Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Tibet medaglia d'oro olimpica


Olimpiadi 2008.jpg

I vincitori morali delle Olimpiadi di Torino sono Palden Gyatso, Gathong Jigme e Sonam Wangdue.
Un terzetto di tibetani da podio che sta facendo lo sciopero della fame ad oltranza sotto una tenda, a Torino alla Chiesa di San Pietro in Vincoli, vicino a Porta Palazzo.
Palden Gyatso è un lama tibetano di 75 anni che ha trascorso 33 anni nelle carceri cinesi. Lui e i suoi compagni digiunano per protesta contro il genocidio della popolazione tibetana, la repressione delle libertà civili, le violazioni dei diritti umani.

Il Tibet è stato occupato dalla Cina comunista nel 1950 con deportazioni, omicidi, esili e la distruzione del patrimonio religioso e artistico tibetano. Uno scempio tale da far apparire la distruzione delle gigantesche statue di Buddha di Bamiyan da parte dei Talebani un gioco per bambini.
La Cina ospiterà nel 2008 i prossimi Giochi Olimpici, un evento nato per celebrare la pace e la fratellanza tra i popoli e divenuto oggi merchandising, multinazionali, Coca Cola.
La Cina non ha alcun rispetto per i diritti umani, perché celebrarvi i Giochi?
Il CIO a chi risponde?

La Cina ha intenzione di far partire la fiaccola olimpica proprio dal Tibet, dalla cima dell’Everest. E’ come se la Germania la facesse partire da Auschwitz.

Tra un lancio di curling e l’altro (il curling è il vero simbolo di queste Olimpiadi senza entusiasmo) portate il vostro sostegno a questi tre solitari combattenti della libertà.
Lo potete fare se siete a Torino andando da loro per prendere delle bandierine del Tibet e sventolarle durante le gare, o inviando una mail di solidarietà a: torino2006@italiatibet.org.
A Torino ci sono più giornalisti che atleti , ben 3000 contro 2500. Invito anche loro a scrivere due righe.

22 Feb 2006, 17:35 | Scrivi | Commenti (1303) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

viviamo in un mondo infame, anzi di merda!

GIANCARLO O., SALSOMAGGIORE TERME (PR) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 29.07.14 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe la liberta' in qualsiasi forma di espressione e' sovrana ,le olimpiadi sono una cassa di risonanza planetaria per portare a conoscenza delle problematiche del TIBET e tutto cio che si porta a conoscenza delle persone e' promozione o pubblicita'ma io penso che boicottare le olimpiadi sia sbagliato solo per un motivo; sono stato un atleta anche io e' so cosa vuol dire allenarsi e sacrificarsi per "limare"qualche secondo alla tua prestazione senza contare le privazioni e il sudore
oltre che onorare la prima regola dello sport "l'importante e' partecipare e non vincere" per questo per me non si devono boicottare queste olimpiadi anzi partecipare piu' compatti in liberta' per la liberta ' del TIBET. Grazie per questo spazio.Saluti Giuseppe

giuseppe marcucci 08.05.08 14:34| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

La Cina è uno stato troppo grande e accentratore. I paesi più civili hanno trovato una via migliore di quella del sistema Cina: la frammentazione amministrativa del territorio con le regioni autonome, per il rispetto di etnie e culture diverse, la stessa forza centrifuga che spinge la tendenza autonomista del lombardo-veneto e la Lega Nord a non volersi sentire accomunata agli stili di vita, molto diversi, del sud italia. Allo stesso modo la Cina delle grandi città costiere non conosce e non comprende gli stili dei tibetani, dei mongoli, gli stili di vita e le ambizioni del gigantesco entroterra.
www.libertari-italiani.com

Marco Pedroni 22.04.08 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Beppe, da tanti anni mi occupo della causa tibetana. Spero in futuro si possa dedicare più spazio a questa causa umanitaria. La situazione politica interna del Tibet è veramente complicata provo a dartene un esempio. Il Dalai Lama si appoggia dal 1959 ai paesi occidentali in uno scontro frontale con il comunismo cinese ma non tutti i tibetani sono con Lui come spesso si pensa, il motivo è che nel suo paese anche il governo di Lhasa quando il Tibet era un paese libero, si arrogava la assoluta supremazia pretendendo assoluta obbedienza. E' storia che il quinto Dalai Lama fece uccidere un suo aiutante Lama Ghialtsen perchè contrario alle sue idee di commistione tra la scuola Ghelupa e le altre scuole del buddismo tibetano. In ricordo di questo Lama ucciso ancora oggi si prega con una pratica che è stata tassativamente vietata dal XIV Dalai Lama quello attuale, i praticanti di Shugden (Lama Ghialtsen in forma giustamente irata) ritengono che il Dalai Lama, che ricordo è stato insignito nel 1989 con il Nobel per Pace, abusi del suo potere e neghi la libertà di religione, proprio le accuse che Lui stesso rivolge alla Cina comunista. Questo per dire che non è mai tutto oro quello che riluce, o meglio che anche senza voler prendere posizione nello specifico argomento, che è ben più complicato di quel poco che ho scritto, la questione rimane comunque ambigua e degna di approfondimento. www.tibetnow.it si può iniziare da qui ma ce ne sono molti altri quel che conta è che si faccia qualcosa per il problema umanitario in Tibet spesso ignorato dalla comunità internazionale tutta.

Massimo L. Commentatore certificato 04.03.07 20:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Boicottiamo la Cina e tutti i suoi prodotti!

Massimo Lotto 12.01.07 16:56| 
 |
Rispondi al commento

meglio tardi che mai....
DAL NOSTRO CORRISPONDENTEPECHINO — Una bella gara. Chi fa il lavoro più sporco? Il regime cinese che oscura Internet perché lo ritiene un pericolo per la sua stabilità? O lo sono per caso gli illuminati e democratici padroni americani dei maggiori operatori del settore (Yahoo, Google, Microsoft o anche Skype) che tengono lezione alle guardie rosse della Rete su come censurare o su che cosa «spegnere» dal cyberspazio? Quei signori (è il caso di Yahoo) che persino si permettono di soffiare i nomi delle persone da denunciare o arrestare perché osano utilizzare l'account di posta personale come moderno spazio di pubblico dibattito? Già. Ès uccesso in almeno quattro casi. E le vittime della delazione (i nomi: Shi Tao, Li Zhi, Jiang Lijun, Wang Xiaoning) sono finite condannate per sovversione a otto-dieci anni di carcere. «Grazie Yahoo». L'organizzazioneHuman Rights Watch, sedi in Europa e negli Usa, ha preparato un dossier di accuse molto aggiornate. Di quelle per le quali chi è chiamato in causa dovrebbe arrossire di vergogna e chiedere almeno scusa (ma è inutile farsi delle illusioni). Il risultato è persino comico: non sono mica i cinesi a mettere il bavaglio al Dalai Lama, ai cattolici che non si riconoscono nella Chiesa patriottica, agli attivisti dei movimenti democratici. No. Siamo noi occidentali che censuriamo noi stessi. E siamo noi che suggeriamo ai cinesi come si fa. Un esempio? Google, dicono gli attivisti di Human Rights Watch, per altro trovando conferma nelle parole degli stessi responsabili dell'azienda statunitense, ha aperto lo scorso anno un motore di ricerca per il mercato cinese. Non ha mica chiesto suggerimenti a Pechino su quali parole rendere inaccessibili. Semplicemente ha creato — autocreato — una chilometrica lista di termini vietati: libertà democrazia, Tienanmen, Falungong. Tutto ciò che crea imbarazzo è stato gettato nel cestino. Insomma, Google si autocastrato.Nel febbraio scorso, Microsoft, Google, Yahoo e Cisco

fabio torri 11.08.06 09:01| 
 |
Rispondi al commento

ho letto dei sopprusi che vengono commessi in CINA, nei confronti dei contadini che protestano contro i politici/mafiosi locali,degli operai che protestano per i ritmi e le condizioni di lavoro e dei giornalisti che diffondono queste notizie. la politica e la stampa estera, parla ed enfatizza spesso e solo il fenomeno economico, quasi che avessero il timore di toccare le problematiche civili. e' necessario che almeno in questo blog se ne parli maggiormente.

alberto giovanardi 19.07.06 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi scuso con tutti amici del blog di B.Grillo,
ma l'indirizzo web segnalato da me nel mio commento "PORTIAMOLA IN ALTO" Makalu 2006 è sbagliato.L'indirizzo coretto è:

www.Makalu2006.it

Vale la pena visitare il sito!!!

Yongshar Sonam 29.03.06 22:33| 
 |
Rispondi al commento

"PORTIAMOLA IN ALTO" La torcia olimpica!MAKALU 2006!
Cosi si chiama la spedizione a cui partecipano 13 alpinisti italiani.
Nel 2003 quando M.Vielmo (Capo spedizione) andò scalare l'Everest e conobbe un monaco tibetano, quest ultimo lo aveva implorato di diffondere da una delle piu alte cime del mondo una preghiera per la sua terra adorata, accompagnandola dal dolcissimo suono dei cembali, lo strumento con cui i monaci tibetani accompagnano le loro cerimonie religiose.
M.Vielmo tenendo fede a questa promessa, porterà i cembali del monaco Auanjeta in Nepal, in vetta al grande nero, IL MAKALU (la quinta montagna più alta del mondo 8463).
Prima che avvenga tutto questo, la spedizione ha un altro compito molto importante: portare la TORCIA OLIMPICA 2006 (affidatagli da Roberto Pagliuca, responsabile del viaggio della fiamma olimpica alle Olimpiadi di Torino 2006) fino a DHARAMSALA dove risiede S.S. il DALAI LAMA in esilio dal 1960, e farla benedire da lui personalmente (cosa avvenuta nella mattinata del 28.03.06 - vedi sito www.Makalu.it) per poi portarlo in vetta.

Anche Tom Perry "alpinista scalzo ambasciatore della pace" di Sovizzo(VI) partecipa con cuore a questa impresa così speciale.

Yongshar Sonam 29.03.06 15:08| 
 |
Rispondi al commento

il caso del tibet e'triste come tanti altri al mondo ed e'gonfiato dagli USA in chiave anti cinese,tanto piu'che nonostante il parlamento tibetano in esilio sia in India,in realta'gli headquarters della dGe lug pa school,cioe'la scuala buddhista del Dalai Lama nonche'suo strumento di potere,e'in America,da dove per mezzo di pubblicazioni,agganci con accademici e dharma center propaga una visione falsata,estremamente parziale del Buddhismo spesso sostenendo che la scuola dGe lug pa sia l'unica giusta cedendo dunque al tanto odiato fondamentalismo.pericolo di cui il DL sembra conscio visto che si sforza di mostrarsi ecumenico.il fondamentalismo non e' una novita' in tibet:per mantenere la supremazia la dGelug school ha fatto distruggere monasteri rivali dai mongoli e ha sopresso la missione cristiana di Ippolito Desideri nonappena questi ha convertito qualcuno.il punto cruciale e'che i tibetani sono un popolo come tanti altri,fondamentalmente violento(in occasione di ogni evento religioso importante ci sono morti perche' si spintonano, spesso bimbi vengono schiacciati dalla folla alla porta del tempio)e assetato di potere.il buddhismo tibetano e' pieno di mantraxditruggere nemici,rendere folli gli oppositori ecc..stanno strumentalizzando la proverbiale non violenza buddhista per dare un immagine dei tibetani come un popolo di pacifici bodhisattva che non ha la minima attinenza con la realta'.nel XIX e'stato creato un movimento detto Ris-me che ha unito le scuole x superare i settarismi e contrastare la supremazia politica e religiosa gelupa, non e' stato accolto bene dai gelupa ovviamente, ci sono stato parecchi massacri ed innumerevoli esilii..insomma come sempre dappertutto
Interessante notare che l'America appoggia l'idea di restaurare una ierocrazia in Tibet e in Iraq bombarda x la democrazia!+che dare giudizi vorrei enfatizzare la normalita'della storia del Tibet e far notare che come sempre e' l'America che decide ci sono i buoni e chi i cattivi!

laura meneguzzo 15.03.06 17:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,sono un ragazzo di 22 anni di torino,sono venuto a conoscienza della situazione del tibet un po' di tempo fa,ora sono andato,per saperne ancora di piu',sul sito consapevolezza.it nella sezione tibet(lo consiglio a tutti,fatevi un giro)e leggendo e rileggendo in che stato sono costretti a vivere gli incolpevoli tibetani per colpa di quella fot...a repubblica popolare cinese mi sento male,ho un magone che mi pervade lo stomaco e ho la nausea dell'indifferenza occidentale.I poveri tibetani,proprio loro che sono il popolo piu' pacifico e piu' affascinante della faccia della terra,sono costretti a vivere nella repressione,nella violenza,nell'ingiustizia e senza liberta' nonostante le nazioni unite abbiano varato tre risoluzioni.Cosa si puo' fare beppe per sensibilizzare le persone?per un tibet libero,speriamo presto libero io ti saluto

christian marino 09.03.06 15:00| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia va a rotoli? Ma ci stupiamo? La colpa e' degli italiani che per 50 anni hanno votato sempre i peggiori, i piu' disonesti. Io non credo che ci risolleveremo piu', oramai siamo una propaggine dell'Africa.

paolo galliani 09.03.06 10:10| 
 |
Rispondi al commento

sempre nel decreto legge per le olimpiadi invernali di torino, oltre alla legge sulla droga, hanno inserito una riga che liberizza il commercio di armi usate... vedi l'espresso della settimana scorsa e le armi beretta usate della polizia presenti in iraq...
eccovi i link dal sito della camera
http://www.camera.it/parlam/leggi/messaggi/c6297d.htm#modifiche

3. All'articolo 28 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, recante il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo comma, le parole: "sono proibite la raccolta e la detenzione" sono sostituite dalle seguenti: "sono proibite la fabbricazione, la raccolta, la detenzione e la vendita";

b) al primo comma, in fine, è aggiunto il seguente periodo: "Con la licenza di fabbricazione sono consentite le attività commerciali connesse e la riparazione delle armi prodotte";

daniele c. 07.03.06 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Credo che la cosa più grave sia che la tua banca abbia "ficcato" il naso nel tuo conto corrente per vedere che operazioni avevi compiuto. In fondo sono dati sensibili, ti pare ?

Carlo Ricciardi 07.03.06 15:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Eppure nonostante la gran parte dei cittadini italiani aspetta con ansia il giorno delle votazioni per vedere la luce di un futuro diverso, mi rendo conto di come l'idea che le stesse votazioni possano essere in qualche modo pilotate mi toglie il fiato. Il governo è responsabile di casi in cui la dignità umana ha lo stesso prezzo di uno sputo. Che schifo! Contare sul nostro governo per casi che ci riguardano personalmente come negli ultimi commenti postati non è possibile..allora che dobbiamo fare? Oltre che morire ideologicamente come sta succedendo?

Stefania Palie 04.03.06 23:24| 
 |
Rispondi al commento

LETTERA APERTA, SENZA FRONTIERE, A TUTTI I CITTADINI ONESTI

Se ci si facesse una graduatoria relativamente a tutti i personaggi politici italiani sull'ingordigia politica, sugli obiettivi più negativi ai danni dei cittadini onesti cui può mirare un governo, sull'appoggio del tacito assenso con chi esercita il crimine, con conseguente accettazione della protezione dei criminali e rifiuto automatico di protezione delle vittime, Berlusconi ne uscirebbe il vincitore assoluto col massimo negativo dei voti.

A me mi sta facendo morire lentamente, tollerando a tutta forza che vengano protetti i criminali funzionari dirigenti dell'Amministrazione dell'Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano che mi hanno fatto spezzare la salute anche dopo il contagio della tubercolosi in servizio e per causa di servizio, come meglio spiegato e provato nel mio sito web di legittima difesa: http://www.mobbing-sisu.com

AL RIGUARDO, PERSINO DUE VITTORIE SCHIACCIANTI IN MIO FAVORE AVANTI AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA NON SONO SERVITE A NULLA. SONO STATE CALPESTATE DAGLI STESSI DIRIGENTI FUNZIONARI AMMINISTRATIVI PER LUNGHISSIMI ANNI.

Io non so voi cittadini come chiamereste un uomo PRESIDENTE DEL CONSIGLIO che fa accettare tutto questo se capitasse a chi legge. Ho il dovere morale di avvertire tutti gli ignari cittadini in buona fede che la peggiore discriminazione l’ho vista applicare proprio durante il mandato che ha ricevuto Berlusconi come capo del Governo.

Credo che gli italiani abbiano l’ultima possibilità di salvezza recandosi alle urne ed impedire altre rovine e che Berlusconi recuperi consensi elettorali per provvido intervento del Presidente U.S.A. che vuole solo alleati a favore di ogni guerra che gli passa per la mente: ATTENZIONE: LORO SI AIUTANO E SI CONSIGLIANO PERCHE’ SI RASSOMIGLIANO! …Continua qui sotto appena è possibile..(2)…


Giovanna Nigris 04.03.06 11:21| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

(2)….HA RAGIONE PRODI: “BERLUSCONI E’ UN PERICOLO PER IL PAESE”. Mi piange il cuore doverlo ammettere, ma purtroppo mi è stato tragicamente provato anche ora che sono in ossigenoterapia quotidiana domiciliare. BERLUSCONI, DOPO CHE E’ STATO INFORMATO DEI TRAGICI FATTI DI SERVIZIO CHE MI RIGUARDANO, MI HA DIMOSTRATO DURAMENTE DI NON AVERE UN CUORE UMANO, MA DI PIETRA. Egli pensa solo ad approfittare della sua carica politica e basta, pensando solo alla sua bottega.

PER LA MIA VICENDA INVECE, COL SILENZIO ASSENSO ACCONSENTE CHE CON L’USO DEI BOICOTTAGGI ILLECITI, MI SIA RIFIUTATO IL RISARCIMENTO DANNI ALLA MIA PERSONA RIDOTTA ANCHE SUL LASTRICO SENZA NEPPURE POTERMI CURARE CON RELATIVI FARMACI A SUFFICIENZA PERCHE’ DOVREI PAGARLI SENZA POSSIBILITA’ ECONOMICHE. E’ A QUESTO PUNTO CHE DAL POSTO DI LAVORO SONO STATA SPIETATAMENTE INDOTTA. Giovanna Nigris

Giovanna Nigris 04.03.06 11:20| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe;

Sono tornato appena 4 ore fa dal tuo spettacolo a firenze qui a firenze e mi ritrovo davanti al computer a leggere tutti i post che hai scritto questo delle olimpiadi come tutti gli altri, del resto, mi hanno fatto molto pensare... in che mondo siamo e soprattutto dove andremo a finire.
Tutto e retto dal vil dio danaro e per esso tutto si fa e tutto si distrugge.

Nello statuto dei giochi olimpici non c'è scritto che non dovrebbero esere giocati nei paesi con dittatura oppure nei paesi che violano i diritti umani.

comunque vorrei esprimere la mia totale solidarieta e amirazione per questi tre vincitori MORALI.

e un ringraziamento a te che cerchi di curarci da questa cecita indotta dai media. grazie beppe continua cosi

luigi lari 04.03.06 03:45| 
 |
Rispondi al commento

vorrei esprimere la mia solidarietà per questi monaci tibetani, ed a tutti coloro che si battono per le proprie idee!...Come fai anche tu Beppe.
GRAZIE!

giuliana merola 02.03.06 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Mi ricordo di aver visto per la prima volta Beppe Grillo nelle due CLAMOROSE serate rai, ancora attualissime! Anche se ero solo in seconda media, capivo che quell'ometto buffo svelava qualcosa di grosso. Tutte le argomentazioni che portava erano così reali che infatti sparì dalla circolazione per tantissimo tempo !!
Registrai quello spettaccolo e lo riguardai un sacco di volte sperando nel suo ritorno !
Dopo tantissimi anni, grazie al blog, mi tengo informato su tutti gli aggiornamenti..BELLAA' !!
ALLA RISCOSSA........

Carlo Galli 02.03.06 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io mi unisco alla lista

Carlo Galli 02.03.06 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono daccordo con il fatto che i veri vincitori delle olimpiadi stanno sotto una tenda a prosciugarsi per difendersi e urlare al mondo ciò che vale la pena ascoltare. Ma oramai non mi stupisco più. Ma si..continuiamo pure a mettere al primo posto sport e televisione spazzatura. Con le olimpiadi di Torino il mondo si è fermato, e di conseguenza il futuro del nostro paese continua a passare inosservato. Sullo schermo, ora, alla faccia di chi si muore di fame passano assegni milionari e cifre di invito da far accapponare la pelle. Per far incontrare i giovani e dare la possibilità a loro di istaurare meravigliosi rapporti sociali non servono le olimpiadi ma la costruzione di un futuro sereno..e allora in questo modo si può parlare di società costruttiva. Le olimpiadi hanno mostrato i vincitori in posa con assegni milionari..è questo lo sport? Beh, fino a prova contraria lo sport per l'incontro di giovani non a niente a che fare con cifroni da capogiro..e lo trovo riduttivo e ben lontano da un'eleganza sportiva sottolineare questo tipo di cose in un periodo in cui chi arriva a fine mese con dieci euro è fortunato.

Stefania Palie 02.03.06 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
questa mattina ho discusso con tutti i miei colleghi perché mi sono permessa di dire che anche se la giustizia italiana fa veramente schifo, l'ingiustizia non può diventare lecita. Picchiare una persona inerme, seppur colpevole di un reato, con la ferocia che ho visto sul video, è orribile, ma è ancora peggio sentire "i carabinieri hanno fatto bene perché di questi extracomunitari non ne possiamo più" è peggio. Grazie per il lavoro che fai, un abbraccio.

Ieva Irma 02.03.06 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Oggetto: olimpiccati

Le premesse circa le olimpiadi cinesi sono scandalose se si guarda al passato ma terrificanti se si guarda al futuro: penso a quando, fra qualche decennio, si faranno di nuovo le olimpiadi a Torino ma saranno olimpiadi cinesi.

Antonino Munafò 02.03.06 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
mi piacerebbe tantissimo vederti schierato politicamente (magari con un tuo partito "Uniti con Beppe".
Io sarei il primo ad iscrivermi con una tessera vitalizia .
Auguroni per la tua carriera artistica ,
sei fortissimo !!
Ciao. Max.

Massimiliano Mazzarrisi 02.03.06 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
mi chiedevo se in Italia esiste qualche imprenditore che ha ancora la passione "del fare" e non solo del guadagnare e che sia disposto ad affrontare nuove sfide tipo quella dell'energia pulita. Io ho qualche idea, se qualcuno ha intenzioni serie e non perdite di tempo, farei volentieri 2 chiacchiere.....
Saluti.

gianluca vaccari 02.03.06 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
mi piacerebbe tantissimo vederti schierato in politica (magari con i VERDI .... quelli veri pero').
Oppure potresti creare un tuo partito (tanto ormai lo fanno anche quelli che non capiscono .... un tubo) . Io sarei sicuramente uno di quelli che farebbe la Tessera vitalizia al partito "Uniti con Beppe" .
Magari potresti inizialmente fare un referendum (mi raccomando pero', non farmi uno sciopero della sete come Pannella .... altrimenti mi deperisci !! ).
Ciao Beppe e tanti auguroni per la tua carriera artistica .
Max.

Massimiliano Mazzarrisi 02.03.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento

4 anni ho pagato il bollo della macchina di mia madre 2 volte ......nonostante una fila di 3 ore per richiederne il rimborso OGGI NON HO ANCORA AVUTO I MIEI SOLDI

ieri invece è arrivata la cartella perchè non ho pagato il bollo della mia macchina l'anno scorso....

MA GUARDA CHE VELOCI A PRENDERE.....MA A DARE?....no no ma siamo matti...

Gianluca masala 02.03.06 10:01| 
 |
Rispondi al commento

noi ci occupiamo di riciclaggio.
Ricicliamo toner per stampanti laser, oggi vi propongo un dilemma:
"perchè il Sindaco di una ridente cittadina del sud,per il suo studio paga un toner a 30 euro, mentre per lo stesso toner,da noi riciclato,il Comune ne paga 70?
la documentazione è a Vs. disposizione.

valerio buonanno 02.03.06 09:57| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Curling fa schifo.
E' un semplice gioco (mi sembra esagerato chiamarlo sport) identico al gioco (non sport) delle bocce ma applicato sul ghiaccio.
Non ne possiamo più dell'esasperata pubblicità che viene fatta di questo gioco (o meglio passatempo). Trovo ingiusto che un gioco del genere sia stato reso competizione olimpica: ridicolo!!! Intanto vi saluto perchè devo allenarmi a briscola e tresette... che voglio partecipare alle prossime olimpiadi...

Giovanni Ciardelli 02.03.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento

LA FINE DEI GRANDI PARTITI POLITICI PROSEGUE, OPPURE PRESTO CI SARA’ UNA REGOLARE RINASCITA E UN RILANCIO?

Questa nota intende richiamare l’attenzione sulla violenza politica che lacera il tessuto comunitario specialmente ai danni dei cittadini onesti perché essi vengono sempre più discriminati e penalizzati sotto ogni profilo sia economico che sociale, questi purtroppo sono I NUOVI SCHIAVI del terzo millennio. I malviventi provenienti da ogni settore fanno un corpo unico di intesa con chi è impegnato nel mondo della politica e degli affari, schierandosi nell’ombra contro i diritti della brava gente più vulnerabile, onesta e leale.

Molti dei danni economici che anche se un po’ garbatamente vengono fatti subire alla gente, oltre al loro impatto economico e sociale, hanno un carattere di GRAVI FERITE SIMBOLICHE, vale a dire che senza alcuno scrupolo la gente vene colpita nei sentimenti, nella dignità, nelle speranze che vengono spezzate e negli elementi più significativi che fanno parte delle nostre conquiste sindacali e sociali unitamente a quelli della nostra cultura, della nostra vita sociale, politica e storica: i nostri criteri e morali vengono continuamente travolti senza alcun riguardo neppure per chi è più debole, indifeso e sofferente.

Viene pacificamente profanato il sacro mostrando in pubblico la caricatura di immagini attinenti ad altra religione, viene criminalizzato qualsiasi tipo di leadership che non sia sotto il controllo SUPREMO DEGLI STATI UNITI D’AMERICA con specifiche interferenze più o meno diplomatiche sia interne che esterne al nostro Paese, facendo scomparire sempre più ovunque il sacrosanto diritto di indipendenza, di decoro e di dignità. Questo mi spinge a qualche considerazione sulla politica italiana e che rivolgo alle persone che desiderano più rispetto più onestà e trasparenza verso il popolo del nostro bene amato Paese.
CONTINUA SOTTO APPENA E’ POSSIBILE…(2)

Giacomo Montana 02.03.06 06:43| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

(2)…. Arricchirsi approfittando persino della fiducia degli elettori non poteva durare a lungo. Prima o poi la fine dei grandi partiti politici italiani sarebbe stata di dominio pubblico e questo lo si sapeva. Oggi proprio perché siamo su questa strada dissestata, tutto in Italia è in crisi eccetto le FORTUNE ECONOMICHE DEI PERSONEGGI POLITICI CHE CREDEVAMO CHE FOSSERO ANCORA RAPPRESENTANTI DEL POPOLO ITALIANO IN PARLAMENTO.

Parlano i fatti purtroppo, è inutile che qualcuno continui a cercare di nascondere l’evidenza più gigantesca. Mi auguro che finalmente ci sia una presa di coscienza generale e per il bene della Nazione si alimenti presto un adeguato dibattito prima di andare ancora alla cieca alle urne a regalare voti elettorali che si tramutano esclusivamente in SOLDONI per i candidati eletti, mentre contestualmente c’è chi nelle famiglie non riesce neppure a mantenere una vita decorosa perché nessuno pensa alle misere entrate economiche, ai costi degli affitti delle case alle stelle, ai disoccupati, ai lavori vergognosamente precari offerti in condizioni estremamente scoraggianti e deprimenti, alle pensioni da fame e così via dicendo.

In poche parole è inutile che si faccia finta di non vedere il marciume che si è creato col tempo, sperando ancora sull’onestà di chi ci governava ieri, di chi ci governa oggi oppure domani. Questa mia osservazione non vuole essere affatto una provocazione giornalistica ma è una constatazione dei fatti che sono tutti sotto il nostro naso. Parliamoci chiaro, la fine dei partiti politici si è potuta verificare con l’esaurirsi delle ideologie tradizionali, è emersa con la fine del comunismo mondiale e la caduta del muro di Berlino. CONTINUA SOTTO APPENA E’ POSSIBILE…(3)

Giacomo Montana 02.03.06 06:42| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

(3)….Tutto è caduto “col muro” , ed è proseguito con un percorso senza fine, di un sommovimento giudiziario condizionato fortemente da spinte politiche di accelerazione e frenaggio che va sotto il nome di “Tangentopoli”. Le nuove regole elettorali col superamento del sistema proporzionale, certamente ha segnato l’inizio del maggioritario e la nascita del sistema bipolare ma per il popolo NON E’ CAMBIATO NULLA IN MEGLIO, semmai in peggio!! Molte gigantesche carenze ed inerzie politiche hanno sempre più contraddistinto persino questa nuova fase della vita della Nazione.

Si è fatto ricorso alla nascita dei due schieramenti, ma anche questo sul piano del miglioramento economico è stato il più vergognoso fallimento evidente che la gente si potesse immaginare! Oggi si parla di Casa delle Libertà, ma io parliamoci chiaro, in quanto a libertà ho visto ancora quelle di danneggiare sempre più la gente che lavora onestamente, ho constatato la grave sofferenza economica e morale anche dei pensionati, ho visto torturare persino con derisioni e scherni una donna che ha contratto la tubercolosi in servizio e per causa di servizio per 14 anni (vedi sito web: http://www.mobbing-sisu.com ) e poi come tutti, vedo anch’io “LA NAVE DELLA POLITICA ITALIANA CHE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI, SI E’ COMPLETAMENTE INCAGLIATA TRA LE SECCHE E NESSUNO CHE DIMOSTRI SERIAMENTE DI VOLERLA AGGIUSTARE E SOLLEVARE). SI CONTINUA LA POLITICA DEL TANTO MEGLIO SE E’ TANTO PEGGIO: evidentemente rende più affari ai politicanti che pacificamente continuano a mungere “LA MUCCA” dell’economia del Paese. Vogliamo bendarci ancora gli occhi? SE PREFERITE CONTINUIAMO PURE, senza l’unità non si può migliorare nulla! Grazie per avere letto. FORZA SISU. Giacomo Montana

Giacomo Montana 02.03.06 06:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao Beppe
iniziamo dalle presentazioni,perchè potrebbe spiegare meglio il senso di quello che scrivo. Aurora,dalla sicilia,terra che amo profondamente,ma che è capace di suscitare in me tanta rabbia. rabbia x il senso d rassegnazione che m circonda. rabbia x la sfiducia che sento in tutti i discorsi dei mie coetanei. ormai non s fa altro che parlare d politica. sinistra,destra,perchè destra anche se sarebbe meglio la sinistra...centro..e così via...in un perdersi di discorsi che mettono in luce solo il generale senso di confusione e sconforto in quelli che dovrebbero essere i nostri rappresentanti, ma che ormai non si capisce più che rappresentano, se sono politici o possibili candidati all'oscar...non esageriamo và..telegatti!
in tutto ciò c è ancora chi continua a credere nel valore del proprio essere cittadino italiano..dell'importanza del proprio diritto di voto e della propria funzione sociale. mi dicono che ho dei grandi ideali..da ammirare..ma d tutta questa ammirazione non so proprio che farmene! vorrei fare capire a tutti che con la rassegnazione si da solo la possibilità a chi ci tratta come burattini di continuare a fare i propri ed ESCLUSIVI interessi! e che se c crediamo tutti qualcosa può cambiare!
per tornare a sentire "il fresco profumo della libertà", come i nostri grandi eroi contemporanei c hanno insegnato, e per far in modo che il loro non sia stato un sacrificio vano!
il mio non è nè 1 attacco nè 1 accusa, ma un piccolissimo contributo nel tentativo di scuotere qualcosa.

saluti dalla terra del sole.

soleluna T 01.03.06 23:30| 
 |
Rispondi al commento

FRANCA RAME CON L'ITALIA DEI VALORI

Franca Rame ha accettato la proposta dell’Italia dei Valori per candidarsi come capolista al Senato in Lombardia e in Emilia.
Franca è una donna che si è sempre battuta per il sociale, una persona onesta. La sua decisione mi riempie di orgoglio.
Oggi ha rilasciato un’intervista alla Repubblica, ne riporto alcuni brani:

“Mi candido perchè queste elezioni sono troppo importanti, perchè penso che tanta gente schierata a sinistra potrebbe scegliere di nuovo di disertare le urne in mancanza di candidati credibili”

“Il partito di Di Pietro è stato l’unico a offrirmi la possibilità di entrare in Senato: siamo in guerra non possiamo stare alla finestra”

“Dario Fo e Beppe Grillo sono convinti che questa cosa può essere utile”

“Rinuncerò al mio stipendio di parlamentare, lo utilizzerò per fare chiarezza sugli enormi sprechi che ci sono nei conti dello Stato. Per 50 anni mi sono occupata dei conti della nostra compagnia: sono esperta e non ho mai fatto falsi in bilancio”

Ha aggiunto anche una frase, sicuramente eccessiva nei miei confronti, che cito, ma non per farmi dei complimenti:

“Di Pietro da Pm ha fatto cose grandiose, gloriose”

Chi ha letto l’articolo ha capito che:
- tra me e Franca Rame c’è una reciproca e grande stima
- Franca è felice di candidarsi con l’Italia dei Valori.

Il titolo dell’articolo suggeriva invece un contenuto completamente opposto:

“FRANCA RAME: “SIAMO IN GUERRA ADESSO VA BENE ANCHE DIPIETRO”,

e si sa che i lettori spesso si fermano al titolo senza leggere l’articolo.

Chi indirizza questi titolisti?
Per quale partito dovrebbe candidarsi Franca Rame secondo la Repubblica?
I suoi lettori credo che vogliano saperlo.


Postato da Antonio Di Pietro in Corretta informazione

www.antoniodipietro.it

Maria Laura Frattarelli 01.03.06 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe ,qualcuno ti accusa di essere politicamente schierato...io penso che tutti abbiamo delle idee ,e che faremmo bene a batterci per farle valere.Ma non accetto l' ipocrisia,la eventuale falsita',l'imbonimento subdolo...non hai capito!?Ti accusano di indietreggiare di fronte a personaggi del "calibro" di De Mita e di proteggere in sostanza l'ambiente di "sinistra",sara' che sono un sognatore,sara' che credo alle fate ma Beppe...dai un segno di equita'...fuga questi pensieri meschini che si sono insinuati nella mia intelligenza.Io apprezzo tantissimo l'iniziativa del "parlamento pulito" perchè,chi ha approfittato(l'occasione fa l'uomo ladro!)della sua posizione di potere per arricchirsi e anzi affossare il prossimo indebitandolo,non dovrebbe piu'partecipare ai processi decisionali della cosa pubblica(mi sembra il minimo!);percio' caro Beppe,ti rinnovo il mio invito ad analizzare i sistemi "viziosi",integralmente,senza tralasciare aspetti che potrebbero far pensare ad una tua...come dire ...parzialita'...
P.S.ma è vero che De Mita ha favorito il crack della parmalat?
Un saluto anche dal mio amico Francesco che mi ha dettato tutto...

Biagio Fusco 01.03.06 22:37| 
 |
Rispondi al commento

A T T E N Z I O N E !

Per chi ha tempo da sprecare in ricerche:

Cercate su Google: "NESARA"... scoprirete realtà nascoste... chissà...

Maria Laura Frattarelli 01.03.06 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Le fecero in Germania durante la dittatura,li fecero(se non sbaglio)in Argentina durante la dittatura e le fecero in Corea del sud sempre durante la dittatura( che continua ancora oggi).
Con questi precedenti PERCHE' NON DOVREBBERO FARLE IN CINA???

La morale del paese ospitante non ha MAI interessato veramente le olimpiadi.

Di Camillo Pierpaolo 01.03.06 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo ti porto una testimonianza diretta essendo stato in Tibet in viaggio di nozze con mia moglie a settembre dell'anno scorso.La situazione è questa i pochi tibetani rimasti sono segregati nelle lande più isolate tanto che abbiamo fatto molta fatica a incontrarne,nelle città solo flotte di cinesi che vendono e voglio venderti di tutto specialmente roba contraffatta copiata qui e la.All'interno dei monasteri i poveri monaci,sono spiati a vista da cinesi infiltrati tra di loro,non hanno libertà di culto sembrano messi li per diciamo cosi interpretare una parte per i turisti.La cosa più oscena sono state le milioni di case costruite in fretta con uno stile occidentale che non centra nulla con le tipiche case tibetane snaturando del tutto l'ambiente e pronte all'uso.Pronte all'uso perchè entro il 2008 con il finire della ferrovia,faranno sbarcare 2 milioni di cinesi che andranno ad abitare queste case già costruite.Notare che queste costruzioni sono tutte fatte allo stesso modo,cioè il pian terreno è adibito al commerciale,negozi insomma ovunque questa casa si trovi non importa al pian terreno ci devessere un'attività commerciale.Ai piani superiori invece appartamenti.La ferrovia che stavano ancora costruendo,ad una velocità incredibile anche perchè nessun rispetto per l'ambiente nessuna norma nessun ostacolo qualsiasi cosa si pone nel percorso della ferrovia va demolita.Vicino ai templi più importanti hanno costruito bordelli per gli occupanti del Tibet proprio per denigrare la sacralità di quei luoghi.La conclusione è veramente devastante pensare che qualcuno possa tenerti in prigione nella tua terra nel tuo paese,che ti porti via senza colpo ferire tutto quello che possiedi e credi,e che ti possa addirittura impedire di pensare.Io penso che bisogna fare qualcosa,perchè la Cina è fortissima già senza tutte le risorse del Tibet pensate allora cosa potrà succedere quando nel 2008 più di due milioni di cinesi arriveranno là e inizieranno a creare una colonia

Noè Maurizio 01.03.06 17:34| 
 |
Rispondi al commento

NON CAPISCA CHI SIA IL PIU' COGLIONE: TU CHE DISPREZZI LE OLIMPIADI O QUELLI CHE LEGGONO LE TUE MINCHIATE

Alberto Tromba 01.03.06 16:07| 
 |
Rispondi al commento

la mia mail di solidarieta' per il Tibet.
Sono disgustato sempre piu dell'ipocrisia occidentale e non sull'inosservanza dei diritti umani da parte della Cina.sono con voi!!!
il CIO non avrebbe mai dovuto assegnare le olimpiadi alla Cina....uno Stato che non rispetta affatto i diritti umani,oltre allo scempio e le ingiustizie subite da voi Tibetani.
Ma purtroppo oggi i soldi contano piu della democrazia,ed un mercato con 1miliardo e 600milioni di potenziali acquirenti fa passare sopra ogni cosa.
VERGOGNA CIO, VERGOGNA STATI OCCIDENTALI E NON DI TUTTO IL MONDO CHE PER IL DIO DENARO RINNEGATE LE PIU ELEMENTARI LIBERTA'.
Vi fanno paura i Cinesi perche' sono molti??
A me FATE PAURA VOI POLITICI INSULSI DI TUTTO IL MONDO ,VOI SIETE IL VERO PERICOLO,VOI E LA VOSTRA IPOCRISIA!!!!!

Vincenzo Tomeo
Zurigo

vincenzo tomeo 01.03.06 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe Ti considero uno dei pochi peronaggi italiani che hanno il coraggio di dire come stanno realmente le cose, per questo motivo mi appello alla Tua sensibilità per contestare le affermazioni di Busch di ieri divulgate dai telegiornali (IL GOVERNO DEL NANO HA DATO STABILITA' ALL'ITALIA)La ritengo una affermazione forte sotto il clima elettorale e soprattutto menzogniera. A questo punto mi chiedo come mai nessun politico ha replicato in merito e a Te Ti chiedo di ribadire che il governo del nano, l'unica stabilità l'ha data a lui in prima persona e a tutti gli indagati e condannati in via definitiva che invece di trovarsi nelle patrie galere sono ancora STABILMENTE a rovinate il paese Italia

Vittorio Campanini 01.03.06 13:34| 
 |
Rispondi al commento

ERRATACORRIGE:
L’ART. del codice civile sotto riportato e violato è il n.2087 e non il 2987. CHIEDO PUBBLICAMENTE SCUSA PER L’ERRORE DI BATTITURA.

Giacomo Montana 01.03.06 06:32| 
 |
Rispondi al commento

UN DRAMMA ITALIANO COL TERMOMETRO CHE MISURA IL CAMPO ESTREMO
DELL’ILLEGALITA’ MANTENUTA SISTEMATICAMENTE NASCOSTA ALLE GENTE

Caro Beppe,vediamo tutti l’Italia portata alla rovina in quanto si arriva persino a proteggere i criminali e di conseguenza,vengono sempre più danneggiati addirittura i cittadini che hanno subito gravi reati con danni alla persona senza fine come abbiamo visto nella vicenda che viene fatta vivere ancora FORZATAMENTE alla signora Giovanna Nigris e che come sappiamo,si può leggere con prove documentali nel sito internet: http://www.mobbing-sisu.com Un’Italia ove una povera donna dipendente assistente amministrativo di un ospedale pubblico si VEDE CALPESTARE PERSINO DUE SENTENZE DEL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE CHE GLI HANNO DATO RAGIONE IN MANIERA SCHIACCIANTE,SINO A RICONOSCERE LA FALSITA’ IN ATTI DEI FUNZIONARI DIRIGENTI DI QUELLO STESSO OSPEDALE. Sapete perché tutto questo? Perché non deve emergere che quattro dirigenti di quell’ospedale violando l’art. n.2987 del codice civile hanno fatto contagiare la tubercolosi in servizio e per causa di servizio alla propria dipendente. Non si deve sapere soprattutto perché verosimilmente i posti di comando di quei quattro dirigenti che non avevano provveduto a rendere operativi neppure i più elementari mezzi di protezione da contagio e infezione,erano stati fatti nominare da personaggi politici che si sono sempre nascosti persino di fronte a questo dramma umano gravissimo. Per continuare a riscuotere ancora fiducia della gente? Ho il grave sospetto che i calcoli erano che la vittima non sarebbe vissuta a lungo e con lei sarebbero sparite le tracce dei crimini lasciati impuniti. Questo l’ho sempre voluto impedire,dando io stesso sempre volontariamente,assistenza infermieristica alla malcapitata signora facendola salvare sempre in tempo dal Pronto Soccorso e dai reparti di altri ospedali. Ecco che cosa si deve sopportare per fare ottenere immeritatamente voti elettorali. Giacomo Montana

Giacomo Montana 01.03.06 06:17| 
 |
Rispondi al commento

LA FINE DEI GRANDI PARTITI POLITICI PROSEGUE, OPPURE PRESTO CI SARA’ UNA REGOLARE RINASCITA E UN RILANCIO?

I partiti politici italiani arrancano come una vecchia fa su per la salita. Questo mi spinge a qualche considerazione sui personaggi noti e meno noti della politica italiana e che rivolgo alle persone che desiderano più rispetto più onestà e trasparenza per tutti i cittadini del nostro bene amato Paese.
Oramai la gente li ha scoperti a fare tutt’altro che la politica per il Paese. Arricchirsi approfittando della fiducia degli elettori non poteva durare a lungo. Prima o poi la fine dei grandi partiti politici italiani sarebbe stata di dominio pubblico e questo lo si sapeva. Oggi proprio perché siamo su questa strada dissestata, tutto in Italia è in crisi eccetto le FORTUNE ECONOMICHE DEI PERSONEGGI POLITICI CHE CREDEVAMO CHE FOSSERO ANCORA RAPPRESENTANTI DEL POPOLO ITALIANO IN PARLAMENTO. Parlano i fatti purtroppo, è inutile che qualcuno continui a cercare di nascondere l’evidenza più gigantesca. Mi auguro che finalmente ci sia una presa di coscienza generale e per il bene della Nazione si alimenti presto un adeguato dibattito prima di andare ancora alla cieca alle urne a regalare voti elettorali che si tramutano esclusivamente in SOLDONI per i candidati eletti, mentre contestualmente c’è chi nelle famiglie non riesce neppure a mantenere una vita decorosa perché nessuno pensa alle misere entrate economiche, ai costi degli affitti della casa alle stelle, ai disoccupati, ai lavori vergognosamente precari offerti in condizioni estremamente scoraggianti e deprimenti, alle pensioni da fame e così via dicendo. In poche parole è inutile che si faccia finta di non vedere il marciume che si è creato col tempo, sperando ancora sull’onestà di chi ci governava ieri, di chi ci governa oggi oppure domani. Questa mia osservazione non vuole essere affatto una provocazione giornalistica ma è una constatazione dei fatti.. CONTINUA SOTTO APPENA E’ POSSIBILE…(2)

Giacomo Montana 01.03.06 04:47| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

(2)…. che sono tutti sotto il nostro naso. Parliamoci chiaro, la fine dei partiti politici si è potuta verificare con l’esaurirsi delle ideologie tradizionali, è emersa con la fine del comunismo mondiale e la caduta del muro di Berlino. Tutto è caduto “col muro” , ed è proseguito con un percorso senza fine, di un sommovimento giudiziario condizionato fortemente da spinte politiche di accelerazione e frenaggio che va sotto il nome di “Tangentopoli”. Le nuove regole elettorali col superamento del sistema proporzionale, certamente ha segnato l’inizio del maggioritario e la nascita del sistema bipolare ma per il popolo NON E’ CAMBIATO NULLA IN MEGLIO, semmai in peggio!! Molte gigantesche carenze ed inerzie politiche hanno sempre più contraddistinto persino questa nuova fase della vita della Nazione. Si è fatto ricorso alla nascita dei due schieramenti, ma anche questo sul piano del miglioramento economico è stato il più vergognoso fallimento evidente che la gente si potesse immaginare! Oggi si parla di Casa delle Libertà, ma io parliamoci chiaro, in quanto a libertà ho visto ancora quelle di danneggiare sempre più la gente che lavora onestamente, ho constatato la grave sofferenza economica e morale anche dei pensionati, ho visto torturare persino con derisioni e scherni una donna che ha contratto la tubercolosi in servizio e per causa di servizio per 14 anni (vedi sito web: http://www.mobbing-sisu.com ) e poi come tutti, vedo anch’io “LA NAVE DELLA POLITICA ITALIANA CHE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI, SI E’ COMPLETAMENTE INCAGLIATA TRA LE SECCHE E NESSUNO CHE DIMOSTRI SERIAMENTE DI VOLERLA AGGIUSTARE E SOLLEVARE). SI CONTINUA LA POLITICA DEL TANTO MEGLIO SE E’ TANTO PEGGIO: evidentemente rende più affari ai politicanti che pacificamente continuano a mungere “LA MUCCA” dell’economia del Paese. Vogliamo bendarci ancora gli occhi? SE PREFERITE CONTINUIAMO PURE, senza l’unità non si può migliorare nulla! Grazie per avere letto. FORZA SISU. Giacomo Montana

Giacomo Montana 01.03.06 04:46| 
 |
Rispondi al commento

Volevo ringraziare Beppe Grillo per aver ricordato il dramma del Tibet e del suo coraggioso popolo (che io personalmente, nel mio piccolo, cerco di sostenere attraverso un adozione a distanza di una bambina tibetana profuga in India). Mi chiedo spesso come mai il nostro Presidente del Consiglio, che non perde un occasione per inveire contro i comunisti (o almeno contro coloro che definisce tali, cioé tutti quelli che la pensano diversamente da lui), non faccia, o almeno non dica qualcosa (visto che le parole non gli mancano mai) contro la Cina comunista, che opprime le minoranze etnico-religiose e schiaccia i diritti civili...in compenso, pare essere un grande amicone di Putin, ex dirigente del KGB della vecchia URSS...davvero una grande coerenza, come sempre !

Cesare Castelli 28.02.06 23:41| 
 |
Rispondi al commento

Volevo ringraziare Beppe Grillo per aver ricordato il dramma del Tibet e del suo coraggioso popolo (che io personalmente, nel mio piccolo, cerco di sostenere attraverso un adozione a distanza di una bambina tibetana profuga in India). Mi chiedo spesso come mai il nostro Presidente del Consiglio, che non perde un occasione per inveire contro i comunisti (o almeno contro coloro che definisce tali, cioé tutti quelli che la pensano diversamente da lui), non faccia, o almeno non dica qualcosa (visto che le parole non gli mancano mai) contro la Cina comunista, che opprime le minoranze etnico-religiose e schiaccia i diritti civili...in compenso, pare essere un grande amicone di Putin, ex dirigente del KGB della vecchia URSS...davvero una grande coerenza, come sempre !

Cesare Castelli 28.02.06 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Sto leggendo il libro di Palden Gyatso (Tibet, il fuoco sotto la neve)e vorrei sottoporre alla vostra attenzione solo alcuni brevissimi brani delle prime pagine.

“Mio padre diceva che i Cinesi erano come pescatori: offrivano l’esca ai Tibetani, ma un giorno ci saremmo trovati a contorcerci appesi all’amo.”

Come un ragno, la Cina stava tessendo una rete intorno al Tibet e non c’era nulla che potevamo fare per evitarlo.”

“La profezia del Dalai Lama continuava dicendo che i Cinesi erano ora infettati dall’ideologia rossa.”


Consiglio a tutti di leggere questo libro per avere una visione più chiara della realtà, indipendentemente dall'appartenenza politica.

Stefano Di Pasquale 28.02.06 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

Ieri sera nella mia città (Legnano, in prov. di Milano) abbiamo assistito in anteprima nazionale
al film-documentario "Quando c'era Silvio" del regista Ruben Oliva, film che uscirà domani 1° Marzo con il settimanale "Diario". Il film chiaramente non uscirà nelle sale e io mi permetto CALDAMENTE di consigliarlo a tutti coloro che sono interessati a conoscere LA VERITA'! Una delle cose più scioccanti è che il film riporta quasi integralmente l'intevento che il signor B. ha fatto al Parlamento Europeo quando, in una discussione che ovviamente riguardava le sue malefatte, si è permesso di dare al rappresentate tedesco Shultz del "kapò".
ASSOLUTAMENTE RACCAPRICCIANTE!!!!

Lorenza Casalone 28.02.06 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Il Sig.Grillo, che si difende abbastanza bene anche da sè, non deve essere preso come profeta...ma spesso (anzi quasi sempre) nella burla e nello scherzo ci sono verità angoscianti:
abito a Genova e lavoro anche a Torino, sicuramente i BARACCONI di sponsor li avrà visti il Sig.Ubaldo... erano proprio dei baracconi...chi li paga gli sponsor secondo lei sig. Ubaldo? le multinazionali non sono le piccole sorelle dei poveri e stia tranquillo che il conto di torino 2006 ce lo troveremo tutto sul groppone - non mettiamola sullo spirito olimpico (anche se non penso che gli atleti di paesi che la neve non l'hanno mai vista neanche in cartolina ma in verità, più che atleti, siano ultra benestanti che possono permettersi costosissimi allenamenti all'estero)- penso solo che il conto di torino 2006 avrebbe dovuto essere meno salato...penso che viviamo in un paese dove le persone normali muoiono in ospedale per sofferenze atroci...e questo a torino 2006 come a Genova 2006 come a Napoli 2006 o Bitonto 2006!(con i soldi dei suoi BARACCONI quanta ricerca si sarebbe potuta fare!! business dei tumori!!) sicuramente qualcuno avrà mangiato con 2006, vuole che le racconto qualcosa di riportato direttamente dal sestriere da qualche amico che lavorava per la toroc ?? meglio di no, le garantisco. A genova le colombiadi sono state un altro piccolo torino 2006, sicuramente è stata ricostruita una zona...che fondamentalmente oggi rappreseenta un'area che le assicuro non è un esempio di sviluppo e opportunità...consideri pure che i negozi ai magazzini del cotone del porto antico mediamente ogni mese cambiano gestione!) - l'unica cosa che funziona è l'acquario..non è proprio un posto dove possano lavorare migliaia di persone!!...ho avuto un'attività in zona...non è che sia questo paese del bengodi... quindi sig. tebaldi (se questo è il suo nick) parli di quello che conosce...è stato anche a parigi ??!! e pensi solo a quell'emblema dello spreco che è stato quel triplice bruciatore che non ho idea di quanto gas possa aver consumato!!

Ermano Peyrone 28.02.06 15:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un caro amico che ha lavorato come volontario per TORINO 2006 si è visto recapitare a casa una fattura per 15 euro per non meglio precisate prestazioni delle quali avrebbe fruito nel corso del volontariato - ha subito interpellato la TOROC (l'ente organizzatore delle olimpiadi) che gli ha risposto che probabilmente c'era un errore e di rimandare la fattura per posta - vorrei sapere, attraverso qesto blog se ci sono stati casi analoghi...la questione...puzza...se consideriamo che i volontari erano migliaia.... mi sono spiegato??? cerchiamo di non fargliela passare, almeno questa!

Riccardo Travi 28.02.06 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Un caro amico che ha lavorato come volontario per TORINO 2006 si è visto recapitare a casa una fattura per 15 euro per non meglio precisate prestazioni delle quali avrebbe fruito nel corso del volontariato - ha subito interpellato la TOROC (l'ente organizzatore delle olimpiadi) che gli ha risposto che probabilmente c'era un errore e di rimandare la fattura per posta - vorrei sapere, attraverso qesto blog se ci sono stati casi analoghi...la questione...puzza...se consideriamo che i volontari erano migliaia.... mi sono spiegato??? cerchiamo di non fargliela passare, almeno questa!

Riccardo Travi 28.02.06 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Un caro amico che ha lavorato come volontario per TORINO 2006 si è visto recapitare a casa una fattura per 15 euro per non meglio precisate prestazioni delle quali avrebbe fruito nel corso del volontariato - ha subito interpellato la TOROC (l'ente organizzatore delle olimpiadi) che gli ha risposto che probabilmente c'era un errore e di rimandare la fattura per posta - vorrei sapere, attraverso qesto blog se ci sono stati casi analoghi...la questione...puzza...se consideriamo che i volontari erano migliaia.... mi sono spiegato??? cediamo di non fargliela passare, almeno questa!

Riccardo Travi 28.02.06 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe e cari amici, buon giorno. Poiché le mie condizioni di salute lasciano molto a desiderare spesso fatico a scrivere (devo già seguire il mio sito e rispondere a chi mi scrive) e a essere partecipe come sarebbe mio desidero. CONTINUO A CONSTATARE ANCHE SULLA MIA PERSONA CHE LA POLITICA ITALIANA E’ VERGOGNOSAMENTE ASSENTE . So che il mio amico Giacomo di cui pubblico questo pensiero è anche assiduo frequentatore di questo Blog e ciò mi fa molto piacere:

“Quando si ricorre a mostrare i disordini politici di un altro paese per nascondere i propri, si è giunti all’apice dell’ipocrisia politica del proprio paese.
di Giacomo Jim Montana”

Un caro saluto a tutti e FORZA SISU!
http://www.mobbing-sisu.com

Giovanna Nigris 28.02.06 09:18| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:
(2)…. che sono tutti sotto il nostro naso. Parliamoci chiaro, la fine dei partiti politici si è potuta verificare con l’esaurirsi delle ideologie tradizionali, è emersa con la fine del comunismo mondiale e la caduta del muro di Berlino. Tutto è caduto “col muro” , ed è proseguito con un percorso senza fine, di un sommovimento giudiziario condizionato fortemente da spinte politiche di accelerazione e frenaggio che va sotto il nome di “Tangentopoli”. Le nuove regole elettorali col superamento del sistema proporzionale, certamente ha segnato l’inizio del maggioritario e la nascita del sistema bipolare ma per il popolo NON E’ CAMBIATO NULLA IN MEGLIO, semmai in peggio!! Molte gigantesche carenze ed inerzie politiche hanno sempre più contraddistinto persino questa nuova fase della vita della Nazione. Si è fatto ricorso alla nascita dei due schieramenti, ma anche questo sul piano del miglioramento economico è stato il più vergognoso fallimento evidente che la gente si potesse immaginare! Oggi si parla di Casa delle Libertà, ma io parliamoci chiaro, in quanto a libertà ho visto ancora quelle di danneggiare sempre più la gente che lavora onestamente, ho constatato la grave sofferenza economica e morale anche dei pensionati, ho visto torturare con derisioni e scherni una donna che ha contratto la tubercolosi in servizio e per causa di servizio per 14 anni (vedi sito web: http://www.mobbing-sisu.com ) e poi come tutti sanno vedo anch’io “LA NAVE DELLA POLITICA ITALIANA CHE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI, SI E’ COMPLETAMENTE INCAGLIATA TRA LE SECCHE E NESSUNO CHE DIMOSTRI SERIAMENTE DI VOLERLA AGGIUSTARE E SOLLEVARE). SI CONTINUA LA POLITICA DEL TANTO MEGLIO SE E’ TANTO PEGGIO: evidentemente rende più affari ai politicanti che pacificamente continuano a mungere “LA MUCCA” dell’economia del Paese. Vogliamo bendarci ancora gli occhi? SE PREFERITE CONTINUIAMO PURE, senza l’unità non si può migliorare nulla! Grazie per avere letto. Giacomo Montana

Giacomo Montana 28.02.06 07:12| 
 |
Rispondi al commento

ho letto sulla homepage di libero che silvio ti vuole candidare per le prossime elezioni.
per favore se puoi smentisci tutti e denunciali per falso!altrimenti...............

alberico falanga 27.02.06 20:45| 
 |
Rispondi al commento

capisco che il sig. grillo usi le sue metafore e iperboli per far ridere (e infatti in teatro a me fa molto ridere) pero' facciamo attenzione a non prenderlo come un profeta...

le olimpiadi senza entusiasmo magari le ha viste lui da genova. se fosse stato qui (come ci sono stati i giornalisti che ne hanno scritto) avrebbe visto altro.
baracconi immensi di sponsor, sicuramente, ma anche tanto entusiasmo, partecipazione e opportunità di rilancio e sviluppo.

E sui baracconi immensi degli sponsor avrei da puntualizzare che senza di essi il già immane sforzo economico degli enti pubblici sarebbe stato insostenibile.

E senza queste operazioni non ci sono operazioni urbanistiche di rilievo.

Forse il sig. grillo preferiva quando il porto vecchio era quello che era prima delle colombiadi o quello che è oggi? Oltretutto oggi con il turismo il porto vecchio da' anche da mangiare a qualche genovese, credo.

Fin dall'800, quando si facevano le esposizioni universali, servivano grosse manifestazioni in cui gli stati mettessero in gioco la loro capacità di competizione economica e urbanistica (la tour eiffel è stata edificata per quello, non dimentichiamolo) per fare delle straordinarie opere di ingegno e di organizzazione.

Si puo' anche non essere d'accordo con lo straordinario, pero' allora bisogna accontentarsi dell'ordinario.

E, a giudicare da come sono state accolte le olimpiadi, a torino molti erano stufi dell'ordinario.

ubaldo tebaldi 27.02.06 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Quello che sto per scrivere non c'entra un bel niente con questo post se non per l'argomento in senso lato, le olimpiadi..
Volevo solo ricordare a tutti coloro che scrivono sul blog di Beppe Grillo, a Beppe Grillo stesso e a tutto il mondo, galassia, universo ecc... che, se non è stata vista la Cerimonia di Chiusura dei giochi di ieri sera su Raidue, il presidente del consiglio italiano Silvio Berlusconi è stato fischiato da TUTTO lo stadio olimpico... Lo voglio dire o ricordare "solo" perchè oggi non c'è stato NESSUN tg in onda sulle sette reti nazionali che lo ha detto...stasera aspetto la manipolazione audio-video che metterà gli applausi dello stadio e domani guardo Striscia la notizia che lo dirà...siamo proprio a posto...
ah, dimenticavo, giusto per non farlo passare nel dimenticatoio: Sarà dùra..(già dimenticati? Io sono Valsusino!!!)

Un abbraccio a tutti quanti e arrivederci a Torino al Mazdapalace il 6 aprile...

Christian Grassone 27.02.06 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poiché la politica, (quella vera) ovvero quella che in Italia manca completamente, è un’arte del vivere insieme, l’impunità dei soggetti violenti protetti risulta macroscopicamente ANTI-COSTITUZIONALE!

In sostanza, da un lato si fa in modo che la violenza consumata ai danni dei cittadini più deboli e indifesi sembri come fosse di normale amministrazione e dall'altro si da pubblicamente sfogo alle proprie intemperanze stando pacificamente all’interno di ciò che viene ancora chiamato mondo della politica.

Ciò è già motivo più che sufficiente per dire basta a questo falso impegno sociale e fare voltare pagina al più presto per uscire fuori da questa sporca palude fatta persino di crimini occulti, esecutori protetti e paradossalmente anche di denigrazioni tanto assurde quanto forvianti ai danni di immagine della Magistratura italiana che non c'entra proprio nulla, sulla mala-giustizia perchè le protezioni politiche e il marcio è totalmente in ciò che viene ancora chiamato "politica italiana"!!

Chi volesse vedere una realtà della faccia nascosta della tanto assurda quanto inverosimile violenza protetta, cominci pure a visitare il sito internet:

http://www.mobbing-sisu.com , e osservi bene i fatti vergognosi e gli inequivocabili riscontri oggettivi.

Chi preferisce vivere per non sapere e non sapere per continuare a credere ad una infinità di inganni perpetrate da persone che asseriscono falsamente di lavorare per il bene del Paese, è meglio che non si disturbi e non sappia di che cosa è capace quella che ancora viene chiamata politica italiana!

Continui pure a credere che la violenza è solo altrove e di altro stampo: ATTENZIONE PERO'! non sempre si può fare a meno di sapere. Forza Sisu!!Giacomo Montana

Giacomo Montana 27.02.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Buona sera a tutti! grazie per lo spazio e per il vostro tempo!
Il problema del tibet come ben ricordato è decenale. Se parla solo ora nel blog e nei media chissà come mai? Le olimpiadi forse?
Il problema del tibet è il problema di tutte le regioni che desiderano l'indipendenza nel mondo.
Regioni saccheggiate e depredate della loro identità e della loro cultura. La storia narra di queste vicende che col tempo hanno portato alla indipendeza di popoli. si guardi all'india e al pakistan ad esempio! li fu gandhi con la sua condotta di non osservanza pacifica alle regole del regno britannico a fare ottenere all'india e al pakistan l'indipendenza. Mancò purtroppo la voltà di formare la grande india. Col tempo altri paesi sono diventati indipendenti. Ora la questione si pone per il Tibet, regione Cinese.
La mancanza di rispetto della libertà di autodetrminazione del popolo tibetano dovrebbe fare sorgere una questione di portata internazionele nonchè l'attivarsi dell'onu per la tutela dei diritti di una minoranza. Ma così sembra non avvenire. Non saranno certo i Tibetani ad imbracciare le armi per autodifesa, la loro religione non lo consente così come tutte le altre non lo consentono. La morale non è sempre compatibile col diritto, pur se di portata internazionale. Noi tutti cittadini del mondo dovremmo porre maggiore attenzione a queste vicissitudini e cercare di essere solidali con questi popoli ( tibetani e non). Le vie del signore sono infinite. Pur non codividendo l'atteggiamento dei cinesi nei loro confronti non posso che non condividere l'attengiamento e non di certo il popolo cinese. Spero che si trovi una via diplomatica per la soluzione del caso quanto prima. Che la Cina voglia aprire la sue porte al mondo e al popolo tibetano.
Grazie di nuovo e buona giornata a tutti.

Fredi Ricchioni 27.02.06 15:33| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE:
C'è serenità, o almeno così pare. La guerra degli ascolti ci sarà, come sempre, ma "se lo share cala un po'", dice il direttore di RaiUno Fabrizio Del Noce, "non sarà una tragedia". Ben agguerrita, Mediaset lascia al suo posto tutte le corazzate, da 'Carabinieri' a 'La fattoria', dal GF, che due anni fa tirò un brutto scherzo a Simona Ventura, a 'Zelig'. La battaglia, insomma, si preannuncia affatto semplice, mentre sul Festival torna ad aleggiare il fantasma di Beppe Grillo al quale Panariello ha rinnovato, un poco a sorpresa, l'invito a tornare sul palco dell'Ariston. Se il comico dovesse accettare, Del Noce non ha dubbi: "gli chiederei prima il testo del suo intervento". Siamo in periodo di par condicio, in piena campagna elettorale. E Panariello fa sapere che, molto probabilmente, durante la seconda serata qualcosa sulla par condicio la dirà, lui che vuole "immaginare un mondo in par condicio".
Chiaro ora perchè il Nostro Beppe dice NO a S.Remo... e personalmente approvo!
Da:http://www.rai.it/news/articolonews/0,9217,121392,00.html

Andrea Manti 27.02.06 14:39| 
 |
Rispondi al commento

si parla di Di Pietro nell'articolo
BEPPE GRILLO: IL BUFFONE DI CORTE DEL MONDIALISMO
http://www.fottilitalia.com/index.php
il sito antitaliano per eccellenza

giuseppe resolk 27.02.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Inserisco un pensiero del mio amico Giacomo:
"Se la visione
del futuro politico italiano
senza crimini occulti
è reale e forte
può cambiare il Paese.
Non potrà che essere cosi.
Con sollievo per l’anima
e la guarigione del cuore.

Giacomo Jim Montana (discendente Cherokee)"

vedi sito internet:http://www.mobbing-sisu.com
FORZA SISU!


Giovanna Nigris 27.02.06 12:07| 
 |
Rispondi al commento

ciao vuolevo semplicemente sapere quanti abitanti necesita un paese per farsi che si possano avere 5 bar in quel sudetto paese.perche io ragazzo di 24 anni con tanta voglia di fare vuolevo aprire un bar con internet gratis e con installato skype per ogni postazione internet pero il sindaco del mio paese ha detto che era una concorenza sleale nei confronti degli alrti bar e quindi non mi concede la licenza.ma io vuolevo semplicemente dare un servizio alla gente e dargli informazioni via internet tutto qui.spero di trovare un sitio dove poter aprire questo genere di bar

giuseppe zarrella 27.02.06 11:54| 
 |
Rispondi al commento

ITALIA: TERRIBILI OMBRE SENZA FINE, SUI PERSONAGGI POLITICI

Anche i cittadini meno osservatori o più distratti, hanno capito che la politica italiana è stata confinata in una palude e per nascondere la palude viene ingiustamente persino tentato di denigrare la Magistratura. Credo che l’ingenuità verso il mondo politico sia ancora un terreno fertile. Nessuno fa caso che la politica dovrebbe essere un’arte della convivenza civile e che così avrebbe solide fondamenta anche per una pace interna nel Paese. Se non c’è pace interna in Italia non si può sperare di esportare la pace all’estero, non vi pare? Personalmente, in lunghi anni di osservazione della politica italiana, ho costatato in mille maniere, che la politica svanisce nel nulla e non esiste più quando vi è abuso di potere contro uno o più cittadini dello Stato. L’abuso di potere sfodera la brutale violenza e tutti coloro che sono al governo o al parlamento a rappresentarci che tollerano questo, a mio modesto parere (a prescindere se sono o non sono dei pregiudicati) di fatto non sono più dei personaggi politici perché come abbiamo visto la politica deve essere un’arte della convivenza civile! Oggi concediamo il voto elettorale a degli uomini estremamente individualisti e infinitamente opportunisti! Non vogliamo accettare questa vergognosa realtà e allora non ci resta altro che illudere noi stessi concedendo voti elettorali a persone che allo stato attuale come abbiamo visto, si può dire di tutto ma onestamente non che siano ancora dei personaggi politici. In passato c’erano esseri umani che attribuivano valori persino al bue d’oro quindi non c’è da meravigliarsi se oggi succede la stessa cosa con persone che i valori non li dimostrano assolutamente ma sanno soltanto prometterli senza i fatti! La politica, attraverso comunicati, dibattiti e discussioni equilibrate e pacate deve tendere a ridurre a zero la violenza e non addirittura esportarla… CONTINUA SOTTO APPENA E’ POSSIBILE…(2)

Giacomo Montana 27.02.06 01:32| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

(2)…con spaventosi e vergognosi mezzi di azione che prima iniziano con le discriminazioni, poi con le denigrazioni, da qui prendono sempre più piede le gravissime disuguaglianze, i vergognosi raggiri e sfruttamenti economici, ma vi è di più, si fa entrare in campo persino la guerra, la pena di morte (quest’ultima sia palese che occultata). Tutto questo distrugge e annulla la politica, eppure c’è chi ancora crede di dare il voto elettorale a personaggi politici. Ognuno è libero di credere persino che le radiazioni nucleari allungano la vita, ma questo non significa che poi ciò sia proprio vero. Dal momento che la violenza distrugge la politica in quando annulla la convivenza, è profondamente e razionalmente ingiusto oltre che scorretto, parlare ancora che esiste la politica laddove esiste pacificamente la violenza in continuazione. Per quanto riguarda poi l’argomento democrazia vi rispondo semplicemente con la magnifica descrizione di Bobbio, difatti dice che la democrazia è “nonviolenza realizzata”. A questo punto non ci resta che tirare le somme sia sulla politica inesistente, sia sulla democrazia trasparente. Infine si può persino facilmente constatare la vergogna delle vergogne: non può passare inosservato il grave fatto che da parecchi anni viene pacificamente tollerata la violenza fisica e psicologica persino ai danni di una donna distrutta sul luogo di lavoro, in servizio e per causa di servizio come meglio spiegato e provato nel sito web di legittima difesa: http://www.mobbing-sisu.com . Oggi quella donna è ancora viva solo per miracolo!!! Attualmente dei partiti politici è rimasto soltanto il nome, di fatto dimostrano di esistere soltanto delle ASSOCIAZIONI RIUNITI. Il mio sogno è quello di non vedere più rovinare e distruggere neanche di nascosto nessun altro cittadino. Saprà Dio se si avvererà. Sognare non costa nulla e forse potrebbe essere anche di buon auspicio per l’Italia. Ancora e sempre FORZA SISU! Giacomo Montana

Giacomo Montana 27.02.06 01:31| 
 |
Rispondi al commento

scusate,
ma non si può far nulla contro la strafottenza di libero infostrada?
il 26/12/05 ho fatto richiesta per una linea adsl da 4 mega.
la linea mi arriva il 03/01/06 ma riesco ad effettuare la prima connessione solo il 18/01 oer va di innumerevoli problemi tecnici.
da allora si sono susseguite innumerevoli disconnessioni (al massimo riuscivo a restare connesso per 3 ore), la sera era impossibile connettersi e la velocita max era di 250-300 kbps nonostante avessi un contratto da 4MB.
chiamo al servizio 155 ma dopo snervanti attese finalmetne mi rispondevano impreparati collaboratori che, messi in difficolta dall'evidenza dei dati,facevano cadere la linea.
l'altro giorno ho scaricato un file di installazione di 12 MB da un sito e ci ho impiegato 13 minuti scaricando il file a 3.3 kbps.
la risposta, automatica, che mi arrivano dicono che i problemi possono essere legati alla distanza dal doppino, dal numero di utenti connessi o comunque problemi non legati alla loro azienda.
l'unico modo possibile per scindere il contratto è quella di pagare una pena le di 200€.
ma che penale devo pagare io se ho richiesto un servizio 24/24 da 4 MB e ricevo in cambio un (dis)servizio con infinite disconnessioni, anche una ogni 5 minuti, e velocità,rilevate dal loro speedtest sul loro sito, che è sempre al di sotto di 400 kbps.

Questo è un link di un forum dove vengono elencati i disservizi dell'azienda.

http://www.aduc.it/dyn/dilatua/dila_mostra.php?id=116236

se non si possono combattere dallinterno (del contratto) possiamo combatterli dall'esterno : se volete una linea adsl leggete i commnenti sul forum che ho allegato.

pierpaolo catacchio 27.02.06 00:28| 
 |
Rispondi al commento

scusate,
ma non si può far nulla contro la strafottenza di libero infostrada?
il 26/12/05 ho fatto richiesta per una linea adsl da 4 mega.
la linea mi arriva il 03/01/06 ma riesco ad effettuare la prima connessione solo il 18/01 oer va di innumerevoli problemi tecnici.
da allora si sono susseguite innumerevoli disconnessioni (al massimo riuscivo a restare connesso per 3 ore), la sera era impossibile connettersi e la velocita max era di 250-300 kbps nonostante avessi un contratto da 4MB.
chiamo al servizio 155 ma dopo snervanti attese finalmetne mi rispondevano impreparati collaboratori che, messi in difficolta dall'evidenza dei dati,facevano cadere la linea.
l'altro giorno ho scaricato un file di installazione di 12 MB da un sito e ci ho impiegato 13 minuti scaricando il file a 3.3 kbps.
la risposta, automatica, che mi arrivano dicono che i problemi possono essere legati alla distanza dal doppino, dal numero di utenti connessi o comunque problemi non legati alla loro azienda.
l'unico modo possibile per scindere il contratto è quella di pagare una pena le di 200€.
ma che penale devo pagare io se ho richiesto un servizio 24/24 da 4 MB e ricevo in cambio un (dis)servizio con infinite disconnessioni, anche una ogni 5 minuti, e velocità,rilevate dal loro speedtest sul loro sito, che è sempre al di sotto di 400 kbps.

Questo è un link di un forum dove vengono elencati i disservizi dell'azienda.

http://www.aduc.it/dyn/dilatua/dila_mostra.php?id=116236

se non si possono combattere dallinterno (del contratto) possiamo combatterli dall'esterno : se volete una linea adsl leggete i commnenti sul forum che ho allegato.

pierpaolo catacchio 27.02.06 00:27| 
 |
Rispondi al commento

Sono da poco finiti i Giochi olimpici. La mia impressione, da cittadino un po' diffidente, è stata assolutamente positiva. Con i soldi arrivati e quelli che qualcuno, noi, pagherà, la città si è fatta bella. Da domani potrò vedere quello che resta nel centro senza la folla di persone in giacca a vento e medaglietta di riconoscimento.
Ma non è questo il problema. Tibet e Cina. Olimpiadi fra 2 anni, Cina paese non democratico (molti anche da noi non amano la democrazia!, e non sono in FI). Fare qualcosa per il Tibet, comprare una bandierina, cosa giusta. E per le altri parti del mondo? Compriamo una bandierina o un oggetto tipico. E poi possiamo tornare a casa dai nostri gatti cani canarini, trattati come bimbi africani(magari!), e dormire soddisfatti, con i nostri problemi, ma tranquilli perché abbiamo contribuito a risolvere i loro.
Io studio e cerco di capire; ancora non vedo vie d'uscita. Apprezzo solo quelli che le cose davvero le fanno e non vanno in TV

Claudio Masiero 26.02.06 23:48| 
 |
Rispondi al commento

CIAO ALLORA È COSI CHE DOVEVA FINIRE CHE SOLO GRAZIE A "STRISCA " ARRÎVA LA INFORMAZIONE AI MEDIA !!
E VI DICO CHE NON È FINITA ^SE VOLTE VEDERE CHE SUCCEDE IN TIBET ANDATE SU www.trchd.org
CIAOI GIOVANNI

GIOVANNI MENINI 26.02.06 19:00| 
 |
Rispondi al commento

messaggio per tutti i bloggers

SAlve volevamo informarvi che dalla prossima settimana, precisamente a Sanremo in contemporanea col Festival della canzone italiana, proietteremo il nostro videoclip per le strade adiacenti il teatro Ariston.Dalla promozione sul web, quindi passeremo alla promozione su strada.Ma fatemi spiegare meglio come tutto ciò potrà avvenire, ebbene utilizzeremo semplicemente una televisione 29 pollici, un lettore dvd, entrambi verranno alimentati da un gruppo elettrogeno.La televisione poi verrà poggiata sopra un tavolo portatile, e tutta la struttura verrà trasportata da un carrello in modo che sia possibile spostarci per tutta la città.
Ci sarà anche un cartellone che probabilmente recherà questa scritta:
"STATE VEDENDO IL VIDEOCLIP DELLA SOCCER POP BAND,DEJAN E LA PARTE REALE,PER RIVEDERE IL VIDEOCLIP: www.lapartitadicalcetto.it "
Faremo oltre a ciò anche un paio di collegamenti telefonici con un paio di radio romane-Radiorock e Radio città futura-per raccontare della nostra avventura sanremese.
Vi preghiamo di spargere la voce, riguardo a questa originale iniziativa e di segnalarci via email, nel caso aveste qualche notizia dai media della nostra avventura nei giorni del festival..

p.s.La mattina di giovedì 23 febbraio con una identica struttura(quindi tavolo portatile,televisore 29 pollici,lettore dvd e gruppo elettrogeno), appostati in via Asiago,esattamente al civico 10(corrispondente agli studi radiofonici della Rai)recavamo con noi il seguente cartellone,formato lettera gigante:
MITTENTE "DEJAN E LA PARTE REALE"

POSTA PRIORITARIA


ALLA CORTESE ATTENZIONE DI FIORELLO E BALDINI
C.O.VIVARADIO2

Facevamo una sorta di prova generale della nostra incursione a Sanremo,e ci andava bene,poichè dopo appena mezz'ora il signor Fiorello,seguito dall'immancabile Baldini,scendeva in strada e letteralmente rimasto stregato dal videoclip ci invitava in trasmissione

dejan cetnikovic 26.02.06 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe, era ora che qualcuno con le palle parlasse del Tibet!!! Spero che ne parlerai anche nei tuoi spettacoli!
In ogni caso, ci vediamo il 18 Marzo a Catania!!! Non vedo l'ora!!!

Marco Scarinci 26.02.06 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Inserisco un pensiero del mio amico Giacomo:
"Se la visione
del futuro politico italiano
senza crimini occulti
è reale e forte
può cambiare il Paese.
Non potrà che essere cosi.
Con sollievo per l’anima
e la guarigione del cuore.

Giacomo Jim Montana (discendente Cherokee)"

vedi sito internet:http://www.mobbing-sisu.com
FORZA SISU!

Giovanna Nigris 26.02.06 14:43| 
 |
Rispondi al commento

te ne sei accorto solo ora?
last minute.
-fra 15 giorni noi avremo un ospedale, e loro?-
vuoi essere dei nostri?
se fai un investimento uarra uarra potrai dire anche tu:
-noi abbiamo un ospedale e loro?-

http://www.free-people-world.com/1/campagne-attivita/vita-amore/2006/02/olimpiadi-torino-2006-non-avrete-un.html

Giovanni Cantone 26.02.06 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Cosa fare:
1) Obbligare le aziende italiane a produrre in Italia e non in Cina, India, Bangladesh e via dicendo. Stessa cosa per le aziende di altri paesi occidentali e non.
2) Boicottare i prodotti cinesi
3) Boicottare le olimpiadi cinesi
Da anni in Cina succede quanto di peggio si possa immaginare tanto che quando si scoprirà (se si scoprirà) davvero tutto quello che è successo da Mao fino ai giorni nostri, a confronto, Hitler sarà considerato il migliore amico degli ebrei.

Mauro Larosa 26.02.06 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti!

A proposito di libertà vorrei segnalarvi un sito: http://www.doom9.it. E' un sito che parla di video digitale e spesso parla di novità per quanto riguarda il mondo dell'IT.

Stamani ho controllato e vi riporto brevemente un paio di news:

vicino a casa nostra la tedesca IFPI (una versione internazionale della RIAA) sta mettendo le mani avanti riguardo alla prossima modifica della normativa sul copyright in Germania.
IFPI vuole infatti poter ottenere dagli ISP i dati degli abbonati anche senza un mandato del tribunale, vuole proibire la registrazione di radio e TV online, se non allo scopo di realizzare il timeshifting (pretende cioè che i media vengano registrati e riprodotti una volta soltanto) e vuole mettere al bando i software in grado di separare le canzoni (da uno stream audio registrato su disco NdDK).
E magari essere sinceri almeno per una volta chiedendo ciò che veramente vogliono, ovvero il bando di tutti i dispositivi di registrazione e riproduzione da tutte le stanze di tutte le case?

Ora che l'industria cerca di chiuderci fuori dai nostri PC utilizzando il "trusted computing" (meglio noto come implementazione hardware del DRM), il Governo inglese chiede che venga creata una backdoor.
Visto che tutti siamo sospettati di terrorismo, vogliono un modo per poter accedere ai nostri computer ormai "trusted". Mi domando come questa cosa possa conciliarsi con lo slogan "il tuo computer é sicuro dagli accessi indesiderati".
Secondo queste persone, quanto ci vorrà affinchè che qualcuno scopra la backdoor e la sfrutti per scopi indesiderati?

Roberto Pastrello 26.02.06 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
lo stato risarcisce la famiglia di Marco Biagi con cinque milioni e mezzo di euro. Bene, ne voglio un po’ anch’io, di quei soldi. Pochi, mica tanti. Anche perché, come faccio a quantificare il danno che il professore ha prodotto a me, e a migliaia di giovani come me, che vaghiamo alla ricerca non dico di un lavoro (chiediamo troppo, probabilmente), ma di una identità, di una collocazione sociale, di una speranza di vita normale. Per intendersi, quella che i miei genitori hanno saputo e potuto organizzarsi, mica facendo i baroni all’università, ma lavorando in fabbrica, o in un ufficio della pubblica amministrazione, senza perciò che nessuno gli regalasse un bel niente.
Ma forse quello era un concetto di “lavoro” ormai superato, obsoleto. Se no, che ci stanno a fare i consulenti del lavoro, al servizio di lor signori? Sul lavoro, bisogna ammetterlo, il professore ne ha avuta di fantasia! Vediamo se me le ricordo tutte, le trovate: job-on-call (ti chiamo quando mi servi, poi…a casa!); job sharing (oggi lavoro io, domani tu, dopodomani un altro); lavoro a progetto (durata variabile da un mese a quanto: sei mesi? un anno?), e via di questo passo, inventando a ruota libera . Tanto, il problema riguarda gli altri, mica i propri familiari/nipoti/amici/ affini. E il resto (contributi, ferie, diritti sindacali, tutela della dignità del proprio lavoro)? Tutto vecchio, tutto superato! Roba del novecento!
Per favore Beppe, fai leggere questo piccolo sfogo a chi di dovere , così magari mi danno una mano: sai com’é, quelli di Ikea (sì, i mobili in kit, che te le devi montare tu a casa) m’hanno detto che, lavorando io in job-on-call, i mobili me li possono vendere a rate, ma poi glieli devo riportare appena la “call” è finita, tavolo compreso. E io nel frattempo dove mi appoggio, in attesa della prossima chiamata?
Cordialmente.
Lettera firmata, Roma

PS: Per favore non indicare il mio nome. Non mi chiamerebbero più nemmeno per l’ultimo dei lavori lavori atipici (definizione elegante, non è vero?)

aldo storace 26.02.06 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo gentilmente a tutti di aiutarmi a vincere il crimine che mi distrugge e il silenzio stampa che impera. Vi allego l'ultimo articolo che ha scritto sulla mia vicenda un mio amico. Grazie e cordiali saluti a tutti. Giovanna Nigris

LA LUNGA MARCIA DI UNA DONNA VERSO LA CIVILTA’
La gravissima vicenda lavorativa della signora Giovanna Nigris narrata e documentalmente provata
nel seguente sito web di legittima difesa: http://www.mobbing-sisu.com è un’opera coraggiosa dalla quale se ne può benissimo ricavare un romanzo psicologico e sociologico in cui la violenza occulta contro una donna in un pubblico servizio, nella fattispecie è un ospedale pubblico, è particolarmente sondata persino nei reconditi risvolti più dannosi e malati che si annidano nella psiche occidentalizzata.
Con un paziente lavoro di ricerca sui riscontri oggettivi, nel suddetto sito web l’autrice, vi ha raccolto una serie di fatti criminali che le vengono fatti subire spietatamente, da ben 14 anni ed ancora oggi, vi sono in corso le atroci conseguenze: in breve, un impressionante panorama del sottobosco del crimine italiano, ovvero quello tenuto nascosto, perché mantenuto sempre protetto da personaggi insospettabili, che con degli artifizi, gli stessi vengono persino fatti stimare dalla società al punto da fare loro concedere incarichi dirigenziali di prestigio persino a qualsiasi livello istituzionale e di governo.
Viene costruita così artificiosamente una immagine di mistificazione delle coscienze è in questo modo viene documentata l’idea che della cultura si fa l’Italiano medio. Viene fornita alla gente una grave interpretazione tendenziosa e deformante di tutta una infinita serie di giudizi mitizzando così persino la storia del nostro Paese, con annessa la sempre più pericolosa strategia che investe persino la politica internazionale. CONTINUA QUI SOTTO….(2)

Giovanna Nigris 26.02.06 05:26| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE (2):
Leggendo il sito web dell’autrice vi si trovano anche delle poesie di sua composizione scritte durante “l’inferno che le viene fatto attraversare”, ma oltre questo e ai gravi danni alla sua persona si possono fare osservare le micidiali tecniche fattele subire di molestia mentale con la drammatica conseguenza di un tale costrutto di pensiero, pacificamente accettato dall’ipocrita utilitarismo mascolinocentrico che sempre impera persino con ciniche e agghiaccianti dimostrazioni alla vittima: l’orrore e i seguenti danni alla persona vengono realizzati per mezzo dell’atteggiamento e dell’azione offensiva, subdolamente viscidi e i cui malviventi responsabili tendono costantemente ad ogni costo a fare danneggiare la vittima fino a tentare di indurla a gesti estremi, fingendosi funzionari innocenti delle istituzioni, con modi apparentemente ineccepibili e persino arrogandosi la conoscenza di ciò che le donne vogliono, sentono, adorano fare sentire o sentirsi dire con empatia.
Oggi non è il vedere la mera mercificazione d’immagine elettorale esposta su un cartellone pubblicitario, a ferire di più nell’animo una vittima dello strapotere politico in Italia, bensì la successiva constatazione che persino il personaggio politico più inetto, dopo avere esercitato innumerevoli artifizi propagandistici basati sull’inganno, riesce sempre e comunque ad estorcere fiducia e vantaggi personali, dagli stessi cittadini.
Non è solo la mera tortura fisica e psichica a ferire maggiormente l’autrice dello stesso sito web che peraltro, per disperazione, ha imparato a gestirsi da sola come fosse lei stessa un web master, ma gli atti e i fatti criminali e i relativi reati penali, continuamente anche essi occultati all’opinione pubblica e tutto ciò che qui l’infido, perverso, falso e cinico spirito dell’uomo è riuscito pacificamente a costruirci attorno (annose le diatribe tra la morale come giustizia finta e la giustizia finta come morale) CONTINUA QUI SOTTO…(3)

Giovanna Nigris 26.02.06 05:26| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE (3):
per fare passare inosservata una donna fortemente danneggiata moralmente, nel fisico, (lesioni colpose gravissime), nella psiche, nell’economia e nella vita di relazione. Tutto ciò accade pacificamente da oltre dieci anni con le relative conseguenze e pertanto anche dopo che alla signora Giovanna Nigris
le è stata fatta contagiare la tubercolosi in servizio e per causa di servizio facendola lavorare in aperta violazione dell’art. n. 2087 del codice civile e più in particolare lavorando in ambiente contaminato con la più assoluta mancanza di mezzi di protezione da contagio e infezione. Tutto questo è sempre stato sistematicamente mascherato e forviato ad hoc, con la metodica della più brutale privazione alla vittima, del diritto al riconoscimento della causa di servizio. Privazione questa, imposta dal potere politico culturalmente dominante. Viene fatto pagare un prezzo troppo alto ad una vittima già duramente provata dalla tubercolosi e relativi postumi per fare falsamente apparire che in quello stesso ospedale, non è mai successo nulla di irregolare o peggio di illecito. C’è una sostanziale differenza di salute e igiene mentale tra l’applicazione della vera e sana morale e l’intenzione malata di non lasciare traccia dei crimini commessi distruggendo e sopprimendo lentamente una vita umana, una donna, una madre di famiglia, una lavoratrice. Tutto questo succede ancora in un moderno e attrezzato ospedale, dotato di funzionari dirigenti che hanno imparato molto bene la “lezione” di come si può nascondere la verità sostanziale dei fatti di servizio, ovviamente grazie al fatto che si ricevono ininterrottamente coperture ed appoggi esterni da personaggi persino insospettabili. CONTINUA QUI SOTTO…

Giovanna Nigris 26.02.06 05:25| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE (4)
Una donna che è costretta a subire tutto questo, francamente, credo che, non potrà mai stancarsi di raccontarlo al mondo intero per tutta la vita. Prima o poi devono cedere i criminali e non la vittima!! Auguro sinceramente con tutto il cuore a tutti indistintamente, di non trovarsi mai a dovere assistere come è toccato a me, ad una lenta più totale soppressione di un essere umano mentre c’è chi di fronte al crimine e ad una infinita carica di ipocrisia, sta solo a guardare. Grazie per avere letto. Giacomo Montana

Giovanna Nigris 26.02.06 05:24| 
 |
Rispondi al commento

Volevo scrivere il testo sottostante all'indirizzo
torino2006@italiatibet.org ma "the delivery of email failed permanently", per cui lo scrivo qui.

Sto seguendo le olimpiadi dalla televisione. Che tristezza vedere quello che dovrebbe essere un racconto di storie umane oltre che di atleti, ridotto a una speculazione prettamente economica e commerciale! Atleti esasperati dalle attese imposte dai ritmi televisivi, telecronache continuamente interrotte dagli spots pubblicitari, che spettacolo triste!
Invece di approfittarne e conservare le olimpiadi come isola felice per ricordare a tutti che l'importante non è vincere ma partecipare, e che l'amicizia, la comprensione, la solidarietà sono valori a cui bisogna tendere anche dopo un'olimpiade, ecco che la notizia dei tre monaci in sciopero della fame viene scientemente occultata per non urtare i rapporti diplomatici con la grande Cina.
Io da anni invito tutti a boicottare il mercato cinese anche quando sembra più conveniente per le nostre smunte tasche: sarà donchiscittesco, ma è l'unica protesta che sono in grado di fare.
Auguri a tutti, e speriamo che le paraolimpiadi smuovano qualche coscenza in più. Tiziano Pinacoli

Tiziano Pinacoli 26.02.06 01:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma santo cielo, perchè pago per acquistare un quotidiano, pago per vedere i Tg, e le notizie le devo apprendere dalla rete? Ma sarà vergognoso quello che succede? La STAMPA dov'è? Se c'è perchè non si fa sentire? Tutta la mia solidarietà a chi sta protestando, tutta la mia stima a chi me lo fa sapere. Fra milioni di cose che mi fanno incacchiare la più insopportabile ora è la stampa libera, di un paese libero, e democratico. Auguri alla STAMPA LIBERA

Lea Pietrangeli 26.02.06 00:37| 
 |
Rispondi al commento

Oltre alle bestialità tollerate dal Governo-Berlusconi sulla mia vicenda (vedi: http://www.mobbing-sisu.com vi sono anche quelle ai danni di un povero bambino fatte patire spietatamente ai suoi genitori anche loro privi di giustizia. Valutate e meditate cari lettori, in che palude di governo siamo capitati e come il cavaliere pensa ai più danneggiati e sofferenti: http://federicoaldrovandi.blog.kataweb.it/
Speriamo al risveglio della democrazia. FORZA SISU!! Giovanna Nigris

Giovanna Nigris 26.02.06 00:00| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe per aver dato voce anche a coloro che a causa del TOTALITARISMO COMUNISTA hanno subito grandi ingiustizie e persecuzioni. ps: voterò di Pietro
pss: gli estremi tendono alle medesime conseguenze pertanto inutile dibattere tra liberismo e comunismo Gli ismi sono a beneficio dei potenti sempre...

Mauro Bellaspica 25.02.06 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Ah, beata ignoranza!

Non commento su chi abbia invaso quale paese e quando, perche' su questa pagine (grazie a Rolando Dubini) e' gia' stato spiegato chiaramente il rapporto storico che intercorre tra Tibet ed il resto della Cina.

Mi sbalordisce pero' la visione di "bianco e nero / buoni e cattivi" che molti sembrano avere del mondo:

Credere che gli abitanti del Tibet siano un popolo di felici idealisti, contenti di stare a gelarsi in capanne, vivere di stenti e preghiere e di adorare il Dalai Lama é da ingenui.

Credere che i Cinesi siano un esercito di robot cattivi, contenti di lavorare per due soldi e di invadere l'occidente, é da autolesionisti.

La Cina non é la Bielorussia e un piccolo ripasso sul pase che ha appena superato l'Italia come PIL annuale e ha svariati millenni di storia non farebbe male.

Si scoprirebbe che, pur con grandi difficoltá, il governo Cinese sta cercando di rimediare a 25 anni di maoismo - SENZA far sprofondare il paese nel Caos, come purtroppo successe in Russia al buon Gorbatschow (ricordate?).

Mandare avanti un paese con 1.3 miliardi di abitanti, di cui una grande percentuale POVERA, non é un gioco da ragazzi.

É comprensibile che a molti le cose appaiano non cambiare in modo abbastanza veloce, basta peró un breve viaggio in una qualsiasi localitá cinese per venir sconvolti nello scoprire quanto velocemente in realtá cambino.

Provate a pensare a cosa succederebbe se cambiassero TROPPO velocemente?

"Nessun problema, quanti milioni ne volete?", rispose Deng Xiaoping a Carter, quando questi gli chiese di aprire le frontiere per far immigrare "liberamente" lavoratori Cinesi negli USA.

Alessandro Podini 25.02.06 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto le “olimpiadi. Invernali.
Le “Olimpiadi Invernali”
In Grecia non c’era l’ inverno.
Ho visto alla televisione un sacco di luci lustrini e colori.Ad imboccare chi si nutre di tutto ciò che il lavoro con i suoi profitti può dargli.Per chi rifugia nel credo del consumismo e spreco la propria vuotezza e vi nasconde le frustrazioni”più recluse.
Non si può colmare un vaso bucato.Vuoto, destinato a rimanere per sempre… vuoto!
Ho visto per le strade della mia città un carnevale di lucine , lustrini e colori ; ho visto migrare le folle di vestiti a festa avvolti nelle maschere allegre dei clown a fare il tifo ad una pioggia di milioni di luccicanti dobloni d’ oro.Che a terra incenerivano i selciati bucati dai tacchi a spillo delle signore in passerella.A sfilare le loro dentiere luccicanti dai riflessi della festa.
Ho sentito le grida degli eroi dell’ antica grecia, i veri ed unici portatori della gloria atletica della vittoria, onorificati e innalzati a simbolo del popolo in favore degli dei ai quali sacrificavano sangue e sudore, rabbiose, lanciate ai loro discendenti che, a due millenni di distanza, hanno venduto l’ onore e quel profondo sentimento, motore dell’origine, e palpito emozionato dei giochi che furono,ai simboli scellerati e senza pudore del commercio bieco e orribile della nostra società.Quei discendenti del glorioso impero ellenico che dette i natali agli uomini di spirito e filosofia più grandi, incapaci di riafferrare la loro storia immensa ed impugnare un orgoglio fiero e dignitoso che forte riprenda la storia che i loro padri hanno creato e dato al mondo intero,..sono ridotti a pastori che gozzovigliano sulle rovine del passato e vendono yogurt.Una rendita indegna per questi poveri incapaci.
Ma questa nave tecnologica,fiammante con la sua imponenza devastante alla mezzanotte della fine,tornerà ad essere il lurido torpedone impolverato del trasporto defraudo del nostro denaro gonfio nelle tasche dei suoi capitani e perso in questo circo

Giovanni Luca Attubato 25.02.06 19:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ha ragione Grillo,e noi che guarderemo queste belle olimpiadi berremo la coca cola nei dintorni
dei cui stabilimenti in Colombia vengono ammazzati i sindacalisti rompicoglioni,calzeremo
scarpe Cinesi o Thailandesi COMPETITIVE fabbricate da schiavetti di 6 anni,accenderemo
i nostri bei telefonini contenenti il silicio
SCIPPATO dalle multinazionali minerarie ai Congolesi,tornando a casa cammineremo su tappeti
Arabi o Indiani fabbricati da minuscoli schiavi
bambini e magari applaudiremo qualche atleta
gestito da manager senza scrupoli che per farlo
andare più forte gli da'un prodottino spesiale accorciandogli l'esistenza...
COSI'VA IL MONDO....


BOB COSTANTE 25.02.06 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Sabato 25 febbraio 2006, ore 18:10.
Silvio Berlusconi sta parlando ininterrottamente su una delle sue televisioni, Rete 4. Sono circa 15 minuti che va avanti a braccio, ma non si stanca. Parla di ciò che il suo governo ha fatto e di quello che farà. Non c'è nessun contraddittorio, solo persone che applaudono e incitano. Insulta come al solito le sinistre e tutti quelli che non la pensano come lui, affermando che se la sinistra dovesse andare al governo sarebbe la fine di ogni democrazia in Italia... (come se adesso ce ne fosse una!) Mi chiedo, dov'è la par conditio se il buon Silvio può andare in onda su una televisione nazionale e parlare in questo modo e senza nessuno che lo contraddica per tutto il tempo che desidera? Spengo la TV.

Emidio Ventre 25.02.06 18:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

No. Non sono daccordo con te, Beppe. Non riesco.
E non riesco a essere daccordo con i signori che sputano sentenze su questa olimpiade, che volente o nolente resta, di fondo, una manifestazione sportiva dove confluiscono i migliori atleti del mondo.
Il Tibet, a cui posso solo esprimere la massima solidarietà andando a visitare il presidio, è una cosa. La Cina e lo spirito DeCouberteniano non ci azzeccano nulla, e siamo daccordo. MA perchè la conseguenza sia che questa olimpiade è senza entusiasmo non riesco a capirlo.
Lo so che questo mondo ci fa divenire cinici, a voler esaminare le cose a fondo, ma in questi giorni cammino per Torino e mi scopro a fare il turista con un entusiasmo di cui non mi credevo capace, in una città che sapevo bella, ma non capace di così tanto entusiasmo e passione (tanto per citare lo slogan che capeggia ovunque per Torino).
Lasciamo una volta che i conti si facciano alla fine. Se il Toroc ha sbagliato, se l'agenzia Torino 2006 ha sbagliato, che paghino fino all'ultimo, ma adesso non scassate i cabasisi per ancora due giorni e fateci riempire gli occhi di questo spettacolo che non so quando rivedremo quando si spegneranno le luci.

Alberto Rosso 25.02.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

D'accordo.

Ferrara Lidia 25.02.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Gianni, ma non posso fare a meno di notare la ingenuità della tua risposta. Ma mi spieghi quale occidente dovrebbe combattere la deriva cinese? Tu parli di NOI come se parlassi di una civiltà superiore in grado di opporsi alla Cina in virtù della diversità della sua cultura. Ma di quale occidente parli? Di quello che tre anni fa ha invaso militarmente un paese per accaparrarsi il controllo delle fonti energetiche? Di quello che per decenni ha fatto stragi umane e ambientali ovunque nel mondo? Oggi, parlo di oggi, l'Occidente è in Iraq dove conduce una guerra che miete migliaia e migliaia di morti, una guerra fatta senza alcuna prova nulla di nulla. Oggi le multinazionali occidentali distruggono ogni giorno la vita di centinaia di migliaia di persone, oggi proprio oggi. E ieri ? Non voglio farti l'elenco di tutte le brutalità perpetrate nel secolo scorso dal "civile" occidente, se non le conosci studiatele! Ma come può avere titoli per mostrare questa fantomatica superiorità questo "Occidente"? Ma scherzi? La Cina è una mostruosità e l'ho già detto più volte, ma il tuo "Occidente" non è da meno. E' esattamente la stessa cosa. Non voglio fare il conto dei morti, ma si stima che solo gli USA abbiano prodotto tra golpe, invasioni del tutto arbitrarie, embarg guerre, attività economiche criminali e quant'altro milioni e milioni di morti. Ma di cosa stai parlando? Vogliamo fare una gara per vedere alla fine chi vince la medaglia olimpica tra Cina e USA per il maggior numero di morti? Siamo sul filo di lana, eh? Ma veramente puoi credere che una cultura come la nostra che ogni giorno porta nel mondo morte e distruzione (perchè ci odiano, eh?) abbia i titoli per porsi come baluardo contro il dispotismo cinese? Quello che i cinesi hanno fatto in Tibet noi lo abbiamo fatto per decenni in ogni luogo del globo terrestre, e ancora oggi lo stiamo facendo. L'Iraq, ricordi? Ma ti rendi conto di cosa succederrebbe se la Cina invadesse arbitrariam. un paese? Per favore......

Gianluca Vitiello 25.02.06 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo quella del Tibet è stata una di quelle guerre dimenticate, nel dopoguerra le aree maggiormente strategiche per l'occidente erano l'Europa ed il medio oriente, nel frattempo il colosso cinese è cresciuto economicamente e militarmente, ogni anno macina crescite da record ed è l'unico paese comunista che sta sorpassando in ricchezza uno dopo l'altro i vari paesi capitalisti occidentali. In fondo a noi bigotti occidentali non importa nulla della ferocia del regime comunista, nè importa i lutti e le violenze sui tibetani, nè tantomeno la mancanza di ogni libertà di stampa e di espressione, quello che ci stà più a cuore è potere fabbricare in Cina scarpe da tennis a 5 dollari per poi rivenderle in Europa a 200, così noi le paghiamo come se fossero prodotte quì, gli operai cinesi sono sottopagati e le multinazionali fanno affari d'oro. Noi occidentali possiamo e dobbiamo far sentire la nostra voce, finchè siamo in tempo, finchè la nostra economia ce lo consentirà, finchè i nostri eserciti godranno della superiorità strategica, dopo sarà tardi, tra pochi anni ci sorpasseranno economicamente e militarmente, lo yuan cinese entrerà nel club delle valute forti e le loro universitè sforneranno centinaia di milioni di laureati, a quel punto saranno loro a dettare le condizioni. Il problema non è essere contro alla globalizzazione, quella c'è sempre stata e ci sarà sempre, il vero problema sta nel governarla, solo con risposte comuni, scelte comuni e obbiettivi comuni l'occidente e la sua cultura potranno avere un ruolo nel prossimo futuro, il capitalismo selvaggio non è una scelta, è una conseguenza alle non scelte ma alla lunga crea instabilità economica e sociale, i vari crack di grandi società e di stati come l'Argentina stanno lì a dimostrarlo. La nostra vera forza sta nella democrazia, nei nostri valori e nei nostri diritti, in primis quelli dell'uomo, la democrazia non è perfetta, ma è di gran lunga la miglior forma di governo che si conosca.

Gianni Selva 25.02.06 15:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

va che beppe ha ragione.. poi nn parlarmi di atleti che si fanno il culo perché c'é una percentuale di consumo di doping elevatissima alle olimpiadi..

Auro Walder 25.02.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe, il curling é uno sport nel quale occorrono: PRECISIONE, CONCENTAZIONE, STRATEGIA. HAI MAI VISTO UNA PARTITA DI QUESTO SPORT? COME FAI A BOLLARLO PRIVO DI ENTUSIASMO E CON LUI LE OLIMPIADI DI TORINO 2006? SEI ANCORA IN TEMPO PER VENIRE A FARTI UN GIRO A TORINO E VEDERE COSA C'e' QUI, O RITIENI CHE SIA TROPPO LONTANA DALLA SNOB GENOVA NERVI? LE OLIMPIADI SONO GOVERNATE SICURAMENTE, COME TUTTI I MAGGIORI EVENTI SPORTIVI, DALLE MULTINAZIONALI E DAI POLITICI MANEGGIONI. "QUANDO IL SAGGIO INDICA LA LUNA LO STOLTO GUARDA IL DITO". BEPPE GUARDA LA LUNA DEI TANTISSIMI ATLETI, NON MULTIMILIONARI IN EURO, CHE SI FANNO UN C....O COSI' PER GAREGGIARE, O I TANTISSIMI VOLONTARI PIENI DI ENTUSIASMO, E LE PERSONE CHE SONO QUI PER VIVERE TUTTO QUESTO. NON E' SPARANDO M.....A SU TUTTO E TUTTI CHE SI MIGLIORA IL MONDO.

Giuseppe MULTARI 25.02.06 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Oggi necessitano dei riformatori “purosangue”. Credo che le riforme rientrino in un etica di studio della determinazione della condotta umana e per questo diviene indispensabile partire da una posizione di riforma radicale ovvero da un dibattito sulla natura dell’uomo e sulla società del terzo millennio. Diviene altresì indispensabile guardare solo agli interessi della collettività, senza cedere a pressioni contrarie e/o di interesse di parte, o di una parte. L’approccio alla “questione disastrosa italiana” dovrebbe avere un retroterra onesto, trasparente e per questo, naturalmente diverso da quello dei sostenitori degli ideali assimilazionisti del secolo scorso. Se per un verso si accetta l’assunto fondamentale, ovvero la convinzione che gli italiani devono abbandonare concezioni clientelari, per un altro ne ricaviamo l’enorme vantaggio di restare a testa alta e sempre più a pieno titolo nell’Europa Unita.

Con queste basi possiamo essere messi benissimo a confronto con i problemi di questa nuova società, sino a potere sperare in un futuro più fecondo e duraturo per tutti e quindi senza discriminazioni tra cittadini. Oggi non si sente altro che parlare di raggiri, manipolazioni, truffe, bancarie, responsabili indagati etc. Sappiamo tutti che non possiamo continuare così, con questa nefandezza a rimorchio e danni ai cittadini a non finire. Grazie di avere letto. FORZA SISU (Sisu non significa “PARTITO POLITICO”, ma semplicemente una parola di origine finlandese, intraducibile in qualsiasi altra lingua, in quanto con una parola allo stesso tempo, si invocano i seguenti valori: lealtà, coraggio, tenacia, prudenza, probità, sacrificio, dovere, obbedienza, disciplina... Nella vita, ed in particolare nelle Forze dell'Ordine e nell'Esercito, si vedono molti esempi di Sisu. Quindi è come se si dicesse FORZA ONESTA’ ma con un significato più dettagliato. Gridare a gran voce FORZA SISU! è come se si dicesse ABBASSO I DISONESTI E I PARASSITI. Giacomo Montana

Giacomo Montana 25.02.06 14:12| 
 |
Rispondi al commento

sono solidale con i tibetani e mi auguro che le olimpiadi possano aiutarli a riottenere i propri diritti che la cina gli ha tolto

Giuseppe Omassi 25.02.06 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Christian, sono d'accordissimo con te. E' esattamente quello che ho scritto come commento al post "Il sonno della ragione". Viviamo in una società che ci fanno credere sia quella più libera della storia e invece siamo probabilmente liberi di scegliere solo quale marca comprare. Il problema è che molti non se accorgono neppure, perchè questo sistema economico è talmente sofisticato nei suoi meccanismi che ti fa credere di vivere nel paese dei balocchi. In realtà la vita degli uomini non è mai stata così finemente e capillarmente controllata come in questo momento:tutto ciò che facciamo quando e persino perchè lo facciamo. Tutti i nostri stimoli le nostre pulsioni, le nostre azioni sono indotte attraverso la mega-industria della pubblicità e delle pubbliche relazioni. Siamo in catene e molti non se accorgono. Anch'io poi suggerirei a qualcuno di studiare di più la storia di USA e EUROPA. Non c'è angolo del mondo dove non siano stati commessi eccidi e distruzione, dall'America latina al sud-est asiatico, dall'Africa al Medio Oriente. Gli USA nel loro imperialismo economico hanno sterminato milioni di persone in giro per il mondo, distrutto intere generazioni. Capite cosa significa distruggere una intera generazione, come hanno fatto per esempio in Cile o in Argentina? Significa distruggere il futuro di quel paese, metterci le mani per sempre. E infatti è andata così, le multinazionali USA hanno spolpato quei paesi ben bene, e hanno lasciato solo macerie, come oggi possiamo vedere. La Cina sì è una mostruosità, il risultato di un macabro esperimento genetico che ha combinato insieme due mostruosità (dittatura comunista, capitalismo iper-liberista), ed è proprio qualcosa che fa ribbrezzo. Ma noi qui in occidente viviamo in una simile mostruosità che però ha trovato il modo di celare almeno a prima vista la propria natura fetida e malmostosa. Un saluto

Gianluca Vitiello 25.02.06 12:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Accostare la Germania alla Cina, Aushwitz al Tibet, mi sembra una scivolata.
Partire da Aushwitz con la fiaccola olimpica potrebbe essere simbolo di rinascita, soprattutto se in accordo con ebrei, nomadi, omosessuali e rappresentanti di altre comunità che hanno subìto torture, morte e quant'altro in quei luoghi.
La Cina vuole far partire la fiaccola dal Tibet per motivi che ancora oggi fanno del male.

Massimo penitenti 25.02.06 11:59| 
 |
Rispondi al commento

APPELLO: Grillo crea una sezione dove possano parlare studenti e genitori -e insegnanti- dei problemi della scuola.Non quelli normativi e istituzionali ma quelli legati alla sfera del quotidiano, dei vissuti, delle relazioni.La Scuola è una realtà che coinvolge milioni di persone e molte si sentono isolate nei loro problemi...

Ciccio Franco 25.02.06 11:40| 
 |
Rispondi al commento

La Germania non si trova nelle stesse condizioni della Cina, per quanto riguarda la simbologia data da Aushwitz, perché nell'eventualità che facesse partire la fiaccola olimpica da quei luoghi, potrebbe essere un segno di rinascita, soprattutto se fatto in accordo con nomadi, ebrei, omosessuali e altri gruppi di persone che
in quei luoghi trovarono morte e sofferenza.
Viceversa la Cina si trova ancora a decidere di vita, morte e libertà dei Tibetani.
Questo mio scritto voleva essere semplicemente un piccolo appunto su un accostamento che mi ha un po' bloccato.
Un abbraccio.

massimo penitenti 25.02.06 11:14| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI QUEI RAGAZZI CHE MANIFESTANO L’INTENZIONE DI NON ANDARE A VOTARE

**************************************
DOBBIAMO MANIFESTARE IL NOSTRO CONSENSO O DISSENSO CON IL VOTO IN QUANTO DIRITTO ACQUISITO E IRRINUNCIABILE PER RISPETTARE IL SACRIFICIO DEI NOSTRI PADRI E CHE CI CONSENTE DI VIVERE IN UNA DEMOCRAZIA.
UN MIO VECCHIO PROFESSORE DICEVA :
“ Chi non vota non può neanche lamentarsi per quello che non gli và, non ha espresso cosa voleva”.

**************************************
*LIBERIAMOCI DAI SIMBOLI POLITICI, IMPARIAMO A VEDERE SOLO LOGHI *
(Solo per essere più liberi nelle nostre scelte, ragionando con la nostra testa per capire la verità dell’immagine riflessa. Nella società moderna il logo identifica la storia e la qualità di un prodotto: noi cambiamo prodotto quando non soddisfa più i nostri bisogni interiori ed esteriori senza rimpianti o conflitti. Vedere loghi al posto di simboli vuol dire essere più liberi e rispettare noi stessi ).

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI……..
l’astensione al voto può avere come conseguenza che una minoranza di cittadini governi e decida per la maggioranza.

ANDIAMO TUTTI A VOTARE LIBERI DI MENTE

**************************************

IN DEMOCRAZIA RAGAZZI , LA RIVOLUZIONE SI FA CON LA PARTECIPAZIONE: L’ARMA E’ IL VOTO .
**************************************
N.B.
Il presente invito al voto libero sarà bloggato a intervalli regolari su tutti i POST indipendentemente dal tema, visto il numero di persone indecise a manifestare il loro diritto di intervenire sulle scelte politiche del paese in cui vivono. Data inizio 10/01/06 Data Fine Invio 09/04/06

Da oggi tutti i commenti del sottoscritto avranno come intestazione il terzo paragrafo del presente commento, indipendentemente dal contenuto.

**************************************

I BUGIARDI CI SONO E CI SARANNO SEMPRE BASTA ESSERE PRAGMATICI E LIBERI DI MENTE

ernesto scontento 25.02.06 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Forse non e giusto non permettere a un atleta che si prepara per anni non poter partecipare alle olimpiadi,ma forse sarebbe piu giusto partecipare con bandire a mezzasta e con il lutto al braccio per quello che succede nel Tibet.

Antonio Taliento 25.02.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento

quello che mi sconcerta è la solidarietà che ha mostrato Striscia di canale 5 al Tibet. Che serva per dimostrare il pluralismo del "premier"

giovanni vallarino 25.02.06 09:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dire che queste siano olimpiadi senza entusiasmo mi sembra una cazzata enorme, smentita sia dalla partecipazione alle gare che nelle strade ( sabato sera c'erano circa 600.000 persone a festeggiare...)
Per il resto più che condivisibile l'argomento tibet.
Saluti e baci.

Andrea Monti 25.02.06 08:42| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
ti ringrazio per l'attenzione che hai riservato allo sciopero della fame di Palden Gyatso e dei suoi compagni del Tibetan Youth Congress. Io faccio parte dell'associazione Aiuto allo Zanskar che finanzia una scuola tibetana in territorio indiano (valle dello Zanskar nello stato indiano di Jammu-Kashmir) e mi sono occupato anche sul mio blog "Strade di Polvere" dell'iniziativa di Palden Gyatso con un articolo intitolato "Torino 2oo6, il fuoco, la neve". Sono di Torino quindi ho potuto portare personalmente la mia solidarietà nella tenda di San Pietro in Vincoli. Grazie anche a te e a tutti quelli che hanno creduto nell'iniziativa, molti importanti risultati sono stati ottenuti. Grazie
ciao
Bruno

Bruno Burdizzo 25.02.06 07:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, cari Amici,
e' inutile davvero schierarsi contro la Cina per il non rispetto dei diritti umani e non schierarsi contro gli Stati Uniti e l'Europa che fingono di rispetarli ma in realta' se ne strafregano. Su Beppe, non ci perdiamo in un bicchier d'acqua! Bisogna riconoscere che il problema non sono alcuni paesi ma tutti i paesi indistintamente, perche' essi sono fondati su oligarchie di potere al servizio di poteri ancora piu' forti e grandi, che ormai sono globali e sovranazionali. Schierarsi e' facile se ci si limita a un dettaglio o a una circostanza, ma non lo e' se si va a considerare la totalita' delle situazioni e le dinamiche mondiali. Europa e Usa vanno a braccetto nel demonizzare la Cina perche' e' un ostacolo economico alla loro spartizione egemonica del mondo. Con la scusa dei diritti umani si attacca un sistema che ha ideali e cultura differenti e alternativi, e che per la sua imponenza non puo' essere intaccato dall'occidente se non screditandolo a tutto spiano e sgretolandolo. Ci si stupisce solo delle violazioni dei diritti umani da parte della Cina, ma non si parla delle violazioni qui in Italia e in generale in occidente sotto altre forme. Giunti al 2006 qui in occidente siamo schiavi e mi pare che siamo restii a riconoscerlo. Ci fanno credere di essere portatori di valori, di vivere in paesi fondati sul rispetto dei diritti umani, ma quali diritti umani? Vi consiglio di andarvi a studiare il sistema monetario, il sistema bancario, la costituzione, la storia degli interventi americani nel mondo, leggete il sito di Noam Chomsky, i giornali iraniani e irakeni, e le opinioni di chi vive il in Colombia, Venezuela, Haiti. Andate a studiare nei dettagli i documenti CIA desecretati dal governo Usa sotto il FOIA. Andatevi a leggere i resumes annuali della CIA. Leggetevi i saggi di alcuni ex agenti dei servizi segreti americani. Informatevi sull'euro e sull storia della moneta, sulle banche, sulla riserva frazionaria. Altro che Cina ragazzi!

christian franchomme 25.02.06 03:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevo fare presente che quando Beppe dice "prigioniero 33 anni in un carcere cinese" si riferisce ad un uomo (Palden Gyatso) che è stato incarcerato affinchè sostenesse tra il suo popolo che "il Tibet è Cina". Incarcerato e torturato affinchè propagasse l'idea che il Tibet in realtà non è mai esistito. Essendo uno dei punti di riferimento del suo popolo egli non ha mai accettato di dichiarare quella falsità. In 33 anni egli ha sperimentato l'evoluzione tecnologica del 900 dal punto di vista dei sistemi di tortura, per questo monaco la modernità consisteva in strumenti del dolore elettrici perfezionati ed efficenti. Si è nutrito delle ossa dei suoi compagni di cella defunti. Doveva solamente dire poche parole, e sarebbe stato risparmiato per essere utilizzato a fini propagandistici. Nel frattempo i tibetani non venivano più uccisi, vengono assorbiti a livello biologico. Le madri tibetane partoriscono figli cinesi, le differenze somatiche e culturali spariranno ben presto.
Di certo non è colpa di ciascun singolo cinese, e di certo è in parte colpa di tante potenze che a volte portano la democrazia e a volte no, in alcuni posti di più e in altri di meno.
Non sentiamoci al sicuro dai soprusi dei diritti umani, collaboriamo perchè ad ognuno di noi siano garantiti ed inalienabili.

Valerio Santolini 25.02.06 03:41| 
 |
Rispondi al commento

(Continuazione)
Dunque, dobbiamo pretendere SOLO da loro che cambino qualcosa o non dovremmo chiederci se qualcosa debba cambiare ANCHE da noi?
Tipo: più ricerca, più tecnologia, e soprattutto un sogno su come trasformare il nostro paese? Sarebbe bello avere un "Modello" da proporre (qualcosa di più di un neoliberismo decadente), ma sembra che siamo un po' a corto di idee.
Loro invece (dico “la gente”) un sogno ce l'hanno eccome ed è su questo che ci fregano.
Così la nostra soluzione è "boicottiamo i prodotti cinesi", “mettiamo dazi sulle merci cinesi", ecc. ecc. Mentre lo sento dire penso che io in Cina lavoro con persone splendide, leali, serie, professionali, colte, motivate ed amiche a cui non vorrei proprio chiudere la porta in faccia! Non ce ne sono già abbastanza di muri?
Ma se così dovesse essere... Amen, cambierei lavoro come ho sempre fatto oppure me ne andrei a vivere in Cina anch'io, perchè no?
Ma non facciamo sempre di ogni erba un fascio, per favore. Prima conoscere, poi esprimere delle valutazioni, poi fare proposte e - DOPO - agire!
Che mi sembra essere proprio l’approccio di Beppe!

Saluti,
Davide

Davide Spisni 25.02.06 03:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Olimpiadi... Tibet... Cina!!
Velata - ma non troppo - emerge tra i vari post la tesi "la Cina è cattiva" (con tutte le dovute sfumature). O forse che il governo cinese è "cattivo" e i Cinesi sono oppressi e schiavizzati.
Be', la storia della Cina comunista la conosciamo. E ancora oggi ci lascia: pena di morte scandalosa, l’ormai secolare occupazione del Tibet (che comunque meriterebbe di essere affrontata con maggiore attenzione alla vicenda storica, per una forma di rispetton e per non cadere del pressapochismo), le (non)politiche ambientali, ecc. ecc.
Ammirevole indagare e chiedersi cosa possiamo fare x spingere a dei cambiamenti, che comunque sono già in corso e qualcuno forse anche in meglio.
Ma fin qua i più (in cui mi considero) parlano solo di quello che possono o decidono selettivamente di leggere da libri e stampa indipendente.

C'è però anche la fetta di Cina che conosco io e con cui -scusate!- lavoro, ed è fatta di aziende che realizzano prodotti di qualità certo a costi + bassi (con la tecnologia che compra(va)no anche da noi) perchè il costo del lavoro è ovviamente + basso senza che questo significhi che i lavoratori siano in qualche modo sfruttati. Lavorano con + entusiasmo però, questo sì: dai "padroni" (spesso partiti dal nulla assoluto e che non assomigliano affatto ai Berlusconi o comandanti del vapore nostrani) agli impiegati ed operai che, forse come nell'Italia del dopoguerra, sognano di costruire un paese migliore col loro LAVORO. (Ricordate l'art. 1 della nostra Costituzione... sì? Be, mi sembra che siamo rimasti in pochi).
Ho anch'io molti dubbi sul fatto che questa sia la strada giusta (o "sostenibile"), ma io lo auguro ai Cinesi di migliorare la loro vita.
(Continua)

Davide Spisni 25.02.06 03:07| 
 |
Rispondi al commento

Beppe/Casaleggio, come mai avete cancellato il post con cui rispondevo (civilmente mi sembra) a Loredana Solerte per chiarire il mio pensiero? dopo La Cina sei tu il secondo censore della rete?
Non mi era mai capitata una cosa simile, non ho parole! Io ho sempre creduto in te, ho sempre aderito alle manifestazioni di cui ti facevi promotore perche' ci credevo anche io, sinceramente dopo un comportamento simile, comincio a credere che davvero in questa nazione non c'e' speranza, anche tu ormai sei salito sulla giostra.

Sono veramente disgustato.

Lorenzo Canapicchi 25.02.06 02:41| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa, il mio messaggio precedente era destinato alla discussione sulla situazione del lavoro. Però, in qualche modo, c'è una connessione anche con il Tibet. Noi che sosteniamo la causa tibetana lo facciamo anche perché crediamo nei valori che quella cultura rappresenta. Tra questi, la compassione, la semplicità, la sobrietà... il giusto mezzo. Non condivide certo questi valori chi ci spinge a desiderare sempre più cose sempre più inutili e quindi ad avere necessità di sempre più denaro - per ottenere il quale siamo disposti a svenderci a condizioni sempre più vili, quasi inconsapevoli del fatto che così facendo danneggiamo chi è nella nostra stessa situazione.
La nostra vita dovrebbe essere coerente. E' inutile protestare contro il precariato se poi acquistiamo merce fabbricata in Cina dalle aziende europee... se ci affolliamo nei negozi che vendono a un euro oggetti che arrivano da Paesi lontanissimi, forse fabbricati da bambini, sicuramente da qualcuno che è stato sottopagato.
"Non ha logica né significato nutrirsi di cereali, di soya o di té bancha, magari una o due volte la settimana, se si continua ad accettare di vivere una vita sbagliata in un mondo malato, se non si lotta per cambiare questo mondo e questa visione del mondo", scrive Giorgio Bert.
Dobbiamo renderci conto che:
1) OGNI nostra azione ha un peso spirituale (per coloro che credono nello spirito) ovvero politico (per coloro che non credono nello spirito) e come tale va ben soppesata.
2) se la nostra vita è così frenetica da non consentirci di valutare il peso delle nostre azioni, ossia di sapere che cosa stiamo facendo e dove stiamo andando, ciò significa che stiamo vivendo male, una vita sbagliata, e che dobbiamo "rallentare e all'occorrenza fermarci".
3) Sostenere che non è possibile rallentare o fermarsi a riflettere significa... essere già praticamente morti, non essere in armonia con l'universo, filare a tutta birra verso l'autodistruzione.

rosa raspi 25.02.06 01:30| 
 |
Rispondi al commento

Ma cheppalle! Sinceramente, lo dico a tutti, che ci frega a noi del Tibet? Siete (siamo, in molte occassioni) prontissimi a scagliarci con tante belle parole contro le oppressioni di vario tipo in ogni parte del mondo. Ma in realtà praticamente nessuno fa davvero qualcosa. Sembrate/iamo i bambini che frignano dalla mamma. Di popoli occupati ce ne sono quanti ne volete, dagli istriani ai nostri tirolesi e via andare per tutto il mondo. La Cina è cattiva? E la civilissima Gran Bretagna con la questione irlandese? La regione basca? Le Olimpiadi sono un qualcosa di meraviglioso ed universale, sia che le ospiti la "pacifica" Atene sia la violenta Sparta. Che siano un mezzo per portare qualcosa di noi europei in Cina. Perché il governo cinese, del fatto che noi gli diciamo che sono cattivi, non sembra essere molto turbato. Prima o poi la censura crollerà anche lì, ma non sono queste parole al vento che serviranno a qualcosa. Anche Beppe ultimamente mi ha davvero rotto le palle. Non fa che ripetere le stesse cose come un vecchio rincoglionito (o come un politico). Pensavo che questo fosse uno spazio di un libero pensatore, ma da quando è iniziata la campagna elettorale ne hai preso parte spudoratamente. Sei uno dei tanti sinistroidi che vede Berlusconi come il MALE personificato, senza apparentemente rendersi conto che egli è un prodotto della nostra società e la sua espressione più piena. NOI SIAMO BERLUSCONI. UN POPOLO PER IL QUALE E' NORMALE EVADERE LE TASSE, FARE ABUSI EDILIZI, DOVE CENTINAIA DI PICCOLI REATI NON SONO NEMMENO AVVERTITI COME TALI. Quindi chi è senza peccato scagli la prima pietra, altrimenti un bell'esamino di coscienza per tutti coloro che hanno l'abitudine di mettere il proprio interesse davanti a quello della comunità e che parlano in maniera ipocrita (non saranno tutti coloro che scrivono qui, ma ce ne saranno tanti).

Alex Perotti 25.02.06 01:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me, molto si risolverebbe se:
1) coloro che sono arrivati all'età pensionabile rifiutassero di continuare ad occupare un posto che potrebbero cedere ad una persona più giovane, nella fase più attiva e dispendiosa della sua vita (quella in cui si tira su una famiglia). Incentivare a rimanere al lavoro oltre l'età della pensione è assurdo! Il cumulo stipendio-pensione è scandaloso!
Eppure conosco padri ormai canuti che si abbarbicano alla loro poltrona in ufficio, percepiscono congrue pensioni più lauti compensi e si lamentano pure che i loro figli ultratrentenni non trovano lavoro!
Com'è possibile non rendersi conto che se si blocca il ricambio generazionale si distrugge la società intera???
2) Inoltre, molto si risolverebbe se le coppie valutassero bene se vale la pena di lavoricchiare in due... Se entrambi lavorano a tempo pieno, le spese aumentano: quasi sempre occorrono 2 auto, la spesa alimentare si fa di fretta e senza poter confrontare i prezzi o scegliere cibo sano (così ci si ammala, e sono altre spese), si deve ricorrere ad asili nido, baby-sitters etc., nessuno dei due ha sufficiente tempo da dedicare all'altro e alla famiglia, si è spesso entrambi depressi o irritati, la sera ci si fossilizza davanti alla televisione, che ci inculca la necessità di un sacco di cose inutili... che non si possono avere se non ci sono due stipendi...
Ora, lo so, è fantascienza, ma immaginate che un bel giorno in ogni coppia quello che guadagna di meno o che ha meno gratificazione dal suo impiego decida di stare a casa o di ridurre il suo impegno lavorativo... E che tutti coloro che hanno titolo alla pensione decidano di non lavorare più.
Non credete che si avrebbe spazio per i giovani, ridimensionamento dell'offerta di forza lavoro, diminuzione della disoccupazione e fine del precariato?
Provate a mangiare cose sane e semplici anziché le porcherie confezionate, a usare i vestiti finché durano, a divertirvi con poco... Vi sentirete liberi!

rosa raspi 25.02.06 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Il Curling è un bellissimo sport!

Daniele Bonifazi 25.02.06 00:46| 
 |
Rispondi al commento


lo sapevate che il Dalai Lama....

http://lists.peacelink.it/dirittiglobali/msg01650.html

marzio rossetti 25.02.06 00:35| 
 |
Rispondi al commento

********* F R E E T I B E T ************
Finalmente, ce l'abbiamo fatta !!
Grazie anche alle centinaia di messaggi di solidarietà pervenuti ai nostri tibetani tramite questo fantastico e seguitissimo BLOG, lo sciopero della fame dei nostri tre eroi si sta concludendo dopo "soli" 12 giorni di digiuno, a seguito dell'intervento, delle rassicurazioni e dell'impegno preso davanti a 8 milioni di spettatori dal rappresentante del CIO, PESCANTE. Domani sabato 25.02 saremo ancora alla tenda del digiuno (Torino - San Pietro in Vicoli 18 - zona Porta Palazzo) ad accogliere giornalisti sportivi e atleti che a frotte - secondo le anticipazioni di Pescante - verranno a rendere omaggio all'emissario di S.S. il XIV Dalai Lama del Tibet.
I messaggi di solidarietà pervenuti alla tenda tramite il link dell'Associazione ITALIA-TIBET (torino2006@italiatibet.org) che si contavano a poche centinaia nei primi giorni, sono ormai esplosi a oltre 3.000: una grande manifestazione di sostegno e di continuo interesse per i nostri tibetani rifugiati, per il Tibet occupato, per il suo popolo oppresso e perseguitato dalla Cina comunista da oltre cinquant'anni !!
Ancora un infinito GRAZIE a Beppe Grillo, ai giornalisti di Striscia e a tutti quelli che da domani apriranno gli occhi - per anni rimasti socchiusi - denunciando i soprusi di Pechino e manifestando in ogni dove a favore del mite popolo himalayano depositario di una cultura millenaria.
fausto sparacino
Direttivo Associazione Italia-Tibet

fausto sparacino 25.02.06 00:13| 
 |
Rispondi al commento

Come torinese mi sento profondamente offeso da questo intervento, stiamo vivendo una Olimpiade stupenda e vera, la mia città sta dando il meglio di se, e l'entusiasmo è palpabile ovunque.
Trovo veramente ridicolo e infamante dire il contrario. Signor Grillo, questa se la poteva risparmiare. Lei è solo un demagogo senza futuro. Addio

Gianni Debiase 25.02.06 00:05| 
 |
Rispondi al commento

EHMMM...MA IO MI CHIEDO..MA IN GIRO PER IL MONDO C'E QUALCUNO CHE SI PREOCCUPA COME NOI CI PREOCCUPIAMO PER GLI ALTRI,DI NOI..
CIOE' MA SIAMO SOLO NOI ITALIANI CHE CI SPACCHIAMO IN 4 PER PAESI DISTANTI MIGLIAIA DI KM..CHE DI NOI L'UNICA CHE CONOSCONO E QUALCHE MAGLIETTA DI SQUADRA DI CALCIO..
MA GRILLO ..MA...VOGLIAMO SMETTERLA CON QUESTO BUONISMO CHE L'UNICO EFFETTO CHE HA E DI BUTTARE ALTRI INGREDIENTI IN QUELLA MINESTRA..IN QUESTO CASINO CHE STIAMO VIVENDO IN QUESTO PERIODO
PREELETTORALE...
PRIMA FAI UN POST SUL LAVORO IN ITALIA.E POI TI METTI A PARLARE DEL TIBET...
TANTO QUALSIASI POST CHE FAI FINISCE IN POLITICA..E TUTTI AD INSULTARCI.CHISSA IN QUESTO MOMENTO COSA STARA' FACENDO UN TIBETANO????
MAGARI STARA' PENSANDO QUANTO GLI HANNO FATTO SOFFRIRE I COMUNISTI CINESI..MAGARI STARA' PENSANDO CHE BELLO SE IL COMUNISMO NON FOSSE ESISTITO..
MA SCUSA UN'ATTIMO PARLI DI UN PAESE ACCUPATO..PER PARLARE DI QUESTO NON OCCORRE GUARDARE 5MILA KM DISTANTE,BASTA CHE GUARDI DOVE I COMUNISTELLI ITALIANI HANNO SEMPRE FATTO FINTA DI NON SAPERE,BASTA CHE GUARDI QUA VICINO DOVE PRODI QUANDO ARRIVA IN BICICLETTA ,CON QUEL SORRISETTO STAMPATO SULLA FACCIA DEL TIPICO ITALIANO EBETE..CHE SI STA PER FAR INCHIAPPETTARE..
GUARDA IN ISTRIA ,REGIONE ITALIANA ACCUPATA DAI SLAVI..
PREOCCUPATEVI PER NOI ISTRIANI..PRIMA CHE DEL TIBET..DATO CHE SIETE CONTRO GLI INVASORI...

pietro lascala 24.02.06 22:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei ricordare, e dire a chi ancora non lo sapesse, che la Cina censura internet e Google che attualmente è uno dei motori di ricerca più conosciuti e potenti si è autocensurato pur di poter sbarcare in Cina. Beppe, perchè non facciamo una bella raccolta di mail da spedire a Google tanto per ricordare loro che il mondo non deve autocensurarsi, e tantomeno una ditta non deve precludere nessuna porta sulla conoscenza pur di guadagnare qualcosa in più (e che cazzo! sono già miliardari, ora sono anche dei venduti!)

Riccardo Trabacchin 24.02.06 21:50| 
 |
Rispondi al commento

RICORDATE CHE LA TASTIERA CON CUI AVETE SCRITTO QUESTI MESSAGGI è STATA FATTA IN CINA!!!
BOICOTTATE I PRODOTTI FATTI IN CINA.

Frederic Bruel 24.02.06 21:35| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE,IMMAGINAVO CHE AVRESTI FATTO UN TUO POST SULLO SCIOPERO DELLA FAME DEI 3 MONACI BUDDISTI TIBETANI,DI QUESTO IO PERSONALMENTE TI RINGRAZIO,E MI AUGURO CHE LE COSCIENZE DI TUTTI GLI UOMINI E SOPRATUTTO DI CHI DA ANNI NEGA I DIRITTI DI QUESTO POPOLO SIANO SENSIBBILIZATE.VOGLIO MANDARVI LA MIA E-MAIL DI SOLIDARIETA' CHE HO MANDATO AI 3 MONACI BUDDISTI. DO TUTTA LA MIA SOLIDARIETA' AI 3 TIBETANI CHE FANNO LO SCIOPERO DELLA FAME,PER RICHIAMARE L'ATTENZIONE DEL MONDO,IN OCCASSIONE DELLE OLIMPIADI INVERNALI DI TORINO,SULLE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI IN TIBET DA PARTE DEL GOVERNO CINESE.I CITTADINI DEL MONDO E I VARI GOVERNI MONDIALI ,DEVONO PRENDERE ATTO CHE IN TIBET,IL GOVERNO CINESE DA ANNI STA VIOLANDO I DIRITTI UMANI DI UN POPOLO.I GOVERNI E NOI CITTADINI DEL MONDO DOBBIAMO FARE QUALCOSA PER FERMARE TUTTO QUESTO,CON LA DIPLOMAZIA,E FACENDO PRESSIONI SUL GOVERNO CINESE. FACCIO I MIEI PIU' GRANDI AUGURI AL POPOLO TIBETANO.

Pasquale Addario 24.02.06 21:06| 
 |
Rispondi al commento

"l buddhismo tantrico tibetano popolato di fantasmi e di incantesimi..."
Leggere qualcosa a riguardo prima di fare uno sterile copia e incolla aiuterebbe a diffondere conoscenza piuttosto che contribuire alla semplice diffamazione.

Andrea Dainese 24.02.06 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Il mito del Tibet 3 Enrica Collotti Pischel
i cinesi repressero certamente la rivolta con pugno di ferro: nelle circostanze internazionali nelle quali si trovavano e nel loro contesto etnico non era razionale pensare che si comportassero diversamente.
Alla fine del 1958 i servizi segreti inglesi annunciarono che all'inizio del 1959 essa si sarebbe trasferita a Lhasa e avrebbe cercato l'appoggio del Dalai Lama. Ed infatti ciò che avvenne: sullo sfondo della rivolta, il Dalai Lama dichiarò decaduto l'accordo per il regime autonomo e fuggì con la maggioranza della classe dirigente tibetana in India, dove costituì un proprio governo in esilio e il proprio centro di propaganda. Nessun governo al mondo ha riconosciuto questa compagine. Recentemente la Cia (i servizi segreti americani sono infatti obbligati a rendicontare prima o poi le loro spese di fronte ai contribuenti) ha ammesso di aver finanziato tutta l'operazione della rivolta tibetana.
Dopo la morte di Mao, i governanti cinesi hanno cercato di ristabilire i rapporti con i tibetani, migliorando le sorti economiche dell'altipiano ma importando anche gran numero di cinesi, non solo militari. Hanno anche trattato indirettamente con il Dalai Lama, che - politico asiatico molto scaltro - non chiede l'indipendenza, ma una più o meno larga autonomia: Pechino non ha mai tuttavia voluto concedere un reale autogoverno, che aprirebbe rischi di secessione e metterebbe in discussione tutti i rapporti etnici del vasto paese.

Alle spalle del Dalai Lama si è sviluppato, intanto, un vasto insieme di interessi della classe dirigente tibetana che ormai è nata all'estero e vi ha ricevuto una formazione culturale moderna: è questa che chiede un'indipendenza che potrebbe essere ottenuta solo con una guerra spietata alla Cina e potrebbe essere innestata dal reclutamento di giovani guerriglieri in India - segnali "terroristici" in questo senso ci sono già stati.

Rolando Dubini 24.02.06 20:09| 
 |
Rispondi al commento

Il mito del Tibet 2
ed è sempre stato capace di offrire ai suoi membri una maggiore prosperità e i benefici di una cultura più concreta. Mettere in discussione la natura multietnica della civiltà e dello stato cinesi significherebbe mettere in moto la più spaventosa catastrofe degli ultimi secoli. Quella praticata dalla Cina non è mai stata una politica di "pulizia etnica" bensì di fusione entro un insieme non etnico ma contraddistinto da una comune cultura e da comuni pratiche produttive: più che sterminarle, i cinesi hanno comprato le minoranze.
E' vero che i tibetani per ragioni geografiche sono, entro lo "Stato del Centro" il gruppo più lontano dalla comune cultura, però da 250 anni sono stati sempre governati da funzionari cinesi nominati dal governo centrale: giuridicamente e istituzionalmente ciò ha un senso. Gli inglesi all'apice del loro potere sull'India all'inizio del secolo XX intrapresero, tuttavia, una serie di manovre per staccare il Tibet dalla Cina e porlo sotto la loro influenza giungendo, nel 1913 a convocare una conferenza a Simla nella quale le autorità tibetane cedettero vasti territori all'India britannica. Nessun governo cinese ha mai accettato la validità di quella conferenza. Nel periodo precedente il 1949 il governo del Guomindang considerava il Tibet a pieno diritto, parte del proprio territorio, tanto che durante la Seconda guerra mondiale concedeva il diritto di sorvolo agli aerei alleati.
Il ruolo della Cia
Non ha quindi alcun senso dire che la Cina conquistò il Tibet nel 1950; nel 1950 le forze di Mao completarono in Tibet il controllo sul territorio cinese; nel 1951 fu raggiunto un accordo con il Dalai Lama per la concessione di un regime di autonomia. Verso il 1957, nel pieno dell'assedio statunitense alla Cina, i servizi segreti inglesi e americani fomentarono una rivolta dei gruppi di tibetani arroccati sulle montagne delle regioni cinesi del Sichuan e dello Yunnan, lungo la strada che dalla Cina porta al Tibet;

Rolando Dubini 24.02.06 20:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I mito del Tibet. di Enrica Collotti Pischel
Il più povero
Molte cose dovrebbero essere dette a proposito del mito del Tibet che ha preso piede.
Dal cinematografico "Shangri-la", al di fuori del tempo, dello spazio e del clima, alle ovvie seduzioni di turismo "estremo", dalle tendenze a vedere esempi validi in civiltà rimaste primitive e tagliate fuori dal processo della storia, alla sistematica disinformazione diffusa da potenti mezzi mediatici statunitensi e al fascino che sugli occidentali delusi esercitano le religioni e le ideologie esotiche ed esoteriche, tutto confluito in un'affabulazione della quale sono stati vittime in primo luogo proprio i tibetani. Certamente sono uno dei popoli più poveri del mondo, esposti a molteplici forme di oppressione: tra esse quella cinese è stata con ogni probabilità meno gravosa di quella esercitata dai monaci e dagli aristocratici, dei quali i pastori e i contadini erano fino al 1959 "schiavi", nel senso letterale del termine, in quanto sottoposti al diritto di vita e di morte dei loro padroni.
Che poi tutti, ma con ben diverso vantaggio, trovassero conforto nel ricorso ad una delle forme più degradate di buddhismo (il buddhismo tantrico tibetano popolato di fantasmi e di incantesimi ha ben poco a che vedere con la meditazione intellettuale e la creatività artistica dello Zen), si può anche comprenderlo. Per fare un minimo di chiarezza è necessario comunque precisare alcune cose.
Il Tibet non stato "conquistato dalla Cina comunista nel 1950": dopo precedenti più discontinui rapporti, fu conquistato dall'impero cinese, nella prima metà del secolo XVIII e da allora stato considerato parte dello stato cinese da tutti i governi della Cina, anche dal Guomindang. La Cina (in cinese "Stato delCentro") è stato ed è uno stato multietnico nel quale è in corso da millenni un processo di trasferimenti di gruppi etnici e soprattutto di fusione dei gruppi periferici entro quello più importante che rappresenta nove decimiContinua

Rolando Dubini 24.02.06 20:01| 
 |
Rispondi al commento

VOIPSUNT
qualche giorno fa Beppe ha scritto un articolo molto interessante per le nostre tasche " I vampiri della telefonia " e da quello che racconta sembra che sia una alternativa più che conveniente rispetto ai gestori che operano oggi in Italia.(tenendo conto che io lavoro in telecom italia ....!!!) Dato che il sito VOIPSUNT è in Inglese qualcuno mi sa aiutare non tanto per scaricare il programmino ma capire cosa devo fare per .....RISPARMIARE chiedo aiuto per me, ma anche per tanti altri che hanno il mio stesso problema. Mi è appena arrivata l'ultima fattura di telecom e sono crollato dopo la legnata di 155€. In famiglia siamo in 5
il telefono è quasi una necessità, ed anche per internet Alice i figli pare non se ne possa fare a meno. cosa devo fare ????

Marinella Benzoni 24.02.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Siccome la Cina non rispetta nessun diritto civile personale, applica in maniera cruenta le esecuzioni capitali e violenze sui detenuti, sulla popolazione che ideologicamente non è conforme al governo centrale, non ha alcun rapporto civile anche con Taiwan, con il Tibet e i suoi abitanti (vedi anche la loro massima autorità religiosa) e molte altre, il CIo se vuole fare le gare, le svolge da solo. Gli atleti infatti dovrebbero rifiutarsi di partecipare alle olimpiadi, per rispetto di coloro che normalmente sono vessati in quel paese.
Niente rispetto per i diritti civili, morali, religiosi, organizzativi, politici, ideologici,allora niente gare, stadi vuoti, senza pubblico ed atleti.
Vista la censura da parte del governo di Pechino, anche ultimamente su google, allora si rende pan per focaccia. Poi per fare i giochi dovranno spendere miliardi di dollari, se non ci saranno finanziatori, o verranno messe delle condizioni forti, allora anche la Cina si dovrà piegare.
Del resto, la stessa Comunità Europea, e la comunità civile, dovrebbe intervenire a favore di tutte quelle popolazioni oppresse da governi dispotici e ditattoriali.

marco rugo 24.02.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento

per chi vuole sapere a chi risponde il cio, da chi
e' formato, e tanto tanto altro, questo sito
risponde a parecchie domande:

http://nolimpiadi.8m.com/mainita.html

Emiliano Leporati 24.02.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento

A Torino ci sono più giornalisti che atleti , ben 3000 contro 2500. Invito anche loro a scrivere due righe.


Postato da Beppe Grillo
*****

grande beppe. Repubblica on line ha messo un articolo su questo argomento.

Incredibile.

ed un bravo alla giornalista CRISTINA NADOTTI.

pp

paolo principe 24.02.06 16:56| 
 |
Rispondi al commento

se vai sul geoblog http://www.glocalmap.to
indicando la tag TIBET nel motore di ricerca trovi le tracce delle manifestazioni per il tibet libero
svolte nonostante la distrazione della torino olimpica

carlo infante 24.02.06 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Noi ci lamentiamo degli americani -e facciamo bene- ma chissà cosa diremo nel giro di qualche decennio di 'sti cinesi, che nel proprio sviluppo si fanno, si sono fatti e si faranno molti meno scrupoli degli americani, dal punto di vista umano, ambientale e morale.

Andrea Rizzi 24.02.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Firmate questa petizione, grazie!

http://www.games-of-beijing.org/web/letter_rogge.php

Palden Gyatso ti chiede ancora un momento di attenzione e ti invita a firmare
una lettera al Presidente del CIO, chiedendogli di incontrare i tre digiunatori.
Clicca sul link qui sotto e riempi il form che ti verrà mostrato a video. Alla
fine clicca in basso su CHECK e dopo, alla pagina succesiva che comparirà, su
SEND.

Questa mattina l'inviato di "Striscia la notizia" ha incontrato il responsabile
della comunicazione del CIO e gli ha consegnato la kata (sciarpa) ed il
messaggio di Palden Gyatso con le richieste dei tibetani.
Il responsabile ha promesso davanti alle telecamere che lunedì si tratterà della
vicenda durante la conferenza di chiusura dei giochi.
Il servizio dovrebbe andare in onda a "Striscia la notizia" nella serata di
venerdì 25.

Emiliano Balsamo 24.02.06 15:34| 
 |
Rispondi al commento

bello parlare dello spirito di de coubertain. uno ke alle olimpiadi non voleva le donne.

...

beppe xkè non vai tu di persona al parlamento cinese a dire di non fare al tibet quello ke l'europa ha fatto al resto del mondo x secoli? (nonchè quello k gli stati uniti hanno fatto e stanno facendo in sudamerica, i russi in ucraina e in cecenia tuttora, i turchi in armenia, etc etc...)

Fabio Guerra 24.02.06 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Leggo unanime il pensiero che associa la Cina ad un Paese figlio di anni di terrore e per questo sicuramente non adatto a rappresentare il pensiero decubertiano. Con piacere si notano anche fuori dal coro molte voci, forse chi a Torino ci è stato e ha potuto vivere in prima persona l'evento, che raccontano che la città e tutt'altro che piatta e senza entusiasmo; che il curling ha bisogno di vetrine olimpiche per essere seguito prima di ritornare nell'anonimato per altri 4 anni, ma che dimostra in questo periodo una dignità, come peraltro succede a molti altri sport olimpici, che fa impallidire il calcio. Se Cio e Sponsor risultano ingombranti e mossi economicamente, la minoranza degli atleti stessa fa impallidire calciotari soutanti, bestemmiatori e perdenti perenni a livello internazionele.Quanto è distante Fabris da Totti...

Angelo Tagliati 24.02.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio di ALERTBOX #54 - 19/02/2006

CALDEROLI E CALDARROSTE

La vicenda della maglietta "blasfema" di Roberto Calderoni, che gli è costata il posto di ministro, si presta a due considerazioni:

1 - Bisogna capire come abbia fatto a cadere l'ex ministro nella evidente provocazione americano-sionista delle vignette create "ad hoc" per contrapporre l'occidente al mondo islamico in vista di una altra sanguinosa ed inutile guerra all'Iran.
2 - Il risvolto positivo di questa vicenda consiste nel fare cadere il velo, anzi il muro, di ipocrisia di certa gente sul dialogo coi musulmani. Finchè si tratta di vignette "blasfeme" (ma che dire della nostra libertà d satira?) ma quando si tratterà delle loro pretese in materia di morale comune, scuola, diritti delle donne o una presunta blasfemia delle caldarroste cosa farà l'Occidente di fronte a tali manifestazioni di rabbia violenta?

Adesso Calderoni lo processeranno per "istigazione all'odio razziale", lo ammazzeranno o quant'altro ma almeno gli dovremo la fine dell'ipocrisia sul dialogo impossibile colla civiltà islamica.
Le dimissioni di Calderoli sanciscono "de facto" la FINE della democrazia in italia. Vale a dire che chiunque abbastanza arrabbiato e violento potrà ledere diritti fondamentali garantiti dalla "costituzione" coma la banale libertà "di maglietta".

Canna-Power Team

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

renzo rossi 24.02.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Signor Grillo,

Ho appena terminato la visione del DVD del suo ultimo spettacolo e devo dire che mi è molto piaciuto.

Al termine della visione, ho anche avuto la curiosità di sepere come lei si pone nei confronti della comunità omosessuale italiana....

Ovvero ero curioso di sapere se Lei è una persona omofobica, o se ha dei particolari pregiudizi......

Mi aspettavo che il tema degli omosessuali e della realtà italiana venisse prima o poi affrontato in uno dei suoi spettacoli.

In particolare, volevo segnalare a meno che lei già non ne sia a conoscienza, che nella città di VERONA ( e quindi nel suo comune ) esistono dal 1995 delle mozioni antigay che non accolgono le risoluzioni del parlamento europeo emanate nello stesso anno.

Da anni le persone che vogliono difendere i diritti di tutti, e quindi anche degli omosessuali, protestano con manifestazioni e raccolte di firme, ma dopo piu' di 10 anni ancora queste vergognose mozioni sono ancora sulla carta.

Se volesse avere informazioni piu' dettagliate gliele posso far avere.

Grazie per l'attenzione

Anselmo Tacconi

Anselmo Tacconi 24.02.06 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Voglio segnalare in questo blog le lungimiranti
parole del nostro presidente della repubblica Carlo Azeglio Ciampi durante il proprio viaggio di stato in Cina: «Ho confermato al presidente Hu Jintao che l'Italia guarda con favore all'abolizione dell'embargo sull'esportazione delle armi e lavora attivamente per renderla possibile». COME !?!? Tranne i soliti leghisti e i radicali nessun altro politico ha detto nulla!
Ma perchè togliere l'embargo solo alla Cina: ci sono altri paesi meritevoli di questa apertura presidenziale, condivisa comunque dal 90% dei nostri politici. Cuba, Indonesia, Turchia, i paesi della ex-Jugoslavia, Algeria, Eritrea, Congo Brazzaville, Sierra Leone ecc....mi sembra che abbiano tutte le carte in regola per poter essere approvvigionate "legalmente" di nuove armi.
Tu Beppe che ne dici ? Perchè non facciamo una bella campagna: "Regala un kalascnikov importato legalmente ad un bambino africano"...con l'alto patrocinio della presidenza della repubblica, del consiglio dei ministri, del parlamento in seduta plenaria ecc...

a restelli 24.02.06 14:04| 
 |
Rispondi al commento

"il genocidio della popolazione tibetana, la repressione delle libertà civili, le violazioni dei diritti umani."

tutte cose a cui si passa "volentieri" sopra se ci sono di mezzo dei soldi.

Stefano "akiro" Meraviglia 24.02.06 13:55| 
 |
Rispondi al commento

visita e manda un commento

http://www.aldomoro.blogs.it/

Vito PALLOTTI 24.02.06 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Sono una lavoratrice statale monoreddito e in affitto (500 euro). Percepisco i soliti 1000 euro mensili; ho una figlia disoccupata, spero momentaneamente, e naturalmente non arrivo in fondo al mese come tanti.
Non è un lamento (tanto si fanno prestiti per tirare avanti)vorrei solo far presente l'articolo 36 della Costituzione italiana, che oggi come oggi sembra una barzelletta:

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla qualità e alla quantità del suo lavoro e in ogni caso suffiente ad assicurare a se e alla famiglia UN'ESISTENZA LIBERA E DIGNITOSA...............

Ccosa ne pensi caro Beppe? Stracciamo la Costituzione o in qualche modo ci rendiamo visibili? Perchè non proponi un sondaggio sul tuo sito per vedere quanti realmente siamo più o meno disperati?
Spero tanto nel ritorno di ROBY NOOD!

CIAO CONTINUA COSI'!


l

ELISABETTA SARTORELLI 24.02.06 13:17| 
 |
Rispondi al commento

ti confermo che gli atleti vengono solo al 5o posto nella classifica delle categorie olimpiche dettata dal CIO, dopo lo stesso CIO, broadcaster, sponsor e press.
addirittura qui non si può entrare a vedere una gara con in mano una Pepsi. lo spirito decubertiano è morto e sepolto da tempo. nessuno qui parla del Tibet, nessuno sa della chiesetta vicino a Porta Palazzo. sarebbe bene che chi ci visita per questo evento passi anche da lì. dal Medal Plaza sono 5 min. a piedi. non dite che non lo sapevate.

giovanni borsarelli 24.02.06 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Una valutazione sui benefici portati da questo evento "strategico per l'economia della nostra città" (assomiglia tanto allo slogan SI TAV) si potrà fare solo in tempi lunghi (due anni minimo).
Una marea di cantieri sono ancora da completare e spero che una volta spenti i riflettori non si lasci tutto all'abbandono. Tante opere poi sono state fatte "alla veloce" per cui sarà bello vedere se durano un po' o se si sfasciano subito costandoci un'altra marea di soldi (ricordate Italia 61 e Italia 90?). Occhio Torinesi a non farci abbagliare dai fuochi d'artificio e dalle mille luci di questi giorni...abbiamo sopportato anni di disagi, multe da capogiro, slalom fra cantieri, smog etc. non certo solo per questi 15 giorni di festa (fra l'altro per la maggior parte riservata ai VIPs e ai ricconi e nn certo alla gente "normale")... per cui in sti ultimi giorni andiamo a trovare i tre monaci portandogli un po' di solidarietà e pensiamo alla Torino AFTER (dopo) the Olympic Games.
Ciao
Andre

andrea olivero 24.02.06 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Mah... se da una parte non possiamo non portare solidarietà al popolo tibetano da cinquant'anni in lotta alcune parti di questo post mi lasciano perplesse. Olimpiadi senza entusiasmo? Io ero scettico prima dei giochi ma andando a Torino l'impressione è di una CITTA' RINATA, viva, vivace, divertente. E bella, come mai prima d'ora l'avevamo potuta notare. Curling sport senza entusiasmo? Scusa, ma tu l'hai visto il palasport di Pinerolo? No, perchè se l'avessi visto avresti notato che li l'entusiasmo c'è, e pure tanto. Io ne sono rimasto conquistato... tanto da volerci ritornare per le paraolimpiadi. Un post di precisazioni? So che non lo farai... ma almeno rifletti un secondo su quanto in tanti qui ti stanno scrivendo. con immutata stima

Giorgio Sala 24.02.06 12:51| 
 |
Rispondi al commento

La storia del Tibet e' vergognosa,assurda piena di violenza e cattiveria gratuita,se solo penso ai Tibetani cosi' miti,piccoli e umili,ma perche' queste violenze e cattiverie ogni tanto il destino non le versa verso i guerrafondai,verso i governi sbagliati....ma perche' deve sempre piovere sul bagnato,mi piacerebbe che Dio un giorno aprisse un Blog per chiedere il perche' di tanta malvagita',ai Tibetani ovviamente mando la mia solitarieta' anche se non servira' a nulla io lo faccio con il cuore essendo contro la violenza anche se sentendo tante di queste cose delle volte mi piacerebbe avere il coraggio del CHE e fare una di quelle rivoluzioni con il popolo....ma essendo una volontaria di Emergency so che la violenza genera solo violenza quindi come si puo' fare a distruggere questa VIOLENZA....Giorgina da Roma

GIORGINA CORSI 24.02.06 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa fanno lì in Cina?
Cosa fan di male lì in Tibet?

Mah, il dominio dell'uomo al suo di sempre danno!

Agostino Pedata (16:9) 24.02.06 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Ho inviato la mia mail e postato sul meetup di Roma e sul sottogruppo di Montesacro questa pagina invitandoli a fare lo stesso.
Approvo la proposta di Emiliano Mazzenga da cui è scaturita una discussione - "Perché non facciamo qualcosa contro GOOGLE? Tipo scrivere SHAME FOR CHINA sul motore di ricerca tutti quanti per tantissime volte.." forse con i meetup riusciamo a coordinarci meglio. Facciamo qualcosa!

Silvia Amato 24.02.06 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Voglio esprimere la mia più totale e completa solidarietà verso il popolo tibetano al quale, assai vergognosamente, non è stato mai dato quell'aiuto che questa gente merita da parte dei "potenti" solo per interesse, menefreghismo e tante altre motivazioni negative che mi esimo dal nominare dato che sono sotto gli occhi di tutti quelli che vogliono vedere.
Con fraterna amicizia Aldo Picchi

Aldo Picchi 24.02.06 12:15| 
 |
Rispondi al commento

ho recentemente letto alcuni libri di Terzani riguardo alla condizione dei tibetani in Cina. provo che sia una vergogna quello che faranno nel 2008. piuttosto che fare la bella faccia verso il mondo intero, facendo partire simbolicamente la fiaccola dal Tibet, è ora che realizzino veramente qualcosa per il tibet, che i soldi spesi per l'olimpiade possano servire a ricostruire i monasteri distrutti, anche se secondo me l'unica cosa giusta sarebbe l'indipendenza del Tibet, troppo diverso dalla cultura Cinese

daniele acerbi 24.02.06 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramente non sono credente...sarà forse per questo ke NON GIUSTIFICO stragi, prepotenze ed ogni sorta di sopruso gratuito ke è sempre finalizzato al solo e puro interesse? Ke mi dici delle crociate? E di tutto ciò ke continua a succedere in nome del Santo Straguadagno ormai intimo amico di Beata Ignoranza?

luisella cialini 24.02.06 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Amen
vincenzo marasco 24.02.06 10:49

Il tuo prossimo passo quale sarà?
Mettere su un movimento revisionista per dimostrare che è stato il Tibet ad invadere la Cina e non viceversa?
Alla faccia del cristiano...

Alessio Sanz 24.02.06 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Al contrario dello sport il cinema italiano stà vivendo un momento veramente difficile causato sia dalla pirateria e sia dal taglio ai finanziamenti per lo spettacolo che ripristinarli non graverebbe così tanto sul bilancio dello stato oppure adottare una soluzione come quella che hanno adottato in Francia che una mia amica attrice Francese Juliette Junot mi ha spiegato - in pratica per risolvere la crisi del cinema in Francia hanno adottato questo metodo si sono inventati una tessera che si compera dai tabaccai e questa tessere equivale ad un abbonamento mensile a tutte le sale cinematografiche la tessere costa 15 euro e ci puoi vedere tutti i films che vuoi come la tessere intera rete degli autobus che ci puoi prendere per un mese tutti gli autobus che vuoi allora questa tessera per i cinema che hanno adottato in Francia sembra che funzioni veramente in pratica le sale cinematografiche francesi sono di nuovo piene a tutte le ore in pratica gli esperti francesi hanno fatto questo calcolo e considerazione gli spettatori abituali dei cinema sono circa 3 milioni quando il biglietto si paga - gli altri 40 milioni di Francesi vanno al cinema solo sporadicamente e questa media è mondiale - ebbene gli esperti hanno ipotizzato se immettiamo sul mercato una tessera d'abbonamento che costi veramente poco e con la quale per un mese puoi riuscire a vedere tutti i film che vuoi vuol dire portare nei cinema almeno 12 oppure 15 milioni di persone regolarmente valutando la somma degli introiti si sono accorti che tutto questo conviene ed anzi ne esce fuori addirittura un attivo commerciale e viene meno lo squallore delle sale deserte.Quindi anche i biglietti troppo alti tengono lontani gli amanti del cinema - dobbiamo quindi adoperarci perchè la settima arte risorga e i Francesi ci hanno dato un eventuale soluzione altrimenti si è costretti ad autoprodursi e a fare dei film piccoli e mediocri come i miei che se cliccate su mio nome
in basso a sinistra vi rendete conto

Tony Zecchinelli 24.02.06 11:36| 
 |
Rispondi al commento

########### X TUTTI ###############

Tra le conseguenze dell'invasione cinese in Tibet ci sono anche più di 130.000 tibetani in esilio in India, Buthan, Nepal.

Da un anno sostengo un progetto triennale di AGRICOLTURA BIOLOGICA SOSTENIBILE per alcuni insediamenti di TIBETANI rifugiati in India. VI metto il link al progetto della Ong Cospe: http://www.cospe.it/ASIA/Asia.htm

Ho scelto questo progetto perchè raggruppa diversi temi per me importanti:
- l'aiuto a popolazioni svantaggiate
- l'agricoltura biologica
- lo sviluppo sostenibile


Se qualcuno vuole --> A I U T A R E <-- lo invito a contattare me o il progetto tramite il sito. GRAZIE!


Sono molto contento che questo post parli del Tibet! Grazie Beppe!

Matteo


Matteo Cavina 24.02.06 11:26| 
 |
Rispondi al commento

E' cosi brutto ricordare questi avvenimenti,queste cose che non si possono accettare.
Io ho sempre pensato e sempre di più sosterrò che è tutta una presa in giro!
Io me ne accorgo ma molti no!
Ci bombardano di pseudo-messaggi,ci plagiano con le loro false affermazioni,Coca cola,la televisione,le pubblicità, il rispetto dei diritti dell'uomo....e poi sotto sotto fanno questo e quell'altro,io mi sono rotto le scatole di sentire e vedere tutto ciò,voglio lottare e combattere questa venalità e inumanità che mi circonda; vorrei sapere di più e poter sputtanare tutto al vento e far aprire gli occhi alla gente che se ne frega,che dice cmq le cose non cambieranno mai!! Ma se tutti insieme si decide a far qualcosa le cose si ottengono!
Boicotto e boicotterò tanti prodotti,la massa è cosi stupida mi rendo conto!!!
E poi siamo costretti a vedere sempre quel sorriso stampato sui palazzi altezza cielo....che ti ricorda come se ti guardasse e confermasse che non puoi nulla contro il potere che viene dall'alto!!!!
BASTA!!!

Valerio Sabato 24.02.06 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
tanto di cappello per quanto detto sulla Cina però...dire queste "olimpiadi senza entusiasmo" a un che di arrogante che vedo ogni tanto in alcuni tuoi Blog.Anche perchè dare informazioni è una cosa che sai fare bene,dare soluzioni non troppo,tipo uno degli ultimi Blog sull'Aviaria quando facevi intendere che era tutta una bufala,mi sembra che visti gli accadimenti odierni hai dato pareri un po troppo affrettati.Scusa comunque la mia piccola critica,sperò tu possa vederla nel modo corretto.Ti seguo sempre ma...ti giuro che a Torino e dintorni e una festa tutte le sere è stato organizzato benissimo anche in tv.C'è tantissima gente che arriva da tutto il mondo è bellissimo come la città.Lo dico perchè vivo a Torino.Ciao Max

Massimo Ciardelli 24.02.06 11:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egregio Sig. Grillo,
non mi stupisce che il CIO passi sopra allo spirito Olimpico dato che la Cina è (secondo i maestri del commercio) il nuovo mercato frutta soldi ...

P.S.: seguo da poco il suo blog, e la seguo quando le tivù di stato e non (cioè di Gesù Pier Silvio Illuminato padrone dell'Italia ) trasmettono i Suoi show. Credo che Lei sia una delle poche reali voci fuori dal coro, che non ha paura di dire la vera verità, ma come facciamo noi popolo ignorante sotto censura a redimerci ? Forse non andando a votare ?

Enrico Santina 24.02.06 10:58| 
 |
Rispondi al commento

LA PADANIA COME IL TIBET IN MANO AI CINESI

BOSSI aveva ragione, lo disse due anni fa, la LEGA da sola alle elezioni.

Basta con chi vuole dare il voto agli immigrati (AN) con chi si cala le braghe appena Tripoli alza la voce (AN). BASTA!!!!
ECCHECCAZZO! ho i coglioni pieni, lasciamo le cattive compagnie, camminiamo da soli!


http://miletto.blog.kataweb.it/

Mario Rossi 24.02.06 10:53| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe
pur essendo una persona molto mite e profondamente religiosa con un vero culto per il perdono cristiano, penso che i Tibetani, così come gli ebrei, abbiano pur delle gravi colpe per quanto subito. Non parlo degli ebrei perchè la loro storia è sin troppo nota e faccio invece una breve osservazione sul Tibet che, come gli ebrei, è diventato un simulacro ed un tabù intoccabile, e così era anche per me. Ho poi visto un documentario su SKY da cui ho appreso che Il Tibet era governato dai monaci con a capo il Dalai Lama, i quali tenevano il popolo in uno stato di penosa arretratezza con grande soddisfazione dei coloninalisti inglesi. Fu per questa ragione che Mao, memore di quanto gli inglesi avevano fatto in Cina (popolo dogato con l'oppio, ecc.) fece quello che fece volendo rendere il Tibet indipendente anche se unito alla Cina. Insomma, Mao riteneva il Tibet un avamposto dell'Occidente in Asia, così come Israele è un avamposto nei paesi arabi. Per inciso, se Israele fosse la Patria degli ebrei, perchè mai solo pochi di loro risiedono lì, mentre milioni restano sparsi i tutto il mondo? Hoi letto la recensione del libro di C.Hale "la crociata di Himmler" (Libero, 23/2/06 pag.23) e non solo ho avuto conferma di quanto sopra ma ho appreso altro assai poco lusinghiero per i tibetani. Prima ancora di tutto questo avevo già avuto da sempre ben poca simpatia per il Dalai Lama, vedendolo in esilio ad accattonare (anche attraverso shows televisivi)alleanze con paesi occidentali e con l'India, che gli sono sempre state negate. Ora, il favore verso il Tibet, così come quello verso Israele, non costa niente ed anzi giova perchè si inserisce nella mediatica "buonista" dei governi che sono al potere.
Noi purtroppo abbiamo il grave difetto di essere dei creduloni e di ammirare tutto quello che ha sapore di esotico e che ci viene falsamente propinato dai media per loro interessi assai diversi da quelli che propagandano.
Amen
Vincenzo



vincenzo marasco 24.02.06 10:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti e ONORE AL GRANDE BEPPE.
E' assolutamente doveroso impegnarci per sensibilizare il più possibile la gente informarla correttamente sul comunismo e su quello che i governi comunisti stanno facendo dall'altra parte del mondo.
APPIATTIMENTO CULTURALE, REPRESSIONE FORZATA, CASTRAZIONI PER EVITARE DI PROCREARE, LIMITAZIONI ALLE LIBERTà DI STAMPA COME DENUNCIATO DA BEPPE PROPRIO IN QUESTO POST, SEQUESTRI DI STUDENTI PARTICOLARMENTE CORAGIOSI CHE VORREBBERO ALZARE LA TESTA PER DIRE LA VERITà E CIò CHE PENSANO......INVASIONE E SOTTOMISSIONE DI UN POPOLO COME QUELLO TIBETANO SOLO PERCHE' ESISTE SEGUENDO PROFONDI PRINCIPI DI PACE E VERA FRATELLANZA; IL TIBET E' STATO INVASO LE SUE GENTI SOTTOMESSE MOLTI UCCISI O FATTI SCOMPARIRE, BISOGNA FERMARE IL COMUNISMO PARTENDO DALL'ITALIA.
Ciao a tutti

fabrizio nusca 24.02.06 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non è vero che questo Olimpiadi sono "senza intusiasmo". Per molte persone sono state l'occasione per scoprire ed ammirare discipline sportive oscurate dal "Dio calcio", il curling in testa. E' la manifestazione che unisce gli sport praticati per passione, dove gli atleti molto spesso si allenano e lavorano e non come i vari campioni di calcio che, per dare quattro calci ad un pallone, quadagnano quanto una fabbrica.

Domenico Napolitano 24.02.06 09:58| 
 |
Rispondi al commento

LA CINA NON HA NULLA A CHE VEDERE CON LA SOLIDARIETA, I DIRITTI UMANI E LA FRATELLANZA. NON HA SENSO DESTINARLA COME SEDE DELLE PROSSIME OLIMPIADI, CREDO NON ABBIA SENSO NEMMENO CHE GLI ATLETI CINESI VI PARTECIPINO PERCHE NON CREDO CHE GLI SCANDALI PASSATI SIANO FINITI, NON CREDO CHE GLI ATLETI ABBIANO LA LIBERTA DI ALLENARSI NE TANTO MENO QUELLA DI VINCERE O DI PERDERE. FAR PARTIRE LA FIACCOLA DALLA CIMA DELL'EVEREST E' UN'ASSURDITA. ERA UN LUOGO SACRO ORA E' UNA META DA RAGGIUNGERE A TUTTI I COSTI, ANCHE QUELLO DELLA VITA, PROPRIA O ALTRUI. ERA UN SIMBOLO DI LIBERTA, E' DIVENTATO SIMBOLO DEL CONSUMISMO. UN LUOGO SACRO CALPESTATO DA UOMINI SENZA SCRUPOLI E SENZA ESPERIENZA CHE PUR DI ARRIVARE IN VETTA SONO DISPOSTI A TUTTO. A SBORSARE UN SACCO DI SOLDI CHE NON SI SA BENE CHE FINE FACCIANO MA POTREBBERO ESSERE UTILIZZATI SICURAMENTE MEGLIO DI QUANTO AVVIENE. UOMINI CHE PUR DI ARRIVARE PRIMI LASSU, SUL TETTO DEL MONDO SONO DISPOSTI A LASCIAR MORIRE UN COMPAGNO, O MANCHE UNO SHERPA, UN PORTATORE, SPESSO CONSIDERATI COME VERI E PROPRI SCHIAVI E NON COME PORTATORI DI SAGGEZZA.
VALENTINA

VALENTINA CATTANEO 24.02.06 09:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il Calcio non lo dobbiamo più guardare perchè è
malato. Il curling è senza entusiasmo. Dicci che sport dobbiamo guardare e facciamo prima.

ilaria pastore 24.02.06 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Beppe sei sempre il solito. Pisci sempre fori de vaso.

ilaria pastore 24.02.06 09:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'unico commento che mi è venuto spontaneo leggendo questa notizia è stato."ma perchè devono essere sempre i soliti ad aprirci gli occhi su ciò che accade fuori dal nostro orticello?". Tutto qui.

Claudia Bonetti 24.02.06 08:23| 
 |
Rispondi al commento

X MARIO COSSELLU

2)

Insomma... scusa ma ti vedo confuso e confusionario!

DETTO QUANTO SOPRA CHI E' IL PIU' CONFUSO ??

FEDERICO 2' DI SVEVIA ?? SI APRI' ALL'ISLAM PROBABILMENTE PERCHE' DOVGENDO SCEGLIERE FRA LA CHIESA CATTOLICA IN PIENA INQUISIZIONE PREFERI' FORSE GIUSTAMENTE PER QUEI TEMPI SCEGLIERE L'ISLAM !! LO VORREI VEDERE OGGI !!
NON HO DETTO CHE ERA UN CRETINO, HO SOLO CRITICATO LOREDANA CHE SOTTOLINEAVA CHE UN "TEDESCO" AVEVA FATTO CIO" !!
RIPETO; PERCHE' UN TEDESCO NON PUO' ESSERE UN CRETINO ???

Però almeno potresti gentilmente evitare:
1) gli insulti a una Loredana Solerte che è una delle persone più intelligenti ed interessanti che partecipa in questo blog;

NON HO INSULTATO LOREDANA, AMO LE DONNE E PENSO CHE ABBIANO PIU' ACUME E SERIETA' DEGLI UOMINI !!
I BENEFICI DI CUI GODIAMO OGGI, LA LOTTA ALLA CHIESA OSCURANTISTA PEDOFILA E' STATA FATTA NEGLI ANNI 70 DALLE DONNE...
LE RELIGIONI MONOTEISTE TENGONO LA DONNA SOTTO CHIAVE PERCHE' LA TEMONO !!

2) di inneggiare a stupide violenze gratuite;

IN UN MONDO DI VIOLENZA NON ME LA SENTO DI OFFRIRE L'ALTRA GUANCIA ! LOTTERO' FINCHE' CAMPO CONTRO LA BARBARIE MONOTEISTA SIA VATICANA, SIA ISLAMICA !!

3) di usare tutti quei maiuscoli che rendono illeggibili i tuoi messaggi.

E' VERO, MA SCRIVO PIU' IN FRETTA !! SORRY !!


juan miranda 24.02.06 06:54| 
 |
Rispondi al commento

X MARIO COSSELLU

"""Quello che invece non capisco proprio è il tuo pensiero "Juan", che mi pare parecchio confuso, a volte sembri di "sinistra" criticando il governo etc. e a volte sembri il peggior legaiolo quando parli degli islamici, anche se lo fai per la giustissima ragione della libertà delle donne etc., però parli di sparare in bocca e che un grande come Federico II era un cretino.""""

TI RISPONDO IN MAIUSCOLO SORRY:

IL VOSTRO PROBLEMA E' CHE VIVETE LA POLITICA E LE IDEOLOGIE COME VIVETE IL CALCIO ! VI HANNO LOBOTOMIZZATO, VI HANNO GENETICAMENTE MODIFICATO COL CALCIO !!NON SONO LEGHISTA MA SONO MOLTO PIU' A SINISTRA DI TE, SE SINISTRA SIGNIFICA ANCORA: LIBERTA' DI PENSIERO, DI PAROLA, DI MANIFESTARE, LOTTARE PER I DIRITTI UMANI NEL MONDO, DIFENDERE CHI VIENE OPPRESSO BRUTALMENTE DA "CULTURE" CHE DI CULTURA NON HANNO NIENTE SOLO BARBARIE !!
ESSERE CONTRO BUSH, BELRUSCONI E I LADRONI ITALICI NON SIGNIFICA ASSOLUTAMENTE ESSERE DALLA PARTE DI QUESTI FUSTIGATORI INFIBULATORI !!

SEGUE......

juan miranda 24.02.06 06:49| 
 |
Rispondi al commento

LA LUNGA MARCIA DI UNA DONNA VERSO LA CIVILTA’
La gravissima vicenda lavorativa della signora Giovanna Nigris narrata e documentalmente provata
nel seguente sito web di legittima difesa: http://www.mobbing-sisu.com è un’opera coraggiosa dalla quale se ne può benissimo ricavare un romanzo psicologico e sociologico in cui la violenza occulta contro una donna in un pubblico servizio, nella fattispecie è un ospedale pubblico, è particolarmente sondata persino nei reconditi risvolti più dannosi e malati che si annidano nella psiche occidentalizzata. Oggi non è il vedere la mera mercificazione d’immagine elettorale esposta su un cartellone pubblicitario, a ferire di più nell’animo una vittima dello strapotere politico in Italia, bensì la successiva constatazione che persino il personaggio politico più inetto, dopo avere esercitato innumerevoli artifizi propagandistici basati sull’inganno, riesce sempre e comunque ad estorcere fiducia e vantaggi personali, dagli stessi cittadini.

Non è solo la mera tortura fisica e psichica a ferire maggiormente l’autrice dello stesso sito web che peraltro, per disperazione, ha imparato a gestirsi da sola come fosse lei stessa un web master, ma gli atti e i fatti criminali e i relativi reati penali, continuamente anche essi occultati all’opinione pubblica e tutto ciò che qui l’infido, perverso, falso e cinico spirito dell’uomo è riuscito pacificamente a costruirci attorno (annose le diatribe tra la morale come giustizia finta e la giustizia finta come morale) per fare passare inosservata una donna fortemente danneggiata moralmente, nel fisico, (lesioni colpose gravissime), nella psiche, nell’economia e nella vita di relazione. Tutto ciò accade pacificamente da oltre dieci anni con le relative conseguenze e pertanto anche dopo che alla signora Giovanna Nigris (CONTINUA QUI SOTTO APPENA E’ POSSIBILE (2)….)

Giacomo Montana 24.02.06 05:50| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:
(2)…le è stata fatta contagiare la tubercolosi in servizio e per causa di servizio facendola lavorare in aperta violazione dell’art. n. 2087 del codice civile e più in particolare lavorando in ambiente contaminato con la più assoluta mancanza di mezzi di protezione da contagio e infezione. Tutto questo è sempre stato sistematicamente mascherato e forviato ad hoc, con la metodica della più brutale privazione alla vittima, del diritto al riconoscimento della causa di servizio. Privazione questa, imposta dal potere politico culturalmente dominante.

Viene fatto pagare un prezzo troppo alto ad una vittima già duramente provata dalla tubercolosi e relativi postumi per fare falsamente apparire che in quello stesso ospedale, non è mai successo nulla di irregolare o peggio di illecito. C’è una sostanziale differenza di salute e igiene mentale tra l’applicazione della vera e sana morale e l’intenzione malata di non lasciare traccia dei crimini commessi distruggendo e sopprimendo lentamente una vita umana, una donna, una madre di famiglia, una lavoratrice. Tutto questo succede ancora in un moderno e attrezzato ospedale, dotato di funzionari dirigenti che hanno imparato molto bene la “lezione” di come si può nascondere la verità sostanziale dei fatti di servizio, ovviamente grazie al fatto che si ricevono ininterrottamente coperture ed appoggi esterni da personaggi persino insospettabili.
Una donna che è costretta a subire tutto questo, francamente, credo che, non potrà mai stancarsi di raccontarlo al mondo intero per tutta la vita. Prima o poi devono cedere i criminali e non la vittima!! Auguro sinceramente con tutto il cuore a tutti indistintamente, di non trovarsi mai a dovere assistere come è toccato a me, ad una lenta più totale soppressione di un essere umano mentre c’è chi di fronte al crimine e ad una infinita carica di ipocrisia, sta solo a guardare. Grazie per avere letto. Giacomo Montana

Giacomo Montana 24.02.06 05:49| 
 |
Rispondi al commento


Concordo in pieno, è ora di liberare il Tibet
dall'invasione comunista, boicottare le olimpiadi è doveroso !..
per la cronaca visto ke ci siamo,

portaerei americane e sommergibili americani
sono, a largo dell'India..

MARCHESE DELGRILLO 24.02.06 03:52| 
 |
Rispondi al commento

ART. 21 ennesimo soppruso.
Domani ultima puntata di Zombie su Radio 24
poi Diego Cuggia a casa.

fabrizio federici 24.02.06 01:48| 
 |
Rispondi al commento

-
--
---
----
-----
-----Olimpiadi armate: le lecite proteste degli EVERSIVI


ttp://guerrillaradio.iobloggo.com/


sapevate chi ha portato la bomba atomica
a torino 2006???

alessandra arrigoni 24.02.06 01:10| 
 |
Rispondi al commento

..ma perché il curling è senza esntusiasmo? dieci milioni per la prima prova di Carloina Kostner sono forse "poco entusiasmo"? non credo proprio.


Guarda rispondo io. No non la vedo la differenza. Vogliamo parlare dei morti causati dagli americani, Iraq a parte? Beh hanno massacrato persone innocenti dovunque nel mondo. Vuoi che ti faccia l'elenco? Eccolo: Argentina, Brasile, Cile, NICARAGUA, HONDURAS, MESSICO, VIETNAM, IRAQ,VARI STATI AFRICANI, SUD EST ASIATICO.... Ti basta? Guarda che se mettiamo insieme tutti questi morti e poi aggiungiamo anche quelli causati dalle multinazionali americane (e guarda che ammazzano un bel pò di gente in giro per il mondo)e poi anche i morti indiretti , quelli provocati dai disastri ambientali provocati da una forsennata rincorsa al profitto e da atteggiamenti criminali di vario genere (tipo buttare i propri rifiuti nucleari in Africa)...sai a quanti morti arriviamo? Milioni, un Olocausto.

Gianluca Vitiello 23.02.06 23:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Paolo Dubois 23.02.06 12:22 | Rispondi al commento |

si ma questi non sono "intervenuti sulla sovranità di un popolo"... l'hanno invaso.

marzio rossetti 23.02.06 23:14| 
 |
Rispondi al commento

Ma la Cina non e' quel paese dove c'era un certo osannato signore di nome Mao Tze Tung, dove le nostre delegazioni comuniste andavano in visita e da dove tornavano entusiaste, quel paese dove il socialismo era una realta' e dove tutti erano felici, piu' o meno come in Russia?
In quegli anni mi sono lasciato prendere per il culo, poi per fortuna ho cominciato a leggere altro e ragionare con la mia testa.

Gianni de Martiis 23.02.06 22:23| 
 |
Rispondi al commento

SOLIDARIETA' SOLIDARIETA' SOLIDARIETA'
(INVIATA ANCHE DIRETTAMENTE AI DIGIUNATORI)
A COLORO CHE MANIFESTANO PER I DIRITTI
UMANI, CALPESTATI ANCHE, DA QUEI PAESI
COSIDDETTI CIVILI, CHE NON SOLO NON
HANNO PRESO LE DISTANZE DA CERTI REGIMI,
MA CI FANNO AFFARI E... ADDIRITTURA LE
O L I M P I A D I ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !
SI VERGOGNASSERO ALMENO UN POCHINO...!!!
roberto nacci

Roberto Nacci 23.02.06 22:19| 
 |
Rispondi al commento

EHMMM...MA IO MI CHIEDO..MA IN GIRO PER IL MONDO C'E QUALCUNO CHE SI PREOCCUPA COME NOI CI PREOCCUPIAMO PER GLI ALTRI,DI NOI..
CIOE' MA SIAMO SOLO NOI ITALIANI CHE CI SPACCHIAMO IN 4 PER PAESI DISTANTI MIGLIAIA DI KM..CHE DI NOI L'UNICA CHE CONOSCONO E QUALCHE MAGLIETTA DI SQUADRA DI CALCIO..
MA GRILLO ..MA...VOGLIAMO SMETTERLA CON QUESTO BUONISMO CHE L'UNICO EFFETTO CHE HA E DI BUTTARE ALTRI INGREDIENTI IN QUELLA MINESTRA..IN QUESTO CASINO CHE STIAMO VIVENDO IN QUESTO PERIODO
PREELETTORALE...
PRIMA FAI UN POST SUL LAVORO IN ITALIA.E POI TI METTI A PARLARE DEL TIBET...
TANTO QUALSIASI POST CHE FAI FINISCE IN POLITICA..E TUTTI AD INSULTARCI.CHISSA IN QUESTO MOMENTO COSA STARA' FACENDO UN TIBETANO????
MAGARI STARA' PENSANDO QUANTO GLI HANNO FATTO SOFFRIRE I COMUNISTI CINESI..MAGARI STARA' PENSANDO CHE BELLO SE IL COMUNISMO NON FOSSE ESISTITO..
MA SCUSA UN'ATTIMO PARLI DI UN PAESE ACCUPATO..PER PARLARE DI QUESTO NON OCCORRE GUARDARE 5MILA KM DISTANTE,BASTA CHE GUARDI DOVE I COMUNISTELLI ITALIANI HANNO SEMPRE FATTO FINTA DI NON SAPERE,BASTA CHE GUARDI QUA VICINO DOVE PRODI QUANDO ARRIVA IN BICICLETTA ,CON QUEL SORRISETTO STAMPATO SULLA FACCIA DEL TIPICO ITALIANO EBETE..CHE SI STA PER FAR INCHIAPPETTARE..
GUARDA IN ISTRIA ,REGIONE ITALIANA ACCUPATA DAI SLAVI..
PREOCCUPATEVI PER NOI ISTRIANI..PRIMA CHE DEL TIBET..DATO CHE SIETE CONTRO GLI INVASORI...

pietro lascala 23.02.06 22:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono un appassionato delle olimpiadi e sarei andato molto volentieri a Torino ma ho dovuto rinunciare perchè non me lo posso permettere. I commercianti e gli albergatori hanno triplicato tutti i prezzi e per una famiglia media è impossibile andare ai giochi. Una misera pensione di periferia che di solito per una doppia senza colazione chiede 65 Euro ci ha chiesto 170 euro a notte con l'obbligo di permanenza di una settimana. Anche i biglietti delle gare hanno prezzi esorbitanti per una famiglia. A parte questo i giochi restano una grande festa di pace, fratellanza e amicizia fra tutti i popoli e come tali sono bellissimi e indispensabili.

Il problema delle multinazionali, spesso non etiche e guerrafondaie, che sponsorizzano i giochi è secondo me ambivalente.

Come contribuente fiscale italiano vorrei che le voragini di debiti che lasceranno i giochi se le pagassero tutti gli sponsor (fosse anche il diavolo lo sponsor principale), piuttosto che i già poveri cittadini italiani (tanto poi pagano sempre i pensionati e i lavoratori dipendenti).

Come cittadino conosco le malefatte di queste multinazionali e concordo con i boicottaggi degli sponsor, ma non con le modalità adottate. La Coca Cola si boicotta NON COMPRANDO LA BIBITA, LASCIANDOLA SUGLI SCAFFALI DEI SUPERMERCATI e non aggredendo con violenza i tedofori come ho visto fare a Firenze dove un povero tedoforo è stato preso a sputi e calci. Ho appena visto il documentario sul boicottaggio in Val di Susa fatto da legambiente e disponibile su Arcoiris.tv: un'ora di tv dove si è visto un boicottaggio non violento, intelligente e anche divertente, molto diverso da quello che ci hanno fatto credere i telegiornali. Purtroppo c'è chi il boicottaggio lo fa tutti i giorni pacificamente al supermercato e chi invece lo usa come pretesto per sfogare la propria violenza.

Per il resto esprimo la mia solidarietà al Tibet e cerco, per quanto possibile, di boicottare i prodotti cinesi che grondano di sangue innocente.

florence bianchi 23.02.06 22:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Cina è una mostruosità pazzesca. Una enorme creatura mostruosa. In essa sono concentrati tutti gli orrori del 900. Una ferocissima dittatura comunista che ha sposato gli integralismi neo-liberisti criminali. Insomma peggio non poteva essere, è una creatura nata dalla fusione di due orrori. E certo ha ragione Beppe sulle olimpiadi.Quello che dovrebbe essere un appuntamento simbolico che sia un inno alla fratellanza, alla lealtà e a tutti i valori positivi che dovrebbero essere legati indissolubilmente allo sport (ma ormai non lo sono più), non può svolgersi in un posto che è il teatro di orrori e olocausti. Però le Olimpiadi sono da tanto tempo tutto tranne quello che dovrebbero essere. Sono quello che è il mondo in questo momento: un unico grande business planetario. Ma perchè qualcuno riesce a rintracciare una parvenza di valori in qualche cosa ormai? L'unico nostro dio è il denaro e le olimpiadi non fanno eccezione. Si sa la Cina è un mercato potenzialmente ancora tutto da spolpare, le varie multinazionali hanno premuto con tutti i mezzi per far avere i giochi alla Cina. Il CIO? Ma perchè qualcuno crede ancora che il CIO possa qualcosa o conti qualcosa? Lì come ovunque del resto contano i dollaroni delle multinazionali e poi quegli enormi profitti andranno a finire di certo anche nei conti in banca dei rappresentanti del CIO.Quindi perchè opporsi a un affarone del genere? Bisogna essere proprio fuori di testa... Il mondo viaggia in questo modo, certo facciamo bene a indignarci ancora, perchè se smettiamo è finita sul serio, però questo è solo un aspetto ,magari un pò più eclatante, di quello che viviamo tutti i giorni. Ad essere cinici non c'è nulla di cui meravigliarsi. Certo che appoggio la protesta dei tre, però dobbiamo metterci in testa che non ci sarà altro che questo disastro che vediamo ogni giorno se non si interviene radicalmente sulla struttura economica della nostra civiltà. Il nodo è lì, non facciamo finta di non accorgercene. UN saluto a Francesco

Gianluca Vitiello 23.02.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Personalmente ADORO il curling...
Comunque hanno fatto le olimpiadi in America, sì, quelli che hanno tirato le bombe in testa agli iracheni (e non solo...)
Mi stanno sulle balle i cinesi per la violenza con al quale portano avanti il loro paese, ma non è forse altrettanto subdola quella "subliminale" delle cosiddette democrazie avanzate?
Sulla Luna vanno fatte le prossime olimpiadi

W il Curling!!!

Giambattista Spoldi 23.02.06 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Premesso che le prime e più numerose vittime dell'attuale regime vigente in Cina sono i Cinesi stessi: i dissidenti, ma anche i religiosi, i pacifisti (vedi i seguaci della Falun Dafa), i contadini... E che quindi la difesa dei diritti dei Tibetani non è rivolta "contro" il popolo cinese... Anzi, non è rivolta "contro" nulla e nessuno: è "a favore" della democrazia, della libertà, dei diritti umani.
Ciò premesso, se oggi, pur sapendo, non facciamo niente, che cosa faremo domani? Dedicheremo ai Tibetani un'altra "giornata della memoria" o "del ricordo"? Di questo passo avremo almeno una commemorazione di genocidio al mese!
Io penso che i mezzi straordinari che abbiamo a disposizione oggi (in particolare quello che sto usando ora) non solo permettano a ciascuno di noi di esprimere le opinioni come mai prima, ma forse ci consentano davvero di influenzare un poco la Storia. Proviamoci!
L'Occidente non è un paradiso dove vivono angeli e santi, anche la nostra democrazia è assai rozza e imperfetta, quindi non si tratta di proporre, o peggio, d'imporre il nostro traballante e incoerente modello a qualcun altro, ma di chiedere ai politici cinesi, uomini come noi, di non negare la propria umanità, né quella altrui, macchiandosi di azioni che la mortificano. Non è oscurando da Wikipedia il termine "libertà" che se ne estingue la sete nel cuore dell'uomo.

Elena Sargiotto 23.02.06 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
sto installando proprio in questi giorni il riscaldamento in casa ed ho optato con una tipologia a battiscopa con caldaia a condensazione per ridurre costi e inquinamento. Vorrei informazioni riguardo i pannelli solari e la stufa a pellet, costi,risparmio e informazioni sulla possibilita di non avere rotture da parte del condominio. grazie Fabio

fabio cerretti 23.02.06 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Le Olimpiadi sono una gran cosa, certo il curling..... però. Chiamarlo sport. Secondo me sarebbe meglio che venisse prescritto dai medici, come tranquillante. Allora avrebbe un senso. Come dicevo le Olimpiadi sono importanti, come del resto sono importanti le vite di tutte quelle persone che hanno subito e continuano a subire genocidi, dittature, massacri ecc. ecc. ecc. Io mi sento di innalzare quelle persone che hanno il coraggio di esporsi e mettere a repentaglio, magari la loro vita per denunciare queste continue ingiustizie che non hanno rispetto della vita altrui. A volte mi sembra che non ci sia via di uscita ma cerco di essere ottimista e prima o poi dovrà cambiare questo andazzo. La storia ci insiegna, e non abbiamo l'obbligo, verso tutta quella gente che, prima di noi a lottato, ed è morta per raggiungere condizioni di vita migliore. NON BISOGNA DIMENTICARE. Grazie Beppe di metterci a conoscenza di realtà che difficilmente sia i giornali e tanto meno la televisione ne parlino. Gli stò vicino a Palden Gyasto, Gathon Jigme e Sonam Wangdue.

giuseppe piga 23.02.06 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Ehi, ma qualcuno checome me risiede all'estero ha provato ultimamente a guardare un tg su raiclick.it?
GUARDATE COSA SCRIVONO:

"Gentile cliente, ti ricordiamo che nel periodo dal 10/02/2006 al 28/02/2006, in occasione delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006, per navigare e vedere i programmi del sito www.raiclick.rai.it sarà necessario soddisfare alcuni requisiti minimi di sistema:
In rispetto alla normativa disposta dal Comitato Olimpico per la trasmissione delle gare via Internet, sarà autorizzato l'accesso ai video del portale www.raiclick.rai.it unicamente agli utenti localizzati all'interno del confine italiano.
Per accedere a tutti i contenuti del sito Rai Click, raccomandiamo di transitare sempre per la Home Page del sito www.raiclick.rai.it.
La navigazione e la visione dei programmi supporterà unicamente gli utenti che utilizzano browser Internet Explorer 5.5, e superiori.
Nota: altre piattaforme hardware o software (Mac, Unix, Linux, ecc) non sono compatibili.
Per maggiori informazioni o per qualsiasi dubbio consultare l'area FAQ dei Requisiti tecnici del sito. "

Credo che sto per avere l'orticaria in una forma molto acuta...

Sante Consiglio 23.02.06 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Già da diversi anni seguo la vicenda ed il dramma del popolo tibetano, spaventato più che sorpreso dal silenzio della stampa circa questo argomento. E' una vergogna. Per fortuna ci sono spazi come questo in cui viene ricordato giustamente come i grandi drammi umanitari proseguano ancora oggi, e non siano finiti 50 anni fa. Allo stesso modo il ricordo di tragedie come l'Olocausto è sterile se non accompagnato da una partecipazione attiva per evitare che si ripetano ancora nuovi drammi. Grande Beppe, continua così!

Alessandro Pollini 23.02.06 19:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non mi sembra che siano olimpiadi senza entusiasmo,
mi sembra invece che ci sia una bella partecipazione, per quanto riguarda la coca-cola e le company, è vero quello che dici ma lo sai senza soldi a questo mondo ci vogliono soldi altrimenti
non organizzi neanche un torneo di bocce(curling)...
non esageriamo con il cercare a tutti i costi il negativo nelle cose, detto questo la tua frase "La Cina ha intenzione di far partire la fiaccola olimpica proprio dal Tibet, dalla cima dell’Everest. E’ come se la Germania la facesse partire da Auschwitz." è verissima, ma ormai la cina e la coca cola sono la stessa cosa.

stefano savini 23.02.06 18:52| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE mi leggi... Io ho sempre odiato i cinesi da quando ho letto sette anni in tibet. Mi sono chiesto più volte perchè nessun stato non faccia niente per restituirgli la loro terra, ma poi ho capito, non hanno petrolio o diamanti o qualcos'altro di dannatamente schifoso che posso suscitare le curiosità di qualche stato.
Non si potrebbe andare a manifestare, manifestazione in tutto il mondo, ne facciamo partire una dall'italia e poi come una catena in tutto il mondo. In fondo iternet è grande per questo e mandami una risposta IO SONO RAGGIUNGIBILE ATTRAVERSO IL MIO INDIRIZZO EMAIL

Alessio Guerra 23.02.06 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Certamente la Cina non è paese democratico. Molti fatti lo fanno supporre, poche notizie trapelano che ci danno questa sensazione. Ma trovo veramente difficile esprimere un giudizio su una terra ed una cultura che non conosco. Di riflesso però non accetto un giudizio negativo, come altrettanto viene fatto per i Mussulmani e l'Islam in generale. Loro li conosco, ho vissuto nei loro paesi (Iran, Libia, Alegria, Tunisia) e vi posso assicurare che lo stereotipo che ne viene dato è assolutamente sbagliato. Li si giudica partendo da presupposti occidentali totalmente scorretti. Conosco molto bene anche gli americani e anche loro, nel positivo e nel negativo secondo me non sono correttamente giudicati. Lo stesso avviene con noi all'estero: Io ho anche vissuto per diverso tempo in Australia: sapete cosa pensano degli italiani. Che siamo tutti come i calabresi (non me ne vogliano, ma è un'esperienza reale) partiti con le valigie di cartone su un piroscafo in cerca di fortuna. E ancora oggi "i vecchi" italiani in australia hanno mantenuto le usanze, la mentalità e il "folklorismo" come se ancora vivesse nel apesello degli anni 50. Io non potevo identificarmi in tale stereotipo, ma quella era la realtà! Comprendo che Grillo rivolge la sua accusa all'amministrazione, al governo cinese, non al suo popolo. Ma purtroppo si finisce sempre (esperianza insegna) a colpevolizzare una razza, non solo la classe dirigente.
Un'ultimo pensiero per le Olimpiadi: condivido quello che è stato espresso da diversi bloggers. Non sarei negativo sull'evento: primo perchè la stragrande maggioranza sono atleti che fanno molti sacrifici, lontani dai riflettori e dai lauti stipendi, che si giocano anni di allenamenti in pochi minuti. Secondo perchè una volta tanto non si parla del solito corrotto calcio di sport più veri, poco conosciuti ma che ci hanno fatto appassionare. Vedi ancora l'atleta, vedi ancora i "tifosi" fianco a fianco da varie nazioni, che non si prendono a pugni, divisi dalla polizia.

Ivano Croce 23.02.06 18:40| 
 |
Rispondi al commento


_____

BOICOTTAGGIO!??

Qualcuno propone di boicottare i prodotti cinesi perchè la CIna non rispetta i diritti umani.

Essendo una questione di principio, boicotteremmo tutti i paesi che non rispettano i diritti umani. Ad esempio... quasi tutti quelli che producono petrolio!

Benissimo. Sapete cosa succederebbe? Che la nostra economia collasserebbe in meno di mezza giornata! E loro continuerebbero a non rispettare i diritti umani.

Bell'idea geniale!!

Marco De Biase 23.02.06 17:50| 
 |
Rispondi al commento

caro maurizio,
innazitutto i cinesi, piuttosto che volere che i tibetani si levino di torno, vogliono che siano ammansiti e chiusi in riserve a scopo di compiacimento turistico. in secondo luogo gli atteggiamenti nei confronti della Cina da parte dei tibetani sono compositi. ci sono alcuni (pochi in verità), nati e cresciuti nella diaspora, che sarebbero anche pronti a ricorrere alla violenza. altri che non hanno nemmeno idea che esista una questione tibetana (per indifferenza, perché ormai completamente sinizzati). Ma i più non cercano una disperata indipendenza, ma solo la possibilità di conservare la loro lingua (come per esempio a bolzano!), di praticare la loro religione. cose minime mi pare. purtroppo però non è solo ai tibetani che in cina non vengono riconosciuti i più elementari diritti civili. i più diranno chi se ne frega... licet. ma, senza appelli emotivi, come possiamo dirci uomini se consideriamo estraneo quello che riguarda l'uomo?e a che dice che in occidente non siamo messi meglio, lo manderei in gita premio a raccogliere il riso in cina. dove tra l'altro non potrebbero scrivere tutte le amenità varie pubblicate su questo blog. ma chi se ne frega...

clara rossetti 23.02.06 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
vi porgo di cuore il mio rispetto ammirazione e stima per la battaglia durissima che state da decenni affrontando ogni giorno per la sopravvivenza della grande anima del Tibet.
Probabilmente anzi sicuramente la occupazione Cinese della vostra nazione ha provocato in questi anni tragedie cento o mille volte superiori di numero di quelle successe in medio oriente. Senza contare che una cultura millenaria di cosi profonda e incredibile intensità spirituale e morale è patrimonio universale di tutta la umanità.
Naturalmente il modello della via “Tibetana” per la crescita dell’uomo è talmente in antitesi con lo sviluppo dei modelli capitalisti (Che stranamente pare riescano a convivere perfettamente con le tre grandi religioni-stati monoteisti) oramai universalmente imposti con l’uso della prevaricazione, plagio e violenza alle genti del nostro pianeta che non vedo nessuna possibilità al momento di soluzione o di reale aiuto da parte delle, mi scappa da ridere, grandi democrazie.
Che dire. L’unica speranza per voi e anche per noi e che resistiate ad oltranza, che sopravviviate, in qualsiasi modo in qualsiasi luogo. Grazie al cielo per la vostra anima di buddisti il tempo non è un problema. Vi assicuro lo sarà per gli altri.
Un abbraccio.
Gabriele Bartoletti

Gabriele Bartoletti 23.02.06 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungo solo una cosa al mio post precedente riguardo al tuo giudizio sulle Olimpiadi "senza entusiasmo".

Cavolo, eri tu che continuavi a dire che bisogna dire basta al calcio che le tv ci propongono in tutte le salse ecc... per una volta che si ha l'occasione di vedere altri sport più sani, con atleti veri, gente che per allenarsi per le olimpiadi ha rinunciato al posto di lavoro (altro che i divi del calcio), tu dipingi l'Olimpiade come una cosa squallida e noiosa? Ci rendiamo conto che ben 10 milioni di italiani l'altra sera hanno guardato il pattinaggio in televisione?
Forse sarò retrogrado, però a me, sentire una piazza intera che canta a squarciagola l'inno di Mameli, mi fa ancora venire i brividi.
Alla faccia del poco entusiasmo...

Fabio Angeleri 23.02.06 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono un tuo gran sostenitore e sono molto d'accordo con quanto dici sulla questione Tibet-Cina.
Però trovo assolutamente ingiusto che tu esprima un tuo giudizio personale bollando queste Olimpiadi come "senza enusiasmo", perchè probabilmente non immagini neanche lontanamente come sia Torino in questi giorni, quale sia la sensazione di vedere folle di gente con il sorriso sul volto, famiglie con bambini che scendono in piazza solo per la pura e semplice soddisfazione di godersi una città che solo ora scoprono essere bellissima.
Queste Olimpiadi stanno dando moltissimo a noi Torinesi, ci stanno restituendo un'orgoglio che da anni avevamo perso, la forza di risollevarci da una crisi che sembra non aver fine.
La notte bianca, una emozione che non si era mai provata a Torino, con migliaia di stranieri che sono arrivati e sono rimasti estasiati dalla bellezza e dall'accoglienza di questa città a torto definita fredda.
Sappiamo tutti che le Olimpiadi sono soprattutto un grosso business per pochi, però sono anche un occasione unica di sentirsi parte di una nazione e non di un conglomerato di persone che pensano solo a farsi le scarpe l'un l'altra.
Non sono d'accordo, mi spiace ma io trovo invece che queste Olimpiadi siano invece piene di entusiasmo, e calore, almeno così è come le viviamo qui a Torino. Altrove non so.

O forse semplicemente, non ti piacciono gli sport invernali e tu, che sei ligure, preferisci andare in barca piuttosto che farti una sciata o una gita in montagna. Ma rimane pur sempre un tuo giudizio personale.

Saluti

Fabio Angeleri 23.02.06 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Ma Beppe, di cosa stai parlando? Non riesco a capire se il tuo post è in difesa dei tibetani o è critico nei confronti delle olimpiadi torinesi.
'Olimpiadi senza entusiasmo' è un termine assolutamente fuori dalla realtà. Vieni stasera alle otto in piazza Castello quando premieranno le donne della staffetta del pattinaggio, potrai vedere con i tuoi occhi cosa sta vivendo la mia città, e dopo decenni di Baronia AGNELLIFIATJUVENTUS (come ami scrivere tu!) Dio solo sa quanto ne avessimo bisogno. L'unico problema? Lunedì. Come ha scritto la mitica Litizzetto ci sentiremo come Cenerentola dopo il ballo. Ma non permetterti di parlare di mancanza di entusiasmo, noi torinesi stiamo vivendo un sogno e ci stiamo mettendo l'anima perchè non finisca lunedì.

Patrizia Durante 23.02.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Beh il mio non è un vero e proprio commento am un topic ed è la rpima volta che lo faccio su questo sito.
Ciao Beppe,sono Matteo Barbagallo un tuo accanitissimo fan di quindici anni.Forse ti dovrei dare del lei vista la tua "veneranda"(ammazzami per questo) età ehehe.Comunque il mio problema è solo una questione su cui vorrei provare a riderci su ma non ci riesco.Da quando sono entrato nella mia classe per il primo anno sono stato etichettato come "lo scemo " della classe cosa che stranamente dai miei voti sembra totalmente contraria.Io non ce la faccio,mi sento uno schifo ogni volta che mi scherniscono e nonostante io sia un tipo calmo certe volte ho bisogno di sfogarmi e i miei poveri genitori ne subiscono le conseguenze. Inoltre credo di essermi innamorato(parola di uso difficile che i giovani italiani di oggi stanno incominciando ad usare in un modo che non fa comprendere loro il vero significato di questa parola) di una ragazza con cui ho uno strano rapporto:quando stiamo insieme e soli soprattutto è come un angelo sceso in terra(e devo dire che se esistessero veramente potrebbero sostituire egregiamente i nostri cari e puntuali trasporti aerei)infatti scherziamo,arriviamo quasi a baciarci,anzi devo dirti che di recente è accaduto,ma quando siamo in compagnia non fa altro che attaccarmi su quanto io sia brutto(cosa che non dico possa non essere vera visto che la bellezza è un concetto opinabile) o su quanto io sia poco intelligente e forte.Ora non voglio peccare di immodestia ma devo dire che io il mio fisico lo ho (faccio judo da dieci anni),il mio intelletto sembra abbastanza sviluppato da poter competere coi primati, ho anche le mie passioni quali scrivere,commentare e recensire film,leggere libri e fumetti di ogni tipo.A proposito ti allego una foto in cui siamo io e lei.
Questo mondo pieno di pregiudizi mi sta stancando.In America mi trovano bello e avranno le loro motivazioni,jamaica a parte.Cmq spero tutti voi possiate aiutarmi
ciao

Matteo Barbagallo 23.02.06 17:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Partiamo dal fatto che io sono dell'idea che a questo mondo siamo un pò tutti colpevoli...tutti tranne I BAMBINI e gli ANIMALI.
Detto questo..concordo in pieno con Grillo quando dice che la Cina nn ha rispetto per la vita,nessuna forma di vita...e che sarebbe insulso permettere di far svolgere le olimpiadi in quel paese che non fa di certo della libertà la sua bandiera.
Non mi dilungo,vi metto solamente a disposizione un link che testimonia la crudeltà di questa gente verso gli animali (che io amo,e ribadisco che son i pochi esseri viventi che a questo mondo non hanno colpe). Questo link contiene immagini molto forti...mostra come vengono prodotte le pellicce..
Gli altri 2 link sono delle foto,e toccano il tema dell'aborto obbligatorio,che in cina applicano per controllare la natalità.
Questo comporta fatti gravissimi,i genitori a cui nasce un secondo figlio,spesso lo uccidono o lo buttano in mezzo alla strada (soprattutto se è femmina,xè i maschi cmq rendono di piu,in campo lavorativo..parliamo di comunismo che si presta al consumismo...brrrr!!!!).
Guardate le foto,guardate il video..sono immagini della cina di oggi...e se è vero che in 4 anni le cose nn cambieranno in quel paese...beh diamogli segnali che nn gradiamo affatto quello che combinano!!

http://www.strasbourgcurieux.com/fourrure/

http://www.mantovano.org/BodyPart.jpg

http://www.mantovano.org/BodyPart1.jpg

Francesco Bianchi 23.02.06 17:02| 
 |
Rispondi al commento

EHMMM...MA IO MI CHIEDO..MA IN GIRO PER IL MONDO C'E QUALCUNO CHE SI PREOCCUPA COME NOI CI PREOCCUPIAMO PER GLI ALTRI,DI NOI..
CIOE' MA SIAMO SOLO NOI ITALIANI CHE CI SPACCHIAMO IN 4 PER PAESI DISTANTI MIGLIAIA DI KM..CHE DI NOI L'UNICA CHE CONOSCONO E QUALCHE MAGLIETTA DI SQUADRA DI CALCIO..
MA GRILLO ..MA...VOGLIAMO SMETTERLA CON QUESTO BUONISMO CHE L'UNICO EFFETTO CHE HA E DI BUTTARE ALTRI INGREDIENTI IN QUELLA MINESTRA..IN QUESTO CASINO CHE STIAMO VIVENDO IN QUESTO PERIODO
PREELETTORALE...
PRIMA FAI UN POST SUL LAVORO IN ITALIA.E POI TI METTI A PARLARE DEL TIBET...
TANTO QUALSIASI POST CHE FAI FINISCE IN POLITICA..E TUTTI AD INSULTARCI.CHISSA IN QUESTO MOMENTO COSA STARA' FACENDO UN TIBETANO????
MAGARI STARA' PENSANDO QUANTO GLI HANNO FATTO SOFFRIRE I COMUNISTI CINESI..MAGARI STARA' PENSANDO CHE BELLO SE IL COMUNISMO NON FOSSE ESISTITO..
MA SCUSA UN'ATTIMO PARLI DI UN PAESE ACCUPATO..PER PARLARE DI QUESTO NON OCCORRE GUARDARE 5MILA KM DISTANTE,BASTA CHE GUARDI DOVE I COMUNISTELLI ITALIANI HANNO SEMPRE FATTO FINTA DI NON SAPERE,BASTA CHE GUARDI QUA VICINO DOVE PRODI QUANDO ARRIVA IN BICICLETTA ,CON QUEL SORRISETTO STAMPATO SULLA FACCIA DEL TIPICO ITALIANO EBETE..CHE SI STA PER FAR INCHIAPPETTARE..
GUARDA IN ISTRIA ,REGIONE ITALIANA ACCUPATA DAI SLAVI..
PREOCCUPATEVI PER NOI ISTRIANI..PRIMA CHE DEL TIBET..DATO CHE SIETE CONTRO GLI INVASORI...

pietro lascala 23.02.06 16:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anni fa, quando insegnavo in una scuola privata per designer, e già sapevo che le bordure in pelo di molti capi invernali provenivano da cani e gatti scuoiati vivi in cina, mi adoperavo per far conoscere questa realtà ai ragazzi miei allievi, molti dei quali indossavano inconsapevolmente proprio quei capi. Purtroppo dubito che qualcuno di loro abbia modificato la propria modalità d'acquisto, ma solo perchè sono un'inguaribile pessimista... Credo che l'unica soluzione sia proprio il consumo consapevole, cosa difficile vista la difficoltà di informazione riguardo ai prodotti acquistati. Sono comunque lieta che recentemente si sia parlato di atrocità sugli animali proprio su questo blog, e spero se ne parli ancora anche se si tratta di un argomento veramente doloroso. un saluto.

alessandra allocco 23.02.06 16:44| 
 |
Rispondi al commento

ah..fatto...!!!

Associazione Italia-Tibet c/c 24313207.

ho versato 25 eurini...so che non basteranno nè alla mia ignavia
nè a risolvere i loro problemi. un piccolo sostegno...

vuol dire che questo mese vedrò qualche film in meno, ma avrò
tacitato un poco della mia rabbia e della mia coscienza.

ciro fontana 23.02.06 16:35| 
 |
Rispondi al commento

se permettete...
vi riporto quanto sritto su www.italiatibet.org.
sarebbe il caso di fare qualcosa o vogliamo solo...scriverci addosso?

Dominio cinese in Tibet
L’occupazione cinese presenta tutte le caratteristiche del dominio coloniale:

- Oltre 1.000.000 Tibetani sono morti a causa dell’occupazione.
- Il 90% del patrimonio artistico e architettonico tibetano, inclusi circa seimila monumenti tra templi, monasteri e stupa, è stato distrutto.
- La Cina ha depredato il Tibet delle sue enormi ricchezze naturali. Lo scarico dei rifiuti nucleari e la massiccia deforestazione hanno danneggiato in modo irreversibile l’ambiente e il fragile ecosistema del paese.
- In Tibet sono di stanza 500.000 soldati della Repubblica Popolare.
- Il massiccio afflusso di immigrati cinesi sta minacciando la sopravvivenza dell’identità tibetana e ha ridotto la popolazione autoctona a una minoranza all’interno del proprio paese. Mentre prosegue la pratica della sterilizzazione e degli aborti forzati delle donne tibetane, la sistematica politica di discriminazione attuata dalle autorità cinesi ha emarginato la popolazione tibetana in tutti i settori, da quello scolastico a quello religioso e lavorativo.
- Lo sviluppo economico in atto in Tibet arreca benefici quasi esclusivamente ai coloni cinesi e non ai Tibetani.

segue

ciro fontana 23.02.06 16:33| 
 |
Rispondi al commento

seconda parte:

La violazione dei Diritti Umani
Malgrado gli incessanti appelli della comunita internazionale:

- il diritto del popolo tibetano alla libertà di parola è sistematicamente violato.
- Miglialia di tibetani sono tuttora impriogionati, torturati e condannati senza processo.

Le condizioni carcerarie sono disumane.
- Le donne tibetane sono costrette a subire involontariamente la sterilizzazione e

l'aborto.
- I tibetani sono perseguitati per il loro credo religioso.
- Monaci e monache sono costretti a sottostare a sessioni di rieducazione patriottica,

a denunciare il Dalai Lama e a dichiarare obbedienza al Partito comunista.

--------------------------------------mia nota----------------------------------------

Tutto dimenticato e sepolto solo perchè i buddisti tibetani sono contro ogni forma di

violenza...
se si fossero trasformati in kamikaze chissà... forse qualcosa si sarebbe mosso... o

no!!!

ciro fontana 23.02.06 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
a proposito della Cina è apparso ieri per pochissimo tempo sul portale di Libero un collegamento ad un blog sul quale, con testimonianze fotografiche, si parlava dell'assassinio di massa di feti femminili in Cina: è sparito! ci sono dei collegamenti a blog che riportano di eventi di una leggerezza incredibile che vengono "esposti" (non conosco il termine esatto) per giorni e giorni e questo... puff!! poco dopo non si è più visto!! preferiamo veramente tutti far finta di niente?? Sono molto amareggiata.
Marta

Marta Giacomello 23.02.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento

LA LEGA SI DEVE PRESENTARE ALLE PROSSIME ELEZIONI DA SOLA, GIà UNA VOLTA ABBIAMO CAMBIATO L'ITALIA, POSSIAMO FARLO ANCORA, BASTA!


Marco Milani 23.02.06 16:08


la soluzione migliore per tirarci fuori da questo pantano politico

ivana iorio 23.02.06 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Cari, meno cari e per niente cari,

è triste notare come l’invito di Beppe Grillo a dimostrare solidarietà al popolo tibetano, sia talvolta spunto per esprimere, al contrario, intolleranza.

Verso la Cina in quanto persecutore direttamente in causa (e questa almeno si capisce).
Verso i Cinesi ( perché prepareranno gli involtini primavera dei quali noi italiani pare finiremo per esserne il ripieno? Non ho ben capito).
Verso gli stranieri in genere (colpevoli, pensate un po’, di pregare in una lingua a noi sconosciuta!)
E per finire verso i comunisti, stavolta concittadini, ma imparentati, politicamente parlando, sempre con i Cinesi.

Questi atteggiamenti di ostilità, chiusura, intolleranza sono tutti figli della grande madre “PAURA”.
La paura verso ciò che è sconosciuto e diverso, insomma la paura verso lo “straniero” è un sentimento atavico e ancestrale che non ha nulla di razionale, ed è per questo che oggi viene cavalcato dai media e dalla politica…come dire…la paura non fa ragionare, non consente di valutare realisticamente il pericolo, la paura crea dipendenza, narcotizza il desiderio di libertà e alimenta l’odio.
È perciò necessario emanciparci da tali manipolazioni, strumentalizzazioni, facili quanto ignobili.

Devo dire che, vista la distanza che mi separa da tali posizioni, anch’io a volte mi sento straniera anzi, marziana.
Se vi faccio paura e volete che i miei panzerotti siano sottoposti a perquisizione e che segua un corso di lingua e cultura italiana, fatemi sapere.

Elisa Scifo 23.02.06 16:11| 
 |
Rispondi al commento

"Tra gli applausi, il Cavaliere ha anche annunciato per gli 'over 70' l'abolizione del canone Rai. ''Non si pagherà più l'abbonamento al canone Rai quando si compiranno 70 anni''."
Ivana Iorio

Giusto cara Ivana! Uno che ha visto merda a pagamento sulla Rai per 70 anni è giusto che possa vedere, per i 5 che gli restano da vivere, merda a pagamento sul digitale terrestre del fratellino di Sua Altezza Silvio...

Marco Torres 23.02.06 16:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL TIBET come la PADANIA, in mano ai cinesi.

Bossi ci aveva avvertito del pericolo cinese, parlò di "dazi doganali" 2 ANNI FA e tutti giù a ridere...

LA LEGA SI DEVE PRESENTARE ALLE PROSSIME ELEZIONI DA SOLA, GIà UNA VOLTA ABBIAMO CAMBIATO L'ITALIA, POSSIAMO FARLO ANCORA, BASTA!


le olimpiadi, come molte cose moderne, hanno il loro pro e il loro contro.......sicuramente dietro alle olimpiadi ci sono persone che ne traggono una serie di benefici economici in modo poco chiaro però esistono anche gli atleti che si fanno un mazzo tanto per avere un minimo di visibilità per il tempo che dura la loro prova e magari essere osannati perchè hanno portato un oro al loro paese e il giorno dopo dimenticati....per quanto riguarda la Cina spero che le olimpiadi a Pechino permettano almeno di far emergere tutte le porcherie che questa nazione ha fatto e continua a fare....ovviamente quando si parla di colpe della Cina intendo il governo cinese e non certo la popolazione, la maggior parte della quale è vittima essa stessa del suo governo

Saluti a tutti e complimenti a te Beppe per lo spettacolo di Padova

Fabrizio (Venezia)

fabrizio grison 23.02.06 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno,

questa non è una mail di commento, semplicemente ho i biglietti per lo spettacolo di domenica sera a Milano, ma c'è il blocco del traffico e io abito un po' fuori in una zona comunque bloccata.
volevo chiedere se si potesse ritardare un po' l'inizio per permettere anche a noi della banlieu di non perderci nulla.

ciao
grazie
chiara

chiara zerbato 23.02.06 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, che dire se non che hai ragione per quanto riguarda il Tibet?
Però, permettimi di dire che non sono d'accordo con te circa le Olimpiadi "senza entuasiasmo". Io sono entusiasmata da questi nostri ragazzi che ancora si commuovono pensando all'Italia (sì, alla nostra Italietta piena di problemi...), che danno l'anima e viene loro il magone quando non raggiungono un obiettivo (vedi Silvia Fontana per l'artistico), che si fanno un mazzo tanto senza che nessuno pensi a loro o si ricordi di loro se non una volta ogni quattro anni (vedi Fusar Poli e Margaglio, tanto per citarne due... ma chi sono costoro?), che si impegnano e sudano e soffrono e che spesso sono costretti a stare all'estero per potersi allenare decentemente (vedi Carolina Kostner) perchè in Italia mancano strutture ed investimenti. Chi di noi, italiani, sa che andiamo forte nel pattinaggio di velocità? Però tutti sappiamo il nome di quel giocatore di calcio buono solo a scoparsi la Letterina e di qull'altro che parla coi passerotti... Eppure, stadi del ghiaccio in Italia non ce ne sono (nemmeno qui al nord, non dico in Sicilia dove fà un caldo folle) mentre campi da calcio ne trovi ovunque, persino a Gerenzano e Rovello Porro (con tutto il rispetto per Gerenzano e Rovello Porro, eh!); in Lombardia, gli stadi del ghiaccio li conti sulle dita delle mani:ce ne sono un paio a Bergamo, altrettanti a Milano, uno a Como ed uno a Varese... Come i campi da calcio, eh! E poi ci restiamo male se, una volta ogni quattro anni, la "nostra squadra" di hockey su ghiaccio viene subito eliminata...

Elena Bianchi 23.02.06 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi: ''Per 'over 70' treni, stadi e cinema gratis''

adesso aspettiamo le controfferte di prodi

ivana iorio 23.02.06 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,un altra GRANDE vergogna cinese e come trattano gli animali.Non guardero' mai piu' le olimpiadi le faranno in CINA............andate a vedere il sito della LAV.Lega Antivivizezione Italiana scoprirete delle cose ORRENDE andate a vedere la pagina del sito Lav (((non lo sapevo))).Scuoiano vivi i cani per fare le pellicce a quelle ambiziose delle donne OCCIDENTALI....per non parlare delle Italiane,ma la moda ed i soldi impongono anche queste crudeltà? Perfino politici dell'attuale Governo Italiano si sono opposti ad immportare pellicce dalla Cina ma loro hanno l'appogio delle nostre case di moda?FORSE...............
PARLANE ANCHE TU GRILLO

albertozorli 23.02.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi: ''Per 'over 70' treni, stadi e cinema gratis''
La promessa del premier alla consulta dei pensionati: ''Piccolo bonus anche per gli anziani che hanno un animale domestico''
Roma, 23 feb. - (Adnkronos/Ign) - Cinema, treni e stadi gratuiti. Bonus per il cagnolino. E niente più canone Rai. Dalla Consulta dei pensionati, il premier Silvio Berlusconi promette misure ad hoc per gli 'over 70' in vista del voto di aprile. A cominciare da una carta d'oro valida per viaggiare gratis sui treni ed entrare in stadi musei e cinema. ''Pensiamo ad una carta d'oro per le persone con piu' di 70 anni -sottolinea - per poter avere viaggi gratis sulle nostre Ferrovie e andare gratuitamente negli stadi, nei musei, nei cinema e nei teatri. Prevediamo anche un piccolo bonus per gli anziani che hanno bisogno di avere un animale domestico di compagnia. Sono piccole cose che pero' servono per facilitare la vita''.

Tra gli applausi, il Cavaliere ha anche annunciato per gli 'over 70' l'abolizione del canone Rai. ''Non si pagherà più l'abbonamento al canone Rai quando si compiranno 70 anni''. Poi aggiunge con una battuta: ''Se fossi uno di sinistra potrei dire che c'è una buona notizia e una cattiva. La buona notizia è che non si paga più il canone Rai, mentre quella cattiva è che si paga il canone Mediaset...No, non è cosi', non è vero. Ma vedrete qualcuno lo tirerà fuori: 'Berlusconi ipotizza un conflitto di interesse...'''.

ci prendono per il sedere....votate lega che e' la soluzione migliore

ivana iorio 23.02.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento

@ Andrè Linoge 23.02.06 14:08

Salve André,

Mah, sulla partecipazione, la situazione è un dato di fatto, poi si potrà interpretare, come anche l'affermazione che certi sport non appartengono alla cultura di certi paesi - ma allora dovrebbero partecipare solo i paesi dell'arco alpino, dei Pirenei e dell'Himalaya per dire; ma ci sono montagne innevate anche in Africa, come il Kilimangiaro, l'Atlante... Invece sì che è vero che in determinati paesi "è praticamente impossibile praticare sport invernali" ma mi sembra che sia un fattore economico più che culturale. Cìoé che la loro estrema povertà e sfruttamento non permette loro degli sport "costosi" e d'élite come appunto molti degli sport invernali. Come diceva un dirigente sportivo del Senegal (se non ricordo male) intervistato da "La Repubblica" qualche giorno fa, mancano assolutamente fondi (tipo borse di studio o altri programmi di appoggio) per giovani talenti africani che avrebbero tutti i numeri per emergere, ma non possono farlo. E i "Giochi Olimpici Invernali" diventano così un parco di divertimenti per i soliti paesi ricchi chiusi su se stessi, che se ne strafregano dello "spirito olimpico", alla faccia di chi invece, nella sua migliore buona fede, ci crede.

Sulle "iniziative benefiche" delle multinazionali, sinceramente, se quelle stesse multinazionali ci spendono soldi che hanno guadagnato sfruttando lavoratori e produttori, o arrivando addirittura a coprire le uccisioni di sindacalisti, allora proprio non so che farmene della loro "beneficenza" - che non sarebbe altro che una pura e semplice "operazione d'immagine". Per conto mio il boicot alla Coca-Cola, alla Nestlé, alla Nike e compagnia brutta lo attuo da parecchio tempo, sforzandomi, quando è possibile, di comprare i prodotti di "Fair Trade" commercializzati da Oxfam, Altroconsumo etc. Se sempre piú gente farà lo stesso, vedremo come anche le grandi multinazionali lo noteranno.

Un saluto

Mario Gabrielli Cossellu 23.02.06 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Nell'antica grecia alle olimpiadi partecipavano i democratici ateniesi e i "militaristi" spartani. La politica (polis) non influenzava i giochi. Anzi questi erano un momento di respiro, di sospensione dalle guerre che venivano allegorizzate attraverso l'agone sportiva.

Il boicottaggio delle olimpiadi significa sminuire gli atleti e la simbolicità della gara olimpica che rappresenta la vera guerra senza morti.

stefano sciacchitano 23.02.06 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vittime crivellate dai proiettili. Uccisi 3 giornalisti di Al Arabiya
Sadr schiera la milizia sciita a difesa delle moschee sunnite
Iraq, sciiti contro sunniti
E' guerra: almeno 130 morti
Si apre la crisi del governo. Forze di sicurezza in allerta
A Baquba bomba contro l'esercito: 12 soldati trucidati


BAGDAD - Uno dei magnati più ricchi dell'intero Iraq, Ghalib Kubba, è stato rapito la notte scorsa a Bagdad da un commando di miliziani armati insieme al figlio, Hassan Ghalib Kubba, che al pari del padre è un noto banchiere. Lo hanno reso noto fonti del ministero dell'Interno iracheno, secondo cui gli aggressori hanno assalito i due nella loro abitazione, situata nella parte ovest della capitale, e li hanno trascinati via dopo aver ucciso cinque guardie del corpo.

Ghalib Kubba è presidente e direttore generale della compagnia aerea Rafidain e presidente della Camera di commercio di Bassora e il figlio Hassan, proprietario della Banca internazionale di Bassora per l'investimento. La loro fammiglia è considerata una delle più abbienti e influenti del Paese.

Una firma per lavorare in Al Qaeda
stipendio di 91 euro e ferie pagate


Un manifestante in Marocco mostra la sua maglietta con il volto di Bin Laden
ROMA - Lavorare per Al Qaeda è semplice, come per una comune azienda basta una firma su un contratto. Ma a seconda delle aspirazioni di carriera occorrono alcuni requisiti base: per diventare dirigente bisogna avere minimo 30 anni, una laurea e almeno cinque anni di esperienza professionale. Più semplice ambire al posto di supervisore: sono necessari un diploma, due anni di lavoro specializzato e 25 anni di età. Ovviamente il numero uno del gruppo, Osama Bin Laden, esige la conoscenza dei principi fondamentali della Shaaria e, di conseguenza, un comportamento da buon islamico.

giuseppe bottazzi 23.02.06 15:30| 
 |
Rispondi al commento

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
WWW.TACCHEESVASI.SPLINDER.COM
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

NOTIZIA RILANCIATA ANCHE SUL NOSTRO PICCOLO BLOG DI ARRAMPICATA SPORTIVA.

GRAZIE DELLA SEGNALAZIONE!!!

Francesco Bastianelli 23.02.06 15:27| 
 |
Rispondi al commento

la signora Dacia Valent, tra le altre cose, gestisce un blog sul sito http://orabasta.iobloggo.com, nel quale quotidianamente si scaglia, «verbalmente», secondo gli interroganti, in modo violento e razzista, usando toni che ricordano le minacce mafiose e il linguaggio usato nelle rivendicazioni dai terroristi delle Brigate rosse, contro tutti coloro che considera nemici dell'Islam;

giuseppe bottazzi 23.02.06 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe!!!

TIBET LIBERO!!!

Tutte le minoranze etniche del pianeta sono soggette a sopprusi da parte di grandi Stati...

LIBERIAMOLI TUTTI...

E l'ONU che fa?

niente!!!!

L'ONU non è altro che la seconda faccia di questi grandi Stati canaglia... in primis USA e CINA

Alessandro Littera 23.02.06 15:25| 
 |
Rispondi al commento

@ juan miranda 23.02.06 14:46, @ Loredana Solerte 23.02.06 14:29

Se mi posso appena appena intromettere: mi è sembrato di capire che "Juan Miranda" non è messicano né si chiama così davvero, ma si ispira a un personaggio di un film (correggermi se sbaglio) - anche perché si noterebbe scrivendo se fosse di lingua spagnola.

Quello che invece non capisco proprio è il tuo pensiero "Juan", che mi pare parecchio confuso, a volte sembri di "sinistra" criticando il governo etc. e a volte sembri il peggior legaiolo quando parli degli islamici, anche se lo fai per la giustissima ragione della libertà delle donne etc., però parli di sparare in bocca e che un grande come Federico II era un cretino.

Insomma... scusa ma ti vedo confuso e confusionario!

Però almeno potresti gentilmente evitare:
1) gli insulti a una Loredana Solerte che è una delle persone più intelligenti ed interessanti che partecipa in questo blog;
2) di inneggiare a stupide violenze gratuite;
3) di usare tutti quei maiuscoli che rendono illeggibili i tuoi messaggi.

Grazie


per dacia valent

Fra questi alcuni, che mi auguro non siano molti esistono persone che approfittando della “fortuna” loro toccata, dal momento in cui sono entrati in contatto con la nostra italianità, hanno imparato prima di tutto ad approfittarne e sembra non si accontentino mai.
Stiamo descrivendo una persona nello specifico: la signora Dacia Valent, che però non è sola, si è saputa circondare da sedicenti individui che ben le reggono lo sporco gioco, di cui si fa vanto ed esprimono assieme a lei tutto l’odio e la cattiveria che nutrono per la nostra società che dovrebbero amare per ciò che ha saputo loro dare.

Ma la signora è motivata anche da odi e rancori razzistici, almeno dal punto di vista ideologico e si scaglia in maniera incredibilmente acritica e violenta verso tutto ciò che è anche solo imparentato con l’ebraismo e Israele, di conseguenza con tutti coloro che simpatizzano o sostengono il loro diritto all’esistenza e alla difesa, che lei perseguita dimostrando un odio probabilmente è atavico.
Ma nonostante ciò, noi non vogliamo toccare le sfortunate vicende, che in parte sono state la sua vita privata, non è cosa che riteniamo corretta, siamo ben consci della differenza che passa fra il diritto della propria privacy e quello che invece riguarda il sociale, non siamo certo noi che utilizziamo la vita e le questioni private delle persone per aggredirle e indebolirle, soprattutto quando queste persone, hanno la disavventura di risvegliare la sua rabbia, lei non si fa scrupolo di metterle alla berlina e di utilizzare nei loro confronti metodi da terrorismo mediatico, per questo motivo salteremo ogni altro indugio e tratteremo solo di ciò che oggi lei rappresenta

bottazzi giuseppe 23.02.06 15:24| 
 |
Rispondi al commento

http://orabasta.iobloggo.it/

vuoi vedere che gli hanno chiuso il sito a dacia valent ?

bottazzi giuseppe 23.02.06 15:21| 
 |
Rispondi al commento

G R A Z I E B E P P E ! IN QUESTI GIORNI STO LEGGENDO IL LIBRO DI PALDEN GYATSO E PIU' VADO AVANTI E PIU'MI FACCIO CONVINTO CHE NOI ITALIANI NON ABBIAMO PIU' LE PA...E, E' UNA STORIA INGREDIBILIE COSA HA PASSATO QUEST'UOMO, PROPRIO L'ALTRO IERI MI E' VENUTO IN MENTE DI FAR STAMPARE SU UNA "MAGLIETTA" L'IMMAGINE DI PALDEN GYATSO E ANDARCI AL LAVORO ,SONO AUTISTA DI BUS PUBBLICI DEL LAZIO, A COSTO DI RISCHIARE UN RAPPORTO DISCIPLINARE. NON SE NE PO PIU' DELLA INDIFERENZA UMANA, ANCHE IN TEMPO DI CRISI.

alberto tintisona 23.02.06 15:18| 
 |
Rispondi al commento

la candidatura di Daniele Farina alla Camera, nella circoscrizione Lombardia 1, potrebbe infatti spingere molti a votare la lista che candida il portavoce del Leoncavallo ( già consigliere in Comune di Prc) pur di liberarsene spedendolo a Roma e consentire a Prc di fare messe di voti in terreni finora estranei e ostili

bottazzi giuseppe 23.02.06 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Bravo ! Finalmente qualcuno con le idee chiare!
Il fatto è che la realtà è talmente squallida ed elementare che bastano davvero poche parole per fotografarla. Coglioni siamo noi, gente comune, dell'occidente e del mondo "islamico" che ci disprezziamo e ammazziamo strumentalizzati dai padroni del mondo che se la ridono alle nostre spalle.
SVEGLIAMOCI!!!!


Vorrei anche dirvi che il Lama Palden Gyatso ed i due giovani tibetani Sonam and Gathang stanno continuando il loro sciopero della fame , siamo al decimo giorno- se non sbaglio- nella quasi totale indifferenza della città e dei media. Ieri sera "Striscia la notizia" ha mandato in onda un servizio su di loro, ma non mi risulta che qualche altra emittente abbia fatto seguito. Trovo anche molto interessante il fatto che la città di Torino gli abbia concesso come unico spazio un ex cimitero...Bella energia no?....
E tanto chi se ne frega? Mica fanno scoppiare bombe loro.. Ma dov'è la democrazia?
E gli ideali? E poi voi trovate strano che si diventi kamikaze , o brigatisti??
Io sinceramente no...Insomma, non riusciamo a fare pressioni affinchè il CIO prenda una posizione? Torino è bellissima in questi giorni e tutti abbiamo voglia di fare festa, ma non è detto per questo che dobbiamo disattivare la nostra cocienza civile .

beatrice naretto 23.02.06 15:01| 
 |
Rispondi al commento

EMAIL A PAGAMENTO

Google ragazzi, Gooogle!

http://www.google.it/search?hl=it&hs=iOG&client=firefox-a&rls=org.mozilla:it:official_s&q=email+a+pagamento&spell=1

Max Stirner


Max Stirner 23.02.06 14:47| 
 |
Rispondi al commento

e soprattutto mi meraviglio che un messicano (neanche autoctono)

MESSICANO NEANCHE AUTOCTONO ?? COSA VUOI DIRE ?? CHE NON SONO MESSICANO O CHE NON SONO AUTOCTONO ?? E SE NON SONO AUTOCTONO NON LO SONO DI DOVE ??

citi i cognomi altrui ma nn spiega le origini del proprio.
COSA C'ENTRO IO ?? E' VERO CHE IL POST NON E' SUI COGNOMI, MA NON E' NEMMENO IM-POST-ATO SU DI ME !

Ma, oltre alla presunzione (da sempre figlia dell'ignoranza) di dire che le origini siciliane sono prevalentemente islamiche, conosci le tue di origini juan?

VEDI SOPRA !!


È stato proprio un illuminato come Federico II (tra l'altro di origini tedesche) ad aver fatto integrare pacificamente la cultura islamica in Europa. Comprendi? un TE DE SCO.

EMBE' ??? UN TEDESCO NON PUO' ESSERE UN CRETINO ??

Che lo imparino anche i seguaci di mussolini, hitler, e altri xenofobi del cavoloco me i leghisti.

MUSSOLINI SI ERA PROPOSTO COME DIFENSORE DELL'ISLAM !! C'E' PERFINO LA FOTO DOVE 'GANASCIA' IMPUGNA COME UN COTECHINO LEGATO MALE LA 'SPADA DELL'ISLAM' !!!
HITLER AVEVA COME SOSTENITORI I 'FRATELLI MUSULMANI' UN GRUPPO DI QUALCHE DECINA DI MIGLIAIA DI INTELLETTUALI CHE ESISTONO TUTTORA E HANNO COME SCOPO L'SLAMIZZAZIONE DELL'EUROPA !

Loredana Solerte 23.02.06 14:29

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

LOREDANA LOREDANAAAAAA NON FARE LA PIPI' FUORI DAL VASINO !! SIEDITI !! E GIA' CHE CI SEI PRENDI UN LIBRO DI STORIA !!

juan miranda 23.02.06 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

come tutta la sinistra a suo tempo aveva predetto, ora in irak sta succedendo il casino, la guerra civile, nuove fonti di terrorismo.....cazzo ma quei 4 imbecilli (B&B&B&A) che l'hanno iniziata, ora mandiamoli loro a bagdad....facciamogli ingoiare un barile di petrolio a testa...

e parliamo anche dei contractors (o come cazzo si scrive) quelli che la dx chiama eroi (eccheccazzo sono o non sono iscritti tutti a partiti di estrema dx?)quelli cui qualche sindaco vorrebbe intitolare le vie del paese... quelli che gridano di essere italiani.... e no cazzo... gli italiani non siete voi... voi siete mercenari ... torturatori.... feccia.... gli italiani sono quelli che aborrono le armi, quelli che entrano all'alba in stabilimento per 1000€ netti al mese, quelli che.... voi siete solo stronzi fascisti che per soldi siete disposti a torturare un essere umano.... per soldi.... fate schifo. SE QUESTI SONO GLI ITALIANI, IO NON LO SONO PIU'

TAGLIABUE AMBROGIO 23.02.06 14:30| 
 |
Rispondi al commento

come ho già postato prima, forse nn sai che uno dei cognomi maggiormente diffusi in Sicilia è Giuffrida le sue origini sono tedesche. La Sicilia e buona parte del meridionerè stata dominata e abitata anche da Svevi, Normanni, Angioini e Aragonesi.

juan, mi sa che sconosci completamente lo "stupor mundi"
Leggi la merovigliosa storia di questo grand'uomo e forse t'illuminerai un poco anche tu.

Loredana Solerte 23.02.06 12:53

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

CERTO IN SICILIA TROVI DI TUTTO, PERCHE' HANNO AVUTO DI TUTTO NELLA LORO STORIA, MA QUELLI CHE HANNO PIU' ATTECCHITO SONO GLI ISLAMICI E LA LORO BARBARIE !!
CERTO CI SONO E CI SONO STATI GRANDI PERSONAGGI, DA PIRANDELLO A FALCONE !!

juan miranda 23.02.06 13:01

innanzi tutto, da come hai risposto dubito tu conosca davvero la storia di Federico II di Svevia.
http://www.stupormundi.it/
http://spazioinwind.libero.it/popoli_antichi/Arabi/Federico2.html

se vuoi informarti meglio...

e soprattutto mi meraviglio che un messicano (neanche autoctono) citi i cognomi altrui ma nn spiega le origini del proprio. Ma, oltre alla presunzione (da sempre figlia dell'ignoranza) di dire che le origini siciliane sono prevalentemente islamiche, conosci le tue di origini juan? È stato proprio un illuminato come Federico II (tra l'altro di origini tedesche) ad aver fatto integrare pacificamente la cultura islamica in Europa. Comprendi? un TE DE SCO.
Che lo imparino anche i seguaci di mussolini, hitler, e altri xenofobi del cavoloco me i leghisti.

Loredana Solerte 23.02.06 14:29| 
 |
Rispondi al commento

@ Capitano Corelli

oh ma sei ancora qui da ieri sera??

Ma quanto ti pagano?????

umberto lusoli 23.02.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Paola Que

per fortuna quella è una delirazione tutta stelle e strisce..qualcuno che si è fatto una canna veramente pesante!! il vero problema dell'informatica ricordate è l'avvento del TRUSTED COMPUTING! Addio a Linux, al software open source! dovremo comprare solo hardware e software approvato da chi? ma solamente da Intel e Microsoft, ovvio no? Questo sì che è un pericolo! anche i film nel nuovo formato HDPC si potranno vedere solo con windows vista e schede grafiche apposite!!!
E si favorirà sempre di più la censura alla cinese!!

Roberto Corelli 23.02.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SONO DECIDASAMENTE D'ACCORDO CON TE.

MI CHIEDO QUANDO FINIRA' TUTTO QUESTO.. LA COSA CHE MI SPAVENTA E' CHE SIAMO SOLO ALL'INIZIO!!

MA NE VALE VERAMENTE LA PENA?

Francesca Ferrante 23.02.06 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Scaricate da internet il documentario americano “911 in plane site”.
Bellissimo reportage giornalistico che fa luce sugli atti terroristici dell’11 settembre.
Si dimostra in maniera inequivocabile che gli USA hanno collaborato con i terroristi.
Per il momento il documentario gira quasi in contumacia, censurato da per tutto. Ma appena sarà divulgato scoppierà una bomba clamorosa. Le vittime degli attentati USA sono già in fermento.
Incredibile!

Gianni Netti 23.02.06 14:24| 
 |
Rispondi al commento

il presente... quale presente... voi leghisti parlate di crociate e osate pure dire agli altri di guardare al presente, ma guarda tu al presente che vuoi tornare all'anno mille

Ivo Ionaria 23.02.06 14:09 |

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

NON HO SIMPATIE PER LA LEGA, MA DIRE CHE VOGLIONO FARE LE CROCIATE E CHE VOGLIONO TORNARE ALL'ANNO MILLE MI SEMBRA TROPPO !!

SE TI SEMBRA SIA LA IORIO CHE VOGLIA TORNARE ALL'ANNO MILLE HAI FATTO UN BEL PO' DI CONFUSIONE !!

juan miranda 23.02.06 14:23| 
 |
Rispondi al commento

brambilla cesarino 23.02.06 13:45

ma cosa vuoi fare con la tua pelle di daino !!
dagala al gatt

ivana iorio 23.02.06 14:21| 
 |
Rispondi al commento

ma ci rendiamo veramente conto che i nostri politici e governanti ci ritengono degli inferiori. Basta vedere i loro atteggiamenti. Io sono un giornalista e vi posso dire che è uno spettacolo ignobile. La domanda è questa: COSA POSSIAMO FARE PER CAMBIARE LA LORO MENTALITA'? Se qualcuno ha delle risposte non demagogiche potrebbe fare un grande favore a tutti.

giovanni lucifora 23.02.06 14:11 | Rispondi al commento |
Chiudi discussione
Discussione

invece di 10.000 e passa euro al mese diamogli 400 euro al mese, stai tranquillo che cambieranno tutti idea..

Roberto Corelli 23.02.06 14:13 |

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

SCUSATEMI MA PER ME SIETE SCEMI !!

VOLETE CAMBIARE LA MENTALITA' A CHI ??

A QUESTI QUI ??

QUESTI DEVONO ANDARE IN GALERA !!! ALTROCHE' CAMBIARE MENTALITA" !! CI VUOLE ALTRA GENTE, FRESCA, INGENUA, DECENTE !! QUESTI SONO RAZZIATORI !!

PS: 10.000 EURO AL MESE ?? I PARLAMENTARI SI BECCANO QUASI 30MILA EURI AL MESE !!! PIU' I CONTORNI !!

juan miranda 23.02.06 14:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ATTENZIONE
CI FARANNO PAGARE LE E-MAIL???

ho ricevuto un messaggio che mi informa di una campagna per impedire ad AOL di mettere una tax sulle e-mail,qualcuno sa qualcosa?

http://civic.moveon.org/emailtax/
CHI SA PARLI!!
ciao a tutti,paola

paola que 23.02.06 14:19| 
 |
Rispondi al commento

ORIANA FALLACI: UNA PSEUDO-INTELLETTUALE

Oriana Fallaci viene considerata da alcuni una delle più grandi intellettuali italiane. A me invece pare che questa signora si distingua soltanto per il suo razzismo e per le sue sparate intolleranti, utili per il suo portafoglio (e di quello delle imprese che le stanno dietro) perchè vende libri, ma deleterie per chi vuole ragionare seriamente ed in modo equilibrato sui problemi. Oggi ha affermato che disegnerà una vignetta islamica. L'annuncio a New York. "Raffigurerò il profeta con le sue nove mogli, fra cui la bambina che sposò a 70 anni, le sedici concubine e una cammella col burqa". Questa sarebbe una grande scrittrice. La Fallaci vende a due categorie di persone: a chi compra i suoi libri per pura curiosità; e a chi è incapace di darsi una spiegazione dei problemi e, anzichè ragionarci sopra, vede terroristi islamici da tutte le parti. I problemi non si risolve dicendo che chi è diverso da te è arretrato o ignorante, ma cercando di vedere cosa è che sta alla base dell'insofferenza. Non si può mai giustificare il terrorismo; ma è ingiustificabile anche la politica di Bush e alleati. Se tutti ragionassero come Oriana Fallaci saremmo veramente alla guerra di civiltà. Per fortuna coloro che ne dissentono sono ancora la grande maggioranza.


Il trionfo di Beppe Grillo a Roma
Più di 50.000 persone e 5 repliche. L’omaggio della Capitale al comico ribelle

di Giovanni Verardi


“La nave e’ ormai in preda al cuoco di bordo e ciò che trasmette al microfono del comandante non è più la rotta, ma ciò che mangeremo domani". S. Kierkegaard

Così Beppe Grillo, riferendosi all’Italia di oggi, ha introdotto al Palalottomatica l’ultima delle cinque serate romane del suo tour “beppegrillo.it” (anche nome del suo blog), partito da Pordenone il 25 gennaio e che si protrarrà ancora per mesi. Uno straordinario successo per il comico genovese: gli shows nella Capitale, previsti inizialmente solo nei giorni 15 e 16 febbraio, sono diventati cinque, arrivando fino al 19 febbraio. E la quinta data, a un’ora dall’apertura del botteghino, era già sold out.

Un anno tutto particolare il 2005 per Grillo. A cominciare dal riconoscimento di “eroe europeo 2005”, attribuitogli dal “Time” inserendolo nella prestigiosa classifica stilata annualmente dal giornale. Classifica nella quale in questa edizione hanno trovato posto soltanto due italiani: Grillo e Silvana Fucito, imprenditrice napoletana che guida un’associazione contro il racket della camorra.
E poi il blog. La sua pagina personale, www.beppegrillo.it, ha ormai raggiunto le 150 mila visite al giorno, al primo posto in Italia, addirittura al decimo posto nel mondo.

http://www.abitarearoma.net/index.php?doc=articolo&id_articolo=1619

Nicola Cellamare 23.02.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento

http://www.corriere.it/gallerie/2006/02_Febbraio/21/bandiere.shtml

BANDIERE DA CALPESTARE Uno studente palestinese dell'Università di al-Aqsa disegna bandiere di Paesi occidentali da calpestare (Mahmud Hams/Afp)

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

NESSUNO DICE NIENTE ?? LE VIGNETTE NO, LE BANDIERINE DA CALPESTARE SI !!

DUE PESI DUE MISURE ?? TANTA E' LA PAURA !!!

juan miranda 23.02.06 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Adesso vi lamentate,voi compagni? Come mai quando Mao conquistò il potere,gioiste?Dov'eravate quando succedeva la rivoluzione culturale? Perchè non avete protestato in piazza quando il grande timoniere consolidava il suo potere a forza di arresti ed esecuzioni capitali? Perchè invece lo inneggiavate durante le vostre riunioni e comizi,come fulgido esempio di vero benefattore dell'umanità? Avete forse protestato negli anni 50 quendo esso decise di invadere ed annettere il Tibet? No,vero? Ed ora ne dite peste e corna? Ma come,non è più la Cina il vostro ideale di socialismo reale? Mi dispiace,ma (per i motivi appena elencati) tra tutti gli uomini liberi,voi compagni siete gli ultimi che hanno il diritto di criticare la Cina ed il suo operato.Saluti

Paolo Tambarlotto 23.02.06 14:13| 
 |
Rispondi al commento

EHMMM...MA IO MI CHIEDO..MA IN GIRO PER IL MONDO C'E QUALCUNO CHE SI PREOCCUPA COME NOI CI PREOCCUPIAMO PER GLI ALTRI,DI NOI..
CIOE' MA SIAMO SOLO NOI ITALIANI CHE CI SPACCHIAMO IN 4 PER PAESI DISTANTI MIGLIAIA DI KM..CHE DI NOI L'UNICA CHE CONOSCONO E QUALCHE MAGLIETTA DI SQUADRA DI CALCIO..
MA GRILLO ..MA...VOGLIAMO SMETTERLA CON QUESTO BUONISMO CHE L'UNICO EFFETTO CHE HA E DI BUTTARE ALTRI INGREDIENTI IN QUELLA MINESTRA..IN QUESTO CASINO CHE STIAMO VIVENDO IN QUESTO PERIODO
PREELETTORALE...
PRIMA FAI UN POST SUL LAVORO IN ITALIA.E POI TI METTI A PARLARE DEL TIBET...
TANTO QUALSIASI POST CHE FAI FINISCE IN POLITICA..E TUTTI AD INSULTARCI.CHISSA IN QUESTO MOMENTO COSA STARA' FACENDO UN TIBETANO????
MAGARI STARA' PENSANDO QUANTO GLI HANNO FATTO SOFFRIRE I COMUNISTI CINESI..MAGARI STARA' PENSANDO CHE BELLO SE IL COMUNISMO NON FOSSE ESISTITO..
MA SCUSA UN'ATTIMO PARLI DI UN PAESE ACCUPATO..PER PARLARE DI QUESTO NON OCCORRE GUARDARE 5MILA KM DISTANTE,BASTA CHE GUARDI DOVE I COMUNISTELLI ITALIANI HANNO SEMPRE FATTO FINTA DI NON SAPERE,BASTA CHE GUARDI QUA VICINO DOVE PRODI QUANDO ARRIVA IN BICICLETTA ,CON QUEL SORRISETTO STAMPATO SULLA FACCIA DEL TIPICO ITALIANO EBETE..CHE SI STA PER FAR INCHIAPPETTARE..
GUARDA IN ISTRIA ,REGIONE ITALIANA ACCUPATA DAI SLAVI..
PREOCCUPATEVI PER NOI ISTRIANI..PRIMA CHE DEL TIBET..DATO CHE SIETE CONTRO GLI INVASORI...

pietro lascala 23.02.06 14:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TOP 44! su:
http://medica.altervista.org/

dite la vostra

Matteo Bressan 23.02.06 14:12| 
 |
Rispondi al commento

ma ci rendiamo veramente conto che i nostri politici e governanti ci ritengono degli inferiori. Basta vedere i loro atteggiamenti. Io sono un giornalista e vi posso dire che è uno spettacolo ignobile. La domanda è questa: COSA POSSIAMO FARE PER CAMBIARE LA LORO MENTALITA'? Se qualcuno ha delle risposte non demagogiche potrebbe fare un grande favore a tutti.

giovanni lucifora 23.02.06 14:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Carlo Giusti

e dato che la TAV si fa punto e basta, dove trova il Mortadella i soldi? se al 99,9999% farà pure lo stretto di Messina dove va a beccare i soldi? da NOMISMA???

Roberto Corelli 23.02.06 14:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mario Gabrielli Cossellu @@@@@@@@@@@@

La sua riflessione mi sembra un poco faziosa e forzata, soprattutto per quanto riguarda il discorso partecipazioni. A differenza delle olimpiadi " classiche " le olimpiadi invernali si svolgono in un ambiente che richiede determinate caratteristiche: vedi NEVE E FREDDO.

Senza andare a cercare sempre motivazioni dietrologiche ed economiche ( che pure esistono ) bisogna comunque tenere conto soprattutto di questo fattore, mi spiego meglio, non mi sembra scandaloso che non ci siano atleti del Ciad, della Nigeria o dell'Etiopia ( non a caso )visto che in queste nazioni ( come in mole eltre che non sto ad elencare )è praticamente impossibile praticare sport invernali; e purdove fosse possibile molte volte questi sport sono ignorati perchè non appartenenti alla cultura di questi paesi.

Altro discorso invece per quanto riguarda le olimpiadi classiche dove nelle specialità dei salti e del fondo e mezzo fondo e della velocità gli atleti di questi stati la fanno praticamente da padroni.

Purtroppo non credo più a Babbo e alla Befy, non sto però a contestare tutto a prescindere, nessuno dice niente delle iniziative benefiche delle multinazionali ( ce ne sono molte anche in Italia e la Coca Cola è in primo piano ) ci si ricorda solo di boicottarle ( come se facesse la differenza un paio di milioni di bottiglie di Coca in più o in meno, pensando ad un boicottaggio in grande scala, per le casse di questi giganti ).

Andrè Linoge 23.02.06 14:08| 
 |
Rispondi al commento

...Mi sono chiesto dove andrà a pescare, il Professore, tutti questi soldi...

ivana iorio 23.02.06 13:53

Secondo dove sarebbe andato a prenderli Berlusconi dato che ha fatto una proposta non lontana da questa???

Dalle stesse tasche da cui ha prelevato per le fantasmagoriche opere epocali, che noi pagheremo durante la prossima legislatura qualunque essa sia.

Intanto Bankitalia continuerà il suo lavoro di "emissione di banconote false-legalizzate" e il debito pubblico s'impenna

Carlo Giusti 23.02.06 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Alcuni anni fa qualcuno osò dire che la Terra girava intorno al Sole... sto depravato, avremmo dovuto bruciarlo vivo, invece gli abbiam fatto vedere la sala delle torture e lui, ormai vecchio e stanco ha abiurato.

Eh già, siamo forti noi cristiani... datemi il 5 anzi il 3!

Tor Quemada 23.02.06 13:59 |
************************************************

a sto punto parliamo di rapporti del vivere civilmente tra gli abitanti delle caverne adiacenti !!
ma guarda al presente !!!

ivana iorio 23.02.06 14:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono italiana e sono buddhista tibetana, il mio maestro è stato costretto alla fuga dalla "sua casa" dalla terra nella quale tutta la sua famiglia ed il suo popolo ha vissuto per chiedere asilo in India con un viaggio di 2 settimane a piedi (viaggio durante il quale molti sono morti) eppure non ce l'ha con i cinesi (che cmq hanno ucciso o costretto ad uccidere monaci uomini donne e bambini) perchè dice grazie a questo il resto del mondo ha potuto conoscere la cultura tibetana. In molti dei vostri messaggi non leggo compassione, ma solo durezza e disprezzo, chiedetevi cosa fareste se ora l'Italia venisse occupata se non potessimo più dire ad alta voce Italia libera o Viva il nostro Presidente della Repubblica o portare in mano una sua foto o pregare perchè rischieremmo anni nei campi di rieducazione mentale e vorrei che scambiaste due chiacchiere con chi vi è stato. Se foste costretti alla fuga da un paese con il nostro clima mite per vivere per forza sui ghiacciai del Polo Nord (perchè molti tibetani non sono riusciti ad ambientarsi al clima dell'India)dove non esistono scuole che parlano la vostra lingua ed insegnano la vostra religione cosa fareste? Ogni giorno cerco di fare del mio meglio per questa causa, per la bambina tibetana che ho adottato in India e perchè aiutare il prossimo mi stampa un sorriso quasi ebete in faccia ogni giorno.

claudia cannnatà 23.02.06 14:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sì bravo, ecco che se intervengono i soldati americani o italiani poi si tratta dei soliti sporchi fascisti che ce l'hanno con quei poveracci..
almeno così si scannano da soli e non possono dare nessuna colpa agli italiani no??

Roberto Corelli 23.02.06 14:04| 
 |
Rispondi al commento

@Antonio amati 23.02.06 12:08

Domanda retorica, vero? E' Ovvio che non siamo capaci e che siamo viziati e coccolati come ai tempi della Roma antica. Panem et circenses, dicevano, cibo e giochi per tenere sopite le coscienze. E sai una cosa? Funziona da duemila anni, salvo periodici scioperi...

Vanni D'Este 23.02.06 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Le vittime sono state crivellate a colpi di arma da fuoco
Uccisi tre giornalisti di Al Arabiya. Si apre la crisi del governo
Iraq, sciiti contro sunniti
E' guerra: almeno 130 morti
A Baquba bomba contro l'esercito: 12 soldati trucidati
Coprifuoco, forze di sicurezza in stato di massima allerta

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

BRAVI SCANNATEVI FRA DI VOI !!!

juan miranda 23.02.06 13:59| 
 |
Rispondi al commento

O.T.
Ma se è vero che con l'euro e i lavori temporanei ci siamo impoveriti tutti, come si spiega questo?

http://www.repubblica.it/2006/b/sezioni/politica/berincassa/berincassa/berincassa.html

Elena Bianchi 23.02.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ANTONIO DI PIETRO, NON TI SERVE IL FILTRO: MOSTRI VIEPPIU' IL SEDERINO NUDO+++++++++++
+
www.ricostruire.it
e scoprirai il dolore del "Legalitario" a tanto a mese. Forna una "promessa" al giorno, ma in questi anni dove sei stato ?

Prospero Pirotti 23.02.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento

IL 10 MAGGIO 1939 MARTE E' FASCISTA!

Sopra un prototipo di missile tedesco
con sei gallette cadauna come desco
i nostri eroi van dritti al cuor della marziana
le verdi antenne al nostro duce piegherai.

Fascisti su marte
rosso pianeta bolscevico e traditor.
Fascisti su marte
con un moschetto
e un me ne frego dentro al cuor.
Siam incredibili
siam sommergibili
siamo gli ignifughi
gli irrevocabili
conquistator
col sangue e con l’odor
ed anche a questi alieni
ora le reni spezzerem.

Fascisti su marte
pianeta rosso aspetta che veniam da te.
Fascisti su marte
noi ti daremo al nostro duce e al nostro re.
Siam incredibili
siam sommergibili
siamo gli ignifughi
gli irrevocabili
conquistator
il mondo ha il nostro odor
ed anche a questi alieni
ora le reni spezzerem.

Fascisti, fascisti
su marte fascisti!

Jules Bonnot 23.02.06 13:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egregio direttore, incredibile, anzi incredibilissimo! Alle ore 20 al telegiornale di Rai1, notizia bomba da Napoli: il Professor Prodi ha tolto la spoletta dal micidiale ordigno ed ho udito una tremenda deflagrazione. Se vincerà le elezioni, ai nuovi nati concederà un bonus di euro 1500,00. A tutti gli studenti fino a 18 anni di età, che frequentano la scuola, 500,00 al mese. Mi sono chiesto dove andrà a pescare, il Professore, tutti questi soldi. Non ho impiegato troppo tempo a trovare la risposta: adottare il sistema infallibile del professore Amato, cioè rapinare i conti correnti dei risparmiatori, come avvenne con il 6/1000.
************************************

ivana iorio 23.02.06 13:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma quanto sei ridicolo.... cioè secondo te sarebbe + importante parlare dei turisti che hanno sborsato qualche euro in più x vedere l'olimpiade piuttosto che parlare di gente che muore o che vive in modo schifoso mentre noi discutiamo? vergognati fai proprio schifo...

andrea barbieri @@@@@@@@@@@@ò

Ecco bravo così si parla, però impara anche a leggere così non fai figuracce.
Mi scuso se il linguaggio del mio post era comprensibile solo a persone dotate di uno o più neuroni, d'altronde più terra terra di così non so scrivere.

E nonostante il mio impegno c'è sempre qualche sottosviluppato che non capisce, MA COSA SEI UN PARAMECIO??


Andrè Linoge 23.02.06 13:51| 
 |
Rispondi al commento

OOHHHHHHH !!! FINALMENTE HAI DETTO QUALCOSA DI INTELLIGENTE !! IL CRISTIANESIMO IN PARTICOLARE IL CATTOLICESIMO NON E' NE' PIU' NE MENO COME L'ISLAM ! HANNO LE STESSE RADICI, LO STESSO LIBRO LO STESSO ANTIFEMMINISMO, LA STESSA INSANA VOGLIA PER I BAMBINI, LA STESSA STRUTTURA SOCIALE: IL DOMINIO DEI PRETI !!

SE CI FOSSERO LE CONDIZIONI SOCIALI CHE GLIELO PERMETTSSERO, SE NON CI FOSSE STATO L'ILLUMINISMO, MAZZINI, NAPOLEONE E LE LOTTE DEI NOSTRI PADRI E DELLE NOSTRE MADRI NEGLI ANNI 60/70, QUESTI CRIMINALI PEDOFILI VATICANI SAREBBERO TALI E QUALI I LORO FRATELLI ISLAMICI !!

juan miranda 23.02.06 13:46

Il tuo problema è che gli vuoi sparare per fargli capire, altrimenti la penseremmo allo stesso modo.

Leonardo Conti P.R.C. 23.02.06 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Concordo e aggiungo che sostenere valori positivi non deve necessariamente coincidere con il disfattismo. Peccato, quando Beppe fà così si comporta nello stesso modo di Berlusconi quando ci dice che va tutto bene. OK, il mondo è pieno di ingiustizie ma questo non è un motivo per non divertirsi.

giovanni leonardi 23.02.06 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Ma pensi che la cultura cristiana rispetto alle donne sia molto diversa da quella islamica?
Ti illudi se non era per l'illuminismo e il movimento femminista la nostra situazione sarrebbe stata poco diversa.

Leonardo Conti 23.02.06 13:38

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

OOHHHHHHH !!! FINALMENTE HAI DETTO QUALCOSA DI INTELLIGENTE !! IL CRISTIANESIMO IN PARTICOLARE IL CATTOLICESIMO NON E' NE' PIU' NE MENO COME L'ISLAM ! HANNO LE STESSE RADICI, LO STESSO LIBRO LO STESSO ANTIFEMMINISMO, LA STESSA INSANA VOGLIA PER I BAMBINI, LA STESSA STRUTTURA SOCIALE: IL DOMINIO DEI PRETI !!

SE CI FOSSERO LE CONDIZIONI SOCIALI CHE GLIELO PERMETTSSERO, SE NON CI FOSSE STATO L'ILLUMINISMO, MAZZINI, NAPOLEONE E LE LOTTE DEI NOSTRI PADRI E DELLE NOSTRE MADRI NEGLI ANNI 60/70, QUESTI CRIMINALI PEDOFILI VATICANI SAREBBERO TALI E QUALI I LORO FRATELLI ISLAMICI !!

juan miranda 23.02.06 13:46|