Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Primarie dei cittadini: energia


energia.JPG

Fino ad oggi le primarie le hanno fatte i nostri dipendenti.
E’ arrivato il momento che le primarie le facciano i datori di lavoro.
Da oggi pubblicherò una proposta su temi importanti come l’energia, i trasporti, le regole elettorali, aiutato da esperti riconosciuti, per ricevere i vostri commenti
I post saranno mantenuti visibili sulla barra di destra sotto il titolo: “Primarie dei cittadini” insieme ai vostri commenti fino alle elezioni.

Invito anche i rappresentanti dei partiti ad inviare a questo blog il loro punto di vista sui diversi aspetti trattati per pubblicarlo.


Proposte per l’energia.

L’efficienza con cui si usa l’energia in Italia è molto bassa.
Almeno la metà dei consumi è costituita da sprechi che si possono evitare utilizzando tecnologie economicamente mature. Riducendo gli sprechi e aumentando l’efficienza non soltanto si ottiene la massima riduzione possibile delle emissioni di CO2 a parità di investimenti, ma in misura direttamente proporzionale si riducono le importazioni di fonti fossili e i risparmi che si ottengono consentono di pagare gli investimenti senza ricorrere a finanziamenti pubblici.

La crescita dell’efficienza e la riduzione degli sprechi costituiscono anche il pre-requisito per lo sviluppo delle fonti rinnovabili, che, allo stato attuale, costano di più e rendono meno delle fonti fossili. Solo se si riducono gli sprechi e si accresce l’efficienza il loro contributo alla soddisfazione del fabbisogno energetico diventa significativo e si recuperano i capitali necessari a sostenerne i costi.

Il consumo delle fonti fossili che importiamo si suddivide in tre grandi voci pressoché equivalenti:

- il riscaldamento degli ambienti

- la produzione termoelettrica

- i trasporti.

Se venisse applicata rigorosamente la legge 10/91, per riscaldare gli edifici si consumerebbero 14 litri di gasolio, o metri cubi di metano, al metro quadrato calpestabile all’anno. In realtà se ne consumano di più.
Dal 2002 la legge tedesca, e più di recente la normativa in vigore nella Provincia di Bolzano, fissano a 7 litri di gasolio, o metri cubi di metano, al metro quadrato calpestabile all’anno il consumo massimo consentito nel riscaldamento ambienti. Meno della metà del consumo medio italiano.
Utilizzando l’etichettatura in vigore negli elettrodomestici, nella Provincia di Bolzano questo livello corrisponde alla classe C, mentre alla classe B corrisponde a un consumo non superiore a 5 litri di gasolio, o metri cubi di metano, e alla classe A un consumo non superiore a 3 litri di gasolio, o metri cubi di metano, al metro quadrato all’anno.

Nel riscaldamento degli ambienti, una politica energetica finalizzata alla riduzione delle emissioni di CO2, anche per evitare le sanzioni economiche previste dal trattato di Kyoto nei confronti dei Paesi inadempienti, deve articolarsi nei seguenti punti:
- applicazione immediata della normativa, già prevista dalla legge 10/91 e prescritta dalla direttiva europea 76/93, sulla certificazione energetica degli edifici
- definizione della classe C della provincia di Bolzano come livello massimo di consumi per la concessione delle licenze edilizie relative sia alle nuove costruzioni, sia alle ristrutturazioni di edifici esistenti
- riduzione di almeno il 10 per cento in cinque anni dei consumi energetici del patrimonio edilizio degli enti pubblici, con sanzioni finanziare per gli inadempienti
- agevolazioni sulle anticipazioni bancarie e semplificazioni normative per i contratti di ristrutturazioni energetiche col metodo esco (energy service company), ovvero effettuate a spese di chi le realizza e ripagate dal risparmio economico che se ne ricava;
- elaborazione di una normativa sul pagamento a consumo dell’energia termica nei condomini, come previsto dalla direttiva europea 76/93, già applicata da altri paesi europei.

Il rendimento medio delle centrali termoelettriche dell’Enel si attesta intorno al 38 per cento. Lo standard con cui si costruiscono le centrali di nuova generazione, i cicli combinati, è del 55/60 per cento.
La co-generazione diffusa di energia elettrica e calore, con utilizzo del calore nel luogo di produzione e trasporto a distanza dell’energia elettrica, consente di utilizzare il potenziale energetico del combustibile fino al 94 per cento. Le inefficienze e gli sprechi attuali nella produzione termoelettrica non sono accettabili né tecnologicamente, né economicamente, né moralmente, sia per gli effetti devastanti sugli ambienti, sia perché accelerano l’esaurimento delle risorse fossili, sia perché comportano un loro accaparramento da parte dei Paesi ricchi a danno dei Paesi poveri. Non è accettabile di per sé togliere il necessario a chi ne ha bisogno, ma se poi si spreca, è inconcepibile.
Per accrescere l’offerta di energia elettrica non è necessario costruire nuove centrali, di nessun tipo. La prima cosa da fare è accrescere l’efficienza e ridurre gli sprechi delle centrali esistenti, accrescendo al contempo l’efficienza con cui l’energia prodotta viene utilizzata dalle utenze (lampade, elettrodomestici, condizionatori e macchinari industriali). Solo in seguito, se l’offerta di energia sarà ancora carente, si potrà decidere di costruire nuovi impianti di generazione elettrica.

Nella produzione di energia elettrica, una politica energetica finalizzata alla riduzione delle emissioni di CO2 anche accrescendo l’offerta, deve articolarsi nei seguenti punti:

- potenziamento e riduzione dell’impatto ambientale delle centrali esistenti
- incentivazione della produzione distribuita di energia elettrica con tecnologie che utilizzano le fonti fossili nei modi più efficienti, come la co-generazione diffusa di energia elettrica e calore, a partire dagli edifici più energivori: ospedali, centri commerciali, industrie con processi che utilizzano calore tecnologico, centri sportivi ecc.
- estensione della possibilità di riversare in rete e di vendere l’energia elettrica anche agli impianti di micro-cogenerazione di taglia inferiore ai 20 kW
- incentivazione della produzione distribuita di energia elettrica estendendo a tutte le fonti rinnovabili e alla micro-cogenerazione diffusa la normativa del conto energia, vincolandola ai chilowattora riversati in rete nelle ore di punta ed escludendo i chilowattora prodotti nelle ore vuote
- incentivazione della produzione distribuita e del consumo in loco di energia termica con fonti rinnovabili (escludendo dagli incentivi la distribuzione a distanza del calore per la sua inefficienza e il suo impatto ambientale)
- applicazione rigorosa della normativa prevista dai decreti sui certificati di efficienza energetica
- eliminazione degli incentivi previsti dal Cip 6 alla combustione dei rifiuti in base al loro inserimento, privo di fondamento tecnico-scientifico, tra le fonti rinnovabili
- incentivazione della produzione di biocombustibili, vincolando all’incremento della sostanza organica nei suoli le produzioni agricole finalizzate a ciò.

Nel settore dei trasporti occorre intervenire sia a livello tecnico, incentivando lo sviluppo di mezzi di trasporto più efficienti e meno inquinanti, sia a livello organizzativo, favorendo lo sviluppo dei mezzi di trasporto pubblici e disincentivando l’uso dei mezzi privati soprattutto nelle aree urbane fortemente congestionate.

Nei trasporti urbani il fulcro su cui fare leva è il potenziamento dei mezzi pubblici a uso collettivo e l’introduzione di mezzi pubblici a uso individuale, con motori elettrici alimentati da reti e non da batterie.
Una versione più interessante, versatile e flessibile dei filobus tradizionali, improvvidamente abbandonati negli scorsi decenni, si può realizzare posizionando reti di cavi elettrici protetti sull’asfalto stradale. In questo modo si possono alimentare non solo mezzi di trasporto pubblici collettivi, ma anche flotte di automobili pubbliche a uso individuale con pagamento al consumo mediante scheda elettronica prepagata. L’effetto combinato di queste misure tecniche e organizzative può consentire di porre limitazioni sempre più rigorose al traffico privato accelerando al contempo la velocità degli spostamenti e ricostruendo la possibilità di realizzare la funzione «da porta a porta», che nelle aree urbane le automobili hanno ormai perso da tempo.
A partire da queste premesse acquisiscono una utilità effettiva in termini di riduzione dei consumi di fonti fossili e di impatto ambientale tutte le innovazioni tecnologiche finalizzate a ridurre le emissioni inquinanti delle automobili e ad accrescere il numero dei chilometri percorsi per litro di carburante.

8 Gen 2006, 16:12 | Scrivi | Commenti (1310) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Dal punto di vista Energetico solo pochi Statial mondo sono realmente
autosufficienti. Molte nazione
acquistano Energia da altri stati produttori. L'Italia di oggi è in una
situazione
di gravissima
non-autosofficienza. Consiglio a tutti di visionare una rara mappa mondiale
dell'autosufficienza energetica che trovate al link http://www.ilmioeden.it/e-se-domani-non-avessimo-piu-energia/ nella quale
si vede chiaramente la situazione di tutti i paesi del mondo. Possiamo solo migliorare..

In alto i cuori!

Roberto

Roberto Stanzani 10.11.13 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Potete spiegarmi quando funziona? ho inviato due commeti, ma non ne vedo traccia.

rodolfo d., castel san giorgio (Sa) Commentatore certificato 18.02.13 13:09| 
 |
Rispondi al commento

ti attendiamo in politica come rappresentante del popolo manchi alla gente moderata
io sono nell'UDC a ROMA minicipio XI sono il piu' votato e non sono stato eletto comunque mi sento a casa.
rispetto il tuo coraggio e molti tuoi pensieri
sicuramente il piu' importante è dare informazioni a tutti per renderli liberi di scegliere.

andrea borghesi 03.07.09 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Le proposte descritte in questa pagina le conoscevo già. Cercando di approfondire l'argomento mi sono spesso imbattuto in persone, esperti e meno, che dicono che queste soluzioni sono dei pagliativi, non sono sufficienti nè a risolvere il problema, nè ad alleviarlo. Ciò ti insinua un dubbio legittimo, a meno che tu non sia per il no o per il si aprioristico. Se invece vuoi capire sei nei pasticci. Allora mi piacerebbe conoscere studi seri che confutano questa posizione o quella opposta.
Ma ne esistono?

Marcello romagnoli 21.04.08 21:43| 
 |
Rispondi al commento


Da qualche tempo a questa parte nel mio paesino di origine (un paesino piccolissimo nelle colline del Monferrato)é nata la proposta di una Centrale a Biomasse.
Ora mi chiedo, c´é di nuovo per caso una fregatura alle porte? Non vorrei si trasformasse in un inceneritore......
È una zona davvero senza niente di industriale, solo agricoltura e vigneti....
Queste nuove energie sono realmente energie pulite?

http://www.ilmonferrato.it/articolo_comprensorio.php?ARTICLE=41c7267ae16ce5f4e3def6062999b63c

Saluti Domenico

Doemnico Scianguetta 27.03.08 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Voi se sapete se esiste qualche normativa che vieti l'utilizzo di dispositivi che generano idrogeno on demand installati su autoveicoli a combustibile fossile?

cristina a. Commentatore certificato 19.01.08 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Queste sono proposte intelligenti!questo è il futuro!!Perchè pensiamo alla robotica?

Fabien V. Commentatore certificato 07.01.08 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiamo Mimmo ho 25 anni e vivo a Palermo. sono un sognatore ad occhi aperti :-) bhe siamo pochi !!!!!!!
Amo pensare. E uso il Computer per tutto, in primo luogo per le informazioni.
Ho fatto una scoperta sensazionale che mi dato un gran senso di speranza per quanto riguarda la soluzione del problema ENERGIA a livello mondiale.
Riguarda una scoperta avvenuta in America da parte di John Kanzius, uno scienziato che lavora ad un macchinario per distruggere cellule cancerogene con l'utilizzo di onde radio, "Proprio come il nuovo macchinario a qui sta lavorando VERONESI."
Su questi studi John Kanzius ha scoperto accidentalmente, durante il tentativo di scindere il sale dall'acqua col suddetto macchinario, come generare una fiamma dalla semplice acqua salata sottoposta ad una particolare frequenza radio. QUESTO è UN QUASI-MIRACOLO no ??????????
Su you tube ci sono le prove... cercando "John Kanzius" si trova un video di 9 minuti della BBC che ne parla e spiega come ci sia riuscito.
Non ho studiato per capire queste cose, visto che non conosco molta gente con cui fare questi discorsi e vederli nella loro reale forma di importanza, le affronto completamente da solo e da da autodidatta, comprendendone l'importanza. sono una semplice unità io, illuminato nel pensiero da qualcosa che tutti dovremmo sapere.
Ho paura che la gente non arrivi a scoprire questa novita importante. E penso inoltre che se non ci sbrighiamo a rendere noto questo "MIRACOLO", qualcuno potrebbe insabbiarlo o smentirlo con qualche documento che lo penalizza....VIETANDOLO!
So di non esprimermi bene in italiano :-( ; ma penso come pochi e tengo nel cuore la speranza che tutto cambi in meglio nella società, nel mondo e nelle persone.
Ti prego chiedo solo di focalizzare la questione e di dare Amplificazione al mio pensiero e farlo arrivare fin dove non riesco con le mie sole forze.
So che lo farai. perche è importante.
La mia voce insieme alle altre.
Saluti da palermo .....

Domenico Puleo 06.12.07 02:22| 
 |
Rispondi al commento

Risparmiare energia???
io ho fatto di più. Ho costrutito un condominio di 12 appartamenti completamente autonomi dal punto di vista energetico.
Pannelli solari per acqua calda idrotermosanitaria.
Pompa di calore per caldo e freddo.
Fotovoltaico per energia elettrica sfruttando il contoenergia.
Niente metano (escluso piccola integrazione per pompa calore), niente gasolio. I fornelli sono elettrici e/o ad induzione.
Caro Beppe.... "aggiornati", costruire in questo modo... dimenticavo, l'edificio è "CLASSE A" (cosa quasi impossibile in pianura padana, per via dell'umidità)... dicevo costruire in questo modo abbatte le spese di oltre il 30 %.(tu a Mantova hai detto che si spende il 20% in più ma si può vendere aprezzo più alto)
Dati alla mano. 12 appartamenti da 60 mq + 12 garages + ascensore + 350 mq di giardino comune (irrigato con acque di recupero)(anche l'acqua dello sciaquone è quella piovana) costo di realizzazione complessivo Euro 650.000
Lo stesso edificio costruito in maniera tradizionale costa 950.000 euro.(terreno escluso)
Non ho richiesto nessun contributo (anche perchè la legge dice che ne ho diritto, poi... per qualche strano giochetto... non ci sono i fondi)
Avrei potuto fare di più, utilizzando anche il microeolico, ma non ho voluto esagerare.... 4,5 kw per appartamento mi sembrano più che sufficienti.
Per spiegarmi meglio: chi compra questi appartamenti per 20 anni non paga:
-riscaldamento
-raffrescamento
-energia elettrica
-tv satellitare
-connessione internet (10 mb bidirezionali condivisi)
-telefono (Voip)
Quanto costa? Il prezzo medio di vendita nel mio comune è compreso tra 1650 Euro/mq. e 1850 Euro/mq., con un guadagno per il costruttore compreso tra un minimo del 15% ed un massimo del 35%. Io li vendo a 1500 Euro/mq.(150 euro/mq in meno del prezzo minimo del mio paese) e ci guadagno quasi il 100%.
P.S. E' anche un bel condominio... cosa che non guasta.

antonio tosoni 05.10.07 22:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimo Beppe,
questa estate sono andati in fumo migliaia di ettari di boschi della ns splendida Calabria.
A tutt'oggi non è stato assicurato alla giustizia nessun responsabile di tale scempio.
Come è possibile tutto questo ? Quali sporche connivenze con certi poteri vi sono in questa regione ? Un paese dove chi commette reati di questa portata e resta impunito non può definirsi un paese civile. Fra pochi giorni entrerà l'autunno e tutto come al solito finirà per essere cancellato cosi come hanno cancellato in pochi giorni dei paesaggi meravigliosi.
A noi resterà cenere e tristi ricordi di questa estate maledetta.
Del resto sia il campano Pecoraro Scanio che il calabrese Loiero a tutt'oggi non hanno fatto sapere se vi sarà rimboschimento e messa in sicurezza dei territori devastanti dall'inferno di questa estate.
Beppe, Ti prego vivamente di mantenere alta l'attenzione nei prossimi mesi.
Cordialmente
Francesco

Francesco Mileti 12.09.07 12:21| 
 |
Rispondi al commento

vi raccomando di leggere questo articolo (spagnolo, mi dispiace) per capire a cosa andiamo incontro....

http://www.iade.org.ar/modules/noticias/article.php?storyid=1684

Marcelo Lippi 14.06.07 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Che ne pensate se tutti i politici in carica nella nostra Italia del prossimo futuro non possano avere piu' di 35 anni? Ma io abbasserei anche di piu' il limite di eta', per avere menti giovani e che... osino!
Basta coi vecchiaconi al potere!
Fiducia ai giovani di ogni colore! Forse faremmo anche dei figli...


Complimenti per questo blog,che sicuramente un giorno possa veramente cambiare il cervello degli Italiani,facendo sì che le cose cambino in meglio per un futuro migliore.
Un saluto dai giovani di Piscinola (Na)vieni a trovarci su www.gruppogiovani1.it
Un web per far vedere che qualcosa si può fare per cambiare le cose in meglio per i nostri giovani.
Peppe Iovine webmaster

Giuseppe Iovine 07.02.07 20:11| 
 |
Rispondi al commento

sta uscendo ora negli USA un film che in maniera drammatica ci metterà a conoscenza della gravissima situazione climatica del nostro pianeta. Conosco moltissime persone che vedendo quel film inorridiranno ma che una volta tornate a casa consumeranno l'acqua, sprecheranno energia, inquineranno come sempre, come se il problema non li toccasse. COmbatto ogni giorno la mia personale battaglia contro il dilagante egoismo umano, che poi è il principale motivo per cui le cose vanno così male su questo mondo. Ai supermercati si dovrebbero vendere coscienza e responsabilità e non montagne di inutilità legalizzate. l'unico modo per fare qualcosa è CONSUMARE DI MENO!!!!!!meno di tutto dall'energia all'acqua, alla carta, meno tecnologia, meno misurini di detersivo, meno spruzzate di spray detergente, meno, meno,meno di tutto!Riciclare non significa solo buttare nel cesto appositamente predisposto! Significa riutilizzare le cose più volte! Abbiate il coraggio di rinunciare alle vostre comodità per un fine più grande, la salvezza di tutti.
io lo sto già facendo...fatelo anche voi
grazie

Erminio Faro

erminio faro 12.12.06 22:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

salve,dopo aver letto questo blog (incantato come se vedessi un film con un lieto fine), penso che queste primarie per i cittadini siano un primo passo (fra il dire e il fare c'e' di mezzo il mare)per destabilizzare questo stile di vita ormai allo sbando, condivido pinamente queste primarie ed evidenzierei anche il monopolio sulla distribuzione della carta stampata la legalizzazione solo della canapa con la detenzione legale di 1 pianta, "vedi alcol e tabacco", riforma scolastica "vedi modello svizzero" scuola lavoro automatico "vedi art.1 della costituzione italiana", riforma della giustizia "condanne eque e certezza della pena e sopratutto tempi umani", riforma del sociale "anziani, ciechi, muti, bambini, diversi, malati ecc....", riforma carceraria "educativa ed introduttiva (ma veramente)", comunque i problemi da risolvere sono tanti e queste primarie si devono fare e bisogna tutti (italianiiiiiiiiii) impegnarci a mettere insieme questo, pubblicarlo condividelo e sostenerlo in modo determinato "vedi beppe grillo" per costruire un futuro migliore per noi e i nosti figli.

Maurizio D' Avino 25.11.06 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
Dopo aver visto Report su Rai 3 (domenica 29 ottobre) volevo conoscere la vostra opinione circa la necessità di realizzare molti rigassificatori, con tutti i rischi connessi, io penso che sarebbe più opportuno investire sulla riduzione dei consumi e sulle fonti rinnovabili, ma bisogna partire subito e con forza. L'aumento di fabbisogno di GAS prospettato dal ministro DI PIETRO mi spaventa, riprendiamoci RUBIA e facciamo seriamente il solare in Italia.

Vincenzo Colombo 31.10.06 10:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, ieri sera ho visto il dvd del tuo spettacolo a Bologna. Sono preoccupata anche se sapevo l'era distruttiva in cui mi è capitato di nascere, speravo che il danno maggiore accadesse dopo la mia morte, invece. Ho 25 anni e da 2 sono "fidanzata" con un ragazzo. Vive ancora in famiglia, in una casa ACER perchè come molti, hanno dei problemi economici. Tutti gli anni sono indebitati con finanziarie e banche per il pagamento di bollette del gas. In più quest'anno il comune, in combutta con ACER ha deciso che i loro redditi sono troppo alti e gli vorrebbero dare lo sfratto, dopo circa 23anni. Questo era molto sospetto, tuttavia divenne chiaro alla proposta di un funzionario di riscattare la casa. E' l'ultima casa ACER non venduta, è in condizione pietose anche perchè non avendo i soldi è difficile pensare di aggiustare qualcosa, in più finchè sono in affitto, è ACER che ha l'obbligo di tenere l'appartamento in maniera decente per chi ci abita.Scusa lo sfogo, arrivo subito alla domanda: ho cercato nel blog ma non trovando ti e vi chiedo aiuto. Ho bisogno di informazioni su come farmi l'energia in casa e su metodi per migliorare la casa in senso energetico. Sono una impiegata edile, queste cose non finiranno solo a casa mia. Almeno lo spero. deborah.monti@tiscali.it PS. ho bisogno di sentire che esiste un futuro. E' una richiesta di aiuto. Per tenermi buona hanno iniziato a darmi medicine che mi annullano per quanto siano deboli...credo. Datemi una speranza, per favore.

Deborah Monti 08.09.06 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo le primarie per il programma e il sindaco di Genova?

FABIO BRUSCHI 28.08.06 13:00| 
 |
Rispondi al commento

riporto testualmente.

Ambiente: biocarburanti, dal primo luglio entra in vigore la legge
29/06/2006 - ora :18:22


MILANO - Entra in vigore il primo luglio la legge che obbliga i produttori di carburanti diesel e benzina a immettere nel mercato italiano anche i biocarburanti di origine agricola: bioetanolo e biodiesel. Entro un anno, l'1% dell'intera produzione di carburanti dovra' essere costituita da questi biocarburanti ottenuti da coltivazioni come colza, girasole e da mais o sottoprodotti della lavorazione del vino e della barbabietola. Un provvedimento per cercare di ridurre lo smog che costringe alla chiusura del traffico delle citta' e di gestire il caro prezzi. Con il biodiesel si riducono dell'80% le emissioni di idrocarburi e del 50% quelle di particolato e polveri sottili mentre con il bioetanolo si riduce della meta' il benzene e di oltre il 70% l'anidride solforosa. (Agr)

SARA' vero ???????????


roberto musicco 30.06.06 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Non sappiamo se qualcuno abbia mai proposto o solo pensato ad una soluzione tanto semplice quanto efficace ad uno dei più grandi probblemi che affliggono il paese: gli incidenti stradali.
La maggior parte è causata dall'alta velocità o, meglio, da una cattiva gestione della potenza del veicolo. Visto che esistono dei limiti precisi perchè non far dotare le autovetture direttamente dalla fabbrica di limitatori simili a quelli della formula1 che limitano l'erogazione della potenza e la velocità?
Le industri non avrebbero danni in quanto dovrebbero solo aggiungere un particolare alla catena di montaggio che in nessun modo sarebbe modificata.
In questa semplice idea non vedo nessun possibile male ma solo vantaggi:
una sicura diminuzione degli incidenti (assicurazioni meno care).
un indirizzo della tecnologia verso "veri" fini(una volta adottato da un intero paese, l'uso del limitatore porterebbe alla sua stessa estinzione in quanto le case sarebbero indotte a produrre direttamente autovetture con gli standard dei limiti legali, cioè alla produzione di macchine tutte con la stessa potenza, non rimarrebbe che migliorare ll'affidabilità, l'estetica e la limitazione dei consumi sia di produzione che di carburante).
Sappiamo chi è l'unica persona che può dare forza a questa idea..
Aspettiamo un tuo commento.

Alessandro e arjuna06, S.Agata sui due golfi

francesco celentano 28.06.06 04:16| 
 |
Rispondi al commento


Una lettera minatoria anonima contenente un proiettile inesploso calibro 44 magnum, indirizzata al presidente del consiglio regionale della Campania, Sandra Lonardo, e' stata recapitata oggi negli uffici della presidenza della sede del centro direzionale. Lo rende noto un comunicato dell'ufficio stampa del presidente Lonardo. Il plico, normalmente affrancato, e' giunto per posta prioritaria all'ufficio protocollo della presidenza. Insospettiti del contenuto i funzionari hanno avvertito il personale di scorta del presidente Lonardo. La busta, di colore giallo, e' stata aperta dagli uomini della sicurezza che ne hanno accertato il contenuto prima di consegnarla agli organi di polizia. Nella lettera si intima al presidente Lonardo di dimettersi entro 15 giorni 'pena attentati con pacchi bomba alla Regione, al Comune e alle sedi di partito'.

MINACCE A LONARDO: PLICO CON CANDELOTTI TROVATO A NAPOLI
Un plico indirizzato alla presidente del consiglio regionale della Campania Sandra Lonardo e contenente tre cilindri di cartone con della polvere grigia e una lettera di minacce, è stato trovato questa mattina a Napoli nei pressi di un ufficio postale in via delle Repubbliche Marinare. Il plico - una busta gialla - era appoggiato su una cassetta postale con vicino un cartello con la scritta "non toccare". A dare l'allarme sono stati i dipendenti dell'ufficio postale che questa mattina, intorno alle 6.30 hanno allertato la polizia con una telefonata al 113. Sul posto è giunto personale della Digos, della Scientifica e gli artificieri. All'interno del plico - indirizzato al presidente del consiglio regionale della Campania, Sandra Lonardo e che recava come mittente un sedicente "Pietro Mastella, via Clemente, 8 Roma" - è stato trovato un pacchetto contenente tre cilindri di cartone con della polvere grigia che dovrà ora essere analizzata ed una lettera nella quale vi sono minacce oltre che alla Lonardo, al presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, al sindaco d

franco marbela 16.06.06 14:43| 
 |
Rispondi al commento

NAPOLI: PACCO MINATORIO AL PRESIDENTE BASSOLINO
La polizia ha intercettato un pacco postale indirizzato al presidente della Regione Campania Antonio Bassolino, contenente minacce e una polvere scura. Si tratta di una ''fotocopia'' del plico bloccato ieri all'ufficio postale in via delle Repubbliche marinare, contenente minacce e una polvere scura, indirizzato al presidente del consiglio regionale Sandra Lonardo Mastella. Il pacco indirizzato a Bassolino e' stato trovato presso il Cmp (Centro meccanografico postale) di Napoli. La Digos sta svolgendo indagini su questo nuovo inquietante episodio. Secondo quanto si e' appreso successivamente, nella busta oltre alla lettera e alla polvere nera, c'era anche un proiettile calibro 44 magnum, simile a quello ritrovato nella prima delle due buste minatorie recapitate nei giorni scorsi al presidente Lonardo Mastella.

franco marbela 16.06.06 14:38| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO DEI NS DIPENDENTI: come mai nessuno parla ancora della loro ultimissima trovata? La settimana scorsa su RADIO 3 un giornalista ha annunciato che è passata A PIENI VOTI (NESSUN CONTRARIO) una disposizione che permetterà la nomina a Direttore Generale ASL di ex parlamentari. Questa disposizione è stata inserita nella legge 43/2006 che disciplina le professioni sanitarie non mediche. Il giornalista ha anche aggiunto che la disposizione sembra fatta apposta per "sistemare" i parlamentari non eletti alle prossime elezioni, visto la riduzione del numero che andrà a Roma. COSA NE PENSATE? GRANDIOSO! Se volete maggiori informazioni: Sole 24 Ore del 2/3/2006 e Sole 24 Ore del 4/3/2006 (è l'unico giornale che leggo per motivi di lavoro). Vorrei comunque sottolineare come il giornalista intervenuto a RADIO 3 abbia sottolineato il fatto che alla votazione NESSUNO HA VOTATO CONTRO!!! Sarà meglio meditare profondamente prima di andare a mettere qualche crocetta di troppo!
Saluti a tutti.
Mariela Ciorni

Mariela Cioni 06.03.06 10:17| 
 |
Rispondi al commento

come fa il diritto ala salute, alla dignità a coesistere con l'abominevole frase di comodo(di incomodo) "interessi economici"?
La questione ENERGIA e il modo in cui verrà impostata e affrontata è ormai una decisione che riguarda addirittura il destino di un paese per non dire di una civiltà.
Tra i tanti, un fisico americano, F.Capra, nel decennio a cavallo di questo millennio ha descritto la reale situazione possibile e attuabile per la soluzione del problema ENERGIA, denunciando anche la politica delle multinazionali e organizzazioni: “Il punto di svolta” “La rete della vita”, solo due fra i parecchi interessanti titoli.
Un altro uomo che ha dimostrato di avere le p.... al posto giusto facendo nomi cognomi e società, forse stanco di vedere la sua vita dedicata alla ricerca scientifica buttata in una finta raccolta differenziata.
Inutile dire che l’argomento è trattato nei minimi particolari.
Quello che voglio dire è che di progetti pronti e funzionanti ce ne sono parecchi: BISOGNA CRIMINALIZZARE L’ATTEGGIAMENTO DEL LEGISLATORE: se un medico è responsabile della vita di un paziente per non aver provato una tecnica di sicuro successo che avrebbe salvato la pelle al suo assistito, come può tollerare un paese civile e democratico, un legislatore che gioca a “non so come fare ma un giorno forse lo farò” su una cosa così delicata come l’ENERGIA?
Gli addetti ai lavori devono lavorare di intelligenza e di forza per non scendere assolutamente a compromessi con chi sostiene la logica degli “interessi economici”: di intelligenza perché c’è di sicuro chi sostiene tali interessi a costo di una guerra totale per l’energia, di forza perché l’inerzia della politica italiana è qualcosa che veramente fa rabbrividire e gelare il sangue e sarebbe l’ora che l’uomo imponesse la propria volontà ferma sulle sorti della propria vita, del proprio vivere.
Poche chiacchere dunque, perché in Italia siamo tutti d’accordo, ma mai INSIEME.
Grazie Beppe che da decenni sopporti il fardell

Marcello Cucchiara 02.03.06 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
premetto che anche se l'ho sempre seguita non ho mai approfondito le sue questioni cosi come ora percui se alla domanda che le porro ha già dato risposta la prego di scusarmi.
Perchè su questo blog non ci spiega il motivo per cui non si è ancora candidato?
Immagino che se non l'ha fatto (e non ne sono sicuro) ci saranno validi e ottimi motivi.
La gente le crede perchè lei non ha paura di quello che dice e anche con un piccolo partito otterrebbe sicuramente piu voti di grandi schieramente.
Secondo me noi italiani siamo costretti a votare per chi ci mettono a disposizione e se mancano le vere voci come la sua noi ci dobbiamo adattare anche se a malincuore!
Se ci crede veramente nella sua opera (geniale per altro) dovrebbe fare qualcosa per far valere le sue opinioni.
E' l'unica mente propositiva e di ciò se ne deve rendere conto.
All'italia serve una mente che guidi il corpo, il popolo come diceva il buon vecchio Machiavelli!
Le persone come lei smuovono la massa e solo con gente senza interessa che sa colpire dritto al cuore si può cambiare.
Non sprechi questa possibilità se crede negli italiani.
Sono sicuro che tutto il blog e tanti milioni di italiani a partire da me le daranno appoggio concreto e non solo il voto.
Ci pensi e ci spiegi le sue ragioni.
Spero che legga il messaggio o spero che qualcuno glielo faccia arrivare.
Tanti Saluti
Nicola

Nicola Dalessandro 02.03.06 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Lo sviluppo di fonti di energia rinnovabili è senza dubbio il tema + importante che, non solo l'Italia, ma l'intero pianeta si troverà a dover affrontare in questo secolo, insieme allo sviluppo eco-sostenibile, se vogliamo continuare ad avere un mondo in cui abitare.
Purtroppo gli interessi che ruotano intorno alle attuali fonti di energia (in particolar modo il petrolio) sono troppo grandi per poter sperare di eliminarle a vantaggio di fonti alternative. Oggi c'è la tendenza a fare gli interessi dei potenti piuttosto che quelli delle persone, e queste "lobby" faranno di tutto per impedire che i loro imperi vengano distrutti, anche se questo significherebbe un concreto miglioramento delle condizioni di vita. Si è arrivati addirittura a preferire i soldi alla salute. Per fortuna ci sono persone come te Grillo che fanno qualcosa di concreto.

Davide Garavaglia 26.02.06 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Signor Grillo abbiamo bisogno di non sprecare più i nostri voti. Siamo migliaia di cittadini italiani che si appassionano alle tematiche trattate nel suo blog e che vengono puntualmente raggirate da quelli che lei chiama i nostri dipendenti. Ci serve un candidato decente;
SI CANDIDI appena possibile

francesco semeraro 26.02.06 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Signor Grillo, porti tutto nei palazzi della politica. Siamo in troppi ad esserci rotti i co......, vogliamo smetterla di sprecare i nostri voti! SI CANDIDI

francesco semeraro 26.02.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Nel mio condominio si fa un uso maleducato ed incivile del passo rapido.
Ad ore inusitate alcuni condomini tengono aperto a tutto flusso (per minuti!!!) lo sciacquone del wc, svegliando l'intera palazzina.
Mi domando se esista una normativa che mi permetta di obbligare i condomini a sostituire i passi rapidi con la cassetta.
Si risparmierebbero migliaia di metri cubi d'acqua a tutto vantaggio di consumi ed ecologia.
Qualcuno mi può aiutare in merito.
grazie

Stefano Paladini 25.02.06 09:59| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe
sono un dipendente dell'azienda ospedaliero universitaria di parma, e sono qui a dirti del malumore e dell'impotenza da parte mia e di molti operatori sanitari e non,di fronte a sprechi,mancanza di sicurezza in certi ambienti,menefreghismo,gratificazione a livello lavorativo:meno di 0.
e i sindacati........ dove sono?
ero iscritto alla uil fino alla fine del 2005 mi sono tolto,speravo che venissero a chiedermi il motivo della mia decisione,io non ho visto nessuno.ciò mi ha fatto capire che non hanno un gran interesse verso i loro iscritti.
comunque "spero" cambi qualcosa.

ciao Roberto

frignani roberto 24.02.06 11:12| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe
sono un dipendente dell'azienda ospedaliero universitaria di parma, e sono qui a dirti del malumore e dell'impotenza da parte mia e di molti operatori sanitari e non,di fronte a sprechi,mancanza di sicurezza in certi ambienti,menefreghismo,gratificazione a livello lavorativo:meno di 0.
e i sindacati........ dove sono?
ero iscritto alla uil fino alla fine del 2005 mi sono tolto,speravo che venissero a chiedermi il motivo della mia decisione,io non ho visto nessuno.ciò mi ha fatto capire che non hanno un gran interesse verso i loro iscritti.
comunque "spero" cambi qualcosa.

ciao Roberto

frignani roberto 24.02.06 11:07| 
 |
Rispondi al commento

io nn capisco come mai nelle 300e passa pagine del programma dell'unione nn venga menzionata la riforma sul sistema radiotelevisivo. quanti anni ancora dobbiamo aspettare per vedere un sistema pluralista e soprattutto da contribuente nn vorrei risarcire il sign. Di Stefano.Compriamo una npagina del giornalòe come abbiamo gia fatto e RICORDIAMOLO PER FAVORE! CIAO BEPPE CIAO A TUTTI.

Luigi colucci 24.02.06 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno degli spettatori di sabato 18 febbraio che sono venuto al palalottomatica a Roma. Mi ritrovo in pieno nelle tue idee, il mio sconforto e dovuto al fatto di capire tutte le nostre defaians, senza riuscire a dare voce ai nostri dissensi, forse avendo paura di un golpe. Ci hanno ridotti in miseria, maltrattati, offesi e ci stanno uccidendo con tutti i veleni, senza capiere fino a che punto vogliono arrivare, io penso che ciò non abbia limiti, visto che sono capici delle peggiori atrocità senza avere un minimo di morale e di rispetto altrui, non dormono di notte per studiare che cosa si devono inventare per arricchirsi alle spalle degli altri anche a costo della loro vita. Fanno le gare a chi spara la Balla più grande per potersi arricchire, al punto di inventarsi anche le malattie immagginaria "La protesi iperattiva"! Abbiamo raggiunto il fondo anzi lo stiamo rasciando.

Gaetano Giojelli 23.02.06 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ho seguito il tuo spettacolo al Palalottomatica. Sono entusiasta dell'idea di condividere in rete i programmi politici che dovrebbero essere portati avanti dal nuovo governo e affidarli ad una persona di fiducia da votare alle prossime elezioni. Ma non ho capito come ciò sia possibile se, con il sistema elettorale attuale, i candidati vengono scelti all'interno di ciascun partito. Mi puoi illuminare visto che questa volta non ho intenzione di affidare il mio voto a delle persone che non sono in grado di prendersi delle responsabilità nei confronti dei cittadini?

Luciano Carriero 22.02.06 14:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Eliminare gli sprechi è la parola d'ordine.
Sono divesi anni costruisco case alle quali non arriva l'allaccio del gas. Da poco grazie al nuovo conto energia riesco non solo a non pagare le bollette enel, ma a guadagnare de bei solidi. Ricordate che l'ecologia è un business e si possono guadagnare molti soldi. Credete a me genovese di adozione con sangue marchigiano, che a detta di mio padre sono un incrocio tra uno scozzese e un ligure. Mi manca un'auto a idrogeno e ho quasi tagliato quasi tutti i "FILI"!

Paolo Crema 22.02.06 02:40| 
 |
Rispondi al commento

Cari tutti,

butto là un’idea per questa vuota campagna elettorale che può essere animata dal basso.

Ricordate le bandiere della pace? E allora, facciamo in modo che le nostre finestre diventino la nostra voce, quella voce dal basso a cui nessuno vuole dare eco.

Io per esempio ho fatto così:

due pezzi di lenzuola ( ho solo due finestre)

1) cornice coi colori della pace e dentro scritto: A TE ( ROSSO) LE TUE ( arancio) TELEVISIONI (giallo) MA ( verde) A NOI ( azzurro) LE NOSTRE ( blu) FINESTRE.( viola).

2) BERLUSCONI( nero) ?( rosso) NO !!! GRAZIE.( ogni lettera di un colore della pace.)


Altre sono le cose che si possono scrivere, per esempio:

MEGLIO COMUNISTI CHE BERLUSCONI

UNA FINESTRA VI DEFENESTRERA’

E tutto quello che un buon gusto civile può rendere efficace. Per questo escluderei gli insulti che assomigliano troppo alla cultura leghista ma ciascuno faccia quello che gli pare.
Immaginate le finestre delle città così colorate e ricche di fantasia? Gli stupidi faraonici manifesti pubblicitari, pagati con i nostri soldi, diventerebbero davvero ridicoli e stantii.
Allora compagni, un pezzo di stoffa, un po’ di colori da tessuto( pioggia resistente) e via con la rivoluzione delle bandiere.

Può sembrare banale raccontata così ma a vederlo è proprio d’effetto e colora le strade ingrigite dallo smog e dall’inverno e se possibile può strappare un sorriso( e un ripensamento) a chi per stanchezza ( e disperazione) sta per rinunciare a lottare per un’altra Italia. ( cominciamo da qui.)
L’unione fa la forza e una risata li seppellirà. Chi avrebbe dato due lire quando partì la campagna bandiere della pace? Coraggio allora e la fantasia al potere!!!! Buon lavoro

Mariella

mariella saviotti 21.02.06 18:58| 
 |
Rispondi al commento

continuazione del mio precedente post rimasto incimpleto. ...Vorrei solo aggiungere un iformazione, che, forse a febbraio del 2005
non ricordo, a tgLeonardo su rai 3 ho ascoltato con queste orecchie che
alcuni ricercatori avevano scoperto il sistema di lavare i panni in una
lavatrice senza l'uso di alcun detersivo, solo acqua, con un
procedimento particolare e avevo visto all'inizio del 2004 su 'metro'
ed. romana in prima pagina, la foto dell'invenzione di un nuovo tipo di
pannello fotovoltaico in grado di assorbire energia solare 20 volte o
più di un normale pannello oggi esistente (non era quello concavo ma
tutt'altra cosa). Non saprei come recuperare notizie riguardo a queste
cose ma so che forse tu puoi fare qualcosa di più per sapere che fine
hanno fatto notizie che sai bene possono sconvolgere la vita di molti e
di "alcuni". Complimenti infiniti, continua a spaccare il
c....

MASSIMO PALIAGA.

Massimo Paliaga 18.02.06 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,
stasera sono al palalottomatica a Roma a vedere il tuo spettacolo e
voglio cogliere l'occasione per parlare di un argomento che sta a cuore
a me e a tutta l'umanità (o quasi). Vedendo un tuo spettacolo di alcuni
anni fa ti ho sentito parlare di una certa "fusione fredda" della quale
sentii fugacemente parlare nella fine anni ottanta quando all'epoca
avevo 18 anni. Ti sento dire che con pochissimi euro si può produrre
energia per "secoli". Ciò mi ha spinto a fare subito delle ricerche
nella rete sull'argomento ed apprendo della veracità di tutto questo.
Allora mi chiedo perchè non ne parli come meriterebbe. Perchè non lo
hai prostosto nelle "primarie dei cittadini" sull'energia come cosa per
la quale tutto il resto che hai proposto diventerebbero solo delle
sfaccettature?
Mi risponderai che sia il caso di iniziare a parlare di cose concrete,
che tutti bene o male conoscono come reali e non ipotesi da verificare,
tanto per iniziare a smuovere le acque e le coscienze. Sarei totalmente
d'accordo se così fosse, ma bisogna a mio giudizio iniziare pure a far
conoscere qualcosa che proprio perchè quasi inverosimile ha bisogno di
essere urlata e propagata con grandissima intensità. Anche perchè molte
altre fonti di energia pulite e rinnovabili restano sempre
monopolizzabili e soprattutto costosissime rispetto alla fusione
fredda. e visto che pare ormai una realà certificata ed applicabile o
ad approssimarsi tale, se fosse spinta dall' opinione pubblica
informata o dal "basso" per così dire. Hai potere immenso nel fare
tutto questo e lo sai benissimo quindi mi aspetto una tua risposta
accorata, in tutti i sensi.
Vorrei solo aggiungere un iformazione, che, forse a febbraio del 2005
non ricordo, a tgLeonardo su rai 3 ho ascoltato con queste orecchie che
alcuni ricercatori avevano scoperto il sistema di lavare i panni in una
lavatrice senza l'uso di alcun detersivo, solo acqua, con un
procedimento part

Massimo Paliaga 18.02.06 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
vorrei ribadire ancora una volta che l'installazione di pannelli solari da perte dei privati e' troppo onerosa e questo e' il motivo per cui non si vedono fiorire gli impianti. Io vorrei proporre la legge dei finanziamenti al contrario: invece di avere un impianto che riscattero' nel tempo, io cittadino do in comodato gratuito il mio tetto allo stato che puo' utilizzarlo per l'installazione di pannelli solari (fotovoltaici)da cui potra' produrre energia pulita che potra' vendere. Non chiedo sconti o incentivi mi basta sapere che l'energia che utilizzero' non verra' dal carbone o dal petrolio. Quando l'impianto dopo 10-15 anni sara' riscattato lo stato restituira' il tetto con l'impianto che da quel momento sara' di proprieta' del singolo cittadino che potra' trarne anche dei guadagni, o sconti sui consumi.
Io personalmente la vedo piu' giusta cosi'.

alessandro profeti 16.02.06 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,
ti faccio una proposta seria:fondiamo un vero e proprio partito politico (senza scopo di lucro,senza essere di destra o di centro),sei l'unico che può ridarci fiducia nelle istituzuioni.Siamo stanchi e incazzati,aiutaci e trascinaci alla vittoria!!Sono disponibilissimo a collaborare concretamente,come credo altri milioni di italiani.Continua così,sei tutti noi.
Ciao

marco foresti 15.02.06 19:51| 
 |
Rispondi al commento

quando leggo i commenti degli esponenti dell'Unione riguardo al Tav e chi sono i nuovi candidati della CDL (Mussolini...), mi domando che c......
di paese siamo e mi viene voglia di non andare a votare ma di vomitare sui loro cartelli elettorali.
vai Beppe, continua a tenerli sott'occhio, non gli dobbiamo far passare niente.
non cacciamo una lira per il TAV!!!
ps: ma se il treno Trento Venezia ci mette quasi 3 ore!!!!!!!!

Paolo Loviselli 15.02.06 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Marco,
ti ho sempre stimato ma stavolta a mio parere hai proposto una chiave di lettura sbagliata. Ho letto un bel po' di post e nessuno ha sottolineato quello che a mio parere è il problema maggiore, ossia la cattiva e squilibrata distribuzione delle risorse, che sono disponibili in modo che l'occidente sia smodatamente ricco e consumi sino allo spreco e l'oriente e il sud del mondo non abbia di che sfamarsi.
Se mangiassimo meno proteine animali, se consumassimo meno energia, se in una famiglia di tre persone non ci fossero tre automobili e tutte utilizzate ogni giorno, forse petrolio, acqua e risorse energetiche basterebbero. Non ricordo esattamente le proporzioni ma diciamo che l'equivalente per sfamare una mucca che darà carne a 50 persone se fosse utilizzato per coltivare riso sfamerebbe 500 persone. Consumiamo troppo e male, siamo viziati e l'attuale governo non da il buon esempio. Stendo un velo pietoso sul capitalismo di Bush, sull'inutile guerra che serve solo a tutelare i suoi interessi (vi ricorda qualocosa???), la realtà è che vogliamo mantenere lo status quo. Mi spiace Marco, il problema non è far nascere meno bambini, ma far ragionare quelli che bambini non sono più ma che si comportano come tali.
Riferisco un piccolo particolare letto su un giornale del Terzo Mondo, in alcuni paesi africani sono costretti a coltivare generi alimentari destinati al mondo occidentale perchè costano meno, allo stesso tempo i cibi che servono all'Africa, per un assurdo paradosso, gli africani sono costretti ad acquistarli dall'occidente e a caro prezzo. Io non lo so se vi sembra normale.
E, a proposito di industria alimentare e i suoi assurdi meccanismi (che spesso si basano sullo sfruttamento dell mano d'opera povera) vi consiglio di leggere il libro di Felicity Laurence, Non c'è sull'etichetta, Einaudi....
E poi, Marco, a me il profumo dello sterco di cavallo è sempre piaciuto, un po' meno quello di mucca, ma anche la cacca è utile,concima, no?

Johanna Rossi Mason 15.02.06 08:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

Sono un ingegnere navale, mi sono laureato con una tesi sulle vie fluviali in italia.
Negli anni '60 la comunità europea aveva stanziato fondi per la navigazione interna italiana. L'italia NON HA PRESENTATO ALCUN PROGETTO AL RIGUARDO! I fondi sono finiti in Francia. All'inizio degli anni '70 l'allora Presidente del Consiglio Giulio Andreotti ha inaugurato il cantiere per costriure l'drovia che doveva collegare Monfalcone con il Danubio... non se ne e' fatto nulla. L'intera EUROPA e' collegata con idrovie e vie fluviali: FRANCIA OLANDA SVIZZERA GERMANIA AUSTRIA SLOVENIA CROAZIA ETC... manca solo l'Italia. Non serve immagino darti i soliti dati per cui una chiatta con 2 motori (gli stessi) dei TIR dell'Autostrada puo' portare il contenuto di 100 CAMION! Non sto qua a ricordarti che l'Italia ERA UN PAESE DI NAVIGANTI, che ha migliaia di
Kilometri di coste, che mancano 100 km per collegare Milano al Po', che LEONARDO AVEVA PROGETTATO I NAVIGLI per collegare Milano alla Svizzera, CHE A MILANO C'E' UN IDROSCALO - a cosa serve?- che gli Svizzeri ci pagherebbero l'idrovia fino Milano se noi lo collegassimo al Po'. STO QUA A DIRTI CHE SONO STUFO DI SENTIR PARLARE DI PROVVEDIOMENTI NO-KAT A MESTRTE - VE -QUANDO A MARGHERA USANO IL FOXGENE, E C'E' UNA CENTRALE A CARBONE!!!!!!!!!!!!!!
QUANDO L'A4 E' UNA FILA CONTINUA DI CAMION DA MINIMO 600 Cv DA TRIESTE A MILANO!!!!
QUANDO TUTTI SANNO CHE I MOTORI DIESEL POTREBBERO ANDARE DA DOMANI A GAS PER IL 90 % E A GASOLIO SOLO PER IL RESTANTE 10%, DA DOMANI MATTINA!!!!!
SONO STUFO DI SENTIR PARLARE POLITICI DI INQUINAMENTO SOLO PERCHE' PORTA VOTI!
IN GIRO PER L'EUROPA- AUSTRIA GERMANIA OLANDA - CI SONO MIGLIAIA DI MOLINI A VENTO E QUI TI DICONO CHE INQUINA IL PAESAGGIO!!!!! MA PERCHE' NON LI METTIAMO IN MARE!!!!
IN OLANDA CI SONO CENTRALI CHE VANNO CON L'ANDAMENTO DELLE MAREE!!!!- LE ONDE DEL MARE PRODUCONO ENERGIA!!!! E NOI ABBIAMO MIGLIAIA DI KILOMETRI DI COSTE!!!
SIAMO IL PAESE DEL SOLE E NON L'ENERGIA SOLARE!

Andrea Bortolato 14.02.06 12:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe, inizativa lodevole e di grande utilità...del resto sono anni che stai cercando di far aprire gli occhi a certa gentaglia sul problema dell'energia.
adesso ho letto alcuni interventi di politici che vengono , sotto elezioni ovviamente, a schierarsi con te e con le tue idee...occhio gente! questi ci prendono per il culo!
Per quanto mi riguarda non sono loro l'alternativa che cerchiamo e di cui abbiamo necessità! a questo punto Berlusconi è il male minore...non cambierà niente con la "banda delle cooperative" , questa è la vera tristezza.
tra poco scarseggerà anche il gas russo e allora? perchè non chiediamo ai signori della sinistra chic perchè cavolo non abbiamo centrali nucleari? o impianti ad energia alternativa su vasta scala? cosa ci salverà dalla crisi energetica?...la barca di D'Alema, l'Unipol o la Palombelli???

marco marco 10.02.06 22:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Reggio Emilia ogni tanto, quando le polveri sottili sforano di 7,8 volte la soglia di massima, si fa il blocco del traffico per le auto dei pensionati sfigati, che con al loro misera pensioncina non possono comprare un'auto nuova e girano ancora con la duna. In compenso gli euro 4 di ciindrata 4000 e 5000 possono andare a prendere i loro figli nelle vie del centro perchè provvisti di filtro antiqui e antila. Meditiamo gente, meditiamo.

Lorenzo Ponti 09.02.06 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo l’intervento a proposito degli sprechi energetici, mi sono ricordato di una idea che mi venne in passato. Immaginatevi la rete italiana di trasporto gas esercita ed istallata da Snam Rete Gas. Questa rete consta di più di 50 centrali sparse in tutta italia che gestiscono circa 4 o 6 turbine a gas da circa 25 MW di potenza ciascuna. Giornalmente sono in marcia 24 ore su 24 due turbina a gas per centrale producendo al giorno circa 1200 Mw che moltiplicato il numero di centrali farebbe circa 60000 MW al giorno. Ora immaginatevi di recuperare tutti i gas di scarico caldissimi ad oltre 800° di queste turbine che ora sono espulsi direttamente nell'atmosfera e con questi creare dei cicli combinati per far funzionare caldaie ad acqua e per generare vapore. Con questo vapore, prodotto a costo zero, far funzionare turbine per la produzione di energia elettrica e teleriscaldamento per le abitazioni. In fondo che male ci sarebbe a voler riutilizzare un qualcosa che alla Snam buttano via in quantità enorme al giorno? Sarebbe comunque un granello di sabbia nel deserto, sono daccordo, ma sarebbe comunque un punto di partenza! In Italia, però, questo non si può fare! Perchè i nostri "dipendenti" invece che pensare alle loro litigate serali senza senso a "Porta a Porta" oppure a proporci sempre e comunque PRIMA DELLE ELEZIONI le più svariate ed innovative idee (che poi alla fine non troveranno nessuna applicazione pratica) per uno sviluppo energetico nuovo e basato su fonti rinnovabili, non iniziano ad adeguare quello che fino ad ora abbiamo in Italia cercando di convogliare i fondi residui della nostra disastrata economia verso un riammodernamento delle reti fin'ora istallate? Grazie On. Prodi, grazie On. Berlusconi, grazie On. Fini e grazie On. Bertinotti per pensare sempre e comunque alle vostre bellissime POLTRONE senza riusciere a fare nulla di tangibile per salvare il nostro BELLISSIMO Paese!

Pierpaolo De Pace 09.02.06 10:17| 
 |
Rispondi al commento

E' un tema amplissimo, che riguarda non solo l'economia, ma anche l'ecologia.. ma come si fa se si vive in condominio ad impedire lo scempio di ettolitri di gasolio solo perchè "l'assemblea dei condomini" (ovvero la maggioranza) è composta da anziani che non hanno nulla da fare? Ti dicono: il regolamento di condominio (risale al 1960!!) non consente che ci si distacchi dall'impianto; io però ho messo il parquet, cambiato gli infissi mettendoli modernissimi, prevista una caldaia a gas e rinnovati i caloriferi. Allora chiedo l'installazione di contabilizzatori di calore, macchè.. prefericono spendere 250 € al mese di riscaldamento (tanto sono ricchi pensionati); come posso fare per risparmiare un po' ed inquinare meno?
Marco

Marco Marcone 06.02.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' un tema amplissimo, che riguarda non solo l'economia, ma anche l'ecologia.. ma come si fa se si vive in condominio ad impedire lo scempio di ettolitri di gasolio solo perchè "l'assemblea dei condomini" (ovvero la maggioranza) è composta da anziani che non hanno nulla da fare? Ti dicono: il regolamento di condominio (risale al 1960!!) non consente che ci si distacchi dall'impianto; io però ho messo il parquet, cambiato gli infissi mettendoli modernissimi, prevista una caldaia a gas e rinnovati i caloriferi. Allora chiedo l'installazione di contabilizzatori di calore, macchè.. prefericono spendere 250 € al mese di riscaldamento (tanto sono ricchi pensionati); come posso fare per risparmiare un po' ed inquinare meno?
Marco

Marco Marcone 06.02.06 15:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
sono assolutamente convinto della utilità della tua iniziativa, ma, se credo che essere opposti a Berlusconi sia giusto, crdeo anche che dare spago a gente del calibro di Pecoraro e di Pietro sarebbe sbagliato. giusto che possano commentare (per carità, se lo posso fare io che non sono nessuno), ma per il resto.....
Il fatto è che non solo in materia di energia, ma in ogni cosa di questo Paese non c'è democrazia, a cominciare dalle elezioni. Decidono sempre tutto a Roma e lo decidono in quattro gatti. Dobbiamo pretendere che i partiti e i sindacati acquistino personalità giuridica (con tutti gli obblighi che ne conseguono) e che i candidati a qualunque cosa vengano scelti dalla gente. I sistemi ci sono e non sono affatto incostituzionali.

nino scarfì 04.02.06 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Cagliari 4/02/06.
Spèiacente, non sono d'accordo, perchè non abbiamo alcuna possibilità di controllo sulla magistratura, che nasconde le carte (dei processi (chi può vederle?) e fa pena quando parla di leggi studiate per far prescrivere pochi processi a carico di poche persone. Ci dica la magistratura, e chiedo a Beppe Grillo d'esprimersi, quali sono i criteri che ogni procura adotta e pratica quando decide, in igliaia di casi ogni anno, quale proceso si fa e quale si prescrive. Recentemente è andato in prescrizione, senza bisognio di leggi speciali, proprio un processo a carico dell'on. Previti per fatti teoricamewnte gravissimi, come mai? Come mai quel processo Previti è rimasto nel cassetto fino aprescrizione, ed intanto i ladri di polli sono stati processati ed inrcarcerati dalla stessa magistratura che vuol darci ad intendere di tracciarsi le vesti ogni giorno perchè "la legge sia uguale per tutti". Gian Paolo Porcu, Cagliari.

Gian Paolo Porcu 04.02.06 11:30| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe e ciao a tutti, io sono un agricoltore biologico convinto della necessità di non rovinare troppo il mondo, son sposato da poco, non ho figli ma già penso se ne avrò, a cosa dovrò lasciargli e non parlo dei capitali economici, vorrei lasciargli un mondo vivibile, NON voglio continuare sulla strada dei nostri padri. Per questo ho deciso di fare nel mio piccolo tutto quanto si può per ridurre i danni all'ambiente. A parte l'agricoltura biologica che già da sè è sicuramente buona cosa, mi rimane il grande problema dell'inquinamento ambientale prodotto dai trattori, io consumo non meno di 10.000 (diecimila) litri di gasolio all'anno solo per le coltivazioni (arature, pompaggio acqua, trasporti ecc). ho pensato di piantare un piccolo bosco per incrementare l'assorbimento dell'anidride carbonica (Co2) e magari compensare almeno quella, ma non so quanti e quali alberi dovrò piantare, per l'automobile da lavoro ho installato in impianto a metano ma... faccio comunque oltre 20.000 km l'anno...
la zona dove ho i terreni è ventilata e non sfigurerebbe un generatore eolico ma quanto costa? ci sono finanziamenti? a chi sono rivolti? può accedervi un agricoltore con ormai modeste (vedi situazione economica generale del settore) possibilità economiche? quante e quali altre alternative potrei valutare? io qualcosa di buono la voglio fare concretamente, volgio fare la mia parte.
vorrei anche guadagnarci qualcosa, non (solo) per lucro ma soprattutto perchè sono convinto che le buone idee, i buoni principi, se spinti anche dal denaro, finiscono per solleticare chi ha più possibilità di noi e... magari qualcosa si muoverà anche nelle stanze dei bottoni.
è brutto a dirsi ma purtroppo è così.
chi può darmi delle dritte, anche delle idee diverse ma valide per una azienda agricola ecologica, non esiti a contattarmi, sarò pronto ad ascoltare.
Ps. mi emoziono sempre quando si parla di ciò che si lascia ai figli (che ancora non ho)
Lembo Giuseppe (FG) agrilembo@virgilio.it

Giuseppe Lembo 02.02.06 22:17| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,ti scrivo per sfogarmi. il piu grosso broblema in italia e' la sanita'.fino a che non ti tocca non o non vuoi saperne niente.ha l'alzaimer (brutto rospo).essendo tutti degli operai abbiamo fatto domande su domande per farci aiutare con le spese di medicine pannoloni ecc............,ci hanno detto di averci accettato la domanda di invalidita', che noi abbiamo presentoto ad agosto del 2004.oggi 31-01-2006 mio babbo e' in un letto di ospedale ridotto come uno straccio da circa 20 giorni.ma l'aiuto quando me l'ho danno quando e' morto .e' una vergogna vera e propria. ti ho scritto non perche' tu mi risolva il problema ma per farlo presente a questi cervelloni ,come loro si fanno chiamare,che non si gioca con i sentimenti e gli affetti delle persone-ma cose' questa cazzo di burocrazia,i tempi ,attenda ecc.....che tutte le volte che chiami per chiedere come e' la situazione non sanno dire altro.comunque grazie di esistere,perche almeno sei l'unica persona la cui intenzione e' di illuminare noi poveri(imbecilli)della grave situazione che si e' formata in questi anni in italia.non sempre ma a volte mi vergogno di essere italiano.grazie per avermi ascoltato.ciao fabio

fabiano ferrari 31.01.06 22:33| 
 |
Rispondi al commento

A Roma forse no ma in molte parti d'Italia senz'altro si, basta volerlo.

giovanni barin 31.01.06 21:18| 
 |
Rispondi al commento

I maggiori comuni italiani dovrebbero INCENTIVARE L'INSTALLAZIONE DI NUOVI DISTRIBUTORI A METANO O GPL.
Finora la politica più usata è quella di COSTRINGERE i cittadini a buttare la vecchia auto e comprarne una nuova meno inquinante a beneficio delle case costruttrici.
Per mia diretta esperienza in passato ho convertito la mia auto a GPL solo quando ho avuto il distributore nelle vicinanze della mia abitazione e/o del lavoro.
aD ESEMPIO: se un comune come ROMA finanziasse un piano di realizzazione di 40 nuovi distributori di METANO in 3 anni pagando il 30% del costo dell'impianto a fondo perduto e finanziando il 50% del mutuo residuo ad un intersse agevolato del 3%. Sicuramente in 3 anni avremmo 40 nuove stazioni di rifornimento di METANO. Le norme per l'installazione di una stazione a METANO non penso siano tanto diverse di quelle a GPL. La cosa più importante è che tale finanziamento darebbe degli EFFETTI A LUNGA DURATA perchè le stazioni funzionerebbero sicuramente per i prossimi 20 anni. Una di queste sicuramente sarebbe per me comoda da raggiungere ed io convertirei sicuramente a mie spese la mia autoveturra. Ricordo che attualmente nella provincia di roma sono funzionanti circa 8 distributori di metano. E che il metano è la fonte più economica e meno inquinante che abbiamo finora.

claudio desimone 31.01.06 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Tutte belle idee in discussione da decenni. Purtroppo dobbiamo constatare che in Italia i mulini eolici non li vuole nessuno perchè deturpano il paesaggio. Il fotovoltaico non va bene perchè è caro e gli incentivi sono insufficienti. Nell'area del mediterraneo la maggioranza dei paesi, che noi riteniamo sottosviluppati, incentivano l'installazione di contenitori per produrre acqua calda sui tetti
delle abitazioni. Da noi deturpano.... Il nucleare è stato cassato perchè troppo pericoloso,
però non lo è più se una centrale francese dista solamente 200 km da Torino. Il carbone inquina. In compenso pretendiamo l'aria pulita ed abbiamo quindi costretto l'Enel ad alimentare le centrali con il gas metano. Però nessuno vuole i degassificatori.
Da noi si parla sempre tanto e forse anche troppo, però al momento dei fatti tutti dicono "non nel mio cortile".... Dobbiamo darci una regolata, o forse dobbiamo sperare che il petrolio vada a 200 $ il barile. Solo allora, forse, faremo qualcosa. Nella speranza che non sia troppo tardi.


gabro solari 30.01.06 10:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutte belle idee in discussione da decenni. Purtroppo dobbiamo constatare che in Italia i mulini eolici non li vuole nessuno perchè deturpano il paesaggio. Il fotovoltaico non va bene perchè è caro e gli incentivi sono insufficienti. Nell'area del mediterraneo la maggioranza dei paesi, che noi riteniamo sottosviluppati, incentivano l'installazione di contenitori per produrre acqua calda sui tetti
delle abitazioni. Da noi deturpano.... Il nucleare è stato cassato perchè troppo pericoloso,
però non lo è più se una centrale francese dista solamente 200 km da Torino. Il carbone inquina. In compenso pretendiamo l'aria pulita ed abbiamo quindi costretto l'Enel ad alimentare le centrali con il gas metano. Però nessuno vuole i degassificatori.
Da noi si parla sempre tanto e forse anche troppo, però al momento dei fatti tutti dicono "non nel mio cortile".... Dobbiamo darci una regolata, o forse dobbiamo sperare che il petrolio vada a 200 $ il barile. Solo allora, forse, faremo qualcosa. Nella speranza che non sia troppo tardi.

gabro solari
30.01.2006

gabro solari 30.01.06 10:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'energia è un tema che mi interessa molto.
Vorei riuscire a convincere il condominio dove vivo a convertire i riscaldamenti e ad installare pannelli solari sul terrazzo condominiale, non riesco a trovare informazioni rispetto a vincoli ambientali (x le modifiche strutturali al palazzo)o meglio, non so dove cercarle, qualcuno può aiutarmi??

Lucilla Lucciarini 29.01.06 10:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono in primims interessato all'energia solare e suggerisco un'azienda con brevetto in materia

http://www.fotoelettronica.it/

P.S.: VENDETE VOI L'ENERGIA ALL'ENEL, un consiglio pronetele anche diverse tariffe..usando la testa!

Nicola Murano 28.01.06 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, lei è un uomo pratico ed essenziale!!
Per l'energia è da tempo che sento parlare di pannelli fotovoltaici che permettono di produrre energia (pare che 9 metri quadrati diano 1KW di potenza). E' un investimento costoso, ma dare incentivi alle famiglie per applicare questi pannelli sulle loro case invece di costruire altre centrali non potrebbe essere una soluzione? Per chi produce più di quanto utilizza, si potrebbe pensare di vendere l'esubero di energia all'Enel e immetterla nella rete!!! Il futuro è nel risparmio energetico.
Grazie
Claudio Monticelli

Claudio Monticelli 27.01.06 17:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe tu che sei un grande...... ti sei mai informato sull'energia " GEO-TERMICA "? Ho letto su una rivista che con il calore stesso della terra avremmo case calde l'inverno e fresche l'estate, in quanto nel sottosuolo la temperatura non cambia. Certo non credo che sia alla portata di tutti d'altronde anche i pannelli solari mica ce li regalano, l'energia alternativa costa cara, chissà perchè? Non capisco come mai sia la SINISTRA che la DESTRA sia d'accordo all'acquisto di energia dalla FRANCIA (NUCLEARE) e non si impegnino su fonti alternative.

paolo CIPOLLETTI 27.01.06 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Beppe tu che sei un grande...... ti sei mai informato sull'energia " GEO-TERMICA " ho letto su una rivista che con il calore stesso della terra avremmo case calde l'inverno e fresche l'estate, in quanto nel sottosuolo la temperatura non cambia. Certo non credo che sia alla portata di tutti d'altronde anche i pannelli solari mica ce li regalano, l'energia alternativa costa cara, chissà perchè?

paolo CIPOLLETTI 27.01.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe, è la prima volta che scrivo in rete, ti ringrazio per la spinta a smuovere che mi dai e ci dai.
venendo al discorso sull'energia, senza perdere d'occhio la questione energia alternativa/sviluppo, e alla sua applicazione in grande, perchè non ci impegnamo in piccole prove? PERCHè PRIMA DI ARRIVARE A UNA DECISIONE CHE I NOSTRI "DIPENDENTI" PORTERANNO AVANTI IN MANIERA MANICHEA(NUCLEARE O NIENTE), UN ALTRA SCUSA PER FINGER DI SCANNARSI E CONTINUARE COME PRIMA, NO ADOTTIAMO UNA CAMPAGNA DI PROVVEDIMENTI RELATIVAMENTE SEMPLICI? AD ESEMPIO UN OBBLIGO DI DOTARE TUTTI(TUTTI!!!, AUTOBUS, TAXI, ) I MEZZI PUBBLICI, ENTRO UNA DATA NON LONTANA,DI MOTORI AD IDROGENO, O AL MASSIMO A METANO? PERCHè NON AVVANTAGGIARE FISCALMENTE CHI INSTALLA SISTEMI FOTOVOLTAICI, E COLPIRE PROGRESSIVAMENTE SEMPRE DI PIù CHI UTILIZA I VECCHI METODI? PERCHè INSOMMA, NON PARTIAMO DA QUESTE PICCOLE COSE, CHE OLTRE A FARCI VIVERE MEGLIO SAREBBERO POI SICURAMENTE UN AFFARE(E ALLORA VIA LA SCELTA AMBIENTE O SVILUPPO?).
RICORDO CHE "LORO" SONO RIUSCITI A FARCI CAMBIARE UN INTERO PARCO MACCHINE, SOLO PER FARCI PASSARE DALLA BENZINA ALLA BENZINA VERDE: QUALCUNO HA VISTO GRANDI CAMBIAMENTI IN POSITIVO, O SOLAMENTE UN BEL Pò DI SOLDI IN MENO NEL PORTAFOGLIO?
A CHI DICE CHE QUESTE TECNOLOGIE COSTANO TROPPO VORREI FARE NOTARE CHE I COSTI DIPENDONO ANCHE DAL FATTO CHE NESSUNO LE STUDIA E REALIZZA: A FRONTE DELL'ENORME NUMERO DI SCIENZIATI E TECNICI CHE LAVORANO PER PRODURRE GLI ATTUALI MOTORI E IMPIANTI DI ENERGIA, QUANTI SI DEDICANO ALLE TEC. ALTERNATIVE?DI QUANTI SOLDI DISPONGONO? PIù CHE FUORI MERCATO PER I COSTI E I PREZZI, SI TRATTA DI UN MERCATO NON LIBERO, PERCHè A MOLTI Fà COMODO RIMANGA COSì. FATE VEDERE UN RITORNO ECONOMICO ALLE IMPRESE, INIZIALMENTE GARANTITO DALL'USO PUBBLICO, E QUESTI COSTI SI ABBASSERANNO VERTIGINOSAMENTE. UNA FERRARI FATTA A MANO COSTA UN MILIARDO,LA MIGLIOR MERCEDES INDUSTRIALE, NON COSì LONTANA COME PRESTAZIONI, UN DUECENTO MILIONI AL MASSIMO...CAPITO?

giovanni pietrone 27.01.06 12:41| 
 |
Rispondi al commento

sono daccordo ma non vedo come si possa realizzare a roma

silvia mariani 27.01.06 02:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il cliente perfetto del nostro sistema economico, della nostra società "democratica e progredita" tutta protesa verso uno SVILUPPO senza limti, la CRESCITA infinita, è il cittadino, nel senso di abitante della città. Si lavora, anche da parte dei politici, per rendere costui un povero coglione che per ogni cosa ha bisogno di essere servito, rifornito. Il cittadino perfetto è completamente non-autosufficiente, non-autonomo: dipende da tutti quelli che rendono possibile la sua vita, si affida,e non può fare altro, a chi gli organizza tutto. Per il cibo c'è il supermercato, per l'acqua c'è l'azienda, naturalmente privata, per il fuoco ce n'è un'altra, per la luce un'altra ancora. Per conoscere si deve affidare a chi è preposto all'informazione, che vigila sull'imparzialità e giudica la convenienza, come fa un buon padre di famiglia, decidendo se e cosa e quando dire, e chi lo deve dire. Perché il cittadino, in fondo, è un bambino un pò ingenuo, che va tutelato. Perfino per sapere di cosa ho bisogno, che cosa desidero, cosa mi piace, mi devo rivolgere a chi ne sa più di me, all'esperto che mi informa, alla pubblicità che mi consiglia. Infine, per tutto questo e per altro ancora, devo compiere il sacro rito in onore alla democrazia che tanto mi ama, esercitare il supremo diritto di voto per il quale liberamente posso sciegliere non chi voglio ma l'uno o l'altro che qualcun'altro ha deciso di presentare. SONO VERAMENTE LIBERO DI SCEGLIERE IN QUANTO E' VERAMENTE INUTILE LA MIA SCELTA: in ogni caso il sistema non cambia. La politica è falsa come sarebbe falso un ristorante che in fondo al menù dove posso scegliere liberamente fra pietanze che comunque non ho deciso io scrivesse: a seconda di che piatto ordinate potete rivoluzionare la cucina. Eppure ci affidiamo ai politici, loro sanno cosa è bene e va fatto: una TAV lì, un porto turistico là, via la terra mia per farci una strada di pubblica utilità, la discarica laggiù, la centrale nucleare qui e così via. CONTINUA

andrea casalini 27.01.06 01:43| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda le primarie dei cittadini, in questo momento a porta a porta si discute con Di Pietro e La Russa ed altri dipendenti sull'influenza delle televisioni sulla campagnia elettorale e sulle decisioni politiche dei cittadini. L'unico e dico L'unico che in lasso di tempo di dieci secondi ha avuto il coraggio (o forse la conoscenza) di dire che per informare i cittadini c'è anche la RETE e ha citato il nostro Blog. E' stato un grande e ha detto una cosa talmente importante, ma talmente importante che non ha commentato nessuno e non si è aperto nessun dibattito.

Come mi aspettavo.

marco moricci 27.01.06 00:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti, sono Valerio
Volevo dire la mia sull'argomento del riscaldamento di tipo geotermico,sono un giovane installatore di impianti termici,e trovo molto interessante tutto ciò che riguarda l'utilizzo di fonti rinnovabili.Sto infatti cercando di raccogliere come voi più informazioni possibili sull'argomento ma purtroppo sembra che sotto questo punto di vista credo che in europa, almeno dal punto di vista di impianti civili, siamo il fanalino di coda.Viste le recenti e credo sempre più imminenti crisi energetiche, il nostro governo,qualunque esso sia dovrebbe darsi una svegliata, mettendo in programma leggi e decreti ben precisi.
Sarebbe ora di farla finita di emanare decreti,vedi il n°192 del 19/08/05, dove parliamo di risparmio energetico,classi energetiche degli edifici e tante altre"belle cose" per le quali poi regna l'ignoranza più profonda iniziando da chi teoricamente ha stilato tali decreti.
Come operatore del settore vi dico che nella nostra categoria c'è molta ignoranza, e spesso dipende proprio dalla rete di informazione.
Tornando all'argomento per il quale ho iniziato il discorso,credo,nonostante l'inesperienza, nella validità del sistema.Il nostro paese ha il pregio di avere una considerevole esposizione solare,perchè non sfruttarla!L'impiego di un sistema geotermico che consenta un rapporto di resa energetica di 4 Kwh per ogni Kwh di elettricità già è ottimo, e se poi compensassimo tale consumo energetico con impianti fotovoltaici?
Capisco che i costi d'istallazione salirebbero, e se invece di inutili decreti il nostro governo stanziasse fondi per tali investimenti?Per il fotovoltaico già esistono alcuni tipi di incentivi, ma come al solito chi ne è a conoscienza si guarda bene dall'informarci.
Credo che davanti a tutto questo,ci sia ben poco da dire.Oppure cerchiamo di fare qualcosa noi, per quanto possibile.

Valerio Di Camillo 26.01.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao sono antonella una cittadina molto arrabbiata.
Ti ringrazio per il tuo impegno su tutti i fronti.
Spero che la maggior parte dei cittadini capiscano l'importanza dlle nuove fonti di energia di cui il ns. paese e tutto il mondo ha bisogno.
Spero che grazie a noi il prossimo governo sia capace e interessato veramente a voler cambiare radicalmente il modo di pensare e soprattutto lavorare per raggiungere obiettivi seri sulle nuove fonti di energia.
Basta con i guadagni facili del petrolio e del nucleare.
Vogliamo respirare, vivere in mondo pulito in tutti i sensi. In un mondo in cui vorrei fidarmi in pieno di chi ho votato, e se scopro leggendo il giornale( che finalmente potranno scrivere in libertaà) che mi ha truffato, devo avere la possibilità di poterlo cacciare a calci nel sedere.
Prendiamoci tutti le nostre responsabilità in prima persona. Vorrei da oggi in poi non essre considerata più una sognatrice, una idealista, spero che non sia più un utopia.
Lo spero per i nostri figli soprattutto, per il loro futuro, facciamo in modo di avere qualcosa e qualcuno in cui credere.
Ciao a tutti antonella.

antonella di donato 26.01.06 10:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DOVE SONO FINITI I VARI BREVETTI CHE CI POTEVANO
TIRAR FUORI DALLA SITUAZIONE DI DIPENDENTA ENERGETICA IN CUI CI TROVIAMO?
AL TEMPO DELLA BENZINA VERDE SI POSE IL DILEMMA
DELL'USO DEL BENZENE ALTAMENTE INQUINANTE,
E SI PROPOSE UN ALTERNATIVA EGUALMENTE VALIDA E MENO COSTOSA IL METANOLO PERCHE FU ACCANTONATO?
I MOTORI AD ALCOL IN ITALIA POTREBBERO RILANCIARE
L'OCCUPAZIONE,FARE UN BALZO IN AVANTI NEL RISPETTO DELL'AMBIENTE, LE COMUNI CINESI CON I GAS SVILUPPATI DAL LETAME ANIMALE E QUANT'ALTRO,TIRAVANO FUORI IL GAS PER CUCINARE E PER RISCALDARSI, PERCHE NOI NON POSSIAMO DIVENTARE UN COMUNE GLOBALE, FERSE PERCHE SI MANGIA POCO IL MONDO AGRICOLO NON NE POTEVA TRARRE UN VANTAGGIO SE NON GREVATO DI ACCISE?

BONI MASSIMO 25.01.06 23:40| 
 |
Rispondi al commento

DOVE SONO FINITI I VARI BREVETTI CHE CI POTEVANO
TIRAR FUORI DALLA SITUAZIONE DI DIPENDENTA ENERGETICA IN CUI CI TROVIAMO?
AL TEMPO DELLA BENZINA VERDE SI POSE IL DILEMMA
DELL'USO DEL BENZENE ALTAMENTE INQUINANTE,
E SI PROPOSE UN ALTERNATIVA EGUALMENTE VALIDA E MENO COSTOSA IL METANOLO PERCHE FU ACCANTONATO?
I MOTORI AD ALCOL IN ITALIA POTREBBERO RILANCIARE
L'OCCUPAZIONE,FARE UN BALZO IN AVANTI NEL RISPETTO DELL'AMBIENTE, LE COMUNI CINESI CON I GAS SVILUPPATI DAL LETAME ANIMALE E QUANT'ALTRO,TIRAVANO FUORI IL GAS PER CUCINARE E PER RISCALDARSI, PERCHE NOI NON POSSIAMO DIVENTARE UN COMUNE GLOBALE, FERSE PERCHE SI MANGIA POCO IL MONDO AGRICOLO NON NE POTEVA TRARRE UN VANTAGGIO SE NON GREVATO DI ACCISE?

BONI MASSIMO 25.01.06 23:39| 
 |
Rispondi al commento

ya basta
http://www.fratellidiunaltrotempo.com/source/breakfast.html


Da una parte si dice giustamente che è necessario promuovere una produzione diffusa di energia: invece che grandi centrali che vogliono dire grandi capitali, grandi interessi, grandi poteri concentrati nelle mani di pochi, la soluzione consiste in piccoli sistemi di produzione di energia in modo che ognuno, il più possibile, possa essere autosufficiente.
Da un'altra parte si dice giustamente di sviluppare i mezzi di trasporto pubblici, quindi gestiti da grandi aziende, e di limitare i mezzi privati, cioè quelli che ci renderebbero più autosufficienti. Dunque in un caso ci si deve muovere verso una maggiore autosufficienza e la demolizione del centro di servizi (la centrale di produzione di energia, l'azienda di distribuzione, ecc.) che è anche centro di potere; nell'altro ci si deve muovere in senso opposto, verso un centro di servizi (l'azienda di trasporti) e una minore autosufficienza. Non c'è contraddizione in questo, ci sono dei motivi ben precisi, detti e ridetti. A me interessa fare notare che queste due posizioni apparentemente in contrasto hanno una cosa fondamentale in comune. L'industria automobilistica è stata per decenni il vero motore dell'economia, la struttura portante del potere economico-finanziario. Prima che un mezzo per soddisfare i miei bisogni, l'auto è uno strumento per perpetuare e accrescere il potere economico di grandi gruppi che si sbranano per un pezzo di mercato. Non importa se dopo un anno non si trovano pezzi di ricambio (è l'innovazione tecnologica!), se fra tasse, multe ecc. si mangia mezzo stipendio, se non ci si muove più per il traffico, se si muore di cancro per l'inquinamento: più importante è che io compri e ricompri l'auto. E allora capisco di essere un mezzo per gli interessi altrui e che fare a meno dell'auto diventa un modo per riprendere possesso della mia vita. Ecco la cosa in comune:non voglio più che altri mi dicano cosa fare, voglio riprendermi la mia vita, i miei veri bisogni, i miei pensieri,la mia coscienza

andrea casalini 25.01.06 01:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CENTRALI...A TUTTO GAS!...
...Ho!
-che..C'é
-hai sentito la notizia gli ex menscevichi delle Repubbliche..ci razionano il GAS
-ma no è il freddo
-ho! senti..noi ste' centrali..le costruiamo lo stesso, ma mo! chi li sente a quelli,
-quelli chi ?
-come chi...edisonna e nello,l'ultima volta che li ho sentiti hanno detto che loro i contratti per la fornitura del gas con i russi gli hanno firmati da tempo...
-ma a che prezzo..
-ho!.. ma tu oggi sei fuori proprio...ma al prezzo che sai ..ci sei anche tu nella:TRANSAZIONE
AFFARISTICOMALAVITOSAPERSPECULARESULPREZZOBASSO
DELGASRISPETTOAQUELLODELPETROLIOCHESAICOMEDICONO
LELEGGIDELMERCATOCOSTODELLAMATERIAPRIMAALTORICAVO
PERINTERMDIARIBASSOCOSTODELLAMATERIAPRIMABASSO
RICAVOPERINTERMEDIARIESOCIINAFFARIALTO;
-ho!..uffa...ma con te si parla solo di affari e denaro,
-UE!..non fare la mammoletta con me che ti conosco, lo sanno tutti di che pasta sei fatto "LA TELEVISIOUN LE GA NA FORSA DE LEON"
-ma...quello me lo hanno chiesto gli amici per fare la "propaganda"
-e debiti fuori bilancio?
-HO ...quelli me li hanno chiesti gli amici degli amici
-e i debiti con il montepaschi di siena e con il banco di napoli?
-ho! quella faccenda me l'ha risolta...un nemico..sai non si può licenziare dei lavoratori
anche se ..mangano..dei soldi e nel loro diritto
-O..UE!...potessi campà centanni so! sicuro che un altro come te non lo trovo...o..bello...(si fà per dire)...o.."quì lo dico e quì lo nego" ma invece di fantasticare sui tuoi requisiti morali..ma perchè non metti fuori qualche ideuzza delle tue sulla questione GAS,
-...come...ideUZZA... ma se vi ho fatto il decreto salva centrali ..i miei piedini hanno attraversato corridoi dove bivaccavano i cosacchi ..due..dico due volte sono andato..non da un ex comunista qualsiasi..ma da un ex responsabile del kgb sovietico...rasputin..
-putin..putin..oh!..si chiama putin no rasputin,il presidente della russia,non ti voglio più sentire me ne vado..
-ma dove vai,con gli americani non puoi più.
Claudio

Claudio M. Berardi 25.01.06 00:34| 
 |
Rispondi al commento

...come si puo' fare a trasmettere l'idea meravigliosa di avere Fo come sindaco di Milano?come possiamo fare(noi che vorremo averlo alla nostra guida) ad aiutarlo?non e' facile e non posso sperare in un momento di chiarezza energetica della cittadinanza, ormai sottoposta a gas troppo tossici per ritrovare l'energia per credere in un "tentativo di modus vivendi" diverso al quale ci sottoponiamo orami quotidianamente.
Nessun milanese e' contento di vivere in questa citta'che una volta era diversa.Sigh...pare di essere una nonna..ke parlava dei tempi passati!!.
ma se provassimo a lamentarci un po' meno, se iniziassimo a ascoltare l'istinto e non solo la ragione...
ke si puo' fare?
oltre votarlo con entusiasmo!
almeno solo per il fatto che sicuramente e' l'unico Onesto, e non im-pasticcato con tutte le lobby che mi pare abbiano timore di un uomo cosi':
Non facciamocelo scappare.
saluti a tutti
e
w la vida

pina gandolfi 24.01.06 22:04| 
 |
Rispondi al commento

...come si puo' fare a trasmettere l'idea meravigliosa di avere Fo come sindaco di Milano?come possiamo fare(noi che vorremo averlo alla nostra guida) ad aiutarlo?non e' facile e non posso sperare in un momento di chiarezza energetica della cittadinanza, ormai sottoposta a gas troppo tossici per ritrovare l'energia per credere in un "tentativo di modus vivendi" diverso al quale ci sottoponiamo orami quotidianamente.
Nessun milanese e' contento di vivere in questa citta'che una volta era diversa.Sigh...pare di essere una nonna..ke parlava dei tempi passati!!.
ma se provassimo a lamentarci un po' meno, se iniziassimo a ascoltare l'istinto e non solo la ragione...
ke si puo' fare?
oltre votarlo con entusiasmo!
almeno solo per il fatto che sicuramente e' l'unico Onesto, e non im-pasticcato con tutte le lobby che mi pare abbiano timore di un uomo cosi':
Non facciamocelo scappare.
saluti a tutti
e
w la vida

pina gandolfi 24.01.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...come si puo' fare a trasmettere l'idea meravigliosa di avere Fo come sindaco di Milano?come possiamo fare(noi che vorremo averlo alla nostra guida) ad aiutarlo?non e' facile e non posso sperare in un momento di chiarezza energetica della cittadinanza, ormai sottoposta a gas troppo tossici per ritrovare l'energia per credere in un "tentativo di modus vivendi" diverso al quale ci sottoponiamo orami quotidianamente.
Nessun milanese e' contento di vivere in questa citta'che una volta era diversa.Sigh...pare di essere una nonna..ke parlava dei tempi passati!!.
ma se provassimo a lamentarci un po' meno, se iniziassimo a ascoltare l'istinto e non solo la ragione...
ke si puo' fare?
oltre votarlo con entusiasmo!
almeno solo per il fatto che sicuramente e' l'unico Onesto, e non im-pasticcato con tutte le lobby che mi pare abbiano timore di un uomo cosi':
Non facciamocelo scappare.
saluti a tutti
e
w la vida

pina gandolfi 24.01.06 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Mi scuso ce qualcuno l'ha già segnalato prima ma questo ritengo un articolo estremamente inportante per l'argomento che stiamo trattando.
Pe
E' apparso sul sito PUNTOSICURO.IT del 16.01.2006

*************************************************
È in costruzione in Germania, a Gross Schoenebeck a nord di Berlino, una centrale termoelettrica che sfrutterà l’energia pulita del calore immagazzinato nel sottosuolo: l'impianto attingerà l'energia dalle falde di acqua calda (che raggiungono una temperatura di 150 gradi) situate a oltre 4.000 metri di profondità. Sarà il primo grande impianto di produzione d'elettricità che sfrutterà il calore della Terra come fonte di energia.

Il Centro di ricerca geologica di Potsdam, finanziato dallo Stato tedesco e dalla Regione, lavora da tempo alla realizzazione di impianti di perforazione per scopi scientifici e realizzerà l’impianto insiema alla multinazionale svedese dell'energia Vattenfall.

In Germania già dagli anni '80 dello scorso secolo viene usata l'acqua calda proveniente dal sottosuolo per riscaldare singoli palazzi. In questo caso le pompe estraggono acqua calda a 30 o 40 gradi da pozzi profondi tra 50 e 150 metri.

Per ottenere energia elettrica sono però necessarie perforazioni molto più profonde. Sotto la sede della futura centrale di Gross Schoenebeck le trivelle sono già arrivate a 4,3 km di profondità. E sono entrate in quegli strati di roccia porosa primordiale attraverso i quali scorrono falde di acqua bollente a 150 gradi. In questo momento si sta preparando la seconda perforazione, poi cominceranno i lavori veri e propri per la costruzione della centrale. In essa l'acqua bollente del sottosuolo sarà pompata in scambiatori di calore, dove riscalderà un liquido che evapora a temperature relativamente basse. Il vapore alimenterà turbine e generatori di corrente. L'acqua raffreddata, attraverso un sistema a circuito chiuso, sarà pompata di nuovo nel sottosuolo, dove tornerà a scaldar

giovanni barin 24.01.06 21:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho ricevuto questo, perfetto, è ora che i tecnici (come me)si muovano!!!

---ANIT Associazione Nazionale per l'Isolamento Termico e acustico
--24 gennaio 2006

--Sono due delle notizie di oggi.
La prima è il provvedimento consigliato dal Ministro delle attività produttive per risparmiare energia.
La seconda rappresenta la probità degli amministratori che ci chiedono di abbassare i caloriferi.

Una dura lezione da Putin: questo avremmo voluto sentirci dire in questo paese dove le case sono le più inefficienti d’Europa, le meno isolate termicamente.
Una lezione che speriamo porti i professionisti, ingegneri e architetti, ad uno scatto d'orgoglio. E' loro prima di tutto la responsabilità di questa situazione: basta essere succubi di costruttori preoccupati solo dei costi di costruzione, basta preoccuparsi solo del colore delle piastrelle e basta progettare ai minimi di legge. Inutile chiedere al Governo provvedimenti legislativi, le leggi sono inadeguate; ognuno di noi deve invece cominciare a preoccuparsi di che tipo di ambiente lasceremo ai nostri figli.

Roberto Bergamini 24.01.06 16:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


no al tunnel tra Rapallo e Santa Margherita

abbiamo bisogno della tua voce

per dire un No grande ad uno scempio ambientale
che solo a proporlo suona come una bestemmia.

Dacci una mano.

Flavio Gardella 24.01.06 00:30| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe. Inanzi tutto complimenti per l'iniziativa. Sono iscritto al Blog e da quando lo sono vengo a conoscenza di molte cose che prima non immaginavo così,come per esempio l'energia. La cosa INCREDIBILE che queste cose (nuovi fonti di energia etc..)non le sento dire da nessuno dei politici, che piuttosto fanno la gara per sputtanare (scusa il termine) qualc'uno dell'altra sponda. Sabato ero a Milano a vedere Dario Fo,per la sua campagna elettorale per le primarie di Milano. La speranza era quella di sentire le cose che leggo sul Blog,sull'energia,i trasporti ma sono stato clamorosamente deluso.ciao e grazie.Aspetto con ansia il 25 febbraio per vederti a milano.

Riccardo Riboldi 23.01.06 21:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente!

Ecco in tempo reale un esempio di ackeraggio "a fin di bene..." (affrettatevi, non dura!)

alcuni "defacer" hanno modificato pesantemente http://www.electro-magnetic.biz
noto per essere un sito truffa (il materiale ordinato e pagato via western union non arriverà mai!),
azzerando i prezzi, modificando le voci del database (vedi UNICEF ) ed inserendo commenti ed allarmi.

il suo fratello gemello invece (http://www.jkhardwaretrading.com/) funziona
ancora e chiede un ordine minimo di 1,500.00€ (alla faccia...)

finalmente un'azione "utile" contro il phishing... a dimostrazione della vulnerabilità dei sistemi, però...

Saluti alessandro Castellani

Alessandro Castellani 23.01.06 17:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei fare un commento sulle dichiarazioni lasciate dai politici (bertinotti, di pietro ecc.). Vorrei domandare a lor signori, che tanto non risponderanno mai, per quale motivo dichiarano in un blog, pur importante, come quello di grillo la loro adesione alle iniziative proposte da un "comico"(fra gli apici per il semplice motivo che oltre ad essere un intrattenitore eccezionale è anche l'unica persona in questo momento che parla di cose reali, vicine alla gente)e non ne fanno un loro baluardo per le prossime elezioni?
Mi ritengo un uomo di sinistra, ho sempre votato per quella parte politica e continuerò a farlo mio malgrado perchè berlusconi non vorrei averlo nemmeno come mio miglior amico e lavoro con un contratto dei metalmeccanici;il rinnovo del contratto avvenuto in questi ultimi giorni è importante ma INUTILE perchè, e nessuno lo dice,a me come a tanti altri milioni di lavoratori l'aumento di 130 euro NON lo vedremo mai in quanto ci verrà assorbito dal SUPER MINIMO ASSORBIBILE, vai a capire di cosa si tratta....
Ma allora mi domando invece di andare cavalcare il cavallo dei rinnovi contrattuali perchè i miei "eletti" non si occupano di creare una vera NEW ECONOMY che potrebbe nascere proprio dall'energia alternativa? abbiamo fior di studiosi, nelle nostre università, pronti a sfornare progetti e idee assolutamente innovative che potrebbero portare in breve tempo l'italia ad essere una vera super potenza mondiale e che fanno fatica a trovare un lavoro a tempo indeterminato. Mi aspetterei che questi uomini politici invece di avere consulenti politici che curano l'aspetto fisico prima di un'intervista, che passano foglietti assolutamente inutili per la comunità e utili solo al politico durante quella trasmissione televisiva, prendano per la prossima campagna elettorale (2006) consulenti che possano coadiuvarli nello stilare un programma serio che tratti questi argomenti.
Scusa lo sfogo ma per noi piccoli uomini strada ci sei rimasto solo tu come ultimo sfogo

massimo contemori 23.01.06 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, suggerisco un metodo alternativo al sistema elettorale attuale, votiamo direttamente noi i ministri per i ministeri. Io propongo per il ministero dell'innovazione Roberto Vacca. Attendo altri post o una tua risposta. Ciao Beppe

Marco Vagnozzi 23.01.06 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Piero credo, che democrazia sia partecipazione ma i giudizi affrettati per definizione non fanno bene alla democrazia, vedasi come esempio, la nascita di un fenomeno (il berlusconismo e la persona berlusconese)
Guardando con attenzione l'eloquente filmatino "i nostri dipendenti" si nota subito in specie, verso la fine, che il soggetto ripreso,si è rotto le balle (ed io insieme a lui) dell'incapacità dei dirigenti di partito che non sanno o non vogliono rinnovare le strutture dando consistenza all’azione parlamentare e di conseguenza al raggiungimento degli obbiettivi di governo inerenti problematiche economico-sociali e/o costituzionali( dalla Costituzione: “I Cittadini si organizzano in partiti per contribuire al buon andamento della Nazione”).
Non credo che Beppe sia l'ultimo arrivato o quanto meno non abbia osservato in questi anni l’incapacità dei partiti di rinnovarsi (a parte la siglonomastica) ,naturalmente mi riferisco a quelli di sinistra.
E’ banale ringraziare il ruolo svolto dai partiti storici negli anni scorsi, ma il mandato ,di noi tutti,è quello di migliorarne l’efficienza ed efficacia dell’azione politica nel governo di un piccolo Borgo come di tutta la Nazione ed allora bisogna utilizzare altri tipi di mezzi democratici che la moderna tecnologia informatica (leggasi –informazione automatica) ci mette a disposizione.
Ricordo che in Italia e nel mondo esiste ed e sempre esistita la corsa ad accaparrarsi mezzi di informazione (vedi stampa locale e nazionale).
D.per farne che cosa?
R. per orientare il consenso tramite l’informazione di parte (interessata) ossia dei potentati (economico-eclesiastici).
Contrastare questo con un blog e l’organizzazione citata da Beppe nel filmatino credo che sia il minimo che faremo insieme.
due esempi in fine:
- l’organizzazione di tipo “federale” dei DS è ancora quella a suo tempo voluta da Togliatti e secondo te un’organizzazione vecchia di circa 100 anni riesce a rispondere in maniera efficace alle esigenze di una nazione (Italia di oggi).
- Io insieme ad altri Cittadini di San Severo siamo promotori del Comitato Cittadino contro la costruzione Centrale termoelettrica della Mirant in una regione in cui esiste a Brindisi una centrale termoelettrica che produce oggi il 30 % in più rispetto ai reali bisogni di energia della Puglia.

Claudio Berardi
San Severo 22.01.06

Claudio M. Berardi 22.01.06 16:27| 
 |
Rispondi al commento

E' PAROLA DI NOBEL! Riciclo il medesimo commento inserito sul post "balle nucleari"; con il forte proposito di richiamare l'attenzione su una grande risorsa energetica tanto importante quanto trascurata.
A proposito di centrali nucleari, voglio sottolineare la recente posizione del Nobel sulla Fisica Carlo Rubbia, che ritiene decisamente da archiviare tale tecnologia; I favorevoli al nucleare, semplici avventori o gli stessi politici, cospiratori e quant'altri, spesso esordiscono infelicemente con la improvvida e strumentale considerazione che siamo circondati da centrali nucleari, per cui non ha senso l'ostinazione a non metterle anche in Italia;a questi, a parte il problema delle scorie, farei osservare che in caso di incidenti, una cosa è stare a 10 km di distanza, un'altra cosa a 100 o meglio ancora a 200 e più km! A parte ciò se dovessimo rassegnarci all'idea che l'entropia dell'Universo
è fatalmente in aumento (legge della termodinamica) non avrebbe senso qualsiasi attenzione alla civiltà, alla vita, e al benessere dell'uomo. Credo che l'imperativo morale sia invece ostinarci a portare avanti le sane e buone idee e convinzioni, sperando quanto meno che questa ineluttabile degenerazione dell'Universo sia la più lenta possibile. E' un atto dovuto fino a quando vogliamo trovare il coraggio di guardare negli occhi i nostri bambini. Per dare una indicazione operativa, comunque,solleciterei una domanda: perché non parliamo di energia delle maree e dei moti ondosi dei mari; ho la netta senzazione che che ci troviamo di fronte ad una risorsa infinita, pulita e... gratuita!

Maurizio De Sangro 21.01.06 19:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggete, prego, questo articolo
BEPPE GRILLO E L’ENERGIA su

http://www.fottilitalia.com/index.php

il sito antitaliano per eccellenza

Ilaria Bocchini

bocchini ilaria 21.01.06 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Gli stipendi li decidono i datori di lavoro, non i dipendenti: da quando in qua i dipendenti possono decidere (anzi mettere ai voti!) per un aumento di paga? E chi vota contro in un sistema simile, se non qualche raro idealista?

Marco Corino 20.01.06 22:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei solo porre una semplice domanda.
come mai il nostro parlamento,nelle rare immagini che ci arrivano,è quasi sempre vuoto?dove vanno tutti coloro che sono stati eletti e dovrebbero stare lì a decidere per noi?Le poltrone vuote sono davvero avvilenti soprattutto se si pensa che le abbiamo riempite noi coi nostri voti.....

chiara gualano 19.01.06 15:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti, sono un installatore termoidraulico della provincia di Treviso, volevo portare alla vostra attenzione acune anomalie del settore. La diffusa ignoranza e non curanza del risparmio energetico da parte dei "professionisti",che progettano gli edifici e gli impianti ,grandi parcelle, proporzionate al valore del progetto,ma responsabilità minime. Nelle ristrutturazioni la 10/91 è il più delle volte disattesa. Suggerirei una tassazione sui consumi di energia per la climatizzazione degli ambienti (sia riscaldamento che condizionamento) civile ed idustriale in relazine alla EFFETTIVA efficenza complessiva (sia dispersione dell'edificio, sia rendimento del sistema di climatizzazione) dell'edificio. Mi spiego: dato l'esempio della provincia di Bolzano da voi riportato, tassare in modo diverso i consumi in base alla classe di merito, più si consuma per METRO CUBO, non quadro, più si andrà a pagare. Una parte percentuale fissa dell'imposta, andrà direttamente a costituire finanziamenti per lo sfruttamento di fonti di energia rinnovabili. Nella mia zona un edificio conforme alla 10/91 con 6 mq di pannelli solari può integrare il riscaldamento di 130 mq di abitazione per un 15 percento circa, facendo le proporzioni ,in un edificio di classe A (BZ) dovrebbero integrare il riscaldamento per un 70 percento. ENERGIA MOLOTO PULITA. Per concludere vi pongo un paio di domande:1) visto che le polveri sottili ci costringono a lasciare le auto a casa e a controllare annulmente anche le caldaie a metano,quante auto o caldaie ci vogliono per produrre il PM10 di una stufa a legna o pellets media , ormai diffusissime ? 2)Anno ancora senso le regini a statuto autonomo ? Non sono una forma legale di discriminazione?

Massimo Roman 19.01.06 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo alcuni siti interessanti per chi non li conoscesse : www.progettomeg.it www.xmx.it www.disinformazione.it Se qualcune ne ha di altrettanto validi le sarei grato se li segnalasse anche al mio indirizzo di posta.Un saluto a tutti. maurifr2000@inwind.it

Frione Maurizio 19.01.06 15:00| 
 |
Rispondi al commento

primarie cittadini : ENERGIA

oggetto ACQUA

per razionalizzare l'uso di acqua potabile delle case propongo che per tutti i bagni delle nuove abitaziioni e le ristrutturazioni dei bagni già esistenti si utilizzino SOLO le cassette per lo scarico dei wc a doppio pulsante (piccolo e grande, tot. litri....quelli e basta) e non più il "passo rapido" (quella maledetta manetta che viene lasciata aperta senza ritegno che sperpera litri e litri di acqua preziosa).

così, inoltre, si supererebbe anche il problema della spesso scarsa pressione che fa arrivare poca acqua allo sciacquoine

..... mi sto informando sulla possibilità di sostituire il passo rapido con una cassetta

massimo carera 18.01.06 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

mi trovo a fare una serie di semplici ragionamenti. Un cittadino normale senza particolari interessi economici elegge un rappresentante di una forza politica e da questo nell’ambito di un aggregazione di partiti si aspetta nella maggior parte dei casi una serie di interventi legislativi che migliorino la vita sociale del paese, che migliorino le condizioni di vita, in buona sostanza si aspetta interventi volti a riqualificare e risolvere i problemi sul tappeto. Quando ciò non avviene, in questi ultimi anni è avvenuto spesso, il cittadino-elettore si incazza in quanto il rappresentante da lui eletto ed il partito politico a cui appartiene non hanno fatto gli interessi dell’elettore. A questo punto il cittadino-elettore si sente sfiduciato, ma soprattutto si rende conto di non avere altri strumenti a sua disposizione per ottenere i risultati che sperava di ottenere eleggendo il rappresentante politico di suo gradimento.
Questa breve premessa mi serve per porre probabilmente una domanda stupida. Se i nostri dipendenti, come dici tu Beppe, non svolgono il loro compito, quali altri strumenti abbiamo per poter fare da noi le leggi che servirebbero per migliorare le condizioni del nostro paese?

Alberto Lorenzi 18.01.06 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

mi trovo a fare una serie di semplici ragionamenti. Un cittadino normale senza particolari interessi economici elegge un rappresentante di una forza politica e da questo nell’ambito di un aggregazione di partiti si aspetta nella maggior parte dei casi una serie di interventi legislativi che migliorino la vita sociale del paese, che migliorino le condizioni di vita, in buona sostanza si aspetta interventi volti a riqualificare e risolvere i problemi sul tappeto. Quando ciò non avviene, in questi ultimi anni è avvenuto spesso, il cittadino-elettore si incazza in quanto il rappresentante da lui eletto ed il partito politico a cui appartiene non hanno fatto gli interessi dell’elettore. A questo punto il cittadino-elettore si sente sfiduciato, ma soprattutto si rende conto di non avere altri strumenti a sua disposizione per ottenere i risultati che sperava di ottenere eleggendo il rappresentante politico di suo gradimento.
Questa breve premessa mi serve per porre probabilmente una domanda stupida. Se i nostri dipendenti, come dici tu Beppe, non svolgono il loro compito, quali altri strumenti abbiamo per poter fare da noi le leggi che servirebbero per migliorare le condizioni del nostro paese?

Alberto Lorenzi 18.01.06 16:23| 
 |
Rispondi al commento

non capisco tanta avversione contro un elettrodomestico che ha una grossa qualita'....si puo spegnere..pensate che risparmio di energia!

di stio michele 18.01.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Le primarie a Napoli.
Forse è stato già scritto...ma perchè non si parla di primarie a Napoli?
- Perchè il candidato attuale ha fatto così bene che sarebbe una follia cambairlo o inutile?
Nnnoooo
- Perchè non esistono candidati alternativi? Siamo messi così male?
- Perchè si vuole evitare che lobby e piccoli interessi distorcano il risultato? Beh se palesiamo il problema forse lo affontiamo...
- Perchè Bassolino, De Mita, Mastella ecc. ecc. così hanno deciso scambaindosi le poltrone? Uhm qualche sospettino lo ho...

Intanto Napoli rimane sottogovernata, anarchica, in mano ai delinquenti e ...tira a campà!

Ma quando la sinistra (o la destra?) riusciranno ad uscire dall'impasse del clienteralismo, del magna-magna?
Quando diventeranno rivoluzionari rispetto al marcio, alla camorra, alla micro-delinquenza. all'indifferenza?
Quando diventeremo nuovamente giovani?

Maurizio Pucci 18.01.06 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Non penso di essere in grado di commentare tutto l'articolo, in quanto gli argomenti trattati sono comunque molti e di alcuni ammetto di sapere poco. Mi limito pertanto a fare la mia proposta per quanto riguarda il carburante per autoveicoli.
Premessa:
le grandi multinazionali del petrolio non vedono di buon occhio lo sviluppo di fonti energetiche e sicuramente fanno pressione perchè questo avvenga il più tardi possibile.
Lo sviluppo di nuove tecnologie potrebbe creare da una parte posti di lavoro, ma dall'altra ne toglierebbe e tutti quelli che ad oggi lavorano per le società di carburanti.
Per risolvere il problema io propongo di fare due leggi congiunte:
la prima dovrebbe vietare a partire ad esempio dal 2008 l'immatricolazione di veicoli che non funzionino a doppia carburazione (idrogeno+benzina)
La seconda dovrebbe prevedere l'obbligo di licenza per poter vendere idrogeno. A questo punto lo Stato dovrebbe semplicemente proporre alle multinazionali distributrici di petrolio la licenza GRATIS a patto che impiantino su almeno il 30% dei loro distributori(equamente distribuiti su tutti il territorio) gli impianti necessari. In questo modo le multinazionali continuerebbero ad avere un oligopolio, con un investimento chiaramente ammortizzabile nel tempo, e potrebbero nel frattempo convertire il personale dipendente (qui lo Stato magari potrebbe concedere qualche fondo), lo Stato non dovrebbe sborsare un soldo, i cittadini avrebbero energia meno inquinante.

Stefano Scordo 17.01.06 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao beppe, primarie dei cittadini, SI... visto e considerato che sia a destra che a sinistra il motto dei politicanti non è dal popoplo peril popolo ma dal popolo per le mie tasche è ora che ci diamo una svegliata e iniziamo a prenderci tutti le nostre responsabilità di cittadini, io spero che tu beppe ti candidi alle prossime elezioni avresti il sostegno di tutti i cittadini che seguono il tuo blog. Siamo stufi di assistere passivi a queste divisioni di torte tra politici che se ne fregano delle sorti di questo paese e che spendono e spandono i nostri soldi...siamo stufi di berlusconi, della casa della libertà come siamo stufi di d'alema e di tutta la sinistra che sbandiera la loro moralità, rimanendo invischiata in cose losche come quelli che sono d'altra parte. Siamo stufi di questa informazione manovrata a nostro discapito, siamo stufi della telecom, siamo stufi di essere solamente dei polli da spennare....

fulvio sparapani 17.01.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, primarie dei cittadini, SI... visto e considerato che sia a destra che a sinistra il motto dei politicanti non è dal popoplo peril popolo ma dal popolo per le mie tasche è ora che ci diamo una svegliata e iniziamo a prenderci tutti le nostre responsabilità di cittadini, io spero che tu beppe ti candidi alle prossime elezioni avresti il sostegno di tutti i cittadini che seguono il tuo blog. Siamo stufi di assistere passivi a queste divisioni di torte tra politici che se ne fregano delle sorti di questo paese e che spendono e spandono i nostri soldi...siamo stufi di berlusconi, della casa della libertà come siamo stufi di d'alema e di tutta la sinistra che sbandiera la loro moralità, rimanendo invischiata in cose losche come quelli che sono d'altra parte. Siamo stufi di questa informazione manovrata a nostro discapito, siamo stufi della telecom, siamo stufi di essere solamente dei polli da spennare....

fulvio sparapani 17.01.06 18:25| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, primarie dei cittadini, SI... visto e considerato che sia a destra che a sinistra il motto dei politicanti non è dal popoplo peril popolo ma dal popolo per le mie tasche è ora che ci diamo una svegliata e iniziamo a prenderci tutti le nostre responsabilità di cittadini, io spero che tu beppe ti candidi alle prossime elezioni avresti il sostegno di tutti i cittadini che seguono il tuo blog. Siamo stufi di assistere passivi a queste divisioni di torte tra politici che se ne fregano delle sorti di questo paese e che spendono e spandono i nostri soldi...siamo stufi di berlusconi, della casa della libertà come siamo stufi di d'alema e di tutta la sinistra che sbandiera la loro moralità, rimanendo invischiata in cose losche come quelli che sono d'altra parte. Siamo stufi di questa informazione manovrata a nostro discapito, siamo stufi della telecom, siamo stufi di essere solamente dei polli da spennare....

fulvio sparapani 17.01.06 18:21| 
 |
Rispondi al commento

L'inquinamento, il petrolio, l'energia per chi ci governa non e' una priorita'.

Si potrebbe pensare a un contributo per lo stato per l'acquisto di auto che consumano poco. Ma con poco, intendo poco.Lasciamo per ora stare altre forme di combustibile, arriviamoci per gradi. Costringiamo le aziende a produrre auto che fanno 100 km con 1 litro. Possono farlo in 6 mesi secondo me. Il governo potrebbe incentivare questa cosa invece che erogare rottamazioni a caso. Le aziende potrebbero essere incentivate a produrle pagandoci sopra meno tasse per esempio.Ma non si fa. Perche le case petrolifere si inc....rebbero moltissimo. Se non si puo' fare questo come si puo' sperare nell'idrogeno? Certo che dove la gente non ha i soldi per la benzina (Brasile?) i motori (e i distributori) ad alcool etilico li fanno...

Derek Zoli 17.01.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Per celebrare l'entrata in vigore del Protocollo di Kyoto, il 16 febbraio 2006 risparmiamo energia insieme.

Privati cittadini, scuole, comuni, aziende si sfidano per la migliore strategia anti-spreco. Dalle cene a lume di candela alle partite di calcio al chiar di luna, si moltiplicano le iniziative per sensibilizzare più persone possibili sul tema del risparmio energetico.
http://www.radio.rai.it/radio2/caterueb2005/zoom_evento.cfm?Q_EV_ID=159950

annibale santi 17.01.06 16:25| 
 |
Rispondi al commento

energia eolica.e possibile produrla in casa cioè avere ogni abitazione una pala eolica per prodursi energia pulita e gratuita.ciao beppe

roberto vaniglia 17.01.06 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di emissioni, perchè non si fa come in Argentina e creiamo il bioetanolo per i trasporti dalle barbabietole da zucchero?
Dico questo, perchè recentemente è stata varata una nuova riforma "OCM del settore bieticolo-saccarifero" dalla comunità europea.
Premetto che i Regolamenti UE con i contenuti della “Riforma della Pac” per le bietole non sono ancora stati pubblicati. Comunque secondo gli addetti del settore questa riforma causerà una crisi nella filiera bieticolo-saccarifera europea (ed italiana), che dovrà subire un ridimensionamento del 50%, con probabile chiusura di molti stabilimenti sul territorio nazionale. Consapevole di queste problematiche, la UE ha previsto l’istituzione di un fondo di ristrutturazione, che erogherà aiuti alla ristrutturazione degli stabilimenti, per favorirne la chiusura oppure la loro riconversione verso altre produzioni oppure il proseguimento dell’attività ma a quote ridotte di produzione.
Allora invece di dare incentivi per chiudere perchè, come ho accenato prima, non ci spingiamo a produrre bioetanolo in questo modo ci sleghiamo anche dal petrolio?

Francesco Marazzi 17.01.06 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Vi segnalo l'esistenza di una petizione on-line a favore dell'utilizzo dei biocarburanti:

CAMPAGNA ECOAGE-NIM 2005 PER I BIOCARBURANTI
"Come cittadino italiano, venuto a conoscenza dell'esistenza dei biocarburanti chiedo al Governo di raddoppiare nella prossima finanziaria il contingente defiscalizzato di biodiesel e di bioetanolo, garantendo una quota dei biocarburanti al 2% entro il 2005 così come prevede la direttiva europea 30/2003."

(testo della petizione che trovere al sito http://www.ecoage.it/info/petizione-biocarburanti.php)

La situazione:
"L'utilizzo dei biocarburanti è una realtà in Francia e in Germania ma non in Italia dove nel 2005 il contingente defiscalizzato di biodiesel è stato persino ridotto nella finanziaria da 300mila a 200mila tonnellate. I biocarburanti sono alternativi al diesel e alla benzina, sono meno inquinanti per l'aria, riducono la dipendenza dal petrolio e favoriscono l'occupazione agricola. La direttiva europea 30/2003 impone all'Italia l'obiettivo di coprire il 2% della domanda di carburanti con i biocarburanti entro il 2005 e del 5,75% entro il 2010. Il recente decreto legge 128/2005 del governo ha previsto la copertura teorica soltanto del 1% entro il 2005 e del 2,5% entro il 2010... l'Italia è ben al di sotto dell'obiettivo europeo."

andrea paina 17.01.06 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti...
Vorrei proporre un argomento ,importante,ma indifferente a qualche orecchio....
Sono un Napoletano è mi sono rotto il c..zo di sentire al telegiornale Napoli delinquenti,Napoli droga ,Napoli camorra....
Vorrei che un ""dipendente ...SERIO..""proponga una soluzione reale,potremmo iniziare dal casco,dalle cinture,dagli scippi....
I vigili/polizia,DEVONO LAVORARE non restare nelle auto (in moto ,e qualc'uno direbbe:E IO PAGO!!!)
a non fare nulla!!!!!!
Con la speranza di beccare,a breve,qualche multa
Cordiali Saluti

Nunzio 17.01.06 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti...
Vorrei proporre un argomento ,importante,ma indifferente a qualche orecchio....
Sono un Napoletano è mi sono rotto il c..zo di sentire al telegiornale Napoli delinquenti,Napoli droga ,Napoli camorra....
Vorrei che un ""dipendente ...SERIO..""proponga una soluzione reale,potremmo iniziare dal casco,dalle cinture,dagli scippi....
I vigili/polizia,DEVONO LAVORARE non restare nelle auto (in moto ,e qualc'uno direbbe:E IO PAGO!!!)
a non fare nulla!!!!!!
Con la speranza di beccare,a breve,qualche multa
Cordiali Saluti

Nunzio 17.01.06 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti...
Vorrei proporre un argomento ,importante,ma indifferente a qualche orecchio....
Sono un Napoletano è mi sono rotto il c..zo di sentire al telegiornale Napoli delinquenti,Napoli droga ,Napoli camorra....
Vorrei che un ""dipendente ...SERIO..""proponga una soluzione reale,potremmo iniziare dal casco,dalle cinture,dagli scippi....
I vigili/polizia,DEVONO LAVORARE non restare nelle auto (in moto ,e qualc'uno direbbe:E IO PAGO!!!)
a non fare nulla!!!!!!
Con la speranza di beccare,a breve,qualche multa
Cordiali Saluti

Nunzio 17.01.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Vietare l’interruzione dei telegiornali con la pubblicità.
- - Vietare di fare pubblicità, propaganda o promozione all’interno dei telegiornali a favore della propria emittente o un altra dello stesso gruppo. Se una testate all’interno di un proprio telegiornale vuole parlare di audience, questo tema deve diventare una rubrica fissa e risportare sempre i dati di tutte le emittenti citando sempre la stessa fonte (ad esempio dati Auditel).
- - Quanto allegato alle testate distribuite in edicola con sovraprezzo sul prezzo di copertina deve avere un costo aggiuntivo che non supera il 49% del costo del quotidiano o periodico.
- - Quando un prodotto viene distribuito come allegato a pagamento (vedi sopra), quello deve diventare il nuovo prezzo massimo imposto per ogni canale di distribuzione mantenendo invariata la percedntuale di margine per il rivenditore finale.
- - Basta con la pubblicità bugiarda (sottolineo bugiarda rispetto all’ingannevole, quello è un altro tema): se, ad esempio, una pubblicità dice che un detersivo pulisce perfettamente un indumento sporco di caffè, sugo e fango secondo una determinate procedura (es. lavatrice) deve dare il risultato dichiarato. Per l’autorizzazione alla pubblicità, il risultato promesso deve essere preventivamente verificato da un campione del pubblico di riferimento. Se a valle dell’approvazione si riscontrasse il mancato mantenimento della promessa il prodotto viene ritirato per sempre dal mercato. Tutto ciò ha un costo? Sì, ma inferiore a farsi prendere per i fondelli e far crescere i nostri figli sotto il principio che più sei in vista più puoi mentire.
- A Roma alcuni parcheggi della metropolitana -quelli indicati ufficialmente come tali- sono diventati a pagamento: fate immediatamente marcia indietro! Conosco non poche persone che grazie a questa illuminante politica economica hanno abbandonato l’uso del mezzo pubblico a favore dell’auto. E i nostri streteghi: ma ora al capolinea di Rebibbia si trova parcheggio!

paolo lorenzini 17.01.06 11:48| 
 |
Rispondi al commento

E' così bello trovare qualcuno che ha ancora voglia di credere negli strumenti della democrazia più vera! A tutto il popolo dei blog un invito: usate internet per capire, conoscere, comunicare, ma poi partecipate, agite in concreto, iscrivetevi ai partiti che vi assomigliano di più e fate che il vento nuovo delle vostre idee raggiunga le Giunte e il Parlamento! Perchè è da lì che si fanno cambiare veramente le cose! Ognuno di noi può essere un Politico. Non è un fatto genetico! Si chiama Democrazia.... Non rinunciate a combattere con gli strumenti dati dalla legge e dalla Costituzione.

Alessia Zambon 17.01.06 10:20| 
 |
Rispondi al commento

Cari tutti,

bellissima sta idea delle primarie dei cittadini ed il manifesto del buon senso energetico di Beppe.
Non sarebbe male razionalizzare e fare una buona selezione di così tante proposte, idee ed informazioni.

Per quel che mi riguarda 3 proposte/suggerimenti per quel calderone di buoni propositi (e buone idee) che è questo blog:

(1) ISTITUTO PER L'ENERGIA: In Germania, a Friburgo, esiste l'ISE, un centro che si occupa di tematiche legate alla produzione e consumo di energia. Ci si occupa sia di ricerca fondamentale che di problemi pratici come i consumi delle abitazioni (case passive ...). Il centro ha anche capacità di autofinanziamento perchè fa consulenze sui consumi.
In Italia manca qualcosa del genere e penso sarebbe utile per affrontare, coordinare e gestire il problema energetico nazionale, anche perchè dobbiamo constatare in questo senso il fallimento dell'ENEA.

(2) PIATTAFORME EOLICHE IN MARE: Germania (ancora lei, e non è un caso, c'è molto da imparare dai cugini "crucchi") e Danimarca hanno stretto un accordo per realizzare delle piattaforme eoliche nel Mar del Nord. Non sono espertissimo e sono aperto a smentite, ma questa mi sembra una possibilità che permetterebbe di superare (o integrare) alcuni limiti legati all'eolico "terrestre". Noi abbiamo migliaia di Km di coste, ci "allunghiamo" in mare ed abbiamo vento a volontà, non siamo forse il paese ideale per piattaforme eoliche marine ?

(3)"LEGALIZZIAMO" il biodiesel, ovvero permettiamo che l'olio di colza e simili possano essere utilizzati come combustibili per auto. Lasciamo pure che lo stato imponga le accise su questi combustibili, nel farlo però si tenga conto per favore dei risparmi sui costi sociali legati ad inquinamento, benzeni e PM10 vari.

Forse alcune delle cose scirtte sono inesatte, critiche sensate e correzioni sono benvenute, penso però che sia importante far girare proposte ed idee anche se inesatte, poi le cose buone verranno fuori ...

Matteo Minelli 17.01.06 00:31| 
 |
Rispondi al commento

Grazie, grazie e grazie!
Ma come si fà a non capire che il rispetto per l'ambiente è alla base della politica? perchè ne parlano così poco i politici nei talk show? eppure credo dovrebbe essere un argomento trasversale al parlamento e NON solo di sinistra!
comunque grazie, perchè ho una bambina di due anni e ho paura di cosa le aspetti! anzi, visto che ne ho 28 vedrò anch'io gli effeti nefasti di questa noncuranza globalizzata all'ambiente!

Riccardo Galeotti 16.01.06 19:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono di Torino e ti seguo da parecchio tempo, spessissimo concordo con le tue analisi e con le tue proposte di soluzione dei problemi. In questo caso vorrei aggiungere al tuo programma energetico ciò che Lester Brown giustamente non manca di sottolineare in tutti i suoi lavori da decine di anni: la variabile popolazione.

Penso che la tecnologia più ‘matura’ ad oggi disponibile ci consenta un risparmio energetico che non compensa l’aumento di domanda dovuto all’aumento dei consumatori. L’esplosione demografica dell’ultimo secolo e l’immigrazione in continuo aumento ha fatto raggiungere all’Italia la poco rasserenante cifra di 60.000.000 di persone con aumenti annui dell’ordine delle centinaia di migliaia.

In ultima analisi se non si vuole assumere una posizione che definirei pauperista fondamentalista, bisogna agire anche con il contenimento dei consumatori oltre che dei consumi. In questa ottica politiche come gli incentivi alla natalità o l’abbattimento delle frontiere sono semplicemente parte del problema, non della soluzione. Purtroppo TUTTI I NOSTRI DIPENDENTI (in realtà molti sembrano più dipendenti del Vaticano) o vogliono le culle meno vuote o vogliono più immigrati, se non le due cose insieme. Mettici tu, per cortesia, una parola di buon senso.

Grazie per quello che fai.

SARA’ DURA!

Fabrizio Argonauta 16.01.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Una semplice proposta per un migliore utilizzazione delle risorse idriche: sburocratizzare la realizzazione di piccoli bacini ad uso privato.
Ora se uno volesse farsi una vasca nel giardino per accumulare acqua piovana deve sottostare alla regolamentazione in materia di corsi idrici con costi e tempi mostruosi.
La costruzione di piccoli invasi (<1000 mc) consentirebbe di regolamentare le piene dei torrenti nei mesi autunnali e garantire un graduale rilascio dell' acqua accumulata durante i mesi asciutti con produzione di energia elettrica.

Cristiano Pugno 16.01.06 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Francamente la proposta dei veicoli pubblici "individuali" alimentati a rete mi sembra davvero poco sensata. Punto primo perché già i tram ed i filobus funzionano male e creano un sacco di disservizi, e sono talvolta in grado di paralizzare la rete stradale, punto secondo perché sarebbe molto più facile istituire dei punti di ricarica per veicoli elettrici a batteria e costerebbe anche molto meno, sia per l'impatto che una conversione delle linee urbane avrebbe sul traffico a causa degli innumerevoli cantieri, sia in termini economici, senza dimenticare i costi di manutenzione. Le linee elettrice in città non hanno nessun senso, ma proprio nessuno. E' una proposta alquanto ridicola.
Per quanto riguarda le centrali elettriche poi, sono d'accordo sul cercare di miglirarne il rendimento, ma se una centrale è stata fatta 50 anni fa, probabilmente non avrà la resa di una fatta l'anno scorso. Dunque è giusto investire su nuove centrali e fonti alternative, senza dismettere ciò che comunque funziona ed è in essere sino a che non saranno pronte altre centrali con un rendimento nettamente migliore, che possano sostituirlo.
Poi forse sarebbe il caso di comprare meno auto Diesel perché sono altamente inquinanti e meno SUV che non hanno senso di esistere.

Andrea Abate 16.01.06 16:16| 
 |
Rispondi al commento

un'altra proposta da aggiungere a quelle di beppe:
1) esclusione dell'uso del petrolio come fonte energetica entro il 2030

michele di lena 16.01.06 12:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,ma come fai a leggere ogni giorno tutti i commenti su tutti i temi?Non credo basterebbero tutte le ore del giorno, quindi come si fa' a scrivere un messaggio direttamente per te?Credo dovresti aprire un indirizzo email per i messaggi diretti...
Comunque spero tu legga questo, leggendo molto spesso il tuo blog mi sto' accorgendo con gioia ma anche con un po' di dispiacere, che tu proponi cose concretem alternative politiche, sociali, ecologiche ecc., cosa che i politici "nostri dipendenti" non riescono a fare, pensano a ribattere le offese dei "nemici" di destra o di sinistra, come all'asilo quando i bimbi dicono "e io lo dico a mia mamma".
Quello che vorrei proporti e non so' se qualcun altro lo abbia gia' fatto, e' un partito tutto tuo, visto che anche capi di partito di sinistra stanno apprezzando (e prendendo spunto) dal tuo lavoro...
Pensaci...

Andrea Maffei

ANDREA MAFFEI 16.01.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,ma come fai a leggere ogni giorno tutti i commenti su tutti i temi?Non credo basterebbero tutte le ore del giorno, quindi come si fa' a scrivere un messaggio direttamente per te?Credo dovresti aprire un indirizzo email per i messaggi diretti...
Comunque spero tu legga questo, leggendo molto spesso il tuo blog mi sto' accorgendo con gioia ma anche con un po' di dispiacere, che tu proponi cose concretem alternative politiche, sociali, ecologiche ecc., cosa che i politici "nostri dipendenti" non riescono a fare, pensano a ribattere le offese dei "nemici" di destra o di sinistra, come all'asilo quando i bimbi dicono "e io lo dico a mia mamma".
Quello che vorrei proporti e non so' se qualcun altro lo abbia gia' fatto, e' un partito tutto tuo, visto che anche capi di partito di sinistra stanno apprezzando (e prendendo spunto) dal tuo lavoro...
Pensaci...

Andrea Maffei

ANDREA MAFFEI 16.01.06 12:08| 
 |
Rispondi al commento

vediamo se è vero che l'unica specie che involve nel tempo è la razza umana...

Il contributo di Grillo è grande...Grazie...

a nome di tutti gli esseri umani...

Pierluigi Monsignori 16.01.06 11:13| 
 |
Rispondi al commento

vediamo se è vero che l'unica specie che involve nel tempo è la razza umana...

Il contributo di Grillo è grande...Grazie...

a nome di tutti gli esseri umani...

Monsignori Pierluigi 16.01.06 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, leggerò appena ho tempo le proposte di Grillo. Vorrei però sottolineare come questo sistema di "democrazia" diretta a basso costo, che è il blog, in realtà stia UCCIDENDO definitivamente quello che è il sistema dei partiti che ha fatto, nel bene e nel male, la democrazia (limitata) dell'Italia dal dopoguerra in poi. E i commenti che leggo, a cavallo tra il sarcastico e il disgustato, a proposito dei partiti mi conferma questa ipotesi. ma però mi chiedo anche: tutti questi antipartiti dell'ultima ora hanno mai pensato di "partecipare" NEI partiti?? io ho invece l'impressione che sia molto semplice e poco faticoso mettersi alla finestra e accodarsi alle opinioni di qualcuno o scrivere 4 parole... ma la politica è un'altra cosa. Alla fine tutto rimarrà come prima perchè parliamoci chiaro NON abbiamo bisogno di informazioni, SAPPIAMo già tutto forse troppo! abbiamo bisogno di rimuovere la paura di uno slancio, abbiamo bisogno di fare 2+2, di abbandonare i dibattiti televisivi, siano di Vespa o di Floris. Abbiamo forse solo bisogno di partecipare veramente. Ma intanto i partiti sono morti, la democrazia è morta, W i BLOG!

Piero Cavina 16.01.06 10:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti, leggerò appena ho tempo le proposte di Grillo. Vorrei però sottolineare come questo sistema di "democrazia" diretta a basso costo, che è il blog, in realtà stia UCCIDENDO definitivamente quello che è il sistema dei partiti che ha fatto, nel bene e nel male, la democrazia (limitata) dell'Italia dal dopoguerra in poi. E i commenti che leggo, a cavallo tra il sarcastico e il disgustato, a proposito dei partiti mi conferma questa ipotesi. ma però mi chiedo anche: tutti questi antipartiti dell'ultima ora hanno mai pensato di "partecipare" NEI partiti?? io ho invece l'impressione che sia molto semplice e poco faticoso mettersi alla finestra e accodarsi alle opinioni di qualcuno o scrivere 4 parole... ma la politica è un'altra cosa. Alla fine tutto rimarrà come prima perchè parliamoci chiaro NON abbiamo bisogno di informazioni, SAPPIAMo già tutto forse troppo! abbiamo bisogno di rimuovere la paura di uno slancio, abbiamo bisogno di fare 2+2, di abbandonare i dibattiti televisivi, siano di Vespa o di Floris. Abbiamo forse solo bisogno di partecipare veramente. Ma intanto i partiti sono morti, la democrazia è morta, W i BLOG!

Piero Cavina 16.01.06 10:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito delle primarie dei cittadini e delle tematiche sull'energia pare strano dover constatare che a poco a poco tutti i partiti scrivono di essere pienamente d'accordo su tutto.
Tra non poco scriverà Forza Italia ma forse anche la Lega dichiarandosi d'accordo con il nostro Beppe. Ma finora cosa hanno fatto?
Il nostro Grillo è un Genio? O sono tutti impazziti?Per favore ditemi che non è vero!

nunzio cristiano 15.01.06 20:19| 
 |
Rispondi al commento

A proposito delle primarie dei cittadini e delle tematiche sull'energia pare strano dover constatare che a poco a poco tutti i partiti scrivono di essere pienamente d'accordo su tutto.
Tra non poco scriverà Forza Italia ma forse anche la Lega dichiarandosi d'accordo con il nostro Beppe. Ma finora cosa hanno fatto?
Il nostro Grillo è un Genio? O sono tutti impazziti?Per favore ditemi che non è vero!

nunzio cristiano 15.01.06 20:19| 
 |
Rispondi al commento

A proposito delle primarie dei cittadini e delle tematiche sull'energia pare strano dover constatare che a poco a poco tutti i partiti scrivono di essere pienamente d'accordo su tutto.
Tra non poco scriverà Forza Italia ma forse anche la Lega dichiarandosi d'accordo con il nostro Beppe. Ma finora cosa hanno fatto?
Il nostro Grillo è un Genio? O sono tutti impazziti?Per favore ditemi che non è vero!

nunzio cristiano 15.01.06 20:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono entusiasta della tua iniziativa sulle primarie dei cittadini.
Per quanto riguarda l'energia io sono del parere che bisogna far presto non solo per migliorare la qualità della nostra vita.
E'una buffonata e voler mettere la testa sotto la sabbia fermare il traffico e sperare negli eventi meteorologici quando si superano i limiti.
Penso che d'ora in avanti il petrolio ed i suoi derivati costeranno sempre di più.
Quindi faccio una proposta immediata alla sinistra che ci governerà nei prossimi mesi:
investiamo le maggiori risorse possibili per fare in modo che nel più breve tempo possibile si passi ad energie alternative (idrogeno, eolico e fotovoltaico) e quando dico investiamo intendo che se le risorse di bilancio non saranno sufficienti bisogna coinvolgere tutti i cittadini ed istituire una tassa mirata, come quando dovevamo entrare in Europa ricordate?
Secondo me la gente lo capirà sicuramente anche perchè sarà un investimento che ci permetterà di risparmiare in futuro.
Basta solo fare i conti di quello che ci sono costati gli aumenti dell'ultimo anno per capire come sarà il futuro!
Bisogna fare presto!!!!!!
Ti ringrazio e ti saluto affettuosamente.

Romolo

Romolo Guerra 15.01.06 18:14| 
 |
Rispondi al commento

possiamo parlare di tutti i problemi che ci assillano,che assillano questo paese....energia,infrastrutture,giustizia,sanita',scuola,etc,etc.......ma il problema vero qual'è??da dove nascono tutti questi problemi??semplice,dalla classe dirigente di questo paese. sia che la si guardi da destra o da sinistra(ricordiamoci che la sinistra ha governato nella scorsa legislatura)io non riesco a intravedere la fine del tunnel.siamo un paese inesorabilmente in declino.e non vedo una coalizione in grado di portarci fuori dal guado,qualcuno che sia in grado di mettere da parte i propri interessi e che sia in grado di guardare avanti come un vero statista dovrebbe essere in grado di fare.

massimo maccagnola 15.01.06 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
l'opportunismo non ha bandiera e se ne infischia se fino al giorno prima tu, Beppe Grillo intendo, gli hai dato addosso e ti ritengo talmente acuto da aver pubblicato i loro interventi proprio per dimostrare che non hanno un briciolo di orgoglio né dignità: per avvicinare quello che è il tuo consenso, darebbero anche la loro madre, la loro sorella, il loro fondoschiena. E non sarebbe la prima volta! I vari politici che ti scrivono, si sono già venduti ma non per dei miseri trenta denari... C'è un libro di Tom Clancy che mi sogno la notte... "Potere Esecutivo" in cui sparisce tutta la classe dirigente (politica e non) degli USA: sarebbe fantastico che accadesse qui, ma ci sarebbe la terza repubblica, peggio delle precedenti. Io concordo in pieno con te e ti stimo, anche perché qualsiasi altra persona, con le motivazioni che potresti avere, con il seguito che dimostra di avere, avrebbe fondato un movimento che lo avrebbe fatto sedere al loro fianco a spartire il bottino del loro furto continuato. Tutti gli altri lo hanno fatto, sindacalisti in testa, contravvenendo a quelli che dovevano essere i principi guida del loro operato. Non esiste solo il problema energia però, TUTTO è probema! Confermatemi che non c'è controllo sui soldi gestiti dalla Protezione Civile, che ci hanno dispensato, per via aerea, virus influenzali per aumentare le vendite di vaccini, che il risultato delle elezioni è veramente quello che ci danno, che non si sa mai chi vince miliardi alle lotterie (negli USA, ti comunicano la vincita due persone: il funzionario della lotteria e quello del fisco) ecc. Buttiamoli fuori dal Palazzo, SI! Sono e sarò con te per un confronto nazionale serio e programmatico, soprattutto se visto in modo decentrato, che tenga conto, ovvero, delle peculiari problematiche che riguardano il territorio e i cittadini di questa penisola tanto amata e invidiata da tutti... Stanco e sfiduciato, un caro abbraccio a tutti, nazzareno

Nazzareno Di Stefano 15.01.06 11:32| 
 |
Rispondi al commento

'PRIMARIE DEI CITTADINI' IN PERICOLO

IL BLOG INQUINATO DAL VIRUS DELLA DEMAGOGIA DEI SOLITI POLITICI PAROLAI

Caro Beppe Grillo e cari tutti gli utilizzatori del blog.
Sono mesi che leggo e mi informo su questo sito e ringrazio il promotore di questa splendida realtà capace di proporre un'informazione libera, concreta e rivoluzionaria.

Ho sempre creduto che una delle idee di fondo del sito sia creare un 'ambiente' culturale moderno e propositivo, ricco di proposte anche e non solo politiche, discusse sulla base di dati, controdati, idee, contraddittori, progetti e programmi, comunicazione. Al di là dello schema ormai morto (e sepolto dalla realtà) di 'destra' e 'sinistra' e delle meccanica delle parole vuote.

Soffro quando apro la pagina 'primarie dei cittadini' e trovo 1+3 articoli:
-1- l'articolo introduttivo di Grillo
-3- articoli di demagogia elettorale composti dai soliti elogi 'ciao Beppe come stai, sei tutti noi, siamo con te' e dalle solite parole generaliste, i soliti temini precompilati, la solita nullità propositiva, le solite paroline buone buone buone.
Basta! E' insopportabile!
Voglio gli articoli sulle primarie dei cittadini zeppi di idee, proposte da discutere, riferimenti, dati, innovazione culturale, progetti da discutere.

In questo blog si sta aprendo lo spazio al vecchio nulla e io sono molto preoccupato.

Ritengo che dare tutta questa 'RILEVANZA' (e in questo MODO) a questi politici del nulla sia UN ERRORE POLITICO DI QUESTO BLOG
Beppe, fai una rubrica a parte 'LA VETRINA DEL DIPENDENTE' o 'LA VETRINA DEL DEPUTATO'. Lì verranno messi in rilievo tutti gli articoli che i 'dipendenti' avranno voglia di postare.
NON CONFONDIAMOLI CON 'LE PRIMARIE DEI CITTADINI'

SALVIAMO IL BLOG DAL VIRUS.
SCRIVIAMO IN TANTI: 'I DIPENDENTI IN UNA RUBRICA A LORO DEDICATA'

Giorgio Mora 15.01.06 02:15| 
 |
Rispondi al commento

Non so come partecipare, ma invio la mia adesione a questo programma, e spero vivamente di parlare anche dell'università e della sanità. A proprosito di questa ultima, in particolare vorrei segnalare il malcostume di procedere troppo facilmente a procedure di Isterectomia e annessi. Ne ho fatto le spese personalmente, senza che avessi richiesto questo tipo di intervento, e con esrosione della mia approvazione, ottenuta grazie a una visione tragica della diagnosi, del tutto falsa. Stavo benissimo!
Buon lavoro e se c'è altro da fare per partecipare, fatemelo sapere. Sono appena entrata nel blog...ho 56 anni, e sto cercando di capire il suo utilizzo TOTALE.
Ciao
anita

anita ben 14.01.06 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Ok, mi sta bene parlare di energia, anche di economia e di giustizia..... ma vogliamo introdurre un nuovo argomento per le primarie che non viene da lungo tempo affrontato dalla sinistra: la scuola. Come pensano concretamente i vari partiti dell'Unione di rimediare allo sfacelo della legge Moratti? E ne parlo per esperienza diretta essendo madre di un ragazzo che ha iniziato quest'anno la scuola superiore. Propongo di invitarli a fare ptoposte su questo tema anche perchè è dalla scuola e nella scuola che si educano i nuovi cittadini....
Stefania lana

Stefania Lana 14.01.06 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Ok, mi sta bene parlare di energia, anche di economia e di giustizia..... ma vogliamo introdurre un nuovo argomento per le primarie che non viene da lungo tempo affrontato dalla sinistra: la scuola. Come pensano concretamente i vari partiti dell'Unione di rimediare allo sfacelo della legge Moratti? E ne parlo per esperienza diretta essendo madre di un ragazzo che ha iniziato quest'anno la scuola superiore. Propongo di invitarli a fare ptoposte su questo tema anche perchè è dalla scuola e nella scuola che si educano i nuovi cittadini....
Stefania lana

Stefania Lana 14.01.06 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Ok, mi sta bene parlare di energia, anche di economia e di giustizia..... ma vogliamo introdurre un nuovo argomento per le primarie che non viene da lungo tempo affrontato dalla sinistra: la scuola. Come pensano concretamente i vari partiti dell'Unione di rimediare allo sfacelo della legge Moratti? E ne parlo per esperienza diretta essendo madre di un ragazzo che ha iniziato quest'anno la scuola superiore. Propongo di invitarli a fare ptoposte su questo tema anche perchè è dalla scuola e nella scuola che si educano i nuovi cittadini....
Stefania lana

Stefania Lana 14.01.06 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Ok, mi sta bene parlare di energia, anche di economia e di giustizia..... ma vogliamo introdurre un nuovo argomento per le primarie che non viene da lungo tempo affrontato dalla sinistra: la scuola. Come pensano concretamente i vari partiti dell'Unione di rimediare allo sfacelo della legge Moratti? E ne parlo per esperienza diretta essendo madre di un ragazzo che ha iniziato quest'anno la scuola superiore. Propongo di invitarli a fare ptoposte su questo tema anche perchè è dalla scuola e nella scuola che si educano i nuovi cittadini....
Stefania lana

Stefania Lana 14.01.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Siamo Alla Frutta….
Caro Beppe,
Ai nostri dipendenti non gliene frega niente dell'Italia e tantomeno degli italiani.
Eccoti alcuni esempi :
Presidente della Repubblica : Dice cose sensate perche' ovvie ma talmente ovvie che alle
elementari le scrivevamo come pensierini .
"La pace e' bella " "L'educazione e' importante per il rispetto reciproco" "La famiglia e'
il fondamento della nostra societa'" e pensare che lo paghiamo piu' della regina Elisabetta.
Ha ridotto le spese del Quirinale ma si e' guardato bene da ridursi lo stipendio come pure la
una delle 10.000 pensioni di cui e' titolare.
Appena parla tutti ad applaudire,ma quanto ci costa ogni parola che dice???
Sai cosa gliene frega al pensionato a 500 / 600 E al mese del dialogo della solidarieta' ai
paesi del terzo mondo ,cioe' il nostro.
Presidente del Consiglio
E' la sintesi dell'italiano furbetto,opportunista e venditore di fumo regolarmente comprato a
caro prezzo da una buona parte di italiani.
Opposizione:
Ma dai,mi vien da ridere un'armata brancaleone unita solo dal fatto che vogliono delle poltrone piu'
morbide ,da una parte Prodi DC di vecchia data con annessi e connessi,dall'altra Bertinotti che
va a Capri con un compare di AN ( visto l'estate scorsa).
D'Alema …ma dai non scherziamo lo skipper di Lungo Corso che nella FGC parlava di rivoluzione
proletaria e ora parla di cazzare le vele. Ma alemo si degnasse di smentire qualche cosa.
Dall'alto della sua superbia considera I suoi datori di lavoro degli emeriti imbecilli .
Se e' vero che abbiamo chi ci meritiamo allora siamo davvero un popolo di beline e di veline.
Bene caro Beppe questa e' la situazione in poche parole ma dai mandiamoli tutti a casa
questi cialtroni o meglio diamo loror 1500 Euro al mese e ci spieghino come arriverebbero
alla fine del mese dato che ritengono tale somma equa per mandare avanti una famiglia.
Parliamo di energia ,ok sono d'accordo con te ma hai fatto un conto di quanto inquinano le auto blu
d

Nicola Samarelli 14.01.06 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Siamo Alla Frutta….
Ai nostri dipendenti non gliene frega niente dell'Italia e tantomeno degli italiani.
Eccoti alcuni esempi :
Presidente della Repubblica : Dice cose sensate perche' talmente ovvie che alle
elementari le scrivevamo come pensierini .
"La pace e' bella " "L'educazione e' importante per il rispetto reciproco" "La famiglia e'
il fondamento della nostra societa'" e pensare che lo paghiamo piu' della regina Elisabetta.
Ha ridotto le spese del Quirinale ma si e' guardato bene da ridursi lo stipendio come pure la
una delle 10.000 pensioni di cui e' titolare.
Appena parla tutti ad applaudire,ma quanto ci costa ogni parola che dice???
Sai cosa gliene frega al pensionato a 500 / 600 E al mese del dialogo della solidarieta' ai
paesi del terzo mondo ,cioe' il nostro.
Presidente del Consiglio
E' la sintesi dell'italiano furbetto,opportunista e venditore di fumo regolarmente comprato a
caro prezzo da una buona parte di italiani.
Opposizione:
Ma dai,mi vien da ridere un'armata brancaleone unita solo dal fatto che vogliono delle poltrone piu'
morbide ,da una parte Prodi DC di vecchia data con annessi e connessi,dall'altra Bertinotti che
va a Capri con un compare di AN ( visto l'estate scorsa).
D'Alema …ma dai non scherziamo lo skipper di Lungo Corso che nella FGC parlava di rivoluzione
proletaria e ora parla di cazzare le vele. Ma alemo si degnasse di smentire qualche cosa.
Dall'alto della sua superbia considera I suoi datori di lavoro degli emeriti imbecilli .
Se e' vero che abbiamo chi ci meritiamo allora siamo davvero un popolo di beline e di veline.
Bene caro Beppe questa e' la situazione in poche parole ma dai mandiamoli tutti a casa
questi cialtroni o meglio diamo loror 1500 Euro al mese e ci spieghino come arriverebbero
alla fine del mese dato che ritengono tale somma equa per mandare avanti una famiglia.
Parliamo di energia ,ok sono d'accordo con te ma hai fatto un conto di quanto inquinano le auto blu

Nicola Samarelli 14.01.06 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Siamo Alla Frutta….
Ai nostri dipendenti non gliene frega niente dell'Italia e tantomeno degli italiani.
Eccoti alcuni esempi :
Presidente della Repubblica : Dice cose sensate perche' talmente ovvie che alle
elementari le scrivevamo come pensierini .
"La pace e' bella " "L'educazione e' importante per il rispetto reciproco" "La famiglia e'
il fondamento della nostra societa'" e pensare che lo paghiamo piu' della regina Elisabetta.
Ha ridotto le spese del Quirinale ma si e' guardato bene da ridursi lo stipendio come pure la
una delle 10.000 pensioni di cui e' titolare.
Appena parla tutti ad applaudire,ma quanto ci costa ogni parola che dice???
Sai cosa gliene frega al pensionato a 500 / 600 E al mese del dialogo della solidarieta' ai
paesi del terzo mondo ,cioe' il nostro.
Presidente del Consiglio
E' la sintesi dell'italiano furbetto,opportunista e venditore di fumo regolarmente comprato a
caro prezzo da una buona parte di italiani.
Opposizione:
Ma dai,mi vien da ridere un'armata brancaleone unita solo dal fatto che vogliono delle poltrone piu'
morbide ,da una parte Prodi DC di vecchia data con annessi e connessi,dall'altra Bertinotti che
va a Capri con un compare di AN ( visto l'estate scorsa).
D'Alema …ma dai non scherziamo lo skipper di Lungo Corso che nella FGC parlava di rivoluzione
proletaria e ora parla di cazzare le vele. Ma alemo si degnasse di smentire qualche cosa.
Dall'alto della sua superbia considera I suoi datori di lavoro degli emeriti imbecilli .
Se e' vero che abbiamo chi ci meritiamo allora siamo davvero un popolo di beline e di veline.
Bene caro Beppe questa e' la situazione in poche parole ma dai mandiamoli tutti a casa
questi cialtroni o meglio diamo loror 1500 Euro al mese e ci spieghino come arriverebbero
alla fine del mese dato che ritengono tale somma equa per mandare avanti una famiglia.
Parliamo di energia ,ok sono d'accordo con te ma hai fatto un conto di quanto inquinano le auto blu

smr.ncl 14.01.06 17:31| 
 |
Rispondi al commento

L'entusiastica adesione dei primi 3 partiti cosa vorrà significare? Forse che i 3 leader faranno proprie le tesi e le proporrano al resto dell'Unione?
Nell'attesa di conoscere il programma della fantomatica "fabbrica del programma" Noi si vada avanti cosi': proposte semplici attuabili e serie. Ma dobbiamo anche promettere ai nostri dipendenti che, se riusciranno a vincere le elezioni, noi saremo ancora qui per verificare che davvero cerchino di far diventare realtà quello a cui hanno aderito.

antonio scafuro 14.01.06 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Risparmiamo energia e la bolletta aumenta. Dividiamo noi l'immondizia e la tassa rifiuti aumenta (maggiorata anche dell'IVA, perchè ora è un servizio). Andiamo di meno in auto e la benzina aumenta. Paghiamo l'IVA sull'IVA nelle bollette del gas. C'è qualcosa che non torna... mi sa che abbiamo preso un circolo vizioso. Sono d'accordo per iniziare la rivoluzione dal nostro piccolo, premiando la qualità, cercando i prezzi migliori, rinunciando al superfluo ed usando l'intelligenza e l'informazione.
Consiglio di visitare il sito http://www.report.rai.it.
Saluti a tutti e coraggio, perché "chi cerca ha già trovato"!

Marco Corino 14.01.06 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Vedo che alcuni partiti aderiscono alle primarie dei cittadini e ho notato che tutti hanno come priorità le cose dette ecc. L'ambiente, i cittadini...ecc.
la cosa mi preoccupa...qualcuno gli avrà detto che il sito di Beppe Grillo fa più di 100000 contatti e quindi hanno trovato uno spazio dove farsi pubblicità.....ho l'impressione che fra poco aderiranno Rutelli, Berlusc, Fini, e altri...attenzione non facciamoci prendere per il cu.. dalle loro parole.
Un saluto al mitico grillo e grazie per il lavoro che fai!

Andrea Giliberto 14.01.06 15:51| 
 |
Rispondi al commento

CHIEDO AGLI AMICI di quell’INETTO PERFIDO NANO di FARLO TACERE se parla ancora di NUCLEARE: ne va della NOSTRA REPUTAZIONE!
Il n°1 de “L’Informatore Agrario” del 6-12 gennaio 2006 da pag. 25 a pag. 45 riporta uno speciale su BIOGAS e altre filiere energetiche legate all’agricoltura.
I punti più belli sono questi:
1. Germania e Austria hanno più di 2500 impianti di biogas alimentati da biomasse agricole
2. in Italia ce ne sono 100 di cui solo 10 ricavano reddito dalla vendita di energia elettrica
3. 73 milioni euro/anno dal 2005 al 2007 per produrre ETBE partendo da bioetanolo, ma per un progetto di ricerca non occorre più tempo?
4. le tonnellate di biodiesel defiscalizzate sono passate da 300.000 del 2005 a 200.000 nel 2006
5. in Italia occorre tanta ricerca per trovare la forma più redditizia tra le tante filiere energetiche e sappiamo tutti quanto è sovvenzionata la ricerca universitaria
6. Francia, Svezia, Finlandia e Germania sono i maggiori produttori di legna per energia, avranno anche tante foreste ma fa anche tanto più freddo che da noi
7. l’Italia produce 273.000 t di biodiesel, la Francia 366.000 t, la Germania 715.000 t
8. se per assurdo destinassimo tutta la superficie agraria destinata a seminativi a colture energetiche, ricaveremmo l’equivalente per sostituire il 60% del petrolio
9. cambiare indirizzo colturale ad un 20-30% è realizzabile!
10. tutti i sottoprodotti e i residui dei diversi processi di estrazione di energia da biomasse sono riutilizzabili in agricoltura!

Emanuele Pierpaoli 14.01.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Di fonti energetiche alternative c'è ne sono a volontà e tutte funzionanti, è necessaria solo la volontà politica ed economica per sviluppare, e portare avanti i progetti.
E questo sarà possibile solo quando ci sarà un cambio di tendenza: "mettere il nostro intelletto al servizio dell'uomo inteso come figlio della terra e non come padrona di essa"

Max Della Torre 14.01.06 14:52| 
 |
Rispondi al commento

I blog sono liberi, tutti possono accedervi e lasciare dei commenti, ma credo sia opportuno che le tue barzellette le vai a scrivere sul sito del Capocomico silvio

Marco Petrosino 14.01.06 14:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è la prima volta che scrivo e quindi mi inserisco nella rete, non senza una certa emozione. Riguardo a questo tema come a quelli che saranno trattati in queste primarie, sono contento dell'adesione di alcuni onorevoli; tuttavia in quanto nostri dipendenti non credo abbiano scelta: in genere è raro incontrare dei datori di lavoro così illuminati che chiedono l'adesione ai propri dipendenti, in merito alle loro scelte; noi probabilmente lo siamo, siamo fin troppo "buoni", fino al punto che troppo spesso passiamo sopra le loro "piccole" malefatte e li perdoniamo come se facessero parte della nostra famiglia piuttosto che della nostra impresa (mi scuso se uso il termine impresa al posto di azienda ma quest'ultimo e le sue declinazioni mi sono divenute insopportabili), nonostante tutto questo però anche il più disponibile dei datori non può dimenticare i suoi obiettivi, per cui se da una parte siamo felici che i nostri dipendenti esprimono il loro parere ed aderiscono, dall'altra devono eseguire; penso quindi che chi inserirà con chiarezza nei propri programmi politici ciò che noi datori chiediamo, verrà premiato e scelto.
E'su questo che dobbiamo puntare, sono convinto che gli onorevoli che hanno aderito siano sinceri, tuttavia abbiamo bisogno di programmi chiari, almeno su questioni fondamentali come questa dell'ambiente; non sono in grado di suggerire con quale strumento si possa realizzare, ma se riuscissimo ad ottenere che almeno un partito o una coalizione si presentassero alle elezioni accogliendo le nostre richieste, inserendole con la massima chiarezza all'interno dei loro programmi politici, credo che allora non solo sapremmo chi assumere ma ritroveremmo una certa vicinanza alla politica, quella sana ovviamente.


P.s.: lo spettacolo è magnifico, a quando il prossimo?

ringrazio per l'attenzione,
cordialmente

Oreste Miglio

Oreste Miglio 14.01.06 12:59| 
 |
Rispondi al commento

ma viene, addirittura, completamente cancellata dalla vita dei figli. Se il termine “matriarcato” non descrive questa situazione, come potremmo allora definire questo mostro di famiglia monogenitoriale originata dal nostro sistema infermo? Siamo di fronte a una curiosa situazione dove una legge “fantoccio” adotta un testo a dir poco ambiguo, che dà e toglie allo stesso tempo e, inesorabilmente, alla fine pretende la scomparsa in vita del padre.
Dopo due anni di riflessioni e di ascolto delle storie più incredibili, mi sono fatto una mia idea. E’ più comodo fare come fanno tutti, il giudice risparmia tempo e si depura da ogni dubbio agendo come tendenzialmente si agisce. Favorire la madre e crocifiggere il padre, questo è il procedimento.
La faziosità di questo sistema emerge anche in quei rari casi dove il padre è l’affidatario. Cambiano i ruoli ma la trama è la stessa, anche in quel caso, infatti, il genitore non affidatario viene

Cosmo de La Fuente 14.01.06 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Io penso che la verità sia dentro ognuno di noi e dentro l'informazione la vera informazione non in quella manipolata e censurata.
Il signor presidente del consiglio in ogni sua apparizione in TV e nei media in generale non dice assolutamente niente solo statistiche e tanti sorrisi che mascherano menzogne e ....mi fermo altrimenti....
E' ora che ci svegliamo e che giudichiamo i nostri governanti in base a quello che realmente fanno e non alle barzellette che raccontano e ai sorrisi che mostrano, è in gioco la nostra democrazia e il futuro di noi e dei nostri figli.
Quello che mi fà più paura è il ripetersi, anche se in forma più lieve di una catastrofe sociale che si chiama ubriacatura da televisione o semplicemente plagio di massa.
In breve sostanza per uscire da questo tunnel dobbiamo dare retta a persone come il sig.Grillo che in ogni sua singola uscita dice cose più sensate in confronto a tutti gli anni di governo Berlusconi.
Facciamoci una nostra idea personale dei fatti documentiamoci e ricordiamo a noi stessi ogni mattina che esiste l'apparenza e i fatti quelli concreti che non sono nè di destra e nè di sinistra neppure di centro ma sono il nostro futuro.
Ciao Cristian da Padova

Cristian Cappon 14.01.06 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa se il mio commento è
apparso più volte, ma ad ogni invio mi si rispondeva che non era possibile pubblicarlo per problemi di server.

Non volevo rubare così tanto spazio.

Scusate ancora.

Achille Lampo 14.01.06 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

sono felice che le tue proposte, finalmente,
vengano raccolte da esponenti politici come Di Pietro e Pecoraro Scanio, anche se costoro hanno il grosso problema, in questo benedetto Paese delle Banane, di essere l'uno un ex-magistrato e l'altro un bisessuale dichiarato.

Se sapranno impegnarsi sui temi in oggetto avranno sempre il sostegno di chi ancora cerca di mantenere una "testa pensante".

Intanto ieri si è coronato l'omaggio di questo "governo" (con rispetto parlando) alla memoria di alcuni italiani come Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giorgio Ambrosoli, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino ecc.; con
l'approvazione della legge sull'inamissibilità del ricorso in appello dei pm in caso di assoluzione degli imputati è una MOSTRUOSITA' voluta dai leccobardi del padrone che, a loro tempo, difesero l'onorabilità di galantuomini come Riina, Bagarella e C.
Per fortuna in questo paese non tutti hanno perso la MEMORIA...e siamo in tanti...

Achille Lampo 14.01.06 11:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,

sono felice che le tue proposte, finalmente,
vengano raccolte da esponenti politici come Di Pietro e Pecoraro Scanio, anche se costoro hanno il grosso problema, in questo benedetto Paese delle Banane, di essere l'uno un ex-magistrato e l'altro un bisessuale dichiarato.

Se sapranno impegnarsi sui temi in oggetto avranno sempre il sostegno di chi ancora cerca di mantenere una "testa pensante".

Intanto ieri si è coronato l'omaggio di questo "governo" (con rispetto parlando) alla memoria di alcuni italiani come Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giorgio Ambrosoli, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino ecc.; con
l'approvazione della legge sull'inamissibilità del ricorso in appello dei pm in caso di assoluzione degli imputati è una MOSTRUOSITA' voluta dai leccobardi del padrone che, a loro tempo, difesero l'onorabilità di galantuomini come Riina, Bagarella e C.
Per fortuna in questo paese non tutti hanno perso la MEMORIA...e siamo in tanti...

Achille Lampo 14.01.06 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

sono felice che le tue proposte, finalmente,
vengano raccolte da esponenti politici come Di Pietro e Pecoraro Scanio, anche se costoro hanno il grosso problema, in questo benedetto Paese delle Banane, di essere l'uno un ex-magistrato e l'altro un bisessuale dichiarato.

Se sapranno impegnarsi sui temi in oggetto avranno sempre il sostegno di chi ancora cerca di mantenere una "testa pensante".

Intanto ieri si è coronato l'omaggio di questo "governo" (con rispetto parlando) alla memoria di alcuni italiani come Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giorgio Ambrosoli, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino ecc.; con
l'approvazione della legge sull'inamissibilità del ricorso in appello dei pm in caso di assoluzione degli imputati è una MOSTRUOSITA' voluta dai leccobardi del padrone che, a loro tempo, difesero l'onorabilità di galantuomini come Riina, Bagarella e C.
Per fortuna in questo paese non tutti hanno perso la MEMORIA...e siamo in tanti...

Achille Lampo 14.01.06 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Rosa nel Pugno.

Caro Beppe Grillo,

ho ricevuto oggi una delle consuete email di Marco Pannella sulle iniziative della Rosa nel Pugno. Ma c'è una novità, in basso, fra i "link utili" spicca beppegrillo.it

E' chiaro che il progetto di riforma dello stato italiano della Rosa nel Pugno non ha speranza se non si prendono le proprie responsabilità persone come Beppe Grillo.

Cordiali saltuti,

Francesco Antoni

Francesco Antoni 14.01.06 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Sono il Vicepresidente del WWF Italia, porterò la tua proposta al prossimo Consiglio nazionale.
Sono stato per 6 anni commissario delegato del Governo per la bonifica dell'ex Acna di Cengio (comeligure se avrai sentito parlare), sono stato vicepresidente del comitato scientifico di supporto al commissario emergenza rifiuti in Campania e insegno legislazione ambientale all'Università di Bologna.
Ti propongo due approfondimenti.
1. Ho avuto modo di vedere da vicino la trasformazione della Protezione civile da strumento di soccorso alle popolazioni a quello di imposizione di scelte progettuali partigiane di forte impatto ambientale (inceneritori, discariche nucleari, etcc.). si potrebbe aprire un capitolo sul tuo blog? ho diverso materiale inviato alle camere dall'associazione.
2. La delega ambientale. E' scioccante. Ti dico solo che viene considerato lecito un livello di inquinamento, che prevede la morte di 600 cittadini. E poi si parla di antiabortismo e di difesa della vita!

Sarò presente al tuo spettacolo del 17 febbraio a Roma.

Ciao,
Stefano Leoni

Leoni Stefano 14.01.06 10:16| 
 |
Rispondi al commento

ho percorso alcune centinaia di metri su un autobus ELETTRICO prodotto dall'ANSALDO che non aveva i fili aerei ma un pattino (e delle batterie). Il binario era fatto in modo che la linea elettrica fosse attivata in ogni istante solo nel tratto coperto dal veicolo stesso. Dissero che lo stavano sperimentando in una città (forse trieste). Io ero all'università (1998)..

Roberto Forlani 14.01.06 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Continuo a sperare che altri come te non abbiano timore a dire quello che non funziona e le speculazioni, oltre agli abusi che ci sono in vari settori dell’industria ai danni della gente, senza che nessuno prenda mai i dovuti indispensabili provvedimenti. L’energia fa parte di quei bisogni irrinunciabili dell’uomo e per questo c’è chi se ne approfitta, ci specula e si guarda bene dal mettere sul mercato energie alternative come quelle dell’energia solare, che è la meno costosa e non inquina l’aria, o quella che si ottiene dall’idrogeno che ha il pregio di essere energia pulita etc. A prescindere, queste sono tutte belle osservazioni indipendentemente da chi le espone, ma dopo, in realtà che cosa si fa? Nulla! Sarà sempre così finché l’uomo antepone i propri interessi a quelli della collettività, altro che storie. L’avvio di un processo di vero cambiamento e di trasformazione globale in favore della collettività è sostanzialmente inesistente! Quello che si dice di volere cambiare in realtà non è altro che fumo unito ad uno “specchietto per le allodole”, si vogliono solo attirare simpatie a destra e a sinistra e poi: una raffica di inerzie e di fregature alternate a non finire.

Giovanna Nigris 14.01.06 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sarà mai alcuna riforma incisiva in favore della collettività, basta guardare persino in che condizioni si deve circolare in automobile in città e non solo, a fronte di scorrettezze, prepotenze di posteggi selvaggi e conseguenti contravvenzioni per divieto di sosta. Quelle contravvenzioni le dovrebbero pagare coloro che sono al governo e che non sanno migliorare la qualità della vita dei cittadini automobilisti. L’energia rientra nell’argomento degli interessi personali di chi sfrutta l’energia per arricchirsi sempre di più, alle spalle del popolo più debole e indifeso. Tu credi, caro Beppe, che qualcuno possa mai pensare agli interessi della collettività mentre è intento a far soldi a palate con il commercio del petrolio? Sappiamo tutti che non lo pensi, con i tuoi eccezionali monologhi artistici hai sempre reso l’idea. L’esperienza di una situazione stagnante come quella causata dal selvaggio commercio del petrolio, andrebbe ricondotta al filone delle nuove forme di impegno sociale nel campo dell’energia e che purtroppo, per quanto ho detto, non se ne vede mai un vero risultato, perché per gli stessi motivi vi sono potenti interessi economici e conseguenti ostruzionismi.

Giovanna Nigris 14.01.06 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Se vogliono migliorare la qualità della vita dovremmo registrare analiticamente le cause alla fonte dello sfascio del tessuto sociale che già esiste, con una sorta di scavo archeologico che può illuminare le menti e dare valore significativo a tutto ciò che nel campo dell’energia non funziona, sia per quanto attiene all’economia, sia per quanto riguarda all’inquinamento atmosferico. Non credo che la soluzione ci arrivi dai parlamentari (italiani ed europei) perché anche essi, unitamente ai consiglieri regionali, provinciali e comunali godono di una sopravvalutazione delle indennità e delle ricompense dello stesso stampo di quelle dei magnati del petrolio (vedi articolo pubblicato da un gruppo di lavoratori foggiani http://www.foggiaweb.it/ultimenotizie/foggiacresce5.htm ). Essi prendono un sacco di soldi e non vanno certo a rompere “le uova nel paniere” a chi si arricchisce con la vendita del petrolio. Deputati e senatori c’è da dire che percepiscono strabilianti stipendi e la divaricazione rispetto ad un lavoratore dipendente è inconfutabilmente molto netta, sino a vedere il reddito medio del parlamentare una decina di volte superiore. Inoltre come se non bastasse vi sono una lunga serie di benefit auto-assegnati da fare rivoltare nella tomba i nostri antenati che con estremi sacrifici hanno fatto l’Italia unita.

Giovanna Nigris 14.01.06 09:40| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/28.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Primarie dei cittadini: energia:

» Energia nucleare: L'anima nera dell'impero da freedomofword
Al convegno "L'anima dell'Impero" di Rimini,sul tema degli orizzonti del petrolio,mentre il resto dell'Europa guarda al rinnovabile,l'Itala ancora si interroga sul nucleare... [Leggi]

08.01.06 17:07

» Ancora su Grillo da frodoitaly
Ancora su Grillo [Leggi]

08.01.06 17:54

» L'approvvigionamento energetico in Italia da Sostenibile
Il 2006 è iniziato e la recente crisi del gas tra Russia e Ucraina ha riportato in primo piano la questione energetica, un tema che sporadicamente torna d'attualità in coincidenza con una qualche crisi per poi sparire altrettanto improvvisamente dal [Leggi]

08.01.06 22:44

» Un Blog Comico-Politico da Camaleonte's Blog
[Leggi]

08.01.06 23:05

» L'energia secondo Grillo da Briblo
La politica non ha più idee o Grillo è ben informato? [Leggi]

16.01.06 21:32

» Primarie dei Cittadini: sorgenti aperti da P. S. :
Presentazione della pagina wiki sulle richieste programmatiche per il prossimo punto delle primarie dei cittadini: il software a sorgente aperto ... [Leggi]

19.01.06 10:44

» Crisi energetica? da Tizio & Caio
In molti hanno notato che il fatto che dalla Russia di Vladimir Putin arrivi meno gas è la foglia di fico per coprire le incapacità di aziende nazionali e governo a gestire il problema energetico in Italia. Per esempio il 9 febbraio 2006 Gazprom... [Leggi]

22.02.06 12:27

» Beppe Grillo consegna al dipendente Prodi il programma delle Primarie da La Stella del Mattino
Finalmente le cose vanno nel verso in cui dovrebbero sempre andare, ovvero la gente dice ai propri governanti che cosa devono fare e come vogliono che siano fatte. Alle 12 di ieri Beppe Grillo si e’ presentato a Palazzo Chigi per consegnare al d... [Leggi]

09.06.06 19:03

» Rinnovabili: una grande opportunità da Energy is life
Efficienza del sistema energetico e sviluppo di nuove tecnologie sono le fondamenta per lo sviluppo di una economia che garantisca uno sviluppo sostenibile. Questo è quanto emerge dal rapporto “Complessità & Sviluppo 2006″ pubblicato ... [Leggi]

14.12.07 11:33