Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'oro azzurro


acquaedenaro.jpg


Da dove viene l’acqua e di chi è?
Provate a rispondere a queste domande.
L’acqua è un bisogno primario, dovrebbe essere di tutti, gestito dalle autorità pubbliche.

Di acqua ce ne sarà sempre meno e le guerre in futuro si faranno per l’acqua. Dal 2000 ci sono stati 31 guerre, rivolte e atti terroristici a causa dell’acqua.
Privatizzarla non mi sembra il caso, quando è stata privatizzata il suo prezzo è sempre aumentato.

Pubblico una lettera che ho ricevuto e che parla di acqua e dei nostri diritti, voglio prima però fare un applauso a Vendola, presidente della Regione Puglia perché ha nominato presidente dell’acquedotto pugliese una persona onesta e competente:
Riccardo Petrella.



“Carissimo Beppe Grillo,

i comitati civici di Napoli, Caserta e province, insieme ad Alex Zanotelli, si sono riuniti, e così hanno deciso di spedirle i 20 righi, così come accordatici per telefono, a proposito della privatizazione del SII (servizio idrico integrato), e prima di un incontro con Bassolino(che fino ad ora non si è fatto sentire).

I 136 comuni dell'ATO2 (ambito territoriale ottimale) Na-Ce rischiano di vedere la loro acqua svenduta, e gestita dai privati.
Il 23 novembre 2004 l'ATO2 ha deliberato per una gestione mista (60% pubblico e 40% privato, che diverrebbe 51% al pubblico e 49% al privato nel giro di due anni).Quel giorno molti sindaci e/o delegati votarono per delega: anche fino a 18 deleghe alla stessa persona. Si votò per un piano d'ambito obsoleto, letto da nessuno dei votanti, e per di più chiedendo ai presenti di votare, scegliendo solo tra gestione privata o mista, escludendo la terza opzione, cioè la gestione pubblica, detta "in house".

Per le prime due occorre trovare il gestore/privato attraverso un bando di gara europeo, mentre per la terza no.
I comitati civici, espressione dei cittadini, chiedono che la delibera venga ritirata, che l'acqua sia pubblica, e che si ripubblicizzino le infrastrutture ,delle sorgenti dell'ATO2 e dell'ATO3, che la giunta Bassolino ha dato in gestione ad Eniacqua, oggi Acqua Campania SpA.

I comitati dicono NO alla privatizzazione dell'acqua, perché è un DIRITTO di tutti, non merce su cui lucrare. No ai privati perché nelle decisioni essi avrebbero diritto di prelazione sul pubblico.

No perché i comuni perderebbero la gestione della loro acqua.
I comitati hanno lanciato, insieme ad Alex, martedì scorso, la campagna che chiede ai cittadini di esporre una bottiglia vuota, con su scritto "No alla privatizzazione dell'acqua", fuori dalla finestra.

Basta con le acque minerali, simbolo della mercificazione del prezioso oro azzurro da parte delle multinazionali!
I comitati hanno sollecitato le circoscrizioni e i comuni a convocare consigli al più presto e ad esprimersi chiaramente in merito alla gestione dell'acqua: pubblica o privata. Fino ad ora hanno detto no alla privatizzazione sei circoscrizioni, e alcuni comuni.
Grazie di cuore da parte di Zanotelli, dei comitati civici per la difesa dell'acqua di Napoli, Caserta e province, e del nodo di Napoli di Rete Lilliput".

25 Set 2005, 17:37 | Scrivi | Commenti (579) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Striscia la notizia ha preso a cuore il settore dell'acqua alla spina posizionata presso la ristorazione, guardate la puntata del 17/12/2013 finalmente l'informazione potrà fare luce sui sistemi di filtrazione dell'acqua potabile, ad oggi non esiste sul mercato mondiale sistemi di filtrazione paragonabile al water filtration system C1P la tecnologia è frutto di ricerca scientifica di un gruppo internazionale di scienziati , dove anche il Nucleo Antisofisticazione NAS l'ha sottoposto a controlli presso l'università di Torino decretandone l'ottima funzionalità per il consumo umano.www-acqua.it

Paolo Gagliano 19.12.13 03:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, mi chiamo Mirco e mi occupo di domotica (che ci azzecca poco per ora con l'acqua...), ma da qualche tempo mi sto occupanto di acqua e in particolare di un prodotto che fa solo due cosette: 1. microfiltrazione meccanica + carboni attivi (per eliminare sostanze solide in sospensione e cloro e organo-clorurati) dell'acqua di acquedotto 2. effervescenza non con il classico carbonatore (che tra l'altro acidifica pure l'acqua) ma attraverso un dispositivo che abbiamo brevettato, è un gasatore in linea (senza accumulo). Il bello è che il prodotto uscirà per la solo microfiltrazione a 168 euro ivati al pubblico e microfiltrazione e gasatura a 348 ivati al pubblico (dimenticavo, i filtri sono italiani e omologati dal ministero della Salute). Questa è la dimostrazione che un prodotto che permette da subito di eliminare le bottiglie di plastica è possibile e ha un costo accessibilissimo (tenete presente che sui costi ovviamente c'é anche un margine per il rivenditore). Se volete approfondire potete scrivermi su info@centrodomotica.it ma presto avremo anche il sito ufficiale....la nostra politica è teniamo i margini al minimo per renderlo veramente un prodotto accessibile a tutti....spero di sentire presto le vostre opinioni. Ciao a Tutti Mirco.

Mirco Nardini 12.08.09 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Solo oggi sono riuscito ad aprire il sito archivie,e leggo la solita storia architetata da un Giornalista pagato da noi che ci informa,con le parole del suo padrone,siccome ho già rovinato un direttore di testata giornalistica nella zona del Pavese,adesso porterò la notizia ai miei legali per valutare gli estremi della querela ma io vi infomerò tempestivamente dei risultati.
L'INCHIESTA CHE FINE HA FATTO? ANCHE A PURITY ITALIA SONO STATI RISCONTRATI DEI PROBLEMI?
E SE INVECE PURITY ITALIA è STATA TROVATA APPOSTO? PERCHE' QUEL GIORNALISTA DI REPUBBLICA NON HA INFORMATO IN MODO CORRETTO IL PROPRIO LETTORE CHE COMPRA IL GIONALE CHE LO FA MANGIARE? .(NON COMPRATE PIù IL CORRIRE DELLA SERA,RACCONTA BUGIE)

paolo gagliano Commentatore certificato 06.01.08 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi comunque ormai abbiamo toccato il fondo,nella mia città (Napoli) Bassolino ha fatto più danni del colera ,è stato condannato x il discorso rifiuti ed la magistratura con il benestare dello schifoso governo Prodi (fottuti pezzi di merda ) ha solo richiesto una multa(3milioni di euro) che in proporzione con quello che si è intascato è una fottuta briciola, si parla di cica 60 milioni di euro,facendo compartecipare la sua merdosa famiglia vedi caso imprengilo + tangenti alle cosche -ha tolto la carica al direttore del Roma-ha immesso suoi portaborse-scagnozzi nella direzione del Mattino -per imbavagliare la stampa cittadina -con il figlio ha costituito un associazione a delinquere di recupero crediti mettendo sul lastrico famiglie per una cacata di multa non pagata (gestline) ,ed intanto noi attendiamo l'inizio dell'anno con paura e rassegnazione perchè con i rifiuti che ci sono in strada si scatenerà una nuova Seveso comunque si sa tutto di tutto e nessuno non fa niente--mah chi vivrà vedrà ,è triste urlare in un mondo di sordi….URLATE CON ME X CAMBIARE QUESTA NAZIONE DI MERDA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

antonio di lucci 31.12.07 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Nella politica tutti approdano per fare utili cercando di lavorare poco o meno ancora.(qui c'è un business.)Qui vi invito a collaborare nella vostra zona con questa società TEAM PRESTIGE,

COLLEGAMENTO A TUTTI I MEETUP INTERNAZIONALI PER PROGETTO ACQUA E SOLUZIONE DEFINITIVA MA CON IL FILTRO c1p.

Puoi nel frattempo visionare il mio sito?www.gagliano.ws
così facendo ci portiamo un pò avanti con i lavori di conoscenza. ti preciso che si tratta di tecnologia C1p ad altissimo contenuto tecnologico intrinseco,sarebbe come inserire sui mercati l'automobile a idrogeno,pertanto è in atto una guerra commerciale di proporzioni inimmaginabili, in quanto si tocca il mercato di chi deve a tutti i costi curare le malattie,
invece con l'acqua pulita si eserciterebbe la prevenzione a scapito delle aziende farmaceutiche, se poi colleghiamo che il 90% delle malattie l'uomo ma anche le donne le bevono, il collegamento è chiaro a tutti.
altro collegamento importante,se gli acquedotti sono mal ridotti è chiaro che il cittadino ricorre alla soluzione più sbagliata, senza saperlo dell'acqua minerale imbottigliata, "attenzione che però è tappata",come qualsiasi medicina,in effetti è considerata "MEDICINA"
Sul territorio Italiano siamo già presenti in alcuni ristoranti di lusso, ma vogliamo invadere anche la normale ristorazione di qualità per farla bere anche alle persone normalmente non di lusso.Beppe Grillo ci ha messo a disposizione questo strumento,per aiutare le nuove tecnologie a mettersi in luce,vi preciso che Beppe da anni utilizza il nostro servizio avendola bevuta in un ristorante,poi l'ha ribevuta in altri ristranti,e ha poi deciso di raccogliere informazioni per non confonderci con i depuratori.(SONO DUE MONDI DIVERSI ) ma la confusione fa comodo.spero di trovare giovani nel vostro meetup,per inserirli nel nostro

paolo gagliano 30.12.07 13:47| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Salve, è veramente ingenuo voler privatizzare l'acqua per il bene dellla massa e sicccome sono ignorante di economia avanzo un'ipotesi di soluzione del problema: se si facesse la colletta fra tutti i paladini della giustizia dispersi per l'Italia così come si fece per lo tsunami al fine di comprare quelle azioni che garantiscono la presenza della massa dentro i consigli di amministrazione delle società parassitarie, non sarebbe un'opportuna terapia di emergenza in attesa di più savi climi politici politici?

Francesco Papa 30.03.07 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Macchinari per fabbricare aqua minerale -75000 bot al giorno,limanata-75000bot al giorno.

Nigina Abbasova 12.02.07 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Che dire loredana, ero dubbioso sullo scrivere volendo lasciare posto ad altri, ma qualche precisazione occorre farla: soprattutto perchéil difetto che tu addebiti alla L.36(investimenti pagati dal consumo piuttosto che dalla fiscalità generale) rappresenta il vero fattore d'innovazione impedendo ai comuni di colmare i buchi di bilancio con i soldi delle bollette! il principio è: pago l'acqua ma dovete depurarla e non pagarvi lo stipendio..dov'é lo scandalo? il ricco paga sempre di più operché la tariffa è articolata per legge..poi se ad arezzo non la applicano...! Le altre annotazioni che fai non trovano riscontro nella realtà che conosco io:1)il n. dei componenti della famiglia è tenuta presente nell'articolazione tariffaria così come le fasce di reddito;2) il privato è finanziato dalle banche? e dov'é lo scandalo..quale società non si fa finanziare..3)la nomina dell'A.D. se tu decidessi di rischiare di tuo in una impresa pubblica che senza di te non ce la fa ad assicurare il servizio ai cittadini (perché è questo il punto focale) ti fideresti di un manager nominato dai politici e revocato ad ogni elezione?..io davvero non capisco: ma la classe politica di Arezzo, se è così alta e proba..come mai non riesce a controllare questi privati assatanati di profitto?? qui lo stato prova a fare (non sempre ci riesce) quello che dovrebbe fare in uno stato liberale: controlla e non gestisce (magari fosse sempre così)! quanto alla storia del know-how non ho capito bene come l'hai quantificata e a che cosa corrisponde ma credo che tutti concordano che quando si paga un servizio si deve pagare tutto, anche le progettualità..a meno che non lo si voglia gratis..però non voglio tediare nessuno ma solo invitarvi a pensare che questa la storia della privatizzazione dell'acqua è poco più di una favola e sono certo che se ad arezzo o altrove qualcuno ci specula i cittadini saranno bene in grado di mandare a casa gli amministratori che non applicano la legge per migliorare il servizio

jacopo pastore 15.01.07 16:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei fare alcune precisazioni sul post di Iacopo:
1)La legge GALLI ha un grosso difetto poichè prevede che i costi degli investimenti vengano coperti con le bollette pagate dai cittadini e non con la fiscalità generale( come succede per le strade ospedali impianti sportivi...).Questo genera due ingiustizie:il ricco paga quanto il povero e gli investimenti non vengono fatti laddove ce ne sarebbe piu' bisogno (in quanto quelle comunità sono solitamente le meno in grado di pagare alte tariffe )
2)la legge prevede che le tariffe debbano essere parametrate a scaglioni di reddito ma questo non avviene nè ad Arezzo nè altrove (curioso che la legge venga applicata oppure no a seconda dei casi).Inoltre dato che le tariffe vengono calcolate in modo progressivo a scaglioni( all'aumentare del consumo il costo aumenta in modo piu' che proporzionale)se non si applica il paramentro del numero dei componenti familiari la bolletta diventa palesemente ingiusta essendo il costo medio a mc superiore per le famiglie piu' numerose.Quindi questo sistema non sempre penalizza coloro che sprecano davvero anzi a volte penalizza le famiglie piu' attente agli sprechi.
4)esperienza di Arezzo sui privati:
a)i finanziamenti vengono erogati non dai soci privati ma da banche dietro garanzie dei comuni(quindi noi tutti)che hanno dato "in pegno" alle stesse banche le proprie azioni della societa' pubblico-privata di gestione
b)il know-how(le conoscenze dei privati)vengono pagate a parte(sempre attraverso le nostre bollette) e sono pari a 1,3 milioni di euro l'anno configurando un UTILE ANTICIPATO E GARANTITO ai privati "in barba" al rischio d'impresa che in questo caso è inesistente.
c)la società é formalmente a maggioranza pubblica ma per i patti parasociali l'amministratore delegato è nominato dal privato e ha TUTTI I POTERI DI ORDINARIA E STRAORDINARIA AMMINISTRAZIONE..quindi in realtà la maggioranza pubblica serve solo per confondere i cittadini essendo totalmente sottomessa al privato.

loredana aria Commentatore certificato 13.01.07 17:42| 
 |
Rispondi al commento

OK, finalmente contenuti e non pregiudizi! le obiezioni di loredana mi appiono sacrosante ma non tanto da dimostrare la necessità di abbandonare la riforma avviata dalla legge Galli, perché? innanzitutto perché provengono da una regione notoriamente tra le più avanzate dal punto di vista qualitativo nell'erogazione dei servizi pubblici ed è normale che se in Toscana l'80% della popolazione è "fognato è depurato" l'aumento dei costi (laddove ci sia ma solo per gli alti consumi) non verrà compensato dagli investimenti e quindi percepito come ingiusto! In regioni come la Campania o la Calabria dove la percentuale non arriva al 30% credo che i cittadini siano più propensi ad accettare un aumento pur di depurarsi il mare, alzi la mano chi non è d'accordo! poi, è chiaro, ci sono altri fattori..per esempio il manager del soggetto gestore di Arezzo "potrebbe" essere incapace ma in realtà se vi abbassa le tariffe al di sotto di 150 mc compie un miracolo visto che una famiglia media (4 ps)consuma meno di 100 mc/anno..questo mi sembra un buon metodo per punire gli sprechi..o no? quanto alla tariffa legata al numero dei componenti della famiglia mi sembra giusto che non lo sia visto che, per legge, è legata al reddito del capofamiglia..perché agevolare una famiglia molto benestante ancorché numerosa? quindi ad Arezzo avrete anche un comune sentire "pubblico" ma ciò dipende dal fatto che da voi pubblico è spesso garanzia di qualità! chiediamo ad un cittadino di Enna qual'é la qualità del servizio dalle sue parti o a qualcuno di Giugliano in Campania (perdonatemi, sono solo esempi) di che colore è il suo mare...e avremo un giudizio su 100 anni di gestione pubblica delle acque in Italia..se i privati portano capitali, competenza e managerialità sarà bene che partecipino (e sottolineo partecipino visto che in nessun caso hanno la gestione al 100%) alla gestione del servizio (e ribadisco gestione visto che la proprietà rimane sempre pubblica cioé nostra) meditate gente meditate

jacopo pastore 05.01.07 10:34| 
 |
Rispondi al commento

segue........

Peraltro l’ipotesi che gli impianti alla fine della concessione (nel 2023) torneranno nelle mani dei Comuni senza alcun esborso monetario è legata al fatto che gli investimenti siano a quella data tutti ammortizzati; ipotesi molto spericolata che esiste solo grazie al fatto che negli ultimi 5-6 anni di concessione non è previsto nell’ambito dell’ATO 4 alcun investimento neanche di manutenzione impianti, cosa che nessuna persona dotata di un minimo di buon senso e logica può ritenere verosimile.
I veri risultati della privatizzazione sono sempre gli stessi e si confermano - se possibile ancora peggiorati - con il passare degli anni: tariffe carissime, investimenti modesti ed insufficienti, profitti per la multinazionale francese, perdite per i soci pubblici.
La strada da percorrere nei prossimi mesi è quella tracciata dal programma dell’Unione e anche dai primi provvedimenti del Governo Prodi (si veda il DDL “Lanzillotta”): la ripubblicizzazione del servizio idrico. Ad Arezzo addirittura essa sarebbe percorribile fin dal 2008 senza alcun bisogno di aiuti normativi: basterebbe esercitare l’opzione del riscatto che – peraltro - non prevede la corresponsione di alcuna penalità o indennità particolare alla multinazionale francese. E per la politica locale andare nella direzione della ripubblicizzazione del servizio idrico sarebbe solo e semplicemente entrare in sintonia con il comune sentire dei cittadini aretini.

loredana aria Commentatore certificato 04.01.07 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Noi ad Arezzo siamo partiti per primi con la privatizzazione del servizio idrico.. ..il risultato?....
Servizio uguale quando non peggiore al pubblico(ma esiste anche il pubblico che funziona eccome!) e……. tariffe??
le piu’ care d’Italia…
guardate qui…

Lo studio di cittadinanza attiva riportato nel Sole 24 ore di lunedì 11 dicembre dimostra ancora una volta – per i pochi che ancora non l’avevano capito – che le tariffe del servizio idrico aretino sono le più care d’Italia. E’ un triste record che ci apparterrà anche nel futuro visto che per i prossimi anni sono stati già programmati degli ulteriori aumenti nella percentuale massima consentita. Tanto per cominciare dal 1° gennaio 2007, preciso come un orologio svizzero, scatterà l’aumento del 6,5% pari a più del triplo dell’inflazione e esattamente pari al massimo consentito dalla legge.
Il Presidente di Nuove Acque si aggrappa agli specchi quando dice che sono state recentemente (per la precisione dal 01/07/2006) introdotte delle diminuzioni tariffarie per gli scaglioni sotto i 150 metri cubi poiché omette di dire che per tutti gli altri scaglioni di consumo le tariffe sono state invece aumentate; in sostanza dalla riorganizzazione del sistema tariffario – che colpevolmente ancora una volta non lega gli scaglioni di consumo al numero dei componenti della famiglia - Nuove Acque non ci perde un euro ed anzi ne incassa qualcuno in più: ciò significa che gli utenti nella loro totalità non risparmiano un euro ed anzi ce ne rimettono qualcuno.
Quanto agli investimenti vale la pena solo osservare che sia quelli fatti che quelli programmati sono i più bassi previsti fra le ATO della Toscana e fra i più bassi nell’ambito nazionale. Dire quindi che le tariffe dell’acqua sono più care per gli ingenti investimenti fatti e programmati significa ingannare i cittadini.

loredana aria Commentatore certificato 04.01.07 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Un anno è passato..inutilmente direi! nel senso che se un blog serve alle persone per prendere coscienza di un problema non mi pare che su questo siano stati fatti passi in avanti. La dimostrazione è il post di anna brancaccio. Premettendo che non so da dove abbia preso la notizia riportata(falsissima!) ma quantunque fosse vera..dopo quanto scritto da me quasi un anno fa, dopo quanto scritto da gennaro..non c'é stato nessuno in grado di dimostrare che il servizio pubblico sia in assoluto preferibile a quello privato. Se una società assicura un buon servizio (acqua pura, buoni livelli di depurazione, nuove fognature) con tariffe che tengano conto anche della capacità contibutiva di ciascuno cioé articolate anche per fasce di reddito, cosa cambia che sia privata o pubblica? atteso che detta società è solo concessionaria del bene per 30 anni al massimo e giammai ne sarà proprietaria. Perché dovrei fidarmi di più di una municipalizzata guidata da un uomo scelto dalla politica piuttosto che di una spa guidata da un manager posto che la legge sancisce chiaramente che la tariffa deve coprire interamente i costi del servizio! E' chiaro che c'é una parte d'Italia che ha un forte pregiudizio di carattere ideologico sulla liberalizzazione dei servizi pubblici ma mi sembra assurdo visto che l'indirizzo generale in tutta europa è quello di alleggerire lo stato. Capisco che questo è l'unico paese in Europa dove una forza dichiaratamente comunista si trova al governo..ma non crederete davvero che facciano le nazionalizzazioni? una cosa è che qualcuno lo speri, non lo condivido ma rispetto anche questa idea, altra è sperare che diliberto e co. le facciano. Per cui, oltre allo sdegno di anna e di tanti, sarebbe bello che qualcuno ci dicesse perché un privato non può gestire il servizio idrico integrato mentre benetton può gestire le autostrade, mediaset e rai gestiscono l'etere, ed il laboratorio di analisi sotto casa mia, lavora in convenzione con la Regione, nel frattempo buonanno

jacopo pastore 28.12.06 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha detto che l'acqua in Campania non sarà privatizzata?
E' in corso di stipula una convenzione tra la GORI s.p.a. e gli ATO della Regione Campania per trasferire la gestione degli acquedotti alla medesima GORI s.p.a.
si informi..........

anna brancaccio 12.12.06 15:54| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, ti scrivo perchè questo argomento mi stà molto,moltissimo a cuore..non si sà come mai ma ogni volta che si parla di acqua viene in mente anche la parola SPRECO. si,lo spreco...ogni giorno sprechiamo litri e litri di acqua preziosa per niente..per farti un esempio banale: sai quanta acqua ci vorrebbe per lavarsi i denti? pochissima considerando a quanta ne usiamo... e poi una cosa che mi fà accapponare la pelle è vedere le fontane pubbliche senza i rubinetti con chiusura ermetica. e poiu ci lamentiamo perchè l'acqua manca nel mondo.. e grazie al cazzo la sprechiamo così a minchia!! facciamno qualcosa! ti prego beppe pensaci tu!

luca susanna 30.11.06 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro, anzi prezioso Beppe Grillo,
Le scrivo per disperazione; so già che lei sa già in che tormentato e fraudolento paese viviamo, Lei meglio di molti analisti e giornalisti (...be, qui ci vuol poco..)conosce gli errori e gli orrori perpetrati dai nostri governanti ma, proprio per disperazione, mi permetta di farle notare un fatto che riguarda Di Pietro e Pegoraro Scanio perchè so che anche lei, come me, li considerava gli unici due seri e onesti della banda che ci governa.
Il tema è il progetto Mose a Venezia: una pataccona di progetto che ci ciuccierà una montagna di miliardi di euro e che si rivelerà un
lavoro ridondante, quindi inutile e dannoso.
Non sto qui a spiegare i dettagli del progetto, basta leggere i giornali; la cosa secondo me grave e mortificante è che sia Di Pietro che Pegoraro non hanno detto una parola durante la riunione di ieri e anche loro hanno votato per l' attuazione e la conclusione del progetto.
A Venezia serve, anzi è di vitale importanza, la manutenzione ordinaria non straordinaria; l'aqua alta è un problema oggettivamente secondario, si verifica per circa 7-10 giorni l'anno raggiungendo il 20/25 % della città e ormai i Veneziani riescono disinvoltamente a evitare danni e grossi fastidi. Inoltre il Mose
entrerebbe in funzione solo per le maree che superano il tetto dei 110 cm. e questo accade solo per un giorno all'anno!!
Io abito a Venezia e ormai per tutto l'anno qui sembra di essera come a Capri d'estate nel senso che viviamo tra i turisti ogni giorno (non ce l'ho con i turisti ma francamente questo andamento è abbastanza strano e pesante) adesso per colpa del Mose bloccano i lavori di manutenzione ordinaria (scavo dei rii, sistemazione delle pietre e dei ponti etc...)
ci stanno comprando un incubo costosissimo!
...e li c'era Di Pietro e il Pegoraro....!
La ringrazio dell'attenzione e la saluto cordialmente.
Enrico Maschietto

Enrico Maschietto 23.11.06 21:23| 
 |
Rispondi al commento

che ne pensate di raccogliere delle firme per far mettere finalmente i rubinetti alle fontanelle per le strade(sono di Roma e forse solo 1/3 sono provviste di rubinetti). si parla tanto che tra qualche anno non avremo più acqua e noi la sprechiamo in quantità industriale tutti i giorni

Cristiano Felicetti 15.11.06 21:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Io Econogreen l'ho installato sulla mia toyota 2.O D, e ci ho già fatto 2000Km circa, e funziona: ho già delle medie di consumo migliori di quelle dichiarate dalla casa costruttrice, quindi figuriamoci se non funziona...oltretutto ho percorso 17000KM negli ultimi 11 mesi,quindi so bene come si comporta la macchina, ed ho notato un miglioramento delle prestazioni del motore, che oltre ad essere più sveglio, mano a mano che percorro chilometri, fa anche un pò meno rumore, e chiaramente oltre ad avere fatto più chilometri con un pieno, lo stesso computer mi da la media dei chilometri fatti, e andando sempre tra i 110 e i 130 con qualche puntatina a 140-150, nel tratto da salerno a potenza andata (parecchia salita) e ritorno, ho fatto 19,3 con un litro, facendo anche tratto urbano sia a potenza che a salerno con parecchio traffico.
Funziona. Prima per quanto provassi ad andare piano e in pianura, non potevo andare oltre i 18 con un litro fuori città, ora qualche volta vado a 21,6 (se vado piano 70-80km/h senza salite).

Costantino Finucci 14.10.06 02:35| 
 |
Rispondi al commento

Pensate che io ho comprato una casa in un luogo dove non c'è acquedotto ma una sorgente! Un vicino che sarebbe uno dei padroni (sono 4 fratelli)dei poderi intorno a casa mia, dice che la sorgente è la sua e mi ha tolto l'acqua in casa (e c'è sempre stata!!!) ed io sto combattendo da sola questa battaglia, perchè in Comune poi non vuole sapere niente nessuno e sono cavoli miei. Questo mio vicino è di famiglia nobile! (ma solo sulla carta, secondo me!). Qualcuno ha un'idea da darmi, oltre agli avvocati e ai tribunali? Grazie

iannaccone cinzia 09.10.06 17:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi viene in mente Fontamara di ignazio silone, se si pensa che fu tradotto in tutto il mondo xke ricalcava le realta locali di tutto il mondo, adesso è ancora piu attuale, segno di coome l'uomo sia ancora primordiale, pure se ha il Suv o la barca o l'aereo.

fabio zini 18.09.06 01:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Tommaso
sarebbe più interessante sapere cosa hanno detto Beppe e Petrella riguardo la legge Galli, la costituzione di Ambiti Territoriali Ottimali, l'eventuale gestione mista pubblico/privato e così via.
Il problema dell'acqua minerale è marginale rispetto a tutto il resto.
Ci aggiorni?

Gennaro Colucci 16.03.06 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato ieri all'incontro sul valore vitale dell'acqua con Beppe e Petrella all'ateneo di bari. Io credo che una diretta e nec conseguenza di quello che si è detto ieri sta nel disarmare le vili multinazionali, che vogliono assoggettare questo bene a dinamiche di profitto aziendale, non acquistando più acqua imbottigliata; perchè non si veda nell'acqua l'oro.

tommaso cacciapaglia 15.03.06 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Cari tutti
state deviando riguardo il reale argomento di questo forum.
La discussione aperta da Beppe non è incentrata su come purificare l'acqua o se è meglio l'acqua minerale rispetto a quella del rubinetto, bensì se la creazione di Ambiti Territoriali Ottimali per la gestione del servizio idrico integrato debba essere di esclusiva competenza del pubblico o possa anche essere conveniente adottare formule privatistiche o miste.
Quindi ben vengano commenti in materia relativi ad esperienze vissute come utenti o addetti al settore...... ma spendere ulteriori parole per vendere un semplice filtro purificatore (di per sè utile solo in casi rari) mi sembra veramente riduttivo rispetto al "problema acqua" che è serio e di non facile risoluzione.
Rialziamo cortesemente il tono dei commenti.
Grazie

Gennaro Colucci 08.03.06 12:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Paolo,
giuro che non ce l'ho con te, ne con la tua azienda che gode di tutto il mio rispetto.
Non metto in discussione i tuoi filtri, che sicuramente danno ottimi risultati, ciò che ti contesto è il fatto che ti fai pubblicità. Lascia che siano i tuoi clienti soddisfatti a intervenire su questo blog e non tu in prima persona. Tu dici che ognuno deve pubblicizzarsi utilizzando la propria faccia : il problema è proprio questo, qua dentro NESSUNO deve pubblicizzarsi! la pubblicità è vietata. Ti dico questo solo per amore verso questo blog, che altrimenti potrebbe diventare una serie infinita di messaggi pubblicitari. Ciao e spero tu capisca le mie intenzioni.

Mauro Migliosi 08.03.06 10:31| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Caro Paolo,
non comprendo il motivo per cui vuoi scegliere di utilizzare il Blog di Beppe Grillo per sponsorizzare la tua "Acqua".... ma ti rendi conto di quanto la fai pagare,.,????
Via.. spero solo che gli italiani non siano così stupidi.....da abboccare ad una stangata del genere.... ma ti rendi conto che la tua acqua a breve costa più della benzina,.....???
Grazie a Dio il mercato offre qualcosa di meglio ... e ti prego confrontati e non pubblicizzare ....

Gaia Cellini 06.03.06 19:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X I BLOGGISTI
COLLEGATEVI AL WEB www.purityitalia.com
finalmente anche voi farete il passa parola
per la cultura sull'acqua da bere e cucinare,e
clicca su vademecum.ciao a tutti e spero in questo mondo di essere utile,al mio simile.

paolo gagliano 05.03.06 22:18| 
 |
Rispondi al commento

Si sta perpetuando soprattutto in questi ultimi mesi (vedi Ato2 Napoli)un attacco nei confronti della gestione dell'acqua ai privati, a mio parere, a dir poco ingiustificata.
E' giusto chiarire cosa significa privatizzarla.
Sostenere che l'acqua sia un bene pubblico e in quanto tale accessibile a tutti, significa non centrare il problema, ma parlare di un qualcosa di ovvio che nessuno contesta. Difatti privatizzare secondo le formule previste dalla Legge Galli vuol dire razionalizzare la "gestione" dell'acqua, non regalarla ai privati.
La fonte quindi, in quanto bene pubblico rimane e rimarrà sempre demaniale, della comunità; la sua gestione, all'inverso può essere privatizzata allo scopo di garantirne un suo equilibrato e razionale sfruttamento.
Può essere privatizzata equivale a dire che subentra un privato nella "gestione" in precedenza pubblica, nel caso in cui lo stesso Ente pubblico (comune consorzio o municipalizzata che sia) dimostra di non possedere quelle capacità imprenditoriali tali da evitare gli sprechi e da tutelare al contempo l'ambiente.
Gestire razionalmente l'acqua significa effettuare costantemente manutenzione ordinaria sulla rete e sugli impianti sia per evitare dispersioni di acqua proprie delle gestioni pubbliche (a volte superiori al 70%!!) sia per garantire qualità e continuità del servizio. Significa inoltre provvedere al servizio della depurazione e della fognatura, che è un discorso delicatissimo soprattutto in termini di impatto ambientale. Gestione ordinaria e straordinaria dell'acqua significa insomma spendere soldi e tanti, investire. I comuni lo si sa, non hanno soldi,anche perchè spesso per tecniche populiste e propagandistiche applicano tariffe sull'acqua che incentivano gli sprechi domestici e non consentono investimenti. Ben venga in questo caso il privato,con maggiori tariffe tarate in modo da essere onerose nei confronti di chi ha la piscina o del bar con la fontana del lavandino eternamente aperta.

Gennaro Colucci 22.02.06 14:31| 
 |
Rispondi al commento

500 e passa interventi su questo blog, tutti contro la privatizzazione dell'acqua, tutti d'accordo....evvabbè è la democrazia. nulla questio. Ma una considerazione viene spontanea: com'è che nessuno replica a jacopo pastore? Forse perchè la disinformazione (cioè la non conoscenza dei fatti) regna sovrana? Vabbè, è la democrazia.

Luigi Nardeschi 15.02.06 10:05| 
 |
Rispondi al commento

100mila cittadini e degenti degli ospedali della zona collinare a Napoli da Sabato sera sono senz'acqua.
Chi abita in corrispondenza dell'uscita Camaldoli della tangenziale racconta di aver sentito un'esplosione e non il rumore di una frana.
Il Comune di Napoli non si è degnato di attivare la polizia municipale o la protezione civile per informare i cittadini coinvolti, con megafoni e/o volantini, di cosa fosse successo e segnalare i punti in cui sono state dislocate le autobotti dei vigili del fuoco che stanno distribuendo acqua ma senza razionarla. Come razionarla ? Non so, magari in base allo stato di famiglia di quelli che si presentano con bottiglioni e taniche...
100mila cittadini abbandonati anche dal TG3 regionale che non è stato in grado di "fare servizio pubblico".
Ci hanno raccontato che l'erogazione dell'acqua sarebbe ripresa nella mattinata di Domenica, poi contrordine, nella tarda serata di Domenica ma stamattina (Lunedì) nel momento in cui scrivo questo messaggio, l'acqua ancora non c'è.
Questa cosa mi sembra tanto quel meccanismo di quando si dice a un bambino per sedarlo da un capriccio "dopo, dopo..." e ne frattempo si tranquillizza e magari si abitua con assuefazione a non soddisfare il desiderio.
La cosa ancora più inquietante è che ristoranti, pizzerie, bar della zona, ieri (Domenica) sono rimasti aperti. Lo saranno anche oggi se persisterà il problema ?
Chi ha fatto una festa Sabato sera invitando una 40ina di amici a casa ha ancora la cucina stracolma di stoviglie putride.
Il Comune di Napoli credo che dovrebbe distribuire soluzioni disinfettanti spray per evitare epidemie. Fortuna che l'aria secca ed il freddo tengono a bada i batteri.
Mi chiedo, chi dirige i lavori di riparazione che mestiere fa ? Perchè un ingegnere che sappia fare il proprio lavoro dovrebbe essere in grado di valutare l'entità di un danno e calcolarne i tempi di riparazione.
segue su: http://garibaldi.mioblog.net


Scusate se intervengo ma credo che sia necessario che sappiate alcune cose su quanto sta accadendo in Campania. La legge Regionale che recepisce la 36/94 (Galli) istituendo i quattro ATO non comporta alcuna privatizzazione dell'acqua ma nasce per razionalizzare il servizio accorpando la miriade di società (QUASI TUTTE PRIVATE come NAPOLETANAGAS, ACQUEDOTTO VESUVIANO) che da circa un secolo ci portano l'acqua e le mille municipalizzate che non depurano e soprattutto non fanno investimenti in una rete che perde circa il 60% né depurano nulla.Questa è la realtà prima della RIFORMA CHE VOI IMPROPRIAMENTE CHIAMATE PRIVATIZZAZIONE!L'unico ambito ove il servizio è partito è il 3; qui c'é una società a maggioranza pubblica chiamata GORISpA che una volta tanto, avendo partner privati, ha una gestione aziendale e quindi non ha dirigenti politici mariuoli né dipendenti nullafacenti. E'un'azienda che non è proprietaria del bene ma lo distribuisce e lo depura garantendo investimenti impressionante rispetto agli standard pubblici(circa 2700 miliardi di lire per i prossimi venti anni)chi ce li ha mai messi tanti soldi per rifarvi?a parità di tariffa! si proprio così per i bassi consumi e le fasce deboli poiché lo spreco di chi innaffia il marciapiedi davanti casa per stare al fresco in estate va pagato, non credete? Quello che è successo all'ATO2 è una storia diversa..si trattava di una gara d'appalto che aveva un errore di fondo: escludere l'opzione in house ma il principio di affidare un servizio pubblico a un gestore che non ruba poiché risponde al mercato e che ha un autority a controllarla(gli Enti d'Ambito, appunto)è sacrosanta e come l'ENEL e l'autorithy sull'energia, perché zanottelli non dice nulla su questo? semplicemente perché non c'é nulla di male:i Comuni non hanno quattrini e creare carrozzoni pubblici come l'ACQ. PUG.non farà altro che incrementare la ruberia che da sempre si perpetua sulle risorse naturali.Informatevi enon subite questa battaglia di retroguardia

jacopo pastore 09.02.06 10:33| 
 |
Rispondi al commento

VORRE FARE UN APPETTO A TUTTI I RESIDENTI DELLA PROVINCIA DI LATINA (ATO4)
Sabato 28 alle 9.30 ci sara una manifestazione per dimostrare contro la gestione privatistica dell'acqua. Anche se avete già preso un impegno, anche se fa freddo, anche se tanto dite che non cambia nulla... venite e partecipate basta una persona in più per provare a cambiare le cose.
Dovete crederci ditelo a chi conoscete divulgate la notizia, uniti e in tanti forse qualcosa si può fare.

Maria grazia sau 26.01.06 14:44| 
 |
Rispondi al commento

VORRE FARE UN APPETTO A TUTTI I RESIDENTI DELLA PROVINCIA DI LATINA (ATO4)
Sabato 28 alle 9.30 ci sara una manifestazione per dimostrare contro la gestione privatistica dell'acqua. Anche se avete già preso un impegno, anche se fa freddo, anche se tanto dite che non cambia nulla... venite e partecipate basta una persona in più per provare a cambiare le cose.
Dovete crederci ditelo a chi conoscete divulgate la notizia, uniti e in tanti forse qualcosa si può fare.

Maria grazia sau 26.01.06 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Sono uomo di sinitra e me ne pento. La privatizzazione dell'acqua è partita quando il centro sinistra era al potere. Credo che è pura follia pensare di privatizzare l'acqua, purtroppo però sta avvenemdo, vivo in Basilicata e tocco con mano questa realtà. Con la privatizzazione si stanno soltanto creando nuovi centri di potere , nessun miglioramento del servizio e l'aumento delle tariffe.Io credo che la gesione del Servizio Idrico Integrato debba essere fatta dallo Stato, è questo infatti l'unico modo per garantire a tutti l'utilizzo di un bene così grande. Non è pensabile che su un bene indispensabile qualcuno possa lucrarci, e spero tanto che il governo che verrà ( mi auguro di sinistra)rimedi in modo efficace al gravissimo errore commesso nel passato.

Rocco Vista 24.01.06 18:58| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno Fiorella, sono Antonio Marras di Torino, Ti ricordi vero? porgo le mie scuse a TUTTI TUTTI se utilizzo il web a scopi personali.
Fiorella avrei bisogno urgente di comunicare con Luciano, Lui sa il perchè, Ti prego quindi vivamente di voler Lui comunicare la cosa e di scrivermi al seguente indirizzo: wolftato@virgilio.it.
grazie mille e tanti auguri.
per quanto riguarda il disorso sull'acqua, io continuo a crederci e porto avanti il mio progetto, continuerò a raccontare tutto a quante più persone potrò contattare.....

Antonio Marras 23.01.06 09:25| 
 |
Rispondi al commento

i ristoranti non possono sottrarsi a darti acqua di rubinetto,al limite possono farti pagare il servizio. per quanto riguarda l'aqua filtrata dobbiamo fare molta attenzione a quelle aziende che intendono venderci dei metodi poco adatti all'utilizzo dell'acqua potabile,l'unico modo per smascherarli è quello di chidere se l'azienda effettua la comunicazione all'ufficio di igene pubblica della zona dell'avvenuta installazione,e nel momento in cui ci dicono di si,telefonare all'igene pubblica e chidere se quell'azienda in passato ne abbia mai fatte,la denuncia è obbligo che venga fatta in base alla legge 443/90
non fatevi fregare

claudio ercolani 20.01.06 20:10| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Credo che il problema dell'acqua sia fondamentale in questo periodo e che diventera' ancora piu' urgente negli anni futuri.
E' importante rendersi conto del valore di questa risorsa e di come sia vitale la salvaguardia della sua integrita' e qualita'.

Come giovani neo-ingegneri etici e consapevoli stiamo aggiornando un blog, in forma non remunerativa, per far passere alcune informazioni e valutazioni nel settore ambientale e ingegneristico, in particolar modo legate all'acqua.

http://ecozone.blog.supereva.it

andre conte 16.01.06 23:01| 
 |
Rispondi al commento

E' mai possibile che al ristorante si rifiutino categoricamente di darti l'acqua del rubinetto?
Non sono obbligati per legge?
Qualcuno ha qualche informazione in merito?
sigh!!

Sergio Locatelli 09.01.06 15:05| 
 |
Rispondi al commento

E' mai possibile che al ristorante si rifiutino categoricamente di darti l'acqua del rubinetto?
Non sono obbligati per legge?
Qualcuno ha qualche informazione in merito?
sigh!!

Sergio Locatelli 09.01.06 14:56| 
 |
Rispondi al commento

io penso che la causa del mancato successo delle apperecchiature per la depurazione domestica delle acque sia la poca informazione che i cosumatori ricevono relativamente ai benefici che potrebbero ottenere.
manca inoltre il passaparola tra coloro che già lo usano e coloro che vorrebbero acquistarlo. le pubblicità in televisione non sono soddisfacenti perchè non dicono neppure quanto si spende per averne uno.
personalmente vorrei installarlo, ma non riesco a contattare nessuno che venda questi macchinari e non voglio rivolgermi alle società che fanno pubblicità.
personalmente non voglio rassegnarmi a comprare l'acqua in bottiglia, io, che da piccola andavo con mio padre a prendere l'acqua alla sorgente, e che oggi trasporto le bottiglie fino al quarto piano (senza ascensore).

Maria Rita Zuncheddu 08.01.06 21:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ACQUA:Io e mio marito abbiamo gestito per quasi 10 anni un'azienda che vendeva depuratori d'acqua a osmosi inversa: vuol dire che ti dà l'acqua buona come la Lauretana o la Amorosa (1 euro circa al litro solo in farmacia)o la Surgiva.Ci abbiamo messo l'anima in quel lavoro, le abbiamo provate tutte per fare capire alla gente il vantaggio sia per la salute sia economico sia ecologico: niente da fare: abbiamo dovuto abbandonare il campo: il prodotto non interessa a nessuno: la gente preferisce continuare a comprare le bottiglie di plastica,inquinando e buttando via i soldi! Incredibile ma vero.

Fiorella Calabrò 05.01.06 15:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,
volevo fare notare che per produrre un chilogrammo di carne sono necessari fino a 100'000 litri d'acqua. Ovvero se la dieta fosse principalmente vegetariana non se ne sprecherebbe così tanta per l'allevamento animale.
Allo stesso modo le risorse vegetali (cereali e legumi) prodotte oggi sulla terra, sfamerebbero fino a 11 miliardi di persone. I vegetariani in Italia sono ormai il 9.5% (Eurispes 2005), ma possiamo fare di più: scegliere di non uccidere può diventare l'unica scelta dell'uomo, anche per non morire.

era ora che ne sentissi parlare da qualcun' altro, a volte quando faccio questi discorsi mi ridono dietro, ce ne sono di strani al mondo...


vegetariano vive!

manuel szathvary 13.12.05 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,volevo farvi notare una cosa riguardo allo spreco dell'acqua. Come ha sempre detto beppe nei suoi spettacoli in italia si usa acqua potabile per scaricare i nostri "prodotti fisiologici". Il che è assurdo. Ma la cosa ancora più ridicola è che non c'è limte alla vergogna. Siete mai andati in bagno all'autogrill? Appena fate per calarvi le braghe un simpatico sensore attiva lo sciacquone: è per l'igiene, ovviamente, peccato che tutto intorno al water ci siano spesso cose irripetibili, e non solo intorno. Si comincia a fare pipì, ma se non si ha il coraggio di sedersi per evitare di perdere istantaneamente nella tazza le proprie parti basse, al primo movimento riparte lo sciaquone, infradiciando le gambe. Quando ci si tira su le mutade parte un'altra volta e l'ultima quando si apre la porta. Quattro in tutto per un po' di pipì o popò. Fate il calcolo di quanti litri di acqua sprecata, io non ne ho la forza. Già che ci sono faccio una domanda purtroppo senza risposta: ma perchè chi sporca non si degna di puire? Vuol forse essere un monito per i posteri lasciar merda ovunque? Chissà.
Laura

laura jelenkovich 13.12.05 00:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
volevo dire che l' acqua e' un bene di tutti,e' un diritto e non un prodotto da poter vendere solo a chi se lo puo' permettere.
Dobbiamo fare qualcosa contro la privatizzazione dell'acqua.Se passa la privatizzazione dell' acqua siamo tutti in ostaggio di aziende private che mirano sicuramente al profitto.
Sta' andando in voga per i comuni la privatizzazione dell' acqua,e la cosa tragica e' che i comuni sono convinti che mantenendo la maggioranza in queste s.p.a. possano comandare,ma e' gia' successo (vedi Arezzo) che con espedienti legali poi chi comanda e' in definitiva il privato.

BISOGNA FARE QUALCOSAAAA!
ma che diavolo hanno i nostri dipendenti sindaci...prosciutto negli occhi??
Svegliatevi sindaci dei comuni che vogliono privatizzare l'acqua..a voi sembra di fare un guadagno in termini economici perche' le casse comunali son vuote ma la privatizzazione e' la tomba dei comuni e dei cittadini.

attilio rivano 02.12.05 18:49| 
 |
Rispondi al commento

SCIE CHIMICHE

ecco un problema che nessuno affronta neanche Beppe, il problema delle SCIE CHIMICHE l'unico che ne parla è il sito
http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza
praticamente in esclusiva

giuseppe resoli 28.11.05 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
volevo fare notare che per produrre un chilogrammo di carne sono necessari fino a 100'000 litri d'acqua. Ovvero se la dieta fosse principalmente vegetariana non se ne sprecherebbe così tanta per l'allevamento animale.
Allo stesso modo le risorse vegetali (cereali e legumi) prodotte oggi sulla terra, sfamerebbero fino a 11 miliardi di persone. I vegetariani in Italia sono ormai il 9.5% (Eurispes 2005), ma possiamo fare di più: scegliere di non uccidere può diventare l'unica scelta dell'uomo, anche per non morire.

Angelo C. 25.11.05 02:16| 
 |
Rispondi al commento

Inviamola proposta di ordine del giorno che accompagnava il comunicato già pubblicato. www.seme2005.it
IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA

PREMESSO CHE,
L’ACQUA E’ UN BENE PUBBLICO E TALE DEVE RESTARE;

CONSIDERATO CHE,

DAL 1989, DOPO LE NOTE VICENDE DEI POZZI DI LUFRANO E DELL’ACQUA GIALLA, LA POPOLAZIONE CAMPANA HA COMINCIATO A COMPRARE SISTEMATICAMENTE ACQUA “MINERALE NATURALE” CONTENUTA IN BOTTIGLIE DI PLASTICA;

VISTO CHE,

LA STRAGRANDE PARTE DELLA CITTADINANZA, A CAUSA DI RESIDUI CALCAREI E DI METALLI SOLIDI CHE SI RISCONTRANO NELL’ACQUA EROGATA DAI RUBINETTI E NONOSTANTE LA CONCLAMATA ED ACCERTATA POTABILITA’ DELLA STESSA, CONTINUA AD ACQUISTARE QUELLA IMBOTTIGLIATA IN CONTENITORI DI PLASTICA;

VISTO ANCORA CHE,

LE STESSE BOTTIGLIE DI PLASTICA SPESSO NON SONO CONSERVATE SECONDO LE NORME DI LEGGE (PROLUNGATA ESPOSIZIONE AGLI AGENTI ATMOSFERICI CHE PROVOCANO FORTI ESCURSIONI TERMICHE) COMPORTANDO PROBLEMI PER LA SALUTE DEI CITTATINI;

VISTO CHE,

FABBRICARE TONNELLATE DI BOTTIGLIE IN PLASTICA COSTA, SOPRATTUTTO ALL’AMBIENTE. IL NOSTRO PAESE E’ UN GRANDE INQUINATORE IN QUESTO SENSO: L’ITALIA DETIENE IL RECORD MONDIALE DI CONSUMO DI ACQUA MINERALE ( IN MEDIA 172 LITRI PRO CAPITE L’ANNO ), E PRODUCE CIRCA 11 MILIARDI DI LITRI DI ACQUA, E QUINDI UN’ENORME QUANTITA’ DI BOTTIGLIE IN PLASTICA:CIRCA 200.000 TONNELLATE. I MILIONI DI BOTTIGLIE DI PLASTICA UTILIZZATE GIORNALMENTE IN CAMPANIA PER IL 90% FINISCONO IN DISCARICA E NEI CDR INTASANDOLI E COSTITUENDO ANCHE UN PROBLEMA PER I FUTURI INCENERITORI CHE SI ANDRANNO A REALIZZARE NELLA NOSTRA REGIONE;

CONSIDERATO INFINE,

CHE IL COMMERCIO DELLE ACQUE MINERALI HA INTRODOTTO DI FATTO, ORMAI DA PIU’ DI UN DECENNIO, UNA PRIVATIZZAZIONE DI UN BENE PRIMARIO PER I CITTADINI CHE, PER PROCURARSI IL PREZIOSO LIQUIDO, DEVONO RASCHIARE SEMPRE PIU’ I MAGRISSIMI BILANCI FAMILIARI;

PROPONE

LA REALIZZAZIONE DI UN CALMIERE PUBBLICO MEDIANTE LA RACCOLTA DELL’ACQUA ALLE SORGENTI, DA EFFETTUARSI A CURA DELLE AZIENDE PUBBLICHE DI DISTRIBUZIONE CHE DOVRANNO UTILIZZARE CARTONI TETRA PAK (TIPO LATTE) E VENDERE AL PUBBLICO LA STESSA ACQUA A CINQUE CENTESIMI AL LITRO, PER COPRIRE IN PARTE LE SPESE DI IMBUSTAMENTO E TRASPORTO.
LE RESTANTI SPESE E LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RACCOLTA E CONFEZIONAMENTO, ALLE SORGENTI O NEI LORO PRESSI, SONO A CARICO DELLA REGIONE.

carmine attanasio 24.11.05 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Carmine Attanasio portavoce dell'Associazione ambientalista SEME (www.seme2005.it) invia il comunicato stampa e la proposta di ordine del giorno censurata dalla stampa:

L’ACQUA E’ GIA’ STATA “PRIVATIZZATA” DA OLTRE QUINDICI ANNI: GENNARO VARRIALE E FRANCO VISAGGIO, RISPETTIVAMENTE PRESIDENTE E VICEPRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE AMBIENTALISTA “SEME”, CONSEGNANO UN ORDINE DEL GIORNO AL CAPOGRUPPO DI RIFONDAZIONE COMUNISTA VITO NOCERA

L’associazione “SEME” approda in Consiglio Regionale sottoponendo a tutti i Consiglieri, attraverso Vito Nocera, un ordine del giorno con il quale si chiede la realizzazione di un calmiere dei prezzi attraverso la raccolta del prezioso liquido alle sorgenti o nei pressi delle stesse, in cartoni tetra pak (tipo latte), da effettuarsi a cura di aziende pubbliche.

Nei fatti, hanno detto Gennaro Varriale e Franco Visaggio nell’ordine del giorno sottoposto all’attenzione del capogruppo del PRC in Consiglio Regionale Vito Nocera, l’acqua è già stata privatizzata da oltre quindici anni considerato che quasi tutte le famiglie campane acquistano acqua minerale naturale in bottiglie di plastica e spendono per questo la media mensile di € 50,00. La cosa più grave – continuano i due esponenti ambientalisti – è che ogni giorno milioni di bottiglie di plastica vanno a intasare CDR e discariche abusive. La nostra proposta – affermano Varriale e Visaggio – è quella di far raccogliere, dalle aziende pubbliche, l’acqua alle sorgenti o nei loro pressi e far vendere la stessa a 5 centesimi al litro creando così un calmiere e ponendo un freno alle speculazioni che si fanno su di un bene che dovrebbe essere alla portata di tutti. L’uso del tetra pak per la conservazione e la commercializzazione dell’acqua – concludono i due esponenti dell’associazione ambientalista – eliminerebbe definitivamente l’enorme problema derivante dalla produzione di miliardi di bottiglie di plastica.

Napoli, 19 Novembre 2005


IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA

Carmine Attanasio 22.11.05 23:24| 
 |
Rispondi al commento

ricevo ed inoltro


Il 23 novembre 2004 si deliberava nell'ambito dell'assemblea del Consorzio dei Comuni di Napoli - Caserta A.T.O. 2 la privatizzazione dell'acqua e dei servizi ad essa connessa.
A seguito di numerose sollecitazioni dell'opinione pubblica ancora aspettiamo una chiara posizione politica per l'annullamento della stessa delibera che prevede la dismissione totale del controllo pubblico sull'acqua, su un diritto umano fondamentale inalienabile così come sancito dalla comunità europea.

Domani 23 novembre 2005 alle ore 11,00 presso l'Istituto Studi Filosofici Serra di Cassano Conferenza Stampa di Alex Zanotelli su "L'Acqua è merce di scambio o fonte di vita?. L'acqua e la privatizzazione dei servizi".

Vi prego di dare la massima diffusione a giornalisti amici del comunicato su riportato. Certo della vostra partecipazione anche come parte della testimonianza dell'azione non violenta per il ritiro della delibera vi invio un cordiale saluto Salvatore Carnevale

maria da napoli 22.11.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

ricevo ed inoltro


Il 23 novembre 2004 si deliberava nell'ambito dell'assemblea del Consorzio dei Comuni di Napoli - Caserta A.T.O. 2 la privatizzazione dell'acqua e dei servizi ad essa connessa.
A seguito di numerose sollecitazioni dell'opinione pubblica ancora aspettiamo una chiara posizione politica per l'annullamento della stessa delibera che prevede la dismissione totale del controllo pubblico sull'acqua, su un diritto umano fondamentale inalienabile così come sancito dalla comunità europea.

Domani 23 novembre 2005 alle ore 11,00 presso l'Istituto Studi Filosofici Serra di Cassano Conferenza Stampa di Alex Zanotelli su "L'Acqua è merce di scambio o fonte di vita?. L'acqua e la privatizzazione dei servizi".

Vi prego di dare la massima diffusione a giornalisti amici del comunicato su riportato. Certo della vostra partecipazione anche come parte della testimonianza dell'azione non violenta per il ritiro della delibera vi invio un cordiale saluto Salvatore Carnevale

maria da napoli 22.11.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

per capire di chi è l'acqua bisogna rivedersi il film Dersu Uzala.Il cacciatore siberiano sosteneva che l'acqua è di tutti ed è immorale farsi pagare anche solo per portare dell'acqua a qualcuno. Risparmiare acqua è bene ma se calano i consumi aumenta il prezzo del canone fisso. Consiglio a tutti di farsi una cisterna d'acqua al posto della taverna, meno acqua usi meno paghi, e l'acqua piovana riutilizzata (che scarichi) non paga canone di depurazione. Chiaro?

luigi verardo 18.11.05 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Quella dell'acqua è la lotta contro un paese che sta svendendo tutto ai capitalisti di turno, e agli amici degli amici degli amici...dalle autostrade...adesso alle strade statali...
Siamo alla vigilia della fine...fermiamoli prima che sia troppo tardi...!!!
Ne abbiamo piene le scatole di questi affaristi di destra e di sinistra... Il buon senso non ha un colore politico...liberiamoci presto di questa pletora di incapaci e di ladri....e liberiamoci anche dalle etichette politiche che questi sciagurati personaggi ci hanno per troppo tempo imposte...
IL TEATRINO DELLA DESTRA E DELLA SINISTRA E' FINITO !!!!
Questi loschi apparati ci costano troppo...facciamo una riforma elettorale di iniziativa popolare e mandiamoli tutti a casa....tutti da Rauti a Bertinotti... altro che acqua privatizzata.... LA SOVRANITA'...COSì COME L'ACQUA... APPARTIENE AL POPOLO ...E NON ALL'ENI E NEPPURE AL NANO, DI DESTRA O DI SINISTRA, DI TURNO !!!

Giusepe Balsamo 09.11.05 00:33| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua è un bene primario.
Se manca un mezzo sbagliato per ottenerla è quello di privatizzarla.
La privatizzazione,al massimo forse può interessare un mercato ideale in cui non ci siano,nè possano formarsi,posizioni dominanti.
Ricordiamoci che la mafia è nata per controllare i pozzi privati.Solo poi si è data a traffici più lucrosi.
E in Sicilia l'acqua è ancora un problema.
Pierluca Meregalli

Pierluca Meregalli 06.11.05 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Vi racconto come funziona nell'avanzatissima Toscana. La gestione dell'acqua è stata data in gestione a Publiacqua, una società privata. Nel momento in cui vi scrivo mi sale il sangue al cervello dalla rabbia. Nei comuni del chianti e in particolare a San Casciano, d'estate si può rimanere senz'acqua anche per una settimana di seguito senza preavviso e senza che nessuno si degni di organizzare rifornimenti alternativi (autobotti per esempio). Quando chiami il numero verde le operatrici ti rispondo "a San Casciano siete in troppi, l'acqua non basta per tutti, non si può fare nulla". I disservizi sono continui e nessuno si degna di scusarsi. Nell'estate del 2003 andavo a prendere l'acqua ad una fonte a 4 km dal paese e incontravo famiglie intere a fare la fila con le taniche. SIAMO NEL 2005 non nel medioevo!!! E' una vergogna!! Non se ne può più! Con l'acqua non posso fare come un operatore di telefonino che se non mni piace cambio. Se quelli l'acqua non te la danno non puoi fare nulla!
Ricordiamoci che quando ci arriva a casa la bolletta noi noi paghiamo un "consumo" ma un servizio, e se questo servizio non viene erogato come si deve bisognerebbe mettersi d'accordo, non pagare e chiedere i danni. Non possiamo farla passare liscia a questa gente. Ci stanno rovinando la vita!!!

Alessio Sesselego 01.11.05 09:38| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua è un bene primario. è come l'aria, senza, dopo un pò, si muore.

Il vivere collettivo è giustificato, in origine, proprio dalla cooperazione tra individui nel procurarsi l'essenziale per la sopravvivenza.

Applicando questo concetto ne deriva che l'acqua, come l'aria, come il cibo andrebbero protetti, e resi disponibili per tutti, ma evidentemente non è così.

Che se ne sprechi tanta...vero, anzi verissimo, ma la soluzione non è renderla costosa, ma educare.
Ce lo siamo scordati?

Ma come, per indurci a comprare un detersivo o un pannolino, si spendono miliardi di euro e per consumare meno acqua no?

Ma l'educazione, quella vera, passa per la conoscenza. E la conoscenza è merce troppo pericolosa per poterla distribuire liberamente.

Sembra proprio un circolo vizioso.

Ma la soluzione esiste e si chiama rivoluzione individuale. Ciscuno cambia se stesso ed il proprio stile di vita. Serve un grande passaparola come questo. Serve informazione, confronto, scambio, ciò che accadeva nella vita sociale quando non eravamo tutti troppo indaffarati a sopravvivere o a galleggiare nel mare di obblighi sociali ed imitativi nei quali invece stiamo affogando.

Rinascita personale, rinascimento umano. Questa è la via di uscita.

Renzo Chirulli 31.10.05 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei apportare un piccolo contributo al dibattito sull'oro azzurro:
- L'acqua che utilizziamo viene dal cielo e cade quando ne ha voglia, anche se poi ce la ritroviamo nei fiumi, nel sottosuolo e dobbiamo costruire le dighe, le condotte, i pozzi per pomparla in superficie e poi i potabilizzatori e i depuratori.
- L'acqua é un bene indispensabile per la vita, a noi umani ne bastano pochi litri al giorno (meno di 20 per sopravvivere, meno di 100 per vivere comodamente, peró in Italia se ne consumano in media oltre 300 litri, tanto costa poco!), un ettaro di pomodori necessita 4000000 di litri all'anno, un sistema di irrigazione antiquato puó consumare oltre 10000000 litri l’anno (perché modernizzarlo? Tanto l’acqua é gratis!) e noi i pomodori li paghiamo, una centrale termica puó consumare qualche miliardo di litri l'anno (e la luce si paga, cara!).
-I nostri ecosistemi fluviali sono oggi pesantemente compromessi a causa delle eccessive detrazioni, dall'inquinamento agricolo, urbano, industriale, o della regolazione da parte delle dighe.
L'acqua é sí un bene pubblico, ma necessita di infrastrutture costose per poter essere disponibile e viene utilizzata in gran parte per usi produttivi privati che ne traggono un beneficio economico (in Italia oltre il 60% del consumo totale). Il consumo d'acqua per usi domestici in Italia é il maggiore d'Europa, consumiamo il doppio di un cittadino Tedesco (che paga l'acqua del rubinetto piú cara della nostra ma la puó bere senza andare al supermercato), distribuiamo l’acqua quasi gratis per usi produttivi privati e ci lamentiamo della siccitá. Questo perché l'acqua deve essere tanta, gratis e per tutti. In veritá l'acqua, come l'energia, é scarsa, costa denaro e gioca un ruolo sociale e ecologico fondamentale. Il suo uso dev'essere limitato, efficace e socialmente equo. Un prezzo adeguato dell'acqua potrebbe stimolarne un uso piú efficiente e limitarne gli sprechi, senza per questo parlare di speculazione.

Davide Deidda 28.10.05 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Volevo solo segnalare la presenza di una tecnologia semplicissima e ampiamente testata che permette di produrre dall' energia solare acqua dolce ed energia elettrica.
Questa tecnica e´ detta dei "SOLAR PONDS".
( http://www.solarpond.utep.edu/ )
Con ampi spazi, acqua di mare e tanto sole (cioe´ perfetto per l'Africa e tanti paesi poveri) si potrebbero veramente cambiare le sorti del mondo GIA' ADESSO.
Basterebbe volerlo ....

PS: Anche in Italia e´ stato proposto un impianto desalinizzatore solare presso la citta´ di Cagliari

giuseppe fiorentino 25.10.05 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Sono una cittadina di Castellammare di Stabia (NA),un'ibrida città di mare che da decenni soffre di un pericoloso e logorante sdoppiamento di personalità..Sirena della costa,come la cugina Sorrento,o polo fortemente urbanizzato a vocazione industriale?Per non parlare delle sue terme misconosciute e delle28fonti di acque minerali e terapeutiche,alle quali sono più affezionati certi sparuti omeopati tedeschi alla ricerca di mete alternative, piuttosto che noi,suoi figli assetati sotto le sue28mammelle distanti..
Noi stiamo in mezzo a questa lunga e tenace schizofrenia.Del popolo, dell'Amministrazione, dei vertici..questo proprio non lo so,quindi ho finito per dare a Lei la colpa del suo male,non sapendo a chi altri indirizzare questa triste diagnosi.Intanto le molte possibilità in cui la città si divideva e barcamenava malamente si stanno irrimediabilmente assottigliando:il lungo litorale dinanzi al centro cittadino è terra di malaria ed epatiti,terra di pescatori coraggiosi e cani randagi,grosso divieto di balneazione che ci impedisce di uscire in pareo come a Cannes o a Saint tropez, anche perchè trionfa nel bel mezzo della sabbia imbrattata la fetida foce del Sarno, fiume più inquinato d'Europa,almeno fino a prova contraria..Ma c'è molto altro tratto di costa,dunque il disagio è stato superato con stoica imperturbabilità dai cittadini.
Purtroppo proseguendo verso sud,verso il primo inarcarsi della penisola sorrentina, ci sono i cantieri e la corderia, zona industriale,dunque militare,comunque inaccesibile al pubblico,poi le banchine per i motoscafi del bel mondo..resta ben poco,considerando il fatto che il resto sono tutti lidi privati,legalmente concessi a simpatici imprenditori mecenati dell'Alto Bagno..esempio:sola discesa a mare(senza nessun altro servizio se non quello di lasciarti passare)può arrivare a costare oltre i 10€!Ora spiagge libere ce ne sono2o3 e sono mire di nuovi alberghi..ma per ospitare chi?E noi per fare un bagno dovremmo prenotare??!

Fabiana Cuomo 23.10.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei fare una proposta, non so quanto fattibile, comunque lancio il sasso....e non nascondo la mano!!!
Oltre a condividere il fatto che l'acqua corrente deve arrivare a tutti e senza speculazioni sorta perche' lo Stato, invece di dare in concessione "agli amici degli amici", le fonti di acqua minerali presenti sul territorio nazionale, tra l'altro ricavandoci pochissimo (e possiamo immaginare bene prche'!!!) non gestissce direttamente queste fonti vendento le acque minerali ad un prezzo che sia uguale in tutta Italia?
Una sorta di "Ministero delle acque minerali" per cui, togliendo la concesione ai pochi privilegiati privati, il prezzo di ogni singolo litro di acqua di qualsiasi fonte, sarebbe disponibile ad un prezzo politico per ogni cittadino. Perche' invece di essere mercante di morte, e di fatto lo e' con il monopolio dei tabacchi, lo Stato non diventa sostenitore di vita rendendo accesibile a tutti cio' che e' realmente patrimonio di ogni cittadino?
Tra l'altro, in alcune condizioni sia fisiologiche che patologiche, assumere un certo tipo di acqua e' quasi d'obbligo e mi sembra assurdo doverla pagare a peso d'oro visto che e' di tutti.
Dovrebbe esserci un elenco delle acque di tutte le fonti Italiane con le relative caratteristiche chimico-fisiche e la funzione prevalente svolta nell'organismo si' che ogni cittadino possa fruirne liberamente e ad un prezzo politico.
Grazie
Raffaella Moretti

Raffaella Moretti 20.10.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Avete visto Domenica quelli che il calcio?la trasmissione di Simone Ventura?
Mentre si parlava di Gossip, di calcio e di pettegolezzi vari improvvisamente è spuntato un avvocato ke parlava di acqua minerale in bottiglia????ke caxxo c'entrava?nell'intervista venivano elogiate la qualità e le proprietà salutari dell'acqua minerale,la sua purezza e la sua sicurezza per l'organismo grazie ai controlli effettuati(come tutti sappiamo invece i controlli per la minerale sono inferiori del 70% rispetto a quella del "rubinetto")!
Ad un certo punto un signore chiedeva come mai in Italia non si bevesse l'acqua del rubinetto così come in Svizzera (aggiungo anche la Germania)e ci fosse quindi il più alto consummo di minerale rispetto agli altri paesi!
Bhè l'avvocato risponde che sono due acque diverse e nn bisogna confonderle poichè la minerale sgorga dalle fonti delle montagne mentre l'acqua per uso domestico proviene da fiumi o bacini(ma sbaglio o non è sempre la stessa acqua ke cade dal cielo????!
Conclude, infine dicendo che nonostante ciò l'acqua della rete è sempre una buona acqua nel senso che è potabile e quindi si può usare per lavarsi e pulire, ma non la si può paragonare alla minerale:insomma un elogio e una spinta al consumo dell'acQua in bottiglia!
Credo che risulti evidente come le multinazionali dell'acqua influenzino nn solo le legislazioni bnazionali, ma MANIPOLANO L'INFORMAZIONE a loro piacimento!
NON CI FACCIAMO FREGARE.........!!!!


andrea laversa 18.10.05 12:03| 
 |
Rispondi al commento

...ricercatore Ighina, 90 anni, aiutante di Marconi. Di Marconi tutti sappiamo che a 20 anni inventò la radio. Ma poi? Marconi, spiega Ighina, aveva scoperto l’energia attraverso la forma a spirale del guscio della lumaca.

- Preso da report -

PIERLUIGI IGHINA – Assistente di G. Marconi e ricercatore.

Girando a destra, noi possiamo capovolgere la lumaca. Va sempre a destra ma capovolgendola va a sinistra. E quindi noi viviamo dentro a questa riflessione di energia. Dal sole parte una spirale gialla. Dalla terra, invece, una spirale blu. Proseguendo gli studi di Marconi, Ighina ha determinato che l’incontro dell’energia solare, positiva, e dell’energia terrestre, negativa, forma la materia. La pulsazione di questo incontro è l’atomo magnetico...continua

- Questa grande persona Ighina (che mi sembra ormai riposi in pace) ha trovato un sistema semplice per far piovere o far smettere di piovere ha pure dimostrato con uno strumento la molto probabile veridicità dei fatti guardate il testo integrale per capire meglio e il breve video a questi link... BEPPE SE NE SAPESSI DI PIU' TIENICI INFORMATI PERCHE' NATURALMENTE I MEDIA NON NE PARLANO E TU SAI MEGLIO DI ME CHE "SE NON SE NE PARLA, NON ESISTE!"

http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=71
http://www.report.rai.it/ram/vid19981105.ram

Luca Molinelli 17.10.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

neanche ci immaginiamo quante persone fanno guerra per l' acqua e muoiono per questo MA, alla Talpa, programma peraltro di interesse della comunità ed estrema necessità nonche utilità alla vita delle persone, fanno fare una prova in cui in un tempo dato una persona deve bere 60 litri di acqua; i concorrenti l' anno fatto fino a VOMITARE!
Sapete dove si svolge il programma? IN KENYA!
Sapete dove si trova il Kenya?
in AFRICA!
ma porca puttana, non si sa neanche quanti si ammalano, si ammazzano per bere una goccia di acqua rossa e noi italiani( che tanto possiamo farne figure pietose, giusto una volta ogni tanto!)andiamo là a fare una cosa assolutamente inutile perchè non necessaria alla sopravvivenza, come per dire"guarda noi, possiamo bere acqua potabile fino a vomitare!".
Ma questo è un insulto bello e buono che gli siamo andati a fare davanti agli occhi a sti kenyani..
Ma è una cosa vergognosa fatta da un programma altrettanto insulso che come molti altri...
DEVE MORIRE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Fate girare per esonerarvi e distinguervi da quella feccia.
Erika Aldrovandi, 20 anni

erika aldrovandi 15.10.05 19:14| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto qualcosa di interessante su Beppe ed invito anche lui ed i navigatori a farlo
BEPPE GRILLO: IL "BUFFONE DI CORTE" DEL MONDIALISMO in
http://www.fottilitalia.com/
che si definisce "il sito anti-italiano per eccellenza"


skyuno@tin.it

michele rinaldi 14.10.05 08:58| 
 |
Rispondi al commento

ti invito a visitare la sezione forum del sito www.rossorosso.it del PdCI di Roccasecca - FR. Vi sono pubblicati gli atti del convegno sull'emergenza acqua tenutosi a Roccasecca, appunto, nel febbraio scorso. Abbiamo promosso convegni e seminari sulla privatizzazione dei servizi essenziali, sui GATS, sulla globalizzazione, ed abbiamo potuto constatare che tali argomenti sono assolutamente trasversali rispetto alla politica (scritta con la P)ed ogni sforzo per iniziative orientate alla equità (dei diritti, delle opportunità ecc.) è vanificato dalla pervasività delle attività di lobbies affaristiche senza scrupoli. Gli ostacoli opposti dai media alla diffusione di tali notizie ne è l'esempio più lampante.
Complimenti per quest'area 'franca' che ci da l'opportunità di sapere che c'è una consapevolezza più ampia di quanto si pensi. Dislocare il dibattito in rete (o nelle piazze se si vuole) ci è ancora consentito, e noi abbiamo il dovere di approfittarne.
Umberto Eco in un articolo di qualche tempo fa sosteneva che "si deve tornare ad un sano 'porta a porta' e disertare i 'porta a porta' televisivi". un abbraccio fraterno, daniele.

daniele baldassarre 12.10.05 23:28| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
leggendo "Stato di Paura" - di M. Crichton, mi sono chiesto quale sia il tuo orientamento sulle conclusioni e sulle soluzioni prospettate dall'autore per affrontare i problemi legati all'ambiente.
grazie.
statti bene

fulvio venditti Commentatore in marcia al V2day 08.10.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Non so altrove ma al mio paese (in provincia di Savona) l'acqua si paga così:
quando fai il contratto devi indovinare quanto ne consumerai: se sarai stato oculato risparmiando questo bene prezioso dovrai comunque pagare quello che hai dichiarato; se invece ne avrai consumato di più, l'esubero verrà conteggiato a prezzo maggiorato e stramaggiorato. La vergogna di tutta la faccenda consiste nel fatto che la fatturazione te la fanno semestralmente e quindi, comunque la giri ( la faccenda ), sempre nello stesso posto lo prendi. Mi piacerebbe sapere se questo sitema è praticato in tutto il "Paese delle banane" o solo dalle mie parti.

Carlo Buccitti 07.10.05 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera
Scrivo da Sabaudia ex bel paese all'interno di un parco nazionale.
Sabaudia ha la caratteristica di avere una meraviglia di lago costiero,che è poi il motivo per cui si è deciso di protteggere il suo ambiente con un parco,infatti è una delle poche zone umide del mediterraneo.Succede che il lago ha due canali di comunicazione col mare e quello di Paola,sotto la famosa Torre è stato costruito dai romani,duemila anni fa.
I papi hanno ,nei secoli, curato la manutenzione e costruito delle chiuse per regolare le maree.Una di queste del 1700 è stata demolita due anni fa e la stessa sorte potrebbe toccare agli argini di epoca romana se l'assurdo progetto di costruire un porto andasse avanti,il tutto nonostante la zona sia sotto svariati vincoli ambientali ed archeologici.Non bisogna sottovalutare che il litorale di Sabaudia è pesantemente sotto erosione e che questi lavori potrebbero peggiorare la situazione.
Non sarebbe più saggio ed economicamente efficace allargare il parco al mare antistante favorendo il ripopolamento delle specie locali e favorendo il turismo della pescva sportiva?

gino saporetti 07.10.05 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Se vi interessano tecniche per il risparmio energetico e dell'acqua, e che siano a basso costo, vi consiglio di andare su:
http://www.commercioetico.it/

A proposito l'Amazzonia sta morendo!
Documentatevi su
http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idpa=&idc=2&ida=&idt=&idart=3816

Ciao

Barbara

Barbara Mensi 07.10.05 15:05| 
 |
Rispondi al commento

complimeti, per le tematch trattate, credo ceh quest dei blog sia 'unica vera forma di comunicazione.

Domeico DI Marzo 06.10.05 19:47| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe Grillo,
ti scriviamo per ringraziarti di un'evento importante avvenuto tramite il tuo aiuto.
Qualche mese fa (febbraio scorso) sei stato a fare uno spettacolo a Fabriano ed hai dato modo a Marcello e me (Goffredo) di poter intervenire pubblicamente come ospiti sopra il palco per l'intera serata.
Avevamo iniziato proprio quei giorni uno sciopero della fame contro una stazione radio base per telefonia cellulare della Vodafone Omnitel installata in prossimità della nostra casa e non solo.
Lo sciopero è durato per ben 18 giorni (fino al collasso,dovuto anche alle intemperie).
A seguito dell'intervento che ci hai fatto fare è esploso un caso mediatico a livello regionale, che ci ha permesso, insieme a blocchi stradali da parte del comitato "Trasparenza Cittadina" nato per l'occasione, di raggiungere una votazione unanime, da parte del fortemente restio Consiglio Comunale di Sassoferrato (AN), per la delocalizzazine di tutti gli impianti presenti e futuri.
La questione è ancora lungi dall'essere risolta (la solita inadempienza, nonostante tutto, della ormai fortemente inefficiente delega politica).
Riprenderemo le azioni di qui a poco, poichè questa è una classica battaglia contro lo strapotere annulllante delle multinazionali ultra-liberiste.
Siamo anche riusciti a strappare, sia dagli organi politici della Provincia che quelli della Regione, un intento a modificare la Legge Regionale sulle Telecomunicazioni.
Vedremo ora, che il tono mediatico si è abbassato, se tutte queste parole ed impegnative politiche avranno seguito.
Nel frattempo seguiamo con interesse le tue magistrali conferenze.
Viva la corretta informazione e chi si sforza e rischia perchè ancora esista.
I tuoi fratelli di lotta
Goffredo e Marcello


Personalmente ho anche aperto un blog di controinformazione di cui, se ritenessi mai opportuno farci un salto ( scusami, ma qualche volta bisogna osare) e rilasciarci un commento, ti mando il link:
Http://Geoginnico.splinder.com

Goffrdo Bellocchi 05.10.05 03:42| 
 |
Rispondi al commento

Sfiga che non ci sarò più, ma già da adesso mi ride anche il culo a pensare che quando gli arabi avranno finito il petrolio gli venderemo l'acqua altro che a 100$ al barile....tra l'altro sta già sucedendo, gli Israeliani ai Palestinesi l'acqua non glie la fanno neanche vedere: tirano dei muri tra loro e le sorgenti, come nel Goolan,,,

F.Daniele 03.10.05 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Sono venuto a conoscenza che ci sono delle aziende che imbottigliano l'acqua che scorre in acquedotto e la vendono come acqua minerale (IL TUTTO IN MANIERA LEGALE).

Qualcuno sa per certa questa notizia?

Se fosse vero è giustificato il detto: NON CI SAREBBERO I DRITTI SE NON CI FOSSERO I FESSI!!!

Continuiamo a comprare l'acqua minerale al costo di mille volte quella dell'acquedotto! Quanto siamo pecoroni!!!

Giovanni Pichichero 03.10.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Contentissimo delle cose che si organizzeranno sull’acqua.
Proposta: non limitarsi, nel nostro privato, a esporre una bottiglia vuota, con su scritto "No alla privatizzazione dell'acqua", fuori dalla finestra. Ma scegliere in più, dove possibile e comodo, un albero da adottare.
Incateniamoci (senza catene!) a una pianta, un luogo, un contesto significativo, dove ripeteremo i temi e i segni della campagna che ci interessa. Sarà una locandina proposta in formato, segni e disegni, che da un centro proponente sarà fatta propria da tanti singoli (piccoli gruppi?) locali, sarà la libera creatività di ciascuno, in ogni modo l’albero sarà il testimone pubblico del nostro interesse e parlerà di noi. Curiamolo, interveniamo con attenzione, grazia e stile. E non occupiamoci solo della guerriglia semantica. La nostra azione diventerà non solo una occasionale momentanea “occupazione strumentale sensazionale” di un oggetto (bene?) privato/pubblico, se saremo capaci di trattare con amore il singolo soggetto albero scelto, occupandoci proprio di lui e della sua posizione, oltre che di quel che potrebbe dare e significare per noi e per tutti. Rimanendogli fedele.

Giuseppe Boscarino 03.10.05 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Bush e Katrina in sintesi

finanziaria:

+ Mercato - Stato = zero New Orleans.

E pubblicitaria:

No Kyoto? No New Orleans.

andrea soderi 02.10.05 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Nel libro di Ron Suskind "i segreti della Casa Bianca" Paul O'Neill ex ministro del Tesoro USA dell'amministrazione Bush racconta di come la Casa Bianca la pensa su questa cosa.
In un capitolo O'Neill racconta di un suo viaggio in africa con Bono(U2) per sensibilizzare l'amministrazione sui problemi del continente nero; salute, cibo, sicurezza....e acqua.
O'Neill viene a conoscenza che ci sono dei progetti "seri" ma si accorge che questi progetti equivalgono all'impianto di Cleveland o Detroit (sarebbe come dare un'astronave ad uno zulu)dal costo di 2 Miliardi di dollari!
Deluso si mette a cercare una soluzione tangibile e la trova in un sistema di pozzi e distribuzione di acqua (25 milioni si dollari)che darebbe una vera mano alla popolazione nera.
O'Neill rende conto di queste cose a Condoleeza Rice e a Colin Powell. Powell spense gli entusiasmi del ministro dicendogli che bisognava considerare la SITUAZIONE GEOPOLITICA "al dipartimento di stato il ritornello è che l'acqua potabile, sempre più scarsa in molte parti del mondo, sarebbe diventata IL PETROLIO DEL XXI secolo"!
Ebbene questo è quello che pensa l'attuale amministrazione del 'più potente paese del mondo'sulla questione acqua.
p.s. O'Neill è stato bruscamente allontanato dal suo incarico perchè mal visto dal presidente e dai suoi collaboratori.

Valerio Chiapparelli 01.10.05 22:27| 
 |
Rispondi al commento

Per il BENE ACQUA posso solo dire che da poco è mancato un uomo che ha dedicato parte della sua vita ai problemi dell'acqua: un bene prezioso.
Scrivo quanto diceva Lui, Renzo Franzin, su un articolo del MANIFESTo qualche anno fa: sanno bene le poche comunità che vivono ancora in un rapporto osmotico con l'acqua che essa, oltre un limite stabilito dalla natura e non dall'uomo, non può essere governata ma in una qualche misura solo ACCOLTA. Pensieri che assumono carattere di monito, considerata la cresciuta frequenza dei disastri a livello europeo e mondiale.
Ciao Renzo.

Marco Stevanin 30.09.05 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Oggi finalmente anche gli Stati uniti si sono accorti che l'inquinamento e' un problema mondiale e riguarda tutti (compresi loro!!!!!!). La NASA si e' accorta, meglio tardi che mai, che il Polo Nord si sta sciogliendo (glielo avranno suggerito gli orsi bianchi). Chissa' che non ci sia finalmente una svolta..... forse che firmeranno il trattato di Kioto???????

Riccardo Bianchi 30.09.05 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiamo Angelo e ti scrivo dall’estrema provincia di Brescia al confine con il Trentino. Abito a Idro dove c’è un bellissimo lago (Eridio) che regolarmente viene prosciugato dalla regione Lombardia per accontentare gli agricoltori della bassa bresciana e mantovano che hanno in massa votato per questa giunta in cambio dell’utilizzo dell’acqua del lago senza limiti. I comuni rivieraschi invece alle ultime elezioni regionali non hanno votato in segno di protesta.
Per fortuna ci sono quindici ettari di terreno paludoso a 370 metri di media sul livello del mare, dove trovano rifugio molluschi,animali acquatici e uccelli migratori,ci sono rare associazioni vegetali. È il "Sic",Sito di interesse comunitario,di Baitoni,sulla sponda trentina del lago d’Idro nel Comune di Bondone. La Commissione Ambiente della UE lo sta tenendo d’occhio, perché rischia di essere snaturato dall’attività umana. Le diverse e rarissime specie di invertebrati non ce la fanno a correre su e giù dalla riva seguendo i ballerini livelli del lago; peggio ancora per la vegetazione. Con l’obiettivo di riportare il livello del lago a quota 368,50 almeno all’inizio di giugno, si sono incontrati questo martedì a Roma, ospiti del Ministero dell’ambiente, Comuni rivieraschi, Comunità montana e Province, Regione, agricoltori,Consorzio del Medio Chiese, autorità di bacino, Rid, Arpa ed Enel. Tutti intorno a un tavolo, con il respondabile ministeriale della direzione Qualità della vita dottor Mascazzini determinato a raggiungere un accordo sulla quasi secolare "guerra dell’acqua" che coinvolge l’Eridio. Il rischio di pesanti sanzioni comunitarie per quanto sta accadendo al Sic di Baitoni esige una risposta, e alla svelta. «Il problema è sempre quello: il Registro italiano dighe ha stabilito la quota massima di invaso due metri più in basso di quanto indicato dall’attuale regola, per la dichiarata pericolosità della paleofrana a valle del lago e perché non può funzionare in pieno la galleria degli agricoltori»

ANGELO ARTICO 30.09.05 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Questo post mi fa pensare ad eventi che stanno avvenendo in India. La Coca-Cola company sta da anni prosciugando le risorse idriche di alcune zone rurali del paese, al punto che i cittadini, inferociti, si stanno organizzando spontaneamente in lotte contro l'apertura di nuove centrali. Le "Coke plant" sono talmente diffuse e voraci da aver ridotto intere zone allo stremo.

In un caso, un anno e mezzo fa, la frustrazione derivata da queste pratiche e' riuscita ad impedire l'apertura di un'ennesima fabbrica. Ovviamente, la Coca-Cola ha fatto causa per la riapertura della distilleria, con un comportamento che per me e' solo crudelta'.

C'e' il paradosso che queste zone dell'India sono senza acqua ma hanno la fottuta Coca Cola!! (e un casino di inquinamento in piu').

Uno dei maggiori fotografi indiani ha evidenziato questa situazione con una bellissima foto, esposta in una delle zone piu' trafficate di Chennai. Potete vederla qui:

www.indiaresource.org/news/2005/1077.html

o sul suo sito:

www.sharadhaksar.com

Ovviamente, la Coca Cola ha risposto come un bullo globale, ossia minacciando il fotografo con una querela milionaria.

La situazione e' drammatica, i cittadini esasperati, la polizia li malmena, e la Coca-Cola prospera.

www.indiaresource.org/campaigns/coke/2005/gangaikondan.html

Ettore Pasquini 30.09.05 08:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' iniziata la tortura dell'acqua. Oggi si sono inventati che l'acqua potabile e' il petrolio del futuro. L'acqua non sparisce dal nostro pianeta cosi per magia, ma buona parte magari diventa salata. Io vorrei ricordare che sulla terra nulla si crea e nulla si distrugge e nel caso dell'acqua essa si trasforma per tornare nella sua intima essenza di acqua e non ha intenzione di abbandonarci. Caso mai dovremmo trovare dei sistemi meno costosi per poter attingere all'acqua del mare, ma ovviamente questo non e' conveniente potrebbe implicare problemi politici internazionali (guarda caso). Vergogna a chi ci vuole togliere la possibilita' di poter attingere all'acqua con la motivazione che non c'e' ne abbastanza, ma dite la verita' lo fate solo per il potere, per poter alimentare quelle LOBBY che ancora adesso nel ventunesiomo secolo, ripeto nel ventunesimo secolo, esistono e ci voglio governare con losche trame. VERGOGNA!!!!!

michele gerbino 29.09.05 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
mi stupisce come mai il nostro caro e venerabile Presidente Silvio Berlusconi non abbia pensato di privatizzare pure l'aria.

Jessica Torresan 29.09.05 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Però io mi concedo anche la possibilità di sbagliare, e devo dire che lei lancia un argomento serio e degno di considerazione, cioè lei dice che se le privatizzazioni così sono sbagliate, non vuol per forza dire che non si possano fare in modo diverso, magari con il coinvolgimento dei cittadini, delle associazioni e così via.
E’ una posizione rispettabile, ragionevole, tuttavia io non credo che la soluzione sia questa.
Io penso che si dovrebbe rivedere il rapporto che c’è tra pubblico e privato, smetterla di pensare che privato = delinquente e pubblico = fancazzista imboscato, e trovare il modo con il quale le aziende pubbliche non siano nemiche del cittadino, ma che siano di supporto e di aiuto nella vita di tutti i giorni.
Trovare la maniera di trasformare le aziende pubbliche, da pachidermi burocratici, in aziende snelle e dinamiche, in grado di eliminare le sacche di inefficienza, in grado di essere partner delle imprese per la ricerca e la creazione di benessere. Utopia ???
Beh ci creda o no, l’azienda che ho conosciuto io per oltre 10 – 15 anni è stata questo, soprattutto nell’area di competenza del distaccamento del quale faccio parte. Se questo fosse un processo potrei portare centinaia di testimonianze di imprenditori, costruttori e cittadini a suffragio di ciò che dico. Purtroppo la privatizzazione ha sfasciato il giocattolo e ha dato ancora più forza alle mie convinzioni.
Comunque a disposizione, e in attesa di un suo commento, le porgo cordiali saluti.
Vincenzo.
p.s. Ciao Federico

scusate ma il post era un po' lungo e in una volta sola non ci stava ^__^ sorry !!

vincenzo gitti 29.09.05 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Lo scopo è quello di stancare le nostre riserve nervose, costringendo molti di noi a cercare altre stradei.
Qualcuno va in pensione, magari con una buonuscita congrua, anche se sarebbe rimasto ancora al lavoro, aiutando l’azienda, con la sua esperienza , alla formazione di altri in grado di continuare il suo lavoro.
E’ cosi che aziende come la mia hanno raggiunto livelli di assoluta eccellenza nel proprio campo: attraverso il tramandare di esperienza accumulato in un secolo di onorato servizio.
Avere solo dei co.co.co o dei precari o degli appaltisti da tenere per le palle, aiuta anche dei perfetti incompetenti a dirigere in maniera autoritaria (non autorevole) qualsiasi azienda. In modo da poter “tosare” ben bene qualunque cittadinanza approfittando di patrimoni accumulati dalle collettività, appropriandosene anche con l’aiuto di politici, miopi nel migliore dei casi, se non complici e corrotti nei casi estremi .
E’ facile fare i manager coi soldi degli altri. Nessun privato è in grado di arrivare a quei risultati, per la mancanza di esperienza sul terreno del servizio giorno per giorno, anno per anno, con le conquiste e anche con gli sbagli e tragedie che questo comporta; per la non praticabilità, da parte di chi deve “monetizzare”, della cultura del servizio inteso come tutela di diritti personali inalienabili in una società civile, da garantire sempre e comunque, anche in perdita; per la non possibilità di chi deve ridurre le spese, i costi, li chiami come vuole, per fare formazione in professionalità e sicurezza, per l’inconciliabilità tra il rispetto rigoroso delle regole e l’esigenza, giustissima peraltro in ogni altro campo, di guadagnare il più possibile.
Per questi motivi, per l’esperienza diretta che ho fatto nella vita, in alcuni campi specifici come la sanità (vengo da una famiglia con molti operatori sanitari), l’energia, la scuola (ho una moglie maestra),e i trasporti mi sono convinto che non siano “praticaibili” le privatizzazioni.

vincenzo gitti 29.09.05 00:39| 
 |
Rispondi al commento

X IL SIG. BEPI MENOZZI
La ringrazio innanzitutto per il modo educato e civile di confrontare le sue idee con quelle di Federico e mie.
Fosse possibile sempre un confronto civile, anche tra idee diverse, forse saremmo tutti più in sintonia con ciò che vuole il buon Beppe Grillo da noi quando lancia i suoi post.: scambio di idee e occasione di conoscenza.
Don Milani diceva ai suoi allievi “ogni parola in più che imparate oggi sarà un calcio nel culo in meno che prenderete domani, nella vita.”; io ho cominciato a imparare l’arte della saldatura in una scuola fondata nell’orbita di quelle di Don Milani, Don Facibeni, Don Guiccardini e altri preti di frontiera;
ho imparato lì anche l’arte dell’incontro.
Vede, come ho già detto, sono molti anni che lavoro nel campo del gas e dell’acqua, in tutti questi anni vissuti in vari ambienti di lavoro, ho potuto rilevare che la maggior parte delle persone va a lavorare cercando anche delle gratificazioni dalla sua attività. Io sono stato molto fortunato a poter fare un lavoro che mi piace, che credo anche, perdoni l’immodestia, sia una delle cose che mi viene meno peggio nella vita e che mi ha gratificato, accorgendomi di essereo utile ai miei concittadini perché avevo occasione di risolvere dei problemi concreti per la vita quotidiana delle persone. I manager che stanno “razionalizzando” le aziende pubbliche sanno bene che chi ha superato concorsi, chi deve dimostrare di saper fare, cerca, nell’applicare la propria “arte” (mi passi il termine), una gratificazione; insomma : non si vive di solo stipendio !!
Fanno leva vigliaccamente su questo “orgoglio” per mettere in atto operazioni subdole, tipo togliere piano piano, giorno per giorno, delle competenze a noi che lavoriamo nelle aziende da anni, esternalizzandole, dandole in appalto a vere armate brancaleone dei lavori che invece richiedono personale altamente specializzato. Non importa che poi non sappiano dare delle risposte efficaci, lo scopo non è quello.

vincenzo gitti 29.09.05 00:32| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,
lei ha azzeccato il titolo "ORO AZZURRO".
Dal momento stesso in cui l'acqua viene considerata un diritto dell'umanità ci si rende conto che la maggior parte delle persone nel mondo non ha questo diritto.

"Se non possiamo avere più acqua usiamone meno.."
(dal libro "ACQUA" di Marq De Villiers).

Penso che in futuro imbottiglieremo l'acqua dei depuratori delle acque reflue, naturalmente non saranno impianti come quelli odierni ma io credo che si arriverà a questo.

Per quanto riguarda le guerre per l'acqua , ci sono oggi e ci saranno in futuro, nessuno può ritenersi escluso o al sicuro.


Caro Beppe e cari amici del blog un saluto.

MARCO CAMPISANO 28.09.05 20:35| 
 |
Rispondi al commento

Beppi Menozzi il 28.09.05 17:19

Evidentemente uno dei motivi per cui non ci capiamo è perché: Lei parla di cosa sarebbe opportuno che succedesse (= teoria), io Le sto raccontando cosa sta succedendo (=realtà).

Lei dice:"rende SEMPRE un servizio migliore di un'azienda in regime di monopolio"

Ed è questo che le sto contestando. Nel mio settore non è così e non sarà mai così per un motivo molto semplice. Le "vecchie" aziende municipalizzate erano gestite con criteri privatistici, il che portava i lavoratori a dare il meglio di sé, col vantaggio che erano pubbliche ragion per cui nemmeno la dirigenza voleva "problemi"(per ovvi motivi politici). Risultato: col concorso di queste due componenti le aziende lavoravano bene, dando un buon servizio a costi accessibili con pochissimi sprechi.

Con la creazione dei grossi gruppi (solo teoricamente in concorrenza tra loro) si stanno creando quattro effetti negativi: la ricerca del risparmio a tutti i costi per massimizzare il profitto ha levato di mezzo una buona fetta di qualità del servizio; i lavoratori sono diventati puri e semplici numeri, non sono più protagonisti nell'ambito del proprio lavoro e tendono a fare il minimo indispensabile; ai dirigenti non interessa l'andamento del servizio, ma solo aggredire il mercato con sfolgoranti campagne pubblicitarie che migliorino l'immagine, senza curarsi troppo della sostanza. Le tariffe aumentano costantemente e più rapidamente di prima.

Non sto dicendo che le cose non possono migliorare. Sto dicendo che adesso è così e all'orizzonte non intravvedo nè a breve nè a medio termine dei cambiamenti positivi.
E il motivo più importante, mi creda, è la ricerca esclusiva del PROFITTO. Sa cosa vuol dire esclusiva? Che per il profitto si arriva a sacrificare TUTTO, anche il buon andamento del servizio. E FANNO TUTTI COSI. Quindi per ora l'alternativa esiste soltanto nei nostri pensieri.

E senza polemica la invito di nuovo a informarsi.

Saluti

federico carboni 28.09.05 20:30| 
 |
Rispondi al commento

Una nota: quando l'interesse primario di un'azienda è SOLTANTO il profitto, possono succedere due cose...
L'azienda fa profitto, ed è sana: può abbassare i prezzi e sconfiggere la concorrenza
L'azienda non rende un buon servizio perché gli introiti non vengono reinvestiti a dovere: un'altra azienda, più sana, è pronta a fare la concorrenza.

Se lobby, cartelli, controlli mancanti, leggi lacunose ed impunità dei soliti noti impediscono il buon funzionamento di questo semplicissimo, banalissimo paradigma, beh, la soluzione è risolvere il problema delle lobby, dei cartelli, dei controlli mancanti, delle leggi lacunose e dell'impunità dei soliti noti. Ma non discutere il PROFITTO, parola che mi pare non abbia alcun carattere negativo ed, anzi, porta avanti il mondo. Anche io ho il mio PROFITTO in busta paga, e non mi sento criminale per questo.

Beppi.

Beppi Menozzi 28.09.05 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Le mie erano osservazioni generiche e sono contento di essere in discussione con persone di grande competenza sull'argomento specifico.
Non ho mai messo in discussione la privatizzazione che è in corso perché non ne so nulla e non so come sia gestita in questo momento.
Le mie osservazioni si soffermano sul fatto che un'azienda, messa in regime di concorrenza, rende SEMPRE un servizio migliore di un'azienda in regime di monopolio. Abbiamo esempi ovunque. Quello che vogliamo evitare è proprio il monopolio, che, sono d'accordo, può essere pubblico ma anche privato.
Mi si dice, i privati non si azzardano ad affrontare rischi e acquisire competenze, ne prendo atto. Evidentemente così NON si sta facendo una buona privatizzazione. Ma si può fare migliore!

Faccio un esempio: perché mai non potrebbe esistere un'azienda di grande professionalità, che operi su tutto il territorio nazionale e che gestisca tecnici in grado di fare interventi complessi e pericolosi? Perché non potrebbero esisterne due?
Perché mai non può esistere un gruppo di manager che si assuma la responsabilità del servizio al cittadino, pronti a pagare le conseguenze e passare la mano se il servizio venisse mancato dopo 2-3 anni? Chi paga, ora?

Francamente non vedo alcun impedimento a questo. Migliorerebbe le cose per tutti.
Sono d'accordo che l'entrata di grossi gruppi e di nuove lobby non è altro che la realizzazione di un nuovo monopolio, con la differenza che è in mano a soggetti diversi. Quindi è giusto che, se la modalità in cui viene fatta la privatizzazione è questa, debba essere combattuta.

Ma la strada di una frammentazione (verticale) dei servizi su molti privati in concorrenza fra loro, in qualsiasi campo, porta solo alla riduzione degli sprechi. Dietro a quei bravissimi tecnici che non perderebbero certo il lavoro, ci possono essere sprechi ed inefficienze che ne vanificano il valore! Come liberarsene se sono rinchiuse nel guscio protettivo di un monopolio statale?

Beppi.

Beppi Menozzi 28.09.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

x Vincenzo

Un saluto e buona giornata a te :)

federico carboni 28.09.05 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Beppi Menozzi il 28.09.05 12:27

La mia non è paura. Ciò che le ho detto sta già avvenendo. Ed è proprio perché esistono leggi e controlli che vengono avvantaggiati i grossi gruppi industriali, a tutto discapito delle piccole aziende che stanno già scomparendo. Basta informarsi.

Ma lei lo sapeva che all'inizio del secolo questi servizi in Italia erano gestiti da privati? E sa perché furono resi pubblici? Per le ragioni che le ho detto e sulle quali lei glissa.
Quando l'interesse primario ed esclusivo di una azienda è SOLTANTO il profitto, i risultati sono quelli di cui le ho già accennato nei precedenti commenti.

Senza alcuna polemica la invito ad informarsi meglio su cosa significhi privatizzare DETERMINATI servizi. Dare acqua alla gente NON è come produrre panettoni di Natale.

Dimenticavo. Da quando hanno liberalizzato il settore le tariffe sono aumentate mediamente di più dell' 8%.

Comunque mi auguro di essere ancora qui con Lei tra qualche anno, in modo da poter commentare insieme tutti i problemi (che già ci sono, ma ancora poco conosciuti) che ha portato la privatizzazione di questi settori (gas e acqua).

E insieme potremo dare addosso a Italgas, Enel, Eau de France e qualche altra.

Cordiali saluti

federico carboni 28.09.05 16:36| 
 |
Rispondi al commento

X IL SIG. BEPI MENOZZI
Gentile Sig. Carboni, non fare per paura di fare non è mio stile. Le cose vanno fatte. Se si identificano possibili problemi, si studia un modo per risolverli.
Postato da: Beppi Menozzi il 28.09.05 12:27

quindi io e il mio amico Federico saremmo cosa visto che siamo per "non fare per paura di fare" ? Quindi noi saremmo per non risolvere i problemi, mentre al di fuori delle nostre aziende ci sono un sacco di imprenditori, artigiani e liberi professionisti pronti a fare tutto, anche a erogare servizi a costo zero o magari in perdita pur di tutelare il diritto all'acqua potabile o al gas o alla fogna ecc. ?
Le faccio solo un piccolo esempio: con le privatizzazioni e/o liberalizzazioni pare che tra qualche anno noi gestiremo solo le grandi dorsali adduttrici e quando in una certa area verrà assegnata la distribuzione a qualche privato, noi dovremo saldare sulla condotta, nel punto di consegna, una valvola in acciaio, cioè dovra scendere nello scavo un saldatore "pubblico", metterci la sua capacità/professionalità, (fuori da qui semplicemente non ci sono, mi creda; ho fatto 15 anni da privato nel campo acqua/gas prima di farne 15 da "pubblico e le garantisco che è così), e ,se mi permette, ci deve mettere anche i coglioni che ci vogliono a saldare su una condotta convogliante 5-10-12 atmosfere di gas. Poi, tolte le castagne dal fuoco, si immette gas, si chiude la valvola e se non si è ustionato nessuno, si consegna il rubinetto già pronto al bravissimo privato che parte verso nuove e emozionanti fatturazioni.
si chieda perchè il lavoro pericoloso lo deve fare il saldatore pubblico.
si chieda perchè un privato si presenta a gestire impianti solo quando il "pubblico" li ha sistemati, messi in sicurezza, fatti ex novo e via di seguito, e mai prima, quando i problemi vanno risolti con investimenti a lungo termine e il "fare" lascia il posto al criticare senza sapere.
cordiali saluti
vincenzo.

ps ciao Federico ^__^

vincenzo gitti 28.09.05 15:23| 
 |
Rispondi al commento

x Federico Carboni
> Perdoni la franchezza lei continua a parlare di cose di cui non sa un beneamato...tubo.

Grazie della sua franchezza. Fa piacere sapere che sono così ignorante su argomenti generici.

Non sono per il privato migliore sempre e comunque. Non ho parlato di privatizzazione selvaggia. Come al solito, in Italia non si centra il problema, MAI. Alle affermazioni secondo cui l'introduzione della concorrenza migliorerebbe le cose, lei mi risponde dicendo che la creazione di cartelli e gli interessi di grossi gruppi annullerebbero questo miglioramento. Ma allora il problema NON è nelle privatizzazioni, ma nell'apparato giudiziario e di controllo italiano. Possibile che non si possano fare operazioni di alcun tipo perché altrimenti i furbi se ne approfitterebbero? E le leggi che ci stanno a fare? E la polizia? La magistratura? La GdF?
Questa è la verità, che i problemi devono essere risolti a monte, ovvero con una totale riorganizzazione degli apparati giudiziari e di controllo, della legislazione, della polizia. Ma frenare una riforma per paura che passi nelle mani di altri non mi pare corretto (le faccio notare fra l'altro che si tratta di un "passaggio" da un potere all'altro e non di una concessione di un potere ex novo). Restare nell'immobilismo per paura di poteri diversi da quelli (malfunzionanti) attuali è come stracciare la carta d'identità, ultimo post di Beppe.

Riguardo al disagio REALE della mancanza d'acqua, ho già parlato nel mio post precedente: è indispensabile un regolamento che indichi a priori precise responsabilità e soprattutto RESPONSABILITA' PENALI, ad aggiungersi ai concorsi fatti con una certa frequenza. Come al solito si torna al discorso: in Italia non è garantita la giustizia e non è riconosciuta la responsabilità. QUESTO è il problema.

Gentile Sig. Carboni, non fare per paura di fare non è mio stile. Le cose vanno fatte. Se si identificano possibili problemi, si studia un modo per risolverli.

Beppi.

Beppi Menozzi 28.09.05 12:27| 
 |
Rispondi al commento

I carburanti: l'autodistruzione di tutti per il
profitto di pochi......

Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha
lavorato alla Williams per diversi anni, nel 2001 presentava al
Motorshow di Bologna una macchina rivoluzionaria: la "Eolo" (questo il
nome originario dato al modello), era una vettura con motore ad aria
compressa, costruita interamente in alluminio tubolare, fibra di canapa
e resina, leggerissima ed ultraresistente.
Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di
110 Km/h e funzionare per più di 10 ore consecutive nell'uso urbano.
Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che
veniva utilizzata d'estate per l'impianto di condizionamento.
Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6
ore il compressore presente all'interno dell'auto riempiva le bombole di
aria compressa, che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento.

Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche
la manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una
bicicletta.
Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie
lire, nel suo allestimento più semplice.
Qualcuno l'ha mai vista in Tv?
Al Motorshow fece un grande scalpore, tanto che il sito www.eoloauto.it
venne subissato di richieste di prenotazione: chi vi scrive fu uno dei
tanti a mettersi in lista d'attesa, lo stabilimento era in costruzione,
la produzione doveva partire all'inizio del 2002: si trattava di
pazientare ancora pochi mesi per essere finalmente liberi dalla
schiavitù della benzina, dai rincari continui, dalla puzza
insopportabile, dalla sporcizia, dai costi di manutenzione, da tutto un
sistema interamente basato sull'autodistruzione di tutti per il
profitto di pochi.
Insomma l'attesa era grande, tutto sembrava essere pronto, eppure
stranamente da un certo momento in poi non si hanno più notizie.

enrico regondi 28.09.05 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Sul caso Ruini mi sento smarrito e per dirla alla Grillo mi pare che tutto sia capovolto.
Giovanni Paolo II affermava che la scienza studia l'immanente e porta verso il trascendente mentre la religione parte dal trascendente e tramite la rivelazione si concretizza nell'immanente (vedi anche manifesto di Erice). Zichichi afferma che non esiste contraddizione tra scienza e fede in quanto la prima studia la logica del creato. La tecnologia, conseguenza delle scoperte scientifiche, alle volte è contro l'uomo ma è dovuto alla violenza politica. Galileo, padre della scienza, inizia le sue scoperte con un atto di fede. Credere cioè che nella materia volgare (pietre, corde) ci fosse l'impronta del Creatore. Scoprì le leggi sul moto punto di partenza per arrivare alla teoria moderna del supermondo. Il pensiero cristiano è intrinsecamente presente e motore della nostra storia e cultura.
Gli insegnamenti della chiesa sono il frutto dello studio incessante della rivelazione evangelica la quale ha come centro l'uomo. Giovanni Paolo II, figlio della chiesa cattolica, ha dato un compito gravoso ai giovani vivere da cristiani. Molti di loro l'hanno seguito e ascoltato. L'Europa non riesce nemmeno a riconoscere le radici culturali cristiane nella propria costituzione.
Perché parla Ruini? Credo perché qualcuno lo vuole sentire. Parla perché l'uomo ha bisogno di Dio. La chiesa è una inesauribile fonte di ricchezza culturale per la società laica. Non è vero che detta legge. Il divorzio e l'aborto ne sono un esempio. Viviamo in una democrazia. Il parlamento non è ostaggio della chiesa.
Giovanni Paolo II non è stato un esempio per tutti? Ricordate: Non abbiate paura! Non vorrei di una "eresia" ma credo che il suo esempio e insegnamento vada oltre il concetto di stato laico...
Io adoro la visione di Grillo di un nuovo risorgimento, ma dai non si può farsi travolgere dell'inerzia riformatrice...

andrea fioravanti 28.09.05 10:47| 
 |
Rispondi al commento

abito a ferrara dove il servizio di erogazione dell'acqua è in mano a Hera spa società quotata in borsa. Sicuramente verrà il giorno, neanche tanto lontano, in cui i comuni per recuperare liquidità venderanno le azioni in loro possesso e così l'acqua come il gas e la gestione dei rifiuti diventeranno private...benissimo.
Intanto per mettersi avanti con i lavori Hera sta triplicando l'inceneritore decretando la morte della raccolta differenziata e aumentando l'emissione di inquinanti

andrea costa 28.09.05 09:00| 
 |
Rispondi al commento

abito a ferrara dove il servizio di erogazione dell'acqua è in mano a Hera spa società quotata in borsa. Sicuramente verrà il giorno, neanche tanto lontano, in cui i comuni per recuperare liquidità venderanno le azioni in loro possesso e così l'acqua come il gas e la gestione dei rifiuti diventeranno private...benissimo.
Intanto per mettersi avanti con i lavori Hera sta triplicando l'inceneritore decretando la morte della raccolta differenziata e aumentando l'emissione di inquinanti. complimentoni soprattutto al comune di Ferrara che permette tutto ciò (c'è una giunta di sinistra) nel silenzio più totale da parte dei verdi.

andrea costa 28.09.05 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Beppi Menozzi il 27.09.05 09:23

Perdoni la franchezza lei continua a parlare di cose di cui non sa un beneamato...tubo.

La concorrenza di cui lei parla non ci sarà mai, semplicemente perché uno degli obiettivi delle privatizzazioni del settore acqua-gas è quello di favorire SOLTANTO ED ESCLUSIVAMENTE i grossi gruppi, che stanno fagocitando le piccole aziende. Altro che concorrenza! In pochi anni si fromerà un cartello tra tre-quattro gestori al massimo che opereranno su tutto il territorio nazionale.
Succederà la stessa cosa che è già successa con le RCAuto, con la telefonia mobile e in parte con la vendita della benzina. Non ci vuole fantasia per capire questo. Basta conoscere il settore.
E si. Nel settore ci lavoro dal 1993 e senza presunzione credo di saperne un pelino più di Lei.

Un altro obiettivo, che nessuno le verrà mai a dire, è stato dare un po' di ossigeno ai bilanci delle amministrazioni locali che con la vendita di quote azionarie di queste aziende hanno intascato decine di miliardi delle vecchie lire.

Non mi piace che mi vengano messe in bocca cose che non dico e non penso. Statalizzare tutto? Neanche per idea. Ma mi perdoni se le sembrerò sfacciato a me delle code alla posta non mi importa un fico secco. Se non mi arriva l'acqua in casa subisco UN DISAGIO REALE.

Noto con dispiacere che anche lei è preda del mito privato=migliore sempre e comunque.

Dolente di distruggerle tale mito, ma nel caso dei servizi non è così. Lo chieda alle aziende che non fanno più recupero crediti per risparmiare (così chi paga fa la parte del fesso). O ai servizi di reperibilità per le emergenze, ridotti di due terzi per risparmiare. Senza parlare degli aumenti delle tariffe a cui quasi mai corrispondono migliorìe nell'efficienza e la qualità del servizio.

Se non si fida di ciò che le dico io parli pure con chi vuole, purché sia una persona che lavora nel settore.

Saluti

federico carboni 27.09.05 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Voglio dare il mio contributo.
A Favara (AG) l'acqua corrente arriva ogni 15 giorni, ma ci sono pozzi privati in cui l'acqua che è stata estratta e che viene prelevata ogni giorno per la vendita è tanta tanta tanta.

Si dice che il sottosuolo favarese è pieno di acqua, ma anche il significato della parola Favara "bolla d'acqua" lo confermerebbe. L'amministrazione sta a guardare!
Paolo Maria.

Paolo Maria 27.09.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Io voglio solo dare il mio contributo. A Favara (AG) l'acqua corrente arriva ogni 15 giorni, ma ci sono pozzi privati in cui l'acqua che è stata estratta e che viene prelevata ogni giorno per la vendita è tanta tanta tanta. Si dice che il sottosuolo favarese è pieno di acqua, ma anche il significato della parola Favara "bolla d'acqua" lo confermerebbe. L'amministrazione sta a guardare! Paolo Maria.

Paolo Maria 27.09.05 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe Grillo!
Ti seguo da parecchi anni, ho visto gli ultimi tuoi quattro monologhi a teatro (l'ultimo alla Festa de l'Unità di Milano un paio di settimane fa). Mi sono sempre trovato d'accordo con le tue denunce ed anche con il tuo stile.
Ho bisogno però che mi chiarisci un punto: qualche tempo fa un mio amico ha avuto il piacere di incontrarti . Mi ha detto che gli hai orgogliosamente mostrato il tuo Porsche Cayenne. Fai benissimo ad avere gingilli costosi come quello, guadagni bene con il tuo lavoro e ti compri ciò che ti pare. Quello che trovo incongruente con il tuo martellante e sacrosanto messaggio ecologista è questo: ti incazzi perchè la gente se ne va in giro da sola su auto da una tonnellata inquinando con motori da 1600cc, per portare in giro 100kg di essere umano e poi tu giri con sotto il culo un'auto da 2,5 tonellate con un motore di 3200cc che inquina e consuma il triplo di un'auto normale.
Spero che mi risponderai, mi dispiacerebbe sinceramente incassare l'ennesima delusione.
Ciao e grazie, Claudio.

claudio magistrelli 27.09.05 21:06| 
 |
Rispondi al commento

Delle acque minerali
In estate, come mi è capitato in quest'ultima, salire a una bella baita, in una amena valletta laterale della Valtellina, provincia di Sondrio. Capriolo e polenta. Mezza acqua minerale gasata: da dove viene? Guardo l'etichetta… dalla provincia di Teramo. Un'altra volta, altra baita; i ragazzi vogliono acqua minerale: da dove viene? Da Perugia.
La Levissima ha lo stabilimento qui a 15 chilometri… e mi immagino allora centinaia di Tir in giro per l'Italia a portare acqua da Trento ad Agrigento e da Catania ai rifugi del trentino… oppure da Genova a San Benedetto del Tronto o da San Pellegrino a Napoli… Tir, cioè trasporto su gomma, cioè quintali di gasolio in fumo… per portare acqua “diversa” che abbiamo lì a pochi metri da noi.
Chi sono i padroni delle acque minerali? Perché non una legge che ci obblighi a bere (se proprio non ne poossiamo fare a meno) solo acqua minerale prodotta nella propria provincia, al massimo nella propria regione?
Cordiali saluti.
cr

claudio raboni 27.09.05 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Salve.
Sono un studente dell'università di Scienze Geologiche di Siena.Effettivamente quello dell'acqua è una problema che anche molti docenti affrontano.Il problema nn è solo la quantità d'acqua totale che va diminuendo a causa dell'effetto serra in favore di un clima umido ma della reperibilità sempre più scarsa di acqua potabile.
Il problema è molto più complesso di quanto possa sembrare perchè l'acqua se non presenta una certa ricchezza di sali minerali risulta abbastanza inutile al nostro corpo.Non è quindi nemmeno immaginabile pensare di fare acqua potabile in laboratorio.Fors ein un futuro con una tecnologia sarà possibile.
Annesso al problema dell'acqua c'è quello dello smaltimento dei rifiuti.Mettere i rifiuti sotto terra non la migliore delle soluzioni.questo perchè nel momento in cui una falda entra in contatto con i rifiuti ci "fottiamo" tutta l'acqua che viene contaminata..
Quindi per poter avere acqua potabile le soluzioni sono:
_1 riciclaggio
_2 coscienza ecologica derivante dalla conoscienza

Matteo Guerrini

Matteo Guerrini 27.09.05 18:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUANDO FACCIAMO LA COLLETTA PER MANDARE GRILLO IN TV? CI COMPRIAMO UNO SPAZIO DI 30 SECONDI E LO MANDIAMO IN ONDA!

ENRICO GAZZIERO 27.09.05 17:34| 
 |
Rispondi al commento

X sergio casagrande

Aver contestato Ruini non e' affatto increscioso, anzi, fa parte delle liberta' individuali contestare e fischiare un cardinale che fa politica, com'e' evidente che anche un cardinale puo' esprimere la sua opinione.


Lei poi ipotizza che i professori in maggioranza siano di sinistra, ammesso che sia cosi', allora bisogna estendere il discorso a tutte le categorie professionali, ad esempio le forze armate e le forze di polizia sono composte in maggioranza da uomini che votano a destra.
Come vede se dovessi ragionare come lei potrei affermare che uno dei poteri piu' forti e' in mano alla destra.
La differenza non sta nella quantita' di persone che votano a destra o a sinistra, che piu' o meno si equivalgono, la differenza sta nella qualita', ovvero la gente istruita e colta di solito vota la sinistra ed e' per questo che i giornali "di sinistra" sono piu' venduti, l' elettorato di destra e' composto generalmente da persone che non leggono, che si informano poco e solamente dalla televisione, infatti le copie degli pseudo giornali di destra tipo "libero" o "il giornale" vendono pochissime copie.
L'elettorato di destra e' inoltre composto dalla classe imprenditoriale e da una miriade di medi commercianti; in genere infatti queste sono classi incapaci di vedere al di la dei propri interessi di bottega.
La destra mira a difendere lo status quo, ovvero i propri interessi economici, la sinistra ideale e filosofica punta a cambiare una societa che ritiene ingiusta, non c'e' da stupirsi se chi auspica la giustizia voti a sinistra, come non c'e' da stupirsi che chi vota a destra auspichi l 'ingiustizia e difenda guerre criminali e torture della polizia.

Andrea Rossi 27.09.05 13:43| 
 |
Rispondi al commento

visto che il tema della privatizzazione ci interessa vi inoltro con ritardo il prossimo appuntamento del comitato civico
(martedì) 18,00
Assemblea presso la sede CVX,
sita in v.S.Sebastano,48-Napoli
e per chi ne fosse interessato oggi alle 19,00 presso la sede di mani tese (piazza cavour, uscita della linea1) incontro delle pagine arcobaleno
alla prossima

ernesto de nito 27.09.05 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei segnalare che anche in sicilia sta accadendo questo: la società SICILACQUE adesso fornisce l'acqua potabile ai distributori siciliani e si parla già da tempo di business dell'acqua!la legge è stata promulgata dal parlamento siciliano il 31 maggio 200e a seguito della costituzione della società SICILACQUE, l'EAS, l'ente acquedotto siciliano è stato posto in liquidazione...non è trapelata nessuna notizia in merito, spero possiate leggerla in tanti.Ciao da una siciliana.

marianna pipitone 27.09.05 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Vivo e lavoro in Irlanda da qualche anno e da queste parti l'acqua e' GRATIS. Insomma, alla fine del mese non hai una bolletta in piu' da pagare come in Italia.
La qualita' e' la stessa (dipende dalle zone e dalla fonte), ce n'e' in abbondanza ed e' un diritto acquisito: avere l'acqua corrente e potabile in casa che non ha alcun prezzo.
Credo che in Italia qualcuno se ne stia approfittando (se ne e' sempre approfittato) con la scusa che l'acqua e' un bene raro.
NON E' VERO!!! NON E' GIUSTO!!!

Morale: guardiamo cio' viene fatto in altri Paesi e cerchiamo di prenderci cio' che c'e' di buono...dalle piccole alle grandi cose

Walter Bernini 27.09.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

E' vero, quello dell'acqua è un grande problema, per ora, almeno in Italia, non scarseggia, la troviamo nei supermercati, a casa abbiamo acqua corrente, ma in futuro? Credo che tutti sanno che in futuro l'acqua potrebbe veramente scarseggiare, ma la gente è fatta così, finchè non viene toccata in prima persona dal problema......il problema "NON ESISTE" !!!

Fabio Pitocco 27.09.05 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
grande problema quello dell'acqua. Faccio parte del Club alpino Italiano sezione di Massa e in particolar modo mi occupo di Alpinismo Giovanile, portiamo in montagna bamibini e ragazzi dagli 8 ai 18 anni insegnandoli solo una cosa: rispetto
Pochi anni fa abbiamo prodotto un CD sull'oro blu cercando di spiegare ai ragazzi il valore dell'acqua. Se mi contatti e mi lasci il tuo recapito ti invio il CD, mi farebbe piacere un tuo parere.
Grazie

nicola cavazzuti 27.09.05 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Nel comune dell'Alessandrino dove abito, l'amministrazione comunale ha dato in gestione la distribuzione dell'acqua a una società privata, ma tiene sotto controllo la qualità dell'acqua e ha costuito una fontana pubblica che distribuisce acqua demineralizzata e declorata.
Dovreste vedere le code per rifornire bottiglie e fustini.
Si è anche creato un centro di aggregazione, perché le persone in attesa si mettono naturalmente a chiaccherare tra loro.
E' un po', forse, un ritorno al passato, ma è una iniziativa che piace a molti.

Enrico St 27.09.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Da piccolo andavo in vacanza in un paesino dell'appennino ligure, vicino a Busalla.
Trenta case messe in fondo a una stradina, che finiva lì.
L'acqua al paesino arrivava da una fonte, che si trovava nel punto più alto e riforniva una cisterna e i "trogoli". Solo nel novecento gli abitanti han provveduto a un sistema di distribuzione in ogni casa.
Poi, un bel giorno, è arrivato l'acquedotto di Genova, ha intercettato la fonte, messo un bel contatore e fatto pagare l'acqua.

Enrico St 27.09.05 09:37| 
 |
Rispondi al commento

Per Federico Carboni.
La ringrazio per la risposta. Mi piace approfondire.

> Le normative che a breve entreranno in vigore prevedono esattamente quanto Lei dice: grae d'appalto con la possibilità che periodicamente il gestore dell'acquedotto CAMBI.

Bellissimo!

> Mi sa spiegare, secondo Lei, perché mai un privato dovrebbe partecipare a queste gare? (...)

Non c'entra se io sia nel settore acque o meno (lei lo è?), stiamo parlando di privatizzazioni. Seguendo la sua idea, ne consegue che, siccome qualsiasi azienda privata ha come scopo il profitto e qualsiasi ente pubblico no, dovrebbe essere tutto statalizzato, così funzionerebbe tutto molto meglio.
In realtà, come penso lei abbia già verificato andando alle poste, facendo le code in comune o discutendo coi vigili, ben pochi enti pubblici funzionano bene, e ancora meno sono esenti da enormi sprechi economici (soldi dei cittadini).
Al contrario, sono proprio profitto e concorrenza fra piccole aziende ad aver acceso il boom economico del dopoguerra, più evidente di così...
Perché demonizzare così il "profitto"? Non si tratta, come mi pare di leggere fra le sue righe, di denaro intascato da loschi figuri. Non si tratta neppure di guadagno a fronte di un investimento. Si tratta di un normale bilancio economico di un'azienda, in cui tutti GUADAGNANO il proprio stipendio esattamente come in ambito pubblico, e gestiscono le spese sulla base degli introiti. Che male c'è? La differenza è evidente: in ambito pubblico, in caso di disavanzi, ci sono sempre le tasse. Per un privato, NO: deve far funzionare le cose e basta. E se non funzionano, il privato andrà di fronte a gravi rischi: perdita del contratto e dell'investimento.

RIguardo al fatto che non sia GARANTITO IL SERVIZIO. Ebbene, non è certo questo un problema, è sufficiente porre misure atte a impedire un'interruzione del servizio: ad esempio interventi economici e misure PENALI per i responsabili.

Beppi.

Beppi Menozzi 27.09.05 09:23| 
 |
Rispondi al commento

@ Rambo (Silvester Stallone)

In questo post Beppe accusa il "governatore" della regione Campania, Antonio Bassolino, uomo di sinistra.

Mi sembra normale che si accusi il governo in carica, di certo non si possono accusare quelli futuri, ad è ovvio che le accuse maggiori sono a dx.

Tu, poi faresti prima a scrivere con il tuo nome è cognome, perchè mascherarti?
Dopo la finanza creativa, i bilanci creativi, anche il nome creativo, bhè.. da qui si capisce da che parte stai....
Vai con l'illegalità... una legge prima o poi ti aiuterà.


Dario Del Giudice 27.09.05 08:46| 
 |
Rispondi al commento

siura ivana iorio...touchè!


Postato da: Gianni Cesari il 26.09.05 21:53
-----------------
per che cosa ?

ivana iorio 27.09.05 06:58| 
 |
Rispondi al commento

Volevo dare un piccolo consiglio su questo tema: boicottate le acque minerali comprando le caraffe con mini-depuratori inclusi, sono utilissime e permettono di bere l'acqua del rubinetto filtrata dalle impurità (è buonissima, molto più di quelle nelle bottiglie di plastica). Potete trovare queste utili caraffe in erboristeria, adesso purtroppo mi sfugge il nome dell'azienda che le produce...Spero di essere stato utile!

Edoardo Molinelli 27.09.05 01:59| 
 |
Rispondi al commento

vincenzo gitti il 26.09.05 23:53

Ben ritrovato Vincenzo :)

Ho letto adesso i tuoi commenti e li sottoscrivo in pieno.
Sarà perché abbiamo delle affinità professionali? ;)

Considero molto preziosi i tuoi contributi perché aiutano a fare luce su di un settore, di cui la stragrande maggioranza dei cittadini sa poco o niente.

Ciao e a presto :)

federico carboni 27.09.05 00:23| 
 |
Rispondi al commento

X FEDERICO CARBONI
ciao Federico come stai ??
ti ho riletto con piacere e come un mesetto fa mi trovi in sintonia con le tue affermazioni.
sarà mica per il fatto che noi due siamo tra i pochi qui che conscono il problema da "dentro" ?? ;D
aggiungo una piccola riflessione per gli altri:
alla fine del 700 un gruppo di pochi latifondisti si riunì alleandosi in una organizzazione segreta con lo scopo di influenzare ogni attività nell'immenso territorio da loro controllato. Il loro potere lo esercitarono con molta efficacia proprio per il controllo delle fonti idriche che era conseguente al controllo del territorio. Si aggiunga che all'epoca la quasi totalità del popolo lavorava la terra e quindi dipendeva in modo assoluto dall'approviginamento idrico. Questa non è una favola, non è un romanzo:
è il peccato originale che ha generato un fenomeno che oggi conosciamo col nome di mafia.
E' questo il modello al quale una malintesa modernità vuole tendere ???
ciao a tutti
vince

vincenzo gitti 26.09.05 23:53| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE....... !!!
Grazie Beppe !
L'Acqua Minerale ...e l'ACQUA......
è un argomento che solo Tu puoi trattare e diffondere meglio di tutti
quei media-cialtroni ....
regolarmente iscritti all'albo dei giornalisti:
ai quali auguro di bersi DUE LITRI al giorno di
Acqua Minerale S.Giorgio (SILIQUA).....
con ....TRACCE di TRIELINA .....
...così come confermato
da un TEST di ALTROCONSUMO !
Oppure due litri al giorno di S.MArtino....
dove potresti assaporare il dolce sapore
al pesto genovese (in particolare l'AGLIO)..
dell'ARSENICO...!
VUOI AIUTARCI ....??????
>>> DOSSIER: WWW.BUDONIAMBIENTE.ORG

Achille Mauro Porcheddu 26.09.05 23:29| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE....... !!!
Grazie Beppe !
L'Acqua Minerale ...e l'ACQUA......
è un argomento che solo Tu puoi trattare e diffondere meglio di tutti
quei media-cialtroni ....
regolarmente iscritti all'albo dei giornalisti:
ai quali auguro di bersi DUE LITRI al giorno di
Acqua Minerale S.Giorgio (SILIQUA).....
con ....TRACCE di TRIELINA .....
...così come confermato
da un TEST di ALTROCONSUMO !
Oppure due litri al giorno di S.MArtino....
dove potresti assaporare il dolce sapore
al pesto genovese (in particolare l'AGLIO)..
dell'ARSENICO...!
VUOI AIUTARCI ....??????
>>> DOSSIER: WWW.BUDONIAMBIENTE.ORG

Achille Mauro Porcheddu 26.09.05 23:27| 
 |
Rispondi al commento

E, le Bottiglie in Plastica non dimentichiamole..

Lo sapevate che è molta di più l'acqua consumata per produrre bottiglie PET (polietilene tereftalato)Plastica di quella che esse possono contenere.
Inoltre le vendite di PET , per capirci la plastica più comunemente usata per le bottiglie di acqua sono salite a 738 milioni di chilogrammi nel 1999, più del doppio rispetto al 1992,pensate nel 2005.
Ancora per produrre un chilogrammo di PET richiede 17,5 Kg di acqua e rilascia in atmosfera 40 grammi di idrocarburi,25 grammi di ossidi di zolfo,18 grammi di ossidi di azoto e 2,3 Kg di anidrite carbonica.
Le informazioni qui sono tratte da un articolo di Paul McRandle "The Green Guide".
Del problema "Acqua" ne parleremo
nel 3 Corso di Business Ethics "Ethics Officer creatore di valori" promosso dalla Associazione No Profit AssoEtica Inizio 28 Ottobre Milano
Alla prossima..
++LC

luigi catellani 26.09.05 23:07| 
 |
Rispondi al commento

@ sig. Paolo Gruarin
oggetto: vs preoccupazioni sull'influenza.mi sn documentato poichè ho tre figli. attualmente si tratta di epidemia, tra animale e animale. non è pandemia, ossia tra animale e uomo su vasta scala, ma è preoccupante cmq. attenzione! preoccuppante (con un "p" sola) non vuol dire "tragedia", vuol dire solo "occuparsene prima che sia troppo tardi. a livello mondiale sono in allerta e vigilano. la carne di pollo, non cruda (che schifo), la si può mangiare, poichè la cottura uccide i germi. anche gli omogeneizzati sono sicuri poichè sterilizzati (qui parlo da esperto del settore, come costruttore di macchine x industria alimentare).
è inutile per ora vaccinarsi, o meglio, si possono fare le classiche vaccinazioni anti-influenzali, ma non sono specifiche per il problema in oggetto. se hai dei bambini molto piccoli, occhio. ho un figlio autistico. tra le possibili cause ci sn anche le vaccinazioni. ho detto POSSIBILI, non "certe". ok? ninete allarmismi, mi raccomando, sennò fate disinformazione. allora se hai dei bimbi piccoli fai fare le vaccinazioni obbligatorie e anche le raccomandate, ma non esagerare, esigi vaccini recenti senza "thimerosal" (conservante al mercurio). se intendi prendere precauzioni contro "l'aviaria", è sconsigliabile muoversi adesso. ricordati che ogni nuovo vaccino ha sempre delle incognite, effetti collaterali, non sono giocattoli. se non c'è nìè bisogno, non farli, è meglio. se hai bisogno di info sui vaccini, scrivimi, oppure meglio, contatta il tuo pediatra. io stimo e apprezzo beppegrillo (azz. l'ho scritto come il nome del sito....ehehhe, sn proprio internetizzato del tutto), ma x le informazioni mediche, senti i medici di fiducia!!!
per correttezza x chi legge: io non sono un medico ne un esperto di vaccini o aviaria. semplicemente mi attivo personalmente, x miei scopi personali,nel campo sanitario per assumere informazioni utili alla terapia x mio figlio.
ciao

Gianni Cesari 26.09.05 22:17| 
 |
Rispondi al commento

chiedo scusa sig. beppe grillo, Lei scrive che di acqua in futuro c'è ne sarà sempre meno. sono perplesso. nulla si crea e nulla si distrugge. semmai il trend sarebbe addirittura il rischio di flooding x lo scioglimento dei ghiacciai al polo, cmq solo ipotesi. si intende x questo che l'acqua tendente ad esaurirsi è quella potabile o nel complesso? l'acqua nn può sparire nel nulla, semmai ci potrebbero essere mutamenti climatici, inaridimento di zone fertili, ecc. ma da qualche parte andrà pure a finire st'acqua. o il nano, oltre a far sparire i soldi, riesce pure a fare il miracolo con quella

Gianni Cesari 26.09.05 22:00| 
 |
Rispondi al commento

siura ivana iorio...touchè!

Gianni Cesari 26.09.05 21:53| 
 |
Rispondi al commento

Le multinazionali la devono finire di rincarare i prezzi dell' acqua. L'acqua è un bene di tutti e non deve essere sprecata o privatizzata!!!!!!
A mio parere ci dovrebbero essere più controlli nell'ambito degli acquedotti e più qualità nell'acqua pubblica!!!!!

Giuseppe Perrini 26.09.05 21:36| 
 |
Rispondi al commento

x salvatore sirabella e x chi crede alle favole

Sorpresa !!! :)

Anche in Toscana (regione governata dal centrosinistra) la privatizzazione è stata fortemente voluta e sponsorizzata proprio da quei partiti che un tempo volevano statalizzare ogni cosa.

Gli unici che hanno espresso delle perplessità sono quelli di Rifondazione...

E poi qualcuno si meraviglia se dico che la sinistra è uno schieramento liberale moderato...

ITALIANI SVEGLIATEVI e in particolare si svegli chi crede che esista ancora una sinistra, nel senso storico del termine.

Saluti

federico carboni 26.09.05 20:16| 
 |
Rispondi al commento

film in italiano sull'11 settembre, da scaricare su...
www.arcoiris.tv

Sergio Stromboli 26.09.05 19:43| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua non è sostituibile
Il petrolio si!!

Il petrolio si esaurirà prima o poi e si potrà vivere lo stesso.

L'acqua non si esaurisce...al massimo (!!) non sarà (sigh) più disponibile.

L'acqua è indispensabile a tutto.

Non vi sembrano buoni motivi per privatizzare l'acqua e creare gli schiavi del 3° millennio?

Vi ricordo solo alcuni ex "gestori dell'acqua minerale":

Sensi, Ciarrapico, la Nestle ecc...

Questo articolo ve lo allego in quanto non trovo più l'indirizzo, scusate ma mi sembra inerente...

LISCIA, GASSATA O GRATIS di Sabina MorandiLa minerale è l’affare del secolo: le multinzionali non la pagano quasi nulla. Anche se, dati Oms alla mano, l’acqua corrente italiana non è così inquinata. Nel novembre scorso Paolo Cacciari, consigliere regionale di Rifondazione comunista nel Veneto, ha sollevato una questione apparentemente locale ma in realtà di ben più ampie ricadute. Facendo un paio di conti, Cacciari si è accorto che il fatturato veneto dell’acqua minerale si aggira sui 1.200 miliardi di lire. La cosa non stupisce se si pensa che circa il 30 per cento di tutta la minerale italiana proviene dalle 14 fonti della regione: acqua che viene pagata circa 0,07 lire a litro estratto mentre quella del rubinetto costa una lira al litro. La proposta era semplice: far pagare alle industrie esattamente quello che pagano i privati cittadini. In effetti, a fronte del giro d’affari delle minerali, è incredibile che nelle casse regionali entrino solo 183 milioni di lire l’anno quando, solo per smaltire le bottiglie di plastica, il Veneto spende 30 miliardi.

Andrea Refosco Commentatore in marcia al V2day 26.09.05 19:34| 
 |
Rispondi al commento


Propongo un referendum abrogativo, in modo da impedire la penetrazione di ogni e qualsiasi corporazione, al fine di mantenere la proprieta' ed il controllo sulle nostre risorse idriche.

Luigi della Penna 26.09.05 19:12| 
 |
Rispondi al commento

DOMANI CHE DIVENTO PRESIDENTE

DARO AI MIEI AMICI LA GESTIONE MISTA

SULL'ARIA

FACCIO UN SACCO DI SOLDI

POI SI PARLA DI FAZIO....E' UNO DEI TANTI

r.redditi 26.09.05 19:12| 
 |
Rispondi al commento

La ragione e' spiegata in "Water Barons", un libro che le e' stato consigliato tempo fa. In soldoni, poche corporazioni europee controllano le risorse idriche mondiale. Questo risultato e' stato ottenuto in vari modi, inclusa la complicita' dei governi locali. Esistono denuncie da parte del sud-America che sono state censurate dai media in Italia. Le denunce riguardano la penetrazione delle corporazioni nel business locale, tramite leggi capestro di giverni corrotti. In Italia, il giochino funziona tramite due leggi. La prima legge obbliga ogni Regione a dotarsi di almeno un ATO, e di cederne il 40% ad una societa' di capitali. La seconda legge riguarda il bando di gara europeo che Lei cita. Le due leggi lavorano insieme per vincere il mercato Italiano e cederlo alle corporazioni europee di cui sopra. Una volta acquisito il controllo, le corporazioni agiscono come se possedessero le risorse idriche, imbottigliando e vendendo la nostra acqua in America ed in oriente, dove bere acqua Italiana in bottiglia e' una moda alimentare, paragonabile al vino. Il controllo consente anche di creare un legame di dipendenza produttore-consumatore con noi cittadini che paghiamo la bolletta. Il restante 60% di controllo pubblico, si esercita tramite comitati locali di potere economico/politico, che agiscono arbitrariamente nella gestione della cosa pubblica. Con la gestione mista 60/40, le corporazioni cercheranno di aumentare la loro quota. La politica Italiana, da parte sua, non cedera' mai la sua quota, perche' e' fondamentale per il voto di scambio, sopratutto in quelle regioni afflitte dalla emergenza idrica (tutto il sud italia). La gestione delle risorse idriche in queste Regioni e' un esempio paradigmatico di quanto diceva Macchiavelli: il disagio dei molti giustifica il potere dei pochi. - Per avere tutti i dettagli di queste leggi, e di come vengono applicate, e' sufficiente leggere i rapporti annuali al Parlamento da parte del CVRI (sito internet del Min. dell'Ambiente).

Luigi della Penna 26.09.05 19:12| 
 |
Rispondi al commento

sono componente dell'assemblea dell'ATO napoli 2 e sulla questione della privatizzazione sono dalla parte di chi ritiene che la gestione debba avvenire "in house".La cosa strana in tutta questa vicenda è che, per la privatizzazione, si è saldata una maggioranza DS-FORZA ITALIA e parte della Margherita che, fortemente, vogliono il socio privato. Il tutto con la supervisione della Regione Campania (Bassolino). Ora io mi chiedo: ma come è possibile tutto ciò? Come è possibile che Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Verdi e altri partiti di sinistra che, almeno nominalmente, sono contrari al progetto DS/FI/Dl, siano silenti su questa scandalosissima vicenda? L'ATO Napoli2 è governato da una maggioranza che, credo, non abbia simili in Italia. Infatti vi è una intesa perfetta tra i vari componenti del Consiglio d'Amministrazione (Presidente dei DS - Vice Presidente di Forza Italia) i quali percepiscono indennità enormi, rapportate al lavoro che questi signori svolgono. E' bene che si sappia che il Presidente dell'ATO (DS) percepisce una indennità pari a quella del Sindaco di Napoli che amministra una citta di oltre un milione di abitanti e gli altri componenti il CdA una indennità pari a quella degli Assessori di Napoli. Parliamo di cifre rilevanti per un Ente, quale l'ATO Napoli 2, che già da anni non gestisce NIENTE. Ci sarebbero ancora tantissime cose da eccepire e spero che questa mia possa innescare un dibattito e "stanare" chi non vuole le verità sulle cointeressenze sinistra-destra.

salvatore sirabella 26.09.05 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Beppi Menozzi il 26.09.05 18:15

Lei lavora nel settore delle acque?

Perché dal suo commento ho ricavato l'impressione che non sappia bene di cosa sta parlando.

Le normative che a breve entreranno in vigore prevedono esattamente quanto Lei dice: grae d'appalto con la possibilità che periodicamente il gestore dell'acquedotto CAMBI.

Mi sa spiegare, secondo Lei, perché mai un privato dovrebbe partecipare a queste gare?

A me pare abbastanza chiaro: il profitto.
Un privato INVESTE i propri soldi, non fa beneficenza né servizio sociale. Quindi il privato, chiunque sia, vorrà GUADAGNARE sul servizio ed il suo scopo principale sarà il BILANCIO. Invece fino ad oggi le municipalizzate avevano come scopo principale GARANTIRE IL SERVIZIO.

Se la differenza non Le è chiara, se ne accorgerà quando le arriveranno le bollette.

Saluti

federico carboni 26.09.05 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Da quando privatizzare significa perdere il controllo? E perché mai privatizzare "la gestione" significa lucrare "sull'acqua"?
Ci sono molte distorsioni nel comunicato pubblicato qua sopra...
Forse un acquedotto pubblico non costa niente? Perché la gente lavora gratis?

Il punto è un altro: la privatizzazione serve a stimolare la concorrenza. Un negozio di scarpe va in concorrenza con tutti gli altri negozi di scarpe della zona e il cliente ne trae un beneficio.
Ma che senso ha privatizzare un acquedotto? Chi mai può scegliere di utilizzare un acquedotto piuttosto che un altro?
In questo caso la concorrenza conseguente alla privatizzazione è tra due enti che gestiscano lo stesso acquedotto in due momenti diversi. E' quindi indispensabile che la gestione privata abbia un termine (non troppo lungo) e sia soggetta a verifiche finali (raggiungimento di obbiettivi ecc.) e a concorsi periodici (per consentire ad altri di accedere).
Questo purtroppo in Italia non avverrà MAI: già vedo i sindacati sulle barricate a stracciarsi le vesti.
Per questo, in Italia, privatizzazione = nessun miglioramento. Poco ha a che fare con il "lucro" di qualche oscuro trafficante in giacca e cravatta pronto a togliere l'acqua di bocca dai poveri bambini. Una visione assolutamente nonsense.

Beppi.

Beppi Menozzi 26.09.05 18:15| 
 |
Rispondi al commento

Io abito in provicia di palermo e vi posso dire che la gestione dell'acqua pubblica o privata che sia qui e' sempre a gestione mafiosa .... ops forse non potevo dire mafiosa .... comunque io rispondo che l'acqua e' un bene di tutti e in sicilia il sotto suolo e' pienissimo d'acqua quindi gente scavatevi il pozzo personale !

Giuseppe otto 26.09.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

certo che vedere episodi incresciosi come quello capitato al card. Ruini ci fa capire come la sinistra in italia manipolizza tutto.
la scuola sia le superiori che l'universita' i professori (tutti ex 68 e di sinistra) i presidi
la magistratura i giornali (70% di sinistra)
E poi vi lamentate della liberta' di stampa delle televisioni ecc... quando voi siete i primi a politicizzare tutto .
non mi sorprenderei nel vedere qualche pirla a fare propaganda anche alle scuole elementari...

VERGOGNA!!!!!! sapete solo piangere

sergio casagrande 26.09.05 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Gabriella Pasquali Carlizzi il 26.09.05 15:41

signora (?)

perdoni, ma chi se ne frega?
si associ pure al circolo dei canottieri...
all'associazione dei filatelici...
faccia quanto le garba.

Maria Adele Del Vecchio 26.09.05 17:22| 
 |
Rispondi al commento

alcune piccole precisazioni.
lavoro nel campo acqua/gas da 30 anni, artigiano, nell'industria, e da 16 in azienda pubblica fino al 1998 poi spa e poi quotata in borsa: basta come esperienza diretta per poter essere credibile, o no ???
questione cloro : il cloro è necessario per dire senza bugie che l'acqua dell'acquedotto si può far bere anche ai neonati.
viene immessa attraverso degli appositi dosatori a batteria che inseriscono una goccia di cloro ogni tot. litri automaticamente. Si può, come ha detto qualcuno, far decantare l'acqua per alcune ore con magari una goccia di limone e metterla in frigo; risultato sparisce il cloro per evaporazione e col limone sparisce anche l'odore e l'acqua è sicura. Poi naturalmente il resto lo fanno i controlli ASL e i laboratori chimici delle aziende.
Almeno fino a che l'azienda per la quale lavoro era pubblica, controlli severissimi con turni di operatori specializzati (3 turni di 8 ore al giorno) che controllavano i circa 1500 serbatoi e sorgenti in gestione. I costi di gestione dell'acquedotto sono sempre stati abbondantemente coperti dall'utile del gas. con cadenza almeno settimanale ogni, ripeto, ogni singolo serbatoio veniva controllato, analizzata l'acqua e, se c'era qualcosa di irregolare, veniva pianificato il lavaggio del serbatoio nelle 12 ore,anche festivi e domenica.Pensare di fare utile con il servizio acqua è un'idea da mentecatti, l'acqua costa al rubinetto 1,7 £7lt nella tariffa più alta : qualcuno pensa che con le professionalità e i mezzi che occorrono per gestire degli acquedotti, si possa fare utile ?
adesso che siamo spa chiaramente sono anni che non si effettuano più controlli, che non si formano più professionisti perchè questi sono costi. Si può ragionare in questi termini di un bene come l'acqua ? domandina : perchè io che progetto acquedotti non posso proseguire per più di un m. oltre l'ultima utenza altrimenti l'acqua marcisce e nelle bottiglie scade dopo 5 anni ?
sono a disposizione
vincenzo

vincenzo gitti 26.09.05 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: daniele piredda il 26.09.05 16:26

Concordo anche su questo Daniele.

E poi mi chiedo una cosa logica ma non proprio lampante:

Se il reato è stato commesso quando c'era in vigore la legge precedente perchè è stata applicata una legge nuova?
Non doveva essere applicata su berlusconi la legge che esisteva al tempo in cui è stato commesso il reato? Perchè hanno applicato la nuova legge?
Qui i conti non tornano proprio...

Rosario Pisanò 26.09.05 16:39| 
 |
Rispondi al commento

scusate la replica nel mio ultimo post c'è un "omissis" :-D, l'ho pesato, ma non l'ho scritto.

"...dopo qualche anno, la legge può venire completata con l'integrazione della leggina 1 ai privati e/o con l'aggiunta di un paragrafo dedicato alla predisposizione e alla posa in opera nelle costruzioni vecchie (ma non troppo ) .
Se il monitoraggio avrà dato esiti positivi si potrà addirittura legiferare in modo da rendere obbligatoria la posa in opera su ogni costruzione.(..vabbè, forse quest'ultima è fantascienza)

Enrico Dagnino 26.09.05 16:28| 
 |
Rispondi al commento

>>crea un partito che non ha ne capo ne coda ma che fa solo i suoi interessi ed il 28% degli italiani ci abbocca come pesci..


La maggior parte di elettori che lo hanno votato erano disperati, delui da un panorama politico orrendo e hanno visto in lui L'Uomo Nuovo e Realizzato. Qualcuno su cui puntare.
D'altra parte se la sinistra avesse fatto bene il suo lavoro non lo avrebbero votato così tante persone.

daniele piredda 26.09.05 16:26| 
 |
Rispondi al commento

OT

Daniele Bottai, suoi elettori sono il 28% max ..
Il problema è che dopo si è coalizzato.
Come si fa a credere ad un partito nato dal nulla creato nel giro di due anni.. è questa la cosa che mi fa rabbrividire di più.. oggi in italia arriva un co....ne qualunque crea un partito che non ha ne capo ne coda ma che fa solo i suoi interessi ed il 28% degli italiani ci abbocca come pesci..

Rosario Pisanò 26.09.05 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Io abito in una frazione di Lucca : S.Cassiano a Vico, qui non arriva nemmeno l'acquedotto, ogni abitante deve perforarsi a sue spese il terreno, trovare la falda pagare un idraulico comprare il motore per l'estrazione e mantenersi a proprie spese l'impianto con conseguente bollettona ENEL (la pompa pare raggiunga picchi di 1 kw quando parte), ma nonostante questo qui paghiamo le stesse tasse che altrove, dove il servizio è presente oltre naturalmente alla tassa di depurazione fognature sulla quantità d'acqua che estraiamo... Io ho un bar\ristorante a conduzione familiare e devo anche fare le analisi dell'acqua a mie spese ogni tre mesi per legge. Nessuno mi aveva informato dell'utilità di un contatore di estrazione e non lo avevo messo, perciò mi hanno calcolato la tassa depurazione sui mq. del locale e mi hanno inviato come se niente fosse una fattura per 3 anni di depurazione per circa 3.000 euro...anche se è un'assurdità (io consumo 150 euro l'anno ) stò piangendo ed implorando da 6 mesi per pagare solo quello che ho consumato, ma dipende dal buon quore dell'amm.re delegato e nessuno è in grado di tutelarmi...sono diventata allergica all'acqua!!!

manuela bellandi 26.09.05 16:20| 
 |
Rispondi al commento

@ Daniela bottai

"La colpa non è nemmeno di chi ha fatto la legge, ma di chi l'ha votato... o almeno al 50%..."

La colpa non è ne dei giudici ne del 50% di chi lo ha votato. Io personalmente ho dato la fiducia a Berlusconi (o meglio alla coalizione), perchè pensavo che potesse dare una boccata di aria fresca alla nostra democrazia, ma se lui avesse parlato in anticipo della legge del falso in bilancio, delle rogatorie, dell'immunità parlamentare e altre leggi "personali", di sicuro non avrebbe il culo seduto su quella poltrona. A pensarci bene l'idea di Bertinotti, che in caso di vittoria vorrebbe riportare l'Italia a come era nel 2000 non è proprio malvagia. Berlusconi ci costringerà a cancellare 5 anni di governo come si fa con la gomma e con la matita.

Mi scuso per essere uscito dal tema ma una precisazione era necessaria.

Andrea Oliveti 26.09.05 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Tornando sul discorso dello spreco dell'acqua:
E' vero che chi abita in condominio, al momento non può, nè montare pannelli solari, nè null'altro di questo genere, ma nel caso di palazzi multifamiliari l'approccio dovrebbe essere un pò diverso.

Migliorare almeno di un pò la situazione (senza la pretesa che sia la soluzione a tutti i mali, ovvio)non sembrerebbe così difficile per un governo volenteroso...un paio di leggine di quattro righe, sparo quasi a casaccio dall'alto della mia eco-ignoranza:

leggina 1:
"A partire dall'anno 2007, tutte le nuove costruzioni adibite a condominio o a luogo pubblico dovranno essere predisposte ad ospitare impianti fotovoltaici e di conservazione dell'acqua piovana (e chi più ne ha, piu ne metta). Le spese aggiuntive sostenute dalle imprese per questo genere di lavori, saranno interamente deducibili dalle tasse"

Leggina 2
"La spesa per il completamento e la messa in funzione di tali impianti (anche quelli delle case private e/o ad uso monofamiliare) verrà interamente devoluta dalle tasse."

Insomma, spesa di predisposizione a carico dello stato per i condomini e luoghi pubblici, e a spese dell'utente (almeno in un primo momento) per case monofamiliari.
Intera deducibilità dalle tasse per quelle amministrazioni condominiali che utilizzeranno la predisposizione e completeranno l'impianto.
Naturalmente dopo qualche anno di monitoraggio la legge dovrebbe essere completata e finalmente potremo vedere almeno le nuove case nascere già "ecologiche"

ecco, io non parlo il legalese, ma non dovrebbe essere troppo difficile scrivere correttamente una roba così, sono stati due anni a farsi leggi private, potranno sprecare un paio d'ore per farne qualcuna condominiale no ?

Che dite, sono troppo ingenuo ?

Enrico Dagnino 26.09.05 16:19| 
 |
Rispondi al commento

@ IVANA IORIO
___________________

La paglia è INTERNA ai muri della casa, e non certo all'esterno. Ciò permette di risparmiare notevolmente sul riscaldamento è sul condizionamento...ti sembra poco? penso certamente all'ecologia, ma anche al portafogli... inoltre la coibentazione con la paglia costa pochissimo...
x quanto riguarda il riciclaggio dell'acqua di scarico, penso che sia molto meglio l'idea che ho lanciato, o meglio, copiato... infatti uno sciacquone necessita di circa 14-15 litri d'acqua x adempiere al suo dovere di pulizia... non basterebbe l'acqua raccolta in un anno x far fronte all'uso dello sciacquone di una settimana!!
Meditate, gente, meditate...

bella figginn-a 26.09.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

A proposito, ma che acqua bevono in Parlamento?
La pagano o come al solito bevono alla faccia nostra?

Davide Certosi 26.09.05 16:15| 
 |
Rispondi al commento

@ Rosario Pisanò il 26.09.05 16:08

La colpa non è nemmeno di chi ha fatto la legge, ma di chi l'ha votato... o almeno al 50%...

Daniela Bottai 26.09.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

OT

Per domani mi aspetto un bel super commento di attacco di Ezio Mauro su Repubblica per l'assoluzione di faccia da culo di berlusconi...

Dopo un post a tema di Beppe qui ovviamente..

Non è colpa dei giudici ovviamente, ma di CHI ha fatto la legge........

Rosario Pisanò 26.09.05 16:08| 
 |
Rispondi al commento

@ Valerio Simone

Be' dando un'occhiata al suo sito - ma sopratutto al suo programma politico - è una scelta da valutate quella votare di Di Pietro...
Sicuramente meglio che lasciare la scheda in bianco....

Leo da Rimini 26.09.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

"E' stata applicata una legge che afferma che se il falso in bilancio non crea effetti nocivi di qualche rilievo non merita di essere punito. Il tribunale ne ha preso atto"

Chi lo ha detto ?? Suvvia, non è difficile.....

giuseppe fantini 26.09.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

L' acqua è un bene comune MA VA FATTA PAGARE SALATAMENTE per:
- disincentivare gli sprechi
- utilizzare i soldi ricavati per la razionalizzazione degli impianti, per la manutenzione, etc

L' acqua deve essere GESTITA DA UN ENTE PUBBLICO.
Solo così si può sperare di evitare speculazioni.

Roberto Solbiati 26.09.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento

@ Valerio Simone il 26.09.05 15:55

E ancora c'è qualcuno che ha dei dubbi su chi è il politico da votare!?...

(Vot'Antonio Vot'Antonio Vot'Antonio Vot'Antonio Vot'Antonio...)

Lorenzo Nosi 26.09.05 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Berlusca assolto!!!????
e magari starà anche festeggiando per la bella notizia, gli venga un ca.....r

Giornalisti, schifosi, dite qualcosaaaa!!!

Mauro Furlani 26.09.05 15:59| 
 |
Rispondi al commento

ECOGREEN vorrei risponderti, ma sono talmente incazzata contro i liberi professionisti come quello che ha scritto....sono soldi giusti SE FATTURATI....( non sanno neanche cosa e' la fattura) ...e mi sono abbassata anche a discutere, .....esco un po...ciao..e scusa, ne riparleremo alla prossima volta

ivana iorio 26.09.05 15:59| 
 |
Rispondi al commento

@ Postato da: Silvester stallone il 26.09.05 15:51

A Rambo-mbito!
E a chi si dovrebbe dare la colpa, ai governi futuri o sempre a quelli passati?
Quindi la colpa non sarebbe mai di quello in carica!?
Del resto cinque anni fa gli italiani hanno cambiato perché la maggioranza ha pensato che non andasse bene quello che avevano fatto fino ad allora... o no!?

Darth Vader 26.09.05 15:57| 
 |
Rispondi al commento

@Silvester Stallone

1) Non credo che Grillo accusi di più la destra della sinistra... fanno schifo entrambe.

2) Ok, i preti cattolici non si possono sposare. Ma sai dirmi perchè? In quale punto della bibbia stà scritto? Illuminami perché io non sono cattolico...

Leo da Rimini 26.09.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Premetto, quello che sto per scrivere esula dall'argomento... ma è troppo importante :

http://www.repubblica.it/2005/i/sezioni/cronaca/allibe/allibe/allibe.html

è scandaloso, mi vergogno di essere italiano !!!

scusate ancora se il messaggio non è attinente al post di Beppe, ma non ce la faccio più !

Simone B 26.09.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Pensavo che almeno sul sito di Beppe Grillo si parlasse dei veri problemi del mondo e dell'italia!!
....è vero lo si fa....ma come al solito puntando il dito sul governo attuale!!
Come se i passati governi di sinistra avessero fatto cambiamenti significativi!!!
Sono curioso di vedere a chi darete la colpa di tutto quando ci sarà il nuovo governo del Professore.
...ps: Dite a Benni che i preti cattolici non si possono sposare!!!!

Silvester stallone 26.09.05 15:51| 
 |
Rispondi al commento

@ Postato da: ermando sugetti il 26.09.05 15:48

M'illumino d'immenso...

Dario Vergassola 26.09.05 15:51| 
 |
Rispondi al commento

l'imputato cambia la legge.... l'imputato viene assolto...... mi sembra cosa buona e giusta.... così parlò ruini......

roberto m. 26.09.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

@ Valerio Simone

ho letto, grazie della precisazione; ma questo non vuol dire che la legge e´giusta, significa che e´sbagliata a livello europeo.
Del resto i governi piu´influenti sono comandati da politici vicini agli industriali....

corrado ceccarelli 26.09.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono OT... ma ecco gli effetti delle leggi ad personam!!!!

All Iberian, Berlusconi assolto
"Falso in bilancio non è più reato"


MILANO - Per la vicenda All Iberian, Silvio Berlusconi è stato assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato. Il premier era accusato di falso in bilancio. Con lui sono stati assolti anche gli ex manager Fininvest Ubaldo Livolsi, Giancarlo Foscale e Alfredo Zuccotti.

"E' una sentenza attesa - dice Gaetano Pecorella, difensore di Berlusconi - E' stata applicata una legge che afferma che se il falso in bilancio non crea effetti nocivi di qualche rilievo non merita di essere punito. Il tribunale ne ha preso atto".

Secondo i pubblici ministeri dal conto All Iberian della Fininvest erano usciti una decina di miliardi che avrebbero finanziato partiti politici.

marco 26.09.05 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Posto un articolo di alcatraz.it che spiega per filo e per segno tutto quello che c'è da sapere sugli impianti di filtraggio domestici.

http://www.alcatraz.it/redazione/news/show_news_p.php3?NewsID=2463

Andrea Oliveti 26.09.05 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO,PERCHE'NON FACCIAMO UN BEL GIOCO?
CHI RIESCE A SCRIVERE LA COSA PIU INTERESSANTE CON IL MINOR NUMERO D PAROLE...

ermando sugetti 26.09.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

X valerio simone
la corte di giustizia europea è stata interpellata per decidere se la depenalizzazione voluta da Berlusconi fosse o meno incongrua con le direttive internazionali...L'Europa ha detto che va bene così, ma resta il fatto che in Italia quella legge l'ha approvata la Casa delle Libertà, abbiamo così una libertà in più, quella di falsificare i bilanci.

rocco gennari 26.09.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

La faccia del tizio sulla banconota nella foto è CARL FRIEDERIC GAUSS, un grandissimo matematico.

La banconota è un pezzo da 10 marchi tedeschi.
Oltre al faccione di Gauss è anche raffigurata La curva normale gaussiana, con relativa formula.

La larghezza a mezza atezza d quella curva (Full Width Half Maximum, FWHM) rappresenta l'ignoranza in statistica di tutti i nostri politici, e ne esalta l'incompetenza nell'interpretare ogni genere di sondaggio.

Davide
www.onedrop.it

Davide Ricci 26.09.05 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici,
questo e'probabilmente L'ARGOMENTO della nostra era.
Senza acqua non si vive e chi detiene il potere sull'acqua detine unpotere di vita o di morte sulla gente. A questo proposito vorrei fare alcune considerazioni
1) In Venezuela visto che gli acquedotti non funzionavano bene sono stati dati in gestione e delle compagnie USA che hanno promesso in cambio di un aumento sul costo dell'acqua di sistemarli in maniera moderna. Per farla breve, quello che e' successo e' che dopo alcuni anni gli acquedotti mai sistemati non facevano arrivare l'acqua alla popolazione rurale, mentre era vietata anche la raccolta dell'acqua piovana per permettere di garantire gli interessi della multinazionale (lo stesso e' successo in bolivia).
Per poter risistemare le condotte e dare da bere alla gente lo stato e' stato costretto a ricomprare le azioni dalla multinazionale e a pagare una penale alla multinazionale per i mancati entroiti pattuiti nel contratto.
Solo casualmente la multinazionale era gestita dall'attuale vicepresdente americano.
2) l'acqua potabile e' sempre piu' scarsa visto che le industrie ecc. non fanno altro che inquinarla. Domanda:
PERCHE' CHI INQUINA NON E' COSTRETTO A DISINQUINARE A PROPRIE SPESE?
Per quale ragione loro guadagniano e noi paghiamo?
Cari saluti a tutti

LUIGI NAPPI 26.09.05 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: ivana iorio il 26.09.05 15:40

ma sei irrecuperabile..........

HO SCRITTO :
sono soldi giusti SE FATTURATI ....

Ma lo leggi l'italiano o devo scriverti in bresciano stretto !

g.corti 26.09.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi assolto perche´il reato non esiste dopo che la legge e´stata cambiata da un imputato (lui)....
Che schifo!!
Beppe!! Presto!! Non basta una pagina, dicci quanto costa l´intero giornale.....

Postato da: corrado ceccarelli il 26.09.05 15:32
Postato da: Cristian De Colli il 26.09.05 15:35

CONCORDO ANCH'IOOOO !!!!
REPUBBLICA DELLE BANANE SEMPRE PIU' VERAA!

Rosario Pisanò 26.09.05 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno sa dirmi se i filtri a carboni attivi si possono montare dove c'è anche un'"addolcitore"??

Leo da Rimini 26.09.05 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Non vedo cosa ci sia di male a fare l'architetto, l'ingegnere o l'avvocato, sono professioni che richiedono una vita di studi e quindi tutti i soldi che vengono guadagnati sono "giusti" , se fatturati.

nulla , ma se non hai mai lavorato non parlarne....
------------------------------------------
giusti...non fatturati ????????????????????
guarda non toccare questo tasto che dall'incazzatura che ho adosso verso queste categorie....col pensiero ti potrei far crollare la casa adosso.......siete schifosi dal punto di vista fiscale, non devi neanche parlarne.......

ivana iorio 26.09.05 15:40| 
 |
Rispondi al commento

X ivana iorio
perché dovremmo lasciar perdere ECONOGREEN, ti sei già informata ed è una patacca? o non è la sede giusta per parlarne?

rocco gennari 26.09.05 15:38| 
 |
Rispondi al commento

L'anno scorso si è tentato di raggiungere un accordo negoziato tra le comunità e quando stavano per arrivarci la Segreteria della Riforma Agraria ha convinto una parte della comunità a vendere tutto l’ejido, più di quanto gli invasori avevano come terreno loro. La maggioranza si è opposta ed i funzionari agrari si inventarono delle finte assemblee. Quelli che non erano d’accordo cercarono la difesa dalla giustizia federale e ci riuscirono: ora la loro pratica è al Tribunale Agrario e stanno cercando di annullare i finti verbali redatti senza di loro. Vogliono un accordo negoziato, ma non imposto da fuori ed ancor meno che implichi la perdita del loro patrimonio.

Possiamo continuare a fare esempi così di ogni tipo. Tutto questo mentre il Presidente che vuole passare alla storia come colui che ha portato la pace nella campagna, secondo le sue stesse parole, li ignora nel suo rapporto alla nazione ed i partiti politici fanno scena muta. E quando alcuni funzionari cercano di informare sulle politiche della trasversalità che dicono di portare avanti, quello che si vede sono numeri, non persone, ancor meno popoli.

Fanno male i funzionari ed i politici in dare per morti i popoli indigeni. Tra molti di loro esiste il fermo credo che quando i morti partono lasciando i loro conti pendenti ritornano sempre a riscuoterli. E la nazione non ha saldato ancora il suo debito storico con loro. Non succeda che un giorno, all’improvviso, ci appaiano e ci spaventino.

(tradotto dal Comitato Chiapas di Torino)

Prima che diventiamo anche noi come gli indios messicani....

stefano crema 26.09.05 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi assolto perche´il reato non esiste dopo che la legge e´stata cambiata da un imputato (lui)....
Che schifo!!
Beppe!! Presto!! Non basta una pagina, dicci quanto costa l´intero giornale.....

CONCORDO IN PIENO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Cristian De Colli 26.09.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento

È paradossale, ma lo stato che non ha detto nulla sulla riforma respinta dai popoli indigeni è uno dei pochi che si ricorda che la Costituzione federale li obbliga a riformare la loro costituzione per riconoscere i mutilati diritti indigeni incorporati nella Costituzione.

Allo stesso modo camminano in Oaxaca, resistendo alla repressione del governo di turno che, preoccupato di metter insieme alleanze sufficienti affinché Roberto Madrazo possa essere il candidato del Partito Rivoluzionario Istituzionale nelle prossime elezioni a presidente della Repubblica, non ha dubbi nell’applicare la politica del bastone e della carota, che tanto apprezzano i governi autoritari e dominati dai caciques: premi per ballare al ritmo deciso dall’alto, bastoni per quelli che osano annacquare la festa.

E se non siete convinti, domandate alla comunità di San Isidro Vista Hermosa, nella regione Mixteca, dove da anni sono molestati dalle autorità del municipio di Santa Cruz Nundaco, solo perché non accettano di sottomettersi alle loro decisioni autoritarie. Distruzione di case, bastonate, sequestri, violazioni di donne giovani sono il quotidiano e le autorità non fanno nulla per punire i responsabili.

Un altro metodo molto utilizzato è quello di provocare divisioni tra le comunità per sottometterle. San Pedro Yosotatu nella stessa regione mixteca ne è buon esempio. Nata da un conflitto agrario provocato dalla allora Procura Agraria per avviare Procede, la violenza è stata una costante negli ultimi dieci anni, nei quali si sono perse vite sia da un lato che dall’altro.

stefano crema 26.09.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento

I cazzi cambiano ma i culi son sempre gli stessi.

La Jornada - Venerdì 23 settembre 2005

Francisco López Bárcenas

L'invisibile lotta dei popoli indigeni

Non compaiono nelle relazioni ufficiali, ma esistono. Vogliono renderli di nuovo invisibili, ma loro insistono per essere visti; li vogliono quieti, ma allora è quando si muovono di più. Sono i popoli indigeni del Messico che come quelli dell'America Latina camminano sciolti, lottando per continuare ad essere quello che sono e per difendere quelli che considerano i loro diritti, anche se gli stati glieli negano nella legge. Ci sono state manifestazioni recenti in varie parti del paese.

In Guerriero si mobilitano per opporsi alla costruzione della diga La Parota, promossa tanto dal governo statale di filiazione perredista, come da quello federale panista che si sono impegnati a portare avanti quel progetto voluto dal gran capitale, messicano e transnazionale. Gli uni e gli altri tentano di convincere i villaggi che conviene loro vendere le terre e che se ne devono andare chissà dove alla ricerca di un migliore futuro per loro e per i loro discendenti, ma ostinati come sono si oppongono, perché sanno già com’è andata a finire con quelli che hanno accettato in altri tempi: decenni dopo continuano a non aver riscosso le loro indennità.

Lo stesso si è visto in Yucatan, governato dal PAN, mobilitatosi con lo slogan "Non nel nostro nome" per protestare contro il governo dello stato che vuole approvare una legge sui diritti indigeni che è una brutta copia della legge federale promossa all'inizio dal governo panista, nella quale con il pretesto di mantenere l'unità nazionale si trafugarono i diritti dei popoli indigeni.

stefano crema 26.09.05 15:34| 
 |
Rispondi al commento

tra un post e l'altro devo anche far qualche lavoretto...di sicuro sbaglio, di sicuro perdo poco tempo a controllare...ma perche ti fai dei problemi per i miei errori ?

non mi suicidio per questo,

ivana iorio 26.09.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi assolto perche´il reato non esiste dopo che la legge e´stata cambiata da un imputato (lui)....
Che schifo!!
Beppe!! Presto!! Non basta una pagina, dicci quanto costa l´intero giornale.....

corrado ceccarelli 26.09.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

carburanti ti chiedo se conosci un congenio che si chiama ECONOGREEN
----------------------------
lasciate perdere queste cose....

ivana iorio 26.09.05 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera è stato censurato un post lunghissimo ed anonimo, ma secondo me molto bello.
Era OT e superava i caratteri consentiti, quindi non posso fare lamentele.

A chi interessasse e avesse voglia di perdere un quarto d'ora di tempo faccia un giro qui:
http://www.centrofondi.it/Articoli/Bankenstein.htm

Ribadisco che è OT e quindi gradirei non essere infamato :-)

Ciao, Lorenzo

www.adessobasta.it

Malaguti Lorenzo 26.09.05 15:25| 
 |
Rispondi al commento

lavorando come geologo, so che chi imbottiglia acqua minerale guadagna circa dalle 2 alle 3 lire a bottiglia venduta.

queste sono cifre relativa all'acqua nerea, in umbria.

pierluigi ansparri 26.09.05 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Non c'entra niente, però mi fa inca....e:
da televideo Rai:

I giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Milano,davanti al quale si è celebrato il processo All Iberian, hanno assolto il premier Silvio Berlusconi dall'accusa di falso in bilancio "perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato"
-------------

è un'ingiustizia. è uno schifo.
evviva le leggi ad personam

dario mencucci 26.09.05 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Forse non sono molto attinente all'argomento, ma non riesco a trattenermi.

Berlusconi è un Genio!
Fatemi spiegare..
Prima leggete questa notizia del corriere:

«Il fatto non costituisce più reato»: era accusato di falso in bilancio
Processo All Iberian, assolto Berlusconi
Con il premier sono stati assolti anche gli ex manager Fininvest Ubaldo Livolsi, Giancarlo Foscale e Alfredo Zuccotti
MILANO - Per la vicenda All Iberian, Silvio Berlusconi è stato assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato. Secondo i giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Milano, in base alla nuova normativa sui reati societari (approvata dal governo guidato dallo stesso Berlusconi) la condotta di cui era accusato il premier non è più prevista dalla legge come reato. Con Berlusconi sono stati assolti anche gli ex manager Fininvest Ubaldo Livolsi, Giancarlo Foscale e Alfredo Zuccotti.
potete anche trovare l'articolo a questo link
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/09_Settembre/26/alliberian.shtml

In italia è possibile compiere un reato, diventare presidente del consiglio, cambiarsi la legge ed essere assolto.

Uno che riesce a far tanto, può essere amorale, e deprorevole, ma non si può dire che gli manchino idee geniali.
Una persona comune se ha fatto un reato al massimo scappa, va all'estero, invece lui, si è posto al capo di un goverso e si è giudicato e si trovato innocente.
Ineccepibile!

Roberto Marchese 26.09.05 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Processo All Iberian, Berlusconi assolto:
"Falso in bilancio non è più reato"

www.repubblica.it - prima pagina

BASTAAAAAAA!!!!!!!

RIVOLUZIONE RIVOLUZIONE RIVOLUZIONE.

ASSOLTO UN CORNO, LO ABBIAMO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI CHE SI E' FATTO LA LEGGE DA SOLO E CHE ADESSO HA AVUTO L'EFFETTO DESIDERATO.

PER ME BERLUSCONI E' COLPEVOLE DI FALSO IN BILANCIO, ALTRO CHE ASSOLTO. E' UN FUORILEGGE E BASTA. SI E' AUTOASSOLTO CASOMAI, CON LA SUA STESSA LEGGE. MA NON PER ME.

Rosario Pisanò 26.09.05 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Dicevamo, l'acqua vi costa sulla bolletta circa 2€ al metro cubo, che abbiamo detto essere mille litri.

Quindi, 2€/1000litri = 0,002 €/l, che è UN QUINTO DI CENTESIMO.

Facciamo finta che costi molto, molto di più: cinque volte di più.
Facciamo finta, quindi, che costi UN CENTESIMO AL LITRO.

® Domanda: Quanto costa l'acqua minerale al litro?

® Domanda: Se un litro d'acqua ha massa 1 Kg, quale altra cosa vi costa un centesimo al chilo?

Attendo con ansia le risposte e le conclusioni di qualcuno


ciao
Davide
www.onedrop.it

Davide Ricci 26.09.05 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Scusate il fuori tema..ma questa é da leggere (dall'Unitá di oggi)--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Vaticano vieta il sacerdozio ai gay. In Inghilterra il primo prete transessuale (di red) --------------------------------------------------

Due storie diverse ma stranamente contemporanee, lontanissime e speculari. Proprio mente i cattolici americani, dopo le rivelazioni del New Tork Times sul documento del Vaticano che vieterà ai gay, anche se casti, di accedere al sacerdozio, si spaccano fra conservatori e progressisti, dall’altra parte dell’Atlantico la Chiesa anglicana, con una decisione assolutamente controcorrente, ordina il primo prete transessuale.

Certo, le polemiche non sono mancate. E il vescovo anglicano di Hereford, Anthony Priddis, è dovuto intervenire alla radio della Bbc per difendere la sua scelta e le ragioni di una «candidata meravigliosa» che si è operata tanti anni fa, «molto prima di considerare la possibilità di dedicarsi alla religione». Non solo. Il vescovo ha evidenziato come i problemi legati alla transessualità «si capiscono molto più chiaramente in questo XXI secolo» e ha ricordato che «gli interventi di cambio di sesso - ha aggiunto - servono a portare il corpo e la mente alla sua integrità».

Il nuovo prete si chiama di Sarah Jones, 43 anni, ed è originaria di Ross-on-Wye in Herefordshire, dove è nata come Colin Jones e ha passato i suoi primi 33 anni di vita come un uomo.

Daniele Pezzetta 26.09.05 15:17| 
 |
Rispondi al commento

trovando INAUDITO sprecare acqua potabile per scaricare le nostre deiezioni... l'idea è relativamente semplice, eppoi è un metodo largamente usato in Germania. Credetemi, è stato più facile convincere il Comune che la coibentazione dei muri è sicura e stabile anche con la PAGLIA piuttosto che trovare un idraulico che non ci prendesse per pazzi quando esponevamo il nostro progetto. Che tristezza...
---------------------------------------------

la paglia...si ma ti conviene mettere mezzo kg di DDT altrimenti formiche, lombrichi ragnetti, piu varie muffe dovute all'umidita, e simili se la mangiano... ...magari non subito ma tra qualche anno.........................questa dell'acqua di recupero per la pulizia , questa e' forte....ma non e meglio un serbatorio di recupero acque piovane ? d'accordo fare gli ecologici, ma arrivare a cio'..... adesso non eageriamo

ivana iorio 26.09.05 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Processo All Iberian, Berlusconi assolto
"Falso in bilancio non è più reato"


MILANO - Per la vicenda All Iberian, Silvio Berlusconi è stato assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato. Era accusato di falso in bilancio. Con il premier sono stati assolti anche gli ex manager Fininvest Ubaldo Livolsi, Giancarlo Foscale e Alfredo Zuccotti.

Che fortuna!!Sono proprio contento.

Calogero Aiosa 26.09.05 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: ivana iorio il 26.09.05 15:06
________________________________________________
Non vedo cosa ci sia di male a fare l'architetto, l'ingegnere o l'avvocato, sono professioni che richiedono una vita di studi e quindi tutti i soldi che vengono guadagnati sono "giusti" , se fatturati.

Ovviamente avendone la possibilità il cliente di norma sceglie di pagare meno e senza fattura ( non gli serve) .

Se ad un operaio che ha 2 figli e un solo stipendio , il dentista gli propone 600 con fattura e 400 senza , lui è COSTRETTO a dargli 400 .

Ciao PADANA

P.S: Ce l'hai ancora un'ampolla di acqua del PO del monviso . SARA' la più buona d'italia ......

Va a ciapà i ratt


g.corti 26.09.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

OT

BERLUSCONI assolto perché il falso in bilancio non è più reato.

Questa gentaglia DOVRA' PAGARE prima o poi e rendere conto del male che ha fatto al paese e al mondo intero.

MAI PIU' tirannie

alberto afflitto Commentatore in marcia al V2day 26.09.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Postato da Ivana Iorio:
"se l'imprenditore italiano pagherebbe(???) bene anche un'italiano, di personale ne trova (???) a josa"

Grande Ivana, complimenti per i congiuntivi.
Riprova con "pagasse" e "troverebbe"!

Sai, conosco immigrati che l'italiano lo parlano meglio di te!
Dovresti scrivere meno e leggere di più...

ciao ciao

Erik Banjo 26.09.05 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Gino Maruzza il 26.09.05 15:07

http://www.repubblica.it/2005/i/sezioni/cronaca/allibe/allibe/allibe.html

Qui necessita rivoluzione!!!

Rosario Pisanò 26.09.05 15:14| 
 |
Rispondi al commento


Il "decimetro cubo" viene spesso chiamato "litro", ed è una misura di volume.
Nel caso particolare dell'acqua, una massa d'acqua pari ad 1 kg occupa sostanzialmente il volume di un litro.
Infatti, impropriamente si dice "1 litro = 1kg" (occhio, uno è un volume e l'altro è una massa, e vale solo per l'acqua)

Un metro cubo d'acqua equivale a mille litri (e ha massa pari ad una tonnellata)

Se andate a prendere una bolletta, ci sarà scritto più o meno che l'acqua vi costa 2€ al metro cubo.

Davide
www.onedrop.it

Davide Ricci 26.09.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento

x adolfo carloni
so che sei un chimico e non un fisico, ma visto che hai lavorato con carburanti ti chiedo se conosci un congenio che si chiama ECONOGREEN (è una domanda che rivolgo a tutti), è un congenio che rende più efficiente il carburante (www.bl-servizi.com).
grazie

rocco gennari 26.09.05 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Processo All Iberian, Berlusconi assolto:
"Falso in bilancio non è più reato"

aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaargh!

Gino Maruzza 26.09.05 15:07| 
 |
Rispondi al commento

1)Il girdiniere per un lavoro che ho fatto fare mi ha detto :
"...sono 1500 euro con fattura e 1200 senza fattura"
2) Il dentista mi ha detto: "... sono 600 euro con fattura 500 senza.."

------------------------------------

e tu cosa hai scelto ? .....non dire con la fattura perche non ci credera' nessuno.........

============================================

l'imprenditore di lavoratori italiani per fare i lavori più sporchi e pesanti non ne trova neanche uno !
-----------------------------------------

certo che se spendi 1500 euro per il giardiniere......il discorso lavoro pesante sporco descritto ...non ti passera' neanche per la testa... ( magari sei avvocato o architetto o lavoratore autonomo) se magari guadagnavi un poco meno forse avresti accettato quei lavori

ivana iorio 26.09.05 15:06| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE GRILLO SCRIVE:

i comitati civici, espressione dei cittadini, chiedono che la delibera venga ritirata, che l'acqua sia pubblica, e che si ripubblicizzino le infrastrutture ,delle sorgenti dell'ATO2 e dell'ATO3, che la giunta Bassolino ha dato in gestione ad Eniacqua, oggi Acqua Campania SpA.

---------------------------

BASSOLINO MAFIOSO, QUANTI SOLDI HAI INTASCATO DALL'ACQUA CAMPANIA SPA?

Giovanni Martini 26.09.05 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Contrariamente alla mia abitudine mi permetto di intervenire per la seconda volta per puntualizzare alcune cose; vedo infatti che molti messaggi mettono in evidenza i trattamenti al cloro per sterilizzare l’acqua potabile in rapporto alle acque minerali. Bene, qua si sta parlando della privatizzazione degli acquedotti, chiaro? L’acqua per uso potabile è solo uno degli usi possibili (attualmente in Italia il più marginale) degli acquedotti. L’uso civile prevalente è per lavare (dal bagno alla cucina ecc…), cucinare, anche bere, e soprattutto irrigare.
Per quanto riguarda l’acqua minerale vs quella del rubinetto avevo proposto un topic apposito perché è un argomento sul quale c’è molto da dire. Se poi i trolletti destrorsi si divertono a distorcere gli argomenti proposti facciano pure ma sappiano che il debanking non attacca con chi è doverosamente informato.

Robert Dubois 26.09.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
sono un chimico industriale di 26 anni. Volevo solo dirti che ho trovato il modo di ottener il biodiesel senza che otturi il circuito di benzina interna; l'ho fatto facendo reagire mezzo litro di olio fritto con opportune quantità stechiometriche di soda e metanolo.
Sul fondo si è depositata la glicerina e sopra è rimasto il biodiesel. ho filtrato il biodiesel con un flitro di 10 micron et voilà il gioco è fatto. ora. essendo io un dottorato di ricerca presso il CNR di Firenze che lavora su biosensori genetici per la rilevazione di fattori di infiammazione cancerogena(fattore chiamato NFkB -www.nfkb.org-) ed essendo stipendiato con 827 euro netti al mese di cui 400 euri devo versare per l' affitto in nero di una stanza di 10 mq, come posso espandere i miei orizzonti di conquista del biodiesel?
Se hai bisogno di qualsiasi informazione di chimica sincera e affidabile, non esitare a contattarmi. se mi dai la possibilità di spedire un file ti invio il mio CV così potrai constatare che sono (ancora) una brava persona che si è sbattuta molto soprattutto all' estero fino ad accettare questa condizione miserrima di stipendio ma non di lavoro perchè volevo tornare in Italia. Ho visto il tuo ultimo spettacolo e come sempre mi ha illuminato. Sei un Grande, ma non ti esaltare troppo se no la gente smette di darti credito. L'umiltà alla base.Continua così.
a.carloni@ifac.cnr.it

Adolfo Carloni 26.09.05 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Io a casa ho montato un depuratore passivo con cerboni attivi con filtri intercambiabili.
Mi piacerebbe sapere se in commercio c'è uno strumento che controlla le caratteristica dell' acqua.

Grazie Saluti

Calogero Aiosa 26.09.05 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Privatizzare l'acqua è stata una delle cose più schifose mai attuate dall'uomo.

L'acqua è importante quanto l'aria, siamo anche noi fatti di acqua, è un bisogno primario.

Chi ha privatizzato l'acqua ha capito tutto ciò.
Alcuni possono dire che è stato in gamba, io dico che è stato uno str..o, perchè avrei preferito risparmiarmi i soldi sulla minerale al supermercato e bermi l'acqua di casa mia, diventata imbevibile, per motivi legati all'inquinamento delle falde acquifere.

Chi abita in montagna forse non ha questo problema.

Marco

Marco Sanchioni 26.09.05 14:59| 
 |
Rispondi al commento

se l'imprenditore italiano pagherebbe bene anche un'italiano, di personale ne trova a josa


Postato da: ivana iorio il 26.09.05 14:40
______________________________________________

Ogni giorno Ti confermi per quello che sei !
(...no comment...)


l'imprenditore di lavoratori italiani per fare i lavori più sporchi e pesanti non ne trova neanche uno !

Tutti preferiscono lavorare in nero o fare i mantenuti dammammà ! al nord e al sud !

E poi smettiamola con sta storia degli imprenditori del nord che mantengono l'italia , quelli non pagano un cazzo di tasse e mai le pagheranno !
Ti faccio degli esempi:

1)Il girdiniere per un lavoro che ho fatto fare mi ha detto :
"...sono 1500 euro con fattura e 1200 senza fattura"
2) Il dentista mi ha detto: "... sono 600 euro con fattura 500 senza.."

VADO AVANTI ?

3) l'elettricista uguale ( cambiano gli importi)
4) il conto al ristorante è lo stesso

ecc. ecc.

e' UNA GRANDE ILLUSIONE CHE AL NORD SI LAVORA E SI PAGANO LE TASSE , AL SUD SI VIVE DI ASSISTENZIALISMO ...... tutte balle , al nord non si pagano le tasse .punto e basta

g . corti 26.09.05 14:57| 
 |
Rispondi al commento

mmmm... ma chi lo spiega al popolo della sinistra che le leggi che hanno permesso la svendita dei servizi comunali alle società private dei soliti noti sono tutte uscite dai governi di centrosinistra?
Anzi... pare proprio che la maggiorparte delle società a delinquere che gestiscono i vari disservizi ex comunali quali nettezza urbana e acquedotti vari siano in mano a ex assessori e consiglieri dei governi di centrosinistra. (parlo ovviamente delle zone che conosco)
Cmq non vi preoccupate, gli attuali governi comunali di centrodestra stanno facendo la stessa cosa... siamo messi proprio bene.

Marcello F. 26.09.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Questa storia non è certo una novità. Già molti mesi addietro fu denunciata da alcuni media campani (La Voce della Campania in primis), ma come al solito avviene in Italia, i principali canali giornalistici nazionali non hanno ribattuto la notizia.

Forse miglior sorte avremo con il tam-tam internettiano? Speriamo!

Diego d'Andria 26.09.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Dovendo ristrutturare un rudere che spero presto diventerà la mia casa, io povera impiegata con il mio compagno, operaio, abbiamo pensato di ristrutturare la grotta con criteri ecologici e a basso impatto ambientale (non sto a dirvi a che prezi...). La cosa che non siamo riusciti proprio a fare è stato trovare un idraulico disposto a costruire un impianto che per lo sciaquone del gabinetto riutilizzasse l'acqua di scarico dei lavandini e della doccia, trovando INAUDITO sprecare acqua potabile per scaricare le nostre deiezioni... l'idea è relativamente semplice, eppoi è un metodo largamente usato in Germania. Credetemi, è stato più facile convincere il Comune che la coibentazione dei muri è sicura e stabile anche con la PAGLIA piuttosto che trovare un idraulico che non ci prendesse per pazzi quando esponevamo il nostro progetto. Che tristezza...

bella figginn-a 26.09.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Privatizzeranno anche la pioggia? (Giusto per saperlo prima..sto pensando di "trasferirmi su Marte"..semba che in passato ci sia stata acqua e....sia pubblica..) Ciao

Luca Pipponi 26.09.05 14:49| 
 |
Rispondi al commento

come cittadini ormai non contiamo piu nulla, contiamo solo come consumatori, e come tali dobbiamo essere informati, sarebbe da mettersi davanti ai supermercati con una lista di quelle societa' che fanno "affari sporchi" e consegnarle ai clienti che entrano, poi a quel punto sara' una loro scelta se continuare a comprare i prodotti di quella societa' oppure no.
io e ormai un po di tempo che ho smesso con la coca cola, e ne ero un appassionato, ma poi tutto cio'che ho letto su questa societa', che usa come testimonial babbo natale e questa la dovrebbe dir lunga su questa societa', ho semplicemente smesso, la mia ragazza beveva le acque in bottiglia, alla fine le ho detto che io non le avrei piu comprate e che se veramente la voleva, se le doveva portare a casa da sola. Risultato ora beviamo solo acqua di rubinetto.

svegliamoci, e una volta che l'abbiamo fatto aiutiamo gli altri a svegliarsi.

@Beppe
si potrebbe stilare una lista con le societa' alimentari coinvolte nel traffico d'armi. potrebbe essere un inizio. lo so e' difficile, ma come dice Confucio: Anche il viaggio più lungo comincia con un passo.

Flavio Barale 26.09.05 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Beppe perché non ci hai messo il bel faccione di Bassolino in testa all'articolo? Forse perché non fa parte del centro-destra? Senti, un tempo eri pure credibile ora purtroppo ti sei venduto pure tu. Peccato. Ti ricomincerò a leggere quando finirà la campagna elettorale (e che Dio ce la mandi buona se dovesse vincere Prodi).

Corrado Mauceri 26.09.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento

p.s.: io mi arrogo il diritto di sapere xè la sig.ra Ivana Iorio si lamente sempre degli immigrati: è un odio/amore. invidia la gamba di mezzo dei senegalesi e nord africani ....ehehehhe
-------------------------------
la gamba di mezzo usala per te e tua sorella

ivana iorio 26.09.05 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Poi com'è la bossi-fini? Per avere il permesso di soggiorno devi avere un lavoro, ma per avere un lavoro devi avere il permesso di soggiorno
-----------------------------------------------
certo. e mi sembra giusto:
se l'italico imprenditore vuole 1000 extracomunitari per i suoi lavori deve far le pratiche , assicurare un posto abitativo, metterli in regola ....allora puo' far richiesta alla camera del lavoro, ..gli piaccino i moldavi ? ok va benissimo si trasmette all'ambasciata italiana in moldavia che l'imprenditore xxx vuole 1000 moldavi perche gli piacciono come persone e se li assume tutti...

invece la realta e' diversa: sbattendosene di tutti i problemi a corredo, se li prende in nero ricattandoli con permesso di soggiorno e uno stipendio da fame: purtroppo c'e domanda e offerta

se l'imprenditore italiano pagherebbe bene anche un'italiano, di personale ne trova a josa

raccontami in breve parole cosa ci fa un'estracomunitario in italia senza lavoro ? deve vivere anche lui, e cosa fa per vivere ?

l'italia paice agli extracomunitari : certooooo dove trovano un'altro posto in far di tutto fregandosene delle leggi ?

ivana iorio 26.09.05 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Io sono della provincia di Caserta ma di questa roba non ne sapevo niente.
Il problema più grosso è che la maggioranza delle persone sono allo scuro delle attività pubbliche e tutti i politici non fanno alcunchè per informare i cittadini.
Siamo veramente arrivati al punto in cui un elitè intellettualoide cerca di opporsi platonicamente alle ingiustizie dell' elitè contrapposta che veglia affinchè le masse dormano e non intralcino i loro progetti di arricchimento amorale.

Antimo Vigliotta 26.09.05 14:39| 
 |
Rispondi al commento

argomento interessante e spinoso

alcuni link utili:

http://www.disinformazione.it/acqua2.htm
http://www.repubblica.it/online/societa/minerale/minerale/minerale.html
http://www.carta.org/rivista/settimanale/2005/10/10pallante.htm
http://www.ares2000.net/ricerche/scandaloacqua.htm
http://www.wwfroma11.it/stili%20di%20vita/acqua.htm

considerazioni:

una bottiglia di acqua costa mediamente (sconti a parte!) 0,50 euro al
litro. per stare in salute dovremmo berne circa 1 litro al giorno.
facciamo che ne beviamo 200 litri all'anno (visto che magari beviamo
anche vini, succhi di frutta, etc). possiamo risparmiare
immediatamente, per persona, un po meno di 100 euro l'anno (l'acqua
del rubinetto ha un costo irrisorio ed è altrettanto, se non più,
sicura)

non solo: da dove viene l'acqua minerale e dove va? come viene
trasportata?
migliaia di camion devono portare carichi di acque minerali da nord a
sud italia e viceversa, con inutile dispendio di gasolio, energia,
intasasmento di strade, inquinamento e incidenti.
mettimao che ogni giorno la popolazioe italiana (facciamo 50.000.000
persone) beva 1/2 litro di acqua. togliendo al solito vino e spremute,
stimiamo un consumo di 15.000.000 di litri di acqua al giorno. quante
bottilgie (USA E GETTA!!!!!!!!!!) fanno? quante tonnellate di merce
trasportate inutilmente?

Matteo Bosi 26.09.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

considerati invitato a pranzo!


Postato da: Pietro B. il 26.09.05 14:24
___________________________________________

GRAZIE , vengo volentieri ... per il menù non preoccuparti io mangio di tutto


........le cisterne possono essere installate anche per i condomini con verde comune............ anzi si suddivide la spesa !

g . corti 26.09.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
è la prima volta che scrivo sul blog, anche se è da un po' che leggo i post; mi ha ispirato l'ultimo dei temi da te proposti. In qualche post prima del mio, ho letto il commento di una persona che dice: l'acqua dell'acquedotto è più controllata di quella minerale in bottiglia. Io vorrei aggiungere solo un "dovrebbe essere più controllata".
Da fonti certe, al mio paese i controlli vengono fatti molto, ma molto di rado. In più, quando piove, per 2-3 giorni l'acqua scende di color marroncino. Dopo varie segnalazioni al Sindaco da parte di molti cittadini, la risposta è stata: "l'acqua scende torbida, ma dalle analisi fatte è potabile". Per risolvere il problema si dovrebbero costruire delle vasche di decantazione con filtri a sabbia. Ma il comune non intende procedere con i lavori poiché dice che di qui a non molto sarà obbligato a dare in gestione l'acqua ad un consorzio privato che gestirà l'acqua di molti paesi vicino al mio, quindi provvederanno loro. Ma nel frattempo noi dobbiamo, quando piove, far da mangiare con l'acqua delle bottiglie e aspettare a lavare i panni (quelli bianchi, se li lavi si sporcano).
Ora io vorrei sapere se qualcuno sa se è proprio vero che i comuni sono obbligati a dare in gestione l'acqua ai privati.
Inoltre, come scusante, dicono che la gestione servirà a non far rimanere senza acqua i paesi che solitamente restano senza in periodi di siccità, facendo dei lavori di canalizzazione per unificare i vari acquedotti. Questa cosa, non so come, mi ricorda un pezzo dello spettacolo di Beppe che diceva: "quelli di Roma bevono la S.Pellegrino, quelli di Bergamo la Ferrarelle... se ognuno si bevesse la sua c..o di acqua, eviteremmo 100 tir al giorno su e giù per L'Italia...".
Siamo i soliti italiani….
P.s. x Beppe Grillo: vai…mitico!!!

Manuel Bello 26.09.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Postato da Vittorio Campanini il 26.09.05 13:59
>Noi abitanti delle citta romagnole, siamo proprio
>dei deficenti, gli acquedotti e le risorse
>idriche delle nostre citta è da un paio di anni
>che sono stati ceduti nelle mani della s.p.a.
>Hera, assieme ai servizi di distribuzione del gas
>metano e della raccolta immondizie.
>Va da se che i servizi e le tariffe hanno subito
>negli ultimi due anni, il primo un peggioramento
>evidente e le seconde un aumento consistente.
>Campani tenete duro e non cedete alla privatizzazione!!!

COMFERMO!
oltretutto l'acqua è imbevibile

Fabrizio Galletti 26.09.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

@ G. Corti


L'idea delle cisterne per la piovana non è male (per chi puo' farlo) ad esempio potrebbe utilizzarla per il giardino, con una autoclave.

Anche i comuni pero' dovrebbero attivarsi per migliorare la rete idrica, per cercare nuove falde.

Gli antichi romani fecero arrivare tanta acqua a Roma da farci mille fontane, e noi nel 2005 stiamop piangendo la sete.

Valerio Simone 26.09.05 14:29| 
 |
Rispondi al commento

OT ( ma neanche tanto )

Qui l'UNIVERSITA' ITALIANA non c'è!

www.repubblica.it/2003/e/gallerie/scienzaetecnologia/solachallange05/solachallange05.html

Speriamo di essere presenti la volta prossima...

Ciao

G . CORTI 26.09.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Fabrizio Cremonni il 26.09.05 14:21

...ecco Fabrizio, rileggi bene il mio post e come vedi penserò anche a te la prossima volta.....

Emilio Patrizi Commentatore in marcia al V2day 26.09.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

PERCHE' SONO COSTRETTO A BAGNARE IL GIARDINO CON L'ACQUA POTABILE ?
La risposta è semplice : perchè non hai una cisterna per l'acqua piovana
Postato da: G . CORTI il 26.09.05 14:16

Grazie G., ora provero a chiedere ai condomini dello stabile dove abito (32 famiglie) se posso fare un giardino al sesto piano, così e più agevole la posa in terra della cisterna......

Certo ammetto non sarà facile tirare sul prezzo, ma se con 4000 euro ci riesco considerati invitato a pranzo!

Pietro B. Commentatore in marcia al V2day 26.09.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Erik Banjo il 26.09.05 12:56

ti stavo rispondendo, ma poi dopo aver preparato la risposta ho rinunaciato ad inviarla: troppo scurrile...non meriti neanche una risposta

ivana iorio 26.09.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Per Costanzo.
Ti prego, stai zitto! Non ti basta mai! Ma chi sei, che vuoi qui? Critichi pure.....ma vergognati!

Maria G. 26.09.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Non sono daccordo con questa affermazione:

"L’acqua è un bisogno primario, dovrebbe essere di tutti, gestito dalle autorità pubbliche."

L'acqua è di certo un bisogno primario, e non dovrebbe mai mancare a nessuno, ma a mio parere l'autorità pubblica non dovrebbe gestire un bel niente. Si è dimostrato infatti che ovunque c'è una autorità pubblica a "gestire" ci si mette sempre di mezzo la burocrazia, l'inefficienza, etc, etc. L'acqua dovrebbe essere gestita da una azienda privata, in concorrenza con altre decine di azienza, controllate dauna autorità pubblica che si occupi di verificare che i prezzi siano accessibili a tutti, che non vi siano discriminazioni o abusi, che il servizio sia della massima efficienza. Periodicamente poi occorrerebbe indire una nuova gara per l'attribuzione del servizio, al miglior offerente...

Per inciso, attualmente l'acqua è gestita dai comuni nel 99% dei casi e per questo motivo non ci sono i soldi per fare depuratori, ci sono dei livelli di clorazione insopportabili e si acquista acqua minerale. Smettiamola un po' di pensare che il lucro sia un male. Lucrare è legittimo (viviamo tutti di lucro, anche tu Beppe). E' assetare il prossimo che non lo è.

Andrea Boschin 26.09.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Cara ACEA ATO, caro Comune di Roma, PERCHE' MI FATE SPRECARE TUTTA QUEST'ACQUA POTABILE ?!?!?!?!?!?!?!

Postato da: Emilio Patrizi il 26.09.05 14:05
--------------------------
--------------------------


Eeeehhhh????? Quali sprechi?
A me non arriva nemmeno quella per il cesso, arriva la notte.

Bisogna pregare la Madonna anche per farci arrivare quell'acqua di merda che ci danno

Nel mio comune l'acqua è gratis, vorrei pure vedere se ce la facessero pagare, arriva ogni tanto e quella che esce è cacca allo stato liquido

Fabrizio Cremonni 26.09.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una sana bevuta al giorno di acqua con cloro, manda via il medico di torno


Postato da: Valerio Simone il 26.09.05 14:14
_______________________________________________

si , poi arriva il becchino !

g . corti 26.09.05 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Vi siete mai fatti la seguente domanda :

PERCHE' SONO COSTRETTO A BAGNARE IL GIARDINO CON L'ACQUA POTABILE ?

La risposta è semplice : perchè non hai una cisterna per l'acqua piovana.

Infatti , come già da tempo in si usa in Germania ( che di acqua ne hanno più di noi) , bisognerebbe installare in girdino una cisterna interrata che raccoglie l'acqua piovana ( anche per lo sciacquone del cesso - operazione però più complicata) .
Con una spesa sui 4.000 euro ( chiavi in mano) , si ottiene un enorme risparmio di acqua potabile che si ammortizza nel corso degli anni successivi:

INVECE DI COMPRARE TITOLI, AZIONI, OBBLIGAZIONI e
Altro investiamo nel risparmio vero !!!:

- PANNELLI SOLARI
- MACCHINE IBRIDE
- CISTERNE PER L'acqua piovana
- CALDAIE a CONDENSAZIONE
- FOTOVOLTAICO

La tecnologia c'è , USIAMOLA invece di lamentarci
e non compriamo più acqua minerale in plastica nei supermercati , rivolgetevi ai piccoli distributori di acqua a domicilio, in vetro con vuoti a rendere :
ripeto io pago 29 euro per 120 litri di acqua ( frizzante - mi piacciono le bolle) !!!!
ciao
G. corti


G . CORTI 26.09.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Il cloro viene immesso come precauzione contro eventuali batteri un pò come il cloro che si mette nelle piscine e se, come a volte può capitare ne viene immesso troppo l'acqua sà di candeggina.

Postato da: alberto grigio il 26.09.05 12:41
-
-
-
-
-
E fa benissimo alla salute, disinfetta fegato e reni, sbianca come non mai l'intestino.

Una sana bevuta al giorno di acqua con cloro, manda via il medico di torno

Valerio Simone 26.09.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento

io vivo in Calabria, nella presila catanzarese 850 metri. andando in Sila sulla diga del lago Passante, ho visto il lago in una piena come non
mai negli ultimi 15 anni almeno. E così' tutto il territorio. Nonostante ciò alcuni paesi hanno avuto piccoli problemi con l' erogazione. Non so se per problemi tecnici di erogazione o altri. Perchè.
Volevo chiedervi inoltre : esistono migliori "conternitori " naturali per l' acqua a parte un lago o sono più che soddisfacenti? ciao

luca mancuso 26.09.05 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Non solo voglio l'acqua dal rubinetto, ma inviterei l'azienda municipalizzata del mio comune ad attrezzarsi per portarmi un tubo con l'acqua non potabile, perchè ogni volta che tiro lo sciacquone del cesso, ogni volta che accendo la lavatrice, ogni volta che lavo i piatti, ogni volta che innaffio le mie piante, ogni volta che mi sciacquo il c..o... penso a tutti quegli stronzi ipocriti dell'azienda sopracitata che mi dicono di risparmiare l'acqua perchè la gente muore di sete.

Cara ACEA ATO, caro Comune di Roma, PERCHE' MI FATE SPRECARE TUTTA QUEST'ACQUA POTABILE ?!?!?!?!?!?!?!

Emilio Patrizi Commentatore in marcia al V2day 26.09.05 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi sarà poi, sopratutto nel sud, ad accaparrarsi gli appalti dell'acqua? In Sicilia non esistono già dei ...."signori" che controllano la distribuzione dell'acqua, spesso impedendo anche la costruzione di nuovi acquedotti? (...........)

Ruggiero Guidi 26.09.05 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Noi abitanti delle citta romagnole, siamo proprio dei deficenti, gli acquedotti e le risorse idriche delle nostre citta è da un paio di anni che sono stati ceduti nelle mani della s.p.a. Hera, assieme ai servizi di distribuzione del gas metano e della raccolta immondizie.
Va da se che i servizi e le tariffe hanno subito negli ultimi due anni, il primo un peggioramento evidente e le seconde un aumento consistente.
Campani tenete duro e non cedete alla privatizzazione!!!

Vittorio Campanini 26.09.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Che strano, abbiamo problemi dell'acqua, nonostante il nostro paese fa acqua da tutte le parti...
Buongiorno a tutti !!!!

Salvatore Ermenegildi 26.09.05 13:56| 
 |
Rispondi al commento

"SE E' VERO L' ALLARME DI BEPPE SULL' INFLUENZA
AVIARIA : OGNI GIORNO BEPPE DACCI UN' AGGIORNAMENTO, SE DOBBIAMO FAR QUALCOSA PER SALVARCI TUTTI , FACCIAMOLO SUBITO .
IN INDONESIA IL VIRUS E' GIA' PASSATO ALL' UOMO,
DICEVANO CHE NON ERA POSSIBILE : BEPPE NON TRALASCIARE IL MIO ALLARME: SONO DISPOSTO AD INCATENARMI AL QUIRINALE SE NECESSARIO: HO UNA BAMBINA DI 4 ANNI ED HO PAURA."

Non avere paura, tutta questa storia è un modo per far vendere più vacini

guiotto roberto 26.09.05 13:52| 
 |
Rispondi al commento

@ salvatore d' angelo
Ho risposto al tuo sondaggio.
Saluti

Andrea Pedaggio Commentatore in marcia al V2day 26.09.05 13:52| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua e' un bene prezioso e dev'essere pubblico ! pubblico sia nella proprieta' sia nella gestione , l'ente il comune deve creare i presupposti per rinnovare mantenere il proprio bene, compresa l'infrastruttura (rete idrica) ed eventualmente passare l'eccesso al comune limitrofo in carenza. Operando in questo modo creerebbe nuovi posti di lavoro sul territorio e il cittadino avrebbe un servizio garantito e sicuro. Invece si stanno facendo passi in senso opposto : privatizzazioni a societa miste (energia rifiuti e chi piu ne ha ne metta) e a cooperative che di cooperative hanno ben poco se non lo status , risultato quando c'e un guasto sulla rete idrica devi fare 5mila telefonate e il guasto nei migliori dei casi rimane tale... perche non crea mancanza di fornitura .... ma l'acqua va persa ormai da 3 anni ... ovviamente si potrebbe pensare ad un caso isolato ma vivendo nel bel paese credo sia l'inizio di una nuova era dove la speculazione su questo bene sara' il nuovo oro.

sergio borgaro 26.09.05 13:45| 
 |
Rispondi al commento

x Rosario Costanzo:

Il tuo ragionamento potrebbe filare SE il mio post non fosse tanto vecchio da parere quantomeno strano il fatto che altri post sono arrivati alla sua attenzione parecchio prima del mio ed erano datati parecchio dopo.
Evidentemente hanno le loro priorita'...gli amici del fotoritocco :)

enrico bosco Commentatore in marcia al V2day 26.09.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

PER Rosa Lorusso il 26.09.05 12:40

si un sistema di filtri compositi assicura una salutare acqua!
certo esiste anche un semplice filtro a carboni attivi ma... sono dell'idea che spendere migliaia di euro (osmosi inversa) inutilemtne no.. ma neanche spendere 10 euro e "rischiare" che qualcosa di nocivo non venga filtrato non mi sembra il caso!

quindi mi scuso per la pubblicità ma è doveroso secondo me per una corretta informazione...

http://www.aqsystem.it/


poi dipende anche dalla qualità dell'acqua da acquedotto a acquedotto...
cioè dove abito io dicono che sia una delle migliori d'italia come anche a roma e se non sbaglio in toscana...

STEFANO CATTANEO 26.09.05 13:22| 
 |
Rispondi al commento

SONDAGGI

Ciao, qui trovate 3 domande inerenti a questo blog.
Se vi va rispondete.

http://xoomer.virgilio.it/grillosurveys/

PS

Scusate le pubblicità ma non dipende da me. Ho preso servizi free su internet che però spesso ti martellano di popup.

salvatore d'angelo 26.09.05 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione alle privatizzazioni, servono solo a far fare piu' soldi, a pochi e non ad agevolare le tariffe, se le società privatizzate risparmiano soldi, non vanno a diminuire le bollette ne tantomeno a nuovi investimenti, vanno nelle tasche di pochissimi !!!!!!
Anche la libera concorrenza sulla distribuzione del gas metano e' una favola, il prezzo a mcubo tolte le tasse e' gia basso di suo, fare concorrenza su quei prezzi, significa solo diminuire i servizi all'utente finale, o diminuire gli investimenti.
Credo che le aziende non dovrebbero VENDERE energia, comunicazione , acqua, ma solo GESTIRLE in completa trasparenza...

felipe magnotti 26.09.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

E io la mando un'altra volta.

TIMISOARA (ROMANIA) - Sono in totale 248, e tra questi anche 25 leghisti, gli imprenditori clandestini approdati in Romania dopo che le loro fabbrichette, con marocchi e albani stipendiati in nero, erano state intercettate dai sindacati veneti. I clandestini si sono giustificati dicendo che volevano far girare l'economia rumena, dopo aver detto grazie e vaffanculo agli italiani con la sporta come quello della pubblicita' (ora non piu' in onda, chissa' perche'). Per far girare le economie si fanno le scarpe in Romania, le si rivendono in italia (a prezzi decisamente NON cinesi ne' rumeni)


Fabrizio I. 26.09.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

L'ACQUA E' UNA ANOMALIA...

direbbe Tremonti! :-D
A parte gli scherzi, solo in Italia si sprecano soldi in sfavillanti confezioni di acqua dalle proprietà miracolose! Non ho girato molto il mondo, ma posso dire che in Irlanda, Inghilterra e Austria nessuno nelle proprie case fa uso di acqua confezionata. Tutti usano l'acqua corrente!
Allora?
Allora l'acqua, almeno in Italia, è da anni un bene su cui lucrare!
Lancio una proposta: come per il Fotovoltaico tanto caro a Beppe, esistono mezzi alternativi per la fornitura domestica di acqua: piccolo impianto di depurazione, macchinette per la produzione di acqua frizzante, e il tutto con la "Buonissima" acqua corrente!
Le confezioni di acqua spettacolari, paragonabili a quelle dei cosmetici, le vadano a vendere all'estero.
Io posso fare una ricerca per stimare un costo a grandi linee per l'impianto, ci vorrebbe comunque il parere di un tecnico, per capire quanto conviente e quanto si risparmia. A differenza del fotovoltaico però qua un po' di manutenzione c'è: l'efficenza dei filtri è importante e quindi vanno sostituiti.
Beppe potrebbe

Simone Maccanti 26.09.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

URGENTISSIMO
A BEPPE E A TUTTI :

SE E' VERO L' ALLARME DI BEPPE SULL' INFLUENZA
AVIARIA : OGNI GIORNO BEPPE DACCI UN' AGGIORNAMENTO, SE DOBBIAMO FAR QUALCOSA PER SALVARCI TUTTI , FACCIAMOLO SUBITO .
IN INDONESIA IL VIRUS E' GIA' PASSATO ALL' UOMO,
DICEVANO CHE NON ERA POSSIBILE : BEPPE NON TRALASCIARE IL MIO ALLARME: SONO DISPOSTO AD INCATENARMI AL QUIRINALE SE NECESSARIO: HO UNA BAMBINA DI 4 ANNI ED HO PAURA.

Paolo Gruarin 26.09.05 13:18| 
 |
Rispondi al commento

p.s.: io mi arrogo il diritto di sapere xè la sig.ra Ivana Iorio si lamente sempre degli immigrati: è un odio/amore. invidia la gamba di mezzo dei senegalesi e nord africani ....ehehehhe

Gianni Cesari 26.09.05 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Sinceramente mi viene solo da dire che quando costerà di meno berremo petrolio al posto dell'acqua per risparmiare...spero per i politici che privatizzeranno anche il costo dell'aria che respiriamo così FORSE utilizzeranno i soldi per ripulirla dalla merda che producono!!! Signori Garibaldi ha fatto l'Italia e ha detto che bisognava fare gli Italiani ma visto che siamo venuti così male direi di rifarli da capo...

Luca Lama 26.09.05 13:15| 
 |
Rispondi al commento

@ Elisabetta Carosi
*********************
Cale, J.J. - "Cocaine"
Clapton, Eric - "Cocaine
da cui hanno preso spunto i Dire Strait. (M.N.)

Le mie preferite.

Aggiungiamo alla lista, Gime me Novocaine dei Green day ( li ascolta mia figlia)

Paolo Rivera 26.09.05 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Mato Delli Colli il 26.09.05 12:43

sono stato anch'io in Guatemala nel 1998 , ho assistito ad una cosa che mi ha aperto gli occhi !

Esiste uno dei più grandi mercati di ORTAGGI e FRUTTA ( la produzione è locale ed i contadini a dorso di mulo portano i prodotti al mercato prevalentemente ORTAGGI) .

Ebbene , le multinazionali fissano il prezzo e ritirano tutto il prodotto !

Se i contadini protestano , semplicemente le aziende NON acquistano ! quindi di fatto costringono i piccoli produttori a lavorare sottopagandoli....altrimenti vedrebbero il loro raccolto marcire .

Quando finirà tutto questo ?
perchè non ci mangiamo la nostra frutta e verdura di stagione ?

G. corti 26.09.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

l'acqua ad un prezzo accessibile, daccordo.
ma anche e soprattutto basta sprechi!

Gianni Cesari 26.09.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

************ Gli americani *************
Hanno i culi più grossi del mondo
Mangiano da MEC
Bevono acqua dal rubinetto.

Obesi sin dalla nascita, spendono un sacco di soldi in cure dimagranti (forse).

Se prendi uno spillo, e buchi uno di questi, ne ricavi 6 bottiglie di mangiatorella avvelenata.

Bevi la coca cola che ti fa bene.........
coca cola si, coca cola si, coca casa e chiesa.
con tutte quelle tutte quelle bollicine


Paolo Rivera 26.09.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento

OT e me ne scuso
io credo che l'italia faccia schifo anche agli immigrati clandestini, visto che moltissimi la usano solo come "approdo" per poi andare da altre parti del continente...
Poi com'è la bossi-fini? Per avere il permesso di soggiorno devi avere un lavoro, ma per avere un lavoro devi avere il permesso di soggiorno. GENIALE!
Mi ricorda tanto le sturmtruppen con il Comma 64 (credo): Chiunque è pazzo può chiedere di essere rimosso dalla prima linea, ma chiunque chieda di essere rimosso dalla prima linea non è pazzo.
Credo che comunque si possano fare leggi migliori per gestire la cosa in Italia.
E se distribuissero raboso negli acquedotti invece dell'ormai obsoleta H2O?

Filippo Valenti 26.09.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

...p.s.

secificando che l'acqua del water o del bagno nn necessitano di essere depurate, nemmeno quella del bidet..

Benedetto Gagliardo 26.09.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

x tutti

recentemente la "SAN PELLEGRINO" è stata acquistata dal gruppo NESTLE', le sue sorgenti (bellissime e con acqua ottima) ormai non sono più nostre .................., e centinaia di camion AMMORBANO la Valle Brembana ( BG) per tutto il giorno per tutti i giorni dell'anno.

A loro l'acqua e i soldi , a noi i camion con lo smog e gli incidenti stradali ........


personalmente uso acqua minerale in vetro di una sorgente che dista 20 Km da casa mia ( fonte Stella Alpina ) , me la portano a casa una volta ogni tot mesi e si vengono a prende i vuoti.
Il costo è di 29 euro per 120 bottiglie da 1 litro (0,24 euro per litro)

NON FATEVI FREGARE , l'acqua in vetro a domicilio oltre ad essere più sana ed ecologica , è anche più ECONOMICA e comoda !
cercate il distributore più vicino a voi e chiedete un preventivo .

Basta PLASTICA , basta multinazionali del cazzo !
ATTIVIAMOCI !

G . CORTI 26.09.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

ma quali 500 - 600 euro? ..che depuratori sono?
ritengo doveroso sottolineare che probabilmente quei filtri si applicano per la depurazione di tutta l'acqua in entrata e per lo meno dovrebbero essere messi in questo caso sotto la voce spesa di un intero condominio o di una abitazione privata..se stiamo parlando di depuratori x l'acqua da bere invece, per boicottare lo scandaloso mercato della minerale, assicuro che basta un normale depuratore a carboni attivi da circa 25 - 30 euro e circa 9 - 10 euro per il filtro di ricambio, da sostituire ogni 2 - 3 mesi, che si applica al rubinetto dal quale poi verrà attinta l'acqua da bere..in casa nostra si utilizza già da 3 anni, stiamo tutti benissimo, reni compresi..mai avuto nessun disturbo.
x concludere, calcolato risparmio annuale vicino ai 1000 - 1500 euro...colgo l'occasione anche x fare riflettere sul crollo subito in casa dopo l'istallazione e l'utilizzo di uno scaldabagno a metano..la bolletta della luce ( e di luce ne usiamo tanta vi assicuro )è scesa a circa 25 euro, mentre quella del gas non è aumentata che di pochi euro. Inoltre l'acqua così riscaldata nn staziona nello scaldabagno, quello a gas si accende solo quando viene aperto il rubinetto dell'acqua calda, quindi l'acqua è acqua corrente, non stà ore depositata all'interno dello scaldabagno , dove sappiamo esserci depositi incredibili di calcare, che rovinano gli impianti stessi e procurano in molti casi allergie della pelle quando uno fa il bagno o la doccia con l'acqua calda, guardacaso.

Benedetto Gagliardo 26.09.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: ivana iorio il 26.09.05 12:39

"solo per dire, che noi siamo qui' a discutere, e tra non molto saremo seppelliti da immigrati....saremo noi a cercare di emigrare in futuro ....ma vuoi mettere la bella figura di buonisti che facciamo ???? oltre a far lavorare i cinesi per produrre bandiere multicolore"

CARA IVANA MA TU TI LAMENTI SEMPRE?
SEI SEMPRE A LAMENTARTI, COME MAI?
SEI TRISTE?
VIVI IN UN PAESE CHE TI DA TUTTO E TI LAMENTI?
SE NON SEI SODDISFATTA, PERCHE' NON EMIGRI?
CREDI CHE IL PROBLEMA DELL'IMMIGRAZIONE SIA SOLO UNA QUESTIONE ITALIANA?
CREDI CHE L'ITALIA STIA GESTENDO PEGGIO DELLE ALTRE NAZIONI EUROPEE IL PROBLEMA?PERCHE'CONTINUI A SPUTARE NEL PIATTO DOVE MANGI?
VA A LAVORARE CHE E' MEGLIO.

Erik Banjo 26.09.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Buon appetito a tutti e sopprattutto bevete acqua del rubinetto (chi può), magari con un buon bicchiere di vino ITALIANO

alberto grigio 26.09.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Volevo segnalare che a Rimini le 2 fonti che vengono usate dalle ditte produttrici di acqua (Galvanina e Sacramora) sono accessibili al pubblico (grazie al comune) che se vuole può andare con le sue bottiglie e riempirsele di acqua GRATIS.

Mi auguro che la cosa sia di esempio per gli altri comuni d'Italia.

Leo da Rimini 26.09.05 12:51| 
 |
Rispondi al commento

@ ALBERTO

Grazie ancora.
Mi sento + sollevato (non avevo capito nulla).

Leo da Rimini 26.09.05 12:45| 
 |
Rispondi al commento

...sono tornata da pochi giorni da un viaggio incredibile in guatemala...che dire dell'acqua privatizzata e rivenduta a prezzi improponibili sotto monopolio ESCLUSIVO di Coca Cola e Nestlè?????
Non volevo arrendermi e per giorni e giorni ho cercato altra acqua...NIENTE!!!
Tutta l'acqua potabile è nelle loro mani!!E i costi??
all'ingrosso non meno di 10centesimi di euro al litro...
ho bevuto acqua depurata da me con amuchina ma a lungo andare non fà poi così bene...insomma
sono stata costretta ad arrendermi...anche se sono ormai anni che boicotto questi mostri...
E così in tanti altri paesi poveri del mondo dove sono arrivate a mettere le mani con i loro lunghi tentacoli..BASTA!Noi ci permettiamo il lusso di scegliere quale acqua bere...(italia al 1° posto in consumo di acqua in BOTTIGLIA!) e gli altri??
Costretti a "fare" la fortuna (altra???) della Coca cola e della Nestlè..gli stessi che stanno fisicamente uccidendo i popoli nativi di tutto il mondo...e quando arrivi a controllare l'acqua di un popolo...ne controlli la VITA.

Mato Delli Colli 26.09.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un'altra battaglia sull'acqua minerale: bisogna evitare l'uso delle bottiglie di plastica che inquinano e solo in piccole quantite vengono riciclate.
BISOGNA TORNARE ALLE BOTTIGLIE DI VETRO CON VUOTO A RENDERE!
Il vuoto a rendere, da applicare per l'acqua e per tutte le bevande, incita alla restituzione del vetro: fa risparmiare (si paga solo l'acqua e non il contenitore) e non inquina!
In Germania (paese ecologico per eccelenza) è cosi da anni!!

giuseppe macchia 26.09.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

@ LEO

Scusa stai facendo un pò di confusione, IL CLORO NON è IL CALCARE, il calcare è naturalmente nell'acqua ed è quello che ne determina la cosiddetta DUREZZA e cambia da zona a zona, di solito in montagna l'acqua è molto meno dura che in pianura.

Il cloro viene immesso come precauzione contro eventuali batteri un pò come il cloro che si mette nelle piscine e se, come a volte può capitare ne viene immesso troppo l'acqua sà di candeggina.

alberto grigio 26.09.05 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Dopo l'uragano fughe di petrolio minacciano il golfo del Messico
Corollario

Dopo l'uragano la marea nera minaccia le acque del Golfo del Messico. L'organizzazione ecologista Greenpeace ha infatti diffuso sul suo sito alcune fotografie scattate dal satellite che mostrano la presenza nelle acque del Golfo del Messico di diverse chiazze di petrolio. La più grande chiazza di petrolio sarebbe lunga almeno 48 chilometri e sembra essere stata originata da punti diversi. L'area dove sono state scattate le immagini è infatti molto ricca di piattaforme petrolifere e di oleodotti che sono stati investiti dal passaggio dell'Uragano Katrina. Secondo gli esperti di Greenpeace, non si conoscono ancora i danni causati dall'uragano alle infrastrutture petrolifere, ma la chiazza di petrolio sembra essere un evidente indicatore delle ripercussioni che si avranno sull'intero ecosistema del Golfo.

el mundo

vetrò william 26.09.05 12:41| 
 |
Rispondi al commento

x stefano cattaneo
Grazie della dritta, quindi i depuratori servono a garantirci un'acqua potabile al 99,9%. ho cercato altre informazioni, ma utilizzano tutti un linguaggio così complesso.
Per ciò che ho potuto capire, un sistema a filtri (i carboni attivi?) può andare benissimo senza spendere un patrimonio.
Me lo confermi???
Grazie

Rosa Lorusso 26.09.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Bassolino ed i comuni campani, Gubbio, le solite coop rosse...
Ma guarda un po' che bei casini che fanno con un bene primario come l'acqua.
E GUARDA ANCHE COME CASUALMENTE SIANO DIVENTATI TENERI E BUONISTI GLI AUTORI DEI POST IN QUESTA SITUAZIONE.
Chissà xkè ?
Sarà la solita storia dei due pesi e due misure ?
UNA CATTIVA AZIONE DESTRA é UN ATTO ESECRABILE (dimissioni ed elezioni subito !!); UNA CATTIVA AZIONE A SINISTRA è UN PECCATO VENIALE (non lo fanno per loro, ma per il partito, e poi errare humanun est)

GUARDATEVI ALLO SPECCHIO ! SIETE PENOSI !

ted lapidus 26.09.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Mi scusi Iorio... oggi non ho fatto in tempo a prendere il giornale e quindi tutto sommato la ringrazio per le due notizie da Lei riportate.
Solo mi vuole spiegare che cosa c'entrano con questa discussione?

Postato da: Filippo Valenti il 26.09.05 12:05


solo per dire, che noi siamo qui' a discutere, e tra non molto saremo seppelliti da immigrati....saremo noi a cercare di emigrare in futuro ....ma vuoi mettere la bella figura di buonisti che facciamo ???? oltre a far lavorare i cinesi per produrre bandiere multicolore

ivana iorio 26.09.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Bepee ci puoi scrivere quali sono le acque da bere e che fanno meno male in tutti i sensi?

economico,salutare,etico,trasporto ecc.
cominciamo da qui...

Nicola cellamare 26.09.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per la risposta.

Si, in effetti ho sbagliato io a scrivere "depuratore" anzichè "addolcitore".

Quello che mi non capisco è il perché si debba riempire l'acqua di cloro per poi doverla "addolcire" quando arriva in casa nostra. Dove abito io (San Marino) se non addolcisci l'acqua gli elettrodomestici ti durano in media 2 mesi....

@ Alberto Grigio 26.09.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

@EMILIANA

Concordo pienamente, siamo pigri e male informati e quindi paghiamo

@LEO

Il depuratore, come viene chiamato in realta è più corretto chiamarlo addolcitore, non ha contro indicazioni però toglie, insieme al calcare, anche i sali minerali che sono naturalmente nell'acqua, infatti se tu bevi l'acqua depurata non sa di niente.
Attenzione però come alcuni credono se l'acqua è inquinata l'addolcitore non elimina i fattori inqunanti e non va usata per innaffiare.

alberto grigio 26.09.05 12:27| 
 |
Rispondi al commento

------------------------TV----------------------------------

Dopo la soap opera Vivere e l’isola dei famosi ecco UN VERO REALITY:

Arrestato l'attore Paolo Calissano per cessione di droga, dopo la morte in casa sua di una donna brasiliana di 31 anni. Le manette sono scattate dopo il ritrovamento in casa dell'attore di 30 grammi di cocaina nascosti in un armadio.


http://www.ansa.it/main/notizie/awnplus/italia/news/2005-09-25_1375514.html

CHE PERSONE TRANQUILLE ED EQUILIBRATE QUELLI DELLA TV

Nicola cellamare 26.09.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe bello, oltre a NON usare l'acqua in bottiglia e quindi usare quella del rubinetto che è maggiormente controllata, usare però i riduttori di flusso che si possono applicare sia alla doccia che ai vari rubinetti di casa nostra e anche allo scarico del gabinetto. Ciò permette di non rinunciare alle nostre necessità quotidiane, ma nello stesso tempo di risparmiare sulla bolletta dell'acqua, ma anche di inquinare meno perchè ci vuole energia (probabilmente proveniente dai combustibili fossili) per far arrivare l'acqua nelle nostre case.

Saluti

Domenico Barranca (domenico.barranca@tiscali.it)

Domenico Barranca 26.09.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

AGUA de BEBER ( Vinicio De Moraes - Antonio Carlos Jobim)

Eu quis amar mais tive medo, E quis salvar meu cora- ção
Mas o amor sabe um segredo, O medo pode matar o seu coração
Água de beber, Água de beber camará, Água de beber, Água de beber camará Eu nunca fiz coisa tão certa, Entrei pra escola do perdão
A minha ca- sa vive aberta, Abri todas as portas do coração
Água de beber, Água de beber camará, Água de beber, Água de beber camará
Eu sempre tive uma certeza, Que só me deu desilusão
É que o amor é uma tristeza, Muita mágoa demais para um coração
Água de beber, Água de beber camará, Água de beber, Água de beber camará

g . corti 26.09.05 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Scusatemi....
Io ho il depuratore dell'acqua con il sale...

Ma fa bene o fa male?

Qualcuno mi aiuti....

Leo da Rimini 26.09.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Diritto o Bisogno?

Caro Beppe, tengo a puntualizzare quanto hai scritto nel tuo post di oggi perche' e' proprio intorno a questo punto che stanno cercando di fregarci "con le parole".

Se l'acqua e' un diritto, qualcuno lo DEVE garantire.
Se l'acqua e' un bisogno, nessuno e' tenuto a garantirtelo.

Sembrano sottogliezze ma sono questioni pesantissime con ripercussioni enormi. Basta vedere cosa accadde con la legge Urbani a proposito del cambiamento da "fini di lucro" a "trarne profitto".

Un saluto e a presto,

Antonio Tozzi 26.09.05 12:09| 
 |
Rispondi al commento

non è comodo in effetti lavarsi i denti con l'acqua minerale...quando si è vissuto in Nigeria, non è nemmeno facile lamentarsi quando vedi dei bambini vestiti di stracci tirare su acqua da pozze e portarla in un recipiente in testa
ma qui siamo in Italia! mica vogliamo guardare gli altri che se la passano peggio. a noi piace lamentarci del nostro brodo grasso.
Scusate ma un filtro, un bollitore, qualcosa del genere?
Oppure bere acqua di rubinetto? Lasciar evaporare il cloro?
per chi vive a Roma: l'acqua di Roma è dura ma buona! BEVETELA!!!!
possibile che dobbiamo sempre darla vinta a chi fino a questo momento ci ha viziato con la loro strategia pubblicitaria del consumo? (depura, fa fare tanta tin tin, la beve pure Del Piero, la particella di sodio che chiede se c'è nessuuuuuuuuuuno?)
BASTA! bisogna correre ai ripari e non sarà comodo. Ma che vi aspettate? che i cambiamenti sono una comodità servita su un piatto d'argento?
filtrare, bollire o recarsi alle fonti! andare alle fonti è così che facevano al paese accanto a dove vivevo!
ah scusate quella della fonte è roba da pezzenti? ah........scusate noi siamo tutti principi e principesse!

scusate se mi ripeto ma :
- e la raccolta differenziata dei rifiuti no perchè poi tre secchi invece che uno in cucina non si può!
- e i mezzi di trasporto pubblici no se no ti devi alzare un'ora prima invece di 30 minuti prima
- e l'acqua dal rubinetto no perchè è cattiva (!!?) allora bisogna comprare comprare comprare!

a noi puzza il brodo di grasso

impariamo a correre ai ripari e rimbocchiamoci le maniche.


Emiliana Di Carlo 26.09.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

############################################################
Sul sito del sole24ore si può votare per il migliore sito di informazione, siamo arrivati dal 10° al 3° POSTO!!!, proviamo a far salire la classifica!

si può votare a questo link:

http://premiowww.ilsole24ore.com/premiowww/vota.shtml?sez=1

PER VOTARE:

- registrarsi
- sciegliere VOTA SITO PER ARGOMENTO
- selezionare argomento "NEWS E COMUNICAZIONE"
- votare www.beppegrillo.it

-------------SE VOLETE,FATELO ANCHE VOI--------------------

Più che pubblicità a Beppe è pubblicità al nostro pensiero...
#############################################################

Nicola cellamare 26.09.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Sul problema delle acque minerali ne aveva già provato a parlare "REPORT" trasmissione di RaiTre.
La conduttrice però ha dichiarato, nel giorno previsto per la puntata, di esser stata CENSURATA per i troppi interessi (anche televisivi) sull'acqua!
Vi consiglio di guardarlo quando ne avete la possibilità, poiché è rimasto uno dei pochi programmi fatto da giornalisti seri, che fanno inchieste serie!
Inizierà domenica 16 ottobre su RaiTre in prima visione

www.report.rai.it

Leo da Rimini 26.09.05 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Mi scusi Iorio... oggi non ho fatto in tempo a prendere il giornale e quindi tutto sommato la ringrazio per le due notizie da Lei riportate.
Solo mi vuole spiegare che cosa c'entrano con questa discussione?
Per tutti: ricordatevi che in vino veritas e che l'acqua fa marcire i pali!
-internet!
+cabernet!

Filippo Valenti 26.09.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

POZALLO (RAGUSA) - Sono in totale 248, e tra questi anche 25 bambini, i clandestini approdati a Pozzallo (Ragusa) dopo che il loro barcone in legno, lungo una ventina di metri, era stato intercettato e soccorso nella prima mattinata di lunedì alle 6.20 in mare, cinque miglia al largo di Marina di Ragusa. Il natante inizialmente era stato affiancato da due motovedette della Guardia costiera e da una della Guardia di Finanza per essere scortato in porto, ma le precarie condizioni dello scafo e il mare forza 2 avevano poi fatto decidere per il trasbordo degli extracomunitari sul rimorchiatore «Kerob», fatto giungere dal porto di Pozzallo.

I clandestini sono stati ospitati nei locali della Dogana del porto, dove si trovano carabinieri, polizia e personale della Croce rossa e della Protezione civile. Dei 248 migranti, 173 sono uomini, 50 donne e 25 bambini. Due delle donne perdevano sangue dal naso e sono state condotte nell'ospedale di Modica per accertamenti sulle cause dell'emorragia.

È il secondo sbarco in poco più di 48 ore sulle coste del Ragusano. Venerdì notte, sulla spiaggia di Playa Grande, erano approdati 150 extracomunitari provenienti da Iraq, Palestina, Marocco. Le forze dell'ordine, in questo caso, avevano arrestato un cittadino iracheno di 28 anni, Sayed Mohamed, ritenuto lo scafista.

IVANA IORIO 26.09.05 12:00| 
 |
Rispondi al commento

sono completamente d'accordo...
aboliamo l'uso di acqua in bottiglia (ovviamente non se ne parla di privatizzare l'acqua!) esistono svariati sistemi di microfiltrazione dell'acqua...

quelli più in voga sono ad osmosi inversa e a filtri compositi...

quelli ad osmosi inversa... sono costosissimi (1.500 ai 3000 euro) e sono quelli più sponsorizzati (proprio perchè sono così costosi!) eliminano ogni impurità dell'acqua ma talmente la ripuliscono che tolgono persino i sali minerali importatissimi per noi uomini... solo su prescrizione medica dovrebbero bere quest'acqua...

mentre i sistemi coni filtri compositi sono molto più economici dai 300 ai 600 euro e puliscono l'acqua potabile dal cloro dal ferro dai pesticidi pulendo l'acqua fino da un 0.5 (0.3 o 0.8) micron di sporcizia... lasciando inalterato il contenuto salino della stessa...

STEFANO CATTANEO 26.09.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

MILANO (Reuters) - La Guardia di finanza della Lombardia ha eseguito oggi in Lombardia circa 20 perquisizioni in abitazioni, piccole imprese e società riconducibili a militanti islamici algerini di un gruppo alleato di al Qaeda, sospettati di raccogliere denaro e reclutare militanti per la "jihad" in Algeria e ora indagati per terrorismo internazionale.
L'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Milano Luigi Orsi, vede indagati 11 algerini, appartenere ad una cellula italiana del Gia (Gruppo islamico armato) - Gruppo salafita per la predicazione e il combattimento, tra cui il leader del gruppo, che è anche un "esponente di spicco in Italia del Fronte islamico di salvezza" (Fis), dice la nota.

Le aziende sottoposte a perquisizioni hanno tutte sede a Milano e provincia, tranne una società con sede a Gallarate in provincia di Varese, ha riferito un portavoce.

"Gli algerini, alcuni dei quali già iscritti nelle black list dell'Unione europea, dell'Onu e degli Usa, nonché condannati per traffico d'armi, servendosi di una base logistica unicata in un magazzino di Milano, raccoglievano denaro e risorse materiali provenienti da altri paesi d'Europa, per destinarli ai 'fratelli' mujahiddin" rifugiati nelle montagne algerine, dice la nota.

IVANA IORIO 26.09.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe ora che i nostri pensatori laici riacquistassero un pò di dannato SENSO DELLE PRIORITA'. Denigrare Berlusconi e Ruini, e fare occhiolini all'elettorato gay, non è prioritario. E' solo offensivo per tutti coloro - cattolici e non, omosessuali e non - che fanno le spese di più seri problemi.


Postato da: Marcello Musti il 26.09.05 11:21

a parte il fatto che la discussione sui pacs riguarda altro post.....veramente è solo la chiesa e il cardinale Ruini che continua a voler far credere che il pacs riguardi solo i gay....al contrario sono molte le coppie etero che che hanno dannatamente bisogno del pacs e di vedere tutelati dei diritti e non costrette a sposarsi per vederseli tutelati......

eliana

eliana matania 26.09.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

In Italia, paese di mafiosi e papponi, non è possibile fare esperimenti del genere, lo dico con l'amaro in bocca, sarebbe un fallimento totale, la cosa potrebbe funzionare solo in certe parti d'Italia, pochissime, per il resto avverrebbe cio' che avviene per la normale erogazione, e cioè un disastro totale.

Andate al sud, in Sicilia per esempio, l'acqua esce dai rubinetti solo la notte. Simili esperimenti andrebbe inevitabilmente ad arricchire qualche mafioso

Valerio Simone 26.09.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Scusatemi ma l'acqua non sarebbe meglio importarla dalla Cina?!?Costerebbe sicuramente meno l'imbottigliamento e vuoi mettere il gusto!!!
La farei bere ai nostri politici,industriali da strapazzo e magari accompagnati da un bel pollo arrosto con le patate rigorosamente Cinesi...

Basta!!Basta!!Basta!!

Calogero Aiosa 26.09.05 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Remo la Barca il 26.09.05 11:34

Insomma, sei un delatore. Nome finto, informazioni false. Ma perchè?

Dici che hai paura di essere denunciato se scrivi il nome di una azienda su questo blog. é quale sarebbe il reato che Beppe o chi per lui potrebbe contestarti?

Non lo so, forse sono io che sono tropo ingenuo, ma mi dici perchè scrivi queste cose? Non riesco a pensare davvero alla possibilità che tu abbia qualche interesse, quindi mi resta solo l'alternativa che tu sia in buona fede... Però appena ti viene rivilta una domanda, ecco che te ne esci con una risposta evasiva!

Mi aiuti a capire?

Un saluto

Sergio Bianchini 26.09.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

1.Le guerre per l'acqua si sono sempre fatte (dagli egizi ai romani e via discorrendo), si continuano a fare (basta guardare il medioriente, la nuovissima disputa tra Iran e Iraq da quando il primo ha in progetto di costruire dighe sull'Eufrate e sul Tigri che ridurrebbero drasticamente la portata dei due fiumi, che per chi non lo sapesse scorrono in entrambi gli stati, oppure provate ad informarvi su tutti i casini dell'area israeliana e palestinese sempre riguardo l'acqua) e sempre si faranno: l'acqua è la principale fonte di vita, non per nulla tutti i primi insediamenti umani sono stati costruiti in prossimità di fonti d'acqua, fiumi etc. Senza acqua non solo non bevi, ma nemmeno coltivi o allevi (anche le mucche bevono...)
2. un impianto che imbottiglia acqua non paga le tasse sui metri cubi di acqua estratta MA SUI METRI QUADRATI DI ESTENSIONE DELL'IMPIANTO, che in linea di massima si riduce ad una pompa e ad un macchinario di imbottigliamento. Tutto il resto della catena produttiva (imballaggio, trasporto etc.) viene considerato separatamente.Se questo non è un furto, io sono Cleopatra.
3. E' vero, l'acqua contiene cloro, a volte anche pesantemente. Tralasciando le cose già dette da tutti, aggiungo solo che la maggior parte delle persone beve solo acqua imbottigliata per partito preso quasi senza aver mai assaggiato l'acqua del rubinetto, e che in diverse acque (Levissima giusto per fare un'esempio) sono presenti COLORANTI per dar loro quel bel colore cristallino montano sinonimo di purezza
4. W la ferrari anche se quest'anno ha fatto pena
5. Andiamo, abbiamo acquedotti che stanno su da più di 2000 anni -quelli romani- e che in diversi casi vengono ancora usati, e non riusciamo a tenere in buono stato quelli moderni?
6. e chiudo. Chi di voi sapeva che l'acqua dello sciacquone è la stessa del rubinetto?Quanto spreco...In altri paesi i bagni hanno una conduttura separata che porta acqua non potabile!
Saluti e scusate la mia logorrea

Filippo Valenti 26.09.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Provocazione.
Grillo, tu e Celentano denunciate di qua, pingteen o Dylan di là, Bono di sopra e qualche altro artista di sotto, facendo concerti e spettacoli (a pagamento) ognuno per conto suo...
Ma dico io: se DAVVERO ci tenete agli altri (come dite), perché non lasciate perdere cinque minuti concerti, tour, spettacoli, un po' di soldi (che tanto ce n'avete tutti a sufficienza), non vi
mettete d'accordo per un mega spettacolo mondiale 24 ore su 24 (ma non canzoncine o cazzatelle da ridere) e non "SPARATE A ZERO" su tutto e tutti, aprendo gli occhi a destra e sinistra, senza rete e senza poter tornare più indietro?
Pensate che la gente non vi prenderebbe sul serio?
Non pensate che sarebbe meglio/peggio di una rivoluzione?
Oppure vi interessa davvero che rimanga tutto così per farci i soldi e basta!?
E non venite a dirmi che non potreste farlo: ci riesce perfino la ricerca (pensa tu) con Telethon e affini!!!...

Mauro Giovannini 26.09.05 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Remo la Barca il 26.09.05 11:10

Puoi mica farci dei nomi? Dei monopolisti amici di Beppe, intendo.

Sergio Bianchini 26.09.05 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Sull'acquedotto pugliese mi è stato una volta riferito un detto molto eloquente. Non lo so dire in dialetto, e non so se le parole sono esatte, comunque dice: L'acquedotto pugliese dà da bere a pochi, ma fa "mangiare" molti.

Speriamo che l'ottimismo di Grillo sulle recenti nomine sia ben riposto.

Marcello Musti 26.09.05 11:28| 
 |
Rispondi al commento

MSG OT
HEI BEPPE !
NESSUN COMMENTO SULLE EVOLUZIONI DEL CASO FAZIO !
PERCHE' QUESTO SILENZIO ?!

Luca Pedrali 26.09.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento

RUINI, PACS E ANTI-RUINI: LA PERDITA DEL SENSO DELLE PRIORITA'

Come molti di coloro che scrivono su questo blog - Stefano BENNI e meno illustri penne - NON condivido molte delle posizioni espresse dal Card. Ruini su temi quali famiglia, PACS o (ancora di più) intercettazioni telefoniche.

Muovo tuttavia, a queste illustri e meno illustri Penne, due critiche fondamentali:

1) Moltissimi di loro, in nome della "laicità dello Stato" e "dei cittadini italiani non cattolici", tradiscono il bieco desiderio di negare diritto di parola a Ruini. Ciò, seppure fosse istintivamente condivisibile, è però antidemocratico e soprattutto... DA SFIGATI!
Se si ha davvero una cultura laica da contrapporre a quella di Ruini, lo si faccia a viso aperto, e "che vinca il migliore". Non si arrivi, con Ruini come con Berlusconi, alla denigrazione sistematica, che a nulla serve, se non a dimostrare la debolezza delle proprie ragioni.

2) Soprattutto: concentrare tanta attenzione sul dibattito sui PACS, in QUESTA fase della storia italiana, mi sembra semplicemente OLTRAGGIOSO, considerati i BEN PIU' GRAVI problemi che affliggono un BE MAGGIOR NUMERO di cittadini (cattolici e non) rispetto a quello coinvolto dalla questione PACS.
Mentre si disquisisce sul se, uno dei 3 milioni di partner gay, dovrà subentrare nel contratto di affitto ex lege o in base ad un accordo privato, 10 milioni di italiani non sanno ancora se e quando, dopo 40 anni di lavoro, riusciranno a ricevere una pensione; 6 milioni di giovani laureati vagano in un limbo post universitario fatto solo di contratti part-time; le carceri esplodono; i prezzi delle case sono triplicati; e chi più ne ha più ne metta.

Sarebbe ora che i nostri pensatori laici riacquistassero un pò di dannato SENSO DELLE PRIORITA'. Denigrare Berlusconi e Ruini, e fare occhiolini all'elettorato gay, non è prioritario. E' solo offensivo per tutti coloro - cattolici e non, omosessuali e non - che fanno le spese di più seri problemi.

Marcello Musti 26.09.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento

@ Remo la Barca

e' un male vendere depuratori?
stai delirando o cosa?

danut decaroli 26.09.05 11:15| 
 |
Rispondi al commento

@ Fabio Rigamonti

invece le verdure coltivate ai lati dell'autostrada piene di pesticidi e quant'altro sono il massimo del mangiar sano!

i vegetariani hanno problemi mentali..

danut decaroli 26.09.05 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Un po' di storia: la mafia siciliana nacque e si sviluppo' con l'obiettivo di gestire l'acqua in sicilia.
Al contrario la Repubblica Italiana ha reso pubbliche le acque proprio per combattere la mafia e la mentalita' mafiosa.
Chi vuole privatizzare l'acqua non sembra avere una mentalita' democratica ne' repubblicana, bensi' molto piu' vicina alla mentalita' mafiosa.
Almeno leggendo la storia italiana.

Roberto Ziliotti 26.09.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

GEOX.....( NOTA: FABBRICATE IN ROMANIA)

IN TEORIA LA PARTE DI TESSUTO IDROREPELLENTE NON COPRE LA SCARPA PER CUI IN CASO DI PIOGGIA ENTRA LO STESSO MA DA ALTRE PARTI DELLA SCARPA....LA STOFFA IN QUESTIONE , NON RICORDO IL NOME, DOVREBBE ESSERE QUALCOSA A CHE VEDERE COL TEFLON, NON FA PASSARE L'ACQUA MA IL VAPORE SI PERCHE' IN QUESTO STATO FISICO RIESCE A PASSARE DAI PORI.

QUESTO GIA' SI SAPEVA, SI USAVA PER GLI IMPERMIABILI, ALCUNE GIACCHE A VENTO, SOLO CHE IL POLEGATO L'HA APPLICATA ALLE SCARPE...

PERSONALMENTE, SBAGLIERO', MA SONO CONVINTA CHE SIA PIU' UNA COSA TEORICA CHE PRATICA...BISOGNEREBBE FARE DELLE PROVE

IVANA IORIO 26.09.05 11:09| 
 |
Rispondi al commento

vorrei segnalarvi un esempio che secondo me è una piccola nota positiva nello scoraggiante panorama del mercato delle acque: l'amministrazione comunale di Piacenza (la mia città)ha messo a disposizione (da circa 2 anni, credo)distributori gratuiti di acqua depurata, addirittura addizionata di anidride carbonica; non potrebbe essere un'idea da propagare, per minare l'impero delle acque in bottiglia?
lascio aivostri commenti
elisa

elisa anselmi 26.09.05 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
questo conferma come il grande CELENTANO è avanti di almeno dieci anni. Nei suoi spettacoli lo diceva sempre e credo che anche nel nuovo rockpolitik verrà fuori. Perchè non diventi suo ospite? Lui è l'unico che può andare contro tutti e lo fanno ancora parlare in tv.

sandro pezzella 26.09.05 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Tra un pò arriveranno a privatizzare l' aria che respiriamo, senza neanche dircelo!

Andrea Pedaggio Commentatore in marcia al V2day 26.09.05 10:59| 
 |
Rispondi al commento

x Carosi
La "Cocaine" che conosciamo tutti , ha depositato in siae ( come autore) il grande J.J. cale.
Sul disco di Clapton compare sotto il titolo l'autore ( J.J. Cale ...appunto)

Faccio anche il musicista e a fine serata si compila il borderau ( non so se si scrive così...) e nella casella degli autori si indica sempre CALE J.J.

Poi a volte devo combattere contro l'ignoranza di molti che arrivano sotto il palco mentre si sta suonando e Ti dicono : ".....Mi fai LITTLE WING di Sting ??!!! ....", normalmente li caccio via......, pensavo che anche il Tuo "Cocaine di Hendrix" rientrasse in questo ambito .....


Non era mia intenzione fare il professore... comunque complimenti per la conoscenza dell'argomento!

ciao
G. corti

g . corti 26.09.05 10:59| 
 |
Rispondi al commento

@ Raffaella,

spero di averti mezzo-risposto. La prolusione te la vado a cercare, io l'ho letta su Avvenire (sono abbonato, t'immagini che tragedia!) Un attimo e arrivo!

Omar Ottonelli 26.09.05 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, mi chiamo Giacomo è scrivo dalla sicilia "Gela", che dire, qui siamo nel deserto, anzi forse nel deserto stanno meglio, almeno ogni tanto c'è qualche oasi.
Qui l'acqua è come un trucco in un gioco di prestigio, c'è ma non si vede.
Qui paghiamo tutti il canone dell'acqua potabile compreso il consumo mah..
1) l'acqua non è potabile, nonostante la paghiamo come tale;
2) quindi sosteniamo un costo aggiuntivo, acquistiamo acqua imbottigliata;
3) poichè l'acqua serve almeno per lavarci e per questioni igieniche, ci arriva uno o due volte la settimana, quando arriva;
4) quando arriva, la mandano di notte o mattina presto, non si sà è a sorpresa, quindi non si dorme, e ci sono molteplici disagi;
5) per prenderla e conservarla, sosteniamo ulteriori spese, poiche necessita una cisterna per la conservazione e una pompa per il tiraggio altrimenti non si riesce a prenderla, quindi costo enorme di energia;
beh per concludere qui l'acqua è salata e non come gusto.
Ciao grazie per quello che fai
Giacomo

Giacomo Cascino 26.09.05 10:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao
Il problema dell'acqua è il problema più serio che esista, io ne discutevo già 10 anni fa, quando sono diventato vegetariano.
In parte è legato anche alla grossa quantità di carne che ormai viene macellata, in tutta la parte ricca del mondo, italia compresa, quotidiamente, infatti gli animali, essendo gonfiati con steroidi e cagate varie, hanno bisogno di bere sempre di più, (e di qui l'effetto acqua quando schiacci la bistecca mentre la cuoci), e vi posso assicurare che un animale non beve una bottiglietta.
Scusate, vado anche fuori tema, ma vorrei aggiungere anche una cosa ancora più importante.
Milioni di bambini muoiono di fame, anche a causa di tutti i cereali che deputiamo all'alimentazione degli animali(per permetterci di mangiare la bistecchina a tutti quanti noi anche due volte al giorno), al posto di distribuirli nel mondo povero e aiutare tanti poveri fratelli a sopravvivere in questo inferno che è diventata la terra.
A proposito del problema dell'acqua pubblica nel meridione, dove è più sentito che nel nord, mi è capitato di parlare con della gente che mi ha confermato che il mercato dell'acqua è appannaggio della mafia, quindi spero che Grillo abbia il coraggio di continuare e andare a fondo, con una azione pratica e non solo a parole.
Grande Beppe, parla anche dell'alimentazione, della sofferenza che milioni di animali sono costretti a subire.
Pensate un attimo(ipotesi fantasiosa) se una razza aliena venisse sulla terra , e se iniziasse a pulire il nostro mondo e metterci all'ingrasso, per poi tenerci in una gabbia e venirci a prendere per ucciderci e mangiarci.
Provate ad immaginare il dolore che sentireste se ognuno di noi vedesso suo padre, sua madre, i suoi fratelli o amici, che gli venissero tolti per sapere che vanno a finire come cibo.
Spero di avervi fatto venire la nausa della carne anche solo per un minuto.

Fabio Rigamonti 26.09.05 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Mauro Grassini
Mi sono informato, Tali depuratori sono inutili per il semplice motivo che hanno nella parte finale filtri sterilizzanti che creano tra l'altro asetticità, per spiegarsi meglio è come se bevi acqua distillata.


MA DOVE LE PRENDETE QUESTE NOTIZIE ?

IVANA IORIO 26.09.05 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Ritengo che sia importante promuovere e pubblicizzare gli atti di governo che riteniamo positivi. Dobbiamo mettere in evidenza tutte le azioni e le politiche di "buon governo". La nomina all'AQP di Petrella è tra queste ed è corretto metterlo in evidenza!

giuseppe macchia 26.09.05 10:48|