Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Lavorare uccide


sicurezza_sul_lavoro.jpg

4 lavoratori al giorno moltiplicati per 300 (togliamo qualche giorno festivo) corrispondono più o meno 1200 lavoratori defunti ogni anno sul luogo di lavoro. Se uno sopravvive al traffico (20 morti al giorno) e arriva sul cantiere non può lamentarsi. Ha comunque aumentato la sua possibilità di sopravvivenza. Ma se viene solo ferito e portato all’ospedale la situazione si fa critica, perchè una parte delle infezioni mortali è contratta proprio in ospedale. E’ una giungla d’asfalto e di virus. Dodici anni fa il governo ha emanato un decreto legge, Dlgs 626/94, sulla sicurezza e igiene sul lavoro. E’ stata creata la figura del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls). Figura spesso malvista dal datore di lavoro, che pensa ai costi, e talvolta anche dai lavoratori che preferiscono non sottoporsi a norme anche quando dovrebbero farlo. Osservate nei cantieri quanti portano il casco pur avendolo in dotazione. Mancano dei controlli. Le sanzioni sono rare e insufficienti. Manca una cultura della sicurezza e igiene sul luogo di lavoro. Una cultura che andrebbe insegnata a scuola e diffusa dai media con grande importanza.
I morti sul lavoro sono una contraddizione in termini, non dovrebbero esistere. Quattro morti al giorno all’imprenditore tolgono i costi (sulla sicurezza) di torno, ma restano le bare. La scorsa settimana a Pisa un operaio è morto schiacciato sotto tre lastre di vetro, un altro è morto investito da un Tir mentre falciava l’erba sull’autostrada del Brennero, un muratore è morto a Frosinone cadendo da un’impalcatura. Ci sono anche gli infortuni non mortali, che possono però causare danni irreversibili. Sono un milione all’anno, una bella cifra tonda. Facile da ricordare. Capisco che l’Iraq sia importante, che l’Afghanistan sia fondamentale, che il Kossovo sia in agenda. Ma la strage sul lavoro non lo è di più? Ogni anno abbiamo centinaia di Nassiriya senza il corredo di messe cantate e la presenza dei vertici dello Stato. Per essere un morto buono per i titoli dei tg e dei giornali e per i segretari di partito bisogna fare il militare?

E’ nata un’associazione, la “Rete degli Rls”, formata dai Rappresentanti per la sicurezza regionali, per promuovere la sicurezza sul lavoro. E' stato chiesto a Ballarò di affrontare il tema, nessuna risposta. Così pure dai quotidiani nazionali. Questo blog è invece a disposizione per dare quotidianamente informazioni sugli incidenti mortali sul lavoro per ignavia o per profitto.

Scarica l'ultimo numero del magazine Scarica "La Settimana" N°26
del 3 luglio 2006

3 Lug 2006, 16:29 | Scrivi | Commenti (1261) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Caro Beppe spero tanto che ti occupi anche delle grandi cooperative di pulizie che prendono gli appalti.Vieni, vieni a vedere come lavoriamo, in che condizioni, con quali stipendi e come ci trattano.SONO SICURA CHE TI METTERAI LE MANI NEI CAPELLI.Grazie

caterina c., roma Commentatore certificato 06.03.13 23:29| 
 |
Rispondi al commento

http://www.obbligoinformativo.it/
Volevo invitarvi tutti voi ragazzi a firmare la petizione -recandovi al sito sopra- contro le morti bianche! Una denuncia e una richiesta ke solo uniti e in molti possiamo far passare, firmare la petizione, affinchè il ministero del lavoro assuma, dalla graduatoria 1000 ispettori x aumentare i controllo e diminuire le morti! I fondi ci sono ma come al solito per giochi politici -auto blu, e amici da piazzare, sprechi, ecc- nn vengono assunti! Mentre ci sn i soldi per assumere 350.000(!) "lavoratori" precari nullafacenti -v. Report 20-05-2007- coloro ke sn necessari nn hanno i fondi per l'assunzione!!! Io sn un figlio di un morto bianco, lui lavorava come camionista sù e giù x l'Italia, fino a ke nn è morto investito da un altro camionista ubriaco! Regolarmente era in nero e sottopagato...!!!
Se vogliamo ke qualcosa cambi, dateci una mano e firmate la petizione, otterremo meno morti bianche, più rientro fiscale e meno tasse x tutti coi soldi recuperati ai sfruttatori negrieri moderni! Aiutatemi! grazie a tutti amici, e passate parola...

zannini cristian 22.05.07 11:34| 
 |
Rispondi al commento


Ciao Beppe.

Condivido in pieno.Pensare che in Italia sul lavoro muoiono 3-4 persone al giorno, un numero impressionante, maggiore del numero di soldati americani che muoiono in Iraq al giorno. Una situazione drammatica,tragica e indegna, la sicurezza sul lavoro uno degli indici secondo me più importanti e rappresentativi di un paese democratico libero e di civiltà.E quella lunga e pare interminabile lista di vite spezzate sul lavoro,e quei nomi che non vengono mai citati, nomi dimenticati di lavoratori come me,come noi. Lavoratori non tutelati.
C'è da augurarsi che questa strage venga fermata realmente,una volta per tutte,non a parole ma a fatti concreti.. che non vincano l'indifferenza l'omertà e i poteri forti come da troppo tempo accade..
E basta con ignobili sistematiche propagande e demagogie politiche che non fanno altro che aizzare pruriti da italietta presuntuosa e provinciale..
Saluti

D'Arino Pasquale 08.04.07 17:49| 
 |
Rispondi al commento

vorrei parlare del lavoro nella mia citta'"Cosenza" sono 16 anni che lavoro di cui 12 in nero con orari di lavoro da cinese e in piu ho una causa di lavoro con il mio ex datore.Come me ci sono molti se non tutti i giovani della citta' (eliminati i figli di politici e figli di papa')adesso io mi kiedo dove sono gli ispettori del lavoro? mai visto uno in 16 anni.Ho lavorato in attivita' commerciali dove il 70 % delle persone erano in nero, con solo 2 settimana di ferie all'anno e 55 ore lavorative la settimana con mansioni di tutte le tipologie e stress psicologici da parte del datore..... Io mi devo reputare fortunato anche se ho lavorato in queste condizioni perche c'è chi sta peggio di me e sono in molti fidatevi .Oggi a 36 anni forse ho trovato un datore di lavoro serio e vorrei sistemarmi cioè fare una famiglia ma con 1000 euro al mese come si fa? forse se avessi iniziato a lavorare in questo modo 16 anni fa avrei messo un gruzzolo da parte per comprare una casa (quando meno un buon aconto)considerando che nella mia citta per comprare 80mq di cada servono circa 120.000 euro e un posto letto da affittare costa circa 150 euro vista la presenza dell'universita'.Purtroppo sono stato molto sintetico causa i 2000 caratteri ma ci sarebbe da scrivere una enciclopedia sui soprusi dei datori di lavoro .Questo mio sfogo è lo sfogo di tutti i giovani di Cosenza che non riescono a trovare un lavoro decente e che siamo in condizioni disperate quindi scusatemi se vi ho depresso un po . ciao un grosso saluto a Beppe Grillo

giampaolo cosentino 23.08.06 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Collaboro dal 2002 con un Ingegnere, esperto in sicurezza sul lavoro, e Responsabile della sicurezza di diversi Enti/Aziende. Nel mio piccolo, soprattutto durante i corsi di formazione, cerco di diffondere un minimo di quella che giustamente chiami "cultura della sicurezza" e che spesso viene confusa dagli stessi lavoratori con la cultura della comodità: il casco in cantiere è scomodo, quindi "inutile", l'aria condizionata in ufficio è comoda quindi "utile", quindi "rivendicabile".
E la gente muore...
Mi è capitato di sottolineare durante i corsi di formazione che, dati i costi delle assenze causate da infortuni e/o malattie legate all'attività svolta dal lavoratore, un Datore di Lavoro lungimirante dovrebbe avere interesse a diminuirli intervenedo a monte per garantire maggiormente la sicurezza in azienda...Ma ormai non ci credo più nemmeno io.
Il Datore di Lavoro lungimirante è un personaggio di fantasia: lo dimostra il fatto che è veramente difficile trovare clienti, interessati anche soltanto a far valutare i rischi presenti ed elaborare piani e procedure di emergenza efficaci.
Eppure spesso la messa a norma dell'attività (ai sensi del D.Lgs. 626/94 e annessi e connessi) richiederebbe uno sforzo economico minimo, se paragonato ai costi di eventuali sanzioni (e fateli 'sti controlli!)e, soprattutto, ai costi delle perdite in termini di vite umane troncate, o distrutte.
Beppe, la frase "sei tutti noi" io la considero generalmente una sciocchezzuola da stadio ma, riferita a te, trovo che abbia un senso perchè veramente ti sforzi di essere molti di noi.
Valeria

Valeria Giuliani 28.07.06 13:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho fatto per anni formazione per promuovere la sicurezza sul pòosto di lavoro, alla fine ho deciso di smettere perchè ho scoperto che tutte le aziende in cui operavo erano interessate a svolgere i corsi soltanto per rispondere al decreto legge, ma all'atto pratico nel momento stesso che me andavo ricominciava tutto come prima. Il problema che in azienda mettono costantemente la sicurezza al secondo posto dopo la produttività, e i lavoratori per evitare guai si adeguano. La sicurezza non fa parte del "core business" aziendale, e quindi spesso i responsabili vengono scelti fra le persone che l'azienda ritiene meno produttive e meno efficaci, con il risultato di rendere l'ufficio addetto alla sicurezza il fanalino di coda aziendale.
Purtroppo a volte gli stessi sindacati e rappresentanze chiudono un occhio per il quieto vivere, anche perchè, occorre ammetterlo, la sicurezza non è spesso vista come una virtù ma come una pecca. Il vero macho cambia i "pezzi al volo", senza fermare la produzione, mi confessava più di un addetto alla manutenzione, altrimenti si corre anche il rischio di essere presi in giro dai colleghi.
Spero che la cultura possa cambiare, ma senza un'attenta promozione in tal senso sarà lunga.

marco mariucci 18.07.06 10:36| 
 |
Rispondi al commento

ma... tra gli onorevoli wanted, perche' non si vede il nome del dipendente rutelli?

massimo piacentini 11.07.06 15:28| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe grillo volevo sapere come si fa ad appurare se il nostro guardasigilli va alla finale di berlino con i soldi dello stato o con i suoi. Visto che non faceva parte della delegazione ufficiale e non c'era un convegno sulla giustizia a chi chiedere spiegazioni in merito? Fermiamolo in tempo sennò lo vediamo in Cina con 50 persone al seguito come insegnò la buonanima di Craxi.
Un saluto e grazie di essere un punto di riferimento.

roberto affatato 11.07.06 15:13| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE!!!
ANCHE GLI INCIDENTI SUL LAVORO SONO MANNA PER IL BUSINESS DEI TRAPIANTI

oltre ALL'IGNAVIA E AL PROFITTO dei datori di lavoro, UCCIDONO LE FACILI DICHIARAZIONI DI COSIDDETTA “MORTE CEREBRALE” a cuore battente sentenziate da medici che hanno fame di organi per trapianti.

C'è una bella differenza fra essere morti o dichiarati “morti cerebrali” sulla base dei protocolli utilitaristici di Stato.
Se si sospendesse la dichiarazione autoritaria di "morte cerebrale" (data in 6 ore) e si curassero i traumatizzati negli ospedali più vicini al luogo dell'incidente invece di portarli negli ospedali maggiori (lontani), perdendo tempo prezioso, si dimezzerebbero il numero dei morti. (Guarda caso, gli ospedali maggiori eseguono ESPIANTI e TRAPIANTI).
Le statistiche non distinguono se uno è morto a seguito dell'incidente sul lavoro o a causa dell'espianto.
Ma business è business nella società dei mestatori.

Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente - Bergamo
www.antipredazione.org


Commento al post del 10 luglio sul razzismo.
Non ho capito bene il senso del discorso.
Cosa vuole dire : riconsegnare lo sport alla
razza ariana ?

Saluti
Tedeschi Giovanni

Tedeschi Giovanni 11.07.06 12:55| 
 |
Rispondi al commento

In ricordo di un giovane emigrante romeno tragicamente inghiottito in una fogna a Torino. ieri in un micro secondo sui telegiornali tutti in festa per il mundial e' passata la notizia del ritrovamento del corpo del giovane emigrante romeno di cui Carlo Grillo citava nel suo commento di alcuni giorni fa . Un micro secondo per uno scarno comunicato sul ritrovamento e per fortuna anche di denuncia sul fatto che lavorava con un suo collega marocchino per una fantomatica ditta siciliana forse gia' in odore di immigrazione clandestina.
In questo bel paese culla di tante belle parole succede come da sempre succedeva quel che non dovrebbe succedere ... lo sfruttamento della mano d'opera in questo caso extracomunitaria... quel che + pesa e ci deve pesare e' che questa mano d'opera era in questo caso per un subsubsub appalto pubblico.
Le domande a questo punto sono molte : Chi controlla queste forniture ? chi controlla che le ditte aggiudicanti lavorino con il minimo e indispensabile livello di sicurezza ? chi ? Ma questi controlli esistono davvero e non si limitano a pezzi di carta autenticati ?
In ogni caso dal 7/Luglio un giovane pieno di speranza non e' + tra noi, forse anche lui avrebbe tifato Italia insieme al quel tanto sventolato "resto del mondo" ""sicuro fautore indiretto "" dell'incremento del nostro PIL.
Ricordiamolo cosi come i tanti morti sul lavoro che ogni giorno in questo paese ""civile"" perdono la vita.


sergio borgaro 11.07.06 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Siamo in clima di vacanze ed allora mi sono messo a spulciare qualche sito di compagnia aerea per vedere cosa proponevano e con mio grande stupore, ho notato che al prezzo del biglietto va aggiunto per le tasse più del 50% del prezzo dello stesso.
Ma dico io cos'è una rapina? E non ti danno neanche più un biglietto per viaggiare ma una mail che devi provvedere da solo a stamparti.
Qualcuno sa dirmi che cosa includono le tasse e in che percentuale?

Grazie a tutti

Sandro

Alessandro Spedaletti 11.07.06 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, poche parole per chiederti una conferma oppure una smentita..
Molti giovani sono stati contattati da un certo Gianluca che dice di voler "fondare" un nuovo partito, quello dei giovani, www.partitogiovani.tk. Molte mail credo le abbia avute utilizzando proprio i vari meet up. A questo punto sorge spontanea la domanda, questo partito, questa organizzazione è una cosa valida o è una classica bufala?

Ciao grazie spero che tu abbia modo di ripondermi .
Sei grande!!

Riccardo Pagani 11.07.06 08:45| 
 |
Rispondi al commento

Sito nato da appena 1 mese. Voluto da persone che hanno collaborato per varie compagnie telefoniche italiane e ne hanno
fatto una parodia. Ma nel contempo il sito cerca di essere un passatempo con giochi, oroscopo, tarocchi, distruggiweb e
tanti altri passatempo,DOWNLOADs...
vieni anche tu nella nostra compagnia non telefonica e vedrai che "Teletue, perchè pagare di meno!!!"
http://www.emanuelemartellotti.it

emanuelemartellotti.it 11.07.06 01:19| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma mi sono appassionato. Ognuno ha le sue campagne. Grillo le sue. Io le mie.

La mia si intitola: "uso dell'italiano in alternativa al ghanese".

Sottopongo alla Vostra cortese attenzione questo periodo del Sig. Montana, e Vi chiedo una libera interpretazione.

Il sig. Montana, di cui potete leggere il post più avanti, ha un dubbio amletico: "Sarà davvero ignoranza?". A mio modesto avviso non c'è dubbio.

Cosa significherà?

Chi si avvicinerà di più al significato, ad insidacabile giudizio dello stesso Montana fedel seguace dei Grilli Ghanesi), potrà andare in Ghana alla festa afrogenovese.

Partecipate numerosi.

Ecco il brano, ammirate la prosa vibrante del Montana:

"La stessa persona ignorante vede il governo come il BENE e le mafie come fossero movimenti satanici, poi va in confusione quando si accorge che di fatto entrambe usurpando il potere sovrano dell’individuo e paradossalmente a quest’ultimo viene detto che siamo in democrazia e in un Paese prevalentemente Cristiano-Cattolico, ove vi sono regole da rispettare. Ragazzi ecco a che cosa porta l’ignoranza, ma sarà poi davvero ignoranza?"

Chi volesse approfondire le argomentazioni del Montana sul punto e/o volesse rintracciare il soggetto del periodo (sia l'analisi logica che quella grammaticale hanno miseramente fallito) può leggere più avanti il post nella sua interezza.

E' sconsigliata la lettura a cardiopatici, epilettici e a deboli di stomaco.

Saluti

Stefano Stefani 11.07.06 00:56| 
 |
Rispondi al commento

tutte le norme per la salvaguardia dei lavoratori sono spesso non attuate per l'inadeguatezza e la conseguente ingokmbranza dei suoi effetti che rendono, a volte, un lavoro veramente difficile.
Per non parlare delle imposizioni settimanali degli ispettori del lavoro che caricano di costi le aziende per continui adeguamenti, a volte giusti, a volte in malafede per puro tornaconto personale.
Invece di renbdere impossibile il lavoro a tutti, bisognerebbe cercare di lavorare su fattori personali di rischio, come l'inattenzione dovuta ad eccessiva stanchezza o cose del genere. Una persona con poche ore di sonno, anche se ben protetta rischia molto di più di un lavoratore senza protezioni ma che lavora con attenzione.
Dimenticando questi principi si è caricato di norme ogni cantiere che diviene quasi automaticamente attaccabile (quasi impossibile soddisfarle tutte, soprusi e costi aggiunti troppo marcati, imprese politico-fondate) per cui le rischieste troppo oppressive ed onerose vengono completamente trascurate.
Occorre una cultura di lavoro, sia per gli imprenditori, ma anche per i lavoratori stessi!!

Enrico Riccardi 10.07.06 19:45| 
 |
Rispondi al commento

ti ammiro da tempo ma la battaglia che hai condotto contro l'ITALIA "calcistica" è indegna di una persona intelligente quale tu sei, perchè se è vero come è vero che nel calcio c'è del marcio è altrettanto vero che la PATRIA l'INNO la BANDIERA sono cose insindacabili e incriticabili sempre e comunque soprattutto nei riguardi degli stranieri.L'orgoglio di un popolo malvisto anzi oserei dire odiato dal mondo intero si può manifestare e difendere anche attraverso una partica contro chi palesemente ti considera un reietto un inferiore un mediocre.La grandeur francais è naufragata su una testata del francese che tutti considerano un esempio di vita e di comportamento tanto che questo grande uomo crede di poterci prendere a calci o a testate senza nessun problema.NON difendo lippi non difendo gli juventini ma difendo L'ITALIA sperando che in questo paese prima o poi si ritorni serenamente e orgogliosamente ad urlare " VIVA L'ITALIA ".
andrea da roma

andrea mattioli 10.07.06 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo, il governo comincia a dare i suoi frutti, si possono vedere e toccare con mano. La finanziaria??? Va bene per i taxisti, anche se io sono contrario (basta vedere dove sono liberi, Albania, Romania, Serbia e qualche altra nazione), quando scendo all'aeroporto di roma e magari sono un irlandese, vorrei essere certo di chi mi ha caricato in auto. Tutte le pratiche di investimento bloccate, come mai??? Ma credo che sia per un piccolo dettaglio, ora le imprese che vogliono costruire una nuova sede o allargare l'esistente, non possono più recuperare l'I.V.A. come se stessero facendosi casa, non solo, a casa almeno l'I.V.A. è ridotta, mentre per i capannoni rimane al 20%. Grazie Prodi, grazie di cuore a nome di tutte quelle piccole ditte che avevano intenzione di ipotecare gli utili dei prossimi 20 anni per poter costruire una nuova sede. Ora magari gli stessi soldi li possiamo spendere per acquistare un barca senza I.V.A. all'isola di S.Stefano. Andiamo proprio bene............

Luciano Disi 10.07.06 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Giusto, ho 70 anni ma la memoria non mi tradisce, per ora, Lenin aveva detto che la morte di...... un servitore dello stato. e' uguale a quella di un lavoratore e deplorevole. ora invece assistiamo ad una sequela di messe con vescovi. minuscolo, cappelloni a varie fogge, non importa se le vedove riceveranno laute pensioni. mentre per i poveri lavoratori, magari cococo non e' certo sicura.....
Pellerey Mario

Pellerey Mario 09.07.06 19:37| 
 |
Rispondi al commento

...forse ci ho ripensato: volendo questi mondiali non sono poi così male

http://fuocoamare.blogspot.com/2006/06/blog-post.html

Gianpiero Romano 09.07.06 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Oh oh,ceeerto! Quei poveri imprenditori che stanno 7-8 ore seduti ad una poltrona,con davanti il suo bel computer portatile. O magari gli avvocati. Certo,,poverini,ma vi rendete conto? 8 ore davanti ad uno schermo! E la vista? Poveri....
Ma fammi il piacere! Il tuo è il solito commento di un berlusconiano convinto,che scrive senza ragionare! Quei poveri uomini sono morti per il loro lavoro. Guadagnavano un NIENTE,eppure campavano grzie a quello. Ma ragiona prima di scrivere!!


Si è vero ho 35 anni sono un operaio dall'età di 16 e di posti di lavoro ne ho visti ma di sicurezza poca veramente poca!!!
Da quasi 10 anni lavoro in una azienda metalmeccanica e c'è stato un notevole aumento di materiale per assemblaggio CANCEROGENO!
L'azienda dice che è perennemente in crisi e il nostro sindacato dice che se mandasse un vero controllo della A.S.L. competente chiuderemmo il giorno dopo.
Abbiamo proprio le mani legate!?

Gianluca Giordano 08.07.06 11:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Italia è la nazione più condannata dalla UE per aver mal recepito le direttive CE emanate in materia di igiene e sicurezza sul lavoro, a casa, a scuola e.....ovunque.
Gli alunni e gli studenti di oggi sono i lavoratori e datori di lavoro del domani.
Le scuole, che sono quelle istituzioni istituzionalmente preposte a creare la cultura ed anche quella della sicurezza, non posseggono la cultura della sicurezza e neanche si sforzano di acquisirla. Gli studenti studiano in edifici scolastici fatiscenti e pericolosi e senza organizzazione del lavoro.
Per avere un quadro generale della pessima situazione sulla sicurezza a scuola (e quindi anche sul lavoro), non potendo inviarvi allegati,
vi invito tutti a leggere il mio articolo dal titolo: "La sicurezza a scuola, reale o immaginaria?" pubblicato sulla rivista ufficiale nr. 66 della SNOP (Società Nazionale degli Operatori della Prevenzione) alla pagina 46 nella rubrica FOCUS al seguente link:( non riesco ad inserire il link in questo blog. Basta andare nel sito della SNOP e cercare il numero 66 della loro rivista trimestrale). Della SNOP vi fanno parte moltissimi degli organi di vigilanza in materia di 626.
Per evitare gli infortuni sul lavoro (il rischio se lo conosci lo eviti) quale migliore fucina se non la scuola dell'obbligo ed oltre la quale è frequentata sia dai futuri lavoratori che datori di lavoro? ma sembra che da questo orecchio non ci sentono. Cosa ne pensate? e tu Beppe?

Mimmo Didonna
e-mail: codacoba@tin.it
Codacons, area tematica "scuola sicura":

Mimmo Didonna 07.07.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Sono un consulente del lavoro della provincia di Salerno. Qualche giorno fa altre due donne, due lavoratrici sono morte per un incendio in una fabbrica di materassi; una delle due era appena 16enne. Vorrei lanciare una proposta per cercare di far diminuire, se non di far scomparire il sistema medioevale di lavoro in essere nella provincia di salerno. Come saprete, per alcune categorie di professionisti vigge l'obbligo di segnalare all' U.I.C. (ufficio italiano cambi), movimenti sospetti di denaro, con forti sanzioni a carico del professionista in caso di inadempienza, tali norme sono più note come legge antiriciclaggio. E se per il lavoro si facesse altrettanto: Il professionista che gestendo rapporti di lavoro per le proprie aziende clienti, nel momento in cui venga a conoscenza che la ditta cliente non applica le norme sulla salute e sulla sicurezza, corrisponde retribuzioni non congrue con i CCNL ecc. ecc. ne da immediata comunicazione al ministero del lavoro, il tutto accompagnato da sanzioni severe in capo sia al professionista omertoso sia al datore di lavoro che non rispetta le leggi.


Alessandro Romeo 07.07.06 17:54| 
 |
Rispondi al commento

cortoSicuro
Anmil lancia la seconda edizione del concorso cortoSicuro per la realizzazione di un cortometraggio dedicato alla prevenzione degli infortuni sul lavoro. L'invito è per i giovani con meno di 35 anni e con la passione per la rappresentazione cinematografica, che potranno presentare un'opera di durata inferiore ai 12 minuti
SE MAOMETTO NON VA ALLA MONTAGNA...

giorgia meneghel 07.07.06 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Ieri, 6 luglio, un ragazzo rumeno di soli 24 anni è scomparso inghiottito da un fiume di acqua e fango mentre stava lavorando a 15 metri di profondità in un canale fognario nei pressi della Pellerina, a Torino, grazie ad un appalto-dell'appalto per una ditta che si occupa di sostituire i gradini all'interno dei tombini per conto dell'AMIAT.
E' accaduto nel pomeriggio. Io ero passato su quella strada un paio d'ore prima, mentre imperversava un violento temporale, come i tanti che si stanno abbattendo in questi giorni nella zona. Ma lui come poteva essere lì poco dopo? Come si poteva ignorare l'alto rischio di ondate di piena? Quali erano le misure di sicurezza che stava adottando? Possibile che non fosse imbragato? "Forse è scivolato dal precario appiglio su cui trovava…forse travolto da un’onda di piena”, “il suo collega ha cercato di lanciargli una corda…”.
I pompieri hanno cercato invano il suo corpo fino a notte. Ora non c’è più.
La notizia è stata data dalle fonti locali senza scalpore, senza porre alcuna domanda sulle condizioni di sicurezza, con cruda “normalità”. Perché è normale morire a 24 anni in una nazione in cui hai cercato qualche spiraglio di vita migliore, tra le sue fognature, senza che sia nemmeno ricordato il tuo nome.

Carlo

Carlo Grillo 07.07.06 09:30| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buona notte a tutti. Giovanna

Giovanna Nigris 06.07.06 23:27| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di comunismo...

"L'Africa colonizzata dai cinesi"

La Cina sta investendo massicciamente in Africa ed è il principale consumatore di prodotti africani. Alcuni leader africani vedono l'invasione cinese come una grande opportunità di sviluppo, ma in realtà, come si addice ad ogni buon colonizzatore, la Cina fa esclusivamente i suoi interessi di grande potenza mondiale.

Per leggere il post clicca sul mio nome :)

Massimiliano Borella 06.07.06 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Si mi fa un"immenso piacere guardare la sicurezza, mà come sempre se tu vedi cè sempre un mà. Nelle nostre zone devi sapere che gli artiggiani come tanta gente guadagnano poco, e non è il costo del casco che fà paura o il costo dell"impalcatura, ma tutto l"insieme sono i contributi/e la forte richiesta del manovale bravino.
giù da noi è diventato un"inferno con la manodopera,
e ti spiego sulla mia pelle:
Oggi si trovano pochi quelli che sanno lavorare e per questo si abbusano della situazione e ci massacrano.

Voglio esprimere la mia;
Io sono un"artiggiano Fabbro e dovete sapere che nel mio paese ci sono oltre 15 officine con un sacco di mezzi masti che operano con le nostre officine e una smaniata di fabbro fai da tè che infinito e un comune che non da lavori a un paesano per paura del,io sò e tu non sai e mai ti farò sapere.

Allora io ti dico lasciami infrangere un pochino oppure prendiamo altre vie che solo tecnici che paghiamo possono risolvere e senza ammazzare quelli che come mè il sabato resta senza soldi ma paga tutti i collaboratori della mia piccola officina e in più pago inail per 2 operai e ti dico che non ci si arriva.
quando si è fatto male un mio collaboratore non stava in carica e pure abbiamo risolto e lavora ancora con mè, voglio dire dateci un pò di aria non sò in che modo ma non ci rovinate,
Ti spiego La mia giornata lavorativa:
La mia mente mi sveglia alle ore 6.30 una cacchina/una doccia/una barba se cè e via colazione e apertura alle ore 7.45 fino l"una se mi posso permettere per uno spuntino e via di nuovo fino alle ore 18.00 quando chiudo con l"Officina e poi via al pc. per mettere la ciornata al posto e poi qualche sviluppo di lavoro per il mattino seguente e poi cena verso le 20.30 e via al pc. per quello che era rimasto.
e poi prendo fiato con il tuo blog./qualche sfogliata di pagine/e mentre faccio tutto questo che ti fa sentire un pò solo appare la famosa vignetta di skipe che mi contatta con tutto il mondo, e grazie a tè

Carratù Pasquale 06.07.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento

ma per favore...che razza di post è questo...???tipica riflessione da comunista! perchè non menzioni il c***o che si fanno gli imprenditori per tirar su un'attività!!

giulia rossi 06.07.06 17:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non-riesco-a-chiarirmi-le-idee-sul-decreto-riguardante-la-liberalizzazione-degli-ordini-e-delle-licenze-ai-tassisti.
Mi-potete-aiutare

Claudia Lovato 06.07.06 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Sono un coordinatore per la sicurezza nei cantieri (D.Lgs. 528) e consulente di impresa per la sicurezza (RSPP D.Lgsl. 626). Mi piacerebbe che accanto alle sacrosante manifestazioni dei lavoratori sia data la parola a quelli che come me si battono, spesso inutilmente, affinchè i lavoratori usino i cosiddetti Dispositivi di Protezione Individuali. Non ci crederete, ma siamo visti nei cantieri come dei rompic.......(incredibile ma vero). Facciamo di tutto perchè sui ponteggi non salgano come scimmie, perchè usino i caschi, perchè usino i guanti, le cuffie, le cinture di sicurezza, le scarpe idonee, le mascherine e via dicendo. Non ci crederete ma tutte le volte che vado nei cantieri devo sbraitare, mi devo incazzare affinchè gli operai lavorino in sicurezza, come se facessi i miei interessi piuttosto che i loro. Non riesco a capire perchè sia così difficile far intendere queste cose alle maestranze. nelle riunioni periodiche concludo dicendo "volete tornare a casa e farvi una bella sc.... o finire, nella migliore delle ipotesi, in un letto di ospedale?".
Noi coordinatori cerchiamo di far rispettare le regole necessarie per salvare la vita degli operai e, come ho scritto prima, siamo visti come dei rompic.....Boh, aspetto smentite.

giuseppe blandino 06.07.06 13:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

60 lavoratori alla settimana ( pendolari, rappresentanti, fattorini, ecc.) muoiono per lavoro sulle strade. Perchè non si applica la 626?
Perchè non intervengono i sindacati, Medicina Democratica, ecc.?
clicca sul nome sottostante per saperne di più


Abbasso la deregulation!! Io sono un architetto, lavoro da più di vent'anni, e vi assicuro che nel mondo dell'edilizia la deregulation esiste almeno da quando lavoro io. E i risultati quali sono? Morti sul lavoro. Ogni giorno. E infortuni, molto più spesso. Per non parlare delle malattie professionali. Ma avete mai visto quanto è vecchio un operaio dell'edilizia di 50 anni? Ne dimostra almeno 20 in più di qualunque altro. Eppure lavorare all'aria aperta è salubre!!
Ma i morti ci sono perchè per aprire un'impresa edile non hai bisogno di sapere niente, ti basta una carriola e una cazzuola, vai in camera di commercio e ti iscrivi. Sei libero di far lavorare chi vuoi, come vuoi, con ponteggi mal fatti, senza controlli sanitari, senza formazione. Anzi, tanti impresari sono così ignoranti che i loro dipendenti extracomunitari lavorerebbero molto meglio di loro, ma vengono bloccati proprio dal loro "padrone", e non solo per motivi di produttività ma spesso solo ed esclusivamente per ignoranza. Vai con la deregulation!!

Emanuela Dal Santo 06.07.06 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconcertanti notizie può trovarle qui:
http://www..... (poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buona giornata a tutti voi. Giovanna

Giovanna Nigris 06.07.06 09:28| 
 |
Rispondi al commento

INCENDIO IN FABBRICA: MORTE DUE DONNE, UNA AVEVA 15 ANNI

http://www.ansa.it/main/notizie/rubriche/approfondimenti/20060705181133980687.html

Lello Ciampolillo 06.07.06 08:13| 
 |
Rispondi al commento

Un consiglio a Prodi,perchè caro Romano invece di tartassare i poveri Taxisti e i poveri avvocati che pagano anche troppe tasse e che con quello che guadagnano riescono malapena a comprarsi una pagnotta al giorno non tassi un pò di più noi operai che di soldi ne abbiamo anche troppi e poi di certo non scioperiamo per 12 giorni di fila e nemmeno pensiamo lontanamente di fare la marcia su Roma.Su dai Prodi lasciali in pace quei poveracci squattrinati e tassa di più quei ricchi operai Italiani.

fabrizio fusani 06.07.06 00:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei portare alla vostra attenzione le condizione dei motocicli che i ragazzi "pizza espress" hanno in dotazione...............sono tutti motorini vecchissimi, senza specchietti e spesso senza luci e frecce segnaletiche........questi ragazzi, per guadagnare poco piu' di 5 eruo l'ora sono costretti ad usare questi veicoli obsoleti e pericolosi.........
E' possibile che societa' quali "Tipico" possano costruire un business (il servizio a domicilio dei loro prodotti) senza preoccuparsi della sicurezza dei ragazzi che lavorano per loro.
Se non ci credete o se pensate che i ciclomotori sono tutti in ottime condizioni andate in "Piazza 24 Maggio" a Milano all'incrocio con Ticinese...........li potrete vedere una decina di motorini che non possono essere considerati sicuri.
La pizza a domicilio e' un prodotto assai venduto nelle grandi citta'.........pensate pero' che quando comprate una pizza a domicilio un ragazzo sta rischiando la vita per portarvela a casa.
AIUTIAMO QUESTI RAGAZZI MI SEMBRA DOVEROSO

Marco Nardini 05.07.06 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Porto l'esempio della ditta per la quale lavoro io in provincia di Varese. Si occupa di distibuzione bevande. Ne avevo già parlato in "gli schiavi moderni" ma a quanto pare non è servito... Va bè, riproviamo.
Allora: i furgoni (tutti da guidare con patente B) sono vecchissimi, talvolta sprovvisti di cinture di sicurezza, specchietti retrovisori, fanali (se si rompono costa troppo farli riparare...). Gli autisti sono anche coloro che trasportano poi le casse di bibite ed i fusti nei locali, spesso senza scarpe antinfortunistica (che vengono fornite, ma è un po' difficile infilare il piede in una scarpa due numeri più piccola...). Per risparmiare tempo e denaro i dirigenti obbligano a caricare i furgoni oltre i limiti di legge: una eventuale multa - non certa, perchè non è detto che si venga fermati - costerebbe certo molto meno del guadagno così realizzato. Quando i trasportatori obiettano qualcosa in merito si sentono rispondere che tanto la multa la pagherebbe la ditta e che anche le eventuali spese per il recupero punti sulla patente se le accollerebbe la ditta (però se un trasportatore resta senza patente resta anche senza impiego, visto che molti sono assunti con contratto solo dopo aver firmato le lettere di dimissioni prive di data, che viene aggiunta appena il dipendente fa qualcosa che non aggrada ai dirigenti...). E se un furgone troppo carico, quindi con peso eccessivo, non riesce a frenare in tempo ed ammazza qualcuno sulla strada in galera chi ci va? Chi vive col rimorso?

Marco Torres 05.07.06 22:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la mia mail piero.maione@tiscali.it

piero maione 05.07.06 22:09| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe e carissimi voi tutti un gtran polverone e dell ICI sull immenso patrimonio ecclesiastico producente reddito esentasse non si sente più niente! neanche sul sito wwwgoverno c è traccia degli ultimi provvedimenti?! sul sito del giornale la repubblica però lo ho trovato ma andate a guardare al TITOLO 4 art 40 modifica disciplina esenzione ICI e poi qualcuno se lo capisce me lo spieghi!per favore scrivetimi direttamente alla mail grazie!

piero maione 05.07.06 21:58| 
 |
Rispondi al commento

esatto, in italia manca la cultura della sicurezza in ogni campo e ad ogni livello (vogliamo parlare di treni?).

il guaio, soprattutto negli ultimi anni, e' che in un mercato del lavoro dove chi ce l'ha si deve pure baciare i gomiti, il "fortunato" lavoratore non puo' star tanto a sindacare se rischia la pellaccia oppure no (per un malinteso senso di priorita', of course). sento tanto che gli edili chiedono finanziamenti da parte di stato, regioni, provincie e, perche' no, comunita' europea. e perche' mai? perche' il settore e' a rischio. ma non avevano fatto una legge apposta per l'esenzione fiscale sulle ristrutturazioni? prova ne e' che ormai ogni citta' e' diventata un cantiere perenne. eppure si sentono ancora a rischio... e invece di fare un lavoro buono, badando alla qualita' invece che alla qualita', vanno ancora a pietire soldi allo stato.

come in tanti settori dell'economia italiana, non vige la legalita' e il buonsenso, ma solo una pecoreccia avidita' di soldi facili e senza tante rotture di santissimi (rappresentati invece da chi alla legalita', alla sicurezza, e agli altri valori della vita attribuisce un ruolo importante).

santo bersani, aiutaci tu! :))

marina pianu 05.07.06 21:07| 
 |
Rispondi al commento

il lavoratori del settore aereo sono nei guai, ne farà le spese la sicurezza dei viaggiatori?

www.provatieconsigliati.net/maintenance.htm
www.infoair.it/phpBB2/viewtopic.php?p=1616&
www.md80.it/bbforum/manutenzione-velivoli-in-italia-vt6494.html

3 URL che vi apriranno gli occhi sul trasporto aereo (manutenzione) in Italia

Bob Caprai Commentatore in marcia al V2day 05.07.06 20:13| 
 |
Rispondi al commento

NON DIMENTICHIAMO CHI NEI LUOGHI DI LAVORO E' DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE ESPOSTO A CANCEROGENI E MUTAGENI. I TUMORI POSSONO ESSERE LA RISULTANTE DI ESPOSIZIONE A SOSTANZE CANCEROGENE AVVENUTE ANCHE MOLTI ANNI PRIMA (VEDI ASBESTO) NEL POSTO DI LAVORO OLTRE CHE NELL'AMBIENTE DI VITA. IN ITALIA OGNI ORA 58 PERSONE SI AMMALANO INSOSPETTABILMENTE DI CANCRO. NELLO STESSO TEMPO NE MUOIONO 22.

LE CATEGORIE A RISCHIO SONO:

- CHI LAVORA CON COMBUSTIBILI (BENZINA, PETROLIO) E CON I PROCESSI DI COMBUSTIONE
- CHI LAVORA NEI PROCESSI DI TRASFORMAZIONE DI GOMMA, MATERIALE PLASTICO E PVC
- CHI LAVORA NELLA SIDERURGIA E METALLURGIA
- CHI LAVORA NELLE CARTIERE
- CHI LAVORA NELL'EDILIZIA
- CHI LAVORA CON LE VERNICI
- CHI LAVORA AL TRATTAMENTO DEL PELLAME
- CHI LAVORA NEL TRAFFICO URBANO E STRADALE
- CHI LAVORA CON I TUNER DELLE STAMPANTI
- CHI LAVORA NEL TESSILE
ETC.

MOLTISSIME DELLE SOSTANZE POTENZIALMENTE PERICOLOSE NON ESSENDO CONSIDERATE COME TALI NELLE LISTE IARC NON POSSONO ESSERE PRESE IN CONSIDERAZIONE DAGLI ENTI CHE SI OCCUPANO DI SICUREZZA NEL LAVORO. QUESTE NON RAPPRESENTANO DUNQUE ALCUN ELEMENTO PROBATORIO AI FINI DI UN RISARCIMENTO.

Mauro Ceppaloni 05.07.06 19:49| 
 |
Rispondi al commento

sono un consulente per la sicurezza, alcune note che mi paiono interessanti:
- ufficialmente il numero dei decessi ogni anno è pari a 1200/1300, ma qualche anno fa a qualcuno è venuto in mente di chiedere all'INAIL (a cui l'ISTAT annualmente chiede il n. dei decessi) che cosa sia un "decesso" .... risposta: "un decesso è un evento che da luogo ad un risarcimento" ... non dimenticate che i ragazzi dell'INAIL sono degli assicuratori ... ma chi è risarcibile? gli eredi in linea ereditaria, vale a dire solo i figli e il coniuge, non i genitori del deceduto, non il compagno/a convivente, non i nipoti o i fratelli!!! sapete quanti sono i "non risarcibili"? circa 300 ... il numero VERO dei morti sul lavoro è quindi intorno ai 1600/anno
- purtroppo è vero che molti degli infortuni gravi avvengono per diretta responsabilità dello stesso infortunato, ma non tutti gli infortuni!
- purtroppo è vero che in molte aziende la sicurezza è vista solo come un inutile costo, ma non in tutte le aziende!
- non dimentichiamo il numero di morti da incidenti stradali, varia da 6 a 8000 OGNI ANNO!!

occorre cultura della sicurezza. lo hanno scritto già in tanti nel post, lo ripeto anch'io, ne occorre davvero tanta, a tutti i livelli

sandro birello 05.07.06 18:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

S P E R I A M O C H E L ' I T A L I A P E R D A

è l'unica apossibilità che abbiamo di salvare il calcio dalle quattro squadre che hanno rovinato il calcio. Se l'Italia perde le quotazioni dei giocatori della nazionale scenderanno paurosamente come invece sono aumentate fino a qui e badate bene questi soldi finiranno nelle tasche delle societa ai quali i giocatori appartengono.
andate a vedere le quotazioni dei giocatori subito dopo lo scoppio degli scandali e poi confrontateli con adesso che l'Italia vince. Beppe dillo tu che sei più bravo di me, se l'Italia vince le squadre che hanno fornito i giocatori avranno un rientro di capitali spaventoso che consentirà loro di non fallire come meritano. E la maggior parte dei giocatori lo sanno tutti di chi sono.

S P E R I A M O C H E L ' I T A L I A P E R D A

Franco Rossi 05.07.06 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il lavoro....ma e' l'aggettivo giusto? o schiavismo sarebbe piu idoneo??
Gia...nel terzo millennio suona difficile ma basta scendere dal podio del benessere per capire che lo schiavismo esiste!!!
Molti lavoratori(e parlo del sud) per meno di 800 euro al mese sono tenuti a svolgere orari e mansioni massacranti pur di conservare un posto da schiavo...
Cosa fare allora? ribellarsi per far valere i propri diritti sia in termini di sicurezza che umani?
Certo ne abbiamo il diritto... Ma Il mio caro schiavo si ritroverebbe a riempire le liste di collocamento in servitu'di statistiche
nazionali...
Questa e' la realta' del Sud!!!
Scegliere se morire da schiavo o di depressione..

marcello de cicco 05.07.06 14:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per tutte le personcine dalle menti eccelse che criticano la rivolta tassista e dicono che è caro il prezzo, probabilmente avete un posto fisso, uno stipendio la tredicesima e le ferie pagate, l'assicurazione la pagate il 30% in meno e sicuramente non dovete fare il collaudo 3 volte l'anno e avete i contributi gia'pagati in busta paga, se il taxi vi sembra caro cari ciccini non prendetelo prendete gli autobus pullulanti di gente, con taccheggiatori, il taxi offre il servizio veloce e sicuro (se le corsie preferenziali non fossero preferite da automobilisti incivili) in quanto ai metalmeccanici e alle altre associazioni che hanno scioperato il tassista è stato sempre a favore di chi scioperava, anche dei cari cugini francesi.
Se una tariffa vi sembra troppo alta non fate gli sprovveduti incazzati che fanno solo vittimismo prendete il numero di licenza taxi sempre posto ai lati della vettura e anche all'interno,fatevi rilasciare una ricevuta e chiamate la centrale per avere informazioni e/o per denunciare il soppruso,se poi siete ancora piu'furbi e volete fare la tariffa senza tassametro sono problemi vostri, dovete far accendere il tassametro e sopratutto non dovete prendere gli abusivi che sono quelli che alla fine fanno prezzi spaventosamente alti, invece che stare li'a discriminare e sparare cazzate informatevi. L'eta'pensionabile non'è aumentata solo per gli operai ma per tutti.

Simona Selleri 05.07.06 13:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo con te beppe,
vai così
Alvise

Alvise Fossa Commentatore in marcia al V2day 05.07.06 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Porto l'esempio della ditta per la quale lavoro io in provincia di Varese. Si occupa di distibuzione bevande. Ne avevo già parlato in "gli schiavi moderni" ma a quanto pare non è servito... Va bè, riproviamo.
Allora: i furgoni (tutti da guidare con patente B) sono vecchissimi, talvolta sprovvisti di cinture di sicurezza, specchietti retrovisori, fanali (se si rompono costa troppo farli riparare...). Gli autisti sono anche coloro che trasportano poi le casse di bibite ed i fusti nei locali, spesso senza scarpe antinfortunistica (che vengono fornite, ma è un po' difficile infilare il piede in una scarpa due numeri più piccola...). Per risparmiare tempo e denaro i dirigenti obbligano a caricare i furgoni oltre i limiti di legge: una eventuale multa - non certa, perchè non è detto che si venga fermati - costerebbe certo molto meno del guadagno così realizzato. Quando i trasportatori obiettano qualcosa in merito si sentono rispondere che tanto la multa la pagherebbe la ditta e che anche le eventuali spese per il recupero punti sulla patente se le accollerebbe la ditta (però se un trasportatore resta senza patente resta anche senza impiego, visto che molti sono assunti con contratto solo dopo aver firmato le lettere di dimissioni prive di data, che viene aggiunta appena il dipendente fa qualcosa che non aggrada ai dirigenti...). E se un furgone troppo carico, quindi con peso eccessivo, non riesce a frenare in tempo ed ammazza qualcuno sulla strada in galera chi ci va? Chi vive col rimorso?

Marco torres 05.07.06 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...forse ci ho ripensato: volendo questi mondiali non sono poi così male

http://fuocoamare.blogspot.com/2006/06/blog-post.html

Gianpiero Romano 05.07.06 09:34| 
 |
Rispondi al commento

BBBBAAAASSSSSTTTTTTAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11
per chi vuole partecipare i modo vero e sincero
ad uno scambio libero di idee e opinioni
la guerra dei poveri la dovete vincere voi
vieni a votare
commenti espressioni idee cpricci desideri
questo blog è per voi coraggio liberiamo l'informazione
- Jurassic RAI "l'era del menopeggismo" di marco travaglio
- misteriose fiduciarie nel mondo del calcio
-ici
-KENNEDY
-liberalizzazione
-geopolitica americana
-ilva di taranto
-cosa ne pensi delle droghe
- DENUNCIA CONTRO LA BANCA D'ITALIA E LA BCE
da parte della n o euro
-Il reddito monetario delle banche centrali
-al zarqawi una vittoria democratica o mediatica?
-iraq la guerra del petrolio e la strage nascosta
-il signoraggioe la guerra dei poveri
-i retroscena della guerra dei balcani
-le dichiarazioni dell'ultimo superstite delle torri gemelle
-AREA 51
-CASO MOGGI e le dichiarazioni di berlusconi
-BERLUSCONI e l'art.21 della costituzione
-Quanto ci costano i parlamentari?
La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!
BASTA votare i pregiudicati

-vota ai sondaggi
COSA CHIEDERESTI A PRODI?

chi odi di più nel mondo della tv?
dove ha preso i soldi berlusconi?
dove vorresti la juve per la prossima stagione?
questo e tanto altro sul blog
La guerra dei poveri il blog della libera e coraggiosa informazione

http://handly.bloggers.it

mario draghi 05.07.06 08:42| 
 |
Rispondi al commento

Beh siamo arrivati alla frammentazione del lavoro(una volta c'era la divisione) che limita lo sviluppo di una forte coscenza di classe a tutto vantaggio dei padroni (che invece d'investire in sicurezza dei lavoratori innovazione, ricerca, giovani) chiedono al governo che abbia coraggio a tagliare sul costo del lavoro perchè altrimenti loro sono "costretti" a delocalizzare anche in altri stati dove e' più sfruttata la mano d'opera cn meno diritti. Poveri "conigli" loro dovrebbero investire è loro la colpa ma paghiamo sempre e solo noi e quando va bene il merito e' sempre e solo loro questi killer che per restare competitivi hanno troppa paura di investire e guadagnano soldi sulla nostra pelle e ci sfruttano. E' ora di finirla.

massimiliano dal buono 05.07.06 08:05| 
 |
Rispondi al commento

tutto quello che scrivi é vero io sono un rappresentante dei lavoratori e faccio più fatica a farmi ascoltare dai miei colleghi piuttosto che dall'azienda però bisogna dire che ci sono aziende che prendono e hanno preso soldi dall'unione europea e dallo stato italiano per fare formazione,e non l'hanno fatta oppure l'hanno fatta in modo incompleta.

pasetti luciano luca Commentatore in marcia al V2day 05.07.06 03:05| 
 |
Rispondi al commento

Si ma ricordiamoci di tutti, anche dei lavoratori autonomi e dei piccoli imprenditori che, molto spesso, condividono gli stesi rischi con i loro dipendenti.

eugeniopirisi del balzo 05.07.06 02:40| 
 |
Rispondi al commento

offtopic della dellamedianoche.
-----------sondaggio----------------


Quale fra questi paesi può venir considerato fautore di terrorismo?
[13 risposte]
Israele
Usa
Iran
Nord Corea
Palestina
Cecenia
Afghanistan
Russia
Iraq

vota su:

http://guerrillaradio.iobloggo.com/

alessandra arrigoni 05.07.06 01:16| 
 |
Rispondi al commento

La Corea del Nord lancia 6 missili, di cui 1 a lunga gittata finisce a 600 km dalle coste giapponesi.

http://today.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=topNews&storyID=2006-07-04T211648Z_01_PAR476598_RTRIDST_0_OITTP-KOREA-NORTH-MISSILE-PUNTO.XML&archived=False

http://www.ansa.it/main/notizie/ticker/2006-07-04_10411088.html

http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo317331.shtml

Mario Rossi 05.07.06 01:14| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di morti sul lavoro, ultim'ora su Mediavideo, morto un operaio ucraino stasera a Milano, era stato schiacciato da una gru in un cantiere.

Mario Remi 05.07.06 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Germania.......Prrrrr!!!!!

Bruno Zennaro 04.07.06 23:41| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un lavoratore militare e volevo far sapere che per noi è difficilissimo vedere applicata la 626/94 che viene spesso aggirata in nome di operatività e cause di forza maggiore, ma anche di tagli troppo repentini ai fondi stanziati.
Daide

Davide Andda 04.07.06 22:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io ho avuto un infortunio sul lavoro, non è stata una bella esperienza, sopratutto se sono le tue dita. E ancora non ho capito quanto gli costamettere in sicurezza le macchine, solo perchè si deve "produrre"? Ma quando si preoccuperanno dim chi sta dietro alla macchina?
Vai così Beppe, non ti fermare
Ciao
Alvise

Alvise Fossa 04.07.06 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei agggiungere un commento alla sicurezza sul lavoro, o quanto meno una mia opinione:
ho una piccola attività di ristorazione a Roma, e trovo incredibile che con una delibera regionale della Giunta LAZIO n°230 del 21/04/06 pubblicata sul BURL del 30/05/06, sia stato sospeso il rilascio ed il rinnovo dei libretti di idoneità sanitaria per alimentaristi...questo significa che chiunque vada a lavorare presso un ristorante o un bar, nella regione Lazio, non debba essere in possesso di documento alcuno per esercitare la professione di chef, cameriere, barman, etc.; è pur vero che il libretto sanitario era da tempo ridotto ad un mero controllo visivo, ma ciò non toglie nè che fosse giusta la precedente procedura di controllo, nè tantomeno l'abolizione totale del predetto libretto.
Io proporrei un controllo sicuramente più mirato sia per ciò che riguarda la salute dei lavoratori prima e durante il rapporto di lavoro, in vista di una tutela rafforzata per i lavoratori che dei clienti del locale ai quali viene somministrato cibo e bevande.

fabio

fabio de angelis 04.07.06 21:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se sono arrabbiati i taxisti che da poco anno comperato una licenza,lo sono stati anche quegli
operai che per pochi mesi si sono visti allungare l'età pensionabile di altri cinque anni,(che per molti lavori usuranti sono una eternità)quando il traguardo ormai era raggiunto.
Ma quando una cosa serve la persona responsabile
dovrebbe accettare in modo meno critico
taxista,farmacista,notaio,ecc,ecc,ecc.

fausto fornaciari 04.07.06 20:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


La guerra dei poveri
libera informazione

nuovo post


misteriose fiduciarie nel mondo del calcio

Fiduciarie nel calcio, che passione! I misteri dell’italica pedata non si esauriscono alle sole intercettazioni, riguardanti numerosi personaggi del pallone nostrano, come Luciano Moggi, Franco Carraro e i “figli di papà” della società di procuratori Gea World. Infatti, i padroni di alcuni club hanno trovato un modo perfettamente lecito di aggirare la disposizione prevista dall’articolo 16 bis delle Norme organizzative federali (Noif), la quale prevede che “non sono ammesse partecipazioni o gestioni che determinino in capo al medesimo soggetto controlli diretti o indiretti in società appartenenti alla sfera professionistica o al campionato organizzato dal Comitato Interregionale”.


http://handly.bloggers.it


mario draghi 04.07.06 19:54| 
 |
Rispondi al commento

'sera blog

è un caso o la giornalista di Liberazione ieri ha letto il blog di Beppe Grillo?

"I morti dei primi 6 mesi dell'anno"
omicidi bianchi,
il 15% sono stranieri
lo Spoon River dei cantieri edili..

la Fillea è il sindacato CGIL degli edili:
ridiamo forza al sindacato (non solo quello degli edili)
ma non deleghiamo, stiamoci dentro!

http://www.liberazione.it/
http://www.filleacgil.it/

Paola Bassi 04.07.06 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Adesso chi non fa rispettare la 626 in caso di morte non passa per il processo penale per omicidio colposo, ma basta pagare una sanzione amministrativa. Modifica fatta da alibabà e i 40 ladroni

Dino Tapperini 04.07.06 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, questo post mi riguarda personalmente. Mio padre è morto sul lavoro all'età di 35 anni quando io ne aveo 4 e mezzo. Una tragedia. Mia madre sola a 32 anni con due bimbi. Sono 24 anni che mio padre non c'è più. La sicurezza sul lavoro e le norme relative sono sempre continuamente disattese. Il mio lavoro mi porta a stare in strada ogni giorno, tante ore al giorno. Qui a Palermo chi si mette il casco protettivo è deriso, soprattutto nei quartieri periferici. La sicurezza nei cantieri è ridotta al minimo. Chi lavora, lavora spesso in nero e se si fa male, si fa male in nero. Non ci sono controlli. Le forze dell'ordine fanno il minimo indispensabile e non di certo perché manca il personale. Una morte ogni tanto ci può pure stare a quanto pare. E' già in conto. Tempo fa, un amico ingegnere meccanico mi spiegava che il suo prof di impianti e sicurezza diceva che: in un impianto produttivo si valutano le spese per la sicurezza sul lavoro confrontandoli con la spesa per eventuali morti.
Che schifo!

Vincenzo Catanese 04.07.06 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina il premier Romano Prodi, in un lettera inviata al Cancelliere tedesco Angela Merkel in occasione della partita di oggi tra la nostra Nazionale e quella della Germania, ha messo in chiaro che il mondo del calcio "italiano va profondissimamente riformato".


antonio blasi 04.07.06 18:54 | Rispondi al commento | Chiudi discussione
Discussione


Lo stesso vale per quello tedesco ,spagnolo ,inglese .

gino serio 04.07.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento

VISITATE IL BLOG:

www.antoniodipietro.it

gino re 04.07.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE AL DECRETO BERSANI
Manovra politica ben congeniata.
Il decreto è stato venduto come una manovra di liberalizzazione e lotta all'evasione, approvato in sordina venerdì 30/06, prossimo alla pubblicazione, mentre tutti guardano le partite dei mondiali, poi ci sono le ferie... e torneremo a guardarlo a conversione fatta (settembre) scoprendo quali altre norme ci sono oltre alla liberalizzazione delle licenze.
Cosa si cela nel decreto? Una mazzata al settore dell'edilizia e una man bassa alle società immobiliari. Certo: stiamo rubando ai ricchi per dare ai poveri, infatti più di 20.000 precari neaussunti riceveranno più di 5 milioni di euro l'anno. Quindi manovra populista di grande risultato. Ma cosa succederà quando i prezzi degli immobili salteranno in alto del 10% (imposta di registro non più iva), quando le aziende saranno costrette a chiudere perchè non potranno più far conto dei legittimi crediti IVA maturati nei confronti dell stato? Quando gli investitori italiani saranno costretti ad investire all'estero? Quando gli investitori stranieri fuggiranno ancora più velocemente da un paese che dalla notte al giorno stravolge il sistema fiscale almeno 3/4 volte l'anno? Quando le riforme fiscali vengono fatte in barba allo statuto del contribuente, alle convenzioni internazionali, alle direttive europee? Questi poveri neoassunti o meno, saranno davvero più ricchi? Sono questioni tecniche, ma appena usciremo dal torpore estate-calcistico, qualcuno spiegherà i tecnicismi ai non operatori, altro che disagio da taxi...

Francesco Sandonà 04.07.06 19:04| 
 |
Rispondi al commento

#@#@# O.T.

Dal corriere della sera On line(ore 18,40)

Il corriere fa votare e chiede di dare risposta a queste domande:
"Le richieste del giudice sportivo(Caso calciopoli)come Le ritiene:
Equilibrate?Eccessive?Troppo miti?
Le risposte,alle 18,40,erano ben 39.926 ed erano così distribuite:

Equilibrate = 39,64%

Eccessive = 30,95%

Troppo miti = 29,41%

Io,come spesso accade,sono finito nella minoranza.

Non ostante ciò solo il 31% ritiene le richieste di condanna eccessive(juventini/milanisti o i soliti berluscazziani che accorrono in difesa del ducetto di ard.cor?)

Signori provate a pensare alla pena che cert'uni richiederebbero se a fare quello che han fatto

(((((((((((Lor SIGNORI)))))))))))))))

fossero stati degli extracomunitari?

La pena di morte e che altro?

giangi deinavigli 04.07.06 19:04| 
 |
Rispondi al commento

egregio beppe grillo che ne pensa di fare un comunicato stampa di responsabilizzazione di tutti gli organi preposti ai controlli asl, inps, inail, ispettorato lavoro, nas, noe, ecc. sulla tutela della salute dei lavoratori? come mai questi organi di controllo sono inesistenti?
Aspettiamo. I precari che "moriranno" o sui cantieri o di fame o di schiena rotta saranno molti.
franco un precario a vita.

franco busi 04.07.06 19:00| 
 |
Rispondi al commento

ma cosa volete da me soltanto perche faccio copia incolla a causa del poco tempo devo essere criticata?
avere un cane in casa non vuol dire amare gli animali ho conosciuto persone che ne avevano piu di uno di cani e praticavano la caccia o uccidevano i gatti,ricci,lucertole ecc.ciao

cosimina vitolo 04.07.06 18:35 | Rispondi al commento |

Io non vado a caccia ,e se permetti gli animali mi piacciono e parecchio :-) ma il tuo moralismo è fuori luogo credimi, poi se ti metti a fare pure la vittima......:-(

gino serio 04.07.06 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Per ALESSANDRO VAILATI

In ritardo ma:

perchè il tassista che mi fa un culo così chiedendomi 33,00 euro per 8 km. mi porta rispetto??
Via le caste ovunque siano, via i ladroni dalle strade!!

Adriano Brasiliano 04.07.06 18:56| 
 |
Rispondi al commento

Francamente la "liberalizzazione" è giusta, ma avrei iniziato il processo dall'alto, piuttosto che cominciando dai disgraziati come al solito.

Perché Prodi e Bersani ad es. non sono partiti dai NOTAI (farabutti profittatori) invece che dai tassisti, con la vitaccia che fanno?

Ergo: politicamente questo governo mi sembra sempre più una Sinistra FINTA!

Nicola Mosti 04.07.06 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

www.antoniodipietro.it

Il Milan rischia la B: per Berlusconi è un complotto
REDAZIONE
La Procura federale al maxiprocesso su calciopoli ha puntato il dito soprattutto contro la Juventus, ma anche su altre importanti società, tra le quali quella dell'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Il procuratore Stefano Palazzi ha chiesto la retrocessione in serie B per il Milan ed una penalizzazione di tre punti. Inoltre sono stati proposti 2 anni di interdizione per il vicepresidente della squadra rossonera Adriano Galliani e 5 per Leonardo Meani, addetto agli arbitri del Milan.


Il capo dell'opposizione ha perso le staffe: "Mi è difficile non vedere in questa assurda e spropositata richiesta un movente e una volontà politica assolutamente inaccettabili nell'ambito dello sport".
"Sono esterrefatto ed indignato - ha tuonato il Cavaliere - il Milan non ha mai avuto dei favori arbitrali, anzi, al contrario, è stato vittima di favori arbitrali concessi ad altri. L'addetto agli arbitri del Milan ha soltanto protestato e chiesto la designazione di assistenti corretti".

Questa mattina il premier Romano Prodi, in un lettera inviata al Cancelliere tedesco Angela Merkel in occasione della partita di oggi tra la nostra Nazionale e quella della Germania, ha messo in chiaro che il mondo del calcio "italiano va profondissimamente riformato".

antonio blasi 04.07.06 18:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

un sito rompiCoglioni www.ricostruire.it

Gino Nicolosi 04.07.06 18:53| 
 |
Rispondi al commento

POTETE SNOBBARLA,
POTETE INDIGNARVI,
POTETE NON GUARDARLA,
NON POTETE NON SENTIRLA,

AL DI LA DI OGNI GIUDIZIO, LA PARTITA DI QUESTA SERA, RIMMARRA NELLA STORIA DELLO SPORT, E DI CONSEGUENZA NELLA STORIA POLITICA DEI DUE PAESI………SENZA PRODI E LA MERKEL.

CHE SIA UNA SERATA AZZURRA!!!!!!!!!

matteo longo 04.07.06 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Lo sento, ho buone vibrazioni...

Stasera je famo er cucchiaio !

Vai Puponeeeeeeeee !

R. Leo 04.07.06 18:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, torna a parlare di precariato!

Pico de Precaris 04.07.06 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Non ci prendiamo in giro leggo certi commenti demenziali, siamo il fanalino di coda nell'europa unita per la sicurezza del lavoro.

Non esiste un paese occidentale che abbia tanti morti sul lavoro come il nostro.


Bravo beppe,con questo post ti sei riscattato da commenti da spiaggia recentemente.

E' sempre stato il mio urlo di dolore, ogni qualvolta ci siano stati funerali di stato per i militari delle varie missioni, naturalmente ho sempre espresso il mio cordoglio, le vittime non hanno colore o bandiera.

Ma in questo paese siamo il fanalino di coda per la sicurezza sul lavoro nell'unione europea, troppe morti bianche, personalmente invece di fare la giornata del papa', della mamma, e del sister and brother un giorno chissa',organizzerei una giornata sulle vittime del lavoro, per rispetto e per riflessione su come migliorare questa situazione.

In definitiva troppa visibilita' per certi momenti luttuosi e un certo comportamento che ignora una situazione drammatica.

ivo serentha' 04.07.06 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Caro amici bloggers,
Il tema della 626/94 e' uno dei piu' spinosi in Italia. E' vero che in un anno tanti muoiono ovvero riportano lesioni di diversa gravita', ma e' anche vero che la nostra disciplina sulla Igiene e Sicurezza sul lavoro e' una delle piu' restrittive al mondo. Applicarla e' pressoche' impossibile ed inoltre costa tantissimo alle aziende. Questo e' uno dei motivi, l'ennesimo purtroppo, per cui si preferisce delocalizzare in nazioni quali la Cina o la Romania, dove, oltre ad un piu' basso costo della manodopera, si chiude un occhio (due se si tratta di aziende locali) in materia.

In Italia i controlli non sono, per fortuna, eccessivamente rigorosi: se avete conoscenti imprenditori, chiedete loro cosa significhi applicare pienamente la normativa in materia.

Vi faccio un esempio pratico. Nei cantieri di costruzioni edili, gli operai sono obbligati a portare i caschi di protezione (anche d'estate a 40gradi). Molti operai non ne vogliono sapere, pero'. Anche se il datore li ha magari sanzionati ufficialmente piu' volte, nel momento in cui uno muore sbattendo la testa e' colpevole cmq il datore!!

Siamo tutti dalla parte dei lavoratori, tutti!, ma inviterei a fare meno demagogia e approfondire magari di piu', o evitare addirittura, certi argomenti piu' tecnici.

Un saluto a tutti voi

fabio mars 04.07.06 18:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BBBBAAAASSSSSTTTTTTAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11
per chi vuole partecipare i modo vero e sincero
ad uno scambio libero di idee e opinioni
la guerra dei poveri la dovete vincere voi
vieni a votare
commenti espressioni idee cpricci desideri
questo blog è per voi coraggio liberiamo l'informazione
-JURASSIC RAI di MARCO TRAVAGLIO
-la svendita dei patrimoni nazionali
-ici
-KENNEDY
-liberalizzazione
-ilva di taranto
-Il reddito monetario delle banche centrali
-al zarqawi una vittoria democratica o mediatica?
-iraq la guerra del petrolio e la strage nascosta
-il signoraggioe la guerra dei poveri
-i retroscena della guerra dei balcani
-le dichiarazioni dell'ultimo superstite delle torri gemelle
-CASO MOGGI e le dichiarazioni di berlusconi
-BERLUSCONI e l'art.21 della costituzione
-Quanto ci costano i parlamentari?
La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!
BASTA votare i pregiudicati

-vota ai sondaggi
COSA CHIEDERESTI A PRODI?
chi vince il mondiale
chi odi di più nel mondo della tv?
dove ha preso i soldi berlusconi?
dove vorresti la juve per la prossima stagione?
questo e tanto altro sul blog
La guerra dei poveri il blog della libera e coraggiosa informazione

http://handly.bloggers.it

mario draghi 04.07.06 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Gianni Proietti 04.07.06 18:22

Il tuo "modo" di scrivere è, per me, eccezionale!!!

Domanda da ignorante……..che fai mescoli poesia con rime……non so!

Chè me spieghi!?

Ciao

matteo longo 04.07.06 18:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vedo commenti sulla mobilitazione dei taxxisti.

Sono dell'idea che tutto quello che puo' aiutare la mobilita', le tariffe ed opportunita' di lavoro siano importanti perche' vanno verso la collettivita'.

Con questo pero' indico un'esempio.

Un lavoratore che abbia cominciato da poco o meno l'attivita' di taxista, si e' probabilmente indebitato con finanziamenti,accollandosi l'impegno di pagarsi la licenza, diventa assurdo che debba pagare per un valore che non esiste piu' o perlomeno con la liberalizzazione si e' deprezzato.

Penso che il governo per chi possiede licenze debba venire incontro con una congrua offerta di risarcimento.

Viceversa al posto loro sarei incazzato come una biscia.

ivo serentha' 03.07.06 18:30


Sono un tassista e ti ringrazio della solidarietà.
Io la licenza l'ho comprate trent'anni fa. Aspettavo di andare in pension per venderla.
Sono incazzato più di una biscia perchè ora, per poter sopravvivere, devo continuare a lavorarw fin che la salute mi assiste. Poi morirò sul volante. Napo.

Napoleone Pedrielli 03.07.06 19:19 |

Mi stavo chiedendo una cosa..ma se i taxisti non guadagnano niente con il loro lavoro poverini a malapena sopravvivono.. perchè la licenza ha valori da capogiro sul mercato, si parla di centinaia di migliaia d’euro. Come i notai .. si lamentano che una pratica di volture a loro frutta solo una trentina di euro.. ohhhhhhhhh ma allora se non perdono un non nulla perché si alterano? Siate meno ipocriti..

Luca Posti 03.07.06 20:44 |

si ma i risarcimenti devono interessare solo chi la licenza non l'ha ammortizzata..ricordiamo che è vero che si è pagata sta licenza,però è anche vero che la stessa ha garantito l'esclusiva a chi la possiede..
monte stefano 03.07.06 20:24 |

Rammento che la licenza e' considerata dai taxxisti come una forma di liquidazione e come se ognuno di noi avesse una proprieta' che di colpo valesse quasi piu' nulla.
Fare quel mestiere credetemi non si diventa ricchi

ivo serentha 04.07.06 18:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma cosa volete da me soltanto perche faccio copia incolla a causa del poco tempo devo essere criticata?
avere un cane in casa non vuol dire amare gli animali ho conosciuto persone che ne avevano piu di uno di cani e praticavano la caccia o uccidevano i gatti,ricci,lucertole ecc.ciao

cosimina vitolo 04.07.06 18:35| 
 |
Rispondi al commento

ciro frank 04.07.06 18:21

MATTEO OLI.....SEI TU?

matteo longo 04.07.06 18:32| 
 |
Rispondi al commento

.. esi grillo avrei voluto tanto sbagliarmi e invece no ..sei veramente un'ipocrita !!
vedo che nel tuo blog si stanno discutendo problemi importantissimi e di primaria urgenza, il cellulare che fa' male..... l'economia della morte......lavorare fa' male,.....ummmmm che' novita' ma queste cose si sanno ..... quello che invece non si sa' perche' state facendo di tutto per non farlo sapere, sono le stronzate di questo governo che e' tutto tranne che di sinistra e mi chiedo, ma come mai grillo tu che fino a qualche mese fa non facevi altro che darci notizie persino sul colore dei calzini di berlusconi, ora che c'e' prodi al governo tutto tace??????????? come mai la sinistra, questa sinistra PRIVATIZZA???? ma non erano quegli altri che privatizzavano, i padroni?, che sta' succedendo E TU GRILLO PERCHE' NON CI INFORMI ?? PERCHE' NON DICI NIENTE SULLA LIBERALIZZAZZIONE DEI FORNAI E DEI TASSISTI??????? PERCHE' NEANCHE UNA PICCOLA OFFESA SUL MORTADELLONE?????A QUELL'ALTRO LO CHIAMAVI "NANO ESPORTATORE" E A QUESTO CHE SOPRANNOME GLI DAI???

randa alessandro 04.07.06 18:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Peppe
molte vittime del lavorose li portano sulla coscienza i sindacati, che permettono a molte aziende di dare in appalto i lavori. I sindacati che fanno? Tutelano i lavoratori della grande azienda, mentre quelli che lavorano con le ditte che appaltano non vengono tutelati, molto spesso lavorano in nero, senza indumenti anti infortunistici e sottopagati. La classica guerra dei poveri. Quindi il sindacato si distrae facilmente. Questo giustifica i ribassi che vengono fatte nelle gare d'appalto, al sud raggiungono anche il 40%. Questo è il ribasso della vita dei lavoratori (non privilegiati). Io faccio parte dei lavoratori privilegiati, ma non sopporto questa incoerenza della triplice, e soprattutto della CGIL, che ritengo la più seria delle tre organizzazioni. Sveglia, siamo tutti uguali!

Sasà Di Gennaro 04.07.06 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Certo, come si fa a cambiare un Paese dove chi si lamenta per qualcosa, chi cerca di cambiare le cose passa per rompicoglioni!

Lorenzo Bolognini 04.07.06 18:27| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE per il gran lavoro di copia e incolla che fai tra questo blog e wikipedia .

Ma bella mia non hai un pò di farina del tuo sacco da mettere in tavola ,eccetto dire che tutto quello che mangi te lo coltivi ,che hai la mucca che fa il latte ,che ti fai il pane ,la pasta ecc....

Ti sei mai chiesta a cosa dobbiamo l'esistenza della "RETE",che tanto ti piace visitare E SFRUTTARE?

Sarai mica come il buon grillo che fino a qualche anno fà sfasciava computer a rotta di collo ,e ora invece sono diventati per lui motivo di esistere .

Perchè non ci spedisci i tuoi messaggi con qualche piccione ,o quello non ce l'hai?

SALUTI.


gino serio 04.07.06 18:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

***

Il coniglio mortadellato sta
rotolando verso la Cermania
dai tedesken magna skartoffen
e invidiosi di noi italiani.
Soprattutto perchè adorati dalle
loro femminuzze, loro si intelligenti.
Rotola, come un barattolo rotola,
rotola, il sottomesso rotola....
ma, senza la bandiera italiana,
loro non vogliono.
E tu tapinaccio scorreggione, invece di
prendere le nostre parti hai detto
che dalla cermania di patatarifraciconi
e ciarlatani, dobbiamo prendere come modello.
Ti si è marcito il cervello!
Poco ma sicuro.
Se un tedesco mi dicesse in faccia
quanto asseriscono, come minimo gli
taglio la faccia.

alla faccia tua di un becero fottuto
ed
dei passivi che ti sostengono.

Mortacc...tuaedetunonno.

fatti frustare per benino, visto
che hai lucidato i chiapponi.
Ma fallo solo a nome tuo
o di chi ti difende.
A noi interessa vincere e fottergli
le belle donzelle vogliose di
veri maschi latini e no pisciasotto
di birra.

Gianni Proietti 04.07.06 18:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa c'è di più OLIGOPOLISTICO di Romano Prodi?
E' Massone.
Non capisce un cazzo.
Non dice nulla.
Rappresenta Banche Industriali Cooperative....
e non ci vuole molto per aggiungerne...
E' solo il primo atto... la dichiarazione di guerra... ma poi nella rappresaglia non sappiamo quello che succederà.
A mè sta bene andiamo fino in fondo!

Luca Fineschi 04.07.06 18:18| 
 |
Rispondi al commento

sono un avvocato molto in vista e famoso non vorrei logorarmi il nome voi invece ci riuscite benissimo ed io in questa mischia non ci voglio entrate ok?

ivana iorio 2 04.07.06 17:19 | Rispondi al commento | Chiudi discussione
Discussione

Qui dentro tutti sono laureati ,imprenditori ,politici ecc.

Ho il presentimento che quelli come te siano solo un ammasso di cialtroni sparacagate,che si divertono a firmare con il nome degli altri .

Ma dimmi te se un avocato famoso come dici di essere parla così,e fa queste cose .

Tu al massimo potresti fare l'operatore ecologico,CREDIMI.

Sai cos'è il complesso d'inferiorità?

gino serio 04.07.06 18:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mamma mia spruzzi intelligenza da tutti i pori whow

cosimina vitolo 04.07.06 18:10 |

e BASTA CON GLI ANIMALI.
IN ITALIA,COME IN TUTTO IL RESTO DEL MONDO,si rispettano di piu' gli animali che le persone povere.
Basta animali,basta pianti inutili.

Paolo Almaisio 04.07.06 18:08 |

Chiudi discussione
Discussione


ciao beppe sono un ragazzo della provincia di frosinone e assieme ad altri amici gestiamo una radio a livello locale...
volevo chiederti se a te da fastidio se passiamo come appuntamento fisso qualche spezzone dei tuoi spettacoli o se magari e sottolineo MAGARI ti piacerebbe parlare alla nostra radio....
ti saluto Armando

armando coletta 04.07.06 18:08| 
 |
Rispondi al commento


Sparando alle anatre del tranquillo laghetto di Spitzing? Forza Italia, per bocca di Valerio Carrara, responsabile del dipartimento Caccia, uno che istituzionalmente cerca consensi e voti tra l'esercito delle doppiette, vorrebbe dare a ciascuno dei 22 bambini che accompagnano in campo i giocatori un bell'orsacchiotto di peluche. Simpatica iniziativa. Irrealizzabile, però: perché violerebbe il monopolio degli sponsor che gestiscono il lucroso merchandising del mondiale. La Lav, la Lega antivivisezione italiana, si accontenterebbe di un gesto simbolico: ha chiesto alla nazionale azzurra d'indossare la fascetta del lutto, in memoria di Bruno. E a Fabio Cannavaro, testimonial Lav nel 1999, si domanda un personale intervento, un gesto, un qualcosa che davanti al mondo in diretta tv ricordi la fine ingiusta del povero Bruno: "Sappiamo che è una persona molto sensibile", dice Gianluca Felicetti, il presidente del Lav. Un motivo, anzi, una motivazione in più per dare una lezione agli avversari "barbari".



Ma l'Italia che ha difeso (inutilmente) Bruno non è la terra della giustizia e delle buone imprese, osserva maliziosamente la pur reputata Die Zeit, quotidiano considerato tra i più seri e imparziali. Ieri c'era tutta la terza fittissima pagina dedicata a un impietoso reportage che descrive l'Italia degli ultimi scandali: da Moggiopoli a Vittorio Emanuele di Savoia, dalle puttane del quasi re al calcio marcio e truccato, dalle veline alla questione morale, passando per Berlusconi, Fini, la Rai, la Juve e chi più ne ha più ne metta. Enorme, al centro dell'articolo, campeggia un fotomontaggio. Il solito piatto di spaghetti condito con biglietti euro e il pallone del Mondiale. In tema di civiltà contrapposte si segnala il sito brunoderbaer. de: si può giocare a "Jagd auf Bruno". La caccia virtuale a Bruno.

Insomma, siamo di nuovo all'eterno dissidio Roma e Berlino, alla diffidenze di sempre. Con il rovesciamento dei ruoli. Stavolta, il popolo "unto, parassita e mammone" - così ci hanno appena descritto - accusa la civile Germania di aver assassinato a freddo una creatura protetta da leggi e convenzioni (peraltro sottoscritte dalla Germania stessa). Tedeschi orsicidi. È realtà.

Risultato: stasera, a Dortmund, i tifosi-animalisti di entrambi gli schieramenti indosseranno t-shirt con su scritto: "Wir alle sind Bruno", siamo tutti Bruno. Trecento attivisti del Deutscher Tierschutz Bund, l'associazione nazionale tedesca per la protezione degli animali, le hanno esibite sabato, a Berlino, riscuotendo successo ed approvazione. Alcuni tifosi italiani oltranzisti hanno scelto invece un altro slogan assai più combattivo: "Vendichiamo l'orso Bruno". Come?

3

cosimina vitolo 04.07.06 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Io sono dipendente e vi voglio dire una cosa sola
piu' di qualche volta sono andato in prontosoccorso
per motivi di lavoro, se si usasassero i dispositivi di sicurezza da parte dei lavoratori e ci fossero piu' controlli ci sarebbero meno infortuni e sopratutto meno morti e poi per lo stato sarebbe un risparmio di denaro nn idiffrente, cosi nn servirebbero quelle manovrine economiche di cui ci lamentiamo tanto, per le aziende un operaio fermo
nn e' una cosa utile.
Tutte le categorie sono a rischio, chi lavora e' sempre in pericolo sia per se stesso che per gli altri.
Ciao beppe sei un mito

Lavezzo Massimiliano 04.07.06 17:56| 
 |
Rispondi al commento

La Baviera, invece, preferirebbe esporle al museo naturale del castello di Nympenburg. Mistero. Cadavere scomparso. La disputa sulla pelle dell'orso rischia di compromettere del tutto le precarie relazioni sociosportive tra Italia e Germania, dopo le razziste pagine uscite sui giornali tedeschi. Il nostro ministro dell'Ambiente, Pecoraro Scanio, ha appena richiesto formalmente la restituzione della salma al suo collega bavarese Werner Schnappaut: "Non può diventare un'attrazione turistica l'orso del progetto di ripopolamento Life Ursus nel Parco Adamello-Brenta, sostenuto dalla Unione europea".

La pretesa italiana è vista come azione di disturbo prima del match. La solita (discutibile) Bild ha dedicato una pagina a Pecoraro Scanio: "Italiener ganz scharf auf toten Bruno", gli italiani vogliono assolutamente il corpo di Bruno. La foto del nostro ministro ghignante domina su quella dell'orso. Altri quotidiani hanno dato, chi più, chi meno rilievo alla notizia. Bruno è divenuto popolarissimo in Germania: alla radio ogni tanto si ascoltano annunci che lo ricordano e lo rimpiangono.

Idem sui giornali. Vanno a ruba i giocattoli degli orsi meccanici. I bambini sventolano bandierine col nome e in nome di Bruno. La Brunomania contagia persino i gruppi punk. Qualcuno ha annunciato un rap Bruno. Il povero orso abbattuto è diventato una sorta di vittima del sistema, della globalizzazione che abbatte chi non sta alle regole. L'emblema della libertà schiacciata dagli interessi egoisti e meschini rappresentati dai ricchi contadini della Baviera, notoriamente elettori del centrodestra cattolico e reazionario.

2

cosimina vitolo 04.07.06 17:55| 
 |
Rispondi al commento


LA REPUBBLICA
04/07/06


La vicenda è divenuta motivo di scontro con accuse incrociate
Fioriscono le associazioni in favore e poi rap, magliette e videogiochi

La contesa infinita dell'orso Bruno
un'altra sfida tra Italia e Germania
La Lav agli azzurri: gesto per ricordare l'animale ucciso

dal nostro inviato LEONARDO COEN

SCHLIERSEE (Monaco di Baviera) - Dove è stato ammazzato Bruno? Domanda scabrosa, quassù al romantico e (non) sperduto laghetto di Spitzing, tre alberghi, due chalet con pontile, sei parcheggi tra le idilliache Alpi bavaresi che tanto illanguidivano il Fuerher; domanda impertinente, soprattutto alla vigilia dell'epocale Germania-Italia, semifinale Mondiale carica di corsi e ricorsi della memoria calcistica. "L'hanno ucciso là", risponde a bassa voce, guardandosi attorno con fare circospetto, la recepsionist dell'hotel Arabella Sheraton (che fatica spillarle l'informazione: come se le avessero vietato di parlarne). Punta il dito verso la montagna più a sud. Il Rotward. Avvolto da un fittissimo, impenetrabile mantello di pini e conifere. Bosco verde d'un verde scuro, intenso. Arcadia. Ode alla Natura. Icona ambientalista.

Palle. L'unico orso mai visto in Baviera negli ultimi 136 anni l'hanno fatto secco, alla faccia dell'amore dichiarato - sui cartelli - per la preservazione dell'ambiente, animali compresi. La vicenda è stranota: Bruno, la vittima, era un bell'orso bruno italiano di due anni. La sua colpa? Essere scappato dal Parco del Brenta e aver sconfinato in Tirolo e poi, il 4 maggio, nella letale Baviera. Faceva razzìa di polli.

Gli agricoltori bavaresi volevano la sua pelle: "Ladro italiano!". L'hanno avuta all'alba del 26 giugno. L'ora del decesso: 4 e 50. Delle spoglie non si sa più nulla. L'Italia le rivuole indietro.

1

cosimina vitolo 04.07.06 17:53| 
 |
Rispondi al commento

...Io semplicemente cerco di evitare di prenderlo, e quando è davvero indispensabile acetto a malinquore quello che mi chiede. è pur sempre un'economia liberale...

Alessandro Vailati
--------------------------------------------------

No Alessandro, ti sbagli.
Allo stato delle cose, non è affatto un'economia liberale.


PS
Scusate, stavo andando via.

Buon proseguimento a tutti.

Annamaria Farina 04.07.06 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Armando Dupaal 04.07.06 17:40

NON E' CHE PORTI "NERA" TU VERO?

matteo longo 04.07.06 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Dedicata a tutte le persone che, per un motivo o per un altro, non fanno più parte della nostra vita.

La Tua Assenza

E' nel gesto di un vecchio colto
stanco nel suo paltò che manca di tintura
è nei poveri svegli la mattina
venuti a portar via la spazzatura
è nel volto di un bimbo che sorride,
come per dirmí: "Vedi, ti saluto"
è nella corsa ansante di sua madre
perchè di qualche macchina ha temuto
Ma che cosa vedevi sul soffitto
oltre il mio corpo oltre il mio respiro?
Sono forse guerrieri alla deriva
le lunghe ombre di chi fà l'amore?
Di chi fa l'amore...

Mia madre dissacrata è la tua assenza
si è capovolto il fiume son la barca
mia madre ricreata è la tua assenza
è lei che guida un cieco coi suoi occhi
è sulle nostre scale la tua assenza
quando apparivi lungo la ringhiera
ma è un santo non riuscito la tua assenza
l'unico santo senza una preghiera

Ma cosa vedevi sul soffitto
quando stringevi lacrime e parole?
sono forse cavalli fra le onde
le lunghe ombre di chi fa l'amore
di chi fa l'amore...

E' nel sette dei dadi la tua assenza
ho sempre dato il cinque e il sei agli amici
è nell'olio dei quadri la tua assenza
son morti i miei paesi suggeriti
tu eri il vespro, il vespro e non la messa
eri il compieta e non l'elevazione
a messa si và pure senza fede
il vespro è veramente di chi crede

Ora so cosa hai visto sul soffitto
l'ultima volta che ti sei distesa
sbarrasti gli occhi e ti spezzasti il cuore
Tu l'hai visto finire il nostro amore...
Il nostro amore...

Sarà nella mia vita la tua assenza
il figlio a cui vorrò più bene, credi


******************Buonasera a tutti!**************


Un bacio....


Porto l'esempio della ditta per la quale lavoro io in provincia di Varese. Si occupa di distibuzione bevande. Ne avevo già parlato in "gli schiavi moderni" ma a quanto pare non è servito... Va bè, riproviamo.
Allora: i furgoni (tutti da guidare con patente B) sono vecchissimi, talvolta sprovvisti di cinture di sicurezza, specchietti retrovisori, fanali (se si rompono costa troppo farli riparare...). Gli autisti sono anche coloro che trasportano poi le casse di bibite ed i fusti nei locali, spesso senza scarpe antinfortunistica (che vengono fornite, ma è un po' difficile infilare il piede in una scarpa due numeri più piccola...). Per risparmiare tempo e denaro i dirigenti obbligano a caricare i furgoni oltre i limiti di legge: una eventuale multa - non certa, perchè non è detto che si venga fermati - costerebbe certo molto meno del guadagno così realizzato. Quando i trasportatori obiettano qualcosa in merito si sentono rispondere che tanto la multa la pagherebbe la ditta e che anche le eventuali spese per il recupero punti sulla patente se le accollerebbe la ditta (però se un trasportatore resta senza patente resta anche senza impiego, visto che molti sono assunti con contratto solo dopo aver firmato le lettere di dimissioni prive di data, che viene aggiunta appena il dipendente fa qualcosa che non aggrada ai dirigenti...). E se un furgone troppo carico, quindi con peso eccessivo, non riesce a frenare in tempo ed ammazza qualcuno sulla strada in galera chi ci va? Chi vive col rimorso?

Marco Torres 04.07.06 17:46| 
 |
Rispondi al commento

i costi della sicurezza non sono soggetti a ribasso d'asta.
Il datore di lavoro è obbligato a fornire i dipendenti dei DPI e a formare ed informare i dipendenti sui rischi connessi alle lavorazioni...

giorgia meneghel 04.07.06 17:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Taxi!

Taxi!

Taxi!

come mai non c'è un taxi oggi?

MAH!

matteo longo 04.07.06 17:44| 
 |
Rispondi al commento

PRODI PORTA SFIGA +++++++++++++++++++++++
+
Volete vedere che stasera la Nazionale interrompe la serie positiva?

Armando Dupaal 04.07.06 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Rif: Ray Milano 04.07.06 16:43

Furbo (a.) significa anche imbroglione, malfattore (s.m.)

Se poi la televisione, a qualcuno restringe il campo intellettivo delle parole non è colpa mia.

Per me è semplicemente furbo, anzi F.U.R.B.O., come lo sono forse tutti gli altri, che usano un mondo di polli per alimentarsi.

Poi francamente non mi interessa sprecare del tempo alla ricerca di aggettivi per dei semplici mercenari.

By Gian Franco Dominijanni


COMPORTANDOVI IN QUESTO MODO DIMOSTRATE DI NON ESSERE CERTO DIVERSI DAI MINISTRI DELLO SCORSO GOVERNO CHE SE NE SBATTEVANO DELLE PROTESTE DEGLI OPERAI E DEI SINDACATI.
*********************************************

Un applauso siori e siore, ecco uno che è arrivato alla verità prima di tutti. Complimenti vivissimi dalla ditta Mortadella & Co.

Matrice Quantica 04.07.06 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti vivissimi a tutti coloro i quali continuano senza tregua e senza rispetto a insultare i tassisti. Siete una mandira di bastardi senza un filo di cuore, e spero che i tassisti un giorno passino a 190 sull' autostrada durante un blocco dei metalmeccanici dell' alfa romeo.

Dovete imparare, brutti stronzi, che una categoria disagiata da una decisione governtiva va ascoltata. Qualsiasi sia la categoria. Tassisit, giardinieri, metalmeccanici, autoferrotranvieri, vigili del fuoco. CHIUNQUE va ascoltato, e con CHIUNQUE bisogna SEMPRE scendere a compromessi.
Il decreto Bersani è un decreto giusto, sacrosanto, ma che va anche discusso con le parti in causa, per poter essere mediato, dialogando, mettendo tutti d'accordo.

COMPORTANDOVI IN QUESTO MODO DIMOSTRATE DI NON ESSERE CERTO DIVERSI DAI MINISTRI DELLO SCORSO GOVERNO CHE SE NE SBATTEVANO DELLE PROTESTE DEGLI OPERAI E DEI SINDACATI.

in poche parole: Coglioni di destra, coglioni di sinistra...ovunque vai, sempre gran coglioni incontrerai!

Alessandro Vailati 04.07.06 17:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo, quindi copio e incollo:

Basta con la sola logica delle sanzioni!!!!! Non è così che si fa cultura!!!! Ma voi ci andate in auto???? Vi pare che le multe o i punti servano a far fermare un auto quando un pedone sta per attraversare sulle strisce????? NO, perchè i controlli non ci sono sempre: l'automobilista indisciplinato non è multato 9 volte su 10.

E se per cambiare introducessimo la cultura del premio, del diritto: tu hai diritto di non pagare le tasse per un anno se dimostri di aver investito parte del tuo fatturato in sicurezza!!!! Le nostre leggi sono piene di divieti e di sanzioni!!!!

silvana paganelli 04.07.06 12:13 |


Elena Bianchi 04.07.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Complimenti vivissimi a tutti coloro i quali continuano senza tregua e senza rispetto a insultare i tassisti. Siete una mandira di bastardi senza un filo di cuore, e spero che i tassisti un giorno passino a 190 sull' autostrada durante un blocco dei metalmeccanici dell' alfa romeo.

Dovete imparare, brutti stronzi, che una categoria disagiata da una decisione governtiva va ascoltata. Qualsiasi sia la categoria. Tassisit, giardinieri, metalmeccanici, autoferrotranvieri, vigili del fuoco. CHIUNQUE va ascoltato, e con CHIUNQUE bisogna SEMPRE scendere a compromessi.
Il decreto Bersani è un decreto giusto, sacrosanto, ma che va anche discusso con le parti in causa, per poter essere mediato, dialogando, mettendo tutti d'accordo.

COMPORTANDOVI IN QUESTO MODO DIMOSTRATE DI NON ESSERE CERTO DIVERSI DAI MINISTRI DELLO SCORSO GOVERNO CHE SE NE SBATTEVANO DELLE PROTESTE DEGLI OPERAI E DEI SINDACATI.

in poche parole: Coglioni di destra, coglioni di sinistra...ovunque vai, sempre gran coglioni incontrerai!

alessandro vailati 04.07.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tutto vero tutto bello

però qui si parla senza aver mai effettivamente lavorato in campo edile (che è quello più accusato negli ultimi tempi).

avete mai provato a lavorare con il casco sotto il sole a 30 gradi. sull'asfalto (o comunque sulla nuda terra) sono 40-50 gradi. avete presente che tortura possa essere?
bene! Vi dico candidamente che se noi lavoratori mettessimo il casco tutto il giorno, lavoreremmo un giorno sì e uno no! il giorno dopo aver indossato "l'elmetto" non saremmo in grado di andare al lavoro.
le norme sono giuste, ma vanno applicate con intelligenza. è giusto utilizzare il casco ma solo quando c'è un pericolo reale.

franco d'onofrio 04.07.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La vergogna di essere italiano!

2006 ANNO EUROPEO DELLA MOBILITA' INTERNAZIONALE.. FANCULO!!!

Riscatto del lavoro all'estero

Dall'INPS tutto quello che c'è da sapere per riscattare i periodi di lavoro all'estero.
http://www.inps.it/Doc/TuttoINPS/contributi/riscatto_lavoro_estero.htm
NON VA: Page not found

Tasse per i non residenti

Esiste un servizio per chiedere informazioni via e-mail all'Agenzia delle Entrate?
È attivo un nuovo servizio che consente di chiedere informazioni in materia fiscale tramite l'invio di una e-mail all'Agenzia. Per accedere al servizio è sufficiente compilare una scheda (nome e cognome, indirizzo di posta elettronica, breve sintesi della problematica fiscale e relativa tipologia).
http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/connect/Nsi/Servizi/Web-mail
NON VA: Page not found

http://www.agenziaentrate.gov.it/ilwwcm/connect/Nsi/Servizi/Call+center/
00390854322008 (accesso dall'estero)
È attiva una linea telefonica appositamente dedicata agli italiani all'estero per contattare i Call Center dell'Agenzia delle Entrate. La telefonata è a carico del chiamante. Il servizio è attivo negli stessi orari dell'utenza 848.800.444.
CARINA LA MUSICA DI ATTESA, L'HO ASCOLTATA PER ORE

Il nostro sistema e' al collasso.. e non c'e' nulla da fare, dobbiamo solo sperare che esistano altre forme di vita intelligenti, o meglio DELLE forme di vita intelligenti, su altri pianeti.

Pessimismo e rassegnazione!

W lo sciopero fiscale, ma non quello del berluz.. che tanto lui gia' lo fa.. ma quello degli sfigati, quelli che la dichiarazione delle tasse la fanno, fondamentalmente per avere 2 lire indietro perche' il resto gliel'hanno gia' succhiato tutto alla fonte.

Fanculo!

Fine sfogo dopo una giornata persa dietro a ste cose per una cavolo di informazione.

Passoni Mario 04.07.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe...secondo me dovresti aprire un nuovo blog e dedicarlo a chi si diverte con le scaramucce da bambini dell'asilo. Possibile che su oltre 1000 commenti al thread quasi il 50% è o.t.? passa pure la voglia di leggerli...quanto si vede che c'è tanta gente che non ha nulla da fare...e soprattutto nulla da dire.


Scusate se vado fuori tema, ma "quello" che si improvvisa Mike Bongiorno(con il dov'era Grillo?), che problema ha? E' davvero convinto che freghi qualcosa a qualcuno? Comunque ve lo dico io dov'era. Si stava facendo i c...i suoi.

paolo tumolo Commentatore in marcia al V2day 04.07.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Un sito RompiCoglioni a 360 gradi www.ricostruire.it

Amgelo Nicotra 04.07.06 16:57| 
 |
Rispondi al commento

www.ezezi.it

a' flobert

peppe sposito 04.07.06 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Sul forum 626prevenzione con i Tecnici della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro si parla di igiene e sicurezza sul lavoro.

forum 626prevenzione 04.07.06 16:54| 
 |
Rispondi al commento

fuori tema

la liberalizzazione delle licenze dei taxi e il permesso dato ad un unico soggetto di
possedere e gestire più taxi è senza dubbio un dato importante del pacchetto bersani, ho paura, però, che con il permesso di possedere più mezzi potranno nascere grandi compagnie di taxi che col passare del tempo costituiranno un cartello e porteranno di nuovo verso il livellamento delle tariffe, favorendo un'altra volta la concentrazione del mercato nelle mani di pochi soggetti con disponibilità economiche elevate.
i tassisti in italia risultano come imprenditori o liberi professionisti e non sembrano proprio essere parte di una classe privilegiata, quindi è chiaro che con la liberalizzazione molti tassisti
si troveranno in difficoltà a fare tariffe più competitive o, peggio, a pagare il debito
relativo all'acquisto della licenza che hanno appena comprato.
coloro che si troveranno in questa condizione dovranno cedere la licenza a qualche "furbetto del quartierino" che magari si è già accaparrato le nuove licenze grazie ai soliti "favoritismi" all'italiana.
se questo pacchetto diventerà legge spero che si tenga conto anche di queste "sfaccettature".

oscar tramor 04.07.06 16:44| 
 |
Rispondi al commento

i morti sul lavoro sono i morti del capitalismo!
i morti in guerra sono i morti del capitalismo!
per il beppe, i morti sul lavoro ci sono anche quando è festa e in + ci sono + morti sulle strade....
e teniamoceli questi morti... finchè non tocca a noi......

FRANCESCO INPALI 04.07.06 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Salve Regina, Madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra, salve. A te ricorriamo esuli figli di Eva, a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria. Amen

ivana iorio 04.07.06 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ROMANO PRODI SULLA GAZZETTA DELLO SPORT 04.07.06 15:30

Prodi parli a titolo personale suo, non mi rappresenta in queste dichiarazioni come italiana onesta che crede nello sport.
Generalizzare come fa lui è pericoloso, in cattiva fede ed ingiusto. Non è il calcio italiano ad essere malato. C'è solo una società che per vincere ha usato ogni mezzo illecito che aveva azzerando gli avversari e Prodi se fosse corretto dovrebbe avere il coraggio di dirlo. Certo Prodi non può giustificarsi di fronte ai tedeschi perchè lui ha avuto l'occasione per ripulire il nostro calcio e non l'ha fatto del tutto (Guido Rossi alla FIGC è uomo suo). Dovremmo ribellarci per come ci rappresenta all'estero, altro che andarne fieri.

silvana paganelli 04.07.06 16:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rif: * 2 giugno 1992 * 04.07.06 16:23

E' inutile che ce lo chiedi, intanto non te lo diciamo.

Gian Franco Dominiyanni 04.07.06 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Oggi ero alla stazione di TORINO ed osservavo che in mezzo a tossici, zingari, mendicanti ed altra umanità varia vi erano dei signori gentili che parlavano coi viaggiatori appena scesi dal treno e spiegavano perchè preferivano rinunciare al loro guadagno ed indicavano come fare a raggiungere la meta desiderata coi mezzi pubblici. ALTRO CHE I NO TAV CHE INCENDIAVANO STERPAGLIE BLOCCANDO L'AUTOSTRADA...ANCHE LORO LO FANNO PER LA LORO VITA E PER IL LORO LAVORO, PER I LORO FIGLI, MA NON VOTANO A SINISTRA PER QUESTO SOO CONSIDERATI DI SERIE B.
PS FORZA ITALIA E CHE PRODI PERDA L'AEREO PER DORTMUND!

Roberto Bobbio 04.07.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento


Nel foglietto illustrativo è precisato che la nimesulide è controindicata nei casi di insufficienza epatica e tra le precauzioni d’uso viene raccomandato che, in caso di alterazione nei test della funzione epatica durante il trattamento, è bene sospenderlo. «Una cosa va detta: ogni volta che si prende un farmaco si accetta un compromesso tra benefici e possibili rischi. Ogni medicinale può causare accanto all’azione terapeutica effetti collaterali potenzialmente pericolosi» ricorda Luigi Bozzini, del Servizio farmaceutico della Azienda ulss 20 di Verona.

Non esiste un medicinale sicuro al cento per cento. Però non c’è dubbio che i farmaci sono i prodotti più controllati in termini di rischio-beneficio. Nel caso nimesulide il monitoraggio postmarketing dovrebbe, considerati gli anni che è in circolazione, costituire da sé una garanzia. «La mentalità da combattere è quella di prendere una pillola al minimo sintomo. Un abuso che fa aumentare consumi e potenziali rischi» conclude Raschetti.

cosimina vitolo 04.07.06 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha paura dell'Aulin?
di Gianna Milano - Panorama

Proibito in Finlandia uno dei farmaci più popolari. E l’allarme sbarca in Italia.

L’allarme sulla nimesulide, principio attivo alla base di un’ampia famiglia di antinfiammatori (85 in commercio oltre al noto Aulin), ha ragione d’essere? Come cautelarsi da brutte sorprese in attesa delle doverose verifiche da parte delle autorità sanitarie competenti? La vicenda nimesulide, uno dei tanti fatti di cronaca con protagonista un farmaco, è partita in Finlandia dove è in vendita dal ’98 e dove sono state segnalate finora un centinaio di reazioni avverse correlate al suo uso: tra queste oltre 60 di tipo epatotossico, cioè a danno del fegato. In due casi le alterazioni sono state così gravi da richiedere il trapianto, in un altro c’è stato un decesso sospetto. Ciò ha spinto le autorità sanitarie finlandesi a sospenderne distribuzione e vendita.

In Italia, mentre la procura di Torino ha avviato accertamenti e i Codacons hanno chiesto la sospensione delle vendite a titolo cautelativo, la Commissione di farmacovigilanza si è attivata per verificare l’allarme. Anche la Commissione unica del farmaco dovrà esprimersi, per ora non è previsto il ritiro. Nel nostro Paese la nimesulide, contenuta in prodotti a larga diffusione, è entrata in commercio nell’85, con oltre 24 milioni di confezioni consumate ogni anno: in pratica il 20 per cento degli italiani ne utilizza almeno una nell’arco di 12 mesi. «Se ci fosse stato un problema serio sarebbe emerso. Invece da noi su 500 segnalazioni di effetti avversi finora solo 25 riguardano il fegato e non sono gravi» puntualizza Roberto Raschetti, responsabile dell’Osservatorio nazionale sui farmaci. «Che cosa significa? Forse lo usano in modo diverso, non sporadicamente come noi, ma per molti giorni consecutivi. Ma potrebbe dipendere anche da fattori legati allo stile di vita, quale la dieta».

1

cosimina vitolo 04.07.06 16:17| 
 |
Rispondi al commento

scusate se torno indietro con l'argomento,
ma qualcuno che capisce bene il tedesco
(io l'ho quasi dimenticato) puó dire cosa dice
il giornale piú venduto in Germania oggi, sul povero orso bruno fatto fuori dai cacciatori bavaresi?
http://www.bild.t-online.de/
grazie.
ps: per lo sfottó sulla partita con l'Argentina
che associano a quella che giocheranno stasera con l'Italia, stendiamo un velo pietoso...
(qualcosa tipo "anche voi piangerete come loro".
mamma mia, che livello di giornalismo...).

Paolo Antonio Lovi Commentatore in marcia al V2day 04.07.06 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TUTTI A PRENDERSELA CON IVANA IORIO.
LEI LAVORA IN ACCIAIERIA, NON LE CAPISCE QUESTE COSE DI ECONOMIA.
LA FOTO DEL POST E' UN COLLEGA DI IVANA IORIO,QUANDO GLI HANNO COMUNICATO CHE DOVEVA FARE IL TURNO CON LEI !
AIUTATE QUESTO POVERO OPERAIO BRESCIANO.

Capisc'a me

Antonio Cataldi 04.07.06 16:16| 
 |
Rispondi al commento

ma il blog è sulla sicurezza sul lavoro o sulle liberalizzazioni?
ma chi mi dice perchè c'è un tizio che dice "dov'era beppe grillo il 2.6.1992"????

Giorgia Meneghel 04.07.06 16:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rif: O.T. Micelli Rodolfo 04.07.06 15:59

E' semplicemente F.U.R.B.O.

By Gian Franco Dominijanni


La mortadella si è fracicata.
la mortadella si è fracicata.
la mortadella si e fracicata.
si inchina, braghe giù,
per farsi frustare, quindi
educare dall'educatrice berlinese.
Ma, a berlino, che giorno è!

Coso pieno di scorregge,
fatti frustare ma, solo a nome
tuo e dei beceri che ti leccano.

Evviva la dc di una volta dove
tutti i ladri facevano man bassa
e lui, con la faccia tipo individuo
della mongolia, ride... ride...
ete credo.
non ci crede nemmeno lui che
in italia vi fossero tanti prodini
scorreggioni.

Il prete prodino si raccomanda
di non esporre le bandiere italiane
in quel di germania, potrebbero
offendersi e risvegliare hitler!
actung! mangia pizza, mandolinari, mafiosi...


*

Gianni Proietti 04.07.06 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...alla Rai basterebbe mandare anche una volta ogni tanto, ma in prima serata, "La classe operaia va in paradiso" per ricordarsi di essere servizio pubblico...


Cultura della sicurezza???!!!
chi ci va a dire al costruttore del sud che ha avuto l'appalto da chissà qula mafioso che deve avere millanta spese per la sicurezza?
l'unica sicurezza sarebbe quella di essere gambizzato al volo!
in Italia la mancanza di sicurezza è dovuta alla voglia di risparmio (stupido) dell'imprenditore di turno.
nell'altra italia (confine situato sotto l'Emilia)la mancanza di sicurezza è dovuta ad altre cose.
sarà un qualunquista luogo comune ma è così.
Beppe, prova tu a cambiar qualcosa...ma non farti far la pelle!!!
un abbraccio

Mario Vaccarone 04.07.06 16:03| 
 |
Rispondi al commento

...ma per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro, io ne avrei da raccontare, perchè ne ho visto davvero di tutti i colori, dal corrimano delle scale mancante per entrare in un laboratorio di pellicceria, alle scarpe anti-infortunistiche in dotazione che erano 4 numeri più grandi ( che io mi sono rifiutata di indossare fino a che non mi è giunto il numero esatto),precisando che lavoravo per una grande catena di discount tedeschi che ha sedi in molte regioni italiane, guanti antiscivolo inesistenti per il taglio delle confezioni con il taglierino, finchè la sottoscritta non si è rimediata tre punti di sutura in una mano... ed altro ancora! In Parole Povere il DL 626 non lo rispetta nessuno!!!!!!!!!

Luisa Ghiselli 04.07.06 16:03| 
 |
Rispondi al commento

chiesi una volta ad un sindacalista in base a quale criterio si stabilissero (si dovessero stabilire...ché a tuttora sono ancora da stabilire...)le categorie "lavori usuranti" in base ai quali determinare il "privilegio" di sfuggire il "pericolo" e svignarsela in pensione... per uscire da quel vero campo di sterminio che è ,per certi fortunati, il "lavoro" ...
uscire senza fatale "exit" possibilmente...
mi rispose che vattelapesca... se ci metti lo stress anche un il lavoro di un bancario può , a rigore, essere considerato usurante...
gli dissi che bastava spulciare sui dati riguardanti gli infortuni e le morti sul lavoro ...
mi rispose: ma per quello c'è la legge 626.
ah!!!
ecco... ancora ci sono delle anime belle che credono che bastino controlli accurati e l'osservanza di una legge...
non sanno e forse beppegrillo non sa... che chi si avventura su un'impalcatura ... se gli imponi di andarci fino ai 65anni... per semplice legge di numeri... una buona parte cade di sotto... pluff...
magari si può sempre rispondere che è un discorso di retroguardia... che riguarda una minima minoranza... che le tecnologie avanzate... che il telelavoro... che internet e che il cazzo vi porti...
si muore sì... quotidianamente... e per quei "nostri ragazzi" d'ogni possibile età non ci saranno medaglie e bandiere...e funerali di stato... tutt'al più un trafiletto sul giornale locale... e non rompete i coglioni...
vabbè

massimo ossimori 04.07.06 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Rif: O.T. Annamaria Farina 04.07.06 15:44

DATEMI UNA FINESTRA CHE RIMPINGUERO' LE SCORTE DELLA...

Prevedo un aumento dei prezzi dei prodotti Microsoft, esteso alle aziende partners.

Alla fin fine, Paperino, paga sempre il conto... anche quello di zio Paperone.

Ah... benedetto Linux.

MICROSOFT.

By Gian Franco Dominijanni

Gian Franco Dominiyanni 04.07.06 16:01| 
 |
Rispondi al commento

C1 alla Juve. Io speravo nei danni chiesti dalle squadre alla Juve con conseguente impossibilità ad iscriversi anche alla C2.

gabriele belperio 04.07.06 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ivana iorio

tu hai dei seri problemi e ti consiglio di farti vedere con urgenza.

Ma che minchia vai dicendo che i tfr sono dei regali del datore di lavoro ai dipendenti ?

A me il mio datore di lavoro, l'unica cosa che mi regala è un calcio nel culo, il resto è tutto sudore della mia fronte. Nessun diritto. Scioperi ? 50 euro in meno in busta paga. Malato ? 50 euro in meno in busta paga. Quindi che accidenti mi regala il datore di lavoro se i miei diritti costituzionali me li devo pagare ?
E dopo 40 anni di servizio, di tasse buttate nel cesso e di contributi sottrati dalla mia busta paga, secondo te il tfr è un regalo ?

Non parlare tanto per dimostrare che possiedi l'uso della parola, altrimenti rischi di fare figure barbine rispetto a chi vive relatà lavorative che forse tu neanche consideri

Papi Segantini 04.07.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento

scusate se torno indietro con l'argomento,
ma qualcuno che capisce bene il tedesco
(io l'ho quasi dimenticato) puó dire cosa dice
il giornale piú venduto in Germania oggi, sul povero orso bruno fatto fuori dai cacciatori bavaresi?
http://www.bild.t-online.de/
grazie.
ps: per lo sfottó sulla partita con l'Argentina
che associano a quella che giocheranno stasera con l'Italia, stendiamo un velo pietoso...
(qualcosa tipo "anche voi piangerete come loro".
mamma mia, che livello di giornalismo...).

Paolo Antonio Lovi Commentatore in marcia al V2day 04.07.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, un consiglio: girate almeno un po il mondo prima di parlare! Nella tanto decantata USA, nella precisa inghilterra, nella simile Spagna i supermercati vendono da anni le medicine da banco, i taxi non sono a numero chiuso, la benzina non la vendono solo i benzinai, i giornalai neanche esistono, qui di che stiamo a lamentarci, del perchè si è fatto prima una cosa e invece di un altra? Si va bene, ma almeno qualcosa si è fatto! Ora sotto con la Luce, Autostrada e GAS! Vai Prodi! Milan e Juve in B!!! Ahh, finalmente il mondo è tornato al giusto verso!


michele gustoni 04.07.06 15:10
_________________________________________________

Bravissimo! E' ora di finirla di avere l'aspirina più cara d'Europa! E perchè se compro pannolini per neonati e creme in farmacia posso detrarre le spese e se li acquisto al supermercato no? Grande Bersani, spero solo continui così!

Elena Bianchi 04.07.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e vero ragazzi sono frustrata e da un po che non trombo e non mi si fila nessuno ho provato con i colleghi di lavoro ma niente,ho provato con quelli di destra e niente,con quelli di sinistra e ancora niente ma la csa piu umiliante e che ci ho provato anche con il prete e lui ha rifiutato e a quanto pare neanche sul blog riesco a trovare qualcuno che mi tromba.

ivana iorio 04.07.06 15:51| 
 |
Rispondi al commento

immagina me..che nuda vado per strada a dire voglio fare l'amore con un uomo ..ne trovo mille come te


ivana iorio 04.07.06 15:03 |


IVANA IORIO NUDA PER STRADA GRIDANDO VOGLIO FARE L'AMORE CON UN UOMO!!
PANICO IN CITTA'!!!
LA NEURO!! LA NEURO!!!! PRESTOOOO
LA PROTEZZIONE CIVILE!
I POMPIERI!! L'ONU!! GLI AIUTI INTERNZAIONALI!
MARONNA MIA CHE SCHIFENZZZZA!!!!!
PUSSA VIA BRUTTA BERTUCCIA!

IVANA PORNO 04.07.06 15:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

***

Il mortadella con la bocca
a salvadenaro, come è duopo
ai dc di vecchio stampo, i manipolatori
del becerume,
si sta lucidando il culone
per farsi frustare stasera
dalla "educatrice berlinese"
angie merkel.
Scorreggione!
Facci fare bella figura.

Gianni Proietti 04.07.06 15:46| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

Ue, super multa per la Microsoft
e saranno due milioni al giorno

BRUXELLES - Nuovi guai in vista per la Microsoft. I rappresentanti delle commissioni antitrust europee hanno deciso - si è appreso da fonti riservate ma è praticamente ufficiale - che la Microsoft verrà costretta a pagare la multa comminatagli nel 2004 dall'Unione europea per abuso di posizione dominante, con l'aggiunta di qualche milione di euro in più. La Commissione europea infatti aveva condannato la società di Bill Gates a sborsare 497,2 milioni di dollari per abuso di posizione dominante. Ma l'azienda, recidiva, non ha mai versato neanche un euro nelle sue casse, e l'Ue, dopo due anni, è stanca di attendere.

Annamaria Farina 04.07.06 15:44| 
 |
Rispondi al commento

E un mese fa il presidente di Unipol e Coop Adriatica, Pierluigi Stefanini, aveva annunciato la nascita, a breve, dei primi farmaci a marchio Coop: aspirina e tachipirina.
«Non ci aspettavamo in tempi così brevi il decreto - ha ammesso lo stesso Soldi - ma avevamo già cominciato a lavorare, a prendere contatti con i fornitori, a progettare i corner».

************************************************

in pratica il governo di sinistra non era ancora nato e gia' sapevano...che efficenza !!!!

ivana iorio 04.07.06 15:39| 
 |
Rispondi al commento

DECISIONI, NON CONCERTAZIONI
http://andryyy.ilcannocchiale.it

Antonio Piras 04.07.06 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Inutile parlare di salute nel posto di lavoro, fra un pò il lavoro non ce l'avrà più nessuno.

Il governo Prodi, forse uno dei governi più vicino alle strategie politico-economiche anglo-statunitensi, ha dato inizio ufficialmente alla campagna delle grandi liberalizzazioni, delle grandi svendite di Stato (come avvenne dal 1992-93, cioè dall’incontro sul Britannia in poi). Non è una novità questa: Romano Prodi e Mario Draghi sono uomini legati alle potentissime lobbies bancarie internazionali (Goldman Sachs & C.) e Tommaso Padoa Schioppa (detto non per niente l’uomo-euro) è il personaggio chiave che ha lavorato alla grande per far accettare la moneta europea e per farci entrare nella “prigione economica” dei banchieri e delle oligarchie: chiamata Trattato di Maastricht!
Tali liberalizzazioni hanno riguardato:
- La vendita di prodotti da banco farmaceutici nei supermercati: un regalo alle lobbies chimico-farmaceutiche che vedranno, con la vendita al minuto, un incremento notevole dei loro fatturati;
- La libera concorrenza nel commercio al dettaglio: altro regalo ai mega, iper centri commerciali (e ai capitali che stanno dietro), i quali avranno meno limiti e impedimenti burocratici nell'aprire e quindi annientare la concorrenza, e cioè i piccoli negozietti a conduzione famigliare;
- Deregolamentazione nel settore dei trasporti, con la cancellazione del divieto di cumulo delle licenze;
....questa è un governo per il paese?

Alessandro Bertolino 04.07.06 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

certo..se accetta...non ricordo piu' che concordato.....ma dato che..almeno il 50 %, almeno, prende il taxi per lavoro...di sicuro vuole lo scontrino per le spese a pie' di lista

ivana iorio 04.07.06 15:06 |
--------------------------------------------------

E questo cosa vuol dire?!
Che loro sono autorizzati ad evadere il 50% delle tasse?

Ivana, sveglia!!!!!
********************************************

Ma sapete quanti professionisti non fanno mai fattura o scontrini fiscali ? ad es. gli insegnanti che danno lezioni private, i medici magari vi chiedono se volete la fattura sono 90 euro senza fattura 60 e l'elenco sarebbe ancora lungo....


A proposito stasera mi raccomando cari patrioti da salotto, tifate per gli hitleriani così sarete anti-italiani ancora una volta...caproni

Mario Maria 04.07.06 15:34| 
 |
Rispondi al commento

porto un contributo dalla mia terra Pugliese. Non so se siete a conoscenza di un mostro presente a Taranto, si chiama l'ilva è una industria siderurgita immensa...se non erro è la più grande d'europa. Oltre al fatto che nel quartire dove è posta il 50% della popolazione muore per tumore (si perchè è posta tra case abitate) l'altro 50% che sopravvive mure dentro l'industria. Questa acciaieria era già fatiscente appena inaugurata perchè era così grande che per costruirla ci sono voluti anni e quindi quando l'hanno finita i primi pezzi costruiti erano ormai arrugginiti e cadevano a pezzi. Avete capito bene, spesso capita che un operaio si fonda in un forno a migliaia di gradi...è una cosa che fa rabbrividire, ma se sentite il tgR puglia vi renderete conto che qui è praticamente la normalità...il problema più serio è che quell'industria da lavoro a mezzo Taranto (e pagano pure bene): ora come convinciamo i Tarantini che andare incontro alla morte per 1.500 euro al mese non ne vale la pena?
ha dimenticavo un dettaglio, le case del quartiere in questione sono tutte copetre da terra rossa e acciaio finissimo...chissa perchè la gente muore di tumore lì...

Dicosola Michele 04.07.06 15:33| 
 |
Rispondi al commento

dopo trentacinque anni di lavoro sotto lo stato, con un medio stipendio impiegatizio ...quanto porti a casa di liquidazione ?

la vendita della licenza e' la loro liquidazione...e non alzate il prezzo...................... qualche anno fa ero rimasta a 200 milioni una licenza...

cifra altissima ma ..inserita in un contesto di piccola impresa...cifra normale...compri un mezzo tornio..strumento di lavoro..e paghi la stessa cifra.

non potete venir qui a parlare dei tassisti come una lobby di soldi e potere...

nelle mie note precedenti ho dimenticato di aggiungere..che il tassista non deve ammalarsi,ne rompersi un braccio.. altrimenti son dolori,,,,

ivana iorio 04.07.06 14:57 |

--------------------------------------------------

Eh no Ivana, adesso basta!
Il tfr non è un regalo che i datori di lavoro fanno ai propri dipendenti, è un accantonamento che viene detratto dalla busta paga.
Il comune, cioè noi cittadini (dopo essere stati derubati dai tassisti), dovrebbe anche pagargli la liquidazione?!
Ammalarsi, rompersi un braccio? Ma cosa vai blaterando?
I dipendenti pagano l'Inps per la copertura sanitaria e l'Inail per l'infortunistica. I liberi imprenditori dovrebbero fare altrettanto.
Ecco, vedi? Tutti i nodi vengono al pettine.

Per quanto riguarda il costo delle licenze sei rimasta un pò indietro. Io lavoro nel settore e posso assicurarti che le cifre sono quelle che ho riportato nel precedente post.


Bisogna stare attenti e non andarsele a cercare.
Oltre questo impegnarsi in qualunque modo per prevenire.
Non dobbiamo pensare sempre male, se no non si dorme nemmeno.
Ci vuole una giusta misura.

Roberto Bandini 04.07.06 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Ivana ti ho risposto.... (in discussione)
il tuo Franco

franco tuoni 04.07.06 15:20| 
 |
Rispondi al commento

#@#@
O.T. chiedo scusa alle vittime.
================================
"Lui" dice che è vittima della sinistra.
Il "suo" milan era vittima.
Stà a vedere che galliani non era al corrente di tutto.
Scomettiiamo che galliano è stato "obbligato" a togliere i diritti alla Rai(cioè a noi)per darli a "LUI".
Povero galliani e....poverto"LUI"!
(((((Berluscoioni/galinoiani/mafiaset/ski siate maledetti....per sempre)))).

Stasera w l'italia e abbasso la vaticano/germania di ratzingher/sruini.

Joseph pane 04.07.06 15:20| 
 |
Rispondi al commento

certo..se accetta...non ricordo piu' che concordato.....ma dato che..almeno il 50 %, almeno, prende il taxi per lavoro...di sicuro vuole lo scontrino per le spese a pie' di lista

ivana iorio 04.07.06 15:06 |
--------------------------------------------------

E questo cosa vuol dire?!
Che loro sono autorizzati ad evadere il 50% delle tasse?

Ivana, sveglia!!!!!

Annamaria Farina 04.07.06 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Adeguamento automatico dei tassi. Ancora, nel decreto approvato dal Consiglio dei ministri si prevede che i tassi di interesse sui conti correnti bancari, sia debitori che creditori, dovranno essere adeguati in contemporanea con le variazioni stabilite dalla Bce.

Banche, obbligo di sottoporre variazioni di condizioni ai clienti. Le banche dovranno comunicare per iscritto ai propri correntisti ogni modifica unilaterale di condizioni del contratto di conto corrente (tassi, commissioni, prezzi vari) almeno 30 giorni prima di appliare queste modifiche. Entro 60 giorni il correntista avrà diritto di recedere senza penalità e senza spese di chiusura e di ottenere, in sede di liquidazione del rapporto, all'applicazione delle condizioni precedentemente particate.


manuela bellandi 04.07.06 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Liberalizzazione delle licenze taxi. Le norme sulle licenze per i taxi vanno nella direzione di "evitare il commercio di queste licenze", ha spiegato il ministro Bersani: "Diamo ai Comuni una possibilità in più. Oltre a programmare numericamente potranno bandire concorsi pubblici o riservati per assegnare a titolo oneroso delle licenze".


Domanda : qualcuno di voi ha mai provato ad ottenere una licenza di taxi?

Un mio amico ci prova da 10 anni...io sono favorevole a questa disposizione, anche se condivido la necessità di concertazione alla quale ,tra l'altro, il governo si è già reso disponibile.

manuela bellandi 04.07.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento

PARTE 2

....L'aggressione all'Afganistan e' avvenuta per scelta unilaterale
nell'ottobre 2001 senza alcuna parvenza di legalita' internazionale,
in violazione dello Statuto delle Nazioni Unite.
Le sole ragioni addotte per la rinnovata partecipazione dell'Italia
sono di appartenenza e di subordinazione. Ragioni false, peraltro.
Non ha fondamento o contenuto l'affermazione che, rifiutando la
partecipazione a questa guerra, l'Italia "uscirebbe dall'Europa".
E' altrettanto improbabile che rifiutarsi a questa guerra comporterebbe
per l'Italia "uscire dalla Nato", un'alleanza militare nata come
difensiva per un'area e divenuta strumento di aggressione in altre
parti del mondo.
L'aggressione di apparati e media a parlamentari che intendono
rispettare l'articolo 11 ignora e viola l'articolo 67:
"Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue
funzioni senza vincolo di mandato".
"La coscienza" dei parlamentari merita rispetto se si parla di un
grumo di cellule, ma deve tacere sulla vita o la morte di esseri umani
gia' perfettamente formati?
C'e' chi sottomette le convinzioni alle opportunita'.
Abbiamo il massimo apprezzamento per chi antepone la coerenza morale e
istituzionale a qualsiasi genere di convenienza.

Federico Colombo 04.07.06 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, un consiglio: girate almeno un po il mondo prima di parlare! Nella tanto decantata USA, nella precisa inghilterra, nella simile Spagna i supermercati vendono da anni le medicine da banco, i taxi non sono a numero chiuso, la benzina non la vendono solo i benzinai, i giornalai neanche esistono, qui di che stiamo a lamentarci, del perchè si è fatto prima una cosa e invece di un altra? Si va bene, ma almeno qualcosa si è fatto! Ora sotto con la Luce, Autostrada e GAS! Vai Prodi! Milan e Juve in B!!! Ahh, finalmente il mondo è tornato al giusto verso!

michele gustoni 04.07.06 15:10| 
 |
Rispondi al commento

perchè postare questa riflessione, l’impressione è che se ne parli troppo poco…

DA: News letter di Emergency n. 25 - Anno 2006-PARTE-1

Il Consiglio dei ministri ha varato il decreto di rifinanziamento di
tutte le missioni militari all'estero tra cui quella in Afganistan.
Di seguito la posizione di Emergency.

EMERGENCY: RIPUDIARE LA GUERRA O LA COSTITUZIONE?

Il governo italiano rifinanzia la "missione militare" in Afganistan.
Il governo italiano decide cosi' di accettare la guerra "come mezzo di
risoluzione delle controversie internazionali".
Questa decisione e' compatibile con la lettera e con lo spirito
dell'articolo 11 della Costituzione?
Il governo italiano e' determinato a violare l'articolo 11 della
Costituzione?
I componenti del governo hanno giurato di rispettare la Costituzione.
I componenti del governo sono determinati a violare i loro giuramenti?

Quando questo governo decide di protrarla, la guerra in Afganistan e'
durata per l'Italia gia' quanto la seconda guerra mondiale.
Nessun presidente o ministro ha detto a quale risultato raggiungibile
miri la guerra in Afganistan; nessuno sa seriamente dire che cosa
dovrebbe o potrebbe accadere per considerarla conclusa.
La guerra in Afganistan e' potenzialmente una "guerra infinita".
Il governo italiano ribadisce la partecipazione a questa "guerra
infinita".
.......

Federico Colombo 04.07.06 15:09| 
 |
Rispondi al commento

perchè postare questa riflessione, l’imprerssione è che che se parli troppo poco…

DA: News letter di Emergency n. 25 - Anno 2006

Il Consiglio dei ministri ha varato il decreto di rifinanziamento di
tutte le missioni militari all'estero tra cui quella in Afganistan.
Di seguito la posizione di Emergency.


EMERGENCY: RIPUDIARE LA GUERRA O LA COSTITUZIONE?

Il governo italiano rifinanzia la "missione militare" in Afganistan.
Il governo italiano decide cosi' di accettare la guerra "come mezzo di
risoluzione delle controversie internazionali".
Questa decisione e' compatibile con la lettera e con lo spirito
dell'articolo 11 della Costituzione?
Il governo italiano e' determinato a violare l'articolo 11 della
Costituzione?
I componenti del governo hanno giurato di rispettare la Costituzione.
I componenti del governo sono determinati a violare i loro giuramenti?

Quando questo governo decide di protrarla, la guerra in Afganistan e'
durata per l'Italia gia' quanto la seconda guerra mondiale.
Nessun presidente o ministro ha detto a quale risultato raggiungibile
miri la guerra in Afganistan; nessuno sa seriamente dire che cosa
dovrebbe o potrebbe accadere per considerarla conclusa.
La guerra in Afganistan e' potenzialmente una "guerra infinita".
Il governo italiano ribadisce la partecipazione a questa "guerra
infinita".

L'aggressione all'Afganistan e' avvenuta per scelta unilaterale
nell'ottobre 2001 senza alcuna parvenza di legalita' internazionale,
in violazione dello Statuto delle Nazioni Unite.
Le sole ragioni addotte per la rinnovata partecipazione dell'Italia
sono di appartenenza e di subordinazione. Ragioni false, peraltro.
Non ha fondamento o contenuto l'affermazione che, rifiutando la
partecipazione a questa guerra, l'Italia "uscirebbe dall'Europa".
E' altrettanto improbabile che rifiutarsi a questa guerra comporterebbe
per l'Italia "uscire dalla Nato", un'alleanza militare nata come
difensiva per un'area e divenuta strumento d

Federico Colombo 04.07.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(e forza italiaaaaaa..)

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

(compagno A) - no stasera la partita non la vedo. mi rifiuto!
(compagno B) - perche'? mi sembravi tanto contento?
(compagno A) - perche' le telecamere rosse (piu delle lanterne) inquadreranno di continuo romano prodi che si vede la partita con angela nerkele
(compagno B) - dici che si metteranno a limonare in tribuna d'onore? in mondovisione? pensa che lancio per il videotelefonino 3. si pentiranno di non avere avuto una copertura maggiore sul territorio nazionale
(compagno A) - io continuo a preferire la sostanza: alena sederova! :D
(compagno B) - ah beh! se la metti su questo piano anche io avrei preferito silvio che almeno si capiva da subito chi faceva l'uomo....
(compagno A) - eh silvio...un po ci manca: ma stasera c'e'?
(compagno B) - non si sa. la stampa e' omertosa al riguardo, come al solito
(compagno A) - hai visto le richieste di penalizzazione per juve milan fiorentina e lazio?
(compagno B) - secondo me il milan l'hanno dovuto infilare per forza dentro, giusto per non fare apparire e della valle troppo santo, danneggiando sul piano degli interessi economici il milan ovvio!
(compagno A) - banderuole! e a paparesta? per il quale e' stato richiesto un anno di inibizione per non avere denunciato di essere stato chiuso nel camerino degli arbitri da moggi?
(compagno B) - se la motivazione e' questa mi pare esagerato! e allora a varriale dovrebbero mandarlo sul satellite molto ma molto oltre le orbite di emilio fede, altro che storie....
(compagno A) - che mondo!
(compagno B) - praticamente una concussione arbitrale consensiente!
(compagno A) - oppure mobbing, come qualcuno dice di sotto
(compagno B) - grave problema quello
(compagno A) - senti un po, cambiando argomento, sembra che edmond voglia chiudere col suo personaggio
(compagno B) - si ho sentito anche io, ma con queste notizie uhm...
(compagno A) - aspettiamo ulteriori evoluzioni! che sono finiti pure i caratteri, ciao.

ed :))))

edmond dantes 04.07.06 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Torino, 4 luglio 2006 (rainews24)

Il direttore del quotidiano torinese, "Torino Cronaca", Beppe Fossati, 56 anni, è rimasto ferito al volto per l'esplosione di un pacco bomba recapitato alla sede del giornale. Secondo una prima ricostruzione il giornalista non avrebbe riportato ustioni gravi.

Il fatto è avvenuto verso le 13 di oggi nella sede del giornale, in via Principe Tommaso. Fossati, secondo quanto si e' appreso, ha trovato il pacco sulla sua scrivania e l' ha aperto.

In passato il giornale - che viene diffuso a Torino e in provincia-, era già stato oggetto di altri episodi di minacce.

manuela bellandi 04.07.06 15:01| 
 |
Rispondi al commento

La realtà italiana è costituita da piccole e medie imprese.
Per quel che ho constatato io chi lavora bene lavora anche in sicurezza: però i costi sociali li sopporta da solo e non è competitivo con altri che non si adeguano.
Secondo me occorre invertire la tendenza attuale: le imprese che lavorano in sicurezza, che investono, che formano il personale devono poter essere competitive sul mercato di più od almeno quanto chi non applica questi semplici principi.

silvana paganelli 04.07.06 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Nooo, ancora Ivana! Ma veramente?
Abbiamo avvisato il WWF, abbiamo lanciato appelli in TV, per Radio, su Internet! Abbiamo creato decine e decine di C/C per la raccolta di fondi, ma niente? Vuoi dirmi che tutto questo non è servito a nulla?
ANCORA NON HANNO TROVATO NESSUNO CHE TI TROMBA?

franco tuoni 04.07.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimi,

quando la nave affonda i topi ...

Il primo rattone Capello si è gia' dato alla

grandissima.

Cordiali saluti ai gobbi in interregionale.

Eugenio Scalfari 04.07.06 14:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ivana Iorio@@@@@@@@@@

Ti ricordo inoltre che il tassista non ha, grazie al precedente governo che lo ha abolito dopo pochi mesi dalla sua introduzione, l'obbligo di rilasciare ricevuta fiscale.


un giorno quando tutti i lavoratori delle grandi dittte saranno morti e sepolti e tocchera ai nipoti degli imprenditori andare a lavorare forse qualcosa succederà..... per ora ci tocca solo subire.
Siamo in trincea non dimentichiamolo.....
Buon lavoro se cosi si può dire!

luca naldi 04.07.06 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Grillo, ci sei? Sei ancora tra noi? La questione lavoro ora non è più prioritaria, è già passata! Ma che a casa tua, con la connessione a "Piccione Viaggiatore" che usi, le notizie ti arrivano con tre giorni di ritardo?

luca fissa 04.07.06 14:47| 
 |
Rispondi al commento

VI DO UN PO' DI DRITTE SULLE SCOMMESSE DEL PROX CAMPIONATO DI CALCIO 2006/2007.

JUVENTUS-ORTANOVA 1 con handicap quota 1.50

la difesa all'acqua di rose dell'Ortanova sara' tagliata come il burro dall'mirabolante attacco juventino(Del Piero,Brambilla,Frappampina)

GELA-JUVENTUS 1 X

qua consiglio di giocare sulla sorprendente resistenza difensiva del Gela e del fattore campo dei siciliani.

JUVENTUS-AFRAGOLESE X primo t. 1 secondo t.
quota 1,80

se il primo tempo finisce in pareggio e' fatta,e la quota e' succulenta.


Quando intascate le vincite propongo un mega party,a pizza e birra per tutti,al grido:

DE SA'-NTIS DE SA'-NTIS,VIENI A PESCARE CON NOI,CI MANCA IL VERMEEEEE !!!

micelli rodolfo 04.07.06 14:47| 
 |
Rispondi al commento

@Ivana Iorio
Gentile Ivana
ancora non riesco a capire quale sia la direzione politica che lei e il partito che difende accanitamente voorrebbe. Parlate del sud come di una massa di scansafatiche che succhia la ricchezza prodotta dal nord e ora che una provvedimento va a toccare gli interessi di certe caste, seppur piccole, lai parla di "leggi populiste e demagogiche". Coloro che sfruttano la possibilità di un mercato chiuso per imporre i loro prezzi non sono forse ancor peggio dei "ladri sudisti"? Da quello che vien fuori dalle sue parole questi poveri tassisti, per non parlare degli ancor più poveri notai e dei sempre più poveri farmacisti, possono arrivare a spendere fino a 180.000 € per condurre una vita da schiavo per riscattare questo cifra iniziale. Ma sono scemi? Io, se avessi una cifra del genere, mi ci comprerei una casa e troverei qualcuno a cui affittarla. E, per rientrare nel post, i muratori allora che vita fanno? Legga i post prcedenti sugli infortuni e consideri se vale la pena fare questo lavoro per 1.800 € al mese? Oppure le va bene perchè per la maggior parte sono immigrati sottopagati e in nero, cosa che da ai vampiri imprenditori edili (scusate l'ossimoro) un ancor più ampio margine di guadagno?
A me sembra che questa legge sia più di ispirazione della destra liberale che non dello statalismo di sinistra di cui accusa il governo.
Spero in una sua risposta puntuale
marco primavera

Marco Primavera 04.07.06 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

stiamo larghi...fai anche 330 euro al giorno di incassi: oltre il 50 percento lo versa allo stato in tasse

almeno il 30 % lo deve mettere via per 13/14/ferie/e festivita

gli vuoi dare da mangiare ? gli vuoi far bere tre caffe al giorno e qualche liquido ? ammetti un uso intensivo del vestiario ? quando vendono la macchina ammetti il valore ridotto di vendita, ammetti le giornate sotto il sole di luglio, ammetti lo stress quaotidiano, ammetti che qualcuno ti rapina o ti rifila soldi falsi, ammetti, che qualcuno non ti paga, e altre piccole problematiche burocratiche legate all'impresa...........secondo me un nullafacente statale prende di piu !!!!!

ivana iorio 04.07.06 14:32 |
--------------------------------------------------

Gli voglio riconoscere ogni suo diritto Ivana, ma voglio anche privarlo di tutti i privilegi.
Una concessione comunale non può essere venduta a terzi per 250.000 euro!!!
Se sei stanco di fare il tassista, e vuoi cambiare mestiere, devi riconsegnare la licenza all'ente che l'ha rilasciata, permettendo ad altri di lavorare al tuo posto senza dover per questo sborsare 250.000 euro.


Ho paura che la vera ragione del Decreto dei TAXI (dove la cosiddetta liberalizzazione consiste nel fatto che un soggetto possa detenere un numero illimitato di licenze), sia quello di spianare la strada alle varie Coop, e soggetti carichi di soldi. Il soggetto potrà acquistare, supponiamo, 10.000 auto uso taxi, potrà assumere autisti a costo fisso in tutto il paese, senza diminuire il risparmio all'utente, ma creando posti di lavoro, monopolizzando il settore e creando ricchezza per questi soggetti. Niente di nuovo sotto il sole.
Pietro Rossi

pietro rossi 04.07.06 14:44| 
 |
Rispondi al commento

La scorsa settimana, a Buttapietra in provincia di Verona, sono caduti da una gabbia rialzabile due rumeni che stavano lavorando sul campanile della chiesa. Tutti e due morti. TG nazionali??? nessuna notizia. Funerali di stato? Perchè farli, non sono mica giocatoridicalciovelinevippoliticimilitariecceteraecceteraeccetera. Quindi chi se ne frega....!!!!???? Pergiunta sono anche stranieri!!! E' molto più importante chi si butta dalla finestra ed è conosciuto; quello si che fa notizia. O meglio ancora una modella che "tira" la coca. O Lapolapo che va nella grande mela... E' si cari blogghettari questa è la "realtà".
A proposito di sicurezza. Un mio carissimo amico che gira spesso il mondo per lavoro, in Australia, quando entra nelle aziende in cui deve operare, lo obbligano a mettersi il giubbino catarifrangente perchè è più visibile. E mi ha raccontato che, se molte aziende italiane lavorassero in Australia avrebbero già chiuso; siamo "troppo bravi" nella sicurezza sul lavoro!?!?!? Qui quando va bene, chiedi di migliorare la sicurezza sul posto di lavoro ti rispondono "vedremo", più avanti, adesso non abbiamo tempo... BISOGNA SOLO PRODURRE!!! Se va male ti dicono: "quella è la porta".

Un pensiero a tutte le persone che subiscono infortuni tutti i giorni per la ricchezza dell'azienda.

Riccardo Ferrari 04.07.06 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo, quindi copio e incollo:

Basta con la sola logica delle sanzioni!!!!! Non è così che si fa cultura!!!! Ma voi ci andate in auto???? Vi pare che le multe o i punti servano a far fermare un auto quando un pedone sta per attraversare sulle strisce????? NO, perchè i controlli non ci sono sempre: l'automobilista indisciplinato non è multato 9 volte su 10.

E se per cambiare introducessimo la cultura del premio, del diritto: tu hai diritto di non pagare le tasse per un anno se dimostri di aver investito parte del tuo fatturato in sicurezza!!!! Le nostri leggi sono piene di divieti e di sanzioni!!!!

silvana paganelli 04.07.06 12:13 |

Elena Bianchi 04.07.06 14:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MOLTI SCRIVONO: CONSIGLI, BAEDEKER, NORME, LEGGI MA...

Le norme ci sono vanno solo applicate, nel senso che non vanno solo attaccate nei cantieri come avviene con i cartelli, ma eseguite, messe in pratica.

Le persone preposte alla sicurezza ci sono, ogni cantiere ha un suo direttore dei lavori, il suo capocantiere, il suo caposquadra sui quali dovrebbe volare lo "spettro" de Vigili Urbani e degli Ispettori del Lavoro.

Ma spesso non sempre esiste la figura di "chi controlla chi controlla" e, se c'è, come dire è distratta.

Vorrei però spezzare una lancia in favore di molti operai che non usano impicci di sicurezza, direi che personalmente mi sento più sicuro su un cornicione concentrato con una t-shirt, un jeans personale e delle scarpe da tennis personali piuttosto che con estensioni innaturali chiamate abbigliamento antinfortunio.

Il nostro corpo, sano e libero è una forma perfetta di sicurezza, gli altri accessori se non risultano sufficientemente "adattati" al nostro corpo diventano pericolosi corpi estranei che possono diventare causa di incidente.

La sicurezza durante il lavoro nasce innanzi tutto dalla testa, parto dal presupposto che ciascuno di noi debba essere preparato e sicuro del lavoro che va a svolgere, se una persona non ha queste caratteristiche è meglio che cambi lavoro.

Qui arriviamo al nocciolo della questione spesso svolgono lavori a rischio persone non preparate e inesperte, quindi per necessità, o non sufficientemente concentrate.

La sicurezza parte dalla testa e, attraversando la preparazione e l'esperienza, si conclude con l'istinto.

POCHI LE APPLICANO, SARANNO SCONVENIENTI? SI!

By Gian FRanco Dominijanni

Gian Franco Dominiyanni 04.07.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento

"...sai bene che ciò che ho scritto è tutto vero..."

Alessandra Lattuada
--------------------------------------------------

Alessandra,
non ho affatto detto che tu sei confusa, ma è il tuo discorso ad esserlo.
Tu vorresti addebitare a questo governo e a questa riforma i mali strutturali della nostra società.
C'è un piccolo particolare che ti sfugge Alessandra: questo governo, insediato da appena un mese, sta muovendo i primi passi nella giusta direzione per porre rimedio ad alcune problematiche.
Non se ne esce. Vuoi riportare sempre tutto ad uno schieramento ideologico.
Ok, allora dimmi, cos'è accaduto nella scorsa legislatura (governo LIBERALE) di tanto clamoroso in merito alle liberalizzazioni?

Annamaria Farina 04.07.06 14:29| 
 |
Rispondi al commento

gli appalti premiano chi costa meno, e le imprese per costare meno eliminano la sicurezza, daltronde i controlli sono rari e difficili da eseguire, e nelle mille pieghe dell'italianeità si trovano gli escamotage, I GENITORI O I FIGLI DEI CADUTI SUL LAVORO sarebbero degli ottimi controllori, o forse sarebbe + salutare per l'italia aprire un bel cantierone a montecitorio?

gianfranco fazzeri 04.07.06 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Prima della partita vi invito a visionare quello che sarà il risultato finale di Italia Germania cliccando sul mio nome.

Poi vi mostrerò con prove documentali chi ha comprato la partita e come,anche se la cosa che farà sensazione sarà sapere dove e chi l'ha comprata questa maledetta partita.

enzo grimaldi 04.07.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento

***

La mortadellaccia scrive alla educatrice
berlinese , tale angie merkel, dicendole
che la cermania è il nostro modello
da seguire.
A coso, fatte da na manica
de cintate su quer culaccio!
oltre che strano sei pure
un venditore della patria.
te venisse la cacarella mentre la
berlinese ti frusta.
Pussa via.
rappresenti il nulla.


*

Gianni Proietti 04.07.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento

IL LAVORO UCCIDE ANCHE ... CHI NON CE L'HA ...

Buongiorno Tribù.

JdQ

Jacopo della Quercia 04.07.06 14:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Senza legalità il Paese è alla stregua della dittatura: i prepotenti (divulgando un falso ideale di libertà) prendono il sopravvento ed applicano condizioni inique a coloro che loro stessi hanno reso BISOGNOSI ... mi chiedo solo quando cominceremo a combattere per realizzare un effettiva democrazia ... o affideremo il nostro latente senso di riscatto al palliativo ameno suscitato dalle vittorie sui campi da calcio ("altro diversivo per confondere ed irretire le menti dei popoli")!?

Mauro Bellaspica 04.07.06 14:20| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

Repubblica

- Giornalista :"Perché non volete la liberalizzazione delle licenze?"

- Tassista romano: "Perché non serve per migliorare il servizio. Serve solo per toglierci il lavoro che già non basta. Incassiamo 110 euro al giorno..."

--------------------------------------------------

Vorrei solo far presente che noi consumatori non viviamo su marte e quando paghiamo è dal nostro portafogli che attingiamo, non da quello del vicino.
Una corsa Roma/Fiumicino costa in media 45 euro.
Ora l'intervistato dovrebbe avere la pazienza di spiegarmi come fa ad incassare 110 euro al giorno con un turno di lavoro che, se non sbaglio è di 6 ore.


Io vorrei ammazzare con le mie mani di madre quelle bestie immonde indegne di vivere di nome Mauro Bronchi, Mario Alessi ecc.. e successivamente passerei alle madri complici che permettono che questo accada.

Io li maledico ogni giorno della mia vita ed auguro loro i mali peggiori, i castighi più orrendi che si possano augurare ad essere vivente.

Mamma Angela 04.07.06 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un ultimo OT scusate... dato che oggi è giorno di calcio (ma non lo vedrò in tv, stasera c'è l'"Ommegang" nella Grand'Place e vale molto di più la pena... comunque già si vedrà il risultato dalle carovane di bandiere giallorossonere :-)))

Dall'homepage di "Repubblica":

__________


CALCIO SCANDALO, DURISSIME RICHIESTE
"JUVE IN SERIE C, SCUDETTI REVOCATI
FIORENTINA, LAZIO E MILAN IN B"

La requisitoria di Palazzi al processo dell'Olimpico. Juve, cancellati gli ultimi due titoli e 6 punti di penalizzazione in C; 15 ai viola e ai biancazzurri, 3 al Milan; 5 anni a Moggi, i Della Valle, Carraro, Lotito, Meani, Bergamo, Mazzini, Pairetto, Lanese e De Santis, 2 a Galliani.

__________


MAGARI!!!

Giuro solennemente che se queste GIUSTISSIME E DOVEROSE richieste saranno accolte, mi riappassiono al calcio, prendo l'aereo tutti i week-end per andare a vedere almeno una partita, e mi abbono pure a Sky :-)))

Magari... magari!!! È l'ultima speranza, l'ultima possibilità di salvare il calcio italiano.


Sono un consulente della sicurezza sul lavoro, svolgo questo mestiere da oltre 10 anni, pertanto mi permetto di dire la mia.

1° abbiamo un numero elevatissimo di infortuni mortali,con lesioni permanenti senza contare i piccoli infortuni e quelli non denunciati dovuti soprattutto al lavoro nero.
Le Istituzioni fanno poco e quel poco lo fanno male. Gli ispettori sono pochi ed alcuni impreparati. La spesa sostenuta è pari a due finanziarie, nonostante questo immenso fiume di denaro speso da tutti noi, il governo non fà prevenzione, non fà pubblicità sugli infortuni del lavoro, i media snobbano questo argomento, mi chiedo è giusto questo atteggiamento da parte delle istituzioni?

2° Un consiglio che do ai ns. politici, fate in modo con leggi appropriate di istruire obbligatoriamente i datori di lavoro, sono loro per primi che non fanno applicare le norme antinfortunistiche , per loro conta solo la produzione e il profitto.

3° la formazione ed informazione ai lavoratori è effettuata quasi sempre in modo superficiale e da personale non istruito e preparato.

4° Normalmente chi si occupa di sicurezza è guardato sempre male da tutti, datori di lavoro, e soprattutto dai lavoratori questo perchè effettivamente non si ha la cultura della sicurezza.

So rammaricato da questa situazione, spero che i miei nipoti vedranno in parte applicata effettivamente la 626/94
PS i miei nipoti devono ancora nascere.

saluti a tutti da Luigi Orlando


luigi orlando 04.07.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Annamaria Farina 04.07.06 13:16 |
********
in genere, chi si sofferma all'apparenza dei problemi o delle soluzioni, risolve, identificando confuso, un discorso invece molto chiaro.
sai bene che ciò che ho scritto è tutto vero.
leggi bene ciò che riguarda i provvedimenti per le farmacie e capirai.
non mi soffermo oltre, non ho molto tempo oggi, e anche perchè ho già postato parecchio a riguardo ieri sera.
consiglio, togliti i paraocchi alla travaglio, per intenderci..
vedrai anche tu la vera dimensione di ciò che sta succedendo.
quando parlo di lobby, intendo quelle internazionali, non parlo certo dei mercati di quartiere..
il problema fondamentale è che molto spesso non si ha una visione globale. e oggi, per capire è fondamentale.
avrò qualsiasi difetto, ma ti assicuro che sono tutt'altro che confusa.
semmai molto preoccupata.
ciao e buona giornata.

alessandra lattuada 04.07.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe

da qualche giorno, oramai, si assiste ad una tristissima e squallida vicenda (come se non bastasse tutto il resto).
Mi riferisco, nello specifico, non certo allo sciopero dei tassisti (giusto o sbagliato, fra l’altro, non è a mio modo di vedere così rilevante), ma al tentativo, da parte di molti organi di dis-informazione, di descrivere una situazione di caos assoluto, baraonde infernali, blocco totale della mobilità, nelle città e in tutta Italia, per assenza dei taxi.

Che ridicoli penso, questi giornalisti. Che ridicoli schiavi e servi del padrone.
Ma che razza di lavoro è quello che è finalizzato a imbrogliare quante più persone, ingannarle e alterare loro la realtà per un fine ancor più squallido?
E come mai non è penalmente perseguito?

Chi ha un minimo di buon senso (è vero, basta soltanto un piccolissimo briciolo di intelligenza per sentir meglio), sa bene che non è certo l’assenza del taxi a bloccare l’Italia.
Basta, del resto, guardarsi intorno.
Che vergogna, penso sempre più spesso, che vergogna essere italiani.
Avere intorno tanti simili che più dissimili non si può.

Ma accade, perché è accaduto davvero che, qualche giorno addietro, in ascensore, una signora, per rompere l’imbarazzo, mi disse: “Meno male. Aveva ragione la televisione, ieri era la giornata più calda, oggi si sta molto meglio. Lo ha detto la televisione…”.

Avevo guardato, il giorno prima e per puro caso, il cartellone luminoso posto sul palazzo di fronte al mio segnare 34° gradi.
Così, appena mi licenziai dalla signora dell’ascensore, entrai in casa e mi affacciai al balcone.
Ero bagnato dal sudore, inzuppato come un pulcino appena sgusciato. Apro le finestre! Che caldo che fa oggi. Guardo il termometro, 38° gradi.
Ho acceso la televisione… genti dentro fontane, bottiglie d’acqua, gelati, frutta, tette e culi in riva al mare.

Mannaggia che caldo che fa oggi. Che caldo che fa.

Buon lavoro a tutti (o quasi).

Davide Natale 04.07.06 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici del Blog: purtroppo andando al Mulino ci si infarina.
Gli infortui sul lavoro si possono ridurre? Forse sì, ma occorre lavorare un pò meno, e questo è impossibile.
Certo con la limitazione delle ore di lavoro e l'impiego delle protezioni qualcosa si è migliorato. Ma la causa dell'incidente è o la poca esperienza o la routine. La poca esperienza ti porta a farti male per ovvi motivi. La routine perche non ti accorgi dell'errore che stai facendo perchè hai il cervello in panne.

Io ho lavorato in fabbrica, da ragazzo. (Mentre Emanuela Bellandi cercava di uccidermi vendendomi sigarette, ma non c'è riuscita). Ed ho avuto ben due incidenti sul lavoro.
In un caso le normative non erano sufficientemente evolute per mettermi al sicuro da un errore della macchina, che cercò di uccidermi (Ma meno subdolamente della Bellandi)
In un altro la mia ecessiva foga lavoratrice mi fece dimenticare che il mio guanto di sicurezza era liso, e mi provovai una ferita fonda fonda.

Da qui mi son reso conto di molti pericoli che possono coinvolgere i lavoratori: ma evitarli tutti, anche se li conosci, è impossibile.

Lavorate con la testa!


PS: Manuela Bellandi :-)

Francesco landi 04.07.06 14:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,

volevo solo ringraziarti per aver parlato degli incidenti sul lavoro. Volevo ricordare un amico, ex compagno di scuola, Antonio Puleo, morto due anni fa a 28 anni.
Faceva l'apprendista orefice ma doveva sposarsi entro l'estate, cosi' per racimolare qualche soldo in piu' lavorava come muratore.
E' caduto da un'impalcatura, senza casco, senza imbracature di sicurezza, e' volato giu' non so da quanti metri, e i suoi sogni, i sacrifici, la sua vita e' finita in un soffio.
Ogni volta che vedo un'impalcatura con lavori in corso alzo il naso in su e penso a lui, e continuo a vederlo in tutti gli operai che inevitabilmente, non hanno casco, non hanno imbracature e possono perdere l'equilibrio in un attimo.
Perche' anche in cantieri aperti in pieno centro storico nessuno vede e nessuno parla.
Mi chiedo se un privato cittadino puo' segnalare su sua iniziativa queste mancanze, visto che chi dovrebbe farlo di mestiere sembra cieco e ottuso.

mariateresa pullano 04.07.06 14:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le scommesse di Italia-Germania...

Una vigilia migliore non la potevamo certo passare, 3 scommesse vinte su 3!!!!!!!! La percentuale dei guadagni cresce giorno dopo giorno, siamo arrivati ormai all'incredibile cifra del 138,33%!!!!!!

Per quanto riguarda questa semifinale è molto difficile fare pronostici, in questi casi bisogna cercare di farsi influenzare il meno possibile dal tifo e pensare il più razionalmente possibile.... Quello che vi suggerisco di puntare è questo:

1)PARZIALE FINE PRIMO TEMPO-FINE PARTITA (90') X/X QUOTA 5 EURO 5

2)PRIMO GOL DELLA PARTITA: PERROTTA QUOTA 30 EURO 4

3) 4 O 5 SOSTITUZIONI (NEI 90' MIN) QUOTA 2.64 EURO 7

4) QUALIFICATA: ITALIA QUOTA 2.42 EURO 8 (incrociamo le dita...)

giovanni pirri 04.07.06 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti!
Mi potete per cortesia spiegare una cosa? Com'e' possibile che ogni volta che occorre rispettare una norma, una regola, una legge, qualunque cosa, appena si mette piede in Italia la prima cosa che salta fuori e' "ma chi controlla?" Ma com'e' possibile che gli italiani si sono abbrutiti in modo tale per cui occorre imporre per legge e controllare le piu' elementare regole di sicurezza, di igiene, di buonsenso? Abbiamo dunque ragione a chiederci dall'estero "ma siete impazziti?" E' vero, state svalvolando! Non dico di essere maniaci della precisione e delle regole, ma un minimo sindacale d'uso della materia grigia gli italiani lo devono fare! Andiamo, basta! E cresciete!

A.

Antonio CAlo Commentatore in marcia al V2day 04.07.06 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sono riuscito a leggere tutti i post, ci vorrebbe troppo tempo.
L'impressione che ho avuto è che ci sono veramente poche persone che hanno anche solo la minima cognizione di ciò di cui si parla.
Io me ne occupo per professione e vi posso solo dare due dati certi:
1. molti imprenditori se ne fregano della sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro, ma solo fino a quando non su trovano di fronte ad un giudice o ad i familiari delle vittime che si costituiscono parte civile;
2. molti lavoratori (in proporzione più degi imprenditori) se ne strafregano della sicurezza e della salute sui luoghi di lavoro. Evidentemente avere due braccia piuttosto che una o tornare a casa dai propri figli non è una priorità di questa vita.
Lasciate perdere questo post ed andate a lavorare, possibilmente in sicurezza.
Gianluca Miozzi

Gianluca Miozzi 04.07.06 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi,

per la partita di questa sera propongo di ridare

urgentemente il telefonino a Moggi.

Vai Lucia' facce sognare !!

Cordiali saluti

Enzo Biagi 04.07.06 14:02| 
 |
Rispondi al commento

scusate, chi mi spiega questo arcani misteri ?

come mai le coop (rosse) il giorno dopo il decreto di liberalizzazione avevano gia' pronta la struttura di vendita dei medicinali e il resto della grande distribuzione non e' ancora pronta ?

***********************************************

sotto il governo berlusconi ..la sinistra ha fatto tanto di quei casini per la quarta settimana.........e adesso la priorita sono le liberalizzazioni ? la quarta settimana non esiste piu' ?

*******************************************

domanda: in ogni supermercato dovra esserci un tecnico(farmacista) per la vendita dei medicinali...tenendo conto che ne occorreranno almeno tre alla settimana per mantenere orari e turni (ovviamente vietato ammalarsi) .............

questi sarebbero i nuovi posti di lavoro promessi da prodi ?? sicuramente lo stipnedio sara' identico a quello del commesso standard...

come mai non sento alzare voci su questi problemi : scommetto che se queste cose le faceva berlusconi come minimo avreste messo a ferro e fuoco la citta.

***************************************

ultimo..ma alla gente che fa fatica a tirare avanti cosa importa di queste favolose riforme del governo prodi ?

secondo me...e' lo zuccherino che serve a indorare la carota che sta per arrivare

ivana iorio 04.07.06 14:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SE NON SAPETE DI CHI SONO I SOLDI E COME VENGONO GESTITI DALLE BANCHE, INFORMATEVI E CAPIRETE MOLTE COSE : S.I.G.N.O.R.A.G.G.I.O.
Fate una visita a questo sito

http://etleboro.blogspot.com/2006/07/il-tempo-degli-eroi-nazionali-finito.html

Mark Renton 04.07.06 14:01| 
 |
Rispondi al commento

togati, esimi letterati, valenti costituzionalisti, accreditati politici chiamati in causa a leggiferare, minchia MAI CHE CHIAMASSERO UN MURATORE A FARE LA LEGGE SUI CANTIERI

gianfranco fazzeri 04.07.06 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Sicurezza sul lavoro?
Un sogno?
No! Un'omissione!
Un’ omissione culturale laddove esistono datori di lavoro che non sanno fare i conti e pensano che risparmiare sulla sicurezza sia guadagno, un’omissione politica dei “dipendenti amministratori” che emanano norme che non diano troppo fastidio, un’omissione legislativa (d.lgs.626/94) laddove il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza è obbligatorio, ma la sua assenza non è sanzionata.
Morire di lavoro è incivile!

francesco tassisto 04.07.06 14:00| 
 |
Rispondi al commento

allucinante come i tassisti si lamentano ora vogliono essere ascoltati???? ma quando tutti ci vlamentavamo dei priezzi piu cari al mondo da loro praticati c dove erano loro?!!!!

visitate il laboratorio politio clica sulmio nome

rokka salvo 04.07.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento

SE NON SAPETE DI CHI SONO I SOLDI E COME VENGONO GESTITI DALLE BANCHE, INFORMATEVI E CAPIRETE MOLTE COSE : S.I.G.N.O.R.A.G.G.I.O.
Fate una visita a questo sito

http://etleboro.blogspot.com/2006/07/il-tempo-degli-eroi-nazionali-finito.html

Mark Renton 04.07.06 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Un O.T. personale:

Ho notato che qui qualcuno vuole darmi ancora più cose da fare di quello che ho già: una dice che mi pagano per fare propaganda, un altro ieri notte dice che sono dello staff di Beppe e quando arrivo io scompaiono dei commenti :-)

Uè ragà, vorrei gentilmente informarvi che ho già un lavoro a tempo pieno abbastanza impegnativo e con responsabilità, in più ho un impegno politico anch'esso con responsabilità, inoltre ho famiglia, amicizie e interessi sia in Belgio che in Spagna che in Italia: la giornata solo ha 24 ore, ahò ma che credete che sono SuperMarioBrossss??? :-)

Aripijateve un po' và... e assicuratevi che prima di parlare (o scrivere), il cervello, se c'è, sia collegato...

Approfitto per mandare un salutone ad Annamaria che non si vedeva da un po', e a tutti gli amici e ai GRANDI del blog :-)


nei cantieri si muore e si continuerà a morire e continuerà a prosperare il lavoro nero perchè non c'è la volontà di porvi rimedio.

le soluzioni possibili per porre fine al lavoro nero e alla drastica diminuzione degli incidenti sono molte , una per esempio potrebbe essere quella di prevedere all'apertura di ogni cantiere una o più addetti (in rapporto alla grandezza dell'opera) obbligatoriamente sempre presenti , in pratica sono i primi ad arrivare e gli ultimi ad uscire , sono figure terze imposte dalla legge e considerate nel costo del cantiere.
queste persone disciplinano l'ingresso e le modalità in sicurezza per eseguire qualsiasi tipo di lavoro chiunque entra in cantiere anche se ha 40 anni di esperienza viene formato in loco.
in questo modo sparisce completamente il lavoro nero e diminuiscono enormemente gli incidenti , il sistema è in vigore in molti paesi un pochino più avanti di noi.

cimbro mancino 04.07.06 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Si, però stiamoci attenti a inneggiare a Prodi e Bersani: Bene le liberalizzazioni le cose andrebbero fatte cum grano salis.

Taxi, panificatori, etc: Si introduce un eccesso di concorrenza che provocherà aumenti di tariffe più dannosi di quelli provocati da mancanza di concorrenza.

Ordini professionali: La vera riforma sarebbe stata quella di abolirli, e non solo, bisogna che per l'accesso alle professioni vi siano strade alternative o laurea (che attualmente non ha valore legale) o esame presso il tribunale di competenza.

Gennaro Esposito 04.07.06 13:55| 
 |
Rispondi al commento

SE NON SAPETE DI CHI SONO I SOLDI E COME VENGONO GESTITI DALLE BANCHE, INFORMATEVI E CAPIRETE MOLTE COSE
Fate una visita a questo sito

http://etleboro.blogspot.com/2006/07/il-tempo-degli-eroi-nazionali-finito.html

Mark Renton 04.07.06 13:55| 
 |
Rispondi al commento

chi viene a trombare in montagna con me?


Buongiorno!

Ho appena ritirato il DVD+libro "Incantesimi" di Beppe... bellissimo!

Riporto alcune frasi di introduzione:

"Questo blog e la Rete mi stanno prendendo la mano. Sono ormai fuori dal mio controllo. Non so come andrà a finire, cosa succederà, ma potrò (potremo) comunque dire che ne valeva la pena. Andremo insieme verso la catastrofe... ma con ottimismo".

"Il blog www.beppegrillo.it è nato il 26 gennaio 2005, in silenzio, paino piano. Io e il blog siamo cresciuti insieme, abbiamo imparato a conoscerci. Sono diventato il suo schiavo, pubblico un articolo al giorno, sia in tournée che in vacanza, e anche la domenica. Belìn. E leggo tutti i commenti, che sono tanti, centinaia, migliaia. Ogni tanto non ce la faccio, lo confesso. Credo di avere il blog più commentato del mondo. Ho conosciuto, attraverso le loro parole, persone che pensavo scomparse, persone pulite, che scrivono c...o con i puntini-puntini. Persone che ogni giorno lavorano, crescono i loro figli, combattono la loro battaglia con grande dignità con otto/novecento euro di stipendio al mese".

GRANDE BEPPE! GRAZIE! NON MOLLARE MAI!


ma non lo avete ancora capito?? quanto pensate che ci guadagni un farmacista su una scatola di aspirina?? e la multinazionale che la produce??
ci sono farmaci che per la loro composizione costano 1,50 e la casa farmaceutica li vende a 10,00...
aprite gli okki!! queste sono enormi CAVOLATE!! la maggior parte delle persone non ci guadagnerà niente visto che LUCE e GAS continuano ad aumentare a dismisura!!! xkè la sinistra non parla di questo?


4 Luglio 2006
Le concessioni autostradali

autostrade_italiane.jpg

Privatizzazioni e concessioni sono state attuate dallo Stato italiano negli ultimi 10 anni a condizioni spesso svantaggiose.
Una situazione che ha spostato risorse dello Stato, e quindi dei cittadini, a vantaggio di gruppi finanziari e industriali. Lo Stato ha recitato la parte di un Robin Hood all’incontrario. Che non ha rubato ai cittadini, ma di fatto li ha depauperati di beni di loro proprietà senza che avessero in cambio dei reali benefici. A questo va aggiunto che sono mancati strumenti di controllo efficaci per l’attuazione delle concessioni.
Le concessioni autostradali controllate dall’Anas per conto del ministero delle Infrastrutture sono alcune decine e fanno capo a più società, raggruppate nell’Aiscat che ho convocato oggi pomeriggio. Il motivo dell’incontro è la condivisione di una situazione di fatto troppo sbilanciata a favore dei concessionari. Situazione che non può durare nel tempo. Proporrò all’Aiscat l’istituzione di un contratto quadro con nuove regole a cui le concessionarie dovranno conformarsi. Per ogni singola concessione verrà poi redatto un capitolato speciale con il supporto di un gruppo di lavoro che coinvolgerà rappresentanti dei concessionari, del ministero, delle associazioni dei consumatori, degli utenti autostradali e dei contribuenti. Queste ultime tre categorie sono per me determinanti, anche se inascoltate in passato, per il buon esito delle concessioni. Questo iter dovrà valere ovviamente anche per la società Autostrade se vorrà portare a termine il suo progetto di fusione.

Postato da Antonio Di Pietro in Economia
Commenti (35) | Scrivi | Iscriviti | Invia ad un amico | Stam

Mauro Bellaspica 04.07.06 13:46| 
 |
Rispondi al commento

senza offesa,,continui a sognare...sembra che dovete andare al supermercato a far la spesa di farmaci a prezi stracciati:

perche'..si mette a cambiare supermercato per una scatola di aspirina ? o un colluttorio o simili.
non vede che e' uno specchietto per allodole sta finta legge ? quando avete risparmiato 10 euro l'anno di medicinali : vi e' cambiata la vita ?

tutto cio' e' voler far notare le grandi scelte economiche della sinistra..

ivana iorio 04.07.06 12:01 |

--------------------------------------------------

Cara Ivana,
non voglio farti i conti in tasca, ma ti assicuro che la gente cambia supermercato per molto meno di una scatola di aspirina.
Il latte fresco costa a Roma, nei bar e nei supermercati, euro 1,35. Al discount costa 0,65 (latte fresco italiano). Dove pensi che io vada a comprarlo?
10 euro l'anno?! Mi sembri un tantino fuori dalla realtà e comunque una riforma di questo tipo contribuisce al cambiamento strutturale di un sistema che ha da sempre tutelato i privilegi di pochi contro i diritti di tutti. Non mi pare poco.

Naturalmente tu stai difendendo il tuo ruolo di paladina della destra, ma a me non interessano destra e sinistra. Se hai delle buone ragioni esponile pure, ma basta con queste prese di posizione che non hanno alcuna ragione di esistere.
Siamo tutti consumatori, ma non tutti siamo imprenditori.
Non vorrei scoprire che tu sei una tassista....

Annamaria Farina 04.07.06 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti.
Non ho letto tutti i commenti, vorrei aggiungere anche come la figura del "coordinatore alla sicurezza" sia vista di intralcio ai lavori. Si viene sempre interpellati per ultimi, molti ancora non sanno quando serve...e quando servi è troppo tardi o tutti se ne infischiano di quello che prescrivi (col rischio di finire nel penale se qualcuno si fa male in cantiere).

Vorrei dire, a tutti quei ragazzi che con l'estate faranno gli "stagionali" in cantiere, di tenere gli occhi ben aperti, di pretendere le misure di sicurezza necessarie e di fregarsene degli "sfottò" a cui spesso sono soggetti.
Grazie, saluti

lorenzo groppi 04.07.06 13:38| 
 |
Rispondi al commento

OT
Stiamo troppo a parlare del servizio sanitario italiano, che spece in certe regioni fa pena, e delle truffe delle case farmaceutiche (che in ogni caso, almeno i farmaci li fanno...).
Che dite allora dei simil-farmaci omeopatici totalmente inutili che si possono trovare ( e tra l'altro a costi proibitivi)sui banchi di molte farmacie???
Ogni tipo di studio (persino di parte) sulla medicina omeopatica ha dimostrato che essa non ha più effetto di un placebo, eppure sempre più italiani fanno uso di queste stregonerie.
Bisognerebbe solo che il ministero della salute ci informasse un po' più su queste truffe (visto che da soli non ce ne accorgiamo).

Mirko Benatello 04.07.06 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Lavorare in cantiere o in fabbrica o alla cassa di un supermercato per mille euro al mese o poco più,per nove ore al giorno più il tempo passato in autobus,in treno o incolonnati in una costosissima scatoletta di lamiera grigio metallizzato,quando il più stupido dei monolocali ne costa cinquecento almeno,questo é già un grave infortunio sul lavoro.Un lavoro che uccide prima di tutto la dignità,che toglie la voglia di vivere,che nega l'orgoglio ad un genitore di poter procurare benessere alla famiglia,questa la grande strage di tante persone immolate sull'altare della produttività costruito ad arte dai "furbi" che sono bravi,loro si,a piangere quando sentono minacciati i propi privilegi,terrorizzati come sono all'idea di non poter più pagare la rata della Porche,o di non potersi più permettere le costose confezioni di cibo prelibato per il gattino.Meno supercars e più rispetto della dignità umana e forse allora vedremo più caschi gialli nei cantieri,un maggior amorpropio,e molti meno architetti che chiudono gli occhi.

stefano bindinelli 04.07.06 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Fate una visita a questo sito

http://etleboro.blogspot.com/2006/07/il-tempo-degli-eroi-nazionali-finito.html

Laurent Favaretto 04.07.06 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Inoltre non è assolutamente vero che Beppe Grillo ha messo il link ad un sito che rappresenta il partito comunista di Ferrando.
Non è il suo sito.
Prima di aprire bocca, bisognerebbe pensarci 2 volte.

Marco Bazzoni Commentatore in marcia al V2day 04.07.06 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono io Rls che ha scritto l'articolo sul sito Pane e Rose, insieme ad altri 2 amici Rls.
Avevo cambiato l'email perchè mi arrivavano email di spam e virus.
Ve l'allego, ma avverto fin da subito gli spammer che appena mi arriveranno virus o pubblicità, cambierò immediatamente l'email, così le email vi ritornano indietro.
Se qualcuno che ha letto il nostro articolo ci vuole rispondere l'email è questa:

m_bazzoni@tele2.it

Cordiali saluti.
Marco Bazzoni.

Marco Bazzoni Commentatore in marcia al V2day 04.07.06 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Fate una visita a questo sito

http://etleboro.blogspot.com/2006/07/il-tempo-degli-eroi-nazionali-finito.html

Laurent Favaretto 04.07.06 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Qui a Rozzano, hanno costruito SEI Palazzoni da cinque piani. Hanno comminciato due o tre anni fa e io che ho l'ufficio di fronte al cantiere NON HO MAI VISTO QUALCUNO PORTARE IL CASCO. Ma devo anche dire che non ho mai visto nessuno venire a contestare tale comportamento !

Mariù ROSSIGNOLI 04.07.06 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, e come facevo a non intervenire...la materia oltre che studiarla da anni cerco nel mio piccolo di diffonderla..tipo virus. Sono una rappresentante sindacale in un mc donald's, ci lavoro ormai da 12 anni, vi assicuro che la tentazione di mollare continuo ad averla sempre...ma fino ad adesso ho resistito. Non mi sono fermata al mio locale ma attraverso il sindacato, a scanso di equivoci.. gratis, ho cercato di diffondere una conoscenza che permetta più consapevolezza e di conseguenza possa permettere di scegliere liberamente.In luoghi dove l'età media è intorno ai 25 anni, spesso prima attività lavorativa considerata di passaggio con un sistema dove la casa madre ritiene adeguata una formazione sulla sicurezza solo ai manager(che,paradossalmente, sono i più deboli) che basta dire quali sono le procedure corrette ed eseguirle. Naturalmente la cronica mancanza di personale, sommata alle diverse malattie, porta diversi manager ad adottare una specie di fai da te. Cosa normalissima, spesso tra la teoria e la pratica c'è il mare...A tutto questo se sommiamo la voglia di fare carriera a qualsiasi costo che hanno molte persone, purtroppo alcuni usano pure il sindacato per questo, ci renderemo conto perchè tutti(e non solo le aziende)sono disposti a chiudere tutt'e due gli occhi. Corro il rischio di scrivere un post decisamente troppo lungo, ma la materia meriterebbe uno spazio molto più ampio,grazie beppe che ricordi ai lavoratori(anche quelli che sono imprenditori di se' stessi)che l'autodeterminazione ha forza negli spazi, nei luoghi che sono vissuti collettivamente, e che si può veramente scegliere se la collettività può scegliere, per farlo ha bisogno del contributo di tutti.

luciana.bruno 04.07.06 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Lasciatemi stare la/o Iorio una/o che racconta le barzellette ci vuole, eh eh!

Jack

Jack la Motte Commentatore in marcia al V2day 04.07.06 13:23| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/217.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Lavorare uccide:

» Buon lavoro da In Opera...le nostre coscienze
4 al giorno sono la media di morti sul lavoro. 1.500 in media in un anno. Morti per infortunio sul lavoro (edilizia in primis) o vittime di malattie professionali dovute a sostanze tossiche (amianto su tutti). Poi ci sono gli infortuni sul lavoro:... [Leggi]

03.07.06 18:59

» Ammazzarsi di lavoro da RAMELLA.ORG
Per chi lavora nei cantieri edili italiani “ammazzarsi di lavoro” non è soltanto un modo di dire. E’ sufficiente dare un’occhiata alle tante statistiche relative agli infortuni sul lavoro, infatti, per rendersi conto che lavorare nel settore d... [Leggi]

04.07.06 03:31