Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Parlamento casinò


parlamento_casino.jpg
Immagine: www.gracebiblefellowship-tx.org

Ieri si è consumato un atto vergognoso alla Camera dei deputati durante la votazione della nuova legge elettorale proposta dal Governo Berlusconi.
Quel Berlusconi che, per inciso, è stato definito “golpista elettorale” da Le Monde.
I nostri dipendenti della maggioranza vogliono fare approvare a tutti i costi una legge per cambiare le regole elettorali e sperare di vincere le prossime elezioni, contro la volontà degli italiani che hanno votato, con il referendum del 1993, per l’attuale legge elettorale.

La votazione si è svolta a voto segreto per garantire l’indipendenza dei parlamentari.
Ma il ministro Calderoli ha affermato che la segretezza del voto è una barzelletta, che lui stesso andava a controllare i tabulati agli uffici informatici e sapeva subito chi aveva barato.

Una legge truffa approvata da bari. Altrimenti che legge truffa sarebbe?

Dò un suggerimento ai deputati dell’opposizione:
Dimettetevi da tutte le cariche istituzionali e abbandonate quella porcilaia che è diventata il Parlamento”.

Ogni giorno più di 100.000 persone vengono in questo blog.
Ci sono persone più intelligenti di me, più preparate di me, con più fantasia, informazioni di me.
Io le sto pensando tutte per impedire l’approvazione e l’attuazione di questa legge truffa,
ora chiedo il vostro aiuto.

Vi chiedo delle idee, delle proposte per fermare questo scempio.
Forse uno di voi ci riuscirà.

Fonti: Le Monde, l’Unità

12 Ott 2005, 15:26 | Scrivi | Commenti (3649) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ho scritto negli ultimi tre anni l’analisi di violenza di stato costretto dai miei persecutori guidati del terribile Naziskeen , il comandante Lussese Vincenzo nell’ambito della mia legittima difesa di cui doveva occuparsi lo stato e i membri della società civile! I sostenitori del (sistema) che mi perseguitava affermavano che la mia iniziativa una ingerenza negli "affari degli altri", nonostante il fatto di avermi sequestrato e aver fabbricato falsi sospetti e accuse prodotto della immaginazione con cui mi hanno sospeso ingiustamente la parte le più bella della mia vita dopo avermi degradato, umiliato e linciato, durante oltre 15 anni . www.lemin.blog.kataweb.it

lemin oulf 04.02.06 11:40| 
 |
Rispondi al commento

LE IMPRESE DEL SENATORE LUIGI GRILLO

Il senatore Luigi Grillo, portavoce dei furbetti del quartierino e strenuo difensore del governatore Antonio Fazio, preso con le mani nella marmellata, con un conto alla Banca popolare di Lodi sul quale risultano depositate plusvalenze anomale (250.000 Euro) derivanti da trading su titoli, scoperte dagli ispettori della Banca d'Italia e dalla magistratura.

UNA CARRIERA TUTTA CAPRIOLE
Democristiano della corrente di Base, eletto per la prima volta in Parlamento nel 1987, Grillo arriva al governo nel 1992 con Giuliano Amato, che lo nomina sottosegretario alle Finanze con ministro Franco Reviglio.
Nel 1994 viene rieletto per i popolari di Mino Martinazzoli, ma è subito folgorato da Berlusconi, cui consegna il voto che consente al Centrodestra di avere la maggioranza al Senato. I popolari lo espellono, ma il Cavaliere lo premia con la poltrona di sottosegretario alle Aree urbane. Rieletto nel 1996 e nel 2001, nominato presidente della Commissione lavori pubblici e comunicazioni, è tutto un turbine di zelo berlusconiano.

E’ relatore della legge Gasparri fatta su misura per il capo, presenta l'emendamento per scorporare dai tetti pubblicitari le televendite e quello al condono edilizio che cancella il divieto di costruzione nelle aree incendiate e che gli vale il "premio Attila".

MA LA SUA VERA PASSIONE SONO LE BANCHE
E' lui che aiuta Fiorani nelle prime scalate, come quella della Banca di Chiavari, è lui che difende le fondazioni bancarie da Giulio Tremonti.
Poi il capolavoro. IL "PATTO DELLO SIACCHETRÀ", che segna la pacificazione tra Berlusconi e Fazio. Venerdì 14 gennaio, cena a palazzo Grazioli tra il premier, il governatore, il ministro dell'Economia Domenico Siniscalco e Grillo, il quale offre ai commensali la bottiglia di vino delle Cinque Terre che battezzerà l'accordo per la difesa dell'"italianità delle banche".

UN AFFARISTA?
Lo accerteranno i giudici, che indagano su quei conticini nella banca di Fiorani

Giorgio Minghella 23.12.05 17:39| 
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Ripeto la proposta M A R C I A S U R O M A di Tutti quelli che hanno votato al referendum per l'abrogazione del PROPORZIONALE...Oppure
Marcia di tutti i gruppi MEETUP sulle citta CAPOLUOGO. SI ritrovarsi la notte di natale davanti al Parlamento i GRUPPI DEL LAZIO e davanti ai Parlamenti Regionali tutti gli altri GRUPPI MEETUP... contiamoci e spediamo in un Pacco tutte le nostre CIVILI PROTESTE al Sig. Presidente della REPUBBLICA CIAMPI
Dovra' pur prendere in considerazione il fatto che questi nostri Dipendenti , a colpi di maggioranza, ANNULLANO quello che il POPOLO ITALIANO ha DECRETATO con IL REFERENDUM.

INSOMMA CHE C***O VUOL DIRE FAR ANALIZZARE LA NUOVA LEGGE ELETTORALE DAL COMITATO SCIENTIFICO
DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA?
IL REFERENDUM AVEVA GIA DECRETATO LA MORTE DEL PROPORZIANALE ..... DI PIU CIAMPI COSA VUOLE?
SAREBBE LOGICO ABOLIRE UNA LEGGE VOLUTA DA UN REFERENDUM POPOLARE CON UN ALTRO REFERENDUM...
MA HO RAGIONE DI TEMERE CHE ANCHE IL PARLAMENTO SIA UNA CASERMA..... E COME IN TUTTE LE CASERME LA LOGICA E LA DEMOCRAZIA NON ALBERGA... C'E UN UFFIACILE DI PICCHETTO CHE NON LA FA ENTRARE.

BEPPE SE QUESTA IDEA TI PIACE CREA UNA CARTOLINA DA STAMPARE INDIRIZZATA AL PRESIDENTE CIAMPI E SPEDIAMOGLIELE TUTTE IN UN PACCO.
UN PACCO PER OGNI REGIONE. FORZA AIUTIAMO IL SIMPATICO VECCHIETTO A REAGIRE CONTRO UN PARLAMENTO DI CIALTRONI.

CARLO PISU 14.12.05 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Chi guida sotto effetto di alcool o stupefacenti è punito dalla legge perchè potrebbe fare del male agli altri.
Chi partecipa a gare sportive o partite di calcio sotto l'effetto di stupefacenti o dopanti è punito e squalificato, anche se l'unica persona a cui fa male è sè stesso.
Secondo voi in Parlamento se votassero le leggi sotto l'effetto di stupefacenti, non farebbero del male a tutti noi? Io vorrei venissero fatti controlli a campione DURANTE le votazioni e chi è positivo al test, deve pagare in qualche modo.
Qualcuno mi ha detto che si potrebbero fare controlli preventivi, ma su questo non sono per niente concorde: i vigili non ti fanno l'alcol test prima che tu salga in macchina e se sei positivo al test ti dicono di non guidare che è meglio (controllo preventivo), ma ti fermano MENTRE guidi e ti portano via la patente oltre a denunciarti (repressione). In questi casi trovo più efficace la repressione perchè i casi sono particolarmente gravi. In tutti gli altri casi sono fermamente a favore della... PREVENZIONE!!! scusa se sono prolissa e grazie per ciò che fai. Maura

MAURA CAJANI 08.12.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mandiamo in massa una lettera a Ciampi per far sentire che noi ci siamo e contiamo ancora qualcosa, che la proposta di questa legge elettorale è una legge conveniente e riparatoria per la batosta avuta alle primarie.

Tommaso Schiavo 07.12.05 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Mandiamo in massa una lettera a Ciampi per far sentire che noi ci siamo e contiamo ancora qualcosa, che la proposta di questa legge elettorale è una legge conveniente e riparatoria per la batosta avuta alle primarie.

Tommaso Schiavo 07.12.05 10:08| 
 |
Rispondi al commento

nn votiamo più..io lo faccio da diversi anni..la societa' dei magnaccioni...vero..verissimo..falsi idealismi..falsi cristiani raccolti dal papa circondato da lusso nel vaticano..e nessuno ne parla come non si parla degli stipendi dei nostri dipendenti politici..io prendo 600 euro mensili e pensa che paradosso i miei dipendenti prendono molti zeri in più..ma la cosa che mi fa rabbia e cmq mi toglie speranze e' il fatto che vedo intorno a me schiere di italiani che assomigliano ai nostri politici..piccoli magnaccioni...ma pur sempre attrippati..

annalisa de franceschi 24.11.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ho seguito il tuo spettacolo nella mia Citta', ed a dire il vero mi sono molto divertito, complimenti! Sono daccordo con gli argomenti che tratti ma, consentimi di dirtelo, no ne condivido il modo, infatti le distorsioni ed i paradossi a cui noi cittadini siamo sottoposti, certamente non le dobbiamo attribuire al governo che guida la nostra amata Nazione. Perche' se non ci chiariamo, una volta per tutte queste cose, rischiamo di diffondere in modo strumentale ed inappropriato il seme della menzogna, e quindi di divenire tendenziosi e faziosi. E' vero che tanti provvedimenti questo governo li ha varati, cosi' come su qualcuno di questi, si impone il dubbio della necessita' e della appropriatezza. Pero' vedi, caro compagno dei miei momenti allegri, a differenza di chi lo ha preceduto relegando la propria attivita' unicamente alla occupazione "abusiva" del potere, questo governo ha tentato, e tenta di trovare il bandolo di una matassa, che altri e non certamente i cittadini, hanno svolto ed aggrovigliato; che altri politici di entrambi gli schieramenti estremi con provvedimenti di riforma al solo scopo di giungere al potere, dopo un cinquantennio di opposizione, hanno ancora piu' aggrovigliato. Allora mi chiedo e ti chiedo, Europa con l'elastico in mano delle mutande raggiunta, ti sembra che questo governo possa dissolvere nel nulla, qualora lo volesse fortemente, anni, decenni di intrallazzi soprusi nel nome del cambiamento dalla prima repubblica che solo noi normali cittadini abbiamo dovuto subbire? Ti rammento il periodo dei balletti multicolori tra Prodi (capitalista finanziario) e Dalema. Naaaaaaaaaaaaaaaa non voglio rivedere simili scempi del buongusto, e oserei dire del buon costume! e poi caro ed amato Beppe scusami ma i "progressisti" al governo perche' non hanno riformato cio' che avevano riformato prima? Si! Intendo quando si sono approvati il sistema maggioritario? e come mai i conservatori, invece hanno il coraggio di riformare? Con Stima!

Franco Antonio Corrado 23.11.05 21:10| 
 |
Rispondi al commento

Proposta: RIVOLUZIONE!Diamoci appuntamento un bel giorno e facciamo piazza pulita di tutta sta gentaglia che sta abusando dell'abusabile e anche di più.Ho appena 19 anni e sinceramente non mi piacerebbe l'idea che le cose vadano avanti così.Piuttosto il suicidio.Basta! E' impossibile che tutte queste ingiustizie che stanno accadendo restino inpunite.E noi popolo dovremmo fare qualke kosa per ripulire il Belpaese dalla feccia che lo dirige. Alzi la mano chi si accontenta dell'attuale classe politica.Lì in mezzo chi veramente si preoccupa dell'Italia???...per non parlare della Moratti. GRAZIE se i miei figli saranno dei perfetti ignoranti.GRAZIE ANCORA!E cacchio pure per l'ecologia.Non posso fare a meno di pensarci.Ste ca**o di auto ibride xké nn le produce la fiat?e poi xké m deve vendere una ca** di Punto a tutti sti soldi?li varrebbe almeno...boh...io sono convinto che bisogni rivoluzionare.kiamatemi bolscevico o come volete.ormai il "sistema" è questo e non cambierà.sia ke c sia la destra o la sinistra.non cambia.nessuno sarà altruista da pensare al Paese.e ca**o!corruzioni,frode,leggi salva culo,brogli di ogni genere,distruzione della Costituzione,la mafia ke c'è dappertutto;xké nn si potrebbero aumentare le forze dell'ordine?si combatte criminalità e disoccupazione in una sola mossa...boh...sarà ke sn troppo giovane...o troppo incazzato...ma sn convinto ke le cose nn si aggiusteranno...quindi...semlpice...un'unica soluzione ho trovato:estirpiamo il problema alla radice.andiamo tutti al parlamento e senato ecc e cacciamo tutti da lì..alla fine sono nostri dipendenti e non vedo xké nn possiamo licenziarli...magari anke con qualke calcio nel culo ke fa bene al morale e dà qualke soddisfazione...mi rifiuto di credere ke le cose stanno così eppure è la realtà...e dire ke li votiamo noi!!!...ke paradosso...ma poi ki ha avuto il coraggio di votare x berlusconi?..saranno ideali...ma i suoi sono solo interessi!e si è visto!...ma state attenti...la sinistra nn è da meno..

Raffaele Esposito Tammaro 12.11.05 02:51| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe,

ma perché non iniziamo a pretendere che tutte le sedute parlamentari , tutte gli incontri del Governo "a porte aperte" , tutti i consigli regionali , provinciali , insomma tutte quelle riunioni che per legge sono classificate come aperte al pubblico , vengano filmate tramite webcam e trasmesse in diretta su un sito istituzionale ( ad esempio quello del Ministero per l'Innovazione e le Tecnologie del tuo amico Stanca, che potrebbe così rendere davvero un pubblico servizio e definirsi innovatore ); non solo, tali filmati dovrebbero essere conservati ad imperitura memoria in un database, a sua volta copiato decine di volte per sicurezza e reso ovviamente pubblico! un servizio vagamente simile a www.raiclicktv.it sarebbe già perfetto e le tecnologie ci sono già!!! (ahimé questa frase siamo purtroppo abituati a sentirtela dire!) , il costo sarebbe minimo e ne guadagneremmo tutti in limpidità potendo verificare l' effettivo operato dei nostri dipendenti!




con immensa stima , Riccardo Negro.


PS: voglio anche proporti una simpatica trovata che si potrebbe mettere in atto come forma di protesta: perchè non cammuffare un' autocisterna da bomboletta di DDT con su scritto "disinfestiamo il nostro BelPaese dal marcio e dai parassiti che l' attanagliano da troppo tempo" e mandarla a scorrazzare in giro per l' Italia, magari distribuendo volantini ???

Riccardo Negro 11.11.05 01:39| 
 |
Rispondi al commento

Proposta: Ma se con un passa parola e tutti quelli del blog chiediamo asilo "politico" ad un paese tipo la Francia alla "sede" ufficiale del Parlamento Europeo...potrebbe fare eco?
Visto che in Italia se la cantano e suonano tra loro..chissà, spostare il problema a livello Europeo..(forse "l'asilo politico" complicherebbe le cose..ma una cosa simile?)

Danilo Caliendo 09.11.05 03:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe, ieri sera ho fatto pace col televisore. Un amico infatti ci ha fatto rivedere due cassette dei tuoi ultimi spettacoli. ho riso, poi, come sempre, nella coscienza qualcosa si é smosso. Avrei voluto coinvolgere i miei due figli perchè si rendessero conto di come può anche seere usata la testa...in tv, ma la play station li assorbiva nell'altra stanza. Tornerò alla carica perché vedano e pensino...
Grazie sei grande!
Ma pensi che possiamo sperare in Bertinotti, che pensa come noi.....ma VIVE come loro!!
Potrei scrivere altre 5 pag di considerazioni, ma non voglio abusare, e...purtroppo....non faccio il giornalista.
Continua, hai dietro i più(onesti)..

Massimo Atella 07.11.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

su questo spazio siamo tantissimi, se ognuno di noi comincia a bombardare i vari siti che fanno sondaggi con risposte al contrario, tutte favorevoli al nano maledetto, lui si tranquillizzerà e la smetterà di costruire trappole per le prossime elezioni.

liliana pace 06.11.05 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Faccio anch'io una proposta: a me sembrerebbe un obiettivo non impossibile quello di istituire per legge un Referendum confermativo (che come sappiamo non ha quorum) per ogni modifica alla Costituzione. Sarebbe un gesto di rispetto per la natura pubblica della Costituzione ed un passo importante verso una democrazia almeno semi-diretta.

diego andreucci 06.11.05 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Eppur si muove. Oggi Brescia, domani speriamo tutti in Italia. Il 25 Novembre il Gruppo di Brescia (Pro Beppe) s'incotrerà con i comitati ambientalisti lombardi ed altre ass.ni sempre ambientaliste. Sicuramente è un primo passo, per conoscersi, per capire cosa si può fare assieme e dove si può arrivare assieme. Che tipo di collaborazione può nascere. I comatati hanno già conosciuto A. Zanotelli citato da Beppe Grillo. Se il web-master sarà pronto verrà presentata una versione test di sito internet (italiano) per mettere in rete tutti i gruppi, per renderli visibili ed unirsi. Una proposta. Se questo sarà il primo passo per Candidare Beppe, per fare un partito contro tutti, PER POTERLI MANDARE TUTTI A CASA E RIPARTIRE DA ZERO.... ORA SIAMO A 0.2... allora aiutateci, noi siamo in Meetup. Forza e coraggio.

Davide Bertoli 04.11.05 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, con alcuni amici seguiamo da un po' di tempo il tuo blog che ci ha aperto gli occhi, ma ci viene un dubbio: se il polo ha fallito miseramente su tutto quello che aveva promesso, la sinistra sia in passato che adesso che è all' opposizione non riesce a fare delle proposte decenti, alle prossime elezioni quale sarà il Male minore da dover scegliere? Non le abbiamo già viste tutte e due all' opera senza che non abbiano fatto danni? Chi puo' risollevare le sorti dell' Italia?Perchè non ti candidi e formi un partito?...Cmq sei grande e ti ringrazio a nome di tutti x quello che stai facendo e che farai. gennaro,lina,antonella,enzo,marco,lucia,antonio e mina

gennaro vitrone 03.11.05 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Beppe? Ci sei? Ne hai letti un po' di commenti? Che ne pensi? Oggi guardandi la tele e in particolare il tg 1, durante il servizio del ns. amato presidente del consiglio che GARANTIVA la vittoria delle prossime elezioni al suo compagno di merende Bush mi è venuta un'altra ideina. Visto che è difficile convincere tutti a non guardare le reti mediaset sarebbe più facile convincerli a cambiare canale quando in tv compare il nano qualsiasi rete sia. Lo vedranno dagli indici audience che l'ascolto cala con la sua apparizione? potrà sevire?

Adriana Cancellaro 01.11.05 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Beppe Grillo, ho in mente qualcosa che di seguito le espongo, cosa ne pensa?


Repubblica Democratica Italiana On line


Costituzione

Art. 1 . La Repubblica Democratica Italiana On line si fonda sul principio della libertà del singolo individuo nel rispetto della collettività.

Art. 2 Chiunque viola l’Art. 1 della Costituzione è soggetto alla espulsione definitiva dalla Repubblica Democratica Italiana On line.
FINE DELLA COSTITUZIONE. CHE NE PENSATE? PENSA CHE C..O CHE GLI FACCIAMO CON UNA COSA DEL GENERE

Mauro Mancino 31.10.05 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Riporto cosa mi scrive il ragazzo per il sito pro Beppe-partito:
--Per la costruzione del sito da te richiesto il costo è di € 300,00 + € 20+/- per l' aquisto del dominio (spazio web).
Se la cosa ti interessa dovresti farmi pervenire l'albero dei collegamenti del sito (cosa inseriresti nel menù) ed eventuali immagini da te desiderate.
Per quanto riguarda la grafica penso di aver capito +/- come la vuoi.
Poi, sempre se la cosa ti interessa dovresti contattarmi telefonicamente per meglio spiegarci su come impostare il tutto. ----
Signori, signore Iscritti al blog: io ho mandato una BOZZA del sito a queste persone. Chi è interessato mi contatti che la faccio girare (bedivad@libero.it). firmatevi con nome seguito da: - pro Beppe Grillo ..così capisco. Mi unisco a quanto detto: se i no-global ci sono riusciti perchè NON CI CREDIAMO NOI? Fatelo almeno per i ragazzi. Loro sono scesi per strada perchè sono "esausti". La ricerca è al palo. Non inventiamo più nulla. Chi può scappa. Le aziende bresciane in città chiudono tutte una a una. Tengono solo gli uffici ed i magazzini, il resto viene trasferito all'estero. Il "superfluo" è tutto made in Thailand. Svegliatevi. I problemi idrologici al sud aumenteranno anno per anno. Gli scenziati Americani sono sconcertati da tutti questi uragani. Avete visto il Rio delle Amazzoni?...in alcune parti è in secca ed i pesci muoiono a migliaia (Giornale di Brescia- Sole 24 ore). Scusate il termine ma tirate fuori gli attributi se credete in quello che scrivete. Beppe candidati e fai il partito...e voi dove siete?...da solo non può far nulla!. Io ci sto mettendo il sito per fare rete, cerco chi divide le spese con me. Fatevi avanti. Meno parole: FATTI.
Davide - BS - Lombardia

Davide Bertoli 27.10.05 20:16| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di controinformazone Beppe, mi piacerebbe sapere cosa pensi del caro Funari che qualche sera fa stava per farsi venire un infarto a Matrix su canale 5 (il furbacchione silvietto per tirar su l'audience delle sue reti mi mette il Sig. Sestriscinoninciampi a fare porta porta su argomenti per mentecatti e su canale 5 qualcosa che potrebbe essere considerata + interessante, vedi appunto la questione dei giornalisti eclissati o quella della legalità a Bologna). Raccolgo il suggerimento di chi ha postato prima di me dicendo che sarebbe utile indicare in fondo al post la regione o meglio la città di appartenenza per provare a formare dei gruppi (non solo virtuali) al fine di mettere in pratica alcune iniziative come la raccolta di firme o la semplice propaganda. Che ne pensi Beppe? Come è possibile che i no global siano riusciti ad entrare in politica e non ci possono riuscire cittadini normali e non violenti? Sarà mica che per farsi ascoltare da stà specie di Stato bisogna per forza sfasciar tutto?

Adriana Cancellaro 27.10.05 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 644 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

Alessandro Serra 27.10.05 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Piccola ma doverosa precisazione al post del 22.10.05 ore 10.11

Mizzica, ma se L.a.p.o. spa pippava come un dannato già da prima per le disastrate condizioni della sua prestigiosa azienda, chissà cosa si pipperebbe con 1.000.000 di miliardi di nuovi debiti sul groppone!!! Ne vedremmo delle belle!! L’importante comunque sarebbe abbattere drasticamente il debito pubblico, sia chiaro……

ivan verdi 27.10.05 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 644 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

Alessandro Serra 26.10.05 10:31| 
 |
Rispondi al commento

A questo punto , secondo me , l'unica possibilità è di NON andare a votare , visto che qualsiasi voto dato è poi sfruttato da chi non volevi. Dichiaro lo sciopero del voto che rientrerà solo dopo che tutti coloro che fanno (o hanno fatto parte) della nomenklatura attuale e passata ,non saranno stati estromessi A VITA dalla vita politica dell'Italia.
Che possano tutti coloro sopramenzionati , soffrire mille e mille volte ciò che ci hanno rifilato negli ultimi decenni!!!!!!!!!!

Giordano Bruno Profugo 25.10.05 23:37| 
 |
Rispondi al commento

IO NON SCHERZO PER IL SITO PER BEPPE LEADER E PER FONDARE UN PARTITO. MI HANNO DETTO CHE CI VOGLIONO 300 EURO PER IL DOMINIO. DOMANI INVIO LA BOZZA PER SAPERE QUANTO MI VIENE A COSTARE. CHI MI AIUTA?
Davide - Lombardia
bedivad@libero.it

Davide Bertoli 25.10.05 19:50| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 365 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

Alessandro Serra 25.10.05 09:04| 
 |
Rispondi al commento

proposta di referendum:adeguamento stipendi dei ns parlamentari alla media euopea? avendo ogni paese un peso nell'unione potremo aggiunger che lo stpendio vengaponderato dal peso stesso del paese. Lei che può proponga questo. mi scuso per questa ma a me hanno proposto maggiori responsabilità, pechè di me si fidanio, ma lo stipnedio rimane lo stesso
saluti.
matteo barato

matteo baarto 24.10.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 365 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

Alessandro Serra 24.10.05 10:06| 
 |
Rispondi al commento

mi piacerebbe che ogni persona che "bazzica" il blog si firmi aggiungendo la propria Regione per vedere se rappresentiamo l'intera Italia o solo alcune parti di essa. Leggo il libero.it che Berlusca lavora per un partito Follini-Mastella per metterlo in c..o a Lapo....ops scusate... al Prof. Io pongo una domanda: ma i sindacati e/o comitati vari sparsi nella nostra bella ma sfigata penisola (senza dimenticarsi delle bellissime isole) cosa ne pensano? Avvicinarli non sarebbe plausibile per sentire anche le loro "voci"? Una settimana fa i comitati ambientalisti Lombardi si sono incontrati con i sindacati dei commercianti perchè sono sul piede di guerra. In pochi anni fra BS-BG realizzeranno 10/11 mega centri commerciali e per i piccoli negozianti sarà la fine totale. Io sono stufo. Chiedo a Beppe di fondare un partito nuovo. Intanto ci metto del mio perchè non sono un chiacchierone fannullone e voglio contribuire al massimo. Ieri ho spiegato ad un ragazzo come deve essere strutturato il sito e poi lo metterò a supporto per tutti. Per fare rete e, spero, per realizzare un partito. Se siete anche voi stufi marci agite..."muoviamoci" ...invitate anche altri...singoli...gruppi studenteschi...sindacati...comitati...titolari d'aziende a dire la loro (facendo capire chi sono). Forza e coraggio
Davide - Lombardia

Davide Bertoli 22.10.05 18:43| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 365 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

Alessandro Serra 22.10.05 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Per impedire ai malfattori in Parlamento di continuare a fare il loro sporco e misero dovere (quello di depredare le casse dello Stato).


A breve termine:
promuovere e far approvare una legge di iniziativa popolare che "accolli" mettà del debito pubblico sulle spalle di Agnelli (ora L.a.p.o. spa) e mettà sulle spalle di merdiaset (= nanus); sai che allegria con 1.000.000 di miliardi di lire ciscuno sul groppone!! Milione di miliardi di debiti che in buona parte si deve all'operato nefasto dei suddetti, sia chiaro.

A lungo termine:
promuovere la nascita di un nuovo partito, il cui obiettivo primario sia portare l'aliquota fiscale dei redditi sopra il milione di euro al 70%
In pochi anni si avrebbero: conti pubblici risanati, più soldi nelle casse dello Stato (amministrati da politici onesti), servizi e lavoro per tutti i cittadini, soprattutto i più disagiati.

Ciao a tutti

ivan verdi 22.10.05 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Se un nano raggiunge l'altezza di Palazzo Chigi,le possibilià sono solo due. O sta sulle spalle di un gigante, oppure è il vertice di una gigantesca piramide di nani. Non vorrei azzardare ipotesi, ma dalle parti di P.Chigi, non si vedono giganti da tanto di quel tempo che ci siamo dimenticati come siano fatti.
Volo alto sui rotoli di carta igienica in corso di approvazione in quello che un tempo era il Parlamento italiano, oggi tristemente ridotto a Gabinetto personale di silvio berlusconi.
L'unica chance siamo noi.
La devolution sarà eliminata tramite referendum.
La legge elettorale, non credo che modificherà i previsti risutlati elettorali. Il centrosinistra non se la passa bene, ma il cnetrodestra non esiste. Quella legge contraddice la volontà popolare. Personalmente, sono per il maggioritario a doppio turno. Un'iniziativa legislativa popolare direbbe la sua. 50.000 elettori. Alle primarie eravamo oltre 4.000.000. Secondo voi, esercitando le dovute pressioni su chi dispone di un apparato organizzativo come quello che ha organizzato le primarie, non riusciremmo a raccogliere 50.000 firme? Secondo me, sì.
Il problema non è la CDL, ma l'Ulivo. Questa è l'alba di una stagione politica che rischia di essere come l'estate scorsa. Ti aspetti il sole e arriva la pioggia. Il problema non è la legge elettorale. Il problema è il lavoro, la lotta all'evasione fiscale; la Calabria, la Sicilia, la collusione diffusa con la mafia; la corruzione, la concussione.
Il problema è che hanno impegnato tre finanziarie per fare un ponte che nessuno costruirà, ma che ,magari, salderà qualche debito elettorale imprescrittibile.

Giganti si nasce, nani si diventa.
I nani sono dappertutto.
Vigilate, vigilate.

barbara gasbarrini 22.10.05 03:56| 
 |
Rispondi al commento

Ed è sempre stato così, anche prima di B. Circa tre mesi fa nella mia città (100.000 abitanti) il comune ha inviato ad ogni famiglia un bellissimo opuscoletto invitando la gente a fare la raccolta differenziata e a conferire i rifiuti in un’isola ecologica presentando opportuna tessera che in base al quantitativo di rifiuti conferito alla fine dava diritto ad un premio (lo zainetto, la bicicletta e in seguito lo sgravio sulla tassa dei rifiuti), bello direte voi, certo! A parte per il fatto che ieri mi sono recata con la macchina carica di rifiuti per fare il mio dovere di brava cittadina e..sorpresa! L’isola ecologica era stata posta sotto sequestro, devono o non devono cascarti le braccia! Bisogna pagare la bustarella agli infermieri anche per non aspettare ore per fare una terapia riabilitativa nei centri di riabilitazione. Ti fanno aspettare ore per un prelievo di sangue o per una radiografia (roba di pochi minuti). Devo prendermela con Berlusconi se la mattina dalle 8.30 alle 11.00 4 o 5 camion della nettezza urbana, tre ruote e camioncini adibiti alla pulizia strade passano (non esagero) 6/7 volte davanti a casa mia a spazzole alzate con i rifiuti che crescono vicino ai cassonetti! Non so se ho reso l’idea. Stiamo parlando di Parlamento (roba da intoccabili) ma riusciremmo a far cambiare le cose nella nostra città? Non vi annoio + ma spero che Beppe mi legga. I suggerimenti li ho già scritti nell’altro messaggio. (scriviamo a Ciampi su cartaaaa le mail non le legge!)
P.s. Ai dipendenti di banca, agli imprenditori che fanno buoni affari, a quelli che riescono a permettersi le vacanze due volte all’anno, a quelli che hanno il posto fisso interessa poco dello stato del paese.

Adriana Cancellaro 21.10.05 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe e cari tutti,
ho già scritto su questo blog (qualche migliaio di messaggi fa). Ho letto tutti i 3000 e rotti messaggi, non lavoro, mi connetto da casa mia e non dal posto di lavoro con la mia cessosissima connessione a 56 k Telecom, l’ADSL è troppo cara per chi non lavora. Ho lavorato per 6 anni in una ditta bresciana con un co.co.co (come dice un mio ex collega sta x 3 volte co…ne). Ora mi sono trasferita nella mia città pugliese dove se sei fortunato ti pagano € 400 in nero per 40 h settimanali se non di più (altro che cinesi e precariato), Bertinotti mi fa incazzare quando mi racconta del rinnovo dei contratti degli insegnanti, ad avercelo! Purtroppo la mia situazione e con me migliaia di altri giovani non la risolve né Berlusconi, né Prodi. Premetto che al comune c’è la sinistra, quella sinistra che ha chiede tangenti per ottenere licenze per poter avviare un’attività. Qui la gente è abituata ad arrangiarsi per tirare avanti e se al governo c’è un ladro o un altro non cambia le cose. Per poter attrarre tante personcine bisogna fare come per il Silviozzo: toccarli nel portafogli. Esempio il diritto di signoraggio chiamato in causa dall’Adusbef, poter ottenete 87 euro dalla Banca d’Italia per ogni componente della famiglia, nessuno ne parla, nessuno lo incentiva, è un inizio anche se centra poco col Berlusca (credo). Altro esempio: la famigerata ICI (introdotta dalla sinistra, sfruttata anche dalla destra) qualcuno pensa sia una legge anticostituzionale perché viola il diritto primario alla casa. Ma noi pecoroni non abbiam battuto ciglio quando è stata introdotta. Toviamo il modo di farla abolire. E’ un segno di risveglio e di rivolta.
Il marcio parte dalle amministrazioni pubbliche locali. Continua

Adriana Cancellaro 21.10.05 21:24| 
 |
Rispondi al commento

_________________________________________________________beppe ma le tue idee a riguardo?
continuate a firmare la petizione
http://www.telenorba.it/petizione
_________________________________________________________

Salvatore D'Alessio 21.10.05 20:17| 
 |
Rispondi al commento

appunto: continuo a notare che si punta a due cose:
1 un partito nuovo che vada da solo
2 che Beppe si candidi.
Taaaaantiiiiisssiiiimi messaggi che implorano Beppe a candidarsi e fare un partito. Va bene ma dovete anche metterci del vostro. Io mi sto scervellando per creare un sito di promozione. Lo chiamerò vpe (come già scritto prima) chi mi da una mano almeno per finanziarlo? Inserirò una e-mail per raccogliere i nominativi (da spedire a Beppe) di chi lo vuole come Leader politico.... Accetto proposte perchè io mi ci butto. Chi di voi che scrivete super monologhi imploranti ha le p...e per agire? Fatemi sapere indirizzando il messaggio a Me. Lancio uno slogan: "muoviamoci"

Davide Bertoli 21.10.05 18:20| 
 |
Rispondi al commento

CAZZO...il politico non dovrebbe essere un mestiere renumerativo, dovrebbe essere una passione, un lavoro che nessuno vuole fare perchè mal pagato e troppo impegnativo.
Penso che debbano arrivare in politica solo le menti eccelse che si sono distinte nei loro campi: ad esempio il Beppe nostrano (EROE EUROPEO) dovrebbe fare il Capo del Consiglio (visti i suoi consigli) o anche il Ministro delle Comunicazioni (viste le sue doti).
Quanto ai loro stipendi dovrebbero essere a progetto: un fisso (popolare max 3000 euro)+provvigioni in caso di riuscita altrimenti a casa e amici + di prima...
A che BELPAESE sarebbe...

Alessandro Serra 21.10.05 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 365 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

Alessandro Serra 21.10.05 17:57| 
 |
Rispondi al commento

-Riforma elettorale

-Devolution

-Ex-Cirelli

Berlusconi vi ha rotto le p...e?

Volete vendicarvi?

Bene usiamo i suoi stessi mezzi.

Non guardare più mediaset è una buona idea ma si può fare di più:Cancelliamo dalla programmazione della nostra televione i canali mediaset,in modo tale che neanche con lo zapping possiamo fermarci in quelle reti per uccelli.RETE 4,CANALE 5,ITALIA 1 lo meritano,fanno controinformazione e censurano.

PUNIAMO LE RETI MEDIASET.PUNIAMO BERLUSCONI.

PREGO DIFFONDETE.

Nicola Comune Commentatore in marcia al V2day 21.10.05 17:20| 
 |
Rispondi al commento

-Riforma elettorale

-Devolution

-Ex-Cirelli

Berlusconi vi ha rotto le p...e?

Volete vendicarvi?

Bene usiamo i suoi stessi mezzi.

Non guardare più mediaset è una buona idea ma si può fare di più:Cancelliamo dalla programmazione della nostra televione i canali mediaset,in modo tale che neanche con lo zapping possiamo fermarci in quelle reti per uccelli.RETE 4,CANALE 5,ITALIA 1 lo meritano,fanno controinformazione e censurano.

PUNIAMO LE RETI MEDIASET.PUNIAMO BERLUSCONI.

PREGO DIFFONDETE.

Nicola Comune Commentatore in marcia al V2day 21.10.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Un'idea che m'è venuta in questo momento:

Lo stipendio dei nostri dipendenti è fissato dagli elettori e solo da essi può essee modificato tramite referendum per cui è richiesta la maggioranza degli aventi diritto.

Il risultato di tutti gli altri referendum è valevole indipendentemente dal numero di votanti. Almeno chi vota deve essere rispettato.

Forse così la finiranno di prenderci per il c..o con referendum criptici il cui risultato (quelle poche volte che viene ritenuto valido) viene successivamente rivisto da leggi a dir poco antidemocratiche.

Flavio Sartori 21.10.05 08:18| 
 |
Rispondi al commento

secondo me, per dare un minimo di professionalità e serietà al parlamento ci vorrebbero tre cose, competenza, presenza, trasparenza:

1) possibilità di essere eletti solo se si possiede una laurea in giurisprudenza o scienze politiche o se si supera un approfondito e completo test di educazione civica (non chiamerei un idraulico per riparare un corto circuito; perchè mai allora mandare un architetto o un contadino a legiferare?)

2) controllo delle presenze (con orario di ingresso e uscita) e delle votazioni attraverso le impronte digitali, allo scopo di eliminare i pianisti e di combattere l'assenteismo (stabilendo, ad es. che chi risulta assente per oltre il 10% delle sedute decade dalla carica e gli subentra il secondo votato nel collegio, anche se di partito diverso)

3) abolizione del voto segreto, i parlamentari sono lì per rappresentarci, se agiscono in segreto è impossibile sapere se ci hanno rappresentato bene o male. Volendo fare le cose per bene, nel sito del parlamento dovrebbero essere disponibili tutti i dati di tutte le votazioni di tutti i parlamentari, per poter sempre verificare, anche a distanza di anni, come si è comportato un certo politico nelle diverse occasioni

maria mare 21.10.05 02:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe prova con questo testo:
“Qui ad Atene noi facciamo così. Il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi per questo è detto democrazia. Le leggi assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo i meriti dell’eccellemza.Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, non come un atto di privilegio, ma come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento. La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se preferisce vivere a modo suo.Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati e le leggi, e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevano offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte la cui sanzione risiede solo nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di buon senso.
La nostra città è aperta al mondo; noi non cacciamo mai uno straniero. Noi siamo liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.
Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private. Ma in nessun caso si occupa delle pubbliche faccende per risolvere le sue questioni private.Un uomo che non si interessa dello Stato non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché soltanto pochi siano in grado di dar vita a una politica, noi siamo tutti in grado di giudicarla.Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla strada dell’azione politica.Crediamo che la felicità sia il frutto della libertà e la liberta sia solo il frutto del valore.Insomma io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la prontezza a fronteggiare le situazioni e la fiducia in se stesso.(Tucide, “L’encomio di Pericle” in “La guerra del Peloponneso”, libro II, 37-41).

Paolo Miotto 20.10.05 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Ma perche Beppe predichi bene e razzoli male?

Capisco che sei solo un comodo ma ca..o ti sarai reso conto dell'onda sismica che hai provocato.

La gente ti chiede di fare qualcosa. E TI DA GRAN CONSIGLI. SUGGERIMENTI.
Come:
Andare da Celentano
Andare in una qualsiasi tv
aprire un sito piu' articolato dove sia possibile scambiarsi istantaneamente le opinioni
candidarti (si queata e' una minchiata)
Andare in radio
E una vagonata di altre robe..

E te cosa fai di nuovo?
NIENTE.
E di quello che ti ha proposto la gente?
POCO.

Scusa ma a me vedere che si potrebbe scatenare un piccolo movimento di rivoluzione e vedere che LA COSA VA AVANTI A PASSO DI LUMACA INVECE CHE A FIUME IN PIENA FA GIRARE LE PA..E.

Capisco che hai molto da fare..
C'e' tanta di quella gente che potrebbe darti una mano volendo..

Hai acceso la miccia: ora non tagliare la corda della bomba!!!!!!!

Speriamo bene

Enrico Malgarini 20.10.05 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Ho notato che si punta a due cose:
1 un partito nuovo che vada da solo
2 che Beppe si candidi.
Taaaaantiiiiisssiiiimi messaggi che implorano Beppe a candidarsi e fare un partito. Ma voi cosa fate? Io mi sto scervellando per creare un sito di promozione. Lo chiamerò vpe (V) perchè credo che dobbiamo avere più rispetto per l'ambiente che può darci molti soldini..vedi fotovoltaico... (P) perchè siamo dei retrogradi trogloditi rispetto tutti ed io voglio un Progresso serio (E) perchè mi piace l'Europa, viva l'unione fra di noi. Devo capire come inserire la cartina dell'Italia divisa in Regioni e poi Provincie per poi inserire chi ci crede veramente ed apre un suo comitato. Inserirò una e-mail per raccogliere i nominativi (da spedire a Beppe) di chi lo vuole come Leader politico. Poi vediamo. Accetto proposte perchè io mi ci butto. Chi di voi non "parla" e basta...chiede aiuto come un bambino.... ma ha le p...e per agire?

Davide Bertoli 20.10.05 19:26| 
 |
Rispondi al commento

non riesco ad iscrivermi al tuo blog.
e' possibile avere un aiuto.
grazie.

gianluca tartaglia 20.10.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Un amico mi ha inviato questo link.
E' agghiacciante. Possiamo fare qualcosa?
http://www.petatv.com/tvpopup/Prefs.asp?video=jcruel_china_dog

Alessandro Piccinini 20.10.05 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Ancora una volta mi sembra che questo paese sia cieco sordo ma purtroppo non muto, da giorni ce la menano maggioranza e opposizione sul problema della nuova legge elettorale, i commenti che si sentono sono a dire poco ridicoli, la magg.. dice che fanno una legge che serve a vincere le elezione (bello sforzo, qualcuno dovrà pur vincerle) l'opposizione, che molti italiani pensano sia meglio della maggioranza, su che basi poi non lo so, dice che non è costituzionale che è illegale e via dicendo scavalcando in un solo colpo il ruolo del presidente della repubblica e quello della corte costituzionale, credo che tutto ciò non faccia onore a noi cittadini, i nostri problemi non esistono nelle piccole menti dei nostri politici, che pensano a noi solo quando c'è da votare o da spremere un'altro pochini. Personalmente è da quando ho 18 anni che aspetto un politico che mi parli di cose reali, che faccia leggi che servono a noi, che spezzi la catena dei privilegi che strozza il nostro paese, loro come giustamente dici, caro beppe, dovrebbero essere nostri dipendenti, in realtà sono le nostre snguisughe, parassiti dai quali prima o poi ci libereremo votando un gruppo di uomini veri.

Luigi Sardella 20.10.05 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
sono Angelo da Polistena, piccolo centro della piana di Gioia Tauro in provincia Reggio calabria, e intervengo per la prima volta nel tuo/nostro blog, che ritengo sia uno degli ultimi strumenti di difesa della nostra dignità di cittadini.
Motivo del mio intervento è quello di dare una testimonianza diretta, cioè da persona che in questa terra è nata, è cresciuta, vive lavora e soprattutto ha intenzione di rimanerci per il resto dei suoi giorni, circa l'interrogativo che da più parti tutti si sono posti a seguito dell'ultimo agghiacciante fatto di cronaca successo a Locri.
La domanda era ma lo stato in calabria c'è o non c'è.
Tranquilli tutti, lo Stato c'è, il problema è, che spesso dorme, e se non dorme è girato dall'altra parte, oppure è al cesso a pisciare non si sa, però dopo, a fatto compiuto non manca mai di consolarci con le solite dichiarazioni indignate e le promesse di azioni risolutive, che già domani nessuno ricorda.
E allora difronte a tutto questo, ti chiedo di sostenere e di aiutare per come possibile, l'encomiabile lavoro dei Magistrati come Macrì e Gratteri che con coraggio lottano in prima linea, loro si, per far cambiare davvero le cose.
Ho ascoltato un intervista del Dott. Gratteri che denunciava il continuo sgretolamento da parte dei governi che si sono succeduti dal 1992 ad oggi, di tutte quelle leggi che erano fondamentali per la lotta alla mafia.
La calabria ha bisogno di esempi positivi, alcuni ci sono, i Magistrati Macrì e Gratteri, l'Imprenditore Filippo Callipo, Il Vescovo di Locri Bregantini e altri che sicuramente dimentico, ma non vengono purtroppo sostenuti per come meriterebbero, aiutiamoliiiiiii.
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate a proposito tu e gli amici del blog.

Angelo Borgese 20.10.05 16:31| 
 |
Rispondi al commento

beppe,
un mio carissimo amico ha parlato con un deputato ds, che conosce da tempo, della legge elettorale. questo signore gli ha spiegato che con il proporzionale va bene a tutti perché significa che per i prossimi venti anni non ci sarà ricambio in parlamento: le stesse persone, sempre le stesse. i partiti ripresenteranno ogni volta gli stessi, eccetto quando questi abbiano fatto qualcosa di sgradito ai vari segretari. gli uscenti hanno una sorta di diritto di prelazione sulla poltrona. credo che anche se la sinistra andrà al governo non verrà certo da lei la proposta per cambiare il sistema elettorale. l'unico mezzo è promuovere un referendum. promuoverlo noi, raccogliendo firme e presentandole al presidente della repubblica. cominciamo a organizzarci fin da ora, a parlare con la gente, a far capire che altrimenti ci aspettano altri venti anni di dipendenti che nessuno ha assunto, ma che siedono lì grazie a una legge elettorale-golpe.

giacomo trogu 20.10.05 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Ci sarà anche l'approvazione della nuova Par Condicio che proprio pari non sarà. Vorrei proporre di boicottare, non comprando, tutti i prodotti che fanno la loro pubblicità su Mediaset. Indipendemente dal fatto che ne fanno anche da altra parte. Non comprare! E con questo il Sig. Silvio sarebbe toccato veramente nel vivo

Franco Casini 20.10.05 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Oggi passa la Devolution.
Prodi parla di un prossimo referendum abrogativo per questa legge.
Per quale motivo non si pensa a riproporre un referendum, come quello del 1993, per la riforma sulla legge elettorale approvata pochi giorni fa? Non è possibile farlo?
Inoltre il referendum del 1993 è stato organizzato, immagino, spendendo i soldi nostri: perchè non mi risarciscono visto che il mio giudizio non conta più niente ed è stato ribaltato da alcuni dei miei dipendenti?

Proponiamo dei contratti co.co.co. o a tempo determinato per i nostri dipendenti, e dopo 5 anni, se no rispettano i patti con i datori (noi) li sostituiamo...


Io ho 33 anni ed il fascismo l'ho solo studiato ma comincio a credere che ci sia la possibilità di viverlo. L'unica differenza è che è cambiato il colore: da nero è diventato blù...

Domenico Viggiani 20.10.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

....Peccato che Che Guevara sia morto........
....E che ancora ne debba nascere uno come lui...

Daniele Carruso 20.10.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento

cazzo Beppe hai buttato un sasso nello stagno, io non sò bene cosa proporre, cazzo ho la terza media io!
però di questi bastardi (dx&sx) non mi fido più e chiedo a te EROE EUROPEO di candidarti x salvare il popolo "i TAGLI ano" (cioè coloro col c..o tagliato)oppure "i TAGLIA no" (cioè coloro che non accettano tagli)...
salvarci fondando un tuo partito ne di dx ne di sx, ma che faccia gli interessi del popolo.
ribadisco che se possono esserci politici comici ci può essere un comico in politica...

ciao, Alessandro.

Alessandro Serra 20.10.05 13:22| 
 |
Rispondi al commento

esiste una malattia genetica chiamata "atrofia muscolara spinale" meno conosciuta della distrofia muscolare" ma piu diffusa di essa, che porta in molti casi al termine della vita di bambini e bambine che non arrivano talvolta ai due anni di eta. aiutiamo queste creature aiutando la ricerca e i medici genetisti a trovare una speranza di cura. grazie per l'attenzione. riccardi roberto.

riccardi roberto 20.10.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Bha, dire le cose giuste è facilissimo. Anche io sono in grado di dire tutto ciò che non va e guadagnare miliardi con spettacoli. Forse è + complicato risolverle le cose...

Alessio Banese 20.10.05 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Bha, dire le cose giuste è facilissimo. Anche io sono in grado di dire tutto ciò che non va e guadagnare miliardi con spettacoli. Forse è + complicato risolverle le cose...

Alessio Banese 20.10.05 12:49| 
 |
Rispondi al commento

TUTTO GIUSTO E TUTTO SBAGLIATO!!COME I NOSTRI POLITICANTI,AVETE LA MEMORIA CORTA(DETTA ALTRESI'..MEMORIA DI CONVENIENZA9.CIAOCIAO
Ordine del giorno sulla Riforma elettorale

Il Senato della Repubblica,
considerato:
che tutte le forze politiche hanno ripetutamente sottolineato, nel corso della legislatura, l'esigenza di dare al Paese una nuova legge elettorale che superasse i limiti e le incongruenze della normativa in vigore dal 1994;
che il tentativo avviato dalla Commissione bicamerale di riformare compiutamente ed organicamente l'intera seconda parte della Costituzione ha inizialmente reso possibile affrontare il tema della legge elettorale in stretto collegamento con il più vasto disegno di revisione della forma di governo e del sistema bicamerale; purtroppo l'esito negativo del lavoro della Commissione ha portato il Parlamento a dover affrontare il tema della riforma elettorale con i limiti derivanti dall'assenza di un condiviso nuovo quadro costituzionale e dall'esigenza di attendere l'indicazione di due referendum abrogativi;
che in questo difficile quadro, dopo il mancato raggiungimento del quorum nell'ultimo referendum, i gruppi parlamentari di maggioranza hanno ripreso i lavori in commissione Affari Costituzionali con la dichiarata volontà di cercare di approvare nell'ultimo anno di legislatura una nuova legge elettorale, costruita insieme ai gruppi di opposizione nella consapevolezza che le regole elettorali è necessario e doveroso cercare di scriverle con intese parlamentari più ampie possibili.
In questa logica, accogliendo le richieste delle opposizioni di lavorare su un testo base predisposto dalla maggioranza, è stata presentata, a firma dei capigruppo dell'Ulivo, una proposta di riforma della legge per l'elezione della Camera dei Deputati, ispirata al modello tedesco, con 50% dei seggi attribuiti in collegi uninominali e 50% dei seggi attribuiti con liste plirinominali bloccate, con soglia di sbarramento al 5%, indicazione del Premier e int

PAOLO LONGHINI 20.10.05 12:20| 
 |
Rispondi al commento

CARO GRILLO,

LE GRAN POLEMICHE CHE IL PROGRAMMA DI CELENTANO STANNO SUSCITANDO MI CONVINCONO ANCORA DI PIU' CHE LE NOSTRE INIZIATIVE DEVONO SERVIRSI DEL MEZZO TELEVISIVO.

DICO ANCHE PICCOLISSIMI SPAZI SU TV LOCALI (SEMPRE CHE IL COSTO SIA ACCESSIBILE PER LE CAPACITA' DEL BLOG).

CIO' CHE CAPITA IN TV HA UN VALORE ENORME RISPETTO AD OGNI ALTRA INIZIATIVA: IL CASO SANTORO/CELENTANO E' LA PRIMA NOTIZIA DI QUESTI GIONRI !!!

VERO E' CHE I MEDIA TRADIZIONALI LASCERANNO IL PASSO ALLA RETE, MA PER ORA, PER UN RISULTATO IMMEDIATO DOBBIAMO TROVARE IL SISTEMA DI UTILIZZARE LE TV.

marco favaro 20.10.05 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Beppe non deve candidarsi. E' il momento di muovere la popolazione, non appenderla alle brache di qualcuno. Cosa fare? Non e' facile da dire: votare Prodi non serve, scommetto che l'80% dei parlamentari, fra ribaltoni e ribaltini restera' al suo posto. E alla fine lo sappiamo, non sipestano troppo i piedi l'uno con l'altro.

Quello che possiamo fare, secondo me ' parlare, far girare le rotelle, e ercare di farle girare anche agli altri. Io quest'anno, a sorprea, mi ritrovato ad insegnare in una scuola: e' da li' che dbbiamo iniziare: i presidi e i prof universitari, ma anche le associazioni culturali non aspettano altro che qualcuno faccia qualcosa di nuovo: Quanti di noi sono ingegnieri, economisti etc? Io sono un fisico, e da un mese ormai non dormo per fare qualcosa, a spese mie, e dei miei compagni di una ssociazione culturale genovese, per organizzare eventi al Festival della scienza di genova. Le conoscenze che ognuno ha devono servire ed essere trasmesse agli altri. Sai qualcosa dell'economia? un passo nell'associazione culturale sotto casa tua, una conferenzina da un'oretta per spiegare ai pensionati, alle massaie, come funziona una banca. Sei uno storico? Ancora meglio, speighiamo come funzionano i tracolli dell'economia/politica mondiale, come nascono le democrazie e le dittature, i cicli storici etc...

Beppe, questa e'la mia proposta: noi non faremo mai 10.000 persone a serata (e nemmeno 30x10.000 euro a serata...sai sono di Genova :), ma siamo tanti, con competenze specifiche (operai, csalinghe e pensionati compresi!). Quello che possiamo fare e' svegliare la gente, di modo che la prima volta che si trova un Prodi, Berlusconi, Fini, Casini... o Ricucci qualunqe davanti che parla, si volti e se e vada. Perche' quelli che stiamo sentendo sono i tipici discorsi da fare in tre e due andarsene. E Le cose furbe che sento dai politici, le ho lette gorni prima sul tuo blog. Okkio, ci rubano le idee, per farne demagogia.

Alf

Alfonso Mantero 20.10.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Beppe non deve candidarsi. E' il momento di muovere la popolazione, non appenderla alle brache di qualcuno. Cosa fare? Non e' facile da dire: votare Prodi non serve, scommetto che l'80% dei parlamentari, fra ribaltoni e ribaltini restera' al suo posto. E alla fine lo sappiamo, non sipestano troppo i piedi l'uno con l'altro.

Quello che possiamo fare, secondo me ' parlare, far girare le rotelle, e ercare di farle girare anche agli altri. Io quest'anno, a sorprea, mi ritrovato ad insegnare in una scuola: e' da li' che dbbiamo iniziare: i presidi e i prof universitari, ma anche le associazioni culturali non aspettano altro che qualcuno faccia qualcosa di nuovo: Quanti di noi sono ingegnieri, economisti etc? Io sono un fisico, e da un mese ormai non dormo per fare qualcosa, a spese mie, e dei miei compagni di una ssociazione culturale genovese, per organizzare eventi al Festival della scienza di genova. Le conoscenze che ognuno ha devono servire ed essere trasmesse agli altri. Sai qualcosa dell'economia? un passo nell'associazione culturale sotto casa tua, una conferenzina da un'oretta per spiegare ai pensionati, alle massaie, come funziona una banca. Sei uno storico? Ancora meglio, speighiamo come funzionano i tracolli dell'economia/politica mondiale, come nascono le democrazie e le dittature, i cicli storici etc...

Beppe, questa e'la mia proposta: noi non faremo mai 10.000 persone a serata (e nemmeno 30x10.000 euro a serata...sai sono di Genova :), ma siamo tanti, con competenze specifiche (operai, csalinghe e pensionati compresi!). Quello che possiamo fare e' svegliare la gente, di modo che la prima volta che si trova un Prodi, Berlusconi, Fini, Casini... o Ricucci qualunqe davanti che parla, si volti e se e vada. Perche' quelli che stiamo sentendo sono i tipici discorsi da fare in re e due andarsene. E Le cose furbe che sento dai politici, le ho lette gorni prima sul tuo blog. Okkio, ci rubano le idee, per farne demagogia.

Alf

Alfonso Mantero 20.10.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe io ti ammiro per la voglia di combattere che non ti passa mai anzi speriamo che il signore te ne dia ancora tanta, comunque per tornare a quello che volevo dirti e che anche io volevo provare a candetarmi per le comunali di Anzio (RM), poi molti miei amici alla fine mi hanno fatto cambiare idea perchè sicuramente mi sarei ammalato per fare le cose giuste come quelle che mi sono state insegnate a me dall'educazione ricevuta.
Poi siccome io non sono uno che si fa mettere sotto facilmente, sicuramente avrebbero cercato di buttarmi addosso la loro sporcizia per screditarmi perchè questi politici sono fatti così, comunque siccome che questa politica fa schifo se tu decidessi di creare un partito io sarei pronto a farne parte, questo tipo di politica avrebbe propio bisogno di una bella sterzata e tu secondo me sei la persona giusta per dareglila, comunque sia tu sei un grande.
Ciao e buon lavoro a te e tutto il tuo staff.

Gagliardo Orlando 20.10.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Rinnovo anch'io questo commento appena letto.
Sono pienamente d'accordo con chi l'ha scritto.

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 365 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

E inoltre aggiungo: non và cambiata solo la politica, ma tutta la classe politica. Ho un amico ke ha fatto quella fine lì. E' entrato in politica: ha 23 anni. Nel giro di due mesi parlava nello stesso modo di tutti quelli ke ci sono già dentro da 5, 10, 20 anni. Per me è marcito in maniera terribilmente rapida. Non c'è altro da fare, la classe politica di adesso plagia tutti quelli nuovi ke magari vorrebbero entrarvi. Disgustoso. Bisognerebbe cambiare drasticamente.

Alessandro Toso 20.10.05 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Il problema risiede nel bisogno di delegare ad altri ed a tutti i costi quello che possiamo fare anche noi; non leggo altro che: "Beppe candidati!" "Beppe salvaci!" Ma quando riusciremo a prendere in mano il nostro destino senza dover a tutti i costi chiedere aiuto ad altri?
QUANTI SONO PRONTI AD ENTRARE IN SCIOPERO AD OLTRANZA SINO ALLE DIMESSIONI DEL GOVERNO?
Mi sembra gia' di sentire i commenti: "Ma questo e' matto e con cosa paghiamo le bollette???!!!!"
Il problema sta proprio tutto li' cosa e' prioritario, cioe' piu' importante. Nessuno e' pronto a "sacrificare" qualcosa per esercitare in modo democratico il proprio diritto di dissentire. Siamo tutti pronti a donare "X" euro per pubblicare elenchi e liste od a chiedere ad altri di difendere i nostri diritti, ma la disponibilita' ad investirci personalmente ed a sacrificarci dobbiamo ancora elaborarla anche solo come pensiero.
Ebbene caro Beppe, chiedevi delle proposte, ecco la mia: smettere ogni tipo di attivita' fino a quando l'attuale governo non si dimetta e si vada a nuove elezioni!
Utopia? Follia?
Poco mi importa io so solo che puo' essere realizzata e che rappresenta una prova inconfutabile di volonta'.
Il "sacrificio" per votare alle primarie non era legato al pagamento di 1 euro, ma al tempo di attesa per avere un ruolo attivo, attraverso il voto.
Se ad una cosa tieni veramente devi essere pronto ad investirti PERSONALMENTE in ogni iniziativa che ti aiuti ad ottenerla.
Non sono necessari la meta' piu' uno degli italiani, basterebbero 1 o 2 milioni di italiani
pronti ad investirsi veramente "per fare qualcosa" per paralizzare il paese e costringere il governo al solo atto responsabile degli ultimi 5 anni.
Una rivoluzione pacifica, Ghandiana; Berlusconi puo' obbligarci a fare molte cose, ma non puo' obbligarci a lavorare........(soprattutto per lui).
Attendo fischi ed insulti,........... ma anche qualche adesione.

Claudio Buzzoni 20.10.05 10:51| 
 |
Rispondi al commento

La speranza e' che questo governo sparisca.
Rimane un problema.
Cosa direte dopo ?

angiolino pistorio 20.10.05 10:17| 
 |
Rispondi al commento

DA BLOG A BLOB:

una redazione nel online nel senso che un moderatore, qualcuno come beppe filtri le inchieste e gli articoli e li posti. Magari un WIKIJOURNAL. Ci dobbiamo allargare! dobbiamo trattare più argomenti...ce ne sono così tanti!
è vero, bisogna essere una forza poilitica e questo è un modo di esserlo!

pietro tenuta 20.10.05 09:56| 
 |
Rispondi al commento

@Caludio 19.10.2005 18.00

per prima cosa un errore, non sono io quello che ha militato e non sono quindi sempre io quello che pensa che il fiscalista sia un buon economista. E' un cogl..ne. Quindi non ho 30 anni ma la tua stessa età circa, uno in più :), non sono per niente cattolico (è solo un informazione, non una presa di posizione) e non piace neanche a me il liberismo di Friedman (credo sia così) da un punto di vista ideologico. Insomma, c'è stato un commento in mezzo ai miei.
La verità è che la sua (di friedman) era un analisi economica di grande valore, da cui certamente egli stesso trae delle conclusioni politiche (ideologiche), ma che va analizzata per quello che è e non può essere estesa oltre i suoi confini senza sapere che si sta facendo una forzatura, si sta dando un opinione, lecita ma un opinione. Dico questo per spiegare che non mi piace questo richiamo alle ideologie perchè mi sembra una forma di massimalismo inutile, tipico tra l'altro anche della cultura di sinistra (che poi è sicuramente la mia parte politica). Si potrebbe in questo modo arrivare a dire che il fine giustifica i mezzi e altre boiate del genere. Si crea intolleranza in chi crede di avere ragione. La politica, sono convinto è un insieme di valori, un metodo. Il buon politico non è quello che ottiene i risultati (che poi in larga parte non dipendono da lui) ma quello che decide con buon senso, competenza, secondo un disegno coerente, in buona fede. Cerchiamo di avere quello che tra le altre cose manca a loro: buon senso e tolleranza!
Sono perfettamente d’accordo sul fatto che poi, in ultima analisi lo scopo della vita è ben altro che accumulare e curare il proprio orticello ma bisogna distinguere tra gli scopi della vita di una persona e la convivenza civile di una società.
Adesso faccio finta anche io di iniziare a lavorare
ciao

Rinnovo appello: Allarghiamo il blog e facciamolo diventare un centro online sì di discussione ma anche di analisi. Una redazione, inchieste!!!!

pietro tenuta 20.10.05 09:50| 
 |
Rispondi al commento

l'unica soluzione possibile e divenire forza politica. Il polo si fa le leggi su misura, ab personam, quelli dell'ulivo governavano senza essere eletti da nessuno (D'alema 1-2- bis ecc.).Non so più chi votare sono tutti uguali, fanno solo i propri interessi. La gente ti segue, ha fiducia in te, sei fra i pochi che fa vera informazione. Fonda un partito politico, e rappresentaci. Hanno eletto Schwarzenegger goverantore, perchè no dovresti riuscire anche te?
Carlo Pucci

carlo pucci 20.10.05 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 365 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

Alessandro Serra 20.10.05 09:00| 
 |
Rispondi al commento

LAUREA AD HONOREM PER TRONCHETTI PROVERA

Mercoledì, 19 Ottobre 2005 17:37:21
MILANO – A Marco Tronchetti Provera è stata conferita la laurea honoris causa in Relazioni Pubbliche dall’Università IULM di Milano. La cerimonia, alla presenza anche dei figli di Tronchetti Provera e di Massimo Moratti, si è tenuta nell’Aula Magna dell’ateneo milanese, gremito dagli studenti. “Il riconoscimento – si spiega nella motivazione letta durante la cerimonia – delle qualità manageriali ed imprenditoriali costantemente dimostrate in rami di attività diversi ma orientati ad una significativa affermazione del nostro Paese in uno scenario internazionale, come quello della telecomunicazione e della comunicazione di impresa, sempre più globale e competitivo“.

Dopo il discorso di apertura, tenuto dal Magnifico Rettore della Libera Università di Lingue e Comunicazione, Giovanni Puglisi, e la consegna del diploma, è stata la volta di Tronchetti Provera che ha tenuto la sua lectio doctoralis. “Voglio dare la mia testimonianza di vita vissuta – ha affermato– comunicare è un atto semplice e di un’importanza straordinaria “. Tronchetti racconta: “Vengo da una famiglia borghese, l’insegnamento che ho ricevuto è che i fatti contano e comunicano più delle parole”.

Eppure, ha continuato, negli anni è emersa “la centralità della comunicazione” che è diventata sempre più per le imprese“uno strumento, un’opportunità”. Tronchetti ha ripercorso il meccanismo della comunicazione che ha modificato il panorama imprenditoriale, e non solo, degli ultimi anni. Anche nella Pirelli, ha continuato il manager, “quindici anni fa non si sentiva il bisogno di comunicare “, si intessevano poche relazioni con i media. All’epoca, ha spiegato, gli imprenditori si chiedevano a che cosa servisse comunicare. Oggi, ha continuato, si è capito che “per contrastare la diffidenza del grande pubblico nei confronti dell’impresa”.
(Adnkronos).

GIANNI PISTOLESI 20.10.05 08:55| 
 |
Rispondi al commento

beppe , fai uno sforzo !!
devi candidarti in politica
ci serve uno come te a dare una svolta
a questo sistema infame
ciao roberto

roberto bogon 20.10.05 06:50| 
 |
Rispondi al commento

da quando hai inserito questo articolo sul tuo blog ho pensato e ripensato a come fermare questa truffa ,tuttavia non sono riuscito a trovare qualcosa che riuscisse a fermare questa ennesima presa per il culo, infatti anchio come altra gente che ha commentato l' articolo ho pensato a inviare al Presidente ciampi centinaia di e-mail per rinviare per chiedere il rinvio alle camere ma tuttavia anche se il Presidente accogliesse la nostra richiesta cio' non vieterebbe alle camere di riapprovare nuovamente la legge stessa ( a meno che qalche parlamentare della maggioranza nel frattempo non rinsavisca e decida la seconda volta di votare no ).Tuttavia per rimediare al disastro che stanno per compiere l' anno prossimo quando la sinistra vincera' le elezioni,perche le vincera' comunque , potremmo indire un referendum cjhiedendo l' abbrogazione di questa legge e dopo l' abbrogazione potremmo inviare e-mail ai capo partiti di sinistra sollecitandolo a rimettere in vigore l'attuale sistema elettorale scelta da noi chiedendogli inoltre di approvare, con legge costituzionale, un progetto di legge che preveda una maggioranza speciale per cambiare in futuro il sistema elettorale in italia ( io sarei orientato piu per una maggioranza di 3/5 invece della classica maggiranza speciale da 2/3 in modo tale da evitare una eccessiva staticita del sistema politico italiano )

Andrea oilo 20.10.05 03:19| 
 |
Rispondi al commento

CIAO A TUTTI, E'LA PRIMA VOLTA CHE SCRIVO QUI E CHE ENTRO QUI DENTRO. HO 26 ANNI SONO MUSICISTA E IN VERITA' POCO CONOSCO DI POLITICA MA VEDENDO STASERA AL CINEMA "VIVA ZAPATERO" MI SONO FATTO DELLE DOMANDE NON CHE NON FOSSI GIA' INFORMATO SULL'ANDAMENTO DEL GOVERNO ITALIANO E DI VARIE SEMIOSCURE MAGAGNE MA IL DOCUMENTARIO BEN REALIZZATO E DIVERTENTE (CONSIGLIO L'ASSOLUTA VISIONE) SUSCITA OVVIAMENTE DOMANDE E PONE TANTA CHIAREZZA SU ALCUNI FATTI QUANTO POLVERE SU ALTRI.IN POCHE PAROLE LA MIA DOMANDA, FORSE MILLE VOLTE POSTA ( NON SONO MOLTO INFORMATO MA MI PERDONERETE VISTO CHE L'ACCESSO E' LIBERO E CHE DI LIBERTA' DI OPINIONE E DI INFORMAZIONE STIAMO PARLANDO)E FORSE INUTILE, E' QUESTA: NON SO ,O MEGLIO, NON SO PIU'COSA SIA DESTRA O COSA SIA SINISTRA E FORSE NON MI INTERESSA NEMMENO PIU'TANTO, VISTO E CONSIDERATO CHE PARE NON LO SAPPIA NEMMENO QUELLA SMISURATA QUANTITA'DI PERSONE CHE DOVREBBERO FARLA! MA MI CHIEDO COME SIA STATO POSSIBILE NON TANTO RITROVARSI IN UNA CONDIZIONE GOVERNATIVA DISASTROSA:UN VOTO SI PUO' DARE E PUO' RIVELARSI UN ERRORE E OK MA PIU'CHE ALTRO, DOV'E' E DOV'E' STATA QUELL'OPPOSIZIONE FORTE E CONVINTA CHE DOVREBBE CREDO AVERE OGNI DEMOCRAZIA CHE SI RISPETTI DOVE SONO QUEI SOGGETTI POLITICI CHE CONTRASTANO UN PENSIERO PROPONENDONE UNO DIVERSO CONCRETO, COMPRENSIBILE PER QUALSIASI CITTADINO , COME SI PUO' SCEGLIERE IN UN PAESE NEL QUALE LE OPZIONI SONO:"PEGGIO O MENO PEGGIO" E VI RIPETO A PRESCINDERE DA QUELLE GIA' TRATTATE MONOPOLIZZAZIONI ANTICOSTITUZIONALI DELL'INFORMAZIONE E TUTTE QUELLE ALTRE COSE CHE NON SO SPIEGARE E CHE NON POTREI IN QUESTO SPAZIO, DEL RESTO CREDO SIANO LA CONSEGUENZA DI UN POTERE CHE HA PRESO SEMPRE PIU' CAMPO E CHE POI SI E' FATTO GLI AFFARI SUOI. MA PRIMA E DURANTE?? PERCHE'LA SOTTOMISSIONE E IL SILENZIO DI CHI PER LAVORO DOVREBBE FAR RUMORE, FARSI SENTIRE? MILLE SONO LE COSE CHE VORREI DIRE SPERO ALMENO CHE IL MIO COMMENTO SIA COMPRENSIBILE E VI RINGRAZIO PER L'OPPORTUNITA' BUONA GIORNATA A TUTTI. RICCARDO.

Riccardo Ancillotti 20.10.05 01:53| 
 |
Rispondi al commento

+
+
+
+
+
ORMAI NON CREDO CHE SI POSSA FARE NULLA PER IMPEDIRE CHE LA RIFORMA (SI! ANCORA RIFORME...) ELETTORALE DIVENTI LEGGE DELLO STATO. IL GOVERNO HA I NUMERI E NESSUNO DEI SERVI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO HA INTENZIONE DI "TRADIRE".
SPERIAMO CHE QUESTA E TUTTE LE ALTRE MERAVIGLIOSE RIFORME (SCUOLA, LAVORO, GIUSTIZIA, COSTITUZIONE,FEDERALISMO, PENSIONI, ECC..) FATTE DA COSì ILLUSTRI E COMPETENTI MINISTRI, TUTTI DOTATI DI ALTO SENSO DELLO STATO (ANCHE SE ALCUNI DELLO STATO PADANO), SIANO IMMEDIATAMENTE CANCELLATE NELLA PROSSIMA LEGISLATURA.
*
*
*
*
COMUNQUE SECONDO ME IL PRINCIPALE PROBLEMA POLITICO ITALIANO è DATO DAL FATTO CHE L'OPINIONE PUBBLICA SEGUE LO SLOGAN E IL TORMENTONE. ES: "CON QUESTA LEGGE ELETTORALE CHI PRENDE PIù VOTI GOVERNA...", MA Cè UN TORMENTONE PRECISO PER OGNI PROBLEMA POLITICO...
LA COSA PIù INQUIETANTE è LA PRECISIONE METODICA CON CUI TUTTI, DICO TUTTI, I POLITICI DELLA CDL RIPETONO LO STESSO TORMENTONE SU TUTTI I MASS MEDIA, SOPRATTUTTO LA TV. SEMBRANO DEI ROBOT. HO UN Pò PAURA, SOPRATTUTTO QUANDO SCHIFANI ESORDISCE CON "TUTTI GLI ITALIANI...".. è Lì CHE VORREI DAVVERO CAMBIARE CITTADINANZA..
+
+
+
+
PER CONCLUDERE UNA NUOVA POLITICA PUò ESSERE FATTA SOLO CON UN NUOVO USO DEI MASS MEDIA.
QUINDI, BEPPE, TURATI IL NASO E VAI IN TV: DA CELENTANO O DOVE VUOI... SE NON SI INIZIA A SENTIRE L'ALTRA CAMPANA LE COSE NON CAMBIERANNO MAI. IL SUCCESSO, IL PUBBLICO TI DARANNO RAGIONE.
L'OBIETTIVO: UNA NUOVA TV, UNA NUOVA INFORMAZIONE LIBERA E TRASPARENTE.

vittorio pondrelli 20.10.05 01:44| 
 |
Rispondi al commento

>>>>

Non sono molto daccordo sulla "fantasia" per motivi semplici. O passiamo all'anarchia totale o certa gente la si combatte in soli due modi:
1- "bombardare" il Parlamento e Ciampi di lettere di viva protesta. Un presidente della Repubblica rappresenta i cittadini... a loro Dovrebbe far eco. (se non è un arraffone pure lui)
2- giocare ad armi pari. (che storia ha avuto la Lega Nord...e Forza Italia???) Quindi vedo mooooooolto bene un partito antagonista. Anzi dico di più. Io sto preparando una pagina web per poter votare Beppe Grillo come leader, un modo per contarci e per fargli capire che non scherziamo. Dico anche che potrebbe essere buona cosa incamerare il consenso/appoggio delle ditte automobilistiche (in primis quelle tedesche) per puntare all'igrogeno (inizio 2005 si sono incontrate in segreto per fare il punto...quanto e quando "svoltare") coem incamerare il consenso /appoggio delle ditte prodruttrici di pannelli Fotovoltaici facendogli capire che, se al potere, si punterà al massimo sui loro prodotti...e saluti il petrolio. Bisogna spaccare il "cordone ombelicale" con i petrolieri. Quindi ripeto: io auspico al partito. Come auspico una risposta del Sig. Beppe Grillo
Saluti
Davide

Davide Bertoli 20.10.05 00:59| 
 |
Rispondi al commento

RAGAZZI E' INCREDIBILE ......HANNO REGALATO UNA LAUREA AL TRONCHETTO DELL'INFELICITA'........NON HO PAROLE.....

marco meneghini 19.10.05 23:02| 
 |
Rispondi al commento

dear Bebbe
ci vorrebbe solo che la gente facesse come ghandi
rivoluzione pacifica,contro questo sistema
be ciao

del prato emilio 19.10.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo signor Grillo
non siamo noi che possiamo aiutare lei, ma il contrario. Scenda in campo, rompa qualche lancia contro i mulini a vento...per poco, giusto un paio di legislature, prima di cominciare ad essere digerito dal Palazzo.
Grazie comunque...

alberto casale 19.10.05 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzo, sei mai andato a vedere una seduta in parlamento? Si?
Sei proprio sicuro che ci sia una differenza tra destra e sinistra? Sei sicuro che ci sia una differenza tra quello che dicono e quello che fanno gli uni e gli altri? Io sono sicuro di una cosa: tutti a casa e di corsa! Scusa, ma sei diventato fazioso anche tu!

aurelio carolo 19.10.05 22:11| 
 |
Rispondi al commento

ONOREVOLI DIPENDENTI FEDIFRAGHI

Una maggioranza di parlamentari, che non è più tale nel Paese, cancella unilateralmente una legge voluta dalla maggioranza dei cittadini con un referendum. Questo è il senso della democrazia che ha il nostro Presidente del consiglio. Nei suoi discorsi le parole che più spesso ricorrono sono libertà e democrazia.
E l'opposizione? LATITANTE.

gianfranco maruccio 19.10.05 19:52| 
 |
Rispondi al commento

mandiamo a casa tutta la classe politica, chi veramente si interessa dei problemi dei cittadini-consumatori? spegniamo la televisione per un giorno programmato e vediamo cosa succede, poi un altro giorno, lanciamo dei segnali, fino a non andare a votare, del resto questa classe politica, nostri dipendenti, fanno veramente quello per cui li paghiamo? l'italia, la nostra italia ha bisogno di braccia per lavorare i campi, mandiamoli a zappare sotto la guida di qualche vecchio contadino affinchè non facciano danni anche li

stefano salamone 19.10.05 19:20| 
 |
Rispondi al commento

oltre alle varie società ho sentito dire che senza alcun bando di gara mediaset si è aggiudicata la gestione risparmio di poste italiane quindi se così fosse lo sportello bancario più numeroso in italia tramite tutti gli uffici postali, è vero? chi ne sa di più per favore risponda.

stefano salamone 19.10.05 19:09| 
 |
Rispondi al commento

MANDIAMOLI ALL'ISOLA DEI FAMOSI COSI NON SCASSANO PIU I COGLIONI A NESSUNO

stefano melis 19.10.05 19:03| 
 |
Rispondi al commento

Proposte: la nuova legge viola il principio di voto eguale (2)


Anche in Germania, dove c'e' il proporzionale con sbarramento, non c'e' il premio di maggioranza, perche' e' antidemocratico: li' il popolo ha deciso che i due partiti maggiori siano quasi pari, beh si DEVONO mettere d'accordo e rispettare il suffragio universale.

Inoltre la distinzione nello sbarramento non fa altro che avvantaggiare ulteriormente i grossi partiti e penalizzare il principio di uguaglianza degli elettori.

E' inammissibile che si modifichi una legge elettorale ottenuta con referendum con una legge che TOGLIE diritti agli elettori.

Proposta: appellarsi ancora al Presidente della Repubblica affinche' faccia rispettare l'art.48 della costituzione ed elimini sicuramente il premio di maggioranza e quantomeno uniformi lo sbarramento, a mio avviso al 2%.

Per concludere: se eliminiamo chi non va a votare, tutti i voti ai partiti minori e regaliamo seggi alla coalizione maggioritaria (o al partito di maggioranza) finisce che con un 20-25% dei suffragi si ha una maggioranza parlamentare blindata, alla faccia della democrazia, del proporzionale e, ancora una volta, della costituzione.
Giova ricordare che il Partito Fascista ha governato in Italia col 20% dei suffragi.

roberto ziliotti 19.10.05 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Proposte: la nuova legge viola il principio di voto eguale (1)

Secondo la Costituzione il Parlamento (Camera e Senato) sono eletti a Suffragio Universale (art.55 e seguenti), ma soprattutto "Sono elettori tutti i cittadini...Il voto e' personale ed EGUALE ... (art. 48)

La nuova legge, fatta da politicanti che dei diritti dei cittadini a quanto pare non si curano molto, a mio avviso, viola il principio che ogni voto e' eguale.

Perche':
a quel che ho capito la nuova legge elettorale e' proporzionale, ma con sbarramento al 2% o al 4% a seconda che i partiti siano o meno dentro delle coalizioni e con "premio di maggioranza".

La cosa piu' grave e' il premio di maggioranza, che assegna dei seggi "in regalo" a chi ha la maggioranza relativa. Questo significa far pesare meno il voto di chi ha votato per chi non meriterebbe il premio di maggioranza. E' una questione facilmente dimostrabile in modo matematico e che dimostra che viene violato il principio di uguaglianza del voto in termini di rappresentativita' parlamentare.

Anche lo sbarramento viola il principio di voto eguale perche' elimina tutti quei voti dati a partiti minori. Da un punto di vista politico non rispetta le "minoranze politiche": in un paese multiculturale come e' diventata l'Italia rispettare le minoranze linguistiche ma non le minoranze politiche e' una grave mancanza da un punto di vista democratico. Democrazia infatti non e' dove la "maggioranza vince e quindi elimina le minoranze", ma un luogo in cui le minoranze hanno diritto a dire la loro. A maggior ragione il parlamento deve rispecchiare il piu' possibile il paese. Eliminando tutti i partiti che non gravitano attorno ai soliti grandi partiti significa privare del diritto di essere rappresentati anche chi non riesce a raggiungere il 4%.

continua

roberto ziliotti 19.10.05 18:15| 
 |
Rispondi al commento

@Caludio 19.10.2005 18.00

per prima cosa errore, non sono io quello che ha militato e non sono quindi sempre io quello che pensa che il fiscalista sia un buon economista. E' un cogl.one. Quindi non ho 30 anni ma la tua stessa età circa :), non sono per niente cattolico (è solo un informazione, non una presa di posizione) e non piace neanche a me il liberismo di Friedman (credo sia così) da un punto di vista ideologico. C'è stato un commento in mezzo ai miei.
La verità è che la sua (di friedman) era un analisi economica di grande valore, da cui certamente egli stesso trae delle conclusioni politiche (ideologiche), ma che va analizzata per quello che è e non può essere estesa oltre i suoi confini senza sapere che si sta facendo una forzatura. Dico questo per spiegare che non mi piace questo richiamo alle ideologie perchè mi sembra una forma di massimalismo inutile, tipico tra l'altro anche della cultura di sinistra (che poi è sicuramente la mia parte politica). Bisogna distinguere tra gli scopi della vita di una persona e la convivenza civile di una società. Spero di poterne parlare ancora, adesso anche io devo scappare...ciao

pietro tenuta 19.10.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

@Caludio 19.10.2005 18.00

per prima cosa errore, non sono io quello che ha militato e non sono quindi sempre io quello che pensa che il fiscalista sia un buon economista. E' un cogl.one. Quindi non ho 30 anni ma la tua stessa età circa :), non sono per niente cattolico (è solo un informazione, non una presa di posizione) e non piace neanche a me il liberismo di Friedman (credo sia così) da un punto di vista ideologico. C'è stato un commento in mezzo ai miei.
La verità è che la sua (di friedman) era un analisi economica di grande valore, da cui certamente egli stesso trae delle conclusioni politiche (ideologiche), ma che va analizzata per quello che è e non può essere estesa oltre i suoi confini senza sapere che si sta facendo una forzatura. Dico questo per spiegare che non mi piace questo richiamo alle ideologie perchè mi sembra una forma di massimalismo inutile, tipico tra l'altro anche della cultura di sinistra (che poi è sicuramente la mia parte politica). Bisogna distinguere tra gli scopi della vita di una persona e la convivenza civile di una società. Spero di poterne parlare ancora, adesso anche io devo scappare...ciao

pietro tenuta 19.10.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Proposte: la nuova legge viola il principio di voto eguale (1)

Secondo la Costituzione il Parlamento (Camera e Senato) sono eletti a Suffragio Universale (art.55 e seguenti), ma soprattutto "Sono elettori tutti i cittadini...Il voto e' personale ed EGUALE ... (art. 48)

La nuova legge, fatta da politicanti che dei diritti dei cittadini a quanto pare non si curano molto, a mio avviso, viola il principio che ogni voto e' eguale.

Perche':
a quel che ho capito la nuova legge elettorale e' proporzionale, ma con sbarramento al 2% o al 4% a seconda che i partiti siano o meno dentro delle coalizioni e con "premio di maggioranza".

La cosa piu' grave e' il premio di maggioranza, che assegna dei seggi "in regalo" a chi ha la maggioranza relativa. Questo significa far pesare meno il voto di chi ha votato per chi non meriterebbe il premio di maggioranza. E' una questione facilmente dimostrabile in modo matematico e che dimostra che viene violato il principio di uguaglianza del voto in termini di rappresentativita' parlamentare.

Anche lo sbarramento viola il principio di voto eguale perche' elimina tutti quei voti dati a partiti minori. Da un punto di vista politico non rispetta le "minoranze politiche": in un paese multiculturale come e' diventata l'Italia rispettare le minoranze linguistiche ma non le minoranze politiche e' una grave mancanza da un punto di vista democratico. Democrazia infatti non e' dove la "maggioranza vince e quindi elimina le minoranze", ma un luogo in cui le minoranze hanno diritto a dire la loro. A maggior ragione il parlamento deve rispecchiare il piu' possibile il paese. Eliminando tutti i partiti che non gravitano attorno ai soliti grandi partiti significa privare del diritto di essere rappresentati anche chi non riesce a raggiungere il 4%.

continua

roberto ziliotti 19.10.05 18:07| 
 |
Rispondi al commento

@Caludio 19.10.2005 18.00

per prima cosa errore, non sono io quello che ha militato e non sono quindi sempre io quello che pensa che il fiscalista sia un buon economista. E' un cogl.one. Quindi non ho 30 anni ma la tua stessa età circa :), non sono per niente cattolico (è solo un informazione, non una presa di posizione) e non piace neanche a me il liberismo di Friedman (credo sia così) da un punto di vista ideologico. C'è stato un commento in mezzo ai miei.
La verità è che la sua (di friedman) era un analisi economica di grande valore, da cui certamente egli stesso trae delle conclusioni politiche (ideologiche), ma che va analizzata per quello che è e non può essere estesa oltre i suoi confini senza sapere che si sta facendo una forzatura. Dico questo per spiegare che non mi piace questo richiamo alle ideologie perchè mi sembra una forma di massimalismo inutile, tipico tra l'altro anche della cultura di sinistra (che poi è sicuramente la mia parte politica). Bisogna distinguere tra gli scopi della vita di una persona e la convivenza civile di una società. Spero di poterne parlare ancora, adesso anche io devo scappare...ciao

pietro tenuta 19.10.05 18:07| 
 |
Rispondi al commento

@Caludio 19.10.2005 18.00

per prima cosa errore, non sono io quello che ha militato e non sono quindi sempre io quello che pensa che il fiscalista sia un buon economista. E' un cogl.one. Quindi non ho 30 anni ma la tua stessa età circa :), non sono per niente cattolico (è solo un informazione, non una presa di posizione) e non piace neanche a me il liberismo di Friedman (credo sia così) da un punto di vista ideologico. C'è stato un commento in mezzo ai miei.
La verità è che la sua (di friedman) era un analisi economica di grande valore, da cui certamente egli stesso trae delle conclusioni politiche (ideologiche), ma che va analizzata per quello che è e non può essere estesa oltre i suoi confini senza sapere che si sta facendo una forzatura. Dico questo per spiegare che non mi piace questo richiamo alle ideologie perchè mi sembra una forma di massimalismo inutile, tipico tra l'altro anche della cultura di sinistra (che poi è sicuramente la mia parte politica). Bisogna distinguere tra gli scopi della vita di una persona e la convivenza civile di una società. Spero di poterne parlare ancora, adesso anche io devo scappare...ciao

pietro tenuta 19.10.05 18:07| 
 |
Rispondi al commento

@Caludio 19.10.2005 18.00

per prima cosa errore, non sono io quello che ha militato e non sono quindi sempre io quello che pensa che il fiscalista sia un buon economista. E' un cogl.one. Quindi non ho 30 anni ma la tua stessa età circa :), non sono per niente cattolico (è solo un informazione, non una presa di posizione) e non piace neanche a me il liberismo di Friedman (credo sia così) da un punto di vista ideologico. C'è stato un commento in mezzo ai miei.
La verità è che la sua (di friedman) era un analisi economica di grande valore, da cui certamente egli stesso trae delle conclusioni politiche (ideologiche), ma che va analizzata per quello che è e non può essere estesa oltre i suoi confini senza sapere che si sta facendo una forzatura. Dico questo per spiegare che non mi piace questo richiamo alle ideologie perchè mi sembra una forma di massimalismo inutile, tipico tra l'altro anche della cultura di sinistra (che poi è sicuramente la mia parte politica). Bisogna distinguere tra gli scopi della vita di una persona e la convivenza civile di una società. Spero di poterne parlare ancora, adesso anche io devo scappare...ciao

pietro tenuta 19.10.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
sono rappresentante sindacale del SULT e ti scrivo per raccontarti quanto accaduto alla nostra azienda, CIT VIAGGI (cui fanno capo Italiatour spa e CIT, aziende cedute da ferrovie dello stato ed alitalia con operazioni poco chiare e che non hanno portato a nessun introito ne per Alitalia ne per FS ), che è subentrata a maggio 2003, che ha già licenziato 110 impiegati e che non paga gli stipendi da nove mesi. Dopo aver paralizzato tutte le attività, la CIT SPA stà chiedendo l'intervento del governo ed un sovvenzionamento che vale circa 500 milioni di euro tra erogazioni da parte del CIPE e contratti di programma. Il governo si è ''impegnato'' da oltre un anno affinchè siano stanziati i fondi , ma nonostante dica di averli approvati questi non vengono erogati. Si sta forse aspettando che i molti decreti fallimentari sanciscano la morte naturale del gruppo cit e di 1.200 famiglie per poi dichiarare che si era pronti a salvarlo ma non si è arrivati in tempo ? Dietro questa vicenda, si nascondono manovre oscure e, nonostante un anno di lotte, di interrogazioni parlamentari e scioperi non siamo riusciti a portare alla luce del sole il nostro caso. Abbiamo capito che di questa vicenda non si deve parlare perchè evidentemente dietro ci sono interessi molto grossi. Tu puoi aiutarci a farla emergere ?
Grazie

Riccardo Moretti 19.10.05 18:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PROPOSTA

Secondo me dobbiamo andare all'attacco a 360 gradi. Gli "attacchi" dovrebbero essere MOLTO mirati. Semplici e geniali, se possibile. Ancora una volta acquistando spazi pubblicitari. Ma su spazi DIVERSI da quelli identificati fino ad ora e con OBIETTIVO diverso. Dovremmo andare sui quotidiani che legge la "massa" male informata che influisce pesantemente sul voto. Quotidiani o riviste lette da chi *acquista* il prodotto, NON da chi lo *vende*. Iniziamo dalle riviste mondane, Novella Duemila, Max, Capital, GQ... Lasciamo perdere IlSole24Ore o anche la Repubblica, quest'ultimo un giornale sul quale faremmo propaganda praticamente a noi stessi (questo non e` vero, ma spero si capisca il concetto che voglio esporre).

Insomma, secondo me dobbiamo attaccare a 360? sputtanando chi finanzia i parlamentari. IMHO, SEMPRE MIRANDO ALL'ELETTORATO, QUELLO STESSO TARGET su cui puntera` tutto il portatore nano di democrazia.

MI sembra di aver capito che le campagne elettorali di Berlusconi mirino sempre alle classi operaie e alla media borghesia. La classe "operaia" e` corposa. Non tutti sono sindacalisti, anzi nelle fabbriche e` pieno zeppo di Berluscones e "fascistoni". Bene: miriamo a loro. Cosa leggono? La Gazzetta Dello Sport! ecco dove comprare lo spazio pubblicitario! Anche il messaggio dovrebbe essere "mirato", NON TROPPO POLITICO (certe convinzioni politiche sono difficili da "estirpare"): sputtaniamo i dipendenti conquistandoci la fiducia del loro elettorato.

Che "messaggio" dare ? Attaccando prodotti o servizi su cui quell'elettorato puo` far subito mente locale. Prodotti o servizi che fornisce chi finanzia in "nero" i nostri dipendenti. Banche, telefonìa, alimentazione, sanita`, mezzi di trasporto e viabilita`, intrattenimento. Indicando a chiare lettere il collegamento imprenditore-parlamentare/partito.

Screditiamoli agli occhi dei loro clienti. Miriamo all'elettorato forte, studiamoci dei Target mediatici apposta per loro, come fanno i pubblicitari.

Ciao

Simone Gabbiani 19.10.05 17:09| 
 |
Rispondi al commento

@Pietro Tenuta il 19.10.05 16:07

Ciao!
Innanzitutto grazie per la tua intensa e garbata replica al mio post:è merce sempre+preziosa!
Politicamente la mia storia sembra similare alla tua,ma sono un pò+giovane(27 :)!Dopo aver anch'io militato,nel 2000 mi sono avvicinato al cattolicesimo e ponendomi innanzi ad esso con spirito critico ed esistenziale,ne è pervenuta una sana e corroborante apartiticità.Come giustamente osservi,la democrazia abbandonata a se stessa è solo il terreno più fertile x le oligarchie:pur essendo preferibile ad altre forme di Stato,è infatti importante ricordare che non è la forma della bottiglia a far buono il vino..ed ecco che si innesta il mio discorso che è scevro,ti prego di fidarti,da ogni intento proselitistico.Come giustamente dici,non può essere condannato chi fa i conti col quotidiano x sopravvivere:+semplicemente,invece,è la mera sopravvivenza ad essere insufficiente per il benessere e la realizzazione.
Ben-ESSERE e bene-AVERE:ecco la questione.

Credo sia fondamentale ed inevitabile,l'ideologia.Anche il neoliberismo di Milton Freadman(non ricordo+se si scrive così)è ideologico(e da me ampiamente avversato):addirittura "religioso",per certi versi!Sta di fatto che soltanto un pensiero forte ideologico,religioso,filosofico è a parer mio capace di superare l'ottica dell'orticello:
realizzazione come "missione" e non più come "sicurezza(effimera)delle cose".E di realizzarci abbiamo bisogno perchè si muore,anche se i media fanno di tutto per non pensarci;non sarà il nostro docciaschiuma che idrata la pelle ad impedirlo!Nessuna condanna per chi si arrabatta nel tentativo di restare a galla,perciò:solo un forte richiamo alla riscoperta delle cose ed alla presa di consapevolezza che solo una vita letta come "missione"può superare un legittimo,ma forse oggi travisato istinto di conservazione.Scusa la brevità,ma lavoro.Saluti!

http://www.kelebekler.com/occ/fallaci.htm

http://it.geocities.com/socialismoeliberazione/prevedxsx.html

Claudio Girometti 19.10.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Per Davide Catalano il 19.10.05

*********original message*********
...GLIELO COMUNICHI TU A 20-30 MILIONI DI PERSONE, DI NON SEGUIRE + I PROGRAMMI DELLE RETI MEDIASET?INNANZITUTTO DOBBIAMO ESSERE CONSCI Sì DI ESSERE IN MOLTI AD APPOGGIARE SIMILI IDEE, MA PURTROPPO ALL'INTERNO DI QUESTO BLOG NON RAPPRESENTIAMO LA MAGGIORANZA DEL POPOLO, O MEGLIO, NON POSSIAMO SAPERE COSA PASSA NELLA TESTA DI OGNUNO...
QUINDI, L'IDEA TUA è APPREZZABILE, MA NON FATTIBILE, ANCHE PERCHè TI RICORDO CHE PURE LA RAI ORMAI è DI PARTE...
*************************************

E' PER QUESTO CHE L'HO SCRITTO QUI QUESTO POST!!!
SONO SICURO CHE NON GUARDARE PIU' LE RETI MEDIASET E' L'UNICO MODO PER FERMARE QUESTO "DITTATORE" CHE A COLPI DI LEGGI STA DISTRUGGENDO LA NS. DEMOCRAZIA!!!
E L TEMPO STRINGE!!!!!

PERO' CHIEDO A BEPPE DI ***COORDINARCI***
SOLO SE LO ORGANIZZA LUI QUESTO SCIOPERO FUNIONERA'
NON C'E' ALTRA MODO PER STOPARE QUESTO GOVERNO! PER DARGLI UN CHIARO SEGNALE! CIOE'... TOCCARE L'UNICA COSA A CUI VERAMENTE AL NOSTRO PREMIER PREME: I SUOI INTERESSI!! CIOE' LE RETI TELEVISIVE!
TANTO DICE CHE NON C'E' NESSUN CONFLITTO DI INTERESSI.... LO VEDREMO!!!!!!!!!!!!!!

BEPPE ORGANIZZACI QUESTO SCIOPERO:
-PUOI ANDARE DA CELENTANO
-PIOI ACQUISTARE LA PAGINA DI UN GIORNALE CON I FONDI RACCOLTI PER IL PARLAMENTO PULITO (che ha scadenze sucessiva a questa emergenza!!! Stanno per promuovere leggi PAZZE!!! come la salvapreviti!!!)
-POSSIAMO MADARE E-MAIL A TUTTI QUELLI CHE CONOSCIAMO!
- PSSIAMO MADARE SMS... VOLANTINI....

SE SIAMO 100.000 IN QUESTO SITO...
OGNIUNO DI NOI... MANDA UN SMS /EMAIL A 10 PERSONE...
FACCIAMO SUBITO A DIFFONDERE LA VOCE!!!!!


RAGAZZI.... IN QUESTI SEI MESI..... FARANNO COSE TREMENDE!!!!!!!!!!
DOBBIAMO FERMARLI!!!!
BASTA FANTASTICARE SU... CIAMPI, MANIFESTAZIONI, PARTITI DEL FUTURO...
MENTRE FANTASTICHIAMO QUESTI.. CI FOTTONO!!!!!!!
E SI ARRICCHISCONO.... E NOI CI IMPOVERIAMO!!!
FERMIAMOLI!!!


FABIO GASPARETTI 19.10.05 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo penso che adattarsi al mondo è una virtù e non un difetto, e quindi la gente vera e onesta, con una famiglia e che non voglia rischiare la sua incolumità o come minimo il suo lavoro, alla meglio si disillude (è prende a mito quel ciccione di ferrara) e alla peggio fa finta di credere a quello che la televisione e i mezzi di informazione gli fanno credere, per quieto vivere.
La soluzione è solo quella di informare e cercare di mettersi insieme creando comunità (anche virtuali) con delle regole di convivenza, e soprattutto con dei principi comuni. Queste comunità devono diventare abbastanza grandi per avere un valore politico, influire! Per questo continuo a dire allarghiamo il blog, facciamo in modo che tutti possano postare, facciamo una redazione, diventiamo una comunità di informazione online. Diventiamo giganti!!!!!!

pietro tenuta 19.10.05 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Inizio col dire che mi definisco "apartitico". Ho 32 anni, e ho militato da ventenne in un partito. La mia scelta deriva dal fatto che non ci sono attualmente politici che si possano definire tali e che portino avanti idee con coerenza e decisione. Si parla di manovra finanziaria, di riforma elettorale, ma pochi sanno di cosa si tratta realmente. Io una proposta l'avrei per questi due temi. In italia tra deputati e senatori sono oltre 900 (630+315) persone ben stipendiate. Se includiamo i portaborse, i segretari, le guardie del corpo e tutte le infinite spese ad essi legate penso che la cifra spesa ogni anno sia esorbitante. Ometto considerazioni polimiche circa la "salvaguardia della democrazia", i senatori "a vita" e le "presenze" in aula. Credo che un numero di 450/500 persone sia sufficiente per rappresentare il popolo italiano. Il primo ed immediato vantaggio riguarda la finanziaria che vedrebbe un taglio spese INCREDIBILE anche per lo stesso Tremonti (che ritengo un buon economista).
Vorrei che Grillo trattasse anche questo argomento. Argomento facilmente riconducibile ai continui aumenti di stipendio dei parlamentari, a cui nessuno rinuncia. Qualcuno si astiene dalla votazione, ma nessuno rinuncia. Non credo che oggi esista veramente una destra e una sinistra come all'epoca del pentapartito. Secondo la mia opinione Berlusconi, da buon imprenditore, ha creato l'azienda "Forza Italia" che ha acquistato quote di AN e Lega Nord per avviarsi alla fusione in un unica grande impresa. Mi chiedo quale sarà il futuro e cosa produce questa holding.

Alberto Todeschini 19.10.05 16:06| 
 |
Rispondi al commento

Altrimenti, ci si adatta o si subisce. Io preferisco chi fantozzianamente subisce ma non si spezza ma non mi sento sempre di biasimare chi si adatta, almeno chi lo fa per necessità e sopravvivenza. Secondo me la disillusione è conseguenza di due fattori principali: l’ipocrita “neoliberismo sociale” e il “realismo politico” (per intenderci la real politk, quella di giuliano ferrara, quella di chi pensa di essere più intelligente degli altri solo perché è disilluso). Quello che vanno predicando i "neoliberisti (darwinisti) sociali" (che purtroppo non ha nulla a che fare con gli economisti neoliberisti) è che la democrazia basta a se stessa nel tentativo di creare un ordine sociale. Questo è stato dimostrato (e dico dimostrato) falso dai teoremi di illustri economisti premi nobel, come Kenneth Arrow e Amartya Sen. La democrazia lasciata a se stessa non rispetterà mai tutti i principi di libertà delle persone (anche in una ipotetica situazione ideale e di perfetta informazione) e porta sostanzialmente, nella migliore delle ipotesi, a una dittatura della maggioranza (il non rispetto di nessuna minoranza). Quindi la democrazia deve essere controllata e le libertà non sono sufficienti a far sì che la popolazione da se crei un equilibrio sociale, dato che le libertà di qualcuno non varranno. E questo si badi vale anche senza la disinformazione, la manipolazione, la corruzione, il clientelismo, la mafia si immagini in una situazione come quella attuale, dove tutte queste belle cose sono la regola e non l’eccezione. La real politik e i sui ipocriti sostenitori poi fanno la parte che manca ossia portano il cinismo e l’interesse, più o meno particolare, ad essere l’unico valore fondante della politica. Del tipo: “Berlusconi è un mafioso? Non fa niente, se penso che qualcosa di utile la possa fare, lo voto lo stesso”. Telo credevi!!! Illuso! Non disilluso……

pietro tenuta 19.10.05 16:05| 
 |
Rispondi al commento

per Claudio.

non ci servono le grandi aspirazioni ideologiche! La democrazia ha bisogno delle regole, non è la mentalità di un popolo ad essere sbagliata ma è il sistema in cui le persone vivono che li porta a determinati comportamenti opportunistici ed egoistici. Non pensate che questa sia una visione troppo materialistica del mondo; semplicemente è l'osservazione del fatto che non tutti al mondo possono essere eroi ("sfortunato quel popolo che ha bisogno di eroi") e guardare al proprio orticello è l'unica cosa che spesso si può fare. Questo è ovviamente un comportamento ottuso e senza respiro ma è quello che la disinformazione, e l'assenza di uno stato, ti guidano a fare per riuscire a sopravvivere (e tu ingenuamente ci credi). In Calabria, in Sicilia e in Campania la mafia spopola perchè nel suo modo crudele e dispotico sostituisce lo stato (è semplicistico ma prendiamolo come prima approssimazione); la gente abbandonata a se stessa crede che la mafia possa essere più conveniente del nulla. E’ vista come il riscatto sociale di chi pensa di essere il più furbo. Allo stesso modo, in uno stato dove il governo non esiste e tutti i diritti sono prontamente calpestati da leggi ad personam, clientelismi e dispotismi, la gente guarda il suo orticello per sopravvivere e pensa che l'unica morale sia la legge della sopravvivenza. Quale è l’alternativa? o essere eroi solitari (che combattono e diventano monaci della rivoluzione) o eroi borghesi (quelli che si trovano in una situazione, e senza intenzione di essere eroi, non abbandonano e non si piegano).

pietro tenuta 19.10.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

con il voto non si può mandare a casa nessuno.
Si sostituiscono dei delinquenti con un altri.
Bisogna mirare al sistema....non alle persone....

non andate a votare e convincete + gente possibile a non farlo. è un diversivo per la mente. credete di essere davanti ad una scelta ma la scelta è stata già fatta prima e non da noi, neanche dai politici......ma da chi deve continuare ad esercitare il vero potere.

occupiamo i seggi la notte prima delle elezioni, incateniamoci dentro, senza violenza, se la riceveremo non reagiremo.......ci incateniamo dentro i seggi, non si deve votare per questi pezzi di merda

Marco Brodo 19.10.05 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Siamo alla fine....quasi. Ma da quì al 9 Aprile quante ne combineranno ancora? Impediamolo, non dobbiamo nè scendere in piazza nè scioperare, nulla di tutto questo. Noi siamo molto più avanti di loro, questi sono ormai quasi morti, rantolanti nei loro deliri politici (adesso viene pure fuori che la sinistra domina le banche). Noi chiediamo ai nostri cittadini eccellenti, Beppe avanti a tutti (pensate dovrebbe solo farci ridere invece risveglia le coscienze) e tutti tra i nostri dipendenti onesti (ce ne sono ancora per fortuna), di andare via, svuotare il parlamento, le commissioni, i tavoli delle trattative, i posti da consigliere RAI, tutto ciò che può rappresentare compromesso convivenza con questi "disonesti cittadini in leasing lungo termine ad uso ed abuso politico". Ci hanno quasi sfinito, ma non vinto!!! Il 9 Aprile, ricordate, abbiamo la più grande delle armi a nostra disposizione per ristabilire un senso di democrazia nel nostro Paese, IL VOTOOOOOOOO!!!!!!!!

Martino Pirozzi 19.10.05 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Cosiglio a tutti la seguente lettura:

La parata delle canaglie di Noam Chomsky
di Stephen Gowans-19 01 2005

"..L'idea che avvengono cose brutte perché ci sono cattive persone al potere non porta molto lontano.Se le persone cattive sono al potere,come sono arrivate al potere?Le cattive persone sono predisposte a salire nelle gerarchie?Sono scelte da un sistema cattivo (sicuramente deve essere malvagio un sistema che riserva i suoi favori ai peggiori di noi)?Se è così,sono le persone cattive ad essere il problema,o è il sistema che è cattivo?E se il sistema è cattivo,può l'eliminazione di una particolare persona cattiva fare una grande differenza o rendere il mondo un posto migliore in cui vivere?Inoltre,è sempre che le cattive persone vanno al potere,anche in numeri sproporzionati,oppure è un cattivo sistema a far fare cose cattive alle persone(che possono essere intrinsecamente buone o cattive)?" CONTINUA:

http://www.kelebekler.com/occ/chomsky.htm

Chi fa appello ai liberi professionisti e chi a Beppe Grillo:Sembra di assistere a quelle preghiere vocazionali dove ognuno chiede a Dio + sacerdoti,ma possibilmente il figlio DI QUALCUN ALTRO!
Se il popolo sa vedere,come unica possibilità di riscatto,un'elevazione socio-economica di tipo borghese fondata sul bene-avere,è impossibile cambiare le cose:é anche il motivo,a parer mio,che sta legando le mani alla sinistra,resasi sempre+"sistemica",sempre+"compromessa",sempre - efficacie.
Abbiamo perso le grandi aspirazioni ideologiche:è normale che ognuno badi a curare il proprio orticello,confine unico del suo mondo.Abbiamo perso,come dice il prof.torinese Costanzo Preve,il "principio matafisico"capace di orientare le nostre scelte.
E' il neoliberismo che porta avanti questo,affinchè nessun idealismo e nessun simbolo si intromettano con le loro etiche all'idolatria monoteista del consumo.Cosa aspettarsi da un politico,se il popolo ragione negli stessi termini?

Abbandoniamo l'ipocrisia e cambiamo testa!

Claudio Girometti 19.10.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

@ FABIO GASPARETTI il 19.10.05 09:44

...GLIELO COMUNICHI TU A 20-30 MILIONI DI PERSONE, DI NON SEGUIRE + I PROGRAMMI DELLE RETI MEDIASET?INNANZITUTTO DOBBIAMO ESSERE CONSCI Sì DI ESSERE IN MOLTI AD APPOGGIARE SIMILI IDEE, MA PURTROPPO ALL'INTERNO DI QUESTO BLOG NON RAPPRESENTIAMO LA MAGGIORANZA DEL POPOLO, O MEGLIO, NON POSSIAMO SAPERE COSA PASSA NELLA TESTA DI OGNUNO...
QUINDI, L'IDEA TUA è APPREZZABILE, MA NON FATTIBILE, ANCHE PERCHè TI RICORDO CHE PURE LA RAI ORMAI è DI PARTE...QUINDI DA UNA SPONDA O DALL'ALTRA, SEMPRE NELLA M...A NAVIGHIAMO!
E' LO STESSO CASO RIPETUTOSI COL RINCARO DELLA BENZINA.PER FARNE DIMINUIRE IL COSTO, SI DICEVA DI NON ANDARE+ A FARE RIFORNIMENTO PRESSO AGENZIE DI DATERMINATE COMPAGNIE..
SI...MA QUANTI L'HANNO FATTO??
SE SOLO TUTTI FOSSIMO COSCIENTI DI ESSERE NOI LA VERA FORZA, DI ESSERE NOI CHE POSSIAMO DECIDERE LA SORTE DEI NOSTRI MISERABILI DIPENDENTI, ALLORA Sì CHE TUTTO QUELLO CHE DICI SAREBBE FATTIBILE.
INIZIAMO AD AVERE UNA PRESA DI COSCIENZA DELLA NOSTRA FORZA COLLETTIVA...

Davide Catalano Commentatore in marcia al V2day 19.10.05 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

io non sono avvocato ma comunque credo che che ci siano gli estremi per denunciare questo govrno al tribunale internazionale dell'aia oppure a quello dei diritti dell'uomo. Se qualcuno qui ne sa di piú potrebbe aiutarci... sai che figura che fa il nostro presidente del consiglio (e purtroppo con lui tutti gli italiani) se presentiamo una denuncia in 10.000 a questo tipo di tribunali?
Saluti e scusa se la mia proposta é una sciocchezza.

Gianfranco Macciomei

Gianfranco Macciomei 19.10.05 14:57| 
 |
Rispondi al commento

Ultima cosa..
Sig Grillo è vero che italia nei media ( stampa e tv ) non c'è + libertà.. ma ci rimane ancora una cosa da tentare.. una radio.
La radio è vero che è ascoltata da meno persone ma è anche vero che è un mezzo diretto che arriva ovunque si voglia. basta un pò di informazione.. Ci aveva già pensato di prendere conatti con qualche radio e fare qualche bella trasmissione di divulgazione popolare?.. saluti
Bruno

Bruno Bonandin 19.10.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Ultima cosa..
Sig Grillo è vero che italia nei media ( stampa e tv ) non c'è + libertà.. ma ci rimane ancora una cosa da tentare.. una radio.
La radio è vero che è ascoltata da meno persone ma è anche vero che è un mezzo diretto che arriva ovunque si voglia. basta un pò di informazione.. Ci aveva già pensato di prendere conatti con qualche radio e fare qualche bella trasmissione di divulgazione popolare?.. saluti
Bruno

Bruno Bonandin 19.10.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Ma Berlusconi è ancora convinto dopo 5 anni
di rappresentare ancora il pensiero del popolo italiano?... Questa cosa è folle..
avrei anche io un'idea. Qui in questo forum ci sono molti liberi professionisti immagino.. Avvocati ragionieri ingegneri etc.. bene perchè non unite le vostre conoscenze in qualcosa di concreto tipo une petizione scritta con la quale si muove una sfiducia nei confronti dell'attuale maggioranza e della prossima che verrà cosi da costringere il tanto amato Presidente della repubblica a sciogliere anticipatamente le camere e a rifare tutto da capo? non so se sia tecnicamente possibile se la costituzione lo permette ma sarebbe bello vedere Berlusconi lasciato a piedi da Ciampi che tanto ha chiamato in causa in questi giorni come un bambino che chiama la mamma perchè il compagno gli ruba la merenda..
Un'altra idea potrebbe essere sempre sfruttando la buona volontà di questo blog e delle sue persone capaci di fare come si fa nei paesi civili.. si denuncia Berlusconi( ovviamente sempre con firme a seguito )( si ma a chi ?..) per aver rubato i sogni e le sperenza agli italiani. Per aver portato l'italia sull'orlo di una crisi che non ha precedenti .. per essersi fatto leggi paracadute e per tanti altre cose + serie che ha fatto senza chiederci il permesso..
So che sono solo fantasie queste ma di concreto c'è solo che l'unica soluzione sarebbe una rivolta stile guerra civile argentina e un bel colpo di stato.. ma questo non è da noi.. non è da persone serie e con idee concrete. Mi sento come un burattino appeso ad un filo a tre metri da terra.. mi dibatto ma non concludo nulla.. l'unica soluzione sarebbe tagliare i cavi e vada come vada la caduta mi saprò rialzare.
A parte tutto l'unico modo per cavare qualcosa da questa situazione è andare da lui e chiedergli ( se accetta il confronto) :" Sig Berlusconi ma lei è convinto di rappresentare ancora gli italiani?" se risponde si si scoppia a ridere se risponde no ( ma non penso ) lo si invita a dimettersi. Noi accettiamo le sue dimissioni!...
Bruno Bonandin

Bruno Bonandin 19.10.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, io ho un suggerimento molto semplice: tu sei, tra noi, forse l'unico che può andare in TV davanti a milioni si spettatori e sputtanare i nostri dipendenti e non solo.
Ti prego,ripensaci e vai da Celentano, fallo per tutti noi che non abbiamo nessuna possibilità immediata di creare un'eco tanto vasta.
Questo è un appello disperato, di chi sente un grande movimento di insoddisfazione ma anche una grande impotenza davanti a quanto stà accadendo.

Giuseppe Scaraggi 19.10.05 14:02| 
 |
Rispondi al commento

DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SILVIO BERLUSCONI NELLA SEDUTA DELLA CAMERA DEI DEPUTATI DEL 14/10/2000

Oggi la Sinistra annuncia arrogantemente di voler andare innanzi a CAMBIARE anche la REGOLA FONDAMENTALE della DEMOCRAZIA che è la LEGGE ELETTORALE, noi lo diciamo in maniera molto chiara, molto precisa: NON LO LASCEREMO FARE! E da oggi, diciamo chiaro che ci RIVOLGEREMO al CAPO DELLO STATO perché se la Sinistra procederà in Parlamento e con i propri numeri, che sono i numeri di una maggioranza di un Parlamento che non è più lo specchio del Paese, che questa maggioranza non è quella votata dagli italiani nel 96 perché una maggioranza fatta con eletti nelle file del Centrodestra che hanno tradito il mandato degli elettori, che hanno tradito la prima norma morale della politica che è quella del rispetto della volontà degli elettori, se questa Sinistra credesse di fare altrettanto e credesse con i PROPRI NUMERI di far PASSARE in Parlamento una LEGGE ELETTORALE con SOLO SUOI NUMERI, CALPESTANDO gli interessi della MINORANZA, della OPPOSIZIONE, IO SONO CERTO che questo CAPO DELLO STATO QUESTA LEGGE NON LA FIRMERA’ M A I !

Raffaello Spagnuolo 19.10.05 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Gavino Ledda,nel suo bel libro "padre padrone",racconta della disperazione di un uomo alla morte dell'uliveto cui aveva dedicato mille cure delegando ad esso,a costo di enormi tribolazioni per la famiglia intera,ogni prpria aspirazione di riscatto sociale.Questo,spiega l'autore,succede quando anche il popolo sa vedere,come unica possibilità di riscatto,un'elevazione socio-economica di tipo borghese,fondata sul bene-avere.
E' questo,a parer mio,che sta impedendo al Paese di risorgere.
E' questo,a parer mio,che sta legando le mani alla sinistra,resasi sempre + "sistemica",sempre + "compromessa",sempre - efficacie.
Abbiamo perso le grandi aspirazioni ideologiche:è normale che ognuno badi a curare il proprio orticello,confine unico del suo mondo.
Abbiamo perso,come dice il professore torinese Costanzo Preve,il "principio matafisico"capace di orientare le nostre scelte.
E' il neoliberismo che porta avanti questo,affinchè nessun idealismo e nessun simbolo comune si intromettano con le loro etiche all'idolatria monoteista del consumo.Cosa aspettarsi da un politico,se anche il popolo ragione negli stessi termini?La differenza sta solo nel potenziale d'azione e ci vuole poco,vedendolo aumentare per se,a ritrovare corrotta anche una persona originariamente ben disposta.I politici poi,da parte loro,non fanno che sfruttare oligarchicamente il potere secondo questa mentalità,x poi riproporla IDENTICA al popolo,spingendolo a preoccuparsi così tanto dell propria avidità da "farsi passare" ogni desiderio di rivolta e rivendicazione.

Predichiamo,quindi,un nuovo messaggio fatto di contenuti che PRETENDONO di essere giusti,pur nel rispetto dell'altro!MANDIAMO A FARE IN CULO il politicamente corretto!Riscopriamo qualcosa che dia un SIGNIFICATO ULTIMO alla nostra vita!Riscopriamo l'urgenza di realizzarci:che sia attraverso un'ideologia,una religione o una sensibilità personale forte,torniamo a vivere vedendo il nostro compimento in termini di "missione",non "consumo"!

Claudio

Claudio Girometti 19.10.05 13:03| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe, sei uno dei pochi fari inquesto periodo oscuro...grazie.
comunque, fra le varie proposte quella dello spostamento dei nostri soldi alla banca etica mi sembra una delle più concrete.
è vero che queste banche son ancora poco diffuse, ma io sono socia da più di un anno e posso dare alcuni chiarimenti: anche se la banca in cui apriamo il conto corrente è lontana, i prelievi si possono effettuare gratuitamente da ogni banca di credito cooperativo (ce ne sono infinite, di vario tipo) e i versamenti di contanti e assegni, e questa è una recente novità, possono essere effettuati presso tutti gli sportelli postali.
i certificati di deposito possono essere fatti anche con scadenze molto lunghe (due o quattro anni) e dunque richiedono solo una visita in banca ogni anno o ogni due.
la maggior parte delle operazioni può essere gestita via internet.
inoltre la banca ha a disposizione un certo numero di agenti (non ricordo di preciso come si chiamano) che girano sul territorio nelle provincie in cui la banca ancora non è presente, e permettono di tenere rapporti con la propria filiale anche se lontana; in seguito, una volta raggiunto un numero di soci o di correntisti opportuno, la banca può aprire una nuova filiale.
è tutto molto più semplice di quel che sembra, penso che, unita ad una lettera di spiegazioni alla propria banca, sia una delle iniziative più concrete che forse avrà poco a che fare con la legge elettorale, ma molto con il nostro fortissimo desiderio di legalità.
beppe puoi smuovere masse di persone...fallo

claudia comencini 19.10.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

per esempio si potrebbero fare sottoscrizioni anche per finanziare il blog....penso che tutti ci fideremmo dell'"editore". Allarghiamoci! diventiamo un BLOB più che un BLOG

pietro tenuta 19.10.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Io farei una proposta un po' alternativa, tanto alla fine non sono così convinto che si riesca a pensare a qualcosa in grado fisicamente di bloccare una serie di leggi che il nano e la sua cricca desiderano portare a termine più di una trombata già iniziata. La mia proposta è in qualche modo di allargare questo blog e quindi l'"influenza" della "battaglia". E' troppo piccolo, arriva a troppa poca gente e, per chiare ragioni di impossibilità fisica del "boss", non riesce a trattare tanti argomenti importanti. Allora perchè non creare, vado a braccio, una redazione online o semplicemente un metodo di filtro di articoli che potrebbero poi essere postati. Non voglio impedire a nessuno di scrivere, i commenti ovviamente rimarrebero ma aumenterebbe l'analisi. migliorerebbe il dibattito. Se uno adesso vuole aggiungere qulcosa o criticare "analiticamente" quanto detto in un post ha una possibilità su 50-60 di essere letto nella giungla dei commenti (su tremila commenti è difficile che chiunque partecipi al dibattito ne legga più di 50-60). Con la supervisione del Grillo si potrebbe creare un blog più comleto che potrebbe arrivare a più persone e trattare più argomenti, e meglio. Il Grillo è bravo bravissimo, anzi geniale, ma non è onniscente e non ha il tempo di leggere tutto, dovrà dormire anche lui. Se invece di analizzare solo lui analizzassero in 10000 sicuramente sarebbe meglio.
Cacciarli significa raccontare e far sapere tutto quello che fanno e per questo serve tempo e impegno!!!! Non basta gente che dica "bravo beppe continua". La rete è stupenda ma non c'è nulla di male a prendere quel poco di buono che c'è nel giornalismo tradizionale. Non si perde in democrazia e si guadagna in analisi. Il blog diventa molto più "di tutti" e non solo di quelli che vogliono sentire quello che dice beppe. Moderaci Capo! diventiamo enormi
se ho scritto una marea di cazzate è perchè ho fretta. Sono al lavoro e devo tornare a fare qualcosa di "produttivo" (non per me ovviamente).
statemi buanu

pietro tenuta 19.10.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei dire ad Eleonora Antonelli, che parlava della specie di blob sul portatore nano di interessi personali, che forse il film di cui parla è "CITIZEN BERLUSCONI" e si può acquistare on line dal sito della rivista Internazionale : www.internazionale.it

Nicola Paciarelli 19.10.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rinnoverò l'invito tutti i giorni fino al 9 aprile o finchè non risponderai:

scendi in campo x Noi >CANDIDATI<!

sei ancora in tempo, cazzo sei sordo?

se possono esserci 365 politici comici, può esserci anche 1 comico in politica...

Alessandro Serra 19.10.05 10:57| 
 |
Rispondi al commento

@ alberto massaruti il 19.10.05 09:48

SEI UN GRANDEEEEEE. Come manifestazione non è per nulla male!!!
----------------------------
spediamo tutti un pacco anche piccolo, per posta, a palazzo ghigi con un dono(es: la costituzione, un mattone per ricostruire il paese,un libro significativo ecc..)attraverso le poste ialiane, per sommergere il palazzo, riempirlo e farne uscire l'inquilino.
Ciao , Alberto Massaruti

Postato da: alberto massaruti il 19.10.05 09:48
----------------------------

Ecco un po' di conti dalle poste italiane:
Per spedire un pacco rodinario (5 gg. per la consegna), il costo della spedizione, da 0 fino a 20 kg, è di 7,00 euro (http://www.poste.it/postali/ordinario/a_index.shtml).
Direi che un mattone ci sta dentro comodamente!!!!!
Beppe, è un'ideaaaaa!!! ;-)

Michele

Michele Campana Commentatore in marcia al V2day 19.10.05 10:23| 
 |
Rispondi al commento

In risposta a Michela Bruni che chiedeva una sorta di film-blob su Berlusconi, volevo segnalare un documento di questo tipo che hanno fatto gli americani per noi!
io l'ho scaricato dalla rete, perchè ovviamente non è mai sbarcato in italia, chi lo volesse e avesse intenzione di divulgarlo mi scriva!
e.antonelli@libero.it
P.S. Beppe tu l'hai visto???

Eleonora Antonelli 19.10.05 09:48| 
 |
Rispondi al commento

spediamo tutti un pacco anche piccolo, per posta, a palazzo ghigi con un dono(es: la costituzione, un mattone per ricostruire il paese,un libro significativo ecc..)attraverso le poste ialiane, per sommergere il palazzo, riempirlo e farne uscire l'inquilino.
Ciao , Alberto Massaruti

alberto massaruti 19.10.05 09:48| 
 |
Rispondi al commento

spediamo tutti un pacco anche piccolo, per posta, a palazzo ghigi con un dono(es: la costituzione, un mattone per ricostruire il paese,un libro significativo ecc..)attraverso le poste ialiane, per sommergere il palazzo, riempirlo e farne uscire l'inquilino.
Ciao , Alberto Massaruti

alberto massaruti 19.10.05 09:46| 
 |
Rispondi al commento

Penso che in MOLTI sono andati FUORI tema in questo Blog!

Se ho capito bene si cercava una SOLUZIONE URGENTE per STOPPARE QUESTO SCEMPIO: cioè la probabileAPPROVAZIONE della NUOVA LEGGE ELETTORALE, nonchè le successivi probabili leggi su PAR CONDITIO, SALVA PREVITI, ecc.ecc.

MOLTI scrivono IRREALIZZABILI forme di GOVERNO FUTURE...
di PARTITI UTOPICI, ch enel futuro potrebbero governare bene...
..chi chiede a BEPPE di candidarsi...

MA IL PROBLEMA E' ADESSO!!! NON IL FUTURO!!!
MENTRE NOI FANTASTICHIAMO.... IL GOVENRO CE LO METTE NEL CU.O!!!!!!

DOBBIAMO FERMARLO ... NON SPARARE CAVOLATE SU UN FUTURO MIGLIORE!!!! QUEL PROBLEMA CE LO PORREMO PIU' AVANTI

ORA DOBBIAMO STOPPARE CHI VUOLE UCCIDERE LA DEMOCRAZIA E L'ONESTA'!!!!!!!!

DOBBIAMO REAGIRE... NON FANTASTICARE !!!!!
SUBITO!!!! PRIMA CHE SI APPROVINO QUESTE LEGGI SCANDALO...
..O E' TUTTO UN CAVOLO CHE BEPPE CI CHIEDE AIUTO!!!!
NON GLIELO STIAMO DANDO... SOGNANDO DEI PARTITI FANTASTCICI PER IL FUTURO!!!

MANIFESTARE? CREA DISAGI... MOLTI LAVORANO, STUDIANO, HANN UNA FAMIGLIA...

SCRIVERE A CIAMPI? SERVIRA' A QUALCOSA?

INSOMMA... QUALSIASI COSA FAREMO... IL GOVERNO NEGHERA' CHE CI SARANNO STATE PARTECIPAZIONI SIGNIFICATIVE DEGLI ITALIANI!!!

E IL GOVERNO E' BERLUSCONI!!!
NESSUNO GLI VA CONTRO. FANNO TUTTE LE LEGGI CHE SERVONO A LUI (SALVA PREVITI, FALSO IN BILANCIO, LEGGE GASPARRI,..)
ALLORA COLPIAMO LUI!
DIAMOGLI UN SEGNALE:

SMETTIAMO DI GUARDARE LE SUE RETI.
E' L'UNICO SEGNALE A CUI PUO' ESSERE SENSIBILE!!!

SE NON GLIENE FREGA DEI NOSTRI INTERESSI....
CERCHERA' SICURAMENTE DI TUTELARE I SUOI!!

PENSATE SE META' DEGLI ITALIANI DA DOMANI SMETTONO DI GUARDARE LE SUE RETI.... E LE INCOMPLETE INFORMAZIONI CHE I SUOI MEDIA TRASMETTONO....

QUAL MIGLIORE SEGNALE POSSIAMO DARE AL PREMIER E AL GOVERNO?
L'AUDITEL LO COMUNICHEREBBE IL GIORNO DOPO!
SE DURERA' 1 GIORNO, 2 GIORNI.. 1 SETTIMANA...
CREDTEMI...
IL PREMIER ABBANDONERA' TUTTE QUESTE LEGGI SCANDAOLO!!!!

FABIO GASPARETTI 19.10.05 09:44| 
 |
Rispondi al commento

E se noi raccogliessimo un'euro come l'Unione e ingaggiassimo dei sicari? magari lo fanno gratis :)

Luca Orlandi 19.10.05 09:34| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno, leggo che la stampa straniera giudica questa legge giusta, ma fatta dal governo sbagliato e nel momento sbagliato
Sono d'accordo

quindi ... mandiamoli a casa ;)

e poi gente perbene ci pensa seriamente a fare una buona legge

buona giornata

Mimma Barbieri 19.10.05 07:14| 
 |
Rispondi al commento

Sono prolisso, ancora qualche parola…

Il colore della vera opposizione non è il rosso, nè potrà essere il nero o l'azzurro. Fra coloro che disprezzano questo sistema politco ci sono progressisti, democratici, liberali, cattolici, comunisti, post-fascisti, terzomondisti, ecologisti. Quante categorie si potrebbero aggiungere? Decine, centinaia? Quale colore dovrebbe rappresentare quest'universo così variopinto?
C’è stato un fatto, ultimamente, che mi ha colpito in modo particolare: la manifestazione degli studenti calabri. Le loro facce, le loro parole, erano ben diverse da quelle, rabbiose e urlanti, che vengono comunemente associate a coloro che vogliono davvero cambiare lo stato delle cose. Molti hanno visto rassegnazione, nei loro volti, e la bandiera bianca che sventolava al centro della manifestazione l’hanno interpretata come un inespresso segnale di resa. Io, invece, ho osservato una civiltà insita nell’atto di protestare che alla maggior parte dei nostri dirigenti manca persino nell’atto di proporre; ho visto insofferenza, anziché rassegnazione, e considero la bandiera il simbolo di una protesta pacifica il cui intento è comunicare. Comunicare con forza, coraggio e decisione, uno stato di necessità, l’esistenza di se stessi e dei problemi ai quali vorremmo fosse posto rimedio. Problemi tanto radicati quanto quelli che immobilizzano la politica e che rimandano innanzitutto al desiderio di non cambiare regole troppo vantaggiose per i poteri forti.
Mi scuso se sono risultato eccessivamente retorico, ma, forse, coloro che hanno letto “Saggio sulla lucidità” di Saramago capiscono bene questo mio attaccamento ai risvolti simbolici del voto e della protesta “bianca”. Io lo consiglio caldamente.

Nicolò Leggiero 19.10.05 05:56| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei tentare di rispondere alla domanda posta direttamente da Grillo in questo suo intervento.
Votare scheda bianca, in massa, alle elezioni politiche.
So che questo tipo di atteggiamento è stato a lungo attaccato da ogni parte.
Si dice da sempre che il voto in bianco sia segno di codardia. Io credo che non ci sia niente di più coraggioso dell’opporsi all’intero panorama politico.
Si dice da sempre che il voto in bianco sia antidemocratico. Io credo che per salvarla, la democrazia, si debbano sottrarre preferenze ai partiti e ai meccanismi che l’hanno distorta.
Si dice da sempre che il voto in bianco sia segno di abulia. Io credo che non ci sia posizione più propositiva della negazione di un possibile progresso democratico senza un preventivo cambiamento delle regole.
Si dice da sempre che il voto in bianco sia inutile, una goccia persa in un oceano di compromessi. Non più, perché oggi c’è la rete. Le gocce che si disperdevano nella marea di voti riciclati dai partiti, i cittadini costretti a votare il migliore fra i peggiori, le persone che considerano il voto un diritto limitato dall’arida piattezza dell’attuale sistema politico, oggi possono parlarsi, confrontarsi, organizzarsi.
La scheda bianca votata in massa alle elezioni politiche è l'unico modo per mostrare il proprio dissenso.
Se un’eventuale iniziativa in questa direzione dovesse avere successo, le forze politiche non potrebbero disconoscere i fatti. Le reazioni potrebbero essere molteplici, ma reazione ci sarebbe, e reazione vuol dire cambiamento. Il voto in bianco non lascia via di fuga perché non è strumentalizzabile; né è possibile accusare l’una o l’altra parte di averlo alimentato, in quanto si oppone a un modus operandi proprio di entrambi gli schieramenti. In sostanza non potendo ignorare l’esistenza di un dissenso diffuso e generalizzato, il mondo politico sarà costretto ad osservare la nascita di un dialogo concreto intorno ai problemi reali dei cittadini.

Nicolò Leggiero 19.10.05 05:52| 
 |
Rispondi al commento

Oppure, per eliminare i costi referendari, ad ogni votazione, si abina la scheda referendaria libera e ogni cittadino scriverà cosa o chi intende eliminare. Poi, si procederà all'eliminazioni indicate, per sovranità della volontà popolare!
Scherzi a parte: ricordatevi chi era il Prodi dell'IRI e come finì! Non mi piace l'idea di passare dal fuoco alle fiamme! Da un criminale ad un delinquente.

FABIO S. 19.10.05 02:43| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo un referendum così concepito:
Punto 1- Abroghiamo tutto, politici compresi
Punto 2- Se non si raggiunge il quorum, abroghiamo le partite di calcio.
Vedrete che folla alle urne! In fondo, l'ultimo referendum, non era stato concepito così, anche se speculare?

FABIO S. 19.10.05 02:37| 
 |
Rispondi al commento

*
*
*
*
Sta a vedere che Beppe fa il regalo a noi nottambuli e pubblica la top ten delle idee da realizzare come disturbo alla controinformazione regnante.
Dai Beppe, vediamo come possiamo agire !!!
*
*
*
*

Federico Pasini 18.10.05 23:37| 
 |
Rispondi al commento

PUNTIAMO I RIFLETTORI SUI DEPUTATINI!

Un saluto a tutti
La mia proposta è di scegliere un deputato,uno solo e non famoso,e in quanto nostro dipendente,fargli tutti noi la stessa domanda possibilmente con una mail,scegliamo insieme la domanda da porgli (in pratica la stessa operazione che abbiamo fatto con Barroso).
Lo scopo è molteplice:

1 - Indurlo a prendere una posizione che poi sarà oggetto delle nostre valutazioni.DOvrà pur far qualcosa!.E se dovesse sputtanarsi nascondendosi dietro al solito dito,in quel caso "pubblicizzeremo" il suo atteggiamento e il ns dissenso
2- dimostrare che i piccoli parlamentari non possono più nascondersi dietro ai partiti o agli esponenti di spicco,"pascendo" alle nostre spalle.
Magari possiamo farlo una volta con un deputatino di destra e una volta con un deputatino di sinistra.Per vedere come reagiscono.

E' una proposta che non costa nulla in termini economici e di tempo ma che "colpisce" direttamente i ns dipendenti (almeno spero).
Insomma puntiamo i riflettori su ognuno di loro singolarmente.Come il preside che scopre un alunno fuori della classe:"Ehi tu!Che c..o stai facendo?!Giustificati!"

Daniele Dani 18.10.05 23:23| 
 |
Rispondi al commento

E' la prima volta che decido di partecipare con uno scritto ad un blog . Ho deciso di farlo dopo la giornata che ho vissuto il 16/10 , rendendomi conto , ora dopo ora che quello che avevo sempre voluto che accadesse , si stava realizzando, e cioe' che tutte le persone NORMALI che vivono in questo paese e che ci lavorano , studiano , fanno le nonne e i nonni, le casalinghe , sono finalmente stati interpellati direttamente per far conoscere il loro pensiero e la loro volonta' di partecipare attivamente alla vita politica e sociale di questo paese. Sembrava uno scherzo quando hanno iniziato a parlare di primarie, e trovo che sia stata una pensata geniale , ed ho avuto anche paura che ci ripensassero. Ma dal momento che il progetto ha preso corpo, per me e' stato come affrontare un nuovo lavoro con prospettive fantastiche di grande soddisfazione e la possibilita' di conoscere altre persone entusiaste quanto me della nuova esperienza.
Sono sempre stato un elettore di sinistra, per la precisione del pci prima e dei ds ( o pds ) poi. Ma ci sono stati tanti momenti che avrei voluto orendere la cittadinanza francese o spagnola o tedesca pur di non sentirmi partecipe di certi tatticismi e compromessi che hanno portato sempre piu' in basso il consenso a sinistra. Ho resistito sperando sempre in una giornata come quella di domenica, e finalmente e' arrivata. E ora bisogna insistere a chiamare le cose con iloro nomi e cognomi, il tempo dei buonismi e del politically correct, e' finito, anche perche' con i ladri e i delinquenti recidivi , non si puo' abbassare la testa , per non dare un esempio sbagliato e distorto a chi verra' dopo di noi, alle generazioni future. Forse sara' una forte provocazione, ma vorrei sentire una persona come il capo dello stato , che e' per quanto mi riguarda una persona stimabilissima e di grande intelligenza, dire una volta per tutte in pubblico a reti unificate , che questo governo e' farcito di indagati, mafiosi , ladri e faccendieri.alla prossima.

gabriele gessaga 18.10.05 23:16| 
 |
Rispondi al commento

*****ULTIME NOTIZIE******
DOPO LA RIFORMA ELETTORALE IL BERLUSKA PROPONE CHE AL VOTO CI PUò ADARE SOLO CHI HA GIOVATO DI UN CONDONO,NN HA PAGATO LE TASSE DI SUCCESSIONE,O AVEVA PARENTI FINO AL 6^ CHE HANNO PARTECIPATO ALLA REPUBLICAA DI SALò.

lolrenzo lucarini 18.10.05 22:56| 
 |
Rispondi al commento

-------------x Michele Bruni

Il film documentario c'è già ed in proiezione in questi giorni in tutta Italia.
W ZAPATERO.

invita qualcuno al cinema che l'ultima volta ha votato a destra e avrai fatto qualcosa per cambiare la situazione attuale.

(se tutti riuscissemo a portare a sinista un votante a destra, nache l'ultima furbata della legge elettorale sarebbe dichairata vana)
-----------
guerrilla radio!
---------------------

ettore arrigoni 18.10.05 22:51| 
 |
Rispondi al commento

------------- PROPOSTA ARCORE 9/11 -------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------

caro BEPPE e se raccogliessimo, come per l'iniziativa di parlamento pulito, un po' di euro e girassimo un FILM tipo FARENHEIT 9/11 incentrato sulla vita e sui SEGRETI (maddeche?) di Silvio Berlusconi e poi lo proiettassimo in piazze o altri luoghi pubblici (se proprio non si riesce nei cinema)?

non serve spendere moltissimo, basterebbe un filmatino alla BLOB, qualche spezzone e qualche intervista, insomma un montaggio... parlando delle cose principali stimo una durata compresa tra 80 e 100 minuti.
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------
------------------------------------------------

Michele Bruni 18.10.05 22:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
qui la mia proposta per salvare il Paese:
Ci vuole un'obbiettivo comune,
alla fine quello che pensiamo e la stima che abbiamo di noi stessi si tramuta in realta'.

La nostra idea e pensiero del Paese si tramuta in realta', che e' quella che stiamo vivendo al momento in Italia.
La realta' e il risultato dei vostri pensieri. Il successo e' il risultato dei vostri pensieri.
Esiste anche il pensiero collettivo che ci porta ad essere quello che siamo come Italiani.

La coerenza con i pensieri e' importante. Se penso che vorrei avere piu' soldi, devo creare un piano d'azione che mi porti alla realizzazione dell'obbiettivo. Se penso che vorrei vivere circondato dal verde, devo trasferirmi in campagna o verso la montagna. Se penso che vorrei cambiare vita, bisogna fare delle azione che portino al cambiamento.
Se penso che mi voglio lamentare, mi lamento. Risultato: un lamento.

Cosa volete fare con i vostri pensieri? che cosa vogliamo fare con i nostri pensieri uniti?

L'unione crea un pensiero collettivo che puo' realizzarsi in realta'!

qual'e' l'obbiettivo?

Ivan

Ivan Bettelli 18.10.05 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Si potrebbe agire oculatamente in campagne di boicataggio,
se è vero che attorno questo sito si muovono
500.000 persone la settimana allora la campagna
può agire efficaciamente,


come e quando???

esempio, vogliamo colpire direttamente il portatore nano???
quel giorno si decide di spegnere la telvisione.

dobbiamo danneggiare tronchetti provera?
quel giorno gli abbonati di telecom non usano
il telefono

etc etc

che ne pensate?

ettore arrigoni 18.10.05 21:49| 
 |
Rispondi al commento

nn so se è gia stato detto, sn di fretta e nn posso mettermi a leggere 3487 commenti lol... cmq: a me piacerebbe vedere uniti i vari intellettuali d'Italia: Grillo, Fo, Guzzanti, Benni etc etc che accampati sotto il parlamento chiamano a raccolta i loro simpatizzanti... arriverebbe una gran folla di gente incazzata :)

Gianmatteo Freni 18.10.05 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Ma come si fa a organizare
-petizioni? (che IL GOVERNO IGNORERA?)?
-manifestazioni (Che saranno SMENTTE dal governo)
- cambi di c/c in banche etniche (INPROPONIBILEP E TUTTI GLI ITALIANI)

Intanto però.. mentre noi proponiamo soluzioni UTOPICHE!!!! il PRFEMIER pensa a leggi disastrose!!! E le fa APPROVARE da una MAGGIORANZA che non ci rappresenta piu'!

RAGAZZI,
SVEGLIAMOCI. C'E' SDOLO 1 MODO PER FERMARLO!

SMETTIAMO DI VEDERE LE SUA TV!
MA TUTTI INSIEME FINCHGE' NON RINUCNIA AD APPROVARE TUTTE QUESTE LEGGI-SCANDALO!!!!

SI SA GLIENE IMPORTA SOLO DEI SUOI INTERESSI

SE CADE LA VISIONE DELLE SUE RETI ,..... CAMBIERA' ATTEGGIAMNETO, AMICI MIEI....

Ed è semplice.
non si deve cambiare banca
non si deve andare a Roma (e lasciare il lavoro e famiglia)
...basta stare davani alla televiosione...
MA SENZA GUARDARE LE SUE RETI!!!!!


FABIO GASPARETTI 18.10.05 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Non danniamoci l' anima nel cercare di muovere voti. Per quanti siamo rappresentiamo solo una goccia nell' oceano. Credo che sia piu' efficace muovere soldi. Tutti noi abbiamo un conto corrente nelle banche che tante colpe hanno nell' aver creato questo dissesto. Bene, spostiamo i nostri CC presso una banca che non ha niente da spartire con le lobby del potere economico e contestualmente a cio mandiamo una mail alla nostra "vecchia banca" spiegando il perche' della scelta. A questo punto si che una pagina di giornale su questa iniziativa potrebbe far tremare qualcuno. Se tutti noi che visitiamo giornalmente questo blog ( circa 100.000 ) decidessimo di votare per Grillo alle prossime elezioni, gli faremmo fare la stessa figura di Pecoraro alle primarie ( 5° con 96.000 voti...) Ma se invece tutti i nostri stipendi venissero accreditati presso la Banca Popolare Etica e rendessimo pubblica questa scelta...

Stefano Bastia 18.10.05 20:00| 
 |
Rispondi al commento

La situazione è gravissima. No al ritorno al sistema elettorale in cui i partiti ci tolgono ogni potere su di loro, no ad un governo ogni sette mesi, no al ritorno di tangentopoli e del manuale Cencelli, no alla devolution, no alla moltiplicazione degli sprechi e della corruzione, che loro non vogliono più solo a Roma, ma (finalmente) anche in padania, no alla riduzione dei tempi di prescrizione, no agli onesti cornuti e mazziati. Io di cose da dire ne avrei tantissime su ciò che è successo, su ciò che è stato approvato in questo quinquennio (ogni riferimento è volutamente non casuale), ma il tempo stringe e bisogna salvare almeno ciò che resta della nostra povera Repubblica. In questi pochi giorni che mancano alla fine della legislatura si potrebbe mettere una pesantissima ipoteca sul nostro futuro. Non hanno più nulla da perdere, non gliene frega più niente neanche dei sondaggi.

Interpelliamo ancora Ciampi, lanciamo una campagna per chiedere al Presidente della Repubblica, lui che la deve difendere, di non firmare assolutamente la nuova legge elettorale. I cittadini hanno votato per il proporzionale, esigono che la loro volontà venga rispettata dal parlamento. In più i cittadini non possono accettare che si cambi legge elettorale senza che vi siano ragioni di forza maggiore o senza che ci si metta d’accordo con l’opposizione se si è alla fine di una legislatura.

Rifacciamo una campagna sui giornali. Scriviamo a Ciampi. Sono sicuro che la gente che parteciperà, adesso non possiamo neanche immaginarcela, basta guardare le primarie come sono andate. E stavolta dovrà partecipare con forza anche l’opposizione, lasciando indietro gli avvoltoi rimasti dalla prima Repubblica se non vuole perdere la faccia.

Non lasciamo che si legittimi una sorta di dittatura parlamentare che può permettere di calpestare impunemente uno degli strumenti democratici più forti come è il referendum.

Svegliamoci, reagiamo, apriamo gli occhi.

Marco Bertolini 18.10.05 19:54| 
 |
Rispondi al commento

___________________________________________________________
se volete fare sentire il vostro dissenso verso la riforma elettorale firmate questa petizione da presentare al presidente della repubblica

http://www.telenorba.it/petizione

___________________________________________________________

Salvatore D'Alessio 18.10.05 19:48| 
 |
Rispondi al commento

apprezzo moltissimo l'impegno di beppe grillo che critica e accusa giustamente l'operato dei nostri politici e di quegli uomini che, grazie a potenti amicizie politiche,operano solo per il tornaconto personale e degli amici e parenti;ma mi domando e dico: come può un comune mortale opporsi a tali ingiusti operati anche considerando che,con il voto, si toglie un furbo e si mette al potere uno ancora più furbo?

antonio di noia 18.10.05 19:37| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,ecco un'altra PROPOSTA.


Si potrebbe lanciare una petizione con FIRME ON LINE per quanto riguarda l'iniziativa parlamento pulito da presentare in palamento,analogamente a come hanno fatto e stanno facendo su questo sito per quanto riguarda il conto energia solare e i biocarburanti :

http://www.ecoage.it/info/petizione-biocarburanti.php

GINO RED 18.10.05 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Scusatemi,
volevo solo chiedere se esiste una qualsiasi lontana possibilità di querelare chi ha presentato la nuova legge elettorale.

Anni fa é stato fatto un referendum popolare per il maggioritario, ora solo pochi rinnegano quella decisione e noi, la maggioranza del paese, dobbiamo stare a guardare impassibili ???
Coordiniamoci in qualche modo e portiamoli in tribunale per vilipendio aggravato e reiterato al popolo italiano.

Non é uno sfogo estemporaneo, sto' realmente cercando di capire se esiste qualche legge che ci possa proteggere da questo tipo di insolenza.

Francesco Muraca 18.10.05 18:50| 
 |
Rispondi al commento

dal sito di www.pecoraroscanio.it nella sezione il mio blog:

Ora anche il popolo della rete ed ogni cittadino può partecipare all’ostruzionismo parlamentare contro una legge truffa che è l’estremo atto di arroganza di un governo disperato.

Serve anche il tuo contributo e l’aiuto di tutti i democratici di questo Paese, non solo attraverso una grande partecipazione alla manifestazione di domenica contro la finanziaria e la legge elettorale, ma anche costruendo, attraverso internet, insieme a noi, l’ostruzionismo alla riforma elettorale.

Depositeremo nei due rami del Parlamento migliaia di emendamenti per la democrazia, contro l’arroganza di un governo che trucca le carte poco prima della partita.

Se vuoi partecipare vai sul sito www.bloccalatruffa.it e presenta i tuoi emendamenti.

alberto alessandri 18.10.05 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Ma come si fa a dire di non andare a votare ?
E' l'unico diritto che abbiamo!!!!!!!!!!!!!!!
Semmai... dobbiamo andare a votare BENE!!!!

E se ci troviamo a piangere di fronte a leggi PALESEMENTE AD PERSONAM, che penalizzano gli interessi di NOI CITTADINI e agevolano solo quelli degli assicuratori, banchieri, proprietari di reti televisive, per non parlare di chi è indagato per falso in bilanbcio, corruzione, concussione, riciclaggio, usura.....

CI STA BENE... PERCHE DOPO TUTTO LO ABBIAMO SCELTO NOI QUESTO GOVERNO ... VOTANDOLO 5 ANNI FA!
E SEMBRA CHE ANCORA IL 40% DEGLI ITALIANI VOGLIANO CONFERMARLO!!!!
MA ALLORA IO DICO,.... SIAMO PROPRIO SCEMI!!!! SCEMI O MAL INFORMATI.....!!!!

C'è però da dire che MOLTI ITALIANI durante le elezionio regionali e amministrative hanno cambiato idea e deciso di CONDANNARE IL GOVERNO che prima aveva voluto....

PURTROPPO QUESTO GOVENO CHE SA DI NON ESSERE RIELETTO VUOLE SFRUTTARE GLI ULTIMI MESI DI ASSOLUTO POTERE DI CUI DISPONGONO GRAZIE ALLA MAGGIORANZA IN PARLAMENTO.....
..e NOI cittadini abbiamo perso il SUO CONTROLLO!!

QUESTO GOVERNO STA ELABORANDO LEGGI A SOLO SUO VANTAGGIO CHE NON FA CHE DISTRUGGERE LA DEMOCRAZIA E L'ONESTA' CHE TUTTI VORREMMO!!!

IL BELLO E CHE... NON POSSIAMO FERMARLO!!!
E... STA LAVORANDO PER ADDIRITTURA ESSERE RIELETTO!!!! (ponte di messina x comprare voti nel sud, legge proporzionale xchè li avvantaggia, legge su par condizio x fare una campagna elettorale MASSICCIA, Nuovi direttore di TG5,...ecc.)

POSSIAMO FERMARLO SOLO IN UN MODO:
SMETTIAMO DI GUARDARE LE RETI MEDIASET!!!!
E' L'UNICO MODO PER FERMARE QUESTO DIRETTORE. COLPIAMO I SUOI ESCLUSIVI INTERESSI.... E ABBANDONERA' I PROGETTI DI QUETE LEGGI SCANDALO.

BEPPE, ORGANIZZACI.
FISSIAMO UNA DATA, PROPAGANDIAMOLA CON SMS, E-MAIL, RADIO, GIRONALI (usa il fondo x il parlamento pulito),... PASSAPAROLA,...

E SMETTIAMO DI GUARDARE RETE4, MEDIASET, CANALECINQUE FINCHE' IL GOVERNO NON ABBANDONI CERTE LEGGI SCANDALOSE!


FABIO GASPARETTI 18.10.05 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, proviamo con un referendum abrogativo?
Ma se raccogliamo le firme ci vuole poi una bella campagna di sostegno all'iniziativa, perchè i media ignorerebbero completamente la proposta. è poco, lo so, penserò ad altro!

Luca B. 18.10.05 17:24| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori