Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gli schiavi moderni/4

  • 2298


senza futuro4.jpg

La legge Biagi, o meglio la sua applicazione, ha avuto come conseguenza la precarietà e l’abbassamento degli stipendi insieme all’utilizzo di professionalità elevate: ingegneri, tecnici, informatici, per lavori di bassa o infima qualità.
Questo me lo avete detto voi, con le vostre testimonianze che riporterò nel libro: “Gli Schiavi Moderni” che sarà pubblicato entro l’estate su questo blog. Il libro sarà scaricabile gratuitamente o acquistabile nella sua versione cartacea.
Due, comunque, mi sembrano le modifiche da operare subito alla legge Biagi:
- aumentare la remunerazione per i precari rispetto ai lavoratori a tempo indeterminato con una politica fiscale che sostenga il lavoro precario
- porre un tetto massimo alle imprese per l’utilizzo di precari, ad esempio il 10%.

Il premio Nobel per l’economia Joseph E. Stiglitz mi ha inviato questa analisi sul mercato del lavoro in Italia .
Belin, un premio Nobel che scrive a un comico!

Caro Beppe,
dall'Italia mi giungono notizie allarmanti: la legge sul primo impiego viene ritirata in Francia dopo poche settimane di mobilitazione studentesca e da voi la legge 30 resiste senza opponenti dopo anni. Permettimi allora una breve riflessione Nessuna opportunità è più importante dell'opportunità di avere un lavoro. Politiche volte all'aumento della flessibilità del lavoro, un tema che ha dominato il dibattito economico negli ultimi anni, hanno spesso portato a livelli salariali più bassi e ad una minore sicurezza dell'impiego. Tuttavia, esse non hanno mantenuto la promessa di garantire una crescita più alta e più bassi tassi di disoccupazione. Infatti, tali politiche hanno spesso conseguenze perverse sulla performance dell'economia, ad esempio una minor domanda di beni, sia a causa di più bassi livelli di reddito e maggiore incertezza, sia a causa di un aumento dell'indebitamento delle famiglie.

Una più bassa domanda aggregata a sua volta si tramuta in più bassi livelli occupazionali. Qualsiasi programma mirante alla crescita con giustizia sociale deve iniziare con un impegno mirante al pieno impiego delle risorse esistenti, e in particolare della risorsa più importante dell'Italia: la sua gente.
Sebbene negli ultimi 75 anni, la scienza economica ci ha detto come gestire meglio l'economia, in modo che le risorse fossero utilizzate appieno, e che le recessioni fossero meno frequenti e profonde, molte delle politiche realizzate non sono state all'altezza di tali aspirazioni. L'Italia necessita di migliori politiche volte a sostenere la domanda aggregata; ma ha anche bisogno di politiche strutturali che vadano oltre - e non facciano esclusivo affidamento sulla flessibilità del lavoro. Queste ultime includono interventi sui programmi di sviluppo dell'istruzione e della conoscenza, ed azioni dirette a facilitare la mobilità dei lavoratori.
Condividiamo l'idea per cui le rigidità che ostacolano la crescita di un'economia debbano essere ridotte. Tuttavia riteniamo anche che ogni riforma che comporti un aumento dell'insicurezza dei lavoratori debba essere accompagnata da un aumento delle misure di protezione sociale.

Senza queste la flessibilità si traduce in precarietà.

Tali misure sono ovviamente costose. La legislazione non può prevede che la flessibilità del lavoro si accompagni a salari più bassi; paradossalmente, maggiore la probabilità di essere licenziati, minori i salari, quando dovrebbe essere l'opposto. Perfino l'economia liberista insegna che se proprio volete comprare un bond ad alto rischio (tipo quelli argentini o Parmalat, ad alto rischio di trasformazione in carta straccia), vi devono pagare interessi molto alti.

I salari pagati ai lavoratori flessibili devono esser più alti e non più bassi, proprio perché più alta è la loro probabilità di licenziamento. In Italia un precario ha una probabilità di esser licenziato 9 volte maggiore di un lavoratore regolare, una probabilità di trovare un nuovo impiego, dopo la fine del contratto, 5 volte minore e che fino al 40% dei lavoratori precari è laureato.
Ma se li mettete a servire patatine fritte o nei call center, perché spendere tanto per istruirli?
Grazie per l'ospitalità.”
Joseph E. Stiglitz


Ps:
Scarica o acquista il libro Schiavi Moderni

25 Apr 2006, 19:45 | Scrivi | Commenti (2298) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 2298

| La Settimana | Trackback (8)
Tags: schiavi moderni

Commenti

 

sarebbe lungo a spiegare ma posso sintetizzare che visti i risultati anche sulla mia pelle che la legge biagi a prodotto, mi spiace che l'autore sia già stato giustiziato perché avrei preferito giustiziarlo personalmente insieme a quei criminali che sono stati gli unici a trarne dei benefici, comunque giustizia sull'autore di quella oscenità e già stata fatta da tempo.

patrizio fiori 27.08.15 21:38| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, anch'io sono una schiava moderna , il mio è un non lavoro , lo chiamo così perchè non si può definire un lavoro,in quanto è considerato il lavoro delle casalinghe e degli studenti prima di trovare un lavoro serio. te ne parlo perchè lo devi aggiungere nel tuo libro nuovi schiavi vengo pagata non con un mensile ma a intervista più o meno 18e ad intervista ogni 60 giorni a questi soldi però ci devi togliere il 20 per cento in meno, e naturalmente essendo a progetto tutte le spese la benzina e le telefonate ecc sono a mio carico e in più i contributi che pago io a metà e le tasse. Alcuni di questi lavori sono per importanti statistiche anche per l'istat, l'isfol,e grandi enti, e sei obbligato ad andare a casa dalle persone a tuo rischio e pericolo non siamo assicurati ti danno dei nominativi fissi e devi andare a casa e se non fai l'intervista non ti pagano, quindi non solo non guadagni ma ci rimetti ,sei tu che dai i soldi a loro ecco il non lavoro ...non mi posso ammalare se mi ammalo per più di 15 giorni mi mandano via. Per aggiungere altro non posso guadagnare più di 5000 euro al mese se no oltre a tutto questo dovrei aprire la partita iva , è assurdo non esiste contratto sindacale ne categoria non esistiamo e non possiamo parlare del nostro lavoroperchè siamo tenuti al segreto professionale. Questo mese ho solo 385 e perchè mi si è rotto il computer se no la paga base è di 544e e corrispondono al mese di febbraio e come se non bastasse mi è arrivato da pagare 800 euro del 2007 dalle tasse ,pago un affitto di 600 e al mese a metà insieme al mio compagno, e per fortuna non abbiamo figli perchè non ne possiamo avere non possiamo permettercelo ce la faccio grazie a mio padre ma ho 43 anni..... io le pagherò le tasse grazie a mio padre e continuerò a finanziare la ricerca con quello che guadagno .Ma i veri evasori quelli più pesanti faranno come me? esiste una giustizia

Rita 31.05.13 18:40| 
 |
Rispondi al commento

perchè dopo aver lavorato 9mesi e ripeto nove mesi, con fatture emesse, continuo a non essere pagato?
se nomino il cantiere a cui mi riferisco, succede il finimondo.
Perchè la progettazione architettonica e strutturale non ha più un valore?
perchè rischio di chiudere la mia attività benchè abbia lavorato?
Caro sig. Grillo, se nomino il cantiere, sono sicuro che viene fuori il finimondo.
Sono stufo di questa Italia, sono stufo di lavorare per niente, sono stufo di non avere più nemmeno la dignità che spetta a chi lavora.
Sicuramente non sono un santo, errori nella mia vita posso averne fatti, ma quando viene meno il rispetto per la persona e per il lavoro svolto, ormai si è perso tutto.
Ogni lavoro/progetto ha solo un unico fine:creare un margine di profitto. L'obbiettivo non è più il costruire ma il guadagnare ad ogni costo, calpestando tutto e tutti.
Siamo nell'era del project management e della lean production, ma non la roba assurda consiste nel fatto che ogni cosa deve essere fatta in fretta...ma quindi, dov'è sta pianificazione se tutto viene fatto disirdinatamente?
potrei continuare per ore, ma mi fermo.
MI chiedo solo che futuro abbiamo...

MASSIMO C. Commentatore certificato 13.02.13 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Vi racconto la mia ultima esperienza sul tema CO.CO.PRO,nel mese di maggio 2012 mi viene fatta una proposta di lavoro come account manager per un consorzio stabile che si occupa di servizi informatici, solite grandi promesse, azienda in rilancio ,serve professionalità e esperienze di molti anni ,io ne ho ,ho 49 anni lavoro nel settore da 25 anni e quindi mi propongono un Contratto a progetto.(meglio di niente) Dopo 10 gg il presidente ,proprietario invia una email ai dipendenti e ai soci delle varie scatole di consorziati in cui comunica la difficoltà finanziaria ,e pertanto scopro che l'ultimo stipendio pagato da questo farabutto era relativo al mese di Febbraio 2012.
Chiedo spiegazioni e inizia lo sceneggiato fatto di ingiustizie da lui subite,le banche che chiedono il rientro,e piano piano scopro che l'azienda è in profonda crisi sia di mercato che di finanza.
Arrivati a metà luglio dopo avere iniziato a svuotare l'azienda facendo firmare lettere di licenziamento con la garanzia di avre sussidi statali e di provvedere ai pagamenti residui l'azienda si sgretola.
Faccio a settembre con un avvocato un decreto ingiuntivo con dicitura esecutivo con pignoramento conto terzi (in particolare spero di pignorare il c.c. dove arrivano gli ultimi pagamenti dei clienti) con la speranza di riuscire ad avere il pagamento delle 2 mensilià abbastanza rapidamente (la legge prevede 10 gg per il pagamento o pignoramento discussione e conclusione) masorpresa finale scopro che il Giudice del Tribunale di Velletri emette decreti ingiuntivi esecutivi solo a dipendenti con contratto a tempo indeterminato o determinato .
Questa è la giustizia italiana e la discriminazione che hanno i lavoratori con queste schifezze di contratto,come se fosse una mia o nostra scelta avere un contratto capestro.

maurizio f., ardea Commentatore certificato 17.10.12 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Visto che il post è troppo lungo vi invito ad andare qui:
http://lenuovescienze.blogspot.it/

Annapina P. Commentatore certificato 07.10.12 07:50| 
 |
Rispondi al commento

Non so più che fare...
Ho 39 anni, pendolare tutti i giorni TO-MI, da 6 anni lavoro nell'hinterland milanese sempre a tempo determinato, con diverse ragioni sociali ma con lo stesso vertice, la legge lo permette !
Ho manifestato continuamente il mio disappunto sia verbalmente che con comunicazioni scritte. Nulla da fare.
LORO sanno bene che non posso rifiutare, ho famiglia e due figli, sanno che sono ricattabile.
Più volte mi è stato detto di dare il massimo, di dimostrare sempre di più e di non guardare al passato ma avanti..... ma è il passato che costruisce le basi per il futuro o sbaglio ?
Non riesco ad avere credibilità con le banche, neanche andassi a rubare, non riesco a sorridere ai miei figli, non riesco ad uscirne .... specie in questo periodo di crisi. Già la crisi ! ma per chi ? Per la gente che vuole lavorare nella legalità, alla luce del sole, sia essa dipendente che imprenditoriale.
Gli speculatori, tutti, invece la cavalcano a più non posso, precarizzando o eliminando posti di lavoro, pagando cose e servizi a prezzi ridicoli, sulla pelle di chi ha bisogno e non può fare altro che svendere o svendersi.
Vorrei fermarmi insieme a tutti i precari di questo paese infame ed egoista che si chiama Italia; solo 3 giorni di STOP basterebbero a farla andare in agonia, pensateci su, siamo tantissimi e in tutti i settori del pubblico e del privato, se lo merita il sistema ITALIA!
Proviamoci, tutti insieme ... d'altronde sul nostro contratto c'è sempre stato scritto il termine, non possomo mandarci a casa prima e LORO lo sanno !
Saluti,
moledome@gmail.com

Max Milano 16.11.10 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe,
io ho la "fortuna" di avere un contratto a tempo indet., ma vedendo quello che accade ogni giorno mi chiedo se questa "fortuna" durerà o se mi ritroverò senza lavoro da un giorno all'altro come è successo, purtroppo, a molte persone.
Perchè nessuno dei nostri politici parla della Legge Biagi?
E poi perchè nessuno di loro capisce che per noi giovani è un problema avere questa ircertezza del lavoro?
...è difficile pensare a costruirsi un futuro in questo modo....

jeffrey p., trieste Commentatore certificato 05.05.10 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.
Oltre a far parte del mucchio delle nuove partite iva aperte (dal 2006 non è cambiato assolutamente nulla quindi) sono anche parte attiva e creativa di un gruppo di professionisti e artisti che vorrebbe ri-cominciare a lavorare in un modo nuovo o ormai dimenticato: professionale e performante.
Il gruppo si chiama Play4* perché il lavoro torni ad essere piacevole, divertente come un gioco e soprattutto una passione, visto che dedichiamo ad esso tre quarti del nostra vita.

In questo momento stiamo oranizzando una Mostra/Evento proprio dedicata al precariato in Italia, dal nome
"Gli Equilibristi - Istantanea di un'Italia precaria".

Qui potete leggere il comunicato stampa: http://www.comunicati-stampa.net/com/cs-81749/

In quanto mostra collborativa, abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti voi per realizzarla.
Vogliamo restituire all'italia il volto di chi la fa vivere e ancora tenere in piedi, nonostante tutto.
Il nostro volto, il vostro.

Aiutateci a promuoverla e diffonderla e partecipate insieme a noi.

Smettiamo almeno di vergoganrci di essere precari.

Ulteriori informazioni sul sito www.play4.org

equilibristi@play4.org

Grazie mille

Sylvie

Sylvie R., Roma Commentatore certificato 19.02.10 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
dal 2003 al 2008 ho lavorato nella stessa azienda con contratti a tempo determinato. In 5 anni ne ho collezionati un bel po' considerando le proroghe. Nel 2007 viene approvata la legge 247/07 che con l'aggiunta del comma 4bis all'art 40 del D.L. 368/01 dà il colpo di grazia alla nostra vita da precari. Benché io con gli innumerevoli contratti maturati non abbia solo raggiunto i 36 mesi di anzianità/precarietà nella stessa azienda, ma li abbia superati di un pezzo, il mio contratto non viene mai convertito a tempo indeterminato, ma anzi volge al termine e, ovviamente, non mi viene mai più proposto alcun contratto successivo. E' un anno che vivo di altri piccoli lavori, in cui vengo sfruttata o trattata come una pezza da piedi, ma la cosa più grave è che dal mese di gennaio di quest'anno l'azienda per cui ho lavorato per 5 anni fa sapere in differita che ci vuole assumere, ma in realtà cerca di procrastinare in eterno questa data, per motivi non precisati, ma catolagabili comunque in quella fossa comune chiamata CRISI. Questa in breve la mia storia e la violazione del mio sacrosanto diritto di essere assunta in quell'azienda questa volta a tempo indeterminato.
Grazie per l'attenzione.

Enrica Turina, Torino Commentatore certificato 04.08.09 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Anche io dopo anni di sacrificio, studio e soldi spesi per laurearmi in ing. informatica, cosa ho avuto in cambio? Precariato, posti di lavoro a paga bassa e nessun contratto che mi assicuri una certa stabilità o serenità. Si lavora come semplici operai, con la sola differenza che noi il giorno sbattiamo la testa per risolvere problemi di una certa difficoltà, sicuramente non risolvibili da tutti, e poi finito il problema arrivederci e grazie! Consulenze sulla carta, ma 8 ore al giorno nei fatti. NESSUNA TUTALA!

Enzo S 10.01.09 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Udite udite! nella metropoli milanese offrono, per un lavoro di inserimento dati, ben 50 centesimi a scheda, per passare dei dati (circa 80 dati per ogni scheda) da una scheda cartacea ad una schermata digitale. Dicono che una scheda si inserisce in 8 minuti! Ho provato, per verificare. Ho inserito 5 schede in 4 ore!!! 8 minuti il Kaiser!

Luciano Perbacco 01.07.08 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Una laurea in sociologia con lode e dignità di stampa, una master in semiotica, un dottorato in sociologia della comunicazione e tutto quello che il mondo del lavoro è in grado di offrirmi è l'help desk di Vodafone.

Massimiliano Mandi 03.06.08 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Ho ventotto anni. Una laurea vecchio ordinamento in Filosofia ed un master di secondo livello in Bioetica. Entrambi superati con lode. Vari lavori in nero per tutti gli anni dell’università. Alle spalle nove mesi di tirocini formativi non retribuiti presso le aziende sanitarie. Neanche un rimborso spese. Iscritta al collocamento a 18 anni, non sono mai stata chiamata neppure per un colloquio. Idem alle agenzie interinali. Parlo due lingue, so usare il PC ed utilizzare Internet. Vorrei metter da parte i soldi per comprarmi almeno i mobili di casa ed invece continuo a “lavorare” dalle sei alle otto euro al giorno senza vedere neanche un euro. Avevo smesso di fare la donna delle pulizie perché ho un disturbo cronico che mi impedisce di fare sforzi fisici eccessivi, ma mi sa che dovrò ricominciare… Oramai non c’è più mercato neanche per le ripetizioni...

Elisa V. Commentatore certificato 26.05.08 13:52| 
 |
Rispondi al commento

signor grillo io sono un ragazzo di 16 anni e attualmente studio.Non sa che dubbi io mi ponga ogni giorno se dover continuare a studiare o abbandonare la scuola, si lamentano che in europa siamo al 33esimo posto nella graduatoria dell'istruzione degli alunni ma io dico se poi mi spetta un destino come quello di mio padre che da 50 anni che lavora in campagna come devo fare ??
attendo una sua risposta

Panebianco Rosario Alfio 17.12.07 00:31| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Io sono un laureato, faccio il commesso in un negozio di elettronica e quando molti miei conoscenti mi chiedono perchè ho scelto questo lavoro invece di andare a caccia di stages, intership, inculatioships, in mega super schiaviste multinationals io rispondo che vivo meglio con questo lavoro e l'unico motivo che non mi fa pentire di aver studiato economia è il fatto che adesso di economia ci capisco altrimenti sarebbe stato meglio andar a lavorare a 20 anni ed ora avrei messo da parte un bel gruzzoletto...Ho provato a far carriera in una multinazionale ed è bellissimo:lavori 12 ore e te ne pagano 8, hai un casino di responsabilita e se succedono casini so azzi tua, vita privata o morosa non la puoi avere perchè dedichi anima e corpo al lavoro(anzi sei costretto a vivere per lavorare) e vieni sparato da un capo all'altro del paese.Naturalmente se scleri ci sara san precario che ti lascierà a casa oppure quando la tua ditta fallira, perchè ormai tutte le aziende in italia sono solo società commerciali che importano e basta, allora sarai a piedi e senza soldi...Un giorno il mio capo mi disse:" i tuoi colleghi non sono tuoi amici ma tuoi nemici perchè appena possono ti inculano", " tu devi solo pensare alla ditta e basta".Che s t r o n z z o!!! praticamente: dedichi la tua vita sperando di avere in futuro un posto migliore e poi ti ritrovi per strada e senza un soldo.Stavo sclerando.Ora faccio il commesso, ho la mia vita privata, mi pagano gli straordinari e in più sto mettendo via un po' di soldi. Ecco perchè quando i miei amici che fanno stages e lavorano come pazzi senza essere pagati o a max 500 euro al mese gli dico che ho più dignita nel fare il commesso.E in piu mi diverto!!Se poi tutto andrà a ramengo me ne andro all'estero e vaffa!!

ugo tozzi 08.11.07 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono Federica D'Arienzo ho 33 anni, ho scritto più volte, insieme ai miei colleghi, sul tuo blog. Sono uno dei precari di Atesia, sicuramente saI di chi parlo, del gruppo almaviva del famigerato Tripi lo squalo. Atesia sta assumendo a tempo indeterminato, ma riducendoci il salario di 1/2, non posso accettare il contratto che sarà di 550 euro, su turnazioni perché non potrò fare un altro lavoro per poter almeno arrivare a 1000 euro e non perdere la casa sulla quale sto pagando il mutuo. Rimarrò senza lavoro perché è meglio in questa bella italia trovare altro lavoro in nero o precario perché almeno mi rende possibile arrivare alla fine del mese e non perdere la casa. Abbiamo più volte parlato con Damiano ma ci ha trattato malissimo. HO PENSATO DI ANDARE NUOVAMENTE DAVANTI AL MINISTERO DEL LAVORO, QUESTA VOLTA PERO' PER DARMI FUOCO. COSPARGERMI DI BENZINA E ARDERE VIVA. SOLO ALLORA FORSE I MEDIA PARLERANNO DI NOI GIOVANI SENZA FUTURO E FORSE I POLITICI FARANNO QUALCOSA PER NOI! PREFERISCO MORIRE COSì PIUTTOSTO CHE CONTINUARE MANIFESTAZIONI ED ESSERE TRATTATI COME MULI!

Federica D'Arienzo 20.05.07 19:41| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fondi Di Investimento Etici Autonomi Autogestiti

http://fondo-investimento-etico.blog.kataweb.it/

Come diventare ricchi aiutando gli altri.

Il Nuovo Ordine Mondiale: niente lavoro fisso, niente pensione, niente interessi sui capitali, niente assistenza pubblica, niente di niente, ma in qualche modo bisogna vivere.

In 4 anni vivere di rendita.

Francesca Torella 19.05.07 15:23| 
 |
Rispondi al commento

da http://domenico-sc,,,hietti.blogspot.com/2007/04/fondo-milanese-per-la-protezione.html

Sembrerà una cazzata , ma l'energia positiva che genera l'investimento in un fondo etico solidale automaticamente retroalimenta la voglia di mettere in moto iniziative per ingrandire il fondo e con gli utili retribuire chi presta attività socialmente utili al servizio del genere umano, come chi presta servizi per la mia campagna 2010: Eliminazione Povertà, così come chi presterà servizi per il Festival Mondiale della Cultura Popolare e il Fondo Milanese per la Protezione dell'Infanzia.

Io pago tutti dal 1999 e non raccogliamo più monetine dal 1993.

Pago anche me, ho uno stipendio di oltre 500 euro al mese, affitto della casa pagato, più telefono, luce...

Nel frattempo tutte le altre organizzazioni di volontariato continuano a non pagare i propri dipendenti, e a dover raccogliere le monetine.


--Come si fa a diventare venditori del Fondo Milanese per l'Infanzia e diventare ricchi sconfiggendo la pedofilia costruendo giardinetti sicuri in tutto il mondo?

Devi andare sul sito di Banca Popolare Etica
http://www.bancaetica.com/contatti/default.php?carica=true&CDtipologie=FBA
e scrivere all'agente di zona o ad un qualsiasi sportello di Banca Popolare e spiegare che vuoi diventare venditore del Fondo Milanese per la Protezione dell'Infanzia

Stefania Casini 27.04.07 22:00| 
 |
Rispondi al commento

A'FATICA 3
tralasciando la manutenzione del Comune di napoli che al campo nn ci viene perchè ci sono gli "zingari", tralasciando il presidente dell'ente che viene al campo 2 volte l'anno perchè è impegnato, tralasciando gli sputi dei bimbi, le minacce dei rom che nn capiscono tu cosa ci fai lì e pensano che guadagni tanto, e quando dici che nn ti pagano ancora enn hai visto soldi giustamente nn ti credono,tralasciando l'ass.sociale del comune che nn si ricorda nemmeno i nomi dei rom con cui parla, tralasciando gli occhi e le orechie chiuse-tappate delle persone che lavorano con te e che si fanno i fatti loro per stare tranquille e perchè il lavoro se lo tengono stretto, loro.Tu ti "ribelli" e lo perdi.
Tutto questo a progetto, ovvero una forma legale di nero e di sfruttamento, legalizzare la perdita di diritti e di decenni di lotte per un lavoro umano.E i sindacati?E la sicurezza?E la paga?vieni a sapere che il comune i soldi li ha dati, e l'ente che li trattiene sul conto in Banca Etica, no no forse nn è così.tu sai, ma diventa una consapevolezza amara.
Lavorare così deforma il sistema nervoso, ti rende al di sotto di un animale.Dostoevsky diceva che se vuoi far sentire inutile un uomo, devi svilire il suo lavoro,quello che fà.
Ed è proprio quello che avviene quotidianamente.

Sergio Albano 19.04.07 14:18| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Mi svegliavo alle 6 del mattino per essere alle 8 a Scampia, da lì prendere il pulmann che fermava fuori al carcere di Secondigliano, farmi tutta la circonvallazione a piedi tra auto in corsa,strati di siringhe usate e lacci emostatici,tossici che si bucavano nelle auto in sosta gettandoti le fialette addosso dai finestrini, cumuli di rifiuti di ogni tipo,poi c'era il campo, due distese di baracche di alluminio, chiamate dai sociologi "moduli abitativi" tutt'intorno cumuli di rifiuti, gettati sia da alcuni abitanti del villaggio sia da molte imprese che vengono a scaricare di tutto per tanto "c' stann' i zingar" quando apri l'ufficio ci trovi gli insetti e gli scarafaggi, e i topi +grandi che avessi mai visto tutt'intorno.Nel mio campo hanno trovato 3 casi di tubercolosi tra i minori, e tra i rifiuti anche l'amianto, per nn parlare quando tutto è data alle fiamme per l'esasperazione dalla popolazione stessa del campo.ma bisogna stare svegli, comincia il lavoro, che consiste nell'aiutare gli abitanti, dai bagni che cadono a pezzi ai cavi elettrici fuori alla portata dei bambini, dalla spiegazione dell'iter legislativo di una cosa ridicola come la bossifini(il minuscolo è intenzionale)e così via.Quando ho firmato il contratto era il gen.2006 a giugno ci chiamano perchè hanno sbagliato la delibera di riferimento del progetto, la paga era di 9,29 euro lordi all'ora, ridotta a 8,76 lordi, 50 euro in meno al mese o 600 euro in meno all'anno.In più, mi dicono che mi pagheranno dopo 13 mesi.Ma questo ti viene detto a voce, sul contratto nn c'è ne traccia.Se provi a ribellarti vieni isolato, se chiedi quello che ti spetta la tua coordinatrice ti dice che tutti hanno aspettato e devi aspettare anche tu.Ad oggi l'ente mi dice che il comune ha bloccato i pagamenti dal dic.2005 e io nn hovisto un euro.

Sergio Albano 19.04.07 12:42| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

A'FATICA 1
La mia storia è questa:sono un ragazzo di 29 anni di Sant'Anastasia,interland di Napoli, laureato in lingue e civiltà orientali(ho studiato l'hindi e il sanscrito)lavoro da quando avevo 18 anni e ho fatto un pò di tutto, dal giardiniere al muratore,dall'intervistore per la Caritas al facchino.Sempre a nero. nessun contributo e nessuna sicurezza, nè personale nè fisica. Il facchino l'ho fatto per 4 anni e mezzo per pagarmi le tasse universitarie sempre +impossibili, per una ditta che si chiama Italiana Archivi, specializzata nel digitalizzare il materiale cartaceo degli archivi che per legge se nn ricordo male deve essere tenuto su carta almeno per 50 anni;ho lavorato al Tar di Napoli e Bari, gli avvocati che titubanti scendevano a prendere delle pratiche mi chiamavano "collega" quando io il mio contratto nn l'ho mai visto, si lavorava anche 10-12 ore al giorno,nel capannone industriale tutto di Dalmine d'acciaio a posizione 9, senza imbracatura, senza scarpe infortunistiche, senza condotti di ventilazione e/o areazione, con la polvere che ti entrava dappertutto.Nei periodi estivi,quando ti mettevi sulla scala, il caldo era talmente forte che a molti usciva il sangue dal naso e svenivano per i cali di pressione-senza parlare dell'azienda, che per risparmiare impiega 2 persone quando ce ne vorrebbe il doppio.Vi risparmio anche i dettagli sul prendere carte tra escrementi ed urine perchè i tubi dela fecale erano rotti.Me ne andai perchè nn mi pagarono un lavoro che feci(1trasloco degli uffici dellastessa azienda, al centro direzionale)
Dopo la Laurea volevo fare qualcosa di utile per il posto dove vivo e così che ho trovato lavoro presso l'Ente Opera Nomadi di Napoli,addetto allo sportello di vigilanza sociale al Camporom di Scampia.4 operatori per quasi 700 rom accertati.Anzitutto il luogo:il campo è situato alle spalle del carcere di Secondigliano, sulla circonvallazione esterna, nn ci arriva nessun pullman.(continua)

Sergio Albano 19.04.07 11:31| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

hai visto mai che serva, che la mia storia si aggiunga a tutte le altre e faccia pressione sulle alte sfere....eccomi qui:

Ho 30 anni, parlo correntemente 6 lingue, lavoro da quando ne avevo 16 e facevo montagne di ripetizioni, ho esperienza in vari settori accademici e lavorativi, una laurea e un master.

Da quattro anni lavoro negli stati uniti.

Faccio il professore di liceo. Ho insegnato Spagnolo e Francese, ora insegno Italiano, e sono il primo nel nord est della Florida ad essere riuscito a impiantare questo programma in un liceo. E adesso sto facendo altri studi e altri avanzamenti di carriera.

Perche' in Italia no? Perche' in Italia ho fatto indigestione di porte chiuse, titoli da prendere (ALTRI???) e soprattutto mancanza di opportunita' di qualsivoglia fatta?

Perche' in Italia tutto sembra fatto apposta per farti passare la voglia di combattere e quasi anche la fiducia in te stesso? Perche' in Italia abbiamo un' intera generazione (e non solo una....) di persone strapreparate e rassegnate a vivere con le gambe mozzate?
L' Italia, vista dal di fuori, e' ancora piu' spaventosa che vista dal di dentro, perche' appare piu' evidente come siamo stati SABOTATI!!!! Tant' e' che il genio italiano e' ancora ammirato e rispettato. Ma per quanto godremo della buona fama del passato???

Chi puo', come me, se ne va. Chi non puo', si attacca.

Gli USA sono stati fatti con il pesante contributo degli immigrati italiani che sapevano rompersi la schiena a lavorare e di quelli che hanno studiato.Ed e' ancora cosi' per tutti quelli che riescono a venire. Vengono qui perche' NON POSSONO FARLO A CASA LORO!!!!!


Grazie per trent'anni di sabotaggio, pressappochismo e magna magna. Grazie per averci costretti a divorziare dalla patria e a svenderci all' estero.

Le poltrone ci sono costate il posto di leader mondiale e faro di civilta' che ci meritiamo per cultura e capacita'.
Grazie, grazie, grazie.

corner stone Commentatore certificato 03.04.07 23:07| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ciao ciao a tutti,
quello del lavoro è il 'problema' che più mi interessa, ho 28 anni, laureata, lavoro presso una famosa azienda che fa formazione.ho un buon ruolo al suo interno, ma un contratto a progetto che non mi tutela per nulla.non posso ammalarmi e soprattutto non posso avere bambini, altrimenti perdo il lavoro (tanto cercato).figuratevi che in caso di maternità mi tengono il lavoro non retribuito per 180 giorni. vi sembra normale? e allora il mio dilemma è se lavorare fin che posso sopprimere la voglia di essere madre o mandare tutto a quel paese, crescere un bimbo con il solo stipendio del mio lui e poi ritornare al precariato! aiutatemi nella scelta e soprattutto ditemi com'è possibile che sia legale fare un contratto di lavoro del genere. è possibile che non possiamo farci nulla?
simona

simona serra 31.03.07 14:04| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari tutti,
scrivo perchè come tanti altri vivo l'esperienza del precariato. Laurea in economia a 24 anni e...prima stage poi contratto a tempo deteminato presso una mega multinazionale...mi ritrovo a non poter progettare neanche cosa farò tra due mesi dato che potrei essere disoccupata! E pensare che devo ritenermi fortunata perchè tanti miei coetanei non hanno neanche questo! Che rabbia!!!

Raffaella B 28.03.07 21:18| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,leggendo questi commenti mi sono reso conto che la situazione italiana è veramente disastrata.
Mi sto per laureare in sconomia e sto scrivendo la mia tesi dal titolo: IL CONTRATTO DI LAVORO IN SOMMINISTRAZIONE (ovvero è il vecchio interinale).Siccome molti hanno avuto o hanno a che fare con queste agenzie interinali/di somministrazione chiedo a chi è interessato di raccontarmi la sua esperienza,visto che vorrei raccontare quanto sta accadendo nella mia tesi. Ognuno è libero di contattarmi all'indirizzo bennuch@hotmail.com ,grazie.

beniamino e 18.03.07 02:26| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
ho letto del precariato che si attribuisce alla legge Biagi. Io credo che in realtà la precarietà dei lavoratori sia voluta a prescindere dalla legge in questione. Mi sono preso la briga di leggerla e non la trovo precariezzante. Le nuove tipologie contrattuali mirano a tentare di conciliare la vita privata e quella lavorativa pur garantendo tutti i diritti legislativi. L'applicazione della legge Biagi in realtà non c'è stata. O meglio è stata applicata, da persone non proprio limpide, solo in quella parte per loro conveniente. Per cui un dipendente è allo stesso tempo un lavoratore:
a progetto;
e a chiamata;
e a etc....

quando invece dovrebbe essere:
a progetto;
oppure a chiamata;
oppure a etc....

I controlli sull'applicazione della legge in pratica sono inesistenti ed è questo che dà origine alla precarietà del lavoro.
All'interno della legge le garanzie ci sono come del resto sono menzionate nel diritto del lavoro ma ci si scorda quasi sempre dei diritti acquisiti.

Giuseppe Pezzella 06.03.07 17:18| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho 31 anni, una laurea in storia e un contratto di collaborazione dal 2002 in un ente pubblico economico. Quella che mi era stata presentata come "elasticità" si è rivelata essere una sconcertante "precarietà", nel lavoro come nella vita! Qui assumono solo raccomandati, entrati magari dopo di me, mentre io faccio la tappa buchi. La rabbia dei primi anni si è lentamente trasformata in sconforto e pena per me stessa, che dopo una tesi sulla rivoluzione francese mi ritrovo prigioniera di questo sistema che forse ho contribuito ad alimentare. E' già, i fracesi a quest'ora avrebbero occupato tutte le vie e le piazze del paese, mentre noi nascosti dietro le scrivanie, benchè appoggiate sulle sabbie mobili, non riusciamo neanche a lanciare un grido!

alessandra pennacchietti 06.03.07 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

da circa 1 anno lavoravo in una cooperativa che ha in appalto comunità-alloggio x disabili.
la sistuazione al primo impatto si dimostra abbastanza accettabile. ero assunta con contratto a tempo indeterminato (cosa potevo chiedere dipiù????)
bene, con il passare del tempo incominciai a vedere cosa si mascondeva dietro: allora turni estenuanti, rapporto operatori-ragazzi che doveva essere di 1:4 era di 1:6-7, se ero fortunata avevo 1 domenica ogni 3mesi a casa, il giorno di riposo dopo la notte era un optional soprattutto se cadeva nel fine settimana, continui cazziatoni x il nulla, continui ricatti che potevamo essere buttati fuori da un momento all'altro...
l'apice arriva quando un giorno di fine gennaio vengo interpellata x degli avvenimenti successi; espongo i fatti e mi permetto di dare un mio personalissimo punto di vista... ebbene dopo 1sett.ricevo una raccomandata.. era una lettera di richiamo dove chiedevano le mie scuse riguardo a quei MIEI pensieri esposti su loro richiesta.
se non facevo loro le scuse avrebbero proceduto con il licenziamento. sbagliando ma x questioni di principio mi sono licenziata con effetto immediato un sabato mattina.
provate ad aiutarmi come lo chiamare tutto questo?? mobbing??? nonnismo???
secondo voi cosa potrei fare? grazie

cinzia d. Commentatore certificato 26.02.07 21:57| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sono Rosa Greco, oggi altra puntata spiacevole, a lavoro, vado alla macchinetta del caffè per una pausa, incontro il direttore amministrativo che mi comunica: "Ragazzi pagate la registrazione del contratto all'agenzia delle entrate perchè vi abbiamo bloccato i pagamenti delle fatture" se non fossi andata a prendere il caffè nessuno ci avrebbe comunicato questa novità. Il fatto è che siamo lavoratori RICATTABILI e la pubblica amministrazione fa come vuole, compreso obbligarci a registrare il contratto con la Partita Iva all'agenzia delle entrate anche se non esiste legge che ci obblighi a farlo. Il ministero del tesoro ci ha risposto che se vogliamo lavorare dobbiamo fare ciò che vuole l'amministrazione. Sono veramente stufa di sottostare a un sistema prepotente che si fa beffe anche delle leggi dello stato. Stato che tra l'altro li protegge spudoratamente. Vi ho raccontato un altro giorno del mio lavoro al Ministero per i Beni e le Attività Culturali! A presto.

Rosa Greco 02.02.07 19:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SONO UNA RAGAZZA DI 26 ANNI, LAUREATA IN TEMPO, PUR LAVORANDO.E' DAL 1999 CHE MI DIMENO NEL MONDO DEL LAVORO, E AD OGGI, DOPO BEN 8 ANNI DI SACRIFICI E MARATONE, AL CENTRO PER L'IMPIEGO, RISULTO DISOCCUPPATA ESATTAMENTE DAL 1999.TRA CONTRATTI A PROGETTO, COLLABORAZIONI INTELLETTUALI E LAVORO NERO!!!...E' COME SE IO NON AVESSI FATTO NULLO FINO A QUESTO MOMENTO.NON SE NE PUO' PIU'!DICONO, CHE PER POTER STARE AL PASSO CON IL MERCATO DEL LAVORO NON DEVI SMETTERE MAI DI STUDIARE;...E' VERO, SALTO DA UN CORSO DI FORMAZIONE AD UN ALTRO , ACQUISTO LIBRI, CONSULTO INTERNET, PER PAGARMI LO STRETTO NECESSARIO, LAVORICCHIO...MA TUTTO CIO' NON SAREBBE POSSIBILE SE NON CI FOSSERO DEI GENITORI CHE FANNO SACRIFICI PER IL MIO FUTURO, PERCHE' LE MIE GIORNATE FUORI CASA HANNO UN COSTO, CONSIDERANDO ANCHE L'AUMENTO DEL BIGLIETTO DEL TRENO, LA PERENNE ASCESA DEL COSTO DELLA BENZINA, CORSI A PAGAMENTO E QUESTO SENZA NESSUNA PROSPETTIVA. DICONO ANCHE, CHE PER AVERE IL FAMIGERATO PUNTEGGIO DEVI FARE I MASTER: 5000, 11000 EURO???!!!SENZA UN LAVORO STABILE NIENTE DI TUTTO CIO' PUO' ESISTERE, E' TROPPO ALTO IL PREZZO DA PAGARE E I GENITORI NON POSSONO DARE SEMPRE.NOI GIOVANI SIAMO STANCHI E A QUESTO SI DEVE PORRE UN RIMEDIO.GRAZIE BEPPE

MARISTELLA DE FAZIO 01.02.07 22:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Caro Sig. Grillo scrivo a lei e a tutti i partecipanti di questo blog, per raccontare tutte le novità che mi riguardano. Si ricorda? contratto Co co co scaduto il 1 agosto 2006, da quel giorno ho tentato ogni strada possibile, ho scritto una lettera al Ministro Rutelli, (io lavoro al Ministero per i beni e le attività culturali)ho approfittato di una sua conferenza sulle opere recuperate dal museo di Boston (esposte nel museo dove lavoro) per avvicinarlo e chiedergli: "Onorevole io faccio parte dei precari giovani, un solo anno di Co co co, e vari incarichi di servizio, dobbiamo aspettare anche noi 7 anni prima di avere una qualche considerazione da parte del Ministero da Lei diretto?" mi ha gentilmente risposto che dovranno pensare prima a sistemare i vecchi precari (appunto quelli che stanno lavorando a part-time da 7 anni). Nonostante varie circolari interne al Ministero non vietino il rinnovo dei Co co co mi è stata negata questa possibilità senza giustificazione alcuna dall'Ufficio Amministrativo. Mi è stato detto che se avessi voluto continuare a lavorare avrei dovuto aprire la Partita Iva, io l'ho aperta, il contratto, in sede di Consiglio d'amministrazione è stato respinto perchè io svolgo mansioni che sono difficili da giustificare in una fattura, mi occupo della biblioteca scientifica archeologica del museo, dalla catalogazione alla collocazione alla soggettazione dei testi. Mi sono ribellata ed il risultato è stato che al successivo C.d.a. hanno approvato il contratto con P.Iva facendo risultare che io compilo schede. Inoltre mi è stato fatto notare che anche a Partita Iva devo andare tutti i giorni a lavoro. La situazione è davvero insostenibile per tutti gli archeologi come me, in un paese che si sostenta sulle proprie ricchezze artistiche ed archeologiche! Mi verrebbe da dire a tutti coloro che volessero intraprendere questi studi di pensarci davvero tanto prima di fare questa scelta. Un saluto.
Rosa Greco

Rosa Greco 15.01.07 16:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dimenticavo: anche a me è stato "chiesto" di aprire la Partita Iva..non ci son cascata per fortuna!che s'assa fà pè campà!

Laura . Commentatore certificato 04.01.07 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Laureata+master ho iniziato a “flettermi”in Veneto dal 2004… Contratti a tempo det., anche di 1giorno!contratti di pura apparenza: tot ore dichiarate e molte di più quelle effettive, con conseguenti perdite di contributi e di tredicesime maturate…Contratti solo per periodi festivi, sacrifici fatti con la promessa di essere assunti stabilmente dopo le feste, speranze puntualmente disattese…per mansioni sempre al di sotto della mia preparazione ( ovvio).
La cosa che più fa specie è che nel luogo in cui lavoro, attività pubblica ad alta densità turistica in due anni non ho mai visto la GF che entrassero a controllare, e quindi su 10 dipendenti solo 2 in regola e le cose vanno lisce come l’olio…per il gestore per lo meno e non per noi dipendenti che, non solo percepiamo una miseria di tariffa oraria, in più non abbiamo i buoni pasto, né acqua né nulla durante turni anche di 7-8 ore, tutto a spese nostre! Lavoro domenicale e festivo non retribuito come da legge…nonostante questo accettare si deve, perché si è pure fortunati ad avere quel marcio sottopagato lavoro! Altro esempio…Il gran Teatro la Fenice con il suo nome altisonante fa contratti al personale di sala del tipo “ A chiamata” : per la legge ne esistono due tipi, uno senza indennità di chiamata che non è vincolante e dà al lavoratore la possibilità di rifiutare la chiamata, poi c’è quello con indennità di chiamata che prevede la corresponsione al lavoratore dell’indennità di chiamata oltre al pagamento della prestazione effettuata. Io, che avevo già due lavori, ho pensato di essere ancora più flessibile prendendone un terzo..sarei stata chiamata come sostituta. Dopo circa 2 mesi però sono stata chiamata al telefono dal responsabile del personale che mi ha “ MINACCIATO” la revoca del contratto perché io non offrivo disponibilità completa, ho fatto presente il contratto e le sue implicazioni e che non potevano pretendere e ha fatto un passo indietro, ma quanti vengono invece manipolati perchè ignorano?

Laura . Commentatore certificato 04.01.07 15:54| 
 |
Rispondi al commento

mi trovo d'accordo con quanto scritto sopra...purtroppo, devo dire!!
anche io faccio parte della categoria da quasi 4 anni e mi sembra un'eternità!
apri la P. IVA perchè praticamente, ti obbligano a farlo...!
Ma la P.IVA non sarebbe un problema se i soldi percepiti per la collaborazione ti permettessero di vivere in maniera dignitosa.
Mi spiace doverlo dire ma penso che in Italia si sia perso il senso della dignità...
un paese dove una persona laureata a pieni voti, superato l'esame di stato il mese dopo la laurea, con tanta voglia di imparare viene sfruttata fino a quando fa comodo allo studio professionale in cui lavora.
Non importa se non ho imparato bene: tanto meglio, non potrò essere pericolosa se non so fare il mestiere e so solo le cose a metà...
Dico a tutti i colleghi architetti come me, GIOVANI e SENZA LE SPALLE COPERTE (lo studio di mamma o papà architetto) di stare attenti, di non abbassare la testa! bisogna essere umili ma NON SVENDERSI MAI!!!
prentendete di essere pagati anche se sapete che siete giovani e non avete l'esperienza necessaria per portare avanti un progetto dello studio da soli...
A te, Beppe, se posso permettermi di darti del tu, chiedo di continuare a lavorare così!
Hai tutta la mia stima!

Sonia Fontana 13.12.06 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Schiavi moderni ritengo sia il termine piu' appropriato,io appartengo a questa categoria.Sono un "socio"di un COOPERATIVA.....che pero' solo a Perugia ha oltre mille operai,chiamiamoci col vero nome....nessuno si interessa mai della nostra condizione,abbiamo si' un contratto a tempo indeterminato(ci mancherebbe,versiamo 800 euro per lavorare!!!!)....5,34 euro all'ora.....nessuna tutela da parte di sindacati,"minacce"verbali da parte dei superiori,nel magazzino dove lavoriamo abbiamo un computer che calcola il tempo del nostro operato,cioe' preparare ordini(8 o 9 tonnellate al giorno....)per i negozi alimentari di una catena nazionale.il computer e' molto bravo....ma nn considera che dopo 10 ore si puo' essere un pochino stanchi....nn considera la schiena(ripeto ogni giorno manualmente carichiamo circa 20 bancali di pacchi....)la Cooperativa ci "costringe"a fare 2 ore di rientro ogni due giorni pagate nn come straordinario,ma ordinarie fino a 160 ore,superate le quali otteniamo 50 cents in piu' all'ora..mediamente facciamo 190,200 ore al mese per circa 900 euro...che dire?...Credo e sono a conoscenza che molti politicanti(li chiamo col oro nome,altro nn sono....)hanno INTERESSI che le cooperative rimangano tali e nn diventino S.p.a. come da una legge del 2004 finora trascurata...chissa' perche' mi chiedo..dato che dovremmo avere un'adeguamento del nostro trattamento economico con effetto retroattivo dal Maggio 2044...chissa' perche'??....una trasmissioni televisiva di Domenica sera su Raitre ne ha parlato...ha evidenziato tutto...ora sta ai politicanti...ma dubito che a loro interessi dato che loro nn alzano a MANO 8 tonnellate il giorno col computer che calcola i tempi...lo hanno dai 6000 ai 30000 euri di stipendio...che gli interessa???un saluto a tutti..sono un inguaribile ottimista cmq!!

Lorenzo Boni 02.12.06 09:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao beppe
secondo me le interinarie non dovrebbero proprio esistere. tutti dovrebbero avere i stessi diritti.io lavoro in una ditta da cinque anni e ho ancora il contratto a progetto quindi niente malattia,niente tredicesima,e tutte quelle cose che dovrebbero essere uguali per tutti.ogni anno mi rinnovano lo stesso contratto,e' assurdo che il governo permetta tutto questo e sicuramente le cose non andranno meglio, tanto di noi non importa a nessuno dei politicanti,si sono gia dimenticati, ultimamente non sprecano neanche una parola ma la colpa e' anche nostra ma non vado oltre....cmq sono sposato da due anni e indovina?mia moglie lavora come commessa.niente contratto naturalmente a 650,00 al mese, non aggiungo niente. solo che ci vuole coraggio a crearsi un futuro oggi..mio fratello e' figlio unico,perche e' convinto che esistono ancora gli sfruttati,malpagati e frustrati........

fontana domenico 30.11.06 22:58| 
 |
Rispondi al commento

Parliamone di ragazzi che vengono chiamati dalle agenzie interinali perchè "bastano solo due mesi di prova e poi se vai bene ti faranno il contratto."
E i due mesi diventano tre e poi quattro e poi cinque e poi sei e ogni Venerdì che vai al lavoro ti tengono appeso ad un filo, perchè la politica delle risorse umane è di comunicare solo alla fine se sarai ancora onorato di far parte della "famiglia". E per quanto tempo avrai questo onore, con contratti prorogati di una settimana, due settimane.
Infine, quando hai tenuto duro e accettato tutto perchè devi pur campare e, comunque, lavori bene, sei diponibile, hai fatto gruppo e, dunque, speri che quel contratto che ti hanno fatto sudare prima o poi arrivi...ebbene, solo un giorno prima che scada il contratto vieni rispedito a casa con un calcio in culo. Senza neppure il tempo di cercare un altro straccio di lavoro.
Tanto c'è sempre uno come te che per sei mesi continuerà a sperare in un contratto, anche cencioso, con quella grande azienda.

Parliamone di questa grande azienda che veste i più rinomati VIP, che è tutta sobrietà e stile impeccabile e nasconde la feccia dell'etica del lavoro.
Parliamone della grande TOD's e del suo Diego Dalla Valle, paladino sinistroide del lavoro.

Parliamone, perchè non abbiamo altro da fare, non abbiamo altre vie da percorrere, altri diritti da far valere, se non parlarne apertamente per trasmettere un'immagine più veritiera della realtà delle grandi aziende che "veicolano" l'economia italiana.

Simona Bruzi 24.11.06 14:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho 55 anni, troppo giovane per andare in pensione, ma troppo vecchio per poter ambire ad un nuovo posto di lavoro.
Per una serie di ca...te del mio datore di lavoro l'azienda sta chiudendo quindi perderò il posto di lavoro.
Grazie a questa legge sono disponibili solo lavori a termine a condizione di essere iscritti
alla lista di mobilità (cosa non semplice da ottenere).
Chi si trova in queste condizioni cosa deve fare?,sperare che il governo approvi presto la
legge sull'eutanasia libera e incondizionata così che gli ultracinquantenni possano togliere il disturbo in silenzio e senza troppa sofferenza?
Un saluto

Paolo Bellini 18.11.06 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Importante, anzi fondamentale, sarebbe ripristinare la Legge 1369/60, quella che vietava l'intermediazione di manodopera. Sarebbe opportuno ripristinarla, ovviamente aggiornata ai tempi, introducendo il reato penale per chi somministra abusivamente manodopera. Oggi con la legge 30, ed i successivi decreti legislativi, quel reato viene punito con una semplice ammenda amministrativa. Il risultato? La proliferazione di false agenzie, tante false cooperative, che sfruttano lavoratori extracomunitari.
Ciao
Umberto
www.nuovocaporalato.it

Umberto Franciosi 03.11.06 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Forse un ennesimo sito sul lavoro atipico, nel particolare operatori callcenter. Siamo stimati in 250.000 unità, Vuol dire che dar vita ad un callcenter rende non poco, e non certo solo per gli stipendi da fame che si distribuiscono.

Renato Cafieri 01.11.06 17:51| 
 |
Rispondi al commento

ABRUZZO: I POTERI FORTI ED OCCULTI INIZIANO A TREMARE.............

Arresti eccellenti per illecita gestione finanziamenti Fira


La cifra sottratta agli interessi pubblici è stimata in circa 20 milioni di euro

Undici persone sono state arrestate e altre 34 denunciate dalla Guardia di Finanza di Pescara per illecita gestione di finanziamenti alla Fira, strumento pubblico di attuazione della programmazione economica regionale e che invece è stato impiegato per la realizzazione di interessi particolari a beneficio di lobbies e clientele.
Le accuse: associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni della Regione e della Comunità europea, falso, malversazione e corruzione. In carcere sono finiti Giancarlo Masciarelli, Paolo De Michele e l'imprenditore Marco Picciotti. Arresti domiciliari per altri 8. Responsabile principale, secondo gli investigatori, sarebbe Giancarlo Masciarelli, presidente protempore della Fira dal 2002 fino a qualche mese fa. Abusando di poteri e funzioni connessi al ruolo istituzionale rivestito, coadiuvato da Paolo De Michele, Masciarelli avrebbe lavorato per ottenere e far ottenere illecitamente contribuzioni pubbliche a società anche direttamente riconducibili a se stessi percé intestate a parenti. La cifra sottratta agli interessi pubblici è stimata in circa 20 milioni di euro. Cifra che non è servita allo sviluppo della regione ma all’arricchimento personale. La distrazione fraudolenta dei finanziamenti sarebbe stata resa possibile poiché Masciarelli avrebbe assunto un ruolo di totale controllo della Fira.

Fonte: www.ilpiccolodabruzzo.it del 27-10-2006

e sarro 28.10.06 13:36| 
 |
Rispondi al commento

WWW.5LEVIERS.IT

- Il capitale come mezzo della nuova rivoluzione proletaria, attraverso le 5 stabilizzazioni scientifiche (5 Leve).
- Il fattore “Ks” (Capitale stabilizzato) come fattore economico universale per la definitiva rivoluzione sociale e del mercato.
- Piena occupazione effettiva, per legge.
- “Posto di lavoro” flessibile, ma “lavoro” fisso.
- Un nuovo libero mercato attraverso le 5 stabilizzazioni automatiche.

Ignazio Albore' 22.10.06 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe eccomi qui cosi' giusto per commentare un po' questa felicissima situazione da Repubblica delle Banane che attraversiamo in Italia.
Sono una LaP, per chi non lo sapesse Lavoratore a Progetto, da piu' di un anno e mezzo lavoro presso un Call Center che proprio a fine Agosto e' stato su tutti i giornali perche' l'Ispettorato del Lavoro ( non pizza e fichi) aveva trovato che noi poveri deficenti eravamo a tutti gli effetti Lavoratori Subordinati e quindi avevamo diritto ad assunzione, pagamento dei contributi pregressi (c'e' chi li ci lavora da 10 anni!!) e tante altre belle cosine.
Siamo alla fine di Ottobre e tutto tace.. ma ci rendiamo conto? E poi mi vengono a dire " Oh hai 32 anni e vivi con tua nonna che aspetti a farti una famiglia?" Eh.. aspetto che scendano i marziani da marte che mi trovino una casa, fornitura elettrica, luce, acqua, gas e telefono e se ci scappa anche un po' di pane e cipolla a meno di 500euro al mese. Ovviamente se squilla e quindi riceviamo le telefonate che ci vengono giustamente pagate a seconda di quanto stiamo al telefono (max 3 minuti 0.85 cent. Ultimamente se vado via con 30 chiamate al giorno e' un miracolo!! E il bello e' che stanno "assumendo" altre 350 persone!! Finiremo come i topi a ucciderci uno con l'altro per una telefonata?
Quindi cari "clienti" non vi arrabbiate se dopo 3 min "cade la chiamata", voi telefonate gratis al servizio clienti..noi a fine mese abbiamo delle bollette da pagare... prima di andare a finire a "fare le lucciole" per mandare avanti la baracca.
Ah.. un grazie spassionato a Troncretti Provera.. lui sta sulla barca con Afef.. noi sul canotto con le toppe in mezzo agli squali... e comincio a sentire un terrificante spffffffffff..

Alessandra Vassallo 21.10.06 18:29| 
 |
Rispondi al commento

E' rassicurante non essere i soli a pensarla così. Da tanto tempo continuo a dire le stesse identiche cose che ha scritto Stiglitz (ovvio io non ho lo stesso credito, ci mancherebbe, non ho manie di grandezza).
Ho 28 anni e dopo 4 anni di lavoro precario (ma di responsabilità e professionalmente e qualitativamente valido, tralascio però la questione economica assolutamente non commisurata al lavoro svolto) sono andata a lavorare in Irlanda.
La situazione economica è cambiata in maniera interessante. La qualità del lavoro anche. E cosa scopro qui a Dublino, che molti come me hanno fatto lo stesso. Una scelta, sicuramente. In parte anche un pò obbligata. Se uno ha rispetto per le proprie capacità e per il proprio lavoro non può accettare le condizioni economiche e contrattuali in Italia per un periodo infinito. La situazione italiana non è dignitosa. Che dispiacere vedere che è sempre così e che comunque non succede nulla. E' come vedere un malato spegnersi giorno dopo giorno senza neppure pensare a una cura.
Grazie Beppe per parlarne. E' già qualcosa. Ma la politica non credo ci senta molto. E questo è un problema politico importante per garantire il presente ma soprattutto il futuro al Bel Paese.

Paola Marinone

Paola Marinone 10.10.06 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Sono sono uno come voi che a 36 anni con Master in Sociologia e Laurea in Scienze Politiche, non raccomandato....perchè in Italia si lavora solo su segnalazione....si è stufato e vuole cominciare a fare qualcosa...
Cominciamo con una rete di precari sul territorio nazionale...non si può abboccare alle bugie che raccontano i datori di lavoro quando sostengono che esiste manodopera intellettuale al di sopra delle necessità del mercato...

Il fatto è che pagare un laureato almeno 9 euro l'ora significa rinunciare ai Jeepponi tipo Cayenne....
DOBBIAMO FARE QUALCOSA....io lavoro per 5 euro part-time....

Mandatemi e-mail e organizziamoci....

Scottish23@katamail.com

Marco Piervenanzi 08.10.06 22:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Roma 06/10/2006
Stamane ho preso parte al corteo per manifestare tutto il mio disappunto riguardo alla condizione dell'essere precaria. Alle ore 09:30 Piazza della Repubblica iniziava a popolarsi di gruppi di lavoratori precari e curiosi di passaggio, alle 10:30 iniziava a muoversi un fiume di gente ordinato e composto. Impressioni: in Italia siamo sempre così educati? oppure è così radicata la nostra sfiducia nello Stato da non credere neanche più al potere della contestazione giusta? L'importante è stato partecipare e nonostante lo sciopero dei mezzi pubblici le adesioni sono state tantissime. E' stato un successo, peccato per lo sciopero dei mezzi di informazione di massa. Un caro saluto a te Beppe e a tutti voi precari. R.G.

Rosa Greco 06.10.06 21:16| 
 |
Rispondi al commento

SALVE BEPPE
Saluto tutti, vi aggiorno sulla mia situazione al Ministero per i beni e le attività culturali: Contratto Co Co Co scaduto a Luglio 2006, mi hanno detto: "non si può rinnovare perchè lo Stato attuale potrebbe fare un decreto per assumere voi precari e noi abbiamo i precari vecchi che sono qui da 7 anni!" io sono precaria da due anni, mi chiedo quanti anni dovranno passare prima di avere una sia pur minima considerazione. Dopo tanti anni di studio questa è la sola via possibile? I concorsi nel mio campo sono mosche bianche. VENERDI' 6 OTTOBRE CI SARA' UNA MANIFESTAZIONE A ROMA INIZIA ALLE ORE 09,30 DA PIAZZA DELLA REPUBBLICA. Parteciperanno i precari del Pubblico Impiego e non solo, ma indovinate un pò? ci sarà lo sciopero generale di 24 ore dei mezzi pubblici. Non ho parole, anche nel manifestare noi precari dobbiamo essere l'ultima ruota del carro? Chi di voi potrà partecipare lo faccia! A presto a tutti voi. R.G.

Rosa Greco 01.10.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Sfogliando le pagine del blog, mi accorgo ogni volta che non ci sono mai testimonianze dirette degli "invisibii"...ormai li definisco così i miei compagni di studi e colleghi di lavoro! I MUSICISTI! Non esistiamo come titolo di studio nel Censimento (eppure il Conservatorio dura 10 ANNI!),dobbiamo ogni volta spiegare alle persone che fare il musicista è un lavoro non un divertimento e giuro che arrivare a fine mese per la maggior parte di noi è un'impresa! Il contratto a progetto lo conosco da 11 anni: l'orchestra ti chiama per una produzione che può anche durare 1 GIORNO (!!) e poi tanti saluti...
Non esistono ferie pagate, maternità, permessi per malattie, insomma siamo sempre in balia della chiamata e dobbiamo correre anche in stampelle. Il sogno per noi sarebbe la stabilità in un ente lirico...la RAI è rimasta con un'orchestra, il Maggio Musicale è in deficit, la Fenice taglia la produzione...le prospettive non sono rosee. Sono preoccupata per il mio futuro: ho studiato tanto, continuo a studiare ogni giorno, investo tutta me stessa in una passione che mi porterà un giorno, forse, a cambiare lavoro! Siamo tristi e sconsolati, ma soprattutto DIMENTICATI. Continuo a sperare che ripartano gli investimenti sulla cultura: tu, Beppe Grillo, visto che SEI UN COMICO, cosa ne pensi? Meglio cambiare nazione?

Giovanna Mambrini 16.09.06 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Ma pensavate davvero che il Prodi avrebbe fatto meglio del Berlusca, che Padoa Schioppa fosse meglio di 3monti? Che il Bertinotti(neanche il coraggio di prendere il ministero del lavoro per non sputtanarsi) avrebbe mosso un alluce per i precari? Il mondo non è governato dalla politica (ma ve li vedete Fini? Fassino? Calderoli? Luxuria? a tirare il paese) ma dalle multinazionali\aziende che ormai ricattano tutti......governo Italiano incluso (secondo me anche gli Usa sono ricattati).

Fulvio Borella 24.08.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fare il bagnino in agosto a Monza , in una piscina comunale , gestita da privati.
Se piove , ti mandano a casa senza darti un centesimo , se c'è bel tempo , ma arriva poca gente in piscina (settimane centrali), a casa senza veddere un centesimo. La paga è di 5,50 euro ogni ora.

Roberto Lotumolo 23.08.06 02:48| 
 |
Rispondi al commento

http://unioneprecari.splinder.com
Sito in costruzione per un "libero pensiero contro la precarità"


Sono tornato da 7 anni dopo 14 anni in Svezia da operaio (meccanico) guadagnavo 1.600€ nette dal Lunedì al Venerdì+ pause caffè e sigarette (3 al giorno..retribuite), da proprietario guadagnavo di più (ma non molto)...in Italia faccio consulenza informatica in un gruppo che mi da 1.600€+ IVA...Ditemi perchè sono tornato.........Aiutatemi...
Ciao Giancarlo

Giancarlo Checchi 21.08.06 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Invio tradotto ed adattato una mail che sta girando nel web spagnolo. Il tema è il costo della casa e la precarietà.

PARTE 3

Lo sforzo dei nostri genitori, senza alcun dubbio ammirabile, no era sterile (potevano ottenere una casa di proprietà in 5-10 anni). Lo stesso sforzo sostenuto da noi giovani, oggi, porterebbe ad una riduzione di 5 anni in un mutuo di 40 o 50 anni.
La casa, nel passato, non è mai stato un oggetto col quale arricchirsi, ma era una necessità per vivere. E’ una delle poche cose materiali di cui abbiamo veramente bisogno.

La legge di libero mercato può stabilire il prezzo dei televisori al plasma, facendoli pagare quanto vuole. Non avremmo mai dovuto permettere che il libero mercato stabilisse il prezzo delle case, perché tutti abbiamo bisogno di viverci e non tutti possiamo pagarla.
I giovani, inclusi quelli che hanno formazione ad altissimo livello, non possiamo competere.”


Alessandro Cera 18.08.06 18:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Invio tradotto ed adattato una mail che sta girando nel web spagnolo. Il tema è il costo della casa e la precarietà.

PARTE 2

Non posso trovare nessun aggettivo, nell’anno 2006, per descrivere ciò che mio padre considerò rischioso nel 1979.

E’ chiaro che gli appartamenti non diminuiranno di prezzo di 10 volte dalla notte alla mattina.
E’ anche chiaro che non guadagneremo mai 15.500 € al mese, qualsiasi buon lavoro trovassimo e qualsiasi titolo di studio ottenessimo.

La prima cosa che dovremmo fare sarebbe di continuare a vivere a casa dei nostri genitori e risparmiare il 100% dello stipendio nei prossimi 14 anni. Così, nell’anno 2020 (io avrò 45 anni), avremo il denaro sufficiente per comprare una casa al costo del 2006, però chiaramente non al costo del 2020.
Evidentemente tale trovata non funzionerebbe.
Nonostante un giovane benintenzionato possa risparmiare 2,4,6 milioni di pesetas (12.000 €, 24.000 €, 36.000 €) con molti sacrifici in pochi anni, al giorno d’oggi sarebbe inevitabile ciò:

1) Chiedere un mutuo bancario a 40 o 50 anni ( che potrebbe ridursi al massimo a 35 anni). Ci rendiamo conto che non viviamo in una democrazia, ma in una dittatura? Il dittatore non si chiama Francisco Franco o Benito Mussolini, ma San Paolo Imi, Monte dei Paschi di Siena, Banca Intesa e tutte le altre banche. Neanche abbiamo molta libertà per dire ciò che pensiamo, per esempio, al nostro datore di lavoro; non sia mai che ci “chiuda il rubinetto” e non ci permetta di pagare il dittatore.

2) L’altra soluzione è pagare l’affitto a vita. In questo caso il dittatore si chiama Mario Bianchi, Luca Rossi, cioè il proprietario di casa. La situazione non è molto diversa dalla prima.

Dopo tale riflessione, per favore, abbiate la delicatezza di non dire ai giovani che il nostro problema è che non risparmiamo. Questo era valido per voi nel 1979, addirittura per alcuni giovani nel 1999, ma non nel 2006.

Alessandro Cera 18.08.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Invio tradotto ed adattato una mail che sta girando nel web spagnolo. Il tema è il costo della casa e la precarietà.

PARTE 1

E’ cara la casa?
“Lo stipendio di mio padre nel 1979 era di 38.000 pesetas ( 475.000 lire).
Lui lavorava come manovale in cantiere. In quello stesso periodo gli offrirono l’opportunità di comprarsi una casa. Gli chiedevano un totale di 500.000 pesetas ( 6.250.000 lire).
Egli, però, decise di non rischiare e di continuare a vivere in affitto, in condizioni molto favorevoli.
Si trattava di una casa modesta però ben posizionata, in pieno centro di un paese vicino a Barcellona.
Pochi mesi più tardi i miei genitori comprarono un terreno in un altro paese della stessa provincia e in poco meno di 5 anni di sforzi già avevano costruito e pagato una casa di 120 m2.
Sono passati 27 anni.
Nel 2006 e nella stessa città dove vivono i miei genitori, un appartamento modesto di 75 m2, in periferia, non si trova a meno di 35 milioni di pesetas ( 215.000 €) e se va bene…
Nel 1979 il costo di un appartamento era circa di 14 mensilità di un muratore di cantiere.
38.000 pesetas/mese x 14 mesi = 532.000 pesetas (6.250.000 lire)
Lo stipendio nel 2006 di un neolaureato in ingegneria informatica senza esperienza professionale non arriva a 200.000 pesetas al mese ( 1250 €).
Nel 2006 una casa modesta costa 175 mensilità (14 annualità!!!) di un ingegnere informatico.
200.000 pesetas/mese x 175 mesi = 35 milioni di pesetas (215.000 €).

Noi giovani d’oggi avremmo bisogno di guadagnare 2.500.000 pesetas al mese ( 15.500 €) per essere nelle stesse condizioni dei nostri genitori quando si comprarono una casa agli inizi degli anni ’80.
15.500 € al mese x 14 mesi = 217.000 €

Oppure: gli appartamenti nell’anno 2006 dovrebbero costare 2.800.000 pesetas (17.000 €) affinché noi giovani possiamo trovarci alle stesse condizioni dei nostri genitori nel 1979.
200.000 pesetas al mese x 14 mesi = 2.800.000 pesetas (17.000 €)

Alessandro Cera 18.08.06 18:43| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,
voglio anche io raccontare la mia esperienza.
Oggi ho 34 anni, vivo sola e sono disoccupata per "scelta".
Dopo la laurea sudatissima in Chimica Idustriale mi sono immediatamente buttata nel mondo del lavoro con il solo desiderio di rendermi indipendente e costruire il mio presente liberamente. Ho da subito accettato qualunque lavoro, che ovviamente era sempre mal retribuito e a tempo determinato. E sai benissimo che questo significa che quando non possono più farti un contratto a termine, ma dovrebbero assumerti a tempo indeterminato ti dicono "non abbiamo più bisogno di te..." e assumono a termine qualcun'altro. La legge è dalla loro...

Nei primi anni ho fatto di tutto per cercare un lavoro che fosse a mia misura prima di tutto e che mi permettesse di mettere a frutto ciò che ho imparato. Non ho mai chiesto molto... Eppure oggi in un paese democratico questo non è possibile. Perchè una donna alle soglie dei 30 che risponde ad un annuncio per un lavoro come Chimico Industriale si sente rispondere che il posto è già stato assegnato, mentre all'amico che telefona 5 minuti dopo fissano un appuntamento per un colloquio. Quando non le dicono chiaramente che vogliono un uomo, perchè succede anche questo...
Tre anni fa ho trovato finalmente un lavoro a tempo indeterminato come operaia chimica e ne sarei stata soddisfatta, se non fosse che:
- ogni giorno era una guerra aperta su elementari questioni di sicurezza e diritti umani
- il titolare era un vero delinquente con carcere alle spalle e vari processi pendenti
- lo stipendio era ridicolo rispetto il costo della vita e soprattutto ridicolo rispetto l'indubitabile fatto che MI STAVO AMMALANDO! per le condizioni psico-fisiche di lavoro!!!
Mi sono da poco licenziata, senza sapere cosa farò domani. Mi sono presa della pazza da tutti... Ma mi rifiuto di fare la schiava e mi rifiuto di soffocare la mia vita in questo sitema produttivo schizzofrenico.

Grazie Beppe sei un mito!

Daniela Melandri 16.08.06 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho inserito nel blog del movimento laureati il link per firmare la petizione per l'abolizione della legge '30, firmate tutti...

www.bloggers.it/movimentolaureati/

Paolo Ares Morelli 15.08.06 13:12| 
 |
Rispondi al commento

LIBERALIZZAZIONI E FINANZIAMENTI

Poche ore fa, il Presidente del Consiglio Romano Prodi, in merito alla missione ONU in Libano nella quale parteciperà anche l’Italia, ha dichiarato: “Una tassa per la pace? No, no, fin da ora escludo che si debba ricorrere a una tassa per finanziare la nostra missione” (fonte: www.repubblica.it).

Pertanto, un quesito nasce spontaneo: dove si troveranno i soldi per finanziare quest’ennesimo intervento militare?

La risposta è reperibile seguendo questo link:

http://www.ricercatoriprecari.org/public/modules/news/article.php?storyid=372

Il tutto si commenta da solo.

Massimo Tumiati 13.08.06 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


PREMETTO CHE SONO D'ACCORDO CON LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEI COMMENTI CHE STO LEGGENDO QUI, INVIATI DAI LAVORATORI PRECARI.


PERO' QUANDO LEGGO FRASI DEL TIPO "DOPO LA LAUREA IN FISICA NUCLEARE HO FATTO UNO STAGE DI 10 MESI NON PAGATO, CHE CONSISTEVA ESCLUSIVAMENTE NEL FARE FOTOCOPIE E TEMPERARE MATITE E HO DOVUTO PAGARMI L'ALLOGGIO PERCHE' LO STAGE ERA A 500 KM DA CASA MIA, E SONO DELUSO [...]"


VA BE' MA CHE CAVOLO ! PERCHE' GIA' CHE C'ERI NON TI SEI INDEBITATO CON GLI STROZZINI O NON HAI RUBATO I DENTI D'ORO AL NONNO, PER PAGARTI LO STAGE ? :-D


VOGLIO DIRE CHE SE IO M'IMBATTO IN UNO STAGE CHE SI RIVELA ESSERE UN PACCO, LO MOLLO DOPO MAX 3 GIORNI, NON DOPO 10 MESI !
( A PARTE CHE IO UNO STAGE NON PAGATO NON LO ACCETTEREI IN PARTENZA )


VOGLIO DIRE, UN CONTO ESSERE VITTIME DI SFRUTTAMENTO, UN ALTRO CONTO E' ESSERE TONTI E ANDARSI A CERCARE LE FREGATURE ! E DAI E CHE CAVOLO !

L O L


Joséphine Bohème 13.08.06 04:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
Durante la campagna elettorale i vari BertinottiFassinoD'Alema andavano in TV dai vari Vespa a strillare contro il precariato e sventolavano buste paga di lavoratori da 500€/mese ..... e adesso ??? Noi precari non esistiamo più ??? Mah ??!! Io ho firmato il mio 5° contratto precario... sono il gran visir assoluto della rete di una grossa società se dovessi incazzarmi e mollarli di botto si ritroverebbero nella m.... fino alle orecchie, ma nonostante tutto ciò sempre e solo contratti del caz.. !! Mah ??!! Più lavoro a contatto con i vari farloc manager più mi stupisco della loro idiozia....pensano solo a pararsi il c... e a farsi i caz.. loro. Io mi ritengo cmq un precario "fortunato" mi fanno contratti annuali e pagano bene, però questo modo di fare mi lascia molto perplesso e spaventato per il futuro, se le nostre aziende sono in mano a personaggi del genere altro che Argentina!! Beh spero solo di avere una visone un pò troppo pessimista della situazione...... comunque mi sta prendendo sempre di più l' idea di andarmene all' estero....

partono i bastimenti per terre assai lontane, so’ emigrante...

Saluti
Giuseppe

Giuseppe S 11.08.06 11:50| 
 |
Rispondi al commento

ALBERINCITTA'

Difendiamoci dal processo di desertificazione delle metropoli!

Salviamo il verde delle città!

Proteggiamo gli alberi del quartiere e le piante lungo le strade di casa:
IL VERDE E' VITA!

Pretendiamo da sindaci, consiglieri e assessori che per ogni albero abbattuto ne venga subito ripiantato un altro:

LE PIANTE SONO IL NOSTRO OSSIGENO, IL RESPIRO DELLA TERRA!

OGGI E' NATO UN NUOVO BLOG PER DIFENDERE IL VERDE DELLA TUA CITTA': "ALBERINCITTA'"

DAI VOCE ALLE TUE RAGIONI!!!

ALBERINCITTA' 09.08.06 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,io sono un lavoratore a tempo indeterminato che per andare a lavorare si fa 200 km al girno,il tutto per 980 euro mensili(sto a La spezia e lavoro a Livorno) a Livorno e dintorni per un monolocale ti chiedono anche 500 euro,vorrei trovarmi un lavoro un po' più vicino ma finirei precario a vita......
Volevo anche intervenire sul numero di posti di lavoro nelle aziende. Quando va via una persona non viene quasi mai rimpiazzata e così ci si trova a fare il lavoro che prima facevano due o tre persone,in cui devi stare attento a qunte pisciate fai perchè non ne hai il tempo...Il lavoro in Italia c'è eccome è almeno il doppio di quello che c'è,basta assumere e non spremere i poveri lavoratori.....con ritmi di lavoro allucinanti...
cIAo...

giovanni Carassale 06.08.06 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo qualcosa!!
Ho la sensazione che la legge Biagi sia servita soltanto a far risparmiare pochi imprenditori ma più di ogni altra cosa, a dimostrare "l'aumento dell'occupazione in Italia". Che bello quando ci dicono ...crescita occupazionale... diminuzione della disoccupazione e simili. Sonom soltanto dati statistici a breve termine, ovvio no? Secondo me il problema di un'Italia mal funzionante è questo: chi desidera le grandi infrastrutture non ha mai usato l'automobile o il treno; chi vuol fare l'imprenditore spera in aiuti dello Stato, chi scrive riforme è un imprenditore che vuole privatizzare lo stato e...aimé...chi realizza una legge sul lavoro non ha mai lavorato!

Propongo la realizzazione di una mail di protesta contro l'incostituzionalità della Legge Biagi.
Se avrò le vostre adesioni potremo realizzarla.
fatemi sapere cosa ne pensate.
Precari, facciamoci sentire!!

Adriano Stornaiuolo 03.08.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo qualcosa!!
Ho la sensazione che la legge Biagi sia servita soltanto a far risparmiare pochi imprenditori ma più di ogni altra cosa, a dimostrare "l'aumento dell'occupazione in Italia". Che bello quando ci dicono ...crescita occupazionale... diminuzione della disoccupazione e simili. Sonom soltanto dati statistici a breve termine, ovvio no? Secondo me il problema di un'Italia mal funzionante è questo: chi desidera le grandi infrastrutture non ha mai usato l'automobile o il treno; chi vuol fare l'imprenditore spera in aiuti dello Stato, chi scrive riforme è un imprenditore che vuole privatizzare lo stato e...aimé...chi realizza una legge sul lavoro non ha mai lavorato!

Propongo la realizzazione di una mail di protesta contro l'incostituzionalità della Legge Biagi.
Se avrò le vostre adesioni potremo realizzarla.
fatemi sapere cosa ne pensate.
Precari, facciamoci sentire!!

Adriano Stornaiuolo 03.08.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

LO SO CHE TU SEI SOLO UN COMICO, MA SI DEVE PUR INIZIARE DA QUALCHE PARTE...SE I SERI LATITANO!
SONO STANCA DI LEGGERE MIGLIAIA DI POST E DI STORIE TRISTI SU QUELLO CHE TOCCA ALLA MIA GENERAZIONE DI LAUREATI E SFRUTTATI!BASTA! LA RETE E I BLOG POSTI STUPENTI E BENEDETTI, CHE CI FANNO SPERARE IN UN FUTURO DI LIBERTA', MA ORA MI SEMBRA SIA ARRIVATO IL MOMENTO DI AGIRE! IL VIRTUALE NON SPAVENTA SE NON SI RENDE VISIBILE, SIAMO CARNE E OSSA, DOBBIAMO RECUPERARE IL SENSO DI CITTADINANZA E UN PO'DI DIGNITA'NEI CONFRONTI DI NOI STESSI.
PERTANTO PROPONGO:
10 OTTOBRE 2006 1°MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO GLI SCHIAVI MODERNI!
BEPPE AIUTAMI A FAR GIRARE LA MIA PROPOSTA!
CON AFFETTO E PROFONDA STIMA DG

D. Galasso 31.07.06 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe, chi ti scrive e' uno schiavo agevolato dell'Azienda USL di Bologna di 33 anni. Ho ricevuto proprio oggi la comunicazione del rinnovo del contratto a noi co.co.co. che siamo circa 150. Tanto per cominciare il rinnovo è datato 15/06/2006, mentre lo presentano il 31/07/2006, quando stiamo già lavorando da un mese esatto. In questo contratto che rifiuterò di firmare, c'è un 'leggero ritocco delle tariffe'. Per esempio io prendevo 15,50 euro all'ora (dal lontano '99) e mi si propone di accettare questa nuova tariffa di 13,20 euro. Tanto per adeguarci agli incrementi del costo della vita. Siccome la proposta è facilmente valutabile, l'hanno mascherata, mettendo nel contratto solo il lordo semestrale e chiamandoci uno per volta a firmare. Purtroppo solamente una persona sulle 4 che stamattina sono andate a firmare era a conoscenza delle intenzioni dell'Azienda ed è entrata con la calcolatrice. Appena ha fatto i conti si è rifiutata di firmare ed è stata minacciata dalla sostituta della responsabile del personale. Le è stato detto che poteva firmare subito oppure poteva rinunciare all'incarico. Ovviamente i nostri cari sindacati se ne sono ben guardati dall'avvisarci e oggi fanno gli scandalizzati. Però prima della scadenza del contratto precedente, hanno firmato un accordo secondo il quale l'Azienda ci da la facoltà di assentarci per un periodo complessivo di 45 gg. all'anno (l'hanno chiamato recupero psico/fisico). Ovviamente nessuno di noi ha mai chiesto niente del genere , però l'Azienda usa questa arma per 'ricalcolare' le tariffe. Facendo due conti: chi come me ha un orario di 35 ore settimanali ha una rimessa annua di quasi 5000 euro. A questo punto, oltre a ringraziare i sindacati per gli sforzi, vorrei chiedere ai direttori: non ci sono già abbastanza persone disincentivate dal lavoro stesso, già presenti in Azienda ? Ne servono altre per il futuro ?
Felicitazioni.

Simone Malossi 31.07.06 16:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
sono un ingegnere in Telecomunicazioni di 36 anni con Dottorato di ricerca in Elettronica (o PhD -philosophy doctorate , nessuno in Italia sa cosa sia anche se è “il più alto grado di istruzione”- http://it.wikipedia.org/wiki/Dottorato). Posso aggiungere nel curriculum ottima conoscenza della lingua inglese, 6 mesi passati a lavorare in Inghilterra all’Università di Warwick ed 1 mese in Spagna all’Università di Barcellona.
Attualmente ho un assegno di ricerca all’Università di Siena che scadrà il 31 dicembre 2006 e non avrò possibilità di continuare la mia attività. Il concorso da ricercatore è andato male; si potrebbe dire che “non era stato bandito per me”, ma non è questo il punto. Da allora so che non ci saranno altri concorsi “abbordabili” e devo lasciare l’università. Poco male, mi piace lavorare più su progetti che mi permettono di creare degli strumenti funzionali anziché insegnare e scrivere articoli scientifici. Ora il punto é: nella ricerca di un lavoro presso aziende e all’invio del mio curriculum a diversi annunci NON HO RICEVUTO MAI RISPOSTA E HO FATTO UN SOLO COLLOQUIO IN 20 MESI!
Nel mio caso, quell’unico colloquio è andato bene e mi hanno preso con un contratto a 3 MESI!
In qualunque modo vada a finire anche io voglio denunciare questa situazione italiana orrenda in cui non contano più nulla tutte le qualifiche ed esperienze che uno si è costruito con fatica.
Un dottorando (laureato che sta lavorando e studiando per qualificarsi come PhD) prende 836Euro al mese per 3 anni, poi deve trovare altre borse di studio o vincere un concorso da ricercatore per avere un posto fisso. Un assegnista di ricerca, come me, prende 1260Euro al mese per 4 anni, poi stessa storia; se non ci sono possibilità all’università deve passare all’industria che però non è interessata per via dell’età e dello stipendio che dovrebbe fornire. Attualmente è addirittura più facile trovare lavoro senza laurea come mi confermano diversi amici. Grazie dello spazio.


Il comitato NoLap, in collaborazione con Nidil-Cgil ha organizzato:

“PRECARIAMENTE IN FESTA”

Giorno 27 Luglio 2006 presso STAND FLORIO, via Messina Marine n.40, Palermo, ore 21, ingresso libero.

La serata ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e promuovere le iniziative del Comitato Nolap che si batte per il riconoscimento dei diritti e della dignità dei lavoratori “precari”.

Interverranno:

Rappresentante del Comitato Nolap – Vincenzo La China;

Segretario Provinciale della Camera del Lavoro CGIL Palermo – Maurizio Calà;

Segretaria Regionale CGIL Sicilia – Barbara Apuzzo;

Segretario Generale NIDIL-CGIL Palermo – Dario Fazzese;

Si alterneranno alcuni gruppi locali:

Caotica;

Landolini;

Manomanca;

intervallati dalla musica del Dj Massimo Sapienza;

Comitato Nolap

alice violante 26.07.06 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Sono una donna di 41 anni e mi sento come se ne avessi 20 sia da un punto di vista fisico che psicologico.Dopo svariat anni che non lavoravo(per scelta)l'azienda dove prima lavorava mio marito mi ha concesso di lavorare con un bel contratto della legge Biagi che mi abbassa di due livelli la mansione e mi permette di fare un part-time godendo però di un full time (che porta uno sgravo fiscale al mio datore di lavoro e che è l'unico per rientrare nei termini del contratto che mi è stato applicato).Questo sarebbe nulla se avessi un datore di lavoro che mi pagasse.
Purtroppo o pèer mancanza di soldi o per mancanza di rispetto in busta paga

Anna Marasco 26.07.06 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Precaria io, precario lui. Entrambi ultratrentenni. Fidanzati da 10 anni. Entrambi ancora a casa dei rispettivi genitori. Matrimonio? Nemmeno a parlarne! Metter su casa insieme? E con quali soldi? Le banche che nelle pubblicità ti concedono il mutuo se porti loro una porta o un bidet in realtà ti ridono in faccia appena sanno che potresti restare disoccupato entro fine mese...
Non siamo laureati, entrambi siamo diplomati e, pur di lavorare, attualmente facciamo cose che non c'entrano nulla col nostro titolo di studio (io, diploma magistrale, faccio la segretaria contabile grazie ad un corso di specializzazione post diploma che ho dovuto fare per forza di cose, pur di trovare un minimo sbocco lavorativo; lui, grafico pubblicitario, scarica frutta e verdura al mercato cittadino). Viviamo nella "ricchissima" Lombardia... chissà come si sta nelle regioni meno ricche, visto che noi in due guadagnamo qualcosa del tipo 1900 euro netti al mese... Praticamente, quello che ti chiedono per un trilocale arredato, le spese condominiali e le bollette essenziali... Altro che sposarsi! Altro che far figli! E meno male che abbiamo un governo di sinistra...

Lucrezia Marelli 24.07.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
secondo me alle tue proposte di modifica della legge 30 mancano due fattori fondamentali:

1) La malattia
2) Le ferie

So che con i tempi che corrono in Italia ti sembrerà che io sogni ad occhi aperti. In effetti, vivo e lavoro da due anni in Francia e ti dico che per ottenere questi due diritti basilari del lavoratore, basterebbe che il governo Prodi copiasse la tanto contestata legge sul primo impiego (Contrat Premier Embauche) o meglio ancora il contratto con il quale sono impiegata io da quasi un anno: il Contrat Nouvelle Embauche. Leggi che, come tutti ricordano, hanno portato in piazza mezza Francia fino a riuscire nell'intento di bloccare l'applicazione del primo dei due contratti. Si tratta di due contratti a tempo indeterminato che danno al datore di lavoro la possibilità di licenziare senza bisogno di alcuna giustificazione per i primi due anni. Precariato in piena regola: oggi lavoro, domani forse no. Ma, Cristo Santo, in Francia nessuno si sogna di toccare le FERIE e la MALATTIA.
Inoltre, i due contratti francesi prevedono un limite alla fase precaria: dopo due anni di incertezza il lavoratore accede al classico contratto a tempo indeterminato. In Italia si sentono storie di persone che lavorano anni e anni a botte di contratti di sei mesi, ripeto senza FERIE e senza MALATTIA! Roba da XIX secolo!
Per quel che mi riguarda, la modifica della legge 30 é il primo motivo che mi ha spinta a votare Prodi, il quale avrebbe dovuto inserire la questione nell'ordine del giorno all'indomani dell'insediamento.
Con mio grande rammarico non vedo ancora segni di cambiamento all'orizzonte. Vorrei, infatti, tornare in Italia, ma con questi presupposti non é possibile. E la pensano come me tanti giovani e meno giovani italiani che sono qui in Francia o in altri paesi europei, tutti laureati e sconosciuti alle statistiche: essendo europei, infatti, non c'é bisogno di cambiare la residenza per lavorare, siamo dunque emigranti invisibili.

Mara Flagelli 24.07.06 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi nel 2006 mi sono reso conto che a pochi passi dal mondo dorato della politica cagliaritana, non lontano dalle sgargianti stanze del consiglio comunale e del palazzo regionale esiste ancora la schiavitù, e credetemi purtroppo non stò scherzando...almeno fosse...ci sono persone che lavorano anche 10-12 ore al giorno per poco ma proprio poco più di 10 euro, si avete capito bene, è scandaloso ma è la sacrosanta verità...c'è da rimanere allibiti.

Stefano Deiana 23.07.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti,
io seguo il campo del lavoro come studio commercialista, non mi trovate completamente d'accordo sul fatto che la legge Biagi abbia procurato solo ingiustizie sociali e problemi di precarietà. Lo studio dove lavoro segue per 80 % piccole imprese molte a conduzione familiare, e artigianale.Il costo di un dipendente operaio base per una azienda è elevatissimo, una volta assunto l'operaio e praticamente impossibile separarsene, oneroso a volte più che un divorzio. Anche quando l'operaio/impiegato è improduttivo per propria volontà non è possibile licenziarlo. Se l'imprenditore lo licenzia, è matematica la vertenza sindacale, che come sempre è a favore del dipendente, con conseguente esborso da parte dell'azienda di mensilità aggiuntive. Ora con questo non voglio dire che le aziende non approfittino dei sistemi messi a disposizione dalla contestata legge Biagi, ma, voglio solo mettere l'accento sul fatto che il nostro mondo del lavoro non si basa sulle grandi aziende, ma sopretutto in provincia si basa su piccole o piccolissime aziende che hanno margini sempre più ridotti di ricavo e non possono permettersi di avere all'interno del proprio staff lavorativo persone sbagliate. Sicuramente come molte leggi vanno rodate e migliorate negli anni, ma non vanno necessariamente cancellate.
Il costo per l'azienda di una persona a tempo determinato è esattamente uguale a quello di una persona assunta a tempo indeterminato, e anche gli stipendi percepiti sono identici, il vantaggio è quello per l'azienda di provare il lavoratore, e credetemi se il lavoratore è valido l'azienda lo conferma.
Per quanto riguarda i collaboratori a progetto spetta agli organi di controllo verificare la veridicità del contratto ed intervenire.
Saluti a tutti

Alessandro Collin 21.07.06 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Continuo a sostenere quello che ho scritto semplicemente perchè le persone che vedo lamentarsi di più sono quelle che hanno di più.
Conoscete il proverbio 'chi ha il pane non ha i denti, chi ha i denti non ha il pane'? Mamma mia quanto è vero.
Comunque riporto un'altra notizia, appresa dai giornali ieri sera, la nuova strategia dei call-center per migliorare la tratta degli schiavi.

ADESSO FANNO RISPONDERE I DETENUTI!!!
Mi ha riempito di schifo come notizia, ma cosa sono arrivati a fare per tagliare i costi? Diamo il lavoro a gente che ha rubato, rapinato, picchiato, ucciso, violentato? Invece che a gente onesta che ha famiglia? Tutto per ridurre i costi all'osso?

Mi fate schifo, cari gestori.

Fabio Fabi 21.07.06 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Cosa fa per noi il Governo? Meritiamo la disoccupazione solo perchè ci sono troppi privilegi garantiti a pochi?

Lavoro come precaria per una pubblica amministrazione del nord Italia (attualmente sono in ferie, per questo scrivo sul blog...). Si vocifera che TUTTI noi precari non potremmo veder rinnovato il nostro contratto di lavoro in quanto è stato sforato il patto di stabilità (in sintesi, ciò che la pubblica amministrazione si impegna a spendere in un anno, per contenere i costi pubblici). Siamo circa il 25 - 30% del personale totale. Assunti, per quanto mi riguarda e per quel che ho avuto modo di verificare, in seguito a regolari concorsi pubblici. Però le auto blu dei dirigenti, i relativi autisti, i viaggi spesati, i master universitari pagati con i soldi dei contribuenti, i banchetti "di rappresentanza", le segretarie personali non si toccano... E le consulenze? C'è gente - di solito amici di università di qualche consigliere o dirigente - che si becca per una consulenza l'equivalente di 8 o 10 stipendi mensili di noi precari! Perchè possono accadere queste cose? Beppe o qualcuno dei bloggers sapete darmi una risposta?

CADUTE LE PRIME TESTE

A Claudia, del settore personale, e a Marco del settore ecologia, non è stato rinnovato il contratto di lavoro. Le prime teste di una serie che purtroppo si preannuncia molto lunga...

LO SCEMPIO CONTINUA

Lunedì è toccato a Miriam. Da due giorni l'ente è bloccato con la posta, visto che non c'è più chi se ne occupava. Ma oggi c'è stata una conferenza stampa per presentare una stron.ata che verrà piazzata come innovativa ed eccezionale sui giornali locali, domani. E al termine della conferenza stampa, prosciutto di Parma, tartine al salmone ed insalata di gamberetti per tutti! (tranne che per chi paga - l'utenza - e per chi davvero lavora...)

Resto Anonima 19.07.06 15:15| 
 |
Rispondi al commento

O.T. (ma non troppo, visto che riguarda lavoro e pensioni)

PER I NOSTRI DIPENDENTI AL GOVERNO

HO PIU' DI TRENT'ANNI E SONO ANCORA PRECARIA! SE ALZATE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE E I NONNI CREPANO SULLE SCRIVANIE E NELLE FABBRICHE COME CAVOLO FANNO I GIOVANI A TROVARE LAVOROOO?!?!?


Patrizia Martelli 19.07.06 15:02| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SONO ALICE VIOLANTE, UNA LAVORATRICE A PROGETTO(COME TANTI) DI PALERMO, MERAVIGLIOSA CITTA'DELLA SICILIA CHE VANTA TANTA DISOCCUPPAZIONE, FRA LE ALTRE COSE....
LAVORO NEL PIU' GRANDE CALL CENTER DI ITALIA(GRUPPO COS) DA QUANDO LA LEGGE 30 HA PERMESSO L'UTILIZZO DI QUESTO VERGOGNOSO CONTRATTO.
MI PAGANO 0.70€ LORDI OGNI CHIAMATA GESTITA (IL PROGETTO)E ALLA FINE DI LUGLIO SE DOVESSERO PROPORMI UN NUOVO CONTRATTO(USO IL "SE" PERCHE' HO OSATO OLTRAGGIARE L'AZIENDA RILASCIANDO INTERVISTE E PROTESTANDO CON UN GRUPPO DI MIEI COLLEGHI CON LA COSTITUZIONE DI UN COMITATO CONTRO LA LEGGE 30) MI DOVRO' ACCONTENTARE DI UN COMPENSO INFERIORE(0.60€) PERCHE' DOPO 2 ANNI E MEZZO INVECE CHE ASPETTARSI UN MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI, NEL NOSTRO PAESE FUNZIONA ESATTAMENTE AL CONTRARIO.
SENZA PARLARE POI DELL'ASSOLUTA MANCANZA DI OPPORTUNITA' DI AVANZAMENTO(ENTRI COME OPERATORE TELEFONICO, CON UN CURRICULUM CHE FRA L'ALTRO NON TI PERMETTE DI TROVARE LAVORO IN ALTRE AZIENDE DI CALL CENTER CHE PROPONGO CONTRATTI INTERINALI O DI APPRENDISTATO PERCHE' RITENUTO TROPPO QUALIFICANTE, E RESTI OPERATORE TELEFONICO A VITA.........)
NON VOGLIO ARRENDERMI ALL'IDEA CHE SI DEBBA EMIGRARE....CREDO DI AVERE IL DIRITTO DI LAVORARE NELLA MIA TERRA, CON I MIEI CARI, CON LE MIE ABITUDINI E IL MIO AMATISSIMO CLIMA (SARA' PER QUESTO MOTIVO CHE RIMANDO IL MOMENTO DELLA LAUREA, HO SOSTENUTO 25 ESAMI NELLA FACOLTA'DI SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE);
SONO STANCA E DEMORALIZZATA, DELUSA E DISILLUSA MA CONTINUO E CONTINUERO' UNA LOTTA CHE PER ME E POCHE ALTRE PERSONE SIGNIFICA "UN FUTURO MIGLIORE".
INVITO TUTTI A VISITARE IL NOSTRO SITO WWW.NOLAP.IT....STIAMO ANCHE ORGANIZZANDO UNA FESTA PER DARE VISIBILITA' AL COMITATO IL 27 LUGLIO A PALERMO...MAGGIORI DETTAGLI A BREVE VERRANNO INSERITI NEL SITO...
GRAZIE SALUTI
ALICE

alice violante 19.07.06 10:54| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe,
questa è la mia storia:
mi laureo nel giugno del 2003 in conservazione dei beni culturali, indirizzo beni librari, specializzazione bibliografia e biblioteconomia con 110 e lode a urbino.
ora sono bibliotecaria...
lavoro da subito per un anno in qualità di commessa in una pelletteria.
a giugno 2004 presto tirocinio volontario, quindi non retribuito, presso la biblioteca dell'università degli studi di san marino per 6 mesi.
a marzo 2005 vinco una borsa di studio per realizzare il progetto biblioteca dell'iss e implementazione banche dati biomediche presso l'ospedale di san marino. il corso di ricerca sulle banche dati si tiene (a mie spese!) presso l'IBC (istituto beni culturali) di bologna.
sono 5 ore al giorno per un anno, che non ti viene riconosciuto ai fini lavorativi (per la pensione) anche se sopra ci devo pagare le tasse di tasca mia!
al termine delle borsa di studio mi fanno lavorare un mese in aggiunta gratis, perchè c'era stato un errore di date nel bando...
a marzo 2006 lo stesso istituto mi stipula una convenzione (molto vantaggiosa!) in qualità di consulente, che prevede:
30 ore settimanali.
no ferie.
no assistenza sanitaria.
no previdenza sociale (la pensione).
a meno che non provveda io stessa a pagarle per conto mio, essendo obbligatorie!
Tasse al 19%.
Per contratto mi avrebbero dovuto “fornire tutta la strumentazione necessaria per il corretto svolgimento dell’attività lavorativa”. in realtà mi sono dovuta comprare un pc portatile, una chiavetta, una stampante…
E dulcis in fundo:
siccome “in biblioteca non si fa niente” da lunedì 17 luglio sono stata incaricata di occuparmi anche della gestione dell’archivio sanitario, sebbene io non abbia le competenze per svolgere tale attività, (come se fossi un archivista), di gestire il portale intranet e di svolgere lavoro di segreteria quando manca il personale…
ciao a tutti
rosa la bibliotecaria

rosa gobbi 19.07.06 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!
Con questo saluto mi sento tanto Enrico la Talpa...hai presente la talpa del fumetto di Lupo Alberto, che sbucava dal terreno e dispensava perle di saggezza al lupacchiotto innamorato di una gallina e perseguitato da un enorme cane pastore bianco? Ecco mi sento tanto una talpa.
Ho letto in questo blog di moltissime persone che lavorano male, sottopagate e sfuttate...bhè forse faccio parte anche io di queste schiera di anime in pena, ma con una sostanziale differenza: non credo più nel posto fisso.
Mi spiego...sono una madre di 35 anni con 2 figli uno di 4 anni e uno di 4 mesi, sposata felicemente con un marito che ha un lavoro a tempo inderminato e ben pagato, ho sempre lavorato da quando ho finito le superiori (sono una ragioniera come te!), ho fatto la baby sitter, ho lavorato in una sottospecie di call center, ho fatto l'impiegata, poi, sono entrata nella formazione professionale, e da circa...mhmmm...devo fare i conti....13 anni faccio l'insegnate. Lavorare in un C.f.p.(Centro di formazione professionale) mi piace, perchè vedo crescere i ragazzini usciti dalle medie, rifiutati, bocciati o cacciati dalle altre scuole, quelle di stato, e diventate ragazzi che nel giro di 3 4 anni trovano lavoro. Tieni conto che io abito nella Val di Susa, quella che tutti voglio bucherellare per far passare (cito tue parole) "una mozzarella a 250 all'ora" con la TAV, quindi siamo una zona che è stata considerata a basso sviluppo. Ho 35 anni 13 di esperienza nella formazione di ragazzi e adulti, sono responsabile dei contatti con le aziende per l'attivazione degli stage (nella formazione professionale i ragazzi oltre a studiare a scuola, fanno ore in aziende "per imparare il lavoro"), mi occupo dalla formazione degli apprendisti, insegno informatica, contabilità e pure vetrinistica...ma...sono ancora, dopo 13 anni, una CO.CO.CO ,anzi, mi correggo UNA LAVORATRICE A PROGETTO...
Che faccio, ci credo ancora al posto fisso? Bhè se credo a Babbo Natale e nella Befana...

Sara Sibille 18.07.06 16:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Fabio, perdonami per la schiettezza, spero che tu sita scherzando e che magari sia stato il troppo caldo a farti farneticare. Tra le mie attività c'è quella di insegnante (in una scuola professionale in cui si diventa idraulici, elettricisti etc.) naturalmente come insegnante sono precario. Gli idraulici e gli elettricisti guadagnavano tanto, adesso un po' meno, per un laureato in altre materie fare l'elettricista è impossibile, dovrebbe imparare un mestiere diverso, ma il mestiere diverso si impara a 17 anni, massimo a 18 (limite di età per iscriversi alla mia scuola) non a trenta. In ogni caso anche se si imparasse a trenta attraverso altri corsi, sarebbe impossibile essere assunti a fronte della concorrenza di giovani di 19 anni che possono essere assunti come apprendisti. Cosa possono fare allora i neolaureati? I commessi? Gli operai non specializzati? Solitamente per questi posti non vengono assunti perché troppo qualificati. Io sono un libero professionista, ma da neo laureato feci di tutto, dal buttafuori al traslocatore al cameriere. Cu su accontenta eccome. Conosco ragazze laureate che fanno le badanti, con buona pace dei luoghi comuni. Un'altra cosa importante è di carattere macroeconomico, come si può pensare che l'Italia vada avanti senza valorizzare coloro che hanno studiato? Sei sicuro che un paese possa sopravvivere soltanto con la manodopera? Fabio...Fabio, hai detto una bella cazzata, ma la colpa non è tua, non hai espresso un pensiero originale, ma uno stupido luogo comune che circola da tempo. E' colpa di questi luoghi comuni se la nostra battaglia non è semplice...

Paolo Ares Morelli 18.07.06 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Perchè in questo post NON scrivono operai, idraulici ed elettricisti ma solo neolaureati o gente del settore terziario? Come mai?

Impariamo ad accontentarci nella vita. E ad accettare un lavoro che non sentiamo il 'nostro'.

La felicità non è avere quello che si desidera, ma è non desiderare ciò che non si ha.

Fabio Fabi 16.07.06 23:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,
la mia esperienza inizia con il rimanere senza lavoro e in una affannosa ricerca finisco con il contattare una ditta di traslochi della mia città.
Tale ditta appoggiava due camion al fantastico ideale di mobili pronti all’uso di “Mondo Convenienza”, risparmio/qualità, un binomio che difficilmente si può coniugare ma che loro riescono a fare.
Appurato il fatto che ero l’unico ‘montatore’ italiano (escluso il mio datore di lavoro) troviamo accordo per un lavoro a nero a tempo indeterminato, peccato per il “nero” e peccato che l’indet.to fosse l’orario giornaliero di lavoro che variava da un minimo di 13 ore fino ad un massimo di 16.
La paga fissa a 50 euro al giorno.

M.C., c’è da sapere, ha tutti montatori stranieri, spesso rumeni, alcuni albanesi.
L’ingegno sta comunque nel fatto che non sono direttamente assunti da M.C., bensì lavorano per padroncini rumeni, che stipano questi ragazzi in appartamenti lussuriosi e li incitano al lavoro con paghe (ho sentito) di 30 euro al giorno.

Sono durato dal 10/05 fino a 12/2005, anno nuovo vita nuova.

2006
L’anno nuovo mi ha portato la bellezza di due reali contratti di lavoro. Entrambi part-tim o quasi.

Il primo è un contratto a progetto di 6 mesi: no malattia, no ferie, bassissimi contributi. In compenso ottimo ambiente di lavoro, dimenticavo di dirvi che sono un grafico.

Il secondo è iniziato come contratto da associato: no ferie, no malattia, no contributi. La magnificenza di questo secondo impiego sta nel fatto che ogni mese qua può cambiare qualcosa, considerando che sono 3 mesi che lo faccio ho già firmato 3 contratti diversi, seguendo le varie esigenze o del centro commerciale che usufruisce del servizio o del mio datore di lavoro che deve proporre sembra quasi quotidianamente un risparmio aggiunto, offrendo tuttavia un servizio che ha del ridicolo a mio parere.

Come molti stringo i denti e lavoro 10/12 h il giorno con la precarietà che mi è dovuta, in quanto cittadino italiano. Grazie.

Emanuele Prisco 14.07.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, l'hai scritto tu, eh:

"le vostre testimonianze che riporterò nel libro: “Gli Schiavi Moderni” che sarà pubblicato entro l’estate su questo blog. Il libro sarà scaricabile gratuitamente o acquistabile nella sua versione cartacea.
Due, comunque, mi sembrano le modifiche da operare subito alla legge Biagi:
- aumentare la remunerazione per i precari rispetto ai lavoratori a tempo indeterminato con una politica fiscale che sostenga il lavoro precario
- porre un tetto massimo alle imprese per l’utilizzo di precari, ad esempio il 10%."

E allora:
1- quando, esattamente, è "entro l'estate"? Quando i nostri "comunistissimi" dipendenti vedranno recapitarsi a Palazzo Madama e Montecitorio il tuo/nostro libro?
2- il tetto massimo che proponi per le aziende dovrebbe essere imposto anche agli enti pubblici. Hai idea di quanti precari, co.co.co., co.co.pro. ed interinali lavorino in Comuni, Province, Regioni? E sempre, piuttosto che rinnovare una decina di contratti da 1.000 euro mensili ciascuno, si preferisce un consulente o un portaborse da 10.000 euro...
Io nei pochissimi concorsi pubblici disponibili al momento ho cercato quello che proponesse un posto per portaborse, ma non l'ho mai trovato... Come mai? Tutt'al più agente di polizia locale, inquadramento il più basso possibile, magari con contratto semestrale... e ti iscrivi pure a quello, e per 2 o 3 posti si partecipa in 350...
Ci sarebbe poi anche da valutare un altro aspetto: come mai lo stesso ente acquisisce personale temporaneo, magari per le stesse mansioni e con lo stesso termine, sia tramite concorso sia tramite agenzia di lavoro interinale? Che senso ha che io mi studi diritto amministrativo, mi prepari a sostenere un tema sul sistema bibliotecario piuttosto che sulla normativa forestale per partecipare ad un concorso e, vinto il concorso, al lavoro accanto a me mi ritrovo poi qualcuno che non ha studiato una mazza ed arriva fresco fresco dalla prima Adecco o Temporary che si è presentata?

Martina Ferrari 13.07.06 16:23| 
 |
Rispondi al commento

CADUTE LE PRIME TESTE

A Claudia, del settore personale, e a Marco del settore ecologia, non è stato rinnovato il contratto di lavoro. Le prime teste di una serie che purtroppo si preannuncia molto lunga...
Scrivevo ieri che sono impiegata a tempo determinato presso una pubblica amministrazione del Nord Italia e che, non essendo stato rispettato il patto di stabilità, i nostri contratti non verranno rinnovati. Scrivevo anche che noi precari siamo circa il 25 - 30% dei dipendenti totali. E che mentre non vengono rinnovati i nostri contratti - che ci portano stipendi attorno ai 1000 euro mensili - si continuano a foraggiare consulenze esterne da 6000, 8000 euro a botta; si continuano a fare banchetti di rappresentanza ogni volta che viene convocata una conferenza stampa; si continuano a vedere sprechi in auto con autisti e in viaggi di dirigenti vari pagati coi soldi dei contribuenti... E' su questo che dovrebbero fare i blocchi, non sulla pelle di chi porta a casa lo stipendio indispensabile per tirare avanti!

Resto Anonima 13.07.06 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che paese di dementi!!! Pure Padoa Schioppa e' caduto nel tranello. La Coppa del Mondo vinta produrra' una micro-ripresa economica e compattera' lo spirito degli italiani verso nuove frontiere! Naaaaaa...Ma queste minchionate non erano prerogativa del Burlesca e dei suoi 'ragazzi'???

Fiorenzo Z. 12.07.06 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Ma siamo sicuri che le agenzie interinali favoriscano l’incrocio tra la domanda e l’offerta diminuendo i costi di intermediazione? A me sembra piuttosto che la gran maggioranza di esse rappresenti centri di potere dequalificati che si spartiscono una quota crescente della rendita di posizione garantita dalla incompiuta e, alla prova dei fatti, inadeguata Legge Biagi. A una multinazionale basta affittare un locale di pochi metri quadrati, sbatterci dentro part-time e a turnazione qualche ragazzina alla prima esperienza e il gioco è fatto. Siamo ritornati alla mercificazione del lavoro. Il cliente delle agenzie è l’azienda, mentre il lavoratore è la merce di scambio, e ciò appare evidente dal trattamento riservatogli in termini relazionali (assai scarsi sono cortesia, disponibilità, rispetto).
Non voglio essere frainteso, non sono un oppositore della flessibilità, ma della precarietà e delle rendite che generano iniquità e contrastano la competitività. Nel libero mercato quando l’offerta eccede la domanda il prezzo scende; se il prezzo è rigido, il meccanismo della concorrenza seleziona la qualità. Come è possibile che nel mercato del lavoro, in cui l’offerta supera di gran lunga la domanda, le agenzie per il lavoro continuano a moltiplicarsi in modo esponenziale? Io colgo una certa inefficienza: le agenzie selezionano, ma non vengono selezionate.
Ho avuto una visione apocalittica: quando saremo giudicati per il tracollo del nostro sistema socio-economico, saremo perdonati come nel “Marchese del Grillo” quel prete condannato alla gogna assolveva il popolino. Nel film il popolo, nella mia visione i lavoratori flessibili (leggasi precari): soggetti (neanche tanto) diversi, ma identica motivazione per l’assoluzione: non contiamo un cazzo. Amen.

Simone Bergonzini 09.07.06 17:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora, i miei consigli sono 1) appena laureati in Italia mandate CV all'estero (in UK ci cono un sacco di dottorati disponibili, basta guardare il sito personale dei profs e contattarli di persona). Loro sanno che noi italiani si lavora e non fanno problemi. Anche se il vs. inglese e' pessimo, la mentalita' e' quella del 'we can do it' e non se ne curano piu' di tanto. La borsa di dottorato e' buona, 12,000 sterline nette annue, l'esperienza pure. Potete chiedere di fare corsi di specializzazione, anche in Australia o USA e vi mandano perche' ci sono i soldi. I soldi per la ricerca abbondano, se avete voglia di fare non ci sono limiti. . Una volta fatto il dottorato 2) cercate lavoro in UK o in USA. L'industria manifatturiera italiana e' finita, tempo pochi anni e chiudono tutto. La ricerca e sviluppo non si fa piu', cercano solo figure tuttofare che facciano movimento e agitino l'aria, ma non produciamo piu' nulla di realmente 'competitivo' da anni. Il livello di professionalita' e' zero. I paesi dove si fa qualcosa a livello tecnologico sono i paesi del Nord Europa, gli USA, il Canada, la Cina, il Giappone e l'India. Tutto il resto e' solo un enorme cumulo di spazzatura (Africa, Sud America, Italia).

f.z. 08.07.06 14:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora, molto brevemente, laurea in chimica nel 1997 a 27 anni, una montagna di curricula inviati da neolaureato, tre lavori accettati 'per farsi la gavetta' nel controllo qualita' a lavorare con gente che ti bestemmia in faccia gratuitamente. Poi mi rompo le scatole a fare lavori da handicappato, mando una decina di CV in Inghilterra, mi offrono un posto per 3 anni all'Universita' per fare ricerca. Ho prodotto una decina di pubblicazioni scientifiche facendomi un mazzo cosi' e sputando fish & chips. 6 mesi prima della fine in UK mando CV negli USA e dopo due giorni mi offrono una posizione all'Universita' di Los Angeles (UCLA). Mi pagano pure l'aereo e l'albergo per andarli a trovare, mi vengono a prendere in limousine all'aereoporto. Roba da pazzi... Restare fuori e' durissima, sei straniero e basta, si mangia da schifo e la societa' anglosassone e' penosa, le ragazze sono ebeti da far paura. Ora me ne vado negli USA, faccio curriculum almeno, tento la via della fortuna. Dimenticavo, i curricula che ho mandato in Italia hanno sortito un colloquio. Il tizio con cui ho parlato voleva sapere il voto di maturita' (!!!) e non mi ha chiesto una parola dell'esperienza inglese. Mi ha chiesto pero' come me la cavo con l'inglese...Roba da pisciargli addosso. Quando gli ho chiesto dettagli sulle mansioni non sapeva neppure lui che cosa stava cercando di preciso, mi ha detto che era solo una 'indagine conoscitiva'. Fanculo l'Italia, che paese da terzo mondo! Viva gli Americani!!!

Fiorenzo Zordan 08.07.06 00:37| 
 |
Rispondi al commento

penso che il precariato sia difficile da abbattere perchè fa' sentire piu' forti quelli che hanno 1 posto sicuro. questa è 1 guerra tra poveri e gli italiani,a differenza dei francesi, sono 1 popolo di individualisti e pare si beatifichino osservando le miserie dei piu' sfortunati-magra consolazione- ma pur sempre consolazione.sono certo che questo governo fara' qualcosa per cambiare le sorti del lavoro e quindi di questo paese perchè cosi' non andiamo da nessuna parte.

sergio levi 07.07.06 04:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari precari, imparate dai taxisti. Il giorno dopo la liberalizzazione delle licenze hanno incrociato le braccia e hanno cominciato a far sentire la loro voce.

Evaristo Forleo 06.07.06 22:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe, mi sto chiedendo se le leggi servono per tutelare chi?
sono un ragazzo 18 in cerca di lavoro per pagarmi l' università futura, e un grande gruppo di prodotti informatici propone, dato i tempi che corrono( non so per chi!) dovrei accettare un lavoro da STAGISTA di 6 mesi, così mi inserisco meglio nel lavoro con una paga di 340 € mensile, con possibilità da ambo le parti di terminare il rapporto di lavoro in qualunque momento, poi il contratto si trasformerà alla fine del periodo di stage.
traduco: mi fanno un favore ad assumermi quasi gratis coi TEMPI CHE CORRONO, e se non mi piace il lavoro( se nn gli servo piu') mi lasciano a casa da un giorno all' altro...
Non mi pare normale o giusto q

Mauro Brembilla 06.07.06 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e a tutti i precari
Luciano di Genova
precario da 15 anni per la società autostrade per l' italia ( 1° tronco Genova )come esattore pedaggi.
siamo in 40 in tutta la Liguria, lavoriamo solo nei mesi estivi, la maggior parte di noi fa due mesi e mezzo non arriviamo nemmeno più ai 3 mesi di contratto,la nostra anzianità di precari va da un minimo di 10 anni a un massimo di 18 anni.
il motivo della nostra non assunzione è: esubero di personale!!
ma ci può essere esubero in una azienda dove il personale continua a fare richiami di servizio per coprire i turni?? gente che non può andare in ferie, nonostante il nostro arrivo, perché non sanno a chi dare il turno scoperto
Questo non si chiama esubero di personale secondo me è esubero di presa per il culoo!....
Il vero motivo? devono ingozzarsi sempre di più e il modo più semplice per farlo e ridurre il personale, mentre posti come questo potrebbero dare un infinità di posti di lavoro.
Comunque quello che mi rende veramente " fiero " di essere italiano è quando ogni sei mesi circa, da quasi tre anni, varco la soglia del tribunale di Genova, dove è in corso la causa contro sta gente per la nostra assunzione
E mi viene sempre in mente; il primo articolo della nostra
costituzione, che sancisce che l'Italia è
una Repubblica Democratica fondata sul lavoro.
Allora si che mi scappa veramente da ridere!!!
Ciao a tutti e buone ferie
Colgo anche l’ occasione per ringraziare i sindacati per questi “ meravigliosi 15 anni di precariato “
ciaooo

Montella Luciano 06.07.06 11:51| 
 |
Rispondi al commento

CIAO, RIPORTO LA TESTIMONIANZA DI UNA RAGAZZA GHANESE, ASIA,VIVE A SASSUOLO.Sono in Italia da 13 anni, ho 28 anni,lavoro nella ceramica.La mia famiglia non sta bene e cerco di usare la mia forza per aiutare loro.Quando puoi spedisci giù qualcosa, da me non c’è 1 lavoro se no non sarei qui.Adesso in questo paese viviamo male.Non riesci ad affittare la casa perché lavori con la cooperativa e con le agenzie e hai 1 contratto di 2 mesi.Non è giusto che 1 cerca di vivere in 1 paese che dicono civilizzato seguendo le regole e non riesce.Come si fa ad affittare casa con 1 contratto di 2 mesi?Invece di 8 ne fai 10 e ti danno uguale e la gente lavora sabato, domenica,se ti fai male niente.Noi pensavamo di usufruire dei diritti che avevano conquistato,ma ora si stanno cancellando la memoria.Sai cosa fanno?Siccome hanno fatto che il 1° anno le nuove imprese non pagano le tasse, la fabbrica chiudeva dopo 11 mesi, ti lasciava a casa un po’ e poi riapriva sotto il nome di 1 fratello o di 1 amico..capito? Per esempio per far il ricongiungimento familiare vogliono il tempo indeterminato, ma se con questa legge Biagi siamo arrivati che ti fanno lavorare per due settimane, come fai a far venire qui tua moglie?Adesso veramente stiamo tutti male in questo paese, ma per noi è peggio.Tu lavori, lavori, e quando non hai più forza ti dicono “ci dispiace,non abbiamo più lavoro quando abbiamo qualcosa ti chiamiamo”.Perché vedono che dopo tanti anni non ce la fai più,siamo tornati alla schiavitù.Non è che uno vuole stare qua in questi palazzi ghetti,è che è l’unico posto disponibile,tu stai con 5 altre persone in camera,vuoi una casa decente per vivere dignitosamente,ma non te la danno perché sei 1 di colore,non è bello.Dobbiamo vivere come le bestie,non piace a nessuno questo. Nelle agenzie immobiliari ti chiedono il contratto a tempo indeterminato e in alcune mi hanno detto “non trattiamo con i neri”.A volte ti chiedi se ti devi sentire in colpa per come ti ha fatto Dio, con questo colore.

Stefania De Stefani 06.07.06 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissimo Beppe, vorrei avere un tuo parere riguardo l'agitazione dei tassisti contro il decreto Bersani. Come mai l'onorevole Fini non li ritiene anarchicinoglobal? Ma una parte produttiva del paese. Quando si fermarono bus, tram, treni e metrò o gli statali i precari ed i metalmeccanici non fù dello stesso avviso.Del resto non gli si leva nulla, anzi si dà agli stessi titolari di una licenza l'oppurtunità di averne un'altra. Spero che il dipendente Fini si ricordi la legge Biagi(da lui tanto vantata) e che non sia applicata a poche categorie ma sia estesa anche a certe lobby . A presto

luciano batteta (CA) 05.07.06 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Ho 38 anni, da sempre precario e da sempre sfruttato.
Scrivo questo mio messaggio per invitare alcuni personaggi a non lasciare messaggi che nulla hanno a che vedere con l’intento del blog in questione, e se proprio necessitano di questa impellenza, a frequentare o creare dei blog appositi.
Mi riferisco in particolare a Giacomo Montana.
Io, come altri frequentatori, desidero che lo spazio messo a disposizione dal Beppe Grillo non sia occupato dalla tua aria fritta. Belle parole, linguaggio forbito, ma sempre e solo aria fritta.
E poi come fai a pensare che uno come Prodi possa risolvere i problemi di questa Italia, con quell’espressione da pesce lesso che si ritrova? Ma hai mai sentito un discorso logico da questo illustre statista. Berlusconi altro non ha fatto che portare a termine un discorso iniziato dal tuo amato centro-sinistra (ma hai mai sentito parlare del pacchetto Treu, dei CO.CO.CO, dei lavoratori socialmente utili?).
Come puoi riporre fiducia in uno che si vanta di aver risanato l’IRI tagliando 360.000 posti di lavoro? Come puoi riporre fiducia in uno che al tempo del rapimento Moro faceva le sedute spiritiche per rintracciare il covo in cui lo statista era tenuto prigioniero? Come puoi aver fiducia in una che da un anno dice di tassare le donazioni, e poi, proprio con lo strumento della “donazione” destina ai figli una parte del suo patrimonio? Come puoi aver fiducia in questo centrosinistra che ormai da anni ha voltato le spalle ai lavoratori per diventare sempre più una lobby politica.
E sei pure un sindacalista. Allora saprai che se i lavoratori italiano sono tra i meno pagati in Europa, la principale colpa è dei sindacati, che tutto hanno fatto tranne quello per cui sono nati. Caro mio, sono finiti i tempi dei vari Di Vittorio, sindacalisti con le palle che rischiavano le pallottole dei caporali per difendere i diritti dei lavoratori.

Carlo Tabacci 05.07.06 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho 38 anni, da sempre precario e da sempre sfruttato.
Scrivo questo mio messaggio per invitare alcuni personaggi a non lasciare messaggi che nulla hanno a che vedere con l’intento del blog in questione, e se proprio necessitano di questa impellenza, a frequentare o creare dei blog appositi.
Mi riferisco in particolare a Giacomo Montana.
Io, come altri frequentatori, desidero che lo spazio messo a disposizione dal Beppe Grillo non sia occupato dalla tua aria fritta. Belle parole, linguaggio forbito, ma sempre e solo aria fritta.
E poi come fai a pensare che uno come Prodi possa risolvere i problemi di questa Italia, con quell’espressione da pesce lesso che si ritrova? Ma hai mai sentito un discorso logico da questo illustre statista. Berlusconi altro non ha fatto che portare a termine un discorso iniziato dal tuo amato centro-sinistra (ma hai mai sentito parlare del pacchetto Treu, dei CO.CO.CO, dei lavoratori socialmente utili?).
Come puoi riporre fiducia in uno che si vanta di aver risanato l’IRI tagliando 360.000 posti di lavoro? Come puoi riporre fiducia in uno che al tempo del rapimento Moro faceva le sedute spiritiche per rintracciare il covo in cui lo statista era tenuto prigioniero? Come puoi aver fiducia in una che da un anno dice di tassare le donazioni, e poi, proprio con lo strumento della “donazione” destina ai figli una parte del suo patrimonio? Come puoi aver fiducia in questo centrosinistra che ormai da anni ha voltato le spalle ai lavoratori per diventare sempre più una lobby politica.
E sei pure un sindacalista. Allora saprai che se i lavoratori italiano sono tra i meno pagati in Europa, la principale colpa è dei sindacati, che tutto hanno fatto tranne quello per cui sono nati. Caro mio, sono finiti i tempi dei vari Di Vittorio, sindacalisti con le palle che rischiavano le pallottole dei caporali per difendere i diritti dei lavoratori.
-CONTINUA-

Carlo Tabacci 05.07.06 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Ho 38 anni, da sempre precario e da sempre sfruttato.
Scrivo questo mio messaggio per invitare alcuni personaggi a non lasciare messaggi che nulla hanno a che vedere con l’intento del blog in questione, e se proprio necessitano di questa impellenza, a frequentare o creare dei blog appositi.
Mi riferisco in particolare a Giacomo Montana.
Io, come altri frequentatori, desidero che lo spazio messo a disposizione dal Beppe Grillo non sia occupato dalla tua aria fritta. Belle parole, linguaggio forbito, ma sempre e solo aria fritta.
E poi come fai a pensare che uno come Prodi possa risolvere i problemi di questa Italia, con quell’espressione da pesce lesso che si ritrova? Ma hai mai sentito un discorso logico da questo illustre statista. Berlusconi altro non ha fatto che portare a termine un discorso iniziato dal tuo amato centro-sinistra (ma hai mai sentito parlare del pacchetto Treu, dei CO.CO.CO, dei lavoratori socialmente utili?).
Come puoi riporre fiducia in uno che si vanta di aver risanato l’IRI tagliando 360.000 posti di lavoro? Come puoi riporre fiducia in uno che al tempo del rapimento Moro faceva le sedute spiritiche per rintracciare il covo in cui lo statista era tenuto prigioniero? Come puoi aver fiducia in una che da un anno dice di tassare le donazioni, e poi, proprio con lo strumento della “donazione” destina ai figli una parte del suo patrimonio? Come puoi aver fiducia in questo centrosinistra che ormai da anni ha voltato le spalle ai lavoratori per diventare sempre più una lobby politica.
E sei pure un sindacalista. Allora saprai che se i lavoratori italiano sono tra i meno pagati in Europa, la principale colpa è dei sindacati, che tutto hanno fatto tranne quello per cui sono nati. Caro mio, sono finiti i tempi dei vari Di Vittorio, sindacalisti con le palle che rischiavano le pallottole dei caporali per difendere i diritti dei lavoratori.
-CONTINUA-

Carlo Tabacci 05.07.06 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. A proposito di precari, il giorno 8 Luglio a Roma al teatro Brancaccio si terrà un incontro per discuterne. Finalizzato ad organizzare una mega manifestazione per fine Ottobre inizi di Novembre qui a Roma. Se vi interessa andate su un motore di ricerca e digitate: "Stop al precariato 8 luglio". Tale incontro è organizzato da Rifondazione. Informatevi perchè solo con la conoscenza si possono difendere i propri diritti. Un saluto.

Rosa Greco 04.07.06 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Vi racconto le mie vicende e per quanto possano sembrare assurde sono reali e ahimè non sono l'unica a viverle.
Dopo aver fatto anni di incarichi con partita iva per enti pubblici a un milione e mezzo di lire al mese e altri incarichi co co co con altri enti pubblici a mille euro al mese (contratti di 6 mesi con nessuna notizia sul rinnovo )sono arrivata alla soglia dei 40 anni. Ora pago un affitto di 500 euro al mese.. quindi nonostante faccia 3 lavori per mantenermi immaginate se arrivo o no a fine mese..ma non solo.. faccio notare l'arroganza dei committenti che pretendono anni di servizio, orari identici ai dipendenti anzi meno flessibili perchè noi siamo ricattabili, niente ferie.. niente malattia.. se c'hai sfortuna devi recuperare le ore.. se vuoi andare una settimana al mare (non di più per carità) devi recuperare le ore e per quanto riguarda i rinnovi di contratto nessuno ti dice "cane crepa" come se fosse una notizia di nessuna importanza il fatto che tu il mese prossimo riceva oppure no lo stipendio... Vorrei comprare una casa ma il mutuonon me lo danno.. ho superato i 35 anni e poi con contratti sempre in scadenza chi me lo da? Spreco soldi in affitto che è sempre più alto senza nessuna prospettiva..La cosa che mi fa più rabbia è che tutti questi co co pro o partite iva quando si fa il 730 e non si supera una certa cifra non risulta a tutti palese che siamo tutti lavoratori dipendenti mascherati? Quale professionista camperebbe con queste cifre? Ma c'è di più.. dovendo fare 40 ore alla settimana senza nessuna flessibilità come facciamo a trovare altri incarichi per campare? La notizia più bella è che ora è accaduto quello che uno schiavo moderno teme di più: devo subire un'operazione che richiederà mesi di riabilitazione.. da contratto se non lavoro possono recedere oppure non pagarmi.. come campo nei prossimi mesi?

Ilaria Norelli 04.07.06 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

ho 32 anni, laureata in lettere, precaria, emigrata dal centro Italia. Dopo la laurea (non breve) ho fatto 3 corsi profes., di cui 2 di computer, un corso di perfezion., uno d’inglese, 3 stage, di cui 2 con rimborsi spese e uno non retribuito nelle “risorse umane” (gente=carne da macello). I centri per l’impiego non mi sono mai serviti a nulla. Con la mia laurea non sono riuscita a trovare un lavoro dignitoso a Milano: ho lavorato in un sito (stage), call-center (co.co.co.), impiegata in una ditta che fabbrica tubi (interinale), cassiera (a tempo indeter., ma…). Qui mi hanno licenziata alla scadenza del periodo di prova: dicevano che non ero abbastanza veloce. Intanto però mi hanno sfruttato per 2 mesi… Ho dato una svolta: mi sono iscritta al test d’ingresso della scuola di perfezion. per insegnanti. Ho superato il test, studiato per altri 2 anni, dato gli esami, superato il concorso: ora insegno da precaria (contratti a tempo determ.). Mi aspettano ancora anni di precariato nella scuola, ma almeno faccio un mestiere che ha un senso, e mi piace lavorare coi ragazzi. Però una sola abilitazione oggi non basta a garantirti di lavorare tutto l’anno, così mentre lavoro continuo a studiare: ho preso anche la specializzaz. per il sostegno e un’altra abilitaz.. Nel 2005 ho pagato 1200 euro di tasse universitarie, quest’anno 1600. Percepisco 1170 euro al mese. Il 30/06/06 è terminato il mio contratto, sono disoccupata, senza stipendio estivo. Anche il mio compagno è precario (contratti a Milano: tempo determinato, partita IVA, in nero…). La mia famiglia non mi aiuta, è un peso.
Forse a noi trentenni manca a volte lo spirito d’iniziativa, dicono i più vecchi, ma non è facile battersi per i propri diritti se non hai un impiego fisso, né una casa tua, se devi continuare eternamente a specializzarti, studiare, o se sei strozzato da un prestito…
La nostra generazione è stata sistematicamente annullata, esclusa dalle leve di potere, non è che non ha carattere...

Serena Labonia 03.07.06 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Ho dedicato una pagina del blog alle adesioni alla manifestazione di protesta, chi lo desidera può aggiungersi:
http://www.bloggers.it/movimentolaureati/blog-grillo-aderenti-ad-una-manifestazione-protesta-contro-precariato.htm

l'ho fatto perché il singolo messaggio di risposta non è più in grado di contenere altri nomi...

Paolo Ares Morelli 02.07.06 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Beppe.
Continuo a leggere le testimonianze che arrivano sul Blog. Ho una riflessione da fare: sappiamo solo lamentarci oppure ci hanno talmente fatto il lavaggio del cervello che ci hanno convinti di non avere proprio più diritti ne speranze? Proviamo a scendere in piazza una sola volta vediamo cosa succede. L'Italia è ancora degli italiani lo hanno dimostrato i risultati dell'ultimo referendum. Crediamoci! e anche per noi potrebbe aprirsi una speranza di lavoro vero. Se così non fosse, avremo almeno provato. Grazie a questo Blog potremo organizzare una manifestazione. Buon lavoro e a presto.
Rosa Greco

Rosa Greco 30.06.06 09:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la realta' di questo paese e' che a 40 anni siamo degli emarginati, non si trova un lavoro perche' a questa eta' costiamo troppo come contributi, non rientri nelle categorie apprendisti dove i contributi da versare sono minimi, una volta si sbarcava il lunario con il lavoro in nero,oggi non piu', oggi e' riservato agli extracomunitari senza regolari documenti perche' sono una garanzia, uno straniero senza documenti non fa vertenze, ma se hai fortuna potresti trovare lavoro nelle pulizie scale, ma devi essere automunita, una disoccupata automunita con quello che costa la benzina l'assicurazione ecc.mi sembra una richiesta eccessiva, allora nasce l'art.40 , il nostro, quello dei socialmente inutili, quello delle persone che ricevono sempre risposte negative a una domanda di lavoro, quando gia' sono fortunate ad avere una risposta, perche' nella maggior parte dei casi vieni cestinata, o cancellata dal computer se e' una domanda via e mail, cosa ne sara' dei numero 40? Ma se lo domanda qualcuno cosa si prova ad essere emarginati in una societa' che si vuol dir moderna? Art.40 quello dei socialmente inutili, troppo vecchi per lavorare, troppo giovani per la pensione. P.S: e poi dicono che la vita comincia a 40 anni.....

lidia scarcella 30.06.06 01:30| 
 |
Rispondi al commento

Colloquio tra ingegnere edile (30 anni) e ingegnere edile (40):

40: benvenuta leggiamo un pò il suo c.v.

..35 minuti dopo..

40: lei è perfetta

30: bene!!

40: ma mi dica un pò.. cosa si aspetta di guadagnare

30: ..(pensa: "40 davanti e 80 didietro? ma che domanda è?")..

40: qui abbiamo avuto dei collaboratori.. paga intorno alle 800 euro.. full time.. sà io ho deciso di occuparmi di p.r. mi serne qualcuno che progetti.. 6 giorni su 7

30: ah bene perfetto, ci sentiamo (pensa: "ma impiccati")

MORALE: a 40 anni già non vogliono lavorare più!! grazie Biagi, oltre a metterela nel culo a 2 generazioni sei riuscito a far smettere di lavorare quelle già professionalmente mature. Proprio una bella società da patatine, altro che competitività.

bacelor ronaldo 29.06.06 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Alla manifestazione del 7 Luglio 2006 a Roma per i precari tutti ci saremo anche noi:
77)Rosa Greco
78)Claudia Marino
79)Benedetta Alberti
80)Eva Giangregorio
81)Valentina Santoro

Rosa Greco 28.06.06 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
grazie per lo spazio. Sono un giovane ricercatore all'estero (sorpresa!) che si occupa di economia ambientale (cheeee!!!). Dopo essermi laureato in Italia ed aver fatto un Master in UK ho provato in vano di trovare lavoro in Italia come economista ambientale....l'unica offerta e' arrivata dalla prestigiosa fondazione mattei di venezia...1.5 milioni delle vecchie lire al mese...a venezia...per il resto promotore finanziario o se tutto va bene allo sportello in banca. Alla fine sono rimasto all'estero dove ho lavorato come economista ambientale per il 'MINISTERO AGRICOLTURA' (incredibile ma vero), ed ho appena conseguito un dottorato con finanziamenti dal 'GOVERNO BRITANNICO' (16000 sterline annue esentasse...+ viaggi+conferenze+libri)
Mi viene una rabbia solo a pensare che chi si laurea in economia in Italia e' spacciato...Domanda: ma perche' studiare 6-7 anni di economia (micro, macro, micro-avanzata, internazionale ecc.) quando poi il mercato del lavoro non e'in grado di assorbirci? Perche' non chiudiamo le facolta' di economia (la professione di economista in italia non esiste al di fuori delle universita') e gia' che ci siamo anche quelle di sociologia (conoscete qualche sociologista che lavora in italia?), scienze politiche e cosi' via...
ha ragione Stiglitz: che senso ha studiare pre 6-7 anni per andare a fare un lavoro che anche una scimmia (senza offesa per le scimmie) puo' fare? scusate lo sfogo.

graziano ceddia 28.06.06 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Disponibili per la manifestazione, aggiungetevi:
1)Francesco Giorza - TORINO
2) Sabina Marceca - TORINO
3) Gianluca Iovine
4) Silvia Girardi
5) Biagio Leto
6) Alessandro Leotta - BOLOGNA
7) Antonella Martino
8) Barbara Colaiocco
9) Elio Martino
10) Serena Scuderi
11) Tonino C.
12) Beatrice POstridi
13) Arnaldo De Francesco
14) Barbara Z.
15) Antonella Martino
16) Nicola Rullo
17) Ema Desa
18) Alessandro de Simone
19) Francesco Piraneo G.
20) Sara Minuzzo
21) Maria Esposito NAPOLI
22) Emanuel Benedetti
23) Nora Ruggieri - Roseto degli Abruzzi - TERAMO
24) Marcello Trifolini ROMA
25) Gennaro Pucciarelli
26) Claudio Cuccuru
27) Piera Carisi - VENEZIA-
28) Piero Ghirelli
29) Carmela Riccardi BOLOGNA
30) Paolo Ares Morelli Firenze
31) Bettazzi Genny PISTOIA
32) Enrico Guiso - Nuoro
33) Nicola De Rossi - PALERMO
34) Alfredo Morfini
35) Emanuel Benedetti
36) Maurizio Cera
37) Matteo Rebizzi
38) Mauro Bellaspica
39) Lorenza Sgarioto
40) Giovanna Nigris
41) Giuseppe Roberto Vicari
42) Giulia Coppo
43) Gerrit Boekbinder BOLOGNA
44) Giancarlo Bossis
45) M.F.Ricci
46) Daniele Mattalia - MILANO
47) Umberto d'Aliberti - VENEZIA
48) Alessandro Rossi - TORINO
49) Ingrid Usseglio Viretta - TORINO
50)Massimo Cappuccio - ROMA
51)Giulia Ester Giuliani - Pescara
52)Domenico Rinaldi
53) Marcello Fornaro
54) Cecilia Dovolich
55) Alessandro Ammendola
56) Enrica Caruso
57) Martina Tabacchini - Genova
58) Maria Longo - Messina
59) piero Lestingi-Trani
60) Marco Naccini - Udine
61) Giorgio Petrozzi - Cerignola
62)Giuseppe Troccoli
63)Monica di Fiore
64)Emilio Sarro
65)Cinzia Labbatessa
66) Katia Salice - Alessandria
67)Alessandra Sala
68) Paolo Lincetto
69) Anna Serrapelle
70) Danilo Brunetti - Gioia del colle (BA)
71) Patrizia Albanese - Ceglie Messapica (BR)
72) Alberto Marvisi
73) Caterina Amati-Roma
74) Elisabetta Banfi
75) Simone Bergonzini
76) MarcoFerrioli



SCENDIAMO IN PIAZZA?
Non so come si organizza materialmente una manifestazione pacifica ma non vedo perchè non farla. Chiedo il tuo aiuto Caro Beppe per scendere, tutti noi co.co.co./Co.co.pro. e affini precari, in strada per comunicare a chi di dovere un disagio ormai dilagante. Vorrei dare a tutti voi una data: il giorno venerdi 7 luglio 2006 a Roma. Vi prego rispondete sul blog e dite cosa ne pensate. A prestissimo e buon lavoro.
Rosa Greco

Rosa Greco 27.06.06 12:51| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE, seguo con molto interesse tutti gli interventi dei lavoratori a progetto. Lavoro come archeologa da due anni in una sede del Ministero dei Beni Culturali, con contratto Co.co.co. Tale contratto scade a fine luglio, quindi tra pochi giorni! L'amministrazione ha espresso la propria impossibilità di rinnovarlo visti i tagli della finanziaria 2006, più un ulteriore taglio del 10% di un mese fa circa. Il lavoro è tantissimo ed il mio progetto è appena iniziato, mi hanno detto che se voglio continuare a lavorare mi devo aprire la Partita Iva ovviamente con lo stesso budget economico. Ho chiesto, con altre mie due colleghe, un incontro con il neo ministro e domani mi recherò dal segretario generale della UIL per vedere se ci sono alternative. Sono soggetta ad un lavoro subordinato vero e proprio ma devo aprirmi la Partita Iva, non voglio smettere di lottare per il rinnovo del mio contratto, invito tutti voi che vi trovate nelle mie stesse condizioni a fare lo stesso. A presto, con un grazie particolare a te caro Beppe per averci dato voce sul tuo blog. Buon lavoro a tutti.
Rosa Greco

Rosa Greco 26.06.06 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Lo sapete cosa mi hanno detto, quando sono andata a fare un colloquio presso un centro per l'impiego, in cui per l'ennesima volta si trattava di un lavoro con contratto a progetto da 800,00 euro al mese, ed io ho manifestato il mio malcontento??????
Il Dipendente del centro:" purtroppo oggi non è più possibile avere altre forme di contratto, perchè il personale costa troppo all'azienda."
Ma lui quanto costerà alle mie tasche per dirmi queste c.....te???????????

cinzia palma 26.06.06 12:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei chiedere alla vedova Biagi cosa prova nel vedere il nome di suo marito accostato ad una delle più inique ed antidemocratiche leggi italiane.
Siamo cresciuti sentendoci dire che le Brigate Rosse lottavano contro di noi, contro la nostra liberta, contro la nostra sicurezza, contro il nostro lavoro, contro la democrazia, contro un sacco di altre cose.
Che amarezza provo nel vedere che tutto questo poi è stato fatto dalla nostra classe politica, con la "vidimazione" del nostro parlamento.
Provo vergogna nell'essere italiano. A volte mi verrebbe voglia di rispedire via posta al capo dello stato la mia carta di identità e di chiedere la mia cancellazione anagrafica dall'archivio statale.

Carlo Tabacci 25.06.06 23:00| 
 |
Rispondi al commento

Anche io sono un lavoratore precario. Oltre ad aver abbandonato il sogno di aver una stabilità lavorativa ed economica, sto abbandonando il sogno di sposarmi. Non riesco a progettare la mia vita. Ho 37 anni, lavoro nel campo imformatico a Milano, solo e solamente con contratti a termine.
Da un po' di tempo sto boiccontando le aziende italiane nelle mie spese quotidiane. Non cambierà la mia situazione, ma a fronte dei sempre maggiori utili dichiarati dalle aziende italiane nei loro bilanci, almeno spero "giustificherà" la mia situazione di precario.

Carlo Tabacci 25.06.06 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Anche io sono un lavoratore precario. Oltre ad aver abbandonato il sogno di aver una stabilità lavorativa ed economica, sto abbandonando il sogno di sposarmi. Non riesco a progettare la mia vita. Ho 37 anni, lavoro nel campo imformatico a Milano, solo e solamente con contratti a termine.
Da un po' di tempo sto boiccontando le aziende italiane nelle mie spese quotidiane. Non cambierà la mia situazione, ma a fronte dei sempre maggiori utili dichiarati dalle aziende italiane nei loro bilanci, almeno spero "giustificherà" la mia situazione di precario.

Carlo Tabacci 25.06.06 22:34| 
 |
Rispondi al commento

Ho inserito un sondaggio in merito al destino che dovrebbe avere la legge 30 lo trovate all'indirizzo:
http://www.bloggers.it/movimentolaureati/index.cfm?blogaction=poll_list

votate...

Paolo Ares Morelli 25.06.06 13:57| 
 |
Rispondi al commento

LA MIA SITUAZIONE E' QUESTA DALL' OTTOBRE DEL 2003 FINO AD UN MESE FA MAGGIO 2006 HO PRESTATO SERVIZIO PRESSO LA DITTA' POSTEL DI PALERMO(GRUPPO POSTE ITALIANE) ..DA QUALCHE MESE HANNO DECISO DI SPOSTARE IL LAVORO NEI CENTRI DEL NORD LICENZIANDO ME E ALTRI 249 POVERI CRISTI!!MA DA POSTE ITALIANE AFFERMANO"2005 ANNO RECORD PER P.I"! COMPLIMENTI!!

DARIO BUFFA 23.06.06 01:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma Beppe, li leggi questi commenti?
Beh, intanto io segnalo...

Lavoro precario, ecco come si vive in Lombardia (e più precisamente a Como):

http://www.laprovinciadicomo.it/PolComo/20060622/pdf/CO2206-ECON02.pdf

Loretta banfi 22.06.06 21:27| 
 |
Rispondi al commento

Condivido l'analisi fatta sui lavoratori interinali a Malpensa, per i quali stiamo battagliando come sindacato FTA CISAL,il brutto è che ci sono divisioni tra lavoratori "anziani" e interinali, per questo la legge BIAGI NON VA BENE, bisogna unire non dividere i lavoratori in serie A e serie B; vi è poi l'assurdità che gli interinali possono essere tali tutta la vita
GIUSEPPE CRISEO, SEGR.REGION.FTA-CISAL LOMBARDIA

Giuseppe CRISEO 22.06.06 18:29| 
 |
Rispondi al commento

Agli amministratori del blog, una settimana fa mi è arrivata una mail sul tema Gli Schiavi moderni, penso che riguardasse le news sull'uscita del "libro".
L'ho per sbaglio cancellata senza leggerla, potreste rimandarmela se era una richiesta per qualcosa?
Grazie

Pierfrancesco Annicchiarico 22.06.06 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Cari Lettori,

Ho già partecipato alla discussione in schiavi moderni/2.
Da allora sono passati tre mesi. E le testimonianze arrivano... sembra un fiume in piena... non srebbe ora di far scorrere questo fiume nelle piazze e nelle strade delle nostre città? Non sarebbe ora di rompere quegli argini in cui ci hanno rinchiuso?

Circa un mese fa sulle pagine dell'espresso usciva un articolo in cui si parlava dell'incapacità della nostra generazione (ho 30 anni) di prendersi le proprie responsabilità, della nostra "ansia di prestazione". Se ci lasciamo chiudere in questa trappola della "psicologia" saremo, ancora una volta, stati fregati.
Io credo che il problema delle garanzie sul lavoro sia un problema reale di questa generazione (non di quella che ci ha preceduto). Che lo stato sociale se lo sono pappati (anche quello che spetterebbe a noi) quelli che ci hanno preceduto, e noi ne paghiamo le conseguenze. Che un sistema, basato sulla parcellizzazione del potere vuole sopravvivere ad ogni costo.
Che la generazione del 68 ci ha fregato, spodestando un potere ne ha preso le redini e non le molla.
Che non possiamo continuare a vivere nell'illusione, i nostri nemici sono i nostri maestri.
Che è ora di ribellarsi: se il nostro problema continuerà ad essere affrontato da noi e dai nostri interlocutori come un problema di psicologia dinamica e non sociale, il futuro sarà sempre peggiore e per uscire da questo gioco bisogna uscire dal privato, dalle storie dei singoli, collettivizzare il problema(merito di questo blog) ed affrontare questo problema al sole, per le strade... per le strade... per le strade... sotto l'asfalto, la spiaggia!
Ciao
Sergio

sergio de simone 22.06.06 01:20| 
 |
Rispondi al commento

Ecco, mentre noi sguazziamo nella miseria e nella precarietà (che non è sinonimo di flessibilità!), cosa guadagnano i senatori! Il sito è più che autorevole, visto che è quello del Senato stesso...

http://www.senato.it/composizione/senatori/trattamento.htm

Elena Bianchi 21.06.06 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, l'hai scritto tu, eh:

"le vostre testimonianze che riporterò nel libro: “Gli Schiavi Moderni” che sarà pubblicato entro l’estate su questo blog. Il libro sarà scaricabile gratuitamente o acquistabile nella sua versione cartacea.
Due, comunque, mi sembrano le modifiche da operare subito alla legge Biagi:
- aumentare la remunerazione per i precari rispetto ai lavoratori a tempo indeterminato con una politica fiscale che sostenga il lavoro precario
- porre un tetto massimo alle imprese per l’utilizzo di precari, ad esempio il 10%."

E allora:
1- quando, esattamente, è "entro l'estate"? Quando i nostri "comunistissimi" dipendenti vedranno recapitarsi a Palazzo Madama e Montecitorio il tuo/nostro libro?
2- il tetto massimo che proponi per le aziende dovrebbe essere imposto anche agli enti pubblici. Hai idea di quanti precari, co.co.co., co.co.pro. ed interinali lavorino in Comuni, Province, Regioni? E sempre, piuttosto che rinnovare una decina di contratti da 1.000 euro mensili ciascuno, si preferisce un consulente o un portaborse da 10.000 euro...
Io nei pochissimi concorsi pubblici disponibili al momento ho cercato quello che proponesse un posto per portaborse, ma non l'ho mai trovato... Come mai? Tutt'al più agente di polizia locale, inquadramento il più basso possibile, magari con contratto semestrale... e ti iscrivi pure a quello, e per 2 o 3 posti si partecipa in 350...
Ci sarebbe poi anche da valutare un altro aspetto: come mai lo stesso ente acquisisce personale temporaneo, magari per le stesse mansioni e con lo stesso termine, sia tramite concorso sia tramite agenzia di lavoro interinale? Che senso ha che io mi studi diritto amministrativo, mi prepari a sostenere un tema sul sistema bibliotecario piuttosto che sulla normativa forestale per partecipare ad un concorso e, vinto il concorso, al lavoro accanto a me mi ritrovo poi qualcuno che non ha studiato una mazza ed arriva fresco fresco dalla prima Adecco o Temporary che si è presentata?

Martina Ferrari 21.06.06 18:01| 
 |
Rispondi al commento

mi chiamo Gaia, abito nella marmorea e anarchica Carrara. Da ottobre dello scorso anno lavoro per il mio comune, sono un'operatrice socio educativa per i servizi sociali. Ovviamente mi hanno fatto un fantastico co.co.co che, tra l'altro devo ancora firmare... In tutto il mio comune ha 195 co.co.co. tra cuochi, autisti, operatori...
Da dicembre 2006 i contratti non potranno più essere rinnovati quindi il comune sta cercando di trovare una soluzione, tra le proposte il lavoro interinale.. e meno male che abbiamo una amministrazione di sinistra. Ci stiamo muovendo con i sindacati, ma pochi o meglio nessuno sa cosa sarà di noi anche perchè, nel mio caso, la mia è una qualifica professionale inesistente, non veniamo pagate a ore ma a caso: se hai 1 caso, ovvero 1 bambino, sono 280 euro al mese, se ne hai 2 sono 480 euro (un tre per due del supermercato è più conveniente) se il bambino ha un handicap sei fortunato perchè ti danno qualcosina di più...non vado avanti... i sindacati, fino alla scorsa settimana, non sapevano niente della nostra situazione eppure c'è chi lavora da tredici anni in questo settore senza ferie o malattia,se stai a casa non vieni pagato...
L'obiettivo del mio lavoro è aiutare ad inserirsi nella società chi ne è al di fuori, onorevole vero?, ma poi chi aiuterà me?
sono stufa, delle incertezze e delle ignoranze di chi dovrebbe tutelarci, dai sindacati ai miei dirigenti,non trovo differenza...
Mi unisco a tutti quelli che come me credono che il primo articolo della nostra costituzione sia intoccabile e sacro.

gaia gardone 19.06.06 18:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve, i capitali si muovo ma in meniera decisamente meno dinamica di come dovrebbero. Le aziende fatturano come prima o più di prima ma sappiamo che oggi in Italia si investe sempre di meno e figuriamoci se si investe sul lavoro dipendente... Dove vanno a finire questi capitali guadagnati? Credo a marcire nei conti correnti bancari oppure investiti in borsa in qualcosa di impalpabile che c'è ma non si vede, come il vecchio slogan del tampax, ricordate? Ho già 30 anni, che bello! Ma sono ancora tra i piedi dei miei cari, sono più fortunato di altri ma mi sento una mezza sega. Lavoro da 8 anni nel settore turistico, mi sono sempre licenziato in quanto avevo la vaga impressione di perdere il mio tempo: salari bassi, assenza di prospettive, mai goduto di un corso di formazione o di aggiornamento, insomma non ho mai avuto stimoli a restare dov'ero e piuttosto notavo l'impossibilità di potermi esprimere, in ogni senso. Ritengo che sia urgente analizzare capillarmente quali siano le vere esigenze di lavoratori, aziende, stato, perchè qui ognuno sta andando per conto suo: il lavoratore in nero che frega l'Inps dichiarandosi disoccupato, l'azienda che evade il fisco e assume in nero (anche i clandestini senza visto!), gli enti statali preposti che non hanno un minimo di visione di come stanno andando le cose ed intanto sprecano i contributi dei Lavoratori Onesti. Gli immigrati lavorano eccome ma perchè devono essere fruttati e relegati ad una condizione di serie b? Loro sono una preziosa risorsa come ogni Lavoratore Onesto! Cribbio! Grazie a tutti voi e a Beppe che ci stimola nella mente e nell'anima.

Claudio Corte 19.06.06 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
vorrei aggiungere la mia voce a quella di tutti i "cittadini" del tuo blog. Sono laureata in Scienze dell'Educazione con il massimo dei voti, e dopo la laurea ho frequentato un Master in Editoria e Comunicazione. Non voglio dilungarmi troppo su quanto abbiano significato questi anni di studio in termini di impegno, sacrifici, rinunce, investimento economico.
Voglio invece parlarti del mio ingresso nel mondo del lavoro, della frustrazione, della demotivazione, dell'eliminazione di ogni aspettativa e sogno fino a farti dubitare delle tue capacità e di te stessa. Da due anni alterno la mia condizione di disoccupata a brevi periodi di lavoro precario e sottopagato. Voglio raccontarti di correzioni di bozze e schede di lettura pagate 20 euro, di lavori di editing su interi libri di reference pagati 120 euro, di mesi di lavoro come organizzatrice di eventi retribuita 500 euro al mese per 40 ore di lavoro settimanali. Vorrei raccontarti di lavori conclusi 7 mesi fa e che ancora non mi sono stati pagati. Di ricatti e minacce al primo accenno di protesta per le mie condizioni. Di assegni post-datati e nessuna tutela contrattuale. Dei miei continui tentativi di trovare un impiego anche in altri settori e delle risposte tutte uguali (non vado bene per fare la segretaria, la commessa, l'impiegata perchè sono "troppo qualificata"). Dei tanti curriculum inviati e scomparsi nel nulla, cestinati senza alcuna risposta (neppure un "no grazie, non ci servi"). Di cosa significa avere 30 anni e nessuna prospettiva per il futuro. Di cosa significa aver voglia di fare, di imparare, di essere parte attiva e produttiva della società,e vedersi sbattere in faccia tutte le porte. Di cosa significa essere trattati senza alcun rispetto, nè professionale nè umano. Vorrei raccontarti della paura che ti prende ad ogni ora del giorno e della notte, dei pianti, della progressiva e inarrestabile perdita di fiducia ed entusiasmo.E di mille altre cose. Grazie per avermi ascoltata.

Francesca Clanetti 19.06.06 17:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dal mio blog: www.bloggers.it/movimentolaureati/

"Siamo tornati indietro di cento anni, il nuovo caporalato"

La nostra società invece di progredire torna sui suoi passi. L'esperienza di questi giorni di mia moglie è significativa, ma non sembra un'esperienza contemporanea, sembra tratta da un racconto del Verga, eppure siamo a Firenze, eppure è il 2006. Un'agenzia di lavoro interinale le ha offerto un impiego per effettuare l'inventario di due grandi centri commerciali, Carefour e Panorama, tanto per non fare nomi. Il problema è che firma contratti per lavorare un giorno! Si avete capito bene 1 giorno. Il contratto viene rinnovato di giorno in giorno, come accadeva cento anni fa con i vecchi caporali, quelli che andavano nella piazza del paese a reclutare manodopera, quando coloro che avevano bisogno di lavorare si mettevano in fila e speravano di essere scelti. Le cose oggi sono anche peggio di cento anni fa, almeno allora venivano pagati giorno per giorno, oggi la retribuzione arriva dopo un mese. Queste sono le agenzie interinali, vecchi caporali redivivi, travestiti da istituti moderni, sfruttatori legalizzati. Mi chiedo cosa debbano farci affinché reagiamo, noi italiani siamo un popolo così, subiamo l'ingiustizia in silenzio, se qualcuno si proclamasse duce saremmo addirittura pronti a scendere in piazza...per applaudire...

Paolo Ares Morelli 19.06.06 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Ribelliamoci o soccomberemo, assistere ad un ingiustizia senza dire niente significa rendersi complici di quell'ingiustizia...
www.bloggers.it/movimentolaureati/


state tutti male, parole buttate.

rimboccarsi le maniche

Gianna Nargu 17.06.06 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di patatine fritte: quei fast food che scremano miliardi non danno la benché minima garanzia occupazionale: i lavori offerti sono con tetto di eta, passato il quale si è da rottamare.
l'occupazione è part- time e flessibile, alla casse c'è sempre la fila, il cassiere deve anche friggere!! spremuto come un limone, e ne devono essere il meno possibile poiche dare lavoro costa e non conviene, tanto da infischiarsene della fila dei clienti.
Tanti bei miliardoni a fine anno e un pugno di ragazzi con i soldini per la pizza.
I porci comodi si fanno sempre grazie alle leggi e ai politici che le fanno.

Massimiliano Arcangeli 17.06.06 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...il mio responsabile vorrebbe assumermi ... da autententico interinale che sono mi ha detto ... non sono nemmeno il tuo capo ... e chissà chi è ... per chiedere un aumento devo smuovere il mondo e passare attraverso giorni di burocrazia cartacea e telefonica... vediamo cosa si può fare... (...) ...mah ora è un anno che sono inTESTINALE ... e chissà ancora per quanto... vedo solo buio :(

Enzo Marozzi 16.06.06 22:50| 
 |
Rispondi al commento

finalmente un premio Nobel vero! che onore!
mi riprendo dallo spavento che ho avuto nel leggere la propaganda del menestrello radical chic "amico degli amici" che voleva fare il sindaco...fiuuu, c'è mancato un pelo!

il precariato è uno dei drammi sociali dei nostri tempi...penso ai nostri figli, ai nostri ragazzi ed al bel mondo che li aspetta qui fuori.

Penso alle speranze tramutate in rassegnazione, alle illusioni della meritocrazia, del sacrificio che paga.
Penso ai genitori che, mano nella mano ,accompagnano la mattina i figli a scuola: zaini pesanti , pieni della vanità dei professori e portafogli leggeri, sempre di più ad ogni nuovo inizio di anno scolastico. Penso a quei genitori che sperano, pregano che i propri figli non debbano provare le loro stesse delusioni, la loro stessa quotidiana amarezza, il dolore sordo di chi è stato sconfitto non una ma cento volte ogni giorno, dopo giorno, dopo giorno.
Sento la speranza di questi genitori, vedo con i loro occhi il sogno di una vita diversa e migliore per i loro figli , posso sentire i loro pensieri quando alla sera scivolano sotto le lenzuola e si stringono un pò di più, in silenzio per non farsi sentire dai ragazzi, in modo che la paura , lo smarrimento e l'incertezza svaniscano...almeno fino al giorno dopo, quando i demoni torneranno a farsi sentire.

e allora stanotte sognerò di nuovo! non un mondo ideale e giusto ma un posto diverso, dove l'amore dei genitori per i propri figli riesca un giorno a produrre almeno una generazione sana, donne ed uomini coraggiosi in grado di cambiare, migliorando.

notte!

marko marko 16.06.06 22:28| 
 |
Rispondi al commento

il PREMIO NOBEL dice cose giustissime ed e' veramente un piacere sentirle. Vorrei rispondere Alla citazione che e'inutile spendere per istruire se poi il laureato si mette a vendere patatine:NOI ABBIAMO LE UNIVERSITA FORSE PIU' PRESTIGIOSE DEL MONDO , BASTA RAMMENTARE '' LA NORMALE DI PISA'' O LA SAPIENZA DI ROMA- MA NOI le potremmo chiudere perche' nei posti prestigiosi ed importanti ci mettiamo GLI AMICI DEGLI AMICI i ns. laureati bravi quelli da 110 e lode devono andare all'estero, in Italia servono altri meriti altre conoscenze.
SE NON ERRO ANCHE IL PREMIO NOBEL RUBBIA DOVETTE A SUOI TEMPO EMIGRARE PERCHE' IN ITALIA NON SAPEVAMO COSA FARNE, O NO?
ANCHE IN PARLAMENTO SONO GIA' ARRIVATI I FIGLI ED I NIPOTI- DOVREMO POI ESPORTARE ANCHE QUALCHE BRAVO POLITICO, AMMESSO DI AVERLO!
VORREI QUALCHE COMMENTO. GRAZIE PER LO SPAZIO.

raffaello vaiani 16.06.06 17:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho scritto qualche considerazione sul referendum costituzionale sul blog:
www.bloggers.it/movimentolaureati/
se siete interessati date un'occhiata e lasciate un commento, se ci uniamo cambieremo il sistema...

Paolo Ares Morelli 16.06.06 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro da quando ho compiuto 17 anni, orfana di padre, di soldi in casa ne giravano pochini e ho dovuto lasciare gli studi; adesso ho 32 anni. Sono nata e cresciuta nella ricca Lombardia, quella della Milano-che-lavora. Mai avuto un lavoro a tempo indeterminato, nemmeno prima che ci fosse la riforma Biagi. Socia di cooperativa prima, per tre anni. Poi contratto di formazione. Baby sitter, rigorosamente in nero, per quasi tre anni. Poi co.co.co per cinque anni, nel corso dei quali mi sono pagata di tasca mia la scuola serale, per potermi diplomare. Mai ferie né malattia pagate, zero tutele e altrettanti privilegi. Impossibile infortunarsi o prendere l’influenza: se non lavori, non guadagni. Quando ho preso la bronchite e sono stata costretta a letto, in quel mese il mio stipendio è stato di 600 mila lire. Lavori interinali, mai confermati per più di un trimestre: Adecco, Temporary, General Industrielle… Lavapiatti, cameriera, centralinista, operaia tessile, operaia metalmeccanica, impiegata contabile, aiuto cuoca... non mi son fatta mancare nulla! Poi di nuovo co.co.co. a 700 euro al mese. Attualmente, assunta come precaria in una pubblica amministrazione grazie ad un concorso. Vengono organizzati corsi di lingue, informatica, contabilità per il personale, ma solo per quello di ruolo. Vengono concessi permessi per motivi di studio, ma solo per il personale a tempo indeterminato. Non posso nemmeno cercare di migliorare la mia posizione. Sono fidanzata da 13 anni. Con un uomo anche lui precario. Perito agrario che fa l'operaio metalmeccanico per necessità. E naturalmente di sposarci non se ne parla nemmeno. Però nel 2005 ho avuto le mie prime ferie pagate. E mi sono commossa! Ringrazio la sinistra prima (l'interinale è tutto loro, eh!) e il buon Biagi poi per le vaccate che hanno fatto!

Francesca Bianchi 16.06.06 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nella mia realtà quotidiana incontro giovani che per lavorare presso studi professionali sono costretti ad aprire una partita iva per svolgere un lavoro dipendente. La maggioranza sono avvocati, ingegneri, architetti, che lavorano 10/12 ore al giorno con uno "stipendio" da fame, di mille euro al mese, che fatturano al datore di lavoro. Di questi mille euro, dopo averci pagato tasse e contributi, restano a fine mese meno di 700 euro, senza contare i costi del commercialista (min. 800 euro l'anno). Ciò significa che in realtà non sono liberi professionisti, ma dipendenti senza alcun diritto. Purtroppo negli ultimi tempi capita sempre più spesso anche con altre figure, come segretarie e operai... In questo clima di incertezze, come si può pretendere che una persona si costruisca un futuro, progetti di avere una casa, dei figli...?

M.Rosaria Vallefuoco 16.06.06 09:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GRANDI NOTIZIE PER IL CALL CENTER INTEGRATO INPS INAIL E PER TUTTI I CALL CENTER INBOUND. Sul sito del Welfare c'è una circolare datata 14/06/2006 facente riferimento al decreto legislativo 276/2003 (nascosta in modo a dir poco mafioso dal vecchio ministro Maroni perchè sotto pressione da ambienti imprenditoriali - VERGOGNA DELINQUENTI) del Ministro Damiano riguardante il controllo da parte dell'Ufficio Ispettivo contro gli abusi del lavoro a progetto nei Call Center.
Nel paragrafo "Criteri di individuazione e specificazione del progetto o programma di lavoro" c'è scritto:
"Nelle attività in bound l'operatore non gestisce, come nel caso dell'out bound, la propria attività, né può in alcun modo pianificarla giacché la stessa consiste prevalentemente nel rispondere alle chiamate dell'utenza, limitandosi a mettere a disposizione del datore di lavoro le proprie energie psicofisiche per un dato periodo di tempo.
Ne consegue che il personale ispettivo, qualora verifichi che l'attività lavorativa come descritta è disciplinata da un contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto, procederà, dovendo ricondurre tale attività alla subordinazione, adottando i conseguenti provvedimenti di carattere sanzionatorio e contributivo."
"Ciò fa si che è senz'altro configurabile un lavoro a progetto, programma di lavoro o fase di esso, SOLO con riferimento alle campagne out bound nell'ambito delle quali il compito assegnato al collaboratore è quello di rendersi attivo nel contattare, per un arco di tempo predeterminato, l'utenza di un prodotto o servizio riconducibile ad un singolo committente."
RAGAZZI RIUSCITE A CAPIRE!!!!!!!!!
NOI OPERATORI DEL CONTACT CENTER INPS-INAIL (E TUTTI GLI ALTRI CALL CENTER INBOUND) NON SIAMO PIU' OPERATORI A PROGETTO,
SIAMO LAVORATORI SUBORDINATI E CI DEVONO RICONOSCERE TUTTO CIO' CHE CI HANNO NEGATO FINO AD ORA (per colpa di un governo Berlusconi che ha fatto gli interessi solo degli imprenditori).
GRAZIE MINISTRO DAMIANO

adriano femminile 16.06.06 07:14| 
 |
Rispondi al commento

Curioso questo blog: la lotta alla precarietà (non la flessibilità)del lavoro è uno dei punti più qualificanti del programma dell'Unione (qualcuno di voi l'ha letto?). Non credo leggendo i commenti, siete anche dei fortunati perchè sembra che il problema non vi riguardi, beati voi!

Grazia Verdi 16.06.06 01:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noi siamo un paese "moderno e civile".
Abbiamo la legge 30(Biagi ma non si dice 'che si vergognano di aver fatto una legge grazie al morto!).
La Francia ,notoriamente incivile e antiquata,si è letteralmente ribellata ad una legge pressocchè identica.
Sarebbe meglio essere incivili e antiquati come i francesi.
L'unico vantaggio della legge Biagi è il margine di vantaggio che le aziende hanno nei costi dei lavoratori!
Solo un traditore ladro come il nano con trapianto poteva mettercelo nel c..o così!
Ma una buona mano gliela hanno data anche gli italiani!
Ladro il primo e imbecilli i secondi!

Simone Velieri 15.06.06 22:44| 
 |
Rispondi al commento

vuoi vedere che risolvono con una Biagi2 The Revenge diminuendo lo stipendio dei lavoratori a tempo indeterminato? Cioè daranno la possibilità a chi ha il contratto a tempo determinato di trasformarlo a tempo indeterminato accettando però una decurtazione dello stipendio che assorba i maggiori oneri contributivi.
Il lavoro sporco lo fa sempre un "Amico" (Governo)

Felice Allegria 15.06.06 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Perchè in Francia c'è stata una rivolta popolare appena hanno capito dove voleva arrivare il proprio governo in tema di riforma del lavoro, invece in Italia non è successo niente? PERCHE'?!? Oltre che di schiavi parlerei di PECORE MODERNE...ben vestite e con il telefonino.
Un saluto a tutti.

Mario Taras 15.06.06 19:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


pensate di esistere o vivete una illusione?????

ricci fulvio 15.06.06 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Dopo anni di lavoro da dipendente, nel 2003 ho deciso di lavorare per me stesso! Con caparbietà è voglia di fare sono riuscito ad avviare un'attività tutta mia. Tutto questo nonostante i vari contratti a tempo indeterminato che ho firmato. Infatti il contratto a tempo indeterminato non è altro che una fregatura che chiunque può aggirare: mentre ero assunto in un azienda da 1000 dipendenti (che dopo due anni è fallita ed ha lasciato a casa una marea di famiglie: l'azienda è il CONAD CE.DI.PUGLIA S.C.A.R.L ed i sindacati hanno messotutto a tacere) ho subito un mobbing costante e sempre più pressante per oltre un anno (perchè era giunto in ufficio un nuovo tecnico raccomandato da qualcuno) finchè non ho deciso di andare via! A cosa mi serviva il contratto a tempo indeterminato in una situazione in cui nessuno era in grado di aiutarmi? In quell'occasione ho lasciato il contratto a tempo indeterminato per uno a tempo determinato e sono andato a lavorare al nord (cosa che pesa a molti signorini del sud). Quì ho fatto nuove conoscenze ed amicizie che oggi mi permettono di operare nel mio ambito con tranquillità e profitto. Attualmente sono alla ricerca di almeno 4 persone da inquadrare come manovali e/o capisquadra, ma nessuno vuole lavorare e sono costretto ad operare con extracomunitari che invece vogliono lavorare, percui vi dico che la riforma del lavoro non serve se non c'è voglia di lavorare!!!!!!! La gente (italiani) chiede di lavorare a nero perche riceve i sussidi dallo stato e se dovesse essere assunta per un periodo potrebbe perdere questo denaro. Percui basta con l'assistenzialismo e rimbocchiamoci le maniche!!!!!

Valerio Conte 15.06.06 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'entità che ha edificato democrazie e comunismi è la stessa sin da allora.
dentro ci ha messo tanti piccoli esseri umani a giocarne le parti.
ha usato questi due ordini per plasmare l'essere umano e renderlo "schiavo moderno" in quanto macchina.
la condizione raggiunta pochi anni orsono ha permesso, alla entità suddetta, di proseguire nei suoi disegni
e mentre la base citata si accapiglia sulle sbugiardate democrazie e sugli sbugiardati comunismi,
essa ha già acchittati
nuovi e migliorati progetti.

stef - 11/03/06
-
-
-
condivido quanto detto sulla bestialità e sull'umano ma in maniera esattamente inversa.
all'uomo-macchina contemporaneo non è "rimasto" molto della bestia, bensì, è quanto lo elevò dal suo essere animale, dal suo stato semplicemente biologico che gli è stato pian pianino tolto ed è perciò riaffiorata la bestia che in lui esiste: è.
quindi, la moderna emancipazione che consiste nella convinzione di una sua esistenza puramente animale, rende, in questa epoca, straordinariamente manifesta la regressione della Persona a bestia.
stef68 – roma
-
-
-
quindi cominciare ad oziare per acquisire la persuasione individuale della inutilità dell'eccesso...
altrimenti: uomo-macchina sia.
stef68
-
-
-
http://spaces.msn.com/members/stefast/

stef stef 15.06.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, mi chiamo Stefano e sono un ingegnere di 32 anni.
Personalmente non posso lamentarmi per le mie attuali condizioni di impiegato anche se sottopagato per quello che dò all'azienda per la quale lavoro.
Certo è che mi guardo attorno e come tutti cerco di migliorare la mia condizione e stò valutando, un passettino alla volta, di mettermi in proprio per il semplice fatto che preferisco farmi il mazzo per me stesso e non per fare arricchire qualcun'altro. Ma non scrivo per parlare di me.
Quello che alla base, per quanto riguarda noi laureati diciamo di livello alto, va totalmente cambiato è il livello di studi universitari: inadeguati, poco specialistici e non al passo con le esigenze attuali e le velocità attuali del mondo del lavoro!!!
Si stà procedendo ad una standardizzazione verso il basso del livello istruttivo e questo per incentivare il maggiore numero di ragazzi ad intraprendere il cammino universitario, mi spiego: io mi sono laureato col vecchio ordinamento di 5 anni ma sono stato uno degli ultimi in quanto adesso c'è il famoso 3+2 ( neanche fossimo al supermercato!!) , ebbene andate a vedere l'aumento delle iscrizioni ( e quindi dei quattrini in entrata nelle casse dello stato !!!) avute con questo modulo rispetto a quelle che si avevano qualche anno fà!?!? Ovviamente chi prima veniva dissuaso dai 5 anni ora ragionando di avere anche dopo soli 3 anni un pezzo di carta in mano si trova ad essere più incentivato, anche se in effetti in mano non ha niente e soprattutto non ha alcuna competenza specifica.
Per non parlare della miriade di lauree che sono sorte o diplomini triennali.
Tutto ciò è andato a discapito delle competenze + alte che sono state svilite e sminuite.
Tra qualche anno si diventerà ingegneri o dottori da casa senza neanche frequentare alcun corso.
Purtroppo il futuro ce lo dobbiamo costruire da soli rimboccandoci le maniche e soprattutto non perdonando niente a questa manica di ladri e delinquenti che ci governano!

stefano montanari 15.06.06 17:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo con curiosità e amaro sarcasmo tutto quello che viene scritto nel blog, e vorrei scrivere un libro di critiche al nobel e a tanti giovani ma non ho voglia, mi limito a qualche appunto:
1) la legge Biagi farà schifo ( mà!) in Francia l' hanno ritirata per eccesso d' intelligenza infatti tutti i giovani francesi hanno trovato subito lavoro, tranne sapere poi che in Francia il tasso di disoccupazione è al 12%, mentre quella giovanile è solo al 26%, dic 26.
2) i sindacati che non fanno pari a promuovere scioperi( soprattutto nel governo precedente) sanno che dovrebbero andare anche nelle assemblee aziendali a fare lotta al padrone e informazione agli operai o no. Vi assicuro di no, se ne stanno rintanati nei loro uffici ed escono solo per manifestare quando ordinano i capi, nel periodo 1999- 2004 ero impiegato in un azienda agricola, dove una trentina di operai mangiavano al freddo e al caldo di una stanza spazzatura, piena di topi e col tetto in eternit, dove erano i sindacati? Per come sono strutturati servono solo a buttar via soldi pubblici, rifondiamoli o chiudiamoli.
3) lo sapete che in Italia, paese in cui vige un regime di libero mercato si può anche fare attività in proprio, o per voi lamentoni è troppa fatica. Un mio amico faceva il rappresentante per un' azienda, è andato in pensione lasciando in eredità al fortunato successore un possibile incasso di 35- 40mila euri netti; l' azienda ha cercato per 2 anni un sostituto costringendo il mio amico a rimanere a lavoro oltre i 65 anni, dopo tanto pellegrinare hanno trovato un 45enne perchè sono riusciti a strapparlo ad un altra azienda, e i giovani vogliosi di sudare le sette camice sul lavoro, dove erano?
4) Morale tutti vorremmo un comodo lavoro d' ufficio statale, ma non tutti abbiamo raccomandazioni altolocate, quindi cari giovani rimboccatevi le manichine e datevi da fare, che se uno ha voglia, avoglia a lavorare!

Gabriele fontani 15.06.06 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiamo Canneto Roberto,nato a Senigallia(AN)il 30 settembre 1948, risiedo a Pesaro PU;sono attualmente disoccupato e sfortunatamente con non ancora né l'età anagrafica che quella contributiva per la Pensione!. Ho inviato il mio curriculun vitae a ca. 1200 Aziende,compreso l'estero:Francia,Inghilterra, anche perché ho una buona conoscenza delle Lingue. Nessuno mi ha accettato,senza dubbio per la mia "veneranda" età, ormai da "rottamare" e senza alcuno scopo di investimento, ma, secondo il "mercato" italiano,oramai "inutile",se non dannoso!.La mia cultura,sia didattica che di lavoro ed esperienza, potrebbe essere anzi un utile aiuto per quelle aziende che investono, proprio per la cosidetta "legge Biagi" in singolarità, spesso, minime se non prive di qualsiasi cultura sia a livello didattico che di semplice applicazione mnemonica. Oggi si investe, se così possiam dire, solo se si paga poco, se e per quello che le persone, spesso e volentieri prive di ogni volontarietà, possono dare, senza vedere futuro e/o investimento personale che darà comunque in medio periodo, utili.E' vero che "largo ai giovani", ma pur vero è che loro, forse, anche se da biasimare a livello sociale e politico, possono contare, come spesso accade, e forse anche volontariamente, sulle loro famiglie; ma NOI "VECCHI?", a chi ci rivolgiamo se rimaniamo a questa età privi di lavoro, per ogni e qualsivoglia causa? La verità, caro Beppe Grillo, è che oggi il"Sistema" vuole e diffonde con estrema facilità la "cultura della non cultura",cioè a dire che, più ignoranti si resta, e guarda che molti giovani d'oggi, ignorano le più essenziali e vitali norme di ogni vivere quotidiano e di tutto ciò che comporta sacrificio, anche nel "leggere" ed aggiornarsi su quello che succede intorno a Loro.Non parliamo però di Calcio,etc. perchè lì allora sono fantasticamente aggiornati e qualificati.La Francia ha totalmente estinto la simil loro legge BIAGI,con ragazzi ed adulti scesi nelle piazze; da NOI MAI SARA'COSI

roberto canneto 15.06.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Concordo perfettamente sia con te Beppe, sia con il premio nobel.

Diana Marini 15.06.06 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, io sono responsabile produzione e del personale nella ditta dei miei genitori, faccio questo lavoro da 5 anni e in questi anni il problema del personale e' sempre stato all'ordine del giorno.
Naturalmente io parlo da chi sta' dall'altra parte della barricata, perche' purtroppo l'idea che imprenditori e dipendenti sono dalla stessa parte a nessuno e' mai entrata in testa.
Premetto che comportamenti scorretti ci sono da entrambe le parti e non mi soffermero' su questo, quanto invece sulle necessita' che chi fa' il mio lavoro ha.
Prima di tutto, checche' se ne dica ad un imprenditore e' necessario un deterrente per far impegnare i dipendenti, anche solo per farli venire al lavoro invece di stare a casa per un raffreddore, perche' comunque ogni lavoratore che non e' sul posto a fare il suo lavoro che lo faccia piu' o meno bene e' sempre un problema.
Secondo le persone scaricano al lavoro la maggior parte dello stress della loro vita personale e questo non aiuta certo a collaborare con i colleghi in situazioni difficili,poche persone sanno essere mature sul lavoro tanto da lasciare a casa i loro problemi.
Terzo, la flessibilita' e' necessaria e obbligatoria oggi come oggi nelle assunzioni, perche' la globalizzazione ha dato una accellerata tremenda alla concorrenza e non ci sono piu' prodotti che vendono per anni, ma e' gia' tanto se un prodotto vende bene 6 mesi prima di essere copiato dalla concorrenza, quindi immaginate voi come puo' uno fare previsioni sulle ore di lavoro necessarie e di conseguenza sulle persone da assumere se ha una prospettiva di assicurargli da lavorare per solo 6 mesi.
Quarto il costo della manodopera e' troppo alto, non perche' i salari siano alti ma perche' ogni lavoratore costa in realta' all' azienda il suo stipendio in busta moltiplicato per 2,05 piu' o meno, e questo dipende esclusivamente dalle tasse.
Purtoppo il lavoro e' diventato precario sia per chi lavora sia per chi deve dare da lavorare.

Carlo Bernasconi 15.06.06 15:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LAVORO PRECARIO: UN BUCO AL CENTRO E...

Si sta verificando in questa Italia un trasferimento di funzioni dalle Regioni ai Comuni senza risorse per una giusta perequazione stipendiale.

Sostanzialmente tutti sanno che un dipendente regionale percepisce uno stipendio superiore a quello di un dipendente comunale, bene il trasferimento delle funzioni è di fatto a costo zero.

In pratica un dipendente comunale dovrà svolgere le mansioni ordinarie più strettamente legate al territorio più, quelle che gli piovono dall'alto della Regione senza copertura finanziaria.

In un futuro non tanto lontano i due dipendenti, il Regionale e il Comunale, potranno lavorare nello stesso ufficio svolgendo le stesse mansioni ma con salario diverso.

Sono piccoli segnali che faranno parecchia strada anche in altri campi? Aah... la forza del federalismo.


NIENTE INTORNO.

By Gian Franco Dominijanni

Gian Franco Dominiyanni 15.06.06 15:44| 
 |
Rispondi al commento

In questo blog e altri,ho visto che parecchi vogliono conoscere il trattamento economico dei parlamentari italiani. Ci sono diversi siti che danno varie tabelle,però non so se sono attendibili. I siti ufficiali sono questi:
www.senato.it
clicca su pagina dei senatori e clicca su trattamento economico.
www.camera.it/altre_sezioni/628/629/infosezione.asp.
Saluti
clicca su trattamento economico

Giuseppe Vianello 15.06.06 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Intervengo regolarmente sui Blog di Grillo per ricordare a Prodi il famoso bonus bebé, promesso in campagna elettorale. Lo faccio perchè ritengo questa iniziativa IMPORTANTISSIMA, almeno quanto i problemi del LAVORO e delle PENSIONI. Per un ragazzo la disponibilità di un piccolo capitale al raggiungimento della maggiore età e per iniziare la vita sociale sarebbe fantastico !!
Dunque, mi sembra giusto che in Italia il Governo metta in atto un aiuto per le generazioni future, per il loro inserimento nella vita.Insisto che questi soldi vengano recuperati dalle "pensioni d'oro"(che partono da 586 euro al giorno in sù!!), è giusto che chi è alla fine della vita aiuti le nuove generazioni. In Germania questi soldi vengono versati su un libretto bancario intestato al minore e potrà ritirarli solo al compimento del 18° anno di età. Se poi li spenderà in spinelli o per il suo inserimento nella società civile saranno affari suoi...
Pietro

pietro rossi 15.06.06 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Parliamo anche delle persone "non precarie":
-La cui crescita professionalità è bloccata o, addirittura, ridimensionata ogni giorno, oppure licenziate o messe in mobilità.
-Costrette ad attività che svolgeva anni prima con la conseguenza di non essere competitive nemmeno per altre aziende; un ciclo che non blocca ma, anzi, rafforza la corsa alla involuzione professionale e il management che la persegue.
-Il cui ridemsionato potere d'acquisto blocca i consumi con maggiore incidenza di quanto possa fare il precariato.

Curare l'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro è giusto ma è ancora più giusto rimettere in moto tutto il mondo del lavoro per chi già lavora e per i giovani che, dopo l’ingresso, devono avere un futuro professionale ed economico.

Visto:

-Come vengono imposti dalla politica, alle aziende pubbliche e SPESSO anche alle AZIENDE PRIVATE, Manager brucia-soldi che si circondano di “YES-Men” e relativa gerarchia;
-Quanto il RITMO LAVORATIVO di buona parte dei dipendenti statali, para-statali, regionali, provinciali, comunali, sanitarie, ecc. si sia DIFFUSO anche nel SETTORE PRIVATO (nessuna ipocrisia, sappiamo tutti che la “Baracca” ITALIA è mandata avanti da pochi, a cui vanno i nostri ringraziamenti, che lavorano per i molti).

è necessario intervenire sia sulla QUALITÀ DEL MANAGEMENT sia sulla SERIETÀ DELLA BASE LAVORATIVA; ricominciando, su entrambi i fronti, dalla parte PUBBLICA.

Purtroppo la campagna elettorale ha focalizzato l’attenzione solo sul precariato, ma il problema non è la LEGGE BIAGI ma TUTTO IL CONTESTO in cui si inserisce ed opera e delle cui problematiche risente.

Ma se BERTINOTTI, paladino dei lavoratori, rifugge le RESPONSABILITÀ del Ministero del Lavoro (“Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”, la saggezza popolare), che cosa si può pretendere dagli altri politici? FASSINO e RUTELLI stanno risolvendo problemi più gravi!

PRODI, PENSACITI TU; però dopo i referendum, non fare fallire la consultazione.

Andrea Mecarelli 15.06.06 14:37| 
 |
Rispondi al commento

neanch'io reputo la Legge Biagi così assurda e controproducente: credo che le sue buone potenzialità per portare a dei risultati positivi e ad un possibile progresso ce le ha tutte..se però venisse compresa ed attuata in maniera più coscienziosa e retta! ma come pretendere qualcosa di così apparentenemente semplice (e che dovrebbe essere ovvio) da noi italiani??? da un Bel Paese in cui la maggior parte della gente da il meglio di sè per essere originale nel fregare il prossimo e per "guadagnare" il più possibile subito, per star bene al momento senza rivolgere alcun pensiero al futuro (anche più prossimo)??
da una studentessa qualunque!

federica ursi 15.06.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento

la guerra dei poveri
libera informazione
http://handly.bloggers.it

ti informa dell'uscita dell'ultimo post
Il reddito monetario delle banche centrali
Il reddito monetario delle banche centrali "signoraggio" consiste nella differenza tra il semplice costo di stampa delle banconote ed il loro presunto valore indicato sulla facciata, il valore nominale...............
un pò di storia del signoraggio
il perchè del debito pubblico e del pil sempre negativo l'elemento scatenante delle crisi di stato
http://handly.bloggers.it

andrea liga 15.06.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto mi riguarda io devo andare a lavorare anche se non mi sento bene. Una giornata di assenza mi costa 55 Euro. Due giornate 110 Euro e cosi via.
Ormai anche quando ci sono le feste vorrei andare a lavorare. Infatti nel mese di Aprile a seguito dei numerosi giorni di festività il mio stipendio si è abbassato notevolmente. A giugno la festa della Repubblica e San Pietro e Paolo (patrono di Roma) mi costano 110 Euro + 1 giornata di malattia si arriva a 165 Euro.
Complimenti davvero a tutti i sostenitori di queste leggi. Mi meraviglio soprattutto dei dipendenti della sinistra che vengono votati per fare certe cose e poi si comportano nel modo opposto.
In Spagna il dipendente del consiglio all'indomani della sua elezione ha fatto ritirare le truppe spagnole, qui invece c'è un signore che quando era all'opposizione era contro la guerra, e ora che è al governo è titubante nel far ritirare le nostre truppe dall'IRAQ per non creare scompiglio nell'alleanza con gli Americani.

Dal centro sinistra ci aspettiamo l'uscita dalla guerra e una legge sul lavoro degna di questo nome. Se non lo faranno non meritano più il nostro voto.

Luca Martini 15.06.06 14:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"spendere tanto per istruirli" ?.

Ma allora non sà Stiglitz quale politica ha perseguito il terzetto Berlusconi-Moratti-Tremonti per declassare la già tribolata università pubblica,promuovere quella privata e far pagare profumatamente i costi dell'una e dell'altra ai giovani (o meglio ai loro genitori,se hanno un reddito superiore alle 400 euro al mese) )che si arrischiano a frequentarle,nell'illusione di non andare a vendere patatine fritte con il diploma universitario in cornice.
Salvo Ricciardi

Salvatore Ricciardi 15.06.06 13:54| 
 |
Rispondi al commento

La legge Biagi secondo me va giustamente modificata, ma non è sbagliata.
Il resto lo devono fare le persone.


Secondo me stanno estremizzando troppo, anche il premio Nobel in alcuni punti ha estremizzato troppo.

Posso sicuramente sbagliarmi, ma io penso che la Legge Biagi sia stata fatta per aiutare uno stato delle cose in cui o si faceva in quel modo o parecchi restavano a bocca asciutta.

L'ignoranza, la cattiveria della gente, di chi tiene le aziende ha spesso fatto approfittare di questa legge.
Inoltre chi lavorava giaceva in uno stato di oblio spesso invece che darsi da fare per migliorare la situazione.
Quando infatti le cose vanno male è inutile lamentarsi e basta, bisogna ingegnarsi e darsi da fare per migliorare.
A proposito delle patatine, va bene che non è facile ma un ingegnere che va a vendere patatine io non lo vedo come vittima del sistema, io lo vedo in modo tale che la colpa sia anche sua.
Non è facile ok, ma bisogna cercarselo anche il lavoro, guadagnarselo, migliorarsi, non aprire il giornale trovare un annuncio ed andare lì solo perchè non ci sembra essere altro.
Prima, anni e anni fa, decenni fa, c'era un altro spirito secondo me.
Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare e non si lamentano se non hanno i soldi per andare in vacanza per il ponte quando al telegiornale decantano tutti i ponti del mondo con code lunghissime.
Ma quelle code chi le fa l'uomo invisibile o milioni di italiani?
Allora dove sono i soldi che mancano?
Io voglio vedere la gente che non ha nemmeno i soldi per la benzina.
La gente non conosce allora qual'è la vera miseria generale.
Ciò non vuol dire che sia un buon motivo per peggiorare, no bisogna migliorare, ma mi sembra anche che le ultime generazioni del dopo guerra abbiano patito troppo poco in generale.
Io ho sempre saputo e visto che i miei nonni si sono fatti come dire un culo così, ma proprio un culo così e per decenni dopo generazioni ci campano dietro.
I tempi cambiano allora non è come ora, ora non è come allora.
E quindi?
Ogni tempo ha le sue beghe e ogni tempo va adoprato a suo modo.

Roberto Bandini 15.06.06 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con il Nobel (come potrei non esserlo)...io sono un piccolo imprenditore siciliano, sono anche diversamente abile, opero in una terra "difficile" e, pensate, mi occupo di verde, sì proprio di verde; ho un garden e insieme a mio cognato e mia moglie lavoriamo e facciamo lavorare altre 10 persone...piccoli numeri che diventano grandi in terra di Sicilia.
Giorni fa ho appreso una notizia a dir poco sconcertante: i miei "dipendenti regionali" gli onorevoli di tutti i colori (rossi, neri e a pois) prendono uno stipendio netto di 18.000 euro al mese, stipendio che può arrivare fino a 26.000 se sei Presidente della Giunta o dell'Assemblea; personalmente non riesco a guadagnare 18.000 euro nemmeno in un anno di lavoro (e pensare che in alta stagione lavoro non meno di 10 ore al giorno); la notizia l'ho tratta da un quindicinale siciliano "L'obiettivo" ;
Vi chiedo: ma è possibile?
Io gradirei che un onorevole siciliano qualsiasi mi smentisse, sarei davvero felicissimo sentirmi dire (con fonti alla mano, evidentemente,) che ho detto una "minchiata" ...perchè così, caro Beppe, precari lo siamo tutti...i nostri dipendenti guadagnano troppo per capire i problemi di noi poveri mortali...sempre da questo giornale leggo che fra le altre cose un onorevole della regione Sicilia ha le spese mediche in clinica in Italia e all'estero PAGATE A VITA ANCHE PER I FAMILIARI...mentre io per avere la protesi, che mi permette di guadagnare le briciolette e pagare tasse e contributi, devo ogni volta seguire un iter burocratico "dantesco"
Saluti Cari a tutti Voi dal profondo SUD

Aldo Adamo 15.06.06 13:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo Stato deve progettare la costruzione di case in grande quantità e darle in affitto ad un prezzo equo. In questo modo si interverrebbe sulla domanda/offerta calmierando il mercato.
Oltretutto questo darebbe lavoro a molti e sarebbe un volano per l'economia. I parassiti che vivono di rendita sugli affitti devono sparire. Questi parassiti evadono anche le tasse.
E l'Italia sta affondando. Governo Prodi, occorrono scelte coraggiose!

Orlando Mistico 15.06.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao Beppe sei un grande!
Quello che sarà il nostro futuro noi non possiamo saperlo, possiamo solo sperare in un nuovo rinascimento dove l'arte del fare sia apprrezzata e il dio denaro sia solo un servo e non un padrone!!

Angelo Nizza 15.06.06 13:12| 
 |
Rispondi al commento

CORRIAMO, CORRIAMO, MA...

Seguendo i vari interventi, tutti minuziosi, costruttivi, meritevoli di attenzione e di appoggio incondizionato, a questo punto mi chiedo: ma il secondo Stato Italiano, quello finanziario, quello che si fa chiamare Confindustria, che ha al suo interno un immenso potere politico, cosa ne pensa?
Rispetto a: Aumento della remunerazione dei precari.
Porre un tetto massimo alle imprese per l’utilizzo di precari.
Chiarezza nell'interpretazione del CNNL.

CON IL FRENO A MANO...TIRATO.

By Gian Franco Dominijanni


Cari amici del Blog, riflettete su questo:
ci fanno credere che le impietose leggi dell'economia hanno stabilito che l'occupazione cresce se crescono i consumi, i consumi crescono se crescono i salari e così via...bene, anzi male, perchè da noi l'occupazione scende, i salari calano e i consumi crescono, avete letto bene, crescono poichè si sono "Inventati" il credito al consumo che ha avuto e avrà l'effetto di rovinare migliaia di famiglie. Abbiamo acceso mutui per la casa, ci siamo comprati il videofonino, il plasma tv, l'automobile, ci siamo rifatti il seno, gli occhi, la bocca, il naso e anche il culo e poi...andiamo in vacanza a porto cervo, a s. moritz, tutto questo senza potercelo permettere ma chissenefrega, si vive una sola volta. Ci hanno fatto credere che si è felici se si possiede qualcosa di materiale, alla moda, come Costantino o Totti, dimenticando di insegnarci che la felicità può essere qualcosa di molto più semplice, come il sorriso di un bimbo, il sole che nasce o un fiore di primavera. Consiglio: smettiamola di dare la colpa agli altri, se vogliamo cambiare il Paese dobbiamo prima cambiare noi STESSI. ciao, ciao

nardi roberto 15.06.06 12:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
Sono Alberto Serra di 22 anni dalla provincia di Cagliari. Ti parlo a nome di tanti giovanissimi laureati sardi.
Tante volte ho scritto dei commenti in cui parlavo del lavoro precario in Sardegna e nel sud dell'Italia.
Sono davvero contento che pubblicherai un libro con tutti i nostri post sul lavoro precario.
Questo post te lo invio per dirti che forse ora ho trovato un lavoro, si tratta di un call center alla Tiscali, però un call center help-desk inbound (tante parole inglesi per far credere che è un bel lavoro forse). Si tratta di un call center in cui tu ricevi le chiamate e devi cercare di risolvere il problema del cliente, un call center di assistenza insomma, non quei call centere dove chiami tu a casa per vendere dei contratti tele2,telecom,vodafone ecc.

Mi devono dare una conferma venerdi. Sarei contentissimo se mi assumessero, anche perchè è l'unica cosa di buono che un giovane laureato in informatica riesce a trovare ora a Cagliari.
Purtroppo tanti laureati si trovano a lavorare di fronte a un computer e a un telefono, ritrovandosi con un brutto lavoro dopo anni di sacrifici di spese e di studi.
Spero che la situazione cambi al più presto

grazie di tutto beppe

a presto

Alberto Serra 15.06.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei segnalarvi alcuni dei risultati del lavoro di Tesi, presso l'Università Cattolica di Milano, di Venusia Covelli che attualmente svolge una tesi di dottorato presso la stessa università. La ricerca riguardava il mondo del lavoro e le implicazioni che ha nella vita delle persone la 'flessibilità' così come intesa dai politici che ci hanno governato. La maggiore incertezza dovuta a questi contratti spinge le persone a votare a destra. In altre parole, piu' ho un lavoro saltuario, e più è probabile che alle prossime elezioni scelgo un partito di destra. Aggiungo io, per par condicio, che gente che ha o vuole un lavoro a tempo indeterminato, vota a sinistra, ove sa che sarà sempre protetto da leggi antilicenziamento tanto care alla sinistra, naturalmente in qualche bel posto statale o parastatale. Forse i nostri politici non lo sanno? Dubito fortemente che ignorino simili effetti. Meditate gente, meditate.

Massimo Sorbara 15.06.06 12:07| 
 |
Rispondi al commento

MA PERCHE' NON LO SI FA QUESTO BENEDETTO SCIOPERO DEI PRECARI!!!!!!

calcolando che la pubblica amministrazione non solo utilizza co.co.co. ma, molto peggio, appalta fior fiore di servizi a ditte esterne con gare al ribasso, le quali sfruttano co.pro. sottopagati con flessibilità inesistente (perchè i padroni sono 2 e dicono e pretendono 2 cose diverse e ci sitrova nel mezzo: per mantenere il lavoro occorre accettare tutto da ambo le parti.... anche lo stipendio di dicembre 2005 pagato dopo 8 mesi (e qui parlo di coop. rosse e amministrazioni di sinistra).
PS: sono di sinistra e questa cosa mi indigna ancora di più!
BEPPE PERCHE' NON L'ORGANIZZI TU LO SCIOPERO!

tenete duro precari, uniti siamo una forza è che ci vogliono convincere che non è vero!

cocorico 730 15.06.06 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe
trovo che le tue proposte per migliorare le condizioni lavorative dei giovani siano molto buone e giuste. Io però aggiungerei un'altra proposta. L'idea mi è venuta leggendo le modifiche applicate all'articolo 3 del contratto nazionale dei lavoratori. Tali modifiche prevedono che un'azienda non possa tenere un lavoratore a tempo determinato per più di 48 mesi in cinque anni. Questo appare, al lettore poco attento, come un modo per consentire alle persone che hanno lavorato per molto tempo in un'azienda di essere assunte. In realtà le aziende hanno recepito la modifica in modo un pò ambiguo: scaduti i 48 mesi le persone vengono cacciate e sostituite con altre nuove che possono essere sfruttate a tempo determinato per altri 48 mesi. E ricomincia il ciclo. La vera modifica che andrebbe fatta è questa: "le aziende non possono sottoscrivere contratti a tempo determonato per più di 48 mesi in 5 anni". In questo modo scaduto il termine le persone o vengono assunte o vengono cacciate, ma qualora venissero licenziarte l'azienda non potebbe rimpiazzarle con altre a tempo determinato perche avrebbe gia coperto i 48 mesi previsti dalla legge. Qualora decidesse di riassumere dovrebbe farlo a tempo indeterminato. Io credo che questa legge non sia frutto di un errore di interpretazione ma che sia un'ambiguità voluta per dare potere alle aziende facendo credere il contrario.
Grazie

Simone Mantini 15.06.06 11:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti...ecco a voi l'esempio lampante di lavoratore precario...con partita iva ...che dopo anni di lavoro con ferie non pagate malattie idem per non parlare di ore straordinarie lasciate al tempo che trovano.....trovarsi senza lavoro ...e sapete dove lavoro? al MINISTERO DEGLI ESTERI...si proprio qui...i tagli si fanno sentire ...e insieme a me se ne devono andare circa 5\6 persone(il famoso 10%)
grazie PRODI-GIO

francesco dezi 15.06.06 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno Beppe, mi congratulo con te, che con il post di oggi, riprendi un' argomento e un discorso rimasti in sospeso, nonostante che sia attualissimo e per ora molto lontano da essere risolto. Ciò avviene in tutto il mondo, ma è evidente l'Italia è, tra i paesi occidentali, molto in alto in questa perversa graduatoria. Il discorso di Joseph E. Stigliglitz è molto chiaro ed esplicito , ma non c' è peggior sordo di chi non vuol e/o forse non può intendere; tali sono tutte le categorie di datori di lavoro italiani (fatta qualche rara eccezione) che, nel nostro paese potrebbero, almeno tentare di risolvere le gravi problematiche inerenti il lavoro precario , i contratti a termine , i vari co.co.co, il lavoro nero , quello giovanile, ect. A parte situazioni gravissime, per risolvere le quali , bisognerebbe poter intervenire con provvedimenti punitivi ( parlo di multe in denaro ) è tutto il quadro, che è desolante e ingenera situazioni nelle quali i singoli lavoratori, sono totalmente indifesi, perchè ricattati , loro malgrado, dal fatto che denunciando certi licenziamenti, effetttuati dalla sera all mattina dopo ( ad esempio perchè si sono assentati mezza giornata dal lavoro per sostenere un esame per perla patente di informatico internazionale, avendo richiesto un permesso nella forma e nei modi dovuti, permesso rifiutato) naturalmente rischierebbero di non essere mai più chiamati a lavorare. Ciò non avviene in paesi del sud Italia , ma nella civilissima Val d'Ossola, in fabbriche, tipo tubifici dove fanno le saldatrici , giovani donne, con fior di titoli di studio.
Il discorso è molto lungo e la soluzione è complessa e richiederà tempi lunghissimi, per essere risolta Io penso, che nell'attuale governo Prodi molti Ministri , segretari , parlamentari siano determinati a risolverlo , ma è la situazione generale economico politica frutto di almeno quindici anni di mal governi,che ha portato ad una situazione veramente "Precaria" del nostro paese.Ti saluto laura

Laura Marchini 15.06.06 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Preg.mo Prof. Romano Prodi
Formato il Governo e varato il programma dei primi 100 giorni, continuo a ricordarLe, a nome dei miei due nipotini gemelli che avevano 15 mesi ad Aprile, una promessa da Lei fatta più volte in campagna elettorale: la somma di Euro 250 al mese, a sostegno di ogni bambino, sino al compimento del 18° anno di età (nel programma non c’è, purtroppo, traccia del provvedimento),. Questa nota verrà ripetuta periodicamente, in attesa del relativo provvedimento. I soldi è facile trovarli per tutti i bambini: basterebbe ritoccare un po' le "pensioni d'oro" ( partono da EURO 586 AL GIORNO in SU !). Sono moltissime le “pensioni d’oro” e un piccolo ritocco fiscale a queste mega-rendite pubbliche consentirebbe il reperimento di notevoli risorse finanziarie, senza creare alcun problema di sopravvivenza ai “pensionati d’oro”.
Con la più viva stima
Postato da Pietro Rossi (a partire dal 11/04/06)

pietro rossi 15.06.06 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro GRILLO e..... cari GRILLINI !
cerco di raccontarVi una antica storiella che, a sua volta, mi è stata raccontata molto tempo fà e che ben si addice all'argomento ed ai tempi di oggi.

Un ricco signore per i suoi spostamenti si avvaleva di una sua bella carrozza trainata da un baldo cavallo e condotta da un bravo vetturino.
Durante un ennesimo spostamento faceva osservare al vetturino la brillantezza di traino del cavallo:
- E' proprio un bel cavallo! Và che è una meraviglia!....... Quanta biada gli dai ogni giorno!?!
20 kg. risponde il vetturino.
- Si, il cavallo và proprio bene, però la dose di biada mi sembra esagerata. Prova a dargliene di meno!

Nei giorni successivi il ricco signore:
- Hai ridotto la dose di biada?
sì, risponde il vetturino.
- Hai visto? il cavallo continua ad andare bene, secondo me puoi ancora ridurre la razione!
......
I viaggi continuavano (magari aumentavano)
la razione di biada continuava a diminuire
Il ricco signore era contento per il risparmio realizzato
il cavallo continuava a tirare.

FINCHE' UN GIORNO!
- Signore,il cavallo è morto! Dice il vetturino addolorato.
- Oh che peccato, proprio adesso che il cavallo si era abituato a mangiare e a costare molto poco.... pensa ... solo 5 kg di biada! Risponde il ricco signore.

Ciao a tutti.
N. B. - scusate se il mondo dei precari potrà identificarsi con il povero e incolpevole cavallo. Nessuna intenzione.

effe bi

francesco bavila 15.06.06 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Tutto sommato la legge 30 ha migliorato le condizioni precedenti anche se questo non è assolutamente soddisfacente. Mi sorge però una domanda dovuta all'esperienza, la pubblica amministrazione che abusa dei co.co.co. che può ancora mettere sotto contratto e che in violazione alle norme esistenti in materia obbliga ad orari di lavoro (per definizione non vige alcun obbligo orario per il collaboratori siano essi cococo o a progetto) e spesso aggira il problema della mancanza di personale con queste persone....
Posso quasi giustificare chi sfrutta la legge per i propri interessi ma che sia la pubblica amministrazione che non solo la sfrutta ma addirittura la stravolge?!?!?!?

massimo padoan 15.06.06 11:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pardon: breve parentesi fuori tema.
Ma in tema con il problema di questo periodo.

INVECE DI MODIFICARE L'INAPPLICATO...

Premetto di non essere contrario alle modifiche in generale, tutto è migliorabile.

Ma, mi chiedo, come si può modificare un qualche cosa che non produce effetti perché è inapplicato o applicato parzialmente.

Abbiate un attimo di pazienza e andate a leggerla in questi indirizzi.

http://www.quirinale.it/costituzione/costituzione.htm
oppure in formato "pdf"
http://www.quirinale.it/costituzione/costituzione.pdf

E pensate, oggettivamente, che questa nostra società e, chi ci governa, può rispecchiarsi in questi principi.

Personalmente penso proprio di no.

Penso che i giuramenti, fatti sulla costituzione siano più di rito che di rispetto del contenuto.

E' auspicabile che, chi ci "governa" giuri davanti al Popolo Italiano di rispettare i contenuti della Costituzione Italiana, "impegnandosi di applicarla".

Dal 1948 ad oggi sarebbe già un grossissimo passo avanti per il Popolo Italiano.

Fermorestando che l'italia è un paese che produce grandi quantità di Leggi che spesso risultano inapplicabili, controverse o non vengono applicate.

E' ovvio che dietro il cambiamento di facciata, vi è un evidente atteggiamento politico ricattatorio, nascosto tra le righe delle modifiche.

APPLICHIAMO L'INAPPLICATO...POI SI VEDRA'.

By Gian Franco Dominijanni


Caro Beppe

Ho letto con molta attenzione sia l'intervento del premio Nobel che tutti i commenti degl'altri iscritti. Secondo me si trascura da molte parti un problema di fondamentale importanza: La differenza tra quanto un lavoratore percepisce e quello che il lavoratore stesso costa alle imprese. In Italia Avere un dipendente significa sostenere costi altissimi al di la del misero salario che questo percepisce. questa situazione porte le imprese ad appoggiarsi al lavoro flessibile che ha costi decisamente più bassi. Se la riduzione del cuneo fiscale, priogrammata dal governo verrà attuata con equità, credo che gli effetti si faranno sentitre sia sui salari dei lavoratori che sulla precarietà del lavoro (se un lavoratore costa meno, lo si assume più facilmente). Purtroppo, come al solito, penso invece che gli effetti di questa legge gioveranno ai soliti noti e noi lavoratori rimarremo ancora una volta con le pive nel sacco

Giacomo Fabrizi 15.06.06 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi hanno negato un mutuo casa perchè "prendo troppo poco"...ho chiesto 70000 euro in 20 anni ed il mio stipendio è di 1300 euro.pensavo di prendere non male,ma la situazione è peggiore di quello che pensavo..la casa è un bilocale in mezzo ai campi in provincia di Brescia.Sono riusciti a farmi sentire un pezzente!!!ho appena scritto a Prodi dicendogli che è ora di finirla con belle parole..per i dipendenti ci vuole il 50 per cento dello stipendio in più..che tirino la cinghia anche le grandi lobby per qualche anno.Se non spendiamo noi,l' economia come fa ad andare avanti?

simone agliardi 15.06.06 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
l'utilizzo di figure professionali di alto profilo per mansioni inferiori (ma di molto!) è un processo tristissimo e irreversibile iniziato ben prima della legge Biagi...Mi riferisco all'affair Telecom (!!!), e al baratro aperto da Colaninno nel 1999 per molte persone che ancora oggi (quando non licenziate con altri mezzi) subiscono questo genere di "violenza" purtroppo senza reagire per paura di finire ancora peggio, cioè nelle varie esternalizzazioni con conseguente licenziamento che ben conosci...Siamo in tanti e ci sentiamo dei "desaparecidos"...Per quanto mi riguarda fino al 1999 ero un quadro, stimata, piena di titoli e di entusiasmo, avevo un ufficio e un bellissimo lavoro, che portavo avanti con passione e impegno...Alla fine del 1999 io, monoreddito, divorziata, con due figlie di cui una con handicap, improvvisamente sono stata messa, dopo 4 mesi di isolamento in un ufficio vuoto tra i famosi 800 in cassa integrazione e quando ho ripreso servizio dopo un mese (solo grazie alla 104) mi hanno fatto ricominciare tutto da capo in mobbing facendomi perdere tutto, in dignità, in danaro, nei rapporti con gli altri...soffro di depressione ormai da tre anni, una fottuta paura di ammalarmi con qualcosa di peggio... non ho alcuna prospettiva di migliorare...ho 53 anni, 31 di anzianità e chissà quanti ancora per continuare a "spegnermi" qui dentro, un mutuo da pagare...Potrei far causa all'Azienda ma ho paura (il nome indicato è uno pseudonimo), paura di non farcela, ho bisogno di aiuto e soprattutto di un buon avvocato, che non posso pagare. I sindacati? Sono stati loro a concordare quell'osceno accordo con la TELECOM!!!...

Sabrina De Luca 15.06.06 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a mio parere il problema dei posti di lavoro in italia è semplicemente un effetto collaterale provocato da un eccesso di assistenzialismo nei confronti di alcune categorie di " lavoratori ".
esiste da anni un "carrozzone" di persone improduttive che per recuperare 1 euro ne spende 50, che fingono di essere utili per dare una ragione alla propria vita lavorativa, che hanno contratti di lavoro senza senso, in alcuni casi se commettono reati penali nella propria azienda non possono neanche essere licenziati. i soldi che servono al rilancio economico, allo sviluppo di una risorsa naturale della nostra nazione, che è il turismo, vengono distribuiti a questo carrozzone, che serve solo a dare voti al governo, di destra o sinistra non importa!! in italia non si produce ricchezza, i soldi che potrebbero arrivare dall'estero grazie al turismo sono sempre meno.. il perché ? è semplice, tutto costa il doppio, le infrastrutture non si costruiscono, e di conseguenza non cresce l'occupazione.. ogni persona che produce ne ha almeno una che controlla, qualunque cosa si voglia realizzare costa, costa..costa sempre troppo.. domanda… che cosa vogliono fare i nostri politici, continuare a mantenere i voti o risolvere il problema?? Alcune persone diplomate o laureate credono di avere diritto d'impiego privilegiato: lo stato avrebbe l'interesse a dare impieghi consoni a questa istruzione, ma per i motivi sopraelencati non lo fa.. spende per l'istruzione e vi fa lavare i piatti.. ma forse iniziare con la spugna non è male basta non adagiarsi e credere a se stessi fino a trovare occasioni migliori.. il mondo del lavoro ha bisogno di un nuovo principio, quello della MERITOCRAZIA. se si è bravi e volenterosi le strade devono aprirsi! con questo non voglio dire che i meno bravi non hanno diritti, intendo dire che se l'economia, la tecnologia, lo sviluppo sono capitanati da persone veramente capaci, il rilancio economico è certo.. a tutti i livelli chi non è capace, deve cambiare mestiere!

vittorio ciuffardi 15.06.06 10:47| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe... che dire...
sento ancora qualcuno in giro che afferma he la legge biagi ha aumentato l'occupazione...
mi dicono "tu non dovresti parlare perchè grazie alla legge hai trovato lavoro"...
COOOOOOOSAAAAAA!?!
devo pure ringraziare? col contratto che ho?
se non avessi trovato lavoro mi sarei adattata a fare di tutto... anche tre lavori al giorno di un paio d'oba a volta... non c'è nessun lavoro umiliante... l'umiliazione viene da come ti trattano...ti ritrovi a 30 anni, laureata, a fare fotocopie da anni... come puoi pensare di sposarti con un contratto che non ti garantisce stabilità? i figli come li mantieni? e poi nel mondo dicono che gli italiani sono un popolo di mammoni che non vogliono staccarsi dalla famiglia. non vogliono? NON POSSONO!!!!
come me credo ci siano molti ragazzi che vogliono crearsi una famiglia. vai in banca (ti fai il segno della croce prima di entrare) ti guardano in faccia... guardano la tua busta paga e se non si mettono a ridere ti dicono "la nostra banca non ha un'offerta che risponda alle sue esigenze" ... e sono pure stati educati...

sara guglielmo 15.06.06 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Leggevo un post di prima ed ho pensato: e se i precari, Co.Co.Co, i dipendenti a progetto, i dipendenti con contratto a tempo determinato facessero uno sciopero? Quante aziende resterebbero bloccate?
Saluti
Marco

Marco Calò 15.06.06 10:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, lasciami dire la mia.

Innanzitutto lasciami precisare che ci riempiamo tanto la bocca con le parole "Legge Biagi" mentre il problema del precariato inizia ben prima di questa! Inizia dall'introduzione dei Co.Co.Co. fatta col cosiddetto "Pacchetto Treu" (1° governo Prodi).

Secondo la mia personalissima opinione se si volesse fare una VERA politica SERIA dell'occupazione bisognerebbe effettuare delle scelte drastiche e coraggiose, viceversa non se ne esce più.

Una politica seria potrebbe essere questa:

1° ABOLIZIONE di qualunque tipo di contratto che non sia un contratto a tempo INDETERMINATO.
2° Inserire la possibilità per il datore di lavoro di licenziare il dipendente senza troppe complicazioni ma con un congruo preavviso.
3° INTRODUZIONE DI AMMORTIZZATORI SOCIALI come in Spagna ed in Francia: in caso di licenziamento da parte del datore di lavoro lo stato paga al lavoratore l'ultimo stipendio per UN ANNO (in un anno un altro lavoro lo trovi di sicuro).
4° COME IN FRANCIA, in caso di licenziamento lo stato paga al lavoratore dei corsi di formazione per riqualificarlo e metterlo in grado di trovare un'altro lavoro meglio remunerato.
5° COME IN GRAN BRETAGNA, liberalizzare completamente le società di ricerca del personale VIETANDO per legge che le stesse chiedano soldi al lavoratore.

Questo si che darebbe flessibilità e maggiore occupazione.

N.B.
Il sottoscritto non ha mai avuto un contratto a tempo indeterminato.

Giangerolamo Pirinoli 15.06.06 10:23| 
 |
Rispondi al commento

stabilimento siderurgico di taranto ILVA
il terzo stabilimento siderurgico d'europa paga gli operai come metalmeccanici questa è una truffa!!!

Periodicamente abbiamo a che fare con sacrifici umani ,(una vera e propria guerra dei soldi ) nell'indifferenza generale ,da operai a sindacati c'è solo un indifferenza mostruosa . L'ultimo incidente mortale risale ad circa una settimana fa quando un operaio è morto e altri due sono rimasti feriti; la morte dell'operaio, così come il ferimento degli altri due, sarebbe stata causata dall'inalazione di gas tossici. Sul posto sono intervenuti funzionari dell'Ispettorato del lavoro, agenti di Polizia e carabinieri. La vittima è un operaio originario di Mesagne (Brindisi), Antonio Mingolla, di 47 anni, ed era dipendente di una ditta di appalto, la 'Cmt' di Taranto. L'incidente è avvenuto nell'area dell'Altoforno 1. Gli operai stavano eseguendo la manutenzione di una conduttura in cui scorre gas inodore utilizzato per il funzionamento dell'altoforno. Nella conduttura, proprio perché in manutenzione, non avrebbe dovuto esserci passaggio di gas, mentre, per cause ancora da accertare, gli operai sono stati investiti dalle esalazioni altamente tossiche. Esalazione altamente tossiche che gli altoforno sprigionano, dove per lavorare in sicurezza vuol dire essere provvisti di rilevatore di gas che quando segna 25 mmp...bisogna abbandonare l'area.(normativa europea, ma in ilva a 50 è concesso lavorare, in media la rivelazione è sempre maggiore di 100).

le batterie dovevano essere rinnovate per i danni ambientali e per IL TUMORE ai polmoni che viene provocato da una sostanza sprigionata ma i Riva hanno tappato la bocca a più di un Tarantino dando i soldi al Taranto calcio una vergogna
Aiutatemi a raccoglere materiale sulla vicenda al sito
http://handly.bloggers.it

andrea liga 15.06.06 10:16| 
 |
Rispondi al commento

VOGLIO SAPERE SE QUALCUNO BATTE LA MIA ESPERIENZA! FACCIAMO A GARA A CHI E' ANDATA PEGGIO?
Lavoravo in una azienda che poi ha chiuso per "megalomania dell'imprenditore" (mandava al diavolo i clienti, fino a perderli tutti), ma alla fine lavoravo bene anche se duramente. Tutti i miei colleghi dicevano che peggio non avrei trovato. MAI DIRE MAI!
In seguito ha trovato posto come tecnico in una azienda che ha filiari in tutto il mondo. In media lavoravo dalla 9 alle 12 ore (tornavo a casa anche alle 11 di sera). Lo stress galoppava e la notte facevo fatica a dormire (sono arrivato a prendere pasticche per il sonno).
Non venivano mai pagati gli straordinari (va bene qualche volta, non sono così fiscale, ma come ho detto, ogni giorno ne facevo). Se cercavi una giornata o anche mezza ti veniva detratta dalla bustapaga. Comunque mi facevo coraggio, per sperare che le cose si aggiustassero. Dopo 6 mesi la situazione peggiorò, fino a che una mattina svenni, per lo stress accumulato. (Contate che la sola azienza di soli 7 dipendenti,fatturò in un anno dalla mia entrata, circa um milione di euro!)
Il medico mi diede una settimana di malattia e il datore mi chiamò chiedendomi per favore di andare un pomeriggio perchè la fabbrica rischiava di fermarsi. Tanto feci.
Da allora mi rifiutai di fare lavoro straordianrio gratuito, tranne quando ero indietro con il lavoro (quanto sono fesso!). Un sabato mi permisi di non andare al lavoro e il datore mi disse:"Qui si lavora pure il sabato!E Basta!"(testuali parole)
Alla fine feci finta di sentire. Poi appena feci il primo sbaglio tecnico, il datore urlando disse:"Non sei in grado di fare questo lavoro!Prendi il giubbotto e vattene a casa!"
Non si tratta di precario, ma del fatto che chi comanda non capisce minimamente degli sforzi di chi lavora per egli. La paura di rimanere senza lavoro, fa accettare molto compromessi, ma qualche volta sono davvero insostenibili.

Andrea Top 15.06.06 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe il problema è molto complesso e l'intervento pur di grande spessore di un premio nobel che parla sul riferito mi pare assai poco attinente al problema Italia visto che l'Italia deve essere vissuta.

La legge Biaggi ha comunque dato una quantità immensa di contratti in più nel mondo del lavoro, c'è il problema del basso reddito (problema esistente anche nel lavoro a tempo indeterminato) ma le ragioni non dipendono certo dalla legge . Di sicuro con questa legge è emerso una quantità di lavoro nero.

Vogliamo parlare del lavoro nero in Italia quant'è?

E pensi che se fai contratti flessibili con maggior costi come dice Prodi avvicinandoli a quello del lavoro a tempo indeterminato le cose migliorano? ma siamo in italia!!

Questa sciagurata idea farà di nuovo aumentare il lavoro nero è ovvio, ed anche aumentare i redditi mi sembra populista è naturale che ognuno dovrebbe avere un reddito dignitoso ma sia nel lavoro a tempo determinato che con la legge 30 come ho detto prima.

Mia moglie ha vissuto da precaria sia con gli sciagurati contratti co. co. sia con questa legge 30 e sicuramente la legge 30 non consente alle aziende di fare lo schifo che succedeva con i co.co. quindi un miglioramente c'è stato, tant'è che ora è passata da un contratto d'inserimento al contratto a tempo indeterminato.

Quindi ritengo stupido sputare sempre anche su cose positive che sono state fatte, certo si pùò migliorare la legge come tutte le cose ma la strada mi sembra indubbiamente quella giusta.

Francesco Galli 15.06.06 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo in molti interventi il disappunto verso il mondo politico ed i sindacati per la situazione di sostanziale precariato in cui si trovano molti giovani. Alcuni addirittura si scagliano contro i Centri Sociali.
E' un grosso problema e bene si intuisce il grande disagio in cui si trovano molti lavoratori.
Certo la politica ha grosse rsponsabilità, come pure il sindacato.
Mi domando però, cosa fanno in termini di mobilitazione sociale, i tanti precari che si trovano oggi, in queste condizioni.
Mai una protesta, mai uno sciopero, una mobilitazione, un iniziativa sociale di opposizione, mai si è affacciato da parte dei milioni di precari un germe di rivolta a questa situazione.
Non nascondo che tale "inerzia" sulla difesa dei propri interessi, lascia perplessi, ed anche il premio nobel Joseph E. Stiglitz, non manca di raffrontare la situazione italiana con quanto successo in Francia.
Presonalmente poi, sono rimasta di stucco, quando mi è capiatato di sentire alcuni "precari" difendere la legge, in quanto, anche se precario, "un lavoro lo dà".
Io ho un lavoro "sicuro", ma di certo senderei in piazza per solidarietà alla prima chiamata di aiuto.
Ricordate: "l'occhio del padrone, ingrassa il cavallo". Nessuno meglio di se stesso può difendere i propri interessi.
Perciò mi aspetto un pò di iniziativa, un pò di rabbia, un po di sana e opportuna protesta.
Non basta testimoniare la propria situazione nel bolg di Beppe Grillo.
Non basta attendere. Bisogna fare, dire, muoversi, organizzarsi. Avanti, un pò di palle: meno "aperitivi" e più piazza. La Francia ci insegna.

rita liverani 15.06.06 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao.Ho 25,sono lucano.L'anno scorso mi sono laureato in informatica(ordinamento quinquennale)ed ho trovato lavoro in un'azienda del settore della mia regione.Prendo 650euro al mese, vabbe'...Il responsabile mi aveva promesso un aumento,una nuova sistemazione.Ormai sono passati piu' di sei mesi e continua a dirmi "si,ora lo facciamo,ora lo dico alla segreteria...".Ho il vago sospetto di essere anche preso per...ehmmm...in giro...
viva l'italia...

Sandro Stefanini Commentatore in marcia al V2day 15.06.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento

La legge Biaggi va cambiata o nel miglior modo cancellata perchè, a mio modo vedere, ha prodotto una marea di precari senza futuro.
Dico questo perchè sono padre di un figlio quasi 30 enne che ancora adesso non trova un posto fisso e che nonostante il diploma di Perito Elettonico con telecomunicazioni con 44/60 si è adattato ai lavori più che umilianti, operaio addetto al carico di macchina per vernici, operaio con mansioni di assemblatore di apparecchiature elettriche con turno di lavoro, scaffalista con falsa promessa di assunzione poi come commesso sportivo, stage a Milano con i migliori produttori di materiale elettronico per poi essere assunto solo per il mese di Dicembre presso Euronics come commesso venditore (la mancata assunzione è stata motivata dal calo di vendita del gruppo in questione).
Cocludendo mio figlio su 12 mesi lavora 8 mesi e alla astronomica cifra di 900 euro mensili, mi domando come potrà fare famiglia o ottenere un prestito bancario visto che non avendo un reddito fisso difficilmente una banca lo elargirà.
Caro Beppe devo dirti che ultimamente mi sono scoraggiato e l'unico vera gioia è stata quella che mio figlio ha alzato il tasso occupazione del governo del nano.
Togliamo la legge Biaggi che aiuta solo gli industriali nei profitti e non procura posti di lavoro stabile e riqualifichiamo il vecchio ufficio di collocamento perchè le cooperative di lavoro (Manpower,Adecco,Ranstad,Umana accidenti ma quante sono per del lavoro che non c'è)mi puzzano tanto di marcio.

Gianpiero Cesana 15.06.06 09:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao..sono sempre il ragazzo di prima..volevo chiedere un'ultima cosa...perchè non ci mettiamo daccordo tutti assieme, magari chiedendo aiuto al nostro mitico Beppe, e facciamo sentire quello che abbiamo da dire (non con violenza ma civilmente)?..il mio collega mi faceva ben notare che oramai di precari come me(e come noi) ce ne son fin troppi e se ci "fermiamo" noi, possiamo mandare in tilt banche, call center ecc..almeno poi capiranno che ci vuole una svolta!...è una mia idea, spero la pensiate come me. Grazie di nuovo

Emanuele

Emanuele Colognese 15.06.06 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Sono un imprenditore del settore delle costruzioni. Ho avviato da poco questa attività ed ho assunto un giovane geometra con un contratto "a progetto". Le modalità di assunzione ed il rapporto di lavoro erano perfettamente coerenti e lagali in rapporto alla attività svolta anche se di fatto il rapporto era comunque in effetti di dipendenza. Dopo 10 mesi, verificate le qualità del collaboratore, ho ritenuto doveroso procedere ad una assunzione regolare. Il costo del dipendente è passato da circa 15000 euro l'anno a 29000 euro con un aumento in busta paga per lui di 150 euro mese.
Da questo derivo alcune considerazioni:
erano molto meglio i contratti di formazione,
la legge Biagi consente di fatto di assumere con stipendi inferiori a quelli sindacali con il risultato che il lavoro precario costa meno di quello a tempo indeterminato (follia),
il solo carico fiscale per un neo assunto (stipendio minimo sindacale) è pari a circa il 30% del netto in busta paga (follia),
un neo assunto nell'edilizia guadagna più di 1000 euro/mese per 14 mensilità più TFR, se vive in famiglia è un benestante, a fine carriera non guadagnerà più del doppio, se avrà moglie e due figli sarà un morto di fame, di questo la responsabilità è della politica ma anche dei sindacati.

Augusto Merletti 15.06.06 09:49| 
 |
Rispondi al commento

LEGGE BIAGI perchè si è abusato del nome di un grande uomo


La legge Biagi fu così chiamata per distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dagli effettivi contenuti di quella legge mostruosa chiamandola con il nome di un martire!.......

continua a leggere questo post su"la guerra dei poveri"e lasciaci un commento il tuo pensiero è fondamentale
http://handly.bloggers.it

andrea liga 15.06.06 09:44| 
 |
Rispondi al commento

i quadri delle organizzazioni sindacali ,sono i rivoluzionari del 68:se fossero riusciti a cambiare le cose ce ne saremmo accorti .di conseguenza il sindacalista e spesso un oltre cinquantenne disilluso che lamenta l`inerzia e la mancanza di "combattivita" dei giovani

sorrentino giovanni 15.06.06 09:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe e ciao a tutti!...ho letto l'articolo sulla precarietà e volevo portare la mia testimonianza come persona che ha provato, e sta provando tuttora sulla sua pelle, le conseguenze di questa legge del cacchio!!sono un ragazzo di 21 anni, sono diplomato in elettronica-informatica e lavoro da 2anni e mezzo. In questi 2 anni e mezzo ho lavorato in 7 aziende differenti, "collezionando" (pensate!)la bellezza di 9 contratti (7 contratti a progetto e 2 come stagista)!!...è vero che tutti mi dicono "...ma sei giovane..hai tutta la vita davanti.."ecc..quello che mi fa più rabbia è che l'80% delle aziende del settore per cui ho studiato, chiedono giovani con minimo 1-2 anni di esperienza 'continua' (e non 6 mesi da una parte, 4 dall'altra e via discorrendo) e usano slogan che attirano e poi ti fregano con questi contratti e per giunta con stipendi da miseria!!! (il mio stipendio più alto è stato di 800€). Di solito sono ottimista e quindi spero che cambi qualcosa per noi giovani e per i precari in generale che ci sono nel nostro paese dato che la voglia di lavorare non mi manca di certo! Ringrazio Beppe Grillo per avere dato "voce" al mio sfogo (se così si può chiamare). Un saluto a tutti

Emanuele

Emanuele Colognese 15.06.06 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Io ho iniziato a lavorare nel gennaio del 2002, dopo aver conseguito una laurea in ingegneria. Il mio primo stipendio l'ho discusso in lire (dicembre 2001) mi accordai per una cifra prossima ai 2000000 di lire. E mi disse bè non ce male per iniziare!!! Peccato che Io lo stipendio in lire non l'ho mai preso, perchè è arrivato l'euro. Sei mesi dopo lo stesso stipendio valeva molto meno, basta pensare che una pizza era aumentata anche del 200% ... tutto ciò per "finanziare" la carriera politica europea del sig. Prodi e al di là di qualsiasi legge Biaggi. Ho un contratto a tempo indeterminato, ma questo non mi da garanzie maggiori di uno a progetto, visto che la mia azienda è in crisi e non arriva a 15 dipendenti. Quello che voglio dire è che forse il problema non è nella singola legge, ma in un discorso più ampio. Ciao

Matteo Colombo 15.06.06 09:26| 
 |
Rispondi al commento

parole parole parole parole..........
L'Italia è un caso a parte ...direi da circo.
Il bello di questo grande circo è che i buffoni sono i nostri capi.
Sindacati ma dove sono? che si vergognino!!!
Per i rampanti che dicono che il lavoro dipendente è feccia, sappiano che loro mangiano grazie ad esso e non sputino nel loro piatto

Alberto Bedin 15.06.06 09:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno a tutti. é da un mese che ogni mattina leggo i vostri articoli e mi informo con voi.. devo però esprimere un disagio dovuto al modo superficiale e confuso di trattare un numero così vasto di argomenti..alla fine non mi rimane che un senso di fastidio. Perchè non provate a trattare un argomento a settimana? non é certo congeniale alle "necessità"della rete, sicuramente ridurrebbe il numero dei commenti e dei contatti ma determinerebbe di fatto una coscienza più attiva.
cordialmente. Francesco Cimino

francesco cimino 15.06.06 09:10| 
 |
Rispondi al commento

contratti a tempo indeterminato o determinato/co.co.pro.? ... ma non e' un falso problema? chi paga 2 lire di stipendio ad un bravo impiegato/collaboratore al quale tiene perche' lo considera molto valido? con il rischio di vederlo prendere il volo per altri lidi? un contratto a tempo determinato non puo' essere uno stimolo x dare il meglio e crescere? il posto fisso non puo' essere un freno alla crescita (umana ma anche aziendale)?

ricky rossi 15.06.06 09:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA verità cari amici miei, è che in italia, i giovani, compreso il sottoscritto, sono muti e inermi di fronte allo sfruttamento delle risorse lavorative.Si critica tanti i francesi, ma di sicuro lo spirito rivluzionario ce l'ahnno ben fresco nelle loro anime.
In questo paese di pulcinella sono dieci anni, dall'introduzione della Bassanini, che ci prendono per il c..., abbassano i salari, contratti a progetto, di cui non si conosce mai il fine, e contributi pensionistici ridicoli.
Dove sono i sindacati in questi momenti?Dove sono tutti i centri sociali che rompono le scatole per cavolate varie, ma non si rendono conto che sono fuori dalla dicussione del loro futuro?
Possibile che in italia, chiunque governi, può fare quel che vuole sulla pelle dei lavoratori senza che nessuno dice niente?Il problema è vero che riguarda maggiormente i giovani, ma, io ne sono testimone, ho visto gente di 60 anni(vi rendete conto!!!) fare colloqui con me nelle agenzie di lavoro interinale:E' UNA VERGOGNA!!
Perchè non inondiamo di mail di proteste e di consigli il sito del ministero del precariato?Qualcuno ci dovrà sentire, prima o poi, o come dice il buon Grillo:TAnto comunque non ci sentono.
Forza ragazzi, anche i nostri antenzati han fatto guerre e rivoluzioni, e noi ce la facciamo mettere in quel posto senza dir nulla?Beh se è così vuol dire che siamo in un paese di finocchi!
Meditate gente, meditate.

Cosimo Lazzàro Commentatore in marcia al V2day 15.06.06 08:51| 
 |
Rispondi al commento

non diciamo fesserie. non mi sento schiavo di nessuno e grazie alla legge biagio mangio e vivo bene tutti i giorni. comunisti abolitela così verrò a elemosinare da voi che mi trasformerete in schiavo

fabio rioldi 15.06.06 08:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I moderni schiavi sono solamente quegli extracomunitari o comunque tutti coloro che si allontanano dai loro siti naturali per avventurarsi in posti ignoti e per tentare di lavorare. Mi riferisco anche a tanti meridionali italici. Si pensi alla FIAT....
Coloro invece che, pur vivendo da sempre nella loro terra natia, ricca o povera che sia, e che continuano ad elemosinare lavoro ed aumenti di paga unilaterali che nessuno loro vuol concedere, mi fanno pena.
Basta solo un pizzico di iniziativa ed anche il più stolto può avere un lavoro. Ma senza essere un dipendente. Dipendente da altri e quindi ancora schiavo.

roberto colla 15.06.06 08:33| 
 |
Rispondi al commento

Questo post è per chi è in grado di intendere...
Nella Sanità, pubblica o privata, il businnes prossimo venturo è la GERIATRIA. Non consiglio di diventare medici geriatri, equivarrebbe ad essere disoccupati, bensi' prendere la laurea in Scienze Infermieristiche e poi specializzarsi in Geriatria...
Nel privato, questa è la mia esperienza, è il "datore di lavoro" che necessita di questa figura, non il contrario...; ergo, si puo' chiedere qualsiasi cosa, compresi i benefit che io credevo accessibili solo ai Top Manager....
Attualmente, sono a contratto con scadenza a tempo indeterminato, coordino il lavoro di circa 20 persone, vitto, alloggio, park auto e lavanderia- sono single- presso un noto istituto geriatrico romano e non ho mai avuto a che fare con contratti o situazioni fin qui lette......e lo stipendio è mediamente sui 2000 € mensili...Non male, a 35 anni

Ugo Rossi 15.06.06 08:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimi ferquentatori di questo blog, vorrei solo farvi ragionare su come i francesi UNA DELLE DEMOCRAZIE VERAMENTE SOLIDE ED ANTICHE D'EUROPA ,le persone sanno farsi sentire quando le cose non piacciono, ed il governo capisce, democraticamente che bisogna cambiare e non li accusa di terrorismo.
Noi italiani ci portiamo dietro la divisione culturale del passato che con l'unione dell'italia non si è riusciti veramente a saldare nell'unità nazionale, e che ancora oggi nelle decisioni importanti ci divide tra nord e sud, tra laici e CHIESISTI, tra terroni e padani polentoni, ecc.
I nostri governanti ci usano a piacimento tenendo igniorante una parte della popolazione con tv spazzatura, scuola assente o qualitativamente scarsa ,e sfuttando l'altra a piacimento per ottenere favori soldi ,compromessi.
Forse tra 10 / 30 anni le cose cambieranno perchè come si fa capire al gatto che per non fare piu' la cacca fuori della cassetta si mette la faccia nella puppu', anche per noi quando arriveremo al punto che non si riuscirà a campare forse le cose cambieranno.
Speriamo solo per il futuro che da qui non sembra proprio bello, ciao a tutti.

matteo di lella 15.06.06 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA' e senza astenuti (ma và?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa euro 1.135,00 al mese.
STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE
STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese
PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)
RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese
INDENNITA' DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00)
TUTTI ESENTASSE
+
TELEFONO CELLULARE gratis
TESSERA DEL CINEMA gratis
TESSERA TEATRO gratis
TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis
FRANCOBOLLI gratis
VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis
CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis
PISCINE E PALESTRE gratis
FS gratis
AEREO DI STATO gratis
AMBASCIATE gratis
CLINICHE gratis
ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis
ASSICURAZIONE MORTE gratis
AUTO BLU CON AUTISTA gratis
RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per ora!!!)
Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l'auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)
La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.
La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO!!
E noi cittadini "tapini" dovremmo risolvere il buco economico?
Oppure risolvere i problemi sulla pelle dei giovani, tutti "precari"?
Come si fa a sopportare tutto questo? Ma siamo proprio dei "co.....i"!!!???

Gianna Scutra 15.06.06 08:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevo suggerire a tutte le persone interessate con contratti a progetto, che progetto non sono, che DEVONO scrivere una lettera firmata contenente tutti i dati identificativi, circostanziata nel modo più chiaro possibile, ed inviarla, alle Direzioni Provinciali del Lavoro, della città in cui lavorano. In alternativa, ed è molto meglio, si DEVONO recare personalmente alla Direzione Provinciale del Lavoro ( che poi sono gli ex Ispettorati del Lavoro) e rilasciare la richiesta d'intervento all'Ispettore di turno.
In bocca al lupo!!
Se lo fate tutti quanti, qualche cosa si muoverà!!!
Faccio il tifo per voi! Forza ragazzi!!!!
un saluto

Miriam D'Addeo 15.06.06 08:05| 
 |
Rispondi al commento

GRANDI NOTIZIE PER IL CALL CENTER INTEGRATO INPS INAIL E PER TUTTI I CALL CENTER INBOUND. Sul sito del Welfare c'è una circolare datata 14/06/2006 facente riferimento al decreto legislativo 276/2003 (nascosta in modo a dir poco mafioso dal vecchio ministro Maroni perchè sotto pressione da ambienti imprenditoriali - VERGOGNA DELINQUENTI) del Ministro Damiano riguardante il controllo da parte dell'Ufficio Ispettivo contro gli abusi del lavoro a progetto nei Call Center.
Nel paragrafo "Criteri di individuazione e specificazione del progetto o programma di lavoro" c'è scritto:
"Nelle attività in bound l'operatore non gestisce, come nel caso dell'out bound, la propria attività, né può in alcun modo pianificarla giacché la stessa consiste prevalentemente nel rispondere alle chiamate dell'utenza, limitandosi a mettere a disposizione del datore di lavoro le proprie energie psicofisiche per un dato periodo di tempo.
Ne consegue che il personale ispettivo, qualora verifichi che l'attività lavorativa come descritta è disciplinata da un contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto, procederà, dovendo ricondurre tale attività alla subordinazione, adottando i conseguenti provvedimenti di carattere sanzionatorio e contributivo."
"Ciò fa si che è senz'altro configurabile un lavoro a progetto, programma di lavoro o fase di esso, SOLO con riferimento alle campagne out bound nell'ambito delle quali il compito assegnato al collaboratore è quello di rendersi attivo nel contattare, per un arco di tempo predeterminato, l'utenza di un prodotto o servizio riconducibile ad un singolo committente."
RAGAZZI RIUSCITE A CAPIRE!!!!!!!!!
NOI OPERATORI DEL CONTACT CENTER INPS-INAIL (E TUTTI GLI ALTRI CALL CENTER INBOUND) NON SIAMO PIU' OPERATORI A PROGETTO,
SIAMO LAVORATORI SUBORDINATI E CI DEVONO RICONOSCERE TUTTO CIO' CHE CI HANNO NEGATO FINO AD ORA (per colpa di un governo Berlusconi che ha fatto gli interessi solo degli imprenditori).
GRAZIE MINISTRO DAMIANO

adriano femminile 14.06.06 21:23| 
 |
Rispondi al commento

Schiavi moderni post n°1: 3200 commenti rraggiunti in un mese.
Forza Ghana 3800 commenti in UN GIORNO.
Questo la dice molto lunga.
La dice veramente lunga sui veri valori della gente media che frequenta

questoblog e non, su cosa ci entusiasma e cosa ci smuove con passione.
Stanno erodendo il sistema pensionistico per il nostro futuro. Ci stanno

precarizzando per 'fare utili' nelle aziende e far rimbalzare a noi il rischio

invece che a loro, grandi azionisti (dopo i risparmi, all'attacco degli stipendi).
E ci infiammiamo SOLO se ci toccano la squadra del cuore, guai se succede.
La polizia (e i soldi pubblici) impiegata agli stadi, altra bella immagine.
Abbiamo il grande fratello? E' perchè un sacco di gente lo guarda.
Abbiamo le prostitute? E' perchè hanno molti clienti.
Ci stiamo indebitando fino all'osso? Ce lo scegliamo noi, nessuno ci costringe.
Siamo il paese con più telefonino al mondo? Siamo il paese che ne COMPRA

di più al mondo, la Svezia quello che ne VENDE di più.
Chi sarà il più furbo? E' dura...
TUTTI i nostri bisogni primari sono soddisfatti, cibo, acqua, casa, vestiti... di

cosa ci lamentiamo? Cosa cerchiamo?
Le stronzate, il superfluo. Vedo una marea di gente al sabato ai negozi di

vestiti, al Me**a W**ld, al M*r*o P*lo Exp**t, o che si prende l'auto NUOVA.
Va là, va là che non stiamo poi così male se l'unica cosa che ci muove gli

animi è il calcio.
Ripensiamo a quali valori recuperare.
Forse è troppo tardi.

Fabio Fabi 13.06.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noi operatori a progetto del Contact Center Nazionale INPS -INAIL con gli amici (sempre a progetto)del Cos.Med. di Palermo abbiamo deciso di unirci per combattere meglio la nostra lotta al precariato e al nuovo "schiavismo" del ventunesimo secolo utilizzando tutti i mezzi possibili. Abbiamo già contattato politici, sindacati, giornali e televisioni e faremo tutto ciò che ci è possibile per continuare questa battaglia di diritto ad un lavoro ed a un futuro migliore. Chiumque voglia unirsi a noi (persone singole o gruppi di persone) in questa lotta potra scriverci all'indirizzo Email trettinco@yahoo.it e/o scrivere il nome nell'Elenco sottostante.
PIU' SAREMO PIU' SARANNO LE POSSIBILITA' DI VITTORIA

Lista "schiavi moderni"
1) Operatori a Progetto Contact Center INPS INAIL
2) Operatori a Progetto Cos.Med. di Palermo
3) Operatori Call Center Poste Italiane

E SIAMO A TRE REALTA'.

FORZA RAGAZZI, UNITEVI A NOI E SAREMO SEMPRE PIU' FORTI NEL CHIEDERE I NOSTRI DIRITTI E PER SPERARE IN UN FUTUTO MIGLIORE

adriano femminile 09.06.06 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Il precariato non fa figli, non fa case, non fa futuro, è solo un circolo vizioso che fa gli interessi di pochi.
Spiegatemi il senso di un contratto a progetto per un operaio o un impiegato! tanto sempre quel lavoro deve fare!
Posso capire i contratti a progetto per dirigenti aziendali ( che se fotti l'azienda almeno salti anche tu!), ma un povero dipendente? ora gli si è vietato anche fare il dipendente !
oltre che a fare la fame.
Ma dovè finito il diritto al lavoro!

Alberto Broggian 22.03.06 12:15 | Rispondi al commento |

Quoto! Ma che caxxo di progetto ci sarà mai, che so?, nel costruire brugole? Sempre brugole sono, sempre con questo materiale vengono fatte, sempre questa capacità viene richiesta e sempre in questi orari di lavoro... Un progetto lo fà un architetto, mica un impiegato o un metalmeccanico, e che cavolo!

Martina Ferrari 09.06.06 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo una vittoria piccolina piccolina per i dipendenti del colosso commerciale Bennet:

http://www.vivereacomo.com/2006/06/07/bennetuna-catena-in-tutti-i-sensi3/

Elena Bianchi 09.06.06 10:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono sulla rubrica che parla di lavoro?
Bene, sono nepalese e lavoro in Italia da 5 anni fino a quando non lo so....
Si parla tanto di limitare l'afflusso si extracomunitari in italia, che si dovrebbero aiutare nel loro paese di origine e bla bla bla.
Siccome è mia intenzione ritornare al mio bel paese di origine il prima possibile con un pò si soldi (duramente, molto duramente...) guadagnati magari per avviare un'attività che aiuti e che offra qualche possibilità di lavoro ai miei connazionali nel...mio paese di origine vorrei capire in virtù di quale logica noi extracomunitari ci vediamo costretti a versare dei contributi pensionistici che nel 99% dei casi mai potremo usufruire (è una innovazione della Bossi Fini prima, leggi Turco Napolitano non era così si potevano riscattare al momento di rientro nel nostro paese...o forse mi sbaglio?). Non sarebbe utile poterli ancora riscattare e finalmente (con gran sollievo per molti...) ritornare a casa e contribuire a migliorare le condizioni del nostro paese. Ci vorrà del tempo ma forse non saremo più costretti ad "invadere" il bel paese.
Ma forse sono io che mi sbaglio molto probabilmente il Governo italiano preferisce utilizzare i nostri soldi giacenti in contributi per "aiutare" direttamente i nostri governi con croci rosse, organizzaazioni umanitarie eccetera eccetera eccetera.
Scusate grazie.

Renu Tamang 08.06.06 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Noi operatori a progetto del Contact Center Nazionale INPS -INAIL con gli amici (sempre a progetto)del Cos.Med. di Palermo abbiamo deciso di unirci per combattere meglio la nostra lotta al precariato e al nuovo "schiavismo" del ventunesimo secolo utilizzando tutti i mezzi possibili. Abbiamo già contattato politici, sindacati, giornali e televisioni e faremo tutto ciò che ci è possibile per continuare questa battaglia di diritto ad un lavoro ed a un futuro migliore. Chiumque voglia unirsi a noi (persone singole o gruppi di persone) in questa lotta potra scriverci all'indirizzo Email trettinco@yahoo.it e/o scrivere il nome nell'Elenco sottostante.
PIU' SAREMO PIU' SARANNO LE POSSIBILITA' DI VITTORIA

Lista "schiavi moderni"
1) Operatori a Progetto Contact Center INPS INAIL
2) Operatori a Progetto Cos.Med. di Palermo
......................................

adriano femminile 08.06.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento

la legge biagi ha fatto si che molti lavoratori "in nero" venissero legalizzati. i contratti a collaborazione coordinata e continuativa sono diventati dei contratti a progetto. il mio, nella fattispecie, prevedeva il progetto di vendere giornali. effettivamente, se proprio andiamo a ben guardare, la vendita di giornali e' un progetto a cui si puo' partecipare, si progetta di svegliarsi la mattina alle 4, si progetta di arrivare sul posto di lavoro, si progetta di sballare i giornali, si progetta anche il tempo che puo' fare perche', in base al progetto, puo' piovere, nevicare, grandinare, si progetta di vendere una quantita' x di quotidiani nel tempo stabilito dal progetto e, alla fine del mese, si progetta di prendere un corrispettivo pari alla quantita' di lavoro effettivamente lavorata, pertanto se stai male, progetta di mangiare di meno il mese prossimo cosi' il progetto fila liscio come l'olio.
ma il mio piu' grande interrogativo e': quando questo progetto arriva agli organi competenti, questi non si sentono un filino presi in giro vista la grandiosita' del progetto? non intentano cause contro chi ha saputo ideare un progetto cosi' importante e cosi' gratificante per il futuro del paese???
insomma se da una parte abbiamo un datore di lavoro con un cervello grosso cosi' per poter creare questo mega-progetto, dall'altra parte abbiamo di sicuro dei responsabili di settore altrettanto intelligenti da approvarli questi progetti perche' se fossero un pezzetto piu' cretini, arriverebbero anche loro a pensare che cosi' facendo il datore di lavoro spende molti meno soldi che con i contratti a tempo indeterminato e se bloccassero questi "progettoni" forse riuscirebbero a non far fare la fame ai lavoratori ed eviterebbero di incassare meno soldi in contributi.
mettiamo tutti i governanti a progetto, se lavori guadagni se non lavori non magni.
patrizia mancini roma

patrizia mancini 05.06.06 21:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe
Volevo chiedere un informazione:io ho 39 anni e come ben tu sai sono tagliato fuori dal mondo del lavoro.
Volevo sapere che cosa posso fare per raccogliere delle firme per abolire questo abominio cioè vietare per legge di inserire negli annunci di lavoro il limite di età in quanto incostituzionale e degradante nei riguardi di quelli che sfortunatamente sono esclusi dal mondo del lavoro in quanto considerati "troppo Vecchi".
A causa di questo io devo sopravvivere a casa di mia cognata con 200 euro ( sì hai letto bene ) al mese guadagnati dalla mia compagna che lavora come parrucchiera una volta alla settimana in nero per 50 euro dopo undici ore di lavoro.
Viva l'Italia.
Distinti saluti
Raise Tiziano

Tiziano Raise 05.06.06 12:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Compagni di sventure del call center INAIL...siamo stati molto contenti di sentire la vostra solidarietà, considerato che sareme in cinquanta e nessuno dei nostri colleghi sfruttati si ribella al sistema...stiamo lottando per farci sentire da circa due settimane...ieri è uscito un articolo sul manifesto...noi stiamo costringendo i sidacati a intervenire perchè, in conseguenza dello sciopero, molti di noi sono stati licenziati...siamo convinti anche noi che sia necessario far sentire la nostra voce. vi indico la mia email di modo che possiamo metterci in contatto!!!Grazie....violantealice@libero.it

alice violante 02.06.06 20:42| 
 |
Rispondi al commento

l' Istat dice che non esistiamo. O esistiamo in proporzioni inferiori a quanto si dice. Pensate che bello fare una manifestazione nazionale a Roma (o dove volete voi)!!!Facciamogli vedere che esistiamo!!!!!!! Fondiamo dei comitati dei precari in ogni azienda. Scavalchiamo il sindacato (per quel che ci aiuta...) e gridiamo il nostro : BASTA PRECARIATO!!!!!

Massimo Formica 01.06.06 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Forza!! Ve lo dicevo al liceo, ma voi entravate a tutti i costi pur di fare bella figura con i professori. Ora da adulti vi trattano come figurine.

Ve lo ripeto con un link:

http://www.bozzetto.com/libert%E0.htm

Angelo Corbo 01.06.06 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

center delle Poste, in Viale Asia
90,
a Roma, nello stesso giorno. Prima, per una settimana, ho seguito un
corso di formazione non retribuito, presso Poste. Il mio contratto,
allora, era un contratto per prestazioni di lavoro temporaneo.
Motivazione: “picchi di lavoro”. Quel contratto ha avuto 4 proroghe,
per un totale di due anni lavorativi consecutivi, sempre con la
stessa
motivazione: PICCHI DI LAVORO. Un picco di lavoro è un’ attività
lavorativa più intensa, alla quale non si può fare fronte con la
manodopera normalmente impiegata. Un’ attività chiaramente
occasionale.
Lavorare due anni di seguito con la motivazione picchi di lavoro
costituisce una frode ai danni della legge e del lavoratore.

Terminati i primi due anni di attività, promulgata la legge Biagi, l’
Ali spa mi ha fatto firmare un nuovo contratto: contratto di
somministrazione a tempo determinato. Il contratto, ancora in essere
e
già prorogato una volta, ha ancora la motivazione picchi di lavoro.
Il
30 giugno del 2006, festeggerò 3 anni e mezzo di attività lavorativa
per “picchi di lavoro”. Questo accade nella quinta azienda del Paese,
non oso immaginare cosa accada nella “piccola imprenditoria che fa
grande l’Italia”.
Un saluto a tutti

Massimo Formica
Piazza Ragusa 47
00182 - Roma
067023664

Massimo Formica 01.06.06 06:59| 
 |
Rispondi al commento

Io sono l’ operatore call center. La mia azienda, l’ azienda
fornitrice, è Ali SPA ( agenzia per il lavoro temporaneo). Il
committente, nella sede del quale lavoro, è Poste Italiane, le
aziende
per le quali lavoro (rispondendo al telefono come se fossi un loro
dipendente) sono Poste, Comune di Roma e Banca nazionale del lavoro.
Il
mio contratto (attualmente) si chiama ‘contratto di
somministrazione’.
Questo è un aspetto del mio precariato: l’ atomizzazione della
direzione lavorativa.
Il contratto di somministrazione, nei termini di legge, prevede tre
soggetti: Lavoratore, Fornitore (Ali), Committente (Poste Italiane).
Nella mia normale attività lavorativa i soggetti coinvolti sono
quattro: Lavoratore, Fornitore (Ali), Committente (Poste) e i clienti
BNL e Comune di Roma. Si chiama “somministrazione illecita di
manodopera”. E’ un reato. BNL e Comune di Roma, in una normale
applicazione del contratto di somministrazione, dovrebbero essere i
Committenti e dovrebbero far lavorare presso proprie strutture e non
presso terzi (Poste) i lavoratori. Ai fini degli emolumenti la cosa
non
è senza importanza. I lavoratori somministrati rispondono per la
parte
economica al contratto collettivo nazionale del committente. Gli
operatori telefonici applicati al servizio Comune di Roma “060606”
dovrebbero essere pagati quanto un dipendente comunale. Gli operatori
telefonici applicati al servizio BNL dovrebbero essere retribuiti
come
un bancario. Nella realtà tutti siamo pagati come un dipendente
postale, senza godere del premio produzione, che contribuiamo
massimamente a far conseguire, rappresentando il 75% della forza
lavorativa applicata sui servizi. Gli emolumenti percepiti da un
operatore telefonico postale sono inferiori a quelli di un dipendente
comunale di pari competenze e di un bancario di pari competenze.

Sono stato assunto dall’ Ali spa in data 3/2/2003, ho cominciato a
prestare servizio presso il call

Massimo Formica 01.06.06 06:54| 
 |
Rispondi al commento

CARI LAVORATORI A PROGETTO DELLA Cos.Med. di Palermo SIAMO CON VOI.
siamo i lavoratori a progetto del call center NAZIONALE INPS INAIL in provincia di Bari a Bitritto. Purtroppo non possiamo unirci A voi perchè abbiamo saputo troppo tardi di questa vostra manifestazione se no saremo venuti anche a costo di un lungo viaggio.
DOBBIAMO INIZIARE AD UNIRCI AFFINCHE' LA NOSTRA VOCE INIZI A SENTIRSI ALTA.
ABBIAMO CONTATTATO POLITICI E SINDACATI, MA SONO TUTTI TIMOROSI DI QUESTO SCHIFO DI LEGGE BIAGI. NON SO PERCHE' MA NON HANNO UN GRAN VOGLIA DI INTERVENIRE A FAVORE DI NOI LAVORATORI SFRUTTATI.
PERCIO' SOLO NOI POSSIAMO AIUTARCI.... DOBBIAMO UNIRCI PIU' POSSIBILE....
FATEMI SAPERE COME POTERVI RINTRACCIARE...
INSIEME SAREMO PIù FORTI..
IN BOCCA AL LUPO PER LA MANIFESTAZIONE

adriano femminile 31.05.06 00:32| 
 |
Rispondi al commento

Palermo, 30 maggio 2006 - Sono in stato di agitazione ormai da una settimana i 1200 lavoratori a progetto della Cos.Med. di Palermo, il più grande call-center italiano.

Lavoratori "atipici" assunti con contratti temporanei che non garantiscono tutele sociali e sindacali, i LAP (SKY) della CosMed ricevono un compenso di appena 70 centesimi lordi per ogni telefonata ricevuta; compenso che l'azienda vorrebbe oggi addirittura ridurre a 60; i LAP (WIND) si uniscono alla protesta anch’essi stanchi di un’azienda prepotente che adotta politiche vessatorie e intimidatorie.

In risposta alle proteste dei lavoratori l'azienda ha "semplicemente" deciso di non rinnovare il contratto ai più sindacalizzati, procedendo alla loro sostituzione immediata.

I lavoratori hanno quindi deciso di avviare uno stato di agitazione con alcune astenzioni dal lavoro.

Domani 31 maggio 2006 dalle ore 8,00 alle ore 15,00 i lavoratori della CosMed MANIFESTERANNO IL LORO DISSENSO INSIEME AI PRECARI DI POSTEL PRESSO PIAZZA CASTELNUOVO.

LAP DI PALERMO E PROVINCIA UNITEVI!!!!

ALICE VIOLANTE 30.05.06 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Palermo, 30 maggio 2006 - Sono in stato di agitazione ormai da una settimana i 1200 lavoratori a progetto della Cos.Med. di Palermo, il più grande call-center italiano.

Lavoratori "atipici" assunti con contratti temporanei che non garantiscono tutele sociali e sindacali, i LAP (SKY) della CosMed ricevono un compenso di appena 70 centesimi lordi per ogni telefonata ricevuta; compenso che l'azienda vorrebbe oggi addirittura ridurre a 60; i LAP (WIND) si uniscono alla protesta anch’essi stanchi di un’azienda prepotente che adotta politiche vessatorie e intimidatorie.

In risposta alle proteste dei lavoratori l'azienda ha "semplicemente" deciso di non rinnovare il contratto ai più sindacalizzati, procedendo alla loro sostituzione immediata.

I lavoratori hanno quindi deciso di avviare uno stato di agitazione con alcune astenzioni dal lavoro.

Domani 31 maggio 2006 dalle ore 8,00 alle ore 15,00 i lavoratori della CosMed MANIFESTERANNO IL LORO DISSENSO INSIEME AI PRECARI DI POSTEL PRESSO PIAZZA CASTELNUOVO.

LAP DI PALERMO E PROVINCIA UNITEVI!!!!

alice violante 30.05.06 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma perchè non seguire l'esempio dei nostri cugini francesi? Se avviene tutto questo, è perchè in parte ce lo meritiamo!!! Possibile che non riesca a capire?
Ciao a tutti, sono una schiava da 12 anni.

Elena Ciampolini 30.05.06 09:50| 
 |
Rispondi al commento

INPS i precari del numero verde
Come già denunciato dalla Cgil territoriale, i servizi della trasmissione “Le Iene” hanno ulteriormente segnalato la situazione dei lavoratori del call center che gestisce il numero verde e i servizi dell’Inps nella provincia di Bari.È incomprensibile che proprio l’Istituto garante del rispetto delle regole della tutela sociale e del lavoro abbia permesso che -a proprio nome- operino lavoratori precari, il cui datore di lavoro, nella maggioranza dei casi, abusa dell’utilizzo di contratti a progetto eludendo così rapporti di lavoro subordinato.Sono poi inaccettabili le condizioni di lavoro degli operatori telefonici di questo call center: lavorano per sei ore al giorno, per 24 giorni al mese per un compenso lordo di 6,37 € lordi all’ora (nella migliore delle ipotesi, guadagnano 700 euro lordi mensili). È possibile interrompere il loro rapporto con soli sette giorni di preavviso senza dover fornire motivazioni, non hanno tutele sociali né indennità in caso di malattia, non hanno diritto alle ferie retribuite e sono davvero scarse le loro tutele in caso di malattia e infortunio.
Infine, nonostante siano, per la quasi totalità diplomati, laureati e particolarmente qualificati non hanno alcun riconoscimento professionale. Non sono queste le tutele sufficienti al rispetto delle regole che l’Inps dovrebbe garantire.NIdiL-Cgil e i lavoratori precari che rappresenta hanno chiesto l’intervento anche del Civ (comitato di indirizzo e vigilanza) e del Comitato di Gestione Separata dell’Inps.
Le richieste di NIdiL-Cgil e dei lavoratori che rappresenta sono:
•L’intervento dell’Inps perché la società che gestisce il call center trasformazioni i rapporti di lavoro a collaborazione in lavoro subordinato.
•La garanzia che sia assicurata l’occupazione a tutti i lavoratori attualmente in forza, e che sia intrapreso immediatamente un percorso negoziale, con le aziende appaltanti, che porti al riconoscimento immediato dei diritti e tutele sociali

adriano femminile 30.05.06 00:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ah dirlo prima..

Bastava dirlo, cosa c’è di male! Mi si diceva: “guarda, sei nato povero pirla figlio di ferroviere, se bene ti va farai il lavoro di tuo padre”; “che bello”avrei detto, biglietti gratis e una divisa; non era proprio quella che fa squagliare la gnocca, ma sempre un certo rispetto incuteva. E per il resto del tempo via.. a giocare per delle ore. Voti scarsini, vita spericolata.. come i nostri papà.

Invece no.

Tua madre manco nascevi ti ricamava dott. sulle mutande. A scuola a 4 anni, l’inglese a 8, scuole superiori “sperimentali”, 3 lingue + 2 morte, l’informatica. Filosofia, diritto, fisica dei quanti. Segui quel paraculo di Piero Angela in televisione, dice che di ingegneri ce ne sono pochi.. (almeno l’onestà intellettuale di non impiegarsi il figlio in casa). Altri 8 anni di studi massacranti, la laurea e…. Un contratto da operaio metalmeccanico? Ma lol..

Adesso si.

Prendiamoli tutti in un angolo e massacriamoli di botte. Porca puttana, bastava dirlo!. La gente parla del futuro negato. E il passato?. La giovinezza passata sui libri? I momenti tristi, traumatici degli esami?
Una generazione con il casco!! Ma se il nostro cervello non vi serviva, porca puttana, si poteva andare in giro in moto fino a 30 anni con la chioma al vento, invece di passarli davanti a un pc e ritrovarsi rapati a zero per la calvizie incipiente.
A quelli che ci dicono che i cinesi sono il problema farei un culo così!! Cazzo, ci volete dire che ci avete tirato su come imprenditori/manager/astrofisiconucleari per farci prendere da dietro da uno che ricama borsette?
E i professori, per dio. Il 25% della tua vita passata sotto le mani di questi torturatori di minikia, per non avere nemmeno la soddisfazione di dire “quello che mi hanno insegnato serve a qualcosa”.

Il futuro.. il passato voglio indietro.

Angelo Corbo 29.05.06 16:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono anche io una schiava, 30anni laureata in ingegneria elettronica,
"Nel 1850 il costo di uno schiavo in America era di 1.000 dollari equivalenti a 38.000 dollari di oggi"
38000 dollari=circa 29700€
ovvero 2480 € al mese di stipendio!! fossero pure lordi va benissimo lo stesso!! invece ne prendo se va bene 1000 e sono tra i fortunati, xkè in area tecnologica "pare" che qualche soldo giri ancora.
Abito a RM, trasferita da altrove xkè con Milano uno dei pochi posti dove si può riuscire a trovar qualcosa,pago 880€ di affitto X 50MQ fuori dal raccordo (x fortuna che divido col mio ragazzo) e i lavori che ho avuto son stati TUTTI precari.
Ho iniziato come segretaria di ag. immobiliare, poi tecnico hardware, poi finalmente pensavo ad posto serio, contratto a progetto 3 mesi con possibilità di rinnovo. passo x 3 aziende, ovvero vengo pagata da una ditta, che viene pagata da un'altra, che viene pagata dal "cliente finale". Morale della favola il cliente finale sborsa 350 € al gg per me, a me ne arrivano si e no 60€ netti senza ferie nè malattia. Questo è NORMALE nel mondo degli informatici. quando chiedo sul futuro mi dicono che devo star tranquilla, xkè la commessa è di LUNGHISSIMA durata, due anni minimo. allora xkè mi fai il contratto di 3 mesi?? nn si può sapere, in cambio finiti i 3 mesi mi fanno UN BEL contratto di 1MESE!!
Avrei TANTI esempi da fare ma i caratteri a disposizione son pochi.
Una cosa xò la devo gridare, TUTTI i ragazzi sotto contratto a progetto dovrebbero FARGLI CAUSA!
FATEGLI CAUSA senza paure! un lavoro a progetto che vi incolla alla sedia x 8h al gg nn è legale! x i contratti a progetto siete liberi, da gerarchie e orari purchè nel tempo stabilito portiate a termine il progetto, ma cavolo una segretaria che progetto ha ?? leggete bene i vostri contratti, xkè il tribunale di roma mi ha già dato ragione DUE volte ! e questi furbacchioni pagano e zitti xkè sanno di avere TORTO MARCIO!!!

Beppe grazie x questo spazio.

Silvia Moretti 29.05.06 16:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
ti scrivo per dare la mia testimonianza assieme alle altre.Non possiamo andare avanti cosi'.
Sono anni che lavoro,in diversi settori e mi sono sempre data da fare.Mi sono specializzata in informatica con corso e tanta ma tanta esperienza.Credo di essere una delle poche tecnico donna in italia ad avere una formazione cosi' completa.Dopo aver lavorato anni per appalti di appalti(anche per telecomitalia come riferimento ibm)ho perso il mio lavoro alla fine del 2003.Con un mutuo sulle spalle non potevo andare a fare lavori a progetto,sembra che sia tutto cosi' adesso il lavoro,specialmente nel settore informatico e specialistico.Cosi' per 2 anni ho fatto l'impiegata da degli aguzzini dei quali non volgio nemmeno ricordare il nome e mandando giu' magoni di ogni genere mi sono fatta forza.Alla fine di marzo 2006 hanno trovato un modo di mandarmi a casa,costituendo una "cooperativa" e mi hanno licenziata.Psicologicamente un enorme sollievo,economicamente una botta tremenda.
Ho trovato presto altri lavori,uno tramite un'agenzia interinale dove mi hanno proposto contratti con livelli inferiori e mansioni poco specializzate.Ma io dico e' proprio possibile pagare noccioline a gente che dove la metti sa lavorare?Lo diceva Bette Davis..era una citazione "date alla gente noccioline ed avrete scimmie a lavaorare!".
Da una decina di giorni,ho stipulato un contratto con un'azienda di informatica che si occupa di hardware e vari servizi abbastanza valida come servizi.Questa azienda offre solo contratti a progetto,ma io sono in attesa di mobilita' e hanno deciso di farmi un contratto a tempo determinato.Quando sono andata al colloquio(250 km da casa mia tra le altre cose)mi hanno offerto un livello inferiore uno stipendio da fame e mi hanno pure detto "noi le donne non le assumiamo peche' si innamorano".Nonostante cio' ho dovuto accettare perche' non avevo altro modo di tornare a fare il mio lavoro.Sto con pazienza cercando un lav +stabile.E' triste e umiliante.

Silvia Mignani Commentatore in marcia al V2day 28.05.06 22:07| 
 |
Rispondi al commento

.....ma coloro che hanno 30/35 anni e sono solo diplomati...che faranno?!?!!?...Puliranno il culo ai laureati?!?!?!?!?!!?
Questa è l'occupazione sociale che ci spetta?!?!?!?

Luca Fortunato 28.05.06 04:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono alice, la ragazza che ha spiegato e pubblicato nel blog la triste situazione che ci vede come protagonisti nel più grande call center di italia...
ABBIAMO ORGANNIZZATO UNA MANIFESTAZIONE DAVANTI ALLA COSMED DI VIA TOMMASO MARCELLINI DOMANI 26/05/06 DALLE H.8,30 ALLE 22,30...
Oggi il primo mancato rinnovo per chi ha osato manifestare il suo dissenso...
L'azienda sta cercando di affondare il colpo nella rassegnazione e nel disperazione...
DOMANI SARA' UN MOMENTO IMPORTANTE>(SPERO!) PER DIRE AI PADRONI CHE NON CI SIAMO ARRESI E CHE CONTINUEREMO A LOTTARE PER I NOSTRI DIRITTI, FUORI E DENTRO!!!!!
Rivolgo un appello a tutti coloro che leggono questo messaggio e che possono prender parte alla manifestazione:E' IMPORTANTE LA PRESENZA DI TUTTI COLORO CHE ANCORA CREDONO CHE LA DIGNITA' SIA UN PRINCIPIO TROPPE VOLTE CALPESTATO!!!!
GRAZIE ALICE

alice violante 25.05.06 22:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

in riferimento agli "schiavi moderni" volevo raccontarti la mia "piccola" storia: sono Riccardo da Firenze, ho 32 anni e attualmente sono disoccupato da tre mesi; precedentemente sono stato dipendente per quattro anni in una piccola società di consulenza informatica (società con meno di 15 dipendenti…).

Inizialmente tale società mi ha mandato a lavorare in maniera continuativa da un loro cliente per tre anni e precisamente presso una multinazionale americana nel settore farmaceutico (che bellezza, eh!): non solo questi mi hanno fatto sputare sangue per tre anni per uno stipendio da fame ma quando questa "grande multinazionale" ha dovuto fare dei tagli ovviamente non ci ha pensato due volte a darmi un calcio nel ****, ma la cosa che più mi fa in******* è che prima di mandarmi via questa "grande multinazionale" si è permessa di fare una grande festa (solo per i dipendenti…) invitando un comico famoso (che no sei tu…) che naturalmente non è andato gratis: gira voce che la festicciola sia costata la bellezza di 500.000 euro (e forse anche il doppio!!) E poi gente che come me ha bisogno di lavorare lo prende nel ****! Questo è solo un piccolo esempio, la punta dell'iceberg di quello che ho dovuto sopportare! Avevo un capo, poverino, succube che si faceva prendere per le p***e da questa "grande multinazionale": gli permetteva che ci trattassero (a me ed i miei colleghi) come veri e propi schiavi moderni!! E dato che io ed i miei colleghi eravamo "esterni" non potevamo: avere ferie, fare carriera, chiedere aumenti di stipendio, ammalarci etc. etc. etc.

Successivamente, la società per cui lavoravo, mi ha obbligato a trasformare il mio contratto da full-time a part-time e dopo qualche mese mi hanno rispedito da un altro loro "grande cliente": una catena alberghiera… anche qui stessa storia: mi hanno sfruttato bene bene e alla fine un bel calcio nel ****!! In conclusione sono stato costretto dalla società per cui lavoravo a licenziarmi, così senza preavviso e s

Riccardo Sodi 24.05.06 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono sempre Gio, e questa volta indirizzo un messaggio sia a Beppe Grillo che a tutti coloro intervengano in questo blog.
Forse la mia è una domanda/proposta stupida...
Mi chiedevo se è possibile creare in Internet una specie di rete di scambio di lavori, una specie di baratto del lavoro, creando noi stessi la richiesta/offerta di lavoro. Se il problema di tutti, pur con sfaccettature e priorità diverse e, considerate le diverse professioni, sono i soldi, la soddisfazione professionale nel campo in cui si opera, la salute e la voglia di progredire, non si può organizzare una specie di mercato solidale del lavoro?
Chiedo cortesemente di spiegarmi i pro e contro di tale soluzione a chi ha voglia e ha tempo per una risposta.
Chiedo anche di astenersi da ventuali "espressioni volgari" se quanto scritto non è gradito, basta motivare i "contro" di un eventuale progetto del genere.

Sinceramente parlando, mi dispiace di non riuscire a trovare il modo per far valere i propri diritti nel proprio Paese d'origine e se dovessi pensare di trasferirmi all'estero per le maggiori opportunità di lavoro, ma per necessità e non per scelta, lo farei a malincuore e una parte di me si sentirebbe una fallita.
Ringrazio per l'attenzione.

giovanna de grandis 24.05.06 01:12|