Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

No comment


schermo.jpg

"Il New Labour deve riconoscere che Berlusconi è il diavolo".
Martin Jacques
16/3/2006
The Guardian

" Non dovremmo essere sorpresi che il New Labour sia stato coinvolto in uno scandalo a causa di Silvio Berlusconi. C’è qualcosa di totalmente prevedibile in ciò. Tony Blair fu felice di avere Berlusconi, insieme con il precedente primo ministro José Maria Aznar, come alleato al tempo della rottura tra Europa e Stati Uniti, nei mesi precedenti all’invasione anglo-americana dell’Iraq. Ha visto in Berlusconi un valido alleato per la sua politica estera pro-Bush. Infatti, è stato più vicino a Berlusconi di altri leader di centro sinistra come il precedente cancelliere tedesco Gerhard Schröder. Questo senso di affinità ha perfino assunto una dimensione personale e familiare, con l’ospitalità data da Berlusconi alla famiglia Blair durante le vacanze. Blair ha chiaramente un rapporto politico e personale con Berlusconi e questo ha influenzato il New Labour: Berlusconi è considerato un uomo con cui si può fare business.
Ciò disturba profondamente. Come può il New Labour valutare Berlusconi in questa luce? Come è possibile che non veda e rifletta sulla maligna influenza che ha sulla democrazia italiana? Berlusconi è il fenomeno politico più pericoloso in Europa. Rappresenta la più seria minaccia alla democrazia nell’Europa occidentale dal 1945.

Si potrebbe obiettare che l’estrema destra rappresentata da figure apertamente razziste e xenofobe come Jean-Marie Le Pen e Jörg Haider sia un pericolo ancora maggiore, ma queste figure sono marginali nella scena politica europea. Berlusconi non lo è. La democrazia si basa sulla separazione tra i diversi poteri: politico, economico, culturale e giudiziario.
La proprietà da parte di Berlusconi dei maggiori canali televisivi, e il suo controllo della RAI durante il suo Governo, insieme con la sua volontà di utilizzare il potere dei media per le sue ambizioni politiche, hanno minato la democrazia. Egli ha anche cambiato le leggi a suo piacimento, grazie alla sua maggioranza in Parlamento, per proteggere i suoi interessi personali e sottrarsi ai tribunali.

La connessione tra Berlusconi e il fascismo italiano non è difficile da decifrare. C’è sempre stata una tendenza ad aspettarsi che il fascismo ritornasse nella sua vecchia forma, ma questo non è mai stato il vero pericolo. Quello di cui dobbiamo avere paura è il ripresentarsi del fascismo in una nuova veste, tale da riflettere le nuove condizioni globali economiche e culturali del nostro tempo unite alle tradizioni nazionali. Berlusconi è precisamente questa figura. Egli tratta la democrazia con disprezzo: ogni volta cerca di minarla, di distorcerla e di abusarne. Non ha rispetto per i pilastri indipendenti dell’autorità, ed accusa i giudici di essere i tirapiedi dell’opposizione, descrivendoli come “comunisti”. Con il suo indiscriminato assalto a chiunque lo ostacoli, ha avvelenato la vita pubblica italiana. Egli discende da Mussolini.
L’errore del New Labour di riconoscerlo, peggio ancora di essergli amico, considerarlo un alleato, accettare la sua munificenza e la sua ospitalità, non può essere liquidato come un errore. Riguarda la visione mondiale e la capacità di giudizio politico del New Labour e di Blair.
Tessa Jowell non è una politica innocente. E’uno dei membri del Gabinetto. E’ stata a lungo una “Blairite” con una relazione di fiducia con il primo ministro. Ha lealmente sposato le sue posizioni nei confronti di Berlusconi come di una figura con cui fare affari. Può aver conosciuto o meno i dettagli degli affari di suo marito, ma sicuramente sapeva dei suoi contatti con Berlusconi, che lo aveva aiutato con consulenze fiscali ed assistito nei suoi tentativi di resistere ai giudici. E, senza dubbio, Jowell non vedeva nulla di sbagliato in questo. Dopo tutto, Berlusconi aveva la benedizione del suo primo ministro, egli era “dalla nostra parte”.
Ma Berlusconi è un uomo pericoloso con cui si può rimanere intrappolati. Il suo partito, Forza Italia, ha lavorato instancabilmente per assicurarsi l’eredità dei voti della mafia provenienti dalla Democrazia Cristiana.
I suoi tentacoli finanziari hanno abusato e sfigurato la vita politica italiana. Berlusconi considera la legge malleabile, negoziabile e corruttibile.

Il problema è che Blair e il New Labour non hanno mai riconosciuto che Berlusconi è il diavolo. Invece lo hanno trattato da amico ed alleato. Non hanno mai compreso, o non si sono curati a sufficienza, della minaccia tossica che rappresenta per la democrazia italiana ed europea. Ci sono due ragioni per questo. La prima è che è visto come un amico comune di Bush e di Blair. La seconda e che alcuni valori da lui rappresentati: ricchezza, celebrità e potere, sono quelli a cui Blair aspira e ammira. Il New Labour condivide alcune caratteristiche con Berlusconi, un culto del business e del dell’arricchimento, il credere nel potere dei media e un disprezzo per la sinistra. Noi stiamo assistendo a un lento degrado della democrazia europea, del quale Berlusconi è la più estrema e perniciosa espressione, ma della quale il New Labour, in una forma più leggera, è in parte causa e in parte conseguenza.

Quando il processo italiano andrà avanti, non ci sono dubbi che altre rivelazioni verranno alla luce. Qualunque cosa David Mills abbia fatto o non fatto non può essere visto come responsabilità di Jowell, Blair o del New Labour. Ma il fatto che il New Labour abbia accettato una così insidiosa influenza politica ha, senza alcun dubbio, aiutato a persuadere Mills che Berlusconi fosse un cliente accettabile e Jowell che non ci fosse nulla di sbagliato nel fatto che suo marito fosse in relazione con lui e con i suoi affari. Per questa ragione il primo ministro deve assumersi la responsabilità principale. Così come per l’Iraq, Blair è colpevole di un monumentale errore politico. La posta in gioco è la democrazia in una delle più grandi nazioni europee e, di conseguenza, la salute del governo europeo".

19 Mar 2006, 20:36 | Scrivi | Commenti (1693) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

MA OGGI E' UN ALTRO GIORNO...
di Rino Scribano

Prima la Camera ed il Senato della Repubblica, poi il Quirinale e Palazzo Chigi.
L'onda rossa che invade a macchia d'olio le Istituzioni del Belpaese, sta occupando tutto ciò che le si para davanti!

Ma è giusto che vada così: in un sistema bipolare, chi vince, anche per un solo voto, "piglia tutto"! Pur vero è che, per il Presidente della Repubblica, si poteva fare un'eccezione alla ferrea regola della spartizione mono-colore e seguire il "metodo della condivisione".

Ma va bene così! (...)

Oggi sono di moda gli "ex": ex comunisti, ex stalinisti, ex sindacalisti, ex maschi, ex no-global, insomma "ex"(...)

Domani, grazie a tutti questi "ex", potremo sicuramente confidare in una giustizia più giusta, vivere in una società migliore, in una sanità che funziona, in una pubblica amministrazione al servizio dei cittadini, in una scuola pubblica più efficiente ed efficace, in una emittenza radiotelevisiva effettivamente libera, in uno stato laico, moderno ed oculato al punto tale che il debito pubblico sarà solo il triste ricordo della tirannia-berlusconiana e ci saranno, in ogni dove, fontane che danno... benzina.

Ma quel che più conta è che avremo - deus gratia - una più equa ripartizione della ricchezza: tutti pagheranno le tasse, tutti avranno un posto di lavoro fisso.

L'operaio, in barba ad ogni sorta di cuneo fiscale o di chissà quale altra diavoleria, vedrà finire in busta paga gran parte degli utili realizzati dall'azienda per cui lavora, e poi, proprio dalla Presidenza della Repubblica e dalle due Camere, partirà la vera rivoluzione degli "ex": un impiegato pubblico percepirà, finalmente, lo stesso stipendio del collega che - sotto il regime-berlusconi - per il solo fatto di svolgere quelle stesse identiche mansioni al Quirinale, a Palazzo Madama o a Montecitorio, guadagnava ben quattro volte tanto!

Oggi è davvero un altro giorno...

Rino Scribano 12.05.06 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Per la serie: "Chi va con lo zoppo impara a zoppicare"

laura angeletti 12.05.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici,
scusatemi se forse vado fuori tema, ma non posso fare a meno di esprimermi:

Il recente “bon mot” di Berlusconi (consentitemi di non chiamarlo “onorevole”, il termine non gli si addice) mi ha offeso ancora una volta, ma non me ne risento più di tanto, considerato che ormai da anni, con toni denigratori, mi definisce “komunista”, mi dice che sono un fesso perché pago le tasse, ed ultimamente mi ha detto che la mia esistenza, per il mio Paese, è stata solo una palla al piede...
Quello che più mi ha scandalizzato, invece, sono stati i calorosi applausi che quella platea ha tributato a quelle tristi volgarità.
Un pubblico attento, serio e dignitoso avrebbe accolto quelle scurrilità con un silenzio di gelo, e non le avrebbe accettate nemmeno quale “ironia rozza ma efficace”.
Quegli spettatori plaudenti hanno dimostrato di essere un’accolita di bottegai, magliari, mafiosi, mezzani, osti e pizzicaroli, sicuramente convinti forzitalioti, fra i quali tali elementi non mancano.
E Berlusconi, al loro cospetto, ha dimostrato di trovarsi a suo agio, avendone lo stesso spessore morale e lo stesso livello culturale.
Spero che qualche adepto di Berlusconi - numerosi su questo blog - vorrà replicare.
Cordiali saluti.
Roberto Sega

roberto sega 06.04.06 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Credo dobbiate eliminare anche la lista di Di Pietro tra quelle pulite. Vi invito a controllare la situazione del candidato Vincenzo Iannuzzi, che occupa il secondo posto nella lista per il Senato, regione calabria. Iannuzzi, sindaco di un paesino calabrese da 40 anni, ha riportato numerose condanne passate in giudicato.

Pino Damis 03.04.06 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Basta parlare di Berlusconi, sono 10anni che ci si accanisce sulla persona, invece praliamo di PROGRAMMI!.... è sotto l'occhio di tutti che la sinistra vuole TASSARE dove e come fu al governo i ceti medi... perchè?
Perchè sono quelli a cui è FACILE prenderli..DITE QUESTO!
Bot-cct- estimi catastali--MA PARLATE DI QUESTO!
Mio padre mi lascia la casa e io che guadagno 1300€ e come la pago sta TASSA..ma le vuogliamo dire ste cose?
Eh..Berlusconi, Berlusconi..e basta!
Dicono l'evasione..GIUSTO, ma intanto tocca prenderli, e certo che se uno evade mica li nasconde sotto il cuscino, poi tocca farsi dare i soldi..e se quelli sono andati in Svizzera?--Come lo fininazi il cuneo con gli evasori? SVEGLIATEVI, so già che dalla mia busta paga questi mi toglieranno DENARO... parlate di questo, la gente non vive di Berlusconi ma del domani... e così i Ricchi rimarranno ricchi i poveri sempre poveri e quelli che hanno un pò di risparmio e una casa (ceti medi) entreranno nell'hip-parade di quelli poveri..una bella forbice...QUESTO E' quello che c'interessa--No PRODI e BERLUSCONI... parlate della gente.

Roberto Maggioni 01.04.06 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ti scrivo (così mi ri-incazzo un po'), vabbè, scherzi a parte, vorrei dire la mia sul comportamento tenuto da Ciampi durante questo governo e specialmente nel corso di questa campagna elettorale vergognosa.
In una repubblica parlamentare, tra le poche cose che il Capo dello Stato può (e deve) fare ci sono: garantire il rispetto della Costituzione, l'autonomia dei tre poteri (governo, parlamento e magistratura) pronunciarsi quando le regole democratiche vengono calpestate e far sì che l'immagine della Nazione che egli rappresenta di fronte al resto del mondo non sia sputtanata (eventualmente richiamando al'ordine certi politici dai comportamenti, come dire... "creativi"?).
Non voglio mettere in dubbio il suo atteggiamento "super partes" (credo che sarebbe vilipendio) ma, in pratica, cosa fa di concreto il nostro Azeglio, oltre a ripetere dichiarazioni del tipo "vogliamoci bene, siamo tutti italiani"?
Leggo sulla stampa di oggi che Ciampi "...liquida con un colpo solo l’incidente con Pechino e il Cavaliere. «Lasciamo perdere le polemiche legate a fatti transeunti dell’Italia», ha dichiarato il Presidente della Repubblica". Come dire "so' ragazzi!".
Questo come si chiama, nirvana, ignavia o cosa? Limitarsi a fare la bandiera vivente mi sembra un po' pochino da parte sua.
Comunque se la destra vince e il nano si decide a inseguire il suo sogno nel cassetto (cioè il Colle), avremo certo un presidente molto più dinamico: intanto perché passeremo alla repubblica presidenziale e poi perché te l'immagini l'elefantino al Quirinale a distribuire parole di saggezza "super partes"?
Ciao.

Pietro Cavalli 30.03.06 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ti scrivo (così mi ri-incazzo un po'), vabbè, scherzi a parte, vorrei dire la mia sul comportamento tenuto da Ciampi durante questo governo e specialmente nel corso di questa campagna elettorale vergognosa.
In una repubblica parlamentare, tra le poche cose che il Capo dello Stato può (e deve) fare ci sono: garantire il rispetto della Costituzione, l'autonomia dei tre poteri (governo, parlamento e magistratura) pronunciarsi quando le regole democratiche vengono calpestate e far sì che l'immagine della Nazione che egli rappresenta di fronte al resto del mondo non sia sputtanata (eventualmente richiamando al'ordine certi politici dai comportamenti, come dire... "creativi"?).
Non voglio mettere in dubbio il suo atteggiamento "super partes" (credo che sarebbe vilipendio) ma, in pratica, cosa fa di concreto il nostro Azeglio, oltre a ripetere dichiarazioni del tipo "vogliamoci bene, siamo tutti italiani"?
Leggo sulla stampa di oggi che Ciampi "...liquida con un colpo solo l’incidente con Pechino e il Cavaliere. «Lasciamo perdere le polemiche legate a fatti transeunti dell’Italia», ha dichiarato il Presidente della Repubblica". Come dire "so' ragazzi!".
Questo come si chiama, nirvana, ignavia o cosa? Limitarsi a fare la bandiera vivente mi sembra un po' pochino da parte sua.
Comunque se la destra vince e il nano si decide a inseguire il suo sogno nel cassetto (cioè il Colle), avremo certo un presidente molto più dinamico: intanto perché passeremo alla repubblica presidenziale e poi perché te l'immagini l'elefantino al Quirinale a distribuire parole di saggezza "super partes"?
Ciao.

Pietro Cavalli 30.03.06 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ti scrivo (così mi ri-incazzo un po'), vabbè, scherzi a parte, vorrei dire la mia sul comportamento tenuto da Ciampi durante questo governo e specialmente nel corso di questa campagna elettorale vergognosa.
In una repubblica parlamentare, tra le poche cose che il Capo dello Stato può (e deve) fare ci sono: garantire il rispetto della Costituzione, l'autonomia dei tre poteri (governo, parlamento e magistratura) pronunciarsi quando le regole democratiche vengono calpestate e far sì che l'immagine della Nazione che egli rappresenta di fronte al resto del mondo non sia sputtanata (eventualmente richiamando al'ordine certi politici dai comportamenti, come dire... "creativi"?).
Non voglio mettere in dubbio il suo atteggiamento "super partes" (credo che sarebbe vilipendio) ma, in pratica, cosa fa di concreto il nostro Azeglio, oltre a ripetere dichiarazioni del tipo "vogliamoci bene, siamo tutti italiani"?
Leggo sulla stampa di oggi che Ciampi "...liquida con un colpo solo l’incidente con Pechino e il Cavaliere. «Lasciamo perdere le polemiche legate a fatti transeunti dell’Italia», ha dichiarato il Presidente della Repubblica". Come dire "so' ragazzi!".
Questo come si chiama, nirvana, ignavia o cosa? Limitarsi a fare la bandiera vivente mi sembra un po' pochino da parte sua.
Comunque se la destra vince e il nano si decide a inseguire il suo sogno nel cassetto (cioè il Colle), avremo certo un presidente molto più dinamico: intanto perché passeremo alla repubblica presidenziale e poi perché te l'immagini l'elefantino al Quirinale a distribuire parole di saggezza "super partes"?
Ciao.

Pietro Cavalli 30.03.06 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, volevo solo mettere un piccolo quesito nel blog riguardante l'uscita de "IL CAIMANO".
Il fatto che Forza Italia abbia comprato in una città i biglietti, impedendo a chi volesse, di guardare il film, si potrebbe definire CENSURA??
O il fatto che le multisala Medusa, almeno quello della mia città di Salerno, non abbiano nemmeno messo il film in proiezione, ma si può solo vederlo in piccoli cinema di provincia, non è forse una forma di censura anche questa?? E poi dicono che siamo uno stato democratico!!
Forse da adesso esiste uno stato di regime democratico!!!
Ciao e grazie

mariano contrisciani 28.03.06 12:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao beppe se posso chiamarti cosi io mi chiamo Anna utilizzo l'email della mamma sono una ragazza disabile leggo con molta attenzione quello che scrivi e mi piace moltissimo vorrei poter essere tua amica ed atraverso te fare sentire la mia voce i miei problemi se sono di disturbo dimmelo mi ritirerò ma comunque tu continua cosi sei mitico
ciao Anna

carla airoldi 27.03.06 22:30| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo
Mi preme ricordare la vicenda di trenta famiglie di Roma sfrattate(tra cui la mia). La documentazione è già stata inviata più volte in allegato. Queste famiglie dopo una vita trascorsa in immobili ex I.N.A. (Istituto Nazionale Asssicurazioni) avevano avuto assicurazioni dall'istituto che le case sarebbero state vendute alle persone che le abitano da decenni e decenni. Stranamente, sono state vendute a Tronchetti Provera, il quale, a sua volta le ha rivendute ad otto società(scatole cinesi?). Ora vogliono sfrattare gli attuali inquilini, oppure venderle a 10.000 euro al mq. ( impossibile comprare ) dopo aver tolto loro il diritto di prelazione. Quindi gli stessi vedono svanire il loro diritto di comprare la casa, alle condizioni che l’I.N.A. e la stessa Pirelli avevano assicurato.Beffa delle beffe, hanno ricevuto l'avviso di sfratto. Sappiamo che la cosa sta particolarmente a cuore, in quanto trattasi di diritti calpestati, della salute e della tranquillità di persone ultra ottantenni che vi abitano, aprendosi grosse problematiche per tutti i nuclei familiari formatisi nel corso degli anni .Confidiamo in un interessamento alla vicenda, affinchè trionfi la giustizia. Il problema siconoscebene, ma essere sfrattati per motivi speculativi è un grave delitto.
invio mie cordialità

eros boffi 27.03.06 19:52| 
 |
Rispondi al commento

lettera di un genovese, il signor Franco Bellè, a Berlusconi:
" Egregio Cavaliere,
Lei è venuto a Genova e non si è trovato bene, Genova non la ama e lei non ama Genova, ma forse le è sfuggito il perchè e vorrei spiegarglielo.

Qui, da noi, la pubblicità non funziona granché, amiamo le cose concrete, solide, che si possono toccare, i discorsi li lasciamo agli
altri guardiamo i fatti, e i suoi non sono granché.

La nostra storia parla per noi: andavamo in giro per il mondo quando il
resto d'Europa viveva nei villaggi, siamo multiculturali e multietnici
da 1000 anni e il nostro dialetto riporta molte parole arabe senza che
gli arabi ci abbiano mai dominati, semplicemente ci piacevano e le
abbiamo adottate. Valutiamo le persone per quello che sono e per quello
che fanno, non dal colore o dalla religione. Qui è nata la grande
industria con i grandi capitalisti, quelli di una volta, i galantuomini
che rischiavano i soldi loro e non quelli degli azionisti e che alla
fine, magari, lasciavano il patrimonio alla città o fondavano ospedali.
Qui è nato il socialismo, le società di mutuo soccorso, la solidarietà.

Genova ha cacciato, prima in Italia, i nazisti che solo in questa città
hanno firmato la resa. Qui i missini, molto diversi dai finiani dei
giorni d'oggi, hanno voluto provocare e mal glie ne incolse.

Non abbiamo preconcetti, mettiamo alla prova le persone, le valutiamo
dai fatti e poi decidiamo. E abbiamo deciso che Lei non ci piace, non
per quello che è ma per quello che fa o che fa male.

Nessuno ha organizzato agguati o sommosse, semplicemente le abbiamo
fatto capire che non ci piace".
Franco Bellè

Alfonso Barbàra 27.03.06 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Non sò se Berlusconi ha commentato tale articolo,
ma posso anticipare le sue parole
"Sono tutti comunisti, è un complotto Inglese contro la Democrazia, sono turisti della democrazia"

Andrea Rossi 27.03.06 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e ciao a tutti.

Premetto che volevo postare sul Muro del Pianto ma inspiegabilmente ottengo "errore 104"; sicuro che non ti stiano dando noie?

Alexander Lukashenko è stato definito "l'ultimo dittatore d'Europa". Ma siamo sicuri che non si siano dimenticati di qualcuno?
Perché dittatori lo si è nel profondo, nell'animo, i mezzi che si adottano per impossessarsi del potere e conservarlo possono variare: dal momento che l'Italia è un Paese all'avanguardia, non sarebbe più possibile qui una dittatura fondata sulla forza bruta: non sono più i tempi. Fossimo almeno negli anni '70, quando il nano malefico aderiva al "Piano Rinascita" della loggia P2 (leggi: "golpe") o quando stabiliva accordi con Cosa Nostra per diventare il Signor TV... Ma ora siamo un paese moderno, che cavolo. Eppure...
Eppure nemmeno nella Bielorussia di Lukashenko (nazione poverissima), nemmeno nel Terzo Mondo esiste un premier che ogni giorno spari delle c....te tali da far fare al proprio paese una simile, interminabile sequela di figure di m.... a livello mondiale.
Nemmeno Mussolini, nemmeno Hitler (la cui psicopatia è storicamente accertata), neppure Pol Pot è arrivato a fare affermazioni talmente deliranti. Per lo meno stavano attenti a ciò che dichiaravano in pubblico.
L'ultima (ma devo aggiornarmi sul sito dell'ANSA) è che nella Cina di Mao i bambini non li mangiavano, li bollivano per farne concime per i campi (e chi non ci crede si legga "Il Libro Nero del Comunismo", ed. Mondadori, 2000). Ah, dimenticavo che Fassino dovrebbe fare da sponsor alle agenzie di pompe funebri e che il canone TV andrebbe ridotto a due terzi ("RAI 3 se la paghino loro").
Siamo nelle mani di un pazzo.
Quello che non si dice (ma si pensa) è che il motivo principale per cui parte degli italiani non lo può soffrire (e mi auguro sia la maggioranza) sta nel fatto che pensa, parla, agisce come (e insomma, " è ") uno str.... allo stato puro. Il "Guardian" è stato più fine, lo ammetto.

Pietro Cavalli 27.03.06 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ho da poco visto il tuo ultimo spettacolo a BARI e tra tutti gli argomenti di cui hai parlato mi ha molto interessato il tuo discorso sulla salute, la sanità e sulla -come la chiami tu- "ricerca imbavagliata".
A tal proposito ti vorrei "suggerire" - ma forse l'hai già fatto- qualcosa che poco tempo fa mi è venuta in mente di fare quando il mio medico mi ha sconsigliato di utilizzare deodoranti ascellari. ho fatto una piccola ricerca su internet sugli effetti negativi provocati dall'uso dei deodoranti, tanto pubblicizzati in tv e sui giornali .Pare infatti che non siano solo gli alimenti sulle nostre tavole a contenere metalli o simili... anche nei deodoranti c'è qualcosa che non va. IO non sono nessuno per approfondire questo argomento ma ...."tu che sei un comico" riprendendo la tua frase tormentone potresti far partire una ricerca, più dettagliata della mia, a proposito dei tanto decantati deodoranti ascellari. Io ero una deodorante-dipendente ma da qualche mese a questa parte ho scoperto che si può vivere tranquillamente senza.
E la gente non si allontana da me!!!!!
A quanto pare allora anche l'uso del deodorante è un bisogno sociale!
ciao

giuliana ferrulli 27.03.06 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,

vorrei attirare la tua attenzione (mi permetto il tu, sai che in rete le semplificazioni sono gradite) sulle modalità di voto per gli italiani residenti all'estero.

Non so se sei al corrente ma solo da poco tempo possiamo votare nel paese di residenza e per quanto riguarda le modalità sono a dir poco semplificate.

Infatti tutto viene fatto tramite posta semplice con tutti gli imprevisti e dubbi che ne conseguono.

Io ad esempio, non ho ancora ricevuto il plico ed il consolato mi ha invece confermato che tutto il necessario è stato spedito . . . Chi mi dice che lo stesso imprevisto non capiti alle mie schede una volta votato e che non siano annullate? Chi mi dice che le mie schede non siano state rubate? Non sarebbe fin troppo semplice votare al posto di altri, quando in Italia la procura per il voto è un affare di STATO ?

Tutti questi ed altri sono i dubbi che mi rincorrono se si aggiunge che io volevo tornare in Italia per il voto e che non mi è possibile perchè solo qualche settimana fà ho scoperto che era necessario fare domanda entro il 31 / 12 / 2005 (informazione non pervenuta o poco pubblicizzata).

Non è mia natura essere polemico e non voglio dare vita a semplici e stupide critiche però mi sembra che questa vicenda abbia bisogno di approfondimenti e meriti un minimo di attenzione.

Cordialmente.

Lazzaro Bellei

Lazzaro Bellei 27.03.06 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao beppe
ti scrivo da Singapore, un paese sul quale si potrebbe scrivere uno spesso libro parlando delle infinite leggi che toccano la sfera del comportamento civile, ovviamente leggi che danno delle costrizioni esagerate e tolgono il respiro alla fantasia civile.
Dopo un anno speso da queste parti del mondo mi sono accorto che la nostra cultura il nostro sapere non è poi così male, facciamo la nostra discreta figura, nel confronto internazionale.
Nella ricerca e sviluppo abbiamo un inventiva che ben pochi al mondo hanno, sappiamo dare delle soluzioni sappiamo proporre, abbiamo la dialettica, abbiamo conoscenza della scienza e della letteratura..nulla di nuovo tutti conosciamo le caratteristiche peculiari degli italiani..
La domanda è ovvia, singapore investe una quantità enorme di soldi in ricerca e sviluppo anche se onestamente non hanno, quelle caratteristiche peculiari che accennavo prima.
Perchè in Europa non si fa ciò? perchè non investiamo in ciò che siamo più bravi a fare? INVENTARE..contro l'asia stiamo perdendo una battaglia che non potevamo mai perdere. Loro sono dei grandi produttori e noi non abbiamo i soldi per INVENTARE per cui veniamo qui a farlo. Tra un pò lo faranno da soli.. E noi? cosa sarà di noi.. Io tra un pò torno in Italia alla sede centrale di ricerca e sviluppo, molti miei colleghi hanno deciso di stare in giro per il mondo..giusta idea nel mondo globalizzato..ma la domanda resta, Perchè non si aiutano le aziende a mantenere i propri ricercatori in Europa? Non è la fantomatica fuga di cervelli, non sono un genio io e men che meno un cervello sono un laureato in chimica con la passione per la soluzione di problemi..per cui ciò che sto dicendo è che la fuga sta per arrivare se non già arrivata al mio livello..addio laureati d'italia andate in cina giappone sud est asiatico..noi non abbiamo nulla per voi..è questa la voce che sentiamo...Tu la senti??
leo

leonardo caudo 27.03.06 08:40| 
 |
Rispondi al commento

UNA POLITICA ITALIANA ANDATA IN SECCA CIECA SOTT’ACQUA COME UNA NAVE
-di Giacomo Montana


Ritengo che ogni gruppo culturale dipenda da una propria storia, la quale a sua volta, in parte dipende dallo sviluppo interno della società e in parte dalle miriadi di influenze e sollecitazioni esterne che talvolta generano persino una grave stretta dipendenza da esse.

Da qui ne deriva il fatto sconcertante e che sappiamo un po’ tutti, che la storia della civiltà non rispecchia assolutamente una evoluzione uniforme in tutte le parti del modo, perché non esiste un rapporto direttamente proporzionale basato su un’impalcatura psicologica che al contrario determinerebbe una evoluzione più o meno equilibrata nel mondo.

Oggi con cinque anni di governo Berlusconi, di sviluppo interno non ne abbiamo visto, mentre abbiamo visto l’influenza e la relativa preoccupante ripercussione che produce la politica del Presidente Americano Buch sulla politica italiana: si accetta tutto e non si contesta mai nulla.

E’ mai possibile che l’Italia con tutta la sua ricca storia che meriterebbe di essere ai primi posti mondiali, si ritrovi ad avere una politica come una nave andata in secca cieca sott’acqua, con un capo del governo che verso la politica espansionistica del Presidente George W. Bush non riesce a contestare mai nulla? E’ così tanto un santo uomo il Presidente americano?

Perché non pensiamo invece a recuperare i valori che continuiamo a perdere proprio perché dal governo non parte una politica equilibrata, costruttiva e ragionata? Alle prossime elezioni non permettiamo che si debbano ripetere inadempienze ed inerzie ai danni dei cittadini!

Spero in una Italia Sisu che è una unica parola di origine finlandese vuole significare allo stesso tempo lealtà, onestà, coraggio, tenacia, prudenza, probità, sacrificio, dovere, disciplina.....

Quindi: FORZA E ONORE in una ITALIA SISU!

Giacomo Montana 27.03.06 05:46| 
 |
Rispondi al commento

UN PROFONDO SENTIMENTO DI AMORE AL POPOLO ITALIANO
-di Giacomo Montana

Le notizie riportate di volta in volta sono state raccolte come importanti "segni dei tempi" con l'intento di fornire al lettore dei riscontri e degli spunti di riflessione su fatti italiani del nostro tempo. Il lettore potrà verificare liberamente la concordanza di molti di questi avvenimenti dei nostri giorni con gli eventi da lui osservati o in prima persona vissuti. Le mie radici per metà italiane (siciliane da parte di madre) e indiane americane da parte di padre mi hanno fatto essere sempre un altruista e un profondo osservatore tanto da essere sempre d’accordo con la seguente meditazione CHEYENNE:


“La vita è una canoa che il Grande Mistero ci ha consegnato alla nascita. Facciamola correre sul fiume, evitando le rapide che vorrebbero travolgerla e le paludi che le impedirebbero di procedere alla scoperta di nuove bellezze. Un giorno arriveremo ad un grande mare sconosciuto…Viviamo senza avere la presunzione di potere deviare il corso del fiume o di sapere quel che troveremo nel mare…Questi sono poteri che solo Dio possiede”.

Vorrei ringraziare esprimendo gratitudine e riconoscenza a tutte le persone che per avere consigli si sono rivolte a me. Esse mi hanno dato ulteriore conoscenza della vita e del genere umano. Avvolte penso che mio nonno che era uno sciamano americano mi è sempre vicino col suo spirito e mi fa sentire di essere sempre utile a qualcuno. Per quelle che un giorno erano le mie aspettative e che tanto avrei desiderato per il futuro dell’Italia, oggi al contrario mi viene fatto provare sconcerto, amarezza e vergogna.

Gli uomini politici oggi con le loro bassezze morali ci fanno sempre persino vergognare di dire ad uno straniero sono italiano. Speriamo che crimini, disonestà, viltà e ipocrisie andranno scomparendo anche dalla classe politica…CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu2)…

Giacomo Montana 26.03.06 06:06| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu2)… L’importante è non nascondersi o fuggire, bisogna parlarne. Non importa se davanti a te ci sono persone che recitano la parte dei veri sordi, l’importante è dire ciò che si vede a chi ne ha bisogno lottando contro le onde gigantesche del male senza stancarsi mai.

Negli articoli qui proposti che hanno messo in luce le dinamiche del fallimento del presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi, quale dimostrazione migliore si poteva avere. Berlusconi ora vorrebbe frenare l'avanzata dello schieramento politico opposto, ma tuttavia sa bene che sarà inutile: valgono più cinque anni di fallimenti che centomila promesse ingannevoli sciorinate per opportunismo in campagna elettorale!

Sia io che la Signora Giovanna Nigris abbiamo testimoniato l’inerzia più scandalosa di questo governo mantenuto con cinismo, persino di fronte allo stillicidio criminale più spietato ai danni di una donna oggi per mezzo di crimini impuniti, fatta divenire anche portatrice di handicap. Che cosa vogliamo vedere di più torbido da un governo compiacente?

Abbiamo denunciato con argomenti inconfutabili le menzogne del regime oligarchico berlusconiano, proprie della sporca manovra che aiuta e salva i malviventi e distrugge sempre più, una donna vittima di reato. Quanti ne sono stati fatti morire così, in silenzio, di nascosto? Ora in periodo elettorale, si vorrebbe fare apparire una realtà virtuale stravolgendo quella reale.

Tutto per meglio mascherare il vero andamento dello sporco conflitto di interessi del cavaliere, facendo sembrare falsamente come oro colato tutto ciò che di fatto non è assolutamente impiegato a beneficio del popolo italiano, bensì per sporchi scopi individualisti. Da principio anch’io ero caduto nella rete della speranza, ma ora ho visto, ho capito.…CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu3)…

Giacomo Montana 26.03.06 06:05| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu3)… A fronte del conflitto di interessi, è un caso davvero emblematico il governo berlusconiano. E’ contornato da contraddizioni anche per quanto attiene le attuali inesattezze della macchina propagandistica elettorale di quel gruppo politico. Gli autori dei recenti fallimenti politici "Inconfutabili mancati risultati e sfide arroganti alla politica di difesa e sicurezza democratica", in questi cinque anni di governo non si possono ignorare!

Ora per insabbiare le scandalose inerzie e i favoritismi politici clientelari ai cittadini si presentano apparenti prove cartacee, facendole sbandierare come vessillo di una presunta "vittoria inarrestabile" che combatte la povertà e la recessione, mentre si sa benissimo che è tutto falso e serve solo a gettare fumo negli occhi e a confondere l’elettore, in quanto se si è accorti si nota che i danni di questo governo, superano di gran lunga i benefici elencati e vantati da Berlusconi.

Quello che è l’Italia oggi e le relative vergogne, sono sotto gli occhi del mondo intero! Inoltre ai danni del popolo italiano vengono dilapidati ingenti capitali per potere mantenere in piedi guerre di occupazione, fatte apparire agli occhi della gente, come fossero missioni di pace. LA PACE NON SI EDIFICA CON TORTURE E ASSASSINI SIANO ESSE AMERICANE O DI ALTRO STAMPO! E’ divenuta tutta una vergogna, distruggere e sopprimere gente inerme, ovunque essa si trovi!!!

In sostanza, il dato aggregato che se ne ricava è che, nei cinque anni presi in esame, il Governo Berlusconiano ha sperperato stratosferici capitali nella guerra (mantenuti anche essi nascosti alla gente), che invece potevano essere benissimo investiti per la pace, l’occupazione in posti di lavoro per i giovani e per il vero progresso reale e sociale del nostro Paese. …CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu4)…

Giacomo Montana 26.03.06 06:05| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:
…(Sisu4)… Anche l’Italia per una miriade di motivi che sappiamo, sta collezionando vergogne su vergogne, agli occhi del mondo e tutto grazie all’attuale governo. Faccia attenzione il lettore, la tanto millimetrica carta scritta giustificativa presentata da Berlusconi, quanto la relativa caricaturale esattezza con cui sono presentate.le riforme sono solo un paravento dei facili arricchimenti e di fiumi di inerzie di lavori urgenti, mai eseguiti a beneficio della Nazione.

Basta uscire in strada e guardare il traffico come è stato selvaggiamente abbandonato a sé stesso nelle grandi città, basta andare nelle Pubbliche Amministrazioni ed osservare come sono ridotte a lavorare male, è sufficiente persino leggere certi editoriali, di quanta gente che portata a situazioni estreme di vita senza ricevere aiuto, muore per la mala- sanità e la mala-giustizia, senza contare tutto quello che il governo Berlusconi riesce a fare rientrare con arroganza e cinismo nel silenzio stampa come la vicenda drammatica della Signora Giovanna Nigris della quale anch’io sono testimone oculare ( vedi sito: http://www.mobbing-sisu.com

Cosa contano di più per voi, cari amici, i fatti o i PARAVENTI fumogeni berlusconiani? )

Seguendo la logica di quegli inverosimili e fallaci dati di Berlusconi dovremmo arrivare alla conclusione che in Italia stiamo progredendo su ogni versante. Questo E’ FALSO e lo sapete tutti!! La situazione del progresso nel nostro Paese esiste solo nei sogni fascistoidi di un certo gruppo arrogante e cinico di potere, tanto da essere drasticamente smentito dai ripetuti sporchi fatti che danneggiano economicamente e moralmente in modo grave i cittadini contribuenti onesti. Queste ed altre azioni insorgenti, che i mezzi di disinformazione dell'oligarchia italiana non hanno potuto fare ignorare.…CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu5)…

Giacomo Montana 26.03.06 06:04| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu5)… e che contestualmente hanno rappresentato severi colpi alla politica della Berluscon-Simil-Democrazia, sono verosimilmente solo una piccola parte delle catene di nefandezze sistematicamente occultate (come la vicenda Nigris) dai media di regime, al fine d'imporre il più artificiosamente possibile uno scenario surreale. Questa è l’Italia reale, dunque. Diametralmente opposta a quella virtuale, dei rapporti ufficiali e dei media di regime.

Grazie al GRANDE BEPPE GRILLO, una Italia continuamente attraversata da molteplici strumenti di contro-informazione positiva e salvatrice via internet, che lavorano notte e giorno per contrastare il poderoso apparato della propaganda berlusconiana dell’Italia virtuale. Ora ci sarebbe da organizzare le masse e denunciare le infinite violazioni, tenute nascoste, contro i diritti umani, sociali, politici, economici e culturali del popolo italiano.

Chi è a conoscenza di ingiustizie e abusi di potere occultati dovrebbe parlare, come con estremo sacrificio e coraggiosamente fa ancora la Signora Giovanna Nigris. Riuscirà il popolo italiano a fare mettere in luce tutte la ignominie fatte subire ai singoli, alle famiglie, alla gente, dal governo Berlusconi?

Sarebbe un progetto di comunicazione di nuovo tipo, avrebbe lo scopo di portare al popolo italiano informazione, formazione ed orientamenti di vero carattere politico ed organizzativo, nel quadro della lotta per l'emancipazione e la costruzione di una società in cui si vedrebbero primeggiare davvero la giustizia, la libertà e la pace, anelate da tutti gli italiani di fatto pacifici, giusti e onesti.

Fino dalla nascita di questo nuovo governo ho avuto modo di assodare che Berlusconi non ha mai cercato di mettere a fuoco e a profitto i propri programmi nel miglior modo possibile, .…CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu6)…

Giacomo Montana 26.03.06 06:03| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu6)…per renderli efficaci, gradevoli, e coerenti nell'ambito dei nostri principi democratici, relativamente ai quali, come italiani, abbiamo sempre -ed in ogni circostanza- collocato la verità democratica, come base del nostro discorso, del nostro ordinamento e del nostro agire.

Talvolta persino senza avere esperienza alcuna nell'uso di internet come strumento di lotta, ci siamo messi a fare riflettere il lettore per arrivare fare emergere le conclusioni dei cinque anni di governo più reali e tangibili. In questo processo, che continua a svilupparsi, abbiamo pensato che ogni passo fatto deve essere orientamento ad insegnamento ed apprendimento, non solo in merito al migliore uso di apparecchiature del Computer, ma anche e soprattutto nel concepire, pianificare, organizzare e realizzare comunicazioni in condizioni di mobilità, per forgiarci poco a poco come una squadra organizzativa e propagandistica che contribuisca in qualche modo a dare impulso e propulsione alla lotta ideologica, politica democratica italiana per la vera giustizia sociale.

Internet, quando i media sono manipolati, filtrati e i fatti informati con mezze verità permette di fare una controinformazione con un’ampia copertura terrestre. Questo mezzo è molto utile come arma principale di legittima difesa contro ogni crimine e strapotere vigliacco ai danni dei più deboli ed ha la peculiarità di penetrare nelle case senza chiedere permesso al governo Berlusconi o chi come lui, tenendo presente che, aldilà di quanto detto e al di sopra di ogni altra considerazione, l'idea principale che ci deve muovere e che effettivamente ci muove é un profondo sentimento di amore rivolto al popolo italiano e al suo sperato effettivo progresso storico e sociale….CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu7)…

Giacomo Montana 26.03.06 06:02| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu7)…Anche nel rispetto della memoria di chi in passato ha sacrificato la propria vita per la Patria, combattiamo con più determinazione e fermezza le ipocrisie e gli inganni politici da ovunque parte essi provengano e di qualsiasi colore politico siano! Il cittadino italiano deve esigere rispetto, correttezza e serietà dal proprio governo, cinque anni di vincolo sono troppi: DELLE PROMESSE FATTE, OGNI ANNO NE VA DATO IL RESOCONTO FORMALE AGLI ELETTORI!! BASTA! GIOCARE CON LA BUONA FEDE, CON LA FIDUCIA E CON L’ONESTA’ DEI CITTADINI ELETTORI!

FORZA E ONORE per un’ITALIA SISU.

(Sisu è una parola di origine finlandese ed è intraducibile in qualsiasi altra lingua, in quanto vuol dire allo stesso tempo: lealtà, onestà, coraggio, tenacia, prudenza, probità, sacrificio, dovere, obbedienza, disciplina.... Nella vita, ed in particolare nelle Forze dell'Ordine e nell'Esercito, si vedono molti esempi di Sisu).

Giacomo Montana 26.03.06 06:01| 
 |
Rispondi al commento

A quei signori che dicono che berlusconi è il diavolo vorrei ricordare che certi giudizi spettano al nostro creatore che per nostra fortuna è infallibile, che ognuno si guardi dentro di se, forse agli occhi del Signore è peggio di Berlusconi. Non per difendere Berlusconi del quale non i frega più di tanto ma per correttezza non vorrei la gente pensasse che l'unione sia l'acqua santa perchè non è sicuramente migliore dell CDL a mio parere si equivalgono e occupa nel suo insieme molti posti di potere e in alcune regioni ha creato propri e veri regimi che tanto la spaventavano all'avvento dell CDL alla guida del paese. Provate a vedere le presidenze dell'aziende municipalizzate in toscana da chi sono occupate.
Quindi aprite gli occhi perche i banditi e i poco di buono sono da ambo le parti senza eccezione, così come le brave persone.

gianni betti 25.03.06 23:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo considero curioso questo articolo del Guardian, un importante giornale Inglese.
Del paese che, durante gli anni della seconda Guerra Mondiale, e' stato retto da uno statista di grande calibro come fu' Winston Churchill.
Personaggio che, come e' storicamente accertato, fu' da annoverare nella schiera degli ammiratori politici di Mussolini, con il governo del quale non e' stato ancora ben chiarito quali rapporti ci siano stati.
Evidentemente anche agli inglesi, come a tanti altri, non f piacere ricordare la propria storia.

Massimliano Brogliato 25.03.06 15:27| 
 |
Rispondi al commento

LE PORTE POLITICHE DELLA DISTRUZIONE (non sottovalutate!)
-di Giacomo Montana

Stiamo permettendo che la politica vada troppo in là. Oggi noi fantastichiamo ancora una realtà che in Italia non esiste. Pensiamo che in politica ci possano essere persone che aiutano i cittadini, i lori figli e nipoti ad avere un futuro migliore, ma non è così. Noi cittadini col nostro voto elettorale attualmente possiamo soltanto permettere di fare la dolce vita ai relativi candidati che vengono eletti, alle loro famiglie, parenti e amici. Attualmente non esiste un terreno fertile per fare crescere l’onestà e l’uguaglianza.
Ciò per un semplice motivo, perché i grandi mutamenti sino ad oggi, se hanno fatto crescere le economie dei paesi industrializzati, hanno prodotto anche una nuova forma di economia illegale, che non è più il brigantaggio, ma la multinazionale del crimine, che si impegna su più tavoli da gioco, investe denaro sporco, entra nell'economia di intere regioni e quindi proviene di fatto dal sudore del lavoro di tutti i cittadini onesti.
L’economia illegale cresce in verso direttamente proporzionale con quella legale anche se con proporzioni diverse. I cittadini ignari di tutto ciò di tanto in tanto si devono confrontare con questa nuova criminalità vedendo e subendo solo le conseguenze delle ignominie e dei danni ma mai gli viene permesso di vedere o di conoscere la radice e il seguito che produce i danni economici e morali al popolo italiano. …CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu2)…

Giacomo Montana 25.03.06 06:35| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu2)…Il giudice Falcone capì tutto questo e di conseguenza voleva intraprendere una battaglia sul piano finanziario ove vi erano traffici illeciti immessi nei circuiti dei capitali legali. Comprese che tutto questo condizionava fortemente la nascita di una nuova imprenditoria e quando fu sicuro che accanto al grande crimine vi era anche un altro fenomeno in cui legalità e illegalità non avevano più limiti netti, capì anche che esisteva una imprenditoria senza scrupoli che appariva a prima vista una imprenditoria normale ma che in realtà non era così.
Collegò tutto questo meccanismo e capì che al vertice vi era la mafia che prosperava con tutti questi movimenti artificiosi e sporchi. Aveva capito che se esiste una domanda, un mercato, che recepiva un’offerta, gli affari per i malviventi andavano a gonfie vele. Tra questi affari vi era la prostituzione, la droga, le armi ed infine i voti elettorali. Ecco il fenomeno economico che genera l’imprenditoria dell’illecito. Questa forma perversa di imprenditoria si espande a macchia d’olio.
Dopo tutta questa premessa il pensiero che un uomo come Falcone fu ucciso perché aveva capito troppo e perché voleva un’Italia pulita, a chi scrive come credo a chi legge, da un certo sgomento. Un uomo solo non potrà mai migliorare l’Italia e renderla Sisu ossia piena di valori positivi e costruttivi. Chi volesse saperne di più deve sapere che lo scambio elettorale politico-mafioso sussiste ancora anche senza erogazione di denaro. (FONTE: Cassazione , SS.UU. penali, sentenza 12.07.2005 n° 33748)
e più in particolare: http://www.altalex.com/index.php?idnot=14
…CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu3)…

Giacomo Montana 25.03.06 06:34| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu3)…Caro Beppe, chi può cambiare tutta questa sporcizia sono soltanto gli elettori, ma finché si da credito a Berlusconi che di imprenditoria se ne intende, non possiamo che dispiacere persino alla memoria di quel grande uomo che fu FALCONE. Quello che bisogna dire agli elettori è che la qualità della vita, se avremo ancora un governo sbagliato, andrà sempre peggiorando e non verrà mai più restituito il senso del valore sociale vero, del lavoro e della vera legalità, con una parola sola non verrà mai restituito il valore Sisu!
Ho cercato in tante maniere di fare capire la verità pericolosa che abbiamo tutti sulle nostre teste. Ogni volta che ho parlato della grave vicenda della Signora Nigris (Vedi sito: http://www.mobbing-sisu.com ) è come se avessi detto: questa è la prova del nove, vedete cari lettori, che viene data carta bianca anche per continuare il crimine contro una donna indotta ad essere ammalata e portatrice di handicap in servizio e per causa di servizio e come se non bastasse, privata pure del relativo diritto di legge e di contratto?
Peccato che c’è stato persino chi si è persino infastidito di avere letto la vicenda. Quei signori sono un terreno pronto e fantastico per la proliferazione dell’imprenditoria dell’illecito!!
A prescindere, desidero dire che c’è un vecchio detto siciliano che così recita: “Un uomo senza dignità è come un pupu senza puparu” (…è come un burattino senza burattinaio). Volete regalargli ancora il voto elettorale? Fatelo! Chi vuole intendere intenda. FORZA E ONORE per un’ITALIA SISU.

Giacomo Montana 25.03.06 06:33| 
 |
Rispondi al commento

Per chi stai votando? Prima informati!
http://fuocoamare.blogspot.com/

Gianpiero Romano 25.03.06 01:01| 
 |
Rispondi al commento

L’IMPUNITA’ ITALIANA DEI CRIMINI CONTRO LA DONNA

Giornalisti ed altri intellettuali per i diritti umani fanno pacificamente le orecchie da mercante riguardo alla mia testimonianza e a quella dei miei conoscenti, relativamente ai crimini da me subiti, così come dimostrano le relazioni e i riscontri oggettivi esposti nel mio sito web di legittima difesa http://www.mobbing-sisu.com , senza considerare la trama di terrorismo esercitata sulla mia persona contro il diritto di legge e di contratto, con la complicità di governanti dell’attuale governo.

L'opinione pubblica ha diritto di sapere la verità. Non è possibile che quelli che hanno scatenato 14 anni di torture psico fisiche nei miei confronti pretendano di fare occultare l'utilizzo sistematico che hanno fatto dei più perversi metodi terroristici contro il diritto positivo (le leggi dello stato).

Non è possibile passare sotto silenzio gli stretti vincoli, provati e documentati, contro una donna ridotta ammalata e portatrice di handicap. Non possono essere dimenticate delle così atroci ed interminabili sofferenze e le relative conseguenze, Non possono rimanere impuniti i crimini a DANNO di chi ha lavorato SEMPRE ONESTAMENTE.

Oggi più che mai urge denunciare questa storica rete di complicità sulla quale si fonda l'impunità con la quale le autorità italiane proteggono illegalmente chi ha commesso reato penale, ignorando completamente la mia richiesta di ricevere un giusto processo per i reati e relative conseguenze continuate e da me subite per 14 anni. Sostenere che vi è prescrizione dei reati è semplicemente un artifizio fraudolento, verosimilmente solo finalizzato a proteggere i criminali verosimilmente amici di personaggi politici. CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu2)…

Giovanna Nigris 25.03.06 00:31| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu2)…È imperativo rivelare l'essenza terroristica di questa alleanza che, andando violentemente contro i principi della Costituzione italiana si priva il mio diritto a ricevere giustizia. L'opinione pubblica italiana ha incominciato a mobilitarsi inviandomi centinaia di petizioni da fare avere al Capo dello Stato e al Procuratore della Repubblica del Tribunale di Milano (cosa che ho già fatto e continuerò a fare), senza che per ora siano state tenute nel dovuto conto. Anche di questo l’opinione pubblica deve essere informata con tutti i mezzi.

L'impunità dei terroristi non può continuare. Nessun crimine può rimanere senza punizione. FORZA SISU! Giovanna Nigris

Giovanna Nigris 25.03.06 00:31| 
 |
Rispondi al commento

A Bruno
2 post mi colpiscono
tu che dici che delle 200 pubblicaz. di B solo 2 sono politiche e ignori i guasti inferti dai cattivi media che massificano verso una monopensiero di infima qualità, abulico di valori e concentrato sul niente, come se ciò non fosse politico
e chi riporta le proteste dei tifosi a Di Pietro per l'espulsione dalla lista del patron della Sanbened. per reato
Si ignora chi allarga l’incultura per deformare il voto
Su una profonda ignoranza civile e storica, in un amorfismo politico che spesso non ha nemmeno una facciata partitica, si innestano i guasti profondi di un continuo martellamento consumistico o futilistico che bloccano l'evoluz. spirituale e civile di un popolo
Sbaglio quando i cittadini francesi o spagnoli mi sembrano più evoluti e consapevoli? o le lotte alla precarizz. in Francia o in Italia mi sembrano così diverse? O non vedo reazioni italiane contro la Costit. UE o la Bolkestein come in Francia, Germania, Olanda e Belgio? o quando la stampa UK su qualunque tema (nucleare, ambiente, energie altern. clima..) mi pare migliore? Per non dire delle evoluzioni in etica, libertà sessuale e famiglia di cui siamo ultimi
Che ci hanno fatto per decentrarci sulla vacuità e tenerci a un livello di minorità cognitiva e pensiero debole?... Chiesa, partiti, media, centri di potere per dissolvere ogni ideologia e ogni pluralismo critico, creativo e propositivo in una pappa conforme? Che scempio alla facoltà di pensare, scegliere, capire, esercitare un giudizio critico, creare?
Qui difettano anche i cosiddetti intellettuali, i registi, gli artisti...
Qualcosa di profondo è stato guastato a suon di tifoserie, ignoranza, vanità, sciocchezzari, consumismi, mode, kitsch, porcherie.. in anni di martellamento e appiattiamento verso il basso, fino a ridurre l'uomo alla scimmia, il cittadino a suddito, lo spirito a merce
Le centinaia di vittime di Vanna Marchi, piangenti ma colluse, mi sembrano l'icona migliore di questa Italia

viviana vivarelli 24.03.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cara Monica
sto dicendo da un po' sui vari blog questo fatto vergognoso che è uscito in tv, a Ballarò, senza che nessuno dei politici presenti lo contestasse e mi sono anche stupita che nessuno dei lettori se ne scandalizzasse o che nessun giornale ne parlasse. Anch'io ho cercato inutilmente sul web la fonte legislativa. Probabilmente la concessione fa parte del pacchetto di privilegi che spettano ai parlamentari e di cui noi sappiamo ben poco. Ma veramente, se la cosa fosse vera come pare, amerei che qualche giornale ci desse dei riferimenti più esatti
I politici della Cdl vietano i Pacs e di questo veto si fanno una bella immagine col Vaticano, ma di fatto sembrerebbe che già li stiano praticando per i loro interessi
Per dirla più chiaramente, un Casini, che è divorziato con due figlie di primo letto, convive con Azzurra Caltagirone da cui pure ha una figlia, ma la sua convivente gode "già" dei diritti che spettano a una moglie, assistenza, pensione, abitazione, diritti ereditari ecc.
Se la cosa potesse essere verificata risulterebbe chiaro che:
1) Casini è un grandissimo ipocrita che difende per sé privilegi che nega agli altri (lo stesso vale per i suoi compari, Castelli per es., che predicano bene ma ...)
2) un altro grandissimo ipocrita sarebbe Ruini che viene a dare a noi indicazioni di voto dirigendoci verso quei partiti che predicano ciò che non praticano, perfettamente indifferente ai gravissimi guai economici e sociali inferti al paese dagli stessi e alla loro corruzione e immoralità
Insomma per Ruini sarebbe più importante la facciata dell'etica e questo mi pare molto grave. Meglio sarebbe stato che non avesse dato alcuna indicazione di voto, chiudendosi in un dignitoso silenzio
Si sta ripetendo l'indegna sceneggiata che già il MIS recitò con Almirante, divorziato, ma fiero oppositore del divorzio
E' troppo facile fare due pesi e due misure, una legge per l'élite e una per i coglioni
E di queste discriminazioni ne abbiamo piene le tasche!

viviana vivarelli 24.03.06 13:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fantastico Mr.B*
Guardate questo aneddoto di Travaglio prima che lo facciano sparire dalla rete!
Meglio di Tutankamen!!!
http://gisa.openvlog.com/index.php?code=e727fa59ddefcefb5d39501167623132

Davide Donato 24.03.06 13:04| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe,
vorrei evidenziarti una notizia che sono venuta a sapere e che mi ha alquanto sorpreso.
L'argomento è UNIONI DI FATTO che tanto divide la sinistra e per la quale la destra si scandalizza al solo nominarla.....tu sapevi che la famiglia di fatto viene riconosciuta per legge ai parlamentari e ai giornalisti? Rietra tra i privilegi di queste categorie. Ho provato a cercare su google e tra i tanti siti che parlano dei numerosissimi privilegi dei parlamentari non si fa cenno di questo....ma la mia fonte è più che certa visto che mi è stata riportata direttamente da un politico. Se questo è vero E' UN ULTERIORE SCANDALO che si aggiunge ai già tanti che viviamo e che subiamo.
Perchè il popolo italiano non ha la forza di ribellarsi.....perchè non impariamo dai nostri cugini francesi che tanto bistrattiamo ma dai quali avremmo molto da imparare in termini di capacità di ribellarsi a quello che non piace o che non riteniamo giusto e corretto per il nostro bene.
come sempre in Italia "La legge è uguale per tutti (quasi tutti)"
Ciao
Monica Martelli


PS: Ti invito a comprare la rivista Capital e leggere l'intervista a Tronchetti Provera.....solo con quella ci possiamo spiegare perchè l'Italia è all'ultimo posto in Europa sull'innovazione tecnologica!!!

monica martelli 24.03.06 12:47| 
 |
Rispondi al commento

AVVISO AI CENTRISTI DELL'ULIVO

piccolo questionario di orientamento:
1. siete favorevali ai pacs?
2. siete favorevoli alle unioni omosessuali?
3. siete favorevoli al voto agli extracomunitari?
4. siete favorevoli ad una maggiore tassazione sulle case sfitte?
Se la risposta è si, non siete più centristi e la vostra deriva è completa, se la risposta è no, cominciate a guardarvi attorno a chi maggiormente tutela le vostre affinità, considerato anche che con questa legge elettorale
i piccoli partiti del centro dell'ulivo scompariranno, causa sbarramento, manovra fatta ad hoc, non ci sarà più nessuno dell'ulivo a difendere i valori in cui credete, che sono quelli di un'elettorato moderato e centrista, per converso verranno portate avanti posizioni più radicali, in quanto alcuni più furbi si sono infiltrati in seggi blindati. Meditate centristi.

Walter Pierantonio 24.03.06 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..dedicata al suo amarcord familiare).
Il fatto è che non l'aveva capito neanche il regista della trasmissione, Sergio Colabona (lo stesso di "Affari tuoi"), il quale stava arrivando a Cinecittà quando è stato fermato da una telefonata perentoria: "Non venire, non ce n'è¨ bisogno".Gelo negli studi, grande imbarazzo in cabina di regia, mentre Martelli - lasciando
fuori dalla porta gli autori, increduli e urenti - si chiudeva nel suo camerino con Giorgio Mulè, il vice di Mauro Crippa al vertice della piramide Mediaset dell'informazione. Poi è arrivato Berlusconi, con il resto della squadra (da Paolo Bonaiuti, che faceva sì-sì o no-no da dietro le quinte, a seconda degli argomenti toccati da Martelli, a Roberto Gasparotti, il meticoloso curatore delle inquadrature presidenziali). E Spagliardi, il regista "ad personam" ha dato il via alla registrazione.
Anche stavolta, come era già successo in tutte le altre trasmissioni che avevano ospitato il Cavaliere, era tassativamente proibito il primo piano: concesso, al massimo, qualche piano americano. E naturalmente nessun cameraman sè azzardato a puntare la telecamera sulle scarpe
dell'ospite (che hanno colpito tutti i presenti per l'altezza del tacco e lo spessore del rialzo interno). La trasmissione poi è andata come è andata. Due ore e mezzo di interminabili sermoni
berlusconiani, così pesanti che alla fine Mulè e il regista si sono guardati in faccia sconsolati, domandandosi se ci fosse un modo, magari col montaggio, di rendere un po' più commestibile quel diluvio di parole. Non c'era, purtroppo. Nonostante il dimezzamento delle interruzioni pubblicitarie - altra misura "ad personam", del tutto inusuale per una rete commerciale- l'indomani l'Auditel avrebbe registrato uno share del 7 per cento, che per gli addetti ai lavori significa in prima serata, "flop spettacolare".In fondo,al regista "titolare" è andata bene:adesso è desso è l'unico che può dire "io non c'ero". (31 gennaio 2006)

massimo melz 24.03.06 10:15| 
 |
Rispondi al commento

ROMA -
Berlusconi non si accontenta più di decidere quando andare in onda, dove andare in onda e con chi andare in onda. Non si accontenta più di portarsi dietro un truccatore personale, un consigliere-suggeritore e un "curatore dell'immagine" che dà istruzioni tassative sulle inquadrature consentite e su quelle vietate.
No, adesso il presidente del Consiglio arriva in studio con il suo regista personale. Che non affianca il titolare della trasmissione, ma semplicemente lo sostituisce: prende il comando dello studio, dirige la puntata e poi va via insieme al Cavaliere.
Non era mai successo, nella storia della televisione italiana, che a un intervistato - per quanto eccellente - venisse concesso un simile privilegio. Non era mai successo fino a venerdì scorso, quando Silvio Berlusconi
si è presentato allo studio 3 di Cinecittà per registrare la puntata de
"L'incudine", la trasmissione di Claudio Martelli.
Che si trattasse di una puntata speciale, la redazione del programma
l'aveva già capito: mandata in onda da Italia Uno abitualmente il
giovedì dopo la mezzanotte, grazie all'arrivo del premier la trasmissione
veniva eccezionalmente collocata nella
prima serata di sabato, al posto del film "Men in black" (e così velocemente da non
lasciare neanche il tempo a "Tv Sorrisi e Canzoni"di aggiornare i programmi).
Non solo, ma gli autori del programma - i più stretti collaboratori
del conduttore nella preparazione delle interviste - erano stati insolitamente tenuti
all'oscuro delle domande preparate da Martelli per il premier.
"Il presidente arriverà con la sua squadra", aveva avvertito la segreteria di Berlusconi.
Nessuno però aveva capito che in quella squadra ci sarebbe stato anche il regista:
Maurizio Spagliardi, un professionista ingaggiato da Mediaset per "Il senso della vita"
(che evidentemente deve aver conquistato la piena fiducia del premier con la puntata

massimo melz 24.03.06 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Di Giovi


Mangano 1 Mangano 2 Mangano 3 Mangano 4 Mangano 5 Mangano 6 Mangano 7 Mangano 8 Mangano 9 Mangano 10 Mangano 11 Mangano 12 Mangano 13 Mangano 14 Mangano ...
Mangano 15 giorni

viviana vivarelli 24.03.06 08:04| 
 |
Rispondi al commento

Un test per capire per cosa dovresti votare


non è fatto male
anche se per alcune domande si deve stare bene attenti a ciò che viene chiesto

http://www.dimmichiseitidirochivotare.it/Interface/Home.aspx

è inutile mandare l'indirizzo per il loro sondaggio
non si riceve nulla di più di quello che appare già


buffi risultati se fatto in famiglia

viviana vivarelli 24.03.06 07:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DISCUTENDO di politica con la gente, c’è chi mi dice che: quel partito o l’altro si salva perché è il migliore. Io sono un uomo pratico, per l’esperienza di vita che ho non cedo alla spicciola propaganda elettorale fatta anche della spontanea emotività e animosità degli stessi elettori. Le promesse e le teorie le metto da parte e guardo solo ai fatti. Proprio su questa pista non ho mai visto nessun uomo o donna del nostro Parlamento, presentare una INTERPELLANZA PARLAMENTARE ai ministri di competenza per fare cessare il crimine e la interminabile privazione del diritto di legge e di contratto alla torturata Signora Giovanna Nigris
( http://www.mobbing-sisu.com ) .

Ciò in maniera agghiacciante, sta a dimostrare che non c’è rimasto nessuno, ma proprio nessuno tra i signori che chiamiamo ONOREVOLI che sia dalla parte della persona più debole, ossia dalla parte della vittima di reato!! Ogni partito politico ed ogni suo componente, vuole fare credere di essere il migliore ma è solo una ennesima BUFFONATA! Sono i fatti che contano, non le macchinazioni meschine delle promesse e degli inganni!!

Caro Beppe, tu sei l’unico che mi fa vedere il coraggio, la ponderatezza, la determinazione e i fatti. Mostri il sentimento puro del tuo cuore senza mai scendere in basso come fanno altri e mostrare disonore (con rima). Il mio voto elettorale lo assegnerei volentieri a te se tu fossi un candidato al Parlamento. Anch’io mi rifiuto di assegnare il mio voto elettorale a dei CONIGLI D’ORO. Sono buono, tollerante, paziente ma non sono un fesso e tanto meno sono come “UNA PECORA CHE SI FA CONTINUAMENTE TOSARE dopo ogni legislatura e poi sta lì buona, docile e muta.

FORZA E ONORE per un’ITALIA SISU!

Giacomo Montana

Giacomo Montana 24.03.06 06:58| 
 |
Rispondi al commento

LE PORTE POLITICHE DELLA DISTRUZIONE (non sottovalutate!)
-di Giacomo Montana


Oggi noi fantastichiamo ancora una realtà che in Italia non esiste. Pensiamo che in politica ci possano essere persone che aiutano i cittadini, i lori figli e nipoti ad avere un futuro migliore, ma non è così. Noi cittadini col nostro voto elettorale attualmente possiamo soltanto permettere di fare la dolce vita ai relativi candidati che vengono eletti, alle loro famiglie, parenti e amici. Attualmente non esiste un terreno fertile per fare crescere l’onestà e l’uguaglianza.

Ciò per un semplice motivo, perché i grandi mutamenti sino ad oggi, se hanno fatto crescere le economie dei paesi industrializzati, hanno prodotto anche una nuova forma di economia illegale, che non è più il brigantaggio, ma la multinazionale del crimine, che si impegna su più tavoli da gioco, investe denaro sporco, entra nell'economia di intere regioni e quindi proviene di fatto dal sudore del lavoro di tutti i cittadini onesti.

L’economia illegale cresce in verso direttamente proporzionale con quella legale anche se con proporzioni diverse. I cittadini ignari di tutto ciò di tanto in tanto si devono confrontare con questa nuova criminalità vedendo e subendo solo le conseguenze delle ignominie e dei danni ma mai gli viene permesso di vedere o di conoscere la radice e il seguito che produce i danni economici e morali al popolo italiano. Quello che conta è che ciascuno che causa danni ai cittadini, partecipa alla violenza. Queste azioni quali che siano, distruggono la salute, la vita e la libertà delle persone con atti particolari, ben calcolati e preordinati di un’operazione politica generale…CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu2)…

Giacomo Montana 24.03.06 05:45| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:


…(Sisu2)…Il giudice Falcone capì tutto questo e di conseguenza voleva intraprendere una battaglia sul piano finanziario ove vi erano traffici illeciti immessi nei circuiti dei capitali legali. Comprese che tutto questo condizionava fortemente la nascita di una nuova imprenditoria e quando fu sicuro che accanto al grande crimine vi era anche un altro fenomeno in cui legalità e illegalità non avevano più limiti netti, capì anche che esisteva una imprenditoria senza scrupoli che appariva a prima vista una imprenditoria normale ma che in realtà non era così.

Collegò tutto questo meccanismo e capì che al vertice vi era la mafia che prosperava con tutti questi movimenti artificiosi e sporchi. Aveva capito che se esiste una domanda, un mercato, che recepiva un’offerta, gli affari per i malviventi andavano a gonfie vele. Tra questi affari vi era la prostituzione, la droga, le armi ed infine i voti elettorali. Ecco il fenomeno economico che genera l’imprenditoria dell’illecito. Questa forma perversa di imprenditoria si espande a macchia d’olio.

Dopo tutta questa premessa il pensiero che un uomo come Falcone fu ucciso perché aveva capito troppo e perché voleva un’Italia pulita, a chi scrive come credo a chi legge, da un certo sgomento. Un uomo solo non potrà mai migliorare l’Italia e renderla Sisu, ossia piena di valori positivi e costruttivi. Chi volesse saperne di più deve sapere che lo scambio elettorale politico-mafioso sussiste ancora anche senza erogazione di denaro. (FONTE: Cassazione , SS.UU. penali, sentenza 12.07.2005 n° 33748)
e più in particolare: http://www.altalex.com/index.php?idnot=14
…CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu3)…

Giacomo Montana 24.03.06 05:45| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:


…(Sisu3)…Caro Beppe, chi può cambiare tutta questa sporcizia criminale sono soltanto gli elettori, ma finché si da credito a Berlusconi che di imprenditoria se ne intende, non possiamo che dispiacere persino alla memoria di quel grande uomo che fu FALCONE. Quello che bisogna dire agli elettori è che la qualità della vita, se avremo ancora un governo sbagliato, andrà sempre peggiorando e non verrà mai più restituito il senso del valore sociale vero, del lavoro e della vera legalità, con una parola sola non verrà mai restituito il valore Sisu!

Ho cercato in tante maniere di fare capire la verità pericolosa che abbiamo tutti sulle nostre teste. Ogni volta che ho parlato della grave vicenda della Signora Nigris (Vedi sito: http://www.mobbing-sisu.com ) è come se avessi detto: questa è la prova del nove, vedete cari lettori, che viene data carta bianca anche per continuare il crimine contro una donna indotta ad essere ammalata e portatrice di handicap in servizio e per causa di servizio e come se non bastasse, privata pure del relativo diritto di legge e di contratto? I funzionari amministrativi carnefici che sopprimono la signora e che mi leggono, sappiano che chi riceve un ordine politico criminale non può mai essere tenuto ad eseguirlo e non può rinunziare ad agire secondo la propria coscienza!

Peccato che c’è stato persino chi si è persino infastidito di avere letto la vicenda. Quei signori sono un terreno pronto e fantastico per la proliferazione dell’imprenditoria dell’illecito!!
A prescindere, desidero dire che c’è un vecchio detto siciliano che così recita: “Un uomo senza dignità è come un pupu senza puparu” (…è come un burattino senza burattinaio). Volete regalargli ancora il voto elettorale? Fatelo! Chi vuole intendere intenda. FORZA E ONORE per un’ITALIA SISU.

Giacomo Montana 24.03.06 05:44| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi questo non è fascismo o dittatura?pensate in cinque anni quel essere nano ha fatto solo leggi e decreti che avevano come scopo la sua sopravvivenza governativa....inoltre perchè chi ha miliardi di debiti come tronchetto di liquirizia campa sugli allori senza che nessuno gli dice niente e a me per pagarmi il mutuo devo fare tre lavori e non mi bastano e rischio ogni giorno di perdere tutto?chi lo sa mi risponda!! beppe tu lo sai?

gianluca salvadori 24.03.06 01:52| 
 |
Rispondi al commento

dal blog della LISTA ITALIA DEI VALORI- DI PIETRO (EX MAGISTRATO)presente alle prossime elezioni del PArlamento del 9 e 10 aprile p.v. www.antoniodipietro.it
che vi consiglio di visionare.

COMUNICATO STAMPA

ITALIA DEI VALORI – DI PIETRO
COORDINAMENTO PROV.LE CHIETI


SI COMUNICA CHE DOMENICA 26 MARZO P.V. ALLE ORE 17,00 PRESSO IL RISTORANTE “VILLA PARADISO” FARA S. MARTINO - CHIETI (S.S. X CIVITELLA MESSER RAIMONDO) SI TERRA’ LA PRESENTAZIONE UFFICIALE DEI CANDIDATI AL PARLAMENTO PER LA LISTA

“ITALIA DEI VALORI – DI PIETRO”

DR. CARLO COSTANTINI (CAMERA DEI DEPUTATI)
DR. VERINO CALDARELLI (SENATO).

PRESENZIERANNO IL COORDINATORE REG.LE ITALIA DEI VALORI DR. ALFONSO MASCITELLI E IL COORDINATORE PROV.LE-CHIETI ANGELO MANCINI.

LA CITTADINANZA TUTTA DEL COMPRENSORIO SANGRO-AVENTINO ED ABRUZZESE E’ INVITATA A PARTECIPARE.
22 marzo 2006
X Coordinamento Prov.le IDV
(Travaglini Massimiliano).


NICO BROGGI 24.03.06 01:02| 
 |
Rispondi al commento

ma...hanno bloccato il topic "siamo tutti stallieri"?
qualcuno mi dice che sta succedendo?

jack torrence 23.03.06 22:49| 
 |
Rispondi al commento

l'italia è cambiata ---
questo era lo slogan di forza italia per la campagna elettorale 2006: azzeccatissimo.
mi guardo intorno e non riconosco quasi più nulla e nessuno di quando ero ragazzo e io sono del '58.
la gente si da un gran daffare per... perchè ?
non è per un ideale o un obbiettivo, si vive alla giornata; i problemi sono affogati da altri problemi.
sono convinto che questo stato di cose sia voluto esattamente com'è e assoggettarsi è colpevole come chi ha organizzato tutto.
io avevo un decoder sky ma l'ho reso allo squalo perchè non accetto che nessuno entri in casa mia se io non voglio e la pluralità di informazione è fondamentale....
io ho cambiato una macchina comprata usata e dopo 9 anni e 230 mila km ne ho presa un'altra sempre usata e vado in c.... a chi vende 'sti ferri e ci guadagna da fare schifo.....
io vado in vacanza se posso e massimo per una settimana e parto all'ultimo minuto senza prenotare un tubo perchè non so, fino all'ultimo, se potrò partire.....
io non vado ad un cinema da... boh? perchè mi hanno regalato un lettore dvd e con 2,5 euri mi godo i film anche se dopo mesi che sono usciti, perchè non ho fretta....
ma voi che avete tutti i pacchetti possibili e immaginabili di sky; voi con i suv da 120 mila euri; voi con le vacanze sempre pronte e almeno due o tre volte per anno; voi che riempite i ristoranti tutte le sere e non solo il sabato; voi
chi siete? da dove venite? come campate? siete voi che avete voluto questo governo? ho paura per il futuro perchè mi sento mancare un futuro e sto per reagire male, molto male.
voi cominciate a aspettare, che prima o poi arrivo
e vi diventa notte tutto assieme.

marco r.(don chicote) 23.03.06 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Lucarelli in "Blu notte" ne parlava delle connessioni mafia-politica. In particolare ricordo bene che durante la trasmissione fece vedere anche uno striscione che i tifosi del Palermo appesero durante una partita Palermo-Milan.. "Berlusconi si è dimenticato della Sicilia".. A buon intenditor.. Peccato che io ho visto la trasmissione per puro caso in seconda o terza serata in una notte di studio di FINE LUGLIO.. Doveva andare in onda verso aprile ma gli era stato PROIBITO.

Non esiste più un'opinione pubblica. Non ci si ricorda più che l'opinione pubblica è a tutti gli effetti un soggetto politico. In sua assenza politici (o sedicenti tali) e media fanno a padroni di tutta l'arena. Ovviamente seguendo i loro propri interessi. In America, almeno, hanno la stampa "watch dog".. qui manco questo..

Silvia Alexakis 23.03.06 22:00| 
 |
Rispondi al commento

LE PORTE POLITICHE DELLA DISTRUZIONE (non sottovalutate!)
-di Giacomo Montana


Oggi noi fantastichiamo ancora una realtà che in Italia non esiste. Pensiamo che in politica ci possano essere persone che aiutano i cittadini, i lori figli e nipoti ad avere un futuro migliore, ma non è così. Noi cittadini col nostro voto elettorale attualmente possiamo soltanto permettere di fare la dolce vita ai relativi candidati che vengono eletti, alle loro famiglie, parenti e amici. Attualmente non esiste un terreno fertile per fare crescere l’onestà e l’uguaglianza.

Ciò per un semplice motivo, perché i grandi mutamenti sino ad oggi, se hanno fatto crescere le economie dei paesi industrializzati, hanno prodotto anche una nuova forma di economia illegale, che non è più il brigantaggio, ma la multinazionale del crimine, che si impegna su più tavoli da gioco, investe denaro sporco, entra nell'economia di intere regioni e quindi proviene di fatto dal sudore del lavoro di tutti i cittadini onesti.

L’economia illegale cresce in verso direttamente proporzionale con quella legale anche se con proporzioni diverse. I cittadini ignari di tutto ciò di tanto in tanto si devono confrontare con questa nuova criminalità vedendo e subendo solo le conseguenze delle ignominie e dei danni ma mai gli viene permesso di vedere o di conoscere la radice e il seguito che produce i danni economici e morali al popolo italiano. …CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu2)…

Giacomo Montana 23.03.06 21:08| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:


…(Sisu2)…Il giudice Falcone capì tutto questo e di conseguenza voleva intraprendere una battaglia sul piano finanziario ove vi erano traffici illeciti immessi nei circuiti dei capitali legali. Comprese che tutto questo condizionava fortemente la nascita di una nuova imprenditoria e quando fu sicuro che accanto al grande crimine vi era anche un altro fenomeno in cui legalità e illegalità non avevano più limiti netti, capì anche che esisteva una imprenditoria senza scrupoli che appariva a prima vista una imprenditoria normale ma che in realtà non era così.

Collegò tutto questo meccanismo e capì che al vertice vi era la mafia che prosperava con tutti questi movimenti artificiosi e sporchi. Aveva capito che se esiste una domanda, un mercato, che recepiva un’offerta, gli affari per i malviventi andavano a gonfie vele. Tra questi affari vi era la prostituzione, la droga, le armi ed infine i voti elettorali. Ecco il fenomeno economico che genera l’imprenditoria dell’illecito. Questa forma perversa di imprenditoria si espande a macchia d’olio.

Dopo tutta questa premessa il pensiero che un uomo come Falcone fu ucciso perché aveva capito troppo e perché voleva un’Italia pulita, a chi scrive come credo a chi legge, da un certo sgomento. Un uomo solo non potrà mai migliorare l’Italia e renderla Sisu ossia piena di valori positivi e costruttivi. Chi volesse saperne di più deve sapere che lo scambio elettorale politico-mafioso sussiste ancora anche senza erogazione di denaro. (FONTE: Cassazione , SS.UU. penali, sentenza 12.07.2005 n° 33748)
e più in particolare: http://www.altalex.com/index.php?idnot=14
…CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu3)…

Giacomo Montana 23.03.06 21:07| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:


…(Sisu3)…Caro Beppe, chi può cambiare tutta questa sporcizia sono soltanto gli elettori, ma finché si da credito a Berlusconi che di imprenditoria se ne intende, non possiamo che dispiacere persino alla memoria di quel grande uomo che fu FALCONE. Quello che bisogna dire agli elettori è che la qualità della vita, se avremo ancora un governo sbagliato, andrà sempre peggiorando e non verrà mai più restituito il senso del valore sociale vero, del lavoro e della vera legalità, con una parola sola non verrà mai restituito il valore Sisu!

Ho cercato in tante maniere di fare capire la verità pericolosa che abbiamo tutti sulle nostre teste. Ogni volta che ho parlato della grave vicenda della Signora Nigris (Vedi sito: http://www.mobbing-sisu.com ) è come se avessi detto: questa è la prova del nove, vedete cari lettori, che viene data carta bianca anche per continuare il crimine contro una donna indotta ad essere ammalata e portatrice di handicap in servizio e per causa di servizio e come se non bastasse, privata pure del relativo diritto di legge e di contratto?

Peccato che c’è stato persino chi si è persino infastidito di avere letto la vicenda. Quei signori sono un terreno pronto e fantastico per la proliferazione dell’imprenditoria dell’illecito!!
A prescindere, desidero dire che c’è un vecchio detto siciliano che così recita: “Un uomo senza dignità è come un pupu senza puparu” (…è come un burattino senza burattinaio). Volete regalargli ancora il voto elettorale? Fatelo! Chi vuole intendere intenda. FORZA E ONORE per un’ITALIA SISU.

Giacomo Montana 23.03.06 21:07| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:


…(Sisu3)…Caro Beppe, chi può cambiare tutta questa sporcizia sono soltanto gli elettori, ma finché si da credito a Berlusconi che di imprenditoria se ne intende, non possiamo che dispiacere persino alla memoria di quel grande uomo che fu FALCONE. Quello che bisogna dire agli elettori è che la qualità della vita, se avremo ancora un governo sbagliato, andrà sempre peggiorando e non verrà mai più restituito il senso del valore sociale vero, del lavoro e della vera legalità, con una parola sola non verrà mai restituito il valore Sisu!

Ho cercato in tante maniere di fare capire la verità pericolosa che abbiamo tutti sulle nostre teste. Ogni volta che ho parlato della grave vicenda della Signora Nigris (Vedi sito: http://www.mobbing-sisu.com ) è come se avessi detto: questa è la prova del nove, vedete cari lettori, che viene data carta bianca anche per continuare il crimine contro una donna indotta ad essere ammalata e portatrice di handicap in servizio e per causa di servizio e come se non bastasse, privata pure del relativo diritto di legge e di contratto?

Peccato che c’è stato persino chi si è persino infastidito di avere letto la vicenda. Quei signori sono un terreno pronto e fantastico per la proliferazione dell’imprenditoria dell’illecito!!
A prescindere, desidero dire che c’è un vecchio detto siciliano che così recita: “Un uomo senza dignità è come un pupu senza puparu” (…è come un burattino senza burattinaio). Volete regalargli ancora il voto elettorale? Fatelo! Chi vuole intendere intenda. FORZA E ONORE per un’ITALIA SISU.

Giacomo Montana 23.03.06 21:06| 
 |
Rispondi al commento

Quello che Berlusconi è lo si sapeva. Che fosse un nemico della democrazia e un mafioso, chi vuole lo sa. Ma quel che è peggio è che nella coalizione di centro destra figura il gruppo neofascista "Fiamma Tricolore", simbolo di un passato che la mggioranza degli italiani vuole dimenticare. Inoltre la Costituzione recita che "è vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista" (art. XII in "Disposizioni transitorie e finali"). Quindi i fascisti esistono ancora e invito a non sottovalutare il fatto. Quindi stiamo attenti a non appoggiare individui alleati con questi gruppi nostalgici di un passato che è la vergogna dell'Italia.

Emiliano Passabì 23.03.06 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Silvia, hai perfettamente ragione
Il Guardian dice:
"C’e’ sempre stata una tendenza ad aspettarsi che il fascismo ritornasse nella sua vecchia forma, ma questo non e’ mai stato il vero pericolo. Quello di cui dobbiamo avere paura e’ il ripresentarsi del fascismo in una nuova veste, tale da riflettere le nuove condizioni globali economiche e culturali del nostro tempo unite alle tradizioni nazionali. B e’ precisamente questa figura. Egli tratta la democrazia con disprezzo: ogni volta cerca di minarla, di distorcerla e di abusarne. Non ha rispetto per i pilastri indipendenti dell’autorità, ed accusa i giudici di essere i tirapiedi dell’opposizione, descrivendoli come “comunisti”. Con il suo indiscriminato assalto a chiunque lo ostacoli, ha avvelenato la vita pubblica italiana. Egli discende da Mussolini."

vedi il resto su masadaweb.org

I paesi europei vedono con estrema chiarezza cosa sta succedendo in Italia, possibile che solo parte degli italiani sia cosi' cieca?
Questo e' il nuovo fascismo, che ripete la sua intolleranza per la regole, la sua ribellione alla democrazia, il suo disprezzo per l'uomo che pensa, la sua tendenza al totalitarismo, al pensiero unico, al partito unico, al potere nelle mani di uno solo
Tutto precipita in questo senso

Non so cosa altro cerchino gli italiani per capire completamente il pericolo che abbiamo di fronte, ma davvero si vuole fare di questo paese un'Argentina peronista? Si riesce a capire fino in fondo che cosa questo significherebbe? C siamo davvero dimenticati tutta la storia?

ma come si può votare per una Cdl che volutamente scientemente ha voluto una legge elettorale per boicottare il paese e renderlo ingovernabile? Ma il paese siamo o non siamo noi?
Ma davvero vogliamo votare uno che si propon solo la distruzione di tutto quello che c'è?

viviana vivarelli 23.03.06 18:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E invece sbagli, Bruno, quando credi che la politica ci sia dove si parla di politica, invece c'è tutta una strategia ben precisa per allontanare dalla politica il cittadino e distrarlo con amenità e futilità, e la puoi vedere precisamente nel modo con cui è condotta la tv e sono costruiti i telegiornali, c'è una strategia precisa per portare la gente a non pensare e a viversi solo come consumatori-compratori, le riviste che citi sono esattamente rivolte all'induzione costante al consumo, che è appunto la politica neoliberista che sostituisce all'essere pensante il consumatore coatto
Prova a rileggerti 1984 di Orwell
o il vecchio Fahrenheit 451 di Bradbury, dove una società del futuro disumanizzata, iper tecnologica e totalitaria vede la la felicità ondensata nel cibo sintetico, negli acquisti condizionati e nell'etere televisivo e in cui il sé è svuotato dai sentimenti, è anomico, cioè alienato, in cui nessun legge e dunque pensa, ma tutti guardano la tv e comprano e sono governati da un produttore-venditore che considera il pensiero una forma di terrorismo da distruggere
Anche quella di spingere gli uomini a non pensare alla politica è una politica. La peggiore.

viviana vivarelli 23.03.06 18:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il fascismo c'è ma non si vede. All'epoca erano i manganelli e l'olio di ricino le armi di convincimento delle masse. Ma si facevano vedere, e qualcuno contestava. Ora le armi di convincimento sono altre, e passano per via catodica, si insinuano subdolamente, nelle menti ben poco allenate e MOLTO molto ignoranti della nostra Italia delle "3 i". La situazione è triste, sembra la somma delle due epoche più buie: fascismo e medioevo. Dove le decisioni vengono prese dall'alto e dall'alto soltanto, dove si crede che vada tutto bene perché "chi comanda" dice che va tutto bene. E la gente viene mantenuta nell'ignoranza. E, come nel medioevo, nel timore di Dio. E' casuale questa insistente ingerenza della Chiesa negli affari terreni? Nel medioevo per studiare dovevi farti prete. Gli altri erano sottoposti alla punizione divina e alla superstizione. Non vedete la somiglianza?! Che gran tristezza!

Scusate per la confusione.. era solo uno sfogo

Silvia Alexakis 23.03.06 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Ti seguivo, Beppe. Ora leggo un blog feroce che trasuda violenza. Populista come chi dici di combattere. A volte falso, o poco informato se diamo la presunzione di innocenza (v. il post sui libretti postali...!). Anche se non leggerò mai la risposta mi verrebbe da chiedere: PERCHE'? Sei sicuro che questa violenza che aizzi porterà da qualche parte? Addio. Buona Fortuna.

Luca Bisio 23.03.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento

CONSIGLIO DI ORDINE PRATICO
Qualcuno dovrebbe comunicare agli indecisi, che hanno quindi idee appartenenti sia all´area di destra che di sinstra, che per motivi evidenti oggi non e´in gioco una semplice scelta, un modo di pensare e di vedere le cose
Ad aprile la partita che si giocherä sarä quella della sopravvivenza stessa del paese: qualcosa di diverso da un´ideologia rispettabile.
Chi afferma di votare Forza Italia perche´tanto Prodi non e´ meglio, perche´tanto sono tutti uguali, permettetemi di dire che non ha capito un emerito c...zo
Aggiungo un´osservazione che personalmente ritengo abbia un suo peso: prendiamo coscienza che esiste una parte consistente, molto consistente di italiani che continueranno a votare per Berlusconi perche´si sentono a lui affini, perche´hanno lo stesso modo di considerare il paese al loro servizio, perche´ritengono di appartenere alla categoria dei piü furbi, di quelli che ti inculano con il sorriso sulle labbra.
Tralasciando ogni considerazione di ordine etico e morale, vorrei coniare per loro un termine: i peggioratori, coloro i quali contribuiscono quotidianamente a rendere un po´peggiore il paese in cui viviamo
E´a loro che mi rivolgo: lasciate il paese, trasferitevi altrove, lasciateci respirare aria pulita Non abbiamo bisogno di voi, dei vostri "furbismi", della vostra presenza di "cadaveri vestiti a festa"
MassimilianoVolpi marburg

Massimiliano Volpi 23.03.06 14:58| 
 |
Rispondi al commento

in oltre guardiamo più da vicino la Mondadori considerata organo di partito che divulga il credo Berlusconiano con la sua miriade di periodici:
2 TV
Automobile Club
Auto oggi
Cambio
Casabella
Casa Facile
Casaviva
Chi
Ciak
Confidenze
Controcampo
Cosmopolitan
Creare
Cucina Moderna
Cucina no problem
Donna Moderna
Easy Shop
Economy
Evo
Flair
Focus
Focus Junior
Grand Gourmet
Grazia
Guida TV
HP Trasporti Club
Interni
Jack
Macchina del tempo
Men's Health
Nuovi Argomenti
Panorama
Panorama Travel
PC Professionale
Per Me
Prometeo
Sale & Pepe
Star+TV
Starbene
Telepiù
Top Girl
Tu
TV Sorrisi e Canzoni
VilleGiardini
Sono tantesì ma escludendo due o tre riviste che veicolano veramnte discorsi politici sulla maggior parte sfido a trovare una linea editoriale così politicizzata e divulgativa, al massimo si possono considerare contenitori dell'effimero!!! Carta straccia x sapere che cosa c'è in tv o che cucinare stasera > il problema è anche chi le compra e chi vede un certo tipo di televisione e vuol sapere tutto della casa del Grande Fratello e la TV commerciale è le riviste dove gli articoli sono una scusa per fare pubblicità e noi siamo sicuri di essere solo vittime?

Bruno Rossi 23.03.06 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Cari elettori, care appartenenti alla sub categorìa,
siamo Noi, Sua Emittenza il Cav. Silvio Berlusconi.
Non vi raccontiamo balle. Lo giuriamo sui nostri figli.
Tutti i dati statistici sull'economia italiana che vi portiamo sono esatti e incontestabili.
Vi faccio un esempio.
C'è una torta.
E siamo in due.
Ognuno ne mangia una metà.
Statisticamente abbiamo mezza torta a testa.
Ora, abbiamo due torte.
E siamo in due.
Statisticamante abbiamo una torta a testa.
E' un dato statistico INCONTESTABILE!!
Sono i soliti comunisti manipolatori che si fermano su dettagli effimeri e pretestuosi tipo:
"sì, però ti sei mangiato TU entrambe le torte!".
Statisticamente, NON IMPORTA, NON RILEVA!! Il risultato statistico NON cambia!! Noi ne abbiam mangiate due, e sìa... gli altri non han mangiato nulla, va beh( del resto, cosa volete che mangi chi vota per uno come Fassino..).
MA STATISTICAMENTE PARLANDO ognuno ha mangiato MEDIAMENTE una torta.
E alla fine sono questi i risultati che contano, questi sono i parametri generali a cui si deve riferire il sistema Paese.
Ma è evidente che voi, come la Annunziata, non vi intendiate molto di economia. Come del resto non vi intendete di diritto, di giustizia, di democrazia, di telecomunicazioni, di politiche del lavoro...
LASCIATE FARE DUNQUE A CHI, COME NOI SUA GRAZIA REVERENDISSIMA IL PRESIDENTE, SE NE INTENDE.
Perchè come abbiamo avuto modo di dire a Genova, noi siam delle persone per bene. Voi invece, siete dei..

Lasciate per altri cinque anni che noi possiamo ancora spartir la Torta Italia. E ognuno avrà la sua fetta. Statisticamente parlando, ovviamente.

Silvio Berlusconi 23.03.06 14:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non esageriamo con questa idea di siamo sotto una "dittatura" o "dittatura mediatica" perchè se cosi fosse, come nelle ultime roccaforti del comunismo, vedi la Cina diciamo la verità un Blog targato Beppe Grillo non ci potrebbe essere! e molto altri ancora...

Bruno Rossi 23.03.06 13:56| 
 |
Rispondi al commento

@ Viviana

Tra l'altro queste critiche se non sbaglio risalgono alla fine di Gennaio, ne ha parlato il tg1??? A me non sembra proprio, magari parlano della puntata di Don Matteo, ma a uno scandalo come questo non viene dato rilievo!

Dice il parlamentare europeo: «Ora ci aspettiamo un'autocritica da tutti coloro che hanno cercato di ridurre il grande movimento contro la Tav
ad uno "scontro nel cortile di casa", da tutti coloro che in Italia hanno rifiutato fino ad ora quel confronto che oggi l'Europa non solo chiede, ma impone. Un confronto fondato su studi scientifici, non sulla militarizzazione della valle e sull'uso della forza pubblica».

Bella figura ci facciamo! Come si fa ad essere così criminali da non fare una valutazione di impatto ambientale per un'opera del genere?
Tra l'altro noi italiani abbiamo dei tragici precedenti in cui la politica ha bloccato il più comune buonsenso (Vajont docet)......

Chiara Macchi 23.03.06 13:46| 
 |
Rispondi al commento

L'Europa accusa l'Italia per come ha gestito la TAV in Valsusa. Una delegazione inviata dal Parlamento europeo ha riferito le sue valutazioni, portando a critiche sulla militarizzazione della valle e sulla mancanza di studi sull'impatto ambientale
Il Parlamento Europeo ha firmato un documento per cui la Tav non si deve fare, non ora e non con questo progetto. Il governo italiano non solo é avvisato ma é posto sotto tutela
Sbagliato il metodo e il merito: per l'assenza del rispetto delle regole democratiche e per la mancanza di una valutazione dei rischi. Il governo italiano è avvisato
Viene riconosciuta la legittimità della critica, avanzata dai valsusini, sull’opera e sul mancato rispetto dei principi democratici. L'appello per la democrazia verrà discusso nella Commissione Libertà civili del Parlam. Eur. «Il governo europeo non può lasciare alle autorità nazionali l'esclusiva responsabilità delle scelte...quando possono ledere irreversibilmente gli interessi di tutela ambientale, oltre che diritti fondam. quali la salute...». L'UE ha dichiarato illegale la decisione del governo italiano di non fare una Valutazione d'Impatto Ambientale per il tunnel di Venaus e contro l'Italia é già stata avviata una procedura d'infrazione proprio per la legge che ha cancellato questo obbligo. Il Parlamento Europeo si chiede se questa situazione “non basti a inficiare l'approvazione del progetto”. Sarà avviata una indagine anche sul versante francese, con una Commissione Europea affiancata da tecnici della Val Susa

Dopo tanta voce grossa, tanta prepotenza e arroganza .. finalmente qualche diritto viene riconosciuto!
Ma vi rendete conto che non solo hanno fatto questo perverso Piano Obiettivo per dare concessioni di Grandi Opere a ministri in carica, ma hanno fatto pure una legge che escludeva ogni valutazione di rischio per la popolazione!!! Bastava fare grossi affari e chi se ne frega del resto? comportamenti che sarebbe criminali ovunque, immondi e immorali!!

viviana vivarelli 23.03.06 13:15| 
 |
Rispondi al commento

COME FA UN UOMO RICCO AD ESSERE DI SINISTRA?

COME FA UN IMPRENDITORE, CHE NON È CERTO UOMO POVERO, A SCHIERARSI CON BERTINOTTI E DI LIBERTO?

COME FA IL RE DELLE SCARPE, CHE HA PUBBLICAMENTE AMMESSO DI AVER A SUO TEMPO FINANZIATO E SOSTENUTO FORZA ITALIA, A FARE IL VOLTA GABBANA ED INTONARE “BELLA CIAO”?

COME FA UNO CHE VENDE CALZATURE, CHE COSTANO QUANTO IL SALARIO DI UN SUO OPERAIO, AD IMPUGNARE FALCE E MARTELLO?

DELLE DUE L’UNA: O È USCITO FUORI DI TESTA, PER DIRLA ALLA BERLUSCONI, O SOFFRE DEL COMPLESSO D’INFERIORITÀ NEI CONFRONTI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, DEL MILAN, DI MEDIASET, DI ECC, ECC, TANTO DA NON SENTIRSI SUFFICIENTEMENTE RICCO!

CERTO È CHE - IL RE DI SUOLE E TOMAIE - NEL TENTATIVO DI FARE LE SCARPE A RE SILVIO, È RIMASTO “SOLATO” IN QUEL DI VICENZA DAI FISCHI DEI SUOI STESSI “COLLEGHI” IMPRENDITORI!

www.rinoscribano.it

Rino Scribano 23.03.06 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Signori ormai l'hanno capito anche all'estero nelle mani di chi siamo; ora spero che gli italiani abbiano capito il madornale errore fatto 5 anni fa. Queste sono le ultime settimane prima delle elezioni e io vi dico: diffondete cd, file, video (insomma tutto ciò che riguarda le attività illecite del berlusca e del governo)a tutti quelli che conoscete, perchè penso che la gente sarebbe capace di rivotarlo. Evitiamo di scavarci la fossa da soli

paolo grasso 23.03.06 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Continuare a vedere la faccia di Berlusconi e' un insulto senza precedenti è come se uno mi urinasse in faccia 24 ore su 24. E' un pericolo pubblico da fermare ed internare, un demone pazzo che con il poltergeist della televisione ha inprigionato l'intelletto di milioni di persone. Dei suoi servi (Bondi,Fede,Sacconi,ecc.)solo parlarne mi viene il vomito. Ma come siamo finiti così? Com'e' stato possibile? Le lotte per la democrazia, per una vita migliore dove sono finite? E' possibile che la realtà sia fatta solo delle facce di merda e delle bugie di questi delinquenti? E poi Ciampi, il tanto idolatrato Ciampi, che ancora una volta si è fatto tirare la giacca dalla destra e ha beatificato quel mercenario di cui non ricordo neppure il nome! Uno scandalo tale che ci saremmo dovuti mobilitare in piazza! Quattro buttafuori violenti andati in Irak con chissa' quali ruoli considerati degli eroi! E tutti quei missionari uccisi negli angoli più sperduti della terra uccisi percheè credevano in qualcosa, che cosa sono eh ditemelo brutti stronzi ipocriti e in malafede! E Gino Strada e i suoi volontari che cosa sono? Perchè non lo dite quando presentate le vostre odiosissime facce in tv? Per favore, lo dico a tutti quelli del blob con un minimo di cervello funzionante nella scatola cranica: il 9 aprile spazziamoli via questi bastardi, per il bene nostro e di tutte le generazioni a venire... rispediamoli da dove sono venuti e... tirando piu' volte l'acqua!!!!!!!!!!!!!

mario cacciani Commentatore in marcia al V2day 23.03.06 12:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non considero persone con una dignità, quelle che votano Berlusconi.
Bisogna essere proprio autolesionisti o troppo "furbi" (anche se alla fine l'unico che ne trae veri benefici è solo lui).
Io mi vergogno di essere rappresentato da lui e non facciamo i soliti discorsi retorici: e la sinistra? anche loro fanno solo i propri interessi, rubano ecc. ecc.
BASTA CON L'IPOCRISIA, BASTA CON L'ARIA FRITTA CHE CI PROPINA OGNI GIORNO. E' un arrogante, un prepotente e sono convinto che venderebbe anche l'anima al diavolo per i suoi profitti.
VERGONA, VERGONA, VERGONA, e soprattutto VERGOGNATEVI VOI CHE LO VOTATE. ABBIATE UN PO' DI BUON SENSO UNA VOLTA NELLA VOSTRA VITA.
DAvide

Davide Montanari 23.03.06 12:29| 
 |
Rispondi al commento

il programma di FI per gli Italiani

Parafrasando Totò, cafoni non si diventa, si nasce, e Lui, signor mio, ci nacque.


http://www.break.com/index/primeminister.html

viviana vivarelli 23.03.06 11:33| 
 |
Rispondi al commento

SISU: LO SPECCHIO DEI VALORI

All’inizio del terzo millennio né il clima delle relazioni Stato-società né il modello di governo del cavaliere Silvio Berlusconi danno uno spiraglio di luce e di speranza per un futuro migliore. La giustizia finta, la potente discriminazione, da una parte e le carriere facili ed altrettanto facili arricchimenti dall’altra prendono tuttora il sopravvento!

A fronte di tutto questa iniquità e relativo disordine con l’approssimarsi delle elezioni politiche che ci saranno nel mese venturo, fa persino sorgere il sospetto che questo attuale governo si potrebbe organizzare persino un sistema elettorale fraudolento.

A prescindere da tutto ciò, se avremo la disgrazia di dovere avere in carica per la terza volta il governo con Silvio Berlusconi, dobbiamo rassegnarci ad avere un’amministrazione della giustizia corrotta, influenzata dal partito politico che continua a fare garantire l’impunità al terrorismo di Stato che tocca il fondo peggiore quando viene perfino rivolto ciecamente e senza scrupoli ai danni di chi è stato reso ammalato e disabile in servizio e per causa di servizio, come per esempio si verifica tuttora nella la vicenda della Signora Giovanna Nigris, così come meglio precisato e provato nel seguente sito web di legittima difesa della stessa dipendente assistente amministrativo di uno ospedale pubblico: http://www.mobbing-sisu.com

L’auge economico preparato e attivato da un vergognoso aumento generale del costo dei generi alimentari, prodotti petroliferi (con la benzina in testa), luce, gas, telefono ecc., in aggiunta agli affitti per la casa laddove i costi sono saliti alle stelle, fa rimarcare la tendenza del governo a non volere alleviare le misere condizioni di lavoratori e pensionati già duramente tartassati da una fonte di reddito davvero insufficiente in quanto era già stato reso assolutamente inadeguato al reale costo della vita. …CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu2)…


CONTINUAZIONE:

…(Sisu2)…A mio modesto parere con l’insediamento dell’attuale governo vi è stata una bilancia di sperequazione che un corretto censimento potrebbe presumibilmente quantificare intorno al 30%, se non addirittura superiore. Di questo passo, se ci si avvicina al 50%, il potere di acquisto dei redditi da lavoro e delle pensioni, saranno presto dimezzati.

Se poi si considera che con il raggiro delle false verità per quanto attiene all’impiego vi è una disoccupazione sempre più preoccupante a fronte di una pretesa di questo governo di volere fare apparire che c’è più manodopera occupata con contratti di lavoro a termine, quando si sa bene che con questo sistema invece i lavoratori sono sempre più disoccupati, oltre al danno lo stesso governo ci aggiunge anche la beffa molto ben mascherata come in tante altre cose che amministra molto male.

Se poi si getta lo sguardo sulla politica fiscale, questa piuttosto che essere redistributiva tende parecchio ad essere incentivante per i settori imprenditoriali con fabbriche e manodopera all’estero (Cina e paesi dell’est europeo) con costi di produzione portati al minimo con ricavi enormi per condurre una vita molto più agiata in Italia.

Questi imprenditori con tale artifizio finanziario, oltretutto creano un grave danno al Paese, perché causano parecchia disoccupazione tra i lavoratori, di conseguenza, per sostenere chi è disoccupato e le loro famiglie, ci vorrebbe l’intervento straordinario di un governo imparziale che pensi anche a loro recuperando per esempio dagli imprenditori una tassa supplementare sulle merci importate di loro produzione. …CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu3)…


CONTINUAZIONE:

…(Sisu3)… Altre spese che dovrebbero essere assolutamente evitate sono quelle legate ai costi delle guerre. Non è né leale né tanto meno onesto, fare sostenere tali costi anche ai cittadini che sono assolutamente contrari alla guerra. In questo caso questi cittadini, dovrebbero essere rimborsati su quanto il governo ha indebitamente percepito attraverso le tasse per finanziare la guerra.

Tasse che per non creare ulteriori proteste della gente, cautelarmene ne viene mantenuta nascosta la percentuale relativa di aggravio su tutti i prodotti di largo consumo che comunque incidono ulteriormente sul costo della vita. Questa teoria dei rapporti sociali nel suo insieme deve essere rivalutata e rimodernata. FORZA E ONORE IN UN’ITALIA SISU!

(Sisu è una parola finlandese, intraducibile in qualsiasi altra lingua, in quanto vuol dire allo stesso tempo: lealtà, onestà, coraggio, tenacia, prudenza, probità, sacrificio, dovere, obbedienza, disciplina.... Nella vita, ed in particolare nelle Forze dell'Ordine e nell'Esercito, si vedono molti esempi di Sisu). Giacomo Montana

Giacomo Montana 23.03.06 07:15| 
 |
Rispondi al commento

IL SACRO IMPERO AMERICANO D'OCCIDENTE presenta

LA COMMEDIA ALL'ITALIANA

Attori:Bush & Berlusconi (B&B)
Sceneggiatura:Mass,Media & Set
Costumi:Trapianto & Capelli
Scenografia:Falso Terrorista & Falso Comunista
Musiche: Forza & Italia
Montaggio: Sismi,Fbi & Cia
Organizzazione generale: Multi & Nazionale
Distribuzione internazionale: Emilio & Fede
Regia: Strategia & Tensione


Ora mai ci siamo,il giudizio per silvio sta arrivando,così finalmente ci risveglieremo da un brutto incubo durato 5 anni. Ma ho un brutto presentimento, m'incute ancora il timore di riaddormentarmi ancora. Le questioni che più mi preoccupano sono: le affermazioni "made in USA" che ci ravvisa a noi e agli americani in Italia di possibili disordini,contestazioni e attacchi terroristici all'indomani delle elezioni,l'ignoranza di un ministro italiano ke insulta la religione musulmana,il tg-r Emilia-Romagna che informa di un possibile attacco alla basilica a BO dove c'è un quadro che raffigura maometto all'inferno,etc etc.Il mio timore è ke ci potrebbe essere,senza "esagerare",un altro GOLPE OCCULTATO MEDIATICAMENTE come quello dei tempi di USTICA,BOLOGNA,ROMA,MILANO o dei più recenti NEW YORK,MADRID,LONDRA, altro che comunisti e no-global! Immaginatevi un attentato terroristico al nostro povero silvio con qualche ferito (speriamo senza morti)che passavano lì per caso: la sinistra,il papa,tutti i capi di stato e l'opinione pubblica in generale esprimeranno solidarietà e condanneranno le violenze; il governo iraniano e palestinese "come sempre" si schiereranno dalla parte del male; l'elezioni verranno rimandate; tutti i mezzi di informazione parleranno all'infinito dell'accaduto; nella popolazione verrà indotta paura,terrore e angoscia;berlusconi dimesso dall'ospedale,terrà in TV,a reti unificate,il solito monologo sui comunisti;calderoli sfoggerà il suo guardaroba;la fiamma tricolore brucerà le moschee;casini che casino;LA CASA DI BERLUSCONI VINCERA' LE ELEZIONI.

BUONANOTTE E SOGNI DI PIOMBO! :-(

donato deufemia 23.03.06 06:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
avanti così che ce la facciamo

Patrizio de Marinis 22.03.06 20:39| 
 |
Rispondi al commento

ot


Molti anni fa ci fu un signore nell'emilia mi sembra, che mise su un'associazione per boicottare i supermercati di una certa linea ( b.forse?!??! )perchè troppo esosi, se non ricordo male il boicottaggio funzionava poi un giorno ricevette una visita in casa e fu massacrato, così sparì e non se ne seppe più ne di lui ne dell'associazione ne tantomeno di quei delinquenti,fu un fatto gravissimo che avrebbe dovuto spaventarci ma nessuno se ne preoccupò più di tanto chi ricorda qualcosa ?!??!?!?

masso salvi 22.03.06 19:22| 
 |
Rispondi al commento

A qualche settimana dal voto la percentuale degli indecisi si attesta al 20%, quindi anche considerando le forbici dei sondaggi, le attuali proiezioni trovano il tempo che lasciano. Se si riuscisse a mettere d'accordo questo 20%, a cui ovviamente appartengono anche idee di centrodestra e centrosinistra, si potrebbe formare un nuovo partito e forse finalmente si potrebbe porre fine a questo scempio delle attuali coalizioni, ormai è troppo tardi, ma spero in una legislatura breve e nuove alleanze.

Giuseppe Bizzini 22.03.06 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Be' tutti i nodi vengono al pettine.
Si vede che l'amicizia con Berlusconi l'ha contagiato,tanto che i giornali inglesi lo invitano a dimettersi per la vendita dei posti al LABOUR.Come si dice:Gli uccelli si accoppiano in cielo i la..i in terra."

Roberto Massa 22.03.06 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto solo oggi l'articolo sul blog di grillo e mi rendo conto che non e' per niente obiettivo anche perche' non viene detto assolutamente che Martin Jacques era editore al giornale Marxism Today.

http://en.wikipedia.org/wiki/Martin_Jacques

Beppe all'inizio quasi ti credevo seguivo con attenzione i tuoi spettacoli poi con il passare del tempo mi sono accorto che sei uno di sinistra che ha scoperto il web e quindi la possibilita' di comunicare gratuitamente ad un'ampia gamma di persone.
ciao

Antonio Leardini 22.03.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il TG 1 è davvero irriconoscibile!

Filoberlusconiano ma fingendo sempre di essere imparziale!

dario casella 22.03.06 16:46| 
 |
Rispondi al commento

PRODI: BERLUSCONI A VICENZA? DAL TG1 NON SI CAPIVA NULLA

"Dopo il 10 aprile non avremo una televisione strumentale". Romano Prodi, durante una manifestazione elettorale a Montesilvano, risponde cosi' a chi gli chiede se dopo le elezioni ci saranno cambiamenti nell'informazione Rai. "Tutti i giornali mondiali hanno riportato la sceneggiata di Vicenza - spiega il leader dell'Unione riferendosi al blitz di Berlusconi - in modo straordinario. Solo il Tg1 l'ha riportata in modo tale che non ci si e' capito assolutamente niente. Ho fatto un test tornando da Vicenza. Cosa capiva la gente guardando il Tg1? Veramente non hanno capito niente, ne' come e' partita la polemica, ne' quali erano i punti della disputa. Invece, i giornali stranieri, francesi tedeschi, inglesi, americani, compreso il 'New York Times', hanno riportato con senso di angoscia questa mancanza di serieta'. Il cambiamento - ha detto ancora Prodi - si fa nella cabina elettorale, non lo si decide urlando, impadronendosi dei mass media ed umiliando, spesso, la par condicio, come avviene inventando trasmissioni in cui Berlusconi e' visto di fronte e a me mi si riprende da dietro la testa. Tutte cose - ha concluso - abbastanza ridicole, umilianti per un Paese serio". "Vi assicuro - ha aggiunto - che ci sara' piu' concorrenza nel sistema televisivo. Nel sistema televisivo - ha aggiungo Prodi - voglio la pluralita' delle voci; noi siamo davvero liberali perche' non abbiamo interessi: non potete essere liberali se possedete il sistema televisivo. Il problema dei media e' il piu' delicato di tutto il funzionamento della democrazia.

Adriana radelli 22.03.06 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Dopo avere visto come sa imbroccare bene la strada dell’inganno Berlusconi, per il prossimo futuro, potremmo intraprendere un cammino diverso, più promettente, più sicuro e senza ostentazione. A Berlusconi, sono bastati cinque anni di mal-governo per paralizzare l’economia italiana (questa è la verità reale, quella virtuale scrupoli e senza morale lasciamola a lui) con conseguenze dolorose e traumatiche per la stragrande maggioranza dei cittadini e per la società italiana in generale, insieme alle forti tensioni che si sono sviluppate un poco in tutte le regioni della nazione.

Tutto ciò, ci ha insegnato che, il mal-governo, lungi dal risolvere i problemi degli italiani, verosimilmente risolve solo i problemi dei parenti e amici stretti, del noto cavaliere, provocando seri costi sociali. Ci insegna anche in modo inequivocabile che, finché continueranno a persistere le cause che hanno generato questo stallo e fermento, gli italiani vivranno ulteriore pericolo costante di nuovi disastri all’economia del Paese dalle conseguenze di uguale blocco economico, se non addirittura peggiori.

Per questo diviene di vitale importanza che coloro che manovreranno le leve del potere in Italia, coloro che ostenteranno il potere reale e quello formale, abbiano davvero la volontà e la ferma determinazione di volere rimuovere le cause nocive allo stato e al tempo stesso promuovere un serio dialogo senza pregiudizi con la minoranza in parlamento per la soluzione ragionata, razionale e pacifica dei problemi. Ne beneficeremmo tutti e faremmo una migliore figura in ambito internazionale.

Spero anche io che col nuovo governo possa ottenere la cessazione delle torture contro la mia persona come meglio spiegato dettagliato e provato nel mio sito web di legittima difesa: http://www.mobbing-sisu.com FORZA SISU! Grazie. Giovanna Nigris

Giovanna Nigris 22.03.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Gaburro intanto quando dici che 'loro' governano da circa 60 anni ci devi cortesemente spiegare 'loro' chi sono, i 'comunisti' per caso? Non sarà mica che ti sei perso qualche decina d'anni di storia per strada?

Poi, le cose che tu non conosci non sono necessariamente inesistenti, io capisco che tu non abbia mai letto un trattato giuridico o un articolo sul conflitto d'interessi, ci sono letture molto più interessanti, ma questo non significa che il problema sia 'aria fritta' solo perché tu ignori quanto invece sia grave.
Non è un caso che gli USA abbiano da anni una normativa molto seria in materia.

E poi tu da cosa giudichi la presenza o meno del conflitto d'interessi? Da quello che dice o che non dice l'Annunziata? Ammazza, questo sì che lo chiamo metodo scientifico, non fa una piega! La concentrazione editoriale,economica,televisiva di Berlusconi non lo trovi un dato un tantino più significativo?
Apparte il fatto che l'esempio scelto già di per sé è un boomerang (chiedilo alla Guzzanti, licenziata per motivi politici e ancora fuori dalla Rai nonostante la sentenza favorevole del tribunale, sel'Annunziata è una che ama pestare i piedi al cavaliere).

Chiara Macchi 22.03.06 15:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chissa perche' i dittatorelli de noartri affascinano da sempre i leader britannici.
Vedi Churchill con Mussolini.
Que viva GB Vico.

Mauro BV Angioni 22.03.06 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, ma come fai a pubblicare articoli così faziosi? Ma dai, siamo seri... Berlusconi il diavolo, mi vien da ridere. Siamo al delirio.
Io capisco che uno la possa pensare diversamente da Berlusconi oppure non sopportarlo "a pelle", ma qui stiamo proprio vedendo i fantasmi. Il conflitto di interessi, anche se c'è, è la solita aria fritta: forse l'Annunziata è controllata da Berlusconi? e gli altri in Rai? Dai, finiamola, e il centrosinistra si cosparga il capo di cenere per non averci pensato prima, dal 1994 al 2001. L'antiberlusconismo era ed è l'unico collante e l'unica identità del centrosinistra, ma neanche questo è bastato per risolvere una situazione che stava loro molto "a cuore". Ognuno nel centrosinistra tira dove vuole, se vincono quest'anno vedremo quanto durano... Prepariamoci a votare di nuovo la prossima primavera (del resto, come da tradizione del centrosinistra, da quando l'Italia è Repubblica, al governo ci sono quasi sempre stati loro e abbiamo cambiato un governo all'anno perchè continuavano a cadere).

Alberto Gaburro 22.03.06 14:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vabbe' ci riprovo:
Antonio Padellaro scrive:

'Perché questa opinione pubblica, malgrado tutto, continua a scrivere che la frase «unfit to lead Italy» (Economist del 27 aprile 2001), «Inadatto a guidare l’Italia», e a maggior ragione l’Europa, rappresenta solo un deplorevole eccesso, un’aggressione ingiustificata, una mancanza di rispetto (come direbbe il deferente Pera)? Non un giudizio ormai sufficientemente fondato e argomentato sulla base di fatti reali e tutti verificabili? Si cita continuamente il voto del 13 maggio come se gli elettori avessero sottoscritto con Berlusconi una sorta di patto di sangue sacro e inviolabile come il Sacro Graal. Il voto garantisce il passato, non il futuro. E le opinioni, vivaddio, possono cambiare.
Perché, ed è un altro assillo, questa opinione e questi opinionisti continuano non vedere la differenza tra la destra italiana così impresentabile (il Kapò urlato a Strasburgo basta a rovinarci l’immagine per i prossimi sei mesi o sei anni) e la destra francese di Chirac o quella spagnola di Aznar? Artefici di politiche sociali dure, arcigne, ma guidate da personaggi che non passano la vita a coltivare amicizie compromettenti, e non approfittano del loro potere per perseguitare la magistratura, ben corazzati da leggi su misura? A meno che questo modo di trovare accettabile tutto («Ma come siete tolleranti voi italiani», Frank Bruni, corrispondente da Roma del New York Times) non sia il frutto di una sofferta rassegnazione o dell’atavico buon senso che suggerisce, comunque, calma e prudenza nella convinzione di vivere nel migliore dei mondi possibile.'

Chiara Macchi 22.03.06 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Antonio Padellaro scrive su 'l'Unità':

>

Chiara Macchi 22.03.06 13:39| 
 |
Rispondi al commento

COME FA UN UOMO RICCO AD ESSERE DI SINISTRA?

COME FA UN IMPRENDITORE, CHE NON È CERTO UOMO POVERO, A SCHIERARSI CON BERTINOTTI E DI LIBERTO?

COME FA IL RE DELLE SCARPE, CHE HA PUBBLICAMENTE AMMESSO DI AVER A SUO TEMPO FINANZIATO E SOSTENUTO FORZA ITALIA, A FARE IL VOLTA GABBANA ED INTONARE “BELLA CIAO”?

COME FA UNO CHE VENDE SCARPE, CHE COSTANO QUANTO IL SALARIO DI UN SUO OPERAIO, AD IMPUGNARE FALCE E MARTELLO?

DELLE DUE L’UNA: O È USCITO FUORI DI TESTA, PER DIRLA ALLA BERLUSCONI, O SOFFRE DEL COMPLESSO D’INFERIORITÀ NEI CONFRONTI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, DEL MILAN, DI MEDIASET, DI ECC, ECC, TANTO DA NON SENTIRSI SUFFICIENTEMENTE RICCO!

CERTO È CHE - IL RE DI SUOLE E TOMAIE - NEL TENTATIVO DI FARE LE SCARPE A RE SILVIO, È RIMASTO “SOLATO” IN QUEL DI VICENZA DAI FISCHI DEI SUOI STESSI “COLLEGHI” IMPRENDITORI!

www.rinoscribano.it


Edoardo! Ma stai sognando????
ma quali applausi a B a Washington?!!!!
Ma se i membri del congresso nella maggior parte se la sono defilata e hanno dovuto chiamare commessi e simili per far vedere che c'era qualcuno in sala?!!
Ma che giornali leggi???
Svegliati ! Ti stanno usando come cavia per esperimenti al cervello e nemmeno te ne accorgi!!!!
Ma lo sai che quando B parlo' a Strasburgo, se ne andarono tutti e il tg1 prima fece vedere la faccia di B che parlava e poi ci attacco' una platea che applaudiva tolta da un altro servizio che applaudiva a un altro!!!
Non e' possibile che un uomo adulto e vaccinato si faccia soggiogare cosi' la mente. Non e' umanamente giusto!!! E' una cosa da segnalare ad Amnesty che difende le vittime dle mondo!
In USA B non e' nessuno! Lo si cita solo per farci su due risate!
Ci sono degli psicologi appositi per risanare le persone plagiate che hanno fatto ottimi lavori con quelli plagiati da Scientology e li hanno restituiti a se stessi, vacci finche' sei in tempo!!
cerca di avere un po' di rispetto per te stesso.

viviana vivarelli 22.03.06 13:00| 
 |
Rispondi al commento

dal blog dell'ITALIA DEI VALORI- ANTONIO DI PIETRO (EX MAGISTRATO MANI PULITE)LISTA PRESENTE ALLE PROSSIME ELEZIONI DEL 9 E 10 APRILE
www.antoniodipietro.it
vi consiglio di visionarlo.


Licenza di uccidere


Hanno ucciso un ragazzo di 28 anni, Enzo Cotroneo, in Calabria. Lo hanno ucciso perchè non testimoniasse nel caso Fortugno. Mentre gli sparavano era al telefono con la sua fidanzata, dovevano sposarsi a maggio, e le ha detto: “Mi stanno ammazzando”.
Lo hanno ucciso con nove colpi sparati da un fucile e da una pistola. Enzo è stato ucciso come altri 28 calabresi nella Locride nell’ultimo anno e mezzo.
Ed oggi sono stati uccisi due uomini a Scampia, Napoli.
E sempre oggi è stata celebrata la giornata contro la Mafia in molte città d’Italia.

I nomi dei morti per mafia sono stati riportati, divisi per anni, da alcuni lettori in questo sito nei commenti all’articolo: “Media senza pudore”.
Leggerli, uno dopo l’altro, e molti di loro li ho conosciuti ed apprezzati di persona, è straziante.
Una parte consistente del nostro Paese è assimilabile al Far West, ad una zona sotto il controllo delle mafie con cui un ministro di questo Governo disse che bisogna convivere.

Per cinque anni si è gridato al lupo islamico, alla guerra tra religioni e tra civiltà, senza che un solo omicidio, che mi risulti, sia avvenuto in Italia a causa di estremisti musulmani.
Allo stesso tempo si sono registrati, in un silenzio complice, centinaia di delitti compiuti dalla criminalità organizzata.
In questi cinque anni dei parlamentari sono stati condannati in primo grado per mafia, imputati per mafia, hanno ricevuto la solidarietà di cariche dello Stato come Pierferdinando Casini dopo condanne per mafia.
L’economia del nostro sud è strangolata dalla mafia, una situazione sotto gli occhi di tutti.
I magistrati e le forze dell’ordine che ogni giorno rischiano la vita vanno aiutati con nuovi mezzi e con un vero e forte supporto politico. Quello che oggi è del tutto assente.

MAX RISI 22.03.06 11:46| 
 |
Rispondi al commento

I MILLE VOLTI DELL’INDIVIDUALISMO E DELLA VIOLENZA
-di Giacomo Montana

Anche il nuovo millennio ha conosciuto l'esplosione della violenza senza limiti, sia sul piano giustificativo della guerra, come parte dell’ingranaggio della politica, sia su quello della possibilità di potere fare altra conoscenza scientifica sul contagio di una malattia avvenuto in una struttura ospedaliera. Come vedremo sono capaci entrambe, sebbene in proporzioni notevolmente diverse, di una violenza che comunque, sul piano del profilo della disumanità, è da ritenersi inaccettabile.


Da questa cultura discende tutta una serie di danni alla persona con una infinità di conseguenze. Impressionante è la sequela dei mille volti della violenza! Inquadrando il rapporto di una vicenda drammatica e il potere politico, si riscontra che il tutto diviene assolutamente indissolubile, come se fosse un unico corpo. A questo punto emerge persino che il potere politico assume il monopolio della violenza.


Con questo sporco sistema la violenza viene legittimata, persino da quella parte di governo che ne è venuta a conoscenza e che nulla fa per fermarla. In questo modo, anche il valore fondamentale della sicurezza della propria vita per una vittima della violenza finisce inesorabilmente in fumo. Secondo la mia personale esperienza di osservatore, nella collettività vi sono parecchi usi della violenza e, anche quando apparentemente non fanno capo al potere politico, a lungo andare rientrano in un sistema criminale più generale ed è un modo nuovo di fare politica.


Il governo a questo punto, quanto meno anche solo con l’inerzia che manifesta non intervenendo in aiuto di una VITTIMA, incorpora alla violenza IL PROPRIO SILENZIO ASSENSO e contestualmente prende forma un sistema violatore di ogni principio morale, umano e religioso. …CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu2)…

Giacomo Montana 22.03.06 10:07| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:


…(Sisu2)…A questo punto possiamo facilmente convenire che la violenza e i relativi delitti, talvolta sono da ritenersi il braccio terrificante del potere politico degenerato, specializzato nel sapere bene confondere ed annebbiare le coscienze dei cittadini, smistandone i consensi elettorali.


Sappiamo bene che c’è un’enorme differenza tra uccidere milioni di contadini, come è accaduto sotto il regime di Hitler, e uccidere lentamente e di nascosto qualcuno, ma ciò che unisce è la convinzione che in alcuni casi l'annientamento fisico di un soggetto talvolta viene tacitamente accettato dal governo, persino soltanto per salvare la faccia di parecchi criminali amici, che si sono coalizzati tra loro e sono addirittura divenuti parte della linfa vitale del potere politico.


Un’altra forma di violenza è anche quella che si manifesta quando si pretende che la vittima della violenza debba restare a subire senza protestare, come se ci si infastidisse più per la protesta della vittima che del crimine di stato. La protesta, secondo me, è l’unica arma di legittima difesa pacifica e legale che rimane alla vittima del crimine occulto e non può essere soffocata.

C’è da dire che, in un certo senso, rappresenta persino una lotta più generale contro le infinite reti appartenenti al conflitto di interessi, sia visibili e noti che non. Paradossalmente, la violenza viene mascherata in parecchie maniere, persino nel nome di ideali di fratellanza e di soccorso umanitario, sino a vederla rientrare nelle azioni illegali esercitate da funzionari di una struttura ospedaliera, così come è accaduto e meglio spiegato e provato nel seguente sito web di legittima difesa della Signora Giovanna Nigris: http://www.mobbing-sisu.com …CONTINUA QUI SOTTO APPENA POSSIBILE…(Sisu3)…

Giacomo Montana 22.03.06 10:06| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

…(Sisu3)…In questo caso la vittima, come vedremo, è stata portata allo stremo delle sue forze ed oggi dopo 14 anni di torture, dopo essere stata ridotta ammalata in servizio e per causa di servizio, e successivamente anche disabile, da due anni è stata abbandonata in malattia grave con ossigenoterapia domiciliare e privata persino della possibilità economica di potersi curare sufficientemente, secondo prescrizione medica, a causa del fatto che non si può acquistare tutti e farmaci prescrittigli, non esentati dal pagamento dal Servizio Sanitario Nazionale.


Quando durante il mio lavoro di volontariato, vedo a volto assumere un colorito cianotico a questa signora, nonostante la somministrazione dell’ossigeno, è inspiegabile il sentimento di sdegno che provo, pensando a tutti i personaggi politici che continuano pacificamente ad ingannare la buona fede degli elettori, mascherando molto bene chi sono in realtà. Siamo liberi di capire, quanto di fare finta di non capire. Ricordiamoci sempre però che anche quando la violenza non ci tocca in prima persona, perché sopprime gli altri, non può comunque infondere tranquillità di spirito a nessuno. Forza e onore in un’Italia Sisu.


Giacomo Montana 22.03.06 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Con Berlusconi abbiamo avuto la prova della P2 al governo, ovvero quando l'eversione si fa partito e decide di applicare i punti fondamentali della loggia massonica allo Stato.

rolando rossi 22.03.06 10:02| 
 |
Rispondi al commento

vorrei aggiungere qualcosa, ieri sono stato in piazza de ferrari per dimostrare il mio dissenso verso il re in maniera civile..non c'erano solo i centri sociali che comunque hanno assolutamente il diritto di manifestare, c'erano molte persone "normali" stanche di essere prese in giro..credo che i comizzi debbano essere fatti in piazza e non chiusi in un teatro, forse non si voleva confrontare con i fischi e creare una irreale situazione di consenso totale. in più sono convinto che sia importante andare a manifestazione come quella di ieri per rendersi conto di come sia facile perdere i propri diritti civili in un attimo, quando le forze dell'ordine decidono che che c'è troppa gente allora parte la " carica di alleggerimento".. ma scherziamo? ho il diritto o no di stare in piazza e pacificamente dimostrare il dissenso??

antonio bordino 22.03.06 09:55| 
 |
Rispondi al commento

http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=60482

Nuovo durissimo attacco alla gestione dell'economia italiana dall'autorevole Financial Times. "L'Italia sta seguendo la stessa strada dell'Argentina verso la rovina", pubblicato oggi dal quotidiano sulla situazione delle finanze pubbliche dell'Italia e le similitudini con quelle del paese sud americano a fine anni '90 - dissesto che per Buenos Aires si concluse con un disastroso default e milioni di risparmiatori coinvolti. Firma di Desmond Lachman, American Enterprise Institute, uno dei maggiori think-tank di oltreoceano, già vice direttore del Policy and Review Department del FMI
Mario Draghi, nuovo governatore della banca dell'Italia, avverte che l'economia italiana "si è arenata
A parte le debolezze politiche ed istituzionali che disturbano l'Italia - come dimostra l'attuale campagna elettorale polemica e un altro grande scandalo bancario che ha rovinato ulteriormente la reputazione del sistema finanz. Ital. - la difficile situazione economica del paese è simile a quella dell'Argentina verso la fine degli anni 90. Draghi stesso riconosce implicitamente questa somiglianza quando asserisce che l'Italia deve migliorare il suo rendimento se si vuole avere qualche speranza di invertire il declino del paese

Ci sarà il bugiardo? Chi vede obiettivamente che stiamo marciando evrso la rovina o quel tale che dice che la crisi non esiste?

Ing. Fabrizio Landi 22.03.06 09:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non è affatto chiaro perché la redazione dovrebbe pubblicare un post ingiurioso come quello di Yuri e poi deve censurare i post che lo attaccano difendendo Grillo?
Invoco l'equità di trattamento affinché, se si censurano le reazioni di chi non tollera simili individui sul blog, si censurino anche costoro.
La moderazione deve esistere da una parte sola?
Si pubblica chi infama e si censura chi si ribella alla diffamazione? Ma che senso ha?
Ma riprendetevi! Questo non è un modo serio di controllare un blog! Siete dei masochisti? o avete piacere a pubblicare post ingiuriosi come quello di Yuri? Io sono violentemente offesa da questo modo di fare. Non è civile! State cercando di favorire i peggiori? E censurate chi si ribella ad essi? E' questo il vostro modo di intendere la democrazia?

viviana vivarelli 22.03.06 08:31| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi come Mussolini???
Niente affatto.... molto, molto, molto, molto, molto e ancora molto peggio.
Si vede che gli inglesi, quando vogliono, sono dei veri "gentleman".
Il giornalista di The Guardian deve essere una persona molto perbene per associare i due soggetti allo stesso livello.
Oddio, non fraintendetemi, è bene che il duce stia dov'è, e mi auguro che st'altro c...e lo raggiunga il più presto possibile, perchè di questi personaggi è bello parlarne, solo, al passato.
cordiali saluti.

Giulio Aria 22.03.06 02:03| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE GRILLO SCRIVE CHE BERLUSCONI E' IL DEMONIO.BENE,IO INVECE,CREDO CHE BEPPE GRILLO SIA UN COCAINOMANE,CHE VENDA I DVD DEI SUOI SPETTACOLI PER PAGARE I DEBITI CON GLI SPACCIATORI.PER FARE GLI SPETTACOLI DEVE PIPPARE E PER PIPPARE DEVE VENDERE I DVD DEGLI SPETTACOLI.SEI BEN PRESO POVERO ORCHESTRALE!

YURY PASTORE 22.03.06 01:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L’Economist fa presente che:

Fimiani venne condannato per bancarotta a Salerno il 12 novembre 1993

Il tribunale penale di Salerno nel novembre 1993 stabilì che Fimiani aveva "pesanti responsabilità" nel fallimento della Co.Fi.Ma

Il 3 giugno 1995 Fimiani sporse denuncia contro ignoti per abuso d'ufficio, sostenne che il fallimento dell Co.Fi.Ma era motivato dalla necessità di eliminare la ditta quando egli si era trovato a intralciare la vendita della Sme alla Buitoni da parte dell'Iri nel 1985.

Fimiani sporse denuncia contro ignoti per abuso d'ufficio, sostenne che il fallimento della Co.Fi.Ma era motivato dalla necessità di eliminare la ditta quando egli si era trovato a intralciare la vendita della Sme alla Buitoni da parte dell'Iri nel 1985

I magistrati indagarono sulla denuncia di Fimiani e nel marzo 1997 un giudice preliminare chiuse le indagini perché il j'accuse di Fimiani non era motivato.

(Grazie a Repubblica.it per la sintesi.)

Chiara Macchi 22.03.06 00:33| 
 |
Rispondi al commento

'The smearing of Romano Prodi'

E'uno dei cinque punti toccati dall'inchiesta dell'Economist (reperibile per intero su www.economist.com). L'inchiesta è in realtà una lettera indirizzata a Berlusconi,in cui lo si mette davanti a cose come il processo Sme,la sua pretesa di una 'medaglia d'oro',gli inizi della sua carriera e gli si chiedono spiegazioni sui molti punti oscuri.

'To smear' più o meno vuol dire 'infangare'.
Nel 1993 Prodi vendette la divisione alimentare della Sme a un consorzio che girò la Bertolli alla Unilever. L'Economist dice che si è a lungo insinuato che se Prodi avesse venduto separatamente le aziende che componevano la Sme,l'Iri avrebbe incassato di più: ma nel 1997 un giudice ha stabilito che non c'è stata rimessa per l'Iri e che quindi le accuse a Prodi erano INCONSISTENTI.

Nel 1999 il Daily Telegraph, ripreso in Italia dal Giornale(edito da Paolo,fratello del premier),accusò Prodi di avere incassato attraverso la Ase,di proprietà di sua moglie, sostanziose parcelle da parte di Goldman Sachs e Unilever,approfittando della carica pubblica di Prodi e evadendo il fisco. Le accuse,ricorda l'Economist, sono state verificate attraverso un'inchiesta giudiziaria e sono risultate INFONDATE.

L'inchiesta ha appurato che la fonte degli articoli inglesi contro Prodi era tale FIMIANI (non proprio inglese),lo stesso che Berlusconi ha indicato come testimone chiave a sostegno della ricostruzione da lui stesso fornita circa l'affare Sme.
Fimiani avrebbe dato al giornalista del Daily Telegraph due note che dimostravano la colpevolezza di Prodi,ma il giornalista in questione non rispose ai magistrati quando gli chiesero di mostrare queste presunte note,tanto che essi hanno concluso che questi “mythical documents”fossero probabilmente falsi.

Chiede l'Economist a Berlusconi: 'Il signor Fimiani, alle cui testimonianze orali e documentali lei fa riferimento nelle sue dichiarazioni spontanee, è una fonte attendibile?'
Secondo l'Economist no...

Chiara Macchi 22.03.06 00:30| 
 |
Rispondi al commento

"Avevo chiesto dei libri sui leader della sinistra, tutta la loro vita. Nessuno mi ha consigliato. Per adesso ho trovato questo.
Non mi piace molto come invece dite voi.
grazie

luca- venezia 21.03.06 18:03"

Rieccocelo il Luca, in edizione migliorata. Questo signore l'avevo incrociato in un'altra stanza di questo blog e, là dentro, si fingeva semi analfabeta nella lingua italiana e diceva di essere appena tornato dall'Australia.
Fingeve ingenuità chiedendo, in un italiano stentato, ragguagli sui leader di sinistra. Perchè, coerentemente in ciò coi suoi messaggi di oggi, diceva di essere poco informato sugli stessi e bla bla, etc. etc.
Si tratta evidentemente di uno dei tanti mandati qua dentro proprio dal Brianzolo, per gettare, crede lui, un po' di scompiglio.
Continua a stabilire paragoni personali tra i due leader, facendo leva soprattutto sulle doti 'carismatiche' del Brianzolo a fronte dell'apparente muoversi impacciato dell'altro.
Ora scrive però in un italiano più che corretto.
Chissà come ce lo troveremo la prossima volta?
Con me ebbe poche soddisfazioni perchè, come ex elettore di destra, non ho mai avuto molte simpatie per nessuno della sinistra: anche se voterò a sinistra, credo, per il resto dei miei giorni.
Se vi capita di incrociarlo, il "luca-venezia", è meglio che non gli rispondiate nemmeno. E' uno specchietto vivente per allodole.
E basterebbero queste considerazioni per squalificare in blocco tutta la marmaglia che in certo qual modo vuole rappresentare.

giuseppe ricci 22.03.06 00:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COME CAMBIANO I TEMPI.

Credevo che in Italia si rispettasse la Carta Costituzionale.

Pensavo che in Italia per una persona fatta divenire disabile in servizio e per causa di servizio, esistesse la giustizia e non la più spietata discriminazione. Invece per quella vittima di reato gli vengono esercitate senza fine ulteriori umiliazioni,derisioni e violenti stress emotivi devastanti.

Ricordo che alcuni anni fa mentre mi trovavo di a passare da Via Meravigli a Milano, mi fu proposto di tesserarmi gratis al Club di Forza Italia. "L'Italia farà un salto di qualità con Berlusconi" mi disserro"; "Se va al governo lui,ne beneficeranno tutti gli italiani" soggiunsero.

Ritirai la tessera gratuita che ancora ho per ricordo e me ne andai. Alcuni anni dopo che si è insediato il governo Berlusconi anche io ho avuto il dispiacere di constatare come sa non mantiene gli impegni Berlusconi.

E' sotto gli occhi di tutti coloro che non sono né ciechi né sordi, la crisi che travaglia la famiglia italiana: è crisi di giustizia, di imparzialità, di verità, di trasparenza e di carità.

Questo è il male che continua la sua inarrestabile corsa col governo Berlusconi. Tante promesse con capacità imprenditoriali che in politica sono state come fumo! Nessuno guardando i risultati reali può smentirlo!
Ci sono diversi ordini di grandezza nella storia, tra questi vi è la violenza (seza limiti di distruzione), la filosofia, l'amore.

L'uso spregiudicato della violenza, il più delle volte esercitata per la sete di potere, semina disumanità, sofferenza e morte. Mentre la vilenza può arrivare a distruggere qualsiasi ordine di grandezza, fonte di vita e di pace, l'amore è il significato autentico della pace, della vita e della serenità.

Quando tra chi governa uno stato prevale la simpatia per la violenza, per quanto attiene ai reati, vengono protetti i criminali..Continua qui sotto..(Sisu2)...

Giacomo Montana 21.03.06 21:39| 
 |
Rispondi al commento

COME CAMBIANO I TEMPI.
Credevo che in Italia si rispettasse la Carta Costituzionale.
Pensavo che in Italia per una persona fatta divenire disabile in servizio e per causa di servizio, esistesse la giustizia e non la più spietata discriminazione. Invece per quella vittima di reato gli vengono esercitate senza fine ulteriori umiliazioni,derisioni e violenti stress emotivi devastanti.
Ricordo che alcuni anni fa mentre mi trovavo di a passare da Via Meravigli a Milano, mi fu proposto di tesserarmi gratis al Club di Forza Italia. "L'Italia farà un salto di qualità con Berlusconi" mi disserro"; "Se va al governo lui,ne beneficeranno tutti gli italiani" soggiunsero. Ritirai la tessera gratuita che ancora ho per ricordo e me ne andai. Alcuni anni dopo che si è insediato il governo Berlusconi anche io ho avuto il dispiacere di constatare come sa non mantiene gli impegni Berlusconi.
E' sotto gli occhi di tutti coloro che non sono né ciechi né sordi, la crisi che travaglia la famiglia italiana: è crisi di giustizia, di imparzialità, di verità, di trasparenza e di carità.
Questo è il male che continua la sua inarrestabile corsa col governo Berlusconi. Tante promesse con capacità imprenditoriali che in politica sono state come fumo! Nessuno guardando i risultati reali può smentirlo!
Ci sono diversi ordini di grandezza nella storia, tra questi vi è la violenza (seza limiti di distruzione), la filosofia, l'amore. L'uso spregiudicato della violenza, il più delle volte esercitata per la sete di potere, semina disumanità, sofferenza e morte. Mentre la vilenza può arrivare a distruggere qualsiasi ordine di grandezza, fonte di vita e di pace, l'amore è il significato autentico della pace, della vita e della serenità.
Quando tra chi governa uno stato prevale la simpatia per la violenza, per quanto attiene ai reati, vengono protetti i criminali..Continua qui sotto..(Sisu2)...

Giacomo Montana 21.03.06 21:38| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUAZIONE:

...(Sisu2)...e danneggiata sempre più la vittima di reato sia pure solo col silenzio assenso. Tutto questo è mostruoso e se me lo avessero raccontato non ci avrei creduto!

Ora che ho visto esercitare ancora violenza estrema persino ai danni di una donna ridotta disabile per causa di servizio, vorrei tanto che non fosse vero ma non ci sono dubbi questa donna viene fatta morire lentamente privata dei suoi diritti di legge e di contratto, tanto che sono stati raggiunti i termini previsti dalla legge per dichiarare la prescrizione dei reati penali ed assolvere gli imputati di lesioni colpose gravissime.

La più grande vergogna che io potessi constatare ai danni di una vittima di reato l'ho vista esercitare di nascosto e sino ad oggi in Italia.
Gli atteggiamenti boriosi degli OMUNCULIS non mancano mai di fare delle sparate sintetizzabili in: “SO FARE TUTTO IO”. Poi quando la gente li smaschera e mostra loro chi sono realmente, restano loro soltanto i capitali che hanno accumulato nel frattempo. Forse da principio erano convinti di farsi credere a vita come fossero degli onnipotenti?

Con riscontri oggettivi alla mano, emerge che non è assolutamente vero che la violenza appartiene alle classi disagiate, ma si tratta della viltà di individui apparentemente normali e degni di ricevere fiducia, che spesso hanno ricevuto insegnamenti di famiglie deviate e oppresse, ecco perchè sono protetti i criminali e danneggiate sempre più le vittime. Quindi: Per l’Italia: FORZA E ONORE e SEMPRE FORZA SISU.

Giacomo Montana 21.03.06 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto è che non sono certo che la qualità del "governo europeo" sia una priorità della politica della Gran Bretagna.

Questo suo "stare a cavallo" tra le due sponde dell'atlantico, come fosse un gioco di società da cui prendere solo il meglio (o, almeno, quello che permette ad essa di stare dentro o fuori da ciò che le fa comodo) la scarica di responsabilità (o almeno così credono) e la carica di onori.

Ma la G.B., grande impero del passato, ha ormai ceduto lo scettro agli USA e non lo vuole ammettere: il nuovo impero mondiale sono gli americani, nel bene e nel male.

E il giocare spesso contro l'Europa. ma sfrutarne i benefici, non è serio.
Al posto dell'Europa non so se l'avrei accettato, ma forse era per non spaventare gli USA ... o perchè in fondo, come si diceva un tempo, ... sono tutti cugini!



Rosario Vesco 21.03.06 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
ti scrivo questa mail xke doveri kiederti un favore.
Io nel periodo che va dal 09/02/2006 al 26/02/2006 ho lavorato come promoter per la societa PROGET S.r.l. di Torino presso i giochi invernali di Torino 2006.Sul contratto alla voce pagamenti c'è scritto:"la liquidazione di quanto previsto al punto precedente sarà effettuata al termine del contratto."il contratto scadeva il 28/02/2006.Visto che nessuno si è fatto sentire;io posso fare qualcosa x ottenere dei danni,visto ke x pagare delle speso ho dovuto chiedere prestiti.
ti ringarzio e ti saluto.
Ciao grande Beppe

Rocco Carmosino 21.03.06 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Andate a guardare quest'altro bell'esempio di come stanno le cose;
http://video.google.com/videoplay?docid=-7718464372095564086&q=tsi
bisogna andare all'estero per stare svegli.
Tieni duro Beppe!

Giovanni Paolucci 21.03.06 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Paragonare Berlusconi a Mussolini vuol dire non avere capito granchè di tutto quello che sta realmente accadendo in Italia.

Manlio Gasperini 21.03.06 18:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per chi ancora non sa chi votare ecco un test fatto bene,anzi benissimo
:)

http://www.voisietequi.it


alessandra pepe 21.03.06 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Pavia, 11 marzo

Tornano dal corteo fascista e cercano di accoltellare il coordinatore dei Giovani Comunisti.

Come ogni manifestazione fascista ben organizzata, il corteo della Fiamma Tricolore che si è tenuto sabato a Milano ha avuto come strascico una grave aggressione, questa volta ai danni di due militanti di Rifondazione Comunista di Pavia.


A Pavia è presente da anni un gruppuscolo di naziskin, legati al Veneto Fronte Skinheads, prima facenti parte di Forza Nuova e ora della Fiamma Tricolore di Romagnoli. 11 di questi neonazisti sono stati condannati in vari processi per numerosissimi atti violenti tra cui l'assalto del 28 marzo 2003 al centro sociale Barattolo, in occasione di un'assemblea con il dirigente del Prc Saverio Ferrari. In quell'occasione, come è stato accertato nel processo, l'automobile del coordinatore provinciale dei Giovani Comunisti, Mauro Vanetti, era stata assalita e semidistrutta da un folto gruppo di neonazisti, che avevano anche ferito una compagna presente sul veicolo. Sabato sera la storia si è ripetuta e con gli stessi protagonisti.
I due pregiudicati fascisti Marco Rossella e Luigi Scuro appena tornati dal corteo di Milano (come dimostrano le immagini mostrate dai telegiornali in cui i due sono ben riconoscibili) si sono accostati con la loro automobile alla vettura su cui si trovavano Vanetti ed un'altra giovane comunista. Una ragazza che era con i due neofascisti è scesa dall'auto e ha schiaffeggiato la militante di Rifondazione, ma era solo un diversivo per permettere ai due uomini di accerchiare Vanetti: uno dei due fascisti aveva un coltello in mano e prometteva "Questa volta ti faccio a fettine!".
Solo la prontezza nell'utilizzare uno spray anti-aggressione al peperoncino ha permesso ai due ragazzi di salvarsi e fuggire dagli aggressori, che prima hanno preso a calci e pugni il veicolo tentando di sfondarne i vetri e poi li hanno inseguiti fin dentro una pizzeria. L'arrivo dei carabinieri ha fatto desistere i fascisti dai loro intenti criminali; secondo un copione già visto, Rossella (ex campione provinciale di pugilato) si è addirittura presentato alle forze dell'ordine come vittima di un'aggressione al peperoncino e ha lamentato danni alla sua autovettura provocati dalla fuga precipitosa dei due militanti di sinistra. Rifondazione Comunista pavese ha espresso la massima solidarietà ai due compagni aggrediti, dichiarando al contempo la propria preoccupazione per una campagna elettorale in cui la presenza al fianco di Berlusconi di partiti dichiaratamente neofascisti mette a rischio l'agibilità democratica delle forze di sinistra.

Il 13 marzo in una affollata conferenza stampa hanno manifestato la loro solidarietà anche la Sinistra giovanile, la Camera del Lavoro, il Coordinamento per il diritto allo Studio e Gianluca Schiavon, dell'Esecutivo nazionale dei Giovani comunisti.

Rosso Fiorentino 21.03.06 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Ci dispiace notare che la traduzione sia stata ripresa, senza citarne la fonte da qui http://www.canisciolti.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=566

Ci dispace notare come pur parlando di condivisione dei saperi, di open source, di copyleft, di creative commons poi si disattendano i principi enunciati o linkati...

Ci auguriamo che un'altra volta si abbia la sensibilità e l'intelligenza di far seguire agli enunciati le azioni. Altriemnti è solo aria fritta...

Roberto Alessandrini
red
www.canisciolti.info

Roberto Alessandrini 21.03.06 18:26| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUO DA PRECEDENTE

Nel luglio 1993 fu sentito come testimone della vicenda Sme dal pm Antonio Di Pietro, oggi suo alleato. Di Pietro sbattè i pugni sul tavolo: «E i soldi alla Dc chi glieli dava? Lei era capo dell'Iri, possibile che non mi sappia riferire niente? «Prodi terrorizzato, andò pare a chiedere conforto al presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Qualche giorno dopo arrivò a più miti consigli anche il procuratore capo Francesco Saverio Borrelli: guarda caso al successivo interrogatorio di Prodi, Di Pietro non era neanche più presente».

Le pagelle di Prodi presidente della Commissione europea sono pessime. Il giudizio della (oggi) alleata Emma Bonino sulla gestione Prodi degli affari Ue: «Cervello piatto». Il Financial Times: «La sua performance è stata orrenda». Sempre il FT: «È un dilettante, catapultato su una poltrona troppo importante per lui». Le Monde su Prodi a Bruxelles: «Una commissione in pieno caos». Il Times di Londra titolò: «Il problema Prodi». Il tedesco Die Welt: «Impacciato, dal linguaggio piatto, un uomo che perde spesso il filo del discorso dando l'impressione di non sapere bene di cosa stia parlando».

Avevo chiesto dei libri sui leader della sinistra, tutta la loro vita. Nessuno mi ha consigliato. Per adesso ho trovato questo.
Non mi piace molto come invece dite voi.
grazie

luca- venezia 21.03.06 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi invito di vedere il sito di libero. Solo a chi vuole la verità.
lunedì, 20 marzo 2006
Tutte le ombre dell'Impero Romano
«Io presidente del Consiglio? Non penso proprio a queste cose, l'Italia ha bisogno di facce nuove». Romano Prodi, aprile 1993.

Si apre con questa panzana colossale il formidabile ritratto di Romano Prodi (tre pagine fitte fitte) scritto da Massimo Pandolfi per L'uomo qualsiasi, supplemento del Domenicale, uscito sabato scorso e qui parzialmente ripreso dal Giornale, quotidiano che a Prodi sta dedicando in questi giorni una serie di puntate a firma di Giancarlo Perna (nel numero di oggi, la vera storia della celeberrima seduta spiritica sul sequestro Moro, una delle più immonde falsità propinate da un uomo politico all'opinione pubblica, con la compiacenza ignava dei giornalisti che hanno preferito non andare fino in fondo). Ma tornando al pezzo di Pandolfi, è la storia critica, personale e politica di colui che (non) aspira a Palazzo Chigi per la seconda volta. Vi invito a recuperarla integralmente e a leggerla, soprattutto voi che avete intenzione di votarlo, estrapolando alcune chicche:

Contro i 120 libri, perlopiù dispregiativi, sul Cavaliere, la bibliografia su Romano Prodi è magrissima. «Non esistono in libreria libri critici contro il Prof. o comunque si possono contare sulle dita di una mano. Ce n'è uno, del 2000, che ha vissuto una storia emblematica. Si intitola Prodeide, è stampato da una casa editrice che non c'è più, e l'ha curato Antonio Selvatici, un giornalista che oggi vende case». Ex giornalista, perché dopo la biografia non autorizzata di Prodi, «gli hanno fatto terra bruciata intorno».

CONTINUO

luca- venezia 21.03.06 18:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Mad
ho riso fino alle lacrime
e ho mandato il filmato a tutte le 400 persone che conosco
troppo bello
Marc c'est mon amour

Impagabile!

http://gisa.openvlog.com/Userpreview.php?code=e727fa59ddefcefb5d39501167623132

viviana vivarelli 21.03.06 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ricordare che nelle 281 pagine del programma dell'unione sui Pacs non c'è nemmeno una parola.
Non sono all'ordine del giorno dell'Unione.
Per mio conto, in questo momento, questo è un falso problema e prima che se ne parli passerà ancora molto tempo.
Con tutto rispetto per Luxuria e di Grillini che cercheranno di portarlo avanti.
Ma mi chiedo in che posizione saranno stati messi ella lista dei loro partiti perché
se sono in fondo non avranno nemmeno speranza di essere eletti e dunque di avere voce in capitolo.
Mi pare che si tratti di un problema importantissimo per chi lo vive di persona ma del tutto marginale per questi attuali partiti, questi programmi di governo (fatta eccezione per bertinotti e Diliberto) e queste elezioni
Non avete l'impressione che si tenti di deviare l'attenzione pubblica una volta di più lontano dai problemi economici di cui la gente sa poco per farla discutere di cose su cui ognuno si fa forte dei suoi piccoli pregiudizi?
In Italia un pacs, anche se fosse fatto, darebbe qualche tutela ragionevole alle coppie di fatto che sono sempre di più e in larga misura formate da un uomo, una donna e dei bambini(anche Casini ha una coppia di fatto e che dire di Castelli che è sposato con rito druido?) ma, prima che in questo paese si superino i pregiudizi contro gli omosessuali, la vedo lunga.
Si sta parlando dunque di una cosa che non esiste nemmeno come pericolo prossimo. Insomma siamo spinti a perdere del tempo così che non ci interessiamo di cose più importanti. Il che mostra solo che ciuchi che siamo.
E poi chi ha detto che aumentare le libertà fa diminuire la libertà?

Ing. Fabrizio Landi 21.03.06 17:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vecchi e nuovi scandali,politici parolai,chi più nè ha più nè metta ,niente meraviglia più, ed io sò solo una cosa per certissimo che debbo lavorare e lavorare duro ,lavoro nel privato,aggrappandomi coi denti alla sopravvivenza,e con me tanta gente .e non possiamo fermarci a riflettere non ce ne danno il tempo. è cosi orribile non potere avere tempo per riflettere

maffi letizia Commentatore in marcia al V2day 21.03.06 17:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Esorcizziamo l'Italia
IL 9 APRILE RIMANDIAMO BERLUSCONI ALL'INFERNO "

Renato Capece 21.03.06 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Della diatriba sui Pacs
Ho appena ascoltato B su sky dalla Latella
Sintesi
I Pacs non sono matrimoni
B dice che se ne può fare a meno perché una coppia può fare liberamente un contratto da un notaio in cui stabilisce diritti e doveri, successioni ereditarie (vorrei vedere come la prendono i figli), diritti di pensione (vorrei vedere come la prende l'INPS) o volontà di rimanere nella stessa casa (qui.. come la prende il proprietario) e che dunque quello che chiedono i Pacs sono diritti già presenti nel codice civile che possono essere richiamati uno a uno senza nulla di nuovo (parola di B, Tremonti disse lo stesso)
Se le cose stessero così, la spaccatura sui Pacs sarebbe incomprensibile, invece di una legge sul Pacs ognuno si fa il suo contrattino privato dove mette ciò che vuole
Ma non è affatto così
Le famiglie di fatto non godono di nessun diritto e non potrebbero nemmeno con tanti contrattini privati
Poi ci sono invece quelli che dicono che accettare i Pcs lederebbe i sacri vincoli del matrimonio
A parte che i sacri vincoli del matrimonio sono lesi anche da un divorzio e, se si vuol fare i cattolici integralisti, allora dovremmo dichiarare concubini tutti i divorziati..
Concettualmente non si capisce perche' aumentare i diritti eliderebbe quelli precedenti. Sarebbe come dire che l'abolizione della schiavitù limita i già liberi
Ma il tragicomico è che i campioni del cristianesimo che si fingono pro Ruini sono spesso divorziati o con concubina (vedi Casini o B che aveva una garconniere che comunicava con l'ufficio e mise incinta l'altra mentre stava con moglie e figli)
Ma la cosa veramente spassosa è che le 'compagne' dei parlamentari godono già, per una legge ad personam, di quei diritti (sucessione, pensione, casa ecc.) che gli stessi negano agli altri
E questo è veramente il massimo dell'ipocrisia

Di come la Chiesa così rigida e puritana abbia facilmente perdonato e anzi coperto i preti con concubina o pedofili parliamo un'altra volta

viviana vivarelli 21.03.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Ecco, come pensavo, sono nuovo del blog e ho già combinato un guaio.

Lungi da me il "ghettizzare" l'omosessualità.

Sono il primo ad essere a conoscenza del fatto che è palese che possa esistere un grande amore (..con tutto il bello che l'amore stesso comporta!) fra due persone dello stesso sesso piuttosto che in una famiglia tradizionale...

.. ripeto, lungi da me il pensiero !

Sono anche abbastanza grande da capire che non è di certo questo il problema unico su cui debba convergere la decisione al voto di una persona.

Però, da cattolico sedicente "attivo", è un cruccio che mi assilla, al punto che, non so più veramente a chi affidare il mo voto.

La scelta è difficile ;
da una parte l'ipocrisia forte, troppo forte per i miei gusti personali, del centro destra, cito per tutte l'ultima uscita di Silvio Berlusconi che invita, paventando saccocce più gonfie per tutti,a lavorare giorni e settimane in più piuttosto che dedicarsi a se stessi o, appunto, alla famiglia, no amici, questa filosofia mi fa cadere veramente le braccia.

dall'altra parte, scusate ma non mi va già parimenti a Berlusconi, abbiamo Capezzone & C.
Non nego che abbiano combattuto e stiano combattendo battaglie anche serie e collettivamente utili, ma, sempre secondo la mia filosofia, siamo sicuri che, abbattere tutte le "morali" (l'ho messo tra virgolette perchè è una parola che non piace nemmeno a me), abbattere tutti i paletti sia costruttivo ? .. scusate ma non riesco a ricordare esempi positivi in tal senso.

Chiedo scusa agli amici omosessuali, se posso essere stato frainteso.

.. vi prego, e mi rivolgo a tutti, parlando da cuore a cuore, chiedo a tutti di combattere per conquistare diritti non alla luce di egoismo od ambizione (la classe politica attuale ne è, ahimè, la bandiera), ma di amore, solidarietà, cosienza critica o, per i pià laici, scienza critica !

.. evviva la natura, la natura che fa nascere figli da uomini e donne e che regala l'amore a tutti, etero&omo

Giovanni Meletti 21.03.06 17:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un promemoria per chi non vuol andare a votare:

"Il prezzo che gli uomini buoni pagano per l'indifferenza negli affari pubblici è l'esser governati dagli uomini malvagi" Platone (427 BC - 347 BC)

Dante metteva chi non si voleva schierare politicamente (gli ignavi) nell'anti.inferno perchè non erano degni neppure dell'inferno.

Gli uomini e le donne VERI, scelgano chi votare, e vanno a votare.

Marco Castellani 21.03.06 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate ma qualcuno mi ha detto che in altri paesi europei il digitale terrestre è gratis.Possibile??? Qualcuno sa dirmi se è vero???

Nicol Nissa 21.03.06 17:03| 
 |
Rispondi al commento

ERRATA CORRIGE:

HO LETTO UN MESSAGGIO, QUELLO DI LEONARDO MIGLIARINI DELLE 15.23 CHE COMINCIAVA COL NOME DI GIOVANNI MELETTI.

CONCORDO IN TUTTO E PER TUTTO CON L.MIGLIARINI, DEL CUI COMMENTO LA MIA OPINIONE VOLEVA ESSERE UNA AGGIUNTA.

SONO TOTALMENTE IN DISACCORDO CON MELETTI.

Andrea Giovanardi 21.03.06 16:40| 
 |
Rispondi al commento

UNIONI GAY E DIFESA DELLA FAMIGLIA
X GIOVANNI MELETTI e per tutti..

Hai perfettamente ragione. Inoltre..
Se GIA' OGGI la famiglia in Italia è allo sfascio, per i mille motivi che portano a separazioni e divorzi, e i matrimoni gay NON CI SONO ANCORA... mi devono spegare come ca##o fanno a pensare che sia colpa del matrimonio omosex!! E' come, chennesò.. dare la colpa ai romani d'oggi del declino della Roma Imperiale nel V sec. d.C..

E poi..diciamocelo.. ma quando mai la famiglia, quella reale, quella quotidiana, in carne e ossa (e non quell'immagine beata di famiglia sacralizzata e incensata) non è stata allo sbando..
I bordelli, li hanno inventati oggi? le relazioni extraconiugali, "le corna"? I secoli di maltrattamenti, le violenze le segregazioni ecc.. subiti da mogli-schiave? Le angherìe le frustrazioni e i ricatti che han subìto mariti succubi di implacabili arpìe?
Gli interessi economici dietro, sopra e durante nozze e i matrimoni combinati ??
Ah, però!! Quelle sì, che eran Famiglie!!

Perfavore.. chiedo a tutti i cultori e appassionati di icone di scendere dal fico.. Altro che "difendere la famiglia"... Al massimo, sarebbe più onesto scrivere "Difendiamo le apparenze" oppure "Difendiamo l'ipocrisia come valore fondante della nostra società".. e magari vi darei perfino ragione!!! Ma però si deve giocare e rischiare, carte in tavola e viso scoperto!
Per salvare VERAMENTE la famiglia,occorre garantire le 3 cose più vecchie e ovvie di questo mondo:
1 pane (e companatico: alimentari, spese sanitarie e scolastiche, spese per la casa, automobile, bollette ecc..) sufficiente almeno per tre;
2.lavoro,che sia in grado di procurar quel pane e lasci del tempo per dedicarsi a partner e figli;
3.casa.
Oggi, il lavoro è instabile, precario = non si può pianificare un futuro insieme, il pane è sempre, indiscriminatamente più caro, la casa, beh, affitti alle stelle, mutui inaccessibili ai precari..
In effetti,meglio gridare all'untore.

Andrea Giovanardi 21.03.06 16:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Visto che stiamo parlando di coppie gay, vi prego di una cosa, di non fare confusione fra 'unioni' gay e 'matrimoni' gay, perché in Italia non si sta parlando di istituire matrimoni gay (tantomeno in Chiesa!), anzi, si fa già una gran fatica ad affrontare l'argomento 'riconoscimento delle coppie di fatto'.

La coppia di fatto (anche gay) è una cosa, e non prevede assolutamente una parificazione fra la famiglia di fatto e quella fondata sul matrimonio.
Nel mio post precedente ho spiegato perché il riconoscimento della coppia di fatto non è anticostituzionale se previsto in certi termini (come,ad esempio,nello statuto della Toscana).

La condizione principale è proprio quella di rispettare la posizione privilegiata che l'art.29 Cost. riconosce alla famiglia fondata sul matrimonio (e in Italia il matrimonio gay non esiste e credo non esisterà per molto,molto tempo), quindi una coppia di fatto non avrà lo stesso status di una coppia sposata.

Inutile dire quindi che non si parla neanche di adozioni alle coppie gay, come qualcuno ha insinuato senza peraltro fornire i dettagli di questa presunta proposta del centrosinistra (che se fosse reale - e non lo è - potrebbe tranquillamente essere ribattezzata 'proposta di suicidio politico-elettorale di Prodi').

Detto questo, personalmente faccio una fatica incredibile a capire come alcune persone, anche giovani come me, oppongano una così tenace resistenza psicologica all'idea che si possa essere brave persone e bravi cittadini a prescindere dai propri legittimi orientamenti sessuali.

Chiara Macchi 21.03.06 16:30| 
 |
Rispondi al commento

«Io presidente del Consiglio? Non penso proprio a queste cose, l'Italia ha bisogno di facce nuove». Romano Prodi, aprile 1993.

Si apre con questa panzana colossale il formidabile ritratto di Romano Prodi (tre pagine fitte fitte) scritto da Massimo Pandolfi per L'uomo qualsiasi, supplemento del Domenicale, uscito sabato scorso e qui parzialmente ripreso dal Giornale, quotidiano che a Prodi sta dedicando in questi giorni una serie di puntate a firma di Giancarlo Perna (nel numero di oggi, la vera storia della celeberrima seduta spiritica sul sequestro Moro, una delle più immonde falsità propinate da un uomo politico all'opinione pubblica, con la compiacenza ignava dei giornalisti che hanno preferito non andare fino in fondo). Ma tornando al pezzo di Pandolfi, è la storia critica, personale e politica di colui che (non) aspira a Palazzo Chigi per la seconda volta. Vi invito a recuperarla integralmente e a leggerla, soprattutto voi che avete intenzione di votarlo, estrapolando alcune chicche:

Contro i 120 libri, perlopiù dispregiativi, sul Cavaliere, la bibliografia su Romano Prodi è magrissima. «Non esistono in libreria libri critici contro il Prof. o comunque si possono contare sulle dita di una mano. Ce n'è uno, del 2000, che ha vissuto una storia emblematica. Si intitola Prodeide, è stampato da una casa editrice che non c'è più, e l'ha curato Antonio Selvatici, un giornalista che oggi vende case». Ex giornalista, perché dopo la biografia non autorizzata di Prodi, «gli hanno fatto terra bruciata intorno».

Nel luglio 1993 fu sentito come testimone della vicenda Sme dal pm Antonio Di Pietro, oggi suo alleato. Di Pietro sbattè i pugni sul tavolo: «E i soldi alla Dc chi glieli dava? Lei era capo dell'Iri, possibile che non mi sappia riferire niente?». «Prodi terrorizzato, andò pare a chiedere conforto al presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Qualche giorno dopo arrivò a più miti consigli anche il procuratore capo Francesco Saverio Borrelli: guarda caso al successivo interrogatorio di Prodi, Di Pietro non era neanche più presente».

Le pagelle di Prodi presidente della Commissione europea sono pessime. Il giudizio della (oggi) alleata Emma Bonino sulla gestione Prodi degli affari Ue: «Cervello piatto». Il Financial Times: «La sua performance è stata orrenda». Sempre il FT: «È un dilettante, catapultato su una poltrona troppo importante per lui». Le Monde su Prodi a Bruxelles: «Una commissione in pieno caos». Il Times di Londra titolò: «Il problema Prodi». Il tedesco Die Welt: «Impacciato, dal linguaggio piatto, un uomo che perde spesso il filo del discorso dando l'impressione di non sapere bene di cosa stia parlando».

Giovanni Giordano 21.03.06 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi=Vanna Marchi Ci vende STERCO ci dice che ci renderà felici e noi siamo felici Se qualcuno si oppone gli si obietta che è ILLIBERALE: perchè mangiare sterco è da liberali e farselo piacere è da liberali

Mauro Bellaspica 21.03.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

le solite cose mondialiste tra un po lo accuserannodi essere compòice della Cores del Nod e lo processeranno come Milosevic
Grillo sei pazzo...

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

giovanni ribisi 21.03.06 16:10| 
 |
Rispondi al commento

LA NUOVA TUTELA COSTITUZIONALE DELLA LIBERTA' DI ESPRESSIONE

..quest'articolo a ripropva che la stampa indipendente e libera si trova. Fuori dai nostri confini, ma si trova.
Pensate un po': il The Guardian è proprio IL giornale vicino(ISSIMO) al partito laburista di Blair! E scrive quelle cose! Del suo leader e dei suoi amichetti poco raccomandabili(tra cui l'Impresentabile, Impunito Sua Delinquenza Cav. Bugiardoni, uno che,a detta di Indro Montanelli, "mente perfino quando respira").
E qui in Italia? La libertà di espressione pesa meno del politically correct. Dovrebbero essere modificati,per l'Italia, gli articoli 21 della Costituzione ("Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure...")
e 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo ("Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni ed idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere..")..si dovrebbe dar preferenza a una formulazione del tipo..uhm..ecco, per esempio: art 21: "In linea di massima, si può ottenere il privilegio di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione alimentato a legna, a patto che non si dicano cose che possano risultare spiacevoli, per non ledere la dignità, la buona reputazione e il diritto alla riservatezza e alla felicità di alcuno."
Ciò che scrive The GUARDIAN su Blair e Berlusconi è perfino difficile da leggere su Liberazione o Il Manifesto.
Diciamocelo: per noi il politically correct è un occulto principio supercostituzionale, un principio saldissimo e osservatissimo (pure nel privato!)che a schiacciasassi passa sulle teste, le bocche e le penne di tutti. Di troppi, quantomeno.

Andrea Giovanardi 21.03.06 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Ad idolatrare i dittatori (come Mussolini ad esempio) sono spesso persone che nn hanno il coraggio di assumersi la responsabilità di una civile vita democratica ... fondata sulla legalità (altrimenti la democrazia langue nella finzione).Ciò accade perchè è più facile che un individuo pensi con la testa di un altro che con la propria, pertanto chi esalta il despota lo fa per viltà: nn ha il coraggio di affrontare in se stesso, nelle sue capacità la vita, ma ha bisogno di magnificare un IDOLO IN CUI POTERE VEDERE CIò CHE LUI VORREBBE ESSERE. Insomma è un processo di immedesimazione indotta dal proprio sentirsi insignificanti Il dittatore è il palliativo con cui sentirsi invece SIGNIFICATIVI e forti.

Mauro Bellaspica 21.03.06 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@

GIOVANNI MELETTI

secondo me dire che i matrimoni fra gay "distruggerebbero" la famiglia è pura demagogia_

all'atto pratico non si capisce dove un matrimonio fra gay sia dannoso per la famiglia tradizionale:
- chi si vuole sposare con una donna e avere 300 bambini lo potrebbe fare comunque
- alle famiglie tradizionali non viene toccato nessun diritto, giustamente
- un gay che non si può sposare con un uomo non vuol certo dire che si sposerà con una donna e metterà su famiglia
- i gay sono sempre esistiti, solo che quando no potevano rivelarsi si nascondevano nella struttura predefinita della società, sposandosi forse anche, ma erano delle farse
- ci sono famiglie tradizionali anche molto violente e sterili, quindi i problemi della famiglia tradizionale sono insiti a lei stessa, non vengono indotti dall'esterno
- il matrimonio è un'istituzione e come tutte le istituzioni tende a irrigidirsi e diventare forma di potere, ma come tutte le istituzioni è facile da riformare, proprio per proteggere invece il "concetto" di famiglia che è inevitabilmente più esteso
- facciamo un esempio: se fra 100 anni la maggioranza votasse perché ogni uomo possa sposare 5 donne e ogni donna 5 uomini, l'istituzione attuale del matrimonio andrebbe cambiata, ma ognuna di quelle unioni sarebbe comunque una famiglia
- quando c'era solo il matrimonio religioso tutti pensavano che istituire quello civile sarebbe stata la sua distruzione
- quando ai tempi di mia nonna le donne dovevano uscire con il fazzoletto in testa si pensava che quelle che uscivano a capelli sciolti fossero zoccole, e si pensava che avrebbero dato il cattivo esempio rendendo zoccole tutte le altre
- un contadino cattolico del '700 conosceva solo una REALTÀ, la sua - se un giorno nel podere accanto al suo si fosse trasferito un contadino indù, questo non avrebbe ucciso le proprie mucche ma l'altro sì - nessuno avrebbe DOVUTO OBBLIGARE l'altro a uniformarsi alla propria pratica e nessuno avrebbe danneggiato l'altro_

Tutto ciò per quanto riguarda il Matrimonio – e te l'ho sintetizzato un bel po'_

Poi naturalmente puoi votare chi preferisci, indipendentemente, sei abbastanza grande e vaccinato_

Con stima_

Leonardo Migliarini 21.03.06 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@

DANILO MENGA

scusa Danilo, mi sai spiegare ALL'ATTO PRATICO le differenze fra i regimi di Stalin, Mao e Castro e quelli di Hitler, Mussolini e Pinochet ?

Se ti va_

Grazie_

Leonardo Migliarini 21.03.06 14:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

x il nostalgico neofascista qui sotto:

mussolini ha creato la previdenza sociale.. ha bonificato/ricostruito varie aree italiane.. quando c'era lui i treni arrivavano in orario..lo dice la storia..
ma la storia dice anche che nel '45, dopo 23 anni di DITTATURA fascista, l'italia si è trovata + povera di prima, economicamente suddita dell'america, con un paese da ricostrure e migliaia e migliaia di morti alle spalle..
Giacomo Matteotti è stato fatto UCCIDERE da mussolini nel 1924 xche si opponeva ad un REGIME!

Una dittatura si ha quando un regime (poco importa il colore) vieta con la forza la libertà di espressione.. quindi mussolini era un DITTATORE!

vorrei finalmente vedere finire l'idiozia del paragone tra stalin e mussolini, tra mao e hitler o per essere più attuali tra pinochet e fidel castro..
perchè nessuno parla MAI di personaggi storici come GANDHI o MARTIN LUTHER KING.. loro cos'erano comunisti o fascisti?

usate la vostra testa e cercate di non trovare alibi alla vostra insicurezza

Giovanni Canese 21.03.06 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cara Anna b. è da ieri che scrivo alcuni messaggi che vengono prontamente rimossi. Lasciando stare per una volta Silvio Berlusconi, io ho solo chiesto al dott. Beppe Grillo perchè non faceva emergere tutte le contraddizioni che ci sono a sinistra sulle seguenti materie:
1 Energia: il governo di centro dx ha avviato un programma energetico con la costruzione di centrali turbogas, inceneritori,impianti eolici e fotovoltaici, rigassificatori ed altre forme di Impianti definiti IAFR (IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI). Tutte queste opere sono oggi incompiute per i veti incrociati di Verdi, Comunisti, Rifondazione, DS, Sindacati e amministrazioni Comunali. (perchè non apriamo un dibattito su questo?)
2. Smaltimento Rifiuti Urbani (RSU); il dott. Grillo sostiene e cerca di convincere gli italiani a dire NO! agli inceneritori! Ciò significa che si intende portare avanti il programma di installare nuove discariche! (queste non producono energia elettrica mentre l'inceneritore si!) perchè non rispondete a queste domande tuttologi sinistroidi e ideologhi del Blog?
3. Magistratura: Ho chiesto al dott. Grillo come mai ci siano e sempre dalla stessa corrente (SX) candidati alle politiche che prima erano nella magistratura? Violante(grande accusator di Andreo)Caselli, Finocchiaro, Grasso, Di Pietro,Ayala, D'Ambrosio ect!)
Ho chiesto a Grillo come mai ad un mese dalle elezioni i Magistrati hanno iscritto nel registro degli indagati, Pisanu, Cesa, Alemanno, Storace, Berlni? Semplice coincidenza?
Come mai non si parla più di Toro e Castellano (entrambi nella Direzione di Magistratura Democratica (Magistratura DS) accusati di rivelazione di atti d'ufficio nell'affare Unipol non se ne parla più! (grandi amici del tesoriere dei DS, di Dalema, Consorte e di Fassino) Come mai della Valle parla tanto di competitività dell'Italia quando alla fine produce tutto insieme al suo amichetto Monteprezzemolo (merchandising FIAT in Cina? perchè Maroni non è stato invitato in Confindu

giovanni rossi 21.03.06 14:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A A A PROVA:

Da qualche parte avevo letto che se scrivevi sul blog di Grillo, la parola SIGNORAGGIO, c'erano buone probabilità che venissi censurato.
Non ci credevo;ho fatto una prova e stamattina mi hanno cancellato 3 volte il messaggio, ho notato che altra gente scrive SIGNORAGGIO nei modi più disparati proprio per evitare questa censura- credo- automatica.
E' una vergogna.

Marco Monari 21.03.06 14:25| 
 |
Rispondi al commento

danilo menga 21.03.06 13:58 | Rispondi al commento

ma la storia? i fasci non amano niente!!! altro che patria. Mussolini era megalomane come berlusconi, manipolava l'informazione come il nano, solo che oggi c'è internet la parabola ed è meno facile arginare il dissenso, ma i modi io credo che non fossero tanti diversi. mussolini prometteva come l'ex pelato, e tutto andava bene oggi dobbiamo essere ottimisti perchè abbiamo il maggior numero di telefonini, mussolini ha fatto la marcia su roma e berlusconi...speriamo bene!
parla con gli anziani con dei nonni e fatti dire quale amore avevano i picchiatori per la patria, il clima, l'aria che si respirava il terrore di dire o agire in modo difforme dalle regole! la democrazia ama un paese!!!!

marco terzulli 21.03.06 14:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questo tipo di articoli, miranti alla demonizzazione di una parte politica, non fanno altro che aprire la mente agli indecisi.
ho 35 anni e per la prima volta voterò per il centro-destra.
non ne posso più delle false verità propinateci dalla sinistra...
bisogna ammettere che il tg più libero è il TG5 e non è possibile sentire che la RAI è controllata da Berlusconi...il 90% dei giornalisti non lo sopporta!
se parliamo del TG1, bisogna tener presente che è filo governativo dal 1956.
meditiamo gente....

francesco russo 21.03.06 14:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quanto riguarda il commento precedente invito Beppe Grillo a rispondere e qualore volesse a confutare ciò che ho espresso.

danilo menga Commentatore in marcia al V2day 21.03.06 14:06| 
 |
Rispondi al commento

SONO STUFO DI SENTIRE CHE BERLUSCONI E' UN FASCISTA. CHE BERLUSCONI SIA L'EREDE DI MUSSOLINI.

NON CONFONDIAMO LA MERDA COL CIOCCOLATO!!!

Berlusconi non è un fascista, magari lo fosse, perché per un fascista la Nazione è tutto! La Nazione è ciò che ama di più é un Imper-Nazionalista, quindi qualcunuque cosa faccia (giusta o errata che sia) lo fa per l'onore e per il bene della nazione anche a danno dei cittadini.

Berlusconi non ama la sua Nazione, anzi la disprezza, ritiene lo Stato un nemico da abbatere, da eliminare come sistema. Berlusconi usa la nazione per fini personali, l'unica cosa che ama è il danaro e il suo potere.

Il perggiore nemico che abbia avuto la mafia è proprio il fascismo, ricordo Cesare Mori, Il Prefetto di ferro, scelto per l'eliminazione della Mafia Siciliana duranete il periodo fascista.
Berlusconi invece è la mafia, il fascismo e la mafia non si possono alleare, prima di tutto la mafia non può allearsi con nessun movimento totalitarista che sia di destra o di sinistra, perché sceglie amici che non hanno né principi né ideali, i quali possono farsi corrompere facilmente.

Berlusconi è un mafioso, è un prepotente, è un dittatore, ma non è un fascista!

Perché dittatore non è sinonimo di fascista, perchè altrimenti anche Stalini e Fidel Castro dovrebbero essere additati come tali!

Berlusconi è un dittatore mafioso, punto e basta!!!

danilo menga Commentatore in marcia al V2day 21.03.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento

@@@@@@@@@@ GIOVANNI MELETTI
____________________________


Ciao, io difficoltà non ne ho per il 9 aprile, per la prima volta sono sicuro di votare per il meglio e non solo il "meno perggio".
I temi che riporti sono giusti e rispondono a dei valori, la famiglia è per un cristiano come me un valore fondamentale (per difendere la famiglia ed in particolare i figli un cristiano è anche auorizzato ad uccidere, lo sapevi?).
Devo dirti con sincerità che i pacs non mi sembrano un attacco alla famiglia (almeno leggendo il programma dell'ulivo) per come l'intende la Costituzione perchè i pacs non fanno riferimento a quell'articolo, caso mai prendono atto laicamente di un fenomeno sociale che non può essere paragonato alla famiglia e riguarda una fetta crescente di cittadini italiani (mi riferisco alle unioni di fatto, l'omosessualità riguarda una minoranza come ha dimostrato il caso spagnolo) ai quali devono essere offerte delle garanzie.
Ti faccio un esempio in campo "religioso". Lo sai che le comunità religiose di CONVIVENTI composte mi sembra da minimo 3 religiosi (laici o consacrati non fa differenza) godono di benefici civili e fiscali e non mi riferisco solo all'esenzione ICI?
QuestE LEGGI CHE FAVORISCONO QUESTE CONVIVENZE, ti sembrano aver minato la famiglia?
Perchè non prevedere alcuni benefici e DOVERI per le coppie conviventi (successione, reversibilità pensione, obbligo assistenza, ...) senza per questo intaccare la famiglia?
Ti voglio inoltre tranquillizzare, i luxuria, divorziati, non soposati, pluri conviventi con uomini e donne, ci sono in egual misura a DX e a SX.

luca cortese 21.03.06 13:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a proposito di berlusconi fascista.......no la sua deriva è più simile ad uno CHAVEZ : uno che per il potere e con il potere ha cambiato cavallo non so quante volte , mantenendo sempre intatto il suo populismo! esattamente quelloche stà facendo berlusca: ora ha forse pensato che se si mette contro gli industriali riesce a concentrare su di lui il voto dei"cinici-cronico-disfattisti-arrabbiati" di cui è fatta l'italia, facendo loro dimenticare che la persona che ha più guadagnato dalle leggi è lui!!!!! vedi le varie leggi Mammì,gasparri,decoder,digitaleterrestre,etc,etc

gaetano criscenti 21.03.06 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei riportare qui in questo spazio, una bellissima battuta di Paolo Rossi a "Che tempo che fa" di Fazio:

se racconti delle balle alla gente le devi raccontare enormi, devi esagerare, le balle più grandi sono e più la gente (non tutti) le beve.

Chi conosce Paolo Rossi e la sua furbizia ha capito cosa voleva dire.

Ciao a tutti

Mario Calvi 21.03.06 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, sono nuovo del blog, l'ho vistato spesso ma non mi è mai capitato di scrivere.... oggi però mi torvo in una situazione in cui (e mai avrei pensato di venirmici a trovare)... udite udite ... NON SO PER CHI VOTARE !!

Penso che tutti voi che frequentate il blog siate già, chi in un modo chi nell'altro, schierati e conviti del simbolo su cui metterete la vostra crocetta il 9 Aprile.... anche io pensavo di esselo, ma, più si avvicina quel fatidico 9 aprile e più si appanna la mia decisione ....

Vi prego aiutatemi a capire....

Premetto che, sicuramente non della parte estrema, il mio ideale politico è di centro... non esistendo praticamente più dico... centro-sinistra (..ma molto centro) ....
Quello che stà mettendo in crisi il mio voto è l'ideale che io ho della famiglia....

... da un lato mi trovo a combattere con questo Governo per il quale, personalmente, ho una grossa repulsione non tanto per i valori quanto per il personaggio Silvio Berlusconi.
Trovo che questo governo tratti il discorso famiglia con una ipocrisia direi UNICA.
Da un lato vuole, giustamente, proteggerla da pacs, unioni omosessuali e via dicendo, dall'altro la mortifica minandone le basi (ovviamente quelle prettamente materiali !) perchè essa possa nascere .... il precariato stà soffocando i sogni di tanti giovani aspiranti famiglie, mutui negati, finanziamenti idem, la paura nel mettere al mondo figli alla luce di un domani senza lavoro (umiliata ancor di più con i "contributi" ai nati nel 2005 ... che sia un contentino per le loro coscienze ?) costi del sociale sempre più alti.... mamma mia, ho i brividi al pensare all'ipocrisia dell'attuale centro-destra .....

.... dall'altra parte il centro sinistra, Boselli, Bertinotti, CAPEZZONE, LUXURIAAAAAAA .
Quà non c'è ipocrisia, c'è l'epitaffio della famiglia, la famiglia con la A maiuscola ....
ok ... sono abbastanza avvilito, CHIEDO AIUTO, UN CONSIGLIO da QUALCUNO CHE ANCORA CREDE AL VALORE DELLA FAMIGLIA !
Grazie

Giovanni Meletti 21.03.06 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' bello vedere gente che difende ancora l'operato d berlusconi e del suo governo..
..ora berlusconi ha fatto anche la legge sull'energia solare..che bello! come si chiama gasparri-bis o tremonti-tris? Così avremo tutti il cielo + azzurro come nei suoi manifesti..e tutti sorrideremo felici come lui!!!
..è proprio l'uomo forte di cui avevamo bisogno: difatti si è proprio fatto sentire come rappresentante del 20,32% (proprietà ministero finanze, cioè di TUTTI NOI) al consiglio di amministrazione dell'ENI! (utile operativo NETTO 2005: 8,8 MILIARDI euro.. fonte borsaitaliana, non me lo invento io..ma ste risorse come vengono utilizzate?)
http://www.borsaitalia.it/bitApp/viewpdf.bit?location=/companyprofile/it/88.pdf
difatti si inca++a con i francesi ke non vendono a ENEL le centrali..pare ke MEDIOBANCA presti un'inezia a enel: 50miliardi di euro..RINNOVABILI (col bond!) soprattutto..
..lui ha Mediolanum: difatti le banche italiane sono le + care in europa..
..lui ha 10% di Telecom dell'amico/avversario Tronchetti Provera..difatti le tariffe telefoniche sono tra le + alte d'europa..
..lui ha il Milan e Galliani presidente della figc: difatti + dell'80% delle risorse vanno a juve, milan e inter..e stranamente da quest'anno 90 minuto l'ha COMPRATO canale5..
..l'azienda PUBBLICA RAI con canone obbligatorio (ma non aveva promesso ke lo toglieva lui, unico VERO liberale?) è sotto con gli introiti pubblicitari.. allo stesso tempo l'azienda PRIVATA mediaset (ah no mi sbaglio..forse è di piersilvio e marina..ma non aveva detto che la vendeva a un arabo e/o a murdoch?) ha incassato MOLTI + soldini dalla pubblicità..
..l'unico che ha detto e MANTENUTO è stato utilizzare SOLDI PUBBLICI x l'incentivo statale digitale terrestre: così ora possiamo vedere le stesse cose che vedevamo prima xò digitali!!
Caspita! non vedevo l'ora di svegliarmi alle 4 d notte x vedere al grande fratello 87 na scorreggia notturna DIGITALE dell'ascanio di turno!!
ma svegliatevi! non è matrix..

Giovanni Canese 21.03.06 12:54| 
 |
Rispondi al commento

X Tutti gli Italiani del blog:

In Italia ci sono almeno 30 milioni di Berlusconi.
É per questo motivo che lui é lí dove é. Perché metá degli italiani é berlusconi nel pensiero, nelle parole, nel comportamento, nell'anima.
Non sono peggio degli altri, sono solo diversi, sono tanti berlusconi non famosi.
L'Italia é da sempre stata un paese di voltagabbana, cambiabandiera, piazzisti, doppiogiochisti, sta nel nostro DNA, quello che ci siamo creati per sopravvivere a secoli di dominazioni straniere. Per rimanere vivi, anche a costo di strisciare come vermi.
Berlusconi rappresenta l'evoluzione dell'uomo italico, dalla caduta dell'impero romano ad oggi.
Berlusconi é ció che fummo, siamo e saremo.
Votando Berlusconi rafforziamo il nostro codice genetico italico, ne abbiamo veramente bisogno, come un drogato con la sua dose giornaliera.

Vota Silvio Berlusconi!
Non estinguere la razza italica...

P.S: accetto critiche al mio intervento

Marco Zinni 21.03.06 12:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

grazie a chi, a destra e a sinistra, cerca un dialogo costruttivo. sono in pochi, purtroppo.
solo un'osservazione a BEPPE GRILLO, ammesso che legga i messaggi postati.
ti ho seguito sempre, convinta che fossi la voce dell'imparzialitá, che criticassi coerentemente a destra come a sinistra.
mi dispiace constatare che ti sei schierato. moltissimo. spero che tu sia consapevole che il ruolo che ti sei scelto é importante, perché come personaggio pubblico puoi avere molta influenza sulle scelte dei comuni mortali come noi. é quello che dimentica la maggior parte dei nostri giornalisti. informazione COMPLETA, OBIETTIVA E IMPARZIALE. questa é la regola per rispettare le possibilitá di ognuno di crearsi democraticamente un'opinione motivata. e se si vuole esprimere un'opinione personale, BISOGNEREBBE SPECIFICARLO. opinionista e giornalista sono due figure molto diverse.

sara preziosi 21.03.06 12:31| 
 |
Rispondi al commento

CHI DISCUTE CON ME INDICHI NOME E COGNOME !
FANFARONI ALLA "PRESIDENTE!.."PRESIDENTE CHE DIVIDE" E SIMILI..ALLA LARGA !

umberto dassi 21.03.06 12:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimi

Walter Saletti
Giuseppe Bizzini
Sara Preziosi
Roberto P.

certo che si può discutere.
Massima oggettività.
Dati alla mano.
Un argomento alla volta.


saluti

Le ideologie a cui ciascuno di noi può appartenere riguardano il nostro piccolo mondo, perchè i politici agiscono secondo altri input, io dico che i politici sono come gli allenatori delle squadre di calcio, prima della partita dicono come vincerla, poi ti spiegano come l'hanno persa. Oggi è chiaro a tutti che ci vuole un'etica della politica per uscire da questo empass, non sono d'accordo o più disposto a votare il meno peggio, significa sacrificare quello a cui si crede e scendere ad una serie di compromessi infiniti, per mantenere le posizioni di gente che ormai sono da tempo immemore sulla scena politica, non possono adesso questi politici farci la morale e dire che Berlusconi qui e là, che certo chiunque sia dotato di buon senso capisce che è un'anomalia nella politica, questo indipendentemente dallo schieramento che raduna, ma quando l'Ulivo è stato cinque anni al governo perchè non ha fatto la legge sul conflitto di interessi? adesso dopo che i buoi sono scappati .....a ciascuno il suo, per me questa classe politica in genere è inaffidabile, la situazione è confusa almeno per chi non ha ancora deciso per chi votare, ma spero che la CDL scarichi Berlusconi e la sinistra esca dall'autoreferenzialismo.

Giuseppe Bizzini 21.03.06 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Me ne devo andare anch'io, terrò presente i nominativi di chi riesce a discutere senza insultare, agli altri non risponderò.
Credo sia una libertà che posso prendermi, no?
A presto.

Fabio Fanfulla 21.03.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Fabio Fanfulla per la solidarietà......
e bravo Giovanni, vedo che qualcun' altro si è accorto che qui c'è qualcuno che predica bene e razzola male!!!
ciao

Roberto Porzi 21.03.06 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Anche a me non piace l'eccesso di esterofilia, però se si sceglie una strada, non bisogna seguirla soltanto quando fa comodo: ad esempio non si può guardare ai modelli americani e Thatcheriani per le privatizzazioni (o meglio liberalizzazioni) selvagge e poi allo stesso tempo rifiutare le critiche che vengono proprio in materia da Stati Uniti ed Inghilterra.
Ad esempio: personalmente non sono un paladino delle liberalizzazioni, ma se si decide di liberalizzare il mercato bisogna farlo sul serio e non vendere in blocco degli apparati e/o servizi dello stato sempre e solo a dei gruppi o enti che possono così mantenere una posizione dominante e prevaricatrice sul mercato (al proposito consiglio la lettura di "Monopoli" di G.Floris - ci sono cose interessanti al riguardo).
Stessa cosa per quanto riguarda la discussione sui sistemi elettorali e legislativi: non si può dire che gli USA e la Gran Bretagna siano i difensori della democrazia nel mondo e poi rifiutare le critiche che vengono da giornalisti / politici / economisti anglosassoni.
Saluti
Luciano

Luciano Di Nardo 21.03.06 12:16| 
 |
Rispondi al commento

x Fabio Fanfulla:

Te puoi dire cosa vuoi e IO posso risponderti come voglio, nessuno ci vieta niente...
è questa la democrazia!
oppure ti dà noia che io possa incazzarmi perchè TE ed una massa di coglioni mi rovinate l'esistenza dando il voto alla destra?
un vaffanculo è il minimo, ma visto che avete dato il contributo a rovinare una nazione, un semplice vaffanculo secondo me è troppo poco!
vedi Fabio; è inutile che vi appelliate a termini e concetti come libertà, democrazia, e tante altre belle cose, finchè la libertà e i diritti da difendere sono solo i vostri a costo di calpestare quelli degli altri...
quando agirete nel profondo rispetto dei diritti altrui, potrò stare ad ascoltare quello che direte e vi porterò rispetto a mia volta...

p.s.
ti sei accorto solo adesso che berlusconi, visto che ha le mani in pasta in tutto, dalle televisioni, alle assicurazioni, dall'editoria alle finaziare, non è adatto a guidare un paese???
IO lo sapevo già e lo ritenevo un pericolo, TE hai dovuto mandarlo al governo per saperlo?
ah già: TE sei fra quelli indecisi, quelli che si interessano di politica una volta ogni 5 anni, quelli a cui è indirizzata la propaganda elettorale, quelli su cui fanno effetto frasi tipo "un milione di posti di lavoro!!!", oppure "meno tasse per tutti!!!"...
siete quelli che di poltica non ci capisco un cazzo insomma...


...e però avete diritto al voto!

la democrazia è un'arma a doppio taglio!

Riccardo Galatolo 21.03.06 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Leo Casagrande,

L'unico commento che ho scritto, e che lei giudica inutile, è stato solo chiedere spiegazioni sul motivo per il quale i moderatori del sito (a questo punto dubito che ce ne siano...) permettano a chiunque di insultare gratuitamente e augurare la morte a coloro che la pensano diversamente. In questo modo non si va da nessuna parte, lo volete capire?
Il mio è solo un discorso di civiltà e democrazia,
ha presente di cosa parlo?
cordiali saluti

Roberto Porzi 21.03.06 12:13| 
 |
Rispondi al commento

@ Fabio Fanfulla

Ora devo andar via, ma vi lascio uno spunto.
Io votero' Di Pietro, che secondo me, è l'ultimo rappresentante di una destra decente.

Saletti Walter 21.03.06 12:09| 
 |
Rispondi al commento

@ lo staff di Grillo

Per coerenza dovreste cancellare anche il messaggio di Anna B. in risposta a Franco TOSI.

Fabio Fanfulla 21.03.06 12:09| 
 |
Rispondi al commento

@ Roberto P.

Perchè ti firmi con iniziale puntata. Piuttosto inventati un nome falso come fanno in tanti..

Ciao

Fabio

Fabio Fanfulla 21.03.06 12:04| 
 |
Rispondi al commento

PERCHE' VENGONO CANCELLATI I MIEI MESSAGGI E NON QUELLI CHE AUGURANO LA MORTE DI COLORO CHE NON LA PENSANO COME LORO????

SIETE PEGGIO DI BERLUSCONI!

Roberto Porzi 21.03.06 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Walter Saletti
Giuseppe Bizzini
Sara Preziosi
Roberto P.
e benvenuto Umberto Dassi

Fabio Fanfulla 21.03.06 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi

Walter Saletti
Giuseppe Bizzini
Sara Preziosi
Roberto P.

certo che si può discutere.
Massima oggettività.
Dati alla mano.
Un argomento alla volta.


saluti

umberto dassi 21.03.06 11:52| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe vorrei consigliarti un film "v" come vendetta

luca michelon 21.03.06 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Walter Saletti
Giuseppe Bizzini
Sara Preziosi
Roberto P.

Altri? Non mi interessa se di dx o sx.

Fabio Fanfulla 21.03.06 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Non sopporto quegli europei, i quali evidentemente sentono di appartenere a un rango superiore, che si sentono liberi di esprimere giudizi così netti e offensivi nei confronti del mio paese e relative istituzioni.
Non sopporto del pari gli italiani che provano un indiscutibile sentimento di gioia quando antipatici estranei dimostrano tutto il loro disprezzo per il nostro paese, l'italietta intesa come combinazione tra pizza e mandolino. Un paese, una patria se così posso chiamarla senza far la parte del fascista, che non viene presa sul serio, che si vede spesso svalutata non tanto dalle altre nazioni ma dai suoi stessi cittadini. Tutto per dare addosso a quel Berlusconi che ci dovrebbe far tremare tutti come ai tempi di Hitler e Mussolini. Ma vaffanculo, anzi fuckoff Dear Guardian

Franco TOSI 21.03.06 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Giuseppe Bizzini
Sara Preziosi

Ce ne sono altri? Ce ne sono altri di destra o di sinistra con cui è possibile dialogare senza essere insultati?


Fabio Fanfulla 21.03.06 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non considero Berlusconi nè un grande politico nè un grande imprenditore.
Ma di una cosa sono assolutamente certo:
usando le parole per quello che effettivamente significano, l'autore dell'articolo sul Guardian può essere effettivamente considerato un : PERFETTO CRETINO.

LA PROVA E' SEMPLICE.
DATEMI UN REATO DI CUI E' STATO ANCHE SOLO ACCUSATO BERLUSCONI E VI INDICHERO' MILLE E MILLE INDIVIDUI CHE SONO NELLA STESSA SITUAZIONE SENZA CHE ALCUNO FACCIA NULLA....

QUINDI SMETTIAMOLA DI CACCIARE STREGHE O MEGLIO NEL CASO CACCIAMOLE TUTTE PERO' !!!!!!!!!!

umberto dassi 21.03.06 11:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma stiamo scherzando?!?

E perchè mai sarebbe stato cancellato l'ultimo messaggio, il 1467?

Non esiste..C'è qualcosa che non va, che qualcuno della gestione del blog intervenga e spieghi a tutti.

Non fateci ridere dicendo che la motivazione è il nome e cognome incompleto perchè qui ognuno si firma come vuole e con nomi evidentemente fasulli!

Fabio Fanfulla 21.03.06 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Silvio Berlusconi è una contraddizione vivente, l'intervento in confindustria, che a suo dire, ha avuto il plauso dei piccoli e medi imprenditori, è solo uno spot elettorale, in quanto dietro i vertici di confindustria, appoggiati dalle grandi aziende ci sono anche le aziende di Berlusconi che non mi pare rientrino nella piccola o media impresa, per cui si predica bene e si razzola male, d'altra parte avere l'appoggio di Prodi non so se è realistico, cosa può fare per loro con la galassia che si ritrova dai no global a Mastella, ormai tutte e due gli schieramenti sono prigionieri di qualcuno e saranno paralizzati nell'agire, credo che i politici attuali dovrebbero prendere atto che non si può continuare ad agitare spettri Berlusconi da una parte o comunisti dall'altra e che al paese serve una politica diversa dai loro faziosi interessi. Auspico lo scioglimento di queste due coalizioni e la creazione di un movimeto che contribuisca a rendere più affini alla gente le varie alleanze. Ma come si può dare il consenso alla CDL, se va da AN a lega Nord oppure all'Ulivo, che va da no global a Mastella, spiegatemelo Voi, senza rispondermi che la priorità è cacciare Berlusconi e poi si vedrà, non voglio trovarmi fra inque anni a ridiscutere delle occasioni mancate, meglio una legislatura breve adesso per arrivare ad un chiarimento di nuove posizioni e alleanze chiare per un futuro più certo e stabile. Al momento annullerei la scheda, con questa legge elettorale non si può esprimere neanche una preferenza di candidati a scatola chiusa non si compra.

Giuseppe Bizzini 21.03.06 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Così mi risponde Riccardo Galatolo:

x Fanfulla da Lodi:
secondo me voi di destra avete un concetto molto personalizzato di democrazia...
dico personalizzato perchè lo avete modificato negli anni a vostro piacimento!
mi spiego meglio:
democraticamente si và in un paese ritenuto amico fino a pochi anni prima e lo si bombarda per prendere il suo petrolio con la scusa che dal dire al fare, sono potenzialmente pericolosi!
democraticamente si vara una legge sull'occupazione e regole contrattuali del lavoro, usando la spinta emotiva del fatto che chi l'ha scritta è stato ucciso, e la si modifica in peggio come se già com'era scritta non fosse bastato.
democraticamente si autorizza una manifestazione pubblica di simboli razzisti xenofobi e fuorilegge e ci si incazza perchè una parte della popolazione si indigna e prende giustamente dei provvedimenti anche in memoria di chi, per quei simboli fascisti e razzisti, ha dato la vita per combatterli!
democraticamente si dà il nomignolo "mortadella" spregiosamente, dimenticandosi che, a parte il fatto che la mortadella è parecchio buona, specie nella focaccia salata appena sfornata, il presidentenanomafiosodaarcore ci fà sembrare "buoni" prodi-d'alema-rutelli, e questo la dice già lunga sulla caratura del personaggio!
potrei continuare per un pò, tante sono le merdate che questo governo ha fatto ma mi congedo dicendoti che in definitiva una cosa l'hai detta bene:
voi forzaitalioti dovreste frequentare solo ed esclusivamente il sito di forza italia che lì di democrazia cen'è tanta, tantissima...
io molto poco democraticamente spero muoriate TUTTI di dissenteria fino a sublimazione!

con sdegno
____

La risposta di Riccardo Galatolo conferma quello che ho scritto nei mie precedenti post.
Qui non è possibile esprimere le proprie idee, anche se con garbo ed educazione, se non sono di sinistra..Mi spiace.
Non voglio essere coperto di insulti e frainteso solo perchè sono di dx e non so chi votare.

Fabio Fanfulla 21.03.06 10:58| 
 |
Rispondi al commento

povera italia. a destra e a sinistra, uno sfacelo. conflitti d'interesse innegabili e manipolazione a destra, incapacitá decisionale e demagogia a sinistra. io ho 22 anni e tento di pensare con la mia testa, studio scienze politiche,leggo e mi informo, ho amici a destra e a sinistra e sono tutte persone che in fondo la pensano come me, praticamente parlando. studenti che vorrebbero una scuola piú meritocratica (che la sinistra invece taccia come antidemocratica, ahimé),giovani che vorrebbero riconosciut le proprie capacitá ed invece si vedono costantemente umiliati. gli sbagli sono stati tanti da ambedue le parti. ma come é evidente in questo blog l'incapacitá tutta italiana di lavorare insieme tentando di cercare soluzioni costruttive!!!rispecchia la realtá politica. A DESTRA COME A SINISTRA, ABBIAMO I POLITICI CHE CI MERITIAMO. DELLE NULLITÁ. é triste sapete, che alla mia etá si desideri andarsene dal proprio paese perché si sta rovinando con le proprie mani.

sara preziosi 21.03.06 10:53| 
 |
Rispondi al commento

VOTA QUIMBY!o KRUSTY o il pagliaccio che ti piace di più.

Francesco Brignola 21.03.06 10:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe sono un piccolissimo imprenditore nel settore dell'autonoleggio della Provincia di Napoli.Voglio dirti che mi sono scaricato il tuo spettaccolo dalla rete, mi è piaciuto cosi tanto che lo anche aquistato il libreria. Volevo chiederti una cosa, che nè pensi del fatto che i poteri forti italiani siano tutti schierati a sinistra e Berlusconi sia l'unico a dire che si può e si deve continuare a sperare.
Sono confuso perchè il Centro Destra ha fatto un casino e parecchi errori ma non riesco a vedere il buono e il giusto nel Centro Sinistra, forse dovrei non andare a votare per punire entrambi?....Mah! Non sò sono confuso, mi interessa il tuo pensiero perchè rispetto il tuo coraggio di semplice comico che denuncia le stronzate dei Nostri governanti.
Ciao Danilo.
PS: Mi dici le date del Tour su Napoli nel 2006?

Danilo Brancaccio 21.03.06 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Silvio Berlusconi ha un conflitto di interesse grande come il Monte Bianco e rappresenta una buona parte dei poteri forti di questo paese, PERO' CI METTE LA FACCIA!!, a differenza della gran parte dei poteri forti come la famiglia agnelli-tronchettiprovera-moratti-gnutti-ricucci-dellavalle-consorte-montezemolo-scavolini- e tanti altri che ci mettono Romano "bugs bunny" Prodi e tanti altri marescialletti come grillo e i suoi soldatini.

Silvia Bada 21.03.06 10:47| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe...il "portatore nano di democrazia" come lo chiami te è arrivato cosi in alto e rimarrà li ancora per un bel pò perchè l'ignoranza e soprattutto l'informazione assolutamente fazista presente nel nostro paese giocano a suo favore!!!ma come è possibile che il Presidente del Consiglio sia il MONOPOLISTA dell'informazione politica e culturale??si urlerebbe allo scandalo in qualsiasi altro paese tranne che in italia...rimarrà ancora li perchè chi dovrebbe contrastarlo(i vari prodi,d'alema,fassino...poveri noi!!!)riesce solo a rendersi ridicolo controbattendo idee di destra senza mai proporne anche solo una di sinistra!!

Andrea Meazzi 21.03.06 10:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

x Fanfulla da Lodi:
secondo me voi di destra avete un concetto molto personalizzato di democrazia...
dico personalizzato perchè lo avete modificato negli anni a vostro piacimento!
mi spiego meglio:
democraticamente si và in un paese ritenuto amico fino a pochi anni prima e lo si bombarda per prendere il suo petrolio con la scusa che dal dire al fare, sono potenzialmente pericolosi!
democraticamente si vara una legge sull'occupazione e regole contrattuali del lavoro, usando la spinta emotiva del fatto che chi l'ha scritta è stato ucciso, e la si modifica in peggio come se già com'era scritta non fosse bastato.
democraticamente si autorizza una manifestazione pubblica di simboli razzisti xenofobi e fuorilegge e ci si incazza perchè una parte della popolazione si indigna e prende giustamente dei provvedimenti anche in memoria di chi, per quei simboli fascisti e razzisti, ha dato la vita per combatterli!
democraticamente si dà il nomignolo "mortadella" spregiosamente, dimenticandosi che, a parte il fatto che la mortadella è parecchio buona, specie nella focaccia salata appena sfornata, il presidentenanomafiosodaarcore ci fà sembrare "buoni" prodi-d'alema-rutelli, e questo la dice già lunga sulla caratura del personaggio!
potrei continuare per un pò, tante sono le merdate che questo governo ha fatto ma mi congedo dicendoti che in definitiva una cosa l'hai detta bene:
voi forzaitalioti dovreste frequentare solo ed esclusivamente il sito di forza italia che lì di democrazia cen'è tanta, tantissima...
io molto poco democraticamente spero muoriate TUTTI di dissenteria fino a sublimazione!

con sdegno

Riccardo Galatolo 21.03.06 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Sono di destra ma non voto sempre a destra sempre e comunque a prescindere dalle persone che mi rappresentano.
Non so cosa votare perchè è ovvio che un uomo come Berlusconi, con gli interessi che ha non può governare.

Scusatemi ma Prodi non riesco proprio a votarlo..

Se a destra e a sinistra fossimo tutti un po' più obiettivi, allora forse le cose migliorerebbero.

'Fanculo la merda calda, 'fanculo la tiepida!

Fabio Fanfulla 21.03.06 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!! Non per fare il complottista ma noto grande presenza (infiltrazione??) di berlusconiani qui ultimamente.....si stanno scatenando anche qui come a Vicenza???? Che tristezza....e che schifo.
Comunque mi sembra importante dire questo, a costo di sembrare 'cattivo': chi è ancora indeciso adesso, a 20 giorni dal voto, è grandemente COGLIONE o grandemente DISINFORMATO-QUALUNQUISTA.
Come ca++o è possibile non avere un'idea precisa dopo tutti sti anni di governo osceni e disastrosi??? (e vado leggero....)
Cosa deve fare un uomo di governo per NON essere votato mai piu' e per essere definitivamente mandato a casa (e altrove...)???? Forse gli manca solo di commettere un furto in diretta tv, allora magari molti aprirebbero gli occhi finalmente....
Unica nota 'positiva' (?): finalmente alle elezioni si vedra' al netto quanti imbecilli- ciechi- fascistoidi- intrallazzoni abbiamo effettivamente in Italia!
Una persona con un MINIMO di cervello non vota a destra ora, col nano al comando. Non è possibile. Piu' di cosi'....A me sembra chiaro come il sole...piu' schifezze di cosi' un uomo in vita sua credo non possa fare.
Quindi forza PRODI che mi sta benissimo (mi sembra anche piu' incazzato e sicuro di 10 anni fa). Detto tra noi cmq, pur di battere quell'altro voterei anche mio cugino...o Mastella! Ma avanti con Prodi, ottimo.

Grazie sempre Beppe! (e scusa lo sfogo)

Un 'cumunista'
MAX TRE
____________

Viva la democrazia (e l'educazione)

Fabio Fanfulla 21.03.06 10:10| 
 |
Rispondi al commento

In Italia ci sono almeno 30 milioni di Berlusconi.
É per questo motivo che lui é lí dove é. Perché metá degli italiani é berlusconi nel pensiero, nelle parole, nel comportamento, nell'anima.
Non sono peggio degli altri, sono solo diversi, sono tanti berlusconi non famosi.
L'Italia é da sempre stata un paese di voltagabbana, cambiabandiera, piazzisti, doppiogiochisti, sta nel nostro DNA, quello che ci siamo creati per sopravvivere a secoli di dominazioni straniere. Per rimanere vivi, anche a costo di strisciare come vermi.
Berlusconi rappresenta l'evoluzione dell'uomo italico, dalla caduta dell'impero romano ad oggi.
Berlusconi é ció che fummo, siamo e saremo.
Votando Berlusconi rafforziamo il nostro codice genetico italico, ne abbiamo veramente bisogno, come un drogato con la sua dose giornaliera.

Vota Silvio Berlusconi!
Non estinguere la razza italica...

Marco Zinni 21.03.06 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Guardiamo al bicchiere mezzo pieno anzichè a quello mezzo vuoto...le elezioni sono vicine! Berlusconi perde, Bush è in declino... Blair alla fine è un pecorone quindi cambiato leader in Italia, cambiato leader in America, anke restasse lo zio Tony penso ke si adeguerebbe al nuovo trend! Questione di poki annetti...

mattia ale 21.03.06 09:55| 
 |
Rispondi al commento

@ Eduardo Montefusco

Hai espresso la tua opinione su Berlusconi e sei stato coperto d'ironia e soprattutto d'insulti.

Viva la democrazia.

@ tutti quelli che non hanno fette di mortadella sugli occhi: lasciate questo blog di finta democrazia; se non votate Prodi o non siete di sinistra verrete additati come trolls.

Fabio Fanfulla 21.03.06 09:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A parte gli estremisti di qualche post... da "fascistoide" come mi chiamerebbe qualcuno che ha postato, dico che NON NE POSSO PIU' DELLA PRESSIONE E DELL'ATTENZIONE MANIACALE SULLA POLITICA E SUL GOVERNO... voterò destra ma spero vinca la sinistra per non sentire sempre tutto il veleno, le accuse (ANCHE GIUSTE... ammetto!) e le cattiverie intrinseche che si sono dette in sti 5 anni. Una cosa bisogna riconoscerla: NON TUTTI RESISTEREBBERO AD UN FUOCO INCROCIATO CHE SI ABBATTE DA CIRCA 12 ANNI SOLAMENTE SU UNA PERSONA... BERLUSCONI STA ANCORA IN PIEDI... forse perchè ha il baricentro molto basso?!?!? CIAO BEPPE, CIAO A TUTTI.

LORENZO (BO)

PS: Anche se BEPPE s'è un po' più schierato ultimamente... non pensate Voi "sinistri" postatori, che il sito venga frequentato da solo prodiani... BEPPE anche se si schiera ha sempre combattuto e continuerà a farlo... per il N O N O S C U R A N T I S M O ! Ciao!

Lorenzo Naldi 21.03.06 09:44| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/106.

I post di altri blog che fanno riferimento al post No comment:

» 9 APRILE / IL CHI E\' DEI CANDIDATI INQUISITI da guerrilla radio
Gli impresentabili                                       ... [Leggi]

20.03.06 01:07

» Chernobyl ai giorni nostri da C'è chi dice no! (Viaggi, musica e...tecnologia)
Qualche giorno fa l’Indipendent ha pubblicato un dossier sulle conseguenze in Gran Bretagna delle radiazioni rimaste dai tempi di Chernobyl (risultano contaminate dal fallout 375 fattorie di cui 355 nel Galles, 11 in Scozia e 9 in Inghilterra e p... [Leggi]

20.03.06 01:13

» No comment da C'è chi dice no! (Viaggi, musica e...tecnologia)
Grillo pubblica la traduzione dell’articolo di qualche giorno fa, pubblicato dal The Guardian, che si intitola “Il New Labour deve riconoscere che Berlusconi è il diavolo”. No comment. ... [Leggi]

20.03.06 01:25

» Berlusconi è il diavolo. da Scrittura che manca
Questo scrive il Guardian, letteralmente, esortando Blair e compagnia a prendere le distanze da Berlusconi, definito il diavolo ovvero il fenomeno politico più pericoloso che si aggira attualmente per l’Europa. Più pericoloso di Haider, o di L... [Leggi]

20.03.06 08:39

» Berlusconi is the devil da The Dubliners Blog
a very interesting and astonishing article from the Guardian... No comment, as Beppe Grillo says:New Labour must recognise that Berlusconi is the devil Blair's friend and ally lies in direct line of descent from Mussolini and pos [Leggi]

20.03.06 11:29

» A volte, per guardarsi dentro, bisogna anche vedere quello che si vede da fuori… da FCHouse
Questa mattina e’ stata particolarmente difficile, molto lavoro, molte cose da fare, poi in un attimo di pausa faccio un giretto sul sito di Beppe Grillo, per trovarmi di fronte ad un’agghiacciante realta’: come l’Italia Berlus... [Leggi]

20.03.06 14:25

» “Da dove vieni?” “ehm….uhm…BULGARIA!” da Il Blog di Kenny
Si perchè se parliamo di libertà di stampa siamo al 39° posto della classifica mondiale. Ma fosse solo quello…ormai all’estero siamo considerati un paese a rischio libertà…chiedete a un inglese, un danese…cosa ne pensano del... [Leggi]

20.03.06 23:45