Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Organi freschi


esecuzione.jpg

Ricevo e pubblico una lettera di Harry Wu su quello che sta succedendo in Cina.

“Caro Beppe,

sono Harry Wu della Fondazione Laogai , con base a Washington, che si occupa della ricerca e della diffusione di notizie riguardo ai Laogai.

Ti ringrazio per il tuo interesse per la nostra Fondazione e per la tragedia dei Laogai, i campi di lavoro forzato in Cina.

Nei Laogai un numero imprecisato di milioni di persone, da 4 a 6 milioni, forse di più, sono, costrette a lavorare in condizioni disumane, a profitto del Governo Cinese e di numerose multinazionali.

Esecuzioni di massa con relativa vendita di organi freschi. Lo sfruttamento dei bambini sottoposti ai lavori forzati. Rappresaglie nei confronti delle varie Chiese. Gli aborti e le sterilizzazioni forzate.

Queste sono le realta' della Cina odierna! Realta' ignorate dai mass-media occidentali, che non vogliono disturbare i commerci internazionali.

Sabato scorso ho ricevuto il Premio Sciacca che ho dedicato:
- a tutti i milioni di cinesi perseguitati per la loro Fede Cattolica o per altre Fedi religiose,
- a tutti i milioni di detenuti nei Laogai,
- alle centinaia di migliaia di madri costrette ad abortire, anche se all'ottavo o al nono mese di gravidanza, spesso per mezzo di un'iniezione letale al feto,
- a tutte le centinaia di migliaia di persone fucilate durante le esecuzioni di massa, i cui organi, se in buono stato, sono spesso venduti con grandi profitti.

Quindi a tutte le decine di milioni di vittime, nel passato e nel presente, del Regime Comunista Cinese.

Sono stato intervistato da vari quotidiani e dal vostro TG2.
Martedi' ho partecipato a un dibattito alla RAI International e, oggi, mercoledi' daro' una conferenza stampa al Parlamento Europeo a Strasburgo. Daro' anche un'audizione parlamentare venerdi' mattina a Montecitorio.

Ti ringrazio sinceramente e spero di incontrarti presto”.

Harry Wu

16 Nov 2005, 18:54 | Scrivi | Commenti (1233) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

NON SO SE QUALCUNO HA GIA PARLATO DI QUESTO MA...
VOLETE CAPIRE CHE ORA E' TUTTO "MADE IN CHINA"?
D&G E VERSACE,NESTLE E BARILLA,PIAGGIO E FERRARI,NATUZZI E SCAVOLINI E COSI' VIA.
SE ALCUNE AZIENDE HANNO ANCORA IL "MADE IN ITALY" NON E' PERCHE LA MERCE E' STATA PRODOTTA IN ITALIA MA BENSI' XKE E' STATA IDEATA IN ITALIA E VENGONO UTILIZZATI TESSUTI DATI DAGLI ITALIANI MA IL CONFEZIONAMENTO E' FATTO LI,IN CINA.QUINDI ANKE SE VOLESIMMO BOICOTTARE LA CINA NN DOVREMMO COMPRARE PIU NULLA!!!UTOPIA!!!

enrico bari 31.01.08 19:07| 
 |
Rispondi al commento

in Cina esisteva e esiste ancora un antico detto:
viverci per capire...
cari signori, commentare... mi pare sia la cosa più facile, capire è la cosa più difficile...
spessissimo, ci inganano anche i nostri occhi, ma il nostro corpo non...
una volta, per la strada della città dove vivo, ho visto uno slogan: xxxxx è el lader de Roma... chi ci ha creduto veramente? perchè ci vivo.
io non....

wbin.liu 09.09.07 01:29| 
 |
Rispondi al commento

se qualcuno gentilmente sa dirmi......
ho ricevuto in questi giorni una fattura da parte di tag comunicazioni, presumibilmente ripresa da telecom, visto che ho un contratto con telecom, che riporta le telefonate da me effettuate e per le quali questa tag richiede un pagamento tramite addebito sul mio c/c senza che io abbia mai avuto contatti con questa società e tantomeno firmato nulla. grazie riccardo
iconoklasta@libero.it

riccardo reale 03.01.06 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Credo che Lei ha letto le mie righe secondo come le fa comodo. Non mi venga a parlare di estremismi, perchè credo che i comunisti abbiano fatto molti più danni dei fascisti, a mio avviso colpevoli solo di essere entrati in guerra con chi sappiamo.

Luciano Granello Montreal

Luciano Granello 03.01.06 03:31| 
 |
Rispondi al commento

PS.Qualcuno si ricorda del Tibet? Giusto per parlare di informazioni che vengono tacciute...
Bush spedisce navi cariche di democrazia(e idioti che oggi si chiamano "patrioti")solo dove può rubare petrolio e pietre preziose, come in Iraq. E la questione del Tibet allora? Nessuno se ne interessa da quasi 60 anni!! E' scandaloso quello che ha fatto e continua a fare la Cina, in casa sua e in casa altrui: il Tibet era uno stato indipendente e pacifico,e il suo popolo è stato sottomesso, bruttalizzato e sterminato!

simona pili 11.12.05 07:16| 
 |
Rispondi al commento

(continuo)

....dicevo: se certe azioni vengono fatte, anche queste spregevoli di togliere la pelliccia ai cani e gatti( ma io non compro neanche quelle di altri animali!)è perchè portano Profitto, è perché qualcuno compra i loro prodotti! NON SIATE IPOCRITI, questi prodotti li vendono anche a noi, o no??????? Non comprateli più, aiuterete anche l’economia italiana!!

simona pili 11.12.05 06:53| 
 |
Rispondi al commento

Io boicotto i prodotti made in china da anni.
Questa è la mia piccola e personale guerra a tutte le ingiustizie del governo cinese, sia per la palese violazione dei diritti e della libertà umani, e sia per la violazione, ancora più brutale e terribile, dei diritti degli animali. Non è vero, come dice Harry Wu, che noi occidentali ignoriamo la situazione della cina. Lo sappiamo da almeno trentanni, ma i governi hanno interesse a chiudere entrambi gli occhi per far finta di non vedere. Tutto per il Dio dell’ Economia, il Profitto. Solo che ora, improvvisamente, si rendono conto che la massiccia produzione di prodotti cinese sta mettendo in crisi la nostra economia.
Ho letto qui sul Blog molti commenti schifati e indignati, a ragione, sul problema delle torture agli animali da parte della Cina (non che gli altri siano santi, gli americani insegnano fin dalle scuole elementari a vivisezionare piccoli animali!), in particolare le pellicce di cani e gatti, ricavate squoiandoli vivi, e sui poveri orsi maltrattati fino alla morte per la produzione di bile ( ma ci sarebbero da elencare tante altre crudeltà).
Parlarne non basta. Bisogna agire. Da parte mia ho iniziato una piccola guerra ideologica e pratica contro simili schifezze, se la seguissero tutti allora il problema diventerebbe economico, perciò SERIO e degno di maggiore attenzione per loro, e forse qualcosa cambierebbe! E' il denaro che fa girare il mondo, perciò fate come me: non comprate nulla, ma proprio nulla, soprattutto se si tratta di pelli, pellicce, peluches e vari, che provengano dalla Cina! Boicottate il loro mercato! Sono d’accordo con Davide Lak.Agendo in questo modo NON si penalizzano i poveri operai cinesi sfruttati .Comprate roba italiana, anche se più cara, sottoposta a maggiori controlli e certificazioni da parte del nostro governo, e limiterete la DOMANDA italiana di generi Made in Cina!! Se certe azioni vengono fatte, come le pellicce di cani e g

simona pili 11.12.05 06:41| 
 |
Rispondi al commento

Propongo di fare un volantino.
Da distribuire all'ingresso delle grandi distribuzioni.
Nel volantino si spiega il perchè boicottare i prodotti made in china e si sensibilizzano i cittadini sul fatto che così facendo NON si penalizzano i poveri operai cinesi sfruttati, ma i nostri IMPRENDITORI sfruttatori.
Il boicottaggio dovrebbe avvenire così: la gente fa la sua bella spesa, poi col carrello pieno va alla cassa, e lì, all'atto di pagare il conto esclama a gran voce "OPS mi scusi signor\a cassiere\a...ho dimenticato di controllare dove li fanno, questi prodotti...perchè vede...io made in China non voglio comprare niente...quindi "mi consenta" (arghhhh!) ora li controlliamo uno ad uno e quelli Made in China li riporto/ate al loro posto...gli altri li pago eh!"
(Io a un'iniziativa come questa o simile, ci credo davvero...perchè non farla?)

davide lak 09.12.05 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Qui si stanno dicendo delle cose assolitamente false. Io non credo che in Cina ci sia sfruttamento, povertà, disoccupazione, disuguaglianze sociali o oltri problemi sociali. Quelli che lo dicono fanno pura propaganda per screditare la Cina. Questo nessuno l'ha detto finora. Forse perchè credono troppo a quello scritto sui giornali o detto alla televisione. Mentre su internet guardavo delle informazioni sulla bpena di morte in Cina ho visto un articolaccio (pubblicato sul "Il Giornale", quindi capisco perchè fosse propagandandistico) che diceva che una certa Ma Yanqin è stata giustiziata in Cina per aver organizzato feste da ballo. Dicevano pure che ci sono state esecuzioni per relazioni sessuali prima del matrimonio. Le cose sono 2: o si sono confusi con l'Iran o hanno pubblicato cose deliranti. Ho visto anche delle foto che facevano vedere l'esecuzioni di alcune giovani in Cina (quelle con l'avviso "extreme graphical content"). Non credo siano autentiche, inoltre non so (se sono vere) a quando risalgono. Concluso dicendo che ognuno è libero di criticare uno Stato, ma non di dire cose false.

Francesco Vincenzoni 07.12.05 17:54| 
 |
Rispondi al commento

bravo !!! io non ho più messo piede alla Standa visto chi era il proprietario e, pur sapendo che potrei risparmiare soldini aderendo alla telefonia ed internet del "nano" non oserai mai scegliere quel gestore, piuttosto non navigo più

Ada Gay Commentatore in marcia al V2day 07.12.05 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo post, fai un salto a legger eil mio blog dedicato alla Cina.

Hu Jintao 04.12.05 02:07| 
 |
Rispondi al commento

laddove non c'è libertà c'è totalitarismo.
dato che in cina non esiste libertà di stampa, di opinione, etc., etc e non c'è neanche libertà religiosa (non solo per la religione cristiana...guardate che hanno fatto ai buddisti e ai confuciani)si può dire che è un regime totalitario. E il totalitarismo in questione è di tipo comunista. Certo ci sono differenze tra il periodo di Mao e quello di ora, cosi come ci sono state differenze tra l'URSS di Lenin e quella di Stalin o quella di Breznev, etc...ma sempre regimi comunisti erano!

lorenzo iocci 01.12.05 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Maestra,

per me è una notizia che ti dà solo una parziale realtà, detesto questo tipo di notizie, la strumentalizza della passione della gente per un motivo nascosto.

Se tu leggi quell’articolo, si parla di “vescovo sotterraneo”. Lui è “sotterraneo” perché il governo cinese non ha mai dato il diritto al Vaticano di operare in Cina, perché il Vaticano è uno dei pochi paesi che non ha mai riconosciuto la PRC come governo ufficiale della Cina, non ha mai attivato relazioni diplomatiche, per il Vaticano il governo Cinese non è ancora un governo legale della Cina, ma è illegale. Quindi la risposta dal governo Cinese è “non conosciamo il Vaticano”, quindi la Chiesa cattolica ufficiale in Cina si chiama Associazione patriottica, usa la stessa Bibbia, ma è indipendente dalla Santa Sede e dal papa.

Invece l’associazione “world council of churches” ha fatto un accordo con il governo cinese nel 1987, sul loro sito, vedi link sotto, pagina” world council of churches member churches, associate member churches and national council bodies” nella parte Asia, si trova il nome di “China Christian Council”, a fianco c’è anche una foto di St Paul’s Church in Nanjing, Cina (1987), si vedono gli anziani appena usciti dalla chiesa.

http://www.wcc-coe.org/wcc/who/mch-e.html

http://terracotta.mioblog.net/index.php/2005/11/30/conoscere-la-cina-3-cina-e-cristiani/

terracotta blog 30.11.05 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma, dico, e' mai possibile che ogni giorno, dico ogni giorno, dobbiamo subire le flatulenze di di questo signore che ha sempre da dire tutto su tutto ?

Forse crede che ci siamo dimenticati che era lui il direttore della banca d'italia quando questa ha perso 40 000 migliardi per sostenere il $ e poi puck il giorno dopo: svalutazione e arricchimento degli amici ed era sempre lui che era ministro del tesoro quando la Telecom ha comprato la Telecom serbia coi nostri soldi e poi l'ha rivenduta smenandoci 500 migliardi. Chi li ha cuccati ?

Se non riesce a star zitto, almeno si faccia curare dal meteorismo che lo affligge e che affligge anche noi.

Firmato. Una Lobby.


Federico Staufen 30.11.05 13:51| 
 |
Rispondi al commento

peccato che tutte le istituzioni siano di tipo comunista...peccato che non ci sia libertà...peccato che si chiami ancora Repubblica Popolare Cinese... forse non le piace sentir parlare di cina comunista perchè magari anche lei è comunista...a Cuba e in Corea c'è ancora il comunismo???

saluti

lorenzo iocci 30.11.05 10:26| 
 |
Rispondi al commento

non mi piace che sulle notizie sia sempre scritto "la Cina Comunista". Ormai non esiste più il comunismo in Cina come una volta ai tempi di Mao. Se andate la, trovate la proprietà privata, è il paradiso dei capitalisti del mondo, perciò tutti i capitali dall'estero vanno in Cina. Per me, i giornalisti sanno tutto questo, ma ancora scrivono "la Cina comunista" solo per accedere il rancore delle gente, invece nessun capitalista offende il governo cinese, hanno già fatto tanti accordi, sorridendo.

terracotta blog 29.11.05 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Cara Redazione...non ricevo più la posta blog, potreste controllare cosa è accaduto?l'e mail di riferimento è virginia.lepore@alice.it

virginia lepore 29.11.05 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Provo orrore se penso come in Cina abbia poco valore la vita di uomini e animali.
Ho visto tempo fà, un servizio sulle fattorie della bile, che mi molto colpito.
Per quanto mi riguarda mi farò in modo di non comprare più prodotti cinesi

Paolo Piccolo 28.11.05 21:05| 
 |
Rispondi al commento

60 anni fa in Europa, e oggi in Cina. Abbiamo ritenuto un bene che gli americani siano venuti a liberarci dagli orrori dei campi di concentramento, oggi spetta a noi liberare i cinesi dagli stessi orrori.Oppure possiamo fare finta di non sapere niente, possiamo pensare che la situazione non sia poi così grave, possiamo decidere che è meglio non intromettersi.Se ce ne stiamo a guardare la situazione non può che peggiorare,ce lo insegna la storia, le condizioni degli Ebrei(e non solo) sono andate sempre pegiorando fino al 1945. Da 4 a 6 milioni di persone, forse di più, stanno implorando il nostro aiuto; siamo forse sordi a questo richiamo?

Clint Bosi 28.11.05 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Ormai questo paese si è tolto le mutande offrendo il proprio posteriore alla Cina.Stanno distruggendo la nostra economia ma nessuno fa nulla anzi, bancarelle e negozi cinesi prosperano come funghi. Da dove provengono i soldi per licenze e locali? Ma d'altronde quando ditte italiane chiudono mettendo sul lastrico tante famiglie per aprire attivita' in Cina rivendendo poi in Italia quei prodotti, che vogliamo pretendere! Diamo una bella mano allo sfruttamento di quella povera gente! E il Vaticano che prende sempre posizione su affari che non gli competono come mai non alza la voce di fronte a certe brutture? E quell'essere di plastica e vasellina che risponde al nome di Berlusconi, visto che odia i comunisti, dovrebbe prendere una posizione ferrea su questo problema anziche' inventarsi le solite patetiche cazzate su terroristi e bombaroli! Il vero terrorismo, quello che ci colpira' violentemente, non proviene certo dal tanto bistrattato Islaam, ma dalla Cina, dalla sua politica economica e dalla connivenza dei paesi capitalisti, Usa in testa che al momento di arricchirsi lasciano da parte qualsiasi idea belligerante. E intanto la gente muore e i bastardi a capo dei governi si ingrassano!

mario cacciani Commentatore in marcia al V2day 28.11.05 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ti scrivo questo post per segnalare un tema che mi stà molto a cuore; anzi sono rimasta un po' sorpresa del fatto che nulla sia ancora comparso sul tuo sito.

Sto parlando del video sul trattamento degli "animali da pelliccia" in Cina trasmesso da TG1 e Studio Aperto.
Al di la' del fatto che trovo aberrante che ci si senta in diritto di uccidere degli esseri viventi solo per abbellire un capo di abbigliamento, è ancora piu' allucinante il modo con cui viene fatto. Il video si puo' comunque vedere sul sito: www.nonlosapevo.com

Spero che questo tema venga affrontato e sempre piu' persone diventino sensibili a questi problemi infatti, secondo parole molto piu' autorevoli delle mie (ce ne sarebbero tante ma...):

Lev Tolstoj
“Non Uccidere” non si applica all’omicidio di una sola specie, bensì a tutti gli esseri viventi e questo comandamento fu scritto nel cuore dell’uomo molto prima di essere proclamato sul Sinai.


Leonardo da Vinci
" Colui che non rispetta la vita, non la merita"
"L'uccisione di un animale verrà considerata alla stessa stregua dell'uccisione di un uomo".


Mahatma Gandhi
“Secondo la mia mentalità la vita di un cane non è meno preziosa di quella di un essere umano.
Ritengo che più una creatura sia importante, più diritto abbia alla protezione dalla crudeltà dell’uomo”

Noi dovremmo essere capaci di rifiutarci di vivere se il prezzo del nostro vivere fosse la tortura di esseri senzienti

Marzia Bocchia 28.11.05 09:37| 
 |
Rispondi al commento

perchè quando in Italia si trova una cantina piena di cinesi sfruttati, il commento principale è..."guarda chi ci toglie il lavoro"... e non ..."poveretti, qual'è quell'italiano di M. che li sfrutta"...???????

Postato da: Daniele Tronconi il 20.11.05 13:04

Ormai il nostro mondo non è più tranquillo come una volta, sentiamo sempre più preoccupazione per l’economia. Oggi parliamo di qualcosa di interessante. In Europa ho sentito la paura per la Cina, mentre ho sentito che anche i Cinesi hanno paura, sono due tipi diversi di paura ma con qualcosa in comune.

La paura che gli europei hanno, parliamo in particolare degli italiani, è nei settori di produzione delle scarpe, dei vestiti, dei mobili, dei prodotti elettronici, che sono settori storici italiani, e che ora i Cinesi stanno superando. L’anno scorso, i Cinesi hanno importato 3.4 bilioni di Euro di merce dall’Italia, e esportato 11.8 bilioni di Euro di merce in Italia, con una differenza di 8.4 bilioni di Euro; Ma la paura non è venuta solo da qui, è venuta anche per la quantità totale delle esportazioni Cinesi, cioè 1000 bilioni di Euro, conquistando i tradizionali mercati dei prodotti Italiani, come l’America, l’Europa del Nord. In questi anni, abbiamo visto tante aziende Italiane chiudere per questo motivo.

Nello stesso tempo, ho sentito l’opinione Cinese: anche loro hanno paura. Quest’anno, un argomento molto discusso è “la Cina con la malattia dei FDI”, FDI è investimento dall’estero (Foreign Direct Investment); i Cinesi hanno notato che la maggior parte delle esportazioni sono state fatte da aziende con investimento dall’estero; come una volta è successo in America Latina, in Thailandia e nelle Filippine, quando l’economia di un paese è troppo appoggiata al FDI, diventa fragile e pericolosa, un giorno se scappano via questi investimenti, la Cina cade nel fango della Latinizzazione. I FDI in Cina ora sono un totale di 610 bilioni US$, e circa 2.5 bilioni US$ sono dall’Italia.

Tra queste due paure , Italiana e Cinese, c’è qualcosa in comune, cioè la paura del capitale, che è l’unica cosa davvero libera, si può muovere nel mondo come vuole, invece gli esseri umani sono legati con il loro paese, e quindi non sono davvero liberi.

http://terracotta.mioblog.net/index.php/2005/11/25/conoscere-la-cina-1-i-due-tipi-di-paura/

Terracotta Blog 26.11.05 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Sindacati liberi al bando


Resta inteso che i sindacati indipendenti sono proibiti e che la loro costituzione è oggetto di una repressione che li accomuna per durezza solo ai falungong, adepti religiosi già bersaglio centrale della politica cinese: «Dobbiamo sradicare questo culto eretico e cacciarli come topi», si lesse sull'agenzia di stampa governativa Xinhua nel settembre 2003. Contro di essi ­ contro ogni forma di dissidenza, invero ­ si perfezionano metodi che si pensavano relegati al buio novecentesco. Che la tortura sia una prassi non lo negano neppure i funzionari cinesi: serve a estorcere prove contro tibetani, immigrati irregolari e padri di troppi figli. Sulle modalità delle torture cinesi è opportuno non incedere. Li Changjun, un ingegnere di 33 anni già licenziato per le sue convinzioni religiose, fu arrestato il 16 maggio 2001 perché aveva scaricato da internet informazioni sul movimento falungong; il 27 giugno la famiglia venne informata della sua morte e la madre ha raccontato questo: «Non aveva che pelle e ossa, il viso e il collo erano coperti di ematomi, aveva i pugni chiusi, non aveva più denti, era sfigurato, la schiena sembrava fosse stata bruciata e cotta. Era spaventoso». Amnesty International ha rilevato anche un alto numero di cosiddetti morti accidentali: prigionieri che precipitano soavemente dai piani alti degli edifici detentivi e che solo il racconto di pochi scampati ha potuto testimoniare.


INFERMIERI RIBELLI 26.11.05 18:29| 
 |
Rispondi al commento

scusate se insisto, ma, ho visto anch'io ieri sera su TG5 il servizio, quindi ripropongo:
E se quando ci troviamo dinnanzi allo scaffale di un supermercato cominciassimo a ragionare che l'acquistare i prodotti cinesi a basso costo non va a nostro vantaggio che ne dite????
Perche'?
Perche io, consumatore penso di risparmiare, ma allo stesso tempo sto uccidendo un'azienda italiana che costruisce l'identico prodotto (magari proprio ideato dall'azienda italiana) a prezzi superiori ma non perche' ci vuole straguadagnare ma solamente perche' rispetta tutte le leggi, da quelle sulla persona a quelle sull'ambiente ( dite poco?)
Inoltre aggiungo, se acquisto un'azienda italiana chiude c'e' un numero x di possibilità in meno di trovare lavoro!
Quindi la prossima volta....ragioniamo!

Pietro Barone 26.11.05 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera ho visto il servizio sul Tg5 sullo sfruttamento di milioni di cinesi usati dalle industrie di bandiera che hanno trattati economici con le più importanti industrie del mondo. Era disgustoso, ma molto più era l'interesse di certe compagnie a voler utilizzare questo sfruttamento per ottenere facili guadagni a costo praticamente zero. I "GRANDI DELLA TERRA" chiudono un'occhio solo perchè hanno la possibilità di stipulare accordi economici tra i paesi per poter anche loro sfruttare questo loro "boom". Ho visto in televisioni laureati da quattro soldi in economia esaltare l'economia cinese, senza tener conto di due fattori:
1- solo sfruttando milioni di persone, come scritto sopra, dandogli loro solo un pasto al giorno, si riesce ad essere concorrenziali in quella maniera, portando sul mercato ,ad esempio, abiti a prezzi stracciati.
2- il fattore di crescita economico di quel paese è da prendere con le molle: fino a qualche decennio fa, la loro arretratezza era spaventosa, è normale che se incominci a piazzare qua e là qualche industria nelle periferie delle città, sale il tasso di crescita del paese, partivano praticamente da zero!
3- l'industrializzazione del paese è concentrata esclusivamente nelle periferie delle città, ma qualche rivista seria ha fatto un reportage sulle campagne cinesi, e lo spettacolo era spaventoso: quasi il 50% della popolazione vive sotto la soglia della povertà!
Per non parlare degli aborti che impongono alle famiglie per ridurre le nascita di bambine, questione su cui è calata una omertà quasi mafiosa!
Non voglio portare la questione su civiltà superiore o inferiore, ma mi chiedo: come si fa a considerare civile una nazione che presenta uno spettacolo tanto orribile? Con che coraggio ha presentatao domanda per un segio permanete nel consiglio di sicurezza dell'ONU?

Marco Damiani 26.11.05 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera ho visto il servizio sul Tg5 sullo sfruttamento di milioni di cinesi usati dalle industrie di bandiera che hanno trattati economici con le più importanti industrie del mondo. Era disgustoso, ma molto più era l'interesse di certe compagnie a voler utilizzare questo sfruttamento per ottenere facili guadagni a costo praticamente zero. I "GRANDI DELLA TERRA" chiudono un'occhio solo perchè hanno la possibilità di stipulare accordi economici tra i paesi per poter anche loro sfruttare questo loro "boom". Ho visto in televisioni laureati da quattro soldi in economia esaltare l'economia cinese, senza tener conto di due fattori:
1- solo sfruttando milioni di persone, come scritto sopra, dandogli loro solo un pasto al giorno, si riesce ad essere concorrenziali in quella maniera, portando sul mercato ,ad esempio, abiti a prezzi stracciati.
2- il fattore di crescita economico di quel paese è da prendere con le molle: fino a qualche decennio fa, la loro arretratezza era spaventosa, è normale che se incominci a piazzare qua e là qualche industria nelle periferie delle città, sale il tasso di crescita del paese, partivano praticamente da zero!
3- l'industrializzazione del paese è concentrata esclusivamente nelle periferie delle città, ma qualche rivista seria ha fatto un reportage sulle campagne cinesi, e lo spettacolo era spaventoso: quasi il 50% della popolazione vive sotto la soglia della povertà!
Per non parlare degli aborti che impongono alle famiglie per ridurre le nascita di bambine, questione su cui è calata una omertà quasi mafiosa!
Non voglio portare la questione su civiltà superiore o inferiore, ma mi chiedo: come si fa a considerare civile una nazione che presenta uno spettacolo tanto orribile? Con che coraggio ha presentatao domanda per un segio permanete nel consiglio di sicurezza dell'ONU?

Marco Damiani 26.11.05 09:59| 
 |
Rispondi al commento

evviva, le compagnie assicuratrici sponsorizzano la loro disponibilità a trattare!! meno usi l'auto più si abbassa il premio sugli incidenti...sì però meno la usi più la lasci incustodita...aumenta la probabilità di furto e quindi la polizza sull'evento...per intenderci un po'come la coperta corta....
popolo dei satelizzati date un'occhiata alle prossime polizze!!!

enrico peppe 25.11.05 23:18| 
 |
Rispondi al commento

salve
incredibile ma vero!! le compagnie assicuratrici pubblicizzano la loro disponibilità a trattare sul premio basato sull'utilizzo dell'auto. Meno la usi meno probabilità di incidenti...diminuisce il premio però se meno la usi più la tieni incustodita...aumenta il premio furto...non so se è chiara l'antifona

enrico peppe 25.11.05 23:11| 
 |
Rispondi al commento

Mentre nei lager cinesi succede quello che, grazie a persone coraggiose, sta filtrando poco a poco nelle intrecciate maglie dell'omertà di stato, il buon Bush si precipita a dar man forte al paese che, proprio insieme agli USA, sta inquindando maggiormente il pianeta e il più senza il minimo controllo come si evince dalle ultime notizie dalla Siberia incolpevole destinataria del benzene gettato in un fiume che si trova sul confine.
Non dimentichiamoci che:
- in Cina ci sono almeno 5000 esecuzioni capitali annue per il solo fatto di essere contro il partito nazionale...alla faccia dei diritti umani
- Più della metà dei prodotti, alimentari e non, vengono prodotti in quei lager a costo zero ed importati da tutto il resto del mondo a prezzi irrisori prevalicando ogni principio etico sulla concorrenza.
- la Cina sta distruggendo, in nome del boom-economico, il suo ambiente con conseguenze sull'ambiente mondiale.
Devo essere sincero: vedere tanti cinesi sparsi un po' in tutto il mondo sempre in numero maggiore mi fa pena, per le condizioni disumane in cui probabilmente hanno vissuto e forse continuano a vivere in quanto schiavi di aguzzini, paura, perché in poco tempo riempiranno il mondo con chissà quali conseguenze, e rabbia perché nessun governo non solo fa niente ma anzi si stanno facendo partner ed amici di tale governo e la non ultima dimostrazione è anche l'assegnazione dei giochi olimpici a Pechino del 2008 per i quali i morti per costruire stadi e infrastrutture non si contano più.
Ci possiamo ribellare a questa situazione? Putroppo credo sia molto difficile se anche in Occidente ci sono potenti (economicamente e politicamente) che ne traggono profitto da tale situazione.
Spero solo che gli atleti dotati di un minimo di buon senso (italiani e non) si rifiutino di andare a Pechino fra tre anni e che noi essere umani di ricordarci di vedere la provenienza dei prodotti che compriamo, ma c'è l'alternativa?Chissà.

Mauro Larosa 25.11.05 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Cartolarizzazione beni immobili dello Stato
SCIP 2 Milano 24/11/05

……Cso di Pta Romana 51 stabile di 120 famiglie,riscaldamento anche oggi inesistente,LINPDAI/INPS ha affidato la gestione alla Pirelli Real Estate,non vendono e sono 4 anni che aspettiamo cosa ne pensate?


E se quando ci troviamo dinnanzi allo scaffale di un supermercato cominciassimo a ragionare che l'acquistare i prodotti cinesi a basso costo non va a nostro vantaggio che ne dite????
Perche'?
Perche io, consumatore penso di risparmiare, ma allo stesso tempo sto uccidendo un'azienda italiana che costruisce l'identico prodotto (magari proprio ideato dall'azienda italiana) a prezzi superiori ma non perche' ci vuole straguadagnare ma solamente perche' rispetta tutte le leggi, da quelle sulla persona a quelle sull'ambiente ( dite poco?)
Quindi la prossima volta....ragioniamo!

Barone Pietro 25.11.05 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono d’accordo con Alessandro Santoro, prete delle Piagge in Firenze, nonostante il mio ateismo di sempre, soprattutto ove dice:
"Fa che questo Papa abbia il coraggio di incarnarsi nella storia degli altri, che abdichi alla Verità assoluta che schiaccia e uccide e senta il bisogno di incontrare e nutrirsi delle Verità dell’altro. Dio non ha un nome, prende ed assume il nome dei volti e delle storie degli emarginati di questo mondo e nessuno detiene la verità di Dio e può pretendere di possederla."

Abdicare alla verità assoluta significa semplicemente che il vangelo non è parola di Dio. Quindi è parola dell’uomo alla ricerca di Dio. Chi vuol saperne di più su questo appassionante argomento vada al mio sito
http://xoomer.virgilio.it/13041932ggf/dongiustosemiaperta

Giuseppe Totaro 25.11.05 09:14| 
 |
Rispondi al commento

non capiscolo solo ke fine abbia fatto clownblu...

elvira santagata 24.11.05 20:47| 
 |
Rispondi al commento

CONSERVE: Berni
FORMAGGI: Locatelli, Hirz
PASTA: Buitoni, Pezzullo
DADI PER BRODO: Maggi
SURGELATI: Findus, Surgela, Mare Fresco, La Valle degli Orti
GELATI: Motta, Alemagna, Antica Gelateria del Corso
PASTA PER DOLCI: Leisi

MAYONESE: Thomy

CIBI PER ANIMALI: Friskies, Buffet

COSMETICI: L'Oreal, Lancome

curiosità sulla NESTLE' :

Come ripetutamente segnalato dall'UNICEF la Nestlé viola il codice
internazionale redatto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità che
proibisce la promozione dell'uso di latte in polvere per
I'alimentazione dei neonati...
bisogna sapere che nelle società povere, i bambini allattati
artificialmente sono 25 volte più esposti alla morte di quelli
allattati al seno.

Il Premio Nobel Dario Fo
ha sparato a zero contro la Nestlè, responsabile di aver diffuso in
Africa il latte in polvere: "Hanno compiuto una strage infame dicendo
che andavano a salvare l'umanità. Ma sono andati solo per interesse di
mercato".
Padre Pier Maria Mazzoli (direttore del mensile Nigrizia)

ha presentato il punto di vista dei missionari che esprimono forti
perplessità e disaccordo sulla politica delle multinazionali Dal Monte:
frutta, De Beers: diamanti, Shell: petrolio ma Nestlé in particolare
perché è una delle più potenti con una affermata presenza in Africa.

Beppe Grillo
ha attaccato le multinazionali della chimica e i brevetti di tutte le
nuove forme di vita. "Sapete cos' è la Novartis? È un'azienda nata
dalla fusione di Ciba e Sandoz. La Ciba ha prodotto in Giappone un
farmaco che nel primo mese ha fatto 30 morti e tremila un anno dopo. La
Sandoz ha invece il premio per i pesticidi: ha gettato tonnellate di
rifiuti tossici nel Reno, dandoci i "pesci-diesel". Ciba e Sandoz
insieme? È come se Totò Riina e Pacciani si fossero associati per
creare un asilo per bambini".


Ornella Martini:
Ho smesso di mangiare il panettone Motta quando mi sono accorta che è
della Nestlè...
ed inoltre:

Una delle ultime azioni

Matteo Calderini 24.11.05 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Ecco la la goccia che fa traboccare il vaso!

Nestlé batte cassa in Etiopia esigendo 6 milioni di dollari come
risarcimento dal paese più affamato del mondo.
Per Nestlé è «una questione di principio»
La Nestlé che è il più grande produttore di cibo mondiale, un gigante
del settore agro-alimentare, con stabilimenti in più di 80 paesi ed un
giro d'affari di miliardi e miliardi di dollari, rivendica nei
confronti del governo dell'Etiopia, poverissima ed in preda ad una
grave carestia (forse più grave della terribile fame degli anni `80),
un risarcimento pari a 6 milioni di dollari. La causa è stata la
nazionalizzazione di un'azienda avvenuta nel 1975 dopo un colpo di
stato militare avvenuto in quel paese.
Un solo anno di vendite realizzate da Nestlé è pari a 8 volte il
Prodotto interno lordo della misera Etiopia...

ECCO QUINDI LA PROPOSTA:
PER UN PO' DI TEMPO, CI AUGURIAMO IL PIU' POSSIBILE, SOSPENDIAMO
L'ACQUISTO DEI PRODOTTI DI QUESTA MULTINAZIONALE ED IN PARTICOLARE I
PRODOTTI SIMBOLO DELLA NESTLE' : NESCAFE' & NESQUIK


RICORDA QUESTI MARCHI PERCHE' SEMBRA POCO ED INVECE E' MOLTO, UN CALO
NELLE VENDITE (anche minimo) COLPISCE L'IMMAGINE DELLA SOCIETA' E PUO'
COSTRINGENDOLA E REIMPOSTARE LA SUA POLITICA DI PUBBLICHE RELAZIONI
ogni singolo consumatore, se unisce i suoi sforzi insieme a quelli
degli altri, ha il potere di far vacillare questi imperi ed in fondo,
diciamoci la verità, a noi costa poco, basta allungare la mano sullo
scaffale e prendere il prodotto a fianco!
se vuoi allargare il tuo gesto di solidarietà evitando il più possibile
i prodotti della NESTLE' eccoti i marchi più conosciuti:
BEVANDE: Nescafé, Nesquik, Nestea,Orzoro
ACQUA MINERALE: Perrier, vittel, Acqua Vera, San Bernardo,
S.Pellegrino, Panna, Levissima, Pejo, Recoaro
DOLCI: Smarties, Kit Kat, Galak, Lion, After Eight, Quality Street,
Toffee, Polo, Rowntree, Motta, Alemagna
CIOCCOLATO: Perugina, Nestlé
SALUMI: Vismara, King's
OLIO: Sasso

Matteo Calderini 24.11.05 17:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non dimentichiamo che in Cina scuoiano animali vivi per farne delle pellicce....

roberta sorace 24.11.05 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Si parla tanto di libertà in rete ma questa è una vera e propria minaccia.

Alessandro Critelli 24.11.05 16:01| 
 |
Rispondi al commento

http://jack.logicalsystems.it/homepage/techinfo/Palladium.asp

Scusatemi se posto un indirizzo ma penso che sia molto importante che voi leggiate con calma quello che è scritto.
Tutto questo ci riguarda da molto vicino e sta accadendo senza che nessuno se ne accorga!!!! fatelo girare

Alessandro Critelli 24.11.05 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Si dovrebbero boicottare le olimpiadi di Pechino. La Cina è un paese in cui gli aborti sono forzati, in cui si applica la pena di morte per reati quali il furto o la pornografia. E che cosa fa il Cio? Ha concesso l'organizzazione dei giochi alla "repubblica" cinese. Io, da spettatore, li boicotterò...

Walter Giannò 24.11.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe siamo dei ragazzi di un pub nella provincia di milano,ci chiediamo:
Quande Debore devono morire prima di avere delle leggi adeguate sui molestatori?Possibile che i nostri legislatori non aprano gli occhi?Forse perche' al governo ci sono poche donne?
Non siamo piu' sicuri nemmeno chiusi in casa perche' quei tizi di Biella ci entrano dal telefono.ringraziandoti per un tuo continuo impegno per aiutarci ti salutiamo.
La cumpa....

alberto Ferrario 24.11.05 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo quante Debore devono morire per attirare l'attenzione dei legislatori ?E' possibile che non esistano nel 2005 leggi adeguate per tutelare chi e' molestato da squilibrati?Perche' paghiamo sempre noi? a noi la scorta non ce la da nessuno.
Ringraziandoti per un tuo continuo impegno
i ragazzi di un bar .

Alberto Ferrario 24.11.05 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo quante Debore devono morire per attirare l'attenzione dei legislatori ?E' possibile che non esistano nel 2005 leggi adeguate per tutelare chi e' molestato da squilibrati?Perche' paghiamo sempre noi? a noi la scorta non ce la da nessuno.
Ringraziandoti per un tuo continuo impegno
i ragazzi di un bar .

Alberto Ferrario 24.11.05 14:19| 
 |
Rispondi al commento

è terribile, ma vorrei coinvolgervi su una notizia di oggi apparsa su repubblica accaduta a Gela, non perchè sono siciliano ma la Cina è un pò lontano da noi è quello che succede qui è davvero incredibile, un banbino viene ricoverato in ospedale per fame, MA VI RENDETE CONTO!!!???? non può nemmeno mangiare carne poichè il suo intestino non è abituato quindi dovrà iniziare con le flebo...altro che cinesi..proviamo a guardare da noi cosa accade.

lino cortese 24.11.05 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Fa rabbrividire (verrebbe da vomitare!).
Ma cosa siamo?

Angela Cappelluccio 24.11.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Il mio stipendio mensile non arriva a 1300 euro, ed ho un mutuo a tsso variabile che si aggira attualmente sui 500 euro mensili.
Ho moglie e figlio a carico.
Come possono pensare di risollevare l'economia alzando i tassi ..????!!!!!

Un cittadino davvero incazzato!

paolo veltre 23.11.05 22:00| 
 |
Rispondi al commento

rispondo al post sul collagene..
e allora?sono morti,cosi come c e il trapianto di organi cosi ci puo essere il trapianto di collagene dai condannati a morte.
Non vedo cosa ci sia da scandalizzarsi,e riguardo ai laogai,secondo me´e´un ottimo modo per rieducare che ha commesso qualche piccolo crimine piuttosto che lasciarlo in galera a farsi nuove "amicizie" si rende una personoa utile alla societa´!
non vedo proprio dove sta il problema

Chris Busetti 23.11.05 21:23| 
 |
Rispondi al commento

rispondo al post sul collagene..
e allora?sono morti,cosi come c e il trapianto di organi cosi ci puo essere il trapianto di collagene dai condannati a morte.
Non vedo cosa ci sia da scandalizzarsi,e riguardo ai laogai,secondo me´e´un ottimo modo per rieducare che ha commesso qualche piccolo crimine piuttosto che lasciarlo in galera a farsi nuove "amicizie" si rende una personoa utile alla societa´!
non vedo proprio dove sta il problema

christoph busetti 23.11.05 21:22| 
 |
Rispondi al commento

più che un commento una segnalazione. non ho trovato alcuna informazione o articoli su Padre Abbe Pierre. A leggere Repubblica, di qualche settimana fa, sembrerebbe uno dei nostri.

antonello murgia 23.11.05 19:41| 
 |
Rispondi al commento

..per caso ho scoperto un video impressionante..mostra come vengono scuoiati gli animali per dare le pellicce..VIVI..e certo,se no la pelle non viene via bene!certo!
il sito dove è possibile vedere questa cosa orribile è
www.nonlosapevo.com

marta albano 23.11.05 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi é l'imbecille che denigra Beppe Grillo? Sara' mica uno dei nostri dipendenti in incognito..?

Tiziana Stanzani 23.11.05 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi é l'imbecille che denigra Beppe Grillo? Sara' mica uno dei nostri dipendenti in incognito..?

Tiziana Stanzani 23.11.05 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei potessimo unire le nostre forze , anche se esili davanti alle superpotenze economiche che , badate bene , non sono certo i governi ma coloro che i governi li manovrano , per gridare contro l'evidente uso che dei diritti umani , queste super -potenze , fanno... ci si puliscono il sederone , loro che il sederono grasso ce l'hanno .
Osanniamo , spintoniamo , sgomitiamo , per entrare nelle grazie della nuova superpotenza , mentre dovremmo imporre , pena la cessazione di ogni rapporto economico , lo stabilirsi dei diritti che nessun' uomo ha il potere di violare ....grazie Beppe per quello che fai ... vorrei tanto poterti aiutare e spero che l'incazzatura che mi porto appresso sia fonte di energia positiva per tutti quelli che come me , condividono l'idea di un mondo in cui i politici , non siano più i mediatori tra il potere economico e gli illusi che ancora tentano di vedere in loro un briciolo di quegli ideali che la maggior parte utilizza per intonacarsi la faccia . grazie.. Federico

federico barone 23.11.05 16:26| 
 |
Rispondi al commento

MI DISPIACE SCRIVERE QUESTO:

SAPEVATE CHE NELLA CULTURA CINESE NON ESISTONO LE BARZELLETTE? E' ASSOLUTAMENTE VERO.
DA UN POPOLO CHE NON SA RIDERE COSA VI ASPETTATE.
VABBE' ESCO CHE DEVO COMPRARE LA STAMPANTE, MADE IN CINA OVVIO........................ (PORCA PUTTANA NON CI SONO ALTERNATIVE!)

Fabio Calamaiuffi 23.11.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro grillo
ho visto solo in questi giorni il dvd della tua "propaganda per la libertà" (Roma).
Piuttosto che farmi ridere (ci riesci comunque!), accresci il senso di impotenza che ho e che, sono convinta, in molti abbiamo.
Bisogna inventarsi qualcosa! Qualcuno ci ha pensato: si tratta di una azienda click-logistic che cerca di fare matching-online per NON FAR VIAGGIARE I CAMION VUOTI....però non riescono a decollare, perchè quei tanto bravi personaggi degli autotrasportatori non riescono a staccarsi dal loro modello di funzionamento tradizionale. Riusciamo a inventarci qualcosa per dare spazio a questa idea? la stessa che hai suggerito nello spettacolo/denuncia/"propaganda di libertà...del nostro cervello".
Cercherò di essere attiva e di unirmi a voi
G

GRAZIA CONCILIO 23.11.05 10:20| 
 |
Rispondi al commento


Per prima cosa mi preme dire una cosa a tutti gli interventi fuori luogo, vi prego che cosa c'entra ora la politica italiana con questa denuncia allucinante che ci hanno messo davanti agli occhi?! Ma guarda te se a 22anni mi doveva capitare di trovare gente così egocentrica da scavalcare una notizia del genere tirando in ballo la nostra politica interna! Siete ridicoli.

Punto secondo.. mi dispiace ma sono realista.. non c'è modo di fermare una macchina come la Cina, possono permettersi di calpestare i diritti uman come e quando vogliono, e nessuno potrà più dirgli niente. Il perchè lo sapete tutti (mi rivolgo alle poche persone obiettive e dotate di buon senso)ripeto, nessuno è in grado di imporgli norme o regole a livello internazionale... come agli USA d'altronde.
Questo è quanto.

alessio semeraro 23.11.05 04:47| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe, ho comprato i primi 3 doni per natale:
3 dvd del tuo spettacolo di Roma, ilprimo regalo è per me, gli altri due sono per due miei amici border line....nel senso che le scorse politiche hanno votato per ......non voglio influenzaeli nella mia direzione, ma.....voglio dare un piccolo contributo informativo perchè ad oggi hanno delle convinzioni.
Quando gli ho proposto di vedere il tuo spettacolo mi hanno risposto:...nooo , è matto, è un esagitato, è di parte.....
e di questo ne sono convinti.
Ora, siccome io sono contro ogni tipo di convinzione, di vero , di falso o giusto o sbagliato, ....spero attraverso questo dono di far nascere in loro se non altro..." IL DUBBIO " e una " DOMANDA" ,dubbio che forse... non "Tutto"ciò che sappiamo attraverso le fonti standard.. sia esattamente corrispondete al vero... ed una domanda del tipo: " ma chi cazzo sta muovendo questi fili???" " Sono davvero padrone della mia vita e del mio futuro?"
Grazie per l'attenzione e buona serata a tutti,caramente Virginia da Bologna

virginia lepore 22.11.05 23:57| 
 |
Rispondi al commento

premiamo per una legge che obblighi ad inserire in tutte le pagine web esistenti al mondo due link a fondo pagina:
uno alla carta dei diritti umani
uno ad un sito a piacere, che tratti di temi sociali mondiali, pace, libertà, inquinamento (o siti come il tuo ad esempio)


e inserire anche una scritta che ci ricordi a tutti! (popolo di internet) che non siste un dio che ama la guerra, o ami sterminare altri uomini, ma solo falsi profeti che la inneggiano per il loro tornaconto

in tutte le lingue! dei siti.


Spero che questo Blog continui ad esistere,
e che nessuno chiuda con una banale scusa, tuttalpiu proponga in concreto cosa bisognerebbe fare per arginare eventuali commenti sopra le righe favoriti dalla straripante voglia di partecipazione del pubblico ormai represso in ogni modo "lecito"
insomma se qualcuno crede che qui si va oltre i pensieri democratici agisca in modo sensato e non coercitivo, se esistono i mezzi per farlo, altrimenti spero che questo rimanga uno spazio libero a tutti e chiunque, qualunque cosa voglia dire.
ovviamente il buon Beppe e libero di aspitarci o meno, ovviamente.

Davide Bartoli 22.11.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

RISPOSTA IMPORTANTE AL POST DA UN CINESE:

Ciao Stefano, ho letto la pagina che mi hai inviato, e ti rispondo da un cinese che ha vissuto fino a 16 anni in Cina e cerco di essere possibilmente oggettivo.

Intanto ti spiego cosa è la "laogai", in cinese laogai significa letteralmente "educare facendo lavorare", non sono i luoghi ma è una punizione penale per chi ha commesso dei reati meno gravi di quelli che possono portare all´ergastolo. In questi luoghi, i delinquenti (tipo chi ha commesso il furto o rapina) vengono costretti a lavorare, ma sicuramente non vengono sf ruttati, e vengono pagati, anche se con un salario molto basso rispetto alla media. Gli obiettivi principali di laogai sono:- produrre e automantenersi -fare trovare alle persone sviate la strada giusta per condurre la loro vita attraverso la realizzazione del valore, quindi attraverso il produrre; - far imparare le tecniche di lavorare in modo che una volta saranno liberi, avranno possibilità di trovare il lavoro. Queste leggi, come la pena di morte (alla quale sono contrario), sono legittimate non perché sono poste dal governo, ma perché trovano ampio consenso del popolo, è proprio il consenso di quasi tutti i cinesi che costituisce la base ufficiale di queste leggi.
...

Stefano Melato 22.11.05 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo al sig. Luciano Granello.
Con tutto il rispetto il suo è un modo qualunquista di porre il problema della democrazia.LEI VORREBBE DIRCI che gli italiani democratici (socialisti,comunisti,liberali o cattolici come Celentano) debbano tacere sulle anomalie "antidemocratiche" italiane (e la sfido a dire che da noi tutto è normale) perchè in Cina o altrove la situazione è drammatica?(tra parentesi le ricordo che i comunisti italiani sono sempre stati tutt'altro dai sovietici o dai cinesi.Si studi il ruolo che Togliatti ha avuto nella stesura della costituzione democratica e nell'evitare che l'italia si avvitasse in una seconda guerra civile,e di Berlinguer nel compiere lo strappo dall'URRS e nel sostegno alla lotta contro il terrorismo BR).Si ricordi, che in Italia i danni veri li ha fatti la dittatura Fascista,che ha abbattuto la democrazia allora esistente,ha fatto il lavaggio del cervello agli italiani con la sua propaganda imperialista,ha trascinato il paese in una guerra aggressiva al fianco del peggior assassino mai visto,portandolo ad una inevitabile(per fortuna)sconfitta,ma al caro prezzo della perdita di milioni di vite,di quel pezzo di italia che era l'Istria e dell'autonomia politica (leggi legittima ingerenza USA sugli sconfitti).Danni che paghiamo ancora oggi.Se fossi in lei dunque mi preoccuperei di più degli aspiranti dittatori di oggi in casa nostra,di quelli che dicono che in fondo Mussolini era un bravo dittatore che mandava solo al confino (balle colossali!!),di quelli che controllano ampiamente i mezzi di informazione e cacciano i giornalisti scomodi per controllare l'opinione pubblica, quelli che riducono gli spazi dell'opposizione,quelli che mischiano gli affari personali con quelli dello stato,quelli che erano iscritti all'associazione sovversiva di ispirazione neofascista nota come P2.Le assicuro che oggi è molto meglio che ci occupiamo dell'Italia.Poi sono daccordo con lei:nessun affare col regime Cinese!Lei è daccordo vero? e Bush?

Alessandro Rossi 22.11.05 18:32| 
 |
Rispondi al commento

a mio avviso siamo noi consumatori che incentiviamo queste pratiche. Prima di passare le domeniche nei negozi Ikea leggete che combina la multinazionale svedese. Ho tradotto una ricerca eseguita dall'associazione somo per conto di un sindacato olandanese. Lo suddivisa in tre parti, leggetela è interessante.
www.ethicalstore.org

massimo de luca 22.11.05 17:28| 
 |
Rispondi al commento

a mio avviso siamo noi consumatori che incentiviamo queste pratiche. Prima di passare le domeniche nei negozi Ikea leggete che combina la multinazionale svedese. Ho tradotto una ricerca eseguita dall'associazione somo per conto di un sindacato olandanese. Lo suddivisa in tre parti, leggetela è interessante.
www.ethicalstore.org

massimo de luca 22.11.05 17:06| 
 |
Rispondi al commento

E' INCREDIBILE CHE LE CONFERENZE Sui lao gai , non siano mai presentate da partiti di sinistra
e' una vergogna che il PRC O I DIESSINI non diano spazio a questi CRIMINI COMUNISTI

SOLO FORZA NUOVA O I RADICALI hanno avuto il coraggio di denunciare e dare voce a questo cinese vittima dei lao gai

FRANCESCO PAZIENZA 22.11.05 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Labbra rifatte con cadaveri cinesi

E' la più nuova merce Made in China, e anch'essa è in offerta a prezzi stracciati sul mercato mondiale.Si tratta di collagene, quel materiale biologico che i chirurghi plastici iniettano per spianare le rughe e riempire le labbra.Quello cinese costa solo il 5% del prezzo a cui è venduto il collagene prodotto in USA e in Europa.
Piccolo particolare: è ricavato dai cadaveri di condannati a morte in Cina. Lo ha scoperto un investigatore di Hong Kong, che facendosi passare per un uomo d'affari interessato alla «merce» ha contattato una ditta biotech nella provincia di Heilongjiang, nel nord della Cina.«Sì, estraiamo il collagene dalla pelle di prigionieri che hanno subito l'esecuzione, e di feti abortiti», ha confermato il direttore vendite dell'azienda.Aggiungendo che il governo ha consigliato di tenere la cosa «riservata», visto «il rumore che questa attività provoca nei paesi occidentali».Collagene umano Made in Cina è già stato venduto in Gran Bretagna, ha rivelato il quotidiano britannico Guardian, e probabilmente in altri Paesi europei.
Quasi certamente, diverse signore sugli anta che si sono fatte «rifare» le labbra in Occidente, hanno in bocca i resti di un uomo che è stato liquidato con un colpo alla nuca, velocemente intubato dai medici (presenti sul luogo dell'esecuzione con un camioncino attrezzato) perché il cadavere resti «fresco» con la respirazione artificiale, e ripulito di reni, fegato ed altri organi

FRANCO RAY 22.11.05 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Labbra rifatte con cadaveri cinesi

E' la più nuova merce Made in China, e anch'essa è in offerta a prezzi stracciati sul mercato mondiale.Si tratta di collagene, quel materiale biologico che i chirurghi plastici iniettano per spianare le rughe e riempire le labbra.Quello cinese costa solo il 5% del prezzo a cui è venduto il collagene prodotto in USA e in Europa.
Piccolo particolare: è ricavato dai cadaveri di condannati a morte in Cina. Lo ha scoperto un investigatore di Hong Kong, che facendosi passare per un uomo d'affari interessato alla «merce» ha contattato una ditta biotech nella provincia di Heilongjiang, nel nord della Cina.«Sì, estraiamo il collagene dalla pelle di prigionieri che hanno subito l'esecuzione, e di feti abortiti», ha confermato il direttore vendite dell'azienda.Aggiungendo che il governo ha consigliato di tenere la cosa «riservata», visto «il rumore che questa attività provoca nei paesi occidentali».Collagene umano Made in Cina è già stato venduto in Gran Bretagna, ha rivelato il quotidiano britannico Guardian, e probabilmente in altri Paesi europei.
Quasi certamente, diverse signore sugli anta che si sono fatte «rifare» le labbra in Occidente, hanno in bocca i resti di un uomo che è stato liquidato con un colpo alla nuca, velocemente intubato dai medici (presenti sul luogo dell'esecuzione con un camioncino attrezzato) perché il cadavere resti «fresco» con la respirazione artificiale, e ripulito di reni, fegato ed altri organi

FRANCO RAY 22.11.05 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Io il signor Wu l'ho visto in una conferenza a Busto Arsizio, interessante, curioso...come il fatto che l'incontro sia stato promosso da Alternativa Sociale e i banchetti antistanti fossero pieni di manifesti di forza nuova e simpaticoni del genere, insoma dalla padella alla brace

Alessandro Colombo 22.11.05 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Io il signor Wu l'ho visto in una conferenza a Busto Arsizio, interessante, curioso...come il fatto che l'incontro sia stato promosso da Alternativa Sociale e i banchetti antistanti fossero pieni di manifesti di forza nuova e simpaticoni del genere, insoma dalla padella alla brace

Alessandro Colombo 22.11.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Io mi chiedo, perchè mai il sig.Celentano, cosi amante della sinistra e così aperto alla liberta di stampa e della televisione, (che gli rende molto). non va a fare un po di propaganda in Cina?? Perchè non fa una verzione del suo "Rokpolitik" in Cina?? Lì ci sono molti compagni ad ascoltarlo, se il regime comunista lo permette. Tutti i Bertinottiani, gli Agnolettiani e chi più ne ha, più nemetta, che vadano tutti in Cina ad esternare le loro preghiere. Caro Beppe, ma tu sei mai stato in Cina ad esternare i tuoi pensieri?

Luciano Granello 22.11.05 16:29| 
 |
Rispondi al commento

bene,bene,bene,leggo qui la descrrizione inviata dal sig.Wu.
e a fine articolo si legge benissimo che il governo della cina e un governo comunista.Leggo male?(DACCORDO,QUI IN ITALIA LA SINISTRA NON E SINISTRA,DACCORDO,QUI DA NOI UNA COSA DEL GENERE NON POTREBBE MANI ACCADERE,DACCORDODACCORDO DACCORDO.SECONDO ALCUNI PERO).Voglio capire voglio spiegazioni,e questo l'ideale di chi non fa altro che criticare gli stati uniti?Questo non e altro che un magna magna peggio del nostro ,almeno noi non siamo costretti ai lavor forzati,con l'unico scopo di arricchire la nazione.Le mie paure sono tante,per prima quella che tra qualche anno la nostra sinistra sara sicuramente al governo,e come facciamo a sapere che i loro ideali siano quelli giusti,che non abbiano cattiverie di quel genere in mente,oche non gli vengano durante la legislatura!Se in tutto il mondo continuo a vedere che la dove il governo e di sinistra esistono forme di oppressione a favore dello stato,mi dispiace ma io e con me tanti citadini non potremo mai fidarci delle belle parole dei nostri amati comunisti che si definiscono comunisti diversi dal resto dei comunisti al mondo.Mi rivolgo a loro:dove sta la vostra diversita?se la direxione politica e quella del vostro partito come potete essere diversi.
Forse dovreste pensare un po a voi stessi,e finirla di criticare gli stati uniti o tutto cio che la pensa diversamente da voi solo per il fatto che colui non e comunista.

fabio migaleddu 22.11.05 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Adesso posso dirmi d'accordo con Beppe...la Cina sarà la tigre dell'economia mondiale...ma in quanto diritti umani è praticamente ultima al mondo...
Non sono un boicottatore...ma in questo caso per me andrebbero boicottati tutti i prodotti cinesi, per far capire a quel governo despota che non può andare avanti così...taroccando prodotti, togliendo le libertà all'uomo...basta!

Massimo Grassu 22.11.05 14:36| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di: "Fa che questo Papa" di Alessandro Santoro.
In Qoelet(Ecclesiaste)(capitolo 3,da versetto 18 a versetto 21) della Bibbia cristiana (vedasi a tal proposito la "Sacra Bibbia", versione ufficiale C.E.I, edizione a cura della UELCI, coedizione ottobre 1999, pag. 630) sta scritto:"Poi riguardo ai figli dell'uomo mi son detto:Dio vuol provarli e mostrare che essi di per sé sono come bestie.Infatti la sorte degli uomini e quella delle bestie è la stessa;come muoiono queste muoiono quelli;c'è un solo soffio vitale per tutti.Non esiste superiorità dell'uomo rispetto alle bestie, perchè tutto è vanità.Tutti sono diretti verso la medesima dimora:tutto è venuto dalla polvere e tutto ritorna nella polvere.Chi sa se il soffio vitale dell'uomo salga in alto e se quello della bestia scenda in basso nella terra?".
Allora aggiungerei alla lettera di Alessandro Santoro - che condivido - quanto segue:"Fa che questo Papa ricordi ai propri fedeli la parola di Dio, espressa anche in Qoelet, e si batta in difesa della Vita in generale: umana e non umana (per intenderci, anche in difesa dell'inviolabilità della della Vita degli animali-non-umani, compagni di viaggio dell'uomo nel mondo).

Federico Bartolozzi 22.11.05 10:30| 
 |
Rispondi al commento

vivere è un diritto. l'aborto è una scelta civile.
cerca di metterti d'accordo. che ti piaccia o no l'aborto è un omicidio. scelta civile! ma fammi il piacere! il famoso detto: l'utero è mio!. ma tu certamente sei civile. la tua civiltà mi fa paura. ma questo è solo il mio pensiero. tu tieniti pure il tuo, emerito civile!

Postato da: giacomo zanitti il 18.11.05 16:29

Caro Giacomo,
questa tua considerazione è fortunatamente sull'aborto = omicidio è solo una tua personale condiderazione, liberissimo di pensarla così, per la legge dello stato laico italiano non è un omicidio.......perchè non fate un referendum per abrograre questa legge vergognosa ???

fabio riva 22.11.05 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
spero vivamente che tu leggerai questo post...sono un ragazzo di 14 anni e penso sinceramente che il mondo stia andando a rotoli...è mai possibile che nell'era della rivoluzione tecnologica,ci siano ancora nostri simili che praticano atti brutali su altri nostri simili???
mi rivolgo a tutti coloro che hanno parlato di politica:
questa non è politica,questa è la mentalità umana...come diceva Einstein "solo 2 cose sono infinte:l'universo e la stupidità umana...e non sono molto sicuro della prima..."
ebbene sì è questa la realtà che ci si pone davanti...il volto cattivo dell'umanità(ammesso e concesso che ce ne sia VERAMENTE uno buono)...

Daniele de Virgilio...Terlizzi,Bari,Puglia,Italia,Falsa Europa,Mondo bruciato,Terra...

Daniele de Virgilio 21.11.05 21:31| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di credibilità!
Quando si chiede di boicottare la Coca Cola per i fatti accaduti in Colombia (richiesta condivisibile), per essere credibili nei confronti dell'opinione pubblica (in particolare quella che fa riferimento all'elettorato di sinistra), si dovrebbe aggiungere di boicottare anche i prodotti cinesi (paese in cui i diritti umani sono un optional). Solo in questo modo si può essere credibili.
Temo che le opinioni dei "leader" di sinistra, ed in particolare del Sig. Fausto Berinotti, non siano funzionali allo sviluppo di un ideale comune ma solo un modo, ormai logoro e che non darà alcun frutto, di apparire impegnati (non copisco in che cosa).
Farsi prendere in "castagna" dal signor Casini (Presidente della Camera dei Deputati) quando afferma che i Vescovi si citano solo quando fa comodo (vedi devolution) è stato il massimo.
Grazie e...............forza Beppe
Franco Di Stefano

Franco Di Stefano 21.11.05 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe soltanto una semplice parola per combattere contro questi orrori (pellicce comprese naturalmente che nel post non sono state menzionate ma il video è arrivato dopo):

EMBARGO!

Utopistico vero? Molto più semplice farlo nei confronti di paesi piccoli come Cuba... eh già...

Annarita Cola 21.11.05 14:42| 
 |
Rispondi al commento

nel sito

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

c'è nella nuova sezione LA BACHECA
Il vero BLOG "omnidirezionele" dove tutti i COMMENTI sono a loro volta dei POST che possono essere commentati e non bisogna essere registrati
Questo sì che è veramente libero!

Marcello

marcello ariosti 21.11.05 09:05| 
 |
Rispondi al commento

D'accordo che gli abbiamo fatto una bella carognata,

d'accordo che li abbiamo cagati li' e siamo corsi sul carro del vincitore,

d'accordo che la Vergeltung e' un piatto che si mangia freddo...

D'accordo tutto..... pero',cacchio, questi ci hanno mandato paparazzi e qui mi pare che hanno un po' esagerato..
E poi quella sottile finezza che Marktl e' a cinque Km da Braunau, il messaggio rasenta la perfidia...
E mo ?
E mo' so' cazzi nostri !
Fto. Giovanni di Bernardone.

Federico Staufen 21.11.05 07:12| 
 |
Rispondi al commento

Erano anni che tutto il mondo era a conoscenza dei famigerati 'campi di rieducazione' cinesi, tristemente paragonati ai Gulag russi; però quasi nessuno ne parlava. Ora che i cinesi hanno cominciato ad esportare le loro merci vendendole direttamente in occidente, e non come prima, che le vendevano alle nostre società, le quali poi si occupavano di rivenderle a noi cittadini con lauti profitti, proprio ora, guarda caso, viene fuori che quelle merci vanno boicottate perchè prodotte con il sudore e le lacrime dei poveri prigionieri politici. Chissà perchè in Italia la morale e l'indignazione tendono a scattare in sincrono con altri fenomeni che di morale non hanno proprio nulla. qualcuno sa spiegarmelo?

Stefano Cecchini 20.11.05 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Cina: la persecuzione alla Chiesa cattolica clandestina non si ferma! Arrestati 10 seminaristi e un sacerdote della Chiesa clandestina

Nell'imminenza della visita di Bush in Cina, il governo fa piazza pulita. Ma è da tempo che nell'Hebei continua una campagna di repressione contro i cattolici. In queste ultime settimane si è intensificata la campagna del governo cinese per forzare i sacerdoti e fedeli della Chiesa cattolica sotterranea a registrarsi nella chiesa patriottica ufficiale…
Padre Yang Jianwei, un sacerdote della Chiesa non ufficiale in Cina, è stato arrestato il pomeriggio dello scorso 12 novembre insieme a 10 seminaristi; di questi 4 sono di Baoding (Hebei).
L'arresto, eseguito da circa 20 funzionari della pubblica sicurezza, è avvenuto a Xushui City, sempre nella provincia dell'Hebei; le cause non sono ancora note.


La polizia ha confiscato molti libri religiosi e 7 mila yuan (circa 725 euro).
Dopo essere rimasti in carcere per 3 giorni, i 6 seminaristi non provenienti da Baoding sono stati liberati e rimandati nelle loro città di origine invece che al seminario. Gli altri 4 - Fan Fubin, Wang Yongliang, Wang Chunlei e Li Yutao - sono ancora sotto la custodia della polizia in una località sconosciuta.
Stessa sorte è spettata a p.Yang, anche lui nelle mani della polizia. Il sacerdote è stato ordinato prete nel 2000 ed è originario di un villaggio di Xushui City, Shakou; qui la comunità cattolica sotterranea conta circa mille fedeli.


Gli arresti di sabato scorso sono l'ultimo episodio del recente inasprimento dei controlli sulla Chiesa non ufficiale in Cina. La campagna di repressione sta colpendo soprattutto la provincia dell'Hebei, dove la comunità cattolica sotterranea è più numerosa.

FRANCO RAY 20.11.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

PARTE 3
La competitività globale è fondata sulla schiavitù

Circa 43 milioni di persone schiavizzate lavorano in oltre 3.000 EPZ diffuse in 116 Paesi del Terzo Mondo. In Cina un operaio delle SEZ guadagna meno di un dollaro l’ora. In aggiunta il regime comunista offre al mercato globale manodopera gratuita. Sono i 6.800.000 detenuti dei 1.100 campi di concentramento ufficialmente censiti, i famigerati Laogai. Le fabbriche militarizzate e i lager comunisti sono il grande vantaggio competitivo delle imprese transnazionali che investono in Cina.

Comunismo significa disuguaglianza e povertà

Malgrado la Cina registri il più alto tasso di crescita del PIL al mondo, tra il 7% ed il 10% annuo, esistono enormi squilibri nella distribuzione della ricchezza. I miliardari sono 300.000 e acquistano una quota pari al 3% di tutti i beni di lusso venduti al mondo. I benestanti, che guadagnano 30.000 dollari annui, sono 5 milioni. In totale miliardari e benestanti, quasi tutti funzionari comunisti asserviti all’oligarchia mondialista, sono lo 0,4% della popolazione. Circa 900 milioni di cinesi sopravvivono con un reddito medio di 250 dollari annui.

Il potere usuraio governa la Cina

Aderendo nel 2001 alla World Trade Organization (WTO) la Cina ha cominciato ad applicare le politiche monetariste di macrocontrollo imposte dalle Istituzioni Finanziarie Internazionali (IFI). Per evitare che il rallentamento del ciclo produca deflazione, il governo comunista le esportazioni, che crescono ad un ritmo superiore al 30% annuo. Solo vendendo più merci all’estero, le aziende cinesi, gravate da sovracapacità produttiva, possono alleggerire le scorte e far quadrare i bilanci. Gli aggiustamenti strutturali suggeriti dalle IFI hanno prodotto il licenziamento di oltre 60 milioni di lavoratori, fra cui 37 milioni espulsi dalle aziende di Stato in perdita.

FRANCO RAY 20.11.05 19:44| 
 |
Rispondi al commento

PARTE 2
Ogni giorno avvengono almeno 300 manifestazioni di protesta soffocate nel sangue, di cui non viene data notizia. La maggioranza dei cinesi non sa quanto accade nel Paese e nel resto del mondo. Attualmente, su 1.000 persone, 291 hanno un televisore, 342 una radio, 376 leggono un quotidiano. Internet conta 79.500.000 utenti, appena il 6,1% della popolazione. Gli studenti universitari sono 18.000.000, pari al 1,4%. Il 23,1% dei cinesi è analfabeta.

Il comunismo cinese è asservito al mondialismo capitalista

Persone rapite e scomparse, arresti arbitrari, lunghe detenzioni in isolamento, torture nelle carceri, sono fatti denunciati da numerose organizzazioni per la tutela dei diritti umani. Il regime risponde alle accuse affermando il suo diritto alla crescita del prodotto interno lordo (PIL) ed ha istituito circa 2.000 zone franche dove le multinazionali producono – direttamente, tramite joint ventures, o su licenza – merci e servizi per il mercato globale.

Globalizzazione significa sfruttamento

Le Special Economic Zones (SEZ) cinesi sono la versione aggiornata delle Export Processing Zones (EPZ) contestate dal movimento antimondialista.. La produzione avviene in fabbriche militarizzate che impiegano manodopera a basso costo. Gli investitori cosmopoliti beneficiano di esenzioni fiscali e della libertà di inquinare. Gli orari sono estenuanti: dalle 7.00 alle 23.00, con un giorno di riposo ogni 2 settimane. Si utilizza lavoro minorile. Gli operai dormono ammassati in capannoni malsani. Violenze ed abusi sessuali sono la regola.

FRANCO RAY 20.11.05 19:42| 
 |
Rispondi al commento

You come, you profit, we all prosper

Il presidente della Repubblica Popolare Cinese è anche segretario generale del Partito Comunista Cinese. L’esercito svolge anche funzioni di polizia. Fino al 2000 gestiva direttamente numerose imprese commerciali, ora dirette dai militari in pensione. Sono negate le fondamentali libertà di parola, stampa, riunione, associazione, religione. I sindacati formalmente esistono, ma chi vi aderisce viene schedato come dissidente.

Ateismo e persecuzione religiosa

In nome del materialismo comunista, lo Stato cinese è ufficialmente ateo. Tutte le religioni sono perseguitate: taoisti, buddisti, cristiani, musulmani. La repressione di massa più recente, denunciata da Amnesty International e dall’ONU, riguarda il Falun Gong, un movimento spirituale laico che predicava verità, compassione, tolleranza. Dal 1999 ad oggi sono stati assassinati ben 2.730 suoi aderenti.

Infanticidio e pena di morte

Imponendo un figlio per famiglia, vengono incoraggiati l’aborto e la sterilizzazione come metodi anticoncezionali. L’infanticidio colpisce soprattutto le figlie femmine, considerate meno produttive dei maschi. Vige la pena capitale. Ogni anno sono condannate a morte circa 10.000 persone. Gli organi dei condannati a morte sono espiantati prima dell’esecuzione e venduti al 30% in meno rispetto a quelli provenienti da Bulgaria, Colombia, Russia Sudafrica.

I crimini di regime

Nel 1957 Mao Tse-tung ammise che, nei primi 5 anni di regime, erano stati giustiziati 800.000 detenuti politici. Secondo statistiche attendibili, il costo umano del comunismo in Cina, compresa la rivoluzione culturale proletaria degli anni sessanta, ammonta minimo a 31.750.000 morti. Nel 1989 la pacifica protesta di Piazza Tiananment fu repressa dall’esercito con un bilancio di 5.000 morti e 10.000 feriti.

FRANCO RAEY 20.11.05 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con quanto dice Zhang Lucio Jun.
Sono stato diverse volte in Cina e non mi è mai, dico mai, sembrato che vi fosse la benché minima "restrizione" alle pratiche religiose. Tant'è vero che le chiese che ho visitato erano tutte quante colme di gente, come i templi buddhisti (e non ho mai visto poliziotti presidiarvi).
Chiaramente, come scrive il Sig. Zhang Lucio Jun, il governo e la polizia della Repubblica Popolare Cinese non è contro la manifestazione religiosa, bensì contro la politica che si nasconde al suo interno.
E siccome l'organizzazione più potente, tra tutte le chiese cristiane, è quella cattolica (che sostanzialmente riceve direttive e soldi dal Vaticano), Pechino ha tutta la legittimità di esercitare la propria sovranità statale.
D'altra parte, non posso che sostenere questa linea: preferisco che la Cina rimanga comunista (in diritto) 1000 anni piuttosto che, per lo 0,2% della popolazione (tanta quanta è quella cattolica) sia un satellite del Vaticano.
Quanto alla presenza dei Laogai, credo che il Sig. Harry Wu sinceramente esageri e non prenda atto che vi sono stati grandi cambiamenti in Cina. Eppoi, se proprio dovessimo criticare i Laogai, è soltanto una questione di scelta: facciamo o non facciamo ottenere allo Stato il profitto attraverso la vendita esterna di materiali prodotti attraverso il lavoro coatto dei prigionieri? I cinesi hanno scelto il profitto, ed è inutile criticarli, giacché il 95% di quelli che frequentano il Laogai sono dei delinquenti, e non dei prigionieri politici.
Quanto alle migliaia di ragazze madri costrette ad abortire coi metodi descritti, io credo che il Sig. Wu usi troppa immaginazione. Sig. Wu, Lei sa che la multa governativa cinese ammonta a circa 240 euro a secondo figlio nato? E penso che sappia anche che la nascita del secondo figlio capita generalmente nelle campagne, e a volte il padre è costretto addirittura ad emigrare nelle grandi città alla ricerca di salari migliori per pagare la multa!!

Davide Filippini 20.11.05 19:29| 
 |
Rispondi al commento

"Fondi pensionistici o fondi di bottiglia"

Ieri pensioni baby, poi a 60 anni, oggi a 65 anni ed, alla prossima finaziaria 'strutturale', in pensione a 70 anni o forse più.
Ma quanto dovrei vivere per godermi la pensione?
Mi dovrei proccupare di mettere la pensione da parte per alimentare il sistema sanitario nazionale e garantire loro le pensioni e pagare il canone televisivo?
Voglio l'eutanasia!
E se muoio prima che fine fanno i soldi che ho versato?
E se, dopo aver fatto la formichina, fallisce il fondo pensionistico? Qualcuno sta pensando che non è possibile.
In Italia, in questo momento, sta succedendo ai pensionati e lavoratori della ex Banca commerciale: ma tutti i canali principali d'informazione - ? - tacciono.
Vai con l'informazione 'creativa' sull'aviaria - i polli siamo noi - ma le cose serie occultiamole!
Fate una ricerca su Google digitando: FONDO PENSIONE COMIT
per chi non vuol perdere tempo
http://italy.indymedia.org/news/2004/10/668294.php
http://www.pane-rose.it/pagina_art.php?id_art=5428&loc=1
http://www.altreconomia.it/index.php?module=subjects&func=viewpage&pageid=239&pageno=2
Ezio

nicodemo petegrilli 20.11.05 18:28| 
 |
Rispondi al commento

non c'è limite alla crudeltà umana?la mia mente e il mio cuore si rifiuta di accettare tali atrocità,non posso credere che esistano ancora dei campi di "sofferenza"..mi è venuto da piangere nel leggere questa lettera e quello che mi rattrista di più è che questa è solo la punta dell'iceberg..quanto di marcio c'è ancora?'e quanto ancora nn sappiamo?..quante domande mi affliggono e quanto vorrei fare,ma come?

lucianna del vecchio 20.11.05 18:28| 
 |
Rispondi al commento

"Fondi pensionistici o fondi di bottiglia"

Ieri pensioni baby, poi a 60 anni, oggi a 65 anni ed, alla prossima finaziaria 'strutturale', in pensione a 70 anni o forse più.
Ma quanto dovrei vivere per godermi la pensione?
Mi dovrei proccupare di mettere la pensione da parte per alimentare il sistema sanitario nazionale e garantire loro le pensioni e pagare il canone televisivo?
Voglio l'eutanasia!
E se muoio prima che fine fanno i soldi che ho versato?
E se, dopo aver fatto la formichina, fallisce il fondo pensionistico? Qualcuno sta pensando che non è possibile.
In Italia, in questo momento, sta succedendo ai pensionati e lavoratori della ex Banca commerciale: ma tutti i canali principali d'informazione - ? - tacciono.
Vai con l'informazione 'creativa' sull'aviaria - i polli siamo noi - ma le cose serie occultiamole!
Fate una ricerca su Google digitando: FONDO PENSIONE COMIT
per chi non vuol perdere tempo
http://italy.indymedia.org/news/2004/10/668294.php
http://www.pane-rose.it/pagina_art.php?id_art=5428&loc=1
http://www.altreconomia.it/index.php?module=subjects&func=viewpage&pageid=239&pageno=2
Ezio

nicodemo petegrilli 20.11.05 18:28| 
 |
Rispondi al commento

non c'è limite alla crudeltà umana?la mia mente e il mio cuore si rifiuta di accettare tali atrocità,non posso credere che esistano ancora dei campi di "sofferenza"..mi è venuto da piangere nel leggere questa lettera e quello che mi rattrista di più è che questa è solo la punta dell'iceberg..quanto di marcio c'è ancora?'e quanto ancora nn sappiamo?..quante domande mi affliggono e quanto vorrei fare,ma come?

lucianna del vecchio 20.11.05 18:21| 
 |
Rispondi al commento

in questi giorni in televisione ci mostrano le immagini, della LAV su quello che succede in Cina per le pellicce,ma quello che non mi ha sorpreso è che mentre in tutte le parti del mondo si sono mobilitati(è stato detto in televisione), in Italia non è successo qusi niente(che stano)non fatico a non crederci.
Una riflessione,forse se al posto di animali ci fossero stati degli amici del Nano, vedi Previti, sicuramente ci sarebbe stata una mobilitazione generale,un decreto legge,e altro,e al grido di comunisti carogne avrebbe cominciato ad elencare i crimini dei comunisti etc...etc....
Peccato che i cani,i gatti ,i cincilla della Cina non sono parenti del NANO,forse li avrebbe già salvati. Non pensiamo a quei poveracci nei campi di concentramento.

emanuele fumagalli 20.11.05 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.

io ho un ufficio in Cina, a Xi'an, nel centro della Cina. Sono stato lì e devo dire che, prima di tutto, l'errore che commettiamo è non pensare che il mondo in Cina non è come il nostro. Voglio dire che la cultura, le abitudini, quello che accettiamo noi e quello che accettano loro, sono diversi.

Ciò non toglie che le notizie che arrivano sugli sfruttamenti siano assolutamente veri e da condannare. Ma bisogna essere assolutamente cauti e, soprattutto realisti nel condannare ed urlare allo scandalo, a mio parere per i seguenti motivi:

1) Il 90% di ciò che usiamo, dall'automobile all'elettronica, ai vestiti, è prodotto in Cina. E' quindi inutile che quando pensiamo di aver fatto un grande affare in un negozio di vestiti, non vogliamo ammettere che dietro il prezzo così basso ci sia il lavoro di un bambino cinese, ma poi ci scandalizziamo alla televisione....

2) Fare la guerra ai prodotti cinesi è un'utopia, semplicemente per la mancanza di alternative, visto che tutti i semilavorati e la componentistica arrivano dalla cina

3)Siamo in un paese così ipocrita che critichiamo le altre nazioni, magari su fatti oggettivamente aberranti, che ci dimentichiamo che a casa nostra ci sono situazioni assolutamente paragonabili: prostituzione e turismo sessuale, sfruttamento degli extra-comunitaru (perchè quando in Italia si trova una cantina piena di cinesi sfruttati, il commento principale è..."guarda chi ci toglie il lavoro"... e non ..."poveretti, qual'è quell'italiano di M. che li sfrutta"...)

Secondo me la prima cosa da fare è garantire un'informazione reale. I fatti citati in questo blog sono verissimi, e dobbiamo trovare un modo per portare la popolazione cinese a risollevarsi, ,e certo non boiccottando la Cina.

Per completezza di informazione, è bene ricordare che molto di ciò che paghiamo è a fini poco etici...tranne, forse, i prodotti con caratteristiche strettamente regionali e locali.....

Daniele Tronconi 20.11.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.

io ho un ufficio in Cina, a Xi'an, nel centro della Cina. Sono stato lì e devo dire che, prima di tutto, l'errore che commettiamo è non pensare che il mondo in Cina non è come il nostro. Voglio dire che la cultura, le abitudini, quello che accettiamo noi e quello che accettano loro, sono diversi.

Ciò non toglie che le notizie che arrivano sugli sfruttamenti siano assolutamente veri e da condannare. Ma bisogna essere assolutamente cauti e, soprattutto realisti nel condannare ed urlare allo scandalo, a mio parere per i seguenti motivi:

1) Il 90% di ciò che usiamo, dall'automobile all'elettronica, ai vestiti, è prodotto in Cina. E' quindi inutile che quando pensiamo di aver fatto un grande affare in un negozio di vestiti, non vogliamo ammettere che dietro il prezzo così basso ci sia il lavoro di un bambino cinese, ma poi ci scandalizziamo alla televisione....

2) Fare la guerra ai prodotti cinesi è un'utopia, semplicemente per la mancanza di alternative, visto che tutti i semilavorati e la componentistica arrivano dalla cina

3)Siamo in un paese così ipocrita che critichiamo le altre nazioni, magari su fatti oggettivamente aberranti, che ci dimentichiamo che a casa nostra ci sono situazioni assolutamente paragonabili: prostituzione e turismo sessuale, sfruttamento degli extra-comunitaru (perchè quando in Italia si trova una cantina piena di cinesi sfruttati, il commento principale è..."guarda chi ci toglie il lavoro"... e non ..."poveretti, qual'è quell'italiano di M. che li sfrutta"...)

Secondo me la prima cosa da fare è garantire un'informazione reale. I fatti citati in questo blog sono verissimi, e dobbiamo trovare un modo per portare la popolazione cinese a risollevarsi, ,e certo non boiccottando la Cina.

Per completezza di informazione, è bene ricordare che molto di ciò che paghiamo è a fini poco etici...tranne, forse, i prodotti con caratteristiche strettamente regionali e locali.....

Daniele Tronconi 20.11.05 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Non so assolutamente cosa voglia dire "Lagoai".

In compenso so che le stesse persone che dicono di voler perorare la causa di queste "povere vittime" difendono anche terroristi dell'ETA.

Per essi i "poveri patrioti baschi" sono torturati giornalmente nelle progioni spagnole.

A me risulta invece che i terroristi baschi siano solo assassini codardi e ripugnanti, capaci solo di sparare a cuochi e venditori di caramelle in paeselli il cui livello omertoso gareggia con San Luca d'Aspromonte.

"Prigionieri politici". La Lioce in Italia si dichiara tale.

Meditate gente, meditate.

Roberto Volpi 20.11.05 10:04| 
 |
Rispondi al commento

madonna....ciampi.....
l'ultima volta ch l'ho sentito lanciava un monito forte "e ai giovani dico: abbiate coraggio ! e prendete nelle mani il vostro futuro!"
madonna...
da allora, quando compare (ogni tre tgg) lo ammutolisco e mi consolo pensando ad aprile 2005.
ma ora ?
madonna....
firmato:un antimariolatra

Federico Staufen 20.11.05 08:32| 
 |
Rispondi al commento

TUTTA LA MIA SOLIDARIETA' AGLI STUDENTI DEL COSIDETTO PROFESSORE GAETANO INFUSOLI.

Rosario Falcone 20.11.05 01:41| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti, sono un Professore di Storia contemporanea, e vorrei far sapere a tutti che è altamente diseducativo e aberrante fare studiare il libro "Dei delitti e delle pene" di quel giacobino di Cesare Beccaria. E' un libro pieno di insulsaggini. Il popolo si educa con la pena di morte per i delitti più efferati, e la legge del taglione (era nettamente più all'avanguardia l'Editto di Ròtari). Infatti le più eccelse potenze mondiali (USA, CINA, CUBA), usano codesti metodi, ed anche l'elevato mondo islamico. Meditate gente, meditate, e GRIDO FORTE LIBERTA' PER IL MIO INSIGNE COLLEGA DAVID IRVING!

Gaetano Infusoli 20.11.05 00:11| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno ha scritto che il cancro del nuovo millennio è il profitto e noi guardiamo alla cina come modello di riferimento, la guardiamo come probabile partner di mille affari e opportunità e non come realtà piena di contraddizioni e ingiustizie la più intollerabile delle quali adesso sappiamo che sono i Laogai. ancora una volta l'uomo perde un'occasione per dimostrarsi migliore...

umberto cesana 19.11.05 23:47| 
 |
Rispondi al commento

propporei una raccolta firme da inviare a Ciampi .per rendere pubblica questa orribile verita

franco salvi 19.11.05 22:48| 
 |
Rispondi al commento

se quel che dice il firmatario della lettera sta proprio così( CAMPI DI LAVORO FOSZATO....MA COM' è POSSIBILE ??!!)allora IMPEGNAMOCI A CONDANNARE GLI STATI CHE IN QUESTO NON SI PRONUNCIANO,poco ma sicuro..
P.S. CAMPI DI LAVORO FORZATO??!!

dario brunello 19.11.05 21:43| 
 |
Rispondi al commento

scusate, sarò ingenua io ma nn capisco 1 cosa: perché le si costringe ad abortire a ben 8-9 mesi di gravidanza e nn prima? se restassi incinta e qche "simpaticone" volesse costringermi ad abortire, non farebbe prima ad agire ad inizio gravidanza?

daniela bollini 19.11.05 21:13| 
 |
Rispondi al commento

E naturalmente tutto tace -_-
Ma certo! E di che ci stupiamo...
Tutti ormai dovrebbero avere capito che viviamo in un nuovo ordine....
Gli ideali nazisti inneggiavano alla razza ariana, quelli della società moderna inneggiano solo ed asclusivamente al PROFITTO! E tutto il resto passa in secondo piano, anche i cinesi resi schiavi nel nome della crescita economica.
Ma la crescita di chi?
Dei soliti pochi supercapitalisti che nn hanno nessuna etica morale...essi rispettano solo il denaro!
Ps.
concordo nel boicottare ferocemente tutti i prodotti cinesi, ma soprattutto quelli fatti produrre in cina e poi importati dai nostri grandi imprenditori!

Andrea Veroni 19.11.05 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono strofinato gli occhi prima di leggere le ultime dalla cina.... esecuzioni di massa ?? aborti e sterelizzazioni forzate ?? in più fruttamento dei cadaveri con la vendita degli organi (questo i nazisti non lo avevano fatto) aboliamo il giorno della memoria dato che le cose successe 63 anni fà si stanno ripetendo ancora oggi. Ci vuole un iniziativa forte, contro questi governi assassini collaboratori e reticenti, a cominciare dal nostro.

Pino Potenza Commentatore in marcia al V2day 19.11.05 20:16| 
 |
Rispondi al commento

NON VORREI CHE LA CINA DIVENTASSE UNA SECONDA GERMANIA HITLERIANA, FORSE PIU SPAVENTOSA

jacopo prati 19.11.05 19:19| 
 |
Rispondi al commento

NN SONO IDEALISTA DI SINISTRA MA VI DICO QUESTO

BOICOTTIAMO I PRODOTTI CINESI, PER PIACERE BOICOTTIAMO QUESTI NAZISTI

BOICOTTIAMO QUESTE MULTINAZIONALI SPUDORATE, COMINCIAMO NEL NOSTRO PICCOLO, BOICOTTIAMO AUCHAN PER ESEMPIO QUANDO ANDIAM A FAR LA SPESA,

SIGNORI BOICOTTIAMO

jacopo prati 19.11.05 19:12| 
 |
Rispondi al commento

In riferimento al filmato riguardante le bombe al fosforo e lk77(simile al napalm) usato dagli americani in iraq,ho seguito per radio ad una interogazione parlamentare,e mi sono scandalizzato da come il viceministro degli esteri, rispondendo alle domande dell'opposizione,abbia "spudoratamente" negato l'evidenza,cioe il fatto che i cadaveri mostravano palesemente ferite e bruciature causate da armi vietate dalla convenzione del 1981 e malgrado l'evidenza difendendo l'operato degli "alleati"giustificava la nostra presenza in iraq.ce veramente da vergognarsi.

beccegato claudio 19.11.05 19:05| 
 |
Rispondi al commento

In riferimento al filmato riguardante le bombe al fosforo e lk77(simile al napalm) usato dagli americani in iraq,ho seguito per radio ad una interogazione parlamentare,e mi sono scandalizzato da come il viceministro degli esteri, rispondendo alle domande dell'opposizione,abbia "spudoratamente" negato l'evidenza,cioe il fatto che i cadaveri mostravano palesemente ferite e bruciature causate da armi vietate dalla convenzione del 1981 e malgrado l'evidenza difendendo l'operato degli "alleati"giustificava la nostra presenza in iraq.ce veramente da vergognarsi.

beccegato claudio 19.11.05 19:04| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe grillo sono un ragazzo di 17 anni..e ti scrivo questa lettera per dirti semplicemente grazie..grazie per come riesci in modo molto semplice e divertente a spiegarmi,a portarmi a conoscienza e a farmi capire molti dei fatti che accadono intorno a noi...la televisione secondo me ha un gran bisogno di artisti come te...grazie..

luca canfucci 19.11.05 18:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe:
Inutile dire che sei un GRANDE ARTISTA.Bravo.Continua così!
Due parole per contrastare completamente la Cina
con tutti i massacri che stà operando senza nessuna coscienza sui poveri animali da pelliccia.
Sono molto triste a riguardo.Essendo un'animalista
convinto,un gattaro al 100%100,ogni volta che vedo
tali scempi solo a scopo di danaro,mi viene un magone dentro e stò male!Possibile che l'uomo sia così schifosamente cattivo?Una vera carogna!!
Ciao.(cosa sono URL e Indirizzo web?)
Se c'è qualcuno che mi vuole spiegare.Grazie.
Rudy.

Rodolfo Carnazza 19.11.05 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Zhang Lucio Jun il 19.11.05 13:53
-------------------------------
Ricordo che per l'arrivo di bush in Cina sono stati incarcerati uno svariato numero di sacerdoti cattolici cinesi (in quanto non allineati con il governo), temevano che facessero pubbliche dichiarazioni alla stampa che accompagnana il Presidente americano....
Libertà religiosa in cina?...mah...

giuliano bes 19.11.05 18:08| 
 |
Rispondi al commento

INCREDIBILE!!!

I SINDACALISTI TROMBONI DELLA SINISTRA DOVE SONO???

CIAMPI ??? E' STATO IN CINA A FAR CHE?

MONTEZEMOLO???

BERTINOTTI COSA NE PENSA DI QUESTI NUOVI COMUNISTI IMPERIALISTI???

E' POSSIBILE CHIEDERE A QUESTI SIGNORI COSA NE PENSANO???

Andrea Giupponi 19.11.05 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Una nuova investigazione, condotta da Swiss Animal Protection e EAST International, ha portato alla luce orrori inimmaginabili all’interno degli allevamenti di animali da pelliccia in Cina: animali rinchiusi in anguste gabbie di rete metallica, completamente spoglie e senza riparo. Una prigionia che provoca gravi effetti sul loro comportamento: stereotipie, passività, automutilazione, problemi di riproduzione, fino all'infanticidio.

Al momento dell’uccisione gli animali, portati nei mercati all’ingrosso dove le grandi compagnie vanno ad acquistare le pelli, vengono storditi con ripetuti colpi alla testa, inferti con un bastone, con una barra metallica, oppure prendendo gli animali dalle zampe posteriori e sbattendoli a terra con violenza. Gli animali lottano, hanno convulsioni, infine giacciono tremanti a terra: molti rimangono vivi.

Poi arriva l’accetta, ma non per finirli, per mutilare la zampe. La scuoiatura avviene quando molti sono ancora coscienti; anche alla fine respirano ancora e il cuore continua a battere, i movimenti del corpo e degli occhi sono evidenti per altri 5/10 minuti.

Tutto questo è documentato da foto, filmati e rapporti.
Puoi vedere con i tuoi occhi se te la senti: www.nonlosapevo.com Si tratta di una breve riduzione per non turbarti troppo.

Luigi De Palma 19.11.05 14:07| 
 |
Rispondi al commento

L'ORRORE NON HA MAI FINE
Milioni di animali allevati in condizioni brutali e scuoiati vivi: accade in Cina per il mercato internazionale della pellicceria, in particolare quello di Italia, Europa, Stati Uniti, Giappone, Corea e Russia. Un’investigazione e un filmato, realizzati nel 2004 e 2005 nelle principali province cinesi in cui è praticato questo tipo di allevamento (Shandong, Heilongjiang, Jilin, Hebei), resi pubblici oggi dalla LAV insieme all’Associazione Svizzera per la Protezione degli Animali e East International che hanno condotto l’indagine, denunciano orrori inimmaginabili: sul web dedicato www.nonlosapevo.com è possibile vedere una breve sequenza video, invitare altre persone a visitare questo sito e firmare la petizione della LAV al Governo italiano per chiedere un bando nazionale all’importazione e al commercio di pelli e pellicce provenienti dalla Cina e l’obbligo di un completo sistema di etichettatura per questi prodotti.

La Cina è diventata la più grande produttrice ed esportatrice al mondo di pellicce e di manufatti in pelliccia: nel 2004 il valore del commercio di questo tipo di prodotti made in Cina ha raggiunto i 2 miliardi di dollari statunitensi. La Cina produce più di 1 milione e mezzo di pelli di volpi e visoni l’anno, equivalenti all’11% della produzione mondiale di visoni e al 27% della produzione mondiale di volpi, mentre il numero di procioni allevati e uccisi in un anno è di oltre 1 milione e mezzo. Milioni anche i cani e ai gatti uccisi per la pelliccia. Più del 95% dell’abbigliamento prodotto in Cina è venduto in particolare a Europa e Italia, USA, Giappone, Corea e Russia, con l’80% di pellicce esportate da Hong Kong verso Europa, Stati Uniti e Giappone. La Cina importa 5 milioni di pelli di visone e 1,5 milioni di pelli di volpe l’anno: questo corrisponde al 40% di quanto venduto attraverso le aste di tutto il mondo. Molte di queste pelli sono tinte in Cina e poi riesportate.
Il giro d’affari mondiale derivante dalla vendita

Luigi de Palma 19.11.05 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo al nipote di Lino Banfi (chi volesse leggere il mio precedente post, scorra più sotto).

Come comico lei vale esattamente suo zio, cioè nulla. Mi rendo conto che per voi italiani "genetici", credere a quello che vi dice chi vive in Cina sia difficile. Sessant'anni di cultura americana, disneyana, vaticana e democristiana, non si possono cancellare in un colpo. Vi capisco.

Il governo cinese perseguita chi fa attività politica, non chi pratica culti religiosi! In Cina, la provincia dello Xingjian che conta quasi venti milioni di abitanti (nulla se paragonati ai trenta milioni della sola Shanghai), è pressoché interamente musulmana e, udite-udite, sono tutti vivi.

Il problema, caro Banfi Junior, è che noi italiani approcciamo la questione Cina nel modo più sbagliato. Lei pensi (sempre ammesso che lo sappia) a che cos'era la Cina solo venti anni fa e la guardi adesso. I governanti cinesi non sono comunisti, non lo sono mai stati. Nemmeno Mao lo era, per sua stessa ammissione. In Cina c'è "solo" un governo forte, tremendamente coeso, che sta, pian piano, liberalizzando i meccanismi amministrativi ed economici.

A loro fa comodo che noi ci distraiamo con utopie come la rivendicazione della democrazia e della libertà di culto. Intanto, la Bank of China detiene circa il 25% dei buoni del tesoro dello stato americano (USA). Lo sapeva?

Se i cinesi portano all'incasso i BOT americani domattina, gli USA chiudono per bancarotta.

Pechino sta tenendo per le palle Washington ormai da anni. E' per questo che Bush, l'anno scorso, quando un giornalista gli ha chiesto di esprimere un parere sull'indipendenza di Taiwan, ha detto di essere contrario (lui, l'esportatore di democrazia!).

Dai, andiamo avanti a credere che i cinesi siano un popolo schiavo e schiavizzato, dai, andiamo avanti a crederlo. Poi ce ne accorgeremo di quanto sono schiavi, ce ne accorgeremo sì, ma tutto d'un colpo.

Zhang Lucio Jun 19.11.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

CAMPI DI CONCENTRAMENTO IN CINA...MULTINAZIONALI???PER FAVORE BEPPE, O CHIUNQUE ABBIA INFORMAZIONI...VOGLIO I NOMI!!!!
Non voglio assolutamente acquistare cose fabbricate con il sangue di esseri umani.
E BISOGNEREBBE PUBBLICARE I NOMI DELLE AZIENDE CHE PRODUCONO ALL'INTERNO DI QUESTI LAGER!!!
Beppe,grazie per l'enorme lavoro che fai.Spero e voglio credere che tutte le persone che leggono il tuo blog,contagino altre persone fino a raddrizzare questo mondo al rovescio(come mi ha detto un giorno gino strada,un altro uomo fantastico nella sua semplicità e nel suo coraggio).Zaira.

Zaira Zingone 19.11.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

ops....

ce l'ho gia'

giuseppe corradi 19.11.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Pasquale Santangeli il 18.11.05 23:30
---------------

Pasquale, io la voglia di vomitare c'e' l'ho gia' da quando avevo 14-15 anni, e da allora che sto prendendo tutti per il culo.....

Purtroppo non sono in grado di darti alcun consiglio, credo pero' che la merda non riguardi soltanto l'italia. Certo, da un punto di vista professionale, in america avrai sicuramente piu' possibilita' di realizzarti, pero' le ragazzine truccate (e col seno rifatto), le discoteche, le attricette, il grande fratello e britney spears le troverai anche li'.

Del resto, ovunque tu stia, puoi sempre scegliere di non guardare la televisione, di non andare in discoteca, di non indossare le nike e di non leccare il culo a chichessia (e con un po' di fatica si riesce persino a trovare qualche ragazza la cui massima aspirazione non sia fare la velina..)

Per conto mio cerco di seguire la mia strada lasciando meno tracce possibile....

In bocca al lupo.
Giuseppe.

giuseppe corradi 19.11.05 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Per caso qualcuno ha letto l'editoriale di Alberoni sul corriere di lunedì?
Un articolo inneggiante l'operosità e la voglia di emergere di un popolo, virtù che noi italiani abbiamo oramai perso, troppo pigri e persi nei nostri vizi...
Forse chi parla ha preso il suo caso singolo per un caso generale. Fargli fare un soggiorno nei laogai???

giovanni maggi 19.11.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO DELLE CONDIZIONI UMANE DEI CINESI. IO HO LAVORATO CON UN RAGAZZO CATONESE CHE MI DICEVA CHE IN OSPEDALE GLI ABORTI AVANZATI (DOPO IL 6° MESE)VENIVANO TRANQUILLAMENTE VENDUTI COME CARNE PER ALIMENTAZIONE UMANA. VOLEVO SAPERE DA HARRY WU SE E' VERO. SALUTI

CLAUDIO PERISSINOTTI 19.11.05 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Ci stupiamo così tanto dall'essere invasi dai cinesi e c'è chi dice perchè non tornano a casa loro...beh adesso abbiamo capito perchè...e c'è chi ancora non crede che nella Cina moderna i cittadini sono solo carne da macello...la verità è che siamo in una prigione dorata dove sentiamo qualche eco ovattato di dolore e ci disperiamo ancora perchè non possiamo permetterci la seconda macchina...ho perfino paura che i nostri poveri vivano più dignitosamente di quelli Cinesi o Argentini: sapete che ci sono ancora gli squadroni che ammazzano i ragazzi di strada e i poveri all'addiaccio ,di sera? dove stiamo finendo?

sofia pilastro 19.11.05 11:27| 
 |
Rispondi al commento

LA LIBERTA' DI OPINIONE: sono d'accordo con la scarcerazione di Erik Priebke, perché è un povero vecchio, ed un uomo d'onore che ha solo eseguito gli ordini, come deve fare qualsiasi soldato!

Postato da: Giuseppe Lavezza il 18.11.05 22:31

=================================================
Sono d'accordo sulla liberta' di opinione e per questo esprimo la mia di opinione:VAI A CAGARE

Francesco Pace 55 19.11.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

P.S. per chi sostiene che la mafia debba essere legalizzata e che l'unico a combattere veramente la mafia fu Mussolini.

Cesare Mori si insedia a Palermo il 22 ottobre 1925 e gode di pieni poteri conferiti da Mussolini in persona. Il primo gennaio del '26 occupa militarmente la zona di Gangi e rastrella il paese con Carabinieri e uomini della milizia. I banditi, piccoli mafiosi rurali e vecchi latitanti, vengono stanati e umiliati. Donne e bambini vengono usati come ostaggi per costringere i malviventi alla resa. Particolare non secondario nell’assedio di Gangi il ruolo giocato dal barone Sgadari, grosso proprietario terriero, da tempo in affari con i mafiosi locali e salvato con l’impunità dal Mori in cambio d’una mediazione atta a convincere i resistenti.

L’azione di Mori continuerà nel biennio ‘26-’27, il numero degli arrestati raggiungerà livelli record e anche quello dei latitanti indotti alla «fuga» negli Usa dove ben s’accomodarono nei «ruggenti» anni del proibizionismo. In ogni caso sul finire del ‘27 il prefetto fu nominato senatore del regno mentre Mussolini alla Camera dichiarava solennemente «la Mafia è sconfitta».
=== === === ==== ===
La mafia come e' ben chiaro non fu affatto sconfitta, e oggi tutti gli storici sono concordi
nel dire che la nomina a senatore di Mori fu un espediente per rimuoverlo dall'incarico perche' aveva cominciato a svelare gli intrecci tra mafia e livello politico. Corsi e ricorsi della storia.
Francesco Pace

Francesco Pace 55 19.11.05 11:17| 
 |
Rispondi al commento

OT Grande Beppe! Tii ho visto a Striscia che parlavi bene dei blog... Sì, i blog permettono la democrazia in senso ateniese... Bisogna crederci, investirci! ;-)

Marco Candida 19.11.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Beppe,

SCRIVO IN MAIUSCOLO NELLA SPERANZA CHE TU POSSA LEGGERE QUESTO MIO APPELLO FONDATO SU RAGIONEVOLI DATI...

IO SONO DA ANNI (PURTROPPO SOLO CON GLI AMICI) UNO DEGL'ITALIANI PIù SPAVENTATI SU QUELLO CHE LA CINA STA FACENDO AL MERCATO INTERNAZIONALE E SOPRATTUTTO A SE STESSA!!!

VORREI ESSERE UN PERSONAGGIO MOLTO FAMOSO, INFLUENTE E AMATO DAL PUBBLICO PER POTER DENUNCIARE TUTTO QUESTO APERTAMENTE E CONTINUAMENTE, IN MODO CHE LA TOTALE OPINIONE PUBBLICA INDIGNATA POSSA VERAMENTE METTERE UN FRENO A TUTTO QUESTO PARTENDO DAL CREARE UN IMBARGO VIRTUALE SUI PRODOTTI CINESI, IL RESTO VERREBBE DA SE......MA PURTROPPO SONO UNO SCONOSCIUTO, INFLUENTE SOLO CON IL PROPRIO GATTO ALL'ORA DI PRANZO E AMATO SOLO DA MAMMA E PAPA', PER CUI TUTTO QUESTO NON LO POSSO FARE!!

MA CONOSCO UNA PERSONA CON TUTTI QUESTI REQUISITI...UN CERTO:
GIUSEPPE GRILLO da GENOVA!!

BASTA CON SPETTACOLI PER POCHI, PARTECIPAZIONI LAMPO IN PICCOLE PIAZZE O PER TV A PAGAMENTO, E' ORA CHE TORNI SUL PICCOLO SCHERMO COME LA RAI, COME HA FATTO A SUO MODO CELENTANO.
DEVI CHIUDERE CON IL PASSATO, PENSARE ANCHE UN PO' MENO AL COMPENSO ECONOMICO CHE SARà TOTALMENTE RISARCITO DA UNA COMPLETA RICONOSCENZA ALL'INIZIO SOLO ITALIANA PER ARRIVARE A QUELLA MONDIALE ASSIEME AGL'ALTRI "GRILLO" AMERICANI, FRANCESI, INGLESI, ECC. ECC.

TI PREGO DAI UN SEGNO DI VITA, NON CHIUDERTI NEL SOLO TUO PREZIOSISSIMO BLOG, MA SCHIUDITI ALL'ITALIA INTERA.

FAMMI SAPERE....

CON AFFETTO E SPERANZA

EMANUELE

Emanuele Palombi 19.11.05 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto solo oggi il video sugli animali, il modo come gli Strappano la pelle. Non abbiamo bisogno delle pellicce per scaldarci, non siamo mica nell' era delle caverne. Io propongo non solo di non comprare un C...o dai cinesi, ma di fare loro quel che hanno fatto a quei poveri animali, per vedere se le loro grida commuovono e sdegnano chi guarda il video dopo aver guardato questo.

Nicola Pisano 19.11.05 09:00| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto il filmato
http://www.beppegrillo.it/2005/11/organi_freschi.html
Dopo un pò non me la sono più sentita.
Sapevo che una pelliccia proviene da un animale morto, ma squoiarlo vivo è proprio una bastardata vera. Che vadano a**an**lo anche quei ca**o di cinesi e gli italiani che comprano da loro.

CIAO A TUTTI

Alessandro Gorreta 19.11.05 08:02| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE, PRIMA DI GUARDARE IL FILMATO, LEGGETE BENE E VALUTATE SE VI SENTITE DI FARLO. E' AGGHIACCIANTE CREDETEMI
FATELO COMUNQUE GIRARE


Io non ce l'ho fatta a guardare il filmato! Mi si sono rivoltate le budella
anche solo a leggere la descrizione!
Ma è giusto che si sappia in giro. Quindi per favore fate girare questo messaggio.
Forse sensibilizzando, la gente la smetterà di comprare pellicce, pelle e
altre cose prodotte da spargimento di sangue!!
A voi la scelta...
Vi avverto...il filmato è molto duro e quindi, prima di klikkare sul link
contenuto in questa email, pensateci su bene, ma ricordatevi pure che per
far fronte a mali ESTREMI come questo, occorrono, da parte di tutti, rimedi...URGENTI!!!
Non si può restare impassibili di fronte a "spettacoli" del genere, accidenti!

Questa mail inviatami da una cara amica è qui da qualche giorno.
Non volevo guardare il filmato.
(Vi consiglio di leggere fino in fondo prima di cliccare sul link dove si
trova il video. Sceglierete a quel punto se davvero vi sentite di vedere
il video oppure no. Capirete in questo modo il significato di questa mail).
http://www.strasbourgcurieux.com/fourrure/
Amo gli animali, mi sono detta. Faccio quello che posso per loro.
Starei solo male. Per niente. Poi ho deciso. Di vederlo. Di star male.
Per un tempo che non finiva più. Perché non basta "sapere". Occorre vedere
per poter raccontare a chi non vuole farlo. Perché voglio si sappia e si
faccia sapere l'orrendo dolore che sta dietro agli articoli di pregio in
pelle e pellicia, rifiniti, bordati in pelle e pelliccia, che riempiono le
vetrine dei nostri negozi, belli e meno belli, che invadono i nostri grandi
magazzini (un sacco ne ho visti all'UPIM e RINASCENTE, made in China, con
etichette dai nomi inventati), che strabordano dalle bancarelle dei nostri
mercati.
Perché voglio che si pensi quando si sceglie una borsa, un paio di guanti,
un giaccone, u

Marina Nuvola 19.11.05 01:43| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE, PRIMA DI GUARDARE IL FILMATO, LEGGETE BENE E VALUTATE SE VI SENTITE DI FARLO. E' AGGHIACCIANTE CREDETEMI
FATELO COMUNQUE GIRARE


Io non ce l'ho fatta a guardare il filmato! Mi si sono rivoltate le budella
anche solo a leggere la descrizione!
Ma è giusto che si sappia in giro. Quindi per favore fate girare questo messaggio.
Forse sensibilizzando, la gente la smetterà di comprare pellicce, pelle e
altre cose prodotte da spargimento di sangue!!
A voi la scelta...
Vi avverto...il filmato è molto duro e quindi, prima di klikkare sul link
contenuto in questa email, pensateci su bene, ma ricordatevi pure che per
far fronte a mali ESTREMI come questo, occorrono, da parte di tutti, rimedi...URGENTI!!!
Non si può restare impassibili di fronte a "spettacoli" del genere, accidenti!

************************************************
Questa mail inviatami da una cara amica è qui da qualche giorno.
Non volevo guardare il filmato.
(Vi consiglio di leggere fino in fondo prima di cliccare sul link dove si
trova il video. Sceglierete a quel punto se davvero vi sentite di vedere
il video oppure no. Capirete in questo modo il significato di questa mail).
http://www.strasbourgcurieux.com/fourrure/
Amo gli animali, mi sono detta. Faccio quello che posso per loro.
Starei solo male. Per niente. Poi ho deciso. Di vederlo. Di star male.
Per un tempo che non finiva più. Perché non basta "sapere". Occorre vedere
per poter raccontare a chi non vuole farlo. Perché voglio si sappia e si
faccia sapere l'orrendo dolore che sta dietro agli articoli di pregio in
pelle e pellicia, rifiniti, bordati in pelle e pelliccia, che riempiono le
vetrine dei nostri negozi, belli e meno belli, che invadono i nostri

Marina Nuvola 19.11.05 01:41| 
 |
Rispondi al commento

Sono rimasto molto colpito dal commento di Pasquale, al quale dico che pur avendo qualche anno meno di lui mi sento in grado di suggerirgli di non gettare mai la spugna.
Isolarsi oggi equivale a trovare rifugio in una scatola di cartone mentre fuori si abbatte un nubifragio. Se ti può consolare io penso che il mondo sia talmente immerso nella merd@ che pure quelli che fanno finta di nulla non possono fare a meno di sentirne l'odore. Per cui non aver paura a renderti conto della realtà effettiva delle cose, a parlarne (almeno alla tua stessa coscienza), mentre tutti gli altri fingono e si esaltano per un nonnulla. Perchè penso che un giorno non lontano comincerà a piovere merd@ e per uno strano scherzo del destino nessuno, quel dannato giorno, riuscirà a trovare riparo. Ma quelli che faranno la differenza, non saranno coloro che si sono esaltati per la macchina truccata, per la discoteca, per il sesso esasperato ed esasperante, per il cellulare dual stronz, ma chi, guardando in faccia la realtà, ha imparato a prendere quella merd@ il meno possibile in faccia. Scusa per le metafore, solitamente sono molto più concreto, ma spero che il mio punto di vista possa essere per te uno spunto di riflessione. L'ultima nota la riservo all'osservazione di come la nostra classe politica faccia talmente cagare che ad oggi i signori onorevoli e senatori sono strapagati per calcolare un mondo che non esiste, e che non tiene conto di cosette tragi-comiche come quelle testimoniate dalla lettera in oggetto. E chi parla del comunismo come isola felice (l'isola volante di celentaniana memoria) e chi ne parla come se fosse il mostro dei nostri peggiori incubi...e i pecorari scanii che s'azzuffano negli esercizi di dialettica retorica, e i bertinotti che vogliono abolire la proprietà privata, e i sandri bondi e gli schifani che pronunciano trionfalismi per battaglie che non sono battaglie.... un bel quadretto non c'è che dire. Dico solo, non mi avrete mai vivo.
Buon proseguimento.

Dino Leschi 19.11.05 01:22| 
 |
Rispondi al commento

nn credo (credevo, prima di leggere il messaggio precedente) possibile che qualcuno dei lettori del blog di grillo potesse scrivere idiozie simili.
sono 2: o beppe dovrebbe guardare meglio negli occhi gli spettatori dei suoi spettacoli, e lasciare se possibile meno ambiguità nelle sue parole, o provocatori fascisti più o meno organizzati fanno di tutto per ottenere visibilità, quasi in contemporanea con una certa campagna stampa organizzata da il tempo e il giornale contro grillo.

la libertà di pensiero e di espressione nn può essere in alcun modo confusa con l'agibilità politica e sociale per le bestialità fasciste, per tutte le forme di razzismo e xenofobia.

dopo gli orrori visti nel mondo dai regimi militari e clericofascisti, purtroppo in italia dobbiamo constatare come con l'avvallo più o meno palese dell'attuale ed eversivo governo (vedasi la riforma piduista della costituzione) e di tutte le forze della sua maggioranza le idee fasciste e nazistoidi riprendono piede e ottengono spazi di azione e pubblicità, sdoganati da quelle che si presumevano "innocue" quanto deliranti uscite del presidente del consiglio, ora igniminosamente seguite dal presidente dei ds (il più grande partito della "opposizione", che è stata in grado di far rimanere in piedi per ben 5 anni, fino a fine legislatura, il peggior governo della storia repubblicana) d'alema.

francesco modugno 18.11.05 23:21| 
 |
Rispondi al commento

E' una vergogna! L'arresto dell'insigne storico David Irving in Austria, è un aberrante risultato del mandato di cattura europeo, a danno di un libero cittadino britannico, e fine studioso dei fatti della II Guerra Mondiale. L'assurdo capo di accusa (apologia di nazismo!), in Austria è condannato con 20 anni di reclusione, mentre il Prof. Irving è britannico, e lì in quel paese democraticissimo, non esiste il reato di apologia di nazismo.
E' una cosa aberrante, perché mi sembra strano che Jorge Haider non abbia appianato questo reato che è solo ideologico.
Mentre orde di islamici tramano come "dormienti", e quelli sì che dovrebbero essere sbattuti nello Spielberg e resi innocui.
LA LIBERTA' DI OPINIONE: sono d'accordo con la scarcerazione di Erik Priebke, perché è un povero vecchio, ed un uomo d'onore che ha solo eseguito gli ordini, come deve fare qualsiasi soldato!

Giuseppe Lavezza 18.11.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Faccio solo questa considerazione; come mai in Italia i cinesi dopo poco tempo hanno macchine, locali di proprietà, case dignitose, mentre rumeni, polacchi, ucraini, albanesi, etc., lavorano con fatica, li vedi negli hard-discount, spesso con birre e poco altro in mano, e mandano le loro donne a prostituirsi, per poi farle "rigenerare" e farle sposare a qualche vecchio rincoglionito italiano ?
E' incredibile vedere come famiglie cinesi, qui a Latina, pagano 800-900 € al mese di affitto, non hanno nulla al muro e nelle stanze, stendono fuori al terrazzo pesci ed alghe ad essiccare, si comprano nuovi furgoncini per andare a fare i mercati, che poi legano la sera con una catena da ancora al palo della luce. Lavorano come matti, ma nessuno nei cantieri edili o in agricoltura: sono terribili !!! Aveva ragione Mussolini quando 70 anni fà diceva che l'unica paura che aveva era quella del popolo Cinese !!! Sono come gli insetti imenotteri sociali, hanno le caste, rispettate da ognuno, e chi sgara è cacciato dal gruppo (termiti, formiche, vespe, api, etc). Ragazzi bisogna incominciare a diventare una nazione vera, con in mano la tecnologia e la ricerca, come fanno gli "occidentali veri" (Olanda, Svezia, Etc.); incominciare ha riconquistare la ragione, a cominciare dalle iniziative come questo blog, dai professori di scuola media, dalla famiglia, e dagli oratori.
Ricordate che nemmeno le civiltà egiziane, babilonesi, sumere, greche, sono durate più di 4-500 anni. Stà forse iniziando la nostra decadenza ? Davvero tra poco il nostro datore di lavoro sarà cinese ? Io ho un bel pezzo di terra, e mi sto attrezzando per la coltura di riso in asciutta ! metti che non gli convenga nazionalizzare le campagne !!!!
Ciao, compratevi Arrapahao

ottavio CIRILLI 18.11.05 22:27| 
 |
Rispondi al commento

@Osvaldo Tagliani
"Ma non ho capito se con qiello che dici vorresti difendere Ceausescu...
Sarebbe una vera disgrazia"

Postato da: Osvaldo Tagliani il 18.11.05 12:14

Dio me ne guardi!.. Volevo solo dire che coloro che spingono per "democratizzare" gli altri paesi, non se ne fregano del dopo : si fermano alla conquista politica e al controllo economico.
Se poi i popoli cadono dalla padella alla brace (bambini nelle fogne di mosca), non importa : cio' che conta e' poter fare business in quei paesi.
Ceausescu e' stato un dittatore feroce, e l'ho specificato quando ho detto "se parlavi male di lui, scomparivi nel nulla".
Pero' si parla sempre delle vittime del nazismo, di quelle del comunismo, ma mai delle vittime del capitalismo che sono la somma dei due mali.
Le vittime del capitalismo sono nascoste, muoiono ogni giorno nei cantieri, o in quei posti di lavoro dove non sono rispettate le norme di sicurezza o igieniche (amianto, fumi , eccetera).
Le vittime del capitalismo sono nella strage di Bhopal, dimenticata da tutti. A Bhopal si muore ancora oggi, ma non importa a nessuno, e nessuno sa cos'e' : e' stato solo un incidente.
Non sono comunista,non sono contrario al capitalismo,ma la new economy e la globalizzazione hanno reso il capitalismo molto piu' feroce del comunismo e nazismo messi insieme (le vittime della coca cola, e della cina ne sono dimostrazione). Solo che le ferocie della new economy sono nascoste, nessuno le vede e nessuno le combatte, perche' sono nascoste in una fabbrica in Colombia, o in una guerra sporca in Iraq, oppure nei tanti sopprusi in giro per il mondo.
Un giorno sterminavamo gli indios perche' erano selvaggi e stavano male, ma la storia ci insegna che li abbiamo sterminati perche' ci servivano le loro risorse.
Oggi stiamo facendo la stessa cosa, e non ce ne accorgiamo.
A Baghdad c'era un dittatore che sterminava migliaia di persone,oggi c'e' una guerra che ne sta uccidendo milioni : forse era meglio il dittatore.

Roberto Chelli 18.11.05 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Onestamente quanto dice il signor Harry Wu mi lascia un po' perplesso; non dubito che in Cina vi siano violazioni dei diritti umani, pero' credo che prima di saltare alle conclusioni bisognerebbe informarsi, specie quando si parla di una realta' complessa quale la Cina di cui credo, il 99% dei frequentatori del blog ne sappiano poco o niente.

Mi sorgono inoltre spontanee alcune domande, ad esempio:

- Chi sovvenziona la fondazione Laogai?
- Quali sono i suoi legami con eventuali movimenti religiosi o antiabortisti?
- E quali con il governo usa (per il quale, si sa', i diritti umanitari sono soprattutto un pretesto per esercitare pressione politica sul governo cinese)?



giuseppe corradi 18.11.05 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

ti sollecito sempre per rinnovarti la richiesta di aiutare 450.000 famiglie italiane vittime del crack dei bond argentini, che diventano ben 1.000.000 se aggiungiamo tutti gli altri disastri finanziari che si sono verificati dal 2001 ad oggi nel nostro Paese.
Di tutto ciò dobbiamo ringraziare il carissimo Governatore Fazio che doveva vigilare e controllare sull'operato delle banche... il quale, invece, ha vigilato e controllato solamente le proprie tasche e nonostante le prove della sua colpevolezza è ancora saldamente incollato alla sua sedia.
Mi rivolgo a tutti i truffati presenti in questo blog.
Noi ci ritroviamo nel Forum de "Il Sole 24 ore" non nello spazio riservato ai bond argentini, lo hanno chiuso. Pertanto abbiamo occupato pacificamente quello dedicato alla Piaga dello Spamming. Oltre al diretto intervento di te, Beppe, desideriamo che si uniscano a noi anche altre persone, il nostro spazio è rivolto a tutti coloro che abbiano voglia di lottare per avere di ritorno i propri soldi, frutto di duro lavoro, non abbiamo rubato niente a nessuno noi! Abbiamo in programma una manifestazione a Roma davanti a Montecitorio il 13 e 14 dicembre, chi può venire sarebbe il benvenuto, dobbiamo far sentire la nostra voce e andare in tanti. Abbiamo comunque altre iniziative da portare avanti e necessaterebbe la collaborazione di tantissime persone. Coraggio gente, per informazioni contattate il forum. Saremo lieti di arruolarvi nei nostri. Ci aspetta una dura battaglia politica. L'art. 47 della Costituzione tutela i risparmi dei cittadini italiani. Allora la politica che non ci ha affatto tutelato ci deve delle risposte.
Coraggio Beppe, aspettiamo anche te, abbiamo bisogno che anche tu continui a parlare di noi, la nostra causa deve andare avanti e deve portare risultati concreti. E' un dovere civile di tutti per tantissime famiglie italiani, composte anche da tantissimi anziani.
Partecipate, grazie


lidia venturini 18.11.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Ancora una volta si conferma l'atteggiamento falso dell'occidente nei riguardi di un paese che:
1/ non rispetta i diritti umani
2/ fa concorrrenza sleale
3/ uccide metodicamente i propri sudditi
4/ crea disoccupazione e povertà in occidente
ma in cambio:
a/finanzia il gigantesco debito USA
b/crea profitti enormi per le multinazionali
c/tollera benevolmente la politica fascista USA
d/investe massicciamente nelle economie occidentali

E, dulcis in fundo, questa stampa occidentale
ci rompe i coglioni sui crimini e le violazioni di CUBA, IRAN, ecc. che tutti assieme non sono
nemmeno paragonabili con quelli da sempre commessi
in CINA
Quando leggerò sulla stampa 'libera e democratica' che gli USA sono un paese governato da fascisti criminali?

gianluigi sellari 18.11.05 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti

L'unica cosa che davvero non mi piace nei blog è che difficilmente nasce una vera e propria discussione: di solito ognuno dice la sua, o al massimo, quando è particolarmente poco inteligente, insulta un'altro.
I miei pochi post ad esempio sono stati finora solo commentati da un certo Paolo Moretti, che mi dice che sono così "tonto che devo specificarti che c´e`solo ironia nei tuoi riguardi in questo post".
MAGARI!!! Mi piacerebbe trovare almeno ironia, il guaio è che a parte il piccolo insulto sopra riportato non trovo proprio niente! Probabile che sia quello che scrivo che non interessa a
nessuno, in quanto banale, scontato o semplicemente stupido. Ma è possibile che su 1120 post solo 3 o 4 si meritino una analisi o un ragionamento degni di questo nome?!

Detto questo, volevo ringraziare Zhang Lucio Jun per quanto ha scritto: un bello spunto di riflessione, e finalmente una esperienza non per sentito dire!
Personalmente, per lavoro, mi capita di avere contatti con aziende cinesi, e sinceramente non ho mai percepito la presenza di una situazione come quella descritta. Non voglio dire che non esista, ma che di sicuro non tutto è così, e non ovunque in quella enorme nazione. E lo dice uno che sa, ad esempio, quanto i cattolici come lui in Cina siano perseguitati, al contrario di ciò che dicono alcuni in questo blog!

Quando sento parlare di boicottare i cinesi rimango incredulo! Semmai dobbiamo cercare di aiutarli, magari proprio attraverso lo sviluppo economico delle zone rurali, a liberarsi dalle costrizioni del regime, ad aprirsi ad una vera libertà, anche religiosa. E come si fa anche solo a pensare di boicottare un miliardo di persone?! Finora il loro PIL è stato dovuto al 90% alla crescita del mercato interno!

Forse è una facezia, ma proprio ultimamente un mio collaboratore che ha passato un mese in Cina per lavoro è tornato talmente entusiasta di quello che ha vissuto e delle persone che ha incontrato, che parla di trasferircisi...

Francesco Guarino 18.11.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE TI RINGRAZIO PER LE INNUMEREVOLI NOTIZIE CHE OGNI GIORNO CI DAI , E' ASSURDO CHE TALI SCIAGURE NON VENGONO MAI MESSE IN PRIMA PAGINA , SONO STANCA DI VEDERE ALBANO E LA SUA EX MOGLIE, LA VENTURA CHE FA IL BOOM CON L'ISOLA O TUTTE LE ALTRE STUPIDAGGINI CHE CI BOMBARDANO.
IO HO 28 ANNI , CREDEVO NELLA POLITICA, NELLA RELIGIONE , NEI DIRITTI ALTRUI, MA MI RENDO CONTO CHE ORMAI NON ESISTE PIU' RISPETTO DI NULLA. IL DIO DENERO VINCE SEMPRE, QUNDO LEGGO QUESTI TUOI ARTICOLI MI RENDO CONTO CHE VIVIAMO IN UNA ENORME BUFALA, SONO AMAREGGIATA CHE I NOSTRI POLITICI SI RIEMPONO SEMPRE LA BOCCA DI BUONE PAROLE MA NON FANNO MAI NULLA DI BUONO ANZI SONO PARTECIPI E RESPONSABILI DI QUESTO SCHIFO DI MONDO, SPERO CHE ESISTA VERAMENTE QUALCOSA O QUALCUNO CHE UN GIORNO LI PUNISCA.
BEPPE IO NON SO COME FAI AD ANDARE AVANTI SAPENDO TUTTO QUESTO.
GRAZIE MARIA GRAZIA

MARIA GRAZIA STAMEGNA 18.11.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

www.infowars.com -

troverete l'articolo "China Total Dehumanization" che mostra la tragedia dei condannati-pezzo di ricambio ....

www.infowars.com -

Emily Dukioa 18.11.05 17:12| 
 |
Rispondi al commento


@ Postato da: Zhang Lucio Jun il 18.11.05 14:43

ma guarda, io che finora avevo conosciuto solo un Yuan Lucio Battisti e un Chen Lucio Dalla_

a parte le battute introduttive - sa sono un po' toccato di cervello - non stiamo a nasconderci dentro un albergo del Monopoli - la Cina non sarà quel mostro descritto in questa brve lettera, ma non si possono certo negare:
- la persecuzione dei monaci tibetani
- una certa rotrosia alla vera libertà di culto
- le torture di Stato
- le persecuzioni politiche
- le condizioni inumane di molti lavoratori e il disprezzo dei loro diritti

e qualcos'altro

mi scusi di nuovo la battuta sul suo nome, ma mi è venuta così, sono il nipote di Lino Banfi_

Leonardo Migliarini 18.11.05 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Mi terrorizza, si, : l'ignoranza e quell'ignobile senso del giudizio, come se tutti noi fossimo dei giudici. Vivere è un diritto non è un dovere, non abbiamo padroni a cui rendere conto delle nostre scelte civili. Esiste ancora l'aborto, in Italia, è una scelta civile. La spregiudicatezza di far da giudici è ignoranza.

Postato da: desi chinellato il 18.11.05 13:27


vivere è un diritto. l'aborto è una scelta civile.
cerca di metterti d'accordo. che ti piaccia o no l'aborto è un omicidio. scelta civile! ma fammi il piacere! il famoso detto: l'utero è mio!. ma tu certamente sei civile. la tua civiltà mi fa paura. ma questo è solo il mio pensiero. tu tieniti pure il tuo, emerito civile!

giacomo zanitti 18.11.05 16:29| 
 |
Rispondi al commento

SPERO SOLO ESISTA DAVVERO L'INFERNO PER QUESTI "signori" PER PERPETRANO TALI NEFANDEZZE!!

VALERIO PAVANI 18.11.05 16:20| 
 |
Rispondi al commento

BASTA VI PREGO!!
HO LE LACRIME AGLI OCCHI, NON RESISTO!
VOGLIO SCENDERE DA QUESTO MONDO
E MAGARI TROVARMI UN RIFUGIO SU MARTE
DOVE LA MIA COSCENZA NON MI COSTRINGA A GUARDARE TUTTE QUESTE PORCATE; A GUARDARE COME QUESTO PARASSITA (L'UOMO), DISTRUGGE I SUOI SIMILI E LA TERRA CHE LO OSPITA NEL MODO PIU' STUPIDO E CRUDELE!!

BASTA, VOGLIO SPEGNERE LA LUCE!!!!!

VALERIO PAVANI 18.11.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto un pò di commenti e devo dire che alla fine abbiamo tutti ragione, chi più chi meno.
Ma in fondo siamo anche tutti ipocriti, mi spiego: leggete le etichette delle vostre scarpe, del vostro computer, del vostro cellulare, del vostro stereo o dei vostri vestiti.
Leggete, poi ditemi se non avete trovato neanche un "Made in China" o un " Made in Taiwan" o " Made in Korea".
Siamo noi "consumatori" che permettiamo certe situazioni.

Mattia Sellato 18.11.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

E' veramente disdicevole leggere alcuni commenti:pro o contro l'America, si parla poco dei delitti nei paesi comunisti?! La violenza in Cina è uguale a quella in Argentina piuttosto che alle periferie delle grandi città, non è nè di destra nè di sinistra: va condannata e basta. Certo da un paese definito il più democratico (l' America),scoprire che si costruiscono le prove (con la pertecipazione, sembra, dei servizi segreti italiani) per fare la guerra ad un altro paese, anche se becero, scoprire questo fa più effetto che sapere di quello che succede in Africa. Tutto quello che è limitare la libertà degli altri è violenza e tutti dovremmo essere pronti alla condanna. E di destra e di sinistra.

Giovanni Miglino 18.11.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento


@ Postato da: Francesco Guarino il 18.11.05 09:27

Guarino, scusi la volgarità, ma che cazzo dice?
ma ci è o ci fa?

scusi tanto,

secondo lei Gesù era liberista?
e i Farisei e i Sadducei contro cui lottava erano comunisti?

l'Uomo non l'ha mai "costruito" nessuno, se non Dio per chi ci crede - ma poi si è fatto abbastanza da solo_

Comunque, anche senza andare fino a Marx o Nietzche, dia almeno un'occhiata a Erasmo, Lutero, Kant, Hegel, che erano cristiani - e poi magari anche a qualche pensatore recente, come Popper o Gadamer o Derrida_

Certo se il suo illustre pensiero espresso nel post deriva dallo studio approfondito di Papa Woytila e Rocco Buttiglione, direi cha ha ancora un po' di strada da fare_

Facci lei_

Leonardo Migliarini 18.11.05 16:14| 
 |
Rispondi al commento

Certo,il governo americano o meglio quello che sta dietro al governo americano ha fatto e sta facendo porcate in tutto il mondo con la scusa di esportare la "loro" demoscrazia,non credo che noi giovani andiamo a manifestare solo per i soliti motivi,è solo che purtroppo in Italia l 'informazione fa pena e ci fanno vedere solo quello che gli fa comodo,il vero problema non è far sapere queste cose alla gente che normalmente va in piazza a manifestare o alle persone che frequentano questo blog,bisognerebbe anche sensibilizzare il resto dell opinione pubblica,dicendo le cose come stanno senza usare i soliti spauracchi burlusconiani del comunismo,le marce per la PACE vengono fatte perchè siamo stanchi di vedere cose come questa non solo per l Iraq,Afganistan,o perche siamo governati da quattro dementi...

filippo romagnoli 18.11.05 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Il problema di fondo non stà nell'autodeterminazione di un popolo, bensì nel rapporto che il mondo a con questi governi.
Noi ci indignamo innanzi a forme di dittatura come quelle cinesi, però i nostri industriali continuano a spostare i loro capitali e le loro aziende laggiù dove il costo del lavoro è basso ed il valore della vita pressochè inesistente.
Penso all'AGV o a Tronchetti and Co.
Ci vorrebbe l'embargo contro un paese come la Cina, alla pari di Cuba.
Ma ehi... poi come farebbero le nostre aziende sul territorio cinese!!!!

Mattia Sellato 18.11.05 16:01| 
 |
Rispondi al commento

il punto non e' che si voglia far credere che in Cina esista ancora il "codino". Il punto e' un altro: nella RPC, oggi, chi detiene il potere (dirigenti degli uffici governativi) sta' facendo miliardi a palate fregandose della povera gente che e' costretta a vivere con 800RMB al mese. Il quanto alla religione lasciamo perdere. Sappiamo benissimo cosa e' accaduto al vescovo di Shanghai meno di due settimane fa. Io sono uno di quelli che non tollera l'ingerenza della Chiesa nello Stato ma accetto che i cristiani si facciano portatori dei loro valori nello Stato (che e' diverso dall'ingerenza). Senza dimenticare la censura che esiste in rete, sui giornali, nelle televisioni. E' possibile che i Laogai non esistono ma e' pur vero che la nazione sembra prendere una decisione verso un tipo di dittatura di tipo differente: la dittatura del denaro. Anche se gli attori sembrano gli stessi...

carlo frusciante 18.11.05 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Mi fa piacere che in questo Blog non si leggono solo le porcate che fanno gli americani, infatti molti, in maniera monotematica, denunciano e contestano le nefandezze degli U.S.A. dimenticando le schifezze compiute dall'altra parte del mondo, perpetrate da governi di destra e sinistra indistintamente, che richiedono uguale attenzione.

Carlo Piano 18.11.05 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo se tutto ciò che sta avvenendo in Cina, fosse accaduta in Usa o in un paese come la Gran Bretagna o uno stretto alleato degli USA, sta a vedere come tutti i quotidiani della sinistra, report, i vari sinistroidi, i comici della sinistra sbattevano l'evento in faccia al pubblico, adesso chissa perchè non ne parla nessuno, eccetto il grande Beppe Grillo. Purtroppo i ragazzi della sinistra e i cossidetti pacifisti si fanno sentire solo quando ce l'AMerica in mezzo e hanno il coraggio di definirsi pacifisti, ma perchè non si dichiarono ANTI-AMERICANI e basta! Comunque per me criticare sempre gli americani o i suoi alleati e tacere in situazioni del genere vuol dire appoggiare chi fa certe azioni.

Michele Onofri 18.11.05 15:30| 
 |
Rispondi al commento

A parziale commento di
filippo romagnoli il 18.11.05 14:45

Quote
Quello che viene vietato è l'interferenza della religione nella politica. Quindi, è chiaro che ad essere vietata non è la libertà di culto, ma l'attività politica che si maschera dietro l'attività religiosa.
Unquote

La chiesa cattolica cinese e' libera ma i suoi vescovi sono designati dal governo cinese.
Questo non piace neanche un po' alla Curia di Roma che incoraggia un culto clandestino con vescovi eletti da Roma, il che a sua volta non piace neanche un po' al governo cinese.

Si tratta di una vera e propria guerra delle investiture come da noi nel 1150 quando il mio avo Enrico dovette strisciare ai piedi del buon Gregorio. La cosa ancora ci rode e aspettiamo con pazienza il momento del buon rendere (con gli interessi, si intende).

Federico Staufen 18.11.05 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe un embargo "serio" e la Cina finirebbe di assecondare le multinazionali e di conseguenza perderebbe l'interesse a sfruttare le persone;
ma attenzione non un embargo sulla Cina...

Il vero problema é che i diretti interessati ci mangiano su questi morti ed organi freschi.. Siamo sempre li. La Nike and company (ma anche industrie Italiane) sono complici consapevoli di tutto ció.
Cominciamo col punire i "nostri" responsabili..
Il caro Harry Wu sta perdendo tempo ad andare in tutti posti dove e andato. Dovrebbe fare una campagna anti-multinazionali, dovrebbe denunciare i governi che supportano tali orrori attaraverso le loro industrie.

L'embargo dovrebbe essere disposto per tutte le industrie che "sfruttano" la Cina ma non sono cinesi.

Se ognuno producesse le proprie cose a casa propria, tali problemi non esisterebbero.

Sergio Sciarretta 18.11.05 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Ma D'Alema scusate è di sinistra ???? e da quando????.Le mie idee sicuramente sono di sinistra o sinistroidi come a qualcuno piace chiamarle,qui non credo che si debba fare una discussione tra sinistra o destra non importa e mi sembra alquanto stupido tirare in ballo ideologie politiche ,qui si parla di una dittatura e la dittatura è abberrante sia da una parte che dall altra ,guardiamo Stalin ha fatto le stesse cose del nano con i baffi o di quel pazzo che governava il nostro paese in quel periodo,secondo me è chiaro che il comunismo come ideologia non è mai stato applicato in quanto utopistico,e sicuramente il governo cinese e quello cubano non rispecchiano nemmeno lontanamente quell idea di politica.Quindi basta parlare di ste cose,noi in quanto persone pensanti dobbiamo combattere ogni forma di dittatura e di sfruttamento

filippo romagnoli 18.11.05 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Sono italiano, anche se non geneticamente. Vivo e frequento la Cina da quasi quaranta anni, non da turista, ma per ragioni esistenziali come il lavoro e la famiglia. In tutto questo tempo ho spaziato liberamente per campagne e città. Mai ho visto o sentito nulla di quello che racconta il Sig. Henry Wu.

Certamente, la Cina è grande tre volte e mezzo l'Europa e verosimilmente le realtà di cui ci narra Wu potrebbero essere ben occultate, chissà. Fatto sta che io non mi ci sono mai imbattuto in quarant'anni.

In Cina, il culto religioso non è vietato. Basta con questa fandonia americana! Le città sono piene di templi frequentatissimi. Nelle città maggiori ci sono anche delle chiese (il numero percentuale dei cristiani cinesi è poco più di zero se paragonato alla popolazione totale) e vi garantisco che davanti alle loro porte non ci sono né soldati, né cavalli di frisia.

Quello che viene vietato è l'interferenza della religione nella politica. Quindi, è chiaro che ad essere vietata non è la libertà di culto, ma l'attività politica che si maschera dietro l'attività religiosa.

Non ho mai conosciuto donne costrette ad abortire al nono mese mediante un'iniezione letale al feto. Invece, ho conosciuto decine e decine di mamme con quattro o cinque figli, specialmente nelle campagne, nonostante tutti sappiano che in Cina c'è una legge che impone di avere un solo figlio per coppia. In realtà, la legge è stata concepita come deterrente mirato al controllo delle nascite, vale solo per le grandi città e non viene quasi mai applicata.

Se voi BEPPI GRILLI non cominciate a spiegare agli italiani che cosa sta diventando la Cina giorno dopo giorno, se continuate a far credere che si tratti ancora di un popolo di schiavi col codino ed il cappello di paglia, nessuno avrà possibilità di difendersi quando giungerà il momento.

L'unico messaggio che passa dai vostri proclami è che la Cina è un paese terribile e buio, dove si vive pochissimo e malissimo. Errore, Beppe, madornale errore di valutazione!

Zhang Lucio Jun 18.11.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento


Io ho orrore di queste cose come ho orrore del tredicenne che rompe le scatole al barbone sotto casa mia (la scorsa settimana nda).
Ci sono orrori "domestici" ed orrori "internazionali".
Cosa significa che bisogna prima preoccuparsi dei nostri e poi di quelli altrui?
Che significa che fa orrore l'aborto?
COSA C'ENTRA L'ABORTO CHE PER FORTUNA, NEI PAESI OCCIDENTALI, è PER IL 99% CONSAPEVOLE SCELTA DELLA MADRE (salvo inferenze di altri familiari o altro)CON QUELLO CHE ACCADE LA?
e poi perchè devo fare una graduatoria degli orrori?
A ME FA SCHIFO TUTTO , E VOGLIO LAVORARE E COLLABORARE PER CERCARE DI FAR FARE ALMENO UN PASSO AVANTI A QUESTO MONDO PRIMA CHE IO MUOIA. Sia che si tratti di lavorare sulla gioventù che sull'ambiente che protestare contro i politici.
NON MI ARRENDO E ODIO CHI PROVA A DISSUADERMI CON ARGOMENTAZIONI FUTILI.
Ciao Beppe grazie di tutto

Francesca Buffa 18.11.05 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Io non posso credere in pieno quanto dice il Sig. Harry Wu. Bene, le possibilita' sono tre. La prima que sia solo falsita per utilita' politica (allora rimango tranquillo). La seconda que sia parzialmente vero (allora bisogna scoprire la verita). La terzera que sia vero tutto lo che dice il Sig. Harry Wu, allora mi pregunto porque Beppe Grillo di fronte a una de las cosas mas horribles del terzo milenio non se dediche anima y cuerpo a conbatirla, junto a los mas potentes de esta tierra. La Cina cosa risponde a queste gravi accuse?

Julio Romano 18.11.05 14:11| 
 |
Rispondi al commento

AGLI SPUTA SENTENZE DEL BLOG

Mi dispiace che alcuni usino questo spazio per continuare ad insultare... mi fanno ridere i commenti tipo..."ma dove eravate..., continuate a guardare grande fratello...., comunisti, fascisti...".
personalmente penso che chiunque abbia scritto una frase sentita, anche se per la prima volta, anche se solo una riflessione profonda, sia molto meglio di molti moralisti di m...a che popolano questo blog.
Il senso del blog è comunicare.
Viva la comunicazione LIBERA dove chiunque esprime la propria opinione nel rispetto di chi la pensa diversamente.


matteo sanna 18.11.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Ogni volta che ascoltiamo queste cose ci dobbiamo terrorizzare! altrimenti inziamo a darle per scontate: "Muoiono sei milioni di persone nei laogai" "e capirai è sempre successo.."
questo atteggiamento mi terrorizza più dell'aborto.

Mirko Cantale 18.11.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
la Cina, l'America, il fosforo bianco, la Cecenia, l'Africa, Al quaeda, Israele, e ancora, e ancora.

P.S. importante
Lory Del Santo ha vinto!!!!!!!!!!
Grande, grandissima. adesso ha due possibilità:
1) Condurre uno stressante programma di varietà
2) Presentarsi come europarlamentare di Forza Italia.

W l'Italia!

Matteo Ventricelli 18.11.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Mi terrorizza, si, : l'ignoranza e quell'ignobile senso del giudizio, come se tutti noi fossimo dei giudici. Vivere è un diritto non è un dovere, non abbiamo padroni a cui rendere conto delle nostre scelte civili. Esiste ancora l'aborto, in Italia, è una scelta civile. La spregiudicatezza di far da giudici è ignoranza.

desi chinellato 18.11.05 13:27| 
 |
Rispondi al commento

vi terrorizzate, solo adesso, di quanto succede in cina. dove eravate prima? a guardarvi il grande fratello o l'isola dei famosi? rendiamoci conto che l'essere umano è la peggiore bestia! ma per terrorizzarci non serve andare molto lontani. basterebbe guardarci attorno. forse non vi terrorizza il fatto che ragazzini tredicenni, ITALIANI, giochino a calcio in piazza con un gattino vivo. ma non vi terrorizza nemmeno il fatto che in ITALIA si pratichi ancora l'aborto? se già questo non vi interessa, non capisco questo vostro orrore solo per quanto succede in cina. un ateo convinto!

giacomo zanitti 18.11.05 13:13| 
 |
Rispondi al commento

"Made in China".
Questo è una realtà che difficilmente riusciremo a contrastare. Oggi, secondo me,dobbiamo solamente rallentare una serie di cambiamenti che la Cina direttamente o indirettamente ci obbliga a fare. L'ecomonia che guida e gestisce tutto in questo mondo artificiale che ha costruito uomini d'oro e non uomini di cuore, decide senza mai preoccuparsi di cosa si nasconde dietro realtà dittatoriali. In Cina succede in maniera esasperata cio' che viviamo noi in occidente.
Secondo voi la legge è uguale per tutti?
I diritti dei lavoratori sono tutelati?
Le donne incinte sono rispettate o spesso perdono il lavoro ed il ruolo nelle aziende in cui operano?
Non è forse vero che esiste la "predazioni" degli organi anche qui da noi (vd.lega antipredazioni degli organi BG)?
Viviamo l'integrazione religiosa ?
Cosa succedeva qui nel Veneto all'inizio del '900 ( e anche nel dopo guerra) i bambini forse non lavoravano in condizioni disperate?

OK siamo un popolo che dimentica facilmente, il problema è che non ci accorgiamo che ora stiamo "obbligando" ,attraverso i ns. egoismi, altri popoli a vivere la schiavitu' del ns. progresso.
Se vogliamo un mondo migliore dobbiamo essere parte di questo mondo e di ascoltare i dolori dei ns. simili,obbligarci ad essere + onesti e meno ipocriti. Ogni ns. scelta crea una risposta da qualche parte.
I ns. acquisti e la ns.moralità obbligheranno tutta l'economia(e di conseguenza il potere) ad un cambio di rotta.
Ciao e buon lavoro("una casa x tutti...!).

michele sebastiani 18.11.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

PROVOCAZIONE
Ho letto e visto un po' del male che affligge il nostro mondo. L'impressione che ne ho ricavato è quella di una umanità fondamentalmente immatura, vinta dalle paure e dalle insicurezze, guidata dal denaro, che da mezzo è difenuto fine, accecata dalla volontà di predominare il prossimo. Un'umanità matura probabilmente non sarebbe schiava di quattro multinazionali.
Credo si debba metabolizzare il rispetto per se stessi, perchè da questo discende ogni Etica e ogni Morale (le scrivo in maiuscolo per non confonderle con altra "roba" che ci vogliono far credere tali). Se ho profondo il senso del mio valore non accetto che altri mi nuocciano e pretendo il rispetto dei miei diritti. Ma se do' valore a me stesso lo do' anche agli altri, perchè in essi vedo la stessa mia dignità. Se sono consapevole delle mie possibilità e dei miei limiti, e li accetto, non ho bisogno di sopraffare gli altri o sottomettermi al "potente". Se non ho instillate false paure non ho bisogno di falsi dei (questo lo scrivo in minusco). E quando siamo veramente consapevoli i nostri sensi e le nostre azioni sono guidate da quel po' di razionalità e discernimento che ognuno ha in se'.
Impariamo a gestire la nostra TV, accendiamola per programmi seri, perchè la programmazione è studiata per gestirci (crea dipendenza e confonde). Apriamo i nostri libri. Leggiamo i giornali (uno di destra ed uno di sinistra, almeno). Usiamo internet per comunicare con il mondo e per ottenere informazioni (non avevo idea di cosa si potesse trovare! di recente, grazie ad una amico, ho scoperto l'esistenza di due brevetti di motori ad acqua ed altrettanti prototipi realizzati e funzionanti; Meyer, uno dei due inventori, è morto all'uscita di un ristorante!). Iscriviamoci ad un partito. Un urlo in piazza viene spazzato dal vento. Un voto determina chi deve rappresentarci.
Il nostro silenzio non insegna. La nostra assenza non ci istruisce. Crescere è esserci, testarsi e superarsi, sempre.
Scusatemi.
Ciao

Giovanni Falconi 18.11.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

come si può rimanere in silenzio di fronte a certe notizie?
come possiamo "noi" paesi civilizzati non far passare queste notizie, tenerle nascoste. nei tg non si sente parlare mai di questi eventi, solo di cazzate (le quali sono anche modellate). poveri noi.
cmq una cosa il mondo la potrebbe fare, se la Cina ad esempio usa determinati metodi da lager, ebbene l'italia deve chiudere alle importazioni ed esportazioni con la Cina sino a quando determinati eventi non cessano, se tutto il mondo si unisse in questo modo, un paese isolato si ritroverebbe velocemente a dover cambiare rotta.
visto che la Cina sta entrando di prepotenza (non in senso cattivo, ma nel senso che si adopera per appartenenre ad un tipo di società)nella nostra società, e auspicabile che i suoi modelli umani si evolvano.
dovremmo esportagli i diritti umani!

davide selvaggi 18.11.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

peccato che l'italia (l'italia liberal democratica di berlusconi, non quella post comunista di fassino o d'alema) sia uno dei maggiori partner commerciali e anche politici della cina, con i nostri imprenditori che fanno su e giù con pechino e shangai tutti i giorni (provate a prendere un volo da malpensa o fiumicino e vedrete che affollamento).
con una bellissima pagina del ministero degli esteri dedita all'idillio col gigante orientale : http://www.esteri.it/coordinamentocina/
...
chissà se tra gli acquirenti di quegli organi ci sono magari tanti sporchi operai e impiegatucci comunisti italiani da 1000 euro al mese o invece qualche imprenditore e commerciante rigorosamente anticomunista che può permettersene gli alti costi?
definire la cina attuale comunista, è come dire che il sole è verde...

ray iperio 18.11.05 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Anche se il problema della sovrappopolazione nel mondo è grande uno può solo restare schifato da questi omicidi gratuiti che la Cina fa................ ma vendere gli organi è veramente troppo!

Fabrizio Di Fabio 18.11.05 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Visto che si parla di Cina, vorrei ricordare una cosa che non tutti sanno, oltre agli orrori dei Laogai, la Cina "legalmente" ha a disposizione bambini....non ribelli o miliziani come succed nei paesi Africani, ma un vero e proprio esercito regolare, in Cina si può essere reclutati nell'esercito ed entrare nelle accademie militari già a 10 anni.....

ANGELO CALIANNO 18.11.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

bene ,forse e' un'idea e una parola poco usata e poco capita.La forza del boicotto e'la maniera piu' semplice e pacifica di dialogare con ottusi e sordi.Io nel mio piccolo,ho un ristorante,ho usato la forma del boicotto verso il mio pasticcere,dopo che ho saputo quanto pagava in nero i suoi dipendenti,con il mio fornitore di detersivi,dopo il licenziamento classico di fine contratto provvisorio,a cui e' andato incontro il nostro rappresentante,e sono scontento.Quello che faccio io ,in coscienza,quella che tutti sappiamo veritiera,si potrebbe fare su scala mondiale,come ad esempio con la cina.Toccati sul denaro con la coscienza,le persone di questo tipo vengono spiazzate.Crediamoci di piu' e mettiamo in pratica le nostre coscenze

giorgio correngia 18.11.05 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Sono assolutamente contrario a tutto ciò che la Cina rappresenta oggi nei confronti dei fondamentali diritti dell'uomo, e trovo che i mass media dovrebbero dare spazio in modo serio alle iniziative che contrastano la disumanità del regime cinese.
Ma una cosa non posso sopportare: che il regime cinese abbia il coraggio di definirsi comunista. Sappiamo perfettamente che è una facciata vergognosa per richiamarsi a principi e valori che invece sono del tutto negati. Vogliamo aprire un dibattito storico sulle colpe del comunismo reale? Certamente, favorevolissimo. Ma per quelli che come me hanno studiato e apprezzato i testi di Marx sarebbe bello che la gente smettesse di chiamare "comunista" la dittatura cinese.

simone a. galdi 18.11.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Roberto Chelli il 17.11.05 19:40

Io sono uno che vorrebbe defenestrare Berlusconi e nemmeno ama la politica di Bush junior e senior, Clinton e Reagan.

Ma non ho capito se con qiello che dici vorresti difendere Ceausescu...
Sarebbe una vera disgrazia

Osvaldo Tagliani 18.11.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco proprio come facciate ancora a stupirvi di queste realta'!!il problema e' sempre esistito,ma anche noi lo abbiamo sempre ignorato!ora che la maggior parte degli italiani e'"costretto"a comprare
dal migliore offerente(grazie al governo pressoche'inesistente da ambo i lati)ci lamentiamo
del fenomeno dei cinesi!!
basta!impariamo a protestare al momento giusto con decisione!
eppure Grillo(CHE RINGRAZIO)di spunti per protestare ce ne fornisce abbastanza..!fate un po'voi!
saluti a tutti

fabrizio leter 18.11.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, è la prima volta che intevengo in questo blog anche se è da tempo che lo seguo e lo leggo............quello della cina e dei laogai è sicuramente un problema che non si puo ignorare pero ritengo che sia altresi importante capire come un paese culturalmente cosi complesso come la cine sia arrivata, ( o sia ancora) ad un livello così basso di .........non so nemmeno io come chiamarlo......... buonsenso??

sandri paolo 18.11.05 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Invece di boicottare la Coca Cola, perchè non boicottiamo tutti i prodotti Cinesi e del sud est asiatico. Motivo? Semplicissimo. Da quelle parti non sanno cosa sono i diritti naturali e fondamentali. Cosa che tutti i manifestanti italiani grazie al cielo conoscono e vivono.

Massimo Carro 18.11.05 12:11| 
 |
Rispondi al commento

boicottiamo le olimpiadi
http://www.corriere.it/ultima_ora/agrnews.jsp?id={11A6BF3F-6EC0-44F8-08A7-949B5F34503A}

mario morfema 18.11.05 12:06| 
 |
Rispondi al commento

ripropongo un'idea di acione mediatica centrata sulla rete. Su temi di politica interna ma soprattutto di diritti umani e tutela dell'ambiente perhcè non lanciamo una camapgna per la raccolta di fondi e il re impiego degli avanzi di cassa delle raccolte precedenti avvenute su questo blog per acuqistare keywords su google adWord in maniera tale che per esempio alle parole Cina, Cina e commercio internaizonale, cina e diritti umani, cina e commercio, cina e competititività, cina e prodotti falsi, cina e concorrenza sleale appaia in bella vista il linl al post relativo sul questo blog?
un saluto a tutti

Fabio Masetti Commentatore in marcia al V2day 18.11.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
non capisco perchè le proteste in Italia sono sempre e solo a senso unico.
In questi giorni si sta protestando contro la Coca-Cola , boicottanto i suoi prodotti,e questo a causa di il mancato rispetto delle norme sindacali in una azienda del gruppo Colombiana.
Ma allora cosa dovremmo fare con tutti i prodotti importati dalla Cina, Tailandia, Malesia,India etc.
Perchè gli stessi che protestano con la multinazionale Americana, non risevano lo stesso trattamento alle aziende cinesi etc, e non è sempre vero che sono le stesse multinazionali occidentali a sfruttare questo lavoro in Asia.
Dove sono.....sono tutti contro il TAV ????
Sono tutti a sfilare per la pace ????

fabio riva 18.11.05 12:00| 
 |
Rispondi al commento

@ Reale,
se qualcosa non e`chiara, sono pronto a spiegargliela.Scrivendo solo "strano", non so proprio aiutarla...

paolo moretti 18.11.05 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Finchè continueremo a comprare oggeti provenienti dalla Cina, il problema dei cinesi non si risolverà...vediamo cosa possiamo fare

Sara Cameli 18.11.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro grillo quello che sta succedendo in Cina nei laogai lo subiscono quotidianamente anche la maggioranza della popolazione delle campagne che viene sfruttata e alienata nelle grandi città dove operano le " nostre multinazionali". Assistiamo alla annientazione e robotizzazione della natura umana, quello che più mi inquieta è che tanti piccoli laogai stanno nascendo e sono nati nelle nostre " democrazie" occidentali, le esecuzioni sommarie sono mascherate da sommari licenziamenti la vendita di organi freschi è la vendita delle nostre menti e delle nostre braccia, ma tutto cio ormai è diventato ambiente.
grazie grillo per la tua informazione

stefano basolu 18.11.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro grillo quello che sta succedendo in Cina nei laogai lo subiscono quotidianamente anche la maggioranza della popolazione delle campagne che viene sfruttata e alienata nelle grandi città dove operano le " nostre multinazionali". Assistiamo alla annientazione e robotizzazione della natura umana, quello che più mi inquieta è che tanti piccoli laogai stanno nascendo e sono nati nelle nostre " democrazie" occidentali, le esecuzioni sommarie sono mascherate da sommari licenziamenti la vendita di organi freschi è la vendita delle nostre menti e delle nostre braccia, ma tutto cio ormai è diventato ambiente.
grazie grillo per la tua informazione

stefano basolu 18.11.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

@ santini,
quella di Fini, non e`la politica dello struzzo, come dici te. E`la tattica del palo :"anche se c´ero non ho visto nulla". Si puo`chiamare anche omerta`.
Gia`60 anni fa, le truppe italiane "non sapevano nulla della soluzione finale "applicata dal III reich."Mussolini era un bonaccione", ha scritto uno ieri.Che mandava gli esiliati in vacanza sulle isole del mediterraneo.
Vecchi vizi italioti, di chi si schiera col piu`forte, per mollarlo subito se poi perde...

paolo moretti 18.11.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

http://nightfreeqnc.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=737270

Ciao Beppe!

Claudio Salvini 18.11.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Voglio boicottare tutto ciò che è prodotto da sfruttamento inumano di persone e sfruttamento predatorio delle risorse naturali.
Voglio boicottare i cinesi.
Voglio boicottare gli americani.
Voglio boicottare gli inglesi.
Voglio boicottare i giapponesi.
Voglio boicottare i cacciatori di delfini.
Voglio boicottare gli inquinatori dell'italia.
Voglio boicottare il tronchetto dell'infelicità.
Voglio boicottare il portatore nano di quello che gli frega.
Voglio boicottare chi permette ai già ricchi il bene comune.
Voglio boicottare i falsi moralisti e beccarli con le mani in pasta.
Voglio boicottare le grandi firme della moda.
Voglio boicottare chi usa OGM.
Voglio boicottare le banche che sovvenzionano i venditori di morte.

E' un po' troppo vero?
Che mi rimane?

Mauro Bevilacqua 18.11.05 11:38| 
 |
Rispondi al commento

- Quando acquistiamo i prodotti di note marche INTERNAZIONALI (o peggio nazionali) prodotti in zone del mondo dove nn esiste il rispetto della vita altrui ("NO LOGO" ne cita a bizzeffe) - nn solo in cina ovviamente

- Quando ci congratuliamo per un nuovo capo d'abbigliamento o di un braccialetto acquistato per pochi euro esportato direttamente dai cinesi questa volta ad un prezzo dieci volte più basso di quello richiesto dai nostri compatrioti che "producono" in quegli stessi buchi di culo di mondo (si dovrebbe dire:"fanno produrre..e con le botte")

Siamo compartecipi di un sistema che usa ancora il lager come sistema produttivo

Siamo collusi con persone che rivendono gli organi dei fucilati (nn sono un economista ma quando ci son da farci su i soldi credo che 1 fucilato renda molto meno di 100'000 fucilati o meglio anchora di un milione)

Siamo complici di un organizzazione economica che sfrutta l'arretratezza in campo dei diritti civili per lucrare (e sui più poveri del mondo)

Siamo i ricettatori, ricicliamo le violazioni di ogni tipo di diritto (compreso quello alla vita)! Noi consumatori diamo soldi puliti, guadagnati "onestamente" (il più delle volte), in cambio di un prodotto su cui se nn si vuol essere ciechi sordi e anosmici si vede ancora il sangue, si senton le urla delle percosse, si sente l'odore di sangue e dela Merda

Indignarsi di fronte a notizie del genere, oltre ad essere un gesto ipocrita, serve solo a far tacere (e con poco sforzo) gli ultimi moti di ribellione della martoriata coscenza

Se si fosse davvero indignati nn si accetterebbero nemmeno i regali, altro che comperare i prodotti a basso costo!!!
(l'indignazione è un sentimento che ha a che fare con la dignità...se nn c'è dignità nn può esserci indignazione)

Andrea Arioli 18.11.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento

@ rita marack,
fai un´intervento (molto) personale, concludendo
con le parole "siamo stufi!".
Problemi di grammatica o personalita`scissa psicotica?
Nel secondo caso,quanti sono dentro di te?
Avete tutti la cartella elettorale?
Mi preoccuperebbe la cosa...

paolo moretti 18.11.05 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Siii, Guarino!
Grazie a Dio ci sei TU!
Che meraviglia d´uomo!
Ha capito la Vita!
L´anello che mancava tra l´uomo e Dio!
Vai al CEI che quelli come te li
cercano col lanternino.
Ps.Sei cosi`tonto che devo specificarti che c´e`solo ironia nei tuoi riguardi in questo post.

paolo moretti 18.11.05 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Dire che e' orribile e' poco, la nostra civilta' sara' destinata inesorabilmente a sparire. Per colpa di gente che permette queste cose.
Siamo tutti responsabili purtroppo, a chi non piace il comfort? il lusso? ecco l'altra faccia della medaglia.
Gli usa cercavano le armi chimiche... e poi loro le hanno usate (esplicativo e il filmato di rainews24 !!!!!), non usano piu il napalm nooo ora si chiama MK77, perche' napalm fa ricordare il vietnam e usarlo in iraq porta sfiga sto nome.. come che gli usa in iraq non sono invischiati come in vietnam!!!
E poi nooo noi non usiamo armi chimiche ma fosforo bianco, azz e' candido e' bianco, nel suo virginale colore, brucia i corpi ma non i vestiti! cosi' chi resta li puo' riutilizzare
Bleah! che schifo di mondo!!!!!!

Giancarlo Polo 18.11.05 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Bè che dire......i nuovi "messia" del mondo sono intervenuti in Iraq perchè lì c'erano delle armi di distruzione di massa pericolosissime (!)....che poi non sono state trovate....allora la scusa di ripiego di questa guerra è stata quella che Saddam Husseim era uno spregevole dittatore che si era macchiato di crimini orribili (..ma quando era appoggiato dagli USA non erano orribili?).....ora però i grandi "messia" tacciono eppure anche la Repubblica Popolare Cinese ha tutte le carte in regola per un intervento armato....di "export-import" di democrazia.... è perchè non lo fanno allora?...forse hanno paura che l'innesco di un conflitto con uno stato del genere non abbia gli stessi effetti che in Iraq...?.....Eppure qui di bombe "dementi" ne verrebbero usate a bizzeffe (!)...o hanno gli stessi "sponsor" guerrafondai da entrambi gli schieramenti?
....Mah!...questi si che sono misteri...altro che Fatima!

PS: in Iraq gli USA bombardavano la popolazione civile con il "fosforo bianco"....ma noi siamo puliti perchè le nostre truppe stavano a centinaia di chilometri dal luogo del "misfatto"...il nostro dipendente Fini..apre la stagione della politica dello "struzzo".

Stefano Santini 18.11.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Siamo sempre e solo noi i colpevoli.
Si chiama coscienza civile ed intelligenza umana, non politica. Siamo noi i colpevoli che non sappiamo scegliere, che pensiamo che i prodotti equo e solidali possano salvare il mondo, che solo i boicottaggi siano una esplicabile guerra. Ma ci vuole molto di più, ci vuole cultura, intelligenza.
Le denuncie dalla Cina non sono nuove, e di questo tipo ce ne sono state e ce nesaranno molte altre. Ci si indegna davanti a notizie diquesto genere, ma la stessa indegnazione deve essere per tutto, non solo per cui ci fa più comodo credere. Dobbiamo cominciare ad indiganrci per il sistema consumistico che ci sta annebiando la vista, per questo sistema di finte ideologia che annebbia l'intelligenza. Dobbiamo fare in modo che la nebbia si diradi, provando sempre a metterci in giro, ed essere disposti a capire. ....ma pare che ci si rifugi nei soliti discorsi politici da bar, dove tutti si espongono in gran comizi e nessuno si ferma mai a guardare le etichette dei vestiti che si compra. L'individualismo, ecco la nostra cattiva sorte, sulla quale riusciranno ad espiantarci qualsiasi organo

desi chinellato 18.11.05 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante il fatto di averli avvertiti di questa situazione nel 1991, prima di entrare in azione nell’ambito della mia legittima difesa spingendo il comandate maggiore Lussese Vincenzo, che ordino la distruzione a negare l’esistenza di questo storia d’ingiustizia a palazzo Chigi, il palazzo del Governo, ma hanno preferito violenza di stato con cui si sono assicurati questa situazione che, nessuno l’invidierà per vari motivi, come nessuno mi ha mai invidiato la vita da cane che mi facevano fare, causa della loro crudeltà e il loro terribile sistema che faceva brividi agli stranieri e gli italiani per bene! Erano sicuri di usarmi per passare questa corruzione, ma in questa parte di questa incredibile storia hanno scoperto che era meglio la sciarmi in pace al posto di scatenare una violentissima guerra, che hanno subito anche loro la sua terribile conseguenza di cui non sono responsabile come sostenevano i fedeli del sistema che violentava la mia persona e mi torturavano mezzo la strada sotto i riflettori! > >
I miei aggressori hanno impiegato un vero e proprio potenziale; hanno stretto alleanze contro di me per evitare la scoperta del vero volto, del loro “terribile sistema” da parte degli italiani per bene e gli indesiderati ospiti stranieri, durante 15 anni di violenza di stato e complotti con cui giustificavano i falsi sospetti così ridicoli, inoltre erano prodotto dell’immaginazione di persona cattive di pessimo profilo culturale, umano e morale, la cosa che consideravo la causa principale che, ha provocato questa storia d’ingiustizia che, nessuno avrebbe creduto se non fosse vera come hanno testimoniato tutti coloro che seguivano i suoi sviluppi da 15 anni in cui hanno scatenato una violentissima azione usando tutto di cui anche la natura!

lemin ould 18.11.05 11:13| 
 |
Rispondi al commento

lo spettacolo,la denuncia.
la denuncia,lo spettacolo.
una volta si viveva e non si sapeva nulla,adesso si annaspa,si sopravvive,si conosce tanto e non si capisce nulla,si denuncia tutto ma non cambia niente.
la denuncia serve solo a fare lo spettacolo?
oggi denuncia è sinonimo di barzelletta e noi...
ridiamo,ridiamo e non ci accorgiamo di quanto siamo .....stupidi(eufemismo),conosciamo tutto,ci dicono parecchio e noi battiamo le mani come scimmie ammaestrate.Siamo sicuri d'aver capito bene?

anna auteri 18.11.05 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante il fatto di averli avvertiti di questa situazione nel 1991, prima di entrare in azione nell’ambito della mia legittima difesa spingendo il comandate maggiore Lussese Vincenzo, che ordino la distruzione a negare l’esistenza di questo storia d’ingiustizia a palazzo Chigi, il palazzo del Governo, ma hanno preferito violenza di stato con cui si sono assicurati questa situazione che, nessuno l’invidierà per vari motivi, come nessuno mi ha mai invidiato la vita da cane che mi facevano fare, causa della loro crudeltà e il loro terribile sistema che faceva brividi agli stranieri e gli italiani per bene! Erano sicuri di usarmi per passare questa corruzione, ma in questa parte di questa incredibile storia hanno scoperto che era meglio la sciarmi in pace al posto di scatenare una violentissima guerra, che hanno subito anche loro la sua terribile conseguenza di cui non sono responsabile come sostenevano i fedeli del sistema che violentava la mia persona e mi torturavano mezzo la strada sotto i riflettori! > >
I miei aggressori hanno impiegato un vero e proprio potenziale; hanno stretto alleanze contro di me per evitare la scoperta del vero volto, del loro “terribile sistema” da parte degli italiani per bene e gli indesiderati ospiti stranieri, durante 15 anni di violenza di stato e complotti con cui giustificavano i falsi sospetti così ridicoli, inoltre erano prodotto dell’immaginazione di persona cattive di pessimo profilo culturale, umano e morale, la cosa che consideravo la causa principale che, ha provocato questa storia d’ingiustizia che, nessuno avrebbe creduto se non fosse vera come hanno testimoniato tutti coloro che seguivano i suoi sviluppi da 15 anni in cui hanno scatenato una violentissima azione usando tutto di cui anche la natura!

lemin ould 18.11.05 11:07| 
 |
Rispondi al commento

vogliamo parlare dell'estensione nelle nostre città della popolazione cinese? All'inizio si sono timidamente affacciati con "insignificanti" ristoranti cinesi dove per le vecchie 12.000 lire potevi pranzare o cenare abbondantemente. I suddetti ristoranti hanno letteralmente invaso i quartieri di tutto il mondo, ora già da un po'sì stanno aprendo a raffica negozi di abbigliamento di bassissima qualità anche in quartieri se si può ancora dire "eleganti" a prezzi da bancarella.
Non voglio tornare sul tema razzismo come nei post sugli zingari perchè come qualcuno ha già scritto la criminalità i ladri i mafiosi (e in questo caso tutti sappiamo che i negozi cinesi servono per riciclare denaro sporco) e i "furbi" non hanno razze, sono tutti della stessa. Ma quello che mi chiedo è: come mai viene permesso tutto questo quando sappiamo benissimo che tali attività danneggiano il nostro commercio e quindi la nostra economia? Forse che non la danneggiano ad alti livelli perchè magari chi sta ai vertici ha il suo tornaconto ad intrattenere rapporti con una potenza come la cina?SIAMO STUFI!

rita marack 18.11.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

caro arrigo alberti, non ti pareva vero di buttare fango adosso alla sinistra. Dove eri quando la parte sana ed obiettiva di essa, nella fattispecie Rifondazione Comunista ed i compagni del Manifesto, ormai da parecchi anni, hanno denunciato le cose che, solo oggi, ti fanno aprire gli occhi?. sei per caso un destrorso?

Mancusi Francesco 18.11.05 10:27| 
 |
Rispondi al commento

COSA POSSIAMO FARE?

Siamo impotenti a tutto ciò.

Enzo Budelli 18.11.05 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Forse sarò un'inguaribile ingenua e sognatrice....xchè non riesco mai a rassegnarmi a questo genere di cose...non riesco mai a dare per scontato che possano accadere nel mondo certe cose....e continuo a stupirmi venendo a conoscenza di tante notizie ...continuo a pensare :come è possibile??
la cosa ancora più incredibile è che ogni pazzo criminale che prende il potere ...invece di trovare gente che lo rimanda a casa a calci nel sedere....trova gente che lo asseconda ......
gente che vede in lui il leader ideale....

Non so come chi è responsabile di certi fatti possa continuare a vivere...non si tratta di religione....o timore di dio.....si tratta solo di fare i conti con sè stessi.....

Ma c'è una cosa di cui sono certa..l'indignazione non serve a niente...il mondo , per fortuna, è pieno di brava gente che rimane indignata ....il problema è che la brava gente ....vuole vivere in pace la sua giornata...si preoccupa che la famiglia stia bene...che i figli studino o trovino un impiego....e tiene queste cose fuori dalla sua porta ....
Invece forse bisognerebbe incazzarsi davvero!!!Incazzarsi come se certe ingiustizie le avessero fatte a tuo figlio......Cosa succederebbe allora???
Qual'è la strada giusta per cambiare le cose?
Non ho una risposta a questa domanda...anche se adoro lo slogan: un mondo diverso è possibile....
ciao
Tiziana

tiziana selva 18.11.05 10:15| 
 |
Rispondi al commento

BRAVA LOREDANA SOLERTE ! TUTTI I NOMI, TUTTI I PRODOTTI DEVONO ESSERE RESI NOTI E DA NOI TUTTI BOICOTTATI ! Sarebbe l'unico modo che abbiamo per contrastarli e se questa UTOPIA si realizzasse sarebbe una GRANDE VITTORIA per tutti noi ma anche per loro (i cinesi). Ci stiamo facendo prendere in giro da queste multinazionali! Sto solo sognando ? ke ne pensate?

manuela toncini 18.11.05 10:14| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe ,ti chiedo di farti carico di una piccola ma importante battaglia contro tutte le biblioteche pubbliche che fanno pagare l'accesso a internet e ti proibiscono di comunicare con la posta elettronica; con tutte le tasse che paghiamo in parte finiranno per la cultura oppure sono solo per mantenere i dipendenti?
Grazie ...

sei un Grande,continua così,anzi peggio!

massimo olivieri 18.11.05 10:11| 
 |
Rispondi al commento

BRAVA LOREDANA SOLERTE ! TUTTI I NOMI, TUTTI I PRODOTTI DEVONO ESSERE RESI NOTI E DA NOI TUTTI BOICOTTATI ! Sarebbe l'unico modo che abbiamo per contrastarli e se questa UTOPIA si realizzasse sarebbe una GRANDE VITTORIA per tutti noi ma anche per loro (i cinesi). Ci stiamo facendo prendere in giro da queste multinazionali! Sto solo sognando ? ke ne pensate?

manuela toncini 18.11.05 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Il socialismo europeo non è assolutista, è democratico. E come tale può fare solo danni limitati. Lo stesso, intendiamoci, vale per tutte le altre ideologie e fedi.
Una volta divenuto democratico non si può non riconoscere come il socialismo sia stato motore di riforme e interprete di istanze giuste e condivisibili anche da chi, come me, non in una ideologia ma in una fede si riconosce.

Francesco Guarino 18.11.05 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Giusto qualche precisazione...
Continuo a credere che si possa migliorare la societa' con idee sociali forti. Voglio credere che il socialismo sociale debba essere un punto di riferimento. Ma come faccio a non vergognarmi quando vedo vedo, leggo, conosco i danni creati da tanti ipocriti o semplicemente pazzi che hanno usato il comunismo, il socialismo allo scopo di accrescere il potere personale? Sta lin non credeva nella dittatura del proletariato ma nell'accrescimento del proprio potere personale. Lasciamo poi perdere tutti gli altri pazzi sanguinari creatori di "regimi" sedicenti comunisti. Poi arriva Allende, fa le riforme, cerca di dimostrare che anteporre il bene di tutti agli interessi di pochi e' traguardo raggiungibile. E sappiamo come va a finire. Probabilmente e' un problema che riguarda la natura umana. Il socialismo Europeo e' comunque altra cosa. Un saluto a tutti.

carlo frusciante 18.11.05 09:39| 
 |
Rispondi al commento

La mia igmìnoranza mi sconvolge... sono profondamente addolorata che oggi possano esistere ancora queste forme assurde di pensiero. La storia dovrebbe aiutare a non fare gli stessi errori, invece viene insegnata con criteri sbagliati, detesto la guerra, ma sono per la RESISTENZA ogniuno di noi ha diritto di vivere con dignità.
Gaia Franceschi - Reggio Emilia

GAIA FRANCESCHI 18.11.05 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Sfido chiunque a trovare un solo posto nel mondo in cui le teorie del beneamato Marx, comunque applicate, abbiano prodotto un benessere, uno stile di vita e una diminuzione della povertà anche solo paragonabili a quelle che ha prodotto in italia l'applicazione della dottrina sociale della Chiesa fatta dai vari Sturzo, De Gasperi, La Pira...

A mio avviso è uno stolto chi non si rende conto che ogni volta che l'uomo non si limita a studiare l'uomo e a trovare risposte alle sue naturali e giuste esigenze, ma si mette al posto di Dio a produrre un'uomo nuovo, come ha fatto Marx ma anche Nietzsche e tanti altri, ottiene solo disastri.

Cambogia, URSS, Cina e olocausto sono solo gli esempi più lampanti dei frutti della superbia di certi pensatori, che credono di essere più capaci di chi li ha creati.

Mi rattrista vedere quante persone ancora non lo capiscono, e ancora parlano di "applicazione" di teorie di fondo inumane. Ma quanti altri milioni di morti, vedove, orfani e disperati dovrete vedere prima di rendervi conto che è marcio prima di tutto il metodo, la base stessa del ragionamento, la domanda stessa di fondo?! Non "cosa è l'uomo?" si chiedono Marx e gli altri, ma "come mi piacerebbe che fosse l'uomo?". E superbamente danno una risposta.

In questo senso un cattolico non può essere comunista. Aiutare il povero, dargli una delle nostre due tuniche, è un nostro dovere, ma rispettandolo per quello che è: un uomo.

Che poi non mi sembra che Dio abbia fatto un lavoro tanto malvagio: ci sono uomini, nonostante tutto, capaci di tali grandezze, quando decidono di usare le proprie risorse seguendo cosciamente o meno il disegno che Dio avrebbe pensato per loro...

Francesco Guarino 18.11.05 09:27| 
 |
Rispondi al commento

...ma dico io!! Sto Paolo Moretti non vi sembra un po' strano e non molto comprensibile??

Ciro Reale 18.11.05 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Grillo,
dopo Fallujah ed il fosforo, tutti ´sti propagatori di democrazia erano rimasti sfiatati in apnea per troppi giorni.
Finalmente possono rifiatare ed esprimersi.
Potevano rimanerci secchi!
Ma il fosforo sulla popolazione civile rimane...

e voi, anime candide, ne siete complici e fate da palo alle atrocita`.

paolo moretti 18.11.05 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo andando verso un nuovo olocausto ? ci sarà la terza guerra mondiale ? L'europa crollerà economicamente sotto i colpi di U.S.A. e Cina ?
Propongo una soluzione che possa farci star meglio : realizziamo un programma televisivo tipo isola dei famosi aperto solo ai politici di tutti gli schieramenti , nazionali e internazionali.
Durata del gioco ? indefinita
Chi vince ? loro non lo so , noi sicuramente SI.

Massimo Pierini 18.11.05 08:28| 
 |
Rispondi al commento

Cara Loredana,

di aziende cosi' ce ne sono a bizzeffe. Ho un libretto a casa in cui in pratica uno nota che non manca nessuno (a parte il fruttivendolo sotto casa).

Faccio osservare che una multa di 2,5 milioni di dollari non e' molto (meno di 5 miliardi di lire ... pensa a quanto la Microsoft paga le sue multe ...).

Pino della Mirandola 18.11.05 06:25| 
 |
Rispondi al commento

fonti di riferimento

http://www.lamiaspesaperlapace.it/aziende/info_sulle_multinazionali.htm

http://www.women.it/letreghinee/boicotta.htm

http://www.carta.org/cantieri/FermiamoGuerra/030324boicottaggio.htm

Loredana Solerte 18.11.05 05:18| 
 |
Rispondi al commento

Bagnoschiuma Badedas Multinazionale di riferimento Sara Lee
Presente in 44 paesi, con filiali nelle Filippine, Cina, Indonesia, Kenya e El Salvador, attiva in vari settori, dall'abbigliamento (Champion e in Italia Liabel, Filodoro, Playtex, Lovable) dalla carne e prodotti da forno ai servizi alimentari, al caffè, tè e prodotti igienici (Fissan, Glysolid, Sanex, Guttalin). Già condannata per trasgressioni alle leggi sul lavoro e per pubblicità ingannevole, nel 1996 ha subito la più pesante multa inflitta negli Stati uniti (2,5 milioni di dollari) per violazione delle norme sulle fusioni aziendali.

Loredana Solerte 18.11.05 05:04| 
 |
Rispondi al commento

Bibite Gatorade Multinazionale di riferimento PepsiCo
Presente in 22 paesi, è attiva nel settore delle bibite (succhi di frutta Tropicana) e nel settore degli snack: controlla il 40% del mercato mondiale delle patatine. Gli stabilimenti della Pepsi collezionano multe e condanne dalla Cina all'India, dove non ha rispettato accordi sull'esportazione. E’ accusata di non rispettare le leggi sul lavoro Usa.

Loredana Solerte 18.11.05 05:00| 
 |
Rispondi al commento

a proposito delle aziende "cattive" in Cina

Cereali Kellog's Multinazionale di riferimento Kellog
Con stabilimenti in 20 paesi, tra cui Cina, Guatemala, Brasile, Venezuela e Colombia la Kellogg è attiva nella produzione di alimenti a base di cereali e frutta secca, risultando la più grande produttrice mondiale di cereali per la prima colazione, oggetto di un boicottaggio da parte di Greenpeace per la presenza di Organismi Geneticamente Modificati (OGM) nei prodotti. Negli anni successivi al 1992 ha finanziato i partiti di centro-destra inglesi con contributi per circa 60.000 sterline. Sostiene un'associazione che si batte a favore dei contenitori usa e getta.

Loredana Solerte 18.11.05 04:57| 
 |
Rispondi al commento

ETA' FEUDALE PURA,

IL TURISMO RIGENERATORE DI MOLTI ISRAELIANI CON UN PIEDE NELLA FOSSA PROPRIO IN CINA ERA GIA'IL TEMA DI UN ARTICOLO SULLA STAMPA DI ALCUNI MESI FA.
UNO DEGLI ARTICOLI PIU' MACABRI CHE ABBIA MAI LETTO.

EPOCA DI BARBARIE INAUDITE QUESTA NOSTRA.

emanuele mura 18.11.05 01:08| 
 |
Rispondi al commento

...penso che di fronte a tanto orrore sia irrisorio parlare di destra e di sinistra, di comunismo e fascismo... e bisgona anche smettere di considerare le persone di destra fasciste e quelle di sinistra comuniste.
Purtroppo dinanzi a queste notizie ci rendiamo conto che la politica non c'entra nulla, qui si tratta di malvagità, di delitti contro la persona umana, che vanno denunciati e perseguiti.
E le grandi organizzazioni (ONU) invece di porsi il problema di chi debba controllare la rete, che si facciano carico dei problemi veri che attagliano il mondo per cercare, almeno in parte, di risolverli...

Alfio Petro 18.11.05 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,ma la Cina non è per caso quel paese che Busch e' andato a visitare in uesti giorni e che lo vuole in qualche organizzazione mondiale?
Già !Ma certo,tanto USA e Cina hanno entrambi la pena di morte.

antonio brusca 18.11.05 00:00| 
 |
Rispondi al commento

MI VIENE IL VOMITOOOO !!! GIURO, MI VIENE IL VOMITOOOO !!!!
Caro Beppe e staff,quante volte abbiamo parlato di tutto cio' ?!?!?!
Io dico che queste cose le so da molto tempo e le ho sempre denunciate anche attraverso questo blog e dico che se queste cose le so io, che nn sono nessuno, allora le
sanno tutti !!! le multinazionali, dietro consiglio di Prodi e Ciampi hanno delocalizzato la produzione dall'Italia alla Cina, le piccole_medie aziende non sopravvivono alla concorrenza, alla fine, quello che succede e' che noi poveri stupidi italiani rimaniamo senza lavoro, senza il pane , come faremo a pagare i vari mutui a tasso fisso ( che presto cambiera'), come faremo a pagare il televisore o il PC a rate ?
Vi ho gia' detto cosa fa guadagnare veramente le aziende che hanno delocalizzato . . . .e' la percentuale fissa sul fatturato che rimane nelle banche di HONG KONG, piu' produci, piu' soldi in nero ti rimangono sul tuo conticino irraggiungibile !!!!! IO RIPETO : PERCHE? IO CHE NN SONO NESSUNO LO SO ????

sara cavadini martignoni 17.11.05 23:57| 
 |
Rispondi al commento

nn ho la minima intenzione di difendere il governo cinese ed il suo sistema, che niente ha a che fare col socialismo (cina nel wto, e partito "comunista" aperto ai capitalisti!!!), ma vorrei solo capire come sia possibile che gli organi espiantati dai condannati a morte (gli organi si espiantano dopo la morte cerebrale, ma cuore e polmoni devono continuare a funzionare: colpo di kalasnikov in ospedale con flebo già inserite, o cazzata colossale, che solo il concetto di "rivoluzione" fascista (o se volete di berlusconi che fa la "festa della libertà") può superare nella classifica delle 10 puttanate più grosse?) dentro campi di lavoro o carceri che sono (almeno in cina credo lo siano) di proprietà statale, possano essere "venduti", e poi a chi?

*agli ospedali ugualmente statali? (?)
*ai pazienti che devono subire trapianti? (e nn succede neppure in usa, patria del "liberismo")
*o il governo ha il monopolio del traffico internazionale d'organi (mi pare un poco improbabile, ma a suo tempo anche i campi di sterminio parevano a molti "improbabili").

francesco modugno 17.11.05 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Quello che succede in Cina è orribile ma mi chiedo quale scala di valori può far mettere le persecuzioni contro i cattolici e il controllo, anche pesantemente imposto, delle nascite ( sono pur sempre un miliardo e mezzo!!)sullo stesso piano delle esecuzioni e dello sfruttamento bestiale..(il discorso sulla vendita degli organi non mi è chiaro: li ammazzano per quello o vendono gli organi dopo averli ammazzati per altri motivi..in tal caso, quello che è grave è che li giustizino...penso!!)
Mi dispiace, ma ritengo che per migliorare questo mondo si debba anzitutto cominciare a essere più rigorosi nel definire le scale di valori...

corrada cardini 17.11.05 23:39| 
 |
Rispondi al commento

sempre @ Frusciante

e @ l'Evasore

comunque, anche il "liberismo", quello vero si è rivelato un'utopia, e ha gli stessi limiti - perché anche immaginando che con una serie di riforme tutti i cittadini del Mondo prima o poi staranno meglio, non ci si potrà mai permettere ECOLOGICAMENTE che tutti si comprino un'auto a benzina, o che tutti quelli che vivono in climi temperati/tropicali/equatoriali usino il condizionatore, o che tutti usino carta igienica - almeno con le tecnologie di adesso_

Leonardo Migliarini 17.11.05 22:42| 
 |
Rispondi al commento


@ L'EVASORE

chiaro che è solo una teoria - ma il discorso di base è che in realtà ci potrebbero essere i margini ECONOMICI per pagare a ogni lavoratore uno stipendio da permettersi tutto quello di cui ha bisogno oggi, basilarmente - certo non il SUV o la villa con piscina o 5 case - ma il concetto è che se uno poi volesse il SUV o la piscina, potrebbe lavorare diciamo un TOT ore in più e svilupperebbe un CREDITO, o uno "straordinario" per parlare in termini attuali, che gli permettano di comprarlo - è ovvio che tutto ciò presuppone i suoi limiti, perché se conti che oggi al mondo ci sono meno di 1.000.000 di auto, se non cambia la tecnologia 6.000.000 di auto e di condizionatori d'aria distruggerebbero l'atmosfera in un mese - tutto ciò comunque sarebbe possibile se fossero gli stessi lavoratori a sfruttare direttamente i prodotti - e un altro punto è che in questa ottica "diversa" potrebbe non servire più il "mercato" come lo intendiamo adesso - quindi ci sarebbe un enorme risparmio di produzione sull'obbligo alla concorrenza, sulla pubblicità, così come un enorme risparmio su tutta la sovrapproduzione che oggi viene distrutta o stoccata, così come sul trasporto - e le tecnologie migliori potrebbero essere da subito alla portata di tutti_

naturalmente è una visione lontana, ma riuscendo a immaginarla, i pezzi si incastrano meglio di quanto sembri così d'impressione_

Leonardo Migliarini 17.11.05 22:15| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei far presente 3 cose. La prima è ricordare che queste atrocità commesse in Cina non sono le prime, come la fine che i maoisti fecero fare ai leninisti: bruciati vivi nelle caldaie dei treni; la seconda è una considerazione: ogni volta che una nuova potenza mondiale si è affacciata nel panorama internazionale (USA, germania, giappone) è scoppiata una guerra mondiale, ora ce ne sono addirittura 2 (Cina e India) che da sole superano di 4 volte gli abitanti dell'Europa intera; la terza è che l'attuale panorama è stato descritto da Lenin prima e da Arrigo Cervetto poi, nel 1957: forse era il caso di prestargli ascolto... ma forse non è troppo tardi. Grazie Beppe.

P.s.: Non c'entra nulla ma mi piacerebbe sentir parlare della pratica del signor aggio (ho messo uno spazio tra le ultime 2 parole perchè pare che il termine subisca censure automatiche, cercatelo con qualche motore)

Gianni Drumor 17.11.05 22:02| 
 |
Rispondi al commento


@ Carlo Frusciante
E UN PO' PER TUTTI
quel potere di cui parli te in Cina, vivendoci, non ha niente a che vedere con il "comunismo" di Marx_
c'è uno schemino di un grande marxista statunitense, ma naturalmente queste cose non vengono mai pubblicizzate, come gli islamici moderati e antintegralisti, non sono utili alla propaganda di potere - dicevo, c'è un grande marxista USA, Frederick Olin Wright che ha fatto uno schemino - in questo schemino evidenzia come nelle società socialiste realizzate, tipo URSS, Cina, il potere non sia arrivato alla gente comune - e questo era abbastanza ovvio - ma si sia spostato dai "capitali" ai "burocrati" - invece di essere legittimato dall'Ideologia del Diritto Liberale è legittimato dall'Ideologia Socialista - invece di essere praticato usando il potere dato dalla Proprietà Privata è praticato usando il potere dato dall'essere a un grado di conoscenza più elevato_
questo F. Olin Wright poi spiega che si potrà presentare per il futuro un ulteriore cambiamento e passagio di poteri - e prevede esattamente quello che succede adesso - ma guarda quest'abitudine schifosa e molesta che hanno i marxisti di essere veggenti!!! - in pratica spiega che ormai i capitali dovranno cedere un po' del loro potere ai "tecnici" per essere "protetti" politicamente - per "tecnici" si intende soprattuto i tecnici della politica e della finanza, perché i "capitalisti" puri non erano che "proprietari dei capitali e produttori" - così allungo il suo schemino e descrive un nuovo passaggio di potere, quello odierno, dove i "tenocrati" avranno sempre più potere - legittimato dall'Ideologizzazione della Scienza e applicato con la maggiore conoscenza delle "tecniche"_
Naturalmente il succo non cambia - sempre i soliti camion di merda, guidati dalle solite persone, che scaricano la loro merda in testa a noi_
PS - quello che rende la situazione immutata per la maggioranza delle persone comuni che “devono” lavorare, come noi, e che differenzia violentemente queste realtà dalla teoria di Marx, È CHE MARX DAVA COME PRINCIPIO ULTIMO DI LIBERAZIONE DEI LAVORATORI, IL TOGLIERE IL CONTROLLO DEL LAVORO DAI POTERI E DARLO NELLE MANI DEGLI STESSI LAVORATORI – COSA CHE NON È MAI SUCCESSA_

PS – questi marxisti attuali, infatti, basandosi proprio sulla possibilità di affidare il controllo del lavoro agli stessi lavoratori, stanno calcolando che per produrre tutto quello di cui abbiamo bisogno, inclusi computers, auto, ADSL, DVD, cellulari, basterebbe che ogni persona abile del Mondo lavorasse 10 ORE A SETTIMANA – che sarebbe un bel vantaggio per tutti, no? – ma per arrivarci bisognerebbe che fossimo noi stessi lavoratori a tenere il controllo del lavoro, e organizzarci – sempre teoria quindi_

alla fine di tutto questo, volevo ricordare che infatti il Marxismo è una teoria costruita per il progresso e il benessere economico e sociale DEI LAVORATORI, non dei disgraziati che vivono ai margini_

Leonardo Migliarini 17.11.05 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Riforme, Qurinale smentisce leader Lega
A quanto si apprende negli ambienti del Quirinale, non risulta ci sia stata alcuna conversazione telefonica tra il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e l'onorevole Umberto Bossi. La secca smentita della Presidenza della Repubblica è arrivata dopo che il leader della Lega aveva riferito di un "sereno colloquio" con Ciampi sulle riforme.

Del resto Bossi molto lucido non lo e' mai stato, figuriamoci ora!

Francesco Pace 55 17.11.05 21:38| 
 |
Rispondi al commento

prendiamo esempio dal coraggio e dalla testimonianza dell'amico Harry WU, per incazzarci delle atrocità del mondo, ma contro tutto il mondo, quello comunista, quello fascista, quello militare, quello che prende per esempio la "più grande democrazia" che sarebbe l'america della pena di morte e del fosforo bianco, nonche del mondo qualunquista, fatto di "isole dei famosi" di "grandi fratelli" di giornalisti illuminati e venduti,tipo Maurizio Costanzo e/o Bruno Vespa che mai mostrerebbero queste atrocità, e di tutti i politici in busta paga di Berlusca, che per il "bene" del popolo, fanno gli interessi del loro amato capo.

mauro usai 17.11.05 21:01| 
 |
Rispondi al commento

prendiamo esempio dal coraggio e dalla testimonianza dell'amico Harry WU, per incazzarci delle atrocità del mondo, ma contro tutto il mondo, quello comunista, quello fascista, quello militare, quello che prende per esempio la "più grande democrazia" che sarebbe l'america della pena di morte e del fosforo bianco, nonche del mondo qualunquista, fatto di "isole dei famosi" di "grandi fratelli" di giornalisti illuminati e venduti,tipo Maurizio Costanzo e/o Bruno Vespa che mai mostrerebbero queste atrocità, e di tutti i politici in busta paga di Berlusca, che per il "bene" del popolo, fanno gli interessi del loro amato capo.

mauro usai 17.11.05 21:00| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori