Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Citizen Berlusconi


grillo_10dic.jpg
Vignetta di: Davide Zamberlan

Faccio due proposte di legge per il 2006.
La prima legge approvata dal nuovo Parlamento dovrà prevedere la totale divisione tra chi fa politica e chi possiede i mezzi di informazione.
La seconda legge non dovrà consentire a nessun gruppo, o privato, di disporre del controllo di mezzi di informazione a livello nazionale.
E forse, dopo, si potrà parlare di democrazia in Italia.

Dal libro “Inciucio” di Marco Travaglio pubblico un pezzo sulla gestione televisiva in Europa.

“La Spagna di José Luís Rodriguez Zapatero è soltanto l’ultimo fra i grandi paesi europei a svincolare almeno parzialmente la televisione pubblica dal controllo diretto dei partiti e/o del governo.
Da anni, da decenni l’aveva fatto quasi tutto il resto d’Europa. Sarebbe lungo descrivere nei particolari il funzionamento dei vari sistemi televisivi continentali. Ma qualche cenno riassuntivo può aiutare a capire perché il caso italiano fa tanto scandalo all’estero (e poco in Italia).

In Spagna fino a pochi mesi fa, il consiglio di amministrazione di Rtve, che irradia Tve1 e Tve2, era nominato dal Parlamento (con maggioranza dei due terzi) e il direttore generale dal governo. E duravano in carica 4 anni, tanti quanti il governo.

Come in Italia, mutavano colore col cambiare del governo.

Poi è arrivato Zapatero, in un clima di crescente insofferenza dell’opinione pubblica contro la tv pubblica politicizzata, che aveva nascosto le grandi manifestazioni di piazza contro Aznar (ma non era riuscita a mascherare le bugie del premier conservatore uscente sugli attentati di Al Qaeda a Madrid).
Appena insediato, Zapatero ha messo a capo della Rtve una docente universitaria di comunicazioni, molto prestigiosa e non iscritta ad alcun partito, che ha iniziato a ripulire i teleschermi dalla telebasura, cioè della tv spazzatura dei reality e del trash. Poi ha nominato una commissione di cinque saggi super partes, presieduta dal filosofo Emilio Lledó e formata da massmediologi e intellettuali (compreso un docente di etica) per riscrivere la legge sull’emittenza.

Nel giugno 2005 la riforma è diventata legge.

Il caposaldo è la drastica modifica del sistema di elezione dei vertici di Rtve. Il direttore generale sarà eletto dal Cda, non più dal governo, con maggioranza dei due terzi, ed esclusivamente fra i partecipanti a un concorso pubblico.
Il Cda avrà un mandato di 6 anni per non coincidere con le scadenze delle legislature, e sarà composto da 2 membri eletti dal Senato e 2 dal Congresso (sempre con i due terzi dei voti); 2 scelti dai sindacati e 2 dal Consiglio audiovisivo (che regola frequenze, costi, flussi pubblicitari).
Un’Authority indipendente, il Consejo de información vigilerà sul pluralismo e sulle scelte del Cda, e avrà il potere di bloccare il direttore generale.
Intanto Zapatero ha aperto il mercato delle frequenze a nuovi soggetti privati. Prima la tv commerciale era monopolizzata dalla berlusconiana Telecinco e da Antena3, che fa capo a De Agostini e a Maurizio Carlotti (ex dirigente Fininvest).
Ora arriveranno anche la Prisa di Jesús Polanco (già proprietario di «El País» e della radio Cadena Ser) e almeno un altro gruppo ancora. Fra le proteste dei rappresentanti spagnoli di Mediaset, che al solo rischio di un po’ di concorrenza hanno gridato al «golpe».

In nessun paese d’Europa, comunque, il capo del governo possiede televisioni, essendo i conflitti d’interessi severamente vietati dappertutto. E il pluralismo televisivo, ora più ora meno, è garantito dalla presenza sul mercato di varie emittenti private.”

Marco Travaglio

10 Dic 2005, 19:47 | Scrivi | Commenti (1144) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

qualcuno ha notato la faziosità del Televideo di Rai1?
un esempio: nel giorno dello sciopero dei metalmeccanici, la pagina-sommario (con l'elenco delle pagine e i titoli) aveva come sopra-titolo: -Berlusconi: "UN RITO INUTILE"- con il maiuscolo come qui riportato.
inquietante anche la proporzione tra lo spazio dato ai programmi della sinistra e quello destinato agli insulti e alle "denunce" della destra (Unipol, litigio Tav, Ferrando).
dategli un occhiata ogni tanto: sembra redatto da ForzaPublitalia.

claudio molinari 15.02.06 13:30| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno ha notato la faziosità del Televideo di Rai1?
un esempio: nel giorno dello sciopero dei metalmeccanici, la pagina-sommario (con l'elenco delle pagine e i titoli) aveva come sopra-titolo: -Berlusconi: "UN RITO INUTILE"- con il maiuscolo come qui riportato.
inquietante anche la proporzione tra lo spazio dato ai programmi della sinistra e quello destinato agli insulti e alle "denunce" della destra (Unipol, litigio Tav, Ferrando).
dategli un occhiata ogni tanto: sembra redatto da ForzaPublitalia.

claudio 15.02.06 13:26| 
 |
Rispondi al commento

... adesso il mercato spagnolo si è ampliato: ci sono le 2 reti Tve, 1 che lotta x gli ascolti, l'altra che somiglia alla nostra Raitre e che è incentrata parecchio sulla cultura, c'è Antena 3 guidata da Maurizio Carlotti che fa il 30% coi Simpson(ma italia 1 nn poteva continuare a farne 1 ora) e ha le news + seguite, c'è la nuova emittente di Prisa, Cuatro tv, che propone molti telefilm e programmi x giovani, c'è il consorzio FORTA che propone in chiaro una partita di Liga a settimana, tra pochissimo ci sarà la Sexta, che sta provando nella capitale... ah si ho dimenticato... ma lo sanno anche i bambini che il padrone è primo x ascolti in spagna ma una cosa è certa: 6 competitors sono una garanzia di pluralismo checche ne dicano gli amici spagnoli del padrone della nostra tv che ha invece un solo competitor: Raiset. e a chi dice che la stampa è di sinistra io dico: e la tv se nn è filogovernativa cos'è, un regime????? nn è vero che il cen-sin dorme, se fosse anche così sarà svegliato da Articolo21 che presenterà una serissima proposta sulle tv, atta a slegare la rai dalla lottizzazione e ad scardinare il monopolio tv che ci sta sp...anando nel mondo... GRILLO 6 UN GRANDE!!!!!!

Ranma Saotome 04.02.06 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Eccolo, all'orizzonte si intravede il sole.
Splendido, lucente, che emozione.
Un attimo.....non è il sole,ma splende ugualmente.
Avviciniamoci tutti, soffermiamoci............ecco è 1'000'000 di posti di lavoro, è Berlusconi, con la pelata che riflette gli spot della trasmissione di Mentana.

MA MANDIAMOLO A QUEL PAESE, MA DIAMOGLI UNA BELLA LEZIONE,MA DICIAMOGLIELO APERTAMENTE DI SMETTERLA DI PRENDERCI PER I FONDELLI.

Capisco che comunque tutti i protagonisti della politica, tendano a dire delle bugie in modo da fare un po' quello che pare a loro.

MA LUI è ESAGERATO,IO MI SENTO UNO STUPIDO OGNI VOLTA CHE APRE BOCCA, STUPIDO ED IMPOTENTE, DI FRONTE AI SUOI MILIONI DI BUGIE.


andrea francesco cacioppo 03.02.06 10:41| 
 |
Rispondi al commento

Eccolo, all'orizzonte si intravede il sole.
Splendido, lucente, che emozione.
Un attimo.....non è il sole,ma splende ugualmente.
Avviciniamoci tutti, soffermiamoci............ecco è 1'000'000 di posti di lavoro, è Berlusconi, con la pelata che riflette gli spot della trasmissione di Mentana.

MA MANDIAMOLO A QUEL PAESE, MA DIAMOGLI UNA BELLA LEZIONE,MA DICIAMOGLIELO APERTAMENTE DI SMETTERLA DI PRENDERCI PER I FONDELLI.

Capisco che comunque tutti i protagonisti della politica, tendano a dire delle bugie in modo da fare un po' quello che pare a loro.

MA LUI è ESAGERATO,IO MI SENTO UNO STUPIDO OGNI VOLTA CHE APRE BOCCA, STUPIDO ED IMPOTENTE, DI FRONTE AI SUOI MILIONI DI BUGIE.


andrea francesco cacioppo 03.02.06 10:14| 
 |
Rispondi al commento

E' proprio vero, la TV ci attanaglia il cervello e comanda i nostri pensieri e di conseguenza le nostre azioni. Io non guardo i telegiornali di tutte le reti.... bè non è che ne abbiamo tante in Italia direi. Cmq, non guardo neppure tutti quei f.....ing di dibattiti che mi fanno finire la giornata malissimo. Dopo una battaglia giornaliera tra tutte le rogne che ci saltano addosso io alla sera mi debbo vedere quei quattro DELINQUENTI ruba galline che si scontrano in TV? Ma fatemi il piaciere. E' come vedere uno scontro tra bambini dell'asilo che si incolpano l'un l'altro di cosa non hanno fatto. Sono stanca. Ma il guaio più grosso è che non ho so per chi votare, cioè mi spiego meglio SO PER CHI VOTARE ma quello che mi scoccia di più è che per levarmi dalle ........ el berlusca......debbo votare qualcuno che le ........ non le hà. Purtroppo dovrò farlo.
Una cosa vorrei sottolineare ai fascistoni di destra: SMETTETELA DI ROMPERMI LE "BALLS" ED ETICHETTARMI DI SINISTRA SOLO PERCHE' VOGLIO FUORIIIIIIIIIII EL BERLUSCA. Il vostro mussolini 2° vi ha rincoglionito il cervello. Chi non è con me è contro di me. Ma certo che sono contro di Voi, ma non vuole dire che sia necessariamente di sinistra (visto che la sinistra italiana sembra proprio una put.... wowwwww ho fatto pure rima).
Posso raccontare brevemente il mio impatto con berlusca? Torno in Italia dopo 10 anni all'estero. Vedo in tv uno vestito in doppio petto (non sa neanche vestirsi il mussolini 2) e dico a mio padre seduto con me davanti alla tv: non mi piace questo uomo ha due occhi..... ha gli occhi da demonio (in inglese ho detto: he's evil)SENTO CHE E' UN UOMO PERICOLOSO. Poi chiedo a mio padre ma chi è questo? E lui risponde: ma dai non sai che è il presidente del governo Berlusconi? E io: la miseria !!!!!!!!!!! SIAMO MESSI PROPRIO BENE.
Me ne sono resa conto troppo bene in che mare di shit eravamo in Italia. E io che ero tornata per stare con la mia gente in santa pace. ITALIANI ALL'ESTERO STATE DOVE SIETE !

marina salvarese 02.02.06 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Premetto...non mi identifico con alcuna delle due parti politiche, non ci riesco, e' piu' forte di me. Non so chi e' peggiore!
Faccio un discorso alla radice, semplice.
Se rubo una vettura vado in galera.
Perche' chi ruba e truffa miliardi viene venerato e protetto? Devo pensare che ci meritiamo la situazione attuale perche' non e' solo con il voto che riusciremo a liberarci del Berlusc o del Prodi di turno. Perche' non iniziando con manifestazioni di protesta contro tutti coloro i quali ci governano? Destra e sinistra?

Andrea Perugia 26.01.06 15:10| 
 |
Rispondi al commento

Premetto...non mi identifico con alcuna delle due parti politiche, non ci riesco, e' piu' forte di me. Non so chi e' peggiore!
Faccio un discorso alla radice, semplice.
Se rubo una vettura vado in galera.
Perche' chi ruba e truffa miliardi viene venerato e protetto? Devo pensare che ci meritiamo la situazione attuale perche' non e' solo con il voto che riusciremo a liberarci del Berlusc o del Prodi di turno. Perche' non iniziando con manifestazioni di protesta contro tutti coloro i quali ci governano? Destra e sinistra?

Andrea Perugia 26.01.06 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
credo che oggi il vero problema sia la TV.Gran parte delle persone parlano discutono e vivono realtà 'viste' in televisione.Molti dei problemi di oggi nascono da modelli passati dai programmi e servizi di informazione televisivi.La società è gravemente malata, i politici sono pilotati e corrotti,le persone non possono pensare con la loro testa perchè l'opinione ed i costumi sono dettati da chi controlla il più potente mezzo di condizionamento mai esistito.
Qualsiasi tipo di informazione e messaggio si faccia passare in TV diventà realtà,anche se falso o idiota.
Allora, se tutto ciò è vero,l'unica via di uscita è quella di distruggere la propria televisione e creare un movimento di persone indipendenti che proponga di NON comprare e guardare più televisione.
Cosa ne pensate?

Paolo Gargano 24.01.06 19:19| 
 |
Rispondi al commento

ciao
è la prma volta che scrivo...ilpensiero che attanaglia la mia testa in questi giorni è: come non pagare il canone rai riuscendo a fare un gesto politico che non è evasione fiscale ma obiezione? in questi ultimi anni ho preferito abbonarmi e sostenere radiopopolare di milano, ma le comunicazioni dalla RAI incalzano e forse tra un po' mi vengono a suonare alla porta.
ci sono idee e azioni in merito?
un grazie a tutti per questo strumento di partecipazione!

marco arosio 23.01.06 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Repubblica delle Banane, ma cosa sono queste BANANE?
I fatti? Le persone che consentono i fatti?
Quanto ottimismo nel tuo blog!

Non ti prendo in giro, pensare che il popolo si accorga e non possa fare niente è riduttivo.
Pensare che la condizione democratica di una televisione imparziale informatrice educativa inesistente nel nostro paese sia imposta dall'alto è vero e riduttivo.

Ieri sera attraverso Milano per andare a bere una birra in un pub solitamente molto frequentato da clientela eterogenea....caspita non c'e in giro nessuno per strada...niente traffico....un PARADISO....entro nel pub....NESSUNO!!..solo gli amici gestori.....ma c'e' per caso una partita importante di Maldini&co...il derby?....no..ora
capisco....LA PRIMA PUNTATA DI GRANDE FRATELLO 6.

Riduttivo, perche' la maggioranza che assicura il processo democratico non solo non è informata etc...ma non gliene frega niente e della sua condizione di vita.. e corre dietro alle finte vite altrui secondo il principio espresso da BEHA che non ci interessa 'la vita' ma il 'tenore di vita'.

Non tutti possiamo essere idealisti e filosofi, ma cercare di non essere dei ciula si!!!

Christian De Marta 20.01.06 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Un sito simpatico e veritiero!!!!http://www.antiplagio.org/

mariano aprea 19.01.06 16:21| 
 |
Rispondi al commento

vederlo e' un piacere,diffonderlo un obbligo.per la democrazia

pasquale micucci 17.01.06 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Se per Berlusconi "chi vota a sinistra è stupido" allora io posso essere orgoglioso di dire : SI IO SONO STUPIDO!!!!!

riccardo fantelli 14.01.06 17:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se per Berlusconi "chi vota a sinistra è stupido" allora io posso essere orgoglioso di dire : SI IO SONO STUPIDO!!!!!

Riccardo Fantelli 14.01.06 17:17| 
 |
Rispondi al commento

Se per Berlusconi "chi vota a sinistra è stupido" allora io posso essere orgoglioso di dire : SI IO SONO STUPIDO!!!!!

Riccardo Fantelli 14.01.06 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo il nostro paese ha una fetta di persone che basa la sua conoscenza dei fatti solo su ciò che la televisione e i Tg divulgano.E' su questo che Berlusconi trae la sua forza.Il potere della televisione sta rincretinendo gli italiani che devono essere informati SOLO SU QUELLO CHE IL GOVERNO VUOLE CHE SI SAPPIA.La nostra Carta Costituzionale è stata modificata....perchè nessuno ci dice, come dovrebbe essere in un paese normale, cosa è stato cambiato??? cosa vuol dire Premierato Forte? c è equilibrio tra i poteri??? Cosa si intende per Senato Federale?.
Oggi però vi è una speranza e si chiama INTERNET. La divulgazione delle informazioni di questo potentissimo stumento può equilibrare quello che la televisione non dice.Magari non del tutto ma risulta indispensabile in un paese in cui la gente deve sapere solo cio che fa comodo che sappia e, per il resto, basta che la gente si distragga tra intrattenimento e calcio e il problema è risolto.
Dobbia prima di tutto CACCIARE QUESTO GOVERNO e speriamo che si riesca finalmente a fare una legge sul CONFLITTO DI INTERESSI.

Riccardo Fantelli 14.01.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi dovete spiegare invece quale è l'Italia della sinistra: quella dove va tutto male perchè c'è solo lavoro precario; però vuole anche caterve di extracomunitari....perchè siamo colpevoli?? nei loro riguardi...in iraq non ci dobbiamo stare perchè facciamo il gioco di chi vuol speculare sul petrolio..come se la benzina i compagnuzzi non la usassero..complimenti bella visione di m..il sostituto di berlusconi? prodi..ma non fatemi ridere!! signori siete una bella masnada di furbacchioni.

franco attori 13.01.06 17:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo!
Come si puo' fare a querelarlo?
Offende pesantemente i cittadini continuamente:
- se votano sinistra sono scemi
- se sono comunisti sono criminali
- se non hanno i milioni di euro che ha lui sono fannulloni...

Ma insomma, IO NON VOGLIO ESSERE RAPPRESENTATO DA UN ARROGANTE CHE NON PERDE OCCASIONE PER OFFENDERE il prossimo!
BASTA!!!
Io viaggio tanto per lavoro, giro l'Europa ed adesso grazie a lui devo essere continuamente oggetto di scherno e derisione. Non ci sto!

Ciao a tutti,
Nicola

Nicola Di Miscio 12.01.06 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ciao a tutti...
Io purtroppo non ho potuto vederlo, ma ieri sera BERLUSCONI ERA AL PROCESSO... DI BISCARDI!!!!
Andate a vedere questa pagina:
http://liberoblog.libero.it/italia/bl2226.phtml

Ma vi pare possibile???
Di nuovo ciao.
Matteo

Matteo Bertoldini 10.01.06 17:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe. Sono nuovo...
Ma una legge sul conflitto d'interessi non esisteva già???
Non esiste anche il principio della separazione tra politica e amministrazione???
Non era Max Weber che distinse il potere politico in tradizionale, ideologico, carismatico?; non era lui che disse che SOLO nel Medievo si è avuto la completa coincidenza di questi tre poteri e dei poteri economico, politico, religioso???(dove per religioso si intende il dominio culturale)??
Ricordo anche che solo i vari mussolini, hitler, stalin, franco, castro (...)hanno avuto tutti e 3 i poteri concentrati nelle loro mani.
Dato che il signor Berlusca detiene il monopolio dei mezzi di comunicazione,il monopolio delle maggiori Hold economiche italiane,ed infine il potere politico italiano, la domanda sorge spontanea...ma siamo nel 2006 o nel 1930????
Poveri noi!!!

Nazareno Orlando 09.01.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo da anni è in atto un sofisticato, ma semplice metodo per impedire che Berlusconi faccia la fine di craxi. Il nostro cervello lo paragonerei ad un computer che chi più chi meno ha una certa capacità di memoria. in un computer quando il disco è pieno eliminiamo le cose che non ci interessano. Nel cervello eliminiamo le informazioni più vecchie se non sono legate ad un affetto o un dolore, oppure studiate a fondo. In questo modo la maggioranza delle persone tempestate da centinaia di informazioni giornaliere elimina la maggior parte di informazioni assimilate. Per questo Berlusconi o altri come lui, possono continuare a cambiare le carte in tavola senza che noi ricordiamo, se non con un grande sforzo, che tre giorni prima le cose erano differenti. Non ricordiamo più se quella cosa è stata iniziata da questo governo o da quello precedente. Diamo per verità solo le ultime cose che ci vengono propinate. Dobbiamo imparare a ricordare, a prendere appunti a rileggere. Solo in questo modo Silvio potrà finire i suoi giorni in Tunisia.

dino panato 03.01.06 21:45| 
 |
Rispondi al commento

Caro Peppiniello, questo blog più della " Sagra della ricotta e del pecorino" non ha di che fregiarsi.
Un blog creato ad hoc per offendere quotidianamente il Presidente del Consiglio non è molto edificante, non crede?
Tralasciando i cazzi, i frizzi, i botti e i lazzi.......
Che i comunisti non conoscano la vergogna è un dato de facto.
Che neghino l'evidenza: pure.
Non basta appellarsi al libero arbitrio per dire, mi scusi, puttanate dalla mattina alla sera.
Soprattutto, nei commenti che ho avuto modo di leggere.......
Cordiali saluti.

GHIGNO DI TACCO 31.12.05 12:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il premier ha finalmente cominciato a cantare, venerdì 23.12.2005 a Viva Raidue,grazie alla complicità di Fiorello. Potremmo suggerire di continuare a far " cantare " il Premier: se ne potranno ascoltare delle belle!

Paolo Cozzi 25.12.05 00:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"...Attenzione: Il sistema rappresentativo delle deleghe contiene in se il desiderabile seguente (che evidentemente lo precede): la volontà di tutti a partecipare della cosa pubblica, che fa i conti con l'impossibilità materiale. Delega e rappresentanza erano un compromesso, buono. Oggi l'impossibilità che ha necessariamente generato il meccanismo, non esiste più. La storia lo percepisce e siccome la storia è il frutto dei sentimenti e mai della razio, si prepara a rendere possibile cio che non è mai stato tale. A questo punto qualcuno potrebbe pensare che io non amo tanto la democrazia, questo qualcuno non sa cosa è la democrazia. Democrazia non è rappresentanza, non è delega, non è voto. Questi sono gli strumenti della demorazia. Democrazia è la più ampia partecipazione alla discussione pubblica: "La democrazia degli altri" Amartya Sen - Mondadori. ..."

Per far emergere una azione cosciente di miglioramento bisogna cambiare il sistema di incentivi. Partecipazione alla cosa pubblica vuol dire disporre delle proprie risorse ed impegarle attraverso le proprie scelte ("libero arbitrio") in armonia e coerenza con le regole del territorio ( leggi fatte dai legislatori ).
Non è più accettabile il finanziamento a gruppi di potere che agiscono su "delega" di sottogruppi (arbitrio politico) nè la quasi totale assenza di concorrenza in un mercato dei capitali, tipicamente italiana. Questi due "cavalli matti", totalmente indipendenti dalla discrezionalità e scelta dei cittadini devono essere ridimensionati. Nel primo caso cambiando le regole sulle competenze di chi ci governa. Nel secondo caso cercando strade alternative per rientropizzare un mercato, ormai concentrato. Ogni monopilio, se non naturale e con garanzie di possibilità di entrata, è contro l'interesse dei cittadini -> sempre. La delicatezza del tema è aggravata dal fatto che questi istituti hanno un potere di erosione internazionale spaventoso. In chi dobbiamo confidare?

Un saluto.

ijimiaz galir 23.12.05 23:41| 
 |
Rispondi al commento

Grazie beppe, grazie di tutto e ringrazio anche Marco Travaglio, a proposito, per PURO CASO (come no) mi è capitata in mano la sentenza del processo di risarcimento danno tra Silvio Berlusconi e Marco Travaglio, Daniele Luttazzi, della Rai ecc...guarda caso tra le richieste di Berlusconi in caso di vittoria c'era la richuesta di rendere pubblica la cosa (rendere pubblica la "diffamazione" fatta da Travaglio & co)...e guarda caso Berlusconi ha perso (in quanto i fatti citati da Travaglio sono risultati non diffamatori e ancorati a cose VERE) ma nessuno ne ha parlato...non si sa nulla di questo se non su internet...se le televisioni ne hanno parlato l'hanno fatto veramente poco...leggete tutto, è interessante anche se lungo ma ne vale la pena

http://www.marcotravaglio.it/sentenza.htm

Grazie dell'ascolto

Fabio Tabanelli 22.12.05 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro beppe,
sono una studentessa al terzo anno di università e vorrei dirti grazie.
Grazie per tutto quello che fai che per INFORMARE un paese di ignoranti testoni come il nostro...cazzo nn siamo mica nel nome della rosa...abbiamo le tecnologie x informarci obbiettivamente cazzo ed allora facciamolo. Io mi vergogno di essere italiana, amo il mio paese ma è impossibile non notare come esso sia stato trasformato in una repubblica delle banane e con le lacrime agli occhi, perche la situazione è veramente pessima, dico al mio ragazzo ed ai miei genitiori che io la lascio l'italia, che mi fa schifo, che mi fa venire la pelle d'oca e che ci devono essere delle alternative. Ci sono? Cmq grazie beppe, a te, a luttazzi e a tutti quelli che non mollano perche credono che un'italia migliore si puo farla. Alla gente dico finitela di rimbecillirvi davanti alla tv del berlusca e rendetevi conto del punto a cui siamo arrivati..ed incazzatevi cazzoooo!!

valentina petrelli 22.12.05 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Beh, se non altro i 4 non hanno mai dichiarato che non avrebbero fatto uso del condono, mentre il nostro "caro" Presidente ha detto che le sue aziende non avrebbero aprofittato, mentre invece poi si è scoperto che, grazie al condono (che Berlusconi ha negato di voler usare - testuali parole: le mie - notare "mie" - aziende non ne faranno uso), s'è risparmiato invece, condonandosi, 278 milioni di euro (circa 5 milioni di euro a italiano). L'unico giornale ad aver osato scriverlo è stato "La stampa", in piccolo piccolo, in 20 righe, oltre pagina 20. Ha visto uno straccio di Gabibbo o di Iena fare uno scoop??? Facile prendersela con chi fa comicità informativa e non ha firmato nessun contratto con te sui problemi dell'Italia, e ignorare chi ha promesso a destra e a manca, chi ha negato di usufruire e poi usufruito. Facile.

Giuseppe Canti 21.12.05 23:03| 
 |
Rispondi al commento

non ti preoccupare che di (CRETINI COMUNISTI )CHE SI UNISCONO ce ne sono ancora troppi!!!
ma andate a rompere i coglioni in cina , cuba , est europeo etc,etc e godetevela...

lino poli 21.12.05 14:41| 
 |
Rispondi al commento

E' Tutto stabilito.. nessuno può cambiare nulla, tantomento il Sign. Beppe Grillo ce comunque ce la mette tutta ed è da stimare (almeno per l'impegno che ci mette), licio licetto questo voleva e questo è successo..

licio gillet 20.12.05 20:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo credo che se alle prossime elezioni vincerà la sinistra, nulla cambierà a livello di televisione pubblica. Uno come Zapatero in Italia è pura fantascienza! Troppo il marciume e gli interessi per un cambiamento radicale che tanta gente pero' vorrebbe! Ripulire la televisione dalla merda delle veline,di presentatori leccaculo, di demenziali spettacoli è pura utopia!Dobbiamo creare un movimento popolare di protesta contro questa dittatura televisiva creata ad arte per non pensare, per non capire, per vivere perennemente di cazzate! Pensate che un governo capeggiato da un pupazzo manovrato da un ventriloquo, tale è quel testa enorme di Prodi, cambierà qualcosa? AH AH AH AH!!!!!! Ogni piccola cosa non viene autorizzata senza il permesso dei mafiosi Vaticani a cui nessuno, dico nessuno ha il coraggio di contestare le loro scandalose e ridicole intromissioni.

mario cacciani Commentatore in marcia al V2day 20.12.05 16:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


E vero, si è tolto dalle palle…

Ma questo è solo il primo gradino di una lunga gradinata tutta in salita.

Alcune considerazioni:
Se Fazio fosse stato un normalissimo dipendente pubblico, cioè uno che riceve in subappalto un lavoro già a più livelli subappalto da un nostro dipendente diretto, sarebbe già stato messo in GALERA per impedirgli di occultare le prove, gli sarebbero stati confiscati i beni , tolto lo stipendio, ecc… => Lui, NIENTE, dopo avere ricevuto una bella spalmata di pomata che cancella le colpe ieri sera nello studio televisivo privato di Berluskoni sotto la regia di Vespa, LUI e’ ancora in giro con tutti gli onori del caso e della casa delle libertà: Complimenti !

Dopo avere commesso un così grave reato, lo si fa passare per un SALVATORE della patria che ha cacciato fuori gli Olandesi senza spargimento di sangue !

Sarei tentata di dire “non ci capisco più niente”, ma purtroppo mi viene un dubbio:
Non è che sto cominciando à capirci qualche cosa ?

Mariù

mariù rossi 20.12.05 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Alla mia nazione

Non popolo arabo, non popolo balcanico, non popolo antico,
ma nazione vivente, ma nazione europea:
e cosa sei? Terra di infanti, affamati, corrotti,
governanti impiegati di agrari, prefetti codini,
avvocatucci unti di brillantina e i piedi sporchi,
funzionari liberali carogne come gli zii bigotti,
una caserma, un seminario, una spiaggia libera, un casino!
Milioni di piccoli borghesi come milioni di porci
pascolano sospingendosi sotto gli illesi palazotti,
tra case coloniali scrostate ormai come chiese.
Proprio perchè tu sei esistita, ora non esisti,
proprio perchè fosti cosciente, sei incosciente.
E solo perchè sei cattolica, non puoi pensare
che il tuo male è tutto il male: colpa di ogni male.
Sprofonda in questo tuo bel mare, libera il mondo.

Pier Paolo Pasolini


L'ITALIA NON E' CAMBIATA PER NIENTE IN QUESTI ANNI.LA POESIA NE E' UN FEDELISSIMO RITRATTO.SI COMMENTA DA SE...

valentina de pascale 19.12.05 13:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' intanto ancora una volta siamo invasi dai suoi Cartelloni pubblicitari, sapevate che li ha fatti cambiare? ( la scusa era che i precedenti, quelli con sfondo Blu, erano simili a quelli di Casini...ora sono con sfondo Bianco...ma è possibile che il fotografo non abbia inquadrato tutta la figura del premier?...possibile abbia fatto questo incredibile errore ? ma non voglio pensare che la cosa è studiata e che magari si fosse fatto tagliare la testa per nascondere la sua incipiente calvizie).

Mauro Gregorini 19.12.05 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Se il NANO si è permesso di dire che, se chi vota a sinistra è cretino!! Be' allora è proprio sicuro, questa volta perderà le elezioni perchè ha trattato da cretini anche i proprii elettori( kuelli che hanno creduto nel milione di posti, kuelli dell'aumento delle pensioni,kuelli del miracolo economico, kuelli che....l'anno preso nel c...o!) cretini d'Italia uniamoci!

mike Riemma 18.12.05 23:19| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO L'ULTIMA RUOTA DEL CARRO DELL'INFORMAZIONE, DELLA TRASPARENZA, ETC....
....LA RISPOSTA LA DAREMO ALLE PROSSIME POLITICHE...E PRODI,FASSINO,RUTELLI,D'ALEMA....IMPARINO AD ASCOLTARE NOI CITTADINI!!!.....
..LE RIFORME VENGONO DAL BASSO!!!!!!
....E POI SIAMO L'UNICO PAESE AL MONDO DOVE LA POLITICA E IL CONFRONTO NON SI FANNO IN PARLAMENTO...MA A "PORTA A PORTA"....VESPA FUORI DAI COGLIONI!!!!

rocco faillace Commentatore in marcia al V2day 18.12.05 15:55| 
 |
Rispondi al commento

hanno dichiarato guerra a internet e agli utenti!
se entrate in un negozio e vi comprate il nuovo windows (del 2006) o il nuovo mac siete spacciati!
cercate e scaricatevi "PALLADIUM". Un file di testo importantissimo!!
Bloccheranno i siti che vorranno loro non potremmo prestarci più i cd perchè i nostri lettori ce lo impediranno.....la situazione è veramente tragica scaricate PALLADIUM!!
PALLADIUM PALLADIUM PALLADIUM PALLADIUM PALLADIUM PALLADIUM PALLADIUM PALLADIUM PALLADIUM PALLADIUM

massimniliano bertocco 18.12.05 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo Beppe continua così.
(Quello che stò per dire forse è solo un sogno).
Chiediamo ai nostri dipendenti di elaborare e fare una legge di un solo articolo dove venga semplicemente citato:
ART:1
IL CITTADINO CHE SI MACCHIA DI UN REATO GRAVE (diciamo per esempio reati punibili con una detenzione minima di 4 anni), E CHE LO COMETTE INTENZIONALMENTE CON PREMEDITAZIONE, QUALORA SIA ACCERTATO NEI VARI GRADI DI GIUDIZIO E SIA PASSATO IN GIUDICATO, VENGA PRIVATO DI TUTTI I SUOI AVERI E VENGA MANTENUTO DALLO STATO CON UNA PENSIONE DI MINIMA SOCIALE.

OVVIAMENTE NEL CASO SI TRATTI DI UN NOSTRO DIPENDENTE DAVRA' ESSERE LICENZIATO IN TRONCO SENZA TFR.
Io personalmente (come credo tutti i cittadini onesti) non temerei una legge si fatta.

Un saluto a tutti Claudio

Santoprete Claudio 18.12.05 10:34| 
 |
Rispondi al commento

mi chiamo daniele sono italiano e vivo in spagna per lavoro da quasi 2 anni. dico per lavoro quasi come se fosse una forzatura nel corso della mia vita, pero non lo è: odio tornare in italia e accendere la tv comprare un gornale e trovare sempre le solite cazzate scritte quando teniamo problemi ben piu gravi su cui riflettere e trovare soluzioni. questa differenza nella pluralita delle informazioni come dicevo e nettamente marcata dal fatto che vivo in paese come la spagna. la cosa comica e che la priorita dei problemi cambi da paese a paese o miglior detto da GOVERNO a GOVERNO. inviterei i cittadini del nostro bel paese a comprare infornazione estera per farsi una idea di quello che realmente accate fuori dai nostri confini. immaginatevi se fosse uno straniero a leggere i nostri giornali ci vedrebbero come degli emeriti stupidi,risultiamo ovattati ,plastificati e preconfezionati cittadini grazie al caro presidente del consiglio (che crede che una cosa non passata alla televisione non accade)
un tiranno mediatico che sta ammazzando e querelando qualsiasi voce fuori dal CORO.
non dovremmo pagare tutti per gli errori di un uomo (vedi u.s.a con bush) pero che pena essere italiani all estero...

daniele welsh 17.12.05 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Per Alfredo T.

Da come scrivi sei un povero. Dici che non sei di destra....magari lo fossi....saresti meno coglione di quello che sei!

Giuseppe Mazzei Avvocato 17.12.05 14:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La vignetta è un po' piccola non si legge bene un granché.

Roberto Bandini 17.12.05 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Abbasso Zapatero! (e non sono di destra!)

Alfredo T. 17.12.05 12:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....non ne posso più....
"stavo meglio" quando non me ne fregava niente di sta c..o di politica.....almeno non ci pensavo:(

Più cerco informazioni in rete e più mi accorgo di quanto siamo sotto un regime mediatico.

Se non l'ho avete già fatto, scaricatevi il programma trasmesso su Wide Angle "citizen berlusconi",basta cercarlo su un qualsiasi motore di ricerca ed è legale anzi è un obbligo vederlo!!
Scommetto che negli altri paesi è stato anche trasmesso in TV.
Io l'ho appena finito di guardare e anche se le informazioni in esso contenute le conoscevo già, sono...come dire....schifato...vorrei che facessimo qualcosa TUTTI!!!
Ma chi sa, magari ce lo meritiamo visto che lo abbiamo eletto noi:[

Bananas


Luca Preve 16.12.05 22:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Agostino,
la tua posizione politica mi era giá rimasta chiara, e la rispetto profondamente.Continuo peró a manifestare la mia perplessitá riguardo alle prese di posizione dogmatiche nei confronti di un partito.È come se gli errori commessi da uno non fossero cosí gravi come quelli commessi dall'altro e viceversa.Due pesi e due misure.Double standard.

Per quanto riguarda il conflitto del Sahara occidentale, ció che cercavo di dirti è che una delle tante promesse elettorali di ZP era quella di mediare nella risoluzione del conflitto.Fa tanto "trendy" dire di voler mediare nei conflitti,soparttutto se ci sono rifugiati di mezzo.Ma dopo, cosa è successo quando sono arrivati al potere? Che, per altri interessi,conveniva di piú avvicinarsi al Marocco, invasore del Sahara Occidentale, e cosí lasciare di nuovo a piedi i rifugiati di Tindouf,el Frente Polisario e tutta la regione...Questo conflitto era uno di motivi di scontro tra il governo Aznar,che appoggiava l'indipendenza saharaui e il governo marocchino.
Capisco la tua preferenza per un governo guidato dalla tendenza e dal politically correct, speriamo solo che le grandi scelte demagogiche non ci creino piú problemi che soluzioni.
Intanto el "equilibrio presupuestario" e la riduzione delle tasse portata a termine negli ultimi 8 anni sono giá in pericolo.
Anche Aznar nel suo primo governo entró in coalizione con i catalani di CIU,ma la situazione non era mai degenerata fino a questo punto,perché Pujol non è Carod.Lo consideri (giustamente) patetico, ma Zapatero lo ha scelto come socio e ha piú potere di nessuno in questo momento.Le vendite di Codorniú,per farti solo un esempio, sono calate del 4,7%.Una situazione del genere non ha precedenti.Fino a che punto si sacrificheranno gli interessi di un intero paese per accontentare le pretese di una minoranza radicale che da manforte a una banda terrorista?
Aznar ha commesso un gravissimo errore non ascoltando la voce della strada,ZP non ha imparato la lezione

Alessia Putin 16.12.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento

ciao,

stasera ho visto in casa di amici il film/documentario 911 in site plane.
sono rimasto semplicemente scioccato.
il documentario rivede otto un'altra luce gli avvenimenti dell'11 settembre.
se solo la metà di questi fatti fosse vera ci sarebbe da fare la guerra civile.
io seguo abbastanza i notiziari e le notizie anche da altre parti del mondo, ma non ho mai sentito nessuno parlare o commentare questa pellicola.
come mai questo silenzio incredibile da parte di tutti gli organi di informazione?
chiedo a beppe se anche lui non ne ha mai sentito parlare, nel tal caso gli consiglio vivamente di vederlo, e altrimenti gli chiedo un parere ed un commento.
per ulteriori informazioni collegatevi al sito
http://www.911inplanesite.com/
se abbiamo sussultato davanti alle denunce di michael moore, cosa dovremmo fare davanti a questo?
cordialmente marco

marco simola Commentatore in marcia al V2day 16.12.05 02:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grillo ma non è l'ora di querelare il presidente del consiglio !!!! tutte le volte che apre bocca mi sento offendere. E penso che come me molte altre persone la pensino così.

maurizio fioravanti 15.12.05 21:53| 
 |
Rispondi al commento

Ma qui non c'è nessuno?

Pietro Vallesi 15.12.05 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Buona sera Italia

Giovanni Spada 15.12.05 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Celentano in diretta TV ha anche citato la fonte della classifica:
http://www.freedomhouse.org
Quindi no disinformazione.

Andrea Giani 15.12.05 18:50| 
 |
Rispondi al commento

alessia vorrei solo dirti, che io vivo in spagna da moltissimi anni e di boicot ai prodotti catalani ne o visti piu di uno.correggimi se sbaglio. considero degli ignoranti chi fa propaganda al boicot ai prodotti catalani, perche fino a prova contraria catalunia e in SPAGNA, per molto che cualcuno ci voglia far credere il contrari.per me i 650.000 di erc anno lo stesso valore della lega. {patetici } spero sia daccordo con me. il problema saharaui, non credo sia responsabilita ne del pesoe ne di zapatero,ma della comunita internazionale.sui fatti cosa vuoi che ti dica, nella mia ignoranza penso che fanno meno male le parole che le bombe {vedi irak}.certamente come gia ti o detto, non considero responsabile nessuno dell incendio di guadalajara e dei poveri ragazzi morti.{anche io sono un volontario, quando mi chiamano vado a svolgere il mio lavoro qulsiasi cosa sia} io come potrai capire preferisco zapatero con tutti i suoi difetti che gente come, aznar. rajoi. acebes... berlusconi..bossi fini prodi dalema casini.

agostino bove 15.12.05 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Vi chiedo di andare nella sezione PARMA ( colonna a destra del blog) ed aiutare il direttore del LA VOCE DI PARMA che si batte da anni contro Calisto Tanzi e la nafia locale, egstendo un giornale che ha fatto dimettere pure un magistrato. inviategli una mail di sostegno e leggete alcuni degli articoli sarcastici di un giornalista satirico che critica la cementificazione e la autoriti alimentare fasulla ed inutile ed i milioni di metri cubi di cemento che questa ha richiesto stravolgendo le caratteristiche della cittadina.... per favore aiutateli con mail di sostegno e magari un abbonamento.

Andrea Ghillani 15.12.05 18:10| 
 |
Rispondi al commento

La Giovine Italia - Di Roberta Anguillesi (articolo del dicembre 2004)
"Ci sono due dati di fatto inconfutabili: il primo è che Marcello Dell’Utri è stato condannato in primo grado a 9 anni di reclusione per concorso esterno con la mafia, il secondo è che lo stesso Dell’Utri è stato nominato pochi giorni prima della sentenza responsabile dei giovani Forza Italia. (....) Si suppone che nell’immaginario collettivo colui che presiede e che guida i giovani in una qualsiasi organizzazione, debba necessariamente essere colui che ne incarna i valori, la filosofia e le aspirazioni, le più pure e le più sincere. L’ ‘aio’, il precettore, il maestro di vita che con la sua storia e i suoi precetti educhi i virgulti a una crescita conforme alla missione dell’organizzazione e dispensi precetti preziosi.

Evidentemente colui che incarna i valori più alti della filosofia forzaitaliota è un condannato per concorso esterno alla mafia e ad esser cattivi si potrebbe pensare che concorrere esternamente con la mafia dovrebbe essere una delle aspirazioni ideali del giovane di Forza Italia.

Ma questo è un paradosso, ovviamente, anzi un semplicismo paradossale perché la nomina di Dell’Utri offre letture poliedriche.
(......)"

Domanda ad un anno dall'avvenimento: in che cosa si sostanzia l'azione dei giovani virgulti forzitalioti? Nell'infettare i forum più o meno dichiaratamente contrari al disegno ordito dal loro capo (Dell' Utri è stato, tra l'altro, l'ideatore di Froda Italia....)!!!

Se ci si fa caso, in ognuno di questi forum ci sono alcuni partecipanti "contro" (in gergo vengono definiti "TROLL") che tentano, puerilmente, di insinuare dubbi... sospetti.... domande capziose....

Vi ricorda qualcuno?

Franco Cirase 15.12.05 17:10| 
 |
Rispondi al commento

NON AVENDO LA SUA EMAIL SPERO PROPRIO CHE QUESTA MIA SIA LETTA DA QUALCHE PERSONA A LEI VICINA.

Sig. presidente del consiglio ieri ho sentita dire DA LEI la seguente frase" per votare la sinistra bisogna essere stupidi" IL RUOLO ISTITUZIONALE CHE LEI RICOPRE NON DOVREBBE CONSENTIRLE DI USARE CERTI TONI DA BAR DEL "CIAMBELLINO" FINO A ORA ABBIAMO SOPPORTATO LE SUE ESTERNAZIONE DA BAR CON MOLTA PAZIENZA ORA DOPO LE SUE ESTERNAZIONI HO TUTTO IL DIRITTO COME LEI DI ESTERNARE PUBBLICAMENTE UN GIUDIZIO NON POLITICO, MA DA BAR COME FA LEI NELLE SEDI ISTITUZIONALI, QUINDI POSSO DIRLE CON TUTTA IL MIO TOTALE DISPREZZO CHE LEI è UN CRETINO. E BADI BENE NON CRETINO PER IL SUO COMPORTAMENTO MA CRETINO GENETICAMENTE PARLANDO. , CREDO CHE LE TESI UN PO SOTTOVALUTATE DEL PROFFESSOR LOMBROSO ABBIANO PIENA APPLICAZIONE NEI SUOI CONFRONTI E NEI CONFRONTI DELL'ATTUALE PRESIDENTE AMERICANO. A GUARDAR BENE LE VOSTRE FACCE CREDO CHE POSSANO ANDARE A COLMARE UN VUOTO. TRA VOLTI DI INCENDIARI, UXORICIDI, FRATICIDI ,, ANCHE I VOLTI DEI CRETINI.
IL SUO AMICO BOSSI DICE CHE è UN MAFIOSO.. PUO' ESSERE... IO LA RITENGO PIU UN CRETINO.
UNO CHE VOTERA' A SINISTRA. (STUPIDO?)


carlo pisu 15.12.05 16:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma che palle!

Certo che voi servi del nano, sotto (mal) mentite spoglie, recitate sempre lo stesso copione!

E basta!!

Ma se anche fosse? Se, per assurdo, Beppe o chi per lui avesse cancellato dal SUO Blog qualcosa che non gli andava a genio? Sulla scorta di quale diritto glielo potresti impedire?
Per usare concetti a voi reiteratamente inculcati dal biberon televisivo ed assolutamente terra-terra (quindi - addirittura - a voi comprensibili..): lo spazio web è di chi lo paga e ci fa il cazzo che gli pare, chiaro? Il fatto che lo metta a disposizione di un sempre più vasto (mi dispiace per te e per chi ti manda...) numero di partecipanti, non precostituisce nessun obbligo, né di ordine civile, né tentomeno di ordine morale, nei confronti di alcuno di noi. E' uno spazio che ci offre la possibilità (e purtroppo la offre anche a te ed ai tuoi pari) di scriverci, di leggerci e di confrontarci (quest'ultimo termine ti è ignoto, ne convengo....). E' tutto. Ed a noi tutti ci sta un gran bene, tant'è che siamo ogni giorno di più (e voi, per fortuna di questo Paese, perdete pezzi per strada, ad aprile sarete al lumicino, se continuate così!) Potete andare tranquillamente fuori dai coglioni: il nulla non è stato mai oggetto di rimpianti...

Franco Cirase 15.12.05 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato questo articolo sull'argomento del CONDONO FISCALE del quale hanno fatto buon uso Prodi, Benigni, Celentano ed il nostro Beppe Grillo. Meglio tardi che mai! ALMENO HANNO PAGATO LE TASSE, ANCHE SE IN RITARDO E CON LO SCONTO... PERò SE è COSì, E PARE PROPRIO DI SI, ALLORA PERCHè HANNO CRITICATO TANTO QUESTO CONDONO?
http://www.romeguide.it/reporter/index.php?sez=articolo_tutto&id=10588

SUCCEDE ANCHE QUESTO…

Dopo il clamoroso successo di Rockpolitic, la critica è stata quasi unanime nell’esaltare la bravura e la simpatia che il più celebre cantante italiano ha dimostrato nel condurre il tanto atteso programma. Tra le voci più autorevoli di dissenso, FRANCO BECHIS, Direttore del quotidiano “Il Tempo”, ha messo in rilievo giustamente un fatto, a dir poco, inquietante. Celentano, come Romano Prodi, Beppe Grillo e Roberto Benigni, nella vita reale, hanno spesso comportamenti contrastanti con quanto affermano in Tv, comportamenti “lenti” e poco “rock”.Sembra, infatti, che i “magnifici quattro” abbiano usufruito del tanto criticato condono fiscale varato dall’attuale governo. Nessuno di noi pretende che chi avversa la presente maggioranza, non debba poi utilizzare a proprio vantaggio la normativa fiscale emanata;tuttavia, per coerenza, tali personaggi potrebbero evitare di accanirsi contro le leggi che questo governo ha promulgato. L’unico uomo politico che ha espresso un giudizio positivo sul Direttore Bechis, è stato il Ministro Francesco Storace che ha apprezzato l’articolo dell’illustre giornalista. Forse la coalizione di centro destra dovrebbe avvalersi più spesso della forza critica e della professionalità di comunicatori come Franco Bechis, per far conoscere, in modo più concreto e capillare, il suo operato, spesso ignorato o frainteso dagli elettori.
ADRIANO MILLEFIORINI
Presidente dell’Associazione Culturale “DIAMANTE”

luciana briganti 15.12.05 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Agostino e Luciana.

Agostino:tu preferisci un politico che parla,io uno che agisce.Soprattutto se il politico che parla, con su talante y sonrisa, di alleanza di civilizzazioni, appoggia e difende che il popolo saharaui non possa autodeterminarsi perchè ai marocchini conviene la loro terra deserta ma piena di fosfati.Il problema del Sahara Occidental é grave,ma all'ipocrita governo P.S.O ESPAÑOL importa di + autodeterminare la Cataluña, perchè se no il governo cade, grazie a Carod Rovira.Proprio ieri Carod ha detto que ZP está acojonado!!!!! È possibile che abbia piú potere un partito con 650.000 voti che uno con 10.000.000? Io vivo da sempre in Spagna e un boiccottaggio tra spagnoli lo vedo solo ORA.
Se la colpa di 11 morti perché non si sono messi i mezzi a disposizione e non si è passato al grado di allarme tre (che puó decidere solo la diputación) non è di un politico, perché è di un politico la colpa di una nave che affonda o della vendita di esplosivi? I retenes non compivano con il proprio lavoro, erano volontari.
Ma come si diceva all'inizio di questa lunga discussione, la questione non è chi ne ha fatte di piú, ma quanto facilmente influenzabili siamo.Studiamo su libri che scrivono la storia a modo loro.
Su 7 vocabolari scolastici in vendita per le scuole (quelli piú venduti), solo 1 accenna una breve definizione di foibe.

Alessia Putin 15.12.05 15:23| 
 |
Rispondi al commento

I nuovi manifesti del portatore nano di incompetenza e cialtroneria continuano a calpestare la realtà ed a prendere per il culo il popolo italiano, tentando di tracciare un disperato bilancio trionfalistico dell’operato dell’armata brancaleone fascio-lego-piduista-democrista.

Qualsiasi cittadino italiano dotato di minima capacità di discernimento ha purtroppo un riscontro quotidiano del prodotto di quasi cinque anni di attività(?) di cotante nullità allo sbaraglio governativo e sottogovernativo.

I 6x3, per fortuna, si prestano ad essere “rivisti e corretti” con un po’ di spray e di verità…. È tempo di darsi da fare, tutti (io ho già iniziato, la notte scorsa…).


Franco Cirase 15.12.05 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per chi è scettico:
http://web.amnesty.org/library/Index/ESLEUR410112005?open&of=ESL-2EU

luciana briganti 15.12.05 13:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abbiamo visto il filmato anche in Italia di questi poveri immigrati che con le unghie e con i denti cercavano di attraversare le 3 barricate di filo spinato alte dai 5 ai 6 metri. Ma in Italia lo abbiamo visto solo una volta, come un caso sporadico, ma queste cose continuano ad accadere e l'unica a denunciarlo e Amnesty International!!!
In Italia lo abbiamo visto solo una volta... ma a Melilla gli immigranti non vengono accolti come da noi nella maggior parte dei casi. A Medilla gli sparano addosso o li mandano indietro dove muoiono di fame e di sete nel deserto poiche braccati anche di la dal esercito del Marocco!!!
VIVA ZAPATERO CHE RIPULISCE LA TV DALLA TELEBASURA! E VIVA CHI LO IDOLATRA!

luciana briganti 15.12.05 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Cruenta avalancha humana en Melilla
Armados, unos 350 africanos saltaron el cerco para llegar a Europa; 130 heridos
MELILLA, España.– Crece la violencia en la frontera de esta pequeña ciudad, militarizada contra los inmigrantes más pobres de la Tierra. Armados –por primera vez– con palos y piedras, cientos de ellos desafiaron ametralladoras y derribaron a puro cuerpo el cerco de alambre de púas, en la mayor avalancha humana que se haya visto para huir del hambre africana y llegar a Europa.
Las cifras desbordan todo. Cerca de 700 inmigrantes clandestinos –entre ellos, mujeres y niños– se lanzaron contra la cerca; poco menos de la mitad logró pasarla y pisar tierra española. Más de 90 personas fueron detenidas antes de llegar a ella y 130 –contando policías y soldados– resultaron heridas en la refriega. Hubo cortes, fracturas, traumatismos, rostros destrozados...
Fue toda una sorpresa ante la confianza del gobierno socialista español en el "efecto disuasorio" de su despliegue militar en la pequeña frontera que separa de Marruecos.
El tercer asalto en una semana contra Melilla y el más grande jamás visto descolocó al gobierno de José Luis Rodríguez Zapatero, quien hace pocos días minimizó la seguidilla que arrastra ya meses como "coyuntural" y bajo control. Pero ayer su canciller, Miguel Angel Moratinos, lanzó un desesperado pedido de ayuda a la Unión Europea.
La oposición del derechista Partido Popular (PP) atacó con dureza y calificó a Zapatero de "inepto" en el manejo de la crisis. Nunca había usado semejante calificativo.
Y si no fuera por el drama humano que conlleva, el relato de estos hechos bien podría parecer un guión de película sobre la colonia: una rebelión de africanos con hambre, jaqueados por dos ejércitos -el español y el marroquí...

luciana briganti 15.12.05 13:26| 
 |
Rispondi al commento

a chi non capisce traduco... beato chi sa le lingue... altrimenti esisto siti e programmi di traduzione molto utili x informarsi da soli... traducono testi anche dall'giapponese!!!

luciana briganti 15.12.05 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Anche questo è merito di Zapatero il super eroe:
MELILLA
Las púas del alambre que corona la valla entre la pobreza y la riqueza no son de las habituales para demarcar el terreno en el campo, sino cortantes, de uso militar, imposibles de encontrar en otro sitio que no sea una barricada y del mismo tipo que las empleadas sobre el vilipendiado muro que Israel construyó para dividir el territorio con los palestinos.
El escabroso detalle sobre las púas -en realidad, pequeñas cuchillas dobles y cortantes por tres de sus cuatro lados- se conoció junto con un documento televisivo que muestra a un agente de la Guardia Civil en el momento de propinar cinco puntapiés con su borceguí a un inmigrante africano caído en tierra en el pasillo que discurre por la doble valla.
"¡Por favor, señor, por favor!", llegó a suplicar el inmigrante apenas empezó la paliza, pero fue en vano. Cuando el castigó terminó, fue levantado y llevado al interior de una camioneta blanca de la Guardia Civil.
"No lo he visto", dijo el ministro de Trabajo y responsable de Inmigración del gobierno socialista, Jesús Caldera, al ser interrogado sobre la cuestión.
"Perdone, tengo una audiencia", contestó, en tanto, y ante las mismas cámaras españolas, el canciller Miguel Angel Moratinos. Por su parte, el ministro de Interior, José Antonio Alonso, se abstuvo de hacer comentarios.
Un vocero de la Guardia Civil indicó que habría "una investigación interna". Fuentes locales que trabajan con inmigrantes consideraron que episodios como ése "sin ser habituales, tampoco son una excepción".
El documental fue elaborado por la televisión abierta Telecinco. En él se ve también el momento en que un grupo de inmigrantes llega a la valla. "¡Tira pa´ atrás, negro, que te doy en la cabeza!", es el grito de advertencia de los vigías antes de que empiecen a sonar los disparos.
http://www.lanacion.com.ar/exterior/nota.asp?nota_id=745054

luciana briganti 15.12.05 13:18| 
 |
Rispondi al commento

Dalla repubblica del 15/12/05:

-La riforma in senso proporzionale passa con 160 sì della Cdl-

-Dopo 12 anni di maggioritario si tornano a votare i partiti-

-Senato, via libera definitivo
alla nuova legge elettorale
Berlusconi: "Legge democratica, nessuna pressione su Ciampi"-

-Adesso dopo tante parole sia di destra che di sinistra si torna al sistema che favorisce il clientelismo,soprattutto al sud!
Voi la volete questa legge?
Cambiano le carte in tavola a loro piacimento;
spero vivamente che se ci sarà la sinistra questa legge venga cambiata,sostituita con un maggioritario migliore di quello attuale.-

carmine Tambascia 15.12.05 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono anni che medici omeopati e non continuano a ripetere di eliminare i cibi industriali. In questo caso parliamo di panettoni. Ho eliminato da sette mesi la TV in casa mia così sono a corto di notizie e sinceramente nn sapevo nulla di queste uova marce (giornali nn ne leggo x gli stessi motivi della TV ma se ne avete qualcuno voi da suggerire, fatelo! Vi ringrazio anticipatamente). Questo per chiedere: ma ki erano queste industrie che utilizzavano le uova marce? I nomi, per favore!!! In quanto a Barilla ... A parte il fatto che su Barilla grava l'ombra (e non forse tanto ombra) di avere delle compartecipazioni in società che producono armi da guerra ... ma cosa vi aspettate che possa produrre una società che martella costantemente (ricordi di sette mesi fa) di pubblicità i suoi prodotti? Avete mai letto 26.900 di Beigbeder Frédéric? Credo sia stato anche consigliato da Grillo! Quindi evitare:
1) cibi industriali, nel limite del possibile;
2) sicuramente prodotti strapubblicizzati!
3) assolutissimamente i prodotti delle grandi multinazionali. A questo proposito vi suggerisco di leggervi una serie di meravigliosi libri sul consumo consapevole. In libreria ne troverete a decine.
Vi suggerirei anche di acquistare da quella brava gente di "altro mercato". Anni fa assistevo ad una trasmissione di Grillo (forse era su Sky) dove accennava a questo gruppo che aiuta realmente il terzo mondo promuovendo la vendita dei prodotti di piccole cooperative il tutto sgaciato da quelle famigerate multinazionali che sfruttano i poveri per rivendere a noi a "poco" prezzo (vedasi, fra le tante, Delmonte con la raccolta degli ananas). Ma anche su questo argomento ci sono fior fior di libri.
Be', che dire, buona lettura e scelte maggiormente consapevoli!
Marvi

Marvi Giorgi 15.12.05 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono anni che medici omeopati e non continuano a ripetere di eliminare i cibi industriali. In questo caso parliamo di panettoni. Ho eliminato da sette mesi la TV in casa mia così sono a corto di notizie e sinceramente nn sapevo nulla di queste uova marce (giornali nn ne leggo x gli stessi motivi della TV ma se ne avete qualcuno voi da suggerire, fatelo! Vi ringrazio anticipatamente). Questo per chiedere: ma ki erano queste industrie che utilizzavano le uova marce? I nomi, per favore!!! In quanto a Barilla ... A parte il fatto che su Barilla grava l'ombra (e non forse tanto ombra) di avere delle compartecipazioni in società che producono armi da guerra ... ma cosa vi aspettate che possa produrre una società che martella costantemente (ricordi di sette mesi fa) di pubblicità i suoi prodotti? Avete mai letto 26.900 di Beigbeder Frédéric? Credo sia stato anche consigliato da Grillo! Quindi evitare:
1) cibi industriali, nel limite del possibile;
2) sicuramente prodotti strapubblicizzati!
3) assolutissimamente i prodotti delle grandi multinazionali. A questo proposito vi suggerisco di leggervi una serie di meravigliosi libri sul consumo consapevole. In libreria ne troverete a decine.
Vi suggerirei anche di acquistare da quella brava gente di "altro mercato". Anni fa assistevo ad una trasmissione di Grillo (forse era su Sky) dove accennava a questo gruppo che aiuta realmente il terzo mondo promuovendo la vendita dei prodotti di piccole cooperative il tutto sgaciato da quelle famigerate multinazionali che sfruttano i poveri per rivendere a noi a "poco" prezzo (vedasi, fra le tante, Delmonte con la raccolta degli ananas). Ma anche su questo argomento ci sono fior fior di libri.
Be', che dire, buona lettura e scelte maggiormente consapevoli!
Marvi

Marvi Giorgi 15.12.05 10:02| 
 |
Rispondi al commento

E' cominciata...

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2005/12_Dicembre/11/silvio.shtml

Luka X. 15.12.05 09:00| 
 |
Rispondi al commento

carissimo Beppe, vorrei sapere se é possibile che fine hanno fatto le uova marce usate x fare dolci panettoni ecc. Ho anche sentito che in Polonia hanno trovato i spaghetti barilla con una forte percentuale di piombo che ne pensi??? ciao grandissimo

fabrizio lilli 14.12.05 23:06| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Sig.ra Luciana, sono d'accordo con lei quando dice che la sua televisione la gestisce lei, ma secondo me il problema è nell'impossibilità di scelta che da anni ormai il servizio pubblico, ci da.
Mi dica, se le va, quante volte su sette giorni, sceglie di vedere un programma della RAI perchè le interessa?
Quante volte ha visto di recente in prima serata un programma volto ad aumentare il livello di cultura del nostro bel paese trasmesso dalla RAI in chiaro?
Lei parla della rete come se tutti e intendo 60 milioni di italiani, potessero accedervi, perchè invece non pensa alla stragrande maggioranza delle persone che vivono sole perchè anziane, inferme il cui unico mezzo di informazione è e rimarrà la televisione. Ormai si sa il nostro è un paese a zero crescita, l'Italia sta invecchiando.Il progresso va avanti ma nessuno ce lo insegna. Beppe grillo nel suo spettacolo ha giustamente posto l'accento su una ed un unica cosa: LA CONOSCENZA!! Se manca la conoscenza non si va più da nessuna parte. So di gente che non si informa, che non approfondisce come fa lei, semplicemente perchè è demoralizzata. Persone che dicono che l'Italia va a rotoli che si lamentano, ma pochi si informano e risolvono i loro problemi. Perdoni questo mio sfogo, ma sa, sono demoralizzato anch'io e mi sento impotente contro i potenti che purtroppo ci governano e decidono per noi tutto, anche cosa vedere e cosa sapere infischiandosene altamente degli effetti delle loro azioni. In Spagna hanno cambiato il sistema della televisione l'ho scoperto qui, su questo Blog, sui giornali non lo avevo letto e in televisione non lo avevano detto (o forse mi sarà sfuggito). Mi chiedo se nessuno ti dice niente come fai a sapere cosa ti succede intorno e se ti danno notizie false e distorte come si fa a rendersene conto?.....senza Internet?
Cordiali Saluti

Roberto Giuliani 14.12.05 21:31| 
 |
Rispondi al commento

ciao alessia scusa ma dovevo andare a prendere i miei figli a scuola. come dici tu, potremmo stare qui secoli a discutere. io ti ammetto tutto, pero non potrei mai amettere che il responsabile della morte di 11 persone che compivano con il proprio lavoro sia di un politico{come immagino tu saprai, alcuni anni fa, alqune comunita chiesero piu mezzi per combattere gli incendi, gli fu risposto che non era il momento...´}come dovresti sapere che in asturia era piu facile comprare esplosivo che mariuana,ed allora governava il pp ed il ministro dell interno era acebes {che io considero un pessimo politico}. pero io non cosidero responsabile il ministro dell interno ma solo i terroristi che misero le bombe. montilla..cascos ...trillo..moratinos ..bono..zaplana ...ana palacio ..il debito del psc il debito del pp. il pp che accusa al psoe di vendere armi a venezuela,poi risulta che gia glie le avevano vendute loro. la delocalizzazione delle industrie dalla spagna ad altri paesi comincio piu di due anni fa. la cuestione e che potremmo stare secoli discutendo di chi ha ragione o no. cara alessia, io non sono socialista, non leggo liberta digital perche e molto parziale, non credo quello che dice la ser, perche mi piace pensare con la mia testa.pero sempre aprezzero di piu chi parla di alleanza di civilizzazione{zapatero}a chi difende la guerra preventiva{aznar}.se si approva una legge come quella del matrimonio omosessuale e perche tutti abbiano gli stessi diritti; non e obbligatorio che tutti gli omosessuali si sposino,perche il matrimonio e una cosa seria.

agostino bove 14.12.05 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Adoro i telegiornali quando c'è lo sciopero dei giornalisti, finalmente notizie senza commenti(quello che passa il convento!!)
HO BISOGNO DI INFORMAZIONE PURA

Spanu Giulia 14.12.05 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Da un punto di vista logico, sono pienamente d'accordo con te. Poi però scendo dalla logica alla realtà e mi accorgo che di tempo per informarmi efficacemente non ne dispongo. Tra il lavoro, la famiglia (vivaddio) e qualche amico, l'informazione ho bisogno che sia "sintetica", nel senso che faccia una sintesi, e per questo la televisione è lo strumento ideale perchè in mezz'ora di telegiornale ti dà le informazioni principali che poi chi ha tempo andrà ad approfondire a seconda del suo interesse. Se però queste informazioni "base" dei TG (o altri programmi di informazione) sono falsate, chi come me non ha tempo di approfondire non verrà mai a conoscenza di quella che è la realtà.
Un saluto.

Alessandro Dri 14.12.05 19:05| 
 |
Rispondi al commento

La tua proposta mi trova decisamente favorevole.

Alessandro Spadaro 14.12.05 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Salve gente!
Ogni volta che capito in queste pagine mi sendo realmente riavere.....mi sento esattamente come quando il NANO si diverte ogni giorno a tirarcelo nel didietro e poi a mascherare tutto con una serie incredibile di bugie. Stò male se penso che tuto quelo che si dice in questo grandissimo sito è totalmente sconosciuto al 90% del popolo italiano!

SVEGLIAMOCI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

CIAO
Max

Max Cassarà 14.12.05 17:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aggiugerei una terza legge da approvare subito: qualsiasi provvedimeno a favore dei parlamentari deve essere sottoposto a referendum popolare senza quorum.
Siamo noi cittadini che dobbiamo decidere sui privilegi che concediamo ai nostri parlamentari per rapresentarci al meglio senza superprotezioni (tipo divieto di intercettazioni e distruzione di eventuali registrazioni casuali)inutili in un regime democratico

enrico tessaro 14.12.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao alessia. come posso intuire le nostre fonti di informazione non coincidono,sulla questione prestig, questi giorni sono state date delle notizie molto interessanti su quello che disse il sig rajoi e quello che rivelano le registrazioni. se tu consideri che illegalizare un partito eletto democraticamente chiudere un giornale {io detesto le persone come arnaldo oteghi}se tu credi che questo si possa chuamare patto per la liberta ce qualcosa che non va. luciana al venezuela sono stati venduti aerei da trasporto e navi per la vigilanza delle coste, le uniche armi le ha vendute il pp.

agostino bove 14.12.05 16:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Reporter sens frontière (Rsf) ha pubblicato la prima classifica mondiale della libertà di stampa e non sono mancate le sorprese. Innanzitutto va rilevato che, pluralismo e libertà nella diffusione delle notizie non sono una prerogativa dei paesi più ricchi e sviluppati. Basti pensare che il Costa Rica precede in classifica gli Stati Uniti e diverse nazioni europee. L'Italia, a causa dell'irrisolto conflitto di interessi del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, si piazza al quarantesimo posto... La maglia nera dei peggiori del gruppo spetta a tre nazioni asiatiche: Corea del Nord, Cina e Myanmar. In fondo alla classifica figurano anche la maggior parte dei paesi arabi, a partire da Libia, Tunisia e Iraq, dove è semplicemente impensabile che un giornale o una testata radiotelevisiva possa criticare il capo dello Stato o l'operato del governo. R.s.f. assegna invece buoni voti ad alcune realtà africane come Benin, Sudafrica, Mali, Namibia e Senegal, tutte collocate nelle prime cinquanta posizioni e in condizione di vantare una reale libertà di stampa...

Vi ricordo che il nostro amico Celentano in diretta nazionale sulla tv pubblica ci metteva al 72° posto tra Burundi e Mongolia. (anche questa è disinformazione di massa)

http://www.disinformazione.it/libertadistampa.htm

luciana briganti 14.12.05 16:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
vorrei dirti che resistere oggi in questo paese è cosa davvero difficile. La questione Tav è pazzesca, le motivazioni del si sono talmente deboli che non si capisce (!) come possano bastare a legitttimare un disastro ambientale, un rischio gravissimo e documentato per la salute pubblica, investimenti ingentissimi a fronte di benefici che definire minimi è eufemistico.
Ti lascio con l'amara considerazione che in Italia oggi è un comico ad essere l'unica fonte di informazone indipendente..siamo in leggera controtendenza!
valentina zuccoli

valentina zucccoli 14.12.05 15:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma se qualcuno non è d'accordo con me, bene, lo invito a sottoscrivere questa petizione che chiede una tv "libera" dai partiti politici, ecc...
Anche se a leggerla approfonditamente fanno sorridere le contradizioni in termini che si "nascondono" all'interno della stessa,
termini come:
"ferreo regime"; "Cancellate la legge..."; "Abolite la legge..."; "severi limiti..."; "Eliminate l´Auditel..." "Fate in modo che gli italiani vedano e ascoltino"... ecc...
tutti termini che con la LIBERTA', a mio avviso, fanno a pugni.
http://www.vivazapatero.org/appello2.htm

luciana briganti 14.12.05 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Dal mio punto di vista... le televisioni sono solo uno dei tanti strumenti per l'informazioni
Dal mio punto di vista, le televisioni sono in mano mia, di fatto a casa mia il telecomando lo gestisco io.
Dal mio punto di vista, si fa un gran baccano sulle televisioni perchè si pensa che la gente sia tutta stupida (e magari si da la colpa ai reality show)
Dal mio punto di vista, si da troppa importanza alle notizie che ci da la televisione e ci si occupa poco dell'alfabetizzazione della gente che in Italia (paese del primo mondo) ancora ha percentuali incredibili. Se a la gente si danno gli strumenti, la gente trova da sola i canali d'informazione (esiste già da anni la rete e benchè ci si illuda di controllarla, questo è impossibile)
Vede, dal mio punto di vista, essendo io, una libera cittadina del mondo che ama informarsi andando alla fonte quando può o leggendo tutte le campane possibili su ogni argomento, ME NE FREGO DI CIO' CHE DICE FEDE O IL TG3! Ascolto le interviste mirate e non che fanno a Berlusconi a Prodi, a Fassino ecc e ne ricavo un idea MIA E PERSONALE. Non prendo mica per oro colato quel che dice la TV.
Quindi per me la TV può dire ciò che vuole, non è certo questo ad INFLUENZARE il mio pensiero.
IL PROBLEMA CHE SI FA INTORNO ALLA TV E' UN FALSO PROBLEMA!
Ascolto Celentano, guardo i film della Guzzanti, LEGGO I LIBRI PER DIO, e soprattutto navigo su internet, leggo notizie in INGLESE, IN SPAGNOLO ED IN FRANCESE. Magari tutti potessero fare come me. Ma chi si preoccupa di ciò che dice la tv evidentemente ha i paraocchi!

luciana briganti 14.12.05 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Cara Luciana,innanzitutto grazie del tuo commento,
credo che tu in fondo abbia ragione, se nel 94 la sinistra avesso pensato meno a demonizzare Berlusconi , forse avrebbe fatto meglio.
Quel che la sinistra doveva fare e non ha fatto era neutralizzare Berlusconi dal punto di vista mediatico e fare una vera legge sul conflitto di interessi. Mi sembra in ogni caso che la sinistra sia stata troppo buona con Berlusconi , e quando era al governo doveva sfruttare l' occasione per eliminarlo, con leggi mirate , come d' altronde lui stesso poi si è fatto a misura , con risultati brillanti, fra i quali ricordo solo la quintuplicazione del suo capitale.
Comunque riconioscerai che Berlusconi ha molte occasioni più della sinistra per infamarci , e sentirlo tutte le sere sulle reti pubbliche non fa piacere.
O non crederai anche tu che le televisioni sono in mano ai comunisti?
Ciao

FABIO AGNOLONI 14.12.05 14:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egregio Sig. Bove,
la invito ad informarsi sul Pacto por las libertades y contra el terrorismo firmato da PSOE e PP nel 2001.Questo è stato l'accordo che ha reso possibile che la struttura di ETA fosse quasi completamente eliminata grazie al sodalizio tra i 2 partiti che rappresentano l'85% degli spagnoli,isolando la banda terrorista e il suo braccio politico.Pochi mesi fa Zapatero, che aveva firmato di persona quel patto,l'ha rotto,offrendo dialogo a persone che sono disponibili si al dialogo, ma se non si fa come dicono loro,ti uccidono!Otegui si sente rinforzato dal Psoe!
(http://www.ideasapiens.com/actualidad/politica/nacional/pacto%20antiterrorista%20pp-psoe.htm )
Solo questa settimana ETA ha giá messo 8 bombe, senza vittime per fortuna!!!Tutti sanno che gli anni meno violenti sono stati quelli di Mayor Oreja come ministro degli interni e del patto PP-PSOE.E le sue affermazioni sull'operato del governo Aznar nella lotta antiterrorista sono del tutto infondate.La invito inoltre ad informarsi sui risultati delle ricerche relative agli attentati dell 11-M.
Sa che l'esplosivo era stato acquistato in Asturias da terroristi spagnoli e che la Guardia Civil ne era al corrente?Le consiglio di leggere questo link.I dubbi su chi e perché,sono troppi.
(http://www.libertaddigital.com/opiniones/opi_desa_26479.html)Possiamo anche parlare del Prestige senza vittime, peró anche dell'incendio di Guadalajara dove morirono 11 persone.Le coste gallegue sono pulite ora,tante con la bandierina blu UE,y boschi manchegos tarderanno 100 anni in ripopolarsi.Vede,potremmo andare avanti all'infinito,errori e orrori ci sono da entrambe le parti.Il problema é un altro.Negli ultimi mesi di opposizione prima delle elezioni'04,un PSOE che non si aspettava di vincere ha giocato sporco,favorendo "la crispación" delle masse.Ora il PP ripaga con la stessa moneta.Peró adesso si vogliono cambiare le regole,la Costituzione e i patti di Stato.Perchè la devolution è giusta in Spagna e in Italia no?

Alessia Putin 14.12.05 14:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Zapatero il pacifista!
La spagna vende 12 aerei militari, 4 navi guarda costiere ecc, ecc. E poi si dice che Zapatero è pacifista perchè se ne va dall'Irak. E da questa operazione la spagna ricava 1.700 milioni di euro. Pacifista un corno!

http://www.20minutos.es/noticia/69590/0/venta/armas/venezuela/#sigue
Chávez y Bono escenifican la venta de equipamiento militar español a Venezuela
CON LA OPERACIÓN, ESPAÑA CONSIGUE 1.700 MILLONES DE EUROS

luciana briganti 14.12.05 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TECNOLOGIE/RETE-SUPERTELEFONO

SIMONE MARTELLI 14.12.05 12:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate ma parlando di informazione non posso fare a meno di esprimere la mia indignazione nei confronti della trasmissione Batti e Ribatti di martedì 13 dicembre, in cui è stato concesso a Silvio Berlusconi uno spazio senza contraddittorio e con domande pilotate per poter fare della campagna elettorale in ambiti a dir poco impropri e per di più approfittando di una fascia orario che notoriamente ha ascolti assai elevati. Questa occupazione nemmeno troppo velata dei mezzi di informazione è davvero nauseante e non se ne può proprio più! Personalmente ho inviato un’e-mail di protesta alla RAI e inviterei tutti a fare altrettanto.

Grazie e scusate lo sfogo!

Clara Pizzocolo 14.12.05 11:46| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti. volevo solo dire a chi critica tanto zapatero. dovrebbero ricordarsi solo chi governava anteriormente le menzogne che ha detto che continuano a dire. il signor jesus de polanco proprietario del gruppo gruppo prisa {el pais cadenaser canalplus ecc..ecc..}il piu grosso favore glie lo fece il signor aznar regalandogli il monopolio della televisione di pago. vorrei anche ricordarvi il caso prestig le menzogne sulle armi di distruzione massiva, ho le menzogne dopo gli attentati di madrid. il pesoe di zapatero in due anni a fatto 400 detenzioni di presunti terroristi dell eta sta lottando contro il terrorismo internazionale.il pp del {sigor}aznar nella lotta al terrorismo in 8 anni di governo sai cosa a fatto. illegalizare un partito eletto demoticramente {preciso che non condivido le idee del signor arnaldo oteghi lider di batasuna }illegalizare un giornale basco. non condivido tutto quello che dice ho ce fa zapatero,pero sempre meglio che il pp di aznar ho ilgrande governo che guida il nostro nano.

agostino bove 14.12.05 11:33| 
 |
Rispondi al commento

signora Putin,
spero che non si riferisca a me, quando dice che qualcuno era stato aggressivo con Lei. Da noi siam felici quando votiamo al 53 %, al referendum si son presentati meno del 30%.In Venezuela ,dove il votare NON e`obbligatorio, mi stupisco che ancora qualcuno vada a votare, dopo che ci son stati negli ultimi 3 anni decine di volte.

Pensa che negli States votino molti di piu`?
E non lo fanno ogni 4 mesi!

Son contento di poter parlare con qualcuno che conosce "la verita`" sulla politica internazionale.Non capita tutti i giorni.Grazie per le informazioni !

paolo moretti 14.12.05 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Siamo sotto una dittatura "morbida",fatta di censure e querele.C'è un continuo violare dell'art. 21 della Costituzione,sulla libertà di manifestazione del pensiero...l'opposizione non fa altro che infischiarsene...Beppe,sei l'unico che può cambiare qualcosa in questo paese in declino!

Emanuele Grieco 14.12.05 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Faccio una proposta che magari è già stata fatta sul blog (purtroppo non riesco a leggere tutti gli oltre 1000 commenti).
Pensate sia fattibile mettere un altro po' di soldini per acquistare ancora la pagina di un quotidiano (stavolta italiano, però)? Partendo dalla proposta di un consigliere RAI, leggo da "Inciucio" di Travaglio e Lopez:

""...cade una proposta isolata quanto coraggiosa del consigliere DS Carlo Rognoni: che il centrosinistra, se vincerà le elezioni, sciolga questo lottizzatissimo Cda RAI e, come ha fatto Zapatero in Spagna, > cancellando la Gasparri e staccando >".

Allora? Una bella pagina di quotidiano (meglio, sui due più letti, Repubblica e Corsera) per chiedere questo impegno al centro-sinistra.

Grazie Beppe! Grazie a tutti!

Enzo Binetti 14.12.05 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Siamo sotto una dittatura "morbida",fatta di censure e querele.C'è un continuo violare dell'art. 21 della Costituzione,sulla libertà di manifestazione del pensiero...l'opposizione non fa altro che infischiarsene...Beppe,sei l'unico che può cambiare qualcosa in questo paese in declino!

Emanuele Grieco 14.12.05 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Ha ragione, la Spagna ha avuto una crescita eccezionale negli ultimi 25 anni e siamo tutti felici ed orgogliosi di aver partecipato ad una transizione cosí esemplare.Siamo anche molto soddisfatti di abitare un paese cosí "vivibile".
Prima Adolfo Suarez, dopo Felipe Gonzalez e infine Aznar, hanno reso possibile il miracolo.(Purtroppo non sono cosí ottimista ora,visto che,per esempio, gli investimenti stranieri in Spagna sono caduti del 70% dopo la vittoria di Zapatero, chissá perchè?)
La questione é proprio questa,la classe dirigente si è alternata, è cambiata, si è rinnovata.
In Italia purtroppo questo non succede perché sono sempre gli stessi che si spartiscono la torta, da decenni ormai.

Per quanto riguarda il Venezuela:
"Un altro colpo al sistema democratico venezuelano.Le elezioni parlamentari del 4 dicembre altro non sono state che una farsa, un nuovo colpo messo a segno dal presidente Hugo Chavez contro l'intera impalcatura istituzionale del Paese latinoamericano, quinto per esportazioni di petrolio.Il 75% degli elettori ha scelto di non andare a votare nonostante le minacce del governo ai dipendenti pubblici di perdere il loro impiego.I partiti dell'opposizione si sono ritirati giorni prima delle elezioni, il risultato e' che i sostenitori di Chavez, con un mandato attribuito dal 20% dell'elettorato, occuperanno tutti i 167 seggi in Parlamento''. La conseguenza e' l'esautorazione dell'istituto cuore pulsante di una democrazia".

La ringrazio per le sue risposte e la invito ad essere meno aggressivo e piú rispettoso, visto che questo forum é stato ideato per lo scambio pacifico di idee.
Sono sicura che nemmeno a lei piacciono le menzogne e se vede qualcuno che le utilizza per farsi strada,denuncia i fatti, come ho fatto io.

Saluti,

Alessia

Alessia Putin 14.12.05 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Antonveneta/ Il caso Calderoli. La replica: partiranno le querele
Mercoledí 14.12.2005 10:29
Il ministro leghista del Welfare, Roberto Maroni, contattato da Affari, ha detto che "su questa vicenda non ho nulla da dichiarare". E il nome di Calderoli apparso su Repubblica? "Era già uscito, tanto è vero che aveva già annunciato querela".
E in effetti il ministro per le Riforme aveva già replicato alle accuse di coinvolgimento nel caso Bpi lo scorso 8 dicembre. ''Il mio nome può essere liberamente usato da chiunque voglia criticarmi su idee e fatti, anche nella maniera più dura e persino scorretta, ma non da chi vuole diffamarmi, in modo per giunta subdolo. Per questo sono costretto a ricorrere alla magistratura nei confronti di un anonimo collaboratore di Giampiero Fiorani, le cui affermazioni sono riportate stamani (l'8 dicembre, ndr) da due quotidiani, e di chi tali affermazioni diffonde'' si leggeva in un comunicato stampa.
''L' onorabilità à per me cosa fondamentale - aggiungeva Calderoli - e non accetto che sul mio nome si facciano speculazioni di questo tipo. Oltretutto nei titoli dei giornali sulla vicenda Antonveneta si dice che c'erano 50 mila euro destinati a me e negli articoli invece si spiega che quei soldi non mi sono mai stati consegnati. E' davvero incredibile! Anzi no. E' comprensibilissimo e prevedibile, si avvicinano le elezioni e così qualcuno pensa di gettare in giro fango secondo il vecchio e infame detto: "calunnia, calunnia, qualcosa resterà...''.
Che la Lega faccia paura a molti è indubbio - concludeva il comunicato - visto i sondaggi che circolano in vista della politiche e che ci danno in grande avanzata. Ma questo non mi consola e non mi fa recedere dalla difesa del mio onore. Per questo querelerò l' anonimo collaboratore di Fiorani e tutti i mezzi di informazione che insisteranno in questa meschina manovra diffamatoria!

Come si vede che siamo in piena campagna elettorale ihihihihihih

Pasquale Sacchinelli 14.12.05 10:55| 
 |
Rispondi al commento

io vivo in spagna e posso confermare che la piú grande emittente di telebasura è telecinco. ha dei programmi addirittura peggiori di canale 5.
volevo segnalare che qui in spagna è appena sbarcata la televisione digitale terrestre e c'è la corsa al decoder in tutti i negozi di elettrodomestici. hanno abboccato anche qui.
Tutto il mondo è paese. Purtroppo.

alberto di fiore 14.12.05 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

So di essere ripetitivo (ho già scritto questo post in altri "canali"), ma credo che questa sia un'idea buona per provare a cambiare. E' ormai chiaro che i banditi che hanno preso possesso delle Istituzioni non le lasceranno mai se non siamo noi a fare qualcosa di veramente eversivo: restituire il potere al soggetto titolare in una democrazia. Il popolo. Noi.
Licenziamo deputati e senatori come si cambia l'amministratore del condominio che ti ruba sul riscaldamento.
Smettiamola con la farsa delle elezioni decise a tavolino dai partiti.
Smettiamo di essere elettori di assai poco candidi eletti.
Diventiamo noi i rappresentanti del popolo. A turno, per una legislatura, tutti i cittadini italiani sopra i venti anni saranno deputati, senatori, consiglieri regionali, provinciali o comunali, o eurodeputati.
Come si fa? Beppe Grillo presenta una lista (composta di gente “seria”, che voglia davvero cambiare le cose) alle prossime elezioni, le vince con una percentuale altissima e grazie alla truffaldina legge elettorale che approveranno (possiamo starne certi) si becca il premio di maggioranza. A quel punto si fa una riforma costituzionale pensata dal popolo e per il popolo e presente nel programma elettorale che crea il "servizio parlamentare". Tra i vantaggi: i partiti tornano nel loro alveo naturale, abbandonando le leve del potere abusivamente occupate; le maggioranze in parlamento si formano sul merito delle leggi proposte e non per "obblighi di scuderia"; si risparmiano i soldi delle elezioni e dei rimborsi elettorali ai partiti; si risparmiano i soldi del finanziamento pubblico ai partiti; si abbatte la corruzione.
Io di idee "accessorie" ne ho molte altre, ma non posso scriverle tutte qui. Facciamo qualcosa, tutti, prima che sia troppo tardi.

Marco Spitella 14.12.05 10:16| 
 |
Rispondi al commento

destra o sinistra,il vero problema del popolo italiano e' quello di non avere alternative. Alle prossime elezioni in un modo o nell'altro ci vedremo nuovamente riproposte le stesse persone che in qualche modo abbiamo gia cercato di allontanare e che hanno gia prodotto danni al nostro paese. Io dico ripartiamo dall'inizio, basta con il diritto ereditario dei poteri e delle cariche politiche ed amministrative. Diamo voce al popolo e cerchiamo di contornarci di persone competenti e con l'interesse di fare del bene. Forza Grillo, candidati al governo ed operiamo tramite una politicadi referendum. Nessuno puo' vincere contro il volere del popolo

massimiliano salvai 14.12.05 10:08| 
 |
Rispondi al commento

E' tutto molto bello, quello che si dice di Zapatero e dello svincolare le televisioni dalla politica.
Tuttavia non si menziona il caso RAI3, che stranamente non cambia mai colore.
Fatta la premessa che nessuna televisione debba essere politicizzata, come mai la sinistra detiene eternamente una rete pubblica?

Antonio De Lucia 14.12.05 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera a Batti & Ribatti è stato concesso 10 minuti a Berlusconi per fare campagna elettorale infamando come al solito tutti i suoi avversari.
Gli spot elettorali dovrebbe pagarseli , non finanziarli con il mio canone. Le domande di Berti erano terrfficanti : "la sinistra dice che non avete fatto le riforme , è vero ? " oppure quella della spettatrice "perchè dovrei votare Berlusconi ? " e qui Silvio si è superato : "siccome scuole ,università , giornali , televisioni , magistrati , comuni, province , regioni, SERVIZI SEGRETI (ma non erano quelli che fra l'altro mettevano le bombe nelle piazze ?) sono in mano ai COMUNISTI, se anche il governo passa a loro , diventa un regime "
Cosa dobbiamo temere : se tutto è in mano ai comunisti le elezioni sono già vinte
Comunque vi invito ad andare sul sito della RAI come ho fatto io ed inviare una email protestando del vergognoso uso del mezzo pubblico.
Certi spot gli vada a fare da Fede, magari si porti dietro Berti così fanno un bel terzetto.
Saluti e auguri a tutti

FABIO AGNOLONI 14.12.05 08:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

spero che con la vittoria del centrosinistra,se avverra',la rai tornera' a svolgere il vero servizio pubblico,smettendo di emulare la grande concorrente mediaset.
credo che la rai abbia i mezzi per fare questo salto di qualita'riprendendo cosi'il vero ruolo per il quale e'nata ed e' in vita!

gianfranco maggio 14.12.05 02:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao ma purtroppo l'Italia non è un paese democratico, non è un paese dove esiste la civiltà, prima si mena e poi magari alcune volte, ma non sempre si chiede scusa

Ciao massimiliano

massimiliano mariani 14.12.05 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Soo tutti d'accordo !!!!!
La verità è questa ,volete capirlo o no ?
Quando la sinistra governava, perchè non ha fatto una legge per impedire a Berlusconi di avere 3 reti private ?
Quando goevernava il Berlusca si lamentavano che lui avesse 3 t.v.
Sono andati al governo loro e non hanno fatto niente per cambiare qualcosa in merito.
E' riandato al governo Berlusconi e sono li a piangere un' altra volta che Berlusconi ha le solite 3 reti .
MA COME SI Fà !!?
E mi vogliono fare intendere che non sono tutti d'accordo. E noi come pesci lessi a discutere di destra e di sinistra.

masoni franco 14.12.05 00:06| 
 |
Rispondi al commento

PS1) appoggio cmq Danila Fava

http://www.internetcrazia.org

PS2)Per PAOLO LIMITI & co (scusate, impazzisco a cercare i tutti i nomi...:) )

Grazie per la lunga su NOMISMA, approfondisco.

Un saluto.

ijimiaz galir 13.12.05 23:55| 
 |
Rispondi al commento

... rif replica di sotto (... molto sotto :) ).

Sfondi una porta aperta. Sinceramente a me non interessa la politca della gente, ma l'economia della gente. Se funziona la seconda, funziona la prima. E non è con la politica che si risolve il problema della povertà. Figuriamoci con la politica economica che ne crea! Il privato (NOI) si deve svegliare!
Demanio pubblico ai poveracci ( se ne è rimasto con le POLITICHE di mezzo! ) e si risolve una volta per tutte il problema della assegnazione del territorio, socialmente. Poi si riparte:
* inviolabilità della proprietà privata
* garanzie sul rispetto del contratto e massima trasferibilità dei beni
* politica fuori dal mercato
* SI allo stato = sistema di norme
* SI alla democrazia diretta e senza gruppi
* NO allo stato del demanio
* NO allo stato degli incentivi e delle protezioni.
* NO alle espropriazioni
* Più mercato spontaneo e non condizionato
* Più rispetto delle norme e della prorpietà privata ( di tutta la proprietà privata!!! GRANDE E PICCOLA!!! )

Un saluto.

ijimiaz galir 13.12.05 23:44| 
 |
Rispondi al commento

SCARICA Citizen Berlusconi QUI:
http://guerrillaradio.iobloggo.com/archive.php?eid=1167

alessandra arrigoni 13.12.05 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Mi lascia perplesso il fatto che in molti si ostinino a sostenere che la situazione non è cosi nera come la si dipinge. Molte osservazioni in questo sono assolutamente arbitrarie.
Mi chiedo: vi sembra un paese civile il nostro?
Vi sembra normale che il proprietario di 3 maggiori reti televisive pubbliche sia anche il presidente del consiglio? Vi sembra normale che sia anche l'uomo piu ricco del paese? Vi sembra normale, accidenti, che abbia capi di imputazione per corruzione di giudici, falso in bilancio, e via dicendo?
A chi ritiene che dall'altro lato l'onestà delle persone sia parimenti assente chiedo, per favore, di aprire gli occhietti e magari informarsi sui precdenti penali delle varie parti.
L'affare telecom serbia come è finito,vi ricordate? Oggi non mi pare si parli dei processi Prodi o Fassino, forse perchè le indagini non hanno portato a conclusioni incriminatorie o forse perchè quello che avrebbe dovuto essere il maggiore test d'accusa, Igor Marini, si è rivelato una gran bufala.

Non mi dilungo oltre.
Lungi da me convicervi che la merda sia solo da una parte, piuttosto vorrei farvene constatare l'iniqua distribuzione.

Jacopo Gamba 13.12.05 22:58| 
 |
Rispondi al commento

MA QUANTO SIETE BRAVI, QUANTO SIETE DEMOCRATICI VOI DI SINISTRA. ORE E ORE DI TRASMISSIONE A DIRE CHE IL NOSTRO PAESE E' ANNOVERATO TRA QUELLI PIU' A RISCHIO PER LA LIBERTA' DI STAMPA, E QUESTO E VERO. MA CHI DI VOI SA DIRE IL MOTIVO. PROVATE A FARLO IN QUESTO SPAZIO.

ANGELO MARIA MATICHECCHIA 13.12.05 22:52| 
 |
Rispondi al commento

@ Alessandro Rossi

Sono d'accordo, peccato che siamo così pochi a farsi certe domande, peccato.

Marco Polo 13.12.05 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Sono d’accordo con lei sig.Marco Polo.In parte la classe politica e il sistema politico italiano sono lo specchio di quello che è il popolo italiano,fatto di tanta brava gente che però non ha molto potere e tanti indifferenti o conniventi alle varie furbizie della politica, che guardano solo al loro particolare vantaggio anche quando è a danno di tutti.Così è.Ma dobbiamo anche pensare che:1)nelle "democrazie" partitocratiche-rappresentative il popolo esercita più il ruolo della comparsa giusto sotto elezioni che non quello di titolare del potere decisionale:è duro che le comparse sentano appartenenza al set.2) il cittadino deresponsabilizzato alle scelte non cresce e cerca svago nel consumo,nell'intimo del proprio interesse o nella rassegnazione:la società si "atomizza"(individualismo).3) una società atomizzata,confusa,disinteressata e rassegnata è più facilmente controllabile dai gruppi di potere(classe politica partitocratica-gruppi e lobby del potere economico).
SI SMETTA DI CHIAMARE "DEMOCRAZIA" LA DELEGA ESCLUSIVA DEL POTERE DECISIONALE AI PROFESSIONISTI DELLA POLITICA.

quindi non tutte le colpe sono degli italiani:

propongo idee:

1) riforma costituzionale: che sia sciolta la seconda camera(senato):la seconda camera sia sostituita da tutti i consigli comunali d'Italia (con peso proporzionale alla popolazione) i quali siano chiamati ad esprimersi su "tutti quei provvedimenti nazionali di grande rilievo economico, etico, sociale, politico".Ciò bilancerebbe il potere dei partiti col potere popolare di base.

2)introduzione del referendum legislativo propositivo come in Svizzera e in molti altri posti:noi abroghiamo leggi che i politici poi rifanno uguali o piegati al loro vantaggio - legge elettorale insegna)

3)introduzione di norme sane sul professionismo: ogni parlamentare potrà stare in parlamento per non più di 2/3 legislature (10/15 anni).

il contesto crea i cittadini:
ma i cittadini possono riformare il contesto:da sudditi a protagonisti

Alessandro Rossi 13.12.05 20:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
il tuo pezzo d'apertura sulle TV mi ricorda esattamente cosa potrebbe succedere in una nazione soggetta a dittatura. Stiamo attenti a non esagerare, perché se dovessimo realmente togliere la politica dal piccolo schermo, quelli che ci rimetterebbero di più sarebbero proprio i cosiddetti "puri" del Centro sinistra, che ci stanno uscendo dagli occhi partecipando a tutti i programmi possibili e immaginabili, e continuano a sparare su Berlusconi, che (a parte Fede) non lo fa quasi più vedere nessuno.
Teniamo i piedi per terra, caro Beppe, perché tante volte le cose sembrano quello che non sono.
Ciao.
Domenico.

Domenico Mori 13.12.05 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Ma non lo capite..? QUESTA è la classe politica degna di un paese come il nostro! Un paese di furbi, evasori, mafiosi, pigri, imbroglioni, raccomandati, bugiardi e leccaculo con un senso civico inesistente.

Yukio Mishima 13.12.05 19:30| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE:

il film Viva Zapatero di Sabina Guzzanti e' ora scaricabile dalla rete e-donkey e-mule, dopo che nei mesi scorsi ne sono state messe in circolazione molte versioni fasulle (ci sarebbe da chiedersi da chi e perche'...)

La versione originale del film e' quella che al momento ha piu' sorgenti disponibili, e probabilmente nei prossimi giorni la differenza di sorgenti tra originale e falsi aumentera' ulteriormente.

Mi scuso se questo commento non e' del tutto pertinente con l'argomento del post di Grillo, ma mi e' sembrato opportuno diffondere questa notizia tra i lettori del blog.

Gimmy Pegoraro 13.12.05 19:13| 
 |
Rispondi al commento

NESSUNO DI VOI HA VISTO IL DOCUMENTARIO "IN PLANET SIDE" ,NUMERO SPECIALE DELLA RIVISTA "NEXUS"? SI TROVA ANCHE DA FELTRINELLI.
NON CI SONO IMMAGINI TERRIFICANTI MA UN'ACCURATA ANALISI DEI FATTI. LE CONCLUSIONI SONO A DIR POCO SCONCERTANTI.
LA COSA INCREDIBILE E' CHE I MASS MEDEIA NON NE PARLINO. TUTTI I GIORNALISTI EMBEDDED???

Fabrizio Picchio 13.12.05 19:02| 
 |
Rispondi al commento

mi sono sempre sentito complesato per la mia semianalfabetizazione ,ma nel sentire parlare certa gente con incarichi ad alto livelo istituzionale mi vin da ridere,ho capito che non è con il lessico e la gramatica che si gestisce una nazione wla tv per noi ignoranti manon scemi

rimà 13.12.05 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Peccato però …

Sarebbe stato bello discutere anche delle cause che ci hanno portati allo sfascio totale. Magari con quel pizzico di autocritica riguardo il nostro operato di cittadini e non solo critica verso chi abbiamo mandato al potere. Magari paragonandoci con cittadini di altri paesi, chiedersi perché loro stanno più bene di noi, se è solo perché il loro governo funziona meglio del nostro o anche perché loro magari hanno un altro comportamento del nostro.

Ogni volta che viene toccato questo tasto, si riscontra il silenzio totale, quali sono i motivi?
E’ vero che la nostra capacità percettiva è limitata, che è incompleta, che siamo goffi e in fondo molto provinciali? E vero che a noi manca anche la capacità di apprendere da altri? Se si, perché?

Marco Polo 13.12.05 18:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' no, rimpiangere Bettino Craxi, mi sembra davvero troppo, non che Berlusconi sia meglio, ma si parla sempre, del peggio o del meno peggio, semplicemente chiederei una classe politica più all'altezza di questo paese!!!
Mattia

Mattia Signori 13.12.05 18:36| 
 |
Rispondi al commento

E' no, rimpiangere Bettino Craxi, mi sembra davvero troppo, non che Berlusconi sia meglio, ma si parla sempre, del peggio o del meno peggio, semplicemente chiederei una classe politica più all'altezza di questo paese!!!
Mattia

Mattia Signori 13.12.05 18:35| 
 |
Rispondi al commento

E' no, rimpiangere Bettino Craxi, mi sembra davvero troppo, non che Berlusconi sia meglio, ma si parla sempre, del peggio o del meno peggio, semplicemente chiederei una classe politica più all'altezza di questo paese!!!
Mattia

Mattia Signori 13.12.05 18:35| 
 |
Rispondi al commento

cari elettrodi

tutti abbiamo capito che il berlusconismo l'ha fatta grossa, ma nonostante tutto rischiamo di vedercelo presidente x ancora 5 anni minimo.
perchè penso che tanti elettori come me che non vorranno votare questo centrodestra, se si girano dall'altra parte, e cominciano a sentir parlare l'unione, non è che si sentono tanto piu tranquilli.
da quello che si riesce a capire sembra che nessuno dei due poli dice la verità sull'altro, per un semplice motivo; tutti e due gli schieramenti hanno i loro scheletri nell'armadio.
e siccome l'esperienza insegna,( basta vedere che fine ha fatto Craxi per aver alzato la testa agli Americani, altro che Di Pietro) nessuno vuole correre il rischio di dirla tutta, per paura di ritorsioni tali da mandarli in galera. ( penso che tutti vorremmo sapere come si è fatto ricco Prodi, cosi come vorremmo sapere in che modo si vincono gli appalti delle grandi opere, visto che alla fine passa tutto da Lunardi, chissà come sarà soddisfatta la moglie con un trivellatore del genere a fianco)
ma si limitano a criticarsi su falsi problemi, che non fanno male a nessuno.


oggi rimpiango Bettino Craxi

Michele Giannuzzi 13.12.05 18:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di citizen Berlusconi,
è possibile vedere questo film in
questo c...o di paese?

roberto iammella 13.12.05 18:09| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di citizen Berlusconi,
è possibile vedere questo film in
questo c...o di paese?

roberto iammella 13.12.05 18:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di citizen Berlusconi,
è possibile vedere questo film in
questo c...o di paese?

roberto iammella 13.12.05 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Senorita Putin,
se anche voi avete un Berlusca nel Polanco, me dispiace muyto.Attenti che non cresca troppo.

Non ho capito che problemi abbia Lei col Venezuela,Chavez piu`che vincere un´elezione ogni 6 mesi che deve fare per essere accettato dalla comunita`internazionale? In Afganistan ci stanno veramente tutti con l´ONU.Sulla vendita d´armi, noi non possiamo proprio parlare.
"Pacifista`"e`una categoria neutra , che puo`anche essere pericolosa , come il Chamberlain che non voleva capire chi fosse Hitler, temendo piu`l´URSS.Una guerra imperialista, che ha fatto morire 33.000 persone, di cui un´infima parte combattenti,come e`quella del senor Arbusto della Hullyburton, non e`un buon motivo per rimanere nella coalizione ad infamare la vostra storia.Se vediamo i progressi della Spagna in 25 anni, che ormai per tante cose surclassa l´Italia, insomma i 12 anni de Gonzales proprio male non son stati, e di sicuro meno peggio dei nostri...
Hasta luego, senorita.

paolo moretti 13.12.05 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Signor Moretti,

la Sig.ra Guzzanti non deve rispondere a me, ma ai milioni di persone che hanno visto il film e sono state ingannate e disinformate da chi dice di difendere la veritá e la libertá.
Il buon Javier Bardem poco tempo fa si manifestava per il ritiro delle truppe dall'Irak e oggi appoggia un governo che vende armi in Angola e Venezuela e manda truppe in Afghanistan.Perché non si manifesta + ora? Sono diversi i morti?
Zapatero ha avuto le palle di ritirarsi dall'Irak, ma non quelle di essere un vero pacifista come vuole far credere.
In Spagna chi POSSIEDE l'informazione si chiama Sig.Polanco, e la possiede dai tempi di Felipe Gonzalez.Cambiano i governi, lui rimane e decide.
Basta con l'ipocrisia!

Alessia Putin 13.12.05 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Panucci,
la novita`di Zapatero, e`che e`uno che ha detto che dall´Iraq se ne andava, e se ne e`ito. Se per Lei e`poco...poi, se son rose fioriranno, ma le palle ci sono.

paolo moretti 13.12.05 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Ricci,
mi son espresso male. Io da elettore NON di destra, auguro a Lei di trovare un partito che la rappresenti, ed avevo visto in Follini un (timido) tentativo di slacciarsi dalla melma.In un paese come il nostro, dove nessuno rischia mai il posto in prima persona, lui l´ha fatto.Monoculo in terra ...

paolo moretti 13.12.05 16:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scrivo perchè mi avete rotto con Zapatero! Chi vi scrive dispone di cognizione di causa per vari motivi: 1) ho abitato solo 15 anni in Spagna . 2) seguivo e ne seguo la politica oltre al costume. 3) ho lavorato nel mondo dello spettacolo e della televisione.
Rispondo al signor Travaglio.
Zapatero appartiene al P.S.O.E vero? Partito di cui è stato 12 anni e dico 12 anni al governo Don Felipe Gonzalez Marquez. Sevillano padre putativo di Zapatero. Bene il P.S.O.E in Spagna oltre che la liberalizzazione di molte imprese importanti: 1) l'espropriazione di RUMASA. Una ditta che è stata RUBATA al suo priprietario Ruiz Mateos dall'ex ministro del tesoro. 2) Il caso Gal. Sa cos'è il Gal Signor Travaglio? Grupo armado de liberaciòn del quale facevano parte alcuni ufficiali e non della Guardia Civil, politici etc. Sà lei sig. Travagio cosa facevano i Gal per combattere l'eta? semplicemente arrestavano i sospetti, li torturavano, e li ammazzavano per poi nasconderne i corpi. 3) l'ex capo generale della guardia civil e stato scoperto e fotografato in mutande mentre si dilettava in un sex drug and flamenco & roll party. 4) zapatero ha SVENDUTO o meglio REGALATO la Catalunya creando uno statuto che ha sorpreso persino Jordy Puyol (arcigno repubblicano e separatista alma pater del partito catalano.) Le manifestazioni contro Aznar? Quando? dopo l'attentato ad atocha? me lo potrebbe chiarire il punto con dei fatti? Lo sà lei, lo sò io e lo sanno il 63% degli Spagnoli (l'ultimo dei sondaggi Demoscopia) se non fosse accaduto ciò che invece e purtroppo è successo (202 morti) Aznar avrebbe vinto. il 63% al quale mi riferisco è post elezioni non pre. Nor ergete a paladino della libertà chi non lo è. Zapatero è una marionetta in mano alle lobby del Oscuro lado del P.S.O.E. Saluti cari e sia un attimino più informato (mi vengono i brividi a dirlo a lei) quando scrive dela Spagna.
Luigi Panucci

Luigi Panucci 13.12.05 16:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


@ Paolo Moretti

Lei dimentica che il buon Follini s'è votato tutte le belle leggi che QUESTA destra ha partorito. Gliele devo elencare?
Come ho detto, io con chi ha bazzicato certe compagnie non avrò più nulla a che fare.
A destra, in Italia, forse ci voteranno i miei nipoti.
Una generazione forse basterà a decantare la brodaglia che s'è formata.
Ma se Lei ci crede, io Le faccio mille auguri.

giuseppe ricci 13.12.05 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve. Ma cos'è questa dietrologia? Avete chiesto chi paga i giornalisti in sciopero. Io vi chiedo: chi paga il Sig. Grillo?
Meditate..
www.crimelist.it
www.italymedia.it
www.reporterassociati.com

Giulio Mentore 13.12.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Ricci,
il miglior augurio che possa farmi per il nuovo anno, e`che possiamo avere presto un partito di destra, a cui ad es. Follini aspirava, degno di questo nome .Sara`un lavoro lungo ma a quello dovrete tendere.Buon lavoro!E buone cose.

OT
Oggi ho goduto veramente alla lettura del sociologo De Rita(toppato il nome?) che ha bacchettato il buon Ruini, su quello che e`il concetto di famiglia, e sulla sua evoluzione in atto, con argomentazioni espresse in modo chiaro ed anche (quando ci vuole)critico.
Devo ricordare, che la nostra destra fu all´inizio(anche per il rifiuto del Vaticano dopo Porta Pia) estremamente laica.Oggi questi raggionano a Pera.

paolo moretti 13.12.05 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Putin,
ma perche`la Guzzanti ti deve rispondere? Perche`sei avvocato? Pensi che se io scrivo all´ottimo Xavier Bardem, questo debba proprio rispondermi?Sarei sciocco a pensarlo.
Che il politico tenda a cercare di influenzare l´informazione, e`sempre successo.

La novita`e`quella di POSSEDERE l´informazione.

Questo e`un po`troppo, e spero che tu ne convenga.
Se vi spengono le cinco e los quatros non vi fanno una lira di danno. Se lo auguri.

paolo morettti 13.12.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

@ Marco Polo

La situazione è ultra contingente:
- una SERIE di elezioni andate male
- alcuni alleati non ANCORA completamente
allineati
- L'Europa e le sue "costrizioni". Ma attenzione
che, anche grazie al "nostro" contributo, tali
"costrizioni" potrebbero non durare.
- Un'opposizione ancora un PO' cattiva.

Questi sono, secondo me, gli attuali freni all'onnipotenza del nostro.
Ma se vince le elezioni -e sta tranquillo che se vincerannno le destre, sarà stato LUI a vincere- i punti sopra elencati perderanno tutti forza.
E allora te ne accorgerai.
Io, che sono stato di destra (e in pectore lo sarò sempre, anche se non tornerò mai a dare il mio consenso a chi ha avuto a che fare con QUESTA gente), trovo intollerabile l'arroganza che ti sbattono in faccia OGGI quotidianamente. Figurati come mi troverei con la cresta che gli crescerebbe se ottenessero un altro consenso nazionale.
No, secondo me non c'è scelta: queste elezioni le destre non le devono vincere.
Ed è a fargliele perdere che dovremmo tutti contribuire.

giuseppe ricci 13.12.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Sembra triste dirlo, ma il livello della televisione era superiore quando esisteva un´unico canale pubblico. Ok, era filogovernativo, bacchettone, ma aveva satira di classe , autori eccellenti,il cantante cantava, il presentatore presentava etc. poteva sopratutto permettersi vera sperimentazione senza l´incubo dell´audience.Era paludata, faceva dormire?Insomma, era tutta in diretta, e qualche volta consigliava di essere spenta:ma che bel consiglio!Ed alle 23 si spegneva da sola.Oggi abbiamo cento canali tematici, dieci canali generalisti,tutto deve essere veloce , non deve annoiare/far pensare.Tutti ammiccano, dicono "rimani con noi".E`l´inno all´anti-professionalita`:il cantante presenta, il giornalista canta e balla ...tutti ridono sapendo di poter sbagliare , ore ed ore di applausi applausi applausi, tutto registrato...il niente 24 ore su 24.
Questa e`la liberta`? Tutto questo per sentire dire "vaffanculo", oppure vedere per l´ennesima volta la tetta rifatta dell´amante del politico?La mediocrita`allo sbaraglio per farci sentire piu`"intelligenti"?

Era uno dei punti del programma Propaganda 2 del maestro Gelli. Le TV private.Un suo allievo l´ha attuato.
W il grande fratello.

paolo moretti 13.12.05 15:44| 
 |
Rispondi al commento

bellissimo

victor 13.12.05 15:39| 
 |
Rispondi al commento

@ giuseppe ricci

E' proprio questo che mi preoccupa, stiamo bloggando "sotto la destra", Celentano ha abbaiato "sotto la destra" ... si sa quello che si lascia ma non si sa quello che si trova :-)

Marco Polo 13.12.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come sempre Beppe tocca degli argomenti scottanti, sono di sinistra, ma ho una grandissima paura che la mega coalizione di centro-sinistra, nel caso vinca le prossime elezioni politiche, si metterà mai d'accordo nel fare delle leggi serie, come quella auspicabile sul conflitto di interessi, una riforma seria della tv pubblica. Ma se fanno un partito al giorno per creare nuovi posti di potere, lasceranno mai quelli cosi appetibili della RAI?
Saluti.

Bruno Criniti 13.12.05 15:35| 
 |
Rispondi al commento


@ Marco Polo
@ I. Visconti

Ragazzi, la prima cosa da fare è VINCERE LE PROSSIME ELEZIONI. Se vinceranno ancora QUESTE destre, non so se avremo ancora la possibilità di bloggare come stiamo facendo.
Come ho già avuto occasione di dire, se vince ancora, colui che si crede "l'unto del signore" penserà di essere lui il SIGNORE.
E allora, credetemi, non ci sarà più limite a ciò che potrà fare.
Concentriamo i nostri sforzi sull'appoggio alle sinistre, anche se non sono perfette, anche se dobbiamo farlo tappandoci il naso. Perchè la prima cosa è di poter ricominciare a ragionare, avivere senza subire la quotidiana umiliazione di un esempio che viene dall'alto ma che più basso di così non potrebbe essere. In tutti i sensi.
Tutto il resto è sì importante: ma deve venire dopo.

giuseppe ricci 13.12.05 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Sig.Travaglio, s'informi meglio!

Gentile Sig.ra Guzzanti,
mi chiamo Alessia Putin e le scrivo da Madrid.Anche se sono cittadina italiana, vivo da anni tra Spagna e Italia.Ho molto apprezzato il suo film Viva Zapatero.Ma, visto che è un documentario che parla della libertá di pensiero e della disinformazione, mi permetto di comunicarle quanto segue.Zapatero, pochi giorni dopo aver vinto le elezioni, ha designato una persona di sua fiducia come direttrice della televisione di Stato TVE, la Sig.ra Caffarel, che in uno dei suoi primi interventi ha dichiarato che la televisione statale deve riflettere il pensiero della maggioranza esistente in Parlamento........(non credo lei possa essere d'accordo con questa affermazione, evidentemente).

Inoltre, dopo poche settimane, Zapatero ha modificato la legge, in modo che il Canal Plus (canale a pagamento proprietá del Sig. Polanco - proprietario del grupo Prisa, Sogecable e del quotidiano El Pais- da sempre amico e business partner del partito socialista spagnolo) potesse emettere for free con il nuovo Canal Cuatro, assicurandosi cosí un ulteriore media amico del governo socialista.
Le allego diversi link dove potrá informarsi su quanto realmente accade al riguardo in Spagna in questo momento.Sono d'accordo con lei in molte questioni e provo disgusto e preoccupazione per la situazione in Italia.Credo che lei ha il diritto di andare in TV e fare tutta la satira che ritiene opportuna, e cosí anche i suoi colleghi, ma, sinceramente, non si puó lottare contro la disinformazione fornendo ulteriore disinformazione.È chiaro che il 90% dei cittadini italiani che hanno visto il film non conoscono a fondo la realtá spagnola e crederanno a quanto esposto, ma purtroppo Zapatero and Co. in nessun momento si sono svincolati grazie ad una magica legge, come dice Travaglio, dal potere dei mass media spagnoli.Anzi, come Berlusconi and friends, fanno il possibile per controllare e favorire che i media a loro affini.Sarebbe troppo bello

Alessia Putin 13.12.05 15:27| 
 |
Rispondi al commento

VIVA ZAPATERO
Con il titolo del suo film si osanna gratuitamente un politico che ha ancora tutto da dimostrare, e che purtroppo nel primo anno di legislatura ha giá perso il consenso di una gran parte degli elettori per le discutibili scelte fatte, e soprattutto nel suo film.... si osanna qualcuno per qualcosa che non ha realmente fatto!!!

Le sono grata per tutte le cose positive che ci offre e continueró a seguirla, ma le chiedo in nome della libertá e della veritá che anche lei difende, di rettificare.

In attesa di un suo cortese riscontro in merito, colgo l'occasione per porgerle cordiali saluti.


Avv. Alessia Putin


LETTERA INVIATA A SABINA GUZZANTI IL 23/11/2005 E RIMASTA SENZA RISPOSTA.........NEANCHE PER REPLICARE!

Se quelli che dicono di lottare per la libertá e la veritá sono i primi a strumentalizzare ipocritamente l' ignoranza degli spettatori e a non rettificare........siamo freschi!

Grazie

Alessia Putin

Alessia Putin 13.12.05 15:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Luciana Briganti,
sei simpatica, intelligente, fai un buon taglia-incolla, parli lo spagnolo , ma quando impari a mettere anche il nome e la fonte di chi citi? Quando dici "gli spagnoli", non hai detto un´ostrica.
Facci sapere chi e`´sto luminare che dice che la gente e`piu`intelligente di quello che crede il governo: Casinis? Buttigliones? Storaces?
Gracias!

paolo moretti 13.12.05 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono rimasto impressionato dalla colonna dei commenti,bene.
Non c'e' niente da dire, fila tutto per il verso giusto, dobbiamo marciare su roma.

ciao a tutti buon natale

raffaele venturotti 13.12.05 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Sono daccordissimo con te,vedo finalmente con piacere che c'è qualcuno che riesce a capire che facendosi prendere in giro da trasmissioni della sua stessa rete cerca di farci "intendere" che permette la satira,ma quella vera è quella che mette allo scoperto le magagne di tutta la società civile e non solo le cazzatine,gli strafalcioni,la satira non dovrebbe essere condotta contro i propi alleati per sminuirne l'immagine e le idee e nemmeno contro gli avvresari,ma dovrebbe essere superpartes.
Meditate!!!!!

Carmine Tambascia 13.12.05 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra ben più saggia come proposta questa sua, quella di dare un 40% di spazio a programmi cultural e socialmente utili. Molto meglio di quella di censurare la tv spazzatura, che purtroppo molta gente gradisce.

luciana briganti 13.12.05 15:00| 
 |
Rispondi al commento

OTTIME PROPOSTE - aggiungerei anche la proposta che tutte le televisioni, pubbliche, private, via etere o cavo che sia, abbiano l'obbligo di proporre al 40% programmi che abbiano un contenuto di valore "culturale - informativo - pedagogico" di rilievo, anche nelle fasce di maggior ascolto. Essendo la televisione "servizio di rilievo sociale" e non semplicemente commerciale dobbiamo dire: BASTA CON LA TV SPAZZATURA DELLE TV PRIVATE E BASTA CON LA TV PUBBLICA CHE LE SCIMMIOTTA PER NON PERDERE AUDIENCE. LA TV DEVE PROMUOVERE CIVILTA', CULTURA, CAPACITA' DI PENSIERO, SENSO DI CITTADINANZA ecc. ecc.

la televisione assieme alla scuola, alla famiglia e alle agenzie educative deve contribuire a FORMARE CITTADINI INTELLIGENTI E LIBERI.

O FORSE QUALCUNO PREFERISCE CHE PROPDUCA SUDDITI DISINFORMATI EUN PO' IDIOTI??

Alessandro Rossi

Alessandro Rossi 13.12.05 14:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

utilizzare come topic Citizen Berlusconi è stata una champagnata! in effetti quando vidi il film di Orson Welles "Citizen Kane" ho pensato subito al nostro caro portatore nano di democrazia! Sei un grande Grillo!!!! Se farai questa proposta di legge io sarò il primo ad appoggiarti.

Stefano Fanigliulo 13.12.05 14:44| 
 |
Rispondi al commento

L'ignoranza esiste e se pensiamo che la tv la cancelli sappiamo bene che questa è un UTOPIA
ALTRO ARTICOLO IN CUI SI SCOPRE CHE NELLA COMMISSIONE DI "SAGGI" CHE DEVE DECIDERE IL FUTURO DELLA TV SPAGNOLA ESISTONO DUE "ESPERTI2 CHE NON HANNO NEMMENO LA TV IN CASA. Ma dico io! IO SONO LIBERA DI DECIDERE COSA VEDERE!
Tra le altre cose se censurano la tv spazzatura nei canali pubblici in quelli ma in privati continuano a dare i reality COME PUOI RISOLVERE IL PROBLEMA DELL'IGNORANZA?
Non nascondiamoci dietro ad un dito, questa proposta è INUTILE!
El mundo audiovisual desconfía de los "sabios" de TVE
ZAPATERO DEBERIA PREGUNTAR A LOS QUE HACEN TELEVISION

El futuro de la televisión pública está en sus manos. Se trata del consejo de expertos designado por el ejecutivo socialista para elevar al Gobierno una propuesta de reforma de los medios públicos en un plazo máximo de nueve meses. El informe deberá contemplar el modelo de financiación, el modo de designación de los directivos y la orientación de la programación. Para llevar a cabo esta función, los “sabios” han de recabar los estudios que consideren oportunos y contarán con el asesoramiento de un especialista en temas de financiación propuesto por el Ministerio de Economía y Hacienda, dado que el perfil de los miembros del consejo es más bien humanístico, y de un secretario.
El anuncio de que dos miembros del denominado “comité de sabios” que diseñará el futuro de TVE no disponían de televisor propio ha sido catalogado por algunos directivos del sector audiovisual español de “descorazonador”.

luciana briganti 13.12.05 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Programmi tv:specchio del NS tempo!

Facciamo qualche considerazione:
I programmi più importanti per l'odience sono al sabato sera,quello che che viene più visto vince la serata.
Allora che cosa si vede in tv di sabato?Si vede quello che la maggior parte della gente desidera vedere:programmi dove al massimo ti servono DUE neuroni in tutto per apprezzarli!
Questa è la maggior parte degli italiani,gli altri guardano fra settimana i reality show(li basta solo UN neurone),chi invece ha delle pretese ,aspetta i talk show in seconda serata,dove possiamo trovare come "OPINIONIST"personaggi del calibro di Alba Parietti,Manuela Arcuri,Platinette,ecc...
Gli spettatori di queste meraviglie dello schermo sono più del 51% dei votanti,che decide chi deve comandarci,e non servirci,come dovrebbe essere.Vista la situazione,credo che le speranze di portarci al passo con il resto dell'europa siano davvero difficili,in questi ultimi anni l'involuzione intellettuale ha avuto una accellerazione enorme,pilotata dai NS politicanti controllori di emittenti tv.
Il concetto è semplice:più il popolo è ignorante meglio lo governi e lo sfrutti.
La realta di cui sopra non è un brutto sogno siamo Noi,è L'Italia contemporanea.
Dobbiamo assolutamente attivarci prima che sia troppo tardi ,per uscire da questa situazione molto,ma molto più grave di quello che possiamo immaginare.Cominciare a ripulire la tv,come in Spagna,sarebbe un duro colpo al potere che ci sta rovinando.

daniele gasperoni 13.12.05 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@
Marco Polo
Trovo eccessivo il fatto di vergognarsi di essere italiano, anche se come te ho vissuto l'imbarazzo di essere guardato in cagnesco all'estero: Chiunque, anche gli stranieri sanno dare il giusto valore alle cose e alle persone.
Siamo noi che dobbiamo capire loro! dell'immagine che si fanno del ns. paese vedendo "la barzelletta ambulante" il nono espertatore di democrazia (che fà annichilire); come possiamo pretendere che si possa avere stima e considerazione, quando si viene a sapere della grande deontologia dimostrata dal governatore della banca d'Italia (e dico quando! Se saremo fortunati di avere notizie, poichè l'omertà regna!).
Inoltre a contorno, c'è un popolo che "volutamente viene sempre più cresciuto nell'ignoranza e nella grettezza (dividi ed impera), grazie al sistematico "wash brains" della tv, calcio, ed per quanto riguarda la gioventù , una buona dose di responsabilità và ricercata nella scuola (e catastrofiche saranno le riforme varate).
Per cui credi, non è contro di te! amano il ns. paese e la storia che trasuda, sanno che siamo il popolo che ha dato vita al rinascimento.
I politici si dovrebbero vergognare! per la loro inettitudine a guidare e gestire un paese come il ns., che sono in combutta con il capitalismo del più "becero" (come dice Grillo i veri comunisti,che pretendono di fare i capitalisti con i soldi degli altri).
Per cui ricollegandosi alle proposte di legge da fare,io proporrei:Basta con il politico come mestiere, (1, max. 2 legislature, poi a casa, al vecchio lavoro, se lo hanno?).
Cosi forse...? c'è speranza di limitare corruzione e connivenza con malavitosi di ogni genere.
2° proposta: la fedina penale, super immacolata, e neache dubbi o processi in corso, .... il politico, chi gestisce il futuro dei miei figli deve essere al di sopra di ogni sospetto!
Per cui bisogna solo sperare che gente con dignità come la tua e la mia cresca come numero.
Auguri

I. Visconti 13.12.05 14:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,

proprio ieri sera mia moglie ed io abbiamo noleggiato il DVD "Viva Zapatero" della Guzzanti (nel quale compari anche tu verso la fine e chiedi alla giornalista del "Corriere" di ribellarsi al sistema della censura... ah ah ah ah ah... magari!).

Aggiungi anche questa terza proposta di legge: proiettarlo in tutte le scuole, istituti, università ed enti preposti alla cultura ed alla conoscenza poichè la LIBERTA' di espressione non ha prezzo e non può essere negata per nessun motivo o convinzione politica.

:-)

davide angeletti 13.12.05 14:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco cosa pensano gli spagnoli sulla proposta del governo di decidere cosa è e cosa non è la tv spazzatura.

Televisión de calidad. ¿Quién decide lo que es la calidad?
LOS ESPECTADORES SON MAS INTELIGENTES DE LO QUE ALGUNOS CREEN

Un encuentro televisivo entre Gustavo Bueno y Lolita, inspira una interesante reflexión sobre la actitud de los intelectuales frente a la televisión, asegurando que la visión elitista que tienen algunos al hablar de televisión (telebasura como la llaman ellos), contrasta con la inteligencia de muchos de los espectadores que siguen estos programas. El autor se plantea el tema de la definición de calidad: "Desconfío de los que se llenan la boca con el término calidad. Cultura de calidad, turismo de calidad, programas de calidad. ¿Qué entenderán ellos por calidad? ¿Quiénes son ellos para monopolizar la calidad?

Este artículo finaliza haciendo un elogio al kitsch: "Esto es kitsch en plena acción. ¿Quién no disfrutaría de un encuentro o encontronazo entre Saramago y Yola Berrocal, entre Sánchez Dragó y Carmen Sevilla, entre Víctor Erice y Pedro Almodóvar, entre Soledad Puértolas y Loles León? No se hagan los estrechos y acepten el desafío. Y a los siete sabios de Tebas que les den unas cuantas morcillas, más que nada porque no se han inmutado al ser declarados como tales, ni tan siquiera ruborizado".

luciana briganti 13.12.05 14:24| 
 |
Rispondi al commento

LA TELEBASURA, LA LIBERTAD DE EXPRESION Y EL LIBERALISMO

"Hay telebasura como hay radio basura o prensa basura, y no pasa nada. Sólo los liberales pasaremos por una vida libre, no por la copia propuesta por alguien y repetida hasta la saciedad. Sí, nos gusta la telebasura (y hablo por la mayoría, no tanto por mis gustos que a nadie interesan). ¿Y qué?. Todavía quedamos algunos a los que no nos gustan estos programas, pero nunca se nos ha pasado por la cabeza prohibirlos ni obstruirlos, ni decir lo que hay que ver o lo que no hay que ver en televisión."

Esta es la tesis que sostiene el escritor Josep María Llauradó, otra de las voces que se han alzado contra el control político en la televisión y a favor de la libertad de expresión. O sea, contra este "discurso" oficial con el que dice el autor que "están de acuerdo el Partido Popular y la coalición Llamazares-Zapatero. O sea, la gravedad es máxima. Incluso la CNT, el último bastión de la utopía, también está de acuerdo y dice en su página web que el pueblo se deja seducir por la telebasura."

luciana briganti 13.12.05 14:21| 
 |
Rispondi al commento

beppe sei grande!! davvero candidati ! riceveresti un sacco di voti, il mio di sicuro!!

maria grazia musso barbero 13.12.05 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Vuole sapere cosa ne pensano gli spagnoli sulla telòbasura?
http://www.euroresidentes.com/Blogs/rodriguez_zapatero/2004/11/los-espaoles-contra-la-telebasura.html

luciana briganti 13.12.05 14:13| 
 |
Rispondi al commento

@ giuseppe ricci

Dimenticavo ...

Il Bel Paese si trova amministrato e abitato da persone con un cervello sviluppato solo per riconoscere chi sarà il nuovo padrone al quale genuflettersi e leccare il culo. Non esiste più una differenziazione in destra, sinistra o centro per la politica italiana: non esiste più un’ideologia, uno slogan da urlare con convinzione. Esiste solo un grande unico modo di essere arrivista, speculatore e contrarre interessi privati e personali con la cosa pubblica. Per questo anche Silvio Berlusconi, e dopo di lui Romano Prodi, Piero Fassino,Francesco Rutelli o Gianfranco Fini che sia, non potranno risollevare le sorti di un’Italia gettata sul lastrico da un abitudine mortale: la mediocrità a tutti i livelli.
Tangenti, corruzione, evasione fiscale sono all’ordine del giorno: tanto anche molti processi sono pilotati e, comunque, alla fine per vari motivi assolutamente legali, si archivia sempre tutto.

L’Italia ha una metastasi diffusa di diversi e terribili tumori: corruzione, clientelismo, incapacità, incompetenza ed arroganza. Restano, ancora, le sue meravigliose vestigia di storia, arte, cultura, e le sue bellezze naturali così diverse e complesse. Fino a che qualche inetto non decida di metterci le mani e sporcare anche quelle.

http://milano.campusanuncios.com/discussione212193071X-Metastasi-Italiane-Milano.html

Marco Polo 13.12.05 14:12| 
 |
Rispondi al commento

x Laura Boella

Ma secondo lei cos'è la "telebasura"?
Vede il problema è che la tv spazzatura c'è perche fa audience e ciò significa che una parte considerevole del paese la guarda... allora se è così (alcuni ammettono di guardarla, altri si vergognano di ammetterlo, altri non se ne accorgono nemmeno e non sanno dire cosa sia la tv spazzatura... che x me è x esempio l'isola dei famosi, ma x qualcun altro potrebbero essere i documentari) Allora io mi chiedo, come fa un governo libero e liberale a decidere qual'è un programma di telebasura e quale non lo è? E per quale motivo il governo deve oscurare certi programmi? A me sa più di censura che di pulizia. Vede se a me un programma non piace CAMBIO CANALE. E non sono assolutamente d'accordo che il governo decida per me cosa devo o cosa non devo vedere! Ci sono problemi ben più importante! Per quanto riguarda i programmi violenti o osceni ci sono degli orari e per la salvaguardia dei minori ci sono i GENITORI!
Il governo ha altri problemi ven più gravi da affrontare! E Zapatero si diverte a fare zapping!

luciana briganti 13.12.05 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ti volevo segnalare questo sito:

www.disinformazione.it

In questo sito vengono divulgati diversi tipi di informazioni che i giornali(chissa per quale strano motivo) tendono ad OSCURARE.

Ciao a presto.

P.S.
Ti sono venuto a vedere allo spettacolo a Porto S.Giorgio(A.P.), ero in terza fila e mi hai fatto arrivare uno sputazzo in un occhio che ancora sto cercando togliere...

Fabio Marinucci 13.12.05 13:58| 
 |
Rispondi al commento

@ giuseppe ricci

Quoto con quello che scrivi :-)
Ce ne sono tanti come noi due, che hanno fatto "certe" esperienze. La stragrande maggioranza della gente però se ne frega di tutto questo, preferisce i discorsi banali che non cambiano nulla di questa realtà squallida.

Marco Polo 13.12.05 13:58| 
 |
Rispondi al commento

A parte il fatto che, se ti candidassi, caro il mio Beppe, il mio voto l'avresti subito, ma tornando al discorso tv: facciamole queste proposte di legge! Una volta tanto, facciamo un referendum SERIO e che non si riveli solo uno spreco immane di quattrini pubblici!Cosa diavolo mi venite a chiedere cosa voglio fare in merito alle cellule staminali se nemmeno so cosa cavolo sono 'ste cellule? Venitemi a chiedere se voglio una tv pubblica che sia davvero tale, venitemi a chiedere se voglio che i miei "dipendenti" al governo prendano buste paga più basse, venitemi a chiedere se voglio mandare le nostre forze armate a fare una guerra in Iraq oppure no!!! Perchè questi referendum non li fà mai nessuno, di nessuno schieramento politico? Beppe, facciamola noi una proposta di legge! Almeno per la tv, da qualche parte cominciamo!

Elena Bianchi 13.12.05 13:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma perche' Zapatero ci riesce a eliminare la 'telebasura', e noi no? Ma c'e' qualche speranza che un'eventuale sinistra al governo faccia qualcosa di buono in questa direzione?
Mah.. forse, come qualcuno ha gia' proposto, e' meglio veramente organizzarci noi, raccogliere firme, proporre un referendum..
Io vivo all'estero, ma verrei immediatamente in Italia a firmare!

Laura Boella 13.12.05 13:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le due proposte di legge mi sembrano molto buone ma come si fa a proporle?
Chi per noi Beppe, lo può fare?

Gianpaolo D'Ignazio 13.12.05 13:36| 
 |
Rispondi al commento

ONORE A MARCO TRAVAGLIO CHE HA IL CORAGGIO DI DIRE LE COSE IN FACCIA AL NANO ED AI AUOI GERARCHI...

Mat.

P.S.: BEPPE ma perché queste tue proposte di legge non le sottoscriviamo e le portiamo direttamente al parlamento sotto forma di referendum? Pensi che funzionerebbe se le firme fossero tantissime?

Mat Di Maio 13.12.05 13:33| 
 |
Rispondi al commento


@ Marco Polo


Sottoscrivo ogni parola del tuo intervento sugli imprenditori italiani.
Ne hai fatto l'epitaffio.
Aggiungerò qualcosa anch'io, premettendo che esistono sporadiche eccezioni.
L'imprenditore non è spinto, come comunemente si dice, dal desiderio di costruire, di creare qualcosa. Egli si muove invece sotto la spinta dell'ambizione che, se ben analizzata, rivela poi le sue componenti principali: la vanità e la venalità.
Sotto la spinta della vanità, costruisce sì qualcosa: i teatrini, i palcoscenici che sono le sue aziende, dove si muove come una prima donna, sempre circondato da schiere di piaggiatori e -nel caso dei grossi imprenditori- anche di agiografi. Vive per il momento della giornata in cui entra "in azienda": il momento in cui i lacchè entrano in servizio: a spazzolarlo, a stendergli tappeti, a leccarselo ben bene, a ridere delle sue barzellette beote, ad applaudire i suoi successi, a discolparlo affettuosamente degli immancabili insuccessi.
Sotto la spinta della venalità, invece, combina le marachelle che tu hai descritto tanto bene.
Vero quanto tu dici sulla nostra immagine all'estero: ho fatto il venditore internazionale per lunghi anni ed è sempre stata dura. Non fatico a immaginare come possa essere adesso, soprattutto in Europa. Io mi vergognerei: quel lavoro non lo farei più.
Si tessono gli elogi degli imprenditori, definendoli la spina dorsale del Paese, il suo sostentamento.
Forse ciò sarà vero nei fatti. Mai nelle intenzioni. Abolirei ogni forma d'onorificenza per gli imprenditori: quello che fanno, e che TALVOLTA coincide col bene del Paese, essi lo farebbero comunque, sotto impulsi che non hanno niente a che vedere con i meriti di cui si fa loro credito.

Trovo ripugnante essere governato da un imprenditore che ostenta tanto disprezzo per la politica (= il lavoro che sta facendo) e tanta autoammirazione per quanto ha fatto in altre vesti.
Ciao!

giuseppe ricci 13.12.05 13:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, candidati...il mio voto è tuo.

Silver Fox 13.12.05 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Per chi fatica a capire in questo articolo si dice che da quando la Spagna è entrata a far parte dell'Eurozona ha perso in competitività a causa dell'alzamento dei prezzi e della disocupazione in aumento... e nel 2006 il livello dei prezi in Spagna sarà solo del 5% inferiore a quello della Francia, simile a quello della Germania e del 10% maggiore di quello dell'ITALIA...

Siamo ancora del parere che l'erba del vicino sia più verde?

Para Cuevas, desde el año 1999, con la incorporación a la eurozona, "acumuladas una pérdida de competitividad importante", tanto por la vía de alza de precios como por los costes laborales. La reducción progresiva de los tipos de interés "ha amortiguado" este proceso, pero no se debe olvidar, argumentó, que en 2006 el nivel de precios de España será sólo un 5% inferior al de Francia; similar al de Alemania, y un 10% mayor al de Italia.

luciana briganti 13.12.05 13:18| 
 |
Rispondi al commento

Beppe...canditati, io ti voto. ;-)

Silver Fox 13.12.05 13:17| 
 |
Rispondi al commento

Certo: la verità sta sempre nel mezzo (in mezzo alle varie mezzeverità di parte che ci propinano i mezzi di "informazione" proprio per questo è utile leggere a destra e a sinistra per farsi un quadro più completo ed agire di conseguenza.

Legga questo articolo su come va l'economia in Spagna a detta degli stessi economisti spagnoli che tra l'altro affermano che il controllo dei prezzi nel passaggio verso l'euro in Spagna non ci sono stati tant'è vero che saranno di un 10% maggiore a quelli dell'Italia

La CEOE advierte del 'efecto paralizante' en el crecimiento económico de una subida de tipos
Cuevas afirma que este freno vendrá por la vía de la reducción del consumo
SERVIMEDIA - Madrid
ELPAIS.es - Economía - 21-11-2005

José María Cuevas, presidente de la CEOE (ULY MARTÍN)

Para Cuevas, desde el año 1999, con la incorporación a la eurozona, "acumuladas una pérdida de competitividad importante", tanto por la vía de alza de precios como por los costes laborales. La reducción progresiva de los tipos de interés "ha amortiguado" este proceso, pero no se debe olvidar, argumentó, que en 2006 el nivel de precios de España será sólo un 5% inferior al de Francia; similar al de Alemania, y un 10% mayor al de Italia.

luciana briganti 13.12.05 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Il problema serio qui è che anche chi vuole votare un leader come Zapatero non può farlo perchè in Italia non c'è. L'idea di votare Prodi mi fa ribrezzo anche se lo farò, però sono stanca di scegliere il male minore senza una vera alternativa.

Licia Vignoli 13.12.05 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X Agostino Bove e Silvia Chellini

Mi fa davvero molto piacere vedere che la gente si informa!
Bene solo così si può discutere e fare informazione. Abbiamo mostrato e dato voce alle due campane.
Ora discutiamone:
1) Non credo che sia solo merito o colpa dell'emitente Cope se il consenso popolare verso Zapatero in Spagna è ai minimi storici. Non trovate?
2) Anche se l'emmittente usa metodi "terroristici" (come voi azerite) per promulgare il proprio credo, in un paese libero ognuno ha il diritto di dire la propria opinione. E non per questo deve essere CENSURATO. Non trovate?
3) Io non dico che sia giusto o sbagliato ciò che Cope dice, ma semplicemente che se la popolarità di Zapatero scende, a mio avviso c'è qualcosa della sua politica che agli spagnoli stessi non piace. Non trovate?
4)Mi fa sorridere come "Noi" italiani guardiamo sempre l'erba del vicino e pensiamo che sia sempre più verde della nostra.
5)Nelle tv italiane spesso sento dire che la politica che Zapatero sta applicando in Spagna è eccezionale, e sento dipingere Zapatero come un leader giusto, onesto e chi più ne ha più ne metta, ma queste altre cose, tipo la sua popolarità che scende o i dissensi di certa opinione pubblica non le sento. Come mai?
5) Allora alla luce di queste cose (oltre il fatto che in democrazia si può esprimere LIBERAMENTE il proprio pensiero, giusto o sbagliato che sia, e che la CENSURA è un metodo che applicano i dittatori) Vogliamo finalmente VEDERE Zapatero in veste di UOMO per quel che è e smetterla di MITICIZZARLO????

Grazie

luciana briganti 13.12.05 12:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scontato l'allargamento del bonus-bebè da mille euro al 2006: non si limiterà al secondo figlio, come stabilisce il testo uscito dalla commissione Bilancio, ma scatterà fin dal primo. Introdotto, però, un tetto di reddito pari a 45mila euro.Confermata la porno-tax, ma rimodulata sul modello francese, in modo da evitare la bocciatura dell'Unione Europea: non sarà più un aggravio di imposta sui prodotti, ma sui redditi dei produttori, "secondo il modello francese, che ha giàpassato il vaglio europeo, mentre quello introdotto dalla Camera finora avrebbe potuto avere dei problemi in sede Ue", spiega una fonte.
Cancellato il condono riservato alle tasse locali - Irap e Ici - non chiesto dai Comuni e criticato dal governo. Novità anche per l'Ici per gli immobili delle chiese e delle Onlus: l'ultima soluzione prevede che l'esenzione che viene introdotta non sia retroattiva (per evitare ai Comuni un grosso contenzioso). Fra le ultime misure approvate dalla commissione Bilancio prima dell'invio della Finanziaria all'aula compare un condono per i danni erariali causati dagli amministratori pubblici e dal quale potranno uscire pagando il 10-20% del dovuto: una norma che lo scorso anno fu bocciata dal Quirinale e che sarà cancellata dal maxi-emendamento.

Questo articolo si commenta da sè!Le leggi pro-mafia aumentano notevolmente!!Almeno vi rendete conto a cosa serve il modulo 730!Altra cosa NO ALL'8 X 1000 DESTINATO ALLA CHIESA.LA CHIASA NON DEVE GESTIRE INCASSI ECONOMICI MA DOVREBBE GESTIRE LE POVERE ANIME!VI RICORDO ANCHE CHE LA CHIESA E' LA PRIMA A FARE DISTINZIONE DI CLASSE SOCIALE!!SVEGLIAAA!!premetto che sono un credente non-praticanete!

Pasquale Sacchinelli 13.12.05 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Il concordato fiscale preventivo per lavoratori autonomi e professionisti riguarda i periodi di imposta 2005-2007. Interesserà professionisti e imprese con un volume d'affari inferiore a 5 milioni. Il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, depositerà oggi il maxi-emendamento alla Camera. La decisione di inserire nel provvedimento il concordato preventivo e il condono fiscale è stata presa al termine di un vertice che si è tenuto nella notte fra il 12 e il 13 dicembre. Il percorso, messo a punto dal Tesoro, è stato scelto per evitare l'assalto alla diligenza che stavano preparando gli altri membri del governo, pronti a chiedere ulteriori norme e stanziamenti di risorse. Tremonti ha voluto evitare che il maxi-emendamento finisse all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri convocato per il 14 dicembre, anticipando i tempi e portandolo in Aula già oggi.Il summit notturno è servito per riscrivere i 700 commi del maxi-emendamento. Scontato l'allargamento del bonus-bebè da mille euro al 2006: non si limiterà al secondo figlio, come stabilisce il testo uscito dalla commissione Bilancio, ma scatterà fin dal primo. Introdotto, però, un tetto di reddito pari a 45mila euro.Confermata la porno-tax, ma rimodulata sul modello francese, in modo da evitare la bocciatura dell'Unione Europea: non sarà più un aggravio di imposta sui prodotti, ma sui redditi dei produttori, "secondo il modello francese, che ha giàpassato il vaglio europeo, mentre quello introdotto dalla Camera finora avrebbe potuto avere dei problemi in sede Ue", spiega una fonte.
Cancellato il condono riservato alle tasse locali - Irap e Ici - non chiesto dai Comuni e criticato dal governo. Novità anche per l'Ici per gli immobili delle chiese e delle Onlus: l'ultima soluzione prevede che l'esenzione che viene introdotta non sia retroattiva (per evitare ai Comuni un grosso contenzioso).

Pasquale Sacchinelli 13.12.05 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Finanziaria/ Arriva il condono fiscale per le imprese
Martedí 13.12.2005 11:22Un altro condono fiscale. Secondo quanto riferito da fonti della maggioranza, oltre al concordato preventivo, il maxi-emendamento del governo alla Finanziaria conterrà una sanatoria per le imprese che riguarderà il 2003 e il 2004. Insieme, i due provvedimenti dovrebbero dare un gettito complessivo di tre miliardi di euro. Il valore complessivo della manovra 2006 (compreso il decreto fiscale già approvato) sarebbe così passato da 24,9 miliardi a circa 28 miliardi, ai quali
andrebbero aggiunti gli introiti da ulteriori dismissioni immobiliari (oltre 1 miliardo già compreso nella manovra) fino a 3 miliardi inizialmente previsti per il piano di Lisbona e ora dirottati a riduzione del deficit. Secondo alcune fonti, però, gli introiti sarebbero aggiuntivi delle altre misure finora ipotizzate, compresa la porno-tax, ma non dovrebbero cambiare i saldi della Finanziaria, bensì sostituire altre poste di copertura considerate "incerte".L'Esecutivo, inoltre, ha eliminato dal maxi-emendamento il Ddl sulla competitività, che la commissione Bilancio della Camera aveva recuperato inserendolo in Finanziaria.Già oggi il governo potrebbe chiedere la fiducia all'aula di Montecitorio, che verrà votata il 14 dicembre. Sui tempi, al momento non c'è certezza, perché alcuni esponenti della maggioranza, in particolare di Forza Italia, hanno già posto il problema di un
passaggio in commissione Bilancio del maxi-emendamento, "vista la rilevanza dei cambiamenti apportati". "La maggioranza - spiega una fonte - chiederà che il maxi-emendamento transiti preventivamente dalla commissione Bilancio per verificare le coperture. Insomma, vogliamo prima leggere la proposta..".
Il concordato fiscale preventivo per lavoratori autonomi e professionisti riguarda i periodi di imposta 2005-2007. Interesserà professionisti e imprese con un volume d'affari inferiore a 5 milioni.

Pasquale Sacchinelli 13.12.05 12:03| 
 |
Rispondi al commento

@ Nicola Menegazzo

Argentina? Allora leggi il post che avevo fatto a @ Raul Romera: parte 2

...

Poi c’è quel atteggiamento di vanitosa ostentazione di sé, dei propri meriti, reali o immaginari, tipiche indole di chi è borioso, sono pieni di se, afflitti da quella malattia morbosa che è l’ignoranza.

Si italiani, questa è la verità, provate a chiedere in giro per il mondo, provate a parlare con i nostri connazionali, vi sentirete dire che in fondo ci amano ma non ci stimano, il che è la cosa peggiore che può capitare sia a una persona che a una intera nazione.

L’unico fatto che ci distingue dall’Argentina, che guarda caso è zeppa di spagnoli e italiani, è che noi avevamo milioni di connazionali all’estero che mandavano i soldi a casa, che venivano a costruire e anche a fare le vacanze in Italia, che compravano i prodotti italiani. Allocchi che si sono fatti sempre abbindolare per vero amore di patria se qualcuno qui dentro sa cosa sia.

E noi? Noi abbiamo fatto l’unica cosa della quale siamo veramente capaci: sempre e solo scandalo.

Marco Polo 13.12.05 12:01| 
 |
Rispondi al commento

@ Nicola Menegazzo

Argentina? Allora leggi il post che avevo fatto a @ Raul Romera: parte 1

@ Raul Romera 12.12.05 17:46

Quello che hai scritto mi ha scosso profondamente. Mi hai fatto riprovare quella rabbia che quasi mi ero dimenticato, hai risvegliato in me quella vergogna che si prova ad essere italiano nel mondo.

Lo so Raul, e so anche che non c’è verso di fare capire le cose essenziali agli italiani perché sono ottusi. Lasciano perplessi tutti quelli che ci hanno provato, anche i propri connazionali che vivono all’estero.

Pochi in Italia sanno quale sia il vero motivo della mancata competitività di tante aziende italiane, perché sempre a meno clienti e partners non-italiani piace fare del business con aziende italiane, di quella fama di inaffidabilità che li precede prima ancora di dire buon giorno, quella furberia così squallida, per loro così naturale che non si rendono neanche conto di fare delle figuracce tremende perché abituati a vivere una realtà così differente da quella di altri paesi, una realtà così mediocre e priva di valori.

Aziende pronte a tutto, pur di fare il soldo veloce ogni mezzo è lecito, dalle false promesse alle bugie e qualche volta anche truffa. Per non parlare delle forniture sbagliate, eseguite da gente incompetente, assolutamente impreparata e che a malapena mastica qualche parola in lingua straniera.

La loro capacità percettiva è limitata, è incompleta, sono goffi e in fondo molto provinciali. Non è solo colpa di una scuola e formazione spaventosamente arretrata, manca anche la capacità di apprendere da altri.

... segue parte 2

Marco Polo 13.12.05 11:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di Berlusconi, qualcuno sa che esito ha avuto quella sua idea di "formare" 1000 (mille) giovani promotori di Forza Italia? A suo tempo la cosa fece scalpore: vi furono battibecchi sulla qualifica da assegnare a quegli eletti (eletti pagati, comunque, e qui s'accendeva il dibattito).
Perchè, se la cosa è andata avanti, ora dovrebbero entrare in azione. E il programma era di mandarli da porta a porta.
Come si qualificher(ebbero-anno), se lo facessero?
Come sarebbero ricevuti dai cittadini che non volessero nemmeno sentir parlare di quegli incontri?
Cosa riferirebbero su quei cittadini reticenti?
Non so, però, se quest'ultima domanda sia pertinente.

giuseppe ricci 13.12.05 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Fausto, questo e' proprio cio' che i governanti
vorrebbero pensassero tutti, tranne loro.
Eppure, siamo noi a educare i nostri figli, quelli che un
giorno potrebbero arrivare dove ora stanno gli avvoltoi.
Credo poi che un qualsiasi individuo, preso tra la
stragrande maggioranza dei "comuni cittadini",
saprebbe governare meglio di ogni membro del governo,
presi come sono dal conservare posto e stipendio a danno
della "plebe".
Non e' mai tardi per cambiare e convincersi che il
Nostro paese puo' risorgere.
O cosi' o... avete presente l'Argentina???

Ciaoooo!

Nicola

Nicola Menegazzo 13.12.05 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe,almeno per quanto riguarda l'informazione ,inviare una bella mail firmata da tutti,alle varie sedi giornalistiche tv,partendo da studio aperto,il tg più inutile che abbia mai visto in vita mia.E a seguire gli altri!La firma in questo caso ce la mett o visto che conosco abbastanza bene il problema del gravissimo vuoto d'informazione!

Pasquale Sacchinelli 13.12.05 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi ha cominciato la campagna elettorale,e come vedrete, tutti i programmi comico\satirici e qualsiasi altra cosa potrà creare imbarazzo al Bisunto del demonio ( Silvio ), scomparirà dalla programmazine delle reti mediaset per i prossimi quattro mesi.

Diego 13.12.05 11:48| 
 |
Rispondi al commento

@ Fausto Di Trani

Il giorno che tale sistema morirà non esisterà una nuova classe dirigente in grado di portare il paese sulla strada giusta, ma il caos totale perché a noi manca proprio l’occorrente per cambiare, siamo culturalmente e psicologicamente troppo deboli.

Non abbiamo la cultura sufficiente per capire ed affrontare il mondo di oggi, tanto meno la capacità per affrontare e risolvere difficili problemi esistenziali.

Marco Polo 13.12.05 11:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, più passa il tempo e più mi convinco, anche leggendo il tuo blog, che l'unico modo per riformare questo sistema è che lo stesso sistema muoia. E' come una cancrena che giorno dopo giorno di sbrana dall'interno.
Debbo dire che i politici di oggi, a destra e a sinistra, stanno facendo di tutto per accelerare questa cancrena.
Il punto è: il giorno che tale sistema morirà esisterà una nuova classe dirigente in grado di portare il paese sulla strada giusta invece di fare gli interessi propri e degli amici degli amici degli amici....

Fausto Di Trani 13.12.05 11:27| 
 |
Rispondi al commento

x marco travaglio.mi sai dire che fine afatto boicottiamo il biscione?

dipalma emiddio 13.12.05 11:26| 
 |
Rispondi al commento

I mali del nostro paese 3

I peggiori di tutti sono i giornalisti delle televisioni, rozzi e impreparati nelle piccole private, incolti e settari nelle nazionali. Nonostante la loro frequente altezzosità sono ben legati al palazzo di tutte le correnti politiche, sono attenti lettori di veline, abili manipolatori della verità, mediatori sempre, franchi mai. Ma è cosa a tutti nota e così frequente che diventa inutile parlarne.

Fonte: http://www.disastromondo.it/tredicesimo.htm

Marco Polo 13.12.05 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Dove si firma?

Luca Casati 13.12.05 11:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe!
Altro che due leggi, qui ci vorrebbe un bel bagno nell'acqua santa per ripulire il ns Paese dal marciume politico che predica nel nome dell'ipocrisia! Comunque l'importante è cominciare a prenderne atto che cosí non si può più andare avanti!A presto Fabrizio

Fabrizio Papaleo 13.12.05 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe!
Altro che due leggi, qui ci vorrebbe un bel bagno nell'acqua santa per ripulire il ns Paese dal marciume politico che predica nel nome dell'ipocrisia! Comunque l'importante è cominciare a prenderne atto che cosí non si può più andare avanti!A presto Fabrizio

Fabrizio Papaleo 13.12.05 10:11| 
 |
Rispondi al commento

...seguito precedente

Così come non ci sono e non ci devono essere preclusioni all'utilizzo di strade pubbliche (tutti con la propria auto possono viaggiare dove vogliono seguendo le strade preferite)non vi devono essere accessi privilegiati a sistemi di diffusione (reti) a livello nazionale.

W il modello Internet. Si dia la possibilità di arrivare con fibra ottica in tutte le case in ogni angolo del paese. A questo punto il canone sarebbe giusto ed opportuno.

In Internet é possibile ricreare e diffondere le tv. Ormai é chiaro a tutti. E' solo questione di banda e della sua ampiezza.

Quando tutti avranno i due tre mega necessari, (con la fibra si arriva a 10) qualsiasi discussione su reti pubbliche o private, o sul monopolio a livello nazionale o sul digitale o non digitale terrestre, sarà azzerata.

Anzi, mantenere su questi temi la discussione é fare disinformazione, e questo giova solo a chi attualmente detiene i mezzi di informazione.

carlo manganaro 13.12.05 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe un sogno, togliere il potere politico dal mondo della TV, ma penso che in italia si impossibile, a causa dei degli interessi personali. E comunque togliere la politica dalla vita della gente è impossibile ormai è entrata anche nel calcio (vedi caso di canio) maggiore fonte di guadagno per le televisioni, private, ma anche pubbliche.
Comunque mi augoro che le tue parole vengano ascoltate e prese in considerazione.

Andrea 13.12.05 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, è la prima volta che posto sul tuo blog e credo che le tue ipostesi di proposta di legge siano utopia (ahimè) e non facciano altro che generare ulteriori prese di posizione a favore del "martire" Berlusconi. Il problema maggiore è che anche con queste tue proposte il sistema Italia rimane sempre un sistema di affari e connessioni, più o meno lecite, per cui diventa difficile realizzare l'idea di Democrazia. La moralizzazione, battaglia portata avanti sin dai tempi del Savonarola, per poi essere fatta propria da Berlinguer, non è mai stata sposata a pieno dalla classe politica che vede tale attività non come servizio per il paese ma solo come investimento per il proprio futuro e per quello dei clan di appartenenza!
Il gran lavoro da fare è riuscire a sensibilizzare tutti noi in modo da portare avanti il reale concetto di democrazia e pluralismo che sono fonte di libertà per tutti.
A presto

Luigi Laviano 13.12.05 10:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, è la prima volta che posto sul tuo blog e credo che le tue ipostesi di proposta di legge siano utopia (ahimè) e non facciano altro che generare ulteriori prese di posizione a favore del "martire" Berlusconi. Il problema maggiore è che anche con queste tue proposte il sistema Italia rimane sempre un sistema di affari e connessioni, più o meno lecite, per cui diventa difficile realizzare l'idea di Democrazia. La moralizzazione, battaglia portata avanti sin dai tempi del Savonarola, per poi essere fatta propria da Berlinguer, non è mai stata sposata a pieno dalla classe politica che vede tale attività non come servizio per il paese ma solo come investimento per il proprio futuro e per quello dei clan di appartenenza!
Il gran lavoro da fare è riuscire a sensibilizzare tutti noi in modo da portare avanti il reale concetto di democrazia e pluralismo che sono fonte di libertà per tutti.
A presto

Luigi Laviano 13.12.05 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe un sogno, togliere il potere politico dal mondo della TV, ma penso che in italia si impossibile, a causa dei degli interessi personali. E comunque togliere la politica dalla vita della gente è impossibile ormai è entrata anche nel calcio (vedi caso di canio) maggiore fonte di guadagno per le televisioni, private, ma anche pubbliche.
Comunque mi augoro che le tue parole vengano ascoltate e prese in considerazione.

Andrea 13.12.05 09:56| 
 |
Rispondi al commento

A volte (anche in un blog) i commenti sembrerebbero superflui!... tuttavia sento il bisogno di dire s coloro che individuano nelle varie gialappa's, rockpolitic, ecc. elementi di libertà di comunicazione, che in un sistema asfissiante, rigido e idiotizzante fatto di "potere diretto" e "influenza" (potere indiretto) qualche smagliatura serve proprio a dare l'impressione che ci sia libertà. Chi é veramente contro sappiamo bene che é già stato epurato.

Francesco Gandolfi 13.12.05 09:39| 
 |
Rispondi al commento

secondo me non sarà fatibile neanche con l'entrata della sinistra, troppa mafia ramificata, troppi intrecci, troppe cose che non tornano, troppo troppo agli occhi di tutti i consapevoli

alessandro s 13.12.05 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Proviamoci, proviamoci, ma sei sicuro che in un popolo di servi e furbi come l'Italia, sia mai possibile fare delle leggi del genere. Tentar non nuoce e neanche sperare, ma notoriamente chi vive sperando muore.......

oscar scheffler 13.12.05 09:26| 
 |
Rispondi al commento

le "proposte di legge per il nuovo parlamento" di Beppe non faranno altro che ancor più confusione.

La confusione oggi é sovrana per un motivo molto semplice: non si distinguono i "contenuti" (informazioni, intrattenimento, gioco...)e i loro produttori dal mezzo usato per diffonderli.

Esempio: lo stato (o un altro soggetto) fa le autostrade ma poi gestisce anche gli automezzi che vi passano sopra.

Berlusconi (o la Rai) fa la rete di ripetitori per diffondere il segnale che viene occupato da contenuti scelti dallo stesso gestore della rete.

La rivoluzione (o proposta alternativa) : lo stato gestisca la o le reti (digitale terrestre, fibra ottica, adsl....) e conceda a tutti la possibilità di usarle per diffondere i propri contenuti (informazioni e quant'altro).

In pratica lo stato garantisca la pluralità dell'informazione concedendo a chiunque di usare la rete nei modi opportuni e stabiliti per legge.

In questo modo nessuno gruppo privato e nemmeno pubblico monopolizzerà reti a livello nazionale.

Non limitimoci a fare quello che fanno gli altri, si può fare di meglio, basta come al solito scomporre il problema per ricomporlo correttamente.

carlo manganaro 13.12.05 09:21| 
 |
Rispondi al commento

si trova in giro il dvd "viva zapatero!" della Guzzanti. il mio consiglio è di comprarlo, si scoprono (nel senso che si toglie un vero e proprio velo) su molte cose.


spesso mi chiedo cosa significa essere un giornalista, perche di questi tempi non mi è molto chiaro, in Italia con in mano un giornale chi ti circonda sa per chi voti cosa pensi del governo quale sono le tue idee ecc ecc ma è normale ?? in Tv vedo pseudo giornalisti trattati come se fossero il Dalai Lama in esilio in realtà sono solo servi di questo o quel partito di governo o opposizione cosa cambia... ?? un giornalista è ben altra cosa.. gran parte dell'Italia non è ne con Prodi ne con Berlusconi ma nessuno le da voce , gran parte dell'Italia vorrebbe un governo serio onesto e competente ma nessuno le da una possibilità .

Luca Meluccio 13.12.05 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe bello riuscire a reperire l'audio... c'è qualcuno che ha i mezzi ?

Francesco Rossi 13.12.05 08:43| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, trovo veramente incredibile che giornali e televisioni, dopo averci bombardato di notizie riguardanti alcuni argomenti per molti giorni, improvvisamente smettano di comunicarci gli sviluppi, ...ad esempio, a che punto si trova la situazione del governatore Fazio?... a che punto si trovano i lavori di ricostruzione nelle zone colpite dal maremoto lo scorso anno? ...possibile che i giornali e telegiornali, debbano trattare nelle prime pagine la notizia della riapertura delle indagini sulla morte del cantante Tenco??
....Un saluto a tutti...ciao Beppe ..forse ci vediamo il 31 dicembre a Bolzano!!!!

Gabriele Graziani 13.12.05 08:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, trovo veramente incredibile che giornali e televisioni, dopo averci bombardato di notizie riguardanti alcuni argomenti per molti giorni, improvvisamente smettano di comunicarci gli sviluppi, ...ad esempio, a che punto si trova la situazione del governatore Fazio?... a che punto si trovano i lavori di ricostruzione nelle zone colpite dal maremoto lo scorso anno? ...possibile che i giornali e telegiornali, debbano trattare nelle prime pagine la notizia della riapertura delle indagini sulla morte del cantante Tenco??
....Un saluto a tutti...ciao Beppe ..forse ci vediamo il 31 dicembre a Bolzano!!!!

Gabriele Graziani 13.12.05 08:34| 
 |
Rispondi al commento

non solo ma un disegno di legge che ricosce l'unione civile tra una donna ed un prete o una suora ed un uomo o addirittura tra due preti meglio gay che pedofili come di consuetudine almeno non fanno gli ipocriti, bisogna rovesciare la chiesa stiamo tornando indietro impicciamoci noi della loro politica almeno siamo pari loro dicono la loro noi diciamo la nostra cioè la republica italiana ricnosce le coppie dove uno dei due cogniugi è uomo o donna di chiesa (voti) baci a tutti ( viva porta PIA e i lanzichenecchi)

giordano marinacci 13.12.05 08:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
Mi pare invece che questo blog sia l' unico che non censura.
Anch' io non sono d' accordo su tutto, ad esempio non condivido la posizione di Beppe sulla TAV (e sono piemontese), ma la censura, credimi, è tutt' altra cosa.
Saluti

Roberto Succio 13.12.05 08:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
Mi pare invece che questo blog sia l' unico che non censura.
Anch' io non sono d' accordo su tutto, ad esempio non condivido la posizione di Beppe sulla TAV (e sono piemontese), ma la censura, credimi, è tutt' altra cosa.
Saluti

Roberto Succio 13.12.05 08:09| 
 |
Rispondi al commento

Ogni tanto passo di qua. Da queste parti.
Dalle parti del sito del censurato che censura. Ah quanto siamo tutti uguali, piccoli alla stessa maniera!
Come va?
Sarebbe quasi da creare un contro-blog, se solo non sarebbe tempo perso.
Saluti.
Un genovese.

Diego Pizzorno 13.12.05 03:41| 
 |
Rispondi al commento

ALLUCINANTE!
Date un occhiata a questo articolo.......

Giuseppe Sabatini 13.12.05 01:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La tv ha un grandissimo pregio!Ma poki ne parlano e nessuno lo capisce!
Si puo'spegnre quando cavolo ti va!
Dedichiamo 1 po' di tempo x quelle cose ke nn si ha mai il tempo di fare!
Semplice,ma allo stesso tempo...


Saluti da La Romana(Rep.Dominicana)

ps:la tv qua nn sanno ke sia!

Igor Favole 13.12.05 00:52| 
 |
Rispondi al commento

Credo che la tua crociata yari serva a poco visto che come hai detto tu gli americani regalano il lieto fine solo nei loro film ma nella vita sono altro che salvatori della missione umanitaria....Tookie ha il destino segnato ma ho apprezzato il tuo impegno.le parole erano significative.
valentina

valentina segre 13.12.05 00:50| 
 |
Rispondi al commento

scuola di teatro

http://tuttinscena.blogspot.com/2005/12/nasce-roma-una-nuova-scuola-di-teatro.html

franco severini 13.12.05 00:01| 
 |
Rispondi al commento

ma qualcuno sta guardando canale5?
ehhhh.... italiani brava gente!!!

andrea pippo pluto 12.12.05 23:50| 
 |
Rispondi al commento

ma qualcuno sta guardando canale5?
ehhhh.... italiani brava gente!!!

andrea plauto 12.12.05 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente d'accordo con le tue proposte. Mi chiedo per quale motivo i "cari amici sinistri", quando ne hanno avuto la possibilità, non abbiano presentato un disegno di legge sul conflitto d'interessi. Argomento che poi hanno sfoderato durante la campagna elettorale.
Benedetta

benedetta valenti 12.12.05 23:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pienamente d'accordo con le tue proposte. Mi chiedo per quale motivo i "cari amici sinistri", quando ne hanno avuto la possibilità, non abbiano presentato un disegno di legge sul conflitto d'interessi. Argomento che poi hanno sfoderato durante la campagna elettorale.
Benedetta

benedetta valenti 12.12.05 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Amici, mi spiace dover dissentire. Non è con la destra e con la sinistra che risolveremo i nostri problemi. MEN CHE MENO con il PUBBLICO, luogo metafisico e META-MENTALE dove si proteggono interessi di pochi ( privati ) che si dividono in privati( privati ) -> funzione ricorsiva.
ed in politici( privati ) -> funzione ruffiana ma non di Ruffini.
La funzione ruffiana differisce dalla ricorsiva perchè mentre la seconda agisce su se stessa per se stessa, la prima agisce sugli altri per se stessa.

Ma vi chiedo scusa, senza dubbio sono io che sono troppo semplicista, superficiale e gretto da non comprendere che nelle maggioranze che permettono le espropriazione per "pubblica utilità" ma non utilitaria, ed a "prezzo equo" e non equino risiede la realizzazione della pari dignità attraverso la "costruzione dell'economia" e del "progresso" come i "dati" daltronde dimostrano. Ed infatti non solo a partire dalla illuminata tirannia della post rivoluzione francese l'uomo ha potuto gioire finalmente della "prostituzione" del proprio cervello a chi poteva accudirlo, carezzarlo, spulciarlo e sostituirlo finalmente dal peso delle priprie scelte. AHHH che goduria, la testa pesa a tutti per non parlare delle ansie! Grazie Robespierre! E come non citare Rousseau, Fichte, Hegel, Saint-Simon, De Maistre. Grazie, grazie a voi di cuore! Che avete tolto all'individuo il pesante fardello e problema della libertà individuale!

Ora ho finito di farmi le seghe e spero di avervi dato sufficientemente fastidio e noia, MA sempre cordialmente e con spirito! ^_^

Un saluto di cuore a tutti!

ijimiaz galir 12.12.05 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Il problema in italia non è il privato CHE CE N'E' POCO! TAV dimostra. Ma il pubblico. Più precisamente il connubio fra pubblico e privato -> DELETERIO!
E le logiche dei gruppi -> IMMONDE!

Smontiamoli!!!!!

Un saluto.

ijimiaz galir 12.12.05 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Ehi, Beppe!

gli automatismi della pagina

http://www.beppegrillo.it/2005/12/post_4.html#comments

non funzionano!
Ogni tanto me la trovo scodellata, in occasione di un "aggiorna" ee è dura venirne fuori.
Devo tornare alla tua mail e re-clickare da lì.
Sarebbe meglio che tale difetto scomparisse: il blog è favoloso ed è un peccato guastarlo con queste imprecisioni.

giuseppe ricci 12.12.05 20:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di Berlusconi, qualcuno sa che esito ha avuto quella sua idea di "formare" 1000 (mille) giovani promotori di Forza Italia? A suo tempo la cosa fece scalpore: vi furono battibecchi sulla qualifica da assegnare a quegli eletti (eletti pagati, comunque, e qui s'accendeva il dibattito).
Perchè, se la cosa è andata avanti, ora dovrebbero entrare in azione. E il programma era di mandarli da porta a porta.
Come si qualificher(ebbero-anno), se lo facessero?
Come sarebbero ricevuti dai cittadini che non volessero nemmeno sentir parlare di quegli incontri?
Cosa riferirebbero su quei cittadini reticenti?
Non so, però, se quest'ultima domanda sia pertinente.

giuseppe ricci 12.12.05 19:59| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di Berlusconi, qualcuno sa che esito ha avuto quella sua idea di "formare" 1000 (mille) giovani promotori di Forza Italia? A suo tempo la cosa fece scalpore: vi furono battibecchi sulla qualifica da assegnare a quegli eletti (eletti pagati, comunque, e qui s'accendeva il dibattito).
Perchè, se la cosa è andata avanti, ora dovrebbero entrare in azione. E il programma era di mandarli da porta a porta.
Come si qualificher(ebbero-anno), se lo facessero?
Come sarebbero ricevuti dai cittadini che non volessero nemmeno sentir parlare di quegli incontri?
Cosa riferirebbero su questi cittadini reticenti?

giuseppe ricci 12.12.05 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è più da meravigliarsi di niente ormai in Italia.
"Caro Beppe Grillo,
il mio nome è Girolamo Rizzo, oggi sono un povero pensionato, ieri sono stato un consulente d'informatica a livello nazionale e con "orgoglio" posso affermare di avere insegnato ad un discreto numero d'Italiani come utilizzare Internet ed i Personal Computer, ma mai e poi mai avevo pensato che avrebbe potuto
assumere anche una cosi grande importanza per poter esprimere liberamente il proprio pensiero.
""Grazie per il Blog che avete realizzato"".
Oggi leggendo il messaggio di Francesca Greco che si vergogna molto per l'imbarazzante situazione dei media Italiani, non ho potuto fare a meno anche io di vergognarmi molto anzi moltissimo quando come Italiani che paghiamo un canone siamo costretti a sentire alla televisione
Italiana che un politico afferma pubblicamente di essere stato violentato da una signora, ma si può cadere ancora più in basso di cosi in Italia
e quando si apprende che alcuni fantapolitici lombardi hanno avuto la spregiudicatezza di osare Vilipendio alla Bandiera Italiana senza subire alcuna pena vuoldire che abbiammo toccato ancora di più del fondo.
Quanto dovranno soffrire nell'aldilà quei Veri Giovani Italiani che il 15 Maggio 1860 a Pianto Romano in Calatafimi in Sicilia immolarono la loro giovane vita per la realizzazione di una Italia Unita, dove il Grande Giuseppe Garibaldi,
un Italiano, un Italiano Vero, disse a Nino Bixio, altro Italiano Vero : " Nino domani a Palermo " "" Qui si fa l' Italia o si Muore ""
Sono trascorsi ormai 145 anni ed alcuni padani
osano mettere in discussione sia la Bandiera Italiana che l' Unità d' Italia, si vede che non conoscono la storia e non hanno mai reso onore e visitato l' Ossario di Pianto Romano per rendere onori a quei Veri Giovani Bergamaschi che su quel colle lottarono e morirono, insieme a tanti altri , per una Italia Unita nel Tricolore.
Ciao Beppe Grillo non mollare Girolamo Rizzo
figlio di un ragazzo del 99.

Girolamo Rizzo 12.12.05 18:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di Berlusconi, qualcuno sa che esito ha avuto quella sua idea di "formare" 1000 (mille) giovani promotori di Forza Italia? A suo tempo la cosa fece scalpore: vi furono battibecchi sulla qualifica da assegnare a quegli eletti (eletti pagati, comunque, e qui s'accendeva il dibattito).
Perchè, se la cosa è andata avanti, ora dovrebbero entrare in azione. E il programma era di mandarli da porta a porta.
Come si qualificher(ebbero-anno), se lo facessero?
Come sarebbero ricevuti dai cittadini che non volessero nemmeno sentir parlare di quegli incontri?
Cosa riferirebbero su questi cittadini reticenti?

giuseppe ricci 12.12.05 18:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando in Italia?! La NOSTRA sinistra avrà la forza di fare altrettanto? Lo spero, ma a volte mi sembra che abbiano paura di "disturbare" troppo... Anche sulle vicende della Val di Susa: perchè la sinistra non dice chiaramente gli stessi dati che il signor Grillo espone. A che serve un'alta velocità ad un costo esorbitante se neanche siamo in grado di sfruttare e ammortizzare (soprattutto) le strutture che già abbiamo! E intanto Zapatero ha avuto il coraggio di fare una riforma seria in materia TV, di far rientrare immediatamente le truppe dall'Iraq, di andare contro la chiesa in campo di leggi per l'omossessualità, ecc. Io, che voterò sicuramente per l'Ulivo, non vedo altrattanto inversione di rotta: il ritiro dall'Iraq si, ma graduale, a poco a poco, (tanto ormai lo farebbe anche la destra!), visto che gli scopi sono in fase di finitura, il conflitto d'interesse e la TV, non se ne parla più di tanto, e giustamente hanno avuto 5 anni per farla prima ma erano troppo presi a litigare fra di loro. Berlusconi in un mese ha cambiato la legge elettorale infischiandosene della sinistra e tanto, così facendo, anche in caso di sconfitta, questa NON sarà così pesante da permettere alla sinistra di fare quello che vuole e soprattutto le grandi riforme, ma quelle vere e serie, non le chiacchere del nano portatore di promesse mancate. Questo paese ha bisogno di una vera inversione di marcia. Spero che Prodi, che stimo come politico e come economista, sappia portare l'Italia a traguardi più alti ma ci deve essere unione e coesione nei programmi che devono assolutamente essere portati a termine in campo delle infrastrutture, dei servizi sociali, nel lavoro. Diamo anche noi una pulita da reality, calcio, Lecciso-Albano e caz..te varie e creiamo una TV che affronti discussioni costruttive, notizie vere e programmi che ci facciano anche divertire senza farci sentire degli idioti. Cos'è? Utopia? E' chiedere troppo?

Ivano Croce Commentatore in marcia al V2day 12.12.05 18:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordissimo con Chicca De Vincenzi.
Non esiste solo il potere dato dalla proprietà, ma anche il potere dato dalla possibilità di influire e influenzare le cose.
Nelle comunicazioni poi, per definizione, esistono da sempre, oltre agli editori, anche gruppi di potere e di lobbing che favoriscono i propri membri e curano i propri interessi.
O abbattiamo l'intero sistema, di cui Berlusconi è soltanto uno degli attori, o rispettiamo il diritto di far politica anche a chi lavora nel settore della comunicazione, poiché tutta la politica è basata su un sistema di comunicazione.
Quanti elettori possono dichiarare di aver parlato personalmente a Prodi, a D'Alema e soci? Non sono stati piuttosto persuasi mediaticamente dal Mortadella e dal "Fuh-Fuh Diciamo"? Solo il Berlusca deve renderne conto a qualcuno?

Michele Sganzerla 12.12.05 18:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordissimo con Chicca De Vincenzi.
Non esiste solo il potere dato dalla proprietà, ma anche il potere dato dalla possibilità di influire e influenzare le cose.
Nelle comunicazioni poi, per definizione, esistono da sempre, oltre agli editori, anche gruppi di potere e di lobbing che favoriscono i propri membri e curano i propri interessi.
O abbattiamo l'intero sistema, di cui Berlusconi è soltanto uno degli attori, o rispettiamo il diritto di far politica anche a chi lavora nel settore della comunicazione, poiché tutta la politica è basata su un sistema di comunicazione.
Quanti elettori possono dichiarare di aver parlato personalmente a Prodi, a D'Alema e soci? Non sono stati piuttosto persuasi mediaticamente dal Mortadella e dal "Fuh-Fuh Diciamo"? Solo il Berlusca deve renderne conto a qualcuno?

Michele Sganzerla 12.12.05 18:17| 
 |
Rispondi al commento

MARCO TRAVAGLIO E' GRANDE E CORAGGIOSO - GRANDE E CORAGGIOSO - GRANDE E CORAGGIOSO

giuseppe ricci 12.12.05 18:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@giuseppe ricci
il proiblema è che siamo in emergenza da anni, solo che molti se ne sono accorti troppo tardi ed ecco servito il piatto.Anche in queste situazioni bisogna mantenere la calma e ragionarci su,trovare metodi intelligenti per affrontare il problema basta mettere la politica da parte.
I prezzi aumentano? bene non è un problema abbiamo già risolto con A.Colombo e altri il problema del pane. Lo si fa a casa tranquillamente,basta fare un piccolo investimento,comprare come ho fatto io una macchina per fare il pane in casa e risparmi già più di 100 euro al mese.Bisogna iniziare dalle piccole cose..un passo alla volta..altrimenti si rischia di essere inconcludenti..
lo stesso vale pewr il tel.. Beppe a riguardo ci ha indicato skype che utilizzo tranquillamente via internet ho scoperto che non serve neanche il telefono bastano delle semplici cuffie.Ormai il pc lo hanno in molti..non paghi nulla!!Poi oltre a skype si potrebbe utilizzare anche msn un bel servizio chat che ti permette scambio di qualsiasi tipo di materiale ed in più c'è l'opzione viva voce.. inserisci una cuffia non paghi un centesimo e parli tranquillamente come fosse un telefono!Più semplice di così..

Pasquale Sacchinelli 12.12.05 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordissimo con Chicca De Vincenzi.
Non esiste solo il potere dato dalla proprietà, ma anche il potere dato dalla possibilità di influire e influenzare le cose.
Nelle comunicazioni poi, per definizione, esistono da sempre, oltre agli editori, anche gruppi di potere e di lobbing che favoriscono i propri membri e curano i propri interessi.
O abbattiamo l'intero sistema, di cui Berlusconi è soltanto uno degli attori, o rispettiamo il diritto di far politica anche a chi lavora nel settore della comunicazione, poiché tutta la politica è basata su un sistema di comunicazione.
Quanti elettori possono dichiarare di aver parlato personalmente a Prodi, a D'Alema e soci? Non sono stati piuttosto persuasi mediaticamente dal Mortadella e dal "Fuh-Fuh Diciamo"? Solo il Berlusca deve renderne conto a qualcuno?

Michele Sganzerla 12.12.05 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Non esprimere il voto è masochistico, purtroppo però non inifluente. Se non ti occupi di politica certo qualcuno lo farà per te. Hai il dovere, se l'istinto non ti spinge ad esercitare il diritto, di votare per chi consideri onesto e capace. (brisa par criticher)

Alessandro Fanti 12.12.05 18:07| 
 |
Rispondi al commento


@ Pasquale Sacchinelli

Chi ha mai parlato di scendere in piazza a manifestare?
La sola idea mi da il voltastomaco.
Ma da questo tipo di blog si spera escano iniziative più immediate. Scendere in politica! Capirai che pensata, anche questa. Certo che per cambiare la situazione ci vogliono i politici, e chi non lo sa?
Ma non lo si suggerisce in un momento come questo! L'hai capito o no che siamo in emergenza?
Un blog come questo spera di muovere all'azione chi già pronto a muoversi è: cioè coloro che GIA' sono politici. O di promuovere iniziative che puntino a una legge popolare.
Certo che la formazione di una nuova classe politica è cosa auspicabilissima. Ma proposta in questa sede e di questi tempi, caro mio, acquista un po' il colore d'utopia anche lei.
E ... sbaglio o sento odore di radical chic?

giuseppe ricci 12.12.05 18:04| 
 |
Rispondi al commento

CRACK CIRIO.............rinvio a giudizio per Cragnotti e l'onnipotente Geronzi.........segue sfilza di compari............ma i nomi già li conosciamo........i soliti V.I.P (Very Inquisicion Person).....ce la faremo questa volta a toglierceli dai coglioni??? Che bel paese l'Italia............

david poggiolini 12.12.05 18:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Ragazzi
il mio commento a tutto ciò è superfluo,e scontato.
Sono anni che non vedo telegiornali,o leggo giornali di reggime,e come dice il saggio grillo,l'informazione, quella vera,quella scorporata dalla politica, me la vado a leggere su internet.
Sono sconcertato dall 'arroganza dei nostri politici.
Ragazzi..mandiamoli a casa..Uniamoci a beppe e cerchiamo di risanare questo paese mandando al governo gente capace.
Cambiamo il lampadario ,non solo le lampadine.
Ciao,,,,Ruggero zappulla

ruggero Zappulla 12.12.05 17:54| 
 |
Rispondi al commento

@giuseppe Ricci

Bravo scendi in piazza a manifestare cosa vuoi che ti dica..contento tu. A parte il fatto che ho risposto agli argomenti trattati da A.colombo e luciana circa il muoversi autonomamente magfari entrando in politica...Cerca di leggere con più attenzione quanto si dice.

Pasquale Sacchinelli 12.12.05 17:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


@ Pasquale Sacchinelli

UTOPIA!!!
Ma come si fa a indicare questa via in un momento come quello che viviamo?
Certo, Lei punta il dito verso la perfezione. Ma se si partisse con quel programma, ponendolo come un'operazione principale, passerebbe tanto di quel tempo che, nel frattempo, quelli che si arrogano il diritto di legiferare pro se stessi, di cacciare giornalisti come Biagi, di zittire ogni reale contestazione ( e per favore piantiamola coi belati, voi che dite che invece siamo di fronte a un sistema del tutto liberale), di capovolgere il tavolo un secondo prima della partita e, fra poco, anche di eliminare il minimo di parità assicurato da una legge blanda come la "par condicio", quelli, dicevo, continueranno a vincere per mille anni.
Mi spiace: temo che il procedere più utile sia proprio questo: dire quello che si pensa. Apertamente. Immediatamente. SANGUIGNAMENTE!
Ma per che altro è fatto questo BLOG?
Sono comunque convinto che da questo tipo di iniziative debbano sortire approcci più immediati, che portino o cerchino di portare a soluzioni (si spera positive)in un futuro vicino, tangibile quasi.
Rieducare un popolo! M'hai detto un cece!

giuseppe ricci 12.12.05 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo.. :O))

BEPPE VIENI FUORI FATTI VIVO!!URGE LA TUA PRESENZA AL BLOG!!

Pasquale Sacchinelli 12.12.05 17:28| 
 |
Rispondi al commento

@luciana briganti

Ho letto quanto ha scritto fino ad ora,e non posso non condividere i suoi pensieri.Ma in tutto ciò vedo un'altro problema molto serio,una piaga sociale da non sottovalutare... l'ignoranza!Mi spiego meglio.Non si può cambiare ciò che in realtà non si conosce.Il lavoro da fare è veramente tanto,un lavoro che richiede anni,sacrificio e molta pazienza!ES. si parla di inflazione, tassi d'interesse e via dicendo.. ma quanti in realtà sanno cos'è realmente,quali sono le cause,come ci si arriva.Basterebbe organizzare una serie di convegni-studio dedicati all'economia per risolvere in parte questo vuoto cognitivo.Si parla anche di no tav per motivi legati all'ambiente,l'amianto nocivo all'uomo..ma che cos'è l'amianto? perchè è dannoso all'uomo e all'ambiente? Non possimao basarci semplicemente su quanto ci viene superficilamente detto da 4 dottori in tv etc etc.. che cos'è in realtà il corpo umano come siamo fatti,perchè una cosa ci fa bene e l'altra ci fa male..Lo stesso vale per tutti gli altri argomenti,dai cibi contaminati etc etc.. Una volta studiate le cose base di ogni argomento si può passare a studiare per intero la costituzione italiana e le sue leggi e vedere insieme se si attengono a migliorare realmente la nostra vita o meno.Non possiamo affidare la nostra vita ad un gruppo limitato di esperti e predere sempre per buono quanto ciu dicono.Un economista di destra ci parla in un modo ..uno di sinistra in un altro.Proviamo a prendere invece un economista non contaminato dalla politica e scopriremo che in realtà le cose sono completamente diverse,ci spiegherebbe tranbquillamente le falle dell'intero sistema!
Bisogna sensibilizzare la nuova generazione alla ricerca della conoscenza pura!La scuola è morta da tempo!
Non so se sono stato chiaro in caso contrario sono doisposto a riargomentare il tutto

Pasquale Sacchinelli 12.12.05 17:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARA SILVIA IO VIVO IN SPAGNA E VOREI DIRTI CHE ZAPATERO NON A MAI DETTO CHE VORREBE CHIUDERE UNA RADIO.QUESTE COSE LE DICE FEDERICO JIMENES LO SANTO.E SE CE UN PARTITO CHE VOLEVA CENSURARE LE INFORMAZIONI E STATO PROPRIO IL PARTIDO POPULAR DEL SIGOR AZNAR. CHE MAI EPOI MAI CONDANNO GLI ATTACCHI ALLA SEDE DELLA CADENASER.

agostino bove 12.12.05 17:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quasi quasi mi trasferisco in Spagna!!
W ZAPATERO!!!!
Quello è davvero un Paese libero dove il popolo è sovrano!!!
Spero che la sua carica duri quanto basta per poter far apprendere anche ai nostri cari politici come funziona davvero la politica, il cui unico scopo dovrebbe essere quello di far funzionare davvero un Paese e non gli affari personali di tizio o di caio!!
W ZAPATERO!!!

Valentina Minicucci 12.12.05 16:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alla sig.ra Luciana Briganti:
Salve,
conosco bene la situazione spagnola. Vivo a Barcelona e la mia "famiglia acquisita" é catalana. Precisazioni: La cadena E' praticamente il mezzo di comunicazione che utilizza il PP, che sta facendo un'opposizione a duri colpi al governo.
In particolare in questo momento la grande discussione avviene attorno a un nuovo Estatut Catalano, insieme di leggi che regolano il rapporto tra la comunitá autonoma catalana e il resto del PAese.
Non mi dilungo, peró posso assicurare che la Cadena COPE sta utilizzando mezzi tutt'altro che politicamente corretti per gettare discredito su qualsiasi cosa che si discuta (tipo gridare all'unitá nazionale e chiamare TERRRORISTI tutti quelli che non la pensano come loro). E quello che hanno tirato fuori per il matrimonio omosessuale era ridicolo!!!
Esiste la radio Di parte? SI il gruppo PRISA é di parte governativa, dichiaratemente. Peró C'é il gruppo della Cadena COPE che controbilancia.
Se Zapatero é ai minimi di popolaritá é anche grazie alla forte opposizione mediatica del PP.
Arrivederci,
Silvia

silvia chellini 12.12.05 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Alla sig.ra Luciana Briganti:
Salve,
conosco bene la situazione spagnola. Vivo a Barcelona e la mia "famiglia acquisita" é catalana. Precisazioni: La cadena E' praticamente il mezzo di comunicazione che utilizza il PP, che sta facendo un'opposizione a duri colpi al governo.
In particolare in questo momento la grande discussione avviene attorno a un nuovo Estatut Catalano, insieme di leggi che regolano il rapporto tra la comunitá autonoma catalana e il resto del PAese.
Non mi dilungo, peró posso assicurare che la Cadena COPE sta utilizzando mezzi tutt'altro che politicamente corretti per gettare discredito su qualsiasi cosa che si discuta (tipo gridare all'unitá nazionale e chiamare TERRRORISTI tutti quelli che non la pensano come loro). E quello che hanno tirato fuori per il matrimonio omosessuale era ridicolo!!!
Esiste la radio Di parte? SI il gruppo PRISA é di parte governativa, dichiaratemente. Peró C'é il gruppo della Cadena COPE che contro bilancia.
Se Zapatero é ai minimi di popolaritá é anche grazie alla forte opposizione mediatica del PP.
Arrivederci,
Silvia

silvia chellini 12.12.05 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Alla sig.ra Luciana Briganti:
Salve,
conosco bene la situazione spagnola. Vivo a Barcelona e la mia "famiglia acquisita" é catalana. Precisazioni: La cadena E' praticamente il mezzo di comunicazione che utilizza il PP, che sta facendo un'opposizione a duri colpi al governo.
In particolare in questo momento la grande discussione avviene attorno a un nuovo Estatut Catalano, insieme di leggi che regolano il rapporto tra la comunitá autonoma catalana e il resto del PAese.
Non mi dilungo, peró posso assicurare che la Cadena COPE sta utilizzando mezzi tutt'altro che politicamente corretti per gettare discredito su qualsiasi cosa che si discuta (tipo gridare all'unitá nazionale e chiamare TERRRORISTI tutti quelli che non la pensano come loro). E quello che hanno tirato fuori per il matrimonio omosessuale era ridicolo!!!
Esiste la radio Di parte? SI il gruppo PRISA é di parte governativa, dichiaratemente. Peró C'é il gruppo della Cadena COPE che contro bilancia.
Se Zapatero é ai minimi di popolaritá é anche grazie alla forte opposizione mediatica del PP.
Arrivederci,
Silvia

silvia chellini 12.12.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ha vinto les primarie el mortadela
Nuestra e la culpa!
a caballo de una graziela
con Dipietro e con Rutela
Prodi nooo
por chi me toca votar

Avemos candidato anche Mastela
la seconda culpa!
E intanto Bertinoti
fa spese in via condotti

Ma porchè ma porchè ma porchè
ma porchè aqui non c'è

Zapatero, Zapatera, l'un per cento de tu carisma me serve aqui,
Zapatero, Zapatera, los primaria no me servivas se t'eri chi

Porque da Vespas tu no vas
Tu eres un hombre jo no so cos'è Fassin

El pueblo chiede un leader fuerte e apasionado
Prodi bofonchia
pare un prelado

E come è triste sta canciòn
Jo sognavo Che Guevara e c'è Bordon,
Ma me consolo no se puede pegiorar
O forse siii
con l'udc

Zapatero, Zapatera, l'un per cento de tu carisma me serve aqui,
Zapatero, Zapatera, los primaria no me servivas se stavi aquì

E io lo soooo
Tutta la vita con Parisi non starò
AHHH!
Un giorno troverò
un leader vero anche per me
Almeno uno ci sarà
Nell' immensità !


ilaria ottazzi 12.12.05 16:47| 
 |
Rispondi al commento

X LUCIANA BRIGANTI. CREDO CHE TI SEI SCORDATA DI DIRE CHE LA RADIO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE NON HA ANCORA CONDANNATO I CASI DI PEDERASTIA DA PARTE DI VARI PRETI AVVENUTI IN QUESTI ULTIMI ANNI. E CERTAMENTE SAPRAI CHE IL PSOE DI ZAPATERO SE DOMANI SI VOTASSE VINCEREBBE NUOVAMENTE. E CERTAMENTE SAPRAI CHE IL PROGRAMMA PIU ASCOLTATO DELLA COPE E DIRETTO DA UN RAZZISTA PERO LA CHIESA NON PARLA TACE.CERTAMENTE SAPRAI ANCHE CHE IL PP CUANDO ARRIVO ALGOVERNO SI BENEFICIO DI MOLTI FAVORI DA PARTE DELLE BANCHE PERO LA COPE NON LO DENUNCIO CHI SA PERCHE.CIAO A TUTTI.

agostino bove 12.12.05 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Per ora una proposta di legge popolare di riforma del sistema delle comunicazioni radio-televisive è stata depositata alla Corte Suprema di cassazione a fine novembre. Tra i promotori di questa proposta di legge ci sono Tana De Zelueta, Giulietto Chiesa, Tano Grasso, Sabina Guzzanti, etc. Avevo inviato anche email a Beppe Grillo per chiedere se voleva partecipare alla presentazione ufficiale che doveva tenersi ieri sera a Roma. Non ho ricevuto risposta, ma alla fine è stata anche spostata l'iniziativa. Ufficialmente dal 17 dicembre inizierà in diverse città di Italia la raccolta di firme, che dovranno essere almeno 50.000 e che, almeno per ora, si è deciso di abbinare alla raccolta firme per il referendum sulla Costituzione (info su www.salviamolacostituzione.it). Chi è interessato al testo della proposta di legge può richiedermelo al mio indirizzo email fuffi913@hotmail.it.
....Se poi Beppe Grillo volesse pubblicarlo sul blog sarebbe ancora meglio!!! ; )

Fabiana Barbati 12.12.05 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

All'amico André:

La vedrai la pensione, la vedrai! Ma con l'aria che ha cominciato a tirare ... chissà come (quanto) sarà.
Ma, se appena appena si può ... è meglio andarci. Sai, uno che è destinato a prendere una pensione, di solito lavora per un imprenditore.
E allora, salvo qualche rarissimo caso ...
Te lo dice uno che l'imprenditore l'ha anche fatto. E che avrebbe anche potuto continuare a farlo, se PROPRIO avesse voluto. Ma ci vuole una mentalità particolare: un caso po' come quello (secondo una certa SERENISSIMA opinione) dei GIUDICI.
Chi ha orecchie per intendere ...
Ciao!

giuseppe ricci 12.12.05 16:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il tanto democratico Zapatero vuole chiurere la terza rete radiofonica spagnola solo perchè è critica nei confronti del suo governo. GENTE. Avete capito?

luciana briganti 12.12.05 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@luciana briganti 12.12.05 16:03

Si sono d'accordo che diminuiscono, ma troppo lentamente. Hai detto esattamente quello che dico io e cioè che il cittadino dovrebbe partecipare alla vita comunale esattamente come partecipa in modo combattivo alle riunioni condominiali.

Come è possibile che all'assemblea condominiale si incazzano perchè trovano i peli di gatto nel pianerottolo e non si incazzano quando uscendo dal palazzo trovano le strade lerce??

Si arrabbiano per un euro in più per le spese condominiali e pagano supinamente le spese raddoppiate di Igiene Urbana perchè il comune non vuole adottare un sistema di identificazione della produzione di rifiuti che consente di dimezzare i costi? (Comune di Torre Boldone, Suisio, ecc,)

attilio colombo 12.12.05 16:16| 
 |
Rispondi al commento

se volete traduco ma mi sembra abbastanza comprensibile.
E' tratto da un giornale spagnolo.
Dice che Zapatero ha cercato di censurare una radio critica contro il governo.

luciana briganti 12.12.05 16:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come è possibile per noi proporre una riforma di questo tipo?
L'Unione non potrebbe sommarla ai propri programmi?
Non credo certo che il polo delle illibertà lo farebbe.

Che a questa illuminata riforma spagnola si debba il momento particolarmente positivo della loro economia?

Mauro Bevilacqua 12.12.05 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Polémica en España
Zapatero, contra una radio crítica

El gobierno la acusa de fomentar el odio
MADRID (De nuestra corresponsal).- La tercera radio en audiencia del país, controlada por el Episcopado y de voz crítica, se convirtió en nuevo campo de batalla para la cada vez más tensa relación entre el gobierno y la oposición en España. Tanto que el primero quiere callarla, mientras arrecian reproches de violación de la libertad de prensa.

Ayer, ocultos con máscaras, militantes de la izquierda ultranacionalista catalana (ERC) y aliados electorales del gobierno hicieron un piquete en la sede barcelonesa de la radio, para reclamar su cierre. Dos diputados los acompañaron, hasta que intervino la policía y todo se serenó.

"La COPE" es una emisora que escuchan dos millones de personas y el año último registró el más impresionante aumento de audiencia: un 24%, producto, sobre todo, de su voz crítica de medidas del gobierno.

De hecho, "La COPE" se ha mostrado crítica frente a casi todas las controvertidas propuestas que lanzó Rodríguez Zapatero: la reforma del estatuto catalán, el anunciado diálogo con ETA, el matrimonio civil homosexual, la reforma de la ley de educación. Y, sobre todo, una "condonación de deudas" bancarias al Partido Socialista Catalán (PSC).

Días atrás, el ministro de Industria, José Montilla, de quien dependen justamente las licencias, acusó de "mentir y de fomentar el odio" y calificó de "amorales" a sus principales columnistas. El derechista Partido Popular acusó al funcionario de "atacar la libertad de prensa" y le reclamó su renuncia. "Su actuación vulnera las libertades democráticas", dijo el líder partidario, Mariano Rajoy. El cierre de la emisora también ha sido procurado por vías judiciales; con querellas y pedidos de cancelación de licencia, promovidos -entre otros- por distintos niveles institucionales de gobierno. Pero hasta ahora los tribunales siempre fallaron a favor de su continuidad.

luciana briganti 12.12.05 16:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

però io ho fatto
io sono io e voi non siete un azz
io sono di quel partito
voi comunisti
be allora prodi
e berlusconi

p.s. parlare dell'inciucio televisivo neanche per sogno
vero?


Conosco i giochi politici per le creazioni ed io mantenimento delle poltrone, ma per come va il mercato del lavoro credo che i dipendenti pubblici tendono sempre più a diminurire, quindi tra qualche annetto non sarà poi così scandaloso ridurre il numero dei comuni.
Comunque, non è nemmeno lì il problema, non vorrei ripetermi, ma proprio a livello comunale le cose potrebbero andare molto meglio se gente come noi si spendesse in prima persona. Io l'ho fatto e le assicuro che nel mio quartiere le opere pubbliche piccole ma utili che ho fatto fare all'amministrazione sono state ben apprezzate da ogni cittadino qualunque fosse la sua "fede" politica.

luciana briganti 12.12.05 16:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A parte il fatto che in TV vedo e sento solo accuse contro Berlusconi sia dalla RAI che da Mediaset...cmq a parte questo son più che daccordo con questa iniziativa, ma la allargherei anche nel campo della giustizia...Non posso accettare di essere giudicato da qualcuno che appartiene al partito opposto al mio e che quindi si possa far influenzare da ideologie politiche piuttosto che rimanere superpartes....

Ditemi voi se sbaglio...

Saluti

p.s. piccola nota per quanto riguarda Zapatero pacifista e esempio da seguire dalla ns. sinistra....ehm ehm ma a Medilla che è successo ?? Non era per la non violenza codesto Zapatero ?? e i soldati che sparano che ci sono andati a fare ??

p.p.s. vogliamo parlare male anche di Zapatero perfavore !!

Francesco Seddio 12.12.05 15:58| 
 |
Rispondi al commento

@luciana briganti 12.12.05 15:41

Io non ho mezzi tali da farmi sentire e la ringrazio per la sua considerazione. Ma lei pensa veramente che una riforma del genere non porterebbe in piazza "la società civile" ad urlare che gli scippano la democrazia?

La realtà è che destra e sinistra affosserebbero una riforma del genere per non vedere ridurre le poltrone per i politici.

E poi se lo immagina lo sciopero generale ad oltranza del pubblico impiego?

Queste riforme devono partire dai cittadini ma sono loro stessi ad esserne avvantaggiati a causa dei posti di lavoro sicuri. Non ci rinuncerebbero.

Solo gente come Grillo potrebbe smuovere qualcosa, ma si perde nelle ridde della politica!!

attilio colombo 12.12.05 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Mettiamolo in Galera il nano manipolatore... o al minimo schiaffiamolo in esilio perpetuo ad ahmmamet come il suo caro vecchio amico di merende....
e non solo... espropriamogli tutti i beni, suoi e di famiglia... fino alla villa di Arcore... li ci vedrei bene i Cosacchi a bivaccare con i cavalli..
BUTTIAMOLI in galera !!!

No Shelter Commentatore in marcia al V2day 12.12.05 15:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ attilio colombo

Ascolta, se usi una fotocopiatrice fai prima. A mio parere si dovrebbe fare come i giapponesi negli anni 70: trovare il meglio che c'è in circolazione all'estero, poi zac copiare e voilà!

Pensa che bello, è come copiare il compito in classe (io non copiavo roba scritta da asini, mi prendevo il meglio).

In questo modo, senza voler inventare di nuovo la ruota, non solo si fa prima ma si arriva prima.

Però ... accidenti ... mi scordavo, qui in Italy siamo anche capaci di non trovare il pulsante per accendere la fotocopiatrice (soluzione 1: ci vuole come minimo un dottore specialista!) o magari peggio, bisticciare sulla scelta della marca (soluzione 2: chiamiamo in causa i sindacati) o della carta (soluzione 3: accidenti questa è troppo difficile!).

In ogni modo, il solo fatto di averne parlato mi da il conforto di aver risolto il problema, o manca qualcos’altro? :-)

Marco Polo 12.12.05 15:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

x Attilio Colombo
Grazie per le precisazioni

Le sue idee sarebbero da prendere seriamente in considerazione... bisognerebbe discuterle e renderle attuabili. Ma le idee, perchè siano utili non basta averle o esporle.
Io comunque mi riferisco al darsi da fare di ognuno di noi, se le cose non ci piacciono cosi come stanno o come vanno, nel nostro piccolo ognuno di noi può darsi da fare, in politica come nelle associazioni di volontariato, culturali, pro loco, servizio civile (che tra l'altro sto facendo) ecc. Esistono mille modi per migliorare l'aspetto e non solo delle nostre città. L'errore per me è stare a guardare dalla finestra o lamentarsi e basta. Non è sufficiente andare a votare per cambiare le cose, bisognerebbe spendersi in prima persona, sempre. Parlarne è il primo passo, informare, informarsi... ma anche FARE!
I politici di professione servono a poco, bisogna cambiare questa classe dirigente di vecchio stampo troppo legata a interessi economici. Ma se proprio non riusciamo a cambiarli allora cerchiamo almeno di migliorare nel nostro piccolo, iniziando perchè no, dal nostro condominio, dal nostro quartiere e dalla nostra città.

luciana briganti 12.12.05 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Travaglio ha proposto semplicemente delle leggi per il 2006, si può condividere o meno.
ma come sempre in codesto blog si esce fuori tema,
io direi che l'unione fà la forza!!,ed è propio questo che temono i politici.quindi discutiamo pacatamente ,sbagliando ,per me non c'è problema.
se non è zuppa è pan bagniato.

luca urbani 12.12.05 15:33| 
 |
Rispondi al commento

@ MARCO C.

IL VERO COGLIONE E' CHI SI OSTINA OGNI 4 ANNI AD ANADARE A VOTARE...
E poi a dire il vero in giugno le giornate sono stupende,un sole tiepido,temperatura ideale per uscire e farsi una bella passeggiata e non perdere tempo a rinchiuderesi in una cabina elettorale!..

Pasquale Sacchinelli 12.12.05 15:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@luciana briganti 12.12.05 14:59

Permettimi Luciana, ma eleggere un Dario Fo o chiunque altro abbia buone intenzioni è sbagliato.
E' anche sbagliato pensare che la struttura territoriale (Comuni, Province, Enti Sovracomunali, Regioni) del nostro paese sia giusta.
Sappi che noi abbiamo una sproporzione tra rappresentanza politica e quella amministrativa, cioè in queste strutture si fa più politica che amministrazione. Questo è il motivo per cui se vai a vedere un consiglio Comnale ti accorgerai che 3/4 del tempo litigano anche sulle cose più banali, e il resto del tempo, quando sono sfiniti, prendono le decisioni (sbagliate).
In italia abbiamo poco più di 8000 Comuni di cui la maggior parte piccolissimi!! C'è un Comune sopra Lecco con 56 abitanti...
Cominciamo a ridurli a 3000 mettendo dei tetti minimi alla territorialità (Es.30000 abitanti).
Chiudiamo i Comuni in eccedenza lasciando degli uffici di "accesso".
Esistono poi tutta una serie di strumenti di controllo e gestione del territorio che permettono di amministrare con un numero ridotto di personale, ma dando molti più servizi e accessi al Ciitadino.
Il comune dovrebbe essere amminstrato da una figura tipo Amministratore di Condominio, con tutte le specializzazioni necessarie. Noi dovremmo cominciare a seguire i consigli comunali con lo stesso piglio con cui seguiamo le riunioni condominiali. La politica, quella dovrebbe essere presente solo a livello Regionale e nazionale. Le province ad oggi sono la causa del maggior numero di sovrapposizione di competenza e geograficamente non rappresentano l'evluzione omogenea del territorio. Andrebbero abolite e le competenze passate a Regioni e Comuni. Ecco un modo per ridurre del 7% la spesa pubblica. (ho molto semplificato ma era per dare una idea). All'estero il numero di impiegati (in percentuale per abitante) nella amministrazione locale è circa la metà e stanno pure meglio!! Oggi con questa situazione solo 3 Regioni in Italia producono ricchezza!!

attilio colombo 12.12.05 15:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non so di Prodi, ma certo se misuriamo nel campo che ho indicato, non sarebbe lui a vincere.
Naturalmente, vince chi fa più punti.
E comunque non ho alcuna intenzione di fare di Prodi il mio paladino.
Per quanto riguarda il Serenissimo, poi, ne appresi il nome in Francia, nel '90, quando ancora facevo il venditore.
Lo lessi su "Le Monde": caspita, che sequela di encomi mi toccò trangugiare!
Tanto che per tutto il giorno cercai di controllare l'accento nella speranza -peraltro inutile- di non essere individuato come italiano.
Certo che se, oggi, anzichè pensionato fossi ancora un venditore internazionale, chissà quanti escamotages del tipo suddetto mi toccherebbe inventare!
E poi l'hai detto tu: "vai a dare un’occhiata negli archivi ...". Qui sta il punto: per il Serenissimo non c'è bisogno di ricorrere agli archivi.
Svegliatevi, gente!
Ma è fiato sprecato: chi si prodiga in certi consigli è DI SOLITO qualcuno con la pancia piena, speranzoso di riempirsela ancora di più.

giuseppe ricci 12.12.05 15:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ASPIRINA, BANCHE E MEZZI DI INFORMAZIONE.
Sono in parte d'accordo con chi ha scritto che i problemi dell'assetto dei media sono meno importanti del fatto che, per esempio, l'aspirina costa da noi il 30/40 % in più rispetto ad altri paesi europei; un dato che fa davvero arrabbiare, soprattutto alla luce dell'ennesimo accordo "tra amici" stipulato tra il mitico ministro della Salute (un grande ministro, non al livello dell'ing. Castelli alla giustizia, quello che ha subito un tentato stupro, ma certamente di grande levatura culturale e civile) e la FEDERFARMA, associazione senza scopo di lucro che ha promesso, in cambio del veto sulla vendita di farmaci nei supermercati, di praticare sconti fino al 20% sui farmaci. Quindi, anche in caso di maxisconto, ce la pigliamo nel didietro comunque per un buon 10/20% in più. Propongo un dibattito, se non l'avete già fatto, sui territori off limits della nostra repubblica: FARMACISTI, NOTAI, ASSICURAZIONI,BANCHE, etc, etc. Ma, a proposito di banche, chi è quello che si dispera perchè le banche straniere si mangeranno le nostre? Io ti rispondo MAGARI!!, sto aspettando che la ABN AMRO si mangi del tutto la Banca Antonveneta per aprire di corsa un c/c da loro: costa meno della metà di qualsiasi banca italiana, e non tendono a fregarti se non vai ogni giorno a rompere le scatole a qualcuno. Ma il problema dell'informazione non è secondario: niente è secondario, tutto deve essere discusso, controllato, bisogna parlare di tutto e preoccuparsi di ogni aspetto della nostra esistenza se non vogliamo finire male. Capisco che chi deve prendere farmaci è più preoccupato del loro prezzo che del sistema radiotelevisivo, ma se poi nessun telegiornale ci informa sul prezzo del latte in polvere in Italia rispetto alla Francia o alla Germania, allora le aziende potranno tranquillamente continuare a fare i loro affaroni senza alcun disturbo. INFORMAZIONE, TANTA INFORMAZIONE, DA TANTE FONTI, SEMPRE.
Saluti a tutti.

Michele Perli 12.12.05 15:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ehi gente, già che ci siamo, perchè non facciamo fare proposte di legge a Santoro, Luttazzi, oltre al già citato Travaglio, al direttore dell'unità,
a Dario Fo e a Celentano, la volete capire che l'Italia è troppo importante strategicamente per gli Stati Uniti!? Cosa credete che siano venuti a liberarci nel '43, perchè facciamo bene la pizza o cantiamo "o sole mio"? Ma basta....! è una base formidabile in pieno mediterraneo, piuttosto che mollarla ai comunisti, ci "liberano" un'altra volta, ma questa volta non con le buone....
A nessuno conviene tirare troppo la corda verso sinistra, prima di entrare anche noi negli stati canaglia, ci farebbero un....cecio così!!!noi siamo un'altra stellina nella bandiera americana come stato, alla pari della California.
A buon intenditor poche parole e non venite a raccontare che non è vero, quando c'era Prodi, D'Alema, il dott.Sottile, nessuno, dico NESSUNO, si è mai sognato di pensare a chiudere le basi americane che sono da nord a sud, mi sto ancora rotolando dal ridere a pensare a quanta "ingenuità politica" esista ancora in Italia da parte della gente comune e anche da chi si crede troppo GIUSTO!!! vero signori comici???
quando si parla di cose MOOOOOLTO PIù GRANDI DI NOI è meglio andarci cauti, lo volete capire che l'Italia e l'Europa come potenza militare di fronte agli Stati Uniti sono meno che zero?
Voi non immaginate neanche di cosa dispongono gli States per quanto riguarda gli armamenti, ve lo ripeto, tutti sono bravi a parlare e lanciare leggi, ma tra il dire e il fare, stavolta c'è proprio l'oceano. Chiedete all'altro santone Celentano, visti i risultati dello show, come governerebbe il paese,troppo comodo dire che questo è rock e l'altro è lento, eh si e...eh no e... eh sei forte eh...eh no e...eh si e questi sono il massimo dei discorsi di Celentano e tutti ad applaudire...BRAVOOO BIS ANCORA SIII...ma per favore, siam messi male eh! eh si e.....

Max Fidello 12.12.05 15:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro BEPPE ho 57 anni ed è da quando ero giovane che sento parlare di"EVASIONE FISCALE".Ultimamente il capo di governo:SILVIO BERLUSCONIha detto che più del 40% degli italiani ha come sport l'evasione fiscale.Circa 3-4 volte una finanziaria.Recuperare il 70/80% sarebbe un gran successo.Posso dire che più persone pagano le tasse,meno tasse vengono pagate da chi come me le ho sempre pagate per 36 anni trattenute dalle tante buste paga:alla fonte.A liberi professionisti,commercianti,imprenditori ecct. è permesso scaricare tutte le spese(Agnelli guadagna meno di un operaio della FIAT) per dimostrare alla fine che hanno lavorato per niente e non guadagnano ma in compenso posseggono ville,barche,macchinoni.Mi domando:perchè non è possibile estendere questo modo di scaricare tutto a tutti? In questo modo potendo dimostrare le spese,su quello che rimane pagare realmente le tasse.In poche parole copiare quello che fanno negli USA(una delle poche cose che invidio a quel popolo).
Se potessi scaricare le spese,tutte,sarei più invogliato a farmi emettere da tutti scontrini,fatture ecct.
Per assurdo se potessi invece di una fattura chiederei due fatture pagando per una!
Sono sicuro che non lo farebbe perchè in questo modo risulterebbe una doppia entrata non vera.Sicuramente il mio è un ragionamento senza senso e se è così spiegami perchè.
Se invece in tutto questo c'è qualcosa di valido perchè non approfondire l'argomento tramite il tuo blog per mettere al corrente tantissimi tuoi fans?
Non voglio prolungarmi ma viene in mente una riflessione :capisco SILVIO o quelli che rappresenta non hanno nessuna intenzione di cambiare ma dalle "SINISTRE" tutto ciò me lo sarei aspettato da tanto tempo,visto che professano di essere dalla parte del ceto più povero.
Non vorrei che anche i vari BERTINOTTI,FASSINO,D'ALEMA,PRODI.fossero passati,per questo argomento,dalla parte di "berlusconi".
E' propio vero:TUTTI GIRANO INTORNO ALLA MERDA E NESSUNO VUOLE POSARCI IL DITO !.
Perchè non proporre qualcosa come tante firme e sentire gli italiani cosa ne pensano di un referendum??
Scusami ma vorrei che ne parlassi durante il tuo tour che farai a FIRENZE e poi in tutte le altre città.
(P.S.)Non farai ,per caso,parte di quel 40%?
Grazie per il tuo spazio.Saluti GIOVANNI PUZZANGHERA.
Calenzano(FI) www.giovanni.puzzanghera@email.it

giovanni puzzanghera 12.12.05 15:04| 
 |
Rispondi al co