati!!!
I piccoli azionisti di Antonveneta sin dall'inizio erano favorevoli all'Opa di Abn amro, ma per la nostra classe politica corrotta, la finanza indebitata, i banchieri ladri era importante mantenere "l'italianità" delle banche....ma vaff.......!

Forza Clementina!!!!!

gianni cagnin 06.08.05 09:09| 
 |
Rispondi al commento

In merito alla vicenda Fazio e company, effettivamente è meglio andare in ferie, tanto la giustizia è così lenta comunque che nel mezzo c'è spazio anche ad un periodo di ferie ( la Forleo compresa..). E parlando della Forleo, io penso, visto il momento delicato che noi italiani stiamo vivendo, forse sarebbe il caso che si prendesse un periodo di congedo così eviterebbe di prendere certe iniziative tanto discutibile e magari avendo non solo rispetto per gli extracomunitari ( giusto! quelli onesti) ma anche per l'operato delle forze di polizia che, e non solo in questo periodo, si fanno un mazzo così per la legalità.

luigi pauciullo 06.08.05 09:04| 
 |
Rispondi al commento

SAI BEPPE?! QUESTA GENTAGLIA CHE FA FARE BRUTTA FIGURA ALL'ITALIA NEL MONDO MI HA DAVVERO NAUSEATO MI FANNO DAVVERO SCHIFO. SONO PRESUNTUOSI SANNO CHE SONO POTENTI,(NON SI PRESENTANO DAL GIUDICE , SE LO FACESSI IO....) DIFESI DA QUESTO IGNOBILE GOVERNO DI PAGLIACCI. NON LI VOGLIO PIU' VEDERE SPERIAMO CHE FINISCA PRESTO QUESTO GOVERNO DI BUFFONI E CHE FINALMENTE PAGHINO I LORO DEBITI CON LA LEGGE.

VIVA L'ITALIA

DEFELICE TOMMASO 06.08.05 07:21| 
 |
Rispondi al commento

[DivX - ITA] - Beppe Grillo BERLUSCONI - (DA VEDERE).avi

Scaricatelo da Emule

Salvatore Fatigati 06.08.05 01:01| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, bella tosta questa delle faccione di Fazio & c. L'ho fatta ripubblicare anche sui mitici Memorabilia di Galluzzo.it (http://www.galluzzo.it/news.asp?id=726). Hanno cambiato l'immagine cubista ma quel che conta sono le tue parole. Forti forti...
Bacioni > vado al mare!

Laura Megni 05.08.05 23:43| 
 |
Rispondi al commento

05 Agosto, 2005
Usuraio arrestato: chiedeva interessi del 300%
Antonio Fazio di Bankitalia era uno strozzino che chiedeva interessi esorbitanti.

Roma - Prestava soldi facendosi pagare interessi che andavano dal 299 fino a 342%. Per l'usuraio sono scattate le manette dopo la denuncia presentata da una donna di Roma che con piccoli prestiti ottenuti aveva finito per rovinarsi. Antonio Fazio di Bankitalia, arrestato su disposizione del Gip milanese Clementina Forleo, svolgeva la sua attività di usuraio in tutta la nazione. Secondo le indagini compiute dal commissariato di Roma, Antonio Fazio di Bankitalia si serviva delle banche presso le quali aveva aperto decine di conti correnti, che erano inconsapevoli del suo giro d'affari: l'uomo infatti assicurava il suo appoggio presso l'istituto di credito a quanti avevano bisogno di un prestito. Una volta accertata l'insolvenza del cliente da parte delle banche, interveniva lui con la sua «generosità» prestando il denaro a tassi altissimi. Arrestato dalla polizia nella sua villa in montagna dove gli agenti hanno trovato cambiali e assegni per centinaia di milioni. Tra i suoi clienti numerosi commercianti e titolari di piccole e medie aziende . (Notizia by ANSIA PRESS)

Crhistian Fufu' 05.08.05 23:18| 
 |
Rispondi al commento

non è più corretto vizio di cui e non vizio in cui?
con tali dilemmi a stendermi vo'.

Postato da: Maria Adele Del Vecchio il 05.08.05 01:39

-------------------------------------------------

Io direi "di cui"...mi sembra più corretto.....

Rita

Rita Porrega 05.08.05 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Trash (Suede)
Maybe, maybe it's the clothes we wear,
The tasteless bracelets and the dye in our hair,
Maybe it's our kookiness,
Or maybe, maybe it's our nowhere towns,
Our nothing places and our cellophane sounds,
Maybe it's our looseness,

But we're trash, you and me,
We're the litter on the breeze,
We're the lovers on the streets,
Just trash, me and you,
It's in everything we do,
It's in everything we do...

cristiano di giovanni 05.08.05 23:03| 
 |
Rispondi al commento

UN SITO INTERESSANTE


http://www.arcoiris.tv

Alberto Savarino Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 23:02| 
 |
Rispondi al commento

Basta sono stufo di provocare... Siete troppo Faziosi.
Have a good Night

Filippo Trascinelli 05.08.05 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Ancora una volta ci siamo fatti la figura degli ITALIANI.
All'estero ci considerano dei mezzi truffatori e questi episodi non fanno altro che confermare tutto quello che di brutto pensano di noi...
E come spesso capita il "buon esempio" viene dalle istituzioni che sono le prime a cercare di barare...
Tutti noi abbiamo cercato di evitare una coda o cercato una raccomandazione o chissa cos'altro, ma se lo fanno i nostri governanti perchè non lo possiamo fare anche noi?

FAZIO NON HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DEGLI ITALIANI! HA SOLO DATO LA CONFERMA DI QUELLO CHE GIA' PENSANO DI NOI!!!

Alberto Savarino Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 22:59| 
 |
Rispondi al commento

BRAVO TREMONTI, a tè Fazio stava antipatico da prima. Sei l'unico che può parlare altro che questi bacianatiche che adesso sono scandalizzati. Tu avevi sentito puzza di fogna molto prima della Forleo. Perchè quelli di sinistra non ti hanno lasciato fare???

Filippo Trascinelli 05.08.05 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Dal sito di Forza Italia:
"Forza Italia è partito programma e non
partito-pigliatutto. Nasce
per imporre la moralità
del fare contro il teatrino
delle oligarchie"

Ma ce lo mettiamo un bel "Mavaffanculo!".

Silvio Berluschino 05.08.05 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Trash, io non ho niente contro le droghe, ma se non le reggi evitale. O almeno diminuisci le dosi
ciao

cristiano di giovanni 05.08.05 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Filippo Trascinelli il 05.08.05 22:35


AAAAArghhhhhh! Trash fermati li!!!

Fra poco mi difendi anche Silingardi!!!

Noooooooooooooooooooo!

Be happy Trash

maurizio spina 05.08.05 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Troppe cose contro natura quest'estate! Anche la mortazza al pistacchio è gay!!!


Postato da: Filippo Trascinelli il 05.08.05 22:11

I tempi cambiano caro Trash e le mamme imbiancano!!

Una volta si sarebbe disquisito se la morta pistacchiosa era di destra o di sinistra!!

Col maggioritario disquisiamo se è gay o etero!!!

I banchieri si mandano baci!!! Va bè che sono mafiosetti però....... Facciamo così!!!

Condanno Fazio e Fiorani a baciare Andreotti......

Le buone abitudini non vanno perse!!!!

Good night bloggers

maurizio spina 05.08.05 22:50| 
 |
Rispondi al commento

I COMUNISTI non sono quelli storici.
Non rifugiatevi dietro questa scusa puerile,come se non avessimo coscenza che i tempi sono cambiati.
IL COMUNISMO è scomparso, ma i COMUNISTI sono quì, tra noi, basta leggere come stavolgono la realtà per supportare le loro tesi, come usano le loro fantasie per supportare la loro parte.
MENTITE MENTITE ma si sente sempre il vostro lezzo!

Filippo Trascinelli 05.08.05 22:49| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: cristiano di giovanni il 05.08.05 22:13
Perchè stavolgi la realtà, prima sono uscite le intercettazioni sul giornale, poi sono state congelati i voti, poi le azioni e poi adesso si mandano a chiamare gli interessati.

Con questo a me Fazio, le banche stanno sui coglioni da molto, non da ora.Quello che mi straccia i coglioni è che non c'è un giudice che faccia bene il suo lavoro. Dov'è una comunicazione ufficiale che informi del reato contestato e dei presupposti contenuti del reato?
Che cacchio vuol dire 24 faldoni. Voglio 24 righe!!! con 24 faldoni non condanni mai nessuno, lo hai capito o no?

Filippo Trascinelli 05.08.05 22:35| 
 |
Rispondi al commento

(Notizia by ANSIA PRESS)
Postato da: Crhistian Fufu' il 05.08.05 22:09

PROPAGANDA STALINISTA!!!FANCULIZZATI NEL GULAG, le mie tasse mantengono anche i parassiti come te. Che sfiga!

Filippo Trascinelli 05.08.05 22:23| 
 |
Rispondi al commento

Intercettazioni telefoniche dei personaggi di potere sono illegali??????????????


NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

Devono diventare OBBLIGATORIE e continuate!!!!!!!
Bisogna tenerli sotto controllo CONTINUO.
Tenerli sotto tiro.Vedere nel buccio del culo che cosa cagano. Devono rendere conto di tutto quello che fanno. Eliminiamo L'IMMUNITA' parlamentare. Anzi, bisogna inasprire le pene per senatori deputati e ministri che sbagliano e delinquono.GALERA per quelli che distruggono il paese.Chi sale al potere DEVE risponderne legalmente dei danni che ha provocato!!!!!!!Così ci pensano 1000 volte prima di candidarsi alla politica gentaglia incompetente, arrivista e delinquente!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

gualtiero pernice 05.08.05 22:17| 
 |
Rispondi al commento

Filippo guarda che l'unico che non ha capito cosa è successo sembra proprio che sia tu. Dispiace dirlo. Rileggiti un po di post e schiarisciti le idee. All'estero l'hanno capito benissimo. Qui l'abbiamo capito. Metti da parte i preconcetti ideologici e le appartenenze politiche (che per altro per capire la faccenda non servono neppure molto) e renditi conto che il magistrato inquirente ha disposto delle indagini (era un po che c'era puzza di bruciato sulla faccenda) e ne aveva anche tutte le ragioni visto quello che hanno rivelato le intercettazioni telefoniche. Proseguendo la metafora, è come se tu fossi andato a 160Km/h e un autovelox ti avesse fotografato. Per cui ora ti toccherebbe pagare multa e ti dovrebbero essere tolti dei punti

cristiano di giovanni 05.08.05 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Buone ferie Trash!!!!!
Postato da: maurizio spina il 05.08.05 22:03

Ciao Maurizio,
Buone ferie anche a Te!!!
Troppe cose contro natura quest'estate! Anche la mortazza al pistacchio è gay!!!

Filippo Trascinelli 05.08.05 22:11| 
 |
Rispondi al commento

Eh eh ecco perchè difende Fazio: 05 Agosto, 2005
Filippo Trascinelli indagato per evasione fiscale.
Avrebbe nascosto al fisco ingenti somme emettendo fatture false.

Roma - Dopo i problemi per tossicodipendenza, quelli fiscali. Filippo Trascinelli è indagato per evasione fiscale dalla Guardia di Finanza di Roma. La notizia, anticipata oggi dal sito Fuorissimo.com , è stata confermata anche dal ministero delle finanze italiane. Secondo Fuorissimo.com, attraverso un finto trasferimento di residenza a Montecarlo e un giro di fatture false di dimensioni internazionali, il Trascinelli avrebbe evaso al fisco milioni di Euro. La procura avrebbe avviato indagini dopo la presentazione a fine agosto di un rapporto di circa 350 pagine degli agenti del fisco. Gli inquirenti sostengono che Filippo Trascinelli avrebbe emesso fatture false fin dal 1985. Funzionari del fisco hanno posto sotto sequestro tutti i beni del Trascinelli, bloccato i conti correnti ed emesso ordine di cattura per l'indagato che al momento ha fatto perdere le tracce.(Notizia by ANSIA PRESS)

Crhistian Fufu' 05.08.05 22:09| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Filippo Trascinelli il 05.08.05 21:23

Eila' Trash! Tranquillo!

Fra poco arriva l'Igor Marini di periferia con un nastro scottante contenente il comunicato n° 2 delle brigate bancarie olandesi!

Il presidente Abn Amro che dice ad un non ben identificato Romano:
"ti bacerei su un pistacchio della mortadella!"

Sai.....Una par condicio giudiziaria non la si nega a nessuno nello Stivalone!

Buone ferie Trash!!!!!

maurizio spina 05.08.05 22:03| 
 |
Rispondi al commento

Comunque come sempre bacetti, piselloni extracomunitari e qualsiasi cazzata è buona per non parlare della sostanza. Questo giudice ha riscontrato un azione di aggiotaggio. Possibile che delle accuse non si sa un cacchio. Come si sarebbe attuato questo reato? non credo con i bacetti. Le prove devono essere: quali notizie sono state divulgate e quale è il lucro che questi signori hanno realizzato. Fatto questo si condannano e dopo si fanno le "pubblicazioni".
Per questo all' estero sono allibiti, perchè non si capisce un cazzo!!!

Filippo Trascinelli 05.08.05 22:02| 
 |
Rispondi al commento

@Filippo
guarda che le intercettazioni telefoniche se autorizzate dal gip sono una cosa perfettamente legittima. Assolutamente normale. Le fanno in tutto il mondo.
Scusa ma non ti fermano mai per la strada per un controllo? E se ti fermano che fai? gli contesti che non sarebbe legittimo che ti facciano un controllo? E poi se ti controllano mica vuol dire che ti fanno la multa! te la fanno solo se non sei in regola.

cristiano di giovanni 05.08.05 21:58| 
 |
Rispondi al commento

no bello, l'avviso di garanzia scatta in un secondo momento, Prima ci sono le indagini preliminari, ti iscrivono sul registro degli indagati ed è perfettamente lecito l'uso delle cimici e delle intercettazioni telefoniche. D'altronde se non superi il limite non prendi la multa. Se non hai nulla da nascondere che te frega? anche se ti metti a parlare al telefono delle peripezie di una notte di fuoco con la tal tipa che vuoi che gliene freghi alla polizia?
Hai notato poi quanto sono state utili le intercettazioni telefoniche per combattere il terrorismo islamico e la mafia?
Mandare l'avviso di garanzia prima di intercettarti sarebbe come telefonare al portiere prima di tirargli il pallone

cristiano di giovanni 05.08.05 21:51| 
 |
Rispondi al commento

@ KATIA BOLOGNESI

Fatto!!!Ho inviato la mail!
E' una cosa veramente vergognosa la figura che ci fanno fare in Europa certe persone....e poi ci lamentiamo se ci considerano un popolo capace solo di fare "inciuci"!!!!
Rita

Rita Porrega 05.08.05 21:44| 
 |
Rispondi al commento

No, ma ti rendi conto?

Postato da: cristiano di giovanni il 05.08.05 21:35

Sto dicendo che gente malata occupa posti chiave del nostro ordinamento.
Non è che si piglia un ladro commettendo un' altro reato solo perchè è minore.
Non funziona così.
Funziona che i malati vanno ricoverati, compresi quelli malati di protagonismo

Filippo Trascinelli 05.08.05 21:43| 
 |
Rispondi al commento

@filippo
È come se tu, sporgendo denuncia per un furto, te la prendessi con il poliziotto a cui lo stai denunciando. E i ladri? i ladri no, perchè non si sa mai, magari potrebbero essere tuoi amici...

cristiano di giovanni 05.08.05 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, mi correggo, prendersela con le intercettazioni è esattamente come prendersela con gli autovelox. Stabilito che l'autovelox non è un invasione della privacy perché scatta solo quando superi il limite di velocità, allo stesso modo le intercettazioni telefoniche non sono usabili dalla magistratura a meno che tu non commetta degli illeciti e ne parli al telefono.
Postato da: cristiano di giovanni il 05.08.05 21:22
TU SEI FUORI DI TESTA!
La legge prevede che se tu stai indagando su di me mi mandi un avviso di garanzia.
Se no ci devono essere regole ben precise ed interessi superiori per la limitazione della libertà altrui.
Autovelox un cazzo! la strada è suolo pubblico e se eccedi il limite è una violazione palese.
Mi sembra che le idee siano poche e ben confuse!

Filippo Trascinelli 05.08.05 21:39| 
 |
Rispondi al commento

@ filippo
praticamente stai dicendo: "in tutti questi anni ho pagato il mio conto corrente una cifra! Avrei potuto risparmiare ma non me lo permettono. Poi quando ne avevo la possibilità mi hanno tarpato le ali e mi hanno fregato nuovamente. Però siccome ho il sospetto che mi abbiano fregato quelli che voto io, allora cosa faccio? me la prendo con il poliziotto che stava cercando di rendermi la vita un po meno costosa."
No, ma ti rendi conto?

cristiano di giovanni 05.08.05 21:35| 
 |
Rispondi al commento

ma gli olandesi non vi riconoscono come fratelli celtici? o sono germanici? Non ricordo? Mi aiuti?
Postato da: luigi Carloni il 05.08.05 17:19

Perchè tu cos'avresti da essere orgoglioso dei romani? fammi un esempio pratico.

Filippo Trascinelli 05.08.05 21:32| 
 |
Rispondi al commento

E' stato Antonio Maria Mira, giornalista de "L'Avvenire" che già si era lungamente occupato dei molti "misteri" legati alla missione in Somalia, a far riesplodere gli interrogativi su una delle morti più oscure che hanno segnato la presenza italiana nella disgraziata missione IBIS.
Il maresciallo Li Causi, ucciso in Somalia da una "pallottola vagante" il 12 novembre 1993 (scortava un camion civile che trasportava "civili somali", ma non si è mai saputo chi stesse veramente scortando; ci fu anche una prima versione che parlava di "agguato di banditi somali") e poi insignito di medaglia d'oro (per la pallottola vagante?) non era un militare "qualunque": era un agente superspecializzato del Sismi, era istruttore di Gladio, dirigeva il Centro Scorpione a Trapani, uno dei punti più importanti di "Stay Behind", era stato attivato nella ricerca del Generale americano Dozier, rapito dalle B.R., inviato da Craxi in Perù nel corso dell'Operazione Lima. Sulla sua morte, su quella pallottola vagante, c'è sempre stato un muro totale di silenzio: ora uno squarcio, aperto dalle dichiarazioni del sostituto procuratore Franco Ionta, ascoltato recentemente dalla commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti, nel corso dell'indagine sui possibili legami fra traffici illeciti di rifiuti tra Italia e Somalia e la morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin.
La rivelazione di Mira è legata a quanto avrebbe rivelato il sostituto Ionta sull'indagine Li Causi: "il P.M. Ionta, il 26 giugno 1999, ha "dovuto" chiedere l'archiviazione del caso. E il termine "dovuto" -scrive Mira - non è casuale. Infatti, per ben due volte, il magistrato, come si legge nel documento di archiviazione, ha chiesto "al Ministro di Grazia e Giustizia" determinazioni per procedere in Italia" secondo quanto previsto dall'art. 10 del Codice Penale, "ricevendo risposta negativa". " Quindi per l'omicidio Li Causi il Guardasigilli ha negato l'autorizzazione ad indagare sul presunto assassino. Quale Guardasigilli? prima Flick, poi Diliberto. Eppure il nome dell'assassino (presunto) era noto al P.M. Inoltre Ionta afferma che ci furono altri strani "stop" nella vicenda Li Causi: ad esempio, la notte stessa dell'omicidio, i militari italiani non attuarono alcun rastrellamento nella zona in cui era avvenuto il fatto. Lo testimoniano i responsabili del G2 (la cellula informativa e di intelligence) il Colonnello Carmelo Ventaglio e il Tenente Colonnello Giuseppe Attanasio.
Quando si concluse il processo d'appello per la morte di Ilaria Alpi, Frattini, allora Ministro della Funzione Pubblica, dichiarò a gran voce la volontà governativa di fare luce sulla sanguinosa vicenda somala: "Il Governo intende fare chiarezza sull'omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, avvenuto nel 1994 a Mogadiscio, ma non può imporre ai servizi segreti o alla polizia giudiziaria di rivelare una fonte quando essi ritengano di non rivelarla." Così parlò alla Camera dei Deputati Franco Frattini. A che si riferiva Frattini? In primo luogo, al Direttore del SISDE, prefetto Mario Mori, che, durante il processo per "l'esecuzione" di Ilaria e Miran davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Roma –conclusosi con la condanna del somalo Hassan, uno degli "esecutori", a 26 anni di carcere, ma senza nessuna identificazione dei "mandanti"- aveva confermato l'esistenza di rapporti del SISDE, nei quali si faceva riferimento all'organizzazione dei due omicidi da parte di un gruppo di mandanti. A Mori era stato chiesto se intendesse rivelare la fonte delle notizie: il prefetto aveva rifiutato "per motivi di sicurezza", rifacendosi all'Art. 203 del Codice di procedura penale, che consente ad ufficiali di polizia di mantenere il segreto sulle fonti informative. Ancora una volta, il nodo di tutto è una gestione "malata" del segreto, un appello indiscriminato alla "ragion di Stato", per perpetuare una cortina di silenzio e di depistaggi. Ed ecco Frattini, assicurare che "il Governo è fermamente intenzionato a porre in essere ogni azione necessaria a fare chiarezza sull'omicidio. In tal senso – prosegue Frattini – il Presidente del Consiglio non ha mai ritenuto di apporre il segreto di Stato nell'ambito del processo penale in corso. E il Governo intende affermare che, ove necessario, provvederà a rimuovere vincoli di segretezza che possano frapporsi al perseguimento della verità, e dei quali, in base alla normativa vigente, può assumersi la piena responsabilità politica." E' quell'inciso "ove necessario" – che lascia pensierosi: chissà se si ravvisa "necessario" rimuovere gli ostacoli al raggiungimento di una verità che, dal 20 marzo 1994, è offuscata da un mare di "non ricordo", "parlerò quando sarò in pensione", da versioni ufficiali smentite da fatti e testimoni, da ricostruzioni lacunose e bugiarde…Frattini diceva ancora: " Il segreto cui si fa riferimento è stato apposto sia dal SISDE che dalla polizia giudiziaria di Udine, in base all'applicazione dell'Art. 203 del Codice di procedura penale. Si tratta di una disposizione che affida l'apposizione del segreto sull'identità della fonte alla esclusiva discrezionalità del servizio informativo o della polizia giudiziaria, senza che l'autorità politica o i superiori gerarchici possano obbligare un diverso comportamento." Commenta Falco Accame: " La questione del diritto a non rivelare le fonti non è così semplice come la mette Frattini!" e continua così "…Se si conoscono, e da anni, i nomi dei mandanti, perché non sono state fatte indagini per confermare o meno l'attendibilità delle fonti? Comunque il problema è di conoscere chi sono i mandanti, e ciò indipendentemente dalle fonti che li hanno rivelati…"
Ma c'è la possibilità che quei mandanti non appartengano ad una storia lontana, ma abbiano radici ed interessi attuali in Somalia, c'è la possibilità che trincerarsi dietro "la ragion di Stato" serva ancora a coprire una rete di "affari" che parte da lontano e arriva fino ai nostri giorni…all'epoca di IBIS, ci fu chi volle a tutti i costi che l'Italia entrasse nella missione, forse anche alla ricerca di un'operazione di immagine, nel quadro di un allargamento dei paesi membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'ONU, tesa anche a riscattare definitivamente Roma dall'ombra della passata complicità con Siad Barre. Ricordiamo qualche passaggio che portò alla missione IBIS. Gli italiani si trovarono dapprima a rincorrere gli americani per acquistare "con versamenti in dollari" la benevolenza del capo degli Habr gedir Aidid, poi - con la fase UNOSOM II e il passaggio del comando americano dal filo-Aidid Oakley all'Ammiraglio Howe, furono ancora una volta spiazzati dal nuovo corso della missione che si apre "appunto con l'intimazione alle bande tribali di consegnare i fucili". realtà, UNOSOM II ereditò tutti i problemi non risolti dalla prima fase, "Restore Hope": non furono intaccati gli interessi economici dei "signori della guerra" , non venne bloccato il traffico delle armi né il sistema delle estorsioni, né la conflittualità fra bande. La situazione degenerò il 5 giugno 93, quando un reparto di caschi blu pakistani cadde in un'imboscata dei miliziani di Aidid nei pressi di Radio Mogadiscio. "Accerchiati -scrive Mauro Merosi- chiedono aiuto alla base UNOSOM . Questa incarica il contingente italiano di gettarsi nel combattimento. E' a questo punto che avviene il disastro e che si consuma la frattura- che poi diverrà insanabile- tra l'ONU e la missione italiana…fino ad arrivare a venerdì 2 luglio 1993, "il venerdì nero dell'Ibis", del quale giorni fa si è celebrato il 9° anniversario, con cerimonie e commemorazioni in tutta Italia per ricordare i tre militari italiani morti al Check-point "Pasta", il sottotenente dei Lancieri Andrea Millevoi, il Sergente Maggiore degli Incursori Stafano Paolicchi, il paracadutista Baccaro. Così lo raccontano Porzio e Simoni in "Inferno Somalia": "una normale operazione di rastrellamento che coinvolge 800 soldati si trasforma, all'improvviso, in un'azione di guerra. Si combatte nelle strade sterrate intorno al pastificio: gli uomini armati si riparano dietro donne e bambini. Un'imboscata in piena regola. Allo stupore seguono momenti di sbandamento. Dal comando arrivano ordini contraddittori: avanzate, ritiratevi. I paracadutisti sparano i lacrimogeni, ma i miliziani usano armi pesanti e kalashnikov. La notizia arriva in Italia come una bomba": tre soldati sono rimasti uccisi negli scontri, gli italiani hanno perso due posti di blocco, il Pasta e il Ferro, che recupereranno solo dopo alcuni giorni di trattative". più di un testimone me lo confermato… era la prima volta che le nostre forze militari si trovavano impegnate a livello operativo, e i comandi erano impreparati, sia il comando UNOSOM che quello italiano. Le polemiche scoppiate intorno alla missione IBIS 2 coinvolsero tutti gli schieramenti politici, dando vita anche ad accesi dibattiti nell'ambito delle Commissioni parlamentari: e la storia potrebbe ripetersi, perché anche adesso, si parla di interventi per fini militari ma, anche, e soprattutto, umanitari…la stessa cosa che si disse nel 92/93, e sappiamo che la missione umanitaria, anche allora, si è trasformata in una vera e propria missione di guerra, che nessun sollievo ha portato alla popolazione civile…anzi! La Somalia è ancora, come allora, un inferno, dove domina l'odore della morte, dove si uccide per una bottiglia d'acqua, dove si baratta tutto e tutto si compra per pochi dollari, dove i pozzi sono proprietà privata, dove parlare di assistenza sanitaria è una follia, e quel poco che esiste è affidato all'eroismo di organizzazioni di volontari. Le polemiche su Ibis esplosero anni dopo la nostra presenza in Somalia, presenza che causò contrasti accesi con il contingente americano. questo riguardo, citiamo ancora Merosi che dice espressamente " l'atteggiamento che caratterizza la partita italiana in Somalia è il costante spiazzamento di fronte ai comportamenti dei due principali giocatori USA e ONU. momento dello sbarco ( 4 gennaio 1993 n.d.A.) i capi della nostra missione sono convinti di dover imporre il disarmo delle bande armate , condizione indispensabile per ogni ricomposizione di un tessuto di convivenza e di sviluppo civile. L'Italia si trova invece immessa in un gioco che ha già trovato le sue regole . dire che Oakley , il rappresentante americano, parteggia chiaramente per ".Somalia si trova tuttora fra gli ultimi Paesi del mondo nella classifica relativa all'indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite.
Si aprirà qualche spiraglio di verità sui tanti misteri di IBIS, a cominciare da quelli che avvolgono l'esecuzione di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, lo strano omicidio del "gladiatore" maresciallo Li Causi? "Il Governo è intenzionato - aveva dichiarato Frattini - se vi siano documenti, elementi o qualsiasi fatto conosciuto dai nostri servizi e non ancora acquisito o trasmesso alla Magistratura , a segnalare immediatamente tramite il Cesis, la necessità che nessun archivio esistente possa contenere elementi utili e non ancora noti alla Magistratura. Ciò al fine di un indispensabile accertamento della verità…". E allora chi ha bloccato le indagini sulla morte di Li Causi?
Maria Lina Veca

Mario Scafroglia 05.08.05 21:30| 
 |
Rispondi al commento

Chi sarebbe stato a divulgare le telefonate ai giornali??? Forse ci sono giudici che hanno bisogno di coccole e sono gelosi dei bacetti che riceve Fazio.Su ragazzi mandate tanti bacetti a tutti questi maturati all' ombra, disadattati e pieni di carenze affettive.
Popolo di ...poeti,...santi e... navigatori...

Filippo Trascinelli 05.08.05 21:23| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, mi correggo, prendersela con le intercettazioni è esattamente come prendersela con gli autovelox. Stabilito che l'autovelox non è un invasione della privacy perché scatta solo quando superi il limite di velocità, allo stesso modo le intercettazioni telefoniche non sono usabili dalla magistratura a meno che tu non commetta degli illeciti e ne parli al telefono.

cristiano di giovanni 05.08.05 21:22| 
 |
Rispondi al commento

@ marco e giorgio
che palle ragazzi che dobbiate a vedere tutto secondo colori politici! Ma c'avete il cervello lottizzato? La faccenda è molto più semplice. Fazio e la nostra classe politica, di destra e di sinistra cercano di agevolare le banche italiane facendo in modo che nessuna nuova banca straniera entri nel mercato italiano perché le banche nostrane si sono accordate su quanto farci pagare e, soprattutto, per farci pagare tanto. In cambio le nostre banche è probabile che sostengano le campagne elettorali dei nostri partiti. Probabilmente tutti.
L'entrata di nuovi concorrenti nel mercato potrebbe fargli perdere tutti i loro privilegi. Per cui cercano di non farli entrare.
Sullo scandalo in questione la destra non si è espressa più di tanto, a parte la storia delle intercettazioni (perché chi ha qualcosa da nascondere anche in altre faccende, non vuole essere scoperto. Che è un po come dire che le multe che ti sei preso per infrazione del codice della strada non sono colpa tua, ma dei vigili. E quindi mettiamo meno vigili nelle strade). La sinistra fa il suo gioco, visto che è all'opposizione, e chiede le dimissioni di Fazio. Che sarebbero doverose. Se però centro sinistra e centro destra fossero così liberali come dicono di essere avrebbero cercato di intervenire sui costi bancari prima che scoppiasse tutta la faccenda visto che è da quel di che ci si è accorti che i costi delle banche italiani sono stratosferici rispetto alle banche dei paesi esteri. E l'avrebbero fatto attraverso Fazio. Parlare di destra e sinistra in tutta la faccenda serve solo a distrarci dal reale problema: che ci stanno fregando ancora una volta sia che si voti FI sia che si voti DS sia che si voti BLABLABLA
E poi comunque Fazio non ha una connotazione politica.
E poi basta con sta storia che si giustificano le ladrate della propria parte con le ladrate dell'altra. Le ladrate non si giustificano punto e basta. Come dire, tu mi hai rubato la macchina e l'altro che ti risponde si ma tu mi hai rubato la moto. ma che discorsi sono? cominciamo a non rubare

cristiano di giovanni 05.08.05 21:11| 
 |
Rispondi al commento

"ULTIMISSIMA NOTIZIA ANSA:


ANTONVENETA, MOODY'S DECLASSA IL RATING DELLA BPI "


RInfgraziamo Prodi che oggi ha fatto un'altra bella intervista propagandistica per il suo partito.
Dai fra un po andiamo proprio a picco pur di far eleggere tal partito o tal'altro...

Giorgio Maguolo 05.08.05 20:28| 
 |
Rispondi al commento

Antonveneta potrebbe essre una banca che finanzia i partiti di sinistra, mo' quei stessi partiti prendere ancora + soldi da una banca olandese e potrebbero quindi essere a favore di questa acquisizione.
A stò punto un imprenditore del nord che potrebbe finanziare i partiti di destra se la vuole comprare. A quelli di sinistra potrebbe non stare bene, così potrebbero rivolgersi a quelli che potrebbero essere i loro amici magistrati, per fare delle intercettazione e far scoppiare un caso.
Potrebbero.

Marco Rossi 05.08.05 19:53| 
 |
Rispondi al commento

Non c'entra gran che con il tema FAZIO ma se potete scaricate questo file da emule.
Guardate un po' che opinione hanno di Berlusconi all'estero.
Queste cose si devono diffondere invece in Italia le censurano.
[DivX - ITA] - Beppe Grillo BERLUSCONI - (DA VEDERE).avi
Non so Beppe che c'entri col filmato ma il titolo è così. Buna visione!

Salvatore Fatigati 05.08.05 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Ennesima figura di m... targata italia. Mancava una figuraccia con l'Olanda. Ringraziamo la "morroide disumana", come Beppe definiva in uno spettacolo di qualche anno fa, l'ottimo Antonio Fazio. Speriamo ce ne liberiamo presto, e speriamo pure che a nessuno poi, venga in mente di farlo presidente della repubblica (delle banane).

alberto maiale 05.08.05 19:37| 
 |
Rispondi al commento

ULTIMISSIMA NOTIZIA ANSA:


ANTONVENETA, MOODY'S DECLASSA IL RATING DELLA BPI

L'agenzia di rating internazionale Moody's ha abbassato al livello D+ da C- il proprio giudizio su Banca Popolare Italiana, la ex Popolare di Lodi. Lo si legge in una nota dell'agenzia stessa. L'abbassamento del giudizio sulla capacita' finanziaria (Financial Strenght Rating) deciso da Moody's - prosegue la nota - e' legato a una serie di sviluppi e indicazioni negative rispetto a quando era stato avviato il processo di rating, lo scorso 13 maggio.

La banca lodigiana - osserva infatti l'agenzia - e' costretta ad affrontare, proprio negli ultimi tempi, sconvolgimenti di natura operativa, in seguito alla sospensione per un periodo di due mesi del suo amministratore delegato e del suo direttore finanziario.

Inoltre - viene osservato - i recenti sviluppi legati al tentativo di acquisire Antonveneta dovrebbero incrementare i finanziamenti e i costi operativi, compresi quelli legali, e generare possibili implicazioni sulla reputazione della banca, in particolare sui mercati 'non retail'. Secondo quanto riferito da Moody's, tutti i rating di Bpi e di Efibanca rimangono sotto osservazione per un possibile 'downgrade'.

Questo, viene osservato dall'agenzia americana, poiche' ''nonostante alcune azioni significative assunte dalla banca con l'obiettivo di rafforzare i valori patrimoniali obbligatori, la capitalizzazione economica rimane debole, considerando l'accresciuto profilo di rischio e l'appetito della banca. In aggiunta - viene spiegato ancora - nel caso in cui Bpi abbia successo nell'acquisto di Antonveneta i ratio sul capitale rimarrebbero sotto pressione''.

L'agenzia americana manterra' ''tutti i rating di Bpi e Efibabanca sotto osservazione per un possibile downgrade''.

Max Polo 05.08.05 19:35| 
 |
Rispondi al commento

oltre cio'che si trova sul sito,vorrei saper se qualcuno può darmi qualche informazione sulla BANCA ETICA?

qualcuno dei bloggers ha il conto li?

come vi trovate?

sorprese....?

grazie in anticipo x l'aiuto.

antonio d'arpa 05.08.05 19:24| 
 |
Rispondi al commento

FORZA FORLEO e già che ci siamo
FORZA GHERARDO COLOMBO, ILDA BOCASSINI, GIANCARLO
CASELLI, INGROIA e tanti ALTRI MAGISTRATI CHE FANNO FINO IN FONDO IL LORO DOVERE (nonostante "qualcuno" li abbia definiti malati di mente)

agostino saglietti 05.08.05 19:14| 
 |
Rispondi al commento

Castelli se potessi ti mangerei il gulliver!! Mi sento male, non voglio più essere sua concittadina...tanto per lui neanche lo sono perchè son sarda.

carla toni 05.08.05 18:23| 
 |
Rispondi al commento

carloni ... non rispondo perche' mi dovrei mettere al tuo livello,

ivana iorio 05.08.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Esco a comprare la Padania e torno...avro' la valuta giusta (euro, lira, sghei, ...)?

Luigi Carloni 05.08.05 17:57| 
 |
Rispondi al commento

@ Balducci

Come lo chiami il partito Forza Alfonso o come disse Roberto Benigni tempo fa Alè Alèoooo?

Antonio Cafagna 05.08.05 17:56| 
 |
Rispondi al commento

@Antonio Cafagna il 05.08.05 17:51.
Guardi che dopo la secessione in Padania sicuramente costera' (circa 3 sghei) di meno che in Olanda perche' la concessione verra' data da BPL a Credieuronord.

Luigi Carloni 05.08.05 17:55| 
 |
Rispondi al commento

IL PROBLEMA E' CHE SE VOGLIO LEGGERE LA PADANIA SONO FATTI MIEI, LA COMPRO E NON ROMPO LE PALLE AGLI ALTRI, QUI INVECE TU ROMPI SOLO LE PALLE ALLA GENTE... MA ESCI UN PO' INVECE DI RINCOGLIONIRTI DAVANTI AL VIDEO

IVANA IORIO 05.08.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: IVANA IORIO il 05.08.05 15:52

Ivana io non appartengo e non voglio appartenere a nessuno degli schieramenti politici che attualmente infangano la politica italiana.
Nessuno attualmente penso possa meritare di rappresentare il cittadino italiano onesto, tranne pochissimi casi. Ma tu come fai a dar retta o a schirarti con gente che in passato ha detto: mai con berlusconi! oppure: con fini non prenderei neanche un caffe! e poi sono li insieme culo e camicia. Io non ti conosco, ma se sei, come penso, una persona seria e coerente, come fai a dare credito a gente come calderoli, borghezio, castelli, ce', ecc. ecc., gente che brucia il tricolore, che canta Roma ladrona e poi ne sfrutta in tutto e per tutto i benefici. E non parlo da cittadino del sud Italia, perche' vivo e abito a Torino da sempre.
Ciao

Sandro Bardo 05.08.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento

In italia il costo medio annuo di un conto corrente, bolli esclusi, ammonta a € 78,00, in Olanda a € 25,00.
La differenza mi sembra sostanziosa, forse perchè una concorrenza reale e leale produce effettivi vantaggi per l'utenza.

Antonio Cafagna 05.08.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Se c'e' un giornale come la Padania che ci vive di cretinate e trova chi lo compra, saro' ben libero di dire io le mie qui.

Luigi Carloni 05.08.05 17:49| 
 |
Rispondi al commento

@ Gaia Bracco

Grazie per la segnalazione del video visibile all'iindirizzo:

http://www.grezzofilm.com/daunload/pirateria/AVVISO%20PIRATERIA.mov

E' da tempo che mi frulla in testa una strana idea, cinica ma efficace: se devi fare un illecito conviene farlo in grande. Meglio commettere spudoratamente i reati più gravi che limitarsi a quelli minori. Così facendo ad esempio si raggiungono due obiettivi vincenti: ci si arricchirà come porci e contemporaneamente ci si potranno assicurarre i migliori avvocati, si potrà corrompere i giudici, si potrà creare dal nulla un nuovo partito politico, ci si potrà far eleggere in Parlamento certi di diventare oggi presidenti del consiglio e un domani presidenti della Repubblica garantendosi così l'impunità assoluta a vita.

Ovviamente questo è solo il frutto della mia mente malata. In Italia non si potrebbero MAI realizzare casi del genere. E' veramente una follia che non potrebbe realizzarsi neanche nel paese più incivile del pianeta. Lo dice anche il mio medico mentre mi fa annodare dagli infermieri una curiosa camicia con delle maniche lunghe lunghe lunghe…

Alfonso

Alfonso Balducci Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 17:48| 
 |
Rispondi al commento

CARLONI,,,MA QUANTI ANNI HAI ? NON NULLA DA FARE CHE PASSARE IL TEMPO A DIR CRETINATE ?

IVANA IORIO 05.08.05 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Non c'e' nessun TOSCANO sul blog che puo' raccontare quanti posti di lavoro la BPL di Fiorani ha tolto alla Casse di Risparmio portandole a LODI?

Luigi Carloni 05.08.05 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Non e' che ABN e' una banca di extracomunitari?
(African Bank against North)

Luigi Carloni 05.08.05 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Io farei un discorso più generale.
Sono fermamente convinto che i pro derivanti dall'ingresso di capitali dall'estero siano superiori ai contro.
Pertanto la totale perdita di credibilità derivante da questa storia di inciuci (leggi siti di giornali esteri) potrebbe dare una mazzata alla nostra economia, dal momento che qualche mese fa le 2 società di revisione più importanti Moody's e Standard & Poors hanno abbassato il rating del nostro Paese, che, per chi non lo sa è la capacita di solvibilità nel mercato.
Non credo che queste 2 società internazionali possano essere tacciate di COMUNISMO, da chi continua a spargere inutile ottimismo dicendo che siamo ricchi, che siamo primi in numero di cellulari e che purtroppo, questo è vero, siamo molto avanti in fatto di stupidità.

Antonio Cafagna 05.08.05 17:33| 
 |
Rispondi al commento

@Ivana
"Alcuni stati negli Stati uniti non permettevano alle banche di aprire più di una filiale. In molti stati, inoltre, le banche di altri stati avevano il divieto di aprire filiali. L'obbiettivo era semplicemente quello dii limitare la concorrenza fra le banche per assicurare che quelle presenti nel singolo stato si mantenessero redditizie. Poco importava se poi, senza la concorrenza, le banche si facevano sempre più pigre e opulente, e che con le restrizioni sulle filiali restavano troppo piccole, troppo esposte al rischio per potersi permettere di concedere prestiti agricoli, che le avrebbero vincolate ulteriormente agli effetti locali del maltempo. Tutto ciò andava a discapito dei cittadini. Ma le banche fornivano ingenti somme di denaro per le campagne politiche, e il loro volere prevalse per molto tempo sui bisogni del popolo. Solo negli anni 90, finalmente, gli Stati Uniti abrogarono queste norme bancarie antiquate.
SE IN UNO STATO O IN UN PAESE GLI ATTORI ECONOMICI PIÙ POTENTI DECIDONO DI OPPORSI ALLA CREAZIONE DI ISTITUZIONI DI LIBERO MERCATO, ALLORA PER LA NASCITA DEI MERCATI C'È UNA SOLA SPERANZA: LA CONCORRENZA DALL'ESTERNO. LE LIMITAZIONI CHE LA POLITICA IMPONE ALLA CONCORRENZA E AI MERCATI INTERNI TENDONO A RENDERE GLI OPERATORI NAZIONALI INEFFICIENTI E POCO COMPETITIVI RISPETTO AGLI OUTSIDERS, CHE SI SONO FATTI LE OSSA IN AMBIENTI MOLTO PIÙ COMPETITIVI. DI CONSEGUENZA, SE LA CONCORRENZA FILTRA DALL'ESTERNO SUPERANDO I CONFINI POLITICI, ALLE ÉLITE NAZIONALI NON RESTANO CHE DUE POSSIBILITÀ ABOLIRE LE REGOLE CHE SBARRANO LA STRADA AI LIBERI MERCATI INTERNI O SOCCOMBERE. DI SOLITO FANNO LA SCELTA PIÙ RAGIONEVOLE
È proprio quanto accadde alle norme che limitavano il numero di agenzie bancarie negli U.S. Quando il progresso della tecnologia permise alle banche di prestare e raccogliere denaro dai propri clienti anche a distanza, la concorrenza da parte delle banche di altri stati si fece più intensa, benchè queste ultime non avessero aperto alcuna filiale. I politici locali non potevano soffocare questa concorrenza poichè non ne avevano la facoltà. Piuttosto che vedere i loro piccoli, incapaci beniamini locali sopraffatti dagli outsiders, preferirono abolire le norme che limitavano il numero di agenzie bancarie. Fatta eccezione per poche banche inefficienti, gli studi dimostrano che ne trassero vantaggio tutti. L'abrogazione di quelle norme portò per lo più a un incremento significativo del tasso di crescita del reddito pro capite nello stato, nonché una riduzione dei rischi bancari"

Capito? Mò me ne vado in piscina. Se hai altri commenti, a questo punto, non li indirizzare a me, ma spediscili direttamente all'università di economia di Chicago dove insegnano Raghuram G: Rajan e Luigi Zingales (si, un italiano, file under "fuga di cervelli") perchè tutto il discorso sopra è tratto da questo loro libro che ti consiglio caldamente "Saving Capitalism from Capitalist" in italiano "Salvare il capiltalismo dai capitalisti" edizioni einaudi
ciao

cristiano di giovanni 05.08.05 17:30| 
 |
Rispondi al commento

CARLONI, PERCHE' VUOI IL LITIGIO ?

IVANA IORIO 05.08.05 17:29| 
 |
Rispondi al commento

@ fabrizio ti do atto del tipo che.... Postato da: cristiano di giovanni il 05.08.05 16:55


In effetti questo blog e' generalmente civile e misurato quindi non vi e' una percentuale alta di esaltati che scrive.
Leggendone pero' alcuni post di stampo insurrezionalista o ,appunto, usando il ritrito appellativo di comunista (cosa comunque ancora molto frequente non so fra i Rif. Com.) ho fatto quell' osservazione.
Tra l'altro il post di Alberto Prandini e' lecitissimo.
Ti ringrazio del consiglio e mi riprometto di leggere il Camus consigliato non appena possibile

Fabrizio Casagrande 05.08.05 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Ivana,
quanti "romani"!!!!! povero Fiorani!! povero Nord!!! meno male ci sono i "ciociari" come Fazio che vi difendono.... Che stronzi questi di ABN....Ma lì in Padania non eravate vicini all'Europa? E quindi il vento del nord non soffia piu' forte? O c'e' un vento del nord piu' forte del vostro (quello olandese)? ma gli olandesi non vi riconoscono come fratelli celtici? o sono germanici? Non ricordo? Mi aiuti?

luigi Carloni 05.08.05 17:19| 
 |
Rispondi al commento

CARLONI......COPIO INCOLLO IL RESTO DELL'ARTICOLO DA DOVE HAI PRESO LA PRIMA NOTIZIA...

Gli hanno messo addosso la magistratura, la stampa e la finanza dei salotti buoni, quella dove si trovano a proprio agio il Signore di Capitalia Geronzi, Luca “Liberaebella” Montezemolo, l’uomo dei pallini alle scarpe Della Valle, un certo Caltagirone (che ha venduto le sue azioni in Rcs e Bnl, giusto in tempo: bravo, navigato o anche informato?) e poi i grandi capi delle altre banche Unicredit e Banca Intesa. Tutta gente che ha un dòmino di affari, di business, di intrecci da salvaguardare, da difendere dagli attacchi di chi si mette in testa di fare il pierino della finanza. Di fare una banca del Nord vera, vicina agli interessi del territorio, e alle imprese padane. Questo voleva fare Fiorani e questo poteva farlo fino a quando il sistema romano non s’è messo di traverso, “servendosi” di Abn Amro, gli olandesi nel capitale proprio di Capitalia, Geronzi

IVANA IORIO 05.08.05 17:11| 
 |
Rispondi al commento

Ivana,
"poi ancora : esempio terra a terra : se fai un bonifico estero… in olanda forse costa ( numeri casuali e immaginari) 3 euro....in italia se va bene costa 10 per un'identico servizio..."

faccio spesso bonifici in Irlanda e in Italia dal Belgio con la mia banca olandese ING e ti posso assicurare che il costo applicato e' ZERO (si hai letto bene :), questo se me li preparo io. Se invece vado allo sportello e me lo faccio fare dal cassiere mi applicano le commissioni.
Da buon genovese me lo faccio da solo e con i tre euro mi bevo due birre! ;-)

e puoi star tranquilla che TUTTE le banche qua applicano le stesse basse tariffe perche' al contrario dell'Italia si fanno concorrenza...reale.

domani vai dal tuo direttore e digli che sei stufa delle tariffe applicate!!!!

Riccardo Rossi 05.08.05 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Ivana,
tu che sei addentro alle cose padane mi spieghi questa:
dalla Padania:
"Ma se ora mi chiedeste perché non partecipiamo al gioco della torre la risposta è semplice: in gioco non c’è la sopravvivenza di Fazio (almeno non è questo ciò che ci interessa…) ma, ancora una volta, il tentativo dei poteri finanziari romani di bloccare il vento del Nord e la sua finanza"

I poteri finanziari romani (ABN AMRO: nota banca olandese) che bloccano il vento del nord e la sua finanza?
COME LO BLOCCANO IL VENTO CON I MULINI A VENTO????

Luigi Carloni 05.08.05 17:00| 
 |
Rispondi al commento

@ fabrizio
ti do atto del tipo che parla di pragmatismo marxista, ma gli altri? il tipo che dice di essere comunista non parla di rivoluzioni e quelli che parlano di rivolta non è che la mettano sul marxismo. Se su tutto il blog hai trovato 2 messaggi a fronte di 520 commenti..... be mi sembra francamente un po poco. In italia comunque rifondazione comunista è, mi sembra, al 12% per cui siamo al di sotto della media visto che il 12. Trovami più di 62,4 commenti che inneggiano alla rivoluzione comunista e poi ne riparliamo

P.S. Leggiti 'l'uomo in rivolta' di Albert Camus. Ora l'ho letto una quindicina d'anni fa, per cui non lo ricordo benissimo, ma spiega la differenza tra rivolta e rivoluzione.

cristiano di giovanni 05.08.05 16:55| 
 |
Rispondi al commento

SI DEVE DIMETTERE.

Non si chiede altro. Non è più credibile a prescindere che sia colpevole o no.

DEVE DARE L'ESEMPIO, da uomo, non da banchiere.

Se si sbagliano gli faremo tante scuse e con i soldi del risarcimento potrà campare per anni felice e contento.

Se non voleva un lavoro con tanti rischi e responsabilità andava A FARE IL CONTADINO non il BANCHIERE. (con tutto il rispetto per i contadini).

Complotti, inciuci, campagne elettorali, tutto può essere ma per il momento DEVE DIMETTERSI.

Perchè rendete complicate le cose semplici.

Un amico mi raccontava di un suo collega che come lui lavorava in una grossa multinazionale come analista, bene, un giorno riceve una mail pornografica e per sbaglio la inoltra a tutti i clienti della società. È STATO LICENZIATO il giorno dopo.

Per un paio di tette!

Siii... possiamo raccontarci che non erano proprio delle belle tette, che erano rifatte, che non era bionda naturale, che il file l'aveva ricevuto dall'azienda concorrente per metterlo nelle grane e soffiargli i clienti, che non voleva inviare la mail ma ha starnutito e gli è partito il pulsante invio, che infondo... dai sono cose naturali... chi non ha mai visto un paio di tette, siete proprio bacchettoni, ecc., ecc.

Sapete perchè è stato veramente licenziato?

PER LO SPUTTANAMENTO.

Fazio deve dimettersi perchè ha SPUTTANATO L'ITALIA.

poi il resto si vedrà in tribunale.

Saluti

Andrea Spinazzola 05.08.05 16:55| 
 |
Rispondi al commento

di giovanni....

ma la banca antonventea e' gia inserita nel territorio...i guadagni si dividono tra gli azionisti, se la banca olandese ha il xxx % di azioni portera' a casa il xxx % di guadagno,.....

poi ancora : esempio terra a terra : se fai un bonifico estero… in olanda forse costa ( numeri casuali e immaginari) 3 euro....in italia se va bene costa 10 per un'identico servizio...

poi la bancaantovneta per pagare in un qualsiasi stato europeo o nel mondo deve appoggiarsi su una banca del posto...se in europa si puo’ appoggiare sulla banca olandese presenti in altri stati , vuol dire maggior lavoro e guadagno ... se e’ presente in cina, vuol dire che le transazioni tra i clienti bancantonveneta e la banca banca in cina puo’ avvenire attraverso on la ABM……ma il bonifico e’ solo uno delle miriadi di operazioni che potrebbero esserci……

ivana iorio 05.08.05 16:40| 
 |
Rispondi al commento

@ Fabrizio adesso per favore ci copi-e-incolli il post che inneggia a rivoluzioni comuniste perché a noi è sfuggito e gradiremmo proprio leggercelo Postato da: cristiano di giovanni il 05.08.05 15:20

Ho copiato e incollato alcuni post, leggerli tutti occuperebbe troppo tempo.
Della Russia (Sovietica) ho detto solo che le implicazioni con la nostra sinistra aveva fatto vergognare gli allora comunisti poi ravveduti pds e non che se ne era parlato nel blog (si preferisce magari parlare di USA anche se non ci si mai stati un giorno)
Ecco comunque alcuni novelli Lenin:


è un sistema troppo marcio...per essere riformato,va abbattuto... pragmatismo marxista
saluti a tutti i compagni
Postato da: Alberto Prandini il 04.08.05 19:37

...FINCHE' IL POPOLO. ..NON SI ROMPE VERAMENTE I COGLIONI....(non dovrebbe mancare molto...credo )
Postato da:Salvatore Ermenegildiil 04.08.05 19:46

RIBALTIAMO QUESTA CAVOLO DI ITALIA! MA FACCIAMO TUTTI INSIEME PERCHE' SONO ARCISTUFO DI STARE SOLO A VEDERE....DOBBIAMO ENTRARE NOI IN SCENA PER NON USCIRNE PIU'.
Postato da: Alessandro Tonetti il 05.08.05 09:45

io io sono comunista...saluti a tutti i compagni
Postato da: Alberto Prandini il 05.08.05 02:20

Ma perchè dobbiamo ancora sopportare questi cialtroni e sprofondare sempre di più?
"Grilloblogs" organizziamo la rivolta!
Postato da: Gino Verrelli il 05.08.05 13:17

Ma qualcosa deve succedere!!......Ma siamo sicuri che per scatenare un secondo diluvio universale, una nuova rivoluzione si debba peggiorare ancora molto?Possibile che solo io senta crescere attorno a me, come un fiume prima della piena, la voglia di giustizia e che veda già le prime avvisaglie della voglia di vendetta?
Postato da: Luca Rigamonti il 05.08.05 13:30

Fabrizio Casagrande 05.08.05 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Ivana,
le banche italiane con la loro politica miopie e limitata cercano di prendere i soldi dai piccoli cittadini per un guadagno facile e sicuro. Le banche straniere pensano un po' piu' in grande e danno ai piccoli risparmiatori minore importanza. Non per niente cercano sempre di piu' di facilitare le operazioni bancarie in modo che ognuno di noi "cittadino medio" possa farsi tutte le operazioni da solo abbattendo quindi i costi, con eccezione di quelle operazioni che portano veramente denaro (mutui, finanziamenti alle aziende, investimenti di grossi capitali etc).

Sono piu' che sicuro che all'ABN non interessa piu' di tanto guadagnare 50 euro al mese dal tuo conto corrente. Se quella fosse la loro politica sicuramente non avrebbero il peso internazionale che adesso hanno.

Visto che hai viaggiato parecchio avrai notato che sono ben poche le banche italiane che hanno grosse filiali all'estero. Tuttalpiu' si tratta di uffici di medio piccole dimensioni. Non vorra' dire qualcosa?

ps: non lavoro alla abn...

Riccardo Rossi 05.08.05 16:25| 
 |
Rispondi al commento

@ Ivana
se vendi a 30 il mercato è già saturo per cui sarebbero veramente pochini i clienti che potresti fare. Quindi che ci entri a fare? Te ne stai a casa tua. Se invece vendi a 10 o a 15 dato che i tuoi costi sono ad esempio 2 (e magari in europa vendi circa a 5/6) ti ritrovi con una marea di gente che affolla davanti ai gli sportelli delle tue filiali italiane. Comunque, come vedi ci siamo messi a parlare di economia per cui escluderei il problema elezioni

cristiano di giovanni 05.08.05 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Antonio Cangiano ha scritto:

Sono totalmente schifato. Il governo italiano e' di una bassezza incredibile. Quando leggo cose come questa, sono felice della mia scelta di vivere all'estero... anche se mi addolora vedere l'Italia andare allo sfascio.

Che schifo!


SONO ESATTAMENTE D'ACCORDO CON TE,ANCHIO HO FATTO QUESTA SCELTA,SPERO COMUNQUE CHE UN GIORNO GOVERNI COME QUESTO NON AVRANNO MAI PIU' IN MANO LA GESTIONE DELL'ITALIA.

Max Polo 05.08.05 16:11| 
 |
Rispondi al commento

VENDO ANCHE IO A 30 E I MIEI AZIONISTI OLANDESI FANNO UN'AFFARE PERCHE A CASA LORO GUADAGNI COSI NON LI FANNO

IVANA IORIO 05.08.05 16:11| 
 |
Rispondi al commento

@ ivana
ma se si adegua al sistema chi è che ci va scusa? chi cambierebbe banca per spendere lo stesso? E poi se entri in un mercato nuovo dove la tua concorrenza tiene dei prezzi molto più alti di quelli che tu tieni regolarmente che ti costa tenere i prezzi bassi? Ok, magari in Spagna fai pagare 3 e in Italia farai pagare 6 o 10, ma se i tuoi concorrenti fanno pagare 30?

cristiano di giovanni 05.08.05 16:07| 
 |
Rispondi al commento

@ Ivana
Per altro, tizio e caio e come fossero due formiche che si vogliono mangiare un elefante, economicamente parlando. E questo sempre economicamente parlando non è molto corretto. Tipo che tu un bel giono ti svegli e vuoi comprare la Microsoft. Ora magari sei anche ricchissima, ma se non sei così ricca.... E in banca d'Italia a Fazio l'hanno anche fatto notare. Ma pare che a Fazio non interessi

cristiano di giovanni 05.08.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento

banca straniera entrasse nel mercato italiano molti di noi vi trasferirebbero il conto dato che ci costerebbe di meno?????? TU SEI CONVINTO ?, E' MOLTO PROBABILE CHE LA BANCA STRANIERA SI ADEGUI AL SISTEMA

IVANA IORIO 05.08.05 15:58| 
 |
Rispondi al commento

@Ivana
Magari sai già tutto, ma lasciami ricapitolare la situazione in sintesi:
in Italia negli ultimi 4 anni i servizi bancari sono aumentati del 38% (Giavazzi sulla prima pagina del Corsera un paio di giorni fa). Nel resto del mondo per effetto dell'apertura dei mercati (leggi anche concorrenza) sono scesi. In molte parti del mondo un conto bancario non ha spese.
Fazio sta cercando di non fare entrare banche straniere in Italia perché se una banca straniera entrasse nel mercato italiano molti di noi vi trasferirebbero il conto dato che ci costerebbe di meno. Di conseguenza anche la tua banca per non perderti come cliente sarebbe costretta ad abbassare i costi del tuo conto corrente. E questo alle banche italiane non andrebbe molto giù. Non ci vedo molte colorature politiche in tutto ciò. Le banche italiane hanno formato un cartello (si sono accordate sui prezzi da farci pagare in barba alla libera concorrenza) e Fazio sta difendendole dandole a tizio, o caio piuttosto che a una banca straniera.
A discapito tuo e nostro

cristiano di giovanni 05.08.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

non vorrei che in questo periodo, pur di denigrare qualcuno, PUR DI FAR CAMPAGNA ELETTORALE, si cerchi un capro espiatorio su cui sfogarsi...penso che la realta dei fatti su fazio sia ancora da chiarire prima di preparare la forca.....poi senza volerlo difendere, ma con gli anni di esperienza, le capacita' ( perche puo' anche essere stato raccomanadato, ma qualche qualita professionale dovrebbe averla)....MI SEMBRA STRANO CHE E' STATO PESCATO CON LE MANI NELLA MARMELLATA COSI' SEMPLICEMENTE E CHE ABBIA FATTO UNA OPERAZIONE BANCARIA DI QUESTE DIMENSIONI SENZA CALCOLARE LE CONSEGUENZE

IVANA IORIO 05.08.05 15:52| 
 |
Rispondi al commento

@Fabrizio Casagrande il 05.08.05 15:11

lapsus freudiano rivoluzione armata?

Non me ne volere, potra' essermi sfuggito qualche post, ma qui al massimo sento quale manifestazione di estrema violenza... prenderli tutti a calci in ..lo, metterli tutti in galera, cosi' dico io gli diamo modo diorganizzarsi meglio senza essere responsabili, vedi i boss che comandavano dalle carceri, e chi andava mai a cercare la polizia, loro erano gia' dove dovevano essere? Alibi perfetto. ;-))) Grazie.

simonetta machiavelli 05.08.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

....mica che le buone azioni si devono controbilanciare con ladrate!!!!

chiara leone 05.08.05 15:31| 
 |
Rispondi al commento

@ ivana
secondo me, invece, la maggior parte della gente che sta scrivendo sul blog è semplicemnete stufa che avvengano queste cose, a prescindere dalla colorazione politica che possano avere.

cristiano di giovanni 05.08.05 15:31| 
 |
Rispondi al commento

@ ivana

...chissà xchè questo discorso mi suona come "xò mussolini ha fatto tante cose buone...l'agropontino ecc..."
se hanno fatto qualcosa di buono hanno fatto "il loro" ne' più ne' meno....

chiara leone 05.08.05 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Simonetta, parlare in modo giusto di patriottismo è lungo e periglioso. Che nessun governo o partito sia patriottico qui in Italia è quasi certo (lega in primis...).
La realtà è che fintanto che non ci sfiora nella nostra vita qui in italia mettiamo sempre prima gli altri di noi...quando invece entra nel personale siamo prima noi di qualsiasi cosa (altre nazioni governo e via dicendo).
Il discorso è lunghissimo e lo puoi far spaziare da chi froda lo stato per miliardi a chi lo froda per sciocchezze (poche migliaia di euro), passando per svariate altre forme di discussione quali mandare avanti chi non merita.
Previo il fatto che parlare di patriottismo richiama ricordi di dittatori totalitari, che or ora si ritrovano in giro per il mondo (es: mauritania....sudan da quando è morto garang) o forme similari, sarebbe ora di dar luce non tanto a anarchismi vari che lasciano sempre molti dubbi quando si vada leggermente al di la nelle discussioni (tipo nella considerazione dell'uomo come essere perfetto che ricerca il bene senza leggi), quanto a modelli meritocratici (magari con una buona implementazione di ostracismo.. ;) ) che siano contrari a bipolariasmi fissi in cui le due squadra la A e la B facciano il loro terrorismo politico a scapito della popolazione, passandosi la palla e presentando sempre gli stessi politici.
Ma d'altra parte lo sapete...tutto quello in cui son d'accordo maggioranza ed opposizione va a scapito del popolo, sia l'aumento di stipendio ogni 6 mesi, od il fatto di concordare nel bipolarismo perfetto.
Ed in effetti se si guarda in altri paesi, anche se al governo non va chi è stato votato lo si sostiene lo stesso, sia anche per accorgimenti come nel modello francese con ballottaggio, in cui si fa una prima votazione dalla quale emergono due partiti + votati e poi tutto il popolo rifa la votazione per votare o l'uno o l'altro.

girogio delle pertiche 05.08.05 15:28| 
 |
Rispondi al commento

e' smettetela con la banca Crediteuronord...sembra che esiste ( politicamante)solo questa pagliuzza mentre vi dimenticade dei tronchi...
......i salvataggi delle banche del Mezzogiorno: Banco di Napoli; Banco di Sicilia; Sicilcassa; Carical ?.................

spesso amministrate con criteri clientelari…………

quantificò in 8.000 miliardi di vecchie lire il salvataggio del Banco di Sicilia i quali,sommati ai 12.000 miliardi del Banco di Napoli,fanno 20.000 miliardi… banche pubbliche risanate con i soldi dell’erario

vorrei sapere quanti compagni avevano detto qualcosa in quei momenti, vorrei sapere quanta gente che scrive in questo blog ha detto qualche parola a riguardo...Fazio andava bene allora , ma adesso bisogna denigrare la lega ( siamo in campagna elettorale

ivana iorio 05.08.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento

@ Fabrizio
adesso per favore ci copi-e-incolli il post che inneggia a rivoluzioni comuniste e russia perché a noi è sfuggito e gradiremmo proprio leggercelo

cristiano di giovanni 05.08.05 15:20| 
 |
Rispondi al commento

MI PIACE MOLTO L'IDEA DELL'ASSOCIAZIONE PROPOSTA DA SIMONETTA , CREDO CHE SE BEN GESTITA POSSA DARE OTTIMI FRUTTI .
PERCHE' NON NE PARLIAMO MAGARI SENTENDO ANCHE IL PARERE DI BEPPE ?
BUONA GIORNATA A TUTTI

enrico meloni 05.08.05 15:20| 
 |
Rispondi al commento

@ fabrizio
....qui nessuno ha parlato di rivoluzioni armate o di neo comunismo.....
......ma coma mai quando qualcuno mostra la volontà di voler cambiare le cose che non vanno arriva sempre qualche cervellone che deve "bollare" e generalizzare? continua a nascondere la testa sotto la sabbia del "x sentito dire"....contento te.....

chiara leone 05.08.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

@Fabrizio Casagrande il 05.08.05 15:11
Non e' che hai sbagliato blog? ....

Luigi Carloni 05.08.05 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Attenti, comincia l'opera di cancellazione.
Oggi ho seguito il TG5 delle 13.00, per vedere quando e come avrebbero parlato di Fazio e della vicenda Antonveneta, ebbene dopo circa 20 minuti di altre notizie, secondo me meno importanti e quando la maggior parte della gente non ascolta più, arriva il servizio. Dura meno di 2 minuti, è molto nebuloso e il nome di Fazio non viene nemmeno pronunciato. Immediato il passaggio della linea a Trombin per i servizi sulla Borsa. Subito dopo un "simpatico e interessantissimo" servizio su un tizio newyorkese che porta a spasso la sua tartaruga per i marciapiedi della Grande Mela.
Questo vi deve far capire che finchè ci sarà un giornalismo del genere, che invece che indagare e approfondire nasconde e confonde, non avremo possibilità di far cambiare alcunchè in Italia.
Domani se ne parlerà ancora meno, e la settimana prossima sparirà del tutto dal palinsesto.
A meno che non saltino fuori altre scottanti intercettazioni.

Marco Santinon 05.08.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Concordo pienamente con lo sdegno mostrato nei confronti dei fatti citati e il disprezzo per Fazio, Ricucci e tutti gli implicati i quali, pur non ancora giudicati colpevoli, già fan venire il voltastomaco al mondo intero e soprattutto a noi Italiani, però.......

...però che tristezza leggere questo inneggiare a rivoluzioni popolari o a neocomunismo... ma vi rendete conto (probabili ipocriti pacifisti) di cosa sia una rivoluzione armata?
e poi il comunismo...per fortuna la maggior parte della sinistra Italiana si è vergognata da tempo delle implicazioni e del favoreggiamento con il comunismo sovietivo cambiando nome e rinnegando il passato;
eppure c'e' ancora qualcuno che vorrebbe andare in gita in Russia...che pena.

Fabrizio Casagrande 05.08.05 15:11| 
 |
Rispondi al commento

@ Emilio Saad
E comunque che le differenze tra destra e sinistra siano semplicemente un affare di facciata non lo porrei così tanto in dubbio. Facci caso: da dove deriva la Cirami? da una proposta di legge di Maccanico (che è di sinistra). Da cosa è copiata la riforma Caselli? dal disegno di legge Boato (ex Psi ora Pds che tra l'altro, oggi, caso strano, si lamenta che ci sono troppe intercettazioni telefoniche).
Certo poi Berlusconi c'ha dato dentro, ma ti ricordi il periodo dell'inciucio? il buonismo, il 97...

" Le vere intenzioni del cavaliere sono dichiarate con la consueta, brutale franchezza da Giuliano Ferrara: "Fu stipulato un patto, nel gennaio 1997, che ha resistito per oltre un anno: l'opposizione -allora il centrodxt- collabora lealmente a fare le riforme istituzionali, la maggioranza accetta un programma di restaurazione dello stato di diritto e garantisce il leader dell'opposizione -allora Berlusconi- dall'agguato giudiziario" (il Foglio 4 aprile 1998). Anche Giulino Urbani si è lasciato sfuggire un accenno alle prosaiche ragioni che costituiscono la vera posta in gioco: " Se facciamo le riforme giuste in Bicamerale, non ci sarà quasi più bisogno dell'amnistia -riguardo i reati di tangentopoli, guardia di finanza, All Iberian, Toghe sporche(SME-Imi-Sir) etc, etc- Ma se passerà l'autorizzazione all'arresto di Previti (chiesta 20 giorni prima dai giudici di Milano per lo scandalo Imi Sir) le possibilità di una grande intesa si ridurranno praticamente a zero" (29 dicembre 1997)
Mani Pulite la vera storia, Barbacetto Gomez, Travaglio (assolutamente da leggere! a qualunque colore politico apparteniate)

Quindi se nel 97 non hanno fatto il colpo di spugna è solo perché è passata l'autorizzazione a procedere nei confronti di Previti.
Aggiungi che Violante ha rivelato ma solo nel 2002 che all'epoca del "ribaltone" del governo Dini il Pds aveva promesso in gran segreto a Berlusconi di non toccargli le televisioni... Destra? Sinistra? mah!

Insomma io ho qualche dubbio che Prodi andando al governo cancellerà tutte le leggi di Berlusconi. Magari lui lo vorrà pure, ma gli altri? Glielo lasceranno fare?

cristiano di giovanni 05.08.05 15:04| 
 |
Rispondi al commento

SI
confusione.

Confondiamo la legge con la MORALITA'.

Alla legge si risponde in tribunale, con la propria MORALITA', si risponde la notte quando si va a dormire.

Quando riesci ad essere AMORALE e DORMIRE la notte, allora hai fatto 13.

Questi signori, Richucci e Co. sono abili solo in questo.
Sono persone che sanno quali sono i propri diritti, li esercitano,
fanno slalom tra le leggi, e la notte dormono sereni.
La loro grandezza è di essere PADRONI DEL SISTEMA, nel senso che si muovono a loro agio, un colpo alla botte uno al cerchio e via così.

Onestamente li critico perchè un po' li invidio. Mi piacerebbe fare l'imprenditore a DEBITO, incassare il mio e tutto il resto con le cambiali.
Si bello, ma io voglio dormire la notte, io ci tengo alle persone che amo e che mi stanno vicino, mia moglie, i miei cani, i miei collaboratori, i miei fornitori.

IO ho dei valori morali, niente di che vantarsi, dovremmo averli tutti.

È solo questo che stupisce, i diritti sono FONDAMENTALI.
Teniamoci stretti i DIRITTI, facciamone una bandiera e sventoliamo in alto perchè tutti la possano vedere.

Il resto non conta.
E se qualcuno sbaglia pagherà e che sarà mai!
Sempre a rompere i COGLIONI.

Cosa vogliamo fare, vogliamo fermarli e percuisirli, tenerli in stato di fermo per 24 h e interrogarli senza avvocato?

In effetti ognuno di noi potrebbe domani andare in banca, fare una rapina e scappare col malloppo.
Ci sono il 50% di possibilità, se ti beccano SEI UN LADRO, se non ti beccano sei INNOCENTE.

Che differenza c'è? La differenza è che se sei un ladro lo sai, non hai bisogno di essere scoperto.

Il segno è sbiadito, cancellato dai soprusi dalle leggi, dai diritti e dai doveri e si fa veramente fatica a capire da che parte stai, se sei ONESTO o se sei un LADRO.

La soluzione è farsi crescere un bel pelo sullo stomaco e tirare avanti, valà!

Saluti

Andrea Spinazzola 05.08.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

x simonetta

idea valida! io ci sto!

Michela Milleni 05.08.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento

dr. ing. Gian Pietro Bomboi

non ho capito che lavoro fa

Postato da: ivana iorio il 05.08.05 07:24

****

Semplice, millanta una laurea che non ha, è l'unico lavoro che lo impegna dalla matina a sera esibire attestati senza alcun valore giuridico, comperati da gabacitrulli

Lares Anti 05.08.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento

quello che mi fa piu'incazzare e' il fatto che tutti i principali giornali fino a poche settimane fa' si occupavano soltanto del matrimonio del bel ricuccio e tutto questo in prima pagina come se fosse un fatto d'importanza nazionale! come se fosse un esempio da seguire lui si e' fatto da solo !!!!!!!
ma io mi chiedo a chi interessa che ricuccio si sia sposato o meno?? perche' non mi spiegano come ha fatto ad accumulare tanti soldi????
mi sono rotto i co....ni di questi vip (cosidetti)
ma soprattutto di questi giornalisti servili non obiettivi e incapaci di vedere a un palmo dal naso
cia bebbe avanti cosi'

sergio casagrande 05.08.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

@ simonetta
....grande idea.....
:-) :-) :-)

chiara leone 05.08.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento

@ olga
....il problema è che l'italiano medio è un gran "chiacchierone"....tutti pronti a brontolare e "bubbolare" ma quando si tratta di fare piccole rinunce si tirano indietro......la coerenza è fatica x molti!!

chiara leone 05.08.05 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo e cari amici del Blog,
io un’idea ce l’avrei! Costituiamo un’associazione (ieri vi invitavo a leggere quel sito sull’art. 118 Costituzione) che nel suo atto costitutivo dica la natura per cui operera’, avvalendoci della struttura degli avvocati di Beppe, delle sue conoscenze, anche con un nostro impegno economico. Ebbene tutti coloro iscritti a questa associazione, saranno una sorta di Gruppo che non deleghera’ nessuno a rappresentarli, se non nei rapporti con le istituzioni, pero’ nelle decisioni ci dovra’ essere il consenso totale di tutti espresso in voto scritto, e le azioni che il gruppo riterra’ intraprendersi saranno intraprese da tutti, e senza ripercussioni personali su di ognuno. Faccio un esempio: l’associazione si costituisce di 1000 persone ebbene queste 1000 persone individuano scorretto che l’utenza de gas fatturi ad aliquota iva uguale, sia il gas estivo che quello invernale (striscia) quando per legge etc. Queste 1000 persone richiederanno singolarmente al gestore del gas che venga applicata la norma…. etc, il gestore del gas non se li filera’ per nulla, l’associazione presentera’ domanda a nome di tutti i singoli e domandera’ che fin tanto che non si provveda a questa corretta ripartizione della bolletta del gas, gli associati, non pagheranno piu’ l’utenza e non si potra’ provvedere al distacco di questa. Per favore seguitemi in spirito, mettete da parte fischi, pomodri, insalata etc.

Siamo noi a dover dire come ci costituiamo in associazione noi dobbiamo dire qual’e’ il nostro fine ed il nostro statuto. Ed esso non dovra’ essere accettato o contestato da nessuno. Perche’ ormai le cose vanno cosi’, ENEL contatori elettrici viene e te li mette e tu non puoi rifiutarti, Gas bollette del ciufolo non hai modo di contestare, TELECOM no puoi verificare gli scatti a casa, nemmeno loro, la telecom, riconosce valido il loro contatore bollato, quale mezzo di verifica.
Un esempio a Roma la Warner Bross, cinema multisale 16 forse, NON PERMETTE CHE SI ENTRI CON UNA BOTTIGLIA DI ACQUA MINERALE. LA SI DEVE ACQUISTARE DA LORO. Perche’ sono STATO a parte? Ssono semplici societa’ private che impongono, a noi stupidotti che li stiamo a sentire, i LORO ORDINI DI SERVIZIO. Con l’associazione IO VORREI CHE NOI FACESSIMO I NOSTRI. Non i nostri intesi come cavoli nostri di soli noi 1000 o quello che diverremo d’iscritti. GLI INTERESSI CHE NON VEDIAMO PERSEGUITI NELLA TUTELA DI UN PATRIMONIO COMUNE, (che come vi dicevo ieri ci permette di spaziare molto) DA COLORO CHE INVECE LI DOVREBBERO FAR PERSEGUIRE.

I problemi dovranno essere MACROSCOPICI potremmo anche arrivare a fare un sciopero SOCIALE, e le aziende ritrovarsi senza dipendenti senza saperlo se non il giorno prima che comunicheremo che non andremo in azienda in quanto aderenti all'associazione che ha indetto uno sciopero SOCIALE SOLIDALE nei confronti di ed in virtu' del nostro statuto non perseguibili singolarmente.

Ahi! Cavolo avevo detto no pommodori, qui arrivano addirittura angurie….. ;-)))
Un abbraccio

simonetta machiavelli 05.08.05 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Re-post : PARLAMENTARI INDAGATI, GIUDICI CORROTTI, BANCHIERI LADRI E FALSI, IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, LA PIU' ALTA CARICA DELLO STATO, CHE DOVREBBE AVERE LA FEDINA PENALE CRISTALLINA, TRASPARENTE, E PURA COME L'ACQUA, SI AVVALE DELLA FACOLTA' DI NON RISPONDERE, SONO STATI ACCUSATI DI TUTTO, FALSI IN BILANCIO, MAFIA E DELITTI DI MAFIA, TANGENTI,....HAOOOO ...SE NE FOSSE DIMESSO UNO...UNO !!!!!...MA DOVRA' PUR FINERE QUESTA CUCCAGNA...DEVE FINIRE...NON PUO' ANDARE SEMPRE BENE PER QUESTI, IL MECCANISMO DEVE PURE INCEPPARSI...
aggiungo : ma d'altronde, chi puo' chiedere le dimissioni a Fazio, dovrebbe essere il presidente del consiglio, ma come puo' ??? si sentirebbe rispondere : NON TI SEI DIMESSO TU...DEVO DIMETTERMI IO ??? ..a meno che, il nostro presidente BELLACHIOMA, diventi talmente autoritario e dittatoriale, da poter dire : QUI SI FA COME DICO IO, NON COME FACCIO IO !!! e forse BELLICAPELLI, ci arriva a questo..

Salvatore Ermenegildi 05.08.05 14:42| 
 |
Rispondi al commento

@ chiara

appunto, chiara :D
e' fattibile, fattibilissimo (lo dico xche' pure io vivo cosi' da anni)!
il guaio e' che in due non facciamo testo: negli altri paesi europei fanno cosi' in tanti e tanti, ma ho l'impressione (vi prego, smentitemi con fatti!!!) in italia certe cose non funzionano

olga bernardi 05.08.05 14:39| 
 |
Rispondi al commento

@ olga
...fattibile è fattibile....io è 2 anni che vivo così....

chiara leone 05.08.05 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Qualche cenno di diritto:

"Chiunque intenda acqistare una partecipazione di controllo in una società con azioni quotate deve osservare specifiche regole di comportamento introdotte con la legge 18-2-92, n. 149 ed oggi riformulate dagli art. 102-112 Tuf.
In passato queste operazioni, se concordate con l'attuale gruppo di comando, avvenivano senza transitare attraverso la borsa. (figuriamoci che pastetta)
La situazione è però cambiata a partire dalla legge 149/1992. L'idea ispiratrice di fondo di tale legge, ribadita dalla riforma del 1998, è che il passaggio di proprietà di pacchetti azionari di controllo di società quotate deve avvenire con la massima trasparenza e con modalità che consentano a tutti gli azionisti di partecipare al premio di maggioranza che l'operazione può comportare. Per realizzare tali obiettivi sono introdotti due principi cardine:
a) il lancio di un'offerta pubblica di acquisto è obbligatorio quando è trasferito il pacchetto di controllo di una società quotata;
b)l'opa, sia obbligatoria che facoltativa, deve svolgersi nel rispetto di determinate regole di comportamento volte a tutelare i destinatari dell'offerta ed il regolare funzionamento del mercato.
Contemporaneamente sono stati definiti i comportamenti consentiti e quelli vietati dalle parti contendenti: offerente e società bersagio.
Vediamo i tratti slienti di tale disciplina, applicabile ad ogni offerta finalizzata all'acquisto o allo scambio di prodotti finanziari( quindi non solo azioni quotate).
l'offerta pubblica di acquisto (corrispettivo in denaro) o di cambio (corrispettivo rappresentato da altri strumenti finanziari) è una proposta irrevocabile rivolta a parità di condizioni a tutti i titolari dei prodotti finanziariu che ne formano l'oggetto. Ogni clausola contraria è nulla.
L'offerta si svolge sotto il costante controllo della Consob, alla quale sono riconosciuti ampi poteri regolamentari in merito allo svolgiment della stessa. La Consob può inoltre sospendere o dichiarare decaduta l'offerta in caso di violazione della relativa disciplina legislativa e regolamentare..."

Per le banche è necessaria l'autorizzazione ulteriore della Banca d'Italia sia come vigilante del corretto funzionamento del mercato bancario, sia come authority antitrust per il mercato bancario.

Salvatore Fatigati 05.08.05 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Re-post : PARLAMENTARI INDAGATI, GIUDICI CORROTTI, BANCHIERI LADRI E FALSI, IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, LA PIU' ALTA CARICA DELLO STATO, CHE DOVREBBE AVERE LA FEDINA PENALE CRISTALLINA, TRASPARENTE, E PURA COME L'ACQUA, SI AVVALE DELLA FACOLTA' DI NON RISPONDERE, SONO STATI ACCUSATI DI TUTTO, FALSI IN BILANCIO, MAFIA E DELITTI DI MAFIA, TANGENTI,....HAOOOO ...SE NE FOSSE DIMESSO UNO...UNO !!!!!...MA DOVRA' PUR FINERE QUESTA CUCCAGNA...DEVE FINIRE...NON PUO' ANDARE SEMPRE BENE PER QUESTI, IL MECCANISMO DEVE PURE INCEPPARSI...  
aggiungo : ma d'altronde, chi puo' chiedere le dimissioni a Fazio, dovrebbe essere il presidente del consiglio, ma come puo' ??? si sentirebbe rispondere : NON TI SEI DIMESSO TU...DEVO DIMETTERMI IO ??? ..a meno che, il nostro presidente BELLACHIOMA, diventi talmente autoritario e dittatoriale, da poter dire : QUI SI FA COME DICO IO, NON COME FACCIO IO !!! e forse BELLICAPELLI, ci arriva a questo..

Salvatore Ermenegildi 05.08.05 14:36| 
 |
Rispondi al commento

@ Emilio

Hai ragione Emilio, il problema che da un po' di anni non si vedono buone alternative e non si può neppure aspettare tutte le volte altri cinque anni per sperare in meglio. E' vero, basta che ci danno un telefonino ed il campionato e ci chiniamo subito ad angolo retto.

Matteo Borsani 05.08.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

quando parlavo di lourdes era, ovviamente, una battuta :D .... ma a pensarci bene, forse no!
e' vero, ci vorrebbe una bella scarica di fulmini ben indirizzati!

a parte gli scherzi:
come si fa ad uscire da una situazione sifatta?
sit-in, occupazioni .....
mha, non so'.
personalmente penso che la cosa migliore sia quella di toccare l'unica cosa alla quale tengono davvero: i soldini!!
come?!?
boicottando!
esempio: sciopero della telefonata, sciopero degli spostamenti in auto (ovviamente, per quanto possibile), sciopero dell'acquisto del prodotto pubblicizzato, sciopero del tv-watching, lasciare in banca il solo necessario per pagare l'affitto (anzi, andare di volta in volta a fare il versamento a copertura) ......
dite che e' fattibile?

olga bernardi 05.08.05 14:34| 
 |
Rispondi al commento

@ filippo
....scusa....ma te, visto che 6 così prodigo di dettagli...eri lì?

chiara leone 05.08.05 14:32| 
 |
Rispondi al commento

@ Emilio Saad
perché esiste gente che ha fatto pensare a un mucchio di altra gente che se un giudice indaga su di un magistrato deve essere per forza schierato politicamente (a sinistra). Allora riportiamo la cosa al grado zero e facciamo a capire a tutta queste persone, che sono state condizionate, che non è vero niente e che votino pure dove gli pare, ma devono essere candidati CANDIDI, onesti, puliti e la smettano di ridursi a votare e difendere i soliti nomi indifendibili semplicemente per difendere la loro appartenenza politica

cristiano di giovanni 05.08.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per essere chiari: la polizia di Milano inseguì un extracomunitario che aveva cercato si prendere la metropolitana senza pagare il biglietto; acciuffato dopo un inseguimento il saltatore di cancelletti in piena piazza Duomo, verificarono che il ragazzo non aveva documenti.
Allora: scappare quando la polizia ti chiede di fermarti e mostrare i documenti in Italia è reato.
Il ragazzo era clandestino: potrà anche non piacervi, ma in Italia è reato anche questo.
La Forleo era lì per caso, è intervenuta dicendo di essere un giudice, che aveva assistito all'arresto e di essere pronta a testimoniare che il ragazzo non aveva fatto resistenza, insultando (lei) i poliziotti.

Per questo l'azione disciplinare.

PS: ricucci, gnutti, fiorani COME OGNI ITALIANO possono avvalersi della facoltà di non rispondere. Anche questa è la legge. E quello che ha detto il legale di fiorani è perfettamente lecito.
Regà, mi sembra che stiamo a fare confusione...
FG

filippo ghisi 05.08.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

@ olga
il miracolo sarebbe se un fulmine piovesse dal cielo lasciando stecchiti tutti quelli che fanno ste cose. Però ti assicuro che non funziona perchè quando vedo il berlusca in tv mi concentro sempre tantissimo ma sto fulmine non parte mai. E sono anni ormai che ci provo

cristiano di giovanni 05.08.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

@ emilio
"esiste gente che non capisce che tra tante possibilità va scelta la migliore. "

dimmi dov'è la migliore....ora come ora ci costringono solo a scegliere la "meno peggio"!!!!

chiara leone 05.08.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Però Matteo non è colpa nostra se un certo nano controlla 6 televisioni e cerca di rimbecillirci per farci spendere e non badare a tutti questi scandali che andranno in prescrizione o con un ammissione e 2, dico DUE anni, e basta di pena (crac Parmalat).

Emilio Saad 05.08.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

"Destra e sinistra non esistono più, ma i ladri ci sono sempre!"

Ecco questo è un classico esempio di frasi che mi fanno seriamente imbestialire, perché esiste gente che non capisce che tra tante possibilità va scelta la migliore. Ma è un concetto difficile allora......

Emilio Saad 05.08.05 14:19| 
 |
Rispondi al commento

@ cristiano
....io dalla prox settimana sono in ferie....
.....le catene me le procuro.....basta non essere l'unica scema che si lega al portone ed è fatta!!!
:-D

chiara leone 05.08.05 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Confermo quanto già scritto in un post ...

"L'azione disciplinare sulla Forleo non c'entra una bella fava con la questione ABN - Antonveneto, riguarda una vicenda - inquietante, a mio giudizio - di un paio di settimane fa. L'azione disciplinare era stata hgià annunciata ben prima del casino Fazio Antonveneto"

Purtroppo la figura di me..a fatta da Fazio e dal sistema Italia rimane. Come dice Beppe, qualcosa non funziona: la maggioranza si inca..a per le intercettazioni (invece di deprecare le parole di Fazio), mentre in questo casino alcuni italiani protestano per le retrocessioni della propria squadra di calcio ... mah

Paolo Menis 05.08.05 14:17| 
 |
Rispondi al commento

@ chiara
si scusa ho sbagliato nome
Allora organizziamo 'sto sit in!

cristiano di giovanni 05.08.05 14:15| 
 |
Rispondi al commento

@ olga bernardi

forse hai ragione.
Se per miracolo intendiamo che vista la situazione culturale, menefreghismo etc. congenita, voglia di ribellarsi solo quando ti toccano il calcio, le possibilità di riscatto sono vicine allo zero.
Io non saprei come fare una rivoluzione. Siamo cresciuti in tempi relativamente tranquilli, non siamo 68ini, ma se cominciassimo dalle piccole cose, dall'informazione critica, dalla rinuncia a qualche cosa... forse chissà.
Io vedo un'italia (mediamente) rimbecillita da telefonini e pubblicità idiota, da televisione idiota, da informazione spazzatura etc.etc.
Ma vedo anche alcune persone stufe di essere prese in giro ma che non sanno come agire, oltre me s'intende.

Bene, un miracolo si, ma non aspettiamocelo dal cielo per favore!

Claudio Marciano Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento

@ Patrizia Affinita

L'accredito dei punti sulla patente, telefonando al numero verde E' UNA BUFALA

http://www.altroconsumo.it/map/show/23241/src/84161.html

OLTRETUTTO A ME RISULTA CHE LE TELEFONATE AI NUMERI 848... SI PAGANO!!! SVEGLIAAA!!! Ma vi pare che una servizio del genere se fosse ufficiale e riconosciuto si farebbe tramite un numero a pagamento???
E il tronchetto se la ride...

Davis De Marchi 05.08.05 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Destra e sinistra non esistono più, ma i ladri ci sono sempre!

cristiano di giovanni 05.08.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

x cristiano
mica ci volevo andare io a lourdes.....io reiterati post fa avevo proposto un sit-in a montecitorio......ma forse pensandoci bene....anche un'occupazione......

chiara leone 05.08.05 14:10| 
 |
Rispondi al commento

@ Stefania
Ma infatti! Anche Ilda Boccassini è una grande! E mi sa che le donne che fanno politica, in media sono un po meglio degli uomini. Un po più intelligenti e più oneste. Peccato però che ogni tanto c'è sempre l'eccezione alla regola tipo la Colli o la Maiolo.

cristiano di giovanni 05.08.05 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Non vi meravigliate delle manifestazioni dei tifosi!!!
Lavoro tutto l'anno, mi compro l'abbonamento perchè mi piace il calcio, è uno sport emozionante proprio perchè smuove migliaia di persone, e dopo tutto questo mi retrocedi la squadra!!! il mio unico svago settimanale (perchè solo la domenica non lavoro).

Piuttosto c'è da chiedersi ma contro chi protestano???
Dovrebbero protestare contro i loro presidenti, che imbrogliano (Genoa), che sforano i bilanci (Messina) e che puntualmente rivotano Galliani presidente della Lega calcio, nonostante un palese conflitto di interressi non solo come presidente di una squadra, ma soprattutto in qualità di venditore dei diritti del calcio (Lega) ed acquirente degli stessi nella veste di dirigente Mediaset.

Il risultato è la scomparsa di 90' minuto che passerà a mediaset (dopo aver vinto un asta che la rai, palesemente, non poteva vincere- mediaset ha vinto con un offerta di 61 milioni di euro), il cui conduttore sarà Mr. 8 milioni di contratto (che non è un giornalista sportivo)ed il cui format sarà dilatato a più di 2 ore e che lascio immaginare quanta pubblicità farà (stile mediaset), e costringerà milioni di allocchi a star lì a sorbirsi vagonate di spot prima di vedere il servizio con i gol della sua squadra che poi rispetto a tutto l'amba aradan si ridurrà a qualche minuto.

alfio corvo 05.08.05 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Lasciate stare la sinistra e la destra. Non esistono più.

Alle prossime elezioni dovete votare:

CETTO LAQUALUNQUE.

E ci sarà: "chiù pilo pi tutti".

Gianluca Nicoletti 05.08.05 14:08| 
 |
Rispondi al commento

eddai, anche se gli occhi gli abbiamo aperti .... e che vogliamo fare? la rivoluzione?!? e come?!?

torno a ripetere: ci vuole im miracolo!
temo pero' che, se anche arrivassimo fino a lourdes, troveremmo chiuso!! :D

olga bernardi 05.08.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

La DC e il PSI difronte a questa gente arrossirebbero, ma la colpa è sol nostra. Protestiamo e blocchiamo l'italia perche una squadra di calcio viene retrocessa e restiamo a guardare questa gente che sta riducendo ad un cesso il nostro paese senza fare nulla (nessuno escluso)!

Matteo Borsani 05.08.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

questo mi fa sentire orgogliosa di essere donna!!! mi piacerebbe che in questo sfacelo di giustizia e valori, fossero proprio le donne le protagoniste positive nella rinascita!!!

stefania apuzzo 05.08.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

eh no le notizie non si danno così, permettimi.
L'azione disciplinare sulla Forleo non c'entra una bella fava con la questione ABN - Antonveneto, riguarda una vicenda - inquietante, a mio giudizio - di un paio di settimane fa.

L'azione disciplinare era stata hgià annunciata ben prima del casino Fazio Antonveneto, ed è uscita ieri la notizia perchè i tempi tecnici tra le indicazioni del Ministero e l'avvio dell'azione sono questi.

La situazione di Fazio tec. è già talmente vergognosa di suo, che non mi sembra necessario raci entrare per forza e con mezzucci da stampa di parte anche il governo.

Ciao.
FG.

filippo ghisi 05.08.05 14:03| 
 |
Rispondi al commento

http://www.economist.com/agenda/displayStory.cfm?story_id=4254389

Donata Esalta 05.08.05 14:02| 
 |
Rispondi al commento

@ olga bernardi

e si,peccato che anche a furia di sperare nei miracoli ci siamo ridotti così.
Se esiste un Dio non pensa certo a noi perchè abbiamo il papa, o i santi o le Madonne che si muovono... Con tutto il rispetto per chi crede... eddai! E apriamo gli occhi!

Ci andrei a Lourdes, ma pregherei per farmi dimenticare dove vivo, la bellezza del mare, gli affetti, i ricordi, e poi restare li!

Claudio Marciano Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 14:02| 
 |
Rispondi al commento

@Chiara
no, il pellegrinaggio s'ha da fare davanti al parlamento a reclamare la legalità che ci hanno rubato! E ha ragione chi dice, un po di post più sotto, che il primo che parla male dei giudici non ha sicuramente le mani pulite

cristiano di giovanni 05.08.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

@ olga bernardi
e si,peccato che anche a furia di sperare nei miracoli ci siamo ridotti così.
Se esiste un Dio non pensa certo a noi perchè abbiamo il papa, o i santi... eddai! E apriamo gli occhi!
Ci andrei a Lourdes, ma pregherei per farmi dimenticare dove vivo, la bellezza del mare, gli affetti, i ricordi, e poi restare li!

Claudio Marciano Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

@ claudio marciano:

e se provassimo ad andare tutti a fare un pellegrinaggio a lourdes? .... un miracolo puo' aiutare a fare un pochino di pulizia!

olga bernardi 05.08.05 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Solo il Papa ha la carica a vita....
Gli altri ..... A lavorareeeeeeeeeeeee

Giancarlo Polo 05.08.05 13:56| 
 |
Rispondi al commento

@Manolo Breanzi e a tutti quelli che: L'operato di Prodi, vi fa' retrocedere in ultima posizione nella lista di quelli che dovrebbero scandalizzarsi per cose simili

Smettetela per favore di guardare alla politica come fosse il campiomato di calcio e sinistra e destra fossero come Juve e Milan. Se verranno fuori elementi probatori nei confronti di Prodi sarem(m)o ben felici di escluderlo dalla politica. Dato che avrebbe tradito la fiducia che gli si era accordata. E lo stesso dovreste fare voi. Se votate uno che poi scoprite che vi ruba i soldi in tasca e pensa solo al suo tornaconto danneggiando voi e la collettività tutta, per quale motivo dovreste difenderlo e rivotarlo? Cambiatelo o votatene un altro. Stop. Mica vi si dice che dovete votare per la sinistra?

cristiano di giovanni 05.08.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Se avessi il coraggio di farlo scapperei dall'Italia. Che affondi nel tirreno e poi risalga finalmente pulita!
Purtroppo però, si sa, qualcuno sopravviverebbe e si ricomincerebbe daccapo. L'Italia, la Sicilia dove vivo da sempre, sono troppo, troppo belle per darle in mano agli italiani che si meritano esattamente quello che hanno.
La tristezza ha raggiunto livelli troppo alti ma ancora temo che il fondo sia lontano.
Qualcuno ci aiuti, nonostante NOI!

Claudio Marciano Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

x giancarlo
....l'umanità forse avrà imparato.....i "potenti" mi sa di no.....

chiara leone 05.08.05 13:51| 
 |
Rispondi al commento

@cristiano di giovanni:

appunto, basta con il dare un colore politico a tutto, che diamine! la giustizia, la legalita' non appartiene a schieramenti politici

olga bernardi 05.08.05 13:51| 
 |
Rispondi al commento

NOn vorrei essere off topic come si dice ma domani 6 agosto ricorre il 60 anniversario dello sgancio della bomba atomica su Hiroshima, il 9 su Nagasaki.
Facendo delle ricerche in rete ho trovato questo sito sui veterani "atomici" USA con tanto di foto, molto documentato.
Questo e' il link
http://www.aracnet.com/~pdxavets/a_tests.htm
Speriamo che la razza umana abbia compreso l'enorme scempio di vite e disastri ecologici e che queste cose non abbiano a ripetersi nel corso di tutta la vita dell' umanita'

Giancarlo Polo 05.08.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento

mi son dimenticato... e in tutto questo c'è gente che perde giornate di lavoro, rischia il penale in manifestazioni violente perché la squadra del cuore (gestita da questi magnati dell'industria) deve retrocedere di categoria per debiti. Siamo veramente alla frutta gente. Temo al pensiero di quando arriverà il conto.

Emanuele Rossi 05.08.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento

......a me quello che fa imbestialire è che se un povero comune mortale come noi non si fosse presentato come hanno fatto loro ci sarebbe stata un'accanita "caccia all'uomo" con tanto di benpensanti moralisti a sputare sentenze e indignazione!!!!
.....così non va!!!

chiara leone 05.08.05 13:47| 
 |
Rispondi al commento

VAI GINO ... INIZIAMO A ... IO CI STO'

RIPRISTINIAMO LA LEGALITA' MANDANDO IN GALERA A CALCI IN BOCCA TUTTI MA PROPRIO TUTTI COLORO CHE HANNO LE MANI SPORCHE.

E NON VENITEMI A PARLAR MALE DEI GIUDICI: IL PRIMO CHE LO FA' HA SICURAMENTE LE MANI NON PULITE

CIAO BEPPE ... SEI UN MITO

michelangelo gargano 05.08.05 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
È proprio vero che con il pelo sullo stomaco bisogna nascerci, non si può spiegare altrimente la capacità di molte persone, di continuare a difendere le proprie convinzioni anche se la realtà li smentisce.

Senza entrare in politica ma affrontando un discorso MORALE, come si può negare l'evidenza che chi NON doveva mettere naso nello svolgimento delle trattative ha preso accordi sottobanco?

Come si può cercare scuse e dare colpe quando la realtà è così fastidiosamente davanti, non solo all'Italia, ma al mondo intero?

È morale GIUSTIFICARE certi comportamenti?

Perchè l'informazione ci comunica L'INDIGNAZIONE della maggioranza nei confronti dei magistrati e non si sofferma sulla GRAVITA' delle accuse?

Ma il verde popolo PADANO, come può GIUSTIFICARE la moralità di certe azioni?

La legge serve a questo, a vedere se le accuse che ti fanno sono fondate o meno e se sei colpevole TI CONDANNA.

Se ti chiami Fazio, sei consapevole di essere sotto i riflettori di un paese e del mondo intero.
Sai i rischi che corri e sopratutto sei PAGATO per sostenere certi rischi.

Cosa, tra l'altro, comune a tutti i cittadini.

Il Dott. Fazio non è stato accusato di aver mangiato bambini a colazione ma di certo, per il ruolo che ricopre, anche la più piccola macchia deve essere SMENTITA CON FORZA, per poter giustificare una mancata dimissione.

Se poi la giustizia lo scagionerà dalle accuse, avrà tutte le possibilità di tornare a ricoprire il ruolo che aveva.
Di certo nel mentre non farà un giorno di galera... (in memoria di Enzo Tortora).

Forse a molti sfugge ma in ITALIA è così, se non vi piace,
ci sono ancora parecchi stati del Sudamerica o Africa dove poter FARE UN PO' IL CAZZO CHE VI PARE,
occhio però perchè li non vi chiedono le dimissioni,
VI UCCIDONO.

Perchè Fazio non smentisce pubblicamente? In TELEVISIONE, davanti all'Italia e al mondo?

Perchè Ricucci e Co. NON RISPONDONO alle domande?
Se sono innocenti cosa temono?

Ma al catechismo ci siete andati o no? Vostra made vi avrà insegnato che se sei giusto non devi temere nulla?
Che valori avete avuto dai vostri genitori per poter sostenere certe cose?

Ma quando morirete chi ve la pagherà la tomba il PARTITO?
Prima di essere schierati siete UOMINI, avete una coscienza, dei valori.

Certe cose sono sopra ogni logica politica, se non diamo dei VALORI morali a questo paese cosa devo insegnare ai mie figli?

Che se rubi e ti beccano sei un LADRO e se invece ti metti daccordo e non ti beccano sei un GIUSTO?

A tante domande non mi aspetto necessariamente delle risposte e sopratutto NON MI INTERESSA la politica.

Mi interessa il buon senso, se qualche illuminato mi dice dov'è finito lo ringrazierò per sempre.

Saluti

Andrea Spinazzola 05.08.05 13:42| 
 |
Rispondi al commento

anche io sono schifato da tutto ciò. Non ho più parole per poter definire certa gente. Mani Pulite, inchieste, tutto inutile. Visto il caso di Fazio, perché non indagarlo seriamente anche sul caso Parmalat? Quando è scoppiato lo scandalo, si può riassumere quello ha dichiarato nelle varie interviste in un "pazienza, capita!". A vendere castagne deve andare certa gente, non in parlamento. Grillo... FAI UN PARTITO. GRILLO FOR PRESIDENT!!!

Emanuele Rossi 05.08.05 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Versiamo in una situazione in cui stare a parlare di destra o sinistra è più o meno come discettare sul sesso degli angeli.
Legalità prima di tutto.
E riprendiamoci la nostra vecchia costituzione!

cristiano di giovanni 05.08.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

....no, ho sbagliato...era x giuseppe.....

chiara leone 05.08.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento

x gino

il problema è che ci sono "incollati" a montecitorio.......o meglio.....quando dovrebbero esserci non ci stanno (assenteismo a palla!!) ma mica mollano!!!
vergognosi!!!!

-chi-

chiara leone 05.08.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Ha ragione Sandro! la legalità non è ne di destra ne di sinistra. Smettiamola di dare colori politici a chi semplicemente chiede il rispetto della legge.

cristiano di giovanni 05.08.05 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Ma qualcosa deve succedere!!
Forse può esistere un mondo senza valori ma qui è peggio ... l'unico valore è il denaro.
Non importa come l'hai avuto, chi conta ha facce come quella di Fazio.
Ho visto arrossire prostitute, ladri di autoradio, ultras allo stadio ma mai un politico, un'imprenditore, un giudice, un finanziere, un alto prelato colti con le mani nel sacco.
Il pudore è per i deboli, i poveri, i perdenti.
Ma siamo sicuri che per scatenare un secondo diluvio universale, una nuova rivoluzione si debba peggiorare ancora molto?

Possibile che solo io senta crescere attorno a me, come un fiume prima della piena, la voglia di giustizia e che veda già le prime avvisaglie della voglia di vendetta?


Luca Rigamonti 05.08.05 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Ormai si sa tanto fanno quello che vogliono.

Luca Gianantoni 05.08.05 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Prodi e Italgel...Prodi e Cirio..Berlusconi....gli ottanta indagati che stanno in PArlamento....
Ma ragazzi litighiamo tra di noi per le malefatte che fanno questi signori fanno!!!! Ma perchè la prossima volta che andiamo a votare, invece di votare i candidati leader, non votiamo per "Giovanni Catozzo"...povero cassa integrato prima e poi mobilitato dopo, e finalmente non cambiamo un pò di gente da Montecitorio per i quali ormai da decenni è diventato un posto fisso. Gira che ti rigira li ci stanno sempre le stesse persone, più o meno camuffate, che NOI CI ABBIAMO MANDATO.
Ciao a tutti
Giuseppe M.

Giuseppe MAnuli 05.08.05 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Gino Verrelli il 05.08.05 13:17

E se tu vai a vedere piu' in basso, noterai che ci sono ancora dei personaggi che questa gente la difendono,dando del comunista a tutti coloro che pretenderebbero solo un minimo di legalita'!
Ciao

Sandro Bardo 05.08.05 13:25| 
 |
Rispondi al commento

vai gino io ci sto!!!!


quando si parte?

-chi-

chiara leone 05.08.05 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè dobbiamo ancora sopportare questi cialtroni e sprofondare sempre di più?
"Grilloblogs" organizziamo la rivolta!

Gino Verrelli 05.08.05 13:17| 
 |
Rispondi al commento

@Benedetto Gagliardo il 05.08.05 13:05
A Gagliardo era ironico.....mica serio...;)
Ripigliati!!

Luigi Carloni 05.08.05 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Sai cosa? il vero problema non è Fazio, ma le intercettazioni telefoniche! Sono troppe!
E quindi anche tutte le multe per infrazione al codice stradale che ti sei preso non sono mica colpa tua, è che in giro ci sono troppi vigili!
Protesta col tuo comune e non pagare.

cristiano di giovanni 05.08.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Sono NAUSEATO e SCHIFATO dalla tracotanza in stile mafioso che questa classe dirigente, a tutti i livelli, usa contro chiunque voglia ristabilire un minimo di legalità o voglia restituire un briciolo di dignità a questo paese. Il tutto nella più assoluta indifferenza, quando non complicità, dell'opinione pubblica e dei mezzi di informazione. BASTA!!!!!!

Alessandro Borello 05.08.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

@ g.corti

L'OPERATO DI PRODI L'INDAGATO, VI FA' RETROCEDERE IN ULTIMA POSIZIONE NELLA LISTA DI QUELLI CHE DOVREBBERO SCANDALIZZARSI PER COSE SIMILI

Manolo Breanzi 05.08.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

OT velocissimo:
Notizia bomba: i tifosi del genoa sono pronti a strappare il certificato elettorale, perche' nelle prossime elezioni ci faranno scegliere tra prodi e berlusconi penso io, e invece no, lo strapperanno se il genoa non verra' iscritto al prossimo campionato di serie a. E'una questione di priorita'e questi sono i problemi!
Se qualcuno mi sente: AIUTOOOOOOOOOOOOO

Sandro Bardo 05.08.05 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Allora non sono l' unica a chiedere a gran voce: elezioni elezioni elezioni!!!!!

A tutti i blogger un caro saluto, mi faccio un po' di vacanza.(Alla faccia di chi non sopporta i fuori tema!!!!)

claudia parmeggiani 05.08.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

L'operato di Prodi, vi fa' retrocedere in ultima posizione nella lista di quelli che dovrebbero scandalizzarsi per cose simili

Manolo Breanzi 05.08.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

@g.Corti il 05.08.05 12:46
Con tutto il bene che ha fatto questo Governo. Ma ti ricordi come stavamo male 5 anni fa? Ora invece tanti telefonini, vacanze, tre pasti al giorno, bibite, offerte di lavoro a gogo...INGRATO (POST) COMUNISTA IN COMBUTTA CON LA MAGISTRATURA CHE ASSOLVE I COMUNISTI E CONDANNA I VERI ITALIANI! Luigi Carloni

forse sarebbe il caso che tu decida x il suicidio...il tuo cervello ci deve aver pensato ( e lo ha fatto ) già...

Benedetto Gagliardo 05.08.05 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Grillo disse una volta:

La legge è uguale per tutti, PER QUALCUNO, forse un pò meno!

Corruzione semplice, indagati che non si presentano davanti ai giudici. OHHH, ma stiamo scherzando!

Questa gente deve essere spedita a casa, SUBITO!

Gianluca Nicoletti 05.08.05 13:03| 
 |
Rispondi al commento

per Luigi Carloni,
se il messaggio per me era ironico , sei un grande!!!!

se era serio sei una bestia ....

Ciao

g.Corti 05.08.05 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno spieghi a Fintus che essere indagati non significa essere colpevoli ed invece essere assolti per prescrizione con le attenuanti (senza fare nomi) FORSE si! (le attenuanti non si danno a chi risulta inocente!). Questa è la differenza!

Besos

Tati

tatiana saruis 05.08.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: nicola ralto il 05.08.05 12:51

Ti prego....non infierire...Credi(mi)euronord...

Luigi Carloni 05.08.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

per Manolo Breanzi

Siete CHi ?? che cosa ??

Io sono una persona che , siccome le leggi le rispetta, vorrebbe che fossero rispettate anche da chi ricopre cariche istituzionali , ed il magistrato ( che ha il dovere di procedere) deve essere messo nelle condizioni di svolgere le proprie funzioni senza ricatti, ispezioni, o commenti puramente POLITICI.

Per quanto riguarda Prodi, è chiaro che non è un personaggio " INTONSO" ma sempre meglio del nano cabarettista; è il maggioritario ( per il quale ho votato contro - che mi costringe a scegliere o di quà o di là )

Segnalami i procedimenti aperti e passati "in giudicato" su Prodi , nel dettaglio scoprirai che c'è solo una cortina fumogena creata dai Tuoi " amiconi"

ciao mente plagiata ..........

g.corti 05.08.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

e bravo capitan findus...che commenti del c...o, ma scusa, ci sei o ci fai?..il problema, x chi nn lo avesse ancora capito, è che dovremmo tutti riflettere sulla totale immoralità del fatto che uno stronzo burino che è un vero nessuno riesca a rubare, nn trovo miglior verbo, una banca, senza assamontagna o pistole, grazie ai soldi dei risarmiatori di altre banche...i prestiti all'italiana sono famosi xchè nell'alta finanza li paga solamente il piccolo risparmiatore o il piccolissimo correntista...che truffatori riconosciuti tali ( Fiorani ) possono ancora delinquere nonostante il loro sudicio e accertato passato...che un gip venga intimidito da un provvedimento disciplinare che è doppiamente grave xchè ormai un giudice deve sentirselo nel c...anche e soprattutto come cittadino, cioè dovrebbe sempre anteporre il proprio ruolo di " servitore dello Stato " a quello di cittadino...ma non è anche il gi Fioreani un cittadino?
se un cittadino qualunque facesse quello che ha fatto lei, oniamo caso un prorietario di un negozio, l'azione discilinare sarebbe l'esproprio dell'attività commerciale del suddetto?...la verità è che facciamo ridere, e mi dispiace, vorrei essere divertente piuttosto che ridicolo...
capitan findus scrive : meditate gente...x favore medita meno e pensa di più tu, io a certi inviti da parte di gente come te preferisco un bel morso di medusa...ciao ciao

Benedetto Gagliardo 05.08.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Manolo Breanzi il 05.08.05 12:41

Ma tu sei un emilio fido sotto falso nome? Noto con piacere che anche tu vedi comunisti ovunque.
Non pensi sia venuto il momento di farsi furbi e di ragionare con la propria testa?
Come fai a difendere berlusconi, una canaglia della peggior specie, e tutta la sua manica di delinquenti, ma ti rendi conto di quello che dici?
E poi stiamo qui a parlare di legalita' con gente come te, ma fammi il favore, vai sul sito della de filippi, e' quello il tuo posto ...

Sandro Bardo 05.08.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

..e non è tutto, non so se lo sapete..ecco la news..invece di parlare di Fazio, in parlamento cosa fanno?

..regolamentano le intercettazioni!!!!

http://liberoblog.libero.it/italia/bl924.phtml

..devono sparire tutti...

Andrea Ciocca 05.08.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

> contro il subdolo tentativo (riuscitissimo) di impregnare nelle coscienze occidentali il binomio

Se vuoi ti faccio l'elenco dei binomi...

> Il Mondo è tutti, cambiare questa Legge Universale è una perdita di tempo e di diritti.

Certo, buonanotte.

Yang Chenping 05.08.05 12:54| 
 |
Rispondi al commento

ADDAVENI' BAFFONE!

Luca Sanna 05.08.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

.. e non mi sembra che qualcuno abbia a cuore Prodi o Rutelli in questo blog...
Anzi, si potrebbero documentare i loro misfatti, senza usarli, però per giustificare quelli commessi da Fazio e company.

Osvaldo Tagliani 05.08.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

@g.Corti il 05.08.05 12:46
Con tutto il bene che ha fatto questo Governo. Ma ti ricordi come stavamo male 5 anni fa? Ora invece tanti telefonini, vacanze, tre pasti al giorno, bibite, offerte di lavoro a gogo...INGRATO (POST) COMUNISTA IN COMBUTTA CON LA MAGISTRATURA CHE ASSOLVE I COMUNISTI E CONDANNA I VERI ITALIANI!!!

Luigi Carloni 05.08.05 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Morire sotto le insegne di Antonio Fazio da Alvito non era previsto nel contratto di assunzione a direttore de la Padania. Né nelle mie personalissime intenzioni. Fazio se ne può andare anche stamattina e non per questo mi straccio le vesti. Il Governatore di Bankitalia può durare cinque minuti come tutta una vita: dormirò lo stesso. Né ci rimangiamo una riga delle accuse che gli rivolgemmo ai tempi dei crack Cirio, Parmalat e bond Argentina: quelli furono scandali veri, tragedie vere per migliaia di famiglie e piccoli risparmiatori che ancora attendono i rimborsi promessi. Su quelle bancarotte Fazio doveva fare di più: glielo dicemmo allora e glielo diremmo oggi. Nulla è cambiato.
Ma se ora mi chiedeste perché non partecipiamo al gioco della torre la risposta è semplice: in gioco non c’è la sopravvivenza di Fazio (almeno non è questo ciò che ci interessa…) ma, ancora una volta, il tentativo dei poteri finanziari romani di bloccare il vento del Nord e la sua finanza. La partita è troppo complessa per consentire vantaggi inutili e gratuiti: se Fazio si dimettesse, sarebbe solo un autogol, cioè un gol a favore degli altri.
Mi potreste ancora domandare (perplessi): ma in quale film hai visto che Fazio vuole indebolire i poteri romani? Forse, è vero, non vuole indebolirlo, ma è ancor più vero che non ne vuole morire schiacciato.
Pertanto la domanda più corretta è: perché il sistema romano ha deciso di togliersi di torno Fazio? Le risposte non mancano, anche se cominciano con un’altra domanda retorica: è stata casuale la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche tra Fiorani e la signora Fazio, lo stesso Fazio e altri personaggi proprio nel giorno del Consiglio dei ministri in cui si sarebbe parlato del Governatore? Suvvia… Indebolire davanti agli occhi della gente la figura di Fazio non è così complesso: è il Governatore della Banca d’Italia, è lì da tanto tempo, è un uomo potente, non ha fatto abbastanza per difendere i piccoli risparmiatori dai crack di cui sopra, le frasi intercettate non lascerebbero dubbi e poi altro ancora. La sentenza per cui la nostra “credibilità è a rischio” è indubbiamente a effetto. Ma falsa... Avevo già scritto che le banche estere operanti in Italia non hanno detto nulla sulla vicenda, eccetto gli olandesi e gli spagnoli, i quali però sono parte in causa. Certo, c’è anche l’Europa che soffia sul fuoco, ma la cosa non mi sorprende: cos’altro avrebbe potuto dire a un Governatore che sembra preferire il rafforzamento del sistema creditizio italiano a quello straniero? Secondo voi, ai commissari europei può stare simpatico più un lodigiano come Fiorani o un capoccione spagnolo o olandese?
E siamo arrivati al punto critico della vicenda: ammesso che Fazio avesse veramente voluto privilegiare un operatore lombardo, italiano a svantaggio di un operatore straniero, avrebbe commesso un reato? È andato oltre il suo ruolo? Sul reato si pronuncerà la magistratura. Sul rispetto del ruolo, invece, do subito la mia personale interpretazione. Nelle dichiarazioni di alcuni politici e commentatori si insiste sulla figura del Governatore come un arbitro che sta facendo il tifo per una squadra, un arbitro di parte. È davvero così? In parte sì ma il discorso non può morire qui. Ha scritto bene Francesco Giavazzi sul Corriere della Sera: fino a che non cambiano le regole (e queste regole prima o poi andranno cambiate, sia chiaro: ecco perché ribadisco che questa tesi non è una gratuita orazione pro Tonino) il Governatore sta in bilico tra l’indipendenza e l’arbitrio. “Il Governatore (che alla prova dei fatti è Bankitalia ndr) deve sì controllare la stabilità delle banche ma anche quella della concorrenza nel mercato del credito, due obiettivi - scrive Giavazzi - in evidente conflitto l’uno con l’altro, che altrove vengono normalmente affidati a istituzioni diverse, la banca centrale e l’autorità per la concorrenza”.
In attesa, ripeto, delle nuove regole, Fazio si è ritrovato di fronte a una scelta di natura politica, una scelta che delineava scenari diversi e incompatibili tra loro: o favorire un disegno “partigiano” o un’avanzata straniera. Se Fazio avesse davvero deciso di favorire il disegno strategico di Fiorani e cioè una banca fortemente identitaria, una banca del lombardo-veneto, ha fatto non bene ma benissimo. Perché 1) avrebbe stoppato un’ulteriore spesa da parte di stranieri in casa nostra, senza per questo essere accusato di impermeabilizzare le nostre banche rispetto a partecipazioni estere (tutte le banche, europee e non, già operano in Italia); 2) avrebbe favorito una finanza a misura di territorio.
Il film l’abbiamo già visto: agli olandesi cosa volete che gliene freghi dei distretti del trevigiano o di quelli tessili del biellese o della rubinetteria novarese o del Cusio-Ossola? Per loro la ricetta è semplice: i distretti non devono più esistere nel mercato globale. Abbiamo visto la grande finanza come ha messo in ginocchio i piccoli imprenditori, lasciandoli in balìa della concorrenza cinese. Il disegno finanziario di Fiorani coincideva con quello politico della Lega: più forza alle nostre imprese. Non per questo la fusione Banca Popolare Italiana con Antonveneta avrebbe prodotto una banchetta di provincia, sia chiaro… Una banca da quattro soldi, Fazio, non l’avrebbe permessa.
A sapere, però, che i progetti di Fiorani erano e sono saldi, è anche Roma con i suoi soliti maneggi di potere. Quella Roma, che non vede l’ora di togliersi dalle scatole la Lega e il cosiddetto asse del Nord, figurati come può vedere l’espansione di Gianpiero Fiorani e la sua nuova razza padana. Meglio uccidere il bimbo immediatamente, costi quel che costi. Basta con questi speculatori dai capelli lunghi e le fidanzate celebri che si permettono di allungare le mani sul Corrierone fino a rastrellare il 20 per cento (ma senza avere un posto nel patto di sindacato dove invece siedono azionisti con in mano il 2 per cento). Giù, dunque, con i giornali, con la magistratura, con gli amici degli amici.
...E siamo arrivati alle intercettazioni dove la figura dei cattivi la fanno Fiorani, Fazio e la moglie. Fiorani a un certo punto dice: “Questi maledetti, scusa la parola, della Consob mi hanno fatto ancora l’ennesimo ricatto. Con Cardia che personalmente dice ’ma ci sto ripensando’, dopo che tutti i suoi collaboratori avevano approvato per intero il nostro progetto (...) È come ammazzarti col piede e poi schiacciarti, allora io mi sono arrabbiato e ho detto: benissimo, allora chiamate il mio avvocato, facciamo una letteraccia pesantissima, contro Cardia, mettiamogli paura anche noi a questo punto e vediamo di passare anche noi all’attacco perché sono veramente stufo stufo stufo, guarda veramente stufo...”.
Se Fiorani dice di essere al centro di un ricatto perché io non posso leggere altresì le intercettazioni di chi, a detta di Fiorani, sta facendo questo ricatto? In altre parole: e se Fiorani stesse giocando la propria partita così aggressivamente perché dall’altra parte c’è una squadra altrettanto forte e “coperta”? Fiorani non era l’unico interessato alla partita, perché allora solo lui è stato intercettato?
Sempre nelle telefonate intercettate, Fiorani dice: “Certo, hai ragione e faremo l’impossibile per dare una risposta ferma... però ti par giusto che davanti a una nostra risposta minacciosa improvvisamente lui (Cardia, ndr) è tornato sui suoi passi oggi e allora dice che il nostro prospetto va bene così... ma non può, non può un Paese così andare avanti a lavorare per minacce e basta, non si costruisce niente”. Non mi sembra la telefonata di un pirata finanziario.
Più avanti leggo: “Qualunque sorpresa ci fosse noi siam pronti a partire, perché loro non possono permettersi di impedire che un’offerta vada sul mercato…”. Sbaglio o ha parlato di mercato? Ma come: non c’era Fazio che doveva pensare a tutto?
Come vedete, ho lasciato solo sullo sfondo la vicenda delle intercettazioni perché la partita vera è politica. La magistratura accerterà. La stampa godrà nell’informarvi in ogni dettaglio. I partiti si contraddiranno. Gli avversari faranno di tutto per far credere che la questione sia “Fazio sì Fazio no”. Noi non abbocchiamo e teniamo gli occhi aperti: è in corso un altro tentativo per fare fuori il Nord, per azzoppare gli interessi della Padania.
Oggi ho una voglia matta di sentire l’urlo di Bossi: «Chi tocca il Nord, muore»!
Quasi quasi lo chiamo...

GIANLUIGI PARAGONE


DI’ LA TUA SCRIVENDO A: direttore@lapadania.net fax 02-66246326

nicola ralto 05.08.05 12:51| 
 |
Rispondi al commento

@ g.Corti

Siete gli ultimi a dovervi scandalizzare per certi avvenimenti.

Prodi per caso non ti ha insegnato niente??

Vai a leggerti per quante cose è stato indagato Prodi

guarda che il mio cervello è meno tartassato del tuo se proprio vuoi prendere questo argomento

Manolo Breanzi 05.08.05 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Carina l'idea che Prodi e Rutelli non hanno niente a che fare con la sinistra!
Quante cose si imparano qui....

lala sala 05.08.05 12:49| 
 |
Rispondi al commento

per Manolo Breanzi

grazie di esistere... almeno capisco bene perchè abbiamo questa classe dirigente ( perchè gente come Te l'ha votata, vero? ) e capisco anche come certi meccanismi di informazione abbiano effetto su cervelli ( .....si fa per dire....) come il Tuo.

Gente come Te questo governo se lo merita ....

g.Corti 05.08.05 12:46| 
 |
Rispondi al commento

@eurasio mondini il 05.08.05 12:12

Ti ringrazio eurasio, il bello e' averlo potuto comunicare, scrivere e a coloro che vogliano essere di spunto per critica e riflessioni, debbo dirti che era un telegramma rispetto agli altri. Grazie

simonetta machiavelli 05.08.05 12:41| 
 |
Rispondi al commento

SIETE SOLO DEI POST COMUNISTI BUONI A FAR CHIACCHERE DA BAR.

SIETE QUELLI DEI GIUDICI CHE ASPETTAVANO CHE BERLUSCONI ANDASSE ALL'ESTERO PER FAR PARTIRE LE CAUSE CONTRO DI LUI IN MANIERA CHE CIO' AVESSE PIU' RISONANZA, FREGANDOVENE ALTAMENTE DEI PRINCIPI DI GIUSTIZIA E LIBERTA'.

I VOSTRI METODI FAREBBERO RABBRIVIDIRE STALIN

Manolo Breanzi 05.08.05 12:41| 
 |
Rispondi al commento

theHand x Grillo

riposto la cern...
voglio dire la
VIGNETTA!

http://www.alkemik.com

Maurizio Di Bona 05.08.05 12:41| 
 |
Rispondi al commento

@ Capitan Findus

Fazio non e' solo un brav'uomo che viene messo alla gogna per far rimanere italiana una banca italiana, bensì il Governatore della Banca d'Italia, che ha commesso un reato l'agiotaggio, ancor più grave in considerazione del suo incarico e delle sue funzioni, e che per questo va processato.
Sulla bontà o meno delle sue intenzione possiamo discuterne, se vuoi, ma il reato in quanto tale resta, così come la figuraccia che abbiamo fatto.

Antonio Cafagna 05.08.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

cari Manolo Breanzi a capitan sfigus, a prescindere che Prodi, Rutelli ecc. sono di estrazione democristiana e non hanno nulla a che fare con la sinistra, spero che la prossima speculazione finanziaria vi mandi a chiedere l' elemosina. Voglio vedere se poi difenderete i vostri paladini dell' ingiustizia....

angelo cobucci 05.08.05 12:38| 
 |
Rispondi al commento


Postato da: giorgio delle pertiche il 05.08.05 11:27

Vi ricordo che l'Italia è l'unico paese in cui si è avuta una tangentopoli...in altri paesi come in francia si prende la questione nazionale e della reputazione nazionale anche di fronte a tali aspetti....ciò perchè in molti paesi non italiani il patriottismo è giustamente sopra tutto.
_______________________________________________________________

Ok, Giorgio se non comprendo male, della serie i panni sporchi si lavano in famiglia, ma ti domando: vengono lavati! I francesi sono nazionalisti, per certi versi antipatici, pero' difendono la loro lingua, se io informatica dovessi parlare di byte, computer, con un francese, ebbene, anche se egli capisse, farebbe finta di non capire hanno salvaguardato la loro lingua, computer=eleborateur,
byte=octet
i francesi sono quelli che spontaneamente rispondono ad un sociale quando questi non li fa partecipare come loro espressione, manifestano in modi che forse il governo recepisce, e forse il governo li ascolta, nessuno, a me non risulta ma posso sbagliarmi, ha suggerito di porre in essere una prassi come quella di comprare un libro in versione economica, di leggerlo, di lasciarlo a sua volta sulla panchina di un parco perche' qualcun altro possa fare lo stesso, leggerlo e lasciarlo sul tavolo di un bistreau. Se il lavare i panni sporchi in famiglia produce simili risultati, migliori di qualsiasi prodotto in commercio, bene sono con te facciamolo in amor di patria. Pero' ho idea che non si possa sollecitare una patria, che noi italiani non abbiamo mai avuto come Patria, nessuno di noi nel suo giardinetto ha messo mai la bandiera italiana, e mi riulta che anche la bandiera italiana esposta come forza di pace a nassyria, fosse semplice espressione di una patria che non ci appartiene in questo momento (la bandiera non era quella della Repubblica Italiana), mi viene da pensare che in onore della Patria che tu richiami, qui finirebbe come nel film Codice D'onore. Io sono con il MARINES (non come corpo, non come filosofia militare) bensi' come colui che non poteva essere espulso a meno di non rivedere le regole dentro il corpo stesso.
E chi puo' dire che il PREMIER (ecco come noi difendiamo la nostra lingua, non piu' il Presidente del Consiglio, snaturato della storia che attiene a questo paese) ma connotato bene dove questo paese sta' andando, anche con la mia compiacenza purtroppo, dicevo, chi puo' dire che quello che il premier esprime non sia il suo patriottismo e che quindi non appartiene al patriottismo di cui tu giustamente fai leva, e con cui mi accomuno. Ti ringrazio.

simonetta machiavelli 05.08.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

@ Cesare Iametti

non scandalizzarti piu' di tanto, e non facciamo ipocrisia. Il tuo amico Prodi ne ha combinate di piu' grosse e l'ha potuta scampare grazie a voi di sinistra.

Leggiti le vicende del tuo amico Prodi sulla vicenda Cirio e Italgest e scandalizzati anche per quello.

Quello che "stranamente" non ti scandalizza, è il fatto che Prodi sia ancora libero di candidarsi come leader di una colalizione che (non voglia Iddio) si candida a governare l'Italia.

Manolo Breanzi 05.08.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento


Si dice spesso che l'Italia esporta stile e design. Nella forma Senza'altro ma nella sostanza di Dolce e Gabbana no se ne trovano molti anzi. I furbetti del quariterino e tutta la paccottiglia mediatico politica, Fazio in testa rimandano un'immagine da quato mondo. e queta volta l'immagine e la sostanza temo coincidano nel mostrare il declino innarrestabile di un paese.
Dagospia ci regala un bellissimo pdf manuale di stil vecchio, putrido e fedito e giallo estivo melgio di quelli del buon Faletti.

Fabio Masetti Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

A proposito dell'interrogazione che ha portato il Ministro Castelli ad aprire un'azione disciplinare contro la Forleo, vi posto la riposta al ministro di chi quell'interrogazione l'ha presentata. Ovviamente troverete tutto sul sito della camera...
------------------------------
DARIO GALLI. La ringrazio, signor ministro, per la risposta completa e soddisfacente, come sempre.
Credo non sfugga a nessuno l'enorme gravità della situazione generale, che vede i terroristi islamici impegnati in un'opera di distruzione sistematica del mondo occidentale, delle sue libertà e della sua cultura millenaria.
I recenti fatti, che hanno visto protagonisti non uomini disperati, ma persone integrate nella società inglese, dimostrano che l'odio atavico della religione islamica nei confronti del tutto quanto è ritenuto infedele non è né controllabile né gestibile.
Sperando che il nostro paese non debba vivere analoghe drammatiche situazioni e in attesa che la classe politica occidentale - in particolare, quella italiana - si renda conto dell'assurdità dell'atteggiamento buonista nei confronti di quello che ormai è un nemico dichiarato, si dovrebbero perlomeno applicare con grande determinazione le leggi già esistenti, a partire, ovviamente, da chi è proposto ufficialmente a questa funzione.
Assistiamo, invece, ad episodi incredibili, come quelli che vedono coinvolta l'improbabile giudice Clementina Forleo. Dopo aver inventato l'istituto giuridico del «guerrigliero» ed essere stata, a poco tempo fa, smentita dai suoi stessi colleghi, che hanno invece condannato per terrorismo gli extracomunitari che lei aveva fatto rilasciare, si è resa nuovamente protagonista di un episodio assolutamente inqualificabile.
Come una tardiva «figlia dei fiori» post sessantottina, si è scagliata contro due poliziotti che, a rischio della propria vita, stavano effettuando un fermo di un extracomunitario che, per l'atteggiamento tenuto, poteva essere tranquillamente imbottito di esplosivo e pronto ad un'azione terroristica.
Mi auguro che lei, signor ministro - ma ne sono sicuro - abbia la possibilità di intervenire e che la stessa cosa facciano gli organi di autogoverno della magistratura, per espellere questo personaggio dalla magistratura stessa per manifesta incapacità e per tradimento nei confronti del popolo italiano.
Questo fatto denota, comunque, l'assoluta indispensabilità della riforma del sistema giudiziario, a partire dalla nomina di giudici che devono essere eletti dal popolo.
Che la sinistra, con le sue follie sull'immigrazione, voglia la distruzione scientifica della civiltà occidentale, posso anche capirlo, ma che i servitori dello Stato siano a fianco del nemico, francamente, è intollerabile. "

Massimo Siddi 05.08.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Per Capitan Findus,
Secondo me hai preso un mega abbaglio oppure leggi troppo La Padania. In linea di principio hai ragione per quanto riguarda l' imparzialita' che deve avere la legge. Ma per cio' che riguarda questa storiaccia di Fazio ti conviene documentarti. Secondo te e' solo un brav'uomo che viene messo alla gogna per far rimanere italiana una banca italiana ??!!! Questa e' un'altra ennesima vicenda italiana SCANDALOSA con il Governatore della banca centrale pienamente immischiato !!!! E i mass media fanno solo casino perche' questi giudici "comunisti" si sono presi il permesso di intercettare certe "alte cariche" dello Stato ? .... CHE SCHIFO!

Cesare Iametti 05.08.05 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Bhè l'unica soluzione alla immondizia politica italiana, sarebbe uno sciopero generale di tutti e dico tutti fin quando le cose non cambiano. E se mandano l' esercito noi siamo pronti a combattere nel nostro paese per la vera democrazia e non nei paesi degli altri per una mercatocrazia.

angelo cobucci 05.08.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Vedo che il caso Parmalat non ha insegnato niente all'Italia! Questa volta il mondo finanziario mondiale oltre a ridere in faccia all'Italia si guarderà bene, in futuro, di fare investimenti da noi. E' incredibile, è assurdo. E il fatto pazzesco è che Fazio non ha nè smentito, nè detto nulla! Ma dov'è? Che fine ha fatto??? Dove cacchio si è ficcato? In un altro paese, un governatore della banca nazionale, si sarebbe già dimesso per 1/100 di quello che ha combinato Fazio.
E gli altri? Ricucci che sembra Al Capone? E Fiorani? Noto gangster del mondo finanziario da anni???

Scommettiamo che questi qui continueranno impunemente con le loro malefatte??? Eh si', tanto chi ci va di mezzo sono i poveracci che per colpa loro prenderanno l'ennesima stangata in borsa.

Che schifo

Filippo Neri 05.08.05 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Dopo la cessione Italgel e la cessione Cirio, Prodi è ancora libero di candidarsi come leader del centrosinistra.

MEDITATE GENTE

Manolo Breanzi 05.08.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento


Dal corriere della sera...
....Il vescovo William Skylstad, presidente della Conferenza episcopale statunitense, ha equiparato le bombe di Hiroshima e Nagasaki al terrorismo odierno, in quanto entrambi non distinguono tra «combattenti e non combattenti».
...http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/08_Agosto/05/hiroshima.shtml...

DEVE ESSERE UN COMUNISTA PURE IL VESCOVO SKYLSTAD.;)))))

Luigi Carloni 05.08.05 12:16| 
 |
Rispondi al commento

E' tutto un magna magna generale!!!!!

Fabio Battaglia 05.08.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Ma!Cosa dire!?!
A volte ,quando vengono fuori delle notizie di questa natura mi viene da pensare "Chissà cosa ci stanno nascondendo".
Certo che dopo la Permalat e la Cirio un altra figura di M. degli "Italiani" non ci voleva proprio.Dico degli "Italiani" non perchè facciamo parte di questo gruppo di eletti...ma perchè ci rappresentano nel mondo con le loro facce pulite, le giacche e le cravatte,sulle pagine dei gossip con matrimoni blindati...
Alzarsi tutte le mettine,andare a lavorare in una azienda senza sapere per quanto tempo,il tfr che faranno sparire per devolverlo alle assicurazioni,i prezzi dei beni di prima necessità alle stelle,differenza abissale tra Nord e sud,flussi migratori fuori controllo,giudici sotto accusa,mafiosi e politici corrotti in libertà,le industrie che stanno chiudendo,..e si potrebbe continuare all'infinito...
Mi piacerebbe che noi proponessimo alcune piccole cose per migliorare la nostra qualità della vita...Ciao e Buone vacanze...per chi ci va...

Aiosa Calogero 05.08.05 12:13| 
 |
Rispondi al commento

X ioni francesco
Grandissimo, tutti dovrebbero fare come e e testimoniare di azioni e violazioni a cui assistono personalmente.

X simonetta macchiavelli
Anche se pesante dal punto di vista della lunghezza il tuo post è davvero bello. Considera comunque che, proprio in virtù della lunghezza, lo avranno letto solo un 10-20% di visitatori. Ciao

eurasio mondini 05.08.05 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Qual'é il tuo vero nome!? Capitan Findus!? Se non ricordo male il senso del Blog é uscire con il propio nome,é vero o no!?

Saluti...

Angelo Iorlano 05.08.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: ioni francesco il 05.08.05 11:40

Ogni commento è superfluo.
Grazie per le preziose informazioni.
Ciao

Roberto Giuliani 05.08.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

@ Andrea Lucotti
effettivamente è da un po di anni che mi sto interrogando anch'io su come mai non sia ancora successo. I presupposti ci sono tutti

@Giovanni DI Mauro
Sono troppo un tuo fan!

cristiano di giovanni 05.08.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento


@ ioni francesco il 05.08.05 11:40

capisco che si puo' aver timore nell'intervenire direttamente, anche se situazioni hanno dimostrato che poi quando uno si e' mosso altri l'hanno seguito, ma nessun FISCHIO? Nemmeno FISCHI si sono levati quale manifestazione dell'essere contrari a simile PALESE PUBBLICITA' DI REGIME.

simonetta machiavelli 05.08.05 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Su Min. Castelli / Immigrati:

Alle isole Hawaii ti mettevano una collana di fiori al collo se eri straniero, noi italiani mettiamo le manette.
A Roma, manifestazione sabato, (a ostia) contro l'approfittarsi della paura del terrorismo per reprimere i più deboli, contro l'avvicinarsi dello stato di polizia, contro il subdolo tentativo (riuscitissimo) di impregnare nelle coscienze occidentali il binomio

Arabo | Terrorista
Diverso | Pericolo
Omòlogati | Cazzo!

Il Mondo è tutti, cambiare questa Legge Universale è una perdita di tempo e di diritti.
Se volgiamo cambiare una cultura, usiamo i mezzi che ci hanno dato i nostri predecessori, combattendo per noi, lasciandoci un mondo migliore.
Sui diritti che sono riusciti a donarci, non bisogna pisciarci sopra, ma salvaguardarli!
Occhio!

mauro mazzerioli 05.08.05 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: MARIO SALVERGHI @ Fabrizio Casagrande

Hai ragione, scusa, non sono stato chiaro;

In realta' non ci sono problemi per l'ipotesi 1

Mi sta' molto sulle palle in effetti l'ipotesi 2

ma la vera vergogna e' la liberazione del terrorista di Reggio E. (ricorda vero?)

Fabrizio Casagrande 05.08.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Per il premier sono o sono stati COMUNISTI anche Enzo Biagi e Indro Montanelli.

Antonio Cafagna 05.08.05 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Si discute sulla lentezza della giustizia
sulle pene di fatto mai applicate (quando si tratta di grossi nomi e relativi grossi furti..a
buon intenditore)..perche' invece di ragionare in termini di carcerazione per i reati contro il patrimonio pubblico e relative truffe non si applica una pena sottoforma di lavoro non forzato ma diciamo coatto con tanto di stipendio, faccio un esempio: bisogna riasfaltare una strada provinciale o statale che sia, si forma una squadra di operai formata esempio da Fazio, Tanzi e altre brave personcine..e via si parte nel mese di luglio sotto la supervisione di veri operai specializzati del settore che indicano ai Neo-operai su come svolgere Al Meglio il lavoro. Dopo le classiche otto ore i Neo-Operai torneranno felici alle loro case, forse con qualche doloretto alle braccia ma felici di aver svolto per la prima volta nella vita qualcosa di utile per la comunità. Che dite sono troppo cattivo ?? Secondo me sarebbe un modo come un altro per riacquistare un minimo di dignità ed è un modo per far riflettere
un pò queste brave persone. C'è gente che ha fatto questo lavoro, come tanti atri lavori usuranti, per 30 anni e più senza aver Mai commesso
il minimo reato. AHHHHH Me so tolto sto' groppo allo stomaco.

gianni brozzi 05.08.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

@ Luigi Carloni

Anche il suo ed il mio cognome cominciano con C, per cui dobbiamo ritenerci da oggi ufficialmente indagati!!!!!!!!

Antonio Cafagna 05.08.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Dal corriere della sera:
"Fazio, il dossier Consob che accusa Bankitalia"
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2005/08_Agosto/05/fazio_consob.shtml

Ma dico io possibile che non vi siete accorti che la C di Consob e Corriere vuol dire Comunista? Stiamo indagando per le altre lettere si attendono suggerimenti...

Luigi Carloni 05.08.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Ricucci:
"non ho mai visto una persona più buona di Fazio"...

Ma Ricucci nella sua vita... ma con che razza di gente ha avuto a che fare???

Mah...

Massimo Agati 05.08.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Per tutti i legulei che a vario titolo qui e
altrove commentano i fatti di questi giorni
indicando come criminoso non gli intrallazzi di
Fazio & co. ma la pubblicazione delle loro
amorose conversazioni riporto questa cosa
che scrive oggi Travaglio di cui, fino a prova
contraria, mi fido più dei vari Castelli, Guzzanti padre e compagnia cantante.

===================================================
Da Bananas del 5 Agosto 2005:
...
Il segreto istruttorio non esiste più dal 1989,
quando il Parlamento (non i giudici) lo abolì e
sostituì nel nuovo codice di procedura con il più
blando segreto investigativo, che copre solo le
notizie «non conoscibili dall' indagato».
Le intercettazioni finora pubblicate sono non solo
conoscibili, ma arcinote agli indagati, essendo
riportate negli atti di sequestro delle loro
azioni di Antonveneta. Dunque pubblicabilissime, lecitissimamente.
===================================================

Se qualcuno dovesse trovare qualcosa di inesatto
in quello che scrive Travaglio sarei felice di saperlo.
Saluti

A. Pellegrini 05.08.05 11:49| 
 |
Rispondi al commento

VI DISTURBANO GLI SPOT TELEVISIVI???
CHAPA KI.

"La campagna delle salsicce è stata organizzata dalla BzzAgent, una piccola agenzia pubblicitaria fondata a Boston tre anni fa. BzzAgent non è l'unica a essersi resa conto che lo strumento migliore per sedurre i consumatori non sono gli spot televisivi o i cartelloni pubblicitari ma le conversazioni quotidiane."

Tratto da: http://www.chainworkers.org/dev/node/view/133

Marco Sitzia 05.08.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

@ Fabrizio Casagrande

PER QUALE MOTIVO LA FORLEO TI STA SULLE PALLE? PER IL FATTO CHE ABBIA CONSENTITO A FAZIO UNA PROROGA PER IL GIORNO INIZIALE DEGLI INTERROGATORI (DIRITTO CHE GLI E' GARANTITO DA UNO STATO PER FORTUNA ANCORA DEMOCRATICO)

OPPURE TI STA' SULLE PALLE PERCHE' SI E' MESSA A INDAGARE SUI POLIZIOTTI CHE FACEVANO IL LORO DOVERE COSTRINGENDO IL MAROCCHINO (O ARABO CHE SIA) A NON SOTTRARSI AL LORO CONTROLLO DI ROUTINE?

MARIO SALVERGHI 05.08.05 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Sapete, pensavo che la cosa più triste di questa storia non è quel che è accaduto, nè che un manipolo di accattoni trovi chi è disposto a difenderli per motivi di bassa...lega.
Neppure mi amareggia troppo il fatto che non siano state offerte le dimissioni da chi ha agito tanto vergognosamente (altrove, più che le dimissioni ci si sarebbe atteso il suicidio o la fuga all'estero con nuova identità).
Infine, trovo patetico dolersi della perdita di credibilità dell'Italia all'estero (quale credibilità? ma de chè?).
La cosa più triste è che una storiaccia simile non abbia cantori. Se ne spettegola sui forum "comunisti", se ne parla sui quotidiani letti da un'esigua minoranza di cittadini... ma non un solo rendiconto serio è stato offerto dai canali pubblici d'informazione. A stento si è data qualche sporadica notizia, a cavallo tra la centesima edizione del meteo e il sessantasettesimo reportage dalle spiagge. Per renderla più innocua, la si è corredata con il consueto "collage" di commenti flash in rapidissima successione, che nessuna traccia lasciano della verità e della oggettivo svolgimento dei fatti.
Credo che in Italia l'anomalia più grave di tutte non sia la corruzione, il servilismo, l'impudenza,l'impunità, la mancanza assoluta di dignità, ma l'assenza d'informazione e - quindi - di libertà e democrazia

sandra leo 05.08.05 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Io ho parlato di legista (non leghista) con riferimento alla scuola legista cinese, il riferimento (post confuciano) sarebbe dovuto bastare.
Nascondere la cacca in nome del patriottismo non sono sicuro sia la cosa migliore, soprattutto quando si vive in una società talmente corrotta da rendere faticosa la vita quotidiana dei suoi cittadini.
Se non te ne sei accorto, in Italia c'è stato un vero e proprio "drenaggio" di ricchezza ai danni dei ceti bassi, medi, medio alti a favore del vertice.
Qualcuno dirà che così competeremo meglio nello scenario internazionale, con grossi e forti capitalisti, in realtà questi Marajha da strapazzo stanno raschiando il barile dell'Italia proprio perchè fuori non riescono a battere chiodo.
I giudici coraggiosi, schierati o meno che siano, cercano come Don Chischiotte di fermare lo tsunami di m***a che ci sta soffocando.

Luca Sanna 05.08.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Fuori tema ma serve a meditare su molte cose

Ieri sera sei cellulari della polizia sono entrati in piazza Navona per una retata di ambulanti immigrati. Un messaggio per loro e per l'opinione pubblica mondiale.

Ieri sera, 4 agosto 2005, intorno alle 19 alcuni cellulari (sei, secondo le testimonianze) della polizia sono arrivati in piazza Navona, in pieno centro a Roma. Con i manganelli ben in vista, i poliziotti hanno caricato sui blindati i venditori ambulanti che in quel momento lavoravano in piazza, spargendo le merci in vendita sul marciapiede. Diversi agenti in borghese hanno dato man forte ai poliziotti in divisa nel rastrellamento, tanto violento da sconsigliare ai presenti di interferire con le guardie. Tanta gente, tra cui molti turisti, era presente nella piazza a quell'ora, ma nessuno ha reagito durante l'operazione.

Probabilmente, l'operazione rientra nella strategia anti-terrorismo messa in atto, a vari livelli, dalle autorita'. Dal ministro ai questori, con l'aiuto di giornalisti amici, la strategia consiste soprattutto nell'impressionare l'opinione pubblica convincendola che "le istituzioni non stanno con le mani in mano". Per questa strategia, gli immigrati sono il bersaglio piu' facile, perche' piu' indifesi. Lo stesso schema e' stato applicato pochi giorni fa ad Ostia, quando 14 migranti di origine pakistana che si preparavano ad una giornata di lavoro sono stati arrestati con un'irruzione all'alba in un centro sociale. Tutti rilasciati, ovviamente, perche' colpevoli solo di provenire dal Pakistan (il fatto non costituisce reato, per il momento). Ma sui giornali, ancora si favoleggia di un immigrato trattenuto per un presunto attentato anarco-islamico-insurrezionalista di cui nessuno ha memoria: Allam e' grande, e il Messaggero e' il suo profeta.

Per impressionare il pubblico, poi, p.zza Navona offre un palcoscenico ideale. Di questi tempi vacanzieri, un blitz in mezzo ai turisti si trasforma in un messaggio lanciato all'opinione pubblica davvero globale: giapponesi, tedeschi, americani riferiranno in patria della febbrile attivita' securitaria del governo Berlusconi. Dove non arrivano i giornali di regime, arriveranno gli MMS.

ioni francesco 05.08.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

E' incredibile: in Italia colpevole è chi denuncia o fa presente un reato, non chi lo commette!
Come è possibile che l'amor di patria, il senso civico vengano invocati solo per difese ad personam e mai per compiere atti per il pubblico benessere?
Caro Signor delle Pertiche, La invito a rasserenare gli animi. Posso suggerirLe un bagno al mare?

Irene Zacheo 05.08.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Concordo con il Beppe Grillo, TOGLIERE LA PENSIONE A FAZIO e a tutti i santoni della politica che risultano implicati in scandali!!!
ma purtroppo questa rimmarra' un utopia....

Pero' difendere la Forleo... lei mi fa vergognare di essere Italiano ancora piu' di Fazio e non merita altri commenti.

Fabrizio Casagrande 05.08.05 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Egr. Ing. Varie ed Eventuali,
nel paese in cui si bloccano i traghetti per una squadra di calcio, botte a chi non ha il biglietto del tram perche' fugge?
Che ridere.."forti con i deboli, deboli con i forti".

Luigi Carloni 05.08.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo e cari amici del Blog,
vorrei esprimermi in questa mia proprio in ordine del Blog stesso. Leggo degli interventi che ne richiamano altri all’ordine in virtu’ dell’educazione, della propria liberta’ che finisce quando inizia quella dell’altro, di attenersi al tema, di attenersi alle regole e quindi al bando tutti gli OT.

Come ho avuto modo gia’ di affermare in un altro mio post, le regole da rispettarsi, fortunatamente, sono soltanto quelle poche richieste fatte prima dell’invio del post, tutto il resto e’ stato lasciato al buon senso di tutti ed al nostro grado civile di esprimere le nostre idee e co queste proporsi agli altri. Tranne per una richiesta finale che recita - MESSAGGI NON INERENTI AL POST.

Usi e costumi, come si suol dire, del navigare in chat dell’iscriversi e del partecipare a liste, indubbiamente hanno legittimato questa richiesta. Le liste nascono con tematiche precise, ad esempio, chi sia interessato alla letteratura, o alla matematica, si scrive in queste liste per approfondire con altri il proprio punto comune d’interesse. Parlare di un argomento in specifico per un ulteriore approfondimento, allora si’, credo, sarebbe OT domandare in un intervento il punto di vista degli altri su di una riflessione non attinente alla tematica della lista. Come sarebbe OT lo stesso, per me ovviamente, in una lista a tema filosofico porre una domanda seppur pertinente ed in tema come: “Scusate ma chi e’ questo Seneca di cui parlate?” ;-))))
Ora questo Blog e colui che l’ha posto in essere non sono individuabili in un tema specifico. Oh, si! Se vado, infatti, nell’essenza della sua nascita non posso che individuarvi una richiesta ed un invito rivolto a tutti di esprimere i sensi ed i controsensi del vivere attuale, in una nazione come la nostra, in un mondo, che seppur manipolato nel suo rappresentarlo dai media, non e’ confortante per il futuro nostro, e quello di altri popoli e di altre nazioni. Ora mi sembra che si possa condividere questo mio punto di vista e che esso possa essere preso affinche’ possa ampliare il pensiero e l’azione di coloro che, forse vi davano una seppur motivata collocazione con regole precise. Ed allora il fatto che Grillo ponga all’attenzione un tema e’ indubbiamente l’avvio affinche’ noi si possa intraprendere uno scambio, una discussione, poter sviluppare un approfondimento, insomma dare spunti e conoscenze ad altri per eventuali altri approfondimenti personali. Non credo, scusatemi se ho inteso ed intendo male, sia un DICTAT quello che Grillo propone, bensi’ lo reputo una cosa che lui ritiene importante su cui invita tutti a riflettere, una sorta di abbrivio iniziale. Diciamo ad esempio che io abbia da fornirvi una notizia inerente alla mia azienda, al mio lavoro, alle mie conoscenze che potrebbe essere importante, o quanto meno io la reputo importante, ed e’ attinente ad esempio sempre, al tronchetto. Dal momento che il tronchetto e’ accettato da tutti quale possibile nemico da cui guardarsi, potro’ comunicarvi questo in qualsiasi momento e, credo, non sara’ ritenuto OT. Ora, invece, mi e’ stato detto che le banche che prima riconoscevano il 70% nella concessione di un mutuo, adesso sono arrivate a riconoscere il 100% ed in alcuni casi, compiacente o meno colui che quale referente per la banca fa la stima dell’immobile da acquistarsi, arrivano anche ad inglobare eventuali ristrutturazioni da farsi, quindi viene riconosciuto un 110% – 120%. Tutto questo, dal momento che le banche non sono per loro natura e per loro azione, filantropiche, ha dietro una strategia, quale? Mi e’ stato detto che vi saranno correzioni alla normativa vigente. Il riappropriarsi delle banche di un immobile e’ una prassi un po’ troppo lunga al momento, snelliranno tale procedura ed i tempi per la banca di divenire proprietaria della nostra casa, in ritardo del versamento della rata o delle rate del mutuo, si accelereranno con il coinvolgimento di rappresentanze che ora non vi partecipano, notai ad esempio. Non sono riuscita ancora ad approfondire questo argomento ed e’ tutto quello che ho da dirvi, attenzione quindi di fatto noi acquistiamo un immobile, vi facciamo delle ristrutturazioni, a fronte di una concessione di un mutuo maggiorato del valore dello stesso immobile, poi per situazioni contingenti e vere ovvio, se non paghiamo il mutuo, le banche potranno riappropriarsene piu’ celermente e rivenderlo ad un prezzo maggiorato in virtu’ della ristrutturazione da noi effettuata. Non mi sembra fantascienza, in sintesi se c’e’ il principio economico per cui e’ la circolazione della moneta a produrre una sorta di ricchezza, noi stiamo fermando questo processo perche’ non abbiamo piu’ moneta, loro si inventano di far circolare piu’ velocemente i beni, in questo caso le case. La filosofia e’ uguale, in fondo. Ora vi domando, dovro’ aspettare, rispettando le regole a darvi questa informazione quando Grillo parlera’ delle banche, dei mutui o delle case, e se cio’ non avvenisse mai o troppo in la’ nel tempo? Oppure saro’ autorizzata a farlo, anche se OT in quel giorno, perche’ sento di aver rispettato comunque l’idea primigenea, lo spirito con cui nasce questo Blog e non credo di interpretarlo male, data la figura ed il dire del suo autore, nell’individuarlo come espressione in piena liberta’ di persone che si rivolgono ad altre persone, di amici che si rivolgono ad altri amici, di cittadini che si rivolgono ad altri cittadini nell’arricchimento proprio ed altrui, dato da questo scambio. Esprimo con questa mia autorizzazione un’azione che mi e’ stata insegnata dall’autore stesso, da Grillo in persona, ovvero, quando diceva che per entrare in Europa bisognasse seguire i criteri di Maastricht, ma poi sorridendo……. Moriremo? si, che moriremo, e con l’occhietto furbo e dilatato aggiungeva, ma nel pieno rispetto dei parametri di Maastricht. Una spinta, uno spintone forte, certo e’ maleducazione, certo e’ mancanza di rispetto, certo e’ vessazione se rivolto nei confronti di un altro individuo; pero’ se dato all’altro con il fine magari di non farlo finire sotto una macchina, seppur avra’ prodotto una frattura di qualche suo arto od una sua lesione minima, avra’ invece suscitato sentimenti di riconoscenza, di gratitudine, di ringraziamento da rivolgersi nei confronti di chi lo ha praticato. Ed allora qualora vi siano OT e ci sono, vi domando di accoglierli quale manifestazione di un sentire dell’altro che vuole in quel momento esprimere quel suo dire, se nel suo dire vi individuiamo cattive intenzioni, interrompiamo la lettura del post, e passiamo a quello successivo, sono solo una rotellina od un cursore da posizionarsi al post successivo, uno scroll. Se invece pur essendo un OT ci fara’ riflettere e offrira’ lo spunto per un approfondimento accogliamolo e ringraziamo l’autore, anche se solo nel nostro pensiero. Certo ognuno di noi si considera fortunato nel trovare 100, 50 euro per strada, anche se forse alla fortuna iniziale dovremmo, per equilibrio, porre la sfortuna di un altro che li ha persi (ma ovviamente per istinto noi pensiamo sempre che chi li ha persi sia o il tronchetto, o magari Massimo per alcuni o Fausto per altri), pero’ sono li’ e li raccogliamo. Mi domando ma se trovassimo 1,2,5,10 euro per strada, li lasceremmo forse li’ solo perche’ non sono i 100 o i 50 che ci sarebbe piaciuto trovare? Qualcuno in quel caso e’ stato fortunato come noi nel perderne di meno! ;-))))
Non credo ci siano regole da rispettarsi in questo Blog se non l’idea primigenea con cui Grillo l’ha attivato e siccome credo che il pensiero di molti sia qui condiviso con quello dell’autore o e’ stato condiviso per quello che lui diceva e ci ritroviamo tutti qui, arricchiamoci nei nostri scambi seppur OT e non limitiamoci nel domandare ad altri regole che non sono state scritte da nessuno ma nascono forse da autolimitazioni che si vorrebbero imporre ad altri a dispetto di far sentire la loro esternazione maleducata, provocatoria e vessatrice della nostra’ liberta’. La VERA DEMOCRAZIA, la VERA VITA DEMOCRATICA, e’ l’espressione libera di ognuno di noi di esprimere il VERO se stesso (purche’ sia vero), e questa non e’ da intendersi ANARCHIA, e’ DEMOCRAZIA, COSCIENZA DEMOCRATICA.
Se ci viene detto: “io so una cosa di te, che tu non sai, io sappia”, ebbene quest’affermazione ha un impatto solitamente in tutti, di richiesta che essa venga portata alla nostra conoscenza: “si, davvero cosa?”, potrebbe essere la nostra risposta. Se non ci viene detta i nostri pensieri vengono sollecitati verso azioni, non dico, di cui ci vergognamo, ma che nel ricordarle a noi stessi un po’ ce ne dispiace: “avra’ saputo di quando…. “, “magari gli hanno detto che ho detto al capo….”. Credo che siano pochi coloro che sollecitati, da questa domanda, comincino a pensare a tutte le azioni buone, intese tali, fatte ad altri, agli aiuti profusi ad amici e parenti. Ed allora facciamo si’, che condividendo queste esternazioni del Blog esse possano rivolgersi alla coscienza democratica di ognuno di noi per elevarla in uno scambio di arricchimento, facendo leva a che l’acquisizione o il rifiuto di un altro dire, non avvenga perche’ non si siano rispettate le regole, ma nell’espressione della libera’ volonta’ dell’altro e nell’accoglienza di questa sua come espressione democratica della MIA VOLONTA’, della mia LIBERTA’, dell’esercizio DEL MIO POTERE. NOI DOBBIAMO CENSURARE, IO VOGLIO CENSURARE, quelli che occupano questo spazio, fors’anche in buona fede, ma il cui solo si individua, v’individuiamo, essere pretestuoso e provocatorio, e potremmo esercitare NOI IL NOSTRO POTERE non rispondendo ad un post che reputiamo tale, altri invece potranno eessere liberi di rispondervi, l’importante e che quel post possa essere letto. Come si puo’ distinguere il grano dalla gramigna? Solo facendoli crescere entrambi allora sara’ inequivocabile il distinguerli, magari potra’ succedere che confusi come siamo buttiamo il grano ;-))), ma saremmo stati noi a farlo e non altri. Che non siano le regole a mettere in moto censure e censori, che non siano persone attinenti allo staff ad esercitare questo POTERE, esprimiamolo NOI, esercitiamolo NOI, non facciamo esercitarlo in nostra vece. Solo con ironia, e con gioco, vi pongo una riflessione, dal momento che ogni cosa si fonda su di un’idea un pensiero e da questo si articola, vi domando: e se vi fosse qualcuno magari proprio a monte nello staff, che si fosse infiltrato e che avesse il compito di fermare questa…. rivoluzione, questo blog,? Noi su nostra richiesta gli avremmo permesso di farlo. Sicuramente tutti i post che Grillo ricevera’ saranno di abiuria, di proteste, di fede tradite, di stime frodate, qualora si sapesse dell’operato dell’infiltrato. Nello scarico di responsabilita’ abbiamo tutti la votazione massima di una laurea (ai miei tempi, oggi credo sia un debito, minore ma sembre un debito ;-))) ) 110 e Lode con menzione, pubblicazione della laurea. Ora la metafora di colui che si fosse infiltrato nello staff, non prendetela rivolta al Blog, o pertinente con lo staff di Grillopedia, Calatela nella societa’, nel mondo, forse puo’ essere un altro spunto riflessivo, un ANCHE, e non SOLO, il motivo per cui siamo arrivati dove siamo, nell’espressione concreta, reale, con azioni, dei nostri diritti ovvero: PERCHE’ STARE FERMI QUANDO POSSIAMO ESSERE IMMOBILI!
Caro Grillo e cari amici del Blog, mi scuso per la prolissita’ ma come disse qualcuno la liberta’ tende all’obesita’, ed io sono in sovrappeso. Orwell, invece, scrisse: “Chi controlla il passato controlla il futuro. E chi controlla il presente controlla il passato”. Preciso che le parole scritte in maiuscolo non sono da intendersi, urlate, gridate, come usi e costumi “internettiani” vogliono, bensi’ non sapendo se il post accetti (ed ovviamente rimandi nel Blog) caratteri in neretto, o sottolineati, sono da intendersi come posti in evidenza. Vi ringrazio di esserci, vi ringrazio delle vostre espressioni e partecipazioni che a volte sono solo bubbolamenti, ma non per questo meno significativi di altri, e se l’esprimerli via avra’ permesso di essere meno inquieti nel prosegue della vostra giornata sara’ stato anche questo un merito di questo Blog. Dell’aspetto sociale che riveste anche questo Blog. Vi abbraccio tutti.
Il un altro post avevo messo la storia delle scimmie in quello di oggi metto quella delle rane.

Conoscenza e conoscenza incompleta

Quattro rane stavano sedute su di un tronco che galleggiava in riva ad un fiume. Improvvisamente il tronco fu preso dalla corrente che lentamente prese a trascinarlo.
Le rane, che non avevano mai navigato, erano incantate e interessate al tempo stesso.
Dopo un po’ la prima rana parlo’, disse: “Questo tronco e’ proprio una meraviglia. Si muove come se fosse vivo. Non se ne erano mai visti cosi’”.
E la seconda rana parlo’ e disse: “No, amiche mie, questo tronco, come gli altri, non si muove. E’ il fiume che scorre verso il mare e ci porta con se’”.
E la terza rana parlo’ e disse: “Non si muovono ne’ il tronco ne’ il fiume. Cio’ che si muove e’ nelle nostre menti. Poiche’ senza pensiero non si muove nulla”.
Le tre rane cominciarono cosi’ a bisticciare su che cosa si stesse realmente muovendo. Il litigio si fece piu’ violento, ma l’accordo non si trovava.
Si rivolsero allora alla quarta rana, che fino a quel momento aveva ascoltato in silenzio, e chiesero la sua opinione.
E la quarta rana parlo’ e disse: “Ciascuna di voi ha ragione, nessuna ha torto. Si muovono il tronco, l’acqua e il vostro pensiero”.
Le tre rane andarono in collera, poiche’ nessuna voleva ammettere che la sua non fosse la completa verita’ e che le altre non avessero completamente torto.
Accadde a questo punto una cosa strana.
Le tre rane tutte insieme buttarono la quarta nell’acqua.

simonetta machiavelli 05.08.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

OT Ma mica tanto.
Parliamo di soldi (pochi) quelli nostri.
E di truffe (molte) quelle di FAZIO & FRENDS.

All'approssimarsi del SILENZIO ASSENSO per la destinazione del TFR sui fondi pensione (e qui chi ha votato a Destra può predere per il culo che ha votato a Sinistra) (ma è anche vero il contrario perchè quando si tratta di incularci sono tutti daccordo).

Vi prego di leggere quì: http://www.cublombardia.it/htm-pensioni-TFR/quanto-rendeTFR.htm

COMUNICATE IMMEDIATAMENTE AL VOSTRO DATORE DI LAVORO MEDIANTE Raccomandata Con Avviso di Ricevimento!!!!!!! O parteciperete al FAZIO & FRENDS per i prossimi 50 anni!!!!!!!!!!!!!!

Marco Sitzia 05.08.05 11:36| 
 |
Rispondi al commento

al caro umorista che non ha parole:
http://www.prendicasa.it/veneto/Padova/San_Giorgio_delle_Pertiche/index.asp

Complimenti pure attacchi al nome contro la logica delle cose.
A si.... certi ragionano per pacchetti di idee preconfezionate che il partito gli traspette e non sanno ragionare con la propria testa e con la logica.

Ciao

giorgio delle pertiche 05.08.05 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Per fare un sunto della situazione:

le tappe della lotta per il controllo di AntonVeneta
30 marzo: Abn Amro comunica il lancio dell'Opa a 25 euro su AntonVeneta .
4 aprile: Popolare Lodi chiede a Bankitalia autorizzazione a salire fino al 29,9%.
7 aprile: Bankitalia concede autorizzazione a Popolare Lodi a salire al 29,9%.
15 aprile: Cda di AntonVeneta valuta amichevole e congrua opa Abn Amro.
20 aprile: Via libera dell'Antitrust all'opa Abn Amro.
28 aprile: Il tar del Lazio respinge la rischiesta di sospensiva presentata da Abn Amro delle autorizzazioni concesse alla Popolare di Lodi. Via libera Commissione Ue a Opa Abn Amro.
30 aprile: Assemblea Antonveneta , eletto cda monocolore Popolare Lodi.
2 maggio: Procura Milano apre inchiesta. Ipotizzato il reato di aggiotaggio e ostacolo all'attività di vigilanza della Consob.
6 maggio: Via libera Bankitalia a opa Abn Amro.
9 maggio: Popolare Lodi deposita in Consob prospetto ops a 26 euro.
11 maggio: Consob accerta azione di concerto e obbliga Popolare Lodi e soci a lancio opa obbligatoria.
13 maggio: Popolare Lodi comunica lancio opa obbligatoria accanto a ops.
16 maggio: Stipulato accordo parasociale fra Popolare Lodi, Gnutti, i fratelli Lonati e Coppola.
17 maggio: Banca Popolare italiana chiede a Bankitalia autorizzazione al controllo su Antonveneta .
18 maggio: Popolare Lodi modifica opa in opas a 26 euro.
19 maggio: Apertura termini adesione a opa Abn Amro.
21 maggio: Tribunale Padova sospende la delibera dell'assemblea Antonveneta 30 aprile che aveva eletto nuovo cda.
6 giugno: Tribunale Padova conferma la sospensione del cda di Antonveneta eletto il 30 aprile.
10 giugno: Abn Amro rilancia opa a 26,50 euro.
13 giugno: Si riunisce in prorogatio il cda di Antonveneta scaduto il 30 aprile che convoca nuova assemblea per il 25-27 luglio.
15 giugno: Rilancio opas Popolare Lodi a 27,50 euro.
16 giugno: Via libera Antitrust a opas Popolare lodi.
22 giugno: Sentenza interlocutoria del Tar Lazio. Chiesti a
Bankitalia chiarimenti entro il 2 luglio su autorizzazioni concesse.
29 giugno: Via libera Consob a pubblicazione documento offerta
opas Lodi.
2 luglio: Bankitalia deposita al Tar del Lazio la documentazione richiesta.
5 luglio: Consob accoglie richiesta Abn Amro, progata al 22 luglio l'opa olandese.
6 luglio: L'ad della Bpi, Gianpiero Fiorani, è iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma.
7 luglio: Interrogato dalla Procura di Roma il capo della vigilanza di bankitalia, Francesco Frasca.
12 luglio: Via libera Bankitalia all'opa e all'opas della Bpi.Nuovi capi d'accusa per Fiorani dalla Procura di Roma.
13 luglio: Interrogato dalla Procura di Roma Gianpiero
Fiorani. Cda Antonveneta giudica congruo il prezzo ma non amichevoli le offerte della Bpi.
14 luglio: Tribunale Civile di Padova respinge ricorso Bpi
contro sospensione delibere assemblea 30 aprile.
15 luglio: Abn Amro incrementa quota al 29,98%.
19 luglio: Il Tar del Lazio respinge il ricorso di Abn Amro per l'annullamento delle autorizzazioni concesse alla Popolare di Lodi a salire nel capitale di Antonveneta.
22 luglio: L'opa di Abn Amro chiude con adesioni pari al 2,88% dei titoli offerti.
25 luglio: La Guardia di Finanza, su richiesta della Procura di Milano, ha sequestrato le azioni Antonveneta della Bpi e dei soci con cui ha scalato Antonveneta. Deserta assemblea Antonveneta in prima convocazione.
26 luglio: «Il Giornale» pubblica le intercettazioni delle telefonate fra il governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio e Fiorani. Bankitalia ribadisce la correttezza del proprio operato e sterilizza i diritti di voto Bpi e Ricucci.
27 luglio: La Consob sospende l'opa e l'opas lanciate da Bpi. Assemblea Antonveneta in seconda convocazione, Abn Amro conquista il cda. Augusto Fantozzi presidente.
30 luglio: Bankitalia sospende l'autorizzazione concessa alle offerte Bpi e convoca i vertici della banca in Via Nazionale il 3 agosto.
2 agosto: Il Gip di Milano Clementina Forleo ha confermato il sequestro delle azioni Antonveneta possedute da Bpi e dai suoi alleati e ha sospeso per 2 mesi Gianpiero Fiorani dalla carica di Ad di Bpi.Il gip dispone anche l'interdizione all'esercizio delle attivitá imprenditoriali e professionali anche Emilio Gnutti e Stefano Ricucci.

Salvatore Fatigati 05.08.05 11:31| 
 |
Rispondi al commento

@ Andrea Lucotti


Andrè sei un mito .

Michele Pietrelli 05.08.05 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Per Virginia Tarozzi

Sempre per la completezza l'extracomunitario era sul tram senza biglietto e alla vista del controllore se l'è data a gambe salvo poi essere raggiunto dai due agenti.....

Ing Varie ed Eventuali 05.08.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

cito:
"x giorgio delle pertiche
E quindi tu, fine giurista, neghi che il provvedimento disciplinare in oggetto sia un semplice escamotage a titolo di rappresaglia, pressione, avvertimento!?
E quindi tu, forte dei sacri principi della giuriprudenza, metti sullo stesso piano, un giusto rimbrotto per eccessi polizieschi, con una truffa miliardaria a danno di tutto un paese?
E quindi tu, dietro il solido scudo della tradizione legista (post confuciana), ami crederti una persona per bene?
E quindi tu."

A dire il vero no. Io metto l'equo processo per tutti di fronte sia alla Forleo che da giudice dovrebbe ben sapere che certe cose non le è consentito farle (a meno che non sia un giudice di quelli laureati al cepu...) e nello stesso conto la giusta intituzione di un giusto processo contro agiotaggio e altre accuse senza fughe di notizie che rovinano una nazione intera, fatte dai soliti noti.

Vi ricordo che l'Italia è l'unico paese in cui si è avuta una tangentopoli...in altri paesi come in francia si prende la questione nazionale e della reputazione nazionale anche di fronte a tali aspetti....ciò perchè in molti paesi non italiani il patriottismo è giustamente sopra tutto.
In compenso ci sono lodi dei magistrati francesi ai magistrati italiani, ben consci (i frnacesi) che qualunque sia il governo è meglio stare per il governo francese. Au contraire qui in Italia da 3-4 governi si assiste sempre + allo scppio di scandali che colpiscono il governo uscente per dal loro il colpo di grazia alle elezioni (ciò che stupisce è la quantita di materiale che si trova sia a sinistra che a destra) rendendo così la reputazione del paese una schifezza.
Poi perdonami ma 1) non son leghista 2) anche da non leghista un giudice che scarcera una persona perchè nella vita è guerrigliero e non terrorista lo guardo con sospetto.
Con che sospetto lo guardo? Con lo stesso sospetto con cui si guarda Antonio di Pietro ai comizi in cui dimostra di non saper minimamente perlare (Biscard school) e quello sarebbe stato uno dei migliori giudici di tangentopoli? Ma chi è che l'ha fatto arrivare fino a quel punto visto che non sa nemmeno parlare (perchè risulta difficile non credere che abbia avuto spintarelle)?
Quindi puoi essere di sinistra o di destra, ma di certo sei un baluba se non noti certe cose (da Ricucci e dal danno d'immagine per l'Italia, a Forleo a Di Pietro) e magari solo in onore al partito che vuoi sostenere.

giorgio delle pertiche 05.08.05 11:27| 
 |
Rispondi al commento

A proposito della fiera delle impunità e delle carriere trasparenti: il nuovo Questore di Bari è il dott. Francesco Gratteri, imputato nel processo per i fatti di Bolzaneto, peraltro inquadrato dalle telecamere mentre assestava un sonoro calcione allo zigomo ad un sedicenne, colpevole solo di trovarsi in quel momento alla scuola "DIAZ".
So che non centra nulla, ma voglio sottolinearlo ugualmente.

Antonio Cafagna 05.08.05 11:27| 
 |
Rispondi al commento

giorgio delle pertiche , questo nome ti calza a pennello , come le pertiche ...... del resto . Scusa ma quando ce vò ce vò !!

non ho parole 05.08.05 11:24| 
 |
Rispondi al commento

L'unica cosa che spero a questo punto è che Bush non venga a fare la guerra preventiva qui per riportare la democrazia in Italia...

Andrea Lucotti 05.08.05 11:20| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE L'INTRUSIONE, QUESTA E' LA DRITTA CHE GIRA VIA INTERNET DA QUALCHE GIORNO:

SUGGERIMENTO PER PATENTE A PUNTI:

Attenzione, per ottenere l'accredito dei punti ottenuti come promesso dal
ministero dei trasporti bisogna telefonare.
Proprio così, i punti non vengono aggiornati se non si telefona.
Ora che ho telefonato ho incassato i miei 2 meritati punti.

"Per accreditarvi questi 2 punti bonus promessi dal ministero bisogna
telefonare al numero riportato qui sotto che è il numero verde del registro
patenti ( non li danno automaticamente. FURBI VERO?!).
La voce computerizzata vi inviterà a digitare la vostra data di nascita e il vostro
numero di patente (solo il numero tralasciando eventuali lettere). Dopo
alcuni secondi di attesa vi verrà comunicato l'avvenuto accredito.

NUMERO VERDE REGISTRO PATENTI: 848782782
N.B.
il servizio funziona solamente da rete fissa italiana, non dai cellulari.
Buoni punti a tutti e fate girare il più possibile!!!


MA VOI NE SAPETE QUALCOSA ? IL N° E' SEMPRE OCCUPATO !!!!!

Patrizia Affinita 05.08.05 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Fazio non deve essere imputato per queste cosucce......
ma per aver appoggiato, incentivato, imposto, l'anatocismo bancario (calcolo trimestrale sugli interessi)
Ciò significa che coloro che hanno dei fidi bancari, prestiti o chiamiamoli debiti bancari da 10 15 anni ...... si ritrovano un tasso di interesse effettivo del 60% 70%

Qui bisogna dare una mazzata seria al Fazio e ai suoi amici (banchieri) che hanno portato alla distruzione di decine di migliaia di società, che avevano come basi fidi bancari.....

Questi signori non meritano la galera = cibo gratis...... ma meritano una punizione doppia senza prescrizione (che siamo abituati a vedere i grandi innocenti), a zappare la terra e vivere di ciò che produrranno, e dato che sono buono li aiuterò a livello minimo di sopravvivenza.....

raoul 05.08.05 11:17| 
 |
Rispondi al commento

il diverbio, la Forleo, lo stava avendo perchè gli agenti malmenavano un extracomunitario che non era assolutamente in atteggiamento aggressivo.
Da cittadina, non da giudice, ha detto ai poliziotti che si sarebbe proposta come testimone quando loro avrebbero accusato la persona di resistenza a pubblico ufficiale.

giusto per completezza.

Virginia Tarozzi 05.08.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Ma non è che alla fine Fazio e i suoi amici diranno che sono stati fraintesi?

sandra leo 05.08.05 11:13| 
 |
Rispondi al commento

@Antonio Cafagna
Ora concordo totalmente. Non offriamo inutilmente e stupidamante il fianco...

Luigi Carloni 05.08.05 11:10| 
 |
Rispondi al commento

>giudice Clementina Forleo per un suo diverbio con una pattuglia di agenti che aveva fermato un immigrato a Milano.
>Clementina Forleo è il gip di Milano dell’inchiesta Bpi-Antonveneta.........................................................................................................
Per completezza:
Il GIP Forleo è anche quello che non ha ben chiara la differenza fra resistenza e terrorismo

Ing Varie ed Eventuali 05.08.05 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Eurasio,
non sapevo che avevi un canale preferenziale con le vittime....

Luigi Carloni 05.08.05 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Beppe leggo oggi di un presunto accordo Bmw - Gm sullo sviluppo per la tecnologia dell'automobile a idrogeno.
Leggo di un sacco di problemi tecnici......
Illuminaci Beppe, illuminaci

Fabio Signorini 05.08.05 11:04| 
 |
Rispondi al commento

@ Luigi Carloni

Concordo perfettamente con lei sul fatto che il luogo e il momento dei fischi fossero inopportuni, ma nessunn politico gode di immunità da dissensi per cui il diritto di critica è lecito, anche in considerazione del fatto che a 25 anni dalla strage di Bologna ci sono molte nubi su questa vicenda e per i familiari dell vittime è quantomeno stressante.
Ricordo anche che il titolare della tessera n°1816 della P2, il cui leader Licio Gelli è stato condannato per aver depistato le indagini relative ai fatti di 25 anni fa, è il capo del governo, per cui il mosaico si arricchisce di nuove tessere.
La sensazione di impunità per i poteri forti in Italia è alquanto fastidiosa e genera ulteriori scontenti, fatto salvo ciò che ho premesso circa l'inopportunità del momento, alla luce dell'altrettanto inopportuno intervento del più strenuo difensore di Fazio Pierferdinando Casini.

Antonio Cafagna 05.08.05 11:03| 
 |
Rispondi al commento

che alla giudice l'azione disciplinare sia stata inoltrata prima del casino "Fazio" non significa che questa cosa potrà creare scompiglio per il corretto svolgimento delle indagini...

...resta il fatto che alle radio ho sentito che le cariche pubbliche si sono lamentate delle "intercettazioni"!!

ma come, invece di dire che Fazio è una mer.a come tutti i suoi amichetti si lamentano dei metodi d'indagine....e poi parliamoci chiaro...finchè le intercettazioni che "violano" la privacy fanno comodo a loro tutto ok?!

Claudio Recchia 05.08.05 11:03| 
 |
Rispondi al commento


Mi dovrei vergognare del mio paese???? Certo l'alto insegnamento e le alte capacita' educative delle Vere Democrazie. Sranno dei piccoli incedenti???

"Omicidio razzista a Liverpool
due giovani incriminati"
http://www.repubblica.it/2005/h/sezioni/esteri/liverpoolomicidio/liverpoolomicidio/liverpoolomicidio.html

Luigi Carloni 05.08.05 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Che c'entrano i fischi a Tremonti?
Rilancio con:
Che c'entra Tremonti con la strage di Bologna? Tremonti inteso come uomo e come carica istituzionale di un governo di matrice piduista intendo. Credo anche le vittime se lo siano chieste...

eurasio mondini 05.08.05 10:56| 
 |
Rispondi al commento

l'azione disciplinare contro la Forleo è stata annunciata da Castelli qualche settimana fa, prima che alla giudice scoppiasse in mano il caso antonveneta...
...Beppe, non fare gossip!

andrea romano 05.08.05 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Grazie BERTINOTTI, di aver fatto cadere PRODI e di aver facilitato TUTTO QUESTO..grazie della tua lungimiranza..grazie dell'autolesionismo...grazie ancora.

Luigi Carloni 05.08.05 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo assistendo ad un penoso capitolo della eterna lotta del Cavaliere solitario immacolato contro le forze del male togate. Se le indagini vanno in una direziona piuttosto che in un'altra non viene il dubbio che in quella direzione si trovino stormi di mariuoli? Davvero qualcuno vuole farmi credere alla barzelletta che esiste un piano per colpire berlusconi e tutti i giudici sono cattivi? Solo perchè erlusconi ride e i magistrati sono seri bisogna pensare che questi ultimi siano brutti e cattivi? Davvero una bella campagna denigratoria ha fatto (e farà sempre)il cavaliere (cavaliere de che poi? mah)contro chi prova ad arginare l'arroganza degli affaristi piduisti filomafiosi in italia..COMPLIMENTI

eurasio mondini 05.08.05 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Debora,

i commenti potranno essere parziali, Beppe Grillo potra` essere di tendenza di sinistra (non mi sembra comunque che dia addosso solo alla destra), ma mi sembra che sull'argomento ci sia ben poco da dire: figura di m...a dell'Italia intera, e di chi ci governa che permette che queste cose succedano E CHE NON SI RIESCA A PRENDERE PROVVEDIMENTI!!!

Andrea Parmeggiani 05.08.05 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe!!!

La cosa penosa (e sicuramente ripeterò un concetto già espresso), è che non si fa che parlare di "regolamentare" (leggi "PROIBIRE") le intercettazioni telefoniche... ASSURDO! NESSUN POLITICO CHE ENTRI NEL MERITO DI QUESTA VICENDA!

Ah poi ho saputo qual'è la regolamentazione per le incertezzazioni telefoniche di parlamentari... SENTITE QUESTA CHE E' BELLA.
Un magistrato che vuole intercettare comunicazioni di parlamentari, deve preventivamente chiedere l'autorizzazione alla camera di appartenenza, ma anche se accordata UNA VOLTA CHE IL PARLAMENTARE IN QUESTIONE SA DI ESSERE INTERCETTATO, CHE SENSO HA L'INTERCETTAZIONE???

Poi, visto che evidentemente ciò non bastava, hanno aggiunto un punto interessante:
se intercettando un NON-PARLAMENTARE, dall'altro capo del filo c'è un PARLAMENTARE, allora il magistrato è tenuto a CANCELLARE LA REGISTRAZIONE, a meno che non sia in stretta correlazione con il caso che il magistrato segue (sempre previa accettazione da parte della camera competente)...
Questo vuol dire che se intercetto involontariamente un parlamentare che magari dice di aver ricevuto una tangente MA QUESTO FATTO NON E' IN CORRELAZIONE CON IL CASO SEGUITO (ad es. omicidio) ALLORA LA REGISTRAZIONE VA CANCELLATA!

Insomma queste belle leggine (e chissà quante altre), che hanno trovato il silenzio assoluto di giornali e TV, mirano a rendere nuovamente INTOCCABILE la classe politica. Dopo le modifiche del DOPO-TANGENTOPOLI, che hanno portato delle leggi + eque (a furor di popolo) ora i signori SENATORI e DEPUTATI (di "onorevole" non hanno nulla) si rivogliono portate AL DI SOPRA DELLA LEGGE!!!

che schifo!


Saluti!

Patrick

Patrick De Angelis 05.08.05 10:44| 
 |
Rispondi al commento

... e pensare che c'è pure un gioco online che invita ad imitare RICUCCI: www.fuoridalcoro.org. Dove andremo a finire :|

Christian Borrello 05.08.05 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Antonio,
concordo su tutto ma ... che c'entrano i fischi a Tremonti con la rievocazione della strage di Bologna? Non e' il luogo ne' il modo.

Luigi Carloni 05.08.05 10:44| 
 |
Rispondi al commento

una riflessione: non era meglio se Di Pietro rimaneva in magistratura e continuava a bastonare politici, finanzieri, industriali. Non è che per caso è stato attratto dal canto di qualche irresistibile sirena(vedi poltrona sicura e quattrini)? Sono rassegnato, mi sa proprio che ormai destra o sinistra siano solo le due facce della stessa medaglia. E sono anche molto preoccupato per il paese (anzi, forse per il mondo) che lascerò alla mia bambina........buone vacanze a tutti.

william t. 05.08.05 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Per gente così "io-Stato" ripristinerei l'esilio: fuori dai cog**oni... per sempre - e sempre - e sempre...!!!

erardo lapenna 05.08.05 10:39| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti

E' chiaro che il meccanismo che supporta l'illegalità delle più alte cariche dello stato è sempre lo stesso; appena un magistrato vuole vederci chiaro in una vicenda e scopre responsabilità oggettive degli indagati di turno, parte la campagna di discretito.....
Quindi il ministro CASTELLI ( il peggiore che potessimo avere, uno con un complesso di inferiorità che piange in parlamento perchè nessuno lo appoggia e che fa battaglie personali con il presidente della Repubblica sulla pelle di altri - soffri per es. !!!! ) manda un ispezione, la stampa "amica" dice che in fondo FAZIO vuole difendere i capitali Italiani dall'attacco straniero , poi arriva il nano e dice che il paese e sotto il controllo delle toghe rosse e dell'informazione rossa che lo odia.

ALLORA HO DECISO ! Domani vado a fare UNA RAPINA in BANCA con la maglietta e la bandiera di FORZA ITALIA , secondo me non faccio un giorno di galera , scommettiamo ??? ( se qualcuno intercetta il mio post dico: - stò scherzando !! -non vorrei trovarmi i carabinieri a casa stasera !!!!!!!!!

g.Corti 05.08.05 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Qui non si tratta di essere di destra o di sinistra, l'agiotaggio è un reato punto e basta.
La criminalizzazione della magistratura è un gioco sporco, che non fa altro che togliere punti alla nostra credibilità che con il governo attuale ha raggiunto il punto più basso.
Riconoscerlo non vuol dire essere di sinistra, ma prendere atto di un dato di fatto, testimoniato dallo stato attuale dei nostri conti pubblici che fanno di noi il fanalino di coda dell'Europa per il basso tasso di crescita della nostra economia.
Parlare di sfortuna mi sembra demagogico (leggi l'ultimo prodigio letterario del nostro premier), così come mi sembra demagogico criticare i fischi di Bologna diretti al maggior responsabile di tutto ciò Giulio Tremonti.

Antonio Cafagna 05.08.05 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Ennesima figura penosa di chi gestisce (alla luce del sole ma soprattutto sottobanco) la finanza italiana...

Per Ricucci sorge il dubbio che la sfiga sia portata dalla formosa mogliettina....anche Max Biaggi non ha vinto più nulla dopo averla scarrozzata per un pò...

Maurizio Melone 05.08.05 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Il problema sostanziale, è come al solito la concentrazione di poteri nelle mani di uno o pochi.
La Costituzione Italiana, esempio mondiale di testo democratico, ha previsto proprio ciò, e cioè la distribuzione dei poteri e controlli su quest'ultimi tra i vari apparati statali: Magistratura, Parlamento, Governo (giudiziario-legislativo-esecutivo).
Nel campo economico, si è posta la questio sul ruolo della banca centrale italiana(BI)e la figura del suo governatore.
Il ruolo del governatore della Banca Italia, DOVEVA essere quello di determinare la politica monetaria del paese in totale autonomia ed indipendenza in concerto con la politica fiscale del governo.
Un pò come il ruolo del (scusate il paragone) Presidente della Repubblica, ovvero la carica del governatore non è sottoposta a limiti temporali (per il Presidente della R. è di 7 anni, mentre per il Parlamento 5) in particolare elettivi, perchè costui non doveva essere uomo di governo.

Allora:
Attualmente il ruolo del governatore si è andato spogliando delle funzioni fondamentali in favore del presidente della BCE, infatti ricordiamo che la politica monetaria è "devoluta in via esclusiva dalle Banche centrali dei paesi in favore della BCE",

quindi qual'è il significato di mandato a
vita del governatore?


La sua indipendenza nelle funzioni e anacronistica è relativa solo al sistema italiano ed in particolare il controllo sulle banche ed il sistema bancario italiano.

La riforma del mandato del governatore è una delle prime ed urgenti da realizzare, prevedendo magari la rielezione così nel caso tale uomo sia iin grado o abbia lavorato eccellentemente o abbia una credibilità (cosa ormai morta e seppellita) possa essere giustamente rieletto;
Prendiamo come esempio il governatore della FED Greenspan è li da più di venti anni, ma non perchè abbia un mandato a vita, ma perchè è un uomo che ne capisce e gode di credibilità da parte dei mercati; vi faccio notare che era presidente della Fed durante la presidenza Clinton ed ora Bush, quindi non può essere considerato uomo di questo o quel governo.

Attendiamo.... e speriamo come al solito (che li mandino a casa).

Gennaro Tagliamonte 05.08.05 10:26| 
 |
Rispondi al commento

x giorgio delle pertiche

E quindi tu, fine giurista, neghi che il provvedimento disciplinare in oggetto sia un semplice escamotage a titolo di rappresaglia, pressione, avvertimento!?

E quindi tu, forte dei sacri principi della giuriprudenza, metti sullo stesso piano, un giusto rimbrotto per eccessi polizieschi, con una truffa miliardaria a danno di tutto un paese?

E quindi tu, dietro il solido scudo della tradizione legista (post confuciana), ami crederti una persona per bene?

E quindi tu.

Luca Sanna 05.08.05 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe scrivo amareggiata per quanto successo, ma anche per i commenti molto parziali che ho letto.
Che tu sia di una certa tendenza politica si percepisce sempre, che questo blog abbia una certa tendenza è chiaro...
Ma è possibile che nessuno in Italia usi la testa sempre e non a corrente alternata?
Vorrei riportare un intervento in terza pagina su Libero di oggi, già il titolo è illuminante:
"L'offensiva giudiziaria, Prodi ci cova".
"di Luca Volontè*"
"Mi inqiuetano molti avvenimenti delle ultime settimane. Il vostro libero giornale ne parla con intelligenza e competenza encomiabili, tuttavia permettetemi un commento. Partiamo dalla intervista di Prodi al Corriere della Sera di qualche settimana fa. Il professore con formidabile tempismo, qualche giorno precedente aveva incontrato la stampa estera lodando Zapatero e i matrimoni gay come esempi da seguire, al Corriere della Sera cosa fa? Sferra un attacco atomico ai presidenti di tutte le Authorities italiane, a tutti i componenti e in particolar modo al Presidente della Banca di Italia, Antonio Fazio. Era da poco conclusa, per noi profani del mercato, la doppia sfida europea tra Commissione+AbN Ambro+Bbva contro Unipol+Immobiliaristi e Fiorani e soci dall'altro. Il mercato, si sa, Adamo Smith è perfettibile, aveva dato ragione alle cordate italiane. Mi parve strano quell'attacco così violento e fuori tempo, invece... Facciamo i calcoli, non arriviamo a contare fino a dieci che cominciano le polemiche, ancora dieci ed ecco spuntare dal limbo del mistero intercettazioni pubblicate su ex-quotidiani indipendenti, ancora cinque e AbN Ambro vince per ko grazie alla Procura di Padova, Fantozzi è presidente per nome degli olandesi.
Intanto vengono misteriosamente bloccate le intercettazioni sul caso Unipol, almeno loro si salvano. Invece Fiorani, Ricucci e Gnutti dovranno andare in procura. Fazio alla gogna! Sembrano tornare i bui tempi dell'incendio Parmalat, intercettazioni pubblicate dagli stessi giornali di oggi, testa di Fazio appesa a un filo, Spaventa che non controllò a suo tempo, portato in pompa magna come editorialista di punta. Oggi poco cambia, tranne una cosa preoccupante e inquietante allo stesso tempo, come mai all'urlo di Prodi sono uscite le intercettazioni sui giornali, come mai da Parmalat ad oggi nessuno ha scoperto la talpa, come mai non c'è nessun direttore di giornale capace di rispettare il riserbo delle indagini, come mai i nomi della Kroes e McCrewy dopo i furenti assalti a Fazio e ai banchieri italiani ora tacciono, placati dalle indagini? Che dire del tentativo di comprare Rcs e gli avvisi di comparizione, le intercettazioni telefoniche? Come mai non vengono pubblicate le intercettazioni tra i dirigenti AbN Ambro e politici, professori, banchieri, industriali, capi loggia italiani? Da dove nascono i buoni rapporti con tutti, compresa la sinistra di Siniscalco? Perchè sembra attaccare Fazio? Un'ultima cosa, permettetemi. Come mai il Professor Prodi ha queste doti evocatrici dell'oltretomba, prima il caso Moro, poi il caso Fazio e nessuno ha mai indagato, appunto come mai!?
Ci incavoliamo del segreto di Stato su alcune stragi, mai tolto nemmeno da Prodi, ma non vediamo nemmeno quello che sta accadendo sotto il portone di casa nostra. Ai tempi del referendum c'erano alcuni che preferivano pensare di essere gran maestri da seguire, allora si sono fermati al 24%. Gli italiani allora usarono la propria testa e il proprio istinto, speriamo che lo facciano anche ora. Beh, tra Adamo Smith e Romano Prodi ci sarà una bella differenza... o no? A quanto pare su questa vicenda si è compattata tutta la sinistra, tranne Mastella, anche il prode Rutelli è stato sensibilizzato dai suoi commensali di Frascati, e ha ceduto. Anzi, deve aver nasato che stavolta Prodi potrebbe spuntarla, grazie alla maretta permanente tra Tremonti e Fazio, alle disavventure di Fini etc. Peccato per Rutelli, da dopo il referendum gli hanno chiuso il rubinetto dell'aria. Sull'Iraq nessun documento, sul Dpef simil Bertinotti, su Fazio controfigura di "Artullo". Temevo volesse sovrapporsi al centro nel centrodestra, ce lo troveremo a far da cuscinetto tra D'Alema e Cossutta se prosegue così. Peccato che la trattativa sui colleghi incalzi nel centro sinistra e il margine di libertà si restringa a un pertugio anche per Rutelli. Sarebbe stata un'altra bella battaglia questa contro le tenebre che ritornano...
*capogruppo Udc alla Camera"
Ovviamente tutto ciò che è scritto tra le virgolette è stato fedelmente riportato da Libero, mi permetto di aggiungere una provocazione come fanno a chiamarsi "Unione" e litigare ogni due secondi?
come mai ai tempi di mani pulite un certo pm fece indagini solo su alcuni partiti politici e non sul l'allora Pc che ha, come tutti sanno, ottenuto finanziamenti vari dalla ex Repubblica sovietica, come mai delle Coop Rosse non sì è fatto ne saputo nulla, e come mai nessuno ricorda che poco dopo quell'illuminato di Di Pietro s'è candidato nelle file politiche che s'era ben guardato dal colpire?
Come mai nessuno dice che quando l'opposizione era al governo non ha fatto almeno dieci di quelle cose delle quali accusa l'attuale governo...? Io credo che invece che continuare a litigarsi l'osso in apparenza e a spartirsi i resti sottobanco quando noi siamo distratti, tutta la classe politica dovrebbe ricordare che oltre ai privilegi delle loro cariche si sono assunti degli impegni... chi governa dovrebbe lavorare per noi e chi si oppone dovrebbe ricordare che ha il ruolo di controllare e proporre "aggiustamenti" dei quali avrebbe ovviamente il merito sperando così di passare al governo nelle successive elezioni. Questa dovrebbe essere la politica. Noi in Italia cosa abbiamo?

Debora Ravazzini 05.08.05 10:18| 
 |
Rispondi al commento

x mario vicario

Ma mica penserai che la Forleo è di parte???
No, è che lei lotta contro i cattivi e salva i buoni!!!
Niente toghe rosse... qui solo toghe russe.
Ma Grillo è obiettivo giusto e imparziale.
E tutto quello che dici tu non merita di essere riportato dal Guru: è frutto di una tipica mentalità delinquente da destroso che manipola l'informazione.

Non sperare nell'obiettività (e nemmeno nella curiosità)di chi legge.

Buona giornata a tutti

lala sala 05.08.05 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Una delle cose base che si imparano facendo giurisprudenza o nozioni giuridiche è che il potere giuridico non può sopraffare il potere esecutivo o il potere giuridico non può ostacolare il potere legislativo.

Per cose tipo:
"I giudici comunque qualcosa hanno portato a casa.
Il ministro Castelli avrebbe infatti aperto oggi un’azione disciplinare sul giudice Clementina Forleo per un suo diverbio con una pattuglia di agenti che aveva fermato un immigrato a Milano."
C'è l'espulsione dall'ordine in funzione della gravità della faccenda.
Mi stupisco che il giudice Forleo non sia stata giudicata per questo finora.

A riguardo invece del resto dell'articolo: Beppe dimostri di essere bello e che schierato.
Se non fossi schierato allora avresti scritto:
Voglio:
1) Il processo per imputazione e magari le dimissioni di fazio
2) Vorrei che venissero denunciati per sputtanamento dell'Italia quei politici di sinistra o comunque chicchessia che ha tratto le notizie dal quel ristretto gruppo dei conoscenti e le ha fatte uscire allo scoperto informando si il popolo, ma anche sputtanando il popolo.
Quindi una bella indagine che parta dai giornalisti ed arrivi agli sputtanatori (io son di parte e credo che la sinistra sarebbe capace di sputtanare il paese per fare terrorismo politico...sarà forse perchè è già stato fatto svariate volte)... ma d'altra parte tu sei posseduto da Bertinotti e quindi...hai opinioni diverse.


bye bye

giorgio delle pertiche 05.08.05 10:11| 
 |
Rispondi al commento

>Il ministro Castelli avrebbe infatti aperto >oggi un’azione disciplinare sul giudice >Clementina Forleo per un suo diverbio con una >pattuglia di agenti che aveva fermato un >immigrato a Milano.

>Clementina Forleo è il gip di Milano >dell’inchiesta Bpi-Antonveneta.

A tutti i Giudici onesti....
tenete duro... noi ci teniamo aggiornati... sappiamo cosa succede in politica a cosa stanno tentando di fare!!! Non è vero che l'informazione è solo quella che viaggia nelle televisioni e sui giornali... l'informazione è Internet !!!!

...a tutti quelli che non votano perchè sono pessimisti... provate a cambiare le cose votando... ameno cosi date una voce

buona giornata a tutti

Elena Indignata Commentatore in marcia al V2day 05.08.05 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Flash del 8 Febbraio 2005

Il Governatore della Banca d'Italia tutela la stabilita' del mercato, non i risparmiatori. L'Europa puo' fare qualcosa? Dubitiamo....

Il portavoce del commissario Oliver Drewes ha riferito che il commissario europeo per il Mercato interno Charlie McCreevy avrebbe inviato una lettera al governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, per ricevere chiarimenti sulla sua posizione in tema di acquisizioni di banche italiane da parte di banche estere. "La Commissione chiede chiarimenti sulla posizione ufficiale della Banca d'Italia, principalmente a causa delle voci riportate dalla stampa negli ultimi giorni", ha detto Drewes. Evidentemente Drewes si riferisce agli ostacoli che Fazio starebbe ponendo all’ingresso di banche estere nel capitale sociale di banche italiane.
Successivamente il portavoce ha detto ai giornalisti che l'esecutivo Ue, se necessario, non ha paura di prendere misure contro l'Italia se ritiene che non stia applicando le regole sul mercato interno.
Vedremo se la Comunita’ Europea riuscira’ la’ dove ha fallito il Governo Italiano, ovvero nel porre un limite al potere del Governatore della Banca d’Italia. Francamente ne dubitiamo.
Fazio sembra essere oggi probabilmente l’uomo piu’ potente in Italia.
Qualche mese fa sembrava nell’occhio del ciclone. Oggi, cacciato Tremonti, fatta la pace con Berlusconi (alle condizioni di Fazio) sembra saldamente in sella a continuare ad esercitare il suo potere su un sistema bancario fatto di ammiccamenti e moral suasion.
Un dato e’ pero’ sotto gli occhi di tutti: l’operato di Fazio, forse anche coerentemente, e’ stato sempre preordinato a mantenere la stabilita’ del sistema bancario italiano anche quando questo ha significato dover far pagare costi salatissimi agli utenti dello stesso.
In questo modo, certamente, i depositi bancari sono stati preservati da qualsiasi pur lontana ipotesi di mancato rimborso, ma quanto e’ costato tutto questo agli utenti delle banche ed in particolare ai risparmiatori italiani? Noi crediamo che il prezzo sia stato eccessivamente alto.
La concorrenza nel settore bancario deve passare dalla Banca d’Italia all’Antitrust.
In questo modo, probabilmente, gli effetti benefici della concorrenza potrebbero iniziare a farsi sentire anche in un sistema sostanzialmente oligopolistico di cui il Governatore Fazio e’ dominus indiscusso. Speriamo che questa iniziativa della commissione europea possa contribuire a far fare rapidi passi in questa direzione.

giovanni di mauro 05.08.05 10:10| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che mi sembra incedibile è la l'attuale difesa ad ultranza dela Lega, quando fino a poco tempo fa era quella che chiedeva la testa di Fazio, ma tutto è cambiato quandola banca Popolare di Lodi, del coccolo di Fazio (e secondo si dice.. quasi futuro genero, nonostante sia sposato - questi bravi cattolici!)comprò la banca de la Lega, in bancarotta per cattiva amministrazione -per non dire altro- che nessuno voleva comperare ed adebbitarse così, ed voilà! da allora i leghisti difendono ad ultranza Fazio e Fiorani, perchè i giormnali non ne parlano abbastanza di questo?

Luisa Cabeza 05.08.05 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Io lo denuncerei non per i fatti relativi alla Banca Antonveneta, ma per lo sputt…mento del Paese. Poco o molto che valga la nostra reputazione di italiani, Fazio ci deve risarcire. Togliamogli la pensione, così per iniziare…

Finalmente...

Paolo Accolli 05.08.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Aspettavo con ansia un commento su questa ennesima vergogna all'italiana...
Non posso immaginare cos'altro possa succedere...

Max Fax 05.08.05 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Perchè la lega difende Fazio?

I SEGRETI RAMPICANTI DI ANTONIO FAZIO ( CORSERA .IT)
Posted on Martedì, 02 agosto
Topic: Politica


Lo scandalo delle telefonate tra il Governatore della Banca d'Italia e il ceo di Popolare di Lodi Giampiero Fiorani sulla vicenda della scalata della Antoniana Veneta si allarga negli ambienti infettati della politica italiana e rivela il grimaldello su cui si regge ancora la figura ormai screditata del nostro Governatore.

E' infatti Umberto Bossi e i suoi fedelissimi della Lega Nord a lanciare una ciambella di salvataggio,rinforzando a più non posso una amicizia particolare,nata proprio sulle ceneri dello scandalo della Credieuronord,la famosa e sputtanatissima banca padana finita sull'orlo del fallimento e salvata proprio da quel certo Giampiero Fiorani,di cui Corsera.it nelle ultime settimane ha pubblicato una antologia da non perdere.

Nel risvolto della manica di questo scandalo padano,si ritrova verdeggiante anche l'edera rampicante del nostro Governatore.Ancora coperti da diversi omissis infatti le indagini della Banca d'Italia,che all'epoca dei fatti si è limitata a sanzionare i consiglieri della Credieuronord con una ammenda pecuniaria,roba da ridere.Se qualcuno infatti si domanda come mai la Lega Nord sia l'alleato forte del nostro Governatore,l'antologia del Corsera.it sarà di grande e divertente aiuto per spiegarne i risvolti.

L'antologia dello scandalo della Credieuronord.Una

mais marco 05.08.05 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Ottantacinque anni, per trent'anni sindaco Dc di Alvito, si dice convinto dell'innocenza del governatore. "Rutelli? Solo scemate"
Il fratello Mariano difende Fazio
"Non riusciranno a farlo dimettere"


Antonio Fazio
MILANO - "Non credo che questi riusciranno ad arrivare dove vogliono, e cioè a fare dimettere mio fratello Tonino". Mariano Fazio, 85 anni, è fiducioso sul futuro del fratello minore Antonio, da 13 anni governatore della Banca d'Italia. "Antonio si trova al centro delle polemiche - spiega - ma non c'entra nulla".

Tratto da Repubblica.it

Antonio Cafagna 05.08.05 10:04| 
 |
Rispondi al commento

x panta rei

invece la costituzione prevede che un governo possa rimanere in piedi con un reimpasto, dunque scavallando il parere del popolo. questo è antidemocratico.
democrazia è un insieme di valori e principi che non è detto siano perfettamente rispettati dalla nostra costituzione, per quanto questa è una dei più fulgidi esempi di democrazia attualmente. e dunque teniamocela cara!

però si può sempre fare meglio. penso che andrebbero fatti degli sforzi verso una democrazia più diretta, che veda una partecipazione più attiva del popolo alla vita amministrativa e governativa del paese.
intravedo in internet, nei partiti e nelle circoscrizioni locali i mezzi per un tale progresso.

luca frangella 05.08.05 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Questo è il liberismo che piace tanto al nostro premier...un mago anche lui in questi giochetti!
Le cose vanno sempre peggio, invece di schifare questa gente, il governo la giustifica in qualche modo, visto che fanno parte anche loro della banda!. Tra un pò di anni, se non cambierà niente, la gente sarà così esasperata che penso accadrà qualcosa di brutto...o di bello (leggasi RIVOLUZIONE)

Roberto Gentili 05.08.05 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Solo 2 persone AL MONDO hanno, che io sappia, - a parte i dittatori finchè non li 'seccano' - un incarico A VITA:il PAPA ed il nostro inscalfibile GOVERNATORE.SE quest'ultimo risultasse coinvolto nella poco trasparente operazione Antonveneta sarebbe da considerarsi veramente FAZIOso.

leonardo cattaneo 05.08.05 09:57| 
 |
Rispondi al commento

per chi non conosce ricucci ecco la sua storia presa dal sole24ore e non da un giornale di parte e partito......
I NUOVI FINANZIERI

Ricucci, la storia misteriosa del primo mattone
Il valore reale del suo patrimonio appare molto inferiore a quanto dichiarato. Anche sulla finanza i conti non tornano: su Capitalia plusvalenza di 48 milioni, non 100.

di Claudio Gatti



Stefano Ricucci, definito «star emergente» del mondo immobiliar-finanziario italiano, ha raggiunto le prime pagine dei giornali mantenendo però sempre un alone di mistero. Nonostante sia ormai membro di punta del salotto più buono d'Italia, quello di Rcs Media Group, molti ancora continuano a chiedersi come abbia fatto o dove abbia trovato tutti i soldi che manovra. Da anni si scrive, o si lascia intendere, che agisca per conto di finanziatori occulti. Da un'inchiesta del Sole-24 Ore, intesa a trovare risposte a queste domande, risulta che la storia imprenditoriale di Ricucci è piuttosto segnata negli anni iniziali dalla difficoltà a reperire liquidità, e anche per questo abbonda di operazioni di favore o di incerta natura. Ma soprattutto sono i numeri di Ricucci che non tornano.
I suoi numeri subiscono da sempre moltiplicazioni sorprendenti. Risultato: il patrimonio dichiarato appare decisamente superiore rispetto a quello documentato. In altre parole Stefano Ricucci è molto meno ricco di quanto non ami affermare. Perché secondo i nostri calcoli i suoi immobili rappresentano circa un decimo del patrimonio di 2 miliardi di euro da lui dichiarato ai quattro venti e le sue partecipazioni azionarie sono ad altissima leva, cioè finanziate con i soldi di banche che le hanno in pegno.
Insomma il segreto di Ricucci è che è un maestro del bluff.

I conti
Proseguendo il lavoro iniziato dal nostro giornale con l'articolo del 5 maggio scorso a firma di Gianni Dragoni, abbiamo deciso di fare i conti in tasca al gruppo Magiste. Non si può non cominciare dal patrimonio immobiliare. Perché Ricucci stesso ama definirsi un immobiliarista. E perché sin dagli albori della sua carriera Ricucci ha sempre usato gli immobili come leva finanziaria. Ma prima una precisazione: invocando la trasparenza, «Il Sole-24 Ore» ha ripetutamente chiesto un'intervista al signor - dottore per i lettori di San Marino (vedi box in basso) - Ricucci, al fine di ricostruire con il suo apporto la sua brillante ascesa. Per due mesi ci è stata negata. Così come ci è stato negato un curriculum scritto di sua mano che ricostruisse le pietre miliari della sua carriera.
Come ormai è noto, la sua avventura è cominciata in un paesino della periferia romana, Zagarolo, prima con un piccolo studio odontotecnico, poi con un appartamento, quindi due, tre e così via. Fin quando non è arrivato a fare il suo primo miliardo. Tutto nel giro di pochissimi anni.
Ricucci ha pubblicamente dichiarato: «A 23 anni fatturavo già 6 miliardi». Forse, ma un fatto è certo: le sue dichiarazioni dei redditi non sono quelle di un miliardario. Nel 1986, a 24 anni, dichiarò 12 milioni di lire di imponibile, nel 1990 42 milioni, e nel 1995, già trentaduenne, il suo reddito scese addirittura a meno di 5 milioni. Di vecchie lire. Soltanto nel 1999 superò seppur a malapena la barriera dei 100 milioni.
Che per Ricucci quelli fossero anni duri lo testimonia anche il fatto che non una, ma due delle maggiori banche attive nel mercato edile della provincia romana - Credito Italiano e Cariplo - cessarono di operare con lui. Anche perché la centrale rischi della Banca d'Italia, interrogata, aveva segnalato frequenti aperture e chiusure di conti su banche diverse e senza stabilità di rapporti. Già allora risultò inoltre chiaro a quelle banche che nonostante la sua società avesse come oggetto sociale la costruzione edilizia, in realtà costruiva ben poco svolgendo invece attività finanziarie.
L'istituto che invece lo sosteneva anche in quel periodo incerto, con affidamenti di svariati miliardi, era la Banca Agricola Mantovana, una vera e propria anomalia poiché non aveva neppure una filiale a Roma. Comunque sia, da allora la Bam, che fino al 1999 aveva Roberto Colaninno come azionista e consigliere e fu poi assorbita dal Monte dei Paschi, è sempre rimasta vicina a Ricucci, accompagnandolo in molte delle sue avventure finanziarie, dalla Meliorbanca alla Hopa.

Il rapporto con la legge
Nella sua biografia pubblica si nota l'assenza di ogni riferimento alla passata attività di odontotecnico. Due pazienti lo denunciarono, una nel 1986 per truffa e l'altra nel 1989 per esercizio abusivo della professione dentistica, sostenendo che sarebbe intervenuto in modo sbagliato spacciandosi per dentista. Secondo gli accertamenti svolti dalla polizia giudiziaria nel secondo caso, «nel settembre 1988 la denunciante a seguito di una iniezione praticatagli dal Ricucci veniva colta da malessere e precisamente da semi-paresi dell'occhio sinistro, della guancia e del collo». I fatti sono remoti e non risulta che siano mai stati vagliati da un giudice anche perché nel 1989 è intervenuta l'amnistia.
Cosa non successa in un'altra vicenda giudiziaria avvenuta in giorni più recenti. Il 18 giugno 2002, quando la Magiste dichiarava già un patrimonio da 600 milioni di euro e Ricucci era il primo azionista di Banca Popolare di Lodi e aveva partecipazioni sostanziose anche nell'Hopa di Emilio Gnutti , è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale per il quale ha patteggiato quattro mesi di reclusione con la pena sospesa.

Il bluff degli immobili
Ma veniamo al suo patrimonio immobiliare attuale: nell'elenco del portafoglio del gruppo Magiste, unico documento significativo fornitoci dal suo ufficio per le relazioni esterne, sono citate 31 proprietà. Di queste, 25 hanno un valore commerciale medio dichiarato di 4,1 milioni di euro, per un totale di 103 milioni. Dai numeri forniti dalla stessa Magiste risulta quindi che l'intero patrimonio immobiliare del gruppo, a cui è attribuito un valore di 560 milioni di euro, si basa soprattutto su 6 immobili. «Il Sole-24 Ore» ha perciò focalizzato la propria attenzione su questi. E ha concluso che i valori dichiarati sono altamente inflazionati.
L'immobile di Via Silvio Pellico 4, a Milano, è stato valutato 60 milioni di euro nonostante sia stato comprato nel marzo 2004 per 36 milioni grazie a un leasing della banca più amica di Ricucci, la Banca Popolare di Lodi di Gianpiero Fiorani.
L'immobile di Via Ferdinando di Savoia 1 e quello di via Lima 51-53 a Roma, sono valutati 100 milioni di euro, nonostante siano stati (ri)acquistati da Ricucci dalla Bipielle Investimenti il 29 dicembre scorso all'interno di un pacchetto pagato 68,2 milioni che conteneva altre sette unità immobiliari.
Villa Feltrinelli, bellissima proprietà sul Monte Argentario, dagli atti della Magiste risulta valutata 70 milioni di euro, ma il valore commerciale attribuitogli nella zona non supera i 20 milioni (e il sindaco Nazareno Alocci ha confermato al Sole-24 Ore che gli amministratori locali non permetteranno mai alcuna speculazione edilizia che potrebbe giustificare un aumento del valore della proprietà fino a cifre anche solo vicine a quella dichiarata).
La vicenda del palazzo di Via Borromei 5, a Milano, valutato da Magiste 120 milioni di euro, ha poi una storia tutta particolare. Fino al 2004 è stato il quartier generale milanese della Meliorbanca, di cui Ricucci deteneva circa il 2%. Il 30 giugno 2004 una controllata della banca ha ceduto il suo contratto di leasing sull'immobile a Magiste, con la quale ha contestualmente firmato un contratto di affitto. «Il palazzo è stato valutato 84 milioni, di cui 40 erano il residuo del debito e 43,9 il corrispettivo da noi incassato per la cessione del contratto di leasing» ci ha spiegato Massimiliano Naef, amministratore delegato di Meliorbanca.
Con questa entrata straordinaria, Meliorbanca ha potuto ridurre le perdite a bilancio per l'esercizio 2004 a 30,8 milioni di euro. Quello che però Naef non ha detto è che a finanziare l'operazione è stata Meliorbanca stessa. Non solo: il costo del leasing è inferiore alla rendita dell'affitto. In altre parole, Meliorbanca ha ceduto a un suo azionista un immobile che rende più di quello che sta costando. Un bel regalo, oltre che un esercizio di cosmetica contabile che ovviamente migliora il bilancio della banca i conti solo in apparenza. Perché i soldi sono entrati da una parte e usciti dall'altra.
Come se non bastasse c'è da notare che Meliorbanca ha successivamente dato a Ricucci finanziamenti per 50 milioni di euro per l'acquisto di azioni Bnl (avute però in pegno di garanzia).
Una vicenda non troppo dissimile, seppur con altri protagonisti, è quella di un palazzo ancora più controverso: quello di Piazza Durante 11 a Milano, acquisito dalla Magiste nel settembre 2004. A detta della Procura di Brescia, l'immobile è stato al centro di una delle più sfacciate truffe ordite da alcuni amministratori della Bipop assieme al costruttore romano Mauro Ardesi, maggiore azionista della banca bresciana che il 30 maggio scorso è stato rinviato a giudizio.
Riassunto in breve: nella primavera 1999 venne costituita una società di facciata - Rovema 2000 Srl - che fece un duplice accordo di leasing e di affitto con il gruppo Bipop-Fineco per il quale avrebbe pagato 12 anni di canoni semestrali di leasing per un totale di 68,6 miliardi di lire mentre avrebbe incassato, nel corso degli stessi 12 anni, canoni di locazione pari a 108 miliardi. Dopo quei 12 anni, con un esborso di appena 11 miliardi, Rovema 2000 avrebbe potuto rilevare il palazzo, pagando così in tutto meno di 80 miliardi un edificio che nel 1999 un perito della Bipop aveva valutato 107 miliardi.
Nel corso della sua indagine, la procura ha scoperto che dietro alla San Paolo Fiduciaria, che risultava formalmente proprietaria di Rovema 2000, si nascondeva lo stesso Mauro Ardesi (alle cui ditte Bipop fece inoltre fare lavori di ristrutturazione per oltre 62 miliardi ritenuti da un perito della banca non necessari.)
Questo accordo, che la procura di Brescia ha dichiarato frutto di reato, è rimasto in essere anche dopo l'acquisizione del gruppo Bipop-Fineco da parte di Capitalia. Il che significa che Rovema 2000 ha continuato per anni a incassare di affitto quasi il doppio di quello che pagava in leasing. Nel settembre 2004, Ardesi ha però passato questa gallina dalle uova d'oro a Ricucci, il quale ha rilevato sia Rovema 2000 che Rebuffone Srl, società di proprietà al 100% di Ardesi, e le ha poi incorporate in Magiste.
I motivi di questa operazione non sono stati a noi spiegati. Anche Ardesi si è infatti rifiutato di parlarci. Abbiamo però notato che nel 1999, anno in cui venne siglato il presunto accordo-truffa tra Rovema 2000 Srl e gruppo Bipop, dalla dichiarazione dei redditi Ricucci risulta aver percepito 9,812 milioni di lire di compensi dalla San Paolo Fiduciaria, la stessa fiduciaria attraverso la quale Ardesi controllava segretamente Rovema 2000. Una coincidenza? Probabile. Rimane il fatto che Ricucci ha tolto le castegne dal fuoco ad Ardesi, perché l'esito sfavorevole del suo processo a Brescia avrebbe potuto anche portare a un'eccezione di nullità del contratto di leasing/affitto per Piazza Durante. Rischio che a questo punto finirebbe col ricadere su Ricucci.

I numeri della finanza
Ma anche sul fronte finanziario «Il Sole-24 Ore» ha trovato operazioni piuttosto anomale e numeri che non quadrano. Cominciamo dai numeri del raid in Borsa che ha sancito il passaggio di Ricucci da illustre sconosciuto a finanziere dal fiuto straordinario: la famosa plusvalenza sul suo investimento in Capitalia.
In svariate occasioni Ricucci ha dichiarato che vendendo la quota da lui accumulata in Capitalia tra l'autunno del 2002 e quello del 2003 ha avuto una plusvalenza di 100 milioni di euro. Ma sul bilancio del 2003 di Magiste International, acquirente delle azioni Capitalia e unica società del gruppo a render pubblici i suoi dati, la plusvalenza dichiarata è di 48.035.658,35 euro.

I rapporti con Gnutti e Fiorani
Il redditizio raid su Capitalia, Ricucci lo ha attuato solo dopo aver fatto ingresso nel mondo della finanza italiana. Cioè dopo essere entrato in modo massiccio in Hopa, una delle protagoniste della madre di tutte le scalate, la conquista di Telecom Italia da parte del duo formato da Roberto Colaninno (vecchio consigliere di Bam, la prima banca a puntare su un Ricucci al quale altre banche negavano fidi) ed Emilio Gnutti. Quell'operazione è significativa non solo per la sua creatività ma perché è emblematica dello stile di Ricucci e dei suoi soci in affari.
Ecco come andò: Magiste fece un accordo con la Fingruppo di Gnutti in base al quale tra il 3 aprile e il 30 novembre 2001 avrebbe comprato 20 milioni di azioni Hopa per un valore di 100 miliardi di lire e azioni Banca Valori per altri 2,3 miliardi, riconoscendo una parcella di consulenza di 7,7 miliardi alla G.P. Finanziaria (sempre del gruppo Gnutti). L'esborso totale era quindi di 110 miliardi di lire. Da parte sua, tra il 5 aprile e il 30 maggio 2001, Fingruppo avrebbe comprato immobili da Magiste per un valore della stessa esatta cifra.
Sui bilanci delle società interessate, l'impatto dell'operazione fu senza dubbio significativo, ma «Il Sole-24 Ore» ha appurato che fu in realtà un affare a finanza zero in cui nessuna delle due parti mise mano al portafoglio. Non solo, fu anche un'operazione a elastico. Era cioè previsto sin dal suo concepimento che venisse azzerata. Entrambe le parti avevano infatti un'opzione put per tornare al precedente stato delle cose. Ricucci aveva un put sui 20 milioni di azioni Hopa che avrebbe potuto esercitare tra il 1° e il 31 dicembre 2004, mentre Gnutti aveva un put sugli immobili acquisiti (qualora fossero rimasti invenduti) negli stessi esatti 31 giorni.
Come in ogni buon affare, la convenienza era reciproca. A Gnutti servivano liquidi da dirottare verso Bell, la holding lussemburghese che in quel momento controllava a fatica Telecom Italia. Ricucci ambiva invece a fare un ingresso alla grande nel mondo della finanza, senza però tirar fuori soldi che non aveva. Il problema era che neppure il suo pacchetto immobiliare aveva un grande valore. Oltre a garage, appartamenti e una palazzina abbandonata da anni, includeva addirittura immobili il cui acquisto era «da perfezionare». Ma siccome l'interesse di entrambi era che le cifre fossero più alte possibili, il valore del pacchetto venne fortemente «gonfiato». Al fine di evitare equivoci o controversie la cosa fu codificata nel contratto stesso, che recita: «Le Parti si danno reciprocamente atto che il prezzo degli Immobili oggetto di opzione è stato determinato su base totalmente convenzionale ed aleatoria e pertanto prescinde dall'effettivo valore che degli immobili stessi potranno avere al momento in cui abbia eventualmente luogo l'esercizio dell'opzione di vendita».
L'operazione non avrebbe però avuto alcun senso se non avesse generato liquidi. A metter quelli fu la solita banca vicina sia a Gnutti che a Ricucci, la Banca Popolare di Lodi di Fiorani. Dopo aver trasferito gli immobili di Ricucci su una ex scatola vuota chiamata Immobiliare il Corso Srl, Gnutti vendette infatti questa società (con tanto di put) al gruppo Bpl. Fu così che dal cilindro finanziario di Fiorani emersero i contanti da uno scambio alla pari senza cash.
L'operazione ebbe poi la sua preannunciata seppur difficoltosa conclusione tre anni dopo, quando Bipielle Investimenti restituì l'Immobiliare Il Corso alla Magiste e Ricucci uscì da Hopa. Nel frattempo però Gnutti aveva fatto enormi plusvalenze con la vendita di Telecom Italia a Tronchetti Provera. E Ricucci era diventato una "star emergente" del firmamento finanziario italiano.
In conclusione, pur volendo puntualizzare che nella sua inchiesta «Il Sole-24 Ore» non ha trovato tracce di denaro di provenienza illecita, resta il fatto che il ritratto emerso non è certamente quello di un finanziere con gli strumenti per conquistare quasi il 20% di Rcs Media Group. Finora le cose gli sono sempre andate be