Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

TAV, no grazie!


No Tav Venaus Val di Susa.jpg
foto: Venaus, Val di Susa da www.legambientevalsusa.it


“Non vogliamo le milizie nelle valli” hanno scritto sui cartelli gli abitanti della Val di Susa militarizzata dopo la protesta degli abitanti dei piccoli comuni montani contro il progetto dell’Alta Velocità.
Le ragioni di queste persone contano meno di zero, infatti nessuno gli ha chiesto PRIMA di avviare il progetto se erano d’accordo.

Sono loro che vivono lì e la loro voce è importante.
Rispondere con le forze dell’ordine è un errore.
I cittadini non possono solo subire le decisioni dello Stato, perché si dà il caso che lo Stato sono loro, anche se i nostri dipendenti in Parlamento non se ne sono accorti.

Qualcuno ha spiegato in un pubblico dibattito PRIMA agli abitanti della Val di Susa gli impatti ambientali, i benefici, i costi di questo progetto?
E qualcuno ha raccolto e valutato le loro opinioni?

Non possiamo continuare a imporre le decisioni come se fossero dettate sempre da interessi superiori.
Le persone contano.

E poi siamo così sicuri che i dipendenti Pisanu e Lunardi abbiano ragione e i valligiani torto?

Le segreterie e il coordinamento provinciale dei Vigili del Fuoco di Torino hanno riportato in documento ufficiale:

l’opera, così come è stata progettata nel suo percorso di realizzazione, rappresenti un serio pericolo per la popolazione e per l’ambiente.”

E’ sufficiente per protestare?

30 Nov 2005, 16:12 | Scrivi | Commenti (1972) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

state is protecting is more important than any project, since the people are not interested in it please their voice should be heard
unn.edu.ng

cynthia 18.04.13 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Il TAV è un'ingiustizia sia per noi sia per l'ambiente.

Dario Coman Commentatore certificato 11.05.12 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Basta fanno piangere questi politici che parlano in tv hanno un sacco di contraddizioni non si capisce piu niente e il bello che non si scusano nemmeno di prendere in giro la gente. invece di spendere soldi inutili per queste opere dove si sa che ci sono interessi nascosti. esempio potrebbero aggiustare le strade gia esistenti e linee ferroviare per tutta italia il popolo e malcontento creare posti di lavoro e tutte quelle misure per una rinascita del paese un po di buon senso . Appoggio i no tav e la maggioranza e con voi.

bruno 09.03.12 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Mi presento: sono un quasi ingegnere elettronico a cui, probabilmente, il potere costituito, dopo una quasi completa serie di brillanti esami universitari (media superiore ai 27/30), ha praticamente impedito di conseguire la laurea.
(praticamente, dopo un breve malessere, sono stato inbottito, da ordinari di clinica psichiatrica, di psicofarmaci che secondo me non servivano a niente e, anzi, dopo, mi hanno provocato guai ben più seri, anche a livello psicologico e mi hanno praticamente rintronato.
Poichè, mi sono interessato di argomenti relativi alle ferrovie, vorrei schiarire alcune nubi, e ce ne sono tante, sulla TAV: certamente la TAV è di realizzazione costosa, consuma un sacco di energia per elevare la velocità dei treni (la resistenza aerodinamica, preponderante alle alte velocità è proporzionale al quadrato della velocità e, quindi, la potenza elettrica al cubo), richiede infrastrutture complesse ed è utilizzata da un numero ristretto di utenti.
Tuttavia ritengo che le ricadute tecnologiche e scientifiche della ricerca ad essa colegata potranno avere in futuro effetti benefici , magari recuperando le spese maggiori proprio sul trasporto a bassa velocità e pendolare.
Inoltre, secondo me, è sempre bene non rinunciare, in una società tecnologica, alla ricerca scientifica: basta citare il caso che la Cina, nazione emergente dell'economia mondiale, raddoppia ogni anno (dato letto su Internet) le spese per la ricerca è noi le riduciamo!
Se mai il problema è un altro: quello della sicurezza.
Un esempio che mi è venuto in mente: pensate cosa potrebbe succedere se un animale di grosse dimensioni attraversasse una linea ad alta velocità al momento del transito di un convoglio a 350 Km/h!
Ma, tuttavia, anche molti di questi problemi, potrebbero essere risolti, con uno studio efficace.
Invece è ben più pericoloso l'inquinamento, ad esempio chimico e nucleare, che i potenti e, con essi, il nostro presidente del consiglio, non considerano neanche.

Marco Orlandi 07.01.11 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno potrebbe elencarmi in maniera sinetica, ma esaustiva, le ragioni REALI dell'oppostizione alla realizzazione dell'opera TAV...?

Non voglio sentire spiegazioni "di principio"
Non voglio sentire spiegazioni "irrazionai"
Non voglio senire spiegazioni "di tipo politico"

Vorrei sentire motivazion tecniche, certificate e ,possibilmente, con il contradditorio del caso.

Sono certo che qualcuno ci mangi sopra questa opera, ma francamente opporsi per principio, sempre e comunque è una cosa piuttosto ricorrente in queso paese....

Chiedo scusa ma tra i 1000 post non ho trovato tutte le risposte che cercavo...

Grazie


Carissimi iscritti, è fondamentale ricostruire a Milano le infrastrutture ferroviarie abbandonate e demolite nel 1932. Mi riferisco al secondo passante milanese che ripercorrerà l'antica cintura ovest (importante collegare Porta Genova con Garibaldi/Ghisolfa) e il quadruplicamento del passante ferroviario ricostruendo il Bivio Acquabella e gli altri bivi demoliti pure essi nel 1932.
Veronica
Presidente Comitato Pendolari Lombardi

Veronica Salimbeni 16.10.07 15:45| 
 |
Rispondi al commento

secondo me é una vergogna impedire cosi lo sviluppo ferroviario quini anche economico italiano!!!! perche si tratta di tutta l' italia mica ci siete soltanto voi!!!!!!!!!

caldsirola andrea 16.11.06 19:14| 
 |
Rispondi al commento

MI RIFERISCO A RESOLI GIUSEPPE

dovresti concretizzare un po' di più le tue idee...sei di Milano o lombard?
Cosiglio: documentati bene prima di infilare tutti i pochi ingredienti nel pentolone, altrimenti viene fuori un pasticcio...
s

s. c. 25.02.06 03:54| 
 |
Rispondi al commento

RICORDATEVI CHE QUESTI HANNO INVENTATO UNABOMBER…

Il potere politico-mafioso di Roma è ormai alla frutta ed organizzano
continue messe in scena contro le grandi opere ora che le LORO di
“grandi opere” le hanno “sistemate”. Ci riferiamo all’inutile Tav
Roma-Napoli (mentre per giustificare la Tav Roma-Napoli “regalano” i
biglietti del treno nel Nord falsificano gli orari ferroviari per
disincentivare i cittadini ad usare il treno. Un esempio è la linea
Brescia-Parma i cui tempi di percorrenza sono triplicati rispetto al
vero sul sito degli stronzi di Trenitalia) al salvataggio delle
squadre di calcio Roma e Lazio, al controllo dell’economia italica
attraverso le costose “Authority”, col trasferimento della Consob a
Roma, per non dire del controllo della distribuzione del sangue e
degli organi donati e molto altro.
La contemporanea protesta contro la Tav Torino-Lione ed il ponte sullo
stretto di Messina per “unire” il paese anche nelle proteste
significa che sono proprio messi male. Aspettiamoci un “incidente”
ferroviario anche grave PROVOCATO magari in una qualche troncone della
Tav tipo Torino-Novara o Firenze-Roma, magari durante le Olimpiadi
perché costoro BLOCCHINO tutte LE GRNDI OPERE non interessanti alla
spocchia romana. Per il Nord intendiamo la Tav Milano-Verona-Venezia,
il passante di Mestre, il “Mose”, la 4° linea del metrò a Milano, le
pedemontane, la Tav Milano-Genova e quant’altro. Certo la scusa sarà
una “riflessione sulla politica dei trasporti e dell‘ambiente” o
simile in attesa di poter controllare “democraticamente” lo
stato-zombie tramite il diritto di voto dei “nuovi italiani” che
fremono far entrare. L’operazione SUPERKOSSOVO è in pieno svolgimento.
Chi può cominci a scappare. Chi vuole rimanere farà bene ad armarsi
poiché Roma vuole utilizzare le orde immigrate (vedi Francia e Olanda)
come “tutori” dell’unità nazionale. Meditate gente, meditate

Canna-Power Team
http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano

resoli giuseppe 24.01.06 09:54| 
 |
Rispondi al commento

ciao sono uno degli sventurati,che accalappiati dalle fs ho usufruito del treno ad alta velocita',tratta roma termini-napoli centrale, del 10 gennaio 2006 delle ore 08:36.
tutto bene considerando che siamo arrivati.
peccato che l'alta velocita' nn si è vista,ha un tempo che va solo 10 min di anticipo rispetto ad un eurostar e soprattutto ha avuto 13 minuti di ritardo per guasti meccanici.....tutto dire.....
e' schifoso il tutto.....fermi in galleria poi per altre tre volte,direi un disastro.
se tutto questo serviva per fare pubblicita' del servizio direi che è stato catastrofico per le fs.questa è la mia triste esperienza...CERTO CHE AL TITANIC è ANDATA PEGGIO....che ne dici???

Daniele Armadoro 11.01.06 18:37| 
 |
Rispondi al commento

ecco un articolo interessante sull materia
nel sito

http://www.fottilitalia.com/index.php

mario rossi 29.12.05 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Quello che pesa di piu', e vale per tutti gli Italiani, in questa vicenda, e' sapere che scendere in piazza a fianco del proprio sindaco per manifestare civilmente, puo' non bastare ad evitarsi le manganellate........e non ne facciamo una colpa a poliziotti e carabinieri, tenuti li' magari per ore e ore in piedi ad aspettare chissa' quale aggressione anarchicoinserruzionalistaterrorista.

Augusto rigotti 27.12.05 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

se davvero il nostro dipendente il ministro Lunardi centra qualcosa con la galleria da 7.5 miliardi di Euro....
forse è il caso che lo fai sapere meglio tu con il tuo sistema.

Un saluto

Paolo Cavallo

Paolo Cavallo 21.12.05 17:49| 
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


IL SENATORE LUIGI GRILLO, ELETTO IN LIGURIA NELLE FILA DI FORZA ITALIA

Preso con le mani nella marmellata, con un conto alla Banca popolare di Lodi sul quale risultano depositate plusvalenze anomale, derivanti da trading su titoli, scoperte dagli ispettori della Banca d'Italia e dalla procura della Repubblica.


====================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Il problema TAV non è un discorso che riguarda solamente le persone che vivono in Val di Susa. Ho lavorato in passato per anni come progettista sul sistema Alta Velocità e mi sono reso conto di quanto sia inutile oltre che dispendiosa questa "grande opera". Ideata molti anni fa come un progetto che doveva risultare una valida alternativa all'aereo per i collegamenti nazionali ed internazionali, si è rivelata in realtà soltanto un perfetto sistema politico di appalti e subappalti per distribuire a determinate aziende somme di denaro a dir poco esorbitanti per un lungo periodo di tempo. Oltre al conseguente discorso dell'elevato costo del servizio, infatti, il problema resta la mancanza di praticità del sistema TAV, dato che pur essendo sviluppato su una linea ferroviaria completamente indipendente dalla Linea Storica, in realtà in corrispondenza dei nodi rimane il problema del congestionamento, che peggiorerà addirittura la situazione delle vecchie linee già notevolmente intasate. Infatti non essendo partito il progetto Grandi Stazioni, per accogliere e gestire il traffico ferroviario AV nelle stazioni ferroviarie delle principali città (che sono Napoli, Roma, Bologna, Firenze, Milano, Genova, Torino e Verona) la TAV servirà soltanto a mettere in ginocchio il traffico merci e passeggeri su tutte le linee ferroviarie nazionali. A conti fatti il tempo impiegato da un ETR500 per entrare in stazione sarà superiore al tempo impiegato per percorrere un intera tratta.
In questo modo l'Alta Velocità, che è per una nazione sicuramente indice di avanzata tecnologia, sarà in Italia, a differenza delle altre nazioni europee, una ennesima vergogna.

Antonio Vallese 16.12.05 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Mi è arrivata una mail riportante i seguenti dati:
1. il CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) ha eliminato dalle opere da finanziare dallo stato italiano (nonostante quanto riferito dai media) la TAV. Essa potrà esser fatta quindi solo coi finanziamenti europei.
2. il ministro dei trasporti ed infrastrutture LUNARDI vuole il treno a tutti i costi giacchè CI GUADAGNA DI PERSONA BEN 15.000 MILIARDI DELLE VECCHIE LIRE!!! L'appalto per la costruzione del tunnel di 52Km (7,5 miliardi di euro) è stato vinto da una ditta francese che l'ha subappaltato alla francese ROCKSOIL DI PROPRIETA’ DELLA MOGLIE DI LUNARDI [...]
Qualcuno può confermarmi tali notizie? Grazie.

Ivan Bianco 15.12.05 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Io sono d'accordo con le proteste perchè una delle regioni più belle non è giusto che venga rovinata in questo modo. Inoltre la polizia non si può permettere di picchiare alee 3 di notte delle persone che stanno protestando pacificamente per mantenere il loro diritto di vivere bene.Perchè non mandiamo a vivere vicino alla linea ad alta velocità i ministri che sono d' accordo alla sua costruzione e poi vediamo se sono ancora d'accordo...

Lorenzo Persico 15.12.05 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Io sono d'accordo con le proteste perchè una delle regioni più belle non è giusto che venga rovinata in questo modo. Inoltre la polizia non si può permettere di picchiare alee 3 di notte delle persone che stanno protestando pacificamente per mantenere il loro diritto di vivere bene.Perchè non mandiamo a vivere vicino alla linea ad alta velocità i ministri che sono d' accordo alla sua costruzione e poi vediamo se sono ancora d'accordo...

Lorenzo Persico 15.12.05 17:50| 
 |
Rispondi al commento

@ tutti i giulivi.com
********************
buona cena
DEMENTI

Paolo Rivera 14.12.05 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Mi è appena arrivata voce di
entrate nel sito www.ilsole24ore.com si sta tenendo un sondaggio sul TAV TORINO-LIONE.
Facciamo sentire anche così il nostro NO!!!
spargete voce

manuela ghirardello 10.12.05 14:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In risposta a Gion Battista, qui il problema non è studiare alla cepu......
Per fare un'opera pubblica con soldi pubblici bisognerebbe solo che fosse un'opera utile.
1- Allora se vai a vedere i dati sul sito sitaf sono in discesa quindi il traffico su gomma sta scendendo e sono pure truccati se li fai tu ti rendi conto.
2- All'interno delle galleria il treno farebbe 110 km all'ora mentre sulla linea storica ben di più e se sono silenziosi come asseriscono i pro-tav si potrebbe solo pontenziare l'attuale, che è sfruttata solo per il 36%. Perchè appena iniziato il tav si inizierà un'altro tunnel stadale del frejus per aumentare il traffico su gomma che mai nessuno a firmato per poterlo spostare da gomma a rotaia perchè è più caro.
3- secondo un documento del 2001 la legge obiettivo toglie ai sindaci qualunque potere quindi come sarebbe possibile il dialogo quando li hanno elegantemente tagliati fuori
4- secondo le sette criticità e la Valutazione di Impatto Ambientale e lo SIA lo smarino sarebbe pari a 15 piramidi di Cheope che sventolando in una valle dove il vento soffia 21 ore al giorno (sperando che non siano amianto e uranio) arrirebbero fino a Torino.
5- cento medici in base a dati certi hanno relazionato un documento che il tav è gravemente pericoloso per la salute della popolazione
6- non è sindrome di Nimby e non siamo anarchici ma PACIFICI PACIFISTI
7- Non si può occupare con i militari un paese pacifico lo dice la costituzione
8-Non aumenterà il lavoro in valle di susa perchè le ditte appaltatrici (già sotto processo al mugello per gravi danni ambientali) hanno il loro personale e così via....
9 i francesi non sono contenti andate a vedere a Modane dove non hanno acqua come al Mugello dove le case sono crepate per le mine e tutti vengono risarciti in soldi eppure non sono soddisfatti ma andate dal vivo.
10- in nome del progresso in vite quanto deve pagare la Valle di Susa come il Vajont???
e.cristiana SARA' DURA

e.cristiana 08.12.05 19:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.. mamma mia ma hai studiato alla cepu??...

allora le pompe di calore non trovano largo impiego perchè hanno dei limiti di cui uno è rappresentato dai famigerati 4°C e l'altro dal consumo energetico.. infatti son molto usate in paesi dove la disponibiltà idroelettrica è molto alta...

uff il nucleare.... ancora.. allora sai quanto costa na centrale? e poi sai quanto tempo serve per rimordarne una per non parlare di costruirne??

l'idrogeno...ecco l'idrogeno.. sai quanta elettricità serve per fare l'idrogeno.. e sai quanti HC servono per produrre l'elettricità per fare l'idrogeno??...non ne vale la pena fidati... manco dal punto di vista ambientaledel rapporto di di CO2 ..

.. a si il calore geotermico sfruttando le cose magmifere... fammi un esempio di impianto .. capisco un geyser... ma dalla lava il calore come lo estrai? quanto può costare un impianto del genere? ne vale la pena...

RAGAZZI PARLATE DI ENERGIA SOLO SE NE AVETE LE COMPETENZE.. ALTRIMENTI.. LASCIATE PERDERE.. CHE C'è FIN TROPPA GENTE CHE SPARA CAZZATE E METTE BECCO IN COSE CHE NON SA...

L'ACQUA CALDA è STATA INVENTATA GIA DA UN BEL PO...
SALUTI

Gion Battista 08.12.05 18:48| 
 |
Rispondi al commento

I telegiornali e l'informazione in generale data dai principali canali è falsa, non dovete credere ad una sola parola di quello che dicono: gli sbirri hanno attaccato per primi menando gente indifesa che non aveva nessuna intenzione di venire alle mani, e in questi giorni non hanno fatto altro che provocare per avere il pretesto per alzare i manganelli e far vedere quanto sono forti e duri.
Il sito internet che mostrava le immagini di quello che è accaduto realmente è stato oscurato; questa è la democrazia.

marco bertello 08.12.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito delle tanto decantate low-cost e del trattamento da loro riservato ai loro clienti leggetevi una lettera inviata ieri a Repubblica da uno di questi malcapitati.
Il signore, cliente Ryanair (poverino..),dopo la cancellazione del volo e' stato abbandonato all'aeroporto di Beauvais (che la benemerita compagnia vende come Parigi ma che in effetti dista dalla citta' "solo" 50km!) ed e' dovuto tornare a Roma a sue spese impiegandoci piu' di 24 ore...
Alitalia dovra' pur fallire come tanti di voi si augurano... ma sicuramente fino a quel tanto auspicato giorno non smettera' mai di fornire ai propri clienti assistenza, hotel e pasti caldi...e sicuramente non a spese loro.
Auguri a tutti i fruitori e osannatori delle low cost di vivere un'esperienza simile a quella descritta e auguro alla Ryanair di fallire miseramente.

R. Matte' 08.12.05 08:42| 
 |
Rispondi al commento

Ok, signore e signori.
Benito Le Rose in realtà scrive su ilgiulivo.com, un sito filoberlusconiano che si sforza di fare satira "contro i benpensanti della kultura italiana". E' un sito che attacca tutti gli avversari del premier. Vera satira filogovernativa: da far invidia agli austriaci del 1830, complimenti.
Comunque, dietro ai post di Benito Le Rose ci sono vari "giulivini" che si consigliano cosa rispondere e cosa aggiungere. Ogni post è costruito in modo preciso.
Addirittura gli errori di ortografia sono messi apposta per scatenare reazioni e permettere agli autori di farsi grasse risate e convincere e convincersi che tutti quelli che non la pensano come loro sono intellettualoidi snob (magari comunisti).
Alcuni esempi (pochi):
1.
Giulio Cesare said,
December 7, 2005 @ 7:29 pm
Cris
stai spopolando. Li hai colti di contropiede. Però non hai corretto l’errore di italiano che ti avevo segnalato e te lo hanno fatto subito notare
2.
Giulio Cesare said,
December 7, 2005 @ 7:46 pm
Caro Walter,
l’ho scritto proprio io. Siccome tutti mi davano dell’ignorante, sono andato a scuola serale per migliorare il mio italiano ed ho ottenuto qualche risultato. Io non faccio il noglobal di professione, invece di lamentarmi e spaccare vetrine, cerco di migliorarmi. Comunque invierò ancora qualche messaggio con errori, così qualche acculturato potrà sentirsi superiore e darmi dell’ignorante.
VISTO CHE SIAMO IN TANTI E LORO TEMONO L’INVASIONE DA PARTE NOSTRA DEL LORO BLOG, BEH, E’ PROPRIO QUELLO CHE DOBBIAMO FARE: www.ilgiulivo.com

ANTI "IL GIULIVO" 08.12.05 04:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ok, signore e signori.
Benito Le Rose in realtà scrive su ilgiulivo.com, un sito filoberlusconiano che si sforza di fare satira "contro i benpensanti della kultura italiana". E' un sito che attacca tutti gli avversari del premier. Vera satira filogovernativa: da far invidia agli austriaci del 1830, complimenti.
Comunque, dietro ai post di Benito Le Rose ci sono vari "giulivini" che si consigliano cosa rispondere e cosa aggiungere. Ogni post è costruito in modo preciso.
Addirittura gli errori di ortografia sono messi apposta per scatenare reazioni e permettere agli autori di farsi grasse risate e convincere e convincersi che tutti quelli che non la pensano come loro sono intellettualoidi snob (magari comunisti).
Alcuni esempi (pochi):
1.
Giulio Cesare said,
December 7, 2005 @ 7:29 pm
Cris
stai spopolando. Li hai colti di contropiede. Però non hai corretto l’errore di italiano che ti avevo segnalato e te lo hanno fatto subito notare
2.
Giulio Cesare said,
December 7, 2005 @ 7:46 pm
Caro Walter,
l’ho scritto proprio io. Siccome tutti mi davano dell’ignorante, sono andato a scuola serale per migliorare il mio italiano ed ho ottenuto qualche risultato. Io non faccio il noglobal di professione, invece di lamentarmi e spaccare vetrine, cerco di migliorarmi. Comunque invierò ancora qualche messaggio con errori, così qualche acculturato potrà sentirsi superiore e darmi dell’ignorante.
VISTO CHE SIAMO IN TANTI E LORO TEMONO L’INVASIONE DA PARTE NOSTRA DEL LORO BLOG, BEH, E’ PROPRIO QUELLO CHE DOBBIAMO FARE: www.ilgiulivo.com

ANTI "IL GIULIVO" 08.12.05 04:19| 
 |
Rispondi al commento

non ho ben capito a chi ti riferisci, ma poichè sospetto sia il sottoscritto ti chiedo: il tizio al TG3 con in mano un contatore geiger che ticchettava furiosamente stava sondando rocce prelevate centinaia di metri sotto terra?
No certo e si vedeva bene nel filmato, stava camminando su un terreno

dunque perchè mi dai del superficiale ?!?

e con il massimo ripetto continuo a non condividere ;-)

Claudio Porcellana 07.12.05 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi SVEGLIA!!
Alla fine chi perde in questi casini sono sempre i cittadini!!
In Val Susa non vogliono questa benedetta TAV.. non credo che siano tutti una manica di imbecilli trogloditi.. avranno i loro buoni motivi...
Quello che mi fa incazzare è che come sempre in Italia non si riesce a dialogare se non con insulti, slogan politici imbecilli e manganellate...
Ho sentito gente che "sputa" in faccia alla gente della Val Susa e gente che fa altrettanto con le forze dell'ordine... Ma è cosi difficile rendersi conto che alla fine tutto si riduce ad una guerra dei poveri, mentre i nostri cari politici si ingrassano le tasche e se la ridono?
E non parlo solo della Destra ma anche della Sinistra che in Italia fa ridere tutti!
TAV si TAV no, ma è cosi difficile il dialogo?!
Comincio a pensare che alla fine l'unica cosa da fare ogni volta che cè un dissenso sia scendere in piazza e picchiarsi!
Beati i paesi "industrializzati" che riescono a risolvere i problemi sedendosi attorno ad un tavolo e dialogandone...
Cosa da noi impossibile...

Massimiliano Antoniazzi 07.12.05 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi SVEGLIA!!
Alla fine chi perde in questi casini sono sempre i cittadini!!
In Val Susa non vogliono questa benedetta TAV.. non credo che siano tutti una manica di imbecilli trogloditi.. avranno i loro buoni motivi...
Quello che mi fa incazzare è che come sempre in Italia non si riesce a dialogare se non con insulti, slogan politici imbecilli e manganellate...
Ho sentito gente che "sputa" in faccia alla gente della Val Susa e gente che fa altrettanto con le forze dell'ordine... Ma è cosi difficile rendersi conto che alla fine tutto si riduce ad una guerra dei poveri, mentre i nostri cari politici si ingrassano le tasche e se la ridono?
E non parlo solo della Destra ma anche della Sinistra che in Italia fa ridere tutti!
TAV si TAV no, ma è cosi difficile il dialogo?!
Comincio a pensare che alla fine l'unica cosa da fare ogni volta che cè un dissenso sia scendere in piazza e picchiarsi!
Beati i paesi "industrializzati" che riescono a risolvere i problemi sedendosi attorno ad un tavolo e dialogandone...
Cosa da noi impossibile...

Massimiliano Antoniazzi 07.12.05 21:11| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi SVEGLIA!!
Alla fine chi perde in questi casini sono sempre i cittadini!!
In Val Susa non vogliono questa benedetta TAV.. non credo che siano tutti una manica di imbecilli trogloditi.. avranno i loro buoni motivi...
Quello che mi fa incazzare è che come sempre in Italia non si riesce a dialogare se non con insulti, slogan politici imbecilli e manganellate...
Ho sentito gente che "sputa" in faccia alla gente della Val Susa e gente che fa altrettanto con le forze dell'ordine... Ma è cosi difficile rendersi conto che alla fine tutto si riduce ad una guerra dei poveri, mentre i nostri cari politici si ingrassano le tasche e se la ridono?
E non parlo solo della Destra ma anche della Sinistra che in Italia fa ridere tutti!
TAV si TAV no, ma è cosi difficile il dialogo?!
Comincio a pensare che alla fine l'unica cosa da fare ogni volta che cè un dissenso sia scendere in piazza e picchiarsi!
Beati i paesi "industrializzati" che riescono a risolvere i problemi sedendosi attorno ad un tavolo e dialogandone...
Cosa da noi impossibile...

Massimiliano Antoniazzi 07.12.05 21:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Giacomo,
mi sento di rispondere al tuo intervento perchè condivido una parte di ciò che tu dici. L'altra metà, aimè mi trova in disaccordo penso a causa della disinformazione che regna in questi giorni!
Prima di tutto il comitato NoTav esiste da anni e raccoglie adesioni di decine di migliaia di Valsusini e non. Il presidio di cui tu parli esisteva da Luglio ma pochi lo sanno! ...in Italia finchè nn si crea disagi non si viene "cagati" dai media!
La base di tutto il discorso è non tanto nell'opporsi alla realizzazione di una line Tav in valle...ma come essa verrà costruita.
X esempio chi sa che esistono progetti alternativi, a quello imposto, molto meno invasivi e più "economici"? ..x esempio quello eseguito dalla società ferroviaria francese che prevede un riadattamento della linea ferroviaria esistente al costo previsto di c.ca 1.8miliardi di euro contro i 20miliardi dell'attuale. ...ora io nn dico che sia assolutamente fattibile...ma il dubbio del perchè nessuno ne parli e prenda in considerazione di verificarlo...non suvviene? La risposta è forse nel fatto che se nn avvie ne la trivellazione prevista, la rocksoil del nostro ministro nn dovrà più scavare dal lato francese??? ...forse...
Detto questo...mettiamo il caso che fatte tutte le verifiche di dovere si debba fare a tutti i costi questopera faraonica...in che modo il governo la sta imponendo? ..beh forse per rendersene realmente conto bisognerebbe essere sul posto e vedere gli atteggiamenti delle "autorità", gli espropri di terreno presentati dall'oggi al domani,le risposte ad una protesta pacifica e legittima!
...ultima cosa....la famosa autostrada di cui tu giustamente parlavi aveva sciuscitato polemiche come tutte le "cementificazioni"...ma nessuno si era impuntato...perchè si sapeva avrebbe dirottato gran parte dei Tir dai centri abitati.
Il Tav fatto correttamente avrebbe la stessa funzione...ma se leggiamo il progetto..non viene menzionata una sola previsione a proposito..
Saluti.

Enrico Ceretti 07.12.05 19:03| 
 |
Rispondi al commento

Sulla tav andrei con calma, 60 persone che dormono in tenda hanno il diritto di privare 60.000.000 di italiani di una infrastruttura ? chiedano un refendum, com'è nelle loro facoltà e si ricordino che a proposito del loro ambiente l'autostrada che passa in val di susa non mi sembra molto "naturale". Mi sembra di rivivere la polemica sul nucleare, non facciamo le centrali in casa nostra, ma lasciamo che gli altri ce le faccino sulla porta e poi compriamogli anche l'energia. Comincio a pensare che il parlamento eletto in italia ci rappresenti degnamente, per quello che valiamo, siamo un popolo egoista, intrallazzone , pressappochista e benpensante. saluti. un ammiratore.

giacomo pencelli 07.12.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Viviamo in un paese dove il cittadino deve subire le folli decisioni di piccole persone che con l'inganno hanno assunto il potere, stiamo scivolando nel ridicolo.
Sta arrivando il momento che le cose devono cambiare signor Grillo perchè non si candida come portavoce dell'dell'Italia dei Giovani?
Così mandiamo a lavorare questi ladri!!!
TUTTI INSIEME CON I VALSUSIANI!!!!!!!!!

daniele sanguineti 07.12.05 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Ancora brutalità, ancora bastonate, come sempre povera gente contro disperati, malpagati, plagiati ,raggirati, intimiditi, violati, catturati in quella spirale di violenza che stravolge e coinvolge bravi ragazzi che non per scelta, ma obbligati a scegliere la divisa del polizziotto o del carabiniere, per non avere altra alternativa nel proprio territorio nella propria provincia o nel proprio comune, spesso, sempre più spesso, ragazzi del sud, di questa povera Italia, vilipesa fatta a pezzi oltraggiata in casa e fuori casa(...dal coro di ministri in trasferta...); sembra incivile persino parlarne, che di notte con ogni mezzo, lecito e no per (...ristabilire la legalità...ndr), contro la gente che invece il lavoro nel proprio territorio c'é l'ha, e la propria vita la vive da quelle parti. Ecco viene il sospetto che anche questo venga preso per fomentare una qualche forma di odio per caricare gli animi di quei ragazzi, ma non solo, anche uomini , magari con moglie e figli,(... sai cara oggi vado a bastonare della povera gente che blocca "illegalmente" la strada...); e già , qualcuno lo fa assomigliare a quello che é successo, come una seconda Genova, altri come i blocchi per impedire la discarica radioattiva in Basilicata, già ma viene da pensare: al G8 anche lì bastonate mentre in basilicata solo intimidazioni, perchè, due pesi e due misure, e meno pericoloso l'amianto ed il minerale radioattivo, che le barre di uranio delle centrali che l'Italia non ha voluto, oppure forse devo pensare che quei "ragazzi del sud" non potevano avere la stessa foga con i propri conterranei, sono queste le intenzioni di chi vuole fare a pezzi l'Italia?; dal sud braccia per i manganelli e dal nord braccia per guadagnare ed a chi si lamenta giù botte?
Siamo figli del novecento e questo film non è ancora passato di moda.
Ciao Beppe

Bauli M 07.12.05 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimo Daniele (e tuuti i frequentatori dubbiosi sulla vicenda no tav), non ho molto gradito la superficialità del tuo intervento sul blog, io che sono valsusina dal 1983 (anno in cui sono nata), posso risponderti che:
l'amianto non è nel "terreno", ma nelle nostre care montagne, perciò se noi andiamo a disturbarlo con un tunnel di 70 KILOMETRI (il tunnel sotto la manica è 50km!!!), ci sarà un leggero problema di smaltimento di tutto questo materiale, che non è garantito dall'attuale progetto. Ti dirò di più: si vocifera che vogliano lasciarlo "en plein air",come direbbero i francesi(con il vento che tira in Valle le polveri arriveranno tranquillamente a Torino sotto il naso incredulo della Bresso!), ma questo non lo dicono in tv...Non voglio pensarci, anzi voglio essere più maligna e pensare che a potenziare la linea attuale non ci mangerebbe nessuno perchè ci vorrebbero troppi pochi soldi e non avanzerebbero per le tasche dei soliti politicanti faccendieri! Invece sotto le mentite spoglie del progresso ci fanno passare un PROGETTO COSTOSISSIMO QUANTO INUTILE,CHE PERO' LASCERA' SPAZIO AI SOLITI INTERESSI ECONOMICI A SCAPITO DELLA NOSTRA PELLACCIA!!! AMIANTO E URANIO NON SONO UNO SCHERZO, ABBIATE UN PO' DI RISPETTO PER LE PERSONE CHE PRESIDIANO LA VAL DI SUSA DI NOTTE AL FREDDO E AL GELO(NON SIAMO ESATTAMENTE SULL'EQUATORE!) Se ne avete le possibilità, venite tutti domani a Susa alle 10 in piazza d'armi, cercheremo di raggiungere il cantiere di Venaus per far sentire la nostra voce: ne va del nostro futuro! Grazie.

Sara Combetto 07.12.05 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Ieri, ho passato l'intera giornata in Val di Susa.
Dovevo fare delle consegne a Sansicario e ho impiegato 7 ore tra adare e tornare (abito a Torino). Al mio ritorno ho appreso che i blocchi alle strade erano stati sgombrati a suon di manganello e come non bastasse nella notte precedente con una vigliacchissima carica sono stati menati tutti i manifestanti. Non ho alcun problema a dire "sono anche io VALSUSINO" sono vicino a tutti gli abitanti di questa bella quanto sfortunata vallata. Adesso basta però con inutili e dannosi deturpamenti, questa povera terra di Val Susa porta aperte le ferite (e invito tutti ad andarle a vedere) di autostrada, cantieri olimpici, scempi di tutti i tipi e non merita altre ferite. Ai Valsusini dico, sono con voi, chiamate e accorreremo!

Massimo Piovano 07.12.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Salve Beppe, e salve a tutti voi..
tempo fa postai in questo blog un link per emule con un documentario auto prodotto dai cittadini Romani contro la TAV(Treno ad alta Velocità/Voracità).
Devo ringraziarvi perchè in questi mesi, grazie a voi, ci sono stati migliaia di download!!!
L'unico problema che poche persone poi hanno ricondiviso il file. Peccato...
Vi riscrivo per dirvi che è uscito il secondo atto del documentario, questa volta più professionale,preciso,più velenoso,e più chiaro.
Il gruppo NO TAV di Roma si è unito nella piena civiltà e nel pieno diritto di protesta con il gruppo NO TAV della Val di Susa. Il documentario in oggetto viene attualmente trasmesso anche nella valle(un ringraziamento va ai vari sindaci e alle varie associazioni della valle). Vi prego di visionare il vecchio e nuovo documentario per farvi un idea chiara e veritiera del fenomeno TAV.
(Vi avverto, ci sono delle immagini un po' forti di persone che protestano dandosi fuoco! Cosa ovviamente nascosta e censurata dalla stampa nazionale!!!! Solo la stampa locale ha scritto qualche articolo in riguardo. Bhe.. NOI ABBIAMO INSERITO IL VIDEO ORIGINALE IN QUESTO DOCUMENTARIO) Buona Visione!

ATTO SECONDO:

ed2k://|file|(Xvid.DIVX.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.SECONDO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|733554688|E02F07D33E73130C136F401E9C707337|h=BLEK5GI5FFQO4WA7MZTGVYF4GOV6PLOR|/

ATTO PRIMO:

ed2k://|file|[Xvid.Divx.ITA].SCANDALO.TAV.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.di.Roma..(DIFFONDERE).avi|383528448|D38E3DDC815067341A9AF6075BBDCDF6|h=IANMZLLCN5FVEDGP7L2YDQONZ4GVKFKM|/

Daniele Bonifazi 07.12.05 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Per chiarezza mi preme dire quanto segue:
non ho simpatia per la destra e meno che mai per FI.
Ho sempre avuto e continuo a avere + simpatia x la sinistra.
Penso che spingendo di + la banda larga, il solare e l'eolico (inviso xò addirittura ai Verdi x la solita sindrome NIMBY) e il turismo
si potrebbe creare lavoro, risparmiare sull'energia e risparmiare al massimo ambiente, ma non sento la sinistra e i vari agnolotti-bertinotti scaldarsi su questi argomenti

Claudio Porcellana 07.12.05 14:38| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE DOPO 10 ANNI DI SILENZI QUALCOSA SI MUOVE!SONO 10 ANNI CHE NOI ROMANI PROTESTIAMO E CONTESTIAMO LA TAV!10 ANNI DI INCUBI,VITA POCO SALUBRE E POCHE ORE DI SONNO!10 ANNI DI VITA DENTRO AD UN CANTIERE!! LA LINEA PASSA A 3 METRI DAI CONDOMINI DI ROMA EST PER BEN OLTRE 12 KM!MIGLIAIA I FAMIGLIE VIOLENTATE DALLA TAV!UN MURO DI BERLINO CHE DIVITE LA CITTA',UN QUARTIERE DALL'ALTRO!UN MURO ALTO OLTRE 12 METRI LUNGO OLTRE 12 KM DENTRO AL CENTRO URBANO DI ROMA!LE CASE DEI FRONTISTI UFFICIALMENTE INAGIBILI E INCOMPATIBILI! E SIAMO COSTRETTI A VIVERE QUI!CI AVEVANO PROMESSO ESPROPRI LUNGO LA LINEA,CON RELATIVO ABBATTIMENTO DEGLI EDIFICI E IL PAGAMENTO DEL VALORE DELL'INTERO IMMOBILE.COSI NON E' STATO!I SOLDI NON C'ERANO E NON CI SONO!I PIU' FORTUNATI HANNO AVUTO MENO DELLA META' DEL VALORE DELL'IMMOBILE!PERCIO' DOBBIAMO VIVERE A SOLI 3 METRI DA 4 GALLERIE ALTE OLTRE 12 METRI(OGNI APPARATMENTO TRASFORMATO IN LOCULO!)CON INFILTRAZIONI D'ACQUA NELLE CANTINE CAUSATE DAI LAVORI,CREPE E CROLLI DI DEGLI EDIFICI PER LE NOTEVOLI VIBRAZIONI E RUMORI MOLESTI,INTERI EDIFICI DICHIARATI INCOMPATIBILI E INAGIBILI!CARICHE DELLA POLIZIA E DELLE FORZE DELL'ORDINE CONTRO I CITTADINI MENTRE LE SCAVATRICI ENTRAVANO CON PREPOTENZA DENTRO AI GIRADINI CONDOMINIALI!(E SI MIEI CARI,LA TAV E' PRATICAMENTE ENTRATA DENTRO CASA DI MIGLIAIA DI FAMIGLIE!),CONTINUI SUPPRUSI E PROBLEMI!SONO 10 ANNI CHE NON VIVIAMO!E CHIEDIAMO GIUSTIZIA!E' CONTRO NATURA,CONTRO L'AMBIENTE,CONTRO IL NORMAL VIVERE CIVILE COSTRUIRE UN ECOMOSTRO DEL GENERE ALL'INTERNO DEL CENTRO URBANO DELLA CITTà ETERNA!RIPETO:UN MURO DI BERLINO,ALTO 12,50 METRI E LUNGO OLTRE 12 KM E LARGO QUANTO(E FORSE PIù) UN AUTOSTRADA A 3 CORSIE(A DOPPIO SENSO,PERCIO' 6 CORSIE) NEL CUORE DEL CENTRO URBANO DI ROMA!QUESTO ECOMOSTRO PENETRA DA EST A OVEST(PERCIò DALLA PERIFERIA VERSO STAZIONE TERMINI)DIVIDENDO COMPLETAEMENTE A METà INTERI QUARTIERI E BORGATE!ECCO PERCHè,PORTATI ALLA ESASPERAZIONE,MOLTI CITTADINI DI ROMA SI SONO DATI FUOCO! BASTAAA!

Daniele Bonifazi 07.12.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento

sono in genere d'accordo con Beppe ma in questo caso esprimo dei dubbi: se fosse vero che il terreno è pieno di uranio/amianto non bisognerebbe + costruire una casa o una strada. Se fosse vero che il terreno superficiale o l'aria ambiente sono radioattivi come tentava di far credere un tizio al TG3 con in mano un contatore geiger che ticchettava furiosamente, allora bisognerebbe evacuare dalla valle l'intera popolazione.
Uranio delle Alpi per far lavorare una centrale nucleare? HAHAHA' questa storia è una bufala quanto quella del petrolio in Romagna!
Ma vi pare che se fosse vero non l'avremmo estratto per venderlo ad altri?
Oppure sapete che la percentuale di malattie tumorali in Valle di Susa è già ampiamente sopra la media nazionale .... e già questo sarebbe un buon motivo per spingere i treni e fermare i Tir come in Svizzera e Austria, ma certo i Tir convengono molto ai valsusini (benzinai, ristoranti) e chissenefrega se puzzano: tir non olet come avrebbero detto un tempo
Oppure sapete che il preventivo, in attesa di adeguamenti, si aggira sui 16 miliardi di euro (30 mila miliardi di vecchie lire..... peccato che il dato sia impreciso in quanto vuole far credere che questi soldi servano solo per il tunnel e invece sono per: TORINO-MILANO 7,0-MILANO-BOLOGNA 6,5-NODO DI BOLOGNA 1,3-BOLOGNA-FIRENZE 5,2-NODO DI ROMA 0,7-ROMA-NAPOLI 5,2-NODO DI NAPOLI 0,4.
I giapponesi fanno Tav dal 1964: sono pazzi scatenati? la Svizzera e l'Austria + montagnose dell'Italia incentivano il trasporto su ferrovia e bloccano i Tir: sono pazzi da legare anche loro?
Mai sentito parlare della sindrome NIMBY o BANANA che genera fenomeni come il rifiuto dei termovalorizzatori che altrove hanno invece permesso, ad esempio, a una città tedesca di non usare + l'energia del nucleare ?

Claudio Porcellana 07.12.05 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè l'Italia è in crisi e non va avanti?
Perchè c'è gente che lotta contro un treno elettrico e preferisce i TIR...
Anzi preferiva farli transitare in paese quando non c'era l'autostrada...
Il treno e la linea esistente non sono adatti per trasportare i camion. Costa troppo alle società di trasporto, i tempi di carico/trasporto/scarico sono lunghissimi e c'è un solo binario sotto al Frejus, quindi è falso dire che la linea attuale è sufficente.
In Francia, tutti sono per il TAV. I francesi delle valli alpine fanno pressione da anni al governo francese per fare il treno ad alta velocità e far sparire i camion dalle loro valli.
Guardate in Europa, tutti costruiscono linee ad alta velocità, e l'Italia dovrebbe rimanere isolata dietro alle sue montagne? Sarebbe una catastrofe per il paese!

Paul Fraisse 07.12.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve, sono una pendolare di Bergamo e tutti i giorni faccio avanti- indietro da Bergamo a Milano ;=(
Vorrei dire al Ministro dei Trasporti che forse il treno superveloce sarà bello utile ecc.... ma per il momento noi poveri pendolari saremmo già super contenti se facessero dei treni che riescano quanto meno ad arrivare a destinazione!! se riuscissero a fare questo farebbero felici mezza Italia!! e per favore che non ci prendano in giro con quella specie di pubblicità delle FFSS in TV, ma soprattutto con il "servizio" con cui le FFSS inviano un sms a spese del pendolare in cui lo avvisano dei ritardi dei treni. così il pendolare dopo un giornata di lavoro vede la spia sms sul suo cellulare sperando in belle notizie, invece scopre che il suo treno è in ritardo di 40 minuti per ritardo nella preparazione del materiale e con il credito del cellulare diminuito!! che bella conclusione della giornata!

grazie! ciao!

Isabel Sana 07.12.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve, sono una pendolare di Bergamo e tutti i giorni faccio avanti- indietro da Bergamo a Milano ;=(
Vorrei dire al Ministro dei Trasporti che forse il treno superveloce sarà bello utile ecc.... ma per il momento noi poveri pendolari saremmo già super contenti se facessero dei treni che riescano quanto meno ad arrivare a destinazione!! se riuscissero a fare questo farebbero felici mezza Italia!! e per favore che non ci prendano in giro con quella specie di pubblicità delle FFSS in TV, ma soprattutto con il "servizio" con cui le FFSS inviano un sms a spese del pendolare in cui lo avvisano dei ritardi dei treni. così il pendolare dopo un giornata di lavoro vede la spia sms sul suo cellulare sperando in belle notizie, invece scopre che il suo treno è in ritardo di 40 minuti per ritardo nella preparazione del materiale e con il credito del cellulare diminuito!! che bella conclusione della giornata!

grazie! ciao!

Isabel Sana 07.12.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento

è vergognoso!!!la polizia che carica manifestanti inermi....ma cosa sta diventando il nostro paese?
ieri ho sentito delle cose assurde dagli esponenti del governo, Alemanno a Ballarò ha parlato di ripristino della legalità, Ronchi a primo piano ha detto che quello che è successo è colpa del Centro sinistra. Ma queste persone sanno quello che dicono? sono stanca di ascoltare politici che si rimandano le responsabilità o che esaltano il loro operato sconsiderato, ieri sera avrei voluto sentire solo uno "scusateci è imperdonabile quello che è successo!" niente di più.
Che il governo italiano impari a rispettare il popolo italiano e ricordi sempre che il popolo è SOVRANO!

Stefania Ferraro 07.12.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma possibile che in Italia si debba sempre pensare a realizzare opere esorbitanti (vedi anche il ponte sullo Stretto) e poi non si riesce ad apportare piccole semplici migliorie per rendere un po' più efficienti le strutture già esistenti? Non dimentichiamo che molte tratte della ferrovia sono ancora a binario unico (e siamo nel 2005) e non possiamo certo dire che altrove la rete nazionale funzioni benissimo...

Stefano Ivaldi 07.12.05 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Perchè i poliziotti fanno i fenomeni con gente che nn si difende? Perchè non vengono a mani nude a picchiarci? Conigli di merda!!!

State attenti prima o poi qualcuno si farà molto male e non saremo noi...Lunardi vieni a farci visita da solo che ti spieghiamo 2 cose.

Violenza alla violenza, capiranno solo così!!!

Zeppola Nicola 07.12.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E la famiglia Lunardi si INGRASSA!

Fabio Maneli 07.12.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Volevo ricordare che i manganelli li hanno usati per primi i poliziotti regolarmente pagati da tutti noi .
Durante l'immigrazione da parte degli albanesi in val di Susa , quando entravano nelle case e malmenavano i proprietari per poche lire non si vedevano nemmeno se li chiamavi , ora ce ne sono a vagonate e sembra che i deliquenti siamo noi.Se questa non è dittatura spiegatemi Voi cos'è.

Valter Rubiolo 07.12.05 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Leggo sul sito

WWW.NOTAVTORINO.ORG

che la ditta a cui è stato assegnato l'appalto del traforo è la Rocksoil francese, intestata alla moglie di LUNARDI.

Siccome sono abituato a chiedermi i perché delle cose, questo me ne spiega molti dei perché:
- il perché dell'ostinazione
- il perché dell'arroganza
- il chi ci guadagna
e altri.

Non si tratta di un conflitto di interessi?

Inoltre, pur non essendo un tecnico del settore, mi sembra che i danni e gli svantaggi dell'iniziativa siano tangibili e immediati, mentre i vantaggi siano solo potenziali e in certi casi dubbi (es. il ritorno dell'investimento), e a giudicare da come sono state gestite questo tipo di iniziative, c'è da dover includere anche una buona dose di scetticismo.

Il minimo da pretendere è che per ciascuna delle ragioni contrarie al TAV ci siano delle controargomentazioni chiaramente esposte, ben fondate, espresse pubblicamente. Solo in questo modo un cittadino può informarsi, e quindi prendere posizione.


giorgio brajnik 07.12.05 11:15| 
 |
Rispondi al commento

NAPOLI_A@camera.it
NESI_N@camera.it
NUVOLI_G@CAMERA.IT
OLIVERIO_G@camera.it
OSTILLIO_M@camera.it
PAGLIARINI_G@camera.it
PANATTONI_G@camera.it
PAOLETTI_P@CAMERA.IT
PECORARO_A@camera.it
PESCANTE_M@CAMERA.IT
PISANU_G@camera.it
PISAPIA_G@camera.it
POLLASTRINI_B@CAMERA.IT
PORCU_C@camera.it
PRES_PECORELLA@camera.it
PRESTIGIACOMO_S@camera.it
PREVITI_C@camera.it
QUARTIANI_E@CAMERA.IT
RAMPONI_L@CAMERA.IT
RANIELI_M@CAMERA.IT
RIZZI_C@camera.it
RODEGHIERO_F@camera.it
RUSSO_A@CAMERA.IT
RUSSOSPENA_G@CAMERA.IT
RUTELLI_F@CAMERA.IT
SARO_G@CAMERA.IT
SCALIA_G@CAMERA.IT
SELVA_G@camera.it
SGARBI
SPINI_V@camera.it
SQUEGLIA_P@CAMERA.IT
STERPA_E@CAMERA.IT
STUCCHI_G@camera.it
TAORMINA_C@CAMERA.IT
TREMAGLIA_P@camera.it
TREMONTI_G@camera.it
TURCO_L@camera.it
URBANI_G@camera.it
URSO_A@camera.it
VALPIANA_T@camera.it
VENDOLA_N@camera.it
VENTURA_M@camera.it
VERDINI_D@CAMERA.IT
VERTONE_S@CAMERA.IT
VIETTI_M@CAMERA.IT
VIOLANTE_L@camera.it
VISCO_V@camera.it
VITO_E@camera.it
ZACCHEO_V@camera.it
ZAMA_F@CAMERA.IT
ZANETTA_V@CAMERA.IT
ZANOTTI_K@CAMERA.IT
ZELLER_K@camera.it

Paola Bassi 07.12.05 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Sono a favore della TAV, ma credo che i tafferugli e le cariche della polizia stiano spostando il problema su altri piani, togliendo dagli occhi di tutti il vero problema, ossia l'esecuzione tecnica del progetto, le tecniche per smaltire uranio e amianto esistono e come ci lavoro da 15 anni. Quindi non sarebbe il caso di preoccuparsi di come gestire i cantieri piuttosto che massacrarsi su TAV si o no???? proprio le varie esperienze (il tanto caro e citato Vajont)dovrebbero insegnarci molto. Esistono grandi opere considerate inutili che ben costruite hanno poi avuto i loro PRO, il ponte di Millau o il ponte Oresund (svezia/danimarca).

Ringrazio gli imbecilli che hanno devastato Torino ieri sera, dando buon pane ai giornalisti per spostare ulteriormente l'attenzione mediatica su problemi ancora più stronzi.

baci

Giuliano Di Bello 07.12.05 10:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


(2)

NAPOLI_A@camera.it
NESI_N@camera.it
NUVOLI_G@CAMERA.IT
OLIVERIO_G@camera.it
OSTILLIO_M@camera.it
PAGLIARINI_G@camera.it
PANATTONI_G@camera.it
PAOLETTI_P@CAMERA.IT
PECORARO_A@camera.it
PESCANTE_M@CAMERA.IT
PISANU_G@camera.it
PISAPIA_G@camera.it
POLLASTRINI_B@CAMERA.IT
PORCU_C@camera.it
PRES_PECORELLA@camera.it
PRESTIGIACOMO_S@camera.it
PREVITI_C@camera.it
QUARTIANI_E@CAMERA.IT
RAMPONI_L@CAMERA.IT
RANIELI_M@CAMERA.IT
RIZZI_C@camera.it
RODEGHIERO_F@camera.it
RUSSO_A@CAMERA.IT
RUSSOSPENA_G@CAMERA.IT
RUTELLI_F@CAMERA.IT
SARO_G@CAMERA.IT
SCALIA_G@CAMERA.IT
SELVA_G@camera.it
SGARBI
SPINI_V@camera.it
SQUEGLIA_P@CAMERA.IT
STERPA_E@CAMERA.IT
STUCCHI_G@camera.it
TAORMINA_C@CAMERA.IT
TREMAGLIA_P@camera.it
TREMONTI_G@camera.it
TURCO_L@camera.it
URBANI_G@camera.it
URSO_A@camera.it
VALPIANA_T@camera.it
VENDOLA_N@camera.it
VENTURA_M@camera.it
VERDINI_D@CAMERA.IT
VERTONE_S@CAMERA.IT
VIETTI_M@CAMERA.IT
VIOLANTE_L@camera.it
VISCO_V@camera.it
VITO_E@camera.it
ZACCHEO_V@camera.it
ZAMA_F@CAMERA.IT
ZANETTA_V@CAMERA.IT
ZANOTTI_K@CAMERA.IT
ZELLER_K@camera.it

Paola Bassi 07.12.05 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Sull'altra pagina di Beppe riguardante la TAV nonsie riesce ad entrare, ci saranno migliaia di contatti (buono! :-)

Non diciamoci tra noi quanto questo governo faccia pena e scriviamo una breve mail ai parlamentari, se vi copiate i nomi su word, fate 1 return, appare il link, CRTL+click si va alla propria casella di email, preparate un breve testo e fate un copia/incolla

gasparri@destra.it
letizia.moratti@miur.it
urp@giustizia.it
presidenza.repubblica@quirinale.it
gabsindaco@comune.genova.it

ADORNATO_F@CAMERA.IT
ALBERTINI_G@camera.it
ALEMANNO_G@camera.it
AMATO_G@camera.it
ANEDDA_G@camera.it
APREA_V@camera.it
ARRIGHI_A@CAMERA.IT
BALDI_Monica@CAMERA.IT
BALLAMAN_E@camera.it
BANDOLI_F@camera.it
BELLILLO_K@CAMERA.IT
BERLUSCONI_S@camera.it
BERSANI_P@CAMERA.IT
BOATO_M@camera.it
BOSELLI_E@camera.it
BRESSA_G@camera.it
BRUNO_D@camera.it
BUEMI_E@CAMERA.IT
CAMINITI_G@CAMERA.IT
CAPUANO_A@CAMERA.IT
CASERO_L@CAMERA.IT
CE_A@camera.it
CEREMIGNA_E@camera.it
CHIAROMONTE_F@CAMERA.IT
CHITI_V@CAMERA.IT
CICCHITTO_F@CAMERA.IT
CONTE_G@camera.it
COSSIGA_G@CAMERA.IT
COSSUTTA_M@camera.it
dalema_m@camera.it
DAMERI_S@camera.it
DEMITA_L@camera.it
DIDONE_G@CAMERA.IT
DILIBERTO_O@camera.it
DOZZO_G@camera.it
DUSSIN_G@camera.it
FASSINO_P@camera.it
FINI_G@camera.it
FOLENA_P@camera.it
FONTANINI_P@camera.it
GALLI_D@camera.it
GIACCO_L@camera.it
GIBELLI_A@CAMERA.IT
GIORGETTI_G@camera.it
GRILLINI_F@CAMERA.IT
IANNUZZI_B@CAMERA.IT
ILLY_R@CAMERA.IT
JANNONE_G@CAMERA.IT
KESSLER_G@CAMERA.IT
LAMALFA_G@camera.it
LANDOLFI_M@camera.it
LECCISI_I@CAMERA.IT
LOIERO_A@CAMERA.IT
LOPRESTI_A@camera.it
LORUSSO_A@camera.it
MACERATINI_G@CAMERA.IT
MAGNOLFI_B@CAMERA.IT
MANCUSO_F@camera.it
MANTOVANI_R@camera.it
MARINI_F@camera.it
MARONI_R@camera.it
MARTINI_F@CAMERA.IT
MARTINO_A@camera.it
MATTARELLA_S@camera.it
MATTEOLI_A@camera.it
MELANDRI_G@camera.it
MENIA_R@camera.it
MICHELINI_A@camera.it
MINNITI_D@CAMERA.IT
MOLGORA_D@camera.it
MOTTA_C@CAMERA.IT

Paola Bassi 07.12.05 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ing. ambientale e diciamo che determinate prese di posizione di questo governo- padrone mi hanno fatto pensare che probabilmente tutto ciò che ho studiato su impatto ambientale, sostenibilità ambientale siano una pura utopia. Le leggi, le direttive europee si utilizzano solo ed esclusivamente quando fanno comodo. Vorrei far riflettere il ministro lunardi e Pisano sui concetti di partecipazione delle popolazioni locali. Vorrei ricordare a questo governo che la storia insegna. Che casi come il Vajont, devono servire a non commettere più determinati errori. Le grandi opere vanno realizzate, ma la salute pubblica è il bene più importante. Può darsi che queste popolazioni non rischino nessun pericolo. Pertanto è necessario avviare degli studi adeguati sulle conseguenze di questa opera. Non si sta cercando di difendere prese di posizione come: non nel mio giardino! Io resto pessimista nei riguardi della TAV, nel senso che credo effettivamente che l'opera porterà un danno all'ambiente e alla salute della popolazione locale...

Cinzia Marongiu 07.12.05 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Se ancora non l'avevamo capito adesso è chiaro: il fascismo non è morto nel '45, è vivo e vegeto e mai come in questi anni ha goduto di tanta salute. Da Genova per il G8 hanno spostato i manganelli nella Val di Susa e li sposteranno di nuovo alla minima avvisaglia di libertà, sia essa di parola e/o di pensiero.
Vorrei chiedere a chi ha votato destra e si ritrova adesso in casa un figlio o un marito o un parente manganellato se questo è valso per avere in casa il digitale terrestre...
SOLIDARIETA' ALLA POPOLAZIONE VALSUSINA!
IO SONO VALSUSINO!

Diego Fineschi - SIENA 07.12.05 09:21| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo il problema della TAV è un ennesima
conseguenza negativa della nefasta Legge Obiettivo
una legge che ha diminuito fortemente la partecipazione democratica alle decisioni sulle
"grandi opere". In poche parole questa legge significa: dobbiamo fare la "grande opera" per il bene del "Paese", non importa cosa pensano poche persone (ma sono poi veramente così poche?) che se la subiscono direttamente; gli enti locali sono tagliati fuori già dall'inizio della discussione, infatti anche se danno parere negativo non viene tenuto in conto, poichè basta una sola firma, quella del ministro.
Una sola firma = democrazia?
Giudicate voi.

federico zampolli 07.12.05 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Solidarietà a tuuti gli abitanti la Val di Susa.
Chiediamoci perchè al Questore è stato ordinato lo sgombero? Ma soprattutto perchè con quella violenza? Perchè questo governo non prova a dialogare?
Semplice il padre-padrone dell'Italia ha deciso che deve rispettare il contratto con gli italiani!
E allora resistere! resistere! resistere!
Per quello che è possibile vi siamo (io e la mia famiglia ) vicini e se possiamo fare qualcosa oltre che indignarci, fatecelo sapere, se si può, anche su questo blog! Grazie e speriamo in un Buon Natale

piero macchi Commentatore in marcia al V2day 07.12.05 07:37| 
 |
Rispondi al commento

(continua da prima, scusate se è lungo)

In più sempre l'amministrazione locale ha aperto una costellazione di inceneritori senza obiezione (anzi..) di verdi, legambiente, associazioni etc.(c'era uno che protestava, ma era di FI). Opinione mia è che queste amministrazioni locali piemontesi, così come quelle ferraresi, non siano molto meglio del governo, anzi...Mentre il governo in quanto "straniero", "invasore" si pone in attrito con le realtà locali, le amministrazioni siano invece in situazione di pieno controllo. D'altronde se riescono ad organizzare le proteste, possono nello stesso modo scoraggiarle. In poche parole le amministrazioni della Val di Susa sono scontente perchè non possono ricevere il pizzo che secondo loro è dovuto. Tutto sommato se anche vi prendete l'inculata della TAV, almeno sono in pochi, usano la vasella e si spera abbastanza veloci (mi piacerebbe vedere cosa succederebbe in un coinvolgimento dei comuni: spese e tempi di costruzione quadruplicati, intrighi di palazzo, cambi di progetto sempre verso il peggio, la Val di Susa gemellata con l'Afganistan per similarità del paesaggio, etc,)

Rileggendo mi son reso conto che nel primo non ho scritto: Legge Obiettivo 21/12/2001

Mirko Cirelli 07.12.05 04:25| 
 |
Rispondi al commento

Non ho letto tutti i commenti e non so se sia stato detto o meno, comunque:
1 Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio: siccome non ho pregiudizi e ritengo che un poliziotto sia una persona più o meno normale, così come un manifestante è una persona normale, non vedo possibile stimare vere o false le accuse che sono state rivolte alle forze dell'ordine.
2 Fare tesoro delle proprie esperienze, purtroppo come dice lo stesso Grillo viviamo in un mondo pigro e si vuole stare comodi sempre, quando si va al cinema ci servono 10 sale per scegliere 10 film diversi, supermercati che hanno la più totale gamma di prodotti dall'utile al superfluo, quando andiamo in vacanza ci serve la nonna che tiene a bada i figli che non vogliamo tra i piedi, e il dog sitter che ci tiene il cane...E quando c'è una manifestazione, vogliamo che la manifestazione sia una specie di bivacco degli scout, però non siamo pronti a subire le conseguenze di una manifestazione.
Non si intende giustificare nessuno, però occhio... Non bisogna confondere la giostra dei pirati di gardaland con i pirati veri, se non sei pronto a prenderti due manganellate per una giusta causa non manifestare...Una manifestazione di protesta non è un evento mondano per famiglie.
3 Non ho ancora espresso un'opinione personale a proposito del TAV, però mi dispiace dire a chi protesta, che purtroppo è stato gabbato... Le associazioni locali sono entrate in gioco solo per via della legge dal momento che da questa data le amministrazioni locali non possono avere più parola in merito. Purtroppo vivo a Ferrara, dove praticamente 30 anni fa, metà del totale delle zone residenziali sono state fatte sopra terreni dove non sarebbe stata possibile la coltivazione (per via dell'inquinamento dovuto al polo chimico).

Mirko Cirelli 07.12.05 03:49| 
 |
Rispondi al commento

è una vergogna!!noi cittadini italiani siamo considerati meno dello zero dal governo italiano.Sembra che piu protestiamo x leggi ingiuste e piu il governo ne fa!Il tav sicuramente si fara,nonostante la gente scende sulle strade x protestare e prendere manganellate.è una VERGOGNA!!!!!!!!!

Francesco D'herin 07.12.05 01:39| 
 |
Rispondi al commento

Piena solidarietà agli abitanti della val di susa...sto vedendo ora il tg3 con sta mandando le immagini pietose che tanto ricordano le vicende di Genova in occasione del g8..Questa è la nostra povera Italia, sempre meno occidentale sempre più vicina all'america latina..Questa è la nostra povera Italia dove ,un ministro dell'interno nega l'evidenza e dove il ministro Lunardi dice di mettersi l'anima in pace..(a lui auguro la pace eterna),,dove poi sempre in questa povera Italia il nostro ridente mitico silviuccio, dice che scioperare e manifestare è inutile..con quella faccina sorridente e strafottente che mi ricorda Alberto Sordi nel film Il marchese del grillo,quando diceva : "io so io e voi nun siete un cazzo"..Ma di fronte a ciò,penso..Quanti abitanti che ora si lamentano, quanti cittadini quante persone che ora vivono disagi sociali irreversibili, 5 anni fà hanno votato i rappresentanti di questo governo a regime democratico-seccesionista-fascista?
meditate gente meditae....
Quanto lo Stato utilizza la forza e investe su di essa, significa che si è passati da uno stato democratico ad uno stato dittatoriale..

emanuele p Commentatore in marcia al V2day 06.12.05 23:46| 
 |
Rispondi al commento

L'associazione politica telematica che rappresento, Lievito Riformatore, ha emesso oggi questo documento sulla questione TAV:
http://simplicissimus.blogs.com/lr/2005/12/documento_tav_c.html

Antonio Tombolini 06.12.05 23:39| 
 |
Rispondi al commento

FERMIAMO L'ALLEVAMENTO DI ORSI PER LA BILE IN CINA
Jill Robinson dell'Animals Asia Foundation si occupa da anni degli orsi della Cina costretti a vivere in gabbie molto strette che comprimono il petto e il ventre non permettendogli di respirare a fondo per comprimere meglio la cistifellea e facilitare il pompaggio della bile. Questo liquido organico è utilizzato come farmaco dalla medicina tradizionale cinese. Gli orsi vengono tenuti così per tutta la loro vita con un catetere infilato nel ventre. Possono solo allungare una zampa fuori per prendere un po' di pessimo cibo.

Membri del Parlamento Europeo hanno lanciato una Dichiarazione scritta che invita le autorità cinesi a terminare per sempre l’allevamento di orsi in Cina. Affinché questa dichiarazione possa diventare una politica dell’UE è necessario che riceva il supporto di oltre 367 MEP.
Una volta ottenuto questo, il Presidente del Parlamento Europeo scriverà al governo cinese chiedendo la fine dell’allevamento di orsi in Cina. Questo sarebbe un grande passo in avanti per incitare il governo cinese a concludere questa pratica una volta per tutte.
Le 367 firme sono richieste prima del 26 Dicembre 2005.

Firma la petizione on line alla pagina http://www.oipaitalia.com/appelli/vivisezione_bileorsi.htm

clelia berti 06.12.05 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non raccogliere 500.000 firme ? Se esiste ancora una parvenza di democrazia, sarebbe opportuno provarci: credo che l'intero Piemonte sarebbe contrario, se esistono delle perizie che dichiarano la pericolosità dell'opera in base all'attraversamento progettato.
Inoltre anche il resto degli italiani dovrebbe rendersi conto che così non va veramente più: oggi tocca alla Val di Susa, e domani ? Vorrei soltanto ricordare ai signori politici la tragedia annunciata del Vayont, o vogliamo fingere che non sia mai esistito ?

Antonio Trombi 06.12.05 21:05| 
 |
Rispondi al commento

cosa fare per essere vicino alla gente della val di susa? ma soprattutto come manifestare il nostro dissenso verso questi metodi da regime che sono un ulteriore campanello d'allarme della nostra limitata libertà?!qualche idea?

esposito ornella 06.12.05 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non è giusto imporre con la forza un progetto come il TAV che spaventa la popolazione locale per i possibili danni ambientali che esso può provocare.
E' giusto spiegare che il progetto TAV può essere portato avanti in maniera pulita senza inquinare o creare danni all'ambiente.
E' giusto chiedersi perchè i nostri vicini francesi, anchessi sensibili agli stessi temi ambientali come gli italiani, appoggino il progetto TAV. Saranno suicidi? O saranno meno policitizzati? Penso che siano più giudizievoli e pensino di più a risolvere il problema delle autostrade sature di mezzi ed il bisogno fondamentale per un paese di sviluppare il proprio sistema ferroviario.
Io vivo in Liguria dove il sistema autostradale è al collasso, ma senza le gallerie avremmo ancora le mulattiere!
Perchè da nessuna parte si vuole adoperare il buon senso senza farsi politicizzare su ogni questione riguardante il Progresso di un paese che vuole sviluppare il suo sistema di trasporti e la propria economia?

Massimo Verna 06.12.05 20:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IO DICO SOLO CHE SE QUESTA E' L'ITALIA, CON ME NON C'ENTRA PIU' UN CAZZO! MI PIACEREBBE AIUTARE QUESTE PERSONE,BEPPE... CHE FARE? UN AMAREGGIATO CIAO!

matteo tarantino 06.12.05 20:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Magari la TAV sarà anche un bene, non lo so, non ho i mezzi per farmi un opinione compiuta....... ma quello che mi fa imbestialire è che pestare di botte gli abitanti della Val di Susa è un modo come un altro per dire:
"Non vi fidate del modo in cui il Governo gestisce le Grandi Imprese? contempera gli intreressi pubblici (e privati)in gioco? protegge l'ambiente? STICAZZI"
Questo non riesco proprio a sopportarlo.

fulvio venditti Commentatore in marcia al V2day 06.12.05 20:17| 
 |
Rispondi al commento

****************************************************************************************************

Il sito francese

http://rebellyon.info

annuncia

SABATO 16 DICEMBRE

A TORINO

MANIFESTAZIONE CONGIUNTA ITALO FRANCESE PER PROTESTARE CONTRO LA TAV


Io ci sarò per portare la mia solidarietà alla gente della Val di Susa

SIAMO TUTTI VALSUSINI


****************************************************************************************************

Cesare Pirri 06.12.05 20:03| 
 |
Rispondi al commento


****************************************************************************************************

TUTTI IN VAL DI SUSA !!!!

APPELLO
AI LAVORATORI,
AGLI STUDENTI,
A TUTTE LE ASSOCIAZIONI LIBERE,
A CHI ANCORA CREDE CHE LA DEMOCRAZIA SIA UN VALORE IMPORTANTE,
A CHI CREDE NELLA COMPARTECIPAZIONE DEI CITTADINI NELLE SCELTE POLITICHE,
A TUTTI I CITTADINI ONESTI ITALIANI !!!!!!!!!!!


PORTIAMO IL NOSTRO SOSTEGNO AI VALSUSINI !!!!

****************************************************************************************************
Siamo tutti Valsusini


Cesare Pirri 06.12.05 19:49| 
 |
Rispondi al commento


UN' INCHIESTA DA NON PERDERE SULLA TAV E SUGLI AFFARI SPORCHI CHE CI STANNO DIETRO


http://www.diario.it/index.php?page=cn04091702


Diario.it del 11 giugno 2004
L'inchiesta vecchio stile


Tutto quello che avreste voluto sapere sulla più grande mina vagante per i conti pubblici del Paese...

di Alberico Giostra

un assaggio......

Acqua.
I lavori della tratta Firenze-Bologna, che prevedono l’apertura di una galleria di 73 km con relative gallerie di servizio, hanno finora provocato la perdita di 73 milioni di metri cubi di acqua di falda (settembre 2003). Attualmente le perdite ammontano a 700 litri di acqua al secondo. La Procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio di 63 persone per aver danneggiato 24 corsi d’acqua con scarichi di sostanze tossiche e per averne depauperato o essicato il corso in modo anche irreversibile. Di questi 63, 16 sono tecnici del Consorzio Cavet, titolare dei lavori della tratta e composto dalle aziende Impregilo, Fiat Engineering, Consorzio ravennate di Produzione e lavoro e Cooperativa muratori e cementisti. Secondo la Procura i responsabili dei lavori non hanno fatto approfonditi studi idrogeologici, hanno omesso di sospendere i lavori una volta avvertita la gravità dei problemi e non hanno monitorato i corsi d’acqua inviando alle autorità le risultanze. Notevoli preoccupazioni sorgono ora in relazione all’attraversamento sotterraneo delle città di Firenze e Bologna.

Cesare Pirri 06.12.05 19:38| 
 |
Rispondi al commento

..siamo stati a Venaus l'ultima volta Domenica.
Abbiamo visto con i nostri occhi un esempio di manifestazione di dissenso civile, colorato, gioioso, giovane, anziano, saggio....pacificamente saggio!
Ora ci chiediamo...se la risposta ad una richiesta di confronto pacifico è quello a cui abbiamo assistito la notte scorsa...di che paese democratico stiamo parlando? ...siamo noi che andiamo in giro per il mondo con la pretesa di "formare" le polizie di paesi in cui importare la democrazia?
..mi suvviene qualche dubbio!
Il Tav fatto in un certo modo, forse, potrebbe anche servire...ma un governo che si impone in questo modo su un territorio con radicate passioni e ideali come la Val di Susa... non ci azzecca!...e invece di garantire un "servizio d'ordine" crea dei malumori difficilmente risanabili!
...a questo punto "NOTAV a prescindere e ad oltranza!"
Ciao Beppeeee!!!!1!

Enrico Ceretti 06.12.05 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Conflitto di interessi in casa Lunardi
La società dei figli e della moglie del ministro delle infrastrutture progetterà le gallerie della Torino - Lione
M.BA. ROMA
Ennesimo caso di conflitto di interessi per il ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi. Analizzando il bilancio della società da lui amministrata fino al giorno prima di giurare come ministro della Repubblica, il quotidiano finanziario milanese Mf ha scoperto che la Rocksoil nel corso del 2002 ha ottenuto solo quattro nuove commesse. Tutte all'estero, come promesso da Lunardi a chi avanzava timori di casi di conflitto di interessi in Italia. Ma contrariamente agli impegni presi dal ministro - che nel 2001 ha ceduto le azioni della Rocksoil a moglie e figli, risolvendo «all'italiana» ogni potenziale conflitto -, tra gli ultimi progetti vinti dalla società di famiglia ce n'è uno che riguarda da vicino il nostro paese. La commessa incriminata si chiama «Francia Modane» e consiste nella consulenza per la progettazione dei 54 km ferroviari in galleria del futuro corridoio 5 Torino - Lione, tunnel che da soli assorbiranno metà del costo dell'opera, in tutto 13 miliardi di euro (di cui 8 a carico della Francia). Lunardi, raggiunto nella villa di Berlusconi dai giornalisti di Mf, non smentisce i contenuti del servizio. Al contrario, rivendica di essere stato ai patti e nega ogni conflitto di interessi: «Da quando sono ministro la Rocksoil lavora solo all'estero. In questo caso specifico la consulenza è stata chiesta dalla società Effage, con la quale la Rocksoil aveva già lavorato nella realizzazione della linea dell'alta velocità Lione-Marsiglia nei primi anni '90».

Secondo il ministro insomma non c'è nessun conflitto. Ma se si va a vedere chi ha affidato l'appalto all'Effage si scopre che si tratta della Ltf, Lione Torino Ferroviaria, una società di diritto pubblico partecipata alla pari da Rff e Rfi, le due società di proprietà statale che possiedono e gestiscono le reti ferroviarie in Italia e

Paolo Comandone 06.12.05 18:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Conflitto di interessi in casa Lunardi
La società dei figli e della moglie del ministro delle infrastrutture progetterà le gallerie della Torino - Lione
M.BA. ROMA
Ennesimo caso di conflitto di interessi per il ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi. Analizzando il bilancio della società da lui amministrata fino al giorno prima di giurare come ministro della Repubblica, il quotidiano finanziario milanese Mf ha scoperto che la Rocksoil nel corso del 2002 ha ottenuto solo quattro nuove commesse. Tutte all'estero, come promesso da Lunardi a chi avanzava timori di casi di conflitto di interessi in Italia. Ma contrariamente agli impegni presi dal ministro - che nel 2001 ha ceduto le azioni della Rocksoil a moglie e figli, risolvendo «all'italiana» ogni potenziale conflitto -, tra gli ultimi progetti vinti dalla società di famiglia ce n'è uno che riguarda da vicino il nostro paese. La commessa incriminata si chiama «Francia Modane» e consiste nella consulenza per la progettazione dei 54 km ferroviari in galleria del futuro corridoio 5 Torino - Lione, tunnel che da soli assorbiranno metà del costo dell'opera, in tutto 13 miliardi di euro (di cui 8 a carico della Francia). Lunardi, raggiunto nella villa di Berlusconi dai giornalisti di Mf, non smentisce i contenuti del servizio. Al contrario, rivendica di essere stato ai patti e nega ogni conflitto di interessi: «Da quando sono ministro la Rocksoil lavora solo all'estero. In questo caso specifico la consulenza è stata chiesta dalla società Effage, con la quale la Rocksoil aveva già lavorato nella realizzazione della linea dell'alta velocità Lione-Marsiglia nei primi anni '90».

Secondo il ministro insomma non c'è nessun conflitto. Ma se si va a vedere chi ha affidato l'appalto all'Effage si scopre che si tratta della Ltf, Lione Torino Ferroviaria, una società di diritto pubblico partecipata alla pari da Rff e Rfi, le due società di proprietà statale che possiedono e gestiscono le reti ferroviarie in Italia e

Paolo Comandone 06.12.05 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Dal sito : http://www.legambientevalsusa.it/

ORE 15.00 CONTINUANO I BLOCCHI AD AVIGLIANA E LUNGO TUTTA LA VALLE DI SUSA.

ORE 13.30 LE PERSONE A TORINO SONO DIVENTATE UN CORTEO, HANNO RAGGIUNTO LA STAZIONE DI PORTA NUOVA E BLOCCATO ALCUNI BINARI.

ORE 13.00 CIRCA 500 PERSONE STANNO MANIFESTANDO DAVNATI ALLA PREFETTURA DI TORINO. LA PROTESTA SI ALLARGA.

ORE 12.00 DA SUSA GIUNGE LA NOTIZIA CHE CI SONO 40 FERITI A CAUSA DEI PESTAGGI DELLA POLIZIA CHE CARICA ANCHE A BUSSOLENO.

MENTRE ORMAI MEZZA VALLE DI SUSA È BLOCCATA ALLEGHIAMO UN DOCUMENTO TESTIMONIANZA DI CHI ERA LAGGIÙ QUESTA NOTTE A VENAUS.

10.00 CONTINUANO I TAFFERUGLI A VENAUS. PESTAGGI DELLA POLIZIA SULL'AUTOSTRADA SOPRA VENAUS CHE HA ARRESTATO DUE RAGAZZI.

CHI PUÒ VADA A MANIFESTARE A BUSSOLENO! PER CHI PRENDE L'AUTOSTRADA ESCA A BORGONE. I TRENI NON FUNZIONANO, PARE MANCHI L'ELETTRICITÀ.

L'AUTOSTRADA È BLOCCATA ALL'ALTEZZA DI VENAUS. BLOCCATE ANCHE LE STATALI.

RIPORTIAMO QUELLO CHE DICONO ALCUNI TESTIMONI CHE ERANO PRESENTI AL PRESIDIO: IL VICEQUESTORE URLAVA ALLE FORZE DELL'ORDINE CON LA RUSPA "SCHIACCIATELI TUTTI"!

FERRENTINO DICE: UNO DEI RITROVI È A BUSSOLENO ALLA PIAZZA DEL MERCATO PER MANIFESTARE PACIFICAMENTE.

ORE 6.50 ALTRI FERITI A VENAUS. DUE ATTACCHI DELLA POLIZIA. LA SITUAZIONE È GRAVE. PESTATE ANCHE DONNE. I BARELLIERI DEVONO ANDARE A SOCCORRERE A PIEDI PERCHÈ LE FORZE DELL'ORDINE NON LASCIANO PASSARE LE AMBULANZE. C'È DA VERGOGNARSI DI ESSERE ITALIANI.

SONO STATI PICCHIATI RAPPRESENTATI DEI COMUNI, STRAPPATE LE FASCE TRICOLORE, MANGANELLATO GENTE CHE NON REAGIVA. IN QUESTO MOMENTO LE PERSONE SONO ACCERCHIATE NEL PRESIDIO E NON POSSONO MUOVERSI DA LÌ.

ORE 5.00 PARE CHE CI SIANO SEI FERITI. INIZIALMENTE LE FORZE DELL'ORDINE NON FACEVANO PASSARE NEANCHE LE AMBULANZE.

ORE 4.00 SERVE TANTA GENTE A VENAUS PASSATE DA GIAGLIONE. LE FORZE DELL'ORDINE VOGLIONO ENTRARE NEI TERRENI AIUTANDOSI COI MANGANELLI. STANNO MANDANDO SU AMBULANZE, STANNO PICCHIANDO.

Cesare Pirri 06.12.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento


DAL SITO: http://www.legambientevalsusa.it/

ORE 15.00 CONTINUANO I BLOCCHI AD AVIGLIANA E LUNGO TUTTA LA VALLE DI SUSA.

ORE 13.30 LE PERSONE A TORINO SONO DIVENTATE UN CORTEO, HANNO RAGGIUNTO LA STAZIONE DI PORTA NUOVA E BLOCCATO ALCUNI BINARI.

ORE 13.00 CIRCA 500 PERSONE STANNO MANIFESTANDO DAVNATI ALLA PREFETTURA DI TORINO. LA PROTESTA SI ALLARGA.

ORE 12.00 DA SUSA GIUNGE LA NOTIZIA CHE CI SONO 40 FERITI A CAUSA DEI PESTAGGI DELLA POLIZIA CHE CARICA ANCHE A BUSSOLENO.

MENTRE ORMAI MEZZA VALLE DI SUSA È BLOCCATA ALLEGHIAMO UN DOCUMENTO TESTIMONIANZA DI CHI ERA LAGGIÙ QUESTA NOTTE A VENAUS. Leggi il documento.

10.00 CONTINUANO I TAFFERUGLI A VENAUS. PESTAGGI DELLA POLIZIA SULL'AUTOSTRADA SOPRA VENAUS CHE HA ARRESTATO DUE RAGAZZI.

CHI PUÒ VADA A MANIFESTARE A BUSSOLENO! PER CHI PRENDE L'AUTOSTRADA ESCA A BORGONE. I TRENI NON FUNZIONANO, PARE MANCHI L'ELETTRICITÀ.

L'AUTOSTRADA È BLOCCATA ALL'ALTEZZA DI VENAUS. BLOCCATE ANCHE LE STATALI.

RIPORTIAMO QUELLO CHE DICONO ALCUNI TESTIMONI CHE ERANO PRESENTI AL PRESIDIO: IL VICEQUESTORE URLAVA ALLE FORZE DELL'ORDINE CON LA RUSPA "SCHIACCIATELI TUTTI"!

FERRENTINO DICE: UNO DEI RITROVI È A BUSSOLENO ALLA PIAZZA DEL MERCATO PER MANIFESTARE PACIFICAMENTE.

ORE 6.50 ALTRI FERITI A VENAUS. DUE ATTACCHI DELLA POLIZIA. LA SITUAZIONE È GRAVE. PESTATE ANCHE DONNE. I BARELLIERI DEVONO ANDARE A SOCCORRERE A PIEDI PERCHÈ LE FORZE DELL'ORDINE NON LASCIANO PASSARE LE AMBULANZE. C'È DA VERGOGNARSI DI ESSERE ITALIANI. Le foto su questo link.

SONO STATI PICCHIATI RAPPRESENTATI DEI COMUNI, STRAPPATE LE FASCE TRICOLORE, MANGANELLATO GENTE CHE NON REAGIVA. IN QUESTO MOMENTO LE PERSONE SONO ACCERCHIATE NEL PRESIDIO E NON POSSONO MUOVERSI DA LÌ.

ORE 5.00 PARE CHE CI SIANO SEI FERITI. INIZIALMENTE LE FORZE DELL'ORDINE NON FACEVANO PASSARE NEANCHE LE AMBULANZE.

ORE 4.00 SERVE TANTA GENTE A VENAUS PASSATE DA GIAGLIONE. LE FORZE DELL'ORDINE VOGLIONO ENTRARE NEI TERRENI AIUTANDOSI COI MANGANELLI.

Cesare Pirri 06.12.05 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Tutte le volte che qualche opinionista con la schiena dritta (purtroppo ce ne sono pochi!) critica questo governo (a mio modesto parere uno dei peggiori dall'unità d'Italia in poi)ecco che viene accusato dai tanti "camerieri" e pennivendoli, sempre proni e servizievoli, di usare toni eccessivi e di propaganda. Mi chiedo cos'altro debba succedere prima che i tanti italiani dormienti si accorgano, o meglio si convincano che è ora di cacciare il nano e vari Lunardi, Pisanu & Co. Occupazione e relativa desertificazione della Rai; leggi ad personam; impunità garantita per i potenti e galera ad oltranza per i derelitti; riforma del mercato del lavoro improntata alle più feroci forme di flessibilità; bastonate contro ogni espressione di dissenso, da Genova (il buongiorno si vede dal mattino!) fino alla Val di Susa. Come si fa a non incazzarsi di fronte all'arroganza di un ministro che ribadisce con cieca fermezza "Il traforo si farà!" o sentire il suo collega Pisanu parlare di sobillatori? Mi chiedo in nome di quali interessi privati questa volta si agita il manganello? si specula sulla pelle degli abitanti della Val di Susa? Se un domani gli effetti dannosi di questa scelta sulla salute delle persone e sull'ambiente verranno riconosciuti da un tribunale, assisteremo di nuovo a uno spettacolo vergognoso tipo quello del petrolchimico di Marghera? Mi chiedo anche quando la cosiddetta sinistra smetterà di abbaiare e incomincerà, se ne è capace, a fare opposizione come si deve prendendo posizione contro, senza i soliti distinguo e le tante, reiterate mediazioni?

Luca Vindelli 06.12.05 17:55| 
 |
Rispondi al commento


dal sito: http://www.notavtorino.org/

HANNO SCELTO LA VIOLENZA

A Venaus questa notte le "forze dell'ordine" hanno brutalmente aggredito i presidianti che stavano riposando nelle tende e nelle baracche. Non c'è stata reazione. Ai sindaci veniva strappata la fascia tricolore, poi erano manganellate anche per loro. Ci sono al momento 15 feriti, di cui 2 in condizioni serie.

Tutta la Val Cenischia è isolata dalla polizia e pare vogliano identificare e fermare tutti coloro che sono attualmente presenti al presidio.

Intanto nel resto della valle sono partite manifestazioni spontanee: le RSU delle fabbriche hanno dichiarato sciopero; alcune stazioni ferroviarie e le statali sono di fatto impraticabili.

Al di fuori della Valle Susa si stanno organizzando presìdi di denuncia e di protesta contro questa scelta che non ha certo la forza di risolvere la situazione, ma solo di testimoniare la spaventosa involuzione che sta subendo la democrazia in questo Paese.

A TORINO: PRESIDIO DAVANTI ALLA PREFETTURA-Pza CASTELLO
DALLE 10,30 PER L'INTERA GIORNATA

TORINESI ALZATE IL CULO E ANDATE IN PIAZZA A DIFENDERE LA DEMOCRAZIA !!!!!!!!!!!!!!!


Cesare Pirri 06.12.05 17:51| 
 |
Rispondi al commento

****************************************************************************************************

TUTTI IN VAL DI SUSA !!!!

Ma non sulle piste da sci della FIAT e nemmeno sull’autostrada della FIAT, ma per protestare contro la TAV di Lunardi.

La parte francese del tunnel sarà costruita dal Ministro Lunari attraverso la sua società, Roksoil !!!!

Lunari per difendere un interesse privato manganella i cittadini……..VERGOGNA !!!


PORTIAMO IL NOSTRO SOSTEGNO AI VALSUSINI !!!!


****************************************************************************************************

Cesare Pirri 06.12.05 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

****************************************************************************************************

TUTTI IN VAL DI SUSA !!!!

Ma non sulle piste da sci della FIAT e nemmeno sull’autostrada della FIAT, ma per protestare contro la TAV di Lunardi.

La parte francese del tunnel sarà costruita dal Ministro Lunari attraverso la sua società, Roksoil !!!!

Lunari per difendere un interesse privato manganella i cittadini……..VERGOGNA !!!


PORTIAMO IL NOSTRO SOSTEGNO AI VALSUSINI !!!!


****************************************************************************************************

Cesare Pirri 06.12.05 17:41| 
 |
Rispondi al commento

****************************************************************************************************

TUTTI IN VAL DI SUSA !!!!

Ma non sulle piste da sci della FIAT e nemmeno sull’autostrada della FIAT, ma per protestare contro la TAV di Lunardi.

La parte francese del tunnel sarà costruita dal Ministro Lunari attraverso la sua società, Roksoil !!!!

Lunari per difendere un interesse privato manganella i cittadini……..VERGOGNA !!!


PORTIAMO IL NOSTRO SOSTEGNO AI VALSUSINI !!!!


****************************************************************************************************

Cesare Pirri 06.12.05 17:41| 
 |
Rispondi al commento

****************************************************************************************************

TUTTI IN VAL DI SUSA !!!!

Ma non sulle piste da sci della FIAT e nemmeno sull’autostrada della FIAT, ma per protestare contro la TAV di Lunardi.

La parte francese del tunnel sarà costruita dal Ministro Lunari attraverso la sua società, Roksoil !!!!

Lunari per difendere un interesse privato manganella i cittadini……..VERGOGNA !!!


PORTIAMO IL NOSTRO SOSTEGNO AI VALSUSINI !!!!


****************************************************************************************************

Cesare Pirri 06.12.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

****************************************************************************************************

TUTTI IN VAL DI SUSA !!!!

APPELLO AGLI STUDENTI, ALLE CASALINGHE, A CHI ANCORA CREDE CHE LA DEMOCRAZIA SIA UN VALORE IMPORTANTE, A CHI CREDE NELLA COMPARTECIPAZIONE DEI CITTADINI NELLE SCELTE POLITICHE, A TUTTI I CITTADINI ONESTI ITALIANI!!!!!!!!!!!

PORTIAMO IL NOSTRO SOSTEGNO AI VALSUSINI !!!!

****************************************************************************************************

Cesare Pirri 06.12.05 17:25| 
 |
Rispondi al commento

NO ALL'ALTA VELOCITA'
NO ALL'ENERGIA EOLICA
NO AL NUCLEARE
NO AI CAMPI PROFUGHI
NO ALLE METROPOLITANE
NO AL PONTE DI MESSINA
NO ALLE DISCARICHE
NO ALLE CENTRALI
NO ALLE AUTOSTRADE

A ME PIACEREBBE VIVERE IN UN MONDO PULITO SENZA AUTO, TRENI, CENTRALI TERMOELETTRICHE E RIFIUTI, PERO' VOGLIO VIAGGIARE IN FUORISTRADA (E CHE LA STRADA SIA BEN ASFALTATA), VOGLIO GUARDARE LA TELE, VOGLIO PRENDERMI UN GHIACCIOLO DAL FRIGO E NON VOGLIO MAROCCHINI E ALBANESI TRA LE BALLE, SOPRATTUTTO IN VAL DI SUSA!

matteo ferretti 06.12.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Continuo: TAV VAL DI SUSA, UN PROBLEMA CHE RIGUARDA TUTTA L’ITALIA.

Scusate se lo invio in due parti, ma non sono riuscito a ridurlo.

e il Governo si ostina a voler costruire senza fornire spiegazioni sufficienti cercando addirittura di velocizzare i processi di sgombero della zona per proseguire con i lavori.
A questo punto il problema si estende a tutta la penisola sin sulle isole, non tanto per l’importanza che potrebbe avere la tratta Torino-Lione per il Paese, quanto per il peso che il Parlamento, nostro rappresentante, da alla voce di migliaia di cittadini (vedi sito Legambiente Val di Susa).
Dice Beppe,con il quale sono pienamente d’accordo che i parlamentari sono nostri dipendenti, non dovrebbero perciò compiere atti sociali senza prima chiedere il nostro permesso. Cosa che ultimamente si verifica molto raramente e solo per questioni di comodo (loro).
Siamo ancora Italiani?
Siamo veramente rappresentati?
Dov’è finita la democrazia? L’abbiamo esportata?
Vogliamo ancora uno pseudo-sviluppo tecnologico?
Il mondo sta fumando un’enorme sigaretta ed i suoi polmoni si stanno riempiendo, i politici, insieme alle multinazionali non fanno altro che velocizzare il processo consapevoli dei rimedi ed inermi di fronte alla loro stupidità, non tengono in considerazione i veri detentori del loro potere.

RONCOLI DANIELE 6/12/2005

daniele roncoli 06.12.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Continuo: TAV VAL DI SUSA, UN PROBLEMA CHE RIGUARDA TUTTA L’ITALIA.

Scusate se lo invio in due parti, ma non sono riuscito a ridurlo.

e il Governo si ostina a voler costruire senza fornire spiegazioni sufficienti cercando addirittura di velocizzare i processi di sgombero della zona per proseguire con i lavori.
A questo punto il problema si estende a tutta la penisola sin sulle isole, non tanto per l’importanza che potrebbe avere la tratta Torino-Lione per il Paese, quanto per il peso che il Parlamento, nostro rappresentante, da alla voce di migliaia di cittadini (vedi sito Legambiente Val di Susa).
Dice Beppe,con il quale sono pienamente d’accordo che i parlamentari sono nostri dipendenti, non dovrebbero perciò compiere atti sociali senza prima chiedere il nostro permesso. Cosa che ultimamente si verifica molto raramente e solo per questioni di comodo (loro).
Siamo ancora Italiani?
Siamo veramente rappresentati?
Dov’è finita la democrazia? L’abbiamo esportata?
Vogliamo ancora uno pseudo-sviluppo tecnologico?
Il mondo sta fumando un’enorme sigaretta ed i suoi polmoni si stanno riempiendo, i politici, insieme alle multinazionali non fanno altro che velocizzare il processo consapevoli dei rimedi ed inermi di fronte alla loro stupidità, non tengono in considerazione i veri detentori del loro potere.

RONCOLI DANIELE 6/12/2005

daniele roncoli 06.12.05 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Continuo: TAV VAL DI SUSA, UN PROBLEMA CHE RIGUARDA TUTTA L’ITALIA.

Scusate se lo invio in due parti, ma non sono riuscito a ridurlo.

e il Governo si ostina a voler costruire senza fornire spiegazioni sufficienti cercando addirittura di velocizzare i processi di sgombero della zona per proseguire con i lavori.
A questo punto il problema si estende a tutta la penisola sin sulle isole, non tanto per l’importanza che potrebbe avere la tratta Torino-Lione per il Paese, quanto per il peso che il Parlamento, nostro rappresentante, da alla voce di migliaia di cittadini (vedi sito Legambiente Val di Susa).
Dice Beppe,con il quale sono pienamente d’accordo che i parlamentari sono nostri dipendenti, non dovrebbero perciò compiere atti sociali senza prima chiedere il nostro permesso. Cosa che ultimamente si verifica molto raramente e solo per questioni di comodo (loro).
Siamo ancora Italiani?
Siamo veramente rappresentati?
Dov’è finita la democrazia? L’abbiamo esportata?
Vogliamo ancora uno pseudo-sviluppo tecnologico?
Il mondo sta fumando un’enorme sigaretta ed i suoi polmoni si stanno riempiendo, i politici, insieme alle multinazionali non fanno altro che velocizzare il processo consapevoli dei rimedi ed inermi di fronte alla loro stupidità, non tengono in considerazione i veri detentori del loro potere.

RONCOLI DANIELE 6/12/2005

daniele roncoli 06.12.05 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio appena ricevuto da Sergio Gentili - Dipartimento Ambiente dei DS
(sull'altra pagina non si riesce a postare, immagino sia intasato!..)

----- Original Message -----
From: Pozzilli Elettra
Sent: Tuesday, December 06, 2005 1:46 PM
Subject: I: R da Sergio Gentili : TAV


Cara Paola,

prima di tutto ti ringrazio di aver scritto per farci partecipi delle tue preoccupazioni, che sono anche le nostre. Come te, infatti, sono e siamo indignati per quanto è successo questa notte in Valle Susa. Il vergognoso atto di forza di questo governo e il rifiuto di qualsiasi confronto democratico, fanno parte di un attacco rivolto tanto agli abitanti e agli amministratori della Val Susa che ai Democratici di Sinistra che si stanno impegnando per riaprire il dialogo sull’alta capacità. Siamo fermamente convinti che nessun progresso potrà esserci senza un tavolo di confronto aperto a tutte le forze democratiche della Valle. E’ un momento difficile e, per questo, dobbiamo mettere in campo tutta la nostra volontà e intelligenza per arrivare presto a un accordo condiviso. Anche la Presidente Bresso ha avuto questa mattina parole di severa condanna per quello che è successo questa notte e di dialogo. Ha parlato questa mattina con Ferrentino e proporrà in Consiglio un incontro con tutti i sindaci della valle per ragionare insieme sul da farsi. Comunque, ti allego le dichiarazioni di tutti noi sull’attacco di ieri notte. Siamo convinti che i conflitti ambientali non sono inevitabili se affrontati all’interno di percorsi democratici e trasparenti.

Se vorrai, potrai seguire sul nostro sito le nostre posizioni e i nostri interventi e contattarci quando vuoi.

Cari saluti e buon lavoro.

Sergio Gentili
Direzione Nazionale dei Democratici di Sinistra
Dipartimento Ambiente

Paola Bassi 06.12.05 16:07| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti
Sono preoccupato per quello che sta succedendo,io abito in Sicilia poco fa ho chiamato mia madre che abita ad'Avigliana mi hadetto che e passata un'auto dei vigili urbani con megafono e dicevano a tutti di scendere per manifestare mio padre e mio fratello sono li.Ho come posso dire un nodo alla gola vorrei essere li , e grave gravissimo quello che sta succedendo per la democrazia e il vivere comune forse e ora della rivoluzione????

Gianluca Scabin 06.12.05 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Tav Val Di Susa, un problema che riguarda tutta l’Italia.

Il sentimento che mi porta a scrivere sul progetto del Treno Alta Velocità (TAV), è un sentimento puramente patriottico quale io stesso non pensavo assolutamente di avere. Non è tanto il progetto presentato dal governo attuale, ed i suoi difetti ambientali, che vorrei mettere in discussione, anche se ci sarebbe molto da dire, quanto la DISINFORMAZIONE e la VIOLENZA GRATUITA della quale sono stati resi partecipi i CITTADINI della valle stessa e sulle quali sarebbe bene riflettere.
Inizialmente le proteste si erano accese si per l’impatto ambientale, ma anche perché il GOVERNO si era DIMENTICATO di rendere partecipi gli abitanti della valle che dovranno poi convivere con l’alta velocità.
Poco dopo l’inizio delle lecite e pacifiche manifestazioni della popolazione, uno dei sindaci della valle si era espresso circa le richieste dei cittadini ed il servizio era stato trasmesso dalle reti-pubbliche. L’unica cosa che i cittadini pretendevano, in quell’occasione, era un adeguata informazione sul progetto, che però non è stata fornita da nessun organo statale.
Il governo dal canto suo si è mosso, anche se in modo parallelamente contrario alle esigenze espresse. Il problema, infatti oltre a non essere stato risolto è peggiorato. La Val Di Susa è stata assediata dai cittadini in attesa di risposta. Le forze dell’ordine hanno portato, con il loro intervento, l’aumento sempre maggiore delle tensioni sociali. Immedesimatevi per un attimo nella mente di quei vostri connazionali e pensate a come vi sentireste se da un momento all’altro, alzandovi la mattina, vedeste ruspe e camion aprire un enorme cantiere proprio al centro del vostro giardino! Sono sicuro che non li lascereste fare ed anche se avessero il permesso del Padre Eterno, chiedereste perlomeno delle spiegazioni. Questo è quello che è successo in Val Di Susa, con l’aggiunta che le spiegazioni non sono arrivate neanche dopo più di un mese

roncoli daniele 06.12.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Tav Val Di Susa, un problema che riguarda tutta l’Italia.

Il sentimento che mi porta a scrivere sul progetto del Treno Alta Velocità (TAV), è un sentimento puramente patriottico quale io stesso non pensavo assolutamente di avere. Non è tanto il progetto presentato dal governo attuale, ed i suoi difetti ambientali, che vorrei mettere in discussione, anche se ci sarebbe molto da dire, quanto la DISINFORMAZIONE e la VIOLENZA GRATUITA della quale sono stati resi partecipi i CITTADINI della valle stessa e sulle quali sarebbe bene riflettere.
Inizialmente le proteste si erano accese si per l’impatto ambientale, ma anche perché il GOVERNO si era DIMENTICATO di rendere partecipi gli abitanti della valle che dovranno poi convivere con l’alta velocità.
Poco dopo l’inizio delle lecite e pacifiche manifestazioni della popolazione, uno dei sindaci della valle si era espresso circa le richieste dei cittadini ed il servizio era stato trasmesso dalle reti-pubbliche. L’unica cosa che i cittadini pretendevano, in quell’occasione, era un adeguata informazione sul progetto, che però non è stata fornita da nessun organo statale.
Il governo dal canto suo si è mosso, anche se in modo parallelamente contrario alle esigenze espresse. Il problema, infatti oltre a non essere stato risolto è peggiorato. La Val Di Susa è stata assediata dai cittadini in attesa di risposta. Le forze dell’ordine hanno portato, con il loro intervento, l’aumento sempre maggiore delle tensioni sociali. Immedesimatevi per un attimo nella mente di quei vostri connazionali e pensate a come vi sentireste se da un momento all’altro, alzandovi la mattina, vedeste ruspe e camion aprire un enorme cantiere proprio al centro del vostro giardino! Sono sicuro che non li lascereste fare ed anche se avessero il permesso del Padre Eterno, chiedereste perlomeno delle spiegazioni. Questo è quello che è successo in Val Di Susa, con l’aggiunta che le spiegazioni non sono arrivate neanche dopo più di un mese

roncoli daniele 06.12.05 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Salve Beppe, e salve a tutti voi..
tempo fa postai in questo blog un link per emule con un documentario auto prodotto dai cittadini Romani contro la TAV(Treno ad alta Velocità/Voracità).
Devo ringraziarvi perchè in questi mesi, grazie a voi, ci sono stati migliaia di download!!!
L'unico problema che poche persone poi hanno ricondiviso il file. Peccato...
Vi riscrivo per dirvi che è uscito il secondo atto del documentario, questa volta più professionale,preciso,più velenoso,e più chiaro.
Il gruppo NO TAV di Roma si è unito nella piena civiltà e nel pieno diritto di protesta con il gruppo NO TAV della Val di Susa. Il documentario in oggetto viene attualmente trasmesso anche nella valle(un ringraziamento va ai vari sindaci e alle varie associazioni della valle). Vi prego di visionare il vecchio e nuovo documentario per farvi un idea chiara e veritiera del fenomeno TAV.
(Vi avverto, ci sono delle immagini un po' forti di persone che protestano dandosi fuoco! Cosa ovviamente nascosta e censurata dalla stampa nazionale!!!! Solo la stampa locale ha scritto qualche articolo in riguardo. Bhe.. NOI ABBIAMO INSERITO IL VIDEO ORIGINALE IN QUESTO DOCUMENTARIO) Buona Visione!

ed2k://|file|(Xvid.DIVX.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.SECONDO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|733554688|E02F07D33E73130C136F401E9C707337|h=BLEK5GI5FFQO4WA7MZTGVYF4GOV6PLOR|/

Daniele Bonifazi 06.12.05 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Salve Beppe, e salve a tutti voi..
tempo fa postai in questo blog un link per emule con un documentario auto prodotto dai cittadini Romani contro la TAV(Treno ad alta Velocità/Voracità).
Devo ringraziarvi perchè in questi mesi, grazie a voi, ci sono stati migliaia di download!!!
L'unico problema che poche persone poi hanno ricondiviso il file. Peccato...
Vi riscrivo per dirvi che è uscito il secondo atto del documentario, questa volta più professionale,preciso,più velenoso,e più chiaro.
Il gruppo NO TAV di Roma si è unito nella piena civiltà e nel pieno diritto di protesta con il gruppo NO TAV della Val di Susa. Il documentario in oggetto viene attualmente trasmesso anche nella valle(un ringraziamento va ai vari sindaci e alle varie associazioni della valle). Vi prego di visionare il vecchio e nuovo documentario per farvi un idea chiara e veritiera del fenomeno TAV.
(Vi avverto, ci sono delle immagini un po' forti di persone che protestano dandosi fuoco! Cosa ovviamente nascosta e censurata dalla stampa nazionale!!!! Solo la stampa locale ha scritto qualche articolo in riguardo. Bhe.. NOI ABBIAMO INSERITO IL VIDEO ORIGINALE IN QUESTO DOCUMENTARIO) Buona Visione!

ed2k://|file|(Xvid.DIVX.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.SECONDO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|733554688|E02F07D33E73130C136F401E9C707337|h=BLEK5GI5FFQO4WA7MZTGVYF4GOV6PLOR|/

Daniele Bonifazi 06.12.05 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Salve Beppe, e salve a tutti voi..
tempo fa postai in questo blog un link per emule con un documentario auto prodotto dai cittadini Romani contro la TAV(Treno ad alta Velocità/Voracità).
Devo ringraziarvi perchè in questi mesi, grazie a voi, ci sono stati migliaia di download!!!
L'unico problema che poche persone poi hanno ricondiviso il file. Peccato...
Vi riscrivo per dirvi che è uscito il secondo atto del documentario, questa volta più professionale,preciso,più velenoso,e più chiaro.
Il gruppo NO TAV di Roma si è unito nella piena civiltà e nel pieno diritto di protesta con il gruppo NO TAV della Val di Susa. Il documentario in oggetto viene attualmente trasmesso anche nella valle(un ringraziamento va ai vari sindaci e alle varie associazioni della valle). Vi prego di visionare il vecchio e nuovo documentario per farvi un idea chiara e veritiera del fenomeno TAV.
(Vi avverto, ci sono delle immagini un po' forti di persone che protestano dandosi fuoco! Cosa ovviamente nascosta e censurata dalla stampa nazionale!!!! Solo la stampa locale ha scritto qualche articolo in riguardo. Bhe.. NOI ABBIAMO INSERITO IL VIDEO ORIGINALE IN QUESTO DOCUMENTARIO) Buona Visione!

ed2k://|file|(Xvid.DIVX.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.SECONDO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|733554688|E02F07D33E73130C136F401E9C707337|h=BLEK5GI5FFQO4WA7MZTGVYF4GOV6PLOR|/

Daniele Bonifazi 06.12.05 14:59| 
 |
Rispondi al commento

tutto questo mentre in televisione abbondano fiction sulle forze dell'ordine: Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza...

Mi sembra tutto cosi PREVENTIVAMENTE programmato: circondare le forze dell'ordine di un'aurea da "salvatori" in modo da mantenere il favore dell'opinione pubblica in caso di contrasti con i manifestanti, questi ultimi visti come sobillatori dell'ordine pubblico.

elena indignato60 Commentatore in marcia al V2day 06.12.05 14:54| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE DOPO 10 ANNI DI SILENZI QUALCOSA SI MUOVE!SONO 10 ANNI CHE NOI ROMANI PROTESTIAMO E CONTESTIAMO LA TAV!10 ANNI DI INCUBI,VITA POCO SALUBRE E POCHE ORE DI SONNO!10 ANNI DI VITA DENTRO AD UN CANTIERE!! LA LINEA PASSA A 3 METRI DAI CONDOMINI DI ROMA EST PER BEN OLTRE 12 KM!MIGLIAIA I FAMIGLIE VIOLENTATE DALLA TAV!UN MURO DI BERLINO CHE DIVITE LA CITTA',UN QUARTIERE DALL'ALTRO!UN MURO ALTO OLTRE 12 METRI LUNGO OLTRE 12 KM DENTRO AL CENTRO URBANO DI ROMA!LE CASE DEI FRONTISTI UFFICIALMENTE INAGIBILI E INCOMPATIBILI! E SIAMO COSTRETTI A VIVERE QUI!CI AVEVANO PROMESSO ESPROPRI LUNGO LA LINEA,CON RELATIVO ABBATTIMENTO DEGLI EDIFICI E IL PAGAMENTO DEL VALORE DELL'INTERO IMMOBILE.COSI NON E' STATO!I SOLDI NON C'ERANO E NON CI SONO!I PIU' FORTUNATI HANNO AVUTO MENO DELLA META' DEL VALORE DELL'IMMOBILE!PERCIO' DOBBIAMO VIVERE A SOLI 3 METRI DA 4 GALLERIE ALTE OLTRE 12 METRI(OGNI APPARATMENTO TRASFORMATO IN LOCULO!)CON INFILTRAZIONI D'ACQUA NELLE CANTINE CAUSATE DAI LAVORI,CREPE E CROLLI DI DEGLI EDIFICI PER LE NOTEVOLI VIBRAZIONI E RUMORI MOLESTI,INTERI EDIFICI DICHIARATI INCOMPATIBILI E INAGIBILI!CARICHE DELLA POLIZIA E DELLE FORZE DELL'ORDINE CONTRO I CITTADINI MENTRE LE SCAVATRICI ENTRAVANO CON PREPOTENZA DENTRO AI GIRADINI CONDOMINIALI!(E SI MIEI CARI,LA TAV E' PRATICAMENTE ENTRATA DENTRO CASA DI MIGLIAIA DI FAMIGLIE!),CONTINUI SUPPRUSI E PROBLEMI!SONO 10 ANNI CHE NON VIVIAMO!E CHIEDIAMO GIUSTIZIA!E' CONTRO NATURA,CONTRO L'AMBIENTE,CONTRO IL NORMAL VIVERE CIVILE COSTRUIRE UN ECOMOSTRO DEL GENERE ALL'INTERNO DEL CENTRO URBANO DELLA CITTà ETERNA!RIPETO:UN MURO DI BERLINO,ALTO 12,50 METRI E LUNGO OLTRE 12 KM E LARGO QUANTO(E FORSE PIù) UN AUTOSTRADA A 3 CORSIE(A DOPPIO SENSO,PERCIO' 6 CORSIE) NEL CUORE DEL CENTRO URBANO DI ROMA!QUESTO ECOMOSTRO PENETRA DA EST A OVEST(PERCIò DALLA PERIFERIA VERSO STAZIONE TERMINI)DIVIDENDO COMPLETAEMENTE A METà INTERI QUARTIERI E BORGATE!ECCO PERCHè,PORTATI ALLA ESASPERAZIONE,MOLTI CITTADINI DI ROMA SI SONO DATI FUOCO! BASTAAA!

Daniele Bonifazi 06.12.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solo RaiNews24 (l'unica rete Rai Libera!!!!) Aveva parlato a suo tempo delle proteste a Roma contro la Tav (proteste iniziate nel 1996!!).
E sono stati gli unici a menzionare almeno 2 casi di persone che si sono date fuoco.

http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=53091

Daniele Bonifazi 06.12.05 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina a Venaus alle ore 3:00, le forze dell'ordine intervenute in massa hanno usato la forza contro i pacifici cittadini presenti al presidio cercando di entrare CON LA FORZA nelle aree presidiate. L'ennesima prova di forza notturna non fa certo parte della tregua olimpica che alcuni politici "moderati" avevano auspicato in questi giorni. L'accorrere sul posto di parecchie ambulanze e le testimonianze di chi è sul posto circa le violenze in atto non possono rasserenare gli animi. SIAMO PARTICOLARMENTE PREOCCUPATI PER LA TENUTA DEL SISTEMA DEMOCRATICO DI QUESTO NOSTRO PAESE E PER LA MANCANZA DI DIALOGO CHE LA POLITICA PROVINCIALE, REGIONALE E NAZIONALE HA EVIDENZIATO. I cittadini presenti al sito di Venaus hanno dimostrato una grande civiltà in questi giorni, i loro Sindaci stanno sopportando pressioni psicologiche incredibili. Da 40 giorni il paese di Mompantero è presidiato da poliziotti ed è IMPEDITA LA LIBERA CIRCOLAZIONE. Facciamo notare che la progettata linea ferroviaria che si sta cercando di realizzare CON LA FORZA e senza il consenso di cittadini ed amministratori si svilupperebbe tra Settimo Torinese e Venaus in territorio italiano per oltre 70 km e che non è da escludere a questo punto che per installare i numerosi cantieri si renda necessaria l'occupazione militare di un'intera valle e di una fetta di interland torinese. Siamo senza parole, anche se è difficile invitiamo tutti a rimanere calmi ed a protestare civilmente e pacificamente come sempre. Per dovere di informazione ci dispiace comunicare che ci informano di 6 feriti, di rappresentanti dei comuni ai quali è stata strappata la fascia tricolore,che sono stati colpiti anche dei giornalisti e che è stata manganellata la gente che non reagiva. Stiamo calmi e dimostriamo con il nostro comportamento la determinazione che ci deriva dalle nostre ragioni! LEGAMBIENTE mailto:info@legambientevalsusa.it

Legambiente Vallesusa 06.12.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina a Venaus alle ore 3:00, le forze dell'ordine intervenute in massa hanno usato la forza contro i pacifici cittadini presenti al presidio cercando di entrare CON LA FORZA nelle aree presidiate. L'ennesima prova di forza notturna non fa certo parte della tregua olimpica che alcuni politici "moderati" avevano auspicato in questi giorni. L'accorrere sul posto di parecchie ambulanze e le testimonianze di chi è sul posto circa le violenze in atto non possono rasserenare gli animi. SIAMO PARTICOLARMENTE PREOCCUPATI PER LA TENUTA DEL SISTEMA DEMOCRATICO DI QUESTO NOSTRO PAESE E PER LA MANCANZA DI DIALOGO CHE LA POLITICA PROVINCIALE, REGIONALE E NAZIONALE HA EVIDENZIATO. I cittadini presenti al sito di Venaus hanno dimostrato una grande civiltà in questi giorni, i loro Sindaci stanno sopportando pressioni psicologiche incredibili. Da 40 giorni il paese di Mompantero è presidiato da poliziotti ed è IMPEDITA LA LIBERA CIRCOLAZIONE. Facciamo notare che la progettata linea ferroviaria che si sta cercando di realizzare CON LA FORZA e senza il consenso di cittadini ed amministratori si svilupperebbe tra Settimo Torinese e Venaus in territorio italiano per oltre 70 km e che non è da escludere a questo punto che per installare i numerosi cantieri si renda necessaria l'occupazione militare di un'intera valle e di una fetta di interland torinese. Siamo senza parole, anche se è difficile invitiamo tutti a rimanere calmi ed a protestare civilmente e pacificamente come sempre. Per dovere di informazione ci dispiace comunicare che ci informano di 6 feriti, di rappresentanti dei comuni ai quali è stata strappata la fascia tricolore,che sono stati colpiti anche dei giornalisti e che è stata manganellata la gente che non reagiva. Stiamo calmi e dimostriamo con il nostro comportamento la determinazione che ci deriva dalle nostre ragioni! LEGAMBIENTE mailto:info@legambientevalsusa.it


Ragazzi ho paura. Sul serio. Lo so che la cosa era inevitabile. Nei paesi "civili" nel nome del denaro e del potere si uccidono i presidenti, figuriamoci se non si pestano quattro montanari ignoranti.
Siamo veramente stanchi di questa politica marcia fino al midollo. Ma cosa possiamo fare noi bifolchi adesso che siamo anche incazzati neri? Quando ti vedi arrivare il manganello sulle gengive, scagliato dal tipo al quale, solo la sera prima, avevi offerto un pò di legna per scaldarsi. E' in queste occasioni che si fa la stupidaggine e ci scappano i morti.
E' di questo che ho paura. Ora più che mai. Cerchiamo un buon motivo per non ricorrere alla violenza. Lo so che è difficile ma la violenza non paga mai, è figlia dell'ignoranza e madre di altra violenza.

Andrea Marina 06.12.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parliamoci chiaro chi vive nella zona non ha bisogno della TAV per migliorare le proprie condizioni di vita, in più è noto che in Italia i cittadini sono prevenuti sul modo di operare dello Stato...causa numerosi e spiacevoli precedenti storici...
Insomma, in questo momento ne abbiamo veramente bisogno o sarebbe molto più utile, per esempio, migliorare il servizio ferroviario regionale e interregionale? Migliori servizi ferroviari porterebbero, anche, ad un minor intasamento delle arterie stradali e autostradali...

Andrea Buonaguidi 06.12.05 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina a Venaus alle ore 3:00, le forze dell'ordine intervenute in massa hanno usato la forza contro i pacifici cittadini presenti al presidio cercando di entrare CON LA FORZA nelle aree presidiate. L'ennesima prova di forza notturna non fa certo parte della tregua olimpica che alcuni politici "moderati" avevano auspicato in questi giorni. L'accorrere sul posto di parecchie ambulanze e le testimonianze di chi è sul posto circa le violenze in atto non possono rasserenare gli animi. SIAMO PARTICOLARMENTE PREOCCUPATI PER LA TENUTA DEL SISTEMA DEMOCRATICO DI QUESTO NOSTRO PAESE E PER LA MANCANZA DI DIALOGO CHE LA POLITICA PROVINCIALE, REGIONALE E NAZIONALE HA EVIDENZIATO. I cittadini presenti al sito di Venaus hanno dimostrato una grande civiltà in questi giorni, i loro Sindaci stanno sopportando pressioni psicologiche incredibili. Da 40 giorni il paese di Mompantero è presidiato da poliziotti ed è IMPEDITA LA LIBERA CIRCOLAZIONE. Facciamo notare che la progettata linea ferroviaria che si sta cercando di realizzare CON LA FORZA e senza il consenso di cittadini ed amministratori si svilupperebbe tra Settimo Torinese e Venaus in territorio italiano per oltre 70 km e che non è da escludere a questo punto che per installare i numerosi cantieri si renda necessaria l'occupazione militare di un'intera valle e di una fetta di interland torinese. Siamo senza parole, anche se è difficile invitiamo tutti a rimanere calmi ed a protestare civilmente e pacificamente come sempre. Per dovere di informazione ci dispiace comunicare che ci informano di 6 feriti, di rappresentanti dei comuni ai quali è stata strappata la fascia tricolore,che sono stati colpiti anche dei giornalisti e che è stata manganellata la gente che non reagiva. Stiamo calmi e dimostriamo con il nostro comportamento la determinazione che ci deriva dalle nostre ragioni! LEGAMBIENTE mailto:info@legambientevalsusa.it

Legambiente Vallesusa 06.12.05 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Sul Corriere si spiega anche che almeno uno dei comuni francesi interessati riceverà 550mila euro all'anno per le concessioni ai cantieri.

Pecunia non olet, l'amianto nemmeno: quello ammazza in silenzio.

Andrea Mario 06.12.05 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Provate a guardare il "percorso" di questa linea dell'alta velocità, che prevede di forare le Alpi in diversi punti.
Ebbene, parte dal Portogallo, attraversa la Spagna ma i Pirenei vengono "evitati".
Certo, siamo solo noi quelli che sanno fare i lavori mastodontici! Le grandi opere che permettano di distribuire grosse risorse, di pagare conti grossi.....ai soliti pochi.

Laura Roletti 06.12.05 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina a Venaus alle ore 3:00, le forze dell'ordine intervenute in massa hanno usato la forza contro i pacifici cittadini presenti al presidio cercando di entrare CON LA FORZA nelle aree presidiate. L'ennesima prova di forza notturna non fa certo parte della tregua olimpica che alcuni politici "moderati" avevano auspicato in questi giorni. L'accorrere sul posto di parecchie ambulanze e le testimonianze di chi è sul posto circa le violenze in atto non possono rasserenare gli animi. SIAMO PARTICOLARMENTE PREOCCUPATI PER LA TENUTA DEL SISTEMA DEMOCRATICO DI QUESTO NOSTRO PAESE E PER LA MANCANZA DI DIALOGO CHE LA POLITICA PROVINCIALE, REGIONALE E NAZIONALE HA EVIDENZIATO. I cittadini presenti al sito di Venaus hanno dimostrato una grande civiltà in questi giorni, i loro Sindaci stanno sopportando pressioni psicologiche incredibili. Da 40 giorni il paese di Mompantero è presidiato da poliziotti ed è IMPEDITA LA LIBERA CIRCOLAZIONE. Facciamo notare che la progettata linea ferroviaria che si sta cercando di realizzare CON LA FORZA e senza il consenso di cittadini ed amministratori si svilupperebbe tra Settimo Torinese e Venaus in territorio italiano per oltre 70 km e che non è da escludere a questo punto che per installare i numerosi cantieri si renda necessaria l'occupazione militare di un'intera valle e di una fetta di interland torinese. Siamo senza parole, anche se è difficile invitiamo tutti a rimanere calmi ed a protestare civilmente e pacificamente come sempre. Per dovere di informazione ci dispiace comunicare che ci informano di 6 feriti, di rappresentanti dei comuni ai quali è stata strappata la fascia tricolore,che sono stati colpiti anche dei giornalisti e che è stata manganellata la gente che non reagiva. Stiamo calmi e dimostriamo con il nostro comportamento la determinazione che ci deriva dalle nostre ragioni! LEGAMBIENTE mailto:info@legambientevalsusa.it

Legambiente Vallesusa 06.12.05 12:55| 
 |
Rispondi al commento

I "numeri" sarebbero molto più efficaci delle manganellate e anche dei presidi notturni al freddo e sotto la neve ...
PURTROPPO non sono riuscito a leggere alcuna analisi che dimostri ( almeno vagamente e sulla base di dati pubblicamnete disponibili e verificabili) che
- i flussi merci complessivi sono cresciuti ed esistono previsioni di crescita attendibili
- la quota su gomma ("i TIR") é aumentata in % e in valori assoluti
- l' offerta "rotaia" é competitiva in termini di costi e in grado di offrire flessibilità e livelli di servizio accettabili alle esigenze della logistica delle aziende coinvolte
- l' attuale linea ferroviaria é satura ovvero verrà saturata dall' incremento dei flussi su "rotaia", ed eventuali potenziamenti della linea attuale non sono sufficienti
- .....
e avrei ancora molte domande da "professorino" anche sui famosi fondi EU ...
E INVECE NULLA DI TUTTO QUESTO, ....
solo freddo, manganellate, insulti, sputi, feriti e chiacchiere dei nostri stipendiati

michele pennazio 06.12.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento

"in tempi non facili come quelli attuali" (Carlo Azeglio) trovo che per riscoprire il ruolo della famiglia e nuovi modelli di comportamento si debba insistere su una profonda solidarieta' fra noi italiani, ma io vorrei essere piu' vicino alla protesta in val di Susa e volevo chiedervi se è possibile creare un numero telefonico a cui donare un proprio contributo tramite sms. Penso che sia un modo piu' veloce ed efficace rispetto ad un versamento postale (solo la fila allo sportello purtroppo è un ottimo deterrente)per "solidarizzare" e sostenere tante forme di protesta. magari è sufficente una forma di pagamento sul sito.

Daniele Costa 06.12.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Appena ricevuta risposta dall'On.le Fulvia Bandoli dei DS - Sinistra Ecologista
-----------------------------------------

"Cara Bassi

Sono in contatto permanente con i compagni sul posto Ferrentino e Giarrusso della Sinistra ecologista che mi hanno dato tutele notizie, stiamo preparando una interrogazione parlamentare a Pisanu sui fatti avvenuti stanotte che mi sembrano di una brutalità inaudita, sono d’accodo e ho fatto tutto quel che potevo, e non solo io, perché il dialogo riprendesse e anche alla Conferenza programmatica dei ds fatta a Firenze la settimana scorsa ho parlato nel mio intervento della necessità di procedere solo con il consenso che bisogna sapere creare con il dialogo.

Sono d’accordo anche sul fatto che rischiamo molto elettoralmente ma non tutto dipende da me, i ds di Torino e del piemonte dovrebbero avere posizioni più chiare sulla necessità di riprendere il dialogo, anche se devo dire che negli ultimi giorni anche le dichiarazioni di Chiamparino mi erano sembrate meglio delle prime, nel senso che anche lui auspicava una ripresa delle trattative, speriamo bene, cordialmente

On Fulvia Bandoli

Direzione Nazionale dei Democratici di Sinistra

Fulvia Bandoli

Tel. +39.06.48023830 - 822

Fax +39.06.48903336

f.bandoli@dsonline.it

Paola Bassi 06.12.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

la polizia rompe i vetri delle auto dei manifestanti parcheggiate a bussoleno.

non è italia... è il cile di pinochet

invito tutti i torinesi s scendere in piazza.

alle 12:00 presidio in piazza castello a torino.

massimiliano costa 06.12.05 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Ricevuta ora risposta dall'On.le Fulvia Bandoli dei DS - Sinistra Ecologista
--------------------------------------------

"Cara Bassi

Sono in contatto permanente con i compagni sul posto Ferrentino e Giarrusso della Sinistra ecologista che mi hanno dato tutte le notizie, stiamo preparando una interrogazione parlamentare a Pisanu sui fatti avvenuti stanotte che mi sembrano di una brutalità inaudita, sono d’accodo e ho fatto tutto quel che potevo, e non solo io, perché il dialogo riprendesse e anche alla Conferenza programmatica dei ds fatta a Firenze la settimana scorsa ho parlato nel mio intervento della necessità di procedere solo con il consenso che bisogna sapere creare con il dialogo.

Sono d’accordo anche sul fatto che rischiamo molto elettoralmente ma non tutto dipende da me, i ds di Torino e del piemonte dovrebbero avere posizioni più chiare sulla necessità di riprendere il dialogo, anche se devo dire che negli ultimi giorni anche le dichiarazioni di Chiamparino mi erano sembrate meglio delle prime, nel senso che anche lui auspicava una ripresa delle trattative, speriamo bene, cordialemnete

ON Fulvia bandoli

Direzione Nazionale dei Democratici di Sinistra
Fulvia Bandoli

Tel. +39.06.48023830 - 822
Fax +39.06.48903336

f.bandoli@dsonline.it

Paola Bassi 06.12.05 12:31| 
 |
Rispondi al commento

la polizia rompe i vetri delle auto dei manifestanti parcheggiate a bussoleno.

non è italia... è il cile di pinochet

invito tutti i torinesi s scendere in piazza.

alle 12:00 presidio in piazza castello a torino.

massimiliano costa 06.12.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto questa mattina quello che è successo giuro che ho avuto e ho tuttora una grande rabbia dentro,abito in Sicilia ma sono nato e vissuto in Valle al più presto vedo di venire per sostenervi,quello che è successo e vergognoso e giunta l'ora di lottare con tutti i mezzi ,noi dobbiamo decidere come e cosa deve essere fatto nella nostra valle.........un forza e coraggio a tutti

Gianluca Scabin 06.12.05 12:30| 
 |
Rispondi al commento

la polizia rompe i vetri della uto dei manifestanti parcheggiate a bussoleno.

non è italia... è il cile di pinochet

invito tutti i torinesi s scendere in piazza.

alle 12:00 presidio in piazza castello a torino.

massimiliano costa 06.12.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

PIENA SOLIDARIETA' AI PROTESTANTI DI VAL DI SUSA
DOVREMMO APPOGGIARLI TUTTI NOI A LIVELLO NAZIONALE

carmelo panebianco 06.12.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento

I Polizziotti continuano a picchiare gente inerme

Luca Favro 06.12.05 12:08| 
 |
Rispondi al commento

caro Marco,
tu sei preferisci la democrazia o il regime?
Informati di quali comuni hanno deliberato la contrarietà all'opera, rispetta le decisioni politiche della comunità montana, che ha di fatto compiti di governo intercomunale.
Siamo in una situazione di scontro tra differenti livelli di governo e diversi scontri di interessi.
Io, valsusino, sono diventato contrario al TAV quando ho iniziato ad approfondire e ho trovato un progetto insostenibile ambientalmente, economicamente e socialmente.
E' evidente che non è lecito occupare le autostrade e le ferrovie (sempre che non siano in realtà chiuse preventivamente dai gestori)
ma tu sai che è illegale e anche molto grave che un rappresentante delle forze dell'ordine esegua ordini che sono anticostituzionali. Perchè loro non si sono rifiutati di eseguire ordini che non vanno eseguiti ? LA polizia non è stata capace di aprire un varco per far passare i deputati europei, non è stata capace di far passare le ambulanze stanotte.
Qui non stiamo parlando di NO TAV, SI TAV o Come TAV, ma parliamo della democrazia (cioè decisione a maggioranza, ma a quale livello deve essere? Quale consenso e partecipazione?) e del fatto che le forze dell'ordine non sono all'altezza dei compiti che vengono loro richiesti (ed è molto grave).
Proprio grazie alla superficialità che molti mostrano, come te, questo sistema continua a reggere.
Non essere loro complice, noi abbiamo bisogno di persone disposte ad un confronto sincero e aperto.
Benvengano tutti i SI TAV che hanno il coraggio di criticare i metodi non partecipativi usati in questi 15 anni.


Luca 06.12.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Marco,
tu sei preferisci la democrazia o il regime?
Informati di quali comuni hanno deliberato la contrarietà all'opera, rispetta le decisioni politiche della comunità montana, che ha di fatto compiti di governo intercomunale.
Siamo in una situazione di scontro tra differenti livelli di governo e diversi scontri di interessi.
Io, valsusino, sono diventato contrario al TAV quando ho iniziato ad approfondire e ho trovato un progetto insostenibile ambientalmente, economicamente e socialmente.
E' evidente che non è lecito occupare le autostrade e le ferrovie (sempre che non siano in realtà chiuse preventivamente dai gestori)
ma tu sai che è illegale e anche molto grave che un rappresentante delle forze dell'ordine esegua ordini che sono anticostituzionali. Perchè loro non si sono rifiutati di eseguire ordini che non vanno eseguiti ? LA polizia non è stata capace di aprire un varco per far passare i deputati europei, non è stata capace di far passare le ambulanze stanotte.
Qui non stiamo parlando di NO TAV, SI TAV o Come TAV, ma parliamo della democrazia (cioè decisione a maggioranza, ma a quale livello deve essere? Quale consenso e partecipazione?) e del fatto che le forze dell'ordine non sono all'altezza dei compiti che vengono loro richiesti (ed è molto grave).
Proprio grazie alla superficialità che molti mostrano, come te, questo sistema continua a reggere.
Non essere loro complice, noi abbiamo bisogno di persone disposte ad un confronto sincero e aperto.
Benvengano tutti i SI TAV che hanno il coraggio di criticare i metodi non partecipativi usati in questi 15 anni.


Luca Pantano 06.12.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Sul corriere c'è un intervista dei Verdi francesi che dicono che in italia c'è cattiva informazione e il progetto è giusto.

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/12_Dicembre/06/mangiarotti1.shtml

Ma chi ha ragione ?

nicola regge 06.12.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

caro Marco,
tu sei preferisci la democrazia o il regime?
Informati di quali comuni hanno deliberato la contrarietà all'opera, rispetta le decisioni politiche della comunità montana, che ha di fatto compiti di governo intercomunale.
Siamo in una situazione di scontro tra differenti livelli di governo e diversi scontri di interessi.
Io, valsusino, sono diventato contrario al TAV quando ho iniziato ad approfondire e ho trovato un progetto insostenibile ambientalmente, economicamente e socialmente.
E' evidente che non è lecito occupare le autostrade e le ferrovie (sempre che non siano in realtà chiuse preventivamente dai gestori)
ma tu sai che è illegale e anche molto grave che un rappresentante delle forze dell'ordine esegua ordini che sono anticostituzionali. Perchè loro non si sono rifiutati di eseguire ordini che non vanno eseguiti ? LA polizia non è stata capace di aprire un varco per far passare i deputati europei, non è stata capace di far passare le ambulanze stanotte.
Qui non stiamo parlando di NO TAV, SI TAV o Come TAV, ma parliamo della democrazia (cioè decisione a maggioranza, ma a quale livello deve essere? Quale consenso e partecipazione?) e del fatto che le forze dell'ordine non sono all'altezza dei compiti che vengono loro richiesti (ed è molto grave).
Proprio grazie alla superficialità che molti mostrano, come te, questo sistema continua a reggere.
Non essere loro complice, noi abbiamo bisogno di persone disposte ad un confronto sincero e aperto.
Benvengano tutti i SI TAV che hanno il coraggio di criticare i metodi non partecipativi usati in questi 15 anni.


Luca Pantano 06.12.05 11:54| 
 |
Rispondi al commento

ORE 3.15 DEL 6 DICEMBRE DOPO 7 GIORNI DI PRESIDIO A VENAUS LE FORZE DELL'ORDINE ENTRANO CON LA FORZA NEI TERRENI.


ORE 4.00 SERVE TANTA GENTE A VENAUS PASSATE DA GIAGLIONE. LE FORZE DELL'ORDINE VOGLIONO ENTRARE NEI TERRENI AIUTANDOSI COI MANGANELLI. STANNO MANDANDO SU AMBULANZE, STANNO PICCHIANDO.


ORE 5.00 PARE CHE CI SIANO SEI FERITI. INIZIALMENTE LE FORZE DELL'ORDINE NON FACEVANO PASSARE NEANCHE LE AMBULANZE.


SONO STATI PICCHIATI RAPPRESENTATI DEI COMUNI, STRAPPATE LE FASCE TRICOLORE, MANGANELLATO GENTE CHE NON REAGIVA. IN QUESTO MOMENTO LE PERSONE SONO ACCERCHIATE NEL PRESIDIO E NON POSSONO MUOVERSI DA LÌ.

ORE 6.50 ALTRI FERITI A VENAUS. DUE ATTACCHI DELLA POLIZIA. LA SITUAZIONE È GRAVE. PESTATE ANCHE DONNE. I BARELLIERI DEVONO ANDARE A SOCCORRERE A PIEDI PERCHÈ LE FORZE DELL'ORDINE NON LASCIANO PASSARE LE AMBULANZE. C'È DA VERGOGNARSI DI ESSERE ITALIANI.


FERRENTINO DICE: UNO DEI RITROVI È A BUSSOLENO ALLA PIAZZA DEL MERCATO PER MANIFESTARE PACIFICAMENTE.


RIPORTIAMO QUELLO CHE DICONO ALCUNI TESTIMONI CHE ERANO PRESENTI AL PRESIDIO: IL VICEQUESTORE URLAVA ALLE FORZE DELL'ORDINE CON LA RUSPA "SCHIACCIATELI TUTTI"!


L'AUTOSTRADA È BLOCCATA ALL'ALTEZZA DI VENAUS. BLOCCATE ANCHE LE STATALI.


CHI PUÒ VADA A MANIFESTARE A BUSSOLENO! PER CHI PRENDE L'AUTOSTRADA ESCA A BORGONE. I TRENI NON FUNZIONANO, PARE MANCHI L'ELETTRICITÀ.

10.00 CONTINUANO I TAFFERUGLI A VENAUS. PESTAGGI DELLA POLIZIA SULL'AUTOSTRADA SOPRA VENAUS CHE HA ARRESTATO DUE RAGAZZI

Antonella Bonelli 06.12.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Quello che e' successo questa notte è di una gravità assoluta e mostra senza piu' alcun dubbio la svolta autoritaria di questa repubblica.
Quando le forze di polizia arrivano a manganellare anziani, donne, fotografi e anche alcuni funzionari locali e' segno che la democrazia e' finita e che viviamo in un finto paese democratico dove una volta presa una decisione dall'alto nessun cittadino ha il diritto di opporsi e quando l'opposizione dura troppo non si cambia parere ma lo si carica.
Ora se le cose stanno cosi' e' bene saperlo perche' anche i cittadini che protestano pacificamente hanno il diritto di non essere presi a manganellate e di difendere le proprie ragioni.
Se lorsignori credono che possono manganellare dei pacifici cittadini di questo paese senza preavviso in piena notte e impunemente, hanno capito molto male, questo della val di susa potrebbe trasformarsi nella miccia che accende una ben piu' grande e diffusa rivolta che ormai cova da anni a causa dell'incapacita' di questi politici di assicurare una vita anche solamente decente a una sempre piu' grande fetta della popolazione di questo paese.
Io dico se vogliono la guerra la guerra avranno, e le loro poche migliaia di poliziotti non potranno fare molto se e quando la gente decidera' di averne piene le tasche, a quanto pare non si rendono conto che il popolo italiano e' composto da 60 milioni di abitanti dei quali oserei dire un 50% oggi a mala pena riesce a sopravvivere.
Questa classe politica fallimentare ha distrutto il paese e non s ene vuole andare!! IN qualsiasi paese democratico e civile un tale governo si sarebbe dimesso da tempo, oppure sarebbe stato costretto a dimettersi dalla popolazione, e' ora di prendere atto che il nemico vive in casa nostra.


Che gran dolore.....mi sento così impotente! Signori poliziotti siete gente come noi, ma non vi vergognate a fare questo solo perchè portate una divisa? Capisco che DOVETE lavorare, ma voi l'avete una testa pensante? I vigili del fuoco hanno preso una posizione NON HANNO USATO GLI IDRANTI per disperdere i dimostranti. I VOSTRI COLLEGHI poliziotti della Val Susa hanno chiesto chiarimenti, perchè hanno iniziato a capire i motivi della popolazione....signori politici che siate di destra o di sinistra e che parlate tanto di democrazia.....DOVE ACCIDENTI SIETE!!! Perchè vi vediamo in tanti sui cartelloni per le elezioni ed ora siete così LATITANTI? VERGOGNATEVI....NE RIPARLEREMO ALLE PROSSIME ELEZIONI!!!!!!!!!
Non pensate che la gente non veda, non senta e non parli...BEL MODO DI DIMOSTRARE LA VOSTRA CIVILTA'!

cristiana cauro 06.12.05 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe bello poter dire che in Italia è finita la democrazia...Il problema è che non si è mai pienamente realizzata. E i fatti della Val di Susa ne sono uno dei tristi segni...Noi tutti, cittadini italiani, ne abbiamo la colpa. Noi che restiamo passivi nei confronti del concetto di comunità e che non ci siamo mai preoccupati di realizzarla davvero una comunità coesa "italiana". Di fronte all'uso della forza verso cittadini che protestano, si trasformano in vuote fanfare gli appelli e gli sforzi del presidente Ciampi a coltivare il senso dello Stato e della Nazione. Non si recupera in pochi anni quello che non si è ancora raggiunto dopo un secolo e mezzo...Se abitassi ancora in Italia, prenderei il primo treno per Torino. Ma - mea culpa - ormai ci ho messo una pietra sopra e mi lagno da lontano. Colpevole pure io delle manganellate ai manifestanti.

Andrea Neri 06.12.05 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti. Non riesco a dire niente oggi, sono davvero molto molto triste per quello che é accaduto stanotte. Ma come é possibile che possano accadere cose simili? io come abitante della prov di torino, posso solo dire che oggi é un giorno tristissimo per la nostra Vecchia Repubblica, ormai siamo davvero nell'anarchia più totale, non esistono più le istituzioni. Ma come é possibile tutto questo??? Grazie Beppe Grillo per averci dato uno spazio dove poter piangere, e sfogare la nostra disperazione, e per averci dato un piccolo angolo per una Democrazia ormai morta e sepolta.

gianlu fro 06.12.05 11:20| 
 |
Rispondi al commento

"Politici, camerieri dei banchieri" (E. Pound)

Che la sedicente "sinistra", poi, vada a genuflettersi per un pugno di spiccioli e per farsi le sue scalatine bancaria, lasciando che italiani picchino altri italiani è da galera.

GUERRA!

Andrea Mario 06.12.05 11:13| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE STANNO FORNENDO INDIRIZZI A CUI SCRIVERE IL NOSTRO SDEGNO.
GRAZIE A TUTTI DI CUORE.

F.L. 06.12.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Dunque cosa?
«Dunque serve subito per l'ambiente e la salute dei cittadini un'infrastruttura concorrenziale, efficace e moderna a livello europeo, che tolga i camion dalle strade. Anche se questa da sola non basta».
Vale a dire?
«L'opera deve essere affiancata da una tassa per i mezzi pesanti che li disincentivi dall'usare le strade e da una politica Ue di regolamentazione (vedi il blocco notturno introdotto dall'Austria) ».
Fin qui i vantaggi. E l'amianto e le ferite ambientali?
«Di amianto ne abbiamo anche noi. Ma oggi non è un problema, può essere trattato in sicurezza come è successo al Gottardo».
C'è poi il problema delle falde. Qualcuno parla già di problemi di acqua in Maurienne.
«Piccoli problemi, superati. Quello che conta è battersi per fare bene le cose. Un conto è essere esigenti e un conto è dire no a priori a un'opera importante come la Torino-Lione».

Alberto Villa 06.12.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


I nostri "tutori dell'ordine" sono così coraggiosi che hanno attaccato di notte fronteggiandosi con quattro vecchietti e tre donne, e quel gran signore di Sanna incitava i suoi ad ucciderli tutti.
Loro si che sono dei veri uomini.

marco bertello 06.12.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Da Corriere.it

Critiche ambientaliste dalla regione Rhône-Alpes: è sbagliata la protesta in Val di Susa
Gli ecologisti francesi: niente Tav? Lo smog vi ucciderà

SAINT-JEAN-DE-MAURIENNE — «Cari italiani, in questo modo firmate la vostra condanna: camion e inquinamento soffocheranno la vostra valle». Gérard Leras è il presidente dei Verdi della Rhône-Alpes, la regione francese pronta (e ben disposta) ad essere attraversata dalla Lione-Torino. Da settimane segue la protesta anti-Tav in Val di Susa, si sente al telefono con i «cugini» italiani, ed ogni volta esclama: «Quella militarizzazione è una sciagura, senza il dialogo non si va da nessuna parte. Troppa disinformazione». Ma la solidarietà finisce qui. Perché per tutto il resto, il Pecoraro Scanio della Maurienne, la pensa in tutt'altro modo: «Un conto è essere ecologisti, un conto localisti. Non si può sempre dire di no».
Verdi italiani e verdi francesi divisi?
«No, d'accordissimo sul fatto che le merci non devono più viaggiare su gomma ma su rotaia. Lo ribadiremo in un comunicato la prossima settimana».
E sul resto?
«Siamo convinti che la protesta italiana sia sbagliata. Se si vogliono davvero cambiare le cose bisogna fare un balzo a due piedi in avanti senza paura».
Vale a dire tunnel e non potenziamento della linea?
«Assolutamente sì. Il potenziamento da solo non basta: una ferrovia con una capacità di 20 milioni di tonnellate non porta lontano. I numeri e le previsioni che circolano in Italia sono figli della stessa disinformazione che ha portato alla paralisi».
Una cosa che non è accaduta in Francia.
«No, perché da noi, della Lione-Torino, si è cominciato a sedersi attorno a un tavolo quindici anni fa, dieci in modo serrato».
Punto di partenza del vostro sì al progetto?
«Che la Maurienne non può più sopportare un traffico di cinque-sei mila camion al giorno: gli stessi che attraversano e inquinano la Val di Susa. Dunque...».

Alberto Villa 06.12.05 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Altri indirizzi e-mail a cui dobbiamo scrivere:

P_FASSINO@camera.it(funziona perché mi ha risposto)

L_VIOLANTE@camera.it

presidenza.repubblica@quirinale.it

SCRIVETE!

Giovanna Malagnino 06.12.05 10:58| 
 |
Rispondi al commento

VERGONA a tutti quelli delle istituzioni, Poco da dire, che siano di destra che di sinistra è sempre un REGIME !!!!!!!!!!
Lottiamo!

enrico zanellato 06.12.05 10:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo gli eventi accaduti stanotte a Venaus...si vergogni cara presidente, si vergogni di essere presidente di una regione martoriata dalla vostra sete di soldi.
Spero lei abbia una coscienza e possa vergognarsi.
Il sindaco Chiamparino invita i piemontesi a regalare per Natale i biglietti per le vostre bene amate olimpiadi, quelle per cui avete fatto abbattere interi boschi obbiettivo la pista da bob che non userà mai più nessuno, avete messo sotto sopra la città tanto da non permettere più ai cittadini di percorrere le strade in auto, i mezzi pubblici scarsi consentono alle persone di raggiungere i posti di lavoro o le scuole in condizioni di animali deportati, appoggiate un progetto per la Tav senza crucciarvi minimamente di cosa pensa la gente che vi vota, VERGOGNATEVI!!!

Delle vostre olimpiadi non sappiamo cosa farcene e non ce ne frega niente,sono l'ennesimo mezzo col quale vi mettete in tasca dei soldi e create disagio ai cittadini.

VERGOGNA!!!

Stanotte la polizia ha malmenato persone pacifiche, anziani, sindaci, ragazzi, giornalisti che sino a prova contraria hanno manifestato sempre pacificamente...e voi cosa avete fatto?
Li avete fatti prendere a manganellate..ma questo Sanna...la spunterà come tutti voi al solito..i provvedimenti all'Italiana faranno sorridere l'Italia intera.

Abbiate rispetto degli umani e della natura e ficcatevi il vostro progresso in saccoccia.
Grazie.

Una cittadina che paga le tasse...anche per voi che non le pagate.

Mail scritta alla presidente della regione piemonte 10 minuti fa.

F.L. 06.12.05 10:51| 
 |
Rispondi al commento

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

ore 10.00 CONTINUANO I TAFFERUGLI A VENAUS. PESTAGGI DELLA POLIZIA SULL'AUTOSTRADA SOPRA VENAUS CHE HA ARRESTATO DUE RAGAZZI

I Vigili del Fuoco, pur dipendenti del Ministero, si sono rifiutati di eseguire l'ordine di partecipare con autompe e idranti allo sgombero

La prima carica della ruspa è stata guidata dal vice questore Sanna, che al grido di UCCIDILO UCCIDILO!!! rivolto ad un ragazzo che stava sulla barricata.

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

marco 06.12.05 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Bloccare i lavori è legale o da prepotenti?
Bloccare strade e ferrovie è legale o da prepotenti?
Qualcuno ha dato ai no tav il diritto di rappresentarlo? No, e allora se impedite al resto della gente di lavorare e vivere in pace, prendetevi tutte le botte che vi daranno. Firmato: un valsusino che NON si sente rappresentato dai no tav.

marco maggi 06.12.05 10:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Val Susa, dopo il blitz e gli scontri
treni bloccati e scioperi in fabbrica
Nello sgombero almeno 15 feriti
In Val di Susa, polizia e carabinieri in tenuta anti-sommossa hanno caricato i manifestanti no Tav a Venaus: il campo degli occupanti è stato sgomberato ma negli scontri ci sono stati feriti. Con il blitz, ripreso il controllo di 82 lotti di terreno. Per protestare contro lo sgombero, alcune decine di manifestanti hanno occupato la stazione di Avigliana. Ma si punta a fermare l'intera Valle

BENE QUESTA NOTIZIA E' DI OGGI...........NO COMMENTS...........SI CADE SEMPRE PIU' IN BASSO

Sara Barbetta Commentatore in marcia al V2day 06.12.05 10:40| 
 |
Rispondi al commento

nanche fossimo in guerra... la polizia chiude le strade, i cellulari non funzionano e gli elicotteri sorvolano la valle... non possiamo tornare a casa...
siamo alla follia.. perche non dicono che i feriti non sono lievi ma che c'è anche gente ferita gravemente tra cui una donna in coma?
perche non dicono che hanno bloccato nei giorni scorsi due funerali e perquisito il carro funebre tra lo sgomento dei parenti?
siamo veramente al delirio...
non ci sono piu parole...

carmen valerioti 06.12.05 10:39| 
 |
Rispondi al commento


sinistraecologista@dsoline.it

m.marcelli@dsonline.it

ambiente@dsonline.it


ORA!!

Paola Bassi 06.12.05 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Sono davvero schifata, questa notte la gente è stata picchiata a Venaus... non riesco a esprimere la tristezza profonda che ho nel leggere che non venivano neanche fatte passare le ambulanze... allora è proprio vero, siamo in un regime, anche se i politici continuano a parlare di democrazia... possiamo fare qualcosa per fermare tutto questo?? fino a ieri pensavo che forse, saremmo riusciti a fermare la TAV, il treno della morte... ma dietro la TAV ci sono problemi molto più gravi, c'è un'Italia corrotta, ci sono gli interessi dei pochi potenti che sempre devono mangiare e arricchirsi alle spalle del popolo, anche a costo di far pestare, picchiare donne e anziani... e poi penso... ma come è possibile, ma che persone sono quei poliziotti che danno manganellate a gente indifesa... ma da dove arrivano, la coscienza dove ce l'hanno, ma riescono ancora a guardarsi allo specchio? che schifo, sono sempre più delusa, spero davvero di andarmene da questa Italia... peccato che sia stata rovinata in questo modo.

Sara 06.12.05 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna dire si alla TAV !!! Beppe !!!

Diego da Torino 06.12.05 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Non resta che amarezza. Altro che repubblica delle banane, in fatto di democrazia abbiamo proprio da imparare molto, troppo, da molti, troppi Paesi civili. Alle forze di governo tutte ed a quella grossa fetta di opposizione che ha contribuito, con notizie "manipolate" (basta ricordarsi ciò che indecentemente è stato scritto da un giornalaio su "Repubblica" di domenica) a determinare tutto ciò, oltre ad esprimer loro il mio totale, assoluto ed irreversibile disprezzo, chiedo, se mai ne siano capaci, di provare a riflettere un momento. Vergognatevi, schifosi.
Business is business, dicono gli americani, voi siete i loro grandi maestri.

solia nicola Commentatore in marcia al V2day 06.12.05 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Disognerebbe che il capo dello stato fosse capo delle persone fisiche e non di quelle giuridiche... sono, come tutti voi, indignato della sufficienza con cui si valutano URANIO, AMIANTO e quant'altro uscirà dalla montagna...
siamo preda di criminali della stregua del Vajont, state, STIAMO ATTENTI.
Qua non si stà scherzando con poco, Beppe, la tua voce ed il tuo Blog che ho scoperto da una settimana solamente sono uno spettacolo, GRAZIE DI CUORE!

enrico zanellato 06.12.05 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Non resta che amarezza...Altro che repubblica delle banane, mi sa che in fatto di democrazia abbiamo molto da imparare da molti, troppi Paesi.
Al governo tutto ed alle forze di opposizione che, nel loro piccolo, hanno pure loro contribuito a questi avvenimenti, posso solo dire: VERGOGNATEVI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

solia nicola Commentatore in marcia al V2day 06.12.05 10:16| 
 |
Rispondi al commento

PIENA SOLIDARIETA', da Milano, ai fratelli, alle donne, agli anziani e ai bambini e ai tanti che in Val di Susa lottano contro l'Europa dei banchieri: siete un esempio per l'Italia intera.

Rutelli, ti ricordavamo ragazzo in piazza contro le centrali nucleari: cotonati meno i capelli e torna fra noi, che il ruolo del cicisbeo da telesalotto non fa per te.

R. D. 06.12.05 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Sono italiana di torino e mi vergogno profondamente del mio illiberale governo e della mia inerte città.
Vada per l'intima vergogna ma non limitiamoci a questo diciamolo a ciascuno di questi signori

1)Mercedes Bresso
E-mail: presidente@regione.piemonte.it
2)Gianluca Susta
E-mail: vicepresidente@regione.piemonte.it
3)Andrea Bairati
E-mail: assessore.ricerca@regione.piemonte.it
4)Daniele Borioli
E-mail: assessore.trasporti@regione.piemonte.it
5)Giovanni Caracciolo
E-mail: Assessorato.commercio@regione.piemonte.it
6)Sergio Conti
E-mail: assessore.politicheterritoriali@regione.piemonte.it

Sabrina Maglione 06.12.05 10:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ancora una volta mi sento nauseata e impotente. più impotente che mai; non importa chi voti: non cambia nulla, la politica è fatta in stanze lontane dalla gente, dominata da interessi che non sono quelli della gente, gestita da persone che hanno dimenticato perchè sono lì.
di TAV ne sapevo poco o nulla, non avevo prevenzioni di sorta, ma al di là delle motivazioni specifiche ciò che mi fa schierare è la rabbia verso istituzioni autoreferenziali, che per difendere se stesse non hanno remore ad usare qualunque mezzo. destra, sinistra: ma la differenza dov'è? che cosa fa la Bresso di diverso e migliore rispetto a Ghigo?
forse hanno gli stessi interessi, o forse la stessa visione della politica.
io non intendo più votare alcuno, finchè il mio voto sarà inteso non come delega di rappresentanza ma come autorizzazione a fare ciò che si ritiene a prescindere dalla volontà degli elettori.
questa non è la crisi della ValSusa, ma la crisi della politica di ogni colore, della democrazia, del diritto.
che enorme, ingiustificabile vergogna.

federica aglietta 06.12.05 10:05| 
 |
Rispondi al commento

questa notte sono andati a manganellare gente inerme! boicottiamo le olimpiadi, mostriamo al mondo in quale situazione ci troviamo!

mario pasquali 06.12.05 09:56| 
 |
Rispondi al commento

sanna complimenti .....
sei propio potente sopra ad uno scavatore con 300 puffi rincoglioniti attorno .


MI FAI PAURA........

MI FA PAURA L'IGNORANZA CHE C'è ATTORNO A NOI..

e poi ti dicono di fare figli e ti danno l'elemosina per produrre persone che un giorno avranno questo trattamento.......andate a fare il culo svenduti.

ZIO FESTER 06.12.05 09:48| 
 |
Rispondi al commento


Io ho scritto a:

presidenza.repubblica@quirinale.it

presidente@regione.piemonte.it

rubrica.lettere@repubblica.it

Il Manifesto: fax 06 6892600

urp@apat.it (agenzia per l'ambiente)

redazione@larinascita.net

(sto cercando altri indirizzi, comunicate le vostre iniziative)


Paola Bassi 06.12.05 09:47| 
 |
Rispondi al commento

6 dicembre, questa mattina è stata sgomberata a manganellate l'area oggetto della contestazione, non posso credere che ancora succedano cose di questo genere!! Mi associo alla popolazione della Valle d'Aosta che sta bloccando l'intera Valle per protesta, non posso essere li di persona ma ci sono con il cuore
Sandro Birello

Sandro Birello 06.12.05 09:47| 
 |
Rispondi al commento

da messina alla val di susa tutto si fa per gli interessi di un costruttore che ha per simbolo una pinna di squalo. vergogna per chi si dice "politico" e in realtà tradisce quotidianamente la polis, con ogni mezzo, per un pugno di denari

maurizio fava 06.12.05 09:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

venite ad occupare la stazione di avigliana CI SERVE GENTE!

Nicola Lendaro 06.12.05 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Non si possoni imporre le cose, stamattina alle 6:30 c'è stata una carica al blocco di venaus. Una decina di feriti, siamo in una dittatura? Si può imporre una "grande opera", che non è accettata dalla totalità di una delle popolazioni che viene interessata?
Non si ppssono picchiare anziani e donne? Oppure tutto è permesso al signor pogresso?
E' progresso schiacciare chi protesta in un modo così pacifico?
Che cosa permette ai politici, che fino adesso hanno solo portatao al loro mulino sterili parole, di continuare così?
Ormai, qui in valle di Susa, sembra di essere in guerra.
Sembra che qui il tempo, invece di essere al 6 dicembre 2005, sia tornato al 6 dicembre 1943.
Solo che i Tedeschi sono i polizzioti e i reppublichini sono i carabinieri.
La protesta chiedeva risposte certe, invece sono arrivati i manganelli.
Il picchiare i giornalisti è segno che non siamo in una democrazia, ma in un REGIME.
Con l'europa che avalla questa cosa, proposte alternatice c'è ne sono, non sono dispendiose però.
C'è un'altra provincia del piemonte che aspetta un collegamento DECENTE con la Francia da ANNI, che accetterebbe con i 20 anni di cantiere di buon grado. Invece si punta alla Val Susa, che è storicamente un corridoio, ma tutti i corridoi arrivano alla saturazione.
La valle è un cantiere unico da 30 anni ormai, 20 anni tra traforo autostradale del Frejus, l'autostrada che lo collega a Torino, Centrale di Pont Ventux e opere olimpiche.
Mi pare che non siamo nè egoisti, nè contro il progresso e nè affetti da Sindrome di Nimby.
Vogliamo VIVERE nella nostra terra, ormai già abbastanza ferita, non scappare per non vederla MORIRE.
Se poi si accorgono che non possono costruirla, pwer varie difficoltà tecniche, cosa diranno SCUSATE?

luca favro 06.12.05 09:08| 
 |
Rispondi al commento

6 DICEMBRE 2006 LA DEMOCRAZIA IN ITALIA E' STATA UCCISA. GLI UNICI A NON ESSERSENE ACCORTI I MEDIA DI BERLUSCONI I CUI GIORNALISTI SONO STATI PICCHIATI ANCHE LORO.
NON E' PIU' UN PROBLEMA DI CHI E' A FAVORE E CHI NO. IL VICEQUESTORE DI TORINO, SANNA, HA INCITATO VOLUTAMENTE I SUOI UOMINI CON FRASI DEL TIPO "TRAVOLGETE ED UCCIDETE QUELL'UOMO".
VI E' PIU' DEMOCRAZIA IN MOLTI PAESI DELL'AMERICA DEL CENTRO SUD O AFRICANI DOVE ESISTONO DELLE DITTATURE.
NE APPROFITTANO PERCHE' A SCENDERE IN PIAZZA SON SEMPRE POCHI FACINOROSI PERCHE' POI BASTA UNA PARTITA DI CHAMPIONS LEAGUE PER PASSARE LE COSE IMPORTANTI A PAGINA 20.
SALUTI

Ilario Clemente 06.12.05 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Sono amareggiato.
Per mesi sono stato indeciso tra l'utilità di quest'opera e la salvaguardia dei nostri luoghi.
Ora ho la risposta: io sto con le persone della mia Valle contro questi soprusi!

gianfranco marchetti 06.12.05 09:05| 
 |
Rispondi al commento

OGGI MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANA!

FACCIAMOCI SENTIRE, SCRIVIAMO AI POLITICI CHE ABBIAMO VOTATO, ALLA BRESSO, A CIAMPI.

E' LA FINE DELLO STATO DI DIRITTO.

Giovanna Malagnino 06.12.05 09:04| 
 |
Rispondi al commento

CHE IL GOVERNO SI VERGOGNI!
(ammesso che sia composto da persone dotate di una coscenza)

fulvia leone 06.12.05 08:52| 
 |
Rispondi al commento

Oggi sul corriere si parla della TAV in Francia, sembra che tutti dai Sindaci ai Verdi siano favorevoli e che anzi tutto ciò porterà benessere e una migliore qualità di vita....mi chiedo dove sta la verità?

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/12_Dicembre/06/mangiarotti1.shtml

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/12_Dicembre/06/mangiarotti2.shtml

salvatore gargiulo 06.12.05 08:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa notte tra le 3 e le 3.30 le forze dell'ordine hanno attaccato il presidio NO TAV di Venaus, picchiando la poca gente inerme che rimane sul posto anche di notte.

LE FORZE DELL’ORDINE SI PRENDONO VENAUS
ORE 6.50 ALTRI FERITI A VENAUS.
DUE ATTACCHI DELLA POLIZIA.
LA SITUAZIONE È GRAVE.

La prima carica
della ruspa è stata
guidata dal vice
questore sanna,
al grido di UCCIDILO
UCCIDILO!!!
rivolto ad un ragazzo che
stava sulla barricata

PESTATE ANCHE DONNE.
I BARELLIERI DEVONO ANDARE A SOCCORRERE A
PIEDI PERCHÈ LE FORZE DELL'ORDINE
NON LASCIANO PASSARE LE AMBULANZE.
È DA VERGOGNARSI DI ESSERE ITALIANI.
SONO STATI PICCHIATI RAPPRESENTATI DEI COMUNI,
STRAPPATE LE FASCE TRICOLORE,
MANGANELLATO GENTE CHE NON REAGIVA.
IN QUESTO MOMENTO LE PERSONE SONO
ACCERCHIATE NEL PRESIDIO E NON POSSONO MUOVERSI
CI SONO MOLTI FERITI, un fotografo ha un piede rotto.

Le fabbriche hanno chiuso, la manifestazione è partita da Bussoleno.
Il presidio di Venaus è inraggiungibile


chiara paganin 06.12.05 08:30| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera c'è stato un blitz da parte delle forze dell'ordine:
ecco le due vensioni e poi giudicate voi:
-Versione dichiarata da parte di un presente che da anni e da generazioni lavora nel nucleo A.I.B. di un comune della bassa valle susa:
le forze dell'ordine hanno caricato e ferito alcune persone, non hanno nemmeno lasciato passare le ambulanze ed infine hanno tolto le fasce ai sindaci!
-Versione di Radio2 stamattina, tg delle 7.30:
le forze dell'ordine hanno caricato i manifestanti e la croce rossa (precedentemente allertata) ha immediatamente ricoverato all'ospedale di susa alcuni feriti, nella notte sono state spianate le tende e i presidi

ora.. sono deluso dal tg della radio che comunque è già più succoso di un qualunque tg televisivo.. ma di fatto non veritiero! e meno male che ha parlato un cronista direttamente da Venaus..

Guido Cortese 06.12.05 08:27| 
 |
Rispondi al commento

Sono dei VIGLIACCHI!!!!!!! non hanno neanche il coraggio di agire di giorno!!!!!
inondiamo le caselle di giornali e partiti di email di protesta!!!!!!!!!

Paola Bassi 06.12.05 08:17| 
 |
Rispondi al commento

6 dicembre ore 3.45 circa il vicequestore incita gli agenti delle forze dell'ordine ad attaccare i manifestanti del presidio di Venaus all'urlo "ammazzateli tutti". Molti sono i feriti, le ambulanze non possono passare e i barellieri raggiungono il presidio a piedi.
La valle di Susa è praticamente irraggiungibile, niente treni, posti di blocco per le auto, ecc.
Mio figlio è uno studente del liceo e con altri ragazzi stanno cercando di arrivare almeno a Susa.

Silvia marcori 06.12.05 07:44| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina a Venaus, le forze dell'ordine intervenute in massa
hanno usato la forza contro i pacifici cittadini presenti al presidio
cercando di entrare CON LA FORZA nelle aree presidiate.
L'ennesima prova di forza notturna non fa certo parte della tregua
olimpica che alcuni politici "moderati" avevano auspicato in
questi
giorni.

L'accorrere sul posto di parecchie ambulanze e le testimonianze di
chi è sul posto circa le violenze in atto non possono rasserenare gli
animi.
SIAMO PARTICOLARMENTE PREOCCUPATI PER LA TENUTA DEL SISTEMA
DEMOCRATICO DI QUESTO NOSTRO PAESE E PER LA MANCANZA DI DIALOGO CHE LA
POLITICA PROVINCIALE, EGIONALE E NAZIONALE HA EVIDENZIATO.

I cittadini presenti al sito di Venaus hanno dimostrato una grande
civiltà in questi giorni, i loro Sindaci stanno sopportando pressioni
psicologiche incredibili.
Da 40 giorni il paese di Mompantero è presidiato da poliziotti ed è
IMPEDITA LA LIBERA CIRCOLAZIONE.
Facciamo notare che la progettata linea ferroviaria che si sta
cercando di realizzare CON LA FORZA e senza il consenso di cittadini
ed amministratori si svilupperebbe tra Settimo Torinese e Venaus in
territorio italiano per oltre 70 km e che non è da escludere a questo
punto che per installare i numerosi cantieri si renda necessaria
l'occupazione militare di un'intera valle e di una fetta di
interland
torinese.

Siamo senza parole, anche se è difficile invitiamo tutti a rimanere
calmi ed a protestare civilmente e pacificamente come sempre.

Per dovere di informazione ci dispiace comunicare che ci informano di
6 feriti, di rappresentanti dei comuni ai quali è stata strappata la
fascia tricolore,chesono stati colpiti anche dei giornalisti e che
è stata manganellata la gente che non reagiva.

Stiamo calmi e dimostriamo con il nostro comportamento la
determinazione che ci deriva dalle nostre ragioni!

LEGAMBIENTE mailto:info@legambientevalsusa.it

Legambiente Vallesusa 06.12.05 05:47| 
 |
Rispondi al commento

hO ricevuto una chiamata stanotte alle 3,50 da un collega che passava la notte a Venaus ... la situazione è triste... questo è stato scritto stanotte sul sito:
Un fotografo ha un piede rotto, ad un'altro han rotto la macchina fotografica, altri giornalisti le han prese
--------------------------------------------------
Gli abitanti della nuova dittatura italiana sono avvisati: che nessuno provi a difendere le finanze dello stato dalle cosche mafiose e dai politici che "con-la-mafia-bisogna-convivere". Altrimenti sono mazzate!
--------------------------------------------------
stavo arrivando dal prato verso il presidio per prendermi il tè, ho visto due venire avanti e li ho incrociati sul ponticello di cemento. mi han subito tirato una randellata in faccia (anonima con il collare dopo un incidente stradale)
--------------------------------------------------
4.40 SMS DA VENAUS siamo tanti feriti e non lasciano passare neanche le ambulanze
--------------------------------------------------
4.37 sms da venaus "ci han massakrato fai girare, ci han buttato e siamo chiusi nel presidio
--------------------------------------------------
Malmenati anche i giornalisti!
finalmente arrivano le ambulanze (erano bloccate)
Venaus - La polizia attacca nella notte
Quello che non han fatto i terroristi/anarchicoinsurrezionalisti/squatter della valsusa, è stato fatto dalle forze di polizia: in piena notte la polizia ha attaccato direttamente picchiano le poche persone presenti.
complimenti alla nuova dittatura italiana.
--------------------------------------------------sono circondati dalla polizia ho un groppo
allo stomaco a sentire gli urli
--------------------------------------------------
sento le urla per telefono
ci hanno circondato
adesso sono tutti in un prato circondati
da un cordone di polizia li hanno avvertiti di sbaraccare e li hanno accerchiati
-----------------------
A VENAUS HANNO SFONDATO ATTACCANDO DIRETTAMENTE LE PERSONE, INTENZ

Sandra VINASSA 06.12.05 05:12| 
 |
Rispondi al commento

hai ragione,ma adesso la valle è inquinata da 3500 tir che ogni giorno transitano dall'autostrada. Forse il progetto di LTF è da migliorare, ma la logica del notav lascia tutto come sta adesso, e francamente a me morire di tumore per fibre d'amianto o inquinamento da gas di scarico non fa molta differenza. Vorrei evitare entrambi.
Un progetto che porti a eliminare il traffico pesante dal Frejus, non puònon comportare il quadruplicamento della ferrovia: come relizzarlo è tutto da discutere, ma non facciamoci del male in nome di una ideologia del "no a tutto".

paolo candelari 06.12.05 01:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, la disinformazione cresce in misura esponenziale... Grazie di essere con noi Italiani stufi di tutto questo...

Testo ricevuto dal comitato antiTAV Val di Susa
[...]
Da diversi anni è in corso in ValSusa una manovra di resistenza organizzata contro la linea ad alta velocità ferroviaria Torino-Lione (TAV).
Quello che fanno credere i media è che gli oppositori siano pochi e comunque motivati solamente dal fatto che "gli passa il treno sotto casa".
Nella manifestazione di giugno c'erano 30000 persone (in tutta la Val Susa ci sono 50000 abitanti).
Non si può certo smentire questa motivazione, ma in realtà i motivi veri (che vengono metodicamente nascosti dai media) sono ben altri:

1.. La tratta Torino-Lione è completamente inutile: nella Val Susa esiste già una linea ferroviaria sottoutilizzata, in grado di reggere il traffico richiesto (considerando i tassi di crescita) almeno fino al 2050.

2.. La linea in costruzione è esclusivamente merci, non si avrebbe alcun vantaggio in termini di tempo per la percorrenza da Torino a Lione. I treni passeggeri comunque continuerebbero a transitare nella linea storica con i tempi di percorrenza attuali.

3.. Nel tratto montano (e quindi da Torino alla Francia), comunque non sarebbe una tratta ad alta velocità perchè la conformazione del terreno montano non la rende possibile.

4.. L'amianto sotto al Musinè c'e' veramente (è già ampiamente dimostrato), e nei progetti non c'è il minimo accenno ad un piano di messa in sicurezza dell'amianto estratto (è previsto semplicemente uno stoccaggio in valle a cielo libero), che con i frequenti venti della ValSusa verrebbe distribuito e respirato in tutta la cintura ovest di Torino ed in Torino stessa. Le malattie causate dalla respirazione di anche solo 1 fibra di amianto vengono diagnosticate 15 anni dopo l'inalazione. Dal momento della
diagnosi la mortalità è del 100%, ed il tempo di vita medio è di 9 mesi.

5.. Il corridoio 5 (tratta Lisbona-Kiev) di cui questa tratta sarebbe parte fondamentale non esiste: da Trieste verso est l'opera è bloccata in tutti i suoi aspetti.

6.. Finanziariamente è un disastro annunciato: perchè vada in attivo, nella tratta dovrebbe passare un treno merci ogni 3 minuti, 24 ore al giorno. Per questo motivo, al momento nessun privato si è impegnato finanziariamente, banche e fondazioni comprese. La tratta è costosissima ed i soldi non ci sono: è notizia recente che nella finanziaria di questi giorni sono stati tagliati quasi tutti i fondi per le grandi opere. Gli unici soldi su cui si regge l'opera sono i finanziamenti europei.

7.. Se dovessi elencare tutte le implicazioni legali del ministro Lunardi (mi spiace, ma non riesco proprio a dare dell'onorevole ad una persona del genere) questo documento diverrebbe troppo lungo. Dico solo che l'appalto per la costruzione del tunnel di 52Km (7,5 miliardi di euro) è stato vinto da una ditta francese che l'ha subbappaltato alla francese RockSoil, di proprietà della mog lie.

Forse ora è più chiaro e motivato perchè nelle proteste dei ValSusini sono presenti sempre, in prima fila, tutti i sindaci e le istituzioni di tutti i paesi della Valle, indipendentemente dal partito politico di appartenenza.

Il CIPE, incaricato di distribuire i fondi italiani, ha già eliminato la tratta Torino-Lione dalle opere da finanziare dallo stato italiano (nonostante quanto riferito dai media). L'unico obiettivo di chi il TAV lo vuole fare è quello di agganciare la pioggia di finanziamenti europei per le grandi opere; per far questo, devono entro fine anno poter dire che i lavori sono iniziati.

Lunedì 1 novembre ho partecipato al blocco dei lavori a Mompantero: in 500 persone (saremmo stati molti di più, ma alla maggior parte delle persone è stato impedito di raggiungere i luoghi della protesta, militarizzando Susa) abbiamo bloccato senza alcuna violenza per un giorno intero 1200 demotivati esponenti delle forze dell'ordine. La notizia che i siti siano poi stati presi in possesso dalle forze dell'ordine in nottata (quando non c'era più nessuno ad opporsi e verificare) sembrerebbe falsa,
alcune persone hanno verificato il giorno successivo che i siti erano ancora sgombri.

La questione NoTAV non è una questione di sinistra o destra: l'opposizione è trasversale, ed ogni persona di buon senso che sia informata sul problema non ha difficoltà a capire le nostre ragioni. Il problema è che la voce dei NoTav viene puntualmente soffocata dai media, per la grande quantità dei finanziamenti europei in gioco. Personalmente penso che anche i più accesi interessati questo lo sappiano benissimo, e dell'opera non gli importi proprio nulla. L'unica loro preoccupazione è farsi rigirare nelle loro casse i soldoni europei.

Luca De Giuli 06.12.05 00:54| 
 |
Rispondi al commento

L'articolo contro la TAV è una stupidaggine.. i lati positivi dell'opera sono evidenti, e cmq è irreale pensare che ogni volta che lo Stato deve decidere qualcosa faccia un sondaggio tra il popolo.. quanto spenderebbe lo Stato per questi consulti?
La linea che c'è adesso è antiquata, e per questo viene poco sfruttata. Per levare tutti quei maledetti camion dalle nostre strade, bisogna sviluppare le grandi linee ferroviarie. Per quanto riguarda il timore dell'amianto lo capisco, ma finchè non si permette ai tecnici di fare i primi prelievi non ha senso fare tutte queste proteste. Piuttosto bisognerebbe protestare per i costi: ho letto che i 2/3 dell'opera sono a carico dell'Italia, nonostante che solo 1/3 di quel tratto sia sul nostro territorio.

Guido Marini 05.12.05 23:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NO TAV? ARGOMENTI SERI A SUPPORTO?

quali sarebbero?

1) è razionale e onesto spaventare la popolazione paventando una epidemia di cancro? (aspetto sempre l'indicazione di un articolo scientifico che abbia dimostrato o anche solo avvalorato l'influenza dell'amianto sulla popolazione residente, non sui lavoratori!continuo ad aspettare...)

2) è onesto continuare a ripetere che si potrebbe potenziare la linea esistene? (in che modo dato che cambiarne la pendenza sarebbe ancora più costoso e complicato che fare la nuova linea?)

3) chi e come ha dimostrato che la nuova linea TAV non serve? (e in base a cosa si dice che non toglierebbe i camion dalle strade?)

CHI HA ARGOMENTAZIONI LE PORTI, MA CONTINUARE A CITARE RAPPORTI DI LEGAMBIENTE E FRASI DECONTESTUALIZZATE NON PORTA DA NESSUNA PARTE!

giovanni davoli 05.12.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

Ad avvalorare i miei dubbi, quest'articolo (http://www.notavtorino.org/documenti/avviso-martin2.htm) la dice lunga su quanti interessi ci siano da parte dei soliti poteri su questa linea, lotte intestine, che comunque finiscano, faranno guadagnare soldoni ai nostri carissimi dipendenti...stiamo attenti, secondo me corriamoil fortissimo rischio di essere strumentalizzati...prima di dire no o si a sto dannato progetto, bisogna informarsi, per arrabbiarsi come delle bestie...

Paolo Silla 05.12.05 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Io abito in valle e sinceramente di morire di tumore ai polmoni per far piacere al ministro Lunardi (che tramite la moglie controlla LTF, la società incaricata dei lavori) proprio NON mi va giù!
quindi NOTAV e se possiamo, andiamo a dare una mano ai ragazzi di Venaus! Resistete!

Matteo Matarazzo 05.12.05 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Il problema TAV, a prima vista, sembra la solita "cosa italiana", ovvero l'impresa dell'amico che deve essere finanziata dallo stato per lavori inutili...e in effetti, i presupposti ci sono tutti, dall'astronomico costo, fino all'insostenibilità ambientale. La cosa che però sinceramente un pò mi indigna, è che ci definiamo tutti artisti del compromesso, un popolo di moderati, e poi riusciamo solo a dire e vedere o bianco o nero.Premesso che non mi sento di dire se quest'evoluzuione dei fatti sia giusta o sbagliata, ho voluto attingere a questa fonte inesauribile di informazioni che è
Internet, per approfondire il tema.L'attuale collegamento tra Torino e Lione è permesso dall'A32, e dal traforo del Frejus. Il traforo del Frejus è soggetto a pedaggio, e mi sono informato sui prezzi: si va da 20€(solo andata per veicoli normali) fino a 600€ (trasporti eccezionali), per un trafico gornaliero stimato in circa 4450 mezzi al giorno. Dal sito della Sitaf spa(www.sitaf.it),società che gestisce il traforo, ho appreso che si controlla, assieme con i francesi,un intercambio merci di 100.000 miliardi(spero di lire) su base annua.A questo punto qualche dubbio comincia a sorgere.
Forse non c'entra, ma mi sono informato sul direttivo sitaf, rieletto nel 2002, e ho scoperto(www.lunanuova.it/servizi/dossier/spartsit.html) che il nuovo presidente è l'on. dipendente Giuseppe Cerruti(FI),tanto voluto da Lunardi, e che all'interno di tale società aleggiano le mani di tale Marcellino Gavio(www.nessuno.tv/site/it/nessuno/nessuno_presenta/nessuno_informa/2005_02_02_1.asp),figura importante nel panorama "stradale" già attore in Tangentopoli con l'ITINERA,qualche reato in prescrizione ecc.Ora mi chiedo: "non fosse che,oltre ai chiari problemi ambientali, non ci siano altri problemi leagati a questi interessi.La mia grande paura è che una giustissima protesta venga usata per coprire gli interessi dei soliti poteri, facendola diventare niente di più che un pretesto per continuare a lucrare...

Paolo Silla 05.12.05 22:39| 
 |
Rispondi al commento

una antica leggenda dice che Padova è stata fondata da una strega ubriaca in una notte di tempesta .....

non sarà certo il tram con le rotaiette a risolvere un problema di viabilità così antico e profondamente aggrappato al territorio

conviene seriamente cominciare a cercare la strega.......

umberto zanetti 05.12.05 20:06| 
 |
Rispondi al commento

AMICI DI BEPPE GRILLO, CONSUMATORI DISPERATI, ORGANIZZIAMO LA RESISTENZA AL CONSUMISMO!!! OGNI CITTADINO RESPONSABILE SI ISCRIVA AD UNA DELLE TANTE ASSOCIAZIONE DI CONSUMATORI, E FACCIA SENTIRE LA PROPRIA VOCE.

A.C.U. MARCHE - L'Associazione consumatori utenti amica di BEPPE GRILLO
con sede in ANCONA Via Piave, 49/C
INVITA I MARCHIGIANI AMICI DI BEPPE GRILLO
ad ISCRIVERSI PER L'ANNO 2006 e PARTECIPARE alle ATTIVITA'ed ai PROGETTI realizzati per sensibilizzare l'opinione pubblica ad un CONSUMO PIU' ETICO, RESPONSABILE e SOLIDALE.

come fare per iscriversi?

manda due righe alla nostra e-mail
"carlocardarelli@libero.it"

noi Vi manderemo (sempre via e-mail-unico e vero mezzo di comunicazione) lo stampato di ADESIONE, da FIRMARE e RESTITUIRE alla NOSTRA SEDE x posta).

ISCRIVERSI COSTA SOLO 1 EURO all'anno!
Da spedire alla nostra SEDE COME VALORE IN FRANCOBOLLI DI PRIORITARIA.

L'ISCRIZIONE DA DIRITTO A:

1) essere informati sulle ultime novità nel settore del consumerismo,
2) essere informati sulle attività associative ACU locali e nazionali,
3) partecipare (con diritto di voto), a tutte le nostre riunioni.

W GLI AMICI DI BEPPE GRILLO.

Ciao e AUGURI a TUTTI da:

Carlo Cardarelli "carlocardarelli@libero.it"

CARLO CARDARELLI Commentatore in marcia al V2day 05.12.05 19:57| 
 |
Rispondi al commento

INVITO TUTTI A RIPENSARE L'USO DEL BLOG (ripetendo una cosa 100.000 volte questa non diventa vera!) SE SI VUOLE UN DIBATTITO COSTRUTTIVO ALLORA SI SIA PRONTI A CAMBIARE IDEA SE INVECE TUTTI HANNO GIA' LA VERITA' IN TASCA POSSONO ANCHE FARE A MENO DEL BLOG

giovanni davoli 05.12.05 14:22

Innanzi tutto mi sorprende che ci sia ancora gente che visita e posta su quest'argomento, grazie a tutti visto che l'importante è che se ne parli, poi a Davoli volevo dire, se ci sei ancora, che a me chi non porta argomenti e non fa altro che ripetere le stesse cose sembrano proprio i pro tav, visto che oltre che dire che non bisogna fermare il progresso (e perchè mai?) e che l'opera sarà utile a tutta l'Italia e farà crescere l'economia (senza però portare nessun argomento o dato che sia a loro favore) non si sente. Noi non parliamo solo di amianto e uranio o di impatto ambientale sul territorio, noi parliamo, e portiamo dati a sostegno delle nostre parole, di impatto economico di un'opera che sarà totalmente inutile a risolvere il problema del traffico merci in valle e in ogni altro luogo, che costerà come una finanziaria (adesso, bisogna poi vedere cosa può costare una volta finita) e che sarà finanziata totalmente con soldi pubblici impegnando risorse che potrebbero essere destinate alla sanità come all'istruzione o ad altro che sia utile a tutta la popolazione.Ricordatevi che qua in valle amiamo troppo il treno per accettare la tav.

maurizio tomatis 05.12.05 19:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abito a Torino e, dunque, vorrei esprimere il mio parere sul Post "TAV, no grazie?" (non ho letto gli altri commenti perché sono troppi!)
Comprendo le posizioni a favore degli abitanti della Val di Susa, poiché è certo in primo luogo su di loro che si riflette l'impatto dell'opera, e la conseguente necessità di un approccio a tali problemi che parta da una democrazia "dal basso", con attenzione alle ragioni dei cittadini delle aree coinvolte.
Chiederei però di valutare esattamente il bilanciamento fra i vari interessi in gioco (in fondo la politica si poggia proprio su un contempreamento di diversi, e spesso opposti, interessi; anche se spesso per i nostri "dipendenti" l'interesse prevalente in gioco è quello personale...).
Forse ho un opinione ingenua o scarsamente informata, ma mi sembra che la realizzazione dell'Alta Velocità fra Torino e Lione sia realmente un'opera strategica fondamentale; certamente in primo luogo per Torino (città ahimè un po' decadente...) ma non solo: per l'intera economia italiana. Sicuramente si tratta di un'opera ben più importante del famigerato Ponte sullo Stretto (su questo sono concorde con Beppe Grillo: l'economia siciliana avrebbe bisogno di ben altro...).
Concludo dunque esprimendo una mia posizione (spero equilibrata): di fronte a concreti pericoli per la salute e l'incolumità pubblica sarebbe certamente necessario sospendere i lavori e, probabilmente, ripensare l'opera; ma da quanto emerge sui giornali, allo stato non esiste certezza su effetti di questo tipo.
Se invece il problema è di impatto ambientale, vorrei ricordare che con la Valle di Susa non si è scelta una valle alpina incontaminata e "vergine", bensì una valle purtroppo già rovinata e costruita; occorre dirlo, senza voler offendere il legittimo orgoglio degli abitanti: non si tratta certo di una delle valli più belle!
Penso che Beppe Grillo faccia comunque bene a stimolare l'attenzione su questo argomento perché merita di essere approfondito.
Saluti a tutti.

fabrizio de francesco 05.12.05 19:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(Econews 5.12.05) (3)

Tav. Pecoraro: sospendere lavori e la UE nomini mediatore per dialogo

“C’è bisogno di sospendere i lavori e riavviare il dialogo per uscire da questa situazione di stallo provocata da un Governo sordo. Per questo è opportuno che l’unione europea nomini un mediatore che favorisca il dialogo tra le parti. Questo mediatore non è la De Palacio, che non ha alcun titolo per parlare a nome della Commissione Europea. Abbiamo presentato una mozione affinché il dibattito si svolga in Parlamento e non sui giornali.
Il ministro Pisanu farebbe bene a non lasciarsi andare a generalizzazioni pericolose ed inaccettabili. Cerchi i terroristi dove stanno e non certo in Val di Susa”. Lo ha dichiarato il presidente dei Verdi. “Serve anche - afferma Pecoraro - una maggiore informazione sulla vicenda, che finora è stata spiegata in maniera strumentale. Innanzitutto è falso che si sta
ipotizzando un altro corridoio e che si perdano i finanziamenti se non proseguono i lavori perché l’Unione europea ancora non ha chiuso il
bilancio. Quando lo farà, i fondi andranno alle opere ritenute prioritarie e da costruire con il consenso sociale. Se il Governo continuerà ad
alimentare lo scontro, a procedere con la forza e la militarizzazione, senza ascoltare le sacrosante ragioni dei manifestanti, si perderanno sicuramente i soldi”.
“E’ auspicabile - conclude il leader del sole che ride - che il presidente Ciampi incontri i sindaci della Val di Susa per ascoltare le ragioni di una grande comunità. Mi auguro che anche i miei alleati dell’Unione si convincano che il tunnel è dannoso, inutile e toglie risorse al potenziamento reale della rete ferroviaria. Una situazione simile si verificò nel 2001 per il ponte sullo Stretto. In quel periodo tutti erano convinti che servisse. Spero che questa volta non ci vogliano cinque anni a fargli cambiare idea”.

Paola Bassi 05.12.05 18:57| 
 |
Rispondi al commento

(Econews 5.12.05) (2)

Tav. Verdi: Fini e Lunardi infuocano clima

“Fini e Lunardi intendono infuocare il clima con le loro irresponsabili dichiarazioni. Invece di ammettere che il governo è l’unico responsabile di questa situazione, continuano a soffiare sul fuoco e ad alimentare la tensione”, ha dichiarato il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio.
“Questi attacchi - afferma Pecoraro - a sindaci e manifestanti, anzi a tutta la comunità valsusina che cerca di impedire uno scempio ambientale,
economico e sociale, sono inaccettabili. Si deve riprendere il dialogo e solo ricostruendo un clima di fiducia con la sospensione dei lavori e la smilitarizzazione della Valle si potrà tornare a parlare in maniera costruttiva per giungere all’obiettivo di tutti: il potenziamento della
rete ferroviaria italiana”.
“Fini e Lunardi - conclude il leader del Sole che Ride - siano più cauti e rispettosi quando parlano di un’intera comunità che pacificamente esprime il proprio dissenso contro un tunnel
dall’impatto devastante”.


-------------

Paola Bassi 05.12.05 18:51| 
 |
Rispondi al commento

A chi interessa cito dal bollettino dei Verdi (Econews 5.12.05)
---------------
Tav. Donati e Frassoni: Bruxelles sta finanziando opera fuori dalle norme UE

“I lavori avviati a Venaus per la realizzazione della Torino-Lione sono fuori dalle norme UE. Il cunicolo esplorativo, vale a dire un tunnel lungo
10 km, non è mai stato sottoposto a valutazione di impatto ambientale.
Grazie alle procedure sbrigative, previste della legge obiettivo, Bruxelles sta finanziando un progetto fuorilegge". E' la denuncia contenuta in un ricorso alla Commissione UE presentato dalla senatrice Anna Donati, responsabile trasporti e infrastrutture dei Verdi, e dall'on. Monica
Frassoni, presidente del gruppo Verdi/Ale al Parlamento europeo. Un ricorso che si aggiunge alle obiezioni della petizione popolare sottoscritta da numerosi cittadini e sindaci della Valsusa già depositata a Bruxelles. "A
gennaio 2005 la società Ltf ha affidato alla Cmc di Ravenna un appalto di 84 milioni di euro per realizzare il cunicolo esplorativo di Venaus, di cui 18 milioni sono un finanziamento proveniente dalla Commissione UE del 2003.
In realtà - scrivono Donati e Frassoni - il cosiddetto cunicolo esplorativo è un tunnel lungo 10 chilometri che sarà funzionale, come galleria di servizio, al nuovo tunnel di base (di 52 km) della av Torino-Lione." "Con una delibera del 30 giugno 2003 - continuano - la Regione Piemonte ha
sostenuto che la realizzazione del cunicolo di Venaus 'determina un forte impatto sull'ambiente sotterraneo e superficiale notevole, paragonabile a quello che potrebbe essere paragonabile a quello prodotto con la realizzazione della galleria base'. Un'affermazione importante che non ha prodotto atti conseguenti: la Regione, guidata dal presidente Ghigo, ha dato comunque un parere positivo al progetto del cunicolo, senza prevedere alcuna procedura di valutazione di impatto ambientale." (e continua)

Paola Bassi 05.12.05 18:47| 
 |
Rispondi al commento

No TAV ! Con questo messaggio voglio unirmi a tutti voi e voglio dirvi che tutti noi italiani dovremmo essere come voi! Grazie !

sabrina nieri 05.12.05 18:43| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma il mio commento sul tav,che credo potrebbe interessarvi,è stato inserito fra i commenti riguardanti la pedofilia mediatica...se vi va di leggerlo ho segnalato i siti dove trovare tutte le info sul notav.grazie!

chiara pavan 05.12.05 17:52| 
 |
Rispondi al commento

E' poi vero che c'è il problema dell'amianto e dell'uranio. Ma quando sono state costruite le altre grandi opere in Valle, chi ha sollevato il problema? Negli anni 70 ricordo che è stata raddoppiata la linea storica, con una lunga galleria da Bussoleno a Salbeltrand, interrotta solo in corrispondenza delle stazioni di Meana e Chiomonte. Nel decennio successivo sono state scavate le gallerie per l'autostrada. Quei terreni erano forse privi degli stessi elementi nocivi che oggi andate sbandierando?
L'amianto è stato riconosciuto dannoso solo negli ultimi decenni, quindi oggi la normativa per il suo trattamento e smaltimento esiste ed è riconosciuta alivello europeo, al contrario del periodo in cui furono realizzate le opere che ho appena citato.
Detto questo, a mio modesto parere, sarebbe molto più costruttivo, anzichè sostenere con forza uno sterile NO TAV e basta, richiedere due fondamentali garanzie con cui poter avviare un'opera che, stante la volontà politica, si farà comunque.
1) Una commissione di controllo, formata da tecnici e da semplici cittadini, per verificare che lo smaltimento dei materiali nocivi e di quelli comunque non riutilizzabili avvenga secondo le normative vigenti e senza possibilità di danni e contaminazioni per popolazione e ambiente, con attenzione anche alla sicurezza idrogeologica dei siti di stoccaggio.
2) Una legge europea, che prenda ad esempio le normative Svizzera ed Austriaca, sul contingentamento dei Tir sui valichi alpini e comunque sulle lunghe distanze.
Se poi Trenitalia facesse orecchie da mercante, perchè è risaputo che anche li ci sono interessi volti a creare disguidi per disincentivare il trasporto merci, si potrebbe costituire una società privata per la gestione delle autostrade viaggianti. La legge attuale lo consente: sul territorio nazionale esistono già alcuni operatori del traffico merci alternativi a Trenitalia. Peccato che per i pendolari siamo ancora in regime di monopolio.
Sempre dispolnibile al dialogo
Fede

Federico Sardo 05.12.05 16:34| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco perchè questo muro compatto contro la ferrovia.
E' noto che il trasprorto ferroviario è quello che meno impegna le risorse energetiche ed il meno inquinante; quidi fra autostrada e ferrovia, in termini economici sarebbe meglio la seconda.
Quando è stata costruita l'autostrada, sono stati pochissimi a prendere posizione contro di essa, perchè in fondo avrebbe portato turisti estate e inverno a Oulx e Bardonecchia. La ferrovia invece, li porterebbe a Deux Alps, ma questo mi pare marginale. A meno che fra i sobillatori di No Tav vi sia qualche dirigente della Sitaf.
Questa autostrada, così brutta perchè rovina il paesaggio, è talmente ripida che in certi tratti sono stato costretto ad usare la terza pur viaggiando da solo con una vettura di 1100 cc. Non parliamo del costo del pedaggio: uno dei più alti d'Italia. Insomma, di questa autostrada si poteva fare a meno, ma è stata fatta lo stesso e ce la teniamo, con l'aggravante che abbiamo riempito di Tir la val di Susa, in un periodo in cui già l'Austria e la Svizzera erano riuscite a contingentare il traffico stradale, obbligando i camion a salire sui treni.
Alcuni dicono che la linea ferroviaria storica potrebbe essere potenziata in modo da soddisfare questa esigenza. Io dico che la linea storica è un piano inclinato con un dislivello di 1500 metri, per cui le merci devono essere issate poco alla volta e poi frenate nella discesa. Oggi due locomotive da sei megawatt ciascuna riescono a portare al culmine del Frejus circa 900 tonnellate per volta. In una linea pianeggiante una sola locomotiva ne tira 1600 e potrebbe fare di più, ma c'è il limite della resistenza degli organi d'aggancio e quello della lunghezza dei binari delle stazioni. La linea Alta Capacità potrebbe quindi trasportare il 56.25 % di merci in più, con minore dispendio di energia, senza aumentare il numero dei treni in corcolazione, anzi dimezzando il numero di locomotive impiegate.

Federico Sardo 05.12.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno a tutti.
Che scrive è un abitante di un paese alle porte della valle e un dipendente di un'azienda che opera nel settore delle ferrovie.
Vorrei innanzitutto far capire, ancora ce ne fosse il bisogno, che i motivi per cui si protesta non sono infondati, semmai è infondato tutto quanto esce dalla tv e dalla stampa tradizionale. La gente che protesta non è impazzita. E' gente che non lavora per protestare, fa le notti, col freddo e la neve...
Tralasciando tutto il resto (che è altrettanto importante) vorrei portare la mia testimonianza DIRETTA su 2 punti: primo, il pericolo dovuto alla presenza di sostanze nocive è forte e sopratutto REALE. Oltretutto in ValSusa vi è sempre quella "brezza marina" che porta tutto nel centro di Torino... Mi riferisco al problema delle polveri.
Secondo, punto per il quale sono fortemente contrario al TAV, dovete sapere che lo sforzo economico è enorme ed E' TUTTO UNO SPRECO!
Voi non avete idea di come vengono gestite le cose dalla Rete Ferroviaria Italiana (cliente dell'azienda per cui lavoro) e degli enormi sprechi a cui andiamo incontro.
Non è pensabile che con i soldi MIEI e VOSTRI dobbiamo pagare per 10 volte una cosa pergiunta inutile...
Vorrei poter documentare quello che dico, ma fidatevi. Lo spreco è troppo.
Se quelli ancora contrari al TAV non lo sono, vediamo se vi tocchiamo le tasche...
Purtroppo alla fine la linea si farà e il parere di più di 50mila valligiani più tutto il resto degli italiani conterà meno di zero.

Questa si che è democrazia!

Angi Marfi 05.12.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Credo che i problemi non sono fare la TAV o meno ma almeno due:
1) che cmq la popolazione locale va ascoltata e almeno sentire per cosa protestano e perchè sono contrari (cosa che non è stato ancora fatto) e magari rassicurarli sugli impatti ambientali dell'opera
2) In Italia abbiamo altre priorità più necessarie e importanti come il raddoppio da Pescara fino a Bari dell'A14 o Il raddoppio e elettrificazione della linea feRroviaria dopo Taranto (provate a venirci e vedrete con i vostri occhi se ciò che dico è vero o no) per fare qualche esempio.
Ritengo infine che La TAV verrà fatta (anche perchè verebbero messe in discussione gli altri progetti in essere...ricordo a tutti che i cantieri per la TAV non sono solo a Val di Susa ma in tutta Italia) ma ciò non toglie che si ascolti la voce di chi protesta
Intanto i Sindaci della Valle hanno presentato un esposto alla procura per la limitazione della libertà di circolazione degli abitanti cui vengono sottoposti
vedremo come andra' a finire
ciao

Vincenzo Curcio 05.12.05 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Chissà di chi sarà la ditta che dovrà occuparsi dei lavori per la TAV?
Beppe potresti illuminarci?
Guarda a caso...pare sia.....

estrema soliderietà al comitato NO TAV e a tutti coloro che sono consapevoli del fatto che in Italia i cittadini in Italia contano solo quando si tratta di essere raggirati da politici millantatori bisognosi dei voti per occupare posti e poltrone che rendono un tot di mila euro al mese....

fulvia leone 05.12.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi vien da sorridere: ci si lamenta del traffico insostenibile in autostrada, dell'inesistenza di una rete ferroviaria efficiente ad alta velocità, della rete viaria altrettanto inefficiente, ecc ecc... ora ci troviamo davanti ad una protesta colossale... uranio, amianto... domanda: quando hanno bucato le alpi per costruire il Traforo del Frejus han mica trovato roba simile? E' stata una catastrofe ecologica? E' morta gente? Il progresso ha bisogno di infrastrutture... se non siamo disposti a scendere a compromessi non dobbiamo allora lamentarci! Se fosse per gli ambientalisti non si dovrebbe costruire nulla! Guardiamoci una volta negli occhi: possibile che ad ogni grande infrastruttura corrisponda una altrettanto grande polemica? le dighe del mose a Venezia che non permettono lo scambio tra le acque della laguna e l'acqua dell'adriatico (ed intanto Venezia va sott'acqua), il ponte di Messina ostacola la migrazione degli uccelli, la variante del tratto appenninico della A1 rovina il paesaggio... Stiamo vivendo nella mia provincia la polemica per la costruzione della Valdastico Sud... e insomma!!! Se nel post guerra ci fossero state tutte ste polemiche per costruire opere pubbliche vorrei proprio vedere come saremmo adesso!! Ironicamente un professore delle superiori ci diceva sempre: sapete perchè l'Italia può essere orgogliosa dei grandi monumenti che gli antichi Romani hanno costruito? perchè al tempo degli antichi Romani non c'erano i verdi e le associazioni ambientaliste!!

alessandro bonato 05.12.05 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parlando di trasporti piemontesi.
Io percorro la MI-TO circa una volta alla settimana.
Ogni settimana trovo il tracciato modificato causa lavori sull'alta velocità. La segnaletica è pietosa. La velocità media dei veicoli è 95/100 Km/h.
La cosa peggiore è che l'alternativa, il treno, è moolto peggio.
Ora, ho una semplice domanda: perchè l'A.N.A.S. non fà uno sconto sul pedaggio autostradale?
L'ultima volta che ho percorso la MI-TO è stato venerdì scorso, sotto la neve, cercando di capire come infilarmi nelle deviazioni giuste. Quei geni dell'A.N.A.S sono riusciti a mettere i cartelli che segnalano le deviazioni, gli accessi (sia in prossimità che all'interno dell'autostrada), lievemente rivolti verso l'alto. In questo modo sono rimasti totalmente innevati, bianchi, quasi indistinguibili. Come si diceva una volta: IN SIBERIA li devono mandare!
Mi sembra di capire che l'alta velocità comporti un po' di anni di bassa velocità (e qualche incidente).
Non oso pensare a quello che potrebbe succedere in Val di Susa.

Fabrizio Gilardoni 05.12.05 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Comitati NO TAV:

1) vedo con dispiacere il ripetersi di post semplicemente copiati e ricopiati

2) vedo la totale incapacità dei sostenitori del comitato no-Tav di ribattere alle spiegazioni che si danno con argomentazioni razionali

3)vedo che i no Tav hanno imparato i nuovi vocaboli: amianto e uranio e si stanno esercitando nel ripeterli

INVITO TUTTI A RIPENSARE L'USO DEL BLOG (ripetendo una cosa 100.000 volte questa non diventa vera!) SE SI VUOLE UN DIBATTITO COSTRUTTIVO ALLORA SI SIA PRONTI A CAMBIARE IDEA SE INVECE TUTTI HANNO GIA' LA VERITA' IN TASCA POSSONO ANCHE FARE A MENO DEL BLOG

giovanni davoli 05.12.05 14:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parlando di trasporti piemontesi.
Io percorro la MI-TO circa una volta alla settimana.
Ogni settimana trovo il tracciato modificato causa lavori sull'alta velocità. La segnaletica è pietosa. La velocità media dei veicoli è 95/100 Km/h.
La cosa peggiore è che l'alternativa, il treno, è moolto peggio.
Ora, ho una semplice domanda: perchè l'A.N.A.S. non fà uno sconto sul pedaggio autostradale?
L'ultima volta che ho percorso la MI-TO è stato venerdì scorso, sotto la neve, cercando di capire come infilarmi nelle deviazioni giuste. Quei geni dell'A.N.A.S sono riusciti a mettere i cartelli che segnalano le deviazioni, gli accessi (sia in prossimità che all'interno dell'autostrada), lievemente rivolti verso l'alto. In questo modo sono rimasti totalmente innevati, bianchi, quasi indistinguibili. Come si diceva una volta: IN SIBERIA li devono mandare!
Mi sembra di capire che l'alta velocità comporti un po' di anni di bassa velocità (e qualche incidente).
Non oso pensare a quello che potrebbe succedere in Val di Susa.

Fabrizio Gilardoni 05.12.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di trasporti piemontesi.
Io percorro la MI-TO circa una volta alla settimana.
Ogni settimana trovo il tracciato modificato causa lavori sull'alta velocità. La segnaletica è pietosa. La velocità media dei veicoli è 95/100 Km/h.
La cosa peggiore è che l'alternativa, il treno, è moolto peggio.
Ora, ho una semplice domanda: perchè l'A.N.A.S. non fà uno sconto sul pedaggio autostradale?
L'ultima volta che ho percorso la MI-TO è stato venerdì scorso, sotto la neve, cercando di capire come infilarmi nelle deviazioni giuste. Quei geni dell'A.N.A.S sono riusciti a mettere i cartelli che segnalano le deviazioni, gli accessi (sia in prossimità che all'interno dell'autostrada), lievemente rivolti verso l'alto. In questo modo sono rimasti totalmente innevati, bianchi, quasi indistinguibili. Come si diceva una volta: IN SIBERIA li devono mandare!
Mi sembra di capire che l'alta velocità comporti un po' di anni di bassa velocità (e qualche incidente).
Non oso pensare a quello che potrebbe succedere in Val di Susa.

Fabrizio Gilardoni 05.12.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di trasporti piemontesi.
Io percorro la MI-TO circa una volta alla settimana.
Ogni settimana trovo il tracciato modificato causa lavori sull'alta velocità. La segnaletica è pietosa. La velocità media dei veicoli è 95/100 Km/h.
La cosa peggiore è che l'alternativa, il treno, è moolto peggio.
Ora, ho una semplice domanda: perchè l'A.N.A.S. non fà uno sconto sul pedaggio autostradale?
L'ultima volta che ho percorso la MI-TO è stato venerdì scorso, sotto la neve, cercando di capire come infilarmi nelle deviazioni giuste. Quei geni dell'A.N.A.S sono riusciti a mettere i cartelli che segnalano le deviazioni, gli accessi (sia in prossimità che all'interno dell'autostrada), lievemente rivolti verso l'alto. In questo modo sono rimasti totalmente innevati, bianchi, quasi indistinguibili. Come si diceva una volta: IN SIBERIA li devono mandare!
Mi sembra di capire che l'alta velocità comporti un po' di anni di bassa velocità (e qualche incidente).
Non oso pensare a quello che potrebbe succedere in Val di Susa.

Fabrizio Gilardoni 05.12.05 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di trasporti piemontesi.
Io percorro la MI-TO circa una volta alla settimana.
Ogni settimana trovo il tracciato modificato causa lavori sull'alta velocità. La segnaletica è pietosa. La velocità media dei veicoli è 95/100 Km/h.
La cosa peggiore è che l'alternativa, il treno, è moolto peggio.
Ora, ho una semplice domanda: perchè l'A.N.A.S. non fà uno sconto sul pedaggio autostradale?
L'ultima volta che ho percorso la MI-TO è stato venerdì scorso, sotto la neve, cercando di capire come infilarmi nelle deviazioni giuste. Quei geni dell'A.N.A.S sono riusciti a mettere i cartelli che segnalano le deviazioni, gli accessi (sia in prossimità che all'interno dell'autostrada), lievemente rivolti verso l'alto. In questo modo sono rimasti totalmente innevati, bianchi, quasi indistinguibili. Come si diceva una volta: IN SIBERIA li devono mandare!
Mi sembra di capire che l'alta velocità comporti un po' di anni di bassa velocità (e qualche incidente).
Non oso pensare a quello che potrebbe succedere in Val di Susa.

Fabrizio Gilardoni 05.12.05 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di trasporti piemontesi.
Io percorro la MI-TO circa una volta alla settimana.
Ogni settimana trovo il tracciato modificato causa lavori sull'alta velocità. La segnaletica è pietosa. La velocità media dei veicoli è 95/100 Km/h.
La cosa peggiore è che l'alternativa, il treno, è moolto peggio.
Ora, ho una semplice domanda: perchè l'A.N.A.S. non fà uno sconto sul pedaggio autostradale?
L'ultima volta che ho percorso la MI-TO è stato venerdì scorso, sotto la neve, cercando di capire come infilarmi nelle deviazioni giuste. Quei geni dell'A.N.A.S sono riusciti a mettere i cartelli che segnalano le deviazioni, gli accessi (sia in prossimità che all'interno dell'autostrada), lievemente rivolti verso l'alto. In questo modo sono rimasti totalmente innevati, bianchi, quasi indistinguibili. Come si diceva una volta: IN SIBERIA li devono mandare!
Mi sembra di capire che l'alta velocità comporti un po' di anni di bassa velocità (e qualche incidente).
Non oso pensare a quello che potrebbe succedere in Val di Susa.

Fabrizio Gilardoni 05.12.05 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
Leggo tra i vari commenti, quelli favorevoli alla tav che dicono che non è corretto che per i soliti pochi l'Italia non possa avere quei 2 binari in più ...
Cari miei voi qui non ci abitate, non avete le montagne piene di amianto ed uranio, noi si. Inoltre la tav qui ci passa già da anni. Si proprio così. Solo che non fa comodo ricordarlo e soprattutto non fa comodo dire che con solo il 10% di quello che vogliono spendere si può renderla sufficientemente veloce. Le elezioni si avvicinano e serve un bel pozzo senza fondo ... chi vuol intendere intende. Non ve ne rendete conto, ma se vincessimo noi, risparmiereste un bel po' di tasse in più ed il treno correrebbe lo stesso.
Saluti

Ilario Clemente 05.12.05 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Io credo comunque che, soprattutto adesso e in Val di Susa la protesta debba rimanere ancora per lungo tempo assoltamente pacifica. I mass media e i politici non aspettano altro che un esplosione di violenza "alla black block" per poter dire che i manifestanti sono facinorosi, politicizzati ecc.. Andrebbe a finire che si parlerebbe solo degli scontri tra poliziotti e manifestanti!!! A proposito, avete letto il comunicato del sindacato di polizia COISP? lo trovate su: www.legambientevalsusa.it
Il fatto è che a far le spese delle manifestazioni violente sono sempre manifestanti e polizziotti. Quelli che comandano se ne stanno tranquilli nei loro palazzi al caldo sorseggiando un drink!
ciao

Francesco Fidone 05.12.05 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Io voglio solo dire una cosa un pò di tempo fa c'era un post di un genovese (COME ME)che elogiava Genova per la pacifica protesta per le zone blu e i parcheggi,che è così che bisogna fare,e non capiva tutta quella violenza.Dal secolo xix di sabato guarda caso non soltanto il comune prosegue per la sua strada ma la società parcheggi ha anche aumentato le tariffe senza avvisare,Natale si avvicina.Quindi se nel '68 i nostri padri fossero scesi in piazza con dei mazzi di fiori e dicendo "scusate potremmo fare la riforma scolastica etc...etc...?" oggi gli insegnanti ci darebbero ancora il righello sulle dita e dovremmo stare zitti,altro che telefono azzurro. Dimostrazione il Comune di Genova fa e continuerà a fare quello che vuole e chi fa la protesta civile si fa una bella passeggiata,respira aria fresca e per un giorno è soddisfatto,contento lui. SI POSSONO VINCERE 100 BATTAGLIE MA SE POI PERDO LA GUERRA SAI CHE SODDISFAZIONE!!!!!!!!

emanuele fumagalli 05.12.05 11:57| 
 |
Rispondi al commento

a quanti non sono soddisfatti di ciò che hanno appreso dai media o perlomeno hanno qualche dubbio che le cose stiano esattamente come le hanno presentate, oppure vogliono approfondire un minimo prima di schierarsi, ma sopratutto a quelli che condannano il movimento e non sono ottusi, consiglio un paio di link:

http://www.lavoce.info/news/view.php?PHPSESSID=ba59dac87a34e6c9f0a4847ecec50499&SEARCH=alta+velocit%E0+val+di+susa&ACTION=search&AUTHOR=&RECORD_PAGE=5&button.x=12&button.y=2&id=2&cms_pk=1857&from=index

http://www.radiopopolareverona.it/index.php?module=Pagesetter&func=viewpub&tid=1&pid=688

Marco Rinaldi Commentatore in marcia al V2day 05.12.05 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ieri 4/12/05 ho ascoltato dal televisore che a Valsusa, fanno blocchi dappertutto; "Ordine pubblico" lo chiamano, ma ho avvertito una nota di "trinceramento", di assedio, di isolamento per sfinire quelle persone che vogliono solo essere ascoltate.
Cosa ne pensi?

Cordiali saluti.
Perri Tommaso

Tommaso Perri 05.12.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento

VOGLIO ROCORDARE A TUTTI CHE IL CORRIDOIO 5 NON ESISTE!!!
NON E' LA VALLE DI SUSA CHE LO STA BLOCCANDO!
LA SLOVENIA NON LO VUOLE ASSOLUTAMENTE, IN CARNIA NESSUNO LO VUOLE, IN UKRAINA NESSUNO SA' COS'E', NEI PAESI BASCHI LO RIPUDIANO, IN FRANCIA CI SONO 2 MILIONI DI PERSONE ASSOLUTAMENTE CONTRARIE, IN ITALIA ATTUALMENTE I FERROVIERI SI RIFIUTANO DI GUIDARE UN TRENO IN 54 KM DI GALLERIA IN UNA MONTAGNA PIENA DI URANIO (LE RADIAZIONI ATTRAVERNO DIVERSI MATERIALI..).
CHIAMPARINO E LA SUA GIUNTA, CHE ATTUALMENTE SONO A FAVORE DEL TAV, ANNI FA HANNO ESPRESSAMENTE CHIESTO CHE LA TAV NON PASSASSE SUL COMUNE DI TORINO. INFATTI TORINO E' TAGLIATA FUORI, LA LINEA E' PARIGI-MILANO. SOLO PER LE MERCI FAREBBERO UNO SCALO A NOVARA.
A TORINO ARRIVERANNO TUTTE LE POLVERI DI AMIANTO... ANCHE IN COLLINA...

Fabio CANTORE 05.12.05 10:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sul sito NoTAV, sotto FORUM, il resoconto della visita di Pecoraro Scanio.
Io ho provato a mandare un email al Times ma mi è tornata indietro, l'indirizzo è giusto?
ciao

Paola Bassi 05.12.05 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe mandare a casa di quei furboni che inneggiano al progresso a tutti i costi, qualcuno di quei pietroni belli carichi di uranio di Venaus o qualche sassolino all'amianto del Musinè .....
Si puo' sacrificare in nome del progresso (o sarebbe meglio dire del denaro?) la salute di migliaia di persone ?????
E Ciampi che è il garante della Costituzione non lo conosce il Diritto alla Salute ???

chiara paganin 05.12.05 09:47| 
 |
Rispondi al commento

credo che il progetto TAV possa essere utile, che possa dare un alternativa all'auto ed in generala al trasporto su gomma in generale.
Ma c'e' della gente che protesta, che e' contraria, sono solo quattro pirla o hanno una motivazione??
il grave e' questo!!!
al TG e sulla stampa ti dicono:"cantieri bloccati, protestano"
ma io voglio che mi dicano PERCHE'???
perche' i valligiani portestano, perche'??
perche' "l'informazione" non ce lo dice???
poi una volta messe alla luce le motivazioni, magari si potra' anche valutare se sono giuste o sbagliate, ma perche' nessuno dici il motivo reale per cui protestano?
perche' si teme il confronto?
perche' potrebbero avere ragione?
perche' agli occhi dell'opinione pubblica devono sembrare 4 pirla che protestano senza motivo, solo x bere vino in compagnia al freddo?
questo e' preoccupante, e' l'ennesima dimostrazione che e' tutto "pilotato"!!!

i motivi magari sono anche sbagliati ed e' meglio andare avanti, ma il fatto che nessuno li dica, mi fa venire il dubbio che...

Matteo Germani 05.12.05 09:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Voglio spiegare perchè sono sempre più convinto del NO TAV.
Letto su "La Repubblica" di domenica 4.12.2005 - Tale scrivano (definirlo giornalista mi pare fuori luogo) che risponde al nome di SAVERIO VERTONE, risponde piccato a persone che gli hanno comunicato di non essere conformi al pensiero unico governo-opposizione...
I suoi barriti a favore della TAV riguardano (testiualmente) 1) benefici ambientali (!!!!) che si otterrebbero, secondo lui, grazie alla costruzione della galleria, oltre alla grande opportità per la comunità nazionale. Continua scrivendo di ..INSURREZIONE MILITARIZZATA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!da parte dei valligiani.
Infine parla della scarsa competitività e dell'ingovernabilità dell'Italia, che, lette nel contesto dell'articolo, pare dipendano dall'opposizione all'alta velociità.
Se non credete che siano vere le cose che sto scrivendo, prendetevi il piacere di leggerlo direttamente su Repubblica di ieri.
Questo è un modo di NON fare giornalismo....Evidentemente gli interessi che sottostanno alla TAV sono così forti (e purtroppo trasversali) che la Torino Lione si farà comunque, in barba a tutte le persone che sono contrarie.

solia nicola Commentatore in marcia al V2day 05.12.05 08:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bhe, non speravo di essere il primo, ma vedo con "piacere" (ironia!) che questa storia ricorda a molti il fattaccio del Vajont.
Unica consolazione: adesso, per lo meno, hanno gia' diversi libri, uno spettacolo teatrale ed un film ai quali ispirarsi per ottimizzare o rendere piu' spettacolare la catastrofe!!

Possa Dio rinsavire i folli

Stefano

Stefano Olivieri 05.12.05 07:59| 
 |
Rispondi al commento

Un paio di amici mi hanno scritto a commento del mio post "A Z Cecina LI 03.12.05 03:34" in cui mi rammaricavo un po ironicamente sulla gran gran quantità di gente che si scopre ambientalista in occasioni specifiche e contingenti ma poi non danno un seguito a questa loro scoperta. Uno dei due era particolarmente arrabbiato e mi accusava di essere "un qualunqiusta al soldo di Lunardi".
Evidentemente mi sono espresso male o sono stato frainteso, non sono assolutamente daccordo con l'immane spreco di risorse economiche ed ambientali della TAV, in quel post volevo solo esprimere il mio rammarico perché molta gente è "ambientalista attiva" quando gli fanno la discarica in giardino ma un po' meno se la fanno a cento Km.
Per chi è interessato all'argomento riporto l'intervento ed altri commenti sul mio blog
- cecina.blogspot.com/ -

A Z Cecina LI 05.12.05 02:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
concordo pienamente, non se ne può più di sentire "non si può fermare il progresso" ecc..
Per certa gente evidentemente il progresso si misura in tonnellate di cemento, non come qualità della vita.
I MANIFESTANTI DELLA VALSUSA hanno tutta la mia stima e solidarietà; è un peccato che manifestazioni così decise non siano iniziate prima anche in altri posti d'Italia interessati E DEVASTATI dalla TAV (vedi tratta Bologna-Firenze, zona Mugello, dove 90 milioni di metri cubi d'acqua di falda sono stati dispersi,decine di pozzi,sorgenti e torrenti prosciugati).
PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ABITANTI DELLA VALSUSA E UNIAMOCI A LORO! Ho appreso che manifestanti NO TAV di ROMA stanno solidarizzando con i valsusini. Anche FIRENZE potrebbe venire in aiuto. Ho letto in proposito, sulle pagine dell'associazione IDRA,che a Firenze sono in programma 2 tunnel sotterranei di 7 km. ciascuno, in direzione perpendicolare alla falda, nonchè una stazione sotto il letto del principale affluente dell'Arno!!
Solo se arriveranno proteste decise da + parti forse i manifestanti non potranno più essere considerati come un branco di nullafacenti a cui piace fare fiaccolate(Lunardi) o come un branco di montanari retrogradi(anonimi vari).
Saluti

Francesco Fidone 05.12.05 01:23| 
 |
Rispondi al commento

Per gli scettici.....andate a leggere sul sito www.legambientevalsusa.it cosa scrivono i sindacati di polizia che sono in val di susa!!!!! Poverini nel vero senso della parola, stretti dal dovere e impauriti per le verità che iniziano ad emergere.
Io dico basta a questo scempio ed a questo silenzio.
Ci stanno mettendo l'uno contro l'altro con le menzogne. Informate i vostri amici, parenti, conoscenti.......io non voglio sentirmi colpevole nei confronti di quelle persone che ora stanno lottando...rimaniamo uniti e facciamogli sentire che non sono soli...NO TAV

cristiana cauro 05.12.05 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Ripropongo a tutti questo link che spiega altri motivi per il NO TAV!!!!
Leggete TUTTO l'articolo...

http://www.societacivile.it/primopiano/articoli_pp/tav.html

Daniele Bonifazi 04.12.05 23:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti... certo che non se ne può più di questa storia "non si può fermare il progresso", in fondo ce la rifilano solo quando fa comodo a loro. Questa storia ce la propinano da una vita...vedi la diga del Vajont, la cementificazione selvaggia delle coste e l'elenco è lunghissimo.
Non esiste progresso senza il rispetto dell'ambiente e delle persone.
Pensa un po' che novità se tutti quei soldi fossero spesi per far rispettare veramente le leggi, pensa che grande novità che sarebbe!!!

Sara Sanetti 04.12.05 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Salve Beppe, e salve a tutti voi..
tempo fa postai in questo blog un link per emule con un documentario auto prodotto dai cittadini Romani contro la TAV(Treno ad alta Velocità/Voracità).
Devo ringraziarvi perchè in questi mesi, grazie a voi, ci sono stati migliaia di download!!!
L'unico problema che poche persone poi hanno ricondiviso il file. Peccato...
Vi riscrivo per dirvi che è uscito il secondo atto del documentario, questa volta più professionale,preciso,più velenoso,e più chiaro.
Il gruppo NO TAV di Roma si è unito nella piena civiltà e nel pieno diritto di protesta con il gruppo NO TAV della Val di Susa. Il documentario in oggetto viene attualmente trasmesso anche nella valle(un ringraziamento va ai vari sindaci e alle varie associazioni della valle). Vi prego di visionare il vecchio e nuovo documentario per farvi un idea chiara e veritiera del fenomeno TAV.
(Vi avverto, ci sono delle immagini un po' forti di persone che protestano dandosi fuoco! Cosa ovviamente nascosta e censurata dalla stampa nazionale!!!! Solo la stampa locale ha scritto qualche articolo in riguardo. Bhe.. NOI ABBIAMO INSERITO IL VIDEO ORIGINALE IN QUESTO DOCUMENTARIO) Buona Visione!

ed2k://|file|(Xvid.DIVX.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.SECONDO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|733554688|E02F07D33E73130C136F401E9C707337|h=BLEK5GI5FFQO4WA7MZTGVYF4GOV6PLOR|/

Daniele Bonifazi 04.12.05 23:02| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE DOPO 10 ANNI DI SILENZI QUALCOSA SI MUOVE!SONO 10 ANNI CHE NOI ROMANI PROTESTIAMO E CONTESTIAMO LA TAV!10 ANNI DI INCUBI,VITA POCO SALUBRE E POCHE ORE DI SONNO!10 ANNI DI VITA DENTRO AD UN CANTIERE!! LA LINEA PASSA A 3 METRI DAI CONDOMINI DI ROMA EST PER BEN OLTRE 12 KM!MIGLIAIA I FAMIGLIE VIOLENTATE DALLA TAV!UN MURO DI BERLINO CHE DIVITE LA CITTA',UN QUARTIERE DALL'ALTRO!UN MURO ALTO OLTRE 12 METRI LUNGO OLTRE 12 KM DENTRO AL CENTRO URBANO DI ROMA!LE CASE DEI FRONTISTI UFFICIALMENTE INAGIBILI E INCOMPATIBILI! E SIAMO COSTRETTI A VIVERE QUI!CI AVEVANO PROMESSO ESPROPRI LUNGO LA LINEA,CON RELATIVO ABBATTIMENTO DEGLI EDIFICI E IL PAGAMENTO DEL VALORE DELL'INTERO IMMOBILE.COSI NON E' STATO!I SOLDI NON C'ERANO E NON CI SONO!I PIU' FORTUNATI HANNO AVUTO MENO DELLA META' DEL VALORE DELL'IMMOBILE!PERCIO' DOBBIAMO VIVERE A SOLI 3 METRI DA 4 GALLERIE ALTE OLTRE 12 METRI(OGNI APPARATMENTO TRASFORMATO IN LOCULO!)CON INFILTRAZIONI D'ACQUA NELLE CANTINE CAUSATE DAI LAVORI,CREPE E CROLLI DI DEGLI EDIFICI PER LE NOTEVOLI VIBRAZIONI E RUMORI MOLESTI,INTERI EDIFICI DICHIARATI INCOMPATIBILI E INAGIBILI!CARICHE DELLA POLIZIA E DELLE FORZE DELL'ORDINE CONTRO I CITTADINI MENTRE LE SCAVATRICI ENTRAVANO CON PREPOTENZA DENTRO AI GIRADINI CONDOMINIALI!(E SI MIEI CARI,LA TAV E' PRATICAMENTE ENTRATA DENTRO CASA DI MIGLIAIA DI FAMIGLIE!),CONTINUI SUPPRUSI E PROBLEMI!SONO 10 ANNI CHE NON VIVIAMO!E CHIEDIAMO GIUSTIZIA!E' CONTRO NATURA,CONTRO L'AMBIENTE,CONTRO IL NORMAL VIVERE CIVILE COSTRUIRE UN ECOMOSTRO DEL GENERE ALL'INTERNO DEL CENTRO URBANO DELLA CITTà ETERNA!RIPETO:UN MURO DI BERLINO,ALTO 12,50 METRI E LUNGO OLTRE 12 KM E LARGO QUANTO(E FORSE PIù) UN AUTOSTRADA A 3 CORSIE(A DOPPIO SENSO,PERCIO' 6 CORSIE) NEL CUORE DEL CENTRO URBANO DI ROMA!QUESTO ECOMOSTRO PENETRA DA EST A OVEST(PERCIò DALLA PERIFERIA VERSO STAZIONE TERMINI)DIVIDENDO COMPLETAEMENTE A METà INTERI QUARTIERI E BORGATE!ECCO PERCHè,PORTATI ALLA ESASPERAZIONE,MOLTI CITTADINI DI ROMA SI SONO DATI FUOCO! BASTAAA!

Daniele Bonifazi 04.12.05 23:00| 
 |
Rispondi al commento

Solo RaiNews24 (l'unica rete Rai Libera!!!!) Aveva parlato a suo tempo delle proteste a Roma contro la Tav (proteste iniziate nel 1996!!).
E sono stati gli unici a menzionare almeno 2 casi di persone che si sono date fuoco.

http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=53091

Daniele Bonifazi 04.12.05 22:58| 
 |
Rispondi al commento

Carissmo Beppe,
è veramente incredibile tutto quello che sta succedendo relativamente al problema TAV / Val di Susa.
Le "informazione istituzionali", e quindi non libere, cercano di fare passare come irresponsabile ed egoista l'atteggiamento dei cittadini della valle (e non solo, visto che noi che stiamo un po più in basso li sosteniamo senza dubbio alcuno).
Perchè i politici prima di blaterare puttanate gratuite non si informano davvero sul tema in questione e su quello che è davvero BENE fare per i cittadini? Perchè prima di affermare che questo affare del secolo "s'ha da fare a tutti i costi" non portano le loro gambette oltre quota 3.500m in cima al Rocciamelone e quardano verso il basso le vallate della grande montagna. Di sicuro in quel maestoso silenzio potrebbero vedere e capire come vari stravolgimenti climatici e territoriali ci stiano facendo o abbiano fatto perdere i nostri ghiacciai (che forse sono un po importanti perchè da essi si genera l'acqua)/ parte del territorio ecc.. La lotta di Scanzano in Basilicata ha insegnato a tutti che quando la gente s'incazza davvero e non molla di fronte ai diktat di palazzo, protestando civilmente e documentando che il bene della collettività è altro rispetto a ciò che ci viene imposto e non proposto, VINCERE SI PUO' ANZI SI DEVE.
Aiutiamoci tutti a fermare le farneticazioni dei pazzi che stanno distruggendo il nostro mondo!

Ubaldo S. 04.12.05 22:49| 
 |
Rispondi al commento

Carissmo Beppe,
è veramente incredibile tutto quello che sta succedendo relativamente al problema TAV / Val di Susa.
Le "informazione istituzionali", e quindi non libere, cercano di fare passare come irresponsabile ed egoista l'atteggiamento dei cittadini della valle (e non solo, visto che noi che stiamo un po più in basso li sosteniamo senza dubbio alcuno).
Perchè i politici prima di blaterare puttanate gratuite non si informano davvero sul tema in questione e su quello che è davvero BENE fare per i cittadini? Perchè prima di affermare che questo affare del secolo "s'ha da fare a tutti i costi" non portano le loro gambette oltre quota 3.500m in cima al Rocciamelone e quardano verso il basso le vallate della grande montagna. Di sicuro in quel maestoso silenzio potrebbero vedere e capire come vari stravolgimenti climatici e territoriali ci stiano facendo o abbiano fatto perdere i nostri ghiacciai (che forse sono un po importanti perchè da essi si genera l'acqua)/ parte del territorio ecc.. La lotta di Scanzano in Basilicata ha insegnato a tutti che quando la gente s'incazza davvero e non molla di fronte ai diktat di palazzo, protestando civilmente e documentando che il bene della collettività è altro rispetto a ciò che ci viene imposto e non proposto, VINCERE SI PUO' ANZI SI DEVE.
Aiutiamoci tutti a fermare le farneticazioni dei pazzi che stanno distruggendo il nostro mondo!

Ubaldo S. 04.12.05 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Più di 1700 post e vacca eva se c’è stato un SI-TAV che ha chiesto informazioni.
Tutti sanno tutto. Però, che nazione di sapienti.
Già noi, che abitiamo qui, all’ombra del viadotto dell’autostrada del Frejus, in questa valle di lacrime, e che siamo coinvolti direttamente, ci abbiamo messo anni per capire di cosa si parlasse.
E questi, trulli trulli, mi leggono che “in Valle di Susa c’è un gruppo di sbandati nullafacenti che rallentano il progresso dell’Italia intera” si collegano e giù una stupidaggine dopo l’altra. OHHHOOO!!!! SVEGLIAAAAA!!!! non credete a tutto ciò che vi raccontano, non fidatevi neanche di noi!!! INFORMATEVI!!!!! e soprattutto verificate le informazioni, noi ci abbiamo messo dieci anni ma oramai in rete c’è tutta l’informazione che volete. Vedrete, ne salteranno fuori delle belle!!!!!

Andrea Marina 04.12.05 22:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Innanzitutto e' semplicemente scandaloso che un presidente della repubblica dica che, sì ama la montagna, ma non possiamo rimanere isolati dal resto dell'Europa. Mi verrebbe da dire, beh! facciamo passare la TAV a Livorno e vediamo come reagisce. Comunque trapanare per 54 km una montagna vale la pena? Pensiamo che già esiste una linea che da Torino va in Francia, forse non è ad alta velocità ma questo non vuol dire essere isolati. Inoltre pensiamo bene a come sono ridotti i nostri cari vecchi treni che alla prima mezza alluvione o gli crolla un ponte sotto o deragliano. V'immaginate inoltre che cosa succederebbe se un treno che sfreccia a chissà quanti km/h deraglia al km 27 dentro alla galleria? Un'altra tragedia stile Monte Bianco? No, grazie. Sarebbe opportuno prima far funzionare bene le ferrovie di oggi magari facendo viaggiare in orario i treni, offrendo un servizio decente e soprattutto facendo la dovuta manutenzione cosa che ormai è deficitaria da quando le FS sono state mezze privatizzate e poi pensiamo ad un livello successivo. Ma poi c'è qualcuno che sa dire quanto si risparmierebbe in termini di tempo con la TAV? Si parlò di TAV tra Genova e Milano anni fa e si scoprì che alla fin fine faceva risparmiare la bellezza di 15 minuti!!!! il tutto traforando mezza Liguria.
Il progresso va bene ma non ad ogni costo.

Mauro Larosa 04.12.05 22:09| 
 |
Rispondi al commento

ma ci rendiamo conto di come vengono isolati gli abitanti della valle se arriva qualcuno come ME che vorrei andare a dare man forte alla loro protesta dicono che ci sono elementi eversivi,sono dei provocatori. e poi non ho capito ci sono 40 comuni che si oppongono cosè sono rincoglioniti? ma voi avete idea di com'è la tangenziale di Mestre solo perchè nessuno protesta? ABITANTI DELLA VAL DI SUSA SE GLIELA FATE FARE CE L'AVRETE NEL CULO COME CE L'ABBIAMO NEL CULO NOI!!!!!!!!!!!!!!!

paolo bacchin 04.12.05 19:22| 
 |
Rispondi al commento

sono esterefatto!possibile che questi abitanti della valle non si lascino abbindolare!possibile che non lascino che si butti via una enormità di soldi e si distrugga in maniera definitiva una vallata per far guadagnare 20 minuti o mezzora a tutti questi schiavi che devono andare a lavorare e non hanno neanche il tempo per guardare dal finestrino e poi ragazzi vogliamo creare una nuova infrastruttura per qualche paperon de paperoni che quando sarà finita la farà sua come autostrade e telecom. in fin dei conti dopo il saccheggio del cognato del presidente della Camera (leggi caltagirone cognato di casini) con la cartolarizzazione non è che resta poi tanto.

paolo bacchin 04.12.05 19:13| 
 |
Rispondi al commento

TAV, tangenti e mafia. Leggetevi questo:
www.societacivile.it/primopiano/articoli_pp/tav.html

Marco Ferri 04.12.05 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ho letto tutti i post scritti dagli altri utenti (sono davvero tanti!) quindi non sono sicuro di dire qualcosa di nuovo, ma lo spero...
In televisione, ultimamente, alcune delle affermazioni pro-tav più gettonate sono: "Il corriodio 5 è un progetto di portata europea, non possiamo rimanere tagliati fuori!" oppure: "Fare il tav è una decisione della comunità, non possiamo opporci!".
Entrambe le affermazioni sono FALSE:
1- Il corriodio 5 è un progetto di collegamento ad altà velocità che deve collegare tutta l'Europa. Da nessuna parte viene detto che si debbano costruire nuove infrastutture dove già esistono (COME IN VAL DI SUSA!!!) ma al massimo si parla di infrastutture ad alta velocità. Volete sapere la cosa più divertente? Il treno attualmente passante per la Val di Susa viaggia ai 180 km/h, il tav andrà ai 120!!!. L'unico intervento saggio è potenziare la linea attuale se non si vuole creare un corridoio 5 che abbia un collo di bottiglia in italia!
2- La Comunità Europea non solo non ci ha ordinato di fare il tav, ma non ha nemmeno deciso se la finanzierà! Se qualcuno pensa già di rispondermi "l' ha deciso 20 anni fa con la proposta del corridoio 5!" rilegga il punto 1.
Un' altra menzogna che viene detta è che in Francia i lavori siano già partiti e siano già a buon punto. In Francia il Ministero dei Trasporti ha dato il via libera al progetto, ma il Ministero dell' Economia ha già detto che lo Stato non finanzierà l'opera, quindi questa non solo non è a buon punto, MA NON E' NEMMENO PARTITA!

Giovanni Fausto 04.12.05 18:51| 
 |
Rispondi al commento

"Stiamo vivendo la più grande estinzione di massa dopo quella che segnò la fine dei dinosauri. Quasi il 50% delle specie viventi negli ultimi 40 anni si è estinta. Con il rapido sviluppo di Cina ed India il cambiamento climatico ha superato ogni peggiore prospettiva. Già ora si stanno verificando i fenomeni che si pensava dovessero cominciare verso il 2015. (vedi Katrina, vedi prosciugamento Rio Amazzoni, vedi scioglimento dei ghiacci antartici). Le scorte alimentari sono ai minimi storici e le arie coltivabili diminuiscono giorno dopo giorno."

Scusi sig. Pietra, dove ha preso questi dati?

Non vorrei che Lei citasse dati ripresi spesso da molti ambientalisti e che sono molto opinabili. Le faccio un esempio molto semplice... Come diavolo e' possibile pensare di prevedere cosa succedera' al clima non dico tra 50 anni, diciamo solo tra 10 anni quando non siamo capaci di fare delle previsioni del tempo accettabili se non per 2-3 giorni? Nel mondo scientifico (quello serio e non quello citato spesso a sproposito dai media per fare spettacolo) stanno ancora discutendo di questi argomenti: non si sa ancora dire cosa sia "naturale" tra i cambiamenti climatici e cosa "provocato" dall'uomo. Lei sa che sulle Dolomiti ci sono fossili di esseri viventi che sono tipici dei climi sub tropicali? Questo fa pensare che, magari, i cambiamenti climatici "normali" nel nostro pianeta possono essere alquanto ben maggiori di quello che immaginiamo.

Se, poi. vogliamo discutere sui pericoli che POTREMMO causare noi uomini, allora questo e' un altro discorso... ma, per favore, non citiamo dati per "sentito dire", anche quando questi arrivano da ambientalisti che possono sembrare fonti attendibili... Spesso anche loro citano in buona fede risultati di pessime ricerche scientifiche!

Marco Musico' 04.12.05 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un APPELLO a TUTTI QUELLI che COMBATTONO L'IGNORANZA ED IL LUOGO COMUNE

Mi rendo conto che continuare a postare degli interventi che ripetono continuamente le stesse cose, ricevendo in cambio insulti o proposte esotiche tipo fare un buco per terra per scaldare la casa, non sia il massimo della vita.

Anche io mi stanco e ogni tanto vorrei poter rimandare tutti costoro in prima media a vedere di imparare qualcosa, mi rendo conto che però non è colpa loro; essi sono solo il frutto di un sistema che ha fatto dell'ignoranza e del relativismo a tutti i costi la propria bandiera.
Insomma affermare che gli asini volano è una idiozia, non è un atto di libertà democratica!

A TUTTI QUELLI CHE PORTANO UN MINIMO DI RAZIONALITA' IN QUESTO BLOG CHIEDO DI CONTINUARE E NON FARSI ABBATTERE DAGLI INSULTI

(chi insulta non ha altro di meglio da dire evidentemente!)

A tutti coloro che invece si fanno abbindolare dai falsi problemi (del tipo fare o meno la TAV in Val di Susa? falso problema poichè è del tutto asodato che la linea si farà) ; ricordo che i problemi e le sfide del nuovo millenio sono ben altri del tipo:
- software libero o no?
- indipendenza tecnoogica (leggi nucleare) dell'Europa o no?
- brevettabilità degli ibridi genetici o no?

questi sono i temi su cui riflettere, non se sia giusto o meno fare un binario e una galleria!

saluti a tutti

giovanni davoli 04.12.05 15:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Totale vergogna, non ci sono altre parole...
Stiamo con la gente della Val di Susa, sosteniamoli, cerchiamo di fare boicottaggio attivo sul sito di Legambiente e sul sito www.notav.it
Grazie gente della Val di Susa, non siete soli!!

Silvia


Val di Susa: no allo stupro di Stato
Il profondo rispetto che sento e cerco di avere verso la donna - che da secoli subisce violenza - mi ha fatto esitare a lungo prima di usare un'espressione simile, ma alla fine credo sia quella che meglio sintetizza quanto sta accadendo/accadrà - alla Val di Susa: uno stupro di Stato. A Venaus le cosiddette forze dell'ordine - le stesse presenti a Genova 2001? - hanno occupato militarmente il sito pronte a far rispettare la "legalità". Quella degli imprenditori che lucreranno miliardi su questo ennesimo scempio e di quelli (ma spesso sono gli stessi) che, incuranti delle migliaia di famiglie lasciate sul lastrico, inseguono costi di manodopera più bassi ovunque possibile e potranno far viaggiare ad alta velocità le loro merci a basso costo, che ci venderanno poi a caro prezzo. La volontà degli abitanti non conta....
Intanto i pendolari continueranno a viaggiare in vetture poco migliori dei carri bestiame, la manutenzione delle linee ferroviarie sarà ancor più ridotta - ma tranquilli, quando ci sarà la prossima sciagura le Autorità ci rassicureranno che non succederà più e i mass media si accoderanno - e i lavoratori delle ferrovie saranno sempre più spremuti....

alfredo simone 04.12.05 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Scusa dove hai preso i seguenti dati?
1) "Quasi il 50% delle specie viventi negli ultimi 40 anni si è estinta"
2) "Ogni centesimo che non verrà investito intelligentemente ...ci costerà qualcosa come 100.000 euro"
3) "Il tunnel della Val di Susa nel 2020 ci sarà costato una cifra pari al PIL di tutta l'europa."
4) "con gli stessi soldi della tav si potrebbero regalare 4 pannelli solari ad ogni italiano, equivalenti ad una rendita procapite di circa 400 euro all'anno"
5) "si potrebbe dotare centinaia di migliaia di abitazioni delle pompe geotermiche di calore, un sistema di riscaldamento che sfrutta il calore del suolo che a 20 metri è sempre di 15-17 gradi."

Suppongo che, specie per i punti 4 e 5, ti sei fatto un paio di conticini per vedere quanti pannelli (di che tipo poi?) o quante pompe di calore geotermiche ci scappavano. Posso vederli? Se sono tecniche vantaggiose vorrei dotarmene.

Alessandro De Sanctis 04.12.05 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Regola n. 1 contro la Tav: COMPRATE IL PIU' POSSIBILE PRODOTTI LOCALI, evitando come la peste quelli di importazione.

Questa è una regola semplice per combattere lo spreco di denaro per un carrozzone (ferroviario) che serve solo a mantenere il posto di lavoro a politici strapagati a prescindere.

Ed è anche uno schiaffo al nostro dipendente Lunardi sig. Pietro.

Una bella soddisfazione.

Due piccioni con una fava.

Erre Di 04.12.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento


FERMATE IL MONDO!!!!

Stiamo vivendo la più grande estinzione di massa dopo quella che segnò la fine dei dinosauri. Quasi il 50% delle specie viventi negli ultimi 40 anni si è estinta. Con il rapido sviluppo di Cina ed India il cambiamento climatico ha superato ogni peggiore prospettiva. Già ora si stanno verificando i fenomeni che si pensava dovessero cominciare verso il 2015. (vedi Katrina, vedi prosciugamento Rio Amazzoni, vedi scioglimento dei ghiacci antartici). Le scorte alimentari sono ai minimi storici e le arie coltivabili diminuiscono giorno dopo giorno. Nel frattempo la popolazione continua a crescere di circa 100 milioni all'anno,

Ogni centesimo che non verrà investito intelligentemente (energia rinnovabile, risanamento del territorio, politiche di sviluppo sostenibile, istruzione, sanità, prevenzione catastrofi, riciclaggio materie prime) e che al contrario venisse speso in progetti simili a quelli che hanno innescato l'estinzione di massa ci costerà qualcosa come 100.000 euro.

Avete letto bene, ogni ulteriore cent speso in progetti inutili, faraonici e distruttivi costerà circa 100.000 euro in danni ambientali, umani, guerre per l'accaparramento di materie prime.

Allora io mi chiedo, ma possibile che sia l'unico che stia facendo questo calcolo?


Il tunnel della Val di Susa nel 2020 ci sarà costato una cifra pari al PIL di tutta l'europa.

Provate a immaginare: con gli stessi soldi della tav si potrebbero regalare 4 pannelli solari ad ogni italiano, equivalenti ad una rendita procapite di circa 400euro all'anno.

Oppure pensate un po': si potrebbe dotare centinaia di migliaia di abitazioni delle pompe geotermiche di calore, un sistema di riscaldamento che sfrutta il calore del suolo che a 20 metri è sempre di 15-17 gradi. Attraverso degli scambiatori di calore si potrebbe scaldare le case d'inverno e rinfrescarle d'estate.

Hitler ed i suoi seguaci all'interno del loro bunker a berlino, anche pochi minuti prima di suicidarsi pensavano che la vitt

Giovanni Pietra 04.12.05 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Da parte francese i lavori sono appaltati alla Rocksoil del Ministro Lunardi, anzi di sua moglie (!), qui in Italia deve bucare la cooperativa rossa CMC.

marco piccolo 04.12.05 11:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Cesare Maletti, tu che fai tanto il saputello, prova a rispondere punto per punto ai contenuti di questo link: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=793

Il fatto è che c'è un regime mediatico che ci vuole ignoranti e docili ai suoi voleri e fa passare per ignoranti tutti quelli che propongono un'alternativa (sono tanto più ignoranti quanto più valida e scomoda -per loro, poteri forti- è la verità che presentano)

I media prongono il parere di ESPERTI contro quello degli ZOTICI MONTANARI (che hanno bisogno di ESSERE INFORMATI!!)... beh, gli zotici montanari è 12 anni che si oppongono a questo progetto e dalla loro ci sono gli studi di geologi, ingenieri del Politecnico e fior di studiosi che hanno però il grave difetto di non essere asserviti al potere centrale.

Quanti pensano di essere informati sui fatti perchè hanno appreso un pò di informazione dai quotidiani farebbero bene a riflettere e a tenere conto della contro-informazione (ho proposto alcuni link più sotto)

Il blog sulla home page di Grillo sull'Osservatorio Giovani Editori è emblematico dell'ambiente in cui siamo immersi.

saluti

Marco Rinaldi Commentatore in marcia al V2day 04.12.05 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Concordo che sull'impatto ambientale si sarebbe dovuto studiare una valida soluzione. Mi chiedo gli altri stati della UE come abbiano risolto il problema.
Però la TAV sarà la nuova dorsale dell'Europa Unita, sui cui binari passerà tutta l'economia dei prossimi decenni!!
Pensiamoci bene prima di tirarci indietro perchè non ci aspetteranno in eterno e tra un anno la faranno passare oltralpe tagliandoci completamente fuori. E allora da bravi italiani ci lamenteremo che l'economia fa schifo, che tutto costa e che non troviamo lavoro.
Io sono totalmente x l'ambiente ma cetre cose mi fanno pensare....
Bacioni e abbraccioni :-)

Fabio Cozzolino 04.12.05 10:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro BEPPE vorrei chiedere e se possibile far sapere chi è la ditta che fara il TRAFORO, le gallerie, non vorrei che ci fossero parenti GOVERNATIVI che non solo fanno questo di mestiere ma inducono a fare i cosideti BUCHI DI GOVERNATORATO.
chiunque ne sappia qualcosa ce lo faccia sapere.
CIAO

michele la placa 04.12.05 07:02| 
 |
Rispondi al commento

Cara Giovanna,
conosco bene la questione dell'interconnessione con il polo logistico di Orbassano.
La strategicità dell'opera non riguarda soltanto il fatto che sui treni "ci trasporteremo le merci", ma anche e soprattutto che l'Italia potrà sfruttare il mercato della logistica (che i tedeschi si stanno accaparrando con il Gottardo) servendo i suoi porti sul Mediterraneo (da Genova a Trieste).
Ma, come sai, per ora c'è soltanto l'ok al progetto preliminare. Soltanto fra diversi mesi avremo il progetto definitivo (che va sottoposto a VIA). Aggiungo che mi sembrano pretestuose alcune oservazioni (non tue) che ho letto sconsolato in questi giorni.
1)"se si tiene al treno, perché ci sono gli sgravi fiscali ai tir?" Perché PER I PROSSIMI 15 ANNI ALMENO IN TRENO AD ALTA CAPACITA' NON CI SARA'. L'affermazione di Pecoraro Scanio mi fa dubitare dell'intelligenza umana.
2)"Perché non ammodernare la linea esistente, che sarebbe sufficiente fino al 2020?" MA PROPRIO PERCHE' L'ALTA CAPACITA' SERVIRA' DAL 2020 in poi.

3) Mi lascia poi attonito la richiesta di "una commissione indipendente".
Come se ci fossero due contendenti che hanno bisogno di un arbitro. L'Ente "indipendente" c'è già: è l'Arpa (Agenzia Regionale di Protezione Ambientale). Non si possono delegittimare le Istituzioni della Repubblica, se no ci comportiamo come Previti. O no?


La vicenda conferma infine la mia diffidenza verso il movimento ambientalista italiano, che infatti E' ISOLATO SU QUESTO TEMA A LIVELLO EUROPEO.
Ripeto che comprendo le ragioni della protesta, ma NON CAPISCO la copertura politica che viene data alla protesta medesima.
Ne riparleremo.
Cesare

cesare maletti 04.12.05 02:27| 
 |
Rispondi al commento

ramassotto, non ne dica più: la cultura, nel 2005, non viaggia in treno. Viaggia sulle linee digitali, altrimenti per farci comunicarci di persona le sue amenità spenderebbe una fortuna in biglietti ferroviari.

E all'Olimpico a fare cultura per guardare 22 miliardari in mutande che prendono a calci una palla e il suo portafogli, ci vada in bici, che il treno inquina (consuma elettricità: ha presente come viene prodotta l'elettricità?).

E poi abbia pazienza: un romano che vota un brianzolo pluriprocessato, andiamo, suvvia...

Andrea Mario 04.12.05 01:43| 
 |
Rispondi al commento

Ramassotto, riprova domani a intervenire per 3 (tre) ore incastrando il paziente Tomatis a risponderti (dopo aver fatto la nottata su alla valle)... dai rifallo ti aspettiamo contenti

Paola Bassi 04.12.05 01:19| 
 |
Rispondi al commento

Basta e avanza per protestare ,il volere della gente deve essere sacrosanto,legge assoluta. In uno stato dove oramai l'inlegalità la fà da padrona, il potere deve tornare ad essere del cittadino.
La nostra terra è nostra perchè l'abbiamo conquistata tanti anni fà, e nonostante questo, la paghiamo ancora tutti i giorni, per dare il pane ai nostri dipendenti,che ce la vogliono levare. Che schifo!!!!!!!!!!!

paolo mecarelli 03.12.05 23:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PENSANDO alle conclusioni... di john Lennon MORTO L'8 12 1980


"LA SOCIETA' INTEREA E' GESTITA DA MALATI DI MENTE CHE PERSEGUONO OBIETTIVI DEMENTI"


OH JONH SEI SEMPRE GRANDE, MAH DOPO ANNI QUI LA SITUAZIONE SU QUESTO PIANETA SEMBRA IDENTICA
DA LASSU' AIUTACI
io non MOLLO e continuo ad IMMAGINARE!!!

3B GRAZY

grazy placidi 03.12.05 23:43| 
 |
Rispondi al commento

L'altra sera è stata trasmessa la prima puntata della trasmissione di Bonolis su canale 5, dal titolo "il senso della vita".

Durante la trasmissione è stata presentata una rubrica che si rifà all'iniziativa del settimanale Cuore (settimanale di resistenza umana) chiuso nel '93, dove si chiedeva ai lettori di inviare un motivo per il quale vale la pena vivere. L'iniziativa viene riproposta inviando, dal sito della trasmissione (www.ilsensodellavita.com) la propria
preferenza, e ogni settimana verrà pubblicata la
classifica dei 10 motivi piu' votati.

Da qui è nata l'dea di coinvolgere più persone
possibili per proporre la nostra motivazione :
"BERLUSCONI IN GALERA"
Sarà molto divertente riuscire a vedere in
trasmissione (canale 5 - mediaset) al primo posto la nostra scelta.

Votate gente ...votate ! ! !

www.ilsensodellavita.com

cESARE pIRI 03.12.05 22:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MI SPIEGO MEGLIO :PER SCREDITARE LA CONTROPARTE , CI VUOLE POCO A FAR SALTARE IN ARIA DUE TRALICCI QUALCHE BIDONE DELL'IMMONDIZIA E DARE LA COLPA AD ALTRI .E QUESTA E' LA MIGLIORE DELLE IPOTESI .
SIAMO IL PAESE DI PIAZZA FONTANA , PIAZZA DELLA LOGGIA , STAZIONE DI BOLOGNA ,ITALICUS.
CON TUTTO QUESTO DENARO IN GIOCO , NON C'E PIU RELIGIONE .

raspino pierluigi 03.12.05 22:12| 
 |
Rispondi al commento

PER Michele La Forgia:

1)Hia detto bene, vivi a 500(cinquecento) metri dalla TAV!!!!!! Ci sono condomini a 3(tre) metri!!!
La cosa è moooolto diversa.

2)ABUSIVE?? Mi sento offeso...
Qui ci sono interi edifici (4 o 5 piani) costruiti normalmente e con tutte le carte in regola negli 60 e 70, più ville bi e trifamigliari con progetto e tutto!!!
Ma ti rendi conto delle accuse che fai verso migliaia di cittadini?

3)Per quanto lo smaltimento dei rifiuti, forse, ti rivolgi all'ex depuratore di Casale Caletto(anche se è una zona non vicina alla TAV) ma ti sbagli di grosso: da anni a questa parte è stato trasformato in un centro culturale polivalente!!!!!
-_-

Daniele Bonifazi 03.12.05 21:49| 
 |
Rispondi al commento

PER Fabio Raqmassotto:

Il problema non è i 100 km/h o i 300 km/h.
I problemi son ben altri(come da post) e come potete tranquillamente vedere dai 2 documentari.
Le immagini parlano chiare e da sole!

Daniele Bonifazi 03.12.05 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Cercherò di replicare nella maniera più civile possibile.

Prima di tutto, qui non si tratta della piccola valle che improvvisamente si accorge che esiste il resto del mondo: casomai, il contrario. È da quindici anni che noi valsusini solleviamo dubbi a proposito del TAV, che siano leciti o meno. Se l'informazione mediamente preferisce dare la parola solamente a coloro che dicono quanto il TAV sia utile, questo è un altro discorso. Ti assicuro che se parli così sei decisamente male informato. Ma non è certamente colpa tua.

Io non sono un ambientalista. Io sono nuclearista (sul mio sito c'è il testo di un lavoro mio a favore del nucleare, leggilo). Io sono favorevole ad una grande opera, se questa è veramente utile, e persino se cambia le abitudini dei valligiani, me compreso. Io *non* sono favorevole invece ad una grande opera quando minaccia la *salute* delle persone - di coloro coinvolti nella realizzazione, e soprattutto di coloro che nella valle ci vivono.

In cuor mio credo che un treno possa togliere merci dalle strade: e questo è bene. Ma allora come mai il nostro paese sta finanziando contemporaneamente il raddoppio del tunnel del Frejus e un Treno ad Alta Velocità?

E comunque, indipendentemente da questo (possiamo credere che il traffico in futuro sarà tale da richiedere entrambe le opere), la mia vera ed unica ragione per cui sono contrario al TAV in Valle di Susa riguarda la salute.

Sicuramente non sai che si vuole realizzare il tunnel proprio sotto la cava dalla quale si estraeva l'amianto più fibroso di tutta Europa (dunque, una delle più produttive ed una delle più pericolose).

E poi non sai che il miglioramento della linea attuale risolverebbe il problema del traffico senza gettare ulteriore amianto (e uranio) nell'aria? Forse, però, a qualcuno conviene diversamente...

Prima di proferir parola, dunque, dimmi due cose:

* Quali vantaggi porta il TAV a *te* in prima persona?

* Perché non vieni anche tu a respirare un po' di amianto insieme a noi?

Dario Berzano 03.12.05 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Cesare

forse non lo sai ma il TAV non passerà da Torino.

L'interconnessione di Corso Marche, che dovrebbe collegare il TAV a TOrino e allo snodo di Orbassano, e che Provincia di TOrino e Regione Piemonte consideravano, sino a 1 anno fa, imprenscindibile per la realizzazione dell'intera opera, non si farà.
Non è stata mai progettata.

Adesso, invece, Regione e Provincia dicono che il TAV è strategico per Torino. Ma come, senza il collegamento a Torino avrebbe perso tutta la sua importanza?

Se non ci credi, leggi al sito:
http://www.regione.piemonte.it/trasporti/rete/index.htm, alla D.G.R. 26-12997 del 12.07.2004.

La Provincia di Torino "Rileva l’intenzione di RFI di non procedere alla progettazione e alla realizzazione dell’interconnessione di Corso Marche, ipotesi che deve essere assolutamente scongiurata poiché metterebbe in discussione l’utilità dell’intera opera e non renderebbe possibile l’intensificazione e il cadenzamento del servizio di Metropolitana Ferroviaria sulla linea storica, giudicata la più alta compensazione trasportistica per il territorio"

ciao

Giovanna Malagnino 03.12.05 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono un convinto"no global"ed ecologista.Dunque,a FAVORE di questa linea ferroviaria.Vivo a Torino e conosco la Valle di Susa.La valle non è un paradiso.E'stata devastata nel corso degli anni proprio dai valligiani che adesso protestano.Abusivismo edilizio, attività illecite più o meno note(il mercato delle armi,in primis. Bardonecchia commissariata per mafia)l'autostrada che li ha visti accettare uno scempio ambientale di proporzioni bibliche in cambio di appalti,di costruzione e di manutenzione (l'autostrada dalla sua apertura non ha vissuto neanche un giorno senza cantieri.)Ma soprattutto vi è un'aria irrespirabile, che neanche in tangenziale a Milano.Migliaia di Tir al giorno tra la SS24,la SS25 e l'autostrada appestano l'aria in modo insopportabile ed inevitabile. Non ha senso questa polemica(che appare strumentale in mano a persone che hanno rispetto per il proprio territorio quanto un maiale per la sua stalla). Il nuovo treno,toglierà i Tir dalle strade. Ed è questa la sua principale motivazione. Non certo il risparmio di tempo per i passeggeri.Inoltre, occorre sapere che il progetto attualmente contestato è proprio quello voluto dai valligiani con dieci anni di richieste di modifica dei precedenti tracciati proposti!! Chiunque sano di mente è in grado di capire che sarebbe impossibile raddoppiare l'attuale linea, se non altro perchè sarebbe necessario abbattere un mucchio di case. Nello stesso corridoio, l'ennesima infrastruttura, quindi.Infine, l'altra cosa poco pubblicizzata è il fatto che la Regione per coinvolgere nelle decisioni i valligiani ha forzato una legge dello stato. E'infatti noto che la Legge Obbiettivo non prevede consultazioni pubbliche. Vale la dichiarazione di pubblica utilità.I valsusini hanno un potere e lo esercitano. Leggittimo forse in un paese come questo.Un occasione per presentare il conto.Ma niente balle please.Amianto compreso.L'interesse dei Valsusini è quello di mantenere lo status quo.E a culo alla Valle!! Riflettere please...

luciano de simone 03.12.05 21:22| 
 |
Rispondi al commento

€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€


T.A.V = TRENO AMMAZZA VALLIGIANI


€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€

Emilio Furri 03.12.05 19:57| 
 |
Rispondi al commento

sul fatto che Lunardi abbia i lavori quello mi fa girare tanto ma tanto ma tanto i cojoni anche a me. Ma quel treno serve a troppa gente....

speriamo solo che Lunardi fra cinque anni vada in galera per irregolarita' negli appalti (e' una remota probabilita' pero, molto remota! mooooolto!)

Theo De Santis 03.12.05 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Davvero... ma Beppe Grillo che fai, qui costruiscono un treno, si avvicinano intere citta', culture, persone, lavori e opportunita' e tu sei contro? perche'?

Spiegacelo perche' sono sempre con te ma questa non l'ho capita. Come diceva prima il mio collega io trovo il comportamento della valle una reazione giusta, il cambiamento nei paesi isolati spaventa sempre. Ma che facciamo fermiamo il mondo di milioni di persone per un piccolo ADATTAMENTO di pochissime migliaia? e lo sviluppo della mia citta' Trieste che ne avra' giovamento?

Non e' possibile che stia veramente accadendo....

Theo De Santis 03.12.05 18:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

seguo con interesse ciò che sta succedendo in val di susa, ovviamente io sono d'accordo con gli abitanti del luogo. NO TAV!!! quello che più mi preoccupa in questo momento è il signor
" pisanu ". mi spiego, mi sembra che il suddetto
personaggio ieri se ne sia uscito con un discorso alquanto subdolo tirando fuori infiltrazioni terroristiche. non voglio dilungarmi ma mi sembra che si voglia alimentare
una tensione diciamo esgerata per avere poi il pretesto di attaccare i presidi, spererei di sbagliarmi.... ma i fatti di GENOVA li ho ancora ben presenti...la strada mi sembra quella. MA NIENTE PAURA, POI IL GOVERNO CAMBIERA' ministro COME HA FATTO CON IL signor " scajola ".
stamattina poi, ho sentito il solito omucolo saputone dire: . bene se veramente fosse cosi
proporrei con l'aiuto di GRILLO di fare una colletta x il noleggio di alcuni camion (non importa se la ditta è del sig. lunardi),e portare il materiale inerte nella villa di arcore,o nella villa in sardegna, sempre dello stesso proprietario, quello che rimane dell'inerte materiale dividerlo equamente x giardini e terreni di tutti coloro che vogliono la tav, se non bastasse potremmo mandargli i rifiuti tossici che si trovano nelle discariche del sud della nosta bellissima ITALIA.
CIAO A TUTTI GLI UOMINI DI BUONA VOLONTA'
W le valli del piemonte. giancarlo verona

giancarlo girelli Commentatore in marcia al V2day 03.12.05 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Maurizio Tomatis al solito scrivi per disturbare il prossimo: "credi che se la tav fosse veramente utile un'intera valle sarebbe scesa in piazza a protestare?".
Certo! non ci sara' una fermata nella valle quindi a loro che gli frega,
e molto traffico che prima passava anche di li' sara' smaltito dalla linea! Niente piu' viandanti per le locande locali!

Tomatis non e' che scrivi dalla valle e sei di parte? mi sa tanto.... - Hai una sola fortuna, che i Torinesi non arrivio nella "vallina" per pistarvi di botte perche' sono gente notoriamente civile!


Forza Roma. Io me ne vado, e grazie a tutti per le sane litigate!! Alla prox!

Fabio Ramassotto 03.12.05 18:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cesare Maletti di Torino, grazie di essere intervenuto.
Sto qui a lottare di penna con dei fondamentalisti dall'ora di pranzo.
Fosse per loro veramente a quest'ora stavamo ancora a fine 800.
Effettivamente i valsusini si sono comportati da piccoli camorristi che per gli interessi di quattro locali stuprano il miglioramento di vita di tutto il paese. Di Torino, Milano, Lione, Trieste e dove cazzo arriva sta linea!


A tutti i medioevali:
Un treno trasporta merci ma anche persone, idee, scambi culturali e lavoro. Porta civilta' il treno, avvicina la gente. Come si fa a fermare questo? Ma siete dell bestie se vi opponete.

A BEPPE GRILLO MA COME PRIMA CI FAI I SERMONI SULLE AUTOMOBILI E CHE VORRESTI UN MONDO DI TRASPORTI PUBBLICI E POI MI SPOSI LA CAUSA DELLA VALLE CHE IMPROVVISAMENTE SI ACCORGE CHE C'E' ANCHE IL RESTO DEL MONDO?

fABIO rAMASSOTTO 03.12.05 18:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A meno di 500m da casa mia passano:2 autostrade con relativi supersvincoli,2 strade statali, una ferrovia locale e la TAV (RM-Na) che passa in un tunnel lungo 7 km sotto la mia casa, ma comunque mi trovo a 2 passi da una delle finestre di servizio usate dai caniom e operai per entrare.
Onestamente prima con la costruzione di un'autostrada e poi con la TAV per 20(VENTI)anni abbiamo avuto cantieri nelle vicinanze di casa..e onestamente a me come a tutta la comunità ciò non ci ha creato problemi anzi:parecchi hanno lavorato nel tunnel e tanti altri si sono arricchiti affittando le case agli operai. Al di la di questa introduzione, TROVO DEL TUTTO INSENSATE LE PROSTESTE MOSSE DA AMBIENTALISTI DEMAGOGI IN CERCA DI VOTI E FACINOROSI IN CERTA DI SCONTRI CON LA POLIZIA OLTRE CHE IGNORANTI.
Sono 15 anni che i governi di destra E sinistra fanno carte false per far passare il corridoio 5 in Italia piuttosto che in Germania. Si tratta di collegare i paesi atlantici con quelli orientali.. un progetto che coinvolge un bacino di milioni di persone..fermato da 50mila abitanti di una valle delle alpina. vogliamo VERAMANETE che questa opera (FINANZIATA DALLA COMUNITA' EUROPEA) passi per la germania piuttosto che nel nostro paese?Per costruire questa ferrovia dovremo pagare operai,geometri,ingegneri (oltre a tutto l'indotto) tedeschi piuttosto che nostri lavoratori.
ahh dimentico che di ricordare ai cittadini di Roma-est che vivono nelle loro case costruite ABUSIVAMENTE, che per anni hanno scaricato la loro merda in fosse nere e hanno protestato tanto vivacemente per il passaggio della TAV Rm-Na, che a poche centinaia di metri da loro in mezzo alle loro belle case abusive c'è un impianto per lo smaltimento dei rifiuti che lavora alla vecchia maniera: inquina e non produce energia elettrica. Pensavo che dovrete scendere in piazza a protestare contro l'amministrazione comunale che vuole sostituire il vecchio impianto con uno meno inquinante che almeno produce elettricità

Michele La Forgia 03.12.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento

@cesare maletti Il problema non sono i localismi o la difesa dei privilegi, il problema e la reale utilità dell'opera, credi che se la tav fosse veramente utile un'intera valle sarebbe scesa in piazza a protestare? Certamente, ci sarà fra di noi anche chi dice di no per partito preso, ci sara anche gente che protesta perchè ha paura degli espropri e della perdita di valore degli immobili causa lavori(anche se ciò mi sembra comunque legittimo visto che la Costituzione tutela la proprietà privata), ma ti posso assicurare che sono un'esigua minoranza. Quello che ci spinge è soprattutto la paura del futuro, la mancanza di qualsiasi garanzia. Gli indiani americani sono stati trattati nella stessa maniera: mi serve la tua terra. E per cosa? Per un'opera che a Torino non porterà nessun beneficio, neanche ci passa, che al nord italia non porterà nessun beneficio. Verrebbe quasi voglia di dire: "va bene, fatela poi si vedrà chi ha ragione" talmente si è stanchi di lottare.Giovedì sera ci sono stati degli attimi di tensione: ci si spingeva con gli agenti per il solito fazzoletto di prato, a un certo punto ho visto vicino a me un signore portato via a braccia, mi sono avvicinato a prestargli soccorso. mi ha detto che si è sentito male perchè era convalescente da una polmonite(c'erano -5 gradi) gli ho detto di ripararsi dentro il presidio, mi ha risposto:- non posso, li c'è mia moglie-. Una mia amica piangeva perchè aveva finito le ferie che aveva passato tutte al presidio e non sapeva se riusciva ad avere altre giornate, comunque finito il lavoro va giù tutti i giorni. ti sembra gente che difende un privilegio? Vieni a trovarci parla con noi. Ciao Mauri

maurizio tomatis 03.12.05 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Ascolta, con le delocalizzazioni a est (e ovest) a caccia di "lavoro che costa meno" i tuoi amichetti di governo stanno creando una società di precari e un Paese a bassa industrializzazione che farà presto la fine ingloriosa dell'Argentina: perché si può anche far finta di lavorare inventandosi un mestiere da lettore di elenchi telefonici (i vari 892)o da concessionario d'auto (otto spot su dieci, grazie).

Ma non si può vivere a lungo in questo modo, e non è nemmeno troppo dignitoso (sarai mica uno dei due derelitti in tuta rossa e parrucca bionda?).

Sulle offese ti faccio lo sconto di Natale anche se hai il cojone un po' troppo facile per i miei gusti, ma ti posso dire una cosa a tua consolazione (?): da qualche tempo abbiamo deciso di scansare, soprattutto nell'alimentare, tutto ciò che non viene prodotto nel circondario (diciamo intorno a 40 km dalla città, max.). Quindi niente yogurtino bavarese nè camicetta cucita in Romania nè "vero prosciutto italiano" fabbricato a Varsavia. Saremo pessimi utenti dell'Alta Capacità e non intendiamo pagare questo SPERPERO di denaro pubblico solo perché gli italiani hanno perso l'abitudine di lavorare.

Fa' il bravo e comportati bene, che a te l'Alta Velocità proprio non serve a meno che non lavori in qualche azienda della logistica.

Ok?

Andrea Mario 03.12.05 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Maurizio Tomatis:
un treno TUV non corre a 300 all'ora in citta' ma rallenta come tutti gli altri. Quindi si comporta staticamente ed in movimento come gli altri treni, non vedo devastazioni nell'ammodernare una linea per i TAV. Il problema e' che ti sei comprato una casa vicino alla ferrovia e poi ti lamenti!
Quelli che si lamentano della ferrovia sono come quelli che vanno a vivere o hanno costruito case vicino agli aeroporti e poi ne contestano il rumore, ma l'aeroporto era gia' li'! La ferrovia correva gia' li'! Tutte le citta' del mondo hanno una rete ferroviara che le penetra. Mi dispiace per te ma che veramente dobbiamo andare tutti in macchina per te? e a quelli che gli costruiscono una tangenziale sotto casa come me che sto a Pineta Sacchetti a Roma? A me crea rumore che prima non avevo ma ora raggiungo l'olimpico la doimenica in 15 minuti mentre prima ce ne mettevo 45!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Andrea Mario:
non sai rispondere e insulti pure le mamme, io ti ho solo fatto notare la disgrazia genetica che affligge il TUO cervello, non di un tuo parente.

Mi avevi deriso perche' asserivi che il trasporto navale e' piu' conveniente di quello su rotaia..... la TAV in questione serve per creare una dorsale da ovest ad est nell'europa del centro-sud, la repubblica ceca e' un esempio di come poi sara' facile per le merci in porto partire per la francia come per i paesi dell'est.
Siccome ti piacciono le tariffe navali allora facciamo una cosa, per spedire una cosa in Ungheria (o le tue fragole peruviane), usa la nave!

Forse ho esagerato ma ora tu sei passato con meno stile di me dalla parte del torto.


p.s. ma che centrava il lavoro e la benzodiazeprina (che ti prendi visto la facilita' con cui la sai scrivere!)
....ma non e' che sei un coJone?

Fabio Ramassotto 03.12.05 18:02| 
 |
Rispondi al commento

La rete di trasporti ferroviari veloci europei si è sviluppata secondo due modelli principali: quello francese dedicato unicamente al servizio passeggeri, impostato su nuove linee con velocità di circa 300 km/h, e quello tedesco, che ha portato alla creazione di una rete veloce con tratte diversificate, compatibile con traffico merci e quello passeggeri locale. Accanto ad una tratta concettualmente simile a quella TGV, sono state costruite tre nuove tratte con velocità massime di 250 km/h e soprattutto il riammodernamento di ben 1.800 km di linee esistenti sulle quali si possono raggiungere i 200 km/h senza escludere i centri intermedi. La diversa filosofia è conseguenza di una diversa realtà territoriale: da una parte quella francese, con poche grandi aree urbane, una debole densità di abitanti sul resto del territorio, ed una efficace rete di servizi metropolitani, particolarmente nell'area di Parigi, in grado di far convergere l'utenza sulle stazioni dell'alta velocità, dall'altra la realtà tedesca, con una densità demografica alta ma diffusa in città medio-grandi, sparse sul territorio. Solo la Francia e la Spagna, non senza polemiche e con il solo successo della Parigi-Lyon, hanno adottato il modello francese con velocità di 300 km/h e conseguente specializzazione della linea al solo servizio passeggeri. Tutti gli altri paesi europei si sono orientati verso linee ad esercizio promiscuo, con velocità massime di circa 200 km/h a cui vanno ad integrarsi le nuove linee tedesche NBS e la Direttissima Firenze-Roma, che consentono il raggiungimento dei 250 km/h. In questo contesto la scelta italiana di un modello di tipo francese è sconcertante: la struttura territoriale della nostra penisola è nettamente simile a quella tedesca e la scelta di un modello di alta velocità non adatto, vanifica le attese legate al progetto e costituisce un immenso sperpero di preziose risorse pubbliche. (da: www.legambientevalsusa.it/documenti/alta_velocita_quali_benefici.htm)

Andrea Mario 03.12.05 18:02| 
 |
Rispondi al commento

MAURIZIO TOMATIS sei un cojone gigantesco. Ma hai letto lo scopo della linea prima di intervenire al blog?
E' l'asse ad alta velocita' che collega la parte occidentale a quella orientale dell'europa. E' un progetto europeo, non Italiano, studiato per far crescere gli scambi fra queste due aree.

Questa linea a detta degli esperti permetterebbe al porto di Trieste di fare concorrenza a quello di Amburgo per le merci su "middle europe".

Maurizio zitto ma scrivi solo per fare figure di legno? dai... adesso rispondi

Fabio Raqmassotto

Ultima puntata: caro Fabrizio, ho saltato questa mail perche, forse a differenza di te, io non posso passare la vita al computer ma ogni tanto ho anche da lavorare per vivere, Fino ad adesso abbiamo scherzato ma comunque ti posso dire che io di figure di legno non ne faccio perchè tutto quello che dico è documentato, ho scritto almeno 20 mail in più ho visto scritti di persone informate sull'argomento molto più di me. Se te le vuoi riguardare basta che vai indietro, troverai anche diversi link dove approfondire, se no pazienza, ciao e scusa se ti ho offeso. Mauri

maurizio tomatis 03.12.05 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Maurizio,
Io abito a Torino e ti posso dire questo: nessuno di noi sarebbe contento di convivere con i lavori della tav. Ma con questo criterio le ferrovie italiane (8.000 km fra il 1860 e il 1880) non ci sarebbero affatto. Mi dà poi un vero raccapriccio questo "rifiuto dello Stato" che dilaga nelle microcomunità. I miei vicini della Valle di Susa non se ne rendono conto, ma si stanno comportando come i camorristi di Forcella: "Qui O' Stato non lo vogliamo".
Ma sono sconfortato: in Italia da Berlusconi agli antitav sono tutti concordi almeno su una cosa: il porco comodo personale e familiare viene prima di ogni altra cosa. Per questo ritengo che il movimento antitav sia culturalmente reazionario e politicamente di destra.
Un saluto.

cesare maletti 03.12.05 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo una perizia dell'oncologo Edoardo Gays (scaricabile in http://www.notav.it/allegati/DocUff/Gays_amianto.pdf) il "rischio amianto" è più che reale e le conseguenze, aggiungo, presumibilmente assai protratte nel tempo e non solo limitatamente all'area della Val di Susa (l'amianto è una fibra assai volatile). Le conclusioni sono queste: "...l'esposizione all'amianto, anche non legato all'attività lavorativa, correla con gravi patologie, tra cui il Mesotelioma, malattia tumorale maligna a progoni infausta in tempi assai brevi: dal momento della diagnosi di mesotelioma al decesso del paziente il tempo che intercorre è di 275 giorni (dato statistico sec. European Journal of Cancer, febbraio 2003), quali che siano le terapie instaurate".

Andrea Mario 03.12.05 17:39| 
 |
Rispondi al commento

a me non piace giudicare attraverso i filtri dell'ideologia ma riportando i fatti così come sono, ieri mi è capitato di dover pranzare per lavoro in un ristorantino all'uscita di campogalliano, proprio all'inizio dell'autostrada del brennero; bene, per raggiungere il ristorante bisogna inoltrarsi per qualche centinaio di metri nella campagna e lì si ha l'oppotunità di valutare la TAV che in quella zona è stata già costruita: è davvero impressionante! milioni di metri cubi di cemento ! ma com'è possibile che un'opera di quel tipo non abbia impatto sull'ambiente ! oltre ad un impatto estetico degradante...

enzo c. 03.12.05 17:27| 
 |
Rispondi al commento

PS - E prima di dare a qualcuno del "cojone" (o "coglione", all'italiana), conta fino a diecimila.

Ok?

Andrea Mario 03.12.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Senti, "raqmassotto",

punto primo: trovati un nome vero.

Punto secondo, nella repubblica ceca trasportaci tua madre (a lavorare in fabbrica) o, meglio ancora, trovati TU un lavoro VERO invece di sprecare la tua precaria esistenza, e il tuo ancor più precario equilibrio nervoso, nei blog perché, tanto, le camicie te le stira mamma e la paghetta per il ciocco di fumo te la da babbo.

Punto terzo: chiedi al tuo neurologo di aumentarti le benzodiazepine.

Hai capito bene? Sei sicuro di aver capito bene?

Andrea Mario 03.12.05 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno ha mai sentito parlare di questo?

http://associazionevittimearmielettroniche-mentali.org/

Joe Vita 03.12.05 17:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate, ma la cosa più assurda che ho letto, io che in Friuli ci abito, è che il corridoio 5 deve per forza passare per Trieste!!! Ma lo sapete che qui, da circa duemila anni, la via di comunicazione terrestre che collega il Friuli con l'eat Europa è SEMPRE stata (dai tempi dell' antica Roma) la valle del Vipacco, a Gorizia. Far passare il Corridoio 5 per Gorizia costerebbe molto ma molto meno (circa UN QUINTO) che farla passare per Trieste, dove per duemila anni nessuno (a parte quel coglione di Illy) si è mai sognato difarci passare una via di comunicazione terresre. Invece si insiste per collegare i pensionati triestini a Venezia con un' asurda opera che richiede un traforo nel Carso e che non ferma nemmeno a Trieste, ma in una stazione sull altopiano. Un' opera totalmente INUTILE per il Friuli, tagliato fuori, ed un assurdo spreco di soldi quando le alternative ci sono eccome! Senza contare che in Slovenia non ne volgiono sapere di collegare Trieste a Lubiana, dato che ovviamente gli sloveni tuteleranno Capodistria e collegeranno Capodistria a Lubiana, non certo Trieste. Quindi, se bisognerà sputtanare tutti questi soldi per la TAV a Trieste (per quali utenti poi non si sa...), ci si ritroverà comunque in un vicolo cieco non appena entrati in Slovenia.

gianni venier 03.12.05 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei fare un paio di considerazioni, non sull'argomento della TAV ma su come viene affrontato in alcuni dei post che ho letto:

"Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)"

Lo so che sembra stupido ripeterlo visto che sta scritto poco sopra l'area dove scrivere i post, ma mi pare che qualcuno non ci abbia fatto caso o dia peso a queste semplici regole.
Scusate il disturbo.

Alessandro De Sanctis 03.12.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Daniele Bonifazi, ma che stai a di'! dentro Roma il treno mica va a 300km.
se cosi' dici allora togliamo le ferrovie da Torino, Milano, Napoli, andiamo a cavallo!

Fabio Raqmassotto

Tò di nuovo quello che spara cazzate dietro a un nome che sembra un errore di battitura(ma dimmi un po', ti chiami proprio così?) probabilmente oltre che deficenze in geografia hai delle tare anche in lettura perche nella lettera di Bonifazi non si parla di treni che corrono a 300km/h nella città eterna, prova a leggerla le mail delle persone che insulti.

maurizio tomatis 03.12.05 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Daniele Bonifazi, ma che stai a di'! dentro Roma il treno mica va a 300km.
se cosi' dici allora togliamo le ferrovie da Torino, Milano, Napoli, andiamo a cavallo!