Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Primi in Europa per l'amianto


rimozione amianto.jpg

Forse non tutti sanno che il comune di Paese in provincia di Treviso ospita la più grande discarica d’amianto d’Europa. Lo smaltimento dell’amianto ha un costo superiore a 50 milioni di euro all’anno.

La discarica è stata autorizzata nel 2004 dalla provincia di Treviso senza la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) nonostante sia obbligatoria per tutte le nuove discariche e per i rinnovi di quelle vecchie.
La discarica ha una capacità di 460.000 metri cubi d’amianto e si trova a poche centinaia di metri da centri abitati.

Le fibre di amianto sono quasi invisibili, così sottili che ce ne vogliono 335.000 per fare il diametro di un capello, e causano il mesotelioma pleurico, altrimenti detto cancro ai polmoni.
L’incubazione può durare fino a 40 anni e il picco della mortalità è previsto tra il 2013 e il 2015.

Vista la situazione senza speranza della provincia di Treviso ne approfitterei per costruirvi qualche inceneritore e una discarica di scorie nucleari. Ovviamente senza la valutazione di impatto ambientale, come da tradizione locale.

Per gli altri cittadini un consiglio: se il vostro vicino ha un tetto d’amianto sul garage non denunciatelo.
Se lo fate, oltre a inalare polveri sottili all’atto della rimozione, le farete inalare a tutta l’Italia direttamente dal Tir diretto a Treviso.

1 Feb 2006, 19:22 | Scrivi | Commenti (1348) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Io sono Harry Grazia da New York, Stati Uniti d'America non riesco a smettere di ringraziare DR Worrior Africa per questa grande cosa che ha fatto nella mia vita, io sono molto grato a lui, stavo soffrendo da virus HIV per 11 anni, quando ho contattato DR Worrior Africa dopo aver letto la meravigliosa testimonianza che la gente ha condiviso su di lui.
Ho di essere sul farmaco e cercando in cerca di cura alla mia malattia. Sono andato attraverso i medici internet e ho contattato un Tradomedical / medico tradizionale chiamato, il dottor Worrior Africa per aiuto. Lui mi ha dato tutte le sue regole e regolamenti, che se mi guarì che avrei dovuto scrivere su di lui sul sito internet e che è quello che sto facendo ora. Mi assicuro che mi curerà con la sua medicina a base di erbe che ha veramente fatto, e sto ora completamente guarito dal virus HIV. Cosa dirò piuttosto che ringraziarlo per avermi salvato. Perché soffrire in silenzio quando c'è rimedio per la tua diseases.Dr.Worrior Africa anche specializzati nel curare la seguente malattia:
* HIV / Aids
* Insufficienza renale
* Artrite
* diabete
* Ipertensione
* Corsa
* Obesità
* Infertilità / impotenza
* Cancro
* Problema Eye
* Problema di pelle
* Fibroma Tumore
* Ulcera
* Problema prostata
* Asma
* Gestione del peso
* Gonorrea / Staphylococcus
* Candidie
* Sperma basso può
* Erezione debole
* Eiaculazione debole
* Pile
* elefantiasi
* Infezione della pelle
* Paralisi e.t.c
Per maggiori informazioni contattare Dr.Worrior Africa via e-mail: (drworriorafrica@gmail.com)

HARRY GRACE 11.09.14 03:23| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti, vorrei precisare che quando le lastre in amianto vengono rimosse sono state "spruzzate" con apposito incapsulante e quindi non disperdono fibre. Poi guardiamoci attorno .... siamo circondati di amianto ed eternit, quando piove, tira vento o grandina ... cosa respiriamo???? Secondo il mio modesto parere dovremmo smaltirlo tutti! Anzi dovrebbero esserci più discariche autorizzate per evitare che qualche "furbetto" (e ce ne sono tanti) lo sotterrino senza trattamento. Forza Grillo.

Rita 10.04.13 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, io vorrei sapere quali sono le discariche autorizzate per l'amianto in Italia...insomma se esiste una lista di tali discariche.
Grazie

Luigi Paglia 20.11.08 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Sig. Grillo
ricercavo nella rete notizie su come smaltire l'amianto e ho trovato il suo blog.
Mi permetto di scrivere qui, perchè nsvigando non sono riuscita a chiarirmi le idee e spero che qualche lettore possa aiutarmi a riguardo.
Ho un capannone in campagna il cui tetto è in eternit a pannelli ondulati, stavo considerando l'ipotesi di rimuoverlo perchè sono venuta a conoscenza della pericolosità del materiale. Ho fatto una piccola ricerca poichè mi è stato detto che può essere rimosso solo da ditte specializzate che ovviamente hanno dei costi. Ho letto anche della possibilità del "fai da te" per la rimozione con determinate procedure, ma poi è comunque previsto il ritiro da parte di ditte per il trasporto nelle discariche.
Ora, io non posso permettermi spese quindi pensavo di lasciarlo dov'è, ma mi sono un pò messa paura per tutte le cose che ho sentito e vorrei toglierlo, anche perchè è situato in un luogo praticato e non so fino a che punto è realmente dannoso.
Che lei sappia esiste qualche agevolazione, incentivo per la rimozione da parte di privati? dove posso recuperare informazioni? e soprattutto se non ho la possibilità economica di rimuoverlo sono comunque destinata a tenermelo?


elisa betta () Commentatore certificato 28.03.08 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Dopo quasi nove mesi ben due ospedali e non so quanti medici, a mio padre non è stata ancora fatta una diagnosi certa e di conseguenza ogni "cura" è di fatto impossibile. Tralascio tutto quello che abbiamo passato e stiamo ancora vivendo e chiedo l' aiuto di chiunque possa indirizzarmi verso un CENTRO SPECIALIZZATO IN MESOTELIOMA PLEURICO ovunque in Italia. Perchè purtroppo il tempo passa velocemente e mio padre sta sempre peggio.. Grazie

Romina Morelli 22.05.07 09:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggende l'articolo riguardo l'amianto o asbesto, mi sono informato più approfonditamente chiedendo a un esperto della asl con cui collaboro, ho scoperto che anche Germania e Francia hanno dei siti di stoccaggio del pericolosissimo materiale, i primi utilizzano vecchie miniere di salgemma i secondi "inattivano" le microfibrille (che sono causa di mesoentelioma) per mezzo di un lavorazione ad altissima temperatura.....
Francesi e i Tedeschi prendono amianto da tutta Europa (compresa l'Italia) trasformandolo in una risorsa.....noi cosa facciamo? lo sotterriamo! sperando che non affiori e spolveri :(
Cmq vorrei fare notare che le Fibre ceramiche , utilizzate al posto dell'amianto per le caratteristiche di resistenza al calore e agli acidi, hanno le medesime potenzialità distruttive (anche se gli studi epidemiologici non l'hanno ancora dimostrato) poichè hanno le stesse caratteristiche strutturali (microfibrille), quindi prepariamoci a sentirne parlare tra una cinquantina d' anni.....
ciao a tutti e grazie a Beppe Grillo x questo spazio

christian villadei 10.04.07 11:10| 
 |
Rispondi al commento

sul blog dei Grilli dell'Etna, amici di Beppe Grillo di Catania, trovate nella sezione files l'inchiesta sul ritrovamento dei treni all'amianto a Catania. Il file contiene la pagina 16 del QUOTIDIANO DI SICILIA del 6 marzo 2007.
Saluti
Antonio

antonio Condorelli Commentatore certificato 06.03.07 19:50| 
 |
Rispondi al commento

Sul tema Amianto vorrei aggiungere la mia esperienza.
Io sono Luciana, vivo a Parma da sempre, ho 37 anni, sono sposata e ho due figlie, Marta di 6 anni ed Anita di tre anni che da quest'anno frequenta il primo anno della Scuola Materna Archimede, Scuola posta di fronte ad una delle vetrerie che hanno segnato la storia di Parma, la Vetreria Bormioli Rocco che da più di un anno a visto la cessazione dell'attività con traversie varie sulla destinazione della zona.
In data 27 novembre vengo avvertita da mio padre (ex lavoratore Bormioli Rocco per 23 anni dal 1966 al 1989) che in occasione di un incontro rievocativo sulla fabbrica (vorrebbero creare un Museo dedicato all'attività) è venuto a sapere che nella fabbrica erano iniziati i lavori di smaltimento e il gip ha bloccato il tutto perchè udite....udite chiaramente lì dentro c'è pieno di amianto (come del resto in altre aree industriali, ma come ben sappiamo in una vetreria la presenza non è solo nelle coperture, ma anche nelle coinbentazioni dei forni di cottura del vetro.
Della vicenda ciò che più sconvolge è venire a scoprire che il tutto è partito da una segnalazione partita dalle maestre della nostra Scuola Materna ( che chiaramente si sono ben guardate dal parlarne con i genitori...e questo te la dice lunga sul clima a cui tali persone sono sottoposte), come si legge nell'articolo di PolisQuotidiano del 23 /11/06 a cui ne sono seguiti altri.
I contorni di questa vicenda sono tragici, il Comune rimpalla la responsabilità alla Provincia che ha già dichiarato per iscritto che dei rischi di presenza amianto nell'Area, il Comune ne era stato avvertito già da maggio, sta di fatto che pur essendo censita da ARPA come seconda area per maggior presenza di amianto nella provincia di Parma, questi signori hanno presentato la DIA a giugno e ad ottobre una semplice ditta di rottamazione ha iniziato i lavori ruspando un forno in presenza di amianto esponendo sè stessi e tutti (ma specie i nostri bambini)ai noti effetti.

Luciana B. Commentatore certificato 22.01.07 00:57| 
 |
Rispondi al commento

"Raccolta adesioni"

http://www.cristianadistefano.com/forum/index.php#15


La speranza è sempre l'ultima a morire e spero che "qualcuno che possa aiutarci concretamente" a realizzare questo progetto, entri nel forum, legga questo post e contribuisca al radicale cambiamento nel sistema obsoleto diagnostico sanitario in Italia.

Quante vite si potrebbero salvare?
Quanti disabili e malati cronici in meno?
Quanta più forza lavoro e popolazione attiva che verserebbe contributi invece di usufruire continuamente di servizi sanitari e pensionistici?
Quante volte a causa di diagnosi sbagliate, c'imbottiscono di farmaci killer ed assistiamo ad episodi di malasanità ospedaliera?
Questi sono fenomeni giornalieri

Tanti mi hanno detto di lasciar perdere fin da quando Drake mi ha creato il sito perché non serve a nulla, altri mi hanno ricordato che spesso chi di speranza vive, disperato muore, altri mi hanno hackerato il sito ed abbiamo dovuto ricostruirlo ...

Però credo nella forza del passa parola della gente comune, nella forza del partire dal basso a fare le richieste alla gente che davvero capisce i reali pericoli e pensa più alla salute che al portafogli. Tutti insieme siamo un esercito e non potranno rifiutarsi di accogliere le nostre richieste!

Mi affido alle persone semplici come me, sono certa che non mi deluderanno e mi aiuteranno, secondo le loro capacità e necessità, a chiedere anche loro a tutti i medici, in ogni ospedale italiano (basta con i laboratori a pagamento, non convenzionati e spesso all'estero!), quando ne avranno bisogno analisi e test tossicologici, vaccini non al mercurio, terapie naturali quando possono essere sostituite a farmaci tossici e pieni di effetti collaterali, ecc., ecc., perché:

"Solo l'informazione potrà salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"


Il 4 luglio scorso mio padre è morto per mesotelioma pleurico.
Mio padre era un ex ferroviere e ha lavorato per 33 anni negli impianti elettrici come elettrotecnico.
Lavorava su turni di 24 ore e per 10 anni scendeva nella "blindata", una stanza 3 piani sotto terra e ha fine turno gli davano mezzo litro di latte da bere.
Ho chiesto a RFI il curriculum lavorativo per avere i benefici previsti per legge.
Dopo ben 14 mesi (a decesso avvenuto) si sono degnati di inviarlo.
Sapete cosa c'è scritto? Che mio padre non è stato esposto all'amianto.

Mi sto avvalendo del patronato INCA - CGIL per aprire una vertenza e probabilmente anche una causa civile.

Ho deciso di non mollare anche a costo di incaternarmi davanti al ministero dei trasporti.

LO DEVO A MIO PADRE CHE MI HA DATO LA VITA E HA LAVORATO PER CRESCERMI E HA PAGATO PER QUESTO CON LA SUA VITA.

susanna di folco 25.09.06 11:03| 
 |
Rispondi al commento

le mie sono montagne piene di amianto...vi parlo da un paese, Sirignano, in provincia di Avellino(campania)...è aumentata la percentuale di malati di cancro in queste zone...si è sritto al ministro dell'ambiente a cui pare non interessi granchè.
Livia

livia colucci 21.09.06 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Mi capita spesso di leggere notizie di bambini aggrediti da cani di grossa taglia, soprattutto rottweiler e pit bull, l'ultima notizia è di oggi pomeriggio (4 settembre 2006) da Udine. Io sono padre di 4 bambini e spesso mi sono trovato in situazioni difficili mentre ero a passeggio, perchè molte persone conducono i propri cani senza guinzaglio. Spesso ho dovuto discutere con i proprietari di cani enormi, gli stessi di cuileggo nelle cronache le aggressioni. Tutti i proprietari rispondono generlamente che il loro cane, a cui mancherebbe solo la parola, non farebbe male a una mosca. Ma poi le piccole vittime delle aggressioni, alle quali spesso non basta un intervento chirurgico per ricostruire i tessuti del viso (già perchè questi animali azzannano soprattutto al volto) per riconquistare una vita serena, sono proprio i loro figli o nipoti, come nel caso di oggi. Ma quando la smetteranno di allevare questi squali a quattro zampe?! Molti pensano che avere un cane feroce in casa possa proteggerli dai delinquenti, ma invece non serve certo un professionista del crimine per neutralizzare un cane. A differenza dei delinquenti, invece, i bambini non sono in grado di difendersi da questi animali, che da teneri agnellini (quando sono cuccioli sono anche carini) si trasformano in implacabili LUPI !
So che a Venezia il Sindaco CACCIARI aveva emanato un'ordinanza di salute pubblica che ne impedisce la riproduzione. Forse è ora di trasformarla in una legge nazionale. Avere in casa o in giardino un cane potenzialmente pericoloso è come mettere in mano a un bambino una pistola carica. Allora le cose sono due: o lo disarmiamo oppure insegniamo al bambino a sparare a quel cretino che gliel'ha messa in mano!

damiano iurilli 04.09.06 20:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro signor Grillo,
è GRAZIE alla sperimentazione sugli animali che i ricercatori, con intenso lavoro, possono scoprire nuovi farmaci per bloccare patologie gravissime e senza altra strada alternativa.
ne approfitto comunque per farle i complimenti per il suo recente spettacolo teatrale che per altro ho apprezzato molto.

Mara Zippoli 04.09.06 00:27| 
 |
Rispondi al commento

nel 2001-2 ho perso mio padre a causa dell' amianto in seguito al suo mestiere di direttore di macchina sulle navi petrolifere. tutt' oggi siamo in causa con lo stato italiano per il risarcimento mediante pensione. ma non è questo che ci interessa, quanto l' ingiustizia che tante altre persone subiscono e che non trova riscontro in un colpevole perchè nascondendosi dietro cavilli giuridici hanno il potere di spezzare delle vite umane sensa prendere nessuna precauzione rispetto ad esse e sopratutto sensa subirne conseguensa alcuna.purtroppo mio padre non me lo restituira nessuno ma è questo senso di impotenza che mi tormenta e mi domando come in una societa civile possa continuare ad esserci delle non risposte su una cosa cosi importante come la vita!!!un solidale abbraccio va alle famiglie che come la mia che vivono la stessa o simile situazione.
p.s. beppe credo che se la tua voce e la tua presenza materiale giungiesse agli alti piani della politica, dove potresti concretamente rendere giustizia ai diritti umani noi tutti ci sentiremmo finalmente esseri umani, perchè ora siamo trattati alla stregua di cavie da laboratorio, da individui poco intelligenti per il solo fatto che non comprendono che nei loro gesti volti a profitti personali minano anche la loro incolumità oltre a quella degli altri o dei nostri figli, i figli di un futuro malato da un virus che noi oggi inseriamo nei loro destini.
beppe ti voglio bene con il cuore

paolo vanagolli 21.08.06 10:39| 
 |
Rispondi al commento

sono un figlio di una vittima dell'amianto delle navi della marina militare.
mio padre ha lavorato per 35 anni come militare per la marina italiana e quando aveva raggiunto finalmente la tanto aspettata penzione, con l'intento di dedicare piu' tempo a noi figli e alla sua piccola nipotina, un mesotelioma pleurico gli ha tolto tutti i suoi sogni, tutte le sue ambizioni, facendogli vivere 2 anni di agonia e strazio.
mio padre e' morto 3 mesi fa' e noi tramite un'associazione stiamo cercando di farci sentire e chiedere i danni alla marina per la grave perdita che ci ha raggiunto e per tutto quello che ha patito mio padre durante la sua malattia.
ora vorrei chiedere a voi cosa posso fare per dare anch'io la mia testimonianza, dell'ingratitudine che la marina italiana ha nei confronti di queste persone che hanno servito la patria per tanto tempo e non vengono presi in considerazione i loro sacrifici.
grazie e spero in una vostra risposta
a presto
FRANCESCO LOTTI
BRINDISI

LOTTI FRANCESCO 03.08.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei solo puntualizzare che il mesotelioma pleurico non è un "cancro dei polmoni".
Per fare chiarezza:
Le fibre di amianto(detto anche Asbesto)sono causa a distanza di uno-due decenni nella stragrande maggioranza dei casi di carcinoma polmonare, ed in una piccola percentuale di mesotelioma pleurico. Il motivo per cui si sente sempre parlare del mesotelioma pleurico è che è rarissimo, quindi se
su duecento operai venti (che è un valore enorme ,pazzesco per una patologia rarissima) si ammalano di mesotelioma è ragionevole affermare che la causa sia l'asbesto.
mentre è impossibile fare lo stesso discorso per tutti quelli che ammalano di carcinoma polmonare perchè è il tumore maligno più comune nell'uomo quindi in questo caso le cause possono essere tantissime.
la questione è di carattere medico-legale e non di
ricerca del rapporto causa effetto. In realtà quando leggete che in una popolazione sono morte dieci persone di mesotelioma dovuto all'asbesto dovete considerare che un numero molto maggiore è morta di carcinoma polmonare dovuto sempre all'asbesto solo che per queste non è possibile dimostrare che la causa sia proprio quella. Spero di essere stato chiaro.

francesco di chiara 29.06.06 00:05| 
 |
Rispondi al commento

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO:

IN QUESTO BLOG SI PARLA DI TUTTO, TRANNE DELLA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO.E' IMPORTANTE.CI SONO 1400 MORTI CIRCA L'ANNO PER INFORTUNI SUL LAVORO.1 MILIONE CIRCA DI INFORTUNI SUL LAVORO.qUESTI SONO DATI DEL 2004, PERCHè L'INAIL NON HA ANCORA STAMPATO IL RAPPORTO ANNUALE 2005(LO STAMPERà A INIZIO LUGLIO).
POSSIBILE CHE BEPPE GRILLO NON APRà UN POST SU UN ARGOMENTO(LA SICUREZZA SUL LAVORO) COSì IMPORTANTE.IO DAVVERO NON CAPISCO.
SIAMO SEMPRE ALLE SOLITE, CI SE NE RICORDA SOLO DAVANTI AD UN INFORTUNIO GRAVE O MORTALE(è L'AMARA VERITà).
A FARE INFORMAZIONE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO SU QUESTO BLOG, MI SEMBRA DI PARLARE AL VENTO(NESSUNO MI ASCOLTA).
SAREBBE BELLO APRIRE UNA DISCUSSIONE SU QUEST'ARGOMENTO.PURTROPPO I VISITATORI DI QUESTO BLOG NON SEMBRANO INTERESSATI.
SALUTI.
MARCO BAZZONI.
EMAIL: m.bazzoni@tele2.it

P.S SPERO CHE QUALCHE RLS, RSU O UN QUALSIASI LAVORATORE MI RISPONDA O MEGLIO ANCORA CHE LO FACCIA BEPPE GRILLO.


Marco Bazzoni Commentatore in marcia al V2day 17.06.06 01:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe, se ti capita di venire in vacanza nel Salento... visita il mio sito http://www.comminvest2001.it

Lucia

lucia musio 15.06.06 09:18| 
 |
Rispondi al commento

La psicosi del brodo di cappone

Di Michele Serra

Più  o  meno  ogni  giorno,  da mesi, gli esperti ci spiegano che ci si può
ammalare  di  aviaria  solo  attraverso  il contatto diretto con un uccello
migratore  ammalato.  Sono  stati  individuati  cinque  modi principali per
contrarre il virus:
1.    Leccare un cigno morto
2.    Andare appositamente in Asia e voltolarsi nudi nella cacca di pollo
per almeno un'ora
3.    Inghiottire al volo un tordo crudo
4.    Pulire con la lingua un cornicione imbrattato dai piccioni
5.    Limonare con un barbagianni.

In  Asia  il  virus  è endemico tra gli uccelli di ogni tipo da una diecina
d'anni, ma sono morte solo poche decine di persone, in condizioni igieniche
pessime e tutte a causa di uno dei comportamenti sopra descritti.

Statisticamente,  è  molto più facile morire per un incidente domestico che
per  l'aviaria:  ciononostante la gente crede che una casa senza crocchette
di  pollo  e  con  la  canna fumaria intoppata sia un luogo protetto. E che
tenere  in  giardino  due  rottweiler  nevropatici sia molto più sicuro che
avere una gallina.

È  in  questo  clima  che  in Italia dilaga la psicosi del pollo assassino.
Milioni  di  consumatori  sono  convinti  che i petti di pollo, il brodo di
cappone  e  le  uova  sode  uccidano all'istante non solo chi li mangia, ma
anche  chi  li  nomina.  Questa  pollofobia  non  ha  alcun interesse per i
virologi, ma appassiona gli studiosi di psicologia di massa.

La  domanda che è alla base di questa disciplina venne formulata, alla fine
dell'Ottocento,  dal medico tedesco Otto Trauber, nel suo famoso saggio 'Ma
la  gente, è cretina?'. Trauber aveva studiato a lungo la credenza popolare
secondo  la quale, se una donna con le mestruazioni tocca una pianta, la fa
appassire.  Fece  un esperimento: chiese a cento donne mestruate di toccare
un  mazzo  di  fiori.  Il  mazzo,  ovviamente, non appassì, ma la centesima
donna, un'obesa di Düsseldorf, incia

Oleana Cappella 08.03.06 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

123

lorenzo succo 06.03.06 02:34| 
 |
Rispondi al commento

Non só se dovrei ridere o piangere. Penso che se gli operai vanno in maschera come nella foto, tutte le precauzioni sono state prese per il trasporto e la discarica. Sembri esserti documentato sugli effetti possibili nel caso che...Ma se per l'aids basta un preservativo perché qua le precauzioni prese non basterebbero?
Sembri pieno di buon senso quando fai ridere ma perdi il credito quando vuoi fare il serio. Nessuno qua andrà sul posto a controllare se cé un rischio o nó e del resto non l'hai fatto neanche tu ma molti, impauriti, ossessionati, grideranno che é uno scandalo e ti ringrazieranno di aver loro fatto paura:-) Poi racconterai una barzelletta e tutto ritornerà come prima:-) Buh!

sommarti jaio 05.03.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Vado fuori tema !!!!! Vorrei sapere se è vero che potresti partecipare al Festival di Sanremo sabato sera ???? Sarebbe fantastico. ACCETTA ACCETTA ACCETTA

Alberto Lorusso 03.03.06 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti!
Volevo rispondere a Stefano. Mi dispiace tanto per tuo cugino, anche se non vi conosco. La situazione del vs paese mi sta molto a cuore e ho iniziato a conoscerla molto meglio poco più di un anno fa, quando una bella mattina di fine estate, hanno posto sotto sequestro la ditta che affianco alla mia abitazione produce sabbia, ghiaia, ecc.Motivo! Bèh, nella roccia che macinava con il benestare di vari enti locali c'erano livelli di amianto alti e ti dirò di più, nelle montagne di fanghi che derivavano da questa lavorazione, posti su un laghetto artificiale adiacente ad abitazioni e terreni regolarmente coltivati, alcuni con metodi biologici, hanno trovato concentrazioni di amianto anche 5-10 volte superiore ai limiti di legge. Pensare che dati gli ottimi rapporti da sempre avuti con i proprietari e la zona che è adiacente al letto del fiume Magra, in piena zona parco naturale, alcuni bambini del nostro piccolo paesino, ci andavano persino a giocare sopra, per non parlare delle tante persone che ci praticavano jogging o muontain-bike. Ma non è tutto, queste polveri micidiali hanno raggiunto in quantità variabili la maggior parte delle abitazioni circostanti, si sono impastate con i terreni limitrofi. La beffa più grande, la nostra magistratura sembra non riuscire a risolvere la situazione, abbiamo persino il magistrato della sezione ambiente che se ne è interessato e che ha scoperto questa criticità ambientale, che è stato indagato, in relazione a questo caso, per incompatibilità ambientale:forse verrà trasferito. Per questo vi sono nel cuore e capisco la vostra situazione. Purtroppo, da quel maledetto giorno,anche da giovane mamma, non riesco a pensare ad altro che alle brutte conseguenze relative all'esposizione ad amianto. Come me molti altri miei concittadini, mamme e papà che hanno fatto enormi sacrifici per realizzare un'oasi felice per la propria famiglia in una zona del famoso parco naturale Montemarcello-Magra.
Per questo dico: basta amianto!

barbara fidanza 02.03.06 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buonasera a tutti, avete mai sentito parlare della teoria della Nuova Medicina? E' interessantissima, mi sento di sposarla in pieno ma mi rendo conto che è difficile farla accettare alle persone comuni. Considerate che il fautore di tutto è stato appena liberato dal carcere dove è stato inchiusoper anni pur di impedirgli di esercitare le sue teorie. Ha scoperto tutto sui TUMORI!!!!! ma sopratutto la cura che consiglia (testata con successo) non va molto giù alle multinazionali farmaceutiche...ragazzi INFORMATEVI!!!!! Questo è il link:
http://www.disinformazione.it/legge%20ferrea.htm

fatemi sapere...

Damiano Giagnoni 01.03.06 23:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
sono una ragazza di 25 anni da qualche anno vivo a modena per lavoro, ma sono della provincia di napoli...volevo farti i complimenti per lo spettacolo di ieri sera al Palapanini di Modena, sei un grande!!!
Con il mio messaggio volevo dire sono una cosa a tutta la comunità: BASTA CON I REALITY SHOW!!!! ragazzi, non se ne può più, non è possibile continuare a pagare il canone rai e vedere quasta MERDA..basta ai vari ER MUTANDA..la gente ha voglia di tv (quando riesce a gurdarla!!!) di qualità..
ciao

simona sistenti 01.03.06 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Ci fanno morire (anche) di tumore e cosa fanno i nostri corregionali veneti? Continuano a votare la destra. Chi è causa del suo mal pianga sè stesso!

Franco Onorato 01.03.06 05:59| 
 |
Rispondi al commento

Volevo portare a conoscenza dell'esistenza di una pianta dal nome Stevia, originaria del Paraguay, dolcificante naturale, fino a 300 volte superiore allo zucchero, a zero calorie, che non alza i livelli di glucosio nel sangue e quindi i diabetici potrebbero consumarla senza alcun problema e gli obesi ne trarrebbero enorme beneficio, che non è cariogena ecc.. Usata ormai da diversi paesi tra cui il Giappone, l'utilizzo di questa pianta a scopo dolcificante è vietato in Europa e negli Stati Uniti. Per saperne di più inserisco questo sito:

http://www.xmx.it/stevia.htm

vale la pena leggerlo!!!

Isabella Martoni 28.02.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Volevo portare a conoscenza dell'esistenza di una pianta dal nome Stevia, originaria del Paraguay, dolcificante naturale, fino a 300 volte superiore allo zucchero, a zero calorie, che non alza i livelli di glucosio nel sangue e quindi i diabetici potrebbero consumarla senza alcun problema e gli obesi ne trarrebbero enorme beneficio, che non è cariogena ecc.. Usata ormai da diversi paesi tra cui il Giappone, l'utilizzo di questa pianta a scopo dolcificante è vietato in Europa e negli Stati Uniti. Per saperne di più inserisco questo sito:

http://www.xmx.it/stevia.htm

vale la pena leggerlo!!!

Isabella Martoni 28.02.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Volevo portare a conoscenza dell'esistenza di una pianta dal nome Stevia, originaria del Paraguay, dolcificante naturale, fino a 300 volte superiore allo zucchero, a zero calorie, che non alza i livelli di glucosio nel sangue e quindi i diabetici potrebbero consumarla senza alcun problema e gli obesi ne trarrebbero enorme beneficio, che non è cariogena ecc.. Usata ormai da diversi paesi tra cui il Giappone, l'utilizzo di questa pianta a scopo dolcificante è vietato in Europa e negli Stati Uniti. Per saperne di più inserisco questo sito:

http://www.xmx.it/stevia.htm

vale la pena leggerlo!!!

Isabella Martoni 28.02.06 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Sono semplicemente sgomento, molti mi dicono che non ho "lo spirito olimpico"...beh amici che hanno appena lavorato per Torino 2006 mi hanno raccontato della "mangeria evidente" che c'è stata...mi preoccupa quella invisibile...tutto quello che è finito "inghippato" - e tutto il denaro che non è finito alla ricerca - un mio zio è all'ospedale con un tumore che se lo sta mangiando giorno per giorno, le corsie sono piene di gente divorata da tumori e noi andiamo a sperperare migliaia di miliardi in piroette sul ghiaccio e slittini - per quanto tempo ancora dovremo sacrificare vite unìmane per piegarci agli "interessi superiori" tra cui quelli delle case farmaceutiche ? quando finirà il business tumori ? sono schifato, la gente muore in atroci sofferenze e noi buttiamo palate di soldi (CHE NON FINISCONO IN RICERCA) in progetti assurdi ed incomprensibili quali tav, ponte sullo stretto o, la recente Torino 2006. già solo quella fiamma olimpica è stata l'emblema dello spreco, quei bruciatori (in un momento in cui si raccomanda il risparmio energetico) inneggiavano lo sperpero di denaro pubblico (anche se ci dicono che hanno pagato gli sponsor...che poi li paghiamo NOI ...gli sponsor..!!)... dico evviva le olimpiadi ma prima la salute...svuotiamo prima gli ospedali, riusciremo a riempire gli stadi ! o forse siamo troppi al mondo e serve un qualcosa che faccia un pò di selezione ??! boh sono perplesso.

Ermanno Peyrone 28.02.06 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Uff ... :(
ma non vi viene la voglia di emigrare?
Io me ne andrei, magari in Nuova Zelanda, che non solo è agli antipodi dell'Italia, e quindi più lontano possibile da Berlusconi, ma anche la nazione più rispettosa dell'ambiente, per ora, del pianeta.
Aspetto le prossime elezioni e poi decido.

Alberto Olivucci 26.02.06 23:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ti ho già scritto una mail per raccontarti la mia vicenda lavorativa, ora scrivo per tutti e per chi lavora nel sociale e ci crede.Da 4 anni lavoro in un centro diurno psichiatrico della città di Faenza. Svolgo mansione di operatore socio riabilitativo.Faccio un part time e guadagno scarse 600 euro mensili.Da maggio 2004 il centro diurno è gestito dal servizio di igiene mentale della città, io e le mie colleghe siamo state "prestate" dalla cooperativa al servizio.Da circa un mese il direttore generale del servizio della provincia di Ravenna ha indetto un concorso solo per persone aventi titolo di educatore professionanale da impiegare al diurno.Io e le mie colleghe sebbene laureate e con una valida esperienza non possiamo partecipare.Fra due giorni noi non lavoreremo più al diurno e la cooperativa di cui siamo dipendenti a tempo indeterminato non ci vuole riassorbire, adducendo come motivazione la mancanza di posti, notizia falsa perchè il lavoro ci sarebbe ma i giochi di potere all'interno sono oscuri e misteriosi...Siamo seguite in questa vicenda da un sindacalista della CGL ma le prospettive non sono rosee.Il disagio dell'utenza a causa dei cambiamenti non è stato considerato dal direttore generale.Saluti

angela pisapia 26.02.06 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Il mese scorso è mancato mio cugino, un uomo sportivo pieno di energia e di voglia di vivere, sopraffatto in poco tempo dal mesotelioma. Abitava a Casale Monferrato ma non aveva mai lavorato alla famigerata Eternit. Al suo funerale durante l'omelia, il sacerdote ha denunciato che negli ultimi due anni, da quando è diventato parroco, continua a celebrare funerali di vittime innocenti della fabbrica della morte, nonostante questa sia stata chiusa da almeno vent'anni.

nano stefano 26.02.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao a tutti.
io nel '78 avevo 16 anni quando ho iniziato a lavorare in una grande fabbrica di sesto s. giovanni(MI) dopo meno 10 anni le persone che lavoravano nel reparto accanto al mio iniziavano a morire di tumore fino a scomparire quasi tutti ne è rimasto solo uno.

Ricordo che l'azienda dava ogni giorno 1/2 litro di latte( doveva depurare ) alle persone a contatto con l'amianto. dopo anni si è scoperto che il latte faceva aumentare l'assorbinemto delle fibre...
successivamente sono morte altre persone che lavoravano al mio fianco.
oggi ho incontrato un mio ex collega che lotta con il tumore da anni ed è stato anche laringetomizzato mi ha fatto venire i brividi..
io ho lavorato 14 anni esposto all'amianto e spero di non finire anche io nel tunnel.
L'azienda era a partecipazione statale ormai chiusa da anni pero' le cause vanno avanti ancora anche se non riporteranno indietro i nostri colleghi.

Fino a ottobre 2003 c'era una legge che dava dei benefici pensionistici a chi aveva lavorato in luoghi esposti ma con un colpo di mano lo psiconano ha stravolto la legge e nessuno ha detto niente ci hanno accusato di volere andare in pensione prima...
lo so' che andare in pensione prima ed essere malati non serve a molto pero' lavorare 40 anni e all'eta' della pensione morire di tumore dopo un paio di anni non è il massimo.
grazie
ciao

saverio pullano 26.02.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Il Fluoro purtroppo rientra in una vasta serie di Farmaci aumentando gli effetti collaterali degli stessi.

Da vari studi emerge che in dosi eccessive tende a sostituire lo iodio come componente dell'ormone tiroxina, impedendo alla ghiandola tiroide la sintesi corretta di tale sostanza.

In tali casi le malattie della tiroide, dovute a un deficit di iodio, non sono curabili con un semplice ripristino dei normali livelli di tale alogeno (cibandosi di sale iodato, respirando aria di mare oppure fiale di iodio, fino a ricorrere a 7-8 gg di esposizione a isotopi di iodio radioattivi chiusi nella propria abitazione). Occorre diminuire i livelli di fluoro presenti nel corpo, prima di normalizzare lo iodio.

Insorge anche un accumulo di fluoro nelle ossa e nei denti che divengono più densi e compatti, ma nel contempo più fragili e meno elastici nella riparazione di fratture. I soggetti di osteoporosi dentaria e scheletrica, malattia incurabile, sono numerosi soprattutto in Paesi del Terzo Mondo in cui l'acqua potabile è estratta direttamente da minerali ricchi di fluoro (ma anche in Cina).

E' un prodotto pericoloso, ma viene utilizzato comunque anche in farmaci, in acque potabili, dentifrici, ecc.; infatti il fluoruro di sodio (venduto con l'etichetta di sostanza tossica allo stato puro) è contenuto in svariati collutori, gel e dentifrici. Insieme agli altri alogeni è diffuso nelle sostanze anestetiche.

http://www.mednat.org/fluoro_danni.htm

Marchese delGrillo 26.02.06 00:26| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo con Lucia Ferretti. Se a un lato le denunce di Grillo sono spesso interessanti e mirate, tuttavia, a volte cade nel pressapochismo dei più, lasciandosi trascinare dalla forza mediatica delle parole. L'amianto che finisce in discarica in Italia, è solo quello a matrice compatta (impropriamente detto eternit tanto per capirci) e viene preventivamente trattato con apposite sostanze fissanti, prima di essere confezionato totalmente in teli di polietilene o in sacconi appositi denominati Big Bags). L'amianto a matrice friabile, qualsi tutto smaltito in discariche austriache e tedesche (ex miniere di salgemma), viene obbligatoriamente confezionato in Big Bags. Occorrerebbe quindi tenere presente che in questo modo, durante il trasporto a discarica non è possibile la liberazione di nessuna fibra. In secondo luogo, è sacrosanto quello che afferma la Ferretti, poiché una discarica per amianto (se ben gestita è OVVIO!) risulta essere meno pericolosa e fastidiosa di altre. Un ultimo appunto. Bisognerebe capire una volta per tutte che in Italia i rifiuti li produciamo tutti e in quantità sempre maggiore. Considerato che questo paese non è grande come la Cina e che non vi sono zone disabitate, sarebbe ora di smetterla di pretendere che le strutture adibite al riciclaggio o allo smaltimento dei rifiuti vengano fatte "da un'altra parte ma non qui", poichè da un'altra parte ci sarà un altro che li vorrebbe da un'altra parte ancora e di questo passo rimarrebbero solo due zone possibili: il mare e il cielo. Per assurdo, non mi stupirei più di tanto se a quel punto nascessero anche i comitati di difesa dei pesci e degli uccelli migratori. Individuata una zona adeguata l'impianto va fatto. Quello su cui occorre puntare e non transigere, invece è sui metodi di controllo del funzionamento degli impianti.
Se nessuno vuole avere vicino le discariche, gli inceneritori (ve ne sono alcuni, come a Piacenza, che funzionano benissimo, producendo energia e rispettando le normative) e niente altro, si può sapere che cosa dovremmo farci con i rifiuti? E per favore, prima di parlare di raccolta differenziata, invito chiunque ne abbia solo sentito parlare per slogans di approfondire un pochino l'argomento.

Mauro Cocola 24.02.06 19:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non conosco bene l'iter dell'autorizzazione della discarica di Paese ma posso dire che la legge 36/2003 prevede un piano di adeguamento per le discariche attive mentre quelle nuove devono essere sottoposte a VIA.
L'amianto che arriva in discarica è sempre bonificato; si tratta con colle tipo vinavil prima della rimozione, si imballa in sacchi di plastica tipo big bags o in caso di lastre intere si impacchetta con film termoretraibili.
In questo modo non può rilasciare le fibre di asbesto ( per intenderci quelle che provocano i danni) Una volta interrato è un materiale inerte che se non viene a contatto con l'aria non comporta alcun problema.
Questo per dire che preferirei stare vicino ad una discarica di amianto che ad un inceneritore vecchio di 20 anni come sto adesso o lavorare in un capannone con tetto in amianto rovinato.
Per i cittadini di Paese è più nocivo l'impatto dei mezzi di trasporto e probabilmente un ricorso su questo punto avrebbe avuto successo fermando come effetto collaterale l'attività di discarica

lucia ferretti 24.02.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento

vorrei raccontarvi una storia , ho un fratello costretto su una sedia a rotelle da due anni per un ictus seguito da un'amputazione ad una gamba,vive con mio padre di 85 anni che prende una pensione di 700.euro al mese.dopo aver girto in lungo e largo ogni ufficio competente ancora non riescono a dargli una pensione, e loro riescono a malapena ad arrivare alla fine del mese, anche perchè io non posso aiutarli piu di tanto.Ma che schifo di paese è questo?

ciccomartino marinella 24.02.06 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Cari utenti del Blog, disturbo i vostri occhi per portarvi a conoscenza di una faccenda riguardante lo scrivente e il sig. Beppe Grillo.
Cerco di riassumerla.
Da novembre ho chiesto al sig. Grillo se fosse interessato a trattare forse l’argomento più scomodo che ci possa essere: l’olocausto attuale della Psichiatria soprattutto in Italia.
Aziende farmaceutiche che basano i propri principali profitti producendo farmaci per curare ciò che non è stato dimostrato essere una “malattia”: la pazzia…La voglia di non OMOLOGARSI.
Vi rimando alla visita di siti perché ci metterei un intero blog per parlarne.
Il sig. Grillo, in tutti questi mesi e dopo avergli scritto decine di volte e allegato files autorevoli, link, siti e quant’altro, mi regala la seguente illuminata risposta:
“ la linea che separa la pazzia dala normalita e sottilissima. se tu parli con DIO SEI UN CREDENTE SE DIO PARLA CON TE SEI SCHIZZOFRENICO, UN ABBRACCIO”.
Ora, io gli ho parlato di DIRITTI UMANI in Italia, non in Iraq, quindi accessibile dalle nostre volontà di cambiare qualcosa. E mi fa male vedere che il sig. Grillo che io apprezzo molto per ciò che tratta nel SUO sito, poi è il primo a dar spazio spesso solo agli interventi del personaggio famoso di turno,senza dare effettiva voce a chi scende in trincea "veramente" ogni giorno.
Noto che Grillo si limita spesso a postare argomenti di gente comune solo quando sono utili a confermare l’odio nei confronti del cattivo di turno: e quindi il ricercatore che va via dall’Italia perché non c’è spazio, la ragazza che vive in Africa e apprende dalla BBC cosa succede realmente in Italia, ecc. ecc. Un po’ come il vecchietto alla posta che in fila si lamenta dei disservizi dell’Italia… Poi che succede?
La ringrazio comunque sig. Grillo di avermi permesso di postare nel suo Blog, e per le risate che mi continuerà a far fare.
Giampaolo Gentili
(idealizzatore deluso di Grillo)
www.nopazzia.it www.antipsichiatria.it www.breggin.com www.mindfreedom.com

giampaolo gentili 23.02.06 18:50| 
 |
Rispondi al commento

...ho un amico che sostiene con veemenza che i succhi di frutta che troviamo nei supermercati, non nel banco-frigo ma sugli scaffali, sono quasi tutti prodotti con polpa di zucche giganti ogm e poi insaporite ai vari gusti...il che se risultasse vero lo trovo assurdo anche perchè non è specificato sulle etichette...chiedendo in giro non ne sa niente nessuno e mai ne hanno sentito parlare...
grazie di questo spazio,non avendo trovato una voce relativa ai problemi della sicurezza dei prodotti gastronomici, ho pensato che "salute" fosse il più adatto..

andrea zambrini 23.02.06 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Storie di arance e servitù militari


Scrivo per segnalare quanto segue:
A più riprese ho acquistato presso una "fierucola" di prodotti biologici di Prato (po), che si tiene mensilmente in una piazzetta del centro storico, degli agrumi provenienti dalla Sardegna e più precisamente da un'"Azienda agricola naturale" situata in "Località Pranu pirastu snc Villaputzu (CA)".
Ora proprio il comune di Villaputzu è da alcuni anni, ma lo apprendo solo oggi, al centro di un'emergenza sanitaria e ambientale esplosa all'indomani di una coraggiosa denuncia venuta dalle Autorità sanitarie locali e dall'allora Sindaco di Villaputzu, che appunto segnalavano preoccupati un'anomala insorgenza e diffusione sul territorio comunale di alcune patologie tumorali, come leucemie, mielosi e linfomi, con picchi drammatici (ben al di sopra della casistica nazionale) a Quirra e Escalaplano, due frazioni vicinissime al famigerato poligono militare di Perdasdefogu o Salto di Quirra, il più grande, per estensione, poligono militare d'europa: un territorio di circa 13.000 ettari! Utilizzato per attività di addestramento ed esercitazioni dal contingente italiano e dalla Nato; un poligono oggetto, oggi come ieri, di forti contestazioni, alimentate dal sospetto, divenuto negli anni, a causa delle tante reticenze, convinzione diffusa, che in quel poligono siano state utilizzate e sperimentate e a tutt'oggi continuino ad essere utilizzate e sperimentate armi all'uranio impoverito.
Ma le cifre al solito sono più eloquenti di tante parole: Quirra: frazione di 150 abitanti, 13 casi di tumore al sistema emolinfatico (linfoma di Hodgkin); Escalaplano: 2487 abitanti, 11 bambini nati con gravi malformazioni genetiche.
Cos'altro aggiungere? Lascio ai lettori del Blog le conclusioni.
Un abbraccio fraterno alla popolazione di Villaputzu. Livio Sicuranza

livio sicuranza 22.02.06 19:25| 
 |
Rispondi al commento

in tv passa la pubblicità del ministero della salute...dice che il 90% della ricerca viene sostenuta dalla vendita dei medicinali (quindi più medicine = più soldi per le ricerche). Non sono passati due mesi dalla mia ultima visita da uno specialista, tre minuti di visita, cinque di chiacchere e 100 euro da lasciare, le avrà fatte 15 visite in tutto il giorno??per 22 giorni al mese fanno TRENTATREMILAEURO 33.000...le ricerche? che le facciano i dottori...si spinge la vendita delle medicine per avere più soldi per le ricerche?? non credo sia la soluzione ottimale...mettiamo tanti soldi per le ricerche ma non spingiamo le vendite!spingiamo le informazioni, la prevenzione...

Ale Polo 22.02.06 08:43| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe ti seguo da sempre . sei un grande sono stato al palalottomatica 2 volte 16 e 18 ti stimo molto hai una intelligenza notevole condivido tutto quello che dici .sarebbe bello averti in prima serata su una rete nazionale (anche se si rischierebbe la rivoluzione ) a spiegare alla gente tutto cio che scrivi sul blog e dici negli spettacoli. bisognerebbe organizzare una raccolta di firme tipo referendum. la conoscenza ci aiuta continua cosi

fabio pompei brancaleoni 21.02.06 22:13| 
 |
Rispondi al commento

scusate correggo ho sbagliato indirizzo

era la continuazione del precedente commento sulla vivisezione
mi scuso

chiara cerulli 21.02.06 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Avete visto in TV la pubblicita '
"IL 90% DELLA RICERCA è SOSTENUTO DALL'INDUSTRIA FARMACEUTICA "?

continua .....dal bollettino n.4 del 2005 :

Si tratta di interessi INGENTI E CRESCENTI:
secondo una recente analisi ,i finanziamenti per la ricerca in campo biomedico sono raddoppiati ,arrivando nei soli Stati Uniti alla cifra di 100 MILIARDI DI DOLLARI;su questo totale ,quasi il 60% degli investimenti proviene dall'industria ,mentre il contributo dei National Institutes of Health è inferiore al 30 %.
Eppure ,per quanto enormi possano sembrare le somme investite oggi dall'industria nella ricerca ,esse costituiscono tuttora meno di un terzo di quello che le compagnie farmaceutiche spendono per MARKETING ,PROMOZIONE E GESTIONE ."

chiara cerulli 21.02.06 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Sig. Max Stirner, leggo il suo commento con piacere, poiché ritengo che la cattiva informazione sia dannosa quanto la buona disinformazione. Quando si parla di amianto, purtroppo pare che ci si riferisca all'uranio o giù di li, con la conseguenza che esasperando e radicalizzando il problema, si rischiano poi decisioni e conseguenze veramente pericolose.
Con tutto ciò la pregherei di aggiornare un pochino i suoi dati, quantomeno sui livelli di concentrazione ammessi dalle nostre normative. Quelli che lei riferisce erano stati considerati nel 1991, poiché 0,2 ff/cc corrispondono a ben 200 ff/lt !. Oggi il valore di restituibilità per ambienti bonificati è di 2 ff/lt per indagini effettuate in microscopia elettronica.
Buono il consiglio del "non fare da se", ma prima di affidarsi a chicchessia, è bene ricordarsi che sono autorizzati ad effettuare bonifiche da amianto solo le ditte iscritte all'Albo Nazionale Gestori Rifiuti per la categoria 10 A (solo materiali a matrice compatta) e 10 B (materiali a matrice compatta e friabile).
(www.albogestoririfiuti.it)
Infine vorrei precisare che in alcuni casi può intervenire anche il proprietario detentore del manufatto contenente amianto, ma sempre nel rispetto delle normative vigenti a tutela della salute sua e degli altri.
Qualora volesse contattarmi, lo può fare all'indirizzo e-mail mauroweb@fastwebnet.it

Cordiali saluti

mauro cocola 21.02.06 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Sig. Dario,
faccio bonifiche amianto da 10 anni, a Genova, (dove niente è a buon prezzo), evidentemente purtroppo per Lei, ha avuto la sfortuna di imbattersi in qualche disonesto che ha tentato di approffittare della situazione e della totale disinformazione che regna di fronte alla parola "amianto". Le posso assicurare che con tremila euro si possono rimuovere e smaltire quantità almeno dieci volte superiori a quella da Lei indicata. Nonostante io possa comprendere il gesto del suo conoscente, purtroppo non è certo un esempio da seguire, per almeno due motivi, oltre naturalmente al carattere "fuorilegge" della sua azione.
1- Non ha risolto nessun problema, poichè la tettoia in cemento-amianto (questo è il termine corretto)esiste tuttora, per cui ha solo rimandato il problema nel tempo.
2- Quando dovrà rimuovere e smaltire quella struttura (o chi per lui), avrà certamente un aggravio di spesa, poiché oltre alle lastre sarà obbligato per legge a smaltire anche il calcestruzzo a diretto contatto e ormai legato alle fibre di amianto.
3- Esistono altre tecniche molto meno costose, ad esempio un trattamento incapsulante (effettuato nelle modalità previste dal D.M. del 20/08/1999)delle superfici esposte, molto efficace e soprattutto molto economico.
4- Infine, nel lavorare sulla copertura senza le cautele previste, il suo vicino ha sicuramente liberato da quella tettoia più fibre di amianto di quante se ne sarebbero liberate durante un intero anno di pioggia.

Come vede spesso, per disinformazione si fanno cose decisamente sbagliate. E poi mi lasci dire: la tentazione di arrangiarsi da soli, in questo paese, raaggirando le normative (non tutte sono così disastrose)è una brutta abitudine, ma chissà perché, molto condivisa.

La saluto cordialmente e, qualora voglia avere altri ragguagli in merito, le lascio il mio indirizzo e-mail di lavoro: "bonecobonifiche@fastwebnet.it".

Mauro Cocola 21.02.06 11:42| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, i miei vicini di casa hanno dei garages con il tetto di eternit, pertanto nocivi per la salute, cosa possiamo fare per ottenerne l'eliminazione? Grazie mille

vanessa rezza 20.02.06 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Anche mio marito ha dovuto sospendere il celebrex nonchè il taubix 90 ed ora, dopo 14 mesi, dico 14, è diventato incompatibile anche con aulin ed altri anti infiammatori.
Potresti indicarmi come posso fare per avere l'elenco dei farmaci dannosi?
Grazie
Adriana Nanni

Adriana Nanni 20.02.06 20:24| 
 |
Rispondi al commento

Che spettacolo,
quello di ieri 19/2 era la mia quarta volta da ospite e come sempre mi hai divertito,ma,devo essere sincero, quando sei arrivato all'elenco dei prodotti alimentari che contengono metalli,be',non ho riso piu'.Non perche'pensassi a quanti kg di metallo ho ingurgitato io in 38 anni,ma, mia figlia di 10,che mannaggia mannaggia fa colazione solo con le macine della barilla.Per questo ti chiedo a nome di tutti noi ma soprattutto dei nostri figli,se fosse possibile fare anche un piccolo elenco di prodotti,magari solo dolciari,quelli dei bambini per intendersi,che non ne contengono.Non preoccuparti per quelli che non menzionarai tra i buoni,(del resto lo hai fatto per i cattivi)perche' sono convinto che accorgendosi immediatamente di quello che sta' accadendo al loro mercato,troveranno la soluzione piu' appropriata, sperando che sia quella di togliere dagl'ingredienti i sudetti "metalli".Se questo avverra', be', ti ringrazio anticipatamente a nome di una tua piccola fan di nome Chiara.

Antonio Alfonsi 20.02.06 18:29 |

Antonio Alfonsi 20.02.06 18:48| 
 |
Rispondi al commento

2di2
cloriti (altro limit di legge superato, ndr) e sia per il parametro THM, oggetto di ottimizzazione in tutti quei casi per i quali si sta accertando l'impossibilità di garantire valori analitici di sicurezza». Dietro la deroga per le sostanze tossiche comprese nei Thm, si legge nel documento Esaf, vi è il «fine di riconsiderare l'uso del cloro (che genera i Thm, ndr) come disinfettante secondario in determinate condizioni operative ». L'Esaf rifornisce d'acqua potabile diverse zone dell'Isola, ma - dice la relazione – le situazioni dove i Thm hanno le concentrazioni più alte sono i territori serviti dagli impianti di Villacidro, Badesi (dove il rispetto della deroga viene segnalato dall'Esaf con soddisfazione) e Santu Miali.

gia kab 20.02.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento

1di2
caro beppe

Il caso. Superata per il secondo anno la soglia di Thm, residui tossici del cloro
L'acqua Esaf a rischio cancro
diventa potabile per deroga
Marco Mostallino
marco. mostallino@ epolis.sm


Per il secondo anno consecutivo l'Esaf ha chiesto al ministero della Sanità la deroga per distribuire acqua potabile con una concentrazione di sostanze cancerogene superiore a quanto previsto dalla legge. La domanda per il 2006 è stata presentata nel novembre scorso al ministero e all'Istituto superiore di sanità attraverso l'assessorato regionale alla Sanità. L'ex ente regionale è confluito nel gestore Abbanoa, che però esiste solo di nome: nei fatti l'Esaf continua a servire i vecchi clienti con le proprie strutture e i propri standard di qualità. Il tasso elevato di residui tossici riguarda i trialometani (detti anche Thm): si tratta di residui chimici che si formano in seguito alla clorazione delle acque effettuata per renderle potabili. L'uso del cloro, più economico di altre soluzioni, comporta la comparsa di questi composti dei quali una recente relazione dell'Arpa (agenzia per l'ambiente) del Veneto (il titolo è “Ambiente e salute”) dice quanto segue: «Vi è anche una prova che mostra che l’esposizione a Thm dell’acqua di rubinetto può aumentare l’incidenza di certi cancri nell’uomo». Il limite per la concentrazione di Thm nell'acqua del rubinetto di casa (fissato dal decreto legislativo 31 del 2001) è di 30 microgrammi er litro, ma l'Esaf ottiene ormai stabilmente di poter arrivare fino alla soglia degli 80 microgrammi, quasi tre volte sopra il tetto. Nella relazione di accompagnamento dell'ente si legge tra l'altro che la richiesta di deroga «è avanzata sia per il parametro cloriti (altro limit di legge superato, ndr) e sia per il parametro THM, oggetto di ottimi

gia kab 20.02.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe
Ieri sera c'ero anche io al Palalottomatica di Roma.Più che partecipare ad uno spettacolo,mi è sembrato di partecipare ad un convegno il cui titolo era "svegliatevi!!!". Tante cose non si sanno e poi si fa anche fatica a crederci...sono anni che il pomeriggio per merenda ai miei figli preparo, per non dar loro le merendine, le fette Barilla con la marmellata...ma come faccio poi a sapere che qualsiasi altra cosa io dia loro non sia "velenosa?". grazie per la serata e grazie per averci trasmesso queste informazioni, che oggi ho già passato alle mie colleghe.
maria teresa

mariateresa occhipinti 20.02.06 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Un saluto dalla Svizzera Beppe,

la psicosi da aviaria!

Qui si sta preventivamente sviluppando un piano di intervento nel caso in cui si dovessero ritrovare cadaveri di volatili morti per contagio da H5N1, bonifica e disinfestazione dell'aria circostante il ritrovamento di almeno 10 km ecc...

Beppe, non posso farci nulla nonostante i consigli e le informazioni rassicuranti, devo dirti che questa storia dell'aviaria mi mette una grande anzia, tanto che oggi per precauzione sono entrato nel mio bagno e ho dato una fucilata alla mia anatra WC, non si può mai sapere, meglio prevenire che curare.

Con simpatia Giovanni

Giovanni Ruggiero 20.02.06 12:22| 
 |
Rispondi al commento

siete interessati ad amianto smog metalli pesanti scaricati in mare ed in cielo e 2500 nuovi casi di tumore all'anno. provate a farvi un giro all'ilva s.p.a. di TARANTO. Io ci lavoro e credetemi se arrivo ai 50 è un miracolo. p.s. aiutateci qui nessuno non fa' niente

aldo mistero 20.02.06 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

un commento: psicosi aviaria ?! … ma quale psicosi, è completa e totale mancanza di fiducia per la nostra classe politica. Inoltre, qualcuno crede ancora ai nostri tg ?
Mandiamoli tutti a casa …, o meglio in carcere !

A

angela 20.02.06 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti.
In riferimento al commento in cui si parlava delle conseguenze di Chernobil: io vivo nel nord Italia, in un posto di montagna dove fortunatamente c'é poco traffico e poco smog... ma negli ultimi 2 anni un numero spaventoso di persone DI TUTTE le ETÀ ha un tumore da qualche parte. Molti se ne sono andati in brevissimo tempo. Ricordo anni fa: quando si parlava di tumori, di parlava nella maggior parte di casi di persone piú o meno anziane. Ora molti molti molti giovani hanno un tumore.
Molte molte molte persone riconducono questo fatto a Chernobil.
Stiamo davvero subendo le conseguenze.

morena montolli 19.02.06 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Sig. Grillo e tutti i partecipanti,
proprio ieri ho comprato il suo dvd dello spettacolo che ha fatto a Roma ad aprile 2005 ed ho avuto una specie di "illuminazione mentale" le invio quindi i miei più sinceri complimenti. A proposito di salute vorrei partecipare con la mia testimonianza diretta sul farmaco Celebrex il quale è stato dato per circa un mese intero al mio compagno che ha dovuto sospendere la cura dopo neanche 1 settimana a causa dei forti dolori di stomaco e conseguente vomito.
Il medico ha consigliato di sospendere la cura per qualche giorno ma di doverla riprendere il prima possibile poichè per un infiammazione alla gamba non vi era altro medicinale!!!! Logicamente non lo ha più preso!!!
Grazie.
Saluti a Tutti

barbara fiordaliso 19.02.06 12:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ancora co sto c... di amianto ?
ma sono piu di 30 anni che è fuori legge, e per mettersi in regola sono stati spesi miliardi e smaltirlo dagli uffici e dalle case e ancora c'abbiamo ancora l'amianto tra le p.lle ??
Ma finira mai sta storia?

Fabrizio Menghi 18.02.06 01:11| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei scrivere poche righe in merito al tema trattato in questo post. Desidero scrivere perchè sono toccata molto da vicino da questo problema. Vivo a Bari, città bellissima e dal cielo blu che purtroppo è afflitta da tanti mali, fra i quali c'è anche la "piaga amianto". Bari ospita nel suo cuore la carcassa di una vecchia fabbrica dismessa di amianto, la Fibronit. Ancora oggi non è stata trovata una soluzione definitiva per evitare il perpetuarsi di un vero e proprio omicidio di persone colpevoli solo di abitare nel posto sbagliato. Vorrei invitare tutti a visitare il seguente sito informativo: http://www.terredelmediterraneo.org/fibronit/fibronit.htm, allestito dal Comitato Promotore "GIUSTIZIA SULLA FIBRONIT". Non è una bomba lontana da noi, tanti già non ci sono più. I cittadini sono stanchi di vedere che la "palla Fibronit" passa di mano in mano senza che si giunga a una soluzione. Il mesotelioma pleurico e le altre patologie correlate non sono uno scherzo. Guardate i picchi di incidenza di tali malattie e poi ditemi se è pura coincidenza..Qualcuno faccia qualcosa!
Al mio caro zio...
Simona

Simona Sforza 17.02.06 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Trovo l'attaccamento dell'uomo alla vita vile e poco dignitoso.


monia 16.02.06 18:27

Grande Verità!

giuseppe sommariva 17.02.06 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Trovo l'attaccamento dell'uomo alla vita vile e poco dignitoso.


monia 16.02.06 18:27

Grande Verità!

giuseppe sommariva 17.02.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento

sono nuovo del blog, e ho visto il dvd dello spettacolo a Roma.
Gradirei avere se possibile alcuni contatti dove ricercare farmaci al bando, e loro effetti collaterali.
Ho un problema molto serio in famiglia e vorrei fare qualche indagine personale visto che la medicina ufficiale non da molte speranze.
A Beppe vorrei dire che mi è sempre piaciuto, ma che purtroppo/per fortuna, non è più un comico come ama definirsi, perchè ascoltandolo e condividendo tutte le cose che dice, mi sono anche rattristato.
vai Beppe ciao mario
* Ho 45 anni e di figlie ne ho solo quattro, vivo a modena, se vuoi guardarmi in faccia visita il mio sito www.mario-colavito.it

Mario Colavito 17.02.06 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere perchè si è tanto parlato delle multe alle società produttrici del latte per neonati. Pensavo infatti che oltre a sottolineare la multa elevata per un comportamento scorretto tenuto nel passato, si evidenziasse che quel comportamento scorretto non ci sarebbe stato più per il futuro(insomma se ho preso una multa per una sosta in doppia fila, non metterò più la macchina in doppia fila!!). E invece nulla è cambiato. Il latte per neonati ha sempre lo stesso prezzo. Ma allora la multa a che serve?

giulia di matteo 17.02.06 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ho una proposta da fare per un risparmio sui farmaci: perchè non obbligare gli ospedali ad usare i famosi farmaci generici? Lo propongo poichè purtroppo frequento vari ospedai della capitale (come paziente) e vedo che non vengono usati. la mia porzione giornaliera è di 12 farmaci al dì. I generici non ci sono per tutti ma qualcuno sì. Si parla tanto di speco e si invitano i cittadini ad usarli e poi..... chi non si usa? Propio chi invita ad usarli!
E poi invito i nostri dipendenti onorevoli ad usare le strutture pubbliche per le loro esigenze: vedi Bossi per il pace-maker.
Grazie per quello che fai, buon lavoro e non mollare mai, un caro saluto
Isabella Sigismondi

Isabella Sigismondi 17.02.06 09:59| 
 |
Rispondi al commento

PROPOSTA: si avvicina l'elezione del presidente della repubblica,Beppe fai un referendun sul blog. Io voto Emma Bonino.

feliciano baiocco 16.02.06 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe ,

ti invito a leggere quanto c'è scritto qui sotto,poichè ritengo sia di ns. interesse far venire alla luce chi come il Dott. Hamer ha scoperto la vera cura ai tumori,poichè ne ha penetrato le verità più intime.
Ti chiedo di dare spazio a questa notizia,dopo averla verificata tu personalmente ,per primo.

Ciao.

ULTIME NOTIZIE DALLA FRANCIA!!: >> NEWS >>

ITA ENG FRA ESP DEU


ULTIME NOTIZIE DAL DOTT. HAMER, 31 gennaio 2006

OGGI, 16 FEBBRAIO 2006

HANNO LIBERATO IL DOTT. HAMER!

UN AUSPICIO DI AMNESTIA

PER TUTTI I PAZIENTI DEL MONDO!

e per chi si è svegliato dal mondo delle

favole ed è convinto che ciò che il dott.

Hamer sta sostenendo da tempo sia una

“grande opportunità per l'intera umanità”

ed ha voglia di dare il suo contributo

concreto per permettere al mondo di

riconquistare almeno una parte

della sua dignità, è venuto il momento

di rimboccarsi le maniche!

(maggiori informazioni verranno comunicate nei prossimi giorni)

****************************************************************************

La Nuova Medicina Germanica scoperta

dal Dr. Med. Mag. theol. Ryke Geerd HAMER

che con le sue Cinque Leggi Biologiche ci permette di comprendere e verificare

a livello scientifico come psiche, cervello e organi siano tre livelli dello stesso organismo.

Questo comporta un globale capovolgimento della

comprensione diagnostica attuale,

un fondamentale cambiamento di paradigma:

non più "malattia" (né maligna, né benigna)

bensì un Programma Speciale, Biologico

e Sensato della Natura (Programma SBS)

Nella giungla odierna di battaglie titaniche sulle teorie più

disparate inerenti la genesi e cura delle cosiddette malattie,

s'inserisce con inequivocabile forza il discorso scientifico

della Nuova Medicina Germanica®


Stefano Lombardelli 16.02.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tante cose vere ma bisogna ricordarsi che gli attuali prelievi a campione in ambienti esterni non hanno mai rilevato presenza di amianto. La parte pericolosa sono appunto le fibre libere che il più delle volte si possono riscontrare quando si parla di amianto friabile, ovvero che si sbriciola con la sola pressione delle dita.
Non è il caso dell'eternit o cemento amianto chiaramente se in buone condizioni.
Si tende sempre a demonizzare eccessivamente qualsiasi cosa. Si l'amianto può provocare il mesotelioma ma il cancro ai polmoni può essere provocato da mille altre cose.
Vorrei ricordare che l'amianto inoltre non è una fibra sintetica (come lana di vetro o roccia) ma si trova in natura.
Per quanto riguarda i trattamenti sull'amianto vorrei ricordare che non è obbligatorio la rimozione e smaltimento ma esistono anche ottimi sistemi di confinamento, che possono evitare di riempire le poche discariche rimaste.
La macanza di Valutazione Impatto Ambientale è sicuramente da tener presente anche se come amianto compatto (che comunque deve subire un processo di incapsulamento) i rischi di una discarica sono piuttosto bassi. Basti pensare che sopre una discarica di amianto si potrebbe tranquillamente creare un parco.
Come dire "morto e sepolto" non è un rischio.
Esistono tuttavia tentativi di "fusione" passatemi il termine tecnico per una migliore comprensione. Ovvero portare questi idrossidi se non ricordo male contenenti Si Ca Mg Fe ed altri a temperature attorno ai 1200° 1500° o superiori
in quanti si va a cambiare la froma dei cristalli e le caratteristiche tecniche (non tutto l'amianto è pericoloso ma solo in determinate dimensioni e forme). Mi sembra siano i francesia condurre questi test con costi molto elevati. Quindi l'idea di costruire un inceneritore non è poi così malvagia (meglio se termovalorizzatore, ma insorge un altro problema quello delle diossine. Ma questa è un'altra storia.


Massimo Lambruschi 15.02.06 22:25| 
 |
Rispondi al commento

http://www.antoniodipietro.it/

http://www.radicali.it/

http://www.radicali.it/view.php?id=52476

ijimiaz galir 14.02.06 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Buona sera a tutti,sono allergica alla formaldeide (un conservante contenuto praticamente in tutti i prodotti di cosmetica e per l'igiene, per non parlare delle sigarette, dell'inchiostro e della carta per fazzoletti)e quando provo a chiedere ai vari numeri verdi scritti sulle confezioni dei detersivi se quel prodotto contiene formaldeide mi sento rispondere che non possono darmi questo tipo di informazione.Ogni volta che entro in contatto con la formaldeide mi si gonfia il viso e sto male e devo prendere il cortisone.Cerco di fare attenzione usando i guanti e prendendo altre precauzioni, ma il problema resta...tra l'altro ho letto che la formaldeide è pericolosa per tutti e comunque viene usata per fabbricare mobili, cere per pavimenti ecc.Qualcuno sa come posso fare per sapere quali prodotti la contengono?
Grazie, Elisa.

Elisa Forgione 14.02.06 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao!ho da poco visto il dvd dello spettacolo di roma...davvero bello!è impossibile non trarne idee e riflessioni nuove.apre davvero gli occhi sul mondo!
riguardo all'argomento del blog...io ho perso un parente a me molto vicino grazie al mesotelioma...al suo funerale c'erano suoi colleghi di lavoro che si sono poi ammalati e lui stesso aveva partecipato a numerosi funerali... è stata aperta una causa vinta non certo dalla mia famiglia e da quelle di altre vittime ma dalla fabbrica in cui lavorava comè possibile tutto ciò?

Chiara Guzzi 14.02.06 20:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao!ho da poco visto il dvd dello spettacolo di roma...davvero bello!è impossibile non trarne idee e riflessioni nuove.apre davvero gli occhi sul mondo!
riguardo all'argomento del blog...io ho perso un parente a me molto vicino grazie al mesotelioma...al suo funerale c'erano suoi colleghi di lavoro che si sono poi ammalati e lui stesso aveva partecipato a numerosi funerali... è stata aperta una causa vinta non certo dalla mia famiglia e da quelle di altre vittime ma dalla fabbrica in cui lavorava comè possibile tutto ciò?

Chiara Guzzi 14.02.06 20:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sono venuto ad ascoltarti al Palaverde di Treviso sabato 11-2 e devo dire che mi sono divertito.Non era la prima volta che assistevo ad un tuo spettacolo e devo dire che te la cavi sempre meglio. Ovviamente dopo averti ascoltato non so se mi sento meglio o peggio perchè le cose che racconti fanno sorridere ma soprattutto fanno riflettere sulle nostre tristi condizioni . In massima parte condivido le tue conclusioni e soprattutto sulla necessità ormai inderogabile di un maggiore impegno da parte di tutti a svegliarsi da questo torpore mediatico. Però se mi consenti ho qualche dubbio sul modo che tu proponi per invertire il senso dell'azione politica in questo Paese. Se non ho capito male tu auspicheresti un nuovo movimento popolarmente diffuso che, faccia partire dal basso le proposte politiche che poi i nostri "dipendenti" sarebbero costretti a trasformare in leggi dello Stato. Certo ,sarebbe bello se funzionasse ma mi chiedo: questo non è già previsto dalla Costituzione?? E se veramente i ruoli fossero questi , a che cavolo ci serve eleggere un Parlamento? E poi il concetto di delega vigente nel nostro sistema democratico non dovrebbe già consentire a chi ci rappresenta di sapere cosa vogliamo sia fatto e cosa abbiamo bisogno per vivere in modo civile? E poi sei sicuro che 56 milioni di persone vogliano le cose che vorremmo per esempio io e te....?Io purtroppo ho una mia teoria ,che mi pesa ma che devo esprimere, e cioè che ognuno ha i politici che si merita e che se questi fanno certe porcherie è perche sanno che la maggior parte dei loro concittadini è talmente incolta,assente ,superficiale e spesso ignorante da non accorgersi delle loro nefandezze e delle loro incapacità. Quindi fino a che noi non saremo diversi, non lo saranno nemmeno quei signori che tu a destra e a sinistra hai giustamente sbeffegiato.Siamo noi i primi a dover diventare migliori il resto sarà una logica conseguenza.Ciao.

billy tid 13.02.06 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Amianto pericoloso:vero
Discarica di Paese presso Treviso:vero
Picco di morti nel 2013:vero
il mio vicino ha tetto di 680mq di eternit-amianto:vero
non disinstalliamo il tetto del vicino:vero
scrivo sul post:vero
leggo che c'e' lavoro nel trattare l'amianto:vero
circa 50 milioni..?:vero
e allora io sardo?:vero
e allora io veneto?:vero
e allora io italiano?:vero
e allora io europeo?:falso,non piu'
e i ricorsi a Bruxelles?,no,
e perche'?
non so perche'.
Caspita, era la soluzione!.

Andrea Migoni 13.02.06 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono venuta ieri a Vedere il tuo spettacolo a Treviso e mi è piaciuto molto. Mi rendo conto che gli argomenti trattati sono di fondamentale importanza per noi tutti ed è desolante la situazione attuale ma ti chiedo due minuti di attenzione sulla situazione degli animali. Io sono per la parità di diritto fra uomini ed animali. In Cina ci sono migliaia di Orsi che vivono la loro vita in gabbie minuscole, con una cannetta sulla pancia per estrargli la bile che usano per i medicinali, nei paesi dell'Est anzichè sterilizzare i cani li sopprimono, in Spagna fanno le corride...ovvimente il toro e il torero non combattono ad armi pari...e ce ne sarebbero tante altre...ma come fa un sindaco siciliano, tale Prof. Scapagnini a risolvere il problema del randagismo dicendo di non dare più da mangiare ai cani? In un paese in provincia di Venezia, i giovani compiuti i diciott'anni, nei locali della parrocchia, appendono (fino a pochi anni fa vive)(ora già morte) delle oche a testa in giù e saltando giocano a tirargli il collo...vince chi glielo stacca...ma si può? E' una vergogna...un animale ha IL DIRITTO DI STARE AL MONTO TANTO QUANTO ME E TE. IO MI SENTO IMPOTENTE.
Ti ringrazio per l'attenzione.

Maria Ferroni 13.02.06 09:45| 
 |
Rispondi al commento

abito vicino a Paese - Treviso e non sapevo della discarica di amianto. Conosco persone che sono state multate dalla Provincia di Treviso per aver omesso la presentazione del Mud annuale rifiuti da attivita' (tipo bombolette vuote e/o residui di olii). Hanno dovuto pagare circa 10 milioni delle vecchie lire. Perche' non possiamo far pagare alla Provincia l'equivalente per omessa richiesta di valutazione ambientale oltre che danni per la salute?

luca coin 12.02.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Questa volta non sono d'accordo sul post. Ho parlato con degli esperti in materia e debbo fare notare che non viene menzionato lo stato della discarica: se è tenuta male sono d'accordo con il post, se è tenuta a norma, utilizzando i materiali giusti, non provoca nessun tumore. Lo stesso discorso vale per la rimozione di tetti di amianto e il trasporto. Le disposizioni di legge in questo sono sicure e severissime.

Raffaele Rigo 12.02.06 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Parlando di amianto, vorrei segnalare quella faccia di bronzo (e tu sai che non sto parlando della lega CU-SN) dell'On.le(si fa per dire) Forcieri il quale subito dopo la morte del sottufficiale della Marina Militare, C° di 1^ cl D'andrea, aveva come al solito cavalcato l'onda dello sdegno generale, sui giornali locali, che da molti anni sta decimando la Marina. (circa 500 morti di cancro ai polmoni)
Perchè la convenienza politica viene prima dei reali diritti delle persone?
Esistono categorie di persone che hanno riconosciuto tale diritto (a torto o a ragione) solo per il maggior peso politico.

Franco BRASILI 12.02.06 08:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti vivo a Bari da un pò e proprio a poche centinaia di metri da casa mia c'è la FIBRONIT, una azienda ora chiusa che lavorava l'amianto, sotto inchiesta per aver causato tumori ai polmoni non solo a suoi dipendenti ma anche ad alcuni che vivevano e vivono in zona. L'azienda anche se chiusa è ancora lì carica di AMIANTO in attesa di una dannata sentenza. Anche nel mio paese d'origine Canosa Di Puglia sono state trovate 13 discariche di AMIANTO abusive. Mi sà che dovremo impare a conviverci con l'amianto sperando di superare il 2013 data in cui dovrebbe verificarsi il picco dei decessi per l'amianto. Ciao a tutti e grazie a BEPPE GRILLO per le innumerevoli informazioni che ogni giorno grazie al BLOG riceviamo e che in altra maniera..............

Marco Grifa 12.02.06 03:25| 
 |
Rispondi al commento

Forse un giorno adremo su Marte, ma intanto sulla terra respiriamo inquinamento,mangiamo alimenti con con presenza di"cromo, silicio, ferro" ecc...
I nostri figli che altre schifezze mangeranno?

margherita verrucchi 11.02.06 23:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA DOVE C...O ANDREMO A FINIRE???? NON SI PUO' ANDARE AVANTI COSI'!!!

matteo cattelan 11.02.06 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Al TG2 hanno appena detto che sono morti 17 cigni tra Sicilia e Calabria. Questa storia dell'influenza aviaria sono mesi che ce la propinano... avete fatto il vaccino? Ma perchè invece nei TG non si dice nulla di quei 6000 morti che abbiamo all'anno sulle nostre strade? perche non investono nel sistemare le strade invece che a omprare i vaccini dalle multinazionali della medicina?

Michele Orefice 11.02.06 13:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti.

Sto raccogliendo informazioni sulla malattia di Alzheimer ed il suo ipotetico nesso con l'alluminio.

Sto cercando associazioni o fondazioni in Canada o negli USA che si occupano di quanto sopra, tutelando ex lavoratori in miniere affetti dalla malattia.

Grazie in anticipo per qualunque informazione, indicazione, suggerimento

t v 11.02.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento


Un argomento che mi ha sempre incuriosito è l'aids. Anni fa uno scienziato americano affermava che tale sindrome non era causata dal
virus HIV.
Oggi cosa si sa? A che punto siamo?
L'aids sembra una cosa passata di moda perchè
se ne parla poco, ma così non é.

giorgio quaggio 11.02.06 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Pochi si sono accorti che nei laboratori e' stato fatto rivivere il virus della Spagnola che uccise circa 25 milioni di persone nel 1918. Sofisticata operazione di ricostruzione da frammenti estratti da vittime di decenni fa, eppure risultato impressionante. Il virus e' un vero mostro, si riproduce 39mila volte di piu' di quello della normale influenza. Iniettato nei topi di laboratorio li ha sterminati al 100% in sei giorni. E ora? Ora se ne sa di piu' e forse in futuro saremo piu' preparati, ma c'e' chi teme che la mappa genetica del virus possa cadere nelle mani sbagliate: un terrorista o un pazzo, ma con le risorse giuste, lo potrebbero riprodurre e diffondere e farebbe piu' vittime di una mezza dozzina di atomiche.
Chi ca..o autorizza queste mostruosità??
Dove sta l'etica? Impedisce ad una coppia di avere un figlio con la fecondazione assistita o usare cellule staminali prese da embrioni umani per curare importanti malattie!!
A cosa serve far rivivere una tale mostruosità?

Lazzarotti gaetano Commentatore in marcia al V2day 10.02.06 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro e stimato Peppe (scusa se mi permetto di chiamarti così, ma ti sento uno di noi), vorresti saperne di più sulla questione droga, metadone,strutture sanitarie(vedi SERT)e lo scandalo che circola intorno a questa questione? E' facile arginare il probblema arrestando i piccoli spacciatori o i piccoli consumatori, ma chi c'è dietro che manovra tutto questo e ricava anche utili.....C'è tanto da raccontarti, ma vorrei visto che la cosa è molto delicata, parlarne direttamente con te....Ti và? Sono a tua disposizione...io sono stanco di combattere..mi hanno cucito la bocca....Cordiali saluti Massimo

Massimo trigona 09.02.06 21:12| 
 |
Rispondi al commento

carissimo Beppe Grillo sono un ragazzo di 24 anni che ti egue da quando ne aveva 10, sono un appassionato di pc e tutte le nuove tecnologie:
ti volevo chiedere se eri a conoscienza del tcpa o palladium su internet sono presenti numerosi siti che ne parlano ma non riesco a capire in che cosa consiste questa nuova limitazione delle libertà ( per quanto ne so io e una specie di protezione che impedisce all'utente l'utilizzo del pc "decidendo cosa può o non può fare ).
ti ho scritto semplicemente per sentire da te cosa ne pensi e cosa sia questa tpca o palladium ( ho sempre saputo che ciò che dici e scrivi sia "la verità che ci viene nascosta e occultata).
ti pregherei se fosse possibile rispondere al mio indirizzo di posta elettronica (gidaversa@tiscali.it). ti ringrazio anticipatamente per le tue preziose e esaustive spiegazioni. Ti chiedo scusa in anticipo per il mio pessimo italiano ma scrivo sempre a "braccio".
Infinitamente grato della tua risposta un saluto a presto.

Giuseppe D'Aversa

giuseppe d'aversa 09.02.06 21:11| 
 |
Rispondi al commento

cia beppe sono un tuo ammiratore di 13 anni e all'inizio credevo che tu eri uno di quei comici fatti con lo stampo ma poi ho capito che tu sei un realista e hai ragione...
io vorrei che tu mi mandassi un e-mail sul mio indirizzo: andreinoc@hotmail.it non ti preoccupare andreinoc e cosi come lo vedi con la c finale perchè tutti si sbagliano... stavo dicendo che mi dovresti mandare un e-mail sul caso telecom perche mi mandano bollette inaccettabili e mi "bloccano" se voglio fare un altro abbonamento per es: fastweb vorrei che tu indagassi su questo caso perchè io ti credo una mezza specie di detective super...

grazie per la collaborazione andrea92

Andrea Vincioni 09.02.06 17:38| 
 |
Rispondi al commento

un conto è fare la VIA ,che valuta il rapporto con l'ambiente della struttura artificiale, un conto è lo smaltimento dell'amianto, che si deve svolgere secondo precisi criteri di sicurezza!

nicola potti 09.02.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Rendere economicamente fattibile la produzione d’energia a partire dalla spazzatura può essere uno dei primi risultati dell’applicazione del Protocollo di Kyoto, per frenare il processo di surriscaldamento della Terra. C'è un programma brasiliano NovaGerar, che sfrutterà il gas metano estratto dai rifiuti di Nueva Iguazú, un comune di un milione di abitanti nella periferia di Rio de Janeiro, per alimentare una centrale termoelettrica - (L’impegno iniziale era bonificare la discarica di Marambaia e riabilitare il locale in cui erano stati depositati due milioni di rifiuti a cielo aperto). E' necessario installare sistemi di captazione dei gas e di drenaggio dell’acqua prodotta dalla decomposizione dei residui, per evitare l’inquinamento di falde freatiche e fiumi. L’inquinamento dell’intero bacino, oltre a distruggere la biodiversità, diffonde malattie come epatite, diarrea, leptospirosi e altre che si trasmettono con l’acqua, compreso quelle dermatologiche, ha osservato Adauri l’Istituto governativo Bahía de Guanabara, in difesa di questa risorsa naturale!

Cordiali saluti.


Fabio Galluzzi 09.02.06 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe

il presente documento cerca di mettere in evidenza i dubbi e le perplessità sul Piano Gestione Rifiuti elaborato dall’Amministrazione Provinciale di Forli-Cesena, formulando al tempo stesso proposte di merito.

Il Piano viene adottato oggi 9 febbraio dal Consiglio Provinciale; i Verdi voteranno contro.

Il Piano Provinciale non promuove un cambiamento del registro nelle politiche sui rifiuti.

Il Piano, valevole per il decennio 2005 – 2015, si caratterizza sui seguenti aspetti (in sintesi i contenuti e gli obiettivi di rilievo):

- Realizzazione immediata del mega inceneritore di Coriano di Forlì da 120.000 t/anno: riteniamo ingiustificato l’assunto della necessità di un inceneritore di tale potenzialità, che si vuole autorizzare senza neppure attendere i risultati di un più efficiente sistema di R.D.
- Incremento della produzione dei rifiuti (aumento dell’1% annuo), in netto contrasto con i principi di “Agenda 21” e in direzione opposta rispetto agli obiettivi indicati nel protocollo di Kyoto
- Aumento conferimento rifiuti presso inceneritori
- Stabilità nei conferimenti rifiuti presso discariche
- La previsione di incremento della raccolta differenziata (35,4% al 2007, 50,4% al 2009, 60% al 2014) si limita pertanto ad una dichiarazione di intenti, poiché prevalgono nel Piano da un lato politiche di forte incenerimento e di conferimento in discariche dei rifiuti, e dall’altro è carente la strategia per il perseguimento delle % previste di raccolta differenziata
- Non viene fatta una valutazione attenta relativa agli aumenti degli impatti ambientali degli inceneritori per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico

Come si vede, nulla di nuovo sotto il sole; tale gestione dei rifiuti, basata sulle modalità di smaltimento attraverso l’incenerimento e la discarica, ignora colpevolmente che esse deprimono e rendono ancora più difficile il perseguimento di politiche di prevenzione
Davide Fabbri
Esecutivo Provinciale dei Verdi

davide fabbri 09.02.06 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. Sono uno studente, discretamente fuoricorso. Come tanti altri, sto lottando per un mondo migliore. L'altra sera ho visto (registrato) lo spettacolo a Milano (era lì?) di Grillo, trasmesso dalla tv Svizzera. A dir poco ero allibito. A questo punto siamo? ma vogliono il federalismo? a me andrebbe anche bene, se sapete come funziona la mentalità toscana, noi ci autoregoliamo col campanilismo. Ma non posso buttare via gli Etruschi, I Romani, il Medioevo, il Rinascimento, il Risorgimento, e tutto quello che c'è nel mezzo.
Sono stato attaccato, in quanto Gran Maestro e Principe di Goliardia (quella vera, erede dei Clerici Vagantes del 100 o giù di lì, non quella degli impostori immischiati in politica di destra) dalla sinistra (o da chi si spacciava per sinistrorso) e legnato come si fa colle bestie. Perchè ero diverso. Non capivano cosa rappresentvo. Un nemico forse. Non hanno chiesto. Hanno accusato e leleganto forte. Fascista! dicevano. Questo si fa in politica ora.
Non ce la faccio più. Gridiamo al mondo di usare il cervello. Nessuno ha più cervello. Tra un po' inventranno anche il viagra per pensare (Enlarge your brain! Make a correct speech!).
Sono stanco e stressato.
Non sono d'accordo su diverse cose che dice Beppe (scusa il personale), ma posso dialogare.
Scusate lo sfogo. Se volevo usare il coltello sulle bestie facevo il macellaio.
Ma sulle persone vorrei usare comprensione e dialogo.
Adesso, scusate, devo prendere la clava e tornare in facoltà.
Gianpaolo Pecchia
- detto -
Mordred VII Appiani
Princeps Plumbinii
Principe di Goliardia
Universitas Pisana
Vassallo Al Sovrano e Venerabile Ordine del Torrione

Gianpaolo Pecchia 09.02.06 13:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
mi chiamo Marco Sordini e scrivo da Macerata.
Stamane, facendo la consueta rassegna stampa, mi son trovato sotto l'articolo del Corriere della Sera su Wikipedia. Un articolo in cui si raccontava del problema avuto dall'enciclopedia riguardo le foibe, problema che ha portato gli amministratori del sito a bloccare la voce e consentire eventuali modifiche solo agli amministratori stessi.
Ciò che mi chiedo è il perché, in Italia, si debba sempre arrivare al "fine corsa"? Perché non si può mai assistere ad una tranquilla e pacifica presa di coscienza da ambo le parti, un dignitoso mea culpa sugli errori commessi tanto dalla destra quanto dalla sinistra.
Io sono cresciuto in una casa dove il dialogo e l'assunzione delle proprie responsabilità erano i punti cardine. Mio nonno paterno fu partigiano e, abbagliato proprio da Tito, scappò dall'Italia per combattere al fianco degli slavi. Mio nonno materno, come fecero molti dei nostri nonni, si mise la camicia nera e visse da fascista. Entrambi vissero aiutando chi ne aveva bisogno, senza badare al colore politico. Entrambi sono ancora ricordati come grandi uomini. Entrambi insegnarono alle rispettive famiglie che nessuna fede politica può mascherare un crimine commesso contro l'uomo.
In trentadue anni di vita, mi ricordo solo du un uomo che ebbe il coraggio di chiedere scusa per le meschinerie ed i soprusi dei propri predecessori: Giovanni Paolo II.
Forse sarebbe il caso che i nostri dipendenti, tutti i nostri dipendenti, incominciassero a chiedere scusa e non a celare gli sbagli del passato.
Forse potrebbero ritornare ad essere considerati uomini d'onore.

Marco Sordini

marco sordini 09.02.06 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Consigliare al vicino di non denunciare il tetto in amianto del garage non è un'idea grandiosa.
Inoltre non tutto l'amianto (le forme di amianto) sono dannose. Se viene correttamente incapsulato e inertizzato, non è pericoloso. Sull'assenza della VIA sulla discarica, bisogna vedere quando è stato autorizzato il progetto e quando è entrata in vigore la legge sulla via nazionale e regionale.

Eliana Sabbioni 09.02.06 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
Consigliare al vicino di non denunciare il tetto in amianto del garage non è un'idea grandiosa.
Inoltre non tutto l'amianto (le forme di amianto sono dannose). Se viene correttamente incapsulato e inertizzato, non è pericoloso. Sull'assenza della VIA sulla discarica, bisogna vedere quando è stato autorizzato il progetto e quando è entrata in vigore la legge sulla via nazionale e regionale.

Eliana Sabbioni 09.02.06 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Diciamo che mi sono rotto. Vorrei fare tante cose per cambiare questo Paese che sta andando allo sfacelo. Questi Politici calpestano i PRINCIPI FONDAMENTALI della Costituzione Italiana. Ed è possibile che noi non possiamo fare NULLA??

Saverio Loria 09.02.06 10:05| 
 |
Rispondi al commento

caro amico? ma chi ti ha dato tali notizie, hai letto bene il mio commento?
Ho detto che la fibra di amianto é pericoloso ma confermo che L'Eternit nel suo conglomerato inerte non lo é.
La produzione di Eternit veniva svolta anche in Italia, cosa centra la guerra fredda?
Tutti sanno che le amministrazioni pubbliche stanno emanando provvedimenti di ordinanze per la rimozione di eternit, grazie a questo allarmismo creatosi inutilmente, come si fà a rispettare tali ordinanze se impianti non ci sono? o quelli che ci sono che hanno tutte le caratteristiche di idoneità sono osteggiati per interessi di pochi o interessi politici di bandiera.

a m 09.02.06 08:59| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe vai forte anche in messico....un saluto da chi da treviso se n'è andato....

diego borghetto 09.02.06 02:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo stile mafioso di un mare di silenzio si sta sciogliendo come neve al sole. Ieri è stato pubblicato un altro articolo inviato da un giornalista davvero eccezionale con verità che ho sempre visto mantenere nascoste verosimilmente per proteggere i malfattori dell’ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano che mi hanno distrutto e rovinato la salute, la pace, la tranquillità, l’economia e la vita di relazione con il Governo Berlusconi che sta solo a guardare. Una volta persino la sua segretaria di Palazzo Chigi, mentre chiedevo un aiuto fattivo rivolto allo stesso, mi maltrattò chiudendomi il telefono in faccia. Questa è una ulteriore dimostrazione lampante di quanto viene rispettata la legge n. 104/92 anche da Palazzo Chigi e di come viene aiutata la disuguaglianza in favore dei portatori di handicap. Durante questo governo Berlusconi sono stata persino ancor più rovinata perché non mi viene resa giustizia e vengono protetti e lasciati sempre impuniti i malfattori che oltretutto continuano a dirigere quello stesso Ospedale. Ringrazio pubblicamente con tutto il mio cuore l’impareggiabile e unico dott. Vincenzo Raimondo Greco per la sua serietà, professionalità e umanità. L’articolo è il seguente: http://www.girodivite.it/Mobbing-e-malasanita-a-Milano-il.html
http://www.mobbing-sisu.com
Il futuro dell’Italia dipenderà dalla perspicacia, dall’intelligenza e dall’onestà degli italiani, così non va. Giovanna Nigris

Giovanna Nigris 09.02.06 01:23| 
 |
Rispondi al commento

IL SILENZIO

In questa notte politica italiana.
mi ritrovo ancora a vivere
nel mare del silenzio.

A notte si levano i ricordi
e come da stormi di avvoltoi impazziti,
ti senti divorare i tuoi diritti e l’anima.

Ti senti persino dire: io non so niente…
ti si presenta tutto in modo oltraggioso,
così si vede osservare uno stile mafioso.

Le tenebre dell’ignoto rivolte al futuro
hanno spento tutti i lanternini
anche se lui non si chiama Berluschini.

Lui ora, è il nostro Premier in Italia,
ci tengo a dirlo si chiama Silvio Berlusconi
peccato che qui, gli manchino i marroni.

Vuole governare ancora poveretto
non ha guadagnato abbastanza,
colma ancora la mano che sarebbe sola.

Non ci sono in lui sorrisi mancati
non un volto stanco, o trascurato
persino il bisturi lo ha aiutato.

E’ quasi dolce ma insensibile
compie il suo passaggio dei soldoni
e in questo campo ci mette i marroni.

Giacomo Jim Montana

N.B. Questa poesia viene dedicata dall’autore
a tutte quelle persone che in silenzio e di nascosto vengono rovinate e fatte morire lentamente nella più vile e crudele disperazione,
come ancora accade nella vicenda
della signora Giovanna Nigris
descritta e provata nel sito web:
www.mobbing-sisu.com


Giacomo Montana 08.02.06 21:10| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe sono un tuo grande ammiratore perchè dici delle cose sensate in questo mondo che di cose sensate ne sa veramente poco! ciao ciao

fabio marte 08.02.06 21:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
La mia domanda è: Se gli inceneritori e le discariche non vanno assolutamente bene .... Dove li ficco i miei rifiuti??
Magari sono ignorante io ma esistono altre possibiltà migliori?

Milesi Niccolò 08.02.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Il cittadino che deve sottostare ad abusi e reati vergognosamente protetti dalla politica e che deve subire persino manifestazioni di derisione e scherno per il suo stato di handicap, non solo deve cercare di schivare il concreto, fenomeno più inquietante dello spirito umano, ma si trova anche a combattere in condizioni di estrema inferiorità. Significa dovere lottare contro i giganti che, proprio noi cittadini con fiducia abbiamo scelto di fare eleggere in Parlamento. Quello che disgusta maggiormente lo scrivente è soprattutto il fatto che le regole civili vengono violate di nascosto e dopo vengono insabbiati i fatti illeciti per potere contestualmente apparire agli occhi della gente, persone normali, rispettabili e talvolta persino degnamente titolati. Questo a chi scrive come credo a chi legge non può che suscitare il più vivo sentimento di disapprovazione e di sdegno. Anche in Italia la gente deve impedire le illegalità e ancor più se tali fatti vengono esercitati ai danni di chi è stato fatto divenire sempre più debole,ammalato e handicappato. Si deve comprendere che non sempre le azioni incivili e vili che vengono esercitate sono riportate dai media. Verosimilmente la gente viene a conoscenza del 20% di quanto accade in realtà, di cui una gran parte di fatti illeciti succedono in altre nazioni. C’è una netta tendenza a fare buttare l’attenzione del popolo lontano sia dal punto di vista temporale (si continua a parlare di fatti accaduti alcuni decenni fa) sia dal punto di vista spaziale (si controlla come si comportano i capi di stato di alcuni paesi arabi, altro ed oltre). Questo meccanismo porta facilmente a potere fare violare le leggi dello Nazione e fa dimenticare tutto ciò che c’è stato di illecito ai danni di qualcuno. Chi impedisce che sia causata la morte a qualcuno, perché in parecchi fanno finta di non sapere, svolge solo il suo dovere di cittadino. Mi spiace tanto per chi è scomparso anche a causa di un mare di silenzio. Giacomo Montana

Giacomo Montana 08.02.06 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Perchè rischiare di diventare vittime di gravi epidemie e addirittura di catastrofi ecologiche, con la nettezza urbana paralizzata a causa della mancata "RACCOLTA DIFFERENZIATA" e della mancanza di "ADEGUATE STRUTTURE DI RICICLAGGIO
DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI". Così nascono le "DISCARICHE ABUSIVE dove normalmente ogni giorno i camion della nettezza urbana scaricano tonnellate di rifiuti! Alcuni Comuni avevano già assunto impegni a favore dell'ambiente, per evitare i gravi rischi sanitari, ma, ormai, per risolvere la situazione "dovrebbe" intervenire energicamente il governo, le altre autorità e tutte le Istituzioni preposte a far rispettare l'applicazione delle leggi che sono già in vigore!


Fabio Galluzzi 08.02.06 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti per l'intervento di A.M.! Perchè A.M. (non si capisce come mai non si firma per esteso, forse ha qualcosa da nascondere?) non dice anche che la colla vinavil è una colla vinilica tossica che può rilasciare sostanze pericolose per l'ambiente comprese le falche acquifere? Perchè non dice anche che la messa al bando dell'amianto è stata una scelta di politica globale degli anni di guerra fredda dato che il maggior produttore era l'Unione Sovietica? Perchè non dice anche che le altre fibre usate tuttora in sostituzione dell'amianto sono anche più pericolose perchè più piccole e facilmente inalabili? Perché non dice che proprio grazie al fatto che i collanti nell'eternit inertizzano le fibre non vi è alcun motivo di rimuoverli da dove sono stati installati e che invece proprio la rimozione può liberare le fibre?

Franco Licori 08.02.06 14:07| 
 |
Rispondi al commento

GRADIREI SAPERE SE QUALCUNO DI VOI POTESSE DELUCIDARMI RIGUARDO ALLE ANTENNE E AI CELLULARI???
E' VERO CHE FANNO MALE????

Saluti
FRANCESCO

FRANCESCO GIORZA 08.02.06 11:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L’argomento di cui si parla é l’eternit materiale composito di cemento e fibre di amianto, tale materiale nella sua integrità non provoca nessun tipo di problematiche ambientali ed alle persone in quanto il cemento inertizza la fibra di amianto che solo queste sono pericolose.
Si evidenzia che la lastra di eternit è stata utilizzata per anni come copertura e altro che quasi tutti in casa ne hanno la presenza.
Tale materiale quando viene dimesso il proprietario deve presentare una richiesta all’Ufficio competente dell’ULSS per il nulla osta, la Ditta che esegue il lavoro deve essere iscritta ad un albo specifico e gli addetti sono oggetto di corsi e controlli frequenti.
Il materiale dismesso viene trattato con coimbentante (colla vinavil diluita con acqua al 50 %) per evitare possibili dispersioni di fibre di amianto nell’ambiente ed inoltre vengono imballati utilizzando pallet e cellophane o con big bag (omologati ONU 13H3/Y).
Considerando che l’impianto oggetto dell’articolo è autorizzato e quindi idoneo per ricevere tali materiali in sicurezza per l’ambiente e le persone perché non dovrebbe svolgere l’attività per la quale ha avuto l’idoneità e continui controlli dalle autorità competenti, forse che lo smaltimento deve essere gestito solo dai Vostri amici o dai Vostri interessi o l’eternit lo portiamo a casa di Beppe Grillo?

A.M. Venezia

a m 08.02.06 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe e cari tutti, sono depresso per aver provato a cercare il termine "educazione fisica" sia sul blog sia su wikipedia, senza trovare voci corrispondenti! Purtroppo viviamo in un mondo che ha totalmente dimenticato la spinta al progresso e benessere per tutti che aveva caratterizzato l'inizio del secolo scorso (o la fine del precedente) tanto da introdurre nelle scuole e nella formazione dei cittadini norme igieniche e di vita basate sulla felice unità psico-fisica delle persone. Che fine hanno fatto questi presupposti? L'interesse per i figli -qualcuno ne avrà pure, di figli!- è tutto indirizzato al primeggiare, attraverso meccanismi legati al consumo. Non solo quello di beni materiali, ma anche di emozioni , di aspettative, di risorse. Le federazioni sportive hanno preso in mano tutte le offerte di carattere motorio esistenti nella nostra nazione, creando un baraccone dove ci si scanna per acquisire clienti-atleti fin dalla scuola materna, specializzandoli in una singola disciplina sportiva e raccontando loro che grazie alla assiduità dell'impegno potranno diventare campioni (!?) per poi lasciarli in balia delle insoddisfazioni patite proprio nel momento -di solito, verso i 14 anni- in cui più che mai l'aspetto sociale e formativo del movimento avrebbe modo di esprimersi. Insomma, molte palestre scolastiche sono ancora quelle costruite grazie alla riforma Gentile, mentre ogni giorno i mezzi di comunicazione ricordano ai nostri figlioli che se non sei alto bello e muscoloso (o se sei femmina con due tette così) sei proprio da buttare. Però, se vuoi, c'è questa pillola miracolosa, oppure questo intervento chirurgico... La strada dell'insoddisfazione batte molte piste, e non meravigliamoci poi se i nostri adolescenti con le braghe a mezz'asta e le nostre figlie con l'ombelico in mostra non trovano altro modello per divertirsi che non sia quello delle discoteche e del grande fratello! Ma una bella gita in bici, una passeggiata nel bosco, una sfida tra amici?

Giovanni Malavasi 08.02.06 08:39| 
 |
Rispondi al commento

IL SILENZIO

In questa notte politica italiana.
mi ritrovo ancora a vivere
nel mare del silenzio.

A notte si levano i ricordi
e come da stormi di avvoltoi impazziti,
ti senti divorare i tuoi diritti , l’anima.

Ti senti persino dire: io non so niente…
ti si presenta tutto in modo oltraggioso,
così si vede osservare uno stile mafioso.

Le tenebre dell’ignoto rivolte al futuro
hanno spento tutti i lanternini
anche se lui non si chiama Berluschini.

Lui ora, è il nostro Premier in Italia,
ci tengo a dirlo si chiama Silvio Berlusconi
peccato che qui, gli manchino i marroni.

Vuole governare ancora poveretto
non ha guadagnato abbastanza,
colma ancora la mano che sarebbe sola.

Non ci sono in lui sorrisi mancati
non un volto stanco, o trascurato
persino il bisturi lo ha aiutato.

E’ quasi dolce ma insensibile
compie il suo passaggio dei soldoni
e in questo campo ci mette i marroni.

Giacomo Jim Montana

N.B. Questa poesia viene dedicata dall’autore
a tutte quelle persone che in silenzio e di nascosto
vengono rovinate e fatte morire lentamente
nella più vile e crudele disperazione,
come ancora accade nella vicenda
della signora Giovanna Nigris
descritta e provata nel sito web:
www.mobbing-sisu,com

Giacomo Montana 08.02.06 08:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe qui nel veneto c'è un vecchio proverbio che dice "quando a merda a monta sul scagno o a fa spussa o a fa danno" quanto sopra è riferito al nostro caro L. Zaia vice governatore

Primo GIROTTO 07.02.06 22:11| 
 |
Rispondi al commento

Andrè Linoge
non ho insultato nessuno ma alla prossima accusa non vera lo farò con piacere

Andrea Brizzi 07.02.06 17:20| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di vicini che hanno dei tetti in amianto: è possibile denunciarli e pretendere o la demolizione o la messa in stato di sicurezza ? Inoltre, si può pretendere che lo smaltimento venga effettuato nel rispetto della legge e non in ... economia ?
E' possibile che soltanto mi preoccupo di come tutelare la mia salute e quella dei miei figli e non i miei vicini ?! E' un po come la situazione di chi è non fumatore e si trova in un locale pubblico dove c'è gente che fuma: devo essere per forza io che chiedo di spengere la nociva sigaretta e non tu che non ti preoccupi nemmeno di nuocere agli altri ?. Vecchie storie ..italiane.

Sandro 07.02.06 16:03| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere se c'è qualcosa di vero nella notizia che ho trovato su internet della pericolosità delle pentole antiaderenti. Dicono che siano cancerogene.
Grazie.
Ps. Per fortuna che c'è B.G.!!

Alice B. 07.02.06 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè rischiare di diventare vittime di gravi epidemie e addirittura di catastrofi ecologiche, con la nettezza urbana paralizzata a causa della mancata "RACCOLTA DIFFERENZIATA" e della mancanza di "ADEGUATE STRUTTURE DI RICICLAGGIO
DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI". Così nascono le "DISCARICHE ABUSIVE dove normalmente ogni giorno i camion della nettezza urbana scaricano tonnellate di rifiuti! Alcuni Comuni avevano già assunto impegni a favore dell'ambiente, per evitare i gravi rischi sanitari, ma, ormai, per risolvere la situazione "dovrebbe" intervenire energicamente il governo, le altre autorità e tutte le Istituzioni preposte a far rispettare l'applicazione delle leggi che sono già in vigore!

Fabio Galluzzi 07.02.06 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Per Simona ARNALDI

La domanda forse era per Beppe, ma intanto ti rispondo io.
Sto leggendo il suo libro: Testamento per una Nuova Medicina e posso dirti che mi gira la testa; è come avere preso la pillola di Matrix e vedere un'altra realtà. Il libro mi è statto prestato da un amico biologo. Ho intenzione di comprarlo e di farlo leggere al mio medico di base , se vorrà "abbassarsi". Una cosa è certa, quest'uomo ha capito tutto del corpo umano, e in Austria i suoi studi sono stato provati e accettati da eminenti docenti universitari (quelli che insegnano ai medici).
Un'altra cosa è certa, il cancro non mi fa più nessuna paura, e mai nessun medico "normale" mi fara mai una chemio o mi opererà se non per fratture in un incidente.
Mi auguro che cresca la propaganda in suo favore e che Domani la Nuova Medicina sia una realtà.

marco ancinelli 07.02.06 11:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè rischiare di diventare vittime di gravi epidemie e addirittura di catastrofi ecologiche, con la nettezza urbana paralizzata a causa della mancata "raccolta differenziata" e della mancanza di "adeguade strutture di riciclaggio dei rifiuti solidi urbani". Così nascono le DISCARICHE ABUSIVE dove normalmente ogni giorno i camion della nettezza urbana scaricano tonnellate di rifiuti! Alcuni Comuni avevano già assunto impegni a favore dell'ambiente, per evitare i gravi rischi sanitari, ma, ormai, per risolvere la situazione "dovrebbe" intervenire energicamente il governo, le altre autorita' dello Stato e tutte le Istituzioni preposto a far rispettare la tutela ambientale applicando le leggi che sono già in vigore!

Fabio Galluzzi 07.02.06 11:18| 
 |
Rispondi al commento

ciao..vorrei sapere cosa ne pensi del dottor hammer..secondo te è un pazzo criminale che deve rimanere in galera o la sua nuova medicina è veramente valida?
parteciperai alla manofestazione che si terrà in germania il 13 maggio per la sua liberazione?
p.s. per chi volesse saperne di più:
http://www.albanm.com/home.htm


ciao..vorrei sapere cosa ne pensi del dottor hammer..secondo te è un pazzo criminale che deve rimanere in galera o la sua nuova medicina è veramente valida?
parteciperai alla manofestazione che si terrà in germania il 13 maggio per la sua liberazione?
p.s. per chi volesse saperne di più:
http://www.albanm.com/home.htm

Simona Arnaldi 07.02.06 08:43| 
 |
Rispondi al commento

INFORMATEVI RIGUARDO ALLA "FUSIONE NUCLEARE FREDDA", L'UNICA SPERANZA PER NON DEVASTARE E DEVASTARCI ULTERIORMENTE!!!

samuele galassi 07.02.06 07:01| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di salute;
Queso è quello che ha potuto combinare il governo presieduto dall'Onorevole Laureato Berlusconi a fine legislatura, da uno dei deputati siciliani del suo partito.Tutto questo è VERGOGNOSO con una mancanza di rispetto verso no solo chi si impegna tutti i giorni a far si che il suo lavoro sia onesto e professionalmente efficiente, ma prima di tutto verso chi ha bisogno e quindi della gente comune.Il 2 febbraio 2006 la Camera dei Deputati ha approvato il D.L. 250/2005, il cui l’articolo 1-septies recita: “Il diploma di laurea in scienze motorie è equipollente al diploma di laurea in fisioterapia, se il diplomato abbia conseguito attestato di frequenza ad idoneo corso su paziente, da istituirsi con decreto ministeriale, presso le università”.Questo articolo oltre a essere contrario alla Costituzione, alle Direttive Europee e a ogni normativa e legge vigente in Italia, è estremamente contrario alla ragione, a ogni forma di logica e al più comune buon senso.
Infatti:a) presenta forti motivi di incostituzionalità in quanto contravviene alle norme legislative italiane sull'esercizio delle attività delle professioni sanitarie, regolate dall’articolo 117, terzo comma, della Costituzione, in base al quale allo Stato è demandata la determinazione dei principi, mentre spetta alle Regioni la potestà legislativa. Detta competenza è stata confermata, peraltro, dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 424 del 2005; percorso che si è seguito invece nel corso dell'approvazione del disegno di legge sulle professioni sanitarie (AC 6229) del 24.01.2006 attraverso accordi sanciti in sede di Conferenza Stato-Regioni
b) risulta in contrasto con le disposizioni dell'Unione Europea sulla formazione universitaria e sulla recente direttiva europea 2005/36/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali
c) è in contrasto con il decreto legislativo 8 maggio 1998, n. 178, art. 2 comma sette, che fissa il profilo Profes

Luigi Di Filippo 07.02.06 00:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se la scandalosa sotto-appendice sulla droga venisse approvata domani, e considerando che, tecnicamente si verrebbe a trovare fuorilegge anche l'alcool (essendo "altra pianta i cui principi attivi possono provocare allucinazioni o gravi distorsioni sensoriali e tutte le sostanze ottenute per estrazione o per sintesi chimica che provocano la stessa tipologia di effetti a carico del sistema nervoso centrale"), propongo di inondare le questure di tutta Italia di denunce per la vendita e/o produzione di alcool.

nico severo 06.02.06 23:41| 
 |
Rispondi al commento

A Erica:
Ciao Erica, son sicuro che ti vedrò sabato 18 allora!Perchè diversamente a come dici il sindaco"cattocomunista" si interessa eccome del caso, a differenza tua forse che forse non sei per niente interessato di questo fatto tanto che non sai tutte le cose che questa amministrazione ha fatto e stà facendo!
Massimiliano da Postioma

Massimiliano Girotto 06.02.06 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Salve!
E' la prima volta che partecipo ad un blog, dibattito on-line o forum.
Commento ciò che dice Mauro Fattori quando sottolinea la necessità di riappropriarci del NOSTRO POTERE mettendo in atto così un 'colpo di stato pacifico'.

Sono molto d'accordo con te, per lavoro parlo con persone di tutti gli strati sociali; ti assicuro che di persone in sintonia con noi ce ne sono moltissime, quelle che non ne parlano sono solo deluse, impaurite o annichilite da questo teatrino di quart'ordine cui assistiamo da parte di questo manipolo di politicanti. A me piace dire che in questo bellissimo paese ciò che sta mandando per il verso sbagliato le cose sia la mancanza di una 'S' che è quella che ci vede 'oggetti' anzichè 'Soggetti'.

Le radici di questo singolare problema, considerato il fatto che facciamo parte di un'Europa mediamente notevolmente più civile di noi, affondano nella cultura del 'saldo sempre in negativo', siamo sempre in difetto e la nostra coscienza, in 20 secoli di dittatura ecclesiastica, si è assuefatta a questa droga pesante mettendoci in fuorigioco e riducendoci a carne da macello a disposizione degli ipocriti.

Ora basta! Ormai intorno a me avverto un grande fermento, sappiamo bene tutti che la consapevolezza e la dignità sono i cardini da cui ripartire. Esigo rispetto sacrale da parte di chi ha la responsabilità del paese!!!!!!!!

Beppe, questi blog devono continuare perchè si sta innescando un virtuosismo che ci porterà a costruire DA NOI un 'sistema paese' degno delle persone che hanno un'etica (e ce ne sono tantissime!) estromettendo i 'sequestratori di coscienze' che oramai considero ridicoli e fuorimoda! Vai alla grande 'Grillo Parlante!.

paolo cecchetti 06.02.06 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Erica, sono Luca e scrivo da Treviso.
Capisco benissimo la situazione che hai esposto perchè anch'io ritengo che in provincia di Treviso si stia facendo di tutto per distruggere una terra meravigliosa, solo per dar spazio alla speculazione.
Credimi comunque che non è facile vivere in una città amministrata da uno "sceriffo", si rischia che tutto diventi far west.
Ciao Luca

luca gari 06.02.06 17:47| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe, io vivo a pochi chilometri dalla discarica oscena di cui hai parlato qualche giorno fa. si trova, per l'esattezza, tra Porcellengo, Castagnole e Paese. Io vivo a Postioma, altra frazione del ridente comune di Paese che presto ospiterà anche uno stabilimento della san benedetto...giusto perchè di traffico ne abbiamo poco, vivendo tra le due strade statali piuù trafficate che manco milano...(strada Feltrina e strada castellana...)
Volevo sol oringraziarti per l'attenzione dedicata ad un problema che pare invece ignorato dall'attuale amministrazione (9 anni di lega sostituti da un sindaco che sol oa fine campagna elettorale ha avuto il coraggio di dichiarare di essere con l'ulivo...sai, da noi la sinistra non va per la maggiore...) CATTO-COMUNISTA che pensa al ricongiungimento della comunità paesana alla chiesa e fa orecchi da mercante a questi problemi...pensa che di fronte a questo gentilini (CHE è SOLO SINDACO DELLA CITTA' DI TREVISO e NON CENTRA CON I COMUNI LIMITROFI) sembra il male minore...sottolineo che il comune di treviso offre incentivi per smantellare i tetti in eternit...è un inizio...peccato che invece a paese, ad appena 6 km da Treviso città (e 1 da casa mia..sic!) si continui a portare amianto...chisà perchè...
ciao Beppe!continua a far sentire la tua voce!
Erica

erica mussato 06.02.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento

gentile sign Pisano

grazie per le sue competenti puntualizzazioni. Avevo già precisato di non essere un medico, ma altresì non ho mai detto che moriremo tutti di mesotelioma. Non sono peraltro in grado di sapere, come probabilmente lei, chi di noi ha all'interno una fibra di amianto che puo fare impazzire il ns/ corpicino, quindi mi piacerebbe sapere se continua la ricerca sulla variabile genetica che discrimina i colpiti dal male dai "custodi sani" di fibra d'amianto, progetto che mi risulta stessero seguendo alle Molinette di Torino, evidentemente ad oggi con scarsi risultati, perchè l'individuazione della variabile potrebbe avviare la ricerca per un "vaccino inibitore", ma soprattutto se ci sono dei denari finalizzati a ciò. Qua crepiamo come le mosche e arriva il "mega competente" di smaltimento a spiegarmi i termini medici corretti e che non servono inutili allarmismi.....fly down please.

PS: secondo i molti che conosco io il computer causa della leucemia è il suo e non il mio...mah!

Natale Palli 06.02.06 16:21| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia diventa sempre di più un paese da cui scappare?

Giusi Rotondo 06.02.06 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Fino a due anni fa abitavo a Morena nella periferia sud est di Roma (X municipio), una zona nata con un misto di abitazioni e piccole officine, adesso tutto quello che c'era da condonare è stato condonato, ma non tutti i capannoni che sono rimasti. Tetti di Eternit per circa 5000 metri quadrati. Qualche anno fa denunciai l'officina da fabbro accanto a me perchè era troppo rumuroso e non rispettava le più elementari norme igeniche. La polizia municipale del X municipio, tra tutte le cose che gli ha fatto sistemare, gli ha fatto "trattare" anche il tetto di Eternit, con una verniciatura. Al che alla domanda del perchè non eseguire la stessa cosa con tutti gli altri 5000 metri quadri di Eternit tutti adiacenti, mi è stato risposto che io avevo denunciato solo quella officina. Cosa alquanto incomprensibile perchè, non penso che che trattare o eliminare l'eternit dei capannoni, si debba aspettare la denuncia di un cittadino, am dovrebbero essere le ASL a imporre la bonica, anche se forse sotto certi punti di vista, quella roba è meglio lasciarla dove stà.
SAluti a tutti
Giuseppe

Giuseppe Manuli 06.02.06 13:08| 
 |
Rispondi al commento

L'amianto...causa del mio essere orfana!
Mio padre ha lavorato per 30anni in un'azienda siderurgica pugliese...la più famosa! Sebbene questa dia lavoro a migliaia di persone,ne fa morire anche tante!!! Amianto lavorato prima che si scoprisse la sua natura cancerogena e mai smantellato dopo la scoperta!
FIBROSI POLMONARE...ASBESTOSI...Questi i termini medici con cui hanno definito la diagnosi. E non ci sono cure. Ho visto mio padre spegnersi per una crisi respiratoria...E la mia vita andare in pezzi. La ricostruisco in ricordo degli insegnamenti che lui mi ha lasciato...Con l'amaro in bocca per non aver potuto difendere la sua memoria quando, per manovre burocratiche studiate, non sono state riconosciute le responsabilità legali che l'azienda aveva...Mi chiedo QUANDO l'Italia comincerà a proteggere i suoi cittadini da tali ingiustizie!!!
Chi può alzare la voce di fronte a tanto dolore, lo faccia...Perchè morire nel silenzio della propria impotenza è una sensazione atroce!

Grazie Beppe Grillo-Parlante!

V.B. 06.02.06 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ricordare che l’attuale legge sull’amianto prevede solo che questo non venga commercializzato, venduto e/o montato in sostituzione di quello danneggiato.
Pertanto la denuncia del vicino è inutile perché il vicino che possiede un manufatto di cemento-amianto (ovvero una normale copertura in Eternit) non sta’ infrangendo nessuna legge.
Le autorità possono solo consigliare, e NON obbligare, la bonifica per rimozione dell’amianto, almeno che il materiale non sia fortemente danneggiato (es. incendio).
Alcune volte l’ente competente consiglia addirittura di NON rimuovere.
Inoltre i costi di smaltimento sono altissimi e non sono previste né sovvenzioni né agevolazioni fiscali. Con queste premesse la domanda è: chi ha voglia di togliere l’amianto? Solo pochi cittadini.
Il problema delle discariche non è da sottovalutare, ma come mi è capitato di scoprire, e forse non tutti sanno, spesso e volentieri molte persone utilizzano buche, scavate in mezzo ai campi per liberarsi dell’amianto ed altri addirittura lo abbandonano in proprietà altrui.

Paola Calderoni 06.02.06 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, beh dai guardiamo il lato positivo di questa situzaione, siamo ultimi per tante cose, ma almeno per quanto riguarda l'uso dell'amianto siamo primi no?Peccato solamente che ancora una volta siamo primi per qualcosa di negativo e dannoso!
Dove andremo a finire!!!Sapete cosa mi inorridisce?il fatto che per migliorare la nostra vita dobbiamo (oltre a rischiare di ammalarci), anche pagare enormi cifre per cercare di limitare i danni!non dico che debba essere gratis ma lameno cercare di limitare i costi,bisognerebbe imparare TUTTI noi gente comune e politici a mettere al primo posto la vita delle persone, e non i soldi!!!
Ciao e W il Bel Paese!!!

Elena Sibilla 06.02.06 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, beh dai guardiamo il lato positivo di questa situzaione, siamo ultimi per tante cose, ma almeno per quanto riguarda l'uso dell'amianto siamo primi no?Peccato solamente che ancora una volta siamo primi per qualcosa di negativo e dannoso!
Dove andremo a finire!!!Sapete cosa mi inorridisce?il fatto che per migliorare la nostra vita dobbiamo (oltre a rischiare di ammalarci), anche pagare enormi cifre per cercare di limitare i danni!non dico che debba essere gratis ma lameno cercare di limitare i costi,bisognerebbe imparare TUTTI noi gente comune e politici a mettere al primo posto la vita delle persone, e non i soldi!!!
Ciao e W il Bel Paese!!!

Elena Sibilla 06.02.06 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Il mio vicino ha un tetto di garage in eternit. Presenta evidenti tracce di muffe e chiazze dovute agli effetti prolungati degli agenti atmosferici. Il manufatto ha sicuramente più di 30 anni.
Ho provato a guardare in internet come si può fare ad ovviare. Risultato: ennesima dimostrazione della pressapochezza italiota!
Non c'è una direttiva comune. Solo poche regioni (4-5) hanno approntato schede di, udite udite, " autonotifica dell'amianto" con l'obbligo di indicare il responsabile dei lavori che può essere lo stesso proprietario. Ho letto anche un po' di normativa di legge (che parte dal '92) e con tutto ciò non ho capito bene chi è che alla fine paga l'intervento di risanamento ma mi sembra quasi certo sia ancora una volta colui che si "autodenuncia".
Vorrei sapere quanti in Italia l'hanno fatto fino ad ora cioè si sono "autodenunciati".
Ma se ho visto coi miei occhi, e più di una volta, gettare le sportine piene di rifiuti direttamente nei canali che passano per il mio paese.
E il legislatore vuole che la gente si "autodenunci" ben sapendo che dovrà poi pagarsi l'intervento?
Ma per piacere.... dai....siamo seri.
A quante bonifiche avete assistito voi in questi anni? Personalmente a nessuna.
Se dobbiamo aspettare che la gente abbia un minimo di coscienza ambientale stiamo freschi.
Caro Beppe e cari amici non temete: moriremo tutti nel frattempo.

P.S= il mio vicino dovrò "autodenunciarlo" io, se vorrò risolvere il problema, visto che è povero in canna come si usa dire.


sandro formaglio 06.02.06 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Big Beppe
volevo dirti che già quando ero alle superiori,
ci battevamo per far chiudere l'istituto in cui tutti i giorni studiavamo, perchè si puo dire che la scuola era un unico blocco d'eternit, ma l'amministrazione di quei tempi non ci ascoltava e solo dopo quattro casi(tre prof. e un collaboratore scolastico)di persone morte affette da tumore si sono dati una svegliata, e oggi a distanza di ben 6 anni la scuola è chiusa per smaltimento.
dobbiamo sempre aspettare che qualche malcapitato ci lasci la pelle per far diventare seria una cosa c...o??
ah non riesco a far spegnere la tv ai miei, come devo fare?
CIao e grazie per lo spazio

fabio ernetti 06.02.06 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Le preoccupazioni riguardanti l'amianto e il suo smaltimento sono molto legittime ma bisogna anche focalizzare l'attenzione su un particolare non trascurabile: il prezzo esorbitante, giustificato dall'alta tecnologia dei materiali, che grava sulle tasche di un privato cittadino per la bonifica. Ritengo quindi che chi ha concesso le autorizzazioni per l'utilizzo dell'amianto come materiale edilizio senza che venissero fatti studi sulla sua tossicità (esistevano, anche nel segolo scorso delle regole ben precise) debba partecipare economicamente allo smaltimento. Anni fa per svecchiare il parco macchine della popolazione italiana, definito vecchio e altamente inquinante, lo stato italiano è intervenuto con un investimento elevato, non so se ne abbia giovato l'ambiente visto che i problemi di inquinamento sono periodici come i monsoni in asia e le alluvioni in campania, ma se ci fosse un incentivo statale per lo smaltimento dell'amianto ne gioverebbero le tasche di molti italiani, l'ambiente e le nostre periferie che si riempiono di discariche abusive e motagnette di tettoie maciullate con le fibre al vento.P.S. Gentilmente, evitiamo dimandare l'amianto dei nostri tetti in paesi in via di sviluppo, potremmo essere accusati di uso illegittimo di armi chimiche!!

Vincenzo Schiralli 06.02.06 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A breve ci aggiungeranno anche quello che ricaveranno dal trivellamento delle montagne in valle susa per la Tav...orrore!

NO TAV!

fulvia leone 06.02.06 10:28| 
 |
Rispondi al commento

cioa beppe,le tue preoccupazionine sono lecite e reali e telo dice uno che fa l'operatore delle bonifiche d'amianto.Come tu ben saprai(essendo un comico) la discarica di Treviso non è l'unica dicarica presente sul territorio italiano,e il problema della dispersione di fibre esiste solo se la bonifica viene effettuata in modo assolutamente superficiale.Voglio solo dire che la tecnologia ci è venuta incontro con prodotti e attrezzature tali che permettono il completo incapsulamento delle fibre di amianto,quello che rende rischioso questo tipo di lavoro e il "mercato "delle bonifiche che mette in concorrenza le aziende del settore,le quali per poter stare sul mercato fanno prezzi da paura(molto bassi)i quali vanno ad incidere sui tempi di esecuzione delle bonifiche ed inevitabilmente sulla qualità delle operazioni di messa in sicurezza dei manufatti contenenti amianto.Per sintetizzare se i lavori fossero fatti meglio e con più tempo per eseguirli non ci sarebbero problemi per la sulute pubblica.

davide milani 06.02.06 09:46| 
 |
Rispondi al commento

cioa beppe,le tue preoccupazionine sono lecite e reali e telo dice uno che fa l'operatore delle bonifiche d'amianto.Come tu ben saprai(essendo un comico) la discarica di Treviso non è l'unica dicarica presente sul territorio italiano,e il problema della dispersione di fibre esiste solo se la bonifica viene effettuata in modo assolutamente superficiale.Voglio solo dire che la tecnologia ci è venuta incontro con prodotti e attrezzature tali che permettono il completo incapsulamento delle fibre di amianto,quello che rende rischioso questo tipo di lavoro e il "mercato "delle bonifiche che mette in concorrenza le aziende del settore,le quali per poter stare sul mercato fanno prezzi da paura(molto bassi)i quali vanno ad incidere sui tempi di esecuzione delle bonifiche ed inevitabilmente sulla qualità delle operazioni di messa in sicurezza dei manufatti contenenti amianto.Per sintetizzare se i lavori fossero fatti meglio e con più tempo per eseguirli non ci sarebbero problemi per la sulute pubblica.

davide milani 06.02.06 09:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo tutto il casino che è stato messo in piedi per il TAV che casino dovremmmo mettere in piedi per questo?
Io, da ingegnere, penso che le idee ed i progetti possano sempre essere realizzati, il problema è la quantità di materia grigia che ci si spende sopra e non solo il costo in euracci.
Quanta materia grigia è stata spesa a Paese?
Non sarebbe il caso di sollecitare un'inchiesta, anche privata (facciamo una bella colletta), per la valutazione d'impatto ambientale e vederci oggettivamente dentro...ah dimenticavo intanto i responsabili dell'illecito sono da ingabbiare (sugli atti i nomi ci sono)!

Mauro Bevilacqua 06.02.06 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei che sia chiaro che il vicino con il tetto in amianto VA' denunciato! Così facendo non si rischia che inaliate fibre di amianto perchè la rimozione e il trasporto di questo materiale è normato nel Nostro paese da una legge molto restrittiva; quindi vanno incitati i cittadini a denunciare, specie in presenza di coperture in eternit in cui si dovesse presentare un cattivo stato di conservazione (muffe, crepe, sfarinamenti, ...)segni inconfondibili che il cemento con cui sono impastate,non blocca più meccanicamente le fibre di amianto.
In questo caso è necessario rimuovere immediatamente la copertura per evitare che le fibre vengano trasportate piano piano dal vento o vadano a finire nei corsi d'acqua durante il dilavamento dovuto alla pioggia.
Preciso che prima della rimozione deve essere spruzzata una vernice (anche trasprente che blocca le fibre) e, prima di essere mossi e/o trasportati, i paccchi devono essere sigillati in involucri di Cellophan, per garantire la tunuta di eventuali perdite di fibre. Poi per concludere mandiamole a TREVISO dove gli abitanti hanno scelto il sindaco che si meritano. (mi dispiace tanto per loro).

P.S. prendelo come un accorato appello! Credetemi vigilate sulle operazioni di smantellamento alleranto ASL competente Quanto vedete anche solo un pò di polvere in giro AH!!! sia chiaro non faccio lo smaltitore di amianto.

ciao a tutti

alfonso cenetiempo 06.02.06 09:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao Beppe..vorrei sapere cosa pensi del dottor Hammer e se hai intenzione di partecipare alla manifestazione per chiedere la sua scarcerazione che si terrà il 13 maggio..
per chi ne vuole sapere di più visiti questo sito:
http://www.albanm.com/home.htm

Simona Arnaldi 06.02.06 08:57| 
 |
Rispondi al commento

per tradurre le pagine da Inglese ad Italiano, basta andare sul sito www.costedelsud.it/servizi/traduttore.asp, si fa copia/incolla e, se pur non perfetto, il senso è abbastanza comprensibile

Ada Gay Commentatore in marcia al V2day 06.02.06 08:56| 
 |
Rispondi al commento

per tradurre le pagine da Inglese ad Italiano, basta andare sul sito www.costedelsud.it/servizi/traduttore.asp, si fa copia/incolla e, se pur non perfetto, il senso è abbastanza comprensibile

Ada Gay Commentatore in marcia al V2day 06.02.06 08:55| 
 |
Rispondi al commento

per tradurre le pagine da Inglese ad Italiano, basta andare sul sito www.costedelsud.it/servizi/traduttore.asp, si fa copia/incolla e, se pur non perfetto, il senso è abbastanza comprensibile

Ada Gay Commentatore in marcia al V2day 06.02.06 08:53| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe..vorrei sapere cosa pensi del dottor Hammer e se hai intenzione di partecipare alla manifestazione per chiedere la sua scarcerazione che si terrà il 13 maggio..
per chi ne vuole sapere di più visiti questo sito:
http://www.albanm.com/home.htm

Simona Arnaldi 06.02.06 08:53| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe.. Secondo me dovresti parlare un po' del dottor Hammer.. ci sono delle novità e magari partecipare anche ad una manifestazione per la sua scarcerazione che si terrà il 13 maggio.. sempre che tu sia d'accordo con le sue idee.. cmq mi piacerebbe conoscere la tua opinione..
per chi volesse saperne di più visiti questo sito..
http://www.albanm.com/home.htm

Simona Arnaldi 06.02.06 08:48| 
 |
Rispondi al commento

In merito al commento di luigi pisano postato il 04.02.06 17:16:

Grazie per il tuo commento critico, la gente dovrebbe informarsi personalmente prima di credere a tutto, anche a Grillo.
Purtroppo la fisica e la scienza in generale NON sarà mai compresa da TUTTI; sfido chiunque a contraddirmi.....

Franco Poggianti 06.02.06 08:39| 
 |
Rispondi al commento

consideratemi tra quelli disponibili a questi cambiamenti nel modo di fare politica. vorrei davvero che tutti ci riappropiassimo del nostro diritto di dire quello che vogliamo veramente

giuseppa puglisi 06.02.06 07:03| 
 |
Rispondi al commento

consideratemi tra quelli disponibili a questi cambiamenti nel modo di fare politica. vorrei davvero che tutti ci riappropiassimo del nostro diritto di dire quello che vogliamo veramente

giuseppa puglisi 06.02.06 07:02| 
 |
Rispondi al commento

celecoxib (CELEBREX); meloxicam (MOBIC); rofecoxib (VIOXX); valdecoxib (BEXTRA)
We list these drugs as Do Not Use drugs because they are no more effective than related drugs, most have not been shown to have a lower rate of ulcers than related drugs and some have been shown to cause heart disease signor bambini questo è uno scorcio di commento su farmaco che usa sua madre,io sono iscritto al sito www.worstpills.org bisogna pagare 15 dollari attraverso carta di credito,per poi chiedere una riceca sul farmaco interessatospero che sappia tradurre l'inglese fabrizio

fabrizio ferlito Commentatore in marcia al V2day 05.02.06 23:53| 
 |
Rispondi al commento

credo che siamo in tanti a volere il "colpo di stato PACIFICO"-ma non basta "non andare a votare" (anche se questa è la prima reazione che si ha difronte allo schifo che stiamo vedendo da tutti gli schieramenti)
Per me il colpo di stato pacifico deve essere nel senso di riappropiarci del "NOSTRO POTERE"-
Oggi il potere se lo sono arraffato questi "politici"(dispreg.) e giocano tra di loro come se fosse un torneo di calcetto (vinciamo...vincono..perdono ) e non pensano all'Italia come dovrebbe pensare chi si prende questi incarichi (siamo noi a dare gli incarichi ,quindi dobbiamo pretendere che l'incaricato faccia veramente come diciamo noi)
Penso che se ne dovrebbe parlare perchè per me il momento è maturo perchè si possa fare un profondo cambiamento sociale partendo da come si deve gestire la cosa pubblica- ma è il momento di modificare anche la gestione dell'energia, i rapporti nel campo del lavoro, ecc ecc(Sono tante le cose, ma prima sarebbe interessante CONTARCI per vedere quanti siamo a volere questa vera e profonda trasformazione - di idee ce ne sono tante)
??Perchè ,attraverso Beppe Grillo, non proviamo a verificare se! e quanti! siamo pronti ad aderire alla riscrittura delle tante cose che non vanno??? a cacciare questa schiera di faccendieri democraticamente?
Beppe provaci

mauro fattori 05.02.06 21:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao, sono andato sul sito worst pills scoprendo che uno dei farmaci da evitare è il preferito di mia madre il (celebrex)!
il sito è in inglese e non riesco a vedere il resto dei farmaci, TU CHE SEI UN COMICO potresti aiutarmi? CIAO CIAO

mario bambina 05.02.06 21:56| 
 |
Rispondi al commento

RESPONSABILITA' SOCIALE. DOVE E'?

Credo che il seguente articolo [fonte Sodalitas], si commenti da solo.

Secondo lo studio “Responsible competitiveness, reshaping global markets through responsible business practice”, pubblicato da AccountAbility nel dicembre 2005, l’Italia figura al 35° posto nella classifica del “National Corporate Responsibility Index-NCRI”, penultimo dei paesi UE prima della sola Polonia, ma preceduta anche da Sud Africa, Cile, Malesia, Costa Rica, Tailandia. Il suo punteggio e' di 56,9, contro oltre 70 dei paesi nordeuropei ai vertici della classifica. La situazione non migliora neppure nel “Responsible Competitiveness Index” –calcolato con una metodologia di regressione lineare multipla che tiene conto sia del NCRI sia del Growth Competitiveness Index elaborato dal World Economic Forum- dove l’Italia figura al 37° posto con un punteggio di 59,9, contro oltre 75 dei 5 paesi nordeuropei ai vertici della classifica.

Roberto Grossi 05.02.06 21:49| 
 |
Rispondi al commento

ciao, sono andato sul sito worst pills scoprendo che uno dei farmaci da evitare è il preferito di mia madre il (celebrex)!
il sito è in inglese e non riesco a vedere il resto dei farmaci, tu che sei un Comico potresti aiutarmi? CIAO CIAO

mario bambina 05.02.06 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Salve, non vorrei distogliervi dal tema del post che merita tutta la nostra preocuupazione ed indignazione, ma voglio lo stesso sottoporvi una riflessione: perchè un film girato a in provincia di Reggio Calabria (Gerace, Siderno, Locri, Canolo, Polistena e Cinquefrondi), finanziato anche dalla Regione Calabria (centro-sinistra e io sono ds), deve essere presentato in anteprima nazionale a roma e alla presenza del presidente della regione? Sicuramente sono io che non conosco i meccanismi del cinema. Grazie dell'attenzione. Ciao.

domenico vadalà 05.02.06 20:55| 
 |
Rispondi al commento

per pisano e altri che la pensano come lui
non è tutto così semplice come dite!! non è vero che se i tetti o altri manufatti stanno fermi non rilasciano fibre.... gli studi lo dimostrano ne rilasciano in quantità minore di quando viene rimosso ma con gli agenti atmosferici ne rilasciano sempre.... di amianto ci sono tetti,camini, cisterne tubi e da noi a casale anche strade cortili ecc... con amianto non ben duro ma sottoforma di polvere pressata... non è vero che viene smaltito sempre bene.... anzi quasi mai perchè ovviamente anche le imprese tendono al risparmio di vernici che bloccano le fibre prima della rimozione.... una spruzzatina e via.... non vengono mai trasportati su camion chiusi ma spesso viaggiamo dietro a camion che aria e vento sollevano nailon e noi vediamo tranquillamente lastre neanche ben verniciate dalla classica vernice rossa... spesso i privati per evitare le pratiche burocratiche se lo smoltiscono da sè rompendolo buttandolo dove capita e trasportandolo sul portapacchi!!!controlli mai....... avete già visto qualcuno morire per mesotelioma???(è un tumore della pleura) non riescono a respirare e a ogni attacco di tosse sperano soltanto di morire finalmente... mentre si accorgono alla fine dei colpi di tosse che pultroppo sono ancora qui.... a chi consigliava di farsi per prevenzione una bella lastra io consiglierei il contrario più tardi si scopre di averlo meglio è tanto il finale si sa!!!! cure non ce ne sono! ora a tutti quelli che pensano siano falsi allarmismi chiedo:c'è qualcuno che vuol venire ad abitare al mio posto???

lori averono 05.02.06 19:57| 
 |
Rispondi al commento

ma che facciamo finta di indignarci? ma lo sapete cari cittadini, che nonostante la legge è in vigore da anni, non si procede allo smaltimento se non per interesse VEDI IL CASO CITATO o per qualche zelante (davvero pochi)ISPETTORE CHE NON PUò FARE A MENO DI INTERVENIRE.
girando l'italia, TUTTI vediamo in continuazione ed in tutti i posti kilometri quadrati di coperture in amianto e c'è di peggio, quelli che per qualche ristrutturazione lo gettano facendo i furbi magari di nottevoriscono anche quei poveri disperati che per ignoranza o incoscenza lo riutilizzano spandendo davvero le micidiali particelle nell'ambiente ma questi controlli chi li fa??????????????????????????? ve lo dico io, NESSUNO nè organi preposti e ne cittadini che ormai siamo abituati anche a peggio.
Il problema dunque, non riguarda soltanto il paese degli sceriffi ma ritengo tutta l'italia che è rimasta completamente priva di etica.
solo una cosa conta per noi ormai, LA TELEVISIONE

sergio monelli 05.02.06 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Non mi stupisce ma questo ulteriore esempio non fa che aumentare la mia "paura". Una "paura" verso quell'apparato politico (dal Presidente del Consiglio all'ultimo assessore dell'ultimo paese italiano)e parapolitico (ASL, uffici statali, uffici comunali, aziende private-statali come Enel, Autostrade, Alitalia,Telecom Italia, ..) che ci sovrasta. E' la paura per un nemico subdolo, invisibile, ricattatore, nascosto dietro una qualunque scrivania che quando agisce è capace di realizzare la più grande discarica d’amianto d’Europa senza preoccuparsi della men che minima Valutazione di Impatto Ambientale: è un nemico che quando si impegna riesce a raggiungere risultati eccellenti a livello europeo e mondiale. Ha una capacità di realizzare iniziative (illegali) incredibili.
Questa è la paura che mi fa dire NO! al nucleare, NO! a tutte le iniziative che richiedono cura, attenzione alla sicurezza, visione e investimenti di lungo periodo in manutenzione, innovazione e soprattutto in Risorse Umane....
NO! finchè non riusciremo ad eliminarlo!
Purtroppo è un nemico che non è ne di destra ne di sinistra: è il vero nemico dello sviluppo del nostro Paese.
Io l'ho provato a combattere nel mio piccolo, Beppe Grillo lo sta facendo in grande; se continueremo così forse ce la si potrà fare.

Roberto Leverone 05.02.06 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Non mi stupisce ma questo ulteriore esempio non fa che aumentare la mia "paura". Una "paura" verso tutto quell'apparato politico (dal Presidente del Consiglio all'ultimo assessore dell'ultimo paese italiano)e parapolitico (ASL, uffici statali, uffici comunali, aziende private-statali come Enel, Autostrade, Alitalia,Telecom Italia, ..) che ci sovrasta. E' la paura per un nemico subdolo, invisibile, ricattatore, nascosto dietro una qualunque scrivania che quando agisce è capace di realizzare in provincia di Treviso la più grande discarica d’amianto d’Europa senza preoccuparsi della men che minima Valutazione di Impatto Ambientale: è un nemico che quando si impegna riesce a raggiungere risultati eccellenti a livello europeo. Ha una capacità di realizzare iniziative (illegali) incredibili.
Questa è la paura che mi fa dire NO! al nucleare, NO! a tutte le iniziative che richiedono cura, attenzione alla sicurezza, visione e investimenti di lungo periodo in manutenzione, innovazione e soprattutto in Risorse Umane....
NO! finchè non riusciremo ad eliminare questo nemico!
Purtroppo è un nemico che non è ne di destra ne di sinistra: è il nemico dello sviluppo del nostro Paese.
Io l'ho provato a combattere nel mio piccolo, Beppe Grillo lo sta facendo in grande.

Roberto Leverone 05.02.06 18:20| 
 |
Rispondi al commento

uniamoci per non andare a votare alle prossime elezioni,facciamo un colpo di stato pacifico.l'unione fa la forza.
Ps:grazie mister grillo!

Pier Paolo Filippini 05.02.06 17:47| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe sono un ragazzo residente a 500 mt. dalla discarica di amianto di Paese noi proviamo a fare qualcosa ma purtroppo i soldi dei potenti hanno sempre il sopravvento aiutaci tu !!!
se fosse possibile un contatto... cel 3489541595

andrea berti 05.02.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento

@Franceschini ma da dove le prendete queste cavolate? secondo me è proprio vero che a furia di ripetere fregnacce la gente se ne convince...e, a proposito, giacchè ci siamo, vogliamo dirle due parole anche su Cefalonia o anche questa, come l'Olocausto, è un'invenzione della sinistra? Vogliamo smetterla con la Guerra Fredda e vedere cosa si può fare per salvare questo paese dal baratro su cui si trova?

linda sorbilli 05.02.06 17:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me i nostri politici ci considerano carne da macello e non faccio distinzioni tra destra e sinistra, che sono uguali o reciprocamente ad elezioni alterne peggio...ma questo e anche dovuto ad una nostra totale subordinazione, tranne alcuni casi che io stimo molto tipo: NO TAV...
Spero che prima o poi la moltitudine italiana cambierà.........

mario de riccardis 05.02.06 16:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

volevo soltanto dire che ammiro moltissimo Beppe Grillo, spero che una volta diventato imperatore risolverà tutti i problemi, compreso l'amianto.
Saluti
Leonardo Cairo

leonardo cairo 05.02.06 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro, Sig. Beppe grillo, mi chiamo mario, ho 19 anni e ti scrivo per chiederti una cosa?
Perchè non vieni a vedere la situazione, se ti capita, di Senigallia, una citta coperta di amianto e di "eternit",(non conosco esattamente il nome di questo materiale, però penso sia un composto di amianto se non sbaglio).
Puoi anche ammirare l'"ital cementi" una fabbrica abbandonata piena di amianto è che adesso vogliono buttare giù. Ovviamente riesci a capire lo sgomento che posso avere io come singolo che ci abito praticamente attaccato, ed alcuni cittadini nella mia stessa situazione.
Però non tutta la popolazione è al corrente della situazione, un pò perchè se ne è parlato poco o per niente, causa l' influenza che ha la politica sui giornali locali, anzi, prima ancora della politica il potere economico, ma anche perchè questo è il mondo in cui viviamo dove non c'è più il tempo , o forse non c'è mai stato, di poter dire no, di riflettere sulle cose, di informarsi un pò di più, perchè bisogna correre per poter raggiungere lo stipendio alla fine del mese, oppure perchè siamo letteralmente invasi da una molteplicità di input che non riusciamo più ad ordinarli per importanza, ma anche capire cosa è bene e cosa è male......
Un abbraccio
Mario
P.S. fammi sapere.... cmq se vuoi ti posso ospitare tranquillamente a casa mia senza alcun tipo di onere, non è un hotel a 4 stelle, ma mia madre cucina veramente bene.....
P.P.S. chiedo scusa a tutti per eventuali errori grammaticali commessi SORRY cia a tutti

mario de riccardis 05.02.06 16:14| 
 |
Rispondi al commento

è ora di finirla! ma l' hanno chiamato eternite perche dovremmo averne a che fare per tutta la vita!?! Ritengo ingiusto che qualcuno possa decidere di installare un impianto di smaltimento vicino ad un centro abitato senza nemmeno fare un referendum. Avremo noi il diritto di sciegliere se vogliamo inalarci le polveri d' amianto o no?

federico zanotto 05.02.06 15:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' vergognoso che nel terzo millennio si continui a giocare con le vite di onesti cittadini!!!

antonio palermo 05.02.06 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Per favore
non madate anche l'amianto del territorio italiano in Sardegna.
Ci basta i nostro , più i fumi di acciaieria di tutta Europa e i rifiuti speciali di tutti gli ospedali d'Italia
Vincenzo

Vincenzo Migaleddu 05.02.06 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Per Giovanni Facchinelle
Sono molto contenta che adesso la Provincia si sia appellata al consiglio di stato per chiudere la discarica. Non ho mai capito perchè non ha negato l'autorizzazione nel 2004 come ha fatto per le discariche di Sernaglia di Battaglia e di Curogna di Pederobba.
Sono rimasta poi molto delusa quando la provincia si è costituita contro il comune di Paese a difesa della discarica. Se ora le cose sono cambiate, significa che sabato 18 febbraio alle ore 9.30 saremo in tanti davanti al Municipio, senza distinzione di partito o di corrente.
Se poi sia la più grande o meno, non lo so, per me, vista da Paese è la più grande del mondo e non so neppure se l'osservatorio nazionale rifiuti l'abbia messa nella sua maledetta classifica.
Arrivederci al 18 febbraio,

Orietta Gazzola 05.02.06 14:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se posso inserirmi, in merito all'amianto ho una certa conoscenza del problema, tutte le considerazioni fatte sono esattissime, ed in ogni caso (purtroppo) tutti noi l'abbiamo respirato... in campagna l'abbiamo usato in lastre di "eternit", assolutamente duttili, le abbiamo tagliate, forate, rotte, ecc. ma anche nelle città... oltre ai tetti, ricordate le pastiglie dei freni della auto??? Solo qlc anno fà erano tutte composte da amianto, e che capitava? Parafrasando un docente di un corso fatto anni addietro "si frena e si sfogliano; poi si alza il vento, e molto democraticamente vengono distribuite a tutti".

Marco Chies 05.02.06 14:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto notizie contrastanti sulla pericolosità dell'amianto, in particolare non ho capito se le tubature in amianto, molto diffuse specialmente nelle abitazioni degli anni 50/60, possono, rilasciando fibre nell'acqua che vi passa, rendere pericoloso bere l'acqua del rubinetto, o anche solo utilizzarla per la cottura dei cibi.

Paolo Borgato 05.02.06 13:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è proprio una cosa indegna!!!!!!

francesco Cardullo Commentatore in marcia al V2day 05.02.06 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Grillo è la prima volta che scrivo da quando mi sono iscritto al tuo blog. l'ho fatto dopo aver visto il tuo spettacolo in DvD. io vivo in veneto dal '99 è fino a maggio del '04 abbitavo a Paese di Treviso. trovo sempre più sconcertante il fatto che le testate giornalistiche sia nazionali che locali non abbiano dato peso a una tale notizia, visto che quando si tratta di parlare di Treviso e dei gesti" al quando discutibili" dell' ex sindaco Gentilini le testate non risparmiano inchiostro allara mi chiedo è più importante scrivere della multa che i trevigiani rischiano se i cani cacano in centro o della possibilità che una buona parte dei cittadini di Paese e delle frazioni vicine rischiano di prendere il cancro e la coisa più che mi fa ridere che a breve nello stesso comune di Paese aprirà uno stabilimento di una nota casa di produzione di acqua minerale...... pensa cosi le polveri patranno viaggiare per tutto il nostro paese, senpre se questo è possibile.

ringrazio per lo spazio concessomi e continua cosi ciao

Giuseppe Cristiano 05.02.06 12:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'amianto è un problema serio, io ho una casetta in montagna, dove non arrivando l'acqua corrente, hanno installato in soffitta, prima di fare il tetto una cisterna in "eternit".

Adesso mi trovo con una cisterna che non passa ne da botole e finestre.
Non sò come toglierla, perchè l'unico modo per estrarla è spezzandola...

Giovani Frontalini 05.02.06 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'amianto è un problema serio, io ho una casetta in montagna, dove non arrivando l'acqua corrente, hanno installato in soffitta, prima di fare il tetto una cisterna in "eternit".

Adesso mi trovo con una cisterna che non passa ne da botole e finestre.
Non sò come toglierla, perchè l'unico modo per estrarla è spezzandola...

Giovani Frontalini 05.02.06 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Il bello è che i muri della provincia di Treviso ed anche nella zona di Paese, sono imbrattati con la scritta "Grazie Zaia"...

Antonio D'Anna 05.02.06 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto notizie contrastanti sulla pericolosità dell'amianto, in particolare non ho capito se le tubature in amianto, molto diffuse specialmente nelle abitazioni degli anni 50/60, possono, rilasciando fibre nell'acqua che vi passa, rendere pericoloso bere l'acqua del rubinetto, o anche solo utilizzarla per la cottura dei cibi.

Paolo Borgato 05.02.06 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto notizie contrastanti sulla pericolosità dell'amianto, in particolare non ho capito se le tubature in amianto, molto diffuse specialmente nelle abitazioni degli anni 50/60, possono, rilasciando fibre nell'acqua che vi passa, rendere pericoloso bere l'acqua del rubinetto, o anche solo utilizzarla per la cottura dei cibi.

Paolo Borgato 05.02.06 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto notizie contrastanti sulla pericolosità dell'amianto, in particolare non ho capito se le tubature in amianto, molto diffuse specialmente nelle abitazioni degli anni 50/60, possono, rilasciando fibre nell'acqua che vi passa, rendere pericoloso bere l'acqua del rubinetto, o anche solo utilizzarla per la cottura dei cibi.

Paolo Borgato 05.02.06 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto notizie contrastanti sulla pericolosità dell'amianto, in particolare non ho capito se le tubature in amianto, molto diffuse specialmente nelle abitazioni degli anni 50/60, possono, rilasciando fibre nell'acqua che vi passa, rendere pericoloso bere l'acqua del rubinetto, o anche solo utilizzarla per la cottura dei cibi.

Paolo Borgato 05.02.06 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Ho cinquant'anni e penso alle stesse cose, alle tue considerazioni...ho quattro figli, tanti casini etc.etc. Ciò che mi viene naturale supporre, poichè vedo più voglia di lottare in persone over quaranta che non nei giovani, è il fatto che comunque persone come noi, hanno avuto la fortuna di mangiare dei cibi più naturali, di vivere e di aggregarsi in forme più umane, più dirette (dai balli lenti alle scampagnate per i prati ad esempio), di respirare aria più sana e di vivere con meno inquinamenti di vario genere. Tutto ciò ci ha dato, ritengo, la voglia di cercare di cambiare quello che ritenevamo sbagliato dal 68 in poi, e tutto ciò lo portiamo avanti tutt'oggi, (se non ci siamo arresi) come possiamo. Una buona parte dei nostri figli, magari nati dopo esperimenti nucleari mal riusciti o nutriti con cibi ogm, più inseriti in questo diabolico sistema, più avvelenati da tutto ciò che ben sai, non trovano nulla di meglio da fare, che "assecondare il sistema" fregandonese di tutto ed avvelenandosi ogni giorno di più. Non hanno nemmeno la forza di accorgersi che il sistema li frega e quando lo fai notare, a volte nemmeno ti ascoltano...
Il mio lavoro è quello di fare tatuaggi quindi sono quotidianamente a stretto contatto con i giovani, con le nostre future speranze, e nel mio piccolo, durante le ore di lavoro, cerco di racconatre loro ciò che tu dici nei tuoi spettacoli facendo ridere la gente. Io vivo il loro disagio, lo condivido, lo ascolto come un confessore, e tutto ciò mi ripaga e a volte mi dà la speranza...quando vedo che ho aiutato qualcuno ad uscire da qualche dipendenza. Credo siano questi i "compiti" che il destino ha riservato agli artisti ed in qualche forma lo siamo tutti (famosi e non).
Volevo inoltre farti sapere che sono il direttore responsabile di una rivista di tatuaggi che và in edicola su territorio nazionale (tattoo dimension) e che gli spazi pubblicitari vuoti ed una rubrica all'interno del magazine stesso sono a tua disposizione gratis.


Leggo tutti i commenti di persone documentate e mi demoralizzo, come si fa a combattere tutto questo? Non ho preso coscienza oggi di vivere in un paese buio, ipocrita, bugiardo, lo sapevo..ma gli argomenti postati mi rendono ancora più consapevole e mi domando...dove sono le forze giovani del paese? Come votano? Sanno per chi votano? Dov'e' la forza di ribellione, la voglia di giustizia e di pulizia ambientale e morale?
Io ho quasi 60 anni, ho fatto le mie lotte, ancora oggi vivo in forza delle mie scelte controcorrente, ma mai come oggi trovo che sono circondata da bacchettoni imbecilli e ipocriti.
Ho una figlia di 21 anni piena di voglia di vivere, di ideali, ribelle ed educata, ma con pochissimi amici, i giovani sono solo quelli della cocaina o del grande fratello?

scusate lo sfogo, ma mai come ora mi sento inutile e pessimista.

andreina longo 05.02.06 11:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Ernesto vedo che ti è sfuggita la mia ennesima segnalazione dell'ANTROPOCRAZIA sul sito www.bellia.com. E' la panacea di tutti i nostri problemi, prova a compulsarla.

giorgio andretta 05.02.06 07:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho già postato l'argomento ma torno a ribadire il concetto.
Causa: forte attinenza con l'argomento... Palazzo ex Telecom Italia Genova Brignole: attenzione è un enorme contenitore di fibre di amianto, nel 1990 è stato sgombrato a seguito di una lotta sindacale, si intende, per risanare la struttura, allora conteneva tonnellate di fogli di amianto all'interno dei condotti di aerazione. Oggi contiene i residui dello smaltimento, ve lo posso garantire, io ci lavoravo. Nel momento in cui (3 anni dopo) siamo rientrati nel grattacielo, si trovavano ancora tracce dello smaltimento "all'italiana" !
Non per niente, oggi, c'è dietro Coop 7, una delle più potenti lobby dell'edilizia in italia.
Attenzione o voi che pensate all'acquisto dell'eventuale stanzetta... Davanti, Corte Lambruschini, è vuota, è più giovane di 25 anni, e non contiene amianto.


caro grillo

comprendo e condivido il disappunto per la situazione da te segnalata a treviso, volevo solo fare una precisazione per quanto riguarda la denuncia del vicino con la tettoia/tetto in eternit.

in quanto per la rimozione del medesimo si applica una procedura che consiste, in un primo momento nell'incapsulamento del materiale con della spruzzata di acetato vinilico molto denso su tutte le superfici da rimuovere, in un secondo tempo vengono sigillati i materiali in appositi sacchi in polietilene spesso a sua volta sigillato ed etichettato, per poi essere mandato in discarica.
per cui i cittadini possono stare tranquilli nel far rimuovere le varie componentistiche in amianto, in quanto è molto più dannoso lasciato nudo all'aperto

grazie ciao a tutti

alessandro pedano 05.02.06 01:44| 
 |
Rispondi al commento

Per Mario Zanardo.

Grazie della risposta, mi hai illuminato.

Non sapevo infatti esistessero così tante discariche a Paese , pensa che volevo comprare casa a Monigo (ce trovo molto carina ed al contempo "isolata")ma forse, visto quanto mi segnali, ho fatto bene a non farlo, soprattutto che li ci sono zone stranamente ancora non costruite e non capisco per quale motivo.
Forse, vista la zona, altre "cave spusone" ??

Un saluto
Marco

Marco Mercuzio 05.02.06 00:33| 
 |
Rispondi al commento

caro Grillo anch'io come Fabrizio suggerisco di parlare del Dott. Hamer visto che ormai quando si parla di tumori non si puo' non tenere conto delle scoperte del Dott. Hamer e cioe' che a provocare il mesotelioma pleurico non e' l'amianto.
So che e' un argomento molto difficile da affrontare non tutti riusciranno a crederci e i media non aiutano affatto, sono riusciti a non parlarne praticamente mai, cosi' la gente continua a morire pensando che il cancro sia una punizione divina e le lobby diventano sempre piu' potenti e ricche..(se si scoprisse che bastano pochi rimedi x curarsi chi comprerebbe piu' farmaci costosi e dannosi??) quindi non regalate piu' neanche un centesimo alla ricerca contro il cancro perche' e' una bufala pazzesca per due motivi:

- non c'e' nessun interesse economico da parte dei potenti a non avere piu' malati di cancro (auguro loro di soffrire dei mali peggiori) quindi non sentirete mai al tg "scoperte cura contro il cancro"

-e' gia' stata scoperta la cura contro il cancro.
ma chi ha osato spendere tutta la vita e le proprie risorse nella ricerca delle cause e delle cure delle malattie ha dovuto subire attentati, esilio e reclusione.
il Dott. Hamer e' il recluso piu' anziano che esista (70 anni) per rilasciarlo gli hanno detto che deve abiurare, si si abiurare come nel '600 durante l'Inquisizione, e rinunciare alle sue scoperte e ai diritti sulla Nuova Medicina in modo che altre lobby che non sto a nominare, ma chi si vuole informare puo' trovare tutto sul sito www.nuovamedicina.it, possano impossessarsene proprio come Veronesi-infame ha fatto con Di Bella.
Ti prego Grillo parlane anche tu e' importante............ciao e grazie x tutto quello che fai

silvia galetta 04.02.06 21:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Grillo anch'io come Fabrizio suggerisco di parlare del Dott. Hamer visto che ormai quando si parla di tumori non si puo' non tenere conto delle scoperte del Dott. Hamer e cioe' che a provocare il mesotelioma pleurico non e' l'amianto.
So che e' un argomento molto difficile da affrontare non tutti riusciranno a crederci e i media non aiutano affatto, sono riusciti a non parlarne praticamente mai, cosi' la gente continua a morire pensando che il cancro sia una punizione divina e le lobby diventano sempre piu' potenti e ricche..(se si scoprisse che bastano pochi rimedi x curarsi chi comprerebbe piu' farmaci costosi e dannosi??) quindi non regalate piu' neanche un centesimo alla ricerca contro il cancro perche' e' una bufala pazzesca per due motivi:

1- non c'e' nessun interesse economico da parte dei potenti a non avere piu' malati di cancro (auguro loro di soffrire dei mali peggiori) quindi non sentirete mai al tg "scoperte cura contro il cancro"

2-e' gia' stata scoperta la cura contro il cancro.
ma chi ha osato spendere tutta la vita e le proprie risorse nella ricerca delle cause e delle cure delle malattie ha dovuto subire attentati, esilio e reclusione.
il Dott. Hamer e' il recluso piu' anziano che esista (70 anni) per rilasciarlo gli hanno detto che deve abiurare, si si abiurare come nel '600 durante l'Inquisizione, e rinunciare alle sue scoperte e ai diritti sulla Nuova Medicina in modo che altre lobby che non sto a nominare, ma chi si vuole informare puo' trovare tutto sul sito www.nuovamedicina.it, possano impossessarsene proprio come Veronesi-infame ha fatto con Di Bella.
Ti prego Grillo parlane anche tu e' importante............ciao e grazie x tutto quello che fai

silvia galetta 04.02.06 20:40| 
 |
Rispondi al commento

.. ma anche i sondaggi "bolscheviki" fatti dai "bolsceviki" attuali.. non sono male... sono bolsceviki solo Quelli Italiani... ecco!

Maurizio Sbrogio' 04.02.06 20:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.. e visto che i sondaggi in Italia sono " bolsceviki"... me li faccio fare da gli americani,,,hehehe..

Maurizio Sbrogio' 04.02.06 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Franceschini...giusto non molto tempo fà..dei noti "bolsceviki".. hanno prelevato un tale dalla moschea di Milano...sono stati inquisiti... ma sono " bolscheviki"..hehe..

Maurizio Sbrogio' 04.02.06 20:26| 
 |
Rispondi al commento

Per Marco Mercuzio
la "cava spusona" è la Marini ed è una discarica per RSU (Rifiuti Solidi Urbani).
Questa discarica di amianto è a circa un chilometro dalla Marini, verso Ovest, lungo la strada che da Monigo porta a Porcellengo passando per Castagnole.
A Paese ci sono tante discariche ed è facile sbagliarsi. Quando io sento la puzza di cui parli sono imbarazzato perchè non so se sia la Ecoidrojet, la Tiretta o la Marini. Solo osservando bene da quale parte tira il vento riesco ad intuire da dove arriva il fetore.
saluti
Mario

Mario Zanardo 04.02.06 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'amianto e stato messo al bando e dunque non piu commerciabile dal 92.... dunque niente allarmismi non si vende piu... le onduline che vedete in commercio sono di materiale vegetale... e se non ci credete fate presto... prendete un accendino e provate ad avvicinarlo al prodotto se prende fuoco non e amianto...

luigi pisano 04.02.06 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Completo il testo sulla diagnosi precoce del mesotelioma.
Naturalmente si tratta di una notizia riportata e
chi dovesse essere interessatao sa che deve
VERIFICARE la sua fondatezza.
speriamo sia vero e che dia veramente una speranza a chi dovesse contrarre questo maledetto mesotelioma da amianto.
saluti
Mario


"anche ai primissimi stadi del cancro. Una volta validato, questo test offrirà nuove chance di cura a molte persone, individuando il tumore quando è ancora curabile. paola mariano"

Mario Zanardo 04.02.06 18:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cari amici
io penso che il problema sia quello di azzerare l'attuale classe politica in toto e ricominciare da zero.
In questo modo avremo la possibilità di avere una rappresentanza più consona alle attuali e nuove esigenze di un'elettorato cosi' variegato e multiforme.
Certo non è un gioco da poco, ma soltanto cosi'
potremo riappropriarci della vera politica fatta di scelte vicine ai bisogni di tutti.
Un calcio quindi ai partiti con la P maiuscola e ai vari segretaripresidenti (vi siete mai chiesti che lavoro farebbero se non fossero rieletti?),più impegno da parte dei singoli che si riuniscono per risolvere magari un solo problema all'anno ma una volta per tutte e per sempre e non dispiacetevi se magari dopo due anni dovete lasciare la sedia ad un'altro:
potrete sempre dire ai vostri figli "io c'ero"

giovanni menna 04.02.06 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Prelievo di sangue per diagnosi precoce di tumore dovuto a amianto A cura de Il Pensiero Scientifico Editore 14/10/2005 9.19.00 Con un semplice prelievo di sangue potrebbe essere effettuata la diagnosi precoce di mesotelioma pleurale, un tumore della membrana dei polmoni dovuto all’esposizione occupazionale all’amianto, la cui diagnosi avviene precocemente solo in meno del 5 per cento dei casi lasciando dunque poche possibilità di cura. La buona notizia arriva dalla New York University School of Medicine e dalla Wayne State University dove è stata scoperta con sofisticate tecniche di indagine genetica una proteina le cui concentrazioni aumentano anche di sei volte negli individui che si sono ammalati, sin dai primissimi stadi della malattia. Lo studio è pubblicato da Harvey Pass, capo della Divisione di Chirurgia Toracica e Oncologia toracica presso l’ateneo newyorkese, sul New England Journal of Medicine. L’amianto è un minerale che è stato usato moltissimo in edilizia e nei cantieri navali prima di scoprirne il suo potenziale di tossicità. Una esposizione prolungata ad esso provoca varie malattie, da infiammazioni polmonari all’asbestosi, nella quale i tessuti del polmone, irritati dalle fibre microscopiche dell’amianto, formano cicatrici fibrose che crescono facendo perdere al polmone la sua elasticità e, quindi, la sua funzionalità. Poi c’è il mesotelioma che è un tumore gravissimo. La malattia è lenta a insorgere e possono passare anni dalla cessata esposizione al minerale. La molecola che potrebbe rendere realizzabile la diagnosi precoce si chiama osteopontina. Gli studiosi hanno osservato la concentrazione ematica di osteopontina in 190 individui di cui 69 colpiti da asbestosi, 45 fumatori mai esposti all’amianto e 76 pazienti con il mesotelioma. Le concentrazioni più basse di proteina sono nei non esposti all’amianto; le concentrazioni salgono con un’esposizione di almeno dieci anni, per divenire sei volte maggiori del normale negli individui malati anche a

Mario Zanardo 04.02.06 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono di Treviso, non vorrei che si trattasse della cosidetta "cava spusona" (ovviamente in dialetto) cava che puzza in italiano.
MI riferisco a quella che sta tra Treviso e Postioma di Paese lungo la statale Feltrina.
Di quale si tratta ?
Quella di cui parlo io eiste da parecchi anni (circa 10) ed è proprio quella che in codizioni di bassa pressione, soprattutto in autunno/inverno ed ancor più con la nebbia, inala un odore fetente e marcio (quindi malsano) addirittura fino a 8-10km di distanza ossia dove abito io.
Chiedo a Beppe se ha qualche informazioni in più da darmi in merito.

Chiedo a Beppe anche di spiegare meglio cosa intende quando parla di "senza la valutazione di impatto ambientale, come da tradizione locale".

Voglio capire meglio e pertanto ti chiedo (Beppe)di segnarami altre irregolarità visto che Treviso negli ultimi 15 anni (ossia con GEntilini Sindaco) a mio avviso ha avuto molti benfici dando anche molta credibilità alla gente che vi lavora e vive.

Marco Mercuzio 04.02.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono un tecnico di amianto e conosco bene la mia materia e la situazione di casale anche perche vivo li vicino......Percio ribadisco: le malattie di amianto sono provocate solo ed esclusivamente se a contatto con amianto.... chi vive nel circondario non ha da preoccuparsi... il problema di casale è nato perche nel passato venivano regalati gli scarti della lavorazione (tritati )e utilizzati in polveri come battuti per le strade di campagna....di conseguenza con il passaggio dei mezzi le polveri alzate venivano respirate. se qualcuno e a conoscenza di queste situazioni lo denunci all'ASL competente...

luigi pisano 04.02.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento

volevo ricordare per non creare allarmismi... che bere l'acqua in tubature in amianto non crea nessun problema... come toccarlo strofinarvi etc.... il problema nasce solo se lo respirate... dunque non toccate ami un prodotto in amianto, perche il suo rilascio anche solo con un semplice tocco e di migliaia di fibre... che respirate possono essere dannose

luigi pisano 04.02.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per Natale Palli da Casale Monferrato.
Della tragedia del tuo paese si dovrebbe sapere perchè la stampa ne sta parlando da anni. A Paese abbiamo proiettato il film "INDISTRUTTIBILE" di Michele Citoni che ci ha fatto comprendere meglio il vostro dramma. Dal film abbiamo potuto comprendere anche la vostra reazione INDUSTRUTTIBILE ancora più dell'amianto. Da questa reazione sono scaturite anche proposte di legge a tutela dei lavoratori che sono quelli che finora hanno pagato il tributo più alto in vite umane. Purtroppo i danni da amianto si riscontrano dopo 30 o 40 anni e anche chi non era a contatto diretto con l'amianto e quindi soggetto a basse esposizioni perchè vicino ad impianti che trattavano amianto comincia ad ammalarsi, come succede ai residenti di Casale.
Sono eventi che non dovrebbero più succedere, per questo a Paese combattiamo contro una discarica di queste dmensioni al centro di un Comune di 38 KM quadrati con 20.000 attuali e 25.000 previsti fra 4 anni.
Per quanto riguarda le cure contro il mesotelioma, purtroppo, posso solo sperare che qualcosa possa cambiare in futuro.
Hai tutta la mia comprensione.
Non so quanto sia utile, ma invio in un altro messaggio la notizia (da verificare) di una possibilità di diagnosi precoce del mesotelioma.

Saluti

Mario


Mario Zanardo 04.02.06 18:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei ricordare che per tutte quelle zone come CASALE MONFERRATO che sono state per anni sede di fabbriche di produzione amianto e quelle zone con alta mortalità da malattie di amianto.... esiste un fondo dove effettuando formale richiesta presso la vostra ASL del territorio compretente , potete accedere a un fondo che vi permette lo smaltimento totale gratuito..... sono un tecnico di amianto e vivo nel circondario alessandrino e dunque vicino a casale... vi sono vicino con il cuore... e capisco bene l'amico casalese e di tutta italia.

luigi pisano 04.02.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

vorrei ricordare che per tutte quelle zone come CASALE MONFERRATO che sono state per anni sede di fabbriche di produzione amianto e quelle zone con alta mortalità da malattie di amianto.... esiste un fondo dove effettuando formale richiesta presso la vostra ASL del territorio compretente , potete accedere a un fondo che vi permette lo smaltimento totale gratuito..... sono un tecnico di amianto e vivo nel circondario alessandrino e dunque vicino a casale... vi sono vicino con il cuore... e capisco bene l'amico casalese e di tutta italia.

luigi pisano 04.02.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

volevo ricordarle che il mesotelioma pleurico non è un tumore... e che non e vero che tutti moriremo di mesotelioma.... il mesotelioma come l'asbestosi e una malattia provocata solo ed esclusivamente ad esposizione di fibre di amianto... diversamente non può essere....la cura non esiste perche uccide le difese immunitarie come per tutti i tipi di tumore....che poi il mondo e talmente inquinato che probabilmente moriremo tutti di tumore.... questo ognuno lo elabori a suo piacimento... ma vi ricordo che anche il nostro PC secondo molti è causa della leucemia.... chissà se è vero?

lugi pisano 04.02.06 17:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

carissimo grillo io sono un suo ammiratore da anni e credo in buona parte alle cose che lei dice e le sono vicino nella sua grande propaganda, ma mi deve permettere una critica in merito all'argomento amianto...
Tra le mie mani leggo cio che lei scrisse il giorno 1/02/2006 sulla questione amianto consigliando la popolazione a non denunciare o smaltire il proprio tetto in amianto... in questo mi sento di contraddirla.Precisando la mia qualifica in tecnico di amianto.
L'amianto e un prodotto sicuramente pericolosissssssssssiiiiimmmmmoooooo! Il quale rilascia una innumerevole quantità di fibre che se respirate provocano tutto quello da lei ben enunciato... Però va detto che il prodotto denominato cemento-amianto con presenza di amianto al 12-15% diventa pericoloso nel momento in cui lo si tocca; perche così facendo si ha il rilascio delle fibre....diversamente se non toccato è pressochè innoquo... dunque coloro che hanno un tetto in amianto ,mi sento in dovere di dir loro di smaltirlo (prima o poi) rivolgendosi a ditte specializzate ricercando questi negli appositi albi smaltitori presso A.S.L. territoriale competente...
Non è affatto vero che il prodotto smaltito in discarica e pericoloso , perche viene precedentemente trattato con un incapsulante il quale come la parole stessa dice, blocca il rilascio dellle fibre e poi successivamente decontaminato avvolgendolo con politilene e dunque innnoquo....Gli agenti esterni quali acqua, vento etc.... non hanno la capacità tale di portare in aria fibre in quantità litro da danneggiare le vie respiratorie...
In conclusione:io ho ne suoi confronti ammirazione ma gli allarmismi inutili sommati ai cattivi consigli soprattutto se dati da una fonte comunicativa come la sua; possono essere un danno a tutti noi....informiamoci prima; poi combattiamola con la conoscienza e non ignoriamola gettando fobie.... un abbraccio da un suo ammiratore.

luigi pisano 04.02.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

certo che qua è tutta una merda, mai che si parli di una cosa carina


allora caro signor grillo perchè non organizza una lettera con relative firme e poi la spediamo a chi di dovere,oppure perchè non lancia la bomba del dott hamer e le sue 5 leggi biologiche?
andate su www.albanm.com

fabrizio ferlito Commentatore in marcia al V2day 04.02.06 16:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro FRANCESCHINI TI RINGRAZIO PER TUUTI GLI INSULTI CHE HAI DISTRIBUITO A DESTRA E AMANCA PIù A MANCA CHE A DESTRA,COSA DIRE NON HO PAROLE E NEANCHE UNA CULTURA COME LA TUA PER POTERTI RISPONDERE L'ULTIMA ELEZIONE HO VOTATO SILVIO E AHIMè AVEVO CREDUTO ALLE SUE LUSINGHE.3 VOTI 3 5 ANNI DI GOVERNO FINANZA CREATIVA DEL NOSTRO 4 CONDONI 4 CHIUSURA DEL LOCALE FLORIDO E AVVIATO FINO ALL'ARRIVO DEL NOSTRO AMATO PREMIER.TUTTO IL RESTO DEL TUO NOBILE SCRITTO TE LO LASCIO E SE PRIMA AVEVAMO QUALCHE DUBBIO Sù CHI VOTARE ORA CI HAI APERTO GLI OCCHI,CI UNIREMO A QUELLA BANDA Lì LASCERMO CON MOLTO RAMMARICO SILVIO PREVITI DELL'UTRI CONTINUA..CONTINUA..

lanata achille 04.02.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa stai farneticando? Votare non è un diritto, è un dovere, innanzi tutto. Ricorda gli adolescenti, le donne e gli uomuni che hanno dato la loro vita per garantirti questo e altri diritti che diversamente ti sarebbero stati negati. Pensa che chi sta oggi al governo è figlio e nipote di chi ti avrebbe privato delle elementari libertà e, che oggi comunque legifera a proprio benifico "fragandosene" dei problemi reali del paese. Forse non sai nemmeno di cosa sto parlando e, forse non sai nemmeno cosa stai dicendo tu. Se dovessi fare un parallelo "religioso" mi sentirei di dirti che il non voto è "peccato mortale". Pensaci e non incitare altri a fare un gesto che potrebbe avere conseguenze di cui tutti ci potremmo pentire: ilnano ed i suoi lacchè di nuovo al posto di comando. PENSACI!

giorgio fusconi 04.02.06 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Cosa stai farneticando? Votare non è un diritto, è un dovere, innanzi tutto. Ricorda gli adolescenti, le donne e gli uomuni che hanno dato la loro vita per garantirti questo e altri diritti che diversamente ti sarebbero stati negati. Pensa che chi sta oggi al governo è figlio e nipote di chi ti avrebbe privato delle elementari libertà e, che oggi comunque legifera a proprio benifico "fragandosene" dei problemi reali del paese. Forse non sai nemmeno di cosa sto parlando e, forse non sai nemmeno cosa stai dicendo tu. Se dovessi fare un parallelo "religioso" mi sentirei di dirti che il non voto è "peccato mortale". Pensaci e non incitare altri a fare un gesto che potrebbe avere conseguenze di cui tutti ci potremmo pentire: ilnano ed i suoi lacchè di nuovo al posto di comando. PENSACI!

giorgio fusconi 04.02.06 15:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa stai farneticando? Votare non è un diritto, è un dovere, innanzi tutto. Ricorda gli adolescenti, le donne e gli uomuni che hanno dato la loro vita per garantirti questo e altri diritti che diversamente ti sarebbero stati negati. Pensa che chi sta oggi al governo è figlio e nipote di chi ti avrebbe privato delle elementari libertà e, che oggi comunque legifera a proprio benifico "fragandosene" dei problemi reali del paese. Forse non sai nemmeno di cosa sto parlando e, forse non sai nemmeno cosa stai dicendo tu. Se dovessi fare un parallelo "religioso" mi sentirei di dirti che il non voto è "peccato mortale". Pensaci e non incitare altri a fare un gesto che potrebbe avere conseguenze di cui tutti ci potremmo pentire: ilnano ed i suoi lacchè di nuovo al posto di comando. PENSACI!

giorgio fusconi 04.02.06 15:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi, io alle elezioni ho sempre votato a sinistra, devo dire che il sig. Franceschini, pur essendo un maleducato e pure berlusconiano che è peggio, ha espresso un concetto pragmatico da tenere in considerazione: bisogna sempre andare a vedere la fonte delle informazioni e mai fidarsi di una di esse perché l'ha riportata un noto politico, un noto comico o un VIP come può essere la Ferilli (le cose che dice Grillo, ad esempio, sono vere al 99% ma qualche volta si sbaglia anche lui, e guai se non lo facesse, vorrebbe dire che non è umano!).

Gente di sinistra, non tappiamoci le orecchie quando parla qualcuno di destra. Gente di destra, non fate lo stesso quando parla qualcuno di sinistra.

Il dialogo è importante. Se, per ideale, si è di parte (sx o dx che sia), non significa che quello che dicono quelli dell'altra parte sia per forza sbagliato.

Poi teniamo in considerazione che per ideale possiamo essere di parte, ma il politico/dipendente che rappresenta la nostra parte potrebbe essere un buono a nulla, o un buono-solo-per-se-stesso.

Io in questa legislatura non ho visto una sola cosa bella fatta dal governo Berlusconi, ma non ricordo di aver sentito di cose buone neanche dal governo Prodi, tant'è che la gente si era stufata ed ha votato, per disperazione, Berlusconi, che ha promesso a destra e a manca ed ora falsifica le statistiche e fa pubblicità d'effetto in TV per far sembrare di aver svolto il suo compito.

Ragazzi, ma chi cacchio votiamo alle prossime elezioni, eh? Me lo dite voi? Mi sa che per disprezzo darò il mio voto al più piccolo partito esistente. Ah, se ci fosse ancora il "Partito dell'Amore"... :)


La vergogna del comunismo ve la dovete subire nelle vostre anime, ha fatto più vittime del nazifascismo, milioni e ancora milioni di incolpevoli.
Su quelle vittime, ancora oggi vi è un silenzio tombale, poi la "Gladio Rossa", l'esercito clandestino del Pci, un apparato paramilitare, la persecuzione subita dai comunisti italiani in Unione Sovietica e "i benefici finanziari ottenuti dall'Urss grazie all'azione del Pci ai danni dell'Italia".
il dossier Mitrokhin, storia di "spioni" del Bel Paese al soldo sovietico. I giornali, soprattutto quelli di opposizione al centrosinistra a guida Ds, ne hanno parlato a lungo. "Divulgato in Italia nel mese di settembre '99 come l''apertura degli archivi segreti del Kgb', il rapporto consta di una serie di schede trascritte dall'archivista Vassilij Mitrokhin. 645 pagine ricavate dagli appunti dell'ex funzionario della Lubianka con tutte le spie italiane nella rete rossa del Kgb, nomi e date della storia del nostro Paese dal dopoguerra al 1984. il tempo, incredibilmente, sembra aver cancellato. E' terribile infatti pensare che queste storie lontane oggi non interessano nessuno. E il motivo è da ricercare anche nel comportamento dei funzionari del Pci alla fine degli anni Ottanta.
Nell'89, a 68 anni dalla scissione di Livorno, il partito fondato nel 1921 da Gramsci e Bordiga, la forza politica che di lì a poco si chiamerà Pds, voleva chiudere al più presto possibile le polemiche sul comunismo, reale o nuovo, e sancire, con l'adesione all'Internazionale socialista, la sua collocazione nella sinistra democratica e riformista. L'ondata di piena che ha travolto argini che sembravano indistruttibili non poteva essere ignorata dal Pci. Achille Occhetto, di fronte alla catastrofe, al crollo del comunismo e del suo simbolo, il Muro di Berlino, annunciò nuove proposte e nuovi progetti. Il Pci cambiò nome, lasciando però invariata la sostanza del suo modo di essere. Ora i compagni passano le giornate ad odiare il loro passato. Amen

Paolo Franceschini 04.02.06 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Davanti a testimonianze del genere si resta senza parole, perchè tutte sembrano vuote e di circostanza. Ma il post del sig. Comito non può passare inosservato o restare inascoltato.
So cosa sta passando perchè anche io, con un mio familiare, ho avuto un'esperienza del genere, solo che, per fortuna, si è risolta, dopo diversi interventi, positivamente. Spero che anche per suo padre sia così, non deve perdere la forza di continuare a lottare, e se suo padre si scoraggia e si dispera tocca a lei essere forte anche per lui.
Un saluto e tanti auguri.
Coraggio.

Franca Verrone 04.02.06 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Fassino,D'Alema,Rutelli e tutto il gruppo del centro sinistra si sono fatti ingabbiare e cadere nella trappola preparata da Berlusconi,che sta conducendo una campagna elettorale priva di contenuti del tutto relativi ed insignificanti per risolvere i problemi della gente.
la sinistra cominci a contestare i dati istat, che danno il tasso d'inflazione al 2,2%, non ci crede piu' nessuno, inoltre ti chiedo se e' possibile sapere chi sono questi "bbbbbravissimi"
elaboratori, quale professioni eseguono,e quale reddito complessivo percepiscono.

umberto nacchia 04.02.06 13:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'amico ha scambiato la bocca per il buco del culo.....o forse sono la stessa cosa?

francesco martignon 04.02.06 13:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ATTENZIONE!!!!!!
ENNESIMA BURLA DEL GOVERNO AI DANNI DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Raggi mi dica chi è di voi che dopo un trauma, a seguito di un mal di schiena o in corso di un dolore articolare non si rivolgerebbe a uno specialista in fisioterapia per stare meglio e vivere meglio???
Sappiate che da ieri in poi la Vs salute è a rischio!!!
Potreste ritrovarvi da persone leggermente doloranti a persone con grandi dolori in tutti i sensi in quanto trattate da personale incopetente privo di studi e pratica specifica nel mondo sanità?????!!!!!!!!!!!!


LAUREATI IN SCIENZE MOTORIE EQUIPARATI PER LEGGE AI FISIOTERAPISTI: A RISCHIO LA SALUTE DEI CITTADINI
************************************************************

La laurea in Scienze motorie è equipollente di fatto a quella in fisioterapia. Lo stabilisce una legge dello Stato approvata in via definitiva oggi alla Camera. Si tratta della legge n. 6293 di "Conversione in legge del decreto legge del 5/12/2005 n. 250" che prevede all'art. 1-septies: "Il diploma di laurea in Scienze Motorie è equipollente al diploma di laurea in Fisioterapia, se il diplomato abbia conseguito attestato di frequenza ad idoneo corso su paziente, da istituire con decreto ministeriale, presso le università".
Con questo dispositivo, approvato in un decreto "omnibus" di fine legislatura, si regala la laurea in fisioterapia ad altri laureati non sanitari, si mette a rischio la salute dei cittadini affidandoli a personale "abilitato" attraverso scappatoie che ridicolizzano gli ordinamenti didattici universitari, si vanifica lo spirito della legge 6229 sull'istituzione degli ordini approvata solo qualche giorno fa. Il via libero è arrivato nonostante le proteste e le mobilitazioni attuate in questi giorni dai fisioterapisti, le migliaia di e-mail, fax, e telefonate giunte ai centralini della Camera e ai recapiti dei deputati.
Per chiedere l'abrogazione di un una legge ingiusta e incostituzionale l'Aifi, l'Associazione italiana fisioterapisti maggiorm

Rebella Michele 04.02.06 13:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mio padre sta morendo. lo vedo spegnersi giorno dopo giorno . gli e' stato diagnosticato nel giugno 2005 un adenocarcinoma al polmone e dopo quattro mesi di chemio non si sono visti risultati e solo adesso i medici hanno pensato di cambiare terapia, dopo una tac attesa per lungo tempo si nota un peggioramento dal punto di vista clinico. sto assistendo a questa lunga e silenziosa agonia di mio padre che anche ultimamente per un deficit respiratorio al pronto soccorso gli avevano detto che poteva tornare a casa, non continuo, la mia e' una lotta impari contro questa malasanita. intanto un uomo che poteva vivere ancora un po , per i scandalosi tempi di attesa per ogni terapia , ha perso ogni forza di continuare, e' triste, e piango da solo in un angolo, pensando a quale grande dolore mia madre andra incontro. un saluto grazie. enzo

comito viola vincenzo 04.02.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto l'intervento del sig. Franceschini con grande divertimento, devo dire che, nelle fregnacce dette, ha superato il suo boss, ossia il portatore nano di castronerie. Non sprecatevi nemmeno a rispondere a un personaggio simile, perchè o è un provocatore, di quelli assunti dal nanetto negli ultimi tempi per portare un pò di scompiglio tra i blog più seguiti, o, e questo sarebbe veramente grave, crede davvero a quanto scritto o meglio "gridato" nel suo intervento. Ergo bisognoso di cure.
Mi dispiace per lei sig. Franceschini, sia nell'uno che nell'altro caso, ma si consoli, tutto passa.

Franca Verrone 04.02.06 12:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono un medico del alvoro che lavora in clinica del lavoro a milano dove tra l'altro ha sede il registro mesoteliomi della regione lombardia e vorrei solo fare un appunto il mesotelioma è il cancro ai polmoni non sono sinonimi....ma è solo una sottigliezza...ciao

luca bossi 04.02.06 12:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Forse non tutti sanno che la normativa che determina le procedure (e le relative sanzioni)per lo smaltimento dell'amianto, essendo in realtà stata "progettata" per la sicurezza dei lavoratori (e non in termini generali per l'ambiente)non prevede alcuna procedura di controllo se lo smaltimento lo esegue il proprietario. In sostanza se il vostro vicino incarica una ditta abilitata, questa viene sul luogo tipo "squadra di decontaminatori" (ovvero redazione di piano di sicurezza da presentare all'Asl, intervento con tute,camion con spogliatoio per lavaggio, esecuzione di incapsulamento della superficie, protezione delle lastre rimosse e trasporto pre-organizzato a termini di legge).
Se invece il vicino (magari fruttivendolo o comico) e quindi con esperienza specifica sui rischi derivanti dall'amianto, dovesse decidere di intraprendere lo smaltimento da solo deve semplicemente inviare una comunicazione dei propri intendimenti all'Asl di appartenenza assieme a due foto e può organizzarsi da solo lo smaltimento ed il trasporto fino alla discarica comunale. Non male eh?

Paolo Beltrami 04.02.06 11:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Franceschini Paolo:
Il tuo turpiloquiare la dice lunga sulla tua provenienza politica e non scenderò con te sul tuo modo di esprimerti. Spero che ci sia solo la mia di risposta al tuo commento. Voglio solo dirti che, grazie anche ai "rossi italiani" che sono morti a migliaia combattendo per la libertà, se tu puoi oggi parlare e scrivere così liberamente le tue, diciamo, "opinioni". Se avessimo avuto la TUA ideologia non ci sarebbe questo blog e nessun'altra forma di libera espressione. Ma visto come si stanno mettendo le cose...(vedi la cacciata di giornalisti come Biagi, Santoro e Travaglio, oppure di artisti come Guzzanti e Luttazzi) non è detto che dovremo lottare un'altra volta per gli ideali di libertà e di rispetto per qualunque essere vivente e per chi la pensa o vuole vivere in modo diverso da noi.
Il tuo livore e fanatismo politico ci porta indietro negli anni del terrore dove sono morte centinaia di innocenti e altrettanti sono rimasti offesi nel corpo ma anche nello spirito perché non hanno potuto vedere in carcere gli autori di quelle stragi (Italicus - Stazione di Bologna - P.za Della Logga a Brescia - Piazza Fontana, ecc.).
Persone come te non hanno capacità di riflessione e, essendo psicolabili, sono preda di chi li potrà manipolare e mandare a fare anche vili atti terroristici, colpire innocenti stando nell'ombra.
Secondo te e quelli come te si dovrebbero riaprire i campi di concentramento e relativi forni crematori per gli omosessulai, zingari, ebrei, clochard (barboni), e soprattutto i "nemici" politici o, semplicemente, chi non è "allineato" al tuo pensiero.
Vorrei scriverti ancora tante cose ma so' che sarebbero parole al vento. Spero solo per te, che tu possa raggiungere presto una serenità d'animo tale da poterti soffermare pensando che siamo qui solo di passaggio e che tanto livore da parte tua non ti porterà a nulla di buono.
Cordiali saluti

Tex Willer 04.02.06 11:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusa, mi sembri un po' delirante. Mi chiedo solo se quando parli dell'Italia come un paese dove TUTTI riescono a comprarsi case, macchine,vacanze, ecc. non lo stai confondendo con un altro, magari con quello descritto dal NANONUTELLATOESPORTATOREDIDEMOCRAZIA (Lui sì che non ha problemi in questi termini). Non dico che prima di questo governo le cose andavano bene, ma mi sembra proprio che da cinque anni, circa, le cose siano decisamente peggiorate. Anche perché i cittadini sono sempre più lontani dalla politica, mai come ad ora i politici sono lontani anni luce dai reali bisogni del paese. E perché non potremmo lamentarci e sperare che le cose cambino? Perché dovremmo permettere che i personaggi che circolano nel Parlamento e al Senato ci prendano ancora in giro ed intanto si sistemino le leggi SOLO a loro favore? Ed ancora vorrei sapere che cosa ci trovi di tanto orribile nei pacifisti, nei girotondi? Ci sei cascato anche tu nell'illusione che i "pacificatori" sono quelli con i mitra, eh? E che la guerra non è una guerra, ma un mezzo di liberazione. Ah, poveretti!!!Ciao e buona fortuna

Alessia Gabelassi 04.02.06 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe Grillo siamo italiani e sopportiamo tutto tanto noi per loro non siamo nessuno.

michele gandolfi 04.02.06 10:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi permetto di esprimere un concetto un pò forte.
Come ho descritto precedentemente nei prossimi 15 anni i nati dal 1950 al 1970, che ci piaccia o no, saranno la fascia più colpita dal mesotelioma pleurico e non sarà obbligatoria la provenienza da zone di produzione di manufatti in amianto. Ad oggi si "crepa" e anche molto malamente. Quindi bene senz'altro, ci mancherebbe, ottimizzare senza rischi di nessun tipo lo smaltimento, ma se non ci sarà ricerca sulla malattia con i conseguenti SOLDI che servono,per trovare una soluzione, in bocca al lupo a tutti. Serve in qualche modo sensibilizzare i media per farlo diventare un tumore di serie A, se non interessa a nessuno continuiamo squallidamente a gufare che tocchi a qualcun altro e non a noi!

Natale Palli 04.02.06 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER TUTTI QUEI RAGAZZI CHE MANIFESTANO L’INTENZIONE DI NON ANDARE A VOTARE

**************************************
DOBBIAMO MANIFESTARE IL NOSTRO CONSENSO O DISSENSO CON IL VOTO IN QUANTO DIRITTO ACQUISITO E IRRINUNCIABILE PER RISPETTARE IL SACRIFICIO DEI NOSTRI PADRI E CHE CI CONSENTE DI VIVERE IN UNA DEMOCRAZIA.
UN MIO VECCHIO PROFESSORE DICEVA :
“ Chi non vota non può neanche lamentarsi per quello che non gli và, non ha espresso cosa voleva”.

**************************************
*LIBERIAMOCI DAI SIMBOLI POLITICI, IMPARIAMO A VEDERE SOLO LOGHI *
(Solo per essere più liberi nelle nostre scelte, ragionando con la nostra testa per capire la verità dell’immagine riflessa. Nella società moderna il logo identifica la storia e la qualità di un prodotto: noi cambiamo prodotto quando non soddisfa più i nostri bisogni interiori ed esteriori senza rimpianti o conflitti. Vedere loghi al posto di simboli vuol dire essere più liberi e rispettare noi stessi ).

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI……..
l’astensione al voto può avere come conseguenza che una minoranza di cittadini governi e decida per la maggioranza.

ANDIAMO TUTTI A VOTARE LIBERI DI MENTE

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI , LA RIVOLUZIONE SI FA CON LA PARTECIPAZIONE: L’ARMA E’ IL VOTO .
**************************************
N.B.
Il presente invito al voto libero sarà bloggato a intervalli regolari su tutti i POST indipendentemente dal tema, visto il numero di persone indecise a manifestare il loro diritto di intervenire sulle scelte politiche del paese in cui vivono. Data inizio 10/01/06 Data Fine Invio 09/04/06

Da oggi tutti i commenti del sottoscritto avranno come intestazione il terzo paragrafo del presente commento, indipendentemente dal contenuto.

**************************************

I BUGIARDI CI SONO E CI SARANNO SEMPRE BASTA ESSERE PRAGMATICI E LIBERI DI MENTE

ernesto scontento 04.02.06 10:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SINISTRI, MA VI HANNO LOBOTOMIZZATO? MA SIETE VERAMENTE UNA ARMATA BRANCALEONE, CULTORI DELLE DROGHE, DEI GAY, DEI MATRIMONI GAY, DEI PACS,DEI GIROTONDI ULLALERO ULLALà...DEI NO-FROCIAL, DEI PACI-FINTI, VOI NON SIETE NEANCHE ALLA FRUTTA, SIETE PROPRIO NELLA MERDA,COME CAVIE DA LABORATORIO, I VOSTRI DIRIGENTI ROSSI VI COMANDANO COME FANNO I BURATTINAI, PER TUTTA QUESTA BANDACCIA SOPRACITATA CI VORREBBE UN BEL DITTATORE, PER FAR CAPIRE COSA VUOL DIRE VIVERE IN LIBERTà, OLIO DI RICINO PER TUTTI E MANGANELLATE SULLA COPPA, ALTROCHè NO-FROCIAL, PACI-FINTI E SPOSALIZI GAY...MA SMETTETELA SIETE RIDICOLI, VIVETE IN UN'ITALIA LIBERA,ANDATE AI TROPICI, IN FERIE, LE SETTIMANE BIANCHE, PONTI A NON FINIRE, PER NATALE REGALI FARAONICI, AUTO NUOVE DA 40.000 EURO COME MINIMO, E LO SO BENISSIMO, VISTO CHE VIVO IN UN PAESE DOVE TUTTO è TALMENTE ROSSO CHE DI PIU' NON SI PUò,E SMETTETELA DI OFFENDERE,QUANDO NON SAPETE COSA RISPONDERE STATE IN SILENZIO, MUTI E RASSEGNATI,INVECE DI SPARARE SOLO ED INUTILI CAZZATE A CIELO APERTO,PARLATE DI COSE PER "SENTITO DIRE" SENZA PREOCCUPARVI DI VEDERE DA DOVE VIENE L'INFORMAZIONE, SEMBRATE UN BRANCO DI PECORONI CON UN UNICO CANE CHE VI DICE DOVE ANDARE, PER POI ANDARE DALLA MAMMA A FARE "UUEEE UUEEE,PLODI è UN BLUTO UUEEE UUEEEE..."MA VI è RIMASTA UN PO' DI DIGNITà? O AVETE L'OCCHIO TALMENTE ROSSO CHE GLI ALTRI COLORI NON RIUSCITE PIU' A DISTINGUERLI, MOLTI DI VOI VOTERANNO SINISTRA TAPPANDOSI NASO,ORECCHIE,OCCHI E IL PERTUGIO CHE VI RITROVATE NEL POSTERIOR, DOPO DOVRETE FIDARVI DELLE MUTANDE DI GHISA, MA NON BASTERà PERCHè VE LE TRAPANERANNO E ALLORA AAAH COME GODOOOO...SIII SIII ANCORAAA...BRAVI, COMPLIMENTI, BELLA RAZZA, IL VOSTRO CERVELLO è COME L'ORECCHIO DI DIONISIO, SI SENTE UN'ECO PAZZESCA AL SOLO SUSSURRARE, CHE PENA INFINITA!!!

Paolo Franceschini 04.02.06 09:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho una piccola azienda operante nel settore della rimozione di coperture in Eternit. Vorrei far presente che negli ultimi due anni molte discriche per manufatti contenenti amianto hanno chiuso per esaurimento delle volumetrie consentite ed allo stesso tempo non ne sono state aperte di nuove.Il risultato è stato che si è cominciato, in un primo momento a far viaggiare l'eternit per l'italia alla ricerca di quelle discariche ancora in grado di ritirare il rifiuto, le quali, vista la crescente domanda di conferimento, hanno pensato bene di aumentare i prezzi. Oggi il luoghi più economici per lo smaltimento dell'amianto sono Germania, Austria e Svizzera. Pertanto sempre più aziende si stanno organizzando per inviare questo tipo di rifiuto oltre confine facendo transitare bilici carichi di Eternit attraverso le Alpi ed aumentando in generale il trasporto su gomma. Questo tipo di economia è insensata. La scarsa presenza di discariche ha avuto come unico effetto l'incremento dei costi di smaltimento che in via finale sono a carico delle aziende, delle famiglie e degli enti pubblici. Le discariche servono, l'amianto utilizzato nelle costruzioni deve essere fatto sparire e la soluzione non è sicuramente quella di non toccarlo. Ho 28 anni e lavorando in prima persona nel settore penso molto al fatto che sia io sia i miei collaboratore corriamo il rischio di contrarre malattie professionali. Fatto sta l'inquinamento c'è e non è ormai più possibile prottegerci al 100%. Visto che i paesi oltralpe prima citati non sono famosi per la loro scarsa responsabilità ambientale, non sarebbe meglio farci anche noi le nostre discariche, piuttosto che i nostri inceneritori o cos'altro la tecnologia possa offrirci di valido con responsabilità e coscienza. O forse in Italia nono siamo capaci di operare con responsabilità e coscienza? Metodi validi nonchè italiani per lo smaltimento dei rifiuti sono alla base del rilancio della nostra economia tanto quanto l'uso delle energie rinnovabili.

Leto Alberto 04.02.06 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Ho una piccola azienda operante nel settore della rimozione di coperture in Eternit. Vorrei far presente che negli ultimi due anni molte discriche per manufatti contenenti amianto hanno chiuso per esaurimento delle volumetrie consentite ed allo stesso tempo non ne sono state aperte di nuove.Il risultato è stato che si è cominciato, in un primo momento a far viaggiare l'eternit per l'italia alla ricerca di quelle discariche ancora in grado di ritirare il rifiuto, le quali, vista la crescente domanda di conferimento, hanno pensato bene di aumentare i prezzi. Oggi il luoghi più economici per lo smaltimento dell'amianto sono Germania, Austria e Svizzera. Pertanto sempre più aziende si stanno organizzando per inviare questo tipo di rifiuto oltre confine facendo transitare bilici carichi di Eternit attraverso le Alpi ed aumentando in generale il trasporto su gomma. Questo tipo di economia è insensata nonchè malata. La scarsa presenza di discariche ha solamente avuto l'effetto di aumentare i costi dello smaltimento che in via finale sono a carico delle aziende, delle famiglie e degli enti pubblici poichè non mi sembra che il portare i rifiuti da una altra parte possa farci credere di aver diminuito il livello di inquinamento o i rischi concatenati. Le discariche servono, l'amianto utilizzato nelle costruzioni deve essere fatto sparire e la soluzione non è sicuramente quella di non toccarlo. Ho 28 anni e lavorando in prima persona nel settore penso molto al fatto che sia io sia i miei collaboratore corriamo il rischio di contrarre malattie professionali. Fatto sta l'inquinamento c'è e non è ormai più possibile prottegerci al 100%. La soluzione che dovrebbe essere adottatta è quella di operare con la maggior responsabilità possibile, facendo le scelte del meno peggio e costruendo discariche nella maniera più sicura nonchè piu rapida possibile.

Leto Alberto 04.02.06 09:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, ho visto la tua intervista su arcoiris.tv. Sei grande perchè hai il coraggio di dire la verità! siamo tutti con te. Giovanna

http://www.mobbing-sisu.com


l'amianto è pericoloso, ma sono ancora più pericolosi coloro che in nome dell'ecologia costringono molti a disfarsene spesso con metodi assurdi e pericolosi, molto meglio sarebbe incapsularlo o incementarlo come veniva fatto una volta, purtroppo la fibra d'amianto è molto volatile e distruggere un manufatto come viene normalmente fatto è molto più pericoloso per il "vicino di casa" che lasciarlo così dov'è

Saluti
Massimo Risaliti


Per Saletti Walter

Premesso che come ho già avuto modo di scrivere numerose volte su questo blog, non odio la destra, non odio la sinistra, non odio la lega, ma odio gli estremismi e gli "idealisti per forza", e da diversi anni voto i partiti che non aderiscono ad alcuno schieramento (solo per protesta contro questi politicanti di m...da), ti rendo noto che il problema di Paese e dintorni non è stato causato nè dalla Lega, nè dalla sinistra, ma da quella politica che i nostri genitori/nonni hanno inconsapevolmente sempre sostenuto. A Paese ci sono decine di cave, delle quali diverse sono discariche chiuse (alcuni da diversi anni, altre da poco); alcune erano di inerti, altre di immondizie in genere, altre ancora accoglievano fanghi che non avevano certo nulla a che fare con le cure estetiche! Tutte queste discariche chiuse non hanno rispettato il limite in altezza, accogliendo centinaia (o migliaia?) di metri cubi in più di immondizie, tant'è che il territorio sta diventando "collinare", oltre che lacustre. Ti consiglio di scaricarti google earth (earth.google.com) e di guardarti dall'alto i "buchi" aperti e chiusi nel comune di Paese. Non bastasse ciò, fino agli anni 90 ospitava la più grande fabbrica italiana di armi e munizioni (S.I.M.M.E.L.), il cui terreno è stato bonificato dalla giunta leghista, e la quale giunta leghista ha chiuso un accordo con un privato per l'edificazione di abitazioni, negozi, un asilo, piscina coperta ecc., in cambio, oltre che di denaro, di una viabilità decente nel territorio comunale, piste ciclabili, ampliamenti e/o ristrutturazione di asili e scuole elementari, ecc..
Questo solo per dirti che la VERA politica non è fatta dalla Lega o dai DS o da Forza Italia, ma è fatta dalle persone; sicuramente anche l'attuale sindaco farà qualcosa di buono e qualcosa di meno buono, ma non sarà da lodarlo o condannarlo solo perchè è di sinistra.
Pertanto, caro Walter, lo Sceriffo verrebbe votato comunque, sia che fosse di destra, sia che fosse di sinistra, perchè è sempre stato votato quando c'era il ballottaggio. Essendo che la Lega a Treviso raccoglie circa il 20% dei consensi, significa che il rimanente 30%+1 che lo ha sempre votato non è schierato con la Lega.
Che sia perchè ha comunque svolto bene i suoi mandati, facendo rivivere Treviso (fino ad allora città molto tetra e triste e malridotta), grazie anche ad accordi con privati (Fondazione Cassamarca in primis, Benetton, De Longhi, Superbeton ecc.) e ristrutturando ogni angolo della città, creando un'isolotto amato da tutti i cittadini sul quale scorrazzano caprette, oche, conigli, ecc., ristrutturando il Teatro comunale (fino a prima decadente), facendo nascere la prima università della storia di Treviso, dando decoro a tutto il centro (ora anche alla periferia), creando luoghi di incontro per anziani, rendendo l'Ombralonga (vecchia tradizione trevigiana) una competizione internazionale, tanto criticata dagli stessi cittadini che spesso vi partecipano, o dagli stessi negozianti che in quei giorni guadagnano fior di quattrini, ecc., ecc. ecc..
Ti ricordo poi che Treviso e provincia è tra le prime in Italia per volontariato e per n. di extracomunitari accolti.
Ciò che meno sopporto, è che gente come te (e credimi in questo blog ce ne sono parecchi) critichi un fatto, una zona, una popolazione, una persona solo per il fatto che non è di sinistra o comunque attua una politica diversa da quella che vorresti tu, senza prima avere una chiara idea di quali siano le persone e cosa abbiano effettivamente fatto ed in quale contesto. Ciò, ti assicuro, offende la tua intelligenza e fa mettere in discussione la tua credibilità.
Un saluto cordiale

Mauro Nordio 04.02.06 08:27| 
 |
Rispondi al commento

io vivo in ucraina dal 2001.
qui il 99 % dei tetti e di amianto, i camini sono di amianto, i pozzi artesiani sono con tubi di amiantoe anche tante le recinzioni sono fatte con lastre di amianto. ho parlato con medici della peicolosita' di questo materiale ma mi hanno guardato come se fossi matto. la gente dice :" l'abbiamo sempre adoperato" e questo e' un paese che vorrebbe entrare in europa.
anche in ungheria del resto parecchi tetti sono in amianto.

franco de marchi 04.02.06 08:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi prego di guardare questo link, ha una foto piuttosto cruda, ma è bene sapere.

http://gruppodinterventogiuridico.blog.tiscali.it/zw2408095/

Antonello Brughitta 04.02.06 03:11| 
 |
Rispondi al commento

Faccio presente per conoscenza a tutti,che oltre ai due centri di produzione dell'amianto nominati da Beppe,che sembrano essere stati chiusi per bonifica, vi e'un terzo centro molto importante a Verolanuova (BS) di nome "AMIANTIT" che ha prodotto indisturbata fino a 8 anni fa amianto, e che poi cambiando nome in "SIL" ( societa italiana lastre) continua a operare.
Non usera piu il terribile asbesto; OK, ma in quanto a bonifiche non se ne parla nemmeno!
Ragazzi per 30 km nel raggio d'azione di questa terribile realta produttiva sostenuta in nome dell'occupazione e quant'altro, secondo un'indagine dell'usl41 competente del territorio sembra che i decessi per tumori delle vie respiratorie, siano del 35/40 % superiori alla gia alta percentuale media della lombardia!!!!!!!! nessuno ne parla pero'

Franco Raggi 04.02.06 00:24| 
 |
Rispondi al commento

Faccio presente per conoscenza a tutti,che oltre ai due centri di produzione dell'amianto nominati da Beppe,che sembrano essere stati chiusi per bonifica, vi e'un terzo centro molto importante a Verolanuova (BS) di nome "AMIANTIT" che ha prodotto indisturbata fino a 8 anni fa amianto, e che poi cambiando nome in "SIL" ( societa italiana lastre) continua a operare.
Non usera piu il terribile asbesto; OK, ma in quanto a bonifiche non se ne parla nemmeno!
Ragazzi per 30 km nel raggio d'azione di questa terribile realta produttiva sostenuta in nome dell'occupazione e quant'altro, secondo un'indagine dell'usl41 competente del territorio sembra che i decessi per tumori delle vie respiratorie, siano del 35/40 % superiori alla gia alta percentuale media della lombardia!!!!!!!! nessuno ne parla pero'

Franco Raggi 04.02.06 00:23| 
 |
Rispondi al commento

beh tutto quello che dici è vero...nessuna menzogna, parlando in generale però, ovvio...L'amianto, la tav...berlusconi. E' tutto vero...Hai ragione ed io la penso come te.
Però non ho cpaito perchè in quel servizio alle Seychelles a danzare con una mega figa sotto un tetto di palme, con quel mare bianco cristallino, c'eri tu e non io. Insomma, mi pare che anche tu i soldi te li goda...Ora capisco che sarai figlio di industriale, capisco tutto, però che cazzo...almeno sti filmati non li far vedere...Insomma che beppe grillo dica la verità non lo metto in dubbio. Di solito no mitizzo la gente. Però mi ci rode un pò il culo, a sapere che lui è li in barca in mezzo al paradiso ed io non tro vo lavoro, ecchecaxxo.

KINETICA / Alessandra Vitali 03.02.06 23:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione