Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Chi evade le tasse è tre volte ladro


ladro.jpg
Immagine: nolaj.ca

Chi evade le tasse è tre volte ladro.
La prima volta perchè sottrae risorse alla comunità in cui vive. Risorse che non potranno essere destinate a scuole, ospedali, strade. La seconda perchè altri cittadini devono pagare di più a causa sua. La terza perchè comunque il triladro usa le strutture del Paese a sbafo.
Evadere le tasse è come rapinare, anzi meglio, è una rapina senza rischio: al posto del palo ci sono i politici.
Pubblico una lettera sull’argomento.


“Caro Beppe,
sono anche io un ligure (trapiantato per lavoro a Milano, ma o prima o poi tornerò). Ho un argomento molto di moda ma che in realtà nessuno affronta mai seriamente: l'evasione fiscale, che è il primo problema del nostro Paese.

Tutti i governi lo mettono all'ordine del giorno ma, destra o sinistra non importa, e' la solita presa per in giro.
Infatti risolvere l'evasione fiscale significherebbe perdere
immediatamente tutti i voti di intere categorie.

E mi spiace scrivere i soliti luoghi comuni, ma in Italia le tasse vengono pagate solo dai dipendenti.
Come e' possibile che i 2/3 dichiarino da 6.000 a 15.000 Euro all'anno ? Come e' possibile che ci sono solo 50.000 persone che dichiarano più di 200.000 Euro all'anno?
E solo 150.000 persone dichiarano tra 100.000 e 200.000 Euro all'anno? Conta solo i notai, i dentisti, i farmacisti gli oculisti e gli avvocati e i concessionari di auto che sicuramente guadagnano queste cifre: sono sicuramente più di tutti i contribuenti citati sopra.
E infatti nell'ultimo anno sono state vendute in Italia più di 100.000 auto di lusso e ci sono 70.000 panfili di più di 17 metri.

Io sono dipendente di una multinazionale e non mi lamento per nulla di quello che guadagno, anzi ritengo di avere un ottimo stipendio, sono nella categoria tra 100.000 e 200.000, ma sentendo queste statistiche mi dovrei sentire uno dei pochi ricchi italiani, e invece sono uno qualsiasi e ci sono sicuramente tantissime persone che guadagnano molto più di me e non pagano nulla (e si vede anche dalle auto, dalle case e dal tenore di vita che mantengono).

E lasciami aggiungere che la lotta all'evasione non è impossibile come ci vogliono fare credere, ma e' semplicissima, basterebbe che la Guardia di Finanza vada a controllare tutti quelli che dichiarano tra 6.000 e 10.000 euro all'anno, e questi o sono tutti ospiti di ostelli pubblici e mangiano alla mensa della Caritas o, a seconda della casa in cui vivono e dell'auto con cui viaggiano sono tutti liberi professionisti o commercianti che evadono il 99% di quello che guadagnano.

Mi ricordo che all'università io pagavo la fascia più alta della mensa ma usavo treno e tram, e d'estate lavoravo in spiaggia per guadagnare qualcosa, i figli di operai erano in fascia 2 o 3 e c'era tutta una lista di amici che avevano la fascia più bassa, o che addirittura mangiavano gratis e avevano la camera alla Casa dello studente gratis, però venivano in università con la coupè nuova o col suzukino.... indovina cosa facevano i papà?

Inoltre oggi con semplicissimi mezzi informatici si è in grado di scrivere programmi che automaticamente incrociano i dati e segnalano alla Guardia di finanza le denunce dei redditi da controllare, alcuni esempi potrebbero essere chi denuncia 10.000 euro all'anno ed ha intestate 3 case o auto, e paga 1000 euro all'anno di ICI, oppure ha intestate utenze telefoniche ed energetiche con bollette per più di 400 euro la mese. Oppure controllare le denunce di chi (persone o ditte) risulta avere intestato barche da 10 metri e auto di lusso. Inoltre controlli sulle imprese in cui sistematicamente per anni i proprietari guadagnano meno dei dipendenti o imprese che per anni di seguito danno utili ridicoli. Insomma ci sono centinaia di criteri semplici, chiari e facili da implementare, ora che le denunce dei redditi sono informatizzate, occorre solo la volontà di farlo!

In altri paesi Europei esiste comunque una evasione fisiologica che non si può eliminare, ma il problema e' enorme in Italia, per vari motivi, per la nostra mentalità e per la particolare situazione dell'Italia, l'unico Paese con tantissime aziende piccole o medie. Ciao”.

C.R.

25 Lug 2006, 17:59 | Scrivi | Commenti (2398) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Con alcuni amici all'università abbiamo creato questo sito per segnalare chi fa scontrini e chi no:
http://www.scontrinati.it
L'intento del sito non è punitivo, piuttosto mira a sensibilizzare i consumatori sull'importanza dello scontrino e creare alla lunga una comunità di persone che possano preferire negozi che pagano le tasse rispetto a quelli che le evadono abitualmente.

Simone Urbinati 16.02.12 04:02| 
 |
Rispondi al commento

non esiste la possibilità di battere in questo paese l'evazione se non eliminando tutta la moneta corrente, sostituendola con la moneta elettronica. un colpo mortale per tutta l'evasione quotidiana, così come per tutto ciò che ruota attorno alla criminalità e alla corruzione, che avrebbero la vita molto più complicata, almeno finche non si riorganizzano.... una dimensione di recupero di denaro che porterebbe in poco tempo il nostro Paese da indebitato a creditore. Si può fare tranquillamente: passare ad sldi di carta a pagamenti con cellulari, carte di vario genere e altre diavolerie elettroniche esistenti.

augustin breda 08.11.11 22:35| 
 |
Rispondi al commento

A MIO PARERE SE SI ELIMINA LA MONETA CIRCOLANTE, IL CONTANTE, E SI PASSA ALLA MONETA ELETTRONICA, COME UNICA FORMA DI PAGAMENTO - SI PUO PAGARE DA CELLULARE, CON CARTE DI CREDITO CON I PC E TANTE ALTRE DIAVOLERIE- SPARIREBBERO UN SACCO DI COSTI INUTILI DI GESTIONE E PRATICAMENTE TUTTA L'ENORME EVAZIONE FISCALE QUOTIDIANA.TANTO PIU' CHE LE TRATTENUTE POTREBBERO PER LE TASE DOVUTE POTREBBERO AVVENIRE ALLA FONTE NEL MOMENTO DELLA TRANSAZIONE, ELIMINANDO ANTICIPI, PRATICHE, INUTILE BUROCRAZIA.... SAREMMO LO STATO PIU' RICCO DEL MONDO, E IN QUALCHE ANNO DA INDEBITATI SI PASSEREBBE A CREDITORI. COSI' OLTRETUTTO CI SI POTREBBE CONCENTRARE SULLA EVAZIONE DEI BANCHIERI E LORO STIRPE.

augustin breda (skatenati), cordignano Commentatore certificato 08.11.11 13:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il sig. Beppe dovrebbe spiegare prima di parlare di evasione come lui evade, visto che pare sia tra quelli che ha usufruito di vari condoni durante negli anni. Predica predica, fenomeno, ma si tratta di razzolare... Che delusione

ALESSIO PIAZZI 07.04.07 13:36| 
 |
Rispondi al commento

ma se sulla benzina paghiamo ancora una tassa x le spese della prima guerra mondiale, ma non pensi che si devono vergognare quelli che nono la tolgono, sarà anche una vecchia lira al litro, ma provate voi a calcolare quanti litri di benzina abbiamo consumato da quando hanno messo questa tassa, e vi assicuro che sono tantissimi anni, scoperto gli anni calcolati i litri di benzina moltiplicati x una lira vedrete quanto fà, se queste sono le tasse che noi dobbiamo pagare siamo presi proprio bene. mio padre mi diceva da piccolo:
la vita è come la scaletta del pollaio, corta e piena di schitti.
aveva proprio ragione

massimiliano marcocci Commentatore certificato 31.03.07 03:49| 
 |
Rispondi al commento

volevo dire una cosa, la persona che ha scritto questo post non capisce veramente un cazzo.
prima di tutto come mi vieni a parlare di tanne e non tasse da pagare quando guadagni tutti quei soldi al mese, mi racconti della tua universita del cazzo exc. exc. secondo dici che bisogna controllare la gente o le imprese che non pagano le tasse perche non e' una cosa buona. io non paghero mai le tasse primo perche quei soldi stanne certo che non vanno a nessun opspedale o edificio utile al cittadino. secondo le tasse devo completamente sparire per far sparire la corruzzione dentro delle tasse, se volete che quell'ospedale vada avanti non fate pagare le tasse la cittadino ma ognuno compri qualkosa di materiale per quell'ospedale perche i soldi non hanno assolutamente nessun valoree l'ospedale non se ne fa assoluytamente niente dei soldi.

e poi ti vorrei dire tante altre cose che e' meglio che non dico.

cia'

manuel r. Commentatore certificato 28.03.07 22:16| 
 |
Rispondi al commento

io sono socio in una azienda che ha dichiarato circa 200.000 € di reddito - Siamo 5 soci naturalmente senza orario di lavoro- Le tasse cobntributi vari pagati dalla Ditta e dai soci ammontano a circa 130.000 € cosa ne è rimasto poi ai 5 Soci?
E Prodi & Co voglino combattere l'evasione fiscale prendendosela con le ns dittarelle che se non evadessero qualcosa sarebbero morti da fame

carlo bianchi 08.02.07 13:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un paese dove tutti pagano tutte le tasse non credo che esista e sebra che sia meglio così.
A quanto pare i soldi guadagnati in nero (senza quindi pagare le tasse) girano più in fretta di quelli guadagnati pagando le tasse.

Giuseppe Tizza 20.01.07 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Il commerciante che nel caso abbia pagato sempre tutte le tasse,nel momento attuale la crisi fà si che si incassino pochi euro al giorno,puo' in questo caso essere ospitato dagli impiegati a reddito fisso? in questo caso è giusto che si paghino tutte le tasse.

Rosati Luciana 15.12.06 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non iniziamo veramente a mettere le manette a tutti quegli esercenti di pubblici esercizi che sorridendo incassano senza lasciarti lo scontrino.
Stanno semplicemente rubando alla collettività..a tutti noi.

alessandro felloni 29.10.06 16:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Due parole sui dipendenti che "pagano le tasse fino all' ultma lira". Senz'altro le pagano (obtorto collo...) sul loro lavoro subordinato, ma non tengono in considerazione i secondi lavori, rigorosamente in nero. Io stesso in una azienda precedente, non trovando nessuno per lavori serali, avevo dei dipendenti di altre aziende che lavoravano la sera come secondo lavoro. Quindi che i dipendenti siano onesti è tutto da dimostrare. Per quanto riguarda la tassazione in generale, non concordo con il sig. Beppe Grillo. Chi non paga le tasse non può essere considerato un ladro nemmeno una volta, non tre. Mentre chi ruba prende ad altri qualcosa che esisteva prima di loro, chi non paga le tasse parte da un reddito che non esisterebbe comunque senza il loro lavoro. Se invece di lavorare fossero andati a pescare, quanti soldi avrebbe preso lo stato? Come controprova, proviamo ad immaginare uno stato in cui siano eliminati tutti i ladri di professione. Coem sarebbe? Ottimo. Proviamo poi ad immaginare uno stato in cui fossero eliminati tutti quelli che i nostri esimi dipendenti onesti (loro malgrado) chiamano ladri, ovvero il 70% dei lavoratori autonomi ed imprenditori, insieme a quello che producono lavorando: cosa succedrebbe? Supponiamo che lei sig. Grillo abbia ragione e la guardia di finanza con strumenti potentissimi individui tutti gli evasori e quindi spedisca in galera tutti gli idraulici per esempio. Cosa succederebbe? Quindi sig. Grillo piano con le parole (stavo per dire cazzate...)

Vittorio Rovatti 29.10.06 00:27| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

con l'ultima finanziaria i nostri dipendenti, dopo lunghe notti strappate al sonno alla disperata ricerca del metodo infallibile per sconfiggere la secolare piaga dell'evasione fiscale nel nostro gLande paese, hanno finalmente trovato la soluzione: obbligo di pagamento tracciabile (ossia attraverso carta di credito/bancomat/assegno/bollettino postale ecc.) per le transazioni al di sopra di una certa soglia.

Ma come mai delle menti così geniali non hanno colto le infinite opportunità che si nascondono dietro a questa idea rivoluzionaria? Forse erano troppo stanchi.

Infatti, perché non utilizzare lo stesso sistema in altri campi, quali ad esempio:

- Traffico di droga: per fare emergere tutte le transazioni finanziarie al di sopra dei 1000€
- Spaccio di droga: tutti gli acquisti di modiche quantità dovranno essere effettuati tramite apposite carte prepagate a scalare
- Usura: l'usuraio dovrà versare il denaro prestato su un conto creato appositamente dalla vittima presso banche convenzionate; viceversa, le rate di rimborso dovranno essere versate su un apposito conto dell'usuraio
- Pizzo: il mafioso di turno consegnerà al taglieggiato un bollettino con la cifra desiderata; quest'ultimo provvederà ad effettuare il bonifico su un apposito conto corrente
- Rapina a mano armata: il rapinatore si limiterà a costringere la sua vittima a firmare un assegno in bianco
E così via per i reati di Ricettazione ... Finanziamenti illegali dei partiti ... Tangenti ... Insider trading ... ecc ecc ecc

Questo permetterà finalmente alle forze di Polizia/Carabinieri/Guardia di Finanza/Capitaneria di Porto/Vigili Urbani (ma quante ne abbiamo?) di individuare, stando comodamente seduti davanti ad un computer collegato con le banche dati delle banche convenzionate, tutti i colpevoli ed assicurarli alla giustizia, trasformando il nostro gLande paese in un paese finalmente degno di essere chiamato civile!

Semplice no?

Paolo Sinigaglia 18.10.06 10:32| 
 |
Rispondi al commento

rispondo al ligure trapiantato a Milano per lavoro.Caro C.R. tu guadagni tra i 1000 e i 2000 € ma non dici quanto,io ti consiglierei di non fare di tutta un'erba un fascio perche anche io che sono un libero professionista e come me tantissimi le dichiarazioni (60.000 euro all'anno + -)le faccio esatte e pago tutte le tasse e viaggio su macchine costose per cercare di scaricare qualcosa dalle stesse,però al contrario di te io se mi ammalo non guadagno,parto alle 06.00 del mattino e torno a casa alle 23.00 tutti i santi giorni della settimana,non ho nessuna garanzia e rischio il mio culo tutti i giorni,alla resa dei conti scopri comunque che hai lavorato molto fatturando magari di più e hai guadagnato molto di meno,perchè? perche più lavori e più lo stato ti tassa.poi dovresti essere felice che esistano ancora delle piccole e medie aziende,vuol dire che l'artigianato ancora non è morto e mai dovrebbe morire,fai riferimento a tutti i grandi centri commerciali che stanno nascendo,hanno ucciso letteralmente i poveri negozianti dei paesi limitrofi e se vuoi sopravvivere,ti costringono ad affittare un posto per lavorare al loro interno,dai un occhiata e scoprirai dove sono finiti tutti gli usurai strozzini che prima facevano i prestiti ai poveracci bisognosi.pensa C.R. pensa.

aldo giuttari 17.10.06 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Sono un avvocato e non sono un evasore!
Lavoro in una realtà veramente povera (la Sardegna) dove è veramente difficile recuperare i soldi per vivere. Nella provincia dove abito c'è un avvocato ogni 600 abitanti (compresi i bambini).
Non posso essere messo nello stesso piatto della bilancia insieme a colleghi "illustri" che guadagnano miliardi. Nella stessa situazione si trovano moltissimi giovani avvocati che svolgono la loro "missione" difendendo poveracci con il "Patrocinio a spese dello Stato". Ora il ministro bersani (volutamente non uso il maiuscolo) ha bloccato i pagamenti delle prestazioni già autorizzate e liquidate!
Volete sapere dove sono gli evasori?
Andate in Costa Smeralda e verificate se le belle ville (non le multiproprietà, le villone dei ricconi) o i panfili sono intestati a persone fisiche. Avrete una bella sorpresa!
Lo Stato sa bene chi evade veramente ma preferisce tartassare dipendenti e liberi professionisti (tutti nel mucchio, senza distinzioni) mettendo gli uni contro gli altri.
E' ora di finirla!

Marco Cabras 20.09.06 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono veramente in pieno accordo con quanto scritto in merito ai 3 volte ladri, anzi aggiungo che esite una categoria che definirei 5 volte ladri: quali? I Dipendenti pubblici! Perchè? Io sono un tre volte ladro in quanto Lib Prof. ma chi mi ruba il lavoro approfittando del ruolo che occupa nella pubblica amministrazione cosa è ( e siamo a 4 volte ladro); E se poi lo stesso il lavoro "privato" se lo fa in Ufficio (ore pagate per non fare "altro") o magari utilizzando attrezzature dell'Ufficio? (5 volte ladro. Aggiungo a questo che, poi magari, le tasse, su quanto guadagna svolgendo attività non consone al ruolo che occupa, non le paga; e quindi rientriamo nel primi 3 casi.
Facciamo un bel controllo incrociato su quanto guadagna un pubblico dipendente ed il suo tenore di vita e poi ci pensiamo su e rivediamo un pò di luoghi comuni, che ne dite?

Gaetano Turco 13.09.06 18:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Evasione Fiscale

Ciao C.R. sono pienamente d’accordo con te, anche io lavoro in una multinazionale a Milano. L’integrazione degli attuali sistemi d’informazione permettono di trattare milioni di record in pochi minuti e sono convinto che in 6 mesi si potrebbe stilare una lista dei potenziali grandi evasori da verificare e recuperare in un solo anno il 70% delle imposte evase.

Ve lo dice un impiegato che dopo essersi sposato riceve dalla Agenzia delle Entrate una richiesta di presentare certificato di residenza (non potevano chiamare il comune???)
e dopo qualche mese richiesta di presentare documenti come scontrini e spese sanitaria (fortunatamente, in regola) per controllare che non avessi evaso come detrazioni circa 150 euro.
W l’Italia
dove chi non è dipendente evade ogni anno circa 80-100 miliardi di euro, importo pari al 6-7% circa del Pil, cioè quasi l’equivalente della spesa sanitaria nazionale
e chi è dipendente deve stare attendo a non chinarsi per non prenderla nel c..o.

C.L.

C.L.2 03.09.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie a Beppe Grillo finalmente si possono vedere le foto che testimoniano i bombardamenti degli isdraeliani sul libano... per caso non saranno mica le armi intelligenti che gli americani gli passano sotto bambo???
E' un peccato che non si possano avere le fotografie di tutti quegli scout libanesi uccisi dai bombardamenti e dalle cannonate isdraeliane solo perchè hanno deciso di aiutare gli altri anche durante la guerra e sotto le bombe... GRAZIE ISDRAELE!!!!

Maurizio Carciotto 02.09.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Chi evade le tasse è 3 volte ladro ?
a parte il fatto che chi evade le tasse non si pone certo il problema se è ladro o galantuomo
ma poi perchè se puo' non dovrebbe farlo visto che i primi ad evadere il fisco sono i più ricchi ? Personalmente se trovassi il sistema giusto lo farei subito visto che, da vedova, con due figli all'università e con uno stipendio da impiegata, lo stato mi ha obbligato a pagare x il 2005 la bellezza di 6.000,00 euro di Irpef e perchè? perchè ho una casa dove abito comprata con il lavoro e i sacrifici di una vita e, oltre il mio stipendio, percepisco la misera somma di 1.000,00 euro al mese che è meno della metà della pensione che mio marito avrebbe preso se fosse ancora vivo.
Quindi devo considerare una fortuna che sia morto
così posso rifornire meglio i nostri governanti.
Se chi evade le tasse è ladro, com'è chi ti obbliga a pagare delle somme così assurde speculando sulla pelle dei lavoratori ???

ditemelo Voi grazie


Baccini Samanta 28.08.06 15:54| 
 |
Rispondi al commento

e sì caro C.R. in italia funziona così,noi copiamo tutto dagli americani tranne l'unica cosa buona che hanno - il fisco - le tasse solo sui guadagni reali e praticamente nessuna possibilità di evadere. Ma a noi conviene? e come faremmo a dichiarare 10 e guadagnare 100 ?

roberto marchioretto 25.08.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

EVASIONE FISCALE.
IO NON RIESCO A CAPIRE COME MAI IN ITALIA NESSUN GOVERNO RIESCA AD AFFRONTARE, UNA VOLTA PER TUTTE, L'EVAZIONE FISCALE. PAGANO LE TASSE SOLO CHI NON (E RIPETO NON ) NE PUO' FARE A MENO.
SECONDO ME SAREBBE MOLTO FACILE ARRIVARE AI VARI FURBETTI DA PARTE DELLE AUTORITA' COMPETENTI;
IL MIO LAVORO MI PERMETTE DI VALUTARE I MOD. 740 DI IMPRENDITORI, LIBERI PROF. ETC. E VEDO CERTE COSE CHE ANCHE UN BAMBINO SI STUPIREBBE.
FACCIO UN ESEMPIO: UN IMPRENDITORE DI ETA' INFERIORE AI 40 ANNI PRESENTA REDDITI DALLA SUA AZIENDA PER POCO PIU' DI 10.000 EURO; CON QUESTO REDDITO CI MANTIENE LA FAMIGLIA; NEL RIQUADRO DEI FABBRICATI DENUNCIA IMMOBILI CHE, A VALUTARLI POCO, SUPERANO IL MILIONE DI EURO (NON SONO PERVENUTI PER EREDITA' IN QUANTO I GENITORI SONO ANCORA IN VITA); COME HA FATTO A METTERE INSIEME IN COSI' POCHI ANNI UN TAL PATRIMONIO, TENUTO CONTO DELLE ENTRATE AZIENDALI??
IN SOSTANZA BASTEREBBE VALUTARE/INCROCIARE I DATI DELLE DENUNCE DEI REDDITI PER TIRAR FUORI CHI NEGLI ULTIMI ANNI HA EVASO!
SAREBBE QUINDI IL CASO DI NON UTILIZZARE GLI ADDETTI DELLA GUARDIA DI FINANZA A "CORRER DIETRO" ALLA MANCATA EMISSIONE DI UNO SCONTRINO DI UN BAR MA BENSI' A VERIFICARE I DATI DEI 740 GIA' IN LORO POSSESSO!!

FRANCO RUSSO 21.08.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento

MANDIAMOLI A LAVORARE :


Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che
spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA'e senza
astenuti (ma v?!) un aumento di stipendio per i parlamentari pari a
circa 1.135,00 al mese.

Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non
risultare nei verbali ufficiali.


STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE

STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese

PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o
familiare)

RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese

INDENNITA' DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00)

TUTTI ESENTASSE
+

TELEFONO CELLULARE gratis

TESSERA DEL CINEMA gratis

TESSERA TEATRO gratis

TESSERA AUTOBUS - METROPOLITANA gratis

FRANCOBOLLI gratis

VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis

CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis

PISCINE E PALESTRE gratis

FS gratis

AEREO DI STATO gratis

AMBASCIATE gratis

CLINICHE gratis

ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis

ASSICURAZIONE MORTE gratis

AUTO BLU CON AUTISTA gratis

RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per
Euro 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla
pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35
anni di contributi ( per ora!!! )

Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese
elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), pi i
privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del
Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposiz

elvio maurich 19.08.06 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
premettendo che mi sono appassionato alla tua attività, al blog e ai tuoi spettacoli, su questo argomento vorrei precisare alcune cose e rispondere agli altri amici del blog;
Qui di seguito c'è la definizione esatta e al differenza tra IMPOSTE E TASSE, presa da wikipedia:
"L'imposta è un prelievo coattivo di ricchezza non connesso ad una specifica prestazione da parte dello stato o degli altri enti pubblici.
Gli elementi costitutivi delle imposte sono:
• Presupposto: evento che determina, in modo diretto o indiretto, il sorgere dell'obbligazione tributaria
• Base imponibile: espressione quantitativa del presupposto (può coincidere o meno col presupposto)
• Tasso: viene applicato alla base imponibile per liquidare l'imposta
La tassa, nell'ordinamento tributario italiano, si differenzia dall'imposta in quanto applicata secondo il principio della controprestazione, cioè essa è legata ad una determinata prestazione di un servizio da parte di un ente pubblico (ad esempio: tasse portuali ed aeroportuali, concessioni, autorizzazioni, licenze...). La tassa può essere collegata anche ad un provvedimento amministrativo (tassa sul passaporto, sulla patente, sul porto d'armi; tasse sulle concessioni governative).
L'ente pubblico non è impresa, non può avere profitto nè perdita; quindi non può nemmeno fallire. Le uscite sono maggiori o uguali delle entrate; nel primo caso, l'ente pubblico è indebitato. Circa un 70% delle entrati fiscali non hanno controprestazioni per i contribuenti, non sono spese per erogare un servizio, ma per il servizio del debito degli enti pubblici."
Inoltre voglio aggiungere che in Italia siamo tassati indiscrimitamente su cose che ormai (purtroppo) utilizziamo quasi come un bene di primaria necessità, mi riferisco al carburante per autovetture: su 50 euro, piu di 30 vengono incamerate dallo stato. questa è una TASSA che dovrebbero riscuotere con un bel passamontagna in faccia!!!

Fabio Mazza 12.08.06 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Quanti luoghi comuni. Il solito attacco agli statali e consigli su come stroncare l'evasione che fanno sorridere... Io sono uno statale, in servizio da 20 anni, vincitore di un concorso (anzi, all'epoca ne vinsi tre...) senza raccomandazioni, funzionario con un bel po' di responsabilità e uno stipendio mensile che supera a stento i 1.400 euro. Il mio lavoro consiste nello stanare gli evasori e vi assicuro che non è facile come si pensa. "Andare a controllare" chi dichiara tra 6.000 e 10.000 euro e ha 3 case o bollette per più di 400 euro al mese? Ma credete che gli evasori siano dei pirla? Credete che questi dati non siano "incrociati" dagli uffici? Gli evasori si avvalgono di tutte le possibilità di elusione consentite dalla legge, di solito non hanno nulla di intestato, le macchine che guidano sono delle loro società - rigorosamente in perdita - o di "teste di legno", così come le loro case, idem per le barche (e poi il 99,99% sono sotto i 10m e quindi non registrate, anche se costano 3-400.000 euro è quasi impossibile conoscerne i proprietari). Meno male che con gli studi di settore un minimo devono dichiararlo, sennò... Con il condono, poi, il lavoro di 4 anni è andato a donnine allegre (e non fatevi illusioni per NESSUNO, del condono si sono avvalsi TUTTI, anche chi meno vi sareste aspettato...). E intanto io per andare a fare una verifica vado con la mia macchina, pago la benzina e il parcheggio di tasca mia, rischio (perché a volte si tratta di gente ben poco raccomandabile) e vengo "compensato" con poco più di 10 euro per ogni giorno di attività (lo straordinario è gratis perché non ci sono soldi per pagarlo...). E benché abbia fatto ora le ferie dell'anno scorso devo pure sentirmi dire che in quanto statale non faccio un c*****! Si vuole sconfiggere l'evasione? La ricetta è il "grande fratello del fisco" tanto temuto dal Berluska, le possibilità tecniche ci sono e io non ho nulla da temere, così come gli altri che pagano il dovuto. Alternative? Nessuna.

Angelo Bertoli 11.08.06 22:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono con te su alcuni punti, ma, sembra quasi un'invidia la tua. La mia domanda è: cosa hai fatto da solo per guadagnare così tanto? Non è che per caso ti sei fatto raccomandare come tutti i bancari, anche loro dipendenti come te, però sono riusciti ad avere un posto che credo sia pagato così bene solo per tenere il segreto d'ufficio. E poi ci sono Industriali, Commercianti, Artigiani (quasi onesti)che hanno avuto problemi di liquidità ha causa degl'altri o del mercato (cretini forse che rischiano anche il nome e magari i propri patrimoni per tenere i dipendenti?). Conosco più di qualche Metalmeccanico, intorno hai 25 anni, che viaggia con auto tipo 525 Td, Mercedes ML, Classe C; ma dove trovano i soldi per mantenerla. I controlli sono giusti, ma con testa,e senza accanimento fino alla chiusura della ditta perchè politicamente bisogna far vedere al popolo che si procede. Extra comunitari (anti-popolare dirlo) ma spesso si vedono con auto belle. Sono in regala? O disturba la prassi burocratica nel fermarli! Ci sono tante cose da guardare ed per questo che non condivido tutto quello che scrivi.

Roberto Vicenzi 10.08.06 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito parlare in questi giorni del progetto PALLADIUM, qualcuno sa di cosa si tratta?
Grazie

Di Leo Domenico 09.08.06 22:48| 
 |
Rispondi al commento

E' indole dell'italiano pagare il 50% di quello che percepisce, salvo che non 6 un dipendente ed allora ti viene prelevato dalla busta paga. Piantiamola con queste idiozie! L'italiano medio paga le tasse sino all'ultimo centesimo se le infrastrutture migliorassero, e invece, tutto peggiora. Eccovi un esempio che vi fà capire perchè a molti girano i co..ni: una persona di mia conoscenza (che non evade, anzi versa sino all'ultimo centesimo) dopo aver versato le tasse come IRAP, MEDICO DI FAMIGLIA, ecc. (per importi superiori alle 4 cifre) per poter essere operato alla spalla per una rottura dei tendini è dovuto andare in una struttura privata e pagare la bellezza di circa 9500 euro, e pensate un po' che il tutore per il braccio l'ha dovuto pagare 170 euro in nero, senza ricevuta fiscale. Eccovi un'altro esempio: vi sembra normale che una persona non possa portare in deduzione l'affitto della casa dove vive e invece chi ha una casa in affitto paga le tasse sull'affitto che percepisce (sempre che denunci il contratto).
Ti istigano ad evadere ed a non denunciare per intero i propri incassi!!!
Queste sono solo alcune delle tante cose che in italia fanno schifo!!!
Pensate che in edilizia, avevano in parte risolto la situazione del sommerso, con la possibilità di portare in deduzione le ristrutturazioni immobiliari, quando la deduzione era del 41% con iva agevolata al 10%! Ora col 36% ed iva al 20% tanto vale farsi fare uno buono sconto ed avere subito i soldi in tasca e non tra 4 anni.
Come fare ad emergere il sommerso, tanto decantato dai nostri politici?
Basterebbe fare come negli Stati Uniti d'America, dove è possibile dedurre tutto e vedrete che tutti pretenderanno lo scontrino o la fattura!!!!
P.S.: Scusatemi, faccio presente che io sono uno dei pochi che non evade.

sergio musci 09.08.06 12:50| 
 |
Rispondi al commento


Caro Beppe e redazione,vorrei darvi l'indirizzo din un sito libanese che mi ha inviato un amica libanese che da poco è ritornata nel suo paese con i suoi bambini sperando di trovare il suo bellissimo paese e la sua famiglia.Sappiamo tutti cosa ha trovato ma spero darai diffusione nel tuo blog a questo sito per permettere a tutti di avere notizie "vere" sulla sporca guerra
tra israeliani e libanesi.grazie

marina zorzi

marina zorzi 09.08.06 10:06| 
 |
Rispondi al commento

secondo me si dovrebbero fare più controlli sul tenore di vita delle persone, a costo di essere antipatici, ma... io sono una piccola artigiana che solo perchè possiedo un espositore di troppo, op perchè ho acquistato un salone pensaqndo di ingrandirmi un giorno, devo pagare tasse per quello che non incasso, ma dovrei incassare, per le dimensioni del locale, per altro in affitto!!! e ogni tanto viene qualche deficiente di cliente occasionale che dice candidamente che normalmente i capelli glieli fanno a casa!! arrivano pure a mandare pubblicità via posta queste "parrucchiere" abusive, e io ricevo accertamenti perchè sei anni fa ho incassato 30 milioni invece di 50, ma se ero sola a lavorare come potevo incassare 50 milioni lavorando a Sassari e pure in periferia?! la vogliamo smettere di contare quello che uno dovrà incassare invece di vedere quello che effettivamente incassa? cavolo ho una Ax, una catapecchia in campagna e solo perchè sono libera indipendente sono ricca? E SE IO FOSSI UN INCAPACE? perchè lo stato pensa che siamo tutti bravi lavoratori o abbiamo tutti tanto lavoro quando a cinquanta metri permette l^apertura di un|altra parrucchiera che mi può far fallire??!! se non si colpiscono gli evasori totali e chi ne usufruisce!!!!

manuela vultaggio 08.08.06 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Se pagassi dei servizi, potrei anche capire. Ma cosa pago? Semplicemente sono obbligata a buttare i soldi dalla finestra perchè un giorno qualcuno ha deciso che dev'essere così.
Boh...

Manuela Cassotta 05.08.06 17:51| 
 |
Rispondi al commento

io ho chiuso la ditta nel 2005. unica scelta possibile, l'alternativa era evadere le tasse e truffare lo stato. Noi italiani siamo vessati da tasse, balzelli e gabelle che ci soffocano e ci impediscono di crescere e di investire. L'unico modo per far pagare le tasse agli italiani è cambiare il sistema. Finchè i liberi professionisti gireranno con le audi da 60.000 euro e pagheranno meno tasse di un operaio, nessuno sano di mente rinuncerà ad evadere tutto ciò che può. I metodi ci sono, se Padoa Schioppa e Co. si facessero un giro sul tuo blog troverebbero sicuramente un sacco di spunti interessanti (sempre ammesso che siano interessati a cambiare il sistema tributario da sudamericano a europeo)

Matteo Ghizza 04.08.06 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo la stimo per il suo coraggio e per la sua volontà. Sono stupito del fatto che una persona perspicace come lei non abbia suggerito la soluzione.
Provo a farlo io, partendo da una constatazione di fondo: in Italia l'educazione civica è ai minimi mondiali e pertanto il sistema repressivo basato sulla polizia tributaria/giudiziaria qui non può funzionare (da solo) per tutta una serie di motivi che vanno dalle nomine dei componenti delle Commissioni tributarie (fatte di liberi imprenditori che devono giudicare i loro clienti)alla mancanza di deterrenza del sistema penal-tributario.
Posto che non si può mettere un finanziere per ogni imprenditore bisogna escogitare un nuovo tipo di controllo che integri quello insufficiente dello Stato.
E allora ..... perchè non partire dal basso, dai cittadini, da coloro che più pagano l'evasione: dai contribuenti onesti per forza e, cioè, da coloro che non scelgono quanto pagare ma subiscono il prelievo alla fonte.
Mettiamo tutti sullo stesso piano. In fondo il consumatore/lavoratore dipendente è portavoce della più importante categoria produttiva: P R O D U C E C O N S U M O, senza il quale tutte le altre attività andrebbero a farsi benedire.
Come imprenditore del consumo egli ha diritto a dedursi/detrarsi i costi d'impresa: parcella del dentista-avvocato-ecc., ricevuta del ristorante-meccanico-ecc et similia.
Io sono estremamente convinto che i Ns. Padoa-SCHIOPPA e Visco dovrebbero cominciare a pensare ad un sistema tributario che possa permettere a tutti i cittadini di contribuire con metodi uguali; in tal modo gli uni (i più) saranno i controllori degli altri(i meno) perchè se non lo saranno pagheranno anche per questi ultimi.
Penso che a queste condizioni i Meridionali si comporteranno come i Liguri e come tutti gli Italiani.

Flavio gibson 03.08.06 16:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe
ci si preoccupa tanto dell'evasione fiscale invece di pensare a ridurre la spesa pubblica iniziando col dimezzare i dipendenti pubblici succhiasangue che ormai sono il 50% della popolazione che lavora, anzi in rispetto a chi lavora davvero, dico stipendiata.
Si perchè ne basterebbe un terzo di questi nullafacenti, imboscati, altezzosi acculturati, filosofi, finti insegnanti, medici menefreghisti, falsi giracascartofie, POLITICI ipocriti ecc, ne basterebbe appunto un terzo messi bene in riga, per dare un servizio efficente alla comunità. Ma purtroppo il dipendentne statale non ha "il capo" che lo richiama ai suoi doveri, avete mai sentito di un diopendente statale licenziato? impossibile! per il semplice motivo appena scritto.

Sono la vera rovina dell'Italia visto che i loro stipendi sono frutto delle tasse e sovratasse pagate dai privati che mantengono la spesa pubblica e appunto loro.

E' SOLO IL PRIVATO CHE VERSA DENARO COME TASSE ALLO STATO E QUINDI MANTIENE I DIPENDNETI STATALI. PIU' DIPENDNETI STATALI UGUALE PIU' TASSE! MA E' GIUSTO CHE A RIMETTERCI SIA SOLO IL PRIVATO? NO! ED E' PER QUESTO CHE NASCE L'EVASIONE FISCALE. PERCHE' SE FOSSE EQUA E CORRISPOSTA DA UN SERVIZIO PUBBLICO EFFICENTE LA TASSAZIONE VERREBBE RISPETTATA FINO ALL'ULTIMO CENTESIMO.

E sono proprio loro che puntano il dito contro gli evasori perchè non gli basta succhiare oltre il 50 % di tasse ne vogliono ancora di più, adesso altri 24000 nuovi insegnanti "precari"!!!! da 1300 euro al mese! e si ... mancavano proprio. quando andavo ascuola io c'era una sola maestra... adesso ne servono tre... Avanti così e ci faranno pagare l'aria che respiriamo... e sarà la rovina.

Statali siete la Vergogna/Rovina d'Italia.

Gianluca Bono 03.08.06 14:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"La prima volta perchè sottrae risorse alla comunità in cui vive. Risorse che non potranno essere destinate a scuole, ospedali, strade. "

e questi soldi non saranno nemmeno destinati all'enorme numero di politici inutili, succhiasoldi, zecche dello stato (ma non nel senso che producono soldi...al contrario!!), approfittatori, corrotti, ladri...pensa un po' che peccato!

socate 03.08.06 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Risposta a C.R. Evidentemente il tuo qualunquismo non ti ha permesso di approfondire la legge Bersani, che colpisce sopratutto le corporazioni ed i grandi evasori. Come s' e' visto dalle reazioni. A Grillo invece chiedo come nn gli sia riuscito trovare una lettera meno sgrammaticata di quella che ha pubblicato. Ho fatto molta fatica a leggerla (certo che se danno 200.000 Euro ad uno con una preparazione simile, qualche stortura nel sistema certo c'e'). Saluti cari

Francesco Manfredi 03.08.06 10:08| 
 |
Rispondi al commento

messaggio per BRUNA MAZZETTI
ma lei legge i commenti per correggerli o per sentire che cosa ha da dire la gente sui vari argomenti di volta in volta proposti??? mi ricorda una mia vecchia zia, la quale in ogni discorso puntualizzava sugli accenti e pronunce di tutte le parole che dicevo... comunque le chiedo umilmente scusa per l'errore...forse non si e' accorta che ho anche omesso una doppia. quando si digita in fretta...
sergio

sergio fiorenzano 02.08.06 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Ueilà, nel ringraziere il GRILLO per questa opportunità credo, se me lo permetterete, che diverrò un un assiduo commentatore.
Tra le mille cose che vorrei dire tanto per iniziare vado a commentare velocemente l'articolo "chi evade le tasse è tre volte ladro", premessse che sono un lavoratore dipendente, per giunta di una pubblica amministrazione, non ho nulla da evadere però vi propongo la mia idea per risolvere il problema dell'evasione fiscale, consentire a tutti i cittadini, dipendenti compresi, di portare in detrazione le proprie spese dalla denuncia dei redditi nella maniera più semplice esponendo la fattura della spesa sostenuta sulla falsa riga delle spese mediche aumentando la percentuale al 30% (quindi ampiamente al di sopra dell'i.v.a.)con le dovute franchigie per i diversi settori.
Questo farebbe si che la ditta Rossi non potrà dichiarare un reddito di €. 1.000,00 se risultano detrazioni per un totale di €. 10.000,00 fatturato ed esposto dai cittadini nell'unico. faccio alcuni esempi meramente indicativi:
prima fascia) detrazione 30% senza franchigia)
spese mediche, quanto necessario per i neonati fino al primo anno di vita, abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico (treni autobus), interventi di risparmio energetico (a tal prop. invierò successivamente un ulteriore commento - inst. pannelli solari, fotovoltaici, elettrodomestici in classe a++, lampadine a risparmio energetico, coibentazione edifici ecc.)
seconda fascia) detrazione 30% con franchigia per es. da €.3.000,00 con max di €. 1.500,00 8significa fatture al massimo per €. 8.000,00 a categoria) per abbigliamento, autovetture, ristoranti, alberghi, ecc. .
Insomma impostare il tutto sulla "AUTODENUNCIA" della spesa a questo punto la finanza potrebbe ritrovarsi con dei fantastci databases ricchisssimi di informazioni, senza considerare il maggior potere di acquisto che ne deriverebbe per tutti noi e quindi la maggiore circolazione di denaro. Cosa ne pensate. Ciao a tutti e grazie di cuore.

Gianluca Covicchio 02.08.06 13:40| 
 |
Rispondi al commento

è vero un malessere generali ci coinvolge.
io una piccola dipendente,dopo un periodo disastrato,dopo anni mi stanno ancora a torturar con cartelle esattoriali da capogiro.Mi chiedo ma quando mai io potrò pagare con tutta la buona volontà che ci posso mettere,con a capo una ragazza universitaria da mantenere,un affitto da pagare ecc.E un futuro incerto,anche perchè non puoi più riprendere in mano nulla ti hanno schedato, e appena pensi di fare qualcosa subito di assolgono, e ti tolgono anche il poco per soppravivere.saluti sperando che qualcuno ci ascolti e insieme dare un senso alla vita alla cuotidianità.

DANIELA BENAZZO 02.08.06 12:54| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO!

Con l'indulto ecco i primi ARRESTI!

COMPLIMENTI MASTELLA!
*************************************************
Clicca sul mio nome per la notizia!

Massimiliano Borella 02.08.06 12:45| 
 |
Rispondi al commento

"... La terza perchè comunque il triladro usa le strutture del Paese a sbafo."
Questo leggo nel tuo blog, Beppe, suppongo scritto da te.
E proprio codesta frase mi citava una conoscente.
Premetto che il discorso del "triladro" mi trova francamente daccordo.
Vorrei solo, molto modestamente, far notare come legare esclusivamente il pagamento delle tasse al fruimento dei servizi possa generare confusione in ciò che è lo scopo primo del prelievo fiscale (con questo non dico certo che quei soldi non debbano essere spesi e spesi beni in servizi necessari).
La mia conoscente, ricca e stimabile cittadina, giunge, partendo dalla tua frase, ad affermare che "un ricco non sporca più di un povero, non consuma più acqua per lavarsi, né più energia per scaldarsi ... perché, dunque, dovrebbe pagare più tasse di un povero?"
La nostra oziosa discussione trattava della progressività delle imposte che il sottoscritto, ma per fortuna anche la nostra Costituzione, considera un principio fondamentale (ma allora perché quando il signor Berlusconi proponeva l'aliquota unica nessuno si è levato a protestare?).
Le tasse sono, in primo luogo, il mezzo per ridistribuire la ricchezza, quella ricchezza che il mercato, anche se fosse davvero libero (magari), tenderebbe ad accentrare nelle mani dei meglio adattati.
Nessun uomo dovrebbe mai essere giudicato per quanto produce: non l'essere produttivo è tipico dell'uomo, ma l'essere "umano".

Marco Mozzorecchi

Marco Mozzorecchi 02.08.06 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Coloro che lo desiderano possono trovare qui sotto, quanto di più abbietto si possa fare di nascosto a persone inermi e indifese in Italia.

Si deve sempre cambiare sistema di pubblicazione con testi informativi diversi e nome differente a causa dei boicottaggi di persone che fingono di essere razionali.

Basta andare sul nome in fondo al post, per trovare fatti, prove e la relativa petizione.

Un saluto.

sorriso e dolore 02.08.06 12:06| 
 |
Rispondi al commento

"... La terza perchè comunque il triladro usa le strutture del Paese a sbafo."
Questo leggo nel tuo blog, Beppe, suppongo scritto da te.
E proprio codesta frase mi citava una conoscente.
Premetto che il discorso del "triladro" mi trova francamente daccordo.
Vorrei solo, molto modestamente, far notare come legare esclusivamente il pagamento delle tasse al fruimento dei servizi possa generare confusione in ciò che è lo scopo primo del prelievo fiscale (con questo non dico certo che quei soldi non debbano essere spesi e spesi beni in servizi necessari).
La mia conoscente, ricca e stimabile cittadina, giunge, partendo dalla tua frase, ad affermare che "un ricco non sporca più di un povero, non consuma più acqua per lavarsi, né più energia per scaldarsi ... perché, dunque, dovrebbe pagare più tasse di un povero?"
La nostra oziosa discussione trattava della progressività delle imposte che il sottoscritto, ma per fortuna anche la nostra Costituzione, considera un principio fondamentale (ma allora perché quando il signor Berlusconi proponeva l'aliquota unica nessuno si è levato a protestare?).
Le tasse sono, in primo luogo, il mezzo per ridistribuire la ricchezza, quella ricchezza che il mercato, anche se fosse davvero libero (magari), tenderebbe ad accentrare nelle mani dei meglio adattati.
Nessun uomo dovrebbe mai essere giudicato per quanto produce: non l'essere produttivo è tipico dell'uomo, ma l'essere "umano".

Marco Mozzorecchi

Marco Mozzorecchi 02.08.06 11:51| 
 |
Rispondi al commento

E' un luogo comune che le tasse le pagano solo i dipendenti. Le pagano anche le aziende oneste che versano i contributi ai dipendenti, le pagano anche i professionisti onesti.
Ci sono anche dipendenti poco onesti che si mettono d'accordo con imprese in difficoltà per avere vantaggi in nero. Sono un commercialista e di queste cose ne vedo tutti i giorni.
Non fatemi ridere con i luoghi comuni: sono troppo tristi!

Visentin Simon 02.08.06 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio n°95 del 02/08/2006

"FISCALITA' DI VANTAGGIO" PER IL SUD

Dopo avere letto quanto segue ci chiediamo cosa voglia dire "una fiscalità di vantaggio" per il Sud. Non sarebbe meglio semplicemente esonerare il Meridione da ogni onere fiscale? In modo che i giornalacci di regime, come il Corriere o Repubblica, possano finalmente e fieramente pontificare che l'evasione fiscale esiste SOLO al Nord?

Canone Rai: La maglia nera del pagamento spetta all'Agro Aversano (*)

I dati della Direzione Amministrazione abbonamenti della Rai parlano chiaro:
Casal di Principe (Ce) 579 abbonati : 9,45% delle famiglie, Villa Literno (Na)
351 abbonati 10,76% delle famiglie , San Cipriano D'Aversa solo 285 persone il
7,23% delle famiglie pagano il canone Rai.
La provincia di Caserta e la provincia di Napoli detengono la maglia nera,
facendo una selezione a carattere locale si scopre che in particolar modo
nell'agro aversano c'è la tendenza a non pagare il canone.
Così Aversa e le cittadine dell'agro ancora una volta raggiungono un primato,
ahimè negativo.

(*) estratto da: Proveditrasmissione.net

Canna-Power Team

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

giuseppe resoli 02.08.06 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Dopo essermi letto tutti i post scritti dagli utenti, posso aggiungere un solo commento da parte mia.
Il problema dell'evasione NON rigurada le medie e grandi aziende (PARMALAT, CIRIO e FIAT a parte....), ma è un problema ASSOLUTO in tutte le piccole imprese o nei pubblici esercizi.
Ho lavorato per anni in un Bar e per farvi un semplice esempio, durante l'intero arco della giornata venivano battuti qualcosa come ben 30 o 40 scontrini, per un valore medio giornaliero di 200-250 euro di oggi. Niente male direte voi...vero..se il bar non si trovasse di fronte al duomo di milano, se non avesse incassato MINIMO 1200-1300 euro al giorno (non scontrinati e quindi non dichiarabili)e avesse 3 dipendenti più i due proprietari.
Già una persona sana di mente, capirebbe senza guardare le dichiarazione dei redditi che è impossibile mantenere tre dipendenti con 300 euro al giorno di incasso medio...vi pare?
Ora mi chiedo, a voi quante volte vi capita di entrare al bar, andare dal panettiere, dal lattaio, nella piccola bottega, dal calzolaio, dal dentista, dal macelaio e potrei andare avanti quasi all'infinito, fare una spesa più o meno grossa ed uscire dal negozio accompagati dalla merce...ma non dallo scontrino....siate onesti però..

Un'ultimo appunto per chi dice "ma le fatture in ingresso parlano chiaro..non puoi evadere perchè ci sono i conteggi di magazzino.."..chiedete un pò quanti furti, smarrimenti, danneggiamenti e rotture subiscono queste attività...ne rimmarete sorpesi

Gianluca Rosa

Gianluca Rosa 02.08.06 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Le tasse... argomento interessante.
Sembra che uno dei problemi più grandi in Italia sia l'evasione fiscale, (non gli sprechi dello Stato..... rimanendo in economia se nò....), mi sai dire caro Beppe per quale motivo, anzichè perseguire i piccoli e medi imprenditori tramite la finanza, non abbassano la percentuale di tasse da pagare?? Sai come fa la finanza a capire se un'impresa paga o no le tasse? Se nel secondo anno di attività è ancora aperta vuol dire che evade, perchè se nel primo paga tutto è nella maggior parte dei casi obbligato a fallire... Ma che cerchino di fare una riforma seria sul commercio in Italia e non foraggino sempre le Grandi industrie che evadono senza essere controllate e vivono sulle spalle della gente.....
Beppe sei sempre il migliore

Mirko Gazzetta 02.08.06 09:07| 
 |
Rispondi al commento

1000 detenuti liberi; chi ha rubato, chi ha ucciso, nessuna differenza: tutti in liberta'.
Come accettare passivamente un provvedimento del genere in un Paese dove paghiamo le tasse a sostegno dei delinquenti?

laura torre 02.08.06 08:45| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me , ed è l'unico modo per godere un po' mentre si osserva chi non paga le tasse (realtà tristissima.... )è immaginare che pagare le tasse per tanta gente sia come risparmiare nell'aquisto della carta igienica.
Immaginate:
Con i soldi risparmiati magari ti compri una birretta da goderti gelata davanti alla tua partita di calcio del cazzo....
La birra gelata insieme all'emozione ti smuove l'intestino che per poco non ti caghi addosso, corri in bagno, liberi il meglio di te stesso, e ti pulisci con le dita o con l'asciugamano per il viso.

Michele Robbio Tacci 01.08.06 12:32| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
ATTENTI ALLE DITTE APPALTATRICI CHE CHIAMANO PER CONTO DI....
ECCO COME HANNO FREGATO UN MIO AMICO CON L'OFFERTA DI....
*************************************************
Clicca sul mio nome

Massimiliano Borella 01.08.06 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Innanzi tutto, ma senza eccesso di polemica, il nostro amico C R che viaggia nella fascia di reddito 100/200.000 euro è un uomo molto fortunato.Senza elucubrazini mentali che vadano a enunciare cose che sappiamo tutti (notai-avvocati-dentisti ecc)vorrei fare un esempio pratico di una cosa accaduta a me poco tempo fa.Ho 54 anni una mamma di 89 (pensione 760 euro affitto 500) sono figlio unico sposato con due figli che ancora non lavorano e quella domenica mattina stavo portando il latte alla mia vecchia perche'Lei ormai non esce piu' di casa.In prossimita' della via Appia a Roma, sono stato bloccato da due moto della polizia che insieme ad altre 8/10 scortavano, indovina che cosa, una fila di almeno 200 ferrari provenienti dal raccodo anulare corredate di biondone e stralaccati fichi che a 200 all'ora (saputo poi dal tg) stavano raggiungendo piazza del Popolo per un meeting.
Controlli incrociati verifiche reddituali su ici bollette ecc.,ma che dici amico caro, lì sarebbe bastato il ten Colombo con piccolo notes e matita per segnare nomi e cognomi.Non sono ne i notes ne le matite che mancano ai nostri dipendenti,non sono le idee,non sono i mezzi,non è la volontà, non è la capacita'.Sono solo le palle che mancano quando non ci sono interessi privati o personali in gioco. Ciao

fausto bottioni 01.08.06 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Lei ha ragione...purtroppo tra quei tanti che evadono ci sono anche tantissimi che come me dopo anni spesi sui libri a studiare, dopo la conquista di una agognata laurea si trovano costretti a lavorare per poco meno di 10000 euro l'anno con partita iva e zero diritti...con un affitto da pagare e la difficoltà di comprare da mangiare...non scherzo...questo paese è malato, e noi giovani che vorremmo costruirci una famiglia avere dei figli siamo costetti a rimandare, a data da destinarsi il nostro sogno...ma può mai essere un sogno l'avere un figlio? oggi? nel 2006? SI... io sono un architetto, con partita iva, pago quasi il 50% del mio fatturato in tasse, non guadagno a sufficenza per sopravvivere, non faccio del nero e se non avessi i miei genitori davvero dovrei andare a mangiare alla mensa caritas...
Mi sento tradito da questo paese, tradito e preso in giro...

Arturo Augelletta 01.08.06 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo un gioco: facciamo che hai dipendenti, quelli con le trattenute alla fonte per intenderci, quelli che devono fare tre lavori per campare e per portare a casa 1300 o 1400 al mese, gli venga data la possibilità anche a loro di evadere e di scaricare l'iva.
Ci scommettete che dopo due anni l'Italia chiude?

Spot contro l'evasione fiscale, criminalizzare chi evade! pagare tutti pagare meno.

Nicola Bolzoni 01.08.06 09:10| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe non ho parole per descrivere quanto ti ammiro, anche perche non sono una persona dalla penna facile. Credevo che con questo governo in materia di tasse si sarebbe visto qualcosa di buono, una lotta spietata contro chi da anni sfrutta i poveri lavoratori ed evade le tasse aspettando il primo condono per ridiventare onesto in cambio di una irrisoria somma di denaro rispetto a quella illegalmente intascata. Pochi giorni fà guardando un mio penoso prospetto delle competenze vengo a sapere che i signori che anche io ho votato, come prima mossa per recuperare qualche soldo, hanno decurtato del 20% le indennità che mi spettavano per i lavori fuori sede con un tale decreto "Bersani". Come inizio non c'è male, non sono un economista o un grande intellettuale, ma secondo te non era il caso di iniziare a recuperare qualcosa da chi non fa migliaia di conti per poter mangiare anche gli ultimi giorni del mese? Ho sempre avuto tanta fiducia nelle istituzioni e mi sforzo per continuare ad averne ma il compito è sempre più difficile. Mi sembra di capire che i grandi evasori, corruttori, chi fà "contabilità creativa" e chi più ne ha più ne metta, restano sempre intoccabili, se fossi un magistrato sarei stanco di fare sempre tanto lavoro per niente, mesi e mesi di lavoro che finiscono "a tarallucci e vino". Ma tanto al governo che gli importa, per recuperare soldi ci siamo noi dipendenti, soldi sicuri e continuativi tanto noi ci arrangiamo ed i nostri malcontenti non fanno pena a nessuno.
Però c'è una cosa bella da dire, non arriviamo alla fine del mese mangiando sempre allo stesso modo ma i nostri amati rappresentanti ogni qualvolta c'è bisogno di soldi, ci guardano sempre con un'occhio di riguardo e ci trattano sempre come se fossimo ricchi, almeno questa soddisfazione ce la danno.......

mario brosco 01.08.06 02:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beh, queste parole mi sanno tanto da luogo comune.
Sono da poco un piccolo commerciante e mi sono reso conto di come le cose non stiano proprio così.
I miei fornitori (lavoro nel campo dell'informatica) mi fatturano tutto, come è giusto che sia, ed io neanche se volessi potrei vendere alcunchè al nero.
I miei fatturati sono limpidi e versano anche in condizioni non troppo belle, vivo in affitto ed ho una alfa con 8 anni di vita. Non sono un signore.
Certo, a volte devo simulare un tenore di vita più elevato, quando cerco clienti per esempio, quando vado per le aziende a promuovermi, ma è solo finzione.
Quindi il teorema commerciante=evasore è nel mio caso solo una buffonata, e certi discorsi li reputo offensivi. Sto provando sulla mia pelle cosa significa rischiare tutto perchè si crede nelle proprie capacità, e a volte ritornerei volentieri a fare l'operaio, magari nella fascia sua caro amico, perchè quando lavoravo in fabbrica il mio stipendio come operaio era di 980,00 euro al mese. Al netto delle tasse ovviamente....

Denis Bratti 31.07.06 21:26| 
 |
Rispondi al commento

Sono un piccolo imprenditore del settore tessile, e mi sono risentito tantissimo quando ho letto il suddetto post, perché per quanto possa, anche, condividere il pensiero dell’amico, mi accorgo che le persone parlano e scrivono considerando solo le proprie posizioni e non tenendo conto delle diverse problematiche in cui versa il nostro paese.
Allora io vi dico che esistono molte persone e molte categorie che le tasse non le possono pagare, in quanto non esistono i presupposti per poterle pagare, e ciò è dovuto al fatto che i nostri politici hanno distrutto le nostre piccole e medie imprese fino a farle giungere , quasi tutte all’orlo del fallimento, vi domanderete come? Aprendo al mercato globale, e non stabilendo nessun tipo di regola, così i prezzi delle manifatture sono scesi sempre più giù, fino ad arrivare al punto che oggi non solo non si riesca a pagare le tasse ma a stendo si riesca a ricavare un misero stipendio.
Eppure fino a qualche tempo fa si diceva, sia a destra che a sinistra, che la piccola e media impresa fosse il motore dell’Italia, che senza di essa l’economia italiana sarebbe stata morta e defunta, è possibile che tutti si siano dimenticata di essa? E’ possibile che il fatto che circa 25000 aziende abbiano chiuso i battenti nel primo semestre del 2005, non abbia allarmato nessuno? E’ possibile che nessuno cerchi di risollevare le sue sorti, cercando di tutelarla contro la concorrenza straniera?
Eppure so che tantissime persone trovano un occupazione grazie ad essa, e che tantissimi disoccupati ufficiali sbarcano il lunario grazie ad essa.
Ma io mi domando e vi domando: davvero i nostri politi credono che noi possiamo essere competitivi con chi guadagna UN EURO?
Io credo che tutti, o la maggior parte dei cittadini, vorrebbero stare in pace con il fisco. Ma oggi il fisco non è proporzionate alla situazione reale del paese, perché i politici o chi per esso sia non conosce i problemi e le difficoltà con cui ognuno di noi si deve relazionare.

a. brini 31.07.06 20:18| 
 |
Rispondi al commento

Un commento a questa ricetta per combattere l'evasione fiscale.
Io credo però che non occorrano nuovi programmi informatici ed interminabili incroci di dati e né nuovi controlli con astrusi redditometri e neppure tramite l'assunzione di altri controllori.
Il migliore e più efficace controllore (e soprattutto a costo zero) siamo noi stessi!.
Basterebbe solo, e non capisco perché non sia mai stato tentato mai niente di simile (con l'eccezione delle ristrutturazioni edilizie che hanno fatto saltare fuori un mare di nero!), rendere detraibili dai redditi certe spese (come quelle di ordinaria manutenzione o quelle relative ai servizi dei professionisti).
E voilà salterebbero fuori tutti i redditi non dichiarati dall'elettricista, dall'idraulico,dal pittore, dal carrozziere, dall'avvocato, e da tutti gli altri ...
Qualcuno mi sa dire perché nessuno dei nostri "Soloni" stia pensando ad adottare una soluzione così semplice ed efficace?
Un saluto.
Paolo Petrani

Paolo Petrani 31.07.06 19:38| 
 |
Rispondi al commento

hai pienamente ragione, il tenore di vita si capisce dalle spese che uno fa, se il commerciante gira in 500 ha solo una casa... vuoldire che non guadagna tanto, perchè se guadagnasse da qualche parte li investirebbe sti soldi, ma chi si permette di spendere 50.000 euro per un'automobile da qualche parte ce li aveva( di sicuro non sono i risparmi di decine di anni), perciò basta seguire ciò che ha detto c.r.: controllare chi denuncia poco e chi acquista auto ecc...

bruna gazzetti 31.07.06 19:01| 
 |
Rispondi al commento

sti ca**i,un dipendente tra i 100.000 e i 200.000 euro all'anno!!!mia madre aveva un negozio(quindi per te ladra perche'commerciante)..all'anno guadagnava sicuramente meno di te,dipendente (da circa 10.000 euro al mese con ferie,tredicesima,malattia ecc..se stai male tutto pagato,a sti livelli credo anche rimborsi spese ecc ecc..)e si e'ritrovata a passare anche per evasore perche'secondo sto stato di merda non era possibile che guadagnasse così poco,gia'non puoi andare dal culo!.I miei a 60 anni suonati stanno ora pagando un mutuo dopo una vita di lavoro e sacrifici,han sempre lavorato in proprio e ti assicuro che lo stato fa di tutto per farti passare come evasore..ma certo,l'evasione è quello che si fa un culo così dalla mattina alla sera e nn riesce a mettere da parte un cazzo perche'deve dare tutto allo stato..ed allora vai a massacrare con gli scontrini fiscali!!..ma andate un po'a a cagare va'...

omar tona 31.07.06 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono sempre il "commercialista espatriato" avvelenato contro la demagogia invidioso.
Se fosse giusto il vecchio redditometro, per cui chi era proprietario di una imbarcazione, o di una auto di lusso o di altro elemento "indicativo della capacitá contributiva" (come recitava il vecchio D.P.R. istitutivo del redditometro) perché non chiedere i documenti (atti a consentire di individuare ¨l´acquirente e quindi il contribuente) a chi acquista champagne, o caviale, o si reca frequentemente in ristoranti di lusso, o alberga in hotel a cinque stelle etc.. Questi non sono anche elementi indicativi di capacitá contributiva? Non sará forse che determinati elementi di capacitá contributiva sono facilmente perseguibili? e questo sembra giusto?
Personalmente conosco molte persone che non comprano caviale e champagne, che non hanno amanti e che lesinano su tutto pur di potersi permettere una barca a vela che costituisce la loro unica passione.
Ancora una volta smettiamola con la patetica e ridicola filosofia dell´imprenditore (o professionista) evasore. Pensiamo (o meglio pensate) ad eleggere membri del parlamento, del senato, dei comuni e quanti altri (enti previdenziali ed assistenziali compresi) che non spendano oltre il 60% delle risorse disponibili per gestire le risorse stesse.
Una impresa sana e redditizia ha un incidenza media di spese di gestione non superiore al 12 - 15%; una impresa in stato FALLIMENTARE ha spese di gestione che non raggiungono il 30%; lo stato italiano ha oltre il 60%.
Pensiamo a questo, risolviamo questo problema e avremo risolto anche il problema dell´evasione.
Chi puó tollerare che per ogni 100 euro pagati di tasse (a qualsiasi titolo) 60 ne vadano sperperati solo per rendere servizi il cui valore é 40 euro. Nessuno e tanto piú l´imprenditore che per continuare a dar posti di lavoro e quindi produrre ricchezza (e non solo per se) deve stare ben attento a calmierare i costi se non vuole fallire.

Carlo Fedele 31.07.06 17:02| 
 |
Rispondi al commento

A tutti i dipendenti, vorrei proprio sapere quanto ci avete messo per scoprire quanto guadagnatze al lordo. Vorrei proprio sapere quante volte siete andati in banca a pagare le tasse, e quante ne pagate. E se lo sapete, quanto tempo ci avete messo a scoprirne l'ammontare.
In pratica ha ragione il commercialista espatriato, nessun dipendente paga le tasse, tutti vanno al netto, il resto è tutta invidia.
Poi a quel signore che vorrebbe detrarre l'IVA, ma se non la pagate, se quando un provato deve pagare l'iva all'idraulico pretende (dico pretende) il nero altrimenti non fa il lavoro.....
Tutte scemate

Carlo Laghi 31.07.06 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono italiano, ma ormai da quasi dieci anni vivo all´estero. In Italia la mia professione era "commercialista" per cui mi ritengo un tecnico. Sarebbe ora di finirla con la storiella demagogiga del "solo i dipendenti pagano le tasse"! Non é assolutamente vero!!!!!!! Quando nel 1973-1974 ci fu la riforma fiscale i signori dipendenti non hanno avuto alcuna riduzione degli stipendi in funzione della nuova normativa fiscale!!!!!! Successivamente le rivendicazioni salariali sono state fatte in misura del NETTO percepito e non del lordo!!!!!!! Ai dipendenti che scioperavano per i rinnovi contrattuali interessava ció che avrebbero avuto di piú in tasca e non quello che avrebbero avuto scritto in piú in busta paga. Da ció ne deriva che chi paga EFFETTIVAMENTE le tasse sono i datori di lavoro e non i propri dipendenti, e quindi se sommiamo questa imposizione "indiretta" a tutte le altre che colpiscono l´imprenditore si vede bene che la categoria tartassata é quella imprenditoriale; si provi a pensare ad una grande azienda con migliaia di dipendenti: quanto paga di tasse? Cifre astronomiche!!!!! Pensare che le tasse che un imprenditore paga sono solo quelle derivanti dal "740" é pura DEMAGOGIA DI TIPO VETEROCOMUNISTA!!!!!!
Consentitemi un´altra considerazione puramente tecnica: per misurare il tasso di evavione fiscale basta considerare il rapporto tra due valori percentuali: il primo é la fiscalitá (ovvero la percentuale di tutte le entrate tributarie rispetto al prodotto nazionale lordo) il secondo é il fiscalismo (ovvero la percentuale tra il valore di tutti i servizi che tornano alla comunitá rispetto al totale delle entrate tributarie dello stato). Fino a quando sono stato in Italia il rapporto sopra definito era il piú alto tra i paesi europei. Fino a che non ci sará la volontá politica di utilizzare al meglio le risorse fiscali dello stato la lotta all´evasione rimarrá una UTOPIA!!!!!! POVERA ITALIA IN MANO A CHI STAI !!!!!!!!!!!

Carlo Fedele 31.07.06 12:36| 
 |
Rispondi al commento

l'evasione, o meglio, dell'ELUSIONE fiscale e' un grosso problema che probabilmente non si vuole risolvere.
ti faccio un'esempio che sto vivendo sulla mia pelle
villa con due piscine, 400 mq e 6000 di terreno scoperto, cani, cavallo, due auto di grossa cilindrata, trattorino per avere il gasolio agevolato... tutto cio' e' 'azienda agricola'... agenzia immobiliare superavviata in centro a venezia con tre dipendenti... il tutto dichiarando sul 740 la bellezza di 3200 lordi all'anno!!!!!!!
questa e' la mamma di mia figlia, che mi ha portato in tribunale con l'ennesima richiesta di denaro, poiche' lei non e' in grado di far fronte alle spese .....e , buttati per terra, il tribunale le ha dato ragione!!!
adesso ho fato ricorso, naturalmente, allegando non solo le dichiarazioni dei redditi, ma anche varie fotografie dal satellite di tutti questi beni. ma una volta non c'era il redditometro???
ah, scusa, dimenticavo di dirti che io lavoro alla rai, facio il tecnico in un centro trasmittente e guadagno circa 27000 euro lordi all'anno...
ciao, a presto
sergio
p.s. salutami claudio poggi

sergio fiorenzano 31.07.06 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma che ladro 3 volte è un eroe che assolve ad unpreciso dovere verso i figli.
tagliare i finanziamenti a questa classe dirigente e politica di merda affinche il popolo apra gli ochhi e smetta di votare sempre i soliti comunisti di MERDA

pino Ciompi 31.07.06 11:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buona giornata a tutti. Giovanna

Giovanna Nigris 31.07.06 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Noi evsori facciamo bene ed evadere le tasse il + possibile, visto l' uso che viene fatto dei soldi pubblici.

Rigalunga M 31.07.06 11:42| 
 |
Rispondi al commento

basterebbe un semplicissimo atto dello stato :
far scaricare l'iva (imposta valore aggiunto 20%) anche ai privati (che siamo noi) e poter addizionare alle spese previste nella dichiarazione dei redditi, al fine che anche gli artigiani e tutte le categorie abbiano l'interesse a dichiarare la renumerazione dell' attivita' svolta. mi sembra semplicissimo !!! ciao a tutti, fausto

FAUSTO MORELLI Commentatore in marcia al V2day 31.07.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di tasse e anche di moltre altre cosette che stanno venendo fuori un po' alla volta credo che lentamente stiamo scivolando verso la classica fregatura all'italiana. Non ne do la colpa a Prodi od altri, pero' ci hanno promesso di rinnovare il paese e con cio' anche da certi vizi capitali come dire "faccio come mi pare", pero' credo che abbia ragione l'Economist quando scrive che gli italiani preferiscono perdonarsi ol'un l'altro. Stiamo a vedere se dopo le "primarie" e il pagamento fatto, e dopo i provvedimenti di questi giorni, "infausti in parte", il perdonismo non ci faccia precipitare in cio' che il Berlusca voleva fare ed ora vi si oppone. E' un gioco delle parti mal digerito. Pero' cio' che mi disillude e' che gli italiani continuano a considerarsi "furbi", cio' e' di una tragicita' allucinata e spaventosa, significa essere ottusi.

Laura Saccomanno 31.07.06 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Ha ha HA, ha ha, non conoscete la realtà, fate ridere, chiedeta al dipendente, perchè paga l'iudraulico in nero, oppure il falegname che gli fa un lavoro in casa.
Chiedate allo satto dove vanno a finire tutti i soldi che incassa, tra i quali, IRPEf ca 30%, INPS da 20 al 40%, IRAP 4%, poi su quello che resta, IVA 20%, Benzina 60%, Autostrada (A proposito di manutenzione strade), ferrovie, ecc. ecc. Ladri sono altri, non chi evade, i chi dice che i dipendenti non evadono, dice il falso o è ingenuo.

Ha Ha

Carlo Laghi 31.07.06 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Manca un riferimento, quello alla presa per il c**o. Perchè io e mia moglie, infermieri professionali laureati, lavoro di responsabilità, turni massacranti, reperibilità, natale e pasqua in ospedale, rischi ecc.. sui nostri 50.000 euro complessivi ci paghiamo TUTTE le tasse e un terzo figlio ce lo sogniamo per mancanza di spazio in casa. E inostri figli vanno a scuola epagano il massimo di mensa.
Il farmacista, la panettiera e l'industriale del paese i figli invece li accompagnano col mercedes, hanno la mega villa e la barca e la mensa la pagano ridotta al 50% perchè risultano di reddito basso.

Costante Perencin 30.07.06 20:59| 
 |
Rispondi al commento

ciao, sono lavoratore dipendente e pago tutte le tasse possibili ed immaginabili e, visto, che fumo, pago in proporzione al mio reddito molte più tasse di chi non fuma. Ma va bene così. Vorrei solo fare un commento all'articolo "chi evade le tasse ruba tre volte". Non è vero ruba solo due volte in quanto le tasse in più che riscuoterà lo stato non serviranno che in minima parte a costruire strade ed ospedali, ma in gran parte, verrà mangiato da politici e dall'apparato burocratico sottostante alla politica stessa.
Grazie

lugi sannino 30.07.06 19:11| 
 |
Rispondi al commento

tante volte sono tentata di scrivere su quanto viene proposto dal blog, mi chiedo se non sto andando fuori di testa, così rinuncio.
Mi chiedo perchè un ministro scriva ad un comico ( beppe non me ne voglia )per avere aiuto su questo indulto. Un ministro che ha dato il via a mani pulite quindici anni fa, le conclusioni vengono da se: non è cambiato niente.
Per gli evasori fiscali: sempre la solita storia,
aggiungiamoci tutti gli stipendi d'oro ai politici, regioni, camera e senato e dintorni...........
Ma dove li trovano tutti questi soldi per pagarsi ?
Sono fortunata perchè dipendente pubblico,
ho tre figlie, due in casa che studiano,una sposata. Divorziata da venti anni, da tredici
neanche un centesimo per le figlie, prima due si e una no o viceversa, alla fine ho deciso che nessuno viveva più sereno in attesa di quegli alimenti così ho fatto tutto da me. Lui povero libero professionista, io ricca statale.
Due figlie ammalate ,una di pericardite, per due anni non se ne sono accorti e al pronto soccorso dicevano che era una scusa per non andare a scuola, nonostante febbre e dolori al petto.
L'altra con esaurimento nervoso per diversi anni
dovuto ad un trauma, nonostante ribadissi che necessitava un dialogo con mia figlia, i medici mi prendevano per una madre troppo invadente.
Alla fine viene fuori il trauma e il persorso
per la guarigione per entrambe. Lotto anche sul posto di lavoro, e non ridete, ma mi piace lavorare, amo il mio lavoro,solo che è in privatizzazione e la follia è nota, soprattuto di quelli che per fare carriera si limitano solo
allo svolgimento del compito in classe: non crescono.
Non sto ad elencare le varie difficoltà, posso solo dire che ogni tanto mi chiedo che film sto girando: forse '' Crash '' è il film di milioni di persone, guardatelo.

patrizia parlani 30.07.06 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Bravo C.R., hai perfettamente ragione!!
Ho sempre pensato e ne sono tuttora convinto, che l'evasione fiscale sia il 1° problema italiano.
Ma anche questo governo non sembra pensarla così....

Dario B. 30.07.06 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Egr. sig. GRILLO,
CHI NON PAGA LE TASSE è UN LADRO.
Ma davanti alla marea di "furbi" cosa si può fare ?
Personalmente sono pacifista e quindi sono contrario a sistemi violenti ma...
In questo caso visto l'epidemia tutta italiana, propongo delle pene pubbliche del tipo mettere gli evasori nella pubblica piazza magari in una gabbia trasparente !
Se non è praticabile, una affissione pubblica dei nomi con foto dei furbi per un tot di giorni.
I rimiedi odierni, pubblicazione su giornali e altro, servono poco, mettiamoli nella piazza del proprio paese o città, forse vale di più e cota nulla, visto che il carcere costa e non ci sono posti.
Grazie e cordiali saluti
Franco
Grazie e cordiali saluti

franco porta 30.07.06 12:15| 
 |
Rispondi al commento

*************************************************
ATTENZIONE: ECCO LA NUOVA LISTA DEI BENEFICIARI DELL'INDULTO!

IN ESCLUSIVA SUL BLOG "FALLA GIRARE"!
*************************************************
Clicca sul mio nome ;)

Massimiliano Borella 30.07.06 11:44| 
 |
Rispondi al commento


certo che far parte di quelli che hanno un reddito tra i 100 e i 200 mila € e lamentarsi della evasione fiscale dei liberi professionisti senza per altro pensare che la prima vera evasione fiscale avviene in alto, molto in alto, viene il dubbio che ci si lamenti solo perchè essendo dipendente e COSTRETTO a pagare le tasse, e non perchè si vuole fare Il CITTADINO MODELLO.
Ringraziamo comunque il nostro dipendente BERSANI con la sua legge sui pagamenti delle prestazioni professionali solo con assegni,carte di credito o bancomat, e non più in contanti,se superiore a 100€, avrà si fatto una legge contro l'evasione fiscale, ma come si sa siamo in Italia e fatta la legge trovato l'inganno.


AMBROGIO DOMENICO 30.07.06 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Il problema della evasione deriva principalemnte dal fatto che devi far capire a un individuo che fa parte di una comunitá e che deve contribuire volontariamente affinché questa possa offrire dei servizi sociali accettabili. da qui una prima questione: quanto questo individuo si vede riconosciuto in una comunitá statale?-giá é difficile riconoscersi in una famiglia; figurariamoci in una societá di milioni di persone...-
Un secondo problema é che questi servizi offerti siano accettabili; chiaro che no non lo sono perché
1.ci si deve occupare di MILIONI di persone;
2.chi offre tali servizi é spesso incompetente; 3.la distanza tra cittadino e Stato é abnorme.
logica conseguenza: l'individuo(che non si sente membro della comunitá)decide di evadere.
Aggiungiamo poi l'aspetto tecnico della tassazione...tutto si complica.
e l'evasione é una conseguenza naturale di un sistema entropico.
Lo stesso Stato, coi suoi falsi rappresentanti,é il primo a compiere "razzie" e l'individuo sufficientemente intelligente, sapendo che il controllo (uno dei servizi base che la comunitá deve offrire) é quasi nullo, evade.
Non é giusto ma...fa bene.
Siamo TROPPI;e molta gente é inutile.


Gianluca Fiorito 30.07.06 03:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Matteo quì si stava parlando di evasione fiscale e ti dico solo una cosa le uniche persone che pagano fino all'ultimo euro di tasse sono proprio i dipendenti che hanno una regolare busta paga.

otello franchi

Caro Otello ma io è proprio di questo che parlo... io parlo di onestà, e ti assicuro che per la mia esperienza personale i dipendenti che si meritano lo stipendio che hanno si equivalgono a quelli che non se lo meritano. Il lavoratore dipendente firma un contratto in cui si impegna a fare determinate cose, e quelle deve fare.
E poi, ripeto, quando i dipendenti fanno lavori in proprio e prendono soldi in nero non è evasione fiscale?
Io sono commerciante, è vero, e se il mio lavoro và bene guadagno più di un dipendente, ma i miei rischi? quelli con costano nulla? le mie malattie? le mie ferie? e la mia tredicesima dov'è? e la mia quattordicesima? Mi sai spiegare perché devo pagare quattordici mensilità quando in un anno ci sono dodici mesi? E i due mesi che letteralmente regalo ogni anno a ogni dipendente a me chi li lavora? Io incasso 0,50 euro alla volta, sai quanto devo lavorare per incassare una mensilità? Ma lo sai qual'è il problema? Il problema è che è vero che i dipendenti pagano le tasse (almeno quelle della busta) ma quasi nessuno sa quanto paga... prova a chiedere a qualsiasi lavoratore dipendente quanto prende di stipendio... sono pronto a scommettere che tutti (TUTTI) ti dicono il netto in busta, cioè quello che si mettono in tasca. Io c'ho provato ed è stato così il 100% delle volte. E quando chiedevo quanto fosse il lordo sai cosa mi sentivo rispondere? "ma che ne so... quello non mi interessa, io guardo cosa mi resta in tasca". Io sono contentissimo di pagare bene e di premiare un buon lavoratore, ma fammeli dare a lui i suoi soldi, TUTTI, e poi vaglieli a riprendere una volta all'anno (come si fa con gli autonomi). Sai cosa succederebbe? La rivolta, e sarebbe giusto.
Saluti.

Matteo Sacchetti 30.07.06 02:50| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei dire a tutti i decerebrati che lavorano da dipendenti e che si lamentano dei loro titolari, oltre che giurare di essere solo loro a pagare le tasse, che possono evadere tranquillamente anche loro: Basta semplicemente mettersi in proprio.
Poi cominciare a vedere cosa valgono nel mondo reale e non nel mondo di Paperino e Qui Quo e Qua...
Cominciare a pagare la partita iva, per esempio, poi prendere un locale dove svolgere l'attività che meglio sanno fare, poi pagare le utenze necessarie (telefono, luce, gas, IMMONDIZIA...) e poi cominciare a pagare il commercialista (è il dipendende aziendale indispensabile, non puoi licenziarlo... ti serve in questo Paese dove le leggi fiscali sono le più incredibili, stupide, vessatorie e pure non univoche).
A questo punto, prendi la vetturina e vai a cercarti il cliente... non ti preoccupare di girare... tanto scarichi la benzina, poi arrivi alla sera e cominci a farti il minimo sindacale della tua contabilità.
Successivamente, se sei stato bravo, ti prepari il lavoro per il giorno dopo....
Dopo un anno puoi finalmente pagare l'INPS, l'INAIL (obbligatoria), l'iscrizione alla camera di commercio, le tasse basate sui meravigliosi studi di settore e, te lo consiglio, una bella assicurazione sulle cazzate che puoi fare con il tuo lavoro....
Posso consigliarti anche un bel cartello da appendere in modo che il tuo cliente, quando viene a trovarti lo possa vedere bene:
"Le 35 ore, qui, le facciamo nei primi 3 giorni.. gli altri sono in nero."
Se riesci anche ad avanzare il tempo per la tua famiglia, allora significa che puoi fare di più, che guadagni bene, che hai ELUSO bene le tasse e che sei anche tu, quindi, un evasore....
A questo punto ti capiterà senz'altro un cliente che lavora come dipendente e quando gli presenterai fattura, ti troverai faccia a faccia con un tuo EX fratello di sventura.... vedi come reagisce e capirai tante cose... ma tante tante...
Se invece volete continuare a fare i dipendenti allora non lamentatevi..

Claudio Zamporni 30.07.06 01:47| 
 |
Rispondi al commento

cari amici o signori e da poco che scopro il sito di beppe grillo e per motivi di lavoro non riesco a seguirlo,il mio intervento sarebbe mirato all'evasione delle "tasse":mi sento d'accordo con tanti di voi ma di piu con chi sostiene che il problema sta nella gestione di queste che definisco "sostanze".i nostri soldi.per esperienze di vita si deduce che l'organizzazione governativa in cui si instaurano le solite persone se fosse privata avrebbe gia fallito tantissime volte.provare a pensare a tutta l'iva che in un giorno viene recuperata su almeno 40 milioni di persone che facciano un acquisto qualunque,a tutti gli stipendi che gli onorevoli e deputati incassano e a tutto quello che sta dietro a loro.io so solo che bene o male devo mangiare e pagare le varie bollette e per questo non posso far affidamento su un lauto redditto.come tantissimi abitanti di questo paese.

enrico millo 29.07.06 21:53| 
 |
Rispondi al commento

E' possibile sapere chi usufruirà di questo indulto? Intendo tra i politici eccetera, grazie

Claudio Maraniello Commentatore in marcia al V2day 29.07.06 21:12| 
 |
Rispondi al commento

In Italia l'evasione fiscale e' endemica, solo perche' i primi a rubare sono proprio i nostri politici Di dx o sx che siano. Per qiuesta ragione i cittadini non possono essere da meno di chi li rappresenta.

lio corridori 29.07.06 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buona serata a tutti. Giovanna

Giovanna Nigris 29.07.06 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Il sig. C.R. ha tutto il mio pieno e sincero appoggio.
Un idea che viene da Taiwan. Ogni scontrino emesso durante il mese, da qualunque negozio registrato, contiene un numero progressivo. A fine mese si fà un sorteggio: chi possiede il numero estratto vince 50,000€.
Inutile dire che il concetto di non fare lo scontrino è completamente sconosciuto. E' la stessa gente a pretenderlo (potrebbe essere quello vincente!). Pensate che la gente raccoglie pure quelli che ci si perde per strada!
Inutile dirlo: il metodo funziona!!! Andare a Taiwan per credere

Francesco Buccheri 29.07.06 19:39| 
 |
Rispondi al commento

E' RISAPUTO CHE UN IDRAULICO, UN FALEGNAME, UN ELETTRICISTA, UN MURATORE ETC ETC NON FANNO FATTURE: PER FORZA, CHE CE NE FACCIAMO DELLE FATTURE? SOLO PER IL GUSTO DI PAGARE L'IVA?
MAGARI IO SONO DIPENDENTE E PAGO LE TASSE, MA NON HO SOLDI DA SPRECARE E COSI' SE CHIAMO L'IDRAULICO LO PAGO AL NERO, PER RISPARMIARE L'IVA. POI MI DIMENTICO TUTTO E INVEISCO CONTRO CHI NON PAGA LE TASSE!! MA SE L'IDRAULICO NON LE PAGA E' ANCHE COLPA MIA!!

BASTEREBBE CHE IO POTESSI DETRARRE (ANCHE IN PARTE) LE SPESE DI MANUTENZIONE DELLA CASA, VISTO CHE DEVO ANCHE PAGARCI L'ICI ETC:

ALLORA IO PAGHEREI UN PO' MENO TASSE E L'IDRAULICO-ELETTRICISTA-FALEGNAME-MURATORE-ETC NE PAGHEREBBE UN PO' DI PIU'.

QUESTA COSA E'LAPALISSIANA: PER QUESTO NESSUN POLITICO LA PROPONE: NON E' ABBASTANZA FARRAGINOSA DA POTER CREARE NUOVI POSTI DI LAVORO STATALI!!!!

SALUTI

LORENZO PROSPERI 29.07.06 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Illusi,ancora pensate che l'evasione fiscale sia un problema,di soldi ne diamo allo Stato già troppi pensate a quanto paghiamo benzina elettricità tasse sulla casa etc,e poi guardate lo spreco che c'e nello Stato i soldi buttati a destra e a manca ospedali,aeroporti,strade(la salerno reggio calabria che con quello che è costata ci si copriva d'asfalto l'Italia intera)quasi ultimati e mai inaugurati.Ci hanno messo i politici un altro pò anche nei condomini.Qui signori mi viene da pensare che se il commerciante il professionista dà allo Stato tutto(non solo quello che gli spetterebbe pagare),ma tutto l'incasso,e il dipendente oltre a quello che già paga anche lo stipendio netto a questo STATO COLABRODO non basterebbe.Signori smettiamola di invidiare l'erba del giardino più verde della nostra,ma incazziamoci quando vediamo sprechi e non solo per come vengono gestiti i nostri soldi

mauro quagliani 29.07.06 16:50| 
 |
Rispondi al commento

*************************************************
ECCO IN ANTEPRIMA LA LISTA DEI PERSONAGGI "NOTI" CHE GIOVERANNO DELL'INDULTO!!

IL BLOG "FALLA GIRARE" RINGRAZIA NUOVAMENTE ANDRYYY PER IL SUO LAVORO!

CLICCA SUL MIO NOME ;)
*************************************************

Massimiliano Borella 29.07.06 16:33| 
 |
Rispondi al commento

In un momento in cui evadere il fisco sembra esser diventato peggio che uccidere, eccovi un bel pezzo di Marco Faraci che spiega come mai, invece, l'evasore sia un eroe moderno.

In una intervista del 2001 il premio Nobel Milton Friedman dichiarò che se il nostro paese si regge ancora è grazie al mercato nero ed all'evasione fiscale che sono in grado di sottrarre ricchezze alla macchina parassitaria ed improduttiva dello Stato per indirizzarle invece verso attività produttive. In qualche modo, sostiene Friedman, "l'evasore in Italia è un patriota".

Ci sembra che le parole del famoso economista colgano straordinariamente nel segno.

Viviamo in un paese in cui ogni giorno che passa il peso dello Stato nelle nostre vite sembra aumentare. Lo Stato ci sottrae una fetta sempre crescente della nostra libertà e dei nostri sudati guadagni.

Molti sosterranno che che lo Stato ha giustamente bisogno dei nostri soldi perché svolge una serie di funzioni di notevole importanza. "Allora lo Stato è utile e necessario? - scriveva H.L. Mencken - Anche il medico lo è. Ma lo chiameremmo se ogni volta che viene a curarci un mal di pancia o un ronzio alle orecchie si arrogasse il diritto di fare razzia dell'argento di famiglia, di usare il nostro spazzolino da denti e di esercitare le droit de seigneur sulla domestica?"

E' fondamentale, del resto, la differenza che passa tra gli operatori economici, i privati, che producono nuova ricchezza e gli operatori politici che si servono del complesso armamentario dello Stato per confiscare tale ricchezza.

Mentre i soggetti privati si procurano le proprie entrate attraverso transazioni volontarie, come donazioni oppure acquisti volontari di servizi da essi offerti sul mercato, lo Stato è l'unico soggetto che si procura le proprie entrate tramite l'estorsione, chiamata con l'elegante eufemismo di tassazione. Lo Stato, nella pratica, ti punta una pistola e ti intima "o la borsa o la vita".

Mentre i soggetti privati cercano di convincere i potenziali clienti cercando di offrire servizi migliori della concorrenza a prezzi inferiori, lo Stato non ha bisogno di offrire un prodotto valido e conveniente perché ha il potere di imporre con la forza ai cittadini l'acquisto dei suoi servizi.

Le tasse quindi si configurano come lo strumento attraverso il quale lo Stato costringe i suoi cittadini a sostenere dei progetti che essi non sosterrebbero volontariamente nel libero mercato.

Per di più solo una piccola parte del denaro che viene strappato ai cittadini produttivi viene effettivamente utilizzato dallo Stato a loro beneficio. La più grossa parte degli introiti delle tasse serve a mantenere la stessa macchina statale oppure viene speso in interventi assistenziali e clientelari nei confronti di classi improduttive che tuttavia si presentano come validi serbatoi di voti.

Una volta riusciti a liberarci della retorica statalista che ci è stata inculcata fin da piccoli ed una volta compresi i veri meccanismi della predazione statale e del trasferimento arbitrario delle ricchezze dai ceti produttivi ai ceti parassitari, la figura dell'evasore fiscale, dipinto come il nemico pubblico numero uno nei reboanti discorsi dei nostri politici, comincia ad apparire sempre meno sgradevole.

Chi è in definitiva l'evasore fiscale?

Egli è semplicemente qualcuno che rivendica il sacrosanto diritto di tenersi quello che è suo, il prodotto del suo lavoro e del suo sacrificio. E' qualcuno che rivendica il diritto di offrire nel mercato servizi a persone consenzienti che decidono volontariamente di acquistarli, senza che lo Stato pretenda il pizzo su ogni transazione. E' qualcuno che rivendica il diritto alla sua privacy finanziaria per non essere obbligato a rendere pubblico quanto ricava, quanto spende e con chi fa affari. E' qualcuno che non tollera le leggi demeritocratiche di questo paese secondo cui chi produce di più, offre servizi migliori e fa di più per gli altri deve essere penalizzato di più.

La tradizione politica autenticamente libertaria, che ispirò i padri fondatori americani e che, con grande ritardo, ha cominciato da poco a muovere i primi incerti passi anche nel nostro paese, nell'enunciare i diritti naturali ed imprescrittibili dell'uomo vi ha sempre incluso il diritto di resistenza all'oppressione. Di fronte ad una classe politica che si sente autorizzata a gabellare oltre la metà di quello che con tanta fatica riusciamo a mettere da parte ci sembra che non sia fuori luogo invocare questo diritto.


parole semplici che corrispondono alla verità

edi bonifacio 29.07.06 15:42| 
 |
Rispondi al commento

...con la premessa che sono ignorante in materia di economia!vorrei portare un'idea che potrebbe essere valida!...per quanto si possa impegnare la guardia di finanza(ammesso che gli faccia comodo e che abbia voglia di farlo)non riuscirebbe mai a far terminare l'evasione fiscale in Italia!Non dobbiamo mettere un organo statale a controllo dell'evasione!MA OGNI CITTADINO!!!...COME? se domani uscisse una legge che permette al singolo privato di scaricare a fine anno il solo 1% di tasse in ogni genere(dall'alimentare alla tecnologia fino al bar!),ognuno di noi chiederebbe SEMPRE lo scontrino o la fattura!!...le aziende stesse pur di scaricare un 1% in piu si farebbero fare fattura!!!....non mi si dica che lo stato perderebbe troppi soldi!..ne guadagnerebbe molti di piu se non ci fossero evasioni!..e se comunque cosi non fosse,meglio uno stato piu povero ma nell'onesta di tutti,che lo stato attuale!

michele valente 29.07.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

gran casino l'evasione, eh ?? tra i motivi annovererei che tutti, se possono, cercarno un risparmio, anche se illecito, se il dentista mi dice 4500 euro con la fattura o 3900 senza io dico 3900 senza, so che è sbagliato, mi sento una merda, ma non riesco a non pensare ai 600 euro che risparmio... sono un poveraccio, un disgraziato, un irresponsabile...

sono l'unico ??

mi sa di no, e allora ? come fare ? se l'evasione è soprattutto in questi comportamenti, allora lo stato deve trovare il sistema di rendere "conveniente" farmi dire al dentista : "col cazzo che ti do 3900 euro senza fattura, tu la fattura la fai e io ti do 4500 euro" perchè ? perchè lo stato mi consente di "recuperare" parte dei soldi... ricordate l'irpef al 41% sulle ristrutturazioni fino a soglie dei vecchi 150 milioni ? io l'ho fatta mi ridanno in 10 anni circa 60 milioni, a luglio ogni anno per 10 anni trovo nello stipendio circa 3000 euro in più... e quel cazzone del mio impresario a fatturato tutto (l'alternativa era uno sconto di 10 milioni se facevamo metà in nero !!!)

il trucco potrebbe essere qui, identificare le classi di spesa ad alta evasione e proporre soluzioni simili...


ma forse sono solo un pazzo...

enrico sunto 29.07.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O T
*************************************************
DICIAMO NO AL DECRETO "PETALO BLU"!

QUESTO SARA' UN SABATO PARTICOLARE, UN SABATO ITALIANO...

ENTRA NEL BLOG DI "FALLA GIRARE"!!

PROTESTA CON NOI!
*************************************************

Massimiliano Borella 29.07.06 11:35| 
 |
Rispondi al commento

solitamente leggo solo ma questa volta devo scrivere perche' la presa per il culo e' forte.
Sapete questo signore ben pensante cosa gli accadra' fra qualche anno? Che andra' in pensione con una pensione da favola e si prendera' una partita iva e fara' il consulente. Andra' da un commercialista e gli portera' da scaricare anche la carta igienica sua e della sua famiglia fino ai parenti acquisiti il tutto per pagare meno tasse possibili. E facile nascondersi dietro uno stipendio da favola mettiti sul mercato coniglio e poi vediamo. Per Grillo che mi legge, a suo tempo gli avevo fatto i complimenti perche' aveva fatto il condono e li rinnovo di cuore, pero' smettiamola di prenderci per il culo.Tutte quelle piccole aziende che dice questo signore ricordatevi che sono il motore dell'Italia e tutti noi abbiano la possibilita' di creare la nostra realta'e di guadagnarci la pagnotta. I miei genitori avevano un negozio di alimentari, hanno fatto studiare due figli e fatto due case provate a dirlo oggi a due dipendenti del Carrefour se riescono a fare altrettanto ( escluso la prostituzione notturna) Non ero sicuramente benevolo nei confronti della destra ma questi sono degli utopistici nati dietro uno stipendio statale da favola.Vi prego non fatemi vedere certe cazzate sul post.

gianfranco pozzo 29.07.06 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' anche da dire che in qualche modo si deve pur sopravvivere, e magari si è costretti ad evadere in quanto le tasse che si pagano nel nostro bel paese non si pagano in nessun altro stato al mondo. Il nostro è l'unico paese dove c'è l' IVA, che lo stato si prende subito, ma quando è il cittadino a chiedere un rimborso iva, si aspettano anni! Però nessuno dice che i politici sono strapagati, che si fanno le vacanze con i nostri soldi (auto blu, scorte, ecc.). Ci facessero pagare tasse più eque, cominciando a detrarseli dallo stipendio, e magari l'imprenditore medio riuscirebbe a sopravvivere senza evadere e indebitarsi fino all'inverosimile con istituti di credito e banche (strozzini autorizzati), di cui ormai siamo pieni. Conosco imprenditori che si vendono una proprietà all'anno per pagare le tasse. Ci si lamenta che le aziende tagliano il personale! Ma voi che parlate sapete quanto costa un dipendente??? Siamo arrivati al punto che i contributi sono pari allo stipendio. Ho una proposta: ad esempio un dipendente costa 3.000,00 euro tra stipendio e contributi; diamo 2.300,00 euro al dipendente e togliamo di mezzo le pensioni. Penso che il lavoratore sarebbe più contento, così come il datore di lavoro. Stiamo arrivando al punto che è il datore di lavoro che non arriva alla fine del mese, e naturalmente parlo per i piccoli imprenditori e non per i grandi industriali. Ecco, siamo arrivati al punto che paghiamo tra tasse e stipendi più di quello che si incassa, e poi fate la morale sull'evasione!!!! ma per piacere!

mariano contrisciani 29.07.06 10:28| 
 |
Rispondi al commento

E' giusto pagare le tasse, io le pago tutte.
Poi apro IL GIORNALE e leggo che nel 2005 il parlamento ha speso 20.000 Euro di tramezzini !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
SIIII STUPENDO MI VIENE IL VOMITO E' PIU' FORTE DI ME !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Libero Pacciani 29.07.06 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non capisco, perchè quando si parla di evasione fiscale spesso escono fuori gli insegnanti. Sono una maestra di scuola elementare(IdR)diplomata, laureata ed AGGIORNATA anno per anno a mie spese. Dopo 20 anni di onorato servizio precario (sono passata in ruolo proprio quest anno)guadagno 1200 euro al mese, ho 11 classi e 226 alunni dai 5/6 ai 10/11 anni (226 BAMBINI "educati" dalla società di oggi: provate a pensare cosa significa guidarli all'apprendimento nel rispetto delle cose e delle persone, pensate a quanto lavoro...; provate a pensare di avere 226 QUADERNI da correggere quasi ogni giorno:pensate a quanto lavoro...; provate a pensare di dover progettare quotidianamente le ATTIVITA' per tutte le classi, gruppi di alunni, alunni singoli, pensate a quanto lavoro...; e potrei continuare all'infinito!!!) Non so quanti insegnanti nelle mie condizioni abbiano il tempo (e la voglia)per le ripetizioni (a nero e non).Ho insegnato in tantissime SCUOLE ELEMENTARI e non ho mai conosciuto una/o che lo facesse (a meno chè non era supplente, con la conseguenza di LAVORARE 30 GIORNI L'ANNO se andava bene: provate a pensare a come si campa in questo caso...). Certo ci sono colleghe/i che se la passano meglio di altre/i ma non è certo merito dello stipendio che guadagnano (magari hanno padri,madri,mariti che NON SONO insegnanti!!!). Provate a pensare di vivere, famiglia a carico, con 1200 euro mensili (DOPO 20 ANNI DI SERVIZIO) e ditemi se è ingiusta la lotta all'evasione fiscale di cui si parla. E se ci sono insegnanti che danno ripetizioni in nero...beh,basterebbe far pagare anche loro!!!

patrizia colizzi 29.07.06 10:15| 
 |
Rispondi al commento

La grande lotta all'evasione fiscale, tanto declamata in campagna elettorale, quando pensano d'iniziarla? Il "mio" compagno Bertinotti, se non ricordo male, a Ballarò, disse all'ex Presidente del Consiglio che un buon metodo di legge fiscale per far pagare le tasse, è quello adottato dagli Stati Uniti. Allora cosa aspettiamo a fare una legge, che io ritengo "la madre di tutte le leggi"? O prima ne facciamo qualcuna at personam anche noi,come è già stato fatto nella scorsa legislatura?.

Michele Pirone 29.07.06 09:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solo poche considerazioni:
non è vero che i dipendenti sono gli unici a non evadere,quelli che hanno un lavoro a turni non particolarmente stancante e che hanno il doppio lavoro?
Quelli che a casa nel week end si fanno un lavoretto camuffato da bricolage?
E tenete presente che ci sono "lavoretti" in nero che rendono,tipo restaurare mobili antichi o arrotondare dandola a pagamento adescando i clienti su rubriche di annunci gratuiti ....
I muratori che fanno lo straodinario in nero?
O addirittura lavorano in nero sempre?
Gli idraulici,maghi,le zoccole dell'899?
Quelli che vendono su Ebay oggetti nuovi che non si sa da dove provengono adducendo che li hanno ritirati a stock o glieli hanno regalati su una fornitura di altro materiale?
Però poi se chiedi fattura non te la possono fare...
Anche io continuo a vedere in autostrada SUV a velocità spaventose,con facce da pirla che si bullano di saper guidare cotanta tecnologia però alla prima curva alzano il piede,ma i controlli di velocità dove sono?
Ieri in tangenziale a Bologna andavo a 131 nella corsia autostradale e parallelamente in tangenziale uno di questi pirla andava alla stessa mia velocità, peccato che di là il limite è 90 Km/h.
Anche questo mancato controllo in autostrada è evasione fiscale, se questa gentaglia pagasse salatissime multe come si conviene avremmo più risorse da destinare ad esempio alla prevenzione degli incidenti.
Ma non sarebbe ora di limitare per legge le velocità delle auto?
Ma dobbiamo consentire alle multinazionali del'auto di continuare a vendere queste bare su 4 ruote?
Buon autovelox a tutti i bastardi dei SUV.

Gianluca Rocca 29.07.06 09:20| 
 |
Rispondi al commento

il mercato di ricerca delle risorse umane e' fiorente,ossia sempre piu' agenzie di lavoro iterinale aprono e ricercano! ricercano,ricercano e ricercano!
La domanda e':
nn e' che "alcuni" dei tanti annunci di lavoro siano inventati di sana pianta per raccogliere dati e curriculum?

Andrea Paci 29.07.06 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, è bello sentire parlare di lotta all'evasione e poi si evade deliberatamente. Ti chiedo solo di andare in una qualsiasi Festa de l'Unità, vai al bar e sullo scontrino c'è scritto "Non Fiscale" vai al Ristorante e ti danno un pre-stampato che ai fini fiscali.... e allora come la mettiamo. Considera che su 27 feste visitate, tutti hanno adottato lo stesso metodo di gestione. Forse le attività fatte in casa, vanno controllate un pò meglio... I modi per combattere l'evasione ce ne sono tantissimi, ma nessuno li vuol vedere, perchè in qualche modo la maggior parte delle persone gli sta bene così. Ci vuole un cambiamento radicale di tutti i nostri dipendenti, dalla sx estrema alla dx altrettanto estrema, cioè TUTTI! Forse i problemi di lavoro e di precarietà sono meno importanti dell'indulto? anche questo è andato bene a tutti, o no? Considera che mi sono messo a disposizione GRATIS per dare una mano in certi settori di cui sono abbastanza esperto, nessuno mi ha risposto... poi te ne parlerò, se ti va, ma privatamente, cioè a quattr'occhi (vengo io!)

Ciao e Buon Lavoro

Roberto


P.S. Anche io vorrei pagare 250.000 euro di tasse, significa che ne guadagno altrettanti, o no?

Roberto Castellani 28.07.06 23:52| 
 |
Rispondi al commento

volevo rispondere in merito al signore fortunato che guadagna oltre 100.000 euro che lavora per una multinazionale in quanto sono titolare di una ditta di impianti elettrici di circa 10 persone.
faccio parte a quella categoria fortunata che possono evadere le tasse(come sostiene qualcuno).
Per lavori di manutenzione ordinaria e' veramente difficile che il cliente finale voglia la fattura si rischia di litigare per questo.c'e'da chiedersi in questo caso se l'evasore e'solo il libero profess.oppure entrambi ??
quando negli anni novanta l'iva sulla fornitura di impianti era al 4% la fattura la volevano tutti.
p.s.
stipendio percepito dall'azienda 2.000 euro mensili netti.
ogni tre anni sostituiamo gli autoveicoli aziendali e stiamo costruendo un nuovo stabilimento di 600 mq.
non possiedo barche ne yocht ma cerco di migliorare l'azienda sotto tutti punti di vista.
ore lavorate settimanali circa 70 di cui circa 20
per sbrigare faccende di natura burocratica(certificazioni,notifiche,procedure,ecc..).
guadagno forse poco e lavoro molto ma ragioniamo e prendiamo decisioni al contrario di altri che sono dei numeri.il nostro lavoro ci piace e non ci pesa.la questione dell'evasione fiscale e' problema che va affrontato con delle idee con delle prove su delle regioni campione , con delle agevolazioni e incentivi a chi paga le tasse.
certi pensieri da chi fa parte di una categoria fortunata sarebbe meglio ci venissero risparmiati.

saluti P.R

roberto panzani 28.07.06 23:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come prima cosa vorrei dire che per risolvere il problema dell'evasione basterebbe prevedere che il cittadino debba, alla presentazione dei vari cud 740 ecc,"portare" le pezze giustificative di spese ristoranti ecc dando degli sgravi e/o delle
diminuzioni percentuali sulle tasse da pagare
In questo modo tutti vorrebbero la mitica fattura il mitico scontrino.
Seconda cosa dire che solo i dipendenti pagano le tasse è un luogo comune.
Io quando "contratto" per il mio stipendio non ho mai parlato del lordo una sola volta.
Detto in altro modo non me ne frega un acca se il datore di lavoro paga tot di trattenute e di tasse basta che a me venga in tasca il tot stabilito.
Dunque le tasse non le pago io ma la mia azienda
CIAO

Luca Colombo 28.07.06 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Tutti bravi, tutti a puntare il dito. Sono un piccolo commerciante, che recentemente ha preso una multa dall'Agenzia delle Entrate per aver omesso uno scontrino di 0,90 euro. Tutto bene, evado e devo pagare. Ma perchè se evado 10 euro pago la stessa multa? E perchè nessuno, quando esce dal dentista che gli propone 1000 euro in nero o 1500 con fattura, scegliamo quasi tutti la prima soluzione? Chi chiama la Finanza per denunciarlo?

L'evasione fiscale è sia da chi riscuote che da chi paga. Tutti i cittadini devono chiedere fatture, scontrini o ricevute fiscali, anche dagli stranieri che con la scusa che non conoscono bene l'Italiano, spesso evitano. E a volte anche chi deve vigilare evita per non passare da razzista.

Paolo Scardovi 28.07.06 22:57| 
 |
Rispondi al commento

facciano spot provocatori in prima serata contro chi non paga le tasse con le conseguenze del caso insistere fino alla morte ricordando che Al capone, in america, è andato dentro perchè ha evaso le tasse. Insistere sul falso in bilancio altra buffonata del governo berlunsconi

giovanni santinon 28.07.06 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buona notte a tutti. Giovanna

Giovanna Nigris 28.07.06 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ho comprato il tuo dvd "incantisimi" l'ho vitto tutto e devo farti ancora una volta i miei complimenti, per come ci apri gli occhi su argomenti che noi siamo completamente " ciechi".
In aggiunta approfitto del tuo blog per chiedere una cosa ai nostri dipendenti del governo , soprattutto al dipendente Prodi.
Per tutta la campagna elettorale l'attuale governo con a capo il dipendente Prodi , ha messo al primo posto nel programma di governo gli aiuti alla famiglia.
Oggi 28 Luglio 2006 , circa 3 mesi dopo aver vinto l'elezioni l'attuale governo sta litigando per dare l'indulto per i reati meno gravi , ma che a parer mio sempre di reati si tratta.
A questo punto le domande mi sorgono spontanee:
Tutta questa fretta perchè? E' forse più importante votare una legge per salvare dei disonesti che preoccuparsi di salvare degli onesti lavoratori come me , che con 980Euro ( si! avete letto bene )di stipendio da postino con 2 figli, famiglia monoreddito e un mutuo da 450 euro almese ?

SPERO DI NON DARE RAGIONE A QUEL TIZIO CHE HA DETTO CHE I COGLIONI VOTANO A SINISTRA.

Scusami per la parolaccia e grazie per lo sfogo concessomi.

ENZO ALTINI 28.07.06 21:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI INTELLIGENTI NON FURBI VOGLIO VOTARE POLITICI

ANGELO GRIECO 28.07.06 21:20| 
 |
Rispondi al commento

Il problema dell'evasione fiscale esiste sicuramente, ma dissento in maniera energica dal capitalista che ha scritto quella lettera in cui si sente defraudato di qual'cosa da chi guadagna più di 200.000 € /anno. Vorrei portare un esempio.Lo stato sta facendo letteralmente morire una categoria che per decenni è stata la spina dorsale della nostra economia: gli artigiani. Mia moglie ha un negozio di parrucchiera e ho scoperto che esistono delle forme di imposizione fiscale che hanno a dir poco del ridicolo. Ad esempio la tassa sulle cappottine poste sopra l'entrata del negozio che occupano un'area sopra ilk marciapiede. E che dire del fatto che in un piccolo centro di provincia vengono impiegati costantemente un certo numero di finanzieri per controllare lo scontrino del caffè agli avventori di un bar dello sport? In rapporto, se cinque finanzieri si "battono" un piccolo centro di bassa periferia, mi aspetto che nei vari porti italiani in costa smeralda, nei posti dove vive il jet-set ci siano centinaia di queste "cavallette" pronte a snidare chi possiede una barca, che sicuramente non si può mettere in tasca come lo scontrino del caffè!!! Il problema, secondo me, sta nel trovare quelle centinaia di migliaia di italiani che guadaganano ben più 200.000 €./anno, e scommetto che poi andando a fondo escono fuori anche i conti dei depositi nei vari paradisi fiscali. Ma...C'E' DAVVERO LA VOGLIA DA PARTE DEI NOSTRI POLITICI DI NON PAGARE STIPENDI A GENTE CHE CERCA UNO YATCH DENTRO UNA...TAZZINA DI CAFFE'?

Paolo PORZIO 28.07.06 21:10| 
 |
Rispondi al commento

Manette agli evasori chi più evade il fisco più carcere e un grande augurio a coloro che evadono di portare i soldi evasi a cliniche private e medici per curarsi.

Sergio Coccia 28.07.06 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe fare una legge che preveda per chi evade le tasse la pena tale e quale a colui che rapina una banca con un temperino.
Manette agli evasori, chi più evade più carcere.

sergio coccia 28.07.06 19:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono pienamente daccordo con la tua risposta,e vorrei sapere parche io che guadagno 1100 euro al mese(quando va bene) 500 euro sono di trattenute.......come mai il rapporto stipendio-tasse dei vari politici,calciatori stilisti,e tutta la merda varia non è uguale.....penso che sia il problema principale.

Daniele Carrara 28.07.06 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho 42 anni. Sono un libero professionista (commercialista), sposato con tre figli. Vivo. Ho sempre dato lavoro a 4 o 5 dipendenti. Non sempre sono riuscito a pagare tutto, quindi sono evasore. Vi assicuro, non per scelta. Comunque, scambio il mio Studio a Torino (Clienti, Dipendenti, mobili, arredi e attrezzature) con un impiego, ovunque in Italia, con stipendio netto (minimo) in busta di €. 2.000,00 al mese. Chi fosse interessato puo telefonarmi al n° 0112217763 - dottor Augusto Fogli.
Speranzoso, porgo distinti saluti.

Augusto Fogli 28.07.06 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Be' invece di pensare che sei fortunato ad occupare una posizione economica da 100.000 l'anno ti proccupi di quelli che sono più ricchi di te,questo pensiero delinea la tua insofferenza invece di pensare a qualsiasi altra cosa pensi a chi guadagna di più. be' capisco per lavorare in una multinazionale per forza devi essere capitalista.....ma mi chiedo....hai pensato che molte persona se non fanno evasione non campano te lo sei chiesto questo? no scusa ho capito che tipo sei anche se te lo chiedi non ti sai rispondere guadagni dalle 100.000 alle 200.000 l'anno e ti senti uno qualsiasi (roba da pazzi!!!) ti consiglio di investire un pò dei tuoi miseri guadagni con uno psicanalista se vuoi ti presto qualcosa di quello che .. e...o.

In Italia non ci vuole Finanza ma meritocrazia te le meriti i tuoi 100.000 chiediti questo.
l'evasione fiscale c'e' perche e' impossibile lavorare rispettando tutti i pagamenti imposti dallo stato, sai che se tu assumi dieci persone per 1 anno ed 1 giorno devi pagare l'imps per due anni ti sei chiesto come fai a pagare l'intero hanno in cui gli operai hanno lavorato solo un giorno ? io me lo sono chiesto e l'ho chiesto agli uffici competenti mi e' stato risposto che se si paga in più verranno scalati nel conto dell'anno successivo, ma come faccio a pagare se non hanno prodotto ??? perche sono obbligato a pagare l'imps quando potrei farmi un'assicurazione privata?? ma soprattutto questi costi dove c...o vanno? (sul prodotto finale quello che compriamo tutti noi)
perche lo stipendio medio Italiano e' di 1.000 euro (magari) quando il costo della vita e' di 1.700.
1 casa (ici immondizia acqua luce gas telefono)
2 Auto (bollo assicurazione benzina)
3 Mangiare (le vogliamo spendere 500 euro per mangiare o sono troppe)
4 se ci sono due bambini e' finita

Per favore pensa prima di scrivere!!!

Senza rancore Ciao Marco

Amaranto Marco 28.07.06 19:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè non vengono fatte delle pubblicità progresso sulle conseguenze dell'evasione fiscale?
Vengono fatte sullo sport, sugli incidenti stradali, sul razzismo, sugli incendi, ecc... ma mai sull'evasione fiscale.
Proporrei uno spot con una persona che muore in corsia in ospedale perchè mancano le strutture (magari un bambino)o perchè gira da un ospedale all'altro e uno che passa con il suv e il telefonino mentre parla con il commercialista.
O altri spot "crudi" che tendano a criminalizzare chi non paga o chi (peggio) elude.

Nicola Bolzoni 28.07.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Ho una bambina di 2 anni riscontrata affetta dalla celiachia, lo stato passa 54,00 Euro più iva per gli alimento, come è possibile che una confezione di brioches (nr.3 ) o al massimo (4) , pasta (250 gm), pane (nr. 2 panini ) o altro abbia costi così elevati? in media 4 euro a confezione.
nessuno ti informa dei diritti che aspettano ai malati o ai familiari.
cosa pensi.
Grazie

luca chiaramonti 28.07.06 18:51| 
 |
Rispondi al commento

L'evasore si difende? Si tiene il frutto del Suo lavoro? Attenzione...
Facciamo una leggina ad Hoc per questo discorso...
Uno ha il diritto di dichiararsi Evasore Fiscale... chiamiamola obiezione di coscienza a fine fiscale...
Ok...
Dal suo reddito ci campa lui e i familiari a carico...
Dunque lui e costoro campano senza pagare tasse...
Legge di mercato: se non paghi non hai...
Costoro non potranno più circolare per strada ne a piedi ne in altro modo... strade e marciapiedi li paghiamo noi con le tasse, non loro... gli metto un casello sulla porta e ogni volta che mettono piede fuori casa, zac, pedaggio grazie... il marciapiede e mio, la strada è mia, di notte pedaggio maggiorato perchè la strada è illuminata, diritto di protezione: polizia e vigili li pago io...
Sanità: se vi serve una cura vi auguro di avere una casa da ipotecare... non ve la caverete solo col tichet...
scuola: niente, zut, tariffe di mercato...
TV.. niente, zut, l'etere e mio, chi trasmette mi paga una tassa...
Giornali: prezzo differenziato, dal momento che anche li ci metto del mio
idem per acqua corrente: l'acquedotto è pagato a spese di tutti
telefono, la SIP era statale...
se vuoi continuo, ma io dico che ti conviene non farlo...
Ferrovie...
difesa dai militari di altre nazioni (vedi libano)
spiaggia, è mia, paga...
mare, è mio paga...
.........
io pago le tasse per tutelare tutto questo, se tu non le paghi la sconti volta per volta...
Se poi sei un patito dell'economia di mercato ti spiego in quel linguaggio...puoi scegliere: tariffa a consumo o tarffa flat?
io pago a forfait... mi costa meno... tariffa flat...
Se vuoi pagare a consumo c'è anche il costo dello scatto alla risposta, del billing, cioè del calcolo del tuo consumo ecc...

Bruno Bianco 28.07.06 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NO! Io sono dipendente statale e i soldi delle tasse me li levano dalla busta paga e poi pago l'ici, il 20% di IVA, la tassa sul petrolio, la tassa sull'immondizia e quando il comune ha finito i soldi perchè se li è imboscati in appalti loschi che fa? Sguinzaglia i vigili urbani a fare multe per recuperare qualche spiccio e anche qui SCEMO chi PAGA! Perchè chi non paga alla fine finisce tutto a tarallucci e vino! E a me ipotecano casa...
No, chi non paga le tasse non è tre volte ladro mi spiace beppe, ma per come stanno messe le cose chi non paga le tasse gioca nel modo giusto al gioco giusto! E' la gente per bene che non ha capito un cavolo di come funzionano le cose qui in Italia.
Non sono proprio daccordo con quello che dici e i fatti ti danno contro, chi ruba viene perdonato chi paga viene spremuto sempre di più.
E tutti i soldi che paghiamo finiscono chissà dove, in strutture mai finite e fondi stanziati a figli dei figli di mignotta che votate voi.
Chi paga le tasse è tre volte scemo!
E se la guardia di finanza (polizia più inutile del mondo) esce dalla casermuccia stai certo che vengono a bussare a me e non a chi se lo merita, ma da dove vieni da marte!?

Roberto LOBERTO 28.07.06 17:59| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di Farmacie e Evasione-Elusione
Perchè il Farmacista-Titolare (d'ora in avanti FT) può detrarre dalla denuncia dei redditi la spesa annuale dell'Ordine e il Farmacista-non-titolare (d'ora in avanti FnT) no, dal momento che per entrambi è obbligatorio per svolgere il medesimo lavoro?
Perchè il FT può scaricare camici, spille e certificati e il FnT no?
Perchè il FT può scaricare la vettura fino a un valore di 30.000 euro e il FnT no?
Perchè il FT può scaricare il carburante "per andare al lavoro" e il FnT no?
Perchè il FT può scaricare le spese del commercialista e il FnT no?
Perchè il FT parla del Decreto Bersani dicendo che non salvaguarda la salute dei cittadini, e poi in trattativa chiede che non sia obbligatoria la presenza di un FnT al banco del drugstore-market?
Perchè molti FT commettono ogni sorta di ricatto psicologico verso il FnT che non vorrebbe vendere farmaci che richiedono ricetta medica a clienti, a volte anche non conosciuti che non la possiedono, e poi protestano perchè la salute pubblica non è tutelata dal Decreto Bersani?
Perchè molti FT si considerano colleghi di tabaccai e Droghieri?
Perchè la legge precedente metteva limiti alla presenza dei FT nei depositi di farmaci ma difatto erano gestiti da FT e loro parenti, e ora che il Decreto glielo permette legalmente si lamentano?
Perchè a suo tempo volevano vendere occhiali come gli ottici, ma non volevano che gli ottici vendessero colliri come loro?
Perchè è consentita la pubblicità "solo in farmacia" per prodotti che non sono farmaceutici?
Perchè?...
P.S. I Farmacisti non sono tutti titolari di farmacia e non sono neanche iscritti all'Ordine tutti gli abilitati alla professione mediante esame di stato... Sarebbe come dire che i patentati sono solo quelli che guidano o possiedono un auto
P.P.S. Oggi il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti (MNLF) protesta a Roma, se puoi vai pure tu!

Bruno Bianco 28.07.06 17:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

avevo dato una mia opinione al quesito che fine ha fatto????
aiutatemi a trovarlo.grazie

gradirei una risposta.

maurizio pedone 28.07.06 17:43| 
 |
Rispondi al commento

E passato l' indulto.ma sara scandalo?
Si e tanto criticata la cdl come il peggio Berlusconi e compagnia briscola (previti ecc)
Ma sara uno scandalo?
leggevo che in inghilterra chi evade passa dai 12 a 14 anni come gli U.S.A .ma con l indulto non possiamo mica vergognarci anzi.... vergognarsi!Cari amici il peggio e il meno peggio non esiste sono tutti uguali togliamocelo dalla TESTA.Se vogliamo essere coscenti ed obiettivi il piu peggio adesso e stato il centro sinistra compreso Bertinotti dimmi la verita BEPPE!Di pietro mi e piaciuto ma se faceva cadere questo governo a prescindere che non cambiava NULLA almeno aquistava piu credibilita.Si deve scendere in piazza a protestare no attraverso le tastiere FACCIAMO TUTTI UN GIORNO DI PROTESTA VAFF...LO AI SOLDI PERSI AL LAVORO MA ROMPIAMOLI IL C..LO

nini sava 28.07.06 17:21| 
 |
Rispondi al commento

Io sono convinto che ci sarebbe un modo molto semplice per eliminare l'evasione, Basterebbe dare la possibilita' a qualunque cittadino di poter scaricare dalle tasse qualunque acquisto, o prestazione, cosi da farsi che chiunque ti dava la possibilità di pagare 100 euro in nero invece di 120/130 con fattura non potrà più farlo. e noi avremo tutto l'interesse a richiederle.
Un'altra bella legge Ca...a secondo il mio modestissimo parere è quella dello studio di settore,che e vero che da un lato ti mette in condizioni di pagare le tasse su un presunto reddito stabilito, con delle tabelle, ma è anche vero che se io come tetto ho 20.000 euro e quell'anno ne incasso 40.000, pago le tasse sui miei 20.000 e gli altri faccio in modo di incassarli in nero, perchè chi me lo fa fare di dichiarare di più per poi essere massacrato di tasse?
"viva L'italia"
Gianluca B

Gianluca Burini 28.07.06 17:13| 
 |
Rispondi al commento

aggiungo...tutti quei professori/insegnanti che danno ripetizioni a 40 euro all'ora completamente in nero, tutte quelle casalinghe mogli, anche di dipendenti, che tengono i bambini degli altri a casa e prendono un tot. all'ora per bimbo...sembra assurdo ma ci sono artigiani che ti chiedono di fare loro meno nero possibile perchè a fine anno poi hanno problemi con gli studi di settore...allora chi è che alimenta tutto questo giro??? solo gli autonomi? quoto chi parla di scaricare + costi possibili e diminuire l'iva che ancora su gran parte della casa è al 20%...1/5 del costo sostenuto...questa è follia....

sabrina f. 28.07.06 17:13| 
 |
Rispondi al commento

L'italiano medio non è furbo.
E' menefreghista, ma più di tutto:
E' ladro.

giuliano d'andrea 28.07.06 17:11| 
 |
Rispondi al commento

...c'è una cosa che mi fa troppo incazzare...si parla tanto di evasori fiscali identificandoli negli autonomi, nei professionisti e nelle piccole/medie aziende...ma vi chiedete chi è che a monte chiede che il lavoro venga fatto in parte in nero se non completamente??? gli stessi dipendenti che sputano sentenze, che spostano la loro preferenza su quelle ditte o quei professionisti che non fanno pagare loro l'IVA...allora non siamo tutti evasori nessuno escluso??? Lo sono io professionista che faccio nero tanto quanto chi me lo chiede perchè altrimenti non lavori. Non ammetterlo è solo ipocrisia!

sabrina f. 28.07.06 17:04| 
 |
Rispondi al commento

L’ ITALIANO MEDIO E’ FURBO………O ALMENO PENSA DI ESSERLO…..

Questo è lo specchio dell’Italia di oggi, una cozzaglia di “FURBI”, la vecchia furbizia Italiana, appena appena camuffata, incravattata di fresco, e riscodellata in video per la gran gioia di chi non vuole fare la fatica di pensarci diversi, noi Italiani, da questo stucchevole arrangiarci da subalterni: da servi,…..altro che da potenti.

"Che la furbizia sia caratteristica servile,
e mai signorile,
è la sola fondamentale scoperta politica che milioni di Italiani devono ancora fare”

Salve

martino mellis 28.07.06 17:00| 
 |
Rispondi al commento

.........SEGUE 2 DI 2

nomi della SINISTRA che ha votato per questo colpo di spugna

Ulivo
.................Merlo Giorgio, Merloni, Meta, Migliavacca, Miglioli, Milana, Minniti, Misiani, Monaco, Morri, Mosella, Motta, Musi, Mussi, Naccarato, Nannicini, Narducci, Nicchi, Oliverio, Orlando Andrea, Ottone, Papini, Parisi, Pedulli, Pertoldi, Pettinari, Pinotti, Piro, Piscitello, Pollastrini, Prodi, Quartiani, Ranieri, Realacci, Rigoni, Rossi Nicola, Rotondo, Ruggeri, Rugghia, Rusconi, Ruta, Rutelli, Samperi, Sanga, Sanna, Santagata, Sasso, Schirru, Scotto, Sereni, Servodio, Sircana, Soro, Spini, Sposetti, Squeglia, Stramaccioni, Strizzolo, Suppa, Tanoni, Tenaglia, Testa, Tolotti, Tomaselli, Trupia, Vannucci, Velo, Ventura, Verini, Vichi, Vico, Villari, Viola, Violante, Visco, Volpini, Zaccaria, Zanotti, Zucchi, Zunino.

Verdi
Balducci, Boato, Boco, Bonelli, Cassola, Cento, De Zulueta, Francescato, Fundaro’, Lion, Pecoraro Scanio, Pellegrino, Piazza Camillo, Poletti, Trepiccione, Zanella.

COMUNISTI ITALIANI ASTENUTI.

MI FATE TUTTI SCHIFO!!!!

martino mellis 28.07.06 16:56| 
 |
Rispondi al commento

nomi della SINISTRA che ha votato per questo colpo di spugna

Italia Dei Valori
Rossi Gasparrini.

La Rosa Nel Pugno
Antinucci, Beltrandi, Bonino, Boselli, Buemi, Buglio, Capezzone, Crema, D’elia, Di Gioia, Mancini, Mellano, Piazza Angelo, Poretti, Schietroma, Turci, Turco, Villetti.

Misto
Brugger, Neri, Nucara, Oliva, Rao, Reina, Widmann, Zeller.

Udeur
Adenti, Affronti, Capotosti, Cioffi, D’elpidio, Fabris, Giuditta, Li Causi, Morrone, Picano, Pisacane, Satta.

Ulivo
Albonetti, Allam, Amato, Amendola, Amici, Attili, Aurisicchio, Bandoli, Baratella, Barbi, Bellanova, Benvenuto, Benzoni, Bersani, Betta, Bianchi, Bianco, Bimbi, Bindi, Bocci, Boffa, Bordo, Brandolini, Bressa, Bucchino, Buffo, Burchiellaro, Burtone, Caldarola, Calgaro, Capodicasa, Carbonella, Cardinale, Carta, Castagnetti, Ceccuzzi, Cesario, Chianale, Chiaromonte, Chicchi, Chiti, Cialente, Codurelli, Colasio, Cordoni, Cosentino Lionello, Crisafulli, Crisci, Cuperlo, D’alema, D’antona, D’antoni, Damiano, Dato, De Biasi, De Brasi, De Castro, De Piccoli, Delbono, Di Girolamo, Di Salvo, Duilio, Fadda, Farina Gianni, Farinone, Fasciani, Fassino, Fedi, Ferrari, Fiano, Filippeschi, Fincato, Fiorio, Fioroni, Fistarol, Fluvi, Fogliardi, Fontana Cinzia, Franceschini, Franci, Froner, Fumagalli, Galeazzi, Gambescia, Garofani, Gentili, Gentiloni, Ghizzoni, Giachetti, Giacomelli, Giovanelli, Giulietti, Gozi, Grassi, Grillini, Iannuzzi, Incostante, Intrieri, Lanzillotta, Laratta, Leddi Maiola, Lenzi, Leoni, Letta, Levi, Lomaglio, Longhi, Lovelli, Luca’, Lulli, Luongo, Lusetti, Maderloni, Mantini, Maran, Marantelli, Marcenaro, Marchi, Mariani, Marino, Marone, Martella, Mattarella, Melandri,

SEGUE...... 1 DI 2

martino mellis 28.07.06 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Visti i dati impressionanti dell'evasione (200 miliardi di € solo nel 2005), la proposta di Beppe che la finanza esca in automatico quando ci sono dichiarazioni dei redditi da fame (e perciò sospette). Ma aggiungo:

1) che i finanzieri possano presentarsi in incognito sotto copertura ai professionisti (dai meccanici fino ai notai...e senza scordare i dentisti) e se non fatturano tirano fuori il tesserino e giù con le multe salatissime. Dalla paura di non sapere mai chi si ha di fronte veramente vedrete che fattureranno sempre e tutto.
Occorre una minima spesa e si otterranno grandi risultati.

2) da due settimane è pubblicata sulla G.U. la legge (fatta a Gennaio dal Berlusconi) che depenalizza il possesso di conti esteri occulti, con effetto retroattivo: è una vergogna!! La detenzione di conti all'etero occulti deve tornare ad essere reato (condito di multe salate)

3) si consenta la detrazione nel 730 o nel modello unico dei costi di prestazioni professionali (come in america), dietro presentazione di relativa fattura

4) Rendere penalmente responsabili i commercialisti e professionisti che compilino dichiarazioni mendaci per i loro clienti, consapevoli di farlo (li cantano le carte che il cliente porta)

4) Occorre trattare l'evasione come una forma di tradimento del patto sociale e quindi di tradimento dello stato e della patria: le pene devono essere salate (quando le entità non lascino dubbi sul dolo) e le multe consistenti

5) i poteri dell'amministrazione fiscale di controllo, indagine, sequestro, confisca devono essere potenziati x 1000.

6) che alla banca dati del fisco giungano tutte le informazioni relative all'acquisto da parte del cittadino di case, barche, auto ecc. così che sui falsi poveracci la finanza possa andare a colpo sicuro.

Ma il problema va affrontato anche dal punto di vista internazionale: nel prossimo post dico due cosette su come incalzare i PARADISI FISCALI, che di tutto sto marcio sono motore e meta terminale.


alessandro rossi 28.07.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Continuo da prima a conclusione:

Gli evasori così come i riciclatori, i falsificatori di bilanci, la mafia, i corrotti e corruttori usano i così detti PARADISI FISCALI per far transitare o far arrivare i loro soldi criminali. I regimi criminali e conniventi di questi staterelli vanno ridotti a norma con una forte campagna internazionale. Vanno criminalizzati tutti i giorni sui network internazionali, va coinvolta la UE, l'OCSE, e l'ONU. Sono così ingenti le risorse sottratte agli stati nazionali dai sistemi bancari perversi di questi paesucoli, che potrebbero emergere convergenze internzazionali potentissime.
Il segreto bancario quasi inviolabile, la possibilità di aprire conti esteri con nomi di fantasia e sigle e il regime fiscale a 0 costi, va abolito in tutto il pianeta. Era la prima norma antiterrorismo da adottare e chissà com'è è andata nel dimenticatoio.

E se non si trovano soluzioni internazionali condivise con tanto di punizioni per le violazioni, bene, che l'italia faccia sentire la pressione della media potenza militare che è.

Anzichè andare a proteggere imprecisati e improbabili interessi petroliferi per il mondo, che l'italia spedisca l'esercito a recuperare i circa 15o miliardi di € depositati nel solo Liechtestain dalla mafia, dagli evasori, dai corrotti e furbetti dell'imprenditoria italiana.

150 miliardi di euro che appartengono allo stato italiano (per diritto fiscale o per diritto di confisca):

bastano 400 paracadutisti, qualche decina di agenti della finanza, e del Sisde, per recuperare ciò che appartiene al popolo italiano, alto che petrolio!! Il Liechtestain è uno staterello di 30 km/q, dittatoriale, piantato nel cuore dell'europa che fino a 50 anni fa avava solo vacche e vaccari: ora ci sono centinaia di banche a riciclare e nascondere tutto il marcio d'europa, italia in primis. se l'italia facesse una cosa del genere guadagnerebbe in stima internazionale e farebbe cagare sotto tutti i merdosi staterelli paradiso fiscale

alessandro rossi 28.07.06 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro C.R come ti firmi avrai anche ragione tu,vedi io sono commerciante perchè ho dovuto crearmi un lavoro.Il perchè è presto detto stipendi da fame,dovevo essere assunto dal pubblico impiego con concorso vinto ma aimè non conoscevo nessuno ma chissenefrega l'italia è questa.Io non posso evadere e sai perchè? Ho gli studi di settore che anche se guadagno meno di quello da loro stabilito sono guai qualcosa ti trovano sempre,sempre Siamo in crisi ed è brutta io non giro col macchinone ho una punto scassata una piccola casa,e 2 figli.Invece chi evade x quello che vedo sono la genta che lavora a turni,li vedo sempre lavorare in nero e quelli che sono non sono evasori?E poi i grandi industriali ma questo si sa lo si è sempre saputo,l'unica cosa da fare? Rivoltare tutto

orlandi renato 28.07.06 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Chiedere a Beppe Grillo di fare Nomi e Cognomi dei suoi "amici" e come prendere per le palle un leone incazzato! Premesso ciò, (Beppe era doverosa visto che continui a bloccare utenti che fanno domande sui tuoi amici "banchieri") credo che l'evasione abbia una sola via d'uscita ovvero, portare la quota IVA a livelli accettabili e applicarla a tutti i settori eliminando tutte le altre tasse(rapine) che si possono evadere. Una tassa unica che si pagherebbe direttamente! Pensa che figata.... ;o)


Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Walter Sabion è amico di Beppe Grillo
Hi hi hi

Red devil 28.07.06 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
per cominciare, le lettere che pubblichi, per motivi di serietà e trasparenza, dovrebbero riportare anche il nominativo dello scrittore, non è carino rimanere nell'anonimato e sparare a zero su tutto e tutti, in seconda analisi, più che lotta all'evasione fiscale, sarebbe meglio se questo governo, così come anche i precedenti hanno fatto e si sta facendo una spudorata razzia nelle tasche degli italiani, dicesse:
" AMMISSIONE DI RESPONSABILITA'"
CARI ITALIANI, PER ANNI ED ANNI VI ABBIAMO DERUBATO SPASSIONATAMENTE CON IL VS. CONSENSO MA ORA ABBIAMO DECISO DI CAMBIARE REGISTRO E VOGLIAMO INCOMINCIARE A FARE ANCHE IL VS. INTERESSE VISTO CHE CI SIAMO PRATICAMENTE COMPRATI ANCHE IL VS. CULO E, SENZA REMORE, PERCHE' SAREBBE TROPPO DIFFICILE RECUPERARE, CREDIAMO CHE LA STRADA MIGLIORE DA PERCORRERE DA OGGI IN POI SIA QUELLA DI FARE UNA LEGGE CHE VI CONSENTA DI POTER SCARICARE QUALUNQUE SPESA VOI SOSTENIATE, COSI' CHE NON VI SENTIATE PIU' AUTORIZZATI, COME FIN ORA GIUSTAMENTE VI SIETE SENTITI A FARE, A NON PAGARE LE GIA' TROPPE TASSE CHE DA 70/80 ANNI A QUESTA PARTE CON MOLTA GIOIA ABBIAMO PRETESO INGIUSTAMENTE.
CI SCUSIAMO E CI PROSTRIAMO AL VS. COSPETTO PER AVERCI SOPPORTATO COSI' A LUNGO E PER ESER STATI TROPPO A LUNGO DEI LADRI A NORMA DI LEGGE CHE CI FACCIAMO SU MISURA ED AUSPICANDO CHE CI SARANNO CERTAMENTE GIORNI MIGLIORI.
SOTTO I VS.PIEDI, POTETE ANCHE SCHIACCIARCI,
firmato: IL GOVERNO

Questo dovrebbe accadere, ce lo dovrebbero e non ribaltare vergognosamente la realtà che, fin troppo chiara, ha sempre e dico sempre dimostrato che i ladri non siamo noi.
Adesso basta con le solite frasi fatte.

N.B. questo messaggio è firmato


La politica è una. Occorre sostenere volta per volta chi propone e come lo propone. Solo così potrà avvenire la selezione naturale di chi fa politica per i valori. Quanti di voi sapendo che Prodi avesse in mente l'indulto e l'amnistia lo avrebbero votato? Da noi gli ospedali spesso sono affollati, come le carceri, con gente nelle corsie. Che dite li mandiamo tutti a casa i malati? Oppure stabiliamo che si curino solo quelli under 60? Tanto al di sopra sono vecchi...Ci sono troppi processi? Perchè allora non stabiliamo che le sezioni penali debbano occuparsi solo di giudicare quelli che hanno ucciso almeno due persone invece che una soltanto? Ridicolo? In termini di proporzione il limite credo che mai come oggi la politica non lo abbia affatto a mostrarsi per quello che è, di parte, d'interesse, a difesa dei poteri forti. Le finanziarie? Per il popolo. "Beati quelli che hanno sete di giustizia". Eh sì, Gesù, tu avevi gli "attributi" quelli che sono venuti dopo, no. Quando torni Gesù???

anna villani giornalista 28.07.06 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Possiamo sintetizzare in una riga la dimensione del fenomeno evasione fiscale in Italia:

tutti gli enti istituzionali a partire dall'Istat, banca d'italia ecc., stimano in 200 miliardi di Euro la sola evasione del 2005.
Vale a dire l'equivalente di 400.000 miliardi di lire.

provate a immaginare quante cose lo stato potrebbe fare se disponesse di tale cifra, per la sanità, la scuola, le pensioni, le opere, x l'esercito e la polizia ecc.

Invece il peso dello stato ricade con larga prevalenza sul lavoro dipendente. Quelli a cui le tasse gliele trattengono in busta paga.
Ma siccome col passaggio all'Euro la speculazione ha avuto via libera, e tutto è raddoppiato di prezzo, tranne il costo del lavoro dipendente (gli stipendi), ecco che il gettito fiscale si è trovato al palo.

Lo stato non ce la fa a sostenere le sue spese!!

E allora lo stato che fa, la sinistra o presunta tale che fa:

- inizia a dire alla gente che la spesa sanitaria è insostenibile e per ridurre i costi riduce le prestazioni e la qualità del servizio a Ticket invariati (e quando si parla di sanità si parla della sofferenza dei malati, non di minchiate)

- poi ci avverte che bisogna di nuovo metter mano alle pensioni e che si andrà in pensione con metà dello stipendio (considerando che la gran massa degli italiani prende dai 900 ai 1200 € mese non è che è una bella prospettiva): in pratica le pensioni del futuro equvarranno alle attuali pensioni sociali. e le pensioni sociali come saranno?

- le infrastrutture non hanno risorse e si bloccano, il piano energetico nazionale (utile a sopravvivere nei prossimi 30 anni) non si sa bene dove prenderà risorse...

quando lo stato crollerà gli evasori (e sappiamo chi sono: avvocati, medici, commercialisti, meccanici, imprese ecc.) si sposteranno vicino ai loro capitali in svizzera o nel Liechtestain.

tutti gli altri resteranno in italia: nella Merda!!

Altro che patto sociale: quì siamo all'inculata collettiva.

alessandro rossi 28.07.06 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,
tu sei troppo acuto per non aver capito che il bilancio dello Stato contiene in se' il meccanismo che sta depredando il nostro e altri paesi, e rappresenta una sorta di madre di tutte le truffe. Alla voce "debito pubblico" vengono ascritti interessi verso la banca centrale che non dovrebbero essere pagati. L'emissione di titoli da parte dello Stato per il finanziamento delle sue attivita' non e' altro che il meccanismo con il quale lo Stato si indebita ancora di piu' con i suoi creditori, ovvero principalmente con le banche, che sono soggetti privati. Se infatti tutte gli euro emessi(guarda pure un qualsiasi bilancio della BCE sul loro sito!) sono della BCE, perche' emessi dalla BCE e prestate a interesse del TUS (se non ricordo male circa il 2,75%) allo Stato italiano, come potra' mai lo Stato italiano estinguere il suo debito? L'unica maniera per estinguerlo sarebbe quello di espandersi, fagocitando ricchezze di altri popoli, che poi potrebbero essere usate per ripagare il debito accumulatosi, perche' per pagare lo Stato non puo' utilizzare le banconte prese in prestito dal momento che esse per definizione non basterebbero. Ecco dunque che una mente libera si chiede: chi e' che ha permesso che lo Stato gestisca il bilancio con lo strumento dei titoli di stato? Perche' lo Stato non emette banconote proprie che non dovrebbe pagare a nessuna banca. Cio' permetterebbe il rapido finanziamento di progetti e anche l'estinzione dell'attuale debito (ingiusto!) accumulatosi con le banche. Invece lo Stato continua a indebitarsi e di conseguenza a dover incrementare di anno in anno la pressione fiscale per far fronte al sempre crescente conto in rosso. Eppure e' chiaro che tale conto sara' sempre in rosso di questo passo. Quindi per favore non deminizziamo l'evasione, bisognerebbe demonizzare i veri ladri globali, ovvero chi mantiene e alimenta il sistema che sta depredando le masse e concentrando ricchezza nelle mani di pochi potenti banchieri e finanzieri.

christian franchomme 28.07.06 14:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT

Ok...l'indulto è stato approvato..lo sappiamo tutti!

Ma quali sono i reati nei quali è previsto l'indulto?

DAL BLOG DEL CARO ANDRYYY ECCO LA LISTA DEI REATI!

Clicca sul mio nome ;)

Massimiliano Borella 28.07.06 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Finora abbiamo tutti un po' scherzato: qualche cretino mi ha anche accusato, senza neppure conoscermi, di non pagare le tasse. E, detto per inciso, senza alcun rispetto per i Santi!
Adesso però bisogna che ci poniamo una bella domandina, a cui ciascuno si deve rispondere da sè, guardandosi alla specchio (così verifica ipso facto se gli scappa da ridere): noi che abbiamo detto che paghiamo le tasse (io le ho sempre pagate PER INTERO e ancora oggi le pago PER INTERO), non è che per caso le paghiamo NON PER UN INTIMO CONVINCIMENTO MORALE, ma perchè:
1 - lavoratori dipendenti onestissimi, ma senza alcuna possibilità di evadere anche parzialmente;
2 - lavoratori autonomi o imprenditori onestissimi, ma che fatturano tutto e dichiarano tutto soltanto per paura di essere scoperti.
Forza, rispondiamo a questa domanda: QUANTI DI NOI PAGANO LE TASSE PER INTIMO CONVINCIMENTO ANZICHE' PER COSTRIZIONE?

San Petronio 28.07.06 13:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Italia è quella del "non ce la faccio ad arrivare alla fine mese con lo stipendio che guadagno", delle vacanze troppo care, dei prezzi della verdura troppo alti e poi li vedi con due macchine in famiglia, una per la mamma e una grande per tutta la famiglia il weekend, le vacanze in montagna "per i bambini" e al mare "per i bambini", la settimana bianca, le attività sportive ai figli e la mamma pure per essere in forma come le "veline", lei veste firmato...anche il marito ovvio e i figli no ? Sennò a scuola si sentono emarginati. E il cellulare ai filgi di 7 anni ? (figlia di un mio amico) Non glielo avrei comprato ma poi a scuola la prendono in giro....ce l'hanno tutti. Piangono il morto e fregano il vivo si dice a Roma, ma allora come fanno ad avere questo tenore di vita ? Guardate che non sto parlando di avvocati, notai, dentisti, commercialisti ecc. ma di famiglie con due stipendi e in media due figli.
Coma fanno ? Li aiutano i genitori ? Mistero ! Io intanto lavoro, pago le tasse e mi rode pagare anche per loro...gli evasori lamentosi !!

sabrina onorati 28.07.06 12:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ottieni è più o meno quello che avresti guadagnato lavorando. Mia figlia frequenta la scuola elementare statale con i nipoti di Bertinotti: sono riuscita ad ottenere la riduzione mensa dopo 3gg. di uffici circoscriz.,documenti da produrre ed esibire,file e rifile...per risparmiare euro 100 in tutto l'anno acolastico (quello che avrei guadagnato lavorando in quei gg.)....loro hanno l'esonero.....

lucia laurenzi 28.07.06 12:16| 
 |
Rispondi al commento

beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri
beppe grillo è amico dei banchieri

Walter Sabion 28.07.06 12:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ottieni è più o meno quello che avresti guadagnato lavorando...mia figlia frequenta la scuola elementare statale con i nipoti di Bertinotti...per mia figlia sono riuscita ad ottenere la riduzione della mensa dopo tre gg. di giri...loro hanno l'esonero......

lucia laurenzi 28.07.06 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Il dipendente è cinque volte ladro perchè:
- Ruba in primis nell'azienda stessa;
- Non lavora mai le otto ore che gli vengono pagate;
- Finite le otto ore di presenza si trasforma in autonomo lavorando in nero spudoratamente;
- Spesso e volentieri ruba il know-how all'azienda che lo ha assunto facendo concorrenza sleale e a prezzi ovviamente inferiori(non avendo costi fissi);
- Ottiene paghe mensili per mesi non lavorati, assurdo!

Padre Pio 28.07.06 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...ragazza madre che viaggia dalla condizione di disoccupazione a quella di precarietà...sapessi quant'è faticoso inseguire il sussidio o gli esoneri...le cifre esigue già in partenza non si sa mai se con il "nuovo anno" verranno riconfermate o dimezzate o eliminate del tutto...tant'è che ho rinunciato a rincorrerle...il tempo che perdi tra uffici,modelli,assistenti sociali è tempo rubato ad un lavoro precario, di conseguenza quello che

lucia laurenzi 28.07.06 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Bah, in realtà di evasori ce ne sono in tutte le categorie. Io sono un libero professionista, lavoro praticamente solo con enti, imprese, o pubbliche amministrazioni, e di nero ne vedo veramente zero.
Ovvio che non voglio dire nemmeno che i liberi professionisti sono tutti onesti.
Ma vi sono moltissime forme di evasione, anche fra i lavoratori dipendenti.
Gli insegnanti ad esempio, danno moltissime lezioni private(tutte e sempre rigorosamente in nero).
Molti dipendenti delle pubbliche amministrazioni,(e ne conosco diversi), poi al pomeriggio vanno a lavorare negli studi (in nero).
Tacciamo poi dei dipendenti ministeriali (catasto, per dirne una), che prendono certamente più di nero (ma sono più che altro mazzette) che di stipendio.
Vogliamo parlare delle consulenze private che danno alcuni dipendenti degli enti previdenziali? Vogliamo sollevare il problema dei dipendenti dell'edilizia che al sabato e domenica eseguono (in nero) lavoretti che altri dipendenti pagano (in nero)?
Come si vede, non è che i dipendenti pagano e gli autonomi no, anche se comunque ammetto che non c'è partita: gli autonomi evadono molto di più.
Ma non è che i dipendenti, in quanto tali, sono onesti e gli altri no.
Vi sono dipendenti che rubano quanto e di più di alcuni lavoratori autonomi.
A Bologna, dove vivo, anni fa il Comune applicava una norma schifosamente demagogica: per mettere i propri figli negli asili comunali, i lavoratori autonomi, A PARITA' DI REDDITO, pagavano IL DOPPIO dei dipendenti dando per scontato che l'autonomo evadesse, il dipendente no.
Io e mia moglie (entrambi autonomi non per scelta ma per necessità), in affitto e nullatenenti, pagavamo il doppio di una coppia di nostri amici, entrambi insegnanti con reddito garantito, casa in proprietà, e due negozi intestati. Era giusto? In Italia evadono gli stronzi, uniformemente distribuiti in tutte le cateforie sociali.
I sistemi per prenderli ci sono, chissà se il governo prodi si muoverà in questo senso...

stefano pantaleoni 28.07.06 11:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AVVISO:
su www.unioneweb.it c'è un articolo sull'indulto.
FACCIAMOCI SENTIRE!Commentiamo numerosi!

Fabio S. 28.07.06 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Quella dell'evasione fiscale è una lunga storia; io sono stato dipendente prima e imprenditore poi con 5 dipendenti nella mia piccola azienda. Voglio far presente che, giratela come vi pare, le tasse e i contributi dei dipendenti li paga comunque l'impresa, cioè al dipendente va il suo stipendio - spesso misero - netto e il resto è a carico dell'azienda. Se poi parliamo dei dipendenti pubblici si vede come le loro tasse e contributi sono sempre pagati dai lavoratori autonomi perchè lo stato da' lo stipendio e poi dice che ti ha prelevato i contributi ma è sempre il fisco che li prende a chi li versa veramente. Il lavoratore autonomo senza dipendenti ha invece la possibilità di evadere tasse e contributi ma va tenuto presente che tra IRPEF, INPS, INAIL ECC. in Italia si paga oltre il 50% del dichiarato e indietro non ti torna nulla, nè in termini di servizi nè tantomento in termini di pensione, mentre un dipendente va in pensione con importi paragonati agli ultimi suoi stipendi. La proposta di controllare tutti i conti correnti bancari personali è saggia per controllare l'evasione (ma anche quella di tantissimi dipendenti pubblici e privati che nel tempo libero fanno doppi e tripli lavori, portando via posti ai disoccupati e non pagando un euro in più di tasse). Tutti dobbiamo pagare le tasse in proporzione al reddito, lo di ce la Costituzione, e se tutti cominciamo, ripianiamo un bel po' di buchi, poi forse si può pagare molto meno e tutti. E infine chiedo perchè devo pagare le tasse (autonomo o dipendente) anche su importi che non sono a mia disposizione (vedi affitto, vitto, vestiario, luce, gas, telefono, libri scuola, ecc.? Visto che il capitalismo ha vinto, tutti percepiscano un lordo (compresi i dipendenti), scarichiamo ciò che spendiamo e sul rimanente anche il 50% di tasse, ma chi evade ...

Marco Catoni 28.07.06 11:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT

*************************************************
Il coniglio razzista mi mancava!

Denunciata una nota casa editrice pr alcuni DIARI!!
*************************************************
Clicca sul mio nome per saperne di più.

Massimiliano Borella 28.07.06 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Siamo tutti d'accordo, che la lotta all'evasione è importante, ma è altrettanto ineluttabile che i politici non fanno nulla per arginaere il fenomeno.
Si parla di liberalizzazioni, e poi incassano i soldi dalle lobbies (notizia dal sito di Grillo) per poi punire i farmacisti?
Adesso con strumenti come l'ANTIRECICLAGGIO, hanno degli strumenti simil "grandefratello" per controllare i nostri conti bancari! Bene!
E allora, visto che guadagno a malapena 1500€
e ne spendo per affitto, benzina, e mangiare 1400€ al mese
(e mi tassano il 45%)
domando: PERCHE' tramite le operazioni Bancomat, NON MI E' CONCESSO DI DIMOSTRARE CHE DI SOLDI NON NE HO PIU'???
CHI E' il PIU' LADRO??? (governo ladro?)

SARA' anche VERO che qualcuno EVADE le TASSE,
MA è altrettanto VERO, che PAGHIAMO SALATAMENTE della gente INCAPACE di amministrare i NOSTRI SOLDI!
L'unica cosa che gli viene bene, è ALZARSI LO STIPENDIO!
Possibile che le altre nazioni europee, sono amministrate meglio?
COME MAI?
Possibile che siamo peggio gestiti, rispetto a Tedeschi? Francesi? Belgi? Inglesi?

Rendetevi conto di quanto vi RUBA il governo!
Sapete ancora fare due conti?
Controllate quanto è il lordo della busta paga!
Rendetevi conto che TUTTE le SPESE che sostenete, sono TASSATE DUE VOLTE, perchè non ci lasciano scaricare TUTTE le SPESE!
E poi dobbiamo subire la demagogia dell'evasore :-(

DITEMI CHI RUBA a NOI?

Gianna ManciniBenci 28.07.06 10:56| 
 |
Rispondi al commento

ciao,con umile opinione il punto di vista x eccellenza è il senso della Vita di tutto è tutti e se la matematica non è 1 opinione,tutto è tutti siamo potenzialmente vittime e carnefici,se prevenire è meglio di curare,si dovrebbe x logica umana trovare l'equilibrio con 1 quantità equa alla pari opportunità di conseguenza 1 qualità di Vita migliore e non il contrario a causa degli eletti. (Nostri dipendenti).

domenico valerio 28.07.06 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Per massimiliano Lussana

per quanto si possa capire il tuo discorso, vorrei farti notare che non tutte le persone hanno come massima aspirazione, riuscire costruirsi il deposiito in stile Paperon de Paperoni.
Ampliando il discorso su dipendenti, datori di lavoro e padroni, vorrei sottolineare che la definizione "padrone di se stesso" è alquanto insignificante. L'essere titolare di partita IVA e quindi lavorare per contratto, ti rende in certo qual modo dipendente temporaneo della persona con la quale stipuli il contratto, il che significa che non sei padrone di te stesso, ma solo un esecutore di una richiesta della controparte che ti paga per eseguire un lavoro sulla base delle sue (e non delle tue) esigenze. Padrone di te stesso? potresti fare l'allevatore e l'agricoltore, mangiare quello che coltivi e vivere con il bestiame...no, non funziona neppure così...e le bollette? l'ICI? i Rifiuti? la scuola? la sanità? NO, necessariamente per vivere nel nostro sistema sociale, dobbiamo dipendere da qualcuno...è inevitabile. Se poi si ha l'illusione che avere una propria attività ti renda padrone di te stesso...va bene, meglio per te.
Meritocrazia o valore, chiamalo come vuoi non lo condivido in assoluto, nel senso che, a mio avviso, essere bravo a fare soldi, magari essendo uno squalo, non fà una persona meritevole di rispetto. Fare bene il proprio lavoro significa riuscire a espletare le proprie funzioni in maniere efficiente, ma rispettando anche le regole del vivere civile. Non solo i risultati, ma anche i modi con i quali si raggiungono sono importanti.
Io credo che migliorare la propria qualità della vita non significhi dover lavorare 15 ore al giorno per pagare il mutuo della casa alla banca. Forse avrò una visione romantica della vita e poco capitalisticamente avanzata, ma sono ancora convinto che il lavoro è il mezzo e non il fine. Lavorare per poter vivere, per poter conoscere, imparare e crescere, ma non asservirsi ad esso.

Roberto Milko 28.07.06 10:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' giusto che tutti paghino le tasse,i lavoratori dipendenti le pagano tutti i mesi con i prelievi automatici da parte delle aziende o società per cui si lavora...con questi prelievi lo stato deve creare servizi per la comunità(ospedali,trasporti,servizi sociali per i più bisognosi ecc...ecc...)MA ESISTE UN PROBLEMA MOLTO SERIO, BISOGNA CONTROLLARE CHI GESTISCE QUESTI PRELIEVI DALLE BUSTE PAGA,BISOGNA CONTROLLARE CHE REALMENTE I PRELIEVI VADANO AL BENE COMUNE...E NO MAGARI SOLO DI QUALCUNO!!! Non mi sembra che in Italia i servizi siano dei migliori, spesso sono da terzo mondo(con tutto il rispetto per il terzo mondo).Mi si risponde che non tutti pagano le tasse come si deve...categorie come liberi professionisti,negozianti,cioè quei soggetti senza busta paga.Bene(cioè male...)si inizi una volta per tutte...forse l'iniziativa Bersani in alcuni punti va in questa direzione....SPERIAMO!!!

Marco Pittalis 28.07.06 10:38| 
 |
Rispondi al commento

tutto giusto è vero teoricamente è perfetto il discorso se vivessimo in germania o in olanda o in svezia ecc... ma in italia signori in italia i ns. politici i nostri soldi se ne appropriano alla luce del sole tramite gli appalti (visto da me e vissuto) la media è il 50% per esempio un appalto di un milione di euro per il rifacimento di una strada (un tratto) 500000 euro vanno alla coalizione che provvede ad aggiudicare l'appalto alla ditta che sottostà a questa bustarella i 500000 vanno così suddivisi 20% alla amministrazione commissione agggiudicante la rimanenza coalizione di cui fa parte il capo del comune o provincia o regione che sia cmq almeno la sanità c'è rimasta integra chissà fino a quando, paghiamo le tasse quindi che fa bene a ingrassare i politici corrotti

STEFANO COMPAGNINI 28.07.06 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa che invidio all'america ( forse l'unica )è il sistema fiscale ..perchè non applicarlo in Italia?
La risposta è semplice : come farebbero i mafiosi a finanziare i politici con loro soldi sporchi per poter continuare a tirare le fila a questi pupi?

Bisogna mandare a casa sti incapaci di politici di m....smetterla di parlare di destra e sinistra e cominciare a fare cose logiche e con la coerenza di chi vuole migliorare la società per noi e le nostre famiglie.
Ma il problema è uno solo...come ???

adriano cocchi 28.07.06 10:32| 
 |
Rispondi al commento

La soluzione è semplice: CHE I LADRI SIANO PUNITI COME MERITANO.

E' facile dare la responsabilità a qualcun altro. E' l'alibi per fare come loro. I governanti, ricordati mia cara Vittorianna, sono la rappresentazione del popolo. Se noi siamo un popolo di ladroni x 3, i governanti non sono altro che i ladroni più furbi perchè riescono a farlo per 4.

La parabola della pagliuzza e della trave si sposa perfettamente al caso.

Impariamo ad essere più rispettosi della "Res pubblica" che come dire è ... cosa nostra.

Baci ai ladroni.

dario lovascio 28.07.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa è la mia storia, e questo è il mio contributo. Io sono stato un EVASORE FISCALE. Sarebbe troppo lungo raccontare la mia storia, ma diventai tale per necessità e per difficoltà economiche, non per un desiderio di lussi sfrenati o di accumulo illegale di ricchezze. Tanto è vero che dopo quella devastante esperienza di imprenditore privato sono diventato un dipendente che paga regolarmente le sue tasse. Se fossi stato un "debitore o evasore di professione" come sono tanti in Italia non avrei fatto questa scelta. A distanza di più di dieci anni da quella vita che non riconosco più mia, ho questa pesantissima pendenza che mi porterò dietro per l'eternità. Allora vorrei fornire un paio di spunti. Primo: perché lo Stato non prevede, a fronte di qualsiasi tipo di controllo, l'istituzione della "Grazia fiscale"? Questo istituto esiste per gli assassini ma non per chi commette errori, seppur gravi, di carattere economico. Lo stato avrebbe potuto (e può anche ora) sottopormi a qualsiasi tipo di controllo sul mio tenore di vita: la mia porta è aperta per l'Esercito, la Guardia di Finanza, il RIS di Parma, la Guardia Costiera, il SISMI. Sono qui, potete rigirarmi come un calzino. Ma vorrei che lo Stato mi desse la possibilità di ricominciare a vivere. Anche perché (e questo è l'aspetto più ignobile) anche mio figlio sarà investito, quando morirò, da tutto questo. Vi sembra giusto che mio figlio debba ritrovarsi nella sua vita futura la responsabilità (e i debiti) di miei errori passati, commessi quando io non conoscevo neanchè sua madre? Vi sembra giusto che io sarò costretto ad ingannare lo Stato per evitare che mio figlio sia devastato e segnato a vita per responsabilità non sue? Vi ringrazio per l'attenzione, con la curiosità di sapere cosa pensate di questa proposta. Vi auguro il meglio della vita e amore e salute sempre

sergio marazzi 28.07.06 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Concordo, chi nonpaga le tasse è tre volte ladro!
Una domanda quante volte lo sono i nostri goveranti?

oscar scheffler 28.07.06 10:06| 
 |
Rispondi al commento

X i Sigg. Autonomi e Professionisti,

da quanto scrive il Sig. Massimo (ore oo,17)Luisiana: "....ma tutto il resto della gente sarebbe felice di valere qualcosa e di essere valutata per i propri meriti....", vede il problema verte su il fatto del dover pagare le tasse tutti come sancito dalla nostra Costituzione, art. 53.

Comunque, sembra voler essere ostentato il Suo valore, allora Le chiedo: ma se vale così tanto (mi perdoni ma interpreto quello che Lei ha scritto)ha bisogno di evadere?

Molti Suoi "colleghi" hanno scritto che loro le tasse le pagano fino all'ultima lira (cent), si deve dedurre che Lei come valore sia l'ultimo di tutti questi?

Io non voglio mettere in dubbio il Suo valore, come Lei ha fatto con i lavoratori dipendenti, ma, appunto, visto che La ritengo una persona valida Le chiedo non si accorge che Vi hanno fatto credere di essere tutti degli imprenditori come i Berlusconi e gli Agnelli per creare un consenso a questo stato di cose, dove in questa piramide ci sono quelli che valgono che per sopravvivere devono evadere per sopravvivere con enormi rischi e chi è in cima alla piramide che "sguazza" in milioni di euro(vedasi anche i paradisi fiscali)(ma Lei che vale queste cose non Le vede?), magari ridendo di nascosto della Vostra difesa ad oltranza di questo sistema, facendoVi perdere di vista una considerazione semplicissima, ossia, che la quasi totalità di Voi lavora con e grazie ai lavoratori dipendenti e ai pensionati per la semplicissima ragione che sono: i primi 21.000.000 e i secondi circa 13.000.000, quindi 34.000.000 di persone più le loro famiglie.

Se questi chiedono di far pagare le tasse (come avviene in tutti i paesi occidentali) a tutti, ne pagherebbero meno loro e gli rimarebbero in tasca più soldi che poi verrebbero a portarVi nelle Vostre attività, in questo caso in modo regolare e senza rischi. Ma per una persona che vale è difficile comprendere questo?

Cordialità.
Giuseppe Vitali

Giuseppe Vitali 28.07.06 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei lasciare un piccolo contributo riguardo alla discussione sull'evasione delle tasse.
Io, il mio compagno, nostro figlio e quello in arrivo siamo una famiglia di fatto con un appartamento in affitto e che quest'anno è riusciata ad acquistare un appartamento con mutuo per i prox. vent'anni. Nel nuovo appartamento in cui traslocheremo fra qualche mese, al termine dei lavori, abbiamo aperto un contratto Enel per poter utilizzare alcuni strumenti utili alla ristrutturazione. Sono andata al sindacato a cui sono iscritta per farmi calcolare l'importo ICI da pagare e morale dobbiamo pagare di più perché avendo l'utenza Enel intestata in entrambi gli appartamenti mi hanno detto che è come se avessimo due case!!!
Sono sbalordita! E poi chi ne ha veramente due o più magari neanche paga l'ICI.

Lidia Gardella 28.07.06 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a Tutti,

Io sono un dipendente, tuttavia sono anche figlio di un ex-commerciante, vedo che come al solito ci si barrica sulle proprie posizioni, i commercianti sono tutti ladri e i dipendenti sono tutti angioletti... Io credo che il marcio stia nella persona e non nella categoria alla quale appartiene. Vogliamo parlare dei dipendenti pubblici che fanno un altro lavoro negli orari di ufficio? dei professori che danno lezioni private in nero? Dei tecnici informatici che sistemano i Computer dei privati in nero?
Avendo visto come funzionano i due sistemi, credo sia scandaloso che un commerciante o un artigiano, debbano passare 7 dei 12 mesi di lavoro per pagare le tasse, perchè, a conti fatti, lo stato vuole la fetta più grossa del guadagno. E non venitemi a raccontare che le tasse sono alte perchè c'è l'evasione. Io sono un dipendente privato, volete proprio sapere come si sistemerebbe il problema tasse? Semplice, andando finalmente a toccare il settore pubblico...pieno di parassiti.E poi mi piacerebbe sapere quanti di voi "dipendenti onesti ed ineccepibili" chiedono regolarmente fattura.

Roberto MIlo 28.07.06 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, volevo aggiugermi a questa interessante discussione.
Proprio oggi guardando la tv ho visto le immagini delle proteste dei farmacisti, ma che belle!!!!!Poveri farmacisti vittime del decreto Bersani, che gli toglie la possibilità di monopolizzare le aspirine.
Cartelloni giganti con scritte "farmacisti, boia chi molla", aaahhh nostalgia fascista....ma porca miseria ma secondo voi è normale?
E normale che le categorie sicuramente più agiate come i farmacisti e gli avvocati scendano in
piazza?
Leggendo qualche commento ho visto qualcuno lamentarsi del fatto che muratori,manovali, idraulici o comunque categorie che per lo più sono dipendenti siano evasori, ma davvero abbiamo il prosciutto negli occhi?
Vorrei sapere quale sia il contributo che veramente manca all'economia del Paese, se il MIGLIAIO di euro di un muratore o il MILIONE di euro del "furbetto del quartierino" di turno?
Qualcuno dirà,ancora con le domande?
Si ancora, perchè non riesco a credere di vivere in un paese che tutela volontariamente i delinquenti, non riesco a credere di vivere in un paese che continua a usare slogan fascisti per difendere gli interessi della peggior feccia dell'Italia (che noi abbiamo pure mandato in parlamento!!).
Non riesco a credere che in Italia la destra e la sinistra siano completamente interscambiabili, anzi quello che la destra non riesce a fare, lo fa la sinistra nella sua legislatura.
Non riesco a credere, ma forse ci dovrei credere....questo paese è un paese sull'orlo del precipizio dove i diritti dei partiti alla poltrona vengono prima dei diritti dei cittadini ad una vita serena......
Forse ci dovrei credere che la coalizione che ho votato pensando riuscisse a cambiare qualcosa, mi ha preso per il culo e dopo le belle parole contro l'evasione approva alla camera l'indulto che scarcera tanzi, furbetti del quartierino e il miglior amico di berluska.
E'la verità e che siamo anche noi che lo vogliamo...non sappiamo difenderci dal falso benessere!!! io scappo...

Luigi Randaccio***LOST*** 28.07.06 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo. E' una vergogna. Oltre ai metodi da te indicati, forse esiste un metodo ancora più semplice.
Permettere a tutte le persone di scaricare dal 730 qualsiasi spesa.
Eliminare la carta moneta e pagare tutto con il bancomat.
A fine anno porti l'estratto conto dal commercialista.
La guardi di finanza si dovrebbe solo concentrare con quelle persone o ditte che lavorando con l'estero potrebbero creare fondi neri.

Forse è ora di fare qualcosa e non solo di piangerci add'osso !!!

Stefano Guidetti 28.07.06 08:50| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è solo di volontà politica.
Ci vorrebbe veramente poco incrociando i dati a scoprire chi evade le tasse. Se lo facessero sono convinto che non si parlerebbe più di spostare in là l'età pensionabile.
Io, da sempre elettore di sinistra, vedo con schifo chi ci rappresenta al parlamento. Ha ragione Beppe. Bisogna votare chi è solo un filino meno marcio dell'altro. Ma sono una 'monnezza entrambi. L'ultimo episodio, sull'indulto, è veramente devastante.
Mi sembra di vivere nel medioevo, dove il signorotto poteva fare quello che voleva.
A quando vorrano passare la prima notte di nozze con le nostre mogli ?

Mirco Silva 28.07.06 08:43| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo...la finanza può e deve fare questi controlli; un'altra cosa, elementare ma non voluta (chissà perchè): mettiamo tutti in grado di scaricare anche il semplice scontrino a partire da quello che ogni mattina riceviamo al bar per il semplice caffè; come per miracolo riusciremmo a raggiungere i seguenti obiettivi:

1) tutti controllerebbero tutti

2) tutti spenderebbero un pò di più

se a questo poi aggiungiamo il controllo incrociato della Guardia di Finanza su dichiarazione dei redditi e proprietà la lotta all'evasione diventerebbe concreta...ma penso che ai politicanti non interessi per niente essere concreti

Aldo Adamo 28.07.06 08:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho 36 anni e sono commerciante da 13, quindi ho cominciato il mio lavoro a 23 anni. Lavoro come autonomo dentro un grosso parco divertimenti del nord, una realtà che conta centinaia di dipendenti (oltre i miei si contano sulle dita di una mano), e ne ho viste di tutti i colori. Ho viso ragazze farsi assumere oggi e scoprirle domani in stato interessante da due mesi, e le ho viste andare in maternità poco dopo; ho visto persone che appena licenziate da altre aziende mi ponevano LORO la condizione di essere assunte in nero per poter così prendere la dissocupazione; ho visto con i miei occhi cassieri rubare i miei soldi dal mio cassetto e non poterli licenziare perché la giusta causa impone un dibattimento la cui prima udienza sarebbe andata a finire a stagione finita; ho visto giardinieri, idraulici, muratori, imbianchini, fabbri che si lamentano delle tasse fare lavori di giardinaggio, idraulica, muratura, tinteggiatura, saldatura fuori dall'orario di lavoro e prendere soldi a brevimano senza fare una piega, come se quella non fosse evasione fiscale; ho visto le stesse persone prendere materiale da lavoro nel magazzino dell'azienda per fare i suddetti lavori, e durante l'orario di lavoro nelle officine dell'azienda intenti a lavorare su lavori personali; ho visto letteralmente poltrire ed imboscarsi per decine di volte operai che tiravano a fare le cinque, e ho visto gli stessi operai entrare in "rivolta" quando l'azienda ha stretto i controlli.
Non voglio offendere una categoria, voglio solo dire come stanno veramente le cose: c'è gente onesta e c'è gente disonesta, proprio come in ogni realtà.


Matteo Sacchetti 28.07.06 01:04 | Rispondi al commento |

Caro Matteo quì si stava parlando di evasione fiscale e ti dico solo una cosa le uniche persone che pagano fino all'ultimo euro di tasse sono proprio i dipendenti che hanno una regolare busta paga.
Tutti gli altri cercano sempre di pagare il meno possibile e in molti casi evadere.

otello franchi 28.07.06 08:14| 
 |
Rispondi al commento

due cose.
1) bersani deve ammetere come ha detto un docente della cattolica di piacenza che nella vicenda taxisti ha data "alla volpe-comuni- la gestione dei polli-le licenze dei tassisti" ergo nessuno avrà veri vantaggi infatti lo scandalo della tassa di 2,50 euro in partenza è li fissa e i taxi fanno quello che vogliono (ieri non mi ha spento l'aria condizionata pur essendo bronchitico).
b)la corruzione e la concussione inserite nell'indulto fanno raccapricciare un paese che da pseudo cattolico dovrebbe mettere la morale al primo punto.tragicamente non vedremo ricucci,i calciatori e altri cari nostri vips nelle patrie per i reati gravissivi.
Da insegnante poi vedere che i reati contro la pubblicca amministrazione vengono condonati mi fa rabbia e tristezza.
a questo punto l'evasione fiscale,gravissima sarebbe comunque un modo per protestare contro un paese che in realtà è amministrato solo da politici che difendono se stessi e la categoria e non come dici tu caro grillo, da nostri dipendenti.Se questi signori fossero nostri dipendenti sarebbero già a casa se non altro per grave amoralità.Ovvio solo nel calcio ritrovano l'unione,l'ha detto anche prodi:il paese è unito...sì nella difesa dei ladri.

luciano lorenzetti 28.07.06 07:56| 
 |
Rispondi al commento

@ Marco Thygam


BEPPE SMETTI DI "RUBARE", SEI "LADRO" TRE VOLTE.

La violenze della parola "rubare" fa male.
La violenza della parola "ladro" fa male.
La violenza della parola" incazzato" fa male.

"Beppi" del mondo pensate a quanto fate male e quanto soffrite e fate soffrire.

"Beppi" del mondo, lo sappiamo benissimo quanto soffriamo e quanto siamo, E' ORA DI CAMBIARSI D'ABITO.

Non abbiate paura di dire che: LA NUOVA STRADA E' LA STRADA CHE CI UNISCE NELLA STESSA PASSIONE, E' LA STRADA DELL'AMORE.

No alla nostra violenza!
Si al coraggio!
Si all'amore!

Vi prego, credetemi, c'è del buono in ognuno dì noi, usiamolo!

Marco Thygam - Firenze


Marco Thygam 28.07.06 02:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho 36 anni e sono commerciante da 13, quindi ho cominciato il mio lavoro a 23 anni. Lavoro come autonomo dentro un grosso parco divertimenti del nord, una realtà che conta centinaia di dipendenti (oltre i miei si contano sulle dita di una mano), e ne ho viste di tutti i colori. Ho viso ragazze farsi assumere oggi e scoprirle domani in stato interessante da due mesi, e le ho viste andare in maternità poco dopo; ho visto persone che appena licenziate da altre aziende mi ponevano LORO la condizione di essere assunte in nero per poter così prendere la dissocupazione; ho visto con i miei occhi cassieri rubare i miei soldi dal mio cassetto e non poterli licenziare perché la giusta causa impone un dibattimento la cui prima udienza sarebbe andata a finire a stagione finita; ho visto giardinieri, idraulici, muratori, imbianchini, fabbri che si lamentano delle tasse fare lavori di giardinaggio, idraulica, muratura, tinteggiatura, saldatura fuori dall'orario di lavoro e prendere soldi a brevimano senza fare una piega, come se quella non fosse evasione fiscale; ho visto le stesse persone prendere materiale da lavoro nel magazzino dell'azienda per fare i suddetti lavori, e durante l'orario di lavoro nelle officine dell'azienda intenti a lavorare su lavori personali; ho visto letteralmente poltrire ed imboscarsi per decine di volte operai che tiravano a fare le cinque, e ho visto gli stessi operai entrare in "rivolta" quando l'azienda ha stretto i controlli.
Non voglio offendere una categoria, voglio solo dire come stanno veramente le cose: c'è gente onesta e c'è gente disonesta, proprio come in ogni realtà.

Matteo Sacchetti 28.07.06 01:04| 
 |
Rispondi al commento

Vedo che questo post ha scaldato molti,me compreso,al punto di scrivere 2 commenti e mi appresto a scrivere questo terzo ,che si condensa in questa PROVOCAZIONE-PROPOSTA.
Io sono un autonomo ma ho molti amici dipendenti ,molte volte si cade in discussioni che vanno a finire in una simil "lotta di classe"....riflettendoci ,sono arrivato a questa conclusione.
Non sarebbe bello diventare tutti padroni di noi stessi?
In questo modo non ci sarebbero più subordinati ,ma solamente prestatori di lavoro che decidono e contrattano con un altro imprenditore come loro ,il loro valore.
Sarei per la pèartita i.v.a. dalla nascita ,insomma...in tal modo non si sentirebbero più discorsi di tipo anacronistico sui padroni e gli operai.
Io vorrei un Italia così , con gente che finalmente non si sente più un numero ma può finalmente essere come quello che ha sempre detto di invidiare per i suoi soldi o contro il quale ha inveito.
In questo modo le lotte per quali da decenni i dipendenti sono scesi in piazza ,cesserebbero ,perchè tutti sarebbero padroni...
Lo so che è un utopia ,ma viviamo in un epoca dove c'è ancora gente che vota in base ad utopie vecchie e nuove....ne aggiungo una al calderone.
Logicamente in questa mia utopia ,ci sarebbe l'obbligo di un versamento obbligatorio da destinare a chi veramente stà male o è nato con la sfortuna DI QUALCHE HANDICAP.
Ma tutto il resto della gente ,sarebbe felice di valere qualcosa e di essere valutata per i propri meriti...perchè anche ora comunque ,chi ha un dipendente che vale ,non se lo lascia scappare...certo le ore aumentano ,magari sparirebbero un bel po' di week end, ma in fondo per essere padroni di se stessi ,qualche sacrificio bisogna pur farlo no??

massimiliano Lussana 28.07.06 00:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nei paesi così detti CIVILI non c'è bisogno di controlli, le tasse le pagano tutti perchè è giusto che sia così e basta.
Nel nostro paese purtroppo vige la legge che chi si comporta civilmente è FESSO.
Nel nostro caso ci sono due soluzioni:
a) adottare le maniere forti dando un decimo della multa al finanziere che scopre un evasore (per evitare che venga corrotto);
b) usare l'intelligenza politica, per esempio adottare il sistema francese per la sanità:
si va dallo specialista, si paga la visita e con la ricevuta fiscale che sarà rilasciata si recupera la spesa il giorno dopo alla ASL o in Comune.
Più semplice di così.....

Vorrei però spezzare una lancia a favore dei politici, perchè il 99% di chi si lamenta NON ESIGE LA RICEVUTA FISCALE ?

Chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Gigi Fante 28.07.06 00:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe
come al solito solo certe cose accadono in italia.Vi racconto cosa sta capitando a mia sorella,che si vuole compare una casa.
Il costruttore chiede 175,000 euro x 68 mq di casa.Ne fattura 100,000 euro, e il resto lo vuole in nero.
Io mi chiedo come si fa..............
Poi se un commerciante nn fa uno scontrino di 7,00 euro si becca una multa di 1500 euro.
Che tristezza..........

Marco Iaconeta 27.07.06 22:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao C.R.,

purtroppo, chi ci governa (che sia di destra o di sinistra - non riesco neanche più a vedere la differenza se mi soffermo a valutare i nostri "ministri"...) non ha la minima intenzione di cambiare il "SISTEMA ITALIA" perchè basterebbe che ci permettessero di scaricare dalle tasse tutte le spese importanti che gravano su una famiglia per far pagare le tasse ai GRANDI evasori.
Ho tre figli, secondo te quando vado dal dentista e mi dice con la fattura questa cifra...senza quest'altra....secondo te dovrei dire "con fattura! con fattura! perchè io sono una persona che le tasse le vuol pagare e le vuol far pagare??????
Siamo tutti bravi cittadini quando abbiamo la possibilità di pagare senza problemi....ma quando il cittadino ha difficoltà economiche per disoccupazione...malattia etc? GRANDE CHE RIESCE AD ESSERE COERENTE! IO NON RIESCO!

NOI CITTADINI NON DOBBIAMO EVADERE, MA DOBBIAMO ASSOLUTAMENTE ESSERE MESSI NELLA CONDIZIONE DI NON EVADERE - BASTA GUERRA TRA POVERI!!!!!!

- PERCHE' NON CI PERMETONO DI SCARICARE TUTTO?
TI GARANTISCO CHE DAL DENTISTA (PER TANTI
UN LUSSO) RICHIEDEREI LA FATTURA ECCOME!
- E CHE VOGLIAMO DIRE DEL NOTAIO? DAMMI LA
POSSIBILITA' DI SCARICARE DALLA
DICHIARAZIONE MA NON PERCENTUALI RIDICOLE...
- E I DOTTORI SPECIALISTI CHE ALL'INTERNO
DELLA STRUTTURA SANITARIA PRESSO IL QUALE
LAVORANO TI INVITANO A FARE LA VISITA PRIVATA
E TI PROPONGONO UNA PARCELLA VARIABILE A
SECONDA SE CHIEDI LA FATTURA O MENO???
- E I LIBRI SCOLASTICI?;
- E LE TASSE SCOLASTICHE?
- E GLI ABBONAMENTI
- NON FACCIO ALTRE LISTE..SAREBBERO UNA CATERBA...SAI LA FINANZA CHE FA? VA A FAR VISITA AI RISTORANTI SGARRUPPATI E CONDOTTI DA UMILI PERSONE CHE SGOBBANO E FANNO PENA PIETA' E MISERICORDIA! ; - E CHE VOGLIAMO DIRE DELL'IRAP?

CARO/A C.R. SONO DIPENDENTE E LAVORO PER ARTIGIANI, TI GARANTISCO CHE PREFERISCO ESSERE DIPENDENTE E TI DIRO', HO AVUTO UNA ATTIVITA' IN PROPRIO.....PREFERISCO VIVERE!

grazia leone 27.07.06 22:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sapete che nella zona di Modena hanno fatto esplodere una bombetta all'agenzia delle entrate?
Mi chiedo, chi può aver fatto un simile gesto, proprio non riesco a capire chi e perchè abbia fatto un gesto del genere, pur ragionando, non mi torna; chi può avere interesse a distruggere documenti del genere; forse un dipendente privato?....noooooooo; forse un pensionato?.......noooooooo;potrebbe essere stato uno studente?........noooooooo; forse è stato......si, sono loro......

Massimo R. 27.07.06 22:10| 
 |
Rispondi al commento

Per tutti i dipendenti che dicono di pagare le tasse, qualche consiglio e una rassicurazione:
1) tranquilli è arrivato padova schiappa ora ridurrà l' evasione del 99%, intanto W l' indulto x gli evasori.
2)quando andate da qualsiasi professionista(dentista, medico, avvocato etc, etc) che in cambio di servizi o prestazioni vi chiederà la classica: 1000 euro, se vuole la fattura 1200, fate i cittadini onesti dite: fattura prego preferisco pagare 1200.In america chiedono tutti la fattura x due motivi, perchè è deducibile e xchè il comunismo è fuorilegge!che gran popolo!
3)ogni paese, comune, e città ha uno sportello per l'apertura di una partita iva, quindi se credete veramente che tutti gli imprenditori siano così ricchi,e che in Italia sia così facile fare impresa prego tirate fuori le palle e apritevi un attività.
Vorrei far presente al C.R. che l 'Italia è piena di piccoli imprenditaori e commercianti che non fanno vite così agiate, vivono dignitosamentema non guadagnano tutti fra 100000 e 200000 euros!per chi volesse avviare un attività, gli dò una dritta, si scordi le 39 ore settimanali, se va bene lavora almeno 60 ore, il sabato e la domenica, non sempre esistono!

Gabriele fontani 27.07.06 22:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In risposta a Gianfranco Paupini
Il mio non è un discorso di tipo corporativo o cosa, dico soltanto che la tassazione selvaggia
può produrre comportamenti selvaggi.
Chi ha orecchie per intendere intenda.......
Tutti possono esprimersi, lungi da me qualsiasi discriminazione.
Discriminazione fatta nella missiva del Sig. C.R
che ritiene impossibile che la gente possa vivere con 10.000 €, e se così fosse o evade o gli tocca l' ostello.
Con sacrifici e senza televisore LCD io e la mia ragazza andiamo avanti.

Sergio La Macchia 27.07.06 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Domanda scema:
Quando il parente di un ex presidente della repubblica (s......o) può "regalare" pensioni ad agricoltori che non sanno nemmeno cosa sia una pala o un trattore è un benefattore?
Moltiplicando tutti questi benefattori per tutti i beneficiati forse si può capire come mai il buco non si riempie mai...
Andiamo pure a raschiare l' icesberg con la macchinetta per la granita...magari ci rinfreschiamo un pò.

Beppe furbo 27.07.06 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buona serata a tutti. Giovanna

Giovanna Nigris 27.07.06 21:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro lamberto vincenzoni,
non capisco se ci sei o ci fai a chiedere i nomi di chi piglia i fuori busta. Certo che nelle FS o alle poste non si usa (anche se avete altre forme di privilegio tipo i treni a gratis e mezze giornate libere per il secondo lavoro a nero) ma nelle imprese private è costume premiare i dipendenti più validi e produttivi con elargizioni A NERO o sgamotti di varia natura in busta. Per i nomi ti consiglio l'elenco telefonico, sono tutti li.

Sauro Giorgi 27.07.06 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Hai perfettamente ragione,il mio modesto suggerimento per i nostri "Onorevoli dipendenti" è di fare una leggina che qualsiasi persona chieda agevolazioni di qualsiasi natura in relazione al reddito sia soggetta, obbligatoriamente, ad accertamento fiscale su tutto il nucleo famigliare.
Penso che questo basterebbe a far calare drasticamente le agevolazioni che comportano un ingiusto aggravio alle "nostre casse dello Stato" dico "nostre" perchè sembra che il denaro pubblico venga gestito abbastanza allegramente e le restrizioni riguardino solo e soltanto i soliti lavoratori dipendenti.
A proposito che ne pensate se anche il lavoratore dipendente paghi le tasse non sulla busta paga ma come i lavoratori autonomi?

Roccangelo Russo 27.07.06 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Sono daccordo con C.R., io ho 36 anni e lavoro come quadro in una societa' televisiva..(il mio stipendio e' 1/10 di C.R. pero' perche' ..le societa' italiane purtroppo sono ben piu' tirchie di quelle americane!).
La mia famiglia ha dovuto recentemente rivolgersi ad un avvocato il quale ci ha chiesto 3000 euro per le spese processuali di una causa che avrebbe seguito per noi ci ha chiesto di pagarlo con assegno intestato a noi stessi e non ci ha chiaramente fatto nemmeno la parcella - passa il suo tempo a giocare a golf e sicuramente dichiarera' 1/100 di quello che guadagna..

e noi dipendenti paghiamo anche per lui (guadagnando mooolto meno di lui)

Un mio professore all'Universita' (Sc Politiche Roma) aveva proposto al governo il "redditometro" ..se avevi barca macchinone ecc e dichiaravi due lire insomma ti dovevano fare dei controlli e comuqnue farti pagare le tasse per il tuo tenore di vita..dove e' finito quel progetto?

peccato...

Martina X 27.07.06 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Ogni volta che un governo vuole mascherare le magagne più grosse crea la guerra tra le categorie e indica come maggior responsabile l' evasione fiscale, che pure esiste. Ormai l' hanno capito anche i bambini che sono i politici che stanno guidando il Titanic, ognuno dice di essere il più bravo...non è un problema, loro hanno già prenotato la scialuppa di salvataggio. Se qualcuno della terza classe riuscirà a trovarne una dovrà comunque lottare contro un clandestino che vorrà dargli una bella spinta...

Beppe furbo 27.07.06 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Bravi bravi ... bell'argomento ... vorrei solo spezzare una lancia IN TESTA ai Tassinari...
1) Il tassametro nn è fiscale dunque possono fare tutte le corse che vogliono, farsele pagare e nn denunciarle
2) Fanno le ricevute sulla carta da formaggio
3) Denunciano il minimo sindacale (la maggior parte ) che sono 15.000-20.000€ l'anno
... ma avete finito di prenderci per i fondelli??

Un mio caro amico, nn me ne voglia se mai leggesse questo mio post, ha comperato la licenza da Tassista per 100 e qualche mila € ... in un anno ha già quasi estinto il mutuo. Il suo è un piccolo paradiso, sono contento per lui... ma io mi incazzo solo quando vedo che il mio monolocale riuscirò a finirlo di pagare tra 15 ANNI !!! FORSE!!!... sono un impiegato... uno di quei precari stufi delle ingiustizie di questa "MIA" fantstica Italia.

PS: il taxista era solo un esempio ... nn cel'ho con voi per carità!!!

PPS: ma poi ... come si dice... tassista, tassinaro, taxista, tassarolo, tasso... il nome deriva dalla famiglia Taxis ... dunque con la X ... mah!

Enzo Marozzi 27.07.06 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Posso soltanto dire che caro dipendente che guadagni dai 100.000 ai 200.000 euro all'anno, che io sono un'autonoma, piccola artigian e guadagno molto ma molto meno di te e pago le tasse come è giusto fare. Quindi non mi venite a raccontare che in Italia solo i dipendenti pagnao le tasse, perchè così non è. Forse sarò una mosca bianca, ma non mi posso permettere nemmeno un'auto nuova. Non che mi interessi, mi sembra pure anacronistico comprare un'auto nuova a benzina oggigiorno.
In ogni caso le tasse vanno pagate, quelle giuste e non i salassi che ci propina il nostro stato. In ogni caso tutti i piccoli artigiani che hanno fatto dell'Italia un paese con grandi teste, li vogliano buttare via, non so mi dica lei?

Roberta Pignolino 27.07.06 20:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bravo C.R.,ma tu le tasse le paghi tutte ???mai evaso niente,nemmeno una briciola ??se è cosi,comincia a guardare chi fà tutto ciò che dici,anche un normale cittadno lo può fare,può denunciare ma chi lò fà ?????sara milano

salmi. sara Commentatore in marcia al V2day 27.07.06 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro corrispondente, se puo consolarLa, sono un'Italiana, vivo in Francia, in "Gadeloupe" e anche qui le tasse sono pagate SOLO da certe persone, nemmeno da tutti i dipendenti dell'amministrazione!!!perché l'amministrazione é a Parigi, le lascio immagginare la nostra "amertume"saluti Gabriella

TESTA GABRIELLA 27.07.06 20:03| 
 |
Rispondi al commento

ripeto e ribadisco quello che ho già scritto ieri sera in questo blog , Il sig. C.R. ha parlato in generale sulla questione evasione , ma io sfido chiunque tutti quelli che pensano che i lavorari autonomi siano ricchi e stanno bene ed evadono le tasse.... ci sono molte categorie molto alte ( per primo i nostri dipendenti) che evadono e anche alla grande ( pensiamo ai dentisti , notai ecc ..., ma il medio e piccolo imprenditore o comunque di chi ha una partita iva ...credetemi fa fatica a fine mese , che provino un pò quelli che la pensano così ( i dipendenti ) a mettersi per conto proprio e poi vedi come ti aprono i sedere come una cozza cruda e ti mangiano senza limone . altro che c...i ...ragazzi, io come tanti lavoratori autonomi quando arriviamo a fine serata e vai a dormire ti vengono gl'incubi e la sudorazione fredda solo a pensare a tutto quello che devi dare a sto benedetto stato e poi ti rimangono le briciole e a a volte sei costretto a chiedere un fido bancario ( altra truffa legalizzata....le banche lasciamole perdere , ci sarebbe un'enciclopedia da scrivere)ma non per andare in ferie ma per coprire certe spese.Non sai se il giorno dopo ti svegli e avrai lavoro ..... e quando cè l'hai lo devi tenere ben stretto poi magari non ti pagano nemmeno e tu a corrergli dietro come se a momenti cercassi l'elemosina . Prima di scrivere o pensare o parlare , provate la sensazione di avere un palo in c...o appena presa partita iva.......!!!!!!!!
ciao a tutti
Domenico

domenico da torino 27.07.06 19:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io faccio il dentista (gia sento le risate...). per quanto riguarda il problema tasse, perchè il governo non introduce la detraibilità delle spese (nel mio caso quelle mediche),non dico totalmente ma almeno in una misura consistente ? per quanto riguarda il mio campo l'evasione sarebbe sradicata e tutti dormiremmo sonni + tranquilli...poi se vogliamo continuare a fare la guerra fra poveri, messi uno contro l'altro da lobby varie (confindustria in testa) andiamo pura avanti così.

aldo occelli 27.07.06 19:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA PORCA ...ma è possibile che nessuno ha ancora capito un cazzo del perchè siamo un popolo di merda? Qualcuno ancora cerca un antidoto con una nuova legge del cazzo! Non è un problema di leggi , ma di cultura, di mentalità, di educazione, di DNA. La differenza consiste nel fatto che un popolo civile insegna fin da piccoli che viene prima il bene comune, l'interesse collettivo, poi la tua famiglia e per ultimo tu stronzo piglia in culo d'individualista, egoista di merda!!! In Italia è l'esatto contrario,, ma con una variante: viene prima l'egoista di merda fottuto che si sveglia al mattino per metterlo nel culo del primo povero cristo che gli capita a tiro, poi quella vacca di sua moglie, che le puzza pure l'alito, e i suoi figli e bastaaaaa!!! Della collettività soltanto sangue da succhiare per quella famiglia di merda di sanguisughe. Ma guardate cosa hanno fatto quei tassisti di merda per una legge giusta che guardava anche le tasche di chi prendere un taxi è un lusso, e i farmacisti, ? Bastardi! Sono miliardariii!!! Fanno sciopero come se fossero dei poveri operai che chiedono un piccolo aumento salariale, un tantino più equo al costo della vita. VERGOGNAAA...BUFFONIII!!!!!!!
www.cineapolis.it


BERTINOTTI E COMPAGNI VENDUTI!!! avete votato con forza italia ad una legge SPORCA>(indulto)
falsi come giuda...
W di Pietro e tutti quelli di buon senso che non hanno votato a favore.
NON MANGERETE IL PANETTONE....

enzo pelle 27.07.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Chi evade le tasse è tre volte ladro.
Allora chi ruba i soldi delle tasse PAGATE è quattro volte ladro. IL GOVERNO E I GOVERNANTI (TUTTI, destra sinistra centro sopra sotto alto basso) SONO QUATTRO VOLTE LADRI. La prima volta, perchè usano i soldi pubblici per pagare viaggi a sè, ai propri familiari e amici, per vivere come re con i soldi sottratti all'uso cui sono destinati.Soldi che, INFATTI, NON SONO MAI STATI DESTINATI a scuole, ospedali, strade. (Elencatemi le scuole fatiscenti, gli ospedali che non funzionano, le strade incompiute e quelle mai iniziate e nessun blog sarà mai sufficiente a contenere il tutto). La seconda, perchè altri cittadini devono pagare di più a causa dei governanti ladri. La terza perchè comunque i QUADRIladri usano le strutture del Paese a sbafo (macchine, aerei, autostrade, (I TRENI SI GUARDANO BENE DALL'USARLI PERCHE' NE CONOSCONO BENE LO STATO DI ASSOLUTO DEGRADO), telefoni, ristoranti (alla faccia delle mense).
USARE I SOLDI DELLE TASSE PAGATE DAI CITTADINI IN QUESTO MODO SIGNIFICA "ISTIGARE ALL'EVASIONE FISCALE" e comunque è sinonimo di rapina LEGALIZZATA (senza rischio)! Quindi, CHIUNQUE dopo avere lavorato tanto ESCLUSIVAMENTE per pagare le tasse SENZA AVERE IN CAMBIO NEMMENO UN SERVIZIO (SANITA' IN PRIMO LUOGO, TRASPORTI, UFFICI PUBBLICI FUNZIONANTI E COMPETENTI), evada le tasse merita tutta la mia ammirazione! Se fossi nata disonesta, avrei finalizzato ogni mia attività ad evadere le tasse perchè CONCRETIZZANO SOLO UN INDEBITO ARRICCHIMENTO DA PARTE DI UNO STATO CHE NON DA' NULLA IN CAMBIO!

vittorianna manzari 27.07.06 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' facile dire che chi non si fa fare lo scontrino e' un ladro. Certo che se vai dal dentista e quello ti fa addirittura lo sconto se non ti fai fare la fattura e tu guadagni 1000 euro al mese e hai una famiglia da mantenere.... il furto e' fatto....
Il governo dovrebbe controllare i prezzi, anzi, i salari... in Italia si lavora con contratti da schiavi e salari da terzo mondo. Poi i padroni hanno i panfili da 17 metri e le auto di lusso... chissa' come fanno....
Se poi ci aspettiamo che un governo con Max D'alema (che paga un mutuo di 8000 euro per il suo canotto) faccia qualcosa contro l'evasione fiscale... sarebbe come aspettarsi che il nano che vada in televisione a dire che i giudici hanno ragione e che lui e' un ladro.... non credo sia molto probabile.
Comunque non importa che tutti ce la mettano in quel posto, basta che il milan non vada in serie b e che l'inter vinca lo scudetto.... se no scendo in piazza a protestare.... VIVA L'ITALIA, e VIVA GLI ITALIANI :-(

Mauro Lauro 27.07.06 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Concordo pienamente con la lettera, aggiungendo anche un contributo diretto. Per pagarmi gli studi ho lavorato quasi cinque anni in una scuola paritaria ove il costo, la retta annua per ogni studente si aggirava intorno ai 5000 6000 euro annui. Ora mi domando se con questi costi cadauno (alle volte anche più di un figlio frequentava) i genitori possano pretendere ed ottenere il contributo per l'acquisto dei libri scolastici ( premetto che per il contributo dei libri bisogna avere un reddito annuo sui 12000 euro piu o meno ). Mi domando se un ragazzo che a 18 anni viene a scuola con il BMW o la mercedes possa chiedere ed ottenere il contributo per i libri!! Ma se lo domandano anche gli organi di controllo sull'evasione fiscale?? Non credo proprio, non c'è la volontà purtroppo (come ha già detto il signore della lettera) di combattere l'evasione.
Un saluto, con stima ed affetto.
Permettetemi da ex comunista di fare un saluto ed un grosso in bocca al lupo a Tonino Di Pietro, se prima ero tentato di passare all'Italia dei Valori ora ne sono convinto al 100%.
Grande Beppe.....
Luca Teolato

Luca Teolato 27.07.06 19:03| 
 |
Rispondi al commento

...Che dire della repubblica di San Marino allora?????
Il 78% circa dell' intera forza "lavoro", e' parassitariamente "impiegata" sotto lo "stato".

Il resto della "cittadinanza", ha le cosidette societa' "anonime", altrimenti delle "commissionarie".

Queste, sono controllate da governanti
(e da questi concesse a chi pare a loro),
per eludere gli Italici dazi...

Spesso gli "imprenditori" italiani, costituiscono ditte, facendo comunella coi governanti di san Marino.

In loco, fanno cio' che non potrebbero fare MAI in Italia.

COME MAI NESSUNO NE SCRIVE?????

michael guidi 27.07.06 18:58| 
 |
Rispondi al commento

QUELLO DEGLI EVASORI CHE FANNO MARAMEO AI "FESSI" CHE PAGANO,dei truffaldini,dei LADRI insomma,come tu li chiami caro Beppe,politicamente protetti e istituzionalizzati,è un tema le cui molteplici sfaccettature nel nostro Bel Paese OCCORRE TENERE COSTANTEMENTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELLA NOSTRA ATTENZIONE,perchè non appena tu distrai o ti lasci distrarre dal succedersi degli eventi di cronaca quotidiana più o meno piacevoli, i "dipendenti" che occupano gli scranni,i corridoi,la bouvett e i WWCC dei due mercati romani della politica te ne combinano una,imprevista ed a tua insaputa.
Grazie Beppe.
Salv.Ricciardi

Salvatore Ricciardi 27.07.06 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Salve;
si parla di pagare le tasse.
Io le tasse le pago, e non potrei fare altrimenti visto che io lavoro con aziende che vogliono le fatture.
Bene; però cosa mi da lo stato in confronto del quasi 40% del mio lavoro?
Non lo ho ancora capito.
Faccio un esempio. L'estate scorsa mi trovavo in villeggiatura presso un campeggio di una secondaria località marittima italiana. Italiana... per modo di dire, in quanto i residenti a quanto pare erano solo macedoni. Una sera all'uscita di un ristorante un gruppetto di macedoni, non proprio brave persone, mi dice che mi aspetta fuori per regolare un conto. Di li a qualche ora si capirà che questo fu uno sbaglio di persona. Erano parecchi e anche armati; mi han fatto vedere i coltelli. Noi eravamo solo in due. Al che la cosa migliore mi parve quella di chiamare le forze dell'ordine. IO NON HO VISTO NESSUNO. Fortunatamente il padrone del ristorante ha parlato con questa gente e ha chiarito lo scambio di persona.
Questo è successo in vacanza, ok, ma penso che tutti possono raccontare di episodi in cui le forze dell'ordine (primi tra tutti la polizia municipale!) si lavano le mani in queste situazioni.
E io perchè pago le tasse? Queste persone non dovrebbero aiutarmi a vivere meglio? Dovrebbero garantire ordine, sicurezza e legalità.
E il governo italiano? uno stato migliore, servizi, istruzione, sanità.
Ah, ok, è vero si devono pagare le tasse; tutti quanti. Si devono pagare perchè è giusto.
Ma dov'è lo stato quando io ne ho bisogno???

Stefano Mondi 27.07.06 18:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve;
si parla di pagare le tasse.
Io le tasse le pago, e non potrei fare altrimenti visto che io lavoro con aziende che vogliono le fatture.
Bene; però cosa mi da lo stato in confronto del quasi 40% del mio lavoro?
Non lo ho ancora capito.
Faccio un esempio. L'estate scorsa mi trovavo in villeggiatura presso un campeggio di una secondaria località marittima italiana. Italiana... per modo di dire, in quanto i residenti a quanto pare erano solo macedoni. Una sera all'uscita di un ristorante un gruppetto di macedoni, non proprio brave persone, mi dice che mi aspetta fuori per regolare un conto. Di li a qualche ora si capirà che questo fu uno sbaglio di persona. Erano parecchi e anche armati; mi han fatto vedere i coltelli. Noi eravamo solo in due. Al che la cosa migliore mi parve quella di chiamare le forze dell'ordine. IO NON HO VISTO NESSUNO. Fortunatamente il padrone del ristorante ha parlato con questa gente e ha chiarito lo scambio di persona.
Questo è successo in vacanza, ok, ma penso che tutti possono raccontare di episodi in cui le forze dell'ordine (primi tra tutti la polizia municipale!) si lavano le mani in queste situazioni.
E io perchè pago le tasse? Queste persone non dovrebbero aiutarmi a vivere meglio? Dovrebbero garantire ordine, sicurezza e legalità.
E il governo italiano? uno stato migliore, servizi, istruzione, sanità.
Ah, ok, è vero si devono pagare le tasse; tutti quanti. Si devono pagare perchè è giusto.
Ma dov'è lo stato quando io ne ho bisogno???

Stefano Mondi 27.07.06 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Ci hanno preso in giro!
Dove è la riduzione delle tasse??
Attualmente le tasse sono già aumentate del 8%!

Svegliamoci, e speriamo che questo governo crolli il prima possibile!
Complimenti a chi li ha votati, spero che adesso si rendano conto di quello che hanno fatto!

Michele Ponticelli 27.07.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento

in italia sono tantissimi i problemi, oltre all'evasione fiscale, di cui si parlava, che è una concezzione tutta Italia, la gente evade per le tasse universitarie, nel fare gli scontrini, per scroccare il pranzo in mensa, per l'abboanamento ai mezzi pubblici....per natura gli italiani evadono, nella loro piena ignoranza pensano sempre egoisticamente.."tanto se non io pago le tasse che può succedere?"...
Oggi poi "finalmente" è stato legalizzato da un governo che mi vergogno di aver votato, soprattutto quando sento il presidente della Camera, che proprio ieri parlava di libertà e diritti nella stessa aula, osare denigrare qualcosa che lui stesso 4 mesi fa predicava....che dire?
Un altro grosso problema, che a quanto pare non si vuole affrontare, è il mercato del lavoro.
Sono un giovane laureato/disoccupato, o meglio in fase di formazione(ancora!!! ma che c...o bisogna fare per lavorare!!!!), ed o una tremenda paura per il futuro, il precariato fa paura. Dopo agosto non saprò come andrà la mia vita...vivo a Roma in affitto, ho svolto una stage, ho raggiunto una ragionevole formazione, so molte più cose di tutte le bestie che si trovano in giro nei vari ambienti di lavoro, eppure non so assolutamente che succederà domani...ditemi voi come si fà vivere tranquilli, a pianificare un futuro, a trovare un lavoro idoneo a quello che hai studiato, con non poche fatiche, per anni, come si fa a continuare a rimanere sul 740 di mammà e papà...caro beppe e cari bloggers, come si fa?
Finchè questi mafiosi e papponi non si tolgono dalle balle, come si fa? Finchè ognuno pensa alla propria tasca fregandonese degli altri non veo alcuna soluzione...come si fa a guadagnare 500 euro edoverne pagarne 400 d'affitto!
Il resto sono una gran marea di stronzate...ulivoprcIdvCdlPdciVerdiSocildemocraticiRadicali,RosaNelPugnoANLegaUdcCcd.....buttatv' in dau' cess!!!

Michele

michele iacoviello 27.07.06 18:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pongo un quesito al quale spero che qualche esperto mi risponda. Possiamo fare in modo che tutto quello che spendiamo lo scarichiamo sul 730 o UNICO? Facendo così tutti richiederebbero la fattura e lo stato potrebbe controllare facilmente. In fondo perchè solo i professionisti o quelli che hanno una attività in proprio possono scalare l'IVA? Non è anche la famiglia un'impresa?
Grazie

Stefano Dean 27.07.06 18:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho denunciato che chi fa l'artigiano ed è extracomunitario non paga le tasse esono stato attaccato sentendomi dire che "poverini" gli EXC
imparano da noi italiani a rubare. Allora scusate il ditinguo: semmai imparano da VOI a rubare, visto che io ho un'azienda artigiana e i versamenti li faccio tutti fino all'ultimo centesimo.
Se vogliamo avere quanto ci spetta dobbiamo emetter fattura che poi verrà pagata a mezzo banca ecc. ecc.
E quando mai potremmo riuscire ad evadere qualche soldo?
Per questo che sostengo l'idea delle giuste tasse, solo che in Italia, chi come noi produce, invece di essere premiato viena tartassato.
Oltre a pagare ciò che è dovuto legalmente ci viene sottratto denaro illegalmente ( vedi IRAP e senteza comissione europea ), tassa regalataci dal buon Prodi.
Piccolo aneddoto: Tornando a casa da una breve vacanza sull'isola di Rodi, in areoporto i soliti saluti, con uno di questi, che mi raccontò di avere dei fratellastri sull'isola in quanto il babbo facendo il militare a Rodi ve ne lasciò traccia. Mi confesso che il padre sempre cercò di fare del suo meglio peri propri figli lontani aggiustandosi con lavoro nero, cotrabbando e piccolo commercio.
Bene: prima di salutarci chiesi qual'era la sua professione, e mi rispose: ispettore INPS.
Lui mi girò la domanda, e io risposi: artigiano.
Sua risposta: tutti ladri.
OK io non ci sto più, quì, specie al nord, che ruba sono sempre i soliti e non noi che diamo servizi all'industria.
QUINDI FATE IL GIUSTO DISTINGUO!!!!!!!!!!!
CHI CI FOTTE HE CHI CI AMMINISTRA! CAZZO!
Hanno capito che più facile ficcarvelo in culo che non ficcarvelo in testa.
Ha ragione SPERONI: siamo un popolo di coglioni, conigli che si fanno delle seghe mentali su chi andare a votare: ma mandiamoli a fanculo tutti.

mauro di destra 27.07.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

L'evasione fiscale è sempre stata una delle tante piaghe del Nostro Paese.
Non sono esperto di fisco e quindi non entro nel merito.
Desidero solo fare notare che è da decenni che i fari governi parlano di evasione fiscale,ma nessuno fa niente.
C'è chi dice che è impossibile perseguire gli evasori.La morale è una sola:perchè negli altri Paesi non c'è tutta questa evasione?
Forse perchè gli evasori sono meno furbi dei nostrani.
Sarà,ma credo che i governanti nostrani se ne guardano di mettere le mani su questo problema.

Giuseppe Vianello 27.07.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

secondo me ,rubare è rubare ,le pene sono diverse..il gesto è lo stesso.
Allora quando un commerciante ruba ,c'è sempre qualcuno accondiscendente....basta chiedere sempre scontrini fatture ecc.
Ruba quello che non la chiede all'idraulico per risparmiare , ruba chi non la emette a fronte di sconto.
Ruba chi mi dice che prende la carta igienica dall'azienda...tanto l'azienda è grande.
Ruba chi riesce a pagarsi il mutuo giocando a calcio in serie minori...con pagamenti rigorosamente in nero.
Ruba chi si mette in malattia per sei mesi anche se in uno è a posto
Ruba chi fa due lavori (uno in nero)...magari riscuotendo la cassa integrazione.
ruba chi ti fa pagare un tagliando non avando neppure guardato l'auto...e chi la "fa passare" ai collaudi pur non essendo in regola.
E l'acquisto della casa??
c'è sempre qualcosa da versare in nero all'inizio...ruba chi versa e chi riceve....mi dispiace ,faccio parte dei ladri commercianti....ma il partito è molto trasversale....come il pentapartito degli anni '80...o come stà dimostrando di essere l'attuale governo-inciuciatore....questo lo dice uno che ha votato di "qua" ,deluso da quelli di là....ma a quanto vedo ,invertendo l'ordine degli addendi......

Massimiliano Lussana 27.07.06 18:21| 
 |
Rispondi al commento

L'evasione fiscale è sempre stata una delle tante piaghe del Nostro Paese.
Non sono esperto di fisco e quindi non entro nel merito.
Desidero solo fare notare che è da decenni che i fari governi parlano di evasione fiscale,ma nessuno fa niente.
C'è chi dice che è impossibile perseguire gli evasori.La morale è una sola:perchè negli altri Paesi non c'è tutta questa evasione?
Forse perchè gli evasori sono meno furbi dei nostrani.
Sarà,ma credo che i governanti nostrani se ne guardano di mettere le mani su questo problema.

Giuseppe Vianello 27.07.06 18:17| 
 |
Rispondi al commento

E basta caz.. La solita lagna che le tasse le pagano solo i dipendenti. E' falso e basta. Siamo al pensiero unico propagandato dal nuovo governo (che ahimè ho votato anch'io) col vile decreto per le liberalizzazioni. Io sono stato dipendente per 25 anni e il "fuori busta", i rimborsi per migliaia di km mai fatti oppure diarie esorbitanti per trasferte mai esistite sono tutte forme di evasione fiscale dei signori dipendenti, impiegati o operai che siano, salvo poi piagnucolare che le tasse le pagano solo loro. Dopo 25 anni di lavoro sottoposto ha deciso e mi sono messo a fare la libera professione, risultato? Collaboro con le imprese che mi fanno fatturare anche gli starnuti e pago il dovuto fino all'ultimo centesimo. E non mi lagno. Comunque fine dei fuori busta, dei rimborsi e delle trasferte. Tornando al decreto per le liberalizzazioni che abolisce le tariffe minime che cosa direbbero i signori dipendenti se di punto in bianco si abolissero i minimi sindacali? Per la mia categoria la tariffa oraria minima è, anzi era di ben 45,00 euro, 90.000 lirette. Meno di un idraulico che ti ripara lo sciacquone. Ma va...

Sauro Giorgi 27.07.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non si capiva molto bene perchè a Mastella fosse stato affidato il Ministero di Grazia e Giustizia . Ora è tutto chiaro. Povera Italia!

Giuliano Pilloni 27.07.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Sono in tanti a pagare le tasse, non solo i dipendenti!! I professionisti per esempio, devono fare gli studi di settore... e se non dichiarano devono adeguarsi a ciò che impone lo studio!!
Il problema risiede nell'EFFICACIA dei controlli, che vengono fatti in numero limitato e spesso male e a sproposito.
La continua sete di denaro dello Stato è causata anche dagli ENORMI sprechi dell'amministrazione pubblica. E' inutile che ce lo si nasconda! Porto ad esempio la prossime assunzioni programmate dal governo Prodi nella scuola. Circa 24000 nuovi professori "precari". Onestamente inorridisco, quando penso che uno dei leitmotiv del centrosinistra durante la campagna elettorale era proprio incentrato sul precariato!! Cmq era solo un esempio, ce ne sarebbero altri!
Poi c'è il problema del SISTEMA dei controlli: l'erario riesce a verificare una minima percentuale dei redditi non dichiarati. Talmente bassa che si raccoglie più gettito tramite un condono!! Non sarà "etico", ma stiamo parlando di soldini...
Quindi il problema è sempre di EFFICIENZA... non possiamo continuare a fare i "piangina" e dire... "io pago più di lui... quello là ruba e non fa gli scontrini"! E soprattutto non crediamo alla gente che ci assicura più attenzione e maggiori controlli, perchè o si cambia il modo di lavorare dell'amministrazione oppure tutto rimarrà come prima!

Le tasse si devono pagare, ma è dovere di chi ci governa non aumentarle quando ci sono pochi soldi, ma dare un esempio di buonsenso tirando la cinghia ed evitando gli sprechi di risorse. Sennò hai voglia a parlare di crescita dei consumi...

Un saluto a tutti!

Stefano Ferrari 27.07.06 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono proprio stufo di continuare a sentire la menata che sono i liberi professionisti che fanno andare male l'Italia.
Faccio l'avvocato in provincia e posso assicurarvi che la fascia dai 100 mila ai 200 mila euro me la sogno di notte!
Pago tutte le tasse, il numero degli avvocati negli ultimi 10 anni è quintuplicato, adesso arriva Bersani con le sue furbate e ci si mette pure questo che prende oltre 100 mila euro l'anno da una multinazionale (che notoriamente non è un opera pia)a farci la predica.
Ma fatemi un piacere!
Viviamo in un paese di clientele, prepende ed altro e se proprio c'è una cosa che mi fa incazzare è che molti dei nostri soldi vengono buttati nel cesso o elargiti sotto varie forme agli amici degli amici.

Paolo Bonora 27.07.06 17:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che bello è passata la legge sull'indultino!
Sono stracontento!!!
Una legge voluta da pochi in nome del popolo italiano.
Questi sono i veri problemi dell'italia (volutamente scritto in minuscolo) altro che lavoro, evasione e cazzate simili.
Bravi comunisti (e non soltanto voi!).

.....che vergogna.....

Joe Schiavo 27.07.06 17:56| 
 |
Rispondi al commento

PORCA MISERIA IN CHE PAESE DI MERDA SONO NATO!!!!! SPERO CHE I MIEI FIGLI SCELGANO DI ANDARE A LAVORARE LONTANO DALL'ITALIA

LUIGI LICATINI 27.07.06 17:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche se non sarà sempre in tema, io continuo ad insistere su questo piccolo e limitato problema. In base alle "pensioni d'oro" (che partono da 586 EURO AL GIORNO IN SU) e al loro numero, da un rapido calcolo, risulta che sarebbero sufficienti 6/8 ore/mese prelevate da ciascuna pensione per finanziare il BONUS BEBE’ per i circa 500.000 bambini che nascono in Italia ogni anno. Io penso che i “pensionati d’oro” non abbiano nulla in contrario ad investire questa piccola somma sul futuro dei loro nipoti e del Paese. MAMME, questo è un Vostro sacrosanto diritto ! APPOGGIATE L'INIZIATIVA
Pietro Rossi

Preg.mo Prof. Romano Prodi
Formato il Governo e varato il programma dei primi 100 giorni, continuo a ricordarLe, a nome dei miei due nipotini gemelli che avevano 15 mesi ad Aprile, una promessa da Lei fatta più volte in campagna elettorale: la somma di Euro 250 al mese, a sostegno di ogni bambino, sino al compimento del 18° anno di età (nel programma non c’è, purtroppo, traccia del provvedimento),. Questa nota verrà ripetuta periodicamente, in attesa del relativo provvedimento. I soldi è facile trovarli per tutti i bambini: basterebbe ritoccare un po' le "pensioni d'oro" ( partono da EURO 586 AL GIORNO in SU !). Sono moltissime le “pensioni d’oro” e un piccolo ritocco fiscale a queste mega-rendite pubbliche consentirebbe il reperimento di notevoli risorse finanziarie, senza creare alcun problema di sopravvivenza ai “pensionati d’oro”.
Con la più viva stima
Postato da Pietro Rossi (a partire dal 11/04/06)

pietro rossi 27.07.06 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Sapete fa davvero piacere aver sprecato il proprio voto qualche mese fa per il desiderio di cambiare qualcosa....invece abbiamo un pseudo governo di centro sinistra che fa le veci del centro destra..anzi riesce a fare peggio perchè almeno la casa delle libertà è sempre stata motivata a tutelare gli interessi dei suoi componenti mafiosi,ma dal nuovo governo una stronzata del genere proprio non te la aspetti...mi chiedo:qual'è il varo interesse che risiede dietro all'INDULTO?è chiaro che noi poveri e onesti cittadini ci troviamo sempre coinvolti dietro le menzogne dei potenti...pare che gli unici deputati onesti siano rimasti quelli dell'italia dei valori...speriamo che Di Pietro tenga duro,ma visto che in parlamento sono più i condannati (82) in via definitiva,che quelli che appartengono all'italia dei valori (25), la lotta mi sembra impari....e la speranza non è più un sogno,ma un terribile incubo.........

walter pisci 27.07.06 17:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dal sito: Italia dei valori

Cittadini senza rappresentanza

Molti esponenti dell’Unione mi hanno espresso la loro solidarietà per la mia volontà di escludere i reati finanziari, societari e di corruzione dalla legge sull’indulto.
Lo hanno fatto in privato, in aula quasi tutti si sono comportati diversamente piegandosi alle direttive di partito.

Questa è una delle conseguenze più negative della legge elettorale voluta dalla Cdl che ha impedito ai cittadini di votare il loro candidato. Si è potuto scegliere solo il simbolo elettorale con liste chiuse di fedeli nominati dal partito. I partiti hanno deciso chi siede in Parlamento, non gli elettori.

E’ sconcertante, davvero sconcertante, vedere l’Unione rinnegare nei fatti, con questo indulto, il programma che ha presentato ai cittadini e per cui è stata eletta. Il cittadino conta meno di zero, non può scegliere i suoi rappresentanti e neppure vedere rispettato il programma di governo. A cosa serve l’istituzione parlamentare oggi? Quanto è lontana dagli elettori? E’ una domanda che noi politici dobbiamo farci e alla quale è necessario dare presto delle risposte.

Un sondaggio riportato sul sito della Repubblica chiede chi è favorevole ad inserire corruzione e concussione nell’indulto. Il 96% delle 75.000 persone che hanno risposto si è espressa per il NO. Io credo che la risposta ad un referendum nazionale sarebbe simile. Le leggi ad personam volute dalla Cdl sulla giustizia devono essere abrogate, ora, nelle prossime settimane. Questo governo non ha più tempo.

Marco Rimotti 27.07.06 17:38| 
 |
Rispondi al commento

L'evasione fiscale? un grande slang elettorare!!
I nostri cari dipendenti del governo lo sanno, per la stragrande maggioranza delle imprese italiane ossia le piccolissime, piccole e medie imprese è solo una fisiologica via di fuga per la sopravvivenza! Per le grandi imprese invece è tutto regolamentato da opportunità in paradisi fiscali perchè possono permettersi fior d'avvocati e consulenti! Ricucci? solo uno spot...
E il tutto sai perchè? Solo per giustificare una politica fiscale opprimente che serve a pagare un sisteme stato che fà acqua da tutte le parti!!
Saluti cordiali

Enrico Nardin 27.07.06 17:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Signora Manuela M... SPIEGHI perchè secondo lei c'è superficialità nei commenti dei lettori e nella lettera di Grillo.

Grazie.

Andrea V. 27.07.06 17:20| 
 |
Rispondi al commento

L'evasione fiscale è un problema a mio parere relativo.

Se non si definisce l'imposta oggetto dell'evasione chi può obiettivamente affermare di non operare alcuna omissione d'imposta.


Dopo aver percepito uno stipendio tassato al 43%, pensiamo ad una giornata di ciascuno di noi comuni cittadini.


Su quasi tutti gli alimenti è aplicata l'IVA (Imposta sul valore aggiunto) del 10%. Quindi sul valore della colazione, del pranzo e della cena il 10% circa è un'imposta.

Compro le sigarette a 3,50 euro di cui circa 2,30 euro sono imposte. Se in Italia vengono venduti almeno 10.000.000 di pacchetti al giorno (su 57.000.000 di abitanti) è un buon incasso!

Mi reco al distributore e scopro che la benzina (oggi 1,400 euro) è costituita dal 70% (circa 1 euro) di accise ed imposte, alcune delle quali per scopi a dir poco obsoleti (guerra di Abissinia del 1935).

Mi fermo al bar per l'aperitivo e sul mio modesto "Martini" ci sono imposte ed accise (oltre IVA 20%) che farebbero passare la sete!

A questo punto se il medico mi dice "Senza fattura Le faccio il 20% di sconto" cosa devo rispondere?

Dovrei risipondere di no, perchè sulle prestazioni mediche non c'è IVA in quanto esenti ed il 19% lo recupero in sede di dichiarazione dei redditi. Ma alcuni anni fa, quando è stata introdotta l'esenzione (prima imponibile 20%), i medici ridussero i prezzi?
E domani gli immobiliari ridurranno i prezzi se verrà introdotta l'esenzione IVA sui fabbricati commerciali?

L'evasione non è giustificata. Pochi sanno quante imposte e tasse si pagano e dove realmente c'è
evasione, elusione o erosione di imposta.

Ancor meno concittadini sanno come vengono distribuite le imposte e gli scopi a cui sono destinate.

La realtà è che in Italia c'è molta ignoranza e poca voglia di informarsi. Molti preferiscono accodarsi alle notizie civetta o alla moda del momento solo per potre parlar male della propria nazione.

Almeno in Italia non c'è il partito dei Pedofili...

Alberto Todeschini 27.07.06 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signori attenzione scaricare l'I.V.A. o un suo sinonimo è quello che bisogna fare, ma non scaricare tutto se no torniamo ad essere presi in giro dai soliti noti.

Mi spiego se si potesse scaricare tutto è evidente che chi ha la capacità economica (che molte volte coincide anche con quella imprenditoriale) sarebbe di nuovo avvantaggiato e non pagherebbe le tasse.

Chi non ha grosse disponibilità economiche pagherebbe le tasse anche per chi non le paga (come ora).

Mi spiego ancora meglio: se un inprenditore guadagna mettiamo 200.000.000 (di vecchie lire così é più facile comprendere), e ne investe, diciamo, 180.000.000 (MILANO) per comprare un monolocale, paga le tasse sui restanti 20.000.000.

Chi ne guadagna 40.000.000, fa fatica ad arrivare alla fine del mese, non si compra il monolocale, e paga le tasse per chi invece lo ha comprato.

Dopo dieci anni quello che continua a comprarsi un monolocale tutti gli anni ne ha 10 (ovviamente rivalutati), quel povero diavolo non avrà comprato un bel niente e sarà più povero di prima.

QUINDI RAGAZZI ATTENZIONE E DIECI ANNI CHE INVIO UNA PROPOSTA AI NOSTRI SIGNORI POLITICI PER PERMETTERE DI PORTARE IN DETRAZIONE L'I.V.A.,O UN SUO SINONIMO.

Quindi non copiamo l'America (U.S.) che fa arricchire chi è già ricco, semmai copiamola per mandare in galera chi evade.

Cordialità
Giuseppe Vitali

Giuseppe Vitali 27.07.06 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno,cari amici,mentre noi discettiamo sul significato che hanno le tasse negli stati moderni e sul dovere di tutti i soggetti costitituvi degli stati medesimi (noi cittadini tutti,in possesso dei diritti politici) di pagarle in relazione al reddito percepito,qualcuno dicevo ci rammenta che nel frattempo i legislatori da noi scelti per legiferare negli interessi di noi tutti,hanno creduto opportuno usare indulgenza per coloro che ci hanno rubato evadendo miliardi di tasse,riducendo le condanne loro inflitte.

La politica,mi diceva un mio vecchio maestro,se non è pervasa di etica civica,perciò fondata sulla promozione del bene comune e sulla tutela degli interessi della collettività statuale,non è politica ma mercato delle vacche.
Spiace dover constatare che mancando a noi italiani questa consapevolezza non riusciamo a individuare e farci rappresentare da uomini (e donne)di elevate capacità e virtù morali.
Salvo

Salvatore Ricciardi 27.07.06 16:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io faccio parte di quella categoria a cui viene spesso affibiata (non sempre a torto),la dicitura "ladro",cioè i commercianti.
2 anni fa ho subito un controllo del ministero delle entrate...ho sbagliato e pagato...senza se e senza ma...avevano ragione e soprattutto rispetto ad anni fa ,si trovano persone preparate e competenti ,soprattutto non doppiogiochisti.
Quello che mi ha lasciato perplesso ,è stato il fatto che questi signori ,si sono quasi scusati ,hanno trovato un'azienda formata da quattro famigliari che facevano tredici ore al giorno , uno di questi era all'ospedale (tutto certificato e documentato da loro)....si chiedevano come mai ,si trovavano a controllare per ventun giorni un esercizio come il mio e non altri molto più evidenti(chi ha orecchie per intendere intenda)
Stà di fatto che per un errore nostro ,abbiamo pagato ed ora quel peso si sente....affari nostri,giustamente.
Lo strano è che c'erano dei termini ben precisi di pagamento ,altrimenti confisca ed altre "menate".
Mi sono ritrovato più tardi a vendere qualcosa ,l'acquirente ha accettato le condizioni ma una volta entrato in possesso del bene ,mi ha detto "bene ,ora non ti pago più le cambiali "(cosa che io avevo accettato per dargli una mano) ,sono andato "per avvocati" ,fino a che un giorno mi è stato detto "se vuoi andare avanti ,ti costa molto di più di quello che devi riscuotere....lascia perdere ,anche perchè ne ho un po' di esperienza ,fiinisce sempre con un pugno di mosche".
Mi auguro che io debba pagare ancora i miei errori ,mi auguro che tutti lo facciano....dagli operai che fanno una giornata in chiaro ed una in nero ,ai commercianti che rubano da tempo immemore, agli industriali e soprattutto i finanzieri ,che guadagnano spostando soldi ,ma non creando benessere e posti di lavoro.

Massimiliano Lussana 27.07.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento

In tutti i paesi del mondo c'è evasione fiscale, il paese perfetto non esiste. E' il nostro sistema fiscale malato che induce a evadere, a prescindere quelli che lo fanno per il gusto di farlo e i totali evasori.
Se tutti dovessimo pagare le tasse non cambierebbe in nessun modo la situazione. Avremmo sempre le scuole, gli ospedali che non funzionerebbero, le strade piene di buche, autostrade a pagamento, pensioni stessa situazione, mezzi di locomozione come sempre. Ancora: ospedali, aeroporti, carceri costruite senza utilizzarle. Poi ci liberano i detenuti perchè piene, mah!! In sintesi aumenterebbe la papperia.
Guardate il sistema fiscale che vige in Spagna. E' meraviglioso! Si paga per tutti il 37% di tasse e basta. Con questa hai tutto dalla pensione all'assistenza medica. Non esistono tasse e tassette tipo: suolo pubblico, insegne, balconi, bollo auto, nettezza urbana, televisione, e piripì e parapà ecc. ecc.
Ohh così sì, allora le tasse le paghi volentieri.
Per quanto riguarda i ricchi che acquistano panfili, auto di grossa cilindrata e tutto ciò che riguarda il loro tenore di vita, a questo punto devo dire: i soldi li fanno girare, le tasse le pagano uguale, pagando l'iva esosa sugli acquisti, sulla manutenzione di tutto il loro impero e di conseguenza c'è intorno tutta una macchina lavorativa fatta da persone fisiche che a loro volta pagano anche in tasse. Se non ci fossero i ricchi questa macchina fiscale si bloccherebbe e lo Stato avrebbe lo stesso meno introiti, o no? Premetto che non sono ricco, ma è solo un pò di logica. Sbagliata? Mah! Non so.....

francesco latini 27.07.06 16:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma quanta superficialità che leggo in questi commenti e anche nella lettera postata da Grillo...

manuela m 27.07.06 16:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io credo che il problema MORALE sia IL PROBLEMA fondamentale del nostro povero paese. L'evasione fiscale è prima di tutto questo: un fatto morale. Come purtroppo lo sono tanti altri comportamenti. Basti pensare a cosa sta succedendo oggi sull'indulto o, meglio, la scarcerazione di tanti poveracci assieme a pochi saccheggiatori del pubblico denaro o pubblici corruttori e corrotti.
Purtroppo correggere abitudini secolari è molto difficile. Soprattutto se queste hanno il loro fondamento non solo nelle vicende personali o sociali, ma anche in quelle "religiose". Qual'è, secondo voi la ragione per cui nel mondo "protestante" evadere il fisco viene considerata una vergogna da colui che lo fa, non solo dagli "altri" ?
Non scoraggiamoci, ma sappiamo che ci vorranno ancora generazioni di "Borrelli" prima che evasori e corrotti paghino quanto dovuto, vadano in galera, come si meritano, e ci restino, senza amnistie e indulti.

Giancarlo Testi 27.07.06 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Giusto Beppe hai ragione
ed aggiungo che ci sono degli evasori che nessuno ne parla, DIPENDENTI DELL STATO con 2° lavoro avendo giornate libere perchè lavorano a turno hanno un secondo lavoro alquanto redditizio, praticamete formano gruppi di lavoro di 3/5 persone e non parlo di spiccioli ma IMPRESE vere e proprie che eseguono lavori di edilizia e restauro eludendo completamente il fisco sia loro che il committente, la cosa che mi da ancora di più fastidio è che lavorano anche in case di aministratori pubblici cosa davvero scandalosa in barba a tutti .

Marcello Gresp 27.07.06 16:33| 
 |
Rispondi al commento

E' giusto, chi non paga le tasse è ladro 3 volte...
E chi usa le tasse che pagano i cittadini per farsi i c@@@i propri (vedi la stragrande maggioranza dei politici), quante volte ladro è?
E chi usa la nostra società a proprio uso e consumo, vedi i zingari, pardon:ROM sennò qualcuno si offende...quanto ladro è?
E chi, per esempio, dipendente pubblico che lavora si e no tre mesi all'anno tra permessi retribuiti, permessi sindacali, ferie, malattie e imboscamenti vari....quanto ladro è?
E chi , per esempio,assume 30.000 guardie forestali in una regione che potrebbe essere gestita al massimo con 3.000...quanto ladro è?
E chi, per esempio, vive in case "popolari" pagando affitti convenzionati di pochi euro e poi magari con lo stipendio si compra la casetta al mare o in montagna....quanto ladro è?
Potrei continuare così per ore...il problema non è l'evasione fiscale il problema è questa italietta da quattro soldi in cui tutti sono bravissimi a evidenziare le magagne altrui "dimenticandosi" le proprie... del resto di che cosa dobbiamo lamentarci siamo o non siamo CAMPIONI DEL MONDO???????

Ruggero zigliotto 27.07.06 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Tutte queste giustificazioni da parte degli evasori sinceramente mi hanno rotto le scatole. Se evadete perchè lo stato sociale non funziona perchè continuate a usufruirne a gratis (A una visita specialistica su 100 pazienti solo in 7 pagavamo il tiket). Se lo stato sociale fosse abolito come fareste cari parassiti? Io non ho problemi già lo pago per ben due volte per me e per voi parassiti.
Per me potete continuare a fare gli evasori non mi importa ma i parassiti no quello vi farei passare il vizio.
Ma non abbiate paura tanto avete tanti complici in parlamento

STEFANO MOLINO 27.07.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento

- continua -
- Ho avuto un paio di incidenti in vita mia ed il risarcimento che sono riuscito ad ottenere è stato pesantemente decurtato dell'onorario dell'avvocato: circa il 30% ed ovviamente a nero.
- Uno dei più noti 'grossisti' di video poker illegali sulla piazza di roma è un maresciallo della guardia di finanza. Se chiedete a qualche amico barista ve lo può confermare
- Il mio dentista non mi fa la ricevuta sennò pagherei di +

Non credo di essere un marziano, probabilmente le stesse cose potrebbe scriverle ogniuno di voi e forse ne avreste più di me da scriverne.
Non so cosa pensare. Potremmo certo pretendere le famose ricevute ma alla fine otterremmo solo di pagare di tasca nostra le tasse degli altri.
Loro due volte ladri e noi due volte fessi.
Una persona, che in fondo non stimavo neanche tanto, e che frequentavo qualche anno fa sosteneva che '.....la democrazia è una istituzione basata sulla DELAZIONE...' Oggi capisco quanto avesse ragione, ma un comune cittadino può veramente sostituirsi alle istituzioni. E poi siamo sicuri che chi è demandato a punire lo faccia veramente e non colga invece l'occasione per ottenere un suo tornaconto personale? Ovviamente a nero!
La cronaca di questi giorni sembra parlare chiaro: comunque vada siamo sempre noi dipendenti ad avercelo in quel posto.
Ciao a tutti.

Giorgio Piersolari 27.07.06 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungerei alla lista degli evasori,e tutti i
comuni d'Italia conoscono i loro cognomi e nomi,
quella categoria che si e' appena ribellata ad
una liberalizzazione e cio e' i TASSINARI.
Detta categoria paga un fisso annuale in barba
al reddito effettivo.Perche' un dipendente deve pagare sino all'ultimo PENNY e non arrivare al fine mese? I tassinari non si lamentino piu'
perche' ogni anno intascano e dichiarano il minimo consentito....tutto il resto esentasse alla faccia di chi e' super controllato.

nicola franchino 27.07.06 16:24| 
 |
Rispondi al commento

non e' su tante piccole spese che lo stato riuscirebbe a recuperare i soldi evasi...
il vero guadagno andrebbe fatto sugli imprenditori e grandi societa' che evadono le tasse con prestanomi conti svizzeri ecc...
C'e' una cifra oltre la quale una persona e' considerata ricca???
no non c'e'...
pero' sicuramente la dichiarazione dei redditi e' un controllo molto semplice da fare per via telematica come si proponeva nella lettera...

es: i movimenti in banca nell' era del grande fratello vanno controllati... se uno emette un assegno per pagarsi una ferrari... DEVO andare a vedere che lui sia apposto con il fisco e che lo sia anche il rivenditore che incassa (come incassa e quanto incassa rispetto a quello che poi dichiara l' anno successivo...)...
Su grosse spese non si paga mai in contanti... ed e' sulle grosse spese che si recuperano le grandi cifre...
In America possedere una carta di credito e' molto piu' "schedante" che non un passaporto o una anagrafe... per avere una carta di credito devi passare dei severi controlli finanziari previdenziali ecc... e tutti i tuoi movimenti sono schedati ed indagabili a posteriori (quindi ci pensi due volte prima di commettere reati...).
Alla faccia della privacy in un mondo come quello italiano fatto di intercettazioni... chi possiede uno o piu' conti correnti deve essere controllato nei suoi movimenti (BANCA+POLIZIA)...
Non che le banche con la scusa della privacy chiudono un occhio cosi' sulle grandi cifre riescono a mettersi in tasca gli interessi che altrimenti non ci sarebbero... non che i grandi managers di banche riciclano il denaro sporco sui conti di noi umili lavoratori... e nessuno indaga su questi movimenti di denaro telematico...
E POI... LE BANCHE LE VOGLIAMO TASSARE?... I MILIARDI CHE LE BANCHE GUADAGNANO IN INTERESSI-MOVIMENTI ECC... non mi e' chiaro come vengano pagati allo stato (noi contribuenti dobbiamo pagare e loro no???)... e le ASSICURAZIONI... pescicani ancora piu' grandi...
ciao a tutti...
Stefano

stefano gallozzi 27.07.06 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Il segreto c'è: far scaricare tutto a tutti.

Si creerebbe un circolo virtuoso per cui io utente pretendo la fattura o lo scontrino fiscale, che posso scaricare.

Noi dipendenti non solo siamo surclassati a monte (tasse versate dal titolare) e a valle (irpef in busta, inps ecc.) ma poi con quei mille euri ci dobbiamo mangiare e quindi alla fine restano pochi cent.

Perché non scaricare le spese del supermercato e varie?

Alla fine si vedrebbe quanto rimane ad un piccolo diavolo e alla fine dal dentista, idraulico, falegname ecc, chiederebbe la fattura, in quanto spesa detraibile.

Tanto - si sa - bisogna sempre cominciare dal basso!

Luigi Borgognoni 27.07.06 16:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate ma non è vero che solo i dipendenti pagano le tasse. Solo le persone oneste che credono nel loro Paese pagano le tasse! Io sono un libero professionista e le pago sino all'ultimo centesimo. Se non l'avessi fatto sarei ricco ma preferisco non vergognarmi davanti a mia figlia e non scendere al livello del mio vicino di casa, che ha la villa enorme, la bmw, lo "smartino"; mi domano che cazzo se ne fa e se vale la pena di rovinare un intero Paese per una automobilina e una casa dove ti ci perdi! Boh! Francamente non li capisco. Li vedo con le loro cosucce, i loro gioiellini, automobiline, barchini, ville con piscina, vanno ogni estate a fare i coglioni in costasmeralda...si danno un sacco d'arie e, in fin dei conti, sono pieni di problemi e fanno una vita di merda. Hanno i figli scoppiati che la finiscono cocainomani e da grandi saranno peggio di loro; sono pieni di amanti che vanno con loro solo per i soldi; le mogli, normalmente, o sono ignare di tutto o li cornificano come e quando possono; dormono male la notte...e in più, soprattutto, creano enormi problemi a tutto il Paese e sono e saranno sempre dalla parte del torto. Ma ne vale la pena? Non sono ricco e non mi arrichirò mai perché pago le tasse, e ne sono fiero, come sono fiero della parte buona e onesta del mio Paese; SIAMO NOI I VERI CAMPIONI DEL MONDO.

Sergio Diana 27.07.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Anche a me è capitato qualcosa di simile come al nostro amico.
Faccio il commerciale per una multinazionale. Nel 2003 ho presentato un mod. 730 per circa 80.000 euro ed ho piacevolmente scoperto di essere stato, almeno per un anno, tra i più ricchi d'Italia!!!!
Opero quotidianamente nell'ambito pubblico e, anche se rischio di andare fuori tema, posso assicurarvi che lo schifo in Italia fa molto, ma molto, più schifo di quello che ci raccontano in televisione. Siamo completamente 'immersi' nell'illegalità, nell'abusivismo e nella corruzione. Dobbiamo renderci conto che l'evasione fiscale è solo la risultante di un sistema paese marcio dalla testa ai piedi. Marcito e putrefatto in maniera oramai irreparabile.
- Il mio vicino di casa ha fatto completamente ristrutturare, ovviamente a nero, un appartamento di circa 150 mq da un piccolo 'imprenditore' edile che di professione fa il poliziotto. Ovviamente utilizza rigorosamente manovalanza extracomunitaria, clandestina e pagata a nero
- Il ginecologo che ha in cura mia moglie (aspettiamo due gemelle) non si è mai degnato di farci una ricevuta. Questo mi fa incavolare ma così risparmio 50 Euro a visita. Per contro lui è proprietario di un intera palazzina liberty nel centro di Roma e non so che altro. Ovviamente è anche primario in un ospedale pubblico.
- Personale dell'ospedale pubblico dove vorrei far nascere le mie bambine chiede 500 Euro (ovviamente a nero) per garantirti un posto al reparto ed un occhio di riguardo da parte del personale paramedico. 500 Euro a mamma è una bella somma tanto per arrotondare lo stipendio
- Il mio meccanico sotto casa, che conosco da una vita, ed è pure un bravo diavolo, non sa neanche come si compila una ricevuta fiscale, ammesso che sappia cosa sia
- Il medico della mutua che ha tra le sue specifiche mansioni anche le visite a domicilio si prende 70 Euro, a nero, per venire a casa in caso di emergenza

Giorgio Piersolari 27.07.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

antonio di pietro a ragione anzi,ragionissima
non possiamo lasciarci governare da questa massa di opportunisti nullafacenti.
Beppe,dobbiamo organizzare una grande e forte manifastazione contro l'abuso di potere politico.
l'italia soffre,l'italia degli italiani onesti e lavoratori,l'italia dei cittadini truffati e costretti a veder sfumato il suo sogno di giustizia a causa di imbrogli subiti.
non possiamo permettere che ci mettano i piedi in testa,dobbiamo reagire e urlando a voce alta,in modo che possano sentire il nostro disgusto in tutto il mondo.
BASTA CON QUESTO SCHIFO DI FAVORITISMI!!!!
BASTA FAVORIRE LE PERSONE PEGGIORI!!!
LO STATO SIAMO NOI E ALLORA NOI DOBBIAMO FARCI SENTIRE!!!
NOI COMANDIAMO PERCHè LA COSTITUZIONE DICE CHIARAMENTE CHE IL POTERE è DEL POPOLO E NON IN MANO A QUATTRO POLITICANTI CORROTTI.
BEPPE,TI PREGO,AIUTACI AD URLARE!!!!
IO VORREI FARE DI PIU' MA COME....

pighetti morena 27.07.06 16:11| 
 |
Rispondi al commento

sono d' accordo con te e apoggio incondizionatamente la tua idea di far pagare le tasse cosi com l' hai programmato.
però! tu sei un dipendente e guadagni tra i 100.000 e i 200.000 euro all' anno senza investire niente di tuo.
Io sono titolare di attività di conselenze tecniche per imprese, ho inziato l' attività ad agosto dell' anno scorso e ho denunciato 12.000 euro e ho gia presentato la dichiarazione dei redditi.
Ma lo sai che sto aspettando di incassare fatture per 3.000 euro da settembre dell' anno scorso e non c'è nessuno che mi tuteli? Ah! su queste fatture ho versato l' I.V.A.
e poi guaedati intorno: i nostri dipendenti devono tagliare del 10% le spese dei ministeri e ne aprono altri 9?
come inizio del mandato pensano bene di andare a pagare 40.000 euro per l' affitto di un avilla a Perugia, perchè a Montecitorio non potevano farlo il summit?
Mi fermo qui.
anche se so che questa non sarà pubblicata perchè contrari alla Vostre idee.

Giovanni Verrecchia 27.07.06 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Se paghi tutte le tasse ti dissanguano.....non puoi pagarle tutte, un libero prefessionista che cerca di arrangiarsi lavora fino a maggio solo per pagare le tasse. E poi c'è già un grosso spreco di denaro pubblico così, figuriamoci se dovessero arrivare tutti i soldi evasi! E poi, se la classe politica che governa è ladra, perchè uno si deve sentire in colpa se cerca di prottegere un pò del suo guadagno? Certamente ci sono i furboni che ne hanno tanti ed evadono comunque, ma c'è una grossa fetta della popolazione che, come si dice dalle mie parti, "riesce a starci dentro". E poi quando vedo carabinieri che gestiscono un bar intestandolo alla moglie,e hanno pure le ferie pagate....(cazzo, io sono dieci anni che non vado in vacanza, e se ci vado nessuno me le paga), oppure finanzieri che in casa hanno il centro di pirateria musicale,poliziotti che giocano a fare i boss del quartiere,e questo tanto per citarne qualcuna,a sto punto sapete che vi dico, ma andate tutti affanculo!!! Altro che ladro tre volte!!!

FABIUS FABIUS 27.07.06 15:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SEMPLICE CONSTATAZIONE!:
Ogni attività economica primo o poi conosce una transazione monetaria

Sarebbe sufficiente che ogni transazione fosse effettuata con moneta elettronica o per lo meno trasformata e memorizzata con questo sistema tecnico facimente attuabile e completamente ed efficacemente a nostra disposizione.
Per le attività economiche adempiute da cittadini di elevato rilievo sociale (Presidenti di ogni genere, Parlamentari, Professionisti di alto lignaggio, ecc.) sarebbe opportuno imporgli l’obbligo di ogni pagamento, con LA MONETA ELETTRONICA. Per quanto concerne la popolazione occorrerebbere degli incentivi all’utilizzo della moneta elettronica rimborsando un 2-3 % di sconto su tutti i pagamneti che venissero effettuati con questo sistema e corrispondendo l’importo attraverso un rimborso mensile da parte di istituti dello stato (ad esempio la Guardia di Finanza).
L’onere del rimborso sarebbe ampiamente rimediato per la diminuzione dell’evasione fiscale che tale sistema incentiverebbe data la facilità dei controlli incrociati che potrebbero essere facilmente esercitati standosene comodamente seduti davanti al monitor di un computer, tenendo conto che questo metodo si potrebbe applicare in particolari settori economici od in particolari zone del paese ad alta incidenza evasiva.(alcuni degli ultimi provvedimenti del governo Prodi stanno finalmente andando verso questa direzione.
Basta con le lamentazioni! Occorrono fatti e provvedimenti concreti contro l'evasione fiscale. I discorsi sullo stato ladrone sono sciocchezze da vendere per i gonzi creduloni. Dietro il paravento dello Stato ci sono i furbacchioni in carne ed ossa che con le frasi demagogiche tipo: "Meno Stato più mercato" stanno saccheggiando la società, stanno distruggendo una civiltà.

Emidio Antonino 27.07.06 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Lo sapete che la maggior parte degli extracomunitari che sono liberi professionisti intascano: i soldi delle fatture fatte per lavori sottocosto, non le registrano e quindi rubano: contributi, tasse erariali ed un bel 20% d'IVA. Ne ho le prove!
Il tutto con il bene tacito di sti politici del cazzo che altro non sono che dei falliti pieni di buone parole e di promesse, dico: almeno una mantenuta ogni tanto allarga le gambe, questi ce lo mettono in culo!!!!!!

mauro di destra 27.07.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nella vergogna altra vergogna...

Il guardasigilli Mastella era assente durante la seduta di approvazione...

E questi sono i nostri rappresentanti!

Alfonsina Massa 27.07.06 15:49| 
 |
Rispondi al commento

C'è anche un quarto ladrocinio: stavolta ai danni dei nostri dipendenti ministri: dovendo finanziare un minor numero di scuole, ospedali, strade... prenderanno un minor numero di bustarelle...!

Boris Longojev 27.07.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".