Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Italiani a pecorella


01_N&A_vignetta.jpg
Vignetta di: www.nicoearmando.com

Se dura ancora qualche mese questo governo abolirà il codice penale .

La sua ultima trovata è la legge "Pecorella" approvata in parlamento.

La legge stabilisce che, in caso di assoluzione dell’imputato, il Pubblico Ministero non può più ricorrere in appello, ma solo in Cassazione.
L’imputato condannato, invece, conserva il diritto di fare appello e, se lo perde, può ancora rivolgersi alla Cassazione. La limitazione dei poteri del PM è una grave violazione della parità delle parti nel processo, sancita dalla Costituzione.

Per capirci, pensiamo ad una partita di calcio fra la squadra della Boccassini e la squadra di Previti.
Se alla fine del primo tempo vince la Boccassini, Previti può giocare il secondo tempo e i tempi supplementari.
Se invece nel primo tempo vince Previti, per rifarsi la Boccassini avrà solo i supplementari, niente secondo tempo.

Se davvero succedesse questo nel campionato di calcio ci sarebbero le barricate.
Anche Mediaset scenderebbe in piazza perché potrebbe trasmettere solo un pezzo della partita.
Ma quel che è impensabile per un gioco è la nuova realtà del processo italiano.

Altro effetto della legge “Pecorella” , che si verifica sempre, anche quando c’è stato appello dell’imputato, è la trasformazione del giudizio di Cassazione (che dovrebbe decidere esclusivamente sulla buona applicazione della legge) in un terzo grado di giudizio di “merito”, ossia di riesame dell’intera attività processuale svolta in precedenza.

Questo significa:

- stravolgimento del ruolo della Cassazione
- aumento della durata, già vergognosa, dei processi
- moltiplicazione dei ricorsi strumentali e dilatori
- ingestibilità della Cassazione, che alla fine scoppierà.

Se combiniamo tutto questo con la riduzione dei termini di prescrizione (legge ex Cirielli), possiamo tranquillamente dire che gli effetti della legge “Pecorella” saranno sconvolgenti.

Chicca finale: il Commissario europeo dei diritti umani Alvaro Gil-Robles ha scritto, il 14 dicembre 2005, oltre 60 intense pagine contro l’amministrazione della giustizia in Italia.


Ps: Il nano portatore di prescrizioni si è recato in tribunale per testimoniare.
Tutti si sono stupiti perchè non ha detto nulla.
Belin, ha fatto bene: se diceva qualcosa lo arrestavano per falsa testimonianza.

14 Gen 2006, 16:01 | Scrivi | Commenti (1302) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Voglio farvi una domanda: secondo voi quante probabilità c'erano che la polizia di Londra decidesse nel 2005 di fare una esercitazione antiterrorismo, immaginando degli attacchi con esplosivi piazzati proprio nelle stesse stazioni in cui poi gli attacchi sono realmente avvenuti, nello stesso giorno e alla stessa identica ora? La risposta è semplice: le stesse probabilità che c'erano, nel 2001, che la difesa aerea americana e la CIA decidessero di simulare un attacco a palazzi e grattacieli, con aerei civili dirottati, proprio nel giorno e nell'ora in cui i veri attacchi sono avvenuti...
Non ci credete?
E' tutto documentato sul mio sito: www.xander.it/verità11settembre.htm e su http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=3048


Nel paese delle contraddizioni, ce ne sono alcune davvero gravi che dovrebbero far riflettere.
Cesare Previti è stato condannato in via definitiva da un tribunale regolare della repubblica Italiana, eppure viene trattato come un martire e osannato da tutti i politici del centro-destra, uomini dello stato che dovrebbero rispettare le istituzioni e dare il buon esempio agli italiani rispettando le sentenze.
In questa vicenda i giudici sono diventati dei carnefici e l'imputato un perseguitato, quale insegnamento può trarre il cittadino da una vessazione così esplicita dei politici verso le istituzioni?
Allora quello che decide un giudice non è più giusto ma facilmente denigrabile da una parte politica e dagli uomini del governo vicino ad essa. E ASSURDO!

antonio gabellone 07.05.06 15:43| 
 |
Rispondi al commento

io sono solo una giovane studentessa di giurisprudenza...fare il giudice sarebbe un sogno...ma mi vergogno a pensare che un giorno mi potrò trovare a dover applicare queste leggi...beppe la scorsa settimana ti ho visto a firenze grazie perchè mi hai dato una, anzi mille idee x cui combattere!

denise venturi 08.03.06 00:28| 
 |
Rispondi al commento

LAUREIFICIO DI MASSA: SIAMO ALLA SAN PIO V
(La laurea ormai ha perso il suo valore, ma solo per chi la “prende”, non certo per chi la….. VENDE!!!)

*************************************************

C’è sempre meno lavoro per i giovani e il pezzo di carta
non fa più la differenza. I laureati hanno quasi gli stessi stipendi
dei diplomati. Due laureati su tre non trovano lavoro.
Tanti giovani “scappano” dalle università. Ma non
sarà perché ha perso di valore la laurea?
Vediamo come si prende l’ambita pergamena. Ormai con la storia dei crediti
basta munirsi di una calcolatrice e… mettere mano al portafoglio:
se ti manca qualche credito scegli un esame che vale i
punti mancanti e vai; inoltre se sei un poliziotto, un carabiniere o un travet,
potresti accorgerti alla fine che ti manca solo
qualche credito e con due chiacchiere alla San Pio V
e un mucchio di euro sei già LAUREATO!
Il PEZZO di carta è tuo. Non vale un C…O, ma è tuo!
Certo ci sono molti studenti “da fare” in uno stesso giorno.
Ma niente paura : IL LAUREIFICIO DI MASSA,
che ha snaturato il valore stesso dell’università, non ti deluderà!!!
Alla San Pio V… hanno il ciclostile, un pò caro, ma “S I C U R O”!!!

Franco Piepoli 25.02.06 09:51| 
 |
Rispondi al commento

LAUREIFICIO DI MASSA: SIAMO ALLA SAN PIO V
(La laurea ormai ha perso il suo valore, ma solo per chi la “prende”, non certo per chi la….. VENDE!!!)

*************************************************

C’è sempre meno lavoro per i giovani e il pezzo di carta
non fa più la differenza. I laureati hanno quasi gli stessi stipendi
dei diplomati. Due laureati su tre non trovano lavoro.
Tanti giovani “scappano” dalle università. Ma non
sarà perché ha perso di valore la laurea?
Vediamo come si prende l’ambita pergamena. Ormai con la storia dei crediti
basta munirsi di una calcolatrice e… mettere mano al portafoglio:
se ti manca qualche credito scegli un esame che vale i
punti mancanti e vai; inoltre se sei un poliziotto, un carabiniere o un travet,
potresti accorgerti alla fine che ti manca solo
qualche credito e con due chiacchiere alla San Pio V
e un mucchio di euro sei già LAUREATO!
Il PEZZO di carta è tuo. Non vale un C…O, ma è tuo!
Certo ci sono molti studenti “da fare” in uno stesso giorno.
Ma niente paura : IL LAUREIFICIO DI MASSA,
che ha snaturato il valore stesso dell’università, non ti deluderà!!!
Alla San Pio V… hanno il ciclostile, un pò caro, ma “S I C U R O”!!!

Franco piepoli 25.02.06 09:51| 
 |
Rispondi al commento

LAUREIFICIO DI MASSA: SIAMO ALLA SAN PIO V
(La laurea ormai ha perso il suo valore, ma solo per chi la “prende”, non certo per chi la….. VENDE!!!)

*************************************************

C’è sempre meno lavoro per i giovani e il pezzo di carta
non fa più la differenza. I laureati hanno quasi gli stessi stipendi
dei diplomati. Due laureati su tre non trovano lavoro.
Tanti giovani “scappano” dalle università. Ma non
sarà perché ha perso di valore la laurea?
Vediamo come si prende l’ambita pergamena. Ormai con la storia dei crediti
basta munirsi di una calcolatrice e… mettere mano al portafoglio:
se ti manca qualche credito scegli un esame che vale i
punti mancanti e vai; inoltre se sei un poliziotto, un carabiniere o un travet,
potresti accorgerti alla fine che ti manca solo
qualche credito e con due chiacchiere alla San Pio V
e un mucchio di euro sei già LAUREATO!
Il PEZZO di carta è tuo. Non vale un C…O, ma è tuo!
Certo ci sono molti studenti “da fare” in uno stesso giorno.
Ma niente paura : IL LAUREIFICIO DI MASSA,
che ha snaturato il valore stesso dell’università, non ti deluderà!!!
Alla San Pio V… hanno il ciclostile, un pò caro, ma “S I C U R O”!!!

Franco piepoli 25.02.06 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro signore credo che sia meglio non divorziare...
Separarsi senza far nulla alla maniera degli alti uomini...L'amante in una casa la moglie altrove.. Mi spiace per lei che il problema non sia di qualcuno che ben conosciamo.. avrebbero fatto l'ennesima legge ad ok... e li votano pure....

fabrizio firzi 23.02.06 14:47| 
 |
Rispondi al commento

IO NON LO SO

Mi pare che il Blog sia frequentato da Parecchia Gente che ama giocare a Com’è Terribile:

Comunisti! Relativisti! Pessimisti! :-)! :-)! :-)!

Mi ricordo il Plebiscito a favore del Maggioritario di pochi anni fa e mi ricordo anche che la maggior parte di chi lo ha voluto l’ha anche presa nel C_ _ O (da non confondere con c..o) e chi non l’ha ancora preso nel C_ _O per evitare il fastidioso evento si è testé affrettato a cambiare Quella Legge.
………………………………….
Ogni sistema ha un suo carico di rottura: caricare il sistema potrebbe aiutare ad arrivare prima ad una buona soluzione. Ed arrivarci prima potrebbe anche essere la cosa migliore. (non è il “tanto peggio tanto meglio” ma una legge fisica abbastanza condivisa tra i fisici).

………………………………….

E poi, cosa vi fa ritenere che la Giustizia sia ‘na cosa giusta: l’eSperienza per caso? Non mi pare.
E Cosa vi fa pensare che l’uomo che avrebbe voluto farsi re, sappia anche fare i suoi interessi.

Sappiamo solo che gli è andata dritta fino a quattro anni fa, ma da allora non gliene va più dritta una neanche a pagarla. Perché percepirlo come vincente se, semplicemente, non lo è (Segue)
(seconda Parte)
Quando i suoi nemici verranno assolti e i pubblici ministeri non potranno ricorrere in appello, quando il suo potenziato apparato di controllo lo controllerà, allora capirà, capirà … e capiremo.

Anche Lui, oggi ancora inconfessabilmente, non vede l’ora di passare ad una molto più comoda opposizione; certo ha ancora qualche problema di percezione, è naturale alla sua età, ma aspettiamo altri 2 mesi e diamogli il tempo di farsene una ragione, è un uomo intelligente, capirà,capirà.
Il Controcopione comunque adesso c’è: passare all’opposizione non è più così impensabile.

Volete che non si sia rotto le balle di farsi inseminare e coltivare il cuoio capelluto, di farsi tagliare e cucire la faccia, di star sveglio tutta la notte in di-Letta compagnia, di prendere cavalletti sul g

Harry Steed 18.02.06 00:55| 
 |
Rispondi al commento

ridicolo! piantala! è proprio grazie alla gente come te se ci troviamo in uno stato di sudditanza, comandati da leader nani, arroganti e impunibili, che si difendono sotto falsi proclami di democrazia! le cazzate a cui ti riferisci sono per caso le verità che non vuoi che si sappiano? non so se beppe ci guadagni o meno(e neanche mi interessa), ma intanto è' l'unico con le palle in Italia che non ha paura di dire il vero, infatti, come spesso ama ripetere, solo la tv svizzera riprende i suoi spettacoli! perchè? perchè ci sono dei bigotti come te che non vanno oltre il proprio naso o hanno troppa paura di fare un dispiacere a chi detiene il potere, smascherandoli e accusandoli! non sappiamo nulla di cio' che ci accade intorno e se qualcuno ha la forza e il coraggio di denunciare ciò che succede viene fatto passare per visionario o sovversivo! BASTA!!! è ora di finirla! rivogliamo una VERA libertà di stampa caro dott. Bazzinori! forse,spero, anche tu potrai capire e non fare più queste uscite da demente! ma forse a te sta bene che tutto rimanga così perche sei parte integrante di questo stato marcio dedito al dio denaro, dove la giustizia è solo una chimera e se hai soldi puoi fare quello che cazzo ti pare, tanto c'è sempre qulcun altro che paga al posto tuo!
P.s. : stavo solo leggendo i vari post intenzionato a non scrivere nulla, ma uscite del genere meritano una bella cazziata!
ciao gente, continuiamo a credere di poter cambiare le cose e forse un giorno ci riusciremo, se così non fosse almeno ci abbiamo provato e non siamo rimasti ad attendere inermi la distruzione del nostro bel paese senza un minimo di orgoglio!

Giorgio Cerra 17.02.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

*************************************
A PROPOSITO DI LAUREE COMPRATE
*************************************

....MA ALLORA CHE DIFFERENZA C’È TRA LA LAUREA COMPRATA ALLA CLAYTON UNIVERSITY DA RICUCCI , QUELLA DI BACCINI ALLA BERKLEY UNIVERSITY E LA LAUREA COMPRATA ALLA SAN PIO V ?
FORSE CHE ALLA CLAYTON E ALLA BERKLEY SI RIVOLGONO IMPRENDITORI, FINANZIERI, PEZZI GROSSI E ALLA SAN PIO V QUEI POVERACCI DEGLI IMPIEGATI DELLO STATO CHE DEVONO ACCENDERE UN MUTUO PER COMPRARSI QUELLO STESSO “PEZZO DI CARTA”?

nino nievo 03.02.06 11:25| 
 |
Rispondi al commento

E' tanto vero che le recenti leggi sulla Giustizia sono state fatte da Berlusconi a suo uso e consumo, quant'è vero che l'art. 1 del DDL 3600 sull'inappellabilità, toglie tutela a coloro che sono stati condannati a sola pena pecuniaria, precludendogli il diritto d'esercizio dell'appello.

Inoltre la precedente legge 251/2005 all'art. 6 (ex Cirielli), modificava gli artt. 158-159-160 c.p. aumentando la prescrizione per coloro che avevano compiuto una contravvenzione da nulla, mentre allo stesso tempo dimezzava le prescriizioni per i reati gravi (corruzione eccetera).

In tutte queste belle modifiche che tolgono mezzi di difesa a chi compie reati bagatellari o minori, le garanzie e i diritti di quelli che compiono reati importanti vengono invece aumentati esponenzialmente.

E per fortuna in giro c'è pure chi sostiene che le riforme di Berlusconi, vanno nel senso di aumentare le garanzie per il comune cittadino.

Cioè in pratica chi fa le corna in auto si deve prendere una condanna e zitto, senza potersi difendere (vedi recenti fatti), chi frega i miliardi, paga le tangenti e non paga le tasse, si tiene i soldi e si costruisce il processo su misura.

E qualche frescone gli da pure ragione.

Carlo Ruggeri 02.02.06 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Con i soli voti della Casa delle Libertà e nonostante la ferma contrarietà delle opposizioni di centrosinistra, ieri la Camera dei Deputati ha licenziato la legge Pecorella sull'inappellabilità delle sentenze di proscioglimento. Si tratta di quella norma che ha lo scopo di rendere impossibile ai pubblici ministeri il ricorso in Appello contro le sentenze di proscioglimento emesse dai Giudici di primo grado. Il provvedimento passa ora al Senato della Repubblica, che inizierà a discuterlo la prossima settimana. Il Parlamento aveva già completato l'iter della legge lo scorso 12 gennaio, ma una settimana dopo il capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi l'aveva rispedita alle Camere. Montecitorio e Palazzo Madama stanno così valutando nuovamente il testo al fine di rimandarlo, corretto, al Quirinale.

Calogero Aiosa 02.02.06 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Posso essere d'accordo con le tue perplessità...è vero...il sistema giudiziaro fa schifo ora...ma lo faceva pure prima...se è meglio o peggio non sta a me dirlo...visto che di giurisprudenza ne so almeno quanto ne so di aramaico...
La mia di perplessità è invece la seguente:
Perchè il PM che con le sue accuse costringe un innocente a vari anni di prigione, una volta provata l'innocenza dell'indagato, non solo non paga ma il giorno dopo si presenta al lavoro come niente fosse?
Mi piacerebbe constatare che sia vero il dogma secondo cui :"ognuno è innocente di fronte alla Legge finchè non venga provata la sua colpevolezza"
Sinceramente per me in Italia è vero il contrario...

Con stima.

Alessandro.


scrivo a proposito di tribunali,giudici,avvocati,leggi e balzelli che mi impediscono ormai da quasi 6 anni di separarmi da una donna avida e senza orgoglio,dignità ed etica.
come è possibile che anche segnalando variate condizioni economiche,figli che crescono,un giudice si fa forza della propria posizione non esaminando quanto proposto,non facendoti parlare,allungando i tempi in modo vergognoso,non guardando mai di fatto la realtà,oggi,dopo anni,mi trovo solo ad affrontare spese enormi per pagare il mutuo di casa,l'assegno a mio figlio ed alla moglie,a non poter nemmeno vendere casa...mi sento un prigioniero,sotto sequestro di una situazione paradossale che costa migliaia di € e non risolvendo nulla.....scusate lo sfogo
francesco

francesco noto 30.01.06 17:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma sant'iddio.....vabbè che il forum è tale per dire quello che si vuole, e questo è libero e comprensibile, ma SPARARE CAZZATE come il "Dott. Ermanno"....ma dottore di cosa poi??? A dottò, ma lassa perde và !!!!!!

luca ziraldo 30.01.06 09:54| 
 |
Rispondi al commento

a proposito della legge "Pecorella":
...non è raccapricciante così come sembra!
si tratta, per dirla in breve, di consentire una eguaglianza di diritti dinanzi alla Magistratura Giudicante tra Pubblico Ministero ed Avvocati e, quindi, per l'imputato!. Quel che è sbagliata non è la legge ma il criterio adottato per raggiungere questo obiettivo. Bisogna, invece, separare le carriere tra Giudici e Pubblico Ministero!
In ordine alla legge ex Cirielli, mi permetto di far rilevare che non tutta la legge è da buttare ma solo quella parte in cui si riduce il termine di prescrizione di taluni reati come, a mero titolo esemplificativo, quelli di cui rispondono alcuni politici italiani. Per il resto, contrariamente a quanto asserito da alcuni, la legge aumenta il termine di prescrizione: le contravvenzioni edilizie passano in ordine al primo termine di prescrizione da tre anni anni a quattro anni; per le lesioni, maltrattamenti, furti ed tantissimi altri ancora, si passa da cinque a sei anni.
saluti. donato carlucci

donato carlucci 29.01.06 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Giorgio Frasca Polara.
Finisce in Parlamento la storia dell’ennesimo incredibile conflitto di interessi in cui è coinvolta la famiglia del presidente del Consiglio. Stavolta è chiamato il fratello Paolo. Costui è il distributore, attraverso la società Solari.com, dei prodotti a marchio Amstrad che produce i decoder necessari per ricevere il segnale del digitale terrestre. L’acquisto dei decoder è incentivato con un contributo all’acquisto finanziato dallo Stato, cioè con i soldi dei contribuenti. La quota di mercato di Amstrad nel digitale terrestre è rilevante e la vendita dei suoi decoder può avvenire anche attraverso Media Shopping, notoriamente società del gruppo Mediaset che si identifica con la famiglia Berlusconi: dunque beneficiaria diretta degli incentivi governativi rimborsati alla società attraverso l’esercizio commerciale. In più i decoder berlusconiani vengono venduti in abbinamento ad una smart card “Mediaset Premium” del valore di 10 euro: come dire un finanziamento rivolto, di fatto, ad un solo operatore del digitale terrestre a scapito degli altri. E allora ecco 4 domande.
La prima: il ministro, al momento in cui ha predisposto l’ulteriore incentivo per l’acquisto di decoder, era a conoscenza del giro di affari, di società e di esercizi commerciali che fa capo alla famiglia del presidente del Consiglio? La seconda: visto che la Smart Card realizza un beneficio esclusivo e mirato a Berlusconi, non si configura una grave violazione della parità di condizioni nella libera concorrenza? Terza questione: dal momento che si procura una posizione dominante di Mediaset e un suo conseguente indebito arricchimento si deve avviare una indagine all’Antitrust e all’Authority per le telecomunicazioni? Quarta domanda:Non si ravvisa che la commistione tra interessi privati e pubblici che riguardano il presidente del Consiglio e suo fratello,configuri una violazione della normativa sul conflitto d’interessi”? Chi mai lo condannerà se passano stè leggi?

Carmine Celardo 29.01.06 00:36| 
 |
Rispondi al commento

Per Bazzinori

...ma chi sei? cosa scrivi? ti rendi conto che non si capisce nulla e soprattutto scrivi cose inutili. Lascia perdere, continuna a capire tutto della politica ( come tu presuntuosamente dici)e non avventurarti in discorsi troppo difficili.
Soprattutto....ascoltami..... da Beppe abbiamo,solo da imparare.

Mi viene un dubbio però....che tu sia un burlone! vero?

Giuseppe Mazzei Avvocato 28.01.06 19:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono il Dott. Ermanno Bazzinori.

Beppe... Un giorno che ti avanza tempo... mi potresti dire quanti soldi riesci a metterti in saccoccia con l'indotto, scrivendo cazzate sui forum come questo???

Dott. Fiscalist Ermanno Bazzinori,
amico di Beppe e di tutti i Beppi.

Dott. Ermanno Bazzinori 28.01.06 17:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono il Dottor Ermanno Bazzinori, ho sempre capito tutto di politica.
Mi piacciono tanto questi forum perchè permettono alla gente come me di esprimere le proprie idee o di scrivere ogni cazzata che viene in mente.
Saluto di cuore al mio amico Beppe Grillo,
Che... malgrado quella cadenza da psicolabile... mirante a elemosinare sorrisi... si guadagna da vivere onestamente senza fregare la gente per bene...
pur essendo della bassa .

Dott. Ermanno Bazzinori, un uomo magnetico (che punta al nord).


Dott Ermanno Bazzinori 28.01.06 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono una cittadina qualsiasi... una persona"comune", intentendo con quest'ultimo termine l'indicazione delle persone"normali" che, sovente, non hanno voce in capitolo,non soltanto per decidere ma quasi neanche per esprimere ciò che li riguarda.La libertà di epressione per la maggior parte è nominale quando rimane chiusa poco oltre le quattro mura in cui fa eco la nostra stessa voce sortendo l'unico effetto di rimbombarci nelle orecchie.Viviamo in quella che mi sembra una società anti-cultura,all'interno della quale si allarga il divario tra i ricchi e i poveri..La povertà autentica, come sonsueto, è considerata la mancanza di averi..una povertà che penalizza..La povertà intellettuale, invece, quando è compensata dal possesso dei beni diventa la chiave per aprire ogni porta, anche quelle dell'inferno.Uno dei mali più diffusi della nostra società mi sembra la superficialità,che si erge a sovrana riflettendosi in tanti aspetti della vita..Molte delle cose che facciamo sembrano fatte per non pensare..L'uomo lotta per costruire il proprio progresso e involontariamente può capitare che lo faccia sviluppare sulle basi di un regresso di difficile percezione.Bisognerebbe sempre evitare che in nome di conquiste importanti vengano fatte rinunce capaci di sacrificare il valore umano.Uno degli interrogativi che lascia adito a dubbi è se a commettere gli errori e a pagare sia la medesima persona.Ricordiamo sempre che gli individui nel loro percorso non devono essere considerati punti fermi e statici..Infatti, siamo ciò che siamo ma potremmo anche essere ciò che non saremmo mai capaci di immaginare,trovandoci a vestire ruoli attribuiteci dal Caso che ha deciso di sorteggiarci,scardinando la nostra vita,senza chiamarci in causa.Forza e debolezza sono due facce della stessa medaglia.La lotta per conservare il giusto equilibrio fa sì che nè la vigori nè la fiacchezza vivano di moto costante.Ostentare incessante energia è la prima sconfitta..una battaglia perduta in partenza.Grazie.

Francesca Marcello 28.01.06 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
ho lavorato nelle poste di MIlano nel 1998 per 3 mesi; ancora però non ho capito un cacchio di quello che è successo e di cosa dobbiamo fare.
Feci cmq domanda di causa anni fa.......
Se qualcuno può darmi delucitazione sarei grato

daniele avella 26.01.06 11:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,
ho lavorato nelle poste di MIlano nel 1998 per 3 mesi; ancora però non ho capito un cacchio di quello che è successo e di cosa dobbiamo fare.
Feci cmq domanda di causa anni fa.......
Se qualcuno può darmi delucitazione sarei grato

daniele avella 26.01.06 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,appena ho sentito l'ultima sulla giustizia mi sono subito chiesta a cosa gli servisse la nuova norma. Risposta immediata.C'è sempre in ballo l'ultimo processo SME. Quasi non si può + seguire nessun TG nè Ballarò vari .Dove ti giri ...arieccolo che sbrodola e sbrodola e se non fate come dico io non vi faccio votare e se non fate come dico io ridatemi la mia paletta e secchiello,con voi non gioco più. Uno dice che strazio, ma poi si guarda attorno e quello che vede fà altro che cadere le braccia. Sottobraccio a lui Ruini e soci. Ogni giorno ne sparano una nuova, e nessuno dico nessuno in Parlamento che si alzi a dire state nel vs. bubbone.Via l'8per mille e rivediamo anche il Concordato. Niente tutti zitti e tutti soprattutto i sxtri ad affannarsi a dire che anche loro sono andati a scuola dai preti o dalle suore,ed infatti si è benvisto dove ci hanno portato.Ora tutti in TV ad abbaiarsi addosso ed a massacrarsi mentre sotto sotto spostano i loro vari lecca c....nei posti di comando o dove possano essere inamovibili. Non ho idea di chi vincerà le elezioni,a me fanno moralmente schifo tutti ma, una cosa la sò di certo, che i fasci non molleranno tanto facilmente le poltrone anche se gli italiani in un sussulto di dignità gli votassero in buona parte contro.

roberta brambilla 25.01.06 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Niente paura, a fugare il timore che la nostra maggioranza possa essersi rammollita dall'ipergarantismo ieri hanno approvato la legge che estende il principio della legittima autodifesa armata anche a tutela di beni patrimoniali, non più solo della incolumità fisica. Se lo saranno chiesto come la mettiamo con i grandi evasori che sono troppo signori per farsi trovare in casa nostra con una calzamaglia sulla faccia, a meno che non sia griffata, ma depredano le risorse destinate alle nostre scuole, ai nostri ospedali, al nostro ambiente? Il codice penale prevede fattispecie differenti per il furto e per l'evasione fiscale, ma siamo sicuri che sia poi così dissimile?

Giorgia Pollio 25.01.06 11:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,

ti invio un esempio della mia ricerca per la verità, spero possa venirti utile (se già sapevi tutto, scusa per l'intrusione, ma le sto tentando tutte per la Verità... Comunque ho molti altri contributi come questo sulle balle del Nano di Arcore, se vuoi te li mando)
Ciao

Dichiarazioni di Silvio Berlusconi e della Casa delle Libertà:

“Aumento a un milione delle pensioni minime” (Slogan della Casa delle Libertà, campagna elettorale 2001)

I dati e i fatti:

 Per finanziare l’aumento per tutti i pensionati al di sotto del milione mensile, sarebbero stati necessari stanziamenti per 11,4 miliardi di Euro.

 Il Governo in realtà ne ha stanziati 2,1.

 In realtà l’aumento ha riguardato solo i pensionati ultrasettantenni, aventi reddito (2002) inferiore a 13 milioni di lire (o a 21.824.000 lire se cumulato a quello del coniuge).

 Siccome tale aumento faceva superare il limite di reddito fissato per l’esenzione dall’IRPEF e dalle imposte regionali e locali, il vantaggio in moltissimi casi è stato pari a zero, e per qualcuno il valore reale della pensione è addirittura leggermente diminuito.

 In parole povere, lo Stato butta al vento oltre due miliardi di Euro l’anno, per non cambiare la vita quasi a nessun pensionato.

roberto rigati 24.01.06 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi continua a parlare di tutto fuori che'del il suo programma per migliorare la situazione!!!e basta con le toghe rosse,fanno paura solo se si e' commesso qualche cosa!al posto di scannarsi su chi sta o ha rovinato l'italia parliamo di come tornare un paese ONESTO!

gabriele 23.01.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Berlusconi continua a parlare di tutto fuori che'del il suo programma per migliorare la situazione!!!e basta con le toghe rosse,fanno paura solo se si e' commesso qualche cosa!al posto di scannarsi su chi sta o ha rovinato l'italia parliamo di come tornare un paese prospero sereno e ONESTO!

gabriele 23.01.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento

ma perche anche Berlusconi continua a parlare di tutto fuori che'del il suo programma per migliorare la situazione!!!e basta con 'ste toghe rosse i pm fanno paura solo se si e' commesso qualche cosa di grave!al posto di scannarsi su chi sta o ha rovinato l'italia parliamo di come tornare un paese prospero sereno e ONESTO!

gabriele 23.01.06 18:45| 
 |
Rispondi al commento

ma perche anche a matrix Berlusconi continua a parlare di tutto fuori che'del il suo programma per migliorare la situazione in cui siamo!!!e basta con 'ste toghe rosse i pm fanno paura solo se si e' commesso qualche cosa di grave ed illecito!al posto di scannarsi su chi sta o ha rovinato l'italia parliamo di come tornare un paese prospero sereno e ONESTO!

gabriele 23.01.06 18:44| 
 |
Rispondi al commento

ma perche anche a matrix Berlusconi continua a parlare di tutto fuori che'del il suo programma per migliorare la situazione in cui siamo!!!e basta con 'ste toghe rosse i pm fanno paura solo se si e' commesso qualche cosa di grave ed illecito!al posto di scannarsi su chi sta o ha rovinato l'italia parliamo di come tornare un paese prospero sereno e ONESTO!

gabriele 23.01.06 18:44| 
 |
Rispondi al commento

ma perche anche a matrix Berlusconi continua a parlare di tutto fuori che'del il suo programma per migliorare la situazione in cui siamo!!!e basta con 'ste toghe rosse i pm fanno paura solo se si e' commesso qualche cosa di grave ed illecito!al posto di scannarsi su chi sta o ha rovinato l'italia parliamo di come tornare un paese prospero sereno e ONESTO!

gabriele 23.01.06 18:43| 
 |
Rispondi al commento

ma perche anche a matrix Berlusconi continua a parlare di tutto fuori che'del il suo programma per migliorare la situazione in cui siamo!!!e basta con 'ste toghe rosse i pm fanno paura solo se si e' commesso qualche cosa di grave ed illecito!al posto di scannarsi su chi sta o ha rovinato l'italia parliamo di come tornare un paese prospero sereno e ONESTO!

gabriele breda 23.01.06 18:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma quale vergogna e vergogna...la vergogna e' la magistratura..e l'ordinamento giudiziario...benvengano le riforme....ma per quale motivo dobbiamo necessariamente rimanere ancorati al passato?certo fa comodo a tutti...specie alle toghe rosse....la sinistra non fa altro che coprire i magistrati ,alla sinistra non interessa l'approvazione o meno di questo disegno legge ma solo appoggiare la magistratura e'un gioco politico...anzi piu' che gioco lo definirei assolutamente uno scandalo....un palese e meschino scambio di favori...e come ha detto il cavaliere a matrix nella discussione con rutelli gli italiani che sanno scegliere con coerenza e razionalita' qualora dovesse salire la sinistra hanno gia' le valige pronte...e se potessi in tal caso le farei anche io

roberta donato 23.01.06 18:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il vero dramma è che da qualche anno ormai non si può discutere serenamente di nessun argomento perché qualsiasi argomento (dalla giustizia al calcio, passando per le TV, le banche, la pubblictà, le assicurazioni) si scontra con interessi e coinvolge personalmente chi sarebbe chiamato a prendere decisioni per il bene comune. Io penso che la giustizia vada riformata, ma allo stato attuale non è possibile parlarne serenamente. Di chi è la colpa?
Forse anche la questione dei diritti calcistici andrebbe affrontata..., ma come si fa? E la TV? A me piacerebbe che ci fosse qualche TV in più nel mio telecomando e sarei anche curioso di vedere la nuova TV che dovrebbe trasmettere dalle frequenze occupate attualmente da Retequattro, ma ho paura che sia solo un sogno...
Di chi è la colpa?
Non so. L'unica cosa che so è che non riesco ad avere paura del 'PM', a sentirmi minacciato dalle sue indagini. Proprio non mi riesce...

Stefano Serra 23.01.06 17:33| 
 |
Rispondi al commento

RICORDATEVI CHE QUESTI HANNO INVENTATO UNABOMBER…

Il potere politico-mafioso di Roma è ormai alla frutta ed organizzano
continue messe in scena contro le grandi opere ora che le LORO di
“grandi opere” le hanno “sistemate”. Ci riferiamo all’inutile Tav
Roma-Napoli (mentre per giustificare la Tav Roma-Napoli “regalano” i
biglietti del treno nel Nord falsificano gli orari ferroviari per
disincentivare i cittadini ad usare il treno. Un esempio è la linea
Brescia-Parma i cui tempi di percorrenza sono triplicati rispetto al
vero sul sito degli stronzi di Trenitalia) al salvataggio delle
squadre di calcio Roma e Lazio, al controllo dell’economia italica
attraverso le costose “Authority”, col trasferimento della Consob a
Roma, per non dire del controllo della distribuzione del sangue e
degli organi donati e molto altro.
La contemporanea protesta contro la Tav Torino-Lione ed il ponte sullo
stretto di Messina per “unire” il paese anche nelle proteste
significa che sono proprio messi male. Aspettiamoci un “incidente”
ferroviario anche grave PROVOCATO magari in una qualche troncone della
Tav tipo Torino-Novara o Firenze-Roma, magari durante le Olimpiadi
perché costoro BLOCCHINO tutte LE GRNDI OPERE non interessanti alla
spocchia romana. Per il Nord intendiamo la Tav Milano-Verona-Venezia,
il passante di Mestre, il “Mose”, la 4° linea del metrò a Milano, le
pedemontane, la Tav Milano-Genova e quant’altro. Certo la scusa sarà
una “riflessione sulla politica dei trasporti e dell‘ambiente” o
simile in attesa di poter controllare “democraticamente” lo
stato-zombie tramite il diritto di voto dei “nuovi italiani” che
fremono far entrare. L’operazione SUPERKOSSOVO è in pieno svolgimento.
Chi può cominci a scappare. Chi vuole rimanere farà bene ad armarsi
poiché Roma vuole utilizzare le orde immigrate (vedi Francia e Olanda)
come “tutori” dell’unità nazionale. Meditate gente, meditate.


http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per ecellenza

resoli giuseppe 23.01.06 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Spero solo che il nostro vecchio Ciampi, per il quale non ho grossa stima, confermi il pizzico di senso civico che ha avuto nel decretare il rinvio di tale legge, sciogliendo effettivamente le camere per il 29 onde evitare ulteriori disastri annunciati da parte del banana.

Andrea centofante 23.01.06 11:26| 
 |
Rispondi al commento

vi siete già dimenticati del giudice Carnevale ????
quello che affossava i giudizi di tutti gli altri?
sui giornali si leggeva: che importa della condanna inflitta in primo grado, poi si arriva dal giudice C. e lui fa tutti innocenti, basta pagarlo......così sono stati liberati tanti mafiosi, che potavano pagare. (più il brodo è torbido e più si fa tutte le gabole che si voule).
e se adottassimo il sistema americano???

mario rossi 22.01.06 09:17| 
 |
Rispondi al commento

facciamo un esame di coscienza......
nel vostro posto di lavoro non avete mai assunto/fatto assumere qualcuno incapace solo perchè era vostro amico o parente ?
in Italia è così io do qualcosa a te e tu dai qualcosa a me, il paese dell'inciucio, dove chi ha potere lo usa solo per tornaconto personale, bisogna combattere queste cose e chi non è in grado, e governa male (proprietari di aziende o politici) se ne deve andare, perchè distrugge il lavoro di tanta brava gente che lavora seriamente.
vergogna!!!!!!!!!!!!!!!

rossi mario 22.01.06 09:04| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI QUEI RAGAZZI CHE MANIFESTANO DI NON ANDARE A VOTARE

**************************************
DOBBIAMO MANIFESTARE IL NOSTRO CONSENSO O DISSENSO CON IL VOTO, IN QUANTO DIRITTO ACQUISITO E IRRINUNCIABILE PER RISPETTARE IL SACRIFICIO DEI NOSTRI PADRI , CHE CI CONSENTE DI VIVERE IN UNA DEMOCRAZIA.
UN MIO VECCHIO PROFESSORE DICEVA :
“ Chi non vota non può neanche lamentarsi per quello che non gli và, non ha espresso cosa voleva”.

**************************************
*LIBERIAMOCI DAI SIMBOLI POLITICI IMPARIAMO A VEDERE SOLO LOGHI *
(Solo per essere più liberi nelle nostre scelte, ragionando con la nostra testa - per capire la verità dell’immagine riflessa – nella società moderna il logo identifica la storia è la qualità di un prodotto, noi cambiamo prodotto quando non soddisfa più i nostri bisogni interiori ed esteriori senza rimpianti o conflitti – vedere loghi al posto di simboli vuol dire essere più liberi e rispettare noi stessi ).

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI
L’astensione al voto può avere come conseguenza che una minoranza di cittadini governi e decida per la maggioranza dei cittadini.

ANDIAMO TUTTI A VOTARE LIBERI DI MENTE

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI , LA RIVOLUZIONE SI FA CON LA PARTECIPAZIONE, L’ARMA E IL VOTO .
**************************************
Il presente commento sarà bloggato a intervalli regolari su tutti i POST visto il numero di persone indecise a manifestare il loro diritto a decidere sulle scelte politiche del paese in cui vivono.

Da oggi tutti i commenti del sottoscritto avranno come intestazione il terzo capoverso del presente commento. Indipendentemente dal contenuto.

I BUGIARDI CI SONO E CI SARANNO SEMPRE BASTA ESSERE PRAGMATICI E LIBERI DI MENTE

ernesto scontento 21.01.06 21:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ascolta, Paolo, fare i fanatici non giova a nessuno, arriviamo a un compromesso
Io ho un giudizio molto critico sulla giustizia ma non do' l'intera colpa ai PM e non pensero' mai che a levare difesa alla vittima ci si guadagni
I processi italiani fanno schifo sia dal punto di vista normativo che tecnico che finanziario, siamo i peggiori in Europa e qualche motivo ci sara', e c'e' effettivamente il pericolo che qualche innocente finisca dentro perche' non sufficientemente tutelato e che parecchi colpevoli restino fuori perche' troppo tutelati, come c'e' il pericolo dei giudici corrotti, assenteisti, lavativi o anche delinquenti come in qualunque organo dello stato
In realta' se un poveretto viene colpito da una accusa, che sia innocente o colpevole, entra in un girone infernale in cui non ha i mezzi tecnici per difendersi adeguatamente
Ma che poi in carcere ci siano tutti questi innocenti non ci giurerei proprio.
In carcere, come in tribunale o in ospedale non bisognerebbe finirci mai perche' il sistema non e' sicuro nemmeno se non hai nulla da rimproverarti.I casi di mala giustizia sono troppi. L'errore giudiziario poi e' sempre possibile.
Ma da questo ad applaudire la Cirielli o la Pecorella pensando che siano risolutive ci corre.
E credere che siano anche leggi democratiche non e' proprio possibile.
Diciamo che in Italia non ci sono processi giusti.
Diciamo anche che non sono questi modi per migliorarli.
Che poi ci sia bisogno di un altro tipo di riforme che snelliscano i processi, rinforzino la magistratura, tutelino meglio le parti, facciano finire il processo in tempi ragionevoli e garantiscano la giustizia.. su questo non ci piove.
Tu hai visto troppe puntate di Sgarbi.
Io le ho viste ma mi sono risentita.
Ognuno avra' le sue ragioni, ma il problema della giustizia non lo risolviamo facendo il braccio di ferro tra me e te.

viviana vivarelli 21.01.06 18:00| 
 |
Rispondi al commento

E' TUTTO UN MAGNA MAGNA

Fiorani sta vuotando il sacco, facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli. L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo.

Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI d’euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato)."

Gianni Crema 21.01.06 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Mi si perdoni, in questa discussione c'è un erore di fondo, ovvero quello di pensare all'imputato come un mafioso, un grosso politico o comunque persone importante e ricca.
Io continuo a parlare dell'imputato normale che spesso finisce per doversi difendere dal processo e non da un accusa, senza super avvocati e investigatori tipo porcesso Cogne.
Un uomo normale che guadagna mille euro al mese che deve fare? credere alla favola del tipo se sei onesto la Giustizia non ti toccherà mai?
è una bella favola, ma solo una favola.
le nostre carceri sono piene di persone che attendono un giudizio mentre la costituzione dice che sono innocenti fino a prova contraria.
Proprio perchè si deve accettare che il P.M. gestisca la fase di indagini che se non segreta può risultare inutile (vedi che non è vero cara Viviana che si viene avvisati di un indagine a nostro carico) se poi dopo tante indagini e magari una citazione a giudizio senza contraddittorio e controllo giudiziale (è così che succede per oltre due terzi dei reati) il P.M. vede respinta da un Tribunale la sua tesi è giusto che tutto finisca.
Tutto qua, le leggi ce le ritroviamo sulla testa noi, non solo i ricchi.

paolo frosini 21.01.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Paolo Frosini, non essere grottesco!

Se sei una persona onesta, nessun giudice fara' faldoni su di te, sarai indifferente alla giustizia. Ma se sei un mafioso e al PM arrivano voci su tue illegalita', egli ha pieno diritto e dovere di accertare se la cosa e' vera o no, fa parte delle sue funzioni di tutela della collettivta', e, solo se entrera' in possesso di indizi di reato tali da poter passare a un processo con un minimo di prove certe, il PM ha il dovere di avvertirti con un Avviso di Garanzia, il che vuol dire che a quel punto c'e' molto piu' che un vago sospetto su di te e sei imputabile di qualche illecito. In caso contrario, non potra' fare niente.
Cosa vorresti? Che in mancanza di prove certe-da-subito ogni ricerca di reato nemmeno cominci?
Se io vado alla polizia a dire che sospetto un mio vicino di volermi ammazzare, ma non ho prove di questo, la polizia dovra' comunque prenderne atto, non potra' fare molto di piu' ma non potra' nemmeno ignorare la mia denuncia.
Tu vorresti che il mafioso di turno, per soli sospetti non suffragati, fosse immediatamente messo all'erta? Gli sarebbe troppo facile scagionarsi.
La giustizia deve agire in modo pratico. Prima cerca prove di reato e poi lo persegue. In mezzo c'e' un interregno in cui le prove non sono sufficienti, o non sono legali, o non ci sono testimoni, o il fatto non si e' ancora compiuto... Ma in tutte le cose c'e' un inizio. Altrimento che giustizia e'?
Non solo, ma il PM ha tutto il diritto di tenere segreti quegli indizi che non sono accompagnati da prove trasferibili in un tribunale, per cui tutta la manfrina fatta da B e da Previti e da Castelli affinche' i PM di Milano consegnassero i loro faldoni segreti, di ricerche che non erano ancora diventate prove processuali, era totalmente illegale.
Francamente e' vergognoso vedere come il leghista Castelli si presti a difendere questa baracca di impuniti!
Pensassero a fare le persone oneste piuttosto!

viviana vivarelli 21.01.06 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Credo di avere una grande sfortuna ad incappare nelle truffe, incredibile ma è così, a parte tante truffe subite che ve le risparmio, l'ultima scoperta, che ancora non avevo capito, mentre vedevo una trasmissione che non nominerò, perchè non so se si può, bene giorni fa, è arrivata una telefonata a casa mia, dove diceva che avevo vinto un viaggio a Londra oppure una serie di bei premi; e che dovevo richiamare il numero 899024518 e mi avrebbero comunicato quale di questi splenditi premi avevo vinto. Non ho mai creduto a certe telefonate ma questa volta siccome mia figlia 10 anni, aveva riempito diverse cartoline per partecipare all'estrazione di un viaggio combinazione proprio a Londra per vedere girare il film di Harry Potter ( per chi non lo sa è un film che fa impazzire i bambini) ci sono cascata, mi sono detta hai visto mai che mia figlia ha vinto? ho richiamto diverse volte quel numero 899024518 e ogni volta che stavano per dirmi quale premio avessi vinto erano passati i 5 minuti e oltre consentiti ho richiamato 3 o 4 volte, e poi ho lasciato stare ripromettendomi che avrei riprovato un ultima volta il giorno dopo. Per fortuna ho visto la trasmissione e non ho più richiamato.Ho saputo che circa 35.000 Italiani sono stati truffati, e riceveranno una bella bolletta telefonica: questo era il premio!. Per carità il disco diceva che costava 2,80 Euro al minuto, ma sai, sei convinto di vincere qualcosa allora aspetti, ma vi sembra giusto truffare così tante famiglie che come me forse ci sono cascate si parla di Euro50 o 80 o di più a seconda di quante volte hai provato a telefonare.Mi piacerebbe sapere chi, autorizza queste truffe. Leggo spesso il vostro sito, perchè ritengo di trovare molta informazione "vera" Vi sarei grata se potesse avvisare tante altre persone a non cadere come me in questa truffa. Grazie Manuela

Manuela Mascoli 21.01.06 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Per la signora Viviana: per cortesia non diciamo sciocchezze, l'avviso di garanza giunge al primo atto che debba compiersi con la presenza dell'indagato e quindi con il suo diritto di farsi assistere, cosa cui in quell'atto lo si invita.
La maggior parte delle indagini avvengono senza perquisizioni, sequestri o interrogatori quindi senza che si avvisi l'indagato.
altrimenti avresti avuto ragione tu nel merito delle altre questioni, non c'è dubbio.
Proprio per questo vorrei dire con rispetto al Dott. Spataro che ho visto citato da Repubblica che il P.M. ha un fascicolo tutto per se per anni, poi decide alla luce degli elementi che ha raccolto se "caricare il fucile" nel senso legale in cui il Procuratore ha usato il termine "colpo" ovviamente<mente, sia ban chiaro, cioè o chiede di archiviare o spara. e se sbaglia a "sparare" va anche fatto ritirare?
Questo chiedo
Allora bisogna mettere in condizione l'indagato di interloquire con lui fin da quando nasce un'indaguine altrimento addio difesa, sempre per i cittadini normali dico, il potente dieci avvocati li trova.

paolo frosini 21.01.06 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Latte alla spina, magari...
Quì in Campania (che fa rima, ma solo rima con Padania) non abbiamo diritto a nulla, altro che latte alla spina. Spazzatura per le strade (che poi strade sono solo sulla carta) mezzi pubblici inesistenti e, quando presenti, che risalgono al dopo guerra, ma non di tutto c'è carenza, infatti trovatemi qualche paese del mondo con la criminalità di tutte le taglie che c'è quì. Eppure le tasse le prelevano alla fonte, ma dei servizi neppure l'ombra.
Scusate lo sfogo, ma la mortificazione di non poter partecipare alla vita civile italiana è grande.
Alfonso Bocchino

alfonso bocchino 21.01.06 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Latte alla spina, magari...
Quì in Campania (che fa rima, ma solo rima con Padania) non abbiamo diritto a nulla, altro che latte alla spina. Spazzatura per le strade (che poi strade sono solo sulla carta) mezzi pubblici inesistenti e, quando presenti, che risalgono al dopo guerra, ma non di tutto c'è carenza, infatti trovatemi qualche paese del mondo con la criminalità di tutte le taglie che c'è quì.
Scusate lo sfogo, ma la mortificazione di non poter partecipare alla vita civile italiana è grande.
Alfonso Bocchino

alfonso bocchino 21.01.06 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Latte alla spina, magari...
Quì in Campania (che fa rima, ma solo rima con Padania) non abbiamo diritto a nulla, altro che latte alla spina. Spazzatura per le strade (che poi strade sono solo sulla carta) mezzi pubblici inesistenti e, quando presenti, che risalgono al dopo guerra, ma non di tutto c'è carenza, infatti trovatemi qualche paese del mondo con la criminalità di tutte le taglie che c'è quì.
Scusate lo sfogo, ma la mortificazione di non poter partecipare alla vita civile italiana è grande.
Alfonso Bocchino

alfonso bocchino 21.01.06 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Latte alla spina, magari...
Quì in Campania (che fa rima, ma solo rima con Padania) non abbiamo diritto a nulla, altro che latte alla spina. Spazzatura per le strade (che poi strade sono solo sulla carta) mezzi pubblici inesistenti e, quando presenti, che risalgono al dopo guerra, ma non di tutto c'è carenza, infatti trovatemi qualche paese del mondo con la criminalità di tutte le taglie che c'è quì.
Scusate lo sfogo, ma la mortificazione di non poter partecipare alla vita civile italiana è grande.
Alfonso Bocchino

alfonso bocchino 21.01.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Latte alla spina, magari...
Quì in Campania (che fa rima, ma solo rima con Padania) non abbiamo diritto a nulla, altro che latte alla spina. Spazzatura per le strade (che poi strade sono solo sulla carta) mezzi pubblici inesistenti e, quando presenti, che risalgono al dopo guerra, ma non di tutto c'è carenza, infatti trovatemi qualche paese del mondo con la criminalità di tutte le taglie che c'è quì.
Scusate lo sfogo, ma la mortificazione di non poter partecipare alla vita civile italiana è grande.
Alfonso Bocchino

alfonso bocchino 21.01.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Oggi è la prima volta che scrivo un commento su questo Blog (ed è anche il primo Blog che io abbia conosciuto) e non sono sicuro di stare scrivendo nel posto giusto.
Devo proprio dire che questo "governo" non la smetterà mai di stupirmi (e sicuramente non in senso positivo) ma, da ottimista quale sono, mi viene spontaneo da gurdare al lato positivo della questione: ancora qualche mese di legislazione e torneranno in vigore la santa inquisizione (naturalmente per gli innocenti) e la vendita delle indulgenze (penali)!

Mirko Benatello 21.01.06 14:36| 
 |
Rispondi al commento

..già..mi ero dimenticata...

il padre che violenta le proprie figlie bambine
è condannato agli arresti domiciliari...così continua l'opera

ma ce ne sarebbero di mostruosità nel nostro diritto
ognuno puo' citarne qualcuna

e le uniche riforme che si vedono sono quelle che favoriscono i potenti, aumentano le impunità..rendono più difficile perseguire chi comanda, o condannarlo, allungano i tempi dei processi, li rendono più farraginosi, permettono agli avvocati della difesa di usare nuove gherminelle per fare rinvii o opporre ostacoli, inceppano la magistratura, la depotenziano e impoveriscono, scagionano o favoriscono la mafia o la corruzione..

ma se a voi dalla Cdl sta bene così...... Io, fossi in voi, mi vergognerei, ma nemmeno se fossi della controparte mi sentirei tutelata
Sapete quante leggi sono passate perche' in aula di deputati della Cdl ce n'erano pochi ma di deputati dell'opposizione ce n'erano anche meno?
In uno stato civile l'assenteismo ingiustificato dalle aule parlamentari dovrebbe essere punito come un reato con la dedecadenza dal ruolo e col divieto di candidarsi nuovamente

Via i corrotti dagli organi istituzionali!
Via chi è stato condannato per reato!
E via anche chi pur rivestendo un ruolo di forte potere e valore se ne dimostra indegno per assenza o malaffare!

viviana vivarelli 21.01.06 14:16| 
 |
Rispondi al commento

tutti contro il giudice dell'esecuzione che ha permesso all'autore della strage del circeo di essere a contatto, ai fini RIEDUCATIVI, con donne e ragazze con problematiche sociali, fiumi di inchiostro... .nemmeno 1 parola sui parlamentari CONDANNATI, che VOTANO per NOI!!! dov'è l'informazione? dov'è l'onestà intellettuale dei giornalisti??

madia de pascale 21.01.06 14:02| 
 |
Rispondi al commento

L'interpretazione della norma è controversa anche tra gli stessi giuristi, figurati tra noi...
Ti replico con Repubblica (tu citi il sopravvenire di nuove prove e invece...)

"Nel caso dei 5 terroristi islamici assolti in 1° sentenza gli effetti della nuova norma sono quasi paradossali....proprio ieri, nel corso di un altro processo celebrato a Milano un "pentito" ha fornito elementi molto concreti per ritenere che i 5 estremisti fossero effettivamente collegati ad organizzazioni terroristiche quali Ansar al Islami, affiliata alla galassia di Al Qaeda.
Queste nuove prove sarebbero potute entrare nel processo d'appello, mentre in Cassazione - unico passaggio per i 5 prima dell'assoluzione definitiva - la valutazione di nuove prove è INTERDETTA dal codice. E lo stesso accadrà qua e là in tutta Italia, per imputati illustri od oscuri.

"La parità tra accusa e difesa - dice Armando Spataro, procuratorie aggiunto a Milano - da oggi appartiene al passato. Ai pubblici ministeri ormai resta in canna un colpo solo: fallito quello, fallito tutto".

Come vedi, un conto sono i nostri desiderata, un conto questo schifo di legge. Se arrivano nuove stringenti prove te le puoi friggere. I fatti sembrano questi.
Ma io non sono una giurista...

viviana vivarelli 21.01.06 13:20| 
 |
Rispondi al commento

per voi e' giusto che un pedofilo possa patteggiare?

che chi ha comprato casa da un costruttore 2 anni prima del fallimento, ci rimetta la casa?

o che i datori di lavoro possano far firmare ai dipendenti dei falsi contratti in cui in caso di maternità si licenziano?

e che un amministratore o un commercialista possano intascarsi le somme ricevute e nessuno li può perseguire?

o che in parlam. siedano 19 giudicati colpevoli in 3° grado di giudizio? e che chi ha la fedina penale macchiata si presenti come candidato?

che Fazio o Previti o Consorte non facciano un solo giorno di carcere?

che si sia assolto un violentatore perché la vittima portava i jeans?

o si rendano alle famiglie mafiose i beni sequestrati?

che per 2 volte abbiamo votato contro i contributi pubblici ai partiti per niente?

che abbiamo votato un referendum per la 194 e un ministro della sanità non solo non interviene sul fatto che non ci sono dappertutto i consultori, ma cerchi anche di sabotare quei pochi che ci sono?

che possano fare obiezione di coscienza contro la 194, non solo i medici ma anche i barellieri, gli infermieri e i farmacisti?

che nessuna legge possa punire il vescovo usuraio di Napoli che resta tranquillamente al suo posto, che nessuna legge abbia potuto portare in processo un Marcinkus dopo lo scandalo dell'Ambrosiano, che nessun prete pedofilo o incettatore di roba rubata possa subire un processo e avere una pena, o che non ci sono state denunce o processi contro i ministri di culto che hanno boicotatto il referendum?

è giusto che ci sia la sospensione della pena sotto i 2 anni, ma, se uno vedi Paolo Berlusconi col processo della discarica di Cerro, si prende più di 2 anni, il giudice compiacente gli abbassa la pena?

che non siano subito distrutte le case abusive ma condonate?

che si dia il carcere a uno spinello, ma non
a molti reati finanziari, all'evas. fiscale o a grave inquinam.?

o che B con tutto quel che ha fatto sia ancora lì?

viviana vivarelli 21.01.06 13:13| 
 |
Rispondi al commento

[...]"come fa un pubblico ministero a motivare un appello se non riesce a dimostrare al giudice di primo grado la fondatezza della sua accusa? Ha un senso replicare e quindi duplicare un processo, dal momento che un giudice terzo e imparziale si è pronunciato per l’innocenza di un imputato? Certo, se dovessero emergere nuove prove, ovvero nuove testimonianze, queste potranno essere fatte valere in Cassazione. Il processo penale, però, si deve concludere con una condanna o una assoluzione. Chiedere un nuovo pronunciamento in appello, da parte di chi come il pubblico ministero non è stato in grado di dimostrare la fondatezza dell’imputazione, vuol dire, alla fin fine, diffidare di quanto è stato deciso dal giudice di primo grado, e quindi sperare in un ribaltamento del giudizio. Su quali basi? E poi, perché questo dovrebbe avvenire? Cosa dovrebbe indurre il giudice di appello a sconfessare il pronunciamento del suo collega di primo grado? Solo a condizione che siano venute fuori nuove prove, nuovi fatti, tali da riconsiderare il giudicato e la posizione processuale dell’imputato. Ma per questo c’è la Cassazione." Tommaso Edoardo Frosini
Editoriale per “Guida al diritto de Il Sole 24 Ore”, n. 4, 2006
Come vedi non mi sembra di essere il solo a fare offesa alla propria intelligenza; ce n'è almeno un altro.

Giorgio Benussi 21.01.06 12:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gianni, la poesia a mo' di Trilussa e' deliziosa.
Spero di poterla rubare. Grazie

..
Vorrei citare Di Pietro:

"Contrariamente a quanto sostengono alcuni – a cominciare dal presidente della commissione giustizia Pecorella – la legge che accorcia la prescrizione non accorcia i processi ma diminuisce solo possibilità di giudicare chi è imputato ogni volta che qualcuno non è già stato condannato. Ma siccome i tempi di prescrizione sono diventati assai brevi, la conseguenza è che non ci sarà mai una “prima volta” in cui un criminale vine condannato (specie se si tratta di politici, parlamentari, pubblici ufficiali che potranno invocare mille ragioni per ritardare i processi fino ad arrivare all’auspicata prescrizione).
Insomma questa norma produrrà nella realtà fattuale un esercito di pseudo-incensurati che come tali si avvantaggeranno dei termini di prescrizione breve. Ci saranno sempre più spesso persone che pur commettendo decine di reati e pur essendo sottoposti ad una miriade di processi dichiarandosi al primo processo incensurati potranno ottenere la prescrizione rimanendo, quindi, incensurati per così poterla ottenere la volta successiva.


Insomma abbiamo la prescrizione per abbonamento ai soliti noti!
Infamità moltiplica infamità!

viviana vivarelli 21.01.06 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ispirata ad una poesia di Trilussa:

IL BUFFONE

Nel tempo antico, quando ogni regnante

Aveva accanto al trono un suo buffone

Servo del ministerio più scottante

Da assolver con prudenza e con passione

Si ricordò, il Re della foresta,

Che non fu mai prevista nel suo regno

Figura di tal fatta e non volendo

Dei suoi colleghi umani essere indegno

Mise a concorso il compito di stare

A destra della testa coronata

E avere libertà di dire e fare

Pur di strappare al Re una risata

Fu organizzato un Talent-Tour speciale

In cui impresari e direttori artistici

Scovarono nei più recessi anfratti

Satiri saggi ed umoristi mistici

Quanto di meglio c’era sulla piazza

Oppure che alla piazza era negato

Al caso nulla fu lasciato e infine

Un grande show dal nulla era creato

Si esibiron tutti con talento

Gatti soriani, bufali, elefanti

Iene, caprioli, vacche e ornitorinchi

Tori furiosi e pecore ansimanti

Un asino intonò il “Va pensiero”

La volpe improvvisò “La Marsigliese”

E “L’Internazionale” tutti in coro

Cantarono i randagi del paese

Le passere vestite in pompa magna

“God Save the Bird” cantarono festose

E “Hundeland über alles” alle cagne

Cantarono i mastini senza posa

Si cimentò, il porco, con coraggio

In barzellette oscene e demenziali

La scrofa si vestì da femminista

E mise un fiocco rosso ai genitali

Invano! Sulla bocca del Sovrano

Non ci fu mai, neppur per un istante,

Il segno, sia pur vago, di un sorriso

A premio di tal scene esilaranti

E allora non ci fu altro da fare

Che accettare senza condizioni

Che solamente l’uomo è l’animale

Capace di vestirsi da buffone

Gli altri animali no, non siam capaci

D’impersonare appieno tal miseria:

“Lasciamo fare agli uomini la parte

Noialtri siamo gente troppo seria”


www.corampopulo.com

Gianni Cariati 21.01.06 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Scusa, Paolo, tu dici:
" in questo paese i possiamo ritrovare indagati per anni senza saperlo, senza il potere di influire davvero sulle indagini del P.M."

Guarda che non è vero: Quando comincia una indagine su un cittadino, questi viene avvertito con l'avviso di garanzia e così può mettere su avvocato e questi può sapere di cosa si tratta e può decidere come difendersi.

viviana vivarelli 21.01.06 11:50| 
 |
Rispondi al commento

All'inizio sembrava chiaro che la ex Cirielli fosse fatta per salvare Previti
Costui era condannato per il reato di corruzione, e la legge fa scendere i termini da 15 a 10 anni, giusto giusto per far decadere il processo Imi-Sir che doveva riprendere in appello a gennaio 2004, per il quale Previti era stato condannato a 11 anni per fatti risalenti al 1994. Ora non so piu' come stia la situazione Previti.
La ex Cirielli ha subito un solo emandamento (guarda caso dall'Udc) per cui proprio Previti non ne beneficia. Grande fregatura! ma B qualche altra cosa si inventerà. Comunque ci sono già alleggerimenti per chi ha più di 65 anni (lui) e gli arresti domiciliari, e non in carcere, per chi ne ha più di 70 (Previti).
A maggior disdoro ricordo le assenze di 40 parlamentari dall'aula tra cui Violante, Rutelli, De Mita, Bindi, Diliberto, Cossutta.. Mastella come vicepresidente della Camera ha dato il suo contributo alla Cdl. Insomma uno schifo!
Saranno ora prescritti processi per reati gravi: corruzione, mafia, usura... la mattanza di Bolzaneta per es. Per i rei di gravi reati una manna dal cielo! Invece i piccoli delinquenti, ladruncoli ecc, resteranno in carcere a vita. Avremo un carcere all'americana, col 90% di poveracci più tutti i tossici di droghe leggere che Fini vuol mandare dentro.
E i ricchi corrotti in parlamento o ai posti di potere! Qualcuno pensa che Fazio andra' in carcere?
Potrai ammazzare 134 persone come al Petrolchimico di Marghera, potrai frodare 200 miliardi o corrompere magistrati o ammazzare 85 persone con una bomba un un treno ma se rubi due volte una mela sei fregato!

viviana vivarelli 21.01.06 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Senti, Paolo, devi parlare in modo esatto
la condanna aumenta per i recidivi, che, anche se condannati per piccoli reati e molto tempo prima, se rifanno lo stesso reato rischiano ora pene veramente eccessive
La prescrizione invece taglia via i tempi di chi è condannato per la prima volta
Ota la prescrizione chiude il processo quando è passato un tempo pari alla pena massima prevista per il reato, aumentata di 1/4 se si è incensurati, della metà se si è recidivi, di 2/3 se si rifà il reato entro 5 anni
Tuttavia, per le insinuazioni che si facesse la legge per salvare Previti, la nuova prescrizione non si applica ai processi in corso di 1° grado per cui è già stato aperto il dibattimento (Previti appunto), e per tutti i processi pendenti in 2° e 3° grado.
Io non stimo affatto Previti, lo vedrei volentieri in carcere insieme al suo mandante, con pene pari a quelle statunitensi, ma per me questa norma è incostituzion. perché il nostro ordinamento prevede che qualunque variazione della legge migliorativa per l'imputato gli deve essere applicata con effetto retroattivo, e francamente non capisco perché Ciampi non l'abbia bloccata, dando a Previti ciò che gli spettava per diritto. Ipotizzo che B avesse contato sulla non firma, mentre Ciampi ha firmato. Forse B intendeva presentare la legge in modo che non sembrasse una salva Previti e che poi Ciampi avrebbe detto che tutti erano uguali davanti alla legge. Invece.. gli è andata buca!
La prescrizione comunque non esiste per quei reati che prevedono l'ergastolo, che per il nostro ordinamento è una condanna a 30 anni o anche meno (vedi Scattone e Ferraro, o Mambro e Fioravanti) Ricordo tuttavia che i reati finanziari nei paesi civili sono considerati gravissimi e richiedono anche 20 anni di carcere, dunque sono vicini all'omicidio e simili. B invece poiche' coi reati finanziari si si e' fatto un impero governa per depenalizzarli. Il che io vorrei sapere dai fans della Cdl che giustizia è
Non vedo dove Grillo sbagli

viviana vivarelli 21.01.06 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Ciampi non ha impugnato le modifiche apposte al codice penale da Pecorella per squilibrio tra le parti
ma:
perché il proscioglimento senza appello non copre tutte le fattispecie, infatti l'appello si può ancora fare per ingiuria e diffamazione

perché cambiano le funzioni di Corte di Cassazione, da giudice di legittimità a giudice di merito, in contrasto con l'art. 111 della Costituzione, il quale dispone che contro le sentenze e contro i provvedimenti sulla libertà personale, pronunciati dagli organi giurisdizionali ordinari o speciali, è sempre ammesso ricorso per Cassazione per violazione di legge.

A chi chiede come mai, se sono spariti due appelli, il carico processuale e' aumentato Ciampi spiega che il ricorso alla Cassazione dovrebbe compensare i due gradi tolti e questo portera' a un carico per la Cassazione superiore a quello dei due appelli eliminati, portando all'inflazione dei ricorsi e paralizzando in pratica la stessa Cassazione "provocherà un insostenibile aggravio di lavoro, con allungamento certo dei tempi del processo».

Ciampi dice che le modifiche di Pecorella sono disorganiche al sistema e asistematiche.

«Un'ulteriore incongruenza della nuova legge sta nel fatto che il PM, totalmente soccombente, non può proporre appello, mentre ciò gli è consentito quando la sua soccombenza sia solo parziale, avendo ottenuto una condanna diversa da quella richiesta».(?)

viviana vivarelli 21.01.06 10:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io non ci vedrei nessun problema pratico per le leggi scandalose che la banda bassotti del nano sta approvando nel corso di questa legislatura per tutelare gli interessi del loro boss. il prossimo Governo le cambiera' tutte.. pero' il problema e' che molte di queste leggi fanno comodo anche alla sinistra ,che strillano come vergini scandalizzate e lasciano fare il lavoro sporco a questa maggioranza. morale : sono tutti uguali e cambiano i suonatori ma la musica rimane la stessa .

mora angelo 21.01.06 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Il capo di un governo deve di fatto essere all’altezza di facilitare la ripresa economica e sociale del paese che politicamente è stato chiamato a dirigere. Queste condizioni si verificano quando egli o chi è stato scelto al seguito, creano una nuova prospettiva per il futuro della nazione, un nuovo modello legato ad un nuovo approccio con la realtà del paese. Dopo tale attuazione, si possono conseguire sicuri progressi, sino a quel momento imprevedibili. So che ogni cittadino comprende benissimo tutto ciò, come so che ognuno si indispone sempre più come me, a constatare che tra schieramenti politici ci sono solo baruffe e gravi strumentalizzazioni per potere continuare a governare per modo di dire. I cittadini vogliono fatti e non baruffe o soltanto parole! Troppo comodo scaricare sempre le colpe del disordine e del malcostume all’altro! A prescindere, chi è stato designato ad espletare il proprio mandato ad un certo punto della rovina, deve avere abbastanza “fegato” da ammettere i propri fallimenti e le proprie incapacità sia politiche che organizzative. In poche parole faccia un altro lavoro che non sia quello dalle cui conseguenze di negative danneggia il prossimo. Il grave caso di ingiustizia sociale e fallimento politico lo possiamo verificare molto bene in tante vergogne di iniquità sociale e per esempio leggendo la vicenda lavorativa della signora Giovanna Nigris dipendente dell’Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano. Nessuno di questo governo ha mai mosso neppure un dito per fare porre fine alle conseguenze dei reati inconfutabilmente accaduti sul posto di lavoro come meglio dimostrato nel sito internet: www.mobbing-sisu.com .

Giacomo Montana 21.01.06 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Si è sempre tentato di insabbiare gli sporchi fatti di servizio accaduti alla vittima, facendo ancora pagare le illegali conseguenze alla dipendente dell’ospedale. Ma vi è di più, i funzionari che si sono inconfutabilmente macchiati del reato di omissione di atti di ufficio, falso ideologico e violenza privata da mobbing, come meglio dimostrato nello stesso sito internet, vengono lodati lasciandoli a dirigere quello stesso Ospedale. A questo punto ci si potrebbe chiedere, secondo le condizioni politiche reali che vigono attualmente in Italia, abbiamo il diritto di inviare truppe all’estero come carne da macello, per insegnare civiltà e democrazia? La mia risposta di oggi è: ASSOLUTAMENTE NO!! Pertanto che si ritirino immediatamente le truppe da combattimento, perché a questo punto viene a mancare sia il sostanziale diritto a potere continuare questa illogica situazione, sia il diritto di imporre ulteriori aggravi su imposte e tasse ai cittadini non consenzienti alla guerra. Anche a chi governa negli U.S.A., si potrebbe dire che finché vige la pena di morte nel proprio paese, non si ha alcun diritto di potere pretendere di insegnare civiltà e democrazia ai paesi esteri. Chi la pensa come me faccia sempre sentire la propria voce senza stancarsi (faccia stancare prima chi sbaglia), senza timore o timidezza nei confronti di chi non sa proprio affatto governare né mantenere alto il morale ai cittadini del proprio paese, perché non dimostra il rispetto per un certo grado di valori e di indipendenza da chi in realtà commette ingerenza, altro ed oltre, in terra straniera! Giacomo Montana

Giacomo Montana 21.01.06 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei puntualizzare un paio di cose.Avevo chiesto se Grilo aveva letto la legge, non la signora Viviana e questo per il riferimento oggettivamente sbagliato al taglio dei termini di prescrizione che sarebbe avvenuto con la ex cirielli. basta fare due conti per vedere che per la maggior parte dei reati la prescrizione è inalterata o aumentata (in modo particolare per i recidivi). Quella legge al contrario è poco garantista verso chi magari può aver fatto una sciocchezza venti anni prima e basta, non troppo libertaria; in caso contrario vorrei opinioni nel merito e non battute fini a se stesse.
Secondo punto: in questo paese io o la signora Viviana ci possiamo ritrovare indagati per anni senza saperlo, senza il potere di influire dabbero sulle indagini del P.M., o meglio senza alcun potere se non possiamo pagare investigatori.
Poi magari si arriva al processo anche con pochi elementi a nostro carico (per il 70 % dei reati non c'è il filtro del GUP e quindi il P.M. fa quel che vuole) e poi magari dopo otto anni di sofferenze veniamo assolti.
Magari il P.M. fa anche appello?
Mentre l'imputato non ha potuto, anni addietro, impugnare il decreto che lo ha mandato a giudizio in primo grado che si è rivelato ingiusto.
Complimenti
Il ricco alla Berlusconi averà sempere il suo stuolo di avvocati a disposizone, io e lei no.
Rifletete un po' per favore

paolo frosini 21.01.06 08:41| 
 |
Rispondi al commento

HEY Beppe vorrei sapere che ne è stata della mia causa di lavoro intentata nel 1999? Caspita mi sono fatto sfruttare come un pollo , costretto a timbrare un cartelllino presenza, per ben due anni, mi sono rivolto ai sindacati MI HANNO LEVATO 100 mila per iscrivermi
MESSO nelle mani di un AVV. che sperava di spremermi altri soldi !!! azz MA CHE BELLA LA MAFIAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!NON HO OTTENUTO NULLA , purtroppo per me , ho solo in mano un conteggio probabile di risarcimento che mai vedrò entrare nelle mie tasche ....60.000.000 delle vecchie lire....CIAO BEPPE e GRAZIE DI ESISTERE!!!!!!avrai capito che la mia domanda era solo posta per capirci qualcosa , MI AIUTERESTI A FAR CHIAREZZA su questo mondo dei sindacati? SOLO PER CAPIRE IN MANO A CHI SIAMO tutto qui!!! GRAZIE

tullio tosti 21.01.06 04:08| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
ma sei davvero tu che rispondi a tutti i nostri messaggi o qualcun altro al posto tuo ? ;-)
verresti mai a una delle nostre serate benefit pro diritti animali che facciamo a torino?
in forma gratuita s'intende - e tu dirai che sfacciata questa! - ebbene sì lo sono :-pp
a parte gli scherzi, ci verresti mai a trovare magari eh amico :-))
per una buona causa lo faresti?
se mi rispondi sei davvero tanto bubino :-)
baciotti
attendo tua risposta
nikita

Nikita Ghelfi 21.01.06 02:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe complimenti! Il tuo Blog non poteva, certo, tradire le attese di chi, come me, ti segue e ti ammira da anni per l'onestà intellettuale, la limpidezza del commento socio-politico, la verifica delle fonti di informazione che fanno, spesso, del tuo lavoro, di quello della tua equipe, dei tuoi show un vero approfondimento del nostro vivere quotidiano...alla scoperta di tutto quanto occultatoci dagli altri.
Principalmente sono un giornalista, orgogliosamente e malauguratamente sono editore. Dal 1993 e senza mai essere stato assistito dallo Stato.Il periodico, "Sotto il Vulcano", che edito a Catania, è venduto nelle edicole di mezza Sicilia, e distribuito via posta a Malta e Gozo, Londra e in gran parte d'Italia.In questi anni, sempre di lavoro concreto e divertito e malgrado le intuibili difficoltà abbiamo clebrato i 100 anni del fumetto, poi i 110 anni, adesso realizzato anche la prima agenda (in Sicilia) a contenere un fumetto interamente concepito, sceneggiato, disegnato, inchiostrato da Siciliani. Non siamo campanilisti. Solo, nel nostro piccolo, violevamo dimostrare che anche dal Sud editoria indipendente può nascere, quindi, sopravivere. Anche raggiungendo discreti obiettivi. Magari non avrai tempo di rispondere alla mia e-mail, vista la presenza giornaliera nel tuo blog ne sarei sorpreso e di certo onorato. Il messaggio, se ne vorrai prendere atto, è questo: Scrivi su "Sotto il Vulcano"! Due pagine ogni trimestre sono già tue se potrai e vorrai. Nell'attesa di un fantastico sì ti ringrazio ugualmente e in anticipo anche per l'eventualità che la risposta affermativa non dovesse pervenirmi. Se vuoi sono pronto a recapitarti le ultime quattro copie edite della rivista nata nel 1993 e la copia dell'Agenda Filou. Ad ogni buon conto...grazie per l'altruismo, la professionalità ed una vita spesa bene. Dal mio punto di vista sei davvero ammirevole e, da intellettuale, fustigatore e dialetticamente forte, davvero ineccepibile. Ciao
MARCO SPAMPINATO (3339141183

Marco Spampinato 21.01.06 01:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cosa divertente (???) è che la possibilità di ricorrere in appello secondo questa 'legge' rimaneva comunque nel caso dei reati di 'ingiuria e diffamazione', ovvero quei crimini da cui il nano portatore di incostituzionalità si dice continuamente colpito...
Ma ce ne sarà UNO in questa associazione a delinquere che ha letto (e capito)almeno una volta la costituzione???

Ragazzi se rivincono le elezioni non ci resta che piangere.

Chiara Macchi 20.01.06 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Un grazie a Alessandro e a Stefano che almeno qualcosa di diritto sanno

Ma lo sapete perche' il Pubblico Ministero si chiama cosi? perche' non e' il difensore privato di una parte, ma rappresenta il popolo italiano. Cioe' tutti noi. Tante' che nel nostro ordinamento il PM interviene d'uficio per fatti penali anche senza denuncia delle parti. E questo perche' uno stato civile e ordinato non puo' permettere che si vada in giro a uccidere, aggredire, stuprare, rapinare o fare reati finanziari. Uno stato civile ritiene che i reati debbano essere perseguiti comunque, per mantenere l'ordine e permettere che la societa' viva in pace, senza essere uccisa, rapinata, stuprata o derubata con imbrogli finanziari. Ecco perche' si chiama Pubblico Ministero.
La parte lesa anche se e' vittima potrebbe tacere e non denunciare, perche' per esempio ha paura del suo stupratore, del mafioso, del potente malvagio, del padre o di chicchessia. Ma se il PM viene a conoscenza di qualcosa che gli fa pensare a un reato ne deve cercare le prove e nel processo rappresenta la comunita intera.
Se pero'nel processo, anche nel caso di denuncia di parte, si accorge che non ci sono prove o che queste sono state coartate o simile, il PM ha il dovere di archiviare il caso e di non procedere. Provate a cheidere a Di Pietro quante volte ha fatto cosi'. Non ha alcun accanimento, devo solo acclarare la verita'.
Invece l'avvocato che difende l'imputato ha solo il dovere di farlo assolvere o prescrivere e non ha nessun dovere di trovare verita', e' pagato dal cliente le verita' proprio non gli interessa, tant'e' che la mafia ha fior di avvocati, e i politici corrotti pure.

viviana vivarelli 20.01.06 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Per fortuna che ogni tanto qualcuno ragiona!
Ma c'e' chi sembra vivere nel paese dei balocchi!
e chi parla solo " in teoria".. In teoria????

Qua non c'e' nulla che valga "in teoria".
Abbiamo dei fatti concreti. E sono pesantissimi! Tentativo di colpo di stato da parte di un soggetto fortemente equivoco e incriminato pe runa molteplicita' di reato che usa dei poteri fortissimi ricevuti in democrazia per far fuori chi gli pare e assolversi quanto gli pare.
Ignorare questo e' da rimbambiti! Scusatemi, ma non ne posso piu' dei falsi garantisti che intendono solo assicurare che quanti piu' furbi possibili scampino alla pena. Tutto questo non e' nemmeno solo ipocrita, e' criminale!
Accusare Beppe Grillo quando si limita a far funzionare la testa e' una indecenza.
Qua ch'e' gente che arriva per dire qualcosa, e non sa nulla, non si interessa di nulla, non conosce nemmeno le idee minimali del diritto, non conosce la legge e ti viene pure a dire che ha scoperto alle 8 una cosa di cui si parla da 4 ore, semplicemente perche' e' troppo sfatigata per leggersi almeno gli ultimo post
ma che stufìo veramente...
se si parla di cose serie si deve essere seri
e un processo e' una cosa serissima
B non lo e'
e chi gli cerca pretestuose difese nemmeno
altrimenti si va al bar
Ora uscira' uno che dira' che l'America e's tata scoperta perche' l'ha letto sull'enigmistica stamattina...

viviana vivarelli 20.01.06 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Giorgio, te lo ha detto Ciampi cosa c'è che non va. Se non lo hai capito è il fatto che il PM siamo NOI. E se un imputato viene assolto in primo grado NOI abbiamo il diritto di proporre appello (così come lui ha il diritto di appellarsi se viene condannato!). Chiaro?
Spero di sì. Non volermene. Sono sicuro che se rifletti anche tu sei d'accordo con noi. Noi che non abbiamo mai avuto problemi con la giustizia (e siamo la maggioranza) e non consideriamo il PM un 'nemico', ma uno che fa il suo lavoro e non si diverte a vessare gli innocenti.
Ciao a tutti

Stefano Serra 20.01.06 19:50| 
 |
Rispondi al commento

A dispetto di tutto e di tutti per fortuna in questo paese c'è ancora qualcuno che non lascia che le cose vadano come vuole il nano: GRAZIE CIAMPI, sei stato grande, ti prego, a nome di tutti quelli che cercano ancora di vivere onestamente, non fargliene più passare neanche una...!!! Ci penseremo noi poi alle urne a dare il colpo finale..!!!!! Grazie ancora!!!!

Federico Zanella 20.01.06 19:49| 
 |
Rispondi al commento

X Giorgio Benussi,

a lei pare che il pubblico ministero ha molte più possibilità dell'imputato? dipende chi è l'imputato!! Se è Berlusconi o Previti con lo stuolo di super avvocati a difenderli o la Franzoni che può permettersi un Taormina allora le parti si invertono: sono deboli i magistrati. Tanto è vero che pur con la quantità di prove a carico Berlusconi è uscito dai processi più insidiosi (grazie anche a qualche "aiutino legislativo" che si è approvato per se e per gli amici). E poi guardi: è vero che non esiste il delitto perfetto, ma quello quasi perfetto si, e a volte ci vogliono anni di indagini per risalire all'autore di un delitto. Il secondo appello garantisce quel supplemento di indagini necessarie per l'accertamento della verità nei casi difficili. La legge proposta dall'avvocato di Berlusconi Pecorella (e rimandata da Ciampi alle camere) è solo una scorciatoia per favorire l'impunità dei ricchi che possono permettersi avvocatoni, e allo stesso tempo lasciare i poveracci che possono permettersi giusto l'avvocatino d'ufficio alla mercè di quel potere schiacciante del pm da lei sottolineato, CHE OLTRETUTTO CON LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA APPROVATA FINIRA' PER CADERE SOTTO CONTROLLO POLITICO.

SI DELINEA SEMPRE DI PIù LA VOLONTA' E L'INTENTO DI CRARE UNA SOCIETA' DI DOMINATORI GARANTITI DA MOLTE IMPUNITA' REALI E UNA CLASSE DI SUBORDINATI CHE CONTANO POCO O NULLA PER I QUALI DI FRONTE ALLA GIUSTIZIA NON CI SONO SCONTI: ANZI UN AUMENTO DELLE PENE (PER QUESTO CASTELLI VUOLE TANTI NUOVI BEI CARCERI).

alessandro rossi 20.01.06 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Giorgio, riprenditi! Stai facedo un'offesa alla tua intelligenza!
In un giudizio ci sono due parti
non puoi dare tre gradi di giudizio a una parte
e uno solo all'altra
Questa e' discriminazione! e' palese mancanza di parita' processuale
Peggio ancora, si danno tre gradi di giudizio a chi e' stato denunciato per un reato e si presume che sia copevole di qualcosa
ma si da' un solo grado di giudizio a chi si presenta come la vittima, quello che ha avuto il torto
Ma ti rendi conto di quello che dici?
Ma prova a pensare di ricevere TU una grave violazione di legge
denunci il tuo aggressore, ma non si trovano prove sufficienti al primo appello o il tuo avvocato e' un avvocato d'ufficio mentre l'altro e' tanto ricco da pagarsi una schiera di lumi del foro in grado di far parere chiaro cio' che e' nero, oppure e' un mafioso che intimidsce i testimoni o ancora il giudice commette un grave errore giudiziario, puo' capitare.
Ebbene tu vorresti che, anche se saltassero fuori prove certe e testimoni coraggiosi, il caso finisca con l'assoluzioen di chi ti ha fatto del male? e chi s'e' visto s'e' visto?
Ma ragiona....
Non puoi fare questo discorso in buona fede, non ci posso credere

viviana vivarelli 20.01.06 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Ma perche' nessuno dice in modo chiaro che B e' stato assolto in primo grado nel processo SME e ha una gran paura di una sentenza di condanna in appello?
Essa e' fortemente probabile, quasi sicura. Per questo fa queste manfrine. Per questo ha un improvviso bisogno di legiferare per altri 15 giorni. Ci sono vari decreti legge fatti a suo vantaggio che se il parlamento chiude non saranno convertiti in legge e decadranno.
Non e' abbastanza chiaro il suo gioco?

Ma come fate a parlare di democrazia se l'opposizione NON HA POTUTO DIRE UNA PAROLA su questa legge?
Ma non vedete come siamo stati tutti presi per il naso col falso scandalo delle cene con le Generali per distrarci da questo orrore?

Oggi Fini fa la verginella offesa perche' D'Alema ha detto che i servizi segreti hanno avuto l'ordine di fare un dossier contro i DS ! Ma quale verginella?! Ma se la prima cosa che B fece nel suo mandato fu di mettere a suo diretto ordine i servizi segreti! Sara' mica la 1° volta che ci sono servizi deviati che appoggiano colpi di stato? Gladio ve lo siete dimenticato?
Qua abbiamo il piano di Gelli che si sta trionfalmente realizzando. E questi della Cdl fanno anche le verginelle offese!? O questo lo fermiamo col voto o abbiamo il Fascismo 2 e alla democrazia possiamo scavare la fossa!
ma quanta ipocrisia che ho letto in certi post che disquisivano vagamente se la Pecorella fosse giusta o no. E oggi tutti a fare gli occhi tondi: Incostituzionale? Ma non e' possibile...! Ipocriti. Sepolcri imbiancati che brulicano vermi! E dobbiamo andare in campagna elettorale con gente che sta appoggiando un golpe contro la repubblic????!!!!!

viviana vivarelli 20.01.06 19:21| 
 |
Rispondi al commento

apprendo in questo momento da repubblica la bellissima notizia del rinvio alle camere della legge pecorella, sono sincero non mi pongo il problema se tecnicamente questa norma potrebbe venire comoda anche a noi "datori di lavoro" dei nostri "dipendenti",anche perchè arrivare alla cassazione vuol dire pagare un sacco di soldi, cosa che il 90% degli italiani non potrebbe permettersi, ma è una piccola soddisfazione dopo questo periodo nel quale destra e sinistra hanno fatto sfoggio di come l'italia resti un anomalia in europa sotto ogni punto di vista, sono seriamente preoccupato per il futuro che ci attende

maurizio frigo 20.01.06 19:16| 
 |
Rispondi al commento

b)

la Corte di cassazione in camera di consiglio con le forme previste dall’articolo 127».
Art. 5.
1. All’articolo 533 del codice di procedura penale, il comma 1 è sostituito dal seguente:
«1. Il giudice pronuncia sentenza di condanna se l’imputato risulta colpevole del reato contestatogli al di là di ogni ragionevole dubbio. Con la sentenza il giudice applica la pena e le eventuali misure di sicurezza».


se B ottiene di prolungare la durata del suo asfissiante governo di 15 giorni riesce a far votare anche questa immondezza insieme ad altrid ecreti leggi dello stesso stampo

per dire che questa legge che si aggiunge ad altre liberatorie e' buona e giusta bisogna proprio essere degli infami! Complimenti all'asservimento! Un codice penale fatto su misura per i violatori del diritto e' proprio una cosa di cui andare fieri!

viviana vivarelli 20.01.06 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Non sarebbe un'obbrobrio se un imputato, assolto in primo grado, fosse considerato innocente. E' invece un obbrobrio, a mio modesto avviso, che un imputato assolto in primo grado (dopo un processo, non dopo una burla), debba subire un secondo processo per ricorso del P.M. (RICORSO PAGATO DAI CONTRIBUENTI E NON DAL MAGISTRATO!) con tutta la sequela di problemi che questo comporta. Questo non è garantire armi pari tra accusa e difesa, dal momento che l'accusa ha risorse enormemente superiori a qualunque privato cittadino. Se sbaglio ditemi dove.

Giorgio Benussi 20.01.06 18:54| 
 |
Rispondi al commento

a)
A Paolo (sarai tu che non hai letto la legge)
DISEGNO DI LEGGE N. 3600 (d’iniziativa del deputato PECORELLA)

Modifiche al codice di procedura penale, in materia di inappellabilità delle sentenze di proscioglimento
(Testo definitivamente approvato dal Senato della Repubblica il 12 gennaio 2006)

Art. 1.
1. L’articolo 593 del codice di procedura penale è sostituito dal seguente:
«Art. 593. – (Casi di appello). – 1. Salvo quanto previsto dagli articoli 443, comma 3, 448, comma 2, 579 e 680, il pubblico ministero e l’imputato possono appellare contro le sentenze di condanna.
2. Sono inappellabili le sentenze di condanna per le quali è stata applicata la sola pena dell’ammenda».
Art. 2.
1. All’articolo 443 del codice di procedura penale, al comma 1, le parole: «, quando l’appello tende ad ottenere una diversa formula» sono soppresse.
Art. 3.
1. All’articolo 405 del codice di procedura penale, dopo il comma 1, è inserito il seguente:
«1-bis. Il pubblico ministero, al termine delle indagini, formula richiesta di archiviazione quando la Corte di cassazione si è pronunciata in ordine alla insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, ai sensi dell’articolo 273, e non sono stati acquisiti, successivamente, ulteriori elementi a carico della persona sottoposta alle indagini».
Art. 4.
1. L’articolo 428 del codice di procedura penale è sostituito dal seguente:
«Art. 428. – (Impugnazione della sentenza di non luogo a procedere). – 1. Contro la sentenza di non luogo a procedere possono proporre ricorso per cassazione:
a) il procuratore della Repubblica e il procuratore generale;
b) l’imputato, salvo che con la sentenza sia stato dichiarato che il fatto non sussiste o che l’imputato non lo ha commesso.
2. La persona offesa può proporre ricorso per cassazione nei soli casi di nullità previsti dall’articolo 419, comma 7. La persona offesa costituita parte civile può proporre ricorso per cassazione ai sensi dell’articolo 606.
3. Sull’impugnazione decide..

viviana vivarelli 20.01.06 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Nicola, la tua domanda e' ovvia e scontata, per questo non ti risponde nessuno. Ma non diventa piu' intelligente se la ripeti 30 volte, diventa solo spamming. Mi fa piacere che hai scoperto che B ga solo quello che c...o gli fa piu' comodo. E magari si trattasse solo di comparire o scomparire dalle procure...! Abbiamo capito. Hai ragione. E' uno scandalo. Uno dei tanti. Ora pero', per pieta', basta! Decentrati su qualcos'altro! Tanto ce ne sono di cose su cui polemizzare, non te ne mancheranno certo.

viviana vivarelli 20.01.06 18:23| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti è tre giorni che cerco di inserire una domanda....
volevo semplicemente chiedere come mai il nano per la questione unipol si è precipitato dai giudici senza neanche essere invitato ( il giudice se non mi sbaglio non ha inviato nessun invito a comparire in quanto persona informata sui fatti al bassotto...) mentre quando viene chiamato in tribunale per rispondere dei reati di cui viene accusato potrebbero aspettarlo una vita tanto non ci andrà mai ( manda sempre o un tira piedi o il fratello fesso che fa il carcere al posto suo, fa per modo di dire naturalmente..)?

Nicola Budroni 20.01.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Francamente. dopo aver letto l'articolo sulla legge Pecorella ed aver appreso che i tempi di prescrizione sono stati tagliati, vorrei sapere da Grillo se prima di commnetare certe norme le ha anche solo lette.
Grazie

paolo frosini 20.01.06 17:17| 
 |
Rispondi al commento

vorrei suggerire a Rutelli per il confronto di questa sera e comunque a tutti i contraddittori di B., di non seguirlo nella sue fuorvianti disquisizioni, ignorare le sue provocazioni e, come se non fosse nenache presente, parlare chiaramente della disastrosa situazione dell' Italia.

carlo siviero 20.01.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Oggi sono contento! Ciampi ha respinto la legge "italiani a pecorella" e sono così ottimista che credo che stasera Rutelli straccerà il nano a Matrix. Vi allego questa chicca di news su cui non ho potuto non pensare: echissenefrega?
FI: ANCHE BONDI SI OFFRE COME 'DIFENSORE VOTO' A SEGGIO
Il coordinatore nazionale di Forza Italia, Sandro Bondi, ha offerto oggi la sua disponibilita' personale all'avv. Mariastella Gelmini, coordinatrice regionale della Lombardia e responsabile del progetto dei 'difensori azzurri', a svolgere le funzioni di difensore del voto presso il suo seggio di residenza, in occasione delle prossime elezioni politiche.

salvador righi 20.01.06 16:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BERLUSCONI CONTINUA LA VIOLENZA SULLE LEGGI E SULLA COSTITUZIONE.
(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - La legge sulla par condicio e' 'ingiusta e non consente ai cittadini di essere informati', afferma il ministro Mario Landolfi. 'Andrebbe modificata - ha aggiunto - ma non so se esistono le condizioni'. Suscita intanto polemiche l'ipotesi di rinviare lo scioglimento delle Camere. 'Consentirebbe al Parlamento di lavorare con piu' serenita' per convertire in legge tanti decreti', dice il ministro Baccini. Contrari Fassino, Mastella e Bertinotti: 'Mai che si rispettino le regole'
.
E PER RIUSCIRE NEL LORO INTENTO ALTRA ALCHIMIA.

Fini: scioglimento Camere anche una settimana dopo
'Nessuno contesta che data elezioni possa essere 9 aprile'
(ANSA) -ROMA, 20 gen- Il vicepremier Fini dice che 'il Parlamento si puo' sciogliere il 29 gennaio, ma anche una settimana dopo', fermo restando il voto il 9 aprile. Per Fini 'nessuno contesta che la data delle elezioni debba essere il 9 aprile' ma puo' essere posticipato di 7 giorni lo scioglimento delle Camere 'per verificare se alcune leggi (AD PERSONAM) possano essere approvate'.

E C'E'ANCORA QUALCUNO CHE GLI CREDE!

PROSSIMA STAZIONE ...............CENTROSINISTRA!

basoli giovanni 20.01.06 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciampi aveva un mese di tempo prima di pronunciarsi sulla legge Pecorella (art.73, e la legge Pecorella e' stata fatta il 12), poteva farlo ben passare questo mese, prima di rinviare la legge alle Camere. Non c'era tutta questa fretta di rimandarla, come non ci sarebbe mai stata in passato tutta quella fretta di firmare istantaneamente obbrobri come la ex Cirielli.
Non mi sono mai piaciuti i giochini di Ciampi, fare bei discorsi vacui e retorici privi di effetti pratici, citando presunti valori democratici, tanto per salvarsi la faccia e contraddirli poi con firme troppo rapide a leggi-insulto contro la Costituzione.
In fondo questo Presidente della Repubblica voleva fare il suo settennato senza avere troppe grane con B e c'e' riuscito. Non mi meraviglierebbe sapere che appartiene alla P2 anche lui.
Era il massimo garante della Costituzione. E cosa ha fatto invece? Niente. Solo vuote parole.
E Cossiga, il gran massone, che ora ha anche la faccia di dirci da Tunisi che "si puo' anche rubare personalmente quando si rende ricco uno stato!" e parla uno per dire per due (ma i furti si sono visti e lo stato non è diventato più ricco né con Craxi né con B!), quel Cossiga che nel 92 si autodenunciò per cospirazione politica (Gladio), quello che ha tenuto tutte le parti e le controparti in questo sciagurato paese, tessendo intrighi, facendo insinuazioni, gestendo politici e spie, l'inquietante Kossiga che qualunque paese civile avrebbe radiato come golpista, deve adesso diventare "il precedente" a cui B si appigliera' per allungarsi questa infinita legislatura che e' peggio delle zanzare tigre e non finisce mai!
Il parlamento deve cessare di legiferare il 29 di questo mese, ma c'e' il precedente di Cossiga che fece riaprire le Camere, dopo aver dato le dimissioni nel 92 per indegnita', per legiferare sull'obiezione di coscienza
Mai che in questo paese ci sia un precedente onorevole! E B non manchera' di perpetuare l'accanimento del suo potere attaccandosi a questo

viviana vivarelli 20.01.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento

forse perchè non capendo un cazzo di politica la sapienza del nostro premier ti fa cagare maria!!!!!!!Comunisti andate a lavorare va!!!!!!

rino raimondo 20.01.06 15:23| 
 |
Rispondi al commento


Perchè Berlusconi è sempre in televisione? Il mio stomaco, offeso, sta male: qualcuno abbia pietà del mio stomaco! Non si potrebbe coprire l'immagine?

maria pizzuoli 20.01.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Avete visto???? E' notizia di poco fa. Ciampi non ha voluto firmare questa vergognosa legge pECORELLA e l'ha rispedita alle Camere!!! Speriamo bene. Che sia solo l'inizio della fine della vergogna.
speriamo che il ns. caro Presidente non appoggi nemmeno il rinvio dello scioglimento delle Camere, che fa tanto gola a Berlusconi per continuare a delinq..

Roberta Elle 20.01.06 14:06| 
 |
Rispondi al commento

IL CAVALIERE E I GUIDICI.

Il cavaliere: "I giudici mi hanno chiamato duemila volte"

Imaginate che un qualsiasi giudice l'ha chiamato una volta ogni giorno lavorativo.

Facciamo un calcolazione semplice:

con quasi 200 giorni lavorativi al anno, il cavaliere e stato chiamato ogni giorno da un giudice per i 10 anni scorsi

Sembra una favola ma è la verità, perche ha anche detto: "Mento mai! " :-))))))))

Ellio Martina 20.01.06 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Beppe e gentile Matteo,
stavo proprio ora navigando anch'io per trovare un "angolo" in cui esprimere il medesimo senso di sconcerto e di impotenza che Matteo ha ben riferito. Io però ho il doppio dei suoi anni, sono una persona di medio-alta cultura, cerco di svolgere un'attività da sana imprenditrice nell'ambito delle applicazioni web e della multimedialità (dopo essere stata insegnante, rappresentante, impiegata...), sono una mamma separata, insomma..ho una vita piena..eppure.. leggo i giornali, vedo lo spettacolo di Grillo, guardo la televisione, penso al mondo in cui sto crescendo mio figlio E MI SENTO SPERSA!!..Oltre ad abbandonarmi ad un forte urlo liberatorio, vorrei non stare ad aspettare il Nuovo Rinascimento senza di fatto fare nulla. Ma se organizzazioni esclusivamente dedicate agli incontri pro-matrimoniali riescono a far incontrare centinaia (??di più??) di persone tramite Internet, forse anche tutte le persone che Beppe Grillo può chiamare "a rapporto" possono organizzarsi, incontrarsi, iniziare a discutere insieme come "alzare la voce", come diventare un'entità (al momento non so darle una forma..) sempre più difficile da ignorare. Sogno? O è solo questione di tempo? Non sentiamoci soli. E non lasciamoci soli. Grazie, sig.Grillo.

Roberta Filippi 20.01.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento

ciampi ha rinviato alle camere la legge sull'inappellabilità...è l'ottava legge rinviata...non credo sia mai successo prima..

alessandra d'egidio 20.01.06 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Ciampi non ha firmato la legge, almeno questo..

Andrea Rizzo 20.01.06 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Bene! Ciampi non ha firmato la modifica di legge che vietava l'appello dopo una sentenza di assoluzione in primo grado. Risultava chiara la sperequazione tra i diritti delle due parti in causa.

Invece B insiste con la par condicio, non gli basta di avere occupato di fatto a pieno campo la Tv, vuole avere il diritto per legge alla maggior fetta di televisione italiana calpestando anche i diritti paritari dei suoi soci della Cdl e il proporzionale che rimette tutti allo stesso punto di partenza.
E' talmente convinto che piu' gli Italiani vedranno la sua faccia ritoccata, piu' sentiranno una coazione invincibile a votarlo, che sta chiedendo a Ciampi di dilazionare di 154 giorni lo scioglimento della camere che da' il via alla campagna elettorale (la chiusura del parlamento e' il 29 febraio) e intende portarci al voto 15 giorno piu' tardi.
Magari riproporra' l'uso di cassette preregistrate con messaggi subliminali, quelle che aveva usato per la prima vittoria.
Insomma il fiato della sconfitta gli sta talmente sul collo che e' disposto a qualunque atto di arbitrio pur di scongiurarla.
Pietoso! Pietoso veramente!

Ma se ne restasse ad Hammamet insieme a tutti gli altri ladri!

Intanto Ferrara (in astinenza di piazza) vuol organizzare una marcia di 'nani e ballerine' a favore del premier (un requiem?).
Ha gentilmente declinato Socci (dicendo che come premier B e 'unfit'= inadatto).

Le manifestazioni di piazza, si sa, la Cdl non le sa proprio fare. Alla contromanifestazione di Perugia erano in tredici e ricordo una squallida piazza di Roma con 4 gatti.
La marcia pro-B sarebbe il giorno di san Valentino. Forse Ferrara pensava a empiti d'amore, ma la storia ci consegna un San Valentino alquanto diverso: il 14 febbraio 1929 in un garage di Chicago, 7 uomini della banda di Bugs Moran furono uccisi da 4 sicari travestiti da poliziotti. Il mandante era Al Capone.
E visti i tempi che corrono... rischiare un remaque non sarebbe proprio di buon auspicio.

viviana vivarelli 20.01.06 13:18| 
 |
Rispondi al commento

b)

-la richiesta - formulata da un sottosegr. - di arresto dei giudici autori di una decisione sgradita

-la pesante pressione operata dalla maggioranza del Senato… per indicare ai giudici la «esatta interpretazione della legge» con riferimento ad uno specifico processo

Tutto questo, secondo il Premier&cloni, si è reso necessario per l’esistenza di un complotto giudiziario …ma è una leggenda. … una valanga di “bufale” che in nessun altro Paese al mondo reggerebbero più di un secondo


http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=TUTTIEDIT&TOPIC_TIPO=E&TOPIC_ID=46600


Grazie per la citazione
In questi giorni non si fa che celebrare Hammamet e il suo latitante. Che un ladro celebri un ladro e' forse ovvio ma certo la nostra Repubblica non ne acquista fama di onesta'.

viviana vivarelli 20.01.06 11:19| 
 |
Rispondi al commento

a)
Uno dei magistrati migliori che l'Italia abbia mai avuto e' Caselli, il piu' ferreo e rigoroso combattente contro la mafia siciliana. Si capisce perche' B si sia dato tanto da fare per toglierlo di mezzo, fino a fare una legge apposta contro di lui

Ecco cosa dice Caselli:

Le vicende giudiziarie che hanno avuto come protagonisti il Presidente del Consiglio e vari esponenti del suo “entourage”…non sono mai casi di ordinaria amministrazione.
Hanno una valenza oggettivamente politica ed effetti dirompenti inevitabili.
Così è in ogni parte del mondo, dove casi analoghi sono accaduti anche di recente (vedi Cia-Gate)

Mai è accaduto quel che invece ha caratterizzato negativamente il nostro Paese: che l’esercizio dell’azione penale nei confronti di santuari del potere determini la contestazione in radice del processo… e la delegittimazione pregiudiziale dei giudici (indicati... come avversari politici)

Soltanto in Italia è stata scatenata una guerra frontale ai giudici e alla giurisdizione, con il connesso rischio di travolgere l’immagine stessa della giustizia. In un crescendo che negli anni si è snodato lungo tappe che a metterle tutte in fila c’è da restare allibiti
Eccole, queste tappe (con sullo sfondo l’insulto quotidiano ai giudici praticato come una specie di sport nazionale…):

-la denuncia in sede penale degli inquirenti

-la pressoché continua sottoposizione a ispezioni ministeriali e azioni disciplinari dei magistrati preposti ai processi

-l’ostentato disegno di inceppare o bloccare i dibattimenti

-l’approvazione di almeno 3 leggi “ad personam” (la nuova disciplina delle rogatorie, la legge Cirami e il “lodo Schifani”: con l’obiettivo rispettivamente di

rendere più difficile l’accertamento della verità

sottrarre il processo al giudice naturale

allontanare indefinitamente nel tempo la celebrazione di un dibattimento


(segue)

viviana vivarelli 20.01.06 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Sempre sul tema: sui giornali di oggi compare l'ennesima proposta indecente del portatore nano di prescrizioni di posticipare lo scioglimento delle Camere, apparentemenete giustificato con le solite amenità varie (par condicio, legge elettorale,...).
In realtà il motivo evidente è quello, nel caso di mancata firma di Ciampi sulla legge dell'inappellabilità, di poter riportare quest'obbrobio alle Camere (riaperte per l'occasione) e di rimpallare un nuovo testo con quattro toppe formali a Ciampi, il quale a quel punto sarebbe di fatto costretto a firmare.
Forse non s'era capito ma c'è qualcuno molto interessato a quella legge, visti i suoi destini processuali.
Sarebbe bene tenere gli occhi aperti sulla questione per non farsi infinocchiare come al solito dalle mille nebbie abilemente alzate per nascondere i reali intenti di questa banda di dipendenti.
Saluti a Beppe e a tutti, Davide

P.s. aggiungo sul tema giustizia un'altra chicca dai giornali di oggi: il giudice Castellano, indagato per le telefonate d'amorosi sensi con Consorte, ha chiesto di essere trasferito in Cassazione, il che gli eviterebbe ogni rilievo disciplinare del CSM.
Che meravigliosa logica presiede i provvedimenti disciplinari contro i giudici: invece di sospenderti dalla funzione e valutare seriamente se cacciarti a pedate da una pubblica funzione che hai infangato, esiste un bel meccanismo per farti avanzare di carriera e permetterti di superare di slancio il problema.
Immaginate la serenità di chi si troverà come giudice della Cassazione (che è corte suprema nel nostro Paese) uno così premuroso a rivelare il contenuto di indagini coperte da segreto istruttorio.
Forse se i giudici tutti vogliono preservare la loro immagine è bene che mettano mano a una procedura disciplinare un po' più seria e da Paese civile.

davide sangio 20.01.06 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Leggetevi questo articolo scritto dal Procuratore Generale CASELLI e capirete perchè si è fatto di tutto (addirittura abbassando l'età per essere nominato procuratore nazionale antimafia) per impedire a Caselli di essere nominato Procuratore Antimafia (con tutto il rispetto per Grasso):

http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=TUTTIEDIT&TOPIC_TIPO=E&TOPIC_ID=46600

saluti

Vincenzo Curcio 20.01.06 09:55| 
 |
Rispondi al commento

******
******
******

Ho trovato questa pagina web con dei video

riguardanti....

- Viva Zapatero

- Beppe Grillo Un futuro sostenibile

- Beppe Grillo Un Grillo per la testa

tutto qui

http://grillo.50webs.com

Sconvolgente O_O

******
******
******

Giuseppe Natale 20.01.06 07:48| 
 |
Rispondi al commento


Vi inoltro questa dichiarazione di voto sui generis pronunciata al Senato.
Ma quando arriva il 9 aprile?


SENATO DELLA
REPUBBLICA ------ XIV LEGISLATURA ------ RESOCONTO SOMMARIO E
>
STENOGRAFICO
>
> GIOVEDÌ 12 GENNAIO 2006
>
> DALLA CHIESA (Mar-DL-U).
Domando di parlare per dichiarazione di voto.
>
> PRESIDENTE. Ne ha
facoltà.
>
> DALLA CHIESA (Mar-DL-U). Signor Presidente, sul piano
della decenza
> istituzionale nemmeno gli ultimi giorni ci vengono
risparmiati. Sembra
> di essere agli ultimi giorni di Pompei. Anche
mentre il Parlamento si
avvia
> verso la sua data di scioglimento noi
siamo qui, costretti a varare con
> tempi contingentati un
provvedimento di favore, l'ennesimo, nato dalle
> vicende giudiziarie
del Presidente del Consiglio.
>
> È un fatto che ha in sé qualcosa di
scandaloso anche sul piano formale.
> Guardate il frontespizio del
disegno di legge. Pensate. Una legge fatta
> per il Premier e che porta
la firma di un solo deputato, l'onorevole
> Pecorella, solo lui, ossia
il suo avvocato difensore. Credo non ci siano
> precedenti del genere
in nessuna democrazia, sotto nessuna latitudine.
>
> Vede, signor
Presidente, i greci parlavano di "Hybris" quando l'idea di
> giustizia
veniva così degradata. Hybris per indicare il concetto di
confine,
> di
misura e la sua violazione. Hybris come eccesso di forza, come
>
dismisura. E nella dismisura, diceva Platone, sta l'origine di ogni
male.
>
> Aristotele - mi si perdoni la doppia citazione - rendeva il
concetto ancor
> più esplicito: per lui Hybris indicava il fare o il
dire qualcosa che
> costituiva un'ignominia per chi la subisce. Con
questa legge, a subire
> l'ignominia sono, oltre che la dignità del
Parlamento, il senso di
giustizia
> del Paese e le vittime dei reati.
Hybris divenne poi, nella cultura greca,
> violazione del limite,
addirittura volontà di trascendere la condizione
> umana, dunque di
mettersi al di sopra degli

antonia renzullo 20.01.06 06:00| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe sono un cittadino ligure di genova sanpierdarena,ti chiedo:ma come ha fatto berlusconi a salire al governo,ma perche' continuiamo a mantenere i sindacati,ma perche'chi ruba miliardi va in giro a testa alta e chi ruba una mela si nasconde nella vergogna,perche'io mi sento un pollo da spennare mentre chi arriva da un'altro paese gode pienamente di tutti i diritti che io pian piano ho perso,perche'il SANPAOLO RISCOSSIONI sotto nome GESTLINE deruba usurando le ultime monetine che sono rimaste nelle tasche dei genovesi,perche' siamo costretti a pagare la RAI che si finanzia tranquillamente con la pubblicita'................caro beppe quanti perche' ti scriverei,ma mi limito a questi.
ciao e spero un giorno di poter riavere il piacere di vederti in tv,magari candidato come sindaco

carello massimiliano 19.01.06 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Da grande farò un bos della mafia oppure un banchiere o magari un berluschino (uno di quelli che gli lecca il c..o) se si continua con queste leggi..
Speriamo di festeggiare ad aprile perchè sennò la vedo dura..
Beppe! Ti prego attacca l'informazione perchè è l'ultima risorsa del Berlusca. Sarà l'arma con cui scaglierà le peggio accuse e bugie nei prossimi mesi e purtroppo in tanti ci cascheranno... Ci vorrebbe un bel blackout nelle telecomunicazioni per i prossimi due mesi, in questo modo riusciremo senza troppa fatica a mandare a casa lo sfasciaItalia..

Francesco Gaspari 19.01.06 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Gent.mo Grillo,
non so se qui sia il posto giusto per questo post, però non trovavo altro spazio.
Ho appena terminato la visione del suo video che (e lo dico con sconcerto) ben poche volte ha scatenato la mia risata, non perché lo spettacolo non sia stato di mio gradimento, anzi, ma perché mi ha reso triste e incapace di capire.
non ho nemmeno vent'anni, studio come un cretino per avere soddisfazioni e cercare di avere un futuro, ma se il problema è che dall'alto c'è gente che non vuole che io abbia un futuro, che cosa devo fare Grillo? Cosa posso fare?
Crisi, para totale.
Mi piacerebbe scoprire che lo spettacolo era solo una farsa, uno spettacolo preventivo "nel caso in cui...". invece è uno spettacolo a conti fatti, e questo mi preoccupa. tanto.
con tanta stima
Matteo

matteo Musacci 19.01.06 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Ciao.
sono di Roma e ho 32 anni. Se siamo così tanti a non volere in nano, perchè ancora sta qua? Chi senti senti non l'ha votato nessuno... si è votato da solo?

paola maccarini Commentatore in marcia al V2day 19.01.06 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Prima o poi le leggi che accuramente si affinano per i loro loschi scopi gli si rivolteranno contro....la storia insegna che la vita è una ruota....non so per quanto tempo possano ancora tirare la corda.

Christopher Fabbri 19.01.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, ben vengano le riforme del Codice Penale che ti ricordo risale ai tempi del Fascismo ed era stato creato per reprimere i cittadini ! Queste saranno anche delle riforme brutte, ma lo strapotere dei magistrati è esagerato e non è paritario a quello della difesa. Basta provare per credere...
Ciao

Giacomo Piazza 19.01.06 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo!
La giustizia non è una partita di calcio e, distratti dalle vicende del portatore nano di avviso di garanzia, stiamo deformando uno dei principi base dello stato democratico liberale: non sono io che devo dimostrare di essere innocente, ma i pubblici ministeri a dimostrare che sono colpevole, al di la di ogni ragionevole dubbio.
Perchè poi dovrei permettere per legge, a una delle corporazioni più inefficenti di tutta la burocrazia statale(basta leggersi le statistiche degli stessi organi giudiziari per convincersene)di inseguire chiunque oltre il primo grado di giudizio, se un giudice( che dovrebbe essere veramente terzo e non appartenente alla stessa corporazione del PM)ha già proclamato l'innocenza dell'accusato? Non è già questo un ragionevole dubbio? Altrimenti dobbiamo concludere che il PM ha istruito male il processo e ha bisogno dell'appello per dimostrare efficacemente le sue tesi (nel qual caso andrebbe licenziato perchè inefficente, senza trasferire sull'accusato i suoi problemi professionali). Oppure che il collegio giudicante non era in grado di capire le tesi del PM, il che ci riporta al punto del perchè dovrebbe essere il cittadino accusato a dover soffrire delle inefficenze del sistema giudiziario (che detto sia di passaggio, sono pure loro nostri dipendenti, visto che vengono pagati con i soldi delle tasse).

Adriano Garibotto 19.01.06 15:34| 
 |
Rispondi al commento

ITALIA, FORZA.... che fra poco ce li togliamo dai co...ni!!

Ivano Croce Commentatore in marcia al V2day 19.01.06 15:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe volevo inviarti questo link...spero tu possa parare di questa questione a dir poco assurda nel tuo blog....Strano che i giornali non abbiano proferito parola su questo!!!
http://federicoaldrovandi.blog.kataweb.it/federico_aldrovandi/

Ale perri 19.01.06 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco perchè ci prendono sempre per il culo.
Con la finanziaria è stata ridotta la indennità parlamentare di molto poco dopo che i parlamentari per 30 anni si sono aumentati lo stipendio a loro piacere.
Il provvedimento sarebbe stato giusto se avesse ridotto l'indennità almeno del 50%,visto quello che prendono.
Peraltro nessun parlamentare ha detto nulla in proposito.

giorgio piccinini 19.01.06 14:17| 
 |
Rispondi al commento

allora a questo punto ritorno in italia e faro il delinquente, tanto male che vada saremo tutelati dalle leggi di questo nostro "meraviglioso" governo.che ci faccio io a 2000 km dalle mie origini per 1400€ al mese.

P.S. GRANDEGRILLO

giancarlo scanni 19.01.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento

******
******
******

Ho trovato questa pagina web con dei video

riguardanti....

- Viva Zapatero

- Beppe Grillo Un futuro sostenibile

- Beppe Grillo Un Grillo per la testa

tutto qui

http://grillo.50webs.com

Sconvolgente O_O

******
******
******

Giuseppe Natale 19.01.06 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Elogio della bugia

Il grande burgiardone, il recordman della stra-balla, e' stato ricoperto anche da Ben Ammar: "Mai detto che Fassino ha fatto pressioni su Bernheim, semmai e' stato Fazio!"
Metteremo le registrazioni di B accanto alla "Merda d'artista" di Piero Manzoni, specificando che qui, pero', manca l'artista.
E Scalfari: "Il verminaio scandalistico di B e' una disperata propaganda pre-elettorale"
Disperato! e' la parola!
Lo sproloquio coprofago che strasborda su ogni canale rai e tv appesta e impesta. Chiamate l'idraulico!
Il presidente-trottola-umana sparge letame da Ballaro' a Unomattina a Isoradio dal tg1 a Biscardi.....
40 minacce di morte ricevute (e mai denunciate)
125 grandi opere effettuate (virtuali)
milioni di disoccupati occupati (a spengere rai e tv, si immagina)
grande successo della legge antifumo (malgrado Storace l'abbia ritirata)
225 terroristi incarcerati
...cene, pranzi, merende, spuntini e persino hot dog e Tegolini di quei mangioni dei DS
Ma i sondaggi sono sempre impietosi, continua a perdere!
Ma lui..niente! Riversa, dilaga, fuoriesce, sgorga, alluviona, eccede, esagera, scompone, scompiglia, ingigantisce, manipola, adultera, gonfia, pompa, mente, finge, contraffa', modifica, deforma, falsifica, simula... rompe! MA QUANTO ROMPE!
Persino i suoi vorrebbero tirare la catena.
Se i diessini sono pallidi ne hanno ben d'onde.
Squallor puo' dire o fare di tutto! L'unica cosa che e' ormai: un Presidente da legare!

viviana vivarelli 19.01.06 09:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Legge Pecorella

Si tratta di un ennesimo esempio di come anche il 3° governo di destra affronta i problemi della giustizia: non ha mai cercato di farla funzionare con i meccanismi e le leggi che ha: selezione dei procedimenti per tipo di reato, assunzione di giudici e di personale ausiliario, dotazione di più strumenti e di uffici; si fanno solo le grandi riforme: depenalizzazione di falso in bilancio, accorciamento dei tempi di prescrizione dei termini, e l'ultima, la legge Pecorella. Lo scopo sembra essere quello invece di semplificare la vita a chi commette i reati.

Cesare Salvadori 18.01.06 23:59| 
 |
Rispondi al commento

La sinistra non fa nulla per opporsi allo scempio di questo maledetto governo. Che siano stramaledetti tutti i politici lestofanti e fannulloni! Preferisco il consiglio degli anziani ovvero l'organo di governo delle tribù degli uomini di Neanderthal!

Alessandro da Roma 18.01.06 22:07


Non solo la sinistra non fa nulla: non facciamo nulla nemmeno noi. C'era una stanza in questo blog titolata "Dipendenti co.co.co.". Lì ci si offriva il destro di dare una scossa a questa gente.
Cosa abbiamo fatt?
Un bel niente: la stanza, per la verità, è ancora lì. Ma la sua frequentazione si è ridotta a zero da giorni.
Auguri a tutti noi: amiamo blaterare ma di muoverci sul serio non ci passa neppure per l'anticamera del cervello.

giuseppe ricci 18.01.06 23:14| 
 |
Rispondi al commento

La sinistra non fa nulla per opporsi allo scempio di questo maledetto governo. Che siano stramaledetti tutti i politici lestofanti e fannulloni! Preferisco il consiglio degli anziani ovvero l'organo di governo delle tribù degli uomini di Neanderthal!

Alessandro da Roma 18.01.06 22:07| 
 |
Rispondi al commento

******
******
******

Ho trovato questa pagina web con dei video

riguardanti....

- Viva Zapatero

- Beppe Grillo Un futuro sostenibile

- Beppe Grillo Un Grillo per la testa

tutto qui

http://grillo.50webs.com

Sconvolgente O_O

******
******
******

Giuseppe Natale 18.01.06 21:04| 
 |
Rispondi al commento

La presenza giornaliera su reti televisive del nostro presidente del consiglio ha superato ogni soglia di decenza; non è soltanto l’apparizione che secca ma anche quel che dice, sempre le stesse cose.... i comunisti qua i comunisti là... i comunisti che vogliono mangiare i bambini.... non si rende conto che i suoi discorsi contro i comunisti sono più arcaici di quelli che fa lo stesso Bertinotti …..roba da sessanta anni fa ……. che ha fatto il suo tempo. Ieri seguivo già con scarso interesse Ballarò ma quando è arrivata la telefonata del caro Silvio mi è venuta quasi voglia di cambiare canale e guardare un TG di Emilio Fede.... il vero rappresentante della TV comunista. State attenti amici che adesso inizia il Grande Fratello... una scappatella anche lì caro premier? sicuramente nessuno voterebbe per farlo uscire...e a Sanremo? non c’è la fa una bella canzungella con il bravo Apicella? Basta caro presidente del consiglio non si può con le parole (dette ossessivamente) coprire quello che si è fatto (o non fatto) in cinque anni di governo.
Un cordiale saluto

Dario Salerno Commentatore in marcia al V2day 18.01.06 20:58| 
 |
Rispondi al commento

POLITICI, AMMINISTRATORI, DIRIGENTI
.... TREMATE ....
SE NON VE NE ANDATE VI CACCIAMO NOI
ARRIVA LA REVOLUCION

Davide Silvi 18.01.06 19:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

troppo forti!

romano natale casula 18.01.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
la tua esemplificazione della legge "pecorella",attraverso l'utilizzazione del cognome di previti è stata proprio come la luce sulla via di damasco,in quanto ha scaturito in me una riflessione;infatti mi sn chiesta,proprio a partire dalla vicenda che lega berlusconi a previti(o viceversa...),come sia possibile che un presidente del consiglio,assolto in ben trenta processi(tra cui ovviamente è annoverata anche la vicenda previti,quest'ultimo condannato a setti anni,mentre il premier naturalmente assolto,ma per cui silvio aveva tentato il colpaccio della salva-previti!!!)grazie a leggi ad personam,da fatti a dir poco disdicevoli e illegali (cm lui steso ha definito la presunta cooperazione ds-unipol,bnl),e nn durante un'opa,ma nella vita quotidiana,possa,visto il ruolo istituzionale che ricopre e a pochi mesi dalle primarie,recarsi in procura per informare di fatti,tra l'altro,non penalmente rilevanti(per evitarsi eventuali scherzetti finali),affermando però poi a ballarò,che i rapporti tra i ds e gli,ormai ben noti,uomini della mala economia,siano andati ben oltre una semplice cena,ovvero facendo affermazioni che potrebbero avere conseguenze penali,nella sede inappropriata???ma allora cosa c'è andato a fare in procura?io credo che dopo questa vicenda,indipendentemente dall'implicazione in essa o meno di alcuni esponenti dei ds,cosa di cui dubito fortemente,gli italiani dovrebbero avere almeno una certezza e cioè quella che nn si deve rivotare per nessuna ragione al mondo di nuovo un uomo che nasconde i suoi molteplici reati e misfatti,ma è pronto a puntare il dito,guarda caso sotto elezioni,su quelli presunti degli altri,che fa del vittimismo,dicendo che è dodici anni che gli è stato fatto e imputato di tutto,quando ha fatto di tutto e gli è stato imputato veramente poco,usa mezzi illeciti,fa solo pura demagogia e ci copre quotidianamente di enormi menzogne.Io nono so se la sinistra potrà migliorare la situazione o meno,so che è necessario un cambiamento

angela pellegrino 18.01.06 17:49| 
 |
Rispondi al commento

In questi giorni mi sembra di vivere in uno di quei Z-movie di fantascienza degli anni 70, sapete quelli che preconizzavano, non si sa per quale motivo, che nel futuro ci saremmo vestiti tutti con degli assurdi pigiami di ciniglia.
Ebbene, proprio di serie Z questi film non dovevano essere, se avevano previsto esattamente quello che sta accadendo oggi, nella realtà.
A me, da un po' di giorni sta accadendo che accendo la TV e c'è SB, vado su internet ed appare SB, accendo la radio e sento SB. Questa mattina, svegliatomi, volevo andare al cesso per lavarmi, ma la porta era chiusa: era occupato, indovinate chi c'era? SB!

fratello grande 18.01.06 17:28| 
 |
Rispondi al commento

..allora Kerry stava per vincere e Bush assolda questo Karl Rave, che consiglia di dire che Kerry non era stato in guerra (per quanto fosse un eroe veterano)e come poi se Bush ci fosse mai stato... il popolino ciuco cambia il voto e vince Bush

..ora il signor B ha messo Rave nel libro paga ed esce questa cosa della procura

E' politica "alta e nobile"? (cito dal presdelcons)
No, sono calci nei coglioni.

E quale sara' la prossima mossa di Rave-Berlusconi?

-Prodi si incula il cane?

-D'Alema inzuppa ostie nel cappuccino?

-Fassino non vuol bene alla mamma?

-hanno fatto tutti merenda con Pacciani?

viviana vivarelli 18.01.06 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Risposta a 4 post
1) grazie Marcella. 'Reato' e' "atto di rilevanza penale", e dire 'reato penale' e' proprio una ridondanza.

2) a chi chiede dove stanno tutti questi processi prescritti:
Castelli proprio oggi ha finalmente detto a denti stretti che i processi gia' prescritti sono 200.000, e con la Pecorella se ne aggiungeranno altri 35.000. Conoscendolo, possiamo tranquillamento raddoppiare.

3) a chi pensa che se Bernheim e' stato sentito, allora c'e' reato, devo dire che se un presdelcons va in una procura, l'atto e' talmente raro (non credo sia mai successa una cosa simile in tutta la storia della repubblica) che questa procura qualcosa deve obbligatoriamente fare, almeno per compiacerlo, di qui l'audizione di Bernheim, come atto dovuto, il che pero' non indica di per se' alcun reato

4) per chi spera che B sia imputabile di calunnia, spiace disilludere, ma B ci ha tenuto molto a ripetere piu' volte che "Non ha detto nulla di penalmente rilevante" che "Si e' guardato bene dal fare accuse precise", insomma ha insistito molto nel dire che ha parlato di acqua fresca, e allora non ci sono estremi ne' per la diffamazione ne' per la calunnia. Quel che e' andato a dire e' il niente assoluto e sul niente non ci si attacca. Che poi su questa acqua fresca gli italiani si siano scatenati da' prova solo di scarsa serieta' civile.

Intanto aumentano le prove della grande rete di malfattori che erano nella ruberia, tutti di centrodestra, mi dispiace. I soldi di Consorte sono saliti a 200 milioni ma non escono prove contro politici mazzettari.

Secondo i sondaggi, gli elettori di centrosinistra li per li' si sono un po' agitati ma ora si stanno ricompattando e il Centrosinistra e' sempre sopra di 6 punti! Insomma l'operazione e' andata a vuoto!
Intanto il programma di Prodi e' finito e consta di 247 pagine, gli alleati si stanno compattando anch'essi.
Che dio ce la mandi buona e senza vento!

viviana vivarelli 18.01.06 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Io più che un commento volevo porre una domanda: come mai il nano quando è chiamato a rispondere delle proprie azioni in tribunale lo possono aspettare una vita che tanto non ci va, o meglio prima o poi un berlusca arriva ma è quel pirla del fratello, e ora che in tribunale non ce lo volevano, neanche come persona informata sui fatti ( l'invito gli era stato rivolto dalla controparte politica e non dal giudice se non sbaglio) si premurato di correrci a deporre???

Nicola Budroni 18.01.06 16:57| 
 |
Rispondi al commento

C'era una vorta un Re che dar Palazzo
manno' fora a li popoli st'editto:
"Io so' io, e voi nun zete un cazzo,
sori vassalli buggiaroni, e zitto.
Io fo dritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo ve'nneve a tutti a un tant'er mazzo:
io, si ve fo impicca', nun ve strapazzo,
che' la vita e la robba Io ve l'affitto.
Chi abbita a sto monno senza er titolo
o de Papa, o de Re, o d'Imperatore,
quello nun po' ave' mai voce in capitolo".
Co st'editto anno' er boja pe curiero,
interroganno tutti in zur tenore;
e arisposeno tutti: "E' vero, e' vero"».

Gioachino Belli

viviana vivarelli 18.01.06 16:35| 
 |
Rispondi al commento

la legge che obbligail PM a ricorrere in Cassazione é sacrosanta.al PM non costa nulla ricorere in appello, al cittadino difendersi dopo essere stato assolto costa tantissimo e nessuno viene rimborsato in caso di ulteriore assoluzione.

andrea quadri 18.01.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Vi prego...la smettete di dire "reato penale"...?! Il reato è di per se stesso penale..non può essere altrimenti. Eppure tutti, anche gente del mestiere, usano continuamente dire "reato penale"...

marcella de simone 18.01.06 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Se mi posso permettere :-), alcuni post sono proprio surreali.
O ci si strappa i capelli. O si ride.
Avendo scelto la seconda soluzione, trovo veramente spassoso chi si sente più garantito dalla possibilità di ricusare il giudice a piacere (vedi Bertoldo che sceglie l'abero a cui doveva essere appeso e che ovviamente non ne trovava uno di suo gusto)o che si sentono rassicurati dal divieto di cercare prove finanziarie per reati finanziari in banche straniere (dicesi rogatorie) che, vedi i fatti attuali (200 milioni di euro di Fiorani in Svizzeera o soldi incettati da Previti per eludere la giustizia...)

Trovo altrettanto spassoso (per rispetto ai miei bei capelli) sentire chi si sente più garantito da un processo che assolva subito, in primo grado, l'imputato senza appello. Evidentemente costui ha visto pochi film su processi e l'errore giudiziario pensa sia una favoletta mai realizzabile (gli sfuggono per esempio le assoluzioni dei 114 mafiosi di Catanzaro e li vorrebbe assolti per sempre, o non ricorda l'orrendo caso dei pedofili di Outroau che abusarono di bimbi sopra i tre anni ma in primo grado furono tutti assolti)
Ignorare l'errore giudiziario, come i testimioni reticenti o le prove al momento imperfette, ignorare persino l'inequivocabile caso dei giudici romani che "un certo imputato eccellente 'comprò'" a suon di centinaia di milioni mi sembra un po' svaghevole.

Ma nemmeno in America esiste una tale abiezione! e sempre che i due milioni di detenuti americani siano prova di uno stato civile, democratico ed evoluto e non del contrario!

(Per tornare a cose serie, ringrazio di cuore Giovanni Basoli per il suo post lucido, intelligente ed esatto, ne avevo proprio bisogno!)

Ma non trovate sospetto che ci si immedesimi così nell'imputato considerato colpevole?
E pensare che io mi ero immedesimata immediatamente nella vittima che non trovava giustizia!

viviana vivarelli 18.01.06 16:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' TUTTO UN MAGNA MAGNA

Le ultime dichiarazioni di Fiorani stanno facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli. L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo.

Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI d’euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato)."

Giovanni Perillo 18.01.06 15:47| 
 |
Rispondi al commento

MA CHI È IL SENATORE LUIGI GRILLO

Il Senatore Grillo: nel 1994, quando Berlusconi diventò per la prima volta presidente del Consiglio, ben pochi sanno che la sua famosa vittoria elettorale non era stata completa, in quanto al Senato gli mancava giusto un voto per ottenere la maggioranza.

Berlusconi non si era perso d’animo e, facendo fare sottovoce il primo ribaltone della storia, sul quale non aveva niente da ridire perché lo faceva lui, aveva subito trovato un senatore eletto per l’altro schieramento e pronto a passare a lui, tradendo i suoi elettori: il senatore Grillo, appunto, che da allora deve essere ricompensato – anche a spese dei piccoli risparmiatori della Banca di Fiorani, evidentemente.

Giovanni Perillo 18.01.06 15:41| 
 |
Rispondi al commento

b)

Si può patteggiare, in UK per l'82% , in USA per il 95%, ma in questo caso non c'è appello e la sentenza diventa subito esecutiva.
In UK il giudice vieta proprio l'appello (64% dei casi) quando il reo è confesso, o la richiesta è pretestuosa, o a esito improbabile, ma ci si può opporre
In USA c'è la giuria popolare. Se non esprime una maggioranza, il giudice può chiedere un nuovo processo. Chi è giudicato innocente non può essere processato per lo stesso reato, a meno di palese errore giudiziario o procedurale e se uno fa appello, la pena di solito è maggiorata. Dopo l'appello si può ricorrere alla Corte Suprema dello stato e dopo ancora alla Corte Suprema degli Stati uniti, ma solo per questioni di carattere generale o molto importanti.

In Italia invece la sentenza non diventa esecutiva subito, l'imputato resta libero, la sentenza può essere impugnata fino al 3° grado e l'imputato eccellente resta sempre libero anche dopo il 3° grado (vedi i 19 parlamentari della Cdl). Non si e' mai visto un politico in carcere e con tangentopoli in carcere finirono solo due (!) imputati, uno fu Cusani condannato a 8 anni e che ne fece 4.
In Italia ci si appella per perdere tempo, per trovare giudici migliori o arrivare alla prescrizione, tutto dipende dalla bravura degli avvocati. Se sei povero in carcere ci vai subito. Se sei ricco mai


viviana vivarelli 18.01.06 15:41| 
 |
Rispondi al commento

a)
Fare confronti col sistema processuale americano o inglese è assurdo.

Il sistema anglosassone è diverso dal nostro

In UK (Regno Unito) le impugnazioni sono scarse e limitate.
Il sistema è accusatorio, le prove sono portate davanti a un giudice-arbitro, che le valuta con regole precise, a richiesta delle parti e in un contraddittorio tra avvocato della difesa e avvocato dell'accusa.
(Da noi invece il sistema penale è un misto tra sistema inquisitorio e nuovo garantismo. Il reato penale è considerato atto contro lo stato, perseguito obbligatoriamente dal PM , il quale rappresenta lo stato, e il giudice deve accertare i fatti anche senza richiesta delle parti)
Altrove si distingue il giudizio di colpevolezza (giudici laici-giuria) dal giudizio di diritto (giudice togato). Esiste il reato di offesa alla corte. Solo il 10% delle sentenze chiede appello e non si rivede tutto, bensì si rimedia a manchevolezze, errori di procedura o del diritto; l'errore giudiziario è recente
(Da noi, in appello, un nuovo giudice rivede l'intero processo esaminandolo "dalle carte", a meno che non sia chiesta la rivisitazione di una prova, vd Cogne)
Là la condanna è esecutiva subito, il condannato va subito in carcere. Fare appello non conviene perché di solito si rischia una pena più grave. Si è incarcerati già prima della sentenza e spesso il carcere fatto non si deduce dalla pena. E' ovvio che chi non ha pene gravissime l'appello non lo fa proprio perché ci rimetterebbe. L'errore giudiziario è una fattispecie recente (97) che prevede la revisione del processo

(segue)

viviana vivarelli 18.01.06 15:34| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe abbiamo dei seri problemi con la telecom che ogni bimestre ci attiva servizi non richiesti e ci addebita traffico non a noi addebitabile (abbiamo la preselezione con albacom). Ogni bimestre paghiamo le fatture parzialmente e puntualmente la telecom ci stacca le linee causandoci dei danni gravissimi (ultimo stacco oggi). Abbiamo scritto più volte al garante delle telecomunicazioni senza mai aver ottenuto nulla. Siamo andati al corecom per la conciliazione preliminare (una bufala ulteriore per scoraggiare i consumatori) ed ora nonostante siano due giorni che cerco sulla rete un avvocato per poter fare causa a telecom non riesco a trovarlo. Ti prego di aiutarmi in qualche modo e di aiutare tutte le persone, e sono centinaia di migliaia, su cui la telecom si arricchisce con questi giochetti. Ti posso assicurare che nonostante mi sia impegnato a far cessare il tutto e a far causa alla telecom mi è risultato difficilissimo . . . . mi immagino tutti gli altri che magari non hanno le stesse mie possibilità!! Grazie 1000 per il tuo aiuto.

Damiano

DAMIANO GALBIATI 18.01.06 14:57| 
 |
Rispondi al commento

...e PER CERCARE DI EVITARE CHE LE SUE NEFANDEZZE SIANO ABOLITE DAL PROSSIMO GOVERNO , HA MODIFICATO LA LEGGE ELETTORALE CHE GLI CONSENTIRA' DI OSTACOLARE IL PIU' POSSIBILE OGNI TENTATIVO DI MODIFICA OD ELIMINAZIONE DELLE SUE LEGGI.

Ma il programma del cx per il primo anno è proprio l'abolizione degli obbrobri berlusconiani
ed il ripristino della legalità assassinata da un governo inetto.

basoli giovanni 18.01.06 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Non pago di aver prodotto la ruina della Costituzione, di aver asservito la Magistratura, che era uno dei 3 poteri autonomi dello stato, separando le carriere e mettendole alla sua merce', di aver scempiato il codice penale... ora l'iniquo Castelli, non sapendo com'altro azzoppare il diritto, vuol subordinare la Corte di Cassazione a un organo esterno alla Magistratura (si immagina da lui gestito)
Non gli basta averne ridotto i poteri al solo processo formale, assolvendo i colpevoli in 1° istanza, non si sente certo dell'impunità e teme, comunque, che qualche reo non ce la faccia a scansare la sua pena.
Poiché egli fa parte di una banda che ha in odio la Costituzione, la Repubblica e l'Italia, nessuna meraviglia di tale accanimento. Un nemico della patria non potrebbe fare peggio!
Assolti i colpevoli con successive liberatorie e bloccati i magistrati con progressive tagliole, resta l'assoluzione delle leggi visto che quelle votate da questa maggioranza su imposizione di uno solo rischierebbero il capestro in un paese normale
Ma come si può sperare in un controllo sulle leggi quando B impone che, su 15 componenti della Corte, 11 siano espressi dalla politica e solo 4 dalla magistratura?
La funzione della Corte Costituz. è politica ma nello stesso tempo non appartiene alla politica. Protegge la democrazia da un regime della maggioranza
'Repubblica' viene da 'res publica', che ha sempre significato 'bene di tutti'.
Ci sono cose che non appartengono a qualcuno ma sono di tutti come le libertà fondamentali. Su queste non si vota, esse sono sottratte all'arbitrio di chicchessia. Ora siamo al rischio di modifiche a colpi di una maggioranza che è il clone di uno spregiudicato che del diritto se ne sbatte. La Corte Costituzionale era li' per questo. Ora essa è come quelle tonsille che, essendo marce, non fanno più alcuna vigilanza e dovrebbero essere estirpate.
Così, priva delle sue difese, la democrazia diventa autocrazia, imperio di poteri irresponsabili e rei

viviana vivarelli 18.01.06 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Il presidente bugiardo!
3 MENZOGNE IN POCHE ORE. TANTO GLI ITALIANI NON CAPISCONO UN TUBO.

Prima bugia: il premier, smentito in diretta dall’ex presidente della Consob Luigi Spaventa, afferma: «Avere rapporti da parte di esponenti politici della sinistra con Generali, mentre è in corso un'Opa non è solo disdicevole. È proibito dalla legge». Si cerca ancora una legge che impedisse a Prodi, Rutelli, D’Alema e Fassino di incontrare il presidente delle Assicurazione Generali Antoine Bernheim.

Seconda bugia: il premier, sollecitato da una domanda di Giovanni Floris sui suoi incontri con il magnate televisivo Murdoch, mentre è ancora aperta la questione dei diritti Tv del calcio, replica: «Non diciamo sciocchezze. Cosa c'entra Murdoch ed i diritti del calcio con questa vicenda? Qua siamo di fronte ad un enorme conflitto di interessi fra la sinistra ed il mondo delle cooperative». Qualcuno potrebbe chiedergli chi sia il proprietario di Sky?

Terza bugia: smentito in diretta dal sondaggista Nando Pagnoncelli (il quale cita i briefing con le altre società che lavorano per palazzo Chigi) il premier sostiene che lo svantaggio della Cdl rispetto all’Unione non è del 6%, ma dell’1,3%. E ha promesso che il suo sondaggio verrà pubblicato entro oggi, mercoledì 18 gennaio.

PROSSIMA STAZIONE !!!!!!CENTROSINISTRA!!

basoli giovanni 18.01.06 13:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Forse non è tanto chiaro che un processo è un pò diverso da una partita di calcio... vorrei vedere se tu ti trovassi a dover dimostrare la tua innocenza non una ma tre volte. Potrebbe significare spendere metà della tua vita in un tribunale magari a causa di qualche testimone fantasioso (e magari debitamente stimolato da qualcuno ad esserlo)...

Ma ovviamente mi scuso, volevo dire: sono tutti ladri, rovinano il paese, MALEDETTI! Ecco ora mi sono uniformato al tono del blog.

Federico Tomassetti 18.01.06 13:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prendiamo ad esempio l'attuale polemica sulla giustizia. Io, come cittadino italiano mi sento sinceramente più tutelato dall'attuale legge sul legittimo sospetto o quella sulle rogatorie, per fare gli esempi più eclatanti. Del resto, quando sono state approvate, non mi è parso di avr mai sentito una critica nel merito delle leggi ma solo sul metodo utilizzato per la loro approvazione (metodo, questo sì, francamente censurabile). L'intera sinistra aveva prospettato una giustizia bloccata dalle innumerevoli richieste di spostamento dei processi, tra i quali quello a Previti, o la scarcerazione di centinaia di pedofili, trafficanti di droga e quant'altro in virtù della legge sulle rogatorie internazionali. E' successo? Non mi sembra. O perlomeno non ne abbiamo notizia. Puoi illuminarci tu, caro Beppe, sempre così aggiornato sui dati? Perchè mi viene il sospetto che gran parte della stampa, certo non filogovernativa, abbia difficoltà ad ammettere che la campagna terroristica effettuata allora era una vera bufala e ora, passata la sfuriata iniziale, ci ritroviamo con due leggi sicuramente garantiste e a tutela del cittadino. E la legge Pecorella? Pensate veramente che un giudice di secondo grado possa condannare un imputato senza un ragionevole dubbio dopo che in prima istanza un suo collega l'aveva assolto? Non credo. Un conto è l'eventuale riapertura di un processo sulla base di nuove prove o risconti, cosa sacrosanta, un'altra è emettere un giudizio di colpevolezza sulla scorta delle stesse prove.
Il vero problema è Berlusconi: finchè in Italia avremo un premier inquisito ci sarà sempre il sospetto che le leggi approvate dal Parlamento, ancorché giuste, siano fatte "ad personam". Berlusconi dovrebbe finalmente andarsene e sgombrare il campo dai sospetti. Così finalmente si potrà ricominciare a parlare del merito delle questioni e la sinistra potrà riappropriarsi di quel garantismo che gli è proprio e che ha inopinatamente abbandonato per combattere il Cavaliere.

andrea tinti 18.01.06 11:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi prego, cari blogger: abbiate la pazienza di leggere e, se volete, commentare!

Premetto, a scanso di equivoci, che non ho mai votato ne mai voterò Berlusconi, per un numero infinito di motivi che non sto qui ad elencare. Però ... Però, caro Grillo, benché segua da poco, anche se con interesse, il tuo blog, avrei purtroppo alcune critiche da rivolgere a te e ai tuoi interlocutori.
Molti post mi sembrano eccessivamente demagogici e i relativi commenti troppo allineati. Mai una voce fuori dal coro, mai una critica, se non rare lodevoli eccezioni. Non c'è vera discussione: la gran parte dei blogger la pensa sempre come te su tutti gli argomenti, dalla politica all'energia alla giustizia, e questo è un po' sospetto non credi? Forse non sono poi così "liberi pensatori" come si dichiarano ma viceversa rappresentano l'immagine speculare dei loro avversari di destra, cioè persone condizionabili da chiunque li prenda per mano o racconti loro una bella favola, sia esso Grillo o Berlusconi.
Il target del blog è troppo omogeneo e quindi è facile scrivere dei post che sicuramente riscuoteranno grande successo e approvazione: i commenti sono pieni di elogi nei tuoi confronti perchè in fondo rappresentano degli autoelogi indiretti di se stessi, in quanto allineati con il tuo pensiero; e poi grondano di vittimismo e autocommiserazione decisamente insopportabili, soprattutto se associati ad un'acredine cieca verso l'attuale governo "senza se e senza ma" francamente un po' qualunquista.
I caratteri stanno finendo. Continuerò il discorso con un altro commento.


andrea tinti 18.01.06 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Puo' esistere una giustizia differenziata?
Una giustizia per classi o categorie o gruppi o poteri o ceti o etnie o correnti o generi?
Quella non sara' mai giustizia!

..

Giustizia:
Virtu' morale per cui si osserva in se' e negli altri il dovere e il diritto.

Costante e perpetua volonta' di riconoscere a ciascuno cio' che gli e'dovuto,

La giustizia riposa su tre criteri:

IMPARZIALITA', TRASPARENZA ED EQUITA'

MA essi non hanno alcuna sostanza se non hanno a loro fondamento

L'UGUAGLIANZA.

viviana vivarelli 18.01.06 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Puo' esistere una giustizia differenziata?
Una giustizia per classi o categorie o gruppi o poteri o certi o etnie o correnti o generi?
Quella non sara' mai giustizia!

..

Giustizia:
Virtu' morale per cui si osserva in se' e negli altri il dovere e il diritto.

Costante e perpetua volonta' di riconoscere a ciascuno cio' che gli e'dovuto,

La giustizia riposa su tre criteri:

IMPARZIALITA', TRASPARENZA ED EQUITA'

MA essi non hanno alcuna sostanza se non hanno a loro fondamento

L'UGUAGLIANZA.

viviana vivarelli 18.01.06 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ti stimo molto ma, su questo argomento, hai preso una cantonata. Il motivo è semplice, questo costringerà i P.M. a richiedere il processo quando ritiene effettivamente di avere delle prove incofuttabili per la condanna. Oggi invece anche con prove di modesta entità si va al processo perche? "perche il più delle volte le prove si cercano direttamente nel processo piuttosto che con indagini efficaci. Per me è giusto !! Se un P.M. decide che un cittadino deve essere posto sotto processo e bene che abbia prove certe e non intuizioni o ..... Anche perchè oggi .... molto spesso in un processo e il cittadino che deve dimmostrare di essere innocente piuttosto che il PM che deve dimmostrare che è colpevole !!!
Un saluto.

Realberto Roba 18.01.06 11:09| 
 |
Rispondi al commento

La calunnia e' un venticello...

...e cosi' il guitto telefona a Ballaro' per dire:
"Hanno chiamato me in procura tante volte... che MI VOLEVO TOGLIERE UNA SODDISFAZIONE !!"
..

Vi ricordate la barzelletta di B che e' senza voce, e dopo mille inutili dottori, disperato, viene a sapere che solo un grande dottorone napoletano puo' guarirlo.
Vola subito a Napoli col suo areo personale e un dottore serissimo lo visita e gli dice: "Per tre giorni prenda queste pillole rosse e si spalmi la faccia di merda."
B allibisce e protesta, ma l'altro non transige e assicura che solo cosi' la voce tornera'.
B esegue la strana cura, prende le pillole e si spalma la faccia di merda per tre giorni, e... miracolo! la voce ritorna.
Grato e riconoscente, riprende l'aereo personale e rivola a Napoli per ringraziare il bravissimo dottore e gli chiede:
"Mi dica, dottore, ma che c'era in quelle pillole rosse?"
"Vitamine, ribes e altre erbe per la gola"

".. e la merda?"

" ..'nu sfizio!"
..

(Ora la merda la vediamo. Ma e' sicuro che la stia spalmando proprio sugli altri?)

viviana vivarelli 18.01.06 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Ieri a Ballarò il premier al teelfono ha detto che è andato dai PM romani per togliersi unosfizo e per vedere cosa si rpova ad essere testimone (parole sue credetemi). A parte il fatto che agli elettori indecisi non gliene frega niente di queste cose ma lo stesso premier rischia grosso. Infatti, ritenendo che Berlusconi abbia mentito ed invece avrebbe fatto delle dichiarazioni penalmente rilevanti ai PM (cosa plausibile visto che sono stati chiamati in procura come persona infomate sui fatti il presidente delle generali e il sig.Valori) se dai riscontri che ne seguiranno i PM accerteranno che ciò che ha detto non era vero accusando delle persone di fatti inesistenti scatterà in automatico l'avviso di garanzia e l'indagine d'uffico per calunnia.
percui caro premier se avvi in parte ragione sull'avviso che ti notificarano a Napoli a stò giro non te la prendere se eventualmente ti notificheranno un avviso di garanzia..te la sei proprio cercata.

Vincenzo Curcio 18.01.06 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Riprendo e concludo la riflessione cominciata nel post precedente. Ora, prova, Caro Beppe, a pensare per un momento a provvedimenti come la legge Pecorella, la ex Cirielli (esclusa, naturalmente, la inqualificabile parte punitiva sulla recidiva, ridicolo contrappeso alla prima parte, quella relativa ai tempi di prescrizione) e alla discussione sulla separazioni delle carriere dei magistrati. Non penseresti che in un Paese privato di Berlusconi e della marmaglia che da 50 anni ci portiamo dietro (di cui peraltro Silvio nostro è figlio legittimo), leggi che impediscano all'accusa (cui, non dimentichiamolo, spetta l'onere della prova a fronte di un cittadino che, fino a prova contraria, è da considerarsi innocente) di ricorrere contro una sentenza contraria siano semplicemente una garanzia in più per tutti coloro che un domani potrebbero trovarsi nella scomoda posizione di indagati? E non penseresti altresì che sarebbe diritto di un imputato sapere esattamente quanto durerà il suo processo? Io spero di potermi spingere a presumere che sì, lo penseresti. A mio modestissimo avviso, dunque, bisognerebbe che l'opposizione e la società civile, la cui opinione tu, Beppe, così bene testimoni, non si limitassero a sbraitare e berciare sui vulnus alla giustizia, ma mettessero il dito laddove davvero c'è la piaga. Bisognerebbe cioè che facessero proprie le istanze garantiste di leggi come queste (difendendone quello che dovrebbe esserne lo spirito autentico) denunciando però nel contempo la squallida strumentalizzazione che di un principio alto come quello di garanzia questa maggioranza di governo fa da ormai troppo tempo. Se non è chiederti troppo, mi piacerebbe che tu tornassi sull'argomento, che a mio modo di vedere potrebbe essere molto ben speso in campagna elettorale. Un caro saluto a te e a tutti i lettori/scrittori del blog

Paolo Pizzato 18.01.06 10:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, premesso che seguo il tuo blog, che ti stimo e che spesso mi trovo d'accordo con quanto scrivi, approfitto della possibilità di intervenire in questa discussione per prendere in qualche modo le distanze da questa tua denuncia. Non vorrei però che il mio pensiero venisse frainteso, per cui mi sforzerò di essere il più chiaro possibile. È da gran tempo che la giustizia in Italia versa in uno stato miserando: ci sono processi che durano anni (spesso decenni), persiste il sistema dell'obbligatorietà dell'azione penale, che costringe i magistrati a considerare notizia di reato ogni segnalazione dei cittadini, spesso si è costretti ad assistere a spettacoli che fanno inorridire anche il più ingenuo partigiano dello stato di diritto, come ad esempio processi indiziari (lo è stato quello a Scattone e Ferraro per l'omicidio Marta Russo), o carcerazioni preventive protratte per anni (caso Bruno Contrada). In una parola, mi riesce difficile considerare il nostro sistema giudiziario come garantista nei confronti del cittadino. Su questa base mi sento di dire che, in linea di massima, provvedimenti a garanzia dell'imputato (quale che sia) dovrebbero essere i benvenuti. Qui però sorge il problema. E il problema è che, più o meno dal dopoguerra ad oggi, la nostra classe dirigente non si è comportata in modo, diciamo così, specchiato. Il nostro, si sa fin troppo bene, è Paese di corruzioni estese, di clientele, di favoritismi, di ogni sorta di bassezze; di tutto questo schifo la politica rappresenta in qualche modo il vertice. E siccome è la politica, intesa nel senso più ampio e nobile di rappresentanza, che dovrebbe legiferare per il Paese, eccoci di fronte al paradosso per cui i rappresentanti se ne fregano dei rappresentati e, pro domo loro, nascondono dietro la foglia di fico di un garantismo, che se correttamente (cioè onestamente) considerato dovrebbe essere sacrosanto, l'adozione di provvedimenti che non possono non essere letti come vergognosamente strumentali

Paolo Pizzato 18.01.06 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
volevo portare la mia esperienza personale al riguardo del fantomatico poliziotto di quartiere tanto sbandierato dal nostro dipendente Pisanu e dal nano portatore di verità giudiziarie: l'altra sera ero in centro a Firenze con la macchina e ho avuto una discussione con un altro automobilista il quale, alla prima occasione utile, è sceso di macchina e mi ha aggredito colpendo ripetutamente il finistrino lato guida della mia macchina e stacacndomi di netto la maniglia della portiere, il tutto dopo un inseguimento di alcuni minuti per le strade del centro di Firenze. A parte il fatto che al semaforo dove è successo il fatto c'erano una quindicina di persone fuori da un ristorante e nessuna di queste si è sentita in obbilgo di tentare di fermare questo pazzo, nella mia ricerca di aiuto non ho trovato nè vigili, nè polizia, nè carabinieri, nè tanto meno il poliziotto di quartiere. Io vorrei fare due appelli: uno rivolto ai nostri dipendenti ed uno ai miei concittadini. Cari dipendenti futuri siate voi di centrodestra (sigh!) o di centrosinistra: vivete lo stato e le città che vi danno lavoro così potrete, forse, caprire quali sono i reali problemi dei vostri datori di lavoro. Cari concittadini siate voi fiorentini o di altra città: quando vedrete una persona in difficoltà non voltate lo sguardo altrove, è aiutandosi l'uno con l'altro che possiamo risolvere i problemi che assillano questo paese, partendo dai più piccoli per una sicura e serena convivenza nelle nostre città. SAluti a tutti.

Massimiliano Tognetti 18.01.06 09:40| 
 |
Rispondi al commento

caro "Pasquale Pasqualetti", quando pensi queste cavolate lo fa con il tuo nome e con questo pseudonimo a dir poco "simpatico". Perchè chi scarica è amico di Berlusconi, forse perchè la cultura è solo di sinistra e, quindi, scaricando si fa danno alla sinistra e ai suoi " legittimi introiti" che derivano dalla superiorità culturale dettata dalla semplice appartenebza ad un area politica? ma per cortesia.

nadolia serra 18.01.06 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Vergognoso!!!!!!! Ma la sinistra che fa? Continua a farsi trascinare dalle RIVELAZIONI di Berlusconi ai giudici!!!!!! Che la cosa possa far comodo anche a loro? Perchè non passare al contrattacco su temi reali e non solamente sui propri casini etico-politici.....

Pinuccio Cannas 18.01.06 09:34| 
 |
Rispondi al commento

VERGOGNOSO
Come tutte le altre leggi fatte scrivere da Berlusconi per salvare se stesso dalle condanne e per arricchirsi.
Berlusconi, Dell'Utri, Previti e Mangano saranno comunque giudicati dalla storia.

Andrea Ballabeni 18.01.06 05:41| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo che in tribunale evitiamo di doverci andare e festa finita? :P ehe

Roberto Bandini 17.01.06 22:52| 
 |
Rispondi al commento

scusate ma mi son perso un pezzo...

"- aumento della durata, già vergognosa, dei processi"

come si spiega questo aumento?
sorry sono ignorante in materia...
grazie.

Stefano "akiro" Meraviglia 17.01.06 22:41| 
 |
Rispondi al commento

!!!!!!!!!!!!ATTENZIONE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

CHI SCARICA CON EMULE, WINMX O CON ALTRI PROGRAMMI P2P ALTRO NON E' CHE UN AMICO DI BERLUSCONI!!!!!!!!!!!!!!

!!!!!!!!PERCHE' NON PAGA!!!!!!!!!!!!!!!

ANGELO MALLARDI Commentatore in marcia al V2day 17.01.06 22:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come al solito una legge vergognosa a dire poco, ma l'opposizione dov'è? Quando ai tempi dell'altro governo del cipria ci fu qualcosa che non ricordo bene (c'entrava comunque la giustizia....) ci fu la "sollevazione" dei fax, ora nulla! Qui si deve convocare una, cento conferenze stampa invitando in particolare giornalisti stranieri (americani e inglesi in testa) ed elencare le malefatte di questo governo: voglio vedere cosa direbbe il cipria! Se invece questi pensano al...partito unico..beh ho quasi l'impressione che le prossime elezioni le vogliono perdere. Sveglia politici di professione dell'opposizione, tirate fuori gli attributi e rispondete "colpo su colpo" alle strozate che sparano a turno il cipria ed trio bondi-schifani-cicchitto!

camillo forcella 17.01.06 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Che vergogna... e pensare che c'è qualcuno che è convinto della loro voglia di fare bene!
Per fortuna che tra poco il parlamento dovrà chiudere per le elezioni... a meno che non facciano una legge per tenerlo aperto fino al giorno prima (non si sa mai).

Vera Dalla Via 17.01.06 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!!
scusami se ti do del tu.
Tecnico Alitalia alla manutenzione motori da circa 5 anni e sconvolto dal comportamanto tenuto dalla azienda che onororerò fino alla fine.
Ti scrivo a seguito della arrogante e strumentale precettazione del MInistro Lunardi che ci ordina il differimento dello sciopero del prossimo 19 gennaio.
Siamo CONTRO lo smembramento del gruppo Alitalia,e CONTRO un grande silenzio da parte del Governo che permette all'Amm.delegato G.Cimoli di non condermare tutti gli accordi sottoscritti in sede aziendale e a Palazzo Chigi.
stiamo tentando spavaldamente di rilanciare tutte le ragioni dei tecnici del gruppo Alitalia nei confronti delle istituzioni e dell'opinione pubblica,che come ben tu sai è anche "un pò" corrotta.
Siamo in 20.000 tutti in.........volati e con la bocca chiusa,pronti a scoppiare in qualcosa di molto eclatante.
Aiutaci se puoi come sai fare tu.
Ciao a presto
Vienici a trovare ti aspettiamo tutti uniti con la nostra umile speranza.

Marco Serra 17.01.06 21:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SOGLIOLE IN TV

Grillo ha centrato il segno.
Ha centrato soprattutto la similitudine.
Pensate se, durante il campionato di calcio, si decidesse:"gli arbitri non possono più fischiare i rigori."...secondo voi cosa accadrebbe?
Se ne parlerebbe per giorni e giorni su giornali, telegiornali, riviste sportive e saremmo soffocati dalle polemiche calcistiche. Beh, con la legge pecorella è successa una cosa simile. Con la piccola variante che di tutto questo non ne sapeva nulla nessuno(a parte, chiaramente, i diretti interessati quali PM e indagati).
Ma perchè nessuno ne ha parlato?!Perchè i telegiornali non ne hanno fatto cenno?!Perchè nessuna trasmissione televisiva si è occupata del fatto?!
Mi consolo sapendo che dalle 8:00 del mattino alle nove di sera, accendendo il televisore c'è sempre qualcuno che mi insegna a fare la sogliola bollita! Beh,sappiamo bene che il governo controlla, ormai da tanto tempo, tutti i mezzi di comuncazione, con particolare effetto sulla televisione. Non è quindi una sorpresa il fatto che si sia preferito tacere di una legge che limita ancora di più i poteri dei PM. Magari Berlusconi, scontento del fatto di avere ridotto i tempi di prescrizione dei processi da un massimo di 12 a un minimo di 4anni, ha deciso di impegnarsi un pò di più stavolta, per limitare i poteri giudiziari. MA la domanda resta sempre quella: perchè non ne sapeva nulla nessuno?
Se i PM hanno manifestato perché non ce lo hanno detto?Ancora una volta i mezzi d comunicazione risultano essere troppo controllati da coloro che gli forniscono gli stanziamenti pubblici annuali.La cultura si è fermata ed io non riesco a trovare un programma televisivo che mi dimostri il contrario.
Non so se ve ne siete accorti ma in TV si vedono solo programmi culinari.Allora mi chiedo:visto che Forza Italia perde sempre più consensi...NON E' CHE VOGLIONO PRENDERCI PER LA GOLA?!
Forse l’informazione e la televisione di oggi fanno schifo,ma che volete...la sogliola mi viene una meraviglia!

marco salici 17.01.06 21:10| 
 |
Rispondi al commento

Il centrodestra con in testa il presidente Berlusconi afferma che la “DIVERSITA’ ” dei DS sulla questione morale non esiste più per via dei fatti Unipol-Bnl. Per lui siamo quindi, moralmente uguali.
Ma se dice che i DS non sono “diversi” perché e hanno fatto affari con la politica, è implicito che lui ammette di averne fatto proprio perché si sente “uguale” ai DS. Di conseguenza, quando afferma di non aver mai fatto affari con la politica è pure bugiardo.

E’ chiaro che sopratutto in campagna elettorale uno schieramento non corrotto come avversario politico dà molto fastidio e pur di infangarlo, Berlusconi si tuffa anche nella merda.

Cerca in ogni modo di creare un clima di rissa mediatica per distrarre gli Italiani dalle sue manchevolezze. In particolare non si deve ricordare il famoso “contratto” di porta a porta assolutamente disatteso e le tantissime leggi ad personam fatte su misura per lui ed i suoi complici di corrutele.
Per Berlusconi bisogna dimenticare che abbiamo i nostri soldati in Iraq grazie anche alle bufale fatte ad arte dai nostri servizi segreti.
Non si parla dei regali fatti alla Chiesa Cattolica con l’ ICI, con i 30.000 sacerdoti assunti in ruolo nella scuola senza concorso e con decisione unilaterale dei vescovi, dei finanziamenti alle scuole private a danno di quelle pubbliche, dei condoni fiscali e contributivi che hanno creato gravi buchi di bilancio, degli attacchi alla magistratura considerata un covo di comunisti eredi di Stalin che necessitano di ispettori per fare il loro dovere, delle giustificazioni all’evasione fiscale, dei mancati controlli sui prezzi in occasione del cambio di moneta, della legge sulle pensioni che ha allungato indiscriminatamente il periodo lavorativo a 40 anni di contributi o 65 anni di età prescindendo dal tipo di lavoro svolto, della cosiddetta devolution che renderà i cittadini italiani diversi sulla sanità, e sui servizi. MA IL NANO E' ALLA FRUTTA.
PROSSIMA STAZIONE..CENTROSINISTRA

basoli giovanni 17.01.06 20:40| 
 |
Rispondi al commento

PER ALESSANDRO ROSSI.

CONDIVIDO IN PIENO ED AGGIUNGO CHE NON BASTEREBBE LO SPAZIO A DISPOSIZIONE PER FARE L'ELENCO DELLE NEFANDEZZE FATTE IN 5 ANNI DA QUESTO GOVERNO AD ESCLUSIVO INTERESSE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI E DELLA SUA BANDA.

PROSSIMA STAZIONE!!!!!!!!!!CENTROSINISTRA!

basoli giovanni 17.01.06 20:29| 
 |
Rispondi al commento

sono dei fuorilegge! è vergognoso. ma l'opposizione dove sta? a litigare per il partito democratico?
wake up!

Davide Seccia 17.01.06 20:08| 
 |
Rispondi al commento

si può fare una sola cosa: trombarsi la veronica ...trombarsi la natalia...trombarsi marcello...trombarsi umberto...e cacciare definitivamente il nano cementificatore... no tav no pont no capitalisti senza capitali

piero bartorelli 17.01.06 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Ci mancava la legge Pecorella...
se dopo le elezioni me lo ritrovo come Presidente della Commissione Giustizia,chiedo asilo politico alla Francia...i ns. dipendenti all'opposizione, dovrebbero incatenarsi a turno davanti al Quirinale, e far intervenire tutte le televisioni del mondo... è vergognoso!!!
Marco Oliva

Marco Oliva 17.01.06 19:38| 
 |
Rispondi al commento

rettifica post precedente.

volevo dire
come può sussistere in appello la certezza della colpevolezza (e non della pena come ho scritto prima) dell'imputato in caso di sua assoluzione in primo grado.

I giudici devono dimostrare la colpevolezza dell'imputato, mentre l'imputato deve dimostrare la propria innocenza.
Questo può giustificare uno squilibrio tra accusa e difesa.

Lorenzo Picciafuoco Commentatore in marcia al V2day 17.01.06 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,su questo non sono d'accordo!!!!
Se vale il principio in base al quale l'imputato è colpevole solo se c'è la certezza della colpevolezza.
Come può sussistere la certezza della pena in appello quando in primo grado si è stabilito che l'imputato non è colpevole?

Beppe Grillo Premier

Lorenzo Picciafuoco Commentatore in marcia al V2day 17.01.06 19:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per Lauro Gargiulo.

Mi sa che lei non ha capito com'è situazione in Italia.Che la colpa sia del ministro della giustizia (i fondi per la giustizia sono sempre più risicati)non c'è dubbio, ma sui giudici no: cosa vuole che facciano: i giudici sono ampiamente sotto organico, non hanno mezzi informatici perchè il ministero non li acquista, a volte fanno le collette persino per comprarsi la carta, il personale ausiliario è al lumicino (segretari ecc.), gli archivi sono un ammasso cartaceo impressionante che i pochi archivisti non riescono a gestire: in queste condizioni i magistrati devono seguire le indagini (che vuol dire inteerrogatori, sopralluoghi, autorizzazioni per intercettazioni, le rogatorie internazionali che il governo ha voluto rendere complicatissime ecc.)e devono seguire milioni di cause penali. E non parliamo del civile: solo per il fatto che in italia non si possono fare cause collettive abbiamo migliaia di posizioni giudiziarie in più depositate (ma lo chieda a Castelli perchè una norma di sensata civiltà giuridica non viene nemmeno proposta). Strapagati? non più (anzi direi mediamente meno)di un qualsiasi dirigente pubblico di 9° o 10° livello delle amministrazioni locali e dei ministeri, che spesso si sono solo dei "piazzati di partito" poco o nulla facenti. Deve studiare di più la materia ed approfondire i veri problemi della giustizia e studiarsi un po meglio le leggi che questo governo e questa maggioranza di pluriinquisiti ha approvato per limitarne la capacità di azione e di funzionamento, a tutto vantaggio dei delinquenti (legge rogatorie internazionali, legge ex Cirielli, legge Pecorella ecc.).Se poi ci mettiamo anche lo scudo fiscale per gli evasori, la sanatoria edilizia, la depenalizzazione del falso in bilancio (unico paese al mondo!!)e poi .... ma sono così tante che sfuggono alla memori aiutatemi, bene vediamo un governo e un parlamento che è molto impegnato ad impedire che la giustizia funzioni e i delinquenti la facciano franca.

Alessandro Rossi 17.01.06 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici, questa volta devo proprio dire che, leggendo i vostri commenti, per dirla con Camilleri e Montalbano, me la sono proprio scialata!
Vorrei ringraziare in particolare Marco Salici, Vincenzo Catanese, Giancarlo Barbarisi e le due mucche, Giovanni Basoli e l'immancabile Viviana Vivarelli (che ragazza! Forse perché sono quasi sempre d'accordo con lei, ma penso che scriva da dea!)
Ne dimentico tanti altri, che hanno scritto cose giuste e condivisibili.

Vorrei dire solo una cosa: non ve la prendete con Berlusconi perché è basso e pelato, sono le uniche cose che non sono colpa sua. Pensate piuttosto alle sue colpe vere, per le quali non bastano 2000 caratteri.
Un cordiale saluto a tutti, anche a chi la pensa diversamente.

Lucio Bilancini 17.01.06 18:57| 
 |
Rispondi al commento

CHE SCHIFO....HO IL VOMITO
Beppe portaci in piazza, anzi già ci trovi ma fatti vedere ti aspetteremo con dei forconi rubati ai contadini leghisti perchè noi non abbiamo più i soldi per comprarli.... appendiamo un pò di gente in piazzale Loreto e per un paio d'anni stiamo tranquilli....poi si vedrà, io personalmente non c'è la faccio più sono talmente frustrato che mi tolgo dal blog, non voglio saperne più niente...OGNI TANTO PUOI FARCI ANCORA RIDERE, SCRIVICI UNA BATTUTA.... mi metto in un angolo di spalle e aspetto la sciabolata del boia....oppure.... oppure divento io il boia e faccio della giustizia contado-proletaria e chi c'ho davanti lo falcio, atteggiamento che non mi appartiene, non è da me comportarmi così, io rispetto tutti/e, sono piene di pazienza e di buona volontà....PERO' NE HO PIENI I C.....I BASTA BASTA BASTA. FINO A CHE PUNTO POSSIAMO TOLLERARE.
vasellina-finita, preparazione H-finita, soldi-finiti, una canna per rilassarmi- rischi la galera, rimangono solo tonnellate di psicofarmaci ,eroina e le cazzate da cerebroleso in TV. BASTA BASTA BASTA
ora sto meglio... scusate

nestor makno 17.01.06 18:50| 
 |
Rispondi al commento

leggete cosa ha riferito alla camera il ministro (?!?)Castellihttp://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/politica/rifogiust/castparla/castparla.html

NO COMMENT

Vincenzo Curcio 17.01.06 18:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per Lauro Gargiulo.

Mi sa che lei non ha capito com'è situazione in Italia.Che la colpa sia del ministro della giustizia (i fondi per la giustizia sono sempre più risicati)non c'è dubbio, ma sui giudici no: cosa vuole che facciano: i giudici sono ampiamente sotto organico, non hanno mezzi informatici perchè il ministero non li acquista, a volte fanno le collette persino per comprarsi la carta, il personale ausiliario è al lumicino (segretari ecc.), gli archivi sono un ammasso cartaceo impressionante che i pochi archivisti non riescono a gestire: in queste condizioni i magistrati devono seguire le indagini (che vuol dire inteerrogatori, sopralluoghi, autorizzazioni per intercettazioni, le rogatorie internazionali che il governo ha voluto rendere complicatissime ecc.)e devono seguire milioni di cause penali. E non parliamo del civile: solo per il fatto che in italia non si possono fare cause collettive abbiamo migliaia di posizioni giudiziarie in più depositate (ma lo chieda a Castelli perchè una norma di sensata civiltà giuridica non viene nemmeno proposta). Strapagati? non più (anzi direi mediamente meno)di un qualsiasi dirigente pubblico di 9° o 10° livello delle amministrazioni locali e dei ministeri, che spesso si sono solo dei "piazzati di partito" poco o nulla facenti. Deve studiare di più la materia ed approfondire i veri problemi della giustizia e studiarsi un po meglio le leggi che questo governo e questa maggioranza di pluriinquisiti ha approvato per limitarne la capacità di azione e di funzionamento, a tutto vantaggio dei delinquenti (legge rogatorie internazionali, legge ex Cirielli, legge Pecorella ecc.).Se poi ci mettiamo anche lo scudo fiscale per gli evasori, la sanatoria edilizia, la depenalizzazione del falso in bilancio (unico paese al mondo!!)e poi .... ma sono così tante che sfuggono alla memori aiutatemi, bene vediamo un governo e un parlamento che è molto impegnato ad impedire che la giustizia funzioni e i delinquenti la facciano franca.

Alessandro Rossi 17.01.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Oi boa tarde, non sono così sicuro che questa legge sia poi così sbagliata. In fondo la stessa cosa succede anche in altri paesi cmq per venire a noi il giudice che condanna lo deve fare con la formula "oltre ragionevole dubbio" ora dopo un'assoluzione il giudice di II° che condanna come fa a pronunciarla visto che un suo collega ha assolto l'imputato?Non avevo mai riflettuto su ciò ma effettivamente non ci stà.

dario galloni 17.01.06 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Più che un commento avrei una domanda: perchè il nano quando è chiamato a rispondere delle sue azioni in tribunale non lo vedono mai ed ora, che da una briciola può tirar fuori una pagnotta, in tribunale c'è corso senza neanche aspettare l'invito di persona "informata sui fatti"?

Nicola Budroni 17.01.06 18:15| 
 |
Rispondi al commento

La verità effettuale è che, in Italia, la maggior parte dei processi finisce in prescrizione. D'altra parte non è nemmeno giusto tenere sotto processo una persona per lunghissimo tempo, o "a vita". Di chi la colpa?
Del Ministero della Giustizia, cioè del potere politico, ma anche dei giudici che sono strapagati e non rendono conto del loro operato. Il vero scandalo è proprio questo: i processi non si fanno, reati anche gravi restano impuniti e chi, innocente o colpevole, finisce nelle maglie della giustizia, è fritto! Di fronte allo sfascio della Giustizia, preoccuparsi che il PM non possa proporre appello contro chi è assolto in 1° grado è una velleità.

Lauro Gargiulo 17.01.06 17:59| 
 |
Rispondi al commento

La cosa fa anche ridere se ci si pensa.

Un uomo onesto ha piacere di mostrare la sua onesta', ne e' orgoglioso come di una cosa bella.

Questi invece sono soddisfatti solo quando possono insinuare biecamente che gli avversari sono delinquenti come loro!

viviana vivarelli 17.01.06 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Se si parla di capi partito, intendiamoci, io non metto la mano sul fuoco per nessuno.
Di intrallazzi e malaffari e' piena la politica italiana.
Il potere di per se' corrompe e io credo che non si salvi nessuno.
Il migliore è quello che non ci guadagna in proprio ma tace sugli altri. E noi perciò siamo sempre ad aspettare il peggio.
Di rivelazioni di segrete santità in 60 anni di storia italiana non ne sono mai uscite, di ruberie e di corruzione sempre.
Per cui uno psirito critico alla fine vive con un rodìo permanente che gli impedisce ogni esaltazione esagerata.

Però due parole vorrei dirle sulla gente di sinistra.

Di blog e forum ne giro tanti, la situazione e' suppergiu' la stessa. A sinistra ideali e valori. A destra furberia ed egoismo. Sarà un caso?

A sinistra anche molta ingenuità: quando esce uno scandalo che appena 'sfiora' col sospetto un dirigente di partito, e' la disperazione, come se ne dipendesse il proprio onore, come si fosse infangato un familiare che rovina la faccia alla famiglia, la sofferenza è palese, intima, ideale.

A destra niente! Possono uscire prove certe e visibili anche ai ciechi di soperchierie, stronzate, atti criminali di B e soci, resta sempre lo stesso fanatismo ottuso e acefalo. Anzi, dirò di più, alcuni sono persino soddisfatti che ci sia un tale furbo.
Si fregano le mani. Si compiacciono. Il problema morale non li tocca! Non esiste proprio! L'unica cosa che gli interessa è insultare o aggredire come 'comunisti' o 'faziosi' gli altri! E pensare di vincere e far peggio.
La coscienza, se c'era, si è suicidata.

viviana vivarelli 17.01.06 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Pacato ragionamento del ministro delle Riforme.

«Siamo sempre dalla parte della famiglia che per noi è composta solo da uomini e donne ed esiste per creare. E poi, per dirla alla Tremaglia, questi culattoni hanno nauseato».


Roberto Calderoli, Agi 14 gennaio

basoli giovanni 17.01.06 16:51| 
 |
Rispondi al commento

La storpiatura che è stata fatta del codice penale per salvare uno solo e' talmente obbrobriosa che resto stravolta a sentire che qualcuno ecrca di rappezzarla!

Il programma di B è peggio che andar di notte

Al momento le strategie sono tre:

-accentrare su di sè ogni attenzione occupando tutti gli spazi tv, anche contro gli interessi dei soci della Cdl, per ripetere in ogni salsa per dritto e per rovescio che le malefatte passate sono invece realizzazioni stupende (e, visto che è per quelle che ha perso voti, sarà dura che elogiando le stesse cose per cui è respinto, quei voti li riprenda!)

-dare battaglia, a forza di visite in procura e di falsi scoop, accusando i Ds di reati senza prove, quegli stessi reati che lui ha eseguito molto meglio

-tendere con ogni sforzo a conquistare un potere monocratico dissolvendo la democrazia anche contro i suoi stessi sostenitori e bisogna vedere se ci stanno

Bel programmino davvero! Complimenti!

Intanto quelli della Cdl si danno un gran da fare per dimostrare che gli avversari sono corrotti quanto loro!
Proprio quello che ci voleva per creare un bell'entusiasmo elettorale!

Se non sbaglio, fallì gia' Craxi a cercare di salvarsi provando che erano tutti ladri! E non mi pare che la cosa gli portò un gran ricavo! Fu condannato come criminale e scappò in Tunisia. Morì da latitante con un mandato di cattura internazionale sulla testa.
Questo è piu' furbo, le leggi non le scansa, le elimina proprio! Ma alla fine sarà beccato come merita. Ha commesso talmente tanti reati che dovrebbe annientare tutto il codice penale per scansarlo
E i reati erano gli stessi di Craxi: ricettazione, concussione, collusione con la mafia, corruzione, evasione fiscale...

Francamente sono basita a vedere come nella ex Cirielli e nella legge Pecorella alcuni tentino disperatamente di trovarci qualcosa di buono.
E' come quando si dice che Mussolini faceva arrivare i treni in orario.
Ma sono in buona fede queste persone?

viviana vivarelli 17.01.06 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Hai scritto:"Il controllo del presidente sui vari mezzi di gestione della giustizia, dell'economia e dell'infomazione"
Ecco è questo il problema...se avessimo una classe giornalistica seria ciò non succederebbe!

Paolo Musacchio Commentatore in marcia al V2day 17.01.06 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Grillo ha centrato il segno.
Pensate se una rivoluzione del tipo:"l'arbitro non può decidere di dare rigore" fosse messa nel campionato di calcio...ci sarebbe tanta di quella confusione sui giornali, telegiornali, riviste settimanali e persino di cucina, che saremmo sommersi dalle proteste!
Beh, la stessa cosa è successa nella gestione dei processi da parte dei PM ma nessuno ne sapeva un benemerita mazza!...mi consola il fatto che in televisione, invece di dare certe informazioni o di occuparsi dei seri problemi della nostra politica interna, ci siano programmi che mi dicono come fare la sogliola bollita alle 8:00 del mattino!
Probabilmente il nostro presidente non è rimasto contento della riduzione dei tempi di prescrizione dei processi da un massimo di 12 anni a 4 e ha trovato il modo di limitare ancora di più la libera amministrazione della giustizia.
Forse dal canto loro, i vari PM dovrebbero leggermente protestare per questa ignobile situazione che si è creata nel periodo del governo Berlusconi...ma se lo hanno fatto:1)nessuno li ha ascoltati; 2)nessun telegiornale ne ha parlato.
Il controllo del presidente sui vari mezzi di gestione della giustizia, dell'economia e dell'infomazione ha portato noi cittadini a vivere in una condizione esasperante.
D'altra parte, bisogna dargliene atto...la sogliola viene buonissima!

marco salici 17.01.06 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Il centrodestra con in testa il presidente Berlusconi afferma che la “DIVERSITA’ ” dei DS sulla questione morale non esiste più per via dei fatti Unipol-Bnl. Per lui siamo quindi, moralmente uguali.Ma se dice che i DS non sono “diversi” perché hanno fatto affari con la politica, è implicito che lui ammette di averne fatto proprio perché si sente “uguale” ai DS. Di conseguenza, quando afferma di non aver mai fatto affari con la politica è pure bugiardo.
E’ chiaro che sopratutto in campagna elettorale uno schieramento non corrotto come avversario politico dà molto fastidio e pur di infangarlo, Berlusconi si tuffa anche nella merda.
Cerca in ogni modo di creare un clima di rissa mediatica per distrarre gli Italiani dalle sue manchevolezze. In particolare non si deve ricordare il famoso “contratto” di porta a porta assolutamente disatteso e le tantissime leggi ad personam fatte su misura per lui ed i suoi complici di corrutele.
Bisogna dimenticare che abbiamo i nostri soldati in Iraq grazie anche alle bufale fatte ad arte dai nostri servizi segreti.
No si parla dei regali fatti alla Chiesa Cattolica con l’ ICI, con i 30.000 sacerdoti assunti in ruolo nella scuola senza concorso e con decisione unilaterale dei vescovi, dei finanziamenti alle scuole private a danno di quelle pubbliche, dei condoni fiscali e contributivi che hanno creato gravi buchi di bilancio, degli attacchi alla magistratura considerata un covo di comunisti eredi di Stalin, delle giustificazioni all’evasione fiscale, dei mancati controlli sui prezzi in occasione del cambio di moneta, della legge sulle pensioni che ha allungato indiscriminatamente il periodo lavorativo a 40 anni di contributi o 65 anni di età prescindendo dal tipo di lavoro svolto, della cosiddetta devolution che renderà i cittadini italiani diversi sulla sanità, e sui servizi.
No. Il dibattito deve essere portato sul tifo dei ds per Unipol o sulle amicizie sbagliate dei suoi dirigenti. Mi fermo e vi lascio alle Vs riflessioni.

basoli giovanni 17.01.06 16:39| 
 |
Rispondi al commento

E' chiaro che la massoneria è andata a governo, ormai è palese. Berlusconi, ha creato un danno etico-culturale, immenso. Una volta, chi rubava e veniva scoperto, si vergognava delle proprie malefatte, Berlusconi invece, ha insegnato ai vari furbi di questa nazione ad alzare la testa, e negare sempre l'evidenza. E' il peccato più grave, che si trova nel vangelo. Il male che insegna a fare il male = lo scandalo.
Ha insegnato ad essere furbi no intelligenti, essere affaristi no imprenditori.
Ha insegnato a fare il male.
Ma voglio essere ottimista, gli italiani, ormai hanno gli anticorpi alle balle di questo deletereo venditore di fumo.
Anni fa criticavo Craxi per tangentopoli, oggi conosciuto Berlusconi ho tanti rimpianti :-(

Marco Sacco 17.01.06 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Grillo ha centrato il segno.
Pensate se una rivoluzione del tipo:"l'arbitro non può decidere di dare rigore" fosse messa nel campionato di calcio...ci sarebbe tanta di quella confusione sui giornali, telegiornali, riviste settimanali e persino di cucina, che saremmo sommersi dalle proteste!
Beh, la stessa cosa è successa nella gestione dei processi da parte dei PM ma nessuno ne sapeva un benemerita mazza!...mi consola il fatto che in televisione, invece di dare certe informazioni o di occuparsi dei seri problemi della nostra politica interna, ci siano programmi che mi dicono come fare la sogliola bollita alle 8:00 del mattino!
Probabilmente il nostro presidente non è rimasto contento della riduzione dei tempi di prescrizione dei processi da un massimo di 12 anni a 4 e ha trovato il modo di limitare ancora di più la libera amministrazione della giustizia.
Forse dal canto loro, i vari PM dovrebbero leggermente protestare per questa ignobile situazione che si è creata nel periodo del governo Berlusconi...ma se lo hanno fatto:1)nessuno li ha ascoltati; 2)nessun telegiornale ne ha parlato.
Il controllo del presidente sui vari mezzi di gestione della giustizia, dell'economia e dell'infomazione ha portato noi cittadini a vivere in una condizione esasperante.
D'altra parte, bisogna dargliene atto...la sogliola viene buonissima!

marco salici 17.01.06 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Io non mi stupisco più di niente...

Poco tempo cercavo un'immagine per far capire gli effetti delle leggi di questo Governo in materia di giustizia :
paragoniamo il sistema giustizia in Italia ad un piccolo e vecchio gommone tutto rattoppatto che ogni mattina deve portare sull'altra riva un bel pò di persone.
A fatica riesce a non affondare,grazie anche al senso del dovere (=a volte rischiare la vita) di chi tiene la rotta del gommone...Ogni giorno è più dura e ogni giorno si teme il peggio...
Poi arriva Berlusconi e con un trapano dalle punte sottilissime si mette a fare buchi quà e là...Quel gommone (che poi è il processo) qualche giorno affonderà.
E sapete chi ne farà le spese?
Non Berlusconi,non Previti,non Lunardi,non Dell'Utri,non Ricucci,ma noi poveri mortali...che dobbiamo solo sperare e pregare che una disavventura giudiziaria non ci capiti mai!

Voglio dire...secondo me c'è un piano ben preciso per delegittimare e depauperare e frustrare il compito della magistratura.
E forse è il piano più folle che abbiamo avuto in Italia,come non se ne vedevano dal Piano di Rinascita Democratica di Gelli...
Vedi anche caso Caselli:

http://www.paoloweb.info/antimafia.htm

Paolo Musacchio Commentatore in marcia al V2day 17.01.06 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Salvatore Luxoro, mi sembri in atteggiamento prono. Questi signori si sono arricchiti a spese nostre e tu dici che è già tanto che entrano in questo blog. Sai perchè entrano? cominciano a temere che gli scippiamo, con la nostra presa di coscienza, le poltrone da sotto il loro delicatissimo culetto.
Leggi più sotto la agghiacciante delusione di quella magistrata, leggia e medita, è solo poche righe più sotto. Hai il pieno diritto di interbenire in questo blog ma fa sentire la tua voce anzicchè dire "è gia tanto...." medita, ciao

Antonio VACCA 17.01.06 16:14| 
 |
Rispondi al commento

Chi si scandalizza su Consorte ma bacia in bocca B sara' meglio si lavi la bocca col sapone.
L'accanimento sui 50 milioni di Consorte e' grottesco. Un tentativo di decentramento fatto coi carri armati.
Dunque facciamo un po' di confronti:

-I DS non "avrebbero dovuto nemmeno tifare" per le scalate.
-B era dentro a tutte, pure Unipol col 5% e alcune le gestiva direttamente (Vedi Ricucci che era un prestanome).

-I DS non dovevano partecipare a cene e nel caso tacere e tacere.
-B ha il diritto di straparlare e le cene le fa a casa propria, invitando ad Arcore cani e porci, Fiorani si consultava continuamente con lui, Livolsi faceva da corriere e Gnutti era l'uomo di fiducia.

-I DS sono "sospettati" da B di aver avuto tangenti da Consorte, senza prove.
-Ci sono prove certe della riscossione di mazzette da parte di Fiorani alla famiglia di B:
il Foglio di Veronica 4,55 milioni di euro, Paolo 30 milioni per la maxi multa della discarica
poi altri 10 milioni,
FI 15 milioni,
Medusa 10 milioni.
Mi sembra che facciano 139 miliardi di vecchie lire. Persino di piu' dei soldi rubati da Fiorani

Notizia di oggi:
il socio di B, Gnutti, viene condonato di 689 milioni di tasse (dalla vendita di Telecom a Tronchetti Provera). Dato che la sua societa' ha sede in Lussemburgo, Tremonti decide di non tassare le plusvalenze fatte in Italia. Bel precedente! Visco quelle tasse gliele faceva pagare. Tremonti no, gli fa un regalo.
E chi e' il consulente di Gnutti in questa furbata? Lo studio Tremonti!
680 milioni di tasse in meno per l'Italia! Ma chi si deve demonizzare? Fassino!
(Consiglio vivamente alle Coop di mettere la sede in Lussemburgo!)
Grazie Tremonti: hai annunciato "una poderosa lotta all'evasione!" La vediamo!
E vogliamo anche trovare equità e diritto alla Cirielli e alla Pecorella..?
E c'è anche chi si arrampica sugli specchi per trovarci qualcosa di giusto?
Ma fate il piacere......

viviana vivarelli 17.01.06 16:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

luca Cortese (leggere più sotto) è l'unico nostro connazionale che ha un cervello e lo usa: meno male che esiste!

Antonio VACCA 17.01.06 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Ho voluto fortemente fare il magistrato perchè credevo nella giustizia, sono cresciuta con le immagini delle stragi alla televisione, dei miei (futuri) colleghi uccisi, con immagine di dolore, pianto ed ingiustizia, ed ho sempre pensato che fare il magistrato sarebbe stato l'unico metodo per rendere giustizia ad un pase piegato dal dolore e dal terrore,alle persone straziate dall'aver perso i loro cari, ai bambini rimasti senza genitore. Sono stata sempre orgogliosa di pensare che le sentenze erano emesse in nome del popolo italiano.
Ho sempre creduto nella giustizia.
Ho sempre continuato a credere con tutte le mie forze,... ora sto cercando la forza per continuare a credere a tutto, anche ad un popolo che manifesta solo per la graduatorie del calcio.

Anna Maria Gregori 17.01.06 15:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non capisco questa acrimonia nei confronti di un leader di partito. E' a loro che abbiamo demandato di rappresentarci. Sono loro che possono portare avanti le nostre richieste. Questo è un blog, un luogo in cui si dovrebbe discutere dei nostri problemi in maniera civile e avanzare delle idee, ipotesi, per un mondo migliore. Se poi queste nostre idee vengono raccolte dai nostri rappresentanti politici, molto meglio. E' già tanto che un Bertinotti o un Pecorario Scanio entrino in questa discussione di massa, significa avere visibilità, significa che alcuni chicchi di idea sono stati raccolti per strada. Poi, se eletti e se al Governo, potremo chiedergli direttamente dove sono finite queste idee che loro hanno raccolto per strada. D'altronde è pur sempre democrazia quella di poter parlare, scrivere e far riflettere chi legge.

Salvatore Luxoro 17.01.06 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco questa acrimonia nei confronti di un leader di partito. E' a loro che abbiamo demandato di rappresentarci. Sono loro che possono portare avanti le nostre richieste. Questo è un blog, un luogo in cui si dovrebbe discutere dei nostri problemi in maniera civile e avanzare delle idee, ipotesi, per un mondo migliore. Se poi queste nostre idee vengono raccolte dai nostri rappresentanti politici, molto meglio. E' già tanto che un Bertinotti o un Pecorario Scanio entrino in questa discussione di massa, significa avere visibilità, significa che alcuni chicchi di idea sono stati raccolti per strada. Poi, se eletti e se al Governo, potremo chiedergli direttamente dove sono finite queste idee che loro hanno raccolto per strada. D'altronde è pur sempre democrazia quella di poter parlare, scrivere e far riflettere chi legge.

Salvatore Luxoro 17.01.06 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Propongo un'iniziativa per la rimozione della scritta "La legge è uguale per tutti" dai tribunali in quanto lesiva della dignità dei potenti che si vedono equiparati ai poveri rubagalline!
Potremmo avviare un concorso per la formulazione della nuova dicitura.
Visto l'andazzo non sarebbe una cattiva idea istituire anche il rilascio o l'assoluzione su cauzione: quanto meno le casse statali ci guadagnano.

Ironia a parte, devo dire che spesso mi vien voglia di far le valigie e andar via da un'Italia così ladrona e mafiosa.

Vincenzo Catanese 17.01.06 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Stefano, volevo solo dirti che il compagno Fuasto:
1)è il personaggio politico più invitato a Porta a Porta (anche più del nano buffone) che come (spero) sapari è uno dei programmi televisivi emblemi del regime.
2)quando sente il nome di M. Travaglio dice che "gli viene l'orticaria". Testuale.
3)alla faccia degli operai, va in giro a fare spese in Via Condotti (piena di negozi con prezzi popolari vero?).
4)a Porta a Porta (tanto x cambiare) era contentissimo di ricevere dal nano milanista l'orologio e la maglia della squadra rossonera.
Forse è scattata la prescrizione anche nelle nostre menti. A FUTURA MEMORIA.

Pasquale D'Ambra 17.01.06 14:39| 
 |
Rispondi al commento

L'esempio delle DUE MUCCHE
SOCIALISMO
Hai 2 mucche. Il tuo vicino ti aiuta ad occupartene, e tu dividi il latte
con lui.

COMUNISMO
Hai 2 mucche. Il governo te le prende, e ti fornisce il latte secondo i tuoi(SUOI) bisogni.

FASCISMO
Hai 2 mucche. Il governo te le prende, e ti vende il latte.

NAZISMO
Hai 2 mucche. Il governo prende la vacca bianca, e uccide quella nera.

DITTATURA
Hai 2 mucche. La polizia te le confisca, e ti fucila.

DEMOCRAZIA
Hai 2 mucche. Si vota per decidere a chi spetta il latte.

DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA
Hai 2 mucche. Si vota per chi eleggerà la persona che deciderà a chi spetta
il latte.

ANARCHIA
Hai 2 mucche. Lasci che si organizzino in autogestione.

CAPITALISMO
Hai 2 mucche. Ne vendi una per comperare un toro e avere dei vitelli con
cui iniziare un allevamento.

CAPITALISMO SELVAGGIO
Hai 2 mucche. Fai macellare la prima e obblighi la seconda a produrre tanto
latte come 4 mucche.
Alla fine licenzi l'operaio, che se ne occupava, accusandolo di aver
lasciato morire la vacca di sfinimento.

BERLUSCONISMO
Hai 2 mucche. Ne vendi 3 alla tua società quotata in borsa, utilizzando
lettere di credito aperte da tuo fratello sulla tua banca. Poi fai uno
scambio delle lettere di credito, con una partecipazione in una società
soggetta ad offerta pubblica, e nell'operazione guadagni 4 mucche,
beneficiando anche di un abbattimento fiscale per il possesso di 5 mucche.
I diritti sulla produzione del latte di 6 mucche, vengono trasferiti da un
intermediario panamense sul conto di una società con sede alle Isole
Cayman, posseduta clandestinamente da un azionista, che rivende alla tua
società i diritti sulla produzione del latte di 7 mucche. Nei libri
contabili di questa società figurano 8 ruminanti, con l'opzione d'acquisto
per un ulteriore animale.

Nel frattempo hai abbattuto le 2 mucche perché sporcano e puz

giancarlo barbarisi 17.01.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento

UNA COSA E' CERTA .
BERLUSCONI NON FARA LA FINE DI FALCONE E BORSELLINO .
PER VOTARE CENTRODESTRA , OLTRE TURARSI IL NASO ,BISOGNA FARE SCORTA DI VASELLINA E MALOX

PIERLUIGI RASPINO 17.01.06 14:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene, benissimo, ma dove sono tutti quelli che 4 anni fà mi prendevano per il culo perchè avevo votato ulivo, e facevano battute, allusioni sfottevano? Siete contenti di averlo preso così grosso in c...o? Io no, continuo in ogni caso a pensare che non ci sia bisogno di turarsi il naso per votare centro-sinistra, basta solo usare il cervello!

luca Cortese 17.01.06 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Vedo che molti sono ancora al vezzo di fare confronti col sistema processuale americano.
Ora non so cosa abbiano gli USA da insegnare all'Europa, ma non mi pare che abbiano svilupato un sistema di equita' e uguaglianza pari alla crescita militare.
Sono francamente perplessa di fronte a chi usa tutt'ora la pena di morte e vedo che essa è stata appena applicata a uno che era muto, cieco, sordo e paralizzato, che essa ha ucciso minori, handicappati e innocenti; vedo che minori sono stati rinchiusi a Guantanamo, dove il diritto è inesistente; che ci sono scuole di tortura che la esportano in tutto il mondo; che si vìola allegramente ogni norma di diritto internazionale; che un presidente si permette di sospendere i diritti civili e di spiare i propri cittadini ecc. Ma quale sistema di diritto!?
L'Italia ha 60.000 detenuti con 56 milioni di abitanti
Gli USA hanno 270 milioni di abitanti, 4 volte e mezzo più di noi, e 2 milioni di detenuti in carcere, 33 volte di piu'! a cui si aggiungono 5 milioni in semilibertà. Quello è un paese di carcerati. E questi detenuti in carcere sono al 90% neri o miserabili!
Io starei molto attenta a far paragoni con un sistema che riempie le carceri di poveri assolvendo i ricchi
Il sistema processuale USA si porta dietro resti arcaici, come la giuria, perché è nato in modo grezzo, nel saloon, con la partecipazione della piccola comunità. Ce la vedete la giuria da noi?
Un sistema penale è tutt'uno con un popolo, la sua storia, tradizioni, costumi. Prendere come si fa ora un pezzetto da qua e un pezzetto di là e' aberrante. Ma se proprio si deve rifare un sistema penale facciamone almeno uno europeo!
Purtroppo, data la vaghezza degli attuali processi e gente che i giudici li compra a peso, un processo penale solo di 1° grado senza appello mi sembra proprio aberrante!
Non è così che si sanano i mali della giustizia
Se non si ammette la possibilità di sanare eventuali errori allora torniamo alla giustizia sommaria!

viviana vivarelli 17.01.06 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Non possiamo dire che noi Italiani siamo creativi: siamo i primi al mondo ad aver inventato il concetto di goldengol anche nel diritto penale. Se perde la Bocassini ha fà il golden gol oppure...perde.
Mi sà che a perderci sono i cittadini onesti. Quello che si vuole è una progressiva giungla normativa e delegificativa. Ma una nazione quando fà cosi, non progredisce. Lascio a voi immaginare cosa succederà alla gente onesta. Ma....i dipendenti Prodi, Fassino e compagnia che fanno? Hanno tempo per informare, promuovere iniziative con i cittadini per contrastare questo stato di cose oppure sono troppo occupati, diciamo in affari...finanziari? Mi sà che è giusta la mia seconda ipotesi.
Un saluto a tutti i lettori del Blog onesti.

Piero Cauduro 17.01.06 13:10| 
 |
Rispondi al commento

La legge "pecorina" non è che l'ultimo sfregio di questa maggioranza putrescente all'ordinamento della Giustizia in questo paese. Autorevoli voci si sono udite esprimere raccapriccio, anche se , e non capisco cosa aspetti, tace il Quirinale.
I politici dell'unione invece che continuare a toccare di fioretto con l'opposizione e nel frattempo cercare di litigare tra loro perchè non mettono in atto azioni clamorose di protesta e di contestazione su giornali, Tv, piazza, manifesti, NON andare a Pora a Porta...?
L'unico giornale che risponde a tono è L'Unità,che ha però una diffusione limitata.

FRANCO FIORENTINO 17.01.06 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Stefano, anch'io come te confido molto nel nostro compagno Fausto...il punto è che non dovrebbe esistere nessuna coalizione: sinchè staremo uniti a questa finta sinistra, corrotta, che accusa tanto la destra -e ha ragione- ma di inciucci ne fa, il nostro partito, quello che davvero rappresenta una sinistra, non avrà mai modo di dimostrare che sa governare!Sono di sinistra ma Brodi non lo voterò mai!Mi vergogno pure a confessare di essere di sinistra se a rappresentarmi c'è uno così. Per questo, se siete davvero di sinistra, votate un vero comunista: Bertinotti riuscirebbe a fargli rimangiare tutto a questo governo infame, ladro, fascista che ha spapolato il cuore dell'Italia!Tutte le leggi di questo governo verranno bruciate pubblicamente come le streghe di un tempo...solo che stavolta se lo meritano!
Beppe sei davvero coraggioso e tanti ti ammirano x questo!

Elisabetta Secci 17.01.06 12:28| 
 |
Rispondi al commento

il nano si è buttato a capofitto in un'altra commedia, solo che stavolta è stato talmente poco divertente che nemmeno un individuo come casini, ex dc molto portato al sorriso facile(e ipocrita)ha avuto il coraggio di seguirlo.
il berlusconismo è finito, se la sinistra non si tira la zappa sui piedi da sola vincerà senz'altro le prossime elezioni ma brodi deve ancora dirci quale sarà il programma elettorale, servono contributi x le famiglie meno abbienti e il salario garantito x i disoccupati SUBITO! spero che quest'alleanza, che di sinistra secondo me ha poco o nulla, sia capace di muoversi in questo senso... BERTINOTTI FATTI SENTIREEEE!

stefano fiocchi 17.01.06 12:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora volete o no dire al povero Silvio dove sono i 50 milioni di Consorte? Il poverino disperato li sta cercando dappertutto, sotto il sofà, sui suoi conti personali, nelle tasche di Fassino, ma non li trova. A nulla è valso sapere che i soldi di Consorte sono..... udite udite ....nel conto di Consorte. Ma guarda un pò! Però che dire delle frequentazioni sospette di Prodi con il numero uno delle Generali? Peccato che anche Fini lo abbia incontrato (a pranzo o a cena non si sa). Cosa c'è di più incredibile di un Berlusconi buon Presidente del Consiglio? Un Berlusconi cittadino modello che fa il suo dovere a va a testimoniare sul nulla. O un Berlusconi giustizialista, con gli altri, che fa illazioni e processi alle intenzioni, mentre i suoi distruggono la giustizia in Italia. Garantisti per i cavoli nostri, tolleranza zero per gli avversari e i poveri disgraziati.
Abbiamo una grande occasione per mandare Berlusconi e la sua cricca, non dico in galera perchè sarebbe sperare troppo, ma almeno a quel paese.
Meditate gente, meditate e guardate il film di Deaglio che sta per uscire in dvd "Quando c'era Silvio", che parla di tutte le magagne del Berlusca.

Franca Verrone 17.01.06 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Se pensiamo quanto e 'piccolo' l’imputato rispetto le istituzioni che si trova ad affrontare in un processo, a me sta bene che la sentenza favorevole del primo grado va rispettata (non si tratta quasi mai dui parità effettiva, ma bensi di parità teorica delle parti). Inoltre, se in secondo grado la sentenza viene ribaltata, resterà sempre il dubbio quale dei due giudici ha avuto ragione! Cosa pensi, Beppe?

Dragan Misolic 17.01.06 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, io non ne capisco molto, ma questo è quanto mi scrive in proposito un mio amico avvocato da cui ho cercato di informarmi. Cosa ne pensi?

… Dal testo della legge si evincono tante belle cose la prima della quale ad esempio è che ora non saranno più possibili persecuzioni giudiziarie a danni di cittadini chiamati a difendersi anche dopo essere stati prosciolti.
… E poi come potrebbe l'eliminazione di un grado di giustizia rendere i procedimenti più lunghi?
Questa mattina un avvocato del mio studio è andato a discutere un appello di un procedimento dell'85,...forse oggi non sarebbe già chiuso?
In sostanza la legge Pecorella è uno strumento a garanzia dei deboli per eccellenza, gli imputati ovvero, eliminando la possibilità per il Pubblico Ministero di proporre appello nel merito ad una sentenza di assoluzione, rende concreto ed esigibile il principio recepito dalla nostra Costituzione riguardo il giusto processo.
Un processo giusto è un processo veloce, suffragato da una istruttoria basata, in cui il dibattimento è momento di costituzione della verità e non mero suffragio della tesi accusatoria, troppo spesso fondata su un lavoro di incriminazione labile, esangue, antigiuridico, raffazzonato, ideologico.
Ora sarà possibile alla pubblica accusa il solo ricorrere alla suprema Corte di Cassazione per meri motivi di legittimità formale della sentenza di proscioglimento.
A proposito della qual Corte, la legge ha provveduto ad allargare i requisiti perché una sentenza di condanna sia conculcabile.
Se il pm omette di raccogliere e presentare, come già suo dovere, prove decisive a favore dell'imputato, tutto il castello inquisitorio costruito di conseguenza viene meno d'ufficio.
Mi sembra una bella norma per i deboli, non trovate ?
Ciò dà tutela agli innocenti ed al contempo obbliga i magistrati a lavorare secondo legge e con maggior rigore.

… Tutto questo per cercare di capire dove sta la verità.

Andrea Albert

Andrea Albert 17.01.06 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Ehila Beppe..!!! ho conosciuto il vs. blog da pochissimo ed è stata un grande scoperta.
Aproposisto dell'ultimo provvedimento del governo Berlusconi ( legge pecorella ) non è altro che l'ennesimo l'indicatore di un fenomeno a mio avviso molto diffuso nell'Italia degli ultimi anni :L'impunità dei forti e la vessazione dei deboli e a proposito vorrei fare due esempi.

1) la mia fidanzata e altri suoi 5 colleghi vantano nei confronti dei loro ex datori di lavoro la TIESCO S.P.A di Segrate (MI) crediti di lavoro per quasi 200.000,00 euro in pratica non sono stati retribuiti per quasi un anno e mezzo , naturalmente essendo questi co.co.co non hanno nessun diritto e addirittura la causa di fallimento che si sta svolgendo in questi giorni finirà con un nulla di fatto perchè (nota bene) i registri contabili sono spariti! l'amministratore delegato e il presidente sono nullatenenti(eh ehe) e il collegio dei sindaci revisori dell s.p.a (dotati di porsche fiammante)non sanno indicare dove sono le registrazioni contabili indicante le spettanze dei lavoratori!!!. in parole povere non esiste prova dei diritti di queste cinque persone!!! interessante vero ?naturalmente il fatto che questo amm.delegato abbia fatto assegni a vuoto e cambiali false per truffare i suoi dipendenti non conterà nulla e così il mondo dell'imprenditoria truffaldina solo perchè magari apparentato con personalità politiche di rilievo continuerà ad impeerversare.!

2) all'opposto di questa vicenda volevo riferire che esiste in italia un ente riscossore denominato GEST:LINE s.p.a che si occupa di recupare tasse non pagate multe e contravvenzioni ecc. Questo ente applica su ignari cittadini ipoteche sulla prima casa per debiti con l'erario o contravvenzioni anche per soli 500 euro!!
Prospera su questa prattica mediovale un mercato immobiliare fiorentissimo su espropriazioni e pignoramenti ma le IPOTECHE NON VENGONO COMUNICATE CON RACCOMANDATA BENSI' CON POSTA PRIORITARIA!!! pazzesco no? ciao Fabrizio

fabrizio crusca bertuzzi 17.01.06 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ogni volta penso che questi maledetti (tutti i dipendenti nessuno escluso) abbiano toccato il fondo, poi invece scopri giorno x giorno che al male non c'è mai fine.
Ti giuro Beppe, mai avrei pensato di vivere in un Regime e di non riuscire a far niente per evitarlo. Con mio nonno (buonanima) qualche volta abbiamo parlato dell'altro Regime. Quello è durato 20 anni. Sono un operatore di polizia, immagina che cosa ne penso ti tutte le leggi "rifomatrici" della giusitzia varate da questo sedicente Governo. Mi ha deluso Ciampi, ma me lo dovevo aspettare, forse perchè nel '99 la sua salita al Quirinale fu determinante con i voti della Casa della Libertà (provvisoria, per dirla alla Travaglio), vedrete non batterà ciglio, alla fine firmerà anche questa ennesima legge vergonga.
Di Zapatero ne nasce uno ogni 1000 anni e purtroppo per noi è nato in Spagna.
L'unico mezzo che ci è rimasto, è quelo di boicottare la TV e tutto ciò che è nella disponibilità del nano ex scarsicrinito. Lo dico soprattutto ai tanti che scrivono su questo blog e che giovedì guarderanno "Grande Fratello" sulla rete del nano Buffone.

Ciao a presto.

P.s. ho perso la mia verginità. Questo è' il mio primo messaggio/commento su un blog (spero ne sarai onorato).

P.D.

Pasquale D'Ambra 17.01.06 11:11| 
 |
Rispondi al commento

io vivo in germania da trenta anni e sono politicamente attivo (cosigliere comunale della mia città)da molto tempo,la percezione del "portatore nano di dittatura" quì in germania nella società tedesca non è molto forte
Chi si meraviglia dopo le elezioni della "portatrice brutta" (merkel)del qualunquismo europeo.Nella classe intellettuale invece è molto più sentita la vergognosa disfatta della classe politica italiana sia a destra che purtroppo anche a sinistra
qualche volta mi viene la voglia di arrotolare il passaporto italiano(che fra l'altro costa 250 € per 5 anni) e infilarglielo a chi dico io. dove voi sapete

saluti gino

gino tavernar 17.01.06 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Francamente, non mi stupisce più di tanto - conoscendo l'individuo e le procedure da lui sempre adottate - che "uno a caso" sia andato dai magistrati, scortato dai suoi accoliti, per non dire "niente di penalmente rilevante", come commentato dallo stesso "uno a caso".
Quello che invece mi addolora è continuare a vedere i suoi alleati tenergli continuamente bordone. E dato che indubbiamente si parla di persone intelligenti, molto più informate e influenti di noi e che hanno scelto e ottenuto di fare politica ad alti livelli e di occupare posti ISTITUZIONALMENTE rilevanti (cioè posti che, in uno Stato normale, prescindono da considerazioni politiche personali), non posso interpretare il loro atteggiamento di anni se non come pura e semplice voglia di potere e dipoltrone, a prescindere dai danni che appunto da anni sta subendo questa povera Italia.
E mi addolora anche sapere che ancora molti Italiani non riescono a capire in quali condizioni siamo andati a finire e che periodo di lacrime, sudore e sangue ci aspetta nell'immediato futuro, per colpa (non totale, ma al 90%) appunto di quell'"uno a caso" e dei suoi accoliti e colleghi.
Ma qui la colpa è appunto solo e soltanto della maggioranza di noi Italiani, che ancor oggi vivono all'insegna del "o Franza o Spagna, pur che se magna", e dei nostri governi che non hanno mai saputo o voluto, indipendentemente dalla forma di governo allora vigente e dalla loro impostazione politica, formare gli Italiani come già centocinquant'anni fa era necessario che si facesse.
Che facciamo? Purtroppo comincio a pensare che nemmeno l'Europa, quando ci sarà come entità politica vera, potrà più fare qualcosa per rimediare. Certo, rimane sempre la speranza. però...
Gianni Santillo

Gianni Santillo

Gian Giuseppe Santillo 17.01.06 10:18| 
 |
Rispondi al commento

dunque, il Berlusca sostiene di non aver mai mischiato politica ed affari. perchè, qualcuno ritiene lo abbia fatto? stia tranquillo, sappiamo benissimo che lui ha fatto solo affari; dov'è la politica? mai stata in questi anni, ne abbiamo visto manco le tracce. solo affaracci suoi; quindi ha detto la verità, non capisco perchè poverino, gli diano sempre del bugiardo. mah!

davide fiaschi 17.01.06 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Semplice è dimostrare gli effetti devastanti di questa legge: basta informarsi sugli eventi del processo della strage di Soriano (VV) di qualche anno fa che ha visto assolti in primo grado tutti gli imputati e condannati in appello con pene molto severe.
Se fosse stata in vigore tale vergognosa legge questa gente sarebbe ancora libera di eseguire altre "stragi".

Sergio Giorgi 17.01.06 09:48| 
 |
Rispondi al commento

un grande risparmio per chi si può permettere di comprare i giudici!
basterà pagare i giudici di primo grado e il gioco è fatto
un vero colpo da maestro del portatore nano di ...

andrea ciurcina 17.01.06 09:35| 
 |
Rispondi al commento

non penso che la disputa tra imputato e apparato statale della magistratura sia ad armi pari se non ad alti livelli.
ben venga una legge pecorella.
c,è gente che viene dichiarata innnocente anni dopo che è defunta,viva la magistratura!
spero nella mia vita di non dovermi mai rivolgere ad un avvocato!
Roby

roberto fazzi 17.01.06 06:02| 
 |
Rispondi al commento


mi sono rotto i co-....ni...
l'unica fonte di informazione oggi io la trovo solo nel sito del grillo, se per caso accendo la tv non fanno altri di parlare dei culattoni e delle loro fottutissime unioni... unitevi inculatevi... e non rompete i coglioni..!!
ci sono delle priorità economiche in italia devastanti,....ke si discuta sui programmi e sulle procedure per ottenere dei risultato da un governo sinceramente dei culattoni non me ne frega una cippa!...

natalino cungiazzi 17.01.06 01:21| 
 |
Rispondi al commento

Democrazia e libertà : Berlusconi come Putin , dice ex ministro USA
di Rico Guillermo

"Da quando è stato scelto premier per un secondo mandato nel 2001, Silvio Berlusconi ha invertito molte delle riforme dell'inizio degli anni '90 destinate a garantire un governo democratico stabile e a fermare la corruzione" e "continua a spingere in Parlamento leggi che liberino lui ed i suoi soci d'affari dai processi per falso in bilancio, corruzione ed altri crimini".

Lo afferma Graham Allison, ex ministro della difesa USA ed oggi direttore del centro di scienze ed affari internazionali della scuola di governo Kennedy, in un editoriale significamente intitolato "Arrivederci, democracy!", sul Los Angeles Times del 4 gennaio.

Allison critica anche i cambiamenti alla legge elettorale: "Nello sforzo di mantenere la maggior parte del suo partito in Parlamento - dice - Berlusconi recentemente ha cambiato i numeri della riforma elettorale ed ha ristabilito un sistema proporzionale di voto, che precedentemente aveva provocato un crollo senza precedenti del giro d'affari e dell'inefficienza di governo. Ha annullato le leggi che hanno permesso i processi anticorruzione, il che ha condotto ad un aumento del crimine organizzato". Secondo Allison questi sono seri motivi di preoccupazione, che dovrebbero far riflettere su come possa essere l'Italia, e non la Russia, il vero problema dei G8. Ma Allison sottolinea che se questi sono handicap, il vero neo degli otto e' il nostro Paese, grazie alle riforme berlusconiane, al fatto che la gestione del Paese sia in mano all'"individuo più ricco della nazione" che "controlla personalmente il 90% delle reti televisive nazionali", che "riscrive le leggi" per preservare se stesso e i suoi amici" e cambia le leggi "per avvantaggiare il suo partito prima che si svolgano le imminenti elezioni". Allison ricorda che Freedom House ha retrocesso l'Italia nella classifica dei Paesi "da libero" a "parzialmente libero".

francesco barontini 17.01.06 00:37| 
 |
Rispondi al commento

Ma possibile che ogni volta mi devono far vergognare di essere italiano? Ma non possiamo fare una colletta e comprare un'isola ai Caraibi per il Nano Maledetto, e dopodichè ce lo mandiamo tipo Napoleone a Sant'Elena? Questi sigonri hanno effettuato una ssitematica distruzione dell'Italia in tutti i campi, ci metteremo vent'anni (se va bene) a riprenderci... e considerando il livello dei politici di Sinistra che dovrebbero sostituire il Nano (ma pensa te...) ho l'impressione che non ci riprenderemo mai più.

Gianluca Buccarella 17.01.06 00:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo che stai a dì, in qualsiasi paese dove vige il processo accusatorio, cioè le prove si portano in tribunale si verificano fra due parti contrapposte di fronte ad un giudice terzo, non esiste facoltà per il pm di appellarsi, fa parte della civiltà giuridica di ogni paese democratico, altrimenti è stato di polizia.
In italia con la facoltà dei pm di appellarsi non è giustizia ma accanimento giudiziario, se un cittadino (innocente fino a sentenza definitiva, secondo costituzione ricordo sempre) finisce nell'ingranaggio giudiziario italiano non ne esce più.
Finalmente viene posto un punto fermo, tutti noi abbiamo assistito al Processo OJ Simpson per esempio, il pm si è appellato? Ovviamente no, perchè l'appello esiste a vantaggio dell'imputato e non del pm, è una cosa ovvia comune a tutti i paesi democratici, noi avevamo e in parte abbiamo, visto che i giudici e i pm fanno parte della stessa squadra (per restare alla metafora calcistica)ancora un sistema giudiziario inquisitorio fascista.
La partita si svolge tutta nel primo grado, sia il primo che il secondo tempo, e sopratutto piacerebbe arrivare a giocare una partita dove l'arbitro non gioca con la squadra avversaria, ma chissà mai se finalmente i cittadini Italiani potranno usufruire di un sistema giudiziario degno di un paese democratico.

alfonso valdiserri 16.01.06 23:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti, recentemente sono stato a Londra da amici,un giorno tra una risata e l' altra mi hanno fatto vedere un documentario sul nostro caro Presidente del Consiglio, è una vergogna !!!! Guardate cosa pensano gli Inglesi di lui e di chi l'ha votato, cercate " Citizen Berlusconi" e fatelo girare....

Nicola Pisano 16.01.06 22:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alessandro De Sanctis 15.01.06 21:49
1) Lo so benissimo che adesso il Pm non può + fare il Giudice...rileggiti bene il mio post...io sono favorevole a questo...da sempre.
2)Il PM non si deve "innomorare" di una sua idea, bensì guardare gli atti oggettivamente e non scartare quelle che non si allineano alla sua teoria, Il lavoro dell'avvocato è una cosa (e per sua deontologia NON DEVE MAI COMUNICARE FATTI CHE POSSANO DANNEGGIARE IL SUO CLIENTE E QUINDI OMETTERE ANCHE PARTE DELLA VERITA'...E QUESTA E' LA LEGGE...DA SEMPRE!)il lavoro del PM, vedi sopra, è un altro.
3) Fino all'altro ieri sì. Nel Tribunale di competenza del mio comune un Giudice è diventato Procuratore capo...bella cosa vero?
4) Fino a prova contraria un imputato è un imputato e non un colpevole; mi pare che tu confonda i due soggetti!
5) Io non me ne vergogno per nulla. Trovo VERGOGNOSO che i Giudici si dividano in aree politiche....se a te sembra una cosa normale...problemi tuoi...a me non sembra normale. A me sembra viceversa curiosa l'alzata di scudi dei Giudici parallela a quella del centrosinistra...molto curiosa.
6) Mi auguro che tu non sia un giudice...perchè con la tua obbiettività staremo freschi.

PS fatti un giro nei Tribunali, lavoraci dentro eppoi tra qualche mese ripassa e mi dirai qualcosa!Auguri!

giuseppe bertone 16.01.06 22:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro GRILLO

E’ curioso , che molti dei tuoi boys , scoprano solo oggi che , I due avversari (Pubblico ministero e difesa ) debbano godere di pari opportunità , d’innanzi alle regole della giustizia e no quando Giudici e PM giocavano con la carota ed il bastone , con gli imputati .
Con certi Giudici , uscirne vivi in primo grado è un miracolo che di per se dimostra l’assoluta innocenza dell’imputato .

franco gallo 16.01.06 22:24| 
 |
Rispondi al commento

La cosa veramente pietosa e' stato il famoso discorso con accorsi i giornalisti per GROSSE rivelazioni, 2 ore di ritardo da gran divo, tutti pronti allo scoop come alla partenza dell'aPollo 16

Arriva vestito da becchino. Come sempre
Pallidissimo (senza fard)
Tono da grandi occasioni
Faccia da funerale di parente stretto (lui?)
Frasi brevi Spezzate Compunte Storiche
Tipo: maestra, mi han rubato il nettapenne
Pause alla Sergio Leone Il buono, il brutto e il cattivo
Lui in tutte le le parti
Cercate di immaginare la declamazione da un posto molto alto che sovrasta una folla immensa IN UNA PIAZZA IMMENSA la quale ad ogni frase erompe in un boato oceanico

Dal 1° momento sino all'ultimo
Ho sempre detto solo la stessa cosa
Che i DS non si sono limitati a fare il tifo
Ma sono SCESI IN CAMPO
Poi hanno cambiato gioco
E mi hanno SFIDATO ad andare in procura
Li ho accontentati
E ho dette le stesse identiche cose

Le dichiarazioni di giugno
Sono le stesse di oggi

La Repubblica
Smentendo se stessa
Fornisce una ricostruzione dei fatti
Identica alla mia

Io ho detto la verità

Gli incontri ci sono stati

Io non ho mentito

LORO hanno mentito

Perché hanno detto di non essere intervenuti
In Unipol
Ma lo hanno fatto
Rutelli, Veltroni, Prodi

E dove è finito Prodi? (già: dov'è finito Prodi?)
In discussione non c'è SOLO
La rilevanza penale
Di questi fatti
Ma il comportamento
ETICO
Della sinistra
Per nascondere la verità
E ingannare gli Italiani
Coprendo gli intrecci delle coop

Non posso accettare
Che si facciano
PESANTI
Insinuazioni
Contro apparati dello
STATO
Che nulla hanno a che fare
con questo

Insisteremo
Perché sugli intrecci delle cooperative
ROSSE
Venga a galla la verità

Il caso non è chiuso

Ripeto

IL CASO NON E' CHIUSO

Il mio comportamento è sempre stato
CORRETTO

Il problema.
E' il LORO
comportamento


Viva il DUCE

viviana vivarelli 16.01.06 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Il "Codice Rocco" perchè non è stato abolito da tutti questi governi di sinistra??...Ma caro Augusto Fogli, il Codice Rocco appartiene addirittura all'epoca del fascismo..Ci siamo dimenticati chi ci ha governato per oltre 40 anni??..Quale governo di sinistra doveva cambiare il Codice Rocco, se la sinistra è andata al governo solo nel 1996??..A volte conviene dimenticare veramente..madimenticare tutto e totalmente senza più ricordarlo, però!! Sennò si collezzionano solo brutte figure!! TUTTI I GOVERNI IN ITALIA HANNO LASCIATO SEMPRE LA GIUSTIZIA ALL' ULTIMO POSTO PERCHE' E' SEMPRE STATO FUNZIONALE AL SISTEMA AVERE UNA GIUSTIZIA CHE NON FUNZIONAVA!! ED INFATTI I PARENTI DELLE VARIE STRAGI IN ITALIA, QUALE QUELLA DI USTICA, ASPETTANO GIUSTIZIA DOPO PIU' DI 20 ANNI...E SE NON CI FOSSERO PERSONE CHE COME MARCO PAOLINI DENUNCIANO QUESTE COSE, A NOI DELLA GIUSTIZIA NON CE NE FREGHEREBBE NULLA!!

Roberto Sangiorgi Commentatore in marcia al V2day 16.01.06 20:58| 
 |
Rispondi al commento

la voce del 17enne!

mio padre è avvocato e mi sono informato sull'effettivo danno k procura la legge,
alla fine i PM c rimettono, una Cassazione ancor più intasata e TAAAAADAAAA
i tempi di una causa in cassazione nn dureranno + 4-5 anni ma ancor di più

alla fine sono aspetti megnifici eh?

Giovanni Paolo Sperti Commentatore in marcia al V2day 16.01.06 20:19| 
 |
Rispondi al commento

LETTERA PER BEPPE GRILLO
Caro Beppe,
vivo a Udine e mi sono recato nel negozio "L'ANGOLO DELLA MUSICA" di via Aquileia per acquistare i biglietti del tuo nuovo spettacolo.
Ne volevo 3 per la data del 28 Gennaio ma il rivenditore si è RIFIUTATO di vendermeli in quanto per il 28 ne aveva disponibili 4!!!!!!!
Mi ha detto: "O li prendi tutti e quattro oppure devi prenderli per il 29! Io non posso restare con 1 biglietto spaiato."
Gli ho chiesto se era lecito rifiutarsi di vendere biglietti che aveva e lei mi ha risposto di sì.
Lo chiedo a te. Può un rivenditore rifiutarsi di vendere biglietti che ha disponibili, solo per non lasciarne 1 spaiato?
Io ho comprato 2 biglietti per il 29 ma molto contrariato (il mio terzo amico infatti non potrà esserci).
Potresti dirgliene 4 a questi (secondo me) lestofanti che si arrogano diritti che non hanno vendendo biglietti... proprio del TUO SPETTACOLO?!?!
Grazie, Francesco.

Francesco Gioia 16.01.06 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Se la vediamo da un altro punto di vista, la legge che impedisce al pubblico ministero di ricorrere contro il verdetto del giudice non è poi così assurda. Dato che, oggi, sia il pubblico ministero che il giudice sono entrambi magistrati (spesso, in televisione, si sentono chiamare addirittura entrambi con la parola "giudici"), il ricorso del pubblico ministero contro il giudice si potrebbe interpretare come "la magistratura che ricorre contro se stessa".

luigi lenzini 16.01.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
sono una studentessa di giurisprudenza laureata in Italia, che sta proseguendo i suoi studi di legge in Germania.
Volevo precisare, relativamente al sistema processuale penale italiano, che la riforma della ricorribilità nei sucessivi gradi di giudizio da parte del PM in caso di assoluzione dell'imputato, mi pare ancora più grave di quello che Lei palesa nel suo commento, per lo meno da quanto ho potuto comprendere, non avendo potuto valutare la legge. Infatti, se nel sistema Inglese PM e difesa sono visti come due avversari con pari oppurtunità, che, per così dire, giocano una partita davanti ad un arbitro neutrale (il giudice, appunto), nel sistema italiano il
PM rappresenta una figura che deve ricercare la verità processuale, possibilmente il più vicino possibli all'accadimento dei fatti.
Esso infatti non si situa per così dire sullo stesso livello di un imputato, ma, non avendo i nostri organi di Polizia capacità processuale, deve garantire, alla pari del giudice, la corretta persecuzione del fatto di reato, anche se in un ambito diverso. Infatti, è che agisce in giudizio in un processo penale? Seppure la riforma di procedura relativa all'apporto delle prove (che ora gli avvocati difensori stessi, e non più solo gli organi giudiziari di Polizia, possono validamente ricercare e far valere in giudizio) abbia avvicinato il nostro sistema a quello inglese, credo, per quel che conta il mio parere, che l'impianto di origine fondamentalmente rimanga, e che con questa legge possa essere danneggiato l'equilibrio processualistico che sta alla base del nostro cpp. Cosa ne pensa?
Grazie per l'impegno,
Margherita

Margherita Bandirali 16.01.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento

MA CHI È IL SENATORE LUIGI GRILLO

Il Senatore Grillo: nel 1994, quando Berlusconi diventò per la prima volta presidente del Consiglio, ben pochi sanno che la sua famosa vittoria elettorale non era stata completa, in quanto al Senato gli mancava giusto un voto per ottenere la maggioranza.

Berlusconi non si era perso d’animo e, facendo fare sottovoce il primo ribaltone della storia, sul quale non aveva niente da ridire perché lo faceva lui, aveva subito trovato un senatore eletto per l’altro schieramento e pronto a passare a lui, tradendo i suoi elettori: il senatore Grillo, appunto, che da allora deve essere ricompensato – anche a spese dei piccoli risparmiatori della Banca di Fiorani, evidentemente.

Ceasre Cremolini 16.01.06 19:09| 
 |
Rispondi al commento

se la sinistra dovesse (ci conto) vincere le prossime elezioni per chi governerà saranno tempi duri ... e ovviamente anche per noi. Ma sinceramente non sono preoccupata più di tanto da un quasi certo aumento delle imposte o di ogni qualsivoglia balzello. Tutto purchè mi si permetta di riappropriarmi della mia dignità di cittadina italiana, non sopporto più questa continua e violenta sensazione di vergogna che mi coglie ogni volta che ascolto le menzogne dei portatori nani (purtroppo non è solo).

antonia morciano 16.01.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Meno male che in questi giorni, per pura coincidenza, solo per coincidenza, c'era da discutere del caso Unipol, delle coperative e delle intercettazioni telefoniche di Fassino. Per il prossimo assalto alla costituzione o alla giustizia fortunatamente c'è ancora Cogne, poi ...Hai visto mai? Magari qualcosa succede, fosse anche solo la Lecciso che si riprende Albano!!
Sono veramente curiosa di vedere ora quanto tempo ci metterà Ciampi a firmare la legge....
Avete notato? Il nostro esimio presidente, con quell'aria da bravo vecchietto da bocciofilo tira fuori doti che farebbero invidia a Mennea quando si tratta di firmare una legge o di chiedere liquidazioni miliardarie alla Banca d'Italia!
Ma queste sono solo mie impressioni.
Ma!

nadia mad 16.01.06 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Sul sito dell'unità
c'è il documento completo in oggetto
ecco il link
http://www.unita.it/images/2005dicembre/rapportodirittiumani(2005).doc

cristiano zancarli 16.01.06 18:21| 
 |
Rispondi al commento

vorrei dire solo una cosa a Bertinotti che fà tanto la brava persona: PERCHE FA' SPESA A VIA DEI CONDOTTI A ROMA?
prima di parlare, dovrebbe guardarsi allo specchio, come dovrebbero fare TUTTI i politici!
Caro Beppe, posso dire una cosa ai politici sia di destra che di sinistra (ah ah ah)?
CI FATE SCHIFO!

davide pagnotta 16.01.06 18:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro beppe e cari blogger,
secondo voi le cose potrebbero cambiare in meglio se andasse la sinistra a governare?
riuscirebbe l'unione a tappare tutte le falle aperte dalla Berlusca e company in questi bui anni?
Ho un bisogno disperato di conferme, sto nello sconforto più totale......

andrea mita Commentatore in marcia al V2day 16.01.06 18:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un vecchietto dice ad un gruppo di tre vecchiette sull'autobus: io voto berlusconi lui c'ha tre reti e non ci fa pagare nemmeno il canone!!!!
Giuro non è una barzelletta l'ho sentita con le mie orecchie!!!

e-turella 16.01.06 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Laureati italiani uniamoci e scrivetemi, il sistema marginalizza la cultura, è diventato classista, la meritocrazia è morta. Io ho un sogno: cambiarlo, se molti di noi faranno sentire la propria voce, le cose cambieranno...


Ciao Sergio

Flavio Novaria 16.01.06 17:35| 
 |
Rispondi al commento

UN PO´ MENO A PECORELLA (off Topic)

Riporto pari pari un commento tratto dalle lettere che quotidianamente pervengono a Beppe Severgnini

Caro Beppe
visto che si parla di banche e commissioni, continuo sul tema.
Avevo un conto alle Poste, conto essenzialmente inattivo dove versavo la strenna dei nonni a mia figlia. Le condizioni delle Poste erano perfette, pagavo solo se avevo movimenti. Durante le vacanze di Natale ricevo l'aggiornamento delle condizioni e sorpresa sorpresa: dal 1° gennaio 2006 ci sono 30 euro di mantenimento conto. Sommiamo 34 euro di imposta di bollo e arriviamo a un totale di 64 euro all'anno per avere mille euro in Italia. Conclusione: sono andato alla Posta e l'ho chiuso, e i soldi sono andati all'estero. Informazione per chi ha un conto alla Posta: se lo chiudete entro il 16 gennaio non pagate commissione di chiusura e i 30 euro di mantenimento.
Ecco perché hanno tanta paura di Abn Amro o Bbva: tra Olanda e Spagna ho cinque conti da anni e non mi costano niente. Presso Abn ho 34,5 euro dal 1999 e a ogni estratto conto sono sempre 34,5. Nei Paesi normali le banche lavorano, cioè raccolgono fondi e li prestano contro interessi. Il reddito delle banche deriva dal correre un rischio sui prestiti. Estorcere commissioni per far nulla non vuol dire lavorare. Idem per la raccolta delle imposte e relative commissioni. Ci sono solo tre Paesi in Europa in cui le banche lo fanno: Italia, Spagna e Portogallo. E quest'ultimo sta per smettere di farlo.
Ben venga il mercato unico. Tutti a lavorare, please. Tutti a fare analisi di rischio per i prestiti e prendere decisioni difficili, non a contare commissioni.

Massimiliano Volpi 16.01.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche in Italia si può partorire e non riconoscere il bimbo e quindi darlo in adozione, senza necessariamente ricorrere all'aborto. Mai sentito parlare di "madre segreta"?...per quanto riguarda l'anomimo è un gran pirla...il concetto si può esprimere senza "tinte forti" e senza per forza "offendere"...vedrai che nn ti censurano più...

Paola Ghidini 16.01.06 16:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

v5
RICCARDO ARENA
(avvocato penalista, dirige 'Radio carcere', gia' programma di Radio Radicale, poi periodico quindicinale):

"Margherita e Ds hanno respinto l'amnistia.
Lega e AN hanno rifiutato amnistia e indulto.
Castelli ha detto: "Se c'e' un problema di affollamento, facciamo 4 nuovi carceri! Tra 10 anni sono pronti!" Per quello... ci sono 14 carceri nuovi e mai usati!
L'amnistia, che estingue il reato, e l'indulto, che diminuisce la pena, erano atti di clemenza necessari.
Certezza della pena significa processo efficace in tempi ragionevoli.
Adesso accadra' che chi e' condannato per reati leggeri rischia una pena esagerata, per es. un posteggiatore abusivo che estorce un euro, con la recidiva rischia 8 anni! (nda. 5 anni a Previti per corruzione di magistrati, anni che non scontera' mai!)
La politica deve essere amministrata nell'interesse di tutti, anche dei poveracci.
Ma questi parlamentari sia di destra che di sinistra si sentono DEI DELL'OLIMPO!
Una parte della sinistra aveva fatto certe aperture, poi per motivi elettorali, ha votato diversamente. Questo ha mostrato il disinteresse della politica che, quando si discute di giustizia penale, dimostra solo di non saper governare.
Se una politica non riesce a far funzionare la giustizia, allora non esiste nemmeno nemmeno una democrazia.

(i brani succitati sono stati detti alla radio oggi 16-1-2006 in un confronto tra penalisti e Gasparri, quest'ultimo non si sa a che titolo)

viviana vivarelli 16.01.06 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Il tuo spettacolo.

Caro Roberto, premesso che sei un grande e rappresenti la coscienza degli italiani (per chi ancora ce l'ha e non ha ceduto i diritti della propria a mediaset) e ti seguo sempre con interesse.

Di domande e argomenti ce ne sono tanti, ma ce ne è uno da farti subito: come faccio a venire a vedere un tuo spettacolo??

perchè ogni volta che so di un tuo spettacolo i bilgietti sono già esauriti....

Perchè allora non venire incontro alle nostre esigenze e fare qualche data in più, almeno in una città come Roma.....che ne pensi???

grazie

continua così

stefano micchia 16.01.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento

V43

PISAPIA:
"La legge Cirielli e' una vergogna da cancellare dal nostro diritto che incrudelisce le pene ai piu' deboli, i recidivi, anche per mancanze lievi e lontanissime, annullando i benefici della Gozzini, che permetteva un graduale reinserimento.
La legge Pecorella impedisce al PM di esercitare la sua funzione e lede la parita' dei diritti delle parti.
Sulle carceri: ogni detenuto recuperato e' un delinquente in meno.
Ma nessuna giustizia puo' funzionare con 4 milioni di procedure pendenti, di cui molte andranno in prescrizione e altre finiranno al 1° grado senza appello.
Siamo al fallimento di ogni riforma! 
Decidiamo dunque col prossimo governo di approvare subito un alleggerimento del carcere e di lavorare sulle pene, che non possono consistere solo nel carcere!
Ogni protesta contro la Cirielli e' sacrosanta! La legge che Fini vuol fare per aggravare le pene per la droga equiparando droga leggera a pesante sono in contrasto con la Cirielli e affolleranno ancora di piu' le carceri.

RICCARDO ARENA, avvocato penalista Riccardo Arena, dirige Radio carcere, gia' programma di Radio Radicale, poi periodico quindicinale:
"Margherita e Ds hanno respinto l'amnistia. Lega e AN hannp detto di non ad amnistia e indulto. Castelli ha detto: "Se c'e' problemi di affollamento, facciamo 4 nuovi carceri, tra dieci anni sono pronti". Per quello... ci sono 14 carceri nuovi e mai usati! L'amnistia, che estingue il reato, e l'indulto, che diminuisce, la pena erano atti di clemenza necessari. Certezza della pena significa processo efficace in tempi ragionevoli. Ora, uno processato per reati leggeri, per es. un posteggiatore abusivo che estorce un euro, rischia con la recidiva 8 anni! La politica deve essere amministrata nell'interesse di tutti anche dei poveracci. Ma questi parlamentari sia di destra che di sinistra si sentono Dei dell'Olimpo! Una parte della sinistra aveva fatto certe aperture, poi per motiv

viviana vivarelli 16.01.06 16:19| 
 |
Rispondi al commento

PECORELLA
La legge fa riferimento a esigui processi, l'impugnazione di Milano di B riguarda la sentenza SME dove ci sono 3 sentenze di assoluzione piena. Non e' vero che con la mia legge le vittime non sono considerate. Potranno procedere privatamente in sede civile
Apprezzo la Cirielli perche' da' al recidivo un trattamento piu' severo. Invece sono contrario alla sparizione dei benefici della Gozzini, dati a chi si comportavano bene. Ero d'accordo con l'amnistia, se Margh. e Ds avessero votato, passava, anche se mancavano i tempi per portarla a termine ma avremmo dato un segnale ai carcerati

BRUTTI: Dalla visita del Papa col piu' lungo applauso del Parlamento, per 3 anni non è stato fatto nulla. E l'inferno dei detenuti è aumentato. Ad ogni voto si sono date false speranze, sempre deluse. Lega e AN hanno sempre rifiutato ogni clemenza. E ora anche DS e Margh. si astengono dall'amnistia! La legge Pecor. è in contrasto col principio fondamentale della parità delle parti e lede i diritti delle vittime. E poiché si potrà solo andare in Cassazione per rimettere in discussione la parte formale del processo, avremo la moltiplicazione dei ricorsi e un allungamento enorme dei tempi procedurali che paralizzerà la Cassaz. stessa. Su amnistia e indulto, c'erano a disposizione solo 2 settimane e mezzo e non si sarebbe potuto concludere nulla. Pertanto era inutile dare speranze ai carcerati. Una fretta estrema ha troncato anche l'analisi in commissione. Siamo di fronte a una condizione delle carceri intollerabile, con dentro solo poveracci ed emarginati, i senza poteri. Quando uno esce da questo inferno è peggiore di quando c'è entrato
Non ci sono provvedimenti di clemenza dal '90 L'amnistia cancellava i reati prima del 2001, l'indulto annullava qualche mese
Non c'era tempo per un'amnistia (per il no di DS e Margherita, oltre che della Cdl) era piu' rapido fare un indulto cioe' ridurre un po' le pene ma AN e Lega non hanno voluto.

viviana vivarelli 16.01.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento

V2

Pecorella e' un ex avvocato rosso, ex difensore delle vittime di P.zza Fontana, ex avvocato della sinistra extraparlamentare, ex sostenitore della colpevolezza dei fascisti.. e ora uno degli avv. piu' cinici e astuti di B:

Questo il testo per cui Pecorella querela Cordero di Repubblica:

"Nessuno neghera' che la scorreria berlusconiana sia riuscita.
Era spaventosamente ricco: qualcosa i processi dicono su come lo fosse diventato; che taumaturgo sia lo gridano le bestialita' commesse al governo, ma nella guerra da corsa e' un Satanasso; e moltiplica il patrimonio sotto lo scudo dell´oscena legge che l´assolve dal conflitto d´interessi.
Al mondo sono pochi i piu' ricchi.
Se ne vanta: «le mie aziende vanno bene»; «ho quarantamila miliardi».
Qualche anno fa era indebitato fino al collo. Potere personale crudo, d´un genere piratesco. Le Signorie tre-quattrocentesche attuano visioni politiche oltre i particolarismi comunali, prefigurando lo Stato moderno, mentre l´Italia 2005 affonda nell´allegra barbarie.
Conflitto d´interessi? Dissolto dal voto popolare.
Idem gli episodi delittuosi degli anni in cui rampava.
Qui l´analisi politica diventa sonda antropologica.
Il berlusconismo e' EGOMANIA, RIFIUTO FOBICO DELLE NORME, SOPERCHIERIA, FRODE E IGNORANZA"

http://www.libertaegiustizia.it/rassegna/rs_leggi_articolo.php?id_articolo=377

Segue, come abbiamo detto, querela a Repubblica.

viviana vivarelli 16.01.06 16:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono in uno stato depressivo senza alcuna possibilità di speranze...questi ultimi petardi sparati in faccia a tutti noi comuni cittadini onesti e "babbioni" prima delle elezioni che potrebbero portare alla vittoria le sinistre! Già e tremo pensando se cammineranno uniti o alla prima folata di vento si divideranno e poi quanta merda devono spalare per risalire la china facendo inevitabilmente sputare sangue ai ceti medio-bassi. Sai un'altra amarezza e che tutti questi infami di questo governo non pagheranno per le loro nefandezze e arricchimenti!!In Cile ha vinto una donna coraggiosa e pulita su un "berlusconi bis"...beh il popolo cileno è certamente più sveglio ed intelligente di quello italiano.
DIAMOCI UN PROGRAMMA PER COSTRINGERE LA SINISTRA A FARE DA OGGI IN POI UN BUON LAVORO E MANDARE A CASE I VECCHI DIRIGENTI CHE NON CI RAPPRESENTANO PIU' ( DALEMA ECT ) E HANNO SOLO IN MENTE DI MANTENERE LA LORO POLTRONA, BARCA ECT...

patrizia mazzini 16.01.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

v1

Due leggi mostro:

-la EX CIRIELLI, che incrudelisce le pene per i recidivi ingorgando le carcerie, e abbrevia i tempi di prescrizione annullando di fatto i processi allungati da avvocati furbi

- la legge PECORELLA, che vieta la possibilita' di appello alla parte lesa nel caso di assoluzione dell'imputato, riducendo i poteri della Cassazione a un formale controllo di procedura.

Sull'ex Cirielli il No e' unanime. Nessun operatore di giustizia, dal magistrato al secondino, e' favorevole alla Cirielli.
Per protestare contro questa legge abnorme, da domani i penalisti si asterranno per 3 giorni dalle udienze, considerandola "devastante regresso della civilta' giuridica nel nostro paese, anticostituzionale e fuorilegge, volta a una giustizia differenziata", di classe" come era quelle dei "Miserabili".

Per la legge Pecorella invece ci sono piu' posizionim, cosi' e' inaccettabile e si richiede una riforma piu' ampia che limiti l'appellabilita' rivedendo l'intero sistema cosi' da arrivare prima a una sentenza giusta.

GASPARRI: "La Cirielli e' stata voluta da AN e persegue i recidivi con maggiore severita'. E' giusto essere piu' severi con chi ripete il reato. Il mio partito e' sempre stato critico con la Gozzini (benefici che permettono ai detenuti ravveduti con buona condotta di accedere a misure alternative al carcere e a permessi premio). Si dede dare celerita' ai processi. Credo che la Pecorella viga in varie parti del mondo (smentita secca di Brutti), risponde a principi di trasparenza e ragionevolezza. Certo che la Cirielli aumenti il numero dei detenuti, ma, se lo fa per una maggiore severita', a me sta bene."

(beh a Gasparri sta bene sempre tutto, anche il peggio!)

viviana vivarelli 16.01.06 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Il concetto di giustizia del nostro ''portatore nano di democrazia'' è mooolto personale...

Se fosse per lui, quei mentecatti (parole sue) dei magistrati dovrebbero tutti essere cacciati via, almeno fino a quando non la penseranno tutti come vuole lui.

Come dovrebbero pensarla?

1. La legge è uguale per tutti, ma per qualcuno è molto più uguale;

2. Chi ha soldi e potere può permettersi avvocati potenti, corrompere giudici, avere dalla propria parte le forze dell'ordine e "addomesticare" l'opinione pubblica con vari mezzi di informazione, quindi: meglio essere morbidi;

3. Se l'imputato è un poveraccio che può permettersi solo un avvocato d'ufficio, cavoli suoi. Doveva pensarci prima di commettere un reato.

4. Se ad essere imputato è il presidente del consiglio dei ministri, meglio lasciar perdere. E' stato Eletto dal Popolo, con la E e la P maiuscole (a meno che non sia comunista come Prodi, Di Pietro o Mastella - non parliamo di Bertinotti - in tal caso si tratta di individui pericolosi, anti-democratici ed eversivi).

Più o meno questo dovrebbe essere il pensiero del perfetto magistrato secondo il nanetto.

Auguri a tutti noi.

Roberto Gennari Commentatore in marcia al V2day 16.01.06 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il clima politico è arroventato da tutte le polemiche di questi giorni, guardate questo video e rilassatevi un pò!

giovanni bivona...protestiamo!!!
http://spaces.msn.com/members/balestratesi/

don rodrigo 16.01.06 15:13| 
 |
Rispondi al commento

volevo sapere se qualcuno ha una spiegazione comprensibile per la campagna elettorale dell'unione;proprio oggi ho letto un cartellone pubblicitario cosi profondo da spingermi a farmi delle domande,esattamente diceva:oggi la devolution , domani l'italia.
ma va la ...............datemeli a me i soldi che a quel pubblicitario li!!!!!

luca lodi 16.01.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento

facciamo qualche sempio concreto per capire. il sig. x commette uno scippo. pena da 1 a 6 anni. il sig. x viene colto in flagranza e arrestato. il sig. x ha molti soldi è assume il miglior avvocato (diciamo Taormina). In primo grado può:
procedere al rito abbreviato e poi procedere in caso negativo all'appello e al ricorso in cassazione sperando alla prescrizione del reato (che con la ex cirielli passa da 10 a 6 anni)
procedere a patteggiare la pena con il patteggiamento allargato e con le attenuanti generiche ottenere la sospensione condizionale della pena nei due anni di pena
può nei casi più favorevoli essere prosciolto chiudendo con la giustizia al primo grado impedendo al PM e alla vittima di poter ricorrere in appello.
in definitiva tranne se non sei un povero cristo al quale gli danno l'avvocato d'ufficio non ti farai un giorno di galera...e questa me la chiamate giustizia...
saluti

Vincenzo Curcio 16.01.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento

"La prudenza, invero, consiglierà di non modificare per cause contingenti e di poco conto governi da lungo tempo stabiliti; e conformemente a ciò l'esperienza ha dimostrato che gli uomini sono maggiormente disposti a sopportare, finché i mali siano sopportabili, che a farsi giustizia essi stessi abolendo quelle forme di governo cui sono avvezzi. MA QUANDO UN LUNGO CORTEO DI ABUSI E DI USURPAZIONI, INVARIABILMENTE DIRETTI ALLO STESSO OGGETTO, SVELA IL DISEGNO DI ASSOGGETTARLI A UN DURO DISPOTISMO, E' LORO DIRITTO E LORO DOVERE (!!!!!) DI ABBATTERE UN TALE GOVERNO, E DI PROCURARSI NUOVE GARANZIE PER LA LORO SICUREZZA FUTURA."
Thomas Jefferson (1743-1826)

MANDIAMOLI TUTTI VIA DALL'ITALIA. TUTTI APPESI. PORCI DELINQUENTI CRIMINALI FARABUTTI SANGUISUGHE ESSERI ABOMINEVOLI DESTRA CENTRO SINISTRA TUTTO L'ARCO COSTITUZIONALE E TUTTA LA SETTIMA GENERAZIONE LORO.

raffaele mascetra 16.01.06 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Questa legge è semplicemente un abominio, nonché palesemente incostituzionale. Sono d'accordo con Beppe, e spero davvero che Ciampi non la firmi.
è l'ennesimo tentativo del nano di bloccare i suoi processi, salvarsi in corner evitando il processo (con la prescrizione, o abolendo l'appello, come in questo caso).
Tutto ciò a danno del funzionamento della giustizia, e quindi a danno di tutti i cittadini e della democrazia.

Silvio Arcangeli 16.01.06 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Preciso che SOLO se l'imputato è assolto con formula piena il pubblico ministero non potrà ricorrere e nella stessa legge ci sono anche inasprimenti delle pene per i recidivi altro che tutti fuori con l'amnistia...
Legge sacrosanta.

Pedroni Pierpaolo 16.01.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Se esistesse un paese, una città, un luogo, un comune, una frazione il cui sindaco fosse Beppe, sarebbe il mio rifugio ideale, seppure senza lavoro o sotto un ponte, il solo pensiero di saperlo vicino sarebbe il mio sostentamento quotidiano...

Giovanni De Grande 16.01.06 14:24| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUATE COSI', CHE VINCE IL BRODO-PRODI, il grande boiardo di stato, ministro dei governi abominevoli della DC, pappa e ciccia col democristiano De Mita, svenditore dell'Alfa Romeo alla Fiat mantenuta per anni con i nostri soldi, amico e rappresentante della grande finanza italiana (lo ha detto Cossiga). Poi Bertinotti per fortuna lo farà cadere, così senza Berlusconi la margherita finalmente potrà avvicinarsi al centro destra (perchè quella è la sua natura) e risorgerà la grande e nuova DC e la sinistra sarà relegata per anni e anni all'opposizione. Nonostante le leggi ad personam pregate perchè Berlusconi non se ne vada!!!!

Alberto Russolo 16.01.06 13:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dal mio punto di vista questa legge è corretta per due premesse e 2 motivi:
Premessa 1: in Italia attualmente esiste la presunzione di colpevolezza e non la presunzione di innocenza, ciò significa che se accusato di un crimine io, per lo stato sono subito colpevole e quindi devo dimostrare la mia innocenza, mentre sarebbe logicamente più corretto essere considerato innocente finchè le prove non dimostrano che sono colpevole (e vi assicuro che non è la stessa cosa)
Premessa 2: Va applicata la centralità e la tutela dell'individuo e del cittadino nello stato di diritto.

Motivo 1) lo stato è molto più forte del cittadino e quindi è corretto che il cittadino abbia più garanzie; una volta che un cittadino ha dimostrato la propria innocenza perchè lo stato deve avere la facoltà di poter infierire o perseguire ulteriormente il cittadino?

Motivo 2) Per lo stesso motivo, quindi proprio per la disparità delle forze e sempre per asserire la centralità dell'individo nello stato e sullo stato è giusto che il cittadino abbia più di un'opportunità per dimostrare la propria innocenza.

La legge attuale dice che se un cittadino dimostra in primo grado la propria innocenza allora lo stato lo può perseguire ancora e portarlo in appello ecc...secondo me significa che lo stato si accanisce contro il cittadino.

giuseppe faenza 16.01.06 13:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rispondo pubblicamente a Francesca Ferrante, che più sotto ha scritto, per dirle che probabilmente una democrazia di quel popolo “retrogrado cileno” non potremo mai averla perché siamo impegnati a portare democrazia all’est-petrolio, succubi (noi) e vittime dello strapotere americano. Quattro regioni della nostra vituperata e sfilacciata Italia sono governate da quattro ben note cosche malavitose che sono certamente colluse con un certo potere economico, un’altra parte dell’Italia è governata da un occulto potere economico (mica tanto occulto) e ciò che rimane è nelle mani degli americani (ma è davvero ciò che rimane?) Gentile Francesca Ferrante il “sistema italia” non ha tempo di occuparsi del raggiungimento di una vera democrazia nel nostro paese, deve portarla ad oriente e fortificarla al nostro occidente, noi possiamo ancora aspettare, dobbiamo prima toccare il fondo, come tutte le rinascite che si rispettino. Cordiali saluti

Antonio VACCA 16.01.06 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Ecco un altro esempio del Nuovo Ordine Mondiale che avanza inesorabile. Ma riassumiamo gli ultimi fatti, in sequenza rapida:
1) cambiano la costituzione
2) cambiano la legge referendaria
3) approvano leggi "strane", come la Pecorelli
4) le Forze dell'Ordine intervengono sempre meno nelle questioni dei cittadini ( ne ho mille prove, grazie ai racconti autorevoli di personaggi che lavorano con la legge)
5) cercano di inquinare in ogni modo la vita dei cittadini ( medicinali, cibo alterato, prezzi sballati negli ipermercati, malattie immaginarie)

Potrei aggiungere molti punti. Ma credo tutto questo sia sufficiente a stabilire che dalle scuole alle strade, bisogna cominciare una campagna massiccia ANTI-GOVERNO MONDIALE, a favore delle democrazie, del singolo, dell'economia condivisa, dell'ecologia e della salute!
Chi vi parla combatte da mesi con un sistema che lo sta privando anche di un figlio, grazie alle leggi orrende e inutili che dominano il settore affido e tutela del minore.
Vi dico chiaramente perchè le FF.OO. non intervengono più nelle questioni direttamente: perchè sono pagati poco, e si scocciano a mettersi nei guai, anche se devono fermare un ladro che è entrato dentro casa e tiene in ostaggio qualcuno! Proprio così!
Ma ci sarà qualcosa di poco chiaro in tutto questo sistema ? O è forse ora di RIVOLUZIONARE TUTTO? METTIAMO AL POTERE i giovani universitari du oggi, che hanno studiato tante teorie nuove e sistemi economici innovativi. Togliamo LA MAFIA dal potere. I soldi vanni tutti a poche DECINE di persone. Ma in Italia siamo più di 50 milioni! O ci vogliono forse ridurre, come pensano i Bildeberg del www.nwo.it, così evitano di dover creare economie per il mondo? Perchè il mondo sono loro soltanto?
il mondo è di tutti!

Caimmi Giuliano 16.01.06 13:18| 
 |
Rispondi al commento

povera Giustizia se così ancora la si può chiamare.............ma non era meglio abolire con un unico decreto ad hoc tutti i reati del portatore nano ........secondo me facevano meno danni.......avendo comunque lo stesso risultato..............beppe 6 grande

Matacena Giuseppe 16.01.06 13:12| 
 |
Rispondi al commento

NE' NERI, NE' ROSSI MA LIBERI CON BOSSI

Andrea Speroni 15.01.06 15:36
----------------
Invece di abbaiare come un "cane sciolto"
Pensa cos'era la lega,e cos'e'diventata.
Non mi e'mai piaciuto il vostro obiettivo
la vostra politica,ma almeno si intravedeva
"la parvenza"di uomini decisi,risoluti nel
raggiungimento
del loro intento.Cosa siete diventati?Cosa avete ottenuto?
Una leggina che verra'abrogata aLL'unanimita'
(anche dai tuoi stessi alleati)CHE VI HANNO SFRUTTATO
per farsi votare le proprie leggi.
Non hai niente per cui esultare,i vostri rappresentanti
ci stanno bene a Roma....Siete stati inc...ti
cosi'come il resto degli italiani.SVEGLIAAAA!!!

-------------

aspettiamo te ed i compagni e vedrete che il modo per inc...ci (te compreso) lo sanno già.
nel frattempo grido ancora più forte il "NE NERI, NE ROSSI, MA LIBERI CON BOSSI" o con qualcuno come LUI che vuole si saprà far carico della liberazione dei POPOLI.
Mi viene in mente il finale del film "BRAVEHART" non conosco l'inglese, perdonatemi!

BOLZANI MAURIZIO 16.01.06 13:06| 
 |
Rispondi al commento

E' d'obbligo una marea di mail al nostro Presidente Azelione Ciampi: unica possibilità X fermare questa non-legge.
Beppe prepara il testo, mettilo sul blog che ci pensiamo noi ad inondare il Quirinale di mail!!!!

Ci vediamo a Udine a fine mese

Sandro Marcon

sandro marcon 16.01.06 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gravissimo! Il nostro non è un paese libero, ormai da tempo, troppo. E' una vergogna! Dopo questa legge, nei tribunali non dovrebbe essere più scritta "la Legge Vale per tutti" ma "La Legge vale per tutti voi! (poveri sfigati)". La cosa che fa più schifo e che i mass media non nè parlano, mentre in qualunque altro paese libero sarebbe successo la rivoluzione. Bisogna mobilitarsi,nelle scuole, negli uffici, nelle piazze e nei tribunali per fermare questa legge.

Antonio Gardini Gallotti 16.01.06 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusate, ma che roba è il link che si trova su
http://www.italiaforza.it/link.html
?

..Ministero per il buonumore?
il sito ufficiale di forzaitalia che linka un sito personale e che fa barzellette?

E poi si è mai visto un sito che nell'informativa sulla privacy dice:
Per informazioni telefonare al 06/6731282
??

... provate a inviare un messaggio: a parte che non viene pubblicato, ma questo era ovvio..
dopo aver postato, ci si ritrova su
http://www.italiaforza.com/index.htm

con un bel Not Found
The requested URL /index.htm was not found on this server.

giuseppe d'ambrosio 16.01.06 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Su questo ed altro penso che il nostro Presidente Ciampi abbia usato troppo la carota nel promulgare certe leggi. E c'è chi se ne è approfittato.

oscar Pelli 16.01.06 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Gravissimo! Il nostro non è un paese libero, ormai da tempo, troppo. E' una vergogna! Dopo questa legge, nei tribunali non dovrebbe essere più scritta "la Legge Vale per tutti" ma "La Legge vale per tutti voi! (poveri sfigati)". La cosa che fa più schifo e che i mass media non nè parlano, mentre in qualunque altro paese libero sarebbe successo la rivoluzione. Bisogna mobilitarsi,nelle scuole, negli uffici, nelle piazze e nei tribunali per fermare questa legge.

Antonio Gardini Gallotti 16.01.06 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo pubblicamente a Francesca Ferrante per dirle che probabilmente una democrazia di quel popolo “retrogrado cileno” non potremo mai averla perché siamo impegnati a portare democrazia all’est-petrolio, succubi (noi) e vittime dello strapotere americano. Quattro regioni della nostra vituperata e sfilacciata Italia sono governate da quattro ben note cosche malavitose che sono certamente colluse con un certo potere economico, un’altra parte dell’Italia è governata da un occulto potere economico (mica tanto occulto) e ciò che rimane è nelle mani degli americani (ma è davvero ciò che rimane?) Gentile Francesca Ferrante il “sistema italia” non ha tempo di occuparsi del raggiungimento di una vera democrazia nel nostro paese, deve portarla ad oriente e fortificarla al nostro occidente, noi possiamo ancora aspettare, dobbiamo prima toccare il fondo, come tutte le rinascite che si rispettino. Cordiali saluti

Antonio VACCA 16.01.06 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Gravissimo! Il nostro non è un paese libero, ormai da tempo, troppo. E' una vergogna! Dopo questa legge, nei tribunali non dovrebbe essere più scritta "la Legge Vale per tutti" ma "La Legge vale per tutti voi! (poveri sfigati)". La cosa che fa più schifo e che i mass media non nè parlano, mentre in qualunque altro paese libero sarebbe successo la rivoluzione. Bisogna mobilitarsi,nelle scuole, negli uffici, nelle piazze e nei tribunali per fermare questa legge.

Antonio Gardini Gallotti 16.01.06 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Gravissimo! Il nostro non è un paese libero, ormai da tempo, troppo. E' una vergogna! Dopo questa legge, nei tribunali non dovrebbe essere più scritta "la Legge Vale per tutti" ma "La Legge vale per tutti voi! (poveri sfigati)". La cosa che fa più schifo e che i mass media non nè parlano, mentre in qualunque altro paese libero sarebbe successo la rivoluzione. Bisogna mobilitarsi,nelle scuole, negli uffici, nelle piazze e nei tribunali per fermare questa legge.

Antonio Gardini Gallotti 16.01.06 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo pubblicamente a Francesca Ferrante per dirle che probabilmente una democrazia di quel popolo “retrogrado cileno” non potremo mai averla perché siamo impegnati a portare democrazia all’est-petrolio, succubi (noi) e vittime dello strapotere americano. Quattro regioni della nostra vituperata e sfilacciata Italia sono governate da quattro ben note cosche malavitose che sono certamente colluse con un certo potere economico, un’altra parte dell’Italia è governata da un occulto potere economico (mica tanto occulto) e ciò che rimane è nelle mani degli americani (ma è davvero ciò che rimane?) Gentile Francesca Ferrante il “sistema italia” non ha tempo di occuparsi del raggiungimento di una vera democrazia nel nostro paese, deve portarla ad oriente e fortificarla al nostro occidente, noi possiamo ancora aspettare, dobbiamo prima toccare il fondo, come tutte le rinascite che si rispettino. Cordiali saluti

Antonio VACCA 16.01.06 12:24| 
 |
Rispondi al commento

VERGOGNATEVI - VERGOGNATEVI

HANNO APPALUDITO TUTTI PER LE PAROLE DI GIOVANNI PAOLO II, QUANDO ANDO' IN PARLAMENTO....

E POI TUTTO A PUTTANE......

UN MEGA APPLAUSO SULLA RICHIESTA DI UNA CLEMENZA
CI FU UNA STANDING OVATION (SI ALZARONO TUTTI IN PIEDI PER APPLAUDIRE LE PAROLE DEL SANTO PADRE)...

E ADESSO ? TUTTO FINITO, BACCIATA LA AMNESTIA, L'INDULTINO!!!!!

FACCIAMO NOI UN REFERENDUM IN MATERIA.......
N.B. PER ME IL REFERENDUM DEVE ESSERE UNA DECISIONE SU 2 O TRE PROPOSTE (XCHE NON ESISTE SOLO SI E NO)

PER ME E' IL MOMENTO DI UN AMNESTIA, PARTENDO DAI PICCOLI FINO A SALIRE...(FINO A DOVE?)...IO NON LO SO.....

MA SECONDO VOI E' PARI LA LOTTA TRA PM (PUBBLICO MINISTERO E DIFESA)???
1°) PAGATO DALLO STATO
2°) IN CASO DI MANCANZA DI SOLDI PAGATO DALLO STATO MA RICATTATO DALL'AVVOCATO.....(E IN TRIBUNALE NON SI POSSONO PORTARE REGISTRATORI PER DENUNCIARE L'AVVOCATO)

RAOUL REDDITI 16.01.06 12:24| 
 |
Rispondi al commento

per cristina:

non vorrei aumentare il grado di sfiducia, che comprendo e condivido totalmente ma con l'ultima legge elettorale il nostro diritto al voto è tornato indietro di anni. mi spiego meglio, pur avendo avuto negli ultimi 10 anni un maggioritario all'italiana (25% proporzionale), almeno avevamo la possibilità di dare preferenze nei confronti di chi si candidava. nella prossima tornata invece le liste saranno blindate dalle segreterie politiche.....

l'appello all'astensione lo condivido, basta con questa solfa del turiamoci il naso oppure votiamo per il meno peggio: se una classe dirigente non merita, non merita neanche il nostro tempo per eleggerla. se proprio non volete disertare, anadate a votare e fate una bella barra in diagonale in modo da annullare la scheda. immaginate vhe bello se si trovassero un affluenza del 70/80% e di un voto sotto quota 20%.

sergio

Sergio Barbonetti 16.01.06 12:21|