Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Arcipelago Gulag


arcipelago_gulag.jpg

Ieri notte Massimo ha lasciato un commento sul blog sulla morte di suo fratello.

Caro Beppe,
le scrivo per segnalarle ciò che è accaduto a mio fratello Vincenzo detenuto nel carcere di Como e poi ammalatosi e morto in circostanze ancora da chiarire. Mio fratello aveva 35 anni quando fu arrestato a dicembre del 2005 ed era un tossicodipendente, aveva commesso un reato ma era già malato di una grave forma di cirrosi.
Appena entrato a San Vittore fu preso di mira da un gruppo di detenuti che lo picchiò selvaggiamente fino a mandarlo in coma tra l'indifferenza delle guardie del carcere. Ricoverato al Policlinico di Milano gli fu asportata la milza e dati 130 punti di sutura. Ma al Policlinico dichiararono la compatibilità con il carcere e fu trasferito a Como.
Qui appena riavutosi fece domanda per entrare in una Comunità per disintossicarsi ed ottenne la disponibilità di un centro di Varese ad accoglierlo ma il giudice di sorveglianza gli negò la comunità. Mio fratello tentò il suicidio allora,ma fu fermato in tempo. Dopo qualche giorno si aggravò malamente per il fegato e per una terribile malattia che si chiama sepsi e pur facendo più volte presente al personale del carcere di stare male, questi non lo ricoverarono finché non lo trovarono in coma senza più quasi segni di vita.
Entrò così al Sant'Anna con una diagnosi di encefalopatia epatica e di uno shock settico che aveva devastato tutti gli organi. I medici ci dissero subito che c'erano poche speranze e mio fratello a soli 36 anni si è spento 3 giorni fa e adesso finalmente la procura di Como ha aperto una inchiesta perchè "sospetta" una morte colposa. Vede Grillo, io non so nemmeno se Lei mi leggerà,e so che mio fratello non era meglio di tante vittime della giustizia ed era anche una persona che aveva commesso reati,ma era mio fratello,il mio sangue,e lo hanno lasciato morire nell'indifferenza generale.
Forse perchè non era né un politico né un ex regnante, né un manager, ma era solo un ragazzo sfortunato. Se può fare qualcosa le sarei davvero grato”.
Massimo De Angelis.

Da chi è stato ucciso Vincenzo? Dai detenuti che lo hanno ridotto in fin di vita? Dal Policlinico di Milano che lo ha dichiarato compatibile con il carcere dopo essere stato massacrato? Dal giudice di sorveglianza che gli ha negato il recupero in comunità? Dal personale del carcere che non lo fece ricoverare? Dalla prigione che trasforma i detenuti (solo quelli poveri) in delinquenti o in relitti? La risposta è nel vento, ma il vento può parlare. In memoria di un ragazzo che ha pagato con la morte i suoi reati.

9 Lug 2006, 23:30 | Scrivi | Commenti (1262) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

delinquente giudice corrotto-cancro italiano... la legge è uguale per tutti?? Anche per i giudici corrotti??
cercatemi in google cosi: --
Scaricate e spedite agli amici: www.cattivagiustizia.com
www.ingiustiziaitaliana.com cell.348/2942448 tel.0383/61732


CAMBI ARGOMENTO GRILLO???!!!! TI NASCONDI DIETRO I MORTI, VISTO CHE SU BERTINOTTI- PREVITI LO HANNO CAPITO TUTTI CHE MISTIFICATORE DI VERITA' AL SERVIZIO DELLE LOGGE SEI. SE FOSSI NEI DETENUTI MI RIBELLEREI DI ESSERE UTILIZZATO DA TE. UN MORTO STASERA. VERGOGNA. NASCONDERE LA VERITA' IN UNA CASSA DA MORTO DI UN POVERACCIO PERCHE' SU PREVITI SEI STATA BECCATO....A DIRE DI QUELLE MESCHINITA'. IO NON SONO AFFATTO UNA COMUNISTA, MA NON VOGLIO CHE PER FARTI FARE IL BARACCONE NELLE PIAZZE, VISTO COME SAI BENE CHE O CEDI O NON MANGI, MI DEVO TENERE PREVITI LIQUIDANDO LA GIUSTIZIA PER LIQUIDARE I COMUNISTI. I COMUNISTI SI BATTONO SEMMAI CON PROPOSTE DI UN'ITALIA MIGLIORE, PIU' MODERNA E PIU' GIUSTA. NON COL FANGO. AVETE MESSO L'ITALIA SOTTO UNA COLATA DI MERDA COME LA CHIAMI TU! MORALE SQUARTANO I BAMBINI E NESSUNO FA NULLA, LA GENTE RISCHIA DI MORIRE ACCOLTELLATA E NON TI ACCORGI MEGALOMANE CHE NON PUOI AIZZZARE LA GENTE. CHE C'E' CHI SPARGE IDEOLOGIA BLASFEMA E ACCECANTE DI ODIO, IL NAZISMO E' QUESTO. MA PREGA GRILLO, COMINCIA A DIRE PADRE NOSTRO AIUTACI...

comincialitalia.net 30.06.07 20:57| 
 |
Rispondi al commento

scusate se intervengo in questa sezione,ma è la prima volta che Vi scrivo e non so dove comunicare la mia mail. Io cerco un abbonamento internet ADSL per casa conveniente senza dover sottostare a Telecom e affini. Potete aiutarmi? Distinti saluti e anticipatamente grazie.

roberto martinelli 01.02.07 12:34| 
 |
Rispondi al commento

in questo mondo ti curano solo se hai i soldi, perchè si presuppone che tu li abbia fatti legalmente... ma è solo una presupposizione, in realtà chiunque sa le proprie magagne ed in questa società l'unico modo per emergere è scendere a compromessi ed utilizzare ogni mezzo, legale o non.
per questo le aziende hanno schiere di avvocati, è uno schifo.

Se fosse stato figlio degli agnelli immagino che la fine sarebbe stata un altra... il problema adesso è che è difficile stabilire di chi è la colpa...

faranno come per ogni altra cosa, un bel inciucio all'italiana.

stefano "akiro" meraviglia 04.08.06 12:29| 
 |
Rispondi al commento

ciao igor....siamo gaia e giuliana!!!!!!il tuo blog è davvero molto bello,hai dei bei gusti musicali.....cmq se vuoi venire a trovarmi nel mio blog fai pure(BY GAIA).1 bacio ciao ciao

gaia privitera 25.07.06 16:27| 
 |
Rispondi al commento

mio caro beppe, sono alberto sangermano,questa mattina ho letto su repubblica ,la notizia che oggi o domani verra votata la legge sull'indulto e che praticamente questa legge aprira le porte a decine di persone che con le tangenti e la corruzione hanno fatto la loro e la fortuna di chi stava intorno a loro.
ora io mi chiedo, la mia ansia quando aprivo il giornale e leggevo che la destra stava manipolando i processi e le varie leggi che si sono fatte a misura per evitare il carcere, a che cosa e' servita? Quando leggo oggi che i nostri ministri oggi voteranno una legge che fino a pochi mesi fa, nemmeno la destra, che ne aveva fino al collo era riuscita a far passare.
Mi chiedo cosa c'e'sotto a tutto questo, oggi e' una giornata triste per me,mi vergogno dei nostri politici, non riesco a dare risposte ai miei figli su questo argomento, accordi presi dai nostri politici e opposizione per salvare il collo a determinate persone.
con affetto ALBERTO SANGERMANO

sangermano alberto 24.07.06 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno,

il motivo è il disastro accaduto nei giorni scorsi causato dal nubifragio nella zona di Vibo Valentia.
Al momento nel tratto mare Pizzo Calabro / Briatico è vietata la balneazione.
A vibo Marina manca l'acqua / elettricità ecc. ecc. e le strade sono ancora coperte di fango /
pantano ecc. ecc.
Ci sono 4.000 uomini "esercito / protezione civile ecc. ecc." ma di questa situazione nessuno ne parla neanche le televisione di Stato.
La paura è che i turisti disertino le vacanze il quel tratto di mare, ma secondo me è più utile informare la popolazione di questa gravità.

Un sentito saluto.

PAOLO MORES 17.07.06 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Sono convinto che Vincenzo abbia espiato le sue colpe e quelle di molti altri...
Vincenzo è una delle tante e troppe vittime del sistema Italia, delle troppe cose che in questo paese non funzionano o che non si vuole far funzionare. Lo scandalo vero è che non ci si scandalizza più di niente. Questi sono i fatti che vanno sbattuti in faccia agl'italiani nei telegiornali ogni giorno, ma niente....
Che si può fare?

Daniele Viscuso 17.07.06 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao beppe sono luca volevo dirti che anche io sono daccordo con te per quanto riguarda la "pulizia in parlamento" non è giusto che persone indagate o colpevoli possano rappresentare il nostro paese o noi concittadini, perchè dovrebbero essere loro i primi a rispettare la legge!!!!! Purtroppo c'è da dire che li dentro sono tutti dei ladri!!! Il primo frà tutti è giulio andreotti che ha combinato di tutto e di più nella sua vita; spero veramente che un giorno paghi per i reati commessi e non quando si estrarrà la scatola nera dalla gobba perchè allora sarà troppo tardi!!!! Continua così beppe!!! Ciao.

luca loreni 17.07.06 03:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Massimo,ti porgo le piu' sentite condoglianze per la perdita del tuo caro.Sono certo delle tue parole, perchè ho provato anch'io la dura esperienza del carcere ed ho avuto modo di verificare situazioni analoghe a quella del povero Vincenzo. Il carcere non è un percorso di rieducazione ma una scuola di delinquenza e spesso le persone piu' fragili e indifese ne restano vittime ! Per tutto questo dobbiamo solo dire GRAZIE a chi amministra la giustizia con strutture e metodi che non hanno nulla a che fare con la dignita' degli esseri umani !!!Ai politici che si oppongono ad un gesto di clemenza per i reati lievi chiedo solo di riflettere tanto sulla tua lettera per evitare che in futuro ci siano ancora 1-10-100 Massimo che piangano per un loro Caro ! Ti abbraccio

Giuseppe Rossetti 16.07.06 20:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciò che mi disgusta più per questa triste vicenda è l'atteggiamento del giudice di sorveglianza..Come si fà, da un punto di vista umano, a non aiutare una persona bisognosa quando non ti costa proprio niente?Come si fa a negare la possibilità ad una persono tossicodipendente di frenquentare una comunita??..datemi una risposta..perchè razionalmente non so arrivarci..Ciao Vincenzo

Giuseppe Battiato 16.07.06 13:35| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace.. purtroppo le ingiustizie toccano quasi sempre, le persone in difficoltà.. non di certo i politici, i "nobili" (che esistono.. non si sono estinti con il feudalesimo), ne tanto meno i preti, o i calciatori famosi..
Cmq penso che tutto il blog sia unito nel cordoglio per Vincenzo e per la sua famiglia..
Massimo è stato coraggioso e spero che possa vincere la causa che è stata avviata.. Purtroppo, come tutte le cose in Italia, si inizia quando è già successo tutto.. Non si anticipano gli eventi drammatici.. si aspetta sempre che succeda il fatto e poi si aprono le inchieste..
Questa è una IMPORTANTE RESPONSABILITA' che è venuta meno.. e chi non la poteva sostenere.. era meglio che restava a casa...o meglio andare in fabbrica.. dove alcune persone sanno che cosa vuol dire e cosa comporta avere una famiglia a carico e renderla felice con 600 euro al mese.. Ma non si può parlare sempre di soldi.. qui è un fatto morale.. purtroppo non ci sono leggi per la moralità nella vita.. solo la religine......... ma...non mi fiderei troppo!
A parte tutto il discorso.. ancora sentite condoglianze

riccardo seri Commentatore in marcia al V2day 15.07.06 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Roba da matti... questo é compatibile con il carcere, mentre qualsiasi politico o potente, a me viene in mente subito Tanzi e i suoi presunti problemi al cuore diagnosticatigli da un parente stretto, non risulta quasi mai compatibile col carcere...

Marco Marani 15.07.06 13:29| 
 |
Rispondi al commento

lo sò il carcere ha un iter che solo chi ne ha avuto a che fare lo può diciamo "intendere".Giudici di sorveglianza che spariscono per 18 mesi per una gravidanza,appelli verificati in aula senza aprire il fasicolo etc!! Procuratevi voi tutti Sapientoni di Solidarietà di Sinistra Ipocrita qualche rivista carceraria e sapetemi dire comè sta giustizia falsa che abbiamo in italia.
SOLIDARIETA'E CONDOGLIANZE DA AndreaVenice

andrea dambrosi 14.07.06 18:47| 
 |
Rispondi al commento

La risposta? Sì, è nel vento, certo. Ma quel vento non soffia,adesso. Non ha soffiato mai.
E' la pazzia delle persone che hanno il potere.è la pazzia delle persone che hanno il potere di INTERPRETARE le leggi.
I medici che vogliono INTERPRETARE le leggi devono andarsene affanculo immediatamente.
I direttori dei carceri devono IMMEDIATAMENTE sostituirsi ai detenuti. Fare un po' il cambio.O almeno, cominciare a rendersi conto che dietro la loro abietta statura di rappresentante di una giusta etica traspare trasuda una volontà incosapevole di CRIMINALI.

A TUTTI VOI.
DIRETTORI DI CARCERI
GUARDIE
GIUDICI
MEDICI
CHE AVETE G I U D I C A T O VINCENZO

Riccardo Rubbiani 14.07.06 17:39| 
 |
Rispondi al commento

http://www.anarcotico.net/foto/carcere/lonzi/04.jpg

x tutti i cretini che non sanno cosa è un pestaggio in carcere e x tutti quelli che immaginano ma non capiscono perchè le parole non rendono come una foto,cliccate sul sito in alto e vedete le foto di Marcello Lonzi,3o anni ,condannato a mesi 10 per un furto,come mio fratello,ragazzo ammazzato in carcere la cui morte fu dichiarata "naturale"

X ulteriori informazioni contattate
Enrico
maxhenry@fastwebnet.it
3334313096

massimo de angelis 14.07.06 15:43| 
 |
Rispondi al commento

che dire.....?
se non passarsi una mano sul braccio per far sparire la pelle d'oca...

marina laudati 14.07.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Massimo, volevo esserti vicina nel tuo dolore, mi si è stretto il cuore leggendo la storia di tuo fratello. NOn vorrei essere al posto di quel giudice che gli ha negato una possibilità di recupero o al posto di quei medici che l'hanno rimandato in carcere....nel mio piccolo invierò il tuo messaggio a tutti i miei amici perché è giusto che si sappia dov'è finito il rispetto per l'essere umano e che la giustizia non è uguale per tutti!
un abbraccio - Franca

franca baldanzi 14.07.06 14:48| 
 |
Rispondi al commento

perchè noi che siamo in tanti, e che subiamo giornalmente tutti questi sopprusi, non ci uniamo e ci ribelliamo a questo stato di cose? ma ricordiamoci una buona volta che l'unione fa la forza , vedi quello che sono stati in grado di fare i tassisti bloccando una intera città solo perchè venivano toccate determinate garanzie, mentre per problemi molto più seri come la giustizia, la sanità il lavoro, stiamo lì a leccarci le ferite e a commiserarci.sarà che ancora in certi valori ancora credo ma quando leggo alcune notizie il sangue mi va in testa!

maria teresa lombardo 14.07.06 14:06| 
 |
Rispondi al commento

il vero assassino di Vincenzo e' il sordo proibizionismo che viviamo..
le droghe sono sempre esistite da prima che esistesse l'uomo, pero' sembra che sia un nemico solo da 60 anni. fino agli anni 50 in italia c'erano fumerie d'oppio legali e il papavero era di uso comune in molte famiglie, ma grazie all'america oggi e' un nemico da combattere con la repressione piu' stupida - con risultati agghiaccianti come per questo ragazzo.
vorrei invitare tutti coloro che sono contro le droghe a fare una ricerca storica, a documentarsi e a capire i veri motivi per cui si debbano perseguire e ammanettare le piante(perche' di questo si tratta)... IL PROIBIZIONISMO AIUTA LO SPACCIO (frase detta anche da bisluscus) E LE MAFIE. FERMIAMOLO

CRIS POLLE caset 14.07.06 14:01| 
 |
Rispondi al commento

per valeria ghera *********

complimenti, dal tuo commento si evince il profondo motivo del tuo insulso ragionamento "lecchino" e patetico : dalla fretta di "tifare" hai sbagliato a scrivere "invidioso"...
invece di ammettere la palese sperequazione giudiziaria vigente
nel nostro paese.....
la gente come te merita di essere derubata, ma tanto, da capire cosa vuol dire tirare a campare.... cara la mia campionessa di ipocrisia..... bleah!!!!!!

marco formentini 13.07.06 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Massimo ti sono molto vicino credimi spero che questo ti possa dare 1 pò di aiuto in qs triste momento. Mi chiedo in che mondo viviamo e se questa è una delle tante risposte ebbene siamo messi molto male.Lo Stato che fa niente, silenzio, e mette fuori dalle galere xchè piene qs è la giustificazione, coloro che sicuramente hanno commesso reati + gravi di tuo fratello.E' vero gli sbagli si pagano ma non con la morte e non in qs modo, tra l'indifferenza non solo dei compagni di cella ma persino di chi dovrebbe tenere in custodia chi in quel momento si trova dietro le sbarre. E il direttore del carcere dove era? Come ha valutato il negare ad 1 malato le cure? E'triste e spero che qs storia altrettanto triste possa dare ragione all'amico Massimo e a suo fratello Vincenzo

Riccardo Mirra 13.07.06 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Intanto oggi il PLURI IMBROGLIONE Ricucci il quale ha rubato non pochi euro ma milioni e milioni e' uscito dal carcere dopo soli 3 mesi, e va agli arresti domiciliari cosi potra' stare vicino alla sua mogliettina.

LA LEGGE NON E' UGUALE PER TUTTI.

francesco mancini 13.07.06 15:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' abbastanza pesa questa roba,il brutto è che succede sempre e da sempre e evidentemente fa comodo a qualcuno il fatto che resti isolata.
Personalmente credo che se un po' più di attenzione a questi fatti fosse dedicata da parte di qualcuno(leggi media)magari la cosa diminuirebbe..Ma non sono così sicuro..
Il fatto è che non è nella natura dei mafiosi(politici)denunciare atti mafiosi,non so se mi spiego..

Luke Peena 13.07.06 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie buona giornata a tutti. Giovanna


Era ora uno in meno da mantenere

gianni rossi 13.07.06 08:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La sua storia è terribile , vorrei che accettasse le mie condoglianze.
I potenti, che siano essi i detenuti o i giudici o i medici di cui lei ha scritto, meriterebbero di leggere e sapere quello che hanno fatto con il loro potere, sarebbe la punizione piu giusta.

Luigi Garofalo 13.07.06 01:11| 
 |
Rispondi al commento

Leggo con lucido disgusto degli interventi indegni.
Sono indegni per chi pensa per follia proria di essere un Essere Umano.
... potrei dire che non ci sono parole, ma le parole ci sarebbero. Ma dubito siano degni di ascoltarle.
Tutta la mia solidarietà, per quel che vale, al fratello di chi è recentemente dipartito da questo mondo.
Il resto della mia solidarietà la invio a chi ha avuto il coraggio di dire, per esperienza diretta, che la tossicodipendenza non è altro che una malattia cronica con forte recidiva.
Ma questo non è social popolare eh? Brutti stronzi? E non vi piace. Siate Maledetti!!!

Saluti.

antonio deangelis 12.07.06 21:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Massimo, la risposta è ovviamente il lungo elenco di domande retoriche con cui concludi la tua lettera. Oppure, se vogliamo, possiamo dire che è stato ucciso dall'ipocrisia di questo paese che assiste impassibile davanti agli omicidi bianchi - quello di tuo fratello e di migliaia di altri detenuti/emarginati vari, migranti annegati davanti alle coste siciliane, lavoratori uccisi dall'avidità dei loro sfruttatori, operai morti di un campionario di malattie terribili frutto dell'incuria consapevole dei padroni etc...
Segnalerò la vicenda di tuo fratello ad un sito - http://www.reti-invisibili.net - voluto dalla ferrea volontà di Haidi Giuliani per ricordare e denunciare a tutti proprio tutto questo. Se come spero vorrai continuare a lottare per ricordare la figura di tuo fratello e, forse, impedire che cose di questo genmere succedano ancora sarò ben lieto di essere al tuo fianco (alfredo Simone, aesse@autistici.org). Un abbraccio solidale, Alfredo

alfredo simone 12.07.06 20:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi colpisce la dignità con cui è stata scritta questa lettera. Raccontati così i fatti (e su questo posso solo esprimermi con un atto di fede) sono un atto di accusa. Nulla ha funzionato se non l'indifferenza che diventa criminale quando uccide. Ma una onsiderazione la voglio fare. Ed è questa: deve esistere una proporzione tra il reato commesso e la pena inflitta. Non sono garantista e sul carcere come possibile mezzo di recupero ho, in parte, fondati dubbi di coscienza. Ma anche il carcere deve essere l'espressione della civiltà del paese in cui esso si colloca. Credo fermamente che il carcere abbia anche la funzione sociale di tutela per la parte offesa della società. Credo che la pena debba essere certa e giusta. E purtroppo basta avere il coraggio di gurdare oltre "la serratura" per rendersi conto che così non è. Queste nostre carceri non sono altro che un mondo parallelo ed infame dove sopravvive (quasi) sempre solo il più forte.

luca ricottini 12.07.06 20:48| 
 |
Rispondi al commento

non so se ti è arrivato ilpost...scriverò non da sto pc

rita pistolozzi silva 12.07.06 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Cerco di non essere giustizialista ma vorrei vedere la stessa solidarietà espressa nei confronti di Vincenzo, anche nei confronti delle vittime e non solo dei carnefici. Se Vincenzo era in carcere avrà sicuramente commesso un reato oltre a drogarsi. E se c'è un reato c'è anche una vittima del reato.Ma di questa nessuno ne parla. Il sig. Davide Vaccarin esprime tutto il suo affetto e comprensione nei confronti di Vincenzo. Ma nei confronti delle vittime, magari robusti vecchietti e ricchi pensionati a 450 euro al mese, che hanno dovuto subire da parte di quei poverini di carcerati,non una parola. Naturalmente non intendo parlare solo di Vincenzo, sulla cui vicenda si è giustamente aperta un'inchiesta, ma agganciandomi a lui vorrei parlare, ad esempio, dell'On. D'Elia. Ho letto e sentito molti buonisti e radical-chic giustificare, anzi essere lieti, per il fatto che ora sia in Parlamento. Ha pagato, dicono, ed ora è cambiato. E' diventato buono perchè ha fondato l'associazione "Nessuno tocchi Caino". Un'associazione cioè che difende gli assassini. Se veramente voleva redimersi, come mai si è dato da fare per proteggere gli assassini e non gli assassinati? Mi sta venendo in mente un'altra associazione sorta nel 1946, si chiamava Odessa, che proteggeva i nazisti e li aiutava a scappare e non si peoccupava di chi era scampato alle camere a gas. Chissà se anche i dirigenti di quell'associazione sonbo diventate persone meritevoli di entrare in Parlamento. Ma se veramente l'On. D'Elia è tanto cambiato, perchè dei 20.000 euro circa che lo Stato gli paga per ringraziarlo di essere stato un terrorista, non devolve 15.000 euro alle vittime dell'organizzazione terroristica di cui era dirigente. Con i 5.000 restanti (10.000.000 delle vecchie lire al mese) vivrebbe più che decorosamente, sicuramente meglio che in galera dove dovrebbe essere, e meglio delle vedove e orfani che la sua organizzazione ha creato. La smetta di prenderci x il c..o. Abbia la dignità di dimettersi

giannetto pacifico 12.07.06 18:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non voglio entrare in merito al singolo caso, perchè non conosco i dettagli della vicenda.

Mi permetto però di esprimere il mio pensiero in generale sulle carceri italiane.
Premesso che sono fermamente convinto che chi sbaglia deve pagare per gli errori commessi, ritengo giusto che chi viene condannato per un reato sconti la propria pena in carcere, fatto salvo per alcune eccezioni (ad esempio: primo reato, minore, ecc.); contrario invece ad alcune attenunti tipo incapace di intendere e volere (sia dovuto ad assunzione di farmaci o droghe) per le quali proporrei invece l'aggravante della pena. Infatti non concepisco il fatto che qualuno assuma ad esempio cocaina per farsi coraggio per compiere atti delinquenziali; va bene che non era in possesso di tutte le facoltà mentali quando compieva il reato, però quando ha assunto la coca, sapeva benissimo cosa stava facendo.
Il carcere non lo prescrive il medico della mutua, ne tantomeno è un obbligo tipo ex-servizio militare. Il carcere ce lo guadagnamo se non rispettiamo la legge e commettiamo reati.
Sono contrario a sconti di pena, indulti, e simili, che ritengo diseducativi e controproducenti per la società nella quale viviamo.

Discorso diverso sono invece le situazioni del carcere. Sono d'accordo che il sistema carcerario italiano fa schifo e andrebbe riformato a partire dalle strutture fino ad arrivare a "rieducare" i detenuti.
Le strutture sono inadeguate, esistono (secondo me) troppi privilegi e troppa libertà di azione per i detenuti (vedi i pestaggi e quant'altro), che trasformano la prigione in un ghetto popolato da bande.
Ritengo necessaria per l'Italia una riforma totale del sistema giustizia a partire dai magistrati, che a volte applicano la legge alla lettera (solitamente con i poveri cristi), a volte no (con gli amici degli amici), a volte si permettono di interpretarla (solo con gli amici piu stretti), a volte non terminano neanche i processi.

Scusate se ho divagato, non volevo affrontare il singolo caso.

Simone Barucco 12.07.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento

commento...ed e' anche da commentare una cosa del genere?? ora perche' siamo venuti a conoscenza di questo episodio ma chissa' quante altre volte sono successe cose simili a nostra insaputa! dire che nei carceri italiani i reclusi vengono trattati come scarti di umanita' e' un luogo comune ma questa e' la cosa piu' schifosa che poteva succedere lasciar morire un ragazzo solo perche' lo si considera piu' basso del nostro livello?? e perche' ci sono livelli a questo mondo? e chi stabilisce chi e' a quale livello?? comunque Vincenzo non e' la prima e non sara' l'ultima vittima di una giustizia che si fa forte con i deboli e debole con i forti! una possibile soluzione sarebbe "punire" i colpevoli di reati facendogli svolgere lavori socialmente utili anziche' devastarli fisicamente e moralmente.
Spero che venga fatta giustizia riguardo questa questione...siamo vicini alla famiglia di Vincenzo e pronti a far valere i diritti dei carcerati. Sara.

sara romanelli 12.07.06 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Chi passa al rosso deve aver la multa. Se ci mettiamo a dire che tutti hanno il diritto di passare al rosso allora perché mettere i semafori ? Perché far leggi ? Se poi, uno si droga, é alcolizzato o é semplicemente distratto, il risultato é lo stesso. C’é gente innocente che muore a causa di questi « poveri » drogati che condannati decine di volte, sono messi in libertà per mancanza di posto o per mancanza di palle e con l’aiuto dei genitori e parenti in nome del legame di sangue.
Chi sbaglia un giorno deve pagare. Qua ce ne stiamo andando verso il buonismo idiota che ci propone di essere puniti per gli sbagli degli altri. Se a 35 anni non aveva ancora messo giudizio, per lui c’era poca speranza. Se poi aveva anche la cirrosi, vuol dire che aveva più di un vizio. Capisco i legami di sangue, ma mi chiedo, perché non l’hai preso in casa tua per assisterlo o per impedirlo di peggiorare invece di porgercelo sul piatto come se fossimo tutti responsabili ?

blisco jajo 12.07.06 16:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io violevo dire una cosa che ingiustizie al mondo cè ne stanno troppe anzi infinite come si puo fare morire una persona perche solamente il suo problema era la tossicodipenddenza no non si può mi viene schifo ssentire cose o vedere cose di questo genere aiutiamoli io lo dico per esperienza personale io sono stato 2 anni e mezo in comunità terapeutica casa di giano progetto uomo onlus nomi trento e ho capito certe cose che nella vita ti cambiano il corso delle cose di esperienze personali ne ho viste troope ho fatto il mio percorso ero sto piano piano inserendomi ma tornando sul discorso di prima ragazzi questa è ingiustizia!!!!!!!!!!!!!!!!!

michele bollella 12.07.06 16:30| 
 |
Rispondi al commento

per chiunque voglia contattarmi a proposito di vincenzo il tel. è 3334313096

massimo de angelis 12.07.06 15:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

carissimo beppe dopo tutto il male che i giornali tedeschi e francesi ci rivolgono posso solo dire che a loro resta la vergogna per averci offeso ingiustamente e a noi

LA COPPA DEl MONDO!

marco colacioppo 12.07.06 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buon pomeriggio.Giovanna

Giovanna Nigris 12.07.06 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Massimo se puoi telefonami 329 4952127 ho delle informazioni che ti riguardano .Leggi precedente

adelaide radice 12.07.06 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Potete aiutarmi a mettermi in contatto con la famiglia di vincenzo? Mio marito era nella stessa cella e questo dice tutto

Vincenzo Sguerso 12.07.06 12:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E'vergognoso!!I potenti se la cavano sempre, e invece le persone comuni paganole conseguenze di un gesto di cui si sono sinceramente pentiti!

Massimo ti siamo vicini!!

elena sibilla 12.07.06 12:13| 
 |
Rispondi al commento

caro arturo ti auguro di fare un po di galera col tutto il cuore

beppe cappello 12.07.06 12:05| 
 |
Rispondi al commento

caro arturo ti auguro di fare un po di galera col tutto il cuore

beppe cappello 12.07.06 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Tantissima solidarietà a Vincenzo.
Io fin da poiccolo ero convito che il carcere fosse una punizione, poi a scuola mi hano detto che era una forma di rieducazione, e pensavo, entri in carcere ti educano a non cometti più reati, poi sentivo parlare di gente che faceva entra ed esci dalle carceri, allora a 10 anni mi son chiesto, ho il carcere non è un ottimo mezzo per rieducare il detenuto,ho gli educatori non sono idonei alla rieducazione. Credetemi ancora oggi a 30 anni non ho capito un c...o.
Forza Vincenzo fa che tuo fratello no sia morto invano, bombarda i media e la stampa di messaggi finche qualche amico di Beppe che sta al governo non ti risponda, e se lo farà, ( ne dubito ) Fatti accompagare da lui. Ciao

Roberto Iraci 12.07.06 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Ci hanno convinto di vivere in uno stato civile, uno stato moderno, uno stato dove la pena di morte non esiste ...ma in uno stato moderno e civile il fine ultimo della pena per un reato,
dovrebbe essere il recupero, il reinserimento nella società. Invece purtroppo, spesso e volentieri, nella più totale indifferenza di tutti, avvengono vere e proprie 'epurazioni'. La pena di morte non è prevista in Italia, eppure attraverso le mani di quanti boia, Vincenzo ha perso la vita, per pagare il suo debito con la società?! 'La legge è uguale per tutti', una frase bellissima che sta scritta in tutte le aule di tribunale, non mi sembra però che i vari Tanzi, Previti ...i vari principi senza regno da oltre 50 anni, abbiano subito lo stesso trattamento. Eppure Vincenzo avrà si commesso reati, ma in fondo, il reato più grande lo ha commesso contro se stesso. Vincenzo non ha danneggiato milioni di cittadini.

Roberto Spagnoli 12.07.06 09:29| 
 |
Rispondi al commento

Tutta la mia solidarietà alla famiglia di Vincenzo, che avrà sicuramente avuto le sue colpe, ma non meritava la fine che ha fatto, in considerazione che gente come Ferdinando Carretta, che ha mssacrato la sua famiglia è a piede libero, per non parlare di altri casi eclatanti.

Cinzia Conforzi 11.07.06 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Dificile,se non impossibile dare e fare in momenti come questo.
Pensiamo solo che il nostro dipendente Mastella si sta arrovellando per trovare un modo di sanare con una bella amnistia il "calciogate".
Nessuno si ricorda più dell'amnistia e/o dell'indulto che tutti,prima delle elezioni, volevano regalare;forse perchè sarebbe stato fruibile anche dai poveri senza Dio come il fratello di Massimo e invecer tanta "GRAZIA" deve andare solo a chi la "merita".
Caro Mastella,grazia non ne hai di certo,in quanto a Giustizia,purtroppo sei sullo standard del bastado che ti ha preceduto.
Vai a lavorare!
Ma veramente,con una pala in mano e un camion di brecciolino da spargere!

Simone Velieri 11.07.06 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Trentasei anni, tossicodipendente, arrestato a dicembre, pestato a sangue a San Vittore, ricoverato in coma al Policlinico, infine trasferito nel carcere comasco del Bassone.
Sulla storia di Vincenzo, ennesima «vittima dell’indifferenza» (per citare il blog Beppegrillo.it, primo a dare ieri notizia della tragedia), la Procura della Repubblica di Como ha aperto un fascicolo di inchiesta. Vincenzo è morto, la scorsa settimana, in un letto dell’ospedale Sant’Anna, stroncato, dice il fratello, da uno choc settico derivante da una encefalopatia epatica di cui nessuno si era interessato, anche se, da settimane, lo stesso Vincenzo si era più volte lamentato con il personale del carcere chiedendo di essere assistito.
Il suo è, purtroppo, un destino comune a quello di molti altri carcerati italiani e dello stesso Bassone che, non a caso, lo scorso anno finì nel mirino del provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria Luigi Pagano, preoccupato da un’escalation di atti autolesionistici che non deponevano a favore dell’ambiente del carcere. In questo caso non si tratta di nulla del genere, ma è un dato di fatto che il numero di decessi aumenti in maniera preoccupante e che il nome di Vincenzo vada ad aggiungersi a quello degli altri cinque suoi compagni suicidi nel 2005. La morte, lui, ha cercato di sfuggirla con tutte le forze.
Dice suo fratello che il ricovero maturò solo il giorno in cui gli agenti lo trovarono in coma e senza più segni di vita. Aveva chiesto aiuto decine di volte, fin da quando il giudice di sorveglianza di Varese aveva valutato le sue condizioni compatibili con un regime di detenzione e aveva scelto di trasferirlo da Milano a Como

Domenico Stranieri 11.07.06 22:27| 
 |
Rispondi al commento

Voglio esprimere,prima di tutto ,la mia personale
partecipazione a questo dolore.
Spero anche che le responsabilita' individuali
siano accertate dal procedimento penale in corso.
Sono numerose.Molti sono i commenti che sento
sinceri,dettati da una conoscenza di questo mondo particolare ,tossicodipendenza ,malattia,
carcere.Un neolaureato in medicina,l'operatore
del Sert,forze dell"Ordine",o anche il parente
di un tossicodipendente..E anche io che
tempo fa di tossicodipendenti ne ho
conosciuti ,a Genova,anche perche' io ero,sono un iscritto radicale.Conosci le persone e capisci quel mondo.Ma se si sta troppo vicini tutta quella pazzia ,quella assenza di razionalita',è un tritacarne ,lascia
ferite.Ora sto a distanza di sicurezza,ma ho avuto la sensazione del gia' visto:un'altra morte e il chiedersi chi, che cosa.Continuo a fare politica e,per questo vorrei sottolineare un aspetto che nei
commenti pare trascurato.Una parte di
responsabilita' sta nelle leggi,nei regolamenti
nel complesso di regole con cui le istituzioni
regolano ,intervengono in questo piccolo mondo
pazzo.Una parte di responsabilita' sta nella
politica reale.Quella non delle teorie,delle
ideologie ,
ma la politica reale ,quella delle leggi,
dei decreti, delle norme degli assessori ,dell"esecutivo".
La politica reale puo' aggravare o mitigare
le condizioni disperate in cui vivono queste
persone.Condizioni che non si meritano
neanche lontanamente.Le carceri sono strapiene
di poveracci .E' difficile mantenere un livello civile di trattamento dei detenuti in condizione di sovraffollamento.E' difficile fornire adeguate cure ai molti malati di gravi patologie.E' difficile giudicare penalmente
un tossicodipendente.
Non è soltanto il partito radicale a volere una qualche forma di amnistia.Un cambiamento della
legge sulle tossicodipendenze.Sarebbe bello e utile,che
anche altri che qui commentano lo volessero.
Un abbraccio.
Gildo Liberti.

Gildo Liberti 11.07.06 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Non oso pensare in questo momento, quali siano il tuo stato d'animo, la misura del tuo dolore, la rabbia !
Ma penso che la giustizia non sia uguale per tutti, i soldi e la posizione sociale determinano la pena.
L'esempio più eclatante e fornito dal "nostro" Monarca, il quale al contrario di altre "persone comuni", trascorre il suo periodo di detenzione a casa.
O del nano che in un modo o nell'altro la passa sempre liscia.

O di Poggiolini e Di Lorenzo..............

Mi dispiace molto per tuo fratello e per le altre persone a cui non viene data la possibilità di redimersi, a tutti deve essere concessa la possibilità di sbagliare e di rifarsi.
Un giorno o l'altro potrebbe toccare a noi.

Non dimentichiamolo !!!!!!!!

Hombre

Marco A. 11.07.06 21:02| 
 |
Rispondi al commento

Mi unisco al tuo dolore,per la perdita che hai avuto,il sistema di gestione delle carceri è ignobile in questo paese,in particolar modo per i tossicodipendenti e i malati di aids.

Francesco Rossi 11.07.06 20:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Figuriamoci se ad un popolo di distratti può importare qualcosa del fatto che un detenuto x di più tossidip.muore in galera!!!Importantissimi sopra ogni cosa i mondiali!!!.Hanno danneggiato i "bottegai" e quandi è giusto che vadano in galera.Hanno rubato scudetti e danneggiato moralmente e mentalmente il "sacro" mondo del calcio e quindi è giustissimo che da ogni dove si alzino lai x chiedere clemenza x non danneggiare i "nostri eroi" della pedata. Come è giusto che Blatter e soci si attivino x difendere il loro sacro pallone d'oro che ha mollato in pieno mondiale una furente capocciata ad altezza cuore dell'inzighetta Materazzi reo di qualche battutaccia ma soprattutto di essere agli occhi del grande fancese definito migliore(?) del torneo ,un miserabile italianuzzo.Ma noi siamo la parte del mondo che ha la pretesa di esportare laCIVILTA',siamo la vecchia europa,x capirci.

roberta brambilla 11.07.06 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Pensavo che i drogati dopo il coma e le cure non tornassero in prigione ma andassero a vedere le gare della Ferrari.

La discriminazione e l'esistenza di una giustizia "mirata" è una realtà, purtroppo.
Questo impedisce non solo di punire i colpevoli ma anche di individuarli. La vittima c'è, i colpevoli no.

Ciao
Andrea

Andrea Rizzoli 11.07.06 17:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mentre tutta l'italia festegia per i mondiali
vinti c,e chi piange per certe ingiustizie
spero solo che venga fatta giustizia
non riesco a trovare altre parole.

ermanno montaldi 11.07.06 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Il "povero" tossico prima o poi sarebbe morto....chi lo ha ucciso? Lui stesso quando ha deciso di percorrere quella strada.
La comprensione va a coloro che la morte non se la cercano.
Non voglio offendere nessuno e se indirettamente l'ho fatto chiedo scusa.

Fabio Innocenti 11.07.06 17:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo post è terribilmente bigotto

Arturo A 11.07.06 17:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma intanto abbiamo vinto i mondiali no? E allora
ci vuole una bella amnistia per calciopoli.
Viva litaglia.

Alessandro Grimoldi 11.07.06 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Quanto le è successo, Massimo, è sconvolgente, ed il senso di impotenza e di amarezza che lascia è difficile da descrivere, come pure alcuni commenti che si possono leggere sul blog, e anche questi allo stesso modo, lasciano esterefatti, ma, mi pare, che si commentino da soli e non si deve neppure considerare di rispondere a quelle che sono sciocche provocazioni, o superficiali convinzioni, di persone che pure esistono. Ma anche queste persone mi procurano una sensazione di impotenza e un pò tristezza, come l'amara storia di suo fratello.
Nell'angoscia del momento non riesco ad esserle d'aiuto per capire chi sia il colpevole, e sento che la colpa possa essere di diverse parti allo stesso momento. Capisco di essere confuso dalla sua tragedia e ho il rigetto ad approfondire una storia così disperata, ma direi che gli altri detenuti si sono comportati un pò come quei bambini che si accaniscono sul più debole, un pò come forse è un comportamento animalesco, ricordo che ne parla Konrad Lorenz in un suo libro sul comportamento degli animali, (credo sia "l'anello di re Salomone") per il resto le altre figure della storia mi sembrano quanto meno negligenti, quando non colpevoli per omissione di comportamenti di minima civiltà, ma al chiuso delle mura del carcere penso sia difficile provare alcunchè. Ed ecco che suo fratello non c'è più, e tutto quanto è accaduto è bastato a farlo volare in cielo, e le parole possono solo aiutarci a metabolizzare la perdita, guardi allora a quelle lettere come questa che non accusano suo fratello, ma che, nel poco tempo perso nella scrittura, vogliono esserle vicine. Ora riprendo il lavoro che ho interrotto, ma non sono riuscito ad evitare la mia coscienza.
Mi viene in mente una poesia di Giacomo Leopardi "a Silvia"
............
All'apparir del vero
Tu, misera, cadesti: e con la mano
La fredda morte ed una tomba ignuda
Mostravi di lontano"

Con affetto Ettore

ettore grossi 11.07.06 17:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La pena di morte che c'é ma non si vede
Il carcere duro applicato senza sentenza
arbitrariamente da detenuti e guardie, chi applica la giustizia, ma poi quale giustizia?
La tossicodipendenza é una malattia, la vogliamo smettere di mettere in carcere i malati!
Aiutiamoli invece. Basta discriminare, perché anche quello é razzismo, mi piacerebbe parlare con questo giudice e che mi dicesse cosa ne pensa lui dei drogati. DROGATI. Come Dannunzio, Boudlaire, Jim Morrison e tanti altri ancora, per non parlare dei parlamentari italiani che ho letto, non sono dei santi. Antidoping per i parlamentari e vediamo quanti se ne vanno a casa...neanche uno, per l'immunitá, ma queste sono altre storie. Io vivo in Messico e quando succedono cose come queste (tutti i giorni credo...ma non se ne sá nulla in molti casi)io mi indigno e vergogno. Lancio un appello: chi mi vuole spiegare perché quando un indiziato "eccellente" viene arrestato, automaticamente si ammala e lo trasferiscono?
La legge, mi dispiace, non é uguale per tutti.
Un saluto.

Giulio Lupori 11.07.06 16:59| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace davvero tanto per quella persona che ha perso un fratello...
però era in carcere!!! non al grand hotel!!!
cosa pretendiamo, che lo trattino da pesona civile??? poteva evitare di andarci, intanto che c'era.
non leggo come lamentela che l'abbia preso nel c***, ci mancava solo questa, che succede spesso

tutte le mie condoglianze allo scrittore della lettera
ma suo fratello non stava in vacanza

era in galera

Arturo A 11.07.06 16:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco cosa succede se non sei raccomandato in Italia.
Oppure se sei uno sei Savoia ti trasferiscono a casa......si cercava una sistemazione "adeguata" (ma la sistemazione ai Parioli poi com'è andata?) .....ma il Savoia è solo un vecchio.
E Raffaele Fitto?

Massimo ti sono vicino. Vai Beppe. Vai Beppe.

Lello Clemente 11.07.06 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Ti sono vicino... Sii forte e cerca di ottenere chiarezza e giustizia per tutti coloro che, come tuo fratello, han pagato o stan pagando un prezzo troppo alto per ciò che han commesso.
Un abbraccio

Christian Luongo 11.07.06 16:32| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace ..... ma non concordo con te, non credo che il decreto Bersani penalizzi noi liberi professionisti più di quanto non siamo già penalizzati, sono un libero professionista anche io e ti dirò, a me non dispiace il decreto Bersani, da opportunità di qualcosa che ci può fare altro che bene...basta con queste caste, con il potere in mano a chi ha da generazioni la professione in casa, basta con gli albi che non tutelano e che servono solo a fare un mucchio di soldi, vada avanti chi ha le capacità e le competenze professionali, che rende un servizio non può metterlo sul mercato sottocosto, sennò lavora male ed il cliente se ne rende comunque conto...e comunque pur avendo tariffe e albi oggi non va meglio....

luana bracone 11.07.06 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Massimo, so cosa provi. Mio fratello è un ex (spero per sempre ex) tossico dipendente...L'ho raccolto per strada, ho trascorso giornate intere con lui in ospedale, ho pianto con e per lui, ho pregato ed imprecato, l'ho denunciato, compatito, odiato...ma è e resterà per sempre mio fratello. E' parte di me. Non critico quelli che sostengono che chi si droga lo fa per scelta...hanno la fortuna di non sapere di cosa parlano.
Ti sono vicina.
Cristina

Cristina Godenzi 11.07.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
visto lo scarso numero di caratteri a disposizione, vorrei solo far notare che, probabilmente, in mezzo all'indifferenza delle istituzioni che sarebbero state deputate a tutelarlo, l'unico che si è preso cura del ragazzo deceduto in carcere è stato proprio (mi auguro, almeno) il suo avvocato.
I tanto bistrattati (dal decreto Bersani) avvocati non sono, per la maggioranza, professionisti ricchi ed evasori come l'immaginario collettivo ci considera:anzi,in buona parte sono (cioè, siamo)giovani, giovani che faticano a crearsi un futuro, sfruttati dai più anziani, mal pagati, con scarse prospettive per l'avvenire: non è con l'eliminazione del minimo tariffario che si tutelano la libera concorrenza e gli utenti, ti assicuro. Si riuscirà, tutt'al più, solo a squalificare ancora di più la professione, aprendo la strada a persone senza scrupoli, che per niente hanno a cuore ciò che più dovrebbe contare, ossia il livello della preparazione e la qualità del servizio. Perchè è questo che noi facciamo, caro Beppe: prestiamo un servizio alla gente. Si parla molto bene da fuori, ma ti assicuro che non auguro a nessuno di avere a che fare con la nostra "cara " e "funzionale" giustizia senza la mediazione di un interlocutore quale l'avvocato. Non ti intrattengo oltre sulle altre "amenità" del decreto Bersani, come l'abolizione del divieto del patto di quota lite, ad esempio. Caro Beppe, ti ho sempre stimato per la competenza e la preparazione sui temi che affonti, non mi deludere scrivendo cose qualunquiste sulla riforma Bersani in materia di "concorrenza" nelle libere professioni. Se la riforma passerà, credo che avremo tutto fuorchè quella che ognuno di noi auspica -la vera concorrenza.
PS: sarò davvero felice quando i nostri cari governanti - che pure hanno avuto il mio voto- mineranno il potere di alcune delle vere categorie forti del Paese, come banche o telecomunicazioni. O no?
Con immutata stima,
Cristina Meoni

cristina meoni 11.07.06 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non abbiamo pene più giuste in questo paese? perchè, chi sbaglia e non ha i soldi paga per tutti ricconi in parlamento, nella camera e nel senato?
Ciao Beppe vai così
Alvise

Alvise Fossa Commentatore in marcia al V2day 11.07.06 15:51| 
 |
Rispondi al commento

CIAO,
HO UN IDEA!!!
Un esame del capello, o del sangue a tutti i politici (o dipendenti) e chi colpevole di dipendenza come tuo fratello, che rifaccia lo stesso percorso che gli e' toccato, come COLPEVOLE. Non te lo restituisce ma a pensarla cosi' ti restituirebbe la dignita' di vivere in Italia. Io sono in thailandia, qui non e; meglio ma e' tutto molto meno schifoso. Auguri

Emanuele cerri Commentatore in marcia al V2day 11.07.06 15:31| 
 |
Rispondi al commento

CIAO,
HO UN IDEA!!!
Un esame del capello, o del sangue a tutti i politici (o dipendenti) e chi colpevole di dipendenza come tuo fratello, che rifaccia lo stesso percorso che gli e' toccato, come COLPEVOLE. Non te lo restituisce ma a pensarla cosi' ti restituirebbe la dignita' di vivere in Italia. Io sono in thailandia, qui non e; meglio ma e' tutto molto meno schifoso. Auguri

EMANUELE CERRI Commentatore in marcia al V2day 11.07.06 15:29| 
 |
Rispondi al commento

chi ha ucciso vincenzo deve essere punito severamente e al + presto. punto e basta. purtroppo le carceri italiane sono da terzo mondo, indegne di un paese civile! VERGOGNA!

franco forte 11.07.06 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Caro Massimo ho letto con un nodo alla gola la tua lettera, e ne sono rimasta sconvolta fino a piangere. Ti esprimo tutta la mia solidarietà e spero che questa tua denuncia, possa servire come esempio e smuovere le coscienze di chi in Italia non si è mai occupato della dignità della vita di coloro i quali vivono in carcere in precarie condizioni di salute. La tua lettera non mi ha fatto sentire fiera di essere italiana.

Monica Giordani 11.07.06 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Non saprei da dove cominciare...temo che ogni commento possa risultare e retorico e banale, ma voglio esprimere al fratello di Vincenzo tutta la mia solidarietà. So bene che di carcere si muore e queste tragedie, oserei dire premeditate, vengono a malapena citate dai giornali...magari in qualche trafiletto proprio all'ultima pagina.
In questo momento i carceri italiani detengono il massimo storico di esseri umani...c'è da chiedersi se siamo diventati tutti così pericolosi o se c'è dell'altro. Io lavoro in una comunità per adolescenti che accoglie anche minori in misura alternativa al carcere, ma non abbiamo vita facile.
Castelli tempo fa provò a riformare il tribunale dei minori, ma la sua proposta era così aberrante, anticostituzionale e ben lontano dalla legislatura internazionale in merito di diritti e tutela dei minori, che non passò. Lui non si è arreso e per far fallire tutti i progetti alternativi alla forma carceraria trovò un modo molto semplice: non pagò, per non ricordo bene quanti mesi, le rette dei ragazzi con provvedimento penale collocati in comunità.
Il risultato è stato che molte comunità anno chiuso, altre non hanno più accolto i minori e conseguemente è aumentato il numero di ragazzi finiti in carcere. Noi operatori della "Felix" (Roma) siamo stati la bellezza di tre mesi senza stipendio per non cedere a questa logica. Ci tengo a sottolineare che un minore in carcere allo stato costa molto, ma molto di più di un minore in comunità...è evidente che c'è una motivazione politica e non altro.

Flavia Orrù 11.07.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Uno di meno. Che si fottano tutti i drogati.

Mario Rossi 11.07.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

STA' SUCCEDENDO QUALCOSA DI STRAO SUL SITO WWW.CORRIERE.IT !!!!!!

Sulla sinistra aggiornando la pagina si vede un lampeggio e poi appare una faccia (a mè è parsa quella di prodi) è un aspecie di pubblicità occulta?

marco masserini 11.07.06 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Di certo , purtroppo , i tanti previti per troppo poco tempo ospitati nelle patrie carceri , pur meritandolo mille volte più di questo sfortunato ragazzo , non faranno mai la sua fine . Viva l'italia campione del mondo : delle assurdità ..........

Giuseppe Marletta 11.07.06 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, posso dire una stupidaggine? Perchè il ragazzo ke scrive del fratello non ha provato a scrivere prima ke succedesse l'irreparabile? Piangiamo e ci flagelliamo sempre dopo....

silvia gennari 11.07.06 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Solidarietà sentita al signor Massimo De Angelis e alla sua famiglia per quanto è successo.
Con la speranza che le generazioni che verranno possano meditare su questi fatti e fare meglio di noi.

alessandro bell 11.07.06 12:39| 
 |
Rispondi al commento

E' di qualche giorno fa la notizia che all'ospedale Buzzi di Milano alcuni medici stanno già somministrando una PILLOLA ABORTIVA.

E non è tutto...a differenza della francese Ru486, questo farmaco è regolarmente in vendita perché legale e testato.

BELLA ROBA!

Clicca sul mio nome per entrare nel BLOG!

Massimiliano Borella 11.07.06 11:48| 
 |
Rispondi al commento

La dimostrazione che Bebbe Grillo è un buffone. L'Italia ha vinto un campionato del mondo di calcio e lui,che sulla nazionale ha detto le cose peggiori,ignora l'argomento...Fai l'uomo e se non vuoi scusarti per tutte le idiozie che hai detto almeno potevi dedicare un piccolo spazio ad un grandissimo evento che per una volta ci ha uniti tutti mentre tu continui a volerci separare e separati così da poter manipolare le persone a tuo piacimento con grande facilità...Buffone!

Antonio della Ventura 11.07.06 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La giustizia ha due velocità, una come la ferrari (per chi se la può permettere) e una come la Cinquecento ( per chi ha quella ). Basta un buon avvocato di "nome" , conosciuto nel tribunale dove hai l'udienza.....e tutto si mette a posto...... che schifo.....è sempre e solo una questione di soldi....Questo è un paese dove prima di far valere i propri diritti bisogna calcolare se ci rimetti o no dal punto di vista legale.....non è un paese dove la giustizia merita di essere chiamata tale.
Poi sento parlare di due settimane di sciopero per la riforma Bersani da parte degli avvocati....sono daccordo ma che queste due settimane le passino in miniera!!

fausto pezzi 11.07.06 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Ucciso dall'indifferenza e nell'indifferenza generale.
E' triste solo pensarlo, ma ovvio: a nessuno interessa la vita di una persona che, per quelli che sono i canoni di questa società, NON CONTA NIENTE, perchè non si è affermato, non è famoso, anzi addirittura è un tossicodipendente.
200 righe sui giornali magari per un' "aggressione" a un ministro (dove per un'aggressione si intende magari un paio di schiaffetti come quelli che abbiamo preso tutto dai nostri genitori), ed episodi del genere non interessano a nessuno.
Triste anche notare che quando si parla di argomenti del genere ci siano deficienti che insozzano il blog facendo la gara a chi arriva primo o scrivendo cazzate non attinenti all'argomento
Ma non si può inserire in un blog del genere una CENSURA SERIA che tuteli il senso del blog stesso. Altrimenti occhio, Beppe, che avanti così perdi tantissimi lettori.

Marco Conti 11.07.06 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Campioni del mondo!!!!Campioni del mondo!!!!Campioni del mondo!!!!Campioni del mondo!!!!

Alla faccia tua e di tutti quelli che disprezzano la Patria!!! Fratelli d'Italia....

AhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAhAh!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

CAMPIONIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

Andrea Di Franco 11.07.06 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi rattrista molto la vicenda che ti ha colpito, e vorrei davvero che la legge punisca i pezzi di merda che hanno sbagliato...
Mi piace pensare che tuo fratello adesso si trovi in un mondo migliore, dove non esiste disuguaglianza e dove non si viene giudicati.
Massimo, non smettere mai di avere fiducia in un domani migliore, "il buon Dio una cosa toglie e una cosa rende", vedrai che il Signore non lascerà impuniti coloro che hanno portato alla scomparsa di tuo fratello.
Pà..

paola de luca 11.07.06 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro dipendente Mastella ministro della giustizia, ha dichiarato domenica sera che, nonostante tutti i brogli di calciopoli è sarebbe ingiusto che certi calciatori come Buffon ecc.ecc..( al quale non basta lo stipendio della società per cui gioca, degli sponsor ecc.ecc..) andassero in serie B perchè sono campioni del mondo!!!
Se un ministro della giustizia asserisce queste cose in un'intervista sulla Rai nel dopo partita, per problemi di questo genere...cosa possiamo sperare che faccia per quelli più seri ancora come citato da questo ragazzo nella lettera'
Che cosa avrebbe fatto per suo fratello?
Le stesse cose che hanno fatto i predecessori ne più e ne meno....ovvero nulla!
Che vergogna..possiamo essere fieri di essere italiani solo perchè la nazionale ha vinto i mondiali?
Ebbene si ..questa è la realtà..purtroppo!
Soliderietà a questo ragazzo che ha avuto il coraggio di denunciare questi fatti...ma mi resta difficile sperare che non accadano più!

s.bilieri 11.07.06 10:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sistema di m..., prima ti privano di tutte le cose belle, togliendo ogni senso alle cose che veramente hanno valore, poi ti offrono i palliativi o le droghe (tutte) e infine o hai i soldi per pagarti il recupero (e parlo anche di cure antidepressione etc.) oppure diventi carne da macello, nn vali niente. Ma perchè nn cominciamo con i campi di recupero. Signori politici è un business, forse qualcuno ci ricaverà barche e case in montagna, ma un po' di rispetto per l'essere umano può valerlo.
Massimo ti abbraccio

cristina bortolotti 11.07.06 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Sembra il racconto della più schifosa periferia americana, Massimo, non di un paese civile.

Sono esterrefatto, addolorato per tuo fratello, è da non crederci.

Roberto Dellaporta 11.07.06 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
quello che stai facendo per tuo fratello Vincenzo, denunciare la verità, è il modo migliore per ricordarlo.
Penso che ci sia molta discriminazione nei confronti dei tossicodipendenti e incapacità di affrontare il problema dalle istituzioni, quindi tutto ricade nell'ignoranza della gente che adora mettersi in un piedistallo nei confronti dei piu' deboli. Mi unisco al dolore per la triste e ingiusta morte di Vincenzo.
Alessandro

Alessandro Manni 11.07.06 09:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il caso è sconcertante, ma di simili credo ce ne siano altri che si vivono nelle carceri italiani, che ritengo non lontane, in termini di organizzazione e gestione, da quelli dei paesi cosiddetti sottosviluppati dove ivi vi vanno a finire soprattutto persone condannate per reati politici o ladri di polli.
Un penitenziario prima di essere un luogo dedito alla restrizione della libertà deve provvedere alla rieducazione e alla redenzione del detenuto, anch'esso creatura di Dio o figlio di una razza che si vanta di avere il primato di socialità.
Tenere carcerati in siffatta situazione i nostri sventurati cittadini, innanzitutto quelli che hanno commesso reati di opinione oppure piccoli reati scaturiti dalla necessità di procurarsi il minimo necessario per sopravvivere (i cosiddetti ladri di polli), è vero sadismo. E l'azione educativa va a farsi benedire con la conseguenza che i delinquenti una volta riammessi nella società civile continueranno a delinquere per necessità visto che nessuno gli darà le giuste opportunità, di lavoro innanzitutto, per condurre una vita normale.
Un sistema giudiziario che prevede la giusta punizione e l'altrettanta corretta educazione del carcerato è duopo nel nostro paese anche perchè oggi la popolazione di carcerati e veramente elevata e nulla presagisce ad un calo di essa.

Antonio Scherillo Commentatore in marcia al V2day 11.07.06 08:00| 
 |
Rispondi al commento

E' veramente increscioso.
I "farabutti" vengono mandati a casa loro a scontare le pene, con tanto di scorta.......per proteggerli !?
I "poveri disgraziati" vengono turlupinati fino in fondo: "La pena serve a redimere", dicono, "Si, ma se ne esci vivo"!

Gianluca

Gianluca Maffioli 11.07.06 07:51| 
 |
Rispondi al commento

solidarietà per vincenzo, povero ragazzo che triste storia, questo ragazzo è morto nell'indifferenza, nella disumanizzazione delle persone, che lo hanno ucciso.

ciao vincenzo

paolo ciccolella 11.07.06 07:47| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buona giornata. Giovanna


Giovanna Nigris 11.07.06 06:50| 
 |
Rispondi al commento

vincenzo é stato ucciso dalla malattia più grave che esista sulla terra:l'indifferenza.
l'indifferenza miete tante vittime perché l'indfferente di turno pensa che lo stesso non capiti mai a lui o a lei.
l'indifferenza ti ha già colpito.
auguri a te e spero che si trovino i responsabili di questo efferato delitto.

pasetti luciano luca Commentatore in marcia al V2day 11.07.06 02:44| 
 |
Rispondi al commento

E BASTA CON STA STORIA DI PREVITI, SULLA CUI CONDANNA PARECCHI NUTRONO DUBBI (UNA NOTA: SQUILLANTE, COLUI CHE PREVITI AVREBBE "PAGATO", è STATO ASSOLTO).
LA STRUMENTALIZZAZIONE DI VICENDE COSì TRISTI -QUAL è QUELLA RACCONTATA NELLA LETTERA- è ALTRETTANTO TRISTE, POCO RISPETTOSA DELLE SOFFERENZE DEI FAMILIARI DELLA VITTIMA.
MI RENDO PERò CONTO CHE QUELLA LETTA è LA TESI DI UNA PARTE: IO NON CREDO -SPERANDO E PROBABILMENTE ILLUDENDOMI- CHE POSSANO ESSERCI IN GIRO COSì TANTE PERSONE PRIVE DI CARITAS UMANA COME COLORO CHE CHI SCRIVE HA INDIRETTAMENTE INCONTRATO AL POLICLINICO, IN CARCERE, IN TRIBUNALE.
MI SCUSO PER IL TONO POLEMICO, RENDENDOMI CONTO DELLA SUA INOPPORTUNITà.

P. Ingin 11.07.06 00:37| 
 |
Rispondi al commento

Per coloro che si illudono che la costituzione, o in generale, la legge, possa esercitare i diritti
del ‘popolo’, si troveranno di fronte ad una delusione senza fine . Non esiste un “popolo” o una “società civile”. La società attuale, è comunque divisa in classi : una classe dominante ed una, che dominante non è. E’ il caso, che fa dell’ individuo un poliziotto o un delinquente.
Impossibile capire le responsabilità, se non si capisce come funziona la “società borghese”.
Resta chiaro che entrambi sono vittime di un sistema ormai arrivato al capolinea. 150 anni fa, un uomo diceva, che il comunismo, è una questione di tutta l’umanità.Scommettiamo?

adriano andreasi 10.07.06 23:29| 
 |
Rispondi al commento

In merito al disegno di legge di Forza Italia « Proibito usare i gorilla come cavie».
Si tratta forse di un'altra legge "ad personam"?

Hermes Cruciata 10.07.06 23:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,

Questo post mi ha lasciato senza parole. Come laureando in medicina e chirurgia posso dire che una una persona con cirrosi presenta grave rischio di emorragia, per sanguinamento di varici esofagee nonchè per coagulopatia. La presenza di una encefalopatia porto-sistemica fa propendere perchè fosse ad un quadro importante di scompenso epatico che non si instaura in un giorno. E' noto anche ad uno studente, inoltre, come l'asportazione della milza aumenti di molte volte il rischio di sepsi. Leggo questo post, con un nodo in gola perchè io ho visto nei reparti di ospedale questi malati.. e vedo che invece di un decoroso rispetto per una persona che è morta nell'indifferenza i commenti sono "abbiamo vinto". Non so cosa abbia combinato questa persona ma so che la legge dovrebbe essere uguale per tutti. So che Previti è stato in carcere 48 ore dopo una condanna definitiva. So anche che molti altri perchè troppo in alto non pagheranno sicuramente un prezzo così alto per le loro malefatte. A questa persona e chi gli ha voluto bene, va il mio affetto e la mia comprensione.


davidevaccarin.blogspot.it

davide vaccarin 10.07.06 23:12| 
 |
Rispondi al commento

E' un tossicodipendente...

... nessuno lo aveva avvisato di ciò a cui sarebbe andato incontro (chi lo ha convinto si droga) scuole tv e giornali non approfondiscono..

PARLARE DI DROGA E' PROIBITO

VIETATO APRIRE GLI OCCHI ALLA GENTE!

E così... chi non "prova" non può "sapere"... "capire"

Vincenzo è stato derubato e ucciso dalla mafia, complici i POLITICI CORROTTI


giampiero puddu 10.07.06 19:17 |
*********
forse sei davvero un pò fuori dalla realtà.
parli di droga, come se fosse un'arma segreta.. o un argomento per massoni.
ma in che mondo ed anno vivi?
forse sei tu che non conosci nulla di questo problema..
ma non importa, fattene una ragione e lascia i commenti interessanti a chi ne sa più di te.
e poi basta col mettere sempre di mezzo la mafia in tutti i nostri problemi.
se la diffusione della droga è opera della mafia, allora siamo tutti, compreso tu, dei mafiosi.
ciao
************
La droga è un'arma poco segreta ma molto utilizzata da tutti i più alti livelli sia politici che della MALAVITA per gestire e controllare intere aree economicamente (Colombia, Afghanistan, Marocco, Albania, Balcani, etc) e per gestire situazioni impossibili (Guerra del Vietnam, Guerra Sovietico-afghana degli anni '80, le guerre africane, etc) Se tu compri marijuana chi pensi di finanziare? Il contadino? l'importatore? Il rivenditore autorizzato?
Il primo elemento ad uccidere quella persona di 35 anni è stato lo stato che non ha informato negli anni '80 la popolazione del problema eroina, proprio come oggi poco informa del problema ecstasy, cocaina, alcool.
MafiacamorraSacracoronaunita'ndrangheta, interessi dei politici corrotti, i narcotrafficanti, errate politiche internazionali si ripercuotono sulla vita di tutti noi quotidianamente.
Il signore ha le sue ragioni
Tu hai le tue
Entrambe fanno la verità

Il signore della lettera ha perso suo fratello per indifferenza... mi sento colpevole perchè SIAMO TUTTI INDIFFERENTI.

MASSIMO, SCUSAMI.

Lorenzo Nava 10.07.06 23:06| 
 |
Rispondi al commento

scusate, ho voluto fare una provocazione ma sono pentita,cmq era per rispondere ad una ragazza che non vede tutto marcio (come ti invidio)

marzia buratti 10.07.06 23:05| 
 |
Rispondi al commento

quanto e' accaduto a vincenzo non e' altro che il parto di questa societa' nella quale l'ndifferenza e le responsabilita' sembra che siano concetti astrusi dicomportamento e non di etica civile. cio' che dovrebbe essere ovvio come ad esempio per un giudice decidere il ricovero in una comunita e' altro... forse una decisione di cui altri potrebbero occuparsi..... certo che tali avvenimenti generano sconforto e impotenza, anche se io a 51 anni non mi sento vinta e se c'e' qualcosa che insieme possiamo fare ok !

MARIALUCIA PIETRUCCI 10.07.06 23:04| 
 |
Rispondi al commento

Che anno ragazzi, abbiamo vinto le elezioni, abbiamo vinto il referendum e adesso abbiamo vinto anche la Coppa dei Campioni; o é Prodi che porta fortuna o era Berlusconi che portava sfiga.

Francesco Francisci 10.07.06 23:03| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi in giro si trova solo la "crema" che costa 6-7€ al grammo.
quando mi spinnellavo io, con 5 sacchi ti facevi 3 o 4 canne
è ora che il ns paese instauri dei rapporti col pakistan o l'afganistan, noi gli diamo le armi...........................................................................

marzia buratti 10.07.06 23:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Ministro Mastella,
All'Inferno c'è un posto speciale per quelli come te ed ha l'aspetto di un carcere italiano...

Hermes Cruciata 10.07.06 22:59| 
 |
Rispondi al commento

Questo sistema...tutti noi...abbiamo ucciso tuo fratello...perchè siamo solo degli animali...più stupidi degli animali e sicuramente non altrettanto caritatevoli.

Massimo, questo mondo fa schifo e l'unico modo per uscirne fuori è crearsene uno personale, piccolo e soprattutto segreto perchè tutti vogliono rovinartelo...non chiedermi perchè.

Mi dispiace per tuo fratello,
un abbraccio da uno che sta esaurendo
la speranza.

Mario Pera 10.07.06 22:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi sento veramente triste e' sempre la stessa cosa come duemila anni fa'.
I potenti ,i ricchi riescono sempre a ferla franca, e sono sempre fuori dalle carceri .
E' una VERGOGNA!!!!!!

marisa delucchi 10.07.06 22:38| 
 |
Rispondi al commento

queste sono cose tristi. La colpa di chi è? Un pò di tutti forse anche noi società cosi detta civile. I giornalisti dose sono? Queste cose non fanno notizia purtroppo. Certo sarebbe importante sapere perchè era diventato tossicodipendente. giiovanna

giovanna cavina 10.07.06 22:34| 
 |
Rispondi al commento

Davvero una tristezza leggere certi commenti...coloro che non apprezzano le riflessioni di Beppe potrebbero anche evitare di partecipare al blog!infangatori di quel poco d'informazione corretta e costruttiva che ci rimane. Dimostrano in fondo di non meritare il titolo di campioni del mondo,nemmeno di un semplice gioco come quello del pallone..
saluto tutti gli italiani, tutti quelli che non hanno perso la ragione!!!

Michle Barchi Commentatore in marcia al V2day 10.07.06 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno del sistema, appartengo all'apparato di "sicurezza", quel sistema che dovrebbe curare la sicurezza degli italiani, di tutti, anche del fraello di Massimo, anche se era in carcere. Non appartengo alla Polizia Penitenziaria, non che voglio distinguemri ma solo per onor dicronaca. Mi vergogno. provo un profondo senso divergogna, anche se non avrei potuto fare nulla per tuo fratello, mi vergogno. Nell'aapparato di sicurezza del nostro Stato non funziona nulla. E' tutto lasciato al caso, o peggio, all'interesse. L'interesse dei pochi, la stabilità e il benessere dei pochi. Si è vergognosamente vero, se tuo fratello avesse avuto le risorse economiche per potersi permettere un avvocato di grido, oggi sarebbe vivo. Avrebbe ottenuto gli arresti domiciliari e tutto quello che la "legge uguale pe tutti" prevede. Non è stato così e me ne vergogno. Oggi gli avvocati sono entrati in scipero e lo resteranno per 12 giorni. Non so quanto tempo il legale di tuo fratello ha dedicato all'istanza presentata al giudice di sorveglianza e non voglio pensare a quanto tempo il signor giudice abbia dedicato a vagliare le motivazioni dell'istanza per il collocamento in comunità e come abbia a sua volta motivato il rigetto, mi vergogno, ma la mia vergogna non ti ridarà tuo fratello. Oggi su radio radicale ho sentito come le destre attaccavano la presenza di un ex terrorista in parlamento e le sinistre difenderne il diritto. la conclusione e che "loro", i nostri "rappresentanti", rappresentano solo loro stessi e i loro privilegi, noi siamo soli, siamo il popolo; mi appare chiaro oggi che ci ritroviamo a vivere uno stato simile a quello precedente la rivoluzione francese, i politici hanno sostituito i nobili di allora, una casta protetta e impunita, mente il popolo và in galera e/o muore, dobbiamo fare qualcosa per ristabilire che il popolo è sovrano.

Vincenzo Barone 10.07.06 22:21| 
 |
Rispondi al commento

crepare in carcere o provenienti moribondi da quei luoghi in ospedale, magari pure piantonati,equivale, senza tanti giri di parole, ad una condanna a morte. Lo dico come operatore, come assistente sociale di un Ser.T..La tossicodipendenza è una malattia cronica redicivante! E questo non lo dice ne Muccioli, ne Don Pierino, ma l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Come tale va trattata, altrimenti continueranno a scorrere ancora morti o, scusate se insisto, condannati a morte. Per come siamo messi con la giustizia oggi, tra detenuti quando parlano dei loro guai con la legge in carcere, la prima domanda che si fanno è: "Chi avvocato hai?". Questa domanda racchiude tutta la miseria di chi crepa in nome della legge.

gianni casubaldo 10.07.06 22:12| 
 |
Rispondi al commento

In Italia, la "giustizia" è feroce con i deboli e ipergarantista con i ricchi e potenti. E molti detenuti non sono da meno: il debole è "forte" con chi è più debole di lui... Che altro dire? Magari si può ricordare - per quel che può servire - che la Costituzione della Repubblica Italiana dovrebbe essere applicata sul serio.

Pasquale Navarra 10.07.06 22:01| 
 |
Rispondi al commento

costo giornaliero di un detenuto: 300 euro

carceri italiane n°: 207

popolazione carceraria: 60.000 circa

casi accertati di suicidio in carcere nel 2005: 57

fa piacere vedere che si corregge un detenuto con punti di sutura e bastonate. chissà se mastella troverà modo di occuparsene quando avrà finito di commuoversi alle prodezze di cannavaro

giovanni amore 10.07.06 21:35| 
 |
Rispondi al commento

la cosa brutta di questo blog sono i commenti,
sembra di essere inmezzo a un esercito di scimmie più o meno pensanti

Vergogna,per molti di voi!

devid premontini 10.07.06 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Questo post non l'ho capito. Se vuole parlare di un caso specifico, d'accordo siamo tutti dispiaciuti e soldiali. Ma se vuole indentificare una realtà va completamente fuori bersaglio. Il problema in Italia è esattamente il contrario, che i delinquenti la fanno franca prima e durante il carcere e quelli che si fanno un culo così per lavorare onestamente sono continuamente ridicolizzate da un sistema punitivo inefficienti. Stiamo attenti a non dare immagini distorte.

SAbino De rossi 10.07.06 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Il mondo non cambia ed ho paura che non cambierà mai, un ricco la galera non la fa, una persona comune invece sì,è da un pò che mi chiedo perchè uno nasce più o meno sfortunato....

Pietro Bertolotti 10.07.06 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Voi tenete un cappotto cammello
che al maxi-processo eravate 'o cchiu bello,
un vestito gessato marrone
così ci è sembrato alla televisione
pe `ste nozze vi prego Eccellenza
mi prestasse pé ffare presenza
io già tengo le scarpe e 'o gilè
gradite 'o Campari o vulite 'o ccafè?
Ah, che bellu ccafè
sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a recetta ch'a Cicirinella
compagno di cella ci ha dato mammà.
Ah, che bellu ccafè
sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a ricetta di Cicirinella
compagno di cella preciso a mammà.
Qui non c'è più decoro, le carceri d'oro
ma chi ll'ha mai viste, chissà
cheste sò fatiscenti pé cchisto 'e fetienti
si tengono l'immunità
don Raffaè voi politicamente
io vi giuro sarebbe 'nu santo
ma a'cca dinto voi state a pagà
e fora chist'atre se stanno a spassà.
A proposito, tengo nu frate
che da quindici anni sta disoccupato
chillo ha fatto cinquanta concorsi
novanta domande e duecento ricorsi
voi che date conforto e lavoro,
Eminenza, vi bacio e v'imploro
chillo dorme cu mamma e cu mme
che crema d'Arabia ch'è cchistu ccafè.

ciaooooooooooooooo

de andre

cosimina vitolo 10.07.06 19:47| 
 |
Rispondi al commento

Io mi chiamo Pasquale Cafiero
e son brigadiero del carcere oinè
io mi chiamo Cafiero Pasquale
sto a Poggioreale dal '53
e al centesimo catenaccio
alla sera mi sento uno straccio
per fortuna che al braccio speciale
c'è un uomo geniale che parla co' mme.
Tutto il giorno con quattro infamoni
briganti, papponi, cornuti e lacchè
tutte ll'ore co' 'sta fetenzia
che sputa minaccia e s' 'a piglia co' mme
ma alla fine m'assetto papale
mi sbottono e mi leggo 'o ggiurnale
mi consiglio con don Raffaè
mi spiega che penso e bevimm' 'o ccafè.
Ah, che bellu ccafè
sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a recetta ch'a Cicirinella
compagno di cella ci ha dato mammà.

Prima pagina venti notizie
ventuno ingiustizie e lo Stato che fa
si costerna, s'indigna, s'impegna
poi getta la spugna con gran dignità.
Mi scervello. mi asciugo la fronte
per fortuna c'è chi mi risponde
a quell'uomo sceltissimo e immenso
io chiedo consenso, a don Raffaè.
Un galantuomo che tiene sei figli
ha chiesto una casa e ci danno consigli
l'assessore che Dio lo perdoni
'ndentro 'a roulotte ci alleva i visoni.
Voi vi basta una mossa, una voce
c'a `stu Cristo ci leva 'na croce.
Con rispetto, s'è fatto le tre
vulite 'a spremuta o vulite 'o caffè?
Ah, che bellu ccafè
sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a recetta ch'a Cicirinella
compagno di cella ci ha dato mammà
Ah, che bellu ccafè
sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a recetta di Cicirinella
compagno di cella precisa a mammà

`Cca ci sta l'inflazione, la svalutazione
e la borsa ce l'ha chi c'è l'ha
io non tengo compendio che chillo stipendio
è un ambo se sogno a papà
Aggiungete mia figlia Innocenza
vuò 'o marito, nun tiene pazienza
non vi chiedo la grazia pé 'mmè
vi faccio la barba o la fate da sè?
1

cosimina vitolo 10.07.06 19:45| 
 |
Rispondi al commento

@ Mario Gabrielli Cossellu

Sistema carcerario con il piu' alto numero di inquilini rispetto alla popolazione, dici?
E me ne vanto pure!!! Qui' c'e' la certezza della pena per gli "Sfortunati" che sbagliano, e ti posso assicurare che non e' cosi' facile finire in gattabuia da queste parti.

Kennet Lay, a capo di una delle piu' grosse aziende energetiche Statunitensi, fallita qualche anno fa' per problemi piu' o meno simili alla Parmalat, e che lascio' migliaia di persone senza lavoro e molte altre senza risparmi, era stato condannato dalla giuria ed era in attesa della sentenza che, con un minimo di 25 anni, era come se fosse stato condannato all'ergastolo.
Mica uno qualsiasi, faceva parte del gotha finanziario Americano. Qui chi rompe paga, e i c...occi sono suoi. Ci sono errori giudiziari pure qui? Certo, ci mancherebbe, nessuno e' perfetto.

Guantanamo? Molti di quelli che erano stati liberati sono poi stati uccisi sui campi di battaglia dell'Afghanistan. Il sergente maggiore dell'esercito Italiano, durante il mio periodo al CAR, ci disse dell'importanza di indossare una divisa appartenente ad un esercito per evitare, secondo le convenzioni di Ginevra, di essere possibilmente fucilati sul posto se sorpresi a combattere in abiti civili. Direi che a quei tipetti rinchiusi in quell'isola e' andata anche troppo bene.

E da che mondo e' mondo, i prigionieri di guerra vengono rilasciati alla fine delle ostilita', senza processi e avvocati vari.

Giovanni Moretti Senzitalia 10.07.06 19:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LIBERO
10 LUGLIO 2006

Disegno di legge di Forza Italia « Proibito usare i gorilla come cavie »

ROMA - Mai più scimpanzè, gorilla e orango come cavie da laboratorio. Ameno che non si tratti di curare malattie di questi stessi animali o garantirne la conservazione. Lo prevede un disegno di legge presentato da Forza Italia. La proposta del senatore azzurro Antonio Tomassini, interviene sulle norme che disciplinano l'uso di animali per fini scientifici o tecnologici, vecchie di 14 anni. Nella scorsa legislatura una proposta analoga era stata avanzata alla Camera dagli azzurri e aveva raccolto le firme di altri 55 parlamentari di entrambi gli schieramenti. Multe fino a 60mila euro per chi viola le nuove norme.


E' un tossicodipendente...

... nessuno lo aveva avvisato di ciò a cui sarebbe andato incontro (chi lo ha convinto si droga) scuole tv e giornali non approfondiscono..

PARLARE DI DROGA E' PROIBITO

VIETATO APRIRE GLI OCCHI ALLA GENTE!

E così... chi non "prova" non può "sapere"... "capire"

Vincenzo è stato derubato e ucciso dalla mafia, complici i POLITICI CORROTTI


giampiero puddu 10.07.06 19:17 |
*********
forse sei davvero un pò fuori dalla realtà.
parli di droga, come se fosse un'arma segreta.. o un argomento per massoni.
ma in che mondo ed anno vivi?
forse sei tu che non conosci nulla di questo problema..
ma non importa, fattene una ragione e lascia i commenti interessanti a chi ne sa più di te.
e poi basta col mettere sempre di mezzo la mafia in tutti i nostri problemi.
se la diffusione della droga è opera della mafia, allora siamo tutti, compreso tu, dei mafiosi.
ciao

alessandra lattuada 10.07.06 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Invito chi non accetta un'idea di giustizia come morte del diritto che si tramuta inevitabilmente in strage di vite - come spesso ricorda marco pannella - ad ascoltare radioradicale, ogni martedi alle 21. la trasmissione si chiama radiocarcere e tristemente si possono sentire altre storie come quelle di vincenzo.

lorenzo lorenzon 10.07.06 19:24| 
 |
Rispondi al commento

leggendo i commenti provo una sorta di sconforto..
ma quanti imbe.illi ci sono oggi?
volete postare a tema, senza offendere e rimbalzarvi cavolate insulse, o dovete per forza far vedere la vostra pochezza all'intero web?
sembra il festival del mongolino d'oro..
che pena..

alessandra lattuada 10.07.06 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A TEMPO PERSO CLICCATE QUI:
http://www.lush.it/main/index.php?node=196

DANIELE MISCO 10.07.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento

@ Sergio

Mi spiace ma stai prendendo un abbaglio. innanzitutto nessuno qui usa il nome di un altro e questo per una serie di ragioni che nn sto qui a spiegare. Tornando a bomba voglio dire due cose

a)coglione sei tu (perchè lo hai detto prima tu)
b) non ti permettere mai più di dirlo

potrei continuare...ma lasciamo perdere

Annamaria Farina 10.07.06 19:16| 
 |
Rispondi al commento

DANDO DEI COGLIONI NON VOLEVO CERTO OFFENDERVI...ERA SOLO UN INTERCALARE. CHIEDO SCUSA SE QUALCUNO SI E' OFFESO.

SCUSA ANNAMARIA E SCUSA IVO

sergio bellini 10.07.06 19:03
---------
che fate, ora non avete altro giochetto che usare i nomi altrui?
io non chiedo scusa a nessuno, caro coglioncino che usi il mio nome.
scrivo quello che voglio e riconfermo ciò che ho detto nei post precedenti.
SIETE SCHIAVI DEL VOSTRO REGIME ROSSO. E DI QUESTO PAGHERETE LE CONSEGUENZE MOLTO PRESTO.

sergio bellini 10.07.06 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Liverpool, Penny Lany cambia nome, per il politically correct. La strada fu intitolata a tale James Penny, mercante di schiavi, ma i fans dei Beatles sono in rivolta: ormai il nome della strada è storicizzato ed è legato all'epopea dei fab fours, non al personaggio che portò quel nome.

Hanno ragione i Beatles sono sacri!!!

Stuart Sutcliff 10.07.06 19:08| 
 |
Rispondi al commento

OT OT OT

Notizia sensazionale. Sul sito della FIFA si parla in Inglese, in Francese, in Tedesco e persino in Spagnolo. Ma non in Italiano.
Qualcuno mi spiega perchè?

Francesco landi 10.07.06 19:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@@ Ray Milano 10.07.06 18:43 |


Continua la CENSURA di GRILLO sul Signo.aggio:

Che fine ha fatto il post di Ray Milano 18:43 del 10.07.06 ?????????????????????????

SCOMPARSO... RIMOSSO

Perchè GRILLO CENSURA chi osa parlare di questo tema? (e nn rispondetemi che era fouri tema, perchè allora dovrebbero essere rimossi il 70% dei post!)

Il tracagnotto genovese continua con la sua CENSURA simil-comunista! (che abbia imparato dai compagni cinesi, che lui stasso denigrava su questo blog?)

Francesco Di Lallo 10.07.06 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Da sempre in carcere avvengono episodi incivili
giustificati da una morale carceraria.
A questa morale sono partecipi sia i carcerieri sia i carcerati e sia soprattutto gli apparati dello stato preposti alla sorveglianza e al rispetto delle regole democratiche.

LILLO MARCUNZIO 10.07.06 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Siamo in tanti, anche se a volte è più facile notare la maleducazione e l'insulto, ma siamo davvero in tanti Franco.

Annamaria Farina 10.07.06 14:21
***********

ESATTO, SIETE DAVVERO TANTI COGLIONI.
SERVI DEL REGIME PIU' OTTUSO NELLA STORIA DELLA REPUBBLICA.
TANTI BEI COGLIONCELLI.


sergio bellini 10.07.06 18:50 | Rispondi al commento |
Chiudi discussione
Discussione

ma che dici cretino..

monte stefano 10.07.06 18:53 |

Attenzione si e' aggiunto l'esemplare bellini, lo schizofrenico, inconcludente padano.

ivo serentha' 10.07.06 18:52

---------
COME DICEVO, SONO IN TANTI

sergio bellini 10.07.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

evviva gli italiani sono tornati a casa,sono stati accolti come eroi,c erano anche le frecce tricolori veramente emozionante,w l italia,w gli azzurri

una tranquilla 10.07.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti,
come è possibile che un castello del 1200 venga abbandonato all'incuria e che si volga a diventare un ammasso di macerie nell'indifferenza generale? Eppure questo è il destino del castello di Erbia, che si ergeva magnificamente sulla Val Perino sino a pochi anno fa, e che oggi sembra reggersi su una gamba sola, in attesa che un soffio di vento ne decreti la fine.
Ho visitato la Francia ed ho visto il rispetto che i francesi hanno per la loro storia: mi sembra che da questo punto di vista abbiamo molto, ma molto da imparare. La nostra nazione ha tesori culturali inestimabili, ma la provincia di Piacenza deve ancora imparare a valorizzare se stessa e questo non mi sembra un buon inizio.
Dove vanno a finire i finanziamenti pubblici? Spesso seguono mille rivoli, senza nutrire nessuna buona causa: penso che salvaguardare la nostra storia sia una buona causa.
Mi sto attivando anche con il Ministero per ottenere una scossa.
Possiamo fare qualcosa:insieme possiamo.

Ernesto Ghigna 10.07.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento

DANDO DEI COGLIONI NON VOLEVO CERTO OFFENDERVI...ERA SOLO UN INTERCALARE. CHIEDO SCUSA SE QUALCUNO SI E' OFFESO.

SCUSA ANNAMARIA E SCUSA IVO

sergio bellini 10.07.06 19:03| 
 |
Rispondi al commento

giampiero puddu 10.07.06 18:53 | Rispondi al commento |
___________________________________________________

Giampiero, non capisco perché alcuni di voi rispondo prima nel "commento", e poi lo . ripubblicano in "chiaro". Non lo capisco ma lo posso intuire: cerchi consenso?

Ti rispondo in chiaro (oltre che nel commento stesso).

"Ci vediamo nel futuro Giampiero... sarò lì ad aspettarti, anche se di questo passo ti dovrò aspettare molto tempo!"

Ray Milano 10.07.06 19:01| 
 |
Rispondi al commento

LEGIONARI AZZURRI
carogne
TORNATE NELLE FOGNE
intanto "Berlusconi-porta-sfiga-senza-ritorno" non c'è più e finalmente vinciamo la Coppa del Mondo!!!
io grido:
FORZA ITALIA, alla faccia di Sivio..
(riappropriamoci delle nostre parole e vaffa**ulo a tutti i forzitalioti)

Claudio Amici Commentatore in marcia al V2day 10.07.06 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono stato ospite di San Vittore dal gennaio al maggio 1986. In quei quattro mesi sono morti in sei nel raggio COC (Centro di Osservazione Criminale) che accoglieva praticamente solo tossici. Botte delle guardie, overdose e negligenza. Sono uscito da quell'esperienza con la certezza che, una volta passato il cancello, diventi solo un numero e come tale puoi sparire nella più totale indifferenza. Speravo che col tempo le cose fossero cambiate.

osmetti carlo 10.07.06 18:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,

Questo post mi ha lasciato senza parole. Come laureando in medicina e chirurgia posso dire che una una persona con cirrosi presenta grave rischio di emorragia, per sanguinamento di varici esofagee nonchè per coagulopatia. La presenza di una encefalopatia porto-sistemica fa propendere perchè fosse ad un quadro importante di scompenso epatico che non si instaura in un giorno. E' noto anche ad uno studente, inoltre, come l'asportazione della milza aumenti di molte volte il rischio di sepsi. Leggo questo post, con un nodo in gola perchè io ho visto nei reparti di ospedale questi malati.. e vedo che invece di un decoroso rispetto per una persona che è morta nell'indifferenza i commenti sono "abbiamo vinto". Non so cosa abbia combinato questa persona ma so che la legge dovrebbe essere uguale per tutti. So che Previti è stato in carcere 48 ore dopo una condanna definitiva. So anche che molti altri perchè troppo in alto non pagheranno sicuramente un prezzo così alto per le loro malefatte. A questa persona e chi gli ha voluto bene, va il mio affetto e la mia comprensione.


davidevaccarin.blogspot.it


Sei molto gentile Franco.
Colgo l'occasione per ringraziarti per aver risposto alla mia richiesta di ieri sera.

Buona giornata :)

PS
Siamo in tanti, anche se a volte è più facile notare la maleducazione e l'insulto, ma siamo davvero in tanti Franco.

Annamaria Farina 10.07.06 14:21
***********

ESATTO, SIETE DAVVERO TANTI COGLIONI.
SERVI DEL REGIME PIU' OTTUSO NELLA STORIA DELLA REPUBBLICA.
TANTI BEI COGLIONCELLI.

sergio bellini 10.07.06 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@@ Ray Milano 10.07.06 18:43 |


Ma con la storia, il polpettone del signo.aggio, 2 palle, caro ray, con tutti i bei personaggi di questo paese, sempre a galla, sempre sul carro dei vincitori, sempre con i loro contratti, non mancano mai una stagione.

Al contrario ti sei chiesto come mai personaggi come beppe e tanti altri che non compiacciono il potere sono da decenni fuori del piccolo schermo.

Sono prese per il c..o di questa soap opera tanto cara a qualche esimio personaggio, tutti i giorni a ripetere le stesse cose.

ivo serentha 10.07.06 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Piena solidarietà...
E' una cosa che pensi possa accadere solo nei films, ma purtroppo non è così.

Giorgio Petrozzi 10.07.06 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Massimo ,mi dispiace per tuo fratello ,a volte uno ha fiducia nella giustizia e crede che nei carceri sia tutto sotto controllo....la tua storia svela un'altra realtà!Hai fatto bene a raccontare questo reato commesso anche da chi lo doveva difendere.Una cosa che mi fa incavolare è che nei tg non si sentono queste cose!e mi chiedo ma agli italiani interessa davvero di più dove passa le vacanze la Marini ?

erika mainardi Commentatore in marcia al V2day 10.07.06 18:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buona serata a tutti,

Su questo post non dico altro che quotare tutti e ciascuno quei commenti (pochi, purtroppo) che si sono distaccati da un mare magnum (molti, purtroppo) estendendosi dalla stupida crudeltà ed egoismo da una parte, all'assoluto vuoto cranico nell'inneggiare ancora al mondo pallonaro - dove, tra l'altro, corre molta più droga e porcherie varie... ma siccome crea business, tutto va bene!

A chi se lo ha dimenticato, ricorderei che il carcere non ha tanto una funzione punitiva, e meno ancora distruttiva, ma di recupero e rieducazione, per chi in un modo o nell'altro "sbaglia" - a volte per responsabilità sue, a volte per responsabilità più grandi di lui - e non ci guadagna nessuno a far diventare un "piccolo delinquente" un criminale incallito o un relitto umano.

Non ci guadagna nessuno.

Sulle droghe, l'unico trattamento possibile è quello simile ad altre droghe con le quali l'essere umano convive: l'alcool, il tabacco, o se vogliamo la "passione" sportiva... non si possono "proibire", solo si può promuovere l'uso responsabile, e sano. Se si continua a illegalizzare anche cose come la marijuana, sarà più facile ingrossare i profitti delle mafie, e anche mettere in circolazione robaccia adulterata e sporca.

Conviene a qualcuno che le mafie profittino e ci sia roba sporca e adulterata? Bella domanda no...?

Un paio di note finali:

- Raffaella, mi è piaciuta molto la tua nota finale contro i disturbatori. Chiara e definitiva, me la segno e cercherò di utilizzarla in caso di bisogno.

- Giovanni Moretti "senzitalia": bella la tua menzione di "terra dei liberi" per riferirti agli Stati Uniti d'America. Dovresti raccontargliela anche, per esempio, agli ospiti del sistema carcerario USA, con la percentuale più alta del mondo rispetto alla popolazione. O ai "cinque cubani" ancora in carcere per lottare contro il terrorismo coperto dagli USA (vedi Posada Carriles, conosci no?), o meglio ancora, chiedi dalle parti di Guantanamo.

Saluti


VAI BEPPEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!
NON MI DELUDEREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!
NON TI VENDEREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!

DIMMI COME POSSIAMO DIVENTARE QUALCOSA DI IMPORTANTE X L' ITALIA!!!!!!!

SARO' IL TUO PORTAVOCE X BARIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!

BEPPEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!

FRANCESCO PERRELLI 10.07.06 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Basta non se ne puo' piu', io in onore a pasc..ci, propongo l'internamento di grillo a guantanamo con relativa chiave buttata via.

W gli andreotti

W i massoni.

W i p2isti

Naturlamente evviva per chi lavora in televisione stile pippo baudo, quelli si che sono personaggi di una certa levatura, sanno come comportarsi e non dire mai nulla di sconveniente, sono gli highlander del sistema mediatico nazional popolare.

Ma ben vengano, questo paese crescera' e si sviluppera' alla grande.

W il rufianaggio e il leccac..ismo.

ivo serentha' 10.07.06 18:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, dal post di oggi sembri quasi sorpreso di constatare dal racconto di un amico, come gira il mondo (in particolare l'italia).

Credi che sia un caso isolato quello di Vincenzo?

Mi spiace causarti uno shok, ma cose del genere (così gravi o "leggermente meno" - per usare un tuo eufemismo), sono all'ordine del giorno nelle nostre carceri.

D’altronde, tu stesso lo dicevi nel post dei ragazzi chiusi a S. Vittore per gli scontri di Milano dell'11 marzo scorso.

Riporto dal post di Andrea Righi (da te giudicato come miglior post - mi viene il dubbio che non li leggi):

"[...] In carcere si sono fatti una settimana d'isolamento (!) per poi essere messi tra i criminali politici e alcuni secondini avevano incaricato quelli delle pulizie (dei rumeni) di randellarli ma si sono rifiutati perchè hanno visto che sono dei bravi ragazzi. Sono rispettati dall'intero blocco carcerario e sono stati aiutati nei primi periodi con sigarette e altro [...]"

Mi riferisco soprattutto al fatto che i secondini avevano dato incarico a quelli delle pulizie di randellarli.

Grillo, io ho 37 anni e in galera non ci sono ancora finito, ma di amici che l'esperienza l'hanno vissuta ne conosco.
Non è una leggenda metropolitana quella per cui i secondini arrivano con gli asciugamani bagnati a legnarti pr non lasciarti i segni. E mi hanno anche descritto altre "tecniche". Ti fanno "nero" senza lasciarti un livido!

Chiediamo a chi è finito a S. Vittore con accuse finanziarie com'è stato trattato. Chessò, ad esempio Fiorani.
Con tutti i privilegi dovuti a chi ha "rubato" 60 milioni di EURO” (almeno quelli accertati - e quindi saranno molti di più).

TU che puoi, che vieni considerato un Opinion Leader e hai i mezzi, perché non fai niente e ti limiti a scrivere le cose che sanno anche i sassi su una pagina di Internet o di un quotidiano?

Fai solo quello che fanno centinaia e forse migliaia di ragazzi senza avere la tua visibilità e i tuoi mezzi. Senza venire nominati Eroi dell’anno.

Grillo, il giorno che ti sentirò dire la parolina "FACCIAMO", avrai tutto il mio rispetto, ma fino a quel momento sei aria fritta!

Io qualche dubbio ce l’ho!

Ray Milano 10.07.06 18:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella di Vincenzo è una storia finita nel peggiore dei modi tra tante, non meno umilianti per i detenuti (e i loro familiari)...
Avrete sentito, circa un anno fa, del maghrebino che si è cucito la bocca con ago e filo perchè durante i trasferimenti era stata persa la dentiera e lui non poteva pagare le spese relative...saprete dei suicidi di detenuti, per cui è stato ben riassunto da non ricordo chi, durante sing-sing (manifestazione musicale a S. Vittore, il carcere fatiscente che già Pilliteri e Craxi volevano chiudere 20 anni fa)con una battuta macabra ha detto : ''In Italia non esiste la pena di morte: in compenso esiste la morte durante la pena...''
Augurandoci di non avere mai a che fare con il nostro sistema carcerario, se vi capita ascoltate radio carcere su Radio radicale il martedi sera ( si puo' scrivere?? booh)

Carlo pellizza 10.07.06 18:34| 
 |
Rispondi al commento

@@@ KhiAra FonTana 10.07.06 18:23 |


Ti sei rincoglio.ita carissima. ho altri post piu' sotto, mi mancano le tue str.ate di contorno.

Stai piu' attenta ormai mi manchi come l'ossigeno.

ivo serentha 10.07.06 18:27| 
 |
Rispondi al commento

*****

Caro Massimo, prima di ogni cosa meriti un plauso, un consenso profondo.
Sì, in quanto è stato sempre molto difficile trovare qualcuno, soprattutto un fratello, che pur sapendo di avere a che fare con chi non era certo uno "stinco di santo", vuole salvarne giustamente la memoria. E non nascondersi.
Purtroppo chi condanna o emette sentenze, non
analizza mai il motivo che ha portato un'essere umano a distruggersi e far del male soprattutto a se stesso e a chi lo ama, come te, fratello sincero e con i sentimenti ancora "funzionanti".
Purtroppo la vita è un'azione
quotidiana meccanica/matematica.
Ma, quello che fa più tristezza, è il fatto che chi dovrebbe solidarizzare, come i detenuti tra di loro, hanno invece messo l'accento per
porre fine alla vita di Vincenzo.
Speriamo almeno che Lui si sia "liberato"
e riposi in pace.

*

Gianni Proietti Cara 10.07.06 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Affittiamo le carceri libiche.
Così risolviamo il problema dell'orario delle visite.

Francesco landi 10.07.06 18:15| 
 |
Rispondi al commento

@ ANNA MARIA FARINA

TI CHIEDO SCUSA; HO ESAGERATO NON VOLEVO MANCARE DI RISAPETTO AI TUOI FIGLI

SPERO CHE IL CONFRONTO SIA SEMPRE LA PRIORITA? DI QUESTO BLOG
FORZA BEPPE E SCUSATEMI TUTTI SOPRATUTTO TU ANNAMARIA

Antonio Padrisi 10.07.06 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sergio bellini 10.07.06 18:07

Annamaria non ti preoccupare di questo elemento molto mona e poco propenso all'uso della materia grigia, fanno parte del contorno becero, vuol dire che esistono anche loro, il problema che nel terzo millennio nonostante la cultura abbia fatto progressi sono ancora molti gli intellettuali da bar sport.

Biscardi e dintorni hanno peggiorato molto la situazione negli ultimi anni.

ivo serentha' 10.07.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa lettera mette angoscia ed infinita tristezza ,alla base coesistono diversi problemi sociali per cui si invoca da tempo una soluzione,sopratutto ora che la nuova classe politica,per attutire le disuguaglianze che cinque anni di declino e liberismo hanno provocato con l'indifferenza verso il povero.Il nuovissimo neo ministro della Famiglia Rosy Bindi, potrebbe dare una speranza ed una risposta alle problematiche che sono alle base della sua storia famigliare per capire quale forma di autodistruzione l'abbia indotto alla dipendenza,non dovrebbe restare indifferente tale ministro,anzi dovrebbe stupirsi della tragedia,conoscere la verità per dare dignità al fratello,sapere che non è la prima nè l'ultima famiglia (vedasi blog caso Aldovrandi di Ferrara massacrato e morto di botte)come caso isolato ma espressione di realtà umana culturale sociale da cambiare.Credo che i ministeri debbano funzionare al servizio del cittadino in difficoltà,altrimenti sono sprechi di denaro.

stefano masetti 10.07.06 18:12| 
 |
Rispondi al commento

ovviamente piena solidarieta' a massimo, e a molti altri che soffrono in carcere....

invito a cercare i numeri delle morti nelle carceri italiane, raggiungiamo un numero ben poco invidiabile...

--------------------------------------

http://www.ristretti.it/areestudio/disagio/ricerca/


http://www.reti-invisibili.net/morticarceri/

----------------------------------------

non si dimentichi l'ormai non piu' recente caso marcello lonzi, sconcertante per le prove schiaccianti emerse
quanti altri casi simili..... senza che nessuno possa sapere la "verita'"

vogliamo poi guardare cosa succese nei CPT a bologna, come in sicilia, come in puglia.... soprusi di ogni tipo: somministrazione forzata di psicofarmaci/sedativi, pestaggi, derisioni, violazione dei piu' fondamentali diritti
un documentario non male che consiglio di vedere e' "MARE NOSTRUM" di stefano mencherini (http://www.stefanomencherini.org/)

fabrizio guidi 10.07.06 18:11| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO UN PAESE CON LEVATO DEFICIT E DOBBIAMO SCEGLIERE VOLETE CARCERI O OSPEDALI? CARCERI O AUTOSTRADE? DOBBIAMO SCEGLIERE ED IO MI SENTO DI SCEGLIERE STRADE TAV ED OSPEDALI .. SE VOLETE RISPARMIARE CHIEDETE A GRILLO DI DARE IN BENEFICIENZA I SUOI SPETTACOLI

ROBERTO SERIO 10.07.06 18:08| 
 |
Rispondi al commento

*******annamaria farina********

goba tua madre, gobo tuo padre, goba la figlia de la sorella, era goba pure quella.. era goba pure quella.. la famiglia dei gobon..

ma va a ciapà i ratt, betoniga!!!!!!!!!

non sai di che parli e non sai di che scrivi.
torna ai fornelli cara mia.
è li il tuo posto.
qui fai e dici solo stronxate.

sergio bellini 10.07.06 18:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Raffaella Biferale

Ciao Raffaella,
Si basta con i luoghi comuni! Questo era un uomo di 36 anni, che non si dice, ma chissa' quante altre volte e' stato in carcere o ha provato a riabilitarsi in una comunita', non un ragazzino di 18-20 anni. Non avra' rapinato vecchiette, ma in galera c'era comunque per dei reati. Come ho scritto molto piu' sotto, non meritava certo di fare la fine che ha fatto, ma lo ritengo responsabile all'80% della sua sorte. Responsabilta' personale e farsi carico delle conseguenze dei propi gesti, ricordi?

Sono sostanzialmente d'accordo nel liberalizzare le droghe. Voglio essere pero' "liberalizzato" a spaccare la testa a chiunque trovo nell'atto di offrire droghe ai miei ragazzi.

Domani parti per venire nella terra dei liberi, ti auguro un buon viaggio, buona permanenza e tanto, tanto divertimento.

Giovanni Moretti Senzitalia 10.07.06 18:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' stato ucciso dal personale del carcere che non lo ha fatto ricoverare.

Marianna Nove 10.07.06 18:06| 
 |
Rispondi al commento

BBBBAAAASSSSSTTTTTTAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11
per chi vuole partecipare i modo vero e sincero
ad uno scambio libero di idee e opinioni
la guerra dei poveri la dovete vincere voi
vieni a votare
commenti espressioni idee cpricci desideri
questo blog è per voi coraggio liberiamo l'informazione
-il caso moro
-le guerre degli americani
-italia italia alla conquista di berlino2006
vieni a sfogare la tua estrema esultanza
- Jurassic RAI "l'era del menopeggismo" di marco travaglio
- misteriose fiduciarie nel mondo del calcio
-ici
-KENNEDY
-liberalizzazione
-geopolitica americana
-ilva di taranto
-cosa ne pensi delle droghe
- DENUNCIA CONTRO LA BANCA D'ITALIA E LA BCE
da parte della n o euro
-Il reddito monetario delle banche centrali
-al zarqawi una vittoria democratica o mediatica?
-iraq la guerra del petrolio e la strage nascosta
-il signoraggioe la guerra dei poveri
-i retroscena della guerra dei balcani
-le dichiarazioni dell'ultimo superstite delle torri gemelle
-AREA 51
-CASO MOGGI e le dichiarazioni di berlusconi
-BERLUSCONI e l'art.21 della costituzione
-Quanto ci costano i parlamentari?
La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!
BASTA votare i pregiudicati

-vota ai sondaggi
COSA CHIEDERESTI A PRODI?

chi odi di più nel mondo della tv?
dove ha preso i soldi berlusconi?
dove vorresti la juve per la prossima stagione?
questo e tanto altro sul blog
La guerra dei poveri il blog della libera e coraggiosa informazione

http://handly.bloggers.it

emanuele frings 10.07.06 18:04| 
 |
Rispondi al commento

VOLEVO SOLO DIRE UNA COSA SULLE COSE CHE SCRIVE GRILLO AL 90% SONO CAGATE DEL RESTANTE 10 % NON MENE FREGA UN CAVOLO, MA L'IMPORTANTE E'CHE TIFI GHANA E CHE STANOTTE ABBIA ROSICATO!!!! MENTRE NOI COMUNI MORTALI SFIGATI IGNORANTI, FASCISTI ECC. ECC. ABBIAMO GODUTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
FORZA ITALIA!!!
FORZA AZZURRI AVETE VINTO GIOCANDO SEMPRE IN 10 O IN NOVE!!!!!!!!!!
VABBE' CHE GLI ALTRI ERANO CRUCCHI O NERI VESTITI DA FRANCESI, MA SIETE STATI GRANDI!!!!!
GATTUSO FOR PRESIDENT!!!!!!!!!!!

GATTUSO FOR PRESIDENT!!!!!!!!!!!
GATTUSO FOR PRESIDENT!!!!!!!!!!!

GATTUSO FOR PRESIDENT!!!!!!!!!!!
GATTUSO FOR PRESIDENT!!!!!!!!!!!
GATTUSO FOR PRESIDENT!!!!!!!!!!!

GATTUSO FOR PRESIDENT!!!!!!!!!!!

Roberrto Bobbio 10.07.06 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Penso che il post di beppe titolato forza ghana abbia portato bene alla squadra, direi che gufare non porta bene a volte, come avevo scritto e consigliato si puo' con diritto citicare questi milionari in mutande, la loro sensibilita' e senso delle istituzioni sono legate proporzionalmente ai loro conti in banca.

Con questo felice anch'io per la coppa portata a casa con un certo imbarazzo per il gioco espresso stasera, ma aver battuto quegli antipatici di francesi la cosa mi soddisfa, vincere in questo modo con loro, giustifica il godimento come dei ricci in accoppiamento.

ivo serentha' 10.07.06 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Annamaria Farina 10.07.06 17:55 | Rispondi al commento

DAI ANNA, VA CASA DAI FIGLI.....E VEDI DI NON MINACCIARE NESSUNO VA!

IO RISPETTO E GIUDICO...........SE NON VOLETE ESSERE GIUDICATE, NON SCRIVETE.

CAPITO.

Antoni padrisi 10.07.06 18:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Direi che la storia drammatica raccontata dalla lettera e' frutto della condizione disastrosa delle carceri.

La spesa carceraria per tutti noi e' elevatissima, ma per avere delle soluzioni ci vorrebbe la costruzione di nuovi penitenziari e non amnistie, ingiuste per le vittime di qualsiasi crimine, magari trovando delle forme di lavoro per chi deve espiare la condanna.

La lettera del fratello e' toccante, mi auguro che possa essere utile questo dramma per sensibilizzare il problema.

ivo serentha' 10.07.06 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Antonio Padrisi @@@@@@@@@@@@

Molla l'osso Antonio, che è del cane!!!

A buon intenditor....

PS
Quando si entra in un luogo pubblico lo si deve fare con il massimo rispetto per tutti i presenti.
Se poi questi presenti mi sono cari, rafforzo il concetto: cambia musica!

Annamaria Farina 10.07.06 17:55| 
 |
Rispondi al commento

è una storia molto triste,ovvio che dispiace,ma la colpa è sua, poteva fare ameno di inziare a drogarsi.

leo bianchi 10.07.06 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da: “Quando eravamo in mezzo al nulla”

SONO USCITI DALLE TANE SON CADAVERI O CRISTIANI?
DI SICURO SON L’OPPOSTO DI QUEL A ME CARO VOLTO,
CHE RIFLETTO NELLO SPECCHIO,
SEMBRA A DIR,
IO SON PRONTO SON LEGALE,
GUARDA QUELLO,
HA I BUCHI IN FACCIA,
I DENTI MARCI,
L’ARIA FIACCA,
MA CHE BESTIA,
MA CHE DOLORE,
NON CI CREDO,
IO NON POTREI,
HO GLI AMICI, HO LA FAMIGLIA,
IL LAVORO E LA SALUTE CHE FA “QUADRIGLIA”,
CHI SA PERCHE’ MA NON A ME, MAI.
VENNE IL DI’ DELLE AMMISSIONI,
IO E LA VITA COME COMPLICI,
A SUCCHIARMI L’ANIMA,
PERDENDO LA FAMIGLIA,
DOVE ERO FINITO?.
LO SPECCHIO E ROTTO,
IL VISO SCAVATO,
HO PROVATO “L’EBREZZO”
MA IL “TUTTO” MI E’ COSTATO.

ernesto baldi 10.07.06 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Recentemente ho studiato l'illuminismo a scuola, in particolare, sono stato affascinato dal "Dei delitti, delle pene" Di Cesare Beccaria.
E' triste vedere come a 300 anni di distanza, non abbiamo ancora imparato nulla, sul convivere in maniera democratica e civile. Purtroppo Vincenzo non è stata ne la prima, ne sarà l'ultima vittima, di una società che ha ancora tanti buchi e tante carenza.
Le mie più sentite condoglianze al fratello della vittima.

Andrea Zaccardi 10.07.06 17:50| 
 |
Rispondi al commento

questa storia è tremenda
e pensare che i nostri cari amici previti and co. sn ai domiciliari nelle loro lussuose ville.
leggiamo e tristemente riflettiamo, massimo
spero in una giustizia divina

carlo loiudice 10.07.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Marco Ferri e Mario Bianchi (rispettivamente "primo" e "secondo"): mentre voi facevate a gara io mi sbattevo e vostre madri!!!.

Grande Ciola 10.07.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Caro Massimo so che le mie parole non saranno di conforto e non porteranno indietro il tuo caro fratello.....
Questa e' la cara nostra vecchia Italia dove solo i ricchi (onesti o meno) riescono a concludere qualcosa nella vita e la gente comune rimane dietro l'angolo a guardare, incatenata come le bestie, senza la possibilita' di una rezione. Non ci chiamiamo tutti Lapo o Callisano che fanno mi loro porci comodi e poi tutto finisce in una nuvola di fumo, non siamo mica tutti Mr Juve e company che dopo avere infangato il nome della nostra cara Italia rischiano di farla franca grazie a quei 11 ragazzi che ci hanno portato sulla vetta del mondo.....
nel nostro paese non c'è mai stata vera giustizia per la gente normale questa è la verità l'unica.........
Ho 26 anni ma mi sento di ripetere questa famosa frase nei confronti della nostra gente:
ODI ET AMO

Paolo Lombardi 10.07.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento

non ho parole per quanto successo al fratello di massimo...ancora una volta il sistema giudiziario italiano mostra gravi carenze. posso solo dire di essere vicino a te massimo.... comunque anche se una persona sbaglia non può meritare una fine del genere

nicola grotto 10.07.06 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo quello delle carceri è un mondo a parte. Sono convinto che lì dentro può succedere di tutto. E se si coalizzano come si fa a scoprire come sono andate davvero le cose lì dentro?

Rosario Sette 10.07.06 17:38| 
 |
Rispondi al commento

A Massimo le mie condoglianze.
la vicenda è semplicemente vergognosa.
A lui l'augurio che possa ottenere almeno un po' di giustizia...
E a te, Beppe, grazie per aver pubblicato questa lettera.

beatrice angelini 10.07.06 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Povero PIRLA (sic)! Chissà quanti scheletri nell'armadio avrai tu...

Carmelo Di Stefano 10.07.06 17:29 |

Chiudi discussione
Discussione

C.O.G.L.I.O.N.E.!!!!!!!!!!!!!

NON LI VADO A SBANDIERARE AI 4 VENTI IO.........CAPITO!

SE POI GIUDICHI "SCHELETRI NELL'ARMADIO IL FATTO CHE LA BIFERALE A RIPRESO A FUMARE......

MA V.A.F.F.A.N.C.U.L.O. TE E QUELLI COME TE......CHE LEGGONO SOLO UN PARTE DELLA DISCUSSIONE, DIFENDENDO LE LORO "PALADINE".

CIAO PIRLOTTO

Antonio Padrisi 10.07.06 17:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tribunale.como@giustizia.it


Sono venuta a conoscenza della triste vicenda che ha visto protagonista Vincenzo De Angelis, trentacinquenne detenuto nel carcere di Como, ammalatosi e morto in seguito ad una encefalopatia epatica e shock settico.
Questo ragazzo era malato di cirrosi, ma nonostante questo e nonostante fosse stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l'asportazione della milza, la sua condizione fu dichiarata compatibile con la vita carceraria.

In nome di questa vita perduta ed in nome del rispetto dei diritti umani, chiedo come cittadina italiana che sia fatta piena luce sull'accaduto e che vengano accertate eventuali responsabilità oggettive.

Credo sia stata aperta un'inchiesta dal vostro tribunale.
Mi auguro che si osservi il massimo dell'attenzione nell'accertamento dei fatti, e che si tenga conto, ora ed in futuro , del valore imprescindibile della vita umana.


Annamaria Farina

--------------------------------------------------

Chiedo gentilmente ad ognuno di voi di inviare una richiesta simile al tribunale di Como.
Facciamo in modo che l'attenzione sulla vicenda resti alta.
Le pressioni esercitate dall'opinione pubblica possono avere un grande rilievo.

Massimo De Angelis ha chiesto il nostro aiuto ragazzi.

-------------

Qualcuno mi ha fatto gentilmente notare che avevo erroneamente scritto "Vittorio" anzichè "Vincenzo"...
Lo riposto dopo averlo corretto.

Grazie a tutti, vi auguro una dolce sera.


huuuuuuuuuuu si condanna Beppe perchè stava insieme a gentaglia??? hooooooooooooooooo santo cielo quale scandalo!! e come potrebbe allora informarci di tutte le schifezze che fanno i politici?? non vi sembra testine eccelse che il portatore nano di democrazia facesse ben peggio con quella gente??

ma va va!!!

la domanda dei prossimi giorni ora è :
per quale lobby lavora Beppe Grillo?


chissa'chi vincerà il premio stavolta??mha.

Simona Selleri 10.07.06 17:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

temo abbia ragione mister 2 giugno 1992
primo levi 10.07.06 17:16
____________________________________________________
su cosa?

oscar tramor 10.07.06 17:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il centro era deserto,
fontane,piazze e lumi il nostro posto.
l’aria dava al passato,
si vedevan dame e cavalieri passeggiare innanzi a noi,
carrozze, grida e urla,
il cozzare degli zoccoli dei cavalli,
e noi spettatori “artificiali”.

La mattina, la “spazzatura” ci svegliò,
dal sogno risvegliati,
senza dame né corti,
non ci rimase che “ricominciare”.

Da: “Quando eravamo in mezzo al nulla”

ettore baldi 10.07.06 17:31| 
 |
Rispondi al commento

casi come questi fanno capire che brutta situazione e le difficoltà che deve affrontare un tossicodipendente(da eroina...perchè le droghe non sono tutte uguali come il "signor" fini vuol far credere alla gente)! mi ritorna in mente la proposta del ministro ferrero delle cosi dette case del buco.provate solo ad immaginare cosa sarebbe successo se queste "case" fossero state gia attive.1-niente rapporti con lo spacciatore(meno soldi alla mafia e forse a qualche politico)bensì ci poteva scappare una chiaccherata con un assistente sociale 2-più igiene meno malattie 3-meno piccoli furti per trovare i soldi (dunque niente carcere) più possibilità per il futuro se si riesce a disintossicarsi 4-droga sicura e non tagliata male da cui meno morti per overdose 5- meno siringhe nei parchi più bambini che giocano.non avevo intezione di fare politica su un caso come questo ma sono un ragazzo di 24 anni cresciuto in una delle tante famiglie dove non si arriva mai a fine mese e il mondo visto da qua giù fa schifo e solo la politica può migliorare le cose...la politca non i politici...

angelo pieroncini 10.07.06 17:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gentili amici,
fate bene a celare una tale profondità di pensiero dietro pseudonimi così blasonati.
Solo, cosa diamine c'entra?
Quel ragazzo è morto in carcere, non per strada mentre rapinava una vecchietta.
Stefano Ceresa
___________________________________
quoto, riquoto e straquoto!
BASTA con l'ipocrisia!
Fatela finita davvero con i luoghi comuni!!!!!
Il problema della delinquenza legata al consumo e allo spaccio di droga (i famosi scippi alle vecciette) si risolve solo in un modo:
LIBERALIZZAZIONE!!!
Ci sono opinioni autorevoli (vedi Veronesi) che avvallano questa tesi.
Non c'è altra strada.
Tutte le altre sono solo ipocrisia. E l'ipocrisia UCCIDE!


il 2 giugno 1992 al largo di Civitave<cchia in acque internazionali incrociava la nave Britannia con a bordo i massimi vertici della finanza e della criminalita' mondiale, banchieri, trafficanti di armi e droga, politici, comici, tra cui il vostro eroe Beppe Grillo.

non ci credete? date un'occhiata ai giornali dell'epoca, dai giornali vecchi si scopèrono cose incredibili ma purtroppo vere.

per quale lobby lavora Beppe Grillo?

Luciana vis 10.07.06 17:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo sicuri che questa galera serva a recuperare ed a far capire a queste persone i loro errori? A questo punto possiamo dare la pena di morte ai tossicodipendenti, perchè dovrebbero stare in carcere o in galera!
Se la legge punisce i consumatori di droga, la galera può essere una giusta punizione per pochi giorni; dopo c'è bisogno di lavori sociali all'interno della struttura carceraria o l'inserimento in una comunità di recupero. Queste persone devono solo capire che cosa è la vita, e non essere punite severamente, dato che non fanno del male a nessuno, se non a se stessi (in caso facciano del male a qualcuno, vanno puniti con la galera).
Quindi, perchè ci vantiamo di essere stati i primi (anche se fu il Granducato di Toscana) al mondo ad aver eliminato la pena di morte, se poi lasciamo morire gente così in galera. Questo ci deve far riflettere tutti.
E ricordate che non si può chiamare droga ciò che non lo è: riferito alla canapa e derivati

Lorenzo Scancarello 10.07.06 17:24| 
 |
Rispondi al commento

tribunale.como@giustizia.it


Sono venuta a conoscenza della triste vicenda che ha visto protagonista Vittorio De Angelis, trentacinquenne detenuto nel carcere di Como, ammalatosi e morto in seguito ad una encefalopatia epatica e shock settico.
Questo ragazzo era malato di cirrosi, ma nonostante questo e nonostante fosse stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l'asportazione della milza, la sua condizione fu dichiarata compatibile con la vita carceraria.

In nome di questa vita perduta ed in nome del rispetto dei diritti umani, chiedo come cittadina italiana che sia fatta piena luce sull'accaduto e che vengano accertate eventuali responsabilità oggettive.

Credo sia stata aperta un'inchiesta dal vostro tribunale.
Mi auguro che si osservi il massimo dell'attenzione nell'accertamento dei fatti, e che si tenga conto, ora ed in futuro , del valore imprescindibile della vita umana.


Annamaria Farina

--------------------------------------------------

Chiedo gentilmente ad ognuno di voi di inviare una richiesta simile al tribunale di Como.
Facciamo in modo che l'attenzione sulla vicenda resti alta.
Le pressioni esercitate dall'opinione pubblica possono avere un grande rilievo.

Massimo De Angelis ha chiesto il nostro aiuto ragazzi.

Annamaria Farina 10.07.06 14:06

+++++++++++++++++++++++++++++++++++

FATTO.

Grazie Annamaria.
Ciao
JdQ

Jacopo della Quercia 10.07.06 17:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NUOVI POST SUL PACCHETTO BERSANI, LA VITA IN ISRAELE, INTERCETTAZIONI, SITUAZIONE DELL'INFORMAZIONE DALL'IRAQ, ARRESTO DEL RE, REFERENDUM E OTTO PER MILLE.

E' finalmente in funzione il servizio newsletter. Uno strumento che permetterà, a chi lo desidera, di essere aggiornato sulle notizie e sulle iniziative che il RAFFABLOG proporrà in futuro. La news avrà cadenza settimanale, a volte conterrà in allegato documenti e articoli, a volte conterrà semplici saluti. Il primo obbiettivo del RAFFABLOG, una volta raggiunto un minimo di venti sottoscrizioni della news, sarà l'adozione a distanza di un bambino da parte degli utenti del blog. Naturalmente tutto in assoluta trasparenza. Posterò prossimamente sviluppi a riguardo. Per ora è solo un'idea da concretizzare.


NUOVA NEWSLETTER E NUOVE INIZIATIVE...
I RETROSCENA DELLO SCANDALO CALCIO.
RETROSCENA AEREO SU PENTAGONO, .
INTERVISTA A UN MARINES DI RIENTRO DALL'IRAQ, ABBANDONA IL CORPO. INTERVENTO DI UN COMPONENTE DEL CONGRESSO USA ALLA CAMERA USA SULLA SITUAZIONE USA-IRAN. SITUAZIONE RISARCIMENTI IRAQ E TANTO ALTRO SOLO SU RAFFABLOG

http://raffablog.blogspot.com

raffaele sinatra 10.07.06 17:22| 
 |
Rispondi al commento

e ringrazia...che i giudici sono dalla loro parte.....io avrei raddoppiato la pena

ma tranquilllo..hanno solo chiesto, vedrai che essendo una richiesta fascista, saranno tutti liberi di ritornare a metter fuoco e ferro qualche altra citta..

la soluzione ideale e' di fargli pagare i danni..quando hanno pagato sono liberi di incendiare altre cose e quindi ripagare di nuovo i danni e cosi' via...ognuno ha i suoi hobby


ivana iorio 10.07.06 16:51 |


Signora iorio

io sono sinceramente e profondamente daccordo con lei e con la "soluzione ideale" che darebbe al problema e non sono ironico.
Solo una cosa mi domando.Perchè nonostante questa sincera e profonda (e ripeto non sono ironico) identità di vedute provo anche un sincero e profondo senso di disprezzo nei suoi confronti?

Ps:Il perchè io lo so.

Massimo Rispetto 10.07.06 17:20| 
 |
Rispondi al commento

W l'italia

fabio mangialardi 10.07.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Raffaella Biferale 10.07.06 17:01

Per prima cosa sapessi quanto ti sbagli.
Io fumo volentieri, non mi sento in colpa per farlo, non ho problemi con i vizi, visto che ce li ho tutti.

MAI DETTO CHE DI SENTI IN COLPA……..MA TI CHIEDERAI IL PERCHE’ PENSO SIA INNATO IN TE.

Poi, ricorda una cosa: qui ci si confronta sulle IDEE e sulle opinioni. NON CI SI ATTACCA A LIVELLO PERSONALE.

IO ATTACCO LE TUE IDEE, E QUINDI A LIVELLO PERSONALE.

Se vuoi criticare le mie idee, fallo pure, ma la mia vita privata non è oggetto del tuo giudizio.

SCUSA, SE METTI AL PUBBLICO DOMINIO,LA TUA VITA PRIVATA, NON PUOI PENSARE CHE QUALCUNO (IO, CHE SONO PIRLA!) NON LA GIUDICHI.

Per cui, la prossima volta, pensa ai fatti tuoi, ne avrai sicuramnete un giovamento, e con te l'intero blog, che non dovrà leggere questo genere di commenti, davvero POCO interessanti per tutti.

FINO A QUANDO SCRIVERO SU QUESTO BLOG, O ME NE DARANNO LA POSSIBILITA, IO CERCHERO IL CONTRASTO/CONFRONTO CON TE…………LIBERA DI LEGGERMI E GIUDICARMI.

Buona vita.

ANCHE A TE.

Antonio Padrisi 10.07.06 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il boia di beslan e' stato eliminato

evviva

lamberto conte 10.07.06 17:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, voglio dare il mio appoggio morale al nostro amico Massimo, anche se vale poco o niente rispetto a quello che ha subito. Mi auguro che un giorno possa riscattarsi e finalmente avere giustizia.
Un forte abbraccio. Gabriella da Napoli

Gabriella Pellecchia 10.07.06 17:10| 
 |
Rispondi al commento

stiamo uscendo fuori discussione meglio un'oca che spara cazzate che uno che ha un neurone impiccato perchè soffriva di solitudine, che bello il blog è la faccia del mondo o la pensi come me o sei una caccola su un marciapiede, meglio essere una caccola sul marciapiede

Simona Selleri 10.07.06 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Molto semplice caro Grillo la risposta. Vincenzo e tutti i Vincenzo giornalieri che crepano di stenti,malattia o quant'altro nella indifferenza generale, siano essi gialli o neri o rossi o bianchi,li condanniamo a morte noi con la nostra suprema indifferenza,arroganza,menefreghismo,leghismo,fascismo.Poi come tanti coglioni ammantati con le varie bandiere nazionali ci gettiamo in piazza e ci abbracciamo "FRATERNAMENTE?"quando 22 in mutande gettano in rete la palla. ed a quel punto via ai saluti romani ed a tutta la retorica fascista suggerita abbondantemente dagli inquisiti che ci hanno governato sino all'altro giorno contornati dalle "segnorine" di turno. Nuove elezioni:è cambiato qualcosa? non credo.Oltrettutto se oggi non sei mafioso che campi a fà?

roberta brambilla 10.07.06 17:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e poi dicono che in Italia non c'è la pena di morte!! E questa indifferenza cos'è? Cosa giustifica?? non è forse il favoreggiamento per una pena molto più pesante di quella che la legislatura impone, nascosta dietro l'omertà di chi non vuol farsi prendere per i c......i dalle autorita eclesiali e non????? Manca il giusto spirito di razionalità e di operosita in una nazione che ad oggi ha di positivo solo il IV mondiale e basta!

Gianmartino Crusafio 10.07.06 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Massimo, mi dispiace molto per tuo fratello. Capisco la tua collera. Anche se tuo fratello ha commesso dei reati, la responsabilità di tali fatti non è soltanto la sua, un uomo non nasce assasino, ladro , sfruttatore o bandito. Nessuno nasce ladro,bandito o assassino, ma lo si diventa; lo si diventa per tantissimi motivi, la maggior parte dei quali sono imputabili alle strutture nelle quali la società fà crescere tanti ragazzi.
" Se non sono gigli sono pur sempre figli vittime di questo mondo" recita una canzone di Fabrizio De Andrè. Ed è la verità .
Le carceri come gli ospedali misurano la civiltà di una nazione,e noi siamo incivili. Non siamo ancora "uomini", e le bestie sono molto meglio di noi.
ciao
domenico

domenico abate 10.07.06 17:03| 
 |
Rispondi al commento

cristo è tornato sulla terra
____________________________________________________

n'altra oca che spara cazzate

dov'era il 2 giugno 1992?

voi quasi tutti in quel periodo cgavate ancora nel vasino, quindi siete la generazione piu' ignorante al mondo
* 2 giugno 1992 * 10.07.06 16:57
_________________________________________________

ave mio signore

oscar tramor 10.07.06 17:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma chi se ne frega se uno tifa ghana,ganja,maria,brasile columbia italia e che palle, anche io ho festeggiato la vittoria dell'italia e ho scherzato con gli amici dicendo to' una squadra maondiale di serie B e C come spero poi vengano mandate, ma non me ne frega di fare un casino perchè Beppe dice forza ghana, e se vanno i ghanesi a casa di Beppe andateci pure voi,cosi'non sarete invidiosi e i ghanesi vi si fanno pure a voi, fate spazio al cervello che ci sono cose peggiori teste di verza bollita

Simona Selleri 10.07.06 17:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Antonio Padrisi
Per prima cosa sapessi quanto ti sbagli.
Io fumo volentieri, non mi sento in colpa per farlo, non ho problemi con i vizi, visto che ce li ho tutti.
Poi, ricorda una cosa: qui ci si confronta sulle IDEE e sulle opinioni. NON CI SI ATTACCA A LIVELLO PERSONALE.
Se vuoi criticare le mie idee, fallo pure, ma la mia vita privata non è oggetto del tuo giudizio.
Per cui, la prossima volta, pensa ai fatti tuoi, ne avrai sicuramnete un giovamento, e con te l'intero blog, che non dovrà leggere questo genere di commenti, davvero POCO interessanti per tutti.
Buona vita.

Raffaella Biferale 10.07.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento

A tutti quelli che tifano Ghana
..
Fate i coerenti fino in fondo e andate in Gahna a vivere e a tifare per un paio di mesetti, giusto cosi' per vedere cosa vuol dire ...
Mi fate ridere...
ciao

andrea paterno 10.07.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento

sono andata in giro cercando notizie di dove fosse mai Beppone il 1992, cavolo sta'diventando come l'enalotto, tutti a criticarlo perchè a tifato ghana, tutti a dire hu mi ha censurato , hoooooooooo ho brutto cattivo stasera niente informazione!!!
Caxxo gente ma davvero nno avete nient'altro di che pensare!!

Simona Selleri 10.07.06 16:57| 
 |
Rispondi al commento

"Il carcere è il luogo evangelico per eccellenza, dove il giudizio degli uomini e sugli uomini rimane sospeso, perché veramente a nessuno è dato giudicare"

Renato Vallanzasca


*****************Buonasera al blog****************


Buon proseguimento a tutti.


Ho scelto la morte

Ho rubato
ho ucciso
ho scelto la strada breve in discesa
ho visto la mia coscienza al di là dei sogni
non l'ho seguita.

Ho preso la mia vita l'ho buttata nella spazzatura;
per precisione nell'umido, perchè è una vita differenziata...

l'amicizia
l'amore
la gioia
rimbombano nel mio cuore ma è un suono lontano, un ricordo nascosto.

Cosa è stata la vita per me? un suono nel frastuono, un raggio di luce nella tempesta, un attimo rubato al tempo per ricordarmi che anch'io sono un essere umano, un Uomo.

E' facile puntare il dito, ma chi è disposto a tirare la prima pietra?
La mia morte parla d'amore, d'indifferenza, di odio.
Il capro espiatorio, ecco chi sono. Una vita spezzata per scelta o per destino.

Ma anche io ho pianto, ho versato lacrime quando vedevo la pena dei mie familiari.

Una stella si è spenta, ma la luce è un riflesso destinato a propagarsi e non spegnersi mai.

Cosa vuol dire essere uomini oggi? Non si sa. Siamo come delle pedine sulla scacchiera...
Siamo protagonisti della nostra esistenza... Siamo sponde sulle quali costruire ponti...
Siamo gli occhi dei bambini...
Siamo consapevoli di non fare male a nessuno...
Siamo polvere nell'aria...
Siamo le lacrime dei nostri cari...
Siamo l'oro dei nostri genitori...
Siamo, ma la gente da poca importanza a questo, perchè finchè l'altro vedrà in me solo il riflesso imposto dalla società, non sono... Dignità negata ecco il mio nome...

3 giorni fa si è spenta una stella ma la sua luce contina a brillare

Mi dispiace molto; pregherò per lui...

grazie beppe x quello che fai.

GRAZIE. Hai centrato il senso della DIGNITA' UMANA.

Alex Giardiello 10.07.06 16:53| 
 |
Rispondi al commento

cavoli mi sta'venendo una curiosità bestiale di sapere dov'era Beppe nel 1992!!!! Stava forse a cena a mangiare 2 spaghi con il pesto???

Simona Selleri 10.07.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Io ripeto, che se il reato è di detenzione di droga, sarebbe stato meglio farlo uscire dal carcere, poi in quello stato che reati avrebbe commesso ancora?. Scusatemi se mi ripeto, ma una persona ridotta così, quanto può essere pericolosa per la società? Perchè non l' hanno fatto uscire? Perchè devo sentire che succedono queste cose in italia? Ieri ho festeggiato, ho stretto la mano a persone che non conoscevo, ho gridato con loro, persone che non vedrò più, in giro per strada per festeggiare, e poi il giorno dopo leggo che succeddono di queste cose. Lottiamo per non farle più accadere, perchè un giorno potrebbe succedere ad uno di noi o ad un nostro familiare

Pietro Cortellesi 10.07.06 16:34| 
 |
Rispondi al commento


--------------------------------------------------------------------------------

IL MESSAGGERO
7 LUGLIO 2006

Cani randagi esportati illegalmente in Svizzera e Germania, esposto alla Procura

TORTORETO (TE)- In Val Vibrata sarebbe in atto una irregolare esportazione di cani randagi in Germania e Svizzera per scopi non leciti. Un fatto grave, se accertato. Per conoscere a fondo la verità, un assistente capo della polizia di Stato, G.F., residente a Tortoreto, ha inviato un esposto denuncia alla procura della Repubblica del tribunale di Teramo in cui si fa esplicito riferimento a un canile della Val Vibrata che ospita cani randagi. «Lo scivente è venuto a conoscenza del fatto - si legge nell’esposto - che, periodicamente, un numero imprecisato di cani viene caricato e trasportato dal predetto canile verso paesi esteri, Germania e Svizzera. Ciò, d’altra parte, potrebbe essere verificabile». «Sensibile alle problematiche degli animali abbandonati - aggiunge il poliziotto -, lo scrivente è sconcertato di quanto sta accadendo». Si tratterebbe, secondo l’assistente capo, di «una vera e propria deportazione di cani randagi». «Sorge il sospetto - scrive ancora nell’esposto alla Procura - di traffici poco chiari. Sospetto avvalorato anche dal fatto che i cani vengono portati all’estero tramite intermediari tedeschi». Tra l’altro, gli animali, per lo più meticci, di taglia grande, sono in età avanzata, per cui «non si comprende come tali cani possano essere adottati da famiglie in Germania senza che siano mai stati effettuati visti dai loro adottanti tedeschi».
M.N.


I piu' ladri di tutti,
sono i medici !
che ti fanno la visita (da 2 minuti) e poi ti dicono per il pagamento si rivolga all'infermiera!(come se a loro facesse schifo il "vile " denaro..).

-Quant'e',signorina?-
-120 euro con fattura ,90 senza..!-

La prox volta che vado a fare una visita,mi compro un piccolo registratore(cosi' risparmio),
e registro la bella vocina dell'infermiera...
...voglio vede' se sono capaci di chiamare i caramba!

Propongo il pagamento via C/C delle visite mediche private,per consentire una tracciabilita' dei pagamenti!!!

E' ORA DI FINIRLA CON QUESTI:
LADRI EVASORI

micelli rodolfo 10.07.06 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un ex tossicodipendente.

Venni arrestato per possesso di 2 gr. di “polvere bianca”.

Non ho mai ceduto alcuna cosa a nessuno.

Non ho mai rubato per procurarmi il dovuto.

Non ho mai causato danni, ne fisici ne morali, a nessuno….tranne alle persone a me vicine.

Dentro al carcere, la mia unica fortuna è stata di “apparire il classico giovane con il grano”, e di conseguenza “tutelato”……….altrimenti………….

“Dentro”…..era come fuori…….nulla di materiale mi mancava.

Con ripetuti tentativi, la mia parte, riuscì a farmi trasferire in un centro di recupero.

Dopo un primo periodo di ostilità, lavorai duro, non che prima non lo facessi, ma qualcosa cambiava.

Vi risparmio la “redenzione”………..

Ma vi domando:

COSA MI SAREBBE SUCCESSO SE MI FOSSERO MANCATI QUEGLI APPOGGI DESCRITTI?.

Cordialmente.

PS: alla cayenna,…….. occhio, se ti muovi nel mondo come scrivi, un paio di notti al “sicuro” non le perdi


ettore callisti 10.07.06 14:03
_________________________________________________


NESSUNO RISPONDE EH!

Matteo Longo 10.07.06 16:31| 
 |
Rispondi al commento

zIDANE E' IL COMUNISTA CHE DESCRIVE IL CALDEROLI!!!!!!!
infatti è sleale e colpisce atrdimento come Visco.
sapete che il premio ad ogni calciatore è apena il doppio di quanto costa allo Stato un malato di aids tossico ? Vi da la stessa soddisfazione vedere un goal o un drogato all'ultimo stadio come Giuliani? inoltre i giocatori li pagano gli sponsor. Forza italia

ROBERTO BOBBIO 10.07.06 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Lo sapevate che...

massimo de santis il famoso arbitro

è anche una guarda carceraria?

Pagata dai contribuenti 10.07.06 16:24| 
 |
Rispondi al commento

sono sempre io mi ero dimenticato di salutare vincenzo ...povero magari era una persona splendida mi dispiace molto per come sei morto ...vincenzo e spero che almeno adesso alla maniera indiana tu possa finalmente correre nelle sempre verdi praterie celesti di manitu
speriamo che almeno esista una giustizia divina ...se no veramente tutto diventa senza senzo ciao vincenzo col cuore

beppe cappello 10.07.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento

di corsa al carcere di como, chi puo', a far luce sulle responsabilita': parlamentari, giornalisti, chiunque possa fare qualcosa. tu beppe, per primo, visto che non ti mancano le conoscenze. ma forse ti sei gia' attivato: lo spero per tutti quelli che hanno fiducia in te. facci sapere.

vhega vhega 10.07.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento

cavoli mi mancava quello che discrimina chi sciopera, se hai bisogno di un negozio tutto un'euro vai a farti un giro in centro, tassisti/fascisti,avvocati-dalfasciolodati, ma va va, ma chi sei te che giudichi, ma chi sei, prendi l'autobus e non fare reati cosi'sei piu'contento.

Simona Selleri 10.07.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento

tutte le droghe, leggere o pesanti che siano,
dovrebbero essere vendute dallo stato.

oscar tramor 10.07.06 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo ancora la beltà giovanile nell’allora Bankog d’Italia.
Ogni angolo una droga.
Ogni droga un angolo.
Amici “iniziati”,
amici finiti.
Mauro disegnava.
Bene.
I muri le sue tele,
il pennello la sua spada,
per mostrare a tutti il suo dissenso.
Chi li cancellava, prima li ammirava.
Una sera d’estate,
complice l’azzuffata con il padre,
mostrò al mondo la sua arte.
Dipinse la sua angoscia sulla parete della scuola,
firmando il suo capolavoro per la prima volta.
Nella notte, mauro se ne andò,
usando come spada un siringa.
Non sono un avocato,
ma lasciatemi l’ultima arringa,
chi dovette cancellare la parete,
non lo fece,
aggiunse,in calce alla firma,
PERCHE’?.

Da: “Quando eravamo in mezzo al nulla

ettore baldi 10.07.06 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi scuso con tutti ma,
visto l'argomento trattato e la contemporaneità con l'altro evento sportivo non si stà producendo una discussione/riflessione seria sulla cosa bensì uno scambio di improperi.

Come si fà a parlare della morte di un'essere umano intersecata in una discussione da bar sul calcio ?

Non sò se sia stata una cosa voluta o no però Grillo, almeno tu potevi mettere 2 post :
1 post per gli sfoghi dei calciomani
1 post con questa ennesima prova che siamo solo degli esseri (o cose ?): NASCI, PRODUCI, CONSUMA E CREPA ! .... e senza troppo rompere le balle !

Un pò di compassione tra noi ci farebbe vivere e non solo sopravvivere compiacendoci che il male non è capitato a noi.

Pregherò anche per tè Vincenzo.

Un saluto

Marco Gioanola Commentatore in marcia al V2day 10.07.06 16:18| 
 |
Rispondi al commento

grillo e quella tua bella cena con i giocatori ganesi? A volti dici cose intelligenti ma molte volte dici certe stronzate... Forza Italia Campioni del Mondo!!!!!!!!!!!!!!!

matteo pederzoli 10.07.06 16:17| 
 |
Rispondi al commento

E dopo i tassisiti-fascisti,ora scioperano pure gli avvocati-dalfasciolodati.
Quando è ora di difendere il loro sacrosanto diritto a rubarci i soldi con le loro parcelle/tariffe ingiuste ed ingiustificabili si riescono ad organizzare in un nanosecondo.
Quando è ora di far uscire un innocente dalla galera,mancopucazzo!!!
Pregate che Dio non esista,che sennò saran C.zzi amari per voi quando (finalmente) creperete!

Paolo Tambarlotto 10.07.06 16:16| 
 |
Rispondi al commento

The answer, my friend, is blowin' in the wind

Tony schembri 10.07.06 16:16| 
 |
Rispondi al commento

salve a tutti. e un ciao particolare a beppe grillo io sono beppino di padova classe 58 agli anni che furono pere politica galera ecc. ecc.
secondo me la giustizia non esiste o meglio la giustizia viene applicata dall'avvocato che ti difende loro possono con intrecci miracolosi a fare di tutto ..basta pagare ma attenzione se sei povero allora nessino si preoccupa di te .
E tu piccolo essere indifeso in quel piccolo microcosmo viene fatto fuori spesso moralmente ma a volte fisicamente da tutto un apparato di deficienti composto da detenuti e incompetenti che lavorano in campo carcerario (animali) avrei moltissime cose da raccontare sulle mie esperienze carcerarie ma a volte me ne vergogno, signori la vere galera non e perche vieni rinchiuso in 4 mura ma dentro quelle 4 mura devi convivere ripeto obbligato a convivere con 6 o 7 elementi che al 90 per cento non sono neanche in grado di fumare una sigarette e tutti senza soldi ecc.ecc. mi fermo
la droga .....solo aiuyando una persona ei fini di riportarla a sorridere alla vita il metadone certo non fa un bel niente anzi peggiora ti fai di sciroppo l'importante e che non rompo i coglioni a nessuno e infatti la mitica riduzione del danno ma alla mia anima lo stato non ci ha penzato
legalizzare ...non so io mi faccio le canne ma se quardo oltre me stesso con un grandangolo mi rendo conto che legalizzare significa disastri per un sacco di gente la gente non e in grado di gestire le droghe in genere
per adesso basta cosi alla prossima

beppe cappello 10.07.06 16:14| 
 |
Rispondi al commento

Saluti a tutti.
Ma secondo te Beppe questo governo le aiuta le classi deboli?
Questo governo che valore da ad un normale cittadino?
Il sistema Italiano (quasi una copia di quello americano) quanto è libero?
Beppe dicevi che se avessero pensato solo ai propri affari l'ho avresti detto ma.....
Ciauzz a tutti.

N.B. Ragazzi oggi vige l'art. quinto "chi ten' man e VINT' "

daniele santaniello 10.07.06 16:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

The answer, my friend, is blowin' in the wind

Tony Schembri 10.07.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento

con tutto il dolore che colpisce l'anima per la triste vita di un ragazzo, non si può ignorare la dura realtà che riguarda la vita e le azioni di ogni essere umano, responsabile di se stesso volente o no. Nessuna vittima è innocente cosciente o no di esserlo(questo è almeno l'insegnamento che ho ricevuto ) pur tuttavia ogni vittima espia le proprie colpe in vita (andandosi a cercare senza saperlo, i carnefici)per poter morire libero, la differenza stà nel fatto che la sua morte lascia i sensi di colpa a coloro che non sono stati capaci o non hanno voluto far nulla per lei. Qui allora è giusto e doveroso cercare le responsabilità di coloro che hanno infierito sulla vittima per fare umana giustizia.

marisa bonsanti 10.07.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Vedi caro beppe, tu hai pubblicato una lettera molto toccante che quanto meno dovrebbe far riflettere: -sì, dovrebbe far pensare-.
Dovrebbe far pensare a che società ci siamo costruiti, al sistema carcerario, al sistema giustizia: dove i più pericolosi stanno fuori e
magari corteggiati mentre i disgraziati, i "senza
santi in paradiso", quelli senza avvocati (in sciopero perché non vogliono mollare l'osso) i poveri "cristi" insomma, sì quelli e solo (quasi)
quelli, stanno in galera. E magari ci muoiono.
Tutto questo ripeto, dovrebbe far pensare.
Ma, c'è un ma: -per pensare ci vuole (è obbligatorio) la testa-, e allora di cosa disquisiscono i nostri cialtroni? Ma del fatto che l'Italia ha vinto i mondiali: -pensate che bello: adesso saremo tutti più belli, più sani, più forti, ma soprattutto più intelligenti.
Che bello! Speriamo che adesso si possa finalmente parlare (prendendone coscenza) di cose serie. Adesso che siamo diventati, finalmente, intelligenti, speriamo si possa cominciare a capire che (per esempio) con il voto alla simpatia, -e non alla capacità e all'onestà-, con il voto schierato, -e non ragionato- (sempre ricordando che per ragionare ci vuole la testa) non si va da nessuna
parte,se non in malora.
Ed infine vorrei dire che il tifo si fa allo stadio e non nelle cabine elettorali (potrebbe essere deleterio) e che adesso che abbiamo vinto
i mondiali di calcio, possiamo e dobbiamo occuparci e preoccuparci di altro.
Ci sono cose, in questo paese, anche più importanti del calcio; e bisognerebbe prenderne cocsienza.

bruno pasquino Commentatore in marcia al V2day 10.07.06 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Sembra l'ennesima conferma al carcere come luogo di perdizione e non di recupero.
E' inoltre la conferma al fatto che al carcere dovrebbe essere destinato solo chi ha commesso determinati gravi delitti.
E' infine la conferma che sbattere in galera un ragazzino per due spinelli può produrre più danni che benefici.

paolo melli 10.07.06 16:04| 
 |
Rispondi al commento

carcere duro ai delinquenti drogati!

amnistia per i fautori di stragi e illeciti miliardari. Non è con le parole che cambierà qualcosa con questa gente

Enrico Riccardi 10.07.06 16:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se volete è off topic.

Sono appena state chieste le pene per i fatti accaduti i primi di aprile in corso Buenos Aires a milano (volutamente minuscolo).
PER GLI AUTONOMI DEI CENTRI SOCIALI SONO STATI CHIESTI FINO A SEI ANNI DI RECLUSIONE.
Cosa è successo a corso Buenos Aires qualche giorno prima delle elezioni politiche ce lo ricordiamo tutti.Sono state incendiate auto distrutte vetrine e la polizia ha dovuto giustamente caricare ed usare gas lacrimogeni.
Gli eventi sono stati INVEROSIMILMENTE STRUMENTALIZZATI DAI PARTITI DEL CENTRODESTRA CON TANTO DI STRISCIONE "AVANTI AI PRODI AUTONOMISTI" due giorni prima delle elezioni.Adesso la richiesta di pena.C'è gente che rischia SEI ANNI DI GALERA per aver rotto qualche vetrina ed incendiato qualche autovettura,insomma nulla che non sia successo pure ieri sera per i festeggiamenti mondiali. SEI ANNI DI GALERA IN BARBA AD OGNI PRINCIPIO DI PROPORZIONALITA' DELLA PENA.


MA IN ITALIA VALE PIù LA PROSPETTIVA DI VITA DI UNA PERSONA O LA VETRINA DI UN NEGOZIO DI INTIMI CON I PERIZOMA IN ESPOSIZIONE?

Proprio negli stessi momenti a santa margherita ligure un VIP veniva rilasciato dopo essere stato accusato di RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE, uno dei medesimi titoli di reato contestati agli autonomisti di milano che però HANNO TUTTI SUBITO TRE MESI DI CARCERAZIONE PREVENTIVA E NON SONO STATI RILASCIATI IL GIORNO SEGUENTE COME IL SIGNOR DE ANDRE'.

E' proprio vero che l'Italia è un bel paese solo per i figli di ...


Da moltissimi anni ora mai un pò mi vergognavo di essere un Italiano (quando sono all'estero) perchè verdersi ridicolizzata da tutti i giornali nel mondo, per quanto siamo buffi o perlomeno ignoranti, presidenti del consiglio che riciclano il denaro della mafia e diventano super miliardari, i bracci destri di loro che sono tuttora pilastro della mafia siciliana, (http://video.google.com/videosearch?q=marco+travaglio) , approvazione delle leggi in parlamento che la commissione antimafia possa essere presieduta da Parlamentari mafiosi in sentenza definitiva... e tanto tanto altro.
(Ricordo di quel parlamentare tedesco mi pare... che si dimise perchè scoperto di aver raccomandato sua figlia per un posto di impiegata alle poste!
Poi vedo la stampa Tedesca che non accetta la vittoria Italiana e così anche l'allenatore della Francia. Alla fine io dito che noi italiani siamo esportatori di civiltà cultura e umiltà nel mondo, ma siamo ignorantoni quando dobbiamo valutare il bene ed il male per il nostro futuro e quello dei nostri figli.
Forza Italia (dico Forza Italia perchè non sarà mai un mafioso a farmi evitare di dire quella parola frase che per tanti anni ho sepre gridato negli stadi)e sopratutto SVEGLIATI!

Andrea Borgia 10.07.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

E mentre un ragazzo ucciso in carcere non ottiene giustizia, si continua dire che questo signore ha fatto delle belle cose in Italia, quali??

.falsa testimonianza
.corruzione
.finanziamento illecito
.appropriazione indebita e frode fiscale
.corruzione giudiziaria
.violazione delle leggi anti-trust e frode fiscale in spagna
.concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio denaro sporco
.concorso in strage

Indubbiamente senza contare che la democrazia la sanità pubblica la libera parola e varie altre belle cose che ha tagliato, inoltre le varie liberalizzazioni il nano portatore di democrazia le aveva volute poi per paura le nascose e pago'anche un bel verbale.
E questa personcina non'ha fatto una giornata di carcere, una merdosa gionata questo delinquente non l'ha fatta.
Che schifo

Simona Selleri 10.07.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

aggiungo che in primis manca del tutto una legislazione a proposito.

QUOTO!

un drogato maggiorenne non può essere, per legge, messo in comunità,e rimanerci, se non col suo consenso. figurati..
se poi è condannato per reati minori dovrebbe, per legge, essere introdotto nelle comunità di recupero. e non avviene...
servono leggi, non parole al vento...

SE HA COMMESSO REATI, ANCHE LA SOLA DETENZIONE, VA IN CARCERE O COMUNITA….NON SERVE ILSUO CONSENSO.

nessuno si preoccupa di questo, anzi, sembra quasi che la parola d'ordine sia di legalizzare le droghe.
e poi, si parla tanto di carceri che non funzionano..

SE FUMO A CASA MIA, NON GUIDO, ME NE VADO A LETTO…..PERCHE’ NON DOVREBBERO ESSERE LEGALIZZATE.

ma vi siete mai chiesti se, si dovesse far pulizia di tutti gli extracomunitari delinquenti spacciatori e magnacci, che riempiono le nostre carceri, cosa succederebbe?

PRENDEREBBERO IL LORO POSTO GLI ITALIANI.

forse chi è giusto che venga punito, potrebbe ricevere un trattamento più dignitoso ed umano.
SI!.

i sert poi, che di fatto non aiutano e non tutelano nessuno, a cosa servono? per creare posti di lavoro per chi è a spasso?

SI HAI RAGIONE!.

italia strafalciona e menefreghista.
il problema droga è talmente ampio e drammatico, che si preferisce far finta di nulla..

QUOTO IN PIENO.

alessandra lattuada 10.07.06 15:47

Ettore Baldi 10.07.06 15:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

capisco il dolore che affligge questo ragazzo per la perdita del fratello ma secondo le mie esperienze la colpa e per meta della giustizia italiana e per meta del ragazzo stesso.
Ho perso molti amici ha causa della droga,ragazzi che sono cresciuti nel mio stesso quartiere e la colpa non e stata certo della societa.C era chi si faceva sbattere in galera per comodita,chi non aveva voglia di lavorare faceva il pusher perche si guadagnava molto e semplicemente senza fatica l unica colpa che aveva la giustizia era quella di metterli dentro e poi sbatterli fuori 2 giorni dopo.
Alcuni di loro picchiavano le loro madri o i loro padri perche magari gli negavano i soldi ma a loro non importava niente perche si dovevano fare,dovevano stare bene,alcuni andavano a rubare,alcuni avevano dei giri di prostituzione,altri andavano a prendere il pizzo.
Non so nei particolari la storia di questo ragazzo so soltanto che e stato vittima dei carcerati,dei carcerieri e diciamo la verita anche di se stesso.


Mi fate schifo, ma non prendetevela, è solo un mio stupido parere. Sta diventando una brutta abitudine quella di fare commenti fuori luogo o ANDARE CONTRO sempre e comunque tanto per creare scompiglio. Anche se le cose non si sanno. Un uomo piange la sua rabbia e i suoi compaesani "mondiali" che fanno? Esultano.
Boh. Sono proprio ignorante io.


Dana Alesso
***


Anch'io.

Jacopo della Quercia 10.07.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X Ivana Iorio

Ho sentito che quella mente fina di Calderoli ha espresso il suo commento sulla vittoria degli azzuzzi nella finale di coppa del mondo, affermando come sia stata la vittoria della italianità a fronte di avversari che hanno voltato le spalle a tali ideali, schierando in campo negri, islamici e comunisti.
Passi per i negri e gli islamici ma i comunisti in campo chi erano??

Trovo l'affermazione di un tale bassezza culturale che in confronto la testata di Zidane è da premio per il fair play!!

Ma Ivana come si fa a sostenere questa manica di imbecilli!!

Simone Advocat 10.07.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la droga si combatte con un po' di stangate, con l'emarginazione e il buon senso...
basta drogati inseriti! non capiamo più dove comincia e dove finisce il problema...è tutto troppo complesso ormai

giacomo zappa 10.07.06 14:45 |
*********
aggiungo che in primis manca del tutto una legislazione a proposito.
un drogato maggiorenne non può essere, per legge, messo in comunità,e rimanerci, se non col suo consenso. figurati..
se poi è condannato per reati minori dovrebbe, per legge, essere introdotto nelle comunità di recupero. e non avviene...
servono leggi, non parole al vento...
nessuno si preoccupa di questo, anzi, sembra quasi che la parola d'ordine sia di legalizzare le droghe.
e poi, si parla tanto di carceri che non funzionano..
ma vi siete mai chiesti se, si dovesse far pulizia di tutti gli extracomunitari delinquenti spacciatori e magnacci, che riempiono le nostre carceri, cosa succederebbe?
forse chi è giusto che venga punito, potrebbe ricevere un trattamento più dignitoso ed umano.
i sert poi, che di fatto non aiutano e non tutelano nessuno, a cosa servono? per creare posti di lavoro per chi è a spasso?
italia strafalciona e menefreghista.
il problema droga è talmente ampio e drammatico, che si preferisce far finta di nulla..

alessandra lattuada 10.07.06 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Ancora ci si meraviglia.Ancora ci si stupisce.Ho smesso di stupirmi e di meravigliarmi.Ho da tempo smesso di credere in questa giustizia.Qualcuo ha detto " la giustizia è uguale per tutti e per qualcuno lo è di più".Il racconto e la testimonianza su Vincenzo ne sono l'ennesima conferma.Non credo più in una giustizia che in primo grado condanna all'ergastolo le bestie di Satana per poi infliggere solo 20 anni.Non credo più in una giustizia che concede la semilibertà a Izzo,permettendoli di tornare a uccidere due esseri umani dopo 30 anni.Non c'è più la certezza della pena.Tutti siamo legittimati a delinquere.Sono vicino al fratello di Vincenzo e a tutta la sua famiglia.

gianni cicconi 10.07.06 15:46| 
 |
Rispondi al commento

piu' leggo i post piu'mi viene la nausea, gente di destra che offende quella di sinistra, offese gratuite in un blog dove ognuno esprime la sua libera opinione. Una massa di ignoranti estremisti ecco cosa siete, ipocriti individualisti chiusi in guscio fatto di sterco, sveglia ciccini belli ognuno è libero di scrivere pensare liberamente e se cosi' non fosse allora andate a raccogliere le patate

Simona Selleri 10.07.06 15:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi fate schifo, ma non prendetevela, è solo un mio stupido parere. Sta diventando una brutta abitudine quella di fare commenti fuori luogo o ANDARE CONTRO sempre e comunque tanto per creare scompiglio. Anche se le cose non si sanno. Un uomo piange la sua rabbia e i suoi compaesani "mondiali" che fanno? Esultano.
Boh. Sono proprio ignorante io.


Dana Alesso
***

sono ignorante anch'io..

Stefano Firbo 10.07.06 15:44| 
 |
Rispondi al commento

trovo che quanto sia successo a Vincenzo sia vergognoso.
è giusto che chi ha sbagliato debba pagare secondo la gravità del reato, cioè avere delle limitazioni alla propria libertà tali da non poter nuocere agli altri. questo però non significa che non debba avere il diritto di essere curato in ospedale o comunque di essere tutelato all'interno del carcere.
o che non gli possano essere offerte alternative alla sola reclusione.

penso che il carcere oltre ad un ruolo detentivo debba avere anche un ruolo rieducativo in modo che le persone che hanno scontato una pena siano in grado di reinserirsi nella società senza tornare a nuocere agli altri.
se non si crede nella possibilità di redenzione o di cambiamento e senza i mezzi per attuarli, tanto varrebbe buttare via le chiavi...

trovo altresì vergognosi i commenti off topic.
ma i moderatori dove cavolo stanno???

Lorenza Singer 10.07.06 15:43| 
 |
Rispondi al commento

@ Annamaria Farina 10.07.06 14:06

Mi permetto di fare una correzione al tuo testo:
Vincenzo, non Vittorio.

Ciao e grazie,
Giovanni.

Giovanni Piuma 10.07.06 15:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando muore una persona, anche se ha avuto conti aperti con la Giustizia, bisogna avere rispetto. E'un essere umano come me e come voi.
Inserire argomenti di calcio, in questo blog, mentre si discute di cose serie, vuol dire di non avere la più minima sensibilità.

Giuseppe Vianello 10.07.06 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Cioè ragazzi... siete scandalosi.
Manco gli animali. Sono contenta anche io che la mia Italia ha vinto, ma non mi sembra il caso di rispondere ad un post così serio con st'euforia, fuoriluogo.
Io ho 29 anni e non mi reputo nè meglio nè peggio di voi, magari sono anche ignorante in confronto a voi, magari laureati, magari lavoratori di concetto... ma non mi oserei MAI di soverchiare la rabbia di un uomo che ha perso suo fratello con la baldoria mondiale. Almeno NON PER QUESTO POST.
Mi fate schifo, ma non prendetevela, è solo un mio stupido parere. Sta diventando una brutta abitudine quella di fare commenti fuori luogo o ANDARE CONTRO sempre e comunque tanto per creare scompiglio. Anche se le cose non si sanno. Un uomo piange la sua rabbia e i suoi compaesani "mondiali" che fanno? Esultano.
Boh. Sono proprio ignorante io.

Dana Alesso 10.07.06 15:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo standard&poors il dpef del governo prodi è solo aria fritta?
Grillo, che ne pensi?

Analista finanziario 10.07.06 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Volevo dire: Un'Italia dove la gente non è in grado di pensare con la propria testa è un paese dove possono accadere le cose accadute a Vincenzo ed anche peggio....
Insomma, la droga non fà male, e le persone che si rovinano la vita come questo giovane come mai se la sono rovinata la vita, se la droga non fà male, anzi serve ad essere "creativi"??
In realtà mi sembra che molti abbiano letto in modo assai superficiale Carlos Castaneda ed hanno una visione "romantica" e sbagliata della droga.La cocaina, l'eroina, l'LSD, l'ecstasy e le nuove droghe sono veleno che BRUCIA IL CERVELLO. Un veleno che brucia anche delle vite come quella di Vincenzo. Non è moralismo ma realismo.

Stefano Firbo 10.07.06 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Stamane ho scritto:
Caro Beppe, ti poni domande a cui, dici, è difficile darsi delle risposte...
Invece è facile: basta leggere questo Blog!
Almeno il 50% delle persone che ti scrivono fanno trasparire qualunquismo, menefreghismo, razzismo, perbenismo ecc. ecc.
I commenti di questo ed altri blog sono lo specchio del mondo, quindi, questo è l'uomo, che ci piaccia o meno.

Detto questo constato che tanti di voi si sono commossi per la morte di Massimo altri hanno invece messo in luce tutto il loro essere: IL NULLA!
Mi consola il fatto che questi quando moriranno non saranno neanche pianti perchè non si piange IL NULLA...

Flavio Tiengo 10.07.06 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Non sarebbe meglio sentire tutte le campane ????
roberto

roberto vivaldini 10.07.06 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Trovo molto strana questa vicenda: è strana perchè nelle carceri non c'è discriminazioni per i tossici, anzi ci si può "fare" senza troppe difficoltà...

Trovo strano il rifiuto di accedere ad una comunità terapeutica: era sufficiente parlare con lo psicologo del carcere (negano la comunità se evadi, se sei recidivo o pericoloso per gli altri)

Trovo strana questa indifferenza verso un carcerato malato, a cui basta chiedere dell'infermeria per essere ricoverato.

Mah, non so... mi pare un pò strana tutta questa storia.
Strana perchè pare il racconto di un carcerato della Cambogia, e le carceri Italiane per quante se ne dicano, sono mille anni luce da quelle realtà così discriminanti.

Saluti a tutti i carcerati.
Maurizio

http://www.Zigolo.net

Maurizio Caudana Commentatore in marcia al V2day 10.07.06 15:28| 
 |
Rispondi al commento

ma che vuoi da me? mica ti ho capito!

CHE LA SMETTI DI ANALIZZARE TUTTI SOLO IN BASE A QUEELLO CHE LEGGI.

comunque hai toppato su tutta la linea:

HO SOLO SBAGLIATO UN PUNTO

#1. ho ricomininciato

AHI! NON AVREI MAI DETTO.......CHISSA QUANTI PENSIERI HAI AVUTO PER GIUSTIFICARE AL TUO INTELLETTO DI DOTT.SA IL FATTO DEL VIZIO

O IL TUO AMORE NON SVOLGEVA REGOLARMENTE LE SUE PRATICHE? AH!

#2. non era RItrovato, ma trovato..

LEGGI INVECE DI ANALIZZARE......."RI" ERA TRA PARETESI, E FACEVA IL VERSO AD UN TITOLO DI UN FILM.......AH SCUSA TU LEGGERAI SOLO "IL LATO OSCURO DELLA MENTE"....."IL LAVORO DELL'ANALISTA"...."LA MENTE, QUESTA FOGNA"

#3. ma a te che te frega?

TU SCRIVI E LEGGI.......IO SCRIVO E LEGGO........QUELLO CHE NON MI VA LO SCRIVO.......SBAGLIO O FAI COSI ANCHE TU?

DAI RAFFAELLA.............SONO SCESO DALL'ALBERO PARECCHIO TEMPO FA.

Raffaella Biferale 10.07.06 14:49 |

ANTONIO PADRISI 10.07.06 15:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/223.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Arcipelago Gulag:

» Amnistia da Radio Web Log
* Aggiornamento - Satyagraha Roma - Ennesima puntata di Radio carcere condotta da Riccardo Arena e dedicata al tema della clemenza per i 63000 detenuti degli istituti penitenziari italiani. In studio Marco Pannella ed in collegamento telefonico Don A... [Leggi]

11.07.06 12:15