Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Influenza aviaria: tutto sotto controllo

  • 728


allevamento polli.jpg


Si dice che il presidente Bush sia immerso in questi giorni nella lettura del libro “The Great Influenza” che descrive l’influenza spagnola che fece decine di milioni di morti all’inizio del secolo scorso. E che lo legga per prepararsi ai possibili effetti dell’influenza aviaria, detta anche H5N1.

Si sa invece per certo che il contagio ha raggiunto alcune zone della ex Unione Sovietica e che il suo arrivo in Europa è solo questione di settimane.

L’Olanda ha vietato pochi giorni fa l’allevamento di pollame all’aperto per diminuire le possibilità di contagio.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) avverte che la capacità di produzione del vaccino è limitata e non potrà in nessun caso impedire una pandemia.

Stime pessimistiche dicono che, se si verificasse il passaggio del virus da persona a persona, oltre che da animale a persona, potrebbero morire fino a 400 milioni di esseri umani in pochi mesi.

Dopo queste poco rassicuranti notizie, mi sono tirato un po’ su con le dichiarazioni del Governo e della Fedagri-Confcooperative

- Storace, ministro della Sanità, “l’Italia è il primo Paese della UE ad aver messo in campo le misure necessarie per contrastare la diffusione del virus H5N1”

- Cesare Cursi, sottosegretario alla Salute, “l’Italia non importa pollame dai Paesi dell’ex-Urss perché abbiamo piena autosufficienza in questo settore e che sarebbe preoccupante sopravvalutare il pericolo di una pandemia in Italia”

- Paolo Bruni, presidente Fedagri-Confcooperative, “il rischio derivante dalle importazioni di carni avicole non esiste in quanto è in vigore il blocco totale dell’importazione di carni vive e financo delle piume”.

I dinosauri, specie più evoluta di noi, si sono estinti a causa di un meteorite. Noi non avremo neppure questa soddisfazione. Ci estingueremo a causa di una piuma di un galletto russo. Mentre uno storace qualunque ci rassicurerà che tutto è sotto controllo.

23 Ago 2005, 10:07 | Scrivi | Commenti (728) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 728


Commenti

 

Si sa invece per certo che il contagio ha raggiunto alcune zone della ex Unione Sovietica e che il suo arrivo in Europa è solo questione di settimane.

comprare mi piace facebook Commentatore certificato 29.09.15 00:42| 
 |
Rispondi al commento

La situazione dei soci delle cooperative è forse una delle più precarie, d'Italia vorrei solo informare l'opinione pubblica attraveso questo blog che si va in pensione con massimo 350 euro al mese, che la paga oraria è tra le più basse tra i lavoratori dipendenti da minimi di 5 euro l'ora a massimi di 8 euro l'ora lordi, per uno stipendio che va da minimo 650 euro massimo 1000 euro mensili mentre i vari amministratori si retribuiscono con stipendi da favola da un minimo di 3000 euro a un massimo di 5000 euro' esiste un contratto nazionale che i vari consigli d'amminiatrazione delle cooperative aggirano con regolamenti interni da capestro, ad esempio se un socio ha una discussione animata con un responsabile può essere licenziato, gli straordinari vengono pagati dopo 6 mesi, ma se nel mese successivo non si raggiunge le 165 ore vengono usati per raggiugere l'orario pieno a tariffa ordinaria, la maternità è retribuita all'80% e solo tre mesi prima del parto e tre mesi dopo, le coperture assicurative sono irrisorie, per non parlare dei rimborsi benzina ecc, il mobbing è all'ordine del giorno, e tutto cio avviene in regioni di centro sinistra, umbria, marche, toscana, emilia romagna dove il sistema cooperativistico è più diffuso, e dove miglia di cittadini lavorano in cooperative tutti stanno zitti per paura di perdere gli appalti, e le varie amministrazione giocano su ciò per far gare d'appalto a prezzi scandalosi in tutti i settori dalle pulizie al sociale inoltre le cooperative diventano grossi serbatoi di voto, ma della condizione dei soci lavoratori non importa nulla a nessuno una volta foraggiati gli amministratori il resto vien da se; controllo, sfruttamento ecc, la mia richiesta a Beppe Grillo, è di divulgare questa situazione scandalosa di cose in cui son cotretti a lavorare milioni di cittadini italiani, costretti perchè il lavoro e così scarso che per aver anche un minimo di stipendio si continua a fare, chi scrive è socio lavoratore di una coop sociale umbra

Massimo Varzi 02.07.07 14:26| 
 |
Rispondi al commento

CHIEDO SCUSA: il destinatario del messaggio sottostante è Giogia Bono.

Vittorio Baldini 12.04.07 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Per Enzo Spisni: RISPOSTA SULLA PILLOLA DEL GIORNO DOPO

Semplice capire il perchè dell'obiezione di coscienza: la pillola del giorno dopo, con la dose massiccia di progestinico in essa contenuta, è in grado di impedire l'annidamento dell'embrione umano nell'endometrio uterino.
Esito finale: morte del concepito.
Ora, in medicina QUALUNQUE STRUMENTO IN GRADO DI PROVOCARE LA MORTE DI UN EMBRIONE UMANO IN SEDE UTERINA è classificato come ABORTIVO.
Quindi anche in questo caso la clausola di coscienza della legge 194 è applicabile.
E' proprio il Comitato Nazionale di Bioetica a riconoscere questo diritto per il medico prescrittore (vedi nota del 28/05/04).

Vittorio Baldini 12.04.07 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe devi assolutamente leggere quello che sto per scrivere e vorrei anche una tua opinione per me è veramente importante.
Ogni tanto ci vogliono mettere paura con queste notizie, che per qualche settimana ce le troviamo sempre nelle prime pagine dei giornali, dopo di che il nulla più assoluto.
Ma forse ci vogliono costringere in qualche maniera a far aumentare la vendita della carne di vitella e di manzo, poi per rivendere nuovamente il pollame, ecco la notizia della mucca pazza.C'è sempre un interesse economico dietro gli articoli di giornale o alle notizie in televisione.
Ci sarà anche l'introduzione di un nuovo vaccino ed è a questo punto che mi viene il dubbio che queste malattie sono"inventate"dall'OMS, che pur di fare soldi ci iniettano delle sostanze nel corpo che a dir poco sono pericolosissime. E' questo il vero terrorismo.Io, a mia figlia, non farò nessun vaccino, e spero che anche altri genitori comincino a capire che cosa vuol dire vaccinare.E'solo un modo per fare intascare soldi alle case farmaceutiche. Morti in culla, autismo, asma, allergie etc etc sono solo poche delle conseguenze che potrebbe portare un vaccino. Vi consiglio dei siti dove andare a documentarvi: www.lalevadiarchimede.it, www.disinformazione.it, www.mednat.it
qui troverete documenti e testimonianze su tutto quello che riguarda i vaccini.
Vi prego, non pensate subito che io sono la mamma snaturata che non vaccina la propria figlia, è solo perchè le voglio un mondo di bene, e spero che gliene vogliate anche voi.Prima di iniettare una sostanza estranea nel corpicino di un bambino, documentatevi
nessuno fa niente per noi...siamo manipolati dall'OMS...noi, i pediatri, i dottori, tutti insomma...se un dottore o un pediatra esprime il suo dissenso alle vaccinazioni è fuori dal giro...quindi cercate di ragionare e non fate affidamento a quello che vi viene detto...leggete gli articoli su questi siti e lottiamo affinchè smascheriamo tutto ciò che c'è dietro le vaccinazioni.

francesca messina 18.03.07 12:26| 
 |
Rispondi al commento

L'influenza aviaria presto si diffonderà a livello mondiale e noi tutti saremo in grande pericolo... Non so se la fonte è attendibile, ma non è importante. Sollevare il dubbio per me è sufficiente.
In breve il progetto della Rockeffeler è il seguente: l'idea è quella di prendere due piccioni con una fava, cioè ridurre il numero di immigrati e nello stesso tempo guadagnare un bel po' di quattrini.
Il progetto si era messo in moto qualche anno fa, ma la rapidatà dei media è stata tale da non permettere a questi delinquenti di portarlo a termine.
Ora il problema dell'influenza aviaria sta tornando alla ribalta e presto la tanto temibile pandemia avverrà. Il virus è già pronto e stipato nei magazzini della Rockfeller!
I primi ad essere vaccinati saranno proprio le popolazioni a rischio, cioè gli immigrati, di questi più della metà non ce la faranno perchè ciò che verrà iniettato loro sarà in realtà lo stesso virus. In un secondo momento verrà vaccinata tutta la popolazione mondiale che fortunamente si salverà.
Per cui state attenti, se tutto questo dovesse succedere veramente, non fatevi vaccinare subito!!!
La paura dell’influenza aviaria è politicamente programmata

Un saggio politico, come avvertimento sulla sanità pubblica

by Dr. Leonard Horowitz

12 ottobre 2005

GlobalResearch.ca

(traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)

http://www.resistenze.org/sito/os/mp/osmp5m09.htm

STEFANO BETTIN 19.02.07 22:11| 
 |
Rispondi al commento

Questo tanto per avvalorare l'ipotesi dell'origine dell'aviaria negli allevamenti intensivi...
Continuiamo così!

PARIGI (Reuters) - La Francia ha confermato nella notte la presenza del virus altamente patogeno H5N1 dell'influenza aviaria in un allevamento nell'est del paese, dove sono morti migliaia di tacchini, mentre in Indonesia è stata confermata la 20esima vittima umana della malattia.

La presenza dell'H5N1 in Francia rappresenta il primo caso del virus in allevamenti all'interno dell'Unione europea e minaccia di dare un duro colpo all'industria del pollame francese, che vale 6 miliardi di euro all'anno ed è la più consistente del blocco.

Il focolaio è stato scoperto giovedì in un allevamento di 11.000 tacchini nel dipartimento di Ain, dove due casi di H5N1 erano già stati confermati in anatre selvatiche.

Gli esami di laboratorio di Afssa, l'agenzia nazionale francese per la sicurezza alimentare, hanno dimostrato che il virus trovato nell'allevamento è per il 99% corrispondente a quello trovato in un'anatra, ha detto in una nota il ministero dell'Agricoltura.

Un'indagine è in corso per stabilire come l'allevamento sia stato contaminato dal virus, ha aggiunto il ministero.

(...)

Claudia Candido 25.02.06 17:29| 
 |
Rispondi al commento

... (continua post precedente)

I recenti focolai in Nigeria hanno colpito infatti le zone con la
maggiore
densità di allevamenti industriali di polli; nel resto dell'Africa non
si
sono registrate morie di uccelli selvatici nelle aree in cui questi
maggiormente si concentrano.

E' bene anche sottolineare che la Cina esporta in Europa e
probabilmente in
tutto il mondo ingenti quantità di pollina come fertilizzante, anche
prettamente agricolo: chi ci assicura che non rappresenti un gigantesco
serbatoio per il virus, che come sappiamo rimane vivo negli escrementi
per
molte settimane?

Claudia Candido 25.02.06 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Comunicato della LAC:

In un articolo pubblicato recentemente dall'Independent, si avanza
autorevolmente un'inquietante ipotesi: alla base dell'epidemia dell'
influenza aviaria ci sarebbero proprio gli allevamenti intensivi di
pollame.
La FAO è in possesso di studi dell'Università di Bangor (Galles) e
Giessen
(Germania) in cui si sottolinea come le morie causate dall'influenza
fra
gli uccelli acquatici sono avvenute in Cina, Romania e Croazia in
corrispondenza di località dove si concentrano stagni di allevamento di
pesci. In questi impianti si utilizza, come fertilizzante delle acque,
la
pollina, cioè il guano prodotto dagli allevamenti intensivi di polli.
Anche la moria di oche selvatiche avvenuta nel maggio scorso nella Cina
centrale, a cui si riconduce l'attuale diffusione del virus tra gli
stormi
migratori, è avvenuta in una località (Qinghai) dove proprio la FAO
sovvenziona un grande progetto di itticoltura industriale integrata che
prevede l'utilizzo degli escrementi dei polli per accrescere la
produttività
degli stagni di pesca.
Il lago di Qinghai infatti, oltre ad essere un luogo dove si concentrano
allevamenti di polli e di pesci, è famoso per la nidificazione di
moltissimi
uccelli acquatici, che di conseguenza hanno risentito per primi dell'
epidemia di influenza.

L'equazione quindi è la seguente: gli allevamenti intensivi di polli,
luoghi
ideali per la diffusione di massa dell'influenza aviaria a causa del
sovraffollamento di individui della stessa specie e della stessa età,
producono tonnellate di escrementi infetti che vengono riversati negli
stagni di pesca; gli uccelli selvatici, che vivono negli stessi
ambienti, si
infettano, ma sono le vittime secondarie e devono quindi essere difesi
dai
contagi provenienti dagli allevamenti, al contrario di quanto
attualmente si
sostiene.
...

Claudia Candido 25.02.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Comunicato della LAC:

In un articolo pubblicato recentemente dall'Independent, si avanza
autorevolmente un'inquietante ipotesi: alla base dell'epidemia dell'
influenza aviaria ci sarebbero proprio gli allevamenti intensivi di
pollame.
La FAO è in possesso di studi dell'Università di Bangor (Galles) e
Giessen
(Germania) in cui si sottolinea come le morie causate dall'influenza
fra
gli uccelli acquatici sono avvenute in Cina, Romania e Croazia in
corrispondenza di località dove si concentrano stagni di allevamento di
pesci. In questi impianti si utilizza, come fertilizzante delle acque,
la
pollina, cioè il guano prodotto dagli allevamenti intensivi di polli.
Anche la moria di oche selvatiche avvenuta nel maggio scorso nella Cina
centrale, a cui si riconduce l'attuale diffusione del virus tra gli
stormi
migratori, è avvenuta in una località (Qinghai) dove proprio la FAO
sovvenziona un grande progetto di itticoltura industriale integrata che
prevede l'utilizzo degli escrementi dei polli per accrescere la
produttività
degli stagni di pesca.
Il lago di Qinghai infatti, oltre ad essere un luogo dove si concentrano
allevamenti di polli e di pesci, è famoso per la nidificazione di
moltissimi
uccelli acquatici, che di conseguenza hanno risentito per primi dell'
epidemia di influenza.

L'equazione quindi è la seguente: gli allevamenti intensivi di polli,
luoghi
ideali per la diffusione di massa dell'influenza aviaria a causa del
sovraffollamento di individui della stessa specie e della stessa età,
producono tonnellate di escrementi infetti che vengono riversati negli
stagni di pesca; gli uccelli selvatici, che vivono negli stessi
ambienti, si
infettano, ma sono le vittime secondarie e devono quindi essere difesi
dai
contagi provenienti dagli allevamenti, al contrario di quanto
attualmente si
sostiene.
...

Claudia Candido 25.02.06 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Silvia,
cercavo un pò di materiale su sta benedetta influenza aviaria e leggendo leggendo mi sono imbattuto nel tuo post.
Come ti si può dare torto? ma soprattutto: come si può continuare a circondare di indifferenza le persone e il loro lavoro (fino a quando non se ne ha bisogno)???
Io non sono a tuoi livelli...non ho studiato tanto come te ma ho sempre rispettato e ammirato le persone che l'hanno fatto e che credono nel loro mestiere. Il problema non sono i soldi che uno porta a casa ogni mese ma il rispetto verso il mestiere che si fa e sopra ogni cosa la consapevolezza da parte di chi sta più in alto di te che il tuo Servizio (non a caso con la S maiuscola) è fondamentale tanto quanto il loro.
Come dicevi tu...non bastano 2000 caratteri per esprimere un concetto che facilmente può essere interpretato come: "Beh cosa vuoi di più di 2000 Euro, io ne guadagno solo 700 e non mi lamento come te".
Spero che questo messaggio ti arrivi , anche se con 4 mesi di ritardo e spero di poterne discutere un pò meglio.
Un caro saluto a tutti
Giosuè
giosue79@yahoo.it

Giosuè Morandini 23.02.06 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Silvia,
cercavo un pò di materiale su sta benedetta influenza aviaria e leggendo leggendo mi sono imbattuto nel tuo post.
Come ti si può dare torto? ma soprattutto: come si può continuare a circondare di indifferenza le persone e il loro lavoro (fino a quando non se ne ha bisogno)???
Io non sono a tuoi livelli...non ho studiato tanto come te ma ho sempre rispettato e ammirato le persone che l'hanno fatto e che credono nel loro mestiere. Il problema non sono i soldi che uno porta a casa ogni mese ma il rispetto verso il mestiere che si fa e sopra ogni cosa la consapevolezza da parte di chi sta più in alto di te che il tuo Servizio (non a caso con la S maiuscola) è fondamentale tanto quanto il loro.
Come dicevi tu...non bastano 2000 caratteri per esprimere un concetto che facilmente può essere interpretato come: "Beh cosa vuoi di più di 2000 Euro, io ne guadagno solo 700 e non mi lamento come te".
Spero che questo messaggio ti arrivi , anche se con 4 mesi di ritardo e spero di poterne discutere un pò meglio.
Un caro saluto a tutti
Giosuè
giosue79@yahoo.it

Giosuè Morandini 23.02.06 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Silvia,
cercavo un pò di materiale su sta benedetta influenza aviaria e leggendo leggendo mi sono imbattuto nel tuo post.
Come ti si può dare torto? ma soprattutto: come si può continuare a circondare di indifferenza le persone e il loro lavoro (fino a quando non se ne ha bisogno)???
Io non sono a tuoi livelli...non ho studiato tanto come te ma ho sempre rispettato e ammirato le persone che l'hanno fatto e che credono nel loro mestiere. Il problema non sono i soldi che uno porta a casa ogni mese ma il rispetto verso il mestiere che si fa e sopra ogni cosa la consapevolezza da parte di chi sta più in alto di te che il tuo Servizio (non a caso con la S maiuscola) è fondamentale tanto quanto il loro.
Come dicevi tu...non bastano 2000 caratteri per esprimere un concetto che facilmente può essere interpretato come: "Beh cosa vuoi di più di 2000 Euro, io ne guadagno solo 700 e non mi lamento come te".
Spero che questo messaggio ti arrivi , anche se con 4 mesi di ritardo e spero di poterne discutere un pò meglio.
Un caro saluto a tutti
Giosuè
giosue79@yahoo.it

Giosuè Morandini 23.02.06 17:19| 
 |
Rispondi al commento

"- Storace, ministro della Sanità, “l’Italia è il primo Paese della UE ad aver messo in campo le misure necessarie per contrastare la diffusione del virus H5N1”" <- INFATTI NOI SIAMO TRA I PRIMI PAESI EUROPEI DOVE E' ARRIVATO IL VIRUS...... NON HO PAROLE

Enrico Arillo 18.02.06 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Allarmi ingiustificati, quindi. Ma se anche fossero giustificati? Quali armi abbiamo allo stato attuale per difenderci? I vaccini contro l’influenza aviaria sono in fase di sviluppo, ma nessuno può dire con certezza se riusciranno a prevenire l’infezione del ceppo virale che scatenerà la pandemia. I farmaci antivirali dal canto loro potrebbero essere efficaci, ma con molti punti interrogativi. Già decine di Paesi hanno ordinato scorte imponenti del farmaco oseltamivir (Tamiflu), e sicuramente altri stanno per farlo, tanto che l’azienda farmaceutica produttrice ha reso noto che non riuscirà a soddisfare nemmeno gli ordini già pervenuti a tutt’oggi se non nel giro di un anno. Ma che senso ha questa immane corsa all’accumulo di Tamiflu? Tamiflu è prodotto dal gigante farmaceutico svizzero Roche, e fin qui nessuna sorpresa, si tratta di una delle aziende leader nel settore. Ma in realtà la faccenda riserva molte sorprese, perché il farmaco è stato in realtà sviluppato da un'azienda californiana, che ha successivamente ceduto alla Roche i diritti di sfruttamento commerciale e produzione. La Gilead Sciences Inc., che ha sviluppato e brevettato oseltamivir (Tamiflu) nel 1996, ha tra i suoi principali azionisti Donald H. Rumsfeld, attuale Segretario alla Difesa dell’Amministrazione Bush. Rumsfeld ha anche ricoperto la carica di Chairman of Board della Gilead dal 1997 al 2001, anno nel quale ha accettato l’incarico del Presidente Bush. “Voci non confermate”, aggiunge Engdahl, “raccontano che Rumsfeld ha anche aumentato la sua quota azionaria nella Gilead, fino a diventarne il maggiore azionista”. Lo stratega militare del Governo Bush, la mente della strategia del ‘panico da bioterrorismo’ che tante polemiche ha già sollevato negli Usa, avrebbe quindi secondo le accuse contribuito ad innescare un tam tam mediatico teso a scatenare una corsa all’acquisto di un farmaco prodotto da un’azienda di sua proprietà, ricavandone immensi profitti. Fantabiopolitica? Forse, e forse no

alberto lorenzi 15.02.06 17:14| 
 |
Rispondi al commento

io sono vittima di una lobby mafiosa! Help!!

mariano tuveri 18.01.06 08:45| 
 |
Rispondi al commento

Salve avevo scritto, ma non trovo più il mio commento...che non mi quadrava il fatto che le aziende farmaceutiche uscissero sul mercato con i vaccini mesi prima dell'arrivo dell'influenza indicandone esattamente i connotati e la data presunta di arrivo! Per mettere un vaccino in commercio occorre molto tempo, per la sperimentazione, le autorizzazioni,etc etc; allora come fanno le aziende a sapere con così tanto anticipo che vaccino esattamente produrre?

Alessandra Esposito 23.12.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Finiti i vaccini antinfluenzali non si parla quasi più di influenza aviaria.
Intanto non abbiamo mangiato più polli, ma ci siamo vaccinati con il vaccino antinfluenzale che cresce su uova embrionate di pollo...mah!

Lamberto Reggiani 21.12.05 21:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao beppe prima di tutto ti dico che 6 il migliore, volevo chiederti delle cose.
1) Come è possibile che ancora oggi nel 2000 guardando una partita di calcio si senta dire dalla tifoseria NEGRO DI MERDA, SPORCO NEGRO ad un giocatore di colore ( il giocatotre in questione è ZORO del messina )
2)che fine ha fatto la miracolosa cura DI BELLA che doveva sconfiggere il cancro
3) non mi vergogno a dire che sono comunista, ma dico la giustizia proletaria come diceva una canzone di guccini dov'è, io sono un operaio che lavora otto ore al giorno, guadagna 1000 euro al mese circa, mangiano la pensione, ci trattano come porci e non siamo più tutelati, fanno quallo che vogliono con il nostro sangue.
vorrei citare un uomo di m...a il mio ex principale di monza lui è un vero succhia sangue bastava che facevi un danno anche non fatto apposta, sul lavoro si può sbagliare giusto? lui due giorni dopo ti mandava una lettera di contestazione, ti adebitava il danno sulla busta paga. ora come puoi fregare soldi ad una persona che guadagnava 820 euro al mese.
voglio chiedere ci sarà giustizia per gente che a questo mondo non conta nulla?
ciao continua così beppe

Cecchetto Alessandro 13.12.05 20:43| 
 |
Rispondi al commento

voglio capire se è possibile che l'influenza aviaria sia solo un'invenzione per far in modo di spostare anche questo tipo di lavoro,produzioni,all'estero per ragioni economiche..cioè si farà una legge che impedirà determinati tipi di allevamenti e gli imprenditori la useranno come pretesto utile a licenziare tutti e a spostarsi...chi fa le leggi sono solo imprenditori ormai perciò il cane si morderà la coda e sempre più persone faranno la fame e qualcuno ingrasserà sempre di più...
in più...sono un dipendente mc'donalds,anzi,sono un responsabile di turno..il mondo del lavoro offre questo..posso avere più notizie su ciò che dò da mangiare alla gente?? da dentro non riceverò mai notizie negative ... grazie

simone montagna 09.12.05 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Insegno in una cittadina del Delta padano: terra bellissima, brava gente e... un perenne pennacchio giallo ocra in cielo (la centrale termoelettrica di Polesine Camerini).
Psicosi aviaria, si diceva - così la chiamano gli stessi che la inducono, con tonnellate di cattiva informazione. Bene: tutti temono (e fan bene) i polli e in questa zona anche gli anatidi migratori.
Allora: a scuola abbiamo i davanzali pieni di guano di piccione e, bravi zelanti ragazzi quali siamo, chiamiamo il veterinario per sapere... sai mai...
Lui viene e ride: macché piccioni! Ma bimbi miei - dice - tenetevi il guano, che fa tanto "nature": i piccioni raramente si ammalano di quella roba che voi temete tanto e non ne sono vettori efficaci. Io, dice, sono un Don Quixote che nessuno ascolta e da tempo denuncio uno strano giochetto praticato nel Delta.
GUARDATEVI DALLE ANATRE CHE MIGRANO E SOSTANO QUI! Sì, ma mica ci vengono perché c'è un bel paesaggio, o per... beccare! Ogni anno, nelle valli di caccia - ecco il punto - si scaricano tonnellate di mangimi per attrarle, e il business ha dimensioni pazzesche. Si parla di 100 mila euro (!) per l'affitto, in una sola stagione di caccia, di una botte da posta. Per i "casoni" la cifra lievita ulteriormente. Attori, industriali, banchieri e altri poveracci italiani e stranieri ogni anno se la spassano nel Delta. Stavolta c'è il rischio di attrarre animali infetti? Ecchisenefrega? Tanto io abito a Montecarlo... A infettarsi saranno le anatre degli allevamenti domestici, lasciate libere di scorrazzare per i canali, in assoluta promiscuità con gli anatidi migratori! Almeno si vedesse qualche vantaggio economico per le popolazioni locali (in ogni caso, non barattabile con la salute). Macché: indotto zero, e i soldini di botti e casoni vanno nelle tasche di svariati Chissachì, certamente non del posto...
Temiamo certi animali e li invitiamo a passare da noi, pasturandoli, per soddisfare la foia sparatoria del cacciatore agiato e vigliacco.

Luca Pasello 05.12.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Torino, 1° dicembre 2005. La LILA denuncia il vergognoso “silenzio stampa” sulla Giornata mondiale dell’Aids.

Mentre i quotidiani di tutto il mondo celebrano il 1° dicembre 2005 – Giornata mondiale della lotta contro l’Aids, in Italia assistiamo a un tragico e vergognoso “silenzio stampa”.

Alcuni tra i più importanti giornali nazionali non menzionano neppure la ricorrenza (Corriere della Sera, la Padania, Libero, il Giorno, Il foglio, Il Messaggero, il Sole 24 ore, Il Secolo XIX) o scrivono dell’epidemia solo nelle pagine regionali in quanto gli eventi “mondani” cittadini vanno sempre pubblicizzati (Il Giornale, La Stampa, la Repubblica)

Alcuni dimenticano che l’Aids non è solo in Africa (Avvenire, la Repubblica, Europa) e possono così non criticare l’inesistente politica italiana di lotta contro l’Aids.

Liberazione dà voce all’Europa e alle persone omosessuali, ma quando smetteremo di ragionare in Italia per categorie e parleremo di comportamenti a rischio? Solo l’Unità fa il punto anche della situazione italiana.

Da anni si dice che in Italia la diffusione dei contagi è in aumento perché di Aids se ne parla troppo poco e male, ma oggi – giornali alla mano – possiamo solo constatare e denunciare quanto questo non sia casuale ma una scelta consapevole e quindi colpevole.

Sabrina Licheri 01.12.05 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Una mia amica che lavora per la rivista "IL PENSIERO SCIENTIFICO" mi ha gentilmente segnalato questo articolo... è interessante... E' un altro punto di vista sull'allarme aviaria e gli interessi economici delle case farmaceutiche produttrici di vaccini antinfluenzali...

http://www.pensiero.it/news/news.asp?IDNews=49

Elena Crocenzi 01.12.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono un addetto ai lavori che opera nel settore sanitario.
volevo far notare ai cittadini del blog come sia stato dato risalto ,nei mesi scorsi, alla necessità di vaccinarsi contro l'influenza.
Annualmente infatti i vari tg spingono il cittadino alla puntura "preventiva" ma purtroppo quest'anno (causa aviaria)la "sollecitazione" è stata un po' troppo FORTE...
RISULTATO: FINITI I VACCINI ANTINFLUENZALI.
Ad oggi solo i medici di base(non tutti)sono muniti di un numero di dosi per le persone oltre i 65 anni e per chi ha patologie croniche.
Nemmeno le ASL hanno + vaccini e la richiesta è altissima!
Non mi ha consolato la circolare del ministero che precisava che la vaccinazione ,"loro", l'avevano spinta ma solo per le categorie "protette" e i bambini sopra i 6 anni sono sufficientemente "grandi" da poter rinunciarvi...
mi consola invece EMILIO FEDE quando Domenica sera al tg4 dice che i vaccini arriveranno. Ma da dove? li produce lui?
so che una ditta (chiron) ne "starebbe" facendo qualche decina di migliaia a fronte di una richiesta almeno 100 VOLTE superiore.

Oggi la stampa non affronta piu' l'argomento; è molto piu' impegnata a seguire il "caso" dei latti.
E l'aviaria, la terribile aviaria?
E la campagna pro-vaccinazione che ha coperto meno popolazione dell'anno scorso?

qualcosa non mi è chiaro.Anzi si, ma mi auguro tanto che qui non ci sia qualcuno che ci ha guadagnato...
ma soprattutto mi auguro che non si diffonda l'aviaria perchè i vaccini che eventualmente venissero prodotti immagino che coprirebbero solo
gliaddetti ai lavori e cioè politici e giornalisti!

polide franco 30.11.05 00:36| 
 |
Rispondi al commento

http://guerrillaradio.iobloggo.com/:
I risultati di queste analisi, purtroppo, contraddicono le informazioni rassicuranti diffuse ieri dal ministero della Salute, secondo il quale da primi riscontri dell’Istituto superiore di sanità la sostanza non sarebbe stata trovata in altri prodotti alimentari.

“Non solo è necessario l’immediato ritiro dal mercato dei lotti di riferimento dei prodotti confezionati in Tetra Pak positivi alle analisi” ha dichiarato Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo - “ i consumatori di tutta Europa devono sapere cosa hanno ingerito sinora: dunque è necessario conoscere quali siano gli effetti tossicologici definitivi della sostanza chimica ITX. Chiediamo risposte alle istituzioni europee e italiane.” ha commentato Martinello.

Questi i nomi dei prodotti alimentari positivi all’ITX con i lotti di riferimento e la data di scadenza, di cui Altroconsumo, allertando i produttori, chiede l’immediato ritiro dal mercato:

Marca Denominazione Formato (ml) Data scadenza n. lotto
PANNA DA CUCINA UHT A LUNGA CONSERVAZIONE
Parmalat - CHEF Panna per cucinare 3 x 125 12/03/2006 E 20:34.267
LATTE UHT A LUNGA CONSERVAZIONE
C.L.Milano Latte intero UHT 500 14/01/2006 L S52904
ALIMENTO PER BAMBINI A BASE DI LATTE
Milupa Babymil - latte di crescita 500 02/05/2006 C
SUCCO DI / BEVANDA ALLA FRUTTA
Del Monte Quality Albicocca 3x200 23/08/2006 D054.2D
Derby blue Albicocca 6x200 17/10/2006 LD199C-A
Santal Up - Albicocca 3x200 25/05/2006 B LD270
Skipper - Zuegg Junior - albicocca 4x200 20/10/2006 L529313:43
Valfrutta Albicocca Mediterranea 6x200 20/09/2006 LD172A-A
BEVANDE A BASE DI LATTE
Carrefour Frutta e Latte - Pesca . Albicocca 3x200 mar-06 D258a
http://guerrillaradio.iobloggo.com/

alessandra arrigoni 29.11.05 17:14| 
 |
Rispondi al commento

guerrillaradio:
latte avvelenato e latte assassine (nestle e cocacola)


Il nostro ministro della salute Francesco Storace dà uno strano valore alla preservazione della vita.

Se dà una parte cerca di impedire in ogni modo la sperimentazione della pillola abortiva RU486,
(ma che bisogno c'è di sperimentare mi chiedo io, quando la stessa pillola è già presente nelle farmacie di mezza europa)
che dovrebbe tutelare la vita delle donne,
dall'altra prende accordi con la Nestlè per evitare il ritiro delle produzioni di latte contaminate dalla sostanza Itx.
Come a dire, I feti sono tutti da salvare, semmai, se dobbiamo decimarne qualcuno, aspettiamo che si facciano pargoli poi gli rifiliamo qualche veleno nell'omogeinizzato.

Il latte della Nestle fa male, oggi in Italia.
Ma ieri la Nestle mandava a morire 1500000 di bambini africani,
convincendo le madri a smettere di allattare, con invasive campagne di (dis)informazine e corrompendo apparati della sanità nei paesi in via di sviluppo.
(Il latte in polvere viene venduto ad alto costo, ceduto gratuitamente agli ospedali del Terzo
Mondo, senza illustrare i rischi di un utilizzo improprio. Quali l'impiego di acqua non potabile, la mancata sterilizzazione delle tettarelle. O l'impiego troppo diluito del prodotto per gli alti costi, da parte di madri che già in ospedale vengono invitate a rinunciare all'allattamento naturale, grazie a una prima confezione omaggio. Con il rischio didenutrizione dei piccoli.)
.

"Ogni giorno per l'utilizzo
di quel latte muoiono quattromila bambini, in un mese ci sono le stesse
vittime provocate dalla bomba atomica su Hiroshima", ha dichiarato James Grant, ex direttore esecutivo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

La nestlè nello Sri Lanka ha cercato di esportare 15 tonnellate di latte
in polvere subito bloccato perchè era contaminato con particelle radioattive.
Probabilmente continua---> http://guerrillaradio.iobloggo.com/

vittorio arrigoni 27.11.05 18:50| 
 |
Rispondi al commento

il Methergin medicinale post parto venduto tranquillamente in farmacia che utilizza il principio attivo "ergotamina" il quale a seconda della dose può agire come allucinogeno dato che l'ergotamina è un precursore dell'LSD. Basta collegarsi ad un motore di ricerca e digitare "I MISTERI ELEUSINI" dove vengono spiegate moltissime cose.

michele ammirati 15.11.05 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Bebbe, vorrei dire la mia riguardo la “pandemica” informazione o disinformazione circa la vaccinazione antinfluenzale. Una cosa è vaccinarsi contro il virus dell’influenza, che in Italia dovrebbe arrivare tra dicembre e febbraio, altra cosa è la vaccinazione contro il virus dell’influenza aviaria. Credo che la confusione nasca dal fatto che a tutti i TG ci sia un caratteristico susseguirsi di interventi: prima l’influenza aviaria (nuovi villaggi infettati, morti umane sospette)poi l’attesa pandemia del virus dell’influenza contro il quale esistono già dei vaccini.Le indicazione dell’OMS e del nostro Ministero della Salute sono di vaccinare i soggetti a rischio contro il virus dell’influenza: (sog. di età pari o superiore a 65 anni; adulti affetti da: malattie croniche, bambini pretermine o di età > 6 mesi con malattie croniche, soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo (Fonte: Ministero della salute Circolare del 5 agosto 2005) . Alla fine di tutta questa tiritera si dice anche: “E' cominciata il primo ottobre la campagna di vaccinazione contro l'influenza stagionale ed e' importante collegarla all'influenza aviaria, poiche' cio' rappresenta la prima fase di protezione per la persona”. Inoltre La Commissione costituita a Bruxelles, raccomanda agli stati membri di aumentare il numero delle vaccinazioni contro l'influenza stagionale, soprattutto nelle fasce più a rischio come misura di prevenzione per una pandemia. Morale della favola:vaccinatevi per l’influenza che poi quando e se arriverà l’aviaria avremo bisogno di almeno 4 MESI di tempo per avere un vaccino contro lo specifico virus mutato che ci colpirà, chi avrà avuto la sfortuna di beccarsela per primo, potrà essere curato con i comuni antivirali. Il motivo è che i virus mutano il loro genoma continuamente, per cui è inutile creare un vaccino diretto contro un virus asiatico se questo sarà già mutato il giorno cui avrà varcato la val di Susa con i TAV!!
Ciao a tutti

Cristina Linea 15.11.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BEPPE X FAVORE NEL TUO PROSSIMO TOUR PORTA LA VOCE DI KI PURTROPPO NON CE L'HA...PORTA ALLA LUCE COME GLI ALLEVAMENTI SIANO ASSOLUTAMENTE NOCIVI,COME LO SFRUTTAMENTO DEGLI ANIMALI (SPECIALMENTE PER LA VIVISEZIONE)SIA ASSOLUTAMENTE INUTILE!POTREBBE ESSERE UN BELLISSIMO ARGOMENTO...DI MATERIALI X QUESTO INTERNET NE è PIENO...
GRAZIE MILLE,NN SAPEVO DOVE SCRIVERLO,SE QUALCUNO SA DOVE POSSO CONTATTARE BEPPE AFFINKè LEGGA QUESTO MESSAGGIO LO RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE

Ombretta Mattioli 14.11.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito l'informazione che riceviamo è quanto meno leggermente artefatta.
In realtà non esiste alcuna forma di vaccinazione e nemmeno le recenti scoperte fatte in Gran Bretagna porteranno alla possibilità di avere una protezione immunologica in tempi brevi.
La precauzione migliore consiste nel mangiare alimenti ben cotti e possibilmente evitare alimenti di importazione.
Proprio oggi (finalmente !!!!) i nostri organi di comunicazione hanno potuto annunciare di un animale colpito da sospetta influenza aviaria in italia. La cosa che più rassicurerà gli italiani, ma soprattutto, gli uccelli di origine italiana, è che il ministro della salute, Sig. Storace , ha rassicurato in merito alla tempestività degli interventi preventivi eseguiti nel nostro paese.
Insomma sta succedendo quello che già è successo in merito alla sicurezza nell'edilizia scolastica, alla salvaguardia del territorio e dalla prevenzione da danni da alluvione ecc.. ecc..
Quindi signori galletti e signore faraone , non temete. C'è un ministro della portata del Sig. Storace , che vigila sulla vostra salute.

Renato Belluati 11.11.05 13:38| 
 |
Rispondi al commento

La possibilita' della diffusione dell'influenza dei polli ci tira scemi a tutti quanti,gente terrorizzata che segue TG che di certo non tranquillizzano.Siamo vittime di noi stessi perche' come tu hai detto noi siamo i creatori di questi tremendi virus ed anche il tumore di questo mondo.Hai fatto caso anche alle Influenze normali, quelle stagionali?? Quello che mi manda in bestia e che ti volevo far notare e' che le annunciano i TG!!! Quasi fosse una moda una RICORRENZA, ma come cavolo fanno a sapere GIA' le caratteristiche dell'influenza ancor prima che compaia e si diffonda???? Poi dicono "presto sara' disponibile il VACCINO ANTINFLUENZALE"(tu ti fidi??? Io per niente)che secondo me e'solamente un modo per far guadagnare alle povere case
farmaceutiche qualche Euro in piu'.Capisco chi ne ha bisogno e che non puo fare altrimenti (magari per motivi di lavoro o di salute)ma per i rimanenti non c'e'scusa da che mondo e' mondo un influenza l'hanno avuta tutti , posso capire il vaccino per il VAIOLO o per il VIRUS DEI POLLI ma per una febbre.......
Ultima cosa ma non meno importante : Cosa saranno capaci di metterci nel vaccino?? Possono metterci qualunque cosa !!! E qui si parla di vaccinazioni che coprono quasi l'intera popolazione non solo in Italia in tutto il mondo.......Se volevano somministrare anfetamine ai bambini non posso che immaginare che il peggio per un adulto specialmente per noi che abitiamo in queste societa-gabbia che ci trasformano e ci rendono diversi.
Preferisco prendermi la febbre (stagionale :]) che il vaccino.


Vai beppe,
continua cosi.

Sebastiano Sabatini 10.11.05 03:08| 
 |
Rispondi al commento

Da un sito di controinformazione leggo e divulgo:
"Finalmente le tessere del puzzle cominciano a combaciare. Non molto tempo fa, il Presidente Bush ha cercato di instillare panico nel paese dicendoci che almeno 200.000 persone moriranno per la pandemia derivante dall'influenza aviaria, e che nell'ipotesi peggiore si potrebbero anche raggiungere i 2 milioni di morti solo negli Stati Uniti.
Questa bufala è stata poi usata per giustificare l'acquisto immediato di 80 milioni di dosi di Tamiflu, un farmaco senza valore che non tratta in nessuna maniera, versione o forma l'influenza aviaria, ma semplicemente diminuisce il numero di giorni per cui ci si ammala e può addirittura contribuire a far si che il virus abbia un maggior numero di mutazioni letali.
Quindi gli Stai Uniti hanno fatto un ordine per 20 milioni di dosi di questo farmaco inutile al prezzo di 100 dollari per dose. Il che porta ad una cifra strabiliante di 2 miliardi di dollari.
Ci hanno stato detto che è la Roche che produce il Tamiflu e, in un recente articolo del New York Times, si stava dibattendo se avrebbero o meno permesso alle industrie di farmaci generici di aumentare la loro produzione.
Ma se si scava un pò si trova che in realtà il farmaco è stato sviluppato da un'industria, la Gilead , e che 10 anni fa la Gilead ha ceduto alla Roche i diritti in esclusiva per il marketing e la vendita del Tamiflu.

Ahh, La Trama si infittisce...
Se leggete il link qui sotto della Gilead, scoprirete che il Segretario della Difesa Donald Rumsfeld è stato eletto chairman della Gilead nel 1997.
Poiché Rumsfeld è l'azionista di maggioranza della Gilead, potrà trarre tranquillamente beneficio dalla tattica del terrore governativa che si sta usando per giustificare l'acquisto di 2 milioni di dollari di Tamiflu"

Gabriele Busin 07.11.05 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito che non si vendono più polli in Italia.
Credo che la causa risieda soprattutto nel tipo di informazione mediatica, la quale percorre un doppio binario che crea incertezza.
Da una parte si cerca di convincere che i nostri volatili sono sani, supercontrollati e che per ora non hanno contratto l’influenza aviaria.
Dall’altra, contemporaneamente, si spiega che, dato che il virus muore subito col calore e quindi, visto che i polli si mangiano ovviamente cotti, non c’è alcun pericolo nel consumarli anche se colpiti dalla malattia. In questo caso perché dovrei preoccuparmi di comperare un prodotto italiano?
A quale delle due informazioni è meglio dare credito?
Nell’incertezza meglio non rischiare: chi mi assicura che quello che ho acquistato è veramente sano?
Penso che si vogliano prendere “due piccioni con una fava”: spaventare un po’ la gente e indirizzarla sul prodotto nostrano, ma non si può avere “la moglie ubriaca e la botte piena” e quindi le vendite avicole vanno a picco.
Lo strano è che l’italiano dovrebbe essere abituato alle dissociazioni mentali.
Fin da bambini, a scuola, si insegna un’ora prima la creazione di Adamo ed Eva e un’ora dopo la legge di Darwin.
Oppure che la guerra è il peggiore dei mali e nello stesso tempo umanitaria.
Senza contare i miliardi di dollari che contano di incassare i produttori di vaccini per la loro fornitura agli Stati interessati. Creeranno un bisogno fittizio con lo stesso meccanismo usato per renderci consumatori di una inutile “acqua minerale”, anziché della sana acqua del rubinetto.

IRO BAZZANTI

iro bazzanti 06.11.05 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,sono un veterinario ASl che si occupa di alimenti:non ne posso più di questa Psicosi da Influenza Aviarie, contadini che hanno sempre allevato polli sono terrorizzati,carabinieri ci scortano a raccoglire merli morti in giardini privati,i miei amici e conoscenti mi chiamano per avere notizie:io sono andata al supermercato di fiducia e ho fatto una bella scorta di coscie di pollo e petti di tacchino e di faraone!
Vorrei ricordare a tutti che il pollo poverino, è un prodotto industriale altrimenti le coscie di pollo non potrebbero costare 4euro al Kg,quanti possono allevare il pollo per autoconsumo?
Che con la globalizzazione gli alimenti arrivano da ogni parte del mondo, che il loro commercio è sempre più gestito da grandi gruppi, che il consumatore è disorientato e spaventato ma si lascia codizionare nei consumi da una pubblicità che lo convince a mangiare prodotti di cui non si riconosce la struttura originaria (carne ? Pesce?)
Accenno al fatto che in CE e in Italia è in vigore una normativa estremamente complicata per quel che riguarda l'etichettatura dei prodotti, forse è talmente piena di informazioni che il consumatore non la legge ma ricorda le tante "stronzate"sull'alimentazione che ci propinano le mille trasmissioni televisive sulle diete e sulla salute Saluti Enrica

Enrica Martini 05.11.05 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Grillo ti prego fammi capire tu,che sei l'unico di cui ho fiducia di cio' che dici.C'e'malainformazione sull'aviaria,prima dicono preoccupatevi,poi dicono non preoccupatevi,dicono tante cose e poi ne dicono altre.Dicono mangiate pollo e poi leggi da qualche parte che una persona di quei paesi da dove proviene l'aviaria e' morta perche' mangiava polli e uova.Una persona puo' anche non mangiare polli e uova ma le migrazioni quelle fermarle non puo' di certo.Qual'e' la verita'?

Federica Romeo 05.11.05 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma Beppe! anche tu credi che la gravità dell'influenza aviaria sia degna della risonanza che i media le attribuiscono?

Muoiono 3 anatre e uccidono 1000 tacchini. Semmai dovevano uccidere le anatre!

e poi perchè il virus dovrebbe passare all'uomo? Se passasse all'uomo forse potrebbe essere mortale! e allora ci stanno mettendo paura in TV dicendoci che sarà sicuramente mortale. E' terrorismo anche questo. E intanto tutti i paesi hanno prenotato dosi di vaccini che ancora non esistono alle case farmaceutiche, le uniche che usciranno sane come pesci e ricche come sceicchi da questa influenza.

Per una volta tanto sono sinceramente rassicurato dalle dichiarazioni dei nostri politici!

Michele Tartaglia 04.11.05 16:22| 
 |
Rispondi al commento

dite quello che volete...ma sinceramente che storace dica che non c'è da preoccuparsi non la considero una grande garanzia... probabilmente ne sa pèiù mio zio che ha 3 polli in cortile...

micol bissaco 04.11.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

SPGNAMO LA TELEVISIONE!
Così facendo toglieremo loro il potere di condizionarci e ci libereremo da alcune fastidiose «forze di ostacolo».

Forze di ostacolo come quel becero e pericoloso terrorismo psicologico che i media continuano a instillare ogni santo giorno nelle masse. Dalla SARS, paragonata all’epoca all’AIDS del nuovo secolo, alla bufala della mucca pazza per arrivare oggi alla pandemia di aviaria che secondo gli esperti dell’OMS sterminerà il pianeta. Sono riusciti a trovare che il DNA del virus dell’aviaria è dello stesso tipo di quello dell’influenza Spagnola che tra il 1917 al 1919 provocò dai 20 ai 50 milioni di morti.
Ma vi rendete conto di quello che ci danno da bere? Riviste prestigiose come “Nature” e “Science” hanno dato ampio risalto proprio al collegamento tra Spagnola e aviaria.
E nel frattempo, mentre i veri pollastri che credono a queste balle affollano le farmacie e intasano gli studi medici per farsi vaccinare, le azioni delle due multinazionali chimico-farmaceutiche: Roche (che produce il Tamiflu) e GlaxoSmithKline, (che produce il Relenza) volano alle stelle. Gli azionisti - gli stessi che gestiscono i mezzi di comunicazione - ringraziano di cuore!
Ecco i veri pollastri in batteria: quelli che si fanno iniettare nel corpo un vaccino senza alcuna spiegazione medica e/o medico-preventiva su rischi e benefici, e gli altri, i più furbi, che fanno incetta dell’antivirale Tamiflu nell’eventualità che la pandemia si scatenasse in tempi rapidi.
Ai primi dico che il vaccino iniettato non servirà a granché, nemmeno per l’influenza stagionale, visto che contiene i ceppi virali dell’anno precedente; i secondi invece devono sapere che hanno già trovato dei ceppi di aviaria, in una ragazzina vietnamita, che resistono proprio al farmaco della Roche![6]
In caso di pandemia non rimane altro che accendere la televisione, immergendosi da mattina a sera nell’attesa che dal tubo catodico arrivi la comunicazione divina: “il peggio è passato”.

Giovanni Marin 04.11.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Mi rendo conto da solo che questa idea è utopistica, ma tutti quei poveri polli che vengono
sacrificati per dei nostri sbagli, dato che da morti e cotti non sono più pericolosi, non potrebbero servire per sfamare i bisognosi?

Leonardo Pandolfini 04.11.05 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Sarà che ormai non mi fido più di niente, ma ho il sospetto che...l'aviaria non esista o che non abbia tutta quella gravità che ci stanno raccontando...che sia una notizia per distrarci da tutto ciò che non ci dicono, ma che potremmo sospettarne l'esistenza.
Provate a togliere questa notizia dai notiziari, cosa resta... nulla se non ricette di cucina e vomitevole gossip (eh sì! questi sono oggi i telegiornali!).
E com'è che non si parla più di "mucca pazza"?
Il morbo è forse stato debellato?
O non è mai esistito?
O ci siamo solo assuefatti alla notizia e così ce ne hanno confezionato una simile ma diversa?
E quando ci abitueremo anche a questa, cosa si inventeranno?
E ancora: l'influenza dei polli non è mai esistita prima d'ora? Se sì, come l'hanno affrontata nel passato? L'hanno mai spiegato questo?

Un consiglio agli amici del blog: andate al cinema a vedere "Viva Zapatero"


(P.S.:Io il pollo continuo a mangiarlo)

Stefania Serena 04.11.05 08:42| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei invitare tutte le persone che hanno a cuore i diritti degli
animali a iscriversi alla mailing list animali_iniziative/AgireOra:
vengono segnalate proteste cui partecipare via email, per la difesa
degli animali, e notizie di manifestazioni ed altri eventi sempre sul tema.
Sono 4-5 proteste la settimana, piu' le notizie.

Per iscriversi basta seguire il link in alto a destra "Mailing List" sul
sito http://www.agireora.org

Bàlint Vetsey 01.11.05 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Da giovane, circa trentacinque anni fa, vivevo nella pianura alessandrina dove mio padre aveva pensato bene di impiantare un allevamento industriale di tacchini, attività che continuammo solo per qualche anno. Ebbene ricordo che già da allora, ogni quindici giorni, dico quindici, li si abbeverava con un medicinale (dimetridazolo) senza il quale i poveri animali si ammalavano inesorabilmente di fegato (chiazze giallastre a forma di ciambella). Oltre ad altre "passate", cosi' le chiamava il veterinario, con altri medicinali di cui non ricordo più il nome. Inoltre i tacchini si ammalavano spesso di raffreddore, con conseguente gonfiore ai seni nasali e progressiva cecità. Come cura li si punturava tutti, uno per uno, nei seni nasali medesimi iniettando non so più cosa. Abbiamo cessato presto di allevare e ne sono stato contento. una mia piccola esperienza. Antonio Vasone

antonio vasone 28.10.05 07:49| 
 |
Rispondi al commento

E se tutto questo casino fosse stato creato dalle multinazionali farmaceutiche d' accordo con i nostri politici,pagandoli profumatamente, solo per vendere milioni e milioni di vaccini??
E se Storace riascoltasse ciò che diceva in tv un mese ,e quello che dice oggi, come minimo dovrebbe tirarsi una bella fucilata.
Praticamente ha accontento ( o quasi ) le case farmaceutiche e ha messo a terra un settore,quello del pollame.
A proposito di pollame: non c'è un cristo in tv che spenda 2 parole su queste povere bestie per come vengono trattate. E' uno schifo !
Io non mangio più carne bianca da un bel pò,proprio per rispettare queste povere bestie e sono molto vicino a rinunciare anche a quella rossa, sono sicuro di guadagnarne in salute e in coscienza....meditate gente, meditate.

franco masoni 28.10.05 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Salve, ho letto un pò dei Vs. messaggi sull'aviaria e ho un giudizio positivo sulle modalità di 'scambio pensieri' che avviene qui.
Purtroppo devo però generalizzare la mia domanda, che si riferirà quindi non solo alla NOTIZIA "aviaria" ma anche a molti altri argomenti (p.es. il ns. governo e chissà cos'altro).
O.k. non Vi rubo più tempo, the question is :
Se, come credo, quasi tutto quello che accade (ma proprio TUTTO) prima di venirci comunicato viene 'FILTRATO' e/o modificato, COME SI FA' PER EVITARE QUESTO ? (ammesso che si possa evitare).
Ogni Vs. consiglio sarà cosa gradita.
p.s. già molto tempo orsono qualcuno mi diceva che più passa il tempo e più si formano 'gruppi' sempre più piccoli, chiusi in casa a guardare la TV o poco più, e che non si va più in piazza a PARLARE con gli altri ... speriamo nella piazza virtuale !

Fabio Sacchi 27.10.05 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, io abito a Carrara (MS), in questi giorni mi stò accorgendo che non dobbiamo aver paura dei polli ma di nostri amministratori e dirigenti. qui da noi, è cosa di questi giorni, non si sono fatti scrupolo di scaricare ogni ben di dio di inquinante sulle nostre spiagge, terrapieni svincoli autostradali e chi sa dove altro ancora... è un vero schifo non hanno premura nenche dei loro figli. Il bello è, è mio pensiero e di altri miei concittadini, che queste persone riusciranno sicuramente a farla franca (notizia di stamani sul giornale: le aziende coinvolte dopo solo 3 giorni dalla bomba hanno già riaperto i battenti.)....ma in che mondo viviamo

Simone fini 27.10.05 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Ma qualcuno di voi ha per caso visto l'isola dei Famosi? Beh, io si, e ho visto una cosa che mi ha fato molto ridere: allora, 'sti poveri bischeri hanno vinto una sfida, e sapete che cosa c'era per premio?? Un sacco di pollo arrosto!! Chili di pollo...e come se lo mangiavano di gusto!!??!!
Sarà stato tutto programmato per farci vedere che anche i famosi (se di famosi possiamo parlare) mangiano il pollo?

Sara Bini 26.10.05 18:48| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno ha già dimostrato scientificamente e in modo incontrovertibile che il virus dell'influenza aviare possa causare qualche patologia nell'uomo?
se si chi mi sa indicare il lavoro scientifico e l'autore?
grazie

massimo raviola 26.10.05 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

Quello che sto per scriverti è una vera bomba...

Ho saputo ultimamente che Storace è venuto a farsi una passeggiata a Napoli presso l'Ospedale Monaldi e pare, come mi è stato riferito da una persona che lì ci sta spesso per ricerca in campo cardiologico, che Storace abbia detto che in Italia ci sono casi di influenza di aviaria, ma non possono divulgare la notizia per non allarmare la popolazione.
No comment.

Giovanni Turco 25.10.05 21:37| 
 |
Rispondi al commento

retifico il mio commento e stato pobblicato col testo inregrale ma a nome con il nome di un altro
scusate ma be...... scusate ancora

LONTANI PAOLA 24.10.05 21:14| 
 |
Rispondi al commento

dove sta il confronto diretto se i commenti vengono corretti ho scritto una cosa e mi ritrovo a leggerne un altra che porta il mio nome allora????????????? che delusione pensavo fosse un posto libero invece mi accorgo che anche qui non si puo parlare che s.......

LONTANI PAOLA 24.10.05 21:08| 
 |
Rispondi al commento

dove sta il confronto diretto se i commenti vengono corretti ho scritto una cosa e mi ritrovo a leggerne un altra che porta il mio nome allora????????????? che delusione pensavo fosse un posto libero invece mi accorgo che anche qui non si puo parlare che s.......

lontaNI PAOLA 24.10.05 21:07| 
 |
Rispondi al commento

ma come è finita con la cura di bella

paolo minerva 24.10.05 17:00| 
 |
Rispondi al commento

ma come è finita con la cura di bella

paolo minerva 24.10.05 17:00| 
 |
Rispondi al commento

ma come è finita con la cura di bella

paolo minerva 24.10.05 16:59| 
 |
Rispondi al commento

mi sono iscritto oggi è tutto molto interessante e credo che tu sia un grande.tornerò a trovarti presto.

Cesare chiusi 24.10.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei avere se è possibile ulteriori provvedimenti di come evitare di prendere questo virus...rispondetemi per favore...ho paura!

Orlando Silvya 24.10.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei avere se è possibile ulteriori provvedimenti di come evitare di prendere questo virus...rispondetemi per favore...ho paura!

Orlando Silvya 24.10.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Non sono un medico e quindi non sono in grado di dare un giudizio tecnico al "fenomeno" dell'aviaria; la mia sensazione è che la cosa sia ingigantita ad arte per finalità di lucro come spesso avviene.
Sono altresì convinto che un giorno la natura si prenderà la sua rivincita su chi costantemente la maltratta e senza allarmismi o titoli a sensazionali la razza umana pagherà un eneorme dazio di vite per uno stupido, semplice e banale virus. Mi auguro solo che non sia questa volta.

alessandro raggio 23.10.05 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Non sono un medico e quindi non sono in grado di dare un giudizio tecnico al "fenomeno" dell'aviaria; la mia sensazione è che la cosa sia ingigantita ad arte per finalità di lucro come spesso avviene.
Sono altresì convinto che un giorno la natura si prenderà la sua rivincita su chi costantemente la maltratta e senza allarmismi o titoli a sensazionali la razza umana pagherà un eneorme dazio di vite per uno stupido, semplice e banale virus. Mi auguro solo che non sia questa volta.

alessandro raggio 23.10.05 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ieri un amico mi ha prestato un dvd di un tuo spettacolo, non so dove ne quando ma deve essere assai recente e si svolgeva dentro una affollatissima arena coperta, mi sembra e facevi telefonare tramite SKYPE ( cosa che io ed i miei amici facciamo regolarmente tutti i giorni.L'altro giorno, guardando il TG3, parlavano dello SMAU e del fatto che una ditta USA stava inventando o mettendo sul mercato un sofware per impedire le comunicazioni a 1/2 SKYPE. ' Sti SCHIFOSI. Sempre a caccia di soldi e a rompere i c......ni al prossimo. Peccato che il tuo spettacolo non venga a Mestre in quanto io abito a venezia- Lido e verrei volentieri a vederti con un seguito di amici. Grazie e buona fortuna.

luciano camuffo 23.10.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

SONO UNA VITTIMA DEL VIRUS AVIARIO
IL VIRUS HA O STA PER PRENDERSI LA MIA VITA IL MIO LAVORO IL MIO FUTURO NON C'è BISOGNO DI ESSERE STATI INFETTATI
LO STABILEMENTO DOVE LAVORO STA PASSANDO UN BRUTTO PERIODO (ANCORA IN ITALIA NON SI VERIFICATO NESSUN CASO MA GIA LA GENTE HA SMESSO DI MANGIARE LA CARNE BIANCA.NESSUNO STA PENSANDO A NOI POVERI LAVORATORI CON I POLLI CI MANGIANO E ANCORA LI MANGIANO SI PERCHE IO CHE CI LAVORO DENTRO POSSO ASSICURARVI CHE LE NOSTRE CARNI SONO SICURE .SONO SOLO UN UMILE OPERAIA CHE GUADAGNA 800eURO AL MESE CHE RISCHIA LA CASSA INTEGRAZIONE O PEGGIO PERCHE I GIORNALISTI ....DEVONO PER FORZA TUTTI I GIORNI PARLARE DI UNA COSA CHE NON ESISTE CHE PER ORE NON HA FATTO NESSUNA VITTIMA CHE NON E PIU PERICOLOSA DI UN UNFLUENZA NORMALE OGGI IL MIO DIRETTORE HA DETTO UNA COSA GIUSTA
LA CERCANO TANTO IN ITALIA QUESTA INFLUENZA CHE PRIMO O POI LA TROVERANNO SI PERCHE QUANDO SI CERCA QUALCOSA COSI INSISTENTEMENTE PRIMA O POI LA SI TROVA O LA SI FABBR... COME E STATO PER LA MUCCA PAZZA.

CREDO NELLE COSE BRUTTE "DICONO GLI IGNOROANTI"
SE SI RACCONTANO SOLO COSE BELLE è UNA NOIA


lontaNI PAOLA 22.10.05 21:27| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe Grillo dato che sei una persona che vede le cose, ti sei chiesto in riferimento all'influenza aviaria, quente industrie farmaceutiche hanno visto profitto da questo problema? Sono a rischio 180,000 posti di lavoro questa al momento è la vera strage, viva l'italia...

alessandro gallo 21.10.05 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi riaggancio al commento di IGOR PAOLETTI del 20.10.05 ore 11:45, che mi trova pienamente d'accordo.
Sono s'accordo sul fatto che la vita odierna e' pensata per indebolirci.

E' altresi' vero (io l'ho sperimentato) che una vita sana a base di cibi naturali ed una corretta profilassi delle malattie stagionali (eliminazione degli agenti intolleranti, pulizia dell'intestino, attivita' fisica abbondante), portano alla totale eliminazione dei farmaci generici.

Pero' occorre chiedersi perche' tutto questo battage mediatico su virus e pandemie varie. Avete mai pensato a che affare sarebbe per una ditta farmaceutica RIUSCIRE AD INFETTARE TUTTO IL MONDO CON UN AGENTE DEBILITANTE O MORTALE DI CUI ESSA SOLTANTO POSSEDESSE L'ANTIDOTO?
Non so se ci rendiamo conto che avrebbero il mondo in schiavitu', ai loro piedi. Esagerazioni?
Nel frattempo, impariamo a vaccinarci per ogni stupidaggine. Fra un po', saremo costretti a vaccinarci ogni settimana.
Per quanto mi riguarda, io non mi vaccinero' piu'.

Claudio Emiliozzi 21.10.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Scusate io da semplice operaio, vorrei capire se questi poveri polli,tacchini e volatili vari,siano infettivi ache da morti dato chei tg all'inzio dicevano di no e dopo facevano sondaggi su chi mangia o no i poveri volatili,un povero ignorante come me (e almeno un altra decina di milioni di persone) vorrebbe capire il perche , gente colta come i giornalisti dovrebbero fare certi sondaggi se gli uccelli morti non portano contagio, soprattuto se gia spennati e puliti.
Vi ringrazio gia ora per le vostre risposte, e ricordate che in Italia non siamo tutti professori,laureati o super intelligenti ,quindi alla gente normale va spiegato con termini ben distinguibili e soprattutto comprensibili.
Ciao da IO ME

Benedetti Roberto 20.10.05 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Scusate io da semplice operaio, vorrei capire se questi poveri polli,tacchini e volatili vari,siano infettivi ache da morti dato chei tg all'inzio dicevano di no e dopo facevano sondaggi su chi mangia o no i poveri volatili,un povero ignorante come me (e almeno un altra decina di milioni di persone) vorrebbe capire il perche , gente colta come i giornalisti dovrebbero fare certi sondaggi se gli uccelli morti non portano contagio, soprattuto se gia spennati e puliti.
Vi ringrazio gia ora per le vostre risposte, e ricordate che in Italia non siamo tutti professori,laureati o super intelligenti ,quindi alla gente normale va spiegato con termini ben distinguibili e soprattutto comprensibili.
Ciao da IO ME

Benedetti Roberto 20.10.05 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Lo scorso weekend, al tgr Piemonte, è stato dichiarato da parte di un medico dell'istituto di zooprofilassi di Torino che il virus H5N1 è già stato protagonista di un'epidemia alla fine degli anni novanta, per la quale erano stati eliminati migliaia di polli, possibile che si faccia tanta bagarre? E' un anno che ripetono che la prossima influenza sarà un'ecatombe... ma siamo ancora quì.
P.S. Per Sara Ok per le farmacetiche, la Roche è svizzera però, cosa centra l'America?
Stefano

Stefano Raviol 20.10.05 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Dietro ad ogni virus in primis l'AIDS
c'è dietro l'America e le case farmaceutiche.

E' una realtà assodata e consolidata.

Sara

Sara 20.10.05 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Dietro ad ogni virus in primis l'AIDS
c'è dietro l'America e le case farmaceutiche.

E' una realtà assodata e consolidata.

Sara

Sara 20.10.05 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Dietro ad ogni virus in primis l'AIDS
c'è dietro l'America e le case farmaceutiche.

E' una realtà assodata e consolidata.

Sara

Sara 20.10.05 16:39| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di sicurezza sui polli.
Al TG1 delle h.13,30 di oggi hanno dato la notizia di sospensione delle importazioni di polli dalla Russia per la purtroppo famigerata influenza aviaria.

Un paio di giorni addietro in un TG la notizia era:
Non e' il caso di preoccuparsi perche' noi non importiamo polli, il nostro fabbisogno e' coperto dagli allevamenti nostrani !.

Se verita' c'e' ancora, dove sta di casa? .....

Pier Angelo Albertini 20.10.05 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Igor,
per quanto non condivida la tua scelta di cacciatore, devo però concordare con il fatto che, parimenti ad un essere umano che non si senta molto bene, intraprendere un viaggio migratorio (i pennuti non viaggiano in auto con riscaldamento) risulti alquanto proibitivo, tengo a sottolineare a quanti provano a fare esercizio d'intelligenza, che molte idiozie ci vengono propinate confidando nel fatto che ormai "assorbiamo tutto" senza spirito critico.
Grazie per aver esaltato quest'aspetto.

Vincenzo De Pretore 20.10.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE , SONO NUOVO DEL BLOG E VORREI SOLO FARE UNA DOMANDA A CHI MAGARI NE SA UN PO' DI PIU' : MA UN' UCCELLO MALATO DI AVIARIA RIESCE A MIGRARE PER 5 O 7000 KM ED INPESTARE TUTTI GLI ALTRI COMPAGNI DI MIGRAZIONE ?
E' TUTTO MOLTO BELLO MA ANCHE NOI CACCIATORI ABBIAMO LE NOSTRE ESIGENZE .
SPERO DI NON ESSERE OFFESO TROPPO DA CHI NON CONDIVIDE .
SALUTI A TUTTI
IGOR " MENICHINO " PAOLETTI

IGOR PAOLETTI 20.10.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi amici,
il virus è un'invenzione per scatenare panico nelle masse e costringere la gente a vaccinarsi (qunto costerà ad ogni singolo stato la corsa all'accaparramento di vaccini?).
Il giro è di miliardi di euro che finiranno nelle tasche degli azionisti di un paio di multinazionali. Quello che viene diramato dai media è nient'altro che quello che viene "comandato" loro di trasmettere!
Preoccupiamoci tutti, di mantenere alto il livello del nostro sistema immunitario (oggi addormentato dall'eccessiva assunzione di farmaci) e non avremo problemi di sorta.
Come fare? Guardiamoci intorno, ma soprattutto guardiamo dentro di noi. Mangiamo quotidianamente autentiche schifezze! Tutti i giorni. Merendine, snack, cibi OGM, conservanti e coloranti chimici.
Domanda: "Perché i nostri nonni impegnavano il 75% del reddito per il cibo ed oggi la proporzione si è invertita?".
L'industrializzazione dell'alimentazione produce nuovi malati, cioè nuovi clienti per le multi del farmaco. Informatevi sul business dei vaccini! Ci hanno fatto sempre credere che grazie ad essi abbiamo debellato gravissime malattie, ma ciò non è vero!
L'igiene ed una migliore nutrizione hanno fatto questo miracolo!
Ma l'informazione è nelle mani di chi ti "vende" i prodotti, come potrebbe essere imparziale?
Mangiamo biologico, puliamo l'intestino e "fanculo l'influenza"!!!
Un abbraccio a tutti
VdP

Vincenzo De Pretore 20.10.05 09:52| 
 |
Rispondi al commento

19-10-2005

Dopo una colossale campagna mediatica per convincere gli italiani che la peste nera
sta per arrivare, ora si passa all' incasso. Il ministro della salute ci comunica che le scorte di antivirali arrivano a quota 12 milioni di cicli, e che i contratti già firmati con le aziende assicurano al nostro Paese ben 36 milioni di dosi. Mi sembra tanto una strategia di marketing della paura, e guarda caso la Roche ha annunciato che aumenterà la produzione di Tamiflu, il quale non è sicuro che sia efficace con questo ceppo di influenza. Se la pandemia è un reale rischio, ha un senso lanciare una campagna di vaccinazione di massa? Perché non costruire invece una rete sanitaria efficiente in grado di contenere e gestire l’eventuale emergenza? Basta con questo allarmismo strumentale e agli interessi di big pharma.
Svegliatevi !!!!!

Stefano Lelli 19.10.05 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Chissà se esiste una lista di nomi eccellenti (famigliari, amici ed amichette compresi) che riceveranno con priorità assoluta i farmaci antivirali, Tamiflu e/o Relenza e poi, naturalmente, anche il vaccino appena sarà disponibile e, purtroppo, ce ne sarà bisogno.
Il balletto delle dichiarazioni di esponenti delle varie organizzazioni e istituzioni internazionali e nostrane è qualcosa che mi fa tornare alla memoria le storielle americane sulle bombe intelligenti (guerra del golfo) e le prime dichiarazioni riguardo alle vittime da "fuoco amico". La contabilità sulle probabili e possibili vittime dell'influenza aviaria e il calcolo delle probabilità pubblicate dai quotidiani (i modelli matematici nientemeno!) mi fanno stare niente bene. Chissà se oltre alle case farmaceutiche, che si stanno già fregando le mani, hanno allertato anche i produttori di bare (quanti boschi da tagliare o alluminio da produrre..) e predisposto nuovi spazi nei cimiteri (operai che scavano le buche, muratori che costruiscono i loculi..), e poi i fiori e le messe, e quante case si libereranno e quanto spazio in più sulle strade e quanti carri funebri nuovi serviranno, e autisti che le guidano e, cazzarola, ma sta influenza si presenta un business mica male, o no .... ?!

Cataldo Neglie 19.10.05 19:38| 
 |
Rispondi al commento

cara Cristina,
mi fai felice, se non altro per essere riuscito ad instillare almeno un piccolo dubbio, che poi è la base della curiosità, vero motore di tutte le più grandi scoperte scientifiche (come appunto i vaccini).
hai ragione, mi era sfuggita la tua citazione sulla polio!
comunque per chiarezza, io non ho alcuna intenzione di schierarmi su una particolare barricata e quindi non ho nessuna intenzione di difendere a tutti i costi la teoria non virale dell'aids, semplicemente trattandosi di scienza e non di religione, non mi limito a credere!
purtroppo solo negli ultimi due secoli i casi di patologie mortali trattate per anni come di origine infettiva senza esserlo, sono purtroppo numerosissime, a partire dalla pellagra, lo scorbuto, la smom giapponese... ecc.
il mio pensiero è quindi esclusivamente di non incanalare tutta la ricerca su un solo binario, almeno finchè non si ha la certezza di avere imboccato quello giusto.
buona giornata

massimo raviola 19.10.05 07:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Massimo,
coglierò l'occasione per fare una ricerca sulla patogenesi dell'AIDS, guarderò i siti da te consigliati e ti farò sapere.
due precisazioni, però:
1) se leggi bene il mio commenti la polio è la prima infezione che cito tra i vaccini (ah, non cito solo vaccini contro virus: tetano e difterite sono batteri! giusto per precisare)
2) 180.000 pubblicazioni a me non sembrano proprio poche, PumMed contiene la raccolta di tutte le pubblicazioni scientifiche a carattere bio medico di ogni genere dal '50 ad oggi e sono in tutto 15 milioni. più di 1 su 100 parla di HIV non mi sembra poco considerato le infinità di malattie studiate e informazioni biologiche che questo archivio contiene. pensa che inserendo "POLIO" (visto che ti sta a cuore ed esiste almeno quella) ESCONO 15.000 ARTICOLI!
cmq la quantità non sempre conta quindi andrò ad indagare

Cristina Andreoni 19.10.05 02:12| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi,concordo con il fatto che ogni tipo di sfruttamento intensivo (ambiente, animali, e sì, anche uomini!) sia nocivo e ben poco naturale. Ma mi sembra davvero ingenuo ritenere che il virus dell'influenza aviaria si trasmetta "a causa" degli allevamenti intensivi dei polli. Casomai si è diffuso in Asia a causa degli allevamenti "tradizionali" e familiari con scarsi controlli e scarsa igiene.E poi trasportato dagli uccelli migratori (più naturali di quelli!!!)
Per il resto penso siamo in preda soprattutto a terrorismo mediatico e confusione delle informazioni (basta guardare i Tg: ognuno ha una versione diversa e fantasiosa dei fatti).
Forse siamo davvero noi i polli da allevamento intensivo! Svegliamoci!

Sara Falconi 18.10.05 09:45| 
 |
Rispondi al commento

dimenticavo cara Cristina, proprio dopo la vittoria sui vari virus che tu citi (dimentichi la polio, che in effetti è stato l'ultimo vero virus patogeno), la casta dei virologi ha dovuto cominciare ad inventarsene di altri...

massimo raviola 18.10.05 08:35| 
 |
Rispondi al commento

cara Cristina, nessuno nega che ci siano oltre 180mila articoli sull' hiv (io credevo molti di più), ma tu li hai letti, o almeno hai cercato il lavoro in cui viene "SCIENTIFICAMENTE" dimostrato che HIV = AIDS???
bene, se lo trovi dimmelo, e soprattutto dillo a quei virologi, biologi e premi nobel vari che in giro per il mondo hanno deciso di non smettere di farsi domande!

p.s.: nessuno nega l'esistenza di un virus hiv, ma da qui ad essere causa di una patologia, ci vorrebbe almeno una dimostrazione scientifica.

p.s. 2: vatti a dare un'occhiata ai siti che ho messo alcuni post fa.
buona giornata

massimo raviola 18.10.05 08:32| 
 |
Rispondi al commento

no proprio non ce la faccio! devo aggiungere un altro commento a quello sotto (ed ai due aggiunti sotto l'altro post di grillo "l'uomo-pollo" dove elenco le VERE caratteristiche dei virus)
che cavolo vuol dire:
"IL VIRUS E' UNA FORMA DI VITA INTELLIGENTE"?????
no spiegamelo perchè nella mia infinita ignoranza in biologia dell'evoluzionismo ho dei dubbi sul definire qualcosa che a caso muta e in quanto tale viene selezionato come "intelligenza". Cioè possimo anche accordarci che una alta capacità di replicazione e mutazione in quanto vantaggio evolutivo sia una forma di intelligenza, vabbè grazie, ma allora vale anche per ogni cellula vivente o i tuoi amati virus sono gli ET della biologia, perchè allora non dire che le cellule tumorali sono più intelligenti delle altre? perchè no? 30 e lode a virus e cellule tumorali!
La verità è che i virus (come tutti gli altri esseri) mutano a caso quindi nessuno sa se diventeranno specifici per l'uomo quanto saranno virulenti o infettivi e se il vaccino antiinfluenzale funzionerà, benvenuti nel mondo (vero) della biologia dove tutto è un ipotesi e che Dio ce la mandi buona! cmq nessuno è obligato a vccinarsi e non è sbagliato credere che non servirà a niente ma da qui a dire che i vaccini non funzionano..ne passa. qualche precisazione un vaccino ATTIVA il sistema immunitario dandogli un suggerimanto anticipato sul patogeno (differenza tra immunizzazione attiva e passiva!), l'ADIUVANTE è necessario per aiutare l'attivazione (non è un gioco di parole, c'è una spiegazione bel precisa andatevela a vedere su un libro di immunologia) non è una schifezza aggiunta a caso per farti pagare di più! (ma ci rendiamo conto di quante assurdità girano!) BASTA CON LA DIS INFORMAZIONE!

Cristina Andreoni 17.10.05 23:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Pasquale (e frequentatori vari di questo blog),
se conosci un solo virologo che sostiene che i vaccini non servono mai a niente perchè tanto il virus muta sempre, consigliagli di cambiar mestiere.
io mi chiedo, ma stiamo scherzando? cos'è un nuovo gioco? inventa anche tu lo scenario più catastrofico? partecipa anche tu alla stesura di un libro di Crichton! ma scusate se guardate da qualche parte nel portafogli o in un cassetto troverete un foglietto ingiallito con le vaccinazioni di quando eravate piccoli, polio, difterite, tetano, morbillo, rosolia e per i più vecchiotti vaiolo (i due simpatici pallini sul braccio, dai!)quella simpatica malattia cancellata dalla faccia della terra! ora chi si è mai ammalato di queste terribili infezioni alzi la mano! ah no scusate è vero è tutta una montatura hanno inventato pure le malattie per inscenare meglio il panorama del triller. Perchè no!? cosa avanza?l'HIV poverini neanche una foto avete! ce ne sono quante ne volete di foto al microscopio elettronico di HIV e pure montagne di lavori scientifici. vai sul database delle pubblicazioni scientifiche PubMed inserisci HIV... l'ho fatto io per te: 185686 articoli trovati! secondo te queste persone per 30 anni si sono inventate un virus?
Ma cos'è il festival della mala informazione! almeno si restasse nell'ignoranza capirei, ma pure giustificare certe castronerie, con un linguaggio scientificorum, tipo l'epstein barr immotalizza (e che centra per infangare un vaccino? per i meno esperti immortalizzare significa che ti porta sulla strada del cancro, bello, e con ciò? e cmq non immortalizza per replicarsi, è un effetto collaterale, studia!) Anch'io ho infinite riserve sulle case farmaceutiche e penso che i vaccini non vadano abusati come gli antibiotici, e che la pandemia da aviaria potrebbe anche non avvenire, però c'è una possibilità e non sarebbe così strano. Cmq pandemia non significa per forza strage. moderiamo i toni e incominciamo ad informarci un po' di più e meglio

Cristina Andreoni 17.10.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Aviaria avvertiti i miei polli

Allevo polli e galline, poche decine a mio uso e consumo.
Stamattina quando sono andato ad accudirle (darle da mangiare) ho detto loro ad alta voce:
Il primo che pianta uno sternuto faccio una strage.

Governo
Con Berlusconi dobbiamo andare a monte del problema.. Dobbiamo trovare il suo Pucher.
Il problema non sono loro, siamo noi che li abbiamo mandati a governare.
Italiani un popolo Buono a niente e capace di tutto.
Ciao Be, continua sempre siamo con te


Pino Potenza Commentatore in marcia al V2day 17.10.05 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Virus Polli e Ignoranza Crassa

Quando ero bambino, tanti anni fa, abitavo in campagna, mia nonna teneva i polli e ogni tanto si beccavano “ la malattia” . Poveri animalucci ! La cresta e i bargigli impallidivano, sulla lingua si formava una vescicola, non mangiavano più e morivano.
Venivano seppelliti o bruciati .
I contadini sapevano che la malattia era contaminante per i polli e cercavano di isolarli, ma succedevano eventi non spiegabili.
A volte morivano tutti i polli di un allevamento e in quello vicino invece erano vispi e sani . Nessun passaggio del virus all’uomo, per prudemza i polli morti non si mangiavano, ma i furbastri svizzeri ci facevano i dadi di pollo.
Vorrei chiarire che l’allarmismo creato ad arte è ingiustificato :
1 - non c’è nessuna prova certa che il virus che infetta il pollame sia LO STESSO IDENTICO che infetta l’uomo.
2 – Sapete che cosa è UN VIRUS ?
3 - Il Virus è una forma di vita “”intelligente”” che per riprodursi ha bisogno di un substrato specifico ossia di un tipo di cellula ospite con particolari caratteristiche, perché HA BISOGNO DELLE sue strutture per replicarsi .
4 - Esistono virus come “Epstein –Barr che sono in grado di rendere IMMORTALI le cellule ospiti per riprodursi
5 - Il virus MUTA SEMPRE
6 - Nel momento stesso in cui si fa un vaccino ,avviene una mutazione per cui il VACCINO NON SERVE A NULLA
7 – A questo punto l’ IGNORANZA trionfa : LE MULTINAZIONALI producono una enorme quantità di vaccini che non servono e fanno “ PALANCHE” a palate, le bustarelle corrono fra i banchi dei nostri dipendenti , che fanno addirittura contratti di impegno per assicurarsi milioni di dosi che non serviranno a nulla.
8 - VALGONO MOLTO DI Più LE NORME IGIENICHE
9 - Non ci credete ancora! interpellate un virologo (non venduto) o aggiornatevi su un testo di virologia .
10 - NOI siamo i Polli ! Crassi ignoranti, e lo prendiamo sempre in quel posto !
11 - Un Saggio, 2500 anni fa

Pasquale C ampisi 16.10.05 00:01| 
 |
Rispondi al commento

Credo sia importante andare a firmare la petizione contro gli allevamenti intensivi dei polli della LAV in 300 piazze in Italia.
Magari eviteremo altre epidemie tipo 'mucca pazza'!!!

Le piazze si trovano cliccando su www.infolav.org.


(tratto dal sito ufficiale della LAV)
SABATO 15 e DOMENICA 16 ottobre potrai trovarci nelle principali piazze italiane. Ai tavoli LAV riceverai materiale informativo e potrai sostenere la nostra campagna con una firma sulla petizione rivolta al Governo italiano affinché si schieri in sede Europea contro l’allevamento intensivo e la selezione genetica di questi animali.

Per dare maggiore forza a questa campagna, raccoglieremo fondi attraverso la cessione di un . gadget appositamente realizzato per l’occasione: con una donazione minima di 10 Euro, riceverai una confezione contenete due sacchetti di legumi e cereali provenienti da agricoltura biologica forniti da Alce Nero Cooperativa ed un simpatico ricettario vegetariano della LAV.

Luca Mancini 15.10.05 19:06| 
 |
Rispondi al commento

UN APPELLO ALLE PERSONE GIOVANI E SANE: NON VACCINATEVI CONTRO L'INFLUENZA
I vaccini provocano un abbassamento delle difese immunitarie naturali e a volte reazioni allergiche anche gravi. In questo caso poi spacciare il vaccino antinfluenzale come una soluzione contro l'influenza aviaria è assolutamente folle ed inesatto. I nostri media quando ci martellano per convincerci ad utilizzarlo pensano a noi o alle azioni in ribasso delle aziende farmaceutiche?

Sara Miccione 15.10.05 13:07| 
 |
Rispondi al commento

UN APPELLO ALLE PERSONE GIOVANI E SANE: NON VACCINATEVI CONTRO L'INFLUENZA
I vaccini provocano un abbassamento delle difese immunitarie naturali e a volte reazioni allergiche anche gravi. In questo caso poi spacciare il vaccino antinfluenzale come una soluzione contro l'influenza aviaria è assolutamente folle ed inesatto. I nostri media quando ci martellano per convincerci ad utilizzarlo pensano a noi o alle azioni in ribasso delle aziende farmaceutiche?

Sara Miccione 15.10.05 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Oggi giornali, radio e televisioni hanno riportato la notizia che in Turchia e in Romania è stata identificata e isolata (???) la versione del virus che attacca l'uomo.
Tutti i media continuano a dire che conviene comunque vaccinarsi contro la "normale" influenza in attesa del vaccino specifico.
A domanda diretta, però, molti medici rispondono che il vaccino generico non può nulla contro l'aviaria perchè le "risposte" immunitarie del corpo umano sono specificatamente indirizzate al ceppo del vaccino inoculato. In parole povere, se ti vaccini per l'influenza generica il tuo corpo crea gli anticorpi solo per quella e quando arriva l'aviaria lo prendi in saccoccia. Quale sarà la verità?
Qualcuno riuscirà a dicerla, prima o poi?
Certo che se è poi, altro che 10 milioni di morti.
Forse che sperano di risolvere così il problema dell'INPS?

Giovanni Borlandelli 14.10.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

dimenticavo, leggi anche questo:


freeweb.supereva.com/infoaids.freeweb/

intendiamoci, io non voglio fare combiare idea a nessuno, ma solo stimolare a guardarci intorno con più libertà!
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 14:48| 
 |
Rispondi al commento

per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

www.virusmyth.net/aids/

www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

massimo raviola 13.10.05 14:29| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 14:05| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertibili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 13:56| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertibili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 13:56| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertibili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 13:55| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 13:51| 
 |
Rispondi al commento

prova

massimo raviola 13.10.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare prima delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza di do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 10:02| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare prima delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza di do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 09:49| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare prima delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza di do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 09:43| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare prima delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza di do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 09:42| 
 |
Rispondi al commento

caro Andrea Palombi, ti ringrazio, finalmente qualcuno che ha voglia di discutere su questo punto.
vedi, ciò che io affermo (anzi non affermo proprio niente, mi faccio piuttosto unsacco di domande) deriva non da mie idee, ma dalla lettura attenta di scritti ed interventi di noti ed affermati scienziati(anche alcuni premi nobel), che mettono in serio dubbio alcune malattie virali con argomentazioni e lavori scientifici e non solo con imponenti campagne stampa sicuramente più incisive sul grosso pubblico.
tu inviti a leggere i giornali prima di esprimere certe opinioni, bhe... io invito a ricercare delle chiare e incontrovertivili evidenze scientifiche prima di spargere voci di catastrofi imminenti!
come ho detto io sono un medico ( veterinario), un semplice medico, che si occupa di benessere animale e ri riflesso di salute umana, e non un ricercatore, per cui credo che il mio dovere sia di utilizzare i lavori dei ricercatori di tutto il mondo, però leggendoli attentamente e non solo accettando ciecamente i risultati, e obbiettivamente come già detto di lavori che dimostrino una reale e definitiva correlazione tra hiv e aids a tutt'oggi non ne esistono... e questa e la realtà dei fatti (per non parlare come già detto di altri virus tipo epatite c ecc).
per completezza ti do alcuni riferimenti sicuramente più autorevoli di me.

http://www.virusmyth.net/aids/

http://www.oikos.org/aids/it/interventi.htm

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=73

http://www.duesberg.com/

Di qust'ultimo (Peter Duesberg, microbiologo e infettivologo, primo scopritore dei retrovirus), ti consiglio il libro " aids il virus inventato", pubblicato in Italia alcuni anni fa ma casualmente assai difficile da reperire.
cordiali saluti

massimo raviola 13.10.05 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti; vorrei sapere da MASSIMO RAVIOLA cosa sappia più di me (umilissimo studente di medicina non per questo necessariamente preparato su tutto) a proposito della cause dell'AIDS, che a suo dire non è una sindrome causata dal virus dell'immunodeficienza umana.
Allo stesso modo, anzi soprattutto, vorrei sapere come possano tante altre persone lasciare la propria NON legittima opinione sul fatto che un virus influenzale dei polli sia stato creato apposta, per vendere vaccini.

Crediamo tutti profondamente nel DIRITTO di esprimere la propria libertà di pensiero e di espressione, ma purtroppo molti spesso dimenticano che queste libertà presuppongono un enorme DOVERE morale: quello di impegnarsi a cercare, e scegliere, informazioni (o idee) dai contenuti seri e dalle fonti certe. Altrimenti parliamo a vanvera, il dialogo non è più costruttivo, e invece che andare avanti andiamo tutti indietro.
Lo sviluppo della cosa pubblica ha bisogno sul serio delle nostre idee, ma che siano mature: per questo votare oltre ad essere un diritto è anche un dovere: con questa formula ci si chiede di arrivare "preparati" (come per un'interrogazione) alle urne; non basta disintessarsi dei problemi convincendoci della prima cosa che ci viene in mente; questa, evidentamente, in certi casi è la più stupida. Chi vuole dire la sua malizia, ad esempio, sull'influenza aviaria prima si informi del fatto che le epidemie e le pandemie sono una realtà statistica: ad esempio, ogni 5 anni circa si sviluppa una nuova influenza umana (quelle che prendiamo tutti),e ogni tot decenni si sviluppa una epidemia/pandemia grave. E' la ricombinazione genetica, lo stesso principio che ci ha portato a scendere dall'albero. Niente di male a non saperlo, ma almeno provare a leggere un giornale se si vuole il diritto di esprimere i propri pensieri; altrimenti li ridicolizziamo davanti agli altri.

Andrea Palombi 12.10.05 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto solo ora quanto scritto dalla signora che telefonava per prenotare una visita. Le spiego come funziona. Esiste una legge che limita la durata per le liste d'attesa, in teoria l'obiettivo è cercare di dare la risposta al paziente in un lasso di tempo accettabile. In realtà accade che si fanno le liste d'attesa fino alla scadenza prevista per legge (altrimenti appunto si viola una legge). esempio la lista max per una visita come la sua è di 30 gg. Si prendono gli appuntamenti fino a 30 gg quindi anche se telefona per primo (o si presenta allo sportello per primo) la lista è già piena perchè qualcuno è stato "più veloce". Inoltre c'è un badget di spesa massima previsto dal SSN quindi per esempio può essere che del il tipo di visita da lei richiesto se ne possano fare 360 all'anno = 30 al mese. Quindi o è nei 30 che "arrivano più veloci" degli altri (come?) o ....

luca whisky 12.10.05 14:51| 
 |
Rispondi al commento

amico beppe, scusami se uso questa forma nel scriverti, mi chiamo rossi massimo e vivo a giavera del montello un paese nella provincia di treviso............credo che questa sia la dimostrazione delle grandi multinazionali per esempio b...a...ecc di creare un nuovo tipo di virus che muti in breve tempo e colpisca l'uomo, e quindi trovare un mezzo di trasporto il pollo per esempio al quale tutti daranno la colpa ma dietro il pollo chi ci potrebbe stare?????????? questa e una idea ....grazie per avermi permesso questo spazio e a tutti voi che leggete e fate parte del blog

massimo rossi 12.10.05 00:47| 
 |
Rispondi al commento


www.lifegate.it

da leggere

Influenza aviaria e vaccinazioni: colossale montatura?

fabrizio saiu 11.10.05 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Abito in una piccola città della Toscana dove è la normalità per tante persone avere un piccolo pollaio per consumo privato; perchè con questo gran parlare di pandemia, influenza aviaria non viene diffusa un'informativa che spieghi semplicemente quali sono le accortezze necessarie quando si allevano questi animali, quali sono i sintomi che possono generare sospetto?? Mi pare limitato controllare solo i grandi stabilimenti e non considerare le centinaia di piccoli allevamenti ...
Ciao
Andrea

andrea boschi 11.10.05 12:51| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, penso che questa dellinfluenza aviaria sia la bufala mediatica più grossa dopo quella relativa alle famose "armi di distruzioni di massa" dell'Iraq..... Penso che l'unico motivo sia quello di far vendere più vaccini tradizionali di quanto si sia fatto fino ad oggi.

Marco Rizzo Commentatore in marcia al V2day 11.10.05 08:16| 
 |
Rispondi al commento

Estimado Beppe Grillo
Ha notato che è da un paio d'anni che le pubblicità sui preservativi sono sparite dai canali televisivi come mai....? forse è stato lo zampino ingenuo di qualche cardinale e nessuno ne ha mai parlato. Sapete che facendo sparire il condom forse avremmo la stessa fine del africa!!!!!!!!!!!!!!! fra 25 anni non ci sara nessun affricano vivo tutti morti d'aids per colpa di chi poi.... in cuba mio paese se insegna nelle scuole che dove domina la religione abonda la ingoranza.

Caupolican Sanchez Hernandez 11.10.05 04:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho una bimba di 6 anni che, a causa di sospette macchie sulle manine, deve fare una visita immunologica. Fatta l'impegnativa di prassi, telefonato al preziosissimo numero verde di SANITA' MILANO e trascorso il solito allegro quarto d'ora con il frizzantissimo messaggio registrato, ho scoperto che gli appuntamenti con il servizio sanitario nazionale per il policlinico di Milano non vengono dati pochè "l'agenda è piena". Ho chiesto un appuntamento anche tra un mese, due o tre, ma il cordiale telefonista del call center, da una lontana città del centro italia, mi ha detto che gli appuntamenti non si danno punto e basta: "Richiami più avanti!". C'era un tempo, che incredibilmente rimpiango, in cui venivano presi appuntamenti da un anno all'altro. Ora neppure quelli. Ma vi immaginate in caso di PANDEMIA?

carlotta tessarolo 10.10.05 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Ho una bimba di 6 anni che, a causa di sospette macchie sulle manine, deve fare una visita immunologica. Fatta l'impegnativa di prassi, telefonato al preziosissimo numero verde di SANITA' MILANO e trascorso il solito allegro quarto d'ora con il frizzantissimo messaggio registrato, ho scoperto che gli appuntamenti con il servizio sanitario nazionale per il policlinico di Milano non vengono dati pochè "l'agenda è piena". Ho chiesto un appuntamento anche tra un mese, due o tre, ma il cordiale telefonista del call center, da una lontana città del centro italia, mi ha detto che gli appuntamenti non si danno punto e basta: "Richiami più avanti!". C'era un tempo, che incredibilmente rimpiango, in cui venivano presi appuntamenti da un anno all'altro. Ora neppure quelli. Ma vi immaginate in caso di PANDEMIA?

carlotta tessarolo 10.10.05 17:07| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, per la prima volta dopo averti seguito per anni ti scrivo.
ho visto che già qualcuno ha accennato al problema... AIDS!
Dopo oltre 25 anni e molti più migliardi di €,$,£, ecc, a tutt'oggi ancora non ci sono risposte, non c'è un lavoro scientifico che definisca l'hiv come causa di questa patologia..., oltre a non essirci mai stata la terribile pandemia, allora mi chiedo e ti chiedo, perchè si è deciso che la causa debba essere a tutti i costi un virus???
forse perchè la casta dei virologi è la più potente?

massimo raviola 10.10.05 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Ciao mi chiamo Marco e scrivo da Verona.
Sono un tuo grandissmo fan e ti ammiro molto per la sagacia delle tue osservazioni, che colpiscono nel segno, e per il coraggio che hai a dire come stanno veramente le cose.
In questi giorni si sente parlare molto dell'influenza aviaria ed anche oggi 10/10/2005 sul Corriere della Sera ela Repubblica on line è uscita un articolo un cui si riporta la notizia che sono stati riscontrati alcuni casi di "animali infetti" in Romania ed in Turchia che sono quà dietro l'angolo di casa nostra. Le informazioni che giungono a noi "comuni mortali" sono difformi a vanno dal catastrofismo alla completa non curanza come se non ci fosse alcun problema.

Ti volevo cortesemnte chiedere dove è possibile avere informazioni più sicure e caso mai cosa fare. Lo chiedo a te "che sei un comico" perchè di te ci si può fidare in quanto sei uno di noi e non hai interessi per non dirci veramente come sono le cose.

Scusa se ho sempre usato il "tu", non l'ho fatto per mancarti di rispetto ma semplicemente perchè ti sento come un amico (il fratello maggiore)

Grazie mille

Marco

Marco Bottoni 10.10.05 13:41| 
 |
Rispondi al commento

I mass media nelle ultime settimane hanno più volte dato notizia di fatti di "malasanità". Mai ho sentito dati precisi sugli eventi riportati (gli interventi chirurgici comportano rischi in ogni parte del mondo!!). La medicina non è onnipotente, ed anche quando le procedure siano svolte con il massimo scrupolo non si può evitare ogni evento avverso.
Essendo un medico ospedaliero, gradirei che qualcuno dei giornalisti andasse a verificare in che condizioni operano i medici di pronto soccorso e come siano organizzate per carenza di personale le guardie notturne. Voglio solo segnalare che per circa 3 anni ho lavorato in un ospedale (del nord!) dove di notte c'era un medico per 6 reparti (3 medicine, una gastroenterologia, una pneumologia ed un reparto di malattie infettive) fisicamente collocati in 3 diversi edifici. Perchè nessuno le dà queste informazioni?

Almerico Marruchella 10.10.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento

Una recente pubblicità ci informa che Farmitalia sostiene il 90% della spesa della ricerca medica. Come sono buoni! Peccato che cerchino solo molecole brevettabili. Il che vuol dire che se l'acqua fresca curasse il cancro non lo sapremo mai, visto che nessuno cerca una cura che non fa tornare a casa i soldi spesi in ricerca. Uno dei grandi businness dell'industria farmaceutica, che fattura quasi quanto quella energetica, sono i vaccini. I vaccini non sono un farmaco, che si da agli ammalati per farli guarire, ma una sorta di amuleto che si da ai sani per non ammalarsi. Se uno non si ammala vuol dire che il vaccino funziona, che è un po' come dire che, siccome alle elezioni avevo detto di non votare per me, nessuno mi ha votato quindi ho vinto io. Moltiplicate il prezzo del vaccino per il numero di abitanti del pianeta e per il numero di malattie che la gente non vorrebbe prendersi e avrete un'idea degli interessi che girano. In Italia da alcuni anni, casualmente da quando è stato liberalizzato il prezzo del vaccino, non arriva autunno senza che partano strombazzamenti sulla necessità della vaccinazione di massa antinfluenzale, che di recente perfino l'autorevole "the Lancet" ha riconosciuto che non serve a un cazzo. Secondo altri studi fa addirittura male. Ma a forza di bombardare, molta gente si è convinta del contrario (del resto, lo dice la televisione) e poco ci manca che se ne chieda a gran voce l'obbligatorietà. Questa è l'unica ragione di queste periodiche grida d'allarme, che mai dimenticano citare la famosa influenza spagnola, che ha devastato l'Europa quando l'Europa si era già devastata da sola. Avete notato che le grandi epidemie della storia sono quasi sempre legate alle guerre? Ci sarà una relazione? Mah...

Domenico Coppola 10.10.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Sono un Medico di Medicina Generale, ho visto il suo spettacolo in cui si parla del tumore al pancreas; mi chiedo perchè non parlare anche di quell'altra bufala dell'HIV responsabile dell'AIDS? Non ho mai visto nella mia pratica clinica un'infezione virale che colpisce solamente alcuni individui appartenernti a determinate categorie, non ho mai visto un'infezione virale che colpisce più un sesso che l'altro. Per non parlare di quello che succede in Africa. Distinti saluti

Dr. Mauro Virili 10.10.05 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Non e' che dietro il terrorizzante "arrivo" dell'influenza aviaria si voglia supportare l'acquisto e la vaccinazione di massa contro la BANALE influenza invernale? Chissa' perche' gia' tutte le farmacie distribuiscono il vaccino a un costo superiore a quello vigente in altri paesi europei con la scusa che, in alcuni casi, c'e' ANCHE l'"adiuvante" come se non bastasse il virus stesso (contenuto nel vaccino) a determinare immunita'... chiediamoci sempre "cui prodest"
Luigi Di Caprio Medico della Persona

Luigi Di Caprio 09.10.05 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Non e' che dietro il terrorizzante "arrivo" dell'influenza aviaria si voglia supportare l'acquisto e la vaccinazione di massa contro la BANALE influenza invernale? Chissa' perche' gia' tutte le farmacie distribuiscono il vaccino a un costo superiore a quello vigente in altri paesi europei con la scusa che, in alcuni casi, c'e' ANCHE l'"adiuvante" come se non bastasse il virus stesso (contenuto nel vaccino) a determinare immunita'... SVEGLIATI POPOLO chiediti sempre "cui prodest"
UN MEDICO DELLA PERSONA

Luigi Di Caprio 09.10.05 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Ciao sono Pierluigi da Torino

Ho un padre con un invalidità del 100 % l'anno scorso grazie alla legge 104 ho potuto
usufruire di tre giorni di permesso,( retribuiti e pagati dall'imps) al mese dal mio datore di
lavoro per accompagnare mio padre a fare visite e per le sue innumerevoli necessità giornaliere.
Oggi mi sento dire da un impiegato dell'imps (maleducato e arrogante) che non ho diritto a
questo servizio, e che mi avrebbero fatto ricorso per l'anno scorso e per un recupero spese,
se a mio carico questo non lo so.
Io abito con i miei genitori, mia madre ultra settantenne anche lei invalida al 70% deve accudi
re mio padre, con molte sofferenze, ho altri 4 fratelli che abitano distanti e a turno vengono
ad accudire mio padre, anche loro sono sommersi dai loro numerosi problemi quotidiani e di lavoro
ma non basta, abbiamo bisogno di giorni per stare a casa per nostro padre, abbiamo dato fondo
a giorni di ferie e di permesso retribuiti, i nostri datori di lavoro ci sono venuti umanamente
incontro, ma non lo stato con i suoi pannoloni gratis e qualche esenzione dai tiket sanitari,
Non abbiamo bisogno dell'elemosina, vogliamo la possibiltà di assistere i nostri vecchi,
in un paese dove il governo regala 150 euro per lacquisto del digitale terrestre

Luigi Potenza 09.10.05 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Beppe, è con immenso piacere che faccio il mio esordio sul suo blog.
Desidero manifestare la mia preoccupazione non tanto per il virus della pandemia che incomberebbe su di noi, quanto per la straordinaria somiglianza del nostro ministro Storace con un enorme e spelacchiato "tacchino ucraino" .
A questo punto nascono spontanei numerosi dubbi sulle rassicurazioni elargite dal detto ministro in merito alla possibilità di un contagio,inoltre sorge un unico dubbio: che dette rassicurazioni non siano altro che depistaggi del tacchinistro della salute per favorire una non proprio pacifica invasione di suoi simili nel nostro paese?
Nell'augurare a lei e al suo blog lunga vita (malgrado il virus) mi congedo da lei prima della nostra estinzione parafrasando il titolo di un celebre film con Alberto Sordi: "Pandemia che impressione !"
Cordialmente un suo grande fan, Carlo.

Carlo Sabba 09.10.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

mamma mia che fifetta di morire avete tutti quanti, e' solo la natura che si assesta, morire bisogna tutti comunque, si vede che come razza abbiamo un po' di malefatte da pagare, e adesso il pianeta ci presenta il conto.
troppo tardi per piagnucolare ''uhi, ma come e' salato'', spiacente.
ciau

Thomas Turbato 09.10.05 00:21| 
 |
Rispondi al commento

In nome della tutela della salute pubblica, noto che ci sono due pesi e due misure. Da una parte il codice della strada mi obbliga a guidare con la cintura di sicurezza e ad indossare il casco, pena lo scalare dei punti sulla patente; dall'altra la legge sul fumo che mi permette di fumare, a patto che non dia fastidio a chi mi sta intorno. Ora, non potrebbero lasciarci anche la scelta di indossare o meno la cintura di sicurezza e il casco? Preciso che personalmente sono daccordo per un comportamento più prudente sulla strada tant'è che indossavo la cintura anche quando questa era ancora un hobby. Ma trovo contraddittorio il fatto che un fenomeno ad alto rischio di morte come il fumo sia libero, sempre a patto che arrechi danno agli altri, mentre un fenomeno relativamente meno rischioso come la guida sia invece caratterizzato da una maggiore severità legislativa. O lasciano scegliere anche in materia di codice della strada o inaspriscono maggiormente la legge sul fumo fino a vietarlo del tutto. Delle due, l'una. Peraltro, sui pacchetti di sigarette è scritto a caratteri cubitali che "il fumo provoca più morti degli incidenti stradali". Allora, va bene la severità per la guida pericolosa, per l'eccesso di velocità, perchè in effetti posso arrecare danno agli altri. Ma se non indosso il casco o la cintura di sicurezza, che danno deriverebbe agli altri automobilisti?
Io credo che potrebbero risparmiarcelo lo slogan "In nome della salute pubblica", perchè in effeti ho il dubbio che si tratti soltanto di contenere la spesa sanitaria, nel senso che 8.000 morti e centinaia di migliaia di feriti all'anno sulla strada pesano subito sul bilancio dello stato, mentre centinaia di migliaia di morti per cancro a causa del tabagismo vengono ammortizzati in un più lungo periodo di tempo.

Donato D'Urso 08.10.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei segnalare come un galantuomo vesito di bianco e venuto dal sud america [non ricordo il nome purtroppo] definenosi il "cristo" sia venuto nella mia città, presso il Palalottomatica, ed abbia raggirato migliaia di persone [a suo dire discepoli] chiedendo con offerta libera - non inferiore ad € 50,00 - un piccolo obolo. Nel 2005 accade anche questo! m quello che più mi infastidisce e abusare della "voglia di vivere" di persone che soffrono.

Giovanni Salaris 08.10.05 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Grillo
sono un medico della mutua di 56 anni con un passato a S.Martino, ho sentito la tua intervista oggi pomeriggio a radio montecarlo e mi è venuto in mente di scriverti.
Non servirà a niente, ma se tutti dicessero qualcosa e non solo stupidaggini, forse non sarebbe male.
Negli ospedali accadono parecchie cose non proprio perfette, mi domando,ma non sarà che alla base, cioè lo zoccolo duro della medicina : " i medici di famiglia ", avendo troppi malati ( il numero della maggior parte dei medici della mutua è 1500 pazienti) non riescono a scemare nulla e di conseuenza i pronto soccorso sono presi sempre d'assalto con le conseguenze che un super lavoro dei Pronto soccorso alla fine crea dei pasticci???? so di non aver scoperto l'acqua calda,ma non sarà che la bindi quando diceva che il numero massimo per mutualista avrebbe dovuto essere di 500 pazienti aveva ragione?Se ti capita di caldeggiare questa posizione penso che si potrebbe avere una buona sanità.
Saluti Loconte

P.S. tanto per essere chiaro io non trarrei nessun vantaggio da una simile legge:
primo perchè ho circa 300 pazienti e non ho intenzione di prenderne altri
secondo perchè sono un'onesto che per non pagare mezzo miliardo di tangenti a due funzionari della regione liguria nel 1992 li ho denunciati alla magistratura con il risultato del loro patteggiamento e una silurata contro la mia carriera

Costantino Loconte 07.10.05 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti, lavoro nel settore alimentare e precisamente in un ditta che si occupa di polli. Riguardo all' enorme attenzione che si riserva al possibile pericolo dell' influenza aviaria vorrei fare alcune considerazioni:
- si sta equiparando la situazione sanitaria presente in Cina, Vietnam e negli altri Paesi dove si sono verificati alcuni casi di contagio, circa 100, con quella dei Paesi occidentali, come se anche da noi i polli i maiali e chissà quali altri animali fossero mantenuti nelle stesse condizioni. La sono tenuti in casa a stretto contatto con le persone e senza nessun tipo di controllo. Vi sembra la stessa cosa?

- Alcune aziende farmaceutiche hanno riscontrato di avere venduto troppo pochi vaccini negli ultimi anni, andate a vedere le quotazioni di borsa di questo settore nell' ultimo mese....

- La Lega Anti Vivisezione sta promuovendo una battaglia contro il tipo di allevamento intensivo dei polli, casualmente proprio in questi giorni.

- Dopo circa quattro anni è cessato d' improvviso il pericolo della mucca pazza, col ritorno della bistecca alla fiorentina, contrapponendolo al potenziale pericolo per i polli, sempre casualmente in questi giorni.

Ognuno è libero di trarre le proprie conclusioni

Raffaele Genazzini 07.10.05 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Vi ricordate della SARS? Ricordo perfettamente i toni apocalittici con i quali fu accompagnata la campagna di "informazione" su questa "infezione gravissima" e ricordo anche che qualcuno sostenne che i virus latori della suddetta infezione potevano replicarsi anche sul materiale inerte per cui era profondamente sconsigliato acquistare manufatti e/o altro provenienti da quei paesi nei quali si era diffusa l'epidemia (guarda caso... la Cina !!!)
Ma chiunque abbia studiato un pò di biologia si rende perfettamente conto della "castroneria" sostenuta. La SARS è sempre esistita e la febbre aviaria di questi giorni non è una novità... c'è da sempre... e da sempre fa centinaia di vittime nel mondo alla stregua dell'influenza. Il problema è che ci sono multinazionali farmaceutiche produttrici di vaccini che spingono all'esasperazione tali notizie in modo da condizionare pesantemente l'opinione pubblica, allarmarla e magari spingerla ad acquistare il "miracoloso" vaccino che "miracolosamente" il ministero della salute ha messo "miracolosamente" a disposizione.
E' la solita storia...

Christian Luongo 07.10.05 18:25| 
 |
Rispondi al commento

"Un tempo vi era l'uso di pagare il medico per ogni giorno di salute e di sospendere il pagamento in caso di malattia"

tratto da "Il medico di se stesso"
N.Muramoto

Uno spunto di riflessione che ci permette di comprendere come nella medicina tradizionale occidentale non si punti alla conservazione del salute ma alla guarigione (non sempre ben riuscita) del malessere.

valentina minerba 07.10.05 17:21| 
 |
Rispondi al commento

SIETE MAI STATI IN AUSTRIA?
PAESE INPECCABILE SOTTO IL PROFILO AMBIENTALE, EPPURE UN ALTRA LEGGE VERGOGNA POTREBBE CONTAMINARE CON OGM ANCHE QUELLA VERDE TERRA...

Da notiziario Lifegate:
http://www.lifegate.it/portale/news.php?id_news=1762


"OGM, vietato vietarli

L'Alta Austria non può bandire gli Ogm dall'intera regione.

Il tribunale di primo grado dell'Unione Europea ha confermato ieri il precedente verdetto della Commissione Ue.

L'Alta Austria aveva chiesto all'UE di poter vietare gli Ogm su tutto il suo territorio in base all'articolo 95 del Trattato Ue, che consente agli stati membri - sotto stringenti condizioni - di derogare dalle misure comunitarie. Al no della Commissione, l'Alta Austria si era rivolta alla Corte di Giustizia Europea.

Ricordiamo che Alta Austria e Toscana sono capofila tra le regioni che hanno deciso di preservare il territorio dalla contaminazione genetica dichiarandosi 'Ogm free'. "


VERGOGNAAA!

Valerio Colombo 07.10.05 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve Beppe, io vorrei solo sapere cosa ne pensi della categoria degli infermieri. Persone che affrontano quuesto lavoro con una laurea in mano e che spesso sono considerati dei pulisci sederi. Vorrei tanto che non si parlasse degli infermieri come una categoria di privilegiati ma di persone che affrontano LA VITA QUOTIDIANA A CONTATTO CON LA SOFFERENZA E IL DOLORE. Vorrei che la sanità non fosse medicocentrica ma che mettesse al centro la persona sofferente..Vorrei che non si parlasse mai di malasanità perchè mi fa male sentirne parlare anche nella piccola realtà in cui lavoro..Vorrei..ma forse sono solo un sognatore....viva gli infermieri che affrontano ogni giorno mettendo al centro la persona malata!!!

Fabio Beghin 07.10.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

VOLETE SAPERE QUALCOSA IN PIU' SU TUTTE LE VICENDE che vengono attuate dal modo della sanità di oggi sulle PATOLOGIE TUMORALI ed altro e di tutte le MERDATE che ci raccontano?

Visitate il sito: http://www.aerrepici.org/

Ci trovate un bellissimo libro a distribuzione gratuita chiamato KANKROPOLI-LA MAFIA DEL CANCRO.

P.S LEGGETELO! Il libro è in formato PDF fruibile con ADOBE READER gratuito. O in HTML tutti e due zippati.

Buona lettura e un saluto a tutti

Diego Marmeggi 07.10.05 01:42| 
 |
Rispondi al commento

PERICOLO!!Gli USA, prima economia mondiale, sono gravati da un debito preoccupante (sia pubblico che privato). Il Governo americano non ha esitato a ricorrere allo strumento della guerra (Afghanistan/Iraq e' solo l'ultima nella storia di questo Paese) per uscire da una situazione difficile (bolla speculativa internet, mercati finanziari instabili e sull'orlo del collasso nel 2000/2001). La storia e' fatta di guerre, carestie, epidemie. Il mondo deve fronteggiare una crescita demografica delicata soprattutto in
rapporto alla disponibilita' di risorse naturali. La societa' USA, e occidentali in generale, devono fronteggiare il problema di una popolazione che invecchia (e che costa). Bene, penso che ci sia un grosso rischio che nei prossimi anni si sviluppi (piu' o meno casualmente, credo abbiate capito) una epidemia disastrosa che decimara' le fasce di popolazione piu' deboli e che "pesano" di piu' sui bilanci pubblici. (SARS, virus polli, presunto sabotaggio degli argini Mississipi saranno state mica delle prove generali??). Raffaele Mascetra

raffaele mascetra 06.10.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma lo sapete che in Iraq dopo la "bonifica di pace" americana, i contadini per seminare i campi DEVONO COMPRARE I PRODOTTI OGM CHE GLI DA' AZIENDE COME LA MONSANTO? Non possono più seminare semi messi da parte coi loro raccolti, come è sempre esistito nella storia umana dall'avvento dell'agricoltura!!!!!!!!!!!!
DOBBIAMO FARE QUALCOSA IL MONDO VA VERSO LA CATASTROFE!!!!!!!!!!

VOI COSA NE PENSATE? GRILLO COSA NE PENSI?

Guardate l'articolo sul sito originale all'indirizzo: http://disinformazione.it/iraqmonsanto.htm

Diego Marmeggi 06.10.05 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
in questi ultimi tempi mi sto informando sui prodotti agroalimentari OGM, ma non se ne sa abbastanza per capire quali reali effetti potranno avere sulla salute. Comunque, le materie prime vengono già impiegate per prodotti di conservazione che mangiamo ogni giorno.
Sarebbe giusto che ogni prodotto che acquistiamo contenesse TUTTI i dettagli di produzione affinché ognuno di noi potesse scegliere. Non credi? Grazie molte.
Hai tutto il nostro appoggio!

Maria Paola D'Alessandro 06.10.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

MITICI , GRANDI DANESI

Danimarca paga sesso per disabili
E' polemica su un piano del governo

Il governo danese è nella bufera per un programma che finanzia rapporti sessuali con prostitute a cittadini disabili. La campagna ufficiale "sesso, irrispettoso della disabilità" paga le lavoratrici del sesso per fornire le proprie prestazioni una volta al mese a persone disabili. Ma l'opposizione è insorta.

Nelle linee-guida del documento ufficiale si legge che "potrebbe essere di grande importanza che il medico o la persona curante parlasse con la prostituta assieme al proprio paziente per aiutarlo ad esprimere i propri desideri".

Ma i partiti di opposizione sono scesi in campo contro questa norma, che hanno definito un modo immorale di spendere il denaro ricavato dalle tasse dei cittadini. Il portavoce social-democratico Kristen Brosboel ha dichiarato: "Spendiamo una grossa percentuale delle nostre tasse per salvare le donne dalla prostituzione. Ma, contemporaneamente incoraggiamo ufficialmente i medici ad agevolare i contatti con le prostitute".

Tuttavia, Stig Langvad, dell'Associazione nazionale dei disabili, ha affermato che i politici che criticano il piano mostrano un "doppio standard". "I disabili devono avere le stesse possibilità delle altre persone. I politici possono dibattere se la prostituzione debba essere concessa in generale invece di vietarla solo ai disabili" ha concluso.

nico bini 06.10.05 09:05| 
 |
Rispondi al commento

Se soffriremo per il virus dei polli...vedremo.
Oggi soffriamo e ci ammaliamo già tanto per problemi di cui si parla poco. Un esempio ?
Il Mobbing !!! Se il Sig. Grillo affronterà il tema mi offro (gratis !!) per una consulenza che se non fosse drammaticamente seria sarebbe comica! In cinque minuti avrebbe spunto per tre ore di spettacolo...di successo!
Complimenti per tutto il sito che ho reentemente scoperto. A disposizione.
Saluti

Antonio Taccola 06.10.05 08:44| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno, mi chiamo fabio Immorlano ti scrivo da rieti, una piccola cittadina situata esattamente al centro d'Italia. da un pò di tempo è stato organizzato un picchetto per impediere la costruzione di un antanna-ripetitore che dovrebbe essere installata in mezzo ai palazzi di un quartiere di 8000 famiglie. e quando dico in mezzo intendo dire che me la trovo a non più di 50 metri in linea d'aria.
nonostante l'accampamento che dura ormai da mesi siamo venuti a conoscenza, in via del tutto confidenziale, che lunedì prossimo 10 ottobre 2005 cominceranno i lavori per l'installazione di un antenna alta 28 metri con un basamento di circa 60 metri quadrati. dalle informazioni che siamo riusciti ad ottenere dovrebbe essere un ricevitore e trasmettitore per videochiamate.
il nostro ultimo tentativo, quello di scrivere al tuo blog per chiederti se c'è qualcosa che si può fare per impedire che questo avvenga.
in attesa di una tua risposta ti mando i miei saluti con profonda ammirazione.

fabio immorlano 06.10.05 08:36| 
 |
Rispondi al commento

Su Economy allegato al settimanale Panorama del 2 settembre 2005 c'è un articolo a dir poco scandaloso:"L'influenza dei polli sul listino" nel quale si allarma la gente dicendo:"Sedici milioni di possibili contagiati, soltanto in Italia..." E poi si danno consigli per gli investimenti in borsa sulle società farmaceutiche che stanno cercando il vaccino;Sanofi-Aventis, Crucell, Roche con queste parole:"La lotta alla nuova influenza rappresenta un ottimo potenziale di crescita giro per il giro di affari di queste società..." Questo, secondo me si chiama sciacallaggio

Adriana Di Franco 05.10.05 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Dopo tutte le bugie dette sull’AIDS e sull’HIV, dopo tutte le bugie dette sui nuovi Virus, sulla SARS, ora ecco le bugie sul Virus dell’ influenza e dei polli e su pandemie imminenti. Il tutto per terrorizzare, manipolare e guadagnare miliardi di dollari. Da parte di chi? Da parte delle maggiori case farmaceutiche del mondo produttrici di vaccini il tutto avvallato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Per schiarirvi le idee sui Virus, sui postulati di Koch che definiscono un Virus (non più insegnati nelle Università Americane) e sulle speculazioni mediche e farmaceutiche alle quali siamo soggetti sulle basi di falsità mediche assunte a verità vi invito a leggere il libro “ AIDS. Il Virus inventato” di Peter H. Duesberg edito da Baldini e Castoldi Editori e a visitare il sito di Peter H. Duesberg www.duesberg.com .Potete visitare anche i seguenti siti: www.ilvirusinventato.it www.virusmyth.net www.aliveandwell.org (sito di sieropositivi che mai hanno fatto uso di droghe o di terapie antiretrovirali) www.theothersideofaids.com (sito inerente ad un documentario indipendente sull’AIDS e l’HIV). Se qualcuno volesse contattarmi per il documentario o per info sarò ben lieto di rispondervi.

Grazie.

nicola.capiluppi@gmail.com

Nicola Capiluppi 05.10.05 21:39| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti.. volevo dire qualcosa riguardo alla pillola yasmin.Io l'ho dovuta sospendere obbligatoriamente, mi si addormentavano completamente gli arti, senza parlare poi dei dolori al petto. sono andata a chiedere spiegazioni al farmacista, il quale mi ha detto che non è vero che è la più leggera,e che cè ne sono meno recenti più leggere di questa. è stata una manovra pubblicitaria quella attuata sulla yasmin. oltrettutto, prchè fidarsi dei medici? gli esperti dei medicinali sono i farmacisti, i medici dovrebbero limitarsi a diagnosticare malattie, se no i farmacisti per cosa ci sono?? per fare i commessi? se avete dubbi andate dal vostro farmacista a chiedere spiegazioni... i medici danno un solo esame in farmacologia..e secondo voi possono saperne tantissimo sugli effetti dei farmaci?????

manuela chessa 05.10.05 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei solo mettere in risalto che in questo periodo sono in programma decine di manifestazioni ornitologiche. Alcune internazionali. In particolare una a Reggio Emilia nella seconda metà di novembre, dove ogni anno arrivano "allevatori" e commercianti da tutta Europa. Credo che sia potenzialmente un veicolo di propagazione dell'influenza, non so se dal Ministero della Salute abbiano preso in considerazione la cosa, e da qui voglio lanciare il sasso. spero di "beccare" quello giusto!

Marco Congiu 05.10.05 21:12| 
 |
Rispondi al commento

NON HO MOLTO TEMPO PURTROPPO..
Propongo una riflessione.. Mai sentito parlare del dottor Hamer????????????
Beh vi faccio una domanda...
E se le malattie fossero una risposta sensata del nostro organismo e della nostra mente ad un conflitto interiore "choc"?
Dare un giudizio affrettato è troppo facile.. vi inviterei ad informarvi...! a presto Gianluca

Gianluca Conte 05.10.05 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,mi chiamo Elisa.
Negli ultimi cinque anni sono stata informata della difficile situazione in cui versa la resistenza al progetto TAV (treno alta velocità)nella Val di Susa,sopra Torino.Il progetto punterebbe all'apertura di nuovi tunnel ferroviari che consentano un maggior flusso tra noi e la Francia e alla trasformazione delle attuali reti ferroviarie in altre,idonee all'utilizzo dei treni ad alta velocità.Quello che non è andato giù agli abitanti della Valle non è solo che non ricaverebbero altro che danno da tutto ciò,ma anche il fatto che la notizia della loro resistenza,nonostante manifestazioni pubbliche e resistenza tramite presidi,è stata regolarmente,e da molti anni,ignorata da giornali e tv, se non per qualche sporadico accenno.
Quello che preoccupa queste persone è :
1)La ferrovia passerà nel centro di questi paesi, dove porterà un notevole incremento dell'inquinamento acustico. Forse potrebbe essere risolto con l'acquisto,da parte dello Stato,delle case soggette al problema;ma questo vorrebbe dire comprare l'intero paese, perchè è nato lungo la ferrovia.Allora si risolve comprando solo i primi 30 metri circa.E quelli delle case accanto?Dovranno vendere la casa per due lire o diventare sordi.
2)Il tunnel passa nelle montagne,dove è ACCERTATA la presenza di AMIANTO e URANIO,il primo responsabile di fibrosi pleurica e CANCRO AL POLMONE. CHI VUOLE LAVORARCI?CHI VUOLE L'ACQUA CONTAMINATA? DOVE LI METTIAMO AL SICURO?COME LI TRASPORTIAMO SENZA DIFFONDERE LE FIBRE DELL' AMIANTO?CHI VORRA' PIU' ABITARE NELLA VALLE?ma soprattutto E' COSI' NECESSARIO E NON SOSTITUIBILE O PORTA SOLO I FINANZIAMENTI EUROPEI NELLE TASCHE GIUSTE?Alle prime quattro domande è stato risposto che "affronteremo i problemi quando si presenteranno",alle altre due ce lo possiamo immaginare. La resistenza dei cittadini e dei sindaci UNITI ha pototo solo posticipare i lavori.Da adesso verrà considerato un problema di ordine pubblico.I lavori riinizieranno a giorni,informatevi.

Elisa Bellini 05.10.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,mi chiamo Elisa.
Negli ultimi cinque anni sono stata informata della difficile situazione in cui versa la resistenza al progetto TAV (treno alta velocità)nella Val di Susa,sopra Torino.Il progetto punterebbe all'apertura di nuovi tunnel ferroviari che consentano un maggior flusso tra noi e la Francia e alla trasformazione delle attuali reti ferroviarie in altre,idonee all'utilizzo dei treni ad alta velocità.Quello che non è andato giù agli abitanti della Valle non è solo che non ricaverebbero altro che danno da tutto ciò,ma anche il fatto che la notizia della loro resistenza,nonostante manifestazioni pubbliche e resistenza tramite presidi,è stata regolarmente,e da molti anni,ignorata da giornali e tv, se non per qualche sporadico accenno.
Quello che preoccupa queste persone è :
1)La ferrovia passerà nel centro di questi paesi, dove porterà un notevole incremento dell'inquinamento acustico. Forse potrebbe essere risolto con l'acquisto,da parte dello Stato,delle case soggette al problema;ma questo vorrebbe dire comprare l'intero paese, perchè è nato lungo la ferrovia.Allora si risolve comprando solo i primi 30 metri circa.E quelli delle case accanto?Dovranno vendere la casa per due lire o diventare sordi.
2)Il tunnel passa nelle montagne,dove è ACCERTATA la presenza di AMIANTO e URANIO,il primo responsabile di fibrosi pleurica e CANCRO AL POLMONE. CHI VUOLE LAVORARCI?CHI VUOLE L'ACQUA CONTAMINATA? DOVE LI METTIAMO AL SICURO?COME LI TRASPORTIAMO SENZA DIFFONDERE LE FIBRE DELL' AMIANTO?CHI VORRA' PIU' ABITARE NELLA VALLE?ma soprattutto E' COSI' NECESSARIO E NON SOSTITUIBILE O PORTA SOLO I FINANZIAMENTI EUROPEI NELLE TASCHE GIUSTE?Alle prime quattro domande è stato risposto che "affronteremo i problemi quando si presenteranno",alle altre due ce lo possiamo immaginare. La resistenza dei cittadini e dei sindaci UNITI ha pototo solo posticipare i lavori.Da adesso verrà considerato un problema di ordine pubblico.I lavori riinizieranno a giorni,informatevi.

Elisa Bellini 05.10.05 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,mi chiamo Elisa.
Negli ultimi cinque anni sono stata informata della difficile situazione in cui versa la resistenza al progetto TAV (treno alta velocità)nella Val di Susa,sopra Torino.Il progetto punterebbe all'apertura di nuovi tunnel ferroviari che consentano un maggior flusso tra noi e la Francia e alla trasformazione delle attuali reti ferroviarie in altre,idonee all'utilizzo dei treni ad alta velocità.Quello che non è andato giù agli abitanti della Valle non è solo che non ricaverebbero altro che danno da tutto ciò,ma anche il fatto che la notizia della loro resistenza,nonostante manifestazioni pubbliche e resistenza tramite presidi,è stata regolarmente,e da molti anni,ignorata da giornali e tv, se non per qualche sporadico accenno.
Quello che preoccupa queste persone è :
1)La ferrovia passerà nel centro di questi paesi, dove porterà un notevole incremento dell'inquinamento acustico. Forse potrebbe essere risolto con l'acquisto,da parte dello Stato,delle case soggette al problema;ma questo vorrebbe dire comprare l'intero paese, perchè è nato lungo la ferrovia.Allora si risolve comprando solo i primi 30 metri circa.E quelli delle case accanto?Dovranno vendere la casa per due lire o diventare sordi.
2)Il tunnel passa nelle montagne,dove è ACCERTATA la presenza di AMIANTO e URANIO,il primo responsabile di fibrosi pleurica e CANCRO AL POLMONE. CHI VUOLE LAVORARCI?CHI VUOLE L'ACQUA CONTAMINATA? DOVE LI METTIAMO AL SICURO?COME LI TRASPORTIAMO SENZA DIFFONDERE LE FIBRE DELL' AMIANTO?CHI VORRA' PIU' ABITARE NELLA VALLE?ma soprattutto E' COSI' NECESSARIO E NON SOSTITUIBILE O PORTA SOLO I FINANZIAMENTI EUROPEI NELLE TASCHE GIUSTE?Alle prime quattro domande è stato risposto che "affronteremo i problemi quando si presenteranno",alle altre due ce lo possiamo immaginare. La resistenza dei cittadini e dei sindaci UNITI ha pototo solo posticipare i lavori.Da adesso verrà considerato un problema di ordine pubblico.I lavori riinizieranno a giorni,informatevi.

Elisa Bellini 05.10.05 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,mi chiamo Elisa.
Negli ultimi cinque anni sono stata informata della difficile situazione in cui versa la resistenza al progetto TAV (treno alta velocità)nella Val di Susa,sopra Torino.Il progetto punterebbe all'apertura di nuovi tunnel ferroviari che consentano un maggior flusso tra noi e la Francia e alla trasformazione delle attuali reti ferroviarie in altre,idonee all'utilizzo dei treni ad alta velocità.Quello che non è andato giù agli abitanti della Valle non è solo che non ricaverebbero altro che danno da tutto ciò,ma anche il fatto che la notizia della loro resistenza,nonostante manifestazioni pubbliche e resistenza tramite presidi,è stata regolarmente,e da molti anni,ignorata da giornali e tv, se non per qualche sporadico accenno.
Quello che preoccupa queste persone è :
1)La ferrovia passerà nel centro di questi paesi, dove porterà un notevole incremento dell'inquinamento acustico. Forse potrebbe essere risolto con l'acquisto,da parte dello Stato,delle case soggette al problema;ma questo vorrebbe dire comprare l'intero paese, perchè è nato lungo la ferrovia.Allora si risolve comprando solo i primi 30 metri circa.E quelli delle case accanto?Dovranno vendere la casa per due lire o diventare sordi.
2)Il tunnel passa nelle montagne,dove è ACCERTATA la presenza di AMIANTO e URANIO,il primo responsabile di fibrosi pleurica e CANCRO AL POLMONE. CHI VUOLE LAVORARCI?CHI VUOLE L'ACQUA CONTAMINATA? DOVE LI METTIAMO AL SICURO?COME LI TRASPORTIAMO SENZA DIFFONDERE LE FIBRE DELL' AMIANTO?CHI VORRA' PIU' ABITARE NELLA VALLE?ma soprattutto E' COSI' NECESSARIO E NON SOSTITUIBILE O PORTA SOLO I FINANZIAMENTI EUROPEI NELLE TASCHE GIUSTE?Alle prime quattro domande è stato risposto che "affronteremo i problemi quando si presenteranno",alle altre due ce lo possiamo immaginare. La resistenza dei cittadini e dei sindaci UNITI ha pototo solo posticipare i lavori.Da adesso verrà considerato un problema di ordine pubblico.I lavori riinizieranno a giorni,informatevi.

Elisa Bellini 05.10.05 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono già parecchie vittime dell' influenza aviaria in Italia. Tutti i lavoratori del settore avicolo che sono stati lasciati a casa per via del crollo delle vendite. Ma mucca pazza non doveva ucciderci tutti lentamente? Vietarono addirittura la fiorentina. Adesso nessuno ne parla più. C'è stato qualche morto e fine della fiera. Molti macellai però sono falliti.... io sono uno di quelli. Un giorno potrebbe capitare a voi... MEDITATE GENTE MEDITATE. E' insopportabile finire in rovina per un nulla presentato dai giornalisti come una catastrofe. Per vendere qualche copia in più. Ma io sono convinto che tutto ciò che nella vita dai ti verrà un giorno restituito raddoppiato... nel bene e nel male.... AMICI giornalisti

Vittorio Loiacono 05.10.05 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Le notizie più allarmanti sull'influenza aviaria sono emerse dal Congresso Medico Internazionale sull'Influenza tenutosi a Malta lo scorso settembre. Guarda caso il Congresso era finanziato da alcune grosse case farmaceutiche, produttrici del vaccino-antinfluenzale. Guarda caso... PS: ma quando scopriranno un vaccino contro il paraculismo?

Giuseppe Mauro 05.10.05 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo nel lontano 1989 che a lezione all’Università si parlava di virologia e delle terribili pandemie che un virus influenzale di tipo H5N1 avrebbe potuto provocare. Da allora sono passati diversi anni ed il virus dell’influenza è mutato molte volte. Sì sa che i virus influenzali mutano il genoma con una rapidità del tutto paragonabile a quella con cui i politici mutano di bandiera. Ma i virus sono molto meno prevedibili, anzi non lo sono affatto.
Ho l’impressione che la strategia della paura stia diffondendo più rapidamente del virus dell’influenza aviaria.

Enzo Spisni 05.10.05 15:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...Tema...pillola del giorno dopo!!!

Possibile che a Roma ,in Italia, nel 2005 se una ha la sfiga di non guardare la televisione..e rischiare di avere un figlio non si possa fare niente la sera stessa???
Be, Ho assistito personalmente a scene assurde accompagnando una mia amica sere fa...abbiamo girato ben tre dico tre ospedali (san Camillo, san Eugenio e san Giovanni!) e nessuno le ha prescritto questa benedetta pillola!!!Erano obiettori di coscienza....Ma possibile che non sappiano che la pillola del giorno dopo, non è una pillola abortiva??Possibile che non sappiano che piu passano le ore e più non è efficace?Ora dico non è il caso di rileggere la 194!
Inoltre trovo veramente sgradevoli i commenti a dir poco medievali che ho sentito da alcune infermiere...del tipo..."Ma guarda questa."Ci vogliono togliere anche questa libertà??

giorgia bono 05.10.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Ad oggi non sembra che il virus sia passato da uomo a uomo.
Dove ci sono molti animali infetti e stato verificato qualche caso di passaggio da animale a uomo.
Forso mi manca qualche informazione, ma non riesco a capire come all'iprovviso debba scoppiare questa epidemia con passaggio da uomo a uomo in Europa ed in Italia.
La dove il virus è gia presente da molto non è ancora successo, perchè deve succedere proprio qua?

Mario Pastori 05.10.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

SABATO 15 OTTOBRE ORE 18 A TARQUINIA MANIFESTAZIONE CONTRO LA RICONVERSIONE A CARBONE DELLE CENTRALI DI CIVITAVECCHIA E MONTALTO DI CASTRO. LE DUE CENTRALI COSì VICINE RAPPRESENTANO UNO DEI POLI ENERGETICI PIù GRANDI DI EUROPA E CON LA POSSIBILE RICONVERSIONE DI A CARBONE SI CELEBREREBBE IL FUNERALE DI UN TERRIOTORIO MASSACRATO PER 30 ANNI. A NULLA SONO VALSI GLI APPELLI DI TUTTI GLI ESPONENTI DELLA COMUNITA' SCIENTIFICA. ULTIMO DI DATA I DUBBI DEL PREMIO NOBEL PER LA CHIMICA E TRAI MASSIMI ESPERTI DI CHIMICA DELL'ATMOSFERA PAUL CRUTZEN.
AIUTO!!!!

fabiom mariani 05.10.05 10:28| 
 |
Rispondi al commento

a me mi sa che è già arrivata: in ambulatorio tanta gente con gli stessi sintomi... tosse, malessere, tosse, febbricola, tosse, male ai muscoli, tosse. a voi cosa risulta? come state? e i vostri amici e colleghi?

jacopo cepparo 04.10.05 23:20| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, grazie per quello che fai. Sei la nostra voce!

Claudio Espò 04.10.05 22:46| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei aggiungere ancora una cosa! Sospetto che un "vaccino" contro L'AVIARIA sia pressochè inutile,(come del resto la gran parte dei VACCINI),mentre risulta pressochè indispensabile e di primaria importanza non far abbassare le difese immunitarie dell'organismo, in modo che il corpo abbia da solo l'opportunità di difendersi.
E' ormai noto ma non "Famoso" che L'ASCORBATO DI POTASSIO(ed anche L'ALOE),possieda tale VIRTU'(e non solo questa)...Perchè non ci organizziamo in questo senso!!!!Perchè vogliono una popolazione MALATA e non SANA...conviene assai di più!!!!
La prevenzione VERA sarebbe un danno incalcolabile per la Sanità!!!!
Una popolazione di gente che non si ammala? una vera utopia? Chi vorrebbe mai una cosa simile?
NOI...NOI...NOI che ancora crediamo nell'uomo!
L'ASCORBATO DI POTASSIO è per l'uomo e la sua sopravvivenza; ma perchè è così difficile da capire!!!!!! MA!!!!!!!!!!!

irene patti 29.09.05 08:33| 
 |
Rispondi al commento

Ricevo molte richieste di informazioni sull'ASCORBATO DI POTASSIO e ne sono lieta.
Continuo a dare la mia disponibilità a chiunque volesse aprire gli occhi sull'universo "cura e prevenzione con L'ascorbato".Quanto tempo ancora pensano di poterci occultare la verità!!!!
Vi invito anche a cercare su internet STEVIA, vi si aprirà un'altro universo sconosciuto.
irene.patti@iol.it
Grazie per la vostra attenzione.

irene patti 29.09.05 08:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe grazie per dei piccoli-grandi consigli che ci dai..
Volevo soltanto dirti che dopo aver visto il tuo dvd, ho gettato nella pattumiera 2 confezioni di capsule "celebrex" che avevamo in casa.
Queste infatti son state prescritte a mia madre circa 4 mesi fa per un problema di artrite al ginocchio e durante la loro assunzione le hanno causato non pochi scompensi a livello intestinale. Lei stessa si accorse delle controindicazioni che le provocarono e interruppe l' utilizzo. e ora grazie a te che hai segnalato il sito dei "farmaci peggiori" ho avuto la conferma che la causa delle sofferenze di mia madre nel periodo di terapia era da attribuire a quel farmaco, comunque indicato da un famoso specialista della zona.
Lancio un messaggio ai tuoi visitatori :Aprite gli occhi quando vi trovate tra le mani un farmaco...qualunque esso sia e indipendentemente dalla fiducia che si possa attribuire a colui che lo prescrive.

silvia mocci 28.09.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo
Come vedi dal mio indirizzo e-mail lavoro per una grande azienda che si occupa da decenni di tutto cio' che riguarda l'allevamento avicunicolo e non solo..Fatta questa premesso tengo a precisare che il rischio dell'influenza c'è ed è reale ma posso garantire che le norme igieniche prese dalle aziende del settore, (sono uno che ci lavora dentro...) sono ai massimi livelli.
Premetto che non voglio fare di questo mio messaggio un fine pubblictario (siamo l'unica e la prima azienda nazionale AiA gruppo Veronesi) che in questi giorni non è andata a prezzolare i vari TG nazionali cuocendo polli e non facendo vedere nei propri stabilimenti neanche un controllo veterinario...Da noi ogni giorno dall'uovo al pulcino fino al pollo, tacchino, Vitello, Maiale (Vitello o maiale perchè sono del gruppo anche la Montorsi salumi e la Negroni ndr) vengono effettuati da parte dei veterinari dell'Ussl locale (Verona) più di 2000 controlli sia sul vivo che sul macellato fresco o precotto.
Con ciò voglio dire di tenere si alto il livello di rischio ma anche di non fare del Terrorismo Giornalistico che ha per il solo fine quello di riempire spazi vuoti dei TG..Nessuno sà che di virus in italia di peste aviaria ci sono sin dal 1998 ma non è mai morto nessuno...anche perchè grazie a Dio non mangiamo e dormiamo con i polli..

Grazie per lo spazio concesso

Massimo Langella 27.09.05 21:45| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio per Giacomo Uremovic:

Mi farebbe molto piacere mettermi in contatto con te per approfondire le tematiche sulla virologia e l'immunologia. Se leggi il messaggio scrivimi alla mia email
nicola.capiluppi@gmail.com

Nicola

Nicola Capiluppi 27.09.05 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Mi risulta che, NEL MONDO, a causa dell'influenza aviaria ci siano stati 100 decessi.
NELLA SOLA ITALIA, OGNI ANNO a causa dell'inquinamento atmosferico muoiono 12.000 persone, 1500 nelle grandi città.

La UE ha avviato una procedura d'infrazione contro l'Italia per l'inquinamento lombardo, in particolare per quanto riguarda Milano.
Il nostro Sindaco Albertini, grazie anche all'appoggio del Presidente Formigoni, per meglio tutelare la salute dei suoi concittadini ha pensato bene di mettere in cantiere Maxi complessi di uffici (Repubblica-Garibaldi, ex Fiera), parcheggi a rotazione (Navigli, Sant' Ambrogio e in tantissime altre parti della città), ha inoltre concesso agevolazioni ai locali notturni, così che
possiamo essere "gasati" anche la notte, visto che , in 9 anni di mandato, non ha incrementato il trasporto pubblico eco compatibile.
Ha inoltre previsto il taglio di molti alberi, che stranamente, dove devono essere effettuati i suddetti lavori, sono soggetti a moria.

Invece di occuparsi dei polli fuori casa, (applicando anche per loro una guerra preventiva),il Ministro Storace non potrebbe preoccuparsi di non far passare per polli i cittadini Milanesi e intervenire prima che, per tutelare gli interessi di alcune categorie di privati (costruttori edili e locali notturni), il sindaco non causi altri decessi certi?
Vigilate, ragazzi, vigilate.

Non è dei polli e di non passare per polli che dobbiamo preoccuparci! Soprattutto a Milano.

Enrica Noseda 27.09.05 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Volevo congratularmi con nicola.capiluppi@gmail.com per il commento inerente le attività del prof. duesberg ed aggiungere come le istituzioni statunitensi e dell' OMS siano ancor'oggi piene zeppe di virologi persistentemente alla ricerca di nuovi virus, il più potenti possibile.Questi "illustri" dottori annasparono per quasi quindici anni(se non ricordo male) quando, scoperti virus e poi vaccino della poliomelite, si ritrovarono con una potentissima macchina gia rodata e fior fior di quattrini dei contribuenti(soprattutto negli USA) pronti per essere investiti nelle loro ricerche(non solo pubbliche) ma senza un autodromo su cui correre...
trovarono il loro nuovo demone da sconfiggere nell' HIV, associandolo all'AIDS, e da allora sanno benissimo che per ottetnere fondi illimitati, anche senza risultati(circa 50 miliardi di $ in 20 anni senza cavare un ragno dal buco...), devono infondere il terrore nella popolazione senza dare l'idea di essere troppo impotenti difronte alla nuova epidemia. Il governo, oltre a gongolarsi per la paura scatenata tra la gente(si veda gore vidal p.es.), fa pure bella figura nel consegnare nelle mani dei paladini della salute continui finanziamenti su consiglio dei NIH(capeggiati sempre dai virologi):un bel circolo vizioso.c'è chi cerca ancora il virus tumorale:studio chimica farmaceutica(5 anno)e farò la tesi in immunologiae questi elementi li vedo tutti i giorni...

giacomo uremovic 27.09.05 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Parliamo di tante cose, peccato che siano cose di cui ci dobbiamo lamentare ! Vorrei che qlc mi spiegasse perchè, se una banca mi ha erogato un mutuo (ma quanta fatica....), dove io non faccio nessuna operazione tranne fare avere loro i soldi ogni mese alla scadenza, mi fanno pagare quasi 10 euro per le spese di gestione ??? e non c'è modo di diminuirle... allora, vogliamo parlare anche di loro ???

Roberta Locatelli 27.09.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Dopo tutte le bugie dette sull’AIDS e sull’HIV, dopo tutte le bugie dette sui nuovi Virus, sulla SARS, ora ecco le bugie sul Virus dell’ influenza e dei polli e su pandemie imminenti. Il tutto per terrorizzare, manipolare e guadagnare miliardi di dollari. Da parte di chi? Da parte delle maggiori case farmaceutiche del mondo produttrici di vaccini il tutto avvallato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Per schiarirvi le idee sui Virus, sui postulati di Koch che definiscono un Virus (non più insegnati nelle Università Americane) e sulle speculazioni mediche e farmaceutiche alle quali siamo soggetti sulle basi di falsità mediche assunte a verità vi invito a leggere il libro “ AIDS. Il Virus inventato” di Peter H. Duesberg edito da Baldini e Castoldi Editori e a visitare il sito di Peter H. Duesberg www.duesberg.com .Potete visitare anche i seguenti siti: www.ilvirusinventato.it www.virusmyth.net www.aliveandwell.org (sito di sieropositivi che mai hanno fatto uso di droghe o di terapie antiretrovirali) www.theothersideofaids.com (sito inerente ad un documentario indipendente sull’AIDS e l’HIV). Se qualcuno volesse contattarmi per il documentario o per info sarò ben lieto di rispondervi.

Grazie.

nicola.capiluppi@gmail.com

Nicola Capiluppi 27.09.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Il diffuso allarmismo riguardo ad una eventuale pandemia di influenza aviaria? Sospetto. I pressanti inviti alla vaccinazione antinfluenzale da parte delle autorità politiche e sanitarie come profilassi dell’influenza aviaria? Ingiustificati. I mass-media italiani? Inattendibili. I vaccini antinfluenzali in commercio? Poco efficaci. Sono le opinioni controcorrente di Tom Jefferson del Cochrane Vaccines Field, esperto di vaccini, che ha appena pubblicato uno studio sulla prestigiosa rivista Lancet che dimostra la modesta efficacia dei vaccini antinfluenzali negli anziani.
“Ci sono già state epidemie di influenza aviaria in passato”, spiega Jefferson, “e sono state contenute dai veterinari. Questo gran baccano mi lascia molto perplesso, e puzza di montatura”. Jefferson ha appena scoperto, analizzando e confrontando i dati di 64 studi comparativi, che i vaccini contro l’influenza sono efficaci solo in misura modesta negli anziani ospiti di strutture di lungodegenza (23 per cento contro le patologie simil-influenzali, 46 per cento contro la polmonite, inefficacia vicina allo 0 contro l’influenza), e tra quelli ospitati in comunità l’efficacia è anche minore, non significativa per nessuna delle patologie analizzate. La notizia ha ovvie implicazioni preoccupanti, perché la vaccinazione di massa degli anziani è una delle strategie profilattiche più diffuse al mondo.
Ma questi dati assumono un’importanza ancora più dirompente se li si sovrappone ai continui appelli di questi giorni da parte delle massime autorità sanitarie italiane, che esortano la popolazione a vaccinarsi sostenendo che il vaccino in commercio avrebbe un effetto protettivo contro una eventuale pandemia di influenza aviaria. Considerato il clima di allarme creato dai mass-media sull’argomento, è prevedibile una corsa alla vaccinazione. Una vaccinazione che non sarebbe efficace come si immagina, secondo lo studio del Lancet.

Fonte: http://www.sivemp.it/pagine/rassegna/rassegna.htm#3

Fabrizio Dedola 27.09.05 10:42| 
 |
Rispondi al commento

a proposito di aids!
partiamo da un punto inconfutabile e cioe che il virus dell'aids non e mai stato isolato e nessuno potra mai obiettare! quindi non si capisce come mai si debba dimostrare che il virus non esiste quando la medicina ufficiale non a mai portato prove della sua esistenza,(mistero)
il dogma della virologia e' che tutti gli acidi nucleci di un virus debbano essere uguali, e dato che che quella specie di retrovirus, dico retrovirus perche' questi signori non hanno trovato un virus ma un retrovirus,cosa mooolto diversa ma vi spieghero' in un'altro momento...quindi dicevo questo retrovirus consisteva di una misura troppo diversa tra loro non rientrava in questo dogma.
dovevano quindi crearlo in laboratorio,per renderlo simile tentarono di clonare parti del fantomatico virus sperando di ottenere mediante separazione le sue proteine e i suoi acidi nucleci simili,ma questo tentativo non riusci ottennero solo un mistura di pezzi di dna differenti che se virali dovevano essere identici,allora questi mascalzoni cosa fecere in modo del tutto arbitrario,estrarrono con una sonda genica (oddio ci siete ancora?) costruita su misura dei segmenti che potessero avere la stessa misura di dna del loro fantomatico virus,perche' appunto come detto in precedenza il dogma e' che tutti gli acidi nucleci devono essere uguali e cosi lo costruirono su misura in laboratorio dato che nella realta non potevano trovarlo.
ma questa procedura del tutto truffaldina non poteva di certo passare innosservata a quei ricercatori attenti che ne contestarono subito la procedura e quindi l'esistenza perche' se il virus esisteva davvero bisognava isolarlo e mostrarne una foto fatta con un microscopio elettronico, cosa che nel 2005 non e' ancora avvenuta!!! nonostate i miliardi buttati o meglio dire incassati da certi loschi individui non riusciranno mai a dimostrare in modo inconfutabile che il virus dell'aids esiste davvero.
il blog di inteligent

gisberto colombo 26.09.05 22:21| 
 |
Rispondi al commento

nicola.capiluppi@gmail.com

Nicola Capiluppi 26.09.05 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Dopo tutte le bugie dette sull’AIDS e sull’HIV, dopo tutte le bugie dette sui nuovi Virus, sulla SARS, ora ecco le bugie sul Virus dell’ influenza e dei polli e su pandemie imminenti. Il tutto per terrorizzare, manipolare e guadagnare miliardi di dollari. Da parte di chi? Da parte delle maggiori case farmaceutiche del mondo produttrici di vaccini il tutto avvallato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Per schiarirvi le idee sui Virus, sui postulati di Koch che definiscono un Virus (non più insegnati nelle Università Americane) e sulle speculazioni mediche e farmaceutiche alle quali siamo soggetti sulle basi di falsità mediche assunte a verità vi invito a leggere il libro “ AIDS. Il Virus inventato” di Peter H. Duesberg edito da Baldini e Castoldi Editori e a visitare il sito di Peter H. Duesberg www.duesberg.com .Potete visitare anche i seguenti siti: www.ilvirusinventato.it www.virusmyth.net www.aliveandwell.org (sito di sieropositivi che mai hanno fatto uso di droghe o di terapie antiretrovirali) www.theothersideofaids.com (sito inerente ad un documentario indipendente sull’AIDS e l’HIV). Se qualcuno volesse contattarmi per il documentario o per info sarò ben lieto di rispondervi.

Grazie.

Nicola

Nicola Capiluppi 26.09.05 20:41| 
 |
Rispondi al commento

Dopo tutte le bugie dette sull’AIDS e sull’HIV, dopo tutte le bugie dette sui nuovi Virus, sulla SARS, ora ecco le bugie sul Virus dell’ influenza e dei polli e su pandemie imminenti. Il tutto per terrorizzare, manipolare e guadagnare miliardi di dollari. Da parte di chi? Da parte delle maggiori case farmaceutiche del mondo produttrici di vaccini il tutto avvallato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Per schiarirvi le idee sui Virus, sui postulati di Koch che definiscono (no più insegnati nelle Università Americane) e sulle speculazioni mediche e farmaceutiche alle quali siamo soggetti sulle basi di falsità mediche assunte a verità vi invito a leggere il libro “ AIDS. Il Virus inventato” di Peter H. Duesberg edito da Baldini e Castoldi Editori e a visitare il sito di Peter H. Duesberg www.duesberg.com .Potete visitare anche i seguenti siti: www.ilvirusinventato.it www.virusmyth.net www.aliveandwell.org (sito di sieropositivi che mai hanno fatto uso di droghe o di terapie antiretrovirali) www.theothersideofaids.com (sito inerente ad un documentario indipendente sull’AIDS e l’HIV). Se qualcuno volesse contattarmi per il documentario o per info sarò ben lieto di rispondervi.

Grazie.

Nicola

Nicola Capiluppi 26.09.05 20:36| 
 |
Rispondi al commento

io piuttosto che scrivere un commento sarei più felice di ricevere qualche delucidazione.Mi piacerebbe davvero tanto sapere qualche cosa in più oltre alle poco credibili parole che si leggono sui giornali; aspetto con ansia qualche informazione!!! la preoccupazione c'e!!!

Filippo Apollinari 26.09.05 17:48| 
 |
Rispondi al commento

E SE FOSSERO POLLI-TERRORISTI? POLLI-KAMIKAZE? POTREMMO INFILTRARNE QUALCUNO AD ARCORE...

GIGI GINO 26.09.05 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono un giovane medico e lo dico non per avvalorare quel che dico, ma per avvalorare che quel che dico è di parte, è un punto di vista di un medico di medicina per la gente,anti-sistema, anti-case farmaceutiche.

Posso dirti che buona parte dei medici non specialisti in igiene e sanità pubblica o malattie infettive non sa quasi nulla dell'influenza aviaria. Non si può credere ai giornali, nè al ministero che è emanazione del governo. I medici aspettano evidenze e queste ancora non ci sono.

IL TIMORE.
Temo solo una cosa, che quel che viene detto in TV sia quasi solo pubblicità.
Esempi:
1- ATTENZIONE, rischiamo di morire tutti...ma arrivo io Ministero della Salute e vi salvo tutti.
(ricavando gloria dallo sventare un rischio inesistente)
2-Correte a vaccinarvi tutti!(creare confusione e distorsione della realtà con ritorni economici per i produttori di vaccini)

Spero sia così,perchè se la trasmissione animale-uomo e uomo-uomo è dimostrata, se la malattia si espande da noi, se la mortalità è elevata.....sarebbero guai.

Bisogna studiare...di cose serie ne vedo poche in giro.
Ciao!

Giuseppe Mittiga 26.09.05 17:20| 
 |
Rispondi al commento

GENTE I VACCINI NON SONO TUTTO "ORO COLATO"! I VACCINI DOVREBBERO ESSERE SOLO FACOLTATIVI!
AVETE MAI SENTITO PARLARE DEI DANNI DEL MERCURIO DEI VACCINI? OCCHIO, INFORMATEVI...
BEPPE UNA TUA OPINIONE IN MERITO?

Valerio Colombo 25.09.05 22:35| 
 |
Rispondi al commento

"Giornalisti porci !
E io lo riscrivo…
senza offesa ai maiali che sono migliori di loro! ) corrotti , al servizio delle lobby farmaceutiche, totalmente privi di capacita critica , totalmente servi del loro egoismo misero di vendere le loro sporche notizie ! solo per qualche copia in più del loro schifosissimo giornale.
Sarebbero disposti a prostituirsi come la migliore delle puttane pur di qualche soldo in più!"

BRAVO GISBERTO! QUESTA' E' UNA SPORCA SOCIETA' DI VENDUTI E CORROTTI... SONO PAROLE DURE,MA E' LA VERITA'...O ALMENO QUALCUNO RIESCE A DIMOSTRARMI IL CONTRARIO?... NON VOGLIO FARE DI TUTT'UN ERBA UN FASCIO,CI SONO I GIORNALISTI DIVERSI,QUELLI CHE NON SI VENDONO..MA COSTORO VENGONO ALLONTANATI PERCHE' NON VOGLIONO "CALARSI LE BRAGHE"
A VOI CHE SIETE STATE ALLONTANATI IO DO IL MIO MASSIMO RISPETTO! MEGLIO UNA VITA DI STENTI CHE UNA VITA DI "PROSTITUZIONE" ...
E COMUNQUE SE OGGI LA STAMPA VA IN UNA CERTA DIREZIONE E PERCHE' QUESTA TENDENZA A "PROSTITUIRSI" E' VERAMENTE SPICCATA!

Valerio Colombo 25.09.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

complimenti colombo valerio sono le stesse cose che ripeto io nel mio blog fino allo sfinimento.
questo e' proprio il virus dei polli... mi spiace che beppe grillo si sia fatto ingannare da questa bufala!
blob di inteligent

gisberto colombo 25.09.05 19:12| 
 |
Rispondi al commento

MIE CARI POLLASTRI BUON GIORNO!!

VI RICORDATE LA SARS? LA MUCCA PAZZA? CHE NE E' STATO DI LORO? CERTO CHE PER DEI POLLASTRI PARLARE DI INFLUENZA DEI POLLI DA LA CERTEZZA VI UNA SICURA MANIPOLAZIONE! AHAHAHAAHAHAHA
BEPPE MI MERAVIGLIO DI TE! ANCHE TU SEI STATO IPNOTIZZATO! :) SIAMO PROPRIO MESSI MALE ALLORA
NON E' CHE E' TUTTA UNA MONTATURA PER VENDERE I VACCINI? EH? SI AVVICINA L'INVERNO LA PROPAGANDA DEI VACCINI INFLUENZALI HA INIZIO!

AH,VI ANNUNCIO IN ANTICIPO CHE L'ANNO PROSSIMO ARRIVERA' L'INFLUENZA DEI CONIGLI! SE VOLETE POTETE GIA' PRENOTARE IL VACCINO! AHAHAHAHAHAH

POLLASTRIIIIIII SVEGLIA!

Valerio Colombo 25.09.05 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Da una settimana o forse più dal governo, dall'ISS e dalle aziende farmaceutiche veniamo invitati a vaccinarci, in massa, contro l'influenza "umana", facendo credere che ci possa mettere al riparo dall'influenza aviaria... chi ci guadagna? Il vaccino costa 10-15 euro, forse quest'anno costerà il 25% in meno, ma se è veramente precauzionale per evitare una pandemia perchè non fornire gratuitamente il vaccino a tutta la popolazione...

Enrico BENZONI 25.09.05 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Giornalisti porci !
E io lo riscrivo…
senza offesa ai maiali che sono migliori di loro! ) corrotti , al servizio delle lobby farmaceutiche, totalmente privi di capacita critica , totalmente servi del loro egoismo misero di vendere le loro sporche notizie ! solo per qualche copia in più del loro schifosissimo giornale.
Sarebbero disposti a prostituirsi come la migliore delle puttane pur di qualche soldo in più!
Come cavolo si può sparare titolo cosi terroristici di milioni di morti e allarmare la popolazione con notizie infondate e prive di ogni credibilità scientifica.
Brutti porci ! ( sempre senza offesa ! ) Prostitute dei potenti, lacche dei politici, quando in Asia nell’epicentro del presunto virus dal 1997 ci sono stati 113 persone infette e “solo” 63 morti in 8 anni ! e voi sparate notizie terroristiche di 16 milioni di contagiati e di 150 000 di morti in Italia?
Forse perché sono pronti gia 6 milioni di vaccini ?

Ogni mese ci rifilano un virus nuovo come per la sars un virus bufala che si sta ormai sgonfiando in un paese vasto come l’Asia sono stati riscontrati un centinaio di decessi di cui il 50% senza che fosse infettato dal coronavirus ! E siamo qui a parlare di epidemie … non fatemi ridere!
Adesso per un po’ di tempo dovremo assorbirci questi mascalzoni che ci parlano del virus dei polli (polli come noi che crediamo a questa non epidemia)
Basta ! Con questi ricercatori corrotti !

gisberto 25.09.05 01:23| 
 |
Rispondi al commento

non ci posso credere il blob di beppe grillo a censurato un mio commento

gisberto colombo 25.09.05 01:02| 
 |
Rispondi al commento

scusate perche' avete censurato il mio commento?
dal titolo il virus dei polli?

gisberto colombo 25.09.05 00:53| 
 |
Rispondi al commento

per GIUSY MASALA. Ciao sono Debora rispondo al tuo appello riguardo alla pillola Yasmin, il tutto è iniziato dopo aver visto il dvd di Beppe Grillo (fantastico) dove lui citava il sito www.WORSTPILLS.ORG dove puoi trovare la famigerata lista dei farmaci distribuiti sul nostro mercato (e non solo) che sono DANNOSI per la nostra salute perchè composti da un elevata percentuale di DROGA. Quindi a quel punto incuriosita da questa notizia sono andata a vedere quali farmaci erano citati in questo elenco ed ecco spuntare in fondo alla lista il "nostro" Yasmin avendo io degli effetti collaterali da mesi ho approfondito la cosa e cliccando sul YASMIN è risultato che negli altri paesi è vietato perchè contiene un alta percentuale di droga con conseguenti effetti collaterali (provoca il cancro, cicli non regolari ecc. ecc.) comunque io sto aspettando la visita con rispettiva spiegazione da parte del mio ginecologo che mi ha prescritto questa pillola ma dovrò attendere fino al 3 ottobre. Se vuoi saperne di più prova e controllare il sito sopra citato. ciao e auguri

debora 25.09.05 00:32| 
 |
Rispondi al commento

per GIUSY MASALA. Ciao sono Debora rispondo al tuo appello riguardo alla pillola Yasmin, il tutto è iniziato dopo aver visto il dvd di Beppe Grillo (fantastico) dove lui citava il sito www.WORSTPILLS.ORG dove puoi trovare la famigerata lista dei farmaci distribuiti sul nostro mercato (e non solo) che sono DANNOSI per la nostra salute perchè composti da un elevata percentuale di DROGA. Quindi a quel punto incuriosita da questa notizia sono andata a vedere quali farmaci erano citati in questo elenco ed ecco spuntare in fondo alla lista il "nostro" Yasmin avendo io degli effetti collaterali da mesi ho approfondito la cosa e cliccando sul YASMIN è risultato che negli altri paesi è vietato perchè contiene un alta percentuale di droga con conseguenti effetti collaterali (provoca il cancro, cicli non regolari ecc. ecc.) comunque io sto aspettando la visita con rispettiva spiegazione da parte del mio ginecologo che mi ha prescritto questa pillola ma dovrò attendere fino al 3 ottobre. Se vuoi saperne di più prova e controllare il sito sopra citato. ciao e auguri

debora belliero 25.09.05 00:26| 
 |
Rispondi al commento

MI SPIEGATE COME SI Fà A COMMERCILIZZARE UN VACCINO CONTRO UNA MALATTIA COME LA "SARS" QUANDO NON SI è ANCORA STUDIATO IL VIRUS STESSO????

casaro giordano 24.09.05 23:02| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei capire qualcosa in più. siamo passati attraverso la sars e altre malattie incurabili con circa 200 morti su quasi 6 miliardi di persone! Perdonate la provocazione ma vorrei capirne di più. Caro Grillo non pensi che come per la sars anche l'influenza aviaria sia solo un modo di far vendere vaccini e antibiotici alle varie industrie farmaceutiche? Assistiamo ogni 2 anni all'avvento di tremende malattie contagiose e incurabili che si rivelano di fatto delle manne per i conti delle case farmaceutiche. Insomma non vi pare che la sars e l'influenza aviaria siano statisticamente inesistenti visto che hanno causato circa 200/300 morti? Come mai Grillo, non è una provocazione, crede che l'influenza aviaria sia così pericolosa? Vorrei sapere qualcosa di più. Cordiali saluti Michele.

michele pierri 24.09.05 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Per ENRICO PEZZILE.La lista dei farmaci "killer" la trovi sul sito WWW.WORSTPILLS.ORG.
Grazie a debora.cristinatiddia@tiscali.it

Cristina Tiddia 24.09.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Si parla sempre di ospedali che non funzionano, medici che non curano i malati è che nella sanità non va bene niente. Sicuramente è vero. Io invece, vorrei segnalare un caso diverso. Mio padre, ricoverato nel reparto di Chirurgia Toracica in un ospedale in Provincia di Foggia, è stato curato benissimo. Il primario, medici e infermieri sono stati tutti molto attenti alla sua salute,disponibili a tutte le ore. Mio padre non era raccomandato,come si può pensare. queste cure sono riservato a tutti i pazienti di quel reparto. Forse ci vorrebbe più amore verso i malati ma sopratutto verso il mestiere che hanno scelto, come in questo caso

rosa marchi 24.09.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

./. segue virus dei polli
Sarebbe molto lungimirante concentrare ogni sforzo, anche economico, sotto la direzione e il coordinamento dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità, a cui sarebbe molto facile far affluire il denaro dagli Stati nazionali, essendo essa organismo dell’Onu, e la raccolta di fondi potrebbe essere imponente ed all’altezza di fronteggiare il problema), per prevenire la diffusione della influenza aviaria distruggendo tutti gli allevamenti nei paesi più a rischio (Cina Thailandia, Vietnam, Indonesia ecc) e nello stesso tempo preparando sul posto organizzazioni di emergenza, attrezzate ad isolare e porre in quarantena i soggetti colpiti.
Dovendo scegliere come usare il denaro, io sceglierei senza dubbio questa strategia e aggredirei il problema senza aspettare che il virus ci raggiunga a domicilio. Sono in buona compagnia, visto che un tale Tom Jefferson, medico della RAF inglese dice: “l’unica strategia è in qualche modo di tipo militare: rinforzare al massimo l’intelligence della malattia e della logistica in Asia. Appena si individuano i primi casi l’area viene chiusa con strumenti quali la quarantena, e bisogna far arrivare in tempo reali gli antivirali, le mascherine, i guanti e tutti gli altri strumenti per stroncare il virus sul nascere. Il resto è marketing dell’industria.”
La scelta è tra la prevenzione massiccia, rapida, efficace, dove investire ogni risorsa, o puntare su un vaccino che arriverà troppo tardi e su farmaci di dubbia efficacia, diventando responsabili di milioni di morti, soprattutto nei paesi poveri.
La scelta è grave, è tutta in mano alla politica ed alle industrie farmaceutiche, cerchiamo di diffondere la richiesta di puntare sulla prevenzione, visto che purtroppo vi sono nel mondo delle forze ciniche e senza scrupoli capaci di trasformare in “businnes” le tragedie umane.
Paolo De Gregorio

paolo de gregorio 23.09.05 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Paolo De Gregorio 22 settembre 2005
Virus dei polli
Anche in questo caso, parlando della temuta pandemia di aviaria, la nostra vita e quella di milioni di persone dipende da scelte politiche e quelle decisive che si stanno prendendo non mi convincono per niente
Il nostro ministro della Sanità, Storace, ci dice che batteremo il virus e ha prenotato 36 milioni di dosi di vaccino e 3 milioni di cicli dell’antivirale della “Roche”, Tamiflu. Non ci dice, con la stessa sicurezza, che difficilmente il vaccino potrà essere consegnato in quel numero di dosi dalle ditte che lo producono, che il tempo di consegna sarà almeno dopo sei mesi dall’inizio dell’epidemia, e che i farmaci antivirali non hanno sicura efficacia.
Come sempre, dalla politica viene fuori un ottimismo di facciata, la scelta farmaceutica è quella favorevole alle multinazionali, e niente di cui abbiamo veramente bisogno, come popolazione di tutto il pianeta, per cercare di prevenire questa sciagura viene messo in atto. Perché è evidente che, se questa infezione si diffonderà, essa colpirà soprattutto la gente malnutrita, i bambini, gli anziani, e la sua estensione e rapidità non consentirà di intervenire con aiuti. In Occidente il numero limitato di vaccini creerà odiose discriminazioni e comunque si arriverà sempre tardi rispetto alla velocità di una “pandemia”.
Sarebbe molto lungimirante concentrare ogni sforzo, anche economico, sotto la direzione e il coordinamento dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità, a cui sarebbe molto facile far affluire il denaro dagli Stati nazionali, essendo essa organismo dell’Onu, e la raccolta di fondi potrebbe essere imponente ed all’altezza di fronteggiare il problema), per prevenire la diffusione della influenza aviaria distruggendo tutti gli allevamenti nei paesi più a rischio (Cina Thailandia, Vietnam, Indonesia ecc) e nello stesso tempo preparando sul posto organizzazioni di emergenza, attrezzate ad isolare e

paolo de gregorio 23.09.05 21:13| 
 |
Rispondi al commento

Anche io la penso come alcuni dei precedenti 'commentatori'.
Si sta montando un caso Aviaria: il motivo forse è lo smerciamento di medicinali, forse altro, magari solo la gestione di una buona notizia.
Di fatto se in Taiwan, Cina (o dove si è saputo) sono morte 122 persone, con quella densità di popolazione, quell' igiene e stile di vita e non ultima la malnutrizione, non penso che sia proprio il caso di prendere così seriamente la cosa. Per dirla più chiaramente, io che vivo in campagna mi preoccupo, ma solo relativamente, se a Milano ci sono stati in un anno 120 morti in più per cancro ai polmoni..
Lasciamo il vaccino agli anziani.
Saluti/e a tutti.

Fabio Briziarelli

Fabio Briziarelli 23.09.05 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Il perdente ex presidente regionale ministro del Santità invece di mandare ispezioni a Torino per lusingare e tranquillizzare clero ed elettori della destra cattolica sull'uso - che tutti ci auguriamo rispettoso della salute e della libertà della donna - della pillola abortiva, non potrebbe ribaltare le coordinate del viaggio ed andare o mandare in sicilia, guarda caso regione amica, una verifica di quello che succede e magari al riutorno fermarsi a Vibo Valentia e vedere anche lì cosa stà succedendo??
Forse la Sanità del ministro non è buona.

pier angelo bonazzoli 23.09.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, non riesco a trovare la lista dei farmaci che uccidono....potete magari scriverla qui o in una parte del sito grazie mille
enrico

enrico pezzile 23.09.05 11:15| 
 |
Rispondi al commento

ciao, sono giusy e vorrei sapere cosa sta succedendo riguardo a yasmin dal momento che io la uso, ma non ho capito bene .... potete aiutarmi?

giusi masala 23.09.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Non posso credere che Beppe abbia abboccato all'amo. Questa del virus dei polli è l'ennesima maxi-bufala di Big Pahrma per vendere fumo. Un vaccino che viene già prodotto, venduto, pagato da noi contribuenti per una pandemia che non ci sarà mai.

Ci hanno venduto un vaccino contro il virus che provocherebbe il contagio uomo-uomo, virus che ad oggi ancora non esiste.

E' una truffa pura e semplice.

Il contagio animale-uomo causerà solo casi tra alcuni degli addetti ai lavori.

Alessandro Casero 23.09.05 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Influenza aviaria, i polli siamo noi. Nascosta finora la notizia del contagio umano in Italia. Sette allevatori colpiti da un sottotipo del temibile virus in Lombardia e Veneto.

Letta su www.vincenzobrancatisano.it

Ignazo Ruscetti 22.09.05 23:21| 
 |
Rispondi al commento

NO AL BUSINESS DEI VACCINI!
NON FACCIAMO LE CAVIE....

Valerio Colombo 22.09.05 14:19| 
 |
Rispondi al commento

da Indymedia sulla(pompata)influenza dei polli:

"Se davvero ci sarà una pandemia, non cadrà dal cielo, anche perché i polli non volano. La fila per acquistare il futuro vaccino contro l'influenza è già lunga, e Big Pharma si frega le mani per le un inaspettato rilancio. Perché nessuno dice che il vero allarme è il brevetto?"

NON FACCIAMOCI FREGARE DALLA FAME DI DENARO DI QUESTA SPORCA SOCIETA', NON MI FARO MAI VACCINARE

ANCHE PERCHE' CI SONO BEN ALTRE MALATTIE PIU' SERIE E DIFFUSE DI QUELLE DEI POLLI...
NON FACCIAMOCI FREGARE!

E' veramente una sporca società...


Valerio Colombo 22.09.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Il mio commento riguarda un fatto non banale che Beppe ha sottolineato nello spettacolo di milano del 20 settembre 2005. Tra le prime cause di morte nel mondo occidentale ci sono malattie come l'infarto - il diabete - il cancro, tutte hanno in comune il fatto che sono frutto dell'iper-alimentazione e dalla scarsa attività fisica svolta da ognuno di noi.

Ecco la mia proposta: Visto che grazie al cielo esiste ancora uno straccio di sanità pubblica nel nostro paese e che conseguentemente i costi di così tanti malati cronici ricade su noi stessi, si potrebbe fare in modo di dare degli sgravi fiscali a tutte quelle persone che frequentano regolarmente una palestra o effettuano uno sport.

Ciò si tradurrebbe in un risparmio enorme per tutti a parte le case farmaceutiche.

Ormai quasi 1 bambino su 2 in Italia è obeso, grazie alla Play Station, alla Tv e al disinteresse dei genitori per le abitudini alimentari dei propri figli.


Vincenzo Gulisano 22.09.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Ho dimenticato nella lista inglese ci sono anche i militari, non tutti chiaramente ma i capi e un numero sufficente di soldati per garantire la sicurezza del paese, tutto il resto ovvero nulla o giu' di li' e' per i cittadini.

Roberto D'angelo 22.09.05 02:48| 
 |
Rispondi al commento

Non voglio fare l'allarmista, ma ho letto che nel caso dovesse realmente diffondersi in forma pandemica il visrus H5N1, non ci sarebbero vaccini per tutti, ma solo per una piccola minoranza, e in Inghilterra hanno gia' emanato delle direttive, una lista nella quale appaiono tutte le categorie privilegiate, in queste compaiono ovviamente per primi politici e reali, scienziati e giornalisti. La giustificazione e' nel caso divesse trasformarsi in una reale epidemia con milioni di morti queste persone sono necessarie affinche' il paese piossa andare a vanti o ricominciare... qui' da noi?

Mi chiedo se hanno gia' delle liste oppure chi di dovere gia ha delle belle scorte di vaccino per se + parenti amici e amici degli amici e raccomandati vari all'italiana insomma :/

Certo che quando succedono queste cose ti rendo conto di quanto tu normale cittadino poco conti nei grandi piani delle cose, staremo a vedere..

Roberto D'angelo 22.09.05 02:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, oggi guardando il telegiornale sono rimasta molto male nel sapere che la sperimentazione della pillola abortiva è stata sospesa. Ho saputo giusto sabato scorso, ascoltando una conferenza tenuta da uno dei creatori di arcoiris (una televisione via web, priva di censura e pubblicità)che in Francia questa pillola è in vigore dall'88. Credo che non sia facile per una donna scegliere di abortire, io personalmente non credo che lo farei mai, ma non per questo mi sento di giudicare le donne che scelgono di farlo e se è possibile evitare loro il trauma di un intervento è giusto che la sperimentazione continui.Sono rimasta molto delusa anche dai risultati del referendum sulla procreazione assistita e l'utilizzo delle cellule staminali embrionali, perchè credo sia giusto fare il possibile per guarire patologie che affliggono tante persone attraverso embrioni che resterebbero ,altrimenti, inutilizzati. Non credo che questo sia contro natura ma credo che tutti dobbiamo sfruttare al meglio le risorse a nostra disposizione (come l'intelligenza dei nostri ricercatori che ormai sono costretti a lavorare all'estero)per migliorare la qualità della vita. Votare per questo non significava per me non accettare la nascita di bambini con gravi handicap o voler creare una razza perfetta, mio fratello è autistico e io lo amo moltissimo, ma significava dare un'opportunità a chi può essere guarito, a chi non può avere figli.
Non serve a niente il buonismo, l'ipocrisia delle parole...la vita reale è diversa, ci sono donne che non se la sentono di portare avanti una gravidanza e ci sono coppie che ora sono costrette ad andare all'estero per riuscire ad avere un bambino, ci sono famiglie che sono costrette a fare esaminare più volte il figlio ad una commissione (perchè non si sa mai che il ragazzo non imbrogli e non sia veramente handicappato...) e ci sono patologie, più di mille pare,che possono essere curate con la cellule staminali embrionali.
Grazie
Gaia

gaia sanesi 21.09.05 23:34| 
 |
Rispondi al commento

Quello sulla "malattia dei polli" è, secondo me, puro terrorismo psicologico perpetrato dal governo italiano con l'aiuto di giornalisti conniventi.
Bell'italia!!!

luca cappelo 21.09.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

sara meglio morire da piccoli con i peli del culo a batuffoli, che morire da grandi soldati con i peli del culo bruciati...!!!!

Dino Soli 21.09.05 18:36| 
 |
Rispondi al commento

sono in confusione, mio nipote ( 19 anni)ha la leucemia mieloide acuta. Che cosa se non le innumerevoli trasfusioni, la chemioterapia e la speranza può dargli qualche speranza? help

loredana burasca 21.09.05 17:47| 
 |
Rispondi al commento

giornale radio delle 8.00 di questa mattina:
"indonesia in piena epidemia di influenza aviaria: l'ex ministro Sirchia dice: bisogna fare il normale vaccino antinfluenzale"
Ma ci prendono per scemi ???? e da chi sono pagati ???

matteo zordan 21.09.05 17:17| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ieri sera ho visto con passione il tuo spettacolo...sei bravissimo riesci a far ridere facendo riflettere su temi importantissimi.Ti scrivo perchè da mesi ho un pensiere; mi domandavo se si potrebbe destinare Lotto per mille della dichiarazione delle tasse per finanziare la ricerca in Italia che, come sappiamo tutti è un settore in crisi, non per mancanza di persone, ce ne sono fin troppe e tutte super preparate, ma per la mancanza di fondi. Ti chiedo se hai la possibilità e se questa questione è di tuo interesse se potresti fare qualcosa visto che io non ho il tempo, il lavoro e lo studio me lo portano via tutto, e le conoscenze per intraprendere questa battaglia.Aspettando una tua risposta, ti faccio ancora i complimenti e in bocca a lupo per il tuo lavoro, e le tue cause;tanti saluti da paolo...un tuo quasi nuovo, ma non per questo meno convinto fan.....

paolo vicario 21.09.05 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Ecco come vengono attuate le politiche per demonizzare il non OGM
INDUSTRIA ALIMENTARE: “L’OGM-FREE” ECONOMICAMENTE SEMPRE MENO SOSTENIBILE
Londra, 21 settembre 2005 – Mantenere politiche commerciali improntate sul “non-gm” o sull’ “Ogm-free” potrebbe rivelarsi insostenibile per l’industria mangimistica e alimentare già entro i prossimi 3 anni. Questo è quanto afferma un gruppo di economisti anglo-tedesco (1) nello studio “The Global GM Market: Implications for the European Food Chain. An analysis of labelling requirements, market dynamics and cost implications”. Dopo la decisione del governo brasiliano di autorizzare la coltivazione di soia geneticamente modificata per il raccolto 2004-2005, la disponibilità di soia non-gm proveniente dal Brasile – il principale fornitore dell’Ue – per esempio, subirà una forte riduzione nei prossimi dodici mesi. In termini di prezzo gli studiosi stimano che la soia non-gm e derivati potranno arrivare a costare fino al 25% in più della soia geneticamente modificata.
Per i produttori di carne, latte e latticini una differenza così marcata nel prezzo di un ingrediente base per l’alimentazione animale come la soia potrebbe rivelarsi insostenibile nel breve periodo. Nel corso dei prossimi 3 anni il prezzo degli alimenti zootecnici, stimano Brookes, Craddock e Kniel, aumenterà del 6%-10% con una conseguente perdita di redditività variabile tra il 9% il 29%.
Per i produttori di oli per uso alimentare e margarina la scelta di non utilizzare organismi geneticamente modificati ha comportato una spesa superiore pari al 16% per l’approvvigionamento delle materie prime, e questa tendenza, dichiarano gli autori, continuerà anche nei prossimi 3 anni.
I tre economisti ritengono che costi addizionali di questa entità, oggi prevalentemente assorbiti dalla catena di fornitura, e le molte problematiche legate alla fattibilità di una politica commerciale non-gm possano in futuro convincere molti operatori a “ripensare” le loro strategie non-ogm

Emanuele Biondi 21.09.05 13:17| 
 |
Rispondi al commento

Stamani, mentre aspettavo il notiziario su Rai Tre di Rai news 24, ho sentito una giornalista, Emanuela Falcetti, che dava la notizia che il vaccino esavalente è stato ritirato perché pare ci fosse qualche problema in merito a quello per l'epatite B. Quale sia il problema né se ci sia pericolo per la salute di chi si è sottoposto a questo vaccino non è dato di sapere.
La cosa che mi rattrista e mi preoccupa è che a queste notizie non si dà assolutamente nessun rilievo e devo rendere merito a giornalisti che sanno fare il proprio mestiere come la Falcetti che, al contrario, svolge un vero servizio pubblico, quello che dovremmo pretendere dalla TV di Stato visto che paghiamo un canone apposta.

Doriana Cotza 21.09.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto delle notizie sull'influenza aviaria di cui molto si discute oggi e devo dire che non capisco più se è tutto vero o no! Allora spiego l amia perplessità:se in Asia ,un paese con 3.750.000.000 tremiliardiesettecentomilioni di abitanti sono state contagiate 63 sessantatre persone dal 2002,come può essere possibile una PANDEMIA ,come la chiamano le industrie farmaceutiche!!??in europa contando che l'europa ha 700.990.000 settecentomilioninovecentonovantamila abitanti cioè,tremiliardi di persone in meno?Me lo può spiegare qualcuno?

alberto michielon 21.09.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

http://www.masternewmedia.org/it/documentari/case_farmaceutiche/la_guerra_contro_le_medicine_alternative_20050921.htm

Nicola Barozzi 21.09.05 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Il mondo è un bel posto e vale la pena lottare per esso!

Adriano Taravella 21.09.05 04:40| 
 |
Rispondi al commento

La Nuovi Orizzonti - Associazione Culturale e di Volontariato onlus ha come obiettivo la realizzazione di strutture socialmente utili all'interno di edifici pubblici abbandonati. Il più delle volte gli edifici individuati sono di interesse storico ma in stato di abbandono e degrado. La Nuovi Orizzonti intende farsi carico del restauro, preservandone l'aspetto originale, per realizzare al loro interno le seguenti strutture: (come da statuto)
Centro disabili residenziale e diurno immerso nel verde.
Centro residenziale per anziani.
Centro di accoglienza per immigrati.
Comunità alloggio e case famiglia.
Comunità di recupero per tossicodipendenti.
Poliambulatorio specialistico per indigenti.
Scuola per giovani artisti comprendente corsi d’insegnamento nelle discipline artistiche e di spettacolo quali danza, recitazione, musica, ecc. oltre a corsi di formazione quali lingue straniere ed informatica. La scuola prevederà interscambi culturali con diversi paesi.
Con nostro disappunto ci siamo resi conto che le amministrazioni locali prestano poca attenzione a queste iniziative e adducono blande giustificazioni per non assegnare immobili che restano in stato di abbandono e oltre a degradare l'ambiente circostante e ad essere rifugio di ogni sorta di emarginati, rischiano di diventare pericolosi perdendo stabilità man mano che passa il tempo. Cerchiamo di sensibilizzare l'opinione pubblica ma un'altro ostacolo deriva dai maggiori organi d'informazione sia a livello di stampa che di emittenti radio/televisive con la stessa Mediaset che afferma che le iniziative dell'associazione che rappresento che oltre ad operare su tutto il territorio nazionale, ha anche sedi in Europa e in Asia, non siano in realtà di interesse nazionale e che quindi non è possibile trasmettere spot no profit. Striscia la notizia ci ingnora semplicemente.
Fiducioso in un interesse da parte Vostra, resto in attesa di un cenno di riscontro e/o consenso.
info: www.nuovi-orizzonti.info

Davide Insinna 21.09.05 01:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

come riuscirò a raccontare in 2000 caratteri che ho una bambina meravigliosa di 9 anni e mezzo, che ha preso la polio col vaccino a tre mesi? Come potrò riassumere le paure, le incertezze e tutto il dolore di questi anni? Come si può spiegare la mancanza di diagnosi, perché nessuno aveva il coraggio di pronunciare la frase vietata "Danno da vaccino",la mancanza di cure,(provate a far fare fisioterapia ad una bambina poliomielitica nel 2000 in Italia)? Come si può raccontare la solitudine, l'isolamento, la convinzione, che ci avevano inculcato, di essere gli unici sfigati? E poi, come si può spiegare l'inspiegabile: IL DISPREZZO, L'UMILIAZIONE? Si, perché se hai un bambino nato sano, che hai portato con le tue mani ad ottemperare al suo primo obbligo di legge, che resta segnato PER SEMPRE, NON PUOI PARLARE, NON PUOI DIRLO, NON HAI DIRITTO ALLA TUA E ALLA SUA DIGNITA'.
Come si può raccontare che, per caso,scopri che anche ad altri bambini è successo, che hai conosciuto i loro genitori, sorpresi e incapaci quanto te di trovare un modo per curare i loro figli, che vi siete fatti forza insieme, che avete creato un'Associazione,che avete per anni bussato,chiesto,urlato,fatto manifestazioni, scioperi della fame, e siete riusciti a creare una Proposta di Legge che sta completando il suo iter, firmata da TUTTI i gruppi parlamentari,che darà un indennizzo equo per questi bambini e per le loro famiglie? Come si può spiegare che, stamattina, davanti al Parlamento ho informato alcuni giovani padri sulla differenza tra vaccini oblligatori e facoltativi, sui loro diritti di informazione e sul diritto che hanno i loro bambini che sia fatta prevenzione sui danni da vaccino? Come si può giustificare quello che ho appena sentito al TG3: hanno ritirato l'EXAVAC( Aventis),con cui somministrano l'Esavalente ( 6 vaccini insieme),perché pare non sia "del tutto efficace"?
Ci sono riuscita, pare, mi resta lo spazio per un caro saluto e la speranza di risentirci presto.Monica

Monica Martucci 21.09.05 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
mi chiamo Carmela e vivo da 36 anni in germania. Ho una sorella di 35 anni che vive a milano. La settimana scorsa mi ha chiamata disperata che ha un problema con i capelli. Li sta perdendo. Con le ricerche che ho fatto qui in germania mi risulta che puo essere la malatia chiamata "alopecia areata". Ti prego di mandarmi delle informatini su questa malatia perche voglio auitare mia sorella che e disperata. Mi hanno detto che sei bravo su di questo. Magari che cure che deve fare, ti ringrazio con il cuore.
Scusami se non scrivo bene L'italiano.

Ti saluto
Carmela

Carmela Diana 20.09.05 22:23| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE!!!
Ieri 19/09/2005 in TG5, IN PRIMA SERATA, invece di utilizzare un prezioso spazio all'interno tel telegiornale per illustrare SCIENTIFICAMENTE ai cittadini italiani il caso della ventilata pandemia di influenza aviari, lo dedica a Francesco Amadori!!! e alla sua paura di veder calare le vendite di pollame; infatti l'imprenditore avvalendosi di un italiano indeciso ci illustrava come cucinare il pollo e che i suoi prodotti sono assolutamente sicuri. Ma a noi cosa c...o ce ne frega!!!; avrei voluto, invece, sapere da un persona qualificata se devo vaccinare la mia figlioletta, quali rischi incontreremo, se l'epidemia e' passata all'uomo, quali sono le norme di profilassi da seguire, cioe', in ultima analisi, come salvare la pelle. Ma nulla di tutto questo sui canali di informazione, solo pubblicita' alla sicurezza dei prodotti del sig. Amadori e per questo io non comprero' piu' un pollo da Amadori perche' ha utilizzato la sua influenza per sottrarre spazio utile da un TG il cui scopo e' l'informazione neutrale e al servizio del cittadino.
Ancora una volta ci dimostrano che sono piu' importanti gli interessi di alcuni rispetto a quelli dei molti!!!

Francesco La Gioia 20.09.05 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho ascoltato, durante un tuo spettacolo, le tue affermazioni, per la verità un po' apocalittiche, sulla questione dei vaccini e le manovre speculative di alcune grandi multinazionali farmaceutiche, ma stavolta, con questa storia della temuta pandemia da influenza aviaria, con questi inviti preventivi a vaccinazioni di massa, sono io a pensare che ci possa essere sotto qualcosa di non chiaro, mentre tu, nel tuo intervento, sembri accreditare questo allarme...
Che ne dici? Riusciamo a procurarci qualche informazione più attendibile ed indipendente di quella di Storace?
Confido in un prossimo approfondimento sul blog...
Con stima e simpatia.

Luciano Guarnieri 20.09.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori