Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Un futuro da disoccupati europei


stiglitz_ride.jpg
foto: Io e Joseph Stiglitz

Il capo della Banca Europea Jean Claude Trichet ha dichiarato che la Bce “è pronta a iniziare a rimuovere parte dello stimolo fornito all’economia” e quindi ad aumentare i tassi d’interesse sin da dicembre.

Che la Banca Europea avesse stimolato l’economia se ne sono accorti in pochi, soprattutto in Italia, ma che ora si proponga di rimuovere lo stimolo all’economia mi sembra una gag bancaria.
Il suo compito non dovrebbe essere esattamente l’opposto?
Se i tassi d’interesse aumentano, aumenta il costo del denaro, la possibilità di investimento, la capacità di pagare mutui e prestiti a tasso variabile ed anche la disoccupazione.

Questo però non è il parere di Trichet che considera la manovra “preventiva” per combattere l’inflazione nel caso questa aumenti, e che anzi darà un aiuto all’occupazione.

Peccato che questo non sia mai successo.

Me l’ha chiarito ieri a pranzo Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’economia, consigliere di Clinton e autore di un libro che vi consiglio: I ruggenti anni ‘90 a cui ho cercato, inutilmente, di spiegare perché Fazio è Governatore della Banca d’Italia.

“Ad una inflazione contenuta corrisponde un tasso di disoccupazione vicino al 10%.
Perché la Banca Centrale Europea aumenta i tassi di interesse?
Non è mai stato dimostrato che questa misura abbia un impatto positivo sull’inflazione.
L’aumento del tasso di interesse farà sì che la gente compri l’euro, aumentandone il suo valore, ma l’esportazione diminuirà.
Io penso che la BCE sta tentando di contrastare l’inflazione con gli strumenti sbagliati.
L’effetto sarà l’aumento della disoccupazione”.

L’aumento del tasso serve però sicuramente a contrastare il deficit di alcuni Paesi, e l’Italia è campione nello sforamento del deficit.
E allora consiglio alla BCE di cacciare Fazio invece di aumentare i tassi di interesse.
In caso contrario, quanti disoccupati dovranno dire grazie a Fazio?

21 Nov 2005, 18:08 | Scrivi | Commenti (653) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Da quando gli uffici di collocamento sono spariti a beneficio di nuove “Società” che non si comprende a chi fanno capo, ed con l’inserimento di contratti atipici voluti da chi aveva interesse affinchè ogni cittadino se lo desiderava, DOVEVA stipulare nuovi contratti per acquisirsi una pensione (poichè con i contratti attuali nessuno più raggiungerà la contribuzione necessaria), ritengo che i disoccupati e precari sono molto di più e vengono tenuti nascosti dai media.
Propongo di contarci realmente e richiedere la verifica di tutti i beni di quei Politici (e loro familiari fino alla loro terza generazione), che negli ultimi trenta anni, hanno amministrato in malo modo la nazione, al fine di verificare dove effettivamente è andato a finire quel defici Nazionale equivalente al Pil 108 %.
Credo che nessun politico possa opporsi se si ritiene “Pulito”
E noi poveri disoccupati e precari rimaniamo IMPASSIVI.

Silvio Michele 17.05.09 12:58| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe siamo i genitori del piccolo Joseph che ha la malattia di leigh abbiamo bisogno di tanto aiuto per portare il nostro piccolo angelo in FLORIDA TI lascio recap.tel.349.8736343.340.0606890.389.9894333
risp.ha questo messaggio grazie.

rosario accetta 04.12.07 10:30| 
 |
Rispondi al commento

USA ed Europa hanno seguito dal 2001 politiche monetarie parallele incentrate sull'espansione della base monetaria (negli USA sono arrivati a non pubblicare più la misura della base monetaria denominata M3) per assorbire l'effetto della guerra e dell'aumento del prezzo del petrolio. Quello che è scandaloso che si sia continuato ad accettare acriticamente le ridicole statistiche di inflazione in Europa mentre negli USA vi è un vibrante dibattito sull'argomento (in Europa, e sopratutto in Italia, gli economisti sono troppo legati ai politici per consulenze, nomine e cattedre per essere uomini liberi). Dal 2000 la base monetaria nell'UE è cresciuta annualmente a tassi del 9-10% mentre l'economia reale (PIL) è cresciuta di appena 1-2%. Per l'equazione monetaria (offerta moneta x velocità circolazione denaro = PIL x prezzi) la differenza è da spiegare con aumenti di prezzo e/o aumenti della velocità di circolazione della moneta. Quest'ultima è aumentata certamente come dimostrato dall'aumento del credito al consumo, ma non in misura tale da giustificare un differenziale di 8% annuo contro un'inflazione annuale ufficiale di 1-2%. Notate che 8% dal 2000 al 2007 equivale a prezzi più alti del 85% rispetto a sette anni fà. Come riprova basta guardare di quanto aumenta il gettito IVA che è direttamente proporzionale al valore delle vendite (salvo volerci far credere che la domanda reale è aumentata quando la gente non arriva a fine mese). La domanda che si pone è a chi giova questa situazione. La risposta ovvia è al debitore numero uno, ossia lo Stato, che vede il valore del debito in termini di potere d'acquisto diminuire. Ma perchè produrre statistiche sui prezzi truccate? Per tenere i tassi bassi sul debito pubblico (trasferimento di ricchezza dal risparmiatore allo Stato) mentre gli aumenti salariali e sopratutto delle pensioni restano molto al disotto dell'inflazione reale. Benvenuti al governo europeo dei tecnocrati al servizio dei politici

Maurizio Innamorati 07.11.07 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Beppe io non sono come te che riesce a leggere e scorrere tutti i commenti, e quindi forse ho perso un passaggio, ma in ogni caso ti chiedo un consiglio a te come genovese e come risparmiatore.
Il mio mutuo di 25 anni, al primo anno, variabile è già cresciuto di 30 euro in pochi mesi.
il direttore della mia banca mi ha consigliato una assicurazione per coprirmi da eventuali crescite pazze. Che fare e sopratutto secondo te cosa accadrà? abbi pazienza e se qualcuno ha idee mi faccia sapere. io piccolo impiegato sono molto preoccupato

massimo fagnoni 13.03.06 17:25| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia va male,mica noi!
Ecco il commento che probabilmete gira all'interno dei palazzi del potere.
Ormai siamo allo sfascio,non ci sono lavori da fare se non quelli precari (i famigerati Co.Co.Pro.)le aziende chiudono i battenti (quelle sane intendo)perchè non ce la fanno più a sostenere costi proibitivi,il commercio si riduce ad un feudo della grande distribuzione che uccide i negozi di vicicnato.
I nostri politici sparano balle colossali prontamente smentite dai fatti e dalle cifre che anche oggi mettono in evidenza l'aregentinizzazione dell'Italia.
Che fare? Nulla!Non si può fare più nulla! Dobbiamo aspettare solo qualche mese ed i primi risultati saranno sotto gli occhi di tutti.Oggi i tassi sono già aumentati di un'altro 0.25 e le famiglie che si sono indebitate per i prossimi 25 anni per acquistare la casa si ritroveranno un aggravio medio di 80 € al mese.Nei prossimi mesi sono previsti ulteriori aumenti dei tassi.A questo si aggiungerà la mancanza di posti di lavoro o comunque un livello di stipendi inadeguato ai costi della vita nel nostro paese.
Chi avrà bisogno di mantenere la famiglia sarà disposto a qualunque cosa pur di andare avanti e le conseguenze di questo ve le potete immaginare.
Sarà un periodo triste!
Io sono molto preoccupato e decisamente spaventato.

Piergiorgio Freato 02.03.06 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei dire solo una cosa, non ne posso più di politica, la destra, la sinistra, il centro, so solo che per mè è tutto uguale un gran MAGNA MAGNA. Essendo siciliano spero nella Borsellino che solo per il nome( non conosco le qualità politiche e quindi mi astengo dal giudicare) dovrebbe riuscire a non piegarsi a ciò che attanaglia la mia terra( sappiamo tutti cosa) sono stanco, davvero!!!!!! I have a dream, come diceva qualcuno di davvero grande........... ps Beppe sei un grandeeeeeeeeeeeeeeee hanno già esaurito i biglietti a palermo e non posso venireeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!! Ma ti ho visto a Napoli a gratis :-)

Giuseppe Forte 23.02.06 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe, La seguo da molti anni, esattamente quando inizio' a manifestare le Sue "perplessita'" sulla gestione della Cosa Pubblica dei Socialisti... Quante polemiche e Lei: fuori dalla R.A.I. Io sono un musicista, direttore d'orchestra, alle soglie dei 40 anni. Ho trascorso gran parte della mia gioventu' chiuso dentro la mia stanza, per studiare e, avolte, calpestare i tasti di un pianoforte. Terminati gli studi, ho iniziato a lavorare anche in Enti prestigiosi, poi, grazie ai continui tagli operati negli anni dai vari governi (pentapartito, sinistra e destra) ho rivolto la mia attenzione professionale ai mercati esteri (Australia, Corea del Sud, Giappone), che adorano la nostra cultura. In Italia, nacquero i piu' grandi musicisti del mondo in epoche e sotto governi diversi. La musica ed in particolare il melodramma e' "radice" comune, che lega Lei (nato a Genova) e me nato a Roma. Dal nostro comune passato, possiamo dirci Italiani! Invece, in Italia e' in corso da tanti anni la condanna dell'italianita', non bisogna dirsi italiani, tutto contro e soprattutto contro cio' che e' italiano, quindi contro anche la nostra cultura musicale. Insomma, me ne andro' dall'Italia, perche' in Italia non ho piu' la possibilita' di svolgere il mio mestiere, al quale ho sacrificato con gioia tanto tempo della mia vita. Il prossimo anno, andro' a vivere in Australia, dove mi hanno proposto di "eseguire musica italiana!!!", opera lirica, Verdi e Rossini. A 26 ore di aereo dall'Italia, c'e' un popolo, che ama emozioni, pensate e scritti da celebri italiani, che venerano. E' una lettera triste la mia, molto triste, ma in questo "paese orribilmente sporco", come lo defini' l'ultimo grande intellettuale, Pier Paolo Pasolini, sono state recise tutte le radici e ormai siamo canne vuote in balia del vento.

Alessandro Di Adamo 23.02.06 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe, La seguo da molti anni, esattamente quando inizio' a manifestare le Sue "perplessita'" sulla gestione della Cosa Pubblica dei Socialisti... Quante polemiche e Lei: fuori dalla R.A.I. Io sono un musicista, direttore d'orchestra, alle soglie dei 40 anni. Ho trascorso gran parte della mia gioventu' chiuso dentro la mia stanza, per studiare e, avolte, calpestare i tasti di un pianoforte. Terminati gli studi, ho iniziato a lavorare anche in Enti prestigiosi, poi, grazie ai continui tagli operati negli anni dai vari governi (pentapartito, sinistra e destra) ho rivolto la mia attenzione professionale ai mercati esteri (Australia, Corea del Sud, Giappone), che adorano la nostra cultura. In Italia, nacquero i piu' grandi musicisti del mondo in epoche e sotto governi diversi. La musica ed in particolare il melodramma e' "radice" comune, che lega Lei (nato a Genova) e me nato a Roma. Dal nostro comune passato, possiamo dirci Italiani! Invece, in Italia e' in corso da tanti anni la condanna dell'italianita', non bisogna dirsi italiani, tutto contro e soprattutto contro cio' che e' italiano, quindi contro anche la nostra cultura musicale. Insomma, me ne andro' dall'Italia, perche' in Italia non ho piu' la possibilita' di svolgere il mio mestiere, al quale ho sacrificato con gioia tanto tempo della mia vita. Il prossimo anno, andro' a vivere in Australia, dove mi hanno proposto di "eseguire musica italiana!!!", opera lirica, Verdi e Rossini. A 26 ore di aereo dall'Italia, c'e' un popolo, che ama emozioni, pensate e scritti da celebri italiani, che venerano. E' una lettera triste la mia, molto triste, ma in questo "paese orribilmente sporco", come lo defini' l'ultimo grande intellettuale, Pier Paolo Pasolini, sono state recise tutte le radici e ormai siamo canne vuote in balia del vento.

Alessandro Di Adamo 23.02.06 15:26| 
 |
Rispondi al commento

CALDEROLI VERGOGNA ATTIZAGUERRE VERGOGNA PER UN MINISTRO COMPORTSI COSI
IO ABITO A MILANO E SIAMO SOTTO ELEZIONI NON VOGLIO UN ALTRA MADRID

ROSSI IVANO 21.02.06 09:31| 
 |
Rispondi al commento

sono daccordo su tutto
saluti da nunzio autore di teatro
saluti per beppe

nunzio cocivera 05.02.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento

saluti a tutti da un autore di teatro
www.ilteatrodicocivera.org
ciao a beppe
nunzio

nunzio cocivera 05.02.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito, durante uno spettacolo di Grillo, che in alcuni film per bambini della Disney vi erano dei messaggi satanici, vorrei saperne di più. Ho due bambini che guardano film della Disney e vorrei proteggerli, come fare per sapere quali sono questi film? Grazie Ernesto.

Ernesto Natale 05.02.06 01:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ragazzo giovane, ho la ragazza da dieci anni e sono incazzato.
Sì sono molto incazzato perché ho una laurea breve in storia, una laurea specialistica in Storia, ho la media del vent’otto, vorrei insegnare ciò per cui mi sono appassionato tanto, e nonostante la paga schifosa, la maleducazione di questi studenti, ritengo che sia il mestiere più bello del mondo. Già l’università non è una meraviglia: carissima anche per una famiglia media (ormai verso il basso, pago il massimo: se piersilvio facesse il mio corso di laurea pagherebbe come me!), la maggior parte dei professori se ne sbattono altamente le balle di tutti i problemi degli studenti (e ce ne sono di tutti i tipi, veramente un fai-da-te, una vergogna!), poi vanno a manifestare contro la Moratti per i problemi delle università, anch’io sono contro questa riforma-deforma, ma se loro facessero il loro mestiere come dovrebbero, l’università andrebbe già alla grande!
Sono incazzato perché prima chi studiava, usciva dall’università e non dico che trovava già il lavoro, però avevano almeno una prospettiva, una speranza, a noi ce l’hanno tolta o meglio vorrebbero, ma noi ci incazziamo e gli mandiamo a quel paese e tiriamo avanti.
Per comprare una casa ormai ci vuole il mutuo (ovviamente fatto da quegli strozzini legalizzati che sono le banche, ormai si paga per tenere i soldi in banca e gli interessi sono un quarto delle spese!), per farti il mutuo comunque devi già aver dei gran soldi, ma studiando non puoi aver gran soldi.
Sono incazzato perché non credono in noi, credono… o forse non credono in nulla!
Sono incazzato perché chi ha di più vuole sempre di più, e si fa in modo che abbia sempre di più: le tasse non sanno cosa siano, fuggono a montecarlo, si fanno condoni…
Sono incazzato perché ora pisanu alza la voce contro i neofascisti di forza nuova quando il suo premie

Marcello Borio 02.02.06 19:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Articolo tratto da Italymedia.it Portale dell'Informazione Nazionale diretto da Antonello De Pierro.


In costante aumento le collaborazioni coordinate e continuative
I Co.Co.Co.: un esercito di giovani senza futuro
La vergognosa situazione di milioni di lavoratori, piegati al ricatto di un contratto da dipendenti, con tutte le non garanzie di un libero professionista

di Ambra Mazzia

Roma - Amministratori condominiali, venditori a domicilio, istruttori di ginnastica, operatori call-center: sono solo alcune delle tante categorie degli oltre 2 milioni dei lavoratori atipici e parasubordinati, di quella “generazione co.co.co.”che, tra mille impieghi, cerca di costruirsi un futuro. Età media di 25-35 anni, laurea o diploma nel cassetto, una prospettiva lavorativa di massima incertezza e precarietà. Così coloro che, secondo le stime sociologiche più diffuse, dovrebbero garantire al paese un notevole sviluppo demografico si ritrovano con un guadagno mensile di neanche 600€ con il quale, anche volendo, è davvero difficile garantire a se stessi uno stile di vita che vada al di là della semplice e pura sussistenza. Eppure questa condizione ibrida sta conoscendo un rapido sviluppo, nonostante le scarsissime forme di tutela lavorativa da essa riconosciute: è vero, infatti, che si è chiamati a svolgere una collaborazione continuativa senza vincolo di orario e subordinazione e si gode di una certa autonomia organizzativa anche circa luogo e modalità lavorative, ma è altresì importante sottolineare che tali categorie di lavoratori sono figure regolamentate solo da un punto di vista fiscale e previdenziale, mediante la copertura assicurativa dell’INAIL e la previdenza obbligatoria dell’INPS. Non sono riconosciute ferie, né diritti di formazione ed aggiornamento; non c’è alcuna forma di tutela per la sicurezza sul lavoro, mentre è minimale quella per la malattia, <<<<< segue http://www.italymedia.it/articoli/attualita&cronaca/0037bis.htm


RICORDATEVI CHE QUESTI HANNO INVENTATO UNABOMBER…

Il potere politico-mafioso di Roma è ormai alla frutta ed organizzano
continue messe in scena contro le grandi opere ora che le LORO di
“grandi opere” le hanno “sistemate”. Ci riferiamo all’inutile Tav
Roma-Napoli (mentre per giustificare la Tav Roma-Napoli “regalano” i
biglietti del treno nel Nord falsificano gli orari ferroviari per
disincentivare i cittadini ad usare il treno. Un esempio è la linea
Brescia-Parma i cui tempi di percorrenza sono triplicati rispetto al
vero sul sito degli stronzi di Trenitalia) al salvataggio delle
squadre di calcio Roma e Lazio, al controllo dell’economia italica
attraverso le costose “Authority”, col trasferimento della Consob a
Roma, per non dire del controllo della distribuzione del sangue e
degli organi donati e molto altro.
La contemporanea protesta contro la Tav Torino-Lione ed il ponte sullo
stretto di Messina per “unire” il paese anche nelle proteste
significa che sono proprio messi male. Aspettiamoci un “incidente”
ferroviario anche grave PROVOCATO magari in una qualche troncone della
Tav tipo Torino-Novara o Firenze-Roma, magari durante le Olimpiadi
perché costoro BLOCCHINO tutte LE GRNDI OPERE non interessanti alla
spocchia romana. Per il Nord intendiamo la Tav Milano-Verona-Venezia,
il passante di Mestre, il “Mose”, la 4° linea del metrò a Milano, le
pedemontane, la Tav Milano-Genova e quant’altro. Certo la scusa sarà
una “riflessione sulla politica dei trasporti e dell‘ambiente” o
simile in attesa di poter controllare “democraticamente” lo
stato-zombie tramite il diritto di voto dei “nuovi italiani” che
fremono far entrare. L’operazione SUPERKOSSOVO è in pieno svolgimento.
Chi può cominci a scappare. Chi vuole rimanere farà bene ad armarsi
poiché Roma vuole utilizzare le orde immigrate (vedi Francia e Olanda)
come “tutori” dell’unità nazionale. Meditate gente, meditate

Canna-Power Team
http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano

resoli giuseppe 24.01.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento

A mè la storia che una classe di privilegiati truffatori legalizzati, controlla la politica, l'industria, l'economia, gli eserciti, la vita di tutti!!! perché possono creare dal nulla moneta che non gli costa niente ma che compra tutto,
N O N V A' P R O P R I O G I U' ! ! !

La povertà, lo sfruttamento, la competizione, la disoccupazione ecc., sono le conseguenze di questa... infame e criminale prevaricazione.

L'emissione monetaria deve tornare nelle mani dello Stato affinché distribuisca il REDDITO DI CITTADINANZA a tutte/i.

Basta con l'emissione privata delle banche!

+info: http://www.sovranitamonetaria.org

Gianfranco Florio 23.01.06 16:54| 
 |
Rispondi al commento

OTTIMANA

Un’idea semplice per cambiare e migliorare la nostra società uscendo dalla crisi.
Una premessa:
Per uscire dalla crisi energetica degli anni ’70 qualcuno propose: sfruttiamo l’ora solare in più, spostiamo tutti le lancette dell’orologio di un’ora. All’inizio sembrò impossibile. Ma con la volontà di tutti fu un successo.

Idea simile per uscire dalla crisi ed avere una società migliore (da leggere con mente aperta):

Per lavorare tutti e lavorare meno, per aumentare i posti di lavoro, per avere più tempo libero da dedicare alle famiglie, avere più tempo per noi stessi, più tempo per relazionarci con gli altri,:

si dovrebbe trasformare la settimana in ottomana: la settimana formata non più da sette giorni ma da otto giorni.

I primi 4 giorni lavora un gruppo di persone gli altri 4 giorni lavora il secondo gruppo.-
Si avrebbero 4 giorni liberi con uno stipendio ridotto di 1 giorno lavorativo soltanto, ma non sarebbe un impoverimento poiché sarebbe una situazione generale
Gli effetti sono molteplici e scardinano la società come è stata pensata e vissuta finora.-


Paolo Andriollo 20.01.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento

L'estate del 2005 dovevo andare in Egitto, avevo pagato tutto all'agenzia la partenza era il 14/8/05, dopo l'attentato mi sono rifiutata di partire, l'alternativa ad altri posti non andava bene perchè l'importo era triplicato.
La farnesina e l'associazioni consumatori si erano messi d'accordo che per le partenze entro il 31/7/05 il rimborso era del 100x100.
Praticamente io partendo ad agosto dovevo pagare la penale all'agenzia ho perso 871 euro di penale e ho aspettato 3 mesi per avere il bonifico e in più non sono neanche andata in vacanza.
Morale dopo un episodio del genere è umano e legittimo aver paura tanto meno di partire per quel luogo, ma non è anche un diritto essere rimborsati per intero?
Questo avvenimento mi veramente spiazzata, ma secondo voi di legge dovevo essere rimborsata per intero a me è stato detto di no.
Vi prego fatemelo sapere
Anche se è passato del tempo questa cosa non l'ho digerita penso che come me tanta altra gente è stata "imbrogliata"
Ciao grazie

teresa gattulli 20.01.06 12:32| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi vogliamo parlare dei metalmeccanici basta vogliamo il contratto siamo alla fame dateci salario dignitoso non si puo più vivere con pochi euri cavoli ridateci la scala mobile

giuseppe di franco 17.01.06 14:16| 
 |
Rispondi al commento

ho vissuto con l'aiuto della teoria per tanti anni e, lo ammetto, ancora mi faccio sostenere da questa "droga" (?). Ma quel che penso è che nelle cose (l'essere incinta e non poterlo tenere, non avere soldi per pagare l'affitto, essere non "giovani sempre anche troppo tutelati" e non avere più un lavoro....etc) bisogna trovarcisi immersi e...la teoria se ne va.......(brutta serata?.....anche)

stefano gasparato 16.01.06 23:10| 
 |
Rispondi al commento

Sono un povero operaio che era assicurato all'Unipol poi dopo un incidente con tanto di ragione per negligenza dell' assicurazione Unipol è diventato un 50%,ho risolto cambiando l'assicurazione .
Io mi domando solo una cosa ; ma se questi con i soldi dell'assicurazione acquistano una banca vuol dire che guadagnano bene ...quindi forse le assicurazioni sono cosi' care perchè qualcuno ci gioca ...e mangia bene ...per terminare la storia la mia nuova assicurazione è stata assorbita ...ma da chi ? UNIPOL

roberto gatti 07.01.06 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Sei sincero? Sei stato così sprovveduto o pensavi di arrichirti col tasso di interesse che ti proponevano e, molto più alto della media? Non sei stato avido? Non hai capito che era pericoloso? E' sempre colpa degli altri che sono così cattivi?

Etica e responsabilità valgono anche per noi miseri comuni. Non facciamoi i furbi.
Cominciamo a cambiare noi, subito adesso.

Svegliamoci.

Ciao.

Beppe, grazie di questa tua iniziativa.

Fausta

Fausta Virgili 07.01.06 20:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe, io volevo neanche parlare ma solo darti l'url di un video a mio parere molto forte; questo non c'entra con l'argomento sopra indicato ma non riesco a trovare un post con l'argomento che interessa a me.
Quello che voglio farti vedere è un video dove si mostra come si fanno le pellicce.
tutti sanno che è una cosa disumana;ma penso che le immagini facciano più di mille parole, ti lascio l'url e ti saluto.Chissà se il buon senso riuscirà ad avere il sopravvento sulla vanità...Mah..Dimmi poi cosa ne pensi..ciao http://www.strasbourgcurieux.com/fourrure/

Matteo Chirico 04.01.06 18:19| 
 |
Rispondi al commento

CREIAMO UN NUOVO MINISTERO:
IL MINISTERO DELL'ESPIAZIONE

BELA BEPPE!!!
E' UN PO DI TEMPO CHE SONO UN ACCANITO LETTORE DEL TUO BLOG E ORMAI PER MEI SEI DIVENTATO PIù CHE UNA PERSONA FISICA, TI VEDO UN PO' COME UN GRANDE MOTORE DI GESTIONE DELL'INFORMAZIONE LIBERA, CHE NE SO UN GRANDE EBAY DELL'INFORMAZIONE, MA PER FORTUNA GRATIS E DECISAMENTE DEMOCRATICO............GRAZIE!!
ARRIVANDO AL DUNQUE:
CREDO CHE UNO DEI MAGGIORI DIFETTI DEL NOSTRO GOVERNO/STRUTTURA SOCIALE/CULTURA....... CHE HO RISCONTRATO LEGGENDO LE NOTIZIE RIPORTATE IN QUESTO BLOG E' CHE IN ITALIA NON ESISTE LA FIGURA DEL "CAPRO ESPIATORIO"(VEDI D.PENNAC M.MALAUSSEN), OSSIA QUALCUNO CHE QUANDO IL GOVERNO, UN MINISTERO, UN FUNZIONARIO, UNA REGIONE,PROVINCIA,COMUNE,AZIENDA, PRIVATO, MULTINAZIONALE.........COMMETTE UN ERRORE, PURE CHE BANALE, SI PRENDA LE RESPONSABILITA E FACCIA QUELLO CHE "SI PRENDE LE PAROLE" E PROVA A CHIEDERE SCUA DELL'ACCADUTO PUBBLICAMENTE, MA GIA AMMETTERLO NON SAREBBE MICCA MALE, VISTO CHE IN ITALIA PROPRIO NESSUNO CI RIESCE!!!!!
VEDI BANCAITALIA, PARMALAT, CREMONINI, AMADORI.......INSOMMA SBAGLIARE è UMANO, CHIEDERE SCUSA è DOVUTO!!!!!!!!!!
CREIAMO QUESTA NUOVA FIGURA E PAGHIAMOLA BENE, CHE IN ITALIA CE NE SAREBBE DI LAVORO.........

ANDREA PANZAVOLTA 02.01.06 17:17| 
 |
Rispondi al commento

gentile sig. grillo, ho aperto da poco un'attività (e già di suo questo è un rischio visto i tempi!) la gente ha pochi soldi, gli stipendi sono rimasti in lire e la merce la paghi in euro! sono andata in banca a chiedere un misero scoperto per avere la possibilità di effettuare le prime spese e la risposta è stata: ma l'attività è da poco che è in funzione! ce l'ha una busta paga? il 740? modello unico?
MA DICO, SIETE SCEMI???? ho aperto da poco con un finanziamento della regione (che prima compri e dopo ti mandano i soldi), non ce l'ho NO una busta paga! c'ho un'attività! vorrei iniziare a lavorare! Purtroppo le Banche se hai soldi te li prestano se non li hai NIENTE! Ma se li avevo.... NON GLIELI CHIEDEVO!!! grazie!
saluti da una povera italiana che cerca di mangiare tutti i giorni!
(meno male che il nostro capo del governo dice che ci compra casa a tutti!!! almeno non dormirò sotto un ponte!)
caterina viscogliosi

caterina viscogliosi 25.12.05 13:23| 
 |
Rispondi al commento

mamma mia l'ho riletto dopo averlo pubblicato. che aberrazioni grammaticali! scusatemi tutti ma è la vigilia ed ho un braccio ingessato...

Grande Beppe, continua così.

di nuovo buon natale.

daniele zoni 24.12.05 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sono uno studente universitario di 24 anni prossimo ormai alla laurea. Capita che per motivi di studio mi occupi di economia, e che mi piaccia farlo. Innanzitutto, se mi posso permettere, le vorrei dare un consiglio: legga "salvare il capitalismo dai capitalisti" di Luigi Zingales; un libro che si occupa del vero capitalismo, chiaramente da leggere con un certo spirito critico, ma capace di essere compreso da tutti.

Comunque le scrivo, oltre che per il "consiglio" anche per congratularmi con lei, che spesso mi ha fatta tirar su la testa dalla teoria letteraria per osservare meglio la realtà.

Tuttavia non mi riesco a spiegare perchè un aumento dei tassi della BCE debba migliorarerebbe la situazione del debito italiana:anzi la peggiorerebbe di molto costringendo il governo ad emettere debito a un tasso più alto. pur sforzandomi non ci sono arrivato. non penso comunque che lei metta notizie falsa di proposito, quindi cercherò altrove spiegazione, tuttavia la invito a ricontrollare la fonte delle sue affermazioni.

al contrario ci dovrebbe chiedere il motivo per cui i tassi si alzeranno. se è vero che per gli Usa il rialzo dei tassi è per lo più dovuto ad un tentativi di aumento dell'appetibilità del titolo di debito americano sul mercato cinese (il più grosso compratore del mondo di bond usa)per evitare una crisi finanziaria senza precedenti, e non è dovuto per niente a una attesa di inflazione, difatti i tassi a lungo termine sono quasi più bassi di quelli a breve (il che fa pregiasire una recessione per il 2007 circa), non si trova spiegazione per il rialzo nel mercato europeo che non sia frutto di politiche imitative. è molto preoccupante questa cosa, non abbiamo una banca europea in grado di sganciarsi dalla fed, nonostante la sua moneta sta sempre più entrando nelle tasche extraeuropee.

è giusta comunque il perseguimento della bce del suo obbiettivo di contenere l'inflazione.

faccio a tutti i miei più migliori auguri di buon natale.

daniele zoni 24.12.05 21:16| 
 |
Rispondi al commento

E che dire invece del calcolo del Prodotto Interno Lordo (PIL) che fino al 1971 (*) era considerato impossibile mentre dopo quella data il calcolo del PIL viene fatto passare per qualcosa di ovvio e possibile. Il concetto di PIL ha sostituito il concetto di riserva aurea che non c'è più e quindi per emettere la moneta si fanno costantemente tornare i conti attraverso trucchi contabili. Per chi vuole saperne di più:

http://digilander.libero.it/afimo/n_villa-pil-pilastro-della-truffa.htm

(*) Anno in cui Nixon rinnegò unilateralmente la conversione dei dollari americani in oro.

Alfredo Merlo 22.12.05 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Navigando sul sito ISTAT, ho scoperto come viene calcolato il tasso di disoccupazione. Come accade per l'inflazione e l'auditel, è fisiologicamente predisposto a fornire un quadro diverso da quello reale.

Il documento www.istat.it/istat/eventi/nuovoforzalavoro/report_finale.pdf descrive la metodologia di calcolo.

Osservazioni principali:
1. è rilevato settimanalmente con intervista telefonica su un campione di circa 175000 famiglie contattate in un trimestre.
2. Risulta occupato chi ha lavorato almeno 1 ora nella settimana di rilevazione. E' un criterio veramente singolare: basta aver lavorato 1 ora su 40 disponibili per essere considerati occupati.
3. Le persone inattive (cioè quelle che non lavorano né cercano attivamente occupazione oppure hanno più di 75 anni) non sono considerate ai fini del calcolo del tasso di disoccupazione. Può quindi accadere che il tasso di disoccupazione diminuisca solamente perché aumenta il numero degli inattivi. Nel terzo trimestre 2005 gli inattivi sono aumentati del 2% rispetto allo stesso periodo del 2004.
4. Come per ogni indagine statistica, sarebbe più scientifico dare anche l'errore medio della rilevazione.

E' quindi facile per il dipendente Berlusconi fornire numeri che dimostrano come abbia rispettato il suo contratto con gli Italiani, anche se la nostra sensazione è molto diversa.

ottavio adami 21.12.05 11:27| 
 |
Rispondi al commento

In merito all'informazione che non e giusta:noi infatti non esistiamo
Ci presentiamo
Un giovane lavoratore, ai giorni nostri, è precario nel lavoro, ma anche nella vita; infatti non ha la possibilità di formare una famiglia, di accedere a mutui o prestiti proprio a causa delle condizioni lavorative in cui giace.
Il proprio futuro è reso oscuro dalla Legge 30/2003 meglio conosciuta come riforma Biagi, che precarizza i lavoratori e che consente il loro affitto anche per brevi periodi o addirittura per una sola giornata di lavoro.Con il lavoro a chiamata il lavoratore diventa una sorta di manodopera aggiuntiva da scaricare quando l'offerta di mercato cala o si raggiungono determinati obbiettivi prefissati, lasciandolo così in balia del proprio destino.
Il calo del potere d'acquisto degli stipendi, dopo l'introduzione dell'Euro e le politiche economiche disastrose di questo Stato, è stato notevole tanto che il tasso di povertà tra le famiglie è cresciuto in maniera allarmante.
Resta evidente agli occhi di tutti che il salario medio di un lavoratore dipendente non è sufficiente a garantire una vita dignitosa, né tanto meno a soddisfare i bisogni primari di una famiglia.Viviamo in un'epoca dove la società impone il “Produci e Consuma” tenendo sempre più conto della quantità rispetto alla qualità, imponendo un regime di vita precario e frenetico, tenendo i giovani lavoratori con l'acqua alla gola, ansimanti nella speranza di avere un futuro migliore e dimenticandosi che il lavoro serve per vivere non la vita per lavorare."
Siamo riusciti ad organizzarci,nonostante i sindacati,e abbiamo anche un sito:www.precaricri.it in cui ci teniamo informati su quello che ci stà accadendo perchè nessuno vuole dirci nulla.Alla fine di quest'anno ci scade il contratto e noi non sappiamo ancora se saremo ancora precari o disoccupati in compenso ci minacciano continuamente.

ROBERTA BONSIGNORI 19.12.05 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Michele,
non tutti quelli che non condividono il comportamento del loro boss lasciano l'azienda, specialmente se l'azienda è la Banca Mondiale e ti dà un buono stipendiuccio... apprezzo la coerenza di Stiglitz. Wolfowitz l'ho ascoltato alla Conferenza Mondiale di Washington sulla social responsibility: coerente col suo big boss o se vuoi bush, ha chiesto di essere giudicato per quello che fa e non per il passato. Ed e' ben questo che ha preoccupato tutti noi in sala. Allora intanto segnalo al blog l'attività sconosciuta di un gruppo di volonterosi, si chiama Campagna per la Riforma della Banca Mondiale (Roma) e mi pare che questo dica tutto. Cercateli e sosteneteli. Ciao

Bruno Bonsignore 16.12.05 13:24| 
 |
Rispondi al commento

La strada indicata da Wolfowitz non è quella ideale per lo sviluppo e la pratica dell'etica nel mondo degli affari, e fornisce alle multinazionali ulteriori coperture. Così alla conferenza mondiale sulla Business Social Responsibility il Direttore di China Enterprise Confederation, Chen Ying, ammette che il sistema produttivo cinese non è "democratico" come quello indiano, ma "in compenso" il tasso di sviluppo annuale supera il 10% contro quello quasi piatto dell'India!
Noi ci compiacciamo che la Cina aiuta a salvare la produzione nel nostro distretto "calzaiolo" di Castiglione delle Stiviere ma in decine di altri settori merceologici il futuro degli europei, e del nordamerica, si sposta sempre più sul rosso di "disoccupazione".

Bruno Bonsignore 16.12.05 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di politica l'italia é diventata una vera e propria porcheria, oramai i politici non prendono piu' decisioni per il bene dei cittadini, ma hanno capito già da tempo (tutti i politicanti di destra e sinistra) che è impossibile accontentare tutti (cittadini / banche / industriali...e altri) allora é meglio pensare alle proprie tasche (vedi berlusconi), ma tutto cio' puo' portare alla disperazione di alcuni che non hanno piu' niente da perdere. a questo proposito ho una storiella da raccontare.
Io vivo in svizzera da 37 anni e la conosco benissimo, posso dire che anche qui le cose cambiano in peggio (economia...soldi...industrie ... sociale...ogni volta che hanno bisogno di soldi li vengono a cercare nelle nostre tasche...abbassano le imposte dei ricchi e il guadagno mancato lo vengono a cercare nelle nostre tasche...e cosi' via) tanto da portare alla disperazione tanta gente.
tempo fa un uomo portato alle disperazione si é presentato al parlamento di stato di Thoune (federalismo) armato di fucile e pistola automatica, e a fatto fuoco sui politici all'impazzata. dal fatto se non sbaglio furono uccisi 15 politici e altrettanti feriti gravi. Ma tu credi che abbiano imparato la lezione ??? ma no....ogni anno ci aumentano le tasse... sono 6 anni di seguito che ci aumentano la cassa malattia, e questo perché quel farabutto di couchepin (ministro svizzero) non riesce a trovare la soluzione adeguata a questo problema, o come penso io non vuole risolvere il problema (magari le assicurazioni gli versano un " pôt-de-vin). adesso non vorrei essere defettista ma immagginate un po' se un disperato si presenta in parlamento italiano e fa una strage......francamente devo essere onesto con me stesso....non penso piangere a lungo. da tutto cio' che succede c'é sempre una morale da estrarre ..tante cose succedono ma nessuna deduzione logica ne esce ...alla lunga quando le cose hanno raggiunto il..."soffitto" l'esplosione ha un nome....guerra civile.

Emanuele Vaccarella 16.12.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Sono passati diversi anni dall'introduzione dell'euro e c'è gente che ancora crede che l'aumento dell'inflazione sia dovuto ad un nostro complesso psicologico che ci spinge a considerare l'euro alla stregua delle vecchie mille lire, tanto che autorevoli esponenti della finanza (creativa o meglio, magica..)hanno brillantemente sostenuto l'idea dell'euro di carta.
Allora, ci siamo rincoglioniti del tutto o ci stanno prendendo per il doro?
Visti i tempi, buona la seconda.
Non vi pare strano che siano aumentati per primi i beni importati dall'estero (extra cee)
tipo il petrolio, energia elettrica, ecc.
Non è il caso invece di riflettere sul cambio Euro/lira.Ci hanno mai parlato i nostri dipendenti di come lo abbiano stabilito?Eaa, tanto noi che ne sappiamo, nessuno ha osato criticare quel tasso, al tempo ovviamente, ore qualche talpa mette fuori la testa.Ormai è tardi, l'ennesima beffa consumata alle spalle del popolo ITALIANO.Altro che un rialzo del 0,25%!!!!

matteo martinelli 15.12.05 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera beppe grillo,ho appena acquistato il suo dvd..mi è piaciuto molto,soprattutto il bootleg è bellissimo..Essendo questa la seconda volta che Le scrivo vorrei che sappia che non è atteggiamento di piaggeria ma solo semplice constatazione.Oltre questo volevo chiederLe quando parte,se parte,un suo prossimo tour nel 2006 e se prevede una tappa per Bologna,sa essendo studente fuori sede pugliese(foggiano)trascorro molto del mio tempo nel capoluogo emiliano.Se dovesse esserci molto probabilmente sarò in prima fila..Ringraziandola anticipatamente di un eventuale risposta,La saluto Buonasera.

mario scippa 15.12.05 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera beppe grillo,ho appena acquistato il suo dvd..mi è piaciuto molto,soprattutto il bootleg è bellissimo..Essendo questa la seconda volta che Le scrivo vorrei che sappia che non è atteggiamento di piaggeria ma solo semplice constatazione.Oltre questo volevo chiederLe quando parte,se parte,un suo prossimo tour nel 2006 e se prevede una tappa per Bologna,sa essendo studente fuori sede pugliese(foggiano)trascorro molto del mio tempo nel capoluogo emiliano.Se dovesse esserci molto probabilmente sarò in prima fila..Ringraziandola anticipatamente di un eventuale risposta,La saluto Buonasera.

mario scippa 15.12.05 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera beppe grillo,ho appena acquistato il suo dvd..mi è piaciuto molto,soprattutto il bootleg è bellissimo..Essendo questa la seconda volta che Le scrivo vorrei che sappia che non è atteggiamento di piaggeria ma solo semplice constatazione.Oltre questo volevo chiederLe quando parte,se parte,un suo prossimo tour nel 2006 e se prevede una tappa per Bologna,sa essendo studente fuori sede pugliese(foggiano)trascorro molto del mio tempo nel capoluogo emiliano.Se dovesse esserci molto probabilmente sarò in prima fila..Ringraziandola anticipatamente di un eventuale risposta,La saluto Buonasera.

mario scippa 15.12.05 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
mi chiamo luigi e sono uno dei tanti onesti lavoratori che hanno lasciato ...le penne in Argentina; mi riferisco alle azioni, pare che le chiamano bond o ...blob, non so.

Ho saputo che hai messo a disposizione dei tanti ...fragati, un modello per richiedere alla banca venditrice la restituzione della somma impegnata.
Ho cercato nel sito ma non ho trovato nulla, puoi darmi qualche indicazione?
scusa se ti disturbo in merito, ti saluto con ammirazione, ciao ciao

luigi battipaglia 14.12.05 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
vorrei per favore cercare di capire quanto Beppe Grillo e voi amici del suo blog conoscete di quel movimento no-global (ma non è soltanto questo) che fa capo all'associazione francese "La ligne d'horizon" e in particolare a Serge Latouche. Mi è capitato (diciamo così) di fare la conoscenza di questo professore francese guardando la trasmissione "L'infedele" di Gad Lerner, ho comprato e letto un suo libro ed è stata una vera rivelazione. Tutta una serie di idee, riflessioni che stavo maturando da alcuni anni, le ho ritrovate in quel libro, scoprendo anche che c'è un movimento mondiale che critica l'attuale modello di sviluppo/sfruttamento, con testi, riviste, convegni, di cui naturalmente su giornali e tv nostrane non si parla quasi per niente.
Vorrei trovare anche qui in Italia qualcuno con cui potermi confrontare su queste cose.
Grazie e tutti e a presto,
Alessandro

Alessandro Marotta 14.12.05 16:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusate x i 3 precedenti post uguali: sembrava che i primi due tentativi non fossero andati a buon fine...

Gianfranco Florio 13.12.05 10:43| 
 |
Rispondi al commento

Segnalazione molto interessante:

The Money Reform Party:

The Money Reform Party exists to educate the British people and their politicians about the money system and to campaign against the creation of the money supply by the private banks.

http://www.moneyreformparty.org.uk/index.htm

Niente di simile in Italia?

Gianfranco Florio 13.12.05 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Segnalazione molto interessante:

The Money Reform Party:

The Money Reform Party exists to educate the British people and their politicians about the money system and to campaign against the creation of the money supply by the private banks.

http://www.moneyreformparty.org.uk/index.htm

Niente di simile in Italia?

Gianfranco Florio 13.12.05 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Segnalazione molto interessante:

The Money Reform Party:

The Money Reform Party exists to educate the British people and their politicians about the money system and to campaign against the creation of the money supply by the private banks.

http://www.moneyreformparty.org.uk/index.htm

Niente di simile in Italia?

Gianfranco Florio 13.12.05 10:14| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti. Vivo e studio in spagna. ho letto su El Correo ke il parlamento italiano ha approvato una legge ke permette di sotterrare i defunti al di fuori dei cimiteri. la cosa nn m'ha indignato particolarmente, a parte x motivi di igiene e salute pubblica. nn ho potuto controllare xo' la reazione ke ho avuto quando ho letto ke il presidente del consiglio si e' costruito un mausoleo nel suo palazzo di arcore. un'altra legge ad personam, un'altra figura di m.... dell'italia e degli italiani.
qui tutti mi kiedono di continuo com'e' possibile ke si lasci fare di tutto a quel grandissimo suino. continuo a nn trovare una risposta a questa domanda.
ps kiedo scusa ai suini.

leila organa 12.12.05 21:38| 
 |
Rispondi al commento

sto preparando proprio in questi giorni un esame di storia contemporanea sulla globalizzazione e proprio su un testo di stiglitz, "La globalizzazione e i suoi oppositori": è un testo che consiglio perchè spiega bene gli errori del FMI e della Banca Mondiale della quale Stiglitz è stato chief economist. volevo dire solo una cosa: ma se Stiglitz è una persona così intelligente non doveva ponderare meglio la sua decisione di dimettersi dalla Banca mondiale? le persone che hanno opportunità di lottare le ingiustizie dall'interno non devono prendere decisioni con leggerezza e mollare quando c'è bisogno di lottare( altrimenti si potrebbe fare la fine dei comunisti quando lasciarono il via libera al fascismo negli anni 20). il problema rimane uno: perchè le persone che vogliono lottare, come Beppe, vengono fatte fuori e le persone che hanno la possibilità mollano?Il messaggio è uno: tiriamo fuori le palle!

andrea fabbi 12.12.05 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Da molti anni leggo di economia (anch'io ho cercato di capirci qualcosa da quando i titoli di borsa e le altre diavolerie finanziarie sono arrivati alla portata dei comuni mortali) e, almeno in teoria, il rialzo dei tassi è comunemente considerato dagli economisti una misura anti- inflazione. Ciò comporta comunque, fisiologicamente, un effetto depressivo sull'economia, visto che lo scopo è diminuire la quantità di danaro circolante, per aumentarne il valore. Premesso che io sono in sintonia con la maggior parte delle cose che sostieni, ti faccio però notare che il problema dell'inflazione in Italia, oltre che per gli interessi pagati sul debito pubblico, è importantissimo anche per la perdita di potere d'acquisto che ha letteralmente falciato i nostri stipendi (sono un lavoratore dipendente). Tuttavia, vi sono sicuramente altre misure da prendere contro l'inflazione. Io penso che con l'ingresso dell'euro la gente sia caduta in un tranello psicologico: non è forse vero che noi tutti abbiamo sostituito, nel nostro approccio verso il danaro, la mille lire con l'euro, le diecimila con i dieci euro e via dicendo? E' chiaro che c'è inflazione se, quando vedo in una vetrina una camicia a 20 euro, penso: " 20 euro (leggi "ventimila lire")! Sembra un affare! " ed invece sto pagando quasi quarantamila delle vecchie lire, mentre la camicia la pagavo trenta- trentacinquemila. Il problema sta qui! La soluzione al problema inflazionistico forse sta nel "rieducare" la gente all'approccio con la moneta. Ma come fare?

Raffaele Bortone 11.12.05 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Anche io penso possa aprire gli occhi a molti parlare dell'argomento "signoraggio".

Federico Munerotto Commentatore in marcia al V2day 11.12.05 00:54| 
 |
Rispondi al commento

Anche io penso possa aprire gli occhi a molti parlare dell'argomento.

Federico Munerotto Commentatore in marcia al V2day 11.12.05 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Penso che l'accanimento letto sul forum verso la BCE sia abbastanza ingiustificato e penso che rifletta la nostra natura italiana di nasconderci dietro ad un dito. Se la nostra economia non cresce ed il numero di disoccupati stenta a diminuire non è sicuramente a causa costo del denaro ( mai stato così basso nell'economia italiana ) ma nel fatto che non riusciamo più a creare valore aggiunto. I capitali necessari ad una ristrutturazione della nostra economia sono ora impegnati in mercati protetti, sicuri da qualsiasi forma di competizione, assicurando rendite garantite al capitale. La priorità delle politica monetaria è quella di garantire stabilità al sistema, il resto (politica fiscale e investimenti)è responsabilità di altri attori economici. Se in Italia non si investe è anche perchè non ci sono aspettative di crescita, la nostra classe dirigente è obsoleta, priva di idee, litigandosi le briciole di una torta che non cresce più. Inoltre, non è colpa della BCE se dovremo pagare di più per il debito pubblico accumulato(siamo il terzo paese più indebitato al mondo) e se la nostra 'finanza creativa' oltre a non garantire sviluppo, accresca tale debito. Trovo invece che sia arrivato il tempo di cambiare le regole di funzionamento dei mercati interni, che al momento attuale non garantiscono trasparenza, una reale e leale concorrenza tra gli attori, e dinamicità, rappresentando un peso determinante nella mancata crescita della nostra economia reale. Trovo quindi molto più opportuno analizzare i problemi interni anzichè andarsela a prendere con i dirigenti di un'Unione Monetaria che ci ha garantito uno scudo finanziario senza il quale in questi anni avremmo dovuto (se non fare la fine dell'Argentina)pagare tassi di interesse decisamente maggiori che si sarebbero ripercossi su investimenti, occupazione e debito pubblico in un paese già in difficoltà

Davide Manservigi 09.12.05 16:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari Italiani vorrei metterVi al corrente che noi in sardegna paghiamo il costo dell'energia elettrica sensibilmente più cara (circa il 30%) del resto dell'Italia e non sappiamo il motivo,chi ne conoscesse le motivazioni è pregato di comunicarcele, ringraziandoVi anticipatamente Vi saluto con una ns. tipica espressione che augura salute ed abbondanza.
Saludi e trigu.
Nicola Cossu.

nicola cossu 08.12.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

la finanziaria questa sconosciuta.

La finanziaria di Tremonti è una finanziaria a tesi, mi spiego meglio, sul sito dell'istat che ha raccolto nel 2001 i dati relativi alla popolazione italiana, risultano occupate persone 20.993.732 di lavoratori, di cui
15.379.036 occupati dipendenti,
2.285.796 occupati ai vertici

esistono poi
715.538 famiglie di cui
310.838 senza figli
404.700 con figli (cresciuti)

se lo stipendio medio di una famiglia dove lavora una sola persona potrebbe essere 14.300,00 euro annui come fanno a mettere in cantiere un figlio?

Se invece la famiglia ha due stipendi forse sforano quanto previsto in finanziaria, vanno oltre i 30.000,00 euro.

Che poi il premier (de che?) ribadisca di non voler dare a Totti il bonus bebè a noi ci sembra irrilevante.

Rilevante è sapere che i soldi del tfr sono stati già scippati.

l'istat la usano per fare le finanziarie truffa.

giorgia della seta 08.12.05 00:52| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non boicottiamo le importazione di merci cinesi fino a quando le autorità comuniste non riconosceranno le libertà religiose?
Sourcecode

Pietro Angelerio 06.12.05 17:57| 
 |
Rispondi al commento

ANCH'IO SONO VALSUSINA !!
...E, quello che è peggio , non vivo più in Valsusa . Però ho ancora là i miei genitori e le mie amiche , a raccontarmi ogni giorno di quel che succede . Ogni giorno una cronaca di SMS e mail a parlarmi di gente che presidia e passa le notti all'addiaccio per difendere casa sua . I sacerdoti e i sindaci marciano insieme ai cittadini per non lasciarli soli , perchè sia ben chiaro che quella che la notte scorsa è stata invasa è casa di tutti . Noi . Anche casa mia . Quello che spero è che ora sia chiaro a tutti che l'alta velocità è solo un pretesto : possibile che si possa arrivare a tanto solo per una linea ferroviaria ?!

grazia dosio 06.12.05 15:39| 
 |
Rispondi al commento

carrissimo Beppe
Dai telegiornali vengo a conoscenza dello sgombero
con la forza, da parte della polizzia nei confro -
nti dei dimostranti, in Val di Susa ( Ma il nostro non è uno dei paesi che esporta democrazia?). Azzo!!!!
io sono valsusino

orfeo fornoni 06.12.05 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Dai telegiornali vengo a conoscenza dello sgombero
con la forza da parte della polizzia in val di Susa ( Ma il nostro non è uno dei paesi che esporta la demograzia?). Azzo!!!
Io sono valsisino


INFLAZIONE:

Esiste inflazione (quella vera!) quando, venendo immesse in circolazione quantità di moneta con valore nominale maggiore del valore economico delle merci disponibili nel mercato, i prezzi di quest'ultime aumentano per riequilibrare il rapporto tra le due istanze (moneta/merci).

Ma, in un caso del genere e in assenza di altri fattori (come per esempio l'iniqua distribuzione della ricchezza prodotta, attraverso la strumentale e faziosa "distribuzione" delle risorse finanziarie) l'unico effetto negativo sarebbe quello di dover girare con una quantità maggiore di carta-moneta nei portafogli!!!

Tutto qui...

Al contrario, è evidente che l'attuale aumento dei prezzi è dovuto alla necessità, vera per quasi tutti, di incorporare nei prezzi le quote di interessi e tasse dovute al sistema bancario che, in questo modo e man mano che le transazioni economiche procedono, si appropria della ricchezza dei popoli sottraendo la LORO MONETA...

E meno moneta esiste nei portafogli dei cittadini e più alti i prezzi dovranno essere proprio per tentare di raccogliere comunque quelle quote di moneta necessarie ad "onorare" i debiti verso le banche e le tasse per lo stato, fondati sulla creazione dal nulla della moneta bancaria.

Spero di risultare sufficientemente chiaro.

Gianfranco Florio 06.12.05 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Qualche giorno fa (2/12) sono intervenuto nel merito delle affermazioni di Stiglitz riportate e dei commenti del Grillo circa gli effetti collaterali sul debito pubblico dell'aumento del tasso ufficiale.Ritengo, come evidenziato in precedenza, che tali affermazioni siano decisamente inesatte.
Spero vivamente che chi ha scritto queste verità contradittorie voglia al più presto smentirmi, nell'interesse di chi pensa (tra questi anch'io) che questo blog possa effettivamente essere uno strumento di conoscenza.

Matteo Martinelli 06.12.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualche giorno fa (2/12) sono intervenuto nel merito delle affermazioni di Stiglitz riportate e dei commenti del Grillo circa gli effeti collaterali dell'aumento del tasso ufficiale.Ritengo, come evidenziato in precedenza, che tali affermazioni siano decisamente inesatte.
Spero vivamente che chi ha scritto queste verità contraddittorie voglia al più presto smentirmi, nell'interesse di chi pensa (tra questi anch'io) che questo blog possa effettivamente essere uno strumento di conoscenza.

Matteo Martinelli 06.12.05 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Quando tanto tempo fa' affrontati l'esame di maturira', fra le materie di esame vi era anche economia politica. Durante il colloquio di economia, fu' affrontato il tema 'inflazione'. Mi sembra di ricordare che gia' allora.. a quei tempi... se i ricordi ventennali non mi tradiscono...si agiva sui tassi ufficiali di sconto da parte delle banche centrali per controllare l'inflazione e mantenere, soprattutto per 'mantenere', la crescita economica. Mi ricordo che ci avevano insegnato che i tassi venivano alzati per limitare la quantita' di denaro in circolazione ed evitare quella che era definita l'inflazione galoppante, negativa per la crescita economica e la crescita sociale.Il ritoccho dei tassi deve, sempre secondo la letteratura economica, tenere fuori tutte le ripercussioni possibili negative che potevavo rallentare crescita economica e quindi la ricchezza sociale.
Oggi, non mi sembra che ci sia tanto denaro in circolazione e tanta ricchezza superflua da giustificare il rialzo, se pur banale dei tassi di sconto. Questo rialzo determinera' solo un ulteriore impoverimento di quelli che direttamente sono ricorsi a finanziamenti e mutui
e indirettamente su tutta la societa' che sara' costretta a subire la spalmatura di quella inflazione strisciante che mai verra' rilevata.Non voglio essere offensivo, ma penso che i dirigenti della BCE farebbero meglio a rileggere qualche trattato di economia.
Forse farebbero meglio a prendere in seria considerazione di riconvertirsi professionalmente, magari mettendo su'un'attivita' di vendita al dettaglio alimentare, tipo lampredotto,... si! si! vendere panini al lampredotto accompagnati da un buon chianti.... cosi' farebbero veramente del bene, due volte del bene! Primo perche' venderebbero qualcosa di appagante, nutriente e quant'altro e poi smetterebbero di fare danno all'umanita'.
Saluti

prucher luciano 06.12.05 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Quando tanto tempo fa' affrontati l'esame di maturira', fra le materie di esame vi era anche economia politica. Durante il colloquio di economia, fu' affrontato il tema 'inflazione'. Mi sembra di ricordare che gia' allora.. a quei tempi... se i ricordi ventennali non mi tradiscono...si agiva sui tassi ufficiali di sconto da parte delle banche centrali per controllare l'inflazione e mantenere, soprattutto per 'mantenere', la crescita economica. Mi ricordo che ci avevano insegnato che i tassi venivano alzati per limitare la quantita' di denaro in circolazione ed evitare quella che era definita l'inflazione galoppante, negativa per la crescita economica e la crescita sociale.Il ritoccho dei tassi deve, sempre secondo la letteratura economica, tenere fuori tutte le ripercussioni possibili negative che potevavo rallentare crescita economica e quindi la ricchezza sociale.
Oggi, non mi sembra che ci sia tanto denaro in circolazione e tanta ricchezza superflua da giustificare il rialzo, se pur banale dei tassi di sconto. Questo rialzo determinera' solo un ulteriore impoverimento di quelli che direttamente sono ricorsi a finanziamenti e mutui
e indirettamente su tutta la societa' che sara' costretta a subire la spalmatura di quella inflazione strisciante che mai verra' rilevata.Non voglio essere offensivo, ma penso che i dirigenti della BCE farebbero meglio a rileggere qualche trattato di economia.
Forse farebbero meglio a prendere in seria considerazione di riconvertirsi professionalmente, magari mettendo su'un'attivita' di vendita al dettaglio alimentare, tipo lampredotto,... si! si! vendere panini al lampredotto accompagnati da un buon chianti.... cosi' farebbero veramente del bene, due volte del bene! Primo perche' venderebbero qualcosa di appagante, nutriente e quant'altro e poi smetterebbero di fare danno all'umanita'.
Saluti

prucher luciano 06.12.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Quando tanto tempo fa' affrontati l'esame di maturira', fra le materie di esame vi era anche economia politica. Durante il colloquio di economia, fu' affrontato il tema 'inflazione'. Mi sembra di ricordare che gia' allora.. a quei tempi... se i ricordi ventennali non mi tradiscono...si agiva sui tassi ufficiali di sconto da parte delle banche centrali per controllare l'inflazione e mantenere, soprattutto per 'mantenere', la crescita economica. Mi ricordo che ci avevano insegnato che i tassi venivano alzati per limitare la quantita' di denaro in circolazione ed evitare quella che era definita l'inflazione galoppante, negativa per la crescita economica e la crescita sociale.Il ritoccho dei tassi deve, sempre secondo la letteratura economica, tenere fuori tutte le ripercussioni possibili negative che potevavo rallentare crescita economica e quindi la ricchezza sociale.
Oggi, non mi sembra che ci sia tanto denaro in circolazione e tanta ricchezza superflua da giustificare il rialzo, se pur banale dei tassi di sconto. Questo rialzo determinera' solo un ulteriore impoverimento di quelli che direttamente sono ricorsi a finanziamenti e mutui
e indirettamente su tutta la societa' che sara' costretta a subire la spalmatura di quella inflazione strisciante che mai verra' rilevata.Non voglio essere offensivo, ma penso che i dirigenti della BCE farebbero meglio a rileggere qualche trattato di economia.
Forse farebbero meglio a prendere in seria considerazione di riconvertirsi professionalmente, magari mettendo su'un'attivita' di vendita al dettaglio alimentare, tipo lampredotto,... si! si! vendere panini al lampredotto accompagnati da un buon chianti.... cosi' farebbero veramente del bene, due volte del bene! Primo perche' venderebbero qualcosa di appagante, nutriente e quant'altro e poi smetterebbero di fare danno all'umanita'.
Saluti

prucher luciano 06.12.05 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Quando tanto tempo fa' affrontati l'esame di maturira', fra le materie di esame vi era anche economia politica. Durante il colloquio di economia, fu' affrontato il tema 'inflazione'. Mi sembra di ricordare che gia' allora.. a quei tempi... se i ricordi ventennali non mi tradiscono...si agiva sui tassi ufficiali di sconto da parte delle banche centrali per controllare l'inflazione e mantenere, soprattutto per 'mantenere', la crescita economica. Mi ricordo che ci avevano insegnato che i tassi venivano alzati per limitare la quantita' di denaro in circolazione ed evitare quella che era definita l'inflazione galoppante, negativa per la crescita economica e la crescita sociale.Il ritoccho dei tassi deve, sempre secondo la letteratura economica, tenere fuori tutte le ripercussioni possibili negative che potevavo rallentare crescita economica e quindi la ricchezza sociale.
Oggi, non mi sembra che ci sia tanto denaro in circolazione e tanta ricchezza superflua da giustificare il rialzo, se pur banale dei tassi di sconto. Questo rialzo determinera' solo un ulteriore impoverimento di quelli che direttamente sono ricorsi a finanziamenti e mutui
e indirettamente su tutta la societa' che sara' costretta a subire la spalmatura di quella inflazione strisciante che mai verra' rilevata.Non voglio essere offensivo, ma penso che i dirigenti della BCE farebbero meglio a rileggere qualche trattato di economia.
Forse farebbero meglio a prendere in seria considerazione di riconvertirsi professionalmente, magari mettendo su'un'attivita' di vendita al dettaglio alimentare, tipo lampredotto,... si! si! vendere panini al lampredotto accompagnati da un buon chianti.... cosi' farebbero veramente del bene, due volte del bene! Primo perche' venderebbero qualcosa di appagante, nutriente e quant'altro e poi smetterebbero di fare danno all'umanita'.
Saluti

prucher luciano 06.12.05 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Volevo solo ringraziarti infinitamente, per le Controinformazioni che ci dai quotidianamente....GRAZIE INFINITAMENTE!!!

Milva Capacci 06.12.05 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Forse intendi dire dittatura basata sulla "daneistocrazia"?
Chiarisciti meglio le idee su:

www.sovranitamonetaria.org

Alfredo Merlo 05.12.05 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Grande Francesco Russo

Condivido al 100% la tua analisi

Quella roba li, io la definisco Dittatura basata sulla 'Democrazia'.

Giacomo Cusato 04.12.05 18:36| 
 |
Rispondi al commento

...solo per rendere "leggibile" l'indirizzo citato da Francesco:

http://www.sovranitamonetaria.org

Saluti. Gianfranco

Gianfranco Florio 04.12.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sto cercando di fondare un movimento di laureati italiani che si ribelli alle ingiustizie di un sistema che penalizza sempre di più coloro che hanno studiato. Tra stage, finti Master costosissimi, dottorati infiniti, tagli alla ricerca, la vita dei laureati italiani diventa insostenibile e molti sono costretti ad emigrare, se volete aderire al movimento scrivete sul forum che ho creato:
http://www.freeforumzone.com/viewforum.aspx?f=78497
Vi ringrazio


Gli Stati Nazionali piuttosto che emettere da sé e far circolare tutta la valuta e il credito necessari a soddisfare il potere di spesa del Governo per lo sviluppo del paese e il potere d'acquisto dei consumatori, si occupano per conto dei banchieri di espropriare i cittadini del proprio reddito e patrimonio, tassandoli per pagare un "debito pubblico" fittizio e inestinguibile che nasce dall'uso della moneta-debito, inventato ad uso e consumo dei banchieri e che serve loro a mantenere il potere, prosciugando le ricchezze produttive di una nazione dopo l'altra, mantenendone i popoli in schiavitù, esercitando con il loro potere condizionamenti e pressioni su governi di ogni regime politico, con il dominio dell'intera economia produttiva attraverso la regolazione del credito e la monetizzazione del debito ed, in particolare, esercitando il controllo sui mezzi di informazione di massa al fine di evitare che le masse diventino consapevoli delle tecniche e dei meccanismi bancari che sono stati architettati nel corso degli anni per la confisca occulta delle ricchezze e patrimonio dei cittadini e degli Stati:

francesco russo 03.12.05 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Grazie gianfranco i link sono molto interessanti.. per questo vorrei riportare la pagina iniziale di uno di questi, sperando di non fare cosa sgradita al sito(ma non credo proprio):
>>
La GRANDE TRUFFA delle DANEISTOCRAZIE(*)
Il dominio dei prestatori di denaro
Qui si spiega come con l'usura a grande scala delle Banche Centrali private e organizzazioni bancarie mondiali private (IMF, World Bank) il popolo è ridotto in schiavitù attraverso l'uso della moneta-debito cartacea (non coperta da alcun bene reale se non dal lavoro di chi la riconosce e l'accetta) creata dai banchieri attraverso la pura e semplice stampa e data in prestito da queste banche di privati agli Stati Nazionali con un interesse a scelta insindacabile dei banchieri e nella quantità che a loro aggrada maggiormente non per il costo di stampa ma per il valore facciale soprascritto.
seg>>

Francesco Russo 03.12.05 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Beppe hai conosciuto Joseph Stiglitz?Io adoro quell'uomo...ho letto alcuni suoi libri e lo seguo da un pezzo...che grande!!!

Roberta Simonetti 02.12.05 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Non so come se la passi il buon Stiglitz e se le sue parole siano state correttamente riportate (il vino incombe) ma a rischio di sembrare saccente voglio precisare che il debito italiano NON beneficierà affatto di un rialzo dei tassi, anzi..Non è necessario essere laureati per sapere che se ho un debito e il tasso di interesse di riferimento viene aumentato la situazione peggiora e come (idem per i mutui a tasso variabile).Per quanto concerne gli investimenti, l'eventuale rialzo dei tassi provoca sicuramente un aumento degli investimenti di natura finanziaria(bot, obbligazioni ecc..) perchè diventano più remunerativi e, aimè una diminuzione di quelli 'operativi' sostenuti dalle imprese attraverso l'indebitamento che diverrà piu costoso.

matteo martinelli 02.12.05 17:49| 
 |
Rispondi al commento

ogi il costo del denaro è aumentato di più del 2%. significa che il costo del lavoro, per i grandi imprenditori che possono tranquillamente automodificarsi lo stipendio quando vogliono in base a inflazione e ogni altro cavolo è diminuito.
Accuso una tecnologia che non è a misura d'uomo. Acusso una tecnologia che invece di adattarsi a noi, pretende che noi ci adattiamo a lei. stiamo finendo in un futuro da Terminator o da Matrix se si continua in modo così squallido.

Bande ADSL sempre più veloci, modi per comunicare sempre più immediati.
Se prima in un ora, con un modem 56 k si potevano mandare al massimo una decina di mail, ora in un'ora se ne possono mandare A DECINE.

e il dipendente? viene pegato lo stesso salario a ora.
Ci stiamo autodistruggendo, e i signori dal doppio petto grigi gongolano per quanto poco gli costa ora la produzione in catene di montaggio cinesi della loro robetta e la gestione nelle catene di montaggio telematiche che si sono create in europa oggigiorno.

arthur zanoni 02.12.05 10:42| 
 |
Rispondi al commento

ma....veramente mi sembra che si stia facendo un po di confusione su 'sta cosa dei tassi di interesse.

1. era giusto alzarli per contrastare la bolla immobiliare (anche se in italia i tg non ne parlano). Il meccanismo è semplice: se prendere a prestito i soldi costa di più, la gente prende meno mutui, soprattutto a fini seculativi e il prezzo delle case rallenta e, forse, anche gli affitti. E' in atto ormai da anni un'ondata speculativa sulle case impressionante (vedi ricucci & co).....ora anche la BCE se ne è preoccupata perchè se dovesse "implodere" la bolla sarebbe un bel casino (secondo l'economist è la più grossa della storia). Non ho tempo per dilungarmi a spiegare il perchè, ma pensate a cosa accadrebbe se improvvisamente un sacco di soldi che esistono solo virtualmente...scomparissero dal mercato mondiale!! cioè, a rimetterci direttamente non sarei certamente io che una casa non ce l'ho, ma le conseguenze negative le avvertiremmo tutti (pensate al fenomeno new economy, ma molto molto più grosso). Ovviamente il problema "a monte" risiede nel distacco assoluto tra la economia reale e finanziaria (che produce solo ricchezza vituale grazie a speculazioni e solo per i soliti noti....è il Potere che si rafforza e si rigenera) , ma in questo momento era comunque opportuno ridurre i tassi per affrontare questa emergenza e tentare "un atterraggio morbido".....comunque anche Internazionale ha pubblicato begli articoli sulla faccenda.

2. non è mica vero che il governo italiano ci guadagna....anzi: se aumentano i tassi di interesse aumenta tantissimo la spesa per gli interessi sul debito e cresce anche il volume stesso del debito pubblico....cioè non è affatto una buona notizia nè per questo governo nè per il futuro....

scusate, ho fretta

Enzo Valentini 01.12.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Francesco Russo!
Insieme all'esortazione giusta, nonché improcastinabile, ad attivarsi per contrastare il lavoro DISTRUTTIVO svolto dai camerieri dei banchieri (leggi: quasi tutti i politici visto che solo pochissimi di loro hanno avuto il coraggio di sollevare la questione della grande usura bancaria fondata sul signoraggio), HAI GIUSTAMENTE SEGNALATO UN'OTTIMA FONTE DI INFORMAZIONI per capire fino in fondo che "BESTIA" abbiamo di fronte!

( http://digilander.libero.it/afimo/all_insaputa_del_popolo_sovrano.htm )

Alla tua segnalazione aggiungo:

http://www.centrostudimonetari.org/
http://www.sovranitamonetaria.org/

Uno più interessante dell'altro.

Allora, che facciamo?
Ciao. Gianfranco

Gianfranco Florio 01.12.05 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Rimango di sasso davanti alla notizia di ieri sera data alla TV: Sarà possibile per le persone ultrasessantacinquenni ottenere prestiti milionari che, se non estinti dal richiedente stesso, verranno automaticamente rimandati agli eredi.
Con tutto il rispetto per le persone anziane, sembra l'ennesima presa per i fondelli, in un economia zombie come la nostra, dove continuano a coinvolgere i cittadini in questa folle strategia che ci vuole a tutti i costi complici ed indebitati per l'eternità !

E si continuano a stampare pezzi di carta..

Giacomo Cusato 01.12.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi!cavolo! dobbiamo far qualcosa..dobbiamo fare noi le leggi,abbiamo eletto i nostri rappresentanti,di destra o di sinistra che siano,ma questi anzichè fare quel che si deve fare,cioè i nostri interessi, della collettività intendo, fanno gli interessi di pochi, sono solamente i CAMERIERI DEI BANCHIERI, e son protteti dalla potente borghesia,noo non parlo di quelli che hanno delle piccole aziende o ristoranti o cose del genere, ma di quella piccolissima percentuale di persone che detiene la maggiorparte,60-70%, della produzione mondiale e dei mezzi di produzione, che comanda guerre e lavoro, economia e poltici. Perfino la dichiarazione d'indipendenza americana ammette come lecita la rivoluzione contre i governanti quando coloro cessano di essere al servizio dei cittadini ammettendo soprusi verso popolo e difendendo l'illegalità nei piani che contano.
Cacciamo via dal parlamento e dal governo quei pagliacci-camerieri, tutti dico ma TUTTI, non son degni di stare lì, non son degni neppure di raccogliere la merda del mio cane, stanno lì dove sono e fanno quel che dall'alto gli chiedono di fare solamente per poter fare i loro porci comodi, cazzo ma una coscienza non ce l'hanno? le cose stanno così, o aspettiamo che accadono crisi come quella argentina o messicana(e con il "pseudo-benessere" e "torpore mentale" in cui viviamo non so proprio come finirebbero, e come finiremmo), o aspettiamo che ci mandino in guerra sotto la nostra "bella" bandiera europea con un "bell' esercito unico di pace(eh eh)" contro i 700 MILIONI DI CINESI abili alle armi(che nel mio modesto parere ci farebbero un culo così!) per fare gli interessi di quei pochi che comandano tutto e tutti..compresi i politici! OPPURE proviamo a cambiare qualcosa ora, proveremo con la legge in mano, proveremo coi cortei e con le manifestazioni, coi referendum, e se non bastasse...con la lotta armata!!

http://digilander.libero.it/afimo/

http://digilander.libero.it/afimo/all_insaputa_del_popolo_sovrano.htm

francesco russo 01.12.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Non so se cio' che sto per scrivere sia inerente, ma leggo di "disoccupati europei". Ebbene....a 33 anni (quasi 34) con una laurea e un master conseguito in Italia mi ritrovo disoccupato da 6 mesi, avendo avuto la brillante idea a maggio di lasciare la mia vecchia azienda per fare altre esperienze lavorative. Risultato: da maggio ad oggi ho lavorato 10gg "grazie" alle agenzie di lavoro interinale(sarebbe interessante aprire un forum sul loro operato). Morale: sto maturando l'idea di trasferirmi a Londra, non ne posso piu' del sistema economico italiano

Lorenzo de Sanctis 01.12.05 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Quindi lo Stato può emettere moneta a corso legale trattenendosi il Signoraggio, il problema è che ci sono delle forti pressioni per far sì che questo non accada, e infatti oggi allo Stato rimane solamente il Signoraggio sulla emissione delle monetine metalliche (meno dell'1% del Signoraggio totale), e che in certi casi risulta essere negativo (stampare la monetina da 1 centesimo costa 3 centesimi!).
In America diversi ricercatori investigativi sostengono che almeno sette presidenti americani sono stati assassinati proprio per una questione monetaria. I due più famosi sono Abramo Lincoln e John F. Kennedy.JFK il 4 giugno 1963 ordinò l'emissione (Ordine Esecutivo nr.11110) da parte del Ministero del Tesoro di oltre 4 miliardi di dollari con banconote che recavano la scritta "United States Note" invece di "Federal Reserve Note". Casualmente dopo pochi mesi Kennedy fu eliminato e la prima cosa che fece il suo successore, sempre casualmente, fu di ritirare dalla circolazione quei dollari del "popolo" sostituendoli con quelli "privati" della Federal Reserve! Addirittura la Federal Reserve non sarebbe neanche una società americana visto che é registrata a Porto Rico!
Fonte:
http://www.cronologia.it/biogra2/moneta.htm

Massimiliano Farina 30.11.05 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Meno male che la popolazione non capisce il nostro sistema bancario e monetario, perché se lo capisse, credo che prima di domani scoppierebbe una rivoluzione( Henry Ford ).
Il Signoraggio è una "truffa" colossale. Un illecito vero e proprio che viene operato sistematicamente dalla Banca Centrale Europea, la quale lo definisce "Servizio di tesoreria dello Stato". In pratica il Signoraggio è la differenza di valore tra i costi tipografici spesi effettivamente per stampare ed emettere carta-moneta e il valore di facciata, cioè il valore numerico scritto sulla banconota stessa!La Banca stampa le monete e invece di cederle al popolo sovrano dell'Unione Europea lo affitta al VALORE DI FACCIATA più un interesse annuo denominato "tasso di sconto". In questo modo una banconota da 100 euro che potrebbe essere ceduta allo Stato a 0,05 euro viene a costare alla comunità 102,5 euro. Più del valore di facciata!Il Signoraggio è il potere del Signore di emettere biglietti con un valore nominale ampiamente superiore al valore intrinseco e quindi di ricavare un guadagno dalla sovranità sulla moeta.
Nel momento in cui la Banca Centrale Europa che stampa la moneta, compra delle cose utilizzando questa moneta che a lei è costata pochissimo, ottiene un potere d'acquisto unico.
Non solo, la Banca Centrale che stampa ufficialmente la moneta a prezzo irrisorio, mette nel bilancio PASSIVO non il costo tipografico sostenuto realmente (carta e colori) ma bensì il valore numerico scritto sulle monete. Il Signoraggio per tanto diventa un PASSIVO per la banca, perciò non è tassabile e viene evaso dal fisco!!! Nel passato ci sono stati dei tentativi in cui lo Stato ha stampato ed emesso moneta, per esempio la banconota di carta da 500 lire sopra non portava la scritta Banca d'Italia ma "Biglietto di Stato a corso legale".
Fonte:
http://www.cronologia.it/biogra2/moneta.htm

Massimiliano Farina 30.11.05 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Notizia di ieri: l'OCSE ha vivamente consigliato a Trichet di non alzare i tassi d'interesse dato l'attuale stato in cui versa l'economia europea.
Sortirà qualche effetto? Capisco che finchè lo dicevano Grillo e i suoi bloggers poteva lasciare il tempo che trovava, ma ora...

Silvio Caligiuri 30.11.05 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Beh...due giorni fa TG5 ha esordito dicendo: "Gli italiani hanno un nuovo amore! L'acquisto a rate"... Secondo Rossella&Co. ci berremo la barzelletta che l'italiano medio acquista a rate perchè si è innamorato di questo sistema di pagamento...Fate voi....

sonia scarola 30.11.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Sono felice e anche un po' stupito di vedere che comunque ci son "tante" persone che s'informano e conoscono le VERE problematiche della moneta. Poi, a parte vari complotti mondiali, vedi NewWorldOrder, verosimili o meno, comunque quel che è ora è sotto gli occhi di tutti e se un complotto esista o meno ciò non cambia il fatto che le cose sono come sono, e non vanno bene! Dobbiamo prendere coscienza del fatto che siamo schiavizzati...che il denaro è solamente un "metro" di misura del lavoro...quello VERO intendo, mica quei miliardi di lavori inutili di carte e balle varie. Mah...c'è ancora tanta strada da fare.. ma son ancora convinto che le cose si possano cambiare con la "carta bollata", anche perchè ancora mancano gli elementi per una rivoluzione...arriveranno presto(vedi la crescita indo-cinese).. ma perchè aspettare? che quegli 87 euro siano la nostra bandiera!!!!!

francesco russo 30.11.05 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Salve, ho saputo proprio una notizia: la Banca d'Italia è stata condannata a pagare 87 euro ad ogni cittadino italiano, anche minorenne, per questioni legate al signoraggio risalenti al periodo del passaggio dalla lira all'euro. La presentazione della domanda di richiesta del rimborso scade domani e la si fa tramite raccomandata indirizzata alla Banca d'Italia. chi non l'ha presentata ancora si affretti!!!
maggiori info sul sito dell'adusbef.
ciao

Anna Lucia Franco 29.11.05 20:14| 
 |
Rispondi al commento

PER CARLO FIASCHETTI:Stai sicuro che nel caso tu avessi ottenuto il lavoro,Berlusconi avrebbe detto che gli occupati erano stati unmilione e 501.

Filippo Nicolosi 29.11.05 16:05| 
 |
Rispondi al commento

LE CONDIZIONI CONTRATTUALI CAPESTRO DELLA ADSL DI TELE 2

“il Cliente avrà la facoltà di recedere in ogni momento con preavviso di 30 giorni da comunicare a TELE2”

però......

1) Se recedi prima della scadenza naturale del contratto ti devi pagare lo stesso tutti i 12 mesi del canone della ADSL: - “tutti i corrispettivi di cui all’art. 15 (ivi inclusi gli eventuali canoni per il noleggio del modem) dovuti fino alla scadenza della Durata prevista e/o prescelta dal Cliente”

2)Ti devi pagare pure il canone di noleggio del modem, anche se nel frattempo si rompe !!

3) Devi rendergli a spese tue il modem che avevi a noleggio (corriere espresso 60 euro) e se non glielo mandi ti addebitano la bellezza di 69 euro: - “la cessazione, per qualsiasi motivo, delle presenti condizioni generali determina l’obbligo del Cliente di restituire a TELE2, entro 30 giorni dal momento in cui la cessazione divenga efficace, il dispositivo e gli eventuali accessori a proprie spese. In caso di mancata restituzione, trascorsi 90 giorni dalla cessazione delle presenti condizioni generali, nonché in caso di restituzione di dispositivi danneggiati, il Cliente dovrà corrispondere a TELE2 una penale pari a € 69”.


“Alla scadenza della Durata prescelta dal Cliente, le presenti condizioni generali si intenderanno tacitamente rinnovate alle medesime condizioni per periodi, di volta in volta, di durata pari ad un anno, salvo che una delle parti non comunichi all’altra la propria disdetta almeno 60 giorni prima della scadenza”.


TRADUZIONE: PUOI RECEDERE QUANDO VUOI CON 30 GIORNI DI PREAVVISO, MA TI PAGHI TUTTE LE SPESE DI UN ANNO DI CONTRATO oppure DEVI DARE DISDETTA 60 GIORNI PRIMA DELLA SCADENZA ANNUALE, ALTRIMENTI IL CONTRATO SI RINNOVA AUTOMATICAMENTE DI UN ALTRO ANNO ALLE MEDESIME CONDIZIONI ! !!!

cESARE pIRI 29.11.05 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Ecco come un'articolo sui piselli modificati riportato in questo sito ,molto serio ed importante puo' diventare "ridicolo" con quelle frasi finali di ..esportazione di persone del governo etc etc.Che ci fa riflettere sulla serieta' dell'articoo stesso.Ma chi lo scrive non si rende conto?? La stupidita' umana e'..infinita.

Filippo Nicolosi 29.11.05 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Perchè il sistema dominante elabora un "Modello Danese" (vedi post precedente)?

In un mondo dove TUTTA la moneta che entra in circolazione è caricata di interessi (composti), se non aumentano le persone/aziende/governi disposti ad indebitarsi ulteriormente attraverso i cosìdetti "finanziamenti" (di altra moneta caricata di interessi...) per estrarre profitti economici in una massa monetaria che tende a non crescere o peggio a diminuire o peggio ancora a crescere ma nelle mani di pochi, la soluzione è PAGARE DI MENO I PRODUTTORI, I LAVORATORI, LE MATERIE PRIME!!!

Il problema occupazionale e quello della diseguale distribuzione della ricchezza si risolvono riportando l'emissione della moneta nelle prerogative degli Stati Sovrani, per nome e per conto dei Popoli.

Tutto il resto serve ad ingrassare i soliti pochi a discapito delle masse.

Saluti. Gianfranco Florio

Gianfranco Florio 29.11.05 15:45| 
 |
Rispondi al commento

per tutti gli animalisti del blog, andate a visitare un sito della lav (lega anti vivisezione) www.nonlosapevo.it c'è una petizione da scricare e firmare per fermare le importazioni dalla cina di pellicce animali (cani e gatti) purtroppo vedrete delle cose che non potrete mai più dimenticare e me ne scuso!
non possiamo pù dormirci sopra.
marta

marta marcolini 29.11.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento

italiani... INSALATA RUSSA AL KETCHUP!!!


Prodi abbraccia la licenziabilità: "Sì al modello danese"
Prodi, nel suo discorso, abbraccia anche la proposta dell'economista liberale Francesco Giavazzi, che in un editoriale sul Corriere della Sera proponeva in 5 punti una profonda riforma del mercato del lavoro. In pratica si tratta di seguire l'esempio di Copenaghen, dove è entrata in vigore da qualche anno una normativa che permette alle aziende di licenziare i dipendenti senza alcuna possibilità da parte di questi ultimi di appellarsi in Tribunale. I disoccupati, però, ricevono per anni un corposo sussidio (fino all'80%) e non possono rifiutare i lavori proposti dall'ente di collocamento. Giavazzi aveva chiesto ai vari schieramenti chi si sentiva in grado di accogliere questo progetto. Che prevede, oltre la licenziabilità, anche l'abolizione degli ordini professionali, privatizzazioni corpose, una riforma radicale di università e Bankitalia. "Certo che rispondo sì alle sue domande - ha affermato il Professore - perché l'Italia così non va più avanti. Cosi' c'è davvero quel declino che e' maliziosamente descritto dall'Economist. Ciò che non è condivisibile nella descrizione dell'Economist è che quello dell'Italia sia un declino fatale. Il declino c'è ma noi possiamo invertirlo. Questo è il nostro compito".

Theo Andry 29.11.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a Massimiliano Farina che ha postato informazioni sul "Nuovo Ordine Mondiale", essenziali per comprendere perché l'umanità è attualmente divisa in dominanti (una minoranza); dominati che non sanno di esserlo (la maggioranza); dominati che non sono più schiavi perché sanno (una seconda minoranza, ancora).
Aggiungo che il signoraggio (valore nominale meno il costo di stampa; vero sia per la moneta cartacea che per quella scritturale) che si accaparra il sistema bancario sulla creazione dal nulla della moneta E' LO STRUMENTO OPERATIVO per la realizzazione del predetto "Nuovo Ordione Mondiale".

Ci spiace per gli ingenui che non si accorgono della realtà nemmeno quando gli "brucia" la pelle!
Leggere:

Hitler ha vinto la guerra (di W. Graziano)
Schiavi delle banche (di M. Blondet)
Nuovo Ordine Mondiale (di M. Pamio)
Euroschiavi (di M. Della Luna / A. Miclavez)

Auguri! Gianfranco Florio

Gianfranco Florio 29.11.05 13:57| 
 |
Rispondi al commento

GRANDE BEPPE, però ad onor del vero la lista era già presente sul sito di Di Pietro, onore al merito per averla veicolata in questo modo.
Mi piacerebbe che si affrontasse il muro di gomma contro il quale quotidianamente noi cittadini andiamo a cozzare "la BUROCRAZIA"

gianni gismondi 29.11.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

vorei sapere quanto spende la Nestle' in pubblicita' sulle reti mediaset. Forse capirei meglio perche' i bambini hanno dovuto bere il latte contaminato

saluto

silvio antognozzi 29.11.05 11:50| 
 |
Rispondi al commento

caro "giuseppe parlante" leggi "collasso" di J. Diamond appena uscito.
ti voglio bene. d
ps: hai visto blob del 29 u s.? Diliberto (C.I.) ha detto che Berlusca è una vergogna per l'Italia e per gli italiani perchè ha fatto le corna in occasione di un G8...

domenico zingaro 29.11.05 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
Attento a scagliarti in modo così veemente contro gli OGM, magari pure io storgo un pò la bocca quando se ne parla pero bisogna riconoscere che, a parte il caso dei piselli che hai commenteto, fino ad ora bisogna riconoscere che la scienza non li ha condannati, inoltre ad essere sinceri cose dannose esistono anche nelle cosiddette colture normali, anzi, con tutti i veleni e pesticidi che hanno addosso credi davvero che siano meno dannosi degli OGM?
Non ci dimentichiamo che molti prodotti, come esempio agli e cipolle, che noi usiamo vengono dalla Cina e quelle colture te le raccomando...
Sono invece d'accordo con te sui politici nel parlamento geneticamente modificati, ma quelli purtroppo sono quasi tutti !

MAURO SCATENA 29.11.05 08:49| 
 |
Rispondi al commento

MANDARE VIA FAZIO? ECCO PERCHE' NON CI SI RIESCE.
Il n. 01 del 4 gennaio 2004 di "Famiglia Cristiana", riporta alla pag. 22 l'elenco dei soci di Bankitalia con le relative percentuali di interesse:
Anche se sorprendentemente l’elenco dei suoi azionisti è riservato..."Ci ha pensato un dossier di Ricerche & Studi di Mediobanca, diretta da Fulvio Coltorti, a scoprire quasi tutti i proprietari della Banca d’Italia. Spulciando i bilanci di banche, assicurazioni eccetera, ha annotato le quote che segnalavano una partecipazione nel capitale della Banca d’Italia. Così il ricercatore è riuscito a ricostruire gran parte dell’azionariato della nostra massima istituzione finanziaria. Come si può notare, tre banche da sole "controllano" la Banca d’Italia (da R & S, Ricerche & Studi di Mediobanca, 2003, pag. 1.149)".

Ecco l’elenco dei padroni di Bankitalia con le rispettive percentuali di azioni.
SOCI E PROPRIETARI DELLA BANCA CENTRALE D’ITALIA:
Gruppo Intesa (27,2%)
INPS (5%)
Gruppo San Paolo (17,23%)
Banca Carige (3,96%)
Gruppo Capitalia (11,15%)
BNL (2,83%)
Gruppo Unicredito (10,97%)
Gruppo La Fondiaria (2%)
Assicurazioni Generali (6,33%)
Gruppo Premafin (2%)
Monte dei Paschi Siena (2,50%)
C. Risparmio Firenze (1,85%)
RAS (1,33%)
Anonimi (5,65%)
Tre banche da sole “controllano” con il 55,58% la Banca d’Italia: Intesa (27,2%), San Paolo (17,23%) e Capitalia (11,15%). Rimane un 5,65% nelle mani di anonimi…
La Banca Centrale Europea (BCE) è ufficialmente di proprietà delle banche centrali degli stati che ne fanno parte.
Siccome le banche centrali sono controllate da società private, di conseguenza anche la BCE è una società privata.
SOCI E PROPRIETARI DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA:
Banca del Belgio (2,83%)
Banca Danimarca (1,72%)
Banca della Germania (23,40%)
Banca della Grecia (2,16%)
Banca della Spagna (8,78%)
Banca della Francia (16,52%)
Banca d’Irlanda (1,03%)
Banca d'Italia (14,57%)
...
www.cronologia.it/biogra2/moneta.htm

Massimiliano Farina 29.11.05 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Era una bruttissima giornata di Novembre,il 22 per l'esattezza. Mi trovavo a Monaco "In Germany" per lavoro. Opero nel settore automobilstico,e come di consueto andavo a scegliere alcune auto per poi portarle in Itay....Ma,voglio ricordarvi che,quella giornata fu veramente bruttissima! Da circa otto mesi mi trovo nell'occchio del ciclone...vigili,carabinieri,polizia,finanza(per ben due volte)ed in fine la stradale(che non mi da tregua)senza mai trovare nulla alla quale potersi appellare dato che sono un onesto cittadino che paga saporitamente le tassa e l'Iva. "Sono forse gli Dei che, in qesto periodo mi sono ostili, o forse c'é qualcuno di ben più vicino a me,a non volermi particolarmente bene,e chi soprattutto?".Oh mio caro Grillo,potrò mai sapere chi si trova a capo di tutto questo,e in quale modo? In quella giornata al mio negozio è accaduto l'impossibile: 4 pattuglie si sono presentate chidendo a mia madre,la sola in quella giornata,di favorirgli l'intera documentazione inerente alla vendita degli autoveicoli.Sulla mia proprietà adiacente al negozio "negli spazi delimitati al parcheggio delle auto" si trovavano 4 macchine(di mia proprietà in vendita)che mi sono state sequestrate,con la giunta di €700 per ciascuna per un totale di €2.800,00 poichè accusate desser prive di assicurazione. Nonostante le stesse fossero,ripeto,nella mia proprità le avrei dovute anche recintare!? Quando già in parte quel percheggio è recintato, poichè è bene sottolineare che la costruzione coprende sia un negozio di articoli sportivi(anch'esso di mia proprietà),sia la vendita delle autovetture,con unica entrata.Per muovere tutte le auto sono in possesso di 1 targa prova assicurata più del dovuto,con questo non serve che io le assicuri tutte...diversamente le concessionarie di tutto il paese sarebbero chiuse! Cosa posso fare? Attendo umilmente tue notizie,dato che ne sai una più del diavolo, e di te ho fiducia!!!

tiberio tommasi 28.11.05 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Avete mai fatto caso a quel singolare disegno che figura sul dorso dei biglietti americani da un dollaro? E’ denominato "The Great Seals" e si compone da una Piramide tronca sul cui vertice figura un triangolo con dentro un occhio. Tutt’intorno è scritto "Annuit Coeptis" e "Novus Ordo Seclorum". 72 mattoni formano la Piramide, disposti su 13 livelli. E’ il simbolo degli Illuminati e fu "stampato sul dollaro per ordine del Presidente Roosevelt massone del 32esimo grado".
Sotto la piramide l'iscrizione "Novus ordum seclorum" significa, infatti, "Nuovo ordine mondiale". La data MDCCLXXVI (1776), inscritta alla base della piramide, è l'anno in cui Jean Adam Weishaupt fondò l'Ordine degli Illuminati. Del perché la banconota americana sia così pregna di simbolismi esoterici è presto detto: l'uso del potere finanziario per la realizzazione del grande complotto è uno dei metodi utilizzati dagli Illuminati.
La proposta di stampare il suggello degli Illuminati sul dollaro americano" scrive Barry R. Smith nel suo libro "Warning" a pag. 83 "fu fatta dai presidenti Benjamin Franklin, John Adams e Thomas Jefferson. Quest'ultimo era un Illuminato. Ma il suggello fu stampato sul dollaro nell'anno 1933 per ordine del Presidente Roosvelt.
"Council for Foreign Relations". Esso è un organismo che ha lo scopo, tra gli altri, di unire il Giappone, il Canada, gli Stati Uniti e i Paesi del Mercato Comune Europeo in un solo governo. É finanziato da gruppi della Secret Fraternity bancaria internazionale.
Il C.F.R. ha come obiettivo primario di arrivare a controllare, tramite la finanza, l'economia e la politica di tutti i paesi del mondo. Leggete a tal proposito, quanto Paul Scott, cronista del Washington Post, scriveva di un noto personaggio politico membro del C.F.R.: "Kissinger crede che controllando gli alimenti si può controllare il popolo e controllando l'energia, il petrolio, si possono controllare le nazioni e i loro sistemi finanziari.
www.menphis75.com/dollaro_esoterico.htm

Massimiliano Farina 28.11.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

Massiliano farina ma che balle vai dicendo.Ma chi ti inculca queste cose nel cervello,quali fonti? Nemmeno il piu' sfegatato comunista finora si era spinto a questo punto nel dire falsita' inventate di sana pianta allo scopo di cosa? far presa su gente ingenua alla quale si puo' dire impunentemente tutto e di tutto.

Filippo Nicolosi 28.11.05 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Chiedevo a Grillo,a proposito della lettera che secondo lui ognuno di noi dovrebbe mandare a Ciampi, quale battaglia i nostri soldati hanno combattuto in Iraq. I nostri soldati hanno aiutato una popolazione che ha subito angherie per anni da parte di Saddam ed del suo enturage,gasandoli,imprigionandoli e assassinandoli.Quello che duole di piu' e' che alcuni nostri soldati sono stati vittime di questi assassini e soprattutto il loro sacrificio non molto apprezzato da parte dei soliti noti,dal momento che da costoro si richiede il ritiro imediato.Per favore Grillo non cassare come hai fatto poco fa.

Filippo Nicolosi 28.11.05 21:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il futuro mi preoccupa un po' con questa gente. Leggi un po' in questo sito.

http://www.menphis75.com/dollaro_esoterico.htm

In particola questa cosa qui ...
E scrive bene Giulio Setti sul n. 15 della rivista "Oltre" (Agosto 1997), quando asserisce che scopo finale del "Governo occulto", "che avrebbe avuto tra le sue fila, personaggi di spicco come Margareth Thatcher, George Bush, Ronald Reagan e quasi tutti i direttori della Cia, sarebbe provocare una crisi economina su tutto il pianeta… e sostituire tutti i governi con un Nuovo Ordine Mondiale, retto da una Sinarchia, cioè da un governo unico composto da banchieri ed economisti".

http://www.menphis75.com/dollaro_esoterico.htm

Massimiliano farina 28.11.05 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Intendo rispondere al "blogger" Carlo Fiaschetti, che ha postato un commento prima di me nella sezione Economia. In realtà, il tasso di disoccupazione si calcola rapportando i cittandini IN CERCA DI LAVORO al totale della popolazione in età lavorativa. Il tasso di disoccupazione, come dice il Portatore Nano, si è anche ridotto, ma non perchè è aumentata l'occupazione, bensì perchè tantissimi disoccupati hanno smesso di cercare lavoro (hanno gettato la spugna), soprattuttio giovani che hanno deciso di stare a casa con mammà, visto che: a) farsi una famiglia è impresa impossibile; b) lavoro, quando c'è, paga da fame!
Questa è la mezza informazione di cui parla il mitico Beppe Grillo!!!

Pasquale Barrella 28.11.05 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Prego chi di dovere di dare pieno ascolto al Premio Nobel per l'Economia J. Stiglitz! Studio economia generale alla Federico II di Napoli ed è SCANDALOSO udire dalla bocca di uno che ne dovrebbe capire, di economia, come il gov. della BCE Trichert, che l'aumento dei tassi d'interesse favoriscano l'occupazione!!! L'aumento dei tassi, da parte delle Banche Centrali, Macroeconomia insegna, corrisponde ad una (così si chiama) "politica monetaria restrittiva", che, favorendo l'ingresso di valuta estera attraverso i mercati finanziari, rafforza la moneta interna rispetto a quelle estere, SFAVORENDO, di conseguenza, le esportazioni. Questo processo tende inevitabilmente a ridurre l'occupazione (ad aumentare il tasso di disoccupazione). In Europa il tasso di disoccupazione non è proprio bassissimo... In più, sappiamo che la valuta cinese è ancorata al Dollaro. Rafforzare l'Euro nei confronti del Dollaro corrisponde a favorire le importazioni dalla Cina, sfavorendo le esportazioni Europee verso il Paese asiatico. E poi vogliamo combattere la concorrenza cinese... SONO ALTRI I METODI PER FARLO!!! E poi, qui, si avrebbe bisogno di un aumento dell'occupazione, evenutalmente RIDUCENDO i tassi della BCE!!! E poi, se vogliamo ridurre la disoccupazione, in Italia, il governo potrebbe, ad esempio eliminare alcune delle più INGIUSTE tariffe statali, quali ad esempio il TICKET negli ospedali (seguendo i consigli di un certo Gino Strada). I cittadini già pagano le imposte dirette!!! Una riduzione delle spese per i cittadini favorisce l'occupazione per lo stesso motivo per cui l'aumento dei tassi di interesse la sfavoriscono. Basta guardare al modello IS-LM (gli economisti capiranno). In più si potrebbe ridurre il c.d. "cuneo fiscale" LIBERALIZZANDO il sistema previdenziale. Liberare i contribuenti dal racket dell'INPS e lasciare che si scelgano la forma previdenziale che prediligono. Foss'anche per un riflesso psicologico, sono convinto che mosse così aiutino nuove assunzioni (stabili)

Pasquale Barrella 28.11.05 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!
Ho ascoltato ieri il nostro nano del consiglio il quale asseriva che il suo governo ha incrementato un milione e mezzo di poosti di lavoro!!!!
La più grande balla che poteva dire insieme a quella dell'arresto di più di duecento terroristi(4 in tutto!!!).Ma dove cazzo vive questo!!!!!!!!
ma non si vergogna un poco delle fesserie che dice?
Io sono disoccupato dal 2003 e mi mancavano 2 anni e mezzo per coprire i 35 di contributi minimi per avere la pensione a 57 anni nel 2008.
Come me ce ne sono a migliaia che non sono ne carne e ne pesce!ma a quanto pare di noi al nano non jemporta 'n cazzo!! come dicono a quì a Roma.
Ci sono ditte e fabbriche che ogni giorno chiudono i battenti mandando a casa un mare di operai e impiegati e questo ci continua a prenderci per il culo,ma possibile che nessuno lo controbbatte mai con dati e cifre alla mano?
Grazie e scusami tanto ciao Carlo'51

carlo fiaschetti 28.11.05 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Tornando al discorso sul co.co.pro: non so nel resto del paese, ma qui è difficile anche avere un co.co.pro. Perciò chi adesso è relativamente libero, cioè non è ricattatto dal datore di lavoro, (chi non lavora, e siamo milioni), cominci la lotta!!!!sveglia!!lottiamo, troviamo il modo per ottenere i diritti: non dimentichiamo che la liberazione dell'India è partita da un solo uomo; E sono convinta che se un solo uomo non può cambiare il presente può però cambiare il futuro!!! Un bacio a tutti e un GRAZIE al nostro ospite per il suo coraggio!!!!

paola manca 28.11.05 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Gent.mo Bebbe Grillo,
l'encomiabile lavoro teso allo sviluppo sociale che Lei ed il suo staff produce con grande impegno, costituisce una grande speranza per un futuro migliore per tutti.

In questo ambito suggerisco di fare un ulteriore piccolo/grande sforzo per aprire un chiaro dialogo pubblico sul Signoraggio (l'appropriazione di ricchezza reale attraverso l'emissione di moneta creata dal nulla dalle banche) affinché quante più persone possibili possano comprendere il perché pur lavorando e producendo (collettivamente parlando) ci ritroviamo indebitati, impoveriti, sfruttati, emarginati, disoccupati...

Credo che un cuore sincero e puro oggi non può più prescindere dall'esprimersi in favore della diffusione di questa consapevolezza.

La ringrazio.
Con grande fiducia. Gianfranco Florio

Gianfranco Florio 28.11.05 10:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se aumenti il costo del denaro freni l'economia. Frenare l'ecnonomia (in crisi da anni)significa non permettere nuove assunzioni.

La BCE ha aumentato i tassi per frenare l'ascesa dell'euro sul dollaro e quindi per far diminuire le importazioni sperando in maggiori esportazioni che darebbero vitalia' alle aziende.

In una situazione normale la scelta sarebbe anche giusta.Purtroppo l'economia della maggior parte degli stati europei va a rotoli per due motivi:

1) causa del caro petrolio(aumentando i tassi ci costera' sempre di piu'....a vantaggio di formigoni e bush)
2) La cina ci schiaccera' con le importazioni grazie alla sua illegale competitivita'.Esportare diventa impossibile se non in pochissimi casi.Quindi diminuisco i beni madi in usa(enonomici e buoni) aumentano quelli cinesi(economicissimi ma scadenti) ed i prodotti EU(ottimi ma costosissimi) rimangono invendutti.

Quindi aumentare i tassi ora non ha senso le priorita' dovrebbero essere altre.

Andrea Vernice 28.11.05 01:08| 
 |
Rispondi al commento

PARLACI DEL SIGNORAGGIO!!!!!!!

27/11/05
Io continuo a insistere.....

Ciao Beppe, ti ho già inviato una richiesta tramite una segnalazione via E-mail e te la rinnovo, perchè credo sia molto importante far sapere alla gente circa la più grande truffa in atto da tanti anni a danni, non solo degli italiani, ma di tutti i popoli mondiali, sto parlando del SIGNORAGGIO che sta indebitando il mondo da più di trecento anni.
Penso che bisogna sensibilizzare la gente sul ruolo della banche, perchè come consumatori possiamo e dobbiamo fare qualcosa, in fondo le banche usano i nostri soldi per prestarne ad altri, creano denaro dal nulla potendo far leva su un misero 2% di deposito!!!!
Sarebbe un po' come se io avendo solo il 2% di un ipotetico capitale necessario all'acquisto della casa me la comprassi aggiungendo un restante 98% che non ho!!!!!! Comodo!!
Le Banche stanno facendo indebitare tutti i paesi del mondo pestando soldi che non hanno e guadagnando interessi su questi prestiti, ci succhiano la linfa vitale senza in realtà fare nulla, ci credo che FAZIO non molla la poltrona!!!
Perché non ne parli??? non li ricevi i messaggi dal servizio di segnalazione del sito???????
Ciao!!!

andryfab@tele2.it

N.B. vedi il sito: www.disinformazione.it

Andrea Fabbri 27.11.05 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Il presidente dei dipendente on. silvio berlusconi (scritto minuscolo perche' e' minuscolo di statura....) in un incontro con i segretari di cgil, cisl e uil alla domanda: "come fanno gli Italiani (operai) a fare la spesa per mangiare se i salari non coprono le spese minime di una famiglia?" Ha risposto che non conosce nessuno che abbia tale problema (forse al supermarket della camera hanno prezzi piu' bassi che ai discount).......Perche', gia' che e' un operaio anche lui, non lo facciamo provare per davvero a vivere con uno stipendio normale e una famiglia a carico?

tommaso tellini 27.11.05 16:27| 
 |
Rispondi al commento

leggo dall'espresso n.45 di quest'anno:
il caro tremonti ha disposto che una parte delle vendite degli immobili dello stato venga inglobato nel " fondo per la retribuzione di posizione e di risultato" per i dirigenti di I e II grado e in parte tutti i dipendenti del ministero dell'economia e della finanza, che si divideranno la bella cifretta di € 17.280.000. quindi quest'anno avranno un bel regalo: ai dirigenti di I grado andranno oltre € 32000,a quelli di II grado € 15000 e a tutti gli altri € 2300/2500 a testa.
Mi chiedo, e' giusto che lo stato ,cioe' noi , venda dei beni che dovrebbero essere del popolo e una parte del ricavato vada ad ingrassare questi bei signori che gia' di per se' percepiscono fior di stipendi sicuri e sicure e grasse pensioni, gente che non produce nulla di nulla a scapito di milioni di lavoratori ormai tutti precari ,che fanno fatica ad arrivare a fine mese?

lanzilli antonio 27.11.05 12:09| 
 |
Rispondi al commento

leggo dall'espresso n.45 di quest'anno:
il caro tremonti ha disposto che una parte delle vendite degli immobili dello stato venga inglobato nel " fondo per la retribuzione di posizione e di risultato" per i dirigenti di I e II grado e in parte tutti i dipendenti del ministero dell'economia e della finanza, che si divideranno la bella cifretta di € 17.280.000. quindi quest'anno avranno un bel regalo: ai dirigenti di I grado andranno oltre € 32000,a quelli di II grado € 15000 e a tutti gli altri € 2300/2500 a testa.
Mi chiedo, e' giusto che lo stato ,cioe' noi , venda dei beni che dovrebbero essere del popolo e una parte del ricavato vada ad ingrassare questi bei signori che gia' di per se' percepiscono fior di stipendi sicuri e sicure e grasse pensioni, gente che non produce nulla di nulla a scapito di milioni di lavoratori ormai tutti precari ,che fanno fatica ad arrivare a fine mese?

lanzilli antonio 27.11.05 12:07| 
 |
Rispondi al commento

leggo dall'espresso n.45 di quest'anno:
il caro tremonti ha disposto che una parte delle vendite degli immobili dello stato venga inglobato nel " fondo per la retribuzione di posizione e di risultato" per i dirigenti di I e II grado e in parte tutti i dipendenti del ministero dell'economia e della finanza, che si divideranno la bella cifretta di € 17.280.000. quindi quest'anno avranno un bel regalo: ai dirigenti di I grado andranno oltre € 32000,a quelli di II grado € 15000 e a tutti gli altri € 2300/2500 a testa.
Mi chiedo, e' giusto che lo stato ,cioe' noi , venda dei beni che dovrebbero essere del popolo e una parte del ricavato vada ad ingrassare questi bei signori che gia' di per se' percepiscono fior di stipendi sicuri e sicure e grasse pensioni, gente che non produce nulla di nulla a scapito di milioni di lavoratori ormai tutti precari ,che fanno fatica ad arrivare a fine mese?

lanzilli antonio 27.11.05 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Vi scrivo sulle richieste di aiuto ai paesi in via di sviluppo che circolano via mail. Tante e, giustamente, girano molto nel periodo di Natale, quando tutti hanno bisogno di sentirsi buoni. Tralascio i commenti su questo punto, ricordandovi e ricordandomi che:
1. se da un lato diamo, dall'altro togliamo. Quindi stiamo attenti a cosa compriamo (es: bevete cocacola? Sapete cosa combina in India e in Colombia? E la Nestlè, a parte che ci intossica i bambini, quante ne combina nei paesi del “terzo mondo”?), boicottiamo certi prodotti - se vi interessa ho un elenco aggiornato - e facciamo in modo che anche chi ci sta vicino lo faccia e, possibilmente, si serva dei negozi di commercio equo.
2. se non cambia il sistema, il nostro aiuto può alleviare le sofferenze di alcuni, ma lì continueranno a soffrire ed a morire, e non stiamo parlando di 4 gatti ma di oltre la metà della popolazione mondiale! Dunque, anche nei gesti quotidiani e con iniziative, magari organizzate tra amici con qualche sacrificio, diamo il nostro contributo per cambiare un sistema che ci fa vivere alle spalle di milioni di persone, come parassiti. Ciò significa anche capire cosa succede e quali sono i meccanismi perversi, le demoniache istituzioni e le multinazionali che contribuiscono a tutto questo, come il fondo monetario internazionale, la banca mondiale, la stessa ONU e l'Unione Europea, che non affrontano in modo definitivo il problema del mercato a tutti i costi, del neoliberismo sfrenato, della povertà nel mondo e delle mafie globali. Questi soggetti vanno perseguitati, vanno obbligati a cambiare o a chiudere, vanno stimolati, vanno tenuti sotto controllo e, se non lo possiamo fare da soli, facciamolo con le ONG, associazioni, gruppi spontanei (se fate un giro in internet ne trovate quanti ne volete). E parliamone ai nostri figli! Parliamone ai vicini, soprattutto a quelli che sicuramente votano forzaitalia o leganord e che pensano di risolvere il problema con i lager o sparando cannonate c

Sergio Diana 27.11.05 11:20| 
 |
Rispondi al commento

C'è una verità in campo monetario che nessuno evidenzia mai.
Da quando, con largo anticipo, venne deciso l'attacco all'Iraq, gli USA hanno adottato una strategia monetaria da "economia di guerra": hanno svalutato la loro moneta del 50% (da un rapporto $/€ di 0,84 fino a uno di 1,30 circa). Così facendo hanno "esportato" (come è loro abitudine data la posizone leader della moneta americana) le conseguenze economiche della guerra scaricando gli effetti inflazionistici sulle altre economie.
Il vero problema è questo: ora gli stessi USA hanno deciso di avvicinarsi alla fine della guerra e si preparano alla manovra contraria, facendo recuperare valore al dollaro (questo il senso del rialzo dei loro tassi). L'Europa dovrebbe acccettare di correre il rischio e non alzare i propri tassi: può darsi che una dose di capitali se ne vada oltre oceano, ma sono capitali impiegati in operazioni mnetarie piuttosto che in veri e propri investimenti. Che l'Europa li lasci pure andare e mantenga i tassi bassi atttuali: se no lo farà, se cederà alla tentazione di provedere al rialzo, l'economia del vecchio continente sarà sempre subordinata e "vassalla" rispetto a quella americana. Sarebbe un'occasione per affermare, finalmente, una reale indipendenza.

Fabrizio Demelas 27.11.05 07:33| 
 |
Rispondi al commento

di Stigliz consiglio:"La globalizzazione e i suoi oppositori". Stigliz è stato vice-presidente e chief-economist della banca mondiale e in questo libro descrive le devastazioni sociali di cui sono state colpite le nazioni che hanno applicato srettamente le indicazioni del WTO e del FMI.Un punto di vista dall'interno del vero potere economico del quale tuttavia Stigliz faceva parte

dario fedel 27.11.05 00:47| 
 |
Rispondi al commento

Una preghiera anche io:
fa che il papa condanni i preti omosessuali, pedofili e quelli che desiderano i piaceri della carne in genere; che cambino vocazione. Non sono un prete di quelli buoni che sta in mezzo alla gente e so distinguere un discorso religioso, in sintonia con gli insegnamenti di Cristo, da un discorso che non ha proprio niente a che fare con essi.
Dove sta scritto che gli omosessuali sono bene accetti da Gesu? Caro prete che vive in mezzo alla gente, Gesu ha perdonato Maddalena non le ha detto di continuare con la professione piu' antica del mondo. Le ricordo che per la legge secolare e' condannato sia il ladro che il cosidetto palo, colui che sorveglia e copre le spalle. Ora se questa regola di giustizia la conoscono anche gli uomini, provi ad immaginare come la potrebbe interpretare l'Altissimo.
Adamo fu corrotto da Eva ma fu condannato nella misura a Lui spettante, sapeva cosa non andava fatto.
Perdo fuducia costantemente nei preti e nella loro macroscopica organizzazione, chi ne fa parte non dica di non sapere quello che lorganizzazione fa.
Basti pensare a quello che il blog stesso indica:
le vicende dei frati francescani...
A dio ci si arriva da soli non tramite le messe e la chiesa, Gesu' lo ha detto chiaramente e per questo e' stato ucciso. Le sue pecore, non le vostre, amministrate, tenetelo presente preti filoomosessuali.

Ivan Ciani 26.11.05 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei esporvi qualcosa di ormai ovvio, ma ho scoperto un sito davvero allucinante.... www.noeuro.it . Mi sembra pura follia, ma non aggiungo nulla... a voi i commenti!! Luca

Luca Severi 26.11.05 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. Io mi sto per laureare in economia e politiche europee, corso attivo presso la facoltà di scienze politiche dell' università di Cagliari. Ci tenevo a sottolineare come la manovra che la BCE ipotizza sia proprio quella che i manuali di economia prescrivono, anche se penso che il sig.Stiglitz sia molto più competente di me, credo di aver capito l'intento di Trichet: ridurre gli impulsi significa ridurre l' Investimento con piu alti tassi d'interesse e visti gli sprecchi che si sono fatti con i prestiti agevolati qui in Sardegna sono prorpio daccordo. Per quanto riguarda la disoccupazione si riferisce alla correlazione inversa tra inflazione e disoccupazione descritta dalla curva di Philips...

Christopher Pisano 26.11.05 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Ma dove siamo arrivati???
Trovarsi a 31 anni ed avere reazioni di stupore, sorpresa e felicità solo perchè improvvisamente nel lasso di pochi giorni posso vedere al cinema la guzzanti...., poi a casa , guarda chi si rivede , celentano e gli epurati ed ora addirittura grillo a cena con J.Stiglitz(mio mito personale),..... roba da golpe.
Poi penso quanto tempo serve per poter seguire tutto ciò che accade in italia e nel mondo, i mass media ufficiali?.....non commento. Quanti,tra noi cittadini, riescono a non fermarsi di fronte alle apparenze?? l'informazione è diventata un secondo lavoro! Siamo nelle mani di Grillo e Travaglio per avere qualche notizia decente. Eppure ho l'impressione che la tracotanza "esuberante" degli ultimi anni sia riuscita a risvegliare anche le coscienze politiche più sopite. Resistiamo al doppio lavoro almeno fino ad aprile.
Quesito: perchè i socialisti vanno con il centrodestra?? Consiglio a tutti "La globalizzazione e i suoi oppositori" di
Joseph E. Stiglitz.
Ciao
Federico

federico pirrotta 26.11.05 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma dove siamo arrivati???
Trovarsi a 31 anni ed avere reazioni di stupore, sorpresa e felicità solo perchè improvvisamente nel lasso di pochi giorni posso vedere al cinema la guzzanti...., poi a casa , guarda chi si rivede , celentano e gli epurati ed ora addirittura grillo a cena con J.Stiglitz(mio mito personale),..... roba da golpe.
Poi penso quanto tempo serve per poter seguire tutto ciò che accade in italia e nel mondo, i mass media ufficiali?.....non commento. Quanti,tra noi cittadini, riescono a non fermarsi di fronte alle apparenze?? l'informazione è diventata per noi un secondo lavoro! Siamo nelle mani di Grillo e Travaglio per avere qualche buona informazione. Eppure ho l'impressione che la tracotanza "esuberante" degli ultimi anni sia riuscita a risvegliare anche le coscienze politiche più sopite. Resistiamo al doppio lavoro almeno fino ad aprile.
Quesito: perchè i socialisti vanno con il centrodestra?? Consiglio a tutti "La globalizzazione e i suoi oppositori" di
Joseph E. Stiglitz.......

federico pirrotta 26.11.05 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Per Andrea Giova (post del 25.11.05 14:24)

Scusami, avevo dimenticato di dirti che Galbraith è sicuramente un economista eretico, contestato e combattuto dall'establishment economico statunitense, dove il liberismo di mercato e il monetarismo prevalgono ormai da decenni.
Non mi sorprende che Krugman lo demolisca, visto ilsuo "credo" economico ultraliberista.
E avevo anche premesso che, perlomeno per "La Società Opulenta", le soluzioni proposte erano deboli (deboli, non sbagliate!), specie alla luce delle nostre convinzioni e convenzioni di vita di uomini del XX-XXI secolo.
Ma l'analisi del problema non lo è, e le reazioni di cui mi hai dato un "assaggio" sono tipiche proprio di quella che Galbraith defini "mentalità convenzionale" ("conventional wisdom").
E' anche comprensibile quindi che il tuo testo di riferimento citi Galbraith solo fuggevolmente, mentre immagino che si dilungherà di più proprio sui vari Monetaristi (Friedman, tra tutti), NeoClassici e NeoKeynesiani, che oggi - pure in una certa competizione accademica - muovono da un'analisi dei problemi di matrice molto omogenea.

Quindi, non vorrei indurti a leggere "eresie".

Ciao

Giovanni Fazio 25.11.05 18:19| 
 |
Rispondi al commento

io, nel mio piccolo, sto diffondendo il blog tra i tanti amici e parenti italiani in germania, perchè là sono convinti che berlusconi (& gang)sia la cosa migliore che potessere capitare all'italia... però non ci tornano in italia. chissà come mai..
coraggio, il peggio... deve ancora arrivare

ivana giordani 25.11.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento

A me piacerebbe sapere xchè il Sig. Grillo
non si occupa del vero problema dell'economia italiana cioè la crisi delle piccole e medie industrire (QUELLE CHE HANNO SEMPRE TIRATO LA CARRETTA) !
In questi mesi stanno chiudendo in centinaia a causa della concorrenza sleale (Cina-Europa dell'est), della tassazione astronomica (la più alta d' Europa)e delle assurde leggi fatte solo per spillare soldi.

Niccolò Galli 25.11.05 16:20| 
 |
Rispondi al commento

@Cesare Piri

No Cesare, nel sito web dell'Economist ci sono "quattro" righe.

Chi vorrà leggere l'intera inchiesta dovrà alzare le chiappe, mettere mano al portafogli, e comprare l'ultimo numero dell'Economist.
L'inchiesta così chiude (pag. 18)

"It's time for Italy, too, to get serious".

Andrea Giova 25.11.05 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Oggi sul settimanale inglese THE ECONOMIST è apparsa un'inchiesta sul nostro paese realistica e cruda come vuole lo stile anglosassone.

Chi conosce un po’ di inglese farebbe bene a darci una letta, la si trova anche sul sito web
www.economist.com

Ve ne do un assaggio:

ADDIO DOLCE VITA
…......l'Italia è in una fase di lento e lungo declino........Cambiare questa tendenza richiederebbe molto più coraggio di quello che i presenti leader politici mostrano..….
.....................

L'inchiesta conclude così............
.....nel breve periodo ci sono buone ragioni per essere ansiosi per l'Italia !!!!

Cesare Piri 25.11.05 15:43| 
 |
Rispondi al commento

@Giovanni Fazio

Devo ammettere di avere nei confronti di Galbraith dei pregiudizi che risalgono al tempo in cui lessi un libro di Paul Krugman – L’Incanto del Benessere (Garzanti) – nel quale l’autore, dopo aver mostrato come l’economista americano avesse toppato le sue previsioni nel suo The New Industrial State, scrive quanto segue:

“Tuttavia il lato interessante della vicenda è l’infondatezza delle teorie di Galbraith (anche se può sorprendere il favore di cui gode tra il pubblico come esperto di economia dopo i molti errori commessi). E’ più singolare il fatto che questo scrittore, nonostante non sia riuscito a crearsi una fama di vero economista con la pubblicazione di The New Industrial State, abbia deciso di lanciare attacchi sempre più duri ai suoi colleghi universitari, sia nel saggio Economics in Perspective del 1987 (notevole per mancanza di seria informazione), sia nel più gradevole romanzo A Tenured Professor (tr. It. Il Professore di Harvard), pubblicato nel 1992”.

Queste frasi, insieme al fatto che, nel mio “Profilo di Storia del Pensiero Economico” (Screpanti – Zamagni, NIS ed.), Galbraith occupasse poche righe, hanno fatto sì che questo autore non costituisse esattamente una priorità di lettura.

Detto questo, avremo modo di scambiarci ancora delle riflessioni.

Andrea Giova 25.11.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

perdonami se non leggerò il libro del premio nobel, ma per ragioni anche personali cerco di non comprare libri mondadori o riconducibili al gruppo:

editori % mondadori

Giulio Einaudi Editore S.p.A. 100%
Sperling & Kupfer Editori S.p.A. 100%
Edizioni Frassinelli S.r.l. 100%
Edizioni Piemme S.p.A. 70%
Mondadori Electa S.p.A. 100%
Edumond Le Monnier S.p.A. 100%
Electa Napoli S.p.A. 60%
Harlequin Mondadori S.p.A. 50%
Edizioni Electa Bruno Mondadori S.r.l. 50%
Edizioni EL S.r.l. 50%
Grupo Editorial Random House Mondadori S.L. 50%
Mach 2 Books S.p.A. 24%
Società Editrice Il Mulino S.p.A 7,05%

fonte: www.mondadori.it/ame/it/gruppo/g_strutt.html


p.s. magari guardo se ci fosse alla Berio

Andrea Masconi 25.11.05 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Cari Aici, Caro Beppe,


innanzitutto grazie di esistere.

Una domanda rapida:

ho acqistato on-line il vostro DVD e acquisto a volte prodotti on-line,

perche', credo, l'unica banca che effettua le transazioni on-line via carta di credito è Banca Sella?

Mi scuso se avete già risposto a questa domanda e vi saluto ringraziandovi.

P.S.: come si dice a Venezia "DURI I BANCHI"!!!

Matteo Wulten 25.11.05 12:28| 
 |
Rispondi al commento

A questo punto, per usare uno dei paradossi che più amo, vorrei dire che davvero l'immaginazione è arrivata al potere.
Forse bisognerebbe nominare ministro dell'economia la Signora Cesira. Sono convinta che farebbe tanti meno danni di quegli arroganti ignoranti che oggi governano le sorti di miliardi di persone. Qualche volta mi sento un essere inutile, leggendo certe cose, tipo i frutti malati della globalizzazione. 1 euro al giorno per fare magliette da 150 euro, 19 minuti in un mese sulla fame e sulle carestie, e 19 ore per la separazione Albano-Lecciso.....
Non so quanti clienti della mia banca vedranno il loro bilancio famigliare gravemente compromesso dall'aumento dei tassi recentemente deciso, a causa delle nuove rate del loro mutuo. Io ovviamente sto scioperando, oggi che è il 25 novembre. Ma non solo contro la Finanziaria.
Anche sullo scempio della nostra Costituzione, sull'uso strumentale che si fa del dramma dell'aborto, sull'indifferenza con cui viene trattata la violenza. Tutta la violenza. Anche quella di un governo che ci toglie la solidarietà e la confonde con la carità pelosa.

martina stella 25.11.05 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe sono veramente lieto di vedere che il tuo blog sta diffondendo nel paese la vera libertà civilie e la gente capisce l'imoportanza di partecipare attivamente alle questioni politiche,economiche e sociali del nostro paese.Ho letto il servizio sui due giorni festivi di Fazio, e mi son chiesto ma non ha nient'altro di meglio da fare? Ad esempio controllare che le banche non applichino tassi usurai, che non stipulino contratti per bond inesistenti, che non violino nei mutui articoli del codice civile,non accettino norme su convenzioni regionali, o addiritura si rifiutino di stipulare mutui in caso provenienza con successioni e donazioni se non con particolari salvaguardie e tanto altro.Ti dico ciò, perchè io (geometra) e mia moglie (impiegata da un notaio)abbiamo notato questa situazione. E' emerso che ci sono banche che molte volte, stipulano contratti di mutuo nel quale mettono clausole vessatorie, ignorano l'illegittimità dei patti successori, non dichiarano correttamente la durata dei mutui, quietanzano la somma ma la rendono indisponibile per un periodo variabile da pochi giorni a diverse settimane, chiedono a spese dell'acquirente la stipula di atti non neccessari,per salvaguardarsi.
Se ti ricordi tempo fa il programma Reporter aveva mostrato il costo dei conti bancari italiani rispetto a quelli europei. Ti posso confermare ciò che hanno mostrato,visto che ho dovuto aprire il conto corrente postale molto economico rispetto a quelli bancari dove mi facevano un tasso dello 0,00125% lordo ma un tasso a debito del 14,50%.L'anno scorso ho prelevato da uno sportello ATM sulla banca d'America a San Francisco 600$, costo dell'operazione 2$, costo su qualsiasi banca italiana da € 3,50 a 4,50.Fazio sta facendo e mobilitando anche le cosche per non far arrivare le banche europee, perchè altrimenti deve calare le braghe, e fa male.
Continua così perchè si muove veramente qualcosa di grande e importante.

marco rugo 25.11.05 10:45| 
 |
Rispondi al commento

SCIE CHIMICHE

ecco un problema che nessuno affronta neanche Beppe, il problema delle SCIE CHIMICHE l'unico che ne parla è il sito
http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza
praticamente in esclusiva

Invito ancheBeppe Grillo ad occuparsene
Marcello

marcello ariosti 25.11.05 10:41| 
 |
Rispondi al commento

Per Andrea Giova (post del 25.11.05 00:07)

dall'impostazione tecnica della tua prima risposta ho pensato che avessi dimestichezza con l'economia; certo, anche gli scritti filosofici servono, ma rischiano di portare a conclusioni di sola logica filosofica: per una via differente, con motivazioni differenti, Severino (mi baso sulla tua sintesi, non ho letto il libro) arriva alla stessa conclusione di Marx, le cui previsioni storicamente non si sono avverate perchè l'evoluzione sociale (ancor prima che quella economica) ha modificato i presupposti storici su cui si basava la sua analisi economica (per inciso, Marx - a parte le idee politiche - è stato uno dei maggiori economisti dell'800: diffida da chi dice che era un teorico invasato di comunismo).
Se hai tempo, e ti interessa l'economia, avvicinati con libri di persone dalla mente aperta, che non insegnano dogmi, ma "sanno" di quel che scrivono: per questo richiamavo Galbraith, del quale ti segnalo due scritti:
"Storia dell'economia": si legge molto bene e ti fa capire (senza pregiudizi) come si è evoluto il pensiero economico fino ad oggi. E' un libro "abbastanza" recente della BUR (Saggi), che sicuramente trovi in libreria.
"La società opulenta", il più famoso dei suoi libri, uscito in America a fine anni '50, poi riveduto dieci anni dopo e pubblicato in Italia nel 1972; lo puoi ancora cercare in libreria (Universale Bollati Boringhieri) anche se non è facile trovarlo. Resta insuperato come qualità di scrittura e piacevolezza di lettura, e soprattutto è sempre attuale e lo diventa sempre più quanto più procediamo sulla nostra strada dello "sviluppo" senza meta.
E' un libro tanto valido nell'analisi dei problemi, quanto purtroppo debole nella proposta di soluzioni: ma conoscere le cause del problema aiuta, e questo lo fa con una chiarezza sconvolgente.
Se credi, possiamo proseguire in questa marea di pensieri in libertà; altrimenti a ben rileggerci in qualche altro post.
Ciao

Giovanni Fazio 25.11.05 07:21| 
 |
Rispondi al commento

SOVRANITA' MONETARIA AL POPOLO!!!
A Lecce un cittadino ha presentato un atto di citazione a Bankitalia al Giudice di Pace, il quale ha sentenziato una condanna a Bankitalia per appropriazione indebita del signoraggio. Vedete sito dell'Adusbef.
Il risarcimento vero sarebbe di 27.000 euri a cranio= debito pubblico!
Presenterò qst atto anche al Giudice di Pace della mia città, in veste di sovrana e non di suddita.
Facciamolo in tanti! Class action come cassa di risonanza di un crimine e paradosso diventato insopportabile: l'emissione monetaria da parte di enti PRIVATI.
Tanto ormai il re è nudo..
paolaics

paola gandin nowage@email.it 25.11.05 02:14| 
 |
Rispondi al commento

correzione

Emanuele Severino

Andrea Giova 25.11.05 00:14| 
 |
Rispondi al commento

@Giovanni Fazio

Su Galbraith ti devo deludere non avendo letto nessun suo testo.
La questione che poni appare complessa, la cui risposta esula dalle mie possibilità.

Posso dirti che ho letto tempo fa un libro di un filosofo, Emauele Seveverino, il quale afferma che il capitalismo in un futuro lontano collasserà.

Sintetizzando, il suo ragionamento è questo: miglioramenti nella produzione - causano - abbassamento dei prezzi - causano - abbassamento dei profitti - fine delle imprese - morte del capitalismo.

Non credo che né io né te assisteremo a tutto questo. Per il momento siamo impegnati a comprendere quello che succede a casa nostra, e non è poco.

Tornando alle tue riflessioni sul blog, a volte sono contento di avere pochi amici "virtuali", altrimenti il mio tempo per il resto, che è già poco, si ridurrebbe ancora.

Comunque sì, cerchiamo per quello che possiamo, di dialogare.

A presto

Andrea Giova 25.11.05 00:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe e popolo bloggers,volevo renderti partecipe della mia sventura, lavoro come cassiera in una piccola banca a Fano, indovina a
chi siamo stati ceduti?
Al tronchetto dell'infelicita' piu' indebitato
del mondo, attraverso banca intesa, ed io sono una risorsa disumana che dovrebbe foraggiare il suo portafoglio. Siamo una piccola realta'di 36
sportelli nel territorio e siamo gia' alla terza cessione e conseguente cambio di sistema informatico non siamo persone, siamo merce di scambio che deve anche spendere la faccia ogni mattina per dire al cliente che va tutto bene, ma qui non va bene proprio un cazzo.Questo passaggio a banca intesa non e' un gioco pulito,
puzza cosi' tanto che non parlano neanche coi
sindacati, anzi l'abi ha spinto per farci revocare
lo SCIOPERO e invece lo facciamo sai "la nostra poltrona non e'come quella di fazio" Duro lui, non la molla....
Ti volevo poi ringraziare per le informazioni su
alitalia, oggi entra un cliente e dice "ma che sta
succedendo alle mie azioni ieri erano a 6 euro oggi a 0.80". Avevo voglia di regalargli il tuo cd
ma la direttrice ha detto "venga con me che adesso ci informiamo!!!!!!
NO BASTA NON CI STO PIU'!!!!

milena valentini 24.11.05 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe e popolo bloggers,volevo renderti partecipe della mia sventura, lavoro come cassiera in una piccola banca a Fano, indovina a
chi siamo stati ceduti?
Al tronchetto dell'infelicita' piu' indebitato
del mondo, attraverso banca intesa, ed io sono una risorsa disumana che dovrebbe foraggiare il suo portafoglio. Siamo una piccola realta'di 36
sportelli nel territorio e siamo gia' alla terza cessione e conseguente cambio di sistema informatico non siamo persone, siamo merce di scambio che deve anche spendere la faccia ogni mattina per dire al cliente che va tutto bene, ma qui non va bene proprio un cazzo.Questo passaggio a banca intesa non e' un gioco pulito,
puzza cosi' tanto che non parlano neanche coi
sindacati, anzi l'abi ha spinto per farci revocare
lo SCIOPERO e invece lo facciamo sai "la nostra poltrona non e'come quella di fazio" Duro lui, non la molla....
Ti volevo poi ringraziare per le informazioni su
alitalia, oggi entra un cliente e dice "ma che sta
succedendo alle mie azioni ieri erano a 6 euro oggi a 0.80". Avevo voglia di regalargli il tuo cd
ma la direttrice ha detto "venga con me che adesso ci informiamo!!!!!!
NO BASTA NON CI STO PIU'!!!!

milena valentini 24.11.05 23:40| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori