Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Piselli OGM


topo_ansioso.gif

Un esperimento pluriennnale con piselli modificati geneticamente è stato interrotto in Australia per motivi di sicurezza.
I topi che si sono nutriti di questi legumi hanno infatti contratto una malattia ai polmoni.
Secondo Thomas Higgins, vicedirettore dell'istituto di ricerca statale CSIRO, la reazione dei roditori è dovuta probabilmente alla mutazione di una proteina e potrebbe avvenire anche nell'uomo.

La Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO) era riuscita a creare nel sud dell'Australia un campo di piante di piselli resistenti praticamente al 100% alle infestazioni da parte degli insetti.
Quello che in un primo tempo sembrava un successo per un progetto costato milioni di dollari e dalla durata di 10 anni ha dovuto però essere bruscamente interrotto quando in un test i piselli sono stati dati da mangiare ai topi: gli animali hanno sviluppato un'infiammazione ai polmoni.

"La reazione dei topi alla proteina potrebbe rispecchiare quanto potrebbe avvenire nel corpo degli esseri umani", ha spiegato Higgins all'emittente ABC.
"Non abbiamo una prova che ciò avvenga, ma esiste la possibilità che si verifichi", ha aggiunto il ricercatore statale commentando i risultati dello studio pubblicato sul "Journal of Agricultural and Food Chemistry".

L'allarme ha imposto l'immediato stop al progetto e i ricercatori stanno ora pensando a distruggere tutti i piselli.


Non si capisce chi li voglia i prodotti OGM. Nessuno è in grado di dirci se produrranno degli effetti a medio termine sul nostro organismo.

Ieri il 55,7% degli svizzeri ha detto no in un referendum agli OGM per i prossimi cinque anni e sarà la prima nazione a esportare prodotti con la dicitura “OGM free”.

I dipendenti degli svizzeri (il governo) erano contrari al referendum e favorevoli all’OGM.

In Italia ci sono 250 campi in cui si coltivano prodotti OGM con mais geneticamente modificato delle aziende Agrevo, Monsanto, Pioneeer e Syngenta.

Non credo che ci sia un solo italiano sano di mente che non desideri chiudere questi campi e mandare a casa le aziende OGM.

Rendiamo pan per focaccia alla Svizzera: importiamo fette biscottate “OGM free” e esportiamo i nostri dipendenti al governo geneticamente modificati.


28 Nov 2005, 18:21 | Scrivi | Commenti (1073) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

ciao a tutti,
sono nuova del blog e vorrei (di nuovo) proporre un argomento che la gente evita come la testa bubbonica: la sperimentazione su animali!
Con il fatto che studio all'università di agraria volgio imparare a proteggere gli animali dalla sperimentazione ed usare i "vecchi" metodi naturali per i prodotti cosmetici,alimenti ecc senza uccidere o creare delle "bestie frankestein".
Sono andata su diversi siti internet e non vi potete immaginare quante aziende sfruttano gli animali...praticamente non potremmo comprare niente....vorrei che noi tutti ci unissimo per combattere questo schifo e creare soluzioni del tutto naturali!
Dobbiamo fare in modo che queste aziende chiudano o perlomeno che smettano di torturare gli animali attivando una politica di non crudeltà libera....vi consiglio di vedere questo sito dove si vedono delle oscenità svolte dagli scienzati per rendere la nostra vita migliore uccidendo delle creature inncoenti che non si possono ribellare:http://tuttipazziperivideo.wordpress.com/2007/03/08/filmato-shock-stop-agli-esperimenti-sugli-animali/
Inoltre dobbiamo combattere le compagnie aeree che permettono il trasporto di animali per uso sperimentazione.
Vi ringrazio per la vostra attenzione.
Spero che guardiate il video e che mi aiuterete a combattere questo schifo.

valentina c., Cascina Commentatore certificato 02.04.10 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Ogni soluzione genera nuovi problemi.

Tony Figatron 08.11.08 22:43| 
 |
Rispondi al commento

OGM, ma non sarà solo una caccia alle streghe pseudo ecologista?

insomma, tutti sono contrari agli OGM, ma chi li ha studiati davvero?

date un'occhiata a cosa succede nel campo universitario (quello vero)
http://www.pubresreg.org/
mais OGM più produttivo (e lo sapevamo) e MENO CANCEROGENO del mais naturale

sapevate che con il golden rice (riso OGM) hanno salvato milioni di persone dalla pellagra in india e bangladesh?
che chi lo ha brevettato era un ricercatore e non una multinazionale e che per questo gli hanno dato il nobel?

insomma, io non dico di mangiare tutto a occhi chiusi, ma anziché ragionare per slogan e poi mangiarsi i derivati che arrivano dalla cina e dagli stati uniti, non potremmo perlomeno studiarli a dovere nelle nostre università?

Luca Miselli Commentatore certificato 16.11.07 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che però nessun abbia parlato di cosa sono gli OGM...lo faccio io che sono un laurendo in materia...
PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO
-Gli OGM sono esseri viventi che possiedono un patrimonio genetico modificato tramite tecniche di ingegneria genetica che consentono l'aggiunta, l'eliminazione o la modifica di elementi genici...per chi fosse ignorante(non offensivo) in materia l'aggiunta di geni(conosciuti)porta alla formazione di proteine che esplicano funzioni(conosciute)nuove con l'ottica di un miglioramento della specie...gli Ogm sono sempre esistiti, quello che è cambiato è solo la tecnica per farli...prima c'erano gli innesti...adesso le provette...vi lascio la mia email...se volete chiedermi qualche cosa in materia scrivetemi...
arsenio83@libero.it

Andrea Fedini 30.10.07 11:27| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno a tutti, sto preparando una tesi di laurea sul ruolo dell'innovazione nei paesi in via di sviluppo e chiedo a tutti coloro che hanno notizie e documentazione su casi di effetti positivi di ogm e simili di rispondermi!!
grazie

Milena Zotta 11.09.07 08:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi dispiace molto, ma non posso che non essere in disaccordo con quest'articolo.
Studio biotecnologie a Firenze, quindi, un po' me ne intendo di OGM anche se non é quello che faccio ogni giorno..
E sono sconcertata di quanto ancora ci siano dei pregiudizi sugli OGM!
Prima di giudicare gi OGM:INFORMATEVI.Ma non sui quotidiani, che sono scritti da giornalisti che non hanno studiato e non ne sanno niente.Leggete riviste scientifiche, e a quelle potete credere!!
Si fa presto a condannare gli OGM perché fanno paura.
Ma alzi la mano chi sa cos'é un OGM.Nessuno.
Che un tipo di OGM possa far male non lo metto in dubbio, ma di qui a generalizzare che tutti gli OGM fanno male...mi si rivolta lo stomaco.
Ogni cosa va provata.
E oltretutto, non sempre i risultati degli esperimenti sono attendibili.A volte le cavie muoiono perché sviluppano malattie indipendentente dagli OGM.Per questo ripeto: informatevi seriamente, sulle riviste scientifiche.


Claudia Contena 12.07.07 13:48| 
 |
Rispondi al commento

sei te un pisello!

Filippo P. 22.05.07 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Cara Gina, sono un ricercatore di Biotecnologie, accetto ogni tipo di critica, purchè costruttiva, ma la tua più che una critica mi sembra pura demagogia.
Prima cosa fai un'accozzaglia di cose che in realtà poco centrano tra loro:
Per quanto riguarda (Ti cito): pesticidi, fertilizzanti, conservanti, coloranti, aromi naturali(che naturali non sono) grassi saturi, oli idrogenati....che avvelenano il nostro corpo e la nostra mente, forse non sai che proprio grazie alla ricerca si stà cercando (attraverso la sperimentazione OGM) di limitare, se non azzerare, la presenza di tutte queste sostanze nei cibi;
Inoltre demonizzi gli OGM come se fossero una "cosa" dannosa in valore assoluto,quando così non è, poi francamente non capisco perchè tante persone(come te)si ostinano a parlare(male) degli OGM senza nemmeno sapere cosa siano, ma solo per gettare fango su una tecnologia imitando come un gregge ciò che dicono altre persone,è bello discutere di qualcosa ma a patto che si sappia di ciò che si parla, e così non è se mi sento parlare di pomodori con CELLULE di salmone,in quanto nn si tratta nè di cellule e ne tantomeno di salmone quando si parla di pomodoro, e comunque quel progetto non servirebbe a "congelare per dei mesi" ma a far coltivare pomodoro, grano ecc in zone svantaggiate climaticamente del pianeta (anche terzo mondo) dove attualmente è impossibile.
per concludere inoltre siamo noi stessi ricercatori(me compreso)che studiamo gli OGM a progettare e curare i campi di germoplasma per la conservazione della biodiversità.
Spero che molti di voi mi daranno un parere su questo argomento, ed invito Gina ed altri come Lei a rispondermi, magari dopo essersi informati un pò di più.
Un forte abbraccio a tutti.

sebastiano iodice 04.03.06 21:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

gli OGM risolveranno il problema della fame nel mondo e della sovrapopolazione nei prossimi decenni!!!??

la percentuale di incidenza del cancro e di infertilita' nelle popolazioni dei paesi industrializzati e' in allarmante aumento e riguarda fascie di eta' sempre piu' basse. (siamo davvero sicuri che vedremo un drastico incremento della popolazione?)
Secondo le esperienze terapeutiche nell'ambito della "medicina naturale" molte malattie, tra cui le sopra menzionate, possono essere curate e/o prevenute con un cambiamento delle abitudini alimentari e dello stile di vita. Infatti sono pesticidi, fertilizzanti, conservanti, coloranti, aromi naturali(che naturali non sono) grassi saturi, oli idrogenati....che avvelenano il nostro corpo e la nostra mente.
COSA FARE? prima di dichiararmi impotente e lasciarmi schiacciare voglio acquistare i miei alimenti in maniera consapevole. Organizzarmi in gruppi di acquisto, comperare dai coltivatori diretti i prodotti di stagione, valutare quali sono i miei reali bisogni alimentari, leggere le etichette e BOICOTTARE tutto cio' che e' prodotto in maniera non etica, non ecologica, non salutistica.
i cibi esotici sono allettanti, e' vero, ma che gusto hanno lontano dalla terra di origine? e se pensiamo che sono OGM, che non contengono percentuali significanti di nutrienti utili al nostro organismo, che sono stati trasportati per via aerea, (dopo l'esercito americano, il trasporto aereo di beni e persone risulta essere la fonte di maggiore inquinamento al mondo) vogliamo ancora portarli sulla nostra tavola? Vogliamo davvero i mandarini senza semi perche' non e' elegante sputarli? vogliamo davvero il pomodoro con cellule di salmone per poterlo surgelare ed averlo tutto l'anno o vegetali mutati che immutati per mesi ci risparmiano di andare a fare la spesa con la solita frequenza, vogliamo davvero le angurie quadrate perche' e' piu' facile trasportarle, vogliamo davvero .......???
RICORDIAMOCI CHE IL MERCATO SIAMO ANCHE NOI!!! SONO LE NOSTRE RICHIESTE CHE POSSONO CAMBIARE E CREARE CAMBIAMENTO. IL MERCATO SI ADEGUA ALLE RICHIESTE DEL PUBBLICO. SE UN PRODOTTO NON SI VENDE .....
in italia esistono associazioni di agricoltura biologica e biodinamica che conservano i semi originari di diverse varieta' di piante. SONO TANTE LE COSE CHE POSSIAMO FARE.

gina mela 03.03.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ringrazio tutti sono Luca Digesu' in particolare il Caro Beppe Grillo un Grande.
Cari signori io ho sempre e continuo a lavorare in maniera seria e con grande maestria che, e' quella che manca ultimamente. Sono contento che Altamura abbia risposto a sapori e gusti antichi. Io con il mio lavoro continuero' su quella strada , cioe' promuovere i cibi sani visto che la mia clientela e particolarmente composta di giovani e sono loro che mi danno una grande carica.Se avete un po' di tempo potete visitare il mio sito www.anticacasadigesu.it e commentare qualsiasi cosa con me.

luca digesu 23.02.06 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Piccolo fornaio pugliese si mangia tutto Mcdonald's!

Una mia lontana premonizione sta prendendo piede.

Le nostre teste sono ormai lobotomizzate al conformismo delle mode,
e cosa c'è di più trendy di cercare di scimmiottare modelli USA???

Ebbene alla nostra celebrolesa mente si ribelleranno altri organi del nostro corpo, pensai.

E ora l'italico apparato digerente,
preceduto dal gusto, sono riuscite a dominare questa malandata mente,
palato ed esofago che obbligati ai panini di plastica dei macdonalds
come ad una seduta di torture medioevali,
ci stanno riportando agli antichi sapori che dalla nostra terra
sono stati alla base della nostra cultura.
In pratica bastarebbe qualche fornaio in gamba che applicasse prezzi equi,
per disturbare le multinazionali del fast food più di mille campagne di boicottaggio.

Bruschetta di Altamura-Cessburger 10 a 0.
guerrilla radio
.

- MCDONALD'S. CHIUDE AD ALTAMURA BATTUTO DA UN PANETTIERE…
(Il Sole 24 ore Radiocor) - il gigante americano mcdonald's costretto a chiudere i battenti per la concorrenza "leale" di un piccolo panettiere pugliese. Il fatto, ripreso e commentato in prima pagina dal quotidiano francese 'Liberation', e' avvenuto ad Altamura, in Puglia, dove il gigante della ristorazione e' sbarcato nel 2001 e dove ha abbandonato il campo di recente, smontando l'insegna della grande insegna "m" di notte.


L'apertura di McDonald's era stata vista come un segnale di modernita' dai 65mila abitanti di Altamura e i 550 metri quadrati era ben frequentati, finche' nella stessa piazza non ha aperto bottega il giovane panettiere Luca Digesu' senza alcuna intenzione bellicosa. Digesu' ha subito allineato i prezzi dei suoi prodotti a quelli applicati dal gigante degli hamburger, moltiplicando la composizione delle focaccine e insistendo sulla qualita' e la diversita' del prodotto. nel giro di qualche settimana la 'corrente' dei clienti s'inverte a http://guerrillaradio.iobloggo.com


Ho avuto un'idea geniale, potrei riempirmi la vasca da bagno di litri e litri di Coca cola...quando ne esco magari ci ho lasciato dentro i miei kg in più? Se squaglia tutto...!

cry melis 31.01.06 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Una domanda: si possono conoscere i nomi di
chi ha presentato la proposta di legge sui
beni sequestrati alla mafia per il dissequestro?
cordiali saluti
Mario Mozzi
Garda

Mario Mozzi 07.01.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Io trovo sconcertante questo terrore nei confronti degli OGM,ogni giorno sento gente che addita questi prodotti e chi li produce come se fossero dei mostri addirittura esistono persone che vedono negli OGM e nei biotecnologi le cause di alcune gravi malattie tra le quali la SARS,la più recente Influenza Aviaria,la mucca pazza,il pesce idrofobo e chi più ne ha più ne metta...tra poco saranno incolpati anche dello Tsunami!!!
E' vero di errori ne sono stati commessi tanti e forse altri ne verranno commessi ma di cose positive gli OGM ne hanno è solo che non se ne parla o non se ne vuole parlare;basti pensare alla ricerca in campo vegetale per far esprimere vaccini o proteine di interesse farmaceutico a piante di uso comune,come il pomodoro,il tabacco...
Vi parlo da neo-laureato in biotecnologie e vi posso dire in tutta franchezza che già la situazione per vari e tanti motivi è difficile per un giovane che vuole avvicinarsi a questo campo di ricerca in Italia quindi ve lo chiedo per favore abbiate più fiducia nei confronti di questo tipo di ricerca perchè non è tanto sbagliata come vogliono farvi credere.

francesco angelini 06.01.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento

“Il mondo delle moltitudini soffre per il suo medio evo, la sua colpevole incapacità di produrre anziché mendicare… La globalizzazione per me è ottima, anche gli OGM sono squisiti e salveranno il mondo dalla fame, la povertà esiste per la satrapia e l’arretratezza dei Paesi e delle civiltà che rifiutano il mondo moderno e non siamo noi colpevoli della loro sofferenza… dobbiamo impegnare una quota della nostra ricchezza e della nostra tranquillità, andando a portare loro i fondamentali della democrazia e dell’economia”. (Paolo Guzzanti)
Ora Guzzanti è particolarmente impegnato in queste settimane a seguire con impeto le sue piste e i suoi obiettivi...Appena sarà passata ‘a nuttata e avrà un po’ di tempo gli chiederò se gli piacerebbe veramente assaporare qualche bella fragola geneticamente modificata con l’introduzione di sequenze di DNA di qualche pesce artico al fine di renderla resistere alle basse temperature (una pratica certo imparata direttamente da Madre Natura…); gli chiederò se assaggerebbe volentieri i piselli OGM prodotti in Australia resistenti al 100% alle infestazioni da parte degli insetti, ma che producono nelle cavie (per ora topi) infiammazioni ai polmoni…; gli chiederò cosa pensa della tecnologia Terminator della Monsanto e della sua variante Traitor (escogitata non per coprire con esile velo la vergogna per aver solo immaginato la prima delle due, ma per bypassare gli impedimenti posti alla realizzazione dell’irrinunciabile e supremo “Profitto”…); gli chiederò se trova una spiegazione plausibile ed accettabile a tutto ciò e se, in queste logiche, ci trova veramente lo spirito per “salvare il mondo dalla fame”…
Gabriele
http://gabrieleparadisi.splinder.com/post/6747332

Gabriele Paradisi 03.01.06 17:19| 
 |
Rispondi al commento

...meno male che al mondo c'è gente illuminata come lei, caro Dott. Ricercator. Iatino, che magari conosce ogni singolo segreto sul DNA delle piante e degli animali, ma non sa nulla (o non Le interessa nulla!) degli effetti che le Sue sperimentazioni provocherebbero nei campi (quelli veri e non nelle sue provette) degli agricoltori Italiani. E' vero, come dice giustamente Lei è sempre la solita vecchia Italia, che invece di salvaguardare, produrre e proporre al mondo i suoi prodotti agricoli peculiari ed unici, rincorre un' agricoltura che con l'Italia non ha nulla a che vedere! Nel nome di che cosa? Di un presunto arretramento scientifico? Di "sagge" politiche agricole? Quando un domani nel mondo TUTTI coltiveranno solo i Suoi amati OGM, secondo Lei quante persone svolgeranno la professione di agricoltore in Italia? Lei pensa che un'agricoltura italiana basata sull'utilizzo di OGM sarà molto competitiva rispetto a quella di altre ENORMI nazioni? Vabbè, a quel punto manderemo tutti i nostri agricoltori (me compreso) a lavorare nei suoi laboratori...

Francesco Breda 28.12.05 08:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noto tanta ignoranza nella maggior parte delle sentenze proferite da chi di OGM ne capisce quanto i Quazar. Sono ricercatore anch'io..nn capisco perchè si debba parlare di qualcosa che nn si conosce...è davvero deprimente...è la solita vecchia Italia che rimarrà per sempre decine di passi indietro nei confronti di quei paesi che fanno dell'inovazione e della scienza la loro (saggia) scelta..
Sveglia...>
Dott. Filippo Iatino

Filippo Iatino 24.12.05 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro omonimo, scusa se mi permetto ma forse nn hai letto bene i vari commenti: qua la politica nn c'entra, o cmq ha un ruolo solo marginale! Qnd parlo di "esercito di Invisibili" mi riferisco semplicem a tutti gli scinziati ke lavorano in lab-scantinato come me, animati xò da un forte senso di responsabilità, giustizia e spernanza nel futuro; qnd cito i convegni intendo ovviam i convegni scientifici, nn i comizi dei politici! Nn so gli altri, ma io qnd parlo di Scienza (quella con la "esse" maiuscola) sono completamente apolitica: secondo me qst è un campo dove nn serve uno skieramento politico o un'ideologia di fede. Ke poi purtroppo le varie scoperte vengano strumentalizzate a fini politici, qst è solo la conseguenza della scarsa qntità di idee propagandistike pre-elettorali dei vari dipendenti - alla Beppe! ;) -. Altro triste motivo x cui nn abbino scienza e politica e xkè ad oggi, purtroppo, nn esiste nessun partito o dipendente ke ci rappresenti minimam: in periodo elettorale dicono sempre tutti le stesse cose, in base a cosa ritengono ke alla gente piaccia sentirsi dire di più.. Grazie al cielo i dipendenti nn mantengono mai la parola data, altrim io & colleghi finiremo col lavare i loro cessi!

Valeria Montis 20.12.05 16:34| 
 |
Rispondi al commento

Per chi si avvicina alla politica per la prima volta, e a questo blog in particolare, lo shock non è da poco.
La sinistra puo' contare (ha sempre contato) su di un elettorato militarizzato molto ben organizzato e pronto ad agire, ad impegnarsi in battaglie, sui media, sui giornali. Avete visto come l'alzata di braccio di Grillo abbia immediatamente messo in moto questo esercito quando l'obbiettivo era comprare una pagina di un giornale, oppure i famosi meeting. I vecchi comunisti stanno portando il loro contributo al centro sinistra, nel quale esiste comunque chi riesce a mantenere il suo essere moderato.

L'elettorato del centro destra è, in media, piu' individualista, senz'altro piu' moderato e liberale, meno propenso a mobilitarsi in maniera cosi' militarizzata, al limite del forcaiolo. In questo blog avrete inoltre notato l'abbondanza di termini come "portatore nano", "portatore di democrazia" e tanti altri che non sto ad elencare, riferiti a Berlusconi e a tutto il centro destra in generale. Questo pensare e questo agire lo si ritrova anche all'esterno del blog, nelle segreterie di partito, in tutti gli ambienti del centro sinistra e dell'estrema sinistra, esclusi i moderati.
A me è sempre stato difficile, su qualsiasi argomento trattato in questo blog, distinguere tra campagna denigratoria e sana critica. Non riesci piu' a capire le due cose. TAV, NOTAV, ormai si puo' ben dire che si è in piena campagna denigratoria. Tutto è buono per distruggere anche le cose innegabilmente buone di un governo.
Prodi (colui che grazie alla tav intasco' fior di miliardi in consulenze della sua Nomisma)adesso sulla questione Tav si tira indietro, per ragioni di partito si intende, non per l'interesse della nazione, se si tira indietro significa che la sua Nomisma non valeva una cicca quando fece gli studi, pero' i miliardi li ha intascati, e lui non viaggerà mai in treno
tutti i giorni. Anche chi scrive con la puzza del filosofo difficilmente prendera' il treno tutti i giorni. Anche chi scrive con la puzza del filosofo difficilmente prendera' il treno tutti i giorni, pero' a voi vorrà farlo sembrare uno scempio alla natura.

Solo un invito alla riflessione, fatto da me, che ho visto come la politica opera capillarmente nei palazzi della Regione, della Provincia, del Comune. Tutti i vostri soldi vengono bruciati li. E col centro sinistra le cose non sono mica cambiate.

Valerio Simone 20.12.05 02:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti. Sono rimasta colpita dal fatto ke, una volta tanto, il mio commento abbia avuto riscontro positivo: ke le cose, lentamente ma inesorabilmente, stiano forse cambiando? Speriamo.. Mi spiace solo ke, nonostante da parte di simpatizzanti & colleghi ci sia stata un'apertura sul piano comunicativo, la controparte continui a rifiutare ogni tentativo di dialogo, skiaffeggiando la ns mano tesa con le solite argomentazioni preconfezionate.. ma qnd incomincerete a pensare con le vostre teste?! Noi nn forniamo surrogati di idee, solo i fatti reali della situaz attuale, nel modo più oggettivo possibile - deformaz professionale?! Forse.. ;) - e ci piacerebbe venir ascoltati veramente una volta x tutte. Ve lo kiedo umilmente, senza far la voce grossa come si è soliti fare nel mondo dell'informazione di massa e senza in cambio pretendere accondiscendenza forzata: toglietevi quel paraorekkie di BLABLABLA raffazzonati malamente da una serie di informazioni distorte messe in giro da ki neanke sa cos'è un OGM! Io sono di Torino, ma penso ke la situaz, purtroppo, sia la stessa in tutta Italia. Fortunatam nel resto d'Europa le cose stanno diversamente: ci sono molti giovani ke hanno intrapreso la carriera scientifica nel settore, speranzosi di poter essere un giorno utili al genere umano, seguiti in primis da un valido sistema universitario e, in ogni caso, sorretti dalla comunità in genere. Possibile ke invece uno studente di biotech italiano si debba sempre vergognare o provare disagio e imbarazzo qnd posto in un contesto di pubblico confronto, anke solo durante una serata tra amici? Non so se vi è mai capitato di partecipare a qlc convegno (in Italia ma soprattutto all'estero): è un evento ke riesce a tirarmi su di morale, infondendomi la certezza ke nn tutto è perduto. Sappiate ke al mondo ci sono altre persone come noi ke nn si lasciano intimorire dal nemico comune Ignoranza. Forza e coraggio, esercito di Invisibili, avanti! Ogni ns sforzo nn è vago xkè nn siamo soli!

Valeria Montis 19.12.05 23:34| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, sono Sebastiano!
Come va? Volevo rispondere, ankio serenamente a Francesco....
Forse le precauzioni ke tu conosci ed adottate in passato,erano insufficienti(anche se mi sembra forviante portare come esempio quello della foresta pluviale!)cmq oggi una delle precauzioni da adottare è ad esempio quella della maschiosterilità, o cmq la possibilità di immettere sul mercato varietà OGM sterili.
Inoltre ci sono tante altre possibilità come particolari strutture serricole etc.
Inoltre vorrei far notare ke nel momento in cui si ottiene una varietà di pomodoro (ad esempio) OGM e dopo numerosi studi e ricerche si prova la sua innocuità e la sua assoluta mancanza di qualsiasi effetto collaterale, si prova cioè che è una pianta "comune" a tutti gli effetti, non vedo perchè ci si debba preoccupare che il suo polline entri in contatto con altre piante di pomodoro......nn credo che se il mais nativo del messico fosse stato contaminato dal mais normalmente in commercio ma nn OGM avesse fatto tanto scalpore.Per quanto riguarda il tuo pensiero che la possibilità di ottenere vaccini ad esempio nella pianta di banano(come si stà facendo), permettendo ad un bambino(o adulto) di vaccinarsi ed evitare malattie spesso mortali, semplicemente mangiando una banana, sia un'idea"deboluccia"lo trovo una chiusura mentale dannosa, ed è demagogico parlare della guerra e dire che se nn si producessero bombe e carri armati si potrebbero vaccinare le persone , tutto ciò sarebbe bellissimo, ma in tutta la storia dell'uomo nn è ancora successo, e se io domani offrissi una tecnologia come quella ke ho detto, preferiresti aspettare che l'occidente smetta di produrre armi, oppure la utilizzeresti per salvare tante vite????
Per Nicola volevo dire ke forse nn avevo afferato il senso della sua frase.
Per Valeria:xkè nn ti fai sentire???
Un abbraccio a tutti, a presto..........
Sebastiano!

sebastiano iodice 19.12.05 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Sebastiano, volevo solo chiarire che io per primo mi ritengo di sinistra pur accettando gli ogm...la mia era solo una risposta a quanto insinuava Francesco...mi fa piacere che anche Valeria si sia aggregata in questa conversazione...qualcuno di voi a studiato a pavia?Cmq per tornare sul discorso degli ogm, concordo con quanto dice Valeria sul fatto che lo scienziato, chi vuole "conoscere", non è un mostro... Purtroppo però questa concezione rimarrà tale, fin quando in Italia sarà presente una forte comunità religiosa... basta pensare a quello che è successo col referendum... Ciò è un grossso ostacolo al progresso... Le persone possono essere credenti o no, in base a quello che dice la loro coscenza, ma lo Stato NO, dovrebbe esser laico per definizione...
Aspetto pareri riguardanti questa mia posizione...
Ciao Nico

Nicola D'Aprile 19.12.05 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao sono di nuovo Sebastiano!
Prima di tutto volevo ringraziare Valeria x essersi unita a me con una voce fuori dal coro....sono pienamente daccordo con te!Poi volevo rispondere a Francesco per dirgli ke per quel ke riguarda la contamizione attraverso il polline, essa è possibile solo se la pianta è della stessa specie dell'OGM(il ke già riduce la possibilità di "contaminazione") e ke cmq i protocolli prevedono apposite contromisure(per cui già mi sono espresso a favore) per evitare questi "inconvenienti",inoltre per quanto riguarda il secondo punto è vero ke il problema della fame nel mondo nn può essere risolto con gli OGM(in quanto quello è soprattutto un problema infrastrutturale)ma potrebbero rappresentare un forte aiuto, basti pensare oltre che alla possibilità di far produrre questi cibi in zone aride dove ora nn è possibile oppure la possibilità di abbattere determinati costi ke permetterebbero a questi paesi una maggiore produzione,e soprattutto (in quanto me ne occupo anke io) la straordinaria possibilità di ottenere vaccini in pianta e dare la possibilità a costi bassissimi di far vaccinare milioni di persone.
Insomma la situazione è complessa ma come ogni cosa nn ci si può precludere dei vantaggi per stupide paure, la vigilanza deve essere altissima, i controlli ancora maggiori, ma nn si può rifiutare a priori la tecnologia OGM se si dimostrano i suoi vantaggi e la sua sicurezza.
Per rispondere a Nicola dico ke avevo premesso di essere sinistra in quanto ciò poteva far comprendere meglio la mia posizione su determinati argomenti.
Cmq spero che rispondiate in tanti xkè è molto bello per me confrontarmi su questo argomento.
Infine vorrei chiedere a Valeria in quale università stà per laurearsi.
Un abbraccio a tutti, grazie per l'attenzione ciao.................
Sebastiano.

Sebastiano Iodice 18.12.05 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti. Proprio come Sebastiano, tra poco sarò ank'io laureata in biotech agrarie-vegetali. Grazie alla sempre più crescente e incontrollata disinformazione, penso ke tra nn molto io & colleghi saremo costretti a vivere in bunker sotterrranei per sottrarci ai giornalieri insulti e riski di linciaggio. Skerzi a parte, volevo innanzitutto ringraziare l'orda di giornalisti ignoranti ke, pur di guadagnare prestigio, continuano a confondere milioni di persone al mondo, aiutando a incrementare la già comprensibile confusione in materia. Perché la gente, quando non sa, ha il vizio di emettere giudizi e sentenze? Il dubbio riguardo la sicurezza OGM è più ke lecito ma credo ci siano persone qualificate in grado di aiutare a capire per poi lasciare decidere autonomamente, senza manipolare le convinzioni altrui. Infatti, se una persona non è d'accordo con le mie opinioni, io la rispetto: xò, in un Paese democratico, dovrebbe anke avvenire il contrario. Purtroppo noi nn viviamo in un Paese democratico, x cui scelte difficili di ordine scientifico-sanitario vengono prese da politici corrotti e incompetenti in materia anzikè da una equipe mista di tecnici qualificati del settore. Cosa credete? Anke noi scienziati siamo esseri umani con una coscienza ecologica (io per prima spero di essere utile in qualche modo all'umanità cercando di salvaguardare la biodiversità ed evitare, nel mio piccolo, disastri ecologici), siamo consumatori come voi (credete ke siamo così stupidi da produrre una cosa dannosa, visto ke ne saremo noi e i ns figli i consumatori diretti?). Cosa pensate ke ci facciano studiare x anni all'università? Abbiamo un sacco di corsi interessanti quali "Lotta Integrata & Biologica, Salvaguardia della Biodiversità". Vi kiedo di nn travisare le mie parole: un Paese come l'America nn è di certo da prendere come esempio, xò dovremmo cercare di nn eccedere (x paura di trovarci nelle loro condizioni) nell'esatto contrario. IN MEDIO STAT VIRTUS. Meditate gente, meditate..

Valeria Montis 18.12.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

..."IL MONDO CI E' STATO DATO IN PRESTITO DAI NOSTRI FIGLI..."
c'è frase più significativa e di straordinario impatto migliore di questa???è favolosa...

Antonio D 17.12.05 01:46| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace che un ragazzo che si definisce di sinistra possa, se pur con le dovute cautele, accettare gli OGM. Ce ne sarebbero molti di più, ma ti do giusto un paio di motivi per cui gli OGM non devono essere accettati nella nostra società. Primo: gli OGM contaminano con il loro polline le colture NON OGM limitrofe. Ciò è sbagliato, se non altro, perchè limita la libertà (che è un diritto fondamentale sancito dalla costituzione!!) di due soggetti: il primo soggetto è l'agricoltore, che anche se non vuole gli OGM, in realtà si ritrova le sue colture OGM contaminate dai pollini delle colture OGM vicine. Il secondo soggetto è il consumatore che vorrebbe acquistare i prodotti NON OGM ma NON può (dato che sono contaminati). Il secondo punto che io critico circa gli OGM è la teoria buonistica che le grandi aziende degli USA ci propinano circa queste colture. Ci dicono che che gli OGM risolveranno il problema dela fame nel mondo. Capisci che detto da un paese come gli USA, che vantano l'80% di persone obese sul totale della popolazione e che consumano la metà delle risorse di tutto il pianeta, non ha una men che minima credibilità, che dici?
Il vero motivo per cui vogliono imporre queste colture è per detenerne i diritti d'utilizzo delle sementi e rendere dipendenti e "schiavi" gli agricoltori di tutto il mondo per sempre. Vogliono eliminare tutte le varietà tipiche e locali, che si sono adattate ai vari climi e territori, imponendo delle varietà OGM globali. Un esempio chiarificatore: un agricoltore biologico canadese ha dovuto pagare decine di migliaia di euro (per l'utilizzo improrio dei brevetti OGM di una grossa multinazionale) perchè le sue colture sono risultate contaminate dalle colture OGM del vicino. Questo è ciò che vogliono e ciò che otterranno se nessuno osa dire nulla.
Ciao e grazie dell'attenzione
Francesco

francesco breda 16.12.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti ho 22 anni e tra 3giorni sarò un laureato in biotecnologie vegetali .Ho studiato molto gli OGM sia dal punto di vista tecnico ke etico o bioetico, e credo che sia sbagliato (come per ogni altra cosa) rifiutarli a prescindere. Credo invece che potrebbero rappresentare un'enorme risorsa per l'uomo se utilizzati correttamente, ma come tutte le cose bisognerà vigilare molto attentamente ed evitarne lo sfruttamento lucrativo. IO sono di sinistra ed ho una forte coscienza ecologista , ma credo che sia sbagliato parlare dei rischi che non si conoscono a lungo termine, in quanto questo capita per ogni cosa, anche per i farmaci, nessuno può conoscere i rischi a lungo termine di nessuna cosa anke la più banale, perchè nn ci sono le tecnologie per farlo, per me l'importante è sfruttare al massimo le tecnologie attuali per fugare ogni possibile riskio, ed appurato che non ve ne siano permettere la commercializzazione (etichettata, controllata , etc)di un prodotto che potrebbe risolvere diversi problemi. La cosa che mi dispiace di più è la totale disinformazione che si fa dell'argomento e le "sentenze" emesse da ignoranti in materia, vorrei tanto che si aprisse un dialogoserio e privo di preconcetti e partiti presi.
Spero in numerose risposte, anche da te BEPPE.............se vuoi, un saluto a tutti Sebastiano

sebastiano iodice 13.12.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In risposta al commento di Cesare Iametti d.7.12.05.

Sì bella proposta di rilevare l'azienda,io ci sto! Per vostra informazione i siti della EOLO esistono ancora, eccoli: http://www.eoloauto.it/> www.eoloauto.it
Saluti
Patrizia Domenichini

patrizia domenichini 10.12.05 20:25| 
 |
Rispondi al commento

io cercavo la distanza barcellona milano e mi è venuto fuori il pisello ogm......sceeeeemi

fabiano inoki 09.12.05 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Ciao

non mi pare che i 'manifestanti' avessero in mano fiori e che manifestassero in modo pacifico, ma ben organizzato ed eversivo.
se si dan 'martellate' si ricvono 'badilate'...
si è rivoltando il mondo...aldilà dell'ideale diverso..

in galera ci dovrebbe andare anche il drogato di casarini.

riccardo marazzi 09.12.05 08:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

in risposta al commento di PALOMBA PASQUALINO .

Un' auto piu' o meno cosi' era gia' stata inventata: la EOLO. C'era tanto di sito, con possibilita' di prenotarla, tanto di stabilimenti ecc. ecc.

Chissa' perche' tutto si e' impantanato.

Perche' non rilevare l'azienda? Siamo in migliaia, con poche centinaia di Euro a testa potremmo acquistare l'azienda.

Che ne dici Beppe?

Cesare Iametti 07.12.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alta velocità in Val di Susa Vi prego di far girare il più
velocemente possibile questa notizia ai vostri indirizzari per "rompere" la
cortina "fumogena" sparsa dalla censura dei mezzi di informazione tv sulla
situazione in val di Susa. Li c'è gente che se la Alta Velocità va avanti
rischia la vita per l'amianto mentre lo spreco di soldi per un'opera
inutile riguarda tutti. Sosteniamoli almeno facendo girare l'informazione.
Testo ricevuto dal comitato antiTAV Val di Susa [...] Da diversi anni è in
corso in ValSusa una manovra di resistenza organizzata contro la linea ad
alta velocità ferroviaria Torino-Lione (TAV). Quello che fanno credere i
media è che gli oppositori siano pochi e comunque motivati solamente dal
fatto che "gli passa il treno sotto casa". Nella manifestazione di giugno
c'erano 30000 persone (in tutta la Val Susa ci sono 50000 abitanti). Non
posso di certo smentire questa motivazione, ma in realtà i motivi veri (che
vengono metodicamente nascosti dai media) sono ben altri: 1.. La tratta
Torino-Lione è completamente inutile: nella Val Susa esiste già una linea
ferroviaria sottoutilizzata, in grado di reggere il traffico richiesto
(considerando i tassi di crescita) almeno fino al 2050. 2.. La linea in
costruzione è esclusivamente merci, non si avrebbe alcun vantaggio in
termini di tempo per la percorrenza da Torino a Lione. I treni passeggeri
comunque continuerebbero a transitare nella linea storica con i tempi di
percorrenza attuali. 3.. Nel tratto montano (e quindi da Torino alla
Francia), comunque non sarebbe una tratta ad alta velocità perchè la
conformazione del terreno montano non la rende possibile. 4.. L'amianto
sotto al Musinè c'e' veramente (è già ampiamente dimostrato), e nei
progetti non c'è il minimo accenno ad un piano di messa in sicurezza
dell'amianto estratto (è previsto semplicemente uno stoccaggio in valle a
cielo libero), che con i frequenti venti della ValSusa verrebbe distribuito

Cristina Zennaro 06.12.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe , sono rimasto esterefatto dal comportamento dei nostri dipendenti delle forse dell'ordine che CI picchiano con imanganelli!!!!

e poi leggo anche questo :
"Nel sito www.notav.it si legge che il vicequestore Sanna ha incitato il guidatore di una ruspa della Polizia con: "Uccidilo, uccidilo!" indicando, sempre secondo il sito, un ragazzo davanti alla barricata"

ROBA DA PAZZI .....ANZI DA GALERA!!!!

Davide Rizzi 06.12.05 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Da repubblica del 6 dicembre 2005:

" Cibi con uova marce, muffe e vermi
Raffica di arresti in sette regioni"

Beppe ma è mai possibile che non si sappia quale aziende sono coinvolte?

Come possiamo difenderci?

fabio sacripanti 06.12.05 11:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da repubblica del 6 dicembre 2005:

" Cibi con uova marce, muffe e vermi
Raffica di arresti in sette regioni"

Beppe ma è mai possibile che non si sappia quale aziende sono coinvolte?

Come possiamo difenderci?

fabio sacripanti 06.12.05 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Da repubblica del 6 dicembre 2005:

" Cibi con uova marce, muffe e vermi
Raffica di arresti in sette regioni"

Beppe ma è mai possibile che non si sappia quale aziende sono coinvolte?

Come possiamo difenderci?

fabio sacripanti 06.12.05 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
ho di recente inziato a leggere alcuni libri di Chomsky, che credo conosca bene. In particolare vengono descritte le metodologi con le quali i vari governi "democratici" manipolano il comune senso comune per i propri obiettivi.
C'è un riferimento molto interessante ad un celebre libro di Orwell.

La "la fattoria degli animali" è stata di recente aggiunta l'introduzione a suo tempo censurata.

Molto interessante.

Il libro è una chiara parodia al sistema totalitarista Russo.

Ma questo lo sapevamo gia da tempo.

La cosa che ho trovato di grande interesse è che l'introduzione dimostra come il "democratico" governo Britanni non sia molto diverso da sistemi totalitari. Ovviamente i meccanismi di controllo sono assolutamente diversi ma molto efficati.

Questo tipo di controllo mediatico è caratterizzato da un uso furbissimo dei media. Sinceramente, e personalmente, ho iniziato a percepire certi meccanisti da quando ho deciso di vivere senza TV: il principale mezzo di indottrinamento.

Con stima Carmine Tripodi

Carmine Tripodi 06.12.05 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

HO DOVUTO RICOMPRARE UNA MACCHINA NUOVA( QUELLA VECCHIA AVEVA 10 ANNI) HO CERCATO QUALCHE SOLUZIONE INNOVATIVA CHE FACESSE FRONTE AI PROBLEMI ATTUALI INERENTI IL TRAFFICO, INQUINAMENTO, CONSUMI , ECC. MA IL MERCATO NON OFFRE ANCORA NIENTE DI SODDISFACENTE.
PER SODDISFACENTE INTENDO UN AUTO CAPACE DI UN'AUTONOMIA DI ALMENO 200 KM A 70 KM H FUNZIONANTE ELETTRICAMENTE.
SO CHE LA TECNOLOGIA C'E' PER FARE UN'ATUTO DEL GENERE MA NON CE LA VOGLIONO FARE E SAPPIAMO PERCHè. ALLORA IO DICO : PERCHE' NON CE LA FACCIAMO NOI CITTADINI? PERCHE' NON FACCIAMO TUTTI UN'INVESTIMENTO PER CREARE AUTO DEL GENERE?
CREIAMO UN'ASSOCIAZIONE O ALTRO PER RAGGIUNGERE QUEST'OBIETTIVO!
CIAO
PASQUALE

PALOMBA PASQUALINO 06.12.05 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Pure le PosteItaliane fanno parte del sottomarino,insieme a tutti i soldi che con le luminarie di Natale i ns. comuni stanno sputtanando,inquinando e sperperando.

Fabrizio Santoro 06.12.05 02:47| 
 |
Rispondi al commento

Le radici della guerra al tifo, spesso violento ed ottuso, trova radici altrove. La lotta tra uomini è stata ufficialmente bandita da ogni campo, ma ufficiosamente la fiamma della lotta divampa ovunque, trovando ossigeno in ogni rapporto. Giustamente la temperanza ci ha indicato la via della convivenza e questa necessariamente deve passare attraverso la limitazione delle passioni. La lotta è stata quindi bandita, ma resa legittima nelle mura dei campi sportivi, dove puo essere contenuta da regole. Lo sport è l’evoluzione contenuta del conflitto. È patria dell’agonismo e questo non puo esistere senza aggressività. L’uomo esprime la sua aggressività attraverso l’intelletto, di cui la forza fisica è solo uno dei mezzi. Accanto a questo stanno tutte le arti psicologiche su cui davvero si combatte un conflitto e si gioca una partita. La prudenza è la vera arma. Così accade sia in campo, che su gli spalti. Le gremite tribune di uno stadio sono sede di una lotta senza contatto (a meno che questo malaugaratemente non trovi sede), in cui arte e arma è l’offesa. Non è necessario credere in quello che viene cantato, è la forza dell’autorità “tifo” a mettere in bocca ai molti parole d’odio. I cori razzisti di cui tanto si parla, spesso escono dalle bocche di giovanissimi, che neanche sanno davvero di cosa parlano ( e questo non è colpa dello stadio), che realizzano l’essenza del coro, che sta nell’esser rappresentato, cioè cantato. Il soggetto/obbiettivo della canzone serve solo da stimolo ad una folla che trova l’essenza della sua lotta, nell’urlo e nell’offesa. Queste non sono certo cose positive… parole di disprezzo messe in bocca e negli orecchi ai giovani, bestialità indegne urlate ad alta voce… e così via. Ma la mia domanda è, eliminando i tifosi elimineremo dall’uomo l’aggressività ? o finiremo per eliminare anche lo sport, siamo incapaci di ammettere che in ogni uomo vive anche questo ? perché lo stadio è specchio della vita, vi si trova sia il giusto che l'ingiusto.

lorenzo dal piaz 05.12.05 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è sempre l'informazione. Il gazzettino ha pubblicato la notizia che in Australia è stato trovato un geco con cinque code. L'articolo ,tra il serio ed il faceto,la considera una curiosità, senonche',trattandosi dell'Australia, la notizia purtroppo è grave. La realtà è che i casi di malformazioni genetiche negli animali australiani sono sempre più frequenti. L'Australia, specialmente le zone interne, si trova sotto un grosso "buco dell'ozono" per cui i raggi ultravioletti e le radiazioni ionizzanti arrivano al suolo senza filtri. Ma le informazioni sui buchi arrivavano, anche se col contagocce, quando questi risultavano stazionari o in lieve regresso, ora non arrivano più notizie. Auguri a tutti.

luigi verardo 05.12.05 20:11| 
 |
Rispondi al commento

AMICI DI BEPPE GRILLO, CONSUMATORI DISPERATI, ORGANIZZIAMO LA RESISTENZA AL CONSUMISMO!!! OGNI CITTADINO RESPONSABILE SI ISCRIVA AD UNA DELLE TANTE ASSOCIAZIONE DI CONSUMATORI, E FACCIA SENTIRE LA PROPRIA VOCE.

A.C.U. MARCHE - L'Associazione consumatori utenti amica di BEPPE GRILLO
con sede in ANCONA Via Piave, 49/C
INVITA I MARCHIGIANI AMICI DI BEPPE GRILLO
ad ISCRIVERSI PER L'ANNO 2006 e PARTECIPARE alle ATTIVITA'ed ai PROGETTI realizzati per sensibilizzare l'opinione pubblica ad un CONSUMO PIU' ETICO, RESPONSABILE e SOLIDALE.

come fare per iscriversi?

manda due righe alla nostra e-mail
"carlocardarelli@libero.it"

noi Vi manderemo (sempre via e-mail-unico e vero mezzo di comunicazione) lo stampato di ADESIONE, da FIRMARE e RESTITUIRE alla NOSTRA SEDE x posta).

ISCRIVERSI COSTA SOLO 1 EURO all'anno!
Da spedire alla nostra SEDE COME VALORE IN FRANCOBOLLI DI PRIORITARIA.

L'ISCRIZIONE DA DIRITTO A:

1) essere informati sulle ultime novità nel settore del consumerismo,
2) essere informati sulle attività associative ACU locali e nazionali,
3) partecipare (con diritto di voto), a tutte le nostre riunioni.

W GLI AMICI DI BEPPE GRILLO.

Ciao e AUGURI a TUTTI da:

Carlo Cardarelli "carlocardarelli@libero.it"

CARLO CARDARELLI Commentatore in marcia al V2day 05.12.05 19:43| 
 |
Rispondi al commento

(Grazie Enrico x il sito che è fichissimo.)
Riguardo a quanto si dice vorrei ricordare che il "breeding tradizionale", cioè l'insieme di tecniche solitamente usate per lo sviluppo di nuove varietà vegetali da inserire sul mercato, prevede l'utilizzo di mutageni(es radiazioni) per aumentare la probabilità che piantando un seme "normale" riesca a saltar fuori qualcosa di nuovo, che so.. una fragola enorme o un pomodoro che marcisce dopo un paio di mesi dalla raccolta. Ecco, ogni anno tutti i vivai piantano continaia di questi semi e piano piano selezionano quello che -se va bene- arriva sulle nostre tavole in alcuni anni, felicemente OGM-FREE. Mi viene da pensare che in un famigerato OGM almeno LO SAPPIAMO cosa siamo andati a modificare.

Direi che c'è molto da pensare per tutti.. :-|

L.

Laura Pantaleoni 05.12.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non è solo il coltivare prodotti OGM in Italia ma informare i consumatori che nei supermercati esistono già in vendita prodotti OGM da molto tempo, non ha importanza dove siano stati coltivati perchè non ne è vietata la vendita e spesso possono essere prodotti più convenienti.
Successe la stessa cosa con gli estrogeni nelle carni, è stato vietato l'uso di estrogeni (giustamente) in Italia ma non è stato informato il consumatore che in Italia si produceva solo una parte e che nei supermercati lo stesso trovava carni provenienti da paesi dove era normale routine estrogenare gli animali. La conseguenza è che il settore dell'allevamento bovino da carne in Italia è quasi scomparso.
Il vietare di coltivare OGM non vuol dire tutelare il consumatore ma solo preservare il nostro territorio, il cittadino è libero di mangiare OGM non consapevole di farlo.

Carlo Benetti 05.12.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

... non è pubblicità, ma un consiglio...
un buon sito serio ma divulgativo è www.molecularlab.it una buona rivista è Le Scienze
informatevi sempre su chi scrive, spesso ci sono fini diversi da quelli scientifici!!

Enrico Contri 04.12.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Quoto il commento di Alessandro, rifiutare gli OGM per partito preso è un atteggiamento ignorante. Le biotecnologie aprono nuovi e vastissimi orizzonti e ignorarli sarebbe una pazzia, un esempio è il metodo per la produzione dell'insulina che viene fatta da batteri geneticamente modificati a cui è stato inserito il gene per la produzione dell'insulina (fino a qualche anno fa per ottenere insulina bisognava tritare e centrifugare il fegato di un maiale!)...
è ovvio che per ora la commercializzazione di OGM non è sicura perchè ancora pochi sono gli studi che sono stati fatti su questi prodotti, ma bisogna ricordare che ogni OGM è completamente diverso dagli altri e che quindi la pubblicazione di uno studio che ha dimostrato rischi su quel particolare prodotto non deve di fatto influenzare l'opinione pubblica sugli OGM in generale; ma si sa che i media puntano molto sulla possibilità di tirarne fuori un "caso" e di aumentare le vendite per cui non sta a sottilizzare troppo sui veri aspetti della questione... il mio invito è quello di informarsi veramente sulla questione prima di commentare, leggendo per esempio qualche rivista del settore (seria!) e non affidandosi a tv, quotidiani e settimanali, e di non lasciarsi influenzare da questa moda pseudo-salutista che in questi ultimi anni dilaga...

Enrico Contri 04.12.05 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Sul sito www.greenpeace.it c'è la possibilità di scaricare una petizione che verrà inviata alla Commissione Europea per chiedere l'etichettatura obbligatoria dei prodotti provenienti da animali nutriti con OGM. Più firme riusciremo a raccogliere maggiori possibilità avremo di vederci riconosciuto un diritto fondamentale. Approfitto del blog per invitare chiunque voglia saperne di più a visitare il sito sopra indicato.
Ciao a tutti.

Flavio Marchesi 03.12.05 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Sul sito www.greenpace.it c'è la possibilità di scaricare una petizione che verrà inviata alla Commissione Europea per chiedere l'etichettatura obbligatoria dei prodotti provenienti da animali nutriti con OGM. Più firme riusciremo a raccogliere maggiori possibilità avremo di vederci riconosciuto un diritto fondamentale. Approfitto del blog per invitare chiunque voglia saperne di più a visitare il sito sopra indicato.
Ciao a tutti.

Flavio Marchesi 03.12.05 21:17| 
 |
Rispondi al commento

RIDUZIONE DEGLI STIPENDI DEI PARLAMENTARI EUROPEI

In seno al Parlamento europeo, dopo anni di dibattito, si è giunti ad un accordo per rendere uniformi gli stipendi dei deputati.

Mentre prima gli stipendi dei deputati europei erano legati a quelli dei deputati nazionali, dai prossimi anni saranno portati tutti alla stessa cifra pari a 7000 euro, più i rimborsi per le spese di segreteria e di viaggio che siano effettivamente dimostrabili tramite fatture.

Tale norma è stata introdotta dopo anni di disparità tra i diversi paesi poiché esistevano enormi differenze tra gli stipendi dei deputati; ad esempio i deputati italiani guadagnavano più di tutti i loro colleghi europei con cifre di dieci volte superiori rispetto a quelli dei paesi dell’est.

Mi viene da pensare alla riduzione ridicola, proposta dalla finanziaria attualmente in discussione, che prevede un taglio del 10%, ma solo sulla diaria mensile dei deputati, lasciando inalterati tutti i rimborsi spese che vengono percepiti a fronte di spese spesso nemmeno sostenute e che in pratica raddoppiano lo stipendio effettivo.

È facile prevedere un fuggi fuggi dei nostri rappresentanti in Europa, che chiederanno di essere rimpatriati nel più breve tempo possibile……chissà cosa escogiteranno i geni italiani della truffa ??

COME SEMPRE I DEPUTATI ITALIANI SI DIMOSTRANO I Più ONESTI !!!!

cESARE PIRI 03.12.05 17:34| 
 |
Rispondi al commento

RIDUZIONE DEGLI STIPENDI DEI PARLAMENTARI EUROPEI

In seno al Parlamento europeo, dopo anni di dibattito, si è giunti ad un accordo per rendere uniformi gli stipendi dei deputati.

Mentre prima gli stipendi dei deputati europei erano legati a quelli dei deputati nazionali, dai prossimi anni saranno portati tutti alla stessa cifra pari a 7000 euro, più i rimborsi per le spese di segreteria e di viaggio che siano effettivamente dimostrabili tramite fatture.

Tale norma è stata introdotta dopo anni di disparità tra i diversi paesi poiché esistevano enormi differenze tra gli stipendi dei deputati; ad esempio i deputati italiani guadagnavano più di tutti i loro colleghi europei con cifre di dieci volte superiori rispetto a quelli dei paesi dell’est.

Mi viene da pensare alla riduzione ridicola, proposta dalla finanziaria attualmente in discussione, che prevede un taglio del 10%, ma solo sulla diaria mensile dei deputati, lasciando inalterati tutti i rimborsi spese che vengono percepiti a fronte di spese spesso nemmeno sostenute e che in pratica raddoppiano lo stipendio effettivo.

È facile prevedere un fuggi fuggi dei nostri rappresentanti in Europa, che chiederanno di essere rimpatriati nel più breve tempo possibile……chissà cosa escogiteranno i geni italiani della truffa ??

COME SEMPRE I DEPUTATI ITALIANI SI DIMOSTRANO I Più ONESTI !!!!

cESARE PIRI 03.12.05 17:32| 
 |
Rispondi al commento


Scusate ma non ho saputo resistere..... Caro Grillo, stamo alla frutta!!! Quanto e' vero che ci fregano, con le parole, con concetti che usano arbitrariamente come pare a loro!

Dal repubblica.it, appena trovato:

Papa contro Pacs e RU486
"Uso arbitrario del progresso"
Benedetto XVI ribadisce il "no" a "nuove forme di matrimonio che ne alterano la natura specifica". E sulla pillola abortiva: "A rischio il diritto alla vita"


----


Come mai Vaticano non e' allo stesso modo contrario all'alterazione dei pomodori? della pseudo-genetica, in generale?

Promuovono i pomodori perche' li modificano per "addizionarli di BIOFLAVANOIDI"!!!!

Se la gente sapesse che allo stesso tempo ci stanno vietando le vitamine e i minerali con una direttiva europea con la scusa che "non servono", non se ne conoscono gli effetti e altre mille scuse con basi scientifiche prossime allo zero!!!

Qui sarebbe da mandarli a casa tutti, altroche'!


Ivan Ingrillì 03.12.05 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Cara tiziana vedo che comunque sei sensibile a certe cose e questo mi fa piacere !
Non credo che finiremo per mangiare pasticche se la maggior parte delle persone quando vanno a fare la spessa invece di leggere solo il prezzo
leggessero anche di che cosa è fatto quello che andranno a magiare: certi prodotti non si venderebbero e cosi' le industrie sarebbero costrette a cambiare tendenza.
Come medico ti posso dare un consiglio: se hai un'infarinatura di bio-chimica leggiti "come raggiungere la zona" di Barry Sears.....avrai mote risposte ai tuoi problemi !!

Massimo D.T. 03.12.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Business. Solo Business.
In realtà gli OGM non servono a ganché: basta razionalizzare la produzione agricola e la ripartizione delle risorse e si ottengono risultati egregi con la coltivazione tradizionale.
Il fatto è che chi brevetta un seme modificato, visto il mercato che continuiamo, chi più chi meno, a tenere in piedi, poi ci fa un sacco di soldi.
Tutto qui.

Franco Bordoni 03.12.05 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Affanculo gli OGM. io mi sento fortunato perche' mio nonno ha insegnato a mio padre a coltivare frutta e verdura nell'orto di cui dispongo ed io spero di imparare lo stesso il piu' presto possibile da mio babbo. certo devo riconoscere che non tutti hanno un pezzetto di terra adiacente casa per farlo. Su questo problema pero' mi viene in mente quello che hanno fatto a Londra due miei amici: nel quartiere di fulham si sono messi in lista e dopo un anno circa gli e' stato assegnato un quadretto di terra in un orto comune dove ogniuno dispone del suo spazio per coltivare cio' che gli va'.
BELLA INIZIATIVA, PERCHE' NON PROVARE ANCHE NELLE GROSSE CITTA'? MI SCUSINO I FRUTTIVENDOLI MA POTREMMO BENISSIMO FARE A MENO DI VOI.
FORSE MI STO' ADDENTRANDO IN UN DISCORSO TROPPO COMPLESSO PERO'....

Matteo Ugolini 03.12.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

basta con questi prodotti OGM,nutriamoci semplicemente di quello che la natura così naturalmente ci offre! e facciamola finita con ste sigle del c....!!

giuseppe costa 03.12.05 11:50| 
 |
Rispondi al commento

LA QUESTIONE SPECIALIZZANDI....

Carissimo Beppe Grillo sono un neo specialista in ch. pediatrica a 33 anni con una moglie che lavora da alcuni mesi a più di mille km da casa e con due figlie, da gestire ,grazie all'aiuto dei nostri parenti.

Come quasi tutti i neo specialisti in aree chirurgiche usciti dalle scuole italiane non ritengo di aver raggiunto neanche lontanamente lo standard (chirugicamente parlando)dei miei colleghi europei, i quali nella peggiore delle ipotesi hanno inoltre preso il doppio della borsa di studio che dal 1991 percepiamo invariata (1933 euro ogni 2 mesi meno le tasse universitarie , iscrizione all'ordine e quete EMPAM) nonostante il costo della vita, che da quanto mi hanno detto è cambiato da allora ad oggi.
Chiunque incontri o interpelli mi consiglia di trascorrere alcuni anni all'estero, abbandonando la famiglia, per avere quella formazione che l'università italiana certifica di dare a noi giovani medici che intendiamo intraprendere una strada specialistica come quella chirurgica, che se figlio di "nessuno" è molto ardua e richiede una passione non indifferente.


spero solo che questa mia esternazione possa servire a dare una speranza futura a chi ha a cuore la salute della gente...
...ciao Beppe!!!!

salvatore argento 03.12.05 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Cara Tiziana mi sembri um pò troppo contorta...!!??

Comunque dalla nostra parte potremmo incominciare a fare qualcosa: boicottiamo le multinazionali!
-Non compriamo più i loro prodotti;
-cerchiamo di favorire i prodotti artigianali e locali;
-quando andiamo a fare la spesa impariamo a leggere gli ingredienti;
-scartiamo a priori tutti i prodotti che contengono "più" sostanze indecifrabili(avete mai provato a leggere gli ingredienti delle nuove caramelle e similari che si vendono attualmente?
non c'è una sostanza che provenga dalla natura!!);
-facciamogli cambiare tendenza: dettiamo noi l regole del mercato;
-dobbiamo indirizzare la loro ricerca verso prodotti sempre più naturali e salutari !

cosi, forse, anche gli OGM saranno sperimentati con più cura e libertà d'intenti.

Massimo D.T. 03.12.05 09:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Antonio:Virus creati dal'evoluzione?AIDS creata dall'evoluzione?un virus così perfetto,che muta di continuo.prima dicono che viene dall'africa, dalle scimmie, poi che l'abbiamo nella saliva, poi che è per contatto sessuale.I bambini fanno sesso?con i pedofili molto spesso.il vaccino, guarda caso, non si trova, l'africa muore, ma perchè sempre l'africa? poi è colpa dei gay, guarda caso i più malati perchè sessualmente deviati, da cosa?dalla morbosità di un perbenismo ben nascosto dietro la morale "sociale" che ti guarda chi metti nel tuo letto e giudica in base a quello.Allora come mai ai 2 gay ai quali fu inoculato il virus, questo non si sviluppo'?erano finti gay forse.Che combinano in quei laboratori?Rmi di sterminio di massa, poi qualcosa sfugge e si spande nel mondo.Un virus perfetto e mutante. Io alle favole non credo,e il cacciatore che salva cappuccetto rosso per me era pedofilo.letto da un convegno di psicanalisi, rilettura delle favole.

tiziana petrecca 03.12.05 00:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per quel che riguarda i test sugli animali tanto diffusi per quanto inutili vorrei ricordare il sito della LAV (www.infolav.org).

ilaria isacchi 03.12.05 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Se dovessi vivere come Umberto Veronesi e Girolamo Sirchia comandano, a quest'ora sarei già a letto, dopo aver cenato con una foglia di lattuga e due carote (tanta fibra) senza olio (no grassi) e senza sale (occhio alla pressione!).Avrei bevuto, nella giornata trascorsa, almeno tre litri d'acqua e avrei pisciato come un putto di una fontana. Caffè nessuno, sigarette nemmeno a nominarle, alcool vietato. Avrei pensato a quanto colesterolo ho nel sangue, avrei programmato visite e analisi, una per ogni giorno della settimana.E domattina mi dovrei svegliare all'alba per fare jogging, dopo una tazza di latte scremato senza zucchero. Tutto questo per guadagnare, se ho fortuna, sei sette anni di vita (ma è vita?) in più. Se sono sfigato non guadagno nemmeno quelli. CARPE DIEM.

andrea martinelli 03.12.05 00:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.G.M. e topi.Vi racconto la storia del mio criceto del Caucaso Titti e mia.il mais è O.G.M.
Cosa c'è nella lettiera per criceti?non si sa!
i criceti sono animali da laboratorio in quanto i topi sono gli esseri viventi più simili all'uomo.Per circa 2 anni io e il mio Titti siamo stati bene, qualche starnuto mio x cambiargli la sabbietta ma tutto normale, allergia alla polvere. I criceti del Caucaso, per capire meglio quelli argento e bianchi che fino ad 1 anni sono 5cm.più o meno un'accendino bic piccolo, poi diventano 7,8cm. accendino bic grande di lunghezza.Un giorno ebbi la splendida idea di comprargli la sabbietta al tutolo di mais, perchè se la mangiava non faceva nulla.Stì caz@@@!!A me viene l'asma, quella per inalazione, praticamente la più rara.Non potevo toccarlo,cambiargli la sabbietta era un dramma, se mi mordeva oltre al dito si gonfiava tutto il braccio e vai giù con sciacqui di acqua ossigenata per alleviare il gonfiore e il prurito.L'asma in mobtagna è da ridere in quanto gli asmatici li mandano in montagna per cura.Crisi d'asma sempre più forti a volte sembrava che avessi un inizio d'infarto.Il medico prescrive siringhe di cortisone (mai fatte) appena comincio a tossire,tosse stizzosa e secca che non aveva fine, il fine l'aveva ed era l'attacco d'asma.Titti usciva con me, aveva una sua borsetta,bastava dirgli Titti tira fuori il calzino che usciamo, lo mettevo nella sua borsetta e uscivamo, si divertiva come un topo pazzo. Un giorno al supermercato vedo belle spighe(prima mangiava le sue quelle cose piccole e strane per criceti)compro lo spigone per fargli un regalo.Torno a casa, pulisco la spiga, non la lavo, penso che gli animali debbano vivere secondo l loro indole, se fosse stato libero avrebbe mangiato così.Tolgo tutti i peli della spiga, la pulisco per bene e ne faccio rondelle. Titti il topo più felice del mondo.Dopo 2 settimane Titti comincia a grattarsi come un pazzo, lo lavo, lo pettino,penso ad un'allergia da sabbietta ..continua....

tiziana petrecca 02.12.05 23:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui si è perso il vero problema: capisco benissimo quanti dicono che non sappiamo a lungo termine quanto questi ogm facciano male, ma lo stessissimo identico discorso vale per un QUALUNQUE prodotto utilizzato oggi! Questo articolo di Beppe inoltre dimostra che prima che queste piante transgeniche vengano messe sul mercato vengono fatti pluriennali test!Dopo questi test è sicuro che un OGM non faccia male così come è sicuro che non facciano male tutti i farmaci e le sostanze additivate agli alimenti, per non parlare degli insetticidi! Gli OGM sono un opportunità per l'essere umano ed hanno gli stessi rischi di qualunque altra sostanza!!!QUALUNQUE!!!Per quanti affermano di fidarsi cecamente della natura vorrei ricordare che i virus(e non solo) non sono stati creati da uno scenziato scemo, ma dall'evoluzione!

Antonio Mancarella 02.12.05 21:58 | Rispondi al commento |

Però succede che i farmaci, le sostanze chimiche vengano a volte ritirate dal mecato perchè nocivi. Quando questo suvvederà con un OGM, sarà troppo tardi, perchè ormai i campi saranno già contaminati. Questa, secondo me, è una delle ragioni per cui gli OGM sono molto più pericolosi. Il tuo ragionamento mi sembra: siccome è così per gli altri prodotti in commecio deve essere così anche per gli OGM. Invece il mio è: finora siamo stati carenti con ol principio di precauzione, d'ora in poi più rigore, ogm, pesticidi o qualsiasi altro prodotto in commercio.

Diego Margagliotta 02.12.05 23:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimi amici, per coloro che intendessero partecipare alla manifestazione contro le pellicce a Genova sabato 10 dicembre. Si stanno organizzando anche dei pullman però per maggiori informazioni vi prego di visitare il sito www.campagnaaip.net. Grazie a tutti coloro che parteciperanno. A presto

clelia berti 02.12.05 22:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui si è perso il vero problema: capisco benissimo quanti dicono che non sappiamo a lungo termine quanto questi ogm facciano male, ma lo stessissimo identico discorso vale per un QUALUNQUE prodotto utilizzato oggi! Questo articolo di Beppe inoltre dimostra che prima che queste piante transgeniche vengano messe sul mercato vengono fatti pluriennali test!Dopo questi test è sicuro che un OGM non faccia male così come è sicuro che non facciano male tutti i farmaci e le sostanze additivate agli alimenti, per non parlare degli insetticidi! Gli OGM sono un opportunità per l'essere umano ed hanno gli stessi rischi di qualunque altra sostanza!!!QUALUNQUE!!!Per quanti affermano di fidarsi cecamente della natura vorrei ricordare che i virus(e non solo) non sono stati creati da uno scenziato scemo, ma dall'evoluzione!

Antonio Mancarella 02.12.05 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Si guarda sempre il problema OGM dal punto di vista alimentare. Mai da quello piú prettamente agricolo. L´inaridimento delle aree coltivabili é un dato di fatto in molte aree del mondo. Unitamente al miglioramento delle tecniche agricole ed ad un uso piú efficiente delle risorse idriche, lo sviluppo di OGM in grado di crescere su terreni aridi, salini, é fondamentale per invertire la tendenza all´inaridimento dei suoli. Le multinazionali biotech hanno ancora pochi interessi in questo settore; sta pertanto allo Stato indirizzare la ricerca verso questi nobili obiettivi, prevenendo l´azione delle Company. Queste infatti, devono brevettare la propria produzione per averne dei ricavi. Lo stato, usando soldi pubblici, non puó e non deve farlo. Piú soldi alla ricerca pubblica, quindi!!

Cristian Cose 02.12.05 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Si guarda sempre il problema OGM dal punto di vista alimentare. Mai da quello piú prettamente agricolo. L´inaridimento delle aree coltivabili é un dato di fatto in molte aree del mondo. Unitamente al miglioramento delle tecniche agricole ed ad un uso piú efficiente delle risorse idriche, lo sviluppo di OGM in grado di crescere su terreni aridi, salini, é fondamentale per invertire la tendenza all´inaridimento dei suoli. Le multinazionali biotech hanno ancora pochi interessi in questo settore; sta pertanto allo Stato indirizzare la ricerca verso questi nobili obiettivi, prevenendo l´azione delle Company. Queste infatti, devono brevettare la propria produzione per averne dei ricavi. Lo stato, usando soldi pubblici, non puó e non deve farlo. Piú soldi alla ricerca pubblica, quindi!!

Cristian Cosentino 02.12.05 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Chi vuole i prodotti OGM...
Inizialmente le varie multinazionali erano convinte di guadagnare vendendo gli OGM da loro brevettati imponendoli con la forza sui mercati.
Quando però è apparso chiaro che i consumatori li rifiutavano violentemente (che ingrati i consumatori dopo tutto quel lavoro fatto solo per il loro bene!) le multinazionali non si sono fermate, e sapete perchè?
Perchè avendo in mano praticamente i mercati agricoli hanno detto:" I consumatori vogliono i prodotti naturali e non gli OGM? bene, noi faremo la loro volontà!", con un PICCOLO sovrapprezzo per il prodotto naturale ovviamente, altrimenti ci sarà l'Ogm a buon mercato.
E così il cerchio è chiuso... del normalissimo mais diventerà speciale mais biologico OGM-free...
Si fa fatica a crederlo, lo so, ma questa gente non si ferma davanti a niente, e hanno anche il coraggio di dire che lavorano per combattere la fame nel mondo!
Visitate il sito di Greenpeace.

Marcello Gardella 02.12.05 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Un saluto anche a te Edoardo!
Una curiosità, ma sei di gp?

Diego Margagliotta 02.12.05 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Io non ho una risposta a questa domanda. Io spero di sì e ancora ci voglio credere. Però vedi, alla fine il problema si è spostato dalla scienza alla necessità di controllo delle applicazioni di essa. E questo non riguarda solo gli ogm, è un problema più generale, che riguarda tutte le cose che fa la nostra società. Ma chi crede ancora a certi valori, deve cercare di portarli nella vita di tutti i giorni, e questo è quello che io cerco di fare. La scienza ha enormi potenzialità, se viene usata bene... e anche gli ogm. La scienza ci aiuta a comprendere, interpretare, utilizzare il mondo che ci sta intorno.

Barbara Zambelli 02.12.05 18:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello che dici è sacrosanto, ma io mi chiedo da tempo, per la verità, esistono persone o organi super-partes ? Da quello che vediamo e sentiamo ogni giorno dai nostri mezzi di comunicazione, si direbbe proprio di no!.
Come faccio a fidarmi di quello che mi viene detto, anche se sottoscritto da illustri personaggi, ad essere sicuro che non siano a libro paga sotto sotto di qualche grande società con interessi in campo ?

Davide Guardigli 02.12.05 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Lo sapevate che in Iraq sono e' stato imposto ai contadini del luogo l'acquisto dei semi OGM?. E da chi dovrebbero acquistarli? ma dalla Monsanto ovviamente!! E qualsiasi contadino che venissa COLTO ad usare i semi regolari e gratis recuperati dalle proprie piante come ha fatto per migliaia di anni e' soggetto a multe salate.
Gli americani ancora prima di vincere la guerra hanno gi'a inziato a dettare leggi. E poi si lamentano che non li vuole nessuno...poverini.


Monsanto???????????????????????
Vi prego, fate una ricerca su internet a riguardo di questa società!!!!!!!
mettete sul motore di ricerca Monsanto e aspartame!!!!!!
oppure leggete la descrizione dell'aspartame su wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Aspartame)
Ma che sta succedendo nel mondo????????????????????

Massimo Apeddu 02.12.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Diego,
Le questione filosofiche, politiche, sociali riguardano lo scienziato come uomo, perchè anche lui si interroga sul senso della vita, del mondo, del "dove stiamo andando" ecc. Però la scelta su quali progetti finanziare non spetta allo scienziato, ma a chi finanzia la ricerca. Lo scienziato propone progetti che qualcun altro finanzia, quindi questa scelta di nuovo non è scientifica, ma entra nel campo della politica e dell'economia.
Sono d'accordo sullo studiare le energie rinnovabili, cosa che credo si stia facendo, (da quanto ne so, anche se non ne so tanto, il problema è molto lontano dalla soluzione e non credo il motivo sia il fatto che la ricerca non è finanziata, il problema è un po' più complicato). Però questa ricerca richiede anche finanziamenti, e questo spetta al politico.
Edoardo, sono sostanzialmente d'accordo con l'ultimo tuo post (tranne sul fatto che ci siano più "mostri ossessivi e maniacali" tra gli scienziati che fra le altre persone... gli scienziati sono persone normalissime, e di mostri io non ne ho conosciuto nessuno fra di loro...). Cmq ciao e buon tè.

Barbara Zambelli 02.12.05 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Ho l'impressione che, chi stia contro gli OGM voglia salvare l'umanita da una futura minaccia !?
Secondo voi,oggi,la nostra alimentazione è messa bene ?
provate a leggere gli ingredienti degli alimenti che compriamo ai supermercati : sono sempre più
incomprensibili(E155,E324 ecc.), sempre più economici(diminuisce il costo all'origine).
Ne consegue che ingeriamo tanta di quella roba sconosciuta al nostro organismo,che non sappiamo quali effetti possano avere a lunga distanza !
Una sola cosa è certa(ve lo dice "uno" del settore), anche se qualcuno vuol far credere il contrario: alcuni tipi di malattie sono in aumento nonostante il progresso medico-chirurgico e farmacologico !
Quindi , riallacciandoci al discorso, se un organismo vegetale viene modificato nel suo patrimonio genetico,in modo mirato, in una determinata sequenza,(es. facendogli produrre una buccia per renderlo più resistente verso l'attacco di un "tale" insetto)significa che nel resto rimane intatto cosi com'è. Di conseguenza si potrebbe fare a meno di una bella fetta di sostanze chimiche che vengono usate nel decorso vitale di un frutto o ortaggio( a scanso di inutili illusioni, sappiate che alcuni tra i più potenti antigrittogamici lascia dei residui indelebbili).
Non potrebbe essere un primo passo verso la riduzione di tutte quelle sostanze chimiche(o residui) che,inconsapevolmente, immettiamio nel nostro organismo??
N.B. naturalmente, un organismo geneticamente modificato in laboratorio ,prima di essere immesso nel mercato dovrebbe essere rigorosamente testato: purtroppo questo non sempre accade( vedi caso Syngenta).

Massimo D.T. 02.12.05 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Se andiamo sul tema dell'energi nucleare stiamo qua un'altra settimana a parlare di pro e contro, favorevoli e contrari. Beh, alcune alternative ci sono, è scontato, ormai tutti se ne riempiono la bocca. Sto parlando delle energie rinnovabili. Ora, magari tu non le ritieni delle alternative, ma come fai a dire che "qualcuno ti deve dare delle alternative", non è compito della scienza studiarle? Almeno su questo mi sembrava che fossimo d'accordo. E qui mi ricollego al discoroso di Edoardo sulle questioni generali. Se i finanziamenti per le energie rinnovabili e per le altre alternative non vengono stanziati, queste alternative non ci saranno mai. Per questo ha ragione Edoardo quando dice che lo scienziato non può rifiutarsi di prendere in considerazione le questioni generali, ma deve allargare la sua visione alla realtà nel suo complesso (la situazione socio-economica, politica ecc. ecc.)

Diego Margagliotta 02.12.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Un salutone anche a Diego,
compagno nella lotta per chiarirsi le idee.
Prima o poi si dovrà riparlare seriamente di Pasolini...anzichè delle Lecciso.
Mi viene da piangere. E mi ritiro nei miei appartamenti.
CIAO

edoardo gianfagna 02.12.05 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Barbara,
lo scienziato, se non vuole essere piccolo piccolo deve essere prima di tutto un uomo (hai mai letto una lettera di Einstein?). E in quanto uomo, se ama davvero la conoscenza (e non è, come talvolta accade, un mostro ossessivo e maniacale)non si può esimere dall'affrontare le questioni che tu definisci di filosofia. Almeno nella misura in cui vuole agire consapevolmente (e non essere strumento della conoscenza che ha sè stessa come fine, anzichè l'uomo). Comunque io sono ultradaccordo sulla necessità di valutare caso per caso (proprio come farebbe la natura), senza generalizzazioni. Ma con cura, se consenti.
Per quanto mi riguarda, ci siamo intesi, e mi fa piacere. Stabilirei una tregua per il tè.
A risentirci, se ti va.

edoardo gianfagna 02.12.05 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Edoardo, grazie per aver citato Pasolini. Era un po' che volevo farlo e me ne sono sempre dimenticato. Pasolini veniva accusato di essere contro il progresso. Rispondeva che non era vero, chiaramente. Diceva di essere favorevole al progresso, MA di essere contrario allo sviluppo, e in particolare a questo modello di sviluppo.

Diego Margagliotta 02.12.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo: ci deve essere un organo super-partes che ha il compito di valutare ogni singolo caso. E' logico che non deve essere la multinazionale ad affermare che il suo prodotto è sicuro, lo deve fare qualcuno appunto super-partes, che abbia gli strumenti e il know-how scientifico e tecnologico per fare una valutazione approfondita. E ancora questo non vale solo per gli ogm, ma anche per tutto ciò che viene immesso al consumo umano.

Barbara Zambelli 02.12.05 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Edoardo,
se ci interroghiamo sul senso generale del progresso tecnologico, se è giusto, dove ci porterà ecc., il problema è interessante... ma non è un problema scientifico, è filosofia. Possiamo chiederci se la tendenza dell'uomo a cercare sempre di innovare la tecnologia, il progresso ecc. sia giusta, ma bisogna partire dal dato di fatto che c'è esiste.
Tutto ha un rischio, per questo parlo di rapporto rischio-beneficio: gli antibiotici hanno rischi, creano resistenza nei batteri, possono creare effetti collaterali, come ogni farmaco, ma il beneficio che ne abbiamo ottenuto compensa ampiamente il rischio. La terapia genica in fondo si basa sulla creazione di ogm, cioè si cerca di introdurre un gene che abbia una funzione terapeutica in cellule malate...
Energia nucleare: qualcuno mi deve dare delle alternative, perchè per ora non ce ne sono di note, almeno io non le conosco. Ma se gli scienziati non avessero studiato la struttura dell'atomo non ci sarebbe la moderna chimica!
Io non sono favorevole o contraria agli ogm: io sono favorevole o contraria a un determinato prodotto della tecnologia ogm. E valuto ogni prodotto caso per caso.
La cosa che io contesto è che spesso le motivazioni che vengono addotte per essere contro "gli ogm", cioè contro la tecnologia che li produce, non si basano su nessun dato scientifico. Sui motivi filosofici, politici, economici possiamo discutere, ma valutando ogni caso specifico.

Barbara Zambelli 02.12.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Barbara,
mi pare che ci si ripeta un poco - ma credo che in fondo potremmo essere in accordo su molte cose...dici che i fenomeni si possono razionalizzare: appunto, anche la scienza è un fenomeno e non può sottrarsi alla razionalizzazione critica (Kant). In che modo? Evitando di rigettare le "questioni generali" che danno un senso a quelle particolari. Lo scienziato che rifiuta le questioni generali non solo si muove nell'universo con un lumicino ma è colpevole di non voler allargare il proprio punto di vista.C'è metafisica anche dietro una lampadina.
A proposito di PROGRESSO (in cui non credo, è roba vecchia, illuminista, o positivista, ottocentesca al massimo) mi piace ricordare la distinzione che Pasolini (l'incompreso) faceva tra sviluppo e progresso.Quando sostieni che tutto il progresso ha comportato rischi sei tu a generalizzare: un conto sono l'invenzione della caffettiera o la scoperta degli antibiotici; un altro conto sono la bomba all'idrogeno o l'energia nucleare. Alcune cose vanno fermate (assumendosene la reponsabilità) altre no. Lo sviluppo (o il progresso, per chi ci crede) non è andare avanti senza sapere dove, fare tanto per fare; ma piuttosto decidere per il meglio possibile. MOLTI SANNO COSA FARE MA NON SANNO DOVE VOGLIONO GIUNGERE, MOLTI SANNO DOVE VOGLIONO ARRIVARE MA NON SANNO COME (Feyerabend).
Non sono meglio di nessuno; eppure mi sono accorto che spesso si sente il bisogno di molta tecne solo perchè si devono risolvere i problemi generati dall'imperfezione della stessa tecne. E' una corsa che mi stanca, e va valutata.
L'annosa questione rischi/benefici.Visto che non sono stato chiaro ricorderei l'esempio dell'industria farmaceutica BAYER che fornì agli aguzzini dei campi di concentramento nazi, il gas per le camere mortali. Bene, anche quell'azienda produsse un famoso fascicolo dove era 'attentamente' valutato il rapporto rischio/beneficio.Roba scientifica insomma.
Per finire:NON sono contro gli OGM per partito preso. Mi informo. Penso.

edoardo gianfagna 02.12.05 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Barbara,
mi pare che ci si ripeta un poco - ma credo che in fondo potremmo essere in accordo su molte cose...dici che i fenomeni si possono razionalizzare: appunto, anche la scienza è un fenomeno e non può sottrarsi alla razionalizzazione critica (Kant). In che modo? Evitando di rigettare le "questioni generali" che danno un senso a quelle particolari. Lo scienziato che rifiuta le questioni generali non solo si muove nell'universo con un lumicino ma è colpevole di non voler allargare il proprio punto di vista.C'è metafisica anche dietro una lampadina.
A proposito di PROGRESSO (in cui non credo, è roba vecchia, illuminista, o positivista, ottocentesca al massimo) mi piace ricordare la distinzione che Pasolini (l'incompreso) faceva tra sviluppo e progresso.Quando sostieni che tutto il progresso ha comportato rischi sei tu a generalizzare: un conto sono l'invenzione della caffettiera o la scoperta degli antibiotici; un altro conto sono la bomba all'idrogeno o l'energia nucleare. Alcune cose vanno fermate (assumendosene la reponsabilità) altre no. Lo sviluppo (o il progresso, per chi ci crede) non è andare avanti senza sapere dove, fare tanto per fare; ma piuttosto decidere per il meglio possibile. MOLTI SANNO COSA FARE MA NON SANNO DOVE VOGLIONO GIUNGERE, MOLTI SANNO DOVE VOGLIONO ARRIVARE MA NON SANNO COME (Feyerabend).
Non sono meglio di nessuno; eppure mi sono accorto che spesso si sente il bisogno di molta tecne solo perchè si devono risolvere i problemi generati dall'imperfezione della stessa tecne. E' una corsa che mi stanca, e va valutata.
L'annosa questione rischi/benefici.Visto che non sono stato chiaro ricorderei l'esempio dell'industria farmaceutica BAYER che fornì agli aguzzini dei campi di concentramento nazi, il gas per le camere mortali. Bene, anche quell'azienda produsse un famoso fascicolo dove era 'attentamente' valutato il rapporto rischio/beneficio.Roba scientifica insomma.
Per finire:NON sono contro gli OGM per partito preso. Mi informo. Penso.

edoardo gianfagna 02.12.05 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Io non voglio dare limiti alla scienza, dovrebbe essere capace di capire da sola fin dove può spingersi...

Diego Margagliotta 02.12.05 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Si sente dire che le ditte produttrici di antivirus producano i virus per poi vendere gli antivirus. Non so se è vero, ma questo sospetto non è stato usato come prova della cattiveria dei computer. Lo stesso per le multinazionali, se è vero che producono ogm resistenti ai parassiti che essi stessi producono. Ma questi sono solo alcuni tipi di ogm che sono stati creati. Il mais Bt è resistente a un insetto e evita di usare come parassita una tossina batterica che normalmente viene spruzzata sulle foglie per uccidere l'insetto infestante... il golden rice produce vitamina A... ci sono molti esempi, ripeto, gli ogm non sono una categoria!

Barbara Zambelli 02.12.05 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Malasanità al C.T.O. di Roma
Mercoledì 23/11 un amico riceve la chiamata dall'ospedale dopo 6 mesi di attesa per l'immediato ricovero per il giorno successivo.
la persona parte da Reggio Calabria, alle ore 7,30 delgiorno successivo si presenta per il ricovero ma i posti erano terminati, dopo una giornata di attesa viene ricoverato e messo in attesa per l'intervento lunedì 28/11 , nella settimana vengono eseguiti i classici accertamenti RX, Analisi e ECG.
Oggi 2 dicembre l'amico firma e si dimette dall'ospedale perchè "forse" potrà essere operato e solo se ci sarà la possibilità mercoledì 7/12.
Nove (9) giorni di degenza per fare degli accertamenti che in un laboratorio esterno il tempo necessario e massimo di 3 ore..........
Caro Ministro Storace , ma quanto m'è costato?

Enrico Argenziano 02.12.05 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto che le multinazionali vendano OGM resistenti ai veleni chimici francamente non vedo che rapporto abbia con la ricerca e la demonizzazione degli OGM stessi.

Beppi.

Postato da: Beppi Menozzi il 02.12.05 12:18

Te lo dico io che rapporto ha, vuol dire che le multinazionali sono riuscite a indirizzare la ricerca scientifica quasi esclusivamente in quel senso (chiaramente per avareun immnso ritorno economico), invece di dedicarsi filantropicamente a studiare, come vorrebbero farci credere, OGM per salvare i paesi poveri. Non è un caso che la maggior parte degli OGM sul mercato siano orientati in questo senso

Diego Margagliotta 02.12.05 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Lungi da me il ritenere la scienza onnipotente!! E' limitata e fallibile, come l'uomo stesso, visto che viene dall'uomo. Però, se anche il tuo discorso è laico, non è scientifico. Come viene stabilito questo ipotetico limite secondo te? Su quale base scientifica si poggia?
Non si fa la storia sui se. Tornando all'esempio della pianta resistente a un parassita, tu dici "se un giorno abbiamo un microrganismo resistente alla pianta?". Io non so cosa succederà un giorno a quel microrganismo, ma l'unica cosa che posso fare è ragionare sul presente. so che ora una pianta che permette di evitare l'uso di un pesticida può essere un'alternativa preferibile all'uso del pesticida stesso. Anche perchè il parassita diventa resistente anche al pesticida, e allora si dovrà usare un altro pesticida ecc.
Non si brancola nel buio, si cerca di razionalizzare un processo e di creare qualcosa di utile che non sia più dannoso di quello che è già presente. Si può sbagliare, è vero, ma alla fine la sperimentazione in campo e sugli animali prima di introdurre qualcosa sul mercato serve proprio a limitare al minimo il rischio di introdurre qualcosa di dannoso.
Lo stesso principio vale per i farmaci. Il fatto che i batteri diventino resistenti agli antibiotici è verissimo, ma non ho mai sentito nessuno dire di eliminare l'uso delgi antibiotici, visto che in molti casi servono...

Barbara Zambelli 02.12.05 15:04| 
 |
Rispondi al commento

previti è stato condannato a 5 anni. Finirà in galera come dovrebbe finalmente essere o, come al solito, la legge è uguale per tutti da un certo reddito (o conoscenza)in giù?

grazia torchio 02.12.05 15:03| 
 |
Rispondi al commento

paola zambardi sei troppo tosta ;-)

Diego Margagliotta 02.12.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Buon Giorno!!!
Innanzitutto tremo alla vista del nome "MONSANTO" Se qualcuno ne vuole sapere di più esiste un DVD, edito da Feltrinelli, intitolato "CORPORATION", al quale ha collaborato anche Michael Moore (Fahrenheit 9/11)e ce ne sono di cotte e di crude su questa multinazionale...dell'immondizia.
Ora però volevo chiedere una cosa: perchè gli OGM.
La natura è perfetta. Se la lasciamo stare invece di fare i pomodori che sanno di peperone o gli ananas che sanno di pompelo...perchè se ho voglia di qualcosa che sa di pomodoro mangio un pomodoro.
Poi questi prodotti per chi sono? Per i paesi del terzo mondo?? Perchè?? Facciamo qualcosa per far arrivare l'acqua là dove non c'è allora loro si possono coltivare quello che gli serve. Non mettiamo decenni a cercare il modo di far crescere il frumento dove non c'è acqua....portiamo l'acqua e il modo c'è!!! Vi invito a visitare il sito dell'Amref c'è una sezione dove la Amref indica come fare per fare una donazione e costruire un pozzo. A questo dobbiamo pensare...CIAO!!!!!!!!
Ho riletto il mio discorso e non è grammaticalmente molto corretto...ma fila!!

TANYA MENGOLI Commentatore in marcia al V2day 02.12.05 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Sandro per questa notizia! io mi occupo di ricerca scientifica, ma nessuno mi aveva ancora parlato dei miei doveri verso l'Autorità militare!! Forse mi è sfuggito qualcosa? Rischio forse di ritrovarmi di fronte a una corte marziale?? Chiederò ai miei colleghi...
Ciao, da una "Frankestein" (o "Frankestin")

Barbara Zambelli 02.12.05 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Ammesso che non si possa limitare il campo alla ricerca scientifica, è anche vero che se la scienza non può ritenersi onnipotente. Ci sono meccanismi che forse sarebbe meglio non toccare. Non fraintendermi, non mi riferisco a opere divine o cose del genere, la mia visione è totalmente laica.
Per quanto riguarda l'innovazione sono d'accordo, ma se crei una nuova varietà vegetale OGM resistente ad un parassita, chi me lo dice che il parassita non diventi resistente col tempo e quindi la modifica genetica perda il suo scopo? Andremmo alla rincorsa con continue modifiche genetiche. Un po' come succede coi virus, che mutano in continuazione (anche se non sono scienziato qualcosa mi ricordo). Mi viene in mente anche l'abuso di farmaci, alla fine il farmaco non fa più effetto perchè il tuo organismo è diventato resistente.

Diego Margagliotta 02.12.05 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, quello che esponi nel tuo articolo è senza dubbio interessante, l' OGM potrebbe essere una salvezza per il futuro dell' uomo ( ricordo che a livello mondiale siamo deficitari di scorte alimentari e - soprattutto nel cosidetto terzo mondo - la popolazione è in continuo aumento ) ma giustamente non se ne conoscono gli effetti sull'uomo e sull'ambiente a nel corso degli anni, del lungo termine. Quello che volevo evidenziare è che noi cittadini europei mangiamo 0GM da ormai molti anni e nessuno ce lo dice : tutta la soia e il mais che importiamo dall'estero ( USA - Argentina - Brasile ecc ) è OGM, la soia, base delle proteine vegetali è presente in centinaia di prodotti alimentari che noi comperiamo nei supermercati , dai gelati ai panettoni, dai biscotti ai mangimi per la nutrizione di bovini e suini ( e quindi anche qui catena alimentare )... L'assurdo per esempio è che quest'anno il mais prodotto in Italia ( e quindi OGM free ) a causa dell' andamento stagionale è pieno di micotossine e risulta tossico per l'alimentazione di mucche che producono latte ( da cui formaggi, burro ecc ecc ) : gli allevamenti sono costretti a comperare mais OGM ( Cioè sano, esente da micotossine ) se vogliono produrre un latte che non sia tossico o di scarsa qualità. Con questo io non voglio difendere l' OGM, e nemmeno le maledette multinazionali, dico solo che a livello politico fa più scalpore la notizia di greenpeace o dei verdi che che manifestano davanti ai cancelli della Monsanto mentre il fatto che nessuno, dico nessuno dica che tutta ( dico tutta ) la soia che arriva dall'estero ( ripeto dalla Cina all America ) sia ogm ; il cittadino, l'uomo comune crede di essere tutelato, ma non è così.

Andrea Aldrigo 02.12.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sostanzialmente come sempre dici cose giuste e sono daccordo con te coi temi principali. Mi pare fosti tu in un tuo show o la notiazia l'ho avuta per mezzo di altre fonti, (non ricordo bene) che dal 1974 praticamente è stato modificato il GRANO DURO da cui si fa la pasta, il primo piatto (anche per l'importanza) della dieta mediterranea. Da quell'anno non esite spaghetto, bucatino, maccherone che non sia geneticamente modificato e quella modifica non ha provocato danni. Quindi NO generalizzare. Il problema principale e fondamentale di questa argomentazione, ma anche di altre argomentazioni, tipo la clonazione, le cellule staminali etc etc etc, è questo: CI SI PUO' FIDARE DEI NS. DIPENDENTI PORTATORI INSANI DI DEMOCRAZIA che utilizzino e facciano utilizzare queste tecniche per il beneficio dell'umanità o per il beneficio dei soliti pochi amici capitalisti? La risposta è ovvia. Quindi per ora ... niente OGM!!! Perchè non fanno un parlamento dove vi siedano solo persone geneticamente modificate, modificate a pensare al bene del popolo che lo ha eletto invece che solo ed esclusivamente al proprio e schifoso interesse?
Ma una volta varcata quella porta è possibile che TUTTI si ammalino della stessa malattia?

Stefano Simoncini 02.12.05 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei fermare un attimo la girandola dei pareri pro e contro OGM per ricordare solamente come più volte i giornali hanno rivelato quei casi di.... non so proprio come chiamarla....mettiamo "aiutino", va... economico a chi doveva decidere sulla sperimentazione di nuovi alimenti, farmaci e altro!

Sarebbe ora smetterla con questi sistemi! Gli Amministratori delle multinazionali sono "BENEFATTORI dell'Umanità" ed è colpa di chi vuole rimanere ancorato al passato se sono costretti a tali meschine manovre (oltretutto non li possono nemmeno dedurre dalle tasse, gli "oboli"). Gli scienziati, poi, NON SONO DEI FRANKESTIN (si dice Frankestìn non Frankestein!eh..eh..) dediti alla creazione di mostruosi Golem. Anche questa credenza è colpa dei cattivoni che perdono il loro tempo a cercare di mangiare la "roba della nonna". Per forza sono costretti a sperimentare nuovi arzigogoli senza che nessuno glielo chieda.
Fosse per gentaglia come i macrobiotici o i vegetariani che ne sarebbe del PROGRESSO e della CIVILTA'?
Buuuu.... cattivoni!

P.S.= Scherzi a parte e qualora non si sapesse o non fosse qui stato detto Vi ricordo che i risultati di TUTTE (ma proprio TUTTE neh!) le sperimentazioni scientifiche debbono sottostare a un curioso iter procedurale. PRIMA di tutto il ricercatore ne deve informare l'Autorità Militare per verificarne ogni suo possibile/eventuale uso a scopo bellico. Se non c'è questa "possibilità" si procede allora come vuole la logica. O come credete siano stati scoperti gli usi del fosforo bianco ad esempio?

Domanda: e io dovrei fidarmi di questi signori?
Risposta: ma per piacere, va!!!!!

Sandro Formaglio 02.12.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Beppi, sono sostanzialmente d'accordo on te. Non si deve generalizzare, gli OGM non sono una categoria, ogni ogm va considerato singolarmente e ogni caso va valutato separatamente.

Barbara Zambelli 02.12.05 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Oscar,
secondo me la selezione naturale interviene sugli ogm allo stesso modo di come interviene su ogni altra coltivazione. In fondo l'uomo ha sempre selezionato le varietà che erano utili per lui, non prendendo certo in considerazione il mantenimento della biodiversità. Questo sarà certo un problema da considerare, ma non rigurada solo gli ogm, ma tutta l'agricoltura intensiva.
L'organismo può riprodurre se stesso così come tutte le atre varietà vegetali riproducono la modifica che l'uomo ha apportato nei tempi. Ripeto, noi uomini creiamo in continuazione varietà vegetali nuove, attraverso fusioni di nuclei di specie differenti, induzioni di mutazioni casuali, ecc., le selezioniamo secondo le loro caratteristiche e le mettiamo in campo. Solo che queste sono considerate manipolazioni "classiche" e nessuno se ne scandalizza o grida alla "modifica della natura", ma sono comunque alterazioni geniche importanti introdotte dall'uomo nel sistema, forse paradossalmente in qualche caso molto più invasive.
In ogni caso, ogni nuova varietà va valutata singolarmente, non bisogna generalizzare. Ci sono piante che si riproducono facendo cadere i semi verso il basso, e, se coltivate in un ambiente chiuso, non possono andare a impollinare altre piante. Ci sono altre che sfruttano il vento o gli insetti, e allora per queste è più probabile che la caratteristica introdotta si propaghi più facilmente. Ogni ogm è una storia a sè, non si può generalizzare.

Barbara Zambelli 02.12.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Per il Sig. Pino Brizzolara.

Lei conosce grandi interessi economici che NON VIOLINO leggi esistenti? La mia "testolina" il dubbio ce l'ha.
Oltre a non avere preparazione scientifica, non sono un'asceta. Sono molto imperfetta. Sicuramente la mia spesa quotidiana favorisce gli interessi privati, e così pure i miei raffreddori e influenze (fortunatamente sono una persona sana).
Cerco, nel mio piccolo, di fare spesa evitando le grandi catene commerciali e favorendo i piccoli produttori.
Le attività delle grandi multinazionali non ho modo di monitorarle e, quindi, come tutti noi, le subisco. E dal momento che di ogm se ne parla, mi sento autorizzata ad esprimere un parere sperando di avere la possibilità futura di non SUBIRLI (semmai scieglierli).
Purtroppo io non sono d'accordo con lei nella grande opportunità fornita dagli ogm.
E, in ultimo, mi perdoni, ma non le sembra un pò cinico pensare che milioni di affamati (che sono tali non solo per accanimento naturale - siccità, alluvioni etc. etc.) possano (o debbano!!) nutrirsi con alimenti che non si se arrecheranno danni?
Se lei ha un pensiero scientifico onesto, saprà certamente che eventuali (lo utilizzo per onestà intellettuale, anche se il nostro "scambio di battute" parte dalla notizia che un esperimento condotto su topi trattati con ogm ha "accertato") danni causati dagli ogm non sono preventivabili.
Lei scieglie di rischiare in nome della conoscenza, io no.

Inoltre, ne io e credo nemmeno la Sig.ra Licia Podda abbiamo la presunzione di salvare l'umanità. Ma solo quella di pensare che si possa "sopravvivere" su questo pianeta in altra maniera.

Le auguro una buona giornata

paola zambardi 02.12.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

x Diego Margagliotta

Non vedo il tuo punto.
Il mio è: non demonizziamo di base gli OGM, consieriamoli come prodotti chimici e accettiamo la sperimentazione come per qualsiasi altro prodotto articifiale.

Il fatto che le multinazionali vendano OGM resistenti ai veleni chimici francamente non vedo che rapporto abbia con la ricerca e la demonizzazione degli OGM stessi.

Beppi.

Beppi Menozzi 02.12.05 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Edoardo,
hai sollevato diversi punti. Che lo scienziato abbia una visione solo parziale della realtà è verissimo, non si sa tutto, anzi, lo stesso scienziato è consapevole dell'enorme complessità del vivente, proprio perchè lo sperimenta tutti i giorni. Non si può nemmeno immaginare la complessità di una singola cellula!! Ma in fondo questo è proprio quello che rende appassionante la ricerca scientifica. Allo stesso modo sono proprio gli scienziati a dire che i geni non svolgono solo una parte forse anche molto piccola, nel determinare le caratteristiche delgi esseri viventi, probabilmente l'ambiente gioca un ruolo molto più rilevante. Resta il fatto che i fenomeni si possono razionalizzare e cercare di sfruttare per applicazioni utili, e la ricerca applicata cerca di fare questo.
Visto che le modifiche alla natura apportate dall'uomo potrebbero avere effetti negativi, cosa dovremmo fare? Tutto il progresso ha comportato e comporta anche il rischio di fare qualcosa di sbagliato, ma non per questo è giusto fermare il progresso se non ci sono evidenze scientifiche che qualcosa sia veramente sbagliato.
Le questioni che poni sono generali, se vuoi se ne può parlare, e su molte cose forse saremmpo d'accordo, ma escono dall'argomento ogm. Le considerazioni politiche ed economiche ci sono, è evidente, perchè tutto rientra in un sistema economico. Come tutte le altre cose, la ricerca in campo agrario va regolamentata, così come la creazione di nuove varietà (così come tutte le innovazioni, non solo in campo genetico). Ma questo va fatto caso per caso, non demonizzando una tecnologia, ma analizzando ogni singolo prodotto di questa tecnologia. Il rapporto rischio-beneficio è esattamente il parametro usato sempre. Quando un farmaco viene dato a un paziente si bilanciano gli effetti positivi rispetto il rischio e la gravità degli effetti collaterali.

Barbara Zambelli 02.12.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

chiedetelo a Cecchi Paone un parere sugli Ogm... vi sentirete rispondere che l'ingegneria biogenetica serve per combattere la fame nel mondo, che si risolverebbero tanti problemi in afrika e non solo
che molti bimbi mangerebbero tutti i giorni etc etc etc.
invito il cecchi paone a venire con me in guinea bissau e verificare di persone se una cosa del genere può stare in piedi
già, lì, muoiono per mille tipi di malattie incredibili e alcune addirittura sconosciute, in più se sperimentiamo gli ogm... avremo dei malati di aids geneticamente modificati, dei malati di malaria celebrale geneticamente modificati etc etc etc
al buon beppe propongo di mandare i nostri "dipendenti" del parlamento a lavorare un mese all'anno in guinea a coltivare i campi e a seminare mais geneticamente modificato
chissà che qualche seme ogm no si infili su per il c..o e gli modifichi il cervello rendendolo capace di fare un ragionamento pro popolo e non pro se stessi
saluti
angelo lofano
resp adozioni a distanza associazione amici della guinea bissau
www.amiciguineabissau.org
manacero@libero.it

ciao beppe sei grande

Angelo Lofano 02.12.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Diego,
mi sembra che l'ipotesi che avanzi sia molto azzardata, per non dire sparata a caso... io non so il motivo del tuo problema, non sono un medico, può essere qualunque cosa, ma attribuire questo agli ogm è come attribuire la pioggia al "governo ladro"!
Non credo che si possa limitare il campo di studio della ricerca. La ricerca va dove la porta la curiosità, la voglia di sapere, e il tentativo di migliorare, con le sue applicazioni, le cose che già ci sono. Se l'agricoltura non si fosse innovata negli ultimi anni dove saremmo ora? Sommersi dai pesticidi? Da noi, per fortuna, l'agricoltura di tipo chimico, ha lasciato il posto al tentativo di creare un'agricoltura sostenibile. Questo viene fatto anche attraverso l'innovazione, la tecnologia. Se, esempio, faccio una nuova varietà vegetale che resiste a un certo parassita, in modo che io non debba più usare un pesticida, secondo me questa è un'innovazione positiva. Se questo viene sfruttato per meri scopi economici, per sfruttare il terzo mondo, o se non vengono fatti tutti gli accertamenti del caso, questo è un problema politico ed economico. Ma non è che TUTTI gli alimenti che subiscono una modifica da parte dell'uomo facciano male e tutti quelli naturali facciano bene. Gli alimenti naturali, intendendo per naturali non modificati direttamente dall'uomo, non esistono per fare bene a noi, ci sono e basta, alcuni fanno bene, altri fanno male.

Barbara Zambelli 02.12.05 11:46| 
 |
Rispondi al commento

X Beppi Menozzi

cito:
"Perché nessuno si scandalizza di un conservante? Che differenza fa un prodotto OGM da un prodotto intriso di materiali chimici? Perché sugli OGM questi dubbi di "effetti a lungo termine che dovranno essere testati nei prossimi decenni", mentre sugli agenti chimici no?"

Guarda caso qualcuno sta proprio cercando di regolamentare il settore chimico (leggi REACH) e guarda caso anche qui sono le grandi industrie a cercare di mettere il bastone fra le ruote e di indebolire il regolamento europeo.

cito:
"Faccio notare che gli OGM potrebbero consentire, in maniera naturale, di ottenere prodotti in grado di sopperire all'uso di agenti chimici artificiali, di VELENI accertati come tali!"

Ripeto (l'ho già scritto), perchè allora le multinazionali spesso vendono i semi OGM insieme all'erbicida? L'OGM non dovrebbe già assolvere questo compito? Oppure il fatto è un altro, e cioè che questi OGM sono resistenti agli stessi veleni venduti dalle multinazionali?

Diego Margagliotta 02.12.05 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Edoardo, e chi sei? Un pozzo di conoscenza! Sono rimasto a bocca aperta, anzi, orecchie aperte ;-) per il tuo ultimo post. Non è ironico, dico sul serio. Compliemnti, Diego!

Diego Margagliotta 02.12.05 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Mammamia quanto qualunquismo in questo post di Beppe!
Un OGM ha dimostrato, in prove di laboratorio, possibili effetti secondari.
Embè? Qualsiasi medicina, qualsiasi prodotto chimico viene sottoposto a test di laboratorio che possono dare esito positivo o negativo. Questo processo funziona da anni e ci ha consentito di introdurre nei nostri alimenti COLORANTI, CONSERVANTI, ANTIOSSIDANTI, AROMI ARTIFICIALI e chi più ne ha più ne metta.
Perché nessuno si scandalizza di un conservante? Che differenza fa un prodotto OGM da un prodotto intriso di materiali chimici? Perché sugli OGM questi dubbi di "effetti a lungo termine che dovranno essere testati nei prossimi decenni", mentre sugli agenti chimici no?
Generalizzare è la cosa più QUALCUNQUISTA E BANALE che si possa fare. Nessuno vuole gli OGM esattamente perché esistono persone che, in maniera colpevole, generalizzano in questa maniera.

Faccio notare che gli OGM potrebbero consentire, in maniera naturale, di ottenere prodotti in grado di sopperire all'uso di agenti chimici artificiali, di VELENI accertati come tali!

L'obiettivo NON deve essere contrastare in maniera cieca e qualunquista l'uso degli OGM, piuttosto assicurare una ricerca ed uno sviluppo SICURI, esattamente quello che è successo in questo caso, in cui potenziali problemi sono sorti PRIMA della distribuzione.
Ottimo. Nostro compito è assicurare che continui così.

Beppi.

Beppi Menozzi 02.12.05 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Edoardo, e chi sei? Un pozzo di conoscenza! Sono rimasto a bocca aperta, anzi, orecchie aperte ;-) per il tuo ultimo post. Non è ironico, dico sul serio. Compliemnti, Diego!

Diego Margagliotta 02.12.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

a quanto pare signor Grillo non si parla più della malattia aviaria. Ma non le è mai saltato in testa, come cerco di dirle da secoli, che la malattia aviaria sia solamente una balla economico commerciale per prevenire un'imminente crisi economica europea che si avrà nell'anno 2007? Le multinazionali si sono inventati questa scusetta facendo ammalare un pollo di una malattia TRASMISSIBILE AL MASSIMO AD ALTRI VOLATILI, per spostare i loro pollai dal vietname dalla cina per farli arrivare in Europa. Ritengo tra l'altro, mi si accusi pure, che dobbiamo accusare anche la Roche, che ha proposto come farmaco contro un'eventuale infezione umana, un prodotto che aveva in magazzino da anni e che nemmeno lei sapeva come usare.

basta fare gli ipocondriaci

arthur zanoni 02.12.05 10:33| 
 |
Rispondi al commento

HAARP

grazie giorgio della segnalazione.

cito
"... una superpotente tecnologia di irradiamento a radio-onde capace di dirigere quantità altissime di energia in località strategiche del pianeta ... "

invito tutti a leggere l'articolo (breve) all'indirizzo http://www.nexusitalia.com/nexushaarp.htm
o, come ha già suggerito giorgio, a inserire il termine haarp in un qualsiasi motore di ricerca.

quando vengo a conoscenza di notizie come questa, penso a come possa essere utile eseguire esperimenti simili.
e ogni volta provo a cercare le risposte più diverse.
ricordo quando, anni fa, la francia (?) eseguì test nucleari sotterranei in un qualche atollo di laggiù.
mi chiedevo 'ma questo non può avere effetti sul resto del pianeta?'

oscar giunta Commentatore in marcia al V2day 02.12.05 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Barbara,
ottima risposta, non c'è che dire.
permettimi però un'osservazione: la 'selezione naturale' di cui si parla tanto, interviene in questi casi? ovvero, quell'unico organismo risultato (o portatore) di una modifica genetica, riuscirà a riprodurre se stesso e la sua modifica? in qualche modo può intaccare gli altri esseri viventi? e questi ultimi, come hanno reagito in passato?
scusa il bombardamento di domande ma sono un pò ignorante in materia e cerco ugualmente risposte.
sono le stesse domande che mi faccio quando la produzione in massa di un'organismo geneticamente modificato ma dall'uomo e con un scopo preciso e, correggimi se sbaglio, con dubbi effetti collaterali, diventa prepotentemente cibo per un'altra specie.

ti prego di non prendere la mia come una polemica. lungi dall'esserlo. è nel confronto con pensieri diversi che si ha la possibilità di crescere.
ciao e grazie.

oscar giunta Commentatore in marcia al V2day 02.12.05 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, cari amici intelligenti,
vi scrivi perchè ho a cuore le vostre menti e soprattutto ho a cuore la mente di Beppe, forse l'unico uomo "pubblico" italiano che sa quello che dice. VI PREGO: NON DEMONIZZATE GLI OGM. La questione del pisello OGM è sicuramente vera, ma è un errore. PUNTO E BASTA. OGM vuol dire organismo geneticamente modificato. La ricerca per creare OGM è una risposta concreta a molti problemi mondiali! Il problema sono le multinazionali che la sfruttano a loro unico vantaggio. Tre esempi per chiarirci. Se una multinazionale crea un ortaggio che per resistere agli attacchi degli insetti sintetizza nelle proprie cellule del DDT, allora ha creato una pianta (come ce ne sono molte, naturalmente, in natura) che è VELENOSA! Assolutamente inutilizzabile a scopo commerciale. Se la Multinazionale crea una pianta che resiste al Bromuro (come il Tabacco OGM) ha creato una pianta PERICOLOSA: ovvero se la mangio (o la fumo) non mi capita nulla. Ma se l'agricoltore ci spara sopra bromuro (è per quello che è stata "creata") allora io mi mangio il bromuro che è VELENO! Attenzione: se io creo un ortaggio che per resistere al freddo aumenta il turgore cellulare interno (scusate le parole difficili, ma ho poche parole per spiegarmi) potenziando una proprietà già insita nella pianta, beccando il gene responsabile e "pompandolo" ha una brillante idea innocua per tutti! PUNTO! Il problema NON E' la ricerca sugli OGM, il problema è chi la svolge... e a quale scopo. Se poi pensate che in Italia la ricerca è praticamente preclusa agli unici organi che la svolgerebbero senz pensare ad un profitto (le università) fatevi due ragionamenti. Se poi ancora pensate che la Moratti con la sua riforma ha tolto fondi all'università perchè siano le industrie (e le multinazionali) a finanziarle... allora OK gli OGM potrebbero diventare pericolosi. Beppe ti invito a Roma, alla Sapienza per parlare di genetica e OGM con qualche professore, per avere le idee più chiare.

Mattia Azzella 02.12.05 08:55| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera alla TSI (Televisione della Svizzera Italiana) nella trasmissione "Falò" hanno parlato di farmaci ed effetti collaterali. Farmaci che tranquillamente vengono venduti in Svizzera - come pure in Italia - possono avere pesanti ripercussioni sulla salute. Invece di curarti, ti fanno ammalare. Un caso per tutti: il nimesulide (principio attivo contenuto nell'"Aulin", tanto per essere chiari, e in equivalenti prodotti da banco) ha causato 461 malati di epatite da farmaco e 9 morti!!! E dei ragazzi si sono suicidati dopo aver utilizzato una crema anti acne che ha l"effetto collaterale" di portare pensieri suicidi... Prima di curarci un mal di testa, pensiamo a che fine farà il nostro fegato...
Credo che sul sito della TSI siano rintracciabili notizie in merito.

Elena Bianchi 02.12.05 08:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao beppe grillo e ciao a tutte le persone che stanno leggendo. volevo fare un commento ( non so se e' inerente) sulla giornata MONDIALE dell aids. un giorno l anno si parla di questa malattia, si fanno statistiche della mortalita, si parla delle prevenzioni... ma a cosa serve una volta l anno? a cosa serve parlare 1 volta l anno di argomenti tipo aids, fame nel mondo , poverta,ecc? vorrei un tuo commento a proposito e colgo l occasione x dirti che sono con te e sulle tue idee. quando sarai a roma verro a seguirti .l unione e' la forza.grazie beppe

daniele liberali 02.12.05 08:27| 
 |
Rispondi al commento

Cara Barbara,
che la natura e la scienza abbiano tempi diversi è evidente. Resta il fatto che forse la natura è più lenta non perchè brancoli nel buio ma perchè è un tutto; e in quanto tale si preoccupa (diciamo così) di tutte le relazioni tra tutte le proprie parti (è un compito ben più arduo di quello degli scienziati!): ogni individuo vive un ecosistema complesso, pertanto ogni cambiamento di tale individuo trascina con sè (o è trascinato) dal mutamento di tutto l'insieme, nel tempo. E tutto ciò è sottoposto a una ratio, che non può essere racchiusa nel solo patrimonio genetico
Lo scienziato invece procede con un lumicino sul mondo, chiuso in una visione che è per forza molto parziale e che, comunque, lo rende nobile. Ma credo che debba guardarsi dal dimenticare che le proprie congetture restano solo congetture e che ciò che comprende non aderisce mai alla verità (come voleva Bacone), ma ne è solo una possibile interpretazione. I geni sono una forma vaga, imprecisa, solo potenziale (Gould) e trovano senso e sviluppo nell'ambiente (che varia fuori dal nostro controllo): I GENI NON SONO UNA LENTE SULLA NATURA DELL'ESSERE. Questo è meccanicismo, e a me non piace.
Circa la bomba&C. ricorderei solo le amare considerazioni di Oppenheimer, che sapeva bene che l'operato degli scienziati non è mai così avulso e scollegato (vergine direi) rispetto agli scopi politici della ricerca.
Circa l'energia nucleare direi che non vale ragionare di storia con i 'se': ma se gli scienziati avessero fatto altro anziché studiare i poteri dell'atomo non è detto che i paesi che oggi vivono di quell'energia sarebbero fermi: infatti forse potrebbero vivere di quelle energie che gli stessi scienziati hanno deciso di non studiare proprio per studiare l'atomo. A monte di tutto c'è una scelta e una responsabilità.
Circa il rapporto rischi-benefici per le applicazioni tecnologiche mi chiedo chi dovrebbe procedere alla sua stima: le aziende, io, te o Greenpeace? Fa lo stesso per te? CIAO

edoardo gianfagna 02.12.05 01:57| 
 |
Rispondi al commento

Barbara,
vedi, nonostante tu ti esprima con tono pacato e buon senso (ho letto ora gli ultimi tuoi due post), non posso non percedpire, o almeno così mi smebra, che tu (e altre persone favorevoli agli OGM che hanno scritto qui) consideri i contrari e gli scettici come persone che non hanno fiducia o addirittura sono contro la scienza o ancora la demonizzino. Non penso assolutamente che sia così! Penso semplicemente che sulla questione OGM queste persone, me compreso, siano seriamente preoccupate. E ti dirò, personalmente mi fa molta paura la potenziale irreversibilità di una vasta contaminazione OGM. Su altri argomenti con implicazioni scientifiche, le stesse persone, secondo me, sono contente che la scienza esista e dia dei risultati che migliorano la vita delle persone. Non c'è una chiusura totale, una demonizzazione della scienza, ma piuttosto un atteggiamento di prudenza. Vedi, da circa 2 anni soffro di un disturbo piuttosto fastidioso, alla mattina mi alzo e ho dei conati di vomito, poi mi vengono durante il giorno mentre faccio sport, mentre sono sotto sforzo. Dopo due anni di controlli, esami ecc. non sono ancora risucito a capire che cavolo ho! Un giorno mi sono detto "e se fossero gli OGM?" e di tanto in tanto ci ripenso...
'Notte...

Diego Margagliotta 02.12.05 01:47| 
 |
Rispondi al commento

Diego, non è così, ti assicuro che gli ogm non sono creati "sparando geni a casaccio". I geni introdotti sono noti, sequenziati, e la tecnologia è abbastanza complicata e il sistema è il più possibile controllato... Ma ti assicuro che se spari un gene tal quale a caso dentro una pianta questa non solo non se ne fa nulla, ma anzi degrada il DNA inserito. Cmq gli scienziati non sono uomini pazzi, malati o che vedono solo la scienza come unico scopo, sono persone assolutamente normali, preoccupati, come tutti, del futuro...e attraverso la scienza cercano di capire la natura e i processi che sono alla base della vita e di utilizzare questa conoscenza per applicazioni utili...

Barbara Zambelli 02.12.05 01:13| 
 |
Rispondi al commento

Edoardo, sono in parte d'accordo sull'idea della natura che opera in un arco di tempo molto lungo, creando una varietà infinita di combinazioni e selezionando quelle più adatte. Però c'è una differenza con la ricerca scientifica: la natura non ragiona, nel senso che i tentativi che ella fa nel rimescolare i geni ed aumentare la variabilità non seguono (lasciamo perdere il creazionismo, che non è teoria scientifica) un processo logico. La ricerca scientifica invece non brancola nel buio totale, ma si avvale di dati che altri hanno ottenuto prima e pubblicato e ne crea di nuovi, su cui si baseranno gli esperimenti successivi. Quindi il tempo necessario alla natura non è quello necessario alla scienza.
E' vero, noi dobbiamo stare attenti alle applicazioni della ricerca, ma non alla ricerca in sè. La bomba atomica è stata creata per motivi politici (c'era una guerra) e non è stata la ricerca che ha lanciato le bombe sul Giappone, sono stati gli uomini che hanno usato un'applicazione sbagliata della ricerca nucleare. Però se ora non ci fossero le centrali nucleari, molti paesi non saprebbero come produrre energia elettrica.
Tornando agli ogm: per mettere in commercio qualcosa devo valutare il rapporto rischio beneficio. Se questo rapporto è favorevole all'immissione di un prodotto sul mercato, non ci sono ragioni per non immetterlo. Questo è un discorso generale, non solo per gli ogm. L'uomo non è infallibile... ma nella storia l'uomo ha sempre fatto delle scelte che nel bene o nel male sono state ereditate dalle generazioni successive. Facciamo delle scelte, cerchiamo di farle bene e valutiamo bene ogni singolo prodotto, caso per caso, senza demonizzare una tecnologia.

Barbara Zambelli 02.12.05 01:03| 
 |
Rispondi al commento

Grande Edoardo! Preciso e pungente...

Diego Margagliotta 02.12.05 00:58| 
 |
Rispondi al commento

Per THOMAS CAMPANER
Mi passa piuttosto per la testa che la cura per la diarrea è una conquista scientifica oramai datata: eppure nel terzo mondo muoiomo COMUNQUE milioni di individui di diarrea;
mi passa piuttosto per la testa che in India la MONSANTO, pensando bene di aiutare l'economia rurale ha introdotto mendacemente (facendo firmare agli agricoltori capitolati d'oneri che prevedevano multe per chi cambiasse il fornitore) una varietà di riso che diventa sterile alla seconda generazione: si è così garantita il GUADAGNO derivante dalla rottura della pratica millenaria (ed ecologica) della semina di una porzione del raccolto;
mi passa per la testa che forse il gene modificato NON DETERMINA totalmente la natura del vivente: fino agli anni '20, su queste basi innatiste, c'era chi sosteneva, per esempio che l'intelligenza degli individui fosse frutto esclusivo del patrimonio ereditario: l'ambiente era ininfluente;
mi passa per la testa che se esiste (come esiste) un'interazione complessa tra l'ambiente e l'evoluzione degli esseri viventi FORSE IL PATRIMONIO GENETICO NON E' Lì PER CASO, FORSE HA UN SENSO PRECISO nella storia della vita e ISOLARLO nel tempo e nello spazio è come progettare un pollo con quattro cosce senza tenere conto della possibilità che diventi troppo veloce per la cattura;
infine mi viene in mente che nessuno si preoccupa mai di chiedere al nostro pollo se vuole essere modificato o sta bene così.
salve!
E' vero il BLOG è eccezionale!

edoardo gianfagna 02.12.05 00:45| 
 |
Rispondi al commento

X tutti coloro che lavorano, studiano, sperimentano, si informano sugli OGM:

Vorrei una vostra risposta a questa domanda:
E' vero o non è vero che Gli OGM sono basati su una tecnologia rozza che equivale semplicemente a sparare geni a casaccio negli organismi?

Grazie
Diego

Diego Margagliotta 02.12.05 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Mi ritengo una persona sana di mente, e nonostante questo non ho nulla contro gli OGM.
I prodotti geneticamente modificati attualmente in vendita non sono nocivi, e lo dimostra proprio il fatto che dopo plurimi anni di esperimenti su una singola pianta e svariati miliardi di investimento si sia deciso di fermare tutto. Ergo, i controlli e i test vengono fatti, e ciò che arriva sugli scaffali in vendita è sicuro.
Parlare male di OGM in Italia, paese a trdizione agricola è troppo facile e demagogico. E' una sigla che fa paura, perchè non si è informati. Oltre a non essere nocivi per la salute dell'uomo, non lo sono nemmeno per le coltivazioni vicine, come è stato dimostrato da svariati esperimenti, che se volete potete trovare nella biblioteca scientifica online di PubMed.

P.S.:Il motivo per cui le piante OGM sono sterili non è una presa di posizione da parte dei produttori per guadagnare di più, ma un sistema per evitare che possano creare problemi nell'ambiente in cui vengono coltivate, tramite i pollini.
Ah, e 250 campi in cui si coltiva mais geneticamente modificato non mi pare questa enormità. Come al solito siamo indietro su tutto.

Postato da: Valentina Rosan il 01.12.05 12:08

Scusa Valentina,
gli autori di questa ricerca hanno bloccato la ricerca a causa dei problemi riscontrati.Ma la Monsanto ha occultato 1 suo studio che riscontrava effetti significativi nel sangue e negli organi dei topi nutriti con il mais transgenico Mon863 e ha continuato la sperimentazione per arrivare all'autorizzazione europea per il consumo umano.Solo grazie ad 1 tribunale tedesco la Monsanto ha dovuto renderlo pubblico.Ma ci rendiamo conto di cosa hanno fatto questi bastardi???Hanno messo in pericolo la salute di milioni di cittadini europei.Come si fa a sostenere,di fronte a queste prove,ke i prodotti OGM sugli scaffali non sono nocivi e sono sicuri?Per non parlare del fatto che Syngenta ha distribuito x 4 anni semi di mais Bt10 illegali.Trovi questo e altro su www.greenpeace.it

Diego Margagliotta 02.12.05 00:27| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, a nessuno passa per la testa che il grano che mangiamo non e' mai lo stesso? la modificazione genetica e' un processo naturale. forse piu' lento che in laboratorio, certo.

la modificazione genetica sull'uomo ha permesso (milano, 1992, ad esempio) di curare diverse bambine cosiddette "bubble babies" che non avrebbero mai potuto lasciare una tenda d'aria protettiva e avere una vita di relazioni normali senza intervenire a livello genetico.

modificare geneticamente una mucca puo' permettere di produrre latte per bambini con altri problemi, e cosi via.

bellissimo blog.

Thomas Campaner 01.12.05 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno ha citato Bovè e il suo appello. Ecco, questo è il classico esempio di interesse privato contrapposto. Legittimo, per carità... ma vogliamo spiegarlo per bene chi è questo paladino del "bene"?? E' uno che con una mano indica i poveri che muoiono di fame del mondo e con l'altra, insieme ad altre aziende agricole europee, intasca ogni anno milioni di euro di finanziamento dalla UE. E oltre ai soldi pubblici, il buon Bovè, si garantisce una politica agro-alimentare che più protezionista non si può... tanto da mette fuori gioco qualsiasi tentativo di concorrenza da parte dei paesi emergenti. Evviva la coerenza!!!

Il problema è solo ed unicamente politico. ripeto, gli ogm... ma più in generale, la scienza... rappresentano una opportunità grandiosa, checchè ne pensi Rifklin, spetta alla politica canalizzare nella direzione giusta queste opportunità. Senza crociate, senza demonizzare nulla e nessuno, senza mantenere in piedi rendite parassitarie. Bovè non lotta contro un nemico dell'umanità, ma contro un suo potenziale concorrente... legittimo che lui ci provi, politicamente criminale che venga assecondato.

Postato da: pino brizzolara il 30.11.05 23:19

Guarda caso, il problema dei finanziamenti all'agricoltura era proprio uno dei punti messi in discussione dal movimento no-global, new-global o come lo volete chiamare di cui faceva parte Bovè. E a proposito di politica agro-alimentare protezionista, è quella che ha ridotto i paesi poveri alla fame, affossandone le economie. Quegli stessi paesi che dovrebbero essere salvati dagli OGM...

Diego Margagliotta 01.12.05 23:48| 
 |
Rispondi al commento

A LICIA PODDA...
e no, cara mia, non rovesciamo i termini della questione... qui l'aggressore è Grillo, non certo io... e con lui tutti coloro che non tollerano opinioni contrastanti. Succedeva nella vecchia URSS... chi era contro era un pazzo da internare, era appunto uno non sano di mente. Grillo (e tutti voi) si deve vergognare per questo.

Tu conosci ricercatori contrari agli ogm? Benissimo, e chi lo nega?? Siete voi che negate e rifiutate le ragioni di tantissimi altri scienziati. Ma la cosa che mi fa più paura è questo vostro ammantarvi da salvatori dell'umanità... a quando i roghi???

Postato da: pino brizzolara il 30.11.05 23:06

Invece in Cile (e non solo lì) chi era contro lo facevano sparire!
Grillo e tutti noi ci dovremmo vergognare? E di cosa? Di essere qui a dire la nostra? Se non ti sta bene, cambia blog. Io non mi vergogno di quello che ho detto nei miei post, anzi, ne sono orgoglioso, e poi non capisco questi "voi" e "tutti voi", mi sembra che su questo argomento si siano espresse anche persone favorevoli agli OGM.
Noi forse non salveremo l'umanità, ma se aspettiamo che la salvino gli OGM staimo freschi!

Diego Margagliotta 01.12.05 23:37| 
 |
Rispondi al commento

CORTEO NAZIONALE A.I.P.
CONTRO L’INDUSTRIA DELLA PELLICCIA
Genova 10 dicembre 2005 h. 15.00 P.za Alimonda
Lanciamo il secondo corteo nazionale contro la sanguinaria industria
della pelliccia, che massacra e tortura barbaramente animali di tutte le specie, compiendo una strage dalle proporzioni enormi.

Il concentramento iniziale per la seconda iniziativa nazionale della campagna Attacca l’Industria della Pelliccia è il luogo in cui fu ucciso Carlo Giuliani nel 2001.
Una scelta simile non è casuale per il movimento animalista radicale, che fa della determinazione e del supporto all'azione diretta parte del suo percorso di lotta.
L’accostamento della nostra iniziativa alle giornate contro i potenti del pianeta è appropriato, perchè siamo consapevoli che lo sfruttamento animale è un aspetto drammatico di un sistema politico, economico e sociale che reifica la vita per sadici scopi di profitto e potere.
In un’ottica che consideri le torture inflitte agli animali al pari di quelle sofferte dagli umani e dall’ambiente, in termini quantitativi e di gravità. L’industria della pelliccia occupa sicuramente un posto di primissimo piano: allevatori e rivenditori mietono oltre un miliardo di vittime ogni anno dopo averli imprigionati e catturati con le trappole nei pochi habitat naturali rimasti. Essi costituiscono una rete globale di orrore e supplizi che il mondo non ha affatto superato: le camere a gas, le scosse elettriche, le violente bastonate inferte fino allo sfinimento sono all’ordine del giorno per esseri viventi che hanno la sfortuna di non appartenere alla specie padrona.

L’attività di contrasto messa in atto dall’Aip intende fare pressione sui responsabili, coinvolgendoli in un vortice di proteste che nell’alto
numero raggiunto non hanno uguali precedenti nel movimento.
Info: Milano laboratorioantispecista@yahoo.it
Bologna bolognaveganvrew@yahoo.it

clelia berti 01.12.05 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Ero sicuro che fosse meglio vivere 10 anni in più e rischiare, dopo 10 anni, di ammalarsi piuttosto che morire di fame domani sera. Ma ognuno ha i suoi gusti.

Giorgio Lozzi 01.12.05 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Cito:
L'ogm non contraddice la biodiversità, semmai ne crea di nuova: l'introduzione di un gene diverso in un essere vivente crea una essere diverso per quell'aspetto.

Ah, bene allora, io pensavo che alla fine si proponessero campi di varietà selezionate (probabilmente monoclonali) e vendute dalla ditta tal dei tali, invece aumentiamo addirittura la biodiversità...

Cito:
L'ogm tutela la biodiversità: molte specie sono a rischio estinzione perché non sono più capaci di vivere in un ambiente tanto inquinato. Molte altre sono andate perse in passato. Le biotecnologie possono salvare le specie in via di estinzione aiutandole a sopravvivere.

Guarda che tra OGM e biotecnologie c'è ancora un pò di differenza..

Cito:
Le biotecnologie hanno già resuscitato specie passate come una varietà di uva coltivata sulle pendici del vesuvio prima del 79 d.C., andata persa con l'eruzione famosissima di quell'anno, oggi rivive.

Ma l'OGM 'ndo sta in sto processo

Cito
A chi possono servire gli ogm?
Io credo che i paesi che hanno problemi con lo sfamarsi, li hanno perché non hanno i mezzi adatti: cattivo sfruttamento dell'acqua e del terreno, mancanza degli strumenti e delle tecnologie necessarie per gestirli.

Ah dunque il problema non è di tipo sociale, e che i ricconi han creato situazioni di povertà con una distribuzione delle ricchezze penosa... è di tipo ambientale-agronomico.

nessuno dà nulla per nulla,

Meno male che ci son gli OGM allora

Marco Bona 01.12.05 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao a tutti i nostri governanti hanno mandato la nostra agricoltura in malora, favorendo progetti svaniti nel nulla nei sistemi industriali, ora ci toccherà mangiare le schifezze che ci forniscono le multinazionali del mondo chimico e farmaceutico..... salviamo le nostre coltivazioni buone e sane....

marelli luciano 01.12.05 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Gli ogm non sono prodotti standard. Non lo sono più di quanto non lo siano tutte le altre varietà "normali" utilizzate.
L'ogm non contraddice la biodiversità, semmai ne crea di nuova: l'introduzione di un gene diverso in un essere vivente crea una essere diverso per quell'aspetto.
L'ogm tutela la biodiversità: molte specie sono a rischio estinzione perché non sono più capaci di vivere in un ambiente tanto inquinato. Molte altre sono andate perse in passato. Le biotecnologie possono salvare le specie in via di estinzione aiutandole a sopravvivere. Le biotecnologie hanno già resuscitato specie passate come una varietà di uva coltivata sulle pendici del vesuvio prima del 79 d.C., andata persa con l'eruzione famosissima di quell'anno, oggi rivive.
A chi possono servire gli ogm?
Io credo che i paesi che hanno problemi con lo sfamarsi, li hanno perché non hanno i mezzi adatti: cattivo sfruttamento dell'acqua e del terreno, mancanza degli strumenti e delle tecnologie necessarie per gestirli. Qualcuno ha detto che potremmo essere noi a distribuire il cibo, noi che ne abbiamo in abbondanza. Purtroppo credo che qui nessuno dà nulla per nulla, e prima o poi queste derrate si farebbero pagare, anche care. Gli ogm potrebbero aiutare questi paesi ad avere raccolti abbondanti nonostante le difficoltà di gestione. Perché questi ogm avrebbero bisogno di minore manutenzione e sarebbero più resistenti alle avversità, che con i mezzi attuali questi paesi non sono in grado di affrontare.

M. R. Cosenza 01.12.05 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Barbara Zambelli:
"la natura[...]mischia continuamente i geni per ottenere il massimo della variabilità".
Io non faccio il ricercatore scientifico ma ho letto un poco del buon Darwin e di Popper. Pertanto mi permetto di osservare che, finchè qualcuno non accantonerà definitivamente l'evoluzionismo, per sostituirlo magari con un chiuso creazionismo, varrà la pena di considerare la natura (piuttosto che di definirla, nel bene o nel male) in relazione ai miliardi di anni che ha a disposizione per il proprio operato. Il procedimento per tentativi ed errori al quale si affida la natura (e a cui, mi corregga se sbaglio, si dovrebbe ispirare anche la ricerca sc.) non valuta la selezione (e le perdite) ed opera ciecamente in un'ottica provvidenziale (e stupefacente) di lungo periodo: non bada cioè alle spese. Ora, se non vogliamo cascare in una nuova versione scientifica di quel darwinismo sociale che aveva abbagliato anche tanti illustri suoi colleghi, è il caso di considerare se chi fa ricerca possa arrogarsi il diritto di compiere delle scelte che coinvolgano anche chi vivrà dopo, nel tempo e nel mondo. La natura ha sempre ragione perchè salda CASO e NECESSITA' (Monod) con la forza di milioni di anni dalla propria parte; la natura è libera perchè totale, innocente di fronte al dolore perchè ha un piano vasto ed intellegibile.
L'uomo invece è piccolo e a volte è pure meschino.
E' libero ma può compiere solo scelte LIMITATE. Capisco che per questo possa essere incazzato ma l'uomo deve assumersi tutte le responsabilità legate alla finitezza della PROPRIA NATURA (Jonas). L'uomo può molto, ma non deve fare necessariamente. La storia ci dice che l'uomo può provocare dolore e che talvolta proprio gli scienziati si sono sottratti alle proprie responsabilità (pensi per esempio alla bomba atomica) raccontando d'essere semplici interpreti della forza già operante in natura.
Io, per parte mia, diffido di chi (ri)tira in ballo la neutralità della scienza rifacendosi ad una neutralità della natura. E, potendo, preserverei le arance dalla macerazione (quella per tenere alti i prezzi, per intenderci, non quella provocata da aberrazioni genetiche del frutto).
Distinti saluti

edoardo gianfagna 01.12.05 19:48| 
 |
Rispondi al commento

@ Don Key

Ora spostate il discorso sui soldi? E' vero qui c'è gente che è contro il business cresciuto sulle biotecnologie, ecc. E su questo hanno sacrosanta ragione, ma ho letto anche di gente che discrimina gli ogm punto, senza se, né ma. Anche Beppe Grillo dichiara che per lui un italiano sano di mente non mangia ogm, o meglio, non mangia nulla che non sa "cosa sia"... ma non mi pare che sugli altri alimenti siamo informati sui pesticidi utilizzati, in che quantità e in che ambiente vengono fatti crescere.
Per quanto riguarda le colture terminator o "suicida", è stata inserita questa caratteristica proprio per evitare che potessero contaminare le altre piantagioni... e mi pare che il controllo e l'isolamento delle colture ogm sia proprio uno dei capisaldi di chi critica gli ogm. Ovviamente questa caratteristica fa molto comodo a chi gli ogm li produce...
Ma vi prego tutti di smettervela di prendere con gli ogm in sé e incominciare a colpevolizzare chi sbaglia davvero.

M. R. Cosenza 01.12.05 19:47| 
 |
Rispondi al commento

...............ci mancava solo questo............

Massimo Binda 01.12.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Oggetto: I: I motivi per cui vale la pena vivere


Nella prima puntata della trasmissione di Bonolis su canale 5, dal titolo "il senso della vita" è stata presentata una rubrica che si rifà all'iniziativa del settimanale Cuore (settimanale di resistenza umana) chiuso nel '93, dove si chiedeva ai lettori di inviare un motivo per il quale vale la pena vivere. L'iniziativa viene riproposta inviando, dal sito della trasmissione (www.ilsensodellavita.com) la propria preferenza, e ogni settimana verrà pubblicata la classifica dei 10 motivi piu' votati.

Da qui è nata l'dea di coinvolgere più persone possibili per proporre la nostra motivazione : "BERLUSCONI IN GALERA"
Sarà molto divertente riuscire a vedere in trasmissione (canale 5 - mediaset) al primo posto la nostra scelta.
Votare è molto semplice basta accedere al link http://www.ilsensodellavita.com/form_10motivi.php , inserire il proprio indirizzo e-mail e nel campo "descrizione" scrivere : BERLUSCONI IN GALERA.

E' ovvio che siete pregati di inviare questa e-mail a più persone possibile invitandoli a votare!!!!
Ce la possiamo fare in fondo siamo in campagna elettorale!


FATELA GIRARE IL PIU' POSSIBILE !!!!!



w. nogarole 01.12.05 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
Ci chiediamo a chi fanno comodo gli ogm?
Chiaro, al momento solo alle aziende che li producono e commercializzano visto che sono molto piu' economici,poiche' sono creati per resistere alle malattie e per adattarsi a diverse condizioni climatiche.
Il rischio che si corre non e' solo un rischio legato a problemi di salute per l'uomo ma e'soprattutto un rischio ambientale a lungo termine. Gli ogm sono "prodotti standard" ed invece e' chiaro che in natura e' la bio-diversita' che crea la forza, forza di resistere a nuove malattie ed ai parassiti.
Nel mio piccolo se posso evito gli ogm, ma l'impresa si fa ogni giorno piu' difficile visto che se e' ancora possibile comprare del mais o della soya ogm-free non e'facile evitare tutti i prodotti che contengono ingredienti base Ogm visto che diventano ogni giorno piu' numerosi.
Per concludere credo che non c'e' un interesse da parte del consumatore ad avere prodotti ogm, l'interesse e'e rimane solo del produttore.

Francesca Zappatore 01.12.05 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Sandro, scusi, ma io ho percaso espresso giudizi morali sulla natura?? Io non posso dire che la natura sia cattiva e nemmeno che sia buona, e mi sembra di non avere detto niente del genere. La natura è quello che è e basta, e cerca solo di mantenere se stessa (che vuol dire mantenere gli individui più adatti a sopravvivere). Quanto all'uomo, ce ne sono di buoni e di cattivi, per questo le applicazioni delle tecnologie possono essere buone e cattive e vanno valutate caso per caso, ma le tecnologie non sono nè buone nè cattive.
Che differenza c'è tra il fondere due genomi diversi in un unico organismo (senza sapere cosa c'è in questi due genomi) e mettere un solo gene ben determinato all'interno di una cellula vegetale per introdurre una caratteristica utile? Se dovessi dare un'opinione sarei a favore della seconda ipotesi... ma siccome questa è venuta dopo in ordine temporale, la prima si può fare (e si fa) la seconda no. Per tornare al clementino, nel 1902, quando è stato creato, non credo che mescolare due specie diverse per darne una terza fosse una tecnologia innovativa...e sicuramente non era "naturale", secondo il senso che molti di voi danno a questa parola.

Barbara Zambelli 01.12.05 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Salve Beppe!

Non sono mai rimasto convinto di questi prodotti OGM,l'uomo vuole sostituire la natura.....troppo megalomane.
Insomma per finanziare questi eperimenti OGM che sono molti costosi,si possono finanziare altre ricerche piu' importanti per la nostra salute,ed altro,non voglio entrare in merito.
Insomma credere che sperimentare sui prodotti OGM risolve i problemi della fame nel mondo.......ci credo ben poco,scusatemi ma quello che penso!!

ciao Carlo

Carlo Cuscani 01.12.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Risposta Postato da: gava enrico il 01.12.05 13:01

Caro Enrico,

quando saremo triplicati la popolazione mondiale non sarà più ricca. La popolazione OCCIDENTALE sarà più ricca. Se quindi come dici giustamente per far ingrassare di 1 kg un bovino si devono spendere 13 kg di cereali, perchè non li utilizziamo direttamente quei cereali per sfamare la popolazione mondiale invece di darli al bovino che poi li metabolizza...e che alla fine della fiera...ci restituisce lo stesso brodo e per giunta solo sulle tavole dei più ricchi?

Gli OGM servono per i popoli occidentali o per chi? Lasciamo da parte la salvaguardia di prodotti DOC come san marzano e insalate varie...
GLi OGM servono a sfamare la popolazione di bovini mondiale partecipe suo malgrado dell'abominevole industria zootecnica.

E visto che dal periodo "mucca pazza" a questi poveri animali non si può più dare gli scarti tritati dei loro poveri fratelli periti al macello, visto e constatato i decessi per BSE, da allora il mercato dei cereali è incrementato.

Questa è la realtà e non solo...ma non basterebbero fiumi di parole per descrivere e far capire alla maggior parte di voi di quanto ci stiamo permettendo di fare al mondo che ci circonda, il tutto per un surrogato di progresso culturale e sociale in cui siamo ancora capaci di andare avanti come se niente fosse verso questa irrefrenabile corsa per un tecnologismo e un consumismo sempre più all’estremo, convinti ancora che tutto sia per il nostro benessere e che quindi qualsiasi cosa vada sacrificata costi quel che costi.

Daniele G. 01.12.05 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Antonio Mancarella
la pagina del sito che Tu hai segnalato NON risponde a NESSUNO dei dubbi sollevati dagli intervenuti al forum. Secondo me il discorso è molto semplice. Di ogni cosa mi chiedo il "CUI PROD EST". Tu sai cosa voglio dire. Se l'opera di cui parliamo fosse destinata a scopi filantropici mi accoderei per primo all'applicazione della sperimentazione OGM. Se gli scopi fossero quelli anzidetti che UTILE ne avrebbero le varie multinazionali? NON MI RISULTA che l'uomo s'adoperi per il suo simile "a gratis" come diceva mio nonno che aveva punto studiato. Conosco invece e, dolendomi, ne convengo il detto: "Homo homini lupus" che mi pare MOOOOLTO più adatto al caso nostro.

Cara Barbara Zambelli
io, e come me credo molte altre persone, abbiamo MOOOOOLTA più fiducia nella cattiveria della NATURA che nella "disinteressata" bontà dell'UOMO: quella sarà pure "matrigna" come diceva il povero G.Leopardi, ma almeno il suo operato rientra nell'ordine cosmico.
Se poi insisti nel chiamare i suoi interventi impollinatori manipolazioni genetiche io non ci posso fare niente. Mi pare tuttavia ci siano differenze abissali tra le due cose.
Cordiali saluti

Sandro Formaglio 01.12.05 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Invito tutti a guardare tutti questo sito e tanti altri,se qualcuno di voi ne capisce qualcosa di biotecnologia... altrimenti forse e meglio ke evitiate la brutta figura!!! http://www.dpvta.uniud.it/Inn_Did/Marinelli%203F/Agrobacterium%20Tumefaciens.htm

Antonio Mancarella 01.12.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

@ Valentina Rosan il 01.12.05 12:08

Salve a tutti.
Per chi si vuole informare sugli OGM, consiglio il sito:

www.greenpeace.it/ogm.

Sulla non pericolosità degli OGM io personalmente ho molti dubbi. Anche se le cause possono essere diverse, ma chi mi dice che la quantità di persone che si ammalano, che aumenta di anno in anno, non sia dovuta anche agli OGM? Come mai le persone allergiche aumentano sempre più? Sarà forse demagogia, ma i dubbi sono più che leciti.
Inoltre, come mai solo di recente si è venuti a conoscenza di un rapporto segreto della Monsanto in cui si parla della pericolosità dell'alimentazione basata sugli OGM ? (http://www.greenpeace.it/ogm/show_news.php?id=74)

Noi quotidianamente mangiamo prodotti OGM! sapete perchè? per il semplice motivo che l'attuale legge europea obbliga a far scrivere sulle etichette degli alimenti se quel prodotto è OGM. Ma NON obbliga a scrivere sulle etichette se la carne, il latte o le uova che avete comprato, derivano da animali alimentati con gli OGM!!!
Capite la differenza e quindi la fregatura? Come mai tutti questi atteggiamenti da chi ha la coda di paglia?
Per ovviare a questa "mancanza" della legge, sul sito di Greenpeace (www.greenpeace.it/ogm) potete contribuire ad una petizione che è ancora in atto, per appunto modificare la legge e per permettere ai citadini di essere semplicemente informati e quindi di dare la possibilità di scegliere di NON comprare prodotti che nascondono gli OGM.
Inoltre gli OGM non hanno risolto il problema della fame del mondo per il semplice motivo che le multinazionali non sono associazioni caritatevoli. Le multinazionali hanno come unico scopo il profitto e se ne fregano altamente della nostra salute e di quella delle generazioni future.

Saluti

Domenico Barranca
(domenico.barranca_CHIOCCIOLA_gmail.com)

Domenico Barranca 01.12.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Oscar:
"c'è una bella differenza tra un OGM e un incrocio tra un arancio e un mandarino: nel secondo caso la natura sa perfettamente cosa deve fare"
io faccio la ricercatrice scientifica e ti devo dire una cosa: la natura fa quello che le pare e se vuole se ne frega della separazione fra le specie. Hai mai sentito parlare di "eredità orizzontale"? Vuol dire che i geni possono passare anche tra due orhanismi diversi e anche di due specie diverse, tramite i virus per esempio, o la coniugazione batterica, o i trasposoni, ecc. Quindi ho difficoltà a definire scientificamente qualcosa di naturale o no, e anche la parola "primitivo" non ha senso scientifico, perchè è di scienza che stiamo parlando.
Sandro:
sei sicuro che la natura non abbia mai prodotto ogm??? ma se mischia continuamente i geni per ottenere il massimo della variabilità! Qualcuno ha parlato dell'agrobacterium, è un ottimo esempio di come la natura operi a livello vegetale per creare ogm "naturali.

Barbara Zambelli 01.12.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Oscar:
"c'è una bella differenza tra un OGM e un incrocio tra un arancio e un mandarino: nel secondo caso la natura sa perfettamente cosa deve fare"
io faccio la ricercatrice scientifica e ti devo dire una cosa: la natura fa quello che le pare e se vuole se ne frega della separazione fra le specie. Hai mai sentito parlare di "eredità orizzontale"? Vuol dire che i geni possono passare anche tra due orhanismi diversi e anche di due specie diverse, tramite i virus per esempio, o la coniugazione batterica, o i trasposoni, ecc. Quindi ho difficoltà a definire scientificamente qualcosa di naturale o no, e anche la parola "primitivo" non ha senso scientifico, perchè è di scienza che stiamo parlando.
Sandro:
sei sicuro che la natura non abbia mai prodotto ogm??? ma se mischia continuamente i geni per ottenere il massimo della variabilità! Qualcuno ha parlato dell'agrobacterium, è un ottimo esempio di come la natura operi a livello vegetale per creare ogm "naturali". due cose diverse?

Barbara Zambelli 01.12.05 14:16| 
 |
Rispondi al commento

questa storia degli OGM è simile alla questione delle centrali nucleari, si guarda solo al profitto immediato, alla produzione senza pensare a quello che potrebbe succedere poi, avete mai pensato a come SMALTIRE LE SCORIE PRODOTTE DA UNA CENTRALE E QUANTO CI COSTA?non pensate solo al fatto che il kw di corrente ci costa meno.Lo stesso dicasi per l' OGM se dovessero risultare nocivi quanto ci costerebbe smaltirli? (e dove)? quanto ci costerebbero le cure per i danni prodotti sull'organismo umano? e allora le multinazionali hanno un solo credo il DENARO ma noi cerchiamo di non dimenticare una frase detta non mi ricordo da chi IL MONDO CI E' STATO DATO IN PRESTITO DAI NOSTRI FIGLI.

alfiero massimiani 01.12.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

@ Valentina Rosan!!

miliardi spesi al vento appunto.. non si potevano usare per qualcosa di più utile?? io una cosa che non abbia una bella dichiarazione appiccicata dietro che NON NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE (come per le sigarette) non la mangio!!
Non bastano tutti i tumori che ci sono già in giro?? dobbiamo modificare geneticamente anche le cellule del nostro cervello?
Oppure siamo davvero convinti che questi OGM siano studiati dalle grande multinazionali per risolvere il problema della fame nel Mondo?? Aaahh aahhh!!
Con simpatia :-)

Paola Bassi 01.12.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Buon pomeriggio!
Per quanto concerne il referendum Ogm in Svizzera se a voi interessa vorrei inserire una notifica che in base al mio modesto parere è fondamentale:
"The moratorium does not apply to research into GMOs (Genetically Modified Organisms) nor does it stop the import of genetically modified food."
(Reuters, Sun Nov 27, 2005 3:00 PM ET).
Quindi la moratoria non si applicherà nè alla ricerca su Ogm nè all'importazione di Ogm.
Comunque sono pienamente d'accordo con quanto detto nel messaggio di Valentina Rosan!

Grazie e buona giornata,
Luca.

Luca Sardo 01.12.05 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Intanto il post era un commento alle parole scritte da Beppe e volevo più che altro essere una provocazione (a quanto pare a funzionato) a chi fa di ogni erba un fascio.
L'analisi era sopratutto sulla sigla ( OGM ) e il post, tuttaltro ke esente da critiche, era per ricordare ke cosa è il significato di quella sigla.

Premesso questo mi permetto di rispondere a chi dice che gli incroci nn siano delle alterazioni alla natura prive di controindicazioni, chissà quanta gente è stata male per i frutti di incroci creati nella storia dell'agricoltura, non ci credo che con gli icroci sia sempre andato tutto lisco....

Per questo dico che gli ogm sono il futuro del nostro pianeta. Non possiamo continuare a coltivare piante a suon di pesticidi o puntarci verso i prodotti "biologici" (sono molto meno produttivi, fino al 30-40%).

Perchè?

Il perchè è semplice, in un secolo (1950-2050) la popolazione globale si triplicherà (dai 3mlrd ai 9mlrd!!!!) e, diventando sempre più ricca, mangierà più carne e latticini (ricordo che per produrre 1 KG di carne sono necessari diversi Kg di "erba").

Non solo, ma l'ambiente è sempre più stressato e il pianeta RISCHIA DI COLASSARE per colpa dell'inquinamento.

Questi non sono temi difficile e anche una superficiale analisi richiederebbe un lavoro titanico.

Gli ogm SONO il futuro, tutto sta nel come questi vengano svillupati. Essendo potenzialmente pericolosi è NECESSARIO che chi può permetterselo faccia RICERCA su questo tema vitale.

E' patetico che un paese ricco e civilizzato come l'Italia rifiuti la ricerca su questi temi vitali e poi acquisti prodotti ogm dall'estero di cui in molti casi conosciamo ben poco.


Per concludere ringrazio tutti coloro che mi hanno risposto e criticato e lancio una frecciatina a Beppe: "Mi pare caro Beppe che ultimamente parli e straparli un po' su tutto quello che succede, non è che ti vuoi buttare in politica?"

gava enrico 01.12.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Per difenderci occorrerebbe istituire di nuovo la figura dei tribuni del popolo i quali, una volta eletti,dovrebbero avere il potere di mettere sotto inchiesta chiunque nuoccia in qualsiasi maniera alla comunità.
Avuti gli opportuni risultati dalle opportune inchieste questi tribuni dovrebbero poter istituire processi e mandare in galera,se ritenuto giusto, i colpevoli delle malefatte.
Il loro operato sarebbe limitato ai crimini anche lievi contro l'umanità e valutato poi dal popolo con la conferma o la bocciatura del loro mandato.

giorgio piccinini 01.12.05 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Mi ritengo una persona sana di mente, e nonostante questo non ho nulla contro gli OGM.
I prodotti geneticamente modificati attualmente in vendita non sono nocivi, e lo dimostra proprio il fatto che dopo plurimi anni di esperimenti su una singola pianta e svariati miliardi di investimento si sia deciso di fermare tutto. Ergo, i controlli e i test vengono fatti, e ciò che arriva sugli scaffali in vendita è sicuro.
Parlare male di OGM in Italia, paese a trdizione agricola è troppo facile e demagogico. E' una sigla che fa paura, perchè non si è informati. Oltre a non essere nocivi per la salute dell'uomo, non lo sono nemmeno per le coltivazioni vicine, come è stato dimostrato da svariati esperimenti, che se volete potete trovare nella biblioteca scientifica online di PubMed.

P.S.:Il motivo per cui le piante OGM sono sterili non è una presa di posizione da parte dei produttori per guadagnare di più, ma un sistema per evitare che possano creare problemi nell'ambiente in cui vengono coltivate, tramite i pollini.
Ah, e 250 campi in cui si coltiva mais geneticamente modificato non mi pare questa enormità. Come al solito siamo indietro su tutto.

Valentina Rosan 01.12.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Appena letto il commento del buon Sig. Antonio Mancarella ho fatto una ricerca con Google su quanto Egli ha affermato, risultato: QUELLO CHE DICE E' PALESEMENTE FALSO!
Invito TUTTI a controllare.
E' il bello di Internet: puoi dire quello che ti pare ma non spararle trooooppo grosse! Eddai sùuuu!

Sandro Formaglio 01.12.05 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che qualcuno a tratti perda un attimo il filo del discorso, riuscendo a mischiare ricerca anticancro, staminali, diritto alla ricerca e pomodori OGM.
Il punto, non mi pare sia vietare la ricerca.
Il fatto è che questi grandi filantropi della Monsanto & co., ci vogliono mettere nel piatto prodotti di cui posseggono il brevetto, prima ancora di esseri certi che l'impatto che hanno sull'ambiente o sull'uomo sia chiarito. E' questo il punto, una notizia come quella dei piselli non è che debba spingere a chiudere la ricerca,anzi, ma dobbiamo esigere di sapere quello che mangiamo. La ricerca è una cosa, l'obbligo un altro. Cercare di curare il cancro per quanto un business è necessario, avere dei brevetti sui semi di mais, in un momento in cui lo buttiamo via, mi sembra meno necesario.

marco bona 01.12.05 11:17| 
 |
Rispondi al commento

il bello di questo blog è che ogn'uno dice ciò che pensa. L'importante è recepire le informazioni, informarsi e sè fosse possibile cambiare anche idea. Solo gli ignoranti rimangono della stessa idea.
OGM è un grosso problema che bisognerebbe affrontare in modo deciso. la cosa importante è che dopo aver dialogato sul blog bisognerebbe fare qualcosa per potersi difendere da questi stronzi che ci fanno mangiare m...a e c'è la fanno pagare a prezzo ....
IO VOLEVO PARLARE DI UN'ALTRA COSA IMPORTANTE DI QUESTI GIORNI. SI PARLA DELLA POSSIBILITA' DI STANZIARE 500.000 EURO PER IL VIAGRA AGLI ANZIANIIII . PORCA P.....A TAGLIANO I FONDI ALLA RICERCA, AL TEATRO ALLA CULTURA E DANNO I SOLDI AGLI ANZIANI PER TROMBARE A 75 ANNI DOPO CHE HANNO AVUTO LA FORTUNA DI ARRIVARCI(NON HO NIENTE CONTRO GLI ANZIANI ANZI BISOGNEREBBE DARE I SOLDI AGLI ANZIANI CHE NON HANNO UN TETTO DOVE DORMIRE E NON ALLE CASE FARMACEUTICHE) E' INCREDIBILEEEEEEEEEEEEEE .
CIAO A TUTTI FACCIAMOOO QUALCOSAAA

Matteo Delle Noci 01.12.05 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non sono un biologo (mia moglie lo è) ma vorrei far notare che se nei millenni trascorsi la natura non ha MAI prodotto un solo OGM (e non ditemi che gli incroci lo sono sennò fate un torto alla mia intelliggenza, grazie) ci sarà pure un motivo no?
Forse è perchè non esistono azioni della Natura S.p.A oppure perchè solo Dio ne è il maggior azionista?
Gli OGM risolveranno il problema della fame nel mondo? O serviranno solo a non far marcire più i pomodori in frigo?
O non serviranno piuttosto a far lievitare i proventi alle varie Monsanto, Dupont e Bayer?
Possibile la gente sia talmente ignorante da non cedere come sia andata la Storia dei ultimi 2000 anni e cosa essa abbia prodotto?
Se si vuole veramente migliorare il mondo bisognerà ripensare a una VERA redistribuzione delle sue ricchezze, a un RIDIMENSIONAMENTO DEI CONSUMI (i nostri) e non più soltanto ai vari PIL ecc.
Gli OGM se li mangino pure chi li produce. Io mangio biologico e biodinamico da quasi 30 anni (ne ho 50) e non conosco le allergie (nè i raffreddori e le varie "influenze") che invece colpiscono in maniera impressionante chi mi circonda. Sono ARCISICURO che ci sia una relazione tra le due cose dato che quando ero piccolo io una persona allergica era più o meno una mosca bianca.
Comunque sia mi parrebbe corretto, dato che TUTTI gli "scienzati" ammettono che le colture OGM possano influenzare quelle vicine, che i vari esperimenti li facciano pure quanto pare a loro ma DISTANTE dalle zone abitate, chessò io... i due Poli andrebbero bene, meglio ancora sarebbe la Luna!
Cordiali saluti

Sandro Formaglio 01.12.05 11:07| 
 |
Rispondi al commento

una domanda ad antonio mancarella da ignorante in materia che sono,
questo batterio modifica da pianta a pianta o da animale a pianta,nel senso che alcuni ogm vengono modificati con dna animale mi pare,E' uguale?ma sopratutto e'in qualche maniera "naturale?

giorgio correngia 01.12.05 11:06| 
 |
Rispondi al commento

a proposito di salute,vengo a conoscenza pochi giorni fa' di un'altra paura governata da ignoranza.E' in atto negli stati uniti l'ennesima prova di deficenza con l'attuazione del progetto HAARP,cio'il tentativo di variazioni climatiche a scopi bellici.Attraverso grosse concentrazioni di antenne sparse per il sudamerica,si cerca di surriscaldare punti della ionosfera che con una manovra a specchio riflettrebbe in varie zone terrestri la sua conseguenza.Io non sono uno scentifico,e al momento ho titubato sulla vericita' della notizia,ma e'documentata'.Loro fanno leva sulla nostra scetticita'.Secondo alcuni ricercatori questi tipi di giochi con onde radio,potrebbero addirittura influire sulle onde celebrali degli uomini.Invito tutti ad informarsi e a diffondere la notizia.Inserite "haarp" in qualsiasi portale.Auguri

giorgio correngia 01.12.05 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei tanto ke da questo blog fosse finalmente diffusa una verità sugli OGM! Nessuno conosce l'esistenza di un certo Agrobacterium Tumefaciens? Bè questo piccolo batterio da milioni di anni infetta le piante del pianeta rendendole degli OGM!Già proprio così! Questo naturalissimo batterio contribuisce da milioni di anni a creare quello che noi tutti vediamo davanti ai nostri occhi ogni giorno:LA COSIDDETTA VARITA DELLE SPECIE! La sua azione è molto semplice: Prende un pezzo di DNA e lo inserisce nel genoma di una pianta creando un Organismo Geneticamente Modificato!Questa pianta una volta accettato il pezzo di DNA esogeno nel suo genoma(e non sempre ciò riesce)ha 3 alternative: 1.può non avvenire effettivamente nessun cambiamento nella pianta e nei composti da essa sintetizzati con una modificazione che praticamente è nulla;2.il pezzo di DNA nel genoma della pianta genera una modificazione che non permette alle cellule infettate o addirittura all'intera pianta di vivere, quindi si ha la morte della cellula, del tessuto o dell'intera pianta infettata;3.il pezzo di DNA riesce ad entrare nel genoma della pianta creando vere modifiche al suo metabolismo (modifiche che non nè cambiano necessariamente l'aspetto) così che la pianta inizia a sintetizzare nuovi composti che possono essere "buoni o cattivi"(la pianta poverina non lo sà).Questo batterio ha modificato nel corso di migliaia di anni milioni di piante, senza che nessuno lo accusasse mai di aver prodotto OGM!Lo stesso batterio è stato utilizzato dall'uomo per molti anni per cambiare A CASO le caratteristiche di alcune piante che in alcuni casi sono risultate interessanti dal punto di vista commerciale ed hanno avuto successo!L'ingegneria genetica che crea OGM cerca di modificare le piante in modo da fargli produrre uno specifico composto di interesse Alimentare o Farmacologico.Questo processo oltre che più veloce è anche più controllabile rispetto a quello del A.Tumefaciens! Tutto quello che mangiate e gia OGM!!!

Antonio Mancarella 01.12.05 10:39| 
 |
Rispondi al commento

x Gabriele Borra

Beh, visto che vai sul dileggio personale ti rispondo pan per focaccia:
... gli articoli scientifici li ho letti, li ho scritti, li leggo, li scrivo, li leggero' e continuero' a scriverli.

La contrazione sensibile e irreversibile, al contrario di quanto allegramente affermi, nella costruzione e ammodernamento degli impianti nucleari industriali non e' dovuta a ragioni "emotive" bensi' a ragioni prettamente, puramente, esclusivamente economiche: una centrale, al contrario di quanto accade per un diamante, non e' ... per sempre, una centrale al lordo di tutte le spese necessarie per l'impiantistica, la sicurezza e la logistica dei materiali, non si ripaga piu' con i suoi tempi di esercizio.

Ciao!

Uwe Timm 01.12.05 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe!
Siamo alle solite! Sono contento che tanta gente s'interessa a questo enigmatico problema causato dalla voglia di alcune teste calde di entrare nei misteri della natura e addirittura di cambiarne il suo naturale corso!L'umanità sta vivendo nel caos e quasi per incanto ormai non ci stupisce più niente di tutte le stranezze che si compiono nel mondo che deteriorano la qualità della vita nell'illusione di migliorarla!Purtoppo da tanto tempo l'uomo utilizza il suo sapere per scopi aberranti!Vorrei che la scienza si arricchisse di umanità allora si che si potrà trovare il giusto equilibrio in questa giungla che si stà perdendo nel male e la viltà! Facciamo sentire la ns voce per fermare questa macchina infernale! Un bacione OGM free a tutti! Fabrizio

Fabrizio Papaleo 01.12.05 09:56| 
 |
Rispondi al commento

a barbara
c'è una bella differenza tra un OGM e un incrocio tra un arancio e un mandarino: nel secondo caso la natura sa perfettamente cosa deve fare.
Non sono contrario alla ricerca, ma piuttosto a diffondere prodotti di una ricerca in uno stadio ancora, come dire, primitivo.
essere in grado di modificare geneticamente un organismo è una cosa ma sfido chiunque a dirmi se sa esattamente cosa sta facendo!
Ritengo che in questo settore siamo poco più che stregoni.
ciao

oscar giunta Commentatore in marcia al V2day 01.12.05 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a Diego Margiotta.
Forse non sono stato ben capito: finanziare la ricerca da parte del contadino era altamente ironico !
Hai fatto degli esempi giusti, ma le multinazionali perche si stanno muovendo adesso?
La sperimentazione genetica sui vegetali è inaziata da tantissimi anni,ma quest'ultime, ora che hanno trovato come accaparrars gli interessi del mercato, si stanno adoperando per promuovere gli OGM,senza preoccuparsi del rigore scientifico della cosa(a loro interessa solo la parte economica).
E' questo che ha rovinato la reputazione dell'argomento.Se il progresso scientifico della genetica sui vegetali seguisse l'iter della pura sperimentazione atta a igliorare le condizioni socio-economiche e sanitarie dell' umanità,sicuramente la cosa sarebbe un bene. Purtroppo Spesso accade il contrario: le multinazionali(avendo il potere economico dalla loro parte) deviano il progresso scientifico.

Massimo D.T. 01.12.05 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Milioni di dollari e dieci anni di progetto, per poi inventare un topicida!?!
Forse una giustizia divina non c'è, ma una certa ironia sicuramente si!

Marcello Carli 01.12.05 09:15| 
 |
Rispondi al commento

Barbara sei una grande!
ma che ci vuoi fare, questo e' un paese bravo a pregare (evviva er papa!) e accusare ma non altrettanto a ragionare e studiare. Siamo sotto una specie di oscurantismo scientifico, e di chiacchieroni ignoranti che sentenziano (come in questo caso ha fatto anche Beppe Grillo)

fa nulla, il mondo va avanti, al massimo noi rimaniamo indietro ma tanto ci siamo abituati.

Buona giornata Barbara ;)

Fabio Raqmassotto 01.12.05 09:15| 
 |
Rispondi al commento

Mi associo a quella persona che diceva che oltre a mandare via queste persone mandiamo via anche i politici che promuovono queste cose.

Gianpaolo D'Ignazio 01.12.05 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Guarda che Bove' NON e' il commissario europeo per l'agricoltura! NON e' nemmeno piu' a capo degli agricoltori.

Giosue Buono 01.12.05 04:36| 
 |
Rispondi al commento

Leggete qui:
http://www.lescienze.it/index.php3?id=11516
Vi rendete conto?
Se il principio che applichiamo agli ogm lo applicassimo a tutto quello che mangiamo... dovremmo smettere di mangiare, visto che non sappiamo gli effetti che gli alimenti tutti hanno sul nostro organismo! Potrebbero essere anche cancerogeni!
Sono stanca di sentire parlare di ogm come di una categoria, ogni ogm va valutato caso per caso, così come viene fatto con gli alimenti "tradizionali", che non vuol dire naturali. Spesso sono frutto di MODIFICHE GENETICHE con tecniche tradizionali...anche l'innesto di una pianta in un'altra è una modificazione genetica, solo che è "tradizionale". Anche fondere i nuclei di due cellule vegetali di due specie diverse per ottenere una terza specie è una tecnica tradizionale utilizzata. Vi siete mai chiesti da dove viene il clementino? è una specie creata dall'uomo tramite l'incrocio di due specie diverse, l'arancio e il mandarino. Il clementino non è naturale, eppure chi non lo mangia? L'uomo ha iniziato a modificare l'ambiente e il cibo da quando ha iniziato l'allevamento nella preistoria, non ha senso parlare di naturale o meno. Ha senso invece vedere se ogni cosa che viene immessa sul mercato, ogm o no, è più dannosa di quello che c'è già. Se un prodotto specifico provoca allergie,non va immesso sul mercato, ma se non si riscontrano problemi del genere, perchè no? Ma questo va valutato caso per caso, non ha senso demonizzare una tecnologia. Il problema delle multinazionali che sfruttano in modo indiscriminato il terzo mondo e pensano solo al profitto è un problema POLITICO e non scientifico, che prescinde dagli ogm, e come tale va valutato. Ma la scienza, la politica e l'economia sono due cose diverse.

Barbara Zambelli 01.12.05 01:09| 
 |
Rispondi al commento

Leggete qui:
http://www.lescienze.it/index.php3?id=11516
Vi rendete conto?
Se il principio che applichiamo agli ogm lo applicassimo a tutto quello che mangiamo... dovremmo smettere di mangiare, visto che non sappiamo gli effetti che gli alimenti tutti hanno sul nostro organismo! Potrebbero essere anche cancerogeni!
Sono stanca di sentire parlare di ogm come di una categoria, ogni ogm va valutato caso per caso, così come viene fatto con gli alimenti "tradizionali", che non vuol dire naturali. Spesso sono frutto di MODIFICHE GENETICHE con tecniche tradizionali...anche l'innesto di una pianta in un'altra è una modificazione genetica, solo che è "tradizionale". Anche fondere i nuclei di due cellule vegetali di due specie diverse per ottenere una terza specie è una tecnica tradizionale utilizzata. Vi siete mai chiesti da dove viene il clementino? è una specie creata dall'uomo tramite l'incrocio di due specie diverse, l'arancio e il mandarino. Il clementino non è naturale, eppure chi non lo mangia? L'uomo ha iniziato a modificare l'ambiente e il cibo da quando ha iniziato l'allevamento nella preistoria, non ha senso parlare di naturale o meno. Ha senso invece vedere se ogni cosa che viene immessa sul mercato, ogm o no, è più dannosa di quello che c'è già. Se un prodotto specifico provoca allergie,non va immesso sul mercato, ma se non si riscontrano problemi del genere, perchè no? Ma questo va valutato caso per caso, non ha senso demonizzare una tecnologia. Il problema delle multinazionali che sfruttano in modo indiscriminato il terzo mondo e pensano solo al profitto è un problema POLITICO e non scientifico, che prescinde dagli ogm, e come tale va valutato. Ma la scienza, la politica e l'economia sono due cose diverse.

Barbara Zambelli 01.12.05 01:08| 
 |
Rispondi al commento

in ultimo,
ogm e' un arduo tentativo di "anticipare" la selezione naturale. Non so se funzionera', sembro favorevole ma sono scettico, ma se dovesse funzionare... immaginate piante ogm con dna modificato per trasformare terreni tossici in fertili.... o piante che vaccinano interi polpoli... sarebbe un sogno.

Studiamo questa possibilita', sottoponiamola alle piu' dure e lunghe analisi ma ora stiamo in massima allerta sulle multinazionali. Loro sono un pericolo immediato, un pericolo anche per ipotetiche svolte epocali, che per il loro operato, non verrebbero nemmeno vagliate.


...non e' vero Beppe?

Fabio Raqmassotto 01.12.05 00:55| 
 |
Rispondi al commento

Antonio Buffolo, la non riproducibilita' dei semi e' inserita dall'uomo, vengono resi sterili in laboratorio per obbligarne l'acquisto continuo. Altrimenti questi semi si riprodurrebbero.
Come vedi il problema non e' degli ogm ma sempre delle multinazionali criminali.

Per ora comunque meglio cosi', se non si riproducono e' certo che non vanno a creare razze difettose, infestanti verso quelle buone magari, alterandole nella produttivita' e qualita' e sapori. Per ora meglio ma sicuramente questa e' una cosa che andra' affrontata. Giust.


fabio ramassotto 01.12.05 00:35| 
 |
Rispondi al commento

Gli OGM il futuro dell'agricoltura. Ma tu ci cerdi davvero a questa panzana messa in giro dalle multinazionali? Vallo a chiedere ai contadini indiani suicidati perchè non avevano più soldi per comprare le sementi OGM (anche loro suicide)se a loro è rimasto un futuro.

Antonio Buffoli 01.12.05 00:29| 
 |
Rispondi al commento

si che il latte e' contaminato da tracce di inchiostro, che nemmeno si sa se fa male, l'umanita' per 500 anni l'inchiostro se l'e' bevuto ogni volta che scriveva sui banchi di scuola e non e' mai successo niente.
Ecco perche' l'occidente e' decadente, stiamo diventando deboli e spaventati per ogni fesseria. Il latte ha tracce di inchiostro, e; stato ritirato? basta, che e' sto casino?

Gli ogm sono piante con dna modificato in alcuni segmenti di geni, per ora non funziona e la Monsanto e le altre sono dei criminali a proporli subito, questo e' certo. Ma se fra qualche anno dopo attenta sperimentazione dovessero funzionare... ad esempio un riso ogm alla vitamina A salverebbe milioni di bambini dalla malnutrizione!

Beppe ha ragione, ancora fa male, queste aziende devono cazzo aspettare, ma potrebbe essere una svolta come il motore ad idrogeno! o forse no ma proviamoci!

Il grano 2000 anni fa produceva 4 chicchi a spiga, ora anche grazie alle radiazioni dell'enea di Casaccia, a Roma, il grano produce 5 volte di piu' ed e' piu' "duro" alla cottura e alla conservazione.
E' mai morto nessuno con gli spaghetti? eppoure sono degli "ogm" all'antica, frutto di modificazioni del dna innescate dall'irragiamento umano e dalla selezione dei semi sopravvissuti..... tecnica rozza piu' della genetica eppure gridate al mostro. No dai ci stiamo sbagliando, il problema sono le multinazionali, non le tecniche ancora sperimentali ogm.


p.s. rispondo ad un blogger: gli ogm non inquinano, si scompongono finno alla minima parte, come quando si muore..... hai presente?

Fabio Ramassotto 01.12.05 00:27| 
 |
Rispondi al commento

Io sono invece daccordo sul fatto che gli OGM sono un problema politico. Che gran parte dell'agricoltura è in mano alle multinazionali è vero senza tirare in ballo gli OGM, che di per se rappresentano solo una risorsa. Ci mangiamo già un sacco di pesticidi!! Inoltre è del tutto impensabile considerare le "leccornie" biologiche come frutto di una agricoltura sostenibile!! Dovremmo interessarci agli OGM, che sono il futuro dell'agricoltura, in modo che quando sarà inevitabile la loro introduzione non siano solo le multinazionali a decidere! Senza offesa per il pensiero di nessuno!

Marco Catoni 01.12.05 00:15| 
 |
Rispondi al commento

SALVE GENTE!
Avete presente quel casino che e' successo con il latte per i bambini e dell' inchiostro che ha contaminato tetrapak e interni?
Oggi ho sentito che nei super mercati,bar e altri negozi di Ferrara; non sono piu' reperibili alcune confezioni di latte. Sto parlando di latte per tutte le eta'(non e' solo per bimbi).Nessuno ha dato una spiegazione esauriente.
CHE VORRA' DIRE?
Accetto qualsiasi risposta plausibile!

Giulio Correggioli 01.12.05 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Forse dovrò comprare frutta con il verme dentro per essere sicura che sia davvero buona..:-)

Lorenza Spagnoli 30.11.05 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Risposta a Pino Brizzolara

Non ci sarebbe alcun problema se quelli che ragionano come te potessere ingozzarsi di alimenti OGM senza mettere in pericolo la vita degli altri e l'equilibrio della Terra!
Io continuerei a gustarmi i formaggi (deliziosi) di Bovè e altre leccornie biologiche (ovvero cibi vivi!). Ma purtoppo non sarà così. Gli OGM avveleneranno la terra come ha già fatto la chimica! Perchè quelli come te sono tanti e hanno tanti protettori, tipo Veronesi l'"illuminato". A proposito, lui si che ha fatto miliardi sulla pelle degli altri: l'avete mai sentito dire chiaramente che i tumori sono frutto dell'inquinamento chimico nelle città e sul lavoro? Gli OGM, per lui, sono il futuro (per "business", naturalmente!).

Antonio Buffoli 30.11.05 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Risposta a Pino Brizzolara

Non ci sarebbe alcun problema se quelli che ragionano come te potessere ingozzarsi di alimenti OGM senza mettere in pericolo la vita degli altri e l'equilibrio della Terra!
Io continuerei a gustarmi i formaggi (deliziosi) di Bovè e altre leccornie biologiche (ovvero cibi vivi!). Ma purtoppo non sarà così. Gli OGM avveleneranno la terra come ha già fatto la chimica! Perchè quelli come te sono tanti e hanno tanti protettori, tipo Veronesi l'"illuminato". A proposito, lui si che ha fatto miliardi sulla pelle degli altri: l'avete mai sentito dire chiaramente che i tumori sono frutto dell'inquinamento chimico nelle città e sul lavoro? Gli OGM, per lui, sono il futuro (per "business", naturalmente!).

Antonio Buffoli 30.11.05 23:53| 
 |
Rispondi al commento

E' certamente sicuro che c'è un giro d'affari e di interessi..come tutto del resto.Quei topi non avrebbero di certo contratto nulla se avessero mangiato piselli non ogm..La mia perplessità e preoccupazione è quella di mangiare quella robaccia da tumore lampante senza saper nulla.Lego sempre le etichette ma chi mi dice che in ciò che compro non ci sia un ingrediente omogeneticamente modificato???Fino a che punto siamo tutelati?

Lorenza Spagnoli 30.11.05 23:51| 
 |
Rispondi al commento

p.s.

BEPPE GRILLO, HA DETTO BERLUSCONI CHE NON BISOGNIA FIDARSI DI TE PERCHE' DICI MENZOGNE!


_

Fabio Ramassotto 30.11.05 23:41| 
 |
Rispondi al commento

parlate dei piselli mosci trattati con il viagra? si chiamano ogm? ma dai!


cmq non ci allarmiamo, la gente cerchera' gli ogm free e per selezione naturale i prodotti ogm saranno emarginati dal consumo.
ci proveranno ad infilarli dappertutto (io fumo, credo il tabacco gia' sia ogm al 100%) ma alla fine vinceremo noi!
Magari malati e storpi ma vincereeeeeemmmmmmmmmmmm!

Fabio Ramssotto 30.11.05 23:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Completamente fuori tema: qualcuno può darmi notizie dell'iniziativa che BEPPE ha annunciato per Bologna il 17 Dicembe (La Republica di qualche giorno fa)?
Mauro Aurigi - Siena

Mauro Aurigi 30.11.05 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo una bella cosa: tutti quelli che sono favorevoli agli ogm lascino stare i topi e se li mangino loro per 5 anni i piselli modificati, poi mi facciano pure una telefonata e mi dicano come stanno, sempre che riescano ancora a parlare.

In ogni caso la presenza di ogm sul mercato o di prodotti che ne possano contenere una percentuale (anche bassissima) non può prescindere da una consultazione e da una approvazione popolare, vedi referendum.
Le multinazionali sono quello che sono, fanno le multinazionali, ma i Governi dovrebbero ricordarsi da dove vengono e se io sto mangiando senza saperlo pomodori al merluzzo il Governo c'entra eccome.

matteo bergamelli 30.11.05 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Nonostante tutta la buona volontà delle poste ho recuperato il DVD del tuo spettacolo. Forse è il cao di dire prendendo in presto l'espressione da un centauro: "CHE SPETTACOLO!!!".È la prima volta che scrivo sul blog e sicuramente non sarà l'ultima. Credo sia un grande mezzo di comunicazione e di libera espressione. Fortuna che qualcuno ci ha pensato.
Buona continuazione e buona informazione.
Paolo

paolo spandre 30.11.05 23:27| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Nonostante tutta la buona volontà delle poste ho recuperato il DVD del tuo spettacolo. Forse è il cao di dire prendendo in presto l'espressione da un centauro: "CHE SPETTACOLO!!!".È la prima volta che scrivo sul blog e sicuramente non sarà l'ultima. Credo sia un grande mezzo di comunicazione e di libera espressione. Fortuna che qualcuno ci ha pensato.
Buona continuazione e buona informazione.
Paolo

paolo spandre 30.11.05 23:25| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno ha citato Bovè e il suo appello. Ecco, questo è il classico esempio di interesse privato contrapposto. Legittimo, per carità... ma vogliamo spiegarlo per bene chi è questo paladino del "bene"?? E' uno che con una mano indica i poveri che muoiono di fame del mondo e con l'altra, insieme ad altre aziende agricole europee, intasca ogni anno milioni di euro di finanziamento dalla UE. E oltre ai soldi pubblici, il buon Bovè, si garantisce una politica agro-alimentare che più protezionista non si può... tanto da mette fuori gioco qualsiasi tentativo di concorrenza da parte dei paesi emergenti. Evviva la coerenza!!!

Il problema è solo ed unicamente politico. ripeto, gli ogm... ma più in generale, la scienza... rappresentano una opportunità grandiosa, checchè ne pensi Rifklin, spetta alla politica canalizzare nella direzione giusta queste opportunità. Senza crociate, senza demonizzare nulla e nessuno, senza mantenere in piedi rendite parassitarie. Bovè non lotta contro un nemico dell'umanità, ma contro un suo potenziale concorrente... legittimo che lui ci provi, politicamente criminale che venga assecondato.

pino brizzolara 30.11.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

A LICIA PODDA...
e no, cara mia, non rovesciamo i termini della questione... qui l'aggressore è Grillo, non certo io... e con lui tutti coloro che non tollerano opinioni contrastanti. Succedeva nella vecchia URSS... chi era contro era un pazzo da internare, era appunto uno non sano di mente. Grillo (e tutti voi) si deve vergognare per questo.

Tu conosci ricercatori contrari agli ogm? Benissimo, e chi lo nega?? Siete voi che negate e rifiutate le ragioni di tantissimi altri scienziati. Ma la cosa che mi fa più paura è questo vostro ammantarvi da salvatori dell'umanità... a quando i roghi???

pino brizzolara 30.11.05 23:06| 
 |
Rispondi al commento

OGM in pratica drogare/dopare i vegetali, per renderli + produttivi.

?

droghiamo/dopiamo i nostri dipendenti, per renderli +
produttivi.

?

Ci costa di meno, e sono disposti a tutto

ciao

P.Villa

Paolo Villa 30.11.05 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Grande Lamberto!

Leggere prego..
http://www.globalresearch.ca/index.php?context=viewArticle&code=%20EN20051030&articleId=1169

Martin Fierro 30.11.05 22:25| 
 |
Rispondi al commento

GLI ESPERIMENTI SONO UNA COSA TUTT'ALTRO è SPECULARE SULLE PAURE DELLA GENTE E CREARE FALSI ALLARMISMI PER FARE SOLDI

LAMBERTO ROSSI 30.11.05 21:42| 
 |
Rispondi al commento

SEGUE POST LAMBERTO ROSSI La Gilead Sciences Inc., che ha sviluppato e brevettato oseltamivir (Tamiflu) nel 1996, ha tra i suoi principali azionisti Donald H. Rumsfeld, attuale Segretario alla Difesa dell’Amministrazione Bush. Rumsfeld ha anche ricoperto la carica di Chairman of Board della Gilead dal 1997 al 2001, anno nel quale ha accettato l’incarico del Presidente Bush. “Voci non confermate”, aggiunge Engdahl, “raccontano che Rumsfeld ha anche aumentato la sua quota azionaria nella Gilead, fino a diventarne il maggiore azionista”. Lo stratega militare del Governo Bush, la mente della strategia del ‘panico da bioterrorismo’ che tante polemiche ha già sollevato negli Usa, avrebbe quindi secondo le accuse contribuito ad innescare un tam tam mediatico teso a scatenare una corsa all’acquisto di un farmaco prodotto da un’azienda di sua proprietà, ricavandone immensi profitti. Fantabiopolitica? Forse, e forse no.

Ma la questione Tamiflu è solo la punta dell’iceberg della vicenda influenza aviaria. È infatti noto che alcune delle principali aziende biotech stanno lavorando a polli OGM immuni all’influenza aviaria da commercializzare globalmente. Anche qui i profitti e le pressioni politiche sarebbero ovviamente enormi. Diventa ogni giorno più chiaro che sotto all’emergenza sanitaria legata al virus H5N1 si muovono (anche) interessi poco limpidi, bugie, disinformazione. Occorre scoperchiare il vaso di pandora al più presto. Ciò che ne uscirà, però, sarà poco piacevole da vedere.

Fonte: Engdahl FW. Is avian flu another Pentagon hoax? Engdhal Oil Geopolitics 2005.

david frati.

Il Pensiero Scientifico Editore

lamberto rossi 30.11.05 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Beppe aderisco al tuo appello. Liberiamoci dagli ogm e anche da questi politici.

alessandro diana 30.11.05 21:26| 
 |
Rispondi al commento

La ricerca porta anche a questo. Come possiamo progredire senza degli esperimenti?

Williams Bonomi 30.11.05 21:16| 
 |
Rispondi al commento

SEGUE POST DI LAMBERTO ROSSI Già decine di Paesi hanno ordinato scorte imponenti del farmaco oseltamivir (Tamiflu), e sicuramente altri stanno per farlo, tanto che l’azienda farmaceutica produttrice ha reso noto che non riuscirà a soddisfare nemmeno gli ordini già pervenuti a tutt’oggi se non nel giro di un anno. Ma che senso ha questa immane corsa all’accumulo di Tamiflu? Durante un recente incontro con la stampa, Mike Leavitt, segretario degli Health and Human Services, si è candidamente lasciato sfuggire: “Se non sarà il virus H5N1, quello dell’influenza aviaria, a scatenare una pandemia influenzale, in un qualche futuro un altro virus lo farà”. Nel frattempo, secondo questa politica, i governi devono sborsare milioni e milioni di euro/dollari senza nessuna certezza terapeutica ma in compenso con la certezza di arricchire in modo mostruoso le aziende farmaceutiche coinvolte.

Tamiflu è prodotto dal gigante farmaceutico svizzero Roche, e fin qui nessuna sorpresa, si tratta di una delle aziende leader nel settore. Ma in realtà la faccenda riserva molte sorprese, perché il farmaco è stato in realtà sviluppato da un'azienda californiana, che ha successivamente ceduto alla Roche i diritti di sfruttamento commerciale e produzione. La Gilead Sciences Inc., che ha sviluppato e brevettato oseltamivir (Tamiflu) nel 1996, ha tra i suoi principali azionisti Donald H. Rumsfeld, attuale Segretario alla Difesa dell’Amministrazione Bush. Rumsfeld ha anche ricoperto la carica di Chairman of Board della Gilead dal 1997 al 2001, anno nel quale ha accettato l’incarico del Presidente Bush. “Voci non confermate”, aggiunge Engdahl, “raccontano che Rumsfeld ha anche aumentato la sua quota azionaria nella Gilead, fino a diventarne il maggiore azionista”. Lo stratega militare del Governo Bush, la mente della strategia del ‘panico da bioterrorismo’ che tante polemiche ha già sollevato negli Usa, avrebbe quindi secondo le accuse contribuito ad innescare un tam tam mediatico

lamberto rossi 30.11.05 20:59| 
 |
Rispondi al commento

Dietro al panico da aviaria c'è una manovra commerciale?


Dietro all’allarme diffuso da organizzazioni sanitarie, mass-media e governi di tutto il mondo riguardo ad un’imminente pandemia di influenza aviaria si nasconde un pericolo reale o una manovra politico-commerciale di proporzioni planetarie? Le recenti rivelazioni della stampa americana sugli interessi economici di alcuni influenti politici a stelle e strisce nelle aziende farmaceutiche produttrici di farmaci antinfluenzali farebbero propendere per la seconda ipotesi.

“Dimenticando ogni prudenza scientifica e la normale procedura di chi si occupa di Sanità pubblica”, afferma F. William Engdahl, politologo di fama internazionale e autore di numerosi saggi, “la popolazione mondiale è stata scaraventata in uno stato di panico da dichiarazioni irresponsabili da parte di persone con cariche pubbliche o esponenti dell’OMS. Tutti ad agitare lo spettro di un letale ceppo virale che da uccelli infetti presenti in Asia sarebbe sul punto di contagiare l’intera razza umana, causando una pandemia di proporzioni apocalittiche. Per rafforzare il concetto, si è citata sempre l’epidemia di influenza spagnola del 1918, che causò decine di milioni di vittime, a mo' di esempio e minaccia”. Ma, avverte Tom Jefferson, epidemiologo del Cochrane Vaccines Field, “Nessuno può affermare di sapere se ci sarà una pandemia. Perché nessuno lo sa. E di prevedere il quando non se ne parla proprio. Del resto l’assoluta impossibilità di prevedere eventi del genere è stata dimostrata dalla vicenda-SARS”.

Allarmi ingiustificati, quindi. Ma se anche fossero giustificati? Quali armi abbiamo allo stato attuale per difenderci? I vaccini contro l’influenza aviaria sono in fase di sviluppo, ma nessuno può dire con certezza se riusciranno a prevenire l’infezione del ceppo virale che scatenerà la pandemia. I farmaci antivirali dal canto loro potrebbero essere efficaci, ma con molti punti interrogativi. Già decine di Paesi hanno ordinato scor

lamberto rossi 30.11.05 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: M. R. Cosenza il 30.11.05 20:12


Exactly: i muli sono sterili, come le sementi OMG che il contadino non puo' seminare...aldila' dell'aspetto biotecnologico (dimostrare oltre il ragioneveole dubbio etc etc) credo che le ragioni del NO siano anche di altra natura. Qui ci sono multinazionali che per $ camminano sui cadaveri (in tutti i settori, dalla farmaceutica all' OGM alle armi, ai trasporti etc etc).
Mi sembra che la gente del blog lo abbia in maggioranza capito...

Don Key 30.11.05 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Non possiamo accoppiarci con gli scimpanze perché la disposizione dei geni sui cromosomi è diversa e questo porta problemi durante la fusione dei 2 corredi genetici, materno e paterno.
Come ben sai esistono invece i cavalli e gli asini (come TE... nel senso di gente ignorante in materia) che possono accoppiarsi nonostante le loro differenze genetiche. E anche lì ci sono problemi, di fatti i muli sono sterili... guarda un po' anche lì è un problema di meiosi.

M. R. Cosenza 30.11.05 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Volevo anche far presente che LA FARINA DI TIPO 00 è frutto di biotecnologie. Anche il grano comune... è esaplodie... significa che in teoria ha 6 genitori quando in realtà ne nasce da 2. L'esaploidia è stata raggiunta tramite incroci... gli stessi che si fanno con gli innesti. Un ogm aggiunge un solo gene ad un corredo genetico. Un innesto ne aggiunge un intero corredo al corredo già esistente.
Lo scopo delle sperimentazioni già esistenti è quello di rendere le piante capaci di resistere ad avverse condizioni. Fino ad ora si è risolto con un uso massiccio di diserbanti, anticrittogamici, insetticida... sapete bene che anche queste cose sono costosissime, rischiosissime, dall'enorme impatto ambientale, possono portare malattie, ecc. La sperimentazione sta cercando di trasferire sistemi di difesa già esistenti in organismi, che quei sistemi non li hanno sviluppati.
Ovviamente il rischio sta nel fatto che questi sistemi siano efficaci tanto sugli insetti quanto sugli uomini. Ma è un rischio controllabile.
L'altro rischio sta nella contaminazione. Ma è possibile rendere le piante sterili, e non mi riferisco alle piante "terminator". Esistono metodi più semplici (avete presente i muli?)...

M. R. Cosenza 30.11.05 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: M. R. Cosenza il 30.11.05 19:45

Allora perche' non ci accoppiamo con gli scimpanze, se siamo uguali al 97%? The donkey has fallen.

Don Key 30.11.05 19:53| 
 |
Rispondi al commento

Volevo far presente alle persone "non addette" che si interessano a questo tema, che il concetto di "madre natura" è morto da tempo. Nonostante ciò questa immagine resta nell'immaginario comune. La natura, quella con la "N" maiuscola, capace di ristabilire da sola gli equilibri modificati dall'uomo, non esiste più e forse non è mai esistita. La colpa è dell'uomo che ha interferito in questo già molto labile equilibrio in maniera troppo marcata, ben oltre la soglia di sopportazione dell'intero sistema. Questo è successo molto prima dello sviluppo delle biotecnologie.
Ora è proprio il distruttore di questo equilibrio, l'uomo, che deve prendere sulle sue spalle la responsabilità di ciò e farsi "guardiano dell'equilibrio". Sembra una trama fantasy, ma le cose stanno così, se l'uomo sparisse rimarrebbero comunque i segni della sua sparizione come l'inquinamento, che madre natura da sola non sarebbe capace di smaltire.
L'idea che hanno molti di transgenico è dovuta non ai ricercatori, che sanno bene cosa significhi. Piuttosto è da imputare ai media. La scelta della "chimera" come simbolo del transegico in fondo è quella più facile da pescare tra quelle già esistenti nell'immaginario comune ed è anche quella più facile da rappresentare visivamente e quella che stupisce di più. Però come ho già detto in altri messaggi, un gene non identifica una specie. Le proteine (codificate dai geni) catalizzano quasi sempre una reazione chimica su uno specifico substrato. Le reazioni che avvengono negli organismi sono sempre le stesse, e quindi la stragrande maggioranza di esse è comune a innumerevoli organismi. Con questo voglio dire che le differenze tra gli esseri viventi non sono da ricercare nei loro geni, ma nel modo in cui questi vengono utilizzati. Faccio un esempio: la somiglianza genetica tra un uomo e uno scimpanzé è pari al 97%. Tutte le differenze sono in regioni non codificanti per proteine, fatta eccezione per 1 sola, una proteina di membrana.

M. R. Cosenza 30.11.05 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Non faccio commenti personali, ma vorrei solo dire che molte persone si schierano da una parte o dall'altra senza conoscere a fondo gli argomenti.
Suggerirei una lettura a tema:
QUEL GENE DI TROPPO - L'inquietante realtà dei cibi transgenici
di Mariano Bizzarri
Io sarò pure una sconosciuta, ma Renato Dulbecco, premio Nobel, scrive: "Non si può scommettere al buio sulla natura: per salvare qualche albero, o per ottenere frutti più gustosi, rischiamo di sconvolgere un equilibrio che dura da milioni di anni." (pag.37)
Egli osserva come esista una contraddizione di fondo in questi esperimenti e dice "insomma, questa tecnologia o non fa danni, ma è inutile, oppure è utile ma rischiosa." (pag. 46)
Questo è il suo parere e "forse" lui ne capisce più di noi....

Flavia Caironi 30.11.05 19:41| 
 |
Rispondi al commento

José Bové appelle au boycottage des produits de la firme multinationale Monsanto

Le Monde

LE CHEF de file altermondialiste José Bové a appelé, dimanche 27 novembre, au " boycottage des produits Monsanto ". L'appel de l'ancien porte-parole de la Confédération paysanne survient après la saisie opérée par le producteur de semences OGM sur les comptes bancaires du syndicat paysan, vendredi 25 novembre. L'argent disponible, soit quelque 18 000 euros, a été saisi, ce qui représente 10 % du budget du deuxième syndicat agricole français.

Boicottare Monsanto e le altre:

BASF AG
Bayer CropScience
Delta and Pine Land
Dow AgroSciences
DuPont Agriculture & Nutrition
FMC
Nippon Soda
Nissan Chemical
Scotts Miracle-Gro
Syngenta
Agrevo
Pioneer

Martin Fierro 30.11.05 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Ma signor Brizzolara, com'è aggressivo?!!!
Stia calmo e ragioni un attimino...

Io lavoro all'università sto finendo il dottorato in biosistematica ed ecologia vegetale, mi occupo di impollinazione... Le garantisco che tra i ricercatori che si occupano come me di salvaguardia della biodiversità e di ambiente, non c'è nessuno o quasi a favore degli OGM! Quello che dice grillo è vero! Se non matti, poteva dire incoscienti...e molto anche !!!

Invece che criticare , si prenda "il secolo biotech" di J. Rifkin e lo legga con attenzione che è meglio magari si renderà conto che con certe cose non c'è da scherzare
le implicazioni ecologiche di una manipolazione di questo tipo sono più delicate di quanto si possa pensare, gli equilibri ambientali sono importanti o no?

Ma robe da matti!!!!

licia podda 30.11.05 19:20| 
 |
Rispondi al commento

“Non credo che ci sia un solo italiano sano di mente che non desideri chiudere questi campi e mandare a casa le aziende OGM”

Caro Grillo, questa tua frase è di una violenza inaudita! IO NON voglio mandare a casa le aziende OGM… quindi secondo te io non sono sano di mente? Ma come ti permetti??? Umberto Veronesi e i diecimila ricercatori che rappresenta non sono sani di mente??? Questo sarebbe un blog di controinformazione? Questo sarebbe un luogo di libertà?? Un luogo dove definisci insani di mente chi non la pensa come te? A quando i lager… anzi, i Gulag???

Cargo Grillo, un bel bagno di umiltà???

pino brizzolara 30.11.05 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Mi scusi signor Pino Brizzolara, ma secondo lei la monsanto glielo regala il riso a quelli del mozambico? veramente pensa che quelli della monsanto siano così buoni e che si stanno "sbattendo" per risolvere la fame nel mondo?
Ah, vè, allora si potevono risparmiare i soldi dei brevetti...

Lei faccia quello che vuole io boicotto il boicottabile, compro il meno possibile dalle multinazionali che fanno scelte che non condivido e cerco di essere il più coerente possibile, è che il LORO monopolio spesso non me lo permette...
E' libertà questa?
un piccolo esempio che mi viene di getto?
Se voglio Boicottare Benetton, non compro i suoi vestiti, ma posso forse non fare l'autostrada per andare a roma, napoli, milano ecc...
Non voglio sembrare troppo radicale, ma credo che per lo meno vadano rispettate le persone che tentano di essere per quanto ci è concesso Libere!

Licia Podda 30.11.05 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi scusi signor Pino Brizzolara, ma secondo lei la monsanto glielo regala il riso a quelli del mozambico? veramente pensa che quelli della monsanto siano così buoni e che si stanno "sbattendo" per risolvere la fame nel mondo?
Ah, vè, allora si potevono risparmiare i soldi dei brevetti...

Lei faccia quello che vuole io boicotto il boicottabile, compro il meno possibile dalle multinazionali che fanno scelte che non condivido e cerco di essere il più coerente possibile, è che il LORO monopolio spesso non me lo permette...
E' libertà questa?
un piccolo esempio che mi viene di getto?
Se voglio Boicottare Benetton, non compro i suoi vestiti, ma posso forse non fare l'autostrada per andare a roma, napoli, milano ecc...
Non voglio sembrare troppo radicale, ma credo che per lo meno vadano rispettate le persone che tentano di essere per quanto ci è concesso Libere!

Licia Podda 30.11.05 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi scusi signor Pino Brizzolara, ma secondo lei la monsanto glielo regala il riso a quelli del mozambico? veramente pensa che quelli della monsanto siano così buoni e che si stanno "sbattendo" per risolvere la fame nel mondo?
Ah, vè, allora si potevono risparmiare i soldi dei brevetti...

Lei faccia quello che vuole io boicotto il boicottabile, compro il meno possibile dalle multinazionali che fanno scelte che non condivido e cerco di essere il più coerente possibile, è che il LORO monopolio spesso non me lo permette...
E' libertà questa?
un piccolo esempio che mi viene di getto?
Se voglio Boicottare Benetton, non compro i suoi vestiti, ma posso forse non fare l'autostrada per andare a roma, napoli, milano ecc...
Non voglio sembrare troppo radicale, ma credo che per lo meno vadano rispettate le persone che tentano di essere per quanto ci è concesso Libere!

Licia Podda 30.11.05 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi scusi signor Pino Brizzolara, ma secondo lei la monsanto glielo regala il riso a quelli del mozambico? veramente pensa che quelli della monsanto siano così buoni e che si stanno "sbattendo" per risolvere la fame nel mondo?
Ah, vè, allora si potevono risparmiare i soldi dei brevetti...

Lei faccia quello che vuole io boicotto il boicottabile, compro il meno possibile dalle multinazionali che fanno scelte che non condivido e cerco di essere il più coerente possibile, è che il LORO monopolio spesso non me lo permette...
E' libertà questa?
un piccolo esempio che mi viene di getto?
Se voglio Boicottare Benetton, non compro i suoi vestiti, ma posso forse non fare l'autostrada per andare a roma, napoli, milano ecc...
Non voglio sembrare troppo radicale, ma credo che per lo meno vadano rispettate le persone che tentano di essere per quanto ci è concesso Libere!

Licia Podda 30.11.05 18:40| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUA... PER PAOLA ZAMBARDI

Veniamo al punto due…

lei si pone il problema se un popolo affamato abbia o no la possibilità di scegliere ogm??? Scusi, ma ho letto bene??? Voglio dire, di fronte all’abitante del Darfour o del Mozambico (o di altra parte del terzo e quarto mondo) che non ha nulla di cui nutrirsi, lei si pone questo tipo di problema? A fronte dei sei milioni di morti che la fame provoca ogni anno, lei si preoccupa se mangiano ogm o pane integrale???
Nessuna persona seria, io credo, può dire che gli ogm RISOLVONO il problema della fame del mondo ma, così come ho scritto, rappresentano una grande opportunità. Volerla cancellare, a mio avviso, è un grave crimine contro l’umanità.

pino brizzolara 30.11.05 18:22| 
 |
Rispondi al commento

PER PAOLA ZAMBARDI

Benissimo, onore alla sua onestà intellettuale, la sua è una valutazione etica.

Quello che mi chiedo è se lei ha avuto modo di riflettere attentamente un paio di passaggi della sua cortese risposta… 1) lei scrive che gli interessi di alcuni privati non sono legittimi. Siccome generalizza, non facendo nomi, cognomi e/o ragioni sociali, credo che anche questa sia una valutazione di tipo etico-moralistico e/o ideologica. Ovvero la sua equazione è privato=illegittimo, da cui si deduce molto del suo pensiero… e aggiungo del suo legittimo pensiero, per quanto io lo ritenga aberrante. Un privato, grande o piccolo che sia, finché non viola leggi esistenti, è perfettamente legittimato a difendere i propri interessi. Così come tanti altri privati sono pienamente legittimati nel difendere i propri interessi, diversi dai primi, battendosi CONTRO gli OGM. Ha presente le posizioni dei paesi europei sulla guerra in Iraq? Qualcuno era favorevole perché questo era il suo interesse, altri, come Francia e Germania, erano contro l’intervento non per un nobile spirito pacifista (ma quando mai!?), ma perché avevano troppi interessi in Iraq. Il punto non può essere dunque questo.

Ma torniamo a noi… lei scrive che gli interessi privati quasi sempre (meno male, c’è il “quasi”… questo mi lascia qualche speranza sul fatto che, a differenza di tanti che scrivono qui sopra, sa far funzionare la testolina) si scontrano con quelli della collettività… ma figuriamoci! Guardi, a meno che lei non sia un’asceta, questa affermazione viene contraddetta dal suo stesso quotidiano. Quando fa la spesa forse non favorisce gli interessi economici di qualcuno? Ma soprattutto, quando (mi perdoni) ha qualche problemino di salute, non prende farmaci perché questo significa favorire le multinazionali? Se così è, rendo ancora omaggio alla sua coerenza altrimenti, cara Paola, smettiamola con le demonizzazioni, con le crociate e con i catastrofismi antiscientifici.
(Continua)

pino brizzolara 30.11.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento

---
Bene Davide, siamo tornati sulla questione della libertà. Come garantiamo allora la libertà di coltivazione di colture tradizionali e biologiche? La coesistenza è di fatto impossibile, perchè i pollini vengono trasportati dal vento e dagli insetti.

Postato da: diego Margagliotta il 30.11.05 12:00
---

Ciao Diego. E' un po' che manco nel settore, (laureato in biotecnologie agrarie in italia non puo' lavorare...). Ad ogni modo il problema della impollinazione incrociata va considerato (anche se qui si parlava di tossicita' per l'uomo...). Esisterebbero delle tecnologie che, di fatto, impediscono al polline di contenere transgeni (modificazione degli organelli, excisione dei transgeni durante la meiosi, ma non entriamo troppo nel tecnico), ma anche fossero applicati oggi non potrebbero entrare in commercio prima di 5-10 anni. Esisterebbero anche delle precauzioni per far si che cio' non avvenga, considerato che molti pollini volano poco e molti sono poco vitali (e' il caso dei cereali, in particolare del mais), tipo non piantare OGM a fianco di non OGM, avere filari di alberi, che so io. Il fatto e' che non si puo' fare un discorso generale su come coltivare OGM, ogni pianta e' un discorso a se, per cui quello che dici puo' essere particolarmente vero per la soja ma non per il riso. Allo stesso modo non si puo' fare un discorso del tipo "gli OGM fanno male". Ogni OGM va considerato come un caso a parte, allo stesso modo che si fa con i farmaci o gli alimenti. Io potrei dire che il frumento fa male, perche' le persone intolleranti non possono mangiarlo, o che le arachidi fanno male o i kiwi o le fragole. Potrei dire che l'aspirina fa male e via discorrendo.
L'unica cosa che davvero conta, e su questo sono fermo, e' un sistema di etichettatura decente. Se io trovassi degli OGM in commercio li mangerei (e non per fare il figo), ma vorrei che ognuno potesse scegliere.
Ciao
d

Davide Cittaro 30.11.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE E BLOGGER QUANDO E' CHE CI SARA' LA TRACCIABILITA' SUI CIBI DATI AGLI ANIMALI D'ALLEVAMENTO (BOVINI, OVINI ECC. ECC.)? PER AVERE LA TRACCIABILITA' CI VUOLE UN ALTRO SCANDALO?

VALTER SOTTILE 30.11.05 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe, sostieni l'importazione in Italia di prodotti "OGM Free" Svizzeri ma tieniti pure quelli che chiami " I nostri dipendenti". In Svizzera abbiamo già troppi nostri dipendenti al governo geneticamente modificati che permettono alle industrie chimiche di fare i loro porci comodi. Non è perchè per una volta il popolo ha usato il cervello per votare che da noi sia tutto rose e fiori!!

Nello Ranzoni 30.11.05 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Come volevasi dimostrare. Modificare ciò che La Natura (Dio) ha creato perfetto, è assolutamente blasfemo ed altamente pericoloso per l'Uomo. Volersi sostituire ad Essa, non è assolutamente possibile da parte nostra. Ci sarà sempre qualcosa che ci sfuggirà perchè è solo Suo l'Assoluto Controllo.

Diego Bellano 30.11.05 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Per il Sig. Pino Brizzolara.

Forse avrò pochi argomenti è sarò poco ottimista e possibilista.
Non intendo dare giudizi scientifici; non ho strumenti ne cultura. Azzardo solo un'opinione (chiaramente) etica.
Vede, io credo che gli interessi privati (ancor di più i grandi interessi privati, che io non giudicherei - e qui uso il termine "giudizio" - ne legittimi ne sacrosanti), proprio per la loro natura, quasi sempre si scontrano con ciò che è utile in senso collettivo.
Certo il rigore legale è lo strumento migliore per la tutela di tutti. Cosi pure l'informazione.
Quello che mi spaventa è che non so quanto, nonostante l'informazione e le norme, noi consumatori o i piccoli produttori o i popoli affamati, abbiamo la possibilità di scegliere se nutrirsi ogm o meno. E non credo si risolva il problema della fame.

La ringrazio per questo scambio di opinioni.

paola zambardi 30.11.05 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo mangiare i piselli ai nostri governanti! Ma soprattutto, facciamoli mangiare ai dirigenti delle Aziende OGM. Se poi vogliamo darne qualcuno anche al Pascucci.....sono sicuro che i piselli diventerebbero bianchi anzichè verdi.

Ettore Martinenghi 30.11.05 17:05| 
 |
Rispondi al commento

""Gli o.g.m. come in tutto ci sono cose che fanno bene e cose che danneggiano!""" ... scusa Luca Casella ... il vero problema e chi ci avvisa, come e quando?!?!?!. Fin quando riesco a farlo, mangierò prodotti (naturali)perchè tutto quello che dipende in qualche modo da l'uomo è (cacca).

Vito Rossi 30.11.05 17:04| 
 |
Rispondi al commento

IsopropilThioXantone chi e' costui o costei...i componenti chimici hanno sesso?
Io facendo un discorso con un mio amico ho detto...
Ma se hanno trovato sta sostanza dentro al latte,ci sara' nei succhi, nel vino e in tutto cio' che e' contenuto in quei sicurissimi contenitori chiamati TETRAPAK, azz nome miglione no eh... titanic ne e' un esempio...
Come vedi Beppe tu lo dicevi 10 anni fa che il brik di cartone non era igienico come pure le lattine, il vetro, zazzo, e' sicuro, si riutilizza, del tetrapak poi la tetrapac? che fa dei tetrapakkini? non penso che si possa riutilizzare..
Da ora in poi prendero' solo materiale su vetro!
Avra' erbicidi, conservanti ecc non me ne frega, ma sono io che scelgo di avvelenarmi e non gli altri, ma che zazz....e che vadano a fare in zulo le multinazionali!Preferiro prodotti di piccole aziende e possibilmente BIO-Logiche e prodotti Bio-Degradabili e RIUTILIZZABILI
Fatelo anche voi e' ora di finirla con tutta sta rumenta in giro!

giancarlo polo 30.11.05 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Altro che poveri piselli...poveri topi!
le bestiole indifese si beccano le malattie per soddisfare le perversioni umane(anche sessuali)!
eh sì, perchè che ce ne facciamo dei piselloni?!
Basta: non è possibile che nei laboratori ci siano persone così allucinate!

Elisabetta Secci 30.11.05 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Poveri piselli e poveri noi!!

Marco Corberi 30.11.05 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno a tutti,
ho il timore che si scenda nel solito luogo comune. Ho il timore che si finisca di non mangiare più pollo perché si pensa che questi anche cotto e stracotto, ci faccia venire l'aviaria, magari però, si va a caccia a prendere un anatra, o un qualsiasi altro uccello, e lo si maneggia suoiandolo e dissabguandolo a mani nude! Gli o.g.m. come in tutto ci sono cose che fanno bene e cose che danneggiano! Stiamo attenti a non fare di tutta un'erba un fascio! L'altro giorno discutevo con un mio amico sulle centrali nucleari, e noto che la disinformazione è totale! vabhè, lascio perdere questo argomento, e mi fermo qui.a presto,
Luca.

Luca Casella 30.11.05 16:34| 
 |
Rispondi al commento

E' USCITO IL NUOVO FIREFOX!!! versione 1.5

se qualcuno è interessato, lo può scaricare da
www.mozilla.com

marco de mitri 30.11.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

I pomodori Sammarzano sono frutto di selezione ottenuta incrociando i pomodori con i pomodori... nel DNA del sammarzano non sono stati inseriti geni animali...c'è una bella differenza...
E poi il "moscerino" dei pomodori??? che male può fare il moscerino ai pomodori???
Scusate tanto, Il ragionamento è un po' più complesso...
Bisogna informarsi bene, non basta la regolamentazione in certi campi!

Vogliamo smetterla di pensare che si possa manipolare la natura a nostro piacimento e sfruttarla indiscriminatamente. Vogliamo restituirLe la DIGNITA' che merita!

Grazie

Licia Podda 30.11.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

@ Postato da: Luca Deriu il 30.11.05 15:57


La selezione genetica e' ben diversa dalla modificazione genetica. La mutazione porta necessariamente a un effetto domino sull'ecosistema, le cui ricadute non possiamo controllare. Il moscerino non trova la proteina e allora le forze insite in esso lo faranno adattare nel lungo periodo, cosi' come si adatto' ai diserbanti divenendo sempre piu' resistente ad essi. Diserbanti o OGM, e' una rincorsa basata solo sul profitto a scapito dell'umanita'. La ricerca e' in mano alle multinazionali e non sara' mai in mano a organismi superiori, per lo meno non in una societa' come la nostra. Il problema mi pare prima economico-capitalistico che biotecnologico. Come fai a fidarti della Monsanto? Loro camminerebbero sui cadaveri pur di fare soldi e i loro ricercatori lavorano su commissione, non sono scienziati al servizio dell'umanita'.

Marzio Guerra 30.11.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Due notizie solamente, poi non scriverò più, visto che chi scrive qui non ha alcun rispetto per le idee altrui... e mi dispiace molto.
Una cosa fondamentale e importantissima. Se si parla di OGM si parla di Organismi Geneticamente Modificati, non di Cibi Transgenici!!!!!! Mettiamo per favore i punti. Gli OGM sono anche quelli di questo articolo http://www.lescienze.it/specialarchivio.php3?id=500 (qui ci sono gli estremi, l´articolo è chiaramente nell´archivio di LeScienze): batteri e/o piante che prospettano un farmaco antimalarico a basso costo, sempre per i paesi in via di sviluppo (e non solo l´Africa o il "terzo mondo") e nessuno pretende che mangiate questi batteri o queste piante... no agli OGM indiscriminatamente vorrebbe dire anche no a questi.
Risposta a Uwe Timm: dice: "Solo qualche decennio piu' tardi le centrali non si costruiscono praticamente piu'. Fermi era stato un coglione?" L´analisi odierna dice che (e se avessi letto qualche articolo scientifico lo sapresti) le cnetrali nucleari non si costruiscono più perchè le popolazioni (!) vedono (o hanno visto) il nucleare in modo negativo e le aziende che producono energia non hanno voluto costruirle per evitre di essere additate dalla popolazione e messe al bando. Oggi come oggi la gente sta cambiando opinione, tanto che nei prossimi cinque anni si prospetta la costruzione a livello mondiale di altre 20 centrali...
Inoltre ti invito a partire non dal presupposto italiano (caso unico al mondo di paese che non ha le centrali ma dipende per il 15% del suo fabbisogno da energia nucleare estera!), ma da altri paesi (Francia, Germania, Svezia) dove il nucleare è il 30/40% del fabbisogno... abbastanza per non costruirne più essendo molto costose! Di centrali se ne sono costruite eccome, ma è inutile costruirle quando non servono o quando si rischia di perdere profitti!!!

Gabriele Borra 30.11.05 16:13| 
 |
Rispondi al commento

vorrei fare un commento un po' contro tendenza... Sono d'accordissimo che gli OGM vadano regolamentati (come si fa con i farmaci) e che i consumatori siano informati di cosa mangiano, ma sono contrario a una loro totale eliminazione. Del resto, i pomodori Sammarzano che cosa sono, se non modificazioni genetiche volute dall'uomoù? gli agronomi nel secolo scorso hanno incrociato diversi tipi di qualità di piante, per avere un prodotto finale migliore. Ora noi questo lo possiamo fare con la genetica. Mi rendo conto che le cose che non si conoscono facciano paura
(è sempre stato così) ma, ripeto, se OPPORTUNAMENTE CONTROLLATI (dallo stato, non dalle industrie produttrici!!!!) gli OGM sono una cosa positiva. Faccio un esempio: so che il moscerino del pomodoro si ciba di una determinata proteina presente sulla buccia, io modifico la proteina e il moscerino non attacca più il pomodoro modificato. Il produttore ci risparmia in diserbanti, e noi evitiamo i pomodori pieni di diserbanti. Ripeto, è fondamentale un rigoroso controllo prima di immetterli nel mercato, ma non mi sento di rinunciarci a priori...

Grazie per lo spazio concessomi.

Luca Deriu 30.11.05 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso che la natura quando voglia adattare un organismo a nuove condizioni lo faccia benissimo da sola.
L'uomo dovrebbe stare fermo con le sue manine, perchè quando le carote, il mais , le patate e tutto ciò che si trova in natura ha un suo stato, è perchè la selezione naturale ha già fatto le sue modifiche.
Quando danneggiamo la natura, essa ci ripaga in moneta sonante...la lezione delle alluvioni e dei danni che l'uomo con la sua incuria ha causato, non è servita.
La natura è un bene che ci viene donato ogni giorno(per me,da Dio) e come ogni cosa, abusandone si fa solo del male a se stessi e ancor peggio agli altri.

Giuseppe Cascavilla 30.11.05 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi. Gli OGM sono sostanzialmente INUTILI. Non li vuole nessuno, nè i produttori dei paesi avanzati, nè quelli dei Paesi in via di sviluppo, nè i consumatori. Chi li vuole? Le multinazionali della chimica e della genetica, che eramai sono un tutt'uno, che poi hanno occupato posizioni di rilievo dentro il governo americano e dentro la Federal Drug Administration e la USDA = US Dipartimento di Agricoltura. Per obbligare gli agricoltori a comperare sementi e per spazzare dal mercato sementi auto-prodotte e per distruggere la biodiversità. La "fame nel mondo" è usata in maniera vergognosa per far credere che solo con gli OGM si risolveranno i problemi della fame, quando in realtà i problemi sono politici (corruzione ad ogni livello) ed economici (vedasi le barriere al commercio che i ricchi impongono ai poveri). Le multinazionali dispongono di budget enormi di "comunicazione" e "public relations", che servono a canalizzare le notizie buone mediante i media e "fondazioni indipendenti", mentre quelle negative vengono ovviamente taciute. Occorre continuare a tenere alta la guardia e fare pressioni su Ministeri, Regioni, Unione Europea, FAO, Banca Mondiale, etc. perchè sia dia spazio vero allo studio ed allo sviluppo di forme alternative di agricoltura, come quella biologica, che riduce la dipendenza dei produttori, non inquina, consuma poca energia, produce alimenti sani non pompati di acqua ed ormoni. E bisogna continuare a spingere per una educazione alimentare seria, che proponga stili di consumo adeguati, basati su vegetali, poca carne, latte o uova. Sono i consumatori del Nord (americani in primo luogo) ad affamare i poveri del Sud, ed a distruggere l'ambiente, del Nord come del Sud.

Fabio Maria Santucci 30.11.05 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi. Gli OGM sono sostanzialmente INUTILI. Non li vuole nessuno, nè i produttori dei paesi avanzati, nè quelli dei Paesi in via di sviluppo, nè i consumatori. Chi li vuole? Le multinazionali della chimica e della genetica, che eramai sono un tutt'uno, che poi hanno occupato posizioni di rilievo dentro il governo americano e dentro la Federal Drug Administration e la USDA = US Dipartimento di Agricoltura. Per obbligare gli agricoltori a comperare sementi e per spazzare dal mercato sementi auto-prodotte e per distruggere la biodiversità. La "fame nel mondo" è usata in maniera vergognosa per far credere che solo con gli OGM si risolveranno i problemi della fame, quando in realtà i problemi sono politici (corruzione ad ogni livello) ed economici (vedasi le barriere al commercio che i ricchi impongono ai poveri). Le multinazionali dispongono di budget enormi di "comunicazione" e "public relations", che servono a canalizzare le notizie buone mediante i media e "fondazioni indipendenti", mentre quelle negative vengono ovviamente taciute. Occorre continuare a tenere alta la guardia e fare pressioni su Ministeri, Regioni, Unione Europea, FAO, Banca Mondiale, etc. perchè sia dia spazio vero allo studio ed allo sviluppo di forme alternative di agricoltura, come quella biologica, che riduce la dipendenza dei produttori, non inquina, consuma poca energia, produce alimenti sani non pompati di acqua ed ormoni. E bisogna continuare a spingere per una educazione alimentare seria, che proponga stili di consumo adeguati, basati su vegetali, poca carne, latte o uova. Sono i consumatori del Nord (americani in primo luogo) ad affamare i poveri del Sud, ed a distruggere l'ambiente, del Nord come del Sud.

Fabio Maria Santucci 30.11.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Per chi vuole essere informato su ciò che mangia, è possibile firmare una petizione contro gli OGM nascosti a questo indirizzo:

www.greenpeace.it/ogm

La petizione è dovuta al fatto che alcuni prodotti come uova, carne, latticini vari e quindi prodotti che provengono da animali, possono contenere OGM in quanto l'animale da cui provengono è stato alimentato con alimenti OGM. E la legge non obbliga nessuno ad informare i consumatori.
I consumatori hanno solo il diritto di sapere, dall'etichetta, se quel prodotto è OGM. Capito la differenza?

Nella speranza di poter migliorare la legge e quindi affinchè noi consumatori possiamo essere informati giustamente.

Oltre alla notizia citata in questo blog, leggete la seguente notizia:

http://www.greenpeace.it/ogm/show_news.php?id=83

che è una delle tante sulle conseguenze non salutari degli OGM.

Inoltre non mi sembra che gli OGM abbiano risolto il problema della fame del mondo, altrimenti perchè nel XXI secolo ci sono ancora 3 MILIARDI, ripeto 3 MILIARDI, di persone povere e quindi che non hanno la possibilità di mangiare (http://notizie.tiscali.it/feed/news/2005/10/12/ansa/ansak2005-10-12_1525271.html) ???

Che la ricerca sia fatta e finanziata ma da enti pubblici e non da multinazionali che possono pilotare a proprio vantaggio le ricerche. E' uno scandalo che, come dice la pubblicità televisiva, oltre il 90% delle ricerca medica sia nelle mani delle industrie farmaceutiche ...

Saluti

Domenico Barranca
(domenico.barranca_CHIOCCIOLA_gmail.com)

Domenico Barranca 30.11.05 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei entrare nell'argomento da un punto di vista socio economico ed eviterei di parlare dei brevetti, delle grandi multinazionali che impongono i prezzi della materia vivente modificata e brevettata ecc...e già questo mi sembrerebbe un buon motivo per essere contro un sistema che si basa sullo sfruttamento e sulla disonestà.
Mi preme piuttosto, da biologa botanica, evoluzionista e ambientalista convinta, puntare sul fatto che la natura impiega milioni di anni a "modificarsi". L'uomo compie in pochi minuti modifiche che probabilmente in natura non interverrebbero neanche...(pezzi di DNA animale, vengono inseriti nel DNA vegetale, per cambiare a proprio piacimento le "capacità adattative" di mais, riso, fragole, pomodori ecc), senza per altro valutarne le conseguenze ecologiche (l'alterazione delle catene alimentari per esempio...). Vorrei andare al di la delle conseguenze negative sulla salute umana, vorrei puntare l'attenzione sull'ambiente, l'impatto spaventoso sulla possibile perdita di biodiversità. Ragazzi questo è un patrimonio di tutti, che ci è concesso gratuitamente di cui troppo spesso ci dimentichiamo! Fermiamoci a pensare che se in natura ci sono dei tempi per l'evoluzione ci sarà il motivo...La natura è la cosa più perfetta che c'è, forse l'unica! Vogliamo davvero sostituirci ai suoi processi? Bhè non ci riusciremo mai e soprattutto, le catastrofi ambientali lo testimoniano, è un'arma mortale!!!
Senza voler fare della retorica, LEGGETE "IL SECOLO BIOTECH" di Jeremy Rifkin. chi è a favore degli OGM, forse ne capirà un po' di più e probabilmente cambierà idea!

licia Podda 30.11.05 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe! belin io non capisco come si possa voler mangiare cose che non sai se ti faranno male tra 10 anni! ci sono gia mille cosa che siamo sicuri che ci faranno male e continuano ad esserci (esempio su tutti l'inquinamento)!!!

I referendum si chiedono con un tot di firme giusto? allora organizza una raccolta di firma dal forum e facciamo sentire concretamente la nostra opinione!!!

tu scrivi:

"Non credo che ci sia un solo italiano sano di mente che non desideri chiudere questi campi e mandare a casa le aziende OGM."

belin è vangelo questo!!! non solo io aggiungo : non credo che ci sia un solo italiano sano di mente che non voglia sapere se cio che mangia o cio che ha mangiato quello che sta mangiando, non sia geneticamente modificato!!!

RE FE REN DUM
RE FE REN DUM!!!!


Giuseppe Stura 30.11.05 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Condivido in pieno la tua soluzione, Beppe.


Gianpaolo

Gianpaolo D'Ignazio 30.11.05 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Voglio scrivere un altro commento, visto che si leggono certe minchiate...
Non è che modificando il codice genetico di una specie vegetale possiamo far crescere quello che ci salte in mente, cioè non è che posso far crescere le banane in siberia o i baobab rampicanti. Come non può venire un coniglio colle squame o una vacca con le pinne.
Perciò non tirate in ballo improbabili vantaggi per il terzo mondo perchè nel sahara gli ortaggi non ci verranno MAI. Senza contare che nutrire l'umanità a sedani e lattuga sarebbe una bella impresa (grano, riso ecc. non sono ortaggi).
Ho letto pure uno che voleva modificare la canna da zucchero per farla crescere da noi (suppongo per farci l'alcool per far camminare le macchine), mettendolo per altro in quel posto ai paesi produttori del sud del mondo: e perchè? Se si volesse fare questo avremmo l'ottima barbabietola NON modificata, solo che nessuno vuole far andare le automobili ad alcool.

Andrea Brizzi 30.11.05 14:32| 
 |
Rispondi al commento

PER PAOLA ZAMBARDI

A me pare che se di delirio si deve parlare, questo riguarda tutti i portabandiera di questo ecologismo da bar sport.

E non avendo argomenti, la maggior parte di voi ecocatastrofisti, oltre a dare giudizi meramente etici e quasi mai scientifci, tira fuori gli interessi economici, veri o presunti che siano, di alcuni. Allora, chiariamoci per benino le idee... tra le grandi aziende, c'è chi ha un enorme interesse a far si che vi sia la possibilità di utilizzare OGM, così come ci sono gruppi che hanno enormi interessi contrari. Il punto non è questo. Il punto è stabilire quanto i LEGITTIMI e SACROSANTI interessi di alcuni privati coincidano o contrastino con gli interessi di tutti. Personalmente penso che gli OGM rappresentino una straordinaria opportunità per tutta l'umanità e l'unico campo sul quale farei una battaglia seria, semmai, è quello di una più giusta e corretta informazione. Per altro, la messa al bando degli ogm, significherebbe semplicemente consegnare queste opportunità a gruppi di interesse clandestini. I danni causati dal proibizionismo sulle droghe non vi bastano??

pino brizzolara 30.11.05 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Roberto Vignoli,
sono un giovane agronobiotecnologo che lavora con OGM, è vero che alcuni scienziati sono contro gli OGM ma posso garantire che quasi la totalità è a favore di uno studio obiettivo ed imparziale credendo alle grandi potenzialità di questo strumento. Quasi tutti i punti elencati da lei non sono supportati da ricerca scientifica in realtà gli studi fatti hanno dimostrato il contrario. L'agricoltura sostenibile è un traguardo importante su cui ci si sta finalemente orientando. Come crede praticamente di perseguire questi obiettivi? Sono curioso

Gaetano Distefano 30.11.05 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Giovanni Giovanni!!!!! Io sono di una citta di mare e da qui sono partite tante navi Per l'argentina(a quei tempi non c'erano i bond) per il venezuela etc .E da questi moli partivano con le pezze al sedere ITALIANI Hai capito BENE???? ITALIANI con le pezze al culo e non andavano a lavorare come dirigenti di impresa ma andavano a cercare FORTUNA perche qui facevano la fame enon credo che nessuno dei " nostri" non abbia mai fatto delle marachelle non credi?????Forse oggi c'e' un giobatta maggiolo o un giseppe parodi italoamericano che vive la sua vita decentemente grazie ad un processo di integrazione sicuramente lento ma che non si velocizza di certo "sbattendo il mostro in prima pagina"noi abbiamo BISOGNO degli "stranieri"La tua pensione che tu lo voglia o no sara' pagata da un equadoriano o da un senegalese questa e' la realta' delle cose accettiamola!!!!!

gian paolo cama 30.11.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
vorrei chiederti cosa ne pensi delle "chemtrails" le così dette scie chimiche.

Chiedo a te perchè c'è pochissima informazione in giro. Ho trovato articoli in rete che spiegano qualcosa ma niente di più. I quotidiani non ne parlano, i politici negano la loro esistenza.

http://www.mistic.it/dossierclima/sciechimichenew.htm
(In questo articolo inoltre c'è una bellissima frase di Papa Wojtyla riguardante il mondo in cui viviamo)


Ti ringrazierei se potessi rispondere tramite il Blog dando una tua spiegazione correlata da informazioni e link utili per una migliore comprensione dell'evento.

Spero di avere una tua risposta.

Grazie

Andrea da Milano 30.11.05 13:26| 
 |
Rispondi al commento

ANCHE LA SCIENZA E' CONTRO GLI OGM.
Sintetizzo qui i risultati di "Liberi da Ogm", il più importante studio di scienziati indipendnenti sugli OGM (potete leggerlo qui: http://www.complessita.it/ogm/)

Perchè no agli OGM?
1. Le colture GM non hanno portato i benefici promessi
2. Le colture GM pongono problemi crescenti all'agricoltura
3. Un'estesa contaminazione da transgeni è INEVITABILE
4. Le colture GM non sono sicure
5. I cibi GM sollevano gravi preoccupazioni circa la loro sicurezza
6. Geni per prodotti pericolosi sono incorporati in piante transgeniche alimentari
7. Le colture Terminator diffondono tra le piante la sterilità maschile
8. I diserbanti ad ampio spettro sono altamente tossici per gli esseri umani e per le altre specie animali
9. L'ingegneria genetica genera supervirus
10. Il DNA transgenico presente nei cibi viene assorbito dai batteri a livello dell'intestino umano
11. C’è rapporto tra DNA transgenico e cancro
12. Rende più probabile e frequente il trasferimento orizzontale dei geni
13. E’ una storia fatta di falsità e occultamenti di prove scientifiche
In conclusione, le colture GM non hanno portato i benefici promessi e stanno ponendo all'agricoltura problemi sempre più gravi.
LA CONTAMINAZIONE DA TRANSGENI È OGGI UN DATO DI FATTO AMPIAMENTE RICONOSCIUTO COME INEVITABILE, quindi NON PUÒ ESSERVI COESISTENZA tra agricoltura GM e non-GM.

Cosa più importante di tutte, la sicurezza delle colture GM non è mai stata provata.

Al contrario, le prove già emerse sono sufficienti a suscitare serie preoccupazioni circa i rischi posti dagli OGM, rischi che se ignorati potrebbero provocare danni irreversibili alla salute e all'ambiente.
LA COSA PIÙ OPPORTUNA SAREBBE QUINDI RESPINGERE E METTERE IMMEDIATAMENTE AL BANDO LE COLTURE GM.
Perchè Sì all'agricoltura sostenibile?
14. Produttività e rese maggiori, soprattutto nel terzo mondo
15. Miglioramento dei terreni
16. Ambiente più pulito
17. Riduzione degli antiparassitari, senza aumento dei parassiti
18. Mantenimento e utilizzo della biodiversità
19. L'agricoltura biologica è sostenibile sia dal punto di vista dell'ambiente che dell'economia
20. Effetti positivi sui cambiamenti climatici, tramite la riduzione del consumo diretto e indiretto di energia
21. Produzione efficiente, ad alto profitto
22. Aumento della sicurezza alimentare e dei vantaggi alle comunità locali
23. Prodotti alimentari migliori per la salute

Roberto Vignoli 30.11.05 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Il Signoraggio indica l'insieme delle entrate derivante dal battere moneta. Il termine deriva dalla parola neolatina "signore". Oggi questo diritto appartiene allo Stato e nell'ambito delle moderne scienze economiche la stessa parola, signoraggio, indica il reddito monetario dato dalla differenza tra gli interessi percepiti sulle attività e il costo, modesto, di produzione delle banconote.
Il reddito da signoraggio, cioè la differenza tra valore nominale della moneta e costi di produzione, percepito dalla Banca d'Italia e dalle altre banche, è indebito e deve essere restituito ai cittadini, è quanto deciso dal Giudice di Pace di Lecce, nella sentenza del 26.09.2005. "Risulta” - si legge nella sentenza - "che solo il 5% è posseduto dall'INPS (Ente pubblico) e il restante 95% appartiene a privati, Gruppo Intesa, Gruppo San Paolo Imi, Gruppo Assicurazioni Generali, Bnl, ecc.."
Le banche centrali e quindi la Banca d'Italia non sono proprietarie della moneta che emettono e su cui, illecitamente e senza una normativa che glielo consente, percepiscono interessi grazie al tasso di sconto, prestandolo al Tesoro.
La questione è assurda solo ove si pensi che la stessa Banca d'Italia nel suo statuto all'art. 3, comma 3, così recita: "Le quote di partecipazione possono essere cedute, previo consenso del Consiglio superiore, solamente da uno ad un altro ente compreso nelle categorie indicate nel comma precedente. In ogni caso dovrà essere assicurata la permanenza della partecipazione maggioritaria al capitale della banca da parte di enti pubblici o di società la cui maggioranza delle azioni con di enti pubblici o di società la cui maggioranza delle azioni con diritto di voto sia posseduta da enti pubblici". MDC invita i cittadini a rivolgersi all’Associazione per inoltrare la richiesta delle somme indebitamente percepite. E’ possibile con E’ possibile contattare il numero 329 6860517 (sempre attivo) oppure scrivere all’e-mail: alessandropatrzi@mdc.it

Robert Alk 30.11.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

X Marco Zinni,
di letture nel mio lavoro ne faccio abbastanza anche per arrivare a crearmi una opinioneche sosteniene i vantaggi che oggi si ottengono con l'utilizzo degli OGM. Credo che aggiungere non faccia male e sicuramente qualche verità uscirà anche da altri libri. Non credo come ho specificato che gli OGM siano una soluzione a tutto. OGGI il primo problema vero è la INACCESIBILITà all' ACQUA da parte di milioni di persone. Gli OGM sono tecnologia utile che permetterà entro pochi anni di produrre farmaci a bassissimo costo. Credo che questa sia una conquista dell'umanità. Come il ridimensionamento dell'ABuso e non uso di sostanze chimiche in agricoltura. Consiglio la lettura dell'ultimo libro di Francesco Sala
ciao

Gaetano Distefano 30.11.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

E' molto tenera quasi infantile, questa difesa a priori dell'OGM che molti addetti ai lavori manifestano in questo forum. Se potessero si accorgerebbero di quanta "scienzocrazia" c'e' nel loro atteggiamento mentale che interpreta una obiezione strutturata come un divieto teologico alla pratica scientifica. Nessuno mette in dubbio la "buona volonta'" del singolo ricercatore, il suo diritto-dovere a lavorare e gli alti scopi filantropici di un laboratorio piuttosto che un altro, ci sono aspetti e considerazioni pero' che nel caso della tecnologia genetica legata alla alimentazione umana, vanno abbondantemente oltre la singola visione del singolo. Gli OGM devono restare competenza del tecnico fin quando rimangono nel chiuso del laboratorio o della serra, nel momento in cui pero' diventano produzione agricola su scala industriale ad elevato impatto ambientale-economico, il tecnico dovrebbe ammettere la sua non pertinenza e rimettersi al giudizio di chi possiede visioni diverse ed ottiche piu' globali.
Fermi mise a punto la pila atomica. Una potenza quasi inesauribile a servizio della societa' civile. Non si preoccupo' molto delle problematiche di smaltimento delle scorie derivate e della sicurezza intrinseca di un impianto industriale, non era giustamente il suo lavoro e non ne aveva le conoscenze, ma a parer suo e di molti contemporanei la pila rappresentava uno step di progresso enorme per la produzione di energia elettrica su larga scala.
Solo qualche decennio piu' tardi le centrali non si costruiscono praticamente piu'. Fermi era stato un coglione? Certamente no! Non aveva il diritto di scoprire la pila? Per carita di Dio!
Semplicemente quella che puo' sembrare una idea rivoluzionaria all'inizio puo' rivelarsi invece zoppa ad analisi successive.
Questa attivita' di innovazione scientifica-tecnologica comporta sempre dei rischi che devono essere valutati: a volte sono trascurabili, a volte invece, come nel caso della pila di Fermi e degli OGM, molto seri.

Uwe Timm 30.11.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, prendendo spunto dal tuo odierno articolo sui piselli OGM, non ho potuto fare a meno di scriverti in merito ad un argomento che mi sta molto a cuore e, che in un certo senso è strettamente correlato.
Pochi sanno, se non quasi nessuno, che la legge 165/91 voluta dal nostro allora dipendente De Lorenzo, obbliga i cittadini italiani, in tenera età, verso i tre mesi dalla nascita, alla vaccinazione “antiepatite b” che dovrebbe permettere agli infanti di non ammalarsi di tale malattia, trasmissibile come noto, tramite contatto sessuale, di saliva o di sangue infetti. Voglio tralasciare commenti superflui sulle probabilità che hanno i bimbi di essere contagiati e giungo al succo del problema, e cioè che, tutti i vaccini presenti sul mercato sono di due tipologie: emoderivati (non più utilizzati) oppure a DNA ricombinante (prodotto da ingegneria genetica e quindi OGM).
Questo significa che ogni bambino, cittadino italiano, è costretto per legge a farsi iniettare tre dosi di un vaccino proveniente da manipolazioni genetiche.
Trovi i foglietti illustrativi dei vaccini Infanrix exa della Glaxo Smithkline e del vaccino Hexavac della Aventis Pasteur sul sito www.vaccinetwork.org e sono sicuro che li troverai molto chiari ed espliciti.
Dott. Marino Ceppa

Marino Ceppa 30.11.05 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, prendendo spunto dal tuo odierno articolo sui piselli OGM, non ho potuto fare a meno di scriverti in merito ad un argomento che mi sta molto a cuore e, che in un certo senso è strettamente correlato.
Pochi sanno, se non quasi nessuno, che la legge 165/91 voluta dal nostro allora dipendente De Lorenzo, obbliga i cittadini italiani, in tenera età, verso i tre mesi dalla nascita, alla vaccinazione “antiepatite b” che dovrebbe permettere agli infanti di non ammalarsi di tale malattia, trasmissibile come noto, tramite contatto sessuale, di saliva o di sangue infetti. Voglio tralasciare commenti superflui sulle probabilità che hanno i bimbi di essere contagiati e giungo al succo del problema, e cioè che, tutti i vaccini presenti sul mercato sono di due tipologie: emoderivati (non più utilizzati) oppure a DNA ricombinante (prodotto da ingegneria genetica e quindi OGM).
Questo significa che ogni bambino, cittadino italiano, è costretto per legge a farsi iniettare tre dosi di un vaccino proveniente da manipolazioni genetiche.
Sto parlando di Hexavac della società Aventis Pasteur e dell'Infanrix exa della Glaxo Smithkline, trovi i foglietti illustrativi su www.vaccinetwork.org i quali sono molto espliciti e parlano da soli.
Dott. Marino Ceppa

Marino Ceppa 30.11.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Il mercato distruggerà il mondo. Forzare le leggi fini e geniali che regolano la natura è idiota. E' forse pensabile chesi ipedisca a degli organismi( quali essi siano non importa, odio il "bambismo") di convivere con noi. Certo non dobbiamo vivere o morire di fame per degli insetti, parassiti,locuste che siano, ma è impensabile distinguere gli esseri viventi in dannosi e utili: è un'azione bigotta, degna dell'ottusa religiosità del comodo guadagno, e, soprattutto, è manifestazione di ignoranza delle leggi scentifiche e naturalistiche. Bisognerebbe arrivare a capire che ogni essere vivente è qui per un motivo, ha un preciso posto nell'equilibrio del nostro ecosistema. E' idiota impostare la ricerca per sconfiggerli e non per conviverci. Nello specifico, se si tolgono ettari ed ettari di nutrimeto ai "mangiatori di piselli", considerando che le coltivazioni occupano gran parte del territorio ed il resto è per lo più cemento,cosa mangeranno i mangiatori dei mangiatori di piselli.
Non importa se l'anno prossimo ci saranno meno legumi, li mangeremo meno pagandoli di più, magari non ogm e liberi da schifezze chimiche. Me ne frago delle grosse "inscatolatrici" e dei loro piani produttivi. La vera rivoluzione è quella di consumare con inteliggenza, costringendo le multinazionali a puntare sulla qualità, e non sullo schifo purchè economico. Mangiamo meglio, meno e paghiamo la qualità, senza per questo sentirci stupidi. Lavorare per mangiare bene, non mi sembra meno inteliggente di lavorare per comperare l'ultimo modello della Nokia.

fabio ricci 30.11.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Il mercato distruggerà il mondo. Forzare le leggi fini e geniali che regolano la natura è idiota. E' forse pensabile chesi ipedisca a degli organismi( quali essi siano non importa, odio il "bambismo") di convivere con noi. Certo non dobbiamo vivere o morire di fame per degli insetti, parassiti,locuste che siano, ma è impensabile distinguere gli esseri viventi in dannosi e utili: è un'azione bigotta, degna dell'ottusa religiosità del comodo guadagno, e, soprattutto, è manifestazione di ignoranza delle leggi scentifiche e naturalistiche. Bisognerebbe arrivare a capire che ogni essere vivente è qui per un motivo, ha un preciso posto nell'equilibrio del nostro ecosistema. E' idiota impostare la ricerca per sconfiggerli e non per conviverci. Nello specifico, se si tolgono ettari ed ettari di nutrimeto ai "mangiatori di piselli", considerando che le coltivazioni occupano gran parte del territorio ed il resto è per lo più cemento,cosa mangeranno i mangiatori dei mangiatori di piselli.
Non importa se l'anno prossimo ci saranno meno legumi, li mangeremo meno pagandoli di più, magari non ogm e liberi da schifezze chimiche. Me ne frago delle grosse "inscatolatrici" e dei loro piani produttivi. La vera rivoluzione è quella di consumare con inteliggenza, costringendo le multinazionali a puntare sulla qualità, e non sullo schifo purchè economico. Mangiamo meglio, meno e paghiamo la qualità, senza per questo sentirci stupidi. Lavorare per mangiare bene, non mi sembra meno inteliggente di lavorare per comperare l'ultimo modello della Nokia.

fabio ricci 30.11.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

La natura ha fatto le cose per bene per milioni di anni e adesso queste multinazionali (per la "ricerca" dicono... ma sovvenzionati da multinazionali che hanno il solo interesse d'arricchirsi)vengono a stravolgere il codice genetico per vedere se si può fare "qualcosa di meglio".
Vengono a romperci i c*******!
é possibile che debbano creare le malattie per poi venderci il farmaco? Farmaco che magari non cura ma che una volta preso ti "incanala" in un circolo vizioso di "dipedenza"...
Fuori dalle palle!

Adriano Perrone Commentatore in marcia al V2day 30.11.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento

L'introduzione degli OGM nella catena alimentare ben venga, per un motivo IMPORTANTISSIMO:
- la modifica del patrimonio genetico di un organismo vegetale, atto a renderlo piu resistente verso insetti ed agenti atmosferici , non può far altro che un bene verso l'umanità, perchè questo significherebbe eliminare tutti, ma proprio tutti i trattamenti antiparassitari con cui vengono bombardati la maggior parte dei prodotti vegetali, dalla semina fino alla raccolta, e come se non bastasse anche dopo la raccolta, per la conservazione.
...
E questo tipo di ricerca chi lo potrebbe finanziare ??... il CONTADINO, cosi' non sarebbe costretto ad acquistare gli antiparassitari ....!!!!!!

Postato da: Massimo D.T. il 30.11.05 11:48

Perchè allora, in alcuni casi, l'uso di antiparassitari con gli OGM è addirittura aumentato? E perchè le multinazionali produttrici di OGM gli antiparassitari li vendono in coppia con le sementi transgeniche?

Perchè i contadini dovrebbe pagare la ricerca degli OGM che sono rifiutati dalla stragrande maggioranza delle persone (in Europa si aprla del 70-75%)?
Ammesso e NON concesso che l'OGM riesca a fare a meno degli antièparassitari, resta il problema invece che il contadino si deve pagare le sementi OGM (ben più care delle sementi tradizionali) e poi ricomprarsele prima di ogni semina.

Ben venga per le multinazionali forse...non per noi tutti!

Diego Margagliotta 30.11.05 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Per chi fosse interessato l'articolo di riferimento dell'esperimento condotto sui piselli OGM è il seguente:

Transgenic Expression of Bean -Amylase Inhibitor in Peas Results in Altered Structure and Immunogenicity

Prescott, V. E.; Campbell, P. M.; Moore, A.; Mattes, J.; Rothenberg, M. E.; Foster, P. S.; Higgins, T. J. V.; Hogan, S. P.;

J. Agric. Food Chem.; (Article); 2005; 53(23); 9023-9030.

Carola Lauritano 30.11.05 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Io sono per la liberta' di coltivazione e la liberta' di informazione sull'argomento. Informazione che pero' deve essere fatta e, soprattutto, percepita da entrambe le parti.

Davide

Postato da: Davide Cittaro il 30.11.05 10:14

Bene Davide, siamo tornati sulla questione della libertà. Come garantiamo allora la libertà di coltivazione di colture tradizionali e biologiche? La coesistenza è di fatto impossibile, perchè i pollini vengono trasportati dal vento e dagli insetti. Si sono già verificate diverse contaminazioni (basta fare un giro su www.greenplanet.net). Addirittura in alcuni porti dove sono state effettuate operazioni di scarico di OGM (e successivo trasporto) sono state trovate contaminazioni a 30 km di distanza. La differenza sta nel fatto che le colture transgeniche possono contaminare le vicine colture biologiche o convenzionali, ma il contrario non può succedere. La contaminazione, quando avviene, è a senso unico. Allora, chi risarcisce per es. l'agricoltore biologico che ha subito contaminazioni da OGM? Le multinazionali? O l'agricoltore che ha comprato e coltivato le sementi OGM? E ricordiamoci che oltre al raccolto contaminato c'è anche il terreno contaminato, e per quanto tempo lo sarà ancora? Per quanto tempo quell'agricoltore non potrà coltivare biologico? E se vende i suoi prodotti con certificazione biologica la certficazione va a pa quel paese. Poi magari l'ente di certificazione non vorrà più certificare l'agricoltore anche quando il terreno sia stato bonificato. E magari anche altri enti di certificazione non vorranno certificare a causa del precedente. Insomma, chi ha da perderci è chi coltiva non transgenico.

diego Margagliotta 30.11.05 12:00| 
 |
Rispondi al commento

beh, storie di piselli...poveri topi..non esiste poi che gli svizzeri sono più intelligenti di noi

Udo Janzen 30.11.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

nel dna ci sono meccanismi tali che se questi si accorge di un errore nell sua riproduzione si autocorregge . noi forziamo questa legge in modo da creare cose che la natura non prevede. ci dicono che gli ogm sono solo mutazioni genetiche che avvengono comunque anche in natura e che gli scienziati non fanno altro che rendere tali mutazioni mirate ai loro scopi. beh è sbagliato, le ultime scoperte di biologia , smentendo in parte la teoria di darwin, affermano che nella natura delle cose c'è una intelligenza che indirizza l'evoluzione, e con essa le mutazioni genetiche e non è semplicemente l'adattamento all'ambiente.
e' come se ci fossero nella materia gia le istruzioni per un determinato tipo di evoluzione, non è il caos che comanda ma una certo disegno (divino? non so!)
che spinge le creature a svilupparsi in una precisa direzione.
badate bene questa è scienza non religione, infatti credo che, le 3 maggiori religioni monoteistiche del pianeta con la loro spinta verso la "vita umana sacra" ovvero la riproduzione sconsiderata della nostra specie ci stiano portando rapidamente all'autodistruzione.

filippo valori 30.11.05 11:50| 
 |
Rispondi al commento

L'introduzione degli OGM nella catena alimentare ben venga, per un motivo IMPORTANTISSIMO:
- la modifica del patrimonio genetico di un organismo vegetale, atto a renderlo piu resistente verso insetti ed agenti atmosferici , non può far altro che un bene verso l'umanità, perchè questo significherebbe eliminare tutti, ma proprio tutti i trattamenti antiparassitari con cui vengono bombardati la maggior parte dei prodotti vegetali, dalla semina fino alla raccolta, e come se non bastasse anche dopo la raccolta, per la conservazione.
Gli antiparassitari e conservanti sono farmaci con effetti non testati sull'uomo ?! Che pensate dove vadano a finire i metaboliti di queste sostanze !??
Gli unici non contenti degli OGM sono le industrie farmaceutiche: e capite bene il perchè ??!!
N.B: naturalmente gli OGM devono essere ottenuti seguendo i criteri rigidi della sperimentazione medico-scientifica. E se fino ad ora non abbiamo ottenuto ancora niente è perchè se non c'è chi finanzia non c'è ricerca !! E questo tipo di ricerca chi lo potrebbe finanziare ??... il CONTADINO, cosi' non sarebbe costretto ad acquistare gli antiparassitari ....!!!!!!

Massimo D.T. 30.11.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Siamo giustamente contrari agli OGM.
Ma perchè dovremmo essere favorevoli alle manipolazioni dei cellule umane, staminali ed embrioni?

GIOVANNI BLASI 30.11.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè meravigliarci, l'ho già scitto una volta e lo ripeto, nei paesi poveri muoiono di fame e nei paesi ricchi si muore di progresso, è la selezione naturale. Viva la Vita!!!

gabriella trabattoni 30.11.05 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono consapevole che i problemi in questione sono complicati e dunque servirebbe una adeguata preparazione tecnica per parlarne con cognizione di causa, ma a volte per far sì che qualcuno ci faccia riflettere non è necessario sapere troppe cose ma solo il metodo che viene usato per diffondere le notizie.
Purtroppo in Italia le notizie non vengono diffuse o se vengono diffuse questo viene fatto ad arte per confondere e creare fazioni che si scontrano a favore o contro a qualcosa; quarda caso quando si leggono le classifiche fatte da qualche organizzazione straniera seria, sulla nostra libertà di informazione e sulla indipendenza del giornalismo Italiano si scopre che la nostra capacità critica su quello che ci succede intorno non può che essere ché condizionata, dato che la maggior parte dei giornalisti Italiani vengono "foraggiati" per schierarsi di volta in volta in questo od in quel senso.
Iu un certo senso mi fa piacere che l'editoria Italiana sia in crisi da sempre, questo potrebbe vuoler dire che gli Italiani sono consapevoli di essere presi per il culo e cercano di difendersi non comprando i giornali e non guardando i TG, spero che tutti i giornali, le testate giornalistiche di qualsiasi tipo ed i vari Direttori, si accorgano che chi darà solo le notizie in maniera OGGETTIVA, senza voler per forza mettere enfasi per far apparire le cose in un'altro modo per far piacere al proprio datore di lavoro, sarà senz'altro passibile che possa essere considerato un reazionario, ma secondo me, la verità e la libera informazione, sono indispensabili per consentire una corretta formazione di quella opinione pubblica che consente ad un popolo la partecipazione alle scelte politiche in modo corretto e costruttivo. Non lasciamo decidere per noi nessuno, dobbiamo pretendere di essere informati e di decidere per nostro conto.
Sia se acquistare o no un prodotto OGM, o un'altro prodotto in un determinato posto.
Mandiamo a casa chi vuol decidere per noi!!

Daniele Giraldi 30.11.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Se vogliamo continuare a moltiplicarci come conigli, cari miei, gli OGM sono una delle innovazioni che ci toccherà accettare. Prendiamocela piuttosto con chi ci obbliga a ricorrere ad essi: e qui la lista è lunga, e comincia con le religioni, i partiti di massa e, perchè no, anche qualche riccazzo che vuol essere ancora più pasciuto.
Personalmente, comunque, non me ne faccio alcun problema. E sono convinto che noi gli OGM ce li stiamo mangiando da tempo immemorabile.
Ricordo un periodo in cui le uova erano smorte e non sapevano più di niente: ora sono quasi rosse, cremose e saporitissime. Lo stesso dicasi per i pomidoro.
Io, non me ne vergogno, ME NE FREGO E MI GODO I VANTAGGI.
Scoprirò un giorno che mi sono sbagliato? Quando sarà troppo tardi per un ripensamento?
Eh, pazienza! Nessuno è destinato a campare in eterno. Oltretutto, questa cagarella generale di fronte a un pericolo solo ipotetico, non è che faccia molto onore al genere umano.

giuseppe ricci 30.11.05 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Per chi non lo sapesse, qui si studiano i tanto temuti OGM :

http://www.fondazionecassamarca.it/catron/icgeb/index.htm

Sebastiano Rossi 30.11.05 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe interessante poter leggere l'esperimento e non semplicemente quanto riportato. Per quanto apprezzi Beppe Grillo non posso fare a meno di polemizzare con lui sugli OGM (almeno per il fatto che un po' me ne dovrei intendere). Invito a pubblicare l'URL che rimanda all'articolo relativo a questo esperimento. Gia' in passato alcuni esperimenti condotti per testarne la sicurezza alimentare hanno rilevato problemi e i media pecoroni sono andati giu' pesante. Una lettura approfondita degli esperimenti avrebbe rivelato che la causa dei tumori intestinali dei topi (caso Puzstai) erano dovuti a proteine (lectine) presenti anche nell'alimento originale e non introdotte con la modifica genetica.
Io, per conto mio, mi sono occupato di sicurezza di mais Bt e non ho potuto vedere nessuna reazione nelle mucche in esperimento. Il bello e' che alcuni dei miei "superiori" hanno voluto interpretare i dati ottenuti in maniera che fosse plausibile il danno agli animali.
Io sono per la liberta' di coltivazione e la liberta' di informazione sull'argomento. Informazione che pero' deve essere fatta e, soprattutto, percepita da entrambe le parti.

Davide

Davide Cittaro 30.11.05 10:14| 
 |
Rispondi al commento

L'estensione letterale "organismo geneticamente modificato", mi fa venire i brividi.
Ammetto che sono queste le cose della nostra epoca e del nostro mondo che mi fanno paura, molto più dei fantomatici terroristi internazionali.
Per rispondere al Sig. Pino Brizzolare, sarei d'accordo con la "sicurezza" e il "controllo" sugli ogm di cui parla Veronesi, se dietro non ci fosse l'interesse delle multinazionali e quindi "soldi" e "interessi privati".
E, mi si perdoni la presunzione, ma sono certa che il buon Veronesi non assaggerebbe neanche un chicchetto di mais transgenico.......

Mi chiedo solo.....come salvarsi da questo delirio???

paola zambardi 30.11.05 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Ci vorranno decenni prima di capire se gli OGM sono o meno sicuri. Io cerco di starne alla larga perchè di sicuro nel 2019 salterà fuori il solito congresso medico dove confermeranno la tesi che gli OGM sono deleteri per il genere umano... tumori, modificazioni al feto ecc ecc.
E diranno... ci siamo sbagliati, anzi, >!!!

Paolo Pezzetti 30.11.05 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Certo che quando qualcuno ha in testa un'idea, anche davanti all'evidenza continua a sproloquiare. Gli OGM vengono prodotti dalle ditte per farsi i $$$ ! Chiaro ???? La filantropia non è il loro settore ! Nel mondo abbiamo eccedenze agricole, e la povertà non è colpa del clima o dell'agronomia, ma dei disastri sociali dell'economia !!. Che continui pure la sperimentazione, ma prepariamoci a numerosi altri errori e soprattutto, piantiamoci in testa che servono solo alle ditte per farsi $$$. Lo avete capito o no che l'unica cosa che interessa è brevettare forme di vita concorenziali. Mamma mia, qua sembra che la ame nel mondo sia colpa del mais che non viene su bene !! Driin driin, sveglia.

Marco Bona 30.11.05 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo gli svizzeri così vicini: potremmo imparare qualcosa da loro, e non mi riferisco solo agli ogm ma alle questioni sociali e politiche. In Svizzera da sempre ci sono servizi pubblici invidiabili: COPIAMOLI!!!! Facciamo i cinesi in qualcosa di utile, copiamo dai migliori!!!! Non restiamo nel nostro ghetto feudale dominato dai nostri tristi principi magnaccioni,

Paolo Borin

Paolo Borin 30.11.05 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Volevo solamente aggiungere una cosa. Fin dalla nascita della scienza, la gente comune ha ostacolato il progresso per le paure che questo poteva portare, salvo poi dopo alcune decine di anni non poter fare a meno dell'innovazione. Anche l´uso delle staminali embrionali potrebbe portare a grossissimi problemi etici e di sfruttamento, eppure alcune cose sono buone e altre cattive, di solito solamente in base alla pubblicità che ricevono. Esempio pratico in Italia è stato il "cattivissimo" nucleare, che ora, visto che il petrolio è diventato ancora più cattivo, torna ad essere buono e la panacea per il futuro dell´energia. Invece di lamentarci del buono o cattivo e di bloccare sul nascere le tecnologie che "riteniamo" senza avere dati precisi, pericolose, salvo poi pentirci, non sarebbe meglio regolamentare per bene la ricerca in questi campi e valutare solo a "prodotto finito" vantaggi e svantaggi. Non chiudiamoci le porte per il futuro, mettiamoci un buon portiere per fare entrare solo quello che veramente ci può aiutare.
Sempre con rispetto delle idee altrui,
Gabriele Borra

Gabriele Borra 30.11.05 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un biologo e per un pò di tempo ho lavorato di persona con gli OGM. Mi dispiace molto di vedere tutta questa demonizzazione. Personalmente credo che gli OGM siano un aspetto del progresso. In Italia ad esempio le biotecnologie potrebbero salvare molte specie vegetali DOC e DOP (pomodoro San Marzano,riso Carnaroli...) che altrimenti rischiano di non essere più coltivate perchè troppo sensibili ai mutamenti climatici (aumento della temperatura e della salinità dei suoli). Le biotecnologie possono anche portare a ridurre l'uso di pesticidi chimici, per dirne un'altra. Credo che nascondersi dietro un generico "indietro satana", o dietro il qualunquismo della signora della pubblicità della COOP "niente roba tipo OGM o che so io" sia sbagliato. Credo che invece sia giusto valutare, con la ricerca, il rapporto rischio/beneficio di ogni innovazione, come giustamente è stato fatto in Australia.

Alberto

Alberto Girardi 30.11.05 09:49| 
 |
Rispondi al commento

questo è un brave articoletto che postai sul mio BLOG un po' di tempo fa...

www.miodiomiami.splinder.com

credo sia interessante...

OGM. Organismi Geneticamente Modificati. Molte sono state le disquisizioni attorno a questa strana pratica entrata in voga da qualche tempo. C’è chi dice sia il futuro dell’umanità, dove anche l’africano potrà coltivare le piantina più fragili nella arida terra del suo continente, c’è chi dice facciano male alla salute.

Intanto si continuano a fare ricerche; i giapponesi creano pesci fosforescenti, progettano pomodori cubici per diminuire gli spazi vuoti all’interno dei blocchi da trasporto.

Io, leggendo in giringiro, mi sono fatto delle idee.

Dicono che non faranno male alla salute, dicono...

Non faranno male alla salute, ma di sicuro faranno male all’economia.

Come, direte voi.

Bhè, semplice.

Gli organismi OGM, quelli già prodotti, possono essere coltivati in condizioni climatiche sfavorevoli altrimenti all’ortaggio in questione, ma ad una condizione: che sia usato un concime particolare.

Inoltre, chi compra OGM, deve rinnovare il contratto ogni anno, nel senso che non può piantare legalmente semi comprati nel 2004 durante il 2005, pena, una sanzione bella tosta, caso accaduto in America.

Questo porta a due questioni.

-Sarà più facile coltivare;

-Ancora una volta, chi ha i soldi potrà permettersi di coltivare gli OGM.

Una volta, l’agricoltura era il mestiere più misero, che chiunque poteva fare. Anzi, proprio chi non poteva permettersi il lusso di un’istruzione DOVEVA rimboccarsi le maniche ed andare a zappare per campare.

Ora ci hanno tolto anche questo.

Volevo, intanto, tornare sulla questione del far mangiare tutto il mondo. Questo potrebbe avvenire anche ora, visto che le grandi case di produzione hanno silos e silos di alimenti in sovrapproduzione che vengono regolarmente gettati. Questo avviene perché, regalandoli, l’azienda perderebbe denaro.

Ciccio Formaggio 30.11.05 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Signor Grillo,
La ho sempre ritenuto una persona intelligente e che, a differenza di moltissimi altri, si batte per le cause giuste senza cercare un riscontro pubblicitario e/o pecuniario. Volevo solo farle presente che io mi ritengo un persona sana di mente nonostante pensi che gli OGM possano essere il futuro per un pianeta che si avvia ad avere più esseri umani sulla sua faccia di quanti possa realmente sostenerne: non credo che sarà a breve temine e sono convinto che prima di un utilizzo massiccio dovranno essere testtati a medio e anche a lungo termine (del resto in Australia hanno sospeso e eliminato tutto il progetto a fronte di un solo probabile problema... mi sembra molto etico e giusto... ed allora perchè evitare una strada buona e demonizzarla solo per un caso?). Credo nel rispetto delle opinioni di tutti e quindi anche nelle mie. Percui le chiedo di non offendere in futuro le persone che la pensano diveramente da lei, soprattutto su fatti che non sono attestati (non è provato, ne provabile da nessuno che gli OGM "fanno male" in assoluto).
Con rispetto,
Gabriele Borra

Gabriele Borra 30.11.05 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Enrico Pepli il 30.11.05 01:54

se la metti su questo piano, anche 20 anni di carcere di cambiano molto dal punto di vista psicofisico.... non staremo esagerando?

Luca Andreozzi 30.11.05 09:10| 
 |
Rispondi al commento

"Povera illusa! credi che il cibo in abbondanza renderebbe gli uomini migliori? Qualcuno si appropierebbe delle zucche giganti per lasciare ai poveri la fatica di coltivarle."

da: Il tesoro del bigatto

di Giuseppe Pederiali ed. scolastiche bruno mondadori.


Beh anche se è il diavolo che parla sono d'accordo con lui,l'africa non muore di fame per gli scarsi raccolti e così anche l'India non è in preda alla carestia, anche se si parla di territori molto estesi, con le dovute differenze, stiamo parlando di paesi dove i poveri soffrono lo sfruttamento e l'inquinamento dell'industria; dove è sbagliato anche parlare di povertà, meglio usare la parola miseria, poichè nella povertà c'è dignità umana, nella miseria no.
La scienza dovrebbe occuparsi di altri problemi e guardare ai disastri che la tecnologia associata allo sviluppo (non al progresso!) ha portato su questo pianeta.

leggetevi il libro è carino e istruttivo sono solo 200 paginette

Marco cortinovis 30.11.05 09:08| 
 |
Rispondi al commento

ho letto alcuni dei post riguardo ai piselli geneticamente modificati e mi e' venuto da pensare che solo il termine con cui vengono chiamati , non fa presagire niente di buono . Non discuto sulla buona fede di alcuni di questi scenziati e neanche sull'impegno profuso per queste ricerche pero', porca miseria, madre natura ci ha regalato frutta e verdura senza pesticidi e tanto altro ancora ed e'successo molte volte che i raccolti possano essere distrutti da parassiti , voglio dire che i nostri vecchi in tempi non troppo remoti hanno sempre mangiato quello che la terra donava loro e senza tante storie: loro la mela bacata la mangiavano ugualmente togliendo la parte andata a male ed era genuina . Cosa se ne farebbero oggi di una mela esteticamente perfetta che di tale avesse solo l'aspetto ma che si rilevasse nociva a lungo termine ? Biancaneve insegna........ ciao.

paolo ferrando 30.11.05 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, buongiorno,
perfetta, condivido pienamente e la rinvio a Tutti i miei Amici.
saluti.
ugo

ugo rabellino 30.11.05 09:06| 
 |
Rispondi al commento

E' per me, putroppo come al solito, incomprensibile che nonostante un opinione pubblica palesemente contraria non si siano ancora banditi questi maledetti OGM.

E' possibile che i contadini non sappiano più coltivare come una volta?

Siamo sopravvissuti migliaia di anni con i frutti della terra, che cavolo dobbiamo modificare?

Mauro Bevilacqua 30.11.05 09:04| 
 |
Rispondi al commento

1) L'OGM è una strada che e' stata intrapresa inizialmente da alcuni centri di ricerca indipendenti ( vedi il vecchio ENEA) per ottenere coltivazioni più produttive e meno costose. Lo studio si e' poi trasferito presso i centri di ricerca della grandi multinazionali della agricoltura che naturalmente hanno come obiettivo anche la crescita del profitto attraverso.

2) Una piantina modificata geneticamente e' caratterizzata da una sequenza genetica ( uno o piu' geni) leggermente diversa rispetto alla variante naturale dalla quale e' stata derivata.

3) Si possono generare in teoria infinite combinazioni della sequenza genetica, ma un numero assai limitato risulta compatibile con lo sviluppo e di questo una porzione ancora piu' ristretta da luogo ad una stabilita' ed a un successo di crescita. Se tutte le variazioni indotte dalla natura avessero stessa probabilita' di successo avremmo un mondo praticamente infinito nella sua varieta', mentre come sappiamo la varieta' e' grande ma comunque limitata.

4) Il corpo umano è in grado di grado di generare una resistenza ad un fattore specifico essenzialmente ricorrendo alla autoselezione.
Non si muore per un pomodoro non transgenico che si e' automodificato nei secoli perche' questo pomodoro non verrebbe piu' coltivato su larga scala o perche', vista la scala secolare dei tempi, esso verrebbe mangiato solo da persone in gardo di digerirlo ( un po' come accade per la peperonata!)

5) Il problema dell'OGM è che non c'è da parte della Comunità Scientifica una posizione condivisa perchè lOGM è una corsa all'oro e questo va a nostro descapito e perche' la comunita' scientifica non e' una entita' indipendente, non condizionata da interessi di parte.

Uwe Timm 30.11.05 09:03| 
 |
Rispondi al commento

consiglio a tutti di leggere un vecchio libro di Hans Ruesh , lo scrittore del "Paese dalle ombre lunghe" che si chiama "Imperatrice Nuda" dove sono riportati, con documentazione tutti i fatti e misfatti della nostra medicina, gli esperimenti su animali vivi, ma quel che è peggio su esseri umani e neonati...

rita marack 30.11.05 08:44| 
 |
Rispondi al commento

I topi che si sono nutriti di questi legumi hanno infatti contratto una malattia ai polmoni, ma la notizia non è completa:
hanno cominciato a ridere!
Si muore di polmonite, ma ridendo a crepapelle...

BORIS LONGOJEV 30.11.05 07:51| 
 |
Rispondi al commento

Ancora!!!!!!!
Quello che la natura a inventato in miglioni di anni
l'uomo lo vuole cambiare in un ventennio senza sapere gli effetti a lungo termine.
La malattia sono sempre i soldi meditate gente.
P.S. Un campo coltivato con piante geneticamente modificate puo interagire con il territorio circostante esistono studi in proposito e probabile
che ci sia in giro già qualche porcheria senza neanche saperlo.

di lella matteo 30.11.05 07:49| 
 |
Rispondi al commento

X Postato da: lando carlissian il 29.11.05 12:36

Se non ci credi... che te frega della notizia?
...perchè ti infastidisce?
perchè dici MEDIOEVO PROSSIMO VENTURO?
...tanto per te sono solo barzellette no?
Mike

Postato da: Mike Sangui il 29.11.05 12:46

-------------------------------

Mazza che logica del cazzo che hai !!

Purtroppo ci sono milioni di persone che ci credono e seguono questi cartomanti da strapazzo, e indirettamente, no anzi, direttamente influenzano anche me !!

lando carlissian 30.11.05 07:12| 
 |
Rispondi al commento

=================================================
Postato da: lando carlissian il 29.11.05 07:38

UN PRODOTTO GENETICAMENTE MODIFICATO NON E' OBBLIGATORIAMENTE DANNOSO!

Questa mancanza di libera informazione scientifica impedisce la creazione di una cultura comune tra chi opera nel settore sia come ricercatore sia come verificatore dei risultati ottenuti. Questo a oggi è il vero limite, quello più pericoloso, della ricerca e dell'applicazione degli OGM.

Postato da: Stefano Bisogni il 29.11.05 06:43


MANCANZA DI INFORMAZIONE? HAI DETTO NIENTE!!!!!
MI SA CHE, PER PARLARE IN QUESTO MODO, TU SEI SOTTO L'EFFETTO DI QUALCHE CIBO OGM E NEMMENO TE NE RENDI CONTO!!!
=================================================

Titolo: ECCO L'ESEMPIO DI UNO CHE PREFERISCE CREDERE CHE CAPIRE!!

Si sa che è difficile applicarsi e capire le cose. Se il Sig. lando carlissian l'avesse fatto, o se comunque ne avesse le capacità (ma dubito da quello che ha scritto), non avrebbe scritto la cretinata che ho riportato. Ripeto il concetto sperando che questo poco avveduto personaggio capisca.
1) L'OGM è una strada che gli scienziati stanno percorendo per ottenere coltivazioni più produttive e meno costose. Sig. Lando...fin qua ci siamo? Spero di si.
2) Una piantina modificata conterrà una composizione molecolare diversa da quella naturale (mi segue sig. Lando??)
3) Si possono generare infinite combinazioni (Sig. Lando... il concetto di infinite quantità è difficile per lei???)
4) Il corpo umano è danneggiato solo da alcune di queste combinazioni perchè se fosse il contrario moriremmo mangiando anche un pomodoro non transgenico che si è evoluto e automodificato nei secoli (evoluzione significa anche modificazione genetica... anche lei sig. Lando è frutto dell'evoluzione..haimè)
5) Il problema dell'OGM è che non c'è da parte della Comunità Scientifica una informazione condivisa perchè lOGM è una corsa all'oro e questo va a nostro descapito.
Sig. Lando CONOSCA e non creda!!

Stefano Bisogni 30.11.05 06:03| 
 |
Rispondi al commento

Postato da: Diego Margagliotta il 30.11.05 00:49
*************************************************

Vai Diego! Ecco l'esempio di un post intelligente!

Zeca Pagodinho 30.11.05 04:04|