Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Marco Antonio Fassino


marco antonio fassino.jpg

Cesare Salvi dei Ds ha detto in un'intervista alla Stampa:

Giornalista: “Qualcuno, come D’Alema e altri, ha detto che non si poteva considerare la finanza rossa come figlia di un dio minore, che c’era del razzismo “finanziario” ".
Salvi: “Certo, ma non si può fare con Consorte e l’Unipol. E’stato un errore politico pensare di poter competere su quel terreno e qualcuno dovrà renderne conto…”
E ha aggiunto:
“...Ora noi dobbiamo dimostrare rigore e fermezza giorno dopo giorno, altrimenti passerà la cultura di chi pensa che siamo tutti uguali e non val la pena di andare a votare…”

Delle due l’una: su Consorte D’Alema sapeva e ha taciuto (e non lo credo) o non sapeva.
Nel secondo caso ha fatto un grave errore politico a sostenere Consorte e la sua scalata alla BNL.

Delle due l’una: su Fiorani D’Alema sapeva e ha taciuto (e non lo credo) o non sapeva.
Nel secondo caso è stato sfortunato ed anche un po’ cocciuto, dopo la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche tra Fiorani e Fazio lo scorso luglio, a voler mantenere un mutuo, presso la BPI, di 8.000 euro mensili per pagare le rate della sua barca Ikarus II.

Se la base dei Ds è quella rappresentata dalle famiglie nei suoi cartelloni pubblicitari, non credo che si possa riconoscere in D’Alema e volerlo come suo presidente.
Fassino, tira fuori i globuli rossi, fai pulizia e appellati alla base con un discorso per celebrare il funerale politico di Massimo D’Alema e, visto che ci sei, anche di Violante:


Italiani, amici, miei compatrioti,
vogliate darmi orecchio.
Io sono qui per dare sepoltura
a Massimo D’Alema, non già a farne le lodi.
Il male fatto sopravvive agli uomini,
il bene è spesso con le loro ossa
sepolto; e così sia anche di Massimo.
V'ha detto il nobile Consorte che Massimo
era uomo ambizioso di potere:
se tale era, fu certo grave colpa,
ed egli gravemente l'ha scontata.
Qui, col consenso di Consorte e degli altri (1)
- ché Consorte è uom d'onore,
come lo sono con lui gli altri -
io vengo innanzi a voi a celebrare
di Massimo le esequie. Ei mi fu amico,
sempre stato con me giusto e leale;
ma Consorte dice ch'egli era ambizioso,
e Consorte è certamente uom d'onore.
Ha addotto a Roma molti finanzieri, (2)
Massimo, e il lor operato ha rimpinzato
le casse dell'erario: sembrò questo
in Massimo ambizione di potere?
Quando i poveri han pianto,
Massimo ha lacrimato: l'ambizione
è fatta, credo, di più dura stoffa;
ma Consorte dice ch'egli fu ambizioso,
e Consorte è uom d'onore.
Al Congresso - tutti avete visto -
per tre volte gli offersi la corona
e per tre volte lui la rifiutò.
Era ambizione di potere, questa?
Ma Consorte dice ch'egli fu ambizioso,
e, certamente, Consorte è uom d'onore.
Non sto parlando, no,
per contraddire a ciò che ha detto Consorte:
son qui per dire quel che so di Massimo.
Tutti lo amaste, e non senza cagione,
un tempo... Qual cagione vi trattiene
allora dal compiangerlo? O senno,
ti sei andato dunque a rifugiare
nel cervello degli animali bruti,
e gli uomini han perduto la ragione?
Scusatemi... il mio cuore giace là
nella bara con Massimo D’Alema,
e mi debbo interromper di parlare
fin quando non mi sia tornato in petto”.

(1) Sacchetti, Ricucci, Fiorani
(2) Gnutti, Colaninno, Consorte e altri per la privatizzazione di Telecom Italia

Ps: L'orazione funebre di Marco Antonio dal "Giulio Cesare" di W. Shakespeare è tratta da: www.liberliber.it

30 Dic 2005, 14:31 | Scrivi | Commenti (1231) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

__________★★★_____★★★★★★______★★★★★★
_________★★★★____★★_____★★____★★____★★
_______★★__★★____★★_____★★____★★____★★
____________★★____★★_____★★____★★____★★
____________★★____★★_____★★____★★____★★
____________★★____★★_____★★____★★____★★
____________★★____★★____:★★____★★____★★
__________★★★★★ __★★★★★★______★★★★★★

Dino Colombo Commentatore certificato 08.11.13 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a Davide Bianchi. L'astensione dal voto è un' atto civile,serve a far capire a questi furboni che è molto probabile che cambino lavoro,largo ai giovani!!!! Alle prossime elezioni dovremo scegliere fra due schieramenti comandati da due settantenni? Svegliamoci,ci lamentiamo delle cose che vanno male in Italia,e poi ci facciamo fregare come dei polli.Siamo noi i fautori di questo scempio. Abbiamo la testa piena di luoghi comuni,e non ci rendiamo conto di quello che ci succede attorno.Cè la crisi,ma poi corriamo tutti a comprare l'ultimo tipo di telefonino o l'ultimo modello di televisione al plasma.Accendete il cervello e assumete una filosofia di vita diversa.

Antonio Cataldi 03.01.06 07:45


Il mio primo intervento sul blog,scritto pure male !


Comunque......


Capisc'a me

Antonio Cataldi 01.01.07 23:57| 
 |
Rispondi al commento

... il problema non e' se ora puo' pagare 8 mila euri al mese ... il fatto e' che per pagare l'intero costo della Barka (circa 800/900 mila euri) occorrono circa 10 anni ... onde per cui ce lo dovremo sorbire ancora per un paio di legislature !!

Nuvola Rossa 04.02.06 22:23| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI QUEI RAGAZZI CHE MANIFESTANO L’INTENZIONE DI NON ANDARE A VOTARE

**************************************
DOBBIAMO MANIFESTARE IL NOSTRO CONSENSO O DISSENSO CON IL VOTO IN QUANTO DIRITTO ACQUISITO E IRRINUNCIABILE PER RISPETTARE IL SACRIFICIO DEI NOSTRI PADRI E CHE CI CONSENTE DI VIVERE IN UNA DEMOCRAZIA.
UN MIO VECCHIO PROFESSORE DICEVA :
“ Chi non vota non può neanche lamentarsi per quello che non gli và, non ha espresso cosa voleva”.

**************************************
*LIBERIAMOCI DAI SIMBOLI POLITICI, IMPARIAMO A VEDERE SOLO LOGHI *
(Solo per essere più liberi nelle nostre scelte, ragionando con la nostra testa per capire la verità dell’immagine riflessa. Nella società moderna il logo identifica la storia e la qualità di un prodotto: noi cambiamo prodotto quando non soddisfa più i nostri bisogni interiori ed esteriori senza rimpianti o conflitti. Vedere loghi al posto di simboli vuol dire essere più liberi e rispettare noi stessi ).

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI……..
l’astensione al voto può avere come conseguenza che una minoranza di cittadini governi e decida per la maggioranza.

ANDIAMO TUTTI A VOTARE LIBERI DI MENTE

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI , LA RIVOLUZIONE SI FA CON LA PARTECIPAZIONE: L’ARMA E’ IL VOTO .
**************************************
Il presente commento sarà bloggato a intervalli regolari su tutti i POST visto il numero di persone indecise a manifestare il loro diritto di intervenire sulle scelte politiche del paese in cui vivono.

Da oggi tutti i commenti del sottoscritto avranno come intestazione il terzo paragrafo del presente commento, indipendentemente dal contenuto.

I BUGIARDI CI SONO E CI SARANNO SEMPRE BASTA ESSERE PRAGMATICI E LIBERI DI MENTE

ernesto scontento 25.01.06 23:38| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe conoscere la denuncia dei redditi di Massimo D'Alema, per rendermi conto se 8000 euro mensili di rata per la barca sono troppi oppure rientrano tranquillamente nelle sue possibilità. Non l'ho trovata pubblicata su nessun giornale e mi sembra essenziale conoscere questo particolare per poterlo giudicare serenamente.
Cordialmente Giancarlo cappelletti

Giancarlo Cappelletti 25.01.06 18:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

domanda se al posto dei DS nell'caso UNIPOL ci fossero stati D.C. e P.S.I sarebbero già usciti gli avisi di garanzia?

petro paolo corona 19.01.06 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Sapete quale è il punto? Ma perche non andare davanti ai microfoni e dire: " In Italia le banche sono quasi tutte in mano a affaristi e faccendieri da brivido, gente che conduce qualsiasi affare illecito tranne forse il taccheggio, allora che c'è di male se le coop si comprano una banca. Che c'è di male se I LAVORATORI per una volta si confrontano con i vari Ricucci, Fiorani, Gnutti ecc. ecc. Si io ho tifato per le coop, tifo per le coop, e se non è stata accettata l'opa spero che si riorganizzino e ci riprovino!!" Questo dovevi dire fassino e ti dovevi far vedere pure incazzato.

Fabrizio Chiorri 17.01.06 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Mi ritrovo pienamente nel seguente concetto....sono anni che vado dicendo una cosa del genere, e lo faccio pure:

“...Ora noi dobbiamo dimostrare rigore e fermezza giorno dopo giorno, altrimenti passerà la cultura di chi pensa che siamo tutti uguali e non val la pena di andare a votare...”

Basta votare questi pagliacci!!!


Stefano Mantovani 16.01.06 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi ritrovo pienamente nel seguente concetto....sono anni che vado dicendo una cosa del genere, e lo faccio pure:

“...Ora noi dobbiamo dimostrare rigore e fermezza giorno dopo giorno, altrimenti passerà la cultura di chi pensa che siamo tutti uguali e non val la pena di andare a votare...”

Basta votare questi pagliacci!!!


Stefano Mantovani 16.01.06 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Il mio dipendente personale (l'ho votato) D'Alema mi ha fatto, nell'ordine, i seguenti "scherzetti": Dopo aver asserito che i 35 anni(contributivi) non si toccano (e voglio ricordare che il governo berlusconi,cadde, travolto dalle manifestazioni di protesta proprio su questo nodo) appena inSEDIAto cambia leggermente idea per colpa di Bertinotti che gli fa presente la questione quasi secolare delle 35 ORE. Bert. dice 35 ore Dal. dice 40 Bert. 35 DAl. 40 Bert. 35 E DAlema 40 . Viene messo a verbale: 40 ANNI e 40 ORE così non si fa confusione..e poi ..è il Mondo che lo vuole.
Il Cinese (Cofferati) tiene il sacco.Niente scioperi.. niente proteste....ma nonostante ciò la pensione che ci daranno non basterà a fare una vita decorosa. Perciò dovremo farci una pensione integrativa gestita da..udite udite..i sindacati! Bella la pace sociale con il mio cuXo.
Già a questo punto ho capito di aver sbagliato voto.
Altra bella trovata del massimino, per ridurre il deficit e poter così entrare nella zona euro, è stata "La rottamazione".... sì perchè a togliere i ticket sulle medicine sarebbero stati capaci tutti....e quindi lui...NOOooo. Un Comunista che spinge il popolo al consumismo questa sì che è coerenza.
D'altronde stavamo tutti così bene che l'unica nostra preoccupazione era un auto anche inquinante estera ma nuova!
Dalema fa l'inciucio col berlusca e non gli regolamenta le televisioni ....tragico errore.. che stiamo ancora pagando.
Poi così alla rinfusa, la guerra in kosovo, fiscal drag sui lavoratori dipendenti, i lavoro flessibile interinale (neo schiavismo) i co.co.co.
, condono fiscale, l'aver detto a VESPA che è un buon giornalista, il non aver MAI fatto niente di sinistra vuol dire aver fatto tutto da destra!
Mi sento in diritto quindi di chieder la "testa" del Dalemino a prescindere dagli ultimi e a ben vedere prevedibili risvolti attuali, perchè un tumore è un tumore e va estirpato. Idem per Fassino che gli è troppo vicino.Oppure non voto.
Bruno Lauri

Bruno Lauri 12.01.06 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Hanno pescato i DS con le mani nel sacco? Berlusconi è in conflitto di interessi?
Ciò che mi chiedo è: ha senso parlare di conflitto di interessi in politica? Ha senso parlare di moralismo negli affari?
Da che mondo è mondo i politici fanno gli interessi dei propri votanti o di coloro che più o meno ufficialmente hanno finanziato le loro campagne elettorali. Quindi, se vanno al potere, prima fanno gli interessi di questi ultimi, poi dei votanti, infine del resto della comunità civile.
Quando Berlusconi è andato al potere ha fatto i propri interessi. I DS quando - se - andranno al potere faranno i propri interessi.
Per ora si accontentano di qualche scalata... come fanno tutti...
Quello che mi conforta è che c'è comunque una magistratura in Italia, che fa il proprio dovere.
Speriamo che questo giovi agli italiani, cioè a coloro che non hanno finanziato le campagne elettorali, e che si sono limitati a votare confidando nelle capacità delle persone che hanno sostenuto di andare un po' oltre agli interessi di alcuni... basterebbe solo un pochino...

Simone Visentin 12.01.06 09:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei complimentarmi per come il nostro ministro della Giustizia Castelli, ospite ieri sera a Ballarò, ha tenuto testa agli attacchi di Eugenio Scalfari. Il nostro prode leghista ha controbattuto punto per punto ogni singola opinione espressa dall'anziano direttore ed ha terminato con una manifestazione di civiltà che se ci penso ancora mi rigiro nel letto: "Guarda come trema, trema perchè è nervoso";dimenticando forse che Scalfari si avvicina all'ottantina e che un leggero tremore forse era dovuto più alla tarda età che non al nervosismo e che proprio per questo motivo avrebbe avuto diritto quanto meno ad un po' di rispetto. Comunque complimenti ministro!Grazie per aver mostrato agli italiani di che pasta siete fatti voi leghisti: da un ministro mi sarei aspettata come minimo un po' di educazione. Non oso pensare da che persone potrebbe essere composta la base della Lega.

annalisa nannini 11.01.06 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei complimentarmi per come il nostro ministro della Giustizia Castelli, ospite ieri sera a Ballarò, ha tenuto testa agli attacchi di Eugenio Scalfari. Il nostro prode leghista ha controbattuto punto per punto ogni singola opinione espressa dall'anziano direttore ed ha terminato con una manifestazione di civiltà che se ci penso ancora mi rigiro nel letto: "Guarda come trema, trema perchè è nervoso";dimenticando forse che Scalfari si avvicina all'ottantina e che un leggero tremore forse era dovuto più alla tarda età che non al nervosismo e che proprio per questo motivo avrebbe avuto diritto quanto meno ad un po' di rispetto. Comunque complimenti ministro!Grazie per aver mostrato agli italiani di che pasta siete fatti voi leghisti: da un ministro mi sarei aspettata come minimo un po' di educazione. Non oso pensare da che persone potrebbe essere composta la base della Lega.

annalisa nannini 11.01.06 22:30| 
 |
Rispondi al commento

a Giuseppe (Zito)

Peppeeeeeeeeee,
va bene la voglia di massacro! Mettiamoci pure il carico da 11! INSINUIAMO!!!!
Però, a Pepeeeeeeee!!!! a Roma ci sono anche le filiali della Popolare di Lodi!! Ad essere anche un po' meno faziosi bisognerebbe ricordarsi che la barca, per la quale esiste il conto su cui le operazioni effettuate riguardano solo i pagamenti delle rate di mutuo, è di proprietà di TRE PERSONE (di cui una è D'Alema).
Questo senza voler difendere D'Alema; solo un po' più di misura.
Ciao,
AUG

Augusto Di Stefano 11.01.06 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, molto interessante il blog! Oggi D'Alema e Fassino stanno facendo mea culpa.... Voglio vedere cosa farai tu e tutti gli altri del blog che infangano con molta facilità persone serie ed oneste che cercano di fare qualcosa per questo nostro strano paese.

Saluti

Daniele Signo 11.01.06 16:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cara Katia non ti sei chiesta il perchè D'Alema ha aperto un conto nella Banca di Lodi?
Forse per comodità....visto che vi abita ...o no?
giuseppe Zito 11.06.2006

giuseppe Zito 11.01.06 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
ho iniziato a leggere il tuo discorso sulla "morte" di D'Alema e dopo un po' ho avvertito, contrariamente a quanto mi accade leggendoti con molto piacere, un senso di sgradevolezza e mi è sorta l'esigenza di farti questa domanda: se fossi tu il presidente del consiglio dei ministri, qui in Italia, quanto tempo pensi di durare? e cosa riusciresti ad ottenere?
Se hai tempo e voglia rispondimi (per favore evita di dirmi che la condizione non si verificherà mai e quindi ....).

Augusto Di Stefano 11.01.06 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Solo un breve commento sulle ultime vicende.
Mi fa strano sentire ancora parlare di buona fede ed etica politica, a sinistra come a destra. Chi, ancora soffocato dall'utopia, non è riuscito a farsi carico del fatto che la politica in ogni sua forma è potere adesso potrebbe fare una riflessione.
La politica è potere perchè gli uomini che ne fanno parte sono "privilegiati", partendo solo dalle basi della costituzione. Pensare che le coop. non siano "aiutate" dalla sinistra, è come dire che berlusconi non abbia risparmiato centinaia di millioni con le ultime leggi!
Ma la domanda che mi pongo è: " a chi possiamo e dovremmo dare fiducia alle prossime elezioni? " non è un discorso legato agli avvenimenti economici, che per altro penso ci siano sempre stati e ci saranno sempre, ma al continuo modo di affrontare i problemi senza trasparenza, da una parte e dall'altra! non vorrei comunque non andare alle urne solo per un senso di appartenenza e cambiamento.
dico a chi mi potesse schiarire le idee, grazie!
compito arduo!

alessandro lia 11.01.06 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Quanto sono ridicoli quelli della sinistra!!!
Piuttosto che difendersi dalle accuse di collusione con soggetti abili a porre in essere azzardate operazioni finaziarie, fanno come il bambino colto dalla mamma a rubare la marmellata che, non si giustifica, ma dice che la marmellata l'ha presa anche la sorrellina.
Mi rendo conto che la campagna elettorale imminente costringe la sinistra a fare i salti mortali.
E' ridicolo dire che bisogna distingure il ruolo dei politici dal mondo degli affari: questo è il programma dei buoni propositi, su cui, a parole, si è d'accordo tutti. Ma c'è una condanna almeno morale per il fatto commesso???? Ci si vuole rendere conto che Fassino, D'Alema ed i DS volevano e vogliono una banca di rilievo internazionale per competere alla pari con Berlusconi??? che costoro prendono esempio da colui che condannano quotidianamente???
La loro posizione è assai più scaborosa di quella di Berlusconi, perchè questi è imprenditore alla luce del sole, mentre costoro si trincerano dietro cooperative appartenenti apparentemente a sogetti indefiniti (i poveri soci Coop) per gesire tanto o tutto senza apparire per nulla.
Se non hanno il corraggio di ammettere il loro disegno e di vergognarsi, abbiano alemeno il pudore di tacere su Berlusconi.

sabino befanno 11.01.06 10:45| 
 |
Rispondi al commento

LE IMPRESE DEL SENATORE LUIGI GRILLO

Il senatore Luigi Grillo, portavoce dei furbetti del quartierino e strenuo difensore del governatore Antonio Fazio, preso con le mani nella marmellata, con un conto alla Banca popolare di Lodi sul quale risultano depositate plusvalenze anomale (250.000 Euro) derivanti da trading su titoli, scoperte dagli ispettori della Banca d'Italia e dalla magistratura.

UNA CARRIERA TUTTA CAPRIOLE
Democristiano della corrente di Base, eletto per la prima volta in Parlamento nel 1987, Grillo arriva al governo nel 1992 con Giuliano Amato, che lo nomina sottosegretario alle Finanze con ministro Franco Reviglio.
Nel 1994 viene rieletto per i popolari di Mino Martinazzoli, ma è subito folgorato da Berlusconi, cui consegna il voto che consente al Centrodestra di avere la maggioranza al Senato. I popolari lo espellono, ma il Cavaliere lo premia con la poltrona di sottosegretario alle Aree urbane. Rieletto nel 1996 e nel 2001, nominato presidente della Commissione lavori pubblici e comunicazioni, è tutto un turbine di zelo berlusconiano.

E’ relatore della legge Gasparri fatta su misura per il capo, presenta l'emendamento per scorporare dai tetti pubblicitari le televendite e quello al condono edilizio che cancella il divieto di costruzione nelle aree incendiate e che gli vale il "premio Attila".

MA LA SUA VERA PASSIONE SONO LE BANCHE
E' lui che aiuta Fiorani nelle prime scalate, come quella della Banca di Chiavari, è lui che difende le fondazioni bancarie da Giulio Tremonti.
Poi il capolavoro. IL "PATTO DELLO SIACCHETRÀ", che segna la pacificazione tra Berlusconi e Fazio. Venerdì 14 gennaio, cena a palazzo Grazioli tra il premier, il governatore, il ministro dell'Economia Domenico Siniscalco e Grillo, il quale offre ai commensali la bottiglia di vino delle Cinque Terre che battezzerà l'accordo per la difesa dell'"italianità delle banche".

UN AFFARISTA?
Lo accerteranno i giudici, che indagano su quei conticini nella banca di Fiorani

Marco Gills 10.01.06 11:40| 
 |
Rispondi al commento

riporto da un blog,(aconservativemind.blogspot.com) forse non vostro amico.
Provate a non porvi come i Cristiani alle crociate contro gli infedeli, ma come cittadini su una barca (non quella di D'Alema) e se non si vuole che affondi occorrerà lavorare e remare tutti per il paese e non per questo o quel politico o contro questo o quel politico.
"E D'Alema ancora difende la verginità dei Ds
Nessun mea culpa. Gli affaristi sono gli altri. I Ds no. Massimo D'Alema, punto nel vivo dall'attacco di Silvio Berlusconi, replica un un'intervista-forum all'Unità. Piero Fassino può avere vacillato, lui no: come l'ultimo giapponese nella giungla si danna l'anima per tenere in piedi la mitologia di un "partito diverso", che contro ogni evidenza pretende ancora di essere «un Paese pulito in un Paese sporco, un Paese onesto in un Paese disonesto», per usare le parole di Pier Paolo Pasolini. Quando proprio non sa a cosa aggrapparsi, D'Alema, come da copione abusato, si rifugia nell'antiberlusconismo, dando tutte le colpe al premier.
- Le accuse ai Ds? Frutto di un complotto: «Questa campagna sulla vicenda Unipol è del tutto strumentale, è una campagna che nasce a comando».
- I Ds non brigano con i vertici Unipol per fare affari («Allora siamo padroni di una banca?», disse Fassino). No, per D'Alema loro «si informano sull’andamento di un’operazione».
- Le intercettazioni apparse sul Giornale? Non è importante il contenuto, è importante il fatto che siano apparse sul quotidiano di casa Berlusconi, il che, di per sé, è - testuale - un «attentato alla democrazia». Come se l'Unità, essendo legata ai Ds, non potesse pubblicare indiscrezioni su Berlusconi. Da ridere."

Triste continuare cosi.

Gianni Ghilione 09.01.06 15:19| 
 |
Rispondi al commento

@ """""risulta sempre difficile capire quello che veramente succede nella vita politica italiana e non solo.Sicuramente abbiamo scoperto il fianco e la destra che altro non aspettava altro andrà giù dura cercando di affondare il colpo,sfruttando questo momento e questo e quello, che più mi infastidisce e che non perdono alla sinistra""""
INVECE CREDO CHE IL COLPO AI COGLIONI SE LO SIA DATO BERLUSCONI!!!!!!!
MA VI RENDETE CONTO HA DETTO CHE ENTRARE IN POLITICA NON GLI E' CONVENUTO?
BISOGNEREBBE SMETTERLA DI PARLARNE E ATTENDERE SOLO DI ANDARE ALLE URNE!
IL SOLO FATTO DI ELIMINARLO POLITICAMENTE SARA'(DESTRA O SINISTRA CHE VINCA) UNA LIBERAZIONE

CARLO PISU 07.01.06 22:30| 
 |
Rispondi al commento

@ """""risulta sempre difficile capire quello che veramente succede nella vita politica italiana e non solo.Sicuramente abbiamo scoperto il fianco e la destra che altro non aspettava altro andrà giù dura cercando di affondare il colpo,sfruttando questo momento e questo e quello, che più mi infastidisce e che non perdono alla sinistra""""
INVECE CREDO CHE IL COLPO AI COGLIONI SE LO SIA DATO BERLUSCONI!!!!!!!
MA VI RENDETE CONTO HA DETTO CHE ENTRARE IN POLITICA NON GLI E' CONVENUTO?
BISOGNEREBBE SMETTERLA DI PARLARNE E ATTENDERE SOLO DI ANDARE ALLE URNE!
IL SOLO FATTO DI ELIMINARLO POLITICAMENTE SARA'(DESTRA O SINISTRA CHE VINCA) UNA LIBERAZIONE

CARLO PISU 07.01.06 22:25| 
 |
Rispondi al commento

perfetto.continua tu così e faremo grandi passi avanti. Nutri di piccoli scandali e di falsi problemi la tua propensione all'antipolitica e farai solo la gioia e il patrimonio di gente come berlusconi. NON si fa un passo avanti in questo modo... non capite che questo vogliono?? la politica è fatta da uomini e chi fa politica è ben pagato...e allora?!! Dai politici chiediamo una certa coerenza, ok, ma sopratutto un progetto per il futuro..VOGLIAMO DAVVERO CONSEGNARE L'ITALIA Al TEOCONS?? iperliberisti spregiudicati e bacchettoni??

corrada cardini 07.01.06 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Fallimento della Coopcostruttori di Argenta (FE) nell’aprile 2003.
Da : Jenner Meletti-La Repubblica del 30/12/2005 pag.7
“La Legacoop ci ha tradito a loro l’OPA, a noi la miseria”

“Si sentono traditi, umiliati e offesi. Ma dichiarano ancora il loro amore per “la cooperativa”, perché se i nonni non fossero diventati scariolanti, braccianti e poi muratori e operai in cooperative che si chiamavano “Terra e Lavoro” o “Fornace e Mulino” qui ci sarebbero ancora le paludi e la malaria.
“La cooperazione è stata una grande cosa, ……Ma adesso con le pezze al culo ci siamo noi, che abbiamo creduto all’insegnamento dei nostri padri ed abbiamo investito i nostri soldi nella Coopcostruttori, che ci ha portato via tutto.
Ottantaquattro milioni di euro, rubati a 3.270 soci. La Lega delle cooperative ha detto che non sa dove trovare i soldi per rimborsarci. Ed i 2.000 milioni di euro da consegnare all’Unipol per l’OPA Bnl, dove li trova?” “Far sparire 84 milioni in un paese come questo, assieme ai posti di lavoro persi nel fallimento, vuol dire tornare a quella povertà che avevi sentito solo raccontare: non hai i soldi per la casa, per un matrimonio, sei in difficoltà anche per comprare i libri di scuola ai figli. I negozianti qui in paese hanno perso il 40 % degli incassi”. Dall’aprile 2003 sono stati recuperati solo 16 milioni di euro. E questo è stato tutto.
Ve la ricordate, Cesare D’Alema e Antonio Fassino, la storia dei braccianti contro i padroni, la formazione delle Leghe, la resistenza nelle camere del lavoro, le formazioni partigiane, la bassa padana di “L’Agnese va a morire” e il suo tributo di coraggio e sangue per costruire quel mondo migliore di cui tutti abbiamo beneficiato dal dopoguerra? Se vi ricordate che è ancora lì tanta parte della vostra base, fate presto: trovate i 68 milioni di euro che mancano. Vorremmo mandare a casa il capo dei capi, questa volta. Per cominciare, si potrebbe vendere la barca…..


Francesco Giammanco

francesco giammanco 07.01.06 14:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I NOSTRI CARI POLITICI CHE SI FANNO IN QUATTRO PER GLI INTERESSI DELL'ITALIA E DEGLI ITALIANI..

MA CHE BRAVI LAVORATORI CHE SONO..

LEGGETE QUI..

www.borsari.it/Giaccheferru5.php

www.borsari.it/Giaccheferru2.php

BUON ANNO..

SANDRO GOZZI 07.01.06 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ti seguo da una vita, quando ho potuto sono venuto ai tuoi spettacoli e quest'anno non ho potuto, ma mi sono fatto regalare per natale il tuo CD (non pirata ahahah).
Mi sono iscritto da poco al tuo blog e ringrazio Dio che ci sono ancora persone come te in Italia e nel mondo che non mettono le loro mani davanti agli occhi.
Politicamente, mi sono sempre sentito un uomo di sinistra (ho 43 anni), come tanti italiani non mi sono mai fatto illudere dal signor Berlusconi ed i suoi pasdaran, ma la sinistra, dov'è????
Un pò fidavo in Prodi, ma ora sono in crisi dopo tutte le ultime vicende riportate con cronaca doviziosa da marco Travaglio e dalle tue esternazioni.
Tra poco ci saranno le elezioni, cosa fare???
Turarsi il naso e votare centrosinistra???
Da padre di 3 figli non so in che mani consegnare il nostro governo ed il mondo intero.

P.S.: Grazie per le campagne ecologiche, essendo originario della Campania, non posso che essere d'accordo con tutti quelli che denunciano gli stupri delle nostre terre.

Saluti

Massimo

massimo cerza 06.01.06 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Angelo Vita mi fa notare che se Beppe Grillo ha una barca sono strac.zzi suoi.

Pienamente daccordo Angelo Vita.

Ma anche se un politico possiede una casa al mare, una barca, o un negozio di frutta e verdura, sono strac.zzi suoi.

Nello specifico, se D'Alema, che ha ereditato in umbria una casa dal padre, decide di venderla e soddisfare insieme a due suoi amici la passione della sua vita (oltre a quella per la politica), e investe qualche centinaio di milioni in una bella barca...

...Questi sono strac.azzi suoi!!!

E non ha niente a che fare con il fatto di essere un uomo di sinistra, o con il suo impegno politico.

Sono cose talmente banali, che doverci discutere su mette tanta tristezza.

paolo gregucci 06.01.06 18:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Silvio Berlusconi (Milano, 1936) è laureato in giurisprudenza.
Nel 1962 inizia l'attività nel settore dell'imprenditoria edile. Diventa il primo operatore italiano nella realizzazione di centri residenziali e centri commerciali (Milano 2, Milano 3, il Girasole).
Nel 1980 fonda Canale 5, la prima rete televisiva nazionale, a cui si aggiungono Italia 1 (1982) e Rete 4 (1984). Il successo della tv commerciale gli consente di sviluppare varie iniziative, inserite, come tutte le altre società, nell'ambito della holding capogruppo Fininvest, fondata nel 1978.
Diffonde così la televisione commerciale in Europa: in Francia La Cinq (1986), in Germania Telefünf (1987), in Spagna Telecinco (1989). Con la Mondadori (1989) diviene il principale editore italiano nel settore libri e periodici.
Il Gruppo Fininvest, con le società Mediolanum e Programma Italia, sviluppa una forte presenza nel settore delle assicurazioni e della vendita di prodotti finanziari.
È Presidente dal 1986 della squadra di calcio Milan A. C., che sotto la sua gestione ha vinto sette campionati nazionali, quattro Coppe dei Campioni, due Coppe del Mondo e numerosi trofei internazionali.
Il 26 gennaio 1994 si dimette da tutte le cariche ricoperte nel Gruppo Fininvest.
Fonda il movimento Forza Italia e dà vita alla oalizione del Polo delle libertà e del Buongoverno. Alle elezioni del marzo '94 conquista la maggioranza e diviene Presidente del Consiglio. Nel giugno 1999 viene rieletto deputato al Parlamento europeo con tre milioni di preferenze. Dal 1996 al 2001 è il leader dell'opposizione democratica al governo della sinistra.
Vince le elezioni politiche nazionali del 13 maggio 2001 come leader della Coalizione della Casa delle Libertà con 18 milioni e mezzo di voti.TRATTO DAL SITO UFFICIALE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI.
UNO COSI' E' INELEGGIBILE ANCHE NEL PAESE PIU' INCIVILE DEL MONDO!
E A SINISTRA CHE FACCIAMO..... P E N A !!!!

dario picchia 06.01.06 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimo Beppe,
che Fassino sia il memno peggio dei ds sono daccordo, ma che in questo momente sarebbe opportuno investire sei ds ed in particolare sull'Unione mi sembra incontrovertibile se si vuole continuare a sperare in un futuro migliore in cui i signori dei conflitti personali vengano seduti definitivamente in panchina. Per questo sarei cauto nel 'criminalizzare' lo stesso D'Alema che a mio avviso è la persona che meglio di altri può favorire una gestione di governo promettente.
Distintio saluti

Angelo Vita 06.01.06 17:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egregio Beppe,
sono docente di lettere in una scuola media della provincia di Agrigento, leggendo i tuoi post mi rendo conto che anche le mie iniziative sono degne di trovare una collocazione nel tuo sito. Voglio informare, tuo tramite, gli internauti che con i miei alunni sto portando avanti una campagna d’informazione per piegare l’idea che l’acqua in bottiglia venduta dalla grande industria sia migliore di quella erogata dagli enti locali e sottoposta a scrupoloso controllo sanitario. Cosa ne pensi?
I miei alunni sarebbero orgogliosi di poter contare sul tuo contributo. Cordiali saluti
Prof Angelo Vita

Angelo Vita 06.01.06 17:26| 
 |
Rispondi al commento

In contrapposizione con il sig.Paolo Gregucci sostengo che se Beppe Grillo possiede una barca sono strac..zi suoi. Egli non ci amministra non succhia moneta dalle casse statali! Se tutti i giornalisti italiani avessero le iniziative di Beppe saremmo tutti meglio informati senza ricorrere ai blog. Aprite gli occhi!!!! Qui non si "arriva" più neanche al quindici del mese.
Tanti saluti dal metalmeccanico ..Dario Picchia

dario picchia 06.01.06 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Destra e sinistra...per me non c'è più distinzione;se nessuno si fosse accorto qui fra una decina d'anni saremo tutti nella m...a fino al collo se si continua ad andare avanti così. Io ho 18 anni e tremo al pensiero di essere governato da gente che pensa solo a tirare l'acqua al suo mulino invece di dare uno sguardo fatto bene a come siamo ridotti e rimboccarsi le maniche...se penso che il mio futuro di cittadino dipende da questa gente mi vengono i brividi e me ne vengono ancora di più vedendo che abbiamo tutti due fette di prosciutto al posto degli occhi...è mai possibile che nessuno faccia niente, è mai pèossibile che non ci sia più qualcuno capace di governare senza voler intascare?mi domando e dico:ma questi bifolchi in doppio petto ce l'hanno un' anima per rendersi conto che tutti i soldi che vanno sul loro stipendio, che finiscono sulle auto blu, che vanno alle migliaia di segretari contro segretari e leccaculi di altro genere potrebbero in parte risollevare le sorti di questa fogna a cielo aperto?Mi vergogno di essere cittadino italiano...un saluto al mitico Beppe...continua così

mattia cacciamani 06.01.06 14:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giù le mani da Fassini e smettiamola di farci sempre il ns periodico harakiri. Tutte le energie contro questi loboctomizzati di destra

giovanni zagone 06.01.06 12:49| 
 |
Rispondi al commento


Il fango che gli rovesciate addosso a D'Alema mi fa veramente schifo.

Beppe, datti una regolata.

La storia del funerale fa vomitare. Perchè non te lo fai tu un bel giretto sulla tua barca...

Katia Albiero 06.01.06 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto molta porcheria in questo forum su D'Alema.
Ragazzi, datevi una regolata.

La barca di D'Alema?! Il conto per pagare il mutuo nella banca di Fiorani?

E' il cantiere al quale è stata commissionata la barca che è cliente della banca...

La bicamerale?! ...prendetevi il progamma dell'Ulivo nel 1996 e ci troverete al primo punto che l'ulivo intendeva ricercare un accordo con il centrodestra per riscrivere le regole...

Mi fermo qui perchè mi fate abbastanza pena e non ho tempo da perdere.

Voi che l'avete perchè non vi informate della bella barca di Beppe Grillo. Lui come l'ha pagata?

Un cordiale saluto

Paolo Gregucci 06.01.06 12:37| 
 |
Rispondi al commento

INNANZI TUTTO VOLEVO FARE GLI AUGURI DI BUON ANNO
A TUTTTI COLORO CHE FREQUENTANO QUESTO SITO E AL MITICO BEPPE!!!
CERTO E' UN ANNO CHE NON PARTE PROPRIO SOTTO BUONI AUSPICI,QUELLO CHE ACCADE ALL'INTERNO DEL NOSTRO SISTEMA BANCARIO E'A DIR POCO VOMITEVOLE
E NON IMPORTA SE QUESTE SCELLERATEZZE VENGANO COMPIUTE DA QUELLO O DA QUELL'ALTRO POLITICO DI TURNO.
LA COSA GRAVE E' CHE COMPIENDO QUESTI MISFATTI SI DA'UN CAZZOTTO IN FACCIA ALLE PERSONE ONESTE
CHE OGNI MATTINA SI ALZANO PER ANDARE A LAVORARE E CHE CON LO STIPENDIO PERCEPITO NON RIESCONO NEANCHE AD ARRIVARE ALLA FINE DEL MESE!
CON QUALE FACCIA VERRANNO A CHIEDERE IL VOTO ALLE ORMAI IMMINENTI ELEZIONI POLITICHE!
SAREBBE OPPRTUNO PRENDERLI E MANDARLI TUTTI A CASA
I NOSTRI ONOREVOLI,FACENDOLI VIVERE CON MILLE EURO
AL MESE!!!!

gianfranco maggio 05.01.06 23:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, sono un pò dispiaciuto per questo tuo articolo. Ti seguo sempre con grande convizione e stima e mi trovo d'accordo con te in tantissime cose. mi è dispiaciuto il tuo "sapeva e ha taciuto (e non lo credo)", perchè dubito fortemente che non sapesse! o meglio...era impossibile che non sapesse...! semplicemente mi sembra ingiusto che qualsiasi cosa faccia una parte politica si vada anche oltre nelle offese (alcune meritatissime) e negli attacchi e poi quando viene coinvolta un altra parte politica giustificare tutti con "non sapeva". SAPEVA SAPEVA! un bischero come tanti. ciao Leonardo.

Leonardo C. 05.01.06 18:48| 
 |
Rispondi al commento

A Viviana!!!, piuttosto che criticare il mio modo di scrivere e anzicchè rispondere con battute insignificanti, perchè non mi rispondi nel merito? Devi riconsocere che sei una dei tanti polli del variegato mondo elettorale di sinistra. Pensaci!! Buon voto. A Sabino!!

sabino befanno 05.01.06 18:23| 
 |
Rispondi al commento

Viaviana, piuttosto che criticare il mio modo di scrivere e anicchè rispondere con battute insignificanti, perchè non mi rispondi nel merito? Devi riconsocere che sei una dei tanti polli del variegato mondo elettorale di sinistra

sabino befanno 05.01.06 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, di solito apprezzo molto i tuoi commenti su questo blog, ma stavolta non condivido la tua posizione sul coinvolgimento di D'Alema nella faccenda che sembra riguardare, a quanto pare, unicamente un comportamento delittuoso di Consorte e del suo vice, fatto a titolo e interesse personale. E' legittimo che tu voglia esprimere tue antipatie politiche ma credo che ciò debba essere fatto in altra sede e non legato a questa vicenda. Che D'Alema sapesse dell'avventura di Consorte è infatti solo una tua supposizione non avallata da alcuna prova, mi pare. D'altra parte anche il discorso che riguarda l'opportunità di simili operazioni finanziarie da parte di Unipol è anch'esso da farsi in sede diversa e sarebbe interessante farlo, fermo restando che non configura alcun reato in sè.
Grazie per la gentile possibilità che dai a noi tutti di esprimerci e colloquiare. Sono vere e proprie prove di democrazia diretta.
Ciao :-)
Lucrezia

Lucrezia Russo 05.01.06 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Dove sono i biascicaantibelusconi di sinistra? i puri che pensavano che il mondo della sinitra fosse esente dal richiamo del lurido denaro???
Gli elettori della sinistra sono solo dei polli portavoti, prostrati al serivizo della sinistra per avere spazi sui loro giornali e sulla RAI ( i giornalisti e i noti pseudo satairi) nella banche e nelle imprese da queste foraggiate e nell'UNIPOL.
Da elettore di Berlusconi sto godendo!!!!


QUEL L***o DI BERLUSCONI HA APERTO IL FUOCO!
BENE CARO BLOGGHISTA NON SO QUANTI ANNI HAI...
MA SAPPI SE QUEL DELINQUENTE (ORA BASTA CON GLI ASTER5ISCHI!!) VUOLE LA GUERRA ECCOCI QUA SI QUELLI DELLA SINISTRA...
ADESSO COSA SON DIVENTATI I GIUDICI.. SONO SEMPRE DEI COMUNISTI?
CI VUOLE UNA BUONA DOSE DI RINCOGLIONIMENTO DA PARTE DI BERLUSCA E TUTTI I SUOI SERVI PER AFFERMARE CHE è INDEGNO CHE LA UNIPOL ABBIA FATTO QUELLE CHE HA FATTO!
VOGLIAMO PARLARE DEI PROCESSI CHE IL NOSTRO NANO LADRO STA EVITANDO DA ANNI?
VUOI PARLARE DEI SOLDI CONFLUITI DALLA MAFIA ALLE CASSE DI MEDIASE?
NON è TRAVAGLIO CHE LO DICE MA I PROCESSI IN CORSO CON FIOR FIORE DI TESTIMONIANZE!
COMUNQUE AUGURI !

CARLO PISU 05.01.06 17:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

'a Sabino Befanno
ma ti guardi per te!
che negli occhi piu' che le travi ci hai i cactus!!
e guarda come scrivi
e attaccaci il cervello!
che sei rimasto attaccato la befana si vede
ma che tu creda anche di volare...........
a' bimbo, svejete!!!!!!!

viviana vivarelli 05.01.06 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, di solito apprezzo molto i tuoi commenti su questo blog, ma stavolta non condivido la tua posizione sul coinvolgimento di D'Alema nella faccenda che sembra riguardare, a quanto pare, unicamente un comportamento delittuoso di Consorte e del suo vice, fatto a titolo e interesse personale. E' legittimo che tu voglia esprimere tue antipatie politiche ma credo che ciò debba essere fatto in altra sede e non legato a questa vicenda. Che D'Alema sapesse dell'avventura di Consorte è infatti solo una tua supposizione non avallata da alcuna prova, mi pare. D'altra parte anche il discorso che riguarda l'opportunità di simili operazioni finanziarie da parte di Unipol è anch'esso da farsi in sede diversa e sarebbe interessante farlo, fermo restando che non configura alcun reato in sè.
Grazie per la gentile possibilità che dai a noi tutti di esprimerci e colloquiare. Sono vere e proprie prove di democrazia diretta.
Ciao :-)
Lucrezia

Lucrezia Russo 05.01.06 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Dove sono i biascicantiberlusconi, che pensavano che i politici della sinistra fossero allergici al lurido denaro?
Sono contento per i polli elettori di sinistra, che li votano, ignari (la gran parte) del fatto che il potere mediatico finanziario dei sinistri era finalizzato ad acquisire, con i soldi dei poveri risparmiatori e senza sforzo alcuno, centri di smistamento di posti di elite per giornalisti e pesudo satiri (nella RAI e nei giornali controllati), per aspiranti mega managers e per figli di potenti (nella banche e nelle imprese da esse foraggiate, nellUNIPOL e controllate)Tutto finalizzato a costruire una oligarchia finanziara, scoratta da una potente lobby di megafonisti antiberlusconiani.
Berlusconi è coloui che ha rotto un piano che si doveva realizzare già negli anni 90.
Provo un grandissinmmo godimento. Rivoterò con maggior convinzione Berlusconi perchè almeno lui i soldi gli ha acquisiti prima di entrare in politica e non con la politica.
Un cordiale saluto ai polli
sabino

Sabino Barbuti 05.01.06 17:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Agli admin
non si potrebbero eliminare i post doppi o tripli non per colpa nostra ma per difetti tecnici? danno fastidio!
....
a chi si lamenta perche' si ritiene hiddato per motivi politici

La lamentela e' abbastanza sciocca
Il sistema tecnicamente funziona spesso male, non prende i post, li triplica, ti dice che non ti accetta poi magari ti pubblica sei volte, non ti prende per niente e devi ricominciare tutto da capo due o tre volte
Ti dice che hai scritto qualcosa di inopportuno, ma non e' vero perche' se riprovi dieci minuti dopo va tutto bene
Ma non si tratta di congiure ideologiche o di uno che ce l'ha con te
(ma che noia questa gente che crede sempre di aver scritto chissa' che!)
sono solo disturbi tecnici
Con un po' di pazienza e meno gnola vittimistica va tutto a posto.....
Non credete di essere al centro del mondo col mondo che ce l'ha con voi!
Lo fa gia' Berlusconi ed e' abbastanza pietoso!

..
per il resto:

"Abbasso la politica intesa come religione!"

"I Care" "Io mi impegno!"

Ottimo, Riccardo! Non potevi dire meglio
Un bacio
viviana

viviana vivarelli 05.01.06 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Dove sono i biascicaantibelusconi di sinistra? i puri che pensavano che il mondo della sinitra fosse esente dal richiamo del lurido denaro???
Gli elettori della sinistra sono solo dei polli portavoti, prostrati al serivizo della sinistra per avere spazi sui loro giornali e sulla RAI ( i giornalisti e i noti pseudo satairi) nella banche e nelle imprese da queste foraggiate e nell'UNIPOL.
Da elettore di Berlusconi sto godendo!!!!
Auguri a tutti

sabino befanno 05.01.06 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo. Sono un ragazzo di 17 anni che ha comperato il tuo DVD e guardato il tuo show del 28 aprile 2005. Lì si è parlato dei problemi quali l'uso sbagliato della tecnologia, che alcune persone interpretano come un modo per spillare soldi alla gente, che finge di non vedere;
il giornalismo che serve i potenti, che nascondono la disponibilità che DEVONO alla gente con il compromesso morale;
il fatto che stiamo combattendo una guerra che non è nostra e che NON abbiamo voluto.
L'articolo 11 della Costituzione Italiana afferma che "L'Italia ripudia la guerra come mezzo di offesa alla libertà di altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali", ora i politici che ci hanno gettato in questo inferno che hanno da dire?
Che scuse hanno per questa violazione dell'articolo?
Io non so se tra Italia e U.S.A. c'è una specie di accordo militare, ma anche se fosse perchè impicciarsi?
Mi domando se questo Natale i politici avranno pensato alle migliaia di soldati che l'hanno passato fuori casa, lontano dalle famiglie.
Che poi l'abbiano pensato ma chi se ne importa?
Il vero regalo sarebbe che certi politici non esistessero.
Grazie dell'attenzione.

Davide Pescetelli 05.01.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento

x viviana
Cara Viviana io sono un trentenne di sinistra, elettore dei DS e credo che il rinnovamento debba partire da noi, non ci servono false dimissioni, buoni propositi, critiche sterili. E' arrivato il momento di guardare avanti di trasformare la politica, abbasso la politica intesa come religione!! Noi produciamo questi politici, non viceversa, noi dobbiamo e possiamo cambiare, noi dobbiamo segnare la strada, sceglierci le guide dal basso, noi dobbiamo credere a qualcosa di diverso. Voglio riprendere uno slogan il migliore dei DS.. I CARE... IO MI IMPEGNO!!

Riccardo Carducci 05.01.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Chi ti scrive è un quasi tuo coetaneo che ti segue da sempre seppur condividendo solo in parte quello che dici ma apprezzandone il modo di porti sempre in prima persona. Se posso farti un rilievo mi è parsa una caduta di stile presentare la classifica dei paesi con meno libertà facendo credere che il pessimo posto occupato dall'Italia fosse una colpa del governo berlusconi nascondendo alla gente che la colpa è di qualche magistrato rosso che ha decretato l'arresto ad un giornalistaintelett. di destra solo per quello che ha scritto. Ma venendo ai giorni nostri non sono per nulla sorpreso del polverone unipol/DS perchè solo chi vede sempre mezze verità o vede solo la paglia nel fienile altrui salvo poi non vedere l'intero proprio pagliaio può essere rimasto sorpreso; solo chi ha miminizzato per anni sui danni delle privatizzazione amiche del governo dalema (chi era colaninno prima???) o solo chi non ha mai vissuto in un feudo rosso può ancora stupirsi su quanto sono capaci di fare (a già la scusa è che se non lo fanno loro......; la barca da 8.000,00 euro al mese di dalema?? e che la deve avere solo berlusconi......
Tutto nasce da tangentopoli. Aver scoperto che il mio ex partito non era mani pulite ma era complice al 20% del tariffario che prevedeva il 40% cad. a dc e psi mi ha aperto gli occhi e non chiusi come alla stragranza del popolo ex comunista. Aver annientato craxi per far fuori il psi; aver colpito Citarristi!!! a nome della dc (criminalizzando Forlani e Andreotti per salvare la mente grigia De Mita perchè sta con la sinistra)aver fatto pagare il solo Greganti perchè si è voluto salvare una parte politica non è stato un merito giudiziario ma una vera infamia. Tutti dovevano andar via anche il pci e i suoi uomini che invece sono ancora tutti lì con barche miliardarie a comprare banche e a istigare la gente. Come puoi aiutare un prodi che ha regalato Motta e Alemagna per mille lire al burattinaio De Benedetti o regalato l'Alfa Romeo agli Agnelli? conaffetto

marcello marcelli 05.01.06 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OK, Antonio, posso dirti solo OK su tutta la linea!

I pensanti aumentano!
Viva la gente che pensa!
E viva l'informazione fatta da noi per noi e che dribbla tutte le informazioni manipolate o tarpate dei media!
Noi siamo fatti da quello che sappiamo.
E scegliamo in conformita'.
Deve essere la conoscenza a farci scegliere, e non l'ignoranza, o peggio il plagio!
Se vogliamo una sinistra democratica e realistica e questa non va bene la cambieremo.
L'opinione pubblica e' la piu' grande forza che si puo' immaginare.
Dobbiamo farne un'arma!
Aumentare l'informazione e renderla piu' veritiera puo' cambiare il mondo.
La democrazia comincia da qui. Dal sapere e dal confrontarci.

Mi e' piaciuto molto anche il post di Riccardo Carducci. La penso esattamente come lui.
Mi fa rabbia vedere che a sinistra c'e' tanta gente per bene, gente che si fa un culo cosi' per dare aiuto e migliorare il mondo ....e questi fanno le scalate!

Ma i tre gruppi sono giusti.
Non ci sono solo persone come Bassolino, la Bresso o Chiamparino, la Iervolino o quei tizi in Puglia con l'auto blu e dieci portaborse, c'e' gente in gamba anche nelle amministrazioni. Basti vedere quello che accade nei Nuovi Municipi, non a Bologna magari, ma in molte altre citta' si'.

La piramide va rovesciata, abbiamo bisogno non di rivoluzioni e di sistemi totalitari di destra o di sinistra, non di poteri alti che accentrano tutto e fingono di dare a noi le briciole ma si tengono i soldi.
Abbiamo bisogno di una democrazia allargata dove la base mandi a casa chi sgarra e dove chi puo' di piu' debbe avere piu' oneri non piu' onori e spartizioni insegne.

Ho usato la parola socialdemocrazia, che non e' molto di moda e che evoca alcune democrazia nordiche.
Non c'e' nessuno qui che parli dalla Svezia, dalla Norvegia, dalla Finlandia, e ci possa spiegare che cosa si puo' e come?

viviana vivarelli 05.01.06 15:47| 
 |
Rispondi al commento

OK, Antonio, posso dirti solo OK su tutta la linea!

I pensanti aumentano!
Viva la gente che pensa!
E viva l'informazione fatta da noi per noi e che dribbla tutte le informazioni manipolate o tarpate dei media!
Noi siamo fatti da quello che sappiamo.
E scegliamo in conformita'.
Deve essere la conoscenza a farci scegliere, e non l'ignoranza, o peggio il plagio!
Se vogliamo una sinistra democratica e realistica e questa non va bene la cambieremo.
L'opinione pubblica e' la piu' grande forza che si puo' immaginare.
Dobbiamo farne un'arma!
Aumentare l'informazione e renderla piu' veritiera puo' cambiare il mondo.
La democrazia comincia da qui. Dal sapere e dal confrontarci.

Mi e' piaciuto molto anche il post di Riccardo Carducci. La penso esattamente come lui.
Mi fa rabbia vedere che a sinistra c'e' tanta gente per bene, gente che si fa un culo cosi' per dare aiuto e migliorare il mondo ....e questi fanno le scalate!

Ma i tre gruppi sono giusti.
Non ci sono solo persone come Bassolino, la Bresso o Chiamparino, la Iervolino o quei tizi in Puglia con l'auto blu e dieci portaborse, c'e' gente in gamba anche nelle amministrazioni. Basti vedere quello che accade nei Nuovi Municipi, non a Bologna magari, ma in molte altre citta' si'.

La piramide va rovesciata, abbiamo bisogno non di rivoluzioni e di sistemi totalitari di destra o di sinistra, non di poteri alti che accentrano tutto e fingono di dare a noi le briciole ma si tengono i soldi.
Abbiamo bisogno di una democrazia allargata dove la base mandi a casa chi sgarra e dove chi puo' di piu' debbe avere piu' oneri non piu' onori e spartizioni insegne.

Ho usato la parola socialdemocrazia, che non e' molto di moda e che evoca alcune democrazia nordiche.
Non c'e' nessuno qui che parli dalla Svezia, dalla Norvegia, dalla Finlandia, e ci possa spiegare che cosa si puo' e come?

viviana vivarelli 05.01.06 15:47| 
 |
Rispondi al commento

OK, Antonio, posso dirti solo OK su tutta la linea!

I pensanti aumentano!
Viva la gente che pensa!
E viva l'informazione fatta da noi per noi e che dribbla tutte le informazioni manipolate o tarpate dei media!
Noi siamo fatti da quello che sappiamo.
E scegliamo in conformita'.
Deve essere la conoscenza a farci scegliere, e non l'ignoranza, o peggio il plagio!
Se vogliamo una sinistra democratica e realistica e questa non va bene la cambieremo.
L'opinione pubblica e' la piu' grande forza che si puo' immaginare.
Dobbiamo farne un'arma!
Aumentare l'informazione e renderla piu' veritiera puo' cambiare il mondo.
La democrazia comincia da qui. Dal sapere e dal confrontarci.

Mi e' piaciuto molto anche il post di Riccardo Carducci. La penso esattamente come lui.
Mi fa rabbia vedere che a sinistra c'e' tanta gente per bene, gente che si fa un culo cosi' per dare aiuto e migliorare il mondo ....e questi fanno le scalate!

Ma i tre gruppi sono giusti.
Non ci sono solo persone come Bassolino, la Bresso o Chiamparino, la Iervolino o quei tizi in Puglia con l'auto blu e dieci portaborse, c'e' gente in gamba anche nelle amministrazioni. Basti vedere quello che accade nei Nuovi Municipi, non a Bologna magari, ma in molte altre citta' si'.

La piramide va rovesciata, abbiamo bisogno non di rivoluzioni e di sistemi totalitari di destra o di sinistra, non di poteri alti che accentrano tutto e fingono di dare a noi le briciole ma si tengono i soldi.
Abbiamo bisogno di una democrazia allargata dove la base mandi a casa chi sgarra e dove chi puo' di piu' debbe avere piu' oneri non piu' onori e spartizioni insegne.

Ho usato la parola socialdemocrazia, che non e' molto di moda e che evoca alcune democrazia nordiche.
Non c'e' nessuno qui che parli dalla Svezia, dalla Norvegia, dalla Finlandia, e ci possa spiegare che cosa si puo' e come?

viviana vivarelli 05.01.06 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Chi ti scrive è un quasi tuo coetaneo che ti segue da sempre seppur condividendo solo in parte quello che dici ma apprezzandone il modo di porti sempre in prima persona. Se posso farti un rilievo mi è parsa una caduta di stile presentare la classifica dei paesi con meno libertà facendo credere che il pessimo posto occupato dall'Italia fosse una colpa del governo berlusconi nascondendo alla gente che la colpa è di qualche magistrato rosso che ha decretato l'arresto ad un giornalistaintelett. di destra solo per quello che ha scritto. Ma venendo ai giorni nostri non sono per nulla sorpreso del polverone unipol/DS perchè solo chi vede sempre mezze verità o vede solo la paglia nel fienile altrui salvo poi non vedere l'intero proprio pagliaio può essere rimasto sorpreso; solo chi ha miminizzato per anni sui danni delle privatizzazione amiche del governo dalema (chi era colaninno prima???) o solo chi non ha mai vissuto in un feudo rosso può ancora stupirsi su quanto sono capaci di fare (a già la scusa è che se non lo fanno loro......; la barca da 8.000,00 euro al mese di dalema?? e che la deve avere solo berlusconi......
Tutto nasce da tangentopoli. Aver scoperto che il mio ex partito non era mani pulite ma era complice al 20% del tariffario che prevedeva il 40% cad. a dc e psi mi ha aperto gli occhi e non chiusi come alla stragranza del popolo ex comunista. Aver annientato craxi per far fuori il psi; aver colpito Citarristi!!! a nome della dc (criminalizzando Forlani e Andreotti per salvare la mente grigia De Mita perchè sta con la sinistra)aver fatto pagare il solo Greganti perchè si è voluto salvare una parte politica non è stato un merito giudiziario ma una vera infamia. Tutti dovevano andar via anche il pci e i suoi uomini che invece sono ancora tutti lì con barche miliardarie a comprare banche e a istigare la gente. Come puoi aiutare un prodi che ha regalato Motta e Alemagna per mille lire al burattinaio De Benedetti o regalato l'Alfa Romeo agli Agnelli? conaffetto

marcello marcelli 05.01.06 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Chi ti scrive è un quasi tuo coetaneo che ti segue da sempre seppur condividendo solo in parte quello che dici ma apprezzandone il modo di porti sempre in prima persona. Se posso farti un rilievo mi è parsa una caduta di stile presentare la classifica dei paesi con meno libertà facendo credere che il pessimo posto occupato dall'Italia fosse una colpa del governo berlusconi nascondendo alla gente che la colpa è di qualche magistrato rosso che ha decretato l'arresto ad un giornalistaintelett. di destra solo per quello che ha scritto. Ma venendo ai giorni nostri non sono per nulla sorpreso del polverone unipol/DS perchè solo chi vede sempre mezze verità o vede solo la paglia nel fienile altrui salvo poi non vedere l'intero proprio pagliaio può essere rimasto sorpreso; solo chi ha miminizzato per anni sui danni delle privatizzazione amiche del governo dalema (chi era colaninno prima???) o solo chi non ha mai vissuto in un feudo rosso può ancora stupirsi su quanto sono capaci di fare (a già la scusa è che se non lo fanno loro......; la barca da 8.000,00 euro al mese di dalema?? e che la deve avere solo berlusconi......
Tutto nasce da tangentopoli. Aver scoperto che il mio ex partito non era mani pulite ma era complice al 20% del tariffario che prevedeva il 40% cad. a dc e psi mi ha aperto gli occhi e non chiusi come alla stragranza del popolo ex comunista. Aver annientato craxi per far fuori il psi; aver colpito Citarristi!!! a nome della dc (criminalizzando Forlani e Andreotti per salvare la mente grigia De Mita perchè sta con la sinistra)aver fatto pagare il solo Greganti perchè si è voluto salvare una parte politica non è stato un merito giudiziario ma una vera infamia. Tutti dovevano andar via anche il pci e i suoi uomini che invece sono ancora tutti lì con barche miliardarie a comprare banche e a istigare la gente. Come puoi aiutare un prodi che ha regalato Motta e Alemagna per mille lire al burattinaio De Benedetti o regalato l'Alfa Romeo agli Agnelli? conaffetto

marcello marcelli 05.01.06 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che la discussione diventi sempre più pesante e che i messaggi del tipo: SONO TUTTI UGUALI - E'MEGLIO NON VOTARE ecc ecc la stiano facendo da padroni. Perchè non ci ricordiamo che SOLO LA COOP è riuscita a costringere il prode Cragnotti ad applicare condizioni di lavoro più umane ai dipendenti Del Monte e non solo. Io sarei anche d'accordo su una banca-assurance che, se gestita eticamente bene, potrebbe anche darci un pò di garanzie in più in questo mondo bancario di m...a. Non sono d'accordo con i metodi utilizzati per ottenere (FORSE) questo risultato. Ma D'Alema se ne deve andare, lo penso dalla bicamerale in poi. Per quanto riguarda i destri post fascisti lasciamo pure che parlino tanto i lacchè del potere e del culo del berlusca non faranno mai parte della nostra storia. NON LASCIAMOLI ENTRARE ADESSO. Sono solo dei servi incapaci ed inetti,forti con i deboli e deboli con i forti.NON SMETTIAMO DI PENSARE CHE QUALCOSA DI MEGLIO SI PUò FARE, BASTA VOLERLO E MANDARE A CASA CHI SBAGLIA!!!
ciao a tutti belli e brutti

Francesco Saladino 05.01.06 15:25| 
 |
Rispondi al commento

L'affare Unipol è soltanto il pretesto per scoppiare la guerra sotterrranea che si svolge all'interno dei Ds ormai da mesi. I Ds da svariati mesi sono divisi in tre tronconi principali continuamente in contrasto tra loro.

1) Gli eletti (parlamentari, presidenti di regioni, provincia ecc..)

2) Dirigenti di partito

3) La base degli iscritti

Gli eletti non seguono più il partito poichè ormai sono in grado di pilotare grosse fette di elettorato senza bisogno di una struttura organizzata alla "vecchia maniera", vedi Veltroni a Roma che da solo è in grado di spostare un 10% di elettorato presentando una lista con il suo nome...

I dirigenti del partito spesso sono alieni a alternativi alle decisioni autonome e discutibili degli eletti..

La base degli iscritti crede di appartenere ad un partito e nelle stesso tempo essere rappresentato dagli eletti e per questo prende una "cantonata" e una delusione dopo l'altra..

L'affare Unipol è una resa dei conti all'interno del centro-sinistra, la scalata è un pretesto per affossare definitivamente un'egemonia economica e culturale della sinistra, di una sinistra ormai autoreferenziale.

Il problema non sono i giocatori è il gioco.. qualcuno dovrebbe capire che se non cambia il gioco è difficile vincere la partita...

Il gioco deve cambiare prima che qualcuno decida in maniera autoritaria di "rubare il pallone" e far finire la partita... La storia dovrebbe insegnarci che la crisi delle istituzioni democratiche, il qualunquismo, portano spesso ad una deriva autoritaria e particolaristica dello stato..
Meditiamo...

Riccardo Carducci 05.01.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento

x viviana,
ho avuto modo di leggere con attenzione i tuoi post, li trovo estremamente interessanti e per certi versi lodevoli in quanto a spunti, soprattutto per la realizzazione di quell'idea politica di sinistra che ognuno di noi spera si realizzi...ma credo tu non abbia fatto lo stesso con il mio post...Quando parlavo di classe e di popolo italiano, volevo evidenziare che noi, rappresentanti della base, siamo ormai esausti, affaticati, e soprattutto poco propensi all'apertura politica verso soggetti, che fino ad oggi, hanno perseguito esclusivamente i propri interessi... Nessuno mette in dubbio il fatto che ci siano persone, o meglio, politici militanti onesti e integerrimi, ma tra quelli che andremo a votare ad aprile, ti assicuro non ne vedo...Sia B.(destra) che P. (sinistra) possono prospettarci il miracolo italiano, possono prometterci il boom economico, possono stipulare con noi tutti i contratti che vogliono (anche senza il tavolo in ciliegio), questa volta credo che la maggior parte della base (come tu ci definisci), non entrerà nell'urna, non si turerà il naso (come qualche celebre penna del passato suggerì), purtroppo non andremo nemmeno in vacanza, perchè non possiamo permettercelo...staremo qui in silenzio a meditare, con le nostre famiglie, con il nostro lavoro, con gli amici, con le nostre idee, con la nostra coerenza e la nostra onestà ...la nostra indignazione cesserà solo e quando l'attuale classe dirigente politica (sia di destra che di sinistra), smetterà di prenderci per i fondelli e in modo spontaneo e coscienzioso si dimetterà chiedendo scusa e lasciando che gli onesti di cui parlavamo prima prendano le redini del paese...Non ti preoccupare che questa volta nemmeno la Chiesa riuscirà nel suo intento...perchè fino a prova contraria siamo degli esseri pensanti...aldilà del nostrob credo...Infine voglio far mia una celebre frase di Voltaire...disapprovo ciò che dici ma farò di tutto affinchè tu abbia il diritto di dirlo...

antonio de finis 05.01.06 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Penso, dopo aver sentito le vergognose dichiarazioni del centrodestra, che sia doveroso tracciare la differenza, fare qualcosa che riproponga il senso di una politica di sinistra, non un eterno inseguimento dei moderati; Fassino, dimettiti!! A elezioni vinte ti saremo riconoscenti.
Elisabetta

Elisabetta Cabrini 05.01.06 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Circa il tralignamento dei DS....
Una delle tramissioni piu' fini e intelligenti della tv e' "Le storie" di Corrado Augias, Rai3, ore 12,45.
Ieri si parlava del Che, oggi di Marx.
Ne traggo una divertente storiella ebraica.

(Nel 1848 Marx gia' preconizzava la globalizzazione attuale e i suoi danni giganteschi. Purtroppo preconizzava anche qualcosa che poi non e' avvenuto: la fine del capitalismo a opera del proletariato. Abbiamo dovuto vedere invece la ferocia della dittatura stalinista, la Cina come 1° paese capitalista del mondo, lo strano connubio della Russia di Putin dove un ex capo del Kgb e' il potente padrone degli idrocarburi, le stragi etniche Milosevic, la degradazione dell'Albania.... Dunque una volta c'era Marx.. poi...)

La storiella e' questa:

"Il rabbino di Cracovia ha una visione. Vede il rabbino di Varsavia, santissimo uomo, che muore
in circostanze drammatiche. Ripresosi dalla visione, avverte tutti.
L'intera comunita' prende il lutto.
Ma tre giorni dopo arriva un mercante da Varsavia e tutti vogliono sapere com'e' morto il santo rabbino.
"Ma il rabbino di Varsavia non e' morto!" Dice quello - "L'ho visto proprio ieri e stava benissimo".
Sconcerto. Per alcuni attimi tutti restano sbigottiti.
Poi, dal fondo, si sente una voce forte che dice:

"Pero', che visione!!!!"

viviana vivarelli 05.01.06 13:56| 
 |
Rispondi al commento

(Vorrei, per amore di chiarezza, che quando uno risponde a un altro o a Beppe, ne facesse il nome e non si indirizzasse a lui in modo generico, anche per capire meglio)

Ho detto, sbagliando, che, visti i misfatti del centro destra, e viste le zone oscure dei DS, dovremmo andare ancora piu' a sinistra. E penso anche che le critiche ai DS non stiano certo nelle scarne intercettazioni di Fassino ma in un quadro piu' articolato e sostanziale di insensatezze a marchio neoliberista dei DS, che ci fanno chiedere se questo partito si debba ancora considerare di matrice marxista o abbia rinnegato Marx insieme a Stalin, scambiandolo con Robert Kagan, il teorico neocon di Bush.

Mi sono sbagliata, perche' so da me che l'estrema sinistra a molti dispiace e ricordo ai moderati due cose:

1)il capitalismo e' un sistema feroce che ha saputo solo aumentare la forbice tra ricchi e poveri, con una depauperizzazione crescente nel mondo e prenderne le parti non e' degno ne' di gente che si chiama di sinistra ne' di gente che si chiama moderata, democratica o tano meno cattolica
Il sistema capitalista, che oggi si chiama neoliberista o globalizzato o neocon, e' un sistema basato sullo sfruttamento, la guerra e l'assassinio, il suo unico fine e' il lucro.
Si puo' essere complici, non difensori

2) da Marx discende non solo il comunismo e anche Stalin (ma come da Nietsche discende Hitler, senza sua colpa),
da Marx discende anche 'la socialdemocrazia', che non e' quella delle rivoluzione rossa armata, ma e' quella delle riforme umane e civili, dell'equilibrio dei poteri, dello stato sociale, del controllo sui grandi gruppi, della societa' piu' giusta.
Io questa socialdemocrazia in Italia non l'ho mai vista.
Non l'ho riconosciuta nel riformismo berlusconiano ne' nel riformismo dalemiano che era uguale.
In Italia, appena nasce qualcosa di moderato, la Chiesa ci mette le mani e lo trasforma in clerical-fazioso.
Nella tanto UE decantata la socialdemocrazia sta morendo.

viviana vivarelli 05.01.06 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Da molto prima dello scandalo bancario, il mondo no global guarda con molta freddezza ai DS.
Non sto parlando di Casarini e company, di felici pagliacci o di black bloch ma di migliaia di associazioni, movimenti, gruppi, che operano fattivamente per un mondo migliore, senza discriminazione di etichetta, religione, etnia o appartenenza.
La nostra entrata in guerra nel Kossovo senza il permesso dell'ONU, le contraddittorie dichiarazioni di Fassino sulle truppe italiane in Irak, e ora improvvisamente la richiesta di una maggiore militarizzazione dell'Italia, dpo che le banche Ds sono diventate banche armate, e ora il dover vedere Violante insieme a Casini(!?) che va a Nassirya, i tentativi maldestri della bicamerale dalemiana di portarci a un premierato forte senza le guarentige costituzionali,.... sempre Violante che difende i repubblichini (?)e dice in pieno Parlamento che "si era d'accordo con Berlusconi che avrebbe avuto le tv"(??!!!) Le lottizzazioni sfrenate dei DS al potere. Il silenzio degli eurodeputati italiani e dei media DS sulla Bolkestein. L'accordo con le multinazionali per svendere loro acqua, utilities e servizi. I tanti amministratori di regione DS che lo hanno cominciato a fare. La degradazione dello statut
o del lavoro e il dover vedere persino un quasi organo di partito come l'Unita' con paginone contro l'allargamento dell'art. 18. D'Alema che difende la globalizzazione e tifa per Bush!?
Gli articoli del dalemiano Il Riformista!!??
La fondazione (?!) di D'Alema.
I suoi rapporti con la Santa Sede e la beatificazione di Escriva' !?!
Il disprezzo che la segreteria DS ha sempre avuto verso girotondi, movimenti, associazioni, piazze, pacifisti e difensori della Costituzione nonche' per magistrati integri
Poi anche le malfatte di Cofferati a Bologna e il suo modo di governare che nega qualunque democrazia, allargata o meno.
Il rifiuto di regolare il conflitto di interessi.
La capacita'di assorbire gentaglia come Sgarbi o Cirino Pomicino....

viviana vivarelli 05.01.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo Grillo sono cmpletameto d accordo con te su Dalema è ora che se ne vada

Rossi Marcello 05.01.06 13:10| 
 |
Rispondi al commento

a capodanno tra gli ospiti c'erano un italiano con la consorte olandese lui vive li' da anni...non ho resistito e ho chiesto un po'il pensiero che hanno di noi italiani,della nostra politica.....ho cercato di giustificarmi..anche di chiedere scusa...ma io non ho fatto nulla...e' questa la colpa(mia)non fare nulla...mi sono vergognato di essere italiano

paolo ruggiero 05.01.06 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Delle due l’una: su Consorte D’Alema sapeva e ha taciuto (e non lo credo) o non sapeva.
Nel secondo caso ha fatto un grave errore politico a sostenere Consorte e la sua scalata alla BNL.

Delle due l’una: su Fiorani D’Alema sapeva e ha taciuto (e non lo credo) o non sapeva.
Nel secondo caso è stato sfortunato ed anche un po’ cocciuto, dopo la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche tra Fiorani e Fazio lo scorso luglio, a voler mantenere un mutuo, presso la BPI, di 8.000 euro mensili per pagare le rate della sua barca Ikarus II.

Ho quotato integralmente.........e commento.

Ma guarda un pò......quando lo dice Berlusconi che non sapeva tutti a dire "BASTARDO!!!" e poi giù a ridere di quel povero nano scemo che ci vuol far credere delle stronzate!!!

Se invece a non sapere era un DS.......eh beh.....eh no......a lui crediamo.....è un DS.
Ha solo commesso un errore "politico".

Ma va@#]@@#lo

Giovanni Guilla 05.01.06 12:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CHE LA POLITICA SIA UNA COSA SPORCA LO SI SAPEVA GIA'.
CHE I POLITICI (SOPPRATUTTO IN QUESTI ULTIMI ANNI)AVESSERO BISOGNI DI SOLDI PER ESSERE ELETTI è UN FATTO CERTO.(PICCOLO ESEMPIO: PER FARE UNA BUONA CAMPAGNA ELETTORALE UN CANDITATO ALLA SENATO O ALLA CAMERA NON SPENDE MENO DI 400/500.000 EURO)(UGUALE PER TUTTI DESTRA E SINISTRA) una volta esistevano le parrocchie e le sezioni dei partiti.
ora a che titolo un uomo pur spinto da buone intenzione depaupera il proprio conto corrente se non ritiene che da qualche parte i soldi rientrano? non certo con gli stipendi , pur altissimi , NON TRALASCIANDO CHE L'INVESTIMENTO E' AD ALTISSIMO RISCHIO.
SE TORNIAMO INDIETRO DI 70 ANNI CIRCA , UN FAMOSO E GRANDE POETA ,EZDRA POUND, DICEVA CON UNA SEMPLICITA' ESTREMA CHE I POLITICI ERANO I CAMERIERI DEI BANCHIERI!

p.s. questo poeta definito( secondo me ingiustamente) fascista, nazzista, antiebraico ed altro era solo un ingenuo poeta.
finito poi malamente nelle prigioni della grande
america.

CARLO PISU 05.01.06 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Tifare per il successo di un'Opa di un'impresa vicina non è reato nè immorale ; è semmai un errore politico perchè può ingenerare sospetti, pettegolezzi, calunnie su eventuali leggi ad Unipol che i DS potrebbero appoggiare; nessuna pressione è stata fatta dai DS a Fazio o alla Consob per favorire quest'OPA.Fassino dovrebbe prendere le distanze con più nettezza dal modo immorale in cui si è comportato Consorte per arrivare all'OPA e per le cattive compagnie da questi frequentate . E' Berlusconi con l'aiuto di Fini e Casini ad aver approvato leggi ad personam che hanno incrementato la sua ricchezza e non bisogna mai dimenticare di denunciarlo ; bisogna sempre distinguere la pagliuzza dalla trave; mi pare poi che siano indagati sottosegretari di Forza Italia nonchè Caldaroli della Lega nella vicenda della BPI di Fiorani e non Fassino e D'Alema; non mi pare sia immorale aprire un mutuo o un conto corrente con la BPI; se ne dovrebbero vergognare tutti i clienti.

Angelo Trotta 05.01.06 12:08| 
 |
Rispondi al commento

ormai non esiste da molto tempo ne'la sinistra ne la destra,esistono solo dei cialtroni menzonieri hanno ridotto questo paese ad un colabrodo,ovunque si scavi(nemmeno tanto giusto una grattatina,c'e' dello sporco)devono andare tutti a casa,sparire. io votero' tonino di pietro non sa' parlare un italiano corretto ma e' comprensibile e qualcosa di buono l'ha fatto anche se con la toga

paolo ruggiero 05.01.06 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro compagno Morlon, ad essere pignoli...la stampa dovrebbe informare e non controllare, ma visto che abbiamo imprenditori che legiferano e giudici che tracimano in politica...hai visto mai che la consuetudine sia diventata norma?
Riguardo al partito dei deboli...se tanto mi da tanto...il Vaticano, cioè la chiesa che i deboli difende per istituto, ha la sua brava banchetta...lo IOR appunto che amministra le questue...per cui delle due l'una...o il marcinkus dei DS è d'alema, oppure è fassino.
P.S. la stampa non ha più nulla da dire da tempo...l'informazione non è altro che uno dei tanti strumenti per arrivare al potere...una delle tante voci del coro delle sirene che tanto piacciono ai potenti...
Beppe Grillo insegna...o credi forse che questo blog sia nato da esigenze diverse?

marchetto d'andrea 05.01.06 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Prendo spunto da questa intensa lettera di un militante DS per informarlo che nel suo partito i dalemiani lo considerano così:

sono i soliti cazzoni della sinistra ds pochi ma rumorosi

Questa la replica ad un mio post in un sito di discussione in cui richiamavo l'articolo di oggii del Corriere che sottotitolava: I fassiniani mediano, ma non decidono npiù ytutto Piero e Massimo. La protesta della base: I militanti su Internet hanno invocato per tutto il giorno un congresso straordinario. Non oso ppensare con quali termini si replicherebbe alla richiesta avanzata da questo militante di dimissioni di Fassino.
Peraltro ha colto il segno. Perché, al contrario di te, Beppe, non ritengo affatto che Fassino sia quello cui chiedere di mandare via D'Alema o di allontanarsene. Perché Fassino è perfettamente funzionale a quel sistema di potere all'interno del partito stesso. Alla burocrazia dei potentissimi funzionari. Fassino è diventato segretario diesse con i voti di Massimo D'Alema! Quindi come è possibile chiedergli di allontanarsene quando è ritornato dalla sua vacanza nonostante tutto il terremoto che sta scuotendo la base, armato della più ottusa voglia di negare tutto, di non vederlo proprio quanto sta accadendo alla base del partito!
Personalmente ha rappresentato una grossa delusione già alcuni mesi dopo la sua elezione quando rivalutando Craxi (e separandone, come se ciò fosse possibile, le responsabilità e condanne giudiziarie dalla "statura" politica) si ritenne in dovere di svalutare Berlinguer. Proprio come fece anni prima D'Alema tanto che la figlia Bianca chiese di non strumentalizzare la figuura del padre per fini poolitici allora.
Dunque giusta la richiesta del militante cui sto replicando: sarebbe assai gradito facessero un passo indietro tuttti e due, perché l'uno è perfettamente funzionale all'altro a tutto disdoro dello stesso partito ed a chi vorrebbe credere alla possibilità di un'Italia diversa che non adotti più certi modelli deteriori.

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 05.01.06 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Prendo spunta da questa intensa lettera di un militante DS per informarlo che nel suo partito i dalemiani lo considerano così:

sono i soliti cazzoni della sinistra ds pochi ma rumorosi

Questa la replica ad un mio post in un sito di discussione in cui richiamavo l'articolo di oggii del Corriere che sottotitolava: I fassiniani mediano, ma non decidono npiù ytutto Piero e Massimo. La protesta della base: I militanti su Internet hanno invocato per tutto il giorno un congresso straordinario. Non oso ppensare con quali termini si replicherebbe alla richiesta avanzata da questo militante di dimissioni di Fassino.
Peraltro ha colto il segno. Perché, al contrario di te, Beppe, non ritengo affatto che Fassino sia quello cui chiedere di mandare via D'Alema o di allontanarsene. Perché Fassino è perfettamente funzionale a quel sistema di potere all'interno del partito stesso. Alla burocrazia dei potentissimi funzionari. Fassino è diventato segretario diesse con i voti di Massimo D'Alema! Quindi come è possibile chiedergli di allontanarsene quando è ritornato dalla sua vacanza nonostante tutto il terremoto che sta scuotendo la base, armato della più ottusa voglia di negare tutto, di non vederlo proprio quanto sta accadendo alla base del partito!
Personalmente ha rappresentato una grossa delusione già alcuni mesi dopo la sua elezione quando rivalutando Craxi (e separandone, come se ciò fosse possibile, le responsabilità e condanne giudiziarie dalla "statura" politica) si ritenne in dovere di svalutare Berlinguer. Proprio come fece anni prima D'Alema tanto che la figlia Bianca chiese di non strumentalizzare la figuura del padre per fini poolitici allora.
Dunque giusta la richiesta del militante cui sto replicando: sarebbe assai gradito facessero un passo indietro tuttti e due, perché l'uno è perfettamente funzionale all'altro a tutto disdoro dello stesso partito ed a chi vorrebbe credere alla possibilità di un'Italia diversa che non adotti più certi modelli deteriori.

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 05.01.06 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Prendo spunta da questa intensa lettera di un militante DS per informarlo che nel suo partito i dalemiani lo considerano così:

sono i soliti cazzoni della sinistra ds pochi ma rumorosi

Questa la replica ad un mio post in un sito di discussione in cui richiamavo l'articolo di oggii del Corriere che sottotitolava: I fassiniani mediano, ma non decidono npiù ytutto Piero e Massimo. La protesta della base: I militanti su Internet hanno invocato per tutto il giorno un congresso straordinario. Non oso ppensare con quali termini si replicherebbe alla richiesta avanzata da questo militante di dimissioni di Fassino.
Peraltro ha colto il segno. Perché, al contrario di te, Beppe, non ritengo affatto che Fassino sia quello cui chiedere di mandare via D'Alema o di allontanarsene. Perché Fassino è perfettamente funzionale a quel sistema di potere all'interno del partito stesso. Alla burocrazia dei potentissimi funzionari. Fassino è diventato segretario diesse con i voti di Massimo D'Alema! Quindi come è possibile chiedergli di allontanarsene quando è ritornato dalla sua vacanza nonostante tutto il terremoto che sta scuotendo la base, armato della più ottusa voglia di negare tutto, di non vederlo proprio quanto sta accadendo alla base del partito!
Personalmente ha rappresentato una grossa delusione già alcuni mesi dopo la sua elezione quando rivalutando Craxi (e separandone, come se ciò fosse possibile, le responsabilità e condanne giudiziarie dalla "statura" politica) si ritenne in dovere di svalutare Berlinguer. Proprio come fece anni prima D'Alema tanto che la figlia Bianca chiese di non strumentalizzare la figuura del padre per fini poolitici allora.
Dunque giusta la richiesta del militante cui sto replicando: sarebbe assai gradito facessero un passo indietro tuttti e due, perché l'uno è perfettamente funzionale all'altro a tutto disdoro dello stesso partito ed a chi vorrebbe credere alla possibilità di un'Italia diversa che non adotti più certi modelli deteriori.

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 05.01.06 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Sergio Molon di Merano,
mi permetta una piccolissima riflessione a posteriori.
Per prima cosa voglio farle i miei più vivi complimenti per essere stato per anni iscritto ad un partito politico, sostenendo un ideale con perseveranza, onestà e fedeltà ai propri principi. Non sono in tanti a saperlo fare.
Io per primo non sono in grado di sopportare il sentirmi "ingabbiato" in un'idea politica di uno specifico partito. Non sempre quanto viene deciso dal vertice corrisponde a quelli che ritengo i miei principi morali da seguire, o, quanto meno, i principi vìche mi hanno portato ad aderire a quel partito specifico (di qualunque tendenza esso sia).
Per altro, mi conceda di essere un poco "cattivello" nei suoi confronti e di chiederle se davvero anche lei ha potuto credere che, durante la bufera di mani pulite, l'allora segretario Occhetto sia arrivato a Milano e dopo due ore di colloquio col giudice D'ambrosio, lo stesso ex PCI potesse uscirne perfettamente pulito. Intendiamoci, questo non vuole essere un attacco alla sua fede politica, me ne guarderei bene dal farlo; vuole essere solamente un piccolo spunto di riflessione sul fatto che, una volta vicini ai posti di potere, tutti (e in questi tutti mi ci metto anche io) siamo attratti da dolce canto di quelle sirene che sono i privilegi di essere un uomo del potere.

Con stima

Claudio Vescovi

Claudio Vescovi 05.01.06 11:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui giro il testo della mail che ho mandato al sito dsonline.

Cari compagni,
sono un vecchio iscritto del glorioso PCI, dove la questione morale stava scritto nel nostro dna. Oggi, come del resto era prevedibile, l'andazzo generale del paese si regola attraverso i poteri forti dell'economia e della finanza, la politica ne esce con le ossa rotte. Il compagno Fassino, per il quale nutro stima, è inciampato anche lui. Ben inteso, la questione del rapporto con Unipol, ma ha alcuna valenza penale.... però. Risulta quanto mai evidente che, seppure nulla di illecito è stato commesso mi trovo profondamente a disagio. Non basta, io credo nella Politica (notare la P) vedo la sinistra come un movimevito radicalmente riformatore e liberale, ma non posso accettare qualsiasi commistione fra politica e affari. Rivendico che la Politica ha il primato di dettare le regole indipendentemente dagli interessi di chiunque ma nell'interesse della collettività, sopratutto dei più deboli. La politica ed i politici hanno una missione da compiere, curare gli interessi della collettività quindi, gli appellativi come amici e amici degli amici vanno cancellati, NON ESISTONO! Mi dispiace che il partito nato dalla lotta per i diritti dei più deboli si faccia condurre a braccetto dai vari furbetti o meglio dagli apparentemente poteri forti. Forti perché le regole che il potere politico regola o meglio non regola per fare si che abbiano motivo di esistere. Mi aspetterei che il compagno Fassino spontaneamente dia le dimissioni perché questo è etico, non per la persona ma per l'errore fatto. Questo sarebbe etico e sarebbe ben compreso dalla gente di sinistra ed anche e sopratutto dagli avversari, il signor B. in primo luogo. Sarebbe l'atto da vero compagno!


Un saluto

Sergio Molon di Merano (BZ)

Ps. La stampa fa bene a pubblicare le intercettazioni telefoniche, perché oggi è l'unico strumento per controllare i nostri politici (pagati lautamente da noi!)

Sergio Molon 05.01.06 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui giro il testo della mail che ho mandato al sito dsonline.

Cari compagni,
sono un vecchio iscritto del glorioso PCI, dove la questione morale stava scritto nel nostro dna. Oggi, come del resto era prevedibile, l'andazzo generale del paese si regola attraverso i poteri forti dell'economia e della finanza, la politica ne esce con le ossa rotte. Il compagno Fassino, per il quale nutro stima, è inciampato anche lui. Ben inteso, la questione del rapporto con Unipol, ma ha alcuna valenza penale.... però. Risulta quanto mai evidente che, seppure nulla di illecito è stato commesso mi trovo profondamente a disagio. Non basta, io credo nella Politica (notare la P) vedo la sinistra come un movimevito radicalmente riformatore e liberale, ma non posso accettare qualsiasi commistione fra politica e affari. Rivendico che la Politica ha il primato di dettare le regole indipendentemente dagli interessi di chiunque ma nell'interesse della collettività, sopratutto dei più deboli. La politica ed i politici hanno una missione da compiere, curare gli interessi della collettività quindi, gli appellativi come amici e amici degli amici vanno cancellati, NON ESISTONO! Mi dispiace che il partito nato dalla lotta per i diritti dei più deboli si faccia condurre a braccetto dai vari furbetti o meglio dagli apparentemente poteri forti. Forti perché le regole che il potere politico regola o meglio non regola per fare si che abbiano motivo di esistere. Mi aspetterei che il compagno Fassino spontaneamente dia le dimissioni perché questo è etico, non per la persona ma per l'errore fatto. Questo sarebbe etico e sarebbe ben compreso dalla gente di sinistra ed anche e sopratutto dagli avversari, il signor B. in primo luogo. Sarebbe l'atto da vero compagno!


Un saluto

Sergio Molon di Merano (BZ)

Ps. La stampa fa bene a pubblicare le intercettazioni telefoniche, perché oggi è l'unico strumento per controllare i nostri politici (pagati lautamente da noi!)

Sergio Molon 05.01.06 10:52| 
 |
Rispondi al commento

E questo è il famoso testo anti-D'Alema di cui tanto hanno parlato i giornali. Il problema non è D'Alema. I DS hanno da sempre rapporti "intelliggenti" con imprese, le coop. Ritengono che faccia parte della politica creare un blocco di potere che compenda aziende, giornali, sindacato, liberi professionisti, intellettuali. Salvo poi criticare questi comportamenti negli altri. La politica invece non dovrebbe far parte di un blocco di potere. Ciò non significa che debba per forza essere così. Un partito, in quanto tale, è di parte. Può portare avanti interessi di parte e non collettivi. Può essere esso stesso "la parte". E però non può poi presentarsi come paladino degli interessi generali del Paese. Grdidare al conflitto di interessi negli altri senza guardare i propri. Sarebbe auspicabile un partito slegato da sindacati, aziende, giornali. Sarebbero auspicabili giornali, aziende, sindacati slegati da un partito. Così ancora non è. L'impegno politico di ognuno, tra l'altro, dovrebbe tendere a ciò. Ma sopratutto dovrebbe tendere a rendere la politica più forte di qualunque potere forte, perchè solo in politica i cittadini artecipano direttamente, col voto. Negli altri casi i citadini sono solo fruitori e clienti: passivi di fatto, incapaci di incidere. Dobbiamo organizzarci per creare la politica che ci piace e rendere i partiti più simili possibile a come li vogliamo.

Francesco Alotta.

Francesco Alotta 05.01.06 10:46| 
 |
Rispondi al commento

E questo è il famoso testo anti-D'Alema di cui tanto hanno parlato i giornali. Il problema non è D'Alema. I DS hanno da sempre rapporti "intelliggenti" con imprese, le coop. Ritengono che faccia parte della politica creare un blocco di potere che compenda aziende, giornali, sindacato, liberi professionisti, intellettuali. Salvo poi criticare questi comportamenti negli altri. La politica invece non dovrebbe far parte di un blocco di potere. Ciò non significa che debba per forza essere così. Un partito, in quanto tale, è di parte. Può portare avanti interessi di parte e non collettivi. Può essere esso stesso "la parte". E però non può poi presentarsi come paladino degli interessi generali del Paese. Grdidare al conflitto di interessi negli altri senza guardare i propri. Sarebbe auspicabile un partito slegato da sindacati, aziende, giornali. Sarebbero auspicabili giornali, aziende, sindacati slegati da un partito. Così ancora non è. L'impegno politico di ognuno, tra l'altro, dovrebbe tendere a ciò. Ma sopratutto dovrebbe tendere a rendere la politica più forte di qualunque potere forte, perchè solo in politica i cittadini artecipano direttamente, col voto. Negli altri casi i citadini sono solo fruitori e clienti: passivi di fatto, incapaci di incidere. Dobbiamo organizzarci per creare la politica che ci piace e rendere i partiti più simili possibile a come li vogliamo.

Francesco Alotta.

Francesco Alotta 05.01.06 10:42| 
 |
Rispondi al commento

La mia opinione riguardo tutta questa storia e' che il vertice DS ha il record di provincialita' !
Stanno ancora a lagnarsi di essere sotto tiro ma si rendono conto dell' errore madornale commesso in questi anni?

Si noti infatti che Consorte e' in affari con Gnutti e Fiorani da molti anni, e' stato pure condannato per insider trading sui bond Unipol (ovviamente condanna non in giudicato...), si e' distinto per vicinanza a elementi che nel panorama finanziario italiano erano ben poco trasparenti. Chi voleva capire poteva capire, bastava la volonta' e gli occhi aperti. Da quando in qua l'Insider Trading su bond Unipol aiuta il proletariato?

Il problema, ritengo, e' D'Alema piu' che Fassino. Infatti:

1. Chi ha fatto passare le ultime modifiche alla legislazione sulle acquisizioni bancarie, aumentando ancor di piu' il potere della Banca D'Italia?

2. Quale governo aiuto' Fazio a bloccare le scalate del Credit e del San Paolo nel 2000, sostenendo Cuccia, famoso paladino dei piccoli risparmiatori?

3. Quale leader della sinistra parteggio' per la scalata Telecom, atto che ha fatto 'entrare in finanza' il grande Chicco Gnutti?

4. Chi in definitiva porto' a coniare la sigla "Merchant Bank Palazzo Chigi"?

Mi sta bene che un governo, un leader abbiano idee di politica economica e finanziaria. Ma che almeno si sappia scegliere bene ! E che, una volta commessi errori, si impari dagli errori. Il problema e' che qui non ci si rende nemmeno conto che sono stati commessi errori....e si protesta, protesta, protesta....

Riccardo Mazzini 05.01.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento

quanta benevolenza nei confronti di chi da SEMPRE utilizza la politica e gli strumenti che la stessa gli mette a disposizione per incrementare e rimpinguare le proprie tasche, in contrapposizione ad un odio che non ha eguali nei confronti di chi non la pensa come Te!
Sei intriso di ipocrisia, di demagogia, di frustrazione, di amarezza e susciti solo sentimenti di compassione.
Chi ti scrive (ed è la seconda volta) era un Tuo ammiratore, poi.... ha visto l'ultimo Tuo spettacolo
Cresci, cambia, butta via la Tua acredine, torna ad essere quel simpatico comico che eri, lascia stare la polemica e la demagogia... vedrai quanto starai meglio
stefano

STEFANO SABATINI 05.01.06 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Ci racconti qualcosa sulla Goldman Sachs.. la ex banca del nuovo governatore Draghi..

Alessio Monti 05.01.06 09:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto vero quello che dici, ma chi opera al contatto con il mondo delle cooperative conosce meglio come stanno le cose. Dei piccoli e grandi imbrogli di Berlusconi e soci sono pieni i giornali e tutti ne sono informati ma di quello che succede ogni giorno nel mondo dell'economia "rossa" si sa solo per fatti sconcertanti. Prova un attimo ad informarti per esempio a chi è andata in mano la Cirio e soprattutto in che maniera... oppure informati sul metodo con il quale le cooperative assegnano gli appalti ai fornitori.. Non ci sono regole di mercato che tengano ma solo logiche di appartenenza politica. D'altra parte chi crede che i partiti e i movimenti di Sinistra finanziono le loro campagne elettorali con le feste dell'unità penso avrebbe bisogno di darsi una svegliata. Una delle poche cose positive di Berlusconi è che le cose negative che ha fatto e fa nella sua vita pubblica sono sbandierate e messe al giudizio di tutti. Di altri invece sappiamo davvero poco.. troppo poco per fidarci

Leonardo Veronese 05.01.06 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Tutto vero quello che dici, ma chi opera al contatto con il mondo delle cooperative conosce meglio come stanno le cose. Dei piccoli e grandi imbrogli di Berlusconi e soci sono pieni i giornali e tutti ne sono informati ma di quello che succede ogni giorno nel mondo dell'economia "rossa" si sa solo per fatti sconcertanti. Prova un attimo ad informarti per esempio a chi è andata in mano la Cirio e soprattutto in che maniera... oppure informati sul metodo con il quale le cooperative assegnano gli appalti ai fornitori.. Non ci sono regole di mercato che tengano ma solo logiche di appartenenza politica. D'altra parte chi crede che i partiti e i movimenti di Sinistra finanziono le loro campagne elettorali con le feste dell'unità penso avrebbe bisogno di darsi una svegliata. Una delle poche cose positive di Berlusconi è che le cose negative che ha fatto e fa nella sua vita pubblica sono sbandierate e messe al giudizio di tutti. Di altri invece sappiamo davvero poco.. troppo poco per fidarci

Leonardo Veronese 05.01.06 09:44| 
 |
Rispondi al commento

AL CONTADINO NON FAR SAPERE COM'E' BUONA L'OPA CON LE PERE
Ad Argenta (Ferrara) un crac travolge oltre 3 mila soci.
“ La Legacoop ci ha tradito a loro l’Opa,a noi la miseria”
Si sentono traditi, umiliati e offesi. Ma dichiarano ancora il loro amore per “la cooperativa”, perché se i nonni non fossero diventati scariolanti, braccianti e poi muratori e operai in cooperative che si chiamavano “Terra e Lavoro” o “Fornace e Mulino” qui ci sarebbero ancora le paludi e la malaria.
“Non sarebbe mai arrivato il progresso” dicono. “La cooperazione è stata una grande cosa, anche perché a dirigerla c’erano uomini come Giulio Bellini, che hanno lavorato una vita e sono morti con le pezze al culo.Ma adesso con le pezze al culo ci siamo noi. 84.000.000 di euro, rubati a 3.270 soci. La Lega delle Cooperative ha detto che non sa dove trovare i soldi per rimborsarci. Ed i 2.000 milioni di euro da consegnare all’Unipol per l’Opa BNL, dove li trova?”
C’è il Carspac che si aggira nel mondo delle Coop.Se necessario, andremo davanti ai supermercati coop in tutta Italia e diremo: “Noi abbiamo messo i nostri risparmi in cooperativa ed abbiamo perso tutto. Voi continuate a fidarvi di queste persone?” Vogliamo vedere cosa succede. Senza il prestito sociale, le coop non possono vivere"

Andrew Smith 05.01.06 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Argenta è stata bombardata e rasa al suolo il 12 aprile 1945. “Il secondo bombardamento – raccontano nella sede del Carspac – cè stato nell’aprile del 2003, quando la Coopcostruttori ha cominciato a dire ai soci prestatori che non c’era liquidità. I soldi si potevano depositare ma non prelevare. Ancora nel marzo 2003, in un’assemblea a Filo d’Argenta G.Donigaglia aveva avuto la sfrontatezza di dichiarare: “Ci sono in giro dei corvi che mettono in giro certe voci. Continuate a portare i soldi alla Coopcostruttori, è un’azienda in piena salute” Subito dopo è arrivato il fallimento”.
Si commuove, Settimo Coatti. “Questa cartella con la sottoscrizione di lire 50 per il Mutuo Soccorso era di mio nonno, che si chiamava come me. E’ del 1905 e l’ha fatto vedere anche a Piero Fassino, quando noi del Carspac l’abbiamo incontrato nella federazione DS di Ferrara. Gli ho spiegato che c’erano dei contadini che mettevano l’ipoteca sulla casa per prendere i soldi in banca e darli alla cooperativa. La coop - ci spiegavano i vecchi – era il futuro degli uomini liberi dai padroni. Noi ci abbiamo creduto. Non possono fregarci tutto. Così non perdiamo solo i soldi ma anche la dignità. Per questo, nell’ultimo corteo di noi ex-soci, ho scritto un cartello: “Consorte, la tua Opa invece che sulla BNL dovevi farla sulla Coopcostruttori”.
“Mia madre andò alla Coopcostruttori il 18 maggio 2003 a depositare 5.000 euro su un libretto dove c’erano già 100.000. Due giorni dopo ruppe la dentiera e chiese indietro 4.000 euro. Non glieli hanno mai dato. E così che si fanno i soldi per le Opa?”
Jenner Meletti La Repubblica

Andrew Smith 05.01.06 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Argenta è stata bombardata e rasa al suolo il 12 aprile 1945. >. Si commuove, Settimo Coatti. >. >
Jenner Meletti La Repubblica

Andrew Smith 05.01.06 09:03| 
 |
Rispondi al commento

Argenta è stata bombardata e rasa al suolo il 12 aprile 1945. >. Si commuove, Settimo Coatti. >. >
Jenner Meletti La Repubblica

Andrew Smith 05.01.06 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Siamo davvero al paradosso: si urla allo scandalo per aver notato la pagliuzza nell'occhio dell'avversario trascurando il la foresta di travi (e che travi!), che trafiggono tutti e due i propri!
E' certamente deplorevole registrare questo gesto, ma lo é sul piano politico, perché non deve esserci alcuna commistione tra la politica, che deve fissare solo le regole del gioco, ma lasciar giocare, senza interferire, ma non si faccia l'errore di correlarlo al comportamento di chi,non solo si é fatto le leggi ad personam, ha interferito gravemente, ma ha giocato da solo in campo e con grande arricchimento!
Si giudichi, ma ad occhi aperti, dando ai fatti la giusta proporzione e altrimenti si é faziosi!

emilio d'ambrosio 05.01.06 07:18| 
 |
Rispondi al commento

Poniamoci a questo punto degli interrogativi: quale sarà il ruolo della sinistra, come evolverà l'idea di progressismo nel terzo millennio?C'è confusione. Ce n'è molta in Italia, ma quello che sta succedendo in questi giorni nell'Inghilterra di Tony Blair è sintomatico. A quanto pare il giovane leader conservatore David Cameron sta rubando la scena e i temi che da sempre sono patrimonio della sinistra europea. Sembra che i conservatori britannici siano diventati più progressisti dei laburisti di Blair. Nel programma di Cameron vengono affrontati i problemi della povertà e del riscaldamento globale, aiutare insomma le fasce più deboli e ridurre le emissioni di gas in atmosfera. I laburisti di Blair non hanno mai osato sfidare apertamente le élite e la grande industria come ha fatto invece Cameron. La stampa britannica è in fermento. Come risponderà il labour party?Sorpreso nel sonno in cui si culla da anni, forse inizierà ad abbandonare quell'eccessiva cautela che lo contraddistingue da troppo tempo. Blair!Dì qualcosa di "laburista"!

Maria Laura Frattarelli 05.01.06 02:20| 
 |
Rispondi al commento

Cara Maria Laura F., ho letto la tua risposta a voce alta , è musica per le mie orecchie , a volte credo di essere solo , ma fortunatamente non è così.
Purtroppo se c'è una cosa che non riesco a sopportare , da sempre , è lo spreco di energie e di tempo , specialmente nei giovani , continuano a cadere nella trappola tesagli dalla vecchia classe dirigente , "divide et impera" , nella confusione che si crea loro si riempono le tasche , e noi ci bastoniamo a vicenda .
Sulla porta del mio ufficio c'è scritto "Voi che entrate o avete la soluzione o fate parte del problema " .

Michele P 05.01.06 00:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la vita è fatta di priorità. ora è importante mandare a casa il "nano malefico".
ho l' impressione che questa campagna, giusta o sbagliata che sia, non farà altro che spingere molti a non votare alle prossime elezioni.
io dopo anni che non votavo ho ricominciato proprio con la "discesa in campo" del nano,perchè un voto contro berlusconi è doveroso.
pensateci.parlare tanto non serve,ognuno si impegni per far diventare la propria vita quello che sogna e il mondo, forse, cambierà.
saluti a tutti gli intervenuti. ciao

dino tognato 05.01.06 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Il problema del centro-sinistra oggi è il suo elettorato; poichè questo, nel tempo, ha acquisito maggiore senso critico, è deluso, e soprattutto non è più accecato da dogmi ed ideologismi secondo cui ciò che il Partito dice rappresenta la Verità. Noi siamo un elettorato maturo e intransigente, i nostri politici non lo sono. Abbiamo bisogno di un rinnovo, vogliamo essere felici di votare, siamo stufi di dover dire: "scegliamo il meno peggio". Questo i signori della sinistra purtroppo non l'hanno capito e continuano ad ingannarci forti del fatto che siamo tutti antiberlusconiani. Ma se non ci fosse stato quell'omino di Arcore, avremmo mai votato per loro? Io credo proprio di no, e forse tanti altri pensano lo stesso. E ora che le elezioni politiche si avvicinano, io che voto in Abruzzo (anche se non ci vivo) come faccio a votare L'UNIONE? La stessa Unione che ha permesso all'UDEUR di raccogliere quel relitto di Rocco Salini (ex DC) tra le sua fila?Quel Rocco Salini che i DS tanto attaccavano quando era Senatore di Forza Italia, Sottosegretario del Governo Berlusconi?Quel Rocco Salini dichiarato da tutta l'Unione INELEGGIBILE perchè PLURICONDANNATO?E ora che è diventato uno dei loro?Forse lo faranno Santo!

Maria Laura Frattarelli 04.01.06 22:53| 
 |
Rispondi al commento

destra e sinistra potevano aquistare punti e fiducia e anche elettori dopo lo scandalo Fiorani e Fazio. Come? semplice non facendo alcuna polemica, commento e opposizione sulla divulgazione sui giornali delle intercettazioni sullo scandalo. E invece? visto che tutti hanno la coda di paglia cosa hanno pensato di fare DESTRA e SINISTRA? fare una legge su misura limitata ai casi di mafia. Però... niente male... che bei furbetti. su leggi cosi guarda caso si trovano sempre d'accordo. Oggi Castelli ha mandato ispettori al tribunale di Milano per scoprire come sono uscite le intercettazioni, quasi come per aiutare Fassino. Complimenti...si danno tutti la mano.Che vergogna.Da una parte o dall'altra potevano riscattarsi invece hanno dimostrato di essere tutti uguali! L'ho detto e lo ripeto: il parlamento andrebbe svuotato TUTTO!! senza escludere nessuno, tutte le poltrone pulite, e riempirlo di gente nuova e soprattutto giovane.

claudio corbetta 04.01.06 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo con il fantastico Beppe Grillo che chiede di fare piazza pulita a Piero Fassino all'interno dl suo partito. A Fassino lo chiedi... mi viene da ridere. Fassino è quello che nel suo libro "Per Passione" riabilita Craxi e critica Berlinguer. Fassino è quello che all'ultimo Congresso dei Ds mette nell'albero genealogico della Sinistra lo stesso Craxi ed espunge persino il fondatore del PDS, ossia Occhetto. Vergogna. Con il voltastomaco comunque voterò per il Centrosinistra, ma certo non per i Ds o per la Margherita che rappresentano il peggio della vecchia politica. Voterò per i Verdi, perchè come Beppe Grillo penso che il tema dell'ambiente stia al centro di tutto. Un saluto a tutti ed in particolare ai veri giornalisti italiani come Travaglio, Gomez, Flores D'Arcais,Rinaldi, Bocca e pochi altri.
Marcello da Livorno

Marcello Allegri 04.01.06 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Quando Preziosi disse che le intercettazioni erano illegali tutti risero (anche i genoani) e il Genoa finì in C. Temo che ora finiranno in C gli intercettatori. O tempora, o mores ..

Tullio Vernazza 04.01.06 22:01| 
 |
Rispondi al commento

per PIETRO LISTA

Ma non ti vergogni a dire certe cose? si vede che sei un comunista! Ti conviene andare con i tuoi santi...esponenti di partito a farvi una gita a lurdes per aprire gli occhi, farvi benedire, e in particolare purificarvi dai PECCATI...portatevi la lista.

claudio corbetta 04.01.06 21:48| 
 |
Rispondi al commento

E' ora di finirla di criticare Dalema Ha belle scarpe, belle barche, soldi. E allora ? Ha fatto tanti sacrifici. E continua a farli: fra un pochino,se vorrà, potrà comperarsi New York!
Io,ferroviere in pensione, ammiro la sua tenacia e vorrei fare come lui, ma non ci riesco !

alessandro zoppelletto 04.01.06 21:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BRAVO GRILLO S-PARLANTE, HAI TOPPATO SU FASSINO,
COME SEMPRE SPARI RIMEDI CHE SONO SEMPRE PEGGIORI DELLA REALTA'. -

UNA DOMANDA: LA TUA FERRARI E' ASSICURATA CON.........(prego citare compagnia assicurativa)

antonio manicone 04.01.06 21:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA

antonio manicone 04.01.06 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Credo che la sinistra comeè al solito è ultra confusionaria. E credo che anche Beppe tracimi talvolta nel qualcunquismo per cui tutto è torbido.
Se ho le stesse informazioni vostre mi pare che:
1. Fassino non abbia partecipato ad un bel niente, ma tutto è stato fatto da Unipol e Consorte
2. I DS si siano interessati successivamente dell'operazione e questo per il semplice motivo che DS e Unipol e Cooperative sono tra loro molto vicine. Chi non sa questo? Chi non sa che ci sono coop rosse e coop bianche?
Detto questo mi sembra che
a)ci sia un attacco strumentale visto che stiamo in campagna elettorale e noi ci cadiamo con tutte le scarpe (Anche Berlusconi parla di inaccettabile legame tra politica e affari!!!!!)
b) in questo modo caro Beppe non riusciremo mai ad affrontare seriamente i problemi della nostra politica...ed anche dei DS..problemi che non c'entrano nulla con le COOP ma riguardano a mio avviso (da iscritto)
- Finanziamento pubblico(se la democrazia si regge sui partiti e i partiti per vivere devono chiedere soldi a De benedetti, Berlusconi, della Valle....i partiti sono ricattati ed il fund raising è solo una tangente postdatata)
- Selezione della classe dirigente: oggi chi fa carriera in politica non è chi è bravo, chi frequentava "frattocchie", ma chi è fedele a qualche capo di turno. Questo significa avere una politica debole in un paese dove il capitalismo è solo rendite e assenza di capitali
-legge elettorale e preferenza unica per cui c'è un mercato dei voti evidente. Alle regionali del Lazio alcuni candidati (anche DS)hanno speso 1 milione di euro dati da palazzinari e imprenditori. A roma con leggi sull'edilizia popolare,PRG,ecc..i candidati (non i partiti)di maggioranza stanno costruendo campagne elettorali da 10 anni!
-Occupazione sistematica del potere: municpalizzate, ministeri,accademie sono occupate (qui,Monti, cerchiamo un accordo bipartisan)Ma se continuate con questo qualunquismo dettato da Belpietro non affronteremo mai nulla!!

marco mattei 04.01.06 21:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
auspico vivamente io come tanti altri tuoi affezionati fan, che tu rimanga sempre coerente
con quello che gridi e dici a tutti noi nei tuoi spettacoli, senza farti ipnotizzare o attrarre da correnti politiche. Perchè ho come l'impressione... poi magari mi sbaglio, che simpatizzi e appoggi un pò troppo questa sinistra(vedi consigli a Fassino) e che non sei abbastanza incisivo e determinato ad attaccarla o prenderne le distanze, a differenza di Berlusconi e di tutta la destra. E poi un'altra cosa che ho notato e questa magari sbaglio, sono poco informato e allora mi scuso: come ma Prodi non lo prendi di mira quasi mai a differenza di Berlusconi? Spero di avere una tua risposta. Grazie Beppe non cambiare mai veramente.Non permettere mai che la politica attacchi il tuo io, la tua anima, ti corrompa e ti faccia perdere di vista la realtà. Claudio

claudio corbetta 04.01.06 21:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
non capisco proprio xke ti ostini a continuare a difendere e promuovere Fassino! Anche lui è immerso fino al collo negli scandali degli ultimi mesi e le intercettazioni uscite ieri lo dimostrano ampiamente.
Sono tutti uguali!
Ti aspettiamo....

Alessio Pieroni 04.01.06 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Alessandro
mi chiedi, o ti chiedi, per quale motivo dovremmo appoggiare politici malfidati. Non lo so.
Se appena appena apriamo gli occhi e cominciamo a capire la realta', ci passano subito tutti i bollori fanatici e diventiamo scettici e scozzonati.
Sara' come per le infatuazioni adolescenziali. Prima tutti i bei govinotti ci sembrano principi azzurri e dopo due o tre disillusioni e scornate, diventiamo prudenti e prima di concederci passiamo ai riscontri pratici, cerchiamo garanzie, e solo chi passa da passione a passione rischia di essere disilluso ancora.
Forse il nostro sconforto attuale e' cosa buona per farci passare dal mondo fantastico a quello reale, dove prima di fidarci di un politico si deve vedere bene tre volte.
La nostra scelta e' scarsa?
Purtroppo tutte le scelte del mondo sono limitate. E in politica con questo proporzionale totalitario i candidati non li sceglieremo nemmeno noi ma si sceglieranno da soli! ?!?
Ma poi, quando mai io ho scelto un D'Alema o un Fassino? Un Andreotti o un Mastella? Un Buttiglione o un Cossiga? Un Fini o un Rutelli?
Io no.
Questa gente si e' scelta da sola e convive anche bene nella sua mangiatoia protetta.
E tuttavia ci resta ancora una piccolissima possibilita' di rifiutare tutte quelle scelte fatte dalle segreterie di partiti che non sono per noi, quei partiti che non presentano mai un programma o che ci hanno deluso in precedenza, gli imbroglioni insomma, gli autoreferenti. Snobbiamo chi ci snobba.
Siamo usciti dal fascismo, usciremo anche da questo troiaio.

Come diceva Montale:
...........
Solo questo sappiamo
cio' che non siamo
cio' che non vogliamo.

viviana vivarelli 04.01.06 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Comprendo lo sconcerto dei cittadini ( anche personale) nel venire a conoscenza delle malefatte o comunque di gravi dubbi sull'onesta di molti politici ma quale la soluzione ?
Chi si può proporre e con quali criteri di selezione e garanzie visto che comunque la nostra democrazia è una democrazia rappresentativa e quindi ogni vuoto di potere se non governato può dare spazio a personaggi ancora peggiori?
Siamo ancora lontani dalla democrazia diretta.
aspetto proposte

Alessandro Montedori - Perugia

Alessandro Montedori 04.01.06 17:28| 
 |
Rispondi al commento

"eleggiamo gente nuova"... La vedo dura, visto che con la riforma elettorale alla quale la sinistra ha fatto solo finta di opporsi, spariscono pure le preferenze. e così, per la gioia di tutti, ds compresi, alle prossime elezioni voteremo solo chi c...o dicono loro...

gaetano cenci 04.01.06 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Comprendo lo sconcerto dei cittadini ( anche personale) nel venire a conoscenza delle malefatte o comunque di gravi dubbi sull'onesta di molti politici ma quale la soluzione ?
Chi si può proporre e con quali criteri di selezione e garanzie visto che comunque la nostra democrazia è una democrazia rappresentativa e quindi ogni vuoto di potere se non governato può dare spazio a personaggi ancora peggiori?
Siamo ancora lontani dalla democrazia diretta.
aspetto proposte

Alessandro Montedori - Perugia

Alessandro Montedori 04.01.06 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Gente di sinistra facciamoci sentire! Dimostriamo spontaneamente che i dirigenti DS senza la base non vanno da nessuna parte...neanche in barca a vela! Stanno svendendo i nostri bisogni e i nostri ideali! A loro ormai conviene acquisire Banche!
Facciamo qualcosa di costruttivo , se reagiamo subito non perderemo neanche un voto...anzi!
Con i nostri fiati soffiamo via D'Alema e Fassino sulle loro barchette.
SALVI....FATTI SENTIRE, ALMENO TU!

dario picchia 04.01.06 17:00| 
 |
Rispondi al commento

SENZA SE E SENZA MA
SUBITO IN GALERA BILLE' RICUCCI FIORANI
CONSORTE FAZIO E MOGLIE

ALTRIMENTI CI STATE DICENDO FATE ANCHE VOI, NEL VS. PICCOLO TRUFFE IMBROGLI,TANTO SE NON ARRESTANO LORO PERCHE'DOVREBBERO BECCARE NOI POVERI, CONDANNATI A VIVERE CON 1200 EURO AL MESE CON FIGLI CASE IN AFFITTO. MUOVETEVI CHE LA FIDUCIA NELLE ISTITUZIONI STA ANDANDO A PALLINE....

SENZA SE E SENZA MA , FATE PRESTO

CARLO ELMO 04.01.06 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici, che amate la verità quella che non guarda nè a destra nè a sinistra è evidente che anche dalla parte dei "meno peggio" c'è un grosso potere politico, che si protegge e per farlo non guarda certo alla morale e agli ideali. Basti notare che già da tempi non sospetti chi predica rigore,vera giustizia, legalità, meritocrazia, pluralismo nell'informazione, un vero cambiamento del sistema, è stato messo in un angolo ed è, già, tanto che continua ad esistere. Ma la colpa è comunque di tutti noi che abbiamo la possibilità per cambiare ma non lo facciamo. Preferiamo inseguire il potere. Sono stato in giro come candidato nell'Italia dei Valori di Dipietro e cosa mi sentivo dire: "siete i migliori ma non potrete mai vincere". Questa è la gente,questa è L'Italia. Solo dando veramente forza a chi seriamente voglia di cambiare avremo qualche soddisfazione, anche noi del blog. Che comunque se staremo fuori dai giochi non andando a votare non faremo altro che rafforzare i tanti farabutti che ci sono in giro( che hanno le clientele) indebolendo quelli in buona fede( che non le hanno!)
Auguri di buon anno a tutti!
Stefano

Stefano Sarais 04.01.06 16:13| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici, che amate la verità quella che non guarda nè a destra nè a sinistra è evidente che anche dalla parte dei "meno peggio" c'è un grosso potere politico, che si protegge e per farlo non guarda certo alla morale e agli ideali. Basti notare che già da tempi non sospetti chi predica rigore,vera giustizia, legalità, meritocrazia, pluralismo nell'informazione, un vero cambiamento del sistema, è stato messo in un angolo ed è, già, tanto che continua ad esistere. Ma la colpa è comunque di tutti noi che abbiamo la possibilità per cambiare ma non lo facciamo. Preferiamo inseguire il potere. Sono stato in giro come candidato nell'Italia dei Valori di Dipietro e cosa mi sentivo dire: "siete i migliori ma non potrete mai vincere". Questa è la gente,questa è L'Italia. Solo dando veramente forza a chi seriamente voglia di cambiare avremo qualche soddisfazione, anche noi del blog. Che comunque se staremo fuori dai giochi non andando a votare non faremo altro che rafforzare i tanti farabutti che ci sono in giro( che hanno le clientele) indebolendo quelli in buona fede( che non le hanno!)
Auguri di buon anno a tutti!
Stefano

Stefano Sarais 04.01.06 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Antonio
io non capisco quando parlate degli italiani in generale o degli elettori Ds disprezzandoli in generale, come se esistesse una macchietta che si chiama "popolo italiano".
Io alle sedi DS ci sono andata e ho visto tante brave persone, non quelle che dici tu che pensano solo ai soldi, ma anche molti animosi, onesti e idealisti
Che l'uomo medio italiano pensi solo ai soldi e' una idea che B. ci ha messo in testa e quelli come lui
Lavorando nel mondo del volontariato, contattando tante brave persone della CGIL, io ho conosciuto un sacco di gente che si sacrifica e che lotta per ideali, non per soldi.
Posso anche seguirti quando parli di collusione o di avidita' di certa classe politica, ma ti seguo meno quando generalizzi sul popolo italiano. Tutto sta a vedere chi frequenti, se degli sfaccendati da salotto o da bar o della gente perbene. Io di gente perbene ne conosco tanta, tantissima, e dico che non meritano affatto di essere etichettati in modo qualunquista né meritano una classe politica di basso valore, ma molto di meglio, ma questo meglio non ci sara' mai finche' esisteranno le gerarchie.
Una gerarchia e' un sistema piramidale dove tutto cio' che conta e' scelto, voluto e diretto dalla punta, e bastano pochi corrotti sulla punta per far soffrire tutta la base.
La Chiesa e' un sistema di questo tipo, dove i papi scelgono quei cardinali che eleggeranno come successore uno peggio di loro e della stessa tendenza, i partiti sono sistemi simili dove poche persone della segreteria possono coartare la volonta' di tutti gli altri. Ogni ospedale, impresa, banca si muove sulla stessa falsariga.
L'unica soluzione che posso auspicare contro queste gerarchie che inchiodano il paese al suo peggio e' il rovesciamento della piramide, cioe' una democrazia allargata, dove la scelta, la strategia, gli scopi e il controllo siano esercitati dal basso. La si sta sperimentando in tutto il mondo ed e'l'unico futuro possibile

viviana vivarelli 04.01.06 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io ho visto D'Alema all'opera al mio paese dove fino a pochi anni fà non esisteva una sezione dei DS perchè il numero degli iscritti non era sufficiente (se ben ricordo ce ne vogliono almeno 10).
D'Alema (o chi per lui) ha pianificato una vera e propria operazione strategica:
prima di tutto ha individuato un aspirante segretario (un mediocre ma ambizioso consigliere comunale di una lista civica). Poi ha fatto nominare questo signore presidente della locale cooperativa. Infine ha fatto una intensa (e costosa) operazione di marketing tramite il giornalino locale per radunare i simpatizzanti di sinistra in una specie di minicongresso dove è stato naturalmente eletto segretario il presidente della cooperativa.
Pochi giorni dopo questo signore si è precipitato al congresso nazionale DS (a Rimini mi sembra) e si è sdebitato votando per Fassino segretario nazionale e D'Alema presidente.
Per quanto riguarda il mio paese questo signore - semianalfabeta - si è distinto per essere scappato con le mutande in mano dalla camera di una operaia della cooperativa (stava arrivando il marito) e successivamente per aver fatto fallire la cooperativa stessa. Adesso credo che sia in Lituania.

Fausto Coppi 04.01.06 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Viviana,
una cosa soltanto:x quale stupido motivo dovremmo appoggiare politici che rubano rubano e rubano e si salvano sempre e comunque.....Basta non se ne può più!!!
P.S.: x fare l'italia la gente è morta.
Meditate gente meditate
Buon anno a tutti
Alessandro

alessandro mattioli 04.01.06 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
penso che tu debba fare un bilancio di questo blog e poi trarre le conseguenze. Se aumentano opinioni come “non voterò mai più per il centro-sinistra” oppure “sono talmente nauseato che non andrò più a votare”, allora puoi fare solo due cose. Chiudere responsabilmente il blog, oppure venderlo (ammesso che non l’abbia già fatto) a chi saprebbe pagarlo molto bene (almeno questo bisogna riconoscerglielo).
E bada che la verità non c’entra un ca..o, perché la verità è solo il punto di partenza.Su di te, come su di me e su tutti, si potrebbe scrivere un libro che ti glorifica, pieno di cose vere ed un libro che ti denigra, pieno di cose altrettanto vere. Basta estrapolare, come insegna Marco Travaglio. Buona fortuna a tutti.

Caruccio Giovanni 04.01.06 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Spadon, hai perfettamente ragione. Se Grillo voleva attaccare D'Alema, in quanto affossatore o danneggiatore del partito di cui è Presidente, egli poteva sì utilizzare l'orazione funebre di Antonio, ma doveva distribuire le parti diversamente assegnando a D'Alema il ruolo di Bruto (il sedicente Uomo d'onore), e al Partito DS il ruolo di Cesare (l'Assassinato). Assegnare a D'Alema quest'ultimo ruolo significa, in realtà, esaltarlo.

Giovanni Rosso 04.01.06 15:03| 
 |
Rispondi al commento

x veronica

peccato che questa dirigenza politica ci abbia espropriato del DIRITTO DI PARTECIPARE
hai letto bene, diritto di partecipare
se non ti allinei e stai ben coperto: fuori, non fai per noi
sono autoreferenziali, anche i nostri. scivono programmi carichi di intenti ma funzionali solo a mantenere ben caldo il loro posticino.
quanti credi siano ben disposti a farsi da parte per "il bene del popolo"?
come credi vengano formate le liste dei partiti? quanto li vedermo litigare per la spartizione dei collegi? e questo tutto nel nostro interesse.
Sono stanco di andare a votare mettendomi una molletta nel naso e tappandomi gli occhi per votare il meno peggio
E siccome non voglio rinunciare ad andare a votare perchè Berlusca & C. è ora che tornino a casa, dico ORGANIZZIAMOCI il tempo è poco, ma forse se ci organizziamo i burocrati petulanti (che sono quasi il 100%) riusciamo a mandarli a casa ed a trovare un nuova classe dirigente che pensi davvero in maniera solidale

andrea.andreini@email.it

andrea andreini 04.01.06 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, cari tutti,
perdonatemi se vi dirò una cosa scontata ma da tutto quello che leggo debbo pensare che è bene ricordarla a tutti, anche a te, caro Beppe Grillo. La politica è l’arte del possibile, non la fiera dei sogni. Per cui, prima di accanirsi a criticare ed a inveire per le cose non fatte o fatte male, ognuno di noi dovrebbe fare un piccolo esercizio, sforzarsi a pensare almeno ad una cosa (una sola) che possa star bene a Mastella ed a Bertinotti, a Pecoraro ed a De Mita, a Fassino ed a Rutelli, a Di Pietro ed a Pannella ecc.. Dopo averla pensata, immaginare pure di attuarla, sempre con il consenso di tutti. A me manca la fantasia, perché non riesco a trovarne neppure una. Pensate che di cose, con le caratteristiche del comune gradimento, dovrà essere scritto un intero programma di governo. Con onestà intellettuale debbo concludere che Prodi ha un compito, se non impossibile, almeno difficilissimo e, con lui, tutti gli altri. Ebbene, pensate che ci sia in giro qualcuno che sappia fare di meglio? Forse tu, Beppe? O forse Moretti? Io ne dubito, nonostante la stima per entrambi! E se l’arduo compito dovranno affrontarlo proprio loro (finché non emergeranno capi migliori), che dite, per aiutarli, li vogliamo crocifiggere? Non sarebbe meglio limitarsi a pungolarli, a far sentire il nostro fiato sul loro collo, ma a sostenerli con la nostra passione e la nostra partecipazione, nell’interesse della nostra parte politica e dell’intero Paese?

Veronica Boccia 04.01.06 14:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

x viviana
ciò che stai delineando nei tuoi post potrebbe essere, anzi, sarà sicuramente ciò che avverrà alle prossime elezioni...francamente spero che non accada... ma permettimi di dissentire in alcune tue affermazioni che ritengo presupponenti...non credo che gli italiani dei ceti..pardon delle "classi" medio basse, siano così stupidi o ingenui da non capire cosa sta succedendo in questa repubblica delle banane...
dove i c.d. rappresentanti del popolo (sia di destra che di sinistra) ancora una volta dalla nascita della II° repubblica, continuano ad avere le mani sporche di marmellata, nonostante la rivoluzione giudiziaria del 92... Allora c'è da porsi una domanda...ma c'è l'ho una coscienza, un'etica, una morale, un codice comportamentale, sono coerente? pensi che coloro che ci rappresentino si pongano queste domande? pensi che gli interessi se la classe media sia scomparsa? pensi che gli interessi che la classe operaia sia alla canna del gas? pensi che gli interessi che i pensionati rovistino nei rifiuti? No, loro perseguono soltanto un fine, che per quanto semplice e scontato, è l'unico che comprendono: il DENARO...non credo nemmeno al pensiero machiavellico del raggiungimento del potere...sarebbe troppo intelligente...solo puro e semplice INTERESSE ECONOMICO cioè DENARO. Tra quello che tu chiami B. e gli altri, definiti uomini di sinistra, non c'è nessuna differenza...Allora io sono giunto ad una conclusione.... fino a quando non verrà cancellata dico CANCELLATA tutta la classe dirigente politica, sia di destra che di sinitra...la situazione non cambierà ...anzi se continuerà ad esistere, le classi meno fortunate si ribelleranno e succedserà l'irreparabile...proprio perchè alle persone che le compongono gli è rimasta soltanto la coscienza e l'intelligenza di ribellarsi a questo stato di cose...Spero che non accada ma a questo punto sono finite anche le parole...

antonio de finis 04.01.06 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Dopo la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche Fassino-Consorte dal gruppo dirigente ds silenzio totale! Intanto Castelli manda gli ispettori a Milano e la Procura milanese apre un procedimento penale nei confronti del giornalista de Il Giornale per rivelazioni di segreti di ufficio. Le conseguenze? Da qui alle elezioni non si parlerà d'altro. Fassino e D'Alema andatevene per favore. E' la cosa più doverosa e dignitosa da fare.

abdulkadir tahlil 04.01.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

giorni fa hai consigliato a Piero Fassino di fare pulizia all'interno del suo partito per quanto concerne lo scandalo bancario.Credo che non sia stato positivo da parte tua prendere le difese e appoggiare un partito di centro sinistra; perchè il risultato si è visto... anche Fassino era coinvolto in questa ragnatela
politico finanziaria, lui è un'altra mela marcia che oggi viene fuori. Credi che altri di sinistra non siano coinvolti in questo o altri scandali? Credi che un Prodi non sia dentro anche lui o dietro le quinte? Se non è saltato fuori o non salterà fuori è per salvare la faccia a questa sinistra, visto che è Prodi è candidato alle prossime elezioni. E' una catena di sant'Antonio. Beppe proviamo a pensare dove sarebbe arrivata questa gente, compreso lo stesso fiorani,ricucci,gnutti,consorte ecc.. se non fossero state pubblicate le intercettazioni telefoniche? Proviamo a pensare! Non mettiamoci i paraocchi, le fette di salame su gli occhi, questa sinistra è molto piu' corrotta, piu' sporca della destra, se poi la si vuole difendere
è un altro discorso Beppe. La sinistra dovrebbe appoggiare il proletariato, le classi inferiori? che esempio da? nessuno! gente che ha le barche,che ruba i risparmiatori, gente che come Bertinotti veste con giacche in casmire e pasteggia a caviale?! questa dovrebbe essere la gente che vorremmo vedere al governo? bei principi morali. Io dico no grazie.Dimenticavo: a Tanzi ormai indagato da tempo,coinvolti anche esponenti di sinistra gli avranno detto: tu non fare alcun nome, fai passare un po di tempo e vedrai che sarai libero non sconterai niente. Fiorani: la stessa cosa. Non prendiamoci in giro questa la realta! grazie spero tu possa ribattere se vorrai a questo mio commento

claudio corbetta 04.01.06 13:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

4
Dovevamo vedere un partito a cui avevamo affidato la lotta al capitalismo farne l'imitazione?
Ci doveva fischiare le orecchie quando D'Alema diceva "Siamo tutto un po' capitalisti", oppure "Con la globalizzazione ci dobbiamo convivere. O quando tentava la strada del premierato forte e della Magistratura che da terzo organo dello Stato diventava il lacche' della classe politica! O quando vedevamo un giornale come Il Riformista!
Lo scandalo della Unipol rientra in questi parametri dalemiani che non sono mai stati di sinistra. Lo scandalo bancario mostra un consociativismo spregevole e inaccettabile.
Le Coop hanno perduto il senso della loro missione, si sono contaminate. E quelli che ci dovevano rappresentare anche.
I DS risultano oggi un partito contaminato dalla febbre del lucro.
Ma, se volevamo un partito capitalista teso al lucro infinito, votavamo Berlusconi, che fa pure meglio e che non cadra' mai nelle leggerezze di un Violante
Se volevamo un partito-aziendalista e una politica commista con gli affari, non eravamo nemmeno di sinistra e non votavamo DS.
I sondaggisti alla Mannheim prevedono al voto (altro che successo!) un aumento di astensioni.
Si badi bene: quando le classi medie e basse si astengono per schifo verso i candidati, il risultato e' la riconferma delle destre. E la destra classicamente si aiuta con qualche broglio (vd. le due tornate di Bush e i pc gia' impostati con voti a suo favore). E sentire che B. intende informatizzare il voto dovrebbe metterci in guardia! In USA l'astensionismo tocca il 40%, a non votare sono quelli che stanno peggio perche' hanno perso la speranza, e se ne giovano le destre!
Certo la base Ds e' migliore di suoi capi, ma e' frustrata e avvilita. Continua ad esistere, ma dove sono i suoi rappresentanti?
Se questo partito vorra' salvarsi, se vorra' domani significare ancora qualcosa e non fare la fine di Craxi, qualcuno qui se ne deve andare.


viviana vivarelli 04.01.06 13:34| 
 |
Rispondi al commento

3
Che Fassino abbia telefonato a Consorte per sapere dell'Unipol, e' niente, non configura reato. Solo la grancassa berlusconiana puo' parlare di scandalo in una speculazione da iene.
Il grave, di cui i Ds si guardano bene dal parlare, e' altro e riguarda non solo i reati finanziari di Cons. e complici, non solo la ragione sociale delle Coop, tradita in una strategia capitalista di predazione speculativa, ma soprattutto i DS, in quanto partito che hanno tradito la ragione sociale con i propri elettori.
Questa e' la cosa gravissima che le dichiarazioni sbadate dei mandanti non riescono a celare.
I giornali DS in questi giorni sono penosi, incapaci di nascondere l'imbarazzo, ma soprattutto di centrare cio' che ci avvilisce profondamente.
Non si passa una vita a combattere i reati del capitalismo per scoprire che quelli che ti rappresentano hanno la stessa avidita' di lucro, e vedere che la grande spartizione metteva insieme i cardinali dello IOR con i peggio tizi di B., i criminali finanziari interpartitici e i furbetti der quartierino.
C'e' una crisi di delegittimazione politica che la segreteria DS fa finta di ignorare. Una deriva dai valori di sinistra che inizia ben prima, dalle tante condotte discutibili, dalla prima tangentopoli da cui i DS si sono salvati per culo, alle salvazioni del mafioso Andreotti, ai favori agli Agnelli praticamente parassitati allo stato, alle collusioni col peggio della Santa Sede, al favoreggiamento di sporche guerre, dalle lottizzazioni sfrenate all'appoggio alla Bolkestein, alla svendite delle utilities, all'appoggio al traforo in Valsusa (di nuovo Coop rosse), dal regalo delle tv a B, alla resistenza ai vari referendum, dal premierato della bicamerale al lavoro precarizzato, dai fondi alle scuole confessionali agli inciuci di governo, da Piazza Plebiscito a Napoli al fastidio verso girotondi, movimenti o pacifisti….
In tutto cio' l'elettore della sinistra non si e' riconosciuto, e si e' chiesto: ma che razza di sinistra e'

viviana vivarelli 04.01.06 13:30| 
 |
Rispondi al commento

2
Ma proprio quando la vittoria del centrosinistra appare scontata e per 4 volte l'elettorato dichiara col voto di delegittimare questo governo, esce lo scandalo Unipol che travolge l'immagine delle Coop.
Le Coop sono sempre state il fiore all'occhiello dei DS. Ci sono anche Coop bianche, ma la Coop rosse sono il sistema di principi dei DS messo in pratica bella proposta di un mercato diverso e, in un mondo che si vuole fondato sul mercato, non e' cosa da poco.
Coop e' la maggiore realta' cooperativa italiana, nata nel 1884, tanto importante che la Costituzione stessa, nell'articolo 45, le riconosce la funzione sociale della cooperazione a base mutualistica e senza finalita' di speculazione privata (??!!), impegnando lo Stato a promuoverne lo sviluppo.
Coop e' il principale gruppo sul mercato italiano della grande distribuzione organizzata, con una quota di mercato del 17%, vendite nel 2003 per 11 miliardi di Euro, un incremento del 12,3% rispetto al 2002, 1265 punti vendita, 52.000 dipendenti e oltre 5.500.000 soci.
Per la loro funzione, aliena da lucro e speculazione, ma a finalita' sociali, le Coop godono di agevolazioni fiscali!!
Ma dove si inseriscono qui le scalate bancarie?


viviana vivarelli 04.01.06 13:27| 
 |
Rispondi al commento

2
Ma proprio quando la vittoria del centrosinistra appare scontata e per 4 volte l'elettorato dichiara col voto di delegittimare questo governo, esce lo scandalo Unipol che travolge l'immagine delle Coop.
Le Coop sono sempre state il fiore all'occhiello dei DS. Ci sono anche Coop bianche, ma la Coop rosse sono il sistema di principi dei DS messo in pratica bella proposta di un mercato diverso e, in un mondo che si vuole fondato sul mercato, non e' cosa da poco.
Coop e' la maggiore realta' cooperativa italiana, nata nel 1884, tanto importante che la Costituzione stessa, nell'articolo 45, le riconosce la funzione sociale della cooperazione a base mutualistica e senza finalita' di speculazione privata (??!!), impegnando lo Stato a promuoverne lo sviluppo.
Coop e' il principale gruppo sul mercato italiano della grande distribuzione organizzata, con una quota di mercato del 17%, vendite nel 2003 per 11 miliardi di Euro, un incremento del 12,3% rispetto al 2002, 1265 punti vendita, 52.000 dipendenti e oltre 5.500.000 soci.
Per la loro funzione, aliena da lucro e speculazione, ma a finalita' sociali, le Coop godono di agevolazioni fiscali!!
Ma dove si inseriscono qui le scalate bancarie?


viviana vivarelli 04.01.06 13:23| 
 |
Rispondi al commento

1
Come elettrice di sinistra sono fortemente offesa dalla condotta DS.
In breve tempo si e' rafforzato in Italia il piu' antidemocratico partito di corrotti d'Europa, un gruppo di potere accentrato su uno solo, socio di mafia e P2, un potere che non doveva nemmeno essere guardato da moderati, centristi e cattolici, ancor meno dai vertici di una Chiesa fondata sul Vangelo o da qualunque onesto.
Un potere fondato su avidita', lucro, disprezzo della democrazia, della Costituzione, dei deboli, dei cittadini…
Abbiamo visto tornare atteggiamenti fascisti xenofobi, intolleranti, omofobi, misogini, fondamentalisti, oscurantisti, illiberali, espressamente vietati dalla Costituzione.
E leggi che costituivano l'ossatura dello stato fatte a pezzi e ingiuriate.
E la Costituzione, spina dorsale della nazione, irrisa e degradata a colpi di cinica maggioranza.
E un uomo solo governare a colpi di leggi ad personam, in perpetuo conflitto di interessi, in cui i suoi si arricchivano e depenalizzavano, i nostri erano progressivamente distrutti.
E una Magistratura messa in ceppi e insultata, leggi penali derise, un sistema processuale azzoppato…mentre l'equilibrio tra i massimi poteri era infranto, il sistema di controlli era annientato e, invece di prevenire e punire il grosso crimine, lo si favoriva.
Migliaia di poveretti incarcerati per futili reati e i pescecani, rei dei maggiori reati finanziari, restare sfacciati al loro posto e perfino sedere in parlamento….
Poi questo sistema di potere ha cominciato a essere rigettato dai cittadini e allora abbiamo sperato, col voto, di mandare a casa tutti i farabutti e tornare a uno stato civile.
Nel biasimo generale, abbiamo sperato che contro questo potere sciagurato si levasse la sinistra, ad una sola voce, unita al centro, per evitare altra degradazione all'Italia, la sua caduta ai minimi di attendibilita' internazionale, la sua marcia verso forme di dittatura travestite da democrazia.

viviana vivarelli 04.01.06 13:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ce la faremo mai a far si che in Italia non siano al potere sempre gli "amici degli amici"?
Vogliamo fare il libero mercato? Io non sono d'accordo (almeno scuola, sanità, energia trasporti e telecomunicazioni devono avere una predominanza pubblica perchè sono settori di importanza strategica), ma se dobbiamo fare i capitalisti facciamolo davvero! Regole di mercato rigide (chi sbaglia paga e bene) concorrenza VERA e vediamo chi è il migliore.

Pierpaolo Sparacino 04.01.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Poniamoci a questo punto degli interrogativi: quale sarà il ruolo della sinistra, come evolverà l'idea di progressismo nel terzo millennio?C'è confusione. Ce n'è molta in Italia, ma quello che sta succedendo nell'Inghilterra di Tony Blair è sintomatico. A quanto pare il giovane leader conservatore David Cameron sta rubando la scena e i temi che da sempre sono patrimonio della sinistra europea. Sembra che i conservatori britannici siano diventati più progressisti dei laburisti di Blair. Nel programma di Cameron vengono affrontati i problemi della povertà e del riscaldamento globale, aiutare insomma le fasce più deboli e ridurre le emissioni di gas in atmosfera. I laburisti di Blair non hanno mai osato sfidare apertamente le élite e la grande industria come ha fatto invece Cameron. La stampa britannica è in fermento. Come risponderà il labour party?Sorpreso nel sonno in cui si culla da anni, forse inizierà ad abbandonare quell'eccessiva cautela che lo contraddistingue da troppo tempo. Blair!Dì qualcosa di "laburista"!

Maria Laura Frattarelli 04.01.06 13:06| 
 |
Rispondi al commento

Bravo, non dimentichiamoci lo squallore!
E le consulenze e la VERA dimensione del problema che le ultime intercettazioni di Fassino hanno evidenziato in fondo essere solo la punta dell'iceberg.
Il problema E' IL SISTEMA! Ed il SISTEMA è DI FATTO mafioso. Le privatizzazioni fatte esclusivamente per moltiplicare la mole degli affari. Depauperati gli uffici interni che si occupavano di certe cose agli ex enti pubblicii diventati S.p.a. o regalati da alcuni governi ai "capitani coraggiosi" (ma lo stesso sistema impera negli enti locali, le Regioni, le province ed i Comuni) di nefasta memoria, quegli stessi incarichi sono stati affidati a società esterne fondate ad "oc" magari da sindacalisti, da personagggi collaterali ai partiti, agli amici degli amici a scopi oltreché di affari anche di finanziamento più o meno occulto della politica o clieentelare. Ha ragione Elio Veltri ((l'unico galantuomo politico che ho consociuto) a dire: una consulenza si porta dietro 50 voti! E come non essere d'accordo con la denuncia di mario Pirani circa la politica cuii si acccede facenbdola diventare una professione retribuitissima?
Ovviamente questo aspetto si "eclisserà" nell'interesse dell'ultima telenovella di un "Fassinobravapersona" di cui invece ho avuto modo di conoscere l'estrema arroganza e presunzione che sono poi elementi "costitutivi" per cui si arriva a certe degenerazioni! Ma ciò che mi indigna è che chi ci ha campato alla grande su questo sistema tacendo tutto fino all'altro ieri e rendendosene complice, oggi si permetta di rilasciare una intervista al giorno ai giornali denunciando "il marcio" del quale non si era mai accorto prima. E chi dal marcio pretenderebbe oggi di uscire "intonso" si permette pure di schizzzare fango (proprio come accadde con la chiamata di correo craxiana) su chi queste cose le denuncia da sempre spesso sbeffeggiato perché, come disse ad Occhetto un diessino in occasione del convegno sul codice Zapatero, la "questione morale" non portava voti

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 04.01.06 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè Prodi non dice niente su questo schifo?

luigi camaglio 04.01.06 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Destra, sinistra... basta, mi sembra di sentire parlare i dinosauri!
Non vi va una distinzione tra onesti e disonesti?
Immorali ed integri?
Magri è più facile riconoscerli...
Ben venga un "tutti a casa", ma o c'indignamo, e facciamo qualcosa per cambiare, o ce la metteranno nel c... come sempre.
Tanto la rivoluzione gl'italiani non la faranno mai, ma almeno proviamoci:
ALLE PROSSIME ELEZIONI:
VOTANTI 0%
oppure andiamoci tutti ma facciamo SCHEDE NULLE 100%.
BASTA 20.000 EURO di stipendio al mese, tutto il resto gratis, e la pensione d'oro in pochi anni!
Già è difficile rimanere moralmente integri con il potere sommerso che hanno, al di là diquanto gli è concesso legalmente... STIPENDI PIU' EQUI, MAGGIORE CONTROLLO!

Abbiamo ancora bisogno di altre dimostrazioni?
Dobbiamo farci ancora del male a lungo?
Insomma, non è possibile che non freghi niente a nessuno, o che tutti siano così tonti da fidarsi dei politici. Perchè i risultati delle elezioni sono sempre uguali, nel senso che alla fine si vota il meno peggio?
Perchè da quando c'è la "democrazia" nessuno capisce come usarla, ma tutti la "subiscono"?
SVEGLIAAA!!!!
TUTTI IN GITA PER LE PROSSIME ELEZIONI!!!

Diego Macciardi 04.01.06 12:44| 
 |
Rispondi al commento

A questo punto meglio una autopulitura, Fassino, D'alema e altri a casa e forse tutti i DS che in questi anni hanno massacrato gli altri. Io sono un socialista, di quelli autentici, ma in questa sinistra non mi ci trovo per niente e non voterò mai per questi.

silvano perri 04.01.06 12:41| 
 |
Rispondi al commento

è giunto il momento di Salvi! Uno dei pochi DS che parla "di sinistra"!.

dario bernabei 04.01.06 12:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da un precedente post: "Prendiamo il Sig. CONFORTE artefice del rilancio dell'Assicurazione UNIPOL, che tipo di cooperatore era? cosa aveva da spartire con il motto della reciproca solidarietà che è alla base della creazione delle Cooperative? che vantaggi hanno avuto gli assicurati UNIPOL in termini di risparmi sui premi assicurativi?"

Questo è ciò che non mi va di questa storia. Le COOP sono le COOP. Fine. Altrimenti sono SpA e si quotano. E si muovono sul mercato con le regole delle SpA. Io, Socio COOP, ho avuto un danno dal fatto che ARIETE SpA, società di emanazione del movimento cooperativo, ha speso 214,7 mln di euro per comprare Aurora Assicurazioni da Unipol. Io Socio COOP, ho avuto un danno dal fatto che KORA SpA, società di emanazione del movimento cooperativo, ha speso 214,7 mln di euro per comprare Aurora Assicurazioni da Unipol. Per consentire poi a Unipol di comprare BNL. Ho avuto vantaggi da questo? No. I 429,4 milioni di Euro (oltre 830 miliardi di Lire) delle COOP, li hanno presi ricaricando il prezzo di rapanelli, zucchine, caffè in scatola, Coca Cola, ecc., senza dare a me, SOCIO, nessun vantaggio. Questo NON è spirito cooperativo.

Unipol comprò Aurora Assicurazioni senza dare alcun vantaggio agli assicurati. Senza dare alcun vantaggio ai SOCI COOP. Chi ha il coraggio di dire che questo è spirito cooperativo?

Conosco qualche agente UNIPOL. Molti di loro girano nelle cooperative, i vecchi bar di paese. Stipulano convenzioni nelle fabbriche. Ricordano ai loro assicurati che loro sono la COOP. Che c'è la convenzione con la CGIL (dimenticando, guarda a caso, anche le convenzioni CISL e UIL). Insomma, non smettono di far aleggiare lo spirito cooperativo, e l'appartenenza politica. Poi magari dicono "sti albanesi di m...", o "sti terun del c...", e votano Lega.

Però i loro affari li sanno fare. E Unipol cresce.

Nulla di male. Se non che questo avviene ai danni delle COOP e dello spirito cooperativo.

E questo a me spiace.

Ciao.

Massimo Selmi 04.01.06 11:51| 
 |
Rispondi al commento

finalmente moralmente sn tutti una merda,ora spero se ne accorgano anche quelli che hanno sempre votato a sx smerdando noi di dx.svegliatevi almeno noi siamo consci di chi votiamo...voi siete solo pecore.lì nessuno fa gli interessi dei cittadini,ma solo i loro,i sinistri sn subdoli....a dx invece sbruffoni

Giuseppe Ragusa 04.01.06 11:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, anche se nel 95% dei casi sono in piena sintonia con i tuoi discorsi, questa volta resto un po' a bocca asciutta. Come? Ho visto il tuo commento su D'Alema, che questo Fassino dovrebbe "punire". Ma mi aspettavo, e mi aspetto qualche commento riguardante Fassino, in merito a Fassino e vicenda attuale. Buon anno a te, e tutti i lettori del sito.

Gionni Trenti 04.01.06 11:40| 
 |
Rispondi al commento

....ma che cosa dobbiamo ancora aspettarci da d'alema prima di vederlo fuori dai c....?
Dopo aver portato il più grande partito della sinistra europea occidentale ai suoi minimi storici.... dopo aver trasformato la cultura di sinistra in una socialdemocrazia della peggior specie.... dopo aver pubblicato libri su libri per la casa editrice di berlusconi (ed era uno dei pochi a prendere anticipi in denaro a prescindere dalle vendite)....dopo tutto questo, doveva pure rimanere coinvolto in uno scaldalo politico/finanziario negando così la possibilità di ritenere una certa parte politica immune da simili nefandezze...e per di più a tre mesi da elezioni direi di vitale importanza per la società italiana!!!
non mi chiedo neppure se d'alema sia stato o meno consapevole della faccenda.... ma credo, sono convinto, che un politico che si rispetti debba riconoscere i propri errori (errori di valutazione politica!!!) e togliersi di mezzo!
BEPPE....DOPO LA CAMPAGNA "FAZIO VATTENE" PROPONGO LA CAMPAGNA "D'ALEMA (e Fassino) VATTENE!"

stefano agnese 04.01.06 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che non si debba intercettare un deputato è tutta da vedere. ma che si alzi un poverone sul dito anzichè di ciò il dito punta (cioè il fatto grave) è vera disinformazione. il guaio è che questi partiti, sia di sinistra che di destra, sono con le mani nel sacco ovunque. e noi dobbiamo votare gente del genere? io voto un muratore, un dipendente privato, un proletario, ecc, almeno ho una percentuale più bassa che sia un furbastro politico.

Tore Canu 04.01.06 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
è vergososo il modo in cui il gruppo dirigente DS e i seguaci degli stessi stanno trattando la questione UNIPOL. Sono un vecchio compagno del vecchio P.C.I e sono orgoglioso di averci militato con vari incarichi, malgrado gli errori che oggi gli vengono imputati. Di errori chi fa politica ne può commettere ma chi fa politica per arricchirsi e da condannare come qualsiasi lestofante. Prendiamo il Sig. CONFORTE artefice del rilancio dell'Assicurazione UNIPOL, che tipo di cooperatore era? cosa aveva da spartire con il motto della reciproca solidarietà che è alla base della creazione delle Cooperative? che vantaggi hanno avuto gli assicurati UNIPOL in termini di risparmi sui premi assicurativi?, a questi interrogativi devono rispondere i dirigenti DS e non appellarsi al fatto che quelle dichiarazioni riportate dal giornale di BERLUSCONI non hanno valenza penale o che si innalzi il polverone del complotto contro di loro. Ci vuole coraggio politico di ammettere i propri errori, ed ancor più quello di rimettere il mandato, se questo serve per rilanciare l'immagine di un partito diverso dagli altri sul piano morale ed etico. Vergognoso è affermare, come farebbe FASSINO nelle intercettazioni, dire al Consorte se abbiamo messo la mani sulla BNL, senza chiedere allo stesso quale politica avesse in mente verso i risparmiatori di quella Banca se fosse cambiato qualche cosa o sarebbe successo come per gli assicurati della UNIPOL. Questa è la responsabilità politica di FASSINO e di DALEMA, che in qualità di Presidente del Partito non poteva non sapere di quello che stava avvenendo. Questa è la macchia che hanno esteso sul Partito e che dovranno rispondere nella riunione della Direzione del giorno 11 gennaio. I veri "comunisti" oggi si dicono socialisti si dovrebbero presentare a questa riunione rimettendo il mandato per poter sviluppare una discussione a 360 gradi sul ruolo della cooperazione ed alla fine del collateralismo, non più tollerabile dopo queste vicende.

Mario Bigatti 04.01.06 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho appena letto il tuo commento e mi chiedo perchè dici D'Alema non sapeva? Pensi veramente che lui sia innocente (sinistra) e tutti gli altri (destra) siano colpevoli? Anche lui è una persona che ama il lusso, ha già dimostrato (insieme a Bertinotti ed a tanti altri sinistroidi) di non disdegnare beni della comunità presi a prezzo di favore (vedi case comunali nei quartieri bene di Roma dove con due lire di affitto disponi di un appartamento). Ed ancora, non ho letto sul tuo blog le intercettazioni su Fassino. Forse è una dimenticanza. Ed ancora, in base alla dichiarazione dei redditi di D'Alema, non era possibile avere anche un mutuo mensile di quella portata (le banche per me fanno i conti precisi: mi dicono quanto spendo per mangiare - anche se spendo meno - per vestire, luce, gas, acqua, altri mutui, macchina etc.)
Allora: SII COERENTE
Perchè da Te mi piacerebbe sentire non solo che Berlusconi non poteva non sapere, ma anche che Fassino e D'Alema (per ora solo loro) non potevano non sapere

Laura

francesca rossi 04.01.06 10:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E profetico fu lo spot della Coop, mandato centinaia di volte su Canale 5, Rete4 ed Italia1 (ma così non si contribuisce ad ingrassare il bilancio di Publitalia? Continua forse l'inciucio della Bicamerale?): mio, tuo... è lo stesso!

silvio sgavini 04.01.06 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Quanta ipocrisia! Tutti censori, tutti ben pensanti, tutti pronti a giudicare poi..tutti pronti a pagare per ricevere favori, tutti pronti a "scorciatoie illegali" per lavorare, studiare, curarsi ecc.. Perchè non ci poniamo il problema della legalità nella nostra quotidianità? Perchè non ci indignamo quando riceviamo o diamo soldi in nero? Perchè non ci indigniamo quando evadiamo il fisco? Perchè non ci indignamo quando paghiamo per trovare un posto di lavoro ecc..
La classe politica attuale di destra e di sinistra è lo specchio dell'attuale società italiana fatta di migliaia di piccoli "furbetti di quartiere" che si cibano delle debolezze sociali, che si infiltrano nella disperazione economica delle famiglie che insegnano alle nuove generazioni che tutto si ottiene pagando, lo studio il lavoro sono spesso "favori a pagamento" e non diritti, concessi da chi non è in grado di dare più risposte se non al dio denaro. La politica deve uscire dall'angolo, abbandonare l'onda maligna del consenso e riprendere la guida di un paese il cui problema più grande non è il deficit economico, ma la mancanza di fiducia nelle istituzioni che ci porterà lentamente verso un caos in cui sarà sempre di più il più forte (economicamente parlando) ad imporre le proprie volontà su i diritti e le necessità. Stiamo distruggendo il gioco senza creare un'alternativa!! Guardiamo le cose più a fondo!!! Dentro di noi convivono molte contraddizioni che la politica attuale non fa altro che portare all'apice di un sistema piramidale di gestione del potere che ci porterà presto verso un rapido declino!

Riccardo Carducci 04.01.06 09:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sai che risate alle prossime elezioni: escono i ladri ed entrano i mariuoli...

L'unico modo per castigarli è NON VOTARE!

sandro ferrini 04.01.06 09:18| 
 |
Rispondi al commento

PROMEMORIA


COSA E' L'ETICA?
ESISTE UNA ETICA APPLICABILE ALLA FINANZA?
I SOLDI DELLE COOP SONO DIVERSI DA QUELLI DI MEDIOLANUM?
^^^^^^^^^^
CERTO CHE SE IL CONTRATTO COLLETTIVO DEI BANCARI
E' UN BUON CONTRATTO VUOL DIRE CHE LE BANCHE GUADAGNANO!
E SICCOME GLI IMPIEGATI(BANCARI) SANNO COME LAVORANO LE BANCHE, ECCO CHE LE BANCHE SI PRESTANO AL RICATTO DEI SINDACATI!
14a , 15a MENSILITA'PIU ALTRE AGEVOLAZIONI..
^^^^^^
LA COOP FA CONCORRENZA ALLA GRANDE DISTRIBUZIONE PERCHE NON FA CONCORRENZA ALLE ALTRE BANCHE ATTRAVERSO LA UNIPOL?
^^^^^^^


CARLO PISU 04.01.06 09:18| 
 |
Rispondi al commento

fassino non ti curar di questi destrorsi smidollati ...turati il naso quando incontri i tuoi colleghi della destra in parlamento... vai avanti che tu e dalema avete finalmente capito che per potere contare sono altri i luoghi del potere e del fare politica...cominciate a segare il nano cementificatore sul suo terreno ed avanti con una tivù rossa...sono tutti questi che ti fan la ramanzina in questo blog che devono svegliarsi... fasci c......i

piero bartorelli 04.01.06 09:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a PIER PIER

è vero non siamo tutti uguali, non sono tutti uguali, D'Alema e FASSINO, se non sono ladri 8ed a questo punto comincio a dubitarne) sono solo PIU' FESSI degli altri.
Poi non esagerare a paragonare la Diaz e Venaus, per quattro botte da celerino, perchè mio padre e mio zio che il sangue sulle montagne del Montoso ce l'hanno lasciato veramente, non ci sono più e sono ricordati con una lapide sull'angolo di una via del nostro paesino. QUindi zitto e lavora in silenzio e con passione.

salvo Gallo 04.01.06 09:02| 
 |
Rispondi al commento

E' tutto un magna magna.

Felice 2006 a tutti!!!

Carlo Corsini 04.01.06 08:44| 
 |
Rispondi al commento

COSA E' L'ETICA?
ESISTE UNA ETICA APPLICABILE ALLA FINANZA?
I SOLDI DELLE COOP SONO DIVERSI DA QUELLI DI MEDIOLANUM?

CARLO PISU 04.01.06 08:43| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, che facciamo adesso, a chi facciamo celebrare il funerale di baffetto?
a fassino?
cos'è, facciamo celebrare ad un moribondo il funerale di un altro morto?
se sei davvero così sensibile alla questione morale e non alla appartenenza etnica, ti rimangono, come al solito, pannella ed i radicali...liberisti e libertari cattivi cattivi.
onesti, almeno fino a quando non avranno incarichi di potere e comunque fino a prova contraria, gli unici a potersi oggi (e sottolineo oggi, domani chissà...) fregiare del termine di cui sopra.
e voi di destra e sinistra che litigate sul nulla in questo blog, potete dire altrettanto dei vostri baldanzosi "condottieri"? (e qui mi viene da ridere).
ciao soldatini...

aldo mariani 04.01.06 08:40| 
 |
Rispondi al commento

Bicamerale farsa, bombardamenti in Kosovo, Telekom Serbia, scalate ostili stile pescecani di wall street, barche da 1 milione di euro, case degli enti in affitto simbolico, Ochalan regalato ai turchi, decine di "omissis" ancora da scoprire... CHE SCHIFO!
Tutti inquilini della stessa fogna, TUTTI UGUALI.
Agli amici di percorso della sinistra: non ci sono i geneticamente onesti, non c'è alcuna superiorità "morale" (che parolona), i "migliori" sono tutti morti da tempo, mettetevi l'anima in pace e non vi arrampicate sugli specchi della dialettica. Non vi illudete: SONO TUTTI UGUALI!!! UGUALI. UGUALI. UGUALI.

marco frivelli 04.01.06 08:38| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto è che DESTRA SINISTRA CENTRO sono tutti UGUALI, pensano solo ad arraffare, i valori di partito non esistono più sveglia !

Paolo Martini 04.01.06 08:37| 
 |
Rispondi al commento

tutti i destrorsi che hanno fin quì postato denotano un alto livello di bile nei confronti della sinistra: e già... son lontani gli anni della milano da bere...ben venga la finanza rossa...sarà sempre più creativa della banca della lega...scarafaggi di destra tornate alla mensa di arcore...ma dubito che troverete posto dal nano mica siete suoi compari di merendine, e allora andate off shore per dire a fan c...fassino avanti che sono cotti i fasci

piero bartorelli 04.01.06 07:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DAI PORTIAMO PRIMA A CASA TUTTO...!
Ma la base che si indigna tanto, come pensa che si mantenga il partito? Si per chè qualcuno pensa che consorte tenesse per sè il maltolto o che venisse distribuito?

Ai posteri l'ardua sentenza

claudio fenati 04.01.06 06:47| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo i diversi post, direi che si scorge ancora alquanta faziosità, addirittura non meno della Fazio_sità.
Non è il problema della barca. Non è il problema del "portiamo a casa tutto". Non è il problema del "abbiamo una banca". Il problema è che dietro a questo ci sta un imbroglio ideologico. In altre parole siamo di fronte a gente che predica bene e razzola male. A gente che combatte per dare all'operaio un aumento di 80 Euro al mese, in tre anni, e poi paga un leasing da 2.660 Euro al mese. A gente che dice che non c'è nulla di male a comprare una banca, o diverse Assicurazioni, e poi non vuol far riflettere il cittadino sul fatto che le compra con i soldi di mia madre che fa la spesa alla COOP. In altre parole gente che compra banche con i soldi di inconsapevoli massaie e pensionati. Gente che si vanta di avere milioni di soci, e quindi di rappresentare uno strato esteso di popolazione, e poi non precisa che per diventare socio COOP basta versare 15 Euro, che ti verranno scontati nella prossima spesa, in maniera tale che diventare socio COOP non costa nulla. Gente che dice che si è solo informata dei fatti, per poi scoprire che ne ha partecipato emotivamente.

La cosa che a me impressiona è questo voler ergersi a paladini della giustizia. A paladini della correttezza. A paladini del giusto. Per poi scoprire la solita mediocrità. Mia mamma fa la spesa alla COOP, per motivi ideologici. Pensa che ci siano dietro dei poverini che guadagnano 800 euro al mese, pur di far risparmiare la povera massaia: spero che oggi mia mamma si sia resa conto che forse i rapanelli non sono proprio a buon mercato, poichè alla fin fine alle COOP sono avanzati pure i soldi per comprarsi una banca (e per dare compensi non indifferenti ai manager COOP).

Quello che vedo è: FALSITA'.

Se la cosa vi fa felice votate questi partiti, che calpestano le ideologie. Ma, vi prego, con consapevolezza.

Ciao a tutti.

Massimo.

Massimo Selmi 04.01.06 06:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono fortunato, con il proporzionale voterò la Falce e il martello con scritto Rifondazione altrimenti sarei andato al mare il il 9-4-06!
Adesso tutti attaccano D'Alema, ma solo adesso ci si accorge chi è? dimenticato il Kossovo?Chi ha venduto Ocalan ai Turchi?e la Bicamerale?chi ha tolto la tassa di lusso sulle Imbarcazioni? potrei continuare per ore e poi pensate che Fassino, Bersani e cricca siano diversi?Per fortuna che c'è il proporzionale......

Paolo Corsi 04.01.06 02:08| 
 |
Rispondi al commento

non vedo problemi per una barca a vela presa a rate con amici con un fido rilasciato attraverso il cantiere, come noi comuni mortali quando compriamo la macchina a rate.
il politico dalema ha fatto del male quando non ha fatto una legge contro il conflitto d'interessi (bicamerale)e la cosa grave non è tanto che unipol voglia ingrandirsi rispettando le leggi di mercato, ma con chi si è alleata, chi va con i furbetti che etica ha ? e la sinistra deve averla altrimenti perde la sua identità.

manuela donà 04.01.06 00:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,siamo messi male se chiedi a Fassino di tirare fuori i globuli rossi e mandare a casa il sig.D'alema(o forse sei consapevole che in certi momenti l'unica cosa da fare e scegliere il male minore).Di fatto Fassino non ha gli attributi giusti per poter eliminare politicamente D'alema lo a dimostrato in questi anni di mandato come segretario dei D.S. dove a mio avviso a subito suo malgrado (e per questo come politico a fallito)la prepotenza di D'alema nella gestione del caso UNIPOL incapace di ribellarsi al suo Presidente che di fatto a sempre saputo e mantenuto vivo il consociativismo tra politica e COOP e comunque rilegata alle decisioni di pochi all'interno dei D.S.( certe cose non si divulgano nemmeno ai compagni di partito) altrimenti non mi spiego l'affermazione del Senatore Cesare Salvi sul Corriere Della Sera del 03/01/2005 che afferma che non e stato mai discusso all'interno della segreteria dei D.S.il caso UNIPOL e le relative strategie industriali,questo la dice lunga sul sig D'alema e sul suo concetto di democrazia del resto cosa ci si può aspettare da uno che a frequentato le colonie in Russia in piena guerra fredda se non quello di aver imparato l'arte della doppiezza.

ernesto scontento 03.01.06 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Che delusione Beppe! Nel momento stesso che ti sei rivolto a Fassino esortandolo a fare il paladino della giustizia vd. "Fassino, tira fuori i globuli rossi, fai pulizia e appellati alla base...".
Come hai pututo proprio tu ancora credere che ci sia qualcuno "vergine", qualcuno che possa scagliare la pietra?
Non ci hai insegnato tu che sia nel bel mezzo della scelta tra escrementi caldi ed escrementi tiepidi!
La delusione è ancora maggiore leggendo che in tutto questo bel sito non c'é ancora nessuno che scriva del "Portiamo a casa tutto".
Mi hai deluso tu e tutti quelli che frequentano questi blog.
Da quel che capisco, mi sembra che questo sito stia diventando un'altro strumento della sinistra per demonizzare la parte avversa, si leggono critiche sulla sinistra solo per esorarla al cambiamento. Ma allora anche tu non hai capito una mazza. Viviamo in un paese di m. perché siamo un popolo di m. I politici sono solo un specchio della società in cui viviamo. Vogliamo cambiare qualcosa? e non parlo di destra e sinistra. Ma cosa significa questa distinzione? Possibile che non vi ricordate come hanno fatto a tirare fuori questa distinzione dopo tangentopoli? Quale fu il terrore della classe politica il giorno dopo tangentopoli? Fu quello di perdere potere, quindi, hanno fatto tutto a tavolino, piano, piano, porta a porta, giorno dopo giorno. E ci siete cascati tutti, risollevando i discorsi sugli ebrei da costanzo, da vespa, ecc.. ecc.
Volete il mio parere, per cambiare classe politica credo che l'unico sistema che ci rimanga sia uno solo: NON VOTARE. Questo è il vero terrore dei politici: PERDERE IL SOSTEGNO POPOLARE. Cosa succederebbe se andassero alle urne il 20% degli Italiani? In base a cosa farebbero le leggi? Vedrete allora che forse incominceranno a tirare fuori dal cilindro anche persone rispettabili (se quelli che ancora esistono smetteranno di lavarsene le mani).

Alfonso Silvani 03.01.06 23:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

D'Alema è il furbo, lo stratega, l'accomodante, l'incantatore, l'arciere, il giocoliere, il prestigiatore di parole, l'uomo di partito, l'oratore demagogo. Il sofista che può convincerti con la stessa veemenza che la guerra in nome della pace sia giusta o che la guerra in nome della pace sia sbagliata. E se non hai le giuste armi difensive,ti raggira. Se questo è il senso che si dà alla politica allora D'Alema è di sicuro il politico per eccellenza. Ma se dalla politica cerchiamo altro non aspettiamoci da lui impegno e coerenza.

Maria Laura Frattarelli 03.01.06 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che D'Alema, verso il quale non nutro astio né particolare simpatia, come tutto il gruppo dirigente dei Ds, preso atto che in questi anni sono stati incapaci di sviluppare un benché minimo programma di sinistra, dovrebbero rassegnare le dimissioni e comunicare alla base la loro colpa. Dopo aver elaborato il lutto per la morte del comunismo e del relativo partito, si sono votati esclusivamente alla conquista del potere con le stesse identiche tattiche che vengono demonizzate nell'avversario politico.

Ma la base - almeno nella sua maggioranza - è ancora di sinistra e spera in un superamento del mercato selvaggio del post-capitalismo.

Enrico Cerquiglini 03.01.06 23:04| 
 |
Rispondi al commento

Povero D'Alema!Bisogna capirlo...Deve pagare 8000 euro di leasing al mese!Mica come quei fortunati che ne pagano solo 500 di mutuo per la casa!Tanto è vero che era stato costretto a vivere in un misero alloggio di un ente al quartiere Prati a Roma dove doveva pagare 400000 lire(non ricordo bene la cifra)di affitto..Mica come quei ricconi che si possono permettere di pagare 1 milione al mese per un bilocale in periferia!I fatti dimostrano come la tanto decantata "pulizia " della sinistra sia solo una facciata!Coglione chi ci crede!La ragione per cui i postcomunisti(perchè ora si chiamano così,dopo aver difeso per decenni regimi che hanno seminato terrore e morte e miseria ovunque siano stati al potere)hanno cominciato più tardi a corrompersi in Italia è solo perchè assunto più tardi di altri il potere..Lasciamoli rosicare questi poveracci!

Stefano Del Rio 03.01.06 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Questo tipo di generalizzazioni danneggiano il Paese, a mio modo di vedere. Credo sia necessario valutare con attenzione gli eventi e trarne le dovute conclusioni solo qualora ci sia, se non certezza, qualcosa in piu` che le indiscrezioni di un giornale fazioso e manifestatamente parziale.
Dire "sono tutti uguali" e` qualunquismo, nulla piu`. Le differenze ci sono e sono evidenti e le persone oneste non dovrebbero avere dubbi da quale parte stare. Il Paese va aggiustato, questo e` certo, ma non votare significa accettare il rischio di vivere altri cinque anni di berlusconismo... Parlare di etica non potra` che farci sorridere, allora.

Giordano Alberta 03.01.06 22:59| 
 |
Rispondi al commento

C'è confusione nella politica e nelle differenze tra destra e sinistra. Ce n'è molta in Italia, ma quello che sta succedendo nell'Inghilterra di Tony Blair deve farci riflettere sul ruolo che dovrà mantenere la sinistra nel terzo millennio. A quanto pare il giovane leader conservatore David Cameron sta rubando la scena e i temi che da sempre sono patrimonio della sinistra europea. Sembra che i conservatori britannici siano diventati più progressisti dei laburisti di Blair. Nel programma di Cameron vengono affrontati i problemi della povertà e del riscaldamento globale, aiutare insomma le fasce più deboli e ridurre le emissioni di gas in atmosfera. I laburisti di Blair non hanno mai osato sfidare apertamente le élite e la grande industria come ha fatto invece Cameron. La stampa britannica è in fermento. Come risponderà il labour party?Sorpreso nel sonno in cui si culla da anni, forse inizierà ad abbandonare quell'eccessiva cautela che lo contraddistingue da troppo tempo. Blair!Dì qualcosa di "laburista"!

Maria Laura Frattarelli 03.01.06 22:49| 
 |
Rispondi al commento

Hai ragione Daniele:D'Alema è una grande risorsa per la sinistra,l'unico in grado di tenere testa a questa destra becera e cialtrona.Penso che attaccarlo in questo momento ,a poche settimane dalle politiche, sia dannoso e controproducente.

Luca Monterosso 03.01.06 22:35| 
 |
Rispondi al commento

da certi interventi deduco che ai buongustai della CdL basta sentire un odore di cacca ( e da Fassino vogliamo sapere se è una puzzetta o una puzzona; è onesto che ce lo dica), che loro ci si tuffano dentro per abbuffarsi.
Ritornate nella vostra fogna pezzenti maledetti senza speranza, in questo spazio ci si può confrontare solo se si ha tensione civile e vuole un mondo migliore. Ed il primo obiettivo della tensione civile vuole la testa del Berlusconi, non dimentichiamocelo mai.
Un saluto Toto

antonio dal tio (65) 03.01.06 21:56| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti,io ho ancora fiducia nel popolo italiano e credimi non è poco di questi tempi,ho ancora fiducia nel sistema elettorale,qualsiasi sia ci permette comunque di dare preferenza a qualcuno piuttosto che un'altro;ahimè però siamo a quanto?!tre,quattro mesei dalle elezioni?!e chi andiamo a votare???un ladro di destra o uno di sinistra?uno stronzo di qua o uno di là?il vero problema secondo me è che non si fanno più battaglie politiche serie dal basso,le proteste non possono essere solo per il tav,i metalmeccanici che ormai non lavorano più,le spiagge pulite o gli rosi polari,certo sono importanti, ma dovrebbero essere più globali,verso un cambiamento del sistema e non solo stop alle riforme,opposizione senza programmi ma solo interessi superficiali o da rotocalchi,mi fanno tutti schifo,o meglio, tutti quelli che si vedono in tivù,cioè quelli che alla fine hanno più controllo sulle masse,qualcuno di buono sicuramente c'è!!spero,cerchiamoli e spingiamo loro sul podio e non i soliti,vecchi,volponi e criminali vari...ciao a tutti!rivoltiamoli come i calzini!!!Nicola

Nicola Antolini 03.01.06 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo non conosco a fondo il mondo della sinistra perchè appartengo all'altra area culturale. Ritengo che Fassino non voglia e non sia in grado di mettere in atto il suo invito di fare il funerale al Dalema e magari a quel simpatico individuo del Violante, mi sembra ex sinistra indipendente. Troppi interessi sono legati intorno al Dalema che dopo decenni di potere ne hanno fatto un oligarca come il Violante. Prima di riuscire a fare fuori un oligarca ci vuole un miracolo di San Francesco in modo particolare se viene da certe zone d'Italia, una delle peggiori democrazie rappresentative dell'Occidente. Ma poi anche se riuscisse il buon compagno dell'ex PCI, oggi formazione politica socialdemocratica, a fare fuori quel figliolo di brave persone del baffino che vantaggio ne verrebbe al DS ed allo schifo di Paese che è attualmente l'Italia??? Ci vuole ben altro caro Grillo e lei lo sa anche se non ritiene di doverlo dire per non danneggiare del tutto i compagni erranti. Ci vuole prima di tutto che cambino gli attuali STATUTI di partito che sono di tipo élitario dove si sale verso il vertice solo per cooptazione (Ostellino scriverebbe dei peggiori). Questi statuti per aristocratici della politica, professionisti in carriera pronti a fare fuori la nonna paralitica pur di restare a comandare, sono denominati anche "lieninisti" perchè ricordano tanto la struttura del partito centralizzato messe a punto da quel genio della rivoluzione che era Lenin. Senza cambio radicale di STATUTO niente partecipazione dei cittadini, niente rinnovamento solo consolidamento delle attuali fameliche oligarchie che non sanno distinguere tra confederazione e federazione europea e ritengono che l'Italia, piccolo ed insignificante paesucolo, possa risolvere da solo i problemi del nostro tempo con una valanga di chiacchiere spesso incomprrensibili per la maggior parte di cittadini onesti ma ingenui ed addormentati. Caro Grillo la soluzione è: cambiare gli STATUTI per aprire al popolo sovrano

GIORGIO RITUCCI 03.01.06 20:55| 
 |
Rispondi al commento

devo dire, che trovo assolutamente tardivo questo intervento su d'alema.
Alle feste dell' Unità di mezza Italia, il compagno greganti fu osannato, nessuno spese una parola sulla fatto in se. il compagno greganti aveva incassato una mazzetta, ma rifiutava di dire diretta a chi. Si assunze la colpa e questo lo fece divenire un eroe.. Macchè, era un mariuolo!! Incassava mazzette come gli altri mariuoli, diretti a chi...solo gli ingenui non lo sanno.
si è continuato con telekomn serbia....nonostante i pareri sfavorevoli della nostra ambasciata, l'italia ha acquistato a 10 , per poi vendere a 6. Il presidente del consiglio (prodi) ed il ministro degli esteri (fassino) ne sono usciti puliti, prendendosi la patente degli incompetenti con un : non sapevamo.
di cosa ci stupiamo adesso? Quetsa è figlia di quella degenarazione....siamo onesti, almeno noi,.
Paolo Liccardi

paolo Liccardi 03.01.06 20:37| 
 |
Rispondi al commento

LA DEMOCRAZIA DIRETTA E' LA VIA

Scrive Dick Morris, consulente di Clinton:

"Che la democrazia diretta via Internet sia buona o cattiva è domanda futile. È inevitabile. Sta arrivando ed è meglio mettersi l'anima in pace".
Morris prevede che "attraverso i siti interattivi politici e informativi la gente sarà in grado di votare su qualsiasi questione".
Di qui è breve il passo da una democrazia rappresentativa a una democrazia diretta e poi "continua". Un referendum ininterrotto su tutto. È una prospettiva che eccita molto Morris: "A Thomas Jefferson sarebbe piaciuto vedere Internet. La sua visione utopica di una democrazia basata su assemblee comunali e sulla partecipazione popolare diretta sta per diventare realtà".
"Ciò che le piccole dimensioni e la vicinanza geografica permisero all'antica Atene di realizzare, sarà realizzato dall'America e dal mondo grazie ad Internet."

Daniel B. Jeffs, fondatore del Direct Democracy Center negli Stati Uniti:

"La Democrazia diretta dovrebbe essere realizzata per mezzo connessioni internet sicure portate direttamente presso le case degli elettori. I votanti dovrebbero essere in grado di istruire e dirigere le azioni dei loro rappresentanti. Tutto il potere politico dovrebbe essere presso il popolo.
Tutti i rappresentati ufficiali dovrebbero essere "non partisan". Basta con la politica dei partiti nel processo delle elezioni o nel controllo del governo. Niente più campagne elettorali finanziate dalla corruzione. Solo la gente può annullare il disastro in cui abbiamo permesso a noi stessi di finire negli ultimi 200 anni. I sistemi di governo sono diventati mostri perpetui perchè gli abbiamo permesso noi di crescere. Ora sta a noi tagliarli alla radice, riducendo il governo a solo ciò che è realmente necessario e a mantenerlo in tal modo.
Possiamo fare questo solo per mezzo della Democrazia Diretta. La rivoluzione dell'informazione ha già preso questa strada, e noi la seguiremo."

http://www.internetcrazia.org

Danila Fava 03.01.06 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Grillo , perchè hai cancellato il mio commento?Ti chiedevo solo di fare un pò di ovvia ironia su Fassino, di "statura personale e morale indiscutibile",come dici, ma pieno(vedi Corriere del 3 gennaio p.6 sulle intercettazioni) di NOI che "..SIAMO PADRONI DI UNA BANCA!?".. NOI CHE ABBIAMO IL 15 PIU' 4 DELLE COOP FA IL 19 A NOI.." NOI CHE "PRIMA PORTIAMO A CASA TUTTO" e poi faremo le denunce: ma le Coop siamo noi? O il dialogo di Fassino con il compagno Consorte accenna a dei noi di sinistra duri e puri, di statura morale e personale indiscutibile? Ti chiedevo, nel mio messaggio cancellato, di fare finalmente un tuo spettacolo con qualcosa di sinistra, su Fassino e compagnia finanziaria e padronale cantante: ti assicuro di venirci, pago io, non i NOI di cui sopra! Massimo, un tuo assiduo spettatore

massimo saraz 03.01.06 20:05| 
 |
Rispondi al commento

fassino dacci una mano e dì qualcosa di sinistra:NO TAV NO PONT NO TAV NO PONT il riscatto di tanti italiani veri passa dal cancellare la legge obiettivo ... vedrai da quanti chirurghi dovrà passare il nano cementificatore per nascondere la rabbia

piero bartorelli 03.01.06 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
da sempre considero D'Alema il miglior cervello politico in circolazione....certo a molti potrà risultare antipatico, ma questo nn può e nn deve mai essere un pretesto per attaccarlo.......ammetto che le recenti intercettazione destino perplessità.....ma la questione va approfondita e nn solo in sede giornalistica ma anche giudiziaria, come è giusto che sia. Vorrei però che ricordassi una cosa: mai confondere la classe politica odierna di destra con quella di sinistra! Io vivo in Sicilia, a Palermo, disgustato e governato da un centrodestra colluso e marcio........e la sinistra?Incapace di un'opposizione seria, certo, ma non collusa.......è questa la differenza! Critichiamo pure D'Alema, Fassino ma ricordiamoci sempre chi hanno di fronte.....e che se siamo in Europa lo dobbiamo anche a loro. Non credi?
Ciao

Daniele Tinè 03.01.06 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fatemi sentire la satira del Grillo sparlante su Fassino e sinistra Consorte, e poi raccoglietemi con l'anima benedetta! per favore Grillo dimmi se sei disponibile a recitare questa grottesca comica: Una voce grave recita..."Fassino , tira fuori i globuli rossi, fai pulizia ..."tu che hai "una statura personale e morale non discutibile..." Segue la tua stessa voce, a mo' di Fassino festante(da Corriere 3 106 p.6)" E allora SIAMO padroni di una banca?!", e ancora, "NOI abbiamo il 15 più 4 delle Coop"(la coop siamo noi!) tu che ci metti,compagno.."come arrivi al 51?" e ancora:"aspetta..prima PORTIAMO a casa tutto".Grillo a che data lo spettacolo? Rispondimi, che ci vengo,pago il biglietto doppio!! Massimo

massimo saraz 03.01.06 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Un PM non puo' essere il capo dei GIP,mentre il resto mi sembra ancor piu' errato... vediamo:


1.Antonveneta era gia' guidata da ABN AMRO, li' chiamata da Fazio quando le cose andavano male


2. Fiorani & C hanno iniziato una scalata in modo contrario alla legislazione vigente, ben lontano dal mercato, sfruttando anche la vicinanza di certe autorita' e senza pagare il dovuto a ABN AMRO


3. quando poi obbligati a fare OPA e/o OPAS hanno sempre offerto scambi con azioni poco liquide, facenti parte del gruppo, che quotavano sempre molto sotto i valori teorici (vedi articoli di quei giorni)


4. l'offerta era complicata dal fatto che BPL non era abbastanza capitalizzata da poter comprare Antonveneta e quindi i furbetti hanno inventato cessioni fittizie, eludendo la normativa e scaricando commissioni reali sul conto della banca (a danno degli azionisti - che ovviamente non sono mai stati informati preventivamente delle operazioni in corso...)


5. Chi ha sempre creduto al mercato e' stata ABN AMRO che ha offerto 26.5 euro a tutti.


6. Non ci si puo' richiamare al mercato quando si fa Insider Trading e si fanno scalate fantasma fino a raccogliere il 50% dei voti, facendo inoltre cessioni fittizie e portage. Il mercato esiste se le regole sono rispettate, se no e' far west.


7. Guido Rossi e' un illustre avvocato, in passato presidente della Consob, che si e' sempre battuto per la trasparenza ed i diritti dei piccoli nella borsa e nell'economia italiana.

In ogni caso, puoi anche pensare che io sia stipendiato da ABN AMRO e/o abbia sposato una nipote di Guido Rossi....meglio l'aurea guida di Sant'Antonio da Alvito !

Roberto Mazzini 03.01.06 19:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un PM non puo' essere il capo dei GIP,mentre il resto mi sembra ancor piu' errato... vediamo:


1.Antonveneta era gia' guidata da ABN AMRO, li' chiamata da Fazio quando le cose andavano male


2. Fiorani & C hanno iniziato una scalata in modo contrario alla legislazione vigente, ben lontano dal mercato, sfruttando anche la vicinanza di certe autorita' e senza pagare il dovuto a ABN AMRO


3. quando poi obbligati a fare OPA e/o OPAS hanno sempre offerto scambi con azioni poco liquide, facenti parte del gruppo, che quotavano sempre molto sotto i valori teorici (vedi articoli di quei giorni)


4. l'offerta era complicata dal fatto che BPL non era abbastanza capitalizzata da poter comprare Antonveneta e quindi i furbetti hanno inventato cessioni fittizie, eludendo la normativa e scaricando commissioni reali sul conto della banca (a danno degli azionisti - che ovviamente non sono mai stati informati preventivamente delle operazioni in corso...)


5. Chi ha sempre creduto al mercato e' stata ABN AMRO che ha offerto 26.5 euro a tutti.


6. Non ci si puo' richiamare al mercato quando si fa Insider Trading e si fanno scalate fantasma fino a raccogliere il 50% dei voti, facendo inoltre cessioni fittizie e portage. Il mercato esiste se le regole sono rispettate, se no e' far west.


7. Guido Rossi e' un illustre avvocato, in passato presidente della Consob, che si e' sempre battuto per la trasparenza ed i diritti dei piccoli nella borsa e nell'economia italiana.

In ogni caso, puoi anche pensare che io sia stipendiato da ABN AMRO e/o abbia sposato una nipote di Guido Rossi....meglio l'aurea guida di Sant'Antonio da Alvito !

Roberto Mazzini 03.01.06 19:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nell'elezioni del 1994, cioè quando vinse per la prima volta Berlusconi, la sinistra (e non centro-sinistra) misurò la sua forza, intera, con il 35% dei consensi. Il referendum sulla procreazione assistita, il quale ha visto la partecepazione dei No, ha votato una percentuale di persone tra il 20 e il 25% (cioè circa il 10% in meno nonostante la sua importanza). Bisogna aggiungere, come tutti ricordano, che il segretario P.FASSINO si spese per quel referendum e la regola vuole che quando un segretario di un partito perde un voto simile, il giorno dopo si dimetta. Morale: in questa Italia dove c'è una parte della sinistra che crede che i DS siano troppo moderati, alla fine non fa poi molto per spostare, nei fatti (vedi referendum) il baricentro.

Mauro Mazzilli 03.01.06 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe opportuno che ognuno di noi conservi un minimo, ripeto un minimo di memoria storica. Prodi l'ha fatto cadere Bertinotti e il Prc e non, come spesso accade di affermare, D'Alema. In ogni caso giocare al massacro a sinistra ragionando solo con la pancia e non usare la testa significa ridare il paese in mano a Berlusconi. Ha ragione Casini quando dice che la partita è ancora aperta

Mauro Mazzilli 03.01.06 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Più che un commento una domanda:premesso che chiunque è libero di comprarsi una barca (anche se Barca, storico direttore dell'Unità, pensa che un comunista non debba); che il leasing è una forma di pagamento molto diffusa (anche se molto più oneroso di una normale rateizzazione e, in particolare, utilizzato da chi intenda detrarsi dal reddito il costo della barca); che il costo di una barca, di norma, può essere detratto dal reddito soltanto da chi usi la barca per lavoro (es. un pescatore); che detrarselo per altri fini sia non solo immorale, ma anche reato; che consegnare al proprio partito, ogni mese, diecimila euro (cioè la metà dello stipendio di un parlamentare) non è una buona azione, come può sembrare a prima vista, bensì un reato, dal momento che non rispetta la legge sul finanziamento dei partiti; che il primo, il più grande ed il più noto conflitto di interessi in Italia è, da almeno quarant'anni, quello che 'lega' cooperative-comuni-province-regioni al 'partito'.
Tutto ciò premesso: come mai Nanni Moretti e le sue amiche non hanno ancora organizzato un 'girotondo' a Bologna intorno all'UNIPOL?
P.s.
Oggi, sul Corriere, ci si interrogava sul perché gli intellettuali non abbiano ancora preso posizione sui casi D'Alema-Consorte. Forse anche loro, gli intellettuali, sono 'di sinistra'.

nullo pirazzoli 03.01.06 17:33| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe mi presenti fassino come l'uomo nuovo in grado di ripulire i DS ?
al tg di ieri sul caso delle intercettazzioni unipol il dipendente fassino invece di spiegare onestamente l'accaduto , si scandalizza sul fatto che i parlamentari non possono essere intercettati .
secondo me i nostri rappresentanti devono essere trasparenti e non si devono nascondere agli sguardi anche critici di chi devono rappresentare dietro a privilegi o a leggi a personam.

vittori massimo 03.01.06 17:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si occorre tirare fuori il thompson come dice bocca

roberto giraudo 03.01.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Haa Haa Haa ......... comunisti !!!!!!! .........
Come da sempre sostengo non c'è differenza fra Comunismo e Fascismo...... l'unica differenza è il colore poi è tutta m...a.
Un consiglio Non andare a votare.

Paolo Tesi 03.01.06 16:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Personalmente sono allibito dai commenti che leggo! Le persone SERIE non sono di destra o di sinistra: sono SERIE e basta. Su questo blog intervengono anche persone di destra, stufe di essere prese in giro da questo o quel governante, a PRESCINDERE dal colore.
Io sono sempre stato di destra, e non me ne vergogno. Adesso sono convinto che Berlusconi debba essere mandato a casa, NON perchè appartenga ad uno schieramento di centro-destra, ma perchè ha fallito. Così come il buon Prodi è, secondo me, impresentabile perchè in passato ha fallito anche lui.
Dobbiamo mandare a casa TUTTI gli inaffidabili, che siano di destra o di sinistra. Dobbiamo invece cercare di tenerci TUTTI i personaggi SERI ed eleggerne di nuovi.
Su questo sito NON dovrebbero esserci inutili scontri fra schieramenti, perchè questo è quello che vogliono i nostri parlamentari, inquisiti, condannati e non. Qui dobbiamo solo far capire, e capire noi stessi, che l'Italia NON va' avanti se affidata ai soliti personaggi. Occorre gente nuova ed apparentemente affidabile: se poi sarà stata incapace rimanderemo a casa anche quella, a prescindere dallo schieramento. Una cosa è certa: NON abbiamo bisogno dei personaggi CERTAMENTE non-affidabili. Di destra o di sinistra.

Stefano Bornia Commentatore in marcia al V2day 03.01.06 16:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' vero che Guido Rossi, Consulente ABN Ambro, è amico intimo del p.m. Francesco Greco, capo dei G.i.p. di Milano (oltre che suo consulente per questioni finanziarie), alle cui dipendenze lavora il giudice Forleo, la quale ha disposto il sequestro delle azioni Antonveneta in mano alla B.P.I. (Fiorani), permettendo all'ABN Ambro (di cui Guido Rossi, che parla inglese, è consulente) di acquisire di fatto l'Antonveneta malgrado il mercato (con la minuscola, cioè quello vero) li aveva sonoramente bocciati?
Dai, Beppe, Tu che guadagni sicuramente meno di D'Alema, illuminaci su questa vicenda.

luigi d'artibale 03.01.06 16:35| 
 |
Rispondi al commento

vogliamo sconfiggere il nano o il nanismo?
entrambi,vero?
allora prima di tutto bisogna non diventare nani e se forme di nanismo sono presenti all'interno del nostro corpo,gli anticorpi devono agire ed eliminare il virus che ci infetta
per sconfiggere il nano bisogna diventare nani? non credo
per me che i capetti ds desiderino avere una banca è dimostrazione di nanismo politico (una roba da lega)
una scarsa considerazione ed una incapacità di considerazione della propria base politica popolare.
Se i dirigenti politici cambiano le loro idee a seguito della loro nuova condizione socio-economica ebbene rappresentano esclusivamente loro stessi e i loro pari
si ricordino che noi non votiamo il nano
forse loro potrebbero anche farlo.....

Riccardo Fiume 03.01.06 16:16| 
 |
Rispondi al commento

parlate come se in Italia esistessero solo i DS e/o Berlusconi... si può anche votare altro no?!

Marco Imperiale 03.01.06 16:15| 
 |
Rispondi al commento

i ds hanno perso da tempo il mio voto, non mi rappresentano e hanno anche fatto fallire una piccola cooperativa di cui sono presidente, nata per dare lavoro a disabili, ma con un grave handicap: avere nello statuto due punti inderogabili l'aconfessionalità e l'apoliticità.
Questa non è più l'ideale politico di dirigere il capitalismo su modelli socialisti, è solo un'altra forma di capitalismo. Nel mondo delle coop da tempo questi signori accumulano appalti e te li danno in subappalto come la mafia. Non voterò!

roberto giraudo 03.01.06 16:13| 
 |
Rispondi al commento

Non bisogna aver paura della verità ma senza perder di vista la priorità N. 1.

Per chi ha la memoria corta può leggere uno dei tanti libri su Berlusconi. Io sto leggendo le BERLUSCOMICHE di M. Travaglio, un libro comico e tragico allo stesso tempo leggendo il quale, si può capire che, qualunque siano le colpe dei DS, si tratta sempre di peccatucci veniali rispetto a quelli di Berlusconi.

Nessun paese può vivere a lungo di imbrogli, corruzione, evasione fiscale, condoni, leggi ad personam, crack finanziari e speculazioni. Mandiamo a casa Berlusconi e i suoi sodali poi, in un secondo tempo, anche gli altri della sinistra per rinnovare tutta una classe politica allo sfascio. Lasciamo lavorare la magistratura che, sinora, è stato l'unico strumento efficace contro la disonestà e l'arroganza della nostra classe politica.

Alfio Mazzocchio Commentatore in marcia al V2day 03.01.06 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Sarà pure che "Il Giornale" è di piersilvio, ma se le intercettazioni risulteranno confermate ci ritroveremo con Fassino invischiato in una questione davvero molto delicata e il popolo di sinistra sarà orfano di un "Faro nella notte buia e tempestosa".A questo punta sembra che tutti sapevano tutto,tranne il popolo italiano che ancora sceglie i suoi politici in base a delle idologie, per scoprire poi che l'unica ideologia che regna sovrana è quella del dio denaro.Spero che questo casino non faccia perdere le elezioni alla sinistra altrimenti saremo davvero nella m....
P.s:Dite a Veltroni di muoversi oppure sarà tardi

Tanti saluti dalla rossa Puglia vi saluto

argentiero daniele 03.01.06 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sarebbe ora che si celebrasse questo funerale. E' inaccettabile l' egocentrico D'alema dopo aver fatto cadere Prodi per smania di potere, dopo aver dato vita a contratti che calpestano la dignità dei lavoratori, dopo aver favorito loschi personaggi nella scalata a Telecom Italia e tante altre cose possa ancora avere "potere" all'interno dei DS.
Questo signore sembra la fotocopia di Berlusconi, l'unica differenza è che con un pizzico di intelligenza in più riesce a "contenersi" in merito a esternazioni relative ai suoi disegni e capacità..... ma chi lo conosce un pò da vicino sa che forse anche lui si considera "Unto dal Signore"

Carlo Rossi 03.01.06 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Non bisogna aver paura della verità ma senza perder di vista la priorità N. 1.

Per chi ha la memoria corta può leggere uno dei tanti libri su Berlusconi. Io sto leggendo le BERLUSCOMICHE di M. Travaglio, un libro comico e tragico allo stesso tempo leggendo il quale, si può capire che, qualunque siano le colpe dei DS, si tratta sempre di peccatucci veniali rispetto a quelli di Berlusconi.

Nessun paese può vivere a lungo di imbrogli, corruzione, evasione fiscale, condoni, leggi ad personam, crack finanziari e speculazioni. Mandiamo a casa Berlusconi e i suoi sodali poi, in un secondo tempo, anche gli altri della sinistra per rinnovare tutta una classe politica allo sfascio. Lasciamo lavorare la magistratura che, sinora, è stato l'unico strumento efficace contro la disonestà e l'arroganza della nostra classe politica.

Alfio Mazzocchio Commentatore in marcia al V2day 03.01.06 15:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COMPAGNO??? Certo ke è un pò arduo nomarlo tale, specie se naviga di bolina...capisco le passioni e gli amori, quello per la caccia, per le donne, per i paesaggi, per la lettura, per il cinema; quello per la vela mi sembra oltretutto legittimo, eccezsion fatta per i COMPAGNI. Non ti pare?

cristiano raimondo 03.01.06 15:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, posso solo dire che la Chiesa manda in pensione i suoi preti a 75 anni, noi invece dopo aver votato i nostri politici per tutta la vita alla fine, per non perderli, li facciamo senatori a vita. Saluti

Giorgio Zanello 03.01.06 15:20| 
 |
Rispondi al commento

E' esplosa la santa indignazione contro i DS , contro Fassino e contro D'Alema ,per uno scoop di un giornale di Silvio Berlusconi.

A me pare che le intecettazioni dimostrino semplicemente che i DS tifavano per Consorte e non per altri finanzieri (p.e. Livolsi), cosa forse non azzeccata me neppure degna di roghi sulla piazza del mercato.
La campagna proseguirà sostenuta da

mauro martino 03.01.06 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Che vergogna... bisogna avere la faccia di bronzo per prendersela con Fassino, che tutto cio che ha sempre fatto, e' stato di battersi con tutte le proprie forze per il rafforzamento delle proprie idee. Riuscendoci, riunificando tutte le aree del partito che si erano divise dopo anni durissimi di perdita d'identità.
Le cooperative sono ROSSE, fanno parte di questa identità, ed e' GIUSTO, anzi SACROSANTO che il segretario DS si informi su manovre che le riguardano. E dalle telefonate e' CHIARO che si informava su come erano andate le cose e non su come intervenire. Ma mettete davvero sullo stesso piano queste telefonate con il caso SME-MONDADORI? Un premier che è accusato di aver CORROTTO GIUDICI per comprarsi una cosetta come Mondadori, ed un segretario che chiede com'è andata un'OPA? Sarebbe come voler equiparare il processo di Norimberga ad uno posteggiato in doppia fila!!!
Fassino è l'unico che può tenere la situazione, ha già fatto un restauro nel partito, può anche ricostruirlo, se sarà necessario. Basta che tutti capiscano che sfogare le proprie frustrazioni su di un uomo noto per il proprio rigore morale, coerenza e sacrificio, non aiuta di certo a creare un paese migliore.
Ricordiamoci: siamo ancora MEGLIO noi!
Non lo capite? Benone, ad Arcore sono pronti a darvi un portachiavi col biscione ed una cartolina autografata della Lecciso omaggio per la vittoria... vittoriosi ed impuniti, intoccabili come sempre. Gongolando per l'ennesima volta di essere riusciti a "DIVIDERE ET IMPERARE".

Franco Rolli 03.01.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fassino...fai una bella cosa...levati anche tu dalle palle, perchè sei marcio...e portati dietro il tuo lacchè Grillo!

Massimo Grassi 03.01.06 14:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giorno dopo giorno ho imparato a non essere fazioso ed a vedere le cose con i miei occhi quindi ho anche saputo cambiare idea.... e se questa volta a sbagliare non è Silvio Berlusconi non si abbia Paura o Vergogna di condannare tutto il marcio che ci circonda sia di destra che di sinistra!! Se i magistrati hanno " demolito" la DC negli anni '90 per le loro colpe, adesso non gli si può chiedere di chiudere gli occhi per continuare a credere alla favola della sinistra PURA e VERGINE!!! La giustizia faccia LIBERAMENTE il suo decorso. Se i dirigenti dell'opposizione hanno sbagliato si dimettano ed i loro sostenitori diano una prova di maturità NON VOTANDOLI PIU'. Si trovino uomini nuovi con sani principi, soltanto così rinascerà la Politica ed i valori a cui noi italiani ancora crediamo a prescindere dal colore della bandiera che ormai è sbiadita e quindi tempo di ammainare.

giovanni ghetti 03.01.06 14:50| 
 |
Rispondi al commento

se la rappresentanza di chi non ha, mi porta da avere,
posso ancora rappresentare chi non ha?

Silvano Prando 03.01.06 14:24| 
 |
Rispondi al commento

mi rendo conto che questo blog è uno strumento formidabile per demonizzare il ds,i suoi dirigenti e tutti,iscritti e simpatizzanti.Siamo in campagna elettorale ed i commenti pubblicati sono di matrice inequivocabili.Intenti dei dirigenti della vecchia e nuova destra è prevedibile,ma quello che fa ridere sono le sentenze dei rosa-pugno aperto(il pugno chiuso è il simbolo dei lavoratori usato in tutto il mondo,ultimamente anche negli USA)quelli che,per capirci,facevano riunioni del Consiglio dei Ministri e furono cacciati da Bossi,favorevoli alla guerra preventiva per esportare la "democrazia" occidentale,e sono contrari ai sindacati in quanto difensori degli operai, impiegati etc.quelli che,dicono, che Craxi è stato un perseguitato dai Magistrati comunisti (sich!)leggetevi le risultanze degli atti processuali.Quelli che alle passate elezzioni Regionali nelle TV del loro padrone si sono offerti sul mercato partitico al miglior offerente!e meno male che ne sono rimasti fuori.Avessero partecipato col sinistra-centro avrebbero sbandierato che loro erano stati gli artefici della starordinaria vittoria.Il loro ingresso nella coalizione,sono profondamente convinto, è stata architettata dal nano malefico per creare conflitti insanabili all'interno della stessa che,in coincidenza
della nuova legge elettorale,in caso di vittoria,la vita del Governo sarà molto breve.Vado molto all'estero.Ogni volta che rientro in Italia mi prende l'angoscia a verificare che il vecchio CAF è stato sostituito dal BBFC!Spesso ripenso a Gramsci e "la questione meridionale" Morto per un ideale di Italia unita e giusta,e 61 parlamentari siciliani hanno votato per la regionalizzazione "feudale" dell'Italia!La sinistra ha fatto degli errori storici durante la sua presenza al Governo ma fattori di colpa sono molteplici.Come se certi partiti non si fossero associati con la destra per non concedere l'autorizzazione a procedere per certi inquisiti ed altro ancora.Popolo di sinistra meditate,meditate!

indomito latini 03.01.06 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Infatti, chiara, stiamo proprio dicendo lo stesso. Ci vorrebbe un pò di serietà e ricordarsi una frase di Nenni, il quale diceva "ci sarà sempre qualcuno più puro che epura"...beh è una lezione che i DS dovrebbero ricordarsi, anche sulla scia del 92 e cominciare a pensare al mea culpa. Io li voto, ma sempre meno convinta, li apprezzerei ben di più se non si arroccassero sempre sulla solita presunta superiorità morale.
saluti

raffaella donadio 03.01.06 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Ed ora caro Beppe, il tuo caro Fassino deve fare pulizia dentro se stesso non ti sembra???, i tuoi amici (rossi) parlano, pontificano... ma non sono meglio degli altri, adesso se verranno condannati (impossibile con questa magistratura) farai una pagina anche per loro??
ciao
Fabrizio

Fabrizio Vedovati 03.01.06 13:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gente è ora di aprire gli occhi !!! Mandiamoli a casa:Eleggete gente nuova ,basta farci prendere per il c...............

feliciano baiocco 03.01.06 13:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E adesso Beppe, come la mettiamo? Ti sei appellato al Santo sbagliato... Mi sà che ti tocca fare un pò di pulizia anche nel tuo "litte Backyard"...

Mike Gini 03.01.06 13:24| 
 |
Rispondi al commento

se ci spariamo tra di noi al traguardo ci arriva prima il Berlusca, booooooooooo non so che dire............................................ forse a qualcuno che il Berlusca resti dov' e' conviene, ai posteri l' ardua sentenza.

salvo genovese 03.01.06 13:21| 
 |
Rispondi al commento

d'Alema ha già fatto molto di peggio, con le banche. Quando nel 1999 e poi nel 2000 la Cassazione condannò l'intero sistema bancario italiano, stabilendo addirittura che praticavano l'usura, oltre all'anatocismo, le banche italiane avrebbero dovuto risarcire i propri clienti, sborsando una cifra vicina ai 5000 miliardi di lire. E chi le salvò? d'Alema, con un decreto incostituzionale, fottendo i cittadini truffati dalle banche. Perchè allora siete stati tutti zitti? Ora vi indignate perchè ha comprato una barca a rate, ma la vera porcata fu quella.
Tra l'altro, oggi mi è chiaro perchè si è dato tanto da fare per salvare le banche...

Francesco Fois 03.01.06 13:20| 
 |
Rispondi al commento

sono un iscritto ai DS, faccio anche parte della direzione provinciale di Massa Carrara e leggo spesso il blog. Complimenti!!
Sono profondamente indignato per quello che sta accadendo nel mondo della sinistra e su questo sgradevole atteggiamento assunto dal mio partito nei confronti di Unipol, Consorte e dei furbetti del quartiere.
Ritengo che non vi sia nulla di rilevante giudizialmente per i dirigenti diessini, ma invece politicamente, ed è l'aspetto che mi interessa maggiormente, sì perché credo che è ora di finirla con lo "scimmiottare" gli "anni da bere" del craxismo rampante, nel dire che un partito di governo deve anche, nella legalità, sporcarsi le mani e assumemrsi delle "responsabilità", parola con la quale si vuole giustificare tutto e tutti!!
Non posso tollerare che la diffusa illegalità, il capitalismo rampante, il far denaro con nulla abbia preso il posto della fatica e dignità del lavoro, della tutela delle classi deboli e della voglia di rendree questa Italia finalmente pulita.
Quale è la differenza con il comportamento del Berlusca e dei suoi accoliti?
Anche a livello locale avvengono situazioni scabrose nelle quali sono implicati dirigenti diessini e ci si accorge di una volontà di mettere tutto sotto silenzio.
Ne sappiamo qualcosa nella nostra provincia con l'Inchiesta SINBA sul traffico illecito dei rifiuti e dove chi sostiene qualcosa di diverso e chi parla di una nuova questione morale viene bollato come un "pazzo".
Credo proprio che non ci siamo e che sia necessario riacquisire una certa umiltà e rapporto con le comunità dialogando e parlando con loro e non dando minimamente l'impressione di essere sleali.
Credo anche che la lezione di Berlinguer debba essere ripresa da tutto il gruppo dirigente e fatta propria in modo serio e non con vuote parole.
E poi bisogna anche avere il coraggio di mandare a casa qualcuno............

paolo fraschini 03.01.06 13:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OK PROGRAMMA:
Obbiettivo Prioritario:Sconfiggere Berlusconi e la CDL, ma scegliendo personaggi PULITI, quindi via Prodi, Fassino, d?ALEMA, VELARDI,BASSOLINo (e le sue conzulenze d'oro) CHITI ecc.
Riprendiamoci NAPOLITANO, MACALUSO, VELTRONI

angelo rocchi 03.01.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accordo con chi vede negli strenui difensori dei "santi" d'Alema & C, i cristiani pre conciliari che ragionavano da bigotti

Dobbiamo togliere il prosciutto davanti agli occhi ed avere il coraggio di mandarli a casa. Tutti!!!

E' l'ora di cambiare, ma stavolta sul serio, non solo il nome

andrea.andreini@email.it

andrea andreini 03.01.06 12:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a bravo grillo.....
chissa quanto gode il berlusca.....
ma tu da che parte stai?

modesto rosati 03.01.06 12:44| 
 |
Rispondi al commento

IO CREDO CHE INVECE DI DISCUTERE SULLE RESPONSABILITA' DELLA COPPIA FASSINO-D'ALEMA, BISOGNA FARE UN PASSO AVANTI E CONTRIBUIRE A DARE UNA SPALLATA A QUESTI PERSONAGGI CHE VIVONO IN UN MONDO TUTTO LORO (COME IL LORO NEMICO)
IO CONTINUO A PROPORRE UN RUOLO DI RILIEVO PER VELTRONI NEI DS O, ANCORA MEGLIO, AL GOVERNO DEL PAESE
CHI LA PENSA COME ME FACCIA SENTIRE LA SUA VOCE PER CAMBIARE VERAMENTE PAGINA

luciano del corto 03.01.06 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Fra sei mesi si vota, occupiamo e frequentiamo le stanze dei bottoni, le sezioni dove si formano le liste, solo con la nostra presenza riusciremo forse a fare qualcosa.

P.S. andrea andreini è naturalmente uno pseudonimo perché oltre che attaccati alle seggiole, i nostri politicanti e le loro lobby, sono vendicativi

SI SON D'ACCORDO CON TE SE C'E' UNA COSA CHE HA FATTO LA SINISTRA E' QUELLA DI AVER ELIMINATO COMPAGNI DISSIDENTI.

CARLO PISU 03.01.06 12:40| 
 |
Rispondi al commento

non posso non constatare che molti degli intervenuti legati ai DS mi ricordano i peggiori cristiani di tutti i tempi, come atteggiamento a difesa. Sono così presi dell'appartenenza ad una parrocchia che ancora negano (i cristiani) Galileo Galilei e vedono santo ogni papa (per capirci io sono un cristiano con molti dubbi e di contraddizione poche).
Dal massimo delle argomentazioni che leggo mi sembra che sotto sotto si sottende che è pragmatico usare la vasellina, se il fine è buono è roba da provarci gusto. Buon per chi?
Ma dai, è ora che ci svegliamo. Ripeto, il privilegio ci frega, anche di tanti 'compagni'. Non vorrei che tanta difesa provenga da quell'area.
Un saluto Toto

antonio dal tio (65) 03.01.06 12:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

«Fassino, tira fuori i globuli rossi, fai pulizia e appellati alla base con un discorso per celebrare il funerale politico di D'Alema e, visto che ci sei, anche di Violante».
Bravo Grillo sei stato profetico!
Grillo è un grande professionista e non si dica che è parziale: con questa sparata ha creato spunti per la satira di destra che è inesistente!
Bravo Grillo anche tu stavolta hai cavalcato un cavallo bolso!
Vatti a fidare dei comici!

luigi monte 03.01.06 12:27| 
 |
Rispondi al commento

stabiliamo un criterio di giudizio.
Chiunque sviluppi privilegio, speculazione, corruzione, è nemico di chi lavora, produce e paga le tasse.
UNIPOL per tutta la stagione passata, nel mio caso e di altri, ci invitava con petulanza a spostare i nostri conti correnti su UNIPOL, ora si capisce il perchè. A me non sta bene che si diano compensi da capogiro ai Consorte e soci (tanti soldi a scapito di chi?). Diciamolo francamente questa è roba da dannati e da pseudo fascisti della peggior specie.
Detto questo Fassino deve rispondere sul contenuto e merito delle sue telefonate e non ci racconti dell'illegalità delle stesse (sti discorsi li lasci fare, come hanno sempre fatto, a quelli del berlusca).
Certo nessuno di noi dimentica l'illegalità fatta legale del signor Berlusconi e servi- banditi collegati a lui da libro paga. Quindi non dimenticare mai che ogni cittadino civile deve scapottare Berlusconi e tutta la CdL quale primo atto di una rinascita; ma non dimentichiamo che tanta politica, anche di sinistra e di tantissimi portaborse privilegiati ci ha rotto i coglioni. Ad ognuno di loro, per tutte le difficoltà civili che incontro in Italia nel quotidiano, pianterei proprio un bel pugno nello stomaco... e ne conosco di questi pagnottellari. Non mi si dica che questa è violenza, questa, quella vera sulla pelle, la patisco tutti i giorni, quelli si strafogano ed io tiro la cinta (siamo compagni? compagni un ca..o). Non posso non constatare che chi può dar voce alla mia domanda civile sono i Grillo, la Guzzanti, i Gomez, i Travaglio, i Fo ecc eccetera. Dunque paghiamo una politica morta che straconsuma, sperpera e spolpa i cittadini ed il Fassino riassume il tutto nella illegalità delle intercettazioni!.
Un saluto Toto

antonio dal tio (65) 03.01.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Sul "secolo xix" (volutamente minuscolo...) che Tu purtroppo conoscerai bene, in data 03.01.2006 viene dato largo spazio alle repliche dei DS genovesi al tuo post relativo a Fassino e D'Alema.
Credo che meriti di essere letto perchè, se qualcuno avesse ancora qualche dubbio, si potrà rendere conto del tipo di informazione che tale quotidiano-carta-igienica fa. Da buon Genovese ho smesso da tempo di sfogliarlo (figuriamoci leggerlo...), ma purtroppo per me mi è capitata in mano una copia per puro caso.
E se fondassimo TUTTI assieme un VERO QUOTIDIANO??!!

Stefano Bornia Commentatore in marcia al V2day 03.01.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento

A parte che tutti sanno, salvo gli ingenui e i giudici, che le Coop Rosse passano tangenti ai DS.
A parte che, lo sanno tutti colo che vivono Emilia e Toscana, il "bacino di voti" è creato con un sistema a tenaglia che alla fine ricatta i cittadini che non la pensano in un certo modo; c'è qulcuno che crede che controllare le Banche abbia minore importanza del fatto di controllare le televisioni?

Stefano Anedda 03.01.06 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Io non capisco. Faccio davvero tanta tanta fatica. Qualcuno, per favore, mi spieghi di cosa stiamo parlando. Della sinistra pura che vive in un mondo dove tutti sono cattivi e invischiati nel malaffare tranne i militanti della sinistra? Come è possibile anche solo pensare che la politica e la finanza debbano viaggiare su due rette parallele? Insomma, un pò di realismo! E' quasi demagogia pensare il contrario e se poi Fassino o D'Alema sapevano dell'affaire BNL cosa c'è di così scandaloso? Qualcuno vi ha mai detto che una parte delle coop sono denomitare rosse per via del legame con un partito che usava come simbolo la bandiera rossa? Che si dica che le coop sono un gran bacino elettorale e finanziario dei DS, che scandalo c'è? Quanto è scandaloso dire che esiste un asse tra il movimento cooperativo afferente alla Legacoop e i DS ma questo non vuol dire che se Consorte ha rubato allora tutti hanno rubato. Non si getti fango sulle cooperative tutte a causa di un uomo, così come non ci si scandalizzi se Fassino di informa sulla scalata BNL. Richiedo quindi aiuto a chi vorrà essere così gentile da spiegarmi di cosa stiamo parlando. Se qualcuno dev'essere indignato quel qualcuno è da cercare nelle file delle migliaia di soci di cooperative che tutti i giorni lavorano e costruiscono "qualcosa di diverso" e che hanno tutto il diritto di essere incazzati con Consorte che ha tradito i valori e i principi della cooperazione, pur cavalcandoli quando gli è convenuto. Tutto il resto sono solo ciance e favole.

Raffaella Donadio 03.01.06 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo, BASTA, via D'ALEMA, e FASSINO, diano un segnale al popolo della sinistra, sarà anche strumentalizzato, ma è un fatto: dove c'è l'inciucio c'è D'ALEMA !

maria de petri 03.01.06 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Possiamo chiedere ai DS di fare il mea culpa, cosa che dovevano già fare nel 1992 ai tempi di Tangentopoli, quando rubavano come e forse più di Craxi, ma sono usciti vergini ?
QUando lottizzavano in ogni regione rossa, come e più degli altri.
Quando si impradonivano delle banche (lo sapete per esempioc he MONTE dei PASCHI è "robba" esclusivamente loro", che il SANPAOLO è+ guidato dal Direttore Generale MODIANO, marito di BArbara Pollastrini, braccio destro di d'ALEMA ?
ecc. ecc.
ALLORA BASTA con questi personaggi BASTA BASTA

Giancarlo RE 03.01.06 11:50| 
 |
Rispondi al commento

A Francesco. Hai ragione circa i piagnistei, ritengo che il popolo di sinistra sia abbastanza sconfortato dai profili degli esponenti che dovrebbero rappresentarlo, almeno io lo sono, ma sono anche convinta che la coalizione di centro-destra sia vergognosa. Mi vergogno di questo governo. Non ho, peraltro, soluzioni da suggerire, credo dovremmo essere meno passivi, credo che, qualsiasi siano gli ideali, dovremmo valutare l'operato di chi il nostro Paese dovrebbe amministrarlo e bocciare le iniziative deleterie da qualunque schieramento provengano. E' vero che a sinistra ci si lamenta troppo, e spesso ci si lamenta e basta, ma perchè a destra non vi lamentate mai? Eppure tu stesso hai detto che non ti piace Berlusconi (sfido!) e che hai votato il meno peggio. Il fine dovrebbe essere comune ... o no?

Angela Pulito 03.01.06 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Già che ci siamo espelliamo anche l'intelligentissimo sindaco di torino e l'assessore alla cultura del comune che in questi anni hanno garantito gli investimenti delle Olimpiadi a ristrette cerchie di amici, negando la possibilità di emergere a noi giovani - impegnati nel settore cultura e coinvolti nella promozione della nostra città.
Di 9 milioni di euro destinati alle politiche culturali, 6 milioni sono andati a Ronconi : non solo consulente, ma direttamente produttore di spettacoli. Questi sono i conflitti di interesse di cui mai nessuno parla. i restanti 3 milioni sono stati divisi tra alcune centinaia di progetti...
Questa è la sinistra da cui prendere distanza.
Fatta di altrettante cerchie di amici, antidemocratica.
Torino è un campione fenomenale per tutto ciò che la sinistra in cui credo non dovrebbe e non deve essere.

Andrea Tedesco 03.01.06 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Come volevasi dimostrare!
E adesso che sotto strozzo c'è anche Fassino a chi chiediamo di fare pulizia: al segretario della sezione dei Ds di Canicattì?
Per chi avrà la pazienza di rileggersi quanto ho scritto ieri...
Smettiamola con questa storia!
L'attacco ai DS ha l'obiettivo di dimagrire la sinistra, dare una guida moderata al futuro partito democratico e farci perdere le elezioni!
Volete partecipare a questo banchetto?
Accomodatevi!
Per quanto mi riguarda ho chiuso con Grillo, belli i tempi nei quali veniva alle feste de l'unità lautamente pagato dai compagni..., con questo blog, utile solo a fare rivincere Berlusconi, con i falsi moralisti e quanti possono permettersi il vezzo di disquisire finemente su cosa dovrebbe fare il centrosinistra.
La politica non è un salotto.
Coloro che vogliono essere elite possono incontrarsi nella sala da the qui a fianco e ricamare all'infinito sulle dichiarazioni di D'Alema e Fassino quanto vogliono.
Preferisco che il centrosinistra si occupi del Paese che non cresce, dei precari, dei giovani, della voglia di futuro.
E che reagisca all'aggressione politica del Foglio e del Giornale.
Andate tutti a vedere un film di Nanni Moretti e uno spettacolo di Grillo.
Ma non confondete uno show con i problemi dell'Italia!
W D'Alema, W Fassino, W i Ds, W il centrosinistra e Berlusconi all'opposizione!

massimliano stagni 03.01.06 11:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

innanzitutto, compagni e compagne (ye!) nomi e cognomi (i nostri) ! se dobbiamo portare alle estreme conseguenze la condizione civile del nostro Paese facciamolo senza la benda e guardiamo in faccia i nostri sicari (di qualunque colore siano, anche il nostro).

Qualcuno vorrebbe rispondere a due domande :
1) in quale nazione la situazione è diversa? Cioè esistono politici che hanno il senso dello Stato delle regioni e dei comuni (perchè in tal caso potremmo pensare ad una sentenza Bosman applicata alla politica e comprare per esempio un'attaccante tedesco come Schoeder o un centrocampista spagnolo come Aznar, o proporre a Clinton qualche stagista Italiana in cambio di 5 anni al governo della Penisola)
2) i nostri Leader sono tali in senso Napoleonico (cioè tanti morti ma per il sogno di unire l'Europa alla faccia delle monarchie e noi non lo capiamo) oppure hanno una visione alla sceriffo di Sherwood che spreme i poveri contradaioli a più non posso (in tal caso ci vuole un Robin Hood)per il solo interesse della sua banda?
Ai vostri post le ardue sentenze.
Ps. Uè Grillo ma tutto 'sto casino porta a qualcosa oppure noi, oltre al fegato, ci (ri)mettiamo anche nomi e cognomi (con KGB e CIA che ci spiano), non sarai mica un delatore dei dipendenti?

Peppe De Nicola 03.01.06 11:25| 
 |
Rispondi al commento

LE AVVENTURE DEI NOSTRI POLITICI,CHE CON SOMMO

SPREZZO DEL PERICOLO E INSTANCABILI LAVORATORI

LOTTANO PER IL BENE DELL'ITALIA E DEGLI

ITALIANI..

LEGGETE QUI..

www.borsari.it/Giaccheferru5.php

www.borsari.it/Giaccheferru2.php

BUON ANNO..

SANDRO GOZZI 03.01.06 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Il mio commento non è per la verita strettamente connesso a questo articolo, ma a ciò che ho letto nella versione internet del corriere della Sera dove Beppe Grillo a proposito di D'Alema diceva tra le altre cose (tutte condivisibili) che al medesimo non piace il computer nè il cellulare. Questo mi ha un pò indispettita perchè mi sono sentita indirettamente coinvolta. Anche a me non piacciono, ma non per questo mi sento out anzi mi sembra quasi un segno di civiltà. Il computer va usato a ragion veduta e l'uso del cellulare è per me la peggior violenza alla privacy di una persona. Certo si può tener spento, ma allora perchè averlo? Mi creda il discorso sarebbe molto lungo, ma non credo proprio che l'utilizzo o meno di questi due strumenti sia indizio di scarsa apertura mentale o di qualche altro problema. La saluto cordialmente e per il resto va tutto bene
m.rosaria negrini

mariarosria negrini 03.01.06 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Più che di giustizialismo forcaiolo, direi che l'invettiva antidalemiana di Grillo rientra nelle sciocchezze da bar.
Nessun problema. Periodicamente ci toccano
un Moretti un D'Arcais un Colombo un Vattimo o qualche altro sinistro radicale che danno lezioni a Sinistra tra un Travaglio e Barbacetto e un MassimoFini.( Tutti nomi intrisi di operaismo e valori rivoluzionari)
Fortunatamente durano quei 2/3 mesi poi cambia la moda....Coffy è il vero leader e 3 mesi dopo
è lo sceriffo Gentilini. Panchopardi diventa eroe per acclamazione generale e 3 mesi dopo torna il pirla di sempre..... ed i pecoroni sempre pronti ad inseguire il primo guitto ed il primo Masaniello.

Dopo il "D'Alema di qualcosa di sinistra" vincemmo le elezioni e Nanni cresceva felice il suo bambino.
Dopo il "Bertinotti che arriva IV ad un campionato tutto suo" abbiamo avuto sto popo di governo.

A Milano daremo ancora la città alla Moratti grazie ai vari Dario Fo.
A Roma si sfregano le mani per l'arrivo del Beppe.

Ma la Logica e la Ragione prevarranno sul populismo e la demagogia.

E di Beppe e Dario torneremo ad apprezzare l'operato.

Gianni Candida 03.01.06 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono militante ed aderente ai Democratici di Sinistra, faccio parte anche degli organi dirigenti della provincia di Massa Carrara e leggo spesso il Blog di Beppe Grillo.
Sono profondamente idignato per quello che sta accadendo nel mondo della sinistra in relazione alle scalate ed al capitalismo rampante e becero che la sta attraversando.
Credo che parlare di "questione morale" non sia una cosa da poco, ma parlarne significa anche mettere in atto quello che il popolo dei DS si aspetta dai loro dirigenti :un Italia diversa e pulita.
Ebbene quello che sta emergendo non è purtroppo questo ed anche a livello locale avvengono episodi di malaffare dove è coinvolta una parte della sinistra.
Credo quindi che i dirigenti DS dovrebbero assumere decisioni radicali nel superiore interesse del paese e della politica richiamandosi anche a quella che era la lezione di Enrico Berlinguer -ritengo non ritenese opportuno avere un CC dove pagare 8.000,00 euro al mese per una barca in un momento difficile per tante famiglie che non arrivano a fine mese-.
Sento invece voci simili a quelle degli anni di Tangentopoli dove si cerca di minimizzare parlando di complotti ed attacchi della destra.
Dobbiamo dire basta ........... ed avere il coraggio di cambiare perché si può e si deve!!

Paolo Fraschini 03.01.06 10:58| 
 |
Rispondi al commento

segue....
quarta ed ultima parte

Fra sei mesi si vota, occupiamo e frequentiamo le stanze dei bottoni, le sezioni dove si formano le liste, solo con la nostra presenza riusciremo forse a fare qualcosa.

P.S. andrea andreini è naturalmente uno pseudonimo perché oltre che attaccati alle seggiole, i nostri politicanti e le loro lobby, sono vendicativi

andrea andreini 03.01.06 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Condivido in toto

Giovanni Rosso 03.01.06 10:54| 
 |
Rispondi al commento

…..segue la mafia è di altri, “qui in Toscana si sta bene”, “vedi come funziona le sanità nel sud?”, “vedi in che stato sono le strade nel sud?”. Chiedetelo a chi tutti i giorni si trova imbottigliato intorno a Firenze, perla d’Italia, senza una tangenziale.
In Toscana dove si moltiplicano in maniera singolare le aziende pubbliche, che guarda caso sono dirette da ex dipendenti del Partito, e dove gli ex dipendenti del partito hanno trovato un lavoro ben pagato.
Una volta un quotidiano si chiese timidamente, se gli iscritti all’allora Pds, avevano un quoziente intellettivo maggiore di tutti gli altri, come mai erano sempre loro ai vertici degli ormai dimenticati concorsi? Già perché ora con il meccanismo del lavoro interinale la chiamata è diretta.
Che dire ancora dell’amato cuore della Toscana, Firenze, terra di faide fraterne giocate nel nome del “bene pubblico” e con i soldi pubblici.
Come non chiedersi allora del perché della scalata Unipol alla BNL, benedetta da sinistra,
Forse i più dimenticano, e la stampa locale serva ed autoreferenziale li aiuta a dimenticare, che fu proprio la BNL meno di due anni fa a salvare dalla bancarotta il comune di Firenze con un prestito milionario (41 mil di euro) che portò Abete a Firenze, un prestito concesso “pro soluto” e cioè senza garanzie per quella spregiudicata operazione di mancata cartolarizzazione negata ed osteggiata dal ministero del tesoro.
Perché allora meravigliarsi se Unipol vuole scalare BNL, chissà quante altre Firenze deve tenere nascosta la sinistra al potere, cieca e piegata alla mera gestione e salvaguardia delle proprie poltrone.
Allora svegliamoci e partecipiamo, adottiamo il metodo usato in molte città per riguadagnare i giardini pubblici ai bambini: ricordate per sfrattare i drogati, piaga della società occorreva frequentarli i giardini.
segue....

andrea andreini 03.01.06 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Aldilà del fatto che concordo con chi dice che è bene attendere le sentenze, prima di commentare... non mi risulta che Consorte (per fortuna) sieda, alla pari del sig. Previti, sulle comode poltroncine del nostro Parlamento....
Qualsiasi reato, secondo me, è più grave se chi lo commette è stato eletto a rappresentanza del popolo italiano... Purtroppo, in Parlamento (come ci ha fatto notare Beppe) non sono pochi coloro che hanno già subito una condanna definitiva... Sarà colpa dei giudici rossi?
Proposta: se non avremo una legge che impedisca che ciò possa avvenire, possiamo almeno smettere di chiamarli ONOREVOLI?

Marco Albera 03.01.06 10:52| 
 |
Rispondi al commento

.... segue
E si sa per il lavoro, necessario a vivere, si arriva a non vedere, o meglio a far finta di non vedere ed a giustificare tutto.
Sono stanco di sentire “ma dove comanda Berlusconi, succede anche di peggio”.
Gli errori, o meglio gli orrori, degli altri, non giustificano i nostri.
E siamo solo al coperchio della pentola, che i politicanti nazionali di mestiere sembra proprio non vogliano togliere, specialmente i nostri…
Sembrano anni luce che il capro espiatorio Consorte si è dimesso dalla sua carica. Sollevare appena il coperchio per cercare di frenare il danno.
Se abbiamo a cuore il bene della gente, del nostro Paese, se crediamo nella solidarietà, se respingiamo le prevaricazioni, dobbiamo augurarci che questo “calice” passi anche da noi. Che la sofferenza di scoprirci peccatori venga fuori, ed allora chiedere che davvero il coperchio sia tolto e si arrivi a vedere cosa c’è sotto.
Dobbiamo avere il coraggio di fare un mea culpa e spazzare via tutto ciò che occorre, senza continuare a dire “ma dove comanda Berlusconi…..”
Allora ad esempio per il bene della democrazia, credere nella alternanza, che tanto predichiamo quando non siamo al potere e tanto rifuggiamo quando invece le redini del comando le abbiamo in mano.
Siamo lì, ancora la Toscana monarchia costituzionale. Dove la monarchia elettiva, da cinquanta anni e più comandano sempre i soliti, sta generando le aberrazioni più spregevoli che la democrazia partecipativa può creare.
Se la dinastia Berlusconi regna su Mediaset e partecipate, in Toscana si contano le dinastie di politicanti: famiglie particolarmente “dedite all’interesse del popolo” che contano mariti presidenti di aziende pubbliche e mogli assessori, oppure assessori a più livelli istituzionali. Dove per trovare un posto di lavoro devi essere parte della filiera del potere od ad essa affiliato o servo.
In altre parti della nostra amata Italia, questo ha un nome: MAFIA, ma in Toscana non si può dire, .... segue

adreini andrea 03.01.06 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, leggo i tuoi post, non sempre li condivido, poi leggo i commenti e mi sembra di vivere in un Paese dove ci sono solo tre grandi categorie di persone. Gli "arrabbiati comunque", i "disillusi professionali" e gli "innocenti puri". Io voto a destra, tanto per capirci, ma ritengo di essere abbastanza libero da ideologie di qualsiasi tipo. Volevo parlare degli "innocenti puri", quelli che si meravigliano di una sinistra che fa affari. Quelli che dicono D'alema è coinvolto, ma Fassino no. Fai bene a ricordare Nomisma. La sinistra ha un leader ex-democristiano che faceva affari con lo Stato quando era presidente dell'IRI. Che voleva "vendere" Cirio a De Benedetti con un contratto di due paginette...
I rappresentanti della sinistra hanno sempre fatto "affari" solo che certe "anime candide" non se ne sono mai accorte e gli altri hanno chiuso occhi e orecchie. Consorte e Co. non sono dei citrulli traditori, ma l'espressione di una volontà, politica, di crescere nel mondo degli affari. Ma sono la punta visibile dell'iceberg.
Non voto a destra perchè mi piace Berlusconi. Semplicemente, a 52 anni, voto il meno peggio. Preferisco, di poco, un affarista che si mette in politica a dei politici che vogliono fare affari. Cmq tu sei un grande. A volte, come tutti i grandi, prendi grandi cantonate, ma è parte del gioco. ciao.

Francesco Boscarino 03.01.06 10:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che dire?
NON C'E' DA MERAVIGLIARSI
e lo dico in maiuscolo perchè nel linguaggio internettiano vuol dire urlare
Si urlo che non c'è da meravigliarsi se D'alema & C. confabulano con Consorte, se Chiti si sveglia e piano piano cambia rotta.
Questa è solo la punta dell'iceberg che sta in cima alla sinistra-connection.
Come fanno gli elettori di sinistra, tra i quali purtroppo io, a non vedere? Togliamoci il prosciutto davanti agli occhi!!!
Chiti ad esempio, che viene dalla Toscana, sa bene come vanno le cose nella sua amata terra, dove regnano pletore di politicanti che scimmiottano il Berlusconi pensiero inebriando le masse che ancora credono nelle radici della sinistra. In quegli ideali che oggi Salvi nelle pagine del Corriere richiama, ma che sembrano dimenticati dai politicanti di mestiere che hanno ormai da tempo venduto la loro anima al "dio potere".
E la Toscana è la prima produttrice di politicanti di mestiere, che mai hanno lavorato e che, purtroppo come dice Berlusconi, bisognerebbe mandare a lavorare per vedere se tornano a fare davvero gli interessi del popolo che, non dimentichiamo, li ha eletti.
C'è un urgente bisogno di pulizia se vogliamo vincere le elezioni, bisogna sdradicare il diritto ormai acquisito dalle segreterie dei partiti di formare le liste per le elezioni in ogni livello di rappresentanza.
Reimpadronirsi della politica non è una utopia, è uscire dalla schiavitù che anche in Toscana hanno imposto i neo feudatari della sinistra lobbista lontana anni luce dagli interessi veri del popolo.
Non è certo semplice, chi si prova a parlare è emarginato, chi non si allinea è escluso, allora dovendo sopravvivere anche inconsciamente ci pieghiamo.
Gli esempi sarebbero molteplici: dalla riforma del lavoro, osteggiata dalla sinistra che però in Toscana, sempre lì, ne usa e ne abusa, rimpinguando gli enti e le aziende pubbliche di personale reclutato nelle agenzie di lavoro interinale.

Segue......

andreini andrea 03.01.06 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi, come sempre, nella tradizione del comunismo tardostaliniano, sviare l'attenzione sulle proprie ambiguità per riversare sparate alla propria sinistra è un orizzonte, per voi amendoliani dell'ultima ora, sempre alla vista.
Fate, per la prima volta in 70 anni, un pò di sana autocritica, vi farà bene. Cogliete l'occasione per ristabilire il primato della politica (quella con la P maiuscola, quella dei blocchi sociali di riferimento) sulle prospettive di blocchi e potentati economico-finanziari, non così si governa un paese, non così si governa questo paese DA SINISTRA!
Laciate stare i fantasmi del 98, che evidentemente ancora vi perseguitano (e se lo fanno a distanza di anni... mmm... probabilmente c'è un pò di coda di paglia); lasciate stare i complottismi quando anche il principe indiscusso del complotto, Macaluso, questa volta se ne è sganciato; lasciate stare le accuse di "diciannovismo", di poco "realismo", chè ad essere più realisti del re, alle volte, si viene denudati! Non lasciate che vecchi arnesi della politica para-ogliattiana vi lascino credere di essere stati "traditi" dalla Consorte; questa volta non è con accuse di tradimento che vi potrete cavare d'impaccio.
I nodi, quelli politici, fateli venire al pettine; non è con i capri espiatori che si risolvono le questioni politiche, ma con una forte, netta, chiara presa di distanza dalla visione del mondo (politico, economico, sociale, sistemico) della quale sono portatori D'Alema e il suo entourage, dalla strategia di Pesaro, dall'entrismo nei salotti buoni, dai "capitani coraggiosi"... abbiate la forza di gridare "al rinnovamento" di una classe dirigente tra le più vecchie d'Europa, una classe dirigente senza coraggio che vive trainata ora da Blair ora da Zapatero (sempre più dal primo, sempre meno dal secondo)...
Carissimi saluti, un compagno (alla vostra sinistra).

Mimmo Angioli 03.01.06 10:44| 
 |
Rispondi al commento

che dire?
NON C'E' DA MERAVIGLIARSI
e lo dico in maiuscolo perchè nel linguaggio internettiano vuol dire urlare
Si urlo che non c'è da meravigliarsi se D'alema & C. confabulano con Consorte, se Chiti si sveglia e piano piano cambia rotta.
Questa è solo la punta dell'iceberg che sta in cima alla sinistra-connection.
Come fanno gli elettori di sinistra, tra i quali purtroppo io, a non vedere? Togliamoci il prosciutto davanti agli occhi!!!
Chiti ad esempio, che viene dalla Toscana, sa bene come vanno le cose nella sua amata terra, dove regnano pletore di politicanti che scimmiottano il Berlusconi pensiero inebriando le masse che ancora credono nelle radici della sinistra. In quegli ideali che oggi Salvi nelle pagine del Corriere richiama, ma che sembrano dimenticati dai politicanti di mestiere che hanno ormai da tempo venduto la loro anima al "dio potere".
E la Toscana è la prima produttrice di politicanti di mestiere, che mai hanno lavorato e che, purtroppo come dice Berlusconi, bisognerebbe mandare a lavorare per vedere se tornano a fare davvero gli interessi del popolo che, non dimentichiamo, li ha eletti.
C'è un urgente bisogno di pulizia se vogliamo vincere le elezioni, bisogna sdradicare il diritto ormai acquisito dalle segreterie dei partiti di formare le liste per le elezioni in ogni livello di rappresentanza.
Reimpadronirsi della politica non è una utopia, è uscire dalla schiavitù che anche in Toscana hanno imposto i neo feudatari della sinistra lobbista lontana anni luce dagli interessi veri del popolo.
Non è certo semplice, chi si prova a parlare è emarginato, chi non si allinea è escluso, allora dovendo sopravvivere anche inconsciamente ci pieghiamo.
Gli esempi sarebbero molteplici: dalla riforma del lavoro, osteggiata dalla sinistra che però in Toscana, sempre lì, ne usa e ne abusa, rimpinguando gli enti e le aziende pubbliche di personale reclutato nelle agenzie di lavoro interinale.

Segue......

andreini andrea 03.01.06 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Peccato!!! Alle ultime elezioni ho votato centro destra e in tutti questi anni di opposizione del centro sinistra ho iniziato a nutrire stima per due personaggi Veltroni e Fassino. Veltroni sta facendo bene da sindaco anche se ritengo che si dovrebbe occupare meno di comunicazione e marketing della politica e più di problemi come quello dei parcheggi. Fassino lo ritenevo fino a poco fa l'unico possibile candidato del centro sinistra, ne ammiravo le riflessioni e i modi, purtroppo adesso ho perso la fiducia nella classe dirigente di centro sinistra che parla da sindacalista e si muove da capitalista.
Un abbraccio a beppe!!!
Vito Kahlun

Beppe in uno spettacolo di qualche anno fa dicevi che la tecnologia dei computer era una delle più pesanti al mondo, adesso hai cambiato idea? Ne sono contento!!!

Vito Kahlun 03.01.06 10:38| 
 |
Rispondi al commento

dai piero che ora hai capito quanto fastidio rechi ai destrorsi...ricorda che loro amano avere il filippino in casa ma non vogliono l'immigrato clandestino,sai il domestico di contrabbando finisce che ce l'ha pure l'operaio fiat...non è chic! ULTIMA ORA: PER CAUSA DI FORZA MAGGIORE il tracciato della tav passerà in tunnel da macherio ad arcore ... pare che la sovrintendenza ai beni archeologici abbia già sollevato una grave questione: l'opera potrebbe attraversare il mausoleo interrrato della famiglia berlusconi... ed io sono contento perchè sono NO TAV PER SIEMPRE... e vaiiiii...

piero bartorelli 03.01.06 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Mi ricordi i famosi scadenti varietà degli anni '40: quando mancavano gli applausi si tirava fuori la bandiera italiana, l'inno del Piave, e finivano in trionfo.
Oggi a qualunque obiezione basta tirar fuori il Berlusconi e chi la fa è distrutto.
(altra regola della sinistra moralista e girotondina)

Pier Luigi 03.01.06 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Leggo un articolo di Miriam Mafai, chiedo a miriam: a cosa serve la politica se non a dare un indirizzo alto di obiettivi e speranze e indicare strade chiare ed in linea con quell'idea espressa, e vigilare sul compimento delle azioni investendo persone degne a compiere tali passi nella direzione indicata.
Fassino a giudicare dai galoppini che si era scelto non mi sembra esente da critiche e da dimissioni che mi sembrano inevitabili.
Preciso, anche Violante e Dalema un po di dignità non guasterebbe.
Il dramma risiede nel deserto di idee, di ideali che in italia c'è e per assurdo proprio la sinistra che fautrice di crociate per la moralizzazione si ritrovi nelle peste.
Chi votare? Vero che dovremmo far approvare una legge con il limite di legislature. ma chi la approverà?. Ricordo che anche il maggioritario era una scelta referendaria.
Uno zapatero qualunque basterebbe.

Mauro Fassina 03.01.06 10:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo che prima di muovere delle accuse cosi' pesanti come si sta facendo in questo blog si debba aspettare almeno il corso della magistratura e delle indagini che si faranno e se giudichera' colpevole le persone che si stanno denunciando .
E bello sparare a zero sulle persone e soprattutto facile ma credo che mai come ora ci sia in corso un opera di accanimento contro una parte politica che obiettivamente sta ottenendo grandi riusultati e chi e' proprietario di giornali e televisioni ha tutto l'interesse a divulgare un messaggio negativo soprattutto alla vigilia delle elezioni politche ....AH CHE COINCIDENZA...!!!!!
Non voglio entrare in merito al fatto che non capisco perche' le cooperative non possano espandersi sul mercato...questi finta moralita' che molti ora cercano di manipolare senza sapere cosa realmente e'....sorvoliamo
Detto questo non voglio ne criticare o lodare tutto cio' che e' stato scritto su ma chiedo solo che prima di esprimere giudizi e sentenze si aspetti il corso delle indagini.

Daniele Reginali 03.01.06 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
da questo post sono evidenti 2 cose:
che oramai ti sei schierato senza speranza di equilibrio.
che hai il prosciutto sugli occhi (anzi solo sull'occhio sinistro).
Da questo inciucio di cooperative rosse che scalano Banche più grandi di loro sono evidenti molti fatti che non hai, evidentemente, intenzione di mettere in evidenza.
1) le banche sono gestite in italia per la maggior parte da gruppi di sinistra.
2) la unipol è diventata grande grazie ai suoi appoggi politici a tutti i livelli assicurando i lavoratori di tutti i comuni e amministrazioni rosse nonchè sindacati (chissà come hanno escluso le altre...)
3) Che la scalata alla BNL da parte della UNIPOL era e resta una porcata al pari di quella di Fiorani,
4) Che non solo Dalema sapeva tutto ma anche Violante, Fassino e tutto il gruppo dirigente DS, che, ha anche preso parte attiva alla realizzazione dell'ennesimo atto di commistione ROSSA fra politica e affari.
Tutto questo nn è chiaro solo a chi non vuol vedere; a chi crede che il conflitto di interessi riguardi solo Berlusconi.
Ammetto che finora sono stati bravi a tenere la sordina ma nn per questo la cosa è meno inquietante.
Per anni il PCI ha dato a bere a tutti che in Russia si viveva bene; da anni ci fanno credere d'essere gli unici onesti.
Auguri a chi se la beve e se l'è sempre bevuta

stefano anedda 03.01.06 10:20| 
 |
Rispondi al commento

A tutte le persone che dichiarano che alle prossime elezioni non andranno a votare: negli Stati Uniti il 50% dei cittadini non vota. Vi sembra che abbiano ottenuto qualche risultato. In mezzo a tanta porcheria qualche persona onesta c'è sempre cercatela e votatela

Augusto Merletti 03.01.06 10:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Uno degli aspetti più interessanti di questo Forum è che chi critica D'Alema & Fassino cerca di farlo con argomenti.
Chi invece difende i suddetti "compagni" non sà resistere alla tentazione di insultare chi non la pensa come lui.

Fausto Coppi 03.01.06 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Regola matematica sulla questione morale per gli uomini della sinistra radicale:

* Se c'é una mela marcia negli avversari di centro destra (Previti?) tutto il centro destra è marcio.

* Se c'è una mela marcia nella sinistra (Consorte?) la questione morale riguarda solo quella perchè la sinistra è pura per definizione.


Alla luce della mediocrità ormai compromessa di Fassino(dopo le ultime telefonate è come se avesse perso la sua ragione sociale,il significato della sua esistenza politica) cosa ci resta se non l'elogio del lucido cinismo della indisponente alterigia,della spocchiosa distanza,del democratico snobismo,della consapevole presunzione del NOSTRO COMPAGNO + "FURBO" MASSIMO DALEMA ??
AD MAIORA

federica dedenaro 03.01.06 09:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alla luce della mediocrità ormai compromessa di Fassino(dopo le ultime telefonate è come se avesse perso la sua ragione sociale,il significato della sua esistenza politica) cosa ci resta se non l'elogio del lucido cinismo della indisponente alterigia,della spocchiosa distanza,del democratico snobismo,della consapevole presunzione del NOSTRO COMPAGNO + "FURBO" MASSIMO DALEMA ??
AD MAIORA

Giuseppe Baretti 03.01.06 09:32| 
 |
Rispondi al commento

Alla luce della mediocrità ormai compromessa di Fassino(dopo le ultime telefonate è come se avesse perso la sua ragione sociale,il significato della sua esistenza politica) cosa ci resta se non l'elogio del lucido cinismo della indisponente alterigia,della spocchiosa distanza,del democratico snobismo,della consapevole presunzione del NOSTRO COMPAGNO + "FURBO" MASSIMO DALEMA ??
AD MAIORA

Giuseppe Baricco 03.01.06 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Ma li avete letti i testi delle intercettazioni?
Fassino:"E così ABBIAMO una banca". Oppure: "Non denunciare nessuno, PRIMA PORTIAMO TUTTO A CASA". Ma ancora siamo siamo qui a discutere di questioni etiche e superiorità morale della sinistra? Mi vergogno di averli votati nel 2001 e certo non li voterò il prossimo 9 Aprile.
Piuttosto vado ad Ostia al mare, che per quanto inquinato, E' PIU' PULITO!!!!!!

gianni cavelli 03.01.06 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a Staderini: sulla vicenda Mps-121 ci sono ben 2 inchieste in essere, quella giudiziaria del tribunale di Trani (in cui era indagato tra gli altri tale Fazio) e quella parlamentare del "compagno" Mantovano, quello che D'Alema ha battuto, nonostante gli elicotteri del Berlusca. Ebbene da queste due inchieste non è emersa nessuna responsabilità di D'ALema. La responsabilità di quell'acquisizione è del Consiglio D'Amministrazione del 6° gruppo bancario italiano e dei vari consulenti che hanno l'hanno reputatata una buona operazione. Che ognuno si prenda le sue responsabilità, se poi qualcuno ha preso delle tangenti è un altro discorso .... cmq finiamola con questo vittimismo alla rovescia ... Infine una considerazione generale. Leggo in questo forum diversi inviti a non votare Ds etc. etc. Ma vi sembra possibile vincere e governare con Bertinotti, magari come capo della coalizione ?? Per quanto le sue analisi sociali siano più che limpide, governare è un altro discorso, ricordiamoci che è stato lui a far cadere Prodi nel '98 e a far vincere Berlusconi nel 2001 ... oppure c'era dietro le quinte il "baffetto malefico" ???

Michele Crapuzzo 03.01.06 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a Davide Bianchi. L'astensione dal voto è un' atto civile,serve a far capire a questi furboni che è molto probabile che cambino lavoro,largo ai giovani!!!! Alle prossime elezioni dovremo scegliere fra due schieramenti comandati da due settantenni? Svegliamoci,ci lamentiamo delle cose che vanno male in Italia,e poi ci facciamo fregare come dei polli.Siamo noi i fautori di questo scempio. Abbiamo la testa piena di luoghi comuni,e non ci rendiamo conto di quello che ci succede attorno.Cè la crisi,ma poi corriamo tutti a comprare l'ultimo tipo di telefonino o l'ultimo modello di televisione al plasma.Accendete il cervello e assumete una filosofia di vita diversa.

Antonio Cataldi 03.01.06 07:45| 
 |
Rispondi al commento

ma chi sei???per permetterti,dietro false generalità,di dare lezioni di morale a me ed a tutti noi? finiscila di postare in ogni discussione con il ciclostile... a patetico!!!

piero bartorelli 03.01.06 01:58| 
 |
Rispondi al commento

La Nomenclatura DS non ha fatto pulizia dopo la sconfitta del 2001. E ora, anche volendo, come può il maggiordomo (Fassino) licenziare il padrone (D'Alema). L'incapacità e l'indecenza dimostrata dalla destra a governare doveva garantire una facile vittoria ad un opposizione seria e capace. Nella sostanza aveva ragione Moretti (con questi non si vince) anche se c'è da augurarsi che al peggio ci sia un limite per il bene dell'Italia e degli Italiani Tutti.

rino ceccotti 03.01.06 01:46| 
 |
Rispondi al commento

Io l'appello più che a Fassino lo farei a Veltroni, sicuramente il maggior politico di sinistra con ancora una sana dose di moralità, una grande intelligenza non solo politica e una grande capacità di governo.
Walter, compagno, per il bene di questa sinistra lascia il Campidoglio, riprendi le redini del partito e portaci alla vittoria alle elezioni di Aprile! Invita questi loschi figuri e D'Alema in primis a uscire dalla vita politica dei DS. Anche se non sarà un'operazione politicamente facile avrai sicuramente il consenso di tutta la Base! Tu sai bene che certi personaggi non sono del tutto incolpevoli dell'attuale situazione economica e politica italiana, tu lo sai bene...sai bene per colpa di chi c'è ancora quel signore come primo ministro e per colpa di chi non si è fatta la legge sul conflitto d'interessi...
Forza Compagno Walter, fai questo e avrai l'approvazione nostra e di tutta la sinistra!

Pierpaolo, un giovane compagno della Sinistra Giovanile...

Pierpaolo Treglia 03.01.06 01:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono fortunato, con il proporzionale voterò la Falce e il martello con scritto Rifondazione altrimenti sarei andato al mare il il 9-4-06!
Adesso tutti attaccano D'Alema, ma solo adesso ci si accorge chi è? dimenticato il Kossovo?Venduto Ocalan ai Turchi?e la Bicamerale?chi ha tolto la tassa di lusso sulle Imbarcazioni? potrei continuare per ore e poi pensate che fassino, Bersani e cricca siano diversi?Per fortuna che c'è il proporzionale......

Paolo Corsi 03.01.06 01:37| 
 |
Rispondi al commento

sono convinto da un pezzo che queste elezioni
la sinistra le perde.
perchè dovrei votare ancora la sinistra ?
mi sono reso conto che i miei interessi non li
cura nessuno.

Felice Piemontese

felice piemontese 03.01.06 01:11| 
 |
Rispondi al commento

ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO CON QUESTA ANALISI. NEL MIO PICCOLO LA VADO PREDICANDO DA SEMPRE AVENDO SEMPRE AVUTO PERO' L'IMPRESSIONE DI UN DON CHISCIOTTE DELLA MANCIA.
ORA SONO RINFRANCATO E SPERO CHE CHI DI DOVERE PRENDA TEMPESTIVAMENTE DELLE DECISIONI, PRIMA CHE SIA PROPPO TARDI.
TENIAMO A MENTE LA QUESTIONE MORALE DI BERLINGUER SE VOGLIAMO SPERARE IN UN CAMBIAMENTO SOSTANZIALE DELLA POLITICA IN ITALIA.

ezio giunti 03.01.06 00:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione