Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Lettera da Mario Segni


MarioSegni.jpg

Pubblico una lettera di Mario Segni sulla legge elettorale.

“Sono Mario Segni, quello che ha perso il biglietto della lotteria. L’uomo che aveva l’Italia in mano, come mi è stato detto molte volte. Ho cercato di spiegare che avevo perso le elezioni, non la lotteria, perché nel '94 ero candidato contro Berlusconi e lui prese molti più voti di me. Ma sono rimasto quello che ha perso la lotteria.

Pazienza, un po’ mi dispiace. Ma non più di tanto, perché so che la vera lotteria erano i referendum e che con quelli abbiamo cambiato il sistema politico, cosa successa nel secolo scorso solo a De Gaulle, in Francia nel ‘58. Il fatto che, senza alcuna carica, sia stato il promotore di tutto questo mi rende orgoglioso.

Adesso il biglietto della lotteria lo stanno rubando davvero. Ma non a me, a tutti noi. Con il primo referendum abbiamo mandato a casa Craxi e un bel po’ di politici. Con il secondo referendum, quello sul maggioritario, ci siamo conquistati il diritto di scegliere direttamente sindaco, presidente della Provincia e della Regione. Con il governo il diritto ce lo siamo conquistato a metà. Nel 94 abbiamo scelto Berlusconi e Bossi l’ha mandato via. Nel 96 abbiamo scelto Prodi e i suoi amici l’hanno sbattuto via. Nel 2001 ha vinto Berlusconi ed è rimasto in carica sino alla fine.
In fondo questo è il nocciolo della democrazia. Ma ce lo stanno sfilando di mano. Oggi ci assicurano che tutto rimarrà come prima, che il governo continuerà a sceglierlo il cittadino: tutte balle!

Mastella chiederà il voto non per sostenere Prodi, ma per farlo fuori al più presto. Bertinotti condizionerà il suo appoggio a chissà quale diavoleria. L’UDC chiederà di essere votata proprio perché non vuole Berlusconi. Il giorno dopo le elezioni la vera conta non sarà tra chi ha votato Berlusconi e chi ha votato Prodi, ma tra quelli che hanno votato il vincitore per farlo durare e chi l’ha votato per farlo fuori alla prima imboscata.

Andreotti dirà che non è un gran male, che siamo vissuti quarant’anni fra governi balneari, convergenze parallele, pani per due forni. Ma a un certo punto abbiamo deciso di cambiare, di diventare un po’ americani, inglesi, francesi, di poter scegliere un governo e dopo cinque anni toglierci il gusto di mandarlo a casa. Di avere un governo forte, che potesse fare anche una politica per il domani, per i giovani, con quelle misure dure necessarie, ma impopolari che solo un governo stabile può prendere.

Questo diritto ce lo siamo conquistato con i referendum del '91 e del '93. Ce lo stanno scippando.
Che cosa si può fare? Non molto, purtroppo. Ma una cosa gli italiani la potrebbero fare tutti assieme: arrabbiarsi, indignarsi. Ho usato un termine che non va bene: indignarsi.
I giornali dicono che indignarsi è un male, fa danno. E allora usiamo la parola giusta: incazzarsi.
Con un’Italia incazzata, veramente incazzata, il Parlamento non passerebbe gli ultimi mesi a disfare un referendum invece che migliorare le condizioni di chi non arriva alla fine del mese. Forse sono ottimista. Certo è che un’Italia scippata mi rattrista. Un’Italia indifferente mi angoscia”.

Mario Segni


Ps: Vi ricordate il piccolo Bosco di Gioia a Milano che vogliono distruggere per costruire un palazzo della Regione Lombardia?
Domani abbiamo la possibilità di dare un forte segnale per impedirlo partecipando a un corteo che partirà alle 11 da Piazza Minniti e arriverà al Bosco di Gioia.
Potete trovare la cartina e le ragioni della protesta sul sito dedicato alla manifestazione.
Invito gli amici del MeetUp di Milano a dare una mano.

12 Nov 2005, 18:29 | Scrivi | Commenti (720) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

i rifiuti a napoli e d'intorni possono provocare guai alla salute delle persone. La situazione grida per una soluzione urgente. Perchè non depositare i rifiuti su navi da carico secco ormeggiate nei pressi di napoli nella attesa che si costruiscano termovalorizzatori identici a quelli già in funzione in diverse città italiane?. I costi non sono un problema, tenuto conto dei vantaggi che si otterrebbero: recupero di dignità agli occhi del mondo tutto; evitare scontri tra popolazioni e istituzioni; evitare sanzioni da Bruxelles.
Ti prego beppe: raccogli la mia proposta che posso illustrare meglio. Per i vaffanc... c'è nè un mare nella proposta stessa: è mai possibile che il De gennaro e Co. non siano capaci di pensare ad una stupida ma efficace soluzione al problema come quella da me prospettata???.
saluti e complimenti per le tue iniziative.
disponibile, tuo roberto rocchi 338 46 11 245 - via d. alighieri, 21 00040 pomezia (RM)

roberto rocchi 01.02.08 08:31| 
 |
Rispondi al commento

Ho molta stima di Lei!
E' essenziale il Suo contributo di intelligenza, competenza e correttezza per rimettere nella corsia giusta ed alla giusta velocità il SISTEMA ITALIA.
Auspico la Sua presenza nel prossimo PARLAMENTO.
Cordiali saluti e buon lavoro
emilio d'ambrosio
mugello

emilio d'ambrosio 23.01.06 17:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RITIRATI A VITA PRIVATA. GRAZIE A DIO IL GRATACIELO D.C. è stato distrutto ma le sue macerie purtroppo comandano ancora anche più di prima. Prima se non volev votarli potevi farlo cerano alternative adesso che esistono due poli non se voti li voti perché sono nei due i poli

pietro paolo corona 18.01.06 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Salve.
Vi invio il testo di un pensiero riguardo una possibilità di voto alle prossime elezioni politiche del 9 aprile 2006.
"Sei di centro-destra ma sei deluso di Berlusconi?
Prima del 9 aprile scambia la tua tessera elettorale con un elettore di centro-sinistra
deluso di Prodi.
Sei di centro-sinistra ma sei deluso di Prodi?
Prima del 9 aprile scambia la tua tessera elettorale con un elettore di centro-destra
deluso di Berlusconi."
Grazie per l'attenzione.

Gianpietro Bossi 14.01.06 19:09| 
 |
Rispondi al commento

E' COSTITUITA CON SEDE A SALERNO IN VIA G. AVALLONE N°43 UNA ASSOCIAZIONE DENOMINATA:MOVIMENTO NAZIONALE PRO *PENSIONATI 3 ETA'*.
L'ASSOCIAZIONE NON HA FINI DI LUCRO. SI PROPONE DI SVILUPPARE INIZIATIVA DI CARATTERE CULTURTALE, SOCIALE E POLITICO AL FINE DI PROMUOVERE L'APPREZZAMENTO, LA DIFFUSIONE E L'APPROFONDIMENTO PER LA TUTELA DEI PENSIONATI E DEGLI ANZIANI. VISITATE IL SITO:www.pensionati3eta.it
DISTINTI SALUTI DAL PRESIDENTE LEO BATTAGLIA.

Leonardo Battaglia 09.01.06 19:09| 
 |
Rispondi al commento

E' COSTITUITA CON SEDE A SALERNO IN VIA G. AVALLONE N°43 UNA ASSOCIAZIONE DENOMINATA:MOVIMENTO NAZIONALE PRO *PENSIONATI 3 ETA'*.
L'ASSOCIAZIONE NON HA FINI DI LUCRO. SI PROPONE DI SVILUPPARE INIZIATIVA DI CARATTERE CULTURTALE, SOCIALE E POLITICO AL FINE DI PROMUOVERE L'APPREZZAMENTO, LA DIFFUSIONE E L'APPROFONDIMENTO PER LA TUTELA DEI PENSIONATI E DEGLI ANZIANI. VISITATE IL SITO:www.pensionati3eta.it
DISTINTI SALUTI DAL PRESIDENTE LEO BATTAGLIA.

Leonardo Battaglia 09.01.06 19:08| 
 |
Rispondi al commento

E' COSTITUITA CON SEDE A SALERNO IN VIA G. AVALLONE N°43 UNA ASSOCIAZIONE DENOMINATA:MOVIMENTO NAZIONALE PRO *PENSIONATI 3 ETA'*.
L'ASSOCIAZIONE NON HA FINI DI LUCRO. SI PROPONE DI SVILUPPARE INIZIATIVA DI CARATTERE CULTURTALE, SOCIALE E POLITICO AL FINE DI PROMUOVERE L'APPREZZAMENTO, LA DIFFUSIONE E L'APPROFONDIMENTO PER LA TUTELA DEI PENSIONATI E DEGLI ANZIANI. VISITATE IL SITO:www.pensionati3eta.it
DISTINTI SALUTI DAL PRESIDENTE LEO BATTAGLIA.

Leonardo Battaglia 09.01.06 19:08| 
 |
Rispondi al commento

ecco un articolo interessante dove si parla anche di Beppe Grillo
Il vero programma del (futuro?) governo Prodi
Sul sito http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

Giuseppe

giuseppe resoli 09.01.06 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sono parole.Hanno distrutto le volontà popolari sancite nel'91 e nel'93 per stupidid giochi di potere;i nostri politici(sia di sinistra che di destra)pensano solo a spartirsi le poltrone e a salvarsi il deretano.
Un consiglio:ANDASSERO TUTTI A FARE IN CULO!

Roberto Vigilante 23.12.05 23:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho sessant'anni ho sempre votato (anche i referendum) da quando ne avevo venti passando da sinistra a destra, ora basta!! Ditemi solo se è più corretto non andare a votare o votare scheda bianca o nulla. Non ne posso più di essere rappresentata da certi ceffi

Loredana Dominici 23.12.05 12:09| 
 |
Rispondi al commento

caro Presidente Ciampi,
se lo ha fatto vuol dire che proprio non poteva farne a meno, che anche Lei ha dovuto subire la prepotenza e promulgare leggi che saranno respinte dal Popolo Italiano (la devolution), stupide (la excirielli, che inasprisce le pene ai poveracci e prescrive ai ricchi) e furbescamente destabilizzanti, come, in ultimo, la controriforma elettorale (a parte le precedenti ad personam già digerite come dazio da pagare al nuovo reditalia).
Non Le sarà sfuggita, infatti, la dichiarazione di Pera di ieri che segnala, a esequie avvenute (la promulgazione del proporzionale), il rischio di cambio di schieramento dei centristi di confine, in pendenza di un referendum che verosimilmente non confermerà la Devolution: mancherà, infatti, il divieto di cambio di schieramento.
A parte, quindi, l'arrogante violazione della volontà popolare del 1993 (l'83,7% volle il maggioritario che non abbiamo mai avuto), ci attende un ritorno alla instabilità che non è ancora detto chi favorirà.
Certamente no al Popolo Italiano che ha già perso.
E non ce l'ho con Berlusconi che crede in ciò che dice forse anche in perfetta buona fede, ma non sa che è nudo; ce l'ho con me stesso che la prima volta l'ho votato alla Zanicchi (diceva proviamolo...), ce l'ho con tutti coloro che avrebbero potuto salvare il salvabile e nulla hanno fatto.

Anche Lei, Presidente Ciampi, ha fatto ciò che ha potuto: ha salvato la Sua Dignità, ma non quella del Popolo Italiano.

Comunque grazie lo stesso e auguri di buon Natale,
pietro casula, 23.12.05,

pietro casula 23.12.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


Il Patto dello Sciacchetrà

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli.

L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo. Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI di euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato).


IL SENATORE LUIGI GRILLO DEVE STARE IN GALERA E NON IN PARLAMENTO !!!!


===================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Mi occupo di elezioni in giro per il mondo di mestiere (faccio l'osservatore internazionale) e ci sono un paio di cose che vorrei far notare riguardo alla nuova legge.
Premetto di essere a favore del proporzionale (ma non di questa roba, però...).
L'Opinione 190/2002 – datata Strasburgo, 23 maggio 2002 – della
Commissione di Venezia per la democrazia attraverso il diritto del
Consiglio d'Europa, intitolata “Codice di buona condotta in materia
elettorale – Linee guida e rapporto esplicativo” contiene, alla Sezione
II, Capitolo 2, punto b il seguente passaggio: “b. Gli elementi
fondamentali della legge elettorale, in particolare il sistema
elettorale vero e proprio, l'appartenenza alle commissioni elettorali e
la definizione dei confini delle circoscrizioni, non dovrebbero essere
aperte a emendamenti A MENO DI UN ANNO DALLE ELEZIONI, o dovrebbero
essere scritte nella costituzione o a un livello superiore rispetto alla
legge ordinaria”.
In altri termini la legge testé approvata contraddice
materialmente e nello spirito un documento che il nostro paese è
impegnato a rispettare e alla cui stesura ha contribuito.
E' davvero bizzarro che a nessun critico della legge sia venuto in mente
di citare questa macroscopica contraddizione.
Le raccomandazioni della Commissione di Venezia hanno un peso
politico rilevantissimo, e tutti i paesi - e specialmente le cosiddette
"democrazie consolidate" - sono impegnati da sempre a darvi seguito.
L'Osce (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) invierà una missione di valutazione
elettorale in Italia il prossimo 9 aprile. Bene, siamo membri
di tale organizzazione e come tali obbligati a invitare
tale missione ( lo hanno fatto persino gli Usa alle ultime
presidenziali). C'è solo un problema: in base alla
nostra legge elettorale (passata e presente) non è data facoltà di
accesso ai seggi agli osservatori internazionali...
Siamo alle solite: primi nel violare gli impegni internazionali, ultimi nel rispettarli

marco montanari 18.12.05 00:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CI VUOLE UN SISTEMA PROPORZIONALE ALLA RUSSA CON SBARRAMENTO CINESE PER L'APPLICAZIONE DI QUOTE NERE: SI STABILISCE UNA PERCENTUALE (QUOTA NERA CHE IO PROPONGO SIA IL 50% MA SONO APERTO AD ALTRE SOLUZIONI) DI DEPUTATI E SENATORI CHE A FINE LEGISLATURA SE NE DEVONO ANDARE DAL PARLAMENTO PER ALMENO 5 ANNI. IL SISTEMA DI ELIMINAZIONE, AL FINE DI EVITARE LITIGI, RITORSIONI, PREVARICAZIONI, TRUFFE ETC. DEVE ESSERE ALLA RUSSA: AD ESTRAZIONE (SI POTREBBE STUDIARE ANCHE UN COLLEGAMENTO ALLA LOTTERIA ITALIA). GLI ESTRATTI, ALMENO NELLE PRIME FASI DI APPLICAZIONE DELLA RIFORMA, POTREBBERO CREARE DISORDINI, FORZARE LE ENTRATE DEL "PALAZZO" PER RIENTRARVI, E' QUI CHE DEVONO INTERVENIRE GLI SBARRAMENTI ALLA CINESE: INFLESSIBILI E SE NECESSARIO REPRESSIVI. QUESTO SISTEMA, UNA VOLTA RISOLTI I PROBABILI PROBLEMI DI ORDINE PUBBLICO CAUSATI DAI POLITICI DEPOSTI, PERMETTEREBBE A MOLTI DI RIGENERARSI, DI RIACQUISIRE QUELL'ENTUSIASMO NEL LAVORO CHE TUTTI NOI PERDIAMO DOPO UN PO', QUANDO TUTTO DIVENTA ROUTINE; INOLTRE PERMETTEREBBE A ME DI NON SENTIRE UN MINISTRO DELLA REPUBBLICA CHE DICHIARA CON UNA INGENUITA' CHE GLI INVIDIO, CHE E' CONTRARIO ALLA PROPOSTA DI RIDUZIONE DEGLI STIPENDI DEI PARLAMENTARI (PERALTRO PURAMENTE SIMBOLICA), PERCHE' LUI CON QUEI SOLDI LI' CI VIVE...CERTO PERO' SE AVESSE UN GRAN CULO!?!?

ROBERTO VANNUCCHI 13.12.05 19:20| 
 |
Rispondi al commento

TRa poco ci saranno le votazioni per un nuovo governo, Berlusconi con la sua casa delle libertà certamente non lo voterò, ma ad essere sincero provo molta difficoltà anche a votare per la odierna opposizione. Insomma in piazza non c'è una persona degna di essere un politico, un presidente del consiglio .... Io penso che a prescindere dal colore politico chi ci governa dovrebbe pensare a fare semplicemente il "bene" del paese e dei cittadini. Invece qui in italia ... non si sa, non si capisce non si intravede nessuno ne a destra ne a sinistra e nemmeno in centro qualcuno che sia in questa ottica. Mi sembra che l' ottica sia: "ho il potere e quindi arraffo quanto più possibile per me stesso". Allora ho avuto una illuminazione, FACCIAMO GOVERNARE L' ITALIA DA UN GOVERNO ESTERO. DAI FRANCESI O DAI TEDESCHI O FORSE ANCHE DAGLI SVIZZERI, PERCHE' NO!!!!!!!!!

Giuseppe Paletta 13.12.05 02:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
sull’ultimo numero del “Venerdì” di Repubblica Curzio Maltese ha formulato la proposta, a mo’ di provocazione, che tu possa candidarti a leader degli ambientalisti italiani. Io non la ritengo una provocazione ma una necessità inderogabile. Mi spiego meglio. L’attuale sistema politico italiano è alla putrescenza: i partiti hanno di fatto sequestrato la democrazia in questo paese, esautorando il cittadino di ogni possibilità di scelta (oltre ovviamente il partito) sui candidati e sui programmi. Le segreterie dei partiti grandi, piccoli e piccolissimi detengono (e deterranno ancora più con la nuova legge truffa elettorale) il potere assoluto di nomina dei propri candidati: di qui un parlamento di yes man, fantocci, “soubrette”, veline, inquisiti, condannati, mafiosi e delinquenti in doppiopetto….per volontà “popolare”. Un sistema feudale che nulla ha a che vedere con le più elementari regole democratiche. L’incredibile affluenza di elettori alle primarie del centro sinistra indica invece che i cittadini, se gliene viene data la possibilità, vogliono contare e vogliono decidere sul loro presente e sul loro futuro. La rivolta dei valsusini indica in modo speculare a quale livello di malcontento può arrivare una popolazione quando non trova interlocutori credibili. La rabbia e la frustrazione non è un triste appannaggio dei soli valsusini: è la spia della frustrazione e della rabbia dell’intero popolo italico. Non sono d’accordo con Curzio Maltese che tu debba candidarti a capo di una nuova forza ecologista: sarebbe troppo riduttivo. Devi candidarti a leader di una formazione che pur facendo delle istanze ecologiste il nocciolo duro della propria azione le allarghi ad ogni aspetto della vita dei cittadini, per promuovere uno stile di vita che non sia disperatamente ancorato all’aumento del PIL ed alle esigenze della banca mondiale. Caro Beppe, il centro sinistra per vincere le prossime elezioni avrà bisogno di ogni voto utile, ma il suo programma,

rocco tartaglia 10.12.05 20:16| 
 |
Rispondi al commento

RIDUZIONE DEGLI STIPENDI DEI PARLAMENTARI EUROPEI

In seno al Parlamento europeo, dopo anni di dibattito, si è giunti ad un accordo per rendere uniformi gli stipendi dei deputati.

Mentre prima gli stipendi dei deputati europei erano legati a quelli dei deputati nazionali, dai prossimi anni saranno portati tutti alla stessa cifra pari a 7000 euro, più i rimborsi per le spese di segreteria e di viaggio che siano effettivamente dimostrabili tramite fatture.

Tale norma è stata introdotta dopo anni di disparità tra i diversi paesi poiché esistevano enormi differenze tra gli stipendi dei deputati; ad esempio i deputati italiani guadagnavano più di tutti i loro colleghi europei con cifre di dieci volte superiori rispetto a quelli dei paesi dell’est.

Mi viene da pensare alla riduzione ridicola, proposta dalla finanziaria attualmente in discussione, che prevede un taglio del 10%, ma solo sulla diaria mensile dei deputati, lasciando inalterati tutti i rimborsi spese che vengono percepiti a fronte di spese spesso nemmeno sostenute e che in pratica raddoppiano lo stipendio effettivo.

È facile prevedere un fuggi fuggi dei nostri rappresentanti in Europa, che chiederanno di essere rimpatriati nel più breve tempo possibile……chissà cosa escogiteranno i geni italiani della truffa ??

COME SEMPRE I DEPUTATI ITALIANI SI DIMOSTRANO I Più ONESTI !!!!

cESARE PIRI 03.12.05 17:28| 
 |
Rispondi al commento

E' possibile ancora fare un nuovo contratto con gli italiani(la nuova favola del sig.Berlusconi)?Veramente possiamo credere alla bacchetta magica del sig.Prodi?Io sono stufo ogni giorno di piu' di questa gente che offende la mia e la vostra intelligenza.Caro Beppe io ho decisose entri tu in politica io ti vengo a votare,altrimenti non andro' piu' a votare.Un abbraccio

antonio tosches 28.11.05 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Sulla prima pagina del Giornale di oggi 28/11/2005, c'è un articolo che parla di Prodi.dice che per evitare il declino Italiano, insieme ai DS alla Margherita e Rifondazione, sono andati insieme in Danimarca per copiare un modello a detta loro molto funzionale...
vuole portare come programma del suo governo qualora vincesse il fatto che
le Aziende potranno licenziare tranquillamente i propri dipendenti in qualsiasi momento senza
che questi potranno poi appellarsi ....ditemi che ho letto male per piacere.

Mauro Gregorini 28.11.05 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Segni è giustissimo quello che dici !!
Un qualunque, mortale cittadino che cosa può fare se ....? Incazzarsi e.... basta!!!
Non può neanche tanto gridarlo in faccia a qualche politico o "addetto ai lavori", rischierebbe una denuuncia e quanto altro ancora...!!!
Invece sarebbe ora che, Politici di rango come Lei...., sensibili a certe problematiche, intelligenti al punto da essere abbastanza lungimiranti, scendessero in campo per innescare una rivoluzione ideologica: cercare di svegliare il cittadino italiano (ormai addormentato), in modo da fargli capire che la realtà non è questa !! che il cittadino italiano ha il diritto di sapere....!!?? che lo stato italiano è nostro non dei vari Prodi , Berlusconi ecc.;
che i nostri amministratori sono li' perche amministrino i nostri soldi e il nostro ambiente per il bene collettivo (e non dei propri familiari, amici e banche); che l'essere deputato, senatore o consigliere è un privilegio volto a migliorare la vita della propria collettività, e non occasione propizia da sfruttare fino in fondo per interessi personali.

Fate qualcosa..... prima che sia troppo tardi!!!!!!

Massimo D.T. 25.11.05 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Oggi sul settimanale inglese THE ECONOMIST è apparsa un'inchiesta sul nostro paese realistica e cruda come vuole lo stile anglosassone.

Chi conosce un po’ di inglese farebbe bene a darci una letta, la si trova anche sul sito web
www.economist.com

Ve ne do un assaggio:

ADDIO DOLCE VITA
…......l'Italia è in una fase di lento e lungo declino........Cambiare questa tendenza richiederebbe molto più coraggio di quello che i presenti leader politici mostrano..….
.....................

L'inchiesta conclude così............
.....nel breve periodo ci sono buone ragioni per essere ansiosi per l'Italia !!!!

Cesare Piri 25.11.05 15:48| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti!
Vorrei farvi riascoltare l'audio di un comizio, in cui Berlusconi, nel 2000 a capo dell'opposizione, parla della proposta di riforma elettorale avanzata dalla sinistra (e poi ritirata).
Per non dimenticare.

http://www.welfarecremona.it/wmview.php?ArtID=4690

Claudia Rosmi 24.11.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Martedì 22.10.2005 ero in treno e di fianco a me era seduta una persona di nazionalità inglese che stava leggendo la pubblicità per un parlamento pulito in italia nell'unico giornale in cui si è potuto pubblicare!! Avreste dovuto osservare la sua espressione....del tipo....siamo in Italia un paese di burattini cosa si può pretendere di avere. la cosa importante sarebbe riuscire a smuovere questa delinquenza che ci governa sia di destra che di sinistra!!

Federica Bezzegato 24.11.05 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera, su Ballaro', ho assistito all'ennesima prestazione dei nostri carissimi politici. Non ricordo(per fortuna)il nome del candidato di FI, ricordo pero' che ha avuto la capacita' di farmi veramente incazzare, quando, con aria di sufficienza, proclamava al popolo italiano il grandissimo risultato raggiunto da questo governo: aver portato la quota di cittadini con una casa di proprieta' al 80%.
Probabilmente al nostro caro amico sara' sfuggito che tutti i non ricchi, cioe' la grandissima maggioranza di questa quota di cittadini, per acquistare la casa ha chiesto un mutuo alla banca.
Questi mutui sono ventennali o trenttennali, cara nostra guida politica, e non si puo' certo prevedere cosa succedera' in un lasso di tempo cosi' lungho.
In conclusione chi sta realmente acquistando immobili in tutta Italia, non siamo noi, ma le lobby che da sempre manovrano la politica italiana.
Chi sa poi perche', il fatto che le banche siano cosi' propense e generose ad erogare questo tipo di mutuo, mi fa presumere che si trattera' di un colossale affare per i soliti ricchi.

affatato giampiero 23.11.05 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera, su Ballaro', ho assistito all'ennesima prestazione dei nostri carissimi politici. Non ricordo(per fortuna)il nome del candidato di FI, ricordo pero' che ha avuto la capacita' di farmi veramente incazzare, quando, con aria di sufficienza, proclamava al popolo italiano il grandissimo risultato raggiunto da questo governo: aver portato la quota di cittadini con una casa di proprieta' al 80%.
Probabilmente al nostro caro amico sara' sfuggito che tutti i non ricchi, cioe' la grandissima maggioranza di questa quota di cittadini, per acquistare la casa ha chiesto un mutuo alla banca.
Questi mutui sono ventennali o trenttennali, cara nostra guida politica, e non si puo' certo prevedere cosa succedera' in un lasso di tempo cosi' lungho.
In conclusione chi sta realmente acquistando immobili in tutta Italia, non siamo noi, ma le lobby che da sempre manovrano la politica italiana.
Chi sa poi perche', il fatto che le banche siano cosi' propense e generose ad erogare questo tipo di mutuo, mi fa presumere che si trattera' di un colossale affare per i soliti ricchi.

affatato giampiero 23.11.05 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a Cato & Cato
sarò critico.Voi probabilmente pensate che il Financial Times stia criticando il governo Berlusconi pensando agli interessi degli italiani.In realtà fornisce a Berlusconi e a confindustria nuovi argomenti per stringergli ancor più la corda al collo.Mi spiego: chi pensate stia dietro quell'"autorevole" organo di stampa? Quale ideologia pensate che lo pervada? la parola "financial" dovrebbe già dare qualche indicazione.Vengono così spacciati come "inderogabili provvedimenti" ciò che in realtà interessa solo ai "mercati finanziari", cioè, agli speculatori finanziari, alle multinazionali dei soldi, ai capitalisti internazionali: ai propietari del capitale insomma. A quei pochissimi che controllano il 60% della ricchezza planetaria (con a capo quei 200 soggetti che ne controllano ben il 20%).E' dal crollo del muro di Berlino che costoro ci martellano e ci stringono tutti(attraverso gli "autorevoli" organi internazionali non elettivi (FMI, Banca mondiale ecc.)),nella stretta del ricatto della "delocalizzazione" e del "disinvestimento",se i governi non tagliano le retribuzioni dei lavoratori (i non proprietari),se non rendono possibile licenziare a piacimento e, insieme, se non tagliano le spese sociali (pensioni, sanità, scuola ecc.),o al contrario,"promettendo investimenti" per quei paesi che si adeguano alle indicazioni.Dietro la richiesta di "riforme strutturali" c'è la minaccia del bastone del potere ovvero la carota se c'è obbedienza.Il Financial Times è un noto organo di propaganda di questi "ricchissimi" che sostengono che le cose vanno bene se loro, i ricchi, diventano sempre più ricchi e gli altri sempre più poveri.Berlusconi s'adeguerebbe ulteriormente alle indicazioni se non fosse per qualche difficoltà elettorale (ma già ne ha fatte abbastanza: legge Biagi,riduzione spese scuola e sanità,erosione potere d'acquisto retribuzioni,riduzione tasse ai ricchi ecc.). E' ora che i popoli inizino a fare resistenza, e AL DIAVOLO il Financial Time!

Alessandro Rossi 23.11.05 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Pensavo che la parte per bene nel mondo degli "operatori della legge, i servizi segreti e quella dello stato" non avrebbero permesso la cattiva gestione del potere perché dannosa e violazioni dei diritti umani-civili da parte di coloro che usavano lo stato e gli operatori della legge per garantire i loro interessi personali e l’affermazione di un sistema anti principi democratici e morali come successo nel mio caso!

Ma sono rimasto deluso fin dove mi sono convinto della necessità di reagire contro il cattivo e l'ingiusto sistema dei miei persecutori con cui mi dovevano usare ingiustamente per passare questa disgustosa corruzione dopo averla trasformata in un impegno legale usando i ("meccanismi") che ci hanno proposto coloro che controllavano il mio caso da molti anni nel momento in cui tutto quello che si faceva era illegale, inoltre era anti l'interesse degli italiani compreso coloro che sostenevano questa tipo di pratica contro gli indesiderati ospiti stranieri in Italia come possiate costatare in questa vicenda di ingiustizia che si esprimeva da sola causa della sua assurdità!

lemin ould 22.11.05 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi spreca opportunità
Financial Times critica ultime mosse

MILANO - Se lascerà che "vitali riforme economiche" siano accantonate nell'ultimo scorcio di legislatura a beneficio di provvedimenti come la salva-Previti o la revisione della par condicio, Silvio Berlusconi "passerà alla storia come l'uomo che ha sprecato un'opportunità unica per fini egoistici". A sostenerlo è il "Financial Times" in un fondo intitolato "Il governante che divide".
Per il quotidiano della City il presidente del Consiglio "non finisce mai di stupire e di sconcertare" perchè "troppo spesso le sue priorità sembrano essere personali o di partito". E anche la devolution e la riforma elettorale, "imposte" senza "un serio tentativo di coinvolgere l'opposizione", sono per il Financial Times leggi "contraddittorie" che rischiano di impedire l'approvazione delle "uniche riforme economiche significative del governo Berlusconi", ovvero "la riforma del sistema pensionistico e norme più stringenti per i mercati finanziari".

Riforme che sembrano tanto più urgenti dopo i deludenti dopo l'allarme sul calo di competitività dell'Italia lanciato dalla Commissione europea e i dati del Pil italiano del terzo trimestre, che hanno messo a nudo la debolezza della nostra economia: mentre Germania e Eurozona hanno accelerato il ritmo (+0,6% rispetto al trimestre precedente), l'Italia ha infatti frenato la crescita (+0,3% t/t contro il +0,7% t/t del periodo aprile-giugno).

E anche gli economisti sostengono la necessità di effettuare riforme strutturali, l'unica via di uscita per l'Italia per poter recuperare competitività e dare nuova vitalità alla pripria economica, che ormai fa parte integrante dell'Unione monetaria.

Quella che si apre oggi appare intanto un'altra settimana politica molto importante, che dovrà occuparsi del decreto fiscale collegato alla legge finanziaria, che inizia e dovrebbe concludere il suo iter nell'aula della Camera, e del decreto legislativo attuativo della delega.

cato & cato 22.11.05 09:01| 
 |
Rispondi al commento


Berlusconi spreca opportunità
Financial Times critica ultime mosse

MILANO - Se lascerà che "vitali riforme economiche" siano accantonate nell'ultimo scorcio di legislatura a beneficio di provvedimenti come la salva-Previti o la revisione della par condicio, Silvio Berlusconi "passerà alla storia come l'uomo che ha sprecato un'opportunità unica per fini egoistici". A sostenerlo è il "Financial Times" in un fondo intitolato "Il governante che divide".
Per il quotidiano della City il presidente del Consiglio "non finisce mai di stupire e di sconcertare" perchè "troppo spesso le sue priorità sembrano essere personali o di partito". E anche la devolution e la riforma elettorale, "imposte" senza "un serio tentativo di coinvolgere l'opposizione", sono per il Financial Times leggi "contraddittorie" che rischiano di impedire l'approvazione delle "uniche riforme economiche significative del governo Berlusconi", ovvero "la riforma del sistema pensionistico e norme più stringenti per i mercati finanziari".

Riforme che sembrano tanto più urgenti dopo i deludenti dopo l'allarme sul calo di competitività dell'Italia lanciato dalla Commissione europea e i dati del Pil italiano del terzo trimestre, che hanno messo a nudo la debolezza della nostra economia: mentre Germania e Eurozona hanno accelerato il ritmo (+0,6% rispetto al trimestre precedente), l'Italia ha infatti frenato la crescita (+0,3% t/t contro il +0,7% t/t del periodo aprile-giugno).

E anche gli economisti sostengono la necessità di effettuare riforme strutturali, l'unica via di uscita per l'Italia per poter recuperare competitività e dare nuova vitalità alla pripria economica, che ormai fa parte integrante dell'Unione monetaria.

Quella che si apre oggi appare intanto un'altra settimana politica molto importante, che dovrà occuparsi del decreto fiscale collegato alla legge finanziaria, che inizia e dovrebbe concludere il suo iter nell'aula della Camera, e del decreto legislativo attuativo della delega

cato & cato 22.11.05 09:01| 
 |
Rispondi al commento

ieri B ha tirato fuori dal cappello il terrorismo e la tirannia. Mi sembra un Blown con il sorriso stampato sulla faccia.

giorgia della seta 22.11.05 07:11| 
 |
Rispondi al commento

Per Francesco,
grazie per l'apprezzamento su quanto ho scritto a Mario Segni. E grazie per il suggerimento... posterò anche a lui.L'analisi "storica" serve, ma il problema resta uguale a prima: che fare? quale repubblica vogliamo? quale apporto vuole portare l'italia ai problemi globali? Continuo a pensare che le persone oneste, ragionevoli e positive in italia siano in maggioranza ma a causa di un "gap" di rappresentanza siano messe nell'angolo da troppi anni. Bisogna tornare a pensare in grande, a promuovere la nascita (o la riscoperta) non di una nuova ideologia, ma di valori e programmi che si ritengano inderogabili e che la sinistra (cioè quell'insieme incasinato di partiti che va da rifonda a mastella) rappresenta più no che si. Noi,i cittadini interessati a ciò che è bello, giusto e sano saremmo in grado di mettere nell'angolo gli uni e gli altri. Tuttavia penso che per tutti noi sia un'errore, come ho già detto, incazzarsi e rodersi troppo (perdendo così troppa energia)perchè i delinquenti al potere fanno e disfano a loro piacimento: lo faranno che alla maggioranza onesta dei cittadini piaccia o meno.Protestiamo pure ma dobbiamo pensare di più a cosa vogliamo noi e come realizzazrlo.Il vaccino, come auspicato da Montanelli, farà il suo effetto. Non c'è da preoccuparsi di questo. Ma quando il corpo del malato dell'italia guarirà definitivamente e potrà camminare quale sentiero nuovo vorrà imboccare? Questa assenza di "programma" sugli scopi della repubblica a me preoccupa anche più del fatto che esistono delinquenti furbi.Mi preoccupa perchè senza una nuova visione il malanno potrà ripetersi. Un popolo ha bisogno di credere in se stesso, di credere in valori umani veri, e di cui fidarsi degli altri, altrimenti inevitabilmente si perderà. Iniziamo a parlare dalla democrazia, che è il fondamento della convivenza civile.Quale democrazia? Riflettiamci. Quanto contano veramente i cittadini e i popoli nelle dempocrazie rappresentative?
Alessandro Rossi

Alessandro Rossi 21.11.05 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

ti sollecito sempre per rinnovarti la richiesta di aiutare 450.000 famiglie italiane vittime del crack dei bond argentini, che diventano ben 1.000.000 se aggiungiamo tutti gli altri disastri finanziari che si sono verificati dal 2001 ad oggi nel nostro Paese.
Di tutto ciò dobbiamo ringraziare il carissimo Governatore Fazio che doveva vigilare e controllare sull'operato delle banche... il quale, invece, ha vigilato e controllato solamente le proprie tasche e nonostante le prove della sua colpevolezza è ancora saldamente incollato alla sua sedia.
Mi rivolgo a tutti i truffati presenti in questo blog.
Noi ci ritroviamo nel Forum de "Il Sole 24 ore" non nello spazio riservato ai bond argentini, lo hanno chiuso. Pertanto abbiamo occupato pacificamente quello dedicato alla Piaga dello Spamming. Oltre al diretto intervento di te, Beppe, desideriamo che si uniscano a noi anche altre persone, il nostro spazio è rivolto a tutti coloro che abbiano voglia di lottare per avere di ritorno i propri soldi, frutto di duro lavoro, non abbiamo rubato niente a nessuno noi! Abbiamo in programma una manifestazione a Roma davanti a Montecitorio il 13 e 14 dicembre, chi può venire sarebbe il benvenuto, dobbiamo far sentire la nostra voce e andare in tanti. Abbiamo comunque altre iniziative da portare avanti e necessaterebbe la collaborazione di tantissime persone. Coraggio gente, per informazioni contattate il forum. Saremo lieti di arruolarvi nei nostri. Ci aspetta una dura battaglia politica. L'art. 47 della Costituzione tutela i risparmi dei cittadini italiani. Allora la politica che non ci ha affatto tutelato ci deve delle risposte.
Coraggio Beppe, aspettiamo anche te, abbiamo bisogno che anche tu continui a parlare di noi, la nostra causa deve andare avanti e deve portare risultati concreti. E' un dovere civile di tutti per tantissime famiglie italiani, composte anche da tantissimi anziani.
Partecipate, grazie

rosana savian 21.11.05 11:00| 
 |
Rispondi al commento

voglio sapere cosa ne pensi del dgt terrestre con contributo STATALE x poi vedere (a pagamento) programmi mediaset e la7? e poi è vero ke dal 2008 sarà obbligatorio in tutte le case degli italiani? e poi ci sono famiglie con reddito basso o nullo disposte a comprarlo?

matteo faliero 20.11.05 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
ho preso l'abitudine di prelevare articoli dal tuo blog per inoltrarli ai miei amici via mail.
Tanto per tua opportuna informazione.

Abbiamo bisogno di un mondo migliore e tu (che ti piaccia o no) sei il nostro punto di riferimento. Sei grande!!!

Dario

Dario Mauriello 20.11.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento


grazie

paolo maistri 20.11.05 14:37| 
 |
Rispondi al commento

@ Gianfranco,
ti saluto calorosamente e ti invito a continuare a parlare di politica confrontandoci democraticamente in questo blog o in qualche altro, mettendo a frutto le nostre opinioni ma soprattutto le nostre idee...perchè ci danno la forza per continuare a capire e saranno le uniche che riusciranno a cambiare le cose...Per il proporzionale ritengo che il sistema faccia comodo anche alla sinistra...Ciao a tutti e alla prossima

antonio di nunzio 20.11.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento

UN SALUTO A TUTTI

Prima della scadenza di questo blog, in particolare ad Antonio e Lucio.
Mi auguro che sia possibile bloccare l'infausta legge proporzionale. Purtroppo non sento parlare di referendum contro questa legge da parte dell' opposizione.
GRAZIE MARIO SEGNI.

gianfranco maruccio 20.11.05 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Perché vanno dal papa? a farsi benedire? perché c'è sempre un premier ombra? quello vero non pensa, sorride e basta? perché regalano un rosario alla mamma (perché così si si ingraziano i genitori?) perché fanno stare zitti i francescani di Assisi? perché non romperanno più le scatole a chi vorrà marce della pace ora che hanno scoperto le armi al fosforo? perché ci tranquillizzano su eventuali attacchi alla nostra ambasciata? perché prima è andato uno dell'Udc e ora uno di FI? perché si vogliono ingraziare l'udc per la rielezione di Ciampi? Cosa hanno in mente? La politica non si fa nelle piazze, è tutta simbolica, di facciata. Il mio stipendio però è vero. Chi acquista il patrimonio immobiliare statale? chi c'è dietro?

buona giornata

giorgia della seta 20.11.05 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Il giorno 15/11/2005 ho constatato, con mio grande stupore, di non avere più alcun credito, pur avendone consumato meno della metà io e per 2/3 mia figlia Francesca, sulle ricaricabili Vodafone del sottoscritto e sua riguardante, per entrambi, la promozione “Supericarica” che, nella tipologia da € 25,00 ha la durata di 30 giorni.
Allo stupore si è aggiunto un senso di impotenza e di frustrazione dopo che, avendo parlato con un operatore del servizio clienti Vodafone, questi mi ha detto tranquillamente che avevamo perso, non avendolo utilizzato entro il termine suddetto, sia il bonus di € 20,00 della promozione ma anche, e qui che secondo me ci sono gli estremi della beffa ai danni del consumatore, il CREDITO NOMINALE DI € 20,00 che abbiamo pagato con denari veri e che invece ci sono stati sottratti in base ad un regolamento a dir poco disinvolto e quanto meno da gioco di azzardo o scommessa in denaro, “COME DA REGOLAMENTO (!)”, sempre a detta dell’operatore del Call Center.
E’ pur vero che nell’offerta, dopo un’approfondita lettura di tutte le fumose clausole, è menzionata tale possibilità, ma chiedo: sono questi i mezzucci cui deve ricorrere un fornitore di servizi per incrementare i propri guadagni?
Questi ed altri simili comportamenti aiutano a capire i profitti milionari (in Euro!) dei gestori telefonici che ricorrono a simili squallidi specchietti per le allodole (leggi consumatori) i quali, oltre non poter risparmiare usufruendo dell’ “appetitosa offerta(!)”, si vedono depauperare anche del credito “nominale” pagato!
Come può difendersi il consumatore da tali soprusi se non lasciando la Compagnia telefonica e cambiandola con un’altra, nella speranza di non incorrere più in simili “furbizie”?
In tale comportamento non si possono ravvisare gli estremi della pubblicità ingannevole, per la quale è previsto l’intervento dell’apposita autorità?
Grazie per l’ospitalità. – Francesco Bastoni.

Francesco Bastoni 20.11.05 10:20| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
sono una tua fans e ti leggo molto,
io sono sposata con un italiano che come tanti stenta ad arrivare a fine mese anche se un artigiano,sono laureata in matematica e conosco bene 5 lingue così ho deciso di convertire la laurea.
io sono moldava russa, dopo aver prodotto tutti quegli assurdi documeti -traduzioni-timbri e visti di vari ministeri finalmente dovevo prenotare all'ambasciata italiana in romania , per circa 2 mesi io e mio marito abbiamo telefonato al numero (giusto) che avevamo poi abbiamo scritto molte e-mail ,nessuno a mai risposto .così ho deciso di andarci di persona con costi di viaggio e disagi vari. la risposta in tono romano e stata questa:
signò doveva prenotare la visita e poi questa pratica di documento di valore la facciamo solo una volta all'anno in marzo,quando gli ho detto che ho scritto e telefonato tante volte per mesi mi hanno risposto che si vede che avevano da fare e che il sito su quella pagina la aprono solo 1 volta all'anno(da notare che non c'era gente ed avrebbero potuto farlo)inoltre mi e stato detto che erano da produrre altri documenti ma io avevo la lista aggiornata dell'università di torino ,mi e stato detto che quelli non sanno e mi hanno detto praticamente di non rompere e mi hanno mandato via, io avessi dei dipendenti così li licenzierei in tronco,sono molto delusa ed amareggiata di stare in italia ,in altri paesi non e così mi sono informata,certo l'italia fa una bella figura ad avere gente così nelle ambasciate questo riflette tutto lo stato italiano e sono anche ben pagati. ti ringrazio beppe tua affezzionatissima oxana.

oxana rusnac 20.11.05 09:09| 
 |
Rispondi al commento

ciao mi sto domandado riguardo la linea ad alta velocita torino Lione dopo l,imponente manifestazione del 16 dove allincirca 70 mila persone hanno manifestato pacificamente controil TAV come la Bresso e il ministro Lunardi possano rimanere caparbiamente sulle loro posizioni senza rendersi conto che loro sono al servizio della gente enon viceversa perche sentendo le affermazioni che hanno fatto entrambi dopo la manifestazione mi chiedo se siamo ancora in democrazia o siamo passati in uno stato di dittatura.inoltre si e potuto vedere chiaramente come sia la destra che la sinistra vadano a braccetto facendo delle scaramucce da teatrino per far vedere alla gente che esistano ancora due schieramenti opposti ma nella realta quando c'e da mangiare remano tutti nella stessa direzione.

BIANCO GIANNI 20.11.05 00:22| 
 |
Rispondi al commento

quesito: Quando un individuo non vuole più ricevere via sms (cellulare) i Suoi messaggi veramente carini.... e molto realisti (sentito dire da radio 105) è vero che il servizio attivato e pagato dal "cliente" non viene disattivato secondo la richiesta, ma continuativo per eventuali interessi commerciali?
Gentilmente gradirei riscontro, per illuminare il popolo italiano ignorante.

eros bellandi 19.11.05 21:50| 
 |
Rispondi al commento

CARO SEGNI POTEVI ANCHE PENSARCI PRIMA E RIBELLARTI A TANTI COMPROMESSI A CUI SEI STATO COSTRETTO.
BANDO PERÒ ALLE RECRIMINAZIONI BISOGNA OGGI REAGIRE CONTRO IL " GOLPE SILENTE" CHE SI STA ATTUANDO AI DANNI DELLA DEMOPCRAZIA ITALIANA(NON CRISTIANA) CHE SE PUR MALATA E' ANCORA IN PIEDI.
LA LEGGE ELETTORALE NON DEVE PASSARE E SE SULLA BASE DELLA LEGGE DEI NUMERI NON POSSIAMO FARE NULLA(AIME' SIAMO DEMOCRATICI E LORO HANNO LA MAGGIORANZA) DOBBIAMO INSISTERE AFFINCHE' CIAMPI NON FIRMI LA LEGGE E FAR SI CHE SLITTINO I TERMINI FINO A DOPO LE NUOVE ELEZIONI 2006.
SE PASSA LA NUOVA LEGGE DEL GRUPPO TRUFFALDINO BERLUSKONI VINCERA' SENZA ALCUN DUBBIO ANCHE SE AVRA' MENO VOTI DEL CENTRO SINISTRA E QUESTO SARA' L'ULTIMA VOLTA, PRIMA DEI PROSSIMI VENT'ANNI, CHE GLI ITALIANI SENTIRANNO PARLARE DI DEMOCRAZIA. RICORDATE CHE MUSSOLINI INIZIO' CON SIMILI MUTAMENTI " LEGALI" PER ARRIVARE ALL'OLIO DI RICINO ED ALLE LEGGI RAZIALI.
NON CULLIAMOCI SULLA VINCITA......ABBIANMO TROPPI PARTITI CHE NON SUPERERANNO LO SBARRAMENTO DEL 2%. LA LEGGE NON DEVE PASSARE E QUINDI PREGO B E P P E DI FARSI PROMOTORE DI UNA INIZIATIVA PER INTERVENIRE IN MASSA VERSO CIAMPI AFFINCHE' NON FIRMI.
CIAMPI NON FIRMARE NON FIRMARE NON FIRMARE!!!!!!!!!!
MUOVIAMOCI E SMETTIAMO DI FARE DISCUSSIONI A CA......0 CHE NON SERVONO A NULLA!!!!

Giuseppe Mazzei Avvocato 19.11.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM

propongo di ABOLIRE il "Quorum" per la validità delle consultazioni referendarie perché....


i SI o i NO avranno le medesime possibiltà di vittoria

così una volta indetto un referendum il suo risultato sarà valido

il diritto e la libertà di voto per uomini e donne (quest'ultimo abbastanza recente) sono state conquistate con enormi sacrifici, lotte, guerre e molti morti per permettere ai posteri di essere liberi e attivi nella vita politica di una nazione

ne consegue che i "consiglieri" del non andare a votare specie se ricoprono cariche istituzionali dovranno comportarsi in modo diverso (vedi referendum sulla fecondazione assistita)

inoltre, incursioni da parte del Clero italiano alla non partecipazione diverrebbero inopportune

ci sarebbe una più attiva partercipazione popolare (in tutti i sensi)

non si sprecherebbe denaro per un referendum non valido


un saluto, torno al lavoro

massimo carera 19.11.05 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Salve Mario, sono massimo guerra uno dei tanti Popolari per la Riforma con cui realizzammo quel cambiamento.
Mi rallegro di trovarti ospite sulle pagine di questo blog, ormai solo la rete è davvero libera nell'informazione, un grazie anche al Beppe che t'ospita, thanks Bepi.
C'hanno derubato un 82,7% di consenso al maggioritario.
L'unico referendum della storia della Repubblica in cui i sì sono stati oltre il 51% dei voti disponibili.
Ci diedero il Mattarellum a dispetto dell'indicazione data col voto, e a dispetto della dichiarazione del Presidente Scalfaro che disse: ora le camere facciano una legge elettorale vestita su misura della volontà popolare.
Come ben sai quello fu il primo scippo.
Ora il nostro amico truffolo bellachioma tessera 1816 della P2 con collusioni di mafia ha finito lo scippo per rendere ingovernabile il paese o in subordine per rendere minima la sua sconfitta.
Sono di sinistra e lo sono sempre stato, con te stavo scomodo ma ci stavo perchè era ed è una buona causa, ora la buona causa è mandare a casa truffolo e soci, poi vedere come mandarlo in galera sebbene abbia fatto norme su norme per se stesso per evitare questo, in puro stile tirannico come diceva giustamente e saggiamente il buon Vittorio Alfieri.
Chi è indifferente sono coloro che si stanno formando una psicologia da schiavo.
Li stanno fortemente aiutando in questo, infatti la pressione ambientale è un titano quasi invincibile e i media in mano a un tiranno piduista mafiosetto sono una iattura da Stato delle ban(d)ane.
Non ho mai capito (formula retorica) perchè il Parlamento non abbia proceduto alla ineleggibilità di berlusconi dato che come concessionario pubblico non può essere eletto.
Temo, mio malgrado, che la politica italiana sia marcia a 360°, ma essendo abbastanza intelligente rettifico subito, facciamo 350° perchè l'assoluto non c'è ma c'è la curva gaussiana.
Così ti salvo.
Gli italiani non t'hanno votato per 2 motivi principali.
...(segue)...

Massimo Guerra 19.11.05 04:02| 
 |
Rispondi al commento

...(prosegue da prima)...
A destra c'era già chi t'aveva superato e nel frattempo s'era abilmente costruito relazioni e MEMORIA STORICA di vincente, controllando almeno metà dei media già allora, tutta la raccolta pubblicitaria, influenzando con essa ciò che non possedeva (lo sai che funziona così, non facciamo le educande), così coi media s'era innestato nelle teste degli italiani (ancoraggio mentale con immagine vincente) allevando i polli in batteria TV con un modello culturale, quello fininveste teleserpe.
Esitevano già i berluscones tra la popolazione, erano solo latenti in attesa di essere adunati, neppure loro lo sapevano d'essere, non ne avevano coscienza.
Non avevi speranza attingendo nel serbatoio voti della destra, avevi contro un colosso che da tempo preparava la sua ascesa scendendo in campo in quel momento per necessità impellente immediata dovuta a disperazione economica (stava facendo bancarotta e senza Craxi la faceva senza se e senza ma) e giudiziaria (se non entrava in politica andava in galera e lo sai bene anche tu).
Il tuo movimento era trasversale, non potevi e non dovevi contare sui voti della sinistra, tu uomo di destra.
Un caro saluto con abbraccio.

Massimo Guerra 19.11.05 03:58| 
 |
Rispondi al commento

@Gianfranco,
finalmente si parla di politica, quella vera, ti ringrazio fin da ora. No, non credo ci sia stato un golpe giudiziario nei suoi confronti, anzi credo fermamente nella giustizia in quanto istituzione e negli uomini che la rappresentano. Premetto che sono un uomo di legge, per cui ritengo che la magistratura non abbia ardito nessun complotto nè tanto meno pensato di attuare chissà quale piano nei confronti del leader socialista. Ma consentimi di avere quanto meno il beneficio del dubbio sul fatto che nessun altro leader politico o presunto tale, abbia avuto lo stesso trattamento politico, giudiziario e mediatico come quello riservato all'uomo Craxi. Ma è normale che un uomo che ha servito politicamente e ostinatamente il suo paese per così tanti anni, debba morire ed essere sepolto come l'ultimo dei delinquenti in un paese straniero? Ma è normale che nessun altro leader politico o parlamentare della prima repubblica, che tuttora riveste tale qualifica, non sia stato nemmeno sfiorato da quell'uragano giudiziario? Comunque per fortuna la Corte Europea dei diritti umani con due sentenze lo ha assolto in pieno. Quel Gonzales che tu nomini, unitamente ad altri leader socialisti dell'europpa centro-orientale, senza dimenticare un certo Mitterand, ritenevano Craxi l'unico socialista in grado di dare una nuova svolta all'idea di democrazia liberale, dissociandosi da quella marxista-leninista, che i socialisti si prefiggevano di realizzare. L'unico vero erede di Prudhon. Purtroppo questo progetto venne bruscamente interrotto, anche un pò per sua negligenza...Spero che quei socialisti che facevano parte di quel 15% (terza forza politica del paese) e che credevano nella sua idea, si risveglino dall'oblio in cui sono caduti, e riprendendo in mano il garofano, riescano a relizzare quell'idea ma soprattutto si attivino per far crescere il nostro paese e la sua democrazia....

antonio di nunzio 18.11.05 21:04| 
 |
Rispondi al commento

come mai Ruini ci mette il becco.......................
adesso dopo il voto della devolution al senato......... poteva fare come aveva fatto in precedenza per il referendum per le staminali, che aveva invitato a non andare al voto causando anche il mancato raggiungimento del quorum.............
Adesso anche Casini si sente di criticare la legge.............perchè questa devolution non è stata fermata prima?
Forse è Berlusconi che si sente come il soldato che chiamò il capitano dicendo...capitano ho preso 20 nemici........ed il capitano gli ordinò: portali da me........... ed il soldato rispose.............non mi lasciano tornare.....

cassio de magistris 18.11.05 21:04| 
 |
Rispondi al commento

ad Alessandro Rossi,
mi è piaciuta la tua mail, mandala direttamente a Segni: info@mariosegni.it

francesco 18.11.05 18:38| 
 |
Rispondi al commento


......E' LA DOSE CHE FA' IL VELENO........

meditate gente......meditate

JAMES BOND 18.11.05 18:02| 
 |
Rispondi al commento

LE IDEE CAMMINANO SULLE GAMBE DEGLI UOMINI (per Antonio)

e purtroppo è stata una sfortuna per l'Italia (e per le persone idealiste come te)che l'idea socialista abbia camminato sulle gambe di Craxi. Altri Paesi hanno avuto miglior fortuna, penso alla Germania di WillY Brant, o alla Svezia di Olof Palme o anche alla Spagna di Gonzales.
Certo il finanziamento illecito dei partiti era generalizzato, ma questo li assolve? Il fatto che fossero (quasi) tutti ladri non significa che il furto è lecito. Quei soldi sono stati sottratti al popolo italiano non solo per finanziare la sporca politica, ma anche e soprattutto le fortune private.
Indubbiamemte Craxi introdusse un diverso e più dinamico stile di governo ed ebbe capacità di affrontare e risolvere problemi difficili quali quello dell'inflazione e questo fu il suo principale merito. Per quanto riguarda la potenza economica dell'Italia negli anni 80 non la sopravvaluterei dato che il rovescio della medaglia è quell'enorme debito pubblico che grava ancora su di noi tutti.
Infine sui giudici. Non crederai anche tu alla favola del golpe giudiziario spero?

gianfranco maruccio 18.11.05 17:56| 
 |
Rispondi al commento

........

COMUNISTI = ABOLIZIONE DELLA PROPRIETA'
PRIVATA

.......................ma vi rendete conto ?????

JAMES BOND 18.11.05 17:06| 
 |
Rispondi al commento

...continua
potenza mondiale economica e industriale;
6.Quella del protocollo addizionale del concordato tra Stato e Chiesa del 18 febbraio del 1984, fu innegabilmente una svolta storica, politico sociale importantissima per il nostro paese, sia per i rapporti interni che per quelli internazionali. Attualmente credo quest'ultimo sia essenziale visto gli eventi internazionali che stanno coinvolgendo anche il nostro paese.
7.Non so se vi ricordate a parte gli anni del boom economico, quale altro periodo possa essere definito florido se non quello dell'epoca Craxiana.
Ripeto, sicuramente come uomo politico fece degli errori imperdonabili, ma come statista, ritengo sia stato uno degli uomimi più concreti che la nostra repubblica abbia avuto.
Purtroppo quando il vincitore e il suo carro furono colpiti (volutamente), tutti gli altri, senza batter ciglio, scesero dal carro... quelli che una volta scesero, oggi tentano di rimettercelo sul carro, appropiandosi indebitamente (sia a destra che a sinistra) di quell'idea socialista che fu dell'unico uomo morto per difenderla.
LA MIA LIBERTA' EQUIVALE ALLA MIA VITA.
Bettino Craxi

antonio di nunzio 18.11.05 16:33| 
 |
Rispondi al commento

@Gianfranco Maruccio e Lucio Bilancini,
trovo estremamente interessante ciò che entrambi avete espresso nei vostri post, naturalmente non condivido le vostre precisazioni, alcune delle quali sono comunque discutibili. Certo Craxi, come politico e rappresentante delle istituzioni, aveva fatto degli errori sia in termini di valutazione e opportunità, sia in termini decisionali per quanto concerne alleanze e scelte politiche. Mi riferisco soprattutto al non aver aperto al dialogo parte del vecchio PCI, ma essendo egli un uomo coerente e fermo nelle sue posizioni, un'eventuale apertura con i comunisti avrebbe reso precario qualsiasi equilibrio politico con le altre forze politiche che all'epoca guidavano il paese e contro la sua idea socialista-liberale. Fatta questa premessa vi voglio far presente quanto segue:
1. Craxi, in seduta comune del Parlamento, ebbe il coraggio di riferire che il sistema dei finanziamenti illeciti era un sistema consolidato e utilizzato da tutti (PCI compreso). Nell'occasione nessuno, ripeto nessuno, dei parlamentari presenti si permise di eccepire il contrario, compreso l'on.SEGNI;
2.Quelli che oggi siedono nuovamente sulle poltrone della c.d. seconda repubblica, sono gli stessi che all'epoca facevano la fila per ottenere privilegi dal re Bettino, compreso qualche esponente del soviet PCI;
3.Qualcuno che all'epoca si definì il don chisciotte della giustizia italiana, oggi siede, gardà un pò, proprio nelle fila di quel parlamento definito covo di ladri e insaziabili manigoldi;
4.Craxi sicuramente aveva favorito l'imprenditore amico Berlusconi, ma mi sembra che lo avevano fatto e continuano a farlo, certo, ognuno per la parte di competenza, anche taluni definiti integgerrimi (dalema,prodi,fassino-della valle, de benedetti, montezemolo etc..). Per inciso Berlusconi è diventato presidente quando craxi era in esilio, o scusate, forse è meglio "latitante" ad Hammamet.
5.L'italia, negli anni 80, proprio grazie a Bettino divenne la settima

antonio di nunzio 18.11.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Dunque caro Mario Segni,continuo dalla mia che precede:scusami se ho espresso giudizi netti.Ora parliamo di incazzatura.
Io penso che l'incazzatura servano a poco e niente se non si sa dove si vuole andare e se non c'è rappresentanza politica.In italia ci sono milioni di indignati ed incazzati:ma come è organizzata questa incazzatura perchè sia forza propulsiva?chi la rappresenta e come si rappresenta?Ci hanno tentato i girotondini,partendo dalla sollecitazione di N.Moretti:bravi a fare girotondi,ma poi si sono incartati e persi quando si è trattato di definirsi come soggetto politico. Ero pronto a votarli e ad impegnarmi... ed eravamo tanti.E'un problema grave e ricorrente tra le persone per bene:la volontà di fare politica senza usarne gli strumenti:primariamente il voto.E'la paura di corrompersi perchè la "politica è una cosa sporca".Quindi al massimo possiamo aspirare ad essere movimento di opinione e di protesta.Dunque "movimento",non partito,neppure associazione.solo movimento.E come fa un movimento, per definizione vacuo e fluttuante a incidere politicamente?Quanti voti può portare in parlamento un movimento?Per me il movimentismo tuttosommato è un'idea da sudditi.E'ora di essere concreti,svecchiarsi dagli strumenti degli anni settanta,di crescere e assumersi responsabilità politiche e anche di governo se serve.Ma oggi,ora, chi mai dovrebbero votare tutti gli incazzati e indignati d'italia?Ovviamente gli stessi che hanno contribuito a portarci a questa condizione,per viltà,falso buonismo o interessi di partito: Prodi & company.Che ovviamente sono il meno peggio (quindi non sbagliate a votare questa volta):ma non sono certo la soluzione alla debolezza della democrazia.Però dico a tutti che per quanto numerosi rimarremo come degli zoombie incazzati quanto vaghi se ognuno di noi non si prenderà l'onere di aiutare questa straordinaria forza a coagularsi attorno a un progetto politico nuovo, a una nuova idea del mondo e della democrazia che si vuole concretizzare

Alessandro Rossi 18.11.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante il fatto di averli avvertiti di questa situazione nel 1991, prima di entrare in azione nell’ambito della mia legittima difesa spingendo il comandate maggiore Lussese Vincenzo, che ordino la distruzione a negare l’esistenza di questo storia d’ingiustizia a palazzo Chigi, il palazzo del Governo, ma hanno preferito violenza di stato con cui si sono assicurati questa situazione che, nessuno l’invidierà per vari motivi, come nessuno mi ha mai invidiato la vita da cane che mi facevano fare, causa della loro crudeltà e il loro terribile sistema che faceva brividi agli stranieri e gli italiani per bene! Erano sicuri di usarmi per passare questa corruzione, ma in questa parte di questa incredibile storia hanno scoperto che era meglio la sciarmi in pace al posto di scatenare una violentissima guerra, che hanno subito anche loro la sua terribile conseguenza di cui non sono responsabile come sostenevano i fedeli del sistema che violentava la mia persona e mi torturavano mezzo la strada sotto i riflettori! > >
I miei aggressori hanno impiegato un vero e proprio potenziale; hanno stretto alleanze contro di me per evitare la scoperta del vero volto, del loro “terribile sistema” da parte degli italiani per bene e gli indesiderati ospiti stranieri, durante 15 anni di violenza di stato e complotti con cui giustificavano i falsi sospetti così ridicoli, inoltre erano prodotto dell’immaginazione di persona cattive di pessimo profilo culturale, umano e morale, la cosa che consideravo la causa principale che, ha provocato questa storia d’ingiustizia che, nessuno avrebbe creduto se non fosse vera come hanno testimoniato tutti coloro che seguivano i suoi sviluppi da 15 anni in cui hanno scatenato una violentissima azione usando tutto di cui anche la natura!

lemin ould 18.11.05 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Caro Mario Segni,
Visto che lei ha in animo di voler ancora riflettere sulle sue scelte fatte ai tempi di tangentopoli e del collasso della "prima repubblica",le esprimo il mio parere.
Parliamo di errori.Quando lei scese in campo per sviluppare una critica al sistema che aveva portato allo sfacelo e promosse i referendum, agli italiani è parso avere a diposizione una persona onesta,con le idee chiare,in grado di riempire quel vuoto politico che i vecchi partiti di governo avevano ormai irrimediabilmente perso.Grandi speranze si addensarono attorno a lei.I risultati referendari di allora erano si un voto per cambiare il sistema,ma anche un voto di fiducia per lei.Quindi quelli che le dicono che l'Italia l'avrebbe seguita hanno ragione.Il suo errore è stato quello, nei due anni che precedettero le elezioni del'94,di aver tentato di salvare la Democrazia Cristiana, salvarne l'immagine e anche le persone.Lei non si è avveduto che la situazione era irrimediabile e anzichè puntare al nuovo che poteva sorgere attorno alla sua persona si è perso tra i meandri degradati di un partito morente.In questo modo lei ha confuso la sua immagine,e gli italiani, che si aspettavano da lei una scelta netta e un giudizio fermo,dall'incanto sono passati al disincanto.Il nuovo incanto purtroppo è stato rappresentato da Berlusconi '94 (la sinistra era uscita appena dal travaglio interno),che ha approfittato di quel vuoto politico per riempirlo di se e dei suoi interessi giudiziari e aziendali,facendo rientrare dalla porta tutti quei personaggi e quel modo di intendere la politica che tangentopoli aveva buttato fuori dalla finestra.Quindi lei non ha da stupirsi se ora Berlusconi fa rientrare anche il sistema elettorale della prima repubblica,naturalmente accompagnato da qualche correzione costituzionale di stampo piduista.E' utile tornare sugli errori del passato per non commetterli ancora,anche se dobbiamo guardare avanti senza rimpiangere le occasioni perse.Certo che ora è dura.
A.Rossi

Alessandro Rossi 18.11.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Francesco La Gioia il 16.11.05 16:02

CERTO CHE SE TUTTI FACESSIMO COME TE, CARO FRANCESCO......POTREMMO GRIDARE:
VIVA L'ALBANIA !!!!
VEDI.....E' LAGENTE COME TE CHE VA A VOTARE E POI.....SBAGLIA....POI SI INCAZZA !
SVEGLIATI FRANCESCO, LA COLPA NON E' SOLO DI BERLUSCONI !!
MEDITA UN PO' DI PIU' !

Postato da: Fabio Gabellini il 16.11.05 23:58

---------

Caro Fabio, ti rispondo anche se non ne ho tanta voglia.

Io ho sempre votato, anche quando tutti eravate al mare!!! NON SO SE RICORDI!!!
E non ho mai votato Berlusconi (o suoi simili) e non sono incazzato, quindi, per questo.
SONO INCAZZATO perche' chi va al potere si trasforma (L'HAI LETTA MAI LA "FATTORIA DEGLI ANIMALI"?) sempre nell'opposto di cio' che dovrebbe essere; in quel bel romanzetto (istruttivo!), i maiali, una volta al potere, cenavano con gli uomini mangiando PROSCIUTTO!
Io sono stufo di fare il prosciutto e chiudo invitando te a meditare, piuttosto!!!
O pensi che gli albanesi siano diversi da noi, per caso? Svegliati, se non te ne sei accorto, noi siamo gia' un'albania con una mano di vernice di democrazia passata sopra!

Francesco La Gioia 18.11.05 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Basta, bisogna veramente che ci organizziamo come ha detto Antonio Feola e Simone Grassi nell'ultimo post di Grillo ,e ora di finirla di gridare ognuno per conto suo.
NON CONCLUDIAMO NIENTE.
INCAZZIAMOCI come dice Mario Segni!!
Se volete uno spunto per incazzarsi prendete per esempio la nostra costituzione, mio nonno ha combattuto per costruirla in modo che non accada più che un regime prenda il controllo del paese,
mio padre ha fatto il possibile per farmi crescere in un paese dove esiste un futuro, e ora io cosa dirò a mio figlio:"Mi dispiace non ho avuto il coraggio di dire BASTA! ARRANGIATI!"
Abbiamo in mano tutti gli strumenti per cambiare le cose.
FACCIAMOLO
Dobbiamo contarci quanti siamo, con l'accesso al blog tramite iscrizione, cominciamo a decidere quali sono i "Dipendenti" che ci rappresenteranno e poi devono attuare quello che noi proponiamo, facciamoci conoscere sul territorio tramite il passaparola, quando saremo in grado di muovere qualche milione di persone scendiamo in piazza a Roma e mandiamo a casa tutte queste persone viscide che fino ad ora hanno fatto i loro interessi e fra poco ci tolglieranno il nostro futuro.

Andrea Vicenzino 17.11.05 23:32| 
 |
Rispondi al commento

Sig. Grillo

Voglio rappresentare, che NON bisogna credere passivamente quando si dice che per migliorare il funzionamento dello Stato bisogna cambiare la Costituzione (devolution sic!!!), poiché ad es. nella Monarchia Costituzionale Inglese, non vi è una vera costituzione, non ci sono vere regole scritte ma consuetudini che sono diventate prassi consolidate e che entrambi gli schieramenti tutt’oggi rispettano, inoltre non vengono cambiate senza un preventivo accordo tra le parti.
Pertanto, il problema non sono le regole, ma i nostri rappresentanti che vogliono cambiare le carte in tavola, a sommesso parere, non per il bene dei propri cittadini ma per facilitare gli interessi politici, personali e/o dei loro amici.
Si ricorda che con il referendum, quello sul maggioritario, circa 80% degli italiani è stato favorevole, mentre oggi si vuole cambiare la legge elettorale senza chiedere agli stessi italiani se sono favorevoli ad un eventuale cambiamento!!!! Perché?????
“I cittadini in politica non sono tifosi ma arbitri” grazie

vinicio Buzzelli 17.11.05 22:34| 
 |
Rispondi al commento

Mario Segni ha ragione: bisogna incazzarsi.
Bisogna incazzarsi soprattutto con chi dice di essere l'unto dal Signore e di essere venuto a salvare il nostro Paese.
Mentre invece, Costui è venuto solo a salvare se stesso dalla galera e a fare solo i propri interessi, e non quelli degli italiani.

Un saluto

Raffaele Bonini 17.11.05 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Mario Segni ha ragione: bisogna incazzarsi.
Bisogna incazzarsi soprattutto con chi dice di essere l'unto dal Signore e di essere venuto a salvare il nostro Paese.
Mentre invece, Costui è venuto solo a salvare se stesso dalla galera e a fare solo i propri interessi, e non quelli degli italiani.

Un saluto

Raffaele Bonini 17.11.05 22:20| 
 |
Rispondi al commento

non ho voglia di mettermi ad elencare tutte le volte che gli italiani hanno ignorato un problema o tutte le volte che hanno pensato che dal momento che questo o quell'argomento non li toccava da vicino potevano anche voltare pagina...mi dispiace deludere, o ancora di più angosciare Segni, ma così è l'italia è indifferente e non parlo di un'italia sconosciuta, parlo di voi e di me e di tutte le volte che abbiamo accettato dicendo o che era colpa dei politici o che "tanto è l'italia, no?!"

i politici dovrebbero occuparsi delle cose di cui noi non abbiamo il tempo di occuparci, questo è vero...siamo una società e ognuno ha un lavoro preciso.
ma non è tutta colpa loro, anzi non lo è affatto...
quasi non riesco a non provare angoscia quando sento tante leggi o decisioni che insultano la mia intelligenza e io mi sento per prima incapace di fare qualcosa e così soccombo...
qui la scelta è o l'ulcera giornaliera o l'indifferenza...o magari il blog di Beppe.

un saluto a tutti coloro che almeno una volta al giorno fanno qualcosa per cambiare le cose.

cecilia zironi 17.11.05 21:50| 
 |
Rispondi al commento

credo che la democrazia in italia ce la siamo conquistata noi cittadini,con il nostro senso di attaccamento alle istituzioni!!!
se avessimo preso esempio da voi politici,l'Italia sarebbe caduta da un pezzo in una guerra civile!!!

gianfranco maggio 17.11.05 20:23| 
 |
Rispondi al commento

PS:E i politici non rompano i maroni con le periferie, manco sanno dove sono
ste` teste di cocomero!

Liberta', uguaglianza e fratellanza. Questa e' la democrazia.

Pierpaolo Faoro 17.11.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

E' inutile che certi politici continuino a prenderci in giro, e noi a farci menare per il naso.
Pane al pane: la riforma al maggioritario e' fallita perche' e' partita zoppa con la quota proporzionale non sancita dal referendum ma e' stato un bel giochetto salva-partitini bipartisan. Prima la Lega a far franare Berlusconi, poi Rifondazione a far cadere Prodi. Ora la stessa scena: l'UDC tiene sul rasoio Berlusconi come Mastella da` spallate all' Unione di Prodi. Basta rotture di balle: maggioritario con sbarramento al 5%! Fuori dai maroni sigle e siglette, nessun premio di maggioranza perche' la maggioranza ce l'hai se vinci, ridisegno dei collegi per proporzione di votanti e regioni, senza fregnacce del tipo voti di preferenza qua e la o possibilita` di liste civetta, gufo o allocco, rappresentanti di lista e boiate italiche simili.
Secondo: devi essere residente nel collegio in cui ti voto, e se cambi idea e sponda affari tuoi, si rivota il tuo posto, non lo rido' al secondo in lista di quel partito o al secondo arrivato, non e' una gara ma democrazia, come quando il deputato crepa.
Terzo: basta al pagamento dei voti ai partiti, a me non pagano la benzina per andare al seggio.
Quarto: tetto alle spese per la propaganda, in Italia ci sono 6 milioni di analfabeti, mi sembra piu' dignitoso dare un istruzione a queste persone!
Quinto: par condicio o no, capo del governo
e opposizione non ci piglino per il culo con slogan idioti, beceri e qualunquisti, come piu' case per tutti, eccetera, c'e' gente che si da fuoco o si suicida perche' sfrattata, abbiano piu' rispetto dei cittadini.
Sesto: chiarezza e programmi, non mi interessa ascoltare queste galline schiamazzare per sei mesi su nulla, c'e' una economia allo sbando, siamo ad un passo da un baratro argentino e stiamo a vedere in TV la Lecciso, Albano, la Franzoni, Vespa, Celentano e Bonolis, tutti con ville da miliardi e noi fatichiamo a tirare la fine del mese! Anche il cittadino ha una sua dignita`.

Pierpaolo Faoro 17.11.05 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Stefania Craxi oggi ospite a Forum (come già da Fabio Fazio)

"Mio padre non ha corrotto e non è stato corrotto da nessuno"

La compiacente Rita Dalla Chiesa: "occorre fare una distinzione tra Partito Socilaista e Bettino Craxi"

"le persone che hanno ingiustamente condannato tuo padre la pagheranno cara"

Questo il sunto di un'intervista tutta tesa a dipingere Tangentopoli come una sciagura, Bettino Craxi come un uomo onesto, vittima della giustizia e la corruzione come un bene inevitabile.

Sono davvero disgustato!!!!
Se volete far sapere la vostra a Rita Dalla Chesa (il padre si sta rivoltando nella tomba) scrivete a forum@mediaset.it

Carlo Scoglio 17.11.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo bisogno di recuperare lo spirito e la forza di quel movimento referendario, che seppure per poco tempo, ha restituito la speranza all'Italia.
Proposta: una legge di iniziativa popolare che istituisca il limite di mandato a tutti i livelli di rapprensentanza politica. Un mandato di 5 anni, rinnovabile una sola volta.
Pensate, ogni 10 anni un ricambio totale del personale politico.
Non è fantapolitica, può diventare realtà se finalmente passiamo dalla protesta alla proposta.
Non abbiamo tante alternative. Mi piacerebbe avere il parere di Beppe e del Prof. Segni.
Forza e coraggio.
Ciao a tutti i bloggers.

Alfredo Morfini 17.11.05 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Gent.mo sig. Beppe Grillo,
ho visto il suo spettacolo registrato su video cassetta, che ha tenuto a Milano all'inizio 2005,
le faccio i miei complimenti, ed oggi guardando nel suo blog ho visto un articolo sulla finanza creativa delle ns. società di calcio, ( n.d.r. sono una cosa vergognosa ) e la risposta del sig. Trochetti Provera, la informo che oggi 16 novembre 2005 a pag. 18 del quotidiano Il sole 24 ore, trovo un articolo in cui ribadisce la possibilità e velatamente anche l'intenzione da parte della società di calcio dell'Inter di effettuare un operazione così chiamata di leas back, e quindi non è vero che i debiti sono stati ripianato, come da risposta del sig. Trochetti Provera. Le rinnovo i miei complimenti per i suoi spettacoli e cordiamente la saluto.

Alberto Buratti 17.11.05 12:36| 
 |
Rispondi al commento

oggi in parlamento il disegno di legge di berlusconi e compagnia bella per non distribuire a terzi i soldi dei mafiosi, ma anzi delegare il governo a gestirli e destinarli.....quindi insomma rstituirli a loro, volendo.
ecco il link, vedere bene articolo 2.

[PDF] 1 XIV LEGISLATURA Seduta del 19 ottobre 2005 Documento sulle ...

ileana rossello 17.11.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

Perché non organizziamo davvero una mega manifestazione in tutte le città italiane. Fai "un appel!!!" che saremo in tanti a rispondere presenti. Grazie

flora giuliani 17.11.05 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Ecco, è proprio quello che uno dovrebbe fare : INCAZZARSI. Io sono in Italia da 6 anni, sono figlia di immigrati italiani. Loro vivono in Francia e non vogliono tornare in Italia perché dicono che l'Italia non è cambiata. E sono pienamente d'accordo con loro; ogni sera al telegiornale o leggendo il giornale mi arrabbio perché tutti questi politici (Berlusconi e compagnia bella...) ci prendono per i fondelli!!! E lasciano morire piano piano questo paese!!!!
Ma che cavolo, ma ce l'abbiamo un pò di dignità!!!
Andiamo a manifestare, a ribellarci, a fare "guerra" contro questa politica del c....

flora giuliani 17.11.05 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Salve, sono un nuovo povero, licenziato il 30 di settembre scorso per via di un decreto legge emanato dall'ex ministro Sirchia.Sono stato licenziato da un'azienda farmaceutica che spende ogni anno in penne da omaggiare ai sig.ri medici,la stessa quantità di denaro che percepivo per viverci.Insieme al sottoscritto è stata mandata a casa(con la stessa motivazione)la mia collega, una madre di 34 anni, di Agrigento.Io ne ho 35, vivo in provincia di Palermo, dove l'affitto di una casa costa meno,ho ricevuto la liquidazione e mi sono stati trattenuti 2.800 euro circa su 14.000 erogati, questo è o non è"pizzo?".
Questo è solo quello che ho da dire, siamo tutti bravi a postare messaggi, io mi sto muovendo verso un'altra direzione, bisogna discuterne, creare gruppi d'incontro, spiegare cosa sta accadendo e non solo sfogarsi alla tastiera, qui la politica è una piaga sociale, vi prego di far caso alle dichiarazioni del nostro presidente della regione, è una chiave di lettura della nostra epoca.Andiamo agli spettacoli di Beppe, ed ogni anno portiamo due/tre amici ignari dell'evento, per natale regala una copia degli articoli redatti sul blog ed un binocolo per vedere oltre questo muro di merda eretto all'orizzonte.IO NON APPARTENGO A NESSUNO, pertanto NESSUNO può permettersi di rubare i miei soldi, il mio futuro.
Il primo stronzo che dice che le tasse servono a finanziare i beni pubblici, si va a costruire da solo il ponte sullo stretto.

gioacchino vizzini 17.11.05 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Siamo già in campagna elettorale e sia la destra e la sinistra sono sicuri di vincere. Anzi con la legge sulla devolution di ieri Berlusconi ha dichiarato che adesso è fatta. Ma se gli italiani non andassero in massa a votare, che cosa succederebbe?

Daniela Michieletto 17.11.05 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Ho deciso: andro' via dall'Italia.
Ma non fisicamente, io e tutta la mia famiglia, imponendo loro il disagio di una nuova lingua, di nuovi usi e costumi che non ci appartengono.
Fuggiro' invece dalla "partecipazione"; e' un gioco che non mi diverte piu' (che, anzi, non mi ha mai divertito) perche' le sue regole non mi tutelano, perche' queste regole non fanno giocare pure me, mi escludono e mi penalizzano.
Da piccolo sentivo sempre mio padre lamentarsi che non riusciva ad arrivare a fine mese, del governo e dei soprusi; prima di arrivare a dire anch'io le stesse cose ai miei figli, andro' via: non mi interessano piu' le sorti del mio Paese, le ingiustizie ed i soprusi; non mi interessano perche' povero cristo e' stato mio padre e povero cristo sono io e lo saro' fino a che campo.
Le cose per quelli come me non cambieranno mai: dovremo sempre tirare a campare con la sola speranza che le cose non vadano peggio.
Invece chi ci governa, da sempre, lo fa solo dopo aver soddisfatto i propri interessi; se cosi' non fosse non vedremmo dei D'Alema con barche miliardarie, dei Berlusconi ricchi come nessuno, dei Di Lorenzo foraggiati dalle case farmaceutiche dei De Michelis potenti come signorotti (e cosi' faccia tosta da farsi rivedere in giro) e la lista, dalla nascita della nostra repubblica ad oggi, proseguirebbe sterminata.
Io mollo l'osso perche' mi avete stancato tutti: fate quello che volete, io mi dichiaro fuori!

Postato da: Francesco La Gioia il 16.11.05 16:02

CERTO CHE SE TUTTI FACESSIMO COME TE, CARO FRANCESCO......POTREMMO GRIDARE:
VIVA L'ALBANIA !!!!
VEDI.....E' LAGENTE COME TE CHE VA A VOTARE E POI.....SBAGLIA....POI SI INCAZZA !
SVEGLIATI FRANCESCO, LA COLPA NON E' SOLO DI BERLUSCONI !!
MEDITA UN PO' DI PIU' !

Fabio Gabellini 16.11.05 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Buona sera a tutti.
Mi inserisco nei commenti con un argomento solo apparentemente non collegato a quello iniziato dall'onorevole Segni. Di ciò mi scuso ma è forte la rabbia.
Vorrei chiedere a tutti quelli che in questi messaggi hanno dimostrato di prendere a cuore le sorti del nostro amato paese di prendere coscienza dell'enorme guasto che oggi i nostri dipendenti hanno combinato approvando una riforma alla Costituzione che piace solo ad una parte di parlamentari che si sonoi fatti suggestionare dalle farneticanti idee di Bossi.
Come non associarsi al pensiero espresso dal senatore Scalfaro, in sede di dichiarazioni di voto?
Come non provare angoscia per lo scempio di una Costituzione che è stata approvata tanti anni fa, dopo i sacrifici anche in termini di vite umane che buona parte del nostro paese ha dovuto subire?
Quanto resta ancora da distruggere a colpi di maggioranza?
Quanto tempo ci vorrà per rimettere le cose in sesto?
L'unica strada che ci è rimasta è il referendum confermativo: chiunque ha a cuore le sorti di questo sventurato Paese sicuramente dovrà muoversi per sensibilizzare quei tantissimi nostri concittadini che nulla capiscono di Costituzione, libertà etc. a votare contro questo atto criminale nei confronti della nostra Carta Costituzionale.

Coraggio a tutti dunque. Chissà che non si riesca a risvegliare quello spirito eroico che fece fare grandi cose a chi lottò per l'unità d'Italia e chi durante gli anni della Resistenza
lottò per la libertà.


Aldo Salvato 16.11.05 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Sono veramente incazzata - oltre che per la legge elettorale - anche e soprattutto per questo attacco odierno alla Costituzione, che mi sembra inopportuno sia perchè prima delle elezioni, e poi perchè fatto da un governo che alle regionali ha ormai perso il consenso iniziale per cui era stato eletto.
Mi sembra un passo verso un "potere forte" contro il quale urge ed è necessario, vitale, ribellarsi in maniera decisa!
Notizia appresa dal TG2 dove non viene neanche detto che Fisichella ha lasciato AN e spiegato cosa esattamente cambia nella nostra Costituzione.
Mi è subito venuto voglia di approfondire su internet conscia che la maggior parte degli italiani, immersa nell'Isola dei Famosi, non si è neanche resa conto di cosa sta succedendo!
Ivana, 16 novembre 2005

ivana termine 16.11.05 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Sono veramente incazzata - oltre che per la legge elettorale - anche e soprattutto per questo attacco odierno alla Costituzione, che mi sembra inopportuno sia perchè prima delle elezioni, e poi perchè fatto da un governo che alle regionali ha ormai perso il consenso iniziale per cui era stato eletto.
Mi sembra un passo verso un "potere forte" contro il quale urge ed è necessario, vitale, ribellarsi in maniera decisa!
Notizia appresa dal TG2 dove non viene neanche detto che Fisichella ha lasciato AN e spiegato cosa esattamente cambia nella nostra Costituzione.
Mi è subito venuto voglia di approfondire su internet conscia che la maggior parte degli italiani, immersa nell'Isola dei Famosi, non si è neanche resa conto di cosa sta succedendo!
Ivana, 16 novembre 2005

ivana termine 16.11.05 21:13| 
 |
Rispondi al commento

caro Mario segni non mollare oggi più di allora bisogna difendere i referundum sul maggioritario come per tutti i beni più prezziosi bisogna saper difendere con i mezzi democratici a nostra disposizione,io credo ingenuamente che ci siano altri deputati e senatori (nostri dipendenti d'oro)che sono contrari a questa legge che ci fa tornare indietro ali tempi dei ricatti e delle contrattazioni dei voti da mercanti di bestiame.Lancia un iniziativa rivolta alle persone per bene di una legge di ispirazione popolare , se passa questa riforma fallo subito inizia a crearti le alleanze a raccogliere lefirme vedrai che non resterai solo a lungo la gente per bene ti sosterra verra a firmare e nasceranno dei comitati spontanei,quello che manca è un coordinatore capace e tenace,le passate elezioni hanno dimostrato che ormai il polo non è più maggioranza in italia si sta comportando come un animale ferito che attacca per far più danni possibili e indelebili.Noo lasciare che una minoranza sola e isolata faccia tutti questi danni. cordiali saluti capuzzo fiorenzo padova via pinelli 12 .

fiorenzo capuzzo 16.11.05 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Ru486/Storace. Capezzone: Storace ridicolo (mobilita forze di terra, di cielo e di mare?), ma situazione è tragica: vuole trattare le donne italiane non da donne europee ma da donne vaticane
E questo è troppo, anche per un Ministro-guardia svizzera...


Roma, 16 novembre 2005

• Dichiarazione di Daniele Capezzone, segretario di Radicali Italiani

Se non fossero in gioco cose tremendamente serie, ci sarebbe quasi da sorridere di uno Storace che mobilita le "forze di cielo, di terra e di mare" contro il "nemico".

Ma la situazione è tragica, invece, perché la sintesi è che un Ministro della Repubblica italiana vuole impedire fisicamente che sia disponibile per le donne italiane quel che è disponibile alle donne di tutto il mondo occidentale, quasi senza eccezioni.

A Storace dico: tu vuoi trattare le donne italiane non come donne europee, ma come donne vaticane. E questo è troppo, anche per un Ministro- guardia svizzera...


domenico de simone 16.11.05 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Oggi si vota la cosiddetta devolution. L'udc ha annunciato che voterà, ma 'con molti dubbi'. Una scemenza così grossa non credo di averla mai sentita. Come si fa a cambiare la legge fondamentale dello stato con 'molti dubbi'? ma l'hanno scritta loro quella legge o no? o se la sono fatta dettare da bossi, borghezio e calderoli; rassicurati dalla garanzia e dall'autorevolezza costituzionale dei suddetti? se proprio dovono cambiare la costituzione, facciano dei cambiamenti in cui credono, non abbandonino l'italia nelle mani dei cosiddetti 'padani', i quali SONO UNA SCHIACCIANTE MINORANZA ANCHE NEL LORO TRISTE PAESE INVENTATO.
Viva L'Italia, viva la Repubblica.

Carlo Thiella 16.11.05 17:52| 
 |
Rispondi al commento

altro ke devolution...qui ci vuole la REVOLUTION!...una rivoluzione e tutto si aggiusta...tanto...peggio di così non si può

Raffaele Esposito Tammaro 16.11.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Ho deciso: andro' via dall'Italia.
Ma non fisicamente, io e tutta la mia famiglia, imponendo loro il disagio di una nuova lingua, di nuovi usi e costumi che non ci appartengono.
Fuggiro' invece dalla "partecipazione"; e' un gioco che non mi diverte piu' (che, anzi, non mi ha mai divertito) perche' le sue regole non mi tutelano, perche' queste regole non fanno giocare pure me, mi escludono e mi penalizzano.
Da piccolo sentivo sempre mio padre lamentarsi che non riusciva ad arrivare a fine mese, del governo e dei soprusi; prima di arrivare a dire anch'io le stesse cose ai miei figli, andro' via: non mi interessano piu' le sorti del mio Paese, le ingiustizie ed i soprusi; non mi interessano perche' povero cristo e' stato mio padre e povero cristo sono io e lo saro' fino a che campo.
Le cose per quelli come me non cambieranno mai: dovremo sempre tirare a campare con la sola speranza che le cose non vadano peggio.
Invece chi ci governa, da sempre, lo fa solo dopo aver soddisfatto i propri interessi; se cosi' non fosse non vedremmo dei D'Alema con barche miliardarie, dei Berlusconi ricchi come nessuno, dei Di Lorenzo foraggiati dalle case farmaceutiche dei De Michelis potenti come signorotti (e cosi' faccia tosta da farsi rivedere in giro) e la lista, dalla nascita della nostra repubblica ad oggi, proseguirebbe sterminata.
Io mollo l'osso perche' mi avete stancato tutti: fate quello che volete, io mi dichiaro fuori!

Francesco La Gioia 16.11.05 16:02| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di INFORMAZIONE

Dal sito di La Repubblica in data odierna (per il testo completo andare a: http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/politica/berlusmentite/berlusmentite/berlusmentite.html):

Casa, pensioni, Iraq e tante altre le autosmentite di Berlusconi (di MATTEO TONELLI)
“ Una ventina di casi, dal 2001 ad oggi, in cui il premier ha fatto importanti affermazioni che poi ha smentito o sono state smentite dagli interessati.
Affermazioni importanti seguite da immediata autosmentita. A Berlusconi, in cinque anni di governo, è successo molto spesso. Le ultime (sulla casa e sulle pensioni) sono degli recentissime. A volte il premier assicura di essere stato male interpretato, a volte fa proprio marcia indietro, in altre occasioni sono i diretti interessati a smentire. Una rapida ricerca in archivio ha prodotto questo elenco. Sicuramente incompleto………ecc..ecc..”


Cari amici di questo blog, vi propongo un “gioco”, che chiamerei “il gioco del Pinocchio”:

Cerchiamo di completare il più possibile l’elenco dei “miracoli” che in tutti questi anni di televendite l’ineffabile piazzista di Arcore, ha cercato di “piazzarci” e che ha dovuto subito dopo “ritirare dal mercato”.
Questo potrà essere anche un utile esercizio di documentazione da trasmettere a tutti in vista delle prossime elezioni.

renato fratini 16.11.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Per Gianfranco Maruccio

Condivido pienamente quello che hai risposto ad Antonio, il socialista non pentito, al quale dò del resto il credito della probabile buona fede.
Vorrei aggiungere che nella tua risposta, secondo me un'efficace sintesi storica, non hai citato due delle "benemerenze" del Craxi:
1. avere rinnovato il Concordato con la Chiesa cattolica, peggiorando ulteriormente le cose a suo tempo mal combinate da Mussolini;
2. avere tirato la volata, per motivi non certo disinteressati, al cosiddetto attuale presidente del consiglio, che si trovava in difficoltà televisive a causa di certi pretori che pretendevano, pensa un pò, di applicare le leggi vigenti.
Quando penso che il presidente della camera ha pensato bene di recarsi ad Hammamet per rendere omaggio alle spoglie dello "statista" Craxi, mi vengono altri capelli bianchi. D'altronde, la colpa non è sua, di questo uomo politico cattolico tutto di un pezzo; la colpa è dei cattolici che gli hanno creduto e lo hanno votato.
Questi signori mi ricordano una storia del 1948: allora il Fronte Popolare (comunisti più socialisti) presentava come simbolo di lista il ritratto di Garibaldi e sembra che alcuni scaltri agit prop avessero convinto delle povere vecchiette ingenue a votare per il Fronte Popolare dicendo loro che quello era il ritratto di san Giuseppe. Forse anche i cattolici che hanno votato per Casini credevano in buona fede di votare per san Giuseppe.

Ti ringrazio per avere detto, semplicemente e in breve, molte verità.

Lucio Bilancini 16.11.05 14:07| 
 |
Rispondi al commento

LEGGETTE TUTTI!
Dobbiamo convincere Beppe ad iniziare a fare politica al di fuori del blog, si è vero che siamo in tanti, ma non bastiamo per cambiare le cose, dobbiamo arrivare anche a chi ancora non utilizza internet.
Beppe , fondiamo un’ associazione o un movimento per iniziare a diffondere l’ idea della democrazia diretta, tassiamoci per comprare spazi pubblicitari su altri organi di informazione, spieghiamo a tutti come sia semplice utilizzare internet per fare politica in modo diretto. Spieghiamo a chi ancora non l’ ha capito che è possibile decidere cosa fare per il bene del paese e come, direttamente da casa utilizzando internet – con il motto : “ un’ e-mail per tutti “.
Spieghiamo che è possibile votare direttamente le leggi. Spieghiamo che possiamo spazzare via in un colpo solo tutta la corruzione che si è annidata nelle camere; destra e sinistra, non cambia niente. Ma davvero c’è ancora qualcuno che crede che mandando a casa il “nanetto pelato “ e votando “ la mortadella “ le cose cambieranno o miglioreranno? ( tra un’ anno staremo criticando il centro sinistra per i continui rimpasti di governo e le continue figuracce a livello internazionale, grazie al “compagno Bertinotti” ! Non so voi ma io mi sono rotto le p…e di votare il pocchino pocchino meno peggio!
Spieghiamo agli Italiani che i politici così come siamo abituati a conoscerli non ci servono più!
Servono dei semplici dipendenti che mettano in atto le idee della maggioranza del popolo, e basta!
Facciamolo prima che sia troppo tardi e trovino il modo di fermarci, facciamolo adesso, non continuiamo a scavare sul fondo, tra poco sbucheremo in Cina!!!
Saluti Pietro


pietro murru Commentatore in marcia al V2day 16.11.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

BASTA!!!! ma come si può stare a guardare mentre ci stanno dividendo???
devolution???,federalismo??? una cosa utile è quando si è divisi e ci si unisce, perchè è bello sentirsi uniti sotto una stessa nazione, bandiera.
ma una cosa inutile è passare da uniti a divisi.
lo detta in maniera semplice, ma è proprio così che stà succedendo.
e poi si parla di opposizione?, e io dovrei votare un opposizione che dice ( lo trovate su tutti i giornali) -tiriamo su le spalle, le brutte giornate ci sono - ma andate a (scusate la parola, di solito non ne dico)AFFANCULO!!!
io gli farei un casino nero! avrei chiesto di fermare l'italia, chi è contro questa caz.... di politica si ferma!!!
ma possibile che devo assistere alla disgregazione dell'unione e della democrazia in cui sono nato e vivo?????

MARCO COSSU 16.11.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Ma davvero non c'è proprio un modo per avere una classe politica seria che lavori al benessere del paese e non a quello privato? Io penso che i politici dovrebbero essere dei volontari controllati da un organismo popolare che monitorasse i risultati delle loro leggi.Penso questo per due motivi, il primo perchè si risparmierebbero dei soldi (i loro compensi, benefit ecc.) secondo perchè probabilmente ci sarebbe gente veramente motivata a fare politica. Ma è ovvio che questa è utopia...è al giorno d'oggi la politica non è fatta per far sognare...ma solo per fare demagogia e l'interesse di pochi.

vincenzo moschetti 16.11.05 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Per Paolo Marozzi

Sul sito della Camera dei Deputati esiste il servizio per sapere come i deputati hanno votato. Temo però tu debba conoscere il numero del procedimento di interesse. Ma non è difficile in quanto nell'area ricerca PDL ci sono quelle maggiormente richieste in cui trovi gli estremi del provvedimento oltre al testo

Gloria Monaco 16.11.05 09:56| 
 |
Rispondi al commento

... non ci dormo se prima non dico..che...
.. le prime periferie con auto bruciate..sono di Roma..... ma questo è tutto un altro prloblema...... hehe..... "TABU'"... prima di natale... ma a Pasqua..cheffamo.. ???

Maurizio Sbrogio' 16.11.05 03:25| 
 |
Rispondi al commento

... la metà dell'italia.. dirà.. "che kazzodice"...ma un altra metà.. ci.. pensa...

Maurizio Sbrogio' 16.11.05 02:46| 
 |
Rispondi al commento

... mi rivolgo a Grillo.. che ha molto saggiamente.. ospitato in questo blog.. l'on Segni...ma..ma non ci siamo ancora resi conto che..per quanto.. uno vada a votare...poi le leggi... stravolgono il volere dei cittadini...
... allora mi chiedo .. "con rammarico"...
quanto manca..che le nostre ..periferie.. si " incendino"... e non per colpa di "immigrati" di terza generazione... ma da ... INDIGENI..!

Maurizio Sbrogio' 16.11.05 02:40| 
 |
Rispondi al commento

Anche io come tanti altri sono INCAZZATO...molto INCAZZATO...ma cosa si può fare??
hanno deciso di annullare la nostra volontà e ci stanno convincendo che il referendum è uno strumento inefficace (sono anni che non ne viene validato uno per il quorum!!!)...allora l'unica strada e andare a votare contro la destra con il rischio (anticipato da Segni) di dare l'Italia in mano ad un gruppo di politici inconcludenti ed egoisti. Sono proprio confuso!!

Salvatore Massaro 15.11.05 23:55| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO DI BUSH, BERLUSCA E LA "LORO" GUERRA.
IERI IN UN TELEGIORNALE, HANNO PARLATO DI FALLUJA, BENE, HANNO CHIAMATO L'ATTACCO AMERICANO "CON ARMI NON CONVENZIONALI". STRANO.. PER ESSERE DI DISTRUZIONE DI MASSA DEVE ESSERE SOLO IRACHENO ?
GRAZIE PER L'ATTENZIONE

ANGELO GRIECO 15.11.05 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Gli azzecca garbugli che frequentano stabilmente televisioni, radio e molti giornali non potranno mai convincermi che questa legge elettorale è stata fatta per il bene del popolo sovrano ... mai!! Purtroppo però questo non fa che accrescere la mia profonda amarezza per l'arroganza e la prepotenza di quelli che ancora si nascondono dietro al "mandato popolare".

Vi lascio una breve poesia di autore ignoto (almeno a me!!!):

E' difficile fare le cose difficili,
mostrare una rosa ad un cieco,
far ascoltare musica ad un sordo,
liberare gli schiavi che si credono liberi.

Un abbraccio forte a tutti voi, "I Resistenti".

Rodolfo Ventresca 15.11.05 20:00| 
 |
Rispondi al commento

E' possibile secondo voi sapere come i nostri politici hanno votato su questioni importanti? Mi spiego, per decidere chi votare la prossima volta, vorrei sapere se il rappresentate del mio collegio ha votato la ex-cirielli, la devolution, lo sconto ici alla chiesa etc etc
Qualcuno di voi sa come fare? sarebbe un bel servizio..

Paolo Marozzi 15.11.05 19:11| 
 |
Rispondi al commento

l'economia gira se lasciano i soldi a chi li spende (CLASSE OPERAIA).

e pensi che quelli di Roma non lo sappiano???
peccato che preferiscano tenerseli loro!!!

Luigi R. 15.11.05 18:31| 
 |
Rispondi al commento

sì vabbè l'ultimo commento non erano finiti i caratteri, era l'altro ke erano finiti, ma questo non cambia le cose.

Raffaele Esposito Tammaro 15.11.05 18:17| 
 |
Rispondi al commento

per Sig. Venturello: un k o un ch non cambia quello KE penso! e se non l'hai notato erano finiti i caratteri disponibili e per scrivere tutto dovevo fare un po' di economia. E poi ignorante ci sei te.

Raffaele Esposito Tammaro 15.11.05 18:15| 
 |
Rispondi al commento

UN PO' DI STORIA (per Antonio)

non sono proprio d'accordo col tuo giudizio su Craxi, che secondo me è stato uno dei principali responsabili della crisi morale attraversata dall'Italia prima di Tangentopoli. Una crisi tanto grave che ha portato allo sfascio di due importanti partiti, corrosi dalla cancrena della corruzione fino ai massimi livelli. E come si usa dire, il marcio inzia sempre della testa.
Una corruzione, che oggi si vuole minimizzare riducendola solamente al reato di finanziamento illecito dei partiti, dicendo che la politica costa e che deve pur mantenersi e altre sciocchezze del genere. Furono dette in parlamento da Craxi. Si preferisce invece sorvolare sugli ARRICCHIMENTI PERSONALI dei vari capi e funzionari di partito.
La gente lo sapeva che i partiti rubavano ma li votava turandosi il naso. Per anni la politica fu incapace di rinnovarsi. Poi ci fu la caduta del comunismo, e Tangentopoli. Il Paese aveva perso la bussola. E venne Mario Segni col referendum contro il proporzionale che costrinse i partiti a cambiare classe dirigente, a cercare nuove forme di aggregazione e riavvicinò i cittadini alla politica dando al Paese la possibilità di reagire. Questo è stato il merito di Mario Segni e ditemi se è stato poco.

gianfranco maruccio 15.11.05 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sarebbe facile dire,facciamo la rivoluzione per uscire da questo fango,ma non possiamo. Ma perchè non facciamo ciò che possiamo con poco realizzare? Il Partito della risata.Dovunque e sempre accoglierli con una gran risata:tutti vecchi, giovani, donne e bambini.Ogni volta, appena appaiono, e per il capo anche una pernacchia,possibilmente alla De Filippo.Non mollare Paolo Boggi.

Paolo Boggi 15.11.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dichiarazione di Daniele Capezzone, segretario di Radicali Italiani

Droga, aborto, rapporto tra Stato e Chiesa, ordine pubblico, politica estera, legge finanziaria e provvedimenti economici: il cardinale Camillo Ruini non sta neanche scrivendo un manifesto elettorale, ma è già passato -superando qualunque remora, travolgendo qualunque inibizione perfino formale- all'esposizione di un programma di governo di legislatura...


A maggior ragione dinanzi a questa valanga, è proprio a difesa dei credenti e della loro libertà di coscienza che lanciamo la campagna per l'abolizione del Concordato, dell'otto per mille e di tutti i privilegi di cui godono le gerarchie del clero cattolico.


E' impegno -ormai- improcrastinabile. Ed è impegno non solo liberale e laico, ma -a questo punto- cristiano.


Rispondiamo a Ruini con le parole di Luigi Sturzo, nel Congresso di fondazione del Partito Popolare. Gli fu chiesto perché non avesse scelto il nome "cattolico", e lui rispose: "Cattolico ha a che fare con la religione, con l'universalità; qui parliamo di politica, di divisione, di una parte".

domenico de simone 15.11.05 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Diceva un vecchio: " l'uso e l'abuso del buso porta al disuso dell'uso del buso "
Penso che anche per i referendum si sia abusato del popolo ( a mio parere apposta )fino a che la gente non ci ha più creduto.
I risultati del referendum non devono dare ai parlamentari la possibilità di modificare o rifare leggi!!!

adriano carolo 15.11.05 15:46| 
 |
Rispondi al commento

sono con andrea petrelli:ad essere incazzati sono tutti quelli che conosco, ma oltre a questo stato d'animo cosa facciamo,mi si rode il fegato,ma cosa facciamo? oltre a fare il mio lavoro onestamente con coscienza cosa devo fare?
ciao ciao

concetta pizzano 15.11.05 15:40| 
 |
Rispondi al commento

caro segni, chi le parla è un socialista, un vero socialista, non di quelli pentiti, nè di quelli passati ad altra forza politica a seconda dell'offerta più conveniente o per non tirarla alla lunga "svendendosi". Sarò anacronistico, sarò un povero idealista, sarò un nostalgico, ma credo che l'idea socialista del secolo scorso, sia ancora l'unica strada da perseguire per raggiungere quell'equilibrio politico necessario per la crescita del nostro paese. Non voglio fare del revisionismo storico nè voglio riscattare la figura di colui, che a torto o a ragione, è stato a mio avviso l'unico uomo politico concreto del dopo guerra, colui che sicuramente se avesse potuto continuare nella realizzazione di quell'idea a quest'ora avrebbe reso questo Paese meno fragile di quello che è(politicamente, economicamente, e perchè no socialmente). Sicuramente CRAXI come uomo politico ebbe grosse responsabilità nella conduzione del paese, soprattutto laddove era necessario aprire il dialogo ad altre forze politiche, ma è indubbio che CRAXI statista e quindi uomo di governo, con le sue innovazioni progettuali di chiara matrice socialista, ha reso possibile la crescita dell'Italia sotto ogni punto di vista. Ora mi chiedo se è possibile affidare il paese a "politici" che vogliono esclusivamente ed egoisticamente avere un peso in quella o nell'altra coalizione, senza avere un'idea comune e unitaria per la crescita del nostro paese. Mi dispiace ma non mi sento rappresentato da nessuno di questi, proprio perchè non hanno alcuna idea nè cercano di averla.

antonio di nunzio 15.11.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

...posto che dovrebbe essere chiaro a tutti che Beppe Grillo non si candiderà mai...e fa bene...perchè non la finiamo con questi appelli per una sua candidatura?

Questo blog serve per farci analizzare i milioni di problemi che l'Italia attraversa da diversi anni, vuoi per il governo, vuoi per l'euro, vuoi per mille altri motivi.

Ci da la possibilità di conoscere cose che la maggior parte di noi non conosce o preferisce non vedere...Grillo non ha la bacchetta magica..altrimenti avrebbe già risolto i problemi....o no?????

Ho letto con piacere la lettera di Mario Segni...è vero...gli italiani si devono incazzare...ma sul serio!

E' possibile che qui ci stiano privando di tutti i nostri diritti e poteri decisionali facendoci credere il contrario?

E' possibile che ancora c'è chi crede che Berlusconi sia nel giusto??????

Qui l'unica cosa che prolifera sono i politici che tra stipendi, indennità, gettoni di presenza, bonus e quant'altro e soprattutto grazie all'IMMUNITA' PARLAMENTARE (LA LEGGE NON DOVREBBE ESSERE UGUALE PER TUTTI??), stanno rovinando e portando alla rovina la nostra terra.

CI VOGLIAMO SVEGLIARE ANZICHE' INSULTARCI TRA DI NOI IN QUESTO BLOG???????

flavia da cagliari 15.11.05 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
probabilmente ti è già stato proposto e magari ti era balenato per la testa: perchè non ci rappresenti tutti a Roma in qualità di deputato, o meglio di nostro dipendente ?...
Saresti come un fastidioso sassolino nella scarpa che non solo ficca il naso nei loro affari ma li paleserà a tutti.
Vai Beppe...
Ciao

Luigi Grossi 15.11.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

condivido le passioni dell'on. Segni, come ho visto fare da tanti altri. Esiste anche un sito suo www.mariosegni.it
diamogli appoggio

Francesco Govoni 15.11.05 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Caro Segni, l'ho sempre seguita con interesse. Ho votato per il referendum e, come tanti italiani, ho sperato che il risultato positivo costituisse una svolta epocale per il nostro paese: la seconda repubblica...
Tuttavia, credevo che si sarebbe presto provveduto a dare a questa seconda repubblica una seria legittimazione. Ero convinta che non si sarebbe andati a votare per il governo di mister sorriso o mister baffetto, ma sarebbe stata portata avanti una politica di livello ben superiore. Insomma credevo, e ci credo ancora, che servisse da subito una COSTITUENTE. Invece abbiamo creduto che tutto si risolvesse nell'atto referendario e ne è scaturita un'autolegittimazione a modifiche costituzionali da parte di gente che era stata mandata solo ad amministrare un paese. Mi creda, i nostri problemi nascono tutti da lì, ma se qualcuno mi chiedesse cosa possiamo fare ora.... mi verrebbe solo in mente: ricominciamo da Segni.
Tanti auguri.

cristina borg 15.11.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

[quote] ma da questo a voler risolvere il problema con una scopata all'estero ne corre... [/quote]
come disse Dio a Fantozzi...
Andate e moltiplicatevi... il meno possibile!!!!

Davide Dal Cin 15.11.05 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono avvicinato a questo blog da poco e sinceramente lo trovo non solo interessante, ma vero strumento di democrazia informativa e di condivisione sociale. A me Segni non piace molto, ad eccezione della questione referendaria, non ho mai capito bene da che parte sta. Ma lo scrivere qui e quindi il sapere di poter andare incontro ad inevitabili critiche fa onore al professore. E' questo che voglio sottolineare: la possibilità di potersi confrontare fra noi sui nostri problemi. Avrei molte cose da dire sul maggioratario, ma ripeterei sicuramente cose già scritte. Dico solamente che forse più del sistema elettorale è più importante la qualità degli eletti. Quando la classe dirigente politica è così mediocre purtroppo non c'è sistema elettorale che tenga. Invece vorrei ricordare a tutti noi l'importanza di strumenti come questo blog, ci possiamo trovare d'accordo o no con chi ha sritto prima di noi o scriverà dopo, l'impotrtante è svegliare le nostre e se possibile le altrui coscienze. Penso che Beppe Grillo forse ha trovato l'uovo di Colombo (o ha scoperto l'acqua calda come diciamo in Toscana) finalmente esiste un "muro" sempre più letto dove ognuno può dire ciò che pensa liberamente, non è poco. Sig. Grillo sono stato a vederla a Montecatini è a chi mi ha chiesto dopo lo spettacolo se faceva ridere ho risposto: "si, ma fa più pensare". Cosi ho acquistato il suo DVD e lo faccio vedere a più persone possibile. O lei è un grande bluff o lei come penso è un "grande" e basta. Complimenti a lei e chi scrive nel suo blog. Mi viene in mente Voltaire: "Detesto ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo".

daniele marzi 14.11.05 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Sono molto molto incazzato, quando ci fu il referendum per il maggioritario io ero per il proporzionale, ma un referendum POPOLARE ha decretato che il maggioritario era il sistema da usare. Ho grande rispetto per quello che esce dalle urne, e anche in questa occasione, mio malgrado ne ebbi.
Quello che non ho capito , che è poi quello che mi fa veramente incazzare, è il perché ci è voluto un referendum per passare al maggioritario e un colpo di spugna per tornare al proporzionale, e questi sono uomini di stato ? Uomini istituzionali ? Uomini che rispettano la volontà popolare ?
Sono incazzato indignato e mi vergogno di appartenere a questa Italia .

Roberto

Roberto Zuccari 14.11.05 22:38| 
 |
Rispondi al commento

a.... Mario , nu hai perso la lotteria ..ma la faccia da culo tu e tutti i quei pezzi di merda .... (sinistra e destra )che stanno in parlamento .Da retta a me cocco bello... pia er ramo d'edera più lungo che c'hai legatelo ar collo e imppicatece ( cosi tanto pe fa nacosa nova) avete rotto i coglioni... brodaglia della prima seconda terza ecc. repubbbblica de merda

enio nanio 14.11.05 22:27| 
 |
Rispondi al commento

Il sistema maggioritario maschera in modo subdolo i poteri economici, il proporzionale non crea una grande coesione di governo (troppi partiti, tante parole). Ho un'idea geniale caro Segni mandiamo al Governo una casalinga che fà salti mortali per soppravvire con 1000€ al mese...sono convinta che azzerando gli sprechi di gestione e premiando non le intese economiche, ma chi lotta e crede nell'economia come mezzo di distribuzione di privilegi... beh tempo un anno l'Italia diventerebbe una Nazione degna di rispetto.

Carla Spagnuolo 14.11.05 22:11| 
 |
Rispondi al commento

e invece caro mario ti sbagli perche quando martinazzoli ti disse di abbozzarla con questi referendum e di rientrare tranquillo nel partito (che a quei tempi si chiamava ancora "democrazia cristiana"), te, come garibaldi, ubbidisti.... se invece lo mandavi a cagare e mettevi su un partito per conto tuo, allora le avresti stavinte le elezioni.
Se ti ricordi, non c'era ne dipietro ne berlusconi e da quell'altra parte c'era il partito comunista italiano!!!
comunque oramai è andata così, ma mi girano ancora le palle se penso a come sarebbe potuta andare...

salutoni mario

alberto rossi Commentatore in marcia al V2day 14.11.05 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Mario Segni, ho condiviso le tue battaglie referendarie pur avendo sempre combattuto la D.C. Il problema, io credo, non è che Mario Segni abbia perso il biglietto della lotteria: è l'Italia che non ha mai vinto! Ha perso il biglietto della lotteria anche Antonio Di Pietro, forse il giudice più popolare quando ammanettava i corrotti della 1° Repubblica. Io penso che incazzarsi non basti più! Incazzarsi va bene, è un fatto emotivo, ma in politica occorre ragionare. E - come diceva un vecchio politico - in politica bisogna fissarsi una scadenza alla volta. La prima scadenza, io penso, è quella di mandare a casa Berlusconi. Altrimenti tutto è perduto! E' vero: con Prodi ci saranno mille problemi da affrontare, ma non si chiude con la democrazia. Non sarà poi facile rimediare ai guasti morali e ed economici di Berlusconi; non sarà facile modificare una legge elettorale che fa comodo alle segreterie dei partiti e che sottrae ai cittadini la libera scelta del deputato o senatore che dovrà rappresentarlo. Altro che società civile! veramente, se le cose stanno così, è meglio chiudere il Parlamento! Non sarà facile affossare la devolution e salvare l'Unità Nazionale! Combattiamo, dunque, quest'ultima battaglia decisiva per quel po' di democrazia che viene concessa a noi comuni mortali!

Lauro Gargiulo 14.11.05 20:00| 
 |
Rispondi al commento

egregio professore, la sua lettera è come un sasso in piccionaia. ha creato e crea un po' di subbuglio. evidentemente la gente ha voglia di esprimersi anche se taluno ritiene che non sia il blog l'area idonea. ma ogni occasione è buona. nel merito, ritengo legittima e doverosa quella che chiama incazzatura. non è da adesso che ribolle. ma perchè produca frutti deve scorrere nei canali giusti. siamo già in campagna elettorale ed attendiamo con pazienza l'occasione di esprimere nelle forme che sole contano il nostro parere sull'operato di questa classe dirigente che non per caso ma mi auguro temporaneamente governa il Paese. il voto che è incisivo ed efficace. in questa prospettiva chi può e ne ha voglia deve impegnarsi per modificare radicalmente la qualità della rappresentanza politica nelle istituzioni. il cittadino altre armi non ha se non il voto e l'impegno politico. è un'esortazione a me stesso prima che agli altri.
con i più cordiali saluti
salvatore bazzoni

salvatore bazzoni 14.11.05 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Caro Deperu.... si vede che non hai seguito affatto il poco o molto che Mario Segni ha provato a fare nel corso della legislatura pur non essendo in Parlamento:
1) Rogatorie internazionali, falso in bilancio: fu costituito un comitato trasversale per la presentazione di un referendum abrogativo.
Furono acquistate pagine di quotidiani per denunciare lo scandalo

2) Conflitto di interessi leggi sopra.... e l'elenco continua.

Peccato che a parole si sia in tanti a dirsi indignati, a inc....i a dire di voler cambiare l'Italia. Poi nei fatti io tanti di quelli che qui chiacchierano di cosa fare per il bene del Paese in piazza assieme a noi (o anche da soli visto che stiamo antipatici!) non li ho MAI e sottolineo MAI visti. E' facile prendersela con l'unico politico che si presta al confronto, che si mette in discussione cercando il dialogo, ben più difficile è invece trovare gente che sia disposta a metterci la faccia proprio come fa Mario Segni. Intendiamoci io ritengo (forse sono un'idealista troppo dura e pura per questo mondo!) che il Prof. Segni non sia l'unico. Mi piacerebbe però trovarne di compagni di strada con i quali condividere battaglie e cercare di fare politica nell'interesse sei tanti e non a fini personali. Ma purtroppo anche chi tuona contro la lobby degli affari sceglie di adeguarsi ed alcuni dei post purtroppo mi fanno pensare (rischierò la censura!) che di coraggio in giro ce ne sia ben poco. I sit in davanti a Montecitorio, come molte altre manifestazioni fatte contro il conflitto di interessi, il falso in bilancio, mi dimostrano che di attnzione per la politica in realtà ve ne sia ben poca. Non mi arrendo certo. Io vado avanti! E mi auguro di cuore che presto saremo in tanti, come gli amici dei meet up nazionali, di alcuni cittadini che qui leggo, uniti ed insieme perchè le cose cambino! Ed intanto anzichè chiacchiere firmiamo numerosi le petizioni a Ciampi contro la legge truffa (www.mario segni.it - www.pattoveneto.it)

Gloria Monaco

gloria monaco 14.11.05 19:38| 
 |
Rispondi al commento

sull'argomento di oggi riporto il testo inviato al Presidente della Repubblica:

carissimo Presidente Ciampi,
voglia prendere atto del commento postato nel blog di Beppe Grillo di ieri (8.11.05).
Grazie per quanto potrà fare e cordiali saluti,
pietro casula, cittadino Italiano, 9.11.05

Il tema è:
come non farsi scippare il maggioritario,
come impedire che per la reiterazione di reati minori si possano punire i poveracci(riempiendo le carceri)e impedire la prescrizione dei giudizi sui ricchi falsificatori di bilanci, bancarottieri, ecc...

Il Presidente della Repubblica ha ripetutamente esortato il governo affinchè s'interessasse dei problemi "veri",
ciò vuol dire che pensa che
la salvaricchicorruttorieammazzapoveracci,
la controriforma elettorale,
la revisione della par conditio,
la devolution, ecc... non risolvono alcun problema "vero", ossia che i poveri continuano a diventare sempre più numerosi e più poveri, che l'industria continua ad essere sempre meno competitiva, ecc...

Ciampi potrebbe salvare il salvabile dimettendosi nei modi e nei tempi che ritenesse più appropriati per evitare il perfezionamento di leggi che non risolvono problemi "veri".

Ed è esattamente ciò che teme il capo del governo.

Altro che Ciampi senza poteri!!! e non farebbe altro che anticipare di qualche mese la naturale scadenza del mandato.

Postato da: pietro casula il 08.11.05 19:45, oggi riconfermato.

pietro casula 14.11.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

l'economia gira se lasciano i soldi a chi li spende (CLASSE OPERAIA).

MASSIMO PIASENTIER 14.11.05 19:14| 
 |
Rispondi al commento

[quote]cari italiani, puzzate!!!
potete inventarvi qualunque forma di governo, ma finche' sara' messo nelle vostre mani, riuscirete comunque ad insozzarlo...
emigrate, mischiate il vostro sangue infetto con popoli piu' puliti, finche' del vostro odore non rimarra' piu' traccia...[/quote]

qualcuno diceva che governare gli italiani non era impossinile, era inutile.... e quanto aveva ragione!!!!
ma da questo a voler risolvere il problema con una scopata all'estero ne corre...
vedi cosa succede in Francia, anche li non sono messi meglio!!!!
e anche per quanto riguarda la TAV vai a vedere le proteste del versante francese.......

Luig R. 14.11.05 18:44| 
 |
Rispondi al commento

caro Mariotto,
adesso ti lamenti del comportamento vergognoso dell'unico governo che è arrivato fino in fondo in tutta la storia d'Italia.
e ti incazzi solo quando viene ferita (a morte) la tua creatura tanto amata...ma dov'eri quando sono state abbattute le normali regole del diritto, quando è stata incaprettata l'informazione, quando l'uomo capace di arrivare fino in fondo è passato dal 25° al 12° posto tra gli uomini più ricchi del mondo, casualmente proprio durante questo favoloso quinquennio?
dove ti sei nascosto quando la politica estera veniva discussa nella villa (abusiva) al mare (di Sardegna) del nostro (più tuo che mio) presidentissimo in barba a tutte le regole della politica internazionale?
in cosa eri affaccendato mentre si dava una spallata ad un reatucolo come il falso in bilancio e si decideva di transeare su truffa, concussione e corruzione?
non credo tu abbia perso il biglietto della lotteria, penso invece che tu abbia scambiato un gratta e vinci scaduto per un jackpot del superenalotto....

gustavo deperu 14.11.05 18:30| 
 |
Rispondi al commento

caro Mariotto,
adesso ti lamenti del comportamento vergognoso dell'unico governo che è arrivato fino in fondo in tutta la storia d'Italia.
e ti incazzi solo quando viene ferita (a morte) la tua creatura tanto amata...ma dov'eri quando sono state abbattute le normali regole del diritto, quando è stata incaprettata l'informazione, quando l'uomo capace di arrivare fino in fondo è passato dal 25° al 12° posto tra gli uomini più ricchi del mondo, casualmente proprio durante questo favoloso quinquennio?
dove ti sei nascosto quando la politica estera veniva discussa nella villa (abusiva) al mare (di Sardegna) del nostro (più tuo che mio) presidentissimo in barba a tutte le regole della politica internazionale?
in cosa eri affaccendato mentre si dava una spallata ad un reatucolo come il falso in bilancio e si decideva di transeare su truffa, concussione e corruzione?
non credo tu abbia perso il biglietto della lotteria, penso invece che tu abbia scambiato un gratta e vinci scaduto per un jackpot del superenalotto....

gustavo deperu 14.11.05 18:29| 
 |
Rispondi al commento

ti incazzi, ti indigni e poi?
non vai a votare? tanto i voti li fanno saltare fuori ugualmente, basta ad esempio far votere i morti o cambiare le schede(l'hanno fatto anche di recente). il "loro" è un sistema che si alimenta da solo, non serviamo + noi elettori, c'è sempre uno stronzo con un programma e un coglione che promette il contrario, tanto poi "loro" staranno sempre sulle loro belle poltrone a non fare un cazzo se non intascarsi un po' di soldi. noi possiamo scegliere tra uno e l'altro ma alla fine avremo sempre un coglione o uno stronzo. "DIVIDE ET IMPERA" lo sapevano già i romani + di 2000 anni fa. mandiamoli tutti affanculo, è l'unica cosa che possiamo fare. ciao a tutti.

alberto alberti 14.11.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Segni hai rotto. Tutto ciò che è rompibile. Mi meraviglio di te Grillo.
Se non hai niente di nuovo da scrivere, il silenzio è d'oro ;) ma ricorrere a Variotto Segni...

andrea daravenna 14.11.05 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Capisco Segni.
Ma non capisco perchè questi personaggi-chiave (se ancora lo sono) non si fanno un blog a prova di dialogo piuttosto che inviare una mail a Grillo che poi pubblica.

Insomma, se Segni apre un bel Blog interessante saremo i primi a farlo conoscere in giro no? E potrà dirci tante cosette interessanti...penso.

Invece che si fa? Si manda la mail a Grillo che la pubblica.
Ormai per acquistare la nostra fiducia bisogna essere disposti a prendere le torte in faccia.

Beppe è disposto, altri... mi spiace... no !

Per la questione "incazzatura", io propongo (in ritardo) di comprare pagine di giornale e scrivere quanto incazzati siamo (qualcuno qui l'ha già proposto).

Bisogna avere più soldi dell'altra volta però..mi sa....

ciao

Fabio Ranghiero 14.11.05 17:42| 
 |
Rispondi al commento

E se alle prossime elezioni tutti noi - ma dico proprio TUTTI NOI CHE CI INCONTRIAMO SUL BLOG DI BEPPE... e siamo veramente tanti - annullassimo le schede per il voto? Pensate che qualcuno noterà la nostra intenzione di far valere i nostri diritti? Pensate che serva a qualcosa?... Vi prego, ho bisogno di sapere che si possa fare qualcosa per bloccarli, per poter far valere i nostri diritti.
Avete qualche idea da proporre?
Qualche nostro dipendente ha idea di cosa fare?

Renata Caramelli 14.11.05 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Mario Segni, dimostra che sei una persona seria. VAI A LAVORARE e rinuncia alla pensione da deputato. Poi forse avrai il diritto di parlare su un forum di gente che la pagnotta se la guadagna. Grillo, per favore, risparmiaci questi ipocriti.

Vincenzo Assolutissimamente 14.11.05 17:23| 
 |
Rispondi al commento

AVVISO AI NAVIGANTI!!!!!!!! proibito perdersi stasera alle ore 21,15 su rainews24 il programma di Diaco. Disquisirà di ANTIMAFIA il governatore UDC della Sicilia Totò “vasa-vasa” Cuffaro. Informiamo quante più persone possibile dell’ evento, grazie!!!

antonio rappa 14.11.05 17:21| 
 |
Rispondi al commento

Mario Segni non mi ha mai convinto. Ne inventa tante (ormai erano anni che non ci accorgevamo della sua presenza) ma non incontra mai il consenso della gente.

Carlo Zaccaria 14.11.05 17:20| 
 |
Rispondi al commento

La cosa più grave di tutto è che qualcuno ha detto che va a correggere una legge non completa e che al referendum dell'1999 gli italiani hanno votato no perchè non si è raggiunto il quorum!
La verità è che questa è una legge che fa piacere a tutti: sia alla maggioranza che all'opposizione e che chi ci va a perdere in tutto questo non sono i partiti che possono decidere chi mandare al Parlamento, ma i cittadini che hanno perso uno strumento democratico.

Pierluca Pierro 14.11.05 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera “blob”, raitre ore 20, è stato quasi interamente dedicato alle forbite, democratiche e cattolicissime esternazioni del parlamentare europeo leghista Borghezio. In una carrellata di vergognosi filmati lo si è visto e sentito inneggiare e glorificare il razzismo, Bossi, la superiorità della razza bianca e della chiesa cattolica, Calderoli, la secessione dall’ Italia del nord “celtico e padano” e numerose altre amenità. Per tutto il resto dell’ umanità solo insulti, fango, carcere ,deportazioni e calci (o peggio) nel culo.Come mai nessun giudice “comunista” è intervenuto contro questa chilometrica sequenza di reati? E cosa c’è andato a fare , credo proprio ieri, il ministro degli esteri ex-fascista Fini a casa del leader politico e carismatico (leggi Bossi) di cotanto democratico e liberale individuo? Chissà che belle chiaccherate e quante nostalgie davanti a quei fumanti caffè e quello schioppettante camino…

antonio rappa 14.11.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

C'E' UN TEMPO PER OGNI COSA

C'è un tempo per le parole ed uno per l'azione.
Questo governo liberticida non sarà fermato dai nostri commenti o dalle nostre e-mail che ben pochi leggono. Occorre scendere nelle piazze e compostamente urlare: siamo incazzati neri e tutto questo non lo sopportiamo più.
Se i politici dell'opposizione fossero meno femminucce pavide avrebbero già organizzato la protesta. Questo governo di mascalzoni ha paura, è già morto, alle prime contestazioni si squaglia.

gianfranco maruccio 14.11.05 17:05| 
 |
Rispondi al commento

basta nani,basta! e di nani in parlamento ce ne sono troppi e da tutte le parti.Italiani è ora di cambiare veramente e non nascondersi dietro le solite frasi fatte che tanto peggio tanto meglio e io speriamo che me la cavo.Beppe perche non pensi seriamente a fondare un movimento che sia rappresentato in parlamento,con quelle quattro persone serie rimaste in Italia?

Della Libera Giuseppe 14.11.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto gran parte dei commenti e quasi tutti quelli che scrivono si autodefiniscono "GIA' INCAZZATI" e snocciolano il solito commento più o meno condivisibile. Beh, io vi dico che incazzati non lo siamo per nulla, al massimo consapevoli che questo stato di cose ci porterà un futuro nefasto, ma non certo incazzati finchè stiamo a scrivere davanti ad un pc. Quando la nostra economia precipiterà (è solo questione di tempo) ed il problema diventerà davvero mettere insieme il pranzo con la cena per la maggioranza della popolazione, allora e solo allora ci incazzeremo sul serio e scenderemo a protestare con tutta la violenza che può generare la disperazione. Guardate la Francia e capirete cosa intendo... quel futuro purtroppo è molto più vicino di quanto possiamo immaginare...

Ciao a tutti

Simone Ferri 14.11.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento

io quando vedo Segni mi sento male.
ovviamente continuo a non sopportare Andreotti.
Ma come si fa ancora a magnificare il sistema elettorale maggioritario ?
io non ho alcuna voglia di sentirmi un pò di più inglese o americano.
mi sembra che quei sistemi politici siano alla frutta quanto a capacità di rappresentare le istanze popolari anche più di quello italiano.

non sento il bisogno di un governo forte, che poi in Italia significa sempre"forte con i deboli, debole con i forti".

grazie al maggioritario abbiamo avuto in regalo lo strapotere di Berlusconi, una sinistra-destra alla D'alema, i democristiani saldamente insediati in tutti gli schieramenti.

e mentre nella prima repubblica, nonostante il consociativismo, era possibile discernere le differenze programmatiche da anni in Italia vige il "programma unico" neoliberista.

sono contro berlusconi, ma Mario Segni non lo reggo.

maurizio acerbo 14.11.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento

come si farà a respirare un pò di aria non malsana quando ormai tutto procede secondo regole che non rispecchiano la natura umana.
stiamo percorrendo strade contro-natura,i sessi si incontrano solo per fottere e di questo che stiamo pagando il ticket........ciao beppe non sò se mai potrò incontrarti ma procedi realmente con questa luce che ti differenzia dal brulicare di esserini pronti solo ad obbedire....non hanno niente da dire!

dario fisicaro 14.11.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Da un'interrogatorio:
Generale Maletti, nel ‘72 l'onorevole Andreotti promulga quella famosa legge, chiamata proprio Valpreda, per consentire a quello che era allora il maggior imputato della strage di piazza Fontana di lasciare il carcere per decorrenza dei termini di carcerazione preventiva.....

Questo personaggio non ha il minimo pudore! E' brutto, malformato, vecchio, antipatico, mafioso, sfruttatore, rovinaitalia e gli fanno pure fare pubblicità! Viva l'italia!
Al Sig. Segni suggerisco di dedicarsi ai nipoti, veda se almeno quello le riesce bene.

mario rossi 14.11.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

PARTE II

Da www.centomovimenti.com :
"L'Italia dei Valori si è fatta promotrice, insieme al suo Gruppo Giovani e alla Associazione Libera, di una grande iniziativa: un sit-in di protesta davanti a Montecitorio, domani martedì 15 novembre dalle ore 10, per denunciare con forza il tentativo di sterilizzare la legge di confisca dei beni mafiosi - ha commentato il presidente del partito, Antonio Di Pietro - la legge Rognoni-La Torre, che sarà discussa domani in Parlamento e che consente da oltre vent’anni di aggredire le ricchezze delle mafie che affliggono il nostro Paese, è in pericolo. Rischia, infatti, di essere approvata domani dal Parlamento un disegno di legge che, tra i molti aspetti discutibili, prevede la possibilità di revisione, senza limiti di tempo e su richiesta di chiunque sia titolare di un interesse giuridicamente riconosciuto, dei provvedimenti definitivi di confisca. Se tale disegno di legge dovesse essere approvato si getterà alle ortiche in un colpo solo il lavoro di quanti, forze dell’ordine, magistratura, associazioni e cooperative sociali, sono impegnati nella difficile opera di individuazione e riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie. Nessun bene confiscato alla mafia avrà un futuro certo, finirebbe in un limbo di assoluta incertezza. Per questo, domani protesteremo davanti a Montecitorio, affinché la legge Rognoni-La Torre non venga toccata".

R.D. 14.11.05 15:24| 
 |
Rispondi al commento

PARTE I

Da www.centomovimenti.com :
Domani verrà discussa alla Camera un proposta di legge delega al Governo riguardante le disposizioni sulla confisca dei beni appartenenti ad organizzazioni criminali. Secondo i Giovani dell'Italia dei Valori tale proposta, che avrà come relatore l’On. Nicclò Ghedini, rappresenta un passo indietro nella lotta alla criminalità organizzata, poiché introduce, tra le altre cose, il principio secondo il quale nessuna confisca sarà mai definitiva. Per questo e per altri aspetti della proposta di legge i Giovani di Italia dei Valori hanno scelto di aderire all’appello di "Libera" in difesa dell’attuale normativa e hanno indetto una manifestazione per domani, martedì 15 novembre, alle ore 10, in Piazza Montecitorio, a Roma. Saranno presenti, oltre agli attivisti dei Giovani dell'Italia dei Valori, rappresentanti di associazioni e movimenti giovanili dei partiti dell’Unione.

R. D. 14.11.05 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Forse Mario Segni è senza dubbio anche una brava persona, ma credo che nella sua vita politica abbia commesso diversi errori ma non certo quello dei referendum da lui ricordati dove un gran numero di italiani andò a votare schierandosi con una grande maggioranza sul maggioriotario.
Ma soprattutto concordo con lui che questa nostra italietta non si scandalizza ormai più di niente ci possono fare di tutto che non ci incazziamo più.
Sicuramente c'è bisogno di qualcuno che tiri le fila quindi va bene anche questo purchè si arrivi a qualcosa di concreto.

Massimo Santini 14.11.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

cari italiani, puzzate!!!
potete inventarvi qualunque forma di governo, ma finche' sara' messo nelle vostre mani, riuscirete comunque ad insozzarlo...
emigrate, mischiate il vostro sangue infetto con popoli piu' puliti, finche' del vostro odore non rimarra' piu' traccia...

Davide Dal Cin 14.11.05 14:57| 
 |
Rispondi al commento

>Invito gli amici del MeetUp di Milano a dare una mano.

Beppe ieri abbiamo manifestato, portando avanti le tue idee che sono anche le nostre,.. C'è stato anche Dario Fo.

Per ulteriori info: Meetup di Milano
http://beppegrillo.meetup.com/1/boards/

Rosario Pisanò
organizer di Milano

Rosario Pisanò 14.11.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento

per cortesia!!!!!

molte idee, ma ben confuse, sono peggio di una ma ben messa!!
la lotteria è solo Culo! le elezioni sono il risultato di 50% +1 menti che fanno lo Stato, nel bene e nel male. Attento a che dice!! Lei è un'uomo dello Stato! Non delle lotterie ( di stato).

Oggi tutti noi diciamo che il Berlusca è male, come una moglie che dopo 4 anni ha rotto coglioni, ma ai tempi...tutti in amore eravamo!

Ma non mi dica!!
Grazie per avermi detto cose che si sanno bene. I voltagabbana dalla destra alla sinistra, sono i futuri franchi tiratori del governo Prodi!!
Il Fini che si presenterà da solo?? lo sapeva egregio Segni?

comunque , ci sono uomini che esaltano le folle solo muovendo un dito, uomini che trascinano eserciti con idee bislacche, io ad oggi vedo degli uomini che se facessero il fruttarolo , il ferramenta, o il panettiere,....direbbero e penserebbero allo stesso modo.

mi dispiace,Lei sarà anche una brava persona,
ma che voce è una voce che vicino alle elezioni và nel Blog di un Genovese a chieder voti??

filippo dato 14.11.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

caro Segni.

la sua risposta mi fa venire in mente quel bel brano di De Andrè, Don Raffaè, a proposito della camorra: "..e lo stato s'indigna s'impegna, poi getta la spugna con gran dignità.."

da lei mi aspettavo una soluzione più..articolata dell'"incazzatevi di brutto".
anche la casalinga di Voghera avrebbe potuto rispondere allo stesso modo.
siamo già incazzati di brutto ma non possediamo che il nostro voto, che usiamo come stupidi ultras di una squadra di calcio ed il nostro lavoro (ed ancora per poco).

aldo 14.11.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento

PARLAMENTO PULITO
CHE FINE HA FATTO???
NESSUNO PUBBLICA??

PAOLO BRIZZI 14.11.05 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Un politico, che per dire la sua opinione, scrive al blog di un comico.....
MAH!! siamo proprio messi bene

Agostino Pallini 14.11.05 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Non vedo veri segni di protesta per questa legge elettorale modificata e per tutto quello che ha fatto il governo in questa legislatura.
Ancora prima che per la legge elettorale che va a diminuire la democrazia di questo paese, la maggioranza degli italiani si dovrebbe seriamente far sentire per gli stipendi troppo bassi che prendono e che li fa vivere sulla soglia della povertà!
Ma gli italiani si sa, è un popolo che si abitua a tutto e che si arrangia mentre subìsce le ingiustizie di chi lo governa!

Claudia Spiombi Commentatore in marcia al V2day 14.11.05 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Se lei invia lettere al blog è segno evidente che l'hanno lasciata senza un posto. Non mi sembra Lei si sia ribellato al sistema tangentizio quando il posto c'è l'aveva. Purtroppo Lei è uguale agli altri che adesso le negano il posto. Voi Vi siete arrogati il diritto di andare in pensione dopo una legislatura. Sfrutti questa opportunità! Distinti Saluti. MR

mario rossi 14.11.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

one solution: revolution

roberto pruzzo 14.11.05 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Io sono indignata e incazzata e in questo stato, dipendente Segni, ci rimango. Non mi ha detto niente di nuovo. Faccia qualcosa lei che può. Incominci a raccogliere firme..o facciamolo nei gruppi meetup! Non si era detto di arrivare a 500.000 firme??? Il tempo sta per scadere, che fare?

Carlita 14.11.05 13:28| 
 |
Rispondi al commento

INTANTO HO TAGLIATO TELEFONO E ASSICURAZIONE....

A modo mio sto cercando di sfogare l'incazzatura! Ho tagliato Telecom per far posto ad una linea solo dati per una ADSL da usare con Skype. ( 30 euro al mese ). Giusto l'altro ieri ho disdetto una polizza Rca di una compagnia del Tronchetto dell'infelicità, inizia in R finisce i S, a favore di una On-Line, per un risparmio annuo di 100 euro circa. La prossima settimana andrò in banca a chiedere un prestito per mettere un impianto a pannelli fotovoltaici... e quindi anche Enel andrà a farsi benedire... rimane la Rai!!!

Simone Maccanti 14.11.05 13:21| 
 |
Rispondi al commento

@Andrea Gardini

Per quanto il fascismo sia stato illiberale, liberticida, dittatoriale e decisamente repellente, questo governo è molto peggio, e non può essere accostato al fascismo solo perché si è reso complice di un genocidio.
Il fascismo era contro l'oligarchia dei nobili, a favore delle riforme sociali (considera che la situazione era peggiore di parecchio a livello sociale) e decisamente contro la mafia.
Questo governo è decisamente peggiore, perché accosta l'illegalità con il garantismo, la militanza politica con il militarismo, "combattere a colpi di giustizia" con il giustizialismo. Hanno distrutto la lingua Italiana a colpi di slogan, questa non è più propaganda è un insulto alla cultura e la lingua Italiana.

Daniele Cruciani 14.11.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento

BASTAAAA!!!!! Destra e sinistra, sinistra e destra..... Non dobbiamo più guardare i colori, ma i dipendenti che vogliamo stipendiare, guardiamoli bene in faccia e non facciamoci prendere per il c..o solo perchè sono della nostra stessa area politica.
Saluti Pietro

pietro murru Commentatore in marcia al V2day 14.11.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

è vero, il ritorno a un sistema misto proporzionale è un'atrocità e la maggioranza lo vuole fare solo per avere più possibilità alle prossime elezioni ed eventualmente rendere ingovernabile il governo del centrosinistra, ma forse tutto questo non esisterebbe se esistesse un vero centrosinistra, qual'è il programma, anche non ufficiale, sulle politiche economiche, sulla famiglia, sull'iraq che prodi porterebbe avanti, e che sarebbe in grado di perseguire viste le alleanze-false friends?chi rappresenta prodi?é solo un pass par tout per l'elettorato di centro?fassino non sarebbe un leader migliore?forse l'italiano alla fin fine è ancora legato al centro (pigro moralista, e in chiesa ormai neanche ci vai)..qui c'è un problema psicologico di azione reazione al mondo che ci circonda, l'italiano non parla mai di politica in modo sereno e tecnico, c'è sempre qualche elemento che viene dallo stomaco che distorge anche le buone intenzioni...o forse è solo ignoranza?

come dice crozza : "el pueblo quiere un leader forte i apasionado"...AAA cercasi
oltre al disfattismo..speriamo ben

alberto beltrame 14.11.05 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Sono angosciato e disperato. Cosa si può fare? Mi hanno insegnato che c'è una costituzione che non può essere ignorata. Questo governo lo ha fatto continuamente. Ho votato al referendum sul maggioritario. Ho votato sì e così ha fatto la maggior parte degli Italiano che quel giorno non sono andati al mare. Era meglio non votare? facciamo un'altro referendum? su cosa?
Non avevo l'età per partecipare al referendum sull'energia atomica. Avrei votato no allo smantellamento/conversione delle centrali atomiche, ma rispetto la decisione della maggioranza ... ma perché devo rispettarla? domani costruisco una centrale atomica nel giardino, poi la condono.
Ma poi perché non posso spacciare crack (reciclare denaro della mafia), è un lavoro come un'altro (appaltare cantieri edili, trasmettere telenovele), non faccio del male a nessuno (a parte gli sfigati che muoiono come Falcone e Borsellino) ... del resto l'importante è il bene del Paese, Italia, non Iraq.
MA CHE SCHIFO DI GENTE "PULITA"!

Daniele Cruciani 14.11.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Affinché le cose cambino bisogna innanzitutto cominciare a cambiare le nostre azioni. Se noi continuiamo a parlare e a confrontarci con tutti quelli con cui abbiam l'opportunità di farlo, stiamo già decidendo di cambiare quest'Italia e di metterci d'accordo su cosa è peggio, leggermente meno peggio e (finalmente)la cosa buona e giusta da fare. Dobbiamo allargare le nostre conoscenze e dobbiamo smettere di pensare per colori, dobbiamo capire che bisogna governare per vivere felici, altrimenti nulla ha più senso. Se Mastella ha più voti di Di Pietro, le cose sono tre: 1)ha più parenti di Di Pietro 2)le persone si allineano sulla sua stessa frequenza celebrale 3)le persone vanno alle urne non sapendo cosa votare e scarabocchiano a caso la scheda.
Noi per le mani abbiamo un potente mezzo con il quale possiamo realmente cambiare l'Italia e il mondo. Se non sapete chi votare, guardate le facce nei manifesti elettorali e andate "a pelle", scegliete il meno squallido...questa è già una vittoria parziale, piano piano arriveremo a quella totale. La pazienza è la virtù dei forti.

Shayen 14.11.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Mario Segni ha ragione.
Alle prossime elezioni , aappena dopo il brindisi, Mastella e Bertinotti inizieranno a rompere i coglioni.
E alla fine vedremo ritornare alla mente tutti i motivi che ci indussero, nel 2001, a sperare che il centrosinistra perdesse le elezioni....

P.S. Mario Segni, sei una persona seria, fatti sentire di più, collabora con le anime perbene della coalizione di centrosinistra...

roberto bracco 14.11.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Si! è vero, non c'è niente da fare, se al governo ci sono dei malfattori, l'opposizione non esiste, la situazione è difficile, forse dobbiamo fare un passo indietro per poter tornare a farne qualcuno avanti. ....noi non l'abbiamo fatta, forse è ora, io riesco solo a vedere un via d'uscita: ---RIVOLUZIONE!!!--- Io ci sono!

P.S. A tutte le famiglie che stentono, che tutti i giorni devono combattere per tirare avanti, voglio dire: CORAGGIO!!

Romi 14.11.05 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Ecco la mia proposta per tutti i politici che si presenteranno alle prossime elezioni:

DENUNCIATE CON FORZA IL FASCISMO STRISCIANTE IN QUESTO PAESE.
SIATE AUDACI E FORTI.
NON SONO LE RIFORME CHE CAMBIERANNO QUESTO PAESE!
SI TRATTA DI DIFENDERE QUESTO PAESE DA UN RIGURGITO DI ILLIBERALITA', DI RAZZISMO IGNORANTE, DI FOLLIA COLLETTIVA.
DATECI UN SEGNALE CHE UNO, SOLO UNO ESISTE E CHE VUOLE ALZARE LA VOCE.
VUOLE SBATTERE LA SUOLA DELLA SUA SCARPA SUI BANCHI DEL PARLAMENTO.
UNO
UNO SOLO!

Andrea Gardini 14.11.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

@Gabriella Trabattoni

sono in parte in accordo con te.
Segni dia un segnale. Lotti con noi per portare alla luce quello che sono vergogne quali i lagher nazisti.
- fosforo sulle popolazioni civili (sono crimini di guerra)
- campi di prigionia disumani;
- finanziamenti alla Libia per deportare e uccidere i clandestini.

Se ad ogni intervento televisivo di Segni verrà denunciato QUELLO CHE STA SUCCEDENDO E DI CUI ANCH'IO MI SENTO RESPONSABILE, allora LO PROMETTO:

GLI DARO' IL MIO VOTO!

Siamo difronte ad un nuovo Nazismo che si nasconde dietro la mediocrità delle persone.

ps: lo sapete perchè vi prendono le impronte digitali per la carta d'identità elettronica nuova?
Un consiglio se protestate fatelo con i guanti!

Andrea Gardini 14.11.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, l'intrusione ma senza andare troppo lontano...
vogliamo pensare alla famosa riduzione delle tasse introdotta da questo Governo...

Il meccanismo di riduzione dipende da un aliquota da applicare ai vari livelli di reddito. Fin qui tutto ok!

Ma invece di funzionare a favore del popolo tale aliquota va a far risparmiare proprio i più benestanti!

Cioè mi spiego meglio:

Se si possiede un reddito basso l'aliquota è 0 per cui non si risparmia nulla... man mano che cresce il reddito aumenta il risparmio!
I ricchi risparmiano - la gente "normale" si appende alla "sbarra"!!!!!!!

La cosa triste è che il nanetto dirà che ha rispettato i punti del famoso contratto con gli Italiani!

E purtroppo ci sarà tanta gente che di queste cose non si informa che crederà che è vero che ha rispettato i punti del contratto non pensando minimamente che ogni singolo punto che il nanentto ha trattato lo ha sviluppato tutto a favore della sua stretta cerchia!

Abbiamo fatto un clamoroso passo indietro dove si è aperta la forbice tra "classe agiata" e il resto del popolo.
Sono diminuite le famiglie a reddito medio!
O meglio il reddito medio ormai non basta più!

Antonio Fagone 14.11.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto un pò di commenti, belli ed incazzati, troppo. E' vero ormai ci cadono le braccia, ci tocca sentire di tutto, il nostro problema è quello di riuscire a lasciare la rabbia fuori dalla porta per poter cominciare ad eccettare con serenità i pareri di tutti. L'On. Segni è da tanti anni in politica ed ha il diritto di dire quello che vuole sta a noi capire se c'è sincerità nella sua esternazione.
Ragazzi la rabbia porta alla chiusura, dobbiamo trovare un modo diverso per reagire.......pensiamoci.

Gabriella Trabattoni 14.11.05 11:53| 
 |
Rispondi al commento

PROPOSTA : BOICOTTIAMO LE ELEZIONI DEL 2006!!!

Basta segliere tra il peggio ed il meno peggio!!!
(Si potrebbe anche fare un spot ;) )

Più o meno, come detto da Beppe nel suo dvd, siamo in 50000 che visitano giornalmente questo blog.
Se ognuno di noi conosce in media 20 persone che a loro volta conoscono altre 20 persone,il calcolo è presto fatto.......

Forza e CORAGGIO!!!!!

Enrico D. 14.11.05 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Maggioritario o Proporzionale non sono questi i mali che affliggono l'Italia, alla fine sia quello o sia l'altro sistema è sempre chi sta al comando che tiene le briglie, perciò secondo me non bisogna radicarsi su questi problemi (anche se giustamente qualcuno la vede come l'ennesima presa di posizione a favore di chi sta al potere).
Forse sto divagando ma parlando con altre persone si disquisiva sul cosiddetto bonus di mille euro per i nati nel 2005 (e forse 2006), io non riesco a capacitarmi di come si facciano certe leggi non comprendendo che:
1) con mille euro aiuti soltanto in minima parte chi sta in condizioni spaventosamente precarie (disoccupati per esempio);
2) aiuti in minima parte la famiglia media italiana che ha un reddito "medio" (definizione che ognuno puo' interpretare) magari nell'acquisto di qualche pacco di pannolino in più ecc.
3) dai mille euro alla famiglia di industriali o politici o chi si voglia con un reddito "alto", soldi che vanno persi nel senso che non aiutano certamente chi già ne ha.
Scusate la lungaggine con questo volevo solo dire che non è con le misure "una tantum" che si risolvono le cose, mi sa tanto di un "contentino" dato al popolo per farli tacere dicendo loro: "ecco, i soldi ve li abbiano dati, che altro volete?"
Vogliamo misure ben piu' ampie di queste, aiuti "veri", elargizioni in base al reddito e non "una tantum", garantire quel minimo di servizi sociali quali fasce di medicinali non a pagamento, servizi medici di base gratuiti,sovvenzioni per i libri scolastici, abbassamento dei prezzi di benzina,telefono,gas, queste sono misure vere, invece danno il contributo statale per acquistare il DECODER!!!!!!!!!
Scusatemi ancora forse sto divagando, il problema è che parliamo tutti ma di fatti se ne vedono troppo pochi...purtroppo!!!

Lorenzo Boraschi 14.11.05 11:47| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe
lo sai qual'è il paradosso?
Che io abbia fatto una petizione sul sito di Mario Segni a difesa del maggioritario quando da sempre sono favorevole al proporzionale. Come dire: non sono d’accordo con quello che dici, ma farei qualsiasi cosa perché tu la possa dire.
Forse i pro-maggioritario non si sono resi conto che lo scippo era già stato attuato dopo il referendum. Il maggioritario che ci hanno propinato è un maggioritario assurdo, e infatti ha funzionato male, per usare un eufemismo. E' assurdo perchè è stato adattato agli italici virtuosismi in virtù dei quali c'è sempre la possibilità di cavarsela con gli arzigogoli laddove non ci sarebbe possibilità di appello. La prova? Prima i partiti non arrivavano a dieci, ora con il maggioritario sono triplicati.
Un maggioritario annacquato da una quota proporzionale non è un maggioritario... E' un casino. E oggi un proporzionale con quota maggioritaria è, se possibile, un casino ancora più grande. Ma quando smetteremo di farci prendere per i fondelli? Se la volontà popolare non viene presa in considerazione, perchè ci ostiniamo ancora a parlare di Democrazia? Per farcene convinti?
Idignarci non serve, tanto non ci ascoltano; incazzarci neppure, tanto se ne fregano.
Abbiamo una sola arma democratica: non andare a votare. Vinceranno sempre loro, ma almeno non avranno l'alibi di essere stati eletti.
Un saluto a te e a tutte le persone che frequentano questo blob.

Lucio Gobbetti 14.11.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo: io scrivo una mail al Presidente Ciampi (presidenza.repubblica@quirinale.it)

Paolo d'Alessandro 14.11.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Si anche io condivido l'incazzatura e l'indignazione di Segni e sono disponibile a dare il mio appoggio alle iniziative si intessero prendere!!!!!!!!!!!!!

Rossano Bellini 14.11.05 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Egregio sig Mario Segni,

i referendum di cui lei parla hanno contribuito a rovinare il nostro paese.
Ancora oggi lei usa termini ad effetto come :"abbiamo mandato a casa Craxi" oppure da paladino del nostro bel paese:"migliorare le condizioni di chi non arriva alla fine del mese".
Dica per una volta la verità, lei è oggettivamente un maldestro politico.Fa finta di non sapere che l'alternanza politica, che faceva finta di volere, non è esclusivamente condizionata dal maggioritario o dal proporzionale e che gli Italiani poco sapevano e capivano di quel referendum( tra l'altro non indicava esplicitamente la volontà di passare al maggioritario ma semplicemente di cambiare il sistema proporzionale all'epoca in vigore).
Gli italiani in quel periodo hanno, cavalcato un'onda emozionale di finto rinnovamento, ce ne fossero di Bettino Craxi oggi...signor Segni!
la politica ha avuto certo, le sue esagerazioni il suo malcostume, ma lei non sembra proprio il personaggio più adatto ad interpretare quei periodi e soprattutto quegli attori.
Contribuisca affinchè gli italiani possano realmente capire la politica e non si lanci in esternazioni gratuite solo per far "incazzare".
Lei sa perfettamente che nessuno sta scippando nulla, mantenga anche solo per dignità personale, i toni pacati, lei è uno di quei politici che otterrebbe di più dal totale silenzio.Riscriva la lettera che ha mandato spiegando VERAMENTE se è in grado di dire la Verità, cosa è successo in quegli anni, perchè ha spinto quei referendum, da chi sono stati appoggiati e Soprattutto il perchè.
Iconsigli di esperti sociologi, degli analisti del comportamento...spieghi a tutti se ne è in grado cosa vuol dire falsa rivoluzione, ci parli un pò dei poteri forti americani in Italia e del ruolo che hanno avuto anche solo dall'1989 in poi.
Lei non è stato scippato di nulla, in politica è l'equilibrio che conta e lei che "S'incazza" equilibrio non ce l'ha.
Cordiali saluti

Roberto Vuilleumier 14.11.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

OK IO SONO INCAZZATA A PARTE E-MAIL CHE A MIO AVVISO NON OTTENGONO ALCUN EFFETTO, E LA POSSIBILITA' DI VOTARE CONTRO CHI HA FATTO QUESTO SOPRUSO, COSA POSSO FARE? LANCIARE UN ALTRO TREPPIEDI SULLA ZUCCA DEL "DIPENDENTE DEL CONSIGLIO" ???

ILARIA GABRIELLI Commentatore in marcia al V2day 14.11.05 11:40| 
 |
Rispondi al commento

VI PREGO!
Qualcuno che ne sa più di me di Diritto Pubblico e di procedure parlamentari mi spiega come è possibile che un referendum venga scippato in questo modo indegno ?
Non me ne frega niente se è meglio o peggio il maggioritario ma CAZZO io l'ho votato ! Ho preso la scheda e ho detto VOGLIO IL MAGGIORITARIO. Me l'hanno chiesto. Mi hanno chiesto "senti, che vuoi fare ? Vuoi il maggioritario o il proporzionale ?" e io ho risposto PORCA PUTTANA, ho dato la mia risposta e quelli che hanno risposto come me HANNO VINTO IL REFERENDUM e ora SENZA CHIEDERMI UN CAZZO hanno deciso che non va più bene. MA POSSONO FARLO ? MA CIAMPI LA DEVE FIRMARE QUESTA LEGGE ?
AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO !!!!!!!

Paolo d'Alessandro 14.11.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Non voglio morire democristiano.

Domenico Ciarciaglini 14.11.05 11:36| 
 |
Rispondi al commento

sono particolarmente disgustato dal fatto che si possa cambiare una legge spinta da un referendum senza indirne uno nuovo.
Ma detto ciò non mi pare che una legge elettorale conti più di un'altra fino a che in un paese non si consideri un ladro tale indipendentemente dal colore della maglia. Pertanto cominciamo a non votare personaggi sospetti (di sinistra come di destra) e vedrete che la legge elettorale diventerà di fatto ininfluente..............fino a che si continuerà a votare.

marco vig 14.11.05 11:28| 
 |
Rispondi al commento

X Massimo Toni
Non mi risulta che Mario Segni sia mai voluto tornare al proporzionale.....
Dovresti sapere che molto spesso ciò che passa nn corrisponde al pensiero della persona interessata. Certo Mario Segni ha sempre detto che il Mattarellum non è il maggioritario che volevamo e che essendo un sistema imperfetto andrebbe migliorato. Abbiamo anche provato con ben due referendum ad abrogare il 25% di proporzionale restante..... se questo vuol dire che ci piace il proporzionale......

gloria monaco 14.11.05 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Lasciamo perdere l'uomo Mario Segni e teniamo in mente ciò che tramite questa lettera ci arriva come messaggio.
Io non l'ho mai votato e mai lo farò, ma sono disposto ad accettare commenti utili da chiunque in questo periodo.

Se siamo indignati (e se non è mio diritto esserlo non è certo qualche giornalista a potermelo dire, al massimo gli rido in faccia, pensa un po'..)almeno sappiamo chi non votare, almeno sappiamo dove mettere una firma quando c'è un referendum, ALMENO PROVIAMOCI NEL NOSTRO PICCOLO A FARE DUE PASSETTINI DI DEMOCRAZIA VERSO L'URNA E MANDIAMO STE MAIL DI GRILLO E ALTRI A CIAMPI anche perché l'alternativa è dirci "ragazzi nella vita politica non c'è piu niente da fare spariamoci in testa e via"

il nichilismo è affascinante ma troppo spesso inutile.

non so se manifestare in piazza serva a molto ma andare in un'urna e votare un referendum o una coalizione secondo me sì.

e facciamolo, no?

saluti a tutti

max bevilacqua 14.11.05 11:25| 
 |
Rispondi al commento

A Massimo:
Ricordi male, te l'assicuro.

A Valerio:
Quindi .... la tua proposta sarebbe.....

EMANUELE 14.11.05 11:24| 
 |
Rispondi al commento

E ci risiamo caro Beppe.Ora accetti addirittura di pubblicare lettere di gentaglia come Segni.Prima di aprile cosa farai? Pubblicherai le scuse del Cavaliere oppure il programma (che non c'è) di Prodi? Per carità!O ti sei bevuto il cervello o non comprendi bene che un'Italia come questa, in cui la destra non fà la destra perchè troppo impegnata dal chirurgo plastico, e la sinistra ha come unico scopo di vita insultare il nano dalla mattina alla sera, non può andare molto avanti.La soluzione non c'è, e neppure noi ce l'abbiamo.Tanto meno non possiamo aspettarla da chi ingiustamente ci rappresenta al Parlamento, da qualsiasi pulpito.Prodi cos'ha fatto per scardinare questo occulto e maligno sistema di potere? Anche la sinistra ha accorciato i tempi di prescrizione anziche' accelerare i processi.
Finche' un Mastella qualsiasi prende piu' voti di Dipietro non ci sono speranze.Ed è tutto dire.
Non possimao più turarci il naso e votare il meno peggio.Sono tutti uguali.Nel peggio, che più peggio non si può.Tanto, dopo tutto, non cambierà ancora nulla......

Valerio Costa 14.11.05 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Mi sbaglio MArio Segni era quello che non più di sei mesi fa aveva creato un nuovo movimento per ritornare al proporzionale, con tanto di servizio del TG, dicendo che il maggioritario attuale non era quello che si voleva inizialmente e che a questo punto è meglio ritornare al proporzionale? Questo servizio del TG io me lo ricordo qualcun'altro se lo ricorda?

Massimo Toni 14.11.05 11:15| 
 |
Rispondi al commento

E' possibile firmare l'appello perchè Ciampi rimandi la legge alle Camere sui siti: www.mariosegni.it oppure www.pattoveneto.it

gloria monaco 14.11.05 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Che speranze si possono avere in un paese che, a tuttoggi, conta un numero cosi' elevato di persone che sostengono Berlusconi?

Davide Dal Cin 14.11.05 11:10| 
 |
Rispondi al commento

eccola

salvatore molinaro 14.11.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Non so se a causa di una specie di sentimento ormai in disuso in questo Paese cioè il PUDORE che Mario Segni non ha nominato il suo sito sul quale si può almeno provare a fare qualcosa contro l'ennesima mascalzonata di questo Governo. Si può sottoscrivere una petizione al Capo dello Stato che certo da sola non servirà a molto, ma chissà che, se gli INCAZZATI saranno molti, non si dia un segnale. Anch'io sono abbastanza disincantata avendone viste e sentite troppe, ma cerchiamo di non tacere e di non farci sopraffare dallo sconforto !! Avanti..... coraggio !!!!

Adriana Pellegrini 14.11.05 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Non so se a causa di una specie di sentimento ormai in disuso in questo Paese cioè il PUDORE che Mario Segni non ha nominato il suo sito sul quale si può almeno provare a fare qualcosa contro l'ennesima mascalzonata di questo Governo. Si può sottoscrivere una petizione al Capo dello Stato che certo da sola non servirà a molto, ma chissà che, se gli INCAZZATI saranno molti, non si dia un segnale. Anch'io sono abbastanza disincantata avendone viste e sentite troppe, ma cerchiamo di non tacere e di non farci sopraffare dallo sconforto !! Avanti..... coraggio !!!!

Adriana Pellegrini 14.11.05 10:46| 
 |
Rispondi al commento

A chi dice che costa meno una pagina di giornale che una manifestazione.

Ma sei fusa/o?

Una pagina di giornale costa qualcosa nell'ordine delle decine di milgiaia di Euro...
Una manifestazione costa aprira la porta di casa e uscire.
Non c'e bisogno di fare striscioni multimediali, volantini in 100.000 colori e effetti speciali hollywoodiani... basta uscire di casa e farsi vedere e urlare.

Daniele Bonvicini 14.11.05 10:44| 
 |
Rispondi al commento

salve a tutti.
per capire meglio la situazione italiana, cercate il programma della p2. le analogie con la realta sono più di quante si possa pensare. la nostra classe politica attuale sta creando i presupposti per attuare quel programma, con tutte le leggi di cui neanche sentiamo parlare, a causa di un sistema mediatico già succube del potere.
aspettiamo il colpo di stato allora.
purtroppo, non stiamo ancora abbastanza male per ribellarci... e loro ne approfitteranno...ciao

andrea cogoni 14.11.05 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno dei pattisti di Segni, uno che la battaglia politica e civile per un'Italia nuova e pulita l'ha fatta col cuore e l'ha vissuta di persona (ero coordinatore provinciale del patto), coltivando più che una speranza che qualcosa potesse cambiare. Siamo all'epilogo col proporzionale tutto ritorna come prima, manca solo la beatificazione di Craxi, Andreotti e di tutti i benefattori del debito pubblico e saremo veramente alla restaurazione finale.
Ho sentito molti attaccare il maggioritario vorrei qui semplicemente ricordare alcune cose:
1. Col maggioraitario, pur con correzzioni proporzionali, siamo arrivati a scegliere il Sindaco, il presidente di Provincia e Regione, il deputato che ci rappresenta in parlamento nella nostra circoscrizione.
2. Chi governa oggi comuni, provincie, regioni e l'Italia può contare su una maggiornaza chiara, con un programma condiviso da attuare senza ricatti.
3. Con un maggioritario più maturo la scelta dei candidati in futuro poteva essere fatta dai cittadini attraverso le primarie togliendo ai partiti l'ultimo privilegio: la scelta dei candidati.
4. Al termine della legislatura puoi decidere se il governo a fatto bene o male: puoi confermarlo o mandarlo a casa.
5. Il maggioritario non è la causa del frazionamento del mondo politico in molti partiti, che comunque se vogliono governare hanno l'obbligo di fare alleanze chiare e programmatiche.
6. In 10 anni di maggioritario abbiamo avuto 8 governi (nell'ultima legislatura solo 2) in 48 anni di maggioritario ne abbiamo avuti 52.
Una cosa deve essere chiara: il sistema elettorale da solo non dà stabilita e governabilità.
Col proporzionale tornano a scegliere i partiti!
Resistere, resistere, resistere non è più sufficente. E' venuto il momento di incazzarsi!
"Non ci fermeremo non ci fermeranno" dalle bombe al fosforo bianco alla legge elettorale non lasciate che l'indifferenza sia l'unica vincitrice. Perchè "l'ignoranza fa paura ed il silenzio è uguale a morte".
Massimo

Massimo Balliana 14.11.05 10:41| 
 |
Rispondi al commento

Cari tutti.
Non se ne puo' piu' di sentire e leggere gente che dice di essere incazzata e che non vuole piu' subire soprusi per poi semplicemente aspettare che sbuchi fuori qualche salvatore.
I salvatori non esistono!!! Dobbiamo salvarci da soli. Bisogna incominciare da noi stessi. Organizzare manifestazioni partendo da un gruppo di amici mettersi d'accordo su come e quando e farlo e poi rifarlo fino a quando il numero dei manifestanti avra' raggiunto i milioni di persone!!!
Finche' nessuno si fa avanti non succedera' mai niente. Non si puo' aspettare che qualcun'altro faccia qualcosa, bisogna farlo in prima persona e subito. E poi vedremo che non saremo soli. Tanti altri avranno fatto il primo passo e saremo migliaia ad averlo fatto.
Non c'e' bisogno di una figura eroica da seguire. Seguiamo noi stessi, le rivoluzioni non si fanno con i leader, le rivoluzioni le fa il popolo, i leader nascono da gruppi di azionisti, senza gli azionisti niente cambiamenti.
Purtroppo il dialogo pacato e gli scambi academici non servono piu', non al livello a cui siamo arrivati in italia oggi.
Berlusconi, se vi ricordate, era stato votato proprio perche la GENTE credeva fosse un salvatore, un industriale non politicizzato, un tecnico... e invece vedete bene che fine a fatto. E non spingiamo il caro Beppe a entrare i politica, nel giro di un paio d'anni lo avranno mangiato vivo e messo a tacere con dei bei discorsetti. NO. Lasciate fare i politici ai politici che va bene, ma liberiamoci di questa massa di imbecilli che e' al governo o che prova a governare. Urliamo forte che non ne possiamo piu'. Rendiamoci visibili, delegittimiamoli!

Mettiamo giu' una data, un luogo ed un'orario e diciamo che tutti coloro che vogliono dimstrare si facciano vedere li'. Magari anche un posto per ogni citta'... se non tutti possono fare il viaggio a Roma. MA FACCIAMOLO!!!!!
Io nel mio piccolo, abitando all'estero sto cercando di sensibilizzare l'opinione pubblica "estera".

Daniele Bonvicini 14.11.05 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Una sola precisazione per chi accusa Mario Segni di essere ne piu' ne meno uguale ai nostri dipendenti: Non e' piu' Parlamentare Nazionale dal 1996 e non e' piu' parlamentare europeo dal 2004. Il Patto non appartiene a nessuno dei due schieramenti e non percepisce contributo pubblico. Tutte le battaglie portate avanti da Mario Segni sono quindi fatte nell'esclusivo interesse del nostro Paese. So che è molto difficile da credere per chi è abituato ad avere a che fare con politici che guardano all'esclusivo interesse personale e non a quello dei cittadini che lo hanno investito del potere di rappresentarli eppure è proprio così!Le battaglie portate avanti dunque da Mario Segni sono dunque battaglie di valori, per far capire che la politica e' interesse di tutti e non pesonale di qualcuno che fare politica significa agire nell'interesse del cittadino e non di se stesso.

Gloria Monaco 14.11.05 10:32| 
 |
Rispondi al commento

MI CHIEDEVO.....Ma dove sono finiti i soldi per comprare le pagine di qualche giornale???? Perchè non compriamo la pagine di qutidiani diversi, a cadenza regolare, ad esempio una volta al mese, di qui fino alle prossime elezioni, poi ci scriviamo sopratutte le nostre incazzature???? Costa sicuramente meno che scendere in piazza per fare manifestazioni e ci si risparmia anche qualche calcio in bocca. Ad esempio l'operazione PARLAMENTO PULITO la vedrei bene!!! Penso alla pubblicazione dei nomi di personaggi che sono stati condannati ecc.

Ciro Reale 14.11.05 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Il proporzionale funzaiona benissimo, soprattutto quello alla tedesca.
2 mesi per fare un governo di grande ammucchiata.
Se è questo quello che vogliamo .....

EAMNUELE 14.11.05 10:25| 
 |
Rispondi al commento

l'on. Mario Segni ha mai fatto un bilancio di come è cambiata (in meglio e in peggio, quali opportunità e quali minacce) la politica italiana con i suoi referendum? non l'ho mai sentito fare.
Propongo il mio. Premesso che la situazione era molto deteriorata e avvelenata allora come oggi, non mi sembra il massimo scegliere un sistema elettorale per mandare via qualcuno: sembra il gioco preferito da quasi vent'anni, e questo avvelena la politica. La politica è confronto di idee e di programmi, e di regole che permettano di confrontare le idee e i programmi in campagna elettorale e di attuarli quando si è al governo, assicurando al contempo strumenti di controllo forti sia agli altri poteri pubblici che spazi di confronto altrettanto forti alle associazioni di rappresentanza padronali e dei lavoratori e delle associazioni di cittadinanza e ambientaliste (studiamo l'Irlanda o il Sudafrica per avere dei begli esempi). Nel maggioritario all'italiana hanno avuto buon gioco non solo e non tanto chi pratica il ciapanò ma le lobbies, chi aveva gli amici migliori, al centro come in periferia. Un autentico mostro.
Accanto al gioco del ciapano' c'è il trasformismo italico: Segni (e gli altri che gli sono andati dietro, ai vertici) ne erano coscienti? se sì, allora volevano sotto sotto la sua risurrezione, se no, allora erano dei superficiali ed opportinisti, nella migliore delle ipotesi.
Ricordo che il maggioritario finì con i grandi partiti di massa. In Italia, la loro crisi è legata al rifiuto del passaggio dall'essere partiti paternalisti (o chiesa) a partiti forum, con forme di governo trasparenti al proprio interno, delegando poteri dal funzionariato alla militanza, una questione di conservazione dei gruppi di potere.
Per queste sono sempre stato un proporzionalista alla tedesca, il più appropriato per ri-educare gli italiani alla politica e responsabilizzare al massimo i politici, molto meglio che con il maggioritario.

Mario Giaccone 14.11.05 10:18| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO INCAZZATISSIMO PER UNA SERIE DI MOTIVI E DI COSE CHE IN QUESTO PAESE NON FUNZIONANO, POTENZIALMENTE POTREMMO ESSERE I PRIMI IN TANTE COSE INVECE CI PIACE "VIVACCHIARE" ED AVERE IL PIU' POSSIBILE CON IL MINOR SFORZO POSSIBILE.
COME FARE PER UNIRE LE INCAZZATURE DI MOLTI E FARE QUALCOSA DI VERAMENTE "EPOCALE" PER CAMBIARE VOLTO A QUESTO PAESE COSI' PIENO DI COMPROMESSI E RACCOMANDAZIONI???
LO SO E' DIFFICILE, BISOGNEREBBE CAMBIARE PRIMA DI TUTTO LA MENTALITA' DI OGNUNO DI NOI, L'IMPRESA E' VERAMENTE ARDUA, FORSE SERVE UNA GUIDA SPIRITUALE??
UNA VERA GUIDA!!!!QUALCUNO CHE IN BARBA AGLI SCHIERAMENTI POLITICI, AI SUOI INTERESSI, AI PIACERI PERSONALI, POSSA GUIDARCI FUORI DA QUESTA MELMA CHE ORMAI CI STA QUASI PER SOMMERGERE..!!
MA DOV'E'?????
SE C'E' QUALCUNO SI FACCIA AVANTI, IO SONO PRONTO AD APPOGGIARLO E SEGUIRLO.

LORENZO 14.11.05 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Io non sono abbastanza vecchio o abbastanza interessato di politica pe ricordare di questo Mariotto che molti attaccano, non so quali siano i meriti ed i demeriti dei decennio passati di questa persona, una cosa è certa, CE NE VUOLE DI CORAGGIO PER FARE QUESTI DISCORSI IN ZONA ELEZIONI!! E un anno fa dove stavi? Niente niente che siccome hai letto che questo è uno dei blogs più frequentati del mondo hai pensato di farti un pochettino di pubblicità...dai, magari solo un poco..."magari qualche X sulla scheda me la becco" ti sarai detto...

Ciao a tutti

Mario Ferro 14.11.05 10:09| 
 |
Rispondi al commento

E' vero, grazie a quei referendum e a Di Pietro, nei primim anni 90 abbiamo avuto l'illusione di essere riusciti a cambiare la politica.
Ci siamo sbarazzati di Craxi e c. ma il suo figlioccio Mister B. si è vendicato.
Coi suoi soldi e le sue televisioni ha incantato il popolino italiano e ti ha spazzato via. Non siedi più in Parlamento e la politica ti ignora.
Devi esserne orgoglioso. Perchè questa legge canaglia è l'ultima tassello del ritorno al passato fatta da una classe politica che non ti merita ma merita soltanto il nostro disprezzo.
Grazie comunque.

EMANUELE 14.11.05 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Sono rassegnata, indignata, inc***ata... cosa possiamo fare per bloccare questa riforma che vogliono fare? E' possibile che non esista in Italia una persona, un parlamentare, un politico, ... un comico, che riesca a fare aprire gli occhi a tutti noi comuni mortali? Che riesca a raggiungere tutti e a dire "guardate che vi stanno imbrogliando, vi stanno prendendo in giro per l'ennisima volta" e a dirci COSA POSSIAMO FARE PER EVITARE QUESTO???? Possiamo accamparci tutti quanti davanti al Campidoglio? Possiamo iniziare uno sciopero della fame colletivo? Possiamo bloccare l'Italia per un'ora, un giorno, finchè qualcuno non ci prenda in considerazione? Io personalmente sono disposta a fare qualcosa, in prima persona.
Aspetto solo qualcuno che si prenda VERAMENTE A CUORE la sorte di noi Italiani e del nostro meraviglioso Paese, che sia Prodi, che sia Bertinotti, che sia Segni, che sia Grillo... aspetto notizie.
Un abbraccio a tutti voi

Renata Caramelli 14.11.05 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro On. Segni, Caro Beppone, Cari Blogghisti,

se addirittura dall'On. Segni ci vengono certe affermazioni, allora ribadisco che le mie email passate concernenti una solenne incazzatura con relativa dimostrazione di potere del popolo sovrano è tutt'oggi attuale e che bisogna sollevare la testa e ribellarsi a questo stato di cose.

Non dico di seguire l'esempio dei francesi ghettizzati e incazzati (quelli lo sono sul serio e fanno fatti...) ma di prendere quantomeno delle iniziative forti e se a queste non seguiranno fatti da parte del portatore nano di dittatura e dalla sua combriccola di briganti e secessionisti, allora dovremo sederci a riflettere e domandarci se tutto il sangue versato in passato da tanti patrioti per metter su questo paese sia stato versato invano e se sia il caso di seguire il loro esempio...

Io sono un uomo del sud e ricordo che quando eravamo ragazzini e studiavamo la Costituzione Italiana a scuola "modificavamo" così per ironizzare sulle situazioni catastrofali delle nostre famiglie, l'articolo 1 e dicevamo:

"L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, ma siccome il lavoro non c'è ci dobbiamo arrangiare per poter sopravvivere.
La sovranità appartiene in teoria al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti previsti dai politici ladri e farisei".

Ecco come ci "divertivamo", pur essendo molto giovani ed "incoscienti" per certi versi avevamo già capito l'andazzo... A Sud per fortuna siamo abituati a vivere senza l'aiuto del governo e sappiamo che quando certi signori ci tendono la mano è perché poi vorranno altro da noi... I più coraggiosi lavorano duro e non chiedono nulla a nessuno pur fra mille sacrifici, altri si arruolano nei corpi dello Stato, altri come me emigrano e chi non ha più nulla da perdere diventa "manovale" di quella gente almeno sa per chi lavora e cosa l'aspetta (per chi non l'avesse capito sto parlando di Mafia, Camorra e N'drangheta).

Saluti a Tutti in special modo a Beppone

Mat

Mat 14.11.05 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Belle le parole dell'onorevole Segni... ma dettate da chi sembra avere ancora degli ideali in un mondo politico in cui sono gli interessi a fare le regole.
L'ITALIA è incazzata... incazzatissima! ma alla fine è anche sfiduciata ... molto sfiduciata ... sfiduciata al punto da non vedere chi o cosa possa invertire una tendenza malsana e autodistruttiva, impostata da chi ne trae profitto e da altri impotenti, incapaci o semplicemente complici nel farla sembrare ormai ineluttabile.
Oggi solo un interesse più forte pare possa abbattere quello che regola la vita del nostro paese ... ideali ed ideologie sono belle parole ma che ai più appaiono armi deboli ed in disuso.
Aspettiamo ancora qualcuno che le rivaluti ... e se tanti oggi sperano in chi fino a poco tempo fa si autodefiniva un semplice comico (oggi ritengo che tale definizione sia un po' riduttiva) significa che qualcuno nel mondo politico ha fatto male i suoi conti e presto o tardi finirà per accorgersene ...

dario bizzarro 14.11.05 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Comunisti,fascisti...io vedo solo gente che ti prende per il culo e gente che muore di fame!!

Si, siamo incazzati, ma evidentemente non ancora abbastanza.

ASPETTIAMO di cadere ancora più in basso, ASPETTIAMO di non avere più da mangiare, ASPETTIAMO il crollo delle banche,
ASPETTIAMO di non riuscire più a pagare la casa....
E FORSE, DICO FORSE,SE NON CI FACCIAMO DISTRARRE PER L'ENNESIMA VOLTA, SAREMO ABBASTANZA INCAZZATI DA RIPRENDERCI LA NOSTRA VITA. IN COMODE RATE MENSILI, NATURALMENTE.

Silvia Carnio 14.11.05 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Belle le parole dell'onorevole Segni... ma dettate da chi sembra avere ancora degli ideali in un mondo politico in cui sono gli interessi a fare le regole.
L'ITALIA è incazzata... incazzatissima! ma alla fine è anche sfiduciata ... molto sfiduciata ... sfiduciata al punto da non vedere chi o cosa possa invertire una tendenza malsana e autodistruttiva, impostata da chi ne trae profitto e da altri impotenti, incapaci o semplicemente complici nel farla sembrare ormai ineluttabile.
Oggi solo un interesse più forte pare possa abbattere quello che regola la vita del nostro paese ... ideali ed ideologie sono belle parole ma che ai più appaiono armi deboli ed in disuso.
Aspettiamo ancora qualcuno che le rivaluti ... e se tanti oggi sperano in chi fino a poco tempo fa si autodefiniva un semplice comico (oggi ritengo che tale definizione sia un po' riduttiva) significa che qualcuno nel mondo politico ha fatto male i suoi conti e presto o tardi finirà per accorgersene ...

dario bizzarro 14.11.05 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Ai politici

vogliono le Tv...e noi gliele diamo
Non stop, di tutto quelloo che fanno dentro i palazzi, perfino nel cesso...no scusate li no... zona riservata allo sci (vedi Parlamento Europeo...e non solo)
Come l'occhio del grande fratello.... nei parlamenti nazionali e Europeo.

Tutti devono parlare....con un concetto diverso....dato che non hanno + problemi di tempi...... tutti dai grandi ai piccoli ...devono avere gli stessi tempi.........

P.S. Il digitale terrestre???... ottimo come selettore di domande da fargli....
Io mi sarei vergognato di votare a (unione) uno che continua a parlare di progetto ma non parla mai di contenuti........stanno sempre a progettare......(si casa loro)......(buffoni)

Oggi mi candido.... toglierò la miseria, niente guerre, chiù pilù pe tutti, tutti ricchi, ......sono bravo!

Siamo sempre li....parlano, parlano, del vuoto

raoul r 14.11.05 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Ai politici

vogliono le Tv...e noi gliele diamo
Non stop, di tutto quelloo che fanno dentro i palazzi, perfino nel cesso...no scusate li no... zona riservata allo sci (vedi Parlamento Europeo...e non solo)
Come l'occhio del grande fratello.... nei parlamenti nazionali e Europeo.

Tutti devono parlare....con un concetto diverso....dato che non hanno + problemi di tempi...... tutti dai grandi ai piccoli ...devono avere gli stessi tempi.........

P.S. Il digitale terrestre???... ottimo come selettore di domande da fargli....
Io mi sarei vergognato di votare a (unione) uno che continua a parlare di progetto ma non parla mai di contenuti........stanno sempre a progettare......(si casa loro)......(buffoni)

Oggi mi candido.... toglierò la miseria, niente guerre, chiù pilù pe tutti, tutti ricchi, ......sono bravo!

Siamo sempre li....parlano, parlano, del vuoto

raoul r 14.11.05 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Ai politici

vogliono le Tv...e noi gliele diamo
Non stop, di tutto quelloo che fanno dentro i palazzi, perfino nel cesso...no scusate li no... zona riservata allo sci (vedi Parlamento Europeo...e non solo)
Come l'occhio del grande fratello.... nei parlamenti nazionali e Europeo.

Tutti devono parlare....con un concetto diverso....dato che non hanno + problemi di tempi...... tutti dai grandi ai piccoli ...devono avere gli stessi tempi.........

P.S. Il digitale terrestre???... ottimo come selettore di domande da fargli....
Io mi sarei vergognato di votare a (unione) uno che continua a parlare di progetto ma non parla mai di contenuti........stanno sempre a progettare......(si casa loro)......(buffoni)

Oggi mi candido.... toglierò la miseria, niente guerre, chiù pilù pe tutti, tutti ricchi, ......sono bravo!

Siamo sempre li....parlano, parlano, del vuoto

raoul r 14.11.05 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Ai politici

vogliono le Tv...e noi gliele diamo
Non stop, di tutto quelloo che fanno dentro i palazzi, perfino nel cesso...no scusate li no... zona riservata allo sci (vedi Parlamento Europeo...e non solo)
Come l'occhio del grande fratello.... nei parlamenti nazionali e Europeo.

Tutti devono parlare....con un concetto diverso....dato che non hanno + problemi di tempi...... tutti dai grandi ai piccoli ...devono avere gli stessi tempi.........

P.S. Il digitale terrestre???... ottimo come selettore di domande da fargli....
Io mi sarei vergognato di votare a (unione) uno che continua a parlare di progetto ma non parla mai di contenuti........stanno sempre a progettare......(si casa loro)......(buffoni)

Oggi mi candido.... toglierò la miseria, niente guerre, chiù pilù pe tutti, tutti ricchi, ......sono bravo!

Siamo sempre li....parlano, parlano, del vuoto

raoul r 14.11.05 09:42| 
 |
Rispondi al commento

***LARA CROFT***

Ragazzi, ho letto un po’ di messaggi in risposta a Segni e devo ringraziarvi perché mi avete commosso.
È bello leggere che la gente non si fa più abbindolare da questi democristiani salvati solo perché non
abbastanza furbi a rubarsi tutto. Anche se l’invito a farci inculare viiene direttamente da Beppe.

Allle dichiarazioni di Segni ho letto tante risposte di schede annullate e schede bianche. Bene ma non basta!
NON BISOGNA PRESENTARSI AL SEGGIO A VOTARE. Perché se tu ti presenti fai salire l’affluenza alle urne e la tua scheda, in qualsiasi modo tu la possa sfregiare stai certo che questi sgherri la recuperano e se l’acceditano. Li conosciamo bene no?
Non diamo loro la forza di agire.
TUTTI A CASA!!
Noi il giorno delle elezioni e loro il giorno dopo.


***LARA CROFT***
-laraa@freemail.it

Lara Croffi 14.11.05 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Ai politici

vogliono le Tv...e noi gliele diamo
Non stop, di tutto quelloo che fanno dentro i palazzi, perfino nel cesso...no scusate li no... zona riservata allo sci (vedi Parlamento Europeo...e non solo)
Come l'occhio del grande fratello.... nei parlamenti nazionali e Europeo.

Tutti devono parlare....con un concetto diverso....dato che non hanno + problemi di tempi...... tutti dai grandi ai piccoli ...devono avere gli stessi tempi.........

P.S. Il digitale terrestre???... ottimo come selettore di domande da fargli....
Io mi sarei vergognato di votare a (unione) uno che continua a parlare di progetto ma non parla mai di contenuti........stanno sempre a progettare......(si casa loro)......(buffoni)

Oggi mi candido.... toglierò la miseria, niente guerre, chiù pilù pe tutti, tutti ricchi, ......sono bravo!

Siamo sempre li....parlano, parlano, del vuoto

raoul r 14.11.05 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Vedo molti dubbi su cosa votare alle prossime elezioni... dato per certo che con l'attuale sistema elettorale non serve a nulla non votare o consegnare scheda bianca o nulla... in attesa che ci diano la facoltà di mandare a casa quelli che non vogliamo continuino a governarci... io applico un semplice principio... voto la donna più giovane nella lista che preferisco ;) almeno cerco di mandare avanti due minoranze (i giovani e le donne :D). I programmi, purtroppo sono solo carta... alla fine della legislazione avranno sempre mille giustificazioni per dire che non hanno potuto realizzare quanto promesso per tanti problemi da loro non dipendenti...

Flavio Lupi 14.11.05 09:40| 
 |
Rispondi al commento

@raffaele mascetra

Assolutamente in accordo.
Belle parole.

Credo sia necessario riprenderci la nostra vita.
Decidere.
In una parola: CRESCERE.
Vedo troppo infantilismo.
Nascondiamo la testa sotto la testa e facciamo finta che nulla avvenga.
Tutto tace.
Nulla accade veramente.

ps: visto Report ieri sera?
beh oltre alle bombe al fosforo adesso paghiamo dei sicari (Libia) per far fuori i clandestini.
BEL PAESE!

Suggerimento per il voto
non votare chi:
- fa promesse
- chi parla di democrazia
- chi è in parlamento da più di una legislatura

fate voi!

Andrea Gardini 14.11.05 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Che dire, è la prima volta che mi ritrovo a scrivere su di un blog...un pò come perdere l'ultima verginità. Ma di verginità credo proprio non ne ho più da dare via, ho speso molti miei adorati anni impegnandomi nel "sociale" sono uno di quelli che al baretto di periferia hanno preferito la sezione del PCI in una zona di periferia dove o eri ladro o poliziotto... io al far west o preferito il sogno di una società più giusta, solidarietà come bandiera e fratellanza come fine. Con un trascorso come questo leggere la lettera di Segni mi deprime non per l'ulteriore furto che viene perpetrato nei confronti della "sovranità popolare" ma per l'infinito senso di impotenza che ne trasuda. E no non possiamo proprio arrenderci così. Non possiamo deporre le armi e ritirarci a guardare rockpolitick sul divano sognando che un giorno forse riavremo un'ideale per cui valga la pena lottare. Io non me la sento di arrendermi alla rivoluzione culturale fatta a suon di audience e lasciare che sia la tv a dirigere il traffico caotico dei pensieri e dei bisogni umani. Penso sia ora di usare tutti i possibili mezzi liberi che rimangono per dire no! Basta con gli scippi al potere elettorale dei cittadini, basta con questi maledetti bisogni indotti da false pubblicità, basta con queste politiche governative che difendono solo gli interessi di un potere economico subdolo e irriconoscibile, basta con le leggi "salva io....salva tu...salvi tutti". SOGNO una nazione che riconosce i diritti delle coppie di fatto a prescindere dalle scelte sessuali personali, SOGNO una nazione che garantisca a tutti pari OPPORTUNITA, DIRITTI ED EGUALI DOVERI. Voglio una classe politica che si dissoci dall'uso del fosforo bianco e che non pretenda dichiarazioni pro americane da giornalisti che fanno solo il loro lavoro con onestà professionale VIVA RAINEWS 24!!!! Beppe ti voglio bene.....Grazie per quest'isola di libero pensiero.

claudio pezzetta 14.11.05 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti,
i referendum...altra presa per i fondelli!Mi sembra fossero 18 o qualcosa del genere. Quelli che non facevano comodo sono stati annullati.Di quali si ricordano? Solo di quello che (adesso) più gli preme! E gli altri? Non erano la volonà popolare? Tutti zitti!Finiamola di farci usare, tagliamo i fili dei burattinai e facciamo capire ai nostri politici che abbiamo una memoria e un cervello! Solo così anche loro saranno stimolati a fare meglio.Loro non perdono mai il posto di lavoro, sarebbe ora di licenziare qualcuno, visto che sono nostri dipendenti. Questi incapaci non voglio più pagarli, voglio dei professionisti capaci, poche chiacchiere e molti fatti! Buona giornata

Amalia Polidori 14.11.05 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno di coloro che stravedevano per il maggioritario, poi l'ho visto nella realtà: i moderati nelle mani degli estremisti, l'incapacità di mediare tra posizioni contigue per non contraddire gli estremisti della propria coalizione e così via. Molto meglio il proporzionale e la pazienza di ricercare un punto d'incontro, piuttosto che fare politica a suon di insulti e criminalizzazioni dell'antagonista.
Il mito del progressismo sociale e moderato nel nostro paese può esistere soltanto dall'incontro tra i centristi con l'ala moderata della sinistra.
Come diceva qualcuno, solo gli stupidi non cambiano mai idea. Prendiamone atto: il maggioritario in Italia ha fallito! Mille partitini personalizzati, i ricatti delle minoranze, l'incoerenza delle coalizioni. Davide

Davide Oddo 14.11.05 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ricordare che Mario Segni non e' molto chiaro rispetto al suo credo politico e alla sua collocazione.....in effetti sentendolo parlare in passato mi dava davvero l'idea di strizzare l'occhio alla destra e aForza Italia un po come fanno i radicali.....basta con queste schifose impostazioni opportunistiche!!! Si vincono le lezioni anche col proporzionale che secondo me e' l'unico metodo democratico...personalmente il maggioritario mi fa proprio schifo!! Qualcuno mi puo spiegare anche con mail in privato a che cazzo serve il maggioritario??????

Giancarlo Polverini 14.11.05 09:18| 
 |
Rispondi al commento

PS:c'è sempre un sistema per bloccare il ribaltone elettorale (se non siete legati troppo alla poltrona) le dimissioni in massa di chi si oppone ed elezioni immediate.

davide m. 14.11.05 09:16| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ricordare che Mario Segni non e' molto chiaro rispetto al suo credo politico e alla sua collocazione.....in effetti sentendolo parlare in passato mi dava davvero l'idea di strizzare l'occhio alla destra e aForza Italia un po come fanno i radicali.....basta con queste schifose impostazioni opportunistiche!!! Si vincono le lezioni anche col proporzionale che secondo me e' l'unico metodo democratico...personalmente il maggioritario mi fa proprio schifo!! Qualcuno mi puo spiegare anche con mail in privato a che cazzo serve il maggioritario??????

Giancarlo Polverini 14.11.05 09:16| 
 |
Rispondi al commento

Risposta a Mario Segni:
Rivista americana specializzata esercito USA conferma uso del fosforo bianco a Fallujia (vedi sito Rainews24). I siti dei 2 "piu' grandi quotidiani nazionali" tacciono.
Bisogna aggiungere altro?
Come tu dici:
".. gli italiani la potrebbero fare tutti assieme: arrabbiarsi, indignarsi…… I giornali dicono che indignarsi è un male, fa danno. E allora usiamo la parola giusta: incazzarsi. Con un’Italia incazzata, veramente incazzata……..Certo è che un’Italia scippata mi rattrista. Un’Italia indifferente mi angoscia”.
Penso che il sentimento da te espresso da Mario sia estendibile al caso "fosforo bianco" e amolti altri.
E allora perche' non ci si incazza davvero?
La ragione e' questa: PAURA.
Oggi questa democrazia, che vede tutte le forze politiche egualmente responsabili, ha minato le nostre certezze. Il modello materialista ha vinto e ci ha resi schiavi. Non siamo piu' liberi. Chi ha stipendi fissi si indebita per casa e beni di consumo. Irrompe la PAURA di perdere il posto di lavoro. Per no parlare poi di chi e' precario. Non si hanno molte scelte. Abbiamo accettato queste regole del gioco che ci si sono ritorte contro. Per non parlare poi dei continui messaggi miranti a instillare le PAURE di virus, immigrazione, bombe chimiche, attentati. Cosa si puo' fare per essere piu' liberi e scacciare la PAURA?
Usciamo di casa, frequentiamo associazioni culturali, usiamo intelligentemente i media. Boicottiamo le pubblicita'. Boicottiamo i centri commerciali nei fine settimana. Lavoriamo per sensibilizzare e responsabilizzare i nostri figli. Lavoriamo per recuperare modelli sociali basati sulla comunita' e sulla fraternita'. CORAGGIO!!

raffaele mascetra 14.11.05 09:13| 
 |
Rispondi al commento

@Francesco Venturello

Aggiungo una cosa: provate a dare un occhio al così detto programma dell'Unione, detto anche "progetto per l'italia":
http://www.unioneweb.it/progetto-per-litalia/
Non so voi, ma io non so cosa voterò alla prossime elezioni... di sicuro voterò delle risposte concrete.

Simone Maccanti 14.11.05 09:12| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori