Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Stanca express


pony express.jpg

Al termine del suo glorioso quinquennio alla guida del ministero dell’innovazione Stanca ha gettato la spugna.
Ha capito che gli italiani, distratti dal digitale terrestre, vessati dai costi di connessione tra i più alti nel mondo e spesso neppure raggiunti dalla ADSL, non si erano ancora digitalizzati.

Come fare per ovviare a questa incresciosa situazione?
Semplice, informandoli della rivoluzione digitale con un libretto: “L’innovazione digitale per le famiglie” di 48 pagine che sarà inviato a 16 milioni di famiglie italiane.
Naturalmente per posta, altrimenti come farebbero le famiglie a riceverlo?
Non sono collegate alla Rete.
Altrimenti lo leggerebbero comodamente dal pc come potete fare voi.
Usare la carta per spiegare il digitale è come mandare una missiva a cavallo ai tempi dell’automobile.

Quanto costerà inviare 48pagineX16milionidifamiglie?
SETTEMILIONIDUECENTOSETTANTAMILAEURO, pari a 45 centesimi a copia per stampa, imbustamento e invio.
Ma scusate, c..o!, non era meglio dotare le scuole italiane con qualche decine di migliaia di pc con quei soldi?

Il libretto è accompagnato da un pezzo comico del portatore nano di Internet: “ il governo sta promuovendo la rivoluzione digitale attraverso una serie di iniziative senza eguali in Europa, a partire dall’insegnamento dell’informatica sin dal primo anno di scuola, sino alle agevolazioni per l’acquisto di computer e accessi alla larga banda”.

Facciamo il nostro dovere di cittadini, aiutiamo le casse dello Stato:
1 - scarichiamo il libretto dalla Rete ed evitiamo questo costoso spreco di carta
2 – inviamo una email a Stanca all'indirizzo: L.Stanca@governo.it chiedendogli di non inviarci nulla per posta
3 – facciamo una colletta per regalare un pc a Stanca, digitalizziamolo!

21 Gen 2006, 22:04 | Scrivi | Commenti (1337) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Salve a tutti,

Ho ricevuto il famoso libretto stampato e diffuso con i nostri soldi, la mia indignazione é aumentata nel leggere che ci credono degli emeriti cretini in materia, ci trattano come bambini di 3 anni (con tutto il rispetto per i bambini di quell'età) spiegandoci le cose tramite vignette e dandoci informazioni non sempre esatte ed al quanto vaghe riguardo alla materia trattata; ma con tutti i soldi pubblici che hanno sprecato non si potevano informare in maniera adeguata?!? Gliela farei metter intorno al collo la banda larga, ma stretta stretta...

Luca Tognacci 01.03.06 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,

Ho ricevuto il famoso libretto stampato e diffuso con i nostri soldi, la mia indignazione é aumentata nel leggere che ci credono degli emeriti cretini in materia, ci trattano come bambini di 3 anni (con tutto il rispetto per i bambini di quell'età) spiegandoci le cose tramite vignette e dandoci informazioni non sempre esatte ed laquanto riguardo alla materia trattata; ma con tutti i soldi pubblici che hanno sprecato non si potevano informare in maniera adeguata?!? Gliela farei metter intorno al collo la banda larga, ma stretta stretta...

Luca Tognacci 01.03.06 17:57| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere qual'è l'adsl più conveniente.... non ci capisco niente in tutte queste offerte truffa!!!graziee buon lavoro!!!!!

marcella bioccoli 28.02.06 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
anche i costituzionalisti ce l'hanno con il MInistro Stanca e la sua sperimentazione fasulla del voto elettronico... tanto che vorrebbero regalargli un pallottoliere! Per i dettagli vedi alla voce Voto elettronico sul sito www.forumcostituzionae.it
ciao Sara

Sara Del Fabbro 26.02.06 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
anche i costituzionalisti ce l'hanno con il MInistro Stanca e la sua sperimentazione fasulla del voto elettronico... tanto che vorrebbero regalargli un pallottoliere! Per i dettagli vedi alla voce Voto elettronico sul sito www.forumcostituzionae.it
ciao Sara

Sara Del Fabbro 26.02.06 20:56| 
 |
Rispondi al commento

caro pippo tante condoglianze per tuo suocero, ma fammelo dire queste persone sono davvero delle teste di c... se il libricino è arrivato a tuo suocero che è morto 11 anni fà sicuramente arriverà anche alla mia bis nonna che è morta 3 anni fà.Allora mi chiedo quanti soldi butteranno i nostri dipendenti???? maaah... questa cosa è assurda!!!! Cmq presto farò mandare da mia madre l e.mail al ministro per nn ricevere il libricino,perchè io sono minorenne e non so se(..) anche se già so cosa mi risponderà!!
cmq secondo me l informazione tecnologica è quella che si fa in blog come questi, scambiando informazioni come quella:di wikipedia, di skipe, di voip stunt.
p.s. Beppe sei grosso vai cosi che vai da paura!!

alessandro c. 25.02.06 18:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

WIMAX

La sperimentazione in italia è terminata il 31 dicembre 2005.Il 30 gennaio 2006 a Roma c'è stata la "giornata di studio sullo stato di avanzamento della sperimentazione WiMax" e ciscuna azienda partecipante alla sperimentazioni ha mostrato i propri risultati
(http://wimax.fub.it/)

Ho letto solo il primo,sul sito della Fondazione Ugo Bordoni ci sono tutti.Queste sono le conclusioni:

Le prime conclusioni
•Funziona!
•L’installazione
–Rapida/Pratica
–Facilità di puntamento
•In città
–Buone prestazioni in rapporto alla scarsa visibilità della BS
–Ampio ventaglio di copertura

Quindi,le frequenze sono disponibili,la sperimentazione è terminata e le offerte dove sono?
Poi mi chiedo,se questo è un mezzo introddotto per eliminare il digital divide oltre che per ridurre i costi del servizio,sarà offerto prima nei posti in cui non c'è la dsl o ce lo ritroveremo nuovamente solo in città tra dsl e fibbra ottica come alternativa alle altre?
Poi c'è una cosa,sono state fatte delle audizioni,gli internet provider e i costruttori si sono dimostrati favorevoli al wimax,gli operatori mobili sono arrivati invece a queste conclusioni:

"Tutti i partecipanti sono convinti che sia necessario soffermare l’attenzione sulle conseguenze economiche che l’introduzione del WiMax potrà avere sul mercato delle altre tecnologie già presenti."

Gli operatori fissi e Wireless Local Loop hanno invece sollevato il problema del voip

Operatori fissi:
"Per quanto riguarda l’utilizzo del VoIP c’è discordanza (TI ed Infratel non sono favorevoli) così come per l’applicazione delle misure asimmetriche."

Operatori WLL:
"Ritengono, inoltre, che sia opportuno evitare l’utilizzo di applicazioni VoIP attraverso il WiMax (visto più come un’applicazione che non come una tecnologia vera e propria)."

Ci sarà mica in mezzo il tronchetto?
Calcolando che una base station da 300Mb costa 15000€ perchè non lascire a tutti la possibilità di comprare una base station e dividere le spese con gli altri che la usano?

Cristoforo Nardone 25.02.06 01:43| 
 |
Rispondi al commento

Fratello! Come ti capisco! Ma la tua giusta osservazione sulla benda... è un'osservazione ottimista!! Già...
Quando servono voti, quando serve pubblicità e, soprattutto, quando c'è da arraffare fondi per progetti pro-... diversamente abili..
corrono... propongono.. entusiasmano platee intere, per farsi belli.. a danno di chi davvero ha bisogno di.. una mano!
Ho molte amare esperienze da raccontare.. ma se comincio..
Ci risientiamo!!

Andrea Vergalito 20.02.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Fratello! Come ti capisco! Ma la tua giusta osservazione sulla benda... è un'osservazione ottimista!! Già...
Quando servono voti, quando serve pubblicità e, soprattutto, quando c'è da arraffare fondi per progetti pro-... diversamente abili..
corrono... propongono.. entusiasmano platee intere, per farsi belli.. a danno di chi davvero ha bisogno di.. una mano!
Ho molte amare esperienze da raccontare.. ma se comincio..
Ci risientiamo!!

Andrea Vergalito 20.02.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti volevoi solo dire che il libricino del ministro stanca mi è arrivato nonostante la mail di richiesta di nn inviarmelo ma si sa siamo in italia, chi da retta ormai al popolo italiano.................. ma a parte questo ho detto sfogliamolo ma mi sono fermato solo alla prima pagina dove parlava di agevolazioni/incetivi per comprare un pc. (premesso che sono disabile) ma le agevolaioni era solo per studenti, famiglie, dipendenti privati e pubblici, anziani, universitari ma di noi disabili neanche l'ombra. ma siamo una categoria che nn merita neanche una segnalaione per questo, eppure in italia siamo tanti e nn veniamo considerati ma perche? diamo vergogna o nn siamo nei loro pensieri? eppure nn solo pr la tecnologia anche per le bariere architettoniche siamo invisibili. mentre per il resto d'europa un disabile riesce a fare di tutto qui in italia no perche? e questo libricino è un'altra barriera che separa un disbile da un normodotato ma questo è giusto? nn siamo cittadini italiani e prima ancora persone mi vergogno di un paese che fa finta di niente e si benda gli occhi davanti a tutto questo.
ciao a tutti fabio

fabio piacenza 20.02.06 09:51| 
 |
Rispondi al commento

A proposito a me invece non è arrivata nessuna risposta da Stanca

Amir Avdispahic 16.02.06 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante subito dopo aver letto questo argomento avessi mandato un e-mail al ministro Stanca nella quale chiedevo che non mi fosse inviato il famoso libretto puntualmente ieri mi è arrivato a casa non avevo dubbi che le nostre proteste non vengono neanche considerate.

Amir Avdispahic 16.02.06 16:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di digitale terrestre...da quest'anno funzionano come le ricariche telefoniche eh?!
Già paghi una tassa di 5 euro quando acquisti la tessera e una partita di calcio...beh ha subito un aumento di 2 euro...si è passati infatti da 3 a 5 euro...
ma dove li metterà tutti sti soldi il nostro caro silvio?!
Ah Si altro che napoleone...AlCapone!

Francesco Berardi 14.02.06 23:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.antoniodipietro.it/

http://www.radicali.it/

http://www.radicali.it/view.php?id=52476

ijimiaz galir 14.02.06 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Sorpresa oggi mi è arrivato l'opuscolo tanto atteso!
Ma davvero si sono fatte tutte queste cose?
Segnalo uno spreco nello spreco!!Invece di usare un solo foglio utilizzato in fronte retro il nostro caro portatore.....ne ha usato due!!
Previsioni di entrate a regime di chissà quali innovazioni.
Tutti i paesi anche i più piccoli possono usufruire degli stessi servizi telematici?NO!!!!!
E questo governo si è ritratto indietro da un intervento mediatore nei confronti dei grandi provider Internet che snobbano i piccoli centri costretti a navigare col macinino 56k.
Digitale terrestre?
Nella mia regione la Sardegna dal 16 Marzo verranno oscurate le frequenze analogiche mentre le uniche reti per cui paghiamo il canone sono visibili a zone ristrette.
In compenso le reti Mediaset sfavillano di luce propria contro una blanda fiammella dei canali rai via satellite.
A quando la visione di rai uno due e tre ?
Non è questo una testimonianza netta del conflitto di interessi che soffoca l'adattamento della TV di Stato a questo nuovo sistema già obsoleto???

Fabio Matta 14.02.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io :-)

Elisa Bruschi 13.02.06 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Ehm .... anch'io ho ricevuto la grandissima risposta di Stanca ...
Putroppo credo che mi becchero' questo cavolo di libretto...

Mauro Cherubini 10.02.06 22:10| 
 |
Rispondi al commento

Ricevuta pure io, i miei complimeti a Stanca, sa usare il pc per mandare le mail...o no???
;)

Ola mk

Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.


Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti.

Lucio Stanca
Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie

michele martini 10.02.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento

ANCH'IO HO RICEVUTO RISPOSTA!
Ma gli ho già mandato una mail dicendogli che i 45 centesimi che lo Stato spenderà per l'invio del libretto, qualora mi arrivasse, li detrarrò dalla prossima dichiarazione dei redditi!!

Mauro Nordio 10.02.06 08:45| 
 |
Rispondi al commento

Il ministro stanca mi ha risposto!!!!!!

Caro Beppe,
ti invio la risposta del caro dipendente Stanca sull'invio del famigerato opuscolo.

"Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.

Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti.
Lucio Stanca
Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie"

..... della serie o telo becchi o te lo tieni lo stesso.

Alfonso Cice 09.02.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io ho ricevuto la cortese risposta dello stanco autorisponditore di Stanca. Bene, almeno lui qualcosa di Internet l'ha imparata: l'autorisponditore! Se aspettassimo di imparare qualcosa dal digitale terrestre... altro che "divario digitale"!

Sabino Tota 09.02.06 17:17| 
 |
Rispondi al commento

ieri mentre scaricavo con ed2k sono andato a curiosare sul sito della polizia italiana per concorsi etc.. poi ho realizzato che era meglio spegnere il pc. oggi riaccendo, e mi si e' cancellata la lista dei downloads.. che devo fare? Coincidenza? ho due bei magneti, comincio a eliminare i dati?

andrea cadeddu 09.02.06 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Ho scritto a Stanca chiedendo la sospensione dell'invio del suo papiro e, incredibile ma vero, mi ha risposto!! Ho due ipotesi:

1. Stanca e' una persona che legge le email e risponde a chi gli scrive.

2. Gliene sono arrivate cosi' tante che non ha potuto ignorarle ed ha fatto una risposta preconfezionata per tutti.

Io sono un ottimista e voglio credere nella 1... Comunque, quale che sia il motivo, e' la prima volta che scrivo ad un politico e questo mi risponde. Ho gia' scritto in passato ad altri, di destra e di sinistra, ed ho avuto considerazione zero... Almeno questo al dipendente Stanca va riconosciuto.

paolo gazzola 08.02.06 15:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

www.voipstunt.com
funziona davvero !!
Non è un messaggio pubblicitario !
Si telefona gratis ai fissi di tutto il mondo o quasi !
Fantastico ! Pubblicizzatelo per favore !
Tarpiamo le ali ai signori della telecom !
Grazie

Roberto Meregalli 08.02.06 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Battuto!!!!

Ho ricevuto il libretto indirizzato a mio suocero

morto (purtroppo) 11 anni fa' ed ora avrebbe

93 anni.

Pippo Gori 08.02.06 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
proprio ieri sera ho visto un condomino sfogliare allibito il libretto sulla (mancata)innovazione digitale per famiglie predisposto dal Ministro Stanca. La meraviglia del condomino era ancora più grande in quanto il prezioso libretto era indirizzato al vecchio inquilino del suo appartamento, morto dieci anni fa a quasi 90 anni (bontà sua!). Ho provato doppia rabbia per quei NOSTRI 7.270.000 euro buttati al vento quali costi di spedizione.
Un abbraccio
Grampasso

Giovanni Ferrelli 08.02.06 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Figuraccia per il Ministero dell'Innovazione e il Comune di Milano
Mercoledì, 08 febbraio
Appunti Milano, lunedì 6 febbraio, sala Alessi di Palazzo Marino, cuore del palazzo comunale. Al tavolo della presidenza, tra gli altri, il direttore generale del Comune, Giorgio Porta, e il sindaco Gabriele Albertini. Tra arazzi, stucchi e affreschi il ministro dell’Innovazione Lucio Stanca presenta il Forum P.A. a una platea di centinaia di persone e traccia un bilancio dei suoi cinque anni di governo: “L’innovazione non è un discorso da lasciare ai tecnici (applausi)... Primi in Europa abbiamo varato il codice della pubblica amministrazione digitale, che ha tre obiettivi: semplificare, accrescere la produttività e migliorare il rapporto con i cittadini. Inoltre abbiamo creato una rete per connettere tutti gli uffici della pubblica amministrazione che...”

A quel punto il ministro viene sovrastato dal gracchiare di un altoparlante tipo quelli che ricordiamo tutti dai tempi della scuola, attraverso cui in occasioni molto speciali la voce del preside irrompeva in ogni aula. Il ministro s’interrompe. Pare un allarme. E allarmati ascoltiamo: “Si ricorda a tutto il personale di Palazzo Marino che per ragioni di sicurezza tutti i computer devono essere spenti immediatamente.”

Dalla platea un sospiro di sollievo, mormorii e molte risate. Sul palco cala un attimo di gelo, dopo di che si continua come da programma a parlare di amministrazione pubblica in rete, firma digitale, e-government, competenze di Stato ed enti locali, trasparenza nel rapporto tra cittadino e istituzioni e così via.

Il fatto è che tutti i sistemi informativi del Comune di Milano sono stati bloccati giovedì 2 febbraio - pare dal virus Kamasutra, beccato e diffuso da un impiegato (o dirigente) malaccorto - e bloccati sono rimasti per il resto della settimana, con conseguente impossibilità per i cittadini di accedere ai principali servizi, anagrafe in primis. Credevamo che a cinque giorni di distanza l’operativit

nicola liberto 08.02.06 10:12| 
 |
Rispondi al commento

*Questa è la risposta che ho ricevuto dopo tanti giorni di attesa...*


Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.


Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti.


Lucio Stanca

Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie

_______________________________________________________
Messaggio analizzato e protetto da tecnologia antivirus

Servizio erogato dal sistema informativo della
Presidenza del Consiglio dei Ministri

*Insomma me arriva lo stesso eppure il tempo per non spedirmelo l'hanno avuto...*

Daniele Schiaffini 08.02.06 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Ieri ho ricevuto l'opuscolo ed oggi ho inviato la mia risposta che allego:
"Caro Presidente del Consiglio, caro Ministro dell’innovazione tecnologica,

ho ricevuto ieri il vostro opuscolo sull’ammodernamento dello Stato e mi spiace constatare che è stato stampato e spedito (grazie immagino ai NOSTRI soldi), utilizzando un mezzo veramente MOLTO moderno: la posta, come ai tempi delle diligenze trainate dai cavalli a quattro zampe.
Spiace constatare lo spreco di denaro pubblico anche nella lettera di accompaganemento, che è stampata su due fogli di carta, rigorosamente NON riciclata, anzichè uno fronte-retro. Peccato.
Comunque non è in questo modo che si fa innovazione tecnologica, poichè chi ha il computer è molto ma molto più avanti di Voi e le persone che non ce l’hanno non credo perderanno il loro tempo a leggere l’opuscolo.
La vera innovazione sarebbe portare a tutti la fibra ottica per consentire l’accesso GRATUITO ad internet, al fine di consentire di prenotare visite mediche, certificati di residenza, carte d’identità, passaporti, e tutti gli altri documenti, comodamente da casa, senza bisogno di chiedere ferie o rinunciare al tempo libero, e soprattutto evitando faticose e lunghe code agli sportelli pubblici.
Ciò non ci sposterebbe dalla classifica dei paesi europei per la migliore qualità dei servizi, poichè altri paesi già adottano tali sistemi, ma sarebbe comunque meglio dell’opuscolo spedito a tutte le famiglie italiane per posta.

Distinti saluti

Silvana"


Silvana Paganelli 08.02.06 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Ecco la mia risposta al ministro Stanca:
Egregio Sign. Ministro,

L'opuscolo mi arriverà ne sono certo, in quanto io non vi ho fornito alcun indirizzo nella mia precedente mail, quindi non potete sospendere alcunchè. La risposta (uguale alle migliaia che avete inviato a tutti quelli che vi hanno fatto notare la stridente contraddizione tra i mezzi che voi usate per diffondere l'informazione e lo scopo e la missione del Ministero Per L'innovazione Tecnologica) non tiene conto del fatto che i milioni di euro che avete speso per diffondere il Vostro opuscolo sarebbero stati utili per diffondere al banda larga sul territorio nazionale. La politica deve tener conto delle priorità: prima si diffonde la possibilità di usufruire di un servizio, dopodichè si avvisa il cittandino di questa possibilità.

Ultima considerazione: la coalizione politica che l'appoggia, caro Sig. Ministro, ha preferito finanziare e appoggiare il diffondersi del digitale terrestre, col chiaro intento di favorire il Presidente del Consiglio dei Ministri e in particolare le Sue aziende. Il digitale terrestre: tecnologia morta e sepolta prima ancora che nasca. Il futuro è internet, il futuro è la Banda Larga e le migliaia di servizi che da essa possono scaturire. Il digitale terrestre è solo un'opportunità in più di fare soldi a spese del contribuente da parte di qualche imprenditore "sceso in campo" per proteggere i suoi affari.

Cordiali saluti

Raffaele Caccioppola

Raffaele Caccioppola 08.02.06 09:19| 
 |
Rispondi al commento

***
per info del forum
***

Signor Berlusconi,

mi consentirà di non rivolgermi a lei con il mellifluo "cara amica, caro amico" che lei ha utilizzato.

Ho appena ricevuto l'opuscolo "Innovazione digitale per le famiglie"
accompagnato da una sua lettera ciclostilata, sua non del Ministro Stanca, Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie.

La volevo smentire pubblicamente sui seguenti punti di cui lei si vanta:

- insegnamento dell'informatica a scuola;
Le assicuro che tutto ciò che mio figlio (3a elementare) ha appreso è frutto
della dedizione e passione che io e mia moglie gli abbiamo riservato, oltre
che alla sua capacità intellettuale (sa, è figlio di comunisti)

- collegamenti internet;
ha mai provato ad utilizzare l'ADSL al di fuori delle grandi città?
Non ci sarebbe sicuramente riuscito per assenza di infrastrutture

- bonus di 175 € per l'acquisto di PC;
secondo lei quale è il prezzo medio di un computer multimediale?


Inoltre mi chiedo perchè non ha investito diversamente i
SETTEMILIONIDUECENTOSETTANTAMILAEURO, pari a 45 centesimi a copia per stampa, imbustamento e invio dell'opuscolo.

E dulcis in fundo, nella sua operazione di marketing sull'innovazione tecnologica,
Signor Berlusconi, lei si è dimenticato di farsi assegnare una email
cui poterle rispondere direttamente.

Infatti, il sito www.governo.it nella pagina contatti http://www.governo.it/Contatti/index.html solo l'indirizzo postale e una generica emal redazione.web@governo.it

Alla faccia del contatto tra cittadini ed amministrazione ...

La saluto con serenità

Enrico Pasini
http://www.enricopasini.it


....e chiaramente un msg di risposta generico ed inviato a tutti .
Gli ho risposto ricordandogli che :
- me lo sono scaricato per vedere dove vogliono arrivare;

- non ritengo giusto spendere i soldi per questa cosa e per me in particolare;

- che li spendesse per dare la larga banda a chi a 200 m. da casa mia la larga banda se la sogna anche a pagarla oro;


E verimm' si a' fernescenn !!!
E vediamo se la smettono !!!
Ad maiora

Luigi De Cicco 07.02.06 19:04| 
 |
Rispondi al commento

HO RICEVUTO QUESTA EMAIL DAL MINISTERO PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA.


*******
Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".
Con i migliori saluti.

Lucio Stanca
**********

ORA, SICCOME IO NON GLI HO DATO NESSUN INDIRIZZO POSTALE, NE GLI HO CHIESTO DI NON RICEVERE IL LIBRETTO, HO L'IMPRESSIONE CHE NON SOLO STANCA MANDI QUESTE LETTERE AUTOMATICAMENTE A TUTTI, MA CHE A TUTTI QUELLI CHE GLI HANNO SCRITTO DI NON VOLERLO, PRENDA AUTOMATICAMENTE PER I FONDELLI....

A PENSARE MALE SI INDOVINA?

Giuseppe Di Siena 07.02.06 18:40| 
 |
Rispondi al commento

http://en.fon.com/

La rete globale del wi fi gratuito per tutti!!!!!!!!!!!!!!!

questa si che una buona cosa

http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/scienza_e_tecnologia/wifi/wifimondo/wifimondo.html

Diego Cosenza 07.02.06 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Sulla nuova versione di microsoft windows vista verrà inserita una clausola nel contratto di licenza, che saremo obbligati ad accettare, in cui si dichiara che il sistema operativo non sarà nostro bensì di microsoft, che ci autorizza ad usarlo: morale? Non avendo più la proprietà del SO noi non potremo più farci quello che volgiamo: volgio installare un P2P? Potrebbero vietarlo! Voglio utilizzare un browser diverso da explorer? Potrebbero vietarlo!
Consiglio a tutti gli utenti del blog di visitarsi il sito www.no1984.org. E' sul trusted computing...non è proprio la stessa cosa ma è giusto che queste informazioni vengano divulgate...la gente deve sapere.

Marco Marino 07.02.06 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Ecco la risposta di Stanca alla mia mail:
Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.
Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.
La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.
Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.
La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".
Con i migliori saluti.
Lucio Stanca
Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie

Barbara Mensi 06.02.06 20:37| 
 |
Rispondi al commento

questa è la mail che avevo mandato al Ministro Stanca:
>
gentile ministro,
per piacere eviti di mandare il libretto annunciato alle famiglie.

guardi che noi Italiani lo sappiamo che la digitalizzazione in Italia non c'è stata: e lo dimostra proprio il fatto che Lei ce lo vorrebbe dire PER POSTA!!!!

si risparmi l'ennesima brutta figura, per piacere e devolga quei soldi (7mln€ circa) agli studi su come garantire l'accesso a banda larga anche a chi non abita a milano e roma, per esempio investendo sul WiMax. 7 mln bastano per fare parecchie cose, eviti di usarli come campagna elettorale...tanto è sprecato!

grazie mille
un Cittadino Italiano
daniele_desantis@katamail.com

>
e oggi ho ricevuto questa risposta:

>
Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.


Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti. Lucio Stanca Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie
>
risultato: a quale mio indirizzo stanno bloccando l'invio?? l'innovazione dell'autoresponder..

daniele de santis 06.02.06 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Sapete dell'esistenza del "PROGETTO PALLADIUM"???
Sono rimasto esterrefatto. Il link sottostante presenta una dettagliata descrizione di quanto ci spetta in futuro, e se non prenderemo atto della situazione quanto prima, agendo di conseguenza, ci troveremo a nostra insaputa in un mondo di informazione filtrata dove ogni click del nostro mouse sarà registrato, valutato e controllato dalle case costruttrici, dove la privacy sarà solo un pallido ricordo.

http://jack.logicalsystems.it/homepage/techinfo/Palladium.asp

Andrea Ferro 05.02.06 22:25| 
 |
Rispondi al commento

Sapete dell'esistenza del "PROGETTO PALLADIUM"???
Sono rimasto esterrefatto. Il link sottostante presenta una dettagliata descrizione di quanto ci spetta in futuro, e se non prenderemo atto della situazione quanto prima, agendo di conseguenza, ci troveremo a nostra insaputa in un mondo di informazione filtrata dove ogni click del nostro mouse sarà registrato, valutato e controllato dalle case costruttrici, dove la privacy sarà solo un pallido ricordo.

http://jack.logicalsystems.it/homepage/techinfo/Palladium.asp

Andrea Ferro 05.02.06 22:23| 
 |
Rispondi al commento

Sapete dell'esistenza del "PROGETTO PALLADIUM"???
Sono rimasto esterrefatto. Il link sottostante presenta una dettagliata descrizione di quanto ci spetta in futuro, e se non prenderemo atto della situazione quanto prima, agendo di conseguenza, ci troveremo a nostra insaputa in un mondo di informazione filtrata dove ogni click del nostro mouse sarà registrato, valutato e controllato dalle case costruttrici, dove la privacy sarà solo un pallido ricordo.

http://jack.logicalsystems.it/homepage/techinfo/Palladium.asp

Andrea Ferro 05.02.06 22:22| 
 |
Rispondi al commento

vi è arrivato l'inutile opuscolo sulla digitalizzazione del portatore nano di digitale terrestre?tra l'altro corredato della solita lettera in cui sostiene che l'italia sta vivendo una nuova alfabetizzazione: forse dico io sarebbe meglio completare prima quella vecchia, visto che in italia l'analfabetismo non è stato ancora sconfitto! inoltre, invece di creare idiozie come la possibilità di prenotare visite mediche tramite il digitale terrestre, perchè non si svegliano e mettono tutto direttamente su internet? ma per quanto ancora ci prenderanno in giro? e quanto saranno costati quegli inutili opuscoli che le famiglie butteranno nella carta straccia? si perchè, anche se qualcuno fosse veramente interessato ad alfabetizzarsi digitalmente, la fiducia nel governo è ormai talmente bassa, che qualunque cosa porti la dicitura "consiglio dei ministri" viene evitata con ogni mezzo. ormai l'italiano ha il terrore, ogni volta che il governo si ricorda di lui, che sia solo per spillargli altri soldi di tasse!inoltre il caro silvio ci ricorda che siamo il primo paese europeo per diffusione di telefonini: per forza!ormai il cellulare lo compriamo anche ai bambini di 10 anni, che si rincretiniscono coi messaggini gli squilli e i giochini, e si fanno fregare i soldi dai numeri che inviano suonerie, al modico prezzo di almeno 2 euro al minuto, se non di più! altra considerazione va fatta per la diffusione della "larga banda", come la chiama Lui, e dei punti di accesso pubblico alla rete: 'dovrebbero' essere 500, in molte biblioteche sono già presenti. qualcuno mi può spiegare a che c...o servono 500 miseri punti di accesso???in estonia, paese che 20 anni fa neanche esisteva, oggi i punti di accesso wi-fi sono addirittura nelle piazze!beh mi fermo qui, anche se ci sarebbe da ridere e da piangere per altre mille cose...grazie silvio, continua a raccontare baggianate, a fare stop delle auto invece di investire sul fotovoltaico, a pensare al ponte sullo stretto!

lorenzo perego 05.02.06 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante la mia richiesta e i "buoni propositi" del ministro sulla sospensione dell'invio, il libretto è arrivato ugualmente a casa mia per posta, e immagino che sarà così anche per tutti gli altri...

Chiara S. 05.02.06 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Cavoli, mi ha risposto, la signora Dal Degan per conto del ministro, vi allego il testo.

"Maria Dal Degan"

Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.


Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti.

Lucio Stanca

Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie


Gian Carlo Di Leo 05.02.06 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi fanno inferocire gli spot dell'ADSL a banda che cresce esponenzialmente e tariffe che non calano mai. Abito a 8 (otto) Km da Verona, in piena pianura padana che credo essere la zona più densamente popolata d'europa: non abbiamo uncollegamento ADSL l'ADSL! Beppe aiutaci! Non chiedo 12 Mbps, mi basterebbe una connessione 640 Kbps. ciao a tutti e grazie.

riccardo corsini 05.02.06 02:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho letto l'opuscolo in formato .pdf e ho trovato un interessante iniziativa per gli studenti universitari che è spiegata meglio in questo sito http://www.uncappuccinoperunpc.it/ come mai però tra I soggetti finanziatori (plurale) figura SOLO la banca intesa? Quale dei nostri dipendenti del Governo ci guadagna visto che il prestito che fanno è al 4,438% mentre in molti negozi ti offrono il tasso Zero?

Roberto Sofia 03.02.06 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io ho inviato la mia lettera al ministro. E' la seguente:

Desidero sapere dal Ministro se ha mai sentito parlare di internet e se è mai riuscito a vedere un sito internet, visto che progressivamente li sta chiudendo tutti!

Saluti, Enrico Rossini

Enrico Rossini 03.02.06 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Ho inviato la lettera al ns dipendente Lucio Stanca ecco quello che mi hanno risposto...(sic...)
La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti.

Claudio Cervi 03.02.06 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Studiare i segreti della materia, dell’Universo, i modelli atmosferici, i terremoti, le cellule, le malattie, oggi sarà un po’ più semplice grazie ai supercalcolatori ApeNext dell’Università di Roma “La Sapienza”. Il nuovo Laboratorio di Calcolo che verrà inaugurato l’8 febbraio alle ore 11, presso i locali della sala macchine Citicord (Piazzale Aldo Moro 5, Edificio Fermi del Dipartimento di Fisica), vede la luce grazie a una collaborazione fra il Dipartimento di Fisica, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e il Centro Interateneo per le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione nella Ricerca e nella Didattica (Citicord). Il Laboratorio è frutto della collaborazione di una rete di enti di ricerca e università europee, concepita per la realizzazione di una infrastruttura di calcolo tra le più potenti al mondo. Quest’ultima sarà dedicata alla ricerca di base, ma avrà ricadute estremamente rilevanti in campo economico e industriale, anche in Abruzzo, grazie a Telespazio, al Laboratorio Nazionale del Gran Sasso dell’Infn ed all’Osservatorio astronomico Inaf di Collurania a Teramo. Nell’ambito della collaborazione, il ruolo dell’Italia è di guida sia a livello scientifico che industriale. L’infrastruttura di calcolo finora realizzata comprende un ulteriore sistema ApeNext, con 1500 processori, che si trova istallato presso il laboratorio tedesco Desy, mentre una fornitura di 3000 processori è in corso presso l’Università di Bielefeld, in Germania. Inoltre, a Roma verranno installati a breve altri 1000 processori, di proprietà del Cnrs, che saranno utilizzati via rete dai fisici francesi. A queste installazioni corrisponde una complessa struttura di attività scientifiche comuni fra gruppi di ricerca appartenenti a vari Paesi europei. I supercalcolatori ApeNext sono fra le più potenti macchine di calcolo esistenti al mondo: contiene oltre 6000 processori, con una potenza di calcolo totale dell'ordine degli 8 Tflops.

Nicola Facciolini 02.02.06 20:01| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno potrebbe dirmi qualcosa su "kelyanlab" partner della tim che sta succhiando soldi (più o meno 3 euro al giorno) dalla carta prepagato del cellulare della mia collega. Usa il cellulare pochissimo e non si capisce dove finiscano i soldi, neanche guardando in internet la lista dei movimenti fatti. chiaramente il call center ti prende per il c..o!

michele pilati 02.02.06 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi mando in copia la risposta che ho ricevuto dal Ministro per L'innovazione e le Tecnologie riguardo la mia richiesta di non ricevere l'opuscolo informativo alle famiglie italiane.

Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.

Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.
La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.
Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.
La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".
Con i migliori saluti.

Lucio Stanca
Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie

Monica Crobu 02.02.06 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Ho inviato un email a Lucio Stanca e, dopo qualche tempo, mi ha risposto...
"On.le Ministro
la prego di non inviarmi "L'innovazione digitale per le famiglie" per posta, metta da parte i 45 €cent del libretto a me riservato e li destini a migliorare la qualità del servizio.
Il paese dove risiedo non è coperto dall'ADSL. Dopo anni di lamentele (inascoltate) alla Telecom, sarebbe davvero una beffa dover ricevere (per posta!!!) un opuscolo in cui si lodano le innovazioni permesse dalla rete.
La ringrazio per l'impegno che ha profuso in tutte le sue iniziative, ma purtroppo i risultati sono stati scarsi.
Daniele"

risposta:
"Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.
La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.
Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.
La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".
Con i migliori saluti.

Lucio Stanca
Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie"

Daniele Mastroianni 02.02.06 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
la tua/nostra iniziativa di scrivere a Stanca è stata valida ma purtroppo priva di risultati. Ho inviato la mail e mi hanno anche risposto!
Un messaggio formattato che hanno mandato a tutti! Te lo allego.
Ciao e continua così.
Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.


Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti.


Lucio Stanca

Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie


Servizio erogato dal sistema informativo della
Presidenza del Consiglio dei Ministri

Enzo Ciccolella 02.02.06 08:38| 
 |
Rispondi al commento

Il settore nuove tecnologie di Adiconsum lancia per il mese di febbraio una nuova iniziativa denominata dateci voce per darvi voce. L’Adiconsum vuole tenere aperta una finestra verso tutti i consumatori, per raccogliere il maggior numero di segnalazioni in merito all’utilizzo delle nuove tecnologie. L’attenzione è dedicata, in particolar modo, alle seguenti tecnologie e relativi fornitori di servizi:


1. Banda larga fissa e mobile;

2. Informatica;

3. Tv satellitare;

4. Tv digitale terrestre

5. Tv digitale con cavo telefonico (IPTV);

6. Prodotti tecnologici in genere;

Tutte le segnalazioni saranno utili per definire le future azioni ed iniziative che Adiconsum dovrà intraprendere per tutelare i diritti dei consumatori, ci auguriamo quindi una massiccia partecipazione.

Per inviare le segnalazioni basterà cliccare qui


Caro Beppe a titolo informativo ti allego la risposta del ministro alla mia mail, inviata tempo fa come da tuo suggerimento.
Mi ringrazia, ma non mi assicura che non riceverò l'opuscolo.
Ce la faremo a cambiare le cose prima o poi?
Ti saluto e mi complimento ancora con te per il tuo impegno.
Grazie,
stefania merluzzi


Le inoltriamo la risposta del Ministro per l’innovazione e le tecnologie.

Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento continuare a contrastare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti.

Lucio Stanca

Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie

Servizio erogato dal sistema informativo della
Presidenza del Consiglio dei Ministri

stefania merluzzi 01.02.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io la lettera come ho detto tempo addietro l'ho invata e Stanca mi ha anche risposto...
E' convinto che spendere milaEmilaEuro di stampa buste e francobolli sia il metodo migliore per arrivare nelle case degli italiani... anche nella mia dalla quale gli ho scritto una email... ma vi rendete conto? mi vuole, con un depliant, insegnare ad inviare una email quando l'ho appena fatto e mi ci ha pure risposto!!!
Tra parentesi "a tempo perso :)" sono anche un ingegnere informatico, e visto che oramai sanno anche quanti peli abbiamo "sul braccio..." sarebbe bastato fare alcune piccole ricerche con i loro "softwarini" che hanno a disposizione... Le PA spendono milioni di € all'anno per innovazione tecnologica e ancora nn hanno un registro database per sapere se tizio o caio ha un computer o un indirizzo email??? ma stiamo scherzando?? che se adesso volendo si può sapere quante ore all'anno una persona è collegata su internet e su quali siti (altrimenti come fà la pubblicità a centrare il segno???) !!!
Bah... ministro dell'innovazione... voto... -1!

Riccardo Solimena 01.02.06 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Fatto, Beppe!
ecco il mio messaggio, attendo con ansia la risposta automatica!

Gent. Ministro
Le chiediamo formalmente di evitare di inviarci la copia del libretto in oggetto destinata alla mia famiglia, in quanto possediamo computer, connessione ADSL e decoder satellitare, e possiamo ritenerci “innovati”.

Avrei gradito che i milioni di euro destinati a questo progetto venissero spesi per regalare un anno di connessione ADSL a tutti i ragazzi dai 6 ai 20 anni, oppure per estendere la rete a tutte le aree ancora scoperte del Paese.

Da un ministero creato apposta per “innovare” il paese mi aspettavo cose ben diverse dal solito libercolo cartaceo.
Mi auguro almeno sia stampato su carta riciclata.

grazie

Caterina Pelillo 01.02.06 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Ha risposto anche a me.
Identica mail.
Sono sicura che lo riceverò comunque.
Però è stata una bella soddisfazione!!!!

Michela Ottino 31.01.06 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Incredibile! Stanca ha risposto alla mia e-mail. Ecco il testo:
Ho ricevuto la Sua e-mail e La ringrazio per la Sua attenzione.

La sua richiesta è stata acquisita e stiamo facendo il possibile per sospendere l’invio dell’opuscolo “L’innovazione digitale per le famiglie” al Suo indirizzo.

Tuttavia se dovesse ugualmente riceverlo, poiché le operazioni di spedizione sono ormai in una fase inoltrata, mi auguro che la sua eventuale lettura possa fornirLe informazioni utili e interessanti.

La pubblica amministrazione deve poter comunicare con tutti i cittadini, nessuno escluso. Per questo è necessario adoperare i più diffusi mezzi di comunicazione oggi disponibili, tra cui le tradizionali pubblicazioni cartacee, in modo da raggiungere anche chi non possiede o non usa ancora un computer. È infatti mio preciso intento evitare di rafforzare ogni forma di "divario digitale".

Con i migliori saluti.

Lucio Stanca

Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie

Chiara S. 31.01.06 21:33| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe,sono nuovo del tuo blog ma non dei tuoi spettacoli,ti voglio segnalare questo programmino che mi hanno mostrato dei miei colleghi.
lo trovi su WWW.VOIPSTUNT.COM,è come skype,ma per le telefonate ai telefoni fissi è gratis(anche io lo uso).
con questa segnalazione non voglio far pubblicità ma far scoprire per quanto posso i segreti della rete.

anticipatamente ti ringrazio
Morelli Roberto
fermo

ROBERTO MORELLI 31.01.06 09:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
Ho trovato al seguente link
http://www.ecodellaquarta.it/modules/sections/index.php?op=viewarticle&artid=189
un riferimento sull'Agcom (Il Garante delle Telecomunicazioni) e i suoi provvedimenti nei confronti della regolamentazione del mercato ADSL

Il titoletto dell'articolo dice...

L'Autorità Garante delle Telecomunicazioni ha confermato il provvedimento già annunciato a dicembre sulla regolamentazione del mercato ADSL all'ingrosso. Telecom Italia ne esce ancora rinforzata, secondo i piccoli provider. E gli utenti?

Riccardo Fallico 30.01.06 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Tariffe ADSL tiscali in Germania:
http://internetzugang.tiscali.de/dsl/einsteiger/


continuo a chiedermi perchè noi paghiamo di più!
saluti
Pietro

pietro murru Commentatore in marcia al V2day 30.01.06 21:01| 
 |
Rispondi al commento

ho letto da un giornale e non ho sentito una parola dai telegiornali, che seguo con attenzione quotidianamente, che tra le fatiche di portare a termine i grandiosi lavori di questo governo c'è anche la modifica della legge sui cimiteri che ci permetterà di tenerci i morti in giardino o nei parchi sotratti a degli eredi nobili ma indigenti con la promessa che avrebbero pagato le tasse per evitargli problemi ed impossessandosi o meglio sottraendogli le proprietà così come altre società quali il Milan, fatto prima fallire e riacquistato a prezzo stracciato con tutti i suoi beni immobili e ai giovani capitali (grazie ai tentacoli della P2) salvandolo dal disonore della sparizione.

giovanni sarubbi 29.01.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un dipendente di GRUPPO SISGE, società che presta assistenza in PIEMONTE e in molte regioni d'Italia per il Ministero della Giustizia.
In particolar modo, io mi occupo della sede di Alessandria.
Questo governo con un ministero "ad hoc", parlava di informatizzazione di snellimento burocratico e di processo telematico.
Beh, sappiate che dall'11 gennaio 2006, e a Decorrere da 17, hanno tagliato tutti i fondi e messo in crisi 42 nuclei familiari, costretti alla CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA, oltre ad avere paralizzato il sistema informatico di tutti gli UFFICI e, di fatto, rallentato, ulteriormente, il SISTEMA GIUDIZIARIO, dato che tutti i registri,
sia civili che penali, sono informatizzati.
Per maggiori informazioni, leggete la pagina 15 de "LA STAMPA" di Venerdì 27 Gennaio 2006 dove
è presente l'articolo che parla di questo scempio fatto dal trio Castelli-Stanca-Tremonti.
Leggete anche il PIANO TRIENNALE PER L'INFORMATICA 2005/2007 DELLA GIUSTIZIA
http://www.giustizia.it/ministero/struttura/pt2005-2007.htm#233.
Grazie per l'attenzione, 42 famiglie ve ne saranno grate.

Fausto Mamberti 29.01.06 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono un dipendente di GRUPPO SISGE, società che presta assistenza in PIEMONTE e in molte regioni d'Italia per il Ministero della Giustizia.
In particolar modo, io mi occupo della sede di Alessandria.
Questo governo con un ministero "ad hoc", parlava di informatizzazione di snellimento burocratico e di processo telematico.
Beh, sappiate che dall'11 gennaio 2006, e a Decorrere da 17, hanno tagliato tutti i fondi e messo in crisi 42 nuclei familiari, costretti alla CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA, oltre ad avere paralizzato il sistema informatico di tutti gli UFFICI e, di fatto, rallentato, ulteriormente, il SISTEMA GIUDIZIARIO, dato che tutti i registri,
sia civili che penali, sono informatizzati.
Per maggiori informazioni, leggete la pagina 15 de "LA STAMPA" di Venerdì 27 Gennaio 2006 dove
è presente l'articolo che parla di questo scempio fatto dal trio Castelli-Stanca-Tremonti.
Leggete anche il PIANO TRIENNALE PER L'INFORMATICA 2005/2007 DELLA GIUSTIZIA
http://www.giustizia.it/ministero/struttura/pt2005-2007.htm#233.
Grazie per l'attenzione, 42 famiglie ve ne saranno grate.

Fausto Mamberti 29.01.06 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto bisognerebbe spiegare a queste menti, quali ministri, sottosegretari e loro portaborse, cosa si intende per innovazione tecnologica e rivoluzione digitale:la nostra è una semplice alfabetizzazione informatica, cosa ben diversa da quello che intendono questi personaggi. Sono così distanti dall'idea di innovazione che mi viene da piangere a vedere il loro livello di preparazione, mio nipote di 10 anni ne sà molto di più. La vera innovazione, che nessuno contrasta apertamente(sigh!) la stanno facendo le major cinematografiche, con il lancio dei loro supporti e relativi drive, e le software house. Non ho letto i post precedenti, ma sarebbe ora di fare un pò di casino sul futuro sistema operativo di zio Bill, M...Vista (M stà per merda....), forse più noto come palladium, pieno zeppo di limitazioni ( oltre a quelle presenti sul supporto)per chi vuol farsi una semplice copia di un film LEGALMENTE ACQUISTATO, o anche il filmino delle vacanze, o la non retrocompatibilità con i drive dvd non rpc-1 (cioè tutti, e dico tutti, quelli presenti ora), o il frutto di geni del male che si chiama DRM, che ti consentirà di vedere il filmato, o l'audio, scaricato da internet (a proposito, sapete che codec userà Google Video? I divx dato che sono associati con DivX Networks probabilmente motivata dall'esigenza d'implementare un sistema DRM) SOLTANTO sul tuo pc cha ha M..Vista!!! Non gli basta che l'acquisti legalmente, ma decidono anche dove devi vederlo! Cazzo l'ho comprato, lo voglio vedere sul mio Lcd da 2000 € e non posso?!?Devo prendere obbligatoriamente il letore stand-alone che mi dicono loro? Spenderemo di più per avere sempre meno? Ma quando cavolo ci sveglieremo? Ce lo mettono dietro e non diciamo niente? Sono queste le cose che dovrebbero interessare i nostri "dipendenti", protestiamo verso di loro i quali ho molti dubbi che interpetrino i nostri desideri, ma si legano a multinazionali a convenienza, ricordiamocene quando andremo a votare

Fortunato Fiorenza 29.01.06 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto bisognerebbe spiegare a queste menti, quali ministri, sottosegretari e loro portaborse, cosa si intende per innovazione tecnologica e rivoluzione digitale:la nostra è una semplice alfabetizzazione informatica, cosa ben diversa da quello che intendono questi personaggi. Sono così distanti dall'idea di innovazione che mi viene da piangere a vedere il loro livello di preparazione, mio nipote di 10 anni ne sà molto di più. La vera innovazione, che nessuno contrasta apertamente(sigh!) la stanno facendo le major cinematografiche, con il lancio dei loro supporti e relativi drive, e le software house. Non ho letto i post precedenti, ma sarebbe ora di fare un pò di casino sul futuro sistema operativo di zio Bill, M...Vista (M stà per merda....), forse più noto come palladium, pieno zeppo di limitazioni ( oltre a quelle presenti sul supporto)per chi vuol farsi una semplice copia di un film LEGALMENTE ACQUISTATO, o anche il filmino delle vacanze, o la non retrocompatibilità con i drive dvd non rpc-1 (cioè tutti, e dico tutti, quelli presenti ora), o il frutto di geni del male che si chiama DRM, che ti consentirà di vedere il filmato, o l'audio, scaricato da internet (a proposito, sapete che codec userà Google Video? I divx dato che sono associati con DivX Networks probabilmente motivata dall'esigenza d'implementare un sistema DRM) SOLTANTO sul tuo pc cha ha M..Vista!!! Non gli basta che l'acquisti legalmente, ma decidono anche dove devi vederlo! Cazzo l'ho comprato, lo voglio vedere sul mio Lcd da 2000 € e non posso?!?Devo prendere obbligatoriamente il letore stand-alone che mi dicono loro? Spenderemo di più per avere sempre meno? Ma quando cavolo ci sveglieremo? Ce lo mettono dietro e non diciamo niente? Sono queste le cose che dovrebbero interessare i nostri "dipendenti", protestiamo verso di loro i quali ho molti dubbi che interpetrino i nostri desideri, ma si legano a multinazionali a convenienza, ricordiamocene quando andremo a votare

Fortunato Fiorenza 29.01.06 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Francamente mi sembra una considerazione un pò egoista.
Siamo proprio sicuri che alle famiglie non interessi avere quelle informazioni?
Capisco che il periodo elettorale suoni un pò sospetto per usare un eufemismo ma tralasciando i soliti motivi politici che tanto ci distolgono da una visione chiara dei nostri interessi, non vi sembra che chi legge questi blog abbia già un computer ed un collegamento mentre altri non ne usufruiscono solo perchè non sanno come fare?
Non è "democratico" spendere per un opuscolo informativo? Sono a conoscenza di molte famiglie che hanno apprezzato gli opuscoli del ministero della sanità sui medicinali o quello della protezione civile.
Condivido la proposta di B.G. ma non credo che questo ci faccia risparmiare molto dal momento che il numero di persone che hanno il computer non copre tutte le famiglie.
Ben vengano certe iniziative, ce ne vorrebbero di più :in Italia manca soprattutto informazione corretta e oggettiva anche se chi ci governa non ci piace e muove le sue pedine in tutte le direzioni.
Impariamo a non buttare via il bambino con l'acqua sporca (cha va indubbiamente eliminata)

Elisa 29.01.06 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Francamente mi sembra una considerazione un pò egoista.
Siamo proprio sicuri che alle famiglie non interessi avere quelle informazioni?
Capisco che il periodo elettorale suoni un pò sospetto per usare un eufemismo ma tralasciando i soliti motivi politici che tanto ci distolgono da una visione chiara dei nostri interessi, non vi sembra che chi legge questi blog abbia già un computer ed un collegamento mentre altri non ne usufruiscono solo perchè non sanno come fare?
Non è "democratico" spendere per un opuscolo informativo? Sono a conoscenza di molte famiglie che hanno apprezzato gli opuscoli del ministero della sanità sui medicinali o quello della protezione civile.
Condivido la proposta di B.G. ma non credo che questo ci faccia risparmiare molto dal momento che il numero di persone che hanno il computer non copre tutte le famiglie.
Ben vengano certe iniziative, ce ne vorrebbero di più :in Italia manca soprattutto informazione corretta e oggettiva anche se chi ci governa non ci piace e muove le sue pedine in tutte le direzioni.
Impariamo a non buttare via il bambino con l'acqua sporca (cha va indubbiamente eliminata)

Elisa 29.01.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Francamente mi sembra una considerazione un pò egoista.
Siamo proprio sicuri che alle famiglie non interessi avere quelle informazioni?
Capisco che il periodo elettorale suoni un pò sospetto per usare un eufemismo ma tralasciando i soliti motivi politici che tanto ci distolgono da una visione chiara dei nostri interessi, non vi sembra che chi legge questi blog abbia già un computer ed un collegamento mentre altri non ne usufruiscono solo perchè non sanno come fare?
Non è "democratico" spendere per un opuscolo informativo? Sono a conoscenza di molte famiglie che hanno apprezzato gli opuscoli del ministero della sanità sui medicinali o quello della protezione civile.
Condivido la proposta di B.G. ma non credo che questo ci faccia risparmiare molto dal momento che il numero di persone che hanno il computer non copre tutte le famiglie.
Ben vengano certe iniziative, ce ne vorrebbero di più :in Italia manca soprattutto informazione corretta e oggettiva anche se chi ci governa non ci piace e muove le sue pedine in tutte le direzioni.
Impariamo a non buttare via il bambino con l'acqua sporca (cha va indubbiamente eliminata)

Elisa 29.01.06 17:00| 
 |
Rispondi al commento

beppe aiutaci tu!!!!!!!!!!!!!!!!
stanno cercando di chiudere il sito coolstraming ,dove trasmettevano la tv on line e anche partite dai canali satellitari cinesi .adesso sky ha protestato e la guardia di finanza sta cercando di chiudere il sito .aiutaci tu!!!!!!!!!! sky deve fallire ........ ridateci il calcio libero .rispondimi se puoi

fabio sarpone 29.01.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Francamente mi sembra una considerazione un pò egoista.
Siamo proprio sicuri che alle famiglie non interessi avere quelle informazioni?
Capisco che il periodo elettorale suoni un pò sospetto per usare un eufemismo ma tralasciando i soliti motivi politici che tanto ci distolgono da una visione chiara dei nostri interessi, non vi sembra che chi legge questi blog abbia già un computer ed un collegamento mentre altri non ne usufruiscono solo perchè non sanno come fare?
Non è "democratico" spendere per un opuscolo informativo? Sono a conoscenza di molte famiglie che hanno apprezzato gli opuscoli del ministero della sanità sui medicinali o quello della protezione civile.
Condivido la proposta di B.G. ma non credo che questo ci faccia risparmiare molto dal momento che il numero di persone che hanno il computer non copre tutte le famiglie.
Ben vengano certe iniziative, ce ne vorrebbero di più :in Italia manca soprattutto informazione corretta e oggettiva anche se chi ci governa non ci piace e muove le sue pedine in tutte le direzioni.
Impariamo a non buttare via il bambino con l'acqua sporca (cha va indubbiamente eliminata)

Elisa 29.01.06 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,
ma a Pisa non vieni mai?
Qui sai c'è una generazione giovane........centro universitario........fai te!

bruno la mela 29.01.06 16:48| 
 |
Rispondi al commento

domanda:
il costo di oltre 7 milioni comprende anche le spese pubblicitarie su RAI e MEDIASET?

Stefano Pilone 29.01.06 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ai perfettamente ragione su quanto tu scrivi su questo ulteriore problema che il nostro caro Ministero dell'informazione ha creato.
Ma inoltre va aggiunto che la nostra cara emittente nazionale la RAI alla quale noi cittadini paghiamo un canone annuale, non fà niente per assicurarsi le escusive alle quali gli Italiani tengono di più, vale a dire le eslusive sul calcio.
Per me è tutto un gioco di interessi fra i più grandi produttori di televisione Italiani (Sappiamo bene tutti chi sono)guarda caso il digitale si è preso la più grande fetta dei diritti televisivi delle più grandi società di calcio Italiane.
A proposito di tecnologie, mi anno detto che tu sei socio della Telecom Italia, potresti dirmi come posso convincere la Telecom ad attivare la rete ADSL nella mia zona?
Sono 5 anni che aspetto, pensa che nelle zone intorno a me nel raggio di 500 metri tutte le zone sono coperte dal servizio, sembra quasi che mi abbiano voluto tagliare fuori.
Ti ringrazio.
Alberto Moscardini, Pietrasanta LU.

Alberto Moscardini 29.01.06 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
di sfuggita una stupidaggine a proposito di energia.Hai presente il METANO?Ecco appunto,quello che tra l'altro fa marciare in Italia qualche milione di automobili (a occhio) e con effetti collaterali non così devastanti e inquinanti come con benzina o disel.Bene.Ma la rete distributiva è debole (chissà perchè??) tanto che in un comune da 140.000 abitanti come Rimini anche i più tenaci ne possono trovare uno solo.Beato lui dirà qualcuno,alla faccia delle posizioni dominanti.Ma poichè la fortuna bacia sempre chi già ce l'ha cosa è successo con la crisi delle forniture causa beghe politico-economiche tra Russia e Ucraina & co?Che il nostro non ha venduto meno metano,ma ha solo rialzato il prezzo di fatto.Dal 20 al 30% con la scusa che ora distribuisce il metano algerino al posto di quello russo.Altri utenti hanno notato l'anomalia e hanno protestato ma finora a vuoto.E io mi chiedo:succede anche altrove in Italia??Nessuno interviene??Come si fa a controllare con certezza avviando serie procedure di controllo???Siamo nel Far west??
Un abbraccio

Corrado Zucchi-Rimini

CORADO ZUCCHI 29.01.06 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
A proposito della promessa e mai attuata informatizzazione della P.A. da parte del Presidente Berlusconi, mi chiedevo se non fosse il caso di informatizzare e ristrutturare per prima i comuni. Perchè non si gestisce la cosa pubblica come un'impresa? Al primo posto dei costi d'impresa c'è la spesa per i dipendenti e gli imprenditori ( e lui è imprenditore prima ancora di essere Presidente del Consiglio) si fanno in quattro per diminuire i coste per il personale. Perchè non si inseriscono tutti i dati dei cittadini nei pc dei comuni, consentendo agli stessi cittadini di farsi da casa i certificati più comuni? Si potrebbero così risparmiare tanti soldi pubblici "accorpando" le funzioni anagrafe, gli uffici elettorali ed altre funzioni in sedi provinciali o comunali con ambiti territoriali più ampi. Per i non informatizzati basterebbero piccoli presidi territoriali muniti di pc. Ciò, naturalmente dovrebbe essere un processo graduale (in 5 anni si sarebbe potuto avviare). Il personale in surplus potrebbe essere utilizzato in altre funzioni, sopratutto di controllo (ad. es. controllare se le ONLUS fanno tutto quello che promettono nei progetti finanziati dalle Regioni, controllare lo stato delle strade cittadine, controllare il lavoro degli appalti (rispetto dei capitolati d'appalto delle OO.PP.), dei VV.UU. (non se ne vedono più in giro, sostituiti da ragazzini che controllano solo i ticket del parcheggio). Che ne pensi?
Saluti cordialissimi
Antonio Peres

Antonio Peres 29.01.06 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ho accolto con piacere in tuo invito di scrivere a Stanca ed allego qui il testo del mio messaggio alla fine del quale ho anche indicato tutti i miei dati compreso il codice fiscale, così poi non potranno dire di non sapere chi gli stava scrivendo. Se mi recapiteranno l'opuscolo potrò così scrivere loro di aver sprecato risorse pubbliche e chiederò di tirar fuori dalle proprie tasche il costo corrispondente alla stampa ed all'invio dello stesso e di versarle nelle casse dello stato.
Ciao.

"Cogliendo il suggerimento di Beppe Grillo, con la presente chiedo che NON mi sia inviato a casa l'opuscolo sull'innovazione digitale per le famiglie dato che posso scaricare dal sito il materiale stesso. Ritengo che le migliori azioni verso le famiglie, in generale e soprattutto nell'attuale situazione economica del paese, siano quelle che mirano al risparmio di risorse pubbliche, dato che le stesse escono dalle tasche dei contribuenti. Forse publicizzare che il materiale è disponibile su internet ed invitare coloro che lo scaricano dal sito ad inviare una email con i dati della propria famiglia consentirebbe di risparmiare molta carta (ed alberi), molto carburante (per recapitale tonnellate di posta) e molti francobolli."

Franco Licori 29.01.06 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
voglio difendere Fassino e i DS. Come? Invitandoti a leggere l'intervista al senatore diessino Stefano Passigli di Bianca Di Giovanni su "l'Unità" del 28 gennaio a pagina 16.
Noi diessini, ex-pidiesse, ex-picì, possiamo sbagliarci qualche volta, ma non abbiamo portato il cervello all'ammasso e continuiamo a discutere, a dividerci in polemiche, a spaccare il solito capello in quattro per cercare di capire. Accettiamo il rischio di sbagliare, ecco.
Non é che tu hai scelto la posizione bella dell'intellettuale distante e distaccato, che prende in giro tutti?
Comodo dire che farai l'assessore con Fo sindaco: sai benissimo che non succederà mai, soprattutto perché se Fo vincesse le primarie, perderebbe le elezioni.
Comunque mi piaci. Una voce come la tua tiene oliato il cervello e aiuta a non lasciarci soffocare dalle abitudini e dagli stereotipi. Insisti.

Antonio Pavanello 29.01.06 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Ho inviato un commento alla blog in inglese, che riguarda i riformi di Sr. Stanca. Pur troppo, non credo che ci sia spazio qua per traddurlo tutto, ma volevo compartire questo suggerimento anche in italiano.

In Canada, la mia terra madre, abbiamo in tutti i Licei un bellissimo corso obligatorio che si chiama "TYPING", osia Trascrizione. Nel primo anno del liceo, si trova in una stanza piena di computer, pero, un po particulari...non ci sono scritti i caratteri sulle taste-Taste completamente bianche, c'è solo un disegno sopra il monitor che ti mostra dove trovare i caratteri sulla tastiera. E cosi, ti danno un'anno ad imparare come usare la tastiera senza guardarla-non solo, perche ogni uno deve raggiungere una velocita minima di trascrizione di 50 parole al minuto. E se un anno non basta per imparare, lo devi ripetere il corso. Poi, in secondo o terzo anno tutti devono fare un altro corso di informatica.

Insomma,sapere usare il computer e uno dei "skill" piu importanti nel mercato di lavoro d'oggi-anche il benzinaio deve usare il computer, perche ormai, tutte le casse sono dei computer.

E nel mondo d'oggi e imperativo che ci siano corsi simili nelle scuole italiane.

Cara Rowley 29.01.06 00:15| 
 |
Rispondi al commento

Ho inviato un commento alla blog in inglese, che riguarda i riformi di Sr. Stanca. Pur troppo, non credo che ci sia spazio qua per traddurlo tutto, ma volevo compartire questo suggerimento anche in italiano.

In Canada, la mia terra madre, abbiamo in tutti i Licei un bellissimo corso obligatorio che si chiama "TYPING", osia Trascrizione. Nel primo anno del liceo, si trova in una stanza piena di computer, pero, un po particulari...non ci sono scritti i caratteri sulle taste-Taste completamente bianche, c'è solo un disegno sopra il monitor che ti mostra dove trovare i caratteri sulla tastiera. E cosi, ti danno un'anno ad imparare come usare la tastiera senza guardarla-non solo, perche ogni uno deve raggiungere una velocita minima di trascrizione di 50 parole al minuto. E se un anno non basta per imparare, lo devi ripetere il corso. Poi, in secondo o terzo anno tutti devono fare un altro corso di informatica.

Insomma,sapere usare il computer e uno dei "skill" piu importanti nel mercato di lavoro d'oggi-anche il benzinaio deve usare il computer, perche ormai, tutte le casse sono dei computer.

E nel mondo d'oggi e imperativo che ci siano corsi simili nelle scuole italiane.

Cara Rowley 29.01.06 00:14| 
 |
Rispondi al commento

ciao sono un artigiano di 24 anni
mi occupo di impianti elettrici
avevo bisogno di maggiori informazioni sull'istallazione di pannelli fotovoltaici;
oppure indicazione per saperne qualcosa di più.
non sono riuscito a trovare granchè...
non so' nemmeno se ho scritto al posto più indicato...
ciao

nardis piergiorgio 28.01.06 23:34| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, sei mitico.
E-mail inviata al Dipendente Stanca, come segue:
Egregio Ministro,

sono venuto a conoscenza dell'iniziativa di codesto Governo volta a pubblicizzare ed informare le famiglie italiane riguardo il digitale terrestre, tramite un libretto di 48 pagine spedito per posta a tutti i possibili utilizzatori.

Non sono assolutamente interessato all'argomento, non credo in questa rivoluzione, e non voglio aderire ad ulteriori programmi di condizionamento mentale e politico.

Dato che l'iniziativa costerà alle NOSTRE casse Euro SETTEMILIONIDUECENTOSETTANTAMILAEURO, e considerato che se voglio posso informarmi liberamente e senza costi aggiuntivi per lo Stato (quindi noi - tramite la rete) chiedo cortesemente di essere escluso dall'elenco dei destinatari di questa ed ogni altra futura iniziativa al riguardo.

Qualora tale iniziativa non sia stata ancora lanciata, suggerisco di eliminare dalla mailing list anche tutti i percettori di pensione sociale, ai quali non solo è precluso il digitale terrestre, ma molte altre "necessità".

Cordiali saluti

Leonardo Maschietto 28.01.06 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Pomeriggio ho fatto una ricerchina e ho scoperto che al 90% le partite dalla TV cinese saranno ancora visibili in streaming, ma il punto non è questo, visto che chiunque potrebbe collegarsi già via satellite su questi canali con alcuni accorgimenti, non c'è nulla di illegale.
Chiudendo Coolstreaming e Calciolibero hanno solo eliminato la fonte di informazione su come usufruirne, è un po' come dover recarsi in un posto sconosciuto e vedere che hanno tolto i cartelli stradali e le cartine geografiche per raggiungerlo, alla fine chiedendo qua e la ci arrivi lo stesso, credo però che possano troncare il problema alla fonte dichiarando guerra alla Cina..
Complimenti per il regime.

Quintino Ditaranto 28.01.06 20:39| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe, ma non ho capito una piccolissima cosa....ma perchè non vieni mai invitato ad una qualunque trasmissione tv? ad esempio:
- quella di fazio "che tempo che fa"
- quella di bonolis "il senso della vita"
- quella di chiambretti "marckette"
- o almeno a quella di gianfranco funari....
ma una volta sei intervenuto telefonicamente alla trasmissione su rai tre....o no!
se dovessi andare, ricordati di avvisarmi così non mi perderò la tua performance.
comunque ci vediamo a bari il 13 marzo al teatro tim (se riesco a trovare ancora i biglietti), altrimenti dovrai darmi un omaggio.

fedele d'alonzo 28.01.06 18:44| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe, ma non ho capito una piccolissima cosa....ma perchè non vieni mai invitato ad una qualunque trasmissione tv? ad esempio:
- quella di fazio "che tempo che fa"
- quella di bonolis "il senso della vita"
- quella di chiambretti "marckette"
- o almeno a quella di gianfranco funari....
ma una volta sei intervenuto telefonicamente alla trasmissione su rai tre....o no!
se dovessi andare, ricordati di avvisarmi così non mi perderò la tua performance.
comunque ci vediamo a bari il 13 marzo al teatro tim (se riesco a trovare ancora i biglietti), altrimenti dovrai darmi un omaggio.

fedele d'alonzo 28.01.06 18:37| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe, ma non ho capito una piccolissima cosa....ma perchè non vieni mai invitato ad una qualunque trasmissione tv? ad esempio:
- quella di fazio "che tempo che fa"
- quella di bonolis "il senso della vita"
- quella di chiambretti "marckette"
- o almeno a quella di gianfranco funari....
ma una volta sei intervenuto telefonicamente alla trasmissione su rai tre....o no!
se dovessi andare, ricordati di avvisarmi così non mi perderò la tua performance.
comunque ci vediamo a bari il 13 marzo al teatro tim (se riesco a trovare ancora i biglietti), altrimenti dovrai darmi un omaggio.

fedele d'alonzo 28.01.06 18:36| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe, ma non ho capito una piccolissima cosa....ma perchè non vieni mai invitato ad una qualunque trasmissione tv? ad esempio:
- quella di fazio "che tempo che fa"
- quella di bonolis "il senso della vita"
- quella di chiambretti "marckette"
- o almeno a quella di gianfranco funari....
ma una volta sei intervenuto telefonicamente alla trasmissione su rai tre....o no!
se dovessi andare, ricordati di avvisarmi così non mi perderò la tua performance.
comunque ci vediamo a bari il 13 marzo al teatro tim (se riesco a trovare ancora i biglietti), altrimenti dovrai darmi un omaggio.

fedele d'alonzo 28.01.06 18:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GUERRA,ECONOMIA,PACE un sacco di bugie protratte dal dopo guerra.io so ho tanto di quel materiale da seppellire tutto il parlamento.link che sono consultabili da tutti.è una guerra impari di chi è a conoscenza ed è un poveraccio e chi sa ma mente e ha potere assoluto...sei un grande. e come tale passerai alla storia .
beppe sei il mio mito

daniele bolognesi 28.01.06 18:18| 
 |
Rispondi al commento

ho giocato a calcio per 20 anni senza prendere una lira (l'euro non era ancora in vigore)in categorie di dilettanti .ora giocano a calcio nelle stesse categorie in cui militavo io giocatori di bassa "macellazione" prendendo anche "1000" euro al mese in "nero".ma come si fa'.il calcio e tutto lo sport in generale e' bello se fatto senza scopi di lucro, chi lo pratica ora non lo fa per il piacere dello sport bensi' per i soldi !e tutto il resto e' una conseguenza di cio',percui non mi meraviglio che i due siti siano stati chiusi,come presto saranno chiusi i famosi peer-to-peer, perche' in italia cio' che e'gratis e illegale (perche' lo stato e........non hanno i loro introiti)l'unica cosa che resta da fare e' boicottare tutto per far si' che si ritorni ai tempi in cui per giocare a calcio ci si comperava anche le scarpe e i calciatori era molto piu' forti dei "rottami" che giocano ora prendendo fior di quattrini .tutti a lavorare anche i nostri politici

nicola barbieri 28.01.06 15:15| 
 |
Rispondi al commento

ecco il comunicato ufficiale di coolstreaming.it

ed ecco l'ennesima vergogna di mettersi a 90° di fronte a questa maggioranza che permette una censura tale che neanche nel fascismo si riusciva a fare.

Non è che dovremo usare il web come in cina nel futuro? Nascondendoci ai potenti per accedere alle informazioni? mah che tristezza vedere un paese ridotto così

In relazione alla notizie diffuse da radio/tv/giornali vorremmo sottolineare alcuni punti

Lo staff di coolstreaming.it rigetta le accuse formulate da Sky Italia s.r.l. in merito alla lesione del suo diritto d'autore in quanto nè sul proprio sito, nè sul mediaplayer (software non peer-to-peer legato allo stesso sito web) sono mai state trasmesse illegalmente immagini di proprietà di Sky Italia s.r.l.
Inoltre le informazioni contenute nel forum, riguardanti il campionato di calcio di "serie A" e il campionato di "NBA", avevano ad oggetto palinsesti televisivi, pubblicamente reperibili via internet, di canali televisivi cinesi che detengono regolarmente la licenza di trasmissione per gli eventi sopra citati.
In merito ai programmi peer-to-peer, dei quali si danno informazioni, e che sono attualmente oggetto di indagine, lo staff di coolstreaming.it tiene a precisare che essi sono di proprietà dei rispettivi autori e che tali software, hanno la possibilità di trasmettere soltanto televisioni cinesi o asiatiche in quanto sono dei semplici "client", abilitati cioè soltanto alla ricezione.
Pertanto coolstreaming.it si ritiene non colpevole dell'accusa di violazione dell'art 171 comma I lett.A-bis della legge 633/41, in quanto non ha mai immesso materialmente in un sistema di reti telematiche alcuna opera protetta da diritto d'autore.
Coolstreaming, tramite i propri legali, si attiverà nelle sedi competenti prendendo tutte le iniziative del caso, al fine di chiarire al più presto l'incresciosa vicenda, gravemente lesiva dell'immagine del sito

alberto dengri 28.01.06 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a Beppe e a tutti gli amici del forum.
Vi comunico che la guardia di finanza, per denuncia di Sky Tv, ha chiuso i siti www.coolstreaming.it e www.calciolibero.it che permettevano di vedere le parite di calcio gratis grazie "al segnale di due emittenti tv cinesi che, legittimamente, avevano in precedenza acquisito il diritto di ripetere il segnale di Sky Tv." (Informazione presa da http://www.kataweb.it/articolo/1274796).
Magari lo sapevate già, mi pare che la notizia fosse di ieri, ma non si sa mai :-).
Grazie, ciao.

Giovanni Benzi 28.01.06 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a Beppe e a tutti gli amici del forum.
Vi comunico che la guardia di finanza, per denuncia di Sky Tv, ha chiuso i siti www.coolstreaming.it e www.calciolibero.it che permettevano di vedere le parite di calcio gratis grazie "al segnale di due emittenti tv cinesi che, legittimamente, avevano in precedenza acquisito il diritto di ripetere il segnale di Sky Tv." (Informazione presa da http://www.kataweb.it/articolo/1274796).
Magari lo sapevate già, mi pare che la notizia fosse di ieri, ma non si sa mai :-).
Grazie, ciao.

Giovanni Benzi 28.01.06 10:05| 
 |
Rispondi al commento

E-mail inviata!!!
Speriamo serva a qualcosa!!!

Monica Biancon 27.01.06 21:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti

Ho mandato una mail (se vi va bene possiamo farlo tutti i giorni) al ministro Stanca o chi per lui chiedendo se, qualora non fossero in grado di fermare il viaggio dell'opuscolo, potrebbero reindirizzarlo presso qualcuno in Telecom, sicuro che da quelle parti ne abbiano più bisogno di quanto non ne abbiamo noi.

Speriamo bene!!

Riccardo Giuliani

Riccardo Giuliani 27.01.06 20:25| 
 |
Rispondi al commento

critica al sito di ADRIANO CELENTANO
Caro Grillo deve lodarti per una cosa in particolare e cioè di avere costruito un blog in htlm e non in flash molti capiranno cosa intendo e forse altri no - per capire : un sito htlm è un sito dove le immagini sono statiche e clicchi sui collegamenti ipertestuali cioè dove appare la manina, quindi clicchi e giri pagina mentre i siti
flash sono quelli che hanno le scritte e le immagini in movimento e le scritte spesso sono nascoste per cui trovare ciò che cerchi e da diventare pazzi - i siti flash saranno anche esteticamente belli ma sono fatti soprattutto per buttare fumo negli occhi al navigatore provate ad andare a visitare il blog di ADRIANO CELENTANO e dopo soli 20 secondi che ci siete dentro diventerete pazzi per capire come cavolo si gestisce oppure come si fa a cambiare pagina,nel sito di Celentano appariranno tante immagini che si muovono e che vi distraggono senza farvi riuscire ad interaggire con il sito - è stato trascurato il lato pratico, di ciò che deve essere, soprattutto, un sito web, cioè parola d'ordine SEMPLICITA' SPARTANA D'USO, che in inglese si dice Friedly user - io metterei fuori legge l'utilizzo della tecnologia flash per creare siti internet - fanno c...re perchè sono difficili da navigare non difficili perchè noi siamo imbecilli ma difficili perchè non hanno nessuna logica - mentre se lo costruite con la tecnologia htlm ve lo potete costruire anche da soli provate a venire a visitare il mio che ho costruito tutto da solo in htlm . cliccando sul mio nome in basso a sinistra ci entrate direttamente . se siete daccordo o no fatemi sapere con un email - così potrete vedere la semplicità di un sito htlm con film e musiche gratis unico in tutto il mondo ed è legale perchè sono proprietario delle royality delle opere creative esposte - per visione cliccare sul mio nome in basso a sinistra .


Nella mail mandata alla Dipendente Stanca ho scritto le seguenti cose, copiando una parte del post di Beppe...invito tutti gli utenti del blog ad inviare lo stesso testo, naturalmente modificando il nome...ecco il testo:

"Cara Dipendente Stanca,
Io e la mia famiglia non desideriamo ricevere il libretto “L’innovazione digitale per le famiglie” di 48 pagine che sarà inviato a 16 milioni di famiglie italiane e desideriamo esprimere il nostro dissenso in tutto ciò che avviene.
Usare la carta per spiegare il digitale è come mandare una missiva a cavallo ai tempi dell’automobile.
Quanto costerà inviare 48pagine a 16milioni di famiglie?
SETTEMILIONIDUECENTOSETTANTAMILAEURO, pari a 45 centesimi a copia per stampa, imbustamento e invio.
Non era meglio dotare le scuole italiane con qualche decine di migliaia di pc con quei soldi?
Vorrei che Lei e altri dipendenti nostri (dato che siamo in una DEMOCRAZIA) faceste un lavoro più decente e più intelligente, e da quello che ho avuto modo di vedere dalla rete non sono l'unico ma siamo in tanti...la ringrazio
Cordiali saluti
Fabio Tabanelli e famiglia"

Grazie a tutti,grazie Beppe, W LA DEMOCRAZIA DIRETTA!!!

Fabio Tabanelli 27.01.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Da TGCOM.it

Trasmettevano gare di esclusiva Sky
I militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Milano hanno sequestrato due portali web, colpevoli di diffondere abusivamente immagini del campionato di calcio di A e B, della Nba e di altri sport i cui diritti sono in esclusiva di Sky Tv. I due portali, Calciolibero.com e Coolstreaming, sono stati messi off-line e i due gestori sono stati denunciati per violazione dei diritti d'autore.
In sostanza, tramite i loro portali, J.B.T., 23 anni, di Treviso e L.D.M., 30 anni, residente a Treviolo (Bergamo) diffondevano le istruzioni per scaricare i programmi con i quali gli utenti potevano collegarsi al segnale di due emittenti televisive cinesi che avevano legittimamente acquisito il diritto di ripetere il segnale di Sky Tv. L'inchiesta, coordinata dal Pm milanese Gianluca Braghò, era nata su denuncia della stessa Sky Tv. I militari delle Fiamme Gialle hanno quindi compiuto gli accertamenti e, venerdì mattina, sono scattati i sequestri.
Il fenomeno delle partite di calcio, trasmesse su Internet con software che si basano sul principio del P2p (peer-to-peer, da utente a utente) e sfruttano i flussi streaming di tv estere, soprattutto cinesi, è iniziato nel 2005, ma negli ultimi mesi gli appassionati hanno messo a punto sistemi sempre più perfezionati per la ritrasmissione delle partite, con il conseguente allargamento del pubblico di fruitori del servizio illegale. Difficile però che l'iniziativa sia di una qualche efficacia. Siti come Coolstreaming.it non "consentivano, attraverso connessioni internet, la visione di eventi sportivi in diretta". Erano e sono i software come pplive a consentire la visione degli eventi. E non si può "spegnere" un programma. Si possono spegnere siti e forum di informazione come Coolstreming.it (che agevolano la visione dell'evento, questo sì), ma probabilmente ne nasceranno altri.

(continua... sul sito)

Ma quando capiranno che la rete é un unico villaggio globale?

Pietro Petrucci 27.01.06 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Ho inviato una mail alla DIPENDENTE stanca dicendo chiaramente che preferirei che i soldi fossero spesi in maniera più intelligente...fatelo anche voi!!!!FATELO ANCHE VOI!!! W LA DEMOCRAZIA DIRETTA!!!

Fabio Tabanelli 27.01.06 17:02| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe,
"non che ,mio grandissimo maestro di vita"
e' scandaloso il fatto che succedano ancora
tutte queste ignobili cose in questa nostra ITALIA ...
sono un ragazzo di 28 anni e sono costretto
dagli amici del NANO e chi come loro, a vivere ancora con i miei genitori.
volevo sapere da Lei mio carissimo MAESTRO:
-di chi fidarmi
-di chi non fidarmi
-se il mio impulso a far strage di queste persone e' legittimo
"ovviamente si va per metafora"
con queste sciocche righe voglio solo sfogarmi e dirle che dopo aver ascoltato i suoi spettacoli
mi sento solo un numero scritto su delle statistiche e piango all'idea di sapere che mi governa mi reputa tale.
le faccio i miei migliori auguri e spero davvero
di riuscire a capire a pieno lo sforzo che fa per Noi ogni giorno...
spero un giorno dipoterla incontrare per essere benedetto dalla sua ormai famosissima acqua benedetta sudata simpaticamente devoto

il pumino
ciao a tutti

cacciafiori massimiliano 27.01.06 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
volevo farti leggere la mail che ho ricevuto dal mio gestore ADSL:

"Gentile Cliente,
siamo spiacenti di comunicarLe che in seguito all'improvvisa variazione delle tariffe applicate da Telecom Italia alle linee senza fonia, A***a.it ha dovuto adeguarsi a tali importi.Al momento del rinnovo della linea trovera', pertanto, una modifica ai costi del servizio.Oltre al canone relativo al traffico ADSL sara', infatti, applicato un costo mensile di 11 euro per i privati e 22 euro per le aziende.

Restiamo a Sua disposizione.
Distinti saluti"

Attualmente per la linea dati pago 34,50€, dal prossimo mese dovrei pagare 45,50€. Questo mi obbliga a cambiare gestore, ma per fare ciò sono costretto a pagare un allacciamento a Telecom per la linea voce di 150,00€ (mai richiesta) a dover pagare almeno per un anno il fisso telefonico di Telecom (anche se il numero fisso non lo voglio).
Io sono uno studente che non si può permettere queste spese, che porterebbero un incremento mensile superiore agli 11,00€ che già non saprei dove andare a trovare.
Quindi sarò costretto a spegnere il computer(comprato grazie al contributo di 200,00€ dato da un finanziamento del governo) e a staccare il modem.
Pazienza, in fondo Internet non è così importante...

marcello bianchin 27.01.06 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto l'opuscolo in formato pdf e sinceramente mi viene il dubbio che il nostro dipendente Stanca abbia le capacita' per ricoprire l'incarico per il quale lo paghiamo, insomma se la mia Laurea in Informatica si sta rivoltando nella parete alla quale e' appesa per quel che il nostro dipendente scrive, forse non tutti hanno piena coscenza delle enormita' che il tapino ha scritto in tale opuscolo.
In una normale azienda si prenderebbe da parte e gli si direbbe: guarda non e' colpa tua, ma proprio non ci sei portato, non e' che ti andrebbe di fare qualcos'altro? (questo se siamo un'azienda gentile), chi glielo va a dire adesso?

Lorenzo Canapicchi 27.01.06 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, grazie grazie e ancora grazie...ieri pomeriggio ho comprato il dvd del tuo spettacolo di Roma (purtroppo per motivi di lavoro nn ho potuto assistervi dal vivo)ed in serata l'ho visto...Ho ascoltato la parte del digitale terrestre e stamattina sono andato a curiosare su internet: sai cosa ho trovato? Un programma con cui posso vedere tutte le tv del mondo perfino Andorra!!!Cosa mai trasmetteranno ad Andorra????Lo scoprirò presto grazie a te!!!!
Ora il mio digitale lo regalo a mio cugino che nn ha il pc!!
Fidati, è meglio che nn stai in tv...saresti soggetto a censure e critiche che non meriti perchè chi dice la verità non va censurato!!!!
Ciao a presto Alberto

Alberto Giordano da Roma 27.01.06 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Ministro Stanca,

leggo con stupore dell'invio di un opuscolo di 48 pagine riguardante la pseudo "innovazione digitale per le famiglie".
Dopo averci spacciato per innovazione tecnologica i ricevitori digitali terrestri acquistati con lauto contributo dello Stato (con i nostri denari) avete deciso di sperperare circa 7 milioni di euro che, con un pizzico di buon senso, avrebbero potuto essere impiegati, ad esempio, nell'acquisto di 5000 Personal Computer (considerando una spesa di 700 euro per singolo PC) e destinando l'altra metà della somma sulla formazione dei docenti, nel miglioramento delle strutture informatiche e del servizio d'assistenza alle scuole.

Ritengo vergognoso questo ennesimo sperpero di denaro pubblico e spero che persone come Lei, a prescindere dallo schieramento politico, non vengano mai più elette.

Cortesi saluti
Alessandro Palmas

Questa è la mail appena inviata al ministro Stanca.
In Brasile e India si fanno sforzi per l'alfabetizzazione informatica usando strade alternative al monopolio di Microsoft, rendendo possibile l'accesso alle tecnologie anche alle fasce più povere della popolazione; in Italia stampiamo opuscoli nei quali ci vogliono convincere che siamo un Paese avanzato mentre sfruttiamo l'innovazione tecnologica del digitale terrestre nel vouyerismo del Grande Fratello. Complimenti!!!
Mandiamo a casa tutti i disgraziati che stanno rendendo sempre più piccola questa nostra Italia a prescindere che siano di centrodestra, centrosinistra o centrocentro.

Alessandro Palmas 27.01.06 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
è la prima volta che ti scrivo e, se non lo hai già visto, ti prego di prendere visione di questo sito http://www.nonlosapevo.com: contiene un video con immagini raccapriccianti di animali straziati per fare delle assurde pellicce. Ti prego di aiutarmi a denunciare questi fatti affinchè la gente che compra ancora pellicce si renda conto del loro reale costo.

Sul sito c'è il link per firmare la petizione, vi prego, se non riuscite a vedere il filmato lasciate almeno la vostra firma!!!

Katia Bifani 27.01.06 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
è la prima volta che ti scrivo e, se non lo hai già visto, ti prego di prendere visione di questo sito http://www.nonlosapevo.com: contiene un video con immagini raccapriccianti di animali straziati per fare delle assurde pellicce. Ti prego di aiutarmi a denunciare questi fatti affinchè la gente che compra ancora pellicce si renda conto del loro reale costo.

Sul sito c'è il link per firmare la petizione, vi prego, se non riuscite a vedere il filmato lasciate almeno la vostra firma!!!

Katia Bifani 27.01.06 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
ho seguito i tuoi suggerimenti di scaricare il libretto dalla rete e di inviare una mail al ministro Stanca: devo purtroppo comunicarti la mia intenzione di NON SEGUIRE il tuo terzo suggerimento a proposito della COLLETTA PER L'ACQUISTO DI UN PC DA REGALARE al ministro.
Come mio (e di altri) dipendente viene pagato abbastanza per poter provvedere da solo all'acquisto.
Saluti e complimenti.

Guerino Di Giovanni 27.01.06 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
ho seguito i tuoi suggerimenti di scaricare il libretto dalla rete e di inviare una mail al ministro Stanca: devo purtroppo comunicarti la mia intenzione di NON SEGUIRE il tuo terzo suggerimento a proposito della COLLETTA PER L'ACQUISTO DI UN PC DA REGALARE al ministro.
Come mio (e di altri) dipendente viene pagato abbastanza per poter provvedere da solo all'acquisto.
Saluti e complimenti.

Guerino Di Giovanni 27.01.06 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
ho seguito i tuoi suggerimenti di scaricare il libretto dalla rete e di inviare una mail al ministro Stanca: devo purtroppo comunicarti la mia intenzione di NON SEGUIRE il tuo terzo suggerimento a proposito della COLLETTA PER L'ACQUISTO DI UN PC DA REGALARE al ministro.
Come mio (e di altri) dipendente viene pagato abbastanza per poter provvedere da solo all'acquisto.
Saluti e complimenti.

Guerino Di Giovanni 27.01.06 09:34| 
 |
Rispondi al commento

In questo mondo tecnologico, anzi in questa Italia tecnologica , la tecnologia non e' per tutti.
Meglio dire ci sono cittadini a cui spetta la tecnologia di serie "A" e cittadini che la tecnologia la sentono plubblicizzare da anni in televisione,giornali ed altro, ma non gli arriva, forse perche' sono di serie "B".
Mi riferisco alla ADSL.
In tantissimi paesi dell'Italia Tecnologica questo servizio non esiste, e gli Opertori Tecnologici non hanno neppure un numeretto telefonico (VERDE,ROSSO,GIALLO,ETC.) per dire ai cittadini di serie "B" anche una semplce risposta tipo " NON SI PREOCCUPI IL SRVIZIO ARRIVERA'"
Riflessione: tutti paghiamo il canone ma la Tecnologia non e' per tutti.

Matteo Brulla 27.01.06 08:57| 
 |
Rispondi al commento

In questo mondo tecnologico, anzi in questa Italia tecnologica , la tecnologia non e' per tutti.
Meglio dire ci sono cittadini a cui spetta la tecnologia di serie "A" e cittadini che la tecnologia la sentono plubblicizzare da anni in televisione,giornali ed altro, ma non gli arriva, forse perche' sono di serie "B".
Mi riferisco alla ADSL.
In tantissimi paesi dell'Italia Tecnologica questo servizio non esiste, e gli Opertori Tecnologici non hanno neppure un numeretto telefonico (VERDE,ROSSO,GIALLO,ETC.) per dire ai cittadini di serie "B" anche una semplce risposta tipo " NON SI PREOCCUPI IL SRVIZIO ARRIVERA'"
Riflessione: tutti paghiamo il canone ma la Tecnologia non e' per tutti.

Matteo Brulla 27.01.06 08:56| 
 |
Rispondi al commento

In questo mondo tecnologico, anzi in questa Italia tecnologica , la tecnologia non e' per tutti.
Meglio dire ci sono cittadini a cui spetta la tecnologia di serie "A" e cittadini che la tecnologia la sentono plubblicizzare da anni in televisione,giornali ed altro, ma non gli arriva, forse perche' sono di serie "B".
Mi riferisco alla ADSL.
In tantissimi paesi dell'Italia Tecnologica questo servizio non esiste, e gli Opertori Tecnologici non hanno neppure un numeretto telefonico (VERDE,ROSSO,GIALLO,ETC.) per dire ai cittadini di serie "B" anche una semplce risposta tipo " NON SI PREOCCUPI IL SRVIZIO ARRIVERA'"
Riflessione: tutti paghiamo il canone ma la Tecnologia non e' per tutti.

Matteo Brulla 27.01.06 08:56| 
 |
Rispondi al commento

Salve, stavolta purtroppo hai commesso un'errore:
hai scritto
"Ma scusate, c..o!, non era meglio dotare le scuole italiane con qualche decine di migliaia di pc con quei soldi?"
La mia risposta è NO, e spiego perché.
In realtà ho visto che in molte scuole elementari, medie e superiori arrivano ogni anno quattro o cinque computer NUOVI.
Succede da almeno cinque o sei anni: quindi non è azzardato dire che ogni scuola di media grandezza ha ALMENO venti computer per attività laboratoriali.
Purtroppo poi manca una adeguata MANUTENZIONE: così a fine anno quei pc diventano inservibili e finiscono negli scantinati...
Ho visto con i miei occhi aule e sottoscala "murati" da computer accatastati: pentium 1, 2, 3, 4... ancora perfettamente funzionanti, ideali per fare videoscrittura, diagrammi, navigazione internet, ma intoppati da virus, scandisk cos'è, defrag non si bestemmia qui siamo in una scuola...
MA C'E' LA SOLUZIONE, caro Beppe: e sono sicuro che ti piace!!! Siccome però adesso sono le 7,30 e devo andare a lavorare, te la dò stasera.
Ciao, Antonio

Antonio Ciaranfi 27.01.06 07:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve, stavolta purtroppo hai commesso un'errore:
hai scritto
"Ma scusate, c..o!, non era meglio dotare le scuole italiane con qualche decine di migliaia di pc con quei soldi?"
La mia risposta è NO, e spiego perché.
In realtà ho visto che in molte scuole elementari, medie e superiori arrivano ogni anno quattro o cinque computer NUOVI.
Succede da almeno cinque o sei anni: quindi non è azzardato dire che ogni scuola di media grandezza ha ALMENO venti computer per attività laboratoriali.
Purtroppo poi manca una adeguata MANUTENZIONE: così a fine anno quei pc diventano inservibili e finiscono negli scantinati...
Ho visto con i miei occhi aule e sottoscala "murati" da computer accatastati: pentium 1, 2, 3, 4... ancora perfettamente funzionanti, ideali per fare videoscrittura, diagrammi, navigazione internet, ma intoppati da virus, scandisk cos'è, defrag non si bestemmia qui siamo in una scuola...
MA C'E' LA SOLUZIONE, caro Beppe: e sono sicuro che ti piace!!! Siccome però adesso sono le 7,30 e devo andare a lavorare, te la dò stasera.
Ciao, Antonio

Antonio Ciaranfi 27.01.06 07:17| 
 |
Rispondi al commento

Salve, stavolta purtroppo hai commesso un'errore:
hai scritto
"Ma scusate, c..o!, non era meglio dotare le scuole italiane con qualche decine di migliaia di pc con quei soldi?"
La mia risposta è NO, e spiego perché.
In realtà ho visto che in molte scuole elementari, medie e superiori arrivano ogni anno quattro o cinque computer NUOVI.
Succede da almeno cinque o sei anni: quindi non è azzardato dire che ogni scuola di media grandezza ha ALMENO venti computer per attività laboratoriali.
Purtroppo poi manca una adeguata MANUTENZIONE: così a fine anno quei pc diventano inservibili e finiscono negli scantinati...
Ho visto con i miei occhi aule e sottoscala "murati" da computer accatastati: pentium 1, 2, 3, 4... ancora perfettamente funzionanti, ideali per fare videoscrittura, diagrammi, navigazione internet, ma intoppati da virus, scandisk cos'è, defrag non si bestemmia qui siamo in una scuola...
MA C'E' LA SOLUZIONE, caro Beppe: e sono sicuro che ti piace!!! Siccome però adesso sono le 7,30 e devo andare a lavorare, te la dò stasera.
Ciao, Antonio

Antonio Ciaranfi 27.01.06 07:16| 
 |
Rispondi al commento

Salve, stavolta purtroppo hai commesso un'errore:
hai scritto
"Ma scusate, c..o!, non era meglio dotare le scuole italiane con qualche decine di migliaia di pc con quei soldi?"
La mia risposta è NO, e spiego perché.
In realtà ho visto che in molte scuole elementari, medie e superiori arrivano ogni anno quattro o cinque computer NUOVI.
Succede da almeno cinque o sei anni: quindi non è azzardato dire che ogni scuola di media grandezza ha ALMENO venti computer per attività laboratoriali.
Purtroppo poi manca una adeguata MANUTENZIONE: così a fine anno quei pc diventano inservibili e finiscono negli scantinati...
Ho visto con i miei occhi aule e sottoscala "murati" da computer accatastati: pentium 1, 2, 3, 4... ancora perfettamente funzionanti, ideali per fare videoscrittura, diagrammi, navigazione internet, ma intoppati da virus, scandisk cos'è, defrag non si bestemmia qui siamo in una scuola...
MA C'E' LA SOLUZIONE, caro Beppe: e sono sicuro che ti piace!!! Siccome però adesso sono le 7,30 e devo andare a lavorare, te la dò stasera.
Ciao, Antonio

Antonio Ciaranfi 27.01.06 07:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
volevo farti leggere la mail che ho ricevuto dal mio gestore ADSL:

"Gentile Cliente,
siamo spiacenti di comunicarLe che in seguito all'improvvisa variazione delle tariffe applicate da Telecom Italia alle linee senza fonia, A***a.it ha dovuto adeguarsi a tali importi.Al momento del rinnovo della linea trovera', pertanto, una modifica ai costi del servizio.Oltre al canone relativo al traffico ADSL sara', infatti, applicato un costo mensile di 11 euro per i privati e 22 euro per le aziende.

Restiamo a Sua disposizione.
Distinti saluti"

Attualmente per la linea dati pago 34,50€, dal prossimo mese dovrei pagare 45,50€. Chiaramente questo mi obbliga a cambiare gestore, a pagare un allacciamento a Telecom per la linea voce di 150,00€(mai richiesta) a dover pagare almeno per un anno il fisso di Telecom (anche se il numero fisso non lo voglio).
Io sono uno studente che non si può permettere queste spese, che porterebbero un incremento mensile superiore agli 11,00€ che già non saprei dove andare a trovare.
Quindi sarò costretto a spegnere il computer(comprato grazie al contributo di 200,00€ dato da un finanziamento del governo) e a staccare il modem.
Pazienza, in fondo Internet non è così importante...

marcello bianchin 26.01.06 23:32| 
 |
Rispondi al commento

http://www.alice-dsl.de/opencms/export/de/alice_res_02/start.html

pietro murru Commentatore in marcia al V2day 26.01.06 20:58| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe ma sogno o son desto
in televisione sento il tronchetto dell'infelicità dire che gnutti è un malfattore e che lui lo "ripudia"
poi vanta telecom come miglior operatore europeo e che ha ridotto il debito da 42 miliardi di euro a 29 risalendo poi a 33 miliarid di euro
questi si che sono risultati eh???
se i nostri top manager sono questi lasciamelo dire....siamo in mezzo ad una strada
ciao beppe

paolo rizzo 26.01.06 20:27| 
 |
Rispondi al commento

http://pdpi.blogspot.com/

ijimiaz galir 26.01.06 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io ho spedito la mia e-mail a Stanca.
Devo dire la verità, sono scettico.
Sono solo due le cose che fanno andare avanti questo mondo: il denaro e il sesso(non come atto d'amore)
Le idee e l'onestà sono solo il barlume di un ricordo passato.

Stefano Mazzoni 26.01.06 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe,ho scaricato l'opuscolo ed ho inviato una e.mail al Ministro con tanto di indirizzo dove NON spedire lo stesso,ma lo faranno??? !!!!
Questa è la mia e.mail inviata:

Gradirei non ricevere il volumetto l'innovazione digitale per le famiglie,visto che l'ho già scaricato da internet.Il mio indirizzo è fulvio vivenzi Via puccini 46 25080 Padenghe sul garda
Risparmiamo in carta e servizi postali GRAZIE!!!

fulvio vivenzi 26.01.06 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe,ho scaricato l'opuscolo ed ho inviato una e.mail al Ministro con tanto di indirizzo dove NON spedire lo stesso,ma lo faranno??? !!!!

fulvio vivenzi 26.01.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Questa la mia mail (appena inviata)

Sig. ministro,

la prego di non inviare al mio indirizzo (riportato in calce) il libretto in oggetto, in quanto ho provveduto a scaricarlo direttamente dal sito del MIT al link http://www.innovazione.gov.it/ita/normativa/pubblicazioni/inn_dig_famiglie.shtml.

Spero in questa maniera a contribuire al risparmio di parte dei 7.260.000 € previsto per la spedizione di questo "utile" libretto a 16 milioni di famiglie italiane.

Distinti saluti

Fabio Mincuzzi

Fabio Mincuzzi 26.01.06 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Sig. ministro,

la prego di non inviare al mio indirizzo (riportato in calce) il libretto in oggetto, in quanto ho provveduto a scaricarlo direttamente dal sito del MIT al link http://www.innovazione.gov.it/ita/normativa/pubblicazioni/inn_dig_famiglie.shtml.

Spero in questa maniera a contribuire al risparmio di parte dei 7.260.000 € previsto per la spedizione di questo "utile" libretto a 16 milioni di famiglie italiane.

Distinti saluti

Fabio Mincuzzi

Fabio Mincuzzi 26.01.06 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Ministro,
la prego di non inviare le copie del libro "L'innovazione digitale per le famiglie" a tutto il condominio di Via Maffei, 53 - 23100 - Sondrio, in quanto ne abbiamo stampata una copia da internet e messa a disposizione di tutti i condomini in bacheca,
Grazie e tenga i preziosi soldini risparmiati per pagare i contributi al suo portaborse che sicuramente lavora "in nero"...
Saluti, Un suo datore di lavoro

QUESTA LA MIA MAIL INVIATA AL CARO MINISTRO.
SALUTI

Alan Omodei 26.01.06 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Ministro Stanca,
la Sua presenza al governo è apparsa ai più impalpabile; al termine di questi cinque anni, con l'ausilio del presidente del consiglio vuole inviare a spese dei contribuenti un libretto sulle epocali innovazioni non siete riusciti a portare in questi anni.
Non me lo spedisca; risparmi quei soldi, li utilizzi come le suggerisce Beppe Grillo per dare qualche computer in più alle scuole.
Grazie e cordialità

Stefano Pizzutelli
Frosinone

stefano pizzutelli 26.01.06 15:13| 
 |
Rispondi al commento

il ministro stanca e' stato molto impegnato nella scorsa estate a scorrazzare sui motoscafi in sardegna, passando da un ristorante all'altro. E' notoriamente un gaudente, di tipo 'forzistico-italiota', salottiero incallito, fumogeno, avido di potere, refrattario a valori come umiltà, progettualità, bene comune. Non rappresenta nessuno se non la cerchia di affarismo e lobbismo, intriso di politicismo e dirigismo, di cui e' solido portatore.

maurizio albanese 26.01.06 14:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il ministro stanca e' stato molto impegnato nella scorsa estate a scorrazzare sui motoscafi in sardegna, passando da un ristorante all'altro. E' notoriamente un gaudente, di tipo forzistico, salottiero incallito, fumogeno e avido di potere, refrattario a valori come umiltà, partecipazione, progettualità, bene comune. Non rappresenta nessuno se non la cerchia di affarismo e lobbismo, intriso di politicismo e dirigismo, di cui e' solido portatore.

maurizio albanese 26.01.06 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Certo,sarebbe bello se il sig. Stanca fosse realmente in grado di leggerle almeno,le e-mail...ma anche se lo fosse,e per assurdo dovesse accogliere la richiesta di non inviarci libretti di 48 pagine volti a cercare miseramente di far passare per rivoluzionarie tecnologie che nei paesi del "primo mondo" sono storia (e peraltro anche piuttosto remota,così come il digitale terrestre),credo che sicuramente tutti quei soldi sarebbero spesi per altri tipi di libretti,sempre ridicoli e assurdi ad esempio come: "i vantaggi della nuova e rivoluzionaria connessione a 56kb rispetto alle fibre ottiche" oppure "perchè le cellule staminali adulte sono potenzialmente più efficaci di quelle embrionali" (tra l'altro sono studente di medicina e mi sto accorgendo come il tentativo di disinformare attuato dai nostri portatori,nani o non nani, di democrazia sia purtroppo vincente....)!!Insomma,tanto i soldi per i libretti non li tirano mica fuori loro...

Giorgio Capoccitti 26.01.06 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Egregio ministro Stanca,

con questa mia la diffido a inviare a me e alla mia famiglia ogni incartamento o opuscolo "informativo" sulla c.d "rivoluzione digitale in Italia" (come dovrebbe avvenire iin occasione della prossima campagna elettorale, secondo quanto anticipato da vari quotidiani). Destini i soldi necessari a tale invio all'acquisto di computer e software per la nostra disastrata università. Mi meraviglia molto il fatto che non esistano mai i fondi necessari per creare delle aule informatiche degne di questo nome nelle nostre facoltà e poi invece si sprechino sette milioni di euro per iniziative deprecabili di mera propaganda elettorale.
Ebbene io non voglio che la mia famiglia venga toccata da questa farsa. Ogni invio sarà respinto al mittente.
Cordiali saluti.

Pierluigi Di Baccio


QUESTO E' IL TESTO DELLA MAIL CHE HO INVIATO AL NS. DIPENDENTE-MINISTRO "STANCO". CHE STRANO! NON M'HA RISPOSTO!

Pierluigi Di Baccio 26.01.06 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Salve, ecco uno stralcio della news pubblicata su ShinyStat del giorno 26-01-06.

ADSL: mezza rivoluzione in arrivo


L'Autorità Garante delle Telecomunicazioni ha confermato il provvedimento già annunciato a dicembre sulla regolamentazione del mercato ADSL all'ingrosso. Telecom Italia ne esce ancora rinforzata, secondo i piccoli provider. E gli utenti? (...)

Rispetto al provvedimento attuale, i provider si aspettavano l'introduzione di elementi di maggiore concorrenza, proprio in vista delle ulteriori aperture che Telecom dovrà prima o poi concedere. Invece, il potere di Telecom Italia è addirittura aumentato: infatti, potrà applicare un canone aggiuntivo agli operatori che vendono Adsl di tipo solo dati, cioè agli utenti che eliminano la linea voce. In pratica, un utente che volesse risparmiare sul canone per la linea telefonica, usufruendo delle possibilità date dalle connessioni veloci di utilizzo del VOIP, vedrebbe vanificato il risparmio da questo ulteriore balzello. Perché è pacifico che i provider debbano rientrare delle spese aggiuntive del nuovo canone, e lo faranno rifacendosi sugli utenti. Il provvedimento, d'altra parte, non specifica se abbia valore retroattivo o meno, e quindi si rischia di avere a che fare con diversi problemi normativi e giudiziari in merito alle linee ADSL solo dati già attive.

Chi volesse saperne di più può leggere tutto l'articolo su http://www.shinynews.it/diritto/0106-adsl.shtml

Antonio Totaro 26.01.06 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stanca cortesemente non inviarci nulla tramite posta per quanto riguarda il librettino L’innovazione digitale per le famiglie di 48 pagine.

P.s. B.Grillo ha organizzaro una colletta ti stiamo regalando il pc cosi digitalizziamo anche te cosi potrai mandare anche tu tramite mail quello ke vuoi incluso il librettino. Ops ora cosi nn è piu un regalo vabbè non fa nulla.

Saluti
ma5calzone

La mia mail a Stanca.
Beppe lo so nn dovevo rivelargli la sorpresa del pc ma me ne sono accorto dopo ke ho invato la mail. Scusa .-)

roberto giglio 26.01.06 09:36| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE HO SEGUITO IL TUO PREZIOSO CONSIGLIO CIRCA LA LETTURA DELL'OPUSCOLO RIGUARDO L'INNOVAZIONE DIGITALE PER LE FAMIGLIE. LO LEGGO COMODAMENTE DAL MIO PC E HO SCRITTO A L.STANCA DI NON MANDARMI NULLA PER POSTA.
UN ABBRACCIO
ORESTE

FARACE ORESTE 26.01.06 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo con te e con tutti quelli che seguono Beppe, basta non ne possiamo più di questi politici, secondo me andare a votare non serve a nulla tanto la musica non cambia. L'unica cosa da fare è prenderli per le orecchie (come facevano i maestri una volta con i bambini) e farli uscire dal governo, camera e senato. Volevo aprire solo una parentesi su una cosa che mi fa andare in bestia, non riesco a capire perchè la gente fa fatica ad arrivare a fine mese, i pensionati prendono una miseria di pensione e magari si sono fatti il c..o una vita, gli operai ed altre categorie protestano per un minimo aumento di stipendio invece loro i nostri "dipendenti" quando gli gira si aumentano lo stipendio di 700-800 euro al mese senza chiedere niente a nessuno(*) e soprattutto a noi che li stipendiamo questo non mi sembra giusto anche perchè hanno degli stipendi troppo alti per le ca.....te che fanno.
Ciao Beppe sei grande e ciao a tutti voi.

(*) ho fatto un errore a qualcuno lo chiedono se è d'accordo al loro vicino di sedia e non importa di che schieramento sia tanto quando si tratta di soldi sono tutti uguali.

Giuseppe Nigro 26.01.06 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena mandato la mail al ministro.....speriamo che davvero che coi soldi che risparmiano ci acquistino pc per le scuole.......almeno.....mahhhhhhhhhh

Notte a tutti i nottambuli del Blog

Cristiana Di Stefano 26.01.06 00:19| 
 |
Rispondi al commento

E' TUTTO UN MAGNA MAGNA

Fiorani sta vuotando il sacco, facendo emergere la verità sull’incontro che ha visto il SENATORE LUIGI GRILLO, Gran Maestro dell’operazione di corruzione e appropriazione indebita più sporca dalla fine di Tangentopoli. L’incontro ha visto la partecipazione di: Fazio, Fiorani, Berlusconi e Grillo.

Le dichiarazioni ufficiali vollero far passare l’idea di una difesa delle banche italiane contro l’assalto dei Barbari europei.

In realtà, il Senatore Luigi Grillo, eletto in Liguria nelle fila di Forza Italia, aveva bisogno di tanti soldini per costruirsi la VILLA nella Riviera Ligure (costruita abusivamente nel Parco Naturale delle Cinque Terre e poi condonata); quale sistema migliore per fare ciò se non fregare un po’ di soldi ai correntisti della Banca Popolare di Lodi.

Il sistema a quanto sta dicendo Fiorani era semplice: bastava aprire un conto nella sua Banca, dare l’appoggio politico all’operazione bancaria più sporca della Seconda Repubblica e in cambio ci si ritrovava un bel gruzzoletto sul proprio conto corrente.

Il Senatore Grillo, una delle figure più losche della Politica italiana, ha fiutato subito l’affare e si è lanciato nella strenua difesa della scalata di Fiorani, ovviamente le sue dichiarazioni pubbliche sono state ripagate a suon di MILIONI d’euro.

Il problema è che i soldi affluiti nelle tasche di LUIGI GRILLO erano dei correntisti della Banca Popolare di Lodi che sono stati truffati, rapinati e beffati; una persona che ha rubato dei soldi agli italiani dovrebbe stare in GALERA e non in Parlamento in una posizione chiave (Presidente della Commissione Trasporti del Senato)."

Cirillo Oldini 26.01.06 00:12| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI QUEI RAGAZZI CHE MANIFESTANO L’INTENZIONE DI NON ANDARE A VOTARE

**************************************
DOBBIAMO MANIFESTARE IL NOSTRO CONSENSO O DISSENSO CON IL VOTO IN QUANTO DIRITTO ACQUISITO E IRRINUNCIABILE PER RISPETTARE IL SACRIFICIO DEI NOSTRI PADRI E CHE CI CONSENTE DI VIVERE IN UNA DEMOCRAZIA.
UN MIO VECCHIO PROFESSORE DICEVA :
“ Chi non vota non può neanche lamentarsi per quello che non gli và, non ha espresso cosa voleva”.

**************************************
*LIBERIAMOCI DAI SIMBOLI POLITICI, IMPARIAMO A VEDERE SOLO LOGHI *
(Solo per essere più liberi nelle nostre scelte, ragionando con la nostra testa per capire la verità dell’immagine riflessa. Nella società moderna il logo identifica la storia e la qualità di un prodotto: noi cambiamo prodotto quando non soddisfa più i nostri bisogni interiori ed esteriori senza rimpianti o conflitti. Vedere loghi al posto di simboli vuol dire essere più liberi e rispettare noi stessi ).

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI……..
l’astensione al voto può avere come conseguenza che una minoranza di cittadini governi e decida per la maggioranza.

ANDIAMO TUTTI A VOTARE LIBERI DI MENTE

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI , LA RIVOLUZIONE SI FA CON LA PARTECIPAZIONE: L’ARMA E’ IL VOTO .
**************************************
Il presente commento sarà bloggato a intervalli regolari su tutti i POST visto il numero di persone indecise a manifestare il loro diritto di intervenire sulle scelte politiche del paese in cui vivono.

Da oggi tutti i commenti del sottoscritto avranno come intestazione il terzo paragrafo del presente commento, indipendentemente dal contenuto.

I BUGIARDI CI SONO E CI SARANNO SEMPRE BASTA ESSERE PRAGMATICI E LIBERI DI MENTE

ernesto scontento 26.01.06 00:10| 
 |
Rispondi al commento

Ho deciso di scaricare dalla rete il libretto ed ho scritto al ministro Stanca e mi sto chiedendo se nonostante le nostre e-mail ci vedremo recapitare comunque l'opuscolo in questione.
E qui sorgono i primi dubbi:
1) nell'era digitale siamo tutti controllati (alla faccia della privacy) e sanno benissimo chi siamo, dove viviamo e cosa facciamo ed allora per eliminare inutili spese a carico di Noi cittadini, perchè non inviano le documentazioni cartacee solamente a chi non è in possesso di un contratto internet? in questa maniera quanti soldi pubblici si possono recuperare e per poi spenderli per alzare il livello dell'istruzione delle scuole che al giorno d'oggi stanno raschiando il fondo?
2) leggendo l'opuscolo mi ha affascinato che gli incentivi ed agevolazioni dati dallo Stato, mi va bene per i dipendenti privati ed anche a quelli pubblici, ma con la crisi che abbiamo non solo in Italia ma anche in Europa dopo l'introduzione dell'Euro (grazie Governo!!), perchè sono esclusi gli artigiani ed i liberi professionisti? qualcuno lo devo prendere nel ... !!
3) i nostri parlamentari parlano tanto di banda larga quando innumerevoli zone italiane non sono raggiunte nemmeno dalla ADSL e chi è connesso (i più fortunati) sta viaggiando con l'ADSL al massimo a 4 mega. basta andare nella metropolitana di Parigi e ci sono cartelloni mastodontici che pubblicizzano il collegamento a 20 mega! ma dico siamo un Paese tecnologico che esportava tecnici in tutto il mondo ed ora sono gli altri che insegnano a noi come funzionano i computer e la rete. Perchè i nostri politici (ke siano di destra o di sinistra) non fanno qualcosa per risolvere il problema magari aumentando i fondi di investimento nella ricerca, così ritorniamo ad essere quel Paese che con le sue invenzioni finalmente glielo rimetterà nel C..o all'America e specialmente a Bill Gates che con Windows ha monopolizzato il mondo con i suoi programmi.

Michele Sferza 25.01.06 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Evviva il MINCULPOP del Berlusca e dei suoi sgherri!
Tutto funziona bene, siamo piu' ricchi, piu' felici, il piano quinquennale e' stato rispettato, anzi surclassato, e tutte le promesse sono state mantenute!
Urra' ! Gloria imperitura al compagno (o camerata, e' uguale) Silvio il Nano !

Paolo Tettamanti 25.01.06 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Vedo con piacere che la cosa non aveva indignato solo me. E condivido in pieno l'idea di Grillo di consigliare al Ministro di devolvere quei soldi, spesi così inutilmente, verso usi REALMENTE funzionali alla creazione di una società informatica, partendo dal basso e dal futuro con i pc alle scuole pubbliche che adesso si debbono arrangiare.

Luigi Caruso 25.01.06 20:43| 
 |
Rispondi al commento

ho scritto al "ministro"..ma chissà se sarà in grado di leggerla?? forse era meglio se gli scrivevo una lettera ???
quello che gli avrei voluto scrivere comunque era..."se dice che in italia al momento più del 80% della popolazione ha un pc e internet perchè non ha inviato questo "opuscolo" via email ??"
bah forse siamo noi stupidi ad averci pensato...lui fa solo del bene x quelle tipografie che ha pagato, no ??

Leonardo Passinetti 25.01.06 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Senti un po' la mia storia.
Vorrei l'ADSL ma non posso. In realtà l'ho già avuta seppure per un breve periodo. Avevo scelto Libero. Poi mi sono trasferito in altra abitazione di altro distretto telefonico e pertanto ho dovuto cambiare numero di telefono (e prefisso).
Ho chiesto il trasferimento dell'ADSL sulla nuova linea e mi è stato concesso.
PICCOLO PARTICOLARE: Da quando abito nella nuova casa, cioè da un anno circa, non sono più riuscito a connettermi........
Credendo fosse un problema dovuto a Libero (che, per inciso, nulla ha fatto per tenersi il cliente...) ho deciso di cambiare gestore e, visto che SU TUTTI I SITI IL MIO NUMERO TELEFONICO RISULTA COPERTO DAL SERVIZIO, ho deciso di rivolgermi all'NGI, dopo aver valutato le varie offerte proposte.
Ho pagato il prezzo previsto per un contratto flat a banda garantita, comprato il modem e, nonostante questo, non sono riuscito a connettermi lo stesso (anche se almeno loro all'inizio sembravano darsi da fare per non perdere il cliente...).
Dai ripetuti contatti intercorsi è venuto fuori che Telecom non è nuova a questi "boicottaggi" e spesso trova piccoli ma insuperabili impedimenti...
Dopo innumerevoli telefonate ed e-mail ho ricevuto un avviso da parte di un tecnico (su carta intestata Telecom) che dice testualmente: "La avvisiamo che la linea ADSL non può funzionare. Siamo troppo lontani dalla centrale. Può disdire abbonamento".
Mi chiedo: "Perché non posso usufruire di una tecnologia che dovrebbe essere a disposizione di tutti, non è forse anche un mio diritto (che tra l'altro pago)? E se il contratto lo avessi fatto con Alice???"
Purtroppo sono molto scoraggiato (credetemi, l'ho fatta molto breve...) perché temo che l'ADSL non l'avrò tanto presto.......

Giuseppe Mostaccio 25.01.06 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Senti un po' la mia storia.
Vorrei l'ADSL ma non posso. In realtà l'ho già avuta seppure per un breve periodo. Avevo scelto Libero. Poi mi sono trasferito in altra abitazione di altro distretto telefonico e pertanto ho dovuto cambiare numero di telefono (e prefisso).
Ho chiesto il trasferimento dell'ADSL sulla nuova linea e mi è stato concesso.
PICCOLO PARTICOLARE: Da quando abito nella nuova casa, cioè da un anno circa, non sono più riuscito a connettermi........
Credendo fosse un problema dovuto a Libero (che, per inciso, nulla ha fatto per tenersi il cliente...) ho deciso di cambiare gestore e, visto che SU TUTTI I SITI IL MIO NUMERO TELEFONICO RISULTA COPERTO DAL SERVIZIO, ho deciso di rivolgermi all'NGI, dopo aver valutato le varie offerte proposte.
Ho pagato il prezzo previsto per un contratto flat a banda garantita, comprato il modem e, nonostante questo, non sono riuscito a connettermi lo stesso (anche se almeno loro all'inizio sembravano darsi da fare per non perdere il cliente...).
Dai ripetuti contatti intercorsi è venuto fuori che Telecom non è nuova a questi "boicottaggi" e spesso trova piccoli ma insuperabili impedimenti...
Dopo innumerevoli telefonate ed e-mail ho ricevuto un avviso da parte di un tecnico (su carta intestata Telecom) che dice testualmente: "La avvisiamo che la linea ADSL non può funzionare. Siamo troppo lontani dalla centrale. Può disdire abbonamento".
Mi chiedo: "Perché non posso usufruire di una tecnologia che dovrebbe essere a disposizione di tutti, non è forse anche un mio diritto (che tra l'altro pago)? E se il contratto lo avessi fatto con Alice???"
Purtroppo sono molto scoraggiato (credetemi, l'ho fatta molto breve...) perché temo che l'ADSL non l'avrò tanto presto.......

Giuseppe Mostaccio 25.01.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Se lei fa stanca di nome io lo sono di fatto e, tra le altre cose, ANCHE perchè di mestiere faccio la contadina (digitalizzata pensi).
IL libretto è inutile sia per chi lo usa già, sia per chi non è interessato e non lo sarà nemmeno dopo averlo letto; per non parlare di quelli che vorrebbero navigare ma non possono perchè non ancora raggiunti dal servizio (quelli si arrabbiano proprio)
Per pubblicizzare il digitale terrestre poi è sufficiente pubblicizzare il Grande Fratello come già viene fatto: proprio ieri sera ho visto un servizio a Ballarò in cui un negoziante sosteneva che molti chiedono "il decoder per vedere il Grande Fratello" (povera Italia) o tuttalpiù le partite di calcio...
Personalmente piuttosto del decoder ritorno alla cara vecchia radio!
Saluti.

Daniela Viezzi 25.01.06 17:14| 
 |
Rispondi al commento

io mio messaggio è questo,non ha nenche il diritto di essere chiamato ministro


"caro Stanca la volevo informare che come suggerito da Beppe Grillo sul blog www.beppegrillo.it
le chiedo da italiano coscente e diligente di non spendere soldi inutili x mandarmi a casa il libretto in questione visto che l'ho già scaricato dal Sito
non spendete soldi x queste cose e neanche x il digitale terreste xchè mi toccherebbe vendere il tv,la ringrazio x la cortese attenzione .
Ci rivediamo il 10 aprile!!
Chiari Carlo

Carlo Chiari 25.01.06 16:54| 
 |
Rispondi al commento

ehi ho mandato anch io un e-mail a stanca e anche ai miei amici per informarli di qsto libretto! ciau

marta guerci 25.01.06 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Troppo facile criticare e screditare le persone e il loro lavoro. Purtroppo quello che prevale oggi è la disiformazione, con il risultato che non vengono apprezzati gli importanti e positivi miglioramenti che, come in questo caso, sono avvenuti nella Pubblica Amministrazione. Sicuramente c'è ancora molto da fare ma intanto portiamo a casa i risultati e ... l'opuscolo !

Isabella Stanca 25.01.06 16:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per risponderti in modo efficace ti dico come ho risolto il problema io, telefono solo più via voip (Significa Voice over IP, il sistema usato da skype)

1) si è vero ci vuole una connessione ADSL, funziona in "teoria" anche con una connessione di tipo tradizionale, ma la qualità è pessima

2) non è proprio così ma la tariffa flat forse ti fa risparmiare, cmq funziona anche con le tariffe a consumo

3)la miglior tariffa attualmente è quella di tiscali (19.95 al mese 2mb) e se prendi anche la tariffa voce (5 euro mese con il modem) ti scollegano da Telecom, quindi non paghi più il canone (giuro che è vero!), mantieni il numero di telefono e ne hai 1 in più (alla fine l'ADSL ti costa 10 euro mese visto che 15 sarebbero di canone Telecom). Quest'ultimo caso però vale nel caso che casa tua sia raggiunta dal servizio UNBUNDING di tiscali (o altro gestore es. WIND o TELE2) altrimenti niente...
Sempre in questo ultimo caso puoi telefonare con Tiscali a dei costi leggermente più vantaggiosi di telecom

4)in parte è vero (sul costo) ma su ebay (www.ebay.it) puoi trovare offerte vantaggiose, inoltre esistono dei commutatori ATA che ti permettono di utilizzare un comune telefono di casa anche a computer spento al costo di circa 50 euro

Aggiungo che skype tra i gestori di traffico Voip non è il più conveniente ce ne sono altri con tariffe variabili tra 0 e 1.5 cent al minuto! Basta cercare online...

Sul discorso del futuro: 5 anni fa i grossi ipermercati in italia avevano già (solo per le comunicazioni interne) centralini Voip ovvero basati sulla tecnologia che usa skype, oggi la maggior parte delle grosse aziende si fa installare i centralini voip per una serie di motivi:
con 2 linee ADSL si gestiscono fino a circa 20 telefonate contemporannee (nel sistema tradizionale sarebbe 20 linee!)
Chi utilizza connessioni VPN telefona sulla sua rete aziendale tra le varie sedi nel mondo GRATIS
I costi di cablaggio (tirare i cavi) sono pressochè dimezzati (si usa il cavo dei PC)
CIAO

Federico Mensio 25.01.06 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Lo stesso discorso vale per il tuo spettacolo, caro Beppe, perchè devo comprare un DVD e pagare 4,5 euro di spese spedizione. Non è più facile scaricare il file da internet?

Ciao.

andrea giordano 25.01.06 15:00| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI QUEI RAGAZZI CHE MANIFESTANO DI NON ANDARE A VOTARE

**************************************
DOBBIAMO MANIFESTARE IL NOSTRO CONSENSO O DISSENSO CON IL VOTO, IN QUANTO DIRITTO ACQUISITO E IRRINUNCIABILE PER RISPETTARE IL SACRIFICIO DEI NOSTRI PADRI , CHE CI CONSENTE DI VIVERE IN UNA DEMOCRAZIA.
UN MIO VECCHIO PROFESSORE DICEVA :
“ Chi non vota non può neanche lamentarsi per quello che non gli và, non ha espresso cosa voleva”.

**************************************
*LIBERIAMOCI DAI SIMBOLI POLITICI IMPARIAMO A VEDERE SOLO LOGHI *
(Solo per essere più liberi nelle nostre scelte, ragionando con la nostra testa - per capire la verità dell’immagine riflessa – nella società moderna il logo identifica la storia è la qualità di un prodotto, noi cambiamo prodotto quando non soddisfa più i nostri bisogni interiori ed esteriori senza rimpianti o conflitti – vedere loghi al posto di simboli vuol dire essere più liberi e rispettare noi stessi ).

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI
L’astensione al voto può avere come conseguenza che una minoranza di cittadini governi e decida per la maggioranza dei cittadini.

ANDIAMO TUTTI A VOTARE LIBERI DI MENTE

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI , LA RIVOLUZIONE SI FA CON LA PARTECIPAZIONE, L’ARMA E IL VOTO .
**************************************
Il presente commento sarà bloggato a intervalli regolari su tutti i POST visto il numero di persone indecise a manifestare il loro diritto a decidere sulle scelte politiche del paese in cui vivono.

Da oggi tutti i commenti del sottoscritto avranno come intestazione il terzo capoverso del presente commento. Indipendentemente dal contenuto.

I BUGIARDI CI SONO E CI SARANNO SEMPRE BASTA ESSERE PRAGMATICI E LIBERI DI MENTE

ernesto scontento 25.01.06 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, ecco la mail che ho inviato al sig. Stanca:

"Buonasera Ministro,
La informo che ho già provveduto a scaricare il libretto "L'innovazione digitale per le famiglie" dalla Rete, pertanto non è necessario l'invio cartaceo ai seguenti indirizzi:

Fabbri Filippo
Via vicolo Verdi, 13
47035 Gambettola (FC)

Alessandra Ventre
Viale Paolo Mantegazza, 76
47900 Rimini

Andrea Betti
Via dei Mille, 35
47900 Rimini

Giovanni Frattaruolo
Via Davanzati, 18
47900 Rimini

Chiara Milanesi
Via Guido Rossa, 8
47100 Forlì

Certi che la nostra azione sia di utilità collettiva ai fini di un risparmio di materie prime e di risorse dello Stato,
cordialmente salutiamo."

Spero sia di vostro gradimento.
Saluti.

Filippo Fabbri 25.01.06 14:31| 
 |
Rispondi al commento


hey avete visto questo?


http://medica.altervista.org/


Nino

Nino Salvo 25.01.06 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Ministro

Non invii il libretto al mio indirizzo, (Indirizzo) anzi non stampi neppure la mia copia.
Sono abbastanza "informatizzato" da scaricala dalla rete.

E abbastanza scocciato da questi sprechi di soldi.

Lei è veramente e sinceramente convito che chi non conosce "l'iformatizzazione"
con questo libretto ne avrà coscienza?

Le dico cosa accadrà all'arrivo del libretto.

1) chi è già informatizzato e paga dei canoni non equi per accedere alla rete (sia in DSL che in analogico) lo scorrerà rapidamente, per vedere se può risparmare qualcosa.

2) chi non è informatizzato lo riporrà in un cassetto, non sentendosi parte in causa, aspettando magari che arrivi qualcuno "informatizzato" (tipo un nipote o un figlio) che possa essere interessato a leggerlo.
Il nipote o il figlio, per dare soddisfazione a chi lo ha conservato, lo sfoglieranno e forse leggeranno i titoli sulle varie pagine.

3) chi non è informatizzato, e vorrebbe diventarlo, non aspetta certo un libretto del governo per comprendere la questione.

Di fatto, forse, se proprio questa pubblicazione doveva essere fatta, magari si poteva limiare la distribuzione alle suole.

Ad ogni modo, sarebbe comunque stato più proficuo per tutti, emanare una legge (ne avete fatte tante non credo che una in più disturbi) che suonasse più o meno così:

L'accesso ad internet è gratuito.
Usatelo.

Viva l'Italia
e Viva gli Italiani ;-))

Alessandro Viola 25.01.06 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Cara Sonia

Quello che le è stato riferito è in parte giusto...
Allora.... proverò a farle chiarezza:
1) Si è vero ci vuole una connessione ADSL
2) Si è vero ci vuole una tariffa FLAT
3) NO, dunque... Lei può tranquillamente effettuare solo una connessione FLAT ADSL con gestori come ad es. Tiscali con costi che partono dai 15 euro e non 40....
4) No, può tranquillamente comprare un Telefono USB (costo tra i 30 e i 35 euro), oppure una semplice cuffia con microfono (costo dagli 8 euro in su).
5) Si è vero i tel. per utilizzare il VoIP a computer spento costano un pò di più....

In definitiva lei può
1) Attivare una tariffa Flat ADSL Euro 19 (facciamo na via di mezzo :) )
2) comprare un tel. USB (euro 30)
3) attivare SKYPE o Skypho (gratuiti)
4) la tariffa per minuto di interurbana con i suddetti programmi è di 1,7 e 1,5 cent. al minuto per l'italia e le tariffe internazionali sono almeno 20 volte più basse delle linee tradizionali..
5) L'unica pecca per il momento di Skype è che non permette l'acquisto di un numero telefonico italiano per ricevere chiamate.... Skypho invece lo consente, ma onestamente la linea risulta essere un pò disturbata...
6) Con Skype adesso con una semplice webCam (costo a partite dai 12 euro in su), puoi effettuare anche una VideoChiamata...

In definitiva Skype risulta essere un ottimo concorrente per i nostri gestori di telefonia...
Almeno a parer mio si intende... :)

Cordiali saluti :)

Francesco Iavarone 25.01.06 13:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

uhm..... mi chiedo una cosa.... non sarà che i kilometri di carta che saranno utilizzati per stampare libretti informativi possano servire all'unico scopo, non di informatizzare il nostro paese, ma bensì di creare un altro canale pubblicitario per sponsorizzare le idee di chi vuole coartarci a seguire una determinata strada....ossia gonfiare le tasche già straripanti dei "nani" e dei "tronchetti"?
In tal caso il nostro caro ministro ha speso proprio bene sti soldini....
Tutti sapranno cos'è orientativamente un PC e come si utilizza, proprio come per i televisori e i telefonini..... Così potranno tempestarci di idee e prodotti alientanti anche tramite la rete....
CHE BELLO!!!!!! COME SONO FELICE!!!!!
Io aggiungerei nel libretto.... ITALIANI munitevi di PC che così monopolizzeremo le informazioni anche tramite di essi....

Io, invece, vorrei mandare un solo bigliettino per ogni famiglia italiana, con su scritto:
ITALIANI imparate ad interpretare i messaggi che vi vengono forniti, imparate a capire la provenienza degli stessi, insomma.... se ti guardi "PORTA A PORTA" su Rai1 non puoi mica sperare che ti dicano la versione reale della situazione politica italiana.... oppure se in futuro saranno pubblicati siti web curati da personaggi dello stesso stampo del nostro buon "Vespone", non potrete mica pretendere delle informazioni IMPARZIALI.....
Conoscere è capire, capire è comprendere, per comprendere bisogna anche capire da quale fonte provengono le notizie....
FACCIAMO una CAMPAGNA PUBBLICITARIA su questo argomento....
La conoscenza approfondita delle fonti da cui provengono le informazioni!!!!

Francesco Iavarone 25.01.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Dopo aver "pubblicizzato" il sistema Skype un tecnico mi ha risposto nel seguente modo,ve lo giro sperando di poter trovare qualcosa per rispondergli:

"Mi permetto di far rilevare che ci sono alcuni problemi, onde evitare di intraprendere strade affrettate.
1)Ci vuole una connessione a Internet di tipo ADSL.
2)La connessione chiaramente deve essere FLAT (sempre collegati e si paga un forfait) altrimenti devo collegarmi ogni volta che voglio telefonare.
3)Queste connessioni ADSL FLAT non sono gratuite e convengono a chi naviga molto in internet (circa 30/40 euro al mese). Alla fine potrebbe essere come il costo del canone se uno non usa intensamente Internet.
4)Gli apparecchi telefonici per telefonare con internet hanno un costo, e non è ancora certo il funzionamento sempre ottimale
5)Quelli per telefonare a computer spento costano ancora di più.
Io credo purtroppo che Telecom, finchè mantiene il canone, è perché è sicura di poter essere poco boicottata.
Potrebbe comunque essere la strada del futuro, ma troveranno il modo di farci pagare al momento opportuno."
Aspetto aiuto da parte di gente più esperta di me!

SONIA NOVELLI 25.01.06 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Fatto, una delle segretarie dell'egregio ha letto il mio msg stamattina.

Stefano Trani 25.01.06 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Negli scampoli di fine legislatura c’è ancora spazio per qualche missione all’estero che unisca l’utile al dilettevole. Ma il viaggio del ministro Stanca a Palo Alto, dove si è recato con una delegazione di Sviluppo Italia, è stato rovinato dalle e-mail della sua segreteria di Roma.
Mentre l’ex-uomo IBM visitava i laboratori californiani per promuovere investimenti tecnologici in Italia, gli è arrivato tra le mani il segnale del fiume di proteste scatenate per una iniziativa di Beppe Grillo.
Il comico genovese infatti ha invitato dal suo blog a scaraventare sulla posta del Ministro le proteste per la stampa e la diffusione di un opuscolo di 48 pagine che arriverà per posta a 16 famiglie di italiani.
La pubblicazione che spiega l’innovazione digitale nella famiglia, è corredata dalle vignette di Forattini e la sola spedizione costerà 7,2 milioni di euro. Perché - chiede Grillo - non trasmetterla con on-line? e da lunedì al ministero di via Isonzo arrivano on-line migliaia di proteste.

jack Giannotti Commentatore in marcia al V2day 25.01.06 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe!
ho appena inviato il mio messaggio al nostro caro dipendente Stanca, a nome mio e della mia famiglia, una di quelle che si sono digitalizzate molto presto!

Paola Mecchia 25.01.06 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe..........completamente d'accordo a meta'!!!
Il fatto e' gl'italiani rincoglioniti dai cellulari invece che dai pc come succede negl'altri paesi,sono un popolo rimasto mentalmente ai tempi del pony quando invece c'e' l'aereo!!!!
LA TECNOLOGIA NON E' IL CELLULARE........come la ricerca scientifica non e' un trattato di marketing morattiano!!!

Per tutti si puo' telefonare gratis........

supertelefono

simone_mar78@yahoo.it

SIMONE MARTELLI 25.01.06 11:23| 
 |
Rispondi al commento

siamo tagliati fuori dal mondo

ecco:

http://www.repubblica.it/2005/c/sezioni/scienza_e_tecnologia/adsl/lastp/lastp.html

caro beppe e cari tutti voi cerchiamo di fare veramente qualcosa per tutti noi, ne va del nostro futuro

Luca Buoncristiano 25.01.06 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Il libretto lo paghi tu,come del resto anche io.Stanco sicuramente no.Quindi ti conviene fartelo spedire,almeno in mancanza d'altro ti può servire per documentarti. ciao a te e a tutti gli amici del blog

giorgio 25.01.06 09:28| 
 |
Rispondi al commento

inviata..titolo? "Inettitudine"...ma si può essere più insulsi ed essere strapagati lo stesso?

nicolò polacchini 25.01.06 08:53| 
 |
Rispondi al commento

Chiunque fosse interessato a guadagnare qualcosa onestamente e in piena legalità utilizzando la rete forse vorrà dare un'occhiata, se non altro per curiosità, ad uno scritto che invierò via e-mail (senza allegati - no virus) a chiunque me ne faccia richiesta.
Il mio indirizzo e' mrgray1974@libero.it - Grazie.

STEFANO CRUDELE 25.01.06 03:44| 
 |
Rispondi al commento

E-mail spedita a nome della mia famiglia,
chissà se servirà a qualcosa!!!!

M.Ester Contro 24.01.06 22:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IMPORTANTE:
non so quanti di voi sanno che registrandosi al sito www.187.it si può ricevere il canone della telecom tramite e-mail, ma soprattutto alla fine dell'anno si può accedere ai minuti preziosi, ovvero ti assegnano dei punti in base a quanto si è speso nella bolletta.......
ora visto che di gratis telecom non da niente, una buona volta che si possono anche richiedere premi che possono essere di 25 euro di chiamate gratis nel bimestre successivo (varia sempre in base ai punti ottenuti durante l'anno) perchè non aderire ......l'anno scorso l'ho fatto e funziona, si fa tutto via Web........
fatelo subito ...... non costa niente

Cristian Mazzoni 24.01.06 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Io vi chiedo, se vi va, di spendere 50 centesimi e di rimandare indietro il vostro opuscolo al diretto interessato, presso gli uffici del ministro Stanca. L'indirizzo sta sul sito della Presidenza del Consiglio, ma vi evito la fatica e ve lo scrivo : Ministero per l'innovazione e le tecnoligie, via Isonzo 21b, 00198 Roma.. alla cortese attenzione del ministro ovviamente....

Io personalmente lo farò, ed unirò un biglietto scrivendo "Questo forse serve più a Lei che a me, comunque grazie per aver speso le mie tasse in quest'impresa inutile".

Non so quanti di voi avranno l'interesse a farlo, se così fosse vi prego di mandarmi un messaggio. Sarà mia cura alla fine pubblicare un post riepilogativo nel mio blog con tutti i vostri commenti in merito.

Ossequi, Emanuela (Noa^_^)


A L L A R M E
-------------

da giugno 2006 win98 non sara' piu' aggiornato da microsoft

la legge sulla privacy (all'italiana) prevede che i pc devono essere aggiornati con XP (che bello)

se in una rete installi XP su un solo pc ti ritrovi nei casini

RISULTATO: META' UTENTI DOVRANNO PASSARE XP ALLA MODICA CIFRA DI 220 EURO CIASCUNO (un tempo gli aggiornamenti costavano si e no 50 mila lire, puttana eva)

un sentito grazie a billy e a tutti i nostri politici e manager che gli hanno leccato il culo.

PS per bin laden a al-queda: la microsoft è uno dei pilastri dell'america (pentagono, cia, nsa).... fate un po voi

alberto rossi Commentatore in marcia al V2day 24.01.06 19:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

di seguito la mail testè inviata al ns. dipendente ministro Stanca:

oggetto:“L’innovazione digitale per le famiglie”

Egregio ministro Stanca,
al fine di evitare un'inutile spreco di carta
e di denaro pubblico per l'affrancatura e quant'altro necessario all'invio dell'opuscolo in oggetto, le comunico di aver già
provveduto
a scaricare dalla rete il contenuto delle 48 pagine del libretto,
Cordialità Marco Carusi.

marco carusi 24.01.06 19:38| 
 |
Rispondi al commento

*LIBERIAMOCI DAI SIMBOLI POLITICI IMPARIAMO A VEDERE SOLO LOGHI *
(Solo per essere più liberi nelle nostre scelte, ragionando con la nostra testa - per capire la verità dell’immagine riflessa – nella società moderna il logo identifica la storia è la qualità di un prodotto, noi cambiamo prodotto quando non soddisfa più i nostri bisogni interiori ed esteriori senza rimpianti o conflitti – vedere loghi al posto di simboli vuol dire essere più liberi e rispettare noi stessi ).

**************************************
1-RAGAZZI BEPPE HA FATTO BINGO 2-

Il primo bingo è quello di avere conquistato la copertina sul Venerdi di Repubblica sul quale avevo già fatto un mio commento sul POST I RAGAZZI DI TRIESTE DEL 13.01.06 16:42.

MA VENIAMO AL SECONDO BINGO.

IL FATTO:
1.Il Corriere della sera è La Repubblica del 21/01/2006 riportano entrambi dell’incontro fra Fassino e la sezione Romana dei DS di Ponte Milvio ( sezione storica dei DS dove era iscritto Enrico Bellinguer, Fausto Bertinotti, Il Padre dell’on.Melandri, e tanti altri esponenti politici e giornalisti).
2.Gli articoli sembrano identici nell’esposizione dei fatti anche se scritti da due giornalisti diversi, se ne deduce la probabile veridicità di quanto accaduto. CONTINUA

ernesto scontento 24.01.06 19:34| 
 |
Rispondi al commento

2-RAGAZZI BEPPE HA FATTO BINGO 2-

SEGUE
3.MA CHE COSA E’ ACCADUTO, IN SINTESI, i due articoli riportno che l’incontro con la base dei DS era stata pianificata nei minimi dettagli, dando la solidarietà della base al segretario, compreso il passa parola a evitare domande scomode “ NON SI PARLA DI CONSORTE”. Il primo obbiettivo è stato centrato il secondo meno per i seguenti motivi.
a.- La Compagna Magistro moderatrice dell’incontro esordisce rivolgendosi a Fassino
“ noi non vi facciamo lavorare perché certo il vostro non è un lavoro,ma ci affidiamo a voi perché pensiate,noi vi paghiamo e quindi vogliamo il meglio dalla nostra classe dirigente”
b – Il Compagno Gianni Corsi chiede a Fassino “Perché quando Consorte le ha detto che aveva già raggranellato il 51% dell’Opa, di fronte a un’illegalità non ha detto niente? Perché D’Alema non ci spiega che cosa c’è scritto nelle intercettazioni che lo riguardano?
Si sono susseguiti altri interventi e commenti da parte degli antichi del partito ( Termine usato per dire saggi o anziani ) ma io mi fermo qui per la mia riflessione. Sembrerebbe che la sala si sia svuotata visto il silenzio di Fassino su Consorte e che la riunione sia finità a tarallucci e vino ( termine da me usato per dire facciamo finta di non aver capito). CONTINUA

ernesto scontento 24.01.06 19:33| 
 |
Rispondi al commento

3-RAGAZZI BEPPE HA FATTO BINGO 2-
SEGUE

LA MIA RIFLESSIONE:
Mi pare abbastanza chiaro che espressioni come quelle riportate al punto 3/a , erano impensabili fino a poco tempo addietro, noto anche una certa somiglianza ai POST di questo blog Politici Cococo ho l’impressione che stia nascendo un nuovo modo di esporsi verso la classe politica.

Fino a poco tempo fa era quasi impensabile discutere in pubblico con i dirigenti (soprattutto se ai massimi livelli) su argomenti che venivano blindati, la vecchia regola del centrismo Democratico ( Termine che significa : ampi discussione interna agli organismi, ma compattezza sul mondo esterno) valeva anche per la base nelle rispettive sezioni.

Non è ancora chiaro quale conseguenza avrà sul voto di aprile il caso UNIPOL, una cosa è certa i danni ci sono e cominciano a manifestarsi, tutta una serie di piccole Cooperative iscritte alla Legacoop ( Vicina ai DS) sta dando le dimissioni per aderire alla Agci di ispirazione laica ma con maggiore dipendenza dai partiti in particolare dai DS
( articolo riportato sul settimanale Mondo n. 4 di gennaio 2006) .

Inoltre deve essere messo in conto da parte dei DS, come regiranno tutti quegli imprenditori artigiani, commercianti,piccole imprese, che simpatizzano per i DS anche se non iscritti al partito. Non hanno certo gradito il tifo dei DS e una certa superiorità morale nell’essere COOP, anzi hanno sempre contestato una sorta di concorrenza sleale per gli sgravi fiscali concessi alle COOP che operavano ormai da anni in vari settori in concorrenza perdendo la caratteristica della loro missione ( chi scrive sostiene che l’uniche coop che dovrebbero avere benefici fiscali sono quelle che si occupano di sociale ma che gli stessi benefici devono essere dati anche ai privati per analogo settore) .

ernesto scontento 24.01.06 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
mi sembra che non solo questa iniziativa da parte del governo abbia lo scopo di produrre solo carta... altri esempi? ecco qua:
legge 196/03 (privacy): uno degli adempimenti previsti per le ditte è quello di informare clienti/fornitori/consulenti in merito al trattamento dei dati. Per essere tutelati è necessario farlo in forma scritta. Risultato?
ipotizzando che in italia ci siano (solo) 100.000 imprese e che ognuna abbia mediamente 100 tra clienti/fornitori/clienti il risultato è:
100.000x100 = 10.000.000 fogli A4 = 20.000 risme
se il peso di una risma è ca 1,5 kg abbiamo

30TONNELLATE di carta

da usare per dei fogli che andranno con ogni probabilità persi e dimenticati! (tanto i ns dati andranno distribuiti comunque a mezzo mondo)

perchè non fare altri giochetti divertenti del tipo: 20.000 risme alte ognuna 5 cm formano una pila di 1km in onore della privacy: haha


farei altri esempi ma non vorrei ne risultare impopolare ne dilungarmi troppo..

il problema è che le normative dovrebbero creare cultura (campagne di sensibilizzazione, pubblicità progresso, educazione) e non solo carta e scarichi di responsabilità.

ciao
Federico

Federico G. 24.01.06 19:26| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe
anche io ho inviato una mail al dipendente Stanca
invitandolo a non spedirmi l'opuscolo,risparmiando così soldi dell' azienda
Italia.

barbin francesco 24.01.06 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Oh..io l'ho mandata...mica s'arrabbiano vero? :-)

Filippo Massetti 24.01.06 18:48| 
 |
Rispondi al commento

http://it.wikipedia.org/wiki/Trusted_Computing

Luca Kiri 24.01.06 18:44| 
 |
Rispondi al commento

sono veramente tante le persone che vorrebbero internet ma la loro zona non è coperta (lo so perchè a tempo perso lavoro per la Telecom), sono ancora di più le persone che un PC lo sanno solo accendere, la conversione al digitale (quel processo per cui la tecnologia analogica viene convertita al digitale e fa si che prodotti diversi comunichino tra loro) è appena iniziata. E' triste ammetterlo ma se vuoi raggiungere il pubblico hai solo 2 mezzi, uno è la televisione terrestre, l'altro è la posta spedita a casa.

mirco mencarelli 24.01.06 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe !!! Sei il piu' Grande....

Ho scritto al Sig. Stanca che non ho nessuna intenzione di ricevere il suo opuscolo per l' innovazione digitale ... che se lo tenga e usi i soldi in modo migliore .... grazie per avermi fatto sentire viva e parte di una voce che prende corpo e diventa sempre piu' forte grazie a te !!!

Barbara Bisconti
Via Licio Visintini 36
00054 Fiumicino Roma

Barbara Bisconti 24.01.06 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Ma come si fa ad informafe attraverso il web delle persone che non sono connesse a internet, Pensaci giacomino! Il problema mi sembra un pó piú complesso. Siamo indietro rispetto al resto del mondo, in questo momento sono in Brasile e ti sto scrivendo da una postazione gratuita dell´ufficio postale di ponta negra... Stanca fa demagogia, come tutti i nostri politici (destra, sinistra, centro, sopra, sotto, ecc) Ma cerchiamo delle soluzioni reali.
Matteo

Matteo Ghiazza 24.01.06 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

apprezzatissima la tua battaglia contro l'anticristo (Telecom) e il Tronchetto dell'infelicita',ti propongo tuttavia una strada non alternativa ma COMPLEMENTARE.

Mi spiego.

In Italia, nel settore delle comunicazioni e dei new media (quello che ti sta tanto a cuore perche' ha potenziale di rinnovamento e di liberta' mostruoso, web, digitale, telefonia mobile...)con il boom degli ultimi anni si e' andato a creare una sorta di INDOTTO di fornitori al servizio dei grandi gruppi quali appunto Telecom, La7, Rai, Fininvest, Vodafone.

Il panorama e' in tutto e per tutto simile a quello che serviva la Fiat di pezzi di ricambi, di viti, di bulloni etc.

Il problema e' che in queste piccole societa' che nascono dal nulla, e sono guidate da professionalita' improvvisate (Managing Director che vivono ancora a casa con la madre, Art Directors riciclati etc) stanno attuando lo sterminio sistematico dei giovani che ci lavorano ed assieme a loro lo sterminio delle idee e della creativita' di questo paese.

Un settore che dovrebbe essere propulsivo, sperimentale si trasforma di fatto in una vera e propria catena di montaggio dove vere professionalita' (chi sa fare) e' sottomesso ad un cartello di azienducole che occupano il mercato, che fanno il patto con il diavolo e le cui regole sono:

- Sfruttamento
- Contratti farseschi (io sono assunto, faccio il Senior Web designer da 10 anni a livello internazionale e qui ho un contratto da metalmeccanico boh!?)
- Staging selvaggio (nella societa in cui io lavoro, il modo di tagliare i costi e un turnover selvaggio di stagisti pagati nulla o poco piu', fuori uno dentro l'altro)
- la bassa qualita' e' un must! Se lavori bene vieni licenziato.

MORALE
Da un lato ai colossi sta bene cosi', credi che Telecom o Vodafone faccia problemi per servizi scadenti? Loro rigirano i costi sui clienti.

Caro Beppe, parti dal basso!
Lancia una campagna per stanare i tronchettini
vedrai che arriverai anche ai Tronchetti!

Saluti

Caterpillar boy 24.01.06 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un ingegnere informatico specializzato in robotica e vivo nella frustrazione più totale di uno stato all'età della pietra!
L'adsl ha una copertura ridicola, ciò comporta disagi enormi, molte piccole attività hanno costi troppo alti con le connessioni normali e non possono campare!!!
Siamo portatori di ignoranza ambulanti, però i messaggini li sappiamo mandare tutti!!!

Sapete che vi dico?
Italiano mea culpa! Evviva il non patriottismo! Evviva un paese che si lamenta della non copertura dell'adsl ma che nn farà mai una petizione!
Evviva il paese che insorge solo se la propria squadra di calcio non va in serie A.
ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
DIGITALIZZIAMOCI E MOLLIAMOLE STE PIETRE!!!!

Matteo Rossi 24.01.06 16:13| 
 |
Rispondi al commento

Ho inviato la mia mail e poi, visto che sono rompiballe di natura, ho scritto una mail anche al WWF mettendoli a conoscenza di questa "genialata ministeriale", citando il blog di Beppe Grillo come fonte, evidenziando tutto il mio disappunto per l'utilizzo smodato e scriteriato di carta che deriverà da questa operazione e chiedendo che il WWF stesso si mobiliti e dia risalto alla cosa.
Invito ora quanti sono ambientalisti - e forse un po' rompiballe come me... ;-) - a fare altrettanto!
Cordialmente

Elena Bianchi 24.01.06 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi fa piacere che anche i nostri politici "dinosauri" abbiano iniziato a guardare oltre il loro naso...internet, la rete, le nuove tecnologie. Bravi, complimenti! Ora mi chiedo se i nostri politici sono anche al corrente dei costi che un comune cittadino deve sostenere in questo paradiso del "LIBERO MERCATO" per l'accesso a questi meravigliosi strumenti.
Avevo un contratto con la Fastweb, la cui linea telefonica mi creava qualche problema. Dopo varie insistenze telefoniche, al limite, anzi oltre il limite delle molestie, da parte di Telecom ho pensato che forse un rientro in questa compagnia avrebbe risolto le cose. Mi dicevo "con tutti i clienti che hanno perso, si saranno finalmente decisi ad applicare tariffe concorrenziali". Firmo il mio bel contrattino, sposando Alice per un anno (vincolo tra l'altro scoperto in seguito) ed ecco la sorpresa: prima bolletta Euro 290,00!!!!!
Ma dico, siamo pazzi! Reclami a non finire, chiamate. e-mail e finalmente vengo contattata da un....un....un....cazzo, non sò come chiamarlo! Insomma, per farla breve, dopo aver pagato 290 euro per la prima bolletta il tizio mi dice che dovrò pagarne altri 173 per la seconda, e solo sulla terza bolletta mi verranno rimborsati i soldi che telecom mi ha erroneamente addebitato.
Ragazzi, viviamo in un paese meraviglioso!!!! State sù. Tutto va bene, l'economia funziona, le famiglie sono in una botte di ferro ed io, impiegata diorziata, con due figli a carico, uno stipendio di 950/1000 euro al mese non ho alcun motivo di lamenmtarmi. La mia percezione della realtà è leggermente falsata dalle dichiarazioni di sporchi comunisti catastrofisti, ma il portatore sano di democrazia ha dichiarato che se lo voto mi dà anche una casa in cui andare a vivere...cosa voglio di più!!!

Annamaria Farina 24.01.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento

la mia mail è stata rifiutata dal destinatario e mi è tornata indietro...

roberta dulio 24.01.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe meglio:
EGRIGIO sig. Ministro...
... è proprio una COMICA:
un Ministro dell'innovazione che usa un mezzo così costoso x diffondere la presunta DIGITALIZZAZIONE in Italia...ma invece di usare il DITO x digitare...so io gli Italiani cosa ne vorrebbero fare del proprio DITO al succitato pertugio del deretano del ministro SMORTO...!!!

Gianpiero Rossi 24.01.06 15:13| 
 |
Rispondi al commento

ma come cazzo fanno a dire che in italia ci sono 28 milioni di utenti?
chi cazzo glieli da sti dati?
oltretutto sembra che il paese dimostri grande dinamicità nella connessione a banda larga!!!!!!!
altro che repubblica delle banane...
siamo comandati da un branco di scimpanzè!

apriamo gli occhi!!!
siete i migliori al mondo, ci dicono,l'economia va alla grande e mafia significa: quattro pusher che spacciano droga...

per capire quanto siamo nella merda, abbiamo bisogno che qualcuno ce lo dica in TV?
da quando viviamo in città non abbiamo tempo per capire ciò che ci circonda.
lasciate qualche impegno, state un po' di più a casa senza fare niente. niente tv, un bel libro, un po' di jazz in sottofondo... ozio.

OZIO!!!!!!!!!!

NON C'E' NIENTE CHE CI FACCIA CRESCERE DI PIU'...

scusate il linguaggio un po' scurrile, ma per fortuna sono del vulgus. ciao

jimmy cobb 24.01.06 15:00| 
 |
Rispondi al commento

'STI POLITICI STANCA...GANDO!!!

Gianpiero Rossi 24.01.06 14:58| 
 |
Rispondi al commento

E vai!!
Inviato al nostro dipendente.
Certo che l'appellativo "egregio" mi sembra eccessivo. Non credete che sia sufficente Sig. ministro???
Beppe sei grande

Diego Mantovani 24.01.06 14:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe
ecco cosa ho appena scritto all'onorevole Stanca:
Egregio Signor Ministro
Sono venuto a conoscenza che a giorni ci verrà recapitato da parte vostra l'opuscolo su "L'innovazione digitale per le famiglie".
Avendo già provveduto a scaricarlo da Internet dal sito http://www.innovazione.gov.it/ita/normativa/pubblicazioni/inn_dig_famiglie.shtml, la pregherei di NON inviarcene una copia cartacea, risparmiando così tempo, carta e soldi delle spese di spedizione.
Con i più cari saluti
Marcello Larosa e famiglia
Via Trepexi, 2
16010 SANT'OLCESE (GE)

spero che il mio gesto sia seguito da molti

tanti cari saluti

Marcello


Ho fatto come suggerito al punto due. Ho scritto una mail a Stanca a nome mio e di mia mamma specificando il nostro indirizzo e chiedendo cortesemente di non mandare il libretto. Ma ce l'avranno poi il computer per leggere le mail che mandiamo al ministero? Bah...

Maurizio Grassi 24.01.06 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Ho fatto come suggerito al punto due. Ho scritto una mail a Stanca a nome mio e di mia mamma specificando il nostro indirizzo e chiedendo cortesemente di non mandare il libretto. Ma ce l'avranno poi il computer per leggere le mail che mandiamo al ministero? Bah...

Maurizio Grassi 24.01.06 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Ah, il digitale, che bella trovata....

Armando Doni 24.01.06 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Ho girato per il sito del MInistero ed ho pure letto la sua biografia.
Da questa risulta che è laureato in Economia. Non mi sembra pertanto che possa ritenersi un esperto nella materia informatica. Sarà esperto nella gestione di una ditta, ma pur sempre nelle sue decisioni avrà dovuto ascoltare il parere di esperti.
Ora, delle due:
1 o ha preso queste decisioni da solo e quindi....
2 oppure ha ascoltato il parere di esperti (?)....

In entrambi i casi non mi pare abia seguito un buon manuale di economia. La spedizione dei libretti in Italia darà un deciso rosso ai conti dello Stato (ma non aveva votato nel CdM i talgi alla spesa pubblica ???) e, forse (ma non volgio pensare male....) un deciso verde a chi vende computer all'Amministrazione.

Spedisco subito la lettera !

Aram Megighian 24.01.06 13:32| 
 |
Rispondi al commento

@ massimiliano bertocco 23.01.06 17:14
Chi non vota non può neanche lamentarsi per quello che non gli và, non ha espresso cosa voleva”. Ma che frase è????!! E' come se porti un bambino in gelateria e gli dici che ci sono solo 2 gusti....
***********************************
@ massimiliano bertocco Parte 1

Bene Massimiliano, condivido che il futuro e dei giovani MA PROPRIO PER QUESTO DEI ANDARE A VOTARE.
Permettimi di farti notare alcune cose:

1. Sono d’accordo una gelateria con due gusti non soddisfa le esigenze del mercato quindi per sopravvive si dovrà adattare andando incontro a ciò che lo stesso mercato richiede. Massimiliano questa regola non funziona in politica non a mai funzionato, la politica è indirizzo, partecipazione, critica, il fatto stesso che Beppe crei i suoi POST espone la sua critica, noi esprimiamo la nostra nei commenti quindi partecipiamo in qualche modo non so quando incidiamo ma partecipiamo. Continua
2. Cosa Farebbero i Nostri Padri.? Massimiliano quello che hanno fatto, mi spiego meglio, uno dei più grandi esempi che la RESISTENZA A LASCIATO ALLE GENERAZIONI FUTURE CONSISTE NEL FATTO CHE UOMINI DIVISI DA IDEALI POLITICI SI SONO TROVATI D’ACORDO SU UN UNICO OBBIETTIVO LA L’IBERAZIONE DELL’TALIA E LA COSTRUZIONE DELLA DEMOCRAZIA, perché ha questa liberazioni anno partecipato tutte le forze politiche di ispirazione, Comunista,Socialista,Repubblicana,Liberale,Monarchica e Cattolica. Come puoi ben constatare perché vivi il quotidiano, oggi difficilmente uomini di ideali diversi si trovano d’accordo su obbiettivi comuni per fare la POLITICA CON LA P MAIUSCOLA cioè occuparsi dei problemi del Paese. Continua

ernesto scontento 24.01.06 13:15| 
 |
Rispondi al commento

@ massimiliano bertocco Parte 2

Segue
Massimiliano sarebbe lungo spiegare in un commento il perché L’Italia non è ancora una Democrazia evoluta bisognerebbe parlare della particolarità Italiana dei primi 50 anni di Repubblica dove ancora oggi gli iscritti al mio partito di riferimento i DS si dichiarano orgogliosi di essere stati Comunisti, senza ammettere che se fossimo stati sotto il patto di Varsavia oggi nemmeno Bertinotti sarebbe più Comunista. Inoltre gli ultimi 20 anni della cosiddetta prima Repubblica non ha avuto grandi esempi di uomini politici avrai sentito parlare di Tangentopoli, i casi CIRIO,PARMALAT, BANCOPOLI, UNIPOL, FURBETTI DEL QUARTIERINO E NON. Questo Massimiliano è frutto di cattivi esempi dove ci vorranno anni per risanare il degrado causato alla POLITICA che è fatta da uomini quindi subisce tutte le conseguenze e i limiti che gli stessi uomini anno. Gli esseri umani Massimiliano hanno comportamenti e prendono decisioni guardandosi dentro e li trovano le loro esperienze e i loro esempi, queste cose formano la loro cultura, in base a quella prendono decisioni anche se sbagliate, rispetto alla Morale comune che viene dettata da norme comunemente condivise “ LA LEGGE”. Ecco perché in questi ultimo decennio solo la Magistratura riesce a correggere certe anomalie. In politica questo succede perché GLI UOMINI SONO DEBOLI MORALMENTE , In Italia questo fatto e stato accentuato da forti convinzioni ideologiche tanto forti da far credere che il loro modello di bene comune fosse superiore a quello degli altri tanto da far passare il concetto ( sbagliato) che i finanziamenti illeciti ai partiti sono meno gravi degli arricchimenti personali. Questo è sbagliato,una Democrazia evoluta si basa sull’alternanza dei partiti o coalizioni che governano su mandato dei cittadini in base a un programma condiviso, ma tutti devono rispettare le regole comunemente condivise per rispettare tutti i cittadini.Continua

ernesto scontento 24.01.06 13:14| 
 |
Rispondi al commento

@ massimiliano bertocco Parte 3

Segue
3. Massimiliano in una Democrazia non evoluta come la NS. potrebbe accadere astenendosi dal voto che una minoranza legittimata governi in dissenso dalla maggioranza dei cittadini, che dovrebbero correggere l’indirizzo politico con manifestazioni di piazza o altro. L’Italia ha già conosciuto in anni passati queste contraddizioni quanto il paese era diviso tra due schieramenti, che comunque garantivano un sufficiente grado di democrazia nell’espressione del dissenso.
Inoltre il voto e la partecipazione proprio perché la ns Democrazia è giovane deve servire alla crescita della stessa, come farebbe un buon padre di famiglia con i propri figli. La società perfetta esiste solo al cinema quando decideranno di fare questo film. Il processo Democratico che rappresenti il volere dei Cittadini e un processo lungo e pieno di ostacoli. Altrimenti “scusa il termine nudo e crudo” è come quel crumiro che anche se non ha esigenze economiche va al lavoro, condividendo le ragioni dello sciopero ma comunque beneficia dei risultati ottenuti da altri.

4 . Massimiliano ci dovremmo tutti abituare ha decidere per aggregazione di partiti che avranno come conseguenza la mediazione ai valori dei singoli.

Per Concludere io credo che i NS Padri visto che il cambiamento in atto equivale a una Rivoluzione Democratica ci consiglierebbero di andare a votare e di essere partecipi al cambiamento.
Un’ultima cosa io non sono vecchio ho 47 anni, mi ritengo soltanto fortunato perché ho avuto buoni esempi ed ho impostato la mia vita su quegli esempi. Se vuoi o se puoi leggi anche il commento che ho scritto sul post L’albo dei Blogger Categoria Tecnologi/Reti del 11.01.06 15:35. Saluti Ernesto.

ernesto scontento 24.01.06 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei proprio commentare, ma oggi sono troppo influenzato per ragionare come si deve. Aspetto che mi passi il mal di testa e poi torno qui.
Un saluto e la mia solidarietà a tutti voi.

Ciao Max

Max Stirner 24.01.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Ho partecipato volentieri all'iniziativa verso il Ministro Stanca, inviandogli per il email, la comunicazione di avvenuta acquisizione in formato.pdf del documento sull'innovazione tecnologica.
Colgo l'ccasione per fare i saluti a tutti gli operatori di questo interessante blog!!

francesco scarselli 24.01.06 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe, l'idea è stata veramente brillante. Anch'io ho mandato la mia e-mail rifiutando a priori l'insulso libriccino.Ho inoltre specificato che nella nostra zona non solo non riceviamo il segnale del DTT, ma nemmeno il segnale per la ricezione dei programmi TV con una banale antenna (consideriamo peraltro il servizio -pubblico e privato- estremamente scadente); non siamo serviti dalla linea ADSL e per giunta la velocità del nostro modem non supera i 36 kbit per secondo - grazie alle linee antidiluviane della TELECOM. Te capì??? un salutone

Paola errichelli 24.01.06 12:41| 
 |
Rispondi al commento


Bravo Roby Rubini...

ottima idea e mi associo...
troppo comodo prendere i soldi da noi...eppoi farci vedere quello che vogliono loro..non mi sembra democratico, chi paga ha il diritto di sapere la verità..se Beppe Grillo non sarà mandato in tv..abbiamo il sacrosanto diritto
di non pagarli più....

Domenico Rinaldi 24.01.06 12:40| 
 |
Rispondi al commento

*
*
*
*
Campagna "No alla censura. Grillo al Festival 2006"
http://grilloalfestival.blogspot.com
*
Beppe Grillo, un comico, un personaggio famoso, un uomo così amato da anni all'unisono da tutto il paese, che viene intervistato e trasmesso dai media internazionali, non ha spazio nella sua patria a causa del regime a cui essa è sottoposta.
Se lo chiede lui stesso e lo chiede anche a noi nei suoi spettacoli...
"dove potrei andare? in quale programma mi vedreste?"
Con la sua semplice chiarezza ci sta aprendo gli occhi da anni ed anni...
E ci sta insegnando che esiste un regime televisivo che taglia le teste che hanno voci importanti e sega le gambe ai personaggi troppo dinamici, specie se sanno far divertire e far pensare allo stesso tempo.
La risposta che sentiamo di dare alla tua domanda, caro Beppe, è questa:
C'è solo un posto da cui meriti di rientrare in televisione oggi, ed è il Festival di Sanremo, in diretta su RAIUNO, l'ultima sera, in mondovisione.
Ci hai chiesto dove puoi andare, in quale tv...
Abbiamo in cuore fortissima la sensazione che stavolta lo spazio in tv possiamo creartelo noi, con una email per uno.
E sai perché? Sì che lo sai... Ce l'hai spiegato proprio tu.
Perché come i politici sono i nostri dipendenti, anche i media in realtà dipendono da noi, in particolare la RAI che pretende un canone e ci vende pubblicità...
Siamo noi i datori di lavoro della RAI.
Quindi oggi lo chiediamo ufficialmente ai nostri dipendenti certi del fatto che altri si uniranno:

Alla Direzione di RaiUno
e p.c. alla Direzione Generale della RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA:

IN VIRTU' DEL MIO RUOLO DI FRUITORE FINALE DEI CONTENUTI TELEVISIVI TRASMESSI DALLA RAI, CHE PERCEPISCE UN CANONE A LIVELLO NAZIONALE PER FORNIRMI SODDISFAZIONE NEL PROFITTO DI QUEI CONTENUTI, CHIEDO FORMALMENTE CHE IL SIGN. BEPPE GRILLO SIA UFFICIALMENTE INVITATO ALL'ULTIMA SERATA DEL FESTIVAL DI SANREMO 2006 IN DIRETTA.

firma
*************

inviare a: usfestival@rai.it

*************
*
*
*
*
*
*
*


la rivoluzione si fa con i morti???ma alessio che dici...o almeno dici quel che sai,ma se cerchi poi vedrai che ci son rivoluzioni che si fa senza cannoni(nel duplice senso...nè quelli che sparano che quelli che si fumano)Scusami la rima ma è venuta un po spontanea...
Metti su un motore di ricerca rivoluzione umana...entrerai in contatto con chi la rivoluzione la fa tutti giorni dentro...senza spararsi!
>Non votare è rinunciare a partecipare...è permettere alle persone di fare quel che vogliono,di dividere ed imperare,vecchia strategia per governare...con il dialogo possiamo farcela..senza solo disprezzare, insieme con tutte le persone che hanno a cuore il proprio futuro e quello dei propri figli...un abbraccio a tutti

gennaro Barra 24.01.06 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Questa è l' e-mail che ho inviato al nostro dipendente, speriamo che sia in grado di leggere la posta elettronica.


Caro dipendente ministro Stanca, ho saputo che per informarci delle innovazioni
tecnologiche da lei apportate al nostro paese intende inviarci un libretto
esplicativo ed informativo. Ecco scrivo questa missiva per informarla che
io mi sono già informatizzato!
Le chiedo pertanto sempre che sia possibile, di inviarmi, se è proprio necessario,
non per posta ma per posta elettronica, il suddetto libretto.
Risparmi i soldi che dovrebbe utilizzare per stampa, imbustamento e invio.
Ho fatto due conti sono circa 50 cent a persona , ogni mille persone circa
che rinunciano al libretto cartaceo è un pc che si può comprare per una scuola.
Questa è innovazione tecnologica , non una missiva cartacea!
Certo di un Suo cortese riscontro, colgo l?occasione per porgere cordiali
saluti.

Uno dei suoi datori di lavoro.
Pietro Murru

pietro murru Commentatore in marcia al V2day 24.01.06 11:15| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI QUEI RAGAZZI CHE MANIFESTANO DI NON ANDARE A VOTARE

**************************************
DOBBIAMO MANIFESTARE IL NOSTRO CONSENSO O DISSENSO CON IL VOTO, IN QUANTO DIRITTO ACQUISITO E IRRINUNCIABILE PER RISPETTARE IL SACRIFICIO DEI NOSTRI PADRI , CHE CI CONSENTE DI VIVERE IN UNA DEMOCRAZIA.
UN MIO VECCHIO PROFESSORE DICEVA :
“ Chi non vota non può neanche lamentarsi per quello che non gli và, non ha espresso cosa voleva”.

**************************************
*LIBERIAMOCI DAI SIMBOLI POLITICI IMPARIAMO A VEDERE SOLO LOGHI *
(Solo per essere più liberi nelle nostre scelte, ragionando con la nostra testa - per capire la verità dell’immagine riflessa – nella società moderna il logo identifica la storia è la qualità di un prodotto, noi cambiamo prodotto quando non soddisfa più i nostri bisogni interiori ed esteriori senza rimpianti o conflitti – vedere loghi al posto di simboli vuol dire essere più liberi e rispettare noi stessi ).

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI
L’astensione al voto può avere come conseguenza che una minoranza di cittadini governi e decida per la maggioranza dei cittadini.

ANDIAMO TUTTI A VOTARE LIBERI DI MENTE

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI , LA RIVOLUZIONE SI FA CON LA PARTECIPAZIONE, L’ARMA E IL VOTO .
**************************************
Il presente commento sarà bloggato a intervalli regolari su tutti i POST visto il numero di persone indecise a manifestare il loro diritto a decidere sulle scelte politiche del paese in cui vivono.

Da oggi tutti i commenti del sottoscritto avranno come intestazione il terzo capoverso del presente commento. Indipendentemente dal contenuto.

I BUGIARDI CI SONO E CI SARANNO SEMPRE BASTA ESSERE PRAGMATICI E LIBERI DI MENTE

ernesto scontento 24.01.06 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono anch'io, speriamo di annegarli in un mare di m...
Egr. Sig. Ministro,

venuto al corrente dell'iniziativa per la diffusione dell'opuscolo in oggetto, l'ho scaricato direttamente dal sito.

Pertanto, in qualità di suo datore di lavoro (in quanto il suo stipendio è garantito dalle tasse che pago regolarmente), La invito cortesemente a NON spedire il documento in forma cartacea al seguente indirizzo:

.......

Approfitto dell'occasione per comunicarLe che gradirei molto che i soldi (peraltro anche questi reperiti dalle stesse tasse di cui sopra), risparmiati non inviando l'opuscolo in oggetto, venissero destinati ad iniziative concrete volte alla digitalizzazione di questo paese, per esempio estendendo a tutti i comuni il servizio ADSL e per l'abolizione del canone Telecom, in modo da rendere possibile l'accesso continuo alla rete Internet a costi paragonabili a quelli che sostengono i cittadini di altri paesi dell'Unione Europea.

Cordiali Saluti

davide crescenzio 24.01.06 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Email inviata.

Grazie Beppe.
...

Egr. Sig. Ministro,

venuto al corrente dell'iniziativa per la diffusione dell'opuscolo in oggetto, l'ho scaricato direttamente dal sito.

Pertanto, in qualità di suo datore di lavoro (in quanto il suo stipendio è garantito dalle tasse che pago regolarmente), La invito cortesemente a NON spedire il documento in forma cartacea al seguente indirizzo:

...

Approfitto dell'occasione per comunicarLe che gradirei molto che i soldi (peraltro anche questi reperiti dalle stesse tasse di cui sopra), risparmiati non inviando l'opuscolo in oggetto, venissero destinati ad iniziative concrete volte alla digitalizzazione di questo paese, per esempio estendendo a tutti i comuni il servizio ADSL e per l'abolizione del canone Telecom, in modo da rendere possibile l'accesso continuo alla rete Internet a costi paragonabili a quelli che sostengono i cittadini di altri paesi dell'Unione Europea.

Cordiali Saluti

David Barsocchi 24.01.06 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Onorevole,
sono venuto al corrente dell'iniziativa del Governo di inviare alle famiglie italiane un libretto informativo sull'innovazione digitale. Dal momento che io(e la mia famiglia), posseggo un pc e sono collegato alla rete da molto tempo, ritengo sia inutile riceverlo(anche perchè ne ho già preso visione direttamente on-line). La pregherei quindi di non mandarmi nulla risparmiando così i costi di spedizione. Piuttosto quei soldi preferirei mi venissero detratti dalla bolletta del canone per la connessione ADSL, una tra le più care(probabilmente LA PIU' CARA) del mondo.
Buona giornata.
Paolo Tumolo e famiglia.

paolo tumolo Commentatore in marcia al V2day 24.01.06 09:56| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
a proposito del processo di informatizzazione tra cittadino e istituzione ti racconto questo episodio.
Nel febbraio 2005 mi hanno multato con autovelox fuori della mia provincia. Ho presentato il ricorso al giudice di pace di Viterbo in settembre (primo viaggio)
La sentenza a me favorevole è avvenuta il 21 dicembre 2005 (secondo viaggio a viterbo)
Ho telefonato per avere la sentenza e mi hanno detto che bisogna andare a prenderla di persona (terzo viaggioo a Viterbo).
Se avevo pagato avevo risparmiato.
un saluto Massimo Marrucco

massimo marrucco 24.01.06 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Perchè si continua a buttare dalla finestra tanti soldi e non ci si adopera, invece, per far progredire veramente la società: cosa aspettano i nostri dipendenti che siedono in Parlamento a decretare l'ADSL per TUTTI (e non per pochi "eletti") ed a costi accessibili?
Che bello buttare soldi a destra e a manca quando non sono i tuoi.
Un datore di lavoro leggermente inc.....to.

Giampiero Suzzi 24.01.06 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Sono venuto a conoscenza dal sito http://www.beppegrillo.it/2006/01/post_10.html che il governo ed in particolare Lei, in qualità di Ministro della Repubblica per l'innovazione e le tecnologie, avete in programma di inviare un opusco intitolato "L'innovazione digitale per le famiglie" a sedici milioni di famiglie. Nel suo Blog, il Sig. Beppe Grillo, afferma che l'operazione avrà un costo di SETTEMILIONIDUECENTOSETTANTAMILAEURO (pari a 45 centesimi a copia per stampa, imbustamento e invio). Innanzitutto mi chiedevo se questi dati sono corretti. Inoltre vorrei esprimere il mio giudizio in merito: essendo un informatico credo che il digitale debba far parte della nostra società, e del nostro modo di vivere. Ma credo che sia alquanto inutile esprimerlo attraverso un volantino di 48 pagine quando l'amministrazione dello Stato non usa i mezzi informatici. Le faccio un esempio che mi è capitato di recente. Due settimane fa la Società generla d'informatica SOGEI SPA ha recapitato per conto dell'Agenzia delle Entrate una tessera sanitaria intestata a mio Padre. Fin qui nulla di strano se non fosse che mio padre è deceduto due anni fa. Eppure i vostri archivi informatici erano aggiornati sull'avvenimento. Ma cosa ancor più grave e che ho tentato di telefonare (circa due settimane di fila) prima al numero verde dell'USL e poi al ufficio di competenza del Ministero delle Entrate senza mai poter parlare con un impiegato che mi spiegasse come mi dovessi comportare. Visto che ero riuscito a rintracciare l'email dell'ufficio del Ministero delle Entrate ho pensato bene di scrivere agli stessi. Molto probabilmente esiste la mail ma non esiste chi la legge e risponde, visto che sono passate due settimane.Insomma, Ministro, io riesco a "chicchierare" in tempo reale con persone che stanno a New York e non posso interloquire con un ufficio di Firenze (che dista appena 20Km dal sottoscritto).Per tanto io prima di mandare alle famiglie un libretto che spiega gli incentivi per l'acquisto...

Massimo Sgambato 24.01.06 09:16| 
 |
Rispondi al commento

Egr. Sig. Ministro,

venuto al corrente dell'iniziativa per la diffusione dell'opuscolo in oggetto, l'ho scaricato direttamente dal
sito del MIT, tramite la connessione alla rete di cui dispongo sul posto di lavoro.

Pertanto, in qualità di suo datore di lavoro (in quanto il suo stipendio è garantito dalle tasse che pago regolarmente), La invito cortesemente a NON spedire il documento in forma cartacea al seguente indirizzo:

........................

Approfitto dell'occasione per comunicarLe che il mio comune di residenza al momento non risulta raggiunto dal servizio ADSL (e men che meno da alcuna copertura WiFi), per cui gradirei molto che i soldi (peraltro anche questi reperiti dalle stesse tasse di cui sopra), risparmiati non inviando l'opuscolo in oggetto, venissero destinati ad iniziative concrete volte alla digitalizzazione di questo paese, per esempio estendendo a tutti i comuni il servizio ADSL e per l'abolizione del canone Telecom, in modo da rendere possibile l'accesso continuo alla rete Internet a costi paragonabili a quelli che sostengono i cittadini di altri paesi dell'Unione Europea.

Cordiali Saluti

PS colgo l'occasione per farLe notare che l'opuscolo in oggetto contiene numerosi errori di ortografia...

Paolo Burnengo 24.01.06 09:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma Stanca non avendo il computer... leggerà le nostre e-mail?

Massimo Sgambato 24.01.06 08:55| 
 |
Rispondi al commento

Anche io ho dato il mio contributo alla causa:

_________________________________________________

Oggetto: L’innovazione digitale per le famiglie

Egregio dipendente,
La prego astenersi dall’inviarmi l’inutile abominio cartaceo in oggetto, in quanto l’informatizzazione della mia abitazione è più che adeguata.
Anche io ho dato il mio contributo alla causa:

Ne approfitto per comunicarLe che il segnale del DTT non è ad oggi presente nella mia zona di residenza e non ne sento sinceramente la mancanza.
Distinti saluti

Luca Polpettini

Via ..............
_________________________________________________


Grazie Beppe

Luca Polpettini 24.01.06 08:31| 
 |
Rispondi al commento

Anche io ho dato il mio contributo alla causa:

Egregio dipendente,
La prego astenersi dall’inviarmi l’inutile abominio cartaceo in oggetto, in quanto l’informatizzazione della mia abitazione è più che adeguata.
Anche io ho dato il mio contributo alla causa:

Ne approfitto per comunicarLe che il segnale del DTT non è ad oggi presente nella mia zona di residenza e non ne sento sinceramente la mancanza.
Distinti saluti

Luca Polpettini

Via ..............

Grazie Beppe

Luca Polpettini 24.01.06 08:05| 
 |
Rispondi al commento

Nella scuola della mia figlia (GE Castelletto, 4 elementare) ci sono 4 computer (rotti), informatica si fa in classe e l'insegnante molte volta sa meno della informatica dei bambini (con computer a casa)...

Thomas Krueger 24.01.06 07:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, permettimi di affermare che tanto "lor signori" non ci sentono da quelle orecchie.Seguono un programma preciso di occupazione e gestione della cosa pubblica a fini privati e non mi stupirei se anche questa iniziativa ,anziche' per informare, fosse,nelle loro intenzioni a fine di lucro sia in soldoni che in immagine per la campagna elettorale.Esiste un rimedio unico per far finire tutto questo,cioe'licenziare i "nostri dipendenti".Sicuramente faranno slittare quel momento in modo da prendersi qualche vantaggio in piu',come quando in una partita di calcio si va ai tempi supplementari,solo che in questo caso l'arbitro che ha il potere di fischiare la fine e' il capitano di una delle due squadre in gioco.Hanno la maggioranza dei voti in parlamento,quindi continueranno ad usarla fino alla fine per i loro interessi.Come diceva Girolimoni interpretato da Manfredi:Ne sono passati tanti,passerai anche tu sergente! Ed i "tanti" passati erano dei tipi tosti(senza fare nomi spaventosi) e non mezze catucce come questi.Stringiamo i denti,ma non abbassiamo la guardia continuiamo cosi',e'il modo migliore che abbiamo per combattere.Grazie di cuore Beppe per questa ottima occasione.Saluti,Alfredo Pierucci

Alfredo pierucci 24.01.06 07:28| 
 |
Rispondi al commento

FATTA LA MAIL AL MINISTRO COME DA TUE INDICAZIONI,
HA ANCHE MESSO LA SUA FOTO SULL'OPUSCOLO....

Fabio Boddi 24.01.06 07:03| 
 |
Rispondi al commento

Ma avete notato che alla pagina http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/opuscolo_innovazione_digitale/opuscolo.html del sito c'e' scritto "Il Copertina", nemmeno l'uso coretto degli articoli sul sito ufficiale del governo...

piero lion 24.01.06 01:17| 
 |
Rispondi al commento

Chi ancora ha il coraggio di utilizzare il proprio cervello per migliorare il livello di conoscenza nel settore tecnologico lo può fare indipendentemente da qualsiasi abbozzo di programma politico.

Emanuele Renzoni 24.01.06 00:39| 
 |
Rispondi al commento

missione compiuta...ragazzi siamo davvero tanti possiamo far paura....avanti cosi'
grande beppe..a tutti...forza e onore

paolo ruggiero 24.01.06 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Fatto!
Certo che se lo stampano così com'è...!

Daniela Viezzi 24.01.06 00:15| 
 |
Rispondi al commento

si vero per posta lo leggono tutti, ma..con tanti programmi stupidi uno che informi no?
il pc e' possibile che non tutti lo possiedano, ma la tv si.
Uno spot, un programma televisivo e si spendeva meno.. ma tanto i soldi sono nostri .. e io pagoo!!!!

cinzia bazzeguti 23.01.06 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Azz! nel file intero da Pagina 14(16) Inizia il capolavoro... il simbolo della Repubblica Italiana in basso ad ogni pagina si sovrappone a tutto: testi, immagini... Incredibile! Chi è il grafico di Stanca? Un ceco?

Antonello Sprevisti 23.01.06 23:41| 
 |
Rispondi al commento

Siamo tanti...siamo tanti!!!
Fantastico.
Tenete botta!!!
Beppe ci vediamo il 12 febbraio a Treviso:la città delle antenne UMTS dalle forme più bizzarre...e falliche!!!

Massimiliano Gerardi 23.01.06 23:24| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe,
come al solito noi italiani siamo troppo impegnati a pensare ad altre c....te.

Segue testo della mail inviata all'indirizzo L.Stanca@governo.it.

"Desidero comunicare alla SV che non ho alcun interesse a ricevere il libretto “L’innovazione digitale per le famiglie” all'indirizzo ....................................................................... e che preferisco che il contributo risparmiato, insieme a tanti altri, venga destinato all'acquisto di materiale informatico per la didattica nelle scuole... un passo in più per "l'innovazione digitale" per le famiglie."

Antonio Lacerenza 23.01.06 23:14| 
 |
Rispondi al commento

questi sono pazzi. il pdf è pienodi errori di grafica e di ortografia....
Che significa "AMIGLIA"
è troppo facile prenderli per il c..o

Cataldo Coglio 23.01.06 23:12| 
 |
Rispondi al commento

invitato da un amico, ho scritto al ministro queste 2 righe. ero indeciso se mettere in risalto il fatto che sono un suo datore di lavoro, ma alla fine ho corso questo rischio e mi sono tolto lo sfizio di chiamarlo "mio dipendente". sono stato fin troppo cortese, perchè si meriterebbe ben peggio essendo un mio dipendente che non fà quello che vorrebbe il suo capo.

Egr. Sig. Ministro,
venuto al corrente dell'iniziativa per la
diffusione dell'opuscolo in oggetto, l'ho scaricato
direttamente dal
sito del MIT.
Ritengo più utile investire questi soldi per l'acquisto
di PC per le scuole e, pertanto, in qualità di suo datore di lavoro (in
quanto il suo stipendio è garantito dalle tasse che pago regolarmente),
La invito cortesemente a NON spedire il documento in forma cartacea al
seguente indirizzo...

Roberto Paoli 23.01.06 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Email inviata.

Un saluto a tutti.

Michele Tamborrino 23.01.06 23:07| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io non ne posso più.. è bene reagire ai nostri dipendenti che ci prendono per il culo tutti i giorni!!
Di seguito la mia mail al nostro dipendente.
Forza Beppe,e come cantano allo stadio "Portaci portaci,portaci in Europa..."


Grazie al portatore sano di informazione (Beppe Grillo) mi sono scaricato la Sua informativa, essendo sensibile allo spreco di carta,La inviterei a passare prima dai vari gestori della rete e farsi dire chi HA GIA’ una connessione internet a casa e quindi a non inviargli quelle 48 pagine famose e destinare i soldi per imprese più efficaci,come stampare libri utili ai ragazzi bisognosi,o di regalare la carta ai Paesi sottosviluppati (in giro per il mondo ovunque sono andato i bambini mi hanno sempre chiesto carta e penne),ma mi rendo conto che per personaggi della Casa delle Libertà lo spreco di una simile risorsa sia nel programma (leggi il libretto sulla vita del Vostro Leader).

Distinti Saluti

Mattia Felet

mattia felet 23.01.06 23:02| 
 |
Rispondi al commento

MISSIONE COMPIUTA: ho chiesto al sig.ministro di non sprecare i nostri soldi!

Grande Beppe

Andrea Simionato 23.01.06 22:53| 
 |
Rispondi al commento

messaggio inviato al dipendente Stanca....semmai contasse qualcosa, la speranza è l'ultima a morire quindi.....

teniamo duro

Paolo Natalini 23.01.06 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe,

Sono costernato dalle notizie che tutti i giorni sul tou blog, questa poi del libretto promosso dal dipendente Stanca, è proprio un'offesa al popolo italiano, nonchè l'ultima truffa dell'azienda a scopo di lucro denominata Stato.
Scrivo subito la lettera al dipendente Stanca per demotivarlo da questa iniziativa che sicuramente gli è costata fatica e tempo, tempo sottratto al suo inutile lavoro per fare qualcosa di altrettanto inutile e per giunta costoso.

Ciao.

Lucio Rizzo 23.01.06 22:40| 
 |
Rispondi al commento

il digitale terrestre al momento può essere una buona cosa ma si trasformerà ,quando abbastanza famiglie lo avranno acquistato (dimenticando che il contributo statale comunque lo sborsano loro con le tasse),nel peggiore mezzo che si possa inventare(dato che sarà controllato da pochi,vedi newslot-aams)per far spendere soldi alla gente,infatti continuano a decantare le cose buone e meravigliose che offrirà dal pagamento del bollo auto al pagamento del canone rai dimenticando di dire che si potrà giocare e scommettere soldi con giochi d'azzardo e similari (pare che ci sarà anche il famigerato videopoker, si proprio lui quello che i nostri governanti hanno tanto combattuto nei scorsi anni)ormai le parole etica e morale sono state sostituite dalla parola businnes molto amata (nel campo dell'azzardo) da fini e compagni che ormai hanno monopolizzato il settore dei giochi dello stato.

fabrizio scadassa 23.01.06 22:40| 
 |
Rispondi al commento

Oggi anch'io, dopo varie volte che leggevo il blog, ho deciso di cominciare a combattere certe cialtronerie italiane.

Ho chiesto al ns. dipendente ministro Stanca di non sprecare il suo tempo ed i miei soldi per spedirmi il libretto del digitale.

Stefano (and Heather mia moglie USA) Farsetti
Arezzo

Stefano Farsetti 23.01.06 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Parlano di diffusione della rete, digitalizzazione ma poi vai sul sito www.aliceadsl.fr e scopri che in Francia, il tronchetto fornisce l'ADSL 20Mb a 19,95 euro mensili, mentre se vai su www.aliceadsl.it scopri che in Italia a 36 euro mensili ti da giusto la 4 Mb (dove ci riesce).. Con qualche altro provider si risparmia qualcosina ma in confronto ad altre nazioni noi paghiamo molto di più. Ultima cosa: se uso i servizi online (poste, banche e altro) perchè devo pagare di più in tasse che se andassi di persona all'Ufficio Postale (faccio io tutto il lavoro di data entry e mi fanno pure pagare!!) Bello stimolo alla diffusione dei servizi informatici... Ciao Beppe continua così

Giordano Falcioni 23.01.06 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere se è possibile denunciare la Telecom per i suoi ritardi nell'estensione dell'ADSL a tutto il territorio italiano e tanto che ci troviamo una bella denuncia per concorrenza sleale visto che ancora continuiamo a pagare il maledetto canone!

Rino John Gliosca 23.01.06 22:06| 
 |
Rispondi al commento

mail inviata

Ersilio Luca Capone 23.01.06 22:04| 
 |
Rispondi al commento

email inviata.
ciao Beppe

enzo cuccia 23.01.06 22:00| 
 |
Rispondi al commento

OK, inviata.

Gentile Ministro

La prego di NON INVIARE per posta il libretto "L'innovazione digitale per le famiglie"; io e la mia famiglia intendiamo far risparmiare al nostro Governo i 7.270.000 Euro, pari a 45 centesimi a copia per stampa, imbustamento e invio, di questo inutile libretto.

Grazie.

Distinti saluti.

Famiglia Pesaresi Alessandro.

Alessandro Pesaresi 23.01.06 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio inviato.

Grazie Beppe.

Giuseppe Antolini 23.01.06 21:20| 
 |
Rispondi al commento

a me questa storia dei libretti agli italiani ogni 3 mesi sa di campagnia pubblicitaria.

Stefano "akiro" Meraviglia 23.01.06 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Io il libretto me lo faccio mandare! Con tutto quello che costa il riscaldamento, con la paura di ritrovarsi senza gas, almeno con 48 pagine di carta ci faccio un bel fuocherello.

Andrea Scatolini 23.01.06 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Quello che sto per raccontare riguarda solo marginalmente, direi casualmente, l'argomento trattato.
Faccio il programmatore, un mestiere obbligato per molti di noi, un po' come fare l'operaio a Manchester nell'800.
Benché gran parte della documentazione la trovi gratuitamente in rete, di tanto in tanto, su argomenti che mi appassionano o che ritengo importanti investo qualche soldo e acquisto un libro. Visto che edizioni aggiornate (up to date) in Italia non si trovano, compro su Amazon. Il servizio è sempre ottimo e l'arrivo puntuale (se sono in ritardo scrivono per scusarsi !).
Vengo al dunque, l'ultimo arrivo conteneva una sorpresa: su 75 $ di acquisto ho dovuto pagare 2,5 € di Presentazione dogana (piacere, Daniele) 3.00 € di spese postali, 14.64 € di IVA, 2.48 € di dazio.
Il bello è che, stupito da balzelli che mai avevo dovuto pagare (e di acquisti di libri online ne ho fatti molti) ho chiamato il numero verde delle poste. Hanno attribuito il costo a una non meglio precisata disposizione del ministero datata giugno 2005. Ma non credo sia così, o almeno non ho trovato traccia della disposizione in questione (va bene che i dati in mio possesso erano scarsi). Il mio sospetto è che solo di tanto in tanto la dogana si ricordi di far pagare il dovuto.
Resta il fatto che al già elevato prezzo dei volumi ho dovuto aggiungere quasi il 25% di maggiorazione fiscale.
Non comprerò più, chiaramente, online a questi prezzi. Sarò meno aggiornato e capace, ma tanto a chi importa?
E poi, l'IVA sui libri, che vergogna!

Daniele Innocenti 23.01.06 20:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ah, a Oderzo, in provincia di Treviso (ricco e fiorente nordest......) non abbiamo la adsl, però abbiamo il digitale terrestre, così si può votare chi eliminare dal grande fratello!!
Che vadano a ca....!!

Massimiliano Gerardi 23.01.06 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Spedito la lettera.
presumo inutilmente, ma la mia coscienza è a posto.
Libretto dei farmaci, ora questo, il prossimo di cosa ci informerà? Su come devo usare la carta igienica dopo aver visto i vari tg?
Tenete botta!

Massimiliano Gerardi 23.01.06 20:24| 
 |
Rispondi al commento

ottima l'idea delle droghe leggere... cmq io sono tra i pochi(o forse tanti) sfigati che non è raggiunto dal servizio di adsl... ho il 56 k che mi frigge 3 ore al giorno... impensabile visto che a philadelfia(in americaz) l'intera città è ricoperta da una rete wifi totalmente gratuita... che c'abbiamo noi in meno di philadelfia????


ok...mail inviata correttamente al nostro dipendente.

Francesco Didoni 23.01.06 19:44| 
 |
Rispondi al commento

ma se investiamo questi soldi in droghe leggere???

emilio mazzariello Commentatore in marcia al V2day 23.01.06 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è, a proposito di internet e Pc, quanti tra i ministri e parlamentari sa scaricare la posta, aggiornarsi l'antivirus, utilizzare un motore di ricerca, sa cos'è e-bay e quant'altro.
Troppo presi da segretari e portaborse per fare un azione manuale così "SPORCA".
Questi non capiscono un emerito c...o!

epifanio nicosia Commentatore in marcia al V2day 23.01.06 19:28| 
 |
Rispondi al commento

dovere assolto mail inviata

michele santochirico 23.01.06 19:19| 
 |
Rispondi al commento

oppure scaricatevi il piano strategico delle grandi opere del governo.....

http://www.palazzochigi.it/GovernoInforma/
Dossier/mose/cipe1.pdf

Quadro delle grandi opere strategiche
1. Il valico del Frejus
2. Il valico del Sempione
3. Il valico del Brennero
4. L’asse ferroviario sul corridoio padano (alta capacità ferroviaria)
5. L’asse viario sul corridoio padano ( Brescia – Bergamo e Passante di
Mestre)
6. L’asse Ventimiglia Genova Milano – Novara
7. L’asse ferroviario Tirreno Brennero
8. L’asse autostradale Tirreno Brennero
9. Il progetto per la tutela della laguna e della città di Venezia (Mo.Se.)
10. La nuova Romea (Ravenna Venezia)
11. Il quadrilatero Umbria Marche
12. L’asse autostradale Cecina Civitavecchia
13. Il sistema integrato di trasporto del nodo di Roma
14. Il sistema integrato di trasporto del nodo di Napoli
15. Il sistema integrato di trasporto del nodo di Bari
16. L’asse stradale Salerno Reggio Calabria Messina Palermo Catania
17. L’asse ferroviario Salerno Reggio Calabria Palermo Catania Siracusa
Gela
18. Il Ponte sullo Stretto di Messina
19. Il progetto per il fabbisogno idrico nel Mezzogiorno

ULTIMA L'ACQUA!!!!!! ODDIO....

Marco Ciacchi 23.01.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Ho spedito la mail, per quanto possa essere di qualche utilità...

Egregio Sig. Ministro,
in merito all'iniziativa di cui ho letto a questo indirizzo

http://www.innovazione.gov.it/ita/normativa/pubblicazioni/inn_dig_famiglie.shtml

la informo che ho già provveduto a scaricate in formato digitale il pregevole opuscolo, grazie alla mia connessione analogica 56K che, da noi, è ancora estremamente diffusa, molto più che nel resto d'Europa dove da anni la larga banda è una realtà.

In attesa di poter godere dei vantaggi della larga banda senza danneggiare eccessivamente le mie ristrette finanze da studente, la prego di non spedirmi il suddetto opuscolo in formato cartaceo in quanto lo riterrei un inutile spreco di denaro e un danno ambientale. Spero che i soldi risparmiati per me e per le migliaia di altri internauti che le stanno mandando lettere come queste, possano servire a finanziare iniziative davvero SERIE per la digitalizzazione di massa di questo paese.

Distinti saluti
Nome Cognome


dovere assolto mail inviata

michele santochirico 23.01.06 19:11| 
 |
Rispondi al commento


MA IL PEZZO PIU' COMICO E' QUESTO.....SAENZA DUBBIO....http://www.palazzochigi.it/GovernoInforma/Campagne/opere_pubbliche/index.html

Marco Ciacchi 23.01.06 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Ma quale innovazione tecnologica!

Stanca hai stancato tutti! Basta!!!

E tu Urbani.... suicidati per cortesia.... almeno salvi l'innovazione vera in Italia...

E voi utenti delle tecnologie, andate a leggere qui (http://redtomahawk.blogspot.com/) e rendetevi conto della innovazione tecnologica delle grandi aziende!

Phuah!

Red Tomahawk 23.01.06 19:08| 
 |
Rispondi al commento

E tutti questi libretti saranno stampati dalla Mondadori Printing che non è di proprietà si Silvio, ma di sua figlia Marina per cui non c'è il conflitto di interesse...

Tarcisio Benedetti 23.01.06 19:08| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/45.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Stanca express:

» Sono stufo di essere preso per i fondelli! da FCHouse
Questa mattina mi sono svegliato con un po’ di mal di testa e ho cominciato a leggere le notizie qui e li, finche’ non mi sono scontrato con l’ultimo post di Beppe Grillo. Innovazione Tecnologica… …ed ecco che per l̵... [Leggi]

22.01.06 10:41

» Stanca express da Lopster Italian Community
Al termine del suo glorioso quinquennio alla guida del ministero dell’innovazione Stanca ha gettato la spugna. Ha capito che gli italiani, distratti dal digitale terrestre, vessati dai costi di connessione tra i più alti nel mondo e spesso neppure r... [Leggi]

23.01.06 09:28

» Davvero no, grazie da massimo colella: blog personale
Egregio Ministro, sono venuto a conoscenza dell'iniziativa di questo Governo volta a pubblicizzare ed informare le famiglie italiane riguardo il digitale terrestre, tramite un libretto di 48 pagine spedito per posta a tutti i possibili utilizzatori. Da... [Leggi]

23.01.06 12:15

» Staffa a muro per tv LCD da Shoppingo - Il blog dello shopping
Ora che vivo da sola ho deciso di avere un po' di compagnia in cucina per la cena. Ho comprato un TV C LCD 15 pollici da Conforama ma le staffe da muro nel negozio stesso avevno dei prezzi esorbitanti... [Leggi]

09.02.06 12:19

» Staffa a muro per tv LCD da Shoppingo - Il blog dello shopping
Ora che vivo da sola ho deciso di avere un po' di compagnia in cucina per la cena. Ho comprato un TV C LCD 15 pollici da Conforama ma le staffe da muro nel negozio stesso avevno dei prezzi esorbitanti... [Leggi]

14.02.06 12:31

» Staffa a muro per tv LCD da Shoppingo - Il blog dello shopping
Ora che vivo da sola ho deciso di avere un po' di compagnia in cucina per la cena. Ho comprato un TV C LCD 15 pollici da Conforama ma le staffe da muro nel negozio stesso avevno dei prezzi esorbitanti... [Leggi]

21.02.06 15:41