Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Voce della Val di Susa/6


strada-della-Val-di-Susa.jpg


Sto sempre aspettando le ragioni dettagliate a favore della costruzione del tunnel in Val di Susa.
Delle altre ragioni, quelle del NO TAV è invece piena la Rete.

Vi consiglio di leggere l’intervista al professor Angelo Tartaglia del Politecnico di Torino.

Una frase del professor Tartaglia è illuminante:
“ I tecnici capiscono che i conti non tornano, ne parlano coi politici che dicono di non capirne di dati tecnici e, nel mentre, l’opera si fa”.


Qualche dato dall’intervista:

“Il problema centrale è che i treni merci in Italia viaggiano a una velocità media di 19 km/h, essendo sovente fermi per dare precedenza ai treni passeggeri. Questo è il dato da migliorare. Non serve che le merci arrivino dalla Francia a 150 Km/h se poi in Italia passano la maggior parte del tempo in stazione


“Ha senso parlare di Alta velocità quando gli spostamenti superano i 250-300 Km. In Italia, se prendiamo in mano le cifre, scopriamo che l'80% della domanda di trasporto passeggeri è costituita da spostamenti a corto raggio, entro i 100km. E' vero che i nostri treni sono pienissimi su alcune tratte ma sono poche le persone che vanno da un capo all'altro del Paese. Le tratte più frequentate sono quelle dove c'è più ricambio di viaggiatori”


“Uno studio commissionato dalla Comunità Montana Bassa Valle di Susa alla Società di ingegneria dei Trasporti Polinomia, rivela che la linea sarebbe giustificata se nei prossimi anni transitassero 40 milioni di tonnellate di merci l'anno, per un totale di 350 treni al giorno, uno ogni 4 minuti alla velocità di 150 km/h, alternati da treni passeggeri a 300 km/h”.


Lo stop ai lavori deciso dal governo è un risultato straordinario, ed è già un precedente.
Da oggi in poi prima di iniziare qualsiasi opera si dovranno interpellare i veri datori di lavoro: i cittadini.

12 Dic 2005, 14:20 | Scrivi | Commenti (730) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

elisa, purtroppo non sei l'unica che vive questa situazione vergognosa...parlando spesso con una mia amica poco più grande di te e che vive la tua stessa situazione, scherzando commentiamo sempre che viviamo in mondo di cialtroni...nel tuo caso visto che non ti pagano neanche anche di ladri oltre che di sfruttatori. però vorrei anche incoraggiarti a non demordere, non scoraggiarti, abbi fiducia non è facile lo sò... ma vedrai che presto o tardi un lavoro dignitoso lo trovi sicuramente... nel mondo di cialtroni...esistono fortunatamente ancora persone oneste e rispettose della dignità altrui.
DAI FORZA NON MOLLARE!!!
ciao franco.

franco chiozzi 04.01.06 00:38| 
 |
Rispondi al commento

====================================================================================================


IL SENATORE LUIGI GRILLO, ELETTO IN LIGURIA NELLE FILA DI FORZA ITALIA

Preso con le mani nella marmellata, con un conto alla Banca popolare di Lodi sul quale risultano depositate plusvalenze anomale, derivanti da trading su titoli, scoperte dagli ispettori della Banca d'Italia e dalla procura della Repubblica.


====================================================================================================

Marco Gilles 21.12.05 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Via annulliamola questa TAV e mettiamoci tutti al lavoro, quelli a zonzo e quelli non a zonzo per attuare una soluzione che non dia fastidio ai cittadini.
Detta facile così è :D ?!


Ciao Beppe, rappresento una associazione culturale apolitica e senza fini di lucro denominata "Sylva Maris" con sede a Boscotrecase un paesino ai piedi del Vesuvio. Ti chiedo, cortesemente, un consiglio riguardo la nostra eventuale affiliazione all'UNICEF. Cosa ne pensi dell'UNICEF? Ritieni che sia una buona idea affiliarsi, a costo zero, a questa organizzazione?
Ringraziandoti anticipatamente ti faccio i miei più sinceri complimenti per come sei e sopratutto per quello che dici. Ho imparato tante cose ascoltando tuoi monologhi.

Cordiali Saluti
Vincenzo Pagano

Vincenzo Pagano 16.12.05 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissimo Signor Grillo,

sono una ragazza di 23 anni e vorrei chiederLe se fosse possibile trovare una soluzione al mio problema.

E' da più di un anno che cerco lavoro e non nego di non averne mai trovati, ma mi creda, non sono mai riuscita a firmare un contratto!! Ho sempre fatto colloqui sentendomi dire che prima di farmi firmare un contratto avrebbero voluto farmi una sorta di prova di un mese circa in nero e poi forse il contratto sarebbe potuto arrivare... Bhè posso garantire che ho lavorato per più di un mese senza mai ricevere uno straccio di contratto che mi garantisse una pensione futura, per non sottolineare che non mi hanno neanche mai rimborsato lo stipendio che mi ero sudata nel periodo di tempo in cui ho lavorato presso questi "sfruttatori"!
Io ricordo che qualcuno aveva garantito nei suoi anni di presidenza lavoro per tutti... La mia domanda è: ma sono l'unica ragazza che fà tutta questa fatica? Neanche le Società di lavoro temporaneo riescono ad aiutare nel risolvere questo problema, x non parlare dei sindacati! Grazie mille Elisa Brunetto

Elisa Brunetto 16.12.05 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissimo Signor Grillo,

sono una ragazza di 23 anni e vorrei chiederLe se fosse possibile trovare una soluzione al mio problema.

E' da più di un anno che cerco lavoro e non nego di non averne mai trovati, ma mi creda, non sono mai riuscita a firmare un contratto!! Ho sempre fatto colloqui sentendomi dire che prima di farmi firmare un contratto avrebbero voluto farmi una sorta di prova di un mese circa in nero e poi forse il contratto sarebbe potuto arrivare... Bhè posso garantire che ho lavorato per più di un mese senza mai ricevere uno straccio di contratto che mi garantisse una pensione futura, per non sottolineare che non mi hanno neanche mai rimborsato lo stipendio che mi ero sudata nel periodo di tempo in cui ho lavorato presso questi "sfruttatori"!
Io ricordo che qualcuno aveva garantito nei suoi anni di presidenza lavoro per tutti... La mia domanda è: ma sono l'unica ragazza che fà tutta questa fatica? Neanche le Società di lavoro temporaneo riescono ad aiutare nel risolvere questo problema, x non parlare dei sindacati! Grazie mille Elisa Brunetto

Elisa Brunetto 16.12.05 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe vorrei che tu mi rispondessi a riguardo di ciò che ho visto e sentito ieri sera .
Non permettono a gente come te , Funari, Santoro, Biagi, di andare in tv e poi ieri sera facendo zapping chi mi ritrovo davanti agli occhi?, ALDO BUSI io quell'uomo li non lo sopporto è un portatore sano di ignoranza ,non dovrebbero permettere anche se siamo in una cosidetta democrazia, di lasciarlo parlere, non dovrebbero permettergli di parlare di etica religiosa , a lui che si dichiara ateo ,ieri sera ha detto una tonnellata di stronzate ,mi ero giurato di non ascoltarlo più quando l'avrei visto in tv ,ma ora che posso scrivere su questo blog vorrei rispondere al BUSI .
Caro il mio busi la devi smettere di parlare di religione di DIO e di consigliarci su cosa dobbiamo credere, ogni persona di questa terra ha la propria dimensione mistica, e devo darti una notizia il cosidetto ateo, non esiste, chi pensa di essere ateo sbaglia perchè anche i cani credono in qualcosa e spero con tutto il cuore che non ti chiamino più in televisione ma neanche nelle radio, ci fai vergognare di essere uomini.

maurizio musco 16.12.05 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Sig. Sandro
La ringrazio per avermi risposto..( e questo per me è importante..).
E mi scuso se sono stato frainteso per quanto riguarda il termine "dignitosamente", poichè non era mia intenzione fare i "conti in tasca" a chicchessia..tanto meno a chi tenta di vivere in questa "a-società" in modo civile e cosciente..
Come le ho detto non mi ero illuso e non delegavo a lei la responsabilità di risolvere la mia realtà...ma mi ha fatto comunque piacere riscoprire il dialogo con l'esterno, visto che quest'ultimo sparisce quando si è nella mia situazione..essendo consapevole che nel "mondicino" di tutti i giorni esistono tragedie di più vasta drammaticità alle quali non riesco per mia "natura" ad essere indifferente...
Ho solo un pensiero che mi "tormenta":
..spero che il " bambino sia vivo,e l'acqua non sia inquinata", e che non ce ne vogliamo per forza convincere.
Chiuderò con una frase che lei certamente apprezzerà poichè coltiva la lettura " cibo per la mente"..ma bisogna stare attenti a ciò che si mangia..
..."SIAMO IN QUELLO CHE CI MANCA!!.."
Carmelo Bene.
La ringrazio nuovamente
Luca spero Fortunato.

Luc.fort@libero.it

Luca Fortunato 16.12.05 11:30 |

Luca Fortunato 16.12.05 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Dai Beppe aggiornaci.
Hanno indagato Fazio, adesso sono curioso di cosa dirà il nano.
Ieri ha detto che si tratta di una bega provinciale.
E sempre ieri sul Secolo xix si parlava di Grillo
(l'onorevole?) che ha un fido di 250.000 euro sulla ex Popolare di Lodi, strenuo difensore di Fazio.
Oggi cosa fai non scrivi niente dato che la notizia si commenta da sola?
Cordialmente
Antonio Amato

antonio amato 16.12.05 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Luca Fortunato
MAGARI potessi aiutarTi in qualche modo: lo farei più che volentieri, credimi. Purtroppo la gente par mio non arriva MAI ai posti di potere per il semplice motivo che li disdegna. Non credo al potere dell'uomo sull'uomo poichè questo implica abdicare, col libero arbitrio, il proprio intelletto e la propria coscienza. A questi soltanto rispondo e non ai miei superiori i quali non hanno influenza se non per ciò che riguarda il mio operato sul posto di lavoro. Se servisse, e nol credo, scenderei in piazza. Io non sono che un umile impiegato e il dignitosamente cui mi riferivo è SOLO conseguenza del mio stile di vita assolutamente spartano e non del mio stipendio. Spiacemi aver ingenerato aspettative. Non provo orami da tempo le febbri terzane della corsa agli acquisti a comando. Coltivo molte letture e, appena posso, il dialogo coi miei simili. In poche parole mi accontento di essere in salute, tutto il resto, rapportato alla dimensione titanica delle sofferenze altrui non mi crea molti patemi d'animo. Quello che Tu imputi alla società, l'essere cioè composta da persone indifferenti, corrisponde al vero ma Tu stesso concordi sul fatto che la "macchina" sia impazzita. Non rimane a Noi che dare un segnale FORTE ma che non può esulare da una attenta disamina per non rischiare di "gettare via il bimbo assieme all'acqua". Evito di continuare per non rischiare d'esser accusato di catechizzare chicchessia ma vorrei invitare anche chiunque legge questa mia ad aiutarTi se può farlo in qualche modo. A ogni modo la mia mail è: sergiofattori@yahoo.it.
Un grosso augurio d'essere Fortunato anche di fatto.
Ciao
Sandro Formaglio

sandro formaglio 16.12.05 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Luca Fortunato
MAGARI potessi aiutarTi in qualche modo: lo farei più che volentieri, credimi. Purtroppo la gente par mio non arriva MAI ai posti di potere per il semplice motivo che li disdegna. Non credo al potere dell'uomo sull'uomo poichè questo implica abdicare, col libero arbitrio, il proprio intelletto e la propria coscienza. A questi soltanto rispondo e non ai miei superiori i quali non hanno influenza se non per ciò che riguarda il mio operato sul posto di lavoro. Se servisse, e nol credo, scenderei in piazza. Io non sono che un umile impiegato e il dignitosamente cui mi riferivo è SOLO conseguenza del mio stile di vita assolutamente spartano e non del mio stipendio. Spiacemi aver ingenerato aspettative. Non provo orami da tempo le febbri terzane della corsa agli acquisti a comando. Coltivo molte letture e, appena posso, il dialogo coi miei simili. In poche parole mi accontento di essere in salute, tutto il resto, rapportato alla dimensione titanica delle sofferenze altrui non mi crea molti patemi d'animo. Quello che Tu imputi alla società, l'essere cioè composta da persone indifferenti, corrisponde al vero ma Tu stesso concordi sul fatto che la "macchina" sia impazzita. Non rimane a Noi che dare un segnale FORTE ma che non può esulare da una attenta disamina per non rischiare di "gettare via il bimbo assieme all'acqua". Evito di continuare per non rischiare d'esser accusato di catechizzare chicchessia ma vorrei invitare anche chiunque legge questa mia ad aiutarTi se può farlo in qualche modo. A ogni modo la mia mail è: sergiofattori@yahoo.it.
Un grosso augurio d'essere Fortunato anche di fatto.
Ciao
Sandro Formaglio

sandro formaglio 16.12.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Luca Fortunato
MAGARI potessi aiutarTi in qualche modo: lo farei più che volentieri, credimi. Purtroppo la gente par mio non arriva MAI ai posti di potere per il semplice motivo che li disdegna. Non credo al potere dell'uomo sull'uomo poichè questo implica abdicare, col libero artbitrio, il proprio intelletto e la propria coscienza. A questi soltanto rispondo e non ai miei superiori i quali non hanno influenza se non per ciò che riguarda il mio operato sul posto di lavoro. Se servisse, e nol credo, scenderei in piazza. Io non sono che un umile impiegato e il dignitosamente cui mi riferivo è SOLO conseguenza del mio stile di vita assolutamente spartano e non del mio stipendio. Spiacemi aver generato aspettative. Non provo orami da tempo le febbri terzane della corsa agli acquisti a comando. Coltivo molte letture e, appena posso, il dialogo coi miei simili. In poche parole mi accontento di essere in salute, tutto il resto, rapportato alla dimensione titanica delle sofferenze altrui non mi crea molti patemi d'animo. Quello che Tu imputi alla società, l'essere cioè composta da persone indifferenti, corrisponde al vero ma Tu stesso concordi sul fatto che la "macchina" sia impazzita. Non rimane a Noi che dare un segnale FORTE ma che non può esulare da una attenta disamina per non rischiare di "gettare via il bimbo assieme all'acqua". Evito di continuare per non rischiare d'esser accusato di catechizzare chicchessia ma vorrei invitare anche chiunque legge questa mia ad aiutarTi se può farlo in qualche modo. A ogni modo la mia mail è: sergiofattori@yahoo.it.
Un grosso augurio d'essere Fortunato anche di fatto.
Ciao
Sandro Formaglio

sandro formaglio 16.12.05 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

complimenti,è da poco che vi leggo ma ogni volta mi si aprono un pò di più gli occhi su questo mondo.grazie dal più profondo del cuore.

maria grazia 16.12.05 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Gentili telespettatori vi informiamo che questa sera alle 23.25 su RAI TRE
andra` in onda la replica della puntata di REPORT del 16/10/2005 dal
titolo ?I Fazisti?.

Segue sinossi:


Antonveneta, Bnl e Rcs. E i loro protagonisti.
A cominciare dagli immobiliaristi Ricucci, Coppola e Statuto a proposito
dei quali: come hanno fatto tutti quei soldi in così poco tempo? La
cronaca comincia ad aprile e tutte le vicende sono state seguite fino a
pochi giorni fa, in una ricostruzione minuziosa degli intrecci che ruotano
attorno al sistema bancario italiano, e della costante violazione delle
regole. Vedremo i loro conti, i loro affari, le loro proprietà. Paolo
Mondani ha incontrato banchieri, capitani d?impresa, testimoni, analisti e
fonti anonime che ci hanno raccontato i dietro le quinte delle tre
scalate. Saranno analizzati i documenti delle società anonime e dei
fiduciari con sede in Svizzera, Lussemburgo e Stati Uniti.
Dalla ragnatela alla fine emergono gli obiettivi della Banca Popolare
Italiana di Giampiero Fiorani, le prospettive di Unipol su Bnl, e prendono
forma le ombre che hanno appoggiato il tentativo della scalata di Ricucci
in Rcs.
Infine la vicenda delle intercettazioni e del Governatore della Banca d?
Italia. Il discredito internazionale che ha coinvolto le istituzioni
economiche del nostro paese. Le ragioni che hanno portato le procure di
Milano e Roma a indagare. Il ruolo svolto dalla politica in relazione agli
affari che contano che ha spinto molti a porre una nuova questione morale.
E una domanda: perché il provvedimento sulla tutela del risparmio che
staziona da due anni in Parlamento, non è ancora stato approvato?

Buona visione

Paolo Chiriaco 16.12.05 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Professore Angelo Tartaglia:
Consulente delle associazioni ambientaliste per la valutazione della TAV presso il ministerio dei trasporti (Ministro Burlando).

Consulente della Regione Lombardia, su indicazione dei sindaci della tratta lombarda, per la valutazione dell'impatto della linea Torino-Milano.

Coautore del libro:
V. BETTINI, C. CANCELLI, R. GALANTINI, P. RABITTI, A. TARTAGLIA, M. ZAMBRINI
Alta Velocità - Valutazione economica, tecnologica e ambientale del progetto
Ed. CUEN, Napoli (1997)

Ovviamente questo non compare fra i dati inseriti nel sito che riguarda l'attività di ricerca in fisica teorica, così come non compaiono gli altri articoli, decisamente troppo numerosi per elencarli, relativi a problemi di impatto e ambientali. Tanto per gradire posso riportare un piccolo florilegio:
- A. TARTAGLIA
A model of the growth and evolution of woods.
Mathematics and Computers in Simulation, XXIV, 230 (1982)
- A. TARTAGLIA
Crescita e sviluppo
Qual'Energia, nø 17, 22 (1986)
- A. TARTAGLIA
Induced critical conditions in the atmosphere.
Europhysics News, 21, 35 (1990)
- A. TARTAGLIA
Environment as a global non linear system- Lecture notes of the B.E.S.T.
summer school on "Global impact of modern technologies", Torino (1992)

Fosse mai che chi ha qualcosa da dire in pro della AV si occupasse di argomentare nel merito piuttosto che nei titoli?...

Un saluto

Anteo Zamboni 16.12.05 08:07| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe conoscere il parere di Beppe su questa storia del SIGNORAGGIO della Banca d'Italia, di cui ho letto in vari siti..

dan best 16.12.05 02:43| 
 |
Rispondi al commento

Sei un ganzo beppe..
Lo avevi già dimostrato tanti anni fa, con le scelte dei tuoi primi spettacoli tosti..
Non fai che confermarlo ogni giorno che passa. Bravo davvero.
E' stupefacente la mole di informazioni nude e crude che riesci a trovare; e bravi anche i tuoi collaboratori.
Non avevo le idee chiare sulla tav in valsusa. ora direi di sì...
L'ennesimo papocchione mangiasoldoni inventato dagli strapoteri statali e imprenditoriali della più becera italia ladrona?
Bè, fortuna che i valsusini hanno tenuto duro, facendo risuonare l'eco della protesta, e che si capisce ora come stiano le cose.. ci sono grandi speranze che non la si faccia mai la tav a questo punto, nonostante le caparbietà borboniche, anzi, proprio grazie a quelle.
Concordo anche sul fatto che i gobernadores siano i nostri dipendenti e che se non dimostrano di fare più che bene il loro lavoro, o hanno, come dimostrato, condanne giudiziarie, devono andare immediatamente fuori dalle balle.
L'Italia è diventato un paesaccio, mi dispiace doverlo ammettere.. Clandestinizzato dalle mafie e ridicolizzato dai politici.
E' diventato uno schifo di paese, sporco, pieno di ladri, farabutti, e assassini.. e sopra loro, in giacca e cravatta, altri ladri, farabutti e assassini.
Italiani. ritrovate la morale. Ritrovate l'onestà e quella fantasiosa gioia di vivere italica, con l'ingegno, ma nel rispetto dei valori che ci fanno essere il popolo più ammirato del mondo.
Ritrovate la dignità di poter dire: sono ITALIANO.

dan best 16.12.05 02:06| 
 |
Rispondi al commento

prova:

nn inc.....vi

sinonimo contrario 16.12.05 01:43| 
 |
Rispondi al commento

A seguito di una visita medico legale, per un incidente avvenuto a settembre, si è reso necessario effettuare una ecografia alla caviglia del piede destro.

Per effettuare l’esame ho contattato un centro di diagnostica, precisamente “Fisiocard” sito in via Francesco Tovaglieri, 19 – Roma Tel. 06.2314416/17, dove mi hanno informato che il prezzo sarebbe stato di 50 €.

Il giorno che sono andato a fare l’esame, prima di accomodarmi, ho pagato alla segretaria (50 € ) quindi, sono stato ricevuto dal medico radiologo Dr P. Giuliani il quale mi ha chiesto il motivo dell’ecografia.

Una volta spiegato, si è messo in contatto con la segretaria ricordando a questa alcune cose, che io non sono stato in grado di capire sul momento.

Al termine dell’esame mi ha accompagnato fuori dalla stanza e prima di consegnarmi il referto si è appartato con la segretaria in una stanza adiacente, senza nessuna apparente motivazione.

Al ritorno ho scoperto stranamente che il prezzo non era più di 50 € ma bensì, di 75 € solo perché l’ecografia mi era stata prescitta da un medico legale il quale, la dovrà utilizzare per la futura richiesta di risarcimento alle compagnie di assicurazione.

Ora mi domando ma per un medico radiologo che cosa può cambiare, nella prestazione offerta al paziente, se la richiesta viene da un medico generico o da un medico legale ?

Se non gli avessi detto niente avrei avuto un altro tipo di referto ?

Grazie per l’aiuto

Marco Paifelman 15.12.05 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Andrea anche io mi trovo nelle tue stesse condizioni..........
Ho quasi 23 anni,sono salentino e studio da 4 anni al Politecnico di Torino e come te sono "costretto" a compiere un viaggio molto lungo e stressante per poter tornare a Lecce.

Non conosco completamente la situazione Tav (spero di farmene un'idea migliore sabato 17 c.m. al parco della Pellerina di Torino,dove il nostro amico Beppe Grillo discuterà del caso assieme a Fò e forse a Paolini)ma di una cosa sono certo:
piuttosto che investire cifre spropositate per un progetto che potrebbe(!!)presentare dei vantaggi ma realmente presenta molte contraddizioni e punti interrogativi,impiegherei queste risorse per migliorare la qualità del servizio stesso,che ti garantisco è molto ma molto importante,soprattutto in un viaggio (come Torino-Lecce,ma anche Milano-Reggio Calabria,come da te accennato!!!)della durata media di 14-15 ore.
Andrea,ti giuro che preferirei arrivare a destinazione con un'ora di ritardo(anche se questo ormai avviene puntualmente..e per un rimborso sto aspettando invano ormai da 4 mesi!!!!!.........ma questo è un altro argomento!!)ma farlo in un treno pulito,comodo maggiormente accessibile.
Anche gli Eurostar sono ormai alla stregua di un Espresso:l'unica differenza è che costa di più il biglietto ma i problemi sono gli stessi!!!

All'inizio di questo post ho detto di esser "costretto" a viaggiare in treno per il semplice fatto che il prezzo di un volo aereo è inaccessibile soprattuto a chi come me studia fuori sede,è quasi del tutto mantenuto dai genitori e non vuole gravare più di tanto economicamente.
Secondo me in queste condizioni se le compagnie aeree abbassassero le pretese economiche il 90% dei ragazzi e non ,che si trovano nella mia stessa situazione sceglierebbero l'aereo piuttosto del treno(A tal proposito mi interesserebbe conoscere l'opinione di Beppe Grillo!!!)............ALTRO CHE TAV.......

Walter Cotardo 15.12.05 17:37| 
 |
Rispondi al commento

In questo momento non entro nel dilemma TAV Sì - TAV No; voglio solo segnalare che sfogliando una rivista scientifica italiana del 2001, ho trovato un riferimento alla legge 257/92 che definisce le norme applicative relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto; tale legge ha vietato inoltre l'estrazione, l'importazione ecc. ecc....
Rif. bibliografico: G. Carotenuto e E. Amendola "L'utilizzo di polimeri incapsulanti per la protezione e bonifica dall'amianto" AIM Magazine, vol. 55, 1, 27-28(2001).

Ferracini Elena 15.12.05 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Lo so io il vero motivo per cui si deve costruire la TAV. Per resuscitare un addormentato mercato del modellismo!
Immaginatevi che impatto avra' sulle menti dei bambini (e dei grandi) una linea velocissima percorsa da nuovissimi treni peondolanti carichi di mangime, sabbia e ovomaltina attraverso le + suggestive vallate alpine italiane ai 250.
E poi, "e' tutto cosi vicino a Natale"...
Non so voi ma io corro a comprarmi l'otto con la galleria. Magari ci metto anche i picchetti di quelli del no... cosi per ricordare tutto questo polverone...

Buon Natale.
LS

PS Non lavoro per la Lima.

Lotario Sicamorio 15.12.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Il professor Angelo Tartaglia del politecnico di Torino è il CONSULENTE TECNICO dei comitati NOTAV, come si legge sul link nell'intervista.
Il professor Angelo Tartaglia, al politecnico di Torino si occupa di Gravitazione e Relatività, come si evince dal suo curriculum http://www2.polito.it/ricerca/relgrav/tartaglia.htm .Inoltre tra le sue pubblicazioni recenti (dal 1995 ad oggi) non v'è niente al di fuori da questo ambito.
Spiace dirlo ma:
che titoli ha il professor Angelo Tartaglia per fare il consulente tecnico sull'alta velocità?

claudio pincopallo 15.12.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I treni li ho guidati 5 anni, ci lavoro tutt'ora e mi hanno permesso di vivere più che dignitosamente fin d'ora. Però anche io non mi posso non trovare d'accordo coi Valsusini. Prima delle grandi opere i cui costi ricadranno per intero sulla comunità bisognerebbe pensare a sfruttare al meglio l'attuale rete ferroviaria ma la cosa è difficile se non ci sono impulsi dall'alto (e visto che lo Stato si cucca più di 1.000 vecchie lire per litro di benzina mi pare inverosimile lo faccia).
D'altro canto un poca di colpa TUTTI noi l'abbiamo poichè abbiamo accettato in coro uno stile di vita in contrasto con ogni altra forma di organizzazione sociale ed economica presente in natura. Produciamo cose che non ci servono solo per accrescere il tanto celebrato PIL e per farlo bruciamo ogni sorta di ricchezza naturale e stiamo soffocando seppelliti da rifiuti d'ogni genere. Non mi pare di vedere in giro tante facce contente nonostante le nostre case strabocchino ormai di elettrodomestici, hi-fi, computer, play-station, decoder, cellulari et similia.
Ripensiamo allora a uno stile di vita diverso e cominciamo finalmente a dire NO a questo consumismo che fa solo il gioco di pochi gruppi di persone che ne traggono un grosso vantaggio.
Studiamo la Storia per non ripetere gli errori fatti e spegniamo di più il televisore, vero e proprio Grande Fratello Orwelliano.
Credo non ci sia rimasto più tanto tempo per decidere. Se è vera l'"ipotesi Gaia" che vede nella Terra un organismo vivente si tratterà per Lei di una questione di sopravvivenza e non è escluso si scrolli di dosso definitivamente la maggior parte dei parassiti che l'affliggono.
Ai posteri

sandro formaglio 15.12.05 11:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

c'è qualcuno disposto a scommetere la sua vita sul fatto che i pochi soldi disponibili per la tav verranno davvero impiegati per la messa in sicurezza dell'amianto? credete davvero che lo faranno. no, non lo faranno. rispmieranno su due cose: la sicurezza dei cantieri e la sicurezza dei cittadini residenti.

massimiliano costa 15.12.05 10:13| 
 |
Rispondi al commento

@ Maurizio

Ti sei fatto una buona domanda e allo stesso tempo ti sei dato la risposta esatta: in Italia non frega niente a nessuno se l'opera viene fatta nel rispetto delle regole. SI deve fare e basta perchè qualcuno ci deve guadagnare un botto di soldi. Se poi migliaia di persone rischiano un cancro ai polmoni o una leucemia causata dall'uranio poco importa.....
.....devo ancora capire quale sia questa "tecnologia" che abbatterebbe i rischi causati dalla presenza di amianto e uranio......

Fausto Di Trani 15.12.05 10:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pseudo SI alla TAV.
Al seguente indirizzo "http://www.trail.liguria.it/Interventi/Corridoio_5/corridoio_5.htm" una mappa dettagliata sui 24 progetti europei di sviluppo infrastrutturale ferroviario.
Siamo proprio sicuri di voler essere tagliati fuori da opere di questo tipo? non sono in grado di prevedere se quanto ipotizzato (aumento del traffico merci), avverrà ma se così fosse per l'Italia sarebbe l'ennesima occasione persa.
Detto questo concordo su fatto che l'opera sia imponente e che espone a dei rischi che però possono essere abbattuti o eliminati del tutto grazie anche alla tecnologia il problema sarà assicurarsi che venga fatto un cantiere rispetoso di tutti i criteri e in Italia sappiamo che non sarà facile.

Maurizio Feoli 15.12.05 08:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao a tutti...
volevo segnalare un'altra chicca...
l'ennesima direte voi...eh beh...

sabato scorso, pomeriggio, genova in centro, zona via XX, brignole...
tutti in giro con la frenesia dei doni natalizi (con quali soldi poi...boh?)
c'è una manifestazione AUTORIZZATA da tempo degli animalisti. Partecipanti circa 200, intirizziti dal freddo... e BLOCCATI da uno schieramento di polidiotti e carabbbinnnieri in tenuta antisommossa (sic! proprio a genova che ha ancora le ferite aperte di luglio 2001), elicottero (...si si, pure l'elicottero!!) che ronzava sulle teste, l'immancabile digos con le loro radioline che se ascoltassero le partite sarebbe meglio... il tutto per una quantità di circa 300 unità, forse di più, senz'altro non di meno. Dunque il rapporto era di 1,5 contro 1 in favore delle forze dell'ordine (?), e mancavano i ladroni verde oro definiti guardiani della finanza...
Naturalmente i militi erano tutti giovanotti ben messi e attrezzati per fronteggiare una nutrita mandria di bisonti incacchiati con i lori scudi, caschi, manganelli e protezioni da giocatori di football americano, mentre i manifestanti avevano una età media un pochetto più alta e comprendevano signore e ragazzine, non ho visto black blok, ma si sa che quelli si vedono solo al momento opportuno e poi spariscono nelle loro caserme.
Il motivo del blocco? beh.... non disturbare lo shopping pomeridiano per i doni natalizi e proteggere l'upim (che vende pelliccie... sic!) dai famosi anarco-insurrezionalisti!
Io non ero lì per la manifestazione, ma mi sono unito, per solidarietà, insieme alla mia compagna. Siamo stati con quella gente per un pochetto a chiaccherare. Poi, dopo aver litigato con un doberman in divisa che mi imponeva di fare un giro di 500 metri per percorrerne 10 ce ne siamo tornati a casa con la consapevolezza che l'obiettivo non è proteggere l'upim o le spese natalizie dei cittadini, ma
E' SOPPRIMERE OGNI FORMA DI CONTESTAZIONE!
che tristezza.....

stefano agnese 14.12.05 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Sono un'educatrice e seguo continuamente corsi di aggiornamento, da qualche anno ho notato che certi comportamenti dei bambini vengono troppo facilmente attribuiti a fattori psicologici che portan poi i genitori ad intervenire farmacologicamente, mi vengon in mente i bambini iperattivi. Sapevate che nella maggior parte dei casi questi stessi bambini sono un po' sordi, miopi o ipovedenti? Ed è per questo che si comportano così? Prima di intervenire con i farmaci portate i vostri figli dall'otorino e dall'oculista!

GIUSEPPINA LAMPIS 14.12.05 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Sono un'educatrice, ho 28 anni e seguo continuamente corsi di aggiornamento, oggi si pensa spesso che per determinati comportamenti dei bambini ci siano cause psicologiche, queste talvolta portano i genitori a trattar i loro figli farmacologicamente, come nel caso dei bambini iperattivi, sapevate che nella maggior parte questi stessi bambini sono miopi, ipovedenti o un pò sordi ed è per questo che si comportano così? Portate i vostri figli dall'oculista e dall'otorino prima di imbottirli di farmaci!

GIUSEPPINA LAMPIS 14.12.05 22:12| 
 |
Rispondi al commento

HA VINTO IL PROPORZIONALE E IO PER PROTESTA NON VOTERO'!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

enzo altini 14.12.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

HA VINTO IL PROPORZIONALE E IO PER PROTESTA NON VOTERO'!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

enzo altini 14.12.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE DOPO 10 ANNI DI SILENZI QUALCOSA SI MUOVE!SONO 10 ANNI CHE NOI ROMANI PROTESTIAMO E CONTESTIAMO LA TAV!10 ANNI DI INCUBI,VITA POCO SALUBRE E POCHE ORE DI SONNO!10 ANNI DI VITA DENTRO AD UN CANTIERE!! LA LINEA PASSA A 3 METRI DAI CONDOMINI DI ROMA EST PER BEN OLTRE 12 KM!MIGLIAIA I FAMIGLIE VIOLENTATE DALLA TAV!UN MURO DI BERLINO CHE DIVITE LA CITTA',UN QUARTIERE DALL'ALTRO!UN MURO ALTO OLTRE 12 METRI LUNGO OLTRE 12 KM DENTRO AL CENTRO URBANO DI ROMA!LE CASE DEI FRONTISTI UFFICIALMENTE INAGIBILI E INCOMPATIBILI! E SIAMO COSTRETTI A VIVERE QUI!CI AVEVANO PROMESSO ESPROPRI LUNGO LA LINEA,CON RELATIVO ABBATTIMENTO DEGLI EDIFICI E IL PAGAMENTO DEL VALORE DELL'INTERO IMMOBILE.COSI NON E' STATO!I SOLDI NON C'ERANO E NON CI SONO!I PIU' FORTUNATI HANNO AVUTO MENO DELLA META' DEL VALORE DELL'IMMOBILE!PERCIO' DOBBIAMO VIVERE A SOLI 3 METRI DA 4 GALLERIE ALTE OLTRE 12 METRI(OGNI APPARATMENTO TRASFORMATO IN LOCULO!)CON INFILTRAZIONI D'ACQUA NELLE CANTINE CAUSATE DAI LAVORI,CREPE E CROLLI DI DEGLI EDIFICI PER LE NOTEVOLI VIBRAZIONI E RUMORI MOLESTI,INTERI EDIFICI DICHIARATI INCOMPATIBILI E INAGIBILI!CARICHE DELLA POLIZIA E DELLE FORZE DELL'ORDINE CONTRO I CITTADINI MENTRE LE SCAVATRICI ENTRAVANO CON PREPOTENZA DENTRO AI GIRADINI CONDOMINIALI!(E SI MIEI CARI,LA TAV E' PRATICAMENTE ENTRATA DENTRO CASA DI MIGLIAIA DI FAMIGLIE!),CONTINUI SUPPRUSI E PROBLEMI!SONO 10 ANNI CHE NON VIVIAMO!E CHIEDIAMO GIUSTIZIA!E' CONTRO NATURA,CONTRO L'AMBIENTE,CONTRO IL NORMAL VIVERE CIVILE COSTRUIRE UN ECOMOSTRO DEL GENERE ALL'INTERNO DEL CENTRO URBANO DELLA CITTà ETERNA!RIPETO:UN MURO DI BERLINO,ALTO 12,50 METRI E LUNGO OLTRE 12 KM E LARGO QUANTO(E FORSE PIù) UN AUTOSTRADA A 3 CORSIE(A DOPPIO SENSO,PERCIO' 6 CORSIE) NEL CUORE DEL CENTRO URBANO DI ROMA!QUESTO ECOMOSTRO PENETRA DA EST A OVEST(PERCIò DALLA PERIFERIA VERSO STAZIONE TERMINI)DIVIDENDO COMPLETAEMENTE A METà INTERI QUARTIERI E BORGATE!ECCO PERCHè,PORTATI ALLA ESASPERAZIONE,MOLTI CITTADINI DI ROMA SI SONO DATI FUOCO! BASTAAA!

Daniele Bonifazi 14.12.05 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo i 2 documentari di GRAN successo(oltre 7000 download in una settimana!!) è arrivato il TERZO ATTO della serie SCANDALO TAV.
In questo documentario,finalmente, cadono i primi nomi colpevoli e/o complici del massacro eco-ambientale e sociale avvenuto qui a Roma dal 1996 ad oggi da parte della TAV!
Assessori Comunali Di Roma e dirigenti TAV, ItalFerr e RFI. Il filmato ripropone in replica una trasmissione di RAI 2 intitolata "Perchè" dove queste persone, davanti a decine di onesti cittadini, dichiarano UFFICIALMENTE che un opera del genere è incompatibile con il territorio, che i cittadini per colpa di questa opera avranno moltissimi DANNI, e che è da pazzi solo pensare di costruire delle gallerie del genere a meno di 10 metri dalle case(SONO ARRIVATI A 3 METRI!!). La trasmissione in questione è andata in onda il 3 maggio 1997. Oggi, Dicembre 2005, le GALLERIE SONO STATE COSTRUITE QUASI PER INTERO!!! HANNO PREDICATO UNA COSA E POI NE HANNO FATTA UN'ALTRA! CHI DEVE PAGARE PER QUESTO DISASTRO?? FINO AD ORA ABBIAMO PAGATO SOLO NOI CITTADINI! Il documentario termina con le riprese dei cantieri in questi ultimi mesi(proprio per far delineare le notevoli differenze tra le PAROLE E I REALI FATTI!).
Spero che questi documentari aiutino anche gli abitanti della Val Di Susa a comprendere a pieno chi è la TAV. NON FIDATEVI!! NOI CI SIAMO PASSATI PRIMA DI VOI! Buona Visione:
1)
ed2k://|file|[Xvid.Divx.ITA].SCANDALO.TAV.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.di.Roma..(DIFFONDERE).avi|383528448|D38E3DDC815067341A9AF6075BBDCDF6|h=IANMZLLCN5FVEDGP7L2YDQONZ4GVKFKM|/
2)
ed2k://|file|(Xvid.DIVX.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.SECONDO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|733554688|E02F07D33E73130C136F401E9C707337|h=BLEK5GI5FFQO4WA7MZTGVYF4GOV6PLOR|/
3)
ed2k://|file|(Xvid.Divx.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.TERZO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|557301760|6FF2294B943130EF381CA3806C4EDF71|h=AVBSDRGMKAX4IDQC7YIC2VXS67NMNIGU|/

Daniele Bonifazi 14.12.05 20:58| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI COLORO CHE NON CONOSCONO IL METODO PER SCARICARE I DOCUMENTARI:


Per scaricare i 3 documentari. Bisogna utilizzare un software open Source chiato EMULE:
Lo potete scaricare da qui:
http://www.emule-project.net/home/perl/general.cgi?l=18

E' un client (il più famoso al mondo) Per il file Sharing(Condivisione di File).
E' possibile scaricare i 2 file inserendo gli appositi link oppure cercando la parola "Scandalo Tav" nel motore di ricerca interno ad Emule.
Abbiamo scelto questa soluzione per ovvi motivi economici(attualmente ci sono complessivamente 8500 utenti in contemporanea che scaricano il file!!! ci vorrebbero molti euro al mese per avere un sito con banda minima alta e garantita!!)

GRANDE NOVITA': TROVATE I PRIMI 2 VIDEO ANCHE SU QUESTO SITO: http://www.arcoiris.tv/

Daniele Bonifazi 14.12.05 20:57| 
 |
Rispondi al commento

Oltre ad essere in pieno accordo con quanto affermato sal Sig Sergio Rivolta in merito alle radiazione emesse dall'uranio (sempre che esistano, e se esistono comunque emettono radiazioni con o senza tunnel), mi preme aggiungere quanto gia esposto sul blog di repubblica.

Mi dispiaace deludere tutti gli abitanti della Val di Susa, le stesse persone che mangiano lo yogurt Mila, la pasta Barilla, la farina di Grano OO, che non disdegnano la carne di manzo Olandese, i prodotti Kinder (...per i piccoli valligiani di susa) e amano le auto tedesche, merce che passa tutti i giorni sul raccordo di Mestre VE e tutto su "Gomma". Tutte le mattine si creano piu di 30 km di coda costituiti da solo mezzi di trasporto pesante internazionale. Gli abitanti del luogo impiegano piu di 2 ore per recarsi al lavoro senza entrare nel merito delle condizioni atmoferiche di Mestre, marghera, Favaro Veneto etuuta l'A4 (radiazioni di uranio o particelle inquinanti dei gas tossici sempre dannosi sono)
E tutto perche in quel tratto di strada passano oltre l'80 % dei mezzi pesanti per servire la nostra amata italia, abitanti da Val Susa compresi.
Attualmente la zona limitrfa alla bretella di mestre risiulta essere ad un tasso di inquinamento altissimo, una zona occupata da 150.000 italiani con lo stesso passaporto dei valliggiani di Susa).
Si cercano soluzioni da anni, forse Susa potrebbe essere una soluzione.

In italia si dividono i benefici per cui anche i sacrifici, morti compresi.

maditate, oltre a guardare l'isola dei famosi.


federico de paoli

Federico De Poali 14.12.05 19:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oltre ad essere in pieno accordo con quanto affermato sal Sig Sergio Rivolta in merito alle radiazione emesse dall'uranio (sempre che esistano, e se esistono comunque emettono radiazioni con o senza tunnel), mi preme aggiungere quanto gia esposto sul blog di repubblica.

Mi dispiaace deludere tutti gli abitanti della Val di Susa, le stesse persone che mangiano lo yogurt Mila, la pasta Barilla, la farina di Grano OO, che non disdegnano la carne di manzo Olandese, i prodotti Kinder (...per i piccoli valligiani di susa) e amano le auto tedesche, merce che passa tutti i giorni sul raccordo di Mestre VE e tutto su "Gomma". Tutte le mattine si creano piu di 30 km di coda costituiti da solo mezzi di trasporto pesante internazionale. Gli abitanti del luogo impiegano piu di 2 ore per recarsi al lavoro senza entrare nel merito delle condizioni atmoferiche di Mestre, marghera, Favaro Veneto etuuta l'A4 (radiazioni di uranio o particelle inquinanti dei gas tossici sempre dannosi sono)
E tutto perche in quel tratto di strada passano oltre l'80 % dei mezzi pesanti per servire la nostra amata italia, abitanti da Val Susa compresi.
Attualmente la zona limitrfa alla bretella di mestre risiulta essere ad un tasso di inquinamento altissimo, una zona occupata da 150.000 italiani con lo stesso passaporto dei valliggiani di Susa).
Si cercano soluzioni da anni, forse Susa potrebbe essere una soluzione.

In italia si dividono i benefici per cui anche i sacrifici, morti compresi.

maditate, oltre a guardare l'isola dei famosi.


federico de paoli

Federico De Poali 14.12.05 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Oltre ad essere in pieno accordo con quanto affermato sal Sig Sergio Rivolta in merito alle radiazione emesse dall'uranio (sempre che esistano, e se esistono comunque emettono radiazioni con o senza tunnel), mi preme aggiungere quanto gia esposto sul blog di repubblica.

Mi dispiaace deludere tutti gli abitanti della Val di Susa, le stesse persone che mangiano lo yogurt Mila, la pasta Barilla, la farina di Grano OO, che non disdegnano la carne di manzo Olandese, i prodotti Kinder (...per i piccoli valligiani di susa) e amano le auto tedesche, merce che passa tutti i giorni sul raccordo di Mestre VE e tutto su "Gomma". Tutte le mattine si creano piu di 30 km di coda costituiti da solo mezzi di trasporto pesante internazionale. Gli abitanti del luogo impiegano piu di 2 ore per recarsi al lavoro senza entrare nel merito delle condizioni atmoferiche di Mestre, marghera, Favaro Veneto etuuta l'A4 (radiazioni di uranio o particelle inquinanti dei gas tossici sempre dannosi sono)
E tutto perche in quel tratto di strada passano oltre l'80 % dei mezzi pesanti per servire la nostra amata italia, abitanti da Val Susa compresi.
Attualmente la zona limitrfa alla bretella di mestre risiulta essere ad un tasso di inquinamento altissimo, una zona occupata da 150.000 italiani con lo stesso passaporto dei valliggiani di Susa).
Si cercano soluzioni da anni, forse Susa potrebbe essere una soluzione.

In italia si dividono i benefici per cui anche i sacrifici, morti compresi.

maditate, oltre a guardare l'isola dei famosi.


federico de paoli

Federico De Poali 14.12.05 19:42| 
 |
Rispondi al commento

scusate se questo che scrivo in questo tema non c'entra niente pero' mi sento in dovere di condividere con voi quello che' ho visto.
tornando alla democrazia in iraq e sul blog che beppe tempo fa ci aveva mostrato andate su questo sito www.rainews24.rai.it/ran24/inchiesta/body.asp.
non perdetevelo vedete che tipo di democrazia esporta l' america (scrivo in minuscolo perche e' quello che si merita )

stefano pisapia 14.12.05 17:09| 
 |
Rispondi al commento

il ponte sullo stretto, la TAV sono opere alle quali non sono contrario in linea di principio, perchè secondo me è bene fare di tutto per aumentare al massimo la capacità di comunicazione. il problema principale, come sottolinea l'on. Violante è che in Italia mancano i presupposti per cui queste opere faraoniche siano necessarie, tali imprese saranno utili solo nel momento in cui saremo in grado di sfruttare appieno la capacità di trasporto di queste opere, altrimenti sarà come comprare una ferrari e montare il motore di una 500

Pietro Pinzani 14.12.05 16:02| 
 |
Rispondi al commento

attenzione

sono massimiliano costa di rivoli. vi abito dalla nascita (34 anni) e faccio l'architetto da 6 anni in questo comune. oltre ad essere un professionista sono impegnato politicamente e sufficientemente informato dei problemi urbanistici della zona.

vi avviso che l'intervento precedente del signor rivolta è costituito esclusivamente da sue congetture personali per lo più piuttosto fantasiose. non esist nessuna lobby dei proprietari di case della val susa. ricordo ai pochi che ancora non lo sanno che la zona dell'alta valle di susa dove sono concentrate le seconde case dei torinesi e rivolesi non è particolarmente interessata dal progetto tav. viceversa la bassa valle, maggiormente interessata, è costituita per lo più da abitazioni occupate dai residenti e solo in piccolissima parte da seconde case.
per quanto riguarda la questione della metrò, voglio anche ricordare che già i progetti del dopoguerra prevedevano la linea sull'asse di corso francia, che infatti è il più trafficato di torino insieme a corso regina (stessa direttrice). forse perchè rivoli, collegno e grugliasco assommano 130000 abitanti circa contro i 120000 di nichelino e moncalieri. basta vedere le utenze delle linea ferroviaria alpignano-porta nuova e della linea 36, sempre strapiene. inoltre i quartieri di torino che si affacciano su corso francia sono tra i più popolosi di torino. e ancora, la stazione principale di torino diventerà porta susa, mentre lingotto e moncalieri sono due stazioni di transito.
preg.mo sig. rivolta, eviti per cortesia di dire stupidaggini talmente grosse che qualcuno potrebbe anche correre il rischio di crederle.
saluti

massimiliano costa 14.12.05 15:52| 
 |
Rispondi al commento

X Alex.
Questione metro:


LA giunta è già andata a supervisionare piazza Bengasi .

Li arriverà il metrò e si farà un parcheggio interrato.

NON GUARDATE IL SITO METROTORINO.it , non è aggiornato.

guardate le news sul SITO DEL COMUNE.

Lorenzo Vanelli 14.12.05 15:41| 
 |
Rispondi al commento

E' spaventosa l'ignoranza di molte persone come Sergio Rivolta che scrive qui sotto ostentando la sua ignoranza sugli argomenti trattati...
In primo luogo la metropolitana: non esiste nessuna linea "Rivoli-centro" nè tanto meno "Moncalieri-centro", ma solo una tratta che collega Porta Susa a Collegno, dove ha sede il Villaggo Media delle olimpiadi2006 (ragione per cui è stata realizzata per prima); dei prolungamenti della linea fino a Rosta e Moncalieri non ci sono altro che parole, non c'è neanche un progetto preliminare. Si dovrà realizzare prima la linea in Torino che collegherà Collegno-Porta Nuova-Lingotto e poi, tra 5-6 anni se và bene, si analizzerà il possibile ed eventuale prolungamento.. in quale direzione è tutto da vedere!!
In secondo luogo l'uranio: della sua presenza in Val di Susa ne parla tutta la rete, primo fra tutti il sito di legambiente, che altro non sono che quegli ecologisti per cui "la ferrovia è sempre stata il mezzo di trasporto preferito" e che in realtà si oppongono alla realizzazione della TAV!!
...e tutti i suoi discorsi di "lobby della val di Susa" sono solo str**zate!!

BISOGNA NAVIGARE IN RETE A 360° PER SCOPRIRE LA VERITA'!! (anche se in questo caso era sufficiente visitare i siti ufficiali della Metro e di Legambiente...).

POVERA IGNORANZA!!! (...altro che povera Italia)


Vorrei contraddire il professor Tartaglia su un unico punto: non è affatto vero che i treni merci vengano sempre fermati per dare precedenza ai treni passeggeri, spesso, troppo spesso, avviene esattamente il contrario.
Posso testimoniarlo avendo un esperienza decennale di disagi sulla linea Roma-Cassino, dove in moltissime occasioni, aspettando un treno in ritardo ho visto sfilare, sullo stesso binario, un velocissimo (molto più veloce di quello passeggeri) treno merci, spesso vuoto.
Invece di sperperare i soldi (a vantaggio di pochi) con la TAV sarebbe meglio diversificare il traffico merci da quello passeggeri (soprattutto per i treni dei pendolari).

Fabio Fusco 14.12.05 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Forza, Valsusini!!!!! NON MOLLATE!!!! Siete una speranza, siete un esempio per tutti quelli che subiscono in silenzio.....soprusi più o meno gravi.
Sono con voi

Tiziana Furlan 14.12.05 13:19| 
 |
Rispondi al commento

sono piemontese e sono favorevole alla costruzione della TAV in valle susa e sono veramente stufo di questa lobby della valle susa, da rivoli a bardonecchia composta da torinesi che hanno le ville e gli alloggi lì e temono che perdano valore, a questa gente del fatto che senza ferrovia l'italia si avvicina sempre più al marocco non gliene frega niente, del fatto che tutti gli orgnai preposti abbiano dato parere favorevole non gliene frega 'na mazza, quello che conta solo le loro casette progettate dai geometri e brutte come l'inferno

ma attenzione questa è un lobby potentissima, sono sicuro che vincerà e in effetti sono già stati bloccati i lavori

è una lobby talmente potente che non solo è riuscita a far fare come prima linea di metropolitana la rivoli-centro, ma come seconda linea invece che la moncalieri-centro (80.000 abitanti) si parla di prolungare la pima linea da rivoli a Rosta (3.600 ab.)

la ferrovia è sempre stata il mezzo di trasporto preferito dagli ecologisti e adesso che ci sono i soldi per costruirla, no, la si combatte come il peggior male, con il risultato di favorire ancora una volta il trasporto su gomma, che schifo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

dicono che c'è l'amianto, che c'è l'uranio, mi fa ridere l'URANIO!!!!!!!
CHI HA IL CORAGGIO DI DIRE IL NOME DEI TECNICI CHE HANNO DETTO CHE C'E' L'URANIO?
l'uranio non c'è ma, anche se ci fosse, la radiazione c'è comunque con il tunnel o senza tunnel,
l'ignoranza della massa è pari solo al suo amore per l'isola dei famosi .... POVERA ITALIA!!!!!

una volta, una volta in 5 anni il governo aveva preso una decisione che condividevo e no, se la rimangia subito, perchè ha paura di perdere una manciata di voti, ci sarebbe da ridere ....

sergio rivolta 14.12.05 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Emiliano Kalanka

Beh io da almeno 3 anni utilizzo la tv semplicemente per guardare un bel film.Montato dv e videoregistratore.Quando ho voglia di farmi due risate guardo il tg4!
Voglio farvi sorridere un pochetto almeno riportando un breve monologo di Benigni proprio su emilio fede..
Benigni:non faccio battute su Emilio Fede,è come sparare sulla croce rossa,eh poveraccio eh,mi rifiuto proprio,gli voglio bene come se fosse normale non sono razzista in questo senso.Però mi deve spiegare Berlusconi come lo abbia messo lì..perchè Fede non è che è un giornalista qualsiasi del tg4,ma è direttore,diirettore del tg4,e mi domando,c'è gente indifesa che ci casca e lo guarda come se fosse un tg veramente.. ma come mai lo hanno messo lì..Io ci ho pensato,e penso che Berlusconi lo abbia messo lì come fattore terapeutico..ha messo lì fede per aiutare tutti quei bambini con problemi di sviluppo,che in 5a elementare non sanno ancora leggere e scrivere,quelli depressi che dicono: mamma io non ndiventerò mai nessuno nella vita,allora la mamma alle 19.30 si sintonizza su rete4 e dice:guarda o figlio mio quello lì è direttore del tg4.. ed uno si sente in dovere di montarsi la testa e di dire.. caz.. ed io allora cosa posso diventare fisico nucleare.E poi fede è una persona onestissima,soprattutto per la questione dei falsi invalidi,a lui il posto gli spettava poverino.E poi è mosso dall'amore per Berlusconi,un amore che non è platonico..in quanto se lo incontrasse di notte se lo tromberebbe senza preservativo è proprio.. ecco sviene quando lo vede." :O)) Mitico Benigni!

Pasquale Sacchinelli 14.12.05 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'avanti alla tele e ho visto un servizio fatto sulla TAV dall'"OPINIONISTA" Paolo Del Debbio (meglio Gene Gnocchi!). Indovinate un pò, il 95% delle persone intervistate sono a favore della TAV e condannano i manifestanti valsusini. E per finire, le conclusioni dell'opinionista erano incentrate sulla partecipazione di persone "esterne" alle manifestazioni. Per chi è già confuso e poco informato, questi servizi hanno lo stesso effetto delle pubblicità di giochi e giochini fatte durante tutto il pomeriggio che bombardano i nostri bambini. A capodanno buttatela dalla finestra la TV! Ciao a tutti

Emiliano Kalanka 14.12.05 12:27| 
 |
Rispondi al commento

@Marina Gasperini
Beh è questo il problema.. che molti come te considerano il prendere a calci in c.. chi governa,un sogno!E' un sogno realizzabile basta solo prendere coscienza di se stessi..tutto qui :O))Forse fra 7-8 anni a lavori iniziati qualcosa si muoverà di certo visto che stanno già giustificando l'utilità dell'opera per aumentare ulteriormente le tasse.La realtà dei fatti è che lo Stato italiano in cassa non ha un centesimo!La vergogna è che destra -sinistra -centro sono tutti in perfetto accordo quando annualmente sia aumentano lo stipendio.Sono soldi che prendono al netto.Hanno tutte quante le agevolazioni esistenti.Non pagano per andare al teatro al cinema,nei locali pubblici e via dicendo.Non è un'invenzione la mia basta parlare con chi ci lavora..a me a dirlo è stato un autista di qualche politico-vip.ben pagato e con le stesse agevolazioni!
Volete ancora andare a votare???FATE come vi pare!

Pasquale Sacchinelli 14.12.05 12:23| 
 |
Rispondi al commento

ma è vero, come ha detto la radio, che fai una manifestazione com paolini?
non ci posso credere!
ma Beppe, hai perso il cervello?

sergio rivolta 14.12.05 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Basta con queste polemiche anti tav! insomma dategli tempo di trovare almeno una giustificazione alla sua costruzione!!! Poi belin un treno supervelocissimo Torino-New York è sempre stato il mio sogno.(dicono costerà anche poco)

GianPietro Mainardi Commentatore in marcia al V2day 14.12.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

PAROLA GIUSTISSIME! Prima di parlare di operee faraoniche, sarebbe bene che dimostrassero di saper aggiustare quello che esiste e che è da terzo mondo,in un mio viaggio in India, per certe situazioni mi sono sentita casa. Indovina un pò per cosa?
Ragazzi bisognerebbe davvero poter organizzarci per andare a prendere a calci in culo tutti i ns. dipendenti del governo. CHE SOGNO.........

Marina Gasperini 14.12.05 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene bene, prossima settimana devo prendere il treno per andare giù in calabria a trovare i miei.Porterò dietro una macchina fotografica così farò un bel pò di foto sulle linee già esistenti e soprattutto sulle condizioni di viaggio.Sono sicuro al 100% dei disagi che andrò ad affrontare.Sto cercando di prepararmi psicologicamente!Non sarà certo la prima volta che farò un viaggio da animale...Altro che tav bisogna prima rimodernare l'intera liena nazionale.Sapete che ancora a sud ci sono treni che vanno a gasolio??E che si viaggia su binario unico??

Pasquale Sacchinelli 14.12.05 11:04| 
 |
Rispondi al commento

ecco un articolo interessante dove si parla anche della Tav Torino-Lione

"Alfonso Pecoraro Scanio: il prototipo del "meridional-progressista"

nell sito
http://www.fottilitalia.com/ che si definisce antitaliano

giuseppe resoli 14.12.05 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Propongo una bella metropolitana sotterranea. Fermate: Barcellona, Madrid, Val Susa, Milano, Roma,Napoli, Palermo-Cagliari-Brennero in un sol fiato, Berlino, Kiev, Mosca e ritorno. Il tutto, ovviamente, su un modellino Politoys di plastica. Il tutto deve essre realizzato da Ladro Lunardi (e solo da lui, senza supporto della SUA Impregilo) entro e non oltre il 31 dicembre 2005. Pena la castrazione chimica.

Alessandro Zucconi 14.12.05 08:29| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,

proprio stasera ho visto due belle trasmissioni riguardo alla Valdisusa,Ballaro' e Porta a Porta.
Tralasciando le varie posizioni di politici e di opinionisti travestiti da giornalisti (Panebianco su tutti), tutti quanti sono fondamentalmente d'accordo su una cosa(eccetto i valsusini ovviamente):che questa è un'opera che dev'essere fatta per il progresso del nostro paese!
Mi chiedo se il vero progresso passa solo dalla costruzione di un treno ad alta velocita'(sai che progresso e che novita,in Francia e in Giappone hanno queste linee da anni tanto che ,sopratutto in Giappone, alcune linee stanno gia' viaggiando tramite binari a levitazione magnetica),oppure se nn passa dalla ricerca di mezzi che sfruttino fonti rinnovabili oppure al ristrutturamento e al ripensamento del nostro modo di muoverci.

max max 14.12.05 01:41| 
 |
Rispondi al commento

"Il cittadino è il vero datore di lavoro"...
...è vero...
Anche io sono il datore di lavoro dell'idraulico che mette le mani dei tubi di casa mia...
...però non mi sognerei mai di dire che l'idraulico deve fare quello che dico io perchè, per rimanere in tema, io, di idraulica non ci capisco "un tubo"...
Cosa ne capiscono i cittadini di TAV ?

MASSIMO BERTONI 14.12.05 01:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi piacerebbe rispondere meglio personalmente a tutti voi. Voglio sottoliare alcuni punti al ragazzo che mi mi fa le pulci in economia...I servizi aereo treno sono completamenti diversi. Uno studio fatto dai paesi che hanno adottato gia l'alta velocità si evince che il trasporto aereo diventa competitivo rispetto a quello feroviario solo su tratte con tempi di percorrenza superiori a più di tre ore(fonte: studio CERTeT sul sistema areoportuale italiano, nel quale puoi trovare i riferimenti della ricerca citata...google.it). Calcola che una tratta come la RC-MI conta tante grandi stazioni intermedie tra loro difficilmente collegabili con la stessa frequenza tramite areomobili. La soluzione più treni nei week-end mi sembra demagogica,non consideri la congestione dei traffici nelle stazioni di partenza, arrivo ed intermedie causata da la concomitanza di tratti a lunga percorrenza con tratti a breve che hanno esigenze e specifictà di utenza completamente differenti. Non dispondo di dati verificabili ma viaggio anche durante la settimana e ti assicuro che alcune tratte sono sempre piene di passeggeri.
A chi mi dice che 15 di lavori sono troppi ti copio un'altra risposta data ad un ragazzo: "conosco molto bene che il bene particolare nn corrisponde mai al bene generale, anzi nella maggior parte dei casi è proprio la ricerca del particolare che crea situazioni in cui la guerra è l'unico modo per risolvere i particolarismi"...ed..."Ti assicuro che da parte mia non c'è stato alcuna lamentela quando hanno costruito un inceneritore vicino a casa mia...Non credo di morire se ogni tanto una folata di vento porta un po di cattivo odore alla mia finistra, basta chiuderla...sarei molto più schifato di avere la spazzatura in mezzo alla strada!!!!"

Andrea Nardi 13.12.05 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Chissà i soldi già spesi solo per preparare i lavori, e chissà la idtta appaltatrice i soldi che si prende di moratroria per aver bloccato i lavori..
comunque tanto di risparmio spero..
E come faremo a chiedere ai cittadini prima? Effettivamente sono stati comportamenti da regime, è andata bene, Grazie a te ed ai cittadini!
ma quante merci passano quindi ora in Val di Susa?

Matteo Raggi 13.12.05 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Ma dai....siamo seri...siamo o non siamo in Italia. Certo che il progetto fa acqua da tutte le parti e che poco servirà questo lo hanno capito anche i più somari...ma stà proprio lì la figata no?

Allora:facciamo una bella galleria che passa in mezzo ad una valle splendida, i treni non andranno ne più forte ne più piano di come vanno adesso, chi costruisce fa affari d'oro....ed i comuni che adesso dicono di no tra qualche milione di Euro diranno di Si!!....eddai che è facile da capire no? Abbiamo sempre sbloccato tutto così.Scommettiamo?

Cristiano Gilardi 13.12.05 22:23| 
 |
Rispondi al commento

NON credo veramente che una tratta feroviaria possa distruggere l'intero ambiente...scusami ma affermazioni del genere mi fanno ridere. Io non faccio il finocchio con il culo degli altri ma credo di essere responsabile e conosco molto bene che il bene particolare nn corrisponde mai al bene generale, anzi nella maggior parte dei casi è proprio la ricerca del particolare che crea situazioni in cui la guerra è l'unico modo per risolvere i particolarismi. Siamo un popolo indietro nella testa...abbiamo un orizzonte progettuale che è limitato nel tempo e nello spazio...

Ti assicuro che da parte mia non c'è stato alcuna lamentela quando hanno costruito un inceneritore vicino a casa mia...Non credo di morire se ogni tanto una folata di vento porta un po di cattivo odore alla mia finistra, basta chiuderla...sarei molto più schifato di avere la spazzatura in mezzo alla strada!!!!

Andrea Nardi 13.12.05 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Infatti,i cittadini devono essere interpellati!!
Più referendum, più scelta al popolo, più dati tecnici da far sapere!
E' assurdo dire che l'Italia verrà tagliata fuori dall'Europa senza il TAV!
Ma se le ferrovie fanno ridere un tutta italia siamo già TAGLIATI DI NOSTRO!!
Il fatto è che arrivano un sacco di soldi, allora lo Stato se ne vuole abbuffare, facendoci credere di modernizzarci..quando nessuno prende il treno già esistente per andare in francia...anche perchè ci sn i voli aerei(NON MONOPOLIZZATI)Low Cost!
Cmq..la val di susa è satura di mega infrastruttre e per chi non l'avesse mai vista: è larga 1,5km!!E poi..quante gallerie devono fare?Tantissime!Io proporrei di spianarle tutte col tritolo,buttiamo giù le montagne, sono brutte, son solo roccia, c'è solo qualche sparuto animale e qualche vecchio!Vero Silvio??

Daniele Comoglio 13.12.05 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Up per Marco Doria!

ijimiaz galir 13.12.05 21:14| 
 |
Rispondi al commento

******************* 121 giorni alla LIBERAZIONE ****** *************************************************
******************* 121 giorni alla LIBERAZIONE ****** *************************************************

******************* 121 giorni alla LIBERAZIONE ****** *************************************************
******************* 121 giorni alla LIBERAZIONE ****** *************************************************

Silviuccio resisti, TI CACCEREMO NOI!!!!!

******************* 121 giorni alla LIBERAZIONE ****** *************************************************
******************* 121 giorni alla LIBERAZIONE ****** *************************************************

******************* 121 giorni alla LIBERAZIONE ****** *************************************************
******************* 121 giorni alla LIBERAZIONE ****** *************************************************

p.s.: DI CANIO ed i suoi fans andrebbero "annichiliti".

Antonio La Trippa 13.12.05 20:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I nuovi sicari dell'economia (3° parte)

Le sconvolgenti rivelazioni di John Perkins mi hanno portato ad osservare in una diversa prospettiva alcune vicende di casa nostra sulle quali recentemente si è innestato un vivace dibattito: il progetto che dovrebbe portare la linea ferroviaria ad alta velocità nella Val di Susa ed il ponte sullo Stretto di Messina. Il fatto che nei riguardi di queste due faraoniche opere si stiano contrapponendo con pari forza e determinazione opposti schieramenti di economisti, politici, ecologisti e cittadini gli uni a sostenerne l’inutilità, la pericolosità ed il devastante impatto ambientale e territoriale e gli altri, al contrario, ad argomentare circa la loro assoluta indispensabilità mi fa sorgere una domanda: chi sono i nuovi sicari della nostra economia? A chi giova scavare 50 chilometri nella montagna in cui è presente amianto? A chi interessa sostenere un costo che supererà di tre/quattro volte quello per il ponte sullo Stretto e che per il 90% sarà a carico dei contribuenti? Chi ci guadagna dalla realizzazione di un’unica arcata che collegherà Reggio Calabria a Messina quando, da una parte l’autostrada per arrivarci è in perenni condizioni disastrose e, dall’altra, l’intera struttura viaria è deficitaria persino dell’ordinaria manutenzione? Chi trarrà profitto dal volere il potenziamento della linea Bussoleno-Torino che dovrebbe ridurre di soli 20 minuti il transito delle merci ma dal quale ancora nessuno è stato in grado di dimostrare i benefici economici? Chi ci guadagna dall’investire miliardi di Euro per realizzare un’opera che vedrà la luce tra vent’anni e che servirà a “non restare tagliati fuori” anziché tentare di porre rimedio all’allarmante dissesto idrogeologico causato alle nostre valli e alle nostre montagne da anni di incuria, abusivismo e scarsi controlli? Non lo so. Ma penso di sapere chi pagherà il caro prezzo.

Marco Doria 13.12.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

I nuovi sicari dell'economia (2° parte)

Una cosa però ci è sempre stata tenuta nascosta: che queste mastodontiche opere di ingegneria civile dovevano essere progettate e realizzate dalle imprese edili del paese finanziatore consentendo così al denaro – nettato degli opportuni “oboli” versati ad un pugno di ricche ed influenti famiglie locali – di non uscire mai dagli Stati Uniti, mentre il debito dei paesi destinatari (l’obbligo di restituzione dell’intero capitale investito più gli interessi) assumeva proporzioni talmente ingenti da costringere gli stessi alla morosità nel giro di pochi anni. E quando questo si verificava il paese debitore (sempre più povero) diveniva ricattabile e, perciò, asservibile alle ambizioni di potere e dominio del creditore (sempre più ricco) che, a titolo di “risarcimento”, poteva così pretendere il controllo di alcuni voti alle Nazioni Unite, l’istallazione di basi militari o l’accesso a preziose risorse (come il petrolio). Il tutto in un continuo processo di indebitamento che non ha risparmiato migliaia di chilometri quadrati di foreste pluviali sulle quali sono stati riversati milioni di litri d’acqua di scarico contaminata di petrolio, metalli pesanti e sostanze cancerogene ed intere civiltà indigene ormai prossime alla scomparsa.

Marco Doria 13.12.05 16:46| 
 |
Rispondi al commento

I nuovi sicari dell'economia (1° parte)

Ho appena terminato la lettura di un libro, capitatomi tra le mani quasi per caso, pubblicato l’anno scorso con il titolo “Confessioni di un sicario dell’economia”. L’autore, un certo John Perkins, in questa sorta di autobiografia, racconta la propria esperienza – documentandola esaurientemente – di analista presso una società di consulenza di Boston impegnata in progetti internazionali che, operando nell’ombra per conto della Banca Mondiale e dell’amministrazione statunitense, aveva l’incarico di elaborare proiezioni statistiche sugli effetti degli investimenti miliardari erogati a favore dei paesi in via di sviluppo al fine di sostenerne il processo di crescita e modernizzazione.In pratica il suo compito consisteva nel formulare ipotesi di crescita economica e valutazioni d’impatto in termini di incremento del Prodotto Interno Lordo di un determinato progetto di natura industriale come, ad esempio, la costruzione di una centrale idroelettrica a Panama, il miglioramento della rete ferroviaria in Ecuador o l’adeguamento del sistema di telecomunicazioni in Indonesia. Il tutto finanziato con denaro pubblico vestito con l’elegante forma del prestito internazionale per lo sviluppo dei paesi poveri.

Marco Doria 13.12.05 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Francesco.
Io sono un amante delle nuove tecnologie mi affascina moltissimo l'idea di treni super veloci economici e soprattutto che non inquinano,ma da ignorante una domandina del perchè tutte queste persone non vogliono il TAV me la sono fatta e forse te la dovresti fare pure te.
Almeno il dubbio che in quella valle non ci sia un rincretinimento di massa cerca di averlo, poi semmai quando vai all'estero nel paese civile che dici, prova a passare di li e fare qualche domanda a chi ci vive, forse saresti più comprensivo.

Stefano Presotto 13.12.05 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Ma quando fra 20'anni non ci sarà più petrolio, o il suo prezzo sarà salito così tanto (per la sua scarsità: i paesi emergenti aumentano la domanda, ma il petrolio non è una risorsa infinita) da imporre l'utilizzo di fonti di energia alternative, i treni allora non rappresenteranno una soluzione valida, pulita, etc per le problematiche di trasporto merci e persone? E la tecnologia del TAV non sarà necessaria?

Daniele Giabbai 13.12.05 16:14| 
 |
Rispondi al commento

francesco perloro - 13/12 13.39-13.46

dove ha trovato i suoi dati?
sarebbe opportuno citare la fonte, visto che sembrano cifre "sensate".

almeno si può fare un po' di dibattito serio...

Chiara Cavargna 13.12.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro andrea, tu parli come un commerciale, vedi solo l'aspetto monetario, la scuola che fai ti "addestra" in questo modo, evidentemente non sei della valle e probabilmente non sei piemontese, non abiti neanche a roma che è da 10 anni che combatte la tav e il treno passa a tre metri dalle abitazioni, probabilmente nei prossimi 20 anni starai bene....ed è proprio allora che ti inviterò in val susa a prenderti una bella boccata d'aria... non te la prendere ma è facile fare il finocchio con il culo degli altri...

davide cardin Commentatore in marcia al V2day 13.12.05 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Cca' sua nisciuno e' fesso, e allora non diciamo ingenuita'.

Una blanda analisi strategica, considerati i tempi di reazione, giunge alla evidente conclusione che questa presunta vittoria, cioe' la sospensione dei lavori, serve soltanto

A EVITARE IL BOICOTTAGGIO DELLE OLIMPIADI

cioe' a tenere buoni i valsusini finche' non avranno piu' il coltello dalla parte del manico.

Io dico che e' proprio il momento di stringere la morsa, finche' si ha qualcosa in mano, perche' dopo torneranno i militi dal manganello facile e la festa questa volta sara' finita davvero.

Ricordiamoci che stiamo lottando contro un nemico enorme, pressoche' invincibile: se non si sfrutta il minimo vantaggio la sconfitta e' certa.

Io ho un fratello a Torino e giusto questo weekend l'ho aiutato a pulire casa. C'era uno strato di polvere nera da far paura dappertutto gia' oggi, figuriamoci come diventera' salubre l'aria in futuro con un po' di amianto che svolazza.

Ultimo consiglio: amici che dirigete il movimento, fate attenzione perche' PER PRASSI intorno a voi c'e' sicuramente qualche analista del SISDE. Vi state muovendo sulle uova.

Luther Blisset 13.12.05 15:12| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO NELLA MERDA!

Lorenzo B 13.12.05 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Un popolo indietro...Mi dispiace contraddire il pensiero unico del blog ma da 22enne studente di economia mi dispiaccio che una persona intelligente come Beppe Grillo possa fare una battaglia contro l'alta velocità. Il fatto che il traffico passeggeri sia solo per brevi tratti probabilmente è vero anche se invito tutti quanti ha venire su un intercity reggio calabria- Milano di domenica pomeriggio e chiedere ai passeggeri dove sono saliti e dove vanno....Siamo un paese indietro xchè non riusciamo a sviluppare un sistema di trasporto efficiente(e ci vogliamo convincere che non sia così!!!). Perchè non vuole ammettere che migliore un servizio (traffico passeggeri) porta inevitabilmente al miglioramneto di un'altro servizio correlato (traffico merci), per esempio diminuendo il tempo di attesa dei treni nelle stazioni. Certo i cambiamenti non sono mai immediati ma se nessunno si muove difficilamte qualcosa si modificherà. Avendo vissuto ad Hong Kong per 6 mesi vi assicuro che il nostro paese non merita di stare tra i più sviluppati perchè ormai ci siamo ridotti a difendere posizioni obsolete.

Mi picerebbe parlare con Beppe perchè le sue certezze hanno bisogno di essere confrontate...


proviamo a proporre alla Francia di pagare ognuno la parte di tratta di competenza territoriale!!!.. e vediamo se la TAV si farà o non si farà!!!!.. oppure se non troveranno una soluzione alternativa!!!

Stefano Marzocchini 13.12.05 14:42| 
 |
Rispondi al commento

LIBERO ADSL 4 MEGA UNA VERA TRUFFA!!! *************************************************
L'ADSL in italia NON è un diritto per tutti, ma quando hai l'opportunità di averla, ti fanno navigare a meno di una connessione a 56k promettendo velocità a 4MEGA e facendoti pagare 29 EURO AL MESE.
Questo e quanto accade con LBERO ADSL 4 MEGA, nelle zone dove usa la rete Telecom.
Frutto di una promozione di quest'ultima l'ADSL 4 MEGA di LIBERO viene rivenduta all'utente finale filtrandone il traffico cioè limitando il download, stipando miriati di utenti su canali dove possono passare solo il 5% di questi, il risultato è che tutti viaggiano lentissimi, LIBERO ci guadagna limitando i costi e i poveri utenti non possone neanche protestare perchè vincolati da un cotratto a scadenza annuale, dove è riportato che la velocità MASSIMA è di 4 MEGA, ma questo nella promozione e nella pubblicità non si dice.
L'Italia l'africa dell'Europa. Forse ho offeso l'Africa

Mario Apollonio 13.12.05 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Io avrei la seguente riflessione da sottoporvi.
Il governo ha deciso lo "stop dei lavori" al fine di valutare l'impatto ambientale che questi avranno in Val di Susa. Ma lo stesso governo ha più volte ribadito che il TAV si farà!!! Ma allora mi chiedo: che esito avranno queste valutazioni se alla fine è già deciso che il lavori continueranno. Vuoi vedere che quando (e se) si renderanno conto che il TAV non va fatto metteranno tutto a tacere?
Valsusini state molto attenti: ora vi hanno dato lo zuccherino, ma è probabile che alla fine ve lo mettano nel c..o!

Gabriele Visintini 13.12.05 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Sul ponte dello stretto non c'è da preoccuparsi, sono stati fatti studi modellini prove,ovviamente tutto imboscato o come dice Grillo "submarine", crollerà subito...tranquilli.

davide cardin Commentatore in marcia al V2day 13.12.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Maurizio Gugliotta

Hai dimenticato di dire che ...

Il Bel Paese si trova amministrato e abitato da persone con un cervello sviluppato solo per riconoscere chi sarà il nuovo padrone al quale genuflettersi e leccare il culo. Non esiste più una differenziazione in destra, sinistra o centro per la politica italiana: non esiste più un’ideologia, uno slogan da urlare con convinzione. Esiste solo un grande unico modo di essere arrivista, speculatore e contrarre interessi privati e personali con la cosa pubblica. Per questo anche Silvio Berlusconi, e dopo di lui Romano Prodi, Piero Fassino,Francesco Rutelli o Gianfranco Fini che sia, non potranno risollevare le sorti di un’Italia gettata sul lastrico da un abitudine mortale: la mediocrità a tutti i livelli.
Tangenti, corruzione, evasione fiscale sono all’ordine del giorno: tanto anche molti processi sono pilotati e, comunque, alla fine per vari motivi assolutamente legali, si archivia sempre tutto.

L’Italia ha una metastasi diffusa di diversi e terribili tumori: corruzione, clientelismo, incapacità, incompetenza ed arroganza. Restano, ancora, le sue meravigliose vestigia di storia, arte, cultura, e le sue bellezze naturali così diverse e complesse. Fino a che qualche inetto non decida di metterci le mani e sporcare anche quelle.

http://milano.campusanuncios.com/discussione212193071X-Metastasi-Italiane-Milano.html

Marco Polo 13.12.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento

"Lo stop ai lavori deciso dal governo è un risultato straordinario, ed è già un precedente."
bene, ora c'è il ponte sullo stretto.

Massimiliano Tanzini 13.12.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

seconda parte mail a trenitalia


Nelle stazione di Genova Brignole interessante metodo di mantenerci in forma è quello di farci passare da un binario all’altro con informazioni sibilline sulla partenza treni aventi la stessa destinazione e in concomitante presenza nella stazione…. Etc etc

Inoltre mi complimento per:

- l’esauriente informativa ai viaggiatori che è costantemente aggiornata con tempestivi avvisi sia nelle stazioni che sui treni;
- il notevole livello di sicurezza sui treni;
- la notevole salubrità e pulizia delle carrozze.


Concludendo, a scanso di equivoci, vorrei sottolineare che questa è una lettera con stesura ironica.... e per l’esperienza fattami posso solo affermare che da sei anni a questa parte il servizio è solamente peggiorato in tutti i suoi aspetti. Se il Vostro obiettivo è annullare il trasporto pubblico allora Vi dico continuate così…. Siete ad un passo dal riuscirci.

Maurizio Gugliotta

Maurizio Gugliotta 13.12.05 13:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A testimonianza che sono ben altri gli interventi che dovrebbero essere effettuati nell'ambito dei trasporti italiani, specialmente via treno. Vi sottopongo il testo di una mail inviata cinque minuti fa a trenitalia.... Chissà se risponderanno....


Spett.le Trenitalia Spa,

desidero esprimere i miei più sentiti ringraziamenti per l'innovativo, sociale, culturale e mai monotono servizio che prestate ai pendolari (nel mio caso nella tratta da Cogoleto a Genova Brignole).

- Innovativo perchè il servizio è prestato con le più sofisticate tecnologie al momento conosciute, ad esempio la nuova figura da Voi istituita che ci consente di avere "un amico in più" sui treni......
- Sociale perché si hanno notevoli occasioni di incontro che spesso diventa anche molto intimo grazie alla notevole densità di pendolari che affluiscono sui treni. Densità magistralmente da Voi tenuta alta con la chiusura di carrozze o con treni dotati di un basso numero delle stesse. Inoltre gli incontri hanno molteplici occasioni di essere approfondite grazie alla notevole quantità di tempo passato sui treni
- Culturale perché grazie alle svariate soste nelle e al di fuori delle stazioni si hanno molte occasioni di ammirare e assaporare particolari nei panorami o negli edifici che altrimenti nessuno noterebbe mai ed inoltre grazie allo stato dei treni si ha "l’illusione" di essere in continenti che probabilmente alcuni di noi non visiteranno mai tipo Asia, Africa.
- Mai monotono perché ogni giorno si ha un viaggio emozionante perché tutti sono in trepida attesa di verificare quale nuovo evento trenitalia avrà studiato per stupire i sempre più entusiasti pendolari…. Ad esempio percorsi tortuosi per riuscire a scendere dal treno a causa delle porte non funzionanti….. Pavimento sollevato nel passaggio tra una carrozza e l’altra (forse per osservare l’integrità dei binari..)….. Porte che non si riescono a chiudere e quindi tutti a terra ad aspettare il treno successivo…… Nelle stazione di Ge

Maurizio Gugliotta 13.12.05 13:53| 
 |
Rispondi al commento

3. Gli interventi di ammodernamento lato Italia previsti nello “Studio per l’ammodernamento della linea ferroviaria Dijon/Lyon-Torino” eseguito nel 2000 da FS insieme a SNCF e RFF, in parte già attuati o in corso di esecuzione, sono i seguenti (fonte RFI):adeguamento degli impianti ferroviari di molte stazioni,soppressione di passaggi a livello,interventi sulle sottostazioni elettriche esistenti e costruzione di nuove sottostazioni adeguamento della catenaria,adeguamento del gabarit GB1 (B+),realizzazione del blocco automatico tra Bussoleno e Borgone,miglioramento degli impianti di segnalamento, utilizzo di locomotive interoperabili sulle due reti,riduzione delle operazioni alle frontiere e delle soste a Modane,q sincronizzazione degli intervalli di circolazione per la manutenzione delle linee.Interventi di potenziamento ancora più consistenti sono previsti sugli itinerari di accesso al traforo del Frejus lato Francia.Grazie a questi provvedimenti le Reti prevedono di aumentare la capacità pratica della linea storica in un primo tempo da 155 a 218 treni/giorno, fatta salva una forte riduzione durante l’esecuzione dei lavori di ampliamento della sagoma del tunnel del Frejus, che è attualmente in corso e fa sentire i suoi effetti sulla circolazione (alcuni treni passeggeri a lungo percorso sono inoltrati via Sempione, i treni passeggeri locali fra Bardonecchia e Modane sono stati soppressi e sostituiti con autobus, la circolazione merci è stata ridotta). In via definitiva, quando tutti gli interventi di ammodernamento saranno stati ultimati, la capacità, secondo il citato studio, sarà di 226 treni/giorno (passeggeri + merci).Il carico ambientale di questa soluzione, che non prevede alcun intervento di interramento della linea nei tratti urbani (la sezione non è sufficiente per proporre qualsiasi intervento di questo tipo) è per la valle di Susa e per tutti i centri urbani collocati sulla linea difficilmente sostenibile (un passaggio ogni 5 minuti)

Francesco Perloro 13.12.05 13:46| 
 |
Rispondi al commento

PER ME LA CLASSE POLITICA ITALIANA FA TALMENTE SCHIFO CHE ANDREBBE AZZERATA COMPLETAMENTE!

IN QUESTA VICENDA-TAV E' EMERSA IN TUTTA LA PROPRIA INETTITUDINE E INCONSISTENZA. NON SI TRATTA DI ESSERE A FAVORE O NO, SI TRATTA DI SPIEGARE AI LORO DATORI DI LAVORO (CHE SAREMMO NOI FINO A PROVA CONTRARIA) IL PERCHE' LE COSE VENGONO FATTE O IL PERCHE' NO.

QUESTO TAVOLO FANTOCCIO TRA GLI ESPONENTI DEL GOVERNO E I SINDACI DELLA VAL DI SUSA E' STATO MONTATO AD ARTE PER EVITARE CASINI ALLE OLIMPIADI E PER OTTENERE VOTI ALLE ELEZIONI. FINITE QUELLE, ARRIVERANNO IN VAL DI SUSA TALPE E RUSPE PRONTE A SPAZZARE VIA TUTTO E TUTTI E AD ARRICCHIRE LE TASCHE DEI SOLITI NOTI.

OGGI VAL DI SUSA, DOMANI PONTE SULLO STRETTO, DOPODOMANI CHISSA' COS'ALTRO.
NON ABBIAMO UNA LIRA, LA SCUOLA, LA SANITA' E MILLE ALTRE COSE VANNO A PUTTANE, EPPURE PER STE MINCHIATE I SOLDI CI SONO SEMPRE.

CI TRATTANO COME OGGETTI!!!

ALLE PROSSIME ELEZIONI INVECE DI VOTARE A FAVORE, VOTIAMO CONTRO E MANDIAMOLI TUTTI A CASA!
TUTTI A CASA!
NESSUNO ESCLUSO!

Lorenzo Bulgaron 13.12.05 13:44| 
 |
Rispondi al commento

2. L’emergenza economica e logistica c’è; 15 anni per realizzare la nuova linea sono tanti e occorre lavorare per gestire il transitorio.
Come Con interventi tampone di ammodernamento sulla tratta Bussoleno – Modane atti ad aumentare nel transitorio la capacità della linea ferroviaria (tale intervento creerà nel transitorio gravi disagi ambientali per la valleq Con la realizzazione della Gronda ferroviaria di Torino (che ora comprende il passante di Corso Marche e la connessione al nodo logistico di Orbassano) .Grazie a questi provvedimenti le Reti prevedono di aumentare la capacità pratica della linea storica in un primo tempo da 155 a 218 treni/giorno, fatta salva una forte riduzione durante l’esecuzione dei lavori di ampliamento della sagoma del tunnel del Frejus, che è attualmente in corso e fa sentire i suoi effetti sulla circolazione (alcuni treni passeggeri a lungo percorso sono inoltrati via Sempione, i treni passeggeri locali fra Bardonecchia e Modane sono stati soppressi e sostituiti con autobus, la circolazione merci è stata ridotta). In via definitiva, quando tutti gli interventi di ammodernamento saranno stati ultimati, la capacità, secondo il citato studio, sarà di 226 treni/giorno (passeggeri + merci). – un passaggio ogni 5 minuti,Si riuscirà ad arrivare al 2018-2020 alla saturazione della linea storica, avendo avviato un percorso di riequilibrio modale e quindi trasferito una parte del carico del trasporto merci della autostrada sulla Ferrovia.Con l’attivazione della linea AC (che dovrebbe essere pronta per il 2018), si potrà spostare tutto il traffico merci ed internazionale sulla nuova linea, liberando dal grave carico ambientale del traffico merci la linea storica che verrebbe destinata esclusivamente al traffico locale, con vantaggi ambientali e sociali assolutamente incomparabili per la valle di Susa e per tutti i centri urbani collocati sulla linea.

Francesco Perloro 13.12.05 13:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1.Alla base della decisione di realizzare la nuova linea AC Torino-Lione sta l’obiettivo strategico dell’unione europea e dei governi italiano e francese secondo il quale è necessario “… porre in atto tutte le misure per ottenere un trasferimento del traffico dalla strada alla ferrovia in modo da raggiungere nei prossimi dieci anni i 20 milioni di tonnellate e da quadruplicare nel lungo periodo la quota di traffico merci su ferro …” .
La riduzione del traffico ferroviario registrata nel corso degli ultimi anni (secondo i dati Alpinfo, -32% tra il 1997 ed il 2004) è dovuta al cronico arretramento del sistema ferroviario italiano e transfontaliero e va ad ampliare il trasporto su gomma, il vero disastro ambientale per la val di Susa, rendendo plausibile il raddoppio del tunnel autostradale del Frejus ed il potenziamento dell’autostrada A32. Il sistema ferroviario trasfrontaliero è ancora dell’epoca di Cavour; il traforo del Frejus è del 1854, a quota 1270 (max 1295), uscita a Modane a 1148. La linea storica ha limiti insuperabili, dovuti alle elevate pendenze ed ai raggi di curvatura della tratta Bussoleno - St.Jean de Maurienne che penalizzano l’esercizio merci. La massa rimorchiabile da una locomotiva è attualmente di 650 tonnellate lorde tra Bussoleno e Modane e di 600 tonnellate lorde tra St.Jean de Maurienne e Modane. Per carichi superiori ( i treni oggi per convenienza di trasporto sono di 1200 tonnellate), occorre aggiungere locomotive supplementari, la cui collocazione in testa o in coda al treno è condizionata dal limite di resistenza degli organi di aggancio.Altri vincoli da limitazioni di velocità in alcune tratte per effetto della pendenza e della curvatura dei binari (da 70 a 60 fino a 35 km/h in presenza di basse percentuali di frenatura della massa rimorchiata), dalla carenza di energia elettrica che non permette la circolazione ravvicinata di treni pesanti, nonché, per i treni più leggeri, dalla limitata lunghezza dei binari di stazione.

Francesco Perloro 13.12.05 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Si parla tanto di alta velocità, ovvero come percorrere in 2 ore 800 KM...peccato che poi per muoverci di 10 KM nelle città ci mettiamo altrettanto (di cui almeno la metà fermi ai semafori) se ci muoviamo in macchina e quasi altrettanto se usiamo i trasporti pubblici (vanno aggiunti i tempi di attesa e ritardi vari).
Non sarebbe più sensato pensare a risolvere i problemi di scarsa mobilità prima di mettere mano a quelli dell'alta velocità? Oltre a tutto se non risolviamo il problema dei flussi secondari come noto a chi studia idraulica o teoria delle code un afflusso troppo veloce di materiale provoca la paralisi dei sistemi di smaltimento se non progettati con capienza adeguata.

Giuseppe Venditti 13.12.05 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Da www.repubblica.it (http://www.repubblica.it/2005/l/sezioni/economia/finanziaria11/condono/condono.html)


"Tassa sui film violenti.
Oltre alla tassa sul materiale a luci rosse arriva anche un tributo speciale per i film violenti. Questo si sarebbe deciso - spiegano fonti della maggioranza alla Camera - dopo la riunione di stanotte per le ultime limature al maxiemendamento del governo"

Veramente da far cadere le braccia, o quel che resta di loro, dopo le "esilaranti ed innovative" trovate economico-sociali-finanziarie dei nostri parlamentari !!!
Ma cosa altro dobbiamo subire da questa gente.
Ma possibile che nessuno di loro si renda conto delle imbecillagini che dicono ? O sono più che coscienti che ormai riusciamo a sopportare proprio di tutto ? In quel caso ci sarebbe proprio da "inc....rsi" sul serio.
Quale sarà la prossima proposta per finanziare le inutili quanto devastanti opere pubbliche promosse dai nostri "esemplari (immaginate di cosa) parlamentari ? .
Cosa tasseranno in futuro le battute nei film di Totò ? I cartoni animati di Minnie e Topolino ? I documentari della Macchina del Tempo ? Buona Domenica ? (...questa sicuramente no, nessuno la toccherà mai ...purtroppo).
Davvero l'Italia di questi ultimi tempi, grazie alla serietà e professionalità dei nostri governanti (o meglio dipendenti) stà sprofondando nel baratro. Non abbiamo più alcuna credibilità, in nessun campo, in nessun settore.
Non meravigliamoci se domani qualcuno di loro proporrà la TAV tra la calabria e la sicilia ed un ponte sulle alpi ..... Poveri noi !

PS.: Beppe stai attento questi vogliono veramente "rubarti il lavoro"
Auguri a tutti


Salvatore D'Angelo 13.12.05 13:26| 
 |
Rispondi al commento

“Ha senso parlare di Alta velocità quando gli spostamenti superano i 250-300 Km. In Italia, se prendiamo in mano le cifre, scopriamo che l'80% della domanda di trasporto passeggeri è costituita da spostamenti a corto raggio, entro i 100km. E' vero che i nostri treni sono pienissimi su alcune tratte ma sono poche le persone che vanno da un capo all'altro del Paese. Le tratte più frequentate sono quelle dove c'è più ricambio di viaggiatori”


IN MERITO A QUESTO COMMENTO, INVITEREI CHI LO HA SCRITTO A PRENDERE UN QUALSIASI TRENO MILANO\TARANTO, PIUTTOSTO CHE UN TORINO\BARI, O ANCORA UN MILANO\PALERMO...........FORSE CAPIRA' PERCHE' SOLO IL 20% DEI VIAGGIATORI PRENDE IL TRENO PER FARE PIU' DI 250\300 KM.
I TRENI A LUNGA PERCORRENZA IN ITALIA FANNO SCHIFO PERCIO' CONVIENE PRENDERE L'AUTO.
SE MI PARLATE DI ALTA VELOCITA' DA MILANO A BERGAMO CONCORDO CON VOI CHE NON SERVE A NULLA BASTEREBBE LA METROPOLITANA, COSI' COME C'E' A LONDRA O A PARIGI, MA SICURAMENTE SORGEREBBERO DEI COMITATI NO METRO PERCHE' IN FONDO SI PUO' SEMPRE ANDARE IN BICI O A PIEDI.

Franco De Cesare 13.12.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento

ROMA 8 DICEMBRE 2005

TAV A ROMA:

Lettera aperta al Sindaco di Roma

Walter Veltroni, un sindaco impegnato...forse troppo.

Siamo contenti di avere Walter Veltroni come sindaco di Roma.
Abbiamo un sindaco multiforme. Viaggia, il nostro sindaco, viaggia molto. Ama il cinema, l'arte e la musica, il Dr. Veltroni, e per ogni sua passione scrive un libro. E' più fecondo di Baricco, il sindaco di Roma, che fa anche il Dj e doppia i tacchini nei cartoons della Disney. E poi inaugura, Veltroni, inaugura tantissimo: le mostre, gli asili nido, i centri anziani, le strade, le scuole e la metropolitana, anche se, per quest'ultima, dovrà aspettare ancora, come noi.
È davvero molto amato il nostro sindaco, tanto che nessuno, a Roma o nel mondo ha domande o problemi da porgli. Ce lo invidiano anche negli States, un sindaco così. Poi però?
Poi però gli sfrattati occupano le Basiliche per protesta e il lavoro non c'è anche se fa finta di esserci; il traffico di Roma è invivibile come sempre e per parcheggiare al centro ipotechiamo la macchina; gli ausiliari della STA multano anche i piccioni viaggiatori, e la TAV, che non passa solo per la Val di Susa, sventra le periferie di Roma da anni, nel silenzio delle istituzioni. Ed è proprio dalle periferie che scriviamo perché sappiamo che lei è un sindaco molto impegnato ma da noi non la vediamo mai. O meglio, se sgombrano un campo nomade lei una visita ce la concede ma, come una neo-primula rossa, forse un po' scolorita, lei arriva, mette la firma e poi scompare, inarrivabile e lontano, dietro un cordone sanitario che la protegge da noi che siamo periferici ma, e ci teniamo a dirlo, non contagiosi. Allora le scriviamo una lettera, per fargliele, quelle domande che nessuno le fa. Perché in quanto cittadini romani danneggiati dalla TAV, forse una risposta dal nostro sindaco ci spetta e ci scusiamo per il tono usato, forse un po' polemico. Le chiediamo solo di ascoltare quel che abbiamo da dire e di comprendere la nostra rabbia.
Da anni la costruzione del treno per l'Alta Velocità (TAV ) sconvolge le periferie di Roma. Ci siamo trovati improvvisamente strade e ponti chiusi e il traffico impazzito tra fango e voragini, vecchie e nuove. Abbiamo cercato di sopravvivere tra tempeste di polvere, rumori assordanti e camion scorrazzanti. Centinaia di persone sono rimaste senza casa o senza lavoro. Da lei, sindaco di Roma, non ci è arrivato ne un aiuto, ne un commento. Ma forse la periferia è lontana dal Campidoglio, forse più lontana dell'Africa. La TAV , che è un s.p.a. ma è finanziata dallo stato, si è impegnata a riparare ai danni causati ma lo fa in base a parametri misteriosi e con metodi discutibili. Come reazione ai soprusi della TAV è nato un comitato che ha ricordato ad ogni singola persona danneggiata di avere dei diritti e che ha lottato per sensibilizzare le istituzioni rammentandogli che i diritti dei cittadini non si possono confinare nei discorsi politici ma che si devono proteggere, saper pretendere e poter ottenere. Purtroppo, a volte, il coraggio civile orfano dei poteri istituzionali non basta e tanta povera gente è ancora costretta a minacciare gesti estremi, per farsi ascoltare. Alcuni di loro si sono dati fuoco e, proprio oggi un'anziana disabile ha minacciato lo sciopero della fame. Siamo un gruppo di famiglie che abita a pochi passi dai quei preziosi 5 sarcofaghi romani ritrovati di cui tutti i giornali parlano. Di noi però non parla nessuno. La TAV ci ha ufficialmente riconosciuto il diritto al risarcimento più di anno fa. Ma il risarcimento si divide equamente tra proprietari ed inquilini e noi un proprietario non lo abbiamo, noi ne abbiamo 45 sparpagliati per il mondo ed è impossibile rintracciarli o solo conoscerne tutti i nomi. Anche i nostri vicini sono affittuari ma del Comune di Roma che, benché sollecitato, rimane silente come sempre. Niente indennizzo quindi e nessuna risposta dalla TAV sulla nostra proposta di depositare al sicuro quel che spetta ai proprietari e di dare a noi, già identificati e riconosciuti come danneggiati, quel che ci spetta di diritto, quei soldi che ci permetterebbero di toglierci da questo posto. Perché noi siamo quasi tutti invalidi e anziani, alcuni anche gravemente ammalati e abitiamo nel bel mezzo di un cantiere a celo aperto, attivo giorno e notte,
Vogliamo essere cittadini europei e credere al progresso e allo sviluppo che , ci dicono, la TAV rappresenta ma non vogliamo morirne. La TAV s.p.a. si muove secondo le logiche del mercato per cui il forte schiaccia il debole ma il sindaco di Roma, che ci rappresenta tutti, che posizione prende? Saremo costretti a gesti estremi per difendere il nostro diritto a vivere degnamente? Non lo vogliamo e per questo ci rivolgiamo a lei, Dr. Veltroni, che in un discorso del '99 affermava:

“.. La forza del mercato deve essere accompagnata, temperata dalla politica, dal diritto, dalla solidarietà sociale, dalla democrazia...”*

Questo lo ha detto lei...ma forse erano altri tempi.
* (Walter Veltroni, Modena. 1999)


Abbiamo spedito questa lettera a: Il Sindaco di Roma. La Repubblica, Il Corriere Della sera , Il Messaggero
Il Foglio, Il Tempo, Il Giornale, La Stampa, Il Manifesto, Il Giorno, L' Espresso, Panorama, L'Unità e varie altre testate giornalistiche stampate e On-Line che non citiamo per mancanza di spazio, un sentito ringraziamento a tutti.



Gli Inquilini di:

Via Collatina Vecchia 61
Via della Cetra
Via della Zampogna

Baldassarre G.
Laino R.
Baldassarre G
Pascale F.
Del Signore P.
Fabrizzi M.
Fiore V.
Mastrocola D.
Baldassarre F.
Salvati O.

PER INFORMAZIONI CONTATTARE IL DDT (Danneggiati Dalla Tav)
tel 3480368417
E-mail carma72@tiscali.it

seguono firme

Laiono Rosina DDT Danneggiati Dalla Tav 13.12.05 12:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ROMA 8 DICEMBRE 2005

TAV A ROMA:

Lettera aperta al Sindaco di Roma

Walter Veltroni, un sindaco impegnato...forse troppo.

Siamo contenti di avere Walter Veltroni come sindaco di Roma.
Abbiamo un sindaco multiforme. Viaggia, il nostro sindaco, viaggia molto. Ama il cinema, l'arte e la musica, il Dr. Veltroni, e per ogni sua passione scrive un libro. E' più fecondo di Baricco, il sindaco di Roma, che fa anche il Dj e doppia i tacchini nei cartoons della Disney. E poi inaugura, Veltroni, inaugura tantissimo: le mostre, gli asili nido, i centri anziani, le strade, le scuole e la metropolitana, anche se, per quest'ultima, dovrà aspettare ancora, come noi.
È davvero molto amato il nostro sindaco, tanto che nessuno, a Roma o nel mondo ha domande o problemi da porgli. Ce lo invidiano anche negli States, un sindaco così. Poi però?
Poi però gli sfrattati occupano le Basiliche per protesta e il lavoro non c'è anche se fa finta di esserci; il traffico di Roma è invivibile come sempre e per parcheggiare al centro ipotechiamo la macchina; gli ausiliari della STA multano anche i piccioni viaggiatori, e la TAV, che non passa solo per la Val di Susa, sventra le periferie di Roma da anni, nel silenzio delle istituzioni. Ed è proprio dalle periferie che scriviamo perché sappiamo che lei è un sindaco molto impegnato ma da noi non la vediamo mai. O meglio, se sgombrano un campo nomade lei una visita ce la concede ma, come una neo-primula rossa, forse un po' scolorita, lei arriva, mette la firma e poi scompare, inarrivabile e lontano, dietro un cordone sanitario che la protegge da noi che siamo periferici ma, e ci teniamo a dirlo, non contagiosi. Allora le scriviamo una lettera, per fargliele, quelle domande che nessuno le fa. Perché in quanto cittadini romani danneggiati dalla TAV, forse una risposta dal nostro sindaco ci spetta e ci scusiamo per il tono usato, forse un po' polemico. Le chiediamo solo di ascoltare quel che abbiamo da dire e di comprendere la nostra rabbia.
Da anni la costruzione del treno per l'Alta Velocità (TAV ) sconvolge le periferie di Roma. Ci siamo trovati improvvisamente strade e ponti chiusi e il traffico impazzito tra fango e voragini, vecchie e nuove. Abbiamo cercato di sopravvivere tra tempeste di polvere, rumori assordanti e camion scorrazzanti. Centinaia di persone sono rimaste senza casa o senza lavoro. Da lei, sindaco di Roma, non ci è arrivato ne un aiuto, ne un commento. Ma forse la periferia è lontana dal Campidoglio, forse più lontana dell'Africa. La TAV , che è un s.p.a. ma è finanziata dallo stato, si è impegnata a riparare ai danni causati ma lo fa in base a parametri misteriosi e con metodi discutibili. Come reazione ai soprusi della TAV è nato un comitato che ha ricordato ad ogni singola persona danneggiata di avere dei diritti e che ha lottato per sensibilizzare le istituzioni rammentandogli che i diritti dei cittadini non si possono confinare nei discorsi politici ma che si devono proteggere, saper pretendere e poter ottenere. Purtroppo, a volte, il coraggio civile orfano dei poteri istituzionali non basta e tanta povera gente è ancora costretta a minacciare gesti estremi, per farsi ascoltare. Alcuni di loro si sono dati fuoco e, proprio oggi un'anziana disabile ha minacciato lo sciopero della fame. Siamo un gruppo di famiglie che abita a pochi passi dai quei preziosi 5 sarcofaghi romani ritrovati di cui tutti i giornali parlano. Di noi però non parla nessuno. La TAV ci ha ufficialmente riconosciuto il diritto al risarcimento più di anno fa. Ma il risarcimento si divide equamente tra proprietari ed inquilini e noi un proprietario non lo abbiamo, noi ne abbiamo 45 sparpagliati per il mondo ed è impossibile rintracciarli o solo conoscerne tutti i nomi. Anche i nostri vicini sono affittuari ma del Comune di Roma che, benché sollecitato, rimane silente come sempre. Niente indennizzo quindi e nessuna risposta dalla TAV sulla nostra proposta di depositare al sicuro quel che spetta ai proprietari e di dare a noi, già identificati e riconosciuti come danneggiati, quel che ci spetta di diritto, quei soldi che ci permetterebbero di toglierci da questo posto. Perché noi siamo quasi tutti invalidi e anziani, alcuni anche gravemente ammalati e abitiamo nel bel mezzo di un cantiere a celo aperto, attivo giorno e notte,
Vogliamo essere cittadini europei e credere al progresso e allo sviluppo che , ci dicono, la TAV rappresenta ma non vogliamo morirne. La TAV s.p.a. si muove secondo le logiche del mercato per cui il forte schiaccia il debole ma il sindaco di Roma, che ci rappresenta tutti, che posizione prende? Saremo costretti a gesti estremi per difendere il nostro diritto a vivere degnamente? Non lo vogliamo e per questo ci rivolgiamo a lei, Dr. Veltroni, che in un discorso del '99 affermava:

“.. La forza del mercato deve essere accompagnata, temperata dalla politica, dal diritto, dalla solidarietà sociale, dalla democrazia...”*

Questo lo ha detto lei...ma forse erano altri tempi.
* (Walter Veltroni, Modena. 1999)


Abbiamo spedito questa lettera a: Il Sindaco di Roma. La Repubblica, Il Corriere Della sera , Il Messaggero
Il Foglio, Il Tempo, Il Giornale, La Stampa, Il Manifesto, Il Giorno, L' Espresso, Panorama, L'Unità e varie altre testate giornalistiche stampate e On-Line che non citiamo per mancanza di spazio, un sentito ringraziamento a tutti.



Gli Inquilini di:

Via Collatina Vecchia 61
Via della Cetra
Via della Zampogna

Baldassarre G.
Laino R.
Baldassarre G
Pascale F.
Del Signore P.
Fabrizzi M.
Fiore V.
Mastrocola D.
Baldassarre F.
Salvati O.

PER INFORMAZIONI CONTATTARE IL DDT (Danneggiati Dalla Tav)
tel 3480368417
E-mail carma72@tiscali.it

seguono firme

Laiono Rosina DDT Danneggiati Dalla Tav 13.12.05 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ROMA 8 DICEMBRE 2005

TAV A ROMA:

Lettera aperta al Sindaco di Roma

Walter Veltroni, un sindaco impegnato...forse troppo.

Siamo contenti di avere Walter Veltroni come sindaco di Roma.
Abbiamo un sindaco multiforme. Viaggia, il nostro sindaco, viaggia molto. Ama il cinema, l'arte e la musica, il Dr. Veltroni, e per ogni sua passione scrive un libro. E' più fecondo di Baricco, il sindaco di Roma, che fa anche il Dj e doppia i tacchini nei cartoons della Disney. E poi inaugura, Veltroni, inaugura tantissimo: le mostre, gli asili nido, i centri anziani, le strade, le scuole e la metropolitana, anche se, per quest'ultima, dovrà aspettare ancora, come noi.
È davvero molto amato il nostro sindaco, tanto che nessuno, a Roma o nel mondo ha domande o problemi da porgli. Ce lo invidiano anche negli States, un sindaco così. Poi però?
Poi però gli sfrattati occupano le Basiliche per protesta e il lavoro non c'è anche se fa finta di esserci; il traffico di Roma è invivibile come sempre e per parcheggiare al centro ipotechiamo la macchina; gli ausiliari della STA multano anche i piccioni viaggiatori, e la TAV, che non passa solo per la Val di Susa, sventra le periferie di Roma da anni, nel silenzio delle istituzioni. Ed è proprio dalle periferie che scriviamo perché sappiamo che lei è un sindaco molto impegnato ma da noi non la vediamo mai. O meglio, se sgombrano un campo nomade lei una visita ce la concede ma, come una neo-primula rossa, forse un po' scolorita, lei arriva, mette la firma e poi scompare, inarrivabile e lontano, dietro un cordone sanitario che la protegge da noi che siamo periferici ma, e ci teniamo a dirlo, non contagiosi. Allora le scriviamo una lettera, per fargliele, quelle domande che nessuno le fa. Perché in quanto cittadini romani danneggiati dalla TAV, forse una risposta dal nostro sindaco ci spetta e ci scusiamo per il tono usato, forse un po' polemico. Le chiediamo solo di ascoltare quel che abbiamo da dire e di comprendere la nostra rabbia.
Da anni la costruzione del treno per l'Alta Velocità (TAV ) sconvolge le periferie di Roma. Ci siamo trovati improvvisamente strade e ponti chiusi e il traffico impazzito tra fango e voragini, vecchie e nuove. Abbiamo cercato di sopravvivere tra tempeste di polvere, rumori assordanti e camion scorrazzanti. Centinaia di persone sono rimaste senza casa o senza lavoro. Da lei, sindaco di Roma, non ci è arrivato ne un aiuto, ne un commento. Ma forse la periferia è lontana dal Campidoglio, forse più lontana dell'Africa. La TAV , che è un s.p.a. ma è finanziata dallo stato, si è impegnata a riparare ai danni causati ma lo fa in base a parametri misteriosi e con metodi discutibili. Come reazione ai soprusi della TAV è nato un comitato che ha ricordato ad ogni singola persona danneggiata di avere dei diritti e che ha lottato per sensibilizzare le istituzioni rammentandogli che i diritti dei cittadini non si possono confinare nei discorsi politici ma che si devono proteggere, saper pretendere e poter ottenere. Purtroppo, a volte, il coraggio civile orfano dei poteri istituzionali non basta e tanta povera gente è ancora costretta a minacciare gesti estremi, per farsi ascoltare. Alcuni di loro si sono dati fuoco e, proprio oggi un'anziana disabile ha minacciato lo sciopero della fame. Siamo un gruppo di famiglie che abita a pochi passi dai quei preziosi 5 sarcofaghi romani ritrovati di cui tutti i giornali parlano. Di noi però non parla nessuno. La TAV ci ha ufficialmente riconosciuto il diritto al risarcimento più di anno fa. Ma il risarcimento si divide equamente tra proprietari ed inquilini e noi un proprietario non lo abbiamo, noi ne abbiamo 45 sparpagliati per il mondo ed è impossibile rintracciarli o solo conoscerne tutti i nomi. Anche i nostri vicini sono affittuari ma del Comune di Roma che, benché sollecitato, rimane silente come sempre. Niente indennizzo quindi e nessuna risposta dalla TAV sulla nostra proposta di depositare al sicuro quel che spetta ai proprietari e di dare a noi, già identificati e riconosciuti come danneggiati, quel che ci spetta di diritto, quei soldi che ci permetterebbero di toglierci da questo posto. Perché noi siamo quasi tutti invalidi e anziani, alcuni anche gravemente ammalati e abitiamo nel bel mezzo di un cantiere a celo aperto, attivo giorno e notte,
Vogliamo essere cittadini europei e credere al progresso e allo sviluppo che , ci dicono, la TAV rappresenta ma non vogliamo morirne. La TAV s.p.a. si muove secondo le logiche del mercato per cui il forte schiaccia il debole ma il sindaco di Roma, che ci rappresenta tutti, che posizione prende? Saremo costretti a gesti estremi per difendere il nostro diritto a vivere degnamente? Non lo vogliamo e per questo ci rivolgiamo a lei, Dr. Veltroni, che in un discorso del '99 affermava:

“.. La forza del mercato deve essere accompagnata, temperata dalla politica, dal diritto, dalla solidarietà sociale, dalla democrazia...”*

Questo lo ha detto lei...ma forse erano altri tempi.
* (Walter Veltroni, Modena. 1999)


Abbiamo spedito questa lettera a: Il Sindaco di Roma. La Repubblica, Il Corriere Della sera , Il Messaggero
Il Foglio, Il Tempo, Il Giornale, La Stampa, Il Manifesto, Il Giorno, L' Espresso, Panorama, L'Unità e varie altre testate giornalistiche stampate e On-Line che non citiamo per mancanza di spazio, un sentito ringraziamento a tutti.



Gli Inquilini di:

Via Collatina Vecchia 61
Via della Cetra
Via della Zampogna

Baldassarre G.
Laino R.
Baldassarre G
Pascale F.
Del Signore P.
Fabrizzi M.
Fiore V.
Mastrocola D.
Baldassarre F.
Salvati O.

PER INFORMAZIONI CONTATTARE IL DDT (Danneggiati Dalla Tav)
tel 3480368417
E-mail carma72@tiscali.it

seguono firme

DDT Danneggiati Dalla Tav 13.12.05 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Io vorrei dire solo una cosa. chi cita i progetti della TAV... li ha mai visti? sfogliati? letti? analizzati? ho visto e sentito affermazioni che non corrispondono alle verità dei fatti, soprattutto per quanto riguarda i problemi sanitari legati al ritrovamento di amianto e uranio. c'è parecchia disinformazione che viene strumentalizzata (è un termine che odio ma è il più consono) dagli ambienti soprattutto politici, i quali creano allarmismi e preoccupazioni tra la popolazione: gli stessi rapporti dei consulenti della Comunità Montana non hanno un valore assoluto, le loro valutazioni sono sì esatte, peccato che partano da premesse errate fornite dai loro committenti. Volevo dire solo una cosa ma mi sono lasciato prendere la mano, aggiungo ancora: Ferrentino non vorrà sedersi a roma dopo aver sfruttato la protesta popolare (come un certo bossi)? pecoraro scanio non sta facendo campagna elettorale? berlusconi non vuole far cadere la giunta regionale piemontese di sinistra per avvantaggiarsi alle elezioni?
queste sono le mie meditazioni, grazie dello spazio

lione stefano 13.12.05 12:46| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI COLORO CHE NON CONOSCONO IL METODO PER SCARICARE I DOCUMENTARI:


Per scaricare i 3 documentari. Bisogna utilizzare un software open Source chiato EMULE:
Lo potete scaricare da qui:
http://www.emule-project.net/home/perl/general.cgi?l=18

E' un client (il più famoso al mondo) Per il file Sharing(Condivisione di File).
E' possibile scaricare i 2 file inserendo gli appositi link oppure cercando la parola "Scandalo Tav" nel motore di ricerca interno ad Emule.
Abbiamo scelto questa soluzione per ovvi motivi economici(attualmente ci sono complessivamente 8500 utenti in contemporanea che scaricano il file!!! ci vorrebbero molti euro al mese per avere un sito con banda minima alta e garantita!!)

GRANDE NOVITA': TROVATE I PRIMI 2 VIDEO ANCHE SU QUESTO SITO: http://www.arcoiris.tv/

Daniele Bonifazi 13.12.05 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Dopo i 2 documentari di GRAN successo(oltre 7000 download in una settimana!!) è arrivato il TERZO ATTO della serie SCANDALO TAV.
In questo documentario,finalmente, cadono i primi nomi colpevoli e/o complici del massacro eco-ambientale e sociale avvenuto qui a Roma dal 1996 ad oggi da parte della TAV!
Assessori Comunali Di Roma e dirigenti TAV, ItalFerr e RFI. Il filmato ripropone in replica una trasmissione di RAI 2 intitolata "Perchè" dove queste persone, davanti a decine di onesti cittadini, dichiarano UFFICIALMENTE che un opera del genere è incompatibile con il territorio, che i cittadini per colpa di questa opera avranno moltissimi DANNI, e che è da pazzi solo pensare di costruire delle gallerie del genere a meno di 10 metri dalle case(SONO ARRIVATI A 3 METRI!!). La trasmissione in questione è andata in onda il 3 maggio 1997. Oggi, Dicembre 2005, le GALLERIE SONO STATE COSTRUITE QUASI PER INTERO!!! HANNO PREDICATO UNA COSA E POI NE HANNO FATTA UN'ALTRA! CHI DEVE PAGARE PER QUESTO DISASTRO?? FINO AD ORA ABBIAMO PAGATO SOLO NOI CITTADINI! Il documentario termina con le riprese dei cantieri in questi ultimi mesi(proprio per far delineare le notevoli differenze tra le PAROLE E I REALI FATTI!).
Spero che questi documentari aiutino anche gli abitanti della Val Di Susa a comprendere a pieno chi è la TAV. NON FIDATEVI!! NOI CI SIAMO PASSATI PRIMA DI VOI! Buona Visione:
1)
ed2k://|file|[Xvid.Divx.ITA].SCANDALO.TAV.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.di.Roma..(DIFFONDERE).avi|383528448|D38E3DDC815067341A9AF6075BBDCDF6|h=IANMZLLCN5FVEDGP7L2YDQONZ4GVKFKM|/
2)
ed2k://|file|(Xvid.DIVX.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.SECONDO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|733554688|E02F07D33E73130C136F401E9C707337|h=BLEK5GI5FFQO4WA7MZTGVYF4GOV6PLOR|/
3)
ed2k://|file|(Xvid.Divx.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.TERZO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|557301760|6FF2294B943130EF381CA3806C4EDF71|h=AVBSDRGMKAX4IDQC7YIC2VXS67NMNIGU|/

Daniele Bonifazi 13.12.05 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,

confesso che mi sto “appassionando” alla questione Tav in quanto giovane interessato ma, nonostante la buona volontà, non molto informato. Nella speranza di colmare queste mie lacune, pregherei Lei e il movimento No-Tav di rispondere ad alcune mie domande. Non si tratta di domande provocatorie, ma solo un modo per capire questioni che mi paiono abbastanza oscure. Mi scuserà la lunghezza e la frammentazione delle domande in diversi post, e mi spiace se ho abusato di questo suo spazio, ma capirà che non potevo fare altrimenti.

1) Mi pare di aver capito che, in merito alla Tav, non è stata presentato, a suo tempo, nessun ricorso al Tar. Se è vero, perché chi si oppone alla Tav non ha agito in tempo con mezzi adeguati e democratici invece di attuare quella che, in definitiva, è un’azione di forza?
2) Certamente i comuni della Val di Susa a suo tempo avranno approvato tutti il progetto della Tav e rilasciato le conseguenti concessioni edilizie. Se le cose erano così palesemente nocive per il territorio, perché nessuno si è mosso prima?
3) E’ praticamente certo che, nel prossimo futuro, si verificherà un massiccio spostamento di merci dall’est asiatico in potente via di sviluppo fino alle Americhe. Si tratta della cosiddetta direttrice Est-Ovest. Grazie alla sua fortunatissima posizione geografica, la Val Padana potrà essere il vero crocevia di questa direttrice, anche perché naturale incrocio con un’altra direttrice – quella Nord-Sud – meno importante ma comunque significativa. Si tratta, evidentemente, di un’occasione strepitosa di sviluppo, che la Tav consentirà di cogliere, in quanto parte di una ferrovia di scambio merci ad alta velocità che collegherà Kiev a Lione, mi par di capire. La transazione di merci per il nord Italia è forse l’unico modo per vincere in tempi rapidi la crisi in cui versa il nostro paese, e per rientrare nel giro economico delle grandi nazioni. Perché, dunque, si parla di “inutilità economica” della Tav?
- continua

Riccardo Maggiolo 13.12.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono un abitante della Val Ceronda e Casternone, precisamente abito a Pragranero, frazione di Val della Torre. A parte il fatto che pizzico la R e quindi la mia residenza mi causa qualche problema di spelling, adoro il posto in cui vivo (una borgata di una quindicina di case) e mi piacerebbe che anche mia figlia Daphne, 6 mesi da qualche giorno, se lo possa un giorno godere così com'è oggi e non trasformato in un cantiere.
Perchè sono contrario alla TAV? Semplice, se la mia motivazione precedente non fosse abbastanza, sono contrario perchè è un'opera inutile, è una dimostrazione di idiozia e di miopia di chi governa e di chi dovrebbe disporre delle risorse per migliorare la vita della gente. Sono anch'io un tecnologo, mi occupo di Information Technology da una 15ina di anni e credo fermamente che le tecnologie devono essere innanzitutto utili e migliorare la vita delle persone. Un'altra cosa che mi fa imbestialire è la posizione insensata e fascista del governo: l'opera si deve fare, zitti tutti banda di sovversivi, chi se ne frega se voi vivete lì.
Bella la democrazia...bellissima quella italiana...Chissà se Lunardi si comporterebbe allo stesso modo se la TAV gli attraversasse il giardino...IO SONO VALCERONDINO!!! Auguro vivamente a tutti i sostenitori del Treno ad Alta Velocità anni di diarrea a pioggia.

Fabrizio

Fabrizio Cristante 13.12.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE DOPO 10 ANNI DI SILENZI QUALCOSA SI MUOVE!SONO 10 ANNI CHE NOI ROMANI PROTESTIAMO E CONTESTIAMO LA TAV!10 ANNI DI INCUBI,VITA POCO SALUBRE E POCHE ORE DI SONNO!10 ANNI DI VITA DENTRO AD UN CANTIERE!! LA LINEA PASSA A 3 METRI DAI CONDOMINI DI ROMA EST PER BEN OLTRE 12 KM!MIGLIAIA I FAMIGLIE VIOLENTATE DALLA TAV!UN MURO DI BERLINO CHE DIVITE LA CITTA',UN QUARTIERE DALL'ALTRO!UN MURO ALTO OLTRE 12 METRI LUNGO OLTRE 12 KM DENTRO AL CENTRO URBANO DI ROMA!LE CASE DEI FRONTISTI UFFICIALMENTE INAGIBILI E INCOMPATIBILI! E SIAMO COSTRETTI A VIVERE QUI!CI AVEVANO PROMESSO ESPROPRI LUNGO LA LINEA,CON RELATIVO ABBATTIMENTO DEGLI EDIFICI E IL PAGAMENTO DEL VALORE DELL'INTERO IMMOBILE.COSI NON E' STATO!I SOLDI NON C'ERANO E NON CI SONO!I PIU' FORTUNATI HANNO AVUTO MENO DELLA META' DEL VALORE DELL'IMMOBILE!PERCIO' DOBBIAMO VIVERE A SOLI 3 METRI DA 4 GALLERIE ALTE OLTRE 12 METRI(OGNI APPARATMENTO TRASFORMATO IN LOCULO!)CON INFILTRAZIONI D'ACQUA NELLE CANTINE CAUSATE DAI LAVORI,CREPE E CROLLI DI DEGLI EDIFICI PER LE NOTEVOLI VIBRAZIONI E RUMORI MOLESTI,INTERI EDIFICI DICHIARATI INCOMPATIBILI E INAGIBILI!CARICHE DELLA POLIZIA E DELLE FORZE DELL'ORDINE CONTRO I CITTADINI MENTRE LE SCAVATRICI ENTRAVANO CON PREPOTENZA DENTRO AI GIRADINI CONDOMINIALI!(E SI MIEI CARI,LA TAV E' PRATICAMENTE ENTRATA DENTRO CASA DI MIGLIAIA DI FAMIGLIE!),CONTINUI SUPPRUSI E PROBLEMI!SONO 10 ANNI CHE NON VIVIAMO!E CHIEDIAMO GIUSTIZIA!E' CONTRO NATURA,CONTRO L'AMBIENTE,CONTRO IL NORMAL VIVERE CIVILE COSTRUIRE UN ECOMOSTRO DEL GENERE ALL'INTERNO DEL CENTRO URBANO DELLA CITTà ETERNA!RIPETO:UN MURO DI BERLINO,ALTO 12,50 METRI E LUNGO OLTRE 12 KM E LARGO QUANTO(E FORSE PIù) UN AUTOSTRADA A 3 CORSIE(A DOPPIO SENSO,PERCIO' 6 CORSIE) NEL CUORE DEL CENTRO URBANO DI ROMA!QUESTO ECOMOSTRO PENETRA DA EST A OVEST(PERCIò DALLA PERIFERIA VERSO STAZIONE TERMINI)DIVIDENDO COMPLETAEMENTE A METà INTERI QUARTIERI E BORGATE!ECCO PERCHè,PORTATI ALLA ESASPERAZIONE,MOLTI CITTADINI DI ROMA SI SONO DATI FUOCO! BASTAAA!

Daniele Bonifazi 13.12.05 12:32| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE!!!!!!
Stanno cercando di ECLISSARE:
I RAGAZZI DELLA LOCRIDE
LA QUESTIONE TAV
IL CASO CALIPARI
IL FOSFORO BIANCO
IL DELITTO DI COGNE
LA PEDOFILA NEL VATICANO
LE ARMI DI DISTRUZIONE DI MASSA MAI TROVATE
LE TORTURE IN OGNI PARTE DEL PIANETA
L'AFRICA
LA PENA DI MORTE
L'ARTE e LA MUSICA
IL PONTE SULLO STRETTO
LA CORRUZIONE
LA COLLUSIONE DELLO STATO CON LA MAFIA...O VICE- VERSA
LA DISOCCUPAZIONE
IL TERRORISMO
IL FACILE ACQUISTO DELLE ARMI IN AMERICA...E IN ALTRI CONTINENTI.....ETC
NON MOLLIAMO!!!!!!
Luca

Luca Fortunato 13.12.05 12:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

- continua -

4) Perché ambientalisti e cittadini francesi, pur dovendo traforare in condizioni simili e sulla stessa montagna, non si sono opposti al progetto e anzi si lamentano (ambientalisti e cittadini, sottolineo) che i lavori da parte nostra non siano ancora iniziati?
5) Dato che, comunque, lo sviluppo di un paese non può prescindere dallo sviluppo delle proprie infrastrutture di trasporti (ma anche di inceneritori, discariche, porti…), dove si potrebbero attuare queste strutture senza ledere la volontà di qualsivoglia cittadino italiano (“not in my backyard”)?
6) Se l’attuale tratta ferroviaria della Val di Susa è utilizzata solo al 38%, come sostiene il comitato No-Tav, quiesto non potrebbe essere semplicemente perché si tratta di una linea vecchia, tortuosa e molto lenta? Non potrebbe essere proprio per questo che i produttori la disdegnano a favore dell’inquinante trasporto su gomma?
7) Il comitato No-tav dice che il progetto toglierà soldi alla ricerca, all’innovazione e al rilancio dell’industria. Ciò, mi sento di dire, è falso, in quanto mi pare che i finanziamenti statali vadano per compartimenti stagni, e dunque i soldi eventualmente risparmiati dalla non-attuazione della Tav potrebbero essere investiti solo in altre strutture di trasporti, e non in altre aree. Perché questa svista?
8) Perché il comitato No-Tav sostiene a priori che il traffico “di costruzione” della Tav verrà attuato solo attraverso centinaia di Tir? Non si potrebbe utilizzare quella tratta ferroviaria che lo stesso comitato No-Tav sostiene come perfettamente funzionante e, anzi, sottosfruttata? D’altronde, data la lentezza di tale, ai produttori potrebbe anche non andar bene, ma lo Stato non avrebbe queste cadenze poi così serrate da rispettare, e dunque potrebbe certamente avvalersene.

- continua -

Riccardo Maggiolo 13.12.05 12:28| 
 |
Rispondi al commento

-continua -

9) Secondo il comitato No-Tav, per la Val di Susa passa il 35% del traffico di merci che valicano le alpi per un totale di 4.500 tir al giorno. Facendo un po’ di calcoli, la cifra mia pare, proporzionalmente, alquanto azzardata. Aggiungendo i 1.500 tir al giorno che attraverserebbero il Monte Bianco sempre secondo il comitato No-Tav (e che quindi rappresenterebbero una percentuale del 13% circa), ne risulterebbe che tutti i restanti 11 altri grandi valichi alpini (Tarvisio, Brennero, Sempione, Gottardo, San Bernardo, San Bernardino…) coprirebbero appena il 45% del traffico di attraversamento delle Alpi (togliendo un 5% residuale)! Cioè appena (ripeto: 11 valichi tutti insieme) 5.000 tir al giorno circa! Per chiunque abbai affrontato l’Auto-Brennero all’ora di punta questa stima potrebbe apparire quantomeno sospetta.
10) Se è vero che passano 4.500 tir al giorno in Val di Susa, com’è possibile che non ci sia bisogno di alcuna altra nuova struttura di trasporti? 4.500 tir al giorno e non c’è alcun ingorgo, nessun tipo di bisogno di un nuovo metodo di trasporto merci?
11) Il comitato No-Tav sostiene che l’opera porterà solo lavoro precario per mano d’opera extracomunitaria. In primo luogo, vorrei sapere quali sono le fonti di una tale affermazione. In secondo luogo, mi pare che il lavoro sia lavoro, e anche se precario e effettuato da extracomunitari porta comunque un beneficio alla società, a meno di voler fare discorsi razzisti o xenofobi, ma non mia pare che nessuno qui voglia assumere posizioni simili. Dunque perché questa avversione?

- continua -

Riccrado Maggiolo 13.12.05 12:25| 
 |
Rispondi al commento

- continua -

9) Secondo il comitato No-Tav, per la Val di Susa passa il 35% del traffico di merci che valicano le alpi per un totale di 4.500 tir al giorno. Facendo un po’ di calcoli, la cifra mia pare, proporzionalmente, alquanto azzardata. Aggiungendo i 1.500 tir al giorno che attraverserebbero il Monte Bianco sempre secondo il comitato No-Tav (e che quindi rappresenterebbero una percentuale del 13% circa), ne risulterebbe che tutti i restanti 11 altri grandi valichi alpini (Tarvisio, Brennero, Sempione, Gottardo, San Bernardo, San Bernardino…) coprirebbero appena il 45% del traffico di attraversamento delle Alpi (togliendo un 5% residuale)! Cioè appena (ripeto: 11 valichi tutti insieme) 5.000 tir al giorno circa! Per chiunque abbai affrontato l’Auto-Brennero all’ora di punta questa stima potrebbe apparire quantomeno sospetta.
10) Se è vero che passano 4.500 tir al giorno in Val di Susa, com’è possibile che non ci sia bisogno di alcuna altra nuova struttura di trasporti? 4.500 tir al giorno e non c’è alcun ingorgo, nessun tipo di bisogno di un nuovo metodo di trasporto merci?
11) Il comitato No-Tav sostiene che l’opera porterà solo lavoro precario per mano d’opera extracomunitaria. In primo luogo, vorrei sapere quali sono le fonti di una tale affermazione. In secondo luogo, mi pare che il lavoro sia lavoro, e anche se precario e effettuato da extracomunitari porta comunque un beneficio alla società, a meno di voler fare discorsi razzisti o xenofobi, ma non mia pare che nessuno qui voglia assumere posizioni simili. Dunque perché questa avversione?

- continua -

Riccardo Maggiolo 13.12.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

E chiaro a tutti che e' un' opera che non serve a nessuno.Il problema, quello che in questo momento fa' paura in piemonte, e' la protesta amplificata dalle olimpiadi, ed a questo serve il tavolo di trattativa.A calmierare gli animi per far passare un momento di visibilita' mondiale.
Quello che mi spaventa, sono i racconti degli ultimi giorni.
Sembra di sentire raccontare di lotte partigiane, di popoli differenti, di gente che vuole salvare la sua vita contro altri con mire espansionistiche.

luigi Dro 13.12.05 12:21| 
 |
Rispondi al commento

E chiaro a tutti che e' un' opera che non serve a nessuno.Il problema, quello che in questo momento fa' paura in piemonte, e' la protesta amplificata dalle olimpiadi, ed a questo serve il tavolo di trattativa.A calmierare gli animi per far passare un momento di visibilita' mondiale.
Quello che mi spaventa, sono i racconti degli ultimi giorni.
Sembra di sentire raccontare di lotte partigiane, di popoli differenti, di gente che vuole salvare la sua vita contro altri con mire espansionistiche.


E chiaro a tutti che e' un' opera che non serve a nessuno.Il problema, quello che in questo momento fa' paura in piemonte, e' la protesta amplificata dalle olimpiadi, ed a questo serve il tavolo di trattativa.A calmierare gli animi per far passare un momento di visibilita' mondiale.
Quello che mi spaventa, sono i racconti degli ultimi giorni.
Sembra di sentire raccontare di lotte partigiane, di popoli differenti, di gente che vuole salvare la sua vita contro altri con mire espansionistiche.

luigi Dro 13.12.05 12:18| 
 |
Rispondi al commento

- continua -

12) Il comitato No-Tav sostiene di aver già individuato turbative mafiose per quanto riguarda la fase di sondaggio geologico. Vorrei cortesemente conosce le fonti di tali informazioni. Inoltre, vorrei sapere su quali basi si ritengono sicuri in anticipo che infiltrazioni mafiose avverranno anche durante i lavori. Dato che in Italia ci vogliono anni per concludere un processo di matrice mafiosa anche per i reati più evidenti, la cosa mi incuriosisce.
13) Il movimento No-Tav sostiene che la montagna da traforare contiene grossi giacimenti amiantiferi e di uranio. Vero. Quello che, per quel che ne so, non è assolutamente vero, è che anzi si potrebbe chiamare “disinformazione di parte”, è che questi elementi, se non esposti a particolari condizioni (deterioramento per l’amianto e bombardamento di ioni per l’uranio, mi pare) siano in qualche modo – in qualsiasi modo – nocivi alla salute. Penso che qualunque chimico possa confermare che l’amianto non deteriorato e l’uranio non trattato non siano in alcun modo nocivi alla salute. Comunque sia, penso sia assodato che le tecnologie esistenti consentono largamente di tenere sotto controllo il problema.
14) Molti, pure il comitato No-tav, sostengono a ragione che il petrolio è in via di esaurimento. Perché, dunque, combattere un tipo di trasporto mezzi, quello ferroviario, che non va a petrolio e non inquina a favore di quello su gomma, notoriamente consumante petrolio e assai inquinate?
15) Il comitato No-Tav suggerisce, in alternativa, di “potenziare le strutture ferroviarie esistenti” nella Val di Susa. Vorrei sapere se è stato fatto uno studio di fattibilità in proposito. E poi vorrei sapere come potrebbe una linea ferroviaria che aggira una montagna e passa per diverse stazioni essere competitiva e all’altezza delle esigenze di trasporto attuali e future.

La ringrazio anticipatamente dell’attenzione e del tempo che mi vorrà dedicare. Saluti.

Riccardo Maggiolo

Riccrado Maggiolo 13.12.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

www.legambientevalsusa.it guardate il video è un po lungo... rende l'idea di come i val susini proteggano la valle e non solo, ci sono tanti omini blu che non vogliono, a già...LORO NON SONO DI QUESTE PARTI...

davide cardin Commentatore in marcia al V2day 13.12.05 12:16| 
 |
Rispondi al commento

mi sento in dovere di mandare un un sentitissimo grazie a tutti i partecipanti alla protesta NO-TAV della VAL SUSA ed a tutti i loro sostenitori perchè credo stiano lavorando per tutti noi, per un futuro migliore, per una qualità di vita migliore e perchè tutti i politici e imprenditori coinvolti finalmente non possano fare i comodi loro calpestando il più elementare buon senso.
Sono vicina con il cuore ed anche fisicamente perchè abito ad un tiro di schioppo dal posto e cioè a CUNEO. FORZA E CORAGGIO CE LA FAREMO.

RENATA MUSSO 13.12.05 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Anche io sono convinta che questa tregua serva soltanto a scongiurare il pericolo che le Olimpiadi possano essere bloccate. Dopo ci penseranno loro con altre edificanti cariche della polizia a far tornare i valligiani a "più miti consigli".
Perciò invito gli abitanti della Val di Susa a non fidarsi, ma loro già lo sanno, che è tutta una finta per carpire un'altra volta la loro fiducia.
Il fatto è che i valligiani non devono essere lasciati soli: tutta l'Italia si deve ribellare davanti a tanto spreco di denaro pubblico, ossia di soldi nostri, nostri.
E ogni volta che i potenti tentano di imporre le loro "ragioni" a danno della salute e dell'ambiente gli italiani devono ribellarsi per ricordare a lorsignori che, in democrazia, comanda il popolo.
Oggi per la Val di Susa e domani (ben detto!) per il ponte sullo stretto.

Franca Verrone 13.12.05 11:52| 
 |
Rispondi al commento

RAGAZZI TUTTI ALLA MANIFESTAZIONE DI TORINO. IO SONO DI REGGIO EMILIA CHI SI VUOLE UNIRE khrist@libero.it

cris benelli 13.12.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Perche´ non pensiamo prima di tutto a migliorare la situazone del sud? sembra che da messina a siracusa ci siano 165 km circa: com´e´ possibile metterci dalle 2.40 alle 3.45 ore??? e se si vuole arrivare a rosolini (sr)? 5 o 6 ore per 200 km!!!
si, facciamo questa alta velocita' che ci serve proprio...

Elisa Barrotta 13.12.05 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma i Verdi e i Comunisti NON vogliono questo progetto

Franca Verrone 13.12.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ragazzo che abita a Torino, vado in montagna da sempre,moltissime volte in val Susa, amo la montagna e amo le tecnologie intelligenti, quelle che aiutano l'uomo a vivere meglio...LA TAV NON LO è. Insomma come dice Grillo ci sono tanti MOTIVI contro e nessun pro.
Tra l'altro i politici pensano che gli abitanti della val susa, anche i cittadini a questo punto ,di torino siano stupidi...appena finiranno le olimpiadi, ci sarà la trivella pronta a trapanare i 23 km di galleria, ma non credo che i val susini e limitrofi la lascino sola soletta...
ciao a tutti
OGGI LA VAL SUSA DOMANI IL PONTE DI MESSINA.

davide cardin Commentatore in marcia al V2day 13.12.05 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Grande Robert!

Grazie

Lorenz Stk 13.12.05 11:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Subject: Alta velocità in Val di Susa
Date: Mon, 7 Nov 2005 20:17:48 +0100

Per favore, leggete questo documento fino in fondo. Non vi chiedo che pochi minuti del vostro tempo.

Scrivo queste poche (spero) righe con l'unica intenzione di portare a conoscenza una situazione che la maggior parte dei media cerca di tener nascosta.

Da diversi anni è in corso in ValSusa una manovra di resistenza organizzata contro la linea ad alta velocità ferroviaria Torino-Lione (TAV).

Quello che fanno credere i media è che gli oppositori siano pochi e comunque motivati solamente dal fatto che "gli passa il treno sotto casa".
Nella manifestazione di giugno c'erano 30.000 persone (in tutta la Val Susa ci sono 50.000 abitanti).

Non posso di certo smentire questa motivazione, ma in realtà i motivi veri (che vengono metodicamente nascosti dai media) sono ben altri:

1.. La tratta Torino-Lione è completamente inutile: nella Val Susa esiste già una linea ferroviaria sotto-utilizzata, in grado di reggere il traffico richiesto (considerando i tassi di crescita) almeno fino al 2050.

2.. La linea in costruzione è esclusivamente merci, non si avrebbe alcun vantaggio in termini di tempo per la percorrenza da Torino a Lione. I treni passeggeri comunque continuerebbero a transitare nella linea storica con i tempi di percorrenza attuali.

3.. Nel tratto montano (e quindi da! Torino alla Francia), comunque non sarebbe una tratta ad alta velocità perché la conformazione del terreno montano non la rende possibile.

4.. L'amianto sotto al Musinè c'é veramente (è già ampiamente dimostrato), e nei progetti non c'è il minimo accenno ad un piano di messa in sicurezza dell'amianto estratto (è previsto semplicemente uno stoccaggio in valle a cielo libero), che con i frequenti venti della ValSusa verrebbe distribuito e respirato in tutta la cintura ovest di Torino ed in Torino stessa.

Segue ...

Alberto Biodiversita 13.12.05 11:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ah, ecco, mi pareva.

Notizia di oggi: TORNANO I CONDONI.

Tremonti colpisce ancora...

:-))

Andrea Mario 13.12.05 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Nelle passate legislature il centrosinistra ha voluto questo terribile progetto.
Carissimo Beppe, dillo forte questo, ricostruisci la storia politica di questo schifo.
Destra, sinistra e centro è comunque MAFIA, l'Italia è ostaggio della MAFIA.
Resta LIBERO, Beppe, non cedere mai!

Simone Veltroni 13.12.05 11:05| 
 |
Rispondi al commento

I mali del nostro paese 1 ...

Il sistema ferroviario è in gran parte invecchiato, invecchiatissimo. Al Sud si cammina ancora, a volte, su un solo binario, su tracciati risalenti all'unità. Così nel tratto pugliese, così nel tratto Jonico, così in Sicilia. Un solo binario anche sulla direttrice Bologna-Verona che collega l'Italia col centro Europa. Intanto ci riempiamo la bocca dell'alta velocità tra Milano e Napoli, una spesa faraonica e inutile per il lieve progresso che comporterà e per l'inevitabile e sperabile aumento del traffico aereo che dovrà diminuire le tariffe. Quale pazzo vorrà andare, con maggiore spesa, da Napoli a Milano in treno, se potrà andarci in un'ora in aereo, spendendo meno?

Fonte: http://www.disastromondo.it/tredicesimo.htm

Marco Polo 13.12.05 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Sinceramente non capisco quali siano le "tante" idee di questo governo!

Franca Verrone 13.12.05 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Fabio Ramas

Lei ritiene che con la Tav, fra 50 anni, la Ravenna-Bologna migliorerà?

Andrea Mario 13.12.05 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Signor Grillo,
sono un giovane studente liceale,mi chiamo Ivan e ho 18 anni.Purtroppo non ho potuto seguire i suoi spettacoli e in televisione non compare mai (il perchè si sa!!!)quindi non so se ne è al corrente:la linea veloce in Val di Susa sarà costruita con i fondi di una compagnia aerea francese che acquisterà l'Alitalia.Purtroppo l'ignoranza è troppa e i professori non ne sanno niente per questo chiedo a lei conferma.
Sperando in una sua conferma la saluto con stima e ammirazione.

Ivan Comunale 13.12.05 10:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe Grillo a te che importa, hai un sacco di soldi e puoi viaggiare in comode auto e aerei... a noi comuni mortali ci tocca prendere un treno delle fs se vogliamo raggiungere parenti, affetti o avvenimenti lontani!
Dici che e' un progetto eccessivo? almeno e' un progetto, un inizio. Qui non si fa mai niente, anzi si fanno tangenziali e autostrade sotto casa e tutti zitti, ma se i lavori sono in val susetta allora tutti zitti!

Sei un ipocrita.


Gerado Lecce 13.12.05 10:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per forza gli spostamenti medi sono di 100km, i treni fanno schifo. Chi si azzarda a viaggiare di piu'?

Ma sto scienziato l'ha mai preso il treno?


Fabio Ramas 13.12.05 10:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SCREDITARE CHI?

Screditare la attuale sinistra è troppo facile! perchè qualcuno gli dà credito??
....e poi chi della destra è in grado di creare una frase intelligente per far capire le tante idee ma ben confuse dei prossimi traslocanti??

Ditemi chi è il meno peggio....e lo screditerò in un secondo!!

filippo dato 13.12.05 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe;
questo è quello che ho trovato navigando riguardo al conflitto di interessi del Ministro Lunardi riguardo alla questione TAV:


News > Libero Blog > Italia



Notizia del 12 dicembre 2005 - 14:50
La Tav? Un gran conflitto d'interessi


L'alta velocità riporta d'attualità il tema degli incroci tra politica, finanza e imprenditoria. Come per quel ministro dei Trasporti...



Conflitto d'interessi ad alta velocità

«Venderò la Rocksoil perché è evidente che molti contratti della mia azienda ricadranno nella mia competenza se sarò ministro. Certamente non cederò ai miei figli che ci lavorano. Comunque, per il futuro, concentrerò il mio lavoro all'estero.»
[ Pietro Lunardi, L'Espresso, 31 maggio 2001 ]

«La Rocksoil è uno studio professionale, non un'impresa. Fosse stata un'azienda, l'avrei ceduta a terzi. Ma in questo caso è l'equivalente di uno studio professionale. E' naturale che passi ai miei figli... La Rocksoil non progetta, interviene in caso di guai, dà consigli... Il mio mestiere è paragonabile a quello di un 'pompiere' che spegne gli incendi, trova delle soluzioni in condizioni di emergenza. Abbiamo salvato delle gallerie che nessuno riusciva a portare avanti...»
[ Pietro Lunardi, Ministro per le Infrastrutture e i Trasporti, la Repubblica, 9 dicembre 2005 ]

Sei il migliore... continua così!!

Ste



Stefano Galli 13.12.05 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Attenti alla "nuova" strategia di Berlusconi per strappare voti e consensi alle prossime elezioni. Il dux ha ordinato ai suoi sgherri e peones di infiltrarsi nei blog, nelle trasmissioni radiofoniche più seguite per screditare gli avversari politici (proprio una nuova strategia), elogiando il governo e tutto quello che ha fatto (?).
La parola d'ordine è "essere diretti, concisi ed informati". Mi sà allora che sarà molto difficile per i suoi lecchini poter intervenire e convincere qualche indeciso che il governo ha lavorato bene per il paese. Comunque quando si è disperati!
Questo però spiega perchè, sempre più spesso, ci siano interventi di persone che, dato il loro orientamento politico, non si capisce perchè scrivano su questo blog. Non che questo blog sia dichiaratamente di sinistra, ma è ovvio che Beppe e gran parte delle persone che intervengono, essendo intelligenti e guardando ai fatti, non possono che schierarsi contro l'operato del governo, indipendentemente da come la si pensi in politica.

Franca Verrone 13.12.05 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il Partito Umanista è molto attivo (forse uno dei pochi PARTITI POLITICI attivi, dato che non deve contraddire "ordini dall'alto") sul fronte NO-TAV.

rimando a questi commenti di oggi:

http://cecio.krur.com/2005/12/13/commenti-dalla-val-di-susa/

a presto!

stefano cecere 13.12.05 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, il tuo blog e' stupendo, ma i commenti non sono all'altezza: troppi commenti per ogni notizia, con un rapporto segnale/rumore molto basso.
Perche' non attivare un sistema di meta-moderazione (vedi slashdot):
- ogni utente (registrato o meno?) puo' votare i commenti lasciati dagli altri utenti
- i surfatori anonimi possono vedere le pagine mettendo una soglia minima sui commenti elencati (pe. solo i commenti che hanno voto medio > 6)
- ogni utente registrato puo', se vuole,. essere elencato in una pagina con la lista dei commentatori migliori (quelli i cui commenti hanno la media piu' alta). cosi' si incentiva a non scrivere cazzate

Ciao
Gaetano

ps: una seconda preghiera: aggiungi sempre qanti piu' link possibili alle fonti, a volte ci sono notizie la cui provenienza non si capisce

Geatano Giunta 13.12.05 10:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attenti alla "nuova" strategia di Berlusconi per strappare voti e consensi alle prossime elezioni. Il dux ha ordinato ai suoi sgherri e peones di infiltrarsi nei blog, nelle trasmissioni radiofoniche più seguite per screditare gli avversari politici (proprio una nuova strategia), elogiando il governo e tutto quello che ha fatto (?).
La parola d'ordine è "essere diretti, concisi ed informati". Mi sà allora che sarà molto difficile per i suoi lecchini poter intervenire e convincere qualche indeciso che il governo ha lavorato bene per il paese. Comunque quando si è disperati!
Questo però spiega perchè, sempre più spesso, ci siano interventi di persone che, dato il loro orientamento politico, non si capisce perchè scrivano su questo blog. Non che questo blog sia dichiaratamente di sinistra, ma è ovvio che Beppe e gran parte delle persone che intervengono, essendo intelligenti e guardando ai fatti, non possono che schierarsi contro l'operato del governo, indipendentemente da come la si pensi in politica.

Franca Verrone 13.12.05 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Ciao... volevo solo farvi presente che per motivi di coerenza con gli altri filmati in formato Divx, ho rinominato il video della Val di Susa:
da
http://www.onedrop.it/Cortometraggi/Tav/No_tav.mpg
a
http://www.onedrop.it/Cortometraggi/Tav/[DIVX-ITA]No_tav.mpg

Comunque ci si accede tranquillamente dallapagina principale
www.onedrop.it

ciao
Davide
Sarà düra!


Attenti alla "nuova" strategia di Berlusconi per strappare voti e consensi alle prossime elezioni. Il dux ha ordinato ai suoi sgherri e peones di infiltrarsi nei blog, nelle trasmissioni radiofoniche più seguite per screditare gli avversari politici (proprio una nuova strategia), elogiando il governo e tutto quello che ha fatto (?).
La parola d'ordine è "essere diretti, concisi ed informati". Mi sà allora che sarà molto difficile per i suoi lecchini poter intervenire e convincere qualche indeciso che il governo ha lavorato bene per il paese. Comunque quando si è disperati!
Questo però spiega perchè, sempre più spesso, ci siano interventi di persone che, dato il loro orientamento politico, non si capisce perchè scrivano su questo blog. Non che questo blog sia dichiaratamente di sinistra, ma è ovvio che Beppe e gran parte delle persone che intervengono, essendo intelligenti e guardando ai fatti, non possono che schierarsi contro l'operato del governo, indipendentemente da come la si pensi in politica.

Franca Verrone 13.12.05 10:12| 
 |
Rispondi al commento

Il Prof. Tartaglia farebbe meglio a darsi all'ippica per quanto mi concerne.
Mi piacerebbe sapere dove vive, cosa beve e sopratutto cosa fuma prima di rilasciare interviste.

Dunque. Risponderò postanto i suoi interventi e commentandoli di seguito.

“Il problema centrale è che i treni merci in Italia viaggiano a una velocità media di 19 km/h, essendo sovente fermi per dare precedenza ai treni passeggeri. Questo è il dato da migliorare. Non serve che le merci arrivino dalla Francia a 150 Km/h se poi in Italia passano la maggior parte del tempo in stazione”

Balla colossale: la velocità media è si di circa 19 km/h, ma non è assolutamente vero che i treni merci cedono la precedenza ai treni passeggeri. Caso mai avviene l'esatto contrario!
Non si contano le volte che il mio treno, con il quale mi reco quotidianamente al lavoro, si fermi per cedere la precedenza ad un treno merci che viaggia a 19 km/h...
E poi lo dicono i ferrovieri stessi che "i treni merci hanno precedenza assoluta anche sugli EuroStar". Quindi pregherei il Tartaglia di aprire la bocca solo per dare aria ai denti e dire cose sensate e coerenti.


“Ha senso parlare di Alta velocità quando gli spostamenti superano i 250-300 Km. In Italia, se prendiamo in mano le cifre, scopriamo che l'80% della domanda di trasporto passeggeri è costituita da spostamenti a corto raggio, entro i 100km. E' vero che i nostri treni sono pienissimi su alcune tratte ma sono poche le persone che vanno da un capo all'altro del Paese. Le tratte più frequentate sono quelle dove c'è più ricambio di viaggiatori”.

Certo, non c'è nessuno che hai il coraggio di intraprendere un viaggio Torino-Reggio Calabria in treno, vedendo soltanto le condizioni disastrose in cui versa il trasporto locale.
Io personalmente preferisco farmi 15 ore in automobile piuttosto che rischiare di passarne 22 su un treno sporco, pieno, caldo e scomodo.

Ripeto, Prof. Tartaglia salga su un treno prima di aprire la bocca a casaccio!


Davide De Palo 13.12.05 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ecco qualcosa di interessante dove si parla anche della Tav Torino-Lione

"Alfonso Pecoraro Scanio: il prototipo del "meridional-progressista"

nell sito
http://www.fottilitalia.com/ che si definisce antitaliano

giuseppe resoli 13.12.05 09:52| 
 |
Rispondi al commento

CARISSIMO BEPPE
IN QUESTI ULTIMI ANNI HO SEGUITO MOLTO I TUOI SPETTACOLI E CONSULTO SPESSO IL TUO SITO SPESSO APPROVANDO E QUALCHE VOLTA DISAPPROVANDO LE TUE OPINIONI PERO' QUESTA VOLTA HO SENTITO IL DESIDERIO DI SCRIVERTI PERCHE' SONO NAUSEATO DAI DELINQUENTI ORGANIZZATI CHE SI INFILTRANO NELLE MANIFESTAZIONI E DISTRUGGONO TUTTO QUELLO CHE TROVANO NELLE LORO VICINANZE.PER CORTESIA ALMENO TU NON FAR FINTA DI NIENTE.
CON SIMPATIA E STIMA SALUTO

filippo capulli 13.12.05 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Maurizio Gennaro Cataldo
Questa risposta è da Sign, ti giuro mi sono scompisciato. Una trentina di parole per fare a pezzi un coglione, ti Uppo pienamente. Grazie per avermi regalato un sorriso............:)

ivan sintoni 13.12.05 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Credo sia interessante questa analisi:
http://www.lavoce.info/news/view.php?id=&cms_pk=1681
(mi scuso se sia già stata menzionata)

claudio daros 13.12.05 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Consiglio la lettura anche di quest'articolo:
http://www.lavoce.info/news/view.php?id=&cms_pk=1681
(mi scuso se sia già stato segnalato)

Claudio Daros 13.12.05 09:30| 
 |
Rispondi al commento

su|bli|mi|na|le
agg.
1 TS fisiol., di stimolo, di intensità inferiore al valore di soglia
2 TS psic., di sensazione che rimane al di sotto del livello di coscienza, ma che comunque è tale da influenzare il subconscio


chiave di ricerca: subliminale

paolo sossella 13.12.05 09:28| 
 |
Rispondi al commento

@ attilio colombo

Che lavoro fai?

giovanni perrino 13.12.05 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Comunque, caro Beppe, il precedente è Scanzano!!!

giovanni perrino 13.12.05 08:55| 
 |
Rispondi al commento

@Maurizio Gennaro Cataldo 13.12.05 08:29

Ti qualifichi per quello che sei solo con quello che hai scritto. Le ruspe ti passeranno sopra, ne sono sicuro!!
Vado a lavorare, io lavoro, guadagno, mantengo una famiglia e pago tante tasse, forse pari al tuo stipendio, perchè io sono capace e tu no!!
Arroganza? Si quella che hanno le persone in gamba!!

Ah, scordavo..domani mi compro, come regalo di natale, la macchina nuova (non a rate), ibrida come vuole Beppe!!

Attilio Colombo 13.12.05 08:52| 
 |
Rispondi al commento

Ma io devo proprio andare a Lione in treno passando per Torino? Quanti di voi devono andare, o, sono andati a Lione in treno passando per Torino?
La pagnotta è grossa e anche le briciole sono appetitose.........
Un saluto

Giacomo Bassano 13.12.05 08:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X Lando...

Ciaoooo, come stai? e' un piacere vederti in forma. Più sei in forma più posso prenderti in giro.

Se sei esaurito non partecipare a questo blog perchè saresti poco attaccabile. Ho una deontologia professionale. Non sparo sui più deboli!

Lando non sai quanti soldi sto facendo a scrivere su questo blog. Pensa che sono pagato da Berlusconi e Prodi!!
E poi la CIA e il KGB!! Orisco complotti di ogni genere.

Pensa che sto tramando nell'ombra per un collpo di stato con Berlusconi, e Lunardi e.... Giovanni Rana.. si si quello dei tortellini!!

Quando mordi l'involucro del raviolo, tramite una modificazione OGM sentirai tra i denti:

... e Forza Italia....!!

cioè un messaggio subliminare!
Quindi caro Lando... non mangiare tortellini o ravioli di cui non conosci la provenienza!!

Carina la storia dell'ospizio, veramente... ma è il massimo che puoi dare?? un po' deboluccio vero? di intelligenza intendo!!

attilio colombo 13.12.05 07:19| 
 |
Rispondi al commento

MA CHE STATE A RISPONDERE A QUEL ROSPO MERDOSO LEGIONARIO DELLA MINCHIA DI ATTILIO ??

lando carlissian 13.12.05 06:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro e stimato Beppe Grillo.

Lascio a lei e ai lettori un link ad una discussione su community in merito alla Val di Susa che penso possa interessare.

E' solo una discussione tra giovani di una comunity, alcuni informati altri meno. Comunque la trovo a tratti illuminante. Penso contenga un buono spaccato sulle varie posizioni esistenti riguardo alla questione Tav.

Questo è il link:

http://www.spritz.it/forum/discussione.asp?pagina=5&forum_id=5&topic_id=2967&forum_title=RIFLESSIONI&topic_title=Val+di+Susa

Riccardo Maggiolo 13.12.05 03:20| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo e stimatissimo Beppe Grillo,
sono venuto a conoscienza del Suo blog solo oggi ed è la prima volta che lo vedo.
Relativamente al problema della TAV, ciò che mi frustra è la difficoltà che incontro e che penso incontrino tutti coloro che, senza pregiudizi, intendono farsi un'opinione precisa sulla questione. Infatti sono tra loro talmente distanti le posizioni espresse da coloro i quali sono favorevoli e quelle ribattute da chi, viceversa, si dichiara contrario a che quest'opera venga realizzata che sinceramente, non mi sento in grado di esprimere un giudizio in merito. infatti, non posso comprendere come tanti studi realizzati dalle c.d. Istituzioni nazionali ed europee portino ad evidenze così tanto difformi dai dati espressi, ad esempio, dal professore la lettura del cui articolo Lei consiglia nel Suo post, così come da altri studi prodotti da una parte o dall'altra degli "schieramenti". In questo clima di contrapposizione tanto netta sulla essenzialità della TAV piuttosto che sulla sua inutilità, L'unica cosa che mi sento di dire, senza tema di dire stupidaggini, è che, in ogni caso, da parte di noi tutti dovrebbe andare la piena solidarietà agli abitanti in buona fede della Valle di Susa per la drammatica situazione che stanno vivendo e per le lotte che stanno conducendo per la tutela del proprio territorio.Auguro a loro un sereno Natale ed un nuovo anno che sia foriero di buoni consigli per tutti, politici, amministratori locali e popolazione.

vittorio jacobone 13.12.05 02:18| 
 |
Rispondi al commento

Per marcello m. :

PER TUTTI COLORO CHE NON CONOSCONO IL METODO PER SCARICARE I DOCUMENTARI:


Per scaricare i 3 documentari. Bisogna utilizzare un software open Source chiato EMULE:
Lo potete scaricare da qui:
http://www.emule-project.net/home/perl/general.cgi?l=18

E' un client (il più famoso al mondo) Per il file Sharing(Condivisione di File).
E' possibile scaricare i 2 file inserendo gli appositi link oppure cercando la parola "Scandalo Tav" nel motore di ricerca interno ad Emule.
Abbiamo scelto questa soluzione per ovvi motivi economici(attualmente ci sono complessivamente 8500 utenti in contemporanea che scaricano il file!!! ci vorrebbero molti euro al mese per avere un sito con banda minima alta e garantita!!)

GRANDE NOVITA': TROVATE I PRIMI 2 VIDEO ANCHE SU QUESTO SITO: http://www.arcoiris.tv/

Daniele Bonifazi 13.12.05 02:13| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO LA TUA BATTAGLIA E GIUSTA ..MA STA' ATTENTO NON FARTI USARE DAI COMUNISTELLI CHE PER ANDARE AL POTERE ,E PRENDERE CONSENSI POPOLARI SI SCHIERERANNO DALLA TUA PARTE..
GRILLO TU SEI TROPPO INTELLIGENTE PER FARTI USARE DA D'ALEMA E FASSINO...NON FARTI USARE...
GUARDA COME HANNO PRESO E PRENDONO PEL CULO MIGLIAIA DI ITALIANI ILLUSI..
GRILLO, D'ALEMA SI E FATTO LA BARCA DI 18 METRI CAVALCANDO FALSAMENTE, BATTAGLIE FATTE DA GENTE COME TE...

pietro lascala 13.12.05 02:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo i 2 documentari di GRAN successo(oltre 7000 download in una settimana!!) è arrivato il TERZO ATTO della serie SCANDALO TAV.
In questo documentario,finalmente, cadono i primi nomi colpevoli e/o complici del massacro eco-ambientale e sociale avvenuto qui a Roma dal 1996 ad oggi da parte della TAV!
Assessori Comunali Di Roma e dirigenti TAV, ItalFerr e RFI. Il filmato ripropone in replica una trasmissione di RAI 2 intitolata "Perchè" dove queste persone, davanti a decine di onesti cittadini, dichiarano UFFICIALMENTE che un opera del genere è incompatibile con il territorio, che i cittadini per colpa di questa opera avranno moltissimi DANNI, e che è da pazzi solo pensare di costruire delle gallerie del genere a meno di 10 metri dalle case(SONO ARRIVATI A 3 METRI!!). La trasmissione in questione è andata in onda il 3 maggio 1997. Oggi, Dicembre 2005, le GALLERIE SONO STATE COSTRUITE QUASI PER INTERO!!! HANNO PREDICATO UNA COSA E POI NE HANNO FATTA UN'ALTRA! CHI DEVE PAGARE PER QUESTO DISASTRO?? FINO AD ORA ABBIAMO PAGATO SOLO NOI CITTADINI! Il documentario termina con le riprese dei cantieri in questi ultimi mesi(proprio per far delineare le notevoli differenze tra le PAROLE E I REALI FATTI!).
Spero che questi documentari aiutino anche gli abitanti della Val Di Susa a comprendere a pieno chi è la TAV. NON FIDATEVI!! NOI CI SIAMO PASSATI PRIMA DI VOI! Buona Visione:
1)
ed2k://|file|[Xvid.Divx.ITA].SCANDALO.TAV.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.di.Roma..(DIFFONDERE).avi|383528448|D38E3DDC815067341A9AF6075BBDCDF6|h=IANMZLLCN5FVEDGP7L2YDQONZ4GVKFKM|/
2)
ed2k://|file|(Xvid.DIVX.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.SECONDO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|733554688|E02F07D33E73130C136F401E9C707337|h=BLEK5GI5FFQO4WA7MZTGVYF4GOV6PLOR|/
3)
ed2k://|file|(Xvid.Divx.ITA.DIFFONDERE).Scandalo.Tav.-.ATTO.TERZO.-.Documentario.autoprodotto.dai.cittadini.Romani.NO.TAV.avi|557301760|6FF2294B943130EF381CA3806C4EDF71|h=AVBSDRGMKAX4IDQC7YIC2VXS67NMNIGU|/

Daniele Bonifazi 13.12.05 02:03| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE DOPO 10 ANNI DI SILENZI QUALCOSA SI MUOVE!SONO 10 ANNI CHE NOI ROMANI PROTESTIAMO E CONTESTIAMO LA TAV!10 ANNI DI INCUBI,VITA POCO SALUBRE E POCHE ORE DI SONNO!10 ANNI DI VITA DENTRO AD UN CANTIERE!! LA LINEA PASSA A 3 METRI DAI CONDOMINI DI ROMA EST PER BEN OLTRE 12 KM!MIGLIAIA I FAMIGLIE VIOLENTATE DALLA TAV!UN MURO DI BERLINO CHE DIVITE LA CITTA',UN QUARTIERE DALL'ALTRO!UN MURO ALTO OLTRE 12 METRI LUNGO OLTRE 12 KM DENTRO AL CENTRO URBANO DI ROMA!LE CASE DEI FRONTISTI UFFICIALMENTE INAGIBILI E INCOMPATIBILI! E SIAMO COSTRETTI A VIVERE QUI!CI AVEVANO PROMESSO ESPROPRI LUNGO LA LINEA,CON RELATIVO ABBATTIMENTO DEGLI EDIFICI E IL PAGAMENTO DEL VALORE DELL'INTERO IMMOBILE.COSI NON E' STATO!I SOLDI NON C'ERANO E NON CI SONO!I PIU' FORTUNATI HANNO AVUTO MENO DELLA META' DEL VALORE DELL'IMMOBILE!PERCIO' DOBBIAMO VIVERE A SOLI 3 METRI DA 4 GALLERIE ALTE OLTRE 12 METRI(OGNI APPARATMENTO TRASFORMATO IN LOCULO!)CON INFILTRAZIONI D'ACQUA NELLE CANTINE CAUSATE DAI LAVORI,CREPE E CROLLI DI DEGLI EDIFICI PER LE NOTEVOLI VIBRAZIONI E RUMORI MOLESTI,INTERI EDIFICI DICHIARATI INCOMPATIBILI E INAGIBILI!CARICHE DELLA POLIZIA E DELLE FORZE DELL'ORDINE CONTRO I CITTADINI MENTRE LE SCAVATRICI ENTRAVANO CON PREPOTENZA DENTRO AI GIRADINI CONDOMINIALI!(E SI MIEI CARI,LA TAV E' PRATICAMENTE ENTRATA DENTRO CASA DI MIGLIAIA DI FAMIGLIE!),CONTINUI SUPPRUSI E PROBLEMI!SONO 10 ANNI CHE NON VIVIAMO!E CHIEDIAMO GIUSTIZIA!E' CONTRO NATURA,CONTRO L'AMBIENTE,CONTRO IL NORMAL VIVERE CIVILE COSTRUIRE UN ECOMOSTRO DEL GENERE ALL'INTERNO DEL CENTRO URBANO DELLA CITTà ETERNA!RIPETO:UN MURO DI BERLINO,ALTO 12,50 METRI E LUNGO OLTRE 12 KM E LARGO QUANTO(E FORSE PIù) UN AUTOSTRADA A 3 CORSIE(A DOPPIO SENSO,PERCIO' 6 CORSIE) NEL CUORE DEL CENTRO URBANO DI ROMA!QUESTO ECOMOSTRO PENETRA DA EST A OVEST(PERCIò DALLA PERIFERIA VERSO STAZIONE TERMINI)DIVIDENDO COMPLETAEMENTE A METà INTERI QUARTIERI E BORGATE!ECCO PERCHè,PORTATI ALLA ESASPERAZIONE,MOLTI CITTADINI DI ROMA SI SONO DATI FUOCO! BASTAAA!

Daniele Bonifazi 13.12.05 02:02| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI COLORO CHE NON CONOSCONO IL METODO PER SCARICARE I DOCUMENTARI:


Per scaricare i 3 documentari. Bisogna utilizzare un software open Source chiato EMULE:
Lo potete scaricare da qui:
http://www.emule-project.net/home/perl/general.cgi?l=18

E' un client (il più famoso al mondo) Per il file Sharing(Condivisione di File).
E' possibile scaricare i 2 file inserendo gli appositi link oppure cercando la parola "Scandalo Tav" nel motore di ricerca interno ad Emule.
Abbiamo scelto questa soluzione per ovvi motivi economici(attualmente ci sono complessivamente 4600 utenti in contemporanea che scaricano il file!!! ci vorrebbero molti euro al mese per avere un sito con banda minima alta e garantita!!)

GRANDE NOVITA': TROVATE I PRIMI 2 VIDEO ANCHE SU QUESTO SITO: http://www.arcoiris.tv/

Daniele Bonifazi 13.12.05 02:01| 
 |
Rispondi al commento

mario brini 12.12.05 23:57

...vedersi passare sopra la testa decisioni che...arricchiscono in astratto ... ma impoveriscono in concreto... dal punto di vista esistenziale ...

E non ha nessuna intenzione di "mettersi il cuore in pace"

Copio e incollo per poter parlare dell'argomento!

carla rossi 13.12.05 01:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno si domanda: "Perché mai dovrei andare da Torino a Lione?".

Già

Perché?

Andrea Mario 13.12.05 01:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"...a causa della globalizzazione, cioè della spietata competizione fra Stati, anche da quello economico..."

Up per Massimo Fini che è una persona intelligente. Ma ATTENZIONE:
Non confondiamo la globalizzazione dei mercati con la globalizzazione della politica. Attento Massimo Fini, non sprecarti!

La Globalizzazione è coloniale perchè LA POLITICA è coloniale ( vedi pastrocchio U.S.A ).
La GLobalizzazione in se non è altro che l'abbattimento delle barriere allo scambio ed alla cooperazione fra popoli cioè fra individui. Di nuovo NON CONFONDIAMO. Le multinazionali possono fare casini a causa della complicità istituzionale attraverso politiche economiche di protezione di rendite dei gruppi e pushing con i soldi della marmaglia = le nostre tasse!

NO alla Globalizzazione coloniale degli incentivi e delle protezioni.
SI alla Globalizzazione dei popoli, degli individui e dei mercati.

W i consumatori, W i privati, W NOI!

Un saluto.

ijimiaz galir 13.12.05 01:19| 
 |
Rispondi al commento

NO AL PUSHING DI STATO!
W IL POTERE DIFFUSO!
W L'ENTROPIA!

Un saluto.

ijimiaz galir 13.12.05 01:14| 
 |
Rispondi al commento

Sto guardando il dvd Beppegrillo.it ed è appena suonata la seconda CENSURA............è uno scherzo o c'è una ragione? Se c'è spiegatemela vi prego perchè ci sono rimasto malissimo.
MAX

Massimilano Orondini 13.12.05 00:20| 
 |
Rispondi al commento

da maniFESTAzione a FESTA? mi piacerebbe leggere un vostro commento. A proposito Beppe GRILLO è stato invitato?

antonio bartolucci 12.12.05 23:57| 
 |
Rispondi al commento

UNA RIVOLTA ANTIMODERNISTA
Postato il Sunday, 11 December @ 21:15:00 CST di davide

DI MASSIMO FINI
Quella della Val di Susa non è una rivolta ecologista. È una rivolta localista, antiglobalista, antimodernista . Può anche essere che la Tav non abbia quell'impatto ambientale che molti temono. Ma il punto non è questo, non è più questo. È che la gente si è stufata di vedersi passare sopra la testa decisioni che, oltre a toglierle i propri tradizionali punti di riferimento, arricchiscono in astratto la Nazione, ma impoveriscono in concreto le persone, dal punto di vista esistenziale ma, da qualche anno, a causa della globalizzazione, cioè della spietata competizione fra Stati, anche da quello economico. E non ha nessuna intenzione di "mettersi il cuore in pace". Quel che interessa, in Val di Susa come altrove, non è collegarsi sempre più velocemente col mondo intero, ma avere una vita più semplice, più serena, più equilibrata, più coesa, più umana, anche se, eventualmente, più povera.

Poco importa che la sinistra, che a suo tempo ha approvato la Tav, ora cerchi di strumentalizzare la situazione. Perché la rivolta della gente della Val di Susa è contro le oligarchie politiche, tanto della destra che della sinistra, e quelle economiche, che sono le uniche a trarre sicuramente dei vantaggi da un'opera colossale come la Tav. Ed è completamente fuori strada il Governo quando addebita la rivolta agli "anarchici insurrezionalisti". Non si può delegittimare una rivolta che vede uniti sindaci e assessori di ogni colore politico, parroci, operai, impiegati, pensionati, donne, casalinghe, ragazzi, cioè l'intera Val di Susa, con argomenti alla Bush. Quella della Val di Susa è una rivolta antimodernista .

È significativo che questa gente, fino a ieri pacifica e ubbidiente, abbia scelto, per chiamarsi a raccolta, uno strumento antico come le campane delle chiese. Si vuole tornare alle dimensioni del villaggio, a comunità più piccole, più controllabili dove le

mario brini 12.12.05 23:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non avendo potuto leggere tutta la mole dei post/TAV farò un'osservazione quasi sicuramente ridicola per quelli più informati: questa mattina alla radio ho sentito che la "legge obiettivo"(di Lunardi) prevede espressamente che i progetti ad essa connessi siano e-s-e-n-t-a-t-i dalla valutazione di impatto ambientale. Dico, é vero? E' possibile? Perché se é così Lunardi é un ministro allo sbaraglio.

Robert Dubois 12.12.05 23:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CAMBIA IL VENTO IN CASA DEL CORRIERE DELLA SERA...!

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/12_Dicembre/08/stella.shtml

Sospetti sul tunnel della discordia.

Incidenti e calcoli geologici «inesatti» per due gallerie nella valle La fuga di imprese straniere e il ruolo della Rocksoil di Lunardi.

Aperta ieri con cinque anni di ritardo la prima delle «sue» due gallerie sull'Autosole di Nazzano, che doveva esser pronta nell'ottobre 2000 per il Giubileo, il ministro Pietro Lunardi ha accelerato nell'alta velocità prediletta: quella di parola. E facendo invelenire Beppe Pisanu, che ha subito fatto sapere d'essere «fortemente irritato» con lui, ha liquidato lo scontro sociale, politico e culturale sulla Tav in Val di Susa nello stile di un colonnello sudamericano: «È ormai un problema di ordine pubblico, non riguarda il mio dicastero».
Parole incaute in bocca a ogni ministro d'un governo occidentale che sia conscio delle difficoltà di ammanettare, insieme coi no-global, anarchici e attaccabrighe, anche sindaci e commercianti, artigiani e casalinghe. Ma ancora di più in bocca a lui, invischiato nella controversa faccenda non solo come responsabile delle Infrastrutture ma anche come ingegnere, fondatore, progettista e uomo simbolo della «Rocksoil», la maggiore delle società italiane specializzate nei tunnel, che come è noto ha ceduto a moglie e figli per aggirare la grana del conflitto d'interessi. Proprio perché, come ha ricordato Carlo Azeglio Ciampi, non è ammissibile che i campanilismi di una contrada, gli umori dei «signornò» o le beghe di bottega blocchino grandi opere di interesse collettivo, queste opere devono essere progettate, spiegate, appaltate e fatte nella massima trasparenza. Senza il minimo sospetto di qualche dettaglio occultato e men che meno di qualche interesse personale. Ed è qui che i conti lunardiani non tornano............................http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/12_Dicembre/08/stella.shtml

Roberto Saponara 12.12.05 23:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..il racconto prededente (scusate la lunghezza ) e' tratto da http://italy.indymedia.org/

cris benelli 12.12.05 23:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

4.
S.p.A. del gruppo Fiat, Codelfa, e in seguito divenuta Impregilo S.p.A.) [il Tribunale di Caserta nel 2001 ha condannato, tra altri, l'ex sottosegretario Dc ai trasporti Giuseppe Santonastaso a 7 anni e sei mesi a conclusione del processo per corruzione/concussione Cogefar].
A Trino, la costruzione della Centrale Termoelettrica di Leri-Cavour fu appaltata al consorzio TRINEL [Gavio, CMC, Fiat Engineering] che subappaltò la maggioranza dei lavori con un ribasso molto inferiore al minimo prescritto del 20%, determinando il fallimento di molte aziende locali.
Per concludere, riesce difficile riuscire a tenersi in equilibrio in questa foresta di shangai, dove tocchi uno stecco e corri il rischio di muovere tutto.
La progettazione delle linea ad AV è stata progettata da Italferr S.p.A., dipendente in tutto dal Ministero dei Trasporti; viste le aziende interessate vi può essere un duplice scopo per insistere sui lavori in galleria:
1. affinché sia la Rocksoil a dover effettuare i lavori (anche lavorando dal settore francese);
2. fare in modo che, iniziati i sondaggi, si scopra l’insalubrità del sottosuolo e che si sospendano gli interventi: in tal modo le aziende interessate potranno chiedere a TAV S.p.A. i danni per l’allestimento cantiere, mancati guadagni e quant’altro.
Credo che il problema, a questo punto, sia di concentrarsi sulla ipotesi di potenziare l’esistente collegamento ferroviario di superfice senza accettare super consulenze di esperti (nominati dal governo) che in un modo o nell’altro difficilmente possono essere indipendenti da tutta la ragnatela prima descritta.

cris benelli 12.12.05 23:14| 
 |
Rispondi al commento

intestata alla moglie (oltre una soc. di software per ferrovie del fratello), e ricopre le cariche di Presidente di: Italferr S.p.A.; Metropolitana Milanese S.p.A; Autocamionale A15 della Cisa S.p.A. (Autostrada Parma-La Spezia); oltre ad essere consigliere nei CA di: Autostrade Lombarde S.p.A. – già Bre.Be.Mi. Sp.A.; Banca Cariparma e Piacenza; Confservizi International.

Consigliere di Autocamionale A15 della Cisa S.p.A. è anche Bruno Binasco, uomo di fiducia di Marcellino Gavio. Nel 1989 Bruno Binasco, amministratore delegato del gruppo Itinera, l'azienda di Tortona che fa capo all'imprenditore Marcellino Gavio e si occupa di costruzioni, opere edili e più in generale autostrade, acquista un palazzo di rappresentanza a Roma, in via Serchio 9-11, di proprietà di una società controllata dal Pci, l'Unione Immobiliare per 4 miliardi. Il tutto è stato oggetto di indagini per fondi neri ( 1 miliardo dichiarato ufficialmente e 3 in nero) da parte del Pool Mani Pulite che ha arrestato Binasco e messo sotto accusa Primo Greganti, oltre ad emettere ordine di carcerazione per Marcellino Gavio [http://www.blogoltre.net/inchieste/giustizia/puntata_5.html].

Il Ministero dei Trasporti licenzia (2003) un progetto da 90,3 milioni di euro per una serie di viadotti e una nuova galleria sull'autostrada Parma-La Spezia (A15). Il progetto è firmato dall’ufficio tecnico della Cisa S.p.A. con la consulenza della Policreo s.r.l. di Parma (struttura e geologia) e della Rocksoil S.p.A. - http://www.rocksoil.com - di Milano (fondazioni e geotecnica) fondata nel 1980 da Pietro Lunardi (che ha messo a punto la metodologia ADECO-SR per la realizzazione di gallerie) e che attualmente è guidata dalla figlia.

Pietro Lunardi si laurea nel 1966 e lavorta dal 1967 al 1980 per la Cogefar S.p.A. (poi Cogefar Impresit

cris benelli 12.12.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

2.
In attesa di una successiva partecipazione di capitali privati, il project financing si divide così: il 40 per cento delle risorse dalle Fs (Ministero dei Trasporti e Ministero dell'Economia), il restante 60 da prestiti delle banche (garantiti sempre da FS). In tal modo i debiti di TAV S.p.A. non figurano nel bilancio dello Stato.
Fino al 1996 Amministratore Delegato di FS e della TAV S.p.A. è stato Lorenzo Necci.
Necci è vicino alla destra quando governa il Polo, a Lamberto Dini quando è l'ora dei tecnici, alla sinistra quando è il tempo dell'Ulivo. Con Berlusconi avrebbe dovuto fare il superministro delle Infrastrutture. Con Prodi ha un rapporto speciale. Il professore bolognese è Garante dell'Alta velocità, e la società da lui fondata, Nomisma, riceve l'incarico (e 10 miliardi e rotti) per studi passati alla storia per aver scoperto che "il beneficio dell'Alta velocità è la velocità". A casa di Necci si incontrano Berlusconi e D'Alema, il tentativo per un governo Maccanico delle larghe intese è cosa sua. Anche in Francia è socialista con François Mitterrand e gollista con Edouard Balladur e Jacques Chirac.

Proprio per vicende legate alla TAV S.p.A. furono indagati negli anni ’90, Bettino Craxi, Lorenzo Necci, Eugenio Maraini (ex presidente di Italferr S.p.A.). ed Ercole Incalza. Sono stati tutti assolti (credo) con l’eccezione di Eugenio Maraini, condannato dal Tribunale di Perugia a 18 mesi per corruzione (nel processo le FS si erano costituite parte civile).

Gli ingegneri Eugenio Maraini ed Ercole Incalza (Responsabile del gruppo Economia della commissione intergovernativa italo-francese del tunnel e membro del “Gruppo Van Miert” in sede UE) sono consiglieri del Ministro dei Trasporti Pietro Lunardi.

L’ing. Giulio Burchi è uno dei “supervisori” dei lavori dell’Alta Velocità.

L’Ing. Giulio Burchi, Ingegnere nucleare di Pavullo in Frignano (MO), è titolare di uno studio di ingegneria, mentre a Pavullo c’è una società di progettazioni ferro

cris benelli 12.12.05 23:12| 
 |
Rispondi al commento

1.
Ed ecco spiegatop perchè quasi tutti i politici amano un progetto messo in piedi in fretta e senza rispettare al "legalità"
La FS – Ferrovie dello Stato, è composta da tre diverse società:
Ø Trenitalia S.p.A. (proprietà e gestione del materiale rotabile);z
Ø RFI – Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (proprietà e gestione autonoma della rete e delle infrastrutture ferroviarie);
Ø Italferr S.p.A. (progettazioni ferroviarie e gestione progetti)
La TAV S.p.A (società di diritto privato controllata interamente da enti pubblici) nasce nel 1991 dall'esigenza di potenziare e rendere competitiva la rete ferroviaria italiana a livello nazionale ed europeo, per la realizzazione delle linee veloci. Dal marzo 1998 è proprietà esclusiva delle Ferrovie dello Stato e dal 2001 è controllata al 100% da RFI - Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.
In questo modo lo Stato tramite le Fs, affida le opere per l'Alta velocità a una concessionaria: la Tav Spa (http://www.tav.it), che può affidare i lavori a trattativa privata, ed appalta tutti i lavori, chiavi in mano e senza gara, a un general contractor (che, per i treni superveloci, è un cartello di mega-imprese articolato in sette consorzi.

cris benelli 12.12.05 23:11| 
 |
Rispondi al commento

Missioni di pace...

http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=58480

http://www.rainews24.it/ran24/clips/Video/08122005_256k.wmv

Robert Alk 12.12.05 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Beppe!!!
Dario!!!
Paolo!!!!
E tutti quelli che vogliono partecipare!!!!
Mi piace l'idea della manifestazione culurale, della adunata del polpolo degli ultimi dissidenti, della riunione degli idealisti, della congrega dei sognatori.
Mi piace l'idea, e mi piace la proposta andare a INCONTRARCI A TORINO per ribadire i VALORI che ci accomunano, e che Dario e Beppe, insieme a tanti altri ci hanno insegnato in questi anni.

Forse questa può essere l'occasione giusta per iniziare a parlare di qualcosa di nuovo in Italia., per lasciare emergere finalmente quella voglia di pulizia e di amore che è stata soffocata lungamente in questo paese da politici corrotti, ma anche dalla nostra indifferenza.
Mi piace l'idea che forse il 17 dicembre sarà l'inizio di qualcosa, di un movimento naturale e spontaneo contro l'IGNAVIA POLITICA di quella parte degli italiani che hanno ancora un sogno di giustizia nel cassetto, ma non hanno pu' la forza di combattere per realizzarlo.
Io a Torino ci sarò...voi che fate?
Non avete sentito la sveglia? E' ora di alzarsi!!!
Smettiamola di dormire!!! forza!!!!
C'è un mondo da cambiare....

Marco Ciacchi

Marco Ciacchi 12.12.05 22:58| 
 |
Rispondi al commento

ma cosa dobbiam ancora commentare?ormai il tempo delle parole è finito,ci son troppi squilibrati cocainomani nei posti importanti,ed è un circolo che alimenta sè stesso,per fermarlo ci vuole una rivoluzione di anime,di cultura....provate a spiegarlo ai vari berlusca,bondi,schifani,tanzi ecc ecc ecc....forse bisogna fare la rivoluzione vera e che il vento tristo se li porti via(come cantano i gang,poeti immacolati)FORZA VALSUSINI FORZA GRILLO.

FULVIO STEFANI 12.12.05 22:45| 
 |
Rispondi al commento

il TAV è l'ennesimo progetto sponsorizzato dalle lobby europee...per fare qualche esempio:
L'ente europeo di controllo aviazione (recentemente costituito a Koln) è diretto da un Frnacese che ha come politica il sostegno ad Airbus (fregandosene di tutto ciò che non è Airbus)
TAV = sponsor principale Francia (e tutte le società che compongono il consorzio TGV)
Chimica = Germania... non approfondisco l'argomento per non allarmare.

luca rossi 12.12.05 22:40| 
 |
Rispondi al commento

Tav, non si farà il corteo di Torino
"Faremo una kermesse culturale"
Ma i comitati insistono: "Sfileremo ugualmente"


TORINO - Nessuna manifestazione anti-Tav, sabato prossimo a Torino, ma una grande happening all'aperto: lo hanno deciso i Comuni della Valle di Susa e le Comunità montane, al lavoro per organizzare una "kermesse culturale" al parco della Pellerina, alla periferia della città. Una iniziativa, alla quale dovrebbero partecipare Dario Fo, Beppe Grillo, Marco Paolini, presa perché - come spiega il presidente della Comunità montana Bassa Valle di Susa - "in presenza di un confronto come quello che abbiamo ottenuto a Roma, non si scende in piazza". Ma i comitati "No Tav" della Valle di Susa non demordono: hanno deciso di fare ugualmente il corteo sabato prossimo a Torino. Una scelta raggiunta dopo circa tre ore (dalle ore 18) di dibattito nella sala consiliare del municipio di Bussoleno. Partenza prevista: tra le ore 14 e le 15 dal piazzale davanti alla stazione ferroviaria di Porta Susa con direzione la Pellerina, dove è previsto, alle ore 18, lo spettacolo culturale che i sindaci e le comunità montane della Valle stanno organizzando. "Se la marcia sarà autorizzata regolarmente alcuni sindaci della Valle accederanno alla Pellerina con il corteo", fa sapere il primo cittadino di Bussoleno, Giuseppe Johannas, che ha seguito la riunione dei comitati come il sindaco di Borgone, Simona Pognant.

Valerio Simone 12.12.05 22:32| 
 |
Rispondi al commento

PROPOSTA:
a Bombay riescono a fare arrivare in città quotidianamente 6 milioni di pendolari utilizzando solo 2 binari. Sono carrozze puzzolenti , rabberciate ma sono guidate da un sistema gps che permette loro di percorrere quei due binari ogni tre minuti . Non ci sono mai stati incidenti tranne che per cause naturali ( qualche monsone) . Non c'è bisogno di penetrare e violentare una montagna per fare passare più treni, basta utilizzare meglio le risorse disponibili . Mettiamo due gps in Valsusa e con il resto dei soldi mettiamo in sicurezza il territorio.

Alé

Augusto Vespa 12.12.05 22:31| 
 |
Rispondi al commento

RIVOLTA IN SAVOIA
FRANCESI 'TRADITI' DALL'ALTA VELOCITÀ

IL SECOLO XIX 27/11/2005 - La Chambre (Savoia). Denis Bertino: «Decidiamo all'inizio dell'anno nuovo». E se i francesi della Maurienne decidono che le promesse non sono state mantenute, l'alta velocità rischia di impantanarsi anche al di là delle Alpi, dove finora tutto era filato liscio. Denis Bertino è il portavoce di Intercommunale, l'associazione che è nata e cresciuta per sorvegliare il progetto della Tav. Ieri pomeriggio, in una saletta del municipio di La Chambre prestata agli ambientalisti sul sentiero di guerra, ha parlato per primo: «I segnali sono che il tunnel non si fa più. Se a gennaio non ci convincono del contrario, la Lione-Torino non avanza di un metro».

emanuele ariaudo 12.12.05 22:24| 
 |
Rispondi al commento

ALLORA.
Qui, nonostante tutti gli sforzi, le cose non mi sembrano ancora molto chiare.
Lo volete capire o no che non siamo contro l’idea del treno in se?
E’ solo che:
- la TAV in galleria non può andare a più di 110km/h
- da Torino a Lyon ci sono 140Km di galleria su 280 o giù di li
QUINDI:
capirebbe chiunque che non si guadagnerebbe molto in velocità VERO?
POI:
- l’attuale ferrovia (dove viaggiano TGV a 130km/h) è sotto utilizzata
- andrebbe certamente rimodernata MA C’E’ GIA’
QUINDI:
- perché non fare passare i treni di li?

Queste non sono certo considerazioni “tecniche” e anche un bambino coglierebbe l’ovvietà della cosa.
E non mi sono addentrato in problemi di amianto, uranio e …. costi esorbitanti.
Questa “GRANDE OPERA” porta vantaggi solo chi la costruisce. E’ CHIARO? SI O NO?

Andrea Marina 12.12.05 22:22| 
 |
Rispondi al commento

L'unico dubbio è che non sia solo un tamponare per le olimpiadi e poi ...via a spron battuto...
Speriamo Beppe che davvero ci ascoltino!

enrico zanellato 12.12.05 22:19| 
 |
Rispondi al commento

@ Andrea Marina 12.12.05 21:53 |

Corridoio 5: Lisbona-Kiev

Scusa Kiev non è in russia ma in Ucraina.

Non è possibile utilizzare la stessa linea per motivi di pendenza e direzione.

L'amianto c'è ovunque, non solo nella montagna... non costruiamo più case?! E comunque ci sono le tecnologie per evitare la sua espansione aerea.

Ragazzi, è inutile il muro contro muro, discutiamo e apriamo la mente lasciando a casa le ideologie.

Ciao!


ora si parla di tav. E delle casse di espansione del tagliamento in friuli?una altra opera che probabilmente non servirà a nulla se non a sperperare denaro pubblico, cioè nostro?una società olandese, dopo uno studio approfondito, ha detto che le casse non servono! continuiamo cosi, facciamoci del male!
ennio69fvg

ennio venuto 12.12.05 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Tav, annullato il corteo di sabato

Al suo posto un grande happening all'aperto al parco della Pellerina con Beppe Grillo e Dario Fo

Torino, 12 dic. (Adnkronos) - Non una manifestazione no-Tav con corteo per le vie del centro torinese, sabato 17 dicembre, ma un grande happening all'aperto al parco della Pellerina con Beppe Grillo e Dario Fo. Ad annunciarlo, oggi pomeriggio, è stato il presidente della Comunità montana Bassa Valle di Susa, Antonio Ferrentino. ''In presenza di un confronto come quello che abbiamo ottenuto a Roma - ha spiegato Ferrentino - non si scende in piazza''.


TUTTI A TORINO PER ONORARE LA CULTURA

Nicola Cellamare 12.12.05 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Il cartello appeso nella schiena di questo signore è tra l'altro ottimista oltre che essere impreciso, in realtà 20 anni potrebbero diventare 25 e suo figlio non viaggerà da torino a lione in 2 ore perche questo progetto è solo per le merci! non per i passeggeri.

Francesco Mancini 12.12.05 22:07| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE,
LA GENTE NON VEDE.
SE A NAPOLI TI HANNO SEGUITO IN TANTI IN PIAZZA, ERA PERCHE TUTTI ANCHE PER UNA PICCOLA VENA DEL CUORE SENTONO CHE CIò CHE DICI è GIUSTO.

ORGANIZZA UNA GIORNATA SPECIALE IN UN POSTO DOVE NON POTRESTI PASSARE INOSSERVATO ANCHE DALLA STAMPA ESTERA E CHIEDI AI CITTADINI CHE VENGANO A MANIFESTARE CON TE

ANT LONDON

Antonio Monno 12.12.05 22:01| 
 |
Rispondi al commento

forse non abbiamo vinto la guerra ma una battaglia si...ha raggione beppe quando dice che se le cose non ci stanno bene dobbiamo farci sentire..se serve anche con i pennarelli..NO TAV!

daniela pierdominici 12.12.05 21:58| 
 |
Rispondi al commento

x leonardo donati ...
ecco un altro luogo comune che si ha sulla tratta europea .
il progetto e' quello di collegare lisbona a kiev ma detto questo da trieste in avanti i lavori non sono iniziati , la slovenja non sembra molto d'accordo e negli altri paesi mancano i soldi , poi c'e' il lato ovest ,anche li la tratta non e' ancora in costruzione ovunque. sui pirenei e paesi baschi la battaglia e' piu' infuocata che in valsusa ...\

ma secondo voi da lisbona a kiev quanto ci si mettera'???? e se in valsusa si migliorasse la linea attuale come proposto dalla gente del posto quanto tempo in piu' ci si metterebbe>???

poi un treno merci ha bisogno di essere puntuale non necessariamente di essere super veloce ... in italia sappiamo tutti qual e' il concetto di puntualita' ... magari migliorare priima questo punto ?????????

stefano durando 12.12.05 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra l'abbia fatto Luca Mercalli. Non conosco però i dettagli

Andrea Marina 12.12.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Il governatore della California, Arnold Schwarzenegger, ha respinto la richiesta di grazia avanzata per il condannato a morte Stanley Tookie Williams. Williams dovrebbe morire per un'iniezione letale poco dopo la mezzanotte (le 9 di martedì in Italia) nel carcere californiano di San Quintino.

Tutti in coro: VAFFANCULO TERMINETOR!!!

paolo ferrara 12.12.05 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TAV da 300 km all'ora:
è inutile andare al massimo se si va nella direzione sbagliata!
POLITICI: fagli le domande giuste ma non aspettarti le risposte corrette!
Per forza gli parli di cose tecniche e dicono di non capire (a parte il loro 740 tecnicissimo che vogliono comprendere bene!).
Se non hanno la capacità di convincere, CONFONDONO: bisogna combatterli sul loro stesso terreno ovvero la comunicazione.


P.s. ma perchè insistono così tanto su questo blog quelli che lo ritengono di sinistra, o di parte, o schierato, o troppo contro a quello, a questo?
Se non vi sentite di casa come ad un convegno dei promotori Mediolanum, andate sui VOSTRI di blog dove non mi sembra siate tanto disponibili al confronto .... bensì allo scontro!

Ciao Beppe


Roberto Mentasti 12.12.05 21:56| 
 |
Rispondi al commento

- T. A. V. (Truffatori Andate Via!) -

Ma porca ..., visto che il preventivo per realizzare l'opera si aggira intorno ai 20 miliardi di Euro, perchè non proponiamo a coloro che sono gli artefici (e quindi i veri beneficiari) di prendersi i soldi con l'obbligo di abbandonare definitivamente ogni progetto?!?

C****, ve ne diamo anche 21 di miliardi! Prendetevi i soldi ma...fuori dai maroni! E ad alta velocità!!!

Andrea Zoglio 12.12.05 21:48| 
 |
Rispondi al commento

io posso darvi una buona ragione per il tav
... pensate ai conti in banca dei costruttori , appaltatori , committenti .... eccetera eccetera , loro almeno avranno un tornaconto ... o si .

stefano durando 12.12.05 21:46| 
 |
Rispondi al commento

@ Antonio Marciano

Anch'io ho cercato dei dati a riguardo per curiosità,ma non ho trovato nulla. Spero che qualcuno sappia illuminarci perchè non mi sembra proprio un dato da sottovalutare.

Gabriele

Gabriele Gamerro 12.12.05 21:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MessaggioUna testimonianza dalla Val di Susa
>di Carlo Grande, della "Stampa" sulla mattina del 06/12/2005
>
>Sono un giornalista della Stampa, questa notte ero dentro il presidio
>Anti-TAV e ho visto con i miei occhi quello che è successo: poco dopo le
>3.30 cellerini, polizia e carabinieri sono arrivati in forze, (almeno
>cinquanta tra furgoni e camionette, più di 500 persone, a occhi e nella
>concitazione del "momento", che è stato lunghissimo), hanno caricato e
>picchiato a sangue freddo, ragazzi e anziani. Uno stava dormendo, era
>avvolto nelle coperte e sdraiato per terra, un'altra, il tipo più imbelle
>che abbia mai conosciuto, con un collare medico al collo, colpita in
>fronte, sanguinante, un anziano, avrà avuto settant'anni, buttato per terra
>e picchiato..
>
>Ci hanno chiusi nella baracca che la gente usava per scaldarsi, mi hanno
>tenuto lì quasi un'ora - la tensione era altissima e c'erano feriti -
>nonostante dicessi che ero giornalista. E' arrivato il sindaco di Venaus,
>ho
>chiesto ancora di uscire e mi hanno fatto andar via. Gli altri sono rimasti
>lì fino a stamattina alle sette, mi hanno detto che hanno ancora caricato.
>A parte TUTTE le altre considerazioni, che sono tante, dico solo una cosa:
>
>NON C'ERA BISOGNO DI PICCHIARE, NON C'ERANO FACINOROSI, NON "CI SONO
>STATI "SCONTRI", "TAFFERUGLI", MA UNA CARICA CON PESTAGGI,
>MANGANELLATE su persone che non opponevano resistenza fisica, ma
>tende, qualche fuoco per scaldarsi, stufe a legna.
>.
>In quelle ore lo Stato e la democrazia sono state una parola vuota.
>
>........
>no comment
>
>Per il Viminale non ci sono state CARICHE !!!!!!
>
> "La resistenza dei manifestanti ''e' stata superata dalle forze
>dell'ordine senza l'effettuazione di alcuna carica''. Lo afferma in una
>nota il Viminale . Tra i manifestanti, prosegue il Viminale, c'erano anche
>''antagonisti anarchici''
---> http://guerrillaradio.iobloggo.com/

vittorio arrigoni 12.12.05 21:23| 
 |
Rispondi al commento

le ragioni contro il tav sono tante, le ragioni a favore sono zero! no al tav!

franco forte 12.12.05 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Ritorno a postare questo appello contro l'ingiustificato utilizzo dei materiali:

NO ALLA CARTA IGIENICA

Uso questo Blog per richiamare l'attenzione di tutti su un problema scottante; la deforestazione incontrollata per la produzione di carta. Particolarmente grave è l'abattimento di alberi per fare carta igienica, fazzoletti di carta e tovaglioli di carta. Il quantitativo utilizzato ogni anno è enorme, inoltre tutti questi prodotti devono essere fatti con materiale vergine e non possono essere riciclati!
E' un modello di consumo totalmente folle, pensate a cosa succederebbe se tutta la popolazione mondiale adottasse questo stile di vita!non rimarrebbe un solo albero!
Facciamo qualcosa noi, smettiamo di usare prodotti di carta usa e getta!

ps: se riflettiamo bene, il marketing ci suggestiona con l'orrore dello sporco per venderci dei veleni sottoforma di detersivi, conservanti ed agenti chimici che sono vere e proprie schifezze!

andrea araldi 12.12.05 21:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

No al TAV!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Giornalisti? ripugnanti lacchè dei potenti.

Antonio Marcianò 12.12.05 21:15| 
 |
Rispondi al commento

@ Gabriele Gamerro


Ma' fa un po' tu,un tapis roulant lungo 30 km per trasportare le 10.000.000 di ton. di smarino che non saranno utilizzate come inerte, una teleferica per fargli fare un salto di 1.500 metri,senza contare l'energia che verrà usata all'interno delle gallerie. Io il calcolo non sono in grado di farlo e non ho trovato documenti in proposito.

maurizio tomatis 12.12.05 20:56| 
 |
Rispondi al commento

@ attilio colombo

La risposta e' semplice: la battaglia NO-TAV e' persa e controproducente, e poi si e' accorto che molti post protestavano perche' il blog si era sbilanciato a sinistra. Ed ecco con mossa repentina un argomento controbilanciatore...UNIPOL!


Quando leggo quello che dice la gente come te che da dire ha poco e niente mi viene voglia di insultare,poi penso:ma così divento come loro!

maurizio tomatis 12.12.05 20:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno ha mai provato a stimare quanta energia occorre per realizzare la tratta di Tav in Val Susa?
Ringrazio anticipatamente.
Gabriele

Gabriele Gamerro 12.12.05 20:46| 
 |
Rispondi al commento

Sì, è già qualcosa questa interruzione, anche se ha tutta l'aria di servire per guadagnare tempo e vedere se il fronte si spacca.

Infatti adesso viene il bello: riuscire a non abbassare la guardia, a rimanere compatti, a farsi sentire ovunque per aumentare i consensi e combattere la disinformazione.

Ed evitare le provocazioni, come sempre. Ad esempio mi è sembrata una buona idea l'abbassare i toni della manifestazione del 17: ho l'impressione che i politici stessero sperando di replicare le giornate di Genova. E basterebbe molto poco, non servirebbe nemmeno infiltrare i black bloc, basterebbe lasciare qualche zona di Torino sguarnita un paio d'ore, tutta per loro, ed ecco una scusa d'oro per buttarsi sul vero obiettivo: insomma, Genova docet.

Attenzione anche a che i sindaci non comincino a pensare troppo alle loro poltroncine, o che non sentano aria di ricatto. Mi riferisco ad un articolo apparso oggi sul "Corriere" (e non so se anche su altre testate), nel quale si ipotizzava che diversi manifestanti poi coinvolti negli scontri ai cantieri, fossero stati ospitati da alcuni sindaci: è ovvio dove si vuole andare a parare, no?

Comunque, parola d'ordine (tanto per cambiare): "Non abbassare la guardia".

Alberto Rizzi 12.12.05 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Come previsto, vedete i miei messaggi, anche Beppe ha cominciato a cambiar rotta. Come mai tratta l'argomento Unipol?? Non e' un argomento che piace alla sinistra.

La risposta e' semplice: la battaglia NO-TAV e' persa e controproducente, e poi si e' accorto che molti post protestavano perche' il blog si era sbilanciato a sinistra. Ed ecco con mossa repentina un argomento controbilanciatore...UNIPOL!

Meno male!! Beppe quando puoi fai qualche post tecnico sull'energia!!

attilio colombo 12.12.05 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco perchè noi italiani dobbiamo sempre distinguerci dal resto del mondo.. come direbbe Beppe Grillo "in lieve controtendenza".

Il TAV parte dal Portogallo e arriva in Russia: dove trova l'unico buco?! In Italia, ovvio!

Le cose son 2: o in Europa son tutti rincoglioniti e solo noi italiani abbiamo intelligentemente capito la situazione o forse stiamo prendendo un lieve abbaglio... vedendo chi ha eletto come primo cittadino nel 2001 il popolo italiano, ho già in mente la risposta...

Ciao a tutti!

Tav bloccata? E la Francia si arrabbia
http://www.espressonline.it/eol/free/jsp/detail.jsp?m1s=null&m2s=a&idCategory=4791&idContent=1213452


cucio due miei post precedenti per ricordare che ci son da dare risposte a domande che non sono il solo a porre:


Insieme a Grillo sto ancora aspettando argomenti pro tav che non siano:

a)il progresso deve andare avanti b)tanto uranio e amianto i valsusini c'è l'hanno solo nella testa c)da Milano a Roma in tre ore è meglio che in cinque d)finalmente viaggeremo in treni decenti e)un cognato di mio cugino ha preso il treno ad alta velocità Parigi/Lyone e si è trovato bene

e che magari mi possano anche chiarire questo dubbio che mi tormenta:come mai negli Stati Uniti,dove si movimenta l'80% delle merci su rotaia, NESSUNO si sogna neanche di costruire linee ad alta velocità/capacità.

Quanto all'importanza dell'opera vi vorrei ricordare che si parla ottimisticamente di 15/20 anni per la sua realizzazione,quindi oltre alle ragioni pro tav che in un post precedente ho detto di aspettare con ansia vorrei anche chiedere:ma nel frattempo per trasporti,inquinamento,economia del nord ovest e quant'altro che facciamo?

maurizio tomatis 12.12.05 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Appunto microscopico per lo STAFF:

Quando si apre la discussione, i pulsanti rossi diventano due "chiudi discussione"

Su quello in fondo, il puntatore del mouse non ha la forma a ditino.

Davide
www.onedrop.it

Davide Ricci 12.12.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

@simona ferrando non esistono no senza sconti esistono no a chi si presenta con un progetto blindato e dice:se ne può discutere ma si fa come dico io. Poi tutto il resto non è altro che aria fritta

maurizio tomatis 12.12.05 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Pe quanto riguarda la Tav,non mi sono fatta ancora un'opinione precisa. So che l'Italia vive un momento di recessione economica, so che il trasporto su gomma costituisce una voce molto pesante d'inquinamento e so che i lavori sono stati iniziati. Ma so anche che la TAV costituirebbe un grave deturpamento per la zona, e inoltre l'amico Grillo ci ha aiutati a capirne i rischi per la salute. Forse non sarebbe il caso di manifestare, combattere, lottare per raggiungere un'opere compatibile con l'esifenze della popolazione?Forse il NO, senza sconti non limita scenari futuri che si poterebbero rilevare appetibili?Non ho un'idea chiara, ripeto, ma credo che a volere essere contrari sempre e comunque non si ottenga nulla

simona ferrando 12.12.05 19:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attilio, perché non ti scarichi il nostro video, conti i delinquenti e li segnali qui sul blog? A me non sembra di averne visti.

Forse... aspetta... forse quello lì con la bandiera è quello che mi ha fregato la bici!!!

Davide
www.onedrop.it

Davide Ricci 12.12.05 19:50| 
 |
Rispondi al commento


Come dice Beppe Grillo:
"Da oggi in poi prima di iniziare qualsiasi opera si dovranno interpellare i veri datori di lavoro: i cittadini."

Grande BEPPE! Sei il Robespierre della Democrazia Diretta!

L'attuale Democrazia Rappresentativa è un meccanismo che da troppo potere a poche centinaia di uomini, i parlamentari, che dovrebbero idealmente rappresentare la volontà di tutto il popolo, e che invece proprio per i limiti della natura umana finiscono inevitabilmente per favorire i propri interessi, quelli dei loro amici e delle Lobby finanziarie che li sostengono per ottenere finanziamenti miliardari come il TAV.

L'uomo è intrinsecamente corruttibile. Destra o sinistra non sono diverse in questo. E' così, e la storia delle democrazie di tutto il mondo lo dimostra.

Ma tutto questo oggi si può superare. La Democrazia Rappresentativa è un retaggio del passato. Già in altri paesi del mondo, come in Estonia, si è capito che internet e i mezzi di comunicazione moderni permettono alla società di EVOLVERE AD UN LIVELLO DI PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA PIU' COMPLETO, dove ogni cittadino può dare la propria opinione sulle leggi discusse in parlamento, come avveniva nell'Atene di 2500 anni fa. Con la Democrazia Diretta mai più sui singoli parlamentari si accentrerà il potere di milioni di elettori, poichè saremo memori di quanto diceva Montesquieu: "Il potere corrompe, il potere assoluto corrompe assolutamente".

Tutto quello che dobbiamo fare è votare alle prossime elezioni solo per partiti che apriranno portali di Democrazia Diretta sui loro siti web.
Partiti che permettono ai cittadini di votare direttamente sulle leggi in parlamento, partiti in cui i politici sono realmente DIPENDENTI al servizio dei cittadini.

Internetcrazia è un partito di DEMOCRAZIA DIRETTA che è stato fondato dai noi fan di Beppe Grillo, ed è un grande inizio.

Tutto quello che dobbiamo fare per cambiare realmente le cose è iscriverci qui:

http://www.internetcrazia.org


Se vi sono contusi tra i manifestanti la colpa è da addebitare a quei violenti che hanno sfasciato il cantiere e cercavano in ogni maniera di accendere i disordini, guardati i video, idiota.
Alle forze dell'ordine si obbedisce, capito? Non siamo nella tua cara Cuba dove ti vietano anche di respirare

Fabio Marghe' 12.12.05 19:25

A Marghè,forse sarebbe meglio che tu ti informassi meglio, quando c'è stata la carica(contatto?) a Venaus c'erano circa cinquanta persone di cui la maggior parte era in tenda che dormiva,erano quasi tutti pensionati(gli unici nullafacenti che puoi trovare in Valsusa) e alcuni ragazzi fra cui mia figlia che con cuore di babbo ti posso assicurare non essere nè black blok ne anarcoinsurrezionalista. La polizia (circa 500 agenti) senza dire ne bà ne bè ha caricato e incominciato a menare e devastare tende e baracche del presidio.Gente che cercava di usare la nostra protesta solo per fare casino ce ne è sempre stata,come in tutte le manifestazioni, ma ti posso assicurare che li abbiamo sempre isolati(io personalmente mi sono messo davanti ad alcuni ragazzi una volta per farmi dare un bastone e un'altra per far gettare via della pietre),è anche vero che dopo la carica di Venaus la gente era stomacata e unpo' più disposta a lasciar fare(vorrei vedere voi!)ma è altrettanto vero che si stanno enfatizzando i soliti episodi dei classici quattro imbecilli.Quanto all'importanza dell'opera vi vorrei ricordare che si parla ottimisticamente di 15/20 anni per la sua realizzazione,quindi oltre alle ragioni pro tav che in un post precedente ho detto di aspettare con ansia vorrei anche chiedere:ma nel frattempo per trasporti,inquinamento,economia del nord ovest e quant'altro che facciamo?

maurizio tomatis 12.12.05 19:44| 
 |
Rispondi al commento

@ Ilaria Bruni

Se vuoi domani ti spiego cosa penso del sud davvero, più approfonditamente.
Devo andare , ciao.

Saletti Walter 12.12.05 19:43| 
 |
Rispondi al commento

@ Cristian Palmas 12.12.05 19:23


---
Ma quale salute, in Val di Susa scavano che è una bellezza e nessuno di lamenta. Ha mai forse sentito alla tv che in Val di Susa chiudono cantieri di scavo? Se è vero che esiste quel pericolo, perchè non fanno sloggiare tutti e li mandando dall'altra parte delle Alpi? Magari in Francia, cosi' capiscono cosa è la ragione, quei montanari cocciuti come muli.

Vogliono i soldi? Che glieli diano ai polentoni montanari, quella è gente che schifa l'Italia dalla punta ai piedi, ti guardano con la puzza al naso, ve lo dico io che ho avuto maniera di frequentare quelle zone, li conosco, sono freddi, se vai ad abitare in quelle zone non riuscirai mai ad integrarti con loro, hanno il loro mondo a parte, anche quando viaggiano in gruppo come gli stambecchi tendono ad isolarsi, li vedi nei bar in gruppi a bersi il grappino.

Non scherzo, hanno una mentalità chiusa che rasenta il peggior razzismo, non te lo dicono apertamente, ma te lo fanno sentire tutto addosso. Io mi chiedo come puo' esistere gente come quella nel 2005.

C'è stato un intervento di un certo Basoli mi pare, che ha centrato in pieno il carattere di questa gente, per loro traforare la montagna è come essere sverginati.

Francesco Santini 12.12.05 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Ilaria Bruni

E'un'affermazione!
Il sud ha tanti difetti, ma ogni volta che posso ci vado in ferie perchè, nonostante tutto,lì c'è una gran voglia di vivere. E questa voglia sarà l'arma in più per risolvere i problemi.

Saletti Walter 12.12.05 19:36| 
 |
Rispondi al commento


Dopo il 61 a 0 per la destra alle precedenti elezioni, risultati di oggi alle comunali di MESSINA: vince il candidato di centro sinistra (se ho capito bene 10 punti di vantaggio)

Sondaggio tra i sindaci più graditi: Walter VELTRONI (con pochi altri) ha aumentato le preferenze, di 16 punti.

Eppur si muove!!!!...

La corazzata Potiomkin

Paola Bassi 12.12.05 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Proposta per il blog,
sarebbe interesante sapere come la pensa chi legge il blog indipendentemente dal parere personale è se l'argomento lo permette, facendo un sondaggio tra i lettori.

Giorgio Novelli 12.12.05 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Almeno ci si fanno quattro risate...

http://www.idioteca.it/pages/SKnews.php?dir=SI&ID=373&Tipo=idiari

Mara PEretti 12.12.05 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Insomma. Lo sapevamo da un anno. Nessuno sa perchè si vuole fare questa TAV per l'Italia. Tutti sanno perchè per i privati, però!

Ma poi PER LARGO?
Capisco se alla fine vuoi farla per lungo...una Milano-Reggio Calabria in 3 ore...ci si può anche pensare.

Ma qualcuno che abbia il coraggio di dire BASTA? Scherzavamo?

Niccolò Petrilli 12.12.05 19:29| 
 |
Rispondi al commento


“mentre al Sud privo di occupazione è gratuita”
…!!!!! Ma da quando????..............attento che le fregnacce le dici tu.

Io cosa metto di tuo sotto l’albero di Natale?


Ilaria Bruni 12.12.05 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con chi segnala che la politica deve rimanere fuori dalla questione TAV.

Qui si tratta di persone che rischiano o meno la salute - i Valsusini e gli abitanti a loro vicini- e di Italiani che pagheranno miliardi di euro di tasse per costruire la TAV. Si tratta di un argomento economico-ambientale, non politico. Nemmeno gli stessi politici credono che sia un problema politico: in realtà hanno affermato il contrario ma solo per nascondere il fatto che in parecchi ci guadagneranno, dalle Coop Rosse alla Rocksoil, dunque indipendentemente dal colore politico.

Insomma si deve dibattere con validi argomenti - sottolineo "validi"- se la TAV si deve fare o no.
Io personalmente sono CONTRO per tutti i motivi che ho riportato nei commenti a questi post(inquinamento e problemi sanitari gravi; infiltrazioni del crimine organizzato; appalti truccati; sperpero di miliardi di euro a danni della comunità; inutilità economica dell'opera; falsa informazione sulle grandi opere esistenti, quasi tutte disastrose; disastro idrogeologico).
Poi vi possono essere anche quelli A FAVORE, basta parlare di dati attendibili...

Cristian Palmas 12.12.05 19:23| 
 |
Rispondi al commento

OT, Bepun se vuoi cancella pure, ma e' una notizia vitale per l'italico poppolo.
-----------------------------
Sondaggio di Natale per Scilvio. «Nel vedere quel che è successo in via Condotti e via del Corso, quante persone c’erano ad aspettarmi fuori dai negozi, sembra che il 95% degli italiani sia con noi. Ho fatto delle passeggiate in centro e ho visto entusiasmo, la gente si è scatenata».
-------------------------
Orpo, e nessuno c'aveva un cavalletto... W il Duce che alla vittoria vi conduce, e Sforza Itaglia, che siete tantissimiiiii...

Ilduce Vinceopatta 12.12.05 19:23| 
 |
Rispondi al commento


Il Sig. Attilio Colombo ha risposto ad un mio commento postato su "Le indagini del giornalismo italiano".
Saluti.
La corazzata Potiomkim

Paola Bassi 12.12.05 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Il TAV ha un'infinità di difetti e problemi, ma un unico vantaggio: arricchirà qualche strariccone.
Esultiamo!!!!

Gustavo Lapas 12.12.05 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Stefano Ceresa 12.12.05 16:24 | Rispondi al commento |

Innanzi tutto carissimo Stefano, il tunnel non servirà solo alle merci. Poi pensare di non fare una grande opera solo perché non è l'unica che bisogna fare mi sembra quanto meno assurdo.

In Italia le infrastrutture mancano, e questo, assieme al furbismo tipico del nostro popolo, ci stà portando alla rovina: non abbiamo centrali nucleari, non abbiamo sistemi per stoccare le scorie dei nostri ospedali, non facciamo di ricerca per abbattere le scorie in questione, non costruiamo autostrade degne di questo nome dagli anni settanta, non abbiamo un sistema ferroviario migliore di quello di molti paesi del terzo mondo, non abbiamo impianti che ricuperino energia dalla nostra immondizia, non abbiamo un sistema postale che funzioni (in questo momento ho due pacchi smarriti su due che ho spedito) eccetera eccetera.
E questo a mio avviso è per colpa di quelli come lei, con tutto il rispetto, che non vogliono che si faccia niente in nome dei piccoli interessi locali, che si fanno guidare da verdi ignoranti come nessun altro partito ecologista al mondo, e che non hanno idea di cosa tecnicamente significhino le cose contro le quali si battono!

Il problema non è se ci interessa o meno andare velocemente da un posto all'altro, o se ci interessa che le nostre merci lo facciano. Il problema è che le industrie non hanno NESSUNISSIMO motivo di rimanere in uno stato con il costo della manodopera elevato con il nostro, infrastrutture obsolete (quando ci sono), con l'energia più cara di Europa, con i servizi praticamente inesistenti, governato dal Berlusca e per di più collegato malissimo con il resto del mondo!

Ho poco da informarmi, Sig. Stefano Ceresa: ho una piccola azienda che per le motivazioni di cui sopra, come moltissimi altri, prima o poi sarò costretto a trasferire altrove. E poi voi verdisti avrete poco da informarvi!

Cordialmente, e scusi l'enfasi forse eccessiva, Francesco

Francesco Guarino 12.12.05 19:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Ilaria Bruni

Buonasera Ilaria,
come va?
Hai fatto pure la cubista? Che piacevole sorpresa!
Scherzo, il sud sarà la nostra salvezza!

Saletti Walter 12.12.05 19:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA RICETTA DELLA SINISTRA PER COMBATTERE LA MAFIA:

NON FARE NESSUNA OPERA CIVILE (si temono a vicenda, questa è la realtà)

Valerio Simone 12.12.05 19:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

=================
www.laspecula.com
www.laspecula.com
www.laspecula.com
=================

=================
www.laspecula.com
www-laspecula.com
www.laspecula.com
=================

Jessica Mostoles 12.12.05 19:17| 
 |
Rispondi al commento

grazie Giovanni Davoli per il contributo che dai alla discussione e credo che anche Tu, Beppe, dovresti tenere conto di quanto dice.
Ma 20 miliardi di € in un paese come il nostro, con bisogni arretrati, con la ricerca a zero virgola, con le imprese disorientate, con priorità superiori, meritano, prima di essere spesi, una riflessione, la seguente:
non sarà mai che l'accordo unanime di quasi tutti i partiti nasconda ipotesi inconfessabili?
e che, pertanto, le Tue considerazioni potrebbero finire con l'avvallarle?
Tanta insistenza puzza, non mi piace e si aggiunge al niente (tranne le Tue corrette considerazioni) assoluto che i media e i politici ci hanno detto sull'argomento.
cordialità

pietro casula 12.12.05 19:15| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori