Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Falluja, mon amour


Falluja.jpg
Foto: www.uruknet.info

L’Iraq è stato invaso dagli Stati Uniti e dai loro alleati perché accusato di nascondere armi di sterminio.
Le armi di distruzione di massa non sono state trovate.
Gli americani non si sono scoraggiati e hanno usato le loro.

A Falluja la popolazione civile è stata uccisa dal fosforo bianco che è come un napalm gentile. Non fa tutto il casino che abbiamo visto nei bombardamenti in Vietnam. Si diffonde nell’aria, brucia i tessuti umani e risparmia, per eventuale riuso, i vestiti.
Sembra inventato da uno stilista.

In un filmato di rainews24 si vedono scheletri ben vestiti e teschi di bambini.

La guerra è ormai sempre contro i civili.
Non esistono guerre giuste, così come non esistono schiavitù giuste, torture giuste, pene di morte giuste.
La guerra va abolita.

Saddam Hussein è sotto processo a Bagdad per delitti contro l’umanità e Bush è in libertà provvisoria nel suo ranch nel Texas.
Perché non processarli insieme?

Dopo Falluja il governo italiano deve ritirare le truppe.
Non diventiamo complici.
Il filmato lo stanno vedendo tutti in Medio Oriente.
Non esponiamo i nostri ragazzi a possibili rappresaglie o qualcuno li avrà sulla coscienza.

Via dall’Iraq, subito.


Ps: Oggi alle 17 parteciperò a Roma alla presentazione del libro. “Sozaboy” di Ken Saro Wiwa all'Officina Arte al Borghetto in Piazza della Marina, e questa sera incontrerò gli amici del Meet Up di Roma.

10 Nov 2005, 14:26 | Scrivi | Commenti (2289) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Caro Beppe ho visto un filmato di un ora su Fallujia e sulla guerra in Iraq di testimonianze di soldati ormai in congedo affermare che nella città c è stato un massacro nazista...vedendo alcune immagini la città sembrava Varsavia 1945 rasa al suolo dalle SS un altro esempio Dresda 1945 dagli alleati. nn morivano cosi tanti civili dalla battaglia di Berlino nella fase finale della seconda guerra mondiale e i centinaia di abusi che i soldati anno compiuto a danni degli iracheni sono disumani io penso che la guerra vada fatta solo nei videogiochi almeno nn si fa male e almeno li se fai cazzate o perdi o ammazzi innocenti puoi sempre ritentare

Fabien V. Commentatore certificato 03.01.08 02:05| 
 |
Rispondi al commento

Falluja,la guerra e un mostro chiamato UOMO.

http://www.youtube.com/watch?v=JHJ5s3GCpEU


Sull'avvenuta esecuzione di SADDAM HUSSEIN

Cagliari 30.12.06

Spiacentissimo di non concordare con la generalità dei commenti che sento. Anch'io sono contro la pena a pena di morte, in generale, ma solo perché sarebbe applicata con sentenze e carte giudiziarie, che spesso chi ha potere di scambio può acquistare con la facilità con cui si beve un caffè.

Ma quando è certissimo il reato gravissimo (stragi, pedofilia, riduzione in schiavitù, sequestro di persona, costrizione alla prostituzione,ecc.), la pena di morte mi sembra la pena minima.
Grazie per l'ospitalità.
Gian Paolo Porcu
posta@gianpaoloporcu.com

Gian Paolo PORCU 30.12.06 12:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PARTE IV - Il tribunale iracheno, ovviamente risentito per aver perso le proprie famiglie a causa dell'imputato (ma allo stesso tempo esistente solo grazie al volere di W Bush) ragiona così: TU SEI NATO CANNIBALE, PERCIO' TI CONDANNIAMO PER LA TUA NATURA E TI MANGIAMO AFFINCHE’ TU IMPARI! L'ex despota afferma di confidare nel potere del Corano e, i suoi inquisitori, che sono gli unici rimasti intorno a lui, non sanno più se giudicarlo un esempio estremo d’ipocrisia o d’arteriosclerosi. La pena capitale non si è rivelata un deterrente efficace per il crimine: colpisce maggiormente gente disagiata, è affibbiata nel momento in cui ti aumenta il QI (nel caso era basso quando hai commesso il crimine) o ad individui scoperti innocenti in seguito all'esecuzione. Demagoghi nel mondo continuano ad agire indisturbati in maniera peggiore di come ha agito l'ex rais, cui resta solo di sperimentare, prima dell'impiccagione, se Victor Hugo sia stato un efficace descrittore delle ultime giornate di vita di un condannato a morte. Se il processo si fosse svolto in Italia, avrebbe usufruito di qualche indulto; poi in carcere avrebbe vissuto (tra virgolette) a spese dei contribuenti e si sarebbe avvalso di qualche ora d’aria per fare due chiacchiere con i suoi allievi Riina, Provenzano, Bilancia, Do Nashimiento, ecc... Se la guerra l'avesse vinta lui, sul patibolo sarebbe salito qualche altro... Ma non è Saddam Hussein quello nato nel Texas: lì un bambino delle praterie ha una speranza in più per diventare, da grande, un cowboy piuttosto che un indiano...

Guido Martini 27.12.06 23:07| 
 |
Rispondi al commento

PARTE III - Per via del litigio tra le due parti godono le lobby delle armi, anche se ci vanno di mezzo civili iracheni (e i loro discendenti scampati alla morte si chiedono ancora quale dei due “dittatori” sia stato più temibile) oltre a soldati appartenenti alle varie patrie cui il petrolio fa comodo. Fioccano parodie cinematografiche contro il nemico semi-sconfitto. Gli intenti del dittatore dell’Iraq sembrano sbolliti; ciò da all'establishment americano la giustificazione per non coglierlo in flagrante durante il suo regno del terrore... A distanza di pochi anni il capo di stato dell'Iraq ci ritenta; perciò anche il successore di Bush padre, tale Bill Clinton, “da buon democratico” fa riprendere seduta stante i bombardamenti. Infine a capo degli States arriva il turno del figlio di Bush (individuo che nega le grazie giurando sulla Bibbia): costui accusa, senza prove certe, il nemico mediorientale di essere in possesso d’armi per la distruzione di massa. Non c'è due senza tre! Finalmente si mette a segno il colpo di grazia militare alla nazione irachena. Altri morti da ambedue i lati, per gli USA prevalentemente giovani soldati di colore; ma almeno Bush figlio ha vendicato le rogne che Saddam ha dato al papà! Povero e ammalato, Hussein fugge dal suo lussuoso bunker e si nasconde in una fossa. Lì esamina la linea di comportamento con cui è cresciuto, formulando la domanda che Bush jr. si era posto nell’istante in cui il loro amico Osama era riuscito a bombardare per la prima volta New York: “Dove ho sbagliato?” I marines lo acciuffano nel suo nuovo covo, garantendo a Bush II una rielezione e lo portano nella patria avversaria come un trofeo di caccia. Ciò che ha commesso in vita consentirebbe malapena un processo a Baghdad. Saddam pensa: “Io giustiziavo anche blasfemi e sodomiti; ma chi si dichiara mio avversario deve agire in maniera diametralmente opposta...” Non va così.

Guido Martini 27.12.06 22:59| 
 |
Rispondi al commento

PARTE II - Infine tenta l’invasione di un territorio ricco di petrolio come il Kuwait. Purtroppo per lui, il Kuwait fa gola anche alle multinazionali dello smog, perciò diventa acerrimo nemico del loro rappresentante, il presidente USA George Bush I, che lo priva degli appoggi economici occidentali e gli dichiara guerra. Gli americani possono inviare in Medio Oriente un esercito internazionale e missili arricchiti d'uranio. Il rais iracheno allo stato avversario non può inviare nemmeno una cartolina; tuttavia promette loro "... un nuovo Vietnam". I media osservano prima lo scenario statunitense, ove la maggioranza silenziosa occulta lo squallore dietro una patina di benessere, le donne possono mettere alla berlina i vizi sessuali del premier e rimanere (ubriache) a ballare (non solo la danza del ventre) fino a notte fonda. Poi osservano lo scenario iracheno (solo tramite la CNN), che rispecchia diametralmente l'opposto ossia l’infanzia di Saddam, ove sei fortunato se non soffri la fame o ti trovi nella traiettoria di un’arma qualsiasi (sia di giorno sia di notte). Responso mondiale? SADDAM HUSSEIN E’ UN POVERO PAZZO, GEORGE BUSH INVECE E’ RICCO! Fino a quel momento, comunque, nessuno era interssato alle famiglie che il governo del rais aveva danneggiato...

Guido Martini 27.12.06 22:56| 
 |
Rispondi al commento

PARTE I. Saddam Hussein al Majid Al Takriti nasce nell'inospitale villaggio di Al Ouja, dove uccidere più di una persona è considerato un segno di coraggio. Passa la sua infanzia allevato da un patrigno malavitoso, che lo bastona chiamandolo "Figlio di puttana!" e lo sottopone ai lavori più lancinanti. A 10 anni fugge da casa e si rifugia dallo zio materno, l'ex generale Khairallah Tulfah, un rozzo e fanatico simpatizzante di Hitler. Quest'ultimo lo instrada alla scuola e all'omicidio. Le mattinate scolastiche di Saddam si susseguono tra merendine dei compagni schiacciate sotto le scarpe, animali martorizzati con una spranga bollente e serpi infilate tra le vesti dei dottori del Corano. Ma in quel paese questo tipo di atteggiamento gli procura un carisma che, col passare degli anni, lo avrebbe reso uno statista coi fiocchi: tra tentativi di golpe, omicidi e torture agli avversari egli arriva a capo della sua nazione, tracciando nel corso degli anni un fiume di sangue che non risparmia nemmeno sua moglie e i suoi figli. Poi si erige a conquistatore e avvia una guerra prima con l’Iran di Khomeini.

Guido Martini 05.11.06 19:36| 
 |
Rispondi al commento

La guerra civile in Iraq: dopo i medicinali, anche la democrazia la si esporta già scaduta...
Pace...:(

Leonardo Gasparini 27.02.06 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Aggressioni a Stati sovrani a scopo di rapina delle fonto energetiche, violenze sui bambini, bombe al fosforo, rivolte spaventose nel mondo musulmano, tortute medioevali inflitte agli iracheni anche dagli italiani umanitari...
Quando ci penso, tremo. Che accadrà tra un anno o un mese o addirittura una settimana?
Quello che mi spaventa di più e nel contempo mi lascia attonito è però la constatazione che a nessuno importa più niente di niente, nessuno si indigna, nessuno protesta, a tutti i livelli.
Ci siamo già assuefatti all'idea di tornare all'età della pietra?

Alessandro Capece Commentatore in marcia al V2day 23.02.06 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Dossier tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.

Dossier Guerra
Analisi a dieci anni dal genocidio che decimò un intero popolo
Rwanda: cronaca di un massacro annunciato

Una strage vergognosa il cui sangue ancora gocciola dalle coscienze di parte della comunità internazionale. L’ONU sapeva, gli Usa vietarono di parlare di genocidio e la Francia addirittura fiancheggiò gli autori dell’eccidio, mentre l’Italia non mosse un dito per evitarlo


di Giuseppe Campodonico

1994: un futuro ipotetico di George Orwell, un passato scomodo per molti; per gli italiani il 1994 può essere ricordato per tre eventi importanti: l’eroico o scriteriato (scegliete voi l’aggettivo) ingresso di Silvio Berlusconi in politica, l’alluvione in Piemonte ed i mondiali di calcio perduti dalla nostra nazionale ai calci di rigore contro il Brasile.
Eppure in una piccola nazione, il Rwanda, nel bel mezzo del continente africano, veniva perpetrato un genocidio di proporzioni nettamente superiori a quelle dell’olocausto nazista.

LA STORIA

La storia del Rwanda si divide in tre periodi ben distinti: il periodo pre-coloniale, la colonizzazione ed infine il periodo indipendente; nel periodo pre-coloniale la differenza tra tutsi e hutu era di clan o di stato sociale (il tutsi solitamente era ricco perché possedeva più di dieci mucche). Dopo la colonizzazione tedesca ed in seguito belga, la distinzione tra le due etnie fu fatta al fine di gerarchizzare i ruoli: il bianco domina i tutsi che a loro volta dominano gli hutu. Ai governatori belgi si deve la “stupenda invenzione” della creazione di una carta di identità etnica. Dal principio i colonizzatori e la Chiesa si poggiavano ai tutsi fino a che questi ultimi non iniziarono a chiedere l’indipendenza. A quel punto le alleanze, si rovesciarono di colpo e gli hutu divennero i protetti; questi, <<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/dossier_rwanda.htm

Dario Domenici 04.02.06 10:13| 
 |
Rispondi al commento

post 15 (ultimo)
Gli ingegneri specialisti dei vigili del fuoco Usa hanno denunciato il fatto che nella storia delle investigazioni sulle cause degli incendi e dei crolli degli edifici mai così rapidamente sono state rimosse le macerie ed ogni altra evidenza utile per le indagini ancora in corso ( Fire Engeneering Magazine).
Caso antrace: alla fine si è scoperto che proveniva dai laboratori delle forze armate. Le lettere all'antrace furono inviate a giornalisti ed a senatori democratici: per allineare i primi, e per "convincere" i secondi dell'opportunità di una approvazione celere della legge antiterrorismo "US Patriot Act", come poi è stato.

Conclusioni.
Ci stanno prendendo tutti in giro, e l’ignoranza (nel senso letterale della parola) dell’uomo medio gli sta dando una mano.
Ci troviamo di fronte ad un momento di crisi storica, e di potenziale catarsi, del sistema economico-militare statunitense ed occidentale in generale, che ha dominato il mondo dal dopoguerra ad oggi, è in crisi il suo sistema economico incapace di sostenere un livello di consumi e un conseguente livello di debiti che è stratosferico, al di sopra delle proprie possibilità.
Gli Stati Uniti e, in cascata, gli altri paesi occidentali, si sono ripiegati in uno sfrenato consumismo edonistico, per sostenere il quale hanno dovuto instaurare una egemonia militare mondiale per garantirsi il controllo di tutte le necessarie risorse naturali e finanziarie.
Se Bush si guarda allo specchio vede il volto di Usama Bin Laden: il terrorismo è endogeno e funzionale ad un capitalismo senza senso, senza un "dove" andare; e i fondamentalismi ed integralismi di origine religiosa ne sono lo specchio, il contraltare, solo ed esclusivamente l'"ombra".
The Matrix è già qui, e il nostro caro president si vanta di esser tra i collaboratori più leali di questa gente, complimenti, io non mi sono mai vantato di aver una merda in mano…non stupiamoci allora o almeno informiamoci prima.
Le fonti: semplice! Il WWW!

Luca Assirelli 31.01.06 15:10| 
 |
Rispondi al commento

post 14

COPERTURE E DEPISTAGGI
Bush e il suo vice Cheney ripetutamente hanno richiesto ai membri del Congresso di non indagare in merito agli attentati del 11/09.
I servizi di sicurezza nonostante la dimostrata grave incapacità a proteggere lo spazio aereo nazionale, non hanno subito alcun provvedimento disciplinare, anzi , si sono visti quasi raddoppiare il budget e gli stipendi.

John O'Neill, vice-direttore FBI fino al luglio 2001, si dimise in segno di protesta a causa degli insabbiamenti e dei bastoni tra le ruote da parte del Dipartimento di Stato Usa alle sue indagini sulla pista Saudita dei finanziamenti della rete di Al Qaeda.

L'FBI rigettò richieste di approfondimento delle indagini su Moussaoui , il presunto 20° dirottatore, presentate da agenti di Minneapolis, dopo la sua cattura ad agosto, nonostante già segnalato dai servizi di sicurezza francesi quale persona collegata ad Al Qaeda.
Omissione dalla lista nera delle banche sospette di finanziamenti ad Al Qaeda dfi due banche kuwaitiane, connesse con la società Harken Energy, implicata in scandali di insider trading ed altro, in cui operò Bush.

Da parte dei media non è mai stato evidenziato il fatto notevole che la famiglia Bin Laden e la famiglia Bush siano rimaste a lungo strette in affari; basti pensare al colossale business delle commesse militari della società Carlyle Group, di cui sono state per anni azionisti di maggioranza.

Usama Bin Laden ricevette una visita da un ufficiale della Cia mentre era ospite dell'ospedale americano di Dubai, lo scorso luglio. Vari testimoni tra il personale ospedaliero. Presunte chiamate dai cellulari dei passeggeri dirottati, riportate dall' FBI e diffuse dai media, in realtà non risultano dai tabulati delle società telefoniche.

Luca Assirelli 31.01.06 15:07| 
 |
Rispondi al commento

post 13

IL CROLLO DELLE TORRI
Le torri gemelle non sono crollate, per effetto dell'impatti degli aerei e per la fusione delle travi di acciaio, ma sono implose per effetto di cariche esplosive, esattamente come accade nelle demolizioni controllate.

Era necessario ottenere il crollo totale delle torri simbolo degli States per ottenere un massimo devastante effetto psicologico, cosa che il solo impatto degli aerei dirottati non avrebbe potuto provocare.

A tal proposito risultano lapidarie le parole di Van Romero, uno dei massimi esperti in materia, vice-presidente del New Mexico Tech Institute, già direttore del "Energetic Materials Research and Testing Center" che studia gli effetti delle esplosioni su edifici, parole pronunciate poche ore dopo gli attentati :" La mia opinione è che dopo l'impatto degli aerei con le torri ci sono state alcune cariche esplosive piazzate all'interno degli edifici che hanno provocato il collasso delle torri".

Non regge la versione ufficiale secondo la quale sarebbe stato il combustibile degli aerei che bruciando avrebbe indebolito le travi di acciaio fino alla fusione ed al cedimento strutturale.
Il combustibile, data la sua volatilità, è bruciato totalmente al momento dell'esplosione dell'aereo, all'esterno. Dentro gli edifici, poi, c'era comunque troppo fumo e troppo poco ossigeno per alimentare la combustione degli arredi e di quant'altro fino alla temperatura di fusione dell'acciaio (1538°), per non parlare dei potenti sistemi antincendio in azione.

Se l'acciaio si fosse veramente fuso, le colonne si sarebbero piegate , distorte , a cominciare dal lato della torre colpito, ma non spezzate; e non si sarebbero frantumate nel modo in cui si è visto.

Luca Assirelli 31.01.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

post 12

ATTACCO AI DIRITTI FONDAMENTALI
La guerra al terrorismo si è tradotta internamente agli Usa in un violento attacco ai diritti costituzionali.

L'US Patriot Act emanato all'indomani degli attentati prevede la detenzione indefinita dei non cittadini, la facoltà del governo di condurre perquisizioni segrete, la concessione al Segretario di Stato e al Ministro di Giustizia il potere di definire determinati gruppi quali organizzazioni terroristiche, il potere alle agenzie di sicurezza di indagini finanziarie, senza essere posti sotto inchiesta, e di sorveglianza e controllo delle comunicazioni telefoniche e via internet.
Inoltre è passato un decreto firmato da Bush che consente di processare i presunti terroristi in tribunali militari, con l'obbligo della presenza di agenti FBI durante i colloqui tra condannati per terrorismo e legali.

Fondamentalmente c'è una violazione del principio di separazione tra potere esecutivo e potere giudiziario: uno stato di polizia.

A livello sopranazionale, si va verso una militarizzazione dei rapporti tra gli stati nazionali, con una negazione dello "stato di diritto internazionale" attraverso una successiva delegittimazione delle istituzioni che lo rappresentano: l'ONU, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Corte internazionale, ecc. Washington ha rifiutato di considerare qualsiasi soluzione diplomatica, secondo quanto previsto dal diritto e dagli accordi internazionali , e comunque di assoggettare ogni azione militare al Consiglio di Sicurezza dell'Onu.
Da un punto di vista giuridico questa "guerra al terrorismo" è illegale ; è una flagrante violazione della Carta delle Nazioni Unite; paradossalmente condotta dall'unico paese ad oggi condannato dalla Corte di Giustizia Internazionale per terrorismo ( la guerra in Nicaragua, 50.000 morti), gli Stati Uniti!

Luca Assirelli 31.01.06 14:59| 
 |
Rispondi al commento

post 11

LA PROPAGANDA
La politica statunitense passa interamente attraverso la televisione e in seconda battuta i giornali. Tutti i mezzi di comunicazione sono stati controllati, dall' 11 settembre in poi, secondo i principi e le regole di una vera e propria propaganda di guerra: - identificazione di una Giusta Causa - slogan : la "guerra al terrorismo"; - demonizzazione del Nemico: Bin Laden e Al-Qaeda; ma anche Iraq-Iran-Sud Corea "l'asse del Male"; - spettacolarizzazione della guerra, da presentare come un pulito video-game; - non far vedere mai gli effetti delle proprie azioni di guerra sulle popolazioni civili "nemiche", sempre da minimizzare (gli effetti collaterali); - accusare di collaborazionismo con il nemico che obietta qualcosa : chi non è con noi, è un amico dei terroristi.
IL RUOLO DI USAMA BIN LADEN
Faceva parte del piano l'opera di demonizzazione del nemico impersonato in Usama Bin Laden, come pure il silenzio sulla storia di quest'uomo che, al contrario, è un "amico", a tutti gli effetti una vera e propria "creazione" della Cia, elemento chiave funzionale alla strategia militare Usa in Asia medio-orientale.

Il suo ruolo è stato quello di catalizzatore degli elementi estremisti del fondamentalismo islamico, per poi impiegare tali forze nelle guerre (pro-Usa) in Afghanistan, Cecenia e Kossovo in nome della jihad, e con i soldi, armi e addestramento forniti dalla Cia e dall'Isi pakistana, lontano dai paesi d'origine (soprattutto Egitto, Kuwait e Arabia Saudita) dal regime filo-statunitense. Non è del tutto chiaro quale sia, invece, il tornaconto di Usama.
Suo intento è evidentemente quello di ergersi a paladino indiscusso della Jihad islamica in tutto il mondo arabo, e la politica della tensione giocherebbe in questo senso a suo favore.

Luca Assirelli 31.01.06 14:56| 
 |
Rispondi al commento

post 10

Le masse sotto shock sono facilmente manipolabili, poichè un forte impatto emotivo, come sapevano bene Hitler e Goebbels, in grado di far scattare i meccanismi mentali che regolano l'istinto, la rabbia, l'aggressività, la vendicatività, rende cieca l'opinione pubblica ad ogni discorso razionale; e la paura rende più succubi nei confronti delle autorità (il governo, i servizi di sicurezza, le forze armate), alle quali ci si affida totalmente.
IL DIROTTAMENTO GUIDATO DA REMOTO
L'ipotesi che appare più convincente, nel contesto dei fatti noti e degli elementi raccolti, è quella secondo cui il dirottamento sia avvenuto senza (!) la presenza di piloti-dirottatori suicida. Fin dagli anni '70 partì negli Usa un progetto, il DARPA, col fine di rendere possibile un controllo da remoto degli aerei civili per bloccare eventuali dirottamenti da parte di terroristi

Il sistema, noto anche come "Home Run", consente di conseguire un assoluto controllo remoto del sistema computerizzato di bordo, e di guidare da remoto inibendo i comandi della cabina di pilotaggio. Si tratta di collaudata tecnologia militare. Il trasponder, che con la sua frequenza serve per l'identificazione dell'aereo e per la comunicazione con la torre di controllo, viene "catturato" da remoto e inibito a bordo.
Questo fatto spiega esattamente i vari problemi incontrati dalle torri di controllo nel seguire e comunicare con i 4 aerei dirottati. Si aggiunge poi l'ipotesi, supportata da immagini e testimonianze, che i 4 aerei sarebbero stati affiancati, invisibili ai radar, da 4 velivoli militari pronti ad abbatterli in caso di problemi.

E l'abbattimento dell'aereo in Pennsylvania si spiegherebbe col fatto che i piloti sarebbero riusciti a riguadagnare il controllo del mezzo: testimoni da eliminare perché avrebbero poi smascherato l'uso di Home Run.

Luca Assirelli 31.01.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento

post 9

Ora, lo stato di guerra ha permesso un colossale programma mirante a rivitalizzare l'economia Usa, con grosse iniezioni di denaro pubblico, finanziamenti, contratti e sgravi fiscali alle imprese: 48 miliardi di dollari in più per il budget della Difesa, 18 miliardi di dollari in più al Servizi di Sicurezza (CIA, FBI, ecc.).
Ma una guerra ai Talebani, ai fini del controllo delle risorse del Mar Caspio, non era sufficiente a giustificare di fronte all'opinione pubblica americana quel colossale piano di rilancio economico-bellico; ci voleva uno stato di guerra di lungo periodo, allargato contro più nemici in tutto il mondo: l'asse del Male.

D'altra parte, il combustibile che ha sempre alimentato l'economia Usa è il flusso di capitali che vi vengono investiti dal resto del mondo, in quanto sostenuta dal ruolo di potenza globale, garantito dalla supremazia militare. Caduto il muro di Berlino, bisognava riaffermare questa supremazia in modo forte, "inventandosi" un nuovo nemico, un nuovo Impero del Male.
IL PIANO
Il piano degli attentati, secondo l'ipotesi "complottistica" sarebbe quindi partito dai piani alti del potere economico e militare con l'intento di scatenare la guerra in Afghanistan e poi per estensione in vari altri paesi, e per poter instaurare uno stato di polizia sia internamente che a livello mondiale.

Fu deciso di colpire al cuore il popolo americano, nei suoi edifici-simbolo del proprio senso d'identità nazionale e della sicurezza, con duplice effetto: primo, con l'attribuzione degli attentati a Usama Bin Laden e Al-Qaeda la guerra in Afghanistan contro i terroristi risultava così più che sacrosanta e giustificata; secondo, veniva provocato un trauma emotivo generale terribile.

Luca Assirelli 31.01.06 14:49| 
 |
Rispondi al commento

post 8

IL CONTROLLO STRATEGICO DELLE RISORSE IN EURASIA
Dalla "Guida per la Pianificazione della Difesa per gli anni 1994-1999" Usa :"Dobbiamo operare per impedire che qualsiasi potenza ostile domini una regione le cui risorse (petrolio, gas) sarebbero sufficienti, se controllate strettamente, a generare una potenza globale.

Queste regioni comprendono il territorio dell' ex Unione Sovietica e l'Asia sud-occidentale . Si tratta quindi di controllare non solo le ex-repubbliche sovietiche, Uzbekistan, Tagikistan, Kazakistan, ecc., ma anche l'Afghanistan, unico corridoio possibile per gli oleodotti e gasdotti verso sud, escluse ovviamente per ragioni politiche le vie a nord (Russia) e ovest (Iran), e la via ad est (Cina) perché troppo lunga e quindi costosa.

Per destabilizzare la regione, indebolire e frantumare Russia ed ex-repubbliche sovietiche, gli Usa ingaggiarono i Talebani, secondo un piano elaborato dall'allora capo Della Sicurezza Nazionale statunitense Zbigniew Brzezinski: "la trappola afghana", in chiave anti-sovietica. Con l'appoggio dell' Intelligence militare pakistana ISI e, ovviamente, la CIA, sono stati spesi cumulativamente circa 6 miliardi di dollari per addestramento ed armamenti; nel 2001 ancora altri 124 milioni di dollari.
LA CRISI ECONOMICA E L'ECONOMIA DI GUERRA
L'economia Usa è entrata già da tempo in una profonda crisi; c'è chi sostiene sull'orlo di una grave recessione come quella del 1929: disoccupazione, fallimenti societari, investimenti fermi, raffica di diminuzioni dei tassi di sconto a vuoto. In più un debito di 18.000 miliardi di dollari (il doppio del pil).

La ricchezza generata dalla new-economy degli anni '90 è un enorme castello di carta, il quale si regge su di un pericoloso scollamento tra la crescita dell'economia reale e la crescita finanziaria. Questa crisi nasce dal fatto che il sistema economico capitalistico americano non è più capace di riprodursi.

Luca Assirelli 31.01.06 14:45| 
 |
Rispondi al commento

post 7

Un tesoro immenso che ha solo un handicap: la distanza dai mercati. A partire dal '94 la società petrolifera Unocal Corp. elaborò un progetto per lo sfruttamento di quelle risorse, che il vice-presidente John Maresca presentò ad un comitato del Congresso Usa nel '98 : " Noi dell' Unocal - afferma Maresca - riteniamo che il fattore centrale nella progettazione di questi oleodotti dovrebbe essere la posizione dei futuri mercati energetici che verosimilmente assorbiranno questa nuova produzione". L'India e, sopratutto, la Cina.
"La costruzione dell' oleodotto attraverso l'Afghanistan, unico itinerario possibile, che abbiamo proposto non potrà cominciare finché non si sarà insediato un governo riconosciuto che goda della fiducia dei governi, dei finanziatori e della nostra compagnia".

In più c'era anche un progetto per un gasdotto che, attraversando Afghanistan e Pakistan, si dovrebbe allacciare alla rete di distribuzione del gas in India. (E' a tal riguardo che il governo Bush promise in estate 2001qualcosa alla Enron ?) Quando nel '96 i Talebani presero Kabul, subito i loro capi volarono in Texas dall'allora governatore Bush, dove incontrarono i dirigenti della Unocal per parlare di oleodotti.

Le trattative però si interruppero nel luglio 2001 nel corso di un incontro allargato alla fine del quale l'ambasciatore americano Thomas Simons avrebbe detto, secondo l'ex ministro degli esteri del Pakistan Naif Naik lì tra i presenti, : "o accettate la nostra offerta di un tappeto d'oro, o sarete sepolti da un tappeto di bombe". Ora il presidente nominato per il governo provvisorio afghano indovina chi è? Hamid Karzai, per anni consulente dell'Unocal.

Luca Assirelli 31.01.06 14:40| 
 |
Rispondi al commento

post 6

). Un lasciare uccidere propri connazionali, come a Pearl Harbor, allorchè il grande Roosevelt vietò di avvertire la base dell'imminente attacco giapponese, che così riuscì in pieno (e facendo 2600 morti, come nelle Torri Gemelle). Questa tesi prende le mosse da un esame degli interessi in gioco.

Ora, la domanda "a chi giova?" , la classica questione forense che si pone di fronte ad un crimine, nella fattispecie gli attentati dell'11/09 attribuiti a terroristi di base in Afghanistan, punta chiaramente nella direzione dell'amministrazione Bush e dei poteri economici e militari che rappresenta.

Questa squadra di governo risulta composta da persone provenienti dalle file dei grandi petrolieri e dei magnati dell'industria bellica: Cheney , Ashcroft, Rumsfeld All'indomani delle elezioni vinte da Bush, vari commentatori politici dichiararono: con questo governo non possiamo che andare incontro ad una "guerra per il petrolio".
Il governo Bush aveva un enorme, disperato interesse a poter condurre una guerra per il controllo dell' Afghanistan per molteplici motivi, ciascuno dei quali da solo quasi sufficiente a giustificarla. Un motivo economico: il controllo economico, con relativo business, del petrolio e del gas della zona del Mar Caspio; ed in più, a braccetto, il business delle commesse belliche per milioni-miliardi di dollari.

Un motivo geo-politico: il controllo strategico dell' Eurasia. Un motivo di politica macroeconomica: una economia di guerra per fronteggiare la recessione economica. Esaminiamo allora i suindicati motivi che starebbero alla base del "complotto", e poi come questo piano sia stato impostato.
IL QUADRO ECONOMICO-POLITICO IL PETROLIO DEL MAR CASPIO
Per dare solo un'idea della proporzione della posta in gioco, basta ricordare che la stima delle riserve del Caspio è di circa 263mila miliardi di piedi cubici di gas naturale e di 60 miliardi di barili di petrolio, pari al 65% delle riserve mondiali.

Luca Assirelli 31.01.06 14:37| 
 |
Rispondi al commento

post 5

Secondo l'FBI questa organizzazione terroristica che avrebbe pianificato e condotto l'attentato dell' 11/09 in modo riconosciuto così perfetto avrebbe però lasciato tracce dietro di se "come una mandria di elefanti in fuga" (come ha detto l'ex-ministro tedesco Von Buelow): avrebbero effettuato pagamenti con credit cards con il loro proprio nome; avrebbero indicato il loro vero nome ai loro istruttori di volo ; avrebbero abbandonato auto prese in affitto con dentro manuali di volo in arabo, per un' ultima ripassatina, e con lettere d'addio compromettenti contenute dentro valigie non caricate sull'aereo: avrebbero cioè fatto di tutto per far saltare il piano e farsi smascherare: peggio di sbadati dilettanti.

Non quadra. Siamo sicuri che l'FBI stia seguendo la pista giusta? Qui c'è puzza di depistaggio.
CUI PRODEST? LA TESI COMPLOTTISTICA
Se la versione ufficiale è quindi da ritenersi palesemente insostenibile, se non falsa ed in odore di evidente depistaggio, al contrario col passare del tempo sta acquisendo sempre più fondamento e verosimiglianza, per quanto sia inquietante, la cosiddetta "tesi complottistica".

Secondo tale tesi, il piano degli attentati dell' 11 settembre sarebbe stato ordito da parte dei massimi poteri economici e militari Usa, cioè i plutocrati i cui interessi sono rappresentati dal governo Bush, quale colossale quanto disperato tentativo per salvare un sistema di potere in crisi che iniziava già da qualche tempo a scricchiolare: un sistema economico che starebbe per implodere e una supremazia militare, in crisi d'identità dopo la caduta del muro di Berlino, da riaffermare a livello mondiale contro un nuovo Impero del Male.
Un complotto interno, come l'Operazione Northwoods del '62, allorchè alti ufficiali militari Usa pianificarono atti terroristici contro civili americani, per incolpare i cubani e giustificare la guerra (mesi dopo J.F.Kennedy fu ucciso dalla Cia per radicali dissidi su quella vicenda).

Luca Assirelli 31.01.06 14:33| 
 |
Rispondi al commento

post 4

Come terroristi sono un vero disastro, fino ad ora del tutto inconcludenti. Così come non quadra il fatto che sia mancato del tutto un elemento essenziale dell'atto terroristico: la rivendicazione.
Anzi, Usama Bin Laden, l'additato colpevole, si è premurato il giorno dopo di precisare che non fosse opera sua; memore evidentemente di quando, nel '95, in seguito all'attentato contro Hosni Mubarak ad Addis Abeba, Usama, immediatamente indicato da Clinton come mandante, non smentì; dopo ci fu la rivendicazione da parte del gruppo terroristico egiziano Gama al-Islamija, cosicché Usama fece la figura del millantatore, cosa assai grave nel mondo arabo-yemenita, da non permettersi di ripetere.
24 ore dopo gli attentati l'FBI ha presentato la lista di 19 attentatori . Dopo 10 giorni è emerso il fatto che 7 di questi in realtà sono vivi. I vertici dell'FBI non sono mai stati chiamati in causa dal governo per spiegare questa contraddizione.
L'FBI ha dichiarato di aver rinvenuto il passaporto di uno degli attentatori nella zona delle torri. Miracolosamente intatto, fuoriuscito dalla tasca del proprietario e scampato all'esplosione dell'aereo, per poi atterrare sulle macerie. Assurdo.
E chi sarebbe il pilota suicida dell'aereo schiantato contro il Pentagono, che avrebbe effettuato una operazione di volo (virata e volo radente) giudicata unanimemente come opera di un più che navigato pilota di jet ? E' stato identificato in Hani Hanjour, che però la scorsa estate risulta esser stato valutato dal suo istruttore di volo, Marcel Bernard, come incapace a guidare da solo anche un piccolo velivolo.

Luca Assirelli 31.01.06 14:28| 
 |
Rispondi al commento

post 3

Non è vero che non hanno potuto intervenire in tempo: non lo hanno semplicemente voluto.
I PRESUNTI ATTENTATORI
Chi avrebbe effettuato quella che secondo tutti gli esperti di servizi di sicurezza del mondo e secondo tutti i più esperti piloti interpellati è stata un'operazione di terrorismo aereo straordinaria , che per organizzazione, precisione nei tempi e nel raggiungimento degli obiettivi deve aver richiesto una preparazione complessa portata avanti per più anni, da molte persone sul territorio Usa?

L'FBI, senza l'evidenza di alcuna prova, ha individuato questa organizzazione così perfetta in Al-Qaeda, con centro di pianificazione degli attentati in Afghanistan; una rete di guerriglieri, soprattutto sauditi ed egiziani, inizialmente assoldati da Usama Bin Laden tra i reduci della guerra ai russi in Afghanistan, i quali lautamente pagati ed in nome della jihad islamica sono stati impiegati negli ultimi anni , in combutta con la Cia, a sostegno dei ribelli ceceni, dei Talebani, in Kossovo. A sentire i continui allarmanti comunicati dell'FBI, Al-Qaeda avrebbe una capillarità su scala mondiale, con migliaia di terroristi che pianificano micidiali attentati di ogni tipo.
Ma se guardiamo ai fatti, questa multinazionale del terrore si è dimostrata in realtà sino ad oggi ben poca cosa, nonostante i proclami di guerra santa ai Crociati d'occidente ed ad Israele. Leggendo la "Cronologia degli atti terroristici significativi, 1961-2001" del Dipartimento di Stato Usa, troviamo che nei 27 episodi principali di terrorismo nel mondo degli ultimi tre anni, solo in uno è citata Al-Qaeda, in Yemen, e solo come sospetto.

Non solo; ogni loro trama (aquisizione di nuove armi biologiche , atomiche, ecc) o progetto terroristico sistematicamente verrebbe smascherato, grazie a dovizie di documenti, agende, video e tracce varie sempre incautamente e maldestramente lasciate sparse qua e la. In Afghanistan mai un contrattacco, sempre in fuga.

Luca Assirelli 31.01.06 14:24| 
 |
Rispondi al commento

post 2

Trattasi di operazione speculativa di chi scommette su di un forte ribasso delle quotazioni in borsa delle società in questione.

Un'operazione del 600% oltre il normale. E i servizi CIA e FBI monitorano costantemente queste operazioni sospette di insider trading circa imminenti attentati aerei, con il sw Promise. I 2.5 milioni di dollari dell'operazione non risultano più incassati.

Solo un morto israeliano tra le vittime dell'attentato del 11/09 alle torri gemelle, tra gli oltre 4000 abitualmente presenti: è più che fondato il sospetto che siano stati informati in tempo da qualcuno che sapeva, cioè la Mossad , i servizi segreti israeliani.
LA COLPEVOLE IMMOBILITA' DELLE FORZE DI SICUREZZA AEREA
La versione ufficiale sostiene che le forze aeree si sono rese conto del pericolo quando ormai era troppo tardi: è falso. Secondo le procedure (NORAD) di intercettazione in vigore, nel momento in cui le torri di controllo rilevano un aereo fuori rotta senza possibilità di comunicazione, vengono allertate le forze aeree militari affinchè queste raggiungano l'aereo in questione, verifichino il motivo del cambiamento di rotta (malfunzionamento, meteo, malore, dirottamento, ecc..) e infine intervengano per ripristinare la rotta se possibile, il tutto secondo codici ( di operazioni di volo) e procedure ben precise.

Nonostante la presenza di squadriglie di F-16 pronti al decollo in varie basi aeree a 10 - 20 minuti di volo dagli aerei dirottati, come ad esempio la base di Andrew a pochi chilometri dal Pentagono, bisogna aspettare 75 minuti, ormai troppo tardi, prima che la National Command Authority decida di far intervenire i jet F-16 della Air Force per l'intercettazione degli aerei dirottati. la suddetta procedura di intercettazione è stata tenuta bloccata per almeno 75 minuti, e solo un ordine dall'alto può bloccarla.
Fino al momento dell'intercettazione le autorità militari non potevano sapere se si trattava di dirottamento terroristico o altro.

Luca Assirelli 31.01.06 14:20| 
 |
Rispondi al commento

E questo è nulla....torri gemelle, un pò di tempo dopo...vogliamo veramente aver come esempio gli USA?

post 1

La versione ufficiale data dal Governo USA circa i terribili attentati dell' 11 Settembre, diffusa e amplificata dai media, presenta una serie impressionante di punti oscuri e di incongruenze.

I PREALLARMI
Secondo la versione ufficiale l'attentato terroristico con aerei dirottati, usati come bombe contro edifici in territorio Usa, ha colto impreparati i servizi di sicurezza (pagati circa 30 miliardi di dollari all'anno), che non potevano prevedere una cosa del genere, così assolutamente nuova.

E' falso: a Genova in preparazione del G8 l'ipotesi di attentati terroristici di quel tipo era stata attentamente considerata dai servizi di sicurezza Addirittura sin dai tempi della guerra fredda questo tipo di attacco terroristico era all'attenzione dei servizi di sicurezza Usa; ce ne parla ampiamente ad esempio il numero di novembre '94 di Time Magazine.

In realtà, i servizi di sicurezza Usa sono stati ripetutamente informati da diverse fonti circa l'imminenza di un attentato terroristico con dirottamento aereo avente per obiettivo edifici di interesse nazionale.
Ci sono state varie segnalazioni nel corso dell'anno a più riprese a tal riguardo da parte dei servizi segreti di Israele, Germania, Egitto e Russia. Il presidente russo Putin ordinò ai suoi servizi segreti di allertare gli Usa nel modo più forte e convincente possibile circa la realtà e imminenza di tale pericolo.

In agosto un istruttore di volo del Minnesota aveva avvertito l'FBI circa il suo sospetto che uno dei suoi allievi, Zacaria Moussaoui, preparasse un attentato utilizzando un aereo civile Boeing 747 pieno di carburante: Anche la polizia francese aveva segnalato all' FBI Moussaoui, quale persona collegata agli estremisti islamici di Al-Qaeda.
Migliaia di put stock options sono state acquistate su United Airlines e American Airlines, i cui aerei sono stati dirottati l'11/09.

Luca Assirelli 31.01.06 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Intervista tratta da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.

Parla Carlo Jean, ex consigliere militare del Presidente della Repubblica
"Il nostro Paese ha una propensione nazionale all'intervento"
L'Italia e la guerra, un rapporto sempre soffocato tra contorni incerti

di Patrizia Notarnicola

Bellum geritur acquiratur diceva Sant'Agostino. La guerra per ottenere la pace. E' quanto sostengono gli Stati Uniti e i loro paesi alleati per giustificare il nuovo intervento in Iraq. C'eravamo illusi che, dopo la guerra fredda, le leggi internazionali, gli accordi sugli armamenti, il mito della globalizzazione avessero scongiurato il pericolo di un conflitto mondiale. Ma le cose non stanno affatto così. Ne parliamo con Carlo Jean, dal '90 al '92 consigliere militare del Presidente della Repubblica, oggi docente di studi strategici alla Facoltà di Scienza Politiche della LUISS di Roma.

La globalizzazione favorisce le guerre?
Esistono diverse teorie fondate sulla convinzione che alla globalizzazione della economia, alla omogeneizzazione degli usi e costumi, alla omologazione portata dalle nuove tecnologie e dalla informazione, corrisponda, per reazione, un fenomeno inverso di carattere identitario. Gli individui hanno bisogno di nuove certezze in un mondo in movimento che muove verso orizzonti sconosciuti. Ecco perciò la riscoperta delle realtà locali che ha portato alla frammentazione degli stati più fragili. Alcuni si sono divisi al loro interno con un divorzio concordato e consensuale (pensiamo alla Cecoslovacchia o al Belgio). I fenomeni di carattere globale non hanno una legittimazione agli occhi della popolazione mondiale. Non esiste nessuna possibilità di governo mondiale, soprattutto nelle zone di frontiera, dove c'è spesso una spaccatura tra cultura, civilizzazioni, religioni differenti.
<<<<<< segue http://www.italymedia.it/interviste/attualita&cronaca/006.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Intervista tratta da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.


L'incontro di Italymedia con l'inquilino dell'Eliseo
Qualche mese prima del neocolonialismo americano
Così parlava il presidente francese Chirac in una nostra intervista di qualche tempo fa

di Feliciana di Spirito

Parigi. Il secolo è nato nelle prime ore di una giornata storica: l'11 settembre 2001. Nascendo è precipitato vertiginosamente in un'altra epoca: incerta, imprevedibile e fragile. Tutti parlano di solidarietà, ma ciò che è realmente cambiato, dopo questa data, è la presa di coscienza collettiva di una necessaria riflessione. Gli Stati Uniti e la Russia si avvicinano, la Cina entra in un gioco di alleanze, e l'Europa, in un mondo in ricostruzione, cerca di preservare la sua influenza strategica. La Francia occupa un ruolo di primissimo piano nello scenario politico internazionale.


Presidente, qual è il suo punto di vista?
Il tempo della decisione e dell'azione deve coincidere col tempo della riflessione. E' il momento d'interrogarsi e di trarre lezioni dagli eventi.

Di quali lezioni parla?
La prima di queste lezioni è la forza dell'unione e della fraternità nazionale: riconoscersi negli stessi valori, negli stessi ideali, amare la propria patria e soffrire nel vederla ferita, nutrire sentimenti forti che permettono di vivere meglio il presente e costruire meglio un avvenire comune. La seconda è la necessità di una reale solidarietà internazionale e di un dialogo intenso e vivo delle culture.

E come crede si possa realizzare tutto ciò?
Troppe sono le ingiustizie nel mondo. Troppi i contrasti tra i paesi ricchi, e sempre più ricchi, e i paesi poveri, e sempre più poveri."Troppi bambini, donne e uomini privi di tutto, dei beni materiali più elementari, ma anche di educazione e di accesso alle cure. <<<<< segue http://www.italymedia.it/interviste/attualita&cronaca/005.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Articolo tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.

Perugia, un'intera città schierata contro il conflitto
I colori della pace contro il nero della guerra
L'arcobaleno: la storia e il significato dei suoi colori

di Daniele Cervino

Perugia . La città di Perugia espone la bandiera arcobaleno. Sono sempre più numerose le bandiere della pace che, come in tante città d'Italia, sventolano dalle finestre e dai balconi delle abitazioni perugine. Numerosi gli studenti e le famiglie che attraverso i colori dell'arcobaleno si oppongono alla guerra contro l'Iraq.
Colori come parole, colori come pensieri, come speranza. Cosa c'è di più eloquente e di cosi universalmente ovvio dei colori? Qualunque sia la loro lingua, la loro cultura, la loro fede, tutti gli uomini del mondo vedono il rosso e l'azzurro come lo vediamo noi. Magari associano a questi colori un diverso significato,ma il rosso resta rosso e l'azzurro è azzurro, per tutti. Il rosso è il primo colore dell'arcobaleno, è il colore dell'attività, dell'energia, è il simbolo della capacità. E' il colore del cuore, del dinamismo, è amore. L'arancione è il colore di chi guarda lontano, rappresenta la fiducia nel domani. Il giallo è radiosità, luce, corrisponde ad una condizione di libertà. E' calore. Il verde corrisponde alla stabilità, alla coscienza, è il colore della vegetazione, della vita, della natura. E' la rinascita primaverile. E' speranza. Azzurro è il mare, il cielo. Blu è immortalità, calma. Il violetto è il colore della transizione, del mistero. Indica l'unione degli opposti. Sette colori diversi che uniti formano l'arcobaleno. L'arcobaleno, un fenomeno naturale (o soprannaturale) che da sempre ha suscitato stupore negli uomini e molti hanno cercato di spiegare la sua natura e il suo significato. <<<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/0039.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Articolo tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.


Italymedia disegna un profilo biologico del tiranno di Bagdad
Chi e' Saddam Hussein?
La vita tormentata dell'uomo che Bush ha deciso di eliminare. Ma a quale prezzo?

di Ambra Mazzia

Saddam nasce nel villaggio di Al Ouja (Tikrit) nel 1937. Il suo stesso nome (in arabo "disgrazia") sembra già presagire una vita poco serena: il padre lo abbandona ancora in fasce; la madre, che neanche lo desiderava, lo ignora; il patrigno, boss della malavita locale, lo picchia per gran parte dell'infanzia. Cresciuto in un villaggio poverissimo, privo di acqua potabile e luce elettrica, vive di stenti, rubacchiando qua e là e pascolando pecore. A soli dieci anni commette il primo dei tanti omicidi della sua vita, uccidendo un pastore della tribù vicina. Fuggito dallo zio materno a Baghdad, ottenuta la licenza media tra stenti, sforzi e poca voglia di studiare, entra in contatto con i politici rivoluzionari che osteggiavano il governo di allora, la dittatura filosovietica, antioccidentale e nazionalista di Qassim, salito al potere dopo un golpe nel 1958. Aderisce quindi al Baath, il partito socialista della rinascita araba e partecipa ad un attentato, poi fallito, contro lo stesso Qassim: ricercato e condannato a morte, ripara in Siria e poi al Cairo, rientrando in Iraq solo nel 1963.
Nel 1979 Hussein diventa rais dell'Iraq ed instaura una dittatura personale e sanguinaria, sterminando con i gas tossici 1milione di curdi e altrettanti iraniani durante la guerra degli anni 1980-1988. Reprime tutti i suoi dissidenti ed oppositori politici. Seguiranno i ripetuti attacchi al Kwait, il fallimento della guerra del Golfo e l'attuazione dell'embargo statunitense, confermato anche dall'ONU nel 1994.
Oggi l'accusa di detenere armi batteriologice, <<<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/0038.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Articolo tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.

Nella lugubre contabilità della guerra ancora una volta tanti giornalisti
I "marines" della cronaca
Alto il numero di vittime immolate sull'altare del diritto all'informazione del villaggio globale

di Daniele Cervino

"Questa è la più grande cronaca del mondo in questo momento e gradirei essere presente". Cosi Peter Arnet, nel 1991, prima di andare a Baghdad come corrispondente di guerra, rispose al celebre anchorman Walter Cronkite che lo sconsigliava di partire. Incoscienza, ricerca del prestigio o eccellenza professionale?
La guerra è in corso, le bombe cadono dal cielo come pioggia infuocata, i palazzi bruciano, le sirene rompono il silenzio di Baghdad, e davanti a questo tragico spettacolo, tanti giornalisti. Dalle finestre di un albergo della città irachena o dal fronte, insieme alle truppe anglo-americane, in questi giorni di guerra, i giornalisti innalzano la loro bandiera, onorano la loro professione. Il rischio è alto. La paura si riflette negli occhi grandi e tristi di Giovanna Botteri, inviata del Tg3, quando un missile Tomahawak centra in pieno un palazzo di Saddam. Lo sgomento si intravede nella voce di Lilli Gruber quando commenta per il Tg1 questa tragica guerra dalla capitale irachena. Comprensibile. Molti i giornalisti italiani in prima linea. Tv pubblica e televisioni private, come i quotidiani, hanno inviato sul fronte bellico e nei Paesi confinanti i loro reporter. Le loro corrispondenze saranno utilizzate per i numerosi programmi sul conflitto, in onda in questi giorni, e per i quotidiani italiani. Tra i tanti rischi, armati di un piccolo kit di guerra, provvisti di elmetto, cellulare satellitare e di tanto coraggio, questi "marines" della cronaca rimangono a documentare i bombardamenti. <<<<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/0037.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Articolo tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.


In barba ad ogni principio di legalità è iniziata la guerra del petrolio
Partito il progetto neocoloniale di George Bush
Scaduto l'ultimatum statunitense, pesanti bombardamenti sulla capitale irachena

di Ambra Mazzia

Baghdad . All'alba è scattato l'attacco americano all'Iraq, in seguito alla scadenza dell'ultimatum lanciato dal governo Bush al rais. Oltre 40 missili Cruise sono stati sganciati sulla capitale, insieme a varie bombe "intelligenti" a guida satellitare dirette su obiettivi strategici, in particolar modo uffici presidenziali, centri di comando, palazzi situati nella periferia della città e segnalati come luoghi in cui erano riuniti alcuni tra i più alti dirigenti del governo, Saddam compreso. Il rais, invece, è tornato ad apparire in televisione poche ore dopo, esortando il popolo iracheno a difendere il paese da questo attacco criminale nei confronti dell'umanità, mentre il suo primogenito Uday in radio ha chiamato il suo popolo al martirio. La capitale ora è blindata, strade deserte e negozi chiusi, un silenzio tombale interrotto solo dal risuonare delle sirene che preannunciano nuovi ed imminenti attacchi, mentre migliaia di profughi sono già in viaggio alla ricerca disperata di aiuto ed ospitalità, cose che non sembrano essere offerte e garantite dai paesi vicini.. In seguito ai bombardamenti è apparso in tv anche Bush con un discorso di 4 minuti tenuto nello studio ovale della Casa Bianca: "E' iniziata la campagna per liberare l'Iraq e decapitare il regime"- ha affermato- " ma si preannuncia una guerra più lunga e sanguinosa del previsto". E se dal governo statunitense vengono continuamente diffusi comunicati volti a ribadire la volontà di non massacrare civili e lanciare attacchi "chirurgici" contro obiettivi ben delineati, <<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/0036.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Dossier tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.

Dossier Guerra
La guerra è… giusta … santa … offensiva … difensiva … tradizionale … fredda … civile … militare … imperialista … un calendario di orrori umani, che non conosce limiti di sorta in ogni epoca della storia
Armi letali al servizio di una "ingiusta" giustizia a tratti inevitabile?

* Filosofia * Religione * Politica - Il mappamondo delle guerre dalle origini fino a quel tragico 11 settembre 2001. Un'analisi mirata a chiarire come, quando e perché viene adottato il conflitto armato a strumento risolutore


di Maira Nacar

La guerra? "E'ciò che raccontano i sopravvissuti secondo i loro casi!" - Giorgio Bocca - "E' un'esperienza estetica, la bella morte raccontata sui prati irrorati di sangue. - Junger - "E' il lavacro dopo di cui, nulla sarebbe più stato come prima". - Benito Mussolini - "E' parte della politica…" - Platone - Ma qual è stato nel tempo il ruolo che la guerra ha avuto proprio nella storia dell'evoluzione del genere umano? Quale l'origine di ogni conflitto? Un viaggio, questo, a ritroso nel tempo risalente in piena epoca preistorica che ha come tappe finali New York… le Torri Gemelle & Washington.. il Pentagono. Partiamo dall'età Mesolitica (IV millennio a.C.) quando una delle prime civiltà, quella dei Sumeri, incominciò a popolare la Mesopotamia, punto geografico fino a quel momento incolto, trasformandola così un millennio più avanti in zona irrigata dai fiumi adiacenti quali il Tigri e l'Eufrate, forte richiamo anche per altre popolazioni che si installeranno successivamente. Ed è proprio qui che dopo un periodo di pace e prosperità edilizia, le prime guerre prenderanno corpo, come conseguenza delle rivalità fra popoli nella spartizione di pascoli e territori. Lo scontro militare più evidente fu quello tra i Sumeri e gli Accadi; <<<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/dossier_guerra.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Articolo tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.

In 110 milioni in tutto il mondo per un deciso no alla politica neocoloniale di Bush
Il popolo pacifista in corteo contro la guerra all'Iraq
Gino Strada: "Questa guerra è una follia, l'Iraq non rappresenta un pericolo, questa è la guerra del petrolio"

di Ambra Mazzia

Roma. “Sì alla pace senza se e senza ma: fermiamo la guerra in Iraq”: con questo striscione si è aperto il corteo pacifista nella capitale per dire no alla guerra, per far sentire la propria voce contro un conflitto dominato da ragioni esclusivamente economiche mascherate dalla necessità di una “missione umanitaria” contro il terrorismo e l’oppressione del regime di Saddam nei confronti del popolo iracheno. Tre milioni di anime per gli organizzatori (seicentomila per la Questura) hanno attraversato vie e piazze romane lungo un percorso di ben dieci chilometri costellato da bandiere, striscioni, manifesti e caricature dei Grandi del mondo, ma soprattutto dal desiderio di non rimanere inerti di fronte ad un conflitto che potrebbe avere conseguenze disastrose, legate ad innumerevoli perdite civili e ad una rinascita del risentimento arabo nei confronti dell’Occidente. La partenza del corteo è stata addirittura anticipata di ben due ore per la grande e, in parte inaspettata, affluenza dei cittadini: varie le sigle e le motivazioni dei partecipanti, numerosi i cattolici, gli studenti e i membri di organizzazioni umanitarie ed animaliste per difendere il diritto alla vita di ogni essere vivente. “Questa guerra è una follia!”- afferma Gino Strada, fondatore di Emergency - “L’Iraq oggi non rappresenta più una minaccia per nessuno. Bush vuole la guerra per il petrolio, non a caso Bagdad ha riserve petrolifere di miliardi di barili per un valore superiore del 25% rispetto a quelle dell’Arabia Saudita. <<<<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/0034.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Articolo tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.

Tanti i politici, anche di destra, e gli artisti. La Rai, tv di Stato di regime, piegata al ricatto padano, si defila dall'obbligo d'informazione democratica
In tre milioni a Roma per protestare contro la guerra
Dalla piazza viene la richiesta di soluzioni concrete, l'alternativa ad un conflitto armato ipocrita

di Patrizia Notarnicola

Roma. Viola, indaco, azzurro, verde, giallo, arancio, rosso. Sono i colori della bandiera della pace che sabato 15 febbraio in oltre seicento città del mondo è stata il simbolo delle manifestazioni di protesta contro la guerra a Saddam Hussein. Soprattutto sono i colori della più imponente tra queste, quella a cui hanno dato vita a Roma i circa tre milioni di partecipanti che da Porta San Paolo a San Giovanni hanno sfilato in corteo gridando il loro “no senza se e senza ma” all’intervento in Iraq. Una posizione che naturalmente non ha il significato di appoggiare il dittatore iracheno (come provocatoriamente e faziosamente qualcuno ha affermato) ma quello della ricerca di soluzioni diverse per annientare il pericolo rappresentato dal terrorismo internazionale. Lo dimostrano alcuni degli slogan della manifestazione: “Fermare Saddam ma non con le bombe” o “La pace per noi non è un’utopia, Bush, Saddam, andatevene via”.
Con le loro bandiere arcobaleno giovani e meno giovani, gruppi e singoli, sono venuti da tutta Italia, da Milano a Campobasso, da Perugia a Taranto, con i loro canti e la loro contagiosa allegria, per opporsi al teorema della guerra preventiva che potrebbe creare un pericoloso precedente.Per la prima volta era in piazza anche Amnesty International che, essendo un’organizzazione apolitica che difende i diritti umani, per evitare strumentalizzazioni ha sempre evitato di prendere posizioni istituzionali contro le decisioni dei governi. <<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/0033.htm

Dario Domenici 28.01.06 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Non ti sembra che ci sia un pò di differenza? Credi davvero che gli americani volessero liberare il popolo iracheno? Allora perchè è stato appoggiato Saddam nella sua scalata al potere? Perchè hanno raccontato un sacco di bugie per giustificare la guerra? Ci sono mille perchè che non tornano e le generalizzazioni servono a creare confusione; è ovvio che difendersi da un attacco è doveroso ma questa guerra è veramente infame!

luigi scaglioni 12.01.06 16:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo e altri quattro post sul fosforo..per approfondire. http://squareplaza.blogspot.com/2006/01/fosforo-bianco-su-fallujah-4.html


Tratto da RAI news 24

Sono in totale 12 i capi d'accusa per i quali Saddam Hussein verra' processato a Baghdad davanti al Tribunale speciali per i crimini di guerra commessi dal suo regime

1. Assassinio di cinque leader religiosi nel luglio del 1974 (Saddam all'epoca era vice presidente della struttura di repressione del Partito Baath).
2. Assassinio di militanti di diversi partiti politici in 30 anni.
3. Massacro di 143 sciiti nel villaggio di Dujayil, l'8 luglio del 1982, dopo un tentativo di assassinio nei confronti dell'ex rais. Secondo le testimonianze raccolte e la documentazione del Tribunale, 96 persone, tra cui donne e bambini, vennero giustiziati in maniera sommaria poche ore dopo il fallito attentato alla vita di Saddam, mentre le altre come risultato delle torture inflitte. Inoltre, 400 abitanti del villaggio situato a nord di Baghdad furono deportati nella regione di Samawa e 200 di loro vennero tenuti prigionieri per quattro anni senza che venisse formulata alcuna accusa nei loro confronti.
4. Lancio di granate contro Kirkuk, nel nord del Paese.
5. Uccisioni di massa di esponenti del clan del leader curdo
Massud Barzani nel luglio del 1983.
6. Uccisione di massa e deportazioni della popolazione curda del
nord dell'Iraq nella cosiddetta campagna di Anfal tra il 1986 e il 1988.
7. Espulsione di migliaia di curdi faili (sciiti) verso l'Iran nel 1980.
8. Attacco con gas chimici della citta' curda di Halabya, nell'agosto del 1988: cinquemila persone sarebbero rimaste uccise e migliaia intossicate.
9. Invasione del Kuwait il 2 agosto del 1990.
10. Massacro di migliaia di persone a seguito della rivolta
sciita nel sud dell'Iraq dopo la fine della Guerra del Golfo nel 1991.
11. Prosciugamento delle paludi nel sud dell'Iraq negli anni Novanta, atto che costrinse la popolazione araba che viveva nell'area

Tullio Spizzi 09.01.06 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Certo la guerra non è mai una cosa bella, pensare che si possano scontrare solo ed esclusivamente gli eserciti senza colpire la popolazione un utopia.
Vorrei solamente ricordare che nel 45 gli americani tanto invocati, hanno liberato il nostro paese a suon di bombrdamenti, anche li naturalmente sono morti dei civili......... ma nessuno lo racconta o si fa finta di niente.
A questo punto vorrei avere la sfera di cristallo per vedere come sarebbe finita se americani ed inglesei non fossero intervenuti in iraq.
Forse sarebbe stato meglio farci gli affari nostri e dare la possibilità a Saddam di continuare a massacrare le minoranze con i gas, ma anche in questo caso nessuno ha manifestato contro il tiranno.......
Tutti noi vorremmo vivere in pace, ma purtroppo non sempre è possibile e per fotuna ci sono persone che hanno l'impopolare compito di combattere una guerra e magari perche non per liberarci una seconda volta....
Le utopie lasciamole da parte, prendiamo le notizie come tali, commentiamole anche ma non diciamo cosa è meglio fare perche parlare sempre dopo è troppo facile.
Se nessuno fosse interventuto oggi magari diremmo '' gli americani potevano intervenire e se ne sono fregati''.........
Io non sono in grado di dire abbiamo fatto bene o male ad intervenire, il nostro governo lo ha fatto, come lo ha fatto in juogoslavia.
Glia maericani hanno usato il fosforo a fullaja, qualcun'altro usa aerei pieni di civili, cinture esplosive, autobombe...... e in più non indossano divise.
Sono queste le persone da difendere??
Nel 45 ci hanno liberato ed il mondo li ha ringraziati, oggi sono dei criminali.. non è esagerato?
Riflettiamo su quanto accade e poniamoci la domanda ''le nostre idee magari diverse dalle loro avrebbero portato un beneficio reale ed un risultato diverso??'
Personalmente non lo so, e sapere il contrario mi farebbe paura.

Grazie Beppe per dare a noi cittadini un piccolo spazio per sfogare i nostri pensieri e preoccupazioni.
Un saluto a tutti

Tullio Spizzi 09.01.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Certo la guerra non è mai una cosa bella, pensare che si possano scontrare solo ed esclusivamente gli eserciti senza colpire la popolazione un utopia.
Vorrei solamente ricordare che nel 45 gli americani tanto invocati, hanno liberato il nostro paese a suon di bombrdamenti, anche li naturalmente sono morti dei civili......... ma nessuno lo racconta o si fa finta di niente.
A questo punto vorrei avere la sfera di cristallo per vedere come sarebbe finita se americani ed inglesei non fossero intervenuti in iraq.
Forse sarebbe stato meglio farci gli affari nostri e dare la possibilità a Saddam di continuare a massacrare le minoranze con i gas, ma anche in questo caso nessuno ha manifestato contro il tiranno.......
Tutti noi vorremmo vivere in pace, ma purtroppo non sempre è possibile e per fotuna ci sono persone che hanno l'impopolare compito di combattere una guerra e magari perche non per liberarci una seconda volta....
Le utopie lasciamole da parte, prendiamo le notizie come tali, commentiamole anche ma non diciamo cosa è meglio fare perche parlare sempre dopo è troppo facile.
Se nessuno fosse interventuto oggi magari diremmo '' gli americani potevano intervenire e se ne sono fregati''.........
Io non sono in grado di dire abbiamo fatto bene o male ad intervenire, il nostro governo lo ha fatto, come lo ha fatto in juogoslavia.
Glia maericani hanno usato il fosforo a fullaja, qualcun'altro usa aerei pieni di civili, cinture esplosive, autobombe...... e in più non indossano divise.
Sono queste le persone da difendere??
Nel 45 ci hanno liberato ed il mondo li ha ringraziati, oggi sono dei criminali.. non è esagerato?
Riflettiamo su quanto accade e poniamoci la domanda ''le nostre idee magari diverse dalle loro avrebbero portato un beneficio reale ed un risultato diverso??'
Personalmente non lo so, e sapere il contrario mi farebbe paura.

Grazie Beppe per dare a noi cittadini un piccolo spazio per sfogare i nostri pensieri e preoccupazioni.
Un saluto a tutti

Tullio Spizzi 09.01.06 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Certo la guerra non è mai una cosa bella, pensare che si possano scontrare solo ed esclusivamente gli eserciti senza colpire la popolazione un utopia.
Vorrei solamente ricordare che nel 45 gli americani tanto invocati, hanno liberato il nostro paese a suon di bombrdamenti, anche li naturalmente sono morti dei civili......... ma nessuno lo racconta o si fa finta di niente.
A questo punto vorrei avere la sfera di cristallo per vedere come sarebbe finita se americani ed inglesei non fossero intervenuti in iraq.
Forse sarebbe stato meglio farci gli affari nostri e dare la possibilità a Saddam di continuare a massacrare le minoranze con i gas, ma anche in questo caso nessuno ha manifestato contro il tiranno.......
Tutti noi vorremmo vivere in pace, ma purtroppo non sempre è possibile e per fotuna ci sono persone che hanno l'impopolare compito di combattere una guerra e magari perche non per liberarci una seconda volta....
Le utopie lasciamole da parte, prendiamo le notizie come tali, commentiamole anche ma non diciamo cosa è meglio fare perche parlare sempre dopo è troppo facile.
Se nessuno fosse interventuto oggi magari diremmo '' gli americani potevano intervenire e se ne sono fregati''.........
Io non sono in grado di dire abbiamo fatto bene o male ad intervenire, il nostro governo lo ha fatto, come lo ha fatto in juogoslavia.
Glia maericani hanno usato il fosforo a fullaja, qualcun'altro usa aerei pieni di civili, cinture esplosive, autobombe...... e in più non indossano divise.
Sono queste le persone da difendere??
Nel 45 ci hanno liberato ed il mondo li ha ringraziati, oggi sono dei criminali.. non è esagerato?
Riflettiamo su quanto accade e poniamoci la domanda ''le nostre idee magari diverse dalle loro avrebbero portato un beneficio reale ed un risultato diverso??'
Personalmente non lo so, e sapere il contrario mi farebbe paura.

Grazie Beppe per dare a noi cittadini un piccolo spazio per sfogare i nostri pensieri e preoccupazioni.
Un saluto a tutti

Tullio Spizzi 09.01.06 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Certo la guerra non è mai una cosa bella, pensare che si possano scontrare solo ed esclusivamente gli eserciti senza colpire la popolazione un utopia.
Vorrei solamente ricordare che nel 45 gli americani tanto invocati, hanno liberato il nostro paese a suon di bombrdamenti, anche li naturalmente sono morti dei civili......... ma nessuno lo racconta o si fa finta di niente.
A questo punto vorrei avere la sfera di cristallo per vedere come sarebbe finita se americani ed inglesei non fossero intervenuti in iraq.
Forse sarebbe stato meglio farci gli affari nostri e dare la possibilità a Saddam di continuare a massacrare le minoranze con i gas, ma anche in questo caso nessuno ha manifestato contro il tiranno.......
Tutti noi vorremmo vivere in pace, ma purtroppo non sempre è possibile e per fotuna ci sono persone che hanno l'impopolare compito di combattere una guerra e magari perche non per liberarci una seconda volta....
Le utopie lasciamole da parte, prendiamo le notizie come tali, commentiamole anche ma non diciamo cosa è meglio fare perche parlare sempre dopo è troppo facile.
Se nessuno fosse interventuto oggi magari diremmo '' gli americani potevano intervenire e se ne sono fregati''.........
Io non sono in grado di dire abbiamo fatto bene o male ad intervenire, il nostro governo lo ha fatto, come lo ha fatto in juogoslavia.
Glia maericani hanno usato il fosforo a fullaja, qualcun'altro usa aerei pieni di civili, cinture esplosive, autobombe...... e in più non indossano divise.
Sono queste le persone da difendere??
Nel 45 ci hanno liberato ed il mondo li ha ringraziati, oggi sono dei criminali.. non è esagerato?
Riflettiamo su quanto accade e poniamoci la domanda ''le nostre idee magari diverse dalle loro avrebbero portato un beneficio reale ed un risultato diverso??'
Personalmente non lo so, e sapere il contrario mi farebbe paura.

Grazie Beppe per dare a noi cittadini un piccolo spazio per sfogare i nostri pensieri e preoccupazioni.
Un saluto a tutti

Tullio Spizzi 09.01.06 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Certo la guerra non è mai una cosa bella, pensare che si possano scontrare solo ed esclusivamente gli eserciti senza colpire la popolazione un utopia.
Vorrei solamente ricordare che nel 45 gli americani tanto invocati, hanno liberato il nostro paese a suon di bombrdamenti, anche li naturalmente sono morti dei civili......... ma nessuno lo racconta o si fa finta di niente.
A questo punto vorrei avere la sfera di cristallo per vedere come sarebbe finita se americani ed inglesei non fossero intervenuti in iraq.
Forse sarebbe stato meglio farci gli affari nostri e dare la possibilità a Saddam di continuare a massacrare le minoranze con i gas, ma anche in questo caso nessuno ha manifestato contro il tiranno.......
Tutti noi vorremmo vivere in pace, ma purtroppo non sempre è possibile e per fotuna ci sono persone che hanno l'impopolare compito di combattere una guerra e magari perche non per liberarci una seconda volta....
Le utopie lasciamole da parte, prendiamo le notizie come tali, commentiamole anche ma non diciamo cosa è meglio fare perche parlare sempre dopo è troppo facile.
Se nessuno fosse interventuto oggi magari diremmo '' gli americani potevano intervenire e se ne sono fregati''.........
Io non sono in grado di dire abbiamo fatto bene o male ad intervenire, il nostro governo lo ha fatto, come lo ha fatto in juogoslavia.
Glia maericani hanno usato il fosforo a fullaja, qualcun'altro usa aerei pieni di civili, cinture esplosive, autobombe...... e in più non indossano divise.
Sono queste le persone da difendere??
Nel 45 ci hanno liberato ed il mondo li ha ringraziati, oggi sono dei criminali.. non è esagerato?
Riflettiamo su quanto accade e poniamoci la domanda ''le nostre idee magari diverse dalle loro avrebbero portato un beneficio magiore??'
Personalmente non lo so, e sapere il contrario mi farebbe paura.

Grazie Beppe per dare a noi cittadini un piccolo spazio per sfogare i nostri pensieri e preoccupazioni.
Un saluto a tutti

Tullio Spizzi 09.01.06 12:09| 
 |
Rispondi al commento

Certo la guerra non è mai una cosa bella, pensare che si possano scontrare solo ed esclusivamente gli eserciti senza colpire la popolazione un utopia.
Vorrei solamente ricordare che nel 45 gli americani tanto invocati, hanno liberato il nostro paese a suon di bombrdamenti, anche li naturalmente sono morti dei civili......... ma nessuno lo racconta o si fa finta di niente.
A questo punto vorrei avere la sfera di cristallo per vedere come sarebbe finita se americani ed inglesei non fossero intervenuti in iraq.
Forse sarebbe stato meglio farci gli affari nostri e dare la possibilità a Saddam di continuare a massacrare le minoranze con i gas, ma anche in questo caso nessuno ha manifestato contro il tiranno.......
Tutti noi vorremmo vivere in pace, ma purtroppo non sempre è possibile e per fotuna ci sono persone che hanno l'impopolare compito di combattere una guerra e magari perche non per liberarci una seconda volta....
Le utopie lasciamole da parte, prendiamo le notizie come tali, commentiamole anche ma non diciamo cosa è meglio fare perche parlare sempre dopo è troppo facile.
Se nessuno fosse interventuto oggi magari diremmo '' gli americani potevano intervenire e se ne sono fregati''.........
Io non sono in grado di dire abbiamo fatto bene o male ad intervenire, il nostro governo lo ha fatto, come lo ha fatto in juogoslavia.
Glia maericani hanno usato il fosforo a fullaja, qualcun'altro usa aerei pieni di civili, cinture esplosive, autobombe...... e in più non indossano divise.
Sono queste le persone da difendere??
Nel 45 ci hanno liberato ed il mondo li ha ringraziati, oggi sono dei criminali.. non è esagerato?
Riflettiamo su quanto accade e poniamoci la domanda ''le nostre idee magari diverse dalle loro avrebbero portato un beneficio magiore??'
Personalmente non lo so, e sapere il contrario mi farebbe paura.

Grazie Beppe per dare a noi cittadini un piccolo spazio per sfogare i nostri pensieri e preoccupazioni.
Un saluto a tutti

Tullio Spizzi 09.01.06 12:08| 
 |
Rispondi al commento

nn so d'avvero cosa dire, guardando quello scheletro quasi mi viene da piangere, ma d'avvero si sta arrivando a tanto??
io mi vergogno di far parte di un paese ke ha appoggiato una cosa del genere, oggi ho sentito Ciampi ke diceva ke l'italia è entrata in iraq solo a guerra finita, beh lo vada a dire ai 19carabinieri e ai loro familiari, la verità e ke come fece mussolini con hitler, così ha fatto e sta facendo berlusconi con bush, nn voleva stare fuori dalla ricostruzione dell'iraq, beh sai cosa ti dico?! l'iraq nn doveva essere ricostruito xkè nn andava distrutto! il bello è ke nn mi sento neanke tanto di criicarlo il berlusca, visto cosa hanno fatto gli americani hai francesi, vino x strada, ristoranti disertati e via dicendo........ ma io dico da fastidio a me (ke politicamente sono uno zero) ke gli USA se ne siano fregati di tutti quelli ke dicevano ke nn era giusto, e ke avevano posto un divieto a tutto ciò, e loro loro ke hanno il potere cosa hanno fatto x impedire un'invasione? niente di niente, beh questo è peggio! si kiama omertà, ma ci rendiamo conto ke quel cretino ci vuole prendere in giro e noi glielo permettiamo? sono stanco di persone ke mi dicono ke loro attententano alla vita dei nostri soldati, ke violentano le soldatesse e così via, ma ke si aspettavano un comitato di ben venuto??? siamo noi gli invasori! e ci siamo messi in mano ad un pesce lesso ke ads parla di guerra al terrorismo e di pace, e l'11settembre2001 cos'ha fatto?
niente si leggeva la capretta! e la sera si è fatto un bel drink con l'ambasciatore dell'arabia saudita! ma scherziamo?! mah avrei ancora tanto da dire e da ridire, ma finirei x mangiarmi la tastiera x il nervoso, scusatemi se ho detto cose fritte e rifritte, ma avevo proprio bisogno di urlare e sfogare la mia angoscia, vorrei vivere in un mondo più pulito ma finkè gente come grillo biagi luttazzi santoro guzzanti sarà tenuta fuori dalla televisione ele notizie saranno date da personaggi come fede c'è poco da sperare...

roberto ciccolella 02.01.06 22:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================


Marco Gilles 21.12.05 11:23| 
 |
Rispondi al commento

http://db.peacelink.org/tools/print.php?url=pace/articles/art_13956.html&lang=1

Nel suo discorso per l'accettazione del Nobel, Harold Pinter descrive gli Stati Uniti come "violenti, sprezzanti e crudeli".
Harold Pinter
Fonte: The Guardian
12 dicembre 2005

http://db.peacelink.org/tools/print.php?url=pace/articles/art_13956.html&lang=1

VI RICORDATE CHE QUALCHE TV NE ABBIA PARLATO?

Dopo che l'ultimo dei Fazio si sarà dimesso, potremmo rompere le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti d'America?

Dino Sartore (ogni tanto torno qui)

Dino Sartore 19.12.05 19:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a chi ha visto il video di falluja, a chi ha voglia di capire cosa sia accaduto, a chi ha voglia di tornare sino alle origini di tutto questo assurdo, e a chi non ha paura a ritornare nel dubbio, nel dubbio di chi siano allora i buoni, e se esistano al mondo, consiglio di vedere questo filmato: è un documentario sulle TORRI GEMELLE, sull'attentato, compreso il pentagono, e su quanti strani casi del destino siano capitati, o forse come siamo stati, compreso me, tutti spettatori passivi e per questo partecipanti di un piano in fondo comprensibile nella logica di guerrafondai, ovvero la costruzione di consenso pubblico. Ve lo consiglio, davvero, ho quasi pianto, mi sono sentito nulla, mi sono incazzato...insomma, DISILLUSO. e spero che si diffonda!!!!!!!!!

lo'indirizzo è :

http://movies3.arcoiris.tv/movies/luogo_comune/11_settembre_4_dopo_big.wmv

Lorenzo Zanotti 17.12.05 18:59| 
 |
Rispondi al commento

a chi ha visto il video di falluja, a chi ha voglia di capire cosa sia accaduto, a chi ha voglia di tornare sino alle origini di tutto questo assurdo, e a chi non ha paura a ritornare nel dubbio, nel dubbio di chi siano allora i buoni, e se esistano al mondo, consiglio di vedere questo filmato: è un documentario sulle TORRI GEMELLE, sull'attentato, compreso il pentagono, e su quanti strani casi del destino siano capitati, o forse come siamo stati, compreso me, tutti spettatori passivi e per questo partecipanti di un piano in fondo comprensibile nella logica di guerrafondai, ovvero la costruzione di consenso pubblico. Ve lo consiglio, davvero, ho quasi pianto, mi sono sentito nulla, mi sono incazzato...insomma, DISILLUSO. e spero che si diffonda!!!!!!!!!

lo'indirizzo è :

http://movies3.arcoiris.tv/movies/luogo_comune/11_settembre_4_dopo_big.wmv

Lorenzo Zanotti 17.12.05 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Già, la chiesa, si è inventata la difesa degli embrioni per poter giustificare la scelta di campo (Bossi, Berlusconi, Fini ecc...)e cioè poter stare con i ricchi,dicendo che non andranno in paradiso, con il petrolio,dicendo di essere contro il consumismo, con gli affari per poter infilarci le mani con i guanti, con chi è per la pena di morte dicendo di essere contraria, con chi va in guerra dicendo loro che sono "cattivi", che non si fa. per un minimo di coerenza dovrebbe scomunicare loro e non i "comunisti".

luigi scaglioni 16.12.05 20:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Costituzione recita il seguente articolo: "L'Italia ripudia la guerra". E' tempo di onorare la nostra Carta Costituzionale e ripudiare, oltre che la guerra, anche gli alleati (che per ovvi motivi non chiamo nostri) del presidente del consiglio (quello purtroppo è nostro). Come può Dio perdonare (perchè "questi" vanno anche alla messa, anzi vanno proprio dal Papa, vista la loro posizione) uno che indirizza le menti più brillanti del pianeta nonchè fiumi di denaro pubblico, verso la ricerca bellica, per ideare armi spaventose da provare sul nemico. E con che effetti! Se c'è da intromettersi su aborto, fecondazione assistita, embrioni congelati, la Chiesa non indugia e, come il pastore, guida le pecorelle. La vita è un dono di Dio e va salvaguardata fin dal suo concepimento!! Vero!! Ma chi si è inventato le mine anti-uomo con la forma di un giocattolo, non ha forse concepito la morte? E ancora peggio la morte di un bambino? Ma una bella scomunica a chi ha fatto di un uomo una mummia, usando uno dei suoi devastanti ordigni? Saluti Gianni.

gianni paciotti Commentatore in marcia al V2day 15.12.05 23:43| 
 |
Rispondi al commento

a chi ha visto il video di falluja, a chi ha voglia di capire cosa sia accaduto, a chi ha voglia di tornare sino alle origini di tutto questo assurdo, e a chi non ha paura a ritornare nel dubbio, nel dubbio di chi siano allora i buoni, e se esistano al mondo, consiglio di vedere questo filmato: è un documentario sulle TORRI GEMELLE, sull'attentato, compreso il pentagono, e su quanti strani casi del destino siano capitati, o forse come siamo stati, compreso me, tutti spettatori passivi e per questo partecipanti di un piano in fondo comprensibile nella logica di guerrafondai, ovvero la costruzione di consenso pubblico. Ve lo consiglio, davvero, ho quasi pianto, mi sono sentito nulla, mi sono incazzato...insomma, DISILLUSO. e spero che si diffonda!!!!!!!!!

lo'indirizzo è :

http://movies3.arcoiris.tv/movies/luogo_comune/11_settembre_4_dopo_big.wmv

Lorenzo Zanotti 15.12.05 20:27| 
 |
Rispondi al commento

Nella misura in cui il nostro bisogno di petrolio superera' sempre l'offerta ci fara' sempre comodo spostare l'obbiettivo rispetto alle reali motivazioni che sussistono dietro questa guerra.Evidente la condanna a morte di persone che non hanno nessuna colpa se non essere nati nel posto "sbagliato",evidente la nostra colpa e ipocrisia nel non focalizzare l'attenzione sulle vere ragioni della guerra.Mandare un messaggio forte ad Adolf Bush nel quale si intende che ognuno nel mondo comprende la sua corsa al petrolio,smascherando i suoi finti presupposti,e' l'unico modo di muovere il piano del discorso verso canoni piu' congeniali ad una fine.La nostra ignoranza la sua giustificazione.O forse ti fa comodo quando tra un'ora guiderai la tua macchina dentro il prossimo distributore della shell?

Marchi Alioscia 11.12.05 16:08| 
 |
Rispondi al commento

avete visto il video passato da blob sui nostri "ragazzi" in una trincea di nassirya?
non ho parole. non ho parole.

ciro sabatino 10.12.05 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro caro fratello Joe Carr
ci ha scritto questa lettera.

Fra i quattro volontari del Christian Pacemaker Teams,
rapiti a Baghdad il 26 novembre scorso:
il cittadino britannico 74enne Norman Kember,i due canadesi, Harmeet Singh Sooden, 32 anni, e James Loney, 41, e l' americano, Tom Fox, 54 anni;
Due sono suoi cari amici.

il Cpt si è sempre schierato in difesa della popolazione civile irachena
CONTRO l'occupazione militare angloamericana.

In Palestina,
ci siamo trovati a supportare i civili palestinesi contro l'occupazione israeliana,
ed i molte occasioni membri del Christin Pacemaker Teams erano con noi.

Guerrilla radio si dice certa
che in virtù dei loro inattaccabili valori umani
i quattro sono destinati ad una immediata liberazione.

inshallah.

pace e solidarietà

guerrilla radio.

--------------------------------------------------------------------------------


Joe Carr scrive:
"Come molti di voi hanno sentito ai telegiornali,
quattro internazionali in Iraq che lavoravano per il CPT sono stati rapiti sabato scorso.

Due dei rapiti sono volontari a tempo pieno per il CPT,
entrambi sono miei amici.

E' spaventoso, incomincio solo ora a credere che tutto ciò è reale.

Noi tutti accettiamo i rischi quando siamo laggiù,
e sappiamo che è lo stesso per gli iracheni tutti i giorni.

Noi riteniamo che le origini di questa violenza è l'invasione illegale
e l'occupazione dell'iraq da parte della coalizione anglo-americana.

Gli iracheni hanno il diritto (e la responsabilità)
di resistere a questa occupazione illegale.

Il lavoratori occidentali sotto contratto,
le ONG e altre istituzioni vicino a quelle militari
sono diventate complici con la politica imperialista statunitense,
essi legittimano, traggono beneficio, e spesso rafforzano la presenza militare americana.
---> http://guerrillaradio.iobloggo.com/

vittorio arrigoni 09.12.05 03:01| 
 |
Rispondi al commento

La vita di un popolo, o anche solo di un singolo uomo, donna o bambino vale meno di qualche pozzo di petrolio???!! Ma dove siamo finiti??

Melissa Rota 08.12.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

SPIEGO ALCUNE COSE
[...]
E una mattina tutto stava ardendo
e una mattina i roghi
uscivan dalla terra
divorando vite,
e da allora fuoco,
polvere nera da allora,
e da allora sangue.
Banditi con aeroplani e con mori,
banditi con anelli e duchesse,
banditi con neri frati benedicenti
venivano dal cielo ad uccidere bambini,
e per le strade il sangue dei bambini
scorreva semplicemente, come sangue di bambini.

¡ Sciacalli che lo sciacallo rifiuterebbe,
pietre che il cardo secco morderebbe e sputerebbe,
vipere che le vipere odieranno !

¡ Di fronte a voi ho visto il sangue
di Spagna sollevarsi
per affogarvi in una sola onda
di orgoglio e di coltelli !

Generali,
traditori:
guardate la mia casa morta,
guardate la Spagna violata:
ma da ogni casa morta esce metallo ardente
invece dei fiori,
ma da ogni squarcio della Spagna
esce la Spagna,
ma da ogni bambino morto esce un fucile con occhi,
ma da ogni crimine nascono proiettili
che scoveranno un giorno il punto
del vostro cuore.

Chiederete: ¿ perché la sua poesia
non ci parla del sogno, delle foglie,
dei grandi vulcani del paese natìo ?

¡ Venite a vedere il sangue per le strade,
venite a vedere
il sangue per le strade,
venite a vedere il sangue
per le strade !

Pablo Neruda - Spiego alcune cose (1936)

Questa poesia l’ha recitata ieri sera Harold Pinter nel discorso di ringraziamento per il premio nobel per la letteratura di quest’anno.

Ha attaccato senza alcun pudore bush e blair smascherando dal pulpito del nobel i 50 anni di crimini commessi dagli u.s.a. e sicuramente la vicenda avra’ echi internazionali.

Il testo intero del discorso (in inglese) qua: http://books.guardian.co.uk/news/articles/0,6109,1661516,00.html

L’intera poesia e altri riferimenti e link nel mio blog:
http://bruno.eumeme.org


uff.. non riesco a postare..

Bruno Moroni 08.12.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Il 10/04/1991 a Livorno affonda il traghetto Moby Prince e con esso muoiono 140 persone, l’inchiesta la definisce una tragica fatalità dovuta alla nebbia e ad una partita di calcio vista in TV, ma non fu così. Il mare antistante al porto era molto affollato quella sera, numerose navi andavano e venivano per fare cosa? Il mare era calmo, la visibilità 5 miglia, dopo 22 minuti dalla partenza Moby Prince perforò la prua della petroliera Agip Abruzzo e prese fuoco, solo 1 sopravvissuto. Le squadre di soccorso impiegarono 16 ore prima di salire sul traghetto. Era appena finita la 1 Guerra del Golfo, 5 navi militari americane erano presenti nella zona, una di queste stava trasbordando materiale bellico su altre ignote imbarcazioni, un elicottero non italiano dall’alto controllava l’operazione, qualcosa andò storto e ci fu un’esplosione, una di queste navi non identificate fuggì via ed incrociò la traiettoria di Moby Prince che fu costretto a virare, il timone si bloccò e l’impatto con l’Agip fu inevitabile. Da quel momento tutti i radar impazzirono, le comunicazioni furono disturbate (ricordate Ustica?), un “cono d’ombra” bloccò gli SOS del Moby Prince, i passeggeri attesero invano i soccorsi che non arrivarono. L’inchiesta amministrativa si concluse nel tempo record di 11 giorni, il relitto fu manomesso, i tracciati radar mai richiesti, dichiarazioni contraddittorie dei protagonisti, contraffazione del filmato di bordo. Tra le navi ignote ancorate nel porto c’era la “Shifco”, già sotto inchiesta per traffico d’armi, facente parte dei 6 pescherecci donati dalla Cooperazione italiana alla Somalia, la stessa flotta su cui indagava la giornalista Ilaria Alpi uccisa nel ’94 a Mogadiscio. Un testimone ha dichiarato di avere visto questa nave (che doveva essere in riparazione) partire ed un’altra con un principio di incendio allontanarsi velocemente.
Taormina ha dichiarato che l’uccisione di Ilaria Alpi fu un tragico incidente, io personalmente non ne sono così sicuro.

Nicola Andrucci 05.12.05 12:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

boicotta i prodotti delle multinazionali.

federico 03.12.05 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Battuta di caccia a Baghdad

Il trofeo di oggi verrà assegnato alla squadra che riuscirà a colpire più bersagli durante un intero giro in tangenziale, intorno alla città. Si assegneranno 10 punti per le jeep, i camion, e i veicoli oversize, venti per le auto normali, cinquanta per le utilitarie sotto i tre metri di lunghezza.

Sembrerebbe solo un cinico esercizio di pessimo humor, ma potrebbe benissimo essere anche la regola vera e propria a cui si attengono i personaggi che vedrete - anzi, che non vedrete - in questo filmato. Non solo non vedrete gli assassini, ma nemmeno i morti, che sembrano essere purtroppo molti di più. Vedrete solo, paradossalmente, delle automobili.

A divertirsi in quel modo sono, secondo i vari siti che hanno immesso clandestinamente il filmato in rete, un gruppetto di "contractors" americani della AEGIS (i civili di una delle varie ditte collegate all'industria bellica, che spadroneggiano in Iraq sin dai primi giorni dell'invasione).

Lo fanno, è evidente, alla piena luce del sole, senza minimamente preoccuparsi di essere visti, e quindi con la chiara connivenza dell'esercito di occupazione e delle locali autorità irachene. Sarebbe fin troppo facile, a questo punto, chiedersi se sia questa la civiltà che esportiamo, ma ormai la domanda pare essere obsoleta. L'unico sforzo che ancora ci rimane da fare, forse, è accettare una volta per tutte con che tipo di persone abbiamo scelto di allearci, e domandarci che prezzo la storia vorrà farci pagare questa scelta abominevole.

Per vedere il video
http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=3633&ext=_big.wmv

fonte arcoiris.tv

Pino Napoli 03.12.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

“ESERCITO ITALIANO SPENDE MILIONI PER LE ARMI AL FOSFORO”
ROMA - L’Esercito italiano ha appena ordinato 3.400 armi al fosforo bianco, la contestata sostanza che sarebbe stata usata dai militari americani a Falluja nella battaglia del novembre 2004.
Una notizia pubblicata sull’ultimo numero dell’Espresso, alla quale replica il generale Filiberto Cecchi, capo di Stato dell’Esercito: ”Non confermo questo dato, che non conosco. Dico però che le bombe al fosforo fanno parte dell’equipaggiamento e della dotazione dell’Esercito italiano al pari di tutti gli eserciti del mondo”. Lo Stato Maggiore della forza armata, si legge sulla rivista, ha pubblicato sul Web i contratti per le nuove armi siglati tra luglio ed ottobre:si tratta di 500 granate e 2.900 bombe da mortaio, entrambe destinate alle forze speciali. I proiettili per i mortai costeranno 2,5 milioni di euro (circa 5 miliardi delle vecchie lire).
(ANSA)
P.S. Ho provato ad approfondire la notizia sia collegandomi a 2 siti della difesa e dell’esercito (http://www.difesa.it/-
http://www.esercito.difesa.it/) e a telefonare per avere un aiuto per cercare questi contratti, ma ho avuto risposte vaghe.
Per favore se qualcuno sa qualcosa di più mi può mandare una email all’indirizzo mariapiapettograsso@virgilio.it.
Grazie

Maria Pia Pettograsso 03.12.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

TRENT'ANNI DI LOGICA DI DISTRUZIONE DI MASSA

Dall'introduzione a 'Per ragioni di stato' di Noam Chomsky sulle ragioni della guerra del Vietnam.

[...] I documenti del Pentagono contengono anche proposte dal tono moderato come quello di John McNaughton:

" Gli attacchi contro la popolazione non solo solleverebbero probabilmente una ondata di proteste all'estero e in patria [...] ma anche il rischio di coinvolgere Cina e Urss. La distruzione di chiuse e dighe tuttavia, se sapientemente utilizzata, potrebbe offrire delle prospettive. Andrebbe studiata. Un'operazione del genere non uccide nè annega la popolazione. Provocando l'allagamento delle risaie, condurrebbe dopo qualche tempo alla morte per inedia di un gran numero di persone, a meno che non vengano inviati dei rifornimenti alimentari, cosa che noi potremmo offrire di fare al "tavolo delle trattative" "

[...] Ed ecco invece la descrizione entusiasta degli effetti del napalm da un pilota americano:

" Ci congratuliamo veramente con gli esperti della Dow. Il prodotto riginale non bruciava a questa maniera: se i gialli erano svelti se lo potevano togliere di dosso. Così i ragazzi hanno provato a metterci del polistirene: adesso attacca come la merda alle coperte. Però se i gialli si tuffano in acqua smetteva di bruciare; allora hanno provato a metterci del WILLIE PETER [il FOSFORO BIANCO] per farlo bruciare meglio. Adesso brucia persino sott'acqua. E ne basta una goccia perchè continui a bruciare dentro fino alle ossa, sicchè muoiono comunque avvelenati dal fosforo. "

Sono passati trent'anni, ma la storia non ha insegnato niente!

marcello dm 01.12.05 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Bush ha fatto fessi a tutti ha usato la retorica politica nei sui discorsi e siamo caduti nella sua trappola, ci siamo fidati.
Qui in Texas lo amano lo adorano hanno le foto di lui sui muri, guai se parli male di lui ti chiamano terrorista e ti menano, i notiziari( specialmente FOX NEWS) l difendono, lo descrivono come un presidente affaticato con tanti problemi, una vittima, "A great democratic leader of the world".

Gabriele Lasco 01.12.05 17:36| 
 |
Rispondi al commento

E poi ieri sera.

e poi ieri sera, qualcuno ha visto su RAI3 (la rete dei comunisti) il reportage sui bambini vietnamiti vittime (di seconda o terza generazione) dell'agente orange?

Ma come si fa a non piangere?
Ma come si fa a non urlare?
Ma come si fa a non vergognarsi?

E intanto lo stanno rifacendo in Iraq e la chiamano esportazione della democrazia.

DEJA VU ALL OVER AGAIN

Dino Sartore 01.12.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

x Dino. Finalmente qualcuno che comincia ad andare al nocciolo del problema, infatti c'è da chiedersi sempre perchè vengono attaccati i giornalisti e non esiste possibilità di discussione con chi altera la possibilità di una informazione corretta, in quanto questa è la base di qualunque intesa.

luigi scaglioni 30.11.05 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Forse il TG4 non ne parla ma sull'interessantissimo sito di Znet Italia

http://www.zmag.org/Italy/

trovate (tra molte altre cose) reportage come questo di Sabah Ali (una coraggiosa giornalista irachena impegnata a documentare l'occupazione del suo paese):


" Il dottor Walid ha detto: "Mi arrestarono nella mia casa davanti alla mia famiglia, mi coprirono gli occhi e mi legarono le mani dietro la schiena il 5 ottobre 2005 in mattinata, durante l'ultimo attacco ad Haditha (360 km ad ovest di Baghdad). Occuparono l'ospedale per 8 giorni e lo trasformarono nel loro ufficio. Il primo giorno mi picchiarono sugli occhi, il naso, la schiena, le mani, le gambe... La mia faccia era ricoperta di sangue. "

Non esistono guerre giuste e se mai esistessero questa non lo è proprio.

Dino Sartore 30.11.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Davvero c'è ancora chi crede che l'informazione di chi spara sui giornalisti sia credibile? Cosa dovrebbero fare gli americani? 1) Dare incarico all'ONU di sostituirli in tutte le operazioni di sicurezza. 2)Pagare tutti i danni che hanno provocato (compresi quelli di quando favorito l'ascesa di Saddam pur sapendo benissimo chi era).3) Chiedere scusa agli iracheni e impegnarsi a non fare più guerre "giuste" e a collaborare con tutti gli stati per stabilire regole di convivenza fra le nazioni senza pensare di essere i depositare del bene.

luigi scaglioni 30.11.05 09:52| 
 |
Rispondi al commento

ho visto il filmato appena e' uscito e mi sono indignato, sono andato in giro per una giornata dicendolo a tutti, ho mandato mail, ho postato su forum, volevo contribuire per quanto mi era possibile alla diffusione di questa terribile notizia.
Qualcosa pero' mi suonava strano e riflettendo mi sono posto 2 domande
1)Se il fosforo brucia a contatto con l'aria come e' possibile che lasci intatti i vestiti? (tra l'altro John Pike, fondatore di globalsecurity.org in un intervista afferma che il fatto che il fosforo bruci e lasci intatti i vestiti e' falso e che i cadaveri anneriti possono essere cadaveri in decomposizione rimasti al sole)
2)I cadaveri fotografati mentre dormivano o mentre pregavano.. non e' propriamente una posizione tipica di qualcuno che sta bruciando vivo, e' piuttosto una posizione da "morto stecchito sul colpo"
Ad ogni modo ho provato a documentarmi un po' su questa sostanza, una cosa che salta all'occhio principalmente per esempio leggendo il sito emedicine (http://www.emedicine.com/plastic/topic492.htm#section~elements) e' che iil fosforo causa i danni maggiori se ingerito nella sua forma solida o se i cristalli vengono a contatto diretto con gli occhi.Mentre riguardo al fosforo in fase di combustione si parla di danni principalmente da calore (ustioni) e di irritazione delle mucose per il fumo inalato.
Quindi per quanto io sia convinto che gli USA siano da condannare per questo massacro di civili non penso che si possa parlare di arma chimica, in quanto viene usata *probabilmente* per i suoi effetti "termici" (bomba incendiaria). Il bersaglio secondo me mancato da rainews24 e' stato quello di concentrarsi sul tipo di arma invece che sul fatto che quest'arma e' stata probabilmente usata indiscrimintatamente contro la popolazione civile (ma di questo purtroppo non ci sono prove) in quanto l'uso di armi incendiarie contro bersagli militari non e' vietato, il fosforo di per se non e' vietato e al pentagono dormono sonni tranquilli.

Matteo Cuzzolin 29.11.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento

A Alessandro Ziggiotti
Mi sa che lei ha una visione un po' riduttiva della cosiddetta informazione alternativa. Ho paura che la indentifichi esclusivamente col tg3 e dintorni. In più, io non ho velleità di legittimare un bel niente; semplicemente esprimo la mia modesta opinione, frutto dell'idea che mi sono fatto in base alle informazioni che ricevo e che cerco. Non m'illudo di avere la verità in tasca e tanto meno di propagandarla in giro. Non equiparo i resistenti ai fanatici che si fanno esplodere nei mercati uccidendo alla cieca, ma penso che la situazione irachena sia ben più complicata rispetto ai facili schematismi di buona parte dei nostri gazzettieri che, quotidianamente e a reti unificate, tentano di convincerci su una moltitudine di iracheni plaudenti all'intervento americano che li ha liberati dal feroce dittatore e in trepidante attesa di questa tanto sospirata democrazia. Tendo a fidarmi di più di chi mi propone un quadro più ampio e che tenga conto della complessità che ogni realtà contiene nelle sue mille sfaccettature. Mi fido, sono costretto a farlo, in quanto l'alternativa sarebbe andare a verificare di persona. D'altronde anche lei e tutti quelli che sono costretti a ragionare su notizie di seconda mano non potete fare altro, o sbaglio? Perciò non faccia un processo alle intenzioni, non mi attribuisca frasi che non ho mai detto o intenzioni che non ho. Sarebbe stupido da parte mia negare le autobombe, e infatti non l'ho mai fatto; ma come avrà già capito, non è questo il punto. Prendo atto della sua affermazione, ma continuo a pensare che rimanere in Iraq non sia un contributo alla democratizzazione del paese, semmai un ennesimo aiuto alla amministrazione Bush da parte dei nostri governanti, sempre proni e servili secondo l'ormai inveterata tradizione italica. Quanto ai modi, non mi interessa litigare con nessuno. Come le ho detto, non conosco, qualora esista, la verità. Comunque grazie per l'apprezzamento.

Luca Vindelli 29.11.05 16:36| 
 |
Rispondi al commento

x Simone Corsi
La sua superficialità è pazzesca. Oppure è in malafede. Lei non vede differenza tra colpire i civili mentre si cerca di stanare quelli che la settimana prima hanno sgozzato i poliziotti e colpirli deliberatamente, cercando di ucciderne più possibile?

Alessandro Ziggiotti 29.11.05 10:16| 
 |
Rispondi al commento

x Luca Vindelli
Innanzitutto la sua risposta mi è piaciuta, perchè l'ho trovata educata e ragionata. Vorrei precisare che neanche a me piace la politica del consumismo sfrenato e che vedo gli interessi economici nell'intervento USA. Però il ragionamento che fa sui mezzi di informazione rischia di legittimare sempre e solo l'informazione "alternativa". Le ricordo che per molti i terroristi non esistono, esistono solo "resistenti". Ma come si fa a chiamare resistente chi uccide volontariamente gli iracheni inermi? Questa è una cosa che va al di là delle opinioni personali, salvo negare l'esistenza delle autobombe nei mercati e davanti agli ospedali. Il nostro apporto a Nassirija sarà anche marginale, ma il messaggio che dà è chiaro: l'Italia è per la democrazia in Iraq.

Alessandro Ziggiotti 29.11.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

qualche tempo fa, la signora Sgrena, raccontò la vicenda del suo rapimento, e disse:" quando mi rapirono io gli chiesi perchè proprio io. Loro mi risposero perchè ero italiana e quindi amica degli americani. Ma come?, risposi io, proprio io che invece sono per voi..?...ehm...cioè...sono contro l'intervento anglo-americano."
Complimenti Sgrena. Perchè non s'imbottisce di esplosivo e fa saltare in aria qualche bambino iracheno? magari con qualche carabiniere o giornalista italiano? Forza! dai su! siamo dalla sua parte!.
che schifo. tutto! a destra come a sinistra.
credo ormai che, a sentire e a vedere cosa dicono e come si comportano le persone, ci meritiamo ciò che abbiamo al governo. tanto a dx come a sx.

marco toscani 29.11.05 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera al Tg2 non mi ricordo quale parlamentare del centro-destra ha detto: "Quando un kamikaze si fa esplodere in piazza uccidendo civili, diventa un terrorista". Ora io mi domando se il far esplodere se stessi costituisce titolo per esser definiti terroristi. In caso contrario la suddetta definizione si adagerebbe sofficemente sul tessuto militare americano. Allora vengo in aiuto del citato parlamentare scrivendo la frase che forse voleva pronunciare ieri sera: "L'esercito USA è terrorista". Anche il centro-destra ha esponenti sovversivo-rivoluzionari. Lanciano messaggi subliminali durante interviste televisive. Grandi!!

simone corsi 29.11.05 09:05| 
 |
Rispondi al commento

Ad ALessandro Ziggiotti.
Lei è fuori strada sig. Ziggiotti: qui si tratta di opinioni, nessuno può spingersi oltre e pretendere di conoscere la verità. Io ho semplicemente espresso la mia opinione e mi sono domandato se è possibile farlo senza essere etichettato come pericoloso sovversivo amico dei terroristi o, nel migliore dei casi stigmatizzato come disfattista. Ho vissuto più di un anno negli Stati Uniti e non mi sognerei mai di lasciarmi andare a facili generalizzazioni, però sono, e con me tanti americani, fortemente critico nei confronti della politica di potenza che le amministrazioni degli ultimi decenni hanno portato avanti. Reputo quella di Bush solo la peggiore di tutte. Le pare ragionevole dover discutere con la spada di Damocle del "o con noi o contro di noi"? Le pare sensato dissentire con buona parte dell'informazione ufficiale e sentirsi accusare di stare dalla parte di quelli che sgozzano? Alla fine dei conti chi e in base a che cosa può stabilire quali sia l'informazione corretta? Ognuno di noi può limitarsi a fare qualche ipotesi, tutto lì! Quando non è possibile esprimersi se non su questi presupposti, allora mi viene da pensare che l'arroganza dei più forti d'oltreoceano sommata al berlusconismo nostrano, che ha scalzato alla radice ogni forma di ragionamento logico-deduttivo per sostituirlo con lo sterile linguaggio assertivo della pubblicità, abbiano ridotto questo paese a una rumorosa serie di consigli per gli acquisti. Così può capitare che se dico che i nostri militari in Iraq sono ininfluenti da un punto di vista strategico-militare, considerando l'esiguo numero dei nostri soldati e la loro sostanziale inattività bellica, e che ritirarli servirebbe ad assottigliare la già trasparente foglia di fico con la quale l'amministrazione Bush, perarltro già in grosse difficoltà sul fronte interno, cerca di coprire le proprie menzogne, ebbene, se dico ciò, mi senta accusare di fregarmene degli iracheni, dei poliziotti e di tutto il resto.

Luca Vindelli 29.11.05 01:29| 
 |
Rispondi al commento

x Mario Vecchiarelli
Dai, ti confesso una cosa e facciamo pace. Prima di scrivere la correzione su "scripti" ho controllato, per esserne sicuro al 100%...
;)

Davide Perrino 28.11.05 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Sul sostantivo ti do ragione: ho avuto un momento d'amnesia circa la forma neutra nelle declinazioni. Ma tant'è, capita! Sei contento?

Mario Vecchiarelli 28.11.05 17:42| 
 |
Rispondi al commento

x Mario Vecchiarelli
Non mi hai corretto, ma l'ho fatto subito direttamente io... In ogni caso, per il primo verbo avevo pensato la stessa cosa che hai detto tu, è stato lo "scripti" che mi ha spinto.
Che non capisca il contenuto di ciò che cito è una idea tutta tua. Se poi dici che le mie fonti sono fantomatiche forse allora alcune non le hai nemmeno lette,e la cosa mi stupirebbe fino a un certo punto. Mi viene da dire che le tue non esistono proprio.

Davide Perrino 28.11.05 17:33| 
 |
Rispondi al commento

E non fare il pagliaccio, qualche errore nella fretta capita! Se tu avessi qualche neurone funzionante ti saresti accorto subito che se si fosse trattato di ignoranza avrei sbagliato anche il secondo verbo. Evidentemente vuoi fare lo spiritoso, magari innescare una polemica anche sulla coniugazione dei verbi latini? Pensa però alla differenza di stile: io non ho fatto il minimo accenno alle tue sviste, come l'aver scritto in maniera errata il nome di Al Zarkawi o anidride fosforosa invece di fosforica. Perciò, prima di ergerti a professorino zelante prova ad imparare qualcosa! Quanto al "copia e incolla", purtroppo lo fai sempre con le tue fantomatiche fonti, e infatti puntualmente non capisci il contenuto!

Mario Vecchiarelli 28.11.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento

x Mario Vecchiarelli
E poi, concedimi di farti un piccolo appunto, ma proprio piccolo, emmè, eddai: si dice "verba volant, scripta manent"...
Il latino non è un'opinione. :)

Davide Perrino 28.11.05 16:25| 
 |
Rispondi al commento

x Mario Vecchiarelli
ma che ci vuole, dico io, a fare un copia e incolla (Ctrl+c, Ctrl+v). Ho scritto: "a parte il fatto che buona parte dei resistenti non sono iraqeni (vedi Al Zarqawi)..." , e: "si scrive Al Zarkawi, con la "k", ed è giordano."

Davide Perrino 28.11.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Mai Parlare con i cretini, chi ascolta potrebbe non capire la differenza!

Mario vecchiarelli 28.11.05 16:12| 
 |
Rispondi al commento

:>.

Mario Vecchiarelli 28.11.05 16:06| 
 |
Rispondi al commento

Non hai detto che sono giordani?! Meno male che "Verba volan, scripti manent", mister sottuttoio. Vatti a rileggere quel che hai scritto nel tuo precedente intervento, dove fai riferimento perfino ad Al Zarkawi nel disperato tentativo di corroborare una tesi a dir poco assurda, perché mi sa che ti viene solo per riflesso condizionato. Dei bombardamenti avvenuti tra la prima guerra del golfo e la seconda ne hanno parlato perfino i telegiornali nazionali. Dove sei stato in tutti questi anni, in isolamento? Inutile ripeterti che sebbene io giudichi veritiero il servizio di Rai News 24, in ogni caso non è la mia unica fonte d'informazione. Esser reputato come facente parte di un pubblico medio non mi disturba, specialmente se tale giudizio viene espresso da un mediocre come te. Rimpiango invece d'aver perso un po' di tempo (poco, per fortuna) a rispondere alle tue cazzate. L'ho fatto con fatica, perché leggendo i tuoi deliri mi ritornava in mente un aforisma di Oscar Wilde:>.

Mario Vecchiarelli 28.11.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento

X chi crede ciecamente a Jeff Elgelhart
consiglio di leggere questa intervista rilasciata dall'ex marine a un giornale americano. Tra l'altro:
"Englehart said Thursday that some of his statements were taken out of context. He maintained that he believes white phosphorus killed civilians, though he never saw anyone burned by it while in Fallujah."
Alla fine, dice:
"Englehart said the producers of the Italian documentary took his answer to that question and edited it in after a question from a reporter about whether he had seen women and children killed by white phosphorus."
Come si dice, un'operazione di taglio e cucito...

http://www.denverpost.com/ci_3228977

Davide Perrino 28.11.05 15:05| 
 |
Rispondi al commento

x Mario Vecchiarelli
e che dire del tuo sillogismo secondo cui avrei detto che i rivoltosi sono giordani. Semplicemente ridicolo, trova dove l'ho scritto se ti riesce...
I trattati internazionali sono tali perché stilati da gente che ha le competenze per dare indicazioni affidabili in un certo campo, non mi venire a dire che sono frutto del mostro USA, perché è una cavolata che serve a te per non doverne tener conto. Certo che se Ranuccio dice che sono armi chimiche, dall'alto della sua competenza...

Per finire, hai nuovamente dimostrato di non saper fare altro che parlare di aria fritta, non portando UN documento a sostegno del filmato di RaiNews24 o che confuti i miei e basando tutto ciò che scrivi su travisamenti di ciò che scrivo io. Mi sono siceramente rotto le scatole di risponderti, e a meno che tu cambi tono non credo che ti rispoderò ulteriormente, ho altro da fare.
Se ti fa piacere fomentare il tuo livore con qualsiasi diceria o presunta prova fà pure, non è affar mio. Mi dispiace solo che certi "giornalisti" approfittino della superficialità del publico medio per dire falsità o far passare spazzatura per scoop giornalistici.

Davide Perrino 28.11.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento

x Mario Vecchiarelli
ci vuole una notevole pazienza con te, vista la ridda di cose non dette che mi hai attribuito. Continui a parlare di aria e non del servizio su Falluja, forse perché per te è il Verbo.
Riguardo quella che chiami l'"invasione", se l'avessi chiamata col suo nome, cioè "embargo", avrei concesso che almeno parte della popolazione possa aver ulteriormente sviluppato odio nei confronti degli americani, fomentando così l'attuale resistenza. Non mi risulta che dal 1991 al secondo attacco a Saddam ci siano stati bombardamenti nei confronti dell'Iraq, dunque DOCUMENTA ciò che hai detto (nel qual caso ti crederò) o ritiralo.
>mi trovo a dover rispondere a una ridda di domande insulse...
sono domande legittime alle quali NON hai risposto se non dicendo che sono ridicole, come quella sui referti medici.
Per quanto riguarda il marine dall'elicottero ti faccio notare che ho lasciato l'ipotesi che non se ne fosse accorto solo in un'incidentale, come minima possibilità, ma siccome hai bisogno di attaccarti a tutto...
>hai perso completamente la bussola dimenticando l’elemento essenziale di tutta la vicenda: l’ammissione dell’utilizzo del WP.
Devo ripeterti per l' n-sima volta che l'ammissione dell'utilizzo nello "scuoti e cuoci" (che avviene contro i militari nemici) non implica il millantato uso "indiscriminato" sui civili di cui si parla nel filmato.
>levati dalla testa la bizzarra idea di essere riuscito, con tali risibili argomentazioni, a farmi fare un passo indietro
Evidentemente non leggi i miei commenti più che distrattamente, perché se vai a rileggere ho scritto, testuali parole:"Riguardo ciò che ha detto il chimico hai fatto un passo indietro, se ricordi ti ho detto che non si può provare che la concentrazione fosse sufficiente a uccidere". Non ti ho fatto fare io un passo indietro, l'hai fatto tu riesumando un discorso sul quale non avevi risposto.

Davide Perrino 28.11.05 14:37| 
 |
Rispondi al commento

x Loredana Parolisi
Sono capace di intendere e di volere, non si preoccupi. La vendetta è un sentimanto che non mi appartiene. Sono affranto come tutti per le vittime civili dell'intervento USA. Sono però indignato del fatto che nessuno di voi è altrettanto preoccupato dei poliziotti irakeni uccisi, dei politici giustiziati, dei civili uccisi deliberatamente. Per voi gli irakeni buoni sono solo quelli che intraprendono la lotta armata? Quelli che credono nelle nuove istituzioni sono solo sporchi collaborazionisti? Strano modo il vostro di intendere il pacifismo..gli USA inoltre hanno colpito i civili perchè dovevano entrare in una città piena di rivoltosi, mentre questi continuano ogni gionro a colpire la gente comune nei mercati e negli ospedali! Eh, no, se bisogna stare da una parte non ci sono proprio dubbi: la democrazia in Iraq deve prevalere sui "resistenti", o meglio assassini fanatici.

Alessandro Ziggiotti 28.11.05 11:30| 
 |
Rispondi al commento

x Luca Vindelli
Ho la presunzione di saper ragionare con la mia testa. Non ha risposta alla mia domanda: cosa guadagnerebbero gli irakeni da una nostra precipitosa ritirata? Inoltre ribalto la sua affermazione sulle versioni ufficiali: è sicuro lei che queste siano sempre false e manipolate e che l'informazione"alternativa" sia sorgente di verità assoluta? Da come scrive pare di si. Eppure il video di Sigfrido Ranucci è pieno di manipolazioni, più o meno piccole. Tutti i video di Ranucci sono anti USA e ani governo. Non è che invece di fare giornalismo questo signore fa propaganda?

Alessandro Ziggiotti 28.11.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Sig. Alessandro Ziggiotti,
uh mamma mia! Ma si rende conto di quello che ha appena affermato? Io credo di no... spero di no... Provi a rileggerlo, per favore... Ciascuno e' libero di pensare quel che vuole ma le sue affermazioni sono a dir poco offensive. Spero che quello che sembrerebbe una "sete di vendetta" sia solo un parere mal espresso che da adito, pero', a moltissimi e gravi equivoci.
Non ho parole.

Un saluto a tutti

Loredana Parolisi 28.11.05 07:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho paura che i Vespa e i Fede stiano facendo molti proseliti in Italia! E' mai possibile che non si possa ragionare a trecentosessanta gradi, parlare una lingua altra rispetto alla vulgata delle versioni ufficiali, senza vedersi spuntare il solito fariseo che puntando il dito ti etichetta sbrigativamente come fiancheggiatore dei terroristi o disfattista, se non illiberale? Mi chiedo se il berlusconismo sia davvero riuscito a corrodere così in profondità le coscienze di molti italiani? E' mai possibile che tanta gente riesca davvero a confondere gli aggressori con gli aggrediti? che possa credere davvero alla democrazia esportata con le bombe? Alcuni interventi me lo fanno credere!

Luca Vindelli 28.11.05 00:33| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno di questo blog mi spiega perchè mai dovremmo ritirare le truppe? Stanno facendo solo del bene al popolo irakeno! Cosa dovremmo dire a Jalal Talabani che ci chiede di non abbandonarli in balia dei terroristi?
E poi Falluja: qui a molti "sfuggono" certe notizie come gli sgozzamenti di poliziotti e le esecuzioni sempre di poliziotti irakeni davanti alla folla. Questi fatti sono successi una settimana prima dell'assalto USA a Falluja. Cosa avrebbero dovuto fare gli americani, andare dai terroristi con le margherite? Gli irakeni che si arruolano nella polizia sono forse meno degni di vivere? Più che le azioni USA mi indigna il fatto che molti qui in Italia parteggiano per i terroristi, contro i nostri soldati, contro la polizia irakena e contro ai milioni di irakeni che sono andati a votare e che credono nelle nuove istituzioni!

Alessandro Ziggiotti 27.11.05 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Vedi, mister “sottuttoio”, l’interpretazione storica accende i dibattiti degli storici, ma i fatti, gli avvenimenti nudi e crudi sono indiscutibili, oggettivi, databili e archiviabili come tali. Gli iracheni subiscono l’asfissiante e dolorosa presenza militare anglo-americana fin dalla prima guerra nel golfo del 1991. Non mi risulta che dopo aver liberato il Kuwait americani e inglesi siano andati via, anzi, in più di un decennio i bombardamenti si sono succeduti ogni volta che i “liberatori”, mai paghi di un embargo che ha affamato la popolazione senza scalfire il potere di Saddam Hussein, hanno deciso di farlo. Quindi il termine “assediati”, riferito agli iracheni, è addirittura riduttivo rispetto alla realtà dei fatti. Ma considerando le dimensioni dei tuoi paraocchi probabilmente giudicherai anche questa come propaganda antiamericana. Ti reputi tanto informato e poi dimostri un simile gigantesco vuoto di memoria; evidentemente il vuoto è la tua unica costante! Purtroppo per te, saltando di contraddizione in contraddizione, di inesattezza in inesattezza, sprofondi sempre più nel ridicolo con affermazioni assolutamente aprioristiche, come quando affermi che gli insorti sono giordani e non iracheni. Non dirmi che hai fatto un censimento sulla nazionalità dei rivoltosi.

Mario Vecchiarelli 27.11.05 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Va da sé che se fossero giordani, ciò non toglierebbe comunque dignità a chi si ribella: durante la guerra civile spagnola tanti stranieri accorsero per difendere la repubblica contro i franchisti. Di fronte all’ingiustizia e ai crimini, alcuni, pur non essendone direttamente toccati, si danno da fare per combattere chi commette simili nefandezze, altri invece blaterano di propaganda e amenità varie, addomesticati dall’ideologia del più forte, il pensiero dominante appunto. Quanto alla foto, ti potrei consigliare un buon oculista, ma sono convinto che il problema stia nella tua mente e non nei tuoi occhi. Per quel che mi riguarda, come ha ben spiegato il chimico, un’arma si definisce chimica, appunto, in base al suo meccanismo d’azione, quindi lascia perdere i trattati internazionali: sono la favola della buona notte che i potenti propinano al pecorume per potersi permettere il lusso di commettere ogni sorta di crimini a norma di legge.

Mario Vecchiarelli 27.11.05 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Chiariamo un punto: io non condanno gli americani solo per l’uso del WP, ma per tutta la guerra! L’uso del fosforo dimostra in maniera ormai indiscutibile, per qualsiasi persona raziocinante, che gli americani non sono migliori dei tiranni e cattivoni vari che pretendono di combattere. Ho sperato in un sussulto d’intelligenza di chi ha un’immagine troppo edulcorata degli Stati Uniti, e invece ora mi trovo a dover rispondere a una ridda di domande insulse, buone solo per una triviale conversazione da “bar dello sport”. Cos’altro potrei mai dire a proposito dei muri di Fallujah se non che mi pare chiaro che durante il bombardamento non è stato utilizzato esclusivamente il WP?! Probabilmente i muri li hanno buttati giù con qualche altra arma, ne hanno tante! Magari chissà, una volta buttati giù i muri il fosforo ha potuto agire meglio. Per non parlare dell’avventurosa analisi dei facili distinguo del Pentagono, notoriamente incline alla reticenza. A questo punto hai perso completamente la bussola dimenticando l’elemento essenziale di tutta la vicenda: l’ammissione dell’utilizzo del WP. Riguardo alla mancanza di referti medici, mi vien da ridere solo all’idea che si possa pensare una simile scemenza, a pari merito con l’ipotesi surreale del marine che spara dall’elicottero sui cadaveri non essendosi reso conto che erano vivi. Quindi sparava per paura che gli insorti uccisi potessero resuscitare? Credo sia l’ora di piantarla con simili banalità. Già che ci siamo, risparmiami anche il patetico vittimismo della tua ultima e levati dalla testa la bizzarra idea di essere riuscito, con tali risibili argomentazioni, a farmi fare un passo indietro. Piuttosto sforzati di fare tu qualche passo in avanti dagli omogeneizzati in poi.

Mario Vecchiarelli 27.11.05 17:58| 
 |
Rispondi al commento

x MARCO - Ti capiscono benissimo! Il problema non sono "loro" che sono come le tempeste, i terremoti e le altre calamità, siamo noi che dobbiamo crearci gli anticorpi, li abbiamo votati e purtroppo abbiamo grandi colpe nel non voler capire che quando si violano le regole di convivenza (vedi conflitto di interessi, controllo informazione ecc.) tutto è possibile.

luigi scaglioni 26.11.05 19:11| 
 |
Rispondi al commento

BAAAASSSSSTAAAAAAAAAAAAAAAA
Basta usare dio, la democrazia,e tutti gli imbrogli possibili .
io non so' se questo dio esiste ma so' che gli uomini (se cosi' li possiamo definire) si purtroppo si e non si vergognano mai di mentire uccidere nel nome di dio e della democrazia
pensate cari potenti del mondo che il vostro vergognoso operato e visto da dio ma sopratutto dagli uomini
ricordatevi che tutto quello conquistatoin vita
lo perderete senza ombra di dubbio alla morte
ricordatevi che nella vostra breve vita avrete se in questo caso sarete sfortunati figli che dovranno sopportare le vostre malefatte o peggio doverle continuare vedi la famiglia bush
smettetela nel nome non di dio ma degli uomini che come dio avrebbe voluto sono tutti uguali
e come tali domani se si comporteranno come voi
non potrete biasimare
questa lettera aperta a voi poteneti della terra
non servira' a cambiare le cose ma se per caso
uno di voi la leggesse e sopratutto la capisse (cosa che dubito) sara' sicuramente il precursore di un era di pace e di rispetto di cio' che non vi appartiene e che tale deve restae

Deleani Marco 26.11.05 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Perchè gli americani non vogliono giornalisti indipendenti? Perche hanno sparato contro l'albergo dei giornalisti italiani? Perche hanno sparato contro la Sgrena? Perchè prima negano poi devono ammettere l'uso del fosforo? Ecc.. Perche dovrei credere qualcosa di quello che dicono gli americani? Che già hanno usato falsità per fare questa guerra? che senso ha discutere con chi nasconde la verità dei fatti? Per inteso questo valeva e vale anche per la russia comunista, per quella di Putin, per la cina ecc...

luigi scaglioni 26.11.05 11:00| 
 |
Rispondi al commento

x Mario Vecchiarelli
>...quando pretendi che un popolo aggredito con tale brutalità e dopo essere stato assediato per più di dieci anni non si ribelli.
Tra una cosa e l'altra, mi hai dato anche del razzista, in base a un'affermazione che non ho mai sostenuto...

Davide Perrino 25.11.05 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Piccola correzione, si scrive Al Zarkawi, con la "k", ed è giordano.

Davide Perrino 25.11.05 16:10| 
 |
Rispondi al commento

...continua
Per finire, non capisco perché tu continui a essere offensivo nei miei confronti. L'unica cosa che ho fatto è stato mettere in dubbio la veridicità del filmato di RaiNews24 documentando le mie affermazioni e cercando di mettere in evidenza le incongruenze e l'incompletezza con cui è stato confezionato, al solo fine, sembra, di dimostrare cose non dimostrabili con quelle immagini.
E tu, invece di fare altrettanto come ci si aspetterebbe da qualsiasi persona ragionevole, non hai saputo fare altro che aggredire, prima gli "intelligentoni" e poi me.
Come si concilia ciò che viene detto dei cadaveri con gli effetti del WP? Dobbiamo dare retta a organismi internazionali o a Ranuccio? Che c'entra un ipotetico bombardamento al WP con la presunta distruzione della città?(il WP non distrugge i muri) Perché, invece di mostrare cadaveri a casaccio, molti dei quali senza neanche la data del filmato, non hanno fatto vedere referti medici che attestassero che quelle povere persone sono morte a Falluja tra l'8 e il 20 nov. per la nebbia del WP? Non sarebbe stato più onesto? Se davvero la Sgrena era in possesso di informazioni che avrebbero diffamato gli americani, perché i loro nemici avrebbero dovuto rapirla per impedirle di parlare? (riascolta quella dichiarazione e dimmi se ti sembra coerente).
Allora, ti ripeto: sei in grado di rispondere in maniera meno vaga alle domande che ti ho fatto?
Perché se devi scrivere un'altra risposta fatta di offese puoi anche risparmiartela, non serve a nessuno. Se invece ti vuoi basare sui dati reali esponi un ragionamento coerente che spieghi come possono essere andate le cose a Falluja.
Distinti saluti.

Davide Perrino 25.11.05 15:53| 
 |
Rispondi al commento

x Mario Vecchiarelli
beh, almeno non ti manca il senso dell'umorismo, quella del circolo di onanisti era carina.
>...un popolo aggredito con tale brutalità e dopo essere stato assediato per più di dieci anni non si ribelli
assediato per più di dieci anni? a parte il fatto che buona parte dei resistenti non sono iraqeni (vedi Al Zarqawi)...
Riguardo al cinismo del marine (ammesso che si fosse accorto che uno era ancora vivo) posso darti ragione. Non capisco però perché insisti nel dire che sia un bambino, da cosa si vede? Non ci sono neanche altri riferimenti per capire le dimensioni. Mah.
Dimmi poi (e per piacere, almeno una volta non essere vago) dove mi sono contraddetto. E dimmi perché per te un trattato internazionale non va tenuto in conto. Anzi, è meno importante della parola di un giornalista (che per me ha dimostrato peraltro una dubbia professionalità).
Non ho cercato in nessuna maniera di screditarti, so che il paragone con il modo di comunicare delle BR era un po' forte, ma proprio per questo ho tenuto a precisare che era solo nella forma.
Non capisco a cosa tu ti riferisca nella parte finale del primo messaggio, non ho la minima idea di quello che hanno detto i politici di quel filmato, a parte alcuni commenti della estrema sinistra.
>Le fonti non sono autorevoli, e quindi credibili, solo quando sta bene a te!
perchè, quando mai ho messo in dubbio la credibilità del chimico che ho citato? Ho solo detto che per la definizione di arma chimica ci si deve rifare a un organo internazionale, piuttosto che a opinioni personali. Ti sembra insensato?
Infine, le ammissioni del Pentagono riguardano lo "scuoti e cuoci" (oltre che l'uso come illuminante), e non implicano che l'uso del WP abbia ucciso.
Riguardo ciò che ha detto il chimico hai fatto un passo indietro, se ricordi ti ho detto che non si può provare che la concentrazione fosse sufficiente a uccidere, quindi perché mi dici di rileggere quel post?
continua...

Davide Perrino 25.11.05 15:33| 
 |
Rispondi al commento

C'è sempre un sistema per verificare chi è in buona fede e cioè considerare chi permette che l'informazione sia libera e chi la ostacola. E' una semplicissima cartina al tornasole che non lascia equivoci. Il blocco delle fonti di informazioni(è troppo banale dirlo) fa parte di tutte le dittature e delle nazioni che non si dichiarano tali ma....

luigi scaglioni 25.11.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Io non accetto un bel niente, men che meno le tue sconclusionate conclusioni. A tal proposito ti rinnovo l’invito a rileggerti quanto scritto dal chimico più volte da te citato (se non ce la fai da solo fatti aiutare), il quale afferma che l’anidride fosforica, generata dalla combustione spontanea del P4 a contatto con l’aria, si condensa a temperature inferiori ai 350°C trasformandosi in polvere finissima che reagisce violentemente con l’umidità (il corpo umano è fatto per il 75% di acqua) provocando ustioni cutanee di tipo chimico attraverso i vestiti senza intaccarli. Le fonti non sono autorevoli, e quindi credibili, solo quando sta bene a te! Certo, tenendosi a debita distanza dai bombardamenti è possibile sopravvivere, ecco perché noi oggi siamo informati dai vari testimoni oculari, tra i quali troviamo alcuni giornalisti americani che allora erano accreditati al seguito delle truppe statunitensi. Ma evidentemente per te sono poca cosa, visto che nemmeno le ammissioni del Pentagono ti schiodano dalle tue convinzioni o ti frenano nei tuoi eccessi verbosi.

Mario Vecchiarelli 25.11.05 12:50| 
 |
Rispondi al commento

I tuoi vaniloqui diventano surreali quando pretendi che un popolo aggredito con tale brutalità e dopo essere stato assediato per più di dieci anni non si ribelli. Chissà se ti rendi conto del razzismo insito in questo modo di valutare la faccenda? Nel caso specifico, tra l’altro, io ho sottolineato il cinismo del marine, il quale da una posizione di enorme vantaggio sparava perfino su uomini già feriti, stesi a terra e gesticolanti nel tentativo di segnalare la loro resa. Non parliamo poi della tua ostinata cecità di fronte alla foto del bambino carbonizzato. E già, tu non te la bevi! Tu sei analitico, dotato di una capacità critica impareggiabile, e si vede nella ferrea logica con cui riesci a contraddire perfino te stesso, contorcendoti tra i trattati internazionali e le menzogne dei guerrafondai per abbandonarti a quel che alla fine ti riesce meglio: la pratica reiterata della masturbazione mentale. Sicuramente avrai già sentito anche questa locuzione; magari ti suonerà astratta come l’altra e ti affretterai a scrivere che faceva parte di un documento di rivendicazione di qualche fantomatico circolo di onanisti; d’altronde, quando si è a corto d’argomenti, e i tuoi scarseggiano sul serio, non resta che screditare l’interlocutore associandolo a qualche forma di male assoluto. Per lo meno abbi il coraggio e la coerenza di andare fino in fondo, non ti nascondere vigliaccamente dietro la foglia di fico dei facili distinguo di circostanza o delle frasi allusive. Un vero marine non è mai tremebondo, che diamine! Invece io credo che il vuoto pneumatico della tua testa non ti permetta nemmeno questa piccola soddisfazione. E’ paradossale e allo stesso tempo grottesco il tuo tentativo di farmi passare per un dogmatico che riporta pappagallescamente frasi altrui infarcendo le tue elucubrazioni con le frasi a gettone di un Castelli qualsiasi. Evidentemente hai più familiarità con i cattivi maestri di quanta ne attribuisci a me.

Mario Vecchiarelli 25.11.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

...continua
>La verità è che la gente come te è talmente allucinata dalla propaganda ad uso e consumo del pensiero dominante...
senza sindacare sul modo in cui scrivi (sicuramente migliore del mio), devo però dirti che mi sa di cosa fatta con lo stampino. Ho la sensazione di aver sentito tante volte questo modo di parlare(ripenso al documento di rivendicazione delle nuove brigate rosse di un paio di anni fa, senza per questo paragonarti a quella gente, sia chiaro), che alla fine trovo un po' vuoto e astratto. Non so cosa sia per te il pensiero dominante, vorrei farti solo notare che non una volta nei miei post ho citato Bush e compagnia bella a sua difesa, e non ho mai negato che siano morti dei civili e che questa guerra si basi su presupposti menzogneri. Questo non significa però che mi debba bere ogni cosa detta contro gli USA (questa sì per propaganda), specie dal momento che ravviso in più punti la debolezza delle prove portate a sostegno di un'accusa così grave (cioè che si tratti di crimini di guerra).
Il problema tuo sta nell'aver accettato in maniera acritica il contenuto del filmato perchè evidentemente (probabilmente) ti faceva prima di tutto piacere pensare che dicesse il vero. Non venire quindi a dire a me che sono "allucinato dalla propaganda".
Ultimo appunto: dici che le mie sono chiacchiere, ma intanto sono l'unico che, prima di parlare, cita le fonti e ragiona in base a esse, e non ad assunti presi non si sa dove. Non altrettanto hanno fatto Ranuccio&Co (non hanno interpellato un chimico per il WP, un medico per delle perizie sui corpi ecc...) ma sei stato ben più pronto a credergli.

Davide Perrino 24.11.05 19:34| 
 |
Rispondi al commento

dimmi cosa posso fare per farlo sapere a più persone possibili,
lo sto inviando e chiamo per farlo vedere
propongo di modificare, dopo la news del fosforo bianco, la lettera al presidente come da me fatto

RICCARDO VAIRO 24.11.05 19:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe
ti allego una copia di una mail che, anche garzie a te, ho rinviato al capo di stato:

Sono Riccardo VAIRO
ritirare le truppe dall'Iraq ora è una questione dignitosa, come Capo delle Forze Armate e tutore dell'art. 11 della Costituzione
che dice che l'Italia ripudia la guerra, di far tornare immediatamente i nostri "costruttori di pace" dall'Iraq e di mandare al loro posto i
costruttori di menzogne che sono al governo.
Dopo l'uso del fosforo bianco, certo è di vitale importanza la nostra presenza nell'Iraq, ma non come costruttori di pace, come sanatori di innumerevoli danni che questa menzogna ha provocato, la pace non c'è stata, per proteggere e aiutare l'america nel suo obiettivo siamo disposti a sopportare che la storia ci ricordi come facenti parte di un genocidio di tale portata.
Le porgo i miei più umili saluti
RICCARDO VAIRO, via san francesco n 7 Fuscaldo (cs)

RICCARDO VAIRO 24.11.05 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe
ti allego una copia di una mail che, anche garzie a te, ho rinviato al capo di stato:

Sono Riccardo VAIRO
ritirare le truppe dall'Iraq ora è una questione dignitosa, come Capo delle Forze Armate e tutore dell'art. 11 della Costituzione
che dice che l'Italia ripudia la guerra, di far tornare immediatamente i nostri "costruttori di pace" dall'Iraq e di mandare al loro posto i
costruttori di menzogne che sono al governo.
Dopo l'uso del fosforo bianco, certo è di vitale importanza la nostra presenza nell'Iraq, ma non come costruttori di pace, come sanatori di innumerevoli danni che questa menzogna ha provocato, la pace non c'è stata, per proteggere e aiutare l'america nel suo obiettivo siamo disposti a sopportare che la storia ci ricordi come facenti parte di un genocidio di tale portata.
Le porgo i miei più umili saluti
RICCARDO VAIRO, via san francesco n 7 Fuscaldo (cs)

RICCARDO VAIRO 24.11.05 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda ciò che scrive il chimico che ho citato, gli si può attribuire piena fiducia nel momento in cui parla degli agenti chimici, e non mi è chiaro in base a cosa tu dica che non ho capito come funzioni il WP.
Il problema è che non è un singolo (anche se chimico) a decidere cosa sia e cosa non sia un'arma chimica, questo spetta alle convenzioni internazionali. Linko una pagina del sito della "Organization for the Prohibition of Chemical Weapons", http://www.opcw.org/resp/html/cwagents.html. Come potrai notare, il WP non figura da nessuna parte, ovvero NON E', a rigore, un'arma chimica.
Vedo che accetti le mie conclusioni riguardo il modo in cui possono morire delle persone a causa del WP, ma riguardo le concentrazioni devo rivoltarti contro la tua obiezione: ovviamente non posso sapere quale concentrazione si sia raggiunta localmente, ma è compito di chi accusa provare che fosse letale. Non ho la pretesa di essere accurato come un testimone oculare(che all'"indiscriminato uso del WP" non sarebbe sopravvissuto...), ho solo fatto due ragionamenti. Tra l'altro, il marine che ha parlato del WP ha solo detto di aver sentito per radio che sarebbe stato usato (cosa vera), e ne ha descritto gli effetti dall'alto di non so quale competenza scientifica (tant'è vero che ha detto cose inesatte). Dal suo blog si legge che l'hanno trasferito a Falluja solo negli ultimi due giorni della battaglia, ed era adibito al solo ruolo di escort, quindi non ha preso parte al grosso dei combattimenti.
>Per quanto riguarda il filmato dall'elicottero e dei ribelli a terra...
Allora ammetti che siano ribelli, dunque dov'è l'assurdità della mia risposta?Ma l'hai visto il filmato? Mi viene però il dubbio di essermi espresso male nel primo post(...e non posso che dire che sia giusta), volevo dire esattamente il contrario, e cioè che non trovo che sia giusta. Se era questo il tuo problema me ne scuso.
Cmq la foto del blog non mi sembra di un bambino(la verità è che non si capisce)

Davide Perrino 24.11.05 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Linuxclub è un'associazione culturale no profit è l'evento è gratuito, spero non venga considerato un messaggio pubblicitario, volevo segnalarVi solo che l'informazione sull'argomento inizia a girare.

Con il patrocinio della Provincia di Roma Assessorato Politiche Culturali e Comunicazione

Con il patrocinio della Presidenzadel Municipio Roma XI

Mercoledì, 30 novembre 2005 ore 18,00
presso il Linux Club di Via Libetta 15c, Roma

Presentazione e proiezione del filmato inchiesta

FALLUJAH, la Strage Nascosta
Fallujah, the Hidden Massacre

A seguire incontro dibattito su:

Informazione, Giustizia e Guerra - War, Media, Justice

Come difendere il Giornalismo di Inchiesta, la Ricerca della Verità e della Giustizia
contro la Propaganda, l'Occultamento delle Notizie, gli Insabbiamenti

Saranno presenti gli autori della Video-inchiesta:
Sigfrido Ranucci, Giornalista Rai
Maurizio Torrealta, Giornalista Rai

Intervengono:
Stephanie Westbrook, U.S. Citizens for Peace & Justice – Rome
On. Giuliano Pisapia, PRC
Sen. Fiorello Cortiana, Verdi
On. Vincenzo Vita, Assessore Comunicazione Provincia di Roma
Massimiliano Smeriglio, Presidente Municipio Roma XI
Sergio Bellucci, Resp. Comunicazione PRC
Roberto Di Giovan Paolo, Pres. di Informazione@futuro Labirinto 2
Arturo Di Corinto, Giornalista e Docente
Francesco Tupone, Linux Club Italia

Proiezione di “N.Y.LI.BA”, primo premio Raffaele Ciriello al Lucania Fim Festival nella sezione Giornalismo di Guerra, presentata dall'autore Alex Mezzenga

Lorenzo Bressan (linuXclub) 24.11.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito quando qualcuno indica la luna in tanti si mettono a guardare il dito! Non è una questione di garbatezza, caro Perrino, e risparmiami le tue “dotte” dissertazioni sul fosforo: dubito che tu capisca realmente come funziona il fosforo bianco, e in più, non hai capito, o forse strumentalizzi, quanto scritto dal chimico da te citato, il quale spiega bene e con tanto di formula che non solo l’anidride fosforica generata dalla combustione del fosforo può provocare ustioni cutanee senza intaccare i vestiti, ma che trattasi di arma chimica. Quanto alle concentrazioni, sei forse in grado di stabilire la quantità di fosforo utilizzato a Fallujah dagli americani e quindi la concentrazione dell’anidride fosforica prodotta nell’aria dal bombardamento? La pochezza delle tue argomentazioni si riassume nella superficiale e sbrigativa definizione di “semplice nebbia fumogena”, come se le tue chiacchiere non fossero il solito banale tentativo di negare aprioristicamente le atrocità dei sedicenti esportatori di democrazia, ma addirittura il preciso racconto di un testimone oculare quale tu non puoi essere, tanto lucido da potersi addirittura permettere il lusso di contraddire le dichiarazioni dei due reduci americani intervistati da Rai News 24. Per quel che riguarda il marine sull’elicottero e i ribelli a terra, la tua risposta è talmente assurda che basta prendere in prestito la foto su questo blog del bambino carbonizzato per rispondere definitivamente alle tue farneticazioni, a meno che tu non creda che anche quel bambino nasconda chissà quale pericoloso lanciamissili. La verità è che la gente come te è talmente allucinata dalla propaganda ad uso e consumo del pensiero dominante da non riuscire ad accettare nemmeno l’idea che ci possa essere qualcosa al di fuori della propria normalità così rassicurante. Forse la stupidità è anch’essa un diritto, e allora vivetevela pure, ma almeno non cercate di esportarla, né con le chiacchiere e tanto meno con le bombe.

Mario Vecchiarelli 24.11.05 16:02| 
 |
Rispondi al commento

ricordo a tutti gli amici che i russi bombardano e attaccano regolarmente la CECENIA, la capitale Grozni è un cumolo di macerie, nessuno ne parla mai... Io mi trovo in Serbia perchè nessuno racconta realmente cosa e successo qui perchè la nato a bombardato serbia e montenegro andiamo a fondo e scopriamo la verità, forse anche Voi scoprirete che milosevich è solo vittima delle circostanze, e la situazione in Bosnia e in Kosovo non è ancora risolta, forse milosevich voleva che venisse rispettata la costituzione Yugoslava che ha permesso la pace in questo stato per molti anni perchè nessuno lo dice attenzione non facciamoci boicottare dai mezzi di informazione

aldo cammarata 23.11.05 21:10| 
 |
Rispondi al commento

x Fabio Corvino
Prima di tutto il chimico che ho citato non prende posizione, per cui non è esatto parlare di "ciò che ha cercato di dire". Si è limitato a spiegare cosa succede quando il WP entra in contatto con l'aria (aggiungo: a una certa temperatura). E non ha scritto che entra nelle case. Ricorderai che nel filmato si parla di corpi carbonizzati, e si cita la capacità del WP di penetrare fino all'osso. Ciò non è ovviamente valido per il P2O5, che reagisce con l'acqua (sotto forma di vapore acqueo o quella del corpo umano) ma che in compenso quasi non intacca i tessuti. Di conseguenza, le deduzioni che avevo fatto ma che non ho riportato per brevità sono:
1)Un corpo ipoteticamente carbonizzato dalla combustione del WP (ammesso che si sia usato qualcosa di diverso da ciò che si vede nel filmato) NON PUO' avere gli abiti intatti.
2)Perché un essere umano sia ucciso dall'anidride fosforica è necessaria una concentrazione molto alta della suddetta nebbia.
La tua è una semplificazione eccessiva, non si può dire che brucia gli occhi in un minuto, dipende dalla concentrazione nell'aria. E come chimico dovresti saperlo bene.
Di conseguenza, ciò che viene detto nel filmato riguardo il WP è falso.
Spero di averti chiarito perché ho citato quel post, e cosa secondo me permette di dedurre.

Inoltre, la nebbiolina non distinguerebbe neanche tra rivoltosi e marines...e ti ricordo che anche il Pentagono ha ammesso l'uso di granate al fosforo (o qualcosa di simile) nelle operazioni "scuoti e cuoci", in cui i soldati stanano dai loro rifugi i rivoltosi, trovandosi essi stessi nella zona in cui usano il WP. Non possono quindi averne usate quantità eccessive.
Se "non ho capito" altre cose fammelo notare pure, con il solito garbo...

Davide Perrino 23.11.05 21:09| 
 |
Rispondi al commento

X Davide Perrino
Ma l'hai letto bene quello che c'è scritto su http://notturnodallitalia.splinder.com ? Forse l'hai letto ma non hai capito niente....
Ti rispiego quello che il chimico (e quindi collega) da te citato ha cercato di dire.
Allora il P4 o WP si brucia a contatto con l'ossigeno dando, per citarti, quell'effetto da "razzi segnalatori" che "si consumano cadendo".
La "nebbiolina" di anidride fosforica (che si forma prima di arrivare al suolo) non intacca i vestiti ma è capace di consumarti le palle degli occhi in meno di 1 minuto. Inoltre, come faceva notare il chimico da te citato, tale "nebbiolina" non è possibile indirizzarla contro i rivoltosi ma si infila nelle case di chiunque.
La prossima volta rileggi 2 volte le cose prima di parlare a vanvera.

Fabio Corvino 23.11.05 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Il messaggio non era per kiboko,ma per

Mario Vecchiarelli il 22.11.05 13:15

la scrittura dei post mi ha confuso... in più
Errata corrige:
volevo scrivere anidride fosforica, non fosforosa.

Davide Perrino 23.11.05 16:48| 
 |
Rispondi al commento

X kiboko ( 22.11.05 15:35 )
Quello che dici riguardo il filmato non è esatto; non è strano che altri abbiano messo in dubbio la sua veridicità, e per molti motivi, primo tra tutti il fatto che vi siano una grande quantità di inesattezze (volute e non) al solo fine propagandistico. Per esempio, quel poco che si vede nel filmato non è un bombardamento, dal momento che le bombe esplodono. Quelli sono più simili a razzi segnalatori, se osservi si consumano cadendo. Se volessi bombardare che senso avrebbe far consumare la tua arma lungo la caduta? Senza contare che un'arma incendiaria blanda come il WP di per sè non distrugge le case...
Per quanto riguarda l'ultima sequenza, l'amico Ranuccio ha "dimenticato" di farci vedere i minuti iniziali di quel filmato, in cui si vede chiaramente che uno di quegli uomini trasporta un lanciarazzi, o qualcosa di simile. Di certo non erano civili. Qui puoi vedere il video completo: http://ospitalieri.splinder.com/media/6268495
Se poi vuoi parlare del fatto che si sia sparato a qualcuno, questo allora riguarda tutta la guerra...e non posso che dire che sia giusta.
Arrivando ai cadaveri, mi pare che qualcuno già parlasse delle reazioni del fosforo bianco. Leggi qui (http://notturnodallitalia.splinder.com/) per capire che non è possibile che il WP abbia "carbonizzato" le persone senza intaccare i vestiti. Al massimo l'anidride fosforosa generata dalla combustione (quindi brucia anche i vestiti) del WP si combina con il vapore acqueo o con l'acqua contenuta nei tessuti umani per formare l'acido fosforico, che può provocare danni alla cute e alle mucose, ma che per uccidere ha bisogno di concentrazioni molto più alte di quelle di una semplice nebbia fumogena. Ultima cosa, il Pentagono ha ammesso l'utilizzo del WP per stanare i guerriglieri, non il bombardamento.

Davide Perrino 23.11.05 16:41| 
 |
Rispondi al commento

X kiboko ( 22.11.05 15:35 )
Quello che dici riguardo il filmato non è esatto; non è strano che altri abbiano messo in dubbio la sua veridicità, e per molti motivi, primo tra tutti il fatto che vi siano una grande quantità di inesattezze (volute e non) al solo fine propagandistico. Per esempio, quel poco che si vede nel filmato non è un bombardamento, dal momento che le bombe esplodono. Quelli sono più simili a razzi segnalatori, se osservi si consumano cadendo. Se volessi bombardare che senso avrebbe far consumare la tua arma lungo la caduta? Senza contare che un'arma incendiaria blanda come il WP di per sè non distrugge le case...
Per quanto riguarda l'ultima sequenza, l'amico Ranuccio ha "dimenticato" di farci vedere i minuti iniziali di quel filmato, in cui si vede chiaramente che uno di quegli uomini trasporta un lanciarazzi, o qualcosa di simile. Di certo non erano civili. Qui puoi vedere il video completo: http://ospitalieri.splinder.com/media/6268495
Se poi vuoi parlare del fatto che si sia sparato a qualcuno, questo allora riguarda tutta la guerra...e non posso che dire che sia giusta.
Arrivando ai cadaveri, mi pare che qualcuno già parlasse delle reazioni del fosforo bianco. Leggi qui (http://notturnodallitalia.splinder.com/) per capire che non è possibile che il WP abbia "carbonizzato" le persone senza intaccare i vestiti. Al massimo l'anidride fosforosa generata dalla combustione (quindi brucia anche i vestiti) del WP si combina con il vapore acqueo o con l'acqua contenuta nei tessuti umani per formare l'acido fosforico, che può provocare danni alla cute e alle mucose, ma che per uccidere ha bisogno di concentrazioni molto più alte di quelle di una semplice nebbia fumogena. Ultima cosa, il Pentagono ha ammesso l'utilizzo del WP per stanare i guerriglieri, non il bombardamento.

Davide Perrino 23.11.05 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Ieri è stato trasmesso a Ballarò, in coda al programma, il servizio su Falluja. Che sentimenti ho provato? Su tutti, l'indignazione. Il sentimento più inutile. Il famoso "adesso basta" seguito dal non agire. Vi prego, sono pessimista, ditemi qual'è il vero modo per dare una mano attivamente. Le manifestazioni? Le bandiere della pace? a cosa è servito tappezzare l'Italia di bandiere arcobaleno? Siamo andati "democraticamente" in guerra... Votare la prossima volta il candidato giusto? e chi sarebbe? Investire nella classe politica che sarà al potere tra dieci anni? Io ho 27 anni, non conosco nessuno della mia età seriamente impegnato in politica (nel senso che abbia rinunciato ad una carriera aziendale o imprenditoriale o al fantomatico posto fisso per dedicarsi anima e corpo alla carriera politica). Va bene, non voteremo di nuovo Berlusconi, ma finiremo per votare dei nuovi piccoli berlusconi in futuro...

Valentina Saluzzi 23.11.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

stasera su RAI TRE il video di Falluja

alla fine di Ballarò.

vedi: http://cecio.krur.com/2005/11/22/stasera-su-rai-tre-il-video-di-falluja/

stefano cecere 22.11.05 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Perchè a chi appoggia e difende Bush non viene semplicemente consigliato di vedere FARHENHEIT 9/11. Non è un punto di vista politico o un articolo fazioso. E semplicemente un documentario che ha vinto la Palma d'Oro.
Ed è uno schifo che se ne sia parlato solo per il periodo del festival di Cannes.
Come diavolo fa Bush ad essere ancora lì!
Ciao.

Manuel Iacci 22.11.05 17:38| 
 |
Rispondi al commento

SUPPOSIZIONE DI VOTO ELETTORALE!

In tema di prossime elezioni politiche in Italia, vorrei proporre un ...... chiamiamolo "GIOCO"...
Secondo voi per chi voterebbero:

- Gesù Cristo

- i vari Santi(S. Francesco, S. Antonio, S. Giuseppe, S. Pietro, ecc.)

- Papa Pio XII°

- Dante Alighieri

- Leonardo da Vinci

- Galileo Galilei

- Luigi Pasteur

- Guglielmo Marconi

eccetera, eccetera.

Un altro pseudo gioco che mi viene in mente mentre scrivo:

"avendo la possibilità divina di compiere un miracolo" che miracolo fareste?

Esempio:

- far piangere una statuetta raffigurante un personaggio cattolico/divino?

- far, non si dice tanto, piovere un po' in certi posti dove si muore di sete?

- fare qualcosa per 4 milioni di bambini "RANDAGI" brasiliani che per sfuggire agli squadroni della morte, assoldati dai ricchi, si rifugiano nelle fogne più fogne, unico posto alquanto sicuro (se così si può dire) poichè gli stessi "SQUADRISTI DELLA MORTE" hanno paura di andare.
(attenzione! il termine "Bambini Randagi" non è una forzatura di chi scrive; tali bambini così cosi vengono definiti)

- far qualcosa per impedire lo sterminio di 5 milioni di ebrei (uomini, donne, anziani e bambini)

- far qualcosa per milioni di uomini, donne, bambini, anziani, (innocenti) non muoiano in nome della democrazia soppressa con la violenza da un dittatore (e pochi suoi accoliti) spietato il più delle volte anche goffo e ridicolo

- eccetera, eccetera, eccetera, ......eccetera!!!

francesco bavila 22.11.05 17:07| 
 |
Rispondi al commento

SUPPOSIZIONE DI VOTO ELETTORALE!
In tema di prossime elezioni politiche in Italia, vorrei proporre un ...... chiamiamolo "GIOCO"...
Secondo voi per chi voterebbero:
- Gesù Cristo
- i vari Santi(S. Francesco, S. Antonio, S. Giuseppe, S. Pietro, ecc.)
- Papa Pio XII°
- Dante Alighieri
- Leonardo da Vinci
- Galileo Galilei
- Luigi Pasteur
- Guglielmo Marconi
eccetera, eccetera.

Un altro pseudo gioco che mi viene in mente mentre scrivo:
"avendo la possibilità divina di compiere un miracolo" che miracolo fareste?
Esempio:
- far piangere una statuetta raffigurante un personaggio cattolico/divino?
- far, non si dice tanto, piovere un po' in certi posti dove si muore di sete?
- fare qualcosa per 4 milioni di bambini "RANDAGI" brasiliani che per sfuggire agli squadroni della morte, assoldati dai ricchi, si rifugiano nelle fogne più fogne, unico posto alquanto sicuro (se così si può dire) poichè gli stessi "SQUADRISTI DELLA MORTE" hanno paura di andare.
(attenzione! il termine "Bambini Randagi" non è una forzatura di chi scrive; tali bambini così cosi vengono definiti)
- far qualcosa per impedire lo sterminio di 5 milioni di ebrei (uomini, donne, anziani e bambini)
- far qualcosa per milioni di uomini, donne, bambini, anziani, (innocenti) non muoiano in nome della democrazia soppressa con la violenza da un dittatore (e pochi suoi accoliti) spietato il più delle volte anche goffo e ridicolo
- eccetera, eccetera, eccetera, ......eccetera!!!

francesco bavila 22.11.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

SUPPOSIZIONE DI VOTO ELETTORALE!
In tema di prossime elezioni politiche in Italia, vorrei proporre un ...... chiamiamolo "GIOCO"...
Secondo voi per chi voterebbero:
- Gesù Cristo
- i vari Santi(S. Francesco, S. Antonio, S. Giuseppe, S. Pietro, ecc.)
- Papa Pio XII°
- Dante Alighieri
- Leonardo da Vinci
- Galileo Galilei
- Luigi Pasteur
- Guglielmo Marconi
eccetera, eccetera.

Un altro pseudo gioco che mi viene in mente mentre scrivo:
"avendo la possibilità divina di compiere un miracolo" che miracolo fareste?
Esempio:
- far piangere una statuetta raffigurante un personaggio cattolico/divino?
- far, non si dice tanto, piovere un po' in certi posti dove si muore di sete?
- fare qualcosa per 4 milioni di bambini "RANDAGI" brasiliani che per sfuggire agli squadroni della morte, assoldati dai ricchi, si rifugiano nelle fogne più fogne, unico posto alquanto sicuro (se così si può dire) poichè gli stessi "SQUADRISTI DELLA MORTE" hanno paura di andare.
(attenzione! il termine "Bambini Randagi" non è una forzatura di chi scrive; tali bambini così cosi vengono definiti)
- far qualcosa per impedire lo sterminio di 5 milioni di ebrei (uomini, donne, anziani e bambini)
- far qualcosa per milioni di uomini, donne, bambini, anziani, (innocenti) non muoiano in nome della democrazia soppressa con la violenza da un dittatore (e pochi suoi accoliti) spietato il più delle volte anche goffo e ridicolo
- eccetera, eccetera, eccetera, ......eccetera!!!

francesco bavila 22.11.05 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Oggi sul corriere della sera ho visto un bellissimo articolo:
Grillo sull'Herald Tribune: «Ecco
i deputati italiani condannati»
Ecco cosa intendevo quando ho chiesto a Grillo di essere più visibile.
Mi creda Grillo, la massa guarda la televisione e legge un po' i giornali una ristretta minoranza legge i blog.
Continui così!!!! Grazie

p.s. Le sarei grato se facesse una bella campagna per una corretta informazione...cosa che a mio avviso non viene fatta dal TG4 di Fede.

kiboko 22.11.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi rivolgo ai vari "intelligentoni" che anche in questo blog hanno negato la veridicità del reportage di Rai News 24 sull'uso, da parte degli americani, del fosforo bianco durante i bombardamenti di Fallujah: chissà cosa avete da dire ora che il Pentagono ha confermato i fatti? ora che, e per l'ennesima volta, gli americani hanno dimostrato di non essere migliori degli altri, di non corrispondere all'immagine dei temerari eroi senza macchia che Hollywood propaganda a piene mani; cosa pensate, qualora abbiate un cervello per farlo, del marine che spara dall'elicottero puntando i suoi bersagli su un monitor ad infrarossi, che li colpisce con la stessa esaltazione di un bambino in una sala giochi come se non si trattasse di una situazione tragicamente reale ma di un videogame? o quale effetto vi fa la vista dei cadaveri consumati dal fosforo "democratico" made in USA? Riuscite a far ripartire i vostri neuroni o sono irrimediabilmente in cortocircuito? Potete, almeno per una volta, scardinare la gabbia di luoghi comuni ad uso e consumo della propaganda del potere globale e guardare al di là dei facili schematismi destra-sinistra? Ce la fate o vi sembra troppo arduo innalzarvi dall'attuale condizione di semiebetismo che vi rende avvezzi ad ogni sorta di banale dietrologia? Aspetto qualche segnale di vita, purché non sia il solito bla-bla di qualche pulcinella che sentendosi pungolato si metta a scrivere nel risibile tentativo di confezionare una altrettanto risibile risposta.

Mario Vecchiarelli 22.11.05 13:15| 
 |
Rispondi al commento

parte 2a
----------------------

«Così la gente del mondo crede che gli americani continuino a usare i loro trucchetti: macchiandosi d’atrocità e poi cercando di coprirle con le bugie. Ciò è completamente falso». Più drastico Daryl Kimball, direttore della Arms Control Association , organizzazione che studia i rischi dell’utilizzo di armi atomiche. «Il filmato Rai dovrebbe indurre il Dipartimento della Difesa e un organo indipendente ad aprire un’inchiesta per accertare se gli americani hanno utilizzato il fosforo bianco nel rispetto delle convenzioni internazionali», spiega. E intanto la Bbc rivela che il famigerato W.P. è stato usato anche a Nassiriya nel 2003.

Alessandra Farkas


> Che l'America sia una grande Democrazia lo dimostra ogni volta, andando ben aldilà dei SERVI italiani, che hanno cercato di nascondere la cosa bollandola come "fantasia della propaganda comunista".

Giovanni Senzitalia e gli altri che avete cercato di sputtanare questo reportage, insultando tutti quelli che la pensavano diversamente da voi, cari vermi striscianti, cosa avete da dire?

ps: se errori, come sostengono gli americani, ci sono stati nel reportage è anche a causa delle dichiarazioni dei marines americani pentiti di aver fatto la guerra. Gli inviati si sono limitati a raccogliere le informazioni, avendo poca dimestichezza di cose militari.
In ogni caso, la sostanza del reportage è confermata e presto si saprà definitivamente che il fosforo è stato sparato non per illuminare ma per colpire.

Per finire, ricordatevi che gli americani hanno detto che l'uso del fosforo è legale perché non è vietato dalle convenzioni internazionali. Ma sapete perché? Perché gli americani non hanno voluto firmare la convenzione che ne vietava l'utilizzo. E' stato uno dei pochi se non l'unico paese del mondo a non firmare !

Dario Brenno 22.11.05 07:22| 
 |
Rispondi al commento

dal Corriere della Sera di oggi 22-11-2005

Il New York Times critica la gestione del caso Falluja: «Nel documentario molti errori ma la reazione è stata goffa»
«Lo scandalo del fosforo? Colpa della lentezza del Pentagono»
NEW YORK - Se il documentario «Falluja: la strage nascosta», trasmesso lo scorso 8 novembre da RaiNews 24 ha creato «un putiferio mediatico» e «un disastro internazionale di pubbliche relazioni per l’amministrazione Bush», la colpa è più del Pentagono che degli «errori ed esagerazioni» del filmato stesso, «peraltro numerosi». A sostenerlo è il New York Times , che ieri è intervenuto sullo scandalo scoppiato all’indomani del reportage di Sigfrido Ranucci che accusa il governo Usa di avere utilizzato armi al fosforo bianco, nella battaglia per Falluja del novembre 2004.
Dopo aver ripetutamente sostenuto d’aver utilizzato il fosforo bianco - in gergo W.P. o Willie Pete - «solo per illuminare il campo di battaglia, non per colpire posizioni nemiche», l’amministrazione Bush è stata costretta a fare dietrofront quando, dalla rivista ufficiale dell’U.S.Army, sono emersi i racconti di tre militari americani che descrivono nei dettagli l’uso di W.P. «per stanare gli insorti di Falluja».
Dopo aver fatto le pulci alla Rai («munizioni incendiarie vengono erroneamente descritte come armi chimiche»; «la nozione secondo cui il fosforo bianco avrebbe sciolto i cadaveri, lasciando intatti i vestiti delle vittime, è falsa») il New York Times riserva le critiche più aspre a Pentagono e Dipartimento di Stato. Rei di aver «reagito in maniera tanto goffa e contraddittoria», da giustificare gli allarmanti attacchi su media stranieri autorevoli, nonché le proteste dell’Onu e l’apertura di un’indagine a Bagdad. «La stupidità e l’incompetenza dei commenti ufficiali hanno fomentato i sospetti di un insabbiamento», dichiara al quotidiano John Pike, esperto in armamenti che dirige il centro di studi militari GlobalSecurity.org .

>CONTINUA

Dario Brenno 22.11.05 07:12| 
 |
Rispondi al commento

@ Postato da: Giovanni Senzitalia il 18.11.05 23:18
---------------------------------------------------
La tua (permettimi il tu) obiezione mi pare ragionevole, ed è qualcosa a cui ho pensato anche io.
Dal momento che non ho mai visto in azione le due reazioni, e che le mie conoscenze sono puramente teoriche. Non ho una risposta esatta.
Andrebbe ricercata la quantità di calore prodotta dalle 2 reazioni. Pare che la prima reazione (P4 + 5O2) generi un grande calore (si parla di incadescenza), mentre la seconda (acido fosforico + H20) ne generi molto meno.
Sicuramente in rete può trovare risposta ai suoi dubbi.
Quello che non mi convince è che i corpi ripresi nel reportage, siano cadaveri lasciati una settimana al sole, come vuole il pentagono.
Per il resto, l'unica cosa che posso aggiungere, è che i vestiti non perchè non contengono h20, ed anche al di sotto dei vestiti, i corpi non dovrebbero presentare segni di bruciatura.
Evidentemente i reporters non lo sapevano, altrimenti, per confutare o confermare con sicurezza l'uso di fosforo bianco, bastava sezionare la stoffa ed osservare lo stato dell'epidermide del cadavere sotto ai vestiti.
Questo porrebbe fine alle ipotesi dei cadaveri lasciati al sole, e dell'uso del fosforo bianco come fumogeno, ad esempio.
D'altro canto, quei cadaveri andrebbero sottoposti ad autopsia, in ogni modo, visto il furore delle polemiche.
Del resto, dopo averlo fatto, si avrebbe la prova di un crimine orribile, che però non sarebbe considerato tale dagli stati uniti...

Giulio D'Ambrosio 21.11.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Mi congratulo col bravo Sig. Ruggeri. Ciò che non è espressamente vietato è quindi LECITO.(?) Finalmente uno che si sia degnato di spiegare al mondo come il fosforo bianco non rientri nelle armi bandite. Proporrei allora di venderlo nelle farmacie (ben inteso dietro ricetta) e usarlo per risolvere, come si usa tra persone civili, le dispute di condominio senza bisogno di ricorrere alla giustizia ordinaria già tanto intasata (per colpa di quei quattro magistrati "cumunisti" che vogliono solo incastrare il buon Silvio e così lasciano accumulare le altre pratiche).
Caro Sig. Ruggeri a quando l'atomica disponibile presso il market sottocasa?

P.S.= Nel caso non si fosse capito io sono per l'abolizione totale delle armi e per la convivenza civile tra i popoli. Non mi pare francamente una irrealizzabile utopia usando appena un po' di buon senso e comprensione dell'"altro". Purtroppo però ci sono in giro ancora troppi che la pensano come il buon sig. Ruggeri (da una parte e dall'altra, ovvio) e così sull'altare dello "scontro di civiltà" si immola volentieri il lume della ragione (magari con il prèfico coro di coloro che le fabbricano, le armi)!
Sperèm ben!!!

Sandro Formaglio 21.11.05 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo se c'è qualcosa che fa più schifo della guerra, delle bombe, dell'oppressione. Si, c'è qualcosa, sono le persone come lei, che approfittano dell'ignoranza altrui per orientarle e strumentalizzarle al pari di un'arma.
Probabilmente, lei saprà perfettamente che il presunto "scoop" è disponibile dal 2004, sui media americani, che l'arma, per quanto orribile, (civili le granate?) è incendiaria e non chimica e per questo motivo non rientra nell'elenco vietato dalla convenzione di Ginevra, ma in quello internazionale sulle armi convenzionali che l'america non ha mai sottoscritto, che è stata usata nella seconda guerra mondiale contro i nazisti e che nessuno al tempo se ne lamentò più di tanto.
La sua disonestà intellettuale è comprensibile, in questo paese dove lo spettacolo comico s'intreccia pericolosamente con la politica, la sua grossolanità è finta opposizione di una menzogna ad altre, di pari valore. Lei è un cattivo maestro, perché come altri, spaccia campagne con informazione, mescolando nemmeno troppo abilmente l'ipocrisia con i fatti.
Si vergogni, oppure s'informi meglio.
Carlo Ruggeri

Carlo Ruggeri 20.11.05 04:31| 
 |
Rispondi al commento

traduzione lettera di Cindy Sheehan a Barbara Bush
originale inglese: http://www.michaelmoore.com/mustread/index.php?id=544

Mercoledì,16 novembre 2005
Lettera aperta alla mamma di George Bush ...

un messaggio da Cindy Sheehan

Cara Barbara, Il 04 aprile 2004,
tuo figlio maggiore ha ucciso mio figlio maggiore,Casey Austin Sheehan.
Diversamente da tuo figlio maggiore,
mio figlio era una persona meravigliosa che si è unita ai militari al servizio del
proprio paese per provare a fare del mondo un posto migliore.
Casey non desiderava andare in Irak, ma ha fatto il suo dovere.
Tuo figlio invece è risultato "assente ingiustificato" da un reparto comodo.
George non è stato neppure capace di affrontare la guardia nazionale aerea dell'Alabama.
Casey ha fatto parte dell'esercito prima che tuo figlio diventasse comandante in capo.
Tutti sappiamo che tuo figlio stava pensando di invadere l'Irak fin dal 1999.
Casey era un uomo fatto prima che George diventasse presidente
e addirittura prima che entrasse nell'esercito nel maggio del 2000.
Ho insegnato a Casey ed ai miei altri figli ad usare le parole per risolvere i problemi
e conflitti. Fin da piccoli ho detto ai miei quattro bambini che è SEMPRE male
dare calci, mordere, colpire, graffiare, tirare i capelli, ecc.
E Se i più piccoli non avessero potuto trovare le parole per risolvere i loro conflitti
senza violenza, ho sempre consigliato loro di cercare un mediatore come un genitore,
un fratello maggiore, o un insegnante per aiutarli a trovarle.
Hai insegnato a George ad usare le parole e non la violenza per risolvere i problemi?
Sembra di no. Gli hai insegnato che uccidere la gente per i profitti e il petrolio
è SEMPRE sbagliato? Ovviamente no.
Inoltre ai miei bambini ho lavato la bocca con il sapone quelle rare occasioni
che li ho pescati a mentire ... lo hai fatto a George? Puoi farlo adesso?
Egli ha mentito e sta ancora mentendo. Saddam non aveva armi di distruzione di massa
o legami con Al-Qaeda e gli appunti di Downing Street provano che tuo figlio
lo sapeva prima di invadere l'Irak.
Il 3 agosto 2005,tuo figlio ha detto che ha ucciso mio figlio e gli altri
bravi ed onorevoli Americani per "una nobile causa".
Bene, Barbara, da madre a madre, questo mi ha fatto arrabbiare.
Io non considero che invadere ed occupare un altro paese che
si è rivelato non essere una minaccia per gli USA,sia una causa nobile.
Non penso che invadere un paese, ucciderne i cittadini innocenti, rovinare
le infrastrutture, per arricchire voi e i vostri amici profittatori di guerra
sia una nobile causa.
Così sono andata a Crawford in agosto a chiedere a tuo figlio per quale nobile causa
abbia ucciso mio figlio. Non ha voluto parlare con me.
Penso abbia fatto incredibilmente male.
Pensi che un presidente,anche se è tuo figlio, debba essere così inaccessibile ai
suoi datori di lavoro? Particolarmente a una dei suoi capi cui George ha devastato
la vita così totalmente?
Sono stata alla Casa Bianca parecchie volte da agosto per provare ad
incontrare George ed andrò di nuovo a Crawford la settimana prossima.
Pensi di poterlo chiamare e chiedergli di fare la cosa giusta e di riportare
a casa le truppe da questa guerra illegale ed immorale che ha così incurantemente
iniziato in Irak? Sento dire che sei una delle poche persone a cui lui parla ancora.
Non vuole parlare a suo padre, che sapendo delle difficoltà e le impossibilità di
entrare in Irak non vi è andato durante la prima guerra di golfo.
Se non gli vuoi dire di portare le truppe a casa, potresti almeno invitarlo a mettersi
in contatto con me?
Nel 2003, un pò meno di un anno prima che il mio caro e dolce Casey
fosse ucciso dalle politiche di tuo figlio dicesti questo:
"perchè dovremmo sentire parlare di sacche per corpi e morti? Oh, voglio dire,non è
rilevante. Quindi perchè dovrei sprecare la mia bella mente su qualcosa del genere?"
(Good Morning America, 18 Marzo 2003)
Ora ho qualcosa da dirti, Barbara.
Nemmeno di uno ho desiderato sentire parlare di morti o sacche per corpi.
Il 04 aprile 2004, tre ufficiali dell' esercito sono venuti a casa mia
a dirmi che Casey era stato ucciso in Irak.
Sono caduta sul pavimento gridando e implorando che per carità
l'angelo crudele della morte venisse a prendere anche me.
Ma l'angelo della morte che ha preso mio figlio è tuo figlio.
Casey è venuto a casa in una bara coperta da una bandiera il 10 aprile.
Anch'io usavo avere una bella mente.
Ora la mia mente è piena di immagini del suo bel corpo nella bara,
di ricordi della sepoltura del mio bravo ed onesto ragazzo la cui
vita non era ancora realmente cominciata.
La mente bella di Casey è stata finita dalla pallottola di un insorto al suo cervello,
ma tuo figlio pure potrebbe aver premuto il grilletto.
Oltre a consigliare a tuo figlio di avere un pò di onestà e coraggio
ed infine fare la cosa giusta, non pensi di dovere a me e ad ogni altro
genitore delle "Stelle d'oro" delle scuse per l'osservazione crudele e
incurante che hai fatto? Le politiche ignoranti,arroganti e assolutamente negligenti
di tuo figlio in Irak sono responsabili di così tanto dispiacere e difficoltà
in questo mondo. Puoi farlo fermare? Fallo prima che le vite di ancora più madri
siano inutilmente e crudelmente danneggiate. Ce ne sono state già troppe in tutto il mondo.

Francamente,

Cindy Sheehan
Madre di Casey Sheehan
fondatrice e presidente de
famiglie dei "Stella d'oro" per la pace
fondatrice della Fondazione Campo Casey pace
http://www.gsfp.org/

world news 20.11.05 00:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

stavo vedendo adesso,su rainews 24 sito un ponte per...le immagini nude e crude della guerra.
Ho pianto,un poco, vedendo quei bambini morti, feriti..,che non centrano un cazzo con la guerra che è di tutti noi.
Ho pianto da solo perchè, pensavo che poteva esse mio nipote...poteva toccare a me...
Pensavo che io sono incazzato adesso e sempre contro questa guerra, contro tutte le guerre..
Sono incazzato perchè non so piu' che cosa pensare, ora sono qui' seduto nella mia bella camera, questa sera mangio pure....mentre c'e' gente che muore....ma la csa che mi fa piu' rabbia...sono i bambini, trucidati.
Sono deluso adesso che il governo italiano non riesce a prendere una posizione, ne a destra ne a sinistra.
Certo ho una mia idea politica...ma credetemi da adesso dopo che ho sentito dibattiti, dopo che ho visto qei filmati, dopo che nessuno riesce piu' a fermare questa guerra...ora so al prossimo voto chi votare!!!
Ma non è col voto che si cambiano le cose.
La cosa che ancora mi fa piu' incazzare è che qundo è morto Giovanni Paolo II, erano tutti schierati li' davanti....MA A FARE CHE??????
Sono e resteranno guerrafondai tutti quanti,a piangere e scambiarsi strette di mani li...e poi il giorno dopo a bombardarsi, l'uno contro l?altro....
Meno male che noi tutti non siano dei cretini!!!!
Quando diverso tempo fa, la Sgrena venne colpita da fuoco amico...ed ucciso un eroe,Calipari, un eroe...io avrei immediatamente il giorno stesso ritirato tutte le truppe. A fanculo voi e la vostra guerra.Coglioni!!!!
Capisco qualcuno la guerra la deve fare....ma la guerra contro chi??? contro cosa???
A si contro il terrorismo..cioe' contro il nulla, perchè lo dice la parola ,terrorismo....provoca terrore, oggi c'e' domani no...poi riprende...quindi una guerra contro cosa?????????????
Merde!!!!!!!!!!!!!

ernesto 19.11.05 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo non ho visto le immagini in televisione. Le ho ricevute da un amico via mail e mi ricordo che, in quel momento, stavo guardando fuori dalla finestra per decidere se prendere o meno la moto per andare a lavorare: è orribile ed è ora di finirla! Accade sul serio, non è un film! Ho guardato i miei figli di otto e tre anni e mezzo e sono ancora più convinta che meritano un futuro migliore, spero di insegnare loro a non avere indifferenza per chi è costretto ogni giorno a guardare il cielo per decidere se può uscire liberamente anche solo per comparsi un pezzo di pane.
Facciamo tornare a casa i nostri ragazzi, diamo una lezione a chi dell'indifferenza ne fa un principio di vita.

Irma Bombardini - Avvocato 19.11.05 16:04| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA UN PICCOLO AIUTO DI MEMORIA A QUANTI SI SENTONO TUTT'ORA GRATI PER ESSERE STATI LIBERATI DAGLI AMERUCANI NELL'ULTIMA GUERRA.
bEPPE, LO SAPEVI CHE GLI AMERICANI ERANO PERFETTAMENTE AL CORRENTE DEL PIANO DI hITLER PER L'ELIMINAZIONE DEGLI EBREI? lO SAPEVI CHE CONOSCEVANO PERFETTAMENTE COSA SAREBBE STATA LA SOLUZIONE FINALE? LO SAPEVI CHE AVAVENAO LE CARTE TOTPOGRAFICHE ED AI PILOTI FU DATO ESPRESSO ORDINE DI NON BOMBORDARE I CAMPI DI CONCENTRAMENTO 8SAPEVANO TUTTO).
QUESTO E ALTRO E' STATO PUBBLICATO DURANTE LA TRASMISSIONE "FALO'" SULLA TELELEVISIONE TICINESE(CH).
L'ITALIA SI GUARDA BENE DAL PUBBLICARE COSE SIMILI.
CHE VERGOGNA¨!!!!!!!!!!!!
SIETE ANCORA CONVINTI CHE HANNO RISCHIATO LA VITA DI TANTI RAGAZZI PER SALVARE L'ITALIA?
L'AMERICA NON FA GUERRE SE NON HA UN GUADAGNO......RICORDATE........

Giuseppe Mazzei Avvocato 19.11.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

abuffiamoci di Big Mac e Coca Cola ...mentre quelli si demoliscono le loro torri ....per paura che ci vada a sbattere un giorno un aereo pilotato da musulmani....
www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=132
www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=3328
www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=3329
www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=3500
www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=3414

Davide Caiaffa 19.11.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento

a 17 anni vedere quello che solo rainews24 finalmente ci mostra è sconfortante. La sensazione, divenuta certezza, è che ci state lasciando un mondo di guerra, odio, razzismo. Immagini come quelle feriscono. L'ingiustizia di assistere a stermini indiscriminati dei civili da parte di chi si erge a esportatore di democrazia. siamo alla mercé di questi bastardi. Facciamo qualcosa.

Giuseppe Pala 19.11.05 12:47| 
 |
Rispondi al commento

"Bin Laden e' stato addestrato dalla CIA e dal Pentagono sotto Reagan e Bush padre. Ha ricevuto fondi dai sauditi e dall'ala della destra repubblicana, inclusi facoltosi petrolieri texani che adesso controllano l'attuale amministrazione". E' uno dei passaggi piu' "scottanti" dell'intervista esclusiva che ha rilasciato ad Articolo21 Wayne Madsen, ex analista National Security Agency (NSA). L'ex agente, ora giornalista investigativo risponde alle nostre domande sull'inchiesta di Rainews24, e sui rapporti della Casa Bianca e della Cia con Saddam, bin Laden...

Nicola Cellamare 19.11.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

@ paolo moretti

"""""Col tuo modo di vedere, anche Cristo era un complice del "terrorismo" dei combattenti ebrei ,accusato di essere "rex judeorum" perche`contrastava l´idea egemonica dell´impero.""""

R. Non mi risulta che il Cristo abbia mai lanciato aerei contro nessuno e neppure che abbia mandato i sui discepoli in missioni suicida.

"""""Codardo e`mandare i volontari in guerra a farsi uccidere per i propri interessi.
Se tu sarai al fronte a combattere con lo spadone contro gli "infedeli"per i tuoi ideali(=interessi) , ti stringero`la mano.Altrimenti, rimani un cow-boy come il Bush-iardo, che quando c´era il Viet-nam era da un´altra parte."""""


R. Bene, diamoci una stretta di mano elettronica, perche' sono stato casco blu dell'Onu in missioni di peace keeping. E su questo argomento e' tutto cio' che ho da dire.

"""""E metti da parte il tema corruzione-abusi di potere,che gli Usa non possono dare lezioni a nessuno."""""

R. Bene, allora cercate di non occupare nessun pulpito e puntare il dito neanche voi.

"""""Ma sono sincero se ti dico che sei un tipo a posto, ed anche simpatico.
Una curiosita`. Ho conosciuto molti emigrati ed il tema mi interessa ; so che la maggior parte e`partita nei primi ´900 oppure dopo il ´50:a quale flusso migratorio appartieni?"""""

R. Mi chiamo Giovanni, non Matusalemme......flusso migratorio dei primi '900? Decisamente dopo il '50, nel 1997.
Sono una persona a posto e ti ringrazio del simpatico, Buona serata a te.

Giovanni Senzitalia 18.11.05 23:39| 
 |
Rispondi al commento

@ Giulio Dambrosio

Questo e' un pezzo del post da lei fatto:

""""" Il pentossido di fosforo, e l'acido fosforico si legano a qualsiasi molecola d'acqua, incluse quindi quelle presenti nel corpo umano, composto al 70% d'acqua. Quando questo avviene, la trasformazione chimica sprigiona un enorme calore."""""

R. Se la trasformazione chimica sprigiona un'enorme calore e dessimo per vero che la foto postata piu' sopra sia di una persona bruciata dal fosforo, l'enorme calore avrebbe dovuto, per lo meno, annerire il colletto della camicia, bruciacchiarlo un po', non crede?

Giovanni Senzitalia 18.11.05 23:18| 
 |
Rispondi al commento

@ Simona Hope, orlando malito

Se ci fossero piu' persone come me, la razza umana non solo non si sarebbe estinta 60 anni fa', ma avrebbe 60 milioni di persone in piu'.
Sono persone come te che hanno permesso, con il tanto parlare e il non agire, la salita al potere di animali quali hitler, mussolini e tutti gli altri. Cosa hanno fatto dopo, lo sanno tutti.

Finche' ci sara' l'uomo, ci sara' la guerra, una maledizione da cui il genere umano non sara' mai capace di liberarsi, perche' di hitler, di mussolini, di saddam hussein ne nascono tutti i giorni, in ogni angolo del pianeta. E non sarai certo tu, con le belle parole e i modi per benino, le manifestazioni, gli slogan, a fermarli.

Perche' per gentaglia cosi', il tuo amore per la vita, la tua famiglia, il tuo modo di pensare, le tue proteste, valgono quanto il costo della pallottola che usano per toglierti di mezzo.

Gli Stati Uniti hanno fatto degli errori in passato? C'e' gente che e' morta e non doveva morire? Sono il primo ad ammetterlo. Ma non in Iraq. Non a Hiroshima ne a Nagasaki ne a Dresda o in molti altri luoghi. Vi siete mai chiesti quanta piu' gente sarebbe morta se invece dell'atomica si fosse proceduto alla tradizionale invasione? Vi rendete conto che sareste nella stessa situazione dei Cinesi di oggi o i Russi di ieri se l'America non fosse intervenuta in tutti questi anni?

Voi continuate pure con le vostre proteste e cortei, e se e quando ne avrete veramente bisogno, sperate che ci siano persone come me che sono pronte a prendere il fucile per la difesa di tutti, e che non stanno solo li' a parlare ed indignarsi, poi scappano al primo sparo. Se non avete il coraggio di armarvi anche voi per potervi difendere da soli, poi non avete il diritto di criticare le modalita' di chi lo fa' anche per voi.

E chi sarebbero poi gli "Americani" che hanno fatto fuori i pellerossa? Di che nazionalita' erano i coloni che si sono spinti ai quattro angoli del continente? Inglesi? Tedeschi? Olandesi? Russi? Francesi? ITALIANI? Volete aggiungerne qualc'uno anche voi?

Se ragionate cosi', allora anche i Greci, Libici, Etiopi, Russi e quant'altri gli Italiani hanno massacrato, dovrebbero venire li' e farsi esplodere nelle vostre piazze e mercati?

Giovanni Senzitalia 18.11.05 23:06| 
 |
Rispondi al commento

Non saprei dire dove abiti la ragione di una guerra, non saprei dire fin dove l'idiozia e la cattiveria degli uomini possa mai arrivare. Non saprei dire fino a che punto alcuni giornalisti possano abilmente e strumentalmente deviare la verità, le bombe, per me, non hanno colore. So dire quello che i miei occhi hanno visto. Una vergogna! Una schifosissima, maledettissima vergogna. Dentro ci siamo tutti, nessuno si senta escluso. Islamici, Buddhisti, Ebrei, Cristiani, Neri, Gialli, Bianchi...
Che schifo e che pena per questo povero mondo. Non sono abituato a scrivere nei blog, vivo la mia giornata da onesto lavoratore, oggi più che mai impegnato nel vivere la triste quotidianetà. Ho motivo di credermi un disilluso, ma quello che ho visto nel filmato mi ha colpito fortemente. Mi sento inerme ed impotente di fronte a tutto ciò. Penso a mio figlio, penso a quella povera gente. Immagino spesso il contrario delle cose e mi domando quale possa mai essere la mia reazione di fronte a certi colpevoli!

Walter Di Mario 18.11.05 22:49| 
 |
Rispondi al commento

"Bin Laden e' stato addestrato dalla CIA e dal Pentagono sotto Reagan e Bush padre. Ha ricevuto fondi dai sauditi e dall'ala della destra repubblicana, inclusi facoltosi petrolieri texani che adesso controllano l'attuale amministrazione". E' uno dei passaggi piu' "scottanti" dell'intervista esclusiva che ha rilasciato ad Articolo21 Wayne Madsen, ex analista National Security Agency (NSA). L'ex agente, ora giornalista investigativo risponde alle nostre domande sull'inchiesta di Rainews24, e sui rapporti della Casa Bianca e della Cia con Saddam, bin Laden...

Simona Hope 18.11.05 22:06| 
 |
Rispondi al commento

ho visto lo speciale di primo piano riguardante l'offensiva di Falluja e l'utilizzo del fosforo bianco da parte degli americani;ma dico io chi era quel personaggio interpellato che cosi insistentemente sosteneva che venne usato unicamente per illuminare gli obiettivi?ma ci credeva davvero?mi ha lasciato senza parole...

Angelo Ingrao 18.11.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Gli americani hanno usato il fosforo a Falluja per stanare i terroristi? Non vedo il nesso con le nostre truppe a Nassirija, ritirarle sarebbe un atto contro gli irakeni. In quanto a Sigfrido Ranucci, voglio esprimere tutto il mio schifo per questo manipolatore di notizie. Ho visto diversi suoi servizi, tutti a senso unico, altro che ricerca della verità. Le tesi che infila tra un'immagine e l'altra sembrano verità inoppugnabili ma non sono che sue insinuazioni. Il montaggio è fatto ad hoc per stravolgere il senso dei fatti. Ma che si limitasse a riportare gli eventi e non a cercare di fare lavaggi del cervello alla gente, se vuole davvero fragiarsi del titolo di "giornalista"!

Alessandro Ziggiotti 18.11.05 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Credo che l'unico modo di dimostrare a questi criminali che siamo contro la guerra sarebbe scendere in piazza e bloccare tutto. Ci hanno preso in giro in tutte le maniere possibili. Credo che ci abbiano tolto ogni dignità come persone intelligenti e come popolo. Abbiamo consentito troppo a lungo che non prendano in considerazione le nostre opinioni. Siamo una nazione e un popolo, non un branco di burattini senza volontà. Queste persone non mi rappresentano. Non sarò chiamato guerrafondaio per colpa di qualche politico bigotto e marcio. Sono tutti marci. Fino al midollo.

Marco Bianchi 18.11.05 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma robe da matti!!!! questa mattina sentivo una nota trasmissione radiofonica chiamata radioanchio (bleha!!). A parte le idozie dei soliti invitati ma da quelli non c'è più nulla da aspettarsi, sono sempre più allibito dai giornalisti che credono ancora di fare informazione. Ma come si fa ad usare le onde radio che oltretutto fanno male alla salute, per teorizzare che le bruciature da fosforo bianco sui cadaveri sono dovute alla combustione e non all'effetto tossico del fosforo quindi, non si tratta di armi chimiche ma incendiarie e quindi, i cadaveri sono più contenti!!! deduco io. Davvero mi rivolgo ai giornalisti, non occupate spazi importanti per dire queste idiozie, tornate tutti a fare il proprio mestiere davvero non è che dovete accreditare ogni bocca che si apre solo perchè appartiene a qualcuno. La ricetta per fare bene le cose è talmente semplice che appena la scoprite vi meraviglierete dicendo; "ma perchè non ci ho pensato prima?" - funziona così: prima si ascolta quello che viene detto indipendentemente da chi lo dice, e lo si valuta. Poi si menziona la fonte, cioè chi dice la cosa. Facile o NO!!!!
Dovete finirla di fare giornalismo al contrario - cioè: se la tal persona ha detto che gli asini volano lo diciamo subito, tanto poi l'altra persona avrà visto volare mucche.
Ma andiamo......

andrea poletti 18.11.05 17:42| 
 |
Rispondi al commento

quando ho appreso questa notizia non volevo crederci perchè, pur sapendo di cosa sono e sono state capaci le amministrazioni americane (non il popolo americano), non osavo immaginare che sarebbero arrivati a tanto; non solo hanno ucciso ingiustamente persone innocenti ma hanno clamorosamente svelato( noi lo sapevamo già) come l'intera campagna irachena sia un gigantesco inganno escogitato solo per gli interessi economici di bush e del terrorismo che da questa guerra "incredibilmente" hanno solo guadagnato (petrolio ed instabilità del mondo per l'uno e potere e visibilità per l'altro); mi pare una vergogna che purtroppo tocca anche noi per colpa di un altro affarista come il presidente del consiglio italiano;spero che se altre atrocità ed ingiustizie saranno denunciate qualcosa possa cambiare ma non sono ottimista soprattutto vedendo lo stato dell'informazione nel mondo e soprattutto nel nostro paese

salvatore smaldone 18.11.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

quando ho appreso questa notizia non volevo crederci perchè, pur sapendo di cosa sono e sono state capaci le amministrazioni americane (non il popolo americano), non osavo immaginare che sarebbero arrivati a tanto; non solo hanno ucciso ingiustamente persone innocenti ma hanno clamorosamente svelato( noi lo sapevamo già) come l'intera campagna irachena sia un gigantesco inganno escogitato solo per gli interessi economici di bush e del terrorismo che da questa guerra "incredibilmente" hanno solo guadagnato (petrolio ed instabilità del mondo perl'uno e potere e visibilità per l'altro); mi pare una vergogna che purtroppo tocca anche noi per colpa di un altro affarista come il presidente del consiglio italiano;spero che se altre atrocità ed ingiustizie saranno denunciate qualcosa possa cambiare ma non sono ottimista soprattutto vedendo lo stato dell'informazione nel mondo e soprattutto nel nostro paese

salvatore smaldone 18.11.05 17:34| 
 |
Rispondi al commento

quando ho appreso questa notizia non volevo crederci perchè, pur sapendo di cosa sono e sono state capaci le amministrazioni americane (non il popolo americano), non osavo immaginare che sarebbero arrivati a tanto; non solo hanno ucciso ingiustamente persone innocenti ma hanno clamorosamente svelato( noi lo sapevamo già) come l'intera campagna irachena sia un gigantesco inganno escogitato solo per gli interessi economici di bush e del terrorismo che da questa guerra "incredibilmente" hanno solo guadagnato (petrolio ed instabilità del mondo perl'uno e potere e viibilità per l'altro); mi pare una vergogna che purtroppo tocca anche noi per colpa di un altro affarista come il presidente del consiglio italiano;spero che se altre atrocità ed ingiustizie saranno denunciate qualcosa posa cambiare ma non sono ottimista soprattutto vedendo lo stato dell'informazione nel mondo e soprattutto nel nostro paese

salvatore smaldone 18.11.05 17:31| 
 |
Rispondi al commento

dopo la mia iniziale incredulità, sono arrivate le conferme ufficiali. ora non posso dire altro che una cosa:
ORRORE.
e domandarmene un'altra:
ma siete idioti? andate per trovare armi di distruzione di massa e poi le usate voi contro i civili?
traduco: fate le stesse cose che ha fatto saddam? bush - 3 anni. saranno lunghissimi.

davide aprea 18.11.05 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Giovanni Senzitalia il 16.11.05 20:08
*************************************************

Le bruciature sui corpi umani sono generalmente limitate alle zone esposte, perchè solamente grosse particelle di fosforo bianco riescono a bruciare al di sotto dei vestiti.

Non riesco a capire come trovi che quel che dici è supportato da quello che ho scritto nel post a cui fai riferimento.

Giulio D'Ambrosio 18.11.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente una buona notizia per i paesi poveri, dal sito www.html.it:

"Lo aveva promesso, lo aveva annunciato, lo ha presentato: il grande visionario dell'informatica, Nicholas Negroponte, ha raggiunto l'obiettivo desiderato ed ha colto l'occasione del WSIS di Tunisi per presentare al mondo il prototipo del proprio laptop da 100 dollari riservato ai bambini delle popolazioni più povere. "

Acqua, cibo e medicinali no, laptop si. Ma che diavolo hanno nella testa sti signori !! Ma in che mondo viviamo?
Scusate, forse non è attinente al tema, ma l'ho visto mentre leggevo gli altri interventi e non ho resistito...

orlando malito Commentatore in marcia al V2day 18.11.05 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Non ho letto tutto il topic quindi non so se qualcuno ha già espresso questi concetti, nel caso scusate!
Premetto che sono sempre stato contrario a questa guerra ritenendola estremamente destabilizzante oltre che inutile.
Spiego però cosa probabilmente ha pensato il comando americano: Contano solo i tuoi!
In guerra ci sono solo due categorie di persone,i tuoi e gli altri (che comprendono anche i civili e chi in generale non centra nulla).
I generali a stelle e strisce hanno quindi applicato la tattica che x loro comportava meno perdite nel rispetto degli accordi internazionali (gli stati uniti non hanno mai firmato il III atto della convenzione di ginevra che vieta if fosforo bianco a scopo incendiario).
Ora il problema non è quindi da ricercarsi nell'esercito, quanto piuttosto nella volontà politica delle alte sfere che hanno approvato l'attacco "spiana tutto" di Falluja. Per ottenere un successo sul piano locale si sono fatti una figura di cacca sul piano internazionale, oltre a rafforzare il già ben radicato odio anti-americano sul territorio iracheno,come se ce ne fosse bisogno!
Insomma, l'esercito americano è bravissimo nel fare una guerra di tipo "tradizionale", ma non capisce una beneamata fava di come fare a ottenere/mantenere la pace dopo!
Tra l'altro complimenti per la tecnica del "tira il sasso e nascondi la mano" ...che senso ha negare per qualche giorno per poi ammettere a denti stretti?
Però ho una domanda, se avessero spianato la città con gli AC130 anzichè usare il fosforo, che differenza avrebbe fatto? E' una cosa che continuo a non capire...

Dino polga 18.11.05 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto il video mi sono rattristato moltissimo, in quanto rafforza la mia totale sfiducia verso la razza umana e che esista un cerchia di individui che riescono a pilotare persone, pensieri, azioni. Facendoti sentire inpotente.
Mi domando perche immagini come queste non vengono trasmesse in prognammi INTELLIGENTI come: l'isola dei famosi, la talpa, grande fratello ecc.. Mi scuso di non haver esppresso in modo chiaro il mio pensiero, non possedendo un buon livello d'istruzione ma ho sentito il bisognio di partecipare.
inserisco il mio indirizzo Email per poter contattare amici per parlare di cose più importanti del calcio, formula 1 ecc.. e inparare a esprimermi in modo più chiaro.
(verbalmente riesco ad essere più chiaro)

LEOSOM40@VIRGILIO.IT Firenze

GRAZIE BEPPE

leonardo ranfagni 18.11.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto il video mi sono rattristato moltissimo, in quanto rafforza la mia totale sfiducia verso la razza umana e che esista un cerchia di individui che riescono a pilotare persone, pensieri, azioni. Facendoti sentire inpotente.
Mi domando perche immagini come queste non vengono trasmesse in prognammi INTELLIGENTI come: l'isola dei famosi, la talpa, grande fratello ecc.. Mi scuso di non haver esppresso in modo chiaro il mio pensiero, non possedendo un buon livello d'istruzione ma ho sentito il bisognio di partecipare.
inserisco il mio indirizzo Email per poter contattare amici per parlare di cose più importanti del calcio, formula 1 ecc.. e inparare a esprimermi in modo più chiaro.
(verbalmente riesco ad essere più chiaro)

LEOSOM40@VIRGILIO.IT Firenze

GRAZIE BEPPE

leonardo ranfagni 18.11.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

I problemi non vanno risolti

vanno vissuti...

P.P.Pasolini

Nicola Cellamare 18.11.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

ho appena letto di Niki Vendola e dei suoi 17 amici che sono andati a NEW YORK ed hanno speso un sacco di soldi di noi contribuenti. Cosa ne pensi? Sarebbe opportuno scaldalizzarsi anche per questo non credi? Ormai siamo tutti irrimediabilmente convinti che non si possa fare niente per arginare questa valanga di sprechi. Penso che i primi a farlo dovrebbero essere i nostri politici che invece ne approfittano di qualsiasi schieramento siano. Ti ammiro molto e ti saluto. Luciana

Luciana Pellegrino 18.11.05 13:39| 
 |
Rispondi al commento

@ giovanni senzitalia

E dove cazzo erano i tuoi portatori di democrazia a stelle e strisce quando finanziavano bin laden (lo stesso pazzoide che oggi ci fa tanta paura) per ammazzare i russi in afghanistan e quando vendevano contemporaneamente missili agli iracheni (di saddam) per fargli accoppare gi iraniani???

E dove cazzo è la loro "giustizia" e la loro "civiltà" quando usano gli stessi sistemi di saddam (tortura, umiliazioni, omicidi) per far parlare i prigionieri di cui sopra??

E dove cazzo sono le armi di distruzione di massa che sono state il motivo scatenante (se ti ricordi) di questa inutile guerra??

E dov'è la libertà del popolo irakeno di cui si parla tanto??? io non vedo gente libera vedo solo gente che muore!

Daniele Mattalia Commentatore in marcia al V2day 18.11.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Assurdo è ciò che si legge e ciò che si vede.
Ho visto un filmato proprio ora, in cui apparivano bambini nudi quasi morti...perchè cosa hanno fatto di male.
Questa guerra fa schifo...a cosa serve????
Possibile che i grandi onipotenti politici non lo capiscano...?????

Sara Cameli 18.11.05 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Assurdo è ciò che si legge e ciò che si vede.
Ho visto un filmato proprio ora, in cui apparivano bambini nudi quasi morti...perchè cosa hanno fatto di male.
Questa guerra fa schifo...a cosa serve????
Possibile che i grandi onipotenti politici non lo capiscano...?????

Sara Cameli 18.11.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento

... queste cose lasciano un sensazione d'impotenza... come se fossimo marionette comandate da abili burattinai che ci fanno muovere a loro piacimento... non è facile, anzi è impensabile poter concepire l'utilizzo di mezzi del genere... ancora piu' inconcepibile sapere che chi li ha usata rimarrà impunito, anzi ci farà la figura dell'eroe, salvatore di patria straniera... mi faccio schifo per non trovare la forza di reagire, andare da bush o dal portatore nano di democrazia e chiedere una risposta, diretta, senza giri di parole e scarica barile... invece staremo qui a fare la faccia disgustata per domani cancellare, rimuovere e tornare nel nostro ufficietto, o casetta, e lavarci e lavare la coscienza di essere partecipi e di non sapere reagire...

roberto battaglia 18.11.05 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Non mi sono per niente stupita quando ho visto il filmato di rainews24...è quello che serve alla gente che sostiene che la guerra in Iraq sia stata una grande operazione per esportare la democrazia...si perchè se una persona ha la benchè minima idea di cosa significhi "democrazia" sa che è inconpatibile con "guerra". Naturalmente dopo aver visto questo filmato uno poi cade dalle nuvole e dice "non lo sapevo" (ma ci sarà sempre chi nega l'autenticità del filmato e affermerà che è stato fabbricato apposta dai comunisti). Il fatto è che certe cose non le vogliamo sapere...ci chiudiamo occhi e orecchie. Si perchè quando a un telegiornale mi parlano per 20 minuti di veline, calendari, calciatori o altro che non riguarda la vita reale mi dovrebbe sfiorare il dubbio che il mondo è fatto di altre cose; altre culture e paesi...possibile che non parlino mai di altro? (ma in maniera seria). Il fatto è che il cittadino viene disinformato (e si lascia volentieri disinformare). Magari se il programma di Minoli (lo prendo come esempio) invece di trasmetterlo in fascie orarie in cui c'è meno possibilità di vederlo lo tresmettessero al posto di qualche inutile varietà in un orario in cui molti lo possono vedere sarebbe un scelta felice...si perchè Minoli con il suo programma fa vedere come gli USA hanno FABBRICATO molte guerre nel MONDO PER SOLI FINI ECONOMICI E POLITICI degli usa stessi. E molti paesi come l'italia danno loro corda. MILIONI DI MORTI per degli scopi economico-politici. Per molti di coloro che ci governano (senza distinzione politica) non gliene frega niente della vita delle persone. L'incarico politico serve per fare soldi.E per gli italiani che sono orgogliosi della guerra in Iraq (come se fosse una opera missionaria) sarebbe bello ricordare che è stata violata la COstituzione la quale afferma che l'Italia ripudia la guerra.A Beppe Grillo dico che è una delle persone di cui l'italia dovrebbe essere orgogliosa perchè ci insegna a ragionare con la propria testa

Iop Elena 18.11.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Non occorre essere prolissi per comunicare lo sdegno e l'impotenza nel vedere queste immagini.
Da circa 4 anni mi interesso di macroeconomia e globalizzazione, argomenti molto legati purtroppo a queste nefandezze.

Mi sento solo di scrivere: niente di nuovo sotto il sole.

Andrea Mei 18.11.05 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Non occorre essere prolissi per comunicare lo sdegno e l'impotenza nel vedere queste immagini.
Da circa 4 anni mi interesso di macroeconomia e globalizzazione, argomenti molto legati purtroppo a queste nefandezze.

Mi sento solo di scrivere: niente di nuovo sotto il sole.

Andrea Mei 18.11.05 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Non occorre essere prolissi per comunicare lo sdegno e l'impotenza nel vedere queste immagini.
Da circa 4 anni mi interesso di macroeconomia e globalizzazione, argomenti molto legati purtroppo a queste nefandezze.

Mi sento solo di scrivere: niente di nuovo sotto il sole.

Andrea Mei 18.11.05 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti a Giovanni Senzitalia dopo aver letto i suoi post ho fatto la catarzi!!! ce ne vorrebbero come te caro Giovanni infatti se tutti la pensassero come te ora nn esisterebbero di questi problemi perkè la razza umana sarrebbe finita 60 anni fa!!!

Simona Hope 18.11.05 10:09| 
 |
Rispondi al commento

(continua)
Hai mai pensato chi detiene il potere negli Usa? Lo sai no? Sono i grandi petrolieri e i fabbricanti di armi. Come farebbero senza petrolio? Come potrebbero sostenere il loro "business" se producessero armi senza poterle poi vendere a qualcuno? Ed allora giù con le guerre, così si distruggono un pò di armi e se ne fabbricano di altre da vendere, bada bene, non nel ricco occidente che, per nostra fortuna non ne ha necessità, ma qui e lì nelle "periferie" del nostro pianeta, nelle zone povere dell' Asia e dell'africa, e dell' America latina?

La nostra battaglia non è contro gli "USA" e contro i suoi cittadini, ed è vero quello che dici, forse certe stragi del terrorismo meriterebbero una risposta più pornat da parte del fronte dei "pacifisti" (al quale io ritengo di appartenere), la nostra battaglia è contro QUESTA AMMINISTRAZIONE, l'amministrazione di BUSH, ma sarà contro qualsiasi governo che continuerà a promuovere la guerra come solo rimedio per la pace nel mondo (ma non ti sembra un grande controsenso!!!).

ciao

orlando malito Commentatore in marcia al V2day 18.11.05 09:44| 
 |
Rispondi al commento

A Giovanni Senitalia,
Cosa c'e' nella politica degli Stati Uniti che causa tanta sofferenza in mezzo mondo?
-Le risoluzioni dell'ONU per fermare Israele nell'opera di sterminio di un popolo, tutte bloccate dal "veto" USA;
-Il rifiuto del protocollo di Kyoto, la assoluta indisponibilità a discutere dei destini del mondo;
-Il colpo di stato in Cile per buttare giù il governo democratico (non comunista!) di Allende (hai mai visto il film "Missing" di Costa-Gravas?);
-Le guerre in Afganistan e Iraq per il petrolio, perchè la democrazia non si può imporre e portare con la forza, fosse così ci sarebbe da fare guerra a mezzo mondo, fosse così non ci sarebbe l'indifferenza secolare degli USA verso i regimi africani;

Ti spiace se ci metto pure:
Lo sterminio di un popolo civile e democratico, quello degli indiani d'america (letto mai "Seppellite il mio cuore a Wounded Knee -Brwn D-" ?);

Non ho mai creduto ai benefattori, ho sempre pensato che la pace , il benessere, le gioie della vita non può dartele nessuno, te le devi conquistare, con la battaglia, tua, di ogni giorno. Per cui credo che se l' America decide di fare guerra qui e lì magari non è proprio per esportare la democrazia e combattere il terrorismo (che come puoi vedere è aumentato).
Questa battaglia al terrorismo con le guerre poi è una grande bufala, i gruppi di terrorisiti si organizzano e si sviluppano anche nelle grandi città occidentali, e che facciamo allora, bombardiamo roma,milano, londra , parigi?
Il terrorismo si combatte in tanto modi, ad esempio portando pace, benessere, acqua, servizi, alimenti nei paesi più poveri del mondo. Noi occidentali, anche io, credo non abbiamo idea di cosa significhi nascere e morire nell'orrore della guerra, abbiamo avuto , purtroppo, le tragedie immani e indimenticabili di New York l'11 settembre e poi Madrid, ma altra cosa, immagino, è nascere tra le macerie, combattere ogni giorno con gli stenti della fame ed in mezzo alle bombe.

orlando malito Commentatore in marcia al V2day 18.11.05 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Col tuo modo di vedere, anche Cristo era un complice del "terrorismo" dei combattenti ebrei ,accusato di essere "rex judeorum" perche`contrastava l´idea egemonica dell´impero. Codardo e`mandare i volontari in guerra a farsi uccidere per i propri interessi.
Se tu sarai al fronte a combattere con lo spadone contro gli "infedeli"per i tuoi ideali(=interessi) , ti stringero`la mano.
Altrimenti, rimani un cow-boy come il Bush-iardo, che quando c´era il Viet-nam era da un´altra parte .
E metti da parte il tema corruzione-abusi di potere,che gli Usa non possono dare lezioni a nessuno.
Ma sono sincero se ti dico che sei un tipo a posto, ed anche simpatico.
Una curiosita`. Ho conosciuto molti emigrati ed il tema mi interessa ; so che la maggior parte e`partita nei primi ´900 oppure dopo il ´50:a quale flusso migratorio appartieni?

paolo moretti 18.11.05 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Se a qualcuno interessa ho realizzato un volantino formato A5 (mezza pagina A4) fotocopiabile in BN o stampabile in quadricromia.

Sarebbe utile trovare la possibilità di stamparlo, fotocopiarlo e distribuirlo, così da vedere di costringere la RAI a trasmettere in prima serata l'inchiesta di RAINews24.

A questo indirizzo potete trovare l'anteprima

http://tinypic.com/fup2xj.jpg

Nando meniconi 18.11.05 04:15| 
 |
Rispondi al commento

Chissà se verranno mai processati per crimini di guerra....io dubito seriamente.
Cosa possiamo fare per farci sentire?Quante firme servono per farli processare? la mia c'è di sicuro!

Davide Mura 18.11.05 02:36| 
 |
Rispondi al commento

che gli americani non si facciano scrupolo di usare qualsiasi mezzo per "minimizzare" le proprie perdite e al contempo distruggere i nemici lo sappiamo dai tempi di Hiroschima e dal Vietnam (ricordate l'agente orange sparso sulle foreste vietnamite, coltivazioni e villaggi compresi?). Non a caso gli USA si oppongono a qualsiasi tentativo di istituire di un tribunale internazionale permanente sui crimini di guerra. E' perchè loro vogliono commetterli quando gli serve e ovunque gli serva. Nella piena impunità.Però sappiamo che sono assai solerti nel promuovere e approvare i tribunali internazionali, quando i crimini in questione sono quelli commessi da altri.Il vero problema del mondo è che è in atto l'offensiva di un nuovo tipo di fascismo, che avanza imperioso e spregiudicato, che vuole abbattere qualsiasi forma di democrazia sostanziale sostituendola con un suo simulacro televisivo. A questo progetto internazionale aderescono noti petrolieri, noti imprenditori dei mezzi di comunicazione, noti ex agenti del KGB, e via via tutto l'enturage più o meno dichiarato dell'industria delle armi, delle multinazionali dell'agricoltura ecc. I terroristi famosi(ben pompati dai media ma mai cercati seriamente) servono allo scopo in questo teatrino delle parti. Dove i buoni danno la caccia ai cattivi e insieme vanno nella stessa direzione: abbattere la democrazia.
Ma perchè tutti questi criminali non vogliono una vera democrazia? Perchè la democrazia vuol dire innanziatutto che "il privato non può fare tutto quello che vuole del suo, ma deve rispettare leggi negli interessi di tutto il popolo, deve rispettare regole sul lavoro, sull'ambiente,regole edilizie, pagare le tasse, redistribuire la ricchezza". E questo per questi soggetti è una seccatura. La "casa della libertà" che questi criminali vogliono difendere è solo quella della libertà di pochi, cioè loro stessi, di avere potere, soldi e nessuna regola da rispettare,ai danni del mondo intero.un saluto a beppe. Alessandro Rossi

Alessandro Rossi 17.11.05 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Italia non fu informata su Falluja"
18.50 TELEVIDEO

"Il governo italiano non ha ricevuto alcuna notizia né dal Comando alleato né da altri. Il Governo non ha avuto neppure riscontri diretti". Lo ha detto nell'aula di Montecitorio il sottosegretario alla Difesa, Filippo Berselli, in merito all'uso di armi al fosforo nell'offensiva americana a Falluja, nel novembre 2004. Rispondendo alle interpellanze, Berselli ha sottolineato come Falluja sia molto lontana dall'area di responsabilità del contingente italiano in Iraq.

Ma non eravamo i migliori amici e perfetti alleati degli americani?
Allora come mai non ci informano di quello che avviene in Uraq? E quante cose ancora ci tacciono?
Mi aspetto una forte richiesta di chiarimenti da parte del ministro dell'estero e della difesa.

Francesco Pace 55 17.11.05 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Non riesco a concepire l'indifferenza di fronte alle orribili immagini della "battaglia" (?) di Falluja! Non è battaglia se c'è solo un aggressore, anche se questo vuole solo esportare la democrazia... Vergogna a chi ha assecondato tutto ciò, anche moralmente, perchè riguarda l'uomo, riguarda tutti, riguarda noi e le generazioni che dopo di noi verranno, se non saremo tanto... stupidi da distruggere tutto. Visto che adesso sappiamo benissimo chi ha veramente le armi di distruzione di massa e che lo stesso non rinuncia ad usarle, chi avrà il coraggio di rinfacciarglielo? Chi potrà mai accusarlo e, volesse il cielo, portarlo in un'aula di tribunale?

Gianni Papeo 17.11.05 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao ragazzi, mi sono iscritto al Blog non da molto, ed è la prima volta che inserisco un commento, sperando di dare anche io il mio contributo. Resto abbastanza sorpreso nel notare lo stupore e/o l' indignazione in molti di voi per ciò che è successo a Falluja. E non perchè sia contento per ciò che è successo, anzi! Bensì per il fatto cha ad ogni guerra la solita storia si ripete! Forse la memoria storica di molti è abbastanza corta, ma qui stiamo parlando degli U.$.A! Coloro che hanno voluto la guerra in Iraq sono gli stessi che hanno raso al suolo la Serbia con bombardamenti a tappeto sulla popolazione civile; sono gli stessi che hanno distrutto il Vietnam con ogni tipo di arma (comprese quelle chimiche!). Sono gli stessi che hanno sperimentato la bomba atomica su 2 città giapponesi nel '45, pochi mesi dopo aver bruciato Dresda con bombe al fosforo insieme a 100.000 persone. Il loro stesso paese è nato, non dimentichiamolo, dal genocidio dei pellerossa e dalla deportazione degli africani. Ed allora scusate, perchè stupirsi? Davvero eravate così ingenui da credere alle "bombe intelligenti"? Io non sono esterrefatto nè stupito per ciò che ho visto nel filmato; sono schifato, questo si, dall' avere un governo così vergognosamente schierato con quelli che vengono ogni giorno definiti nostri alleati, ma che in realtà sono i nostri padroni. Siamo una colonia degli U$A dal '45 signori, che ci piaccia o no. Ed ad una colonia non è concesso di replicare...

Matteo Busoni 17.11.05 20:39| 
 |
Rispondi al commento

@ Giovanni Senzitalia - [SEGUE]

e non hanno mai dimostrato di VOLER fare niente di concreto per equilibrare la situazione_

- gli USA sono portatori del "liberismo", con cui io personalmente non sono d'accordo - ma il punto non è essere d'accordo o meno, perché in teoria potrebbe anche essere un metodo valido - il punto è che il liberismo vero si è rivelato pura utopia, allo stesso modo del Comunismo vero o del Cristianesimo - e su questo non c'è bisogno, né tempo adesso, di fare un grande dibattito, concordano anche gli economisti liberali - basta vedere che la tendenza consolidata è quella della monopolizzazione e non, come professerebbe, della libera concorrenza - o vedere le crisi da cui nessuno può usire senza aiuti istituzionali - vedere lo spreco enorme di prodotti a cui è obbligato - o vedere le 10.000 contraddizioni dell'economia a base finanziaria che contrastano con le basi del liberismo economico – o vedere le falle incredibili che provoca nei diritti dei lavoratori - eccetera_

faccio solo un esempio generico che può valere per moltissimi altri
- le prevaricazioni e persecuzioni nel mondo non sono mai mancate, ma gli USA, come ammesso da tutti, te compreso, si muovono solo in alcuni casi - le società che gestivano risorse minerali di altri paesi erano sempre USA, un po' come se una società ungherese gestisse il petrolio USA o come se società cinesi comprassero GE, Microsoft, Boeing, Federal Reserve, ITT, IBM, GM - infatti quello che gli ha sempre dato fastidio da scendere in campo o appoggiare golpes è sempre stato quando un governante "nazionalizzava" queste risorse - Allende con il rame cileno, che era democraticamente eletto e governava democraticamente, Mossadeq in Afghanistan, Saddam in Iraq, e ora Chavez, su cui politicamente ho molti dubbi anch'io_
In pratica agiscono da una posizione di "forza", non solo militare, ma anche economica, che non si può pensare non provochi squilibri e conseguenti reazioni - poi se si vuole continuare in questa direzione - ma si deve essere consci che si tratta di una scelta precisa e deliberata_

a parte tutto il montone di parole per cercare di sintetizzarti un pensiero ben più complesso – ti ringrazio, ti saluto e apprezzo il confronto su questo piano_

alla prossima_

Leonardo Migliarini 17.11.05 20:25| 
 |
Rispondi al commento


@ Giovanni Senzitalia

Grazie delle risposte_

mi rendo conto del "ricattino" da pischello in pannolino che ti ho fatto, ma volevo sinceramente capire se, come mi sembrava, sei una persona con cui ci si può confrontare, o se eri un cagacazzo perditempo qualunque_

quindi mi scuso_

dalla risposta articolata che mi dai, già ti vedo meno indottrinato di come ti vedevo prima, sei solo uno che crede in quello che dice_

io come saprai ho punti di vista molto diversi, su quasi tutto, anche se mi fa piacere che in USA le cose funzionino e la vita delle persona normali sia piu` leggera_

gli USA hanno una loro filosofia, con cui non sono nati, ma che hanno sviluppato presto, diciamo durante la "conquista del west" - senza dubbio ci sono cose che sanno far marciare bene, e ci sono tante cose da cui potremmo prendere esempio - ma come mi viene spesso da pensare, prendiamo da esempio solo le peggiori, secondo me_

la critica più forte che faccio a questa filosofia, è più o meno quella di tanti - inutile nascondersi dietro un mignolo - ci sono problemi effettivi che non hanno niente a che fare con un supposto "antiamericanismo"_

la critica più forte che faccio, dicevo, è quella di oppormi al famoso proclama di Reagan:
"i cittadini statunitensi non sono disposti a negoziare il loro tenore di vita" - e quando non si negozia, si va in guerra, non ci sono alternative_
- giorni fa, nel post di Parigi, Ivana Iorio faceva un discorso molto basilare: "perché vogliamo far entrare questa gente da noi? se c'è una torta, e ora ci tocca 1 fetta, se entrano loro ci toccherà lo 0,95 di una fetta, e poi sempre meno" - quello che vi dimenticate sempre di dire è che ormai siamo una sola cosa, in tutto il mondo, è l'economia che lo dice non io - e in tutto il mondo, se le fette sono 100, 80 fette se le mangiano 20 pesone, e lasciano alle altre 80 persone solo 20 fette - di queste 20 persone che si mangiano 80 fette, la maggior parte stanno negli USA -

Leonardo Migliarini 17.11.05 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto tempo ancora dovremo assistere a questi spettacoli? Non cè niente di bello nel fare la guerra e sopratutto farla con armi chimiche. Non cè niente di bello nel vedere gli scheletri di bambini troppo giovani per morire in maniera così atroce. Perchè l'uomo continua a produrre strumenti che distruggono sempre meglio i suoi simili? Perchè l'uomo è l'unica specie che produce sistemi per sutodistruggersi? Purtroppo molto presto ci dimenticheremo di questi bambini come ci stiamo dimenticando delle tante guerre che infiammano il mondo. Come diceva Leopardi nella meravigliosa poesia la ginestra l'uomo che fa la guerra ai suoi simili è come coloro che cinti d'assedio cominciano a farsi la guerra fra loro invece che al nemico. Uniamoci tutti in un grande grido: W LA PACE W L'AMORE W IBAMBINI.
BASTA GUERRA BASTA MORTI BASTA ARMI CHIMICHE E MINE
Speriamo che l'Onu reisca ad imporre a tutti gli stati del mondo indipendentemente dalla loro potenza economica e militare il rispetto delle convenzioni internazionali.
Speriamo che la RAI possa presto mandare in onda il filmato di Rainews24

Filippo Catani 17.11.05 19:43| 
 |
Rispondi al commento

PER PAOLO MORETTI -------------------------------PERFETTAMENTE D' ACCORDO CON TE. SALUTI

antonio rappa 17.11.05 19:21| 
 |
Rispondi al commento

@ paolo moretti

Di quale ONU stai parlando? Di quella che si prendeva le mazzette da Saddam Hussein?
O di quella che ha permesso il massacro di Srebrenica nell'ex Yugoslavia, dove piu' di 8000 persone, dai 10-12 anni in su', di sesso maschile, sono state radunate sotto l'occhio vigile dei soldati Olandesi e trucidate?

Sei fortunato che al mondo ci sono paesi che dopo tanto cianciare passano ai fatti, altrimenti a quest'ora ci saresti tu nella situazione dei Cinesi e dei Russi di ieri.

Preferisco essere dannato per aver tentato di cambiare le cose che essere un codardo che sa' solo parlare e parlare e niente fare.
Dove' la vostra indignazione per i morti in Giordania, dove sono i cortei anti al qaeda?
Eppure la Giordania non fa parte della coalizione, non ha aiutato in nessun modo questa guerra.

Comincio a pensare che sei dalla parte dei terroristi.

Giovanni Senzitalia 17.11.05 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Bene, tutti abbiamo visto il filmato! Oramai se ne è parlato tanto, perfino sui giornali (e questo "perfino" già di per se è agghiacciante), ne abbiamo discusso pure ieri a lezione a scienze politiche a Bologna! La lezione si è chiusa con un ragazzo che si chiedeva cosa mai ci aspettassimo dal futuro, dopo aver visto il Vietnam, Falluja etc etc..! La prof (forse con un po' di leggerezza) gli ha risposto "Beh figlio mio se la vedi cosi, non ti resta che suicidarti"!......Siamo dunque pronti ad un suicidio di massa??? Su forza, nel peggiore dei casi diremo che facciamo parte di qualche strana setta religiosa e che ci ha obbligato un'entità eterea fatta di amore! Già perché se all'inizio gli Usa dicevano di non aver usato il fosforo, dopo si sono corretti dicendo che lo usavano solo per illuminre! Uscito il documentario hanno ammesso che l'hanno usato anche sulle persone....ma erano tutti cattivi!! Domani probabilmente ammetteranno di aver carbonizzato volontariamente anche donne e bambini...! e con ciò?? succederà qualcosa? Forse Bush non verrà piu rieletto? peccato che non succederà comunque visto che è al secondo mandato! e allora chi pagherà?? il partito republicano che ha gia preso le distanze dal suo presindete?? chi pagherà??? verrà forse processato Bush come un criminale alla stregua di milosevic, Saddam e il suo nome sarà ricordato di fianco a quello di Paul Pot? non credo! Gli usa nemmeno riconoscono l'autorità della Corte Penale Internazionale!Forse...e lo dico con un po di schifosa rassegniazione, chi ha pagato c'è gia, ma di sicuro non erano i colpevoli! DOBBIAMO ANDARE DAVANTI ALLA CASA BIANCA, TIRAR FUORI BUSH E PRENDERLO A CALCI NEL CULO, mi sembra l'unica soluzione e forse le vittime avranno servito il loro carnefice, proprio come vuole un'ideologia americana ancora basata sulla vendetta e quindi sulla pena di morte!

Marcello Mari 17.11.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Temi:
-Ad Atene i cani sono custoditi, accolti e amati da tutti popolazione e turisti naturalmente istituzioni comprese. In Italia ci sono divieti ovunque e allora per gli "umani" non più "persone"?

-Pensionati e Dipendenti per i quali le esenzioni
dai ticket, dalle rette ospedaliere, asili, scuole, università, borse di studio sono un'utopia
a causa della totale tassazione del reddito. Perchè non agevolarli sui minimali previsti? Perchè non prevedere per chi ha solo tale reddito e fino a 30.000,00 Euro annui l'esezione totale dall'iva sull'acquisto prima casa?
Totale esenzione anche dall'ici prima casa?
La deduzione o detrazione delle spese relative alle bollette consumi energetici, metano, acqua, telecom... che ns malgrado ancora resistono!!!
Ma prima o poi ce la faremo a sganciarci!!!
Bisogna combattere i monopoli e grazie a te ho capito come fare devo solo metterlo in pratica dove e quando si può!!!
Fiammetta Migani

FIAMMETTA MIGANI 17.11.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Veramente, nelle emergenze si guarda l´Onu

...e se devi esser dannato, meglio esserlo per quello che non fai, visto i risultati delle azioni.

paolo moretti 17.11.05 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Non ho parole Beppe, davvero, stavolta non ho parole...eppure basterebbe guardare due film: La Grande Guerra e Il Cacciatore per capire cos'è la guerra. Ce ne sono anche tanti altri, ma quelli che ho in mente ora sono questi.
I registi di questi film hanno nel cuore un malessere a causa della guerra e lo esprimono di getto, senza pensarci troppo, in un film.
Le uniche parole per descrivere questi massacri riescono a trovarle solo gli uomini illuminati, saggi, persone che nascono per raccontare il mondo e far capire qualcosa agli altri uomini. I mezzi che utilizzano possono essere i più diversi, ma solo in pochi riescono a scuotere le coscienze.
Visto come stanno andando le cose in questo mondo allora ti chiedo: secondo te Berlusconi l'ha mai visto "La Grande Guerra"? E Bush l'ha mai visto "Il Cacciatore"?
Come dici? Pensi di no?? Ah è vero, l'uomo politico secondo loro agisce d'istinto, come gli viene e soprattutto in base a quello che gli conviene!

Filippo Baule 17.11.05 17:19| 
 |
Rispondi al commento

@ orlando malito

Bene, quello che fai ti fa onore, mi dispiace che tu stia perdendo il lavoro, ti auguro tanta fortuna per te, la tua famiglia, e le famiglie che aiuti in India.

Quanto ho postato sulla mia situazione era in risposta a delle domande che il Sig. Migliarini mi ha fatto, non perche' mi voglio vantare di quello che ho.

Cosa c'e' nella politica degli Stati Uniti che causa tanta sofferenza in mezzo mondo?
Perche' quando c'e' un'emergenza tutti gli occhi guardano all'America, e se non fa' niente ci criticano? E se facciamo qualche cosa veniamo criticati lo stesso?

E' propio vero, dannato se non lo fai, dannato se lo fai.

Giovanni Senzitalia 17.11.05 17:11| 
 |
Rispondi al commento

un consiglio per tutti coloro che vogliono tenersi informati e amano rivedere inchieste importanti.
l'altro ieri in libreria ho acquistato con 19.50 euro (prezzo a mio avviso ben ponderato)il primo cofanetto dvd + libro a cura della redazione di Report, a mio parere uno dei migliori esempi di giornalismo vero che la nostra televisione ci propone. il programma esiste dal 1997, ora lo vediamo in prima serata domenica dopo "che tempo che fa" su rai3.
uno dei sei servizi che si trovano nel dvd parla proprio di terrorismo e della "Scuola delle Americhe", terrificante esempio di come siano proprio gli Stati Uniti d'America, tra i primi paesi formatori di assassini e terroristi.
credete ancora alle belle favolette degli U.S.A. paese delle libertà?
è ora che tutti apriano gli occhi e si cambi al più presto direzione.
non so se report pubblicherà altri cofanetti, per ora comunque guardiamoci il loro sito, che è ben fatto e funzionale.
buona informazione a tutti
silvia

silvia iotti 17.11.05 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Da tre anni adotto due bambini in India... a casa siamo in cinque, e viviamo nella misera Calabria, con il 35% di disoccupati, ed io sto anche perdendo il mio posto di lavoro...
ma non credo che si debba scendere nel personale, non è che contesto te, ma solo quello che hai scritto e la sensazione che hai dato di disinteressarti, cosa che non traspare dalle ... elargizioni che hai fatto. Ma se è così perchè difendi gli states a spada tratta senza capire la sofferenza che la sua politica provoca in mezzo mondo?

orlando malito Commentatore in marcia al V2day 17.11.05 16:37| 
 |
Rispondi al commento

@ orlando malito

La mia famiglia, come tutti gli anni, ha fatto vari versamenti alla croce rossa per un totale di oltre $1000 per i bisogni mondiali che ritenesse piu' opportuni.

Lei che cosa ha fatto?

Giovanni Senzitalia 17.11.05 16:23| 
 |
Rispondi al commento

test

<b>test2</b>

Stefano Chiaudano 17.11.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Giovanni Senzitalia, beato te che vivi nel tuoo piccolo paradiso terrestre!
Non stanno così bene in Africa e in molti altriposti di questo mondo. Te ne importa qualcosa? Mi sembra di no, e quindi come può preoccuparti l'uso delle armi chimiche o incendiarie sui civili?
Perchè di questo si sta parlando, e non del livello di vita sociale negli usa o in italia.
p.s.: anche noi stiamo bene, abbiamo tutti il telefonino, con uno solo di questi ci sfami una fmaiglia in india per un anno intero...

orlando malito Commentatore in marcia al V2day 17.11.05 15:04| 
 |
Rispondi al commento


L'esercito americano ha utilizzato fosforo bianco durante l'offensiva contro la citta' irachena di Falluja nel novembre 2004. Lo ha confermato un portavoce del Pentagono, interrogato oggi dalla Bbc...

''L'abbiamo utlizzato come arma incendiaria contro combattenti nemici'', ha dichiarato, rispondendo a una domanda, il tenente colonnello Barry Venable. ''Il fosforo bianco e' un'arma convenzionale, non e' un'arma chimica. Non e' illegale'', ha rilevato l'ufficiale. ''Noi l'utilizziamo in primo luogo come agente oscurante, per cortine fumogene o per illuminare obiettivi'', ha detto. ''E' comunque un'arma incendiaria, che puo' essere utilizzata contro combattenti nemici'', ha aggiunto. Venable ha spiegato alla Bbc la tecnica di impiego del fosforo bianco usata a Falluja. ''Quando hai forze nemiche al riparo, la tua artiglieria con cariche potenti non ha effetto e vuoi stanarle dalle loro posizioni, una delle tecniche e' sparare fosforo bianco. Gli effetti combinati del fuoco e del fumo, e in alcuni casi il terrore causato dall'esplosione, le faranno uscire dai ripari, in modo che tu possa ucciderle con esplosivi potenti'', ha dichiarato.

www.articolo21.it

Nicola Cellamare 17.11.05 12:51| 
 |
Rispondi al commento

sono una ragazza di 20 anni. dopo aver visto il filmato (e l'ho trovato grazie a chi scrive in questo blog...) non pensavo più. il mio cervello era in tilt...e non riuscivo a piangere. ne avevo bisogno, ma non ci riuscivo. l'avevo visto la mattina, la sera finalmente ho pianto. ma non solo per l'orrore. ma perché sono delusa, sono delusa perché l'essere umano è l'unico animale che sa imparare dal passato, dai propri errori...e invece non lo fa. sono delusa perché il mio governo, colui che mi rappresenta (si fa per dire, visto che non c'è una cosa di questo governo che mi rappresenti) sta appoggiando tutto questo...gli italiani agli occhi del mondo stanno appoggiando tutto questo. mi vergogno, mi vergogno di passare per qualcuno che appoggia l'orrore, che appoggia la morte (non mi interessa la morte di chi.. la morte e basta).
concludo dicendo che questa guerra inevece di combattere il terrorismo, sta facendo l'esatto opposto...sta creando nell'animo di quelle popolazioni un sentimento di odio, di diperazione e di rancore che probabilmente alimenteranno il terrorismo.
e io spero solo che la mia generazione non debba fare i conti con le conseguenze che ci saranno, o meglio spero che saremo in grado di fare i conti senza distruggere ma creando.
davanti ai vostri commenti forse il mio è quello più ingenuo e utopico, ma lasciate che sia cosi, perché se non speriamo noi...noi giovani, forse non c'è più speranza.

Ginevra Danesi Visconti 17.11.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Ieri il tg2 delle 20.30 ha mandato in onda un servizio dove prima si faceva riferimento al filmato apparso su rainews24, poi si intervistava il soldato americano di turno che dichiarava che il fosforo bianco era stato usato, ma non sulla popolazione, bensì solo per meglio identificare l'obbiettivo.
Nessuno però si è preoccupato di spiegare la discordanza tra quanto affermato nel servizio e quanto registrato nel filmato di rainews, né per quale motivo l'operazione al fosforo bianco nel gergo dei marines viene chiamata "shake end bake" (scuoti e cuoci).
Insomma, un altro gran bell'esempio di disinformazione.

eugenio tamborlini 17.11.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

@ signor Cucuzza,

infatti il danno piu`grande che una nazione possa ricevere e`la perdita della credibilita`. Dalla credibilita`nasce l´autorevolezza ed il rispetto.Giustamente, negli States , non perdonano le bugie pubbliche, fossero anche state fatte per coprire un cornetto alla moglie (Clinton docet).L´amministrazione Bush ( e Blair , e Berlusconi, ed Aznar...)ha mentito cosi`chiaramente e senza ritegno, che adesso , quand´anche dicessero la verita`sul fosforo ( e non la dicono!)fanno storcere la bocca a tutti col pensiero"sara`vero, stavolta?"

Ps.da lodare John senzaterra che nel suo curriculum vitae ha modestamente omesso che e`anche un esperto di armi chimiche , avendoci cosi`chiaramente tolto ogni dubbio se il filmato fosse o meno una patacca (una patacca confermata dall´amministrazione Bush stessa).
In Europa mancano persone con le sue capacita`: che perdita per noi!

paolo moretti 17.11.05 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro John senzitalia,
il fatto che Lei negli States ce l´abbia fatta, non e`un motivo sufficente per dire che tutto vada bene.Oddio, egoisticamente si puo`dire, ma il nostro discorso e`piu`ampio.Chi di noi non ha qualcosa degli States che non ama? Da Erving a Jordan nel basket,dal jazz al jeans etc. Ma noi si parla adesso di politica estera, non di fatti personali.Se un giorno avesse un po`di tempo,ad esempio, si legga "le vene aperte dell´america latina" di Edoardo Galeano, e vedra`di cosa viene criticata la politica estera americana. Allora , quando il libro fu scritto, c´era la guerra fredda a giustificare il tutto.Adesso , Osama o Saddam. Ridicolo, ma cosi`. Non e`anti-usa dire che se gli Usa usano l´atomica e`"cool", se lo fa l´Iran no, se gli si parla di Kyoto o Ginevra fanno spallucce per dire "no thanks".Il nostro e`un sentimento antiimperialista.Dai tempi di Cristo che disturbava l´impero romano, nulla e`cambiato nelle politiche imperialiste. Da una parte i diritti del "cives romanus", e poi quelli degli altri.Nel frattempo c´e`passata la Bastiglia a Paris, duyunou?Egualite`.Per me Ali`il chimico e John the chemiker pari son. Dubito che l´abbia convinta, ma diciamo che ho scritto per chi vuole ascoltare e capire.Le auguro di produrre buon vino . Qui in Germania costate caro come bottiglie e non capisco perche`:-)

A me urta parecchio, ad esempio, sentire parlare di America , quando il nome storico e` "Usa".Amerigo Vespucci non vi ha mai visto.
"Parlare bene e`pensare bene", diceva il mio omonimo Nanni.

paolo moretti 17.11.05 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Con la certezza di non avere certezze,cerco nei vari blog opinioni diverse dalla mia per confrontarmi e con la disponibilitàa condividere i pensieri altrui, ma nel caso degli avvenimenti di Falluja (fosforo bianco sui civili)non riesco a trovare nessuna giustificazione che mi convinca che era " neccessario" o che ci sono sempre " effetti collaterali" o quantaltro. Ogni ragionamento mi riporta ad un fatto fondamentale.
Questa guerra è iniziata con una MENZOGNA e l'obbiettivo non erano le armi chimiche di Saddam. Per stanare i presunti terroristi si è lanciato il fosforo bianco su una città, non su un obiettivo militare specifico. Questo significa che per gli USA il fine giustifica i mezzi, sempre e senza distinzioni di sorta o convenzioni internazionali da rispettare. Certo i terroristi o "resistenti" che siano, non conoscono le convenzioni internazionali, ma gli Stati Uniti, esportatori di democrazia sono terroristi? Se non lo sono dovrebbero usare sistemi diversi dai loro, cercando di salvaguardare almeno i civili, altrimenti usiamo pure tutto ciò che la tecnologia bellica ha in arsenale, così, come ad Iroshima, questa guerra finisce e siamo pronti per la prossima.
Le avvisaglie su Iran, Siria, e forse anche Corea già ci sono,e purchè ci siano "grossi affari" la scusa si trova sempre. Sapendo già sin d'ora che Falluja come Iroshima sarà dimenticata a favore di Theeran o di Damasco.

antonio.cucuzza 17.11.05 09:58| 
 |
Rispondi al commento

@ Leonardo Migliarini

Per quanto riguarda "l'American Lifestyle", e' difficile fare una critica perche' e' un universo cosi' ampio che non si puo' sintetizzare facilmente. Tu a cosa ti riferisci?
L'America non e' quella dei telefilm o dei film Hollywoodiani. Non e' solo McDonald.

La mia esperienza in 8 anni che vivo qui' e' positiva. Appena arrivato facevo il falegname, mia moglie l'impiegata, nel giro di un anno siamo riusciti a comprarci una villetta di 260 Mq. su un appezzamento di 1/4 di ettaro, il tutto finanziato al 100% con un mutuo di 30 anni.

Mi sposto con il monovolume della Crysler, ci siamo messi via un gruzzoletto per la vecchiaia che cresce ogni anno, sono andato a scuola per imparare ad aggiustare i computers ed ora sono in propio. Magari fra qualche anno se tutto va' bene ci compriamo un po' di terra e ci mettiamo a fare pure il vino.

Sono sei anni che non entro in banca, faccio tutto con il bancomat, in tasca se ho $20 cash e' molto. Non devo piu' fare la coda alla posta per pagare questo o quello, se voglio pago in internet per tutto, anche la tassa sull'autovettura.

Quando faccio la denuncia dei redditi, visto che mi trattengono piu' soldi di quanto avrei dovuto pagare in tasse, dopo circa 2-4 settimane mi arriva l'assegno con il rimborso.

I negozi sono quasi sempre aperti, alcuni supermercati alimentari sono aperti 24 ore al giorno.....insomma, c'e' di tutto e di piu'.
Cos'e che dovrei criticare in definitiva?
Dammi qualche spunto, cosi', bonariamente

Giovanni

Giovanni Senzitalia 17.11.05 06:47| 
 |
Rispondi al commento

@ Leonardo Migliarini

Appena finito di leggere il tuo post, avevo deciso di non risponderti, solo perche' i ricattini sott'intesi tipo "se non mi rispondi sei un troll" non mi piacciono. Poi ci ho ripensato e voglio vedere dove vai a parare. Se non altro ti sei rivolto a me senza tentare di offendere.

Critiche all'amministrazione Bush Jr. L'anno scorso ho votato per lui perche' fino ad ora le sue azioni, criticate da molti in passato, hanno finito per dargli ragione, su tutti i campi, specialmente in quello economico. Ecco perche' e' stato rieletto a stragrande maggioranza. Il suo indice di gradimento e' basso in questi giorni perche' molti Americani vedono che il conto di queste guerre diventa sempre piu' alto, sia in soldi che in vite di giovani Americani, e non se ne vede la fine.

Complice di cio' e' anche la stragrande maggioranza dei media, notoriamente anti repubblicana e anti Bush, che non fa' altro che riportare tutte le brutte notizie e quasi mai quelle belle. Qui si sente sempre di quanti sono stati ammazzati giornalmente dalle autobombe, e mai delle opere che si stanno facendo in quel paese per migliorare la vita degli Iraqeni, il tutto finanziato dai contribuenti Statunitensi.

La politica estera USA in generale. Le parole chiave per un Americano sono liberta' e democrazia. Sebbene con qualche cappella, la stiamo esportando in tutto il mondo. Abbiamo fatto i nostri errori, sono stati riconosciuti per amore o per forza e si va' avanti cercando di farne il meno possibile. L'Iraq per me non e' stato un errore, il non fare nulla avrebbe portato a conseguenze molto piu' devastanti, con molti piu' morti di quanti ce ne siano adesso.

La critica che potrei fare e' che sarebbe ora che anche altri paesi si facessero carico della pace mondiale, non solo a parole, ma anche con i fatti. Tutte le volte che scoppia un casino, tutti gli occhi si voltano verso lo zio Sam, e poi si lamentano se interviene o come interviene.

Segue

Giovanni Senzitalia 17.11.05 05:55| 
 |
Rispondi al commento

@Luigi CONSOLI

Quindi, se due idioti pilotano un aereo contro due grattaceli ne dobbiamo parlare per 4 anni, se tre Nazioni sono colpevoli di crimini contro l'umanità dovremmo tacere per un attimo perché altrimenti non possono continuare a perpretare i loro crimini..

Questa è sicuramente una posizione interessante, ma ad aggravare la situazione c'è il fatto che tra le Nazioni imputate c'è anche l'Italia.

Solo se la società civile è così civile da condannare i criminali in base ai crimini e non ai credo religiosi o alle paure ancestrali di perdere l'identità, allora la civiltà può vivere senza terrore. Capisco che la frase è un po' lunga e difficile da capirsi ... in parole povere, se si va verso un mondo dove stupidi istinti belligeranti e omicida vengono tenuti sotto controllo (e denunciati), allora si vince il terrore perché non c'è motivo di aver paura.

In fondo la logica di enduring freedom (guerra continua) in cosa consiste? Voi siete cattivi, quindi vi bombardiamo? Chiunque si oppone agli interessi degli Stati Uniti va bombardato?

Se provi ad adottare l'altro punto di vista (quello di chi non ha a cuore gli interessi degli Stati Uniti, magari solo perché hai gli affari suoi), beh, questo è terrorismo.
Al terrore si può rispondere irrazionalmente, in modo scomposto, o razionalmente, con il terrorismo.
Purtroppo il terrorismo americano è iniziato anche troppo tempo fa.
Bisogna solo fermare il terrorismo, non importa chi ha iniziato, cominciamo da chi continua.

Daniele Cruciani 17.11.05 03:36| 
 |
Rispondi al commento

BUSH : MERDAAAAAAAAAAAACCIAAAAA
BERLUSCONI : MERDINAAAAAAA(sarai sempre e cmq inferiore!ahahahah)

Daniele Comoglio 16.11.05 23:27| 
 |
Rispondi al commento


@ GIOVANNI SENZITALIA

Giovanni,
generalmente leggo i tuoi posts perché li trovo un ottimo modo di confrontarsi fra persone che la pensano diversamente_

esempio perfetto, il tuo ultimo post (20:08) dove esprimi opinioni accettabili e serene, anche se non le condivido - però anche a me fanno schifo quelli che usano la parola Nazista o Fascista a sproposito - e in realtà mi danno noia anche quelli che parlano di Marxismo a sproposito_

io non sono antiamericano - devo molto anche agli USA, ho postato in questi giorni una lista di personaggi USA che secondo me hanno fatto crescere il Mondo - sono cresciuto con tutto il background USA possibile, da Magnum PI al Blues o al Ragtime, dai mitici 49ers di Montana all'NBA a Sampras - poi da grande mi è anche venuto a noia sapere a memoria come sono fatti gli USA e non sapere un cazzo del resto del Mondo, incluso quello a 2 passi da me_

Di questo Blog si possono dire tante cose, ma la maggior parte dei frequentatori non sono certo indottrinati, abbiamo tutti idee diverse, anche parecchio, anche fra di noi_

Ora, siccome mi sembra che tu invece sia effettivamente sempre ben piantato su certe posizioni, ti volevo proporre un giochino, se vuoi_

mi sapresti fare delle critiche a:
- l'amministrazione Bush Jr.
- la politica estera USA in generale
- l'"american lifestyle"

poi e vuoi mi puoi chiedere te a me - perché ritenendomi aperto di mente non c'è una cosa che non possa criticare_

PS
attento a come NON RISPONDI, perché un Troll lo si riconosce da come NON ACCETTA il confronto_

un saluto amichevole_

Leonardo Migliarini 16.11.05 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Quando ho sentito che pur ammettendo l'uso del fosforo bianco è stato risposto che è legale e che non è un'arma chimica, sono rimasta molto stupita.

Ho trovato questo sito che spiega un po' meglio la questione:
http://www.crimesofwar.org/onnews/news-fallujah3.html

Il fosforo bianco è un'arma incendiaria e non un'arma chimica.
Ma esiste anche un protocollo (Protocol III dall'Accordo sulle armi convenzionali del 1980) che limita l'uso delle armi incendiarie, in particolare le vieta dove sono presenti civili.
Ma questo protocollo non è mai stato ratificato dagli US.

Ma al di là di tutto, mi vien da dire, non si può ridurre tutto solo a parole e sfumature.
La gestione della guerra che gli US e noi come loro alleati facciamo ci esautora da ogni diritto di tuonare come difensori della civiltà, della legalità e dei diritti delle persone.
Sono contraria alla guerra ma anche al di là di questo i diritti, i valori, non sono solo parole.
Sono stanca di servizi "informativi" che rispondono a fatti (come quelli mostrati da RaiNews) con opinioni, riducendo tutto a un "io dico / tu dici".

alessandra di silvestro 16.11.05 22:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi informo di questa iniziativa che si terrà a Bologna il 23 novembre:

PARLIAMO DI FALLUJAH “La strage nascosta”
Mercoledì 23 novembre ore 21,00 presso la Sala polivalente del centro civico di via Faenza 4 (Bologna).

Il Quartiere Savena in collaborazione con la Scuola di Pace, il Centro Amilcar Cabral e Radio Città-fujiko, ha deciso di proiettare il documentario inchiesta di Rainews24 sul bombardamento al fosforo nella città di Fallujah in Iraq.
Il Quartiere ritiene importante coinvolgere la cittadinanza e mobilitare la società civile, per dare il maggiore risalto possibile a questa denuncia, che comunque la si voglia commentare non può passare sotto il silenzio dei principali organi di stampa nazionale e continuare ad essere celata all’opinione pubblica.

Alle 21,00 verrà proiettata l’inchiesta "Fallujah. La strage nascosta"
Subito dopo un’intervista a Sigfrido Ranucci, uno degli autori del reportage per Rainews24 realizzata in esclusiva dalla redazione di Radio Città Fujiko.
Seguirà dibattito.
La cittadinanza è invitata.

Associazioni e gruppi possono aderire, scrivendo a matteo.lepore@gmail.com

Matteo Lepore 16.11.05 21:25| 
 |
Rispondi al commento

VIA DALL'IRAQ ADESSO!

Alessio Marchetti 16.11.05 21:11| 
 |
Rispondi al commento

Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo. (Voltaire)

Caro Giovanni Senzitalia non condivido una virgola di quello che scrivi, ma è giusto che lo dica.

Mucca Pazza 16.11.05 20:20| 
 |
Rispondi al commento

@ Dario Brenno e Paolo Moretti

Prima di dare del fascista alle persone, bisognerebbe conoscere il significato della parola. Se la cosa puo' interessarvi, sono contrario ad ogni dittatura, rossa, nera o celestinorosapallido.
Se domani chichessia impedisse, anche a persone come voi, la liberta' di esprimersi, sarei il primo a scendere in campo a sua difesa. Ma tante'...

Allora gli Americani cosa avrebbero ammesso? Che hanno usato un'arma convenzionale non bandita da nessun accordo? Che il fosforo bianco NON E', come invece asserito da RAI24 e da molti di voi, un'arma di distruzione di massa? Perche' da come e' stato descritto, il fosforo bianco e' peggiore di un'atomica o di gas nervini di varia fattura, quelle si' armi di distruzione di massa.

Ripeto che il servizio della rai e' una bufala, per niente obbiettivo e fabbricato ad uso e consumo dei boccaloni dal cuore tenero e per tutti gli anti Americani per partito preso.

I morti del video non sono bruciati ma decomposti, leggetevi il post di certo Giulio D'Ambrosio del 16.11.05 alle ore 15:53 e capirete che non possono essere stati bruciati dal fosforo ed avere i vestiti intatti.

Per stessa ammissione del narratore portano giberne porta munizioni sotto gli abiti civili, mah, le avranno usate per andare a fare la spesa.I due soldati Americani parlano anche di ragazzini di 10 anni con il mitra che sparavano contro i marines. Cosa deve fare un soldato, chiedere quanti anni hai prima di poter difendersi?

Il tutto e' stato confezionato per portare avanti la loro agenda anti Americana, giocando sul fattore emotivo della gente con immagini orripilanti. A Falluja c'erano 200 giornalisti al seguito delle truppe, e che abbiano riportato tutto quello che c'era da raccontare lo dimostra il fatto che tutti hanno visto il filmato in cui un marine spara ad un terrorista ferito e a terra.

Non c'e' ragione di pensare che se ci fossero state altre situazioni opinabili, le avrebbero tenute nascoste.

Giovanni Senzitalia 16.11.05 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro "essere umano" il tuo auspicio per quanto giustificabile credo che resterà purtroppo inattuabile. Se l' ortodossia dell' occidente accetasse il principio dell'universalità, ne consegue che paesi come Cuba e il Nicaragua ad esempio avevano ed hanno tutte le giustificazioni possibili per attaccare il governo statunitense (se ne avessero la forza), o il Libano di attacare Israele. Chi non accetta il principio dell' universalità dovrebbe avere la decenza di tacere su argomenti che riguardano il giusto e lo sbagliato, o su la guerra giusta.
L'ex direttore di Human Rights Watch Africa, oggi docente alla Emory University, parlando al Consiglio internazionale per le politiche dei diritti umani a Ginevra, nel gennaio 2002, disse:" non riesco a scorgere alcuna differnza morale,politica o legale tra questa jihad degli Stati Uniti contro i loro presunti nemici e la jihad dei gruppi islamici contro i loro presunti nemici".
Se accettassimo,come occidente,di applicare a noi stessi il metro che applichiamo agli altri, credo che il mondo sarebbe un posto migliore in cui vivere.

Mucca Pazza 16.11.05 19:56| 
 |
Rispondi al commento

"...l'inquilino della Casa Bianca si è visto imporre dal Senato, a schiacciante maggioranza, l'obbligo di riferire con regolarità sull'operato dell'esercito Usa impegnato in Irak. Con 79 voti favorevoli e 19 contrari, i senatori degli Stati Uniti hanno inserito la norma in questione in un emendamento nel disegno di legge che stanzia 491,6 miliardi di dollari per la difesa. La presentazione dell'emendamento è stata «bipartisan»: l'iniziativa reca la firma del capo-gruppo di maggioranza Bill Frist e della sua controparte repubblicana John Warmer, che è il presidente della Commissione Forze Armate del Senato.Il testo approvato impone alla Casa Bianca di fornire pubblicamente resoconti trimestrali sulle operazioni e sulla situazione in Irak, «fino a quando tutti i reparti di combattimento statunitensi non avranno ripiegato». «Per la prima volta, i nostri colleghi repubblicani si sono uniti ai democratici nel pretendere da questo governo una strategia chiara sull'Irak, un'autentica responsabilità», ha commentato il senatore democratico Joseph Biden.
Intanto il portavoce del Pentagono, intervistato dalla Bbc, ha confermato l'utilizzo del fosforo bianco da parte dell'esercito Usa durante l'offensiva contro la città irachen di Falluja nel novembre 2004... è stato utilizzato a Falluja principalmente per stanare i combattenti nemici dai loro nascondigli, per consentire in un secondo momento, con minor margine di errore, l'uso di esplosivi più potenti.
Il segretario alla Difesa americano Donald Rumsfeld ha apertamente ammesso davanti ai giornalisti riuniti per una conferenza stampa al Pentagono che le indicazioni di intelligence sulle armi di distruzione di massa irachene - mai rinvenute dall'esercito Usa - erano errate, pur facendosi garante della buona fede dell'amministrazione americana."...

(Il Sole24ore/on line, 16 novembre 2005)

Pantaleone Moisè 16.11.05 19:24| 
 |
Rispondi al commento

>

Editoriale di Nadia Redoglia su

http://italy.peacelink.org/editoriale/

Francesco Telluri 16.11.05 19:24| 
 |
Rispondi al commento

La verità è quella che più fa male .......molti preferiscono non saperle certe cose.
Ma altrettante persone vogliono saperle
Io cerchero di diffondere anche solo per le persone che conosco quel briciolo di verità che so, è un dovere morale è civile che dovremmo prenderci in prima persona.
Tutti hanno il diritto di sapere e noi il dovere di fare sapere quel che sappiamo.
Nella mia università scrivo un giornale è faro riferimento al filmato di rai news, che tutti lo vedano............
La verità è a portata di in click, stavolta non dietro l'angolo ma dietro uno schermo del pc.

Giuseppe Ricciardi 16.11.05 18:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

via l'italia dall'irak subito!

lucia belingardi Commentatore in marcia al V2day 16.11.05 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Oh amici oggi al tg , tra chi e' uscito dalla talpa e quado" Manuelona Arcuri" diventera' mamma , hanno dato questa news .Gli americani dopo la prima smentita hanno ammesso l'utilizzo del fosforo bianco in Iraq .Sono molto piu' sollevato almeno al mondo non siamo gli unici pagliacci.Anzi dopo attente osservazioni penso che vincano loro . Bella Giorge!!!!!

Bob Ravaglia 16.11.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
propongo di condannare a 10 anni (circa) di prigione tutti coloro che sono coivolti nell'insabbiamento quotidiano della genuina informazione, inziando da il sig. Vespa che l'altra sera proponeva (tanto per cambiare) una puntata di porta a porta sulla franzoni e il delitto di suo figlio. E il medioriente e i suoi delitti?? quanti bambini sono morti lì?? Probabilmente secondo Vespa e co. tutti morti del medioriente, con relative piccole vittime, valgono meno di un bimbo assassinato nella sua casa (da 2 anni e passa...).
Chi ha una soluzione percorribile la esponga per favore.
Raffaele

raffaele iacuzzi 16.11.05 17:09| 
 |
Rispondi al commento

"...l'inquilino della Casa Bianca si è visto imporre dal Senato, a schiacciante maggioranza, l'obbligo di riferire con regolarità sull'operato dell'esercito Usa impegnato in Irak. Con 79 voti favorevoli e 19 contrari, i senatori degli Stati Uniti hanno inserito la norma in questione in un emendamento nel disegno di legge che stanzia 491,6 miliardi di dollari per la difesa. La presentazione dell'emendamento è stata «bipartisan»: l'iniziativa reca la firma del capo-gruppo di maggioranza Bill Frist e della sua controparte repubblicana John Warmer, che è il presidente della Commissione Forze Armate del Senato.Il testo approvato impone alla Casa Bianca di fornire pubblicamente resoconti trimestrali sulle operazioni e sulla situazione in Irak, «fino a quando tutti i reparti di combattimento statunitensi non avranno ripiegato». «Per la prima volta, i nostri colleghi repubblicani si sono uniti ai democratici nel pretendere da questo governo una strategia chiara sull'Irak, un'autentica responsabilità», ha commentato il senatore democratico Joseph Biden.
Intanto il portavoce del Pentagono, intervistato dalla Bbc, ha confermato l'utilizzo del fosforo bianco da parte dell'esercito Usa durante l'offensiva contro la città irachen di Falluja nel novembre 2004... è stato utilizzato a Falluja principalmente per stanare i combattenti nemici dai loro nascondigli, per consentire in un secondo momento, con minor margine di errore, l'uso di esplosivi più potenti.
Il segretario alla Difesa americano Donald Rumsfeld ha apertamente ammesso davanti ai giornalisti riuniti per una conferenza stampa al Pentagono che le indicazioni di intelligence sulle armi di distruzione di massa irachene - mai rinvenute dall'esercito Usa - erano errate, pur facendosi garante della buona fede dell'amministrazione americana."...

(Il Sole24ore/one line, 16 novembre 2005)

Pantaleone Moisè 16.11.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

vedendo le immagini della strage, due osservazioni:

- la ns colpevolezza, in quanto alleati di Bush
- l'incongruenza... gli stessi antiabortisti, pronti a difendere "la vita"

luca gagliardi 16.11.05 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Spero solo che tra poco Qualcuno si incazzi così tanto da lanciare una bella atomica e distruggere il genere umano, forse la catastrofe + distruttiva e potente mai esistita nell'Universo.
Il Mondo è stronzo e malato

Ing. Leonardo Curioni 16.11.05 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo al sig. Brenno.
Non solo il mondo è impotente e fermo, come dici tu, in Italia succede, al solito, di peggio. Nonostante le ammissioni amercane i COGLIONI nostrani continuano a dire che è tutto falso, che è la solita montatura dei comunisti, che gli americani sono andati in Irak perchè sono buoni, ed alrtre amenità simili. Bella figura da decerebrati che che facciamo, se abbiamo i nostri governanti che continuano, imperterriti, a sparare queste cazzate.

solia nicola Commentatore in marcia al V2day 16.11.05 16:35| 
 |
Rispondi al commento

QUESTO E' POST DEL MIO BLOG POLITICA-MENTE.SPLINDER.COM... LA DATA E' QUELLA DEL 12 FEBBRAIO 2005 QUANDO L'HO PUBBLICATO!!!!!!

sabato, 12 febbraio 2005

DIETROLOGIE IRACHENE 2


COSA NASCONDE FALLUJA?



La storia si ripete: ancora una volta i giornalisti o i volontari che hanno a che fare con Falluja finiscono nelle mani di gruppi di sequestratori dall’incerta collocazione. Era già successo con Simona Pari e Simona Torretta, che da lì a poco dovevano recarsi a Falluja mentre gli americani bombardavano a ruota libera la città. Ora è successo alla giornalista francese di “Liberation” e alla nostra Giuliana Sgrena, entrambe stavano intervistando i profughi di Falluja ed entrambe sono state rapite da gruppi di ambigua collocazione. Che dietro questi rapimenti ci sia altro, magari servizi segreti, è un dubbio legittimo. Ma la vera domanda, in questo caso, sarebbe: ”Cosa è successo davvero a Falluja che non deve assolutamente venire fuori?” Io, dopo Abu Graib, dopo i bombardamenti a tappetto, i colpi di mortaio contro i giornalisti all’Hotel Palestine, un’idea ce l’avrei….


vincenzo arma 16.11.05 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Alla luce di queste informazioni. Si può affermare in tutta onestà che
il WP non sarebbe un'arma chimica ? Certo, si può sempre essere così disonesti da affermare che tutto è chimico. Ma convenzionalmente, dire che quanto ho descritto nel precedente post sul wp non sia un'arma chimica, equivale a compararlo ad un' accetta, o ad una spada.

Giulio D'Ambrosio 16.11.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Piccola scheda sul WP.

Il fosforo è il più efficiente incendiario/fumogeno per quanto concerne il rapporto peso/prestazioni. Questo perchè assorbe dall'atmosfera la maggior parte della massa della nube che crea.
Quando il fosforo brucia in aria, assorbe inizialmente l'ossigeno presente dando luogo ad una trasformazione chimica di sintesi (da fosforo ed ossigeno si sintetizza pentossido di fosforo). La seconda fase della trasformazione chimica spontanea è un'altra sintesi: dal pentossido di fosforo e dall'acqua presente nell'ambiente, anche minuscole tracce di umidità, si giunge rapidamente all'acido fosforico. Il pentossido di fosforo, e l'acido fosforico si legano a qualsiasi molecola d'acqua, incluse quindi quelle presenti nel corpo umano, composto al 70% d'acqua. Quando questo avviene, la trasformazione chimica sprigiona un enorme calore.
Partendo quindi dal fosforo la cui massa molecolare è pari a 31, si giunge all'acido fosforico che ha massa molecolare pari a 98.
La nuvola generata, quindi è composta per il 68% della massa, da materiale presente nell'atmosfera. Se si vuole generare una nuvola di acido fosforico di 100 chili, dunque, bastano 32 chili di fosforo.
Una volta generata questa nube, il processo di assorbimento non si arresta: anche l'acido fosforico, infatti, assorbe acqua e continua ad assorbirne aumentando di volume e diluendosi fino a raggiungere la saturazione.
Per questo motivo, per il suo utilizzo occorre lanciarlo a bassa quota: se venisse sganciato oltre una certa quota, infatti, la reazione chimica avverrebbe prima di raggiungere il suolo.
A seconda della quota si può ottenere un effetto fumogeno limitando l'effetto di produzione di calore, oppure si può massimizzare la produzione di calore ottenendo quindi l'effetto incendiario.
L'intera reazione chimica avviene in una frazione di secondo.
La dose letale per un adulto e' di 50 milligrammi: per morire fra atroci dolori, basta venire in con poco più di 50 milligrammi di fosforo.

Giulio D'Ambrosio 16.11.05 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Riepilogo:

dossier falso + bugie per fare la guerra all'iraq

nessuna arma di distruzione di massa trovata

torture di americani su iracheni con tanto di foto e ammissioni varie

Rumsfeld resta al suo posto nonostante tutto

fosforo su combattenti e su civili iracheni e relativa ammissione

uso di bombe a grappolo, che violano tutte le convenzioni internazionali

circa 120.000 morti iracheni dall'inizio della guerra illegittima, illegale e peggio che peggio "preventiva". La maggior parte dei morti sono civili


l'elenco continua, ma basterebbe ciò per portare Bush e i suoi alleati al tribunale penale internazionale per crimini contro l'umanità

invece il mondo non si muove, è immobile, è assuefatto e impotente

Bush non rischia nemmeno l'impeachment

con queste premesse che creano inevitabilmente un precedente, in futuro ognuno si sentirà autorizzato anche a fare ancora peggio di Bush e ciò significa 3a e ultima guerra mondiale

Dario Brenno 16.11.05 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Signor Grillo, non le pare che il vecchio adagio "RIMESTARE LA M..... NON FA ALTRO CHE AUMENTARE LA PUZZA" calzia pennello?
Sono in pieno accordo con la libertà di stampa e di pensiero, ma, in momenti come quello che stiamo vivendo ora non crede che, anche se purtroppo veritiere, certe notizie non dovrebbero essere sbandierate; non crede inoltre che possano esacerbare (giustamente dico io) gli animi dei popoli che già nell'intimo sognano di eliminare tutti quelli che non sono islamici?
Forse forse sarebbe il caso di dedicare un solo secondo di meditazione per valutare i danni che ne potrebbero derivare e poi.........., se del caso soffrendo come cani azzoppati, per il momento tacere?????
Buona fortuna a tutti

Luigi CONSOLI 16.11.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Signor Grillo, non le pare che il vecchio adagio "RIMESTARE LA M..... NON FA ALTRO CHE AUMENTARE LA PUZZA" calzia pennello?
Sono in pieno accordo con la libertà di stampa e di pensiero, ma, in momenti come quello che stiamo vivendo ora non crede che, anche se purtroppo veritiere, certe notizie non dovrebbero essere sbandierate; non crede inoltre che possano esacerbare (giustamente dico io) gli animi dei popoli che già nell'intimo sognano di eliminare tutti quelli che non sono islamici?
Forse forse sarebbe il caso di dedicare un solo secondo di meditazione per valutare i danni che ne potrebbero derivare e poi.........., se del caso soffrendo come cani azzoppati, per il momento tacere?????
Buona fortuna a tutti

Luigi CONSOLI 16.11.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Signor Grillo, non le pare che il vecchio adagio "RIMESTARE LA M..... NON FA ALTRO CHE AUMENTARE LA PUZZA" calzia pennello?
Sono in pieno accordo con la libertà di stampa e di pensiero, ma, in momenti come quello che stiamo vivendo ora non crede che, anche se purtroppo veritiere, certe notizie non dovrebbero essere sbandierate; non crede inoltre che possano esacerbare (giustamente dico io) gli animi dei popoli che già nell'intimo sognano di eliminare tutti quelli che non sono islamici?
Forse forse sarebbe il caso di dedicare un solo secondo di meditazione per valutare i danni che ne potrebbero derivare e poi.........., se del caso soffrendo come cani azzoppati, per il momento tacere?????
Buona fortuna a tutti

Luigi CONSOLI 16.11.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a tutti per aver raccolto il mio invito a firmare l'appello di art.21. Ci sono già moltissime firme.
http://www.articolo21.info/appelli_form.php?id=54

Continuiamo a diffondere l'indirizzo dove reperire il video http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchiesta

Avete visto l'apertura della BBC?
http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/middle_east/4442156.stm

Ciao a tutti!
Lisa

Lisa Leandri 16.11.05 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Da venti anni giro il mondo per lavoro..
E in qualsiasi paese considerano gli "Americani" la "Polizia-del-mondo".
Tutti (dall'Africa al sud America al sud est asiatico e perfino in Europa) "Odiano" i nostri "Liberatori"....

Loro controllano che nessun paese si costruisca armi nucleari...
E loro sono gli unici ad aver sganciato la bomba atomica su dei civili....

Loro controllano che nessun paese si costruisca armi chimiche...
E loro sono i primi ad usarle ..

Loro parlano di libertà
E loro (noi) appoggiano i governi totalitari..

Aggiungere altro sarebbe tempo sprecato..

Beppe Pancot 16.11.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto, per disgrazia,come quella nemmeno sottospecie di tg chiamato studio aperto ha riportato la notizia dell'ammissione da parte del pentagono dell'uso del fosforo in Iraq.Vorrei tanto che giornalisti e telegiornalisti come quelli continuassero ad occuparsi dei parti delle veline, delle tette dell'arcuri, dei trapianti di capelli dei loro beniamini politici lasciando gli argomenti seri ,e per loro evidentemente scomodi, a giornalisti con le palle e che hanno rispetto per chi desidera davvero essere seriamente informato.Fa già abbastanza ribrezzo la macabra telenovela che hanno costruito su Cogne...l'italiano si merita forse un giornalismo del genere?..mi viene il dubbio..forse si...Ah..bellissima..Silvio guardandosi allo specchio vede un santo..caro Beppe Grillo Grillo Beppe come comico sei stato di gran lunga surclassato..

Elena M. 16.11.05 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Quando esseri umani uccidono altri esseri umani quanto importa il fatto che ciò sia a causa di armi al fosforo o chimiche o "convenzionali" per coloro che mouiono e per coloro che uccidono?
Cerchiamo di pensare se esiste una risposta che possa giustificare l'uccisione di esseri viventi senza tirare in ballo le solite cose (destra, sinistra, centro, americani, russi, italiani, gli eventuali altri).
Adesso proviamo a immaginare di darla a un qualsiasi bambino che ce ne chieda il perchè?

Roberto Provato 16.11.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Roma, 15 novembre 2005

Gli Stati Uniti hanno usato armi chimiche in Iraq e hanno mentito a riguardo. L'utilizzo di questo genere di armi è confermato da diverse fonti americane e lo stesso Dipartimento di Stato Usa ha dovuto rettificare le prime dichiarazioni rilasciate nelle scorse settimane sull'utilizzo di armi al fosforo bianco, così come già accaduto negli scorsi anni per l'uso di armi al napalm, scrive oggi lo scrittore e giornalista britannico, George Monbiot, sulle colonne del Guardian. Fino alla scorsa settimana il dipartimento di stato americano sosteneva che il fosforo era stato usato "molto raramente a Fallujah e con lo scopo di illuminare". Veniva usato per "illuminare le posizioni del nemico di notte, non contro i nemici che combattevano". Davanti all'evidenza, continua il quotidiano britannico, giovedì hanno cambiato la loro posizione. "Abbiamo saputo che alcune delle nostre informazioni erano scorrette...Proiettili al fosforo bianco, che produce fumo, sono stati usati a Fallujah non per illuminare, ma per oscurare i movimenti delle truppe e, secondo la rivista degli artiglieri americani Field Artillery 'come una potente arma pricologica contro gli insorti nelle trincee e nelle buche'. L'articolo delle forze armate americane stabilisce che il fosforo bianco è stato usato per snidare i nemici in modo da poterli poi uccidere con l'esplosivo". Il governo americano, continua Monbiot, in altre parole sembra ammettere che il fosforo bianco è stato usato a Fallujah come arma chimica.

Ora che sappiamo che bombe al fosforo e al napalm sono state sganciate contro gli iracheni, perché - si chiede Monbiot- gli stessi falchi che hanno sostenuto la guerra in Iraq per il bene del popolo iracheno "non hanno alzato la loro voce contro l'uso di armi non convenzionali da parte delle forze della coalizione?".

"Ci hanno detto che la guerra in Iraq era necessaria per due ragioni - scrive------------------> http://guerrillaradio.iobloggo.com/

alessandra arrigoni 16.11.05 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Achilli,
forse non hai capito l´ironia delle mie parole. Io dico che Ali`e John sono UGUALMENTE colpevoli.

paolo moretti 16.11.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

In ogni caso state tranquilli, i giornalisti della casa delle loro libertà ci informeranno puntualmente come hanno fatto con questa notizia! dieci giorni dopo ma l'informazione sarà precisa
Vi riporto il titolo di TGCOM per la verifica
ritengo superfluo ogni commento!


Da www.tgcom.it

IN IRAQ BOMBE AL FOSFORO
Pentagono ne ammette l'uso contro i terroristi
"Il fosforo bianco è un'arma convenzionale, non è un'arma chimica. Non è illegale", ha detto il tenente colonnello Barry Venable.

luca whisky 16.11.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

A Falluja il tempo e' bellissimo!
Il sole splende e tu sei a casa, seduto per il pranzo con la tua famiglia.
Tua moglie e' al tuo fianco, le due gemelline di fronte e tuo figlio, il tuo orgoglio, alla tua destra.
Si parla, si ride. Un boato, un lampo accecante poi nulla.
Le orecchie ti ronzano. Cerchi di aprire gli occhi. Una, due volte;
poi ci riesci. Hai un velo rosso davanti.
Dov'e' la tua casa, il soffitto, le pareti? Sei solo. No, non sei solo.
C'e' tua moglie li' vicino... ma non tutta. Solo un pezzo.
E quelle dita minuscole di chi saranno?
Sotto di te c'e' tuo figlio. Respira ancora. Ma dove sono le gambe?
Respira ma poi smette.

E poi capisci. E' stato un missile democratico, lanciato democraticamente per portare la democrazia e non per
rafforzare il terrorismo.

Maledetti! Perche' lo avete fatto! Speravo in una vita migliore.

-°-

Sei a Roma (Londra, New York, Madrid...). Sei in un tram, mamma felice con la figlioletta a mano. Luce infinita, boato eterno e ti senti strappare tua figlia di mano e assieme a lei il tuo braccio....
Cadi e vivi e vorresti morire.

Maledetti! Perche' lo avete fatto! Speravo in una vita felice.

E' Il terrore che genera terrore, che genera terrore, che genera terrore ..............


Paolo Molino - Venezia

Paolo Molino 16.11.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento

A Falluja il tempo e' bellissimo!
Il sole splende e tu sei a casa, seduto per il pranzo con la tua famiglia.
Tua moglie e' al tuo fianco, le due gemelline di fronte e tuo figlio, il tuo orgoglio, alla tua destra.
Si parla, si ride. Un boato, un lampo accecante poi nulla.
Le orecchie ti ronzano. Cerchi di aprire gli occhi. Una, due volte;
poi ci riesci. Hai un velo rosso davanti.
Dov'e' la tua casa, il soffitto, le pareti? Sei solo. No, non sei solo.
C'e' tua moglie li' vicino... ma non tutta. Solo un pezzo.
E quelle dita minuscole di chi saranno?
Sotto di te c'e' tuo figlio. Respira ancora. Ma dove sono le gambe?
Respira ma poi smette.

E poi capisci. E' stato un missile democratico, lanciato democraticamente per portare la democrazia e non per
rafforzare il terrorismo.

Maledetti! Perche' lo avete fatto! Speravo in una vita migliore.

-°-

Sei a Roma (Londra, New York, Madrid...). Sei in un tram, mamma felice con la figlioletta a mano. Luce infinita, boato eterno e ti senti strappare tua figlia di mano e assieme a lei il tuo braccio....
Cadi e vivi e vorresti morire.

Maledetti! Perche' lo avete fatto! Speravo in una vita felice.

E' Il terrore che genera terrore, che genera terrore, che genera terrore ..............


Paolo Molino - Venezia

Paolo Molino 16.11.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

La Repubblica 16/11/2005

http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/esteri/iraq71/pentafosfo/pentafosfo.html

La precisazione di un portavoce del Pentagono alla tv inglese Bbc

"Non è un'arma chimica e neppure illegale, serve per stanare il nemico"

Fosforo, mezza ammissione Usa

"Usato a Falluja, ma è convenzionale"

La presa di posizione dopo la denuncia in un servizio di Rainews24

_________________________


Più che mezza ammissione, è semplicemente arrendersi all'evidenza, anzi alle EVIDENZE in senso inglese, cioé PROVE. Ma non fanno altro che ripetere quanto c'è già nel famigerato articolo della rivista di artiglieria: evidentemente non possono smentire se stessi, ma già soffrono nel non poter semplicemente dire "non è vero niente"! Prima hanno cacciato o fatto cacciare i giornalisti dall'Iraq con le buone e con le cattive, adesso dovranno tappare la bocca ai loro valorosi soldatini nel caso abbiano ancora voglia di glorificare per iscritto le loro grandi imprese chimiche... Che bella strategia di guerra in combattimento urbano eh? Terra bruciata e affanculo tutti... neanche i nazisti tedeschi a Stalingrado facevano così; ma questi naziamericani sono molto più avanzati, vuoi mettere...

E come giocano con le parole, come tergiversano, come dicono una cosa e subito dopo il contrario e di nuovo il contrario del contrario... "stanare il nemico" no? Queste merde hanno buttato fosforo bianco nelle cantine delle case... e chi c'era, c'era...

Bugiardi ipocriti assassini nazisti. Bisognerà aspettare cinquant'anni perché finiscano sotto processo, come i responsabili dell'eccidio di Sant'Anna di Stazzema?

Mario Gabrielli Cossellu 16.11.05 10:38| 
 |
Rispondi al commento

BLOB ha rimandato in onda lo spezzone di Primo Piano che asseriva che gli americani con il fosforo bombardavano 20.000 terroristi, senza distinzione e che non c'era altra via.
Il giornalista di Primo Piano non ha obiettato, mentre il giornalista del contraddittorio di rai news 24, lo smentiva su tutti i fronti.
RAGAZZI FATE DI TUTTO PER SEGUIRE E VEDERE SOLO RAI NEWS 24.
è la più seria in assoluto.
pace e bene

luigi achilli 16.11.05 09:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

x paolo moretti
quando saddam utilizzava il gas, era a tutti gli effetti un dittatore meritevole di essere destituito, arrestato e condannato.
Non credi che all'america, andata ad esportare DEMOCRAZIA e che itulizza lo stesso metodo, debba essere applicata, non dico la stessa, ma almeno una simile punizione.
Tu non hai capito che qualsiasi guerra è STUPIDA quanto COLUI che tenta di giustificarla con qualsiasi motivazione.
luigi achilli
essere umano

luigi achilli 16.11.05 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Riporto per chi non l'avesse ancora letto quanto sostenuto da un rappresentante del Governo Americano Barry Venable in merito all'utilizzo del fosforo bianco:
"L'abbiamo utilizzato come arma incendiaria contro combattenti nemici"
"Il fosforo bianco è un'arma convenzionale, non è un'arma chimica. Non è illegale"
"Noi l'utilizziamo in primo luogo come agente oscurante, per cortine fumogene o per illuminare obiettivi"
"E' comunque un'arma incendiaria, che può essere utilizzata contro combattenti nemici"
Caro Beppe hai proprio ragione, con le parole si può dire di tutto ed anche il suo contratio. Come dici tu basta cambiare le parole!
BASTA abbiamo un classe dipendente italiana (non dirigente) che dire che fa pena è far loro un complimento. Siamo nel gorgo della sete del petrolio iracheno.
Il prossimo TARGET (per dirlo all'alemricana) sarà l'Iran. Leggete come il terreno viene preparato. Nucleare, odio anti occidentale, manca solo l'attentato ben organizzato per inziare a spostare le truppe...tanto sono già lì!
Non so più che fare, la mia energia scende giorno dopo giorno.
Dai tu qualche idea.
Tommaso

Tommaso Zampagni 16.11.05 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Dove sta quel fascistone di Giovanni Senzitalia ?

Adesso che anche gli americani hanno ammesso l'uso del fosforo bianco, cosa ha da dire?

Ha ripetutamente detto che sono fantasie dei comunisti.

Che schifo di gente servile, pronta a difendere il boia, ingoiandosi tutte le balle che gli raccontano.

Dario Brenno 16.11.05 09:04| 
 |
Rispondi al commento

Niente paura:adesso Ferrara ed il Foglio organizzeranno subito una bella manifestazione per gli Iracheni, vero ciccio?

paolo moretti 16.11.05 08:50| 
 |
Rispondi al commento

Anche Saddam gasava "i ribelli " e non i civili:qualcuno tra i nostri Teocon mi sa spiegare qual´e`adesso la differenza tra Ali`il chimico e Jack il chimico?Thanks.

paolo moretti 16.11.05 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Dal sito di Repubblica di oggi

"Il fosforo bianco è un'arma convenzionale, non è un'arma chimica. Non è illegale", ha poi aggiunto l'ufficiale. "Noi l'utilizziamo in primo luogo come agente oscurante, per cortine fumogene o per illuminare obiettivi", ha detto. "E' comunque un'arma incendiaria, che può essere utilizzata contro combattenti nemici", ha chiarito ancora il portavoce.

Mi chiedo:chi decide cosa è "convenzionale" e cosa non lo è?

"Agente oscurante"??!! Ma che vuol dire? E' come se usassi un bazooka al posto del clacson quando uso l'auto (e la mattina a Milano ti verrebbe anche voglia..eh eh)

Quando scendiamo in piazza a protestare?

Daniele Dani 16.11.05 08:39| 
 |
Rispondi al commento

PENTAGONO E GIORNALISTI "EMBEDDED" HANNO CONFERMATO L' USO DI FOSFORO BIANCO E CHISSA' QUANTE E QUALI ALTRE PORCHERIE DOVRANNO AMMETTERE A BREVE. VORREI VEDERE LE FACCE DI SELVA, TEODORI, ROMANO E TUTTA QUELLQ PLETORA DI ADORATORI DEL NANO.VUOI VEDERE CHE SMENTIRANNO ANCHE ILPENTAGONO E I GIORNALISTI SUL POSTO?

antonio rappa 16.11.05 07:40| 
 |
Rispondi al commento

bastardi di merda!

per fortuna che siamo la repubblica delle banane e non possiamo fare danni quanto gli americani.

nick micronde Commentatore in marcia al V2day 16.11.05 03:49| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo non sono convinto..
il filmato mi mostra che la guerra è oscena e che va evitata con ogni mezzo diplomatico.. sempre! Ma non mi convince sulla veridicità che il fosforo bianco produca quei drammatici effetti.. ogni fonte pare viziata.
Di anti americanismo da una parte e di filo americanismo dall'altra. Troppi sono gli interessi politici da ogni parte, e troppi gli animi pronti ad infiammarsi dall'una e dall'altra parte. Questo fa male all'informazione e questo è un modo stupido per continuare a fare la guerra "soft" della politica che non aiuta la coscienza e l'informazione ma solo il gioco degli schieramenti pregiudiziali.
Mi informerò ancora e attendo volentieri indicazioni informative e neutrali.

Carlo Rezza 16.11.05 00:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono sintonizzata in questo momento sulla TV del Dubai, stanno trasmettendo un bel film , si intitola “Omar al-Mukhtar”. Grande film del 1980, con Anthony Quinn (Omar), Irene Papas, Oliver Reed (Graziani), Rod Steiner (Mussolini). Tutt’ora censurato in Italia, venne dichiarato dall’ On. Raffaele Costa, all’epoca sottosegretario agli Esteri, lesivo dell’onore dell’esercito italiano. Forse già lo conoscerai…Saresti uno dei pochi non solo a conoscere il film, ma anche i fatti della resistenza libica in Cirenaica contro gli Italiani (1930), capitanati dal Generale Graziani, che per soffocare la resistenza trasferì l’intera popolazione dalle regioni montane del Gebel cirenaico (100.000 libici) in 13 campi di concentramento. Morirono 40.000 persone.
Questo film è stato girato da Mustafa al-Akkad il regista siriano morto nell’ultimo attentato ad Amman…il poveretto stava cenando in uno dei tre hotel con sua figlia ed è saltato anche lui assieme alle altre 56 persone.
Nei canali arabi lo stanno giustamente celebrando essendo stato uno dei più famosi registi viventi.
Non credi che sarebbe un bel gesto, togliere questa immotivata censura e trasmetterlo sulla TV pubblica italiana? In fondo quelle forze armate erano dell’Italia fascista, non repubblicana, quindi vilipendio a chi? E poi non sarebbe un tangibile gesto di vicinanza e solidarietà alla società civile arabofona in questo momento (tutta, anche quella che vive qui da noi), che certo non si rispecchia in nessun tipo di estremismo violento e che, come vediamo, spesso ne subisce le azioni? Anzi sarebbe un bel gesto a tutta la società civile, anche la nostra, che merita rispetto e merita di essere informata anche su questo. Sarebbe una bella immagine dell’Italia, più…civica.

Claudia La Barbera

Claudia La Barbera 16.11.05 00:15| 
 |
Rispondi al commento

ma queste cose gli americani le sanno?
http://www.disinformazione.info/votousa.htm

Athos Gualazzi 16.11.05 00:14| 
 |
Rispondi al commento


BREAKING NEWS: L'HANNO AMMESSO!!!!!!!!!

US used white phosphorus in Iraq

BBC News Online


The Pentagon has confirmed that US troops used white phosphorus during last year's offensive in the northern Iraqi city of Falluja.

"It was used as an incendiary weapon against enemy combatants," spokesman Lt Col Barry Venable told the BBC.

Col Venable denied that the substance - which can cause burning of the flesh - constituted a banned chemical weapon.

Early this month, Italian state TV, Rai, said white phosphorus had been used against civilians in Falluja.

The US military vehemently denies this.

Washington is not a signatory of an international treaty restricting the use of white phosphorus devices.

The US-led assault on Falluja - a stronghold of the Sunni insurgency west of Baghdad - displaced most of the city's 300,000 population and left many of its buildings destroyed.

'Incendiary'

Col Venable told the BBC's PM programme that the US army used white incendiary munitions "primarily as obscurants, for smokescreens or target marking in some cases".

"However it is an incendiary weapon and may be used against enemy combatants."

And he said it had been used in Falluja, but it was "conventional munition", not a chemical weapon.

It is not "outlawed or illegal", Col Venable said.

"When you have enemy forces that are in covered positions that your high explosive artillery rounds are not having an impact on and you wish to get them out of those positions, one technique is to fire a white phosphorus round or rounds into the position because the combined effects of the fire and smoke - and in some case the terror brought about by the explosion on the ground - will drive them out of the holes so that you can kill them with

Sandro Ze 16.11.05 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo a informarsi, suggerisco Wikipedia, in inglese, alla voce "White Phosphorous (Weapon)" http://en.wikipedia.org/wiki/White_phosphorus_incendiary

dove si legge:

"Accordingly, the fact that bodies are burned but the clothes are (at least partially) intact seems to be consistent massive use WP burning in air with many left burning particles hitting the ground at a later time. The combined effects of this burning powder and of the highly hygroscpoic character of the oxide could indeed be the cause of the injuries on the bodies reported on November 9 by RAI."

"uso massivo di fosforo bianco bruciando nell'aria"

Considerazione finale: c'è gente che pur di difendere sempre e comunque gli intoccabili meravigliosi e perfetti statunitensi, si mette a giocare al piccolo chimico per provare a smentire le prove e le evidenze più lampanti. Provate a piantarla per favore, per decenza verso quelle vittime e anche verso voi stessi, se avete ancora una qualche dignità. Solo vedere il modo in cui quelle PERSONE (siano essi terroristi, resistenti, o semplici civili) sono state ridotte, parla chiaro sulle azioni criminali da parte di un esercito occupante, aggressivo, vendicativo e senza scrupoli nell'usare le peggiori armi di sterminio: fosforo bianco ma non solo, anche napalm, uranio impoverito, armi nucleari "tattiche" e chissà cos'altro.

Serenamente ma con fermezza: B A S T A C O N Q U E S T A M E R D A D I G U E R R A ! ! !

Mario Gabrielli Cossellu 15.11.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Su Fallujah, vi consiglio di vedere anche:
Fallujah - The Hidden Massacre
http://www.informationclearinghouse.info/article10907.htm

Falluja-The day After

http://www.informationclearinghouse.info/article9010.htm

The White Death" by Chris Floyd

http://www.informationclearinghouse.info/article10960.htm

Atrocity In Fallujah" by Robert Fisk

http://www.informationclearinghouse.info/article5974.htm

Comunque se fate una ricerca sul sito http://www.informationclearinghouse.info e immettendo come parola chiave "Fallujah" trovate materiali in quantità. Naturalmente, si tratta di informazione giornalistica di noti giornalisti comunisti statunitensi, pertanto antiamericani e inattendibili.....

Giovanni Semprini 15.11.05 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Tutti siamo contro la guerra.. però meglio informarsi.. Tratto da Dagospia..

Caro Dago, il video presentato da RAINews 24 è un coacervo di illazioni, falsità, bugie e dati non controllabili, basato solo ed esclusivamente su immagini shockanti montate ad arte e dichiarazioni di personaggi che potrebbero essere chiunque.
I cadaveri mostrati NON PORTANO SEGNI DELL'USO DI ARMI COME NAPALM, PALMAGEL o FOSFORO. La notizia secondo cui il fosforo brucerebbe la carne ma non i vestiti è un'invenzione bella e buona. Non so da dove l'abbiano pescata.
Il fosforo non è un'invenzione recente: si usa fin dalla Grande Guerra. Durante la seconda guerra mondiale TUTTI i combattenti l'hanno usato, anche l'Italia. All'epoca si chiamavano "spezzoni incendiari". Il fosforo bianco è il miglioramento di questo tipo d'arma incendiaria, che ha come peculiarità il fatto di non potersi spegnere con l'uso dell'acqua.
Esso brucia A MIGLIAIA DI GRADI: abiti, vestiti e stoffe prenderebbero fuoco immediatamente. Di solito è difficile perfino RICONOSCERE un cadavere da un oggetto inorganico DOPO un bombardamento col fosforo bianco.
Il napalm è una miscela che comprende il fosforo più una termite d'alluminio e cherosene ed ha effetti ancora più devastanti. Ma anche quello brucia ad elevatissime temperature. Il palmagel è ancora peggiore.
NON C'E' ALCUNA POSSIBILITA' DUNQUE CHE QUEI CADAVERI SIANO STATI COLPITI DAGLI EFFETTI DI UN ATTACCO INCENDIARIO!!
I segni sui corpi (pelle nera o blu, gonfiore, tumefazione) sono invece I CHIARI SEGNI... DELLA DECOMPOSIZIONE!! quella povera gente è morta in seguito alla battaglia, ma non certo all'uso di armi incendiarie come napalm o fosforo. In Iraq il clima è tale da provocare immediatamente la decomposizione dei cadaveri. Purtroppo scene come quelle là non devono certo essere infrequenti in un paese sconvolto dalla guerra civile.
MA NON SONO FRUTTO DELL'USO DI ARMI INCENDIARIE.
segue qui http://213.215.144.81/public_html/articolo_index_20841.html

Carlo Rezza 15.11.05 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Ultima ora ANSA
Pentagono: usato il fosforo bianco
Ten. Col. Barry Venable rilascia dichiarazione alla Bbc
(ANSA) - LONDRA, 15 NOV - L'esercito americano ha utilizzato fosforo bianco durante l'offensiva contro la citta' irachena di Falluja nel novembre 2004. Lo ha confermato un portavoce del Pentagono, interrogato dalla Bbc. 'L'abbiamo utlizzato come arma incendiaria contro combattenti nemicii', ha dichiarato, rispondendo a una domanda, il tenente colonnello Barry Venable. 'Il fosforo bianco e' un'arma convenzionale, non e' un'arma chimica. Non e' illegale', ha rilevato l'ufficiale.

alessandro sbarbada 15.11.05 22:21| 
 |
Rispondi al commento

salve,
è sorprendente vedere come la gente si sorprenda ad apprendere che la guerra sia una cosa terribile,ingiusta e sporca. Dove sono finiti la poesia , l'onore , il coraggio ...e hollywood?
In realtà i fatti di Falluja sono un mistero solo per chi non ha orecchie per sentire ed occhi curiosi. In rete è ampiamente documentato DA SEMPRE tutto quello che accade in Iraq , praticamente in tempo reale.
Quelli che seguono sono articoli scritti nei primi mesi dell' anno . BUONA LETTURA.

domenica 6 marzo 2005

Fallujah: finalmente la verità

Il Dott. Salam Ismael lo scorso mese ha portato aiuti a Fallujah. Questa è la storia di come gli Stati Uniti hanno assassinato una città.

All’inizio fu l'odore che mi colpì, un odore difficile da descrivere e che non dimenticherò mai. Era l'odore della morte. Centinaia di cadaveri che si stavano decomponendo nelle case, nei giardini e nelle strade di Fallujah. I corpi marcivano dove erano caduti, corpi di uomini, donne e bambini, molti per metà mangiati dai cani randagi. Una ondata di odio aveva spazzato via due terzi della città, distruggendo case e moschee, scuole ed ospedali. Era la tremenda e spaventosa potenza dell'assalto militare degli USA.
I racconti che sentii nei due giorni successivi vivranno in me per sempre. Voi potete pensare di sapere ciò che è accaduto a Fallujah. Ma la realtà è peggiore di quanto forse potreste avere immaginato.
A Saqlawiya, uno degli improvvisati campi profughi che circondano Fallujah, abbiamo trovato una vecchia di 17 anni. "Sono Hudda Fawzi Salam Issawi del distretto di Jolan a Fallujah", mi disse, "Cinque di noi, compreso un vecchio vicino di 55 anni, quando è cominciato l'assedio sono rimasti intrappolati insieme nella nostra casa a Fallujah.
"Il 9 novembre i marines americani sono arrivati alla nostra casa. Mio padre ed il vicino andarono alla porta per incontrarli. Non eravamo combattenti. Pensavamo di non avere nulla da temere. Sono corsa in cucina per mettere il velo, da

andrea bonsignore 15.11.05 22:06| 
 |
Rispondi al commento

è bush e chi lo appoggia incodizionatamente la pagia del futuro più grave e dolorosa di ogni malattia

andrea faggiana 15.11.05 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto il video e non ho mai provato una sensazione di dolore cosi forte...
Perchè accade tutto questo...,spero che le nostre truppe vadano via e mandare dei veri costruttori di PACE.
Ti ringrazio per tutto quello che fai,
Dany

Daniele Gandi 15.11.05 21:29| 
 |
Rispondi al commento

fosforando su Silvio 2/2

...Ma quest’arma di distruzione di massa, questa bomba intelligente, Silvio, non vale almeno tanta preoccupazione quanta quella per il fantasma di una bomba che non si pone neanche troppi problemi di quel che resterà dopo?
E’ un arma meschina in mani meschine che hanno firmato un foglio sul quale ci si prometteva che certe cose non si sarebbero fatte più!!! E noi italiani… uomini d’onore siamo! Ci siamo impegnati a pagare per le nostre colpe passate e i nostri debiti di guerra e l’abbiamo fatto. E continuiamo a farlo.
Ma non credo, Silvio, che continuando a tendergli la mano, quello che stiamo pagando per essere stati aiutati dagli americani a cascare più o meno in piedi dalla seconda guerra Mondiale, sia semplicemente un prezzo alto: è usura!
Parla tu con George, che a te ti ascolta.
Non diamogli più le pacche sulla spalla, non è il momento di incoraggiarlo! E’ il momento di essere severi con lui, di fargli capire che papà è arrabbiato perché ci sono sbagli di gioventù dettati dall’inesperienza che non devono essere fatti. E se per caso non te la senti di ricoprire questo ruolo paterno nei suoi confronti con la stessa dedizione con cui lo fai per noi perché rapito dal fascino della divisa americana che ti porta orgogliosamente a sentirti un suo amico, allora invitalo a casa tua per una Vera partita a Risiko: chi perde, lava i piatti. Chi perde gioca a Monopoli con Tremonti.

stanislao.scuteri 15.11.05 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Fosforando su Silvio… 1/2
Ciao Beppe,…leggevo della vicenda del fosforo…
qualche giorno fa facendo zapping cibernetico sono stato risucchiato dal tuo Blog e mi è venuta voglia di scrivere...

sai, Silvio,
ha fatto effetto vedere la foto a mezzo busto di un uomo cancellato dagli effetti del delicato passaggio del napalm gentile…; ancor più perché la tecnologia digitale rivela particolari ben più scomodi che un articolo pubblicato sulle pagine di un giornale in cui compare una foto in bianco e nero che propone lo scatto timido e confuso di un corpo bruciacchiato commentato da un titolo: ”le prove della strage al fosforo”- sai com’è quest’inchiostro dei quotidiani, truffaldino sia per politica che per natura…!
E’ impressionante in quell’immagine cogliere il dettaglio di brandelli carbonizzati di muscoli mandibolari e della pelle corrosa del volto di un uomo (sì, è proprio un uomo, non ci sono dubbi) che prima c’era e che adesso non c’è più! Ma ancor più destabilizzante è notare che invece i vestiti ci sono!, appaiono incredibilmente intonsi da dare la sensazione che quella camicia a quadretti, dopo un buon lavaggio per capi delicati, possa tornare a vestire altre e altre persone ancora…

Un’arma subdola.
viscida nella semplice idea di essere stata concepita per poter colpire solo il nemico e il suo pensiero, risparmiando tutto quel che gli apparteneva e che potesse essere infilato nel baule delle cose che, chissà che un giorno non tornino utili…

stanislao.scuteri 15.11.05 20:30| 
 |
Rispondi al commento

Brrrrr.Beppe Grillo perdonami.
Mi spiace ricordare a tutti che la situazione Iraq è contorta,anzi che dico,contortissima!
Prima devo fare una premessa: come tutti i non informati, plagiati o imbrogliati, fate voi, anche io non posso dire con sicurezza se gli interessi petroliferi americani sono reali (probabile) o mezzi inventati o pura fantasia, come dall'altra parte devo criticare il governo Berlusconi per la totale disponibilità data a Bush quando forse più della metà della popolazione italiana non riteneva la guerra irachena una priorità(ma nn fatevi infinocchiare da chi dice che S.B. è un lecchino di Bush, inquanto l'Europa tutta deve un enorme rispetto all'America che gode ancora di troppo credito dalla storia per essere rinnegata; credete che Francia e Germania nn abbiano rapporti con gli USA?)Vengo al dunque: condanno la presa in giro americana del napalm ,infatti se questo è vietato figurarsi un' arma di eguale efficacia che brucia i tessuti invece di bruciare tutto (macabra costatazione)e condanno di conseguenza i giuristi internazionali che nn hanno seputo rendere in norme un concetto pratico, è inutile vietare il napalm se poi si è in grado di inventare armi di pari barbaria ma con diverso nome e utilizzo di sostanze.Caro e raro (ce ne fossero altri!)Beppe Grillo, dai primi anni novanta tutti i governi e tutti i giornalisti sanno che l'Iraq era con l'Afganistan la base di Al qaeda, che la presenza di Saddam con tali premesse poteva essere (e lo è stato)un pericolo per il mondo,nn per l'Europa o per l'America.A me i terroristi fanno paura e forse anche al mitico Beppe, per ciò sommessamente dico: che schifo se Bush è intervenuto solo per il petrolio, ma la cautela con le parti in causa ,con il prezzo pagato dai carabinieri, con la minaccia globale (new york,madrid,londra,e poi?)non è mai troppa.
Una sola cosa: c'era uno che definiva Usa e isdraele terroristi, Giuliano Ferrara nn è un genio,ma il presidente dell'iran ha detto che spazzerà via isdraele.

Giulio Alison 15.11.05 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Onore al merito di chi ha avuto il coraggio di fare questo servizio e di mandarlo in onda...a questi livelli il gioco si fa' pericoloso...del servizio cosa dire...beh, che ci stanno prendendo tutti per il c... bene bene....siamo nel 2005 e tanto la storia non cambia...Io non seguo tanto tv, telegiornali e quotidiani...sarei curioso di sapere pero' le reazioni che ci sono state nel mondo politico italiano davanti a queste innegabili verita'...ma possibile che l'america debba fare come gli pare sempre e comunque!?!...dalle basi in sardegna, alle funivie tranciate in nord Italia, al sud america...all'iraq...etc.etc..

Michele Bellettini 15.11.05 19:38| 
 |
Rispondi al commento

@ Stefano Barone:
Mi è molto piaciuta una frase del tuo post delle 11:13, mi sono permesso di citarla (con il tuo nome) nell'attuale editoriale sul mio sito www.pressante.altervista.org sperando tu non abbia nulla in contrario.

Marco Pressante 15.11.05 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Invito tutti a leggere sul sito del corriere l'articolo:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/11_Novembre/15/pike.shtml

Quest'articolo che sembra scritto per discreditare il servizio su Falluja di fatto rende la posizione degli Stati Uniti ancora più criticabile. Ma come si fa? Con quale coscienza, possiama giustificare l'uso di "armi chimiche". Riporto testualmente una parte dell'articolo: «Non possiamo escludere che ci fossero civili in città. Non possiamo escludere che i proiettili al fosforo bianco siano finiti vicino a dei civili. Ma ripeto, tenendo conto delle caratteristiche di questa arma incendiaria non credo si possa parlare di strage». Ora vorrei chiedere all'autore dell'articolo (visto che ha definito l'intervistato "uno dei più ascoltati esperti mondiali di questioni militari"), l'esatta definizione di strage? Dieci morti fanno una strage? Venti morti fanno una strage? O ci dobbiamo indignare da venti morti in su? Anzi no l'indignazione e giustificata solamente se si superano diciamo .... cento morti. Meglio così almeno potremo dire che Piazza Fontana, Bologna, Ustica non sono state mica delle stragi. Vorrei chiedere anche se ritiene il fosforo bianco un'arma chimica come quelle che gli americani hanno cercato invano in questi mesi nel territorio Iracheno. Sono deluso e frastornato, mi hanno preso veramente in giro. Dico mi hanno perchè inizialmente credevo, o volevo credere, in una sorta di liberazione dell'Iraq da un despota criminale. Ma chi usa certi mezzi non ha giustificazioni di sorta, chi usa certi mezzi disprezza la vita umana e di conseguenza non può apprezzare la libertà e la democrazia. Io non conosco le armi (fortunatamente) ma ho occhi per vedere e le immagini del video di Falluja mi hanno tanto ricordato le immagine dei curdi gassati da Saddam.

daniele marzi 15.11.05 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Cominciano a muoversi anche i buoni signori in sottana?

Da "Repubblica":
CdV, 16:57
IRAQ: VESCOVO CALDEI CONDANNANO USO DI ARMI CHIMICHE
'I vescovi hanno fortemente criticato l'uso di armi proibite. Portare la democrazia sopra un carro armato non so che significato possa avere. Il popolo iracheno soffre ormai da anni'. La condanna arriva da padre Philip Najim, procuratore della Chiesa caldea presso la Santa Sede, che in un'intervista al Servizio Informazione Religiosa della Cei ha commentato le recenti rivelazioni sull'uso da parte americana di bombe al fosforo a Falluja. La questione e' stata al centro dei lavori del recente Sinodo dei vescovi caldei iracheni. 'Ci danno sollievo le parole del Papa rivolte all'amato Paese dell'Iraq - ha sottolineato padre Najim - e ci incoraggiano nel portare avanti la nostra missione di speranza e di riconciliazione, ci confermano all'interno della Chiesa universale'. Tra le sfide piu' urgenti che deve fronteggiare la Chiesa in Iraq padre Najim ha annoverato 'l'emigrazione dei cristiani e la diffusione delle sette che con i loro missionari provenienti in gran parte da Usa e Gran Bretagna fanno proselitismo a danno alla Chiesa'. Secondo il Procuratore della Chiesa Caldea presso la Santa Sede, 'sono piu' di 14 le sette operanti al momento in Iraq, tra queste gruppi evangelici e Testimoni di Geova'. Ribadendo, poi, l'impegno dei cristiani 'nel processo di ricostruzione democratica del Paese', padre Najim ha auspicato una revisione dell'art. 2 della nuova Costituzione che aprirebbe le porte all'introduzione della Sharia nel sistema giudiziario iracheno. 'Il Trattato - ha concluso - garantisca a tutti la liberta' religiosa e non solo quella di culto'.

Anche se poi si vede chiaramente quello ai signori grandi preti interessa davvero: la tasca, e quello che chiamano sempre "libertà di culto", ovvero libertà di avere sempre i migliori privilegi e fare quel c. che gli pare. Povero Alex Zanotelli.......
E Ratzinger, niente da dire?

Mario Gabrielli Cossellu 15.11.05 17:07| 
 |
Rispondi al commento

LEGGERE IL LIBRO DI GINO STRADA POTREBBE RIVELARSI UTILE...

Ivan Moretti 15.11.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Per Ivan Moretti
Cosa mi vorresti chiedere? Mi sa che ti sei dimenticato la domanda. L'articolo di Repubblica che citi smentisce forse le mie affermazioni? Non mi sembra una grossa scoperta affermare che siamo lì soprattutto per il petrolio, in ogni operazione militare (ma non solo in quelle) c'è sempre un interesse economico. Ciò non toglie che la zona presidiata dai nostri sia relativamente tranquilla. Ci sarà una ragione o è solo fortuna? Riepto, l'uso del fosforo è una barbarità ma usare questo pretesto per invocare il ritiro delle truppe italiane mi sembra una forzatura.

Daniele Sgorbini 15.11.05 16:46| 
 |
Rispondi al commento

D'altronde, l'Iraq è la vera cassaforte petrolifera del pianeta. Con scorte che secondo Benito Livigni, ex manager dell'americana Gulf Oil Company e successivamente dell'Eni, sarebbero superiori a quelle dell'Arabia Saudita: "Secondo una stima le riserve dell'Iraq ammonterebbero a 400 miliardi di barili di petrolio, e non i 116 dei quali si è sempre parlato. Nel Paese ci sono vaste zone desertiche non sfruttate".

Alla luce di queste considerazioni....i nostri militari stanno lì per un motivo preciso.
Ora non sto dicendo che non abbiano fatto tanto per la popolazione locale, ma non mi venire a dire che lo fanno per pura beneficenza. Un "qualcosa" in cambio deve tornare...e in tasca a chi tornera' secondo te?
Ai lavoratori licenziati dalla FIAT? Alle vedove di guerra, forse come giornalista dovresti documentarti ancora un po' di piu'...le trame politiche sono molto piu' sordide di quanto non si possa immaginare.


Su una cosa sono d'accordo con te: Onore ai caduti, sempre.

Ivan Moretti 15.11.05 16:44| 
 |
Rispondi al commento

wow o_O
ke orrore... certo ke gli uomini nn hanno + ritegno... morti dappertutto..
ma in ke mondo sto crescendo??
mi preoccupo!
baci
marty

marty rossi 15.11.05 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Un vecchio accordo tra Saddam e l'Eni, che risale a metà degli anni Novanta, per lo sfruttamento di un consistente giacimento (2,5-3 miliardi di barili) nella zona di Nassiriya induce quantomeno a sospettarlo. Così come qualche dubbio lo insinua lo studio commissionato dal ministero per le Attività produttive, ben sei mesi prima dello scoppio della guerra, al professor Giuseppe Cassano, docente di statistica economica all'università di Teramo. Un dossier nel quale si conferma che non dobbiamo lasciarci scappare l'occasione in caso di guerra di basarci a Nassiriya, "se non vogliamo perdere - scrive Cassano - un affare di 300 miliardi di dollari".
Qual è il problema?, si chiederanno molti. In fondo che male c'è se dopo aver preso parte a una missione così onerosa e rischiosa, alla fine ce ne viene qualcosa? Salvaguardare "anche" il buon andamento dei nostri affari petroliferi, suggerisce il sottosegretario alle Attività Produttive Cosimo Ventucci, intervistato da Ranucci, è una scelta "intelligente".
Certo, bastava ammetterlo - questa la tesi di Ranucci - e rispondere alle interrogazioni parlamentari in materia senza nascondersi dietro formule di circostanza. Ammettere che in realtà la ragione petrolio era tanto più importante di quella umanitaria: "Ho cercato di occuparmi di progetti di ricostruzione - denuncia Marco Calamai, che ha lavorato con il governatore di Nassiriya per un periodo - ma la ricostruzione non è mai veramente partita. L'America esporta la democrazia a parole, in effetti ne ha impedito la crescita dal basso".
I nostri carabinieri hanno pertanto scortato barili di petrolio e sorvegliato oleodotti. E la strage di Nassiriya, come ha scritto il corrispondente del Sole24 Ore Claudio Gatti all'indomani dell'attentato, non era diretta contro il nostro contingente militare, ma contro l'Eni.

Ivan Moretti 15.11.05 16:39| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori