Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fate l'amore, non fate la guerra


condoms.jpg

Quante guerre si sono combattute in nome o a causa delle religioni? La religione dovrebbe portare la pace, l’amore universale, non l’odio. Ragiono ad alta voce, a casa mia. Non ho nessuna pretesa di sostituirmi ai grandi pensatori, ai filosofi. Ma questa contraddizione delle religioni che vogliono la pace e per una serie di casi sfortunati producono le guerre non la capisco. Non riesco a venirne a capo. Poi, però, vedo i volti dei cardinali, dei mullah, dei rabbini e penso che sono tutti uomini, solo uomini. Alle quote rosa non ci pensano nemmeno.
E forse questa è una chiave. L’esclusione delle donne dal potere religioso, la loro subordinazione all’uomo quando è possibile. E, insieme a questo apartheid religioso, un terrore del sesso, la volontà di controllarlo. Negli stessi credenti oltre che nelle organizzazioni religiose. Il sesso a norma di regolamento. Chiaro che se uno non scopa poi diventa nervoso. Certo bisogna moderarsi, ma sotto le lenzuola ognuno dovrebbe sentirsi libero di comportarsi come crede. “E’ come stare calmi quando si fa all’amore” cantava Jannacci.
Il fanatismo religioso è spesso sessuofobo, mai visto una pornostar che pretenda di spiegare agli altri cosa è bene o cosa è male. La guerra si combatte anche scopando bene e di più. Un antidoto che produce effetti collaterali come il relax, la pace interiore e il rispetto per il diverso. Il sesso fa bene a te, al tuo partner e anche alle relazioni internazionali.

14 Ago 2006, 20:57 | Scrivi | Commenti (1441) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

voglio solo sfogarmi dopo aver visto un servizio al tg...certo, sono d'accordo quando si parla dell'ipocrisia della maggior parte delle religioni nei confronti del sesso, ma non posso tollerare di vedere un prete (don mazzi) che fa commarò con una pornostar (eva henger)e si presentano insieme sorridenti tra bambini e bambine che chiedono il suo autografo. tutto ciò per promuovere un'iniziativa riguardante il calcio .
ma che razza di insegnamento è. non riesco a concepire come dei genitori possano dire ai propri figli: -vai a farti fare l'autografo da eva!-
sono davvero queste le persone che i vostri figli devono prendere come esempio? spalleggiata da un prete "moderno", e da una televisione che ormai è andata riccamente a puttane, eva (ma non lei in particolare..)si potrà davvero vantare di aver fatto delle cose ammirabili...allora non lamentiamoci.di come va tutto alla rovescia.
a me fa male il cuore..e non sono una vecchia bigotta. ho 34 anni ,e sono piuttosto disinibita e di mentalità molto aperta, ma non accetto che lo siano dei ragazzini. perchè rubar loro anche l'infanzia?mandarli allo sbaraglio, fingendo che nulla li tocchi o li sensibilizzi? io ho deciso di non averne. mi sono resa conto che è sempre più impossibile cercare di educarli con quei valori che , a mio avviso, devono restare tali. e se prendere un'attrice porno o una cantante vacca (straniera, naturalmente)o una stronza milionaria fiera di essere stata in carcere per sfizio, come ovvii e desiderabili esempi, allora proprio sono nata nell'epoca sbagliata..
ho sicuramente detto delle ovvietà, per alcuni..
grazie a beppe di esistere...chissà che finalmente la sorte della politica del nostro paese cominci ad interessarmi....!

katia s. Commentatore certificato 25.09.07 14:29| 
 |
Rispondi al commento

> -Papa docet.
La religione è eminentemente politica, anzi, la religione è nata in funzione politica. Gli uomini hanno, in tutte le epoche, costruito popoli intorno agli dei. L'origine politeista del monoteismo ha la sua ragione proprio nella "politicità" degli dei di ciascun popolo. Il monotesismo è anzi la dittatura di un dio sugli altri, la vittoria di un dio più forte, terribile e spaventoso rispetto agli altri.Il dio delle antiche popolazioni era una bandiera da portare in guerra, un amuleto che dimostrava la sua forza con gli effetti procurati sulle cose e sugli avvenimenti. Una volta persa la battaglia il dio non valeva più nulla, perchè un altro dio si era dimostrato più potente. E quell'essere terribile trovato in un fulmine, nell'oceano o nel terremoto, si dimostrava un pivellino.Perchè se si perdeva una guerra due erano le spiegazioni: o il dio avversario era più potente, o il tuo dio aveva deciso di non farti vincere, risentito come una comare zoppa. In entrambi i casi le conseguenze erano politiche. Sacrifici e tasse al sacerdote e al tempio o graduale e inesorabile sottomissione al dio del popolo avverso, e quindi alle sue abitudini ai suoi costumi, ai suoi re.
Fino a che qualcuno ha pensato bene di creare il dio invincibile.

Una massima di Senofonte:
"Il dio dei cavalli avrebbe gli zoccoli"

Stefano Polenghi 11.04.07 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Alcuni giorni fà ho visto un servizio alle IENE in cui un'attrice faceva finta di essere la madre di un bambino che ha subito abusi sessuali da parte di vescovo e andava da altri preti o da suore a chiedere consigli su cosa fare, e incredibile le hanno sconsigliato di denunciarlo, gli hanno detto che tutti sbagliano ma si dia il caso che la pedofilia non è un "sbaglio" ma un reato! E una suora le ha perfino detto che è ipocrita andare in chiesa ogni domenica e confessarsi se poi pensa male di quel prete. Capito? Non deve vergognarsi il pedofilo ma la madre che cerca di difendere suo figlio! Pazzesco! E poi continuano a offendere le copie non sposate o le copie gay che non fanno del male a nessuno! Vergogna! Alla fine tutti in nodi vengono al pettine! Comunque anche se sono atea voglio spezzare una lancia in favore dei preti e delle suore che fanno i missionari nei paesi poveri aiutando chi ha bisogno, li ammiro molto, è la prova del fatto che il buono e il cattivo c'è dapertutto.

Karin Grigatti 06.11.06 16:56| 
 |
Rispondi al commento

lo so, non c'entra nulla e quindi sarebbe giusto cestinarmi.. tuttavia, sono preoccupato e non so a chi dirlo, se non al grande Beppe Grillo. insomma, sitiweb grossi ed importanti come Google e Tiscali oggi non si aprono, sono out. capita solo a me oppure a tutti?! e perché?
ciao
Lorenzo Mazzucato

lorenzo mazzucato 01.11.06 23:55| 
 |
Rispondi al commento

A parte il discorso maschilista secondo cui l'uomo è virile e la donna puttana, non capisco perchè il corpo femminile viene visto con una certa fobia come sè fosse il demone in persona, le donne in televisione vengono giudicate come sè fossero delle criminali solo perchè mostrano il loro corpo. Forse sarebbe il caso di scandalizzarsi di più per le continue scene di violenza che mostrano i film americani e i telegiornali. Evidentemente molte perone sono tanto perverse da preferire la violenza alle cose belle

Karin Grigatti 31.10.06 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Si certo tutti dicono di essere di mentalità aperte chissà come mai però continuo a sentire discorsi maschilisti. Una donna che si azzarda ad avere esperienze sessuali con uomini adulti e coscenzienti viene subito presa per poco di buono. continuo a sentire uomini che dicono; Sè una donna ci stà subito di certo non continuo a frequentarla (non gli piace la donna che ci stà subito ma gli fà commodo scoparsela, e lui che la tratta come un oggetto usa e getta non fà niente di male, ma pensa che strano!) e poi magari pratica sesso a pagamento con donne sfruttate o minnoreni ma guai a prenderlo per poco di buono, è solo uno che si sente solo poverino! Per non parlare dei tempi passati, sè una donna rimaneva incinta senza essere sposata veniva cacciata di casa dai suoi stessi genitori e trattata dal resto della società come sè fosse una criminale, e anche in questo caso nessuno diceva niente dell'uomo che l'ha lasciata incinta e poi abbandonata. Per contro gli uomini perdevano la verginità nei bordelli e la donna veniva considerata una poco di buono anche sè perdeva la verginità in seguito ad uno stupro. E poi dicono che in tempi passati c'erano piu sani principi! Che ipocrisia!

Karin Grigatti 31.10.06 10:42| 
 |
Rispondi al commento

1)
E'cosi’ vero che le religioni professano la pace ma nutrono le guerre..Da tempo mi chiedevo come fosse possibile che tanti giovani pur cresciuti in paesi"evoluti" tali quali il Regno Unito,la Spagna,l’ Italia, potessero essere manipolati a tal punto da riuscire a combattere la paura orribile della morte, ammazzando se stessi per ammazzare gli altri.Si!Parlo dei terroristi!Di giovani che compioni atti ingiustificati facendosi esplodere per massacrare altre vite.Forse come dice il Signor Grillo,e' proprio colpa del potere e dell’informazione mal gestita.Oggi il mondo giustamente, definisce gli esecutori ed I mandanti di tali orribili azioni terroristi,gruppi al-quaida, e finqui’ va benissimo le loro azioni sono tali!Ma poi mi chiedo il perche’ si debba definirli anche"mussulmani estremisti"come se non fosse sufficiente la definizione al-quaida.Quanto pericolosa e' divenuta questa parola "mussulmani estremisti"?Essa ha creato pregiudizi,paure,tensioni ed adesioni a guerre verso una razza e verso una religione.Sono tante le persone che associano la parola mussulmani a terroristi.A scuola di mio nipote c’e’ una bimba mussulmana riconoscibile dal velo che porta sul capo,e molti sono I ragazzi che la trattano diversamente.E’ triste ed e’ pericoloso tutto questo!La gente deve cominciare a capire che non si tratta di mussulmani,cattolici,ebrei o altro, qui si tratta di interesse politico e necessita’ di ottenere consensi per il meschino scopo di estendere il potere.I terroristi sono giovani ragazzi caduti nella rete di un sistema militare/politico e non religioso,che li induce ad eseguire atti assolutamente ingiustificabili, sacrificando vite umane e fra queste prima la loro.Ma la morte fa paura a tutti o no??Due dei terroristi nella strage in Spagna erano sposati…La moglie non si fece esplodere piu’..Aveva sentito la paura della morte.Ed uno dei ragazzi dell’attacco a Londra in uno dei bus,era stato descritto da un uomo riuscito a salvarsi,

carmela capozzi 29.10.06 15:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

oogi scrivo, a casaccio perchè son arrabbiata e felice. contemporaneamente. ebbè? non ti è mai capitato? son convinta che si!
oggi scrivo perchè ... perche è un mese che è scomparso mio fratello, perche è una vita che non mi perdo in una notte di sesso (anche perchè ho deciso che in pochi lo san fare e forse anch'io ho dimenticato come si fa. ma non fa niente ...
(a proposito, per rispondere al post di .. boh, non ricordo il nome e non mi va di andarlo a ricercare) nel palazzo di Oriolo Romano dove son conservati i ritratti di tantissimi pontefici c'è anche quello relativo alla papessa ... forse è vero, chissà).
oggi scrivo anche perchè ... mi disturba l'arroganza della gente e la stupidità dei finti, capaci, purtroppo, di aver sempre la meglio sui buoni. ... ragazzi ... volendo se ne avrebbe un esempio, con tutti i crocifissi appesi dovremmo esser il popolo più buono del mondo ma non è così ... perchè?
resto e chiudo come delirante, vado alla messa di mio fratello. prego a modo mio ma questa volta la comunione non posso farla, non mi son confessata!
un abbraccio a tutti.
spero di poter regaler qualcosa di più a questa favolosa comunità, al momento ho la testa impicciata nella disperata ricerca di un lavoro che mi dia la serenità di comprare tutti i fazzoletti di questo mondo, farmi lavare i fari dai lavavetri, pagare il biglietto per chi è stonato.
Laura

Laura Della Mora 11.09.06 13:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SI VIS PACEM, PARA BELLUM.

Francesca Valente 08.09.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento

"...Ognun per se, Dio per se, mani che si stringono tra i banchi delle chiese alla domenica - mani ipocrite - mani che fan cose che non si raccontano altrimenti le altre mani chissà cosa pensano - si scandalizzano - Mani che poi firman petizioni per lo sgombero, mani lisce come olio di ricino, mani che brandiscon manganelli, che farciscono gioielli, che si alzano alle spalle dei fratelli..."


Frankie HI-Nrg "Quelli che ben pensano"

stefano "akiro" meraviglia 06.09.06 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Se Dio è amore, è il padre, la guida, in tutte le religioni che io sappia, ha diversi nomi ma non è importante, perchè dovrebbe considerare peccato esprimerlo anche con il corpo? Chi ha provato un orgasmo sa che è come toccare Dio (scusate la bestemmia). Perchè se non stipuli un contratto con tanto di firma ai "portatori della parola di Dio" fai sesso invece di fare l'amore? Perchè l'uomo con le sue scritture religiose, di ogni culto e paese ha reso l'uomo peccatore? Semplice la risposta: controllo. Renderlo schiavo e ricattabile per poterlo controllare e usare a proprio piacimento.Parlo di tutte le religioni riscritte nei secoli dall'uomo.Chi diavolo si farebbe saltare in aria imbottito di esplosivo per un politico o una partita di calcio! Per farlo ci vuole un motivo superiore, si, il diavolo usa da sempre Dio per fregare l'uomo.

Claudio Perego 29.08.06 05:39| 
 |
Rispondi al commento

Putroppo il sesso non e' la soluzione a tutti i mali, certo migliorerebbe il mondo, cosi' come le religioni monoteiste non sono l'origine del Male e della guerra, ne sono il paravento, impedendo cosi' di vederne le cause e risolverle.

Se l'Europa, continente ateo e pagano, e' oggi
temporaneamente, uno dei posti migliori dove
vivere al mondo, lo deve al recupero delle sue
radici classiche, al rispetto per le idee
diverse, alla liberazione sessuale, alla cultura.
Il rischio viene dal tentare di assimilare
in tempi brevi, milioni d'immigrati con
mentalita' troppo differenti.
Per Laura Bernardi:

Pensi che non ci sara' mai un Papa donna, o negro
o cinese... guarda che la storia della Chiesa
insegna che quei signori, maestri d'ogni furbizia
sono in sella da 1800 anni proprio perche' sono
capaci dei piu' arditi salti mortali; ricordati
che sostengono che la Tradizione e l'Interpreta-
zione data da loro ai testi sacri, sono superiori
ai testi stessi.
Significa in pratica che la Chiesa puo' sostenere
Qualunque opinione!
Riguardo alla donna Papa, non tutti gli storici
sono concordi nel ritenere una leggenda la storia
della Papessa Giovanna (IX secolo), le fonti
sono scarne, trattandosi di un'epoca oscura
e di profonda sporcizia e ignoranza.
E. Belcampo
paganesimo

E. Belcampo 28.08.06 19:47| 
 |
Rispondi al commento

Ben detto Beppe, anche se trovo che le inclinazioni religiose siano solo da riparo ai veri motivi ( soldi, e cosa altrimenti...) scatenanti operazioni belliche!!!
Comunque per il consiglio di fare più sesso sono daccordissimo, e poi ve li immaginate i vari capi di stato a fare sesso..io no!!!
Come sempre con grande stima, ciao Beppe!!!

Fabio Messineo 28.08.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento

trovo assurdo che persone che credono a religioni diverse non possano convivere senza farsi la guerra......non ho mai accettato quello che dicono molti sacerdoti , trovo assurda la confessione,il battesimo ,la comunione,la cresima visto che ci vengono praticamente imposte data l'età. trovo ingiusto che i sacerdoti non si possano sposare e poi mi sono sempre chiesto come mai la chiesa che ha sempre mandato un messaggio di spogliarsi dai beni materiali come i soldi è sempre stata la più ricca? e potrei continuare all'infinito.......

mike sardegna 25.08.06 20:12| 
 |
Rispondi al commento

lo penso da sempre che la violenza e la rabbia provengono dalle limitazioni sessuali o anche solo limitazioni di scelta.oggi abbiamo molte cose che invitano a essere desiderate e non potendole avere avviene o eccesso di sesso e ossesssione eccesso di rabbia e quindi violenza.c'e'liberta' di vedere ma non di avere a disposizione l'oggetto del desiderio.l'unica e' starne fuori ed essere creativi non aver bisogno di messaggi voluti ed imposti ormai come dei trapianti nel cervello.ma finche' non ci si sveglia si e' in una culla di contrabbando,in un sonno pieno di rumori, influenzati senza avere febbre.schiavetti di chi fa un sistema. a.epifani

andrea epifani 24.08.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento

Oggetto: Fw: La speranza non è mai morta

Inoltrate a tutti i vostri contatti, e invitate a fare firmare la petizione. Leggete sotto. E' importante. Io ho già firmato. Fatelo anche voi. Fermiamo la guerra con le nostre firme!
Patrizia Domenichini

Cari amici, proprio in questo momento nel Vicino Oriente sta avvenendo una tragedia. Migliaia di civili innocenti sono stati uccisi o feriti nei bombardamenti in Libano, in Palestina e Israele e il numero dei morti aumenta ogni giorno. Se gli Stati Uniti, la Siria o l'Iran venissero coinvolti c'è la probabilità concreta di una guerra catastrofica. Il segretario generale dell'Onu, Kofi Annan, ha richiesto un cessate il fuoco immediato e lo schieramento delle truppe internazionali al confine israelo-libanese, sostenuto in questa richiesta da quasi ogni capo di Stato del mondo. Questa al momento è la migliore proposta che sia stata fatta per fermare la violenza, ma gli Stati Uniti, il Regno Unito e Israele hanno rifiutato di accettarla. Ho appena firmato una petizione che invita il Presidente degli Stati Uniti Bush, il Primo Ministro britannico Blair e il Primo Ministro israeliano Olmert ad accettare la proposta di Kofi Annan. Se milioni di persone si unissero a questo appello e facessero pubblicità al loro punto di vista sui giornali negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Israele, potrebbero contribuire a far pressione perché questi capi di Stato mettano fine ai combattimenti. Vai al link sottostante a firmare anche tu. Fallo adesso! http://www.ceasefirecampaign.org

La speranza non è mai morta.

patrizia domenichini 24.08.06 11:49| 
 |
Rispondi al commento

è un mondo maschile, se ci fosse pià spazio, realmente , per le donne forse andrebbe meglio. torniamo alla saggia del villaggio. come?

jenni donna 23.08.06 21:00| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTI I LETTORI E COMMENTATORI (IN PARTICOLARE PIPPO PAPPO 22/8 delle 15:05)
Grande Maaria Monti delle 08:51 del 22/8
Superlativa Maria Monti delle 08:51 del 22/8
Pienamente condivisibile Maria Monti delle 08:51 del 22/8
LEGGETE MARIA MONTI delle 08:51 del 22/8.
-------------
L'ineluttabilità della guerra non c'è, essa non è più la continuazione della politica con altri mezzi, la guerra è un tabù, qualcosa di cattivo in sè, la guerra non è più una componente ordinaria della vita dell'uomo ma una esecrabile eccezione.
La religione non ha più alcun valore civilistico, giuridico e sociale ma i suoi precetti hanno e devono avere valore solo a livello di foro interno, di coscienza personale e su basi volontarie senza che nessuno possa essere obbligato a rispettarli per forza, la religione deve restare un fatto privato della comunità che la professa.
LA LIBERTA' E L'UGUAGLIANZA DELLE DONNE E' UN PROCESSO INARRESTABILE DEL PROGRESSO DELL'UMANITA' INTERA POICHE' ATTRAVERSO L'EMANCIPAZIONE DELLA DONNA SI COMPIE IL PROCESSO DI LIBERAZIONE DALLA MINORITA' DI TUTTO IL GENERE UMANO.
Gli amici occidentali dei santini barbuti integralisti musulmani si devono rassegnare: saranno gli stessi medio orientali che da qui a qualche anno riporranno questi barbuti santini nelle teche dei loro luoghi di culto da cui sono scappati notte tempo per amore della civiltà dell'immagine rapiti dal piacere di comparire in televisione (PROPRIO COME QUELLI DEL GRANDE FRATELLO).
P.S. In De Franco Antonio del 22/8 delle ore 12:15 il riferimento non è a Ilaria, errato, bensì a Maria Monti. Scusatemi.

De Franco Antonio 22.08.06 20:59| 
 |
Rispondi al commento

In risposta a Pippo Pappo,
Hai proprio ragione, ho sbagliato il nome che è "MARIA MONTI".
Oltre che con i lettori ai quali non ho dato la possibilità di individuare bene il commento, mi scuso con l'interessata, Maria Monti è stato un errore involontario che ho ricostruito; nell'annotare sugli appunti il Tuo nome per la fretta la "M" di Maria è sembrato una I ed una L.
Ancora scusa (e grazie a Pippo per avermi avvisato).

De Franco Antonio 22.08.06 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Sai, Beppe, è lo stesso principio per cui si bandiva il sesso nel totalitarsimo immaginario di "1984" di George Orwell. Fare sesso soddisfacente, rilassa e nella distopia descritta da Orwell, il negarne la possibilità faceva accumulare sufficienti odio e rabbia per essere bellicamente attivi. Il sesso non è una distrazione dall'attività spirituale dell'uomo, anzi la completa. Nel ritenere il sesso un atto impuro, forse qualcuno dimentica che è proprio grazie a questo che lui c'è.
Per quanto riguarda il sessismo nelle religioni do perfettamente ragione a te. Papesse? Mai state e con la mentalità della chiesa, se andiamo avanti così mai ce ne saranno. Come mai ci sarà un papa cinese o senegalese.

Laura Bernardi 22.08.06 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!mi chiamo Stefano Moscardini e Lorenzo Donati è mio nipote (una vittima;scherzo!).Volevo sapere,cosa ne pensi della riforma Biagi mandata in porto dal governo del portatore nano?e tu che idea ti sei fatto?;che alternativa proponi alle rotatorie sulle strade,dal momento che le stanno togliendo dal tutto il mondo e le mettano a noi pecori italiani?Volevo farti cortesemente una domanda sull'attuale mercato azionario ma preferisco fartela per telefono,anche se già da ora non mi considererai dato che sei troppo impegnato..Comunque mi puoi chiamare a questo numero di cell.:338.6046146 dato che non ho ancora una e.mail personale e non correre il rischio di sfuttare troppo mio nipote! Grazie fin da ora della tua attenzione.Un saluto

Lorenzo donati 22.08.06 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sei sempre GRANDE!
E, ti dirò, pur essendo credente e praticante, pur andando a messa, pur avendo letto i Vangeli NON UNA SOLA VOLTA HO SENTITO DIRE DA GESU' CHE LE DONNE FOSSERO INFERIORI. La chiesa sessofobica ha fatto sì che le donne venissero relegate a margine (già S. Paolo era misogino mica poco...). Gesù stesso era invece circondato da donne... Il problema non è MAI la religione - qualunque essa sia - ma chi la strumentalizza. Certo, se i sacerdoti - di qualunque credo - scopassero di più e parlassero di meno, sai quanti guai si eviterebbe 'sto pianeta?!

Elena Bianchi 22.08.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sarei mai in grado di dirlo meglio,
Cara Maria Monti, è difficile anche solo capire come si possa non essere d'accordo con i pochi, semplici e chiari concetti che hai esposto.

Le grandi religioni sono una palla, in caso contrario non si assomiglierebbero così tanto, non assomiglierebbero a quel mondo sessista del temopo in cui sono nate. Forse qulche cambiamento è in atto, il Codice da Vinci ha avuto un successo incredibile mettendo in discussione l'origine maschile della chiesa. So che è ben poca cosa, non ha cambiato niente, ma forse è un venticello sul fuoco di cambiamento che nei decenni passati ha dato una sensazione di parità fra i sessi; un fuoco che va sempre alimentato, e che ogni Potere cerca di spegnere.
Un papa o un mullah donna non cambierebbero niente, il mondo sarà migliore quanto più saremo tutti uguali... lo han detto, grosso modo, Gesù, Allah, Abramo, Manitù... solo che noi guardiamo sempre le virgole e mai il concetto.

Son convinto che da sempre esista una profonda paura delle donne - Ginecofobia (esiste anche un termine a posta)- per cui ci si barrica dietro insulse scuse per non dare potere al gentil sesso.

Personalmente non arrivo a capire nessuna discriminazione,
in vita mia, ho amato solo donne.

Carlo Idini 22.08.06 14:06| 
 |
Rispondi al commento

ILARIA MONTI HAI LETTO L'ESPERTO DI "COGLIONI", ALESSANDRO MASTRONDOLA delle 12:15.
Ecco cosa gli ho risposto:
Ah! Siccome la donna è libera di scegliere adesso va a finire che è pure colpa sua, "delle donne" in quanto tali, se in quanto oggetto del desiderio (e non come donne perché, forse non Ti rendi conto che anche i gelati, i soldi, le ferrari, i bei maschi, vengono esposti come oggetto del desiderio) vengono esibite.
Scusa, ma hai proprio toppato: il problema è solo di chi desidera. Forse che quando la televisione Ti fa desiderare tanti soldi col lotto Tu sei autorizzato a fare le rapine per averli?
CARO ALESSANDRO TU CONFONDI IL DESIDERIO CON L'OGGETTO DEL DESIDERIO.
Ma la donna non è l'oggetto delle seghe mentali (e non solo) di chi si illude che la religione islamica abbia da dirgli qualcosa. LA DONNA E' UNA PERSONA.
A quelli che Tu chiami "coglioni" devi solo consigliare di curare il desiderio se e quando è morboso.

De Franco Antonio 22.08.06 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Poi penso che così però mi espongo alla critica che le donne possono fare quel che vogliono del loro corpo,
il perizoma, i tacchi a spillo(che sono le cose che + mi piacciono), come sono nati?
gli uomini maiali hanno obbligato le donne a mostrare le loro bellezze... si sicuramente, ma credo che
ora non sia + così, ora le donne possono scegliere... e non capisco proprio perchè tutte quelle più
belle vestono sempre così...!
Perdonate la parola, ma una -fica- che si mette le scarpe senza tacco o il costume intero non l'ho mai vista
, queste sono cose per quelle(scusate ancora il termine)-difettose-.
Perchè??
Se io provo a dire alla mia ragazza o a una mia amica che si mette i tacchi per piacere agli uomini mi
sento rispondere che sono uno stronzo maschilista, ma secondo me tutte queste cose, questi attrezzi, non
sono altro che richiami sessuali e le donne lo sanno, come gli uomini che si mettono le mutande o i jeans
attillati, o si depilano...
Alla fine la mia conclusione è che per la donna il sesso, l'apparire, è una grande possibilità, è un
modo per garantirsi il miglior accoppiamento possibile, o la miglior carriera, a me fa piacere, perchè
vedo tette e culi da tutte le parti, ma secondo me distrugge la nostra civiltà, perchè provoca soprusi,
invidie, rancori, e mette in primo piano persone che proprio non lo meriterebbero, e stò parlando di donne
e uomini.
Forse da questo punto di vista l'islam(e ricordate di scartare gli estremismi) ha qualcosa da insegnarci...
perchè proprio noi stiamo inputtanendo tutto... compresi i coglioni come me che guardano tette e culi...
ma mi sento una vittima!!

alessandro matrondola 22.08.06 12:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER TUTTI I LETTORI E COMMENTATORI
Grande Ilaria Monti delle 08:51
Superlativa Ilaria Monti delle 08:51
Pienamente condivisibile Ilaria Monti delle 08:51
LEGGETE ILARIA MONTI delle 08:51.
-------------
L'ineluttabilità della guerra non c'è, essa non è più la continuazione della politica con altri mezzi, la guerra è un tabù, qualcosa di cattivo in sè, la guerra non è più una componente ordinaria della vita dell'uomo ma una esecrabile eccezione.
La religione non ha più alcun valore civilistico, giuridico e sociale ma i suoi precetti hanno e devono avere valore solo a livello di foro interno, di coscienza personale e su basi volontarie senza che nessuno possa essere obbligato a rispettarli per forza, la religione deve restare un fatto privato della comunità che la professa.
LA LIBERTA' E L'UGUAGLIANZA DELLE DONNE E' UN PROCESSO INARRESTABILE DEL PROGRESSO DELL'UMANITA' INTERA POICHE' ATTRAVERSO L'EMANCIPAZIONE DELLA DONNA SI COMPIE IL PROCESSO DI LIBERAZIONE DALLA MINORITA' DI TUTTO IL GENERE UMANO.
Gli amici occidentali dei santini barbuti integralisti musulmani si devono rassegnare: saranno gli stessi medio orientali che da qui a qualche anno riporranno questi barbuti santini nelle teche dei loro luoghi di culto da cui sono scappati notte tempo per amore della civiltà dell'immagine rapiti dal piacere di comparire in televisione (PROPRIO COME QUELLI DEL GRANDE FRATELLO)

De Franco Antonio 22.08.06 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Si certo tutti dicono di essere di mentalità aperte chissà come mai però continuo a sentire discorsi maschilisti. Una donna che si azzarda ad avere esperienze sessuali con uomini adulti e coscenzienti viene subito presa per poco di buono. continuo a sentire uomini che dicono; Sè una donna ci stà subito di certo non continuo a frequentarla (non gli piace la donna che ci stà subito ma gli fà commodo scoparsela, e lui che la tratta come un oggetto usa e getta non fà niente di male, ma pensa che strano!) e poi magari pratica sesso a pagamento con donne sfruttate o minnoreni ma guai a prenderlo per poco di buono, è solo uno che si sente solo poverino! Per non parlare dei tempi passati, sè una donna rimaneva incinta senza essere sposata veniva cacciata di casa dai suoi stessi genitori e trattata dal resto della società come sè fosse una criminale, e anche in questo caso nessuno diceva niente dell'uomo che l'ha lasciata incinta e poi abbandonata. Per contro gli uomini perdevano la verginità nei bordelli e la donna veniva considerata una poco di buono anche sè perdeva la verginità in seguito ad uno stupro. E poi dicono che in tempi passati c'erano piu sani principi! Che ipocrisia!

Karin Grigatti 22.08.06 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Per quelli che sono sempre qui a chiedere dove sono ora le marce della pace (e magari non ci sono andati mai) ricordo che sabato 26 agosto ci sarà una marcia della pace per il Medio Oriente ad Assisi

viviana vivarelli 22.08.06 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

relax, la pace interiore e il rispetto per il diverso. Il sesso fa bene a te, al tuo partner e anche alle relazioni internazionali<<<

su questo sono molto d'accordo

GianMaria Le Mura 22.08.06 11:02| 
 |
Rispondi al commento

2
La religione tradita vedeva scoperte le prove del suo tradimento sul Cristo e sulla donna
Base dello gnosticismo fu l’unione paritaria di maschio e femmina

Invece la Chiesa di stato riprese, d’accordo con Costantino, le strutture maschiliste di Roma, estraendo i 4 Vangeli più congrui

Nascose le testimonianze che il Cristo era sposato, forse con Maria Maddalena, e che non era una prostituta come si insinuò, ma una donna bella e amata, così intelligente che i discepoli si lamentano perché Cristo la ama più di loro e la vuole come capo della sua chiesa

Chissà cosa avvenne? Forse il Cristo si sposò, forse conservò quella verginità che la Chiesa ha imposto per giustificare la gerarchia del sacerdozio maschile e demonizzare donne e sesso
La nuova Chiesa fece una costruzione a tavolino. Artificiale.

Ma certo Cristo non fu misogino, non trattò la donna da inferiore, non pensò di negarle l’anima per 1300 anni e che dopo 2 millenni ancora un Papa l’allontanasse dal sacerdozio
Se era un Cristo di amore, non era certo un despota maschilista!

La sua immagine ufficiale fu il risultato risicato di una serie di votazioni, dove prevalsero, per poco, gli opportunisti che avevano una certa idea di un Cristo-Dio come leva di potere e distrussero il Cristo-uomo, capace di amore.
Collegarono tutto quello che era femminile al peccato, cacciarono la donna nella colpa e nel dolore; la bollarono come strega, compiendo su di lei il più grande genocidio dell’antichità
dell’antichità (6 milioni di morti)

Curioso che gli uomini ricordino sempre le crociate ma abbiano una totale amnesia sulla caccia alle streghe! Ma le donne non dimenticano.

La donna divenne l’essere impuro per eccellenza, collegata al peccato e al demonio, la tentatrice
Sulla sua condanna fu costruita una gerarchia potente che concentrò sapere e potere nelle mani dei maschi
Una chiesa di maschi in gonnella per una folla di maschi megalomani, molto compiaciuti di questo facile potere!

viviana vivarelli 22.08.06 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Certo che se una donna volesse esempi di ciò che è da evitare in un uomo, questo blog ne ha presentato un bel campionario.
Se vuoi vedere il peggio di un maschio, introduci nella conversazione la parola 'sesso'.
L'intelligenza scompare e appare la caserma.
In un attimo si evidenziano i peggiori.

Ma parlare di religione non è poi molto diverso

La parola sesso sta alla parola amore come la parola religione sta alla parola spirito.
Purtroppo è solo una questione di grado, dal minimo al massimo e il gap è enorme.

L'uomo evoluto può fare filosofia o poesia anche parlando di cibo.
Il maiale si ingozza e ci defeca sopra.

Trattare il sesso in modo sguaiato svilisce chi lo fa, mostra a che livello pone la sua virilità dunque se stesso, dà una immagine spregevole del proprio io.
Se le donne poi lo disprezzano, è una conseguenza fisiologica e hanno ogni ragione per farlo.
Servirà poco insultarle e dire che preferiscono un conto in banca. E' come la volpe che dice che l'uva è acerba perché non ci arriva.

Si dice che la natura dia alla donna l'intuizione di scegliere il compagno più adatto al futuro della specie.
Un tempo questa scelta riguardava la possanza fisica, i muscoli e l'aggressività contro un mondo ostile, la capacità di lottare contro le avversità materiali, lo spirito di sopravvivenza.
Adesso sarà meglio che le donne scelgano i più sensibili e attenti, i meno sbragati e volgari, o il mondo invece di progredire finirà.

Come le donne faranno bene a distaccarsi da una Chiesa che non le considera persone, ugualmente faranno bene a tenersi lontane da maschi incapaci di rispettarle come genere paritario e complementare.
Le cose bisogna meritarsele! E le relazioni pure.

E veramente noi donne siamo stanche di questi machi dell'insulto! Di questi fascisti del sesso capaci solo di volgarità e bassezza! Che sproloquiano di democrazia quando non la vivono nemmeno in casa
Che il mondo se li porti via come tutte le cose idiote e di pessimo gusto

maria monti 22.08.06 08:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sesso... sesso sesso sesso!
Religione e sesso... e qui il discorso si complica...
Iniziamo a parlare della religione... quella del nostro stato... che in fin dei conti mi pare si sia un po rimodernata... almeno non provoca più dei barbecue alla strega.
La religione ha sempre dato al sesso semplicemente uno scopo procreativo e non finalizzato al piacere, ora secondo me c'è un fortissimo contrasto tra religione e pubblicità, miti e media.
Mi spiego meglio... la religione ci dice che il sesso finalizzato al piacere è peccato... allora noi dopo una bella domenica mattina in chiesa appena finito di sentire il sermone domenicale (nn so nemmeno quanto anni fa ho sentito l' ultimo...) torniamo a casa passando accanto a giganteschi cartelloni pubblicitari raffiguranti donne in slip neri con le cosce aperte in modo tale da renderti visibile l'ugola! Torni a casa e ti vedi un Maurizio Costanzo (una delle poche cose che sessualmente te lo ammoscia all' interno della tv) circondato da una 30ina di maiale seminude tratte da grandi fratelli vari e da programmi DEL De Filippi...
ora ditemi un po voi come fate a non pensare al sesso... se ce lo spiattellano con messaggi subliminali e non ogni istante davanti agli occhi...
Allora dico io se noi abbiamo l' istinto ormonale del sesso perchè alimentarlo a dismisura tramite migliaia e migliaia di messaggi???
Poi è ovvio che un uomo non è soddisfatto della propria donna se crede che la ragazza media sia alta con le gambe che nn finiscono più e con un paio di tette marmoree che possono essere usate come comodino o attaccapanni!
Un' ultima cosa riguardo la guerra: la religione non porta alla guerra... al massimo ad un acceso dialogo (sempre se letta nel modo giusto...)
alla guerra portano il potere ed il petrolio...

Come sempre grazie a tutti per lo spazio fornito

Danilo de Cicco 22.08.06 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Signor Grillo,
volevo segnalarle un libro che potrebbe darLe interessanti spunti per i suoi futuri spettacoli.
Il volume é: IL SEGRETO PIU' NASCOSTO di David Icke-Macro Edizioni-22,00 €.
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa delle informazioni contenute in tale pubblicazione, che se vere, darebbero una rappresentazione completamente diversa della realtà che ci circonda.
Complimentandomi con Lei per il Suo lavoro porgo cordiali saluti.

Alberto Bozzetto

LIBRERIA CANOVA
Via Cavour 6/b
31015 Conegliano (TV)

tel.0438/22680

BOZZETTO ALBERTO 22.08.06 08:14| 
 |
Rispondi al commento

LE RELIGIONI DEVONO FARE UN PASSO INDIETRO E LASCIARE IL PASSO ALLO STATO DI DIRITTO
Il sentimento religioso si trasmette per via materna e viene assimilato con le poppate. E' per questa ragione che le istituzioni religiose di tutto il mondo tengono le donne sottomesse; per loro è una questione di sopravvivenza: se le donne smettono di trasmettere il senso ancestrale della religiosità sarebbe la fine per loro!
Il sentimento religioso ascende all'animalità dell'uomo essendo legato al primo atto di autocoscienza che differenziò l'uomo dalla natura creandogli una vertigine tanto forte che dura ancora oggi. Per questo la religione è recesso nella paura, è richiamo alla violenza, distacco da ciò che è diverso, richiamo profondo all'identità, è divisione, è ricerca ansiosa di sicurezza.
Il sentimento religioso è un male ed è una cosa cattiva che è in noi che non possiamo estirpare per cui dobbiamo solo imparare a conviverci sapendolo controllare. Pretendere di sopprimere la religione è una pazzia in quanto in tal modo diventa appannaggio di stregoni, capipopolo senza scrupoli che la utilizerebbero per plagiare le persone; pertanto la religione è un male necessario.
La religione cattolica si è cristianizzata solo grazie ai principi laicisti o laici, fate voi, della rivoluzione libertaria dei Lumi del XVIII sec. che hanno contribuito a far riscoprire il valore della coscienza.
OGGI TOCCA ALLE DONNE COMPLETARE IL LAVORO: SOLO IL MOVIMENTO DELLA LORO EMANCIPAZIONE VERSO L'UGUAGLIANZA, LA LIBERTA' E LA SOLIDARIETA' IMPEDIRA' LA DERIVA OSCURANTISTA CHE UNISCE I TEO-CON A BIN-LADEN. DOBBIAMO SOLO SPERARE CHE CIO' NON DEBBA AVVENIRE CON UNA GUERRA MONDIALE MA IRROBUSTENDO UN MOVIMENTO DI RESISTENZA FEMMINILE-ISTA.
---
La precettistica religiosa deve avere valore solo a livello personale e privato di foro interno della coscienza senza alcuna valenza sociale, giuridica e civile.
La pace tra i popoli si crea con lo stato di diritto.


Buonasera a tutti...

.... Beppe hai dimenticato il totocalcio e gli altri giochi legati alle partite...

la truffa si estende anche verso chi in buona fede giocava la schedina....

tra cui il sottoscritto che spendeva ben sette giorni di tempo libero alla settimana... a fare pronostici prendendo in considerazione qualità dei giocatori numero di reti ecc ecc...

entravo in tutti i siti internet delle squadre e dei quotidiani per raccogliere notizie utili...

con tutte le notizie che raccoglievo e col tempo che dedicavo avrei dovuto fare almeno un dodici ma non ho mai superato i nove punti...

stavo per arrivare anche a considerare gli arbitri per via di un sentore... ma ho smesso prima (nel dicembre scorso prima di iniziare a scrivere qui) e non ricomincerò mai più...

so che nessuno sentirà la man canza dei miei 10 euro alla settimana ma spero tanto in un crollo di questo sis tema che sta in piedi grazie agli italiani che hanno la predisposizione a farsi prendere per il c.l.

altresì, spero che GLI ITALIANI CHE HANNO LA PREDISPOSIZIONE A FARSI PRENDERE PER IL C.L....

SI SVEGLINO UNA VOLTA PER TUTTE INIZINO SERIAMENTE A PENSARE AI LORO INTERESSI...

giam piero puddu 21.08.06 22:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buonasera a tutti...

.... Beppe hai dimenticato il totocalcio e gli altri giochi legati alle partite...

la truffa si estende anche verso chi in buona fede giocava la schedina....

tra cui il sottoscritto che spendeva ben sette giorni di tempo libero alla settimana... a fare pronostici prendendo in considerazione qualità dei giocatori numero di reti ecc ecc...

entravo in tutti i siti internet delle squadre e dei quotidiani per raccogliere notizie utili...

con tutte le notizie che raccoglievo e col tempo che dedicavo avrei dovuto fare almeno un dodici ma non ho mai superato i nove punti...

stavo per arrivare anche a considerare gli arbitri per via di un sentore... ma ho smesso prima (nel dicembre scorso prima di iniziare a scrivere qui) e non ricomincerò mai più...

so che nessuno sentirà la man canza dei miei 10 euro alla settimana ma spero tanto in un crollo di questo sis tema che sta in piedi grazie agli italiani che hanno la predisposizione a farsi prendere per il c.l.

giam piero puddu 21.08.06 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti...

.... Beppe hai dimenticato il totocalcio e gli altri giochi legati alle partite...

la truffa si estende anche verso chi in buona fede giocava la schedina....

tra cui il sottoscritto che spendeva ben sette giorni di tempo libero alla settimana... a fare pronostici prendendo in considerazione qualità dei giocatori numero di reti ecc ecc...

entravo in tutti i siti internet delle squadre e dei quotidiani per raccogliere notizie utili...

con tutte le notizie che raccoglievo e col tempo che dedicavo avrei dovuto fare almeno un dodici ma non ho mai superato i nove punti...

stavo per arrivare anche a considerare gli arbitri per via di un sentore... ma ho smesso prima (nel dicembre scorso prima di iniziare a scrivere qui) e non ricomincerò mai più...

so che nessuno sentirà la man canza dei miei dieci euro alla settimana ma spero tanto in un crollo di questo sis tema che sta in piedi grazie agli italiani che hanno la predispo sizione a farsi prendere per il c.l.

giam piero puddu 21.08.06 22:17| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti...

.... Beppe hai dimenticato il totocalcio e gli altri giochi legati alle partite...

la truffa si estende anche verso chi in buona fede giocava la schedina....

tra cui il sottoscritto che spendeva ben sette giorni di tempo libero alla settimana... a fare pronostici prendendo in considerazione qualità dei giocatori numero di reti ecc ecc...

entravo in tutti i siti internet delle squadre e dei quotidiani per raccogliere notizie utili...

con tutte le notizie che raccoglievo e col tempo che dedicavo avrei dovuto fare almeno un dodici ma non ho mai superato i nove punti...

stavo per arrivare anche a considerare gli arbitri per via di un sentore... ma ho smesso prima (nel dicembre scorso prima di iniziare a scrivere qui) e non ricomincerò mai più...

giam piero puddu 21.08.06 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti...

.... Beppe hai dimenticato il totocalcio e gli altri giochi legati alle par tite...

la truffa si estende anche verso chi in buona fede giocava la schedina....

giam piero puddu 21.08.06 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti...

.... Beppe hai dimenticato il totocalcio e gli altri giochi legati alle par tite...

giam piero puddu 21.08.06 22:11| 
 |
Rispondi al commento

"La più difficile è la pazienza"

Grazie Barbara!

viviana vivarelli 21.08.06 22:05| 
 |
Rispondi al commento

questa di Madre Teresa e Giovanna d'Arco l'ho già sentita, mi prudono le orecchie come di persona già nota che si ripete

per il resto stasera sono stanca, ho corso tutto il giorno e mi sono affaticata troppo, ho sonno e riesco a capire solo post chiari e limpidi che corrispondono a persone chiare e limpide, non riesco nemmeno a vedere al momento se ci sono differenze tra l'uno e l'altro, le offese buttate là caso nemmeno le sento, ho bisogno di intelligenza
L'intelligenza dei furbi non serve più a nessuno, occorre l'intelligenza del cuore e che sia collettiva!
Le Giovanne d'Arco hanno fatto il loro tempo
E così i condottieri

buonanotte

P.S.
Grazie Max

la libertà sessuale è bella
la libertà mentale è meglio
averle entrambe..
io di mondi liberati ne vedo pochi ma spero per l'Islam come per il cristianesimo
l'una evoluzione non preclude l'altra
o ci si salva tutti o non si salva nessuno
bene per la crescita spirituale
l'opera è titanica
sono per la parità nella differenza
i jet poi nemmeno mi piacciono ma ho conosciuto ragazze in gamba che li pilotavano, bene anche per loro! e perché no? Il jet in sé non è un male, almeno finché non fa male, non mettiamo limiti alle realizzazioni!
che gli uomini stiano distruggendo il mondo non ci piove
che le donne dovrebbero salvarlo insieme a uomini migliori mi sembra assodato
Io ho fede che ci saranno
Papa Giovanni fece una profezia in cui disse che il mondo sarebbe salvato dalle donne, non intendeva le donne come sesso, ma la cura e tutela, la compassione e partecipazione, la capacità di salvare quello che ora sta morendo. Vengano dunque uomini che siano madri al mondo!
Venga un Dio madre
Non credo che a salvare un pianeta morente saranno le veline e nemmeno le Condoleeza Rice o le integraliste alla Moratti

.. una nuova generazione di uomini e di donne fianco a fianco (molti giovanissimi promettono bene), l'amore e la libertà aiuteranno creature complete a rifare il mondo
..notte

viviana vivarelli 21.08.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento

La guerra è solitudine. Il sesso può diventarlo. La religione esclude.
Ama il prossimo tuo come te stesso.
Ama te stesso.
Impegno rispetto e pazienza.
La più difficile è la pazienza.

barbara gasbarrini 21.08.06 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Nella antichità in Grecia ed a Roma il sesso era liberamente praticato.
Poi col crollo dell'impero romano si è avuto l'avvento del medioevo. I costumi sessuali si sono irrigiditi. Perché i costumi tornassero a scongelarsi nella vecchia Europa si è dovuti arrivare all'illuminismo con gli scritti di Voltaire, Diderot ed altri. Ma c'è sempre stato il puritanesimo, l'epoca vittoriana etc.
Da quel momento comunque la risalita è stata faticosa e lunga fino ai movimenti novecenteschi degli anni 60 e 70. Poi c'è stato un ritorno ai cosiddetti "sani principi" peraltro molto aiutato dallo spauracchio dell'AIDS.
In ogni caso il processo di liberazione sessuale che si è avuto in europa è stato lento e faticoso ed è impensabile che nel mondo musulmano, molto più sessuofobico e conservatore del mondo occidentale si possa affermare una relativa libertà sessuale in tempi utili per scongiurare le guerre ed i terrorismi in atto come quelli "allo studio" e "di prossima applicazione".
Il caso della ragazza Pakistana di Brescia uccisa dalla famiglia, dovrebbe farci capire che certi problemi non li risolviamo con una intensificazione della pratica sessuale ma semmai con una educazione filosofica, spirituale ed anche sessuale la quale comporta una opera titanica e di lungo periodo.
Io che sono per la libertà sessuale e che credo ci vorrebbero molte più donne in politica (vale a dire che concordo in linea generale con te Beppe) trovo tuttavia eccessivamente naive pensare che con una maggiore libertà sessuale risolveremmo i gravi problemi che affliggono l'umanità. Così come mi pare ingiusto scaricare sulle spalle delle donne il compito di salvare l'umanità dalla catastrofe. Dobbiamo invece capire che dobbiamo crescere tutti insieme uomini e donne.
Preoccupiamoci intanto di non mandare anche le donne alla catastrofe dopo esserci andati noi uomini!
Invece vogliamo far loro pilotare i jet da guerra (e le più sciocche si sentono discriminate se non possono farlo e protestano!) Anche in politic

Max Pagano 21.08.06 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe carino il tuo sfogo, ma ti faccio umilmente notare che le guerre prescindono dalla religione. La religione spesso è solo il pretesto, la foglia di fico che nasconde ben altri interessi.

Laddove non poteva essere invocata la religione sono state invocate ideologie (come il comunismo ad esempio) o altre ca.....e colossali come il mito della razza ariana...

Non basta pipare, bisogna anche ragionare. E non è un caso che gli estremismi peschino facilmente dove abbondano l'ignoranza e la mancanza di senso critico...(sai come trombano i muslim? come conigli, eppure...)

Cordiali saluti

federico carboni 21.08.06 18:45| 
 |
Rispondi al commento

X VIVIANA VIVARELLI delle 5:52 e DIEGO BALLANO
(ovvero il bove pacifista chiama cornuto l'asino cittadino)
Non si capisce - quando parli di piazze in crisi, di boicottaggi, appelli, no global in riflessione - se Ti riferisci al movimento pacifista e nonviolento mondiale o alla situazione italiana.
Il movimento mondiale non è affatto in crisi al limite ha solo un problema di "notiziabilità" a livello di informazione.
Il problema, invece, esiste a livello nazionale e Tu, come in un gioco di specchi, hai attribuito a Diego Ballano il difetto delle associazioni pacifiste e ONG italiane, le quali sono, come Tu stessa dici "in pausa di riflessione" e che oggi considerano l'atto di guerra in Libano dell'invio dei nostri militari come azione di pacificazione, in quanto stanno facendo i conti di quanto gli entrerà in tasca con gli "affari" (business di guerra, mia cara. Proprio come le armi) degli aiuti umanitari e della loro distribuzione.
Come Ti permetti poi di accusare Ballano di pensare solo al dio denaro!!!
Caspita se non fa bene Ballano a indignarsi e chiedere rispetto e, aggiungo io, un minimo di coerenza.

Antonio de Franco 21.08.06 18:34| 
 |
Rispondi al commento

X DIEGO BALLANO,
Il diritto, l'uguaglianza dinanzi alla legge, la fine della discriminazione femminile, la libertà di opinione, l'estensione dell'istruzione e della comunicazione, questi sono i veicoli e i principi che non faranno prevalere l'integralismo religioso portando la crisi all'interno delle loro "inossidabili" credenze.
I valori teo-con americani e cattolici, invece, condividono pienamente i valori religiosi dell'Islam.
Molti uomini di religione in occidente si vestono di colombe ma strumentalizzano la religione e COSTORO CI DOVREBBERO SPIEGARE COME MAI GLI INCONTRI DEI CAPI RELIGIOSI AVVIATI NEL 1984 AD ASSISI DA QUEL GANDHI CRISTIANO CHE E' STATO GIOVANNI PAOLO II NON SI TENGONO PIU' SOTTO I RIFLETTORI DELLA PUBBLICA OPINIONE.
Ti dò io la risposta: perché le religioni mondiali hanno oggi un fine diverso e inconfessabile ovvero l'attacco alla democrazia liberale ed al suo stato laico di diritto.
Lo stesso Papato sta cambiando pelle rispetto al pontificato di Giovanni Paolo II.

Antonio de Franco 21.08.06 18:19| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
Queste sono le notizie che non ti aspetti:

'In Libia non c'è libertà di stampa'...

Ad affermarlo è stato Saif al-Islam, figlio del colonnello GHEDDAFI!

Secondo la prima classifica mondiale della libertà di stampa (pubblicata da Reporter sens frontière), infatti, la Libia si trova alla 129° posizione!
*************************************************
Clicca sul mio nome per entrare nel blog di Falla Girare.


Dimenticavo, cara Viviana, di spiegarti la mia avversità nei confronti dei cattocomunisti. Con questo termine mi riferisco a coloro che cattolici, hanno permesso quell'assurdità politica tanto invisa negli anni 70 ed 80, che è il compromesso storico. Va bene, sono cattolico non bigotto e sono convinto fermamente che con opera pastorale, saremmo riusciti a debellare quell'utopia tragica che ha permesso la morte di milioni di persone nel mondo e a tirare col messaggio d'amore di Gesù dalla parte del bene, anche il peggiore degli assassini. Non mi va giù che ipocritamente delle persone che si definiscono cattoliche, solo per questione di potere (di poltrone!) si siano svendute come adesso palesemente accade a spron battuto, in questo squallido modo, perdendo in tal guisa la loro identità culturale e religiosa (per un pugno di lenticchie, c'è chi rinunciò al suo regno).

Diego Ballano 21.08.06 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Cara Viviana mi spiace per te ma il sottoscritto non è come lo dipingi tu! Ma chi ti credi di essere per giudicarmi? Facevo solo commento di ciò che ci sta accadendo attorno. Mi spiace per te che pensi di essere una novella Giovanna D'Arco, la reincarnazione di Madre Teresa di Calcutta. Non sono xenofobo (sono stato all'estero, ospite di altre nazioni). Non sono ricco. Sono solo un misero impiegato che come altri, fa fatica ad arrivare a fine mese. Ma ho la dignità di dire solo ciò che penso. Tu, nel giudicarmi, hai palesato avere la coda di paglia e di essere chiaramente una di quelle persone che fanno i compagnucci del quartierino con la bistecca già pronta nel piatto, magari cucinata appena appena da mammina! Per l'età che ho (non te la dico; vediamo se azzecchi!) ho vissuto di striscio il 68, ma tutto il resto sì. Sono stato capellone scriteriato negli anni 70. Sono stato ai concerti pop (sai, quelle distese oceaniche di ragazzi e ragazze). Parlo di gruppi come Yes, Pink Floyd, Led Zeppelin, Deep Purple, Jetro Tull, Santana, Mahavisnu Orchestra, Black Sabbat, Crosby Steel Nash & Young, Simon & Garfunkel ecc. In queste riunioni oceanichei partecipai fu a Licola, vicino Napoli nel 1974), si parlava di utopia, fraternità tra i popoli della Terra, amore sesso ed altri temi molto filosofici. Ho scritto ciò che ho scritto per ironia e soprattutto perchè non mi piacciono i "sepolcri imbiancati" gli ipocriti cioè coloro che si scandalizzano per un non nulla ma i quali, sotto sotto, fanno solo i propri sporchi egoistici interessi di bassa lega. Ciao

Diego Bellano 21.08.06 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Gianluca
Beppe è intelligente e ci fa pensare
Non credo che il sesso sia il suo chiodo fisso
ma che colga perfettamene l'uso manipolativo che ne viene fatto

Quando si parla di sesso, si parla in realtà di Potere. Il sesso e’ sempre stato un opportuno strumento del Potere
Fin dai primordi la potenza del re-sacerdote si è basata sulla sua regolamentazione

La demonizzaz. oggi di una sana sessualità connessa all'amore può essere appaiata a quella di cose altrimenti innocue per l’ordine pubblico come la marijuana o le famiglie di fatto o il pacifismo

Per la regola che la mente può concentrarsi solo su un messaggio per volta, quando si intende nascondere un grosso crimine pubblico, è utile ingigantire dei piccoli peccati privati o rendere peccaminoso ciò che nemmeno lo è, per creare furibondi movimenti di opinione diretti a comando su ciò che il Potere vuole e distratti a comando su ciò che il Potere non vuole

C'è la regola infine che il Potere decentra da sé la critica e la rivolta e il mezzo migliore per farlo è creare dei bersagli
Poiché il sesso riguarda tutti ed è uno dei nostri massimi bisogni e piaceri, è fin troppo facile agire su questo punto caldo per sfrenare la gente e portarla lontano da quello che il Potere non vuole sia discusso, e cioè la sua politica di imperio e aggressione

Se il sesso connesso all'amore fosse lasciato alla sua libera spontaneità, avremmo il massimo delle unioni indipendentemente dalle divisioni di provenienza, etnia, religione, colore, ideologia
L'amore sana tutto, lega tutto, mette tutti d'accordo
Avremmo la fine dei confini e degli odi tra popoli, avremo una grande famiglia umana

Credo che né le chiese né gli stati vogliano questo, perché il loro dominio si basa sulle divisioni e sui mezzi per mantenerle

E non mi si dica che il cattolic. ha fatto eccezione perché tutta la sua storia è storia di violenze e prevaricazioni e ridurla allo "sbaglio" delle crociate mi sembra davvero miserevole e astorico

viviana vivarelli 21.08.06 07:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L’imperialismo di Bush si lega a un feroce attacco alla sessualità sferrato in nome del fanatismo religioso
Più morte e meno amore. Militarismo + sessuofobia

USA: una fanatica campagna puritana demonizza il film sul dottor Kinsey
Anche Radiomaria lo attacca in linea con Bush, uno che vinse grazie ai rurali retrogradi e reazionari, legati alle varie chiese mercificate dei predicatori tv

Il biologo Kinsey studiò la sessualità con 2 rapporti negli anni ’40-50. E’ accusato di pedofilia e perversione perché attribuisce al bambino il piacere sessuale, come fece Freud ai primi dell’800
La nazione dove la psicoanalisi freudiana è più diffusa è la stessa del fanatismo bigotto e sessuofobico
60 anni dopo Bush eccita di nuovo l’America perbenista e fanatica

La dx crist. attacca con pseudo giustificaz. religiose e in difesa della famiglia sulla linea della lotta a contraccezione e ricerca sulle staminali, antiabortismo, attacco ai gay
La dx neocons è molto potente in USA, nega alla gente un esame di coscienza sulla guerra e la eccita con la sessuofobia che rimpiazza la coscienza perduta. Il fanatismo sostituisce l’etica

Liam Neeson: "Gli USA sono schizofrenici: hai il successo di Sex and the City e Queer Eye for the Straight Guy, con 4 gay che danno consigli a un eterosess. poi fa scandalo la tetta scoperta della Jackson o una coppia omosex che si sposa a San Francisco..
Tutta la vita di Kinsey fu uno studio sulla tolleranza. Nei tempi in cui viveva il livello di ignoranza era incredibile"

Nulla è cambiato

"La nazione che inventò il Viagra stenta a studiare argomenti come il desiderio o l'eccitaz. sessuale anche quando queste ricerche sono indispensabili alla salute pubblica"

Un ricercatore: "Lavoro da 30 anni e il livello di intimidazione e paura è + alto di quando ho iniziato.. sono preoccupato che cresca l’intrusione dell'ideologia nella scienza"

La dx conservatrice italiana è la ruota di scorta di questa caccia alle streghe



viviana vivarelli 21.08.06 07:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Diego
tu in piazza non ci sei sceso mai, per nessuna cosa, non hai mai dato te stesso a un ideale, non sai nemmeno cos’è
Capisci solo il denaro, credi sia l’unica molla del mondo e pensi che gli altri siano come te
"Pagati.. chi paga?" Non sai dire altro. Molto triste

Non sai niente di chi manifesta; mischi pacifisti, girotondini, forcaioli, cattocomunismi, antisemiti, portatori di molotov e chissà che altro

Dietro di te c’è la voce di Libero, La Padania, Il Foglio.. falsità.. disinformazione, istigazione all'odio!
Eppure sai che Farina è pagato dalla Cia come Ferrara e che restano al loro posto indegnamente malgrado risultino embedded (asserviti) alla potenza più terrorista del mondo. Pagati per disinformare e aizzare
Sono loro gli stipendiati che intrigano per denaro e per fare male all’Italia, loro che di diffondono falsità costruite da generali per alimentare l’odio e giustificare le guerre,
non i pacifisti!

E scrivi il tuo malanimo in un blog dedicato all’eros?! Molto triste!
Non sai nemmeno cos’è l’amore

Ami la guerra? Ne vuoi di più? Ti piace l’odio? Pensi davvero che, con B. a fianco di un aggressore, eravamo la culla del diritto mentre, inviando truppe in una risoluzione ONU per bloccare una guerra, lo distruggiamo?
Pensi sia giusto incrementare la guerra?
E' disumano!

I no global non prendono posizione contro Israele né contro la Palestina. Dietro questi 2 nomi ci sono 2 popoli che da mezzo secolo patiscono un bagno di sangue confondendo giusto e ingiusto
I no global hanno sempre detto :”2 popoli, 2 stati”
Difendono il diritto di esistere di entrambi
Sono scesi in piazza molte volte per questo
Difendono la vita. Tu vuoi la morte.

Le piazze oggi sono in crisi.
I no global passano un momento di riflessione
Nessuno dei loro ideali è caduto, ma sono serviti a poco le piazze, il voto, l’UE, l’ONU, i boicottaggi, le firme, gli appelli..
Lo strumento è spuntato. Occorrono nuovi metodi di lotta e li troveremo!

viviana vivarelli 21.08.06 05:52| 
 |
Rispondi al commento

I personaggi di cui tu parli caro Beppe sono quelli che costituiscono il "nuovo Disordine Mondiali" capitani di ventura che governano il caos disordine nel disordine io nn penso che il sesso sia il loro problema ma le loro fobie i loro demoni interiori infondo queste persone in una società che saprebbe valorizzarli brillerebbero di luce ma purtroppo oscuranonell'oscurità.
no caro Beppe a queste persone nn serve una donna ma una guida o meglio una società che li guidi verso quello che sarebbe meglio per tutti e nn una societa che li abbandona dandogli un unico input quello che per sopravvivere nn importa quello che fai o chi tu sia buono cattivo ceh sia...

Nicola Artiano 20.08.06 22:49| 
 |
Rispondi al commento

c'è chi è solo, è stato spesso respinto e sempre abbandonato, eppure non è diventato né un puttaniere né un pornomane né un serial killer né un criminale di guerra. e pur soffrendo di solitudine è sensibile alle sofferenze degli altri e non gli farebbe mai ciò che è stato fatto a lui.

francesco maura 20.08.06 18:43| 
 |
Rispondi al commento

La religione può essere pericolosa ma è una grande risorsa di cui l'essere umano non può farne a meno. La ragione per cui ci sono sempre uomini al potere è semplice: essere donna ha una sua specificità che esprime qualità diverse e meno visibili ma più importanti. La funzione educativa materna ne è un esempio.

Giampietro Petroselli 20.08.06 18:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ora che mi sono sfogato con la digressione di cui in precedenza, vorrei dire che il sesso, i paesi islamici, lo fanno ora, solo per poterci meglio invadere e tagliarci la gola da orecchio ad orecchio (Hina docet!). Non si può trattare con un serpente a sonagli e dirgli: scusa io so che tu sei buono quindi vieni qui in casa mia e fa quello che vuoi. Il serpente farà il bravo sul momento, ma l'istinto è l'istinto e chissà perchè, morde la mano di chi l'ha soccorso, l'ha aiutato ad uscire dalla merda in cui stava. Ora vuole che tu, infedele, diventi mussulmano volente o nolente. Non ti adegui? Sarai giustiziato nel più atroce dei modi! Scegliete voi, filosofi del c***o, il modo più lungo e doloroso. Non avete ancora capito, che ormai ci hanno invaso completamente. La prova la danno i nostri dipendenti giudici, allorquando fanno l'elegia dei terroristi islamici e li chiamano patrioti e non terroristi ed assassini. A proposito, la parola assassino proviene dall'arabo hasisin riferito ad affiliati a setta segreta che in Siria, nel XXII secolo, praticavano l'omicidio per fini religiosi trovandosi sotto l'azione stupefacente dell'hascisc. Meditate gente!

Diego Bellano 20.08.06 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Adesso, vorrei sapere dove sono andati a finire i pacifisti (stipendiati, secondo me, da qualcuno!) ed i girotondini (stesso discorso dei pacifisti!) e perchè nessuno dei cattocomunisti del c***o scende in piazza a protestare contro l'invio delle nostre truppe in Libano. Forse l'idea che i nostri soldati possano sparare agli Israeliani, per loro è meglio di un orgasmo multiplo. Complimenti a Beppe che non si scandalizza ora che sono i compagnucci del quartierino a comandare finalmente questa barca naufragante che è purtroppo, la mia nazione cioè l'Italia. I cattocomunistri (brutta razza) stanno distruggendo ciò che i nostri padri hanno costruito e che è costato lacrime e sangue a tante generazioni d'italiani. Con la scusa della giustizia ingiusta, ci avete fatto diventare la pattumiera del diritto (mentre prima eravamo la culla dello stesso!). Beppe, dove sono i No Global? Battete catene, molotov e quant'altro vi capiti in mano, per favore! Dateci la vostra voce forcaiola. Una domanda: chi vi paga? E se il Berlusca pagasse di più, fareste la rivoluzione d'Arcore?

Diego Bellano 20.08.06 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Le nazioni arabe e orientali, soprattutto di cultura islamica (i musulmani non hanno avuto un Gandhi e solo quelli turchi hanno avutro un Ataturk) vedono noi paesi industrializzati o occidente che dir si voglia come i prepotenti colonialisti che hanno invaso le loro case rubandone le ricchezze ed oggi invadono la loro mente con la presunta superiorità della loro (nostra) cultura.
E' per questa ragione che la "guerra preventiva di Bush" è una pazzia che ci ha sospinti sull'orlo della guerra civile mondiale poiché agli occhi del popolo di cultura islamica questa guerra non è altro che una continuazione delle guerre coloniali.
Se noi riusciamo a parlare alle popolazioni islamiche non con la voce della superiorità, della forza, dell'imposizione ma confrontandoci sul rule of law, possiamo evitare ancora il conflitto.
Un contributo fondamentale in questo lo possono dare le donne estendendo la lotta di emancipazione femminile a donne di quei paesi.
NOI DOBBIAMO RIUSCIRE A DIALOGARE CON GLI ISLAMICI E INTENDERCI SUL FATTO CHE ABBIAMO UN NEMICO COMUNE CHE SONO LE MULTINAZIONALI, IL POTERE FINANZIARIO, I POTERI FORTI DEVIATI, IL CRIMINE ORGANIZZATO, GLI SFRUTTATORI, I PREPOTENTI SIA DA LORO E QUI DA NOI ED UNIRE I NOSTRI SFORZI PER COMBATTERLI SECONDO LA RULE OF LAW.
DOBBIAMO ASSUMERE UN ACCORDO PER CUI ISRAELE VA RISPETTATO IN QUANTO E' UNA DEMOCRAZIA LIBERALE E NON PER LA RELIGIONE PROFESSATA DALLA MAGGIORANZA DELLA SUA POPOLAZIONE.
INFINE DOBBIAMO INTENDERCI CON LORO CHE IL SENTIMENTO RELIGIOSO E' STATO UN VEICOLO DI OPPRESSIONE PER CUI CIASCUNO DEVE RESTARE LIBERO DI PROFESSARE IL CREDO CHE DESIDERA E, SOPRATTUTTO, DEVE ESSERE LIBERO ANCHE DI NON PROFESSARLO SE E' CIO' CHE VUOLE.

Antonio De Franco 20.08.06 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, vedo che quello del sesso sta diventando un tuo chiodo fisso. Pensi davvero che le guerre siano guerre di religione? E' il male dentro le persone che provoca le guerre nient'altro. Come mai tu che hai una famiglia con sei figli inciti al sesso con anticoncezionali? Il nostro mondo sarebbe migliore solo se ci fosse più amore tra le persone. Le famiglie si stanno disfacendo forse per colpa della religione? La mancanza di valori, l'egoismo e l'ipocrisia regnano sovrane sulla terra, e tu ne stai dando un degno esempio. Cordialmente. Gianluca

Gianluca Bertuca 20.08.06 01:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il tabù sessuale frena la possibilità di comunicare liberamente.
La funzione del sesso è quella di creare un clima di fiducia reciproco tale da permettere agli individui di aprirsi l’un l’altro senza barriere o pregiudizi.
Amore è donarsi all’altro incondizionatamente, con fiducia e senza timore.

Coloro che fanno sesso fine a se stesso, non compiono il passo successivo, cioè la comunicazione dei sentimenti, l'interscambio delle prorpio animo per rafforzarsi a vicenda.
I pornoattori sono sterili in tutti i sensi (sempre meglio della clausura).

Per capire cos’è una determinata cosa, ci si chiede: cosa fa? Dal movimento, dall’azione, si ricava una definizione accettabile.
La funzione principale del sesso è procreare. Se fosse solo questo ci basterebbe praticarlo per un breve periodo all’anno, come fanno gli animali, per riprodurci.
Il fatto che, a differenza degli altri animali, possiamo praticare sesso per tutto l’anno e anche quando le femmine sono gravide, nasconde qualcos’altro.

A volte, nelle comitive di giovani, si trova il classico ragazzo un po’ effeminato. Costui è sempre circondato dalle ragazze. E’ come se in lui trovassero il compagno ideale, colui a cui fare le confidenze, a cui confidare i propri problemi personali, chiedere il parere sull’abbigliamento, i pettegolezzi, ecc.

Attraverso l’alibi del: non faccio sesso con lui, il tabù viene così eliminato o bypassato, permettendo in questo modo di poter avere, con un esemplare del sesso opposto, quella complicità serena che l’istinto a socializzare richiede.

Con gli altri maschi della comitiva si assume l’atteggiamento imposto dalla morale corrente. Si recita la parte, s’indossa una maschera, ci si tiene distanti, si è chiusi, proprio a causa di quella “scomoda” eventualità peccaminosa che è il sesso.

Francesco Marillo Commentatore in marcia al V2day 19.08.06 21:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BEPPE, PIU' SEI CHIARO PIU' DAI FASTIDIO.
Ma com'è possibile non comprendere un discorso così pulito, chiaro, comprensibile, oserei dire ovvio e lapalissiano che fa Beppe. Eccolo:
il giustificazionismo religioso sul rispetto dei precetti religiosi (come quello sulla esclusione delle donne, sulla sua asserita superiorità e l'essere portatrice di verità della religione cattolica è il migliore alimento che date agli integralisti islamici per fare quello che fanno con uso speculare - dal loro punto di vista - degli stessi criteri di intolleranza.
Se voi cattolici dite di essere infallibili potete impedirlo che lo dica un isalmico?
Se voi cattolici dite di essere nella verità potete impedire che lo sostenga un islamico?
Se voi cattolici esaltate il martire per la fede volete impedire anche agli islamici di avere e coltivare i loro martiri?
Se voi cattolici relegate la donna ad un ruolo subalterno potete lamentarvi che poi gli islamici ci aggiungano il resto facendola passare pure per una cosa?
Alla fine della fiera dovremo scannarci con una guerra per poter dimostrare chi aveva ragione (salvo che i sorpavvisuti nel frattempo avranno dimenticato, ovviamente, il motivo del contrasto).
---------------------
QUESTA E' LA QUESTIONE POSTA DA BEPPE GRILLO: IL VALORE DELLA PRECETTISTICA RELIGIOSA CHE NON DEVE PIU' AVERE UNA VALENZA POLITICA, PUBBLICISTICA, LEGALE, CIVILISTICA MA DEVE ESSERE ANCORATA AD UN FATTO MORALE DI COSCIENZA RIGUARDANTE IL RAPPORTO INTERNO E PRIVATO TRA FEDELE E DIO O RELIGIONE SENZA ALCUN VINCOLO DAL PUNTO DI VISTA GIURIDICO.
LE RELIGIONI POSSONO DARE UN GRANDE AIUTO ALL'UMANITA': RIUNIRSI E APPROVARE UNA RISOLUZIONE SUL VALORE MORALE DEI PRECETTI RELIGIOSI. OVVIAMENTE GLI INTEGRALISTI BARBUTI ISLAMICI DIRANNO CHE IL PAPA ED IL DALAI-LAMA QUANDO HANNO PRESO QUELLA DECISIONE ERANO OSTAGGIO DEL GRANDE SATANA.
NON FA NIENTE PRIMA O DOPO CAPIRANNO MA ALMENO CI RISPARMIEREMO UN SACCO DI TRAGEDIE, DISTRUZIONI ED AMMAZZAMENTI.


Caro Beppe come sempre quando parli di religioni sei approssimativo e spesso inesatto.Cristianesimo=Guerra te lo sei inventato tu come termine, certo le crociate non vanno dimenticate io piuttosto direi:Un Papa(un uomo)=Crociata, sai ma il Cristianesimo è qualcosa di opposto alla guerra il Cristianesimo è un'incontro con una persona che una volta avvenuto non ti permette di agire in questa maniera, i Papi(Uomini) purtroppo si sono allontanati da Cristo per agire così, attento quindi a parlare di religione=guerra perchè è sbagliato ridurre per due Papi un'avvenimento d'Amore(Nel Vangelo non si parla solo di eros ma anche di agapè) come IL Cristianesimo mi pare a dir poco assurdo.

Giacomo Liporace 19.08.06 19:48| 
 |
Rispondi al commento

S E N S A Z I O N A L E
S C O P E R T A !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Il sig. Paolo Andreoli (17,32 in discussione di Pasquale Ragone delle 15e55 di oggi) ha dimostrato che il Papa "fuori di Cristo" è come un cattolico "fuori di testa".
In tal modo è finalmente, dopo secoli di studi, provata la perfetta identità e corrispondenza tra i due soggetti FEDELE CATTOLICO e CAPO DELLA CHIESA PAPA.
A questo punto il Vaticano sta studiando la possibilità di sopprimere l'infallibilità del Papa per evitare le reazioni scomposte di tanti singoli fedeli che pretendendo anche loro di essere infallibili stanno creando garvi turbamenti all'ordine pubblico con sczzottate che si registrano un pò ovunque e con gravissime conseguenze soprattutto sulle entrate fiscali del gioco del lotto.
Infatti si moltipicano le cause dei fedeli cattolici che lamentano come i numeri veri che dovevano uscire e da loro giocati sono stati modificati dagli operatori: sino ad oggi si contano già 30 assalti ad altrettante ricevitorie.
E' attesa entro domani 20/8 la dichiarazione della cessazione dell'infallibilità da parte del Vaticano.
Intanto il sig. Andreoli è stato messo sotto scorta per le minacce di morte ricevute dagli integralisti islamici i quali hanno paura che nei paesi musulmani si sappia che l'infallibità del Papa era una bufala.
I santini barbuti dell'oriente temono che i loro fedeli musulmani, saputo che l'infallibilità di chi parla in nome di Dio è una bugia, li ricaccino nelle teche dei luoghi di culto da dove sono scappati per potersi far vedere (potenza del villaggio globale della comunicazione e dell'immagine) in televisione.
--------------------------
NEWS SURREALE DI UNA DISCUSSIONE SURREALE QUALE QUELLA IMPOSTATA DA RAGONE. IL POST DI GRILLO PARLA DI UN'ALTRA QUESTIONE, AFFRONTATELA SENZA GIRARVI INTORNO.
D O N N E
F A T E V I
S E N T I R E
L I B E R A T E C I
D A I P R E G I U DI Z I D E I P R E T I

Claudio Boschini 19.08.06 18:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma no, Paolo, persino io che non seguo modelle veline so di vari casi di ragazze bellissime e lanciatissime che hanno avuto improvvise svolte nella loro personalità e si sono fatte suore o si sono dedicate al volontariato
Rosalbina Maria Bobadilla Rondon faceva telenovele e diventata suora
e così Maria Vigilanti, militante comunista ed ex sindaco di Castel di Lucio (Messina)

Le illuminazioni possono colpire chiunque come fulmini a ciel sereno
non occorre nemmeno che ci sia una preparazione di vita precedente
..lascia stare le contadinelle..
il tuo discorso è semplicistico
e presuppone che l'esperienza religiosa colpisca in modo eclatante solo menti semplici o ignoranti ma non è così

a parte il caso ultranoto di Paolo di Tarso che era addirittura un esattore di Roma e perseguitava i cristiani quando Dio lo accecò e gli rese poi la vista non solo esteriore ma anche interiore..

Boehme era un falegname che a tutto pensava fuor che alle estasi

un altro caso storico famoso è Schwedenborg
Nei primi 56 anni della sua vita fu uno scienziato notissimo. Studiò matematica, astronomia, architettura, chimica, fisica, cosmologia, ottica..Era un infaticabile genio progettista: invenzioni tecniche e meccaniche, pompe, chiuse, forni, gru, strumenti per le miniere, le navi, la guerra, un sottomarino, un prototipo di aereo che si alzò all'altezza di 15 metri, una pompa ad aria.. progettò cantieri navali e chiuse per fiumi. Alla fine divenne sovrintendente alle miniere del re di Svezia. Fu famoso per 30 anni in tutta Europa con 150 opere pubblicate e invenzioni tecniche
A 56 anni, il giorno di Pasqua, ebbe una visione che gli sconvolse la vita, dopo non fu più lo stesso e divenne un mistico, tutta la sua vita successivo è stupefacente come fosse un'altra persona

Sri Aurobindo che è una delle più grandi anime dell'India era un sindacalista e un rivoluzionario

Mère che fu la sua collaboratrice più alta conduceva una vita frivola nelle ambasciate

viviana vivarelli 19.08.06 18:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perché non si è mai sentito dire di una top-model svedese che ha visto la madonna o un santo piangere? Perché le madonne, con tutto il rispetto, le vedono solo le contadinelle e le vedove, soprattutto dalla latitudine dei Pirenei in giù? Uno potrà dire "perché in quelle zone ci sono i cattolici che ci credono". Eh no! Anzi: se le madonne e i santi appaiono davvero, lo dovrebbero fare di fronte a chi non gli crede proprio per dimostrare che sbaglia chi non crede. Invece no. Attendo lumi....

paolo andreoli 19.08.06 16:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

w il detto "fate le more non fate la terra...." i terroni sì quelli non li dovevano fare!
ops scusate compagni!

Fausto Bertignocchi 19.08.06 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Salve signor Grillo, credo che lei non abbia colto dei punti fondamentali che in discorsi del genere bisognerebbe considerare. Innanzitutto lei ha fatto un discorso generalizzato, ammassando tutte le religioni e annullandone le diversità in principi, valori e storie. La guerra non è il comune denominatore delle religioni solo perché nel corso della storia sono avvenute proprio delle guerre religiose.
C’ è una differenza che è a dir poco abnorme circa il concetto di guerra nella cristianità e nel mondo musulmanno. Nella prima, essa non è tollerata; nella seconda, si.
La differenza è semplice: il Papa di allora non poté trovare alcuna parola di Cristo per giustificare il Suo “richiamo” alle armi. In quel caso, per giustificare le crociate si fece riferimento a motivazioni economiche (donazione delle terre conquistate) e soprattutto di difesa della propria cultura (in quanto i musulmani erano alle porte dell’ Europa). Il Santo Padre dovette uscire “fuori da Cristo” (e quindi dalla cristianità) per motivare una guerra. Nel caso della religione musulmana, esistono invece dei versi in cui il fedele (per difendere la propria comunità e il rispetto della propria cultura) può ricorrere nel primo caso all’ omicidio, nel secondo caso alla violenza. Questa è la differenza che le volevo far notare, ovvero che il cristiano quando trasgredisce non è in Cristo, mentre il musulmano, nelle azioni violente, è a volte legittimato dal Corano.
Che poi la Chiesa abbia i Suoi difetti (come l’ ossessione per il sesso, che però è volta solo a risaltare l’ amore rispetto elle degenerazioni prettamente sessuali) è una questione sulla quale se ne può discutere ma avendo chiaro il concetto che il fedele dovrebbe guardare alle Scritture, non alle azioni dei preti. Credo però che delegare il proprio allontanamento dalla Chiesa per le mancate responsabilità altrui sia solo un modo per scrollarsi dalle proprie.
(X Hans Kung)Quali fonti accertano le sue conclusioni sull' episodio di Isaia?

Pasquale Ragone 19.08.06 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

beppe grillo amiko dei bankhieri
grillo ci campa col siTnoraTTio

fidelmastro andrea 19.08.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Beh, Antonio, la parola religione viene da religio= unione, mettere insieme, unire, collegare, rilegare

In tal senso il punto di vetta nell'unione amorosa tra 2 partner profondamente innamorati è una intuizione di cosa significhi unione totale, e la sessualità unita all'amore è vista in Oriente come una delle vie verso il divino, non si tratta di mero orgasmo come possono avere gli animali ma di molto di più, qualcosa che oltrepassa la sensorialità del corpo, e chi è nella sua vita profondamente innamorato lo può capire che siamo su tutt'altro piano

E' per questo che molti culti pongono l'unione amorosa sulla scala che porta a Dio e celebrano il sesso come strumento divino, non divino sempre, ma divino come potenzialità

L'esperienza di Dio porta all'unione totale, fusione infinita col cosmo che oltrepassa ogni esperienza ordinaria sia pure la più bella e la può avere anche un ateo, non ha niente a che fare con un sistema religioso

Un uomo che combatte per il bene del mondo, che dedica la sua vita ad un alto ideale, lo scienziato preso dalle sue ricerche in modo appassionato, l'artista che è toccato eccezionalmente dall'ispirazione, la madre che partorisce il suo bambino molto desiderato con gioia e difficoltà, il sindacalista che non si arrende di fronte alla sconfitta, il volontario che affronta la morte in un paese straniero, l'amante della natura che ha il suo incontro culminante con la bellezza mi possono capire
Dio supera tutto questo
E' il di più di tutto
Non qualcosa di accessibile ma un atto di rara e pura grazia

In genere noi viviamo scissi e frantumati dentro e fuori, Dio è l'esperienza totale, impossibile descriverla se non la si è provata, impossibile anche crederci

E nulla di quello che egli è, come esperienza totalizzante e illuminante di fusione e di unione, somiglia sia pure lontanamente a queste religioni che ci ritroviamo, a questi sistemi dottrinali acidi, rigidi, nemici dell'uomo, alieni alla gioia, privati del sacro

viviana vivarelli 19.08.06 12:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X VIVIANI VIVARELLI delle 11:03,

"""""""""""""""
Non sono solo gli agnostici o i materialisti a rinnegare il sacro, lo ha fatto la stessa chiesa che nel tempo si è sempre più irrigidita negli schemi e negli apparati di un potere esterno, che nulla ha a che fare con l'anima, perdendo ogni rapporto col divino.
La spiritualità non starà mai negli indici delle cose proibite, negli anatemi, negli attacchi a presunti eretici, nelle lacerazioni, nei tabù sessuali, nelle apartheid, nelle primazie.
""""""""""""""""
Mi pare di capire che la spiritualità è solo una componente, peraltro non necessaria, del sentimento religioso.
Questo si che è un messaggio forte e potente.

Antonio De Franco 19.08.06 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Invito i lettori a voler leggere e soffermarsi sullo stupendo commento di Hans Kung del 18/8 delle ore 19:17 sempre in questo blogg.
Fa capire l'essenza della religione e ne possiamo trarre lezione per migliorare la nostra capacità di autonomia di giudizio critico.
Desidero chiedere a Hans Kung di farci dono di un suo approfondimento sui concetti di "verità" a cui ha fatto riferimento.

Antonio De Franco 19.08.06 11:28| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
Sono proprio tanti quei giornalisti che non fanno altro che esprimere GIUDIZI PERSONALI, sparare SENTENZE A RAFFICA e gettare fango a precisi SCHIERAMENTI POLITICI!

Questo sarebbe GIORNALISMO?

Non credo proprio!

Volete un esempio di FALSO GIORNALISMO?

Leggete questo articolo...
*************************************************
Clicca sul mio nome per entrare nel blog di Falla Girare.

Massimiliano Borella 19.08.06 11:21| 
 |
Rispondi al commento

L'integralismo islamico non sarà debellato dai teo-con americani alla maniera di Condoleeza Rice ma dal laicista stato di diritto, libertario e liberista, delle democrazie liberali.
Saluti a Beppe Grillo e a tutti i lettori di questo blogg.
Massimo Alibrando

Massimo A. 19.08.06 11:17| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
IL 17 AGOSTO HO LETTO QUESTA NOTIZIA:

"Usa, arrestato l'omicida della baby modella La reginetta di bellezza JonBenet, di 6 anni, fu trovata morta nel '96. Fermato un maestro a Bangkok: 'L'ho uccisa per disgrazia, ma l'amavo'.

OGGI VI PROPONGO DI LEGGERE QUESTO BELLISSIMO POST...
*************************************************
Clicca sul mio nome per entrare nel blog di Falla Girare.

Massimiliano Borella 19.08.06 11:10| 
 |
Rispondi al commento

ATURU MOROBOSCHI, ore 23:03 del 18:08.
Riprendo il Tuo commento perché penso sia molto utile al discorso generale:
""" Io sono una persona poco religiosa, anzi per nulla, ma non credo di essere né violento né pauroso.
Se tutti fossero capaci di discernere autonomamente cosa è bene e cosa è male, perchè si INTERROGANO CRITICAMENTE sul mondo che li circonda - e non perchè un altro uomo eletto dagli uomini (che di divino ha solo il conto in banca) si arroga il diritto di insegnarci cosa è giusto e cosa è sbagliato (proclamandosi di fatto la massima autorità morale del pianeta ed in qualità di monarca assoluto anche il politico più potente) - se tutti, appunto, avessero tale capacità certamente vivremmo in un mondo migliore e non peggiore come lo descrivi tu. Questa almeno è la mia opinione, naturalmente,
... """.
Tu riesci a controllare le Tue paure per cui Ti sei affrancato dal sentimento religioso. Ma lo controlli costantemente sia pure inconsciamente.
L'UMANITA' DEVE FARE QUESTO PERCORSO DI AFFRANCAMENTO DAL SENTIMENTO RELIGIOSO PERO' SENZA RIPETERE GLI ERRORI DEL PASSATO CIOE' PRETENDENDO DI DISTRUGGERE LA STRUTTURA ISTITUZIONALE DELLA RELIGIONE LA QUALE, INVECE, DEVE RIMANERE PROPRIO PER POTER ASSOLVERE AL BISOGNO DI IDENTITA', DI SENSO, PER TOGLIERE LE PAURE, A COLORO CHE NON HANNO QUELLA CAPACITA' CHE TU HAI BEN DESCRITTO.
In questo senso la religione è "male necessario".
Quello a cui dobbiamo attendere in questi tempi è la riduzione della precettistica religiosa ad una valenza personale e privata nel rapporto del singolo con l'Onnipotente, i precetti religiosi devono conservare validità solo sul piano volontaristico dell'obbligazione morale non devono avere nessun valore sul piano civile, legale ed istituzionale. La rule of law deve garantire la tutela della libertà personale del cittadino componente di un gruppo religioso se quel gruppo lo vuole materialmente obbligare contro la sua volontà trattando quel gruppo al pari di qualunque associazione.

Antonio De Franco 19.08.06 11:09| 
 |
Rispondi al commento

A Petra Floria

in un mondo vinto dalla materia, accetto come inevitabile che vi siano molti che non hanno mai avuto esperienza diretta dello Spirito, perché essa è rarissima e incomunicabile e accetto che parlino come parlano
Posso solo augurare a questi "esclusi" di ricevere qualche illuminazione, il che può accadere anche loro malgrado.. le possibilità sono infinite, come i miracoli

Posso solo suggerir loro che l'assenza di esperienze spirituali non è propriamente un vanto ma una mancanza, come il non essersi mai innamorati, una non esperienza che genera uno stato di ignoranza, il che è come dire che parlano di cose che non conoscono

Concordo con te che anche il mondo dello spirito è stata materializzato, maschilizzato, regolamentato e asservito al Potere

Penso solo alla ricchissima mistica femminile dell'intero Medioevo che è stata castrata e nascosta da una Chiesa intollerante e meschina che imprigionava le veggenti, le rinnegava e bruciava i loro scritti (ma si veda anche Padre Pio o suor Lucia in tempi più recenti)
La chiesa rifiuta le esperienze spirituali perché non le capisce, anche se può farne mercato

Non sono solo gli agnostici o i materialisti a rinnegare il sacro, lo ha fatto la stessa chiesa che nel tempo si è sempre più irrigidita negli schemi e negli apparati di un potere esterno, che nulla ha a che fare con l'anima, perdendo ogni rapporto col divino

La spiritualità non starà mai negli indici delle cose proibite, negli anatemi, negli attacchi a presunti eretici, nelle lacerazioni, nei tabù sessuali, nelle apartheid, nelle primazie

La morte della Chiesa, prima che in un presunto martirio per mano dell'infedele o negli attacchi delle ideologie materialiste o nelle tentazioni dei relativismi razionalistici, sta avvenendo proprio nella pedita di anima dell'alto clero, là
dove si è perso il sacro dell'uomo e quello di Dio e dove si idolatra solo Mammona

Bestie come Bush vi si appoggiano ciecamente in odio alla vita.

viviana vivarelli 19.08.06 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Jung diceva che per risolvere il mondo le parti maschili e femminili si sarebbero dovute integrare, ma questo doveva partire, prima che fuori, dall’interno di ogni creatura ove questa riuscisse ad accogliesse in egual misura le proprie valenze maschili e femminili, pacificandole
La nostra civiltà maschilista, prevaricante, gerarchica, non vuole questo, non lo vogliono i governi dove il potere si basa sulla discriminazione sessuale, non lo vogliono le religioni che se ne fanno strumento d’imperio, in Oriente come in Occidente, e questa discrasia continua a produrre guerre, lacerazioni, dolore

Attraverso i codici sessuali passa il potere che lacera l’umanità e la mantiene iniqua

Scrive Pia
Una donna, se pure studiasse a lungo la relazione, vedrebbe che ancora non è possibile un incontro di tutte le parti femminili con quelle maschili e viceversa. Se l'incontro è buono dalla cintola in giù, è già grande. Quasi sempre si scopre che non c'è nulla di più, quando va bene, di una solidarietà umana che, se bene interpretata, dà sostegno alla vita di coppia. E' già tanto
Questa è la vicenda umana e storica dei due sessi: dalla cintola in giù nel 99,9% dei casi Il restante non fa media, i grandi amori sono come la genialità. Scarsi, è bene saperlo

La donna piange da millenni l’impossibilità dell’incontro totale con l’uomo. I sogni restano sogni, mentre il desiderio dell'ideale è un filo che ci tira verso l'altezza dell'umano e va rispettato e, se possibile, aiutato.
Nessun colpevole. La storia umana non l'abbiamo guidata che in minima parte
O le donne impareranno ad amare "le creature come sono" o la lacerazione continuerà
Più un uomo è intelligente, capace, dominante - caratteristica animale data al maschile dalla VITA - più in basso sarà la sua compagna per il senso di grande appagamento che comporta l'autosufficienza di una simile incarnazione
Ora tocca alle donne raggiungere il senso di soddisfazione dell'autosufficienza, dell’autostima ma senza l'uom

viviana vivarelli 19.08.06 10:30| 
 |
Rispondi al commento

1
questa è la Bibbia
Salomone non fa uno splendido inno all'amore carnale?


Cantico dei cantici

Mi baci con i baci della sua bocca
Sì, le tue tenerezze sono più dolci del vino
Per la fragranza sono inebrianti i tuoi profumi
profumo inebriante è il tuo nome
Attirami dietro a te, corriamo
M'introduca il re nelle sue stanze
gioiremo e ci rallegreremo

Come sei bella, amica mia, come sei bella
I tuoi occhi sono colombe.

Come sei bello, mio diletto, quanto grazioso
Anche il nostro letto è verdeggiante
Le travi della nostra casa sono i cedri
nostro soffitto sono i cipressi
Sostenetemi con focacce d'uva passa
rinfrancatemi con pomi
perché io sono malata d'amore
La sua sinistra è sotto il mio capo
e la sua destra mi abbraccia

Il mio diletto!
Eccolo, viene
saltando per i monti
balzando per le colline come una gazzella
Eccolo, egli sta
dietro il nostro muro
guarda dalla finestra
spia attraverso le inferriate
Ora parla e mi dice
Alzati, amica mia
mia bella, e vieni
Perché l'inverno è passato
è cessata la pioggia, se n'è andata
i fiori sono apparsi nei campi
il tempo del canto è tornato
e la voce della tortora ancora si fa sentire
Il fico ha messo fuori i primi frutti
e le viti fiorite spandono fragranza
Alzati, amica mia
mia bella, e vieni
O mia colomba, che stai nelle fenditure della roccia
nei nascondigli dei dirupi
mostrami il tuo viso
fammi sentire la tua voce
perché la tua voce è soave
il tuo viso è leggiadro

Sul mio letto, lungo la notte, ho cercato
l'amato del mio cuore
l'ho cercato, ma non l'ho trovato
mi alzerò e farò il giro della città
per le strade e per le piazze
voglio cercare l'amato del mio cuore
Mi hanno incontrato le guardie che fanno la ronda
Avete visto l'amato del mio cuore?
Da poco le avevo oltrepassate
quando trovai l'amato del mio cuore
Lo strinsi fortemente e non lo lascerò
finché non l'abbia condotto in casa di mia madre
nella stanza della mia genitrice

vivi vivARELLI 19.08.06 10:12| 
 |
Rispondi al commento

2
Come sei bella, amica mia, come sei bella!
Gli occhi tuoi sono colombe
dietro il tuo velo
Le tue chiome sono un gregge di capre
che scendono dalle pendici del Gàlaad
I tuoi denti un gregge di pecore tosate
che risalgono dal bagno
tutte procedono appaiate
e nessuna è senza compagna
Come un nastro di porpora le tue labbra
e la tua bocca è soffusa di grazia
come spicchio di melagrana la tua gota
attraverso il tuo velo
I tuoi seni sono come due cerbiatti
gemelli di una gazzella
che pascolano fra i gigli
Prima che spiri la brezza del giorno
e si allunghino le ombre
me ne andrò al monte della mirra
e alla collina dell'incenso

Tu mi hai rapito il cuore
con un solo tuo sguardo
Quanto sono soavi le tue carezze
quanto più deliziose del vino le tue carezze
L'odore dei tuoi profumi sorpassa tutti gli aromi
Le tue labbra stillano miele vergine
c'è miele e latte sotto la tua lingua
e il profumo delle tue vesti è come il profumo del Libano
Giardino chiuso tu sei
giardino chiuso, fontana sigillata
I tuoi germogli sono un giardino di melagrane
con i frutti più squisiti
Fontana che irrora i giardini
pozzo d'acque vive
e ruscelli sgorganti dal Libano

Venga il mio diletto nel suo giardino
e ne mangi i frutti squisiti
Son venuto nel mio giardino
e raccolgo la mia mirra e il mio balsamo
mangio il mio favo e il mio miele
bevo il mio vino e il mio latte

Il mio diletto ha messo la mano nello spiraglio
e un fremito mi ha sconvolta
Mi sono alzata per aprire
e le mie mani stillavano mirra
se trovate il mio diletto che cosa gli direte?
Che sono malata d'amore
Dolcezza è il suo palato
egli è tutto delizie
Io sono per il mio diletto e il mio diletto è per me
egli pascola il gregge tra i gigli
Tu sei bella, amica mia..
Come spicchio di melagrana la tua gota
attraverso il tuo velo
Chi è costei che sorge come l'aurora,
bella come la luna, fulgida come il sole

viviana vivarelli 19.08.06 10:10| 
 |
Rispondi al commento

3
Come son belli i tuoi piedi
nei sandali, figlia di principe
Le curve dei tuoi fianchi sono come monili
Il tuo ombelico è una coppa rotonda
che non manca di vino drogato
Il tuo ventre è un mucchio di grano
circondato da gigli
I tuoi seni come due cerbiatti
gemelli di gazzella
la chioma capo è come la porpora
un re è stato preso dalle tue trecce
Quanto sei bella, amore, figlia di delizie
La tua statura è come una palma
e i tuoi seni i grappoli
Ho detto: Salirò sulla palma
coglierò i grappoli di datteri
mi siano i tuoi seni come grappoli d'uva
e il profumo del tuo respiro come di pomi

Il tuo palato è come vino squisito
che scorre dritto verso il mio diletto
e fluisce sulle labbra e sui denti
Io sono per il mio diletto
e la sua brama è verso di me
Vieni andiamo nei campi
io ti darò le mie carezze
alle nostre porte c'è ogni specie di frutti squisiti
mio diletto, li ho serbati per te
Mettimi come sigillo sul tuo cuore
come sigillo sul tuo braccio
perché forte come la morte è l'amore
tenace come gli inferi è la passione
le sue vampe son vampe di fuoco
una fiamma del Signore
Le grandi acque non possono spegnere l'amore
né i fiumi travolgerlo
Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa
in cambio dell'amore, non ne avrebbe che spregio

viviana vivarelli 19.08.06 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Islam, ebraismo e cristianesimo sono chiamate le 3 religioni del Libro perché si fondano sulla Bibbia.
Ma la Bibbia non dà alcun dettato sulla sessualità o ne dà alcuni oggi assurdi e insensati come la possibilità di figliare con le schiave, l’obbligo di sposare la cognata vedova, la poligamia, il concubinato, il diritto di uccidere i propri figli perché mogli e figli fanno parte dei beni di proprietà, l’obbligo di lapidare l’adultera ecc.
Non esiste nella Bibbia un codice di regole sessuali che sia applicabile e ragionevole.

Il dio delle religioni abramitiche non è connesso a miti sessuali che sacralizzano il sesso, eppure nel Cantico dei Cantici ci dà il più bell’inno mai scritto sul piacere dell’amore, voluto espressamente da Dio, senza che a questo piacere, che è splendidamente carnale, sia connesso alcun tabù o veto, un piacere bellissimo e naturale che ispira magnifici versi di lode e di gioia.
E' per questo che tanti sposi lo recitano all'altare e la Chiesa lo tollera con l'espediente che sia una metafora "sull'amore del Salvatore con la sua chiesa"

Da nessuna parte appare che Adamo sia superiore a Eva, e il peccato dell’Eden non è il sesso ma la sfida della conoscenza, come il peccato di Sodoma non è l’unione sessuale tra maschi ma la violenza che si fa all’ospite che dovrebbe essere sacro

Malgrado questo, la Chiesa ha ordinato che al piacere sessuale sia collegato il peccato, ha fondato un esercito di uomini che dovrebbero estirparlo da sé e che, travolti da questa autoviolenza, sono innaturali anche con gli altri, incapaci di vivere il loro sesso nella sua innocenza naturale e di compenderla negli altri

Possiamo credere che nella vita dlel'uomo i peccati siano ben altri ma questa visione imperativa ha stravolto i canoni elementari della nostra visione delle cose

viviana vivarelli 19.08.06 09:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per gestire un essere umano i punti chiave sono posti come in una piramide. Partendo dalla base:

1- radicamento (cibo, sicurezza, territorio,
possesso, proprietà)
2- sessualità
3- volontà (progetto, potere)
4- affettività (compassione, amore..)
5- relazione (comunicazione,
simboli, conoscenza, scienza)
6- comunicazioni più sottili e immateriali
7- spiritualità ovvero rapporto col divino

Più si sale, più diminuisce il numero di soggetti. Per troppi gli ultimi 4 punti sono quasi inesistenti. Il sesso riguarda tutti, lo spirito pochi

Per il controllo del gruppo, stato e religione partono dal controllo dei primi 2: cibo e sesso, che sono basici e riguardano la quasi totalità dei soggetti

In certi culti abbiamo tabù sessuali, in altri la sessualità è trasumanata e acquista una funzione divina (animismo, tantrismo ecc.)
O il sesso è mitizzato, o è vietato, ma sempre è fondamentale e ha una funzione molto più ampia di quella biologica. Ciò ne fa un perfetto strumento di potere

Il sesso è mitizzato dalla civiltà più antiche, mentre è tabuizzato in quelle più recenti (islam, ebraismo, cristianesimo)
Nelle culture antiche la religione è una intera apoteosi della sessualità (vedi i templi indiani con i loro kamasutra o gli dei della fecondità che dominano l'Olimpo di molte religioni animiste)

Oggi governi e chiese utilizzano la valenza simbolica del sesso per vincere le elezioni, manipolare gli elettori, creare odi, fare guerre, fanatizzare

Le chiese non intendono più il sesso come energia magica e divina ma lo sporcano e sviliscono, collegandolo all'idea di peccato e di caduta, per far sentire l’uomo schiavo e in colpa e dominarlo meglio

E, poiché il sesso è connesso alla donna, anch'essa subisce questa demonizzazione ed è sporcata e svilita
Per questo nei culti antichi la sacerdotessa è la vocata per eccellenza alla comunicazione col sacro, colei che ha sviluppato il rapporto col divino e oggi è emarginata e respinta

viviana vivarelli 19.08.06 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo si scopa sempre meno perchè il sesso è sempre meno espressione di rapporti umani tra uomo e donna. Ed è sempre più inserito in un contesto di consumi, di ricchezza, di tenore di vita e di esteriorità. E' quindi distolto dalla sua naturale funzione.

Fabio Palmieri 19.08.06 08:45| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi o vecchietti, chi crede nel trascendente nn sa nulla di scienze e di cosmologia. L'universo nn è creato da un vecchio barbuto tipo dio o allah. Sn invenzioni di antichi furbacchioni che hanno plagiato gli incolti per millenni e continuano a farlo nell'islam. Sottomettono l'uomo cn ricatti e premi inesistenti, prendono potere e vi plagiano e truffano. Distruggono la vera essenza umana cn le loro leggi e l'invenzione del peccato e del paradiso. Ma davvero nn riuscite a capirlo, eppure qualche neurone lo avrete pure voi. La guerra islamica è possibile togliendo la libertà al popolo e rendendolo felice di morire e di uccidere pur di fuggire alla privazione della libertà. Lo stravolgimento di menti che studiano solo il corano, del resto nn devono sapere nulla, altrimenti nn sn più carne da cannone ma soggetti normali. Difficile da capire? A disposizione per spiegarlo agli ottusi occidentali, una minoranza perniciosa.
Ciao!

Fausto Orazi 19.08.06 03:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Antonio De Franco, non sono molto d'accordo con te. Il bisogno di religiosità è probabilmente innato nella natura umana ma non è impossibile estirparlo, né tanto meno pericoloso, anzi sarebbe auspicabile e addirittura necessario! (mi riferisco alla tua frase: "La religione è presente in noi geneticamente e non è estirpabile se non a rischio di far recedere l'umanità negli antri della violenza e della paura.")
Io sono una persona poco religiosa, anzi per nulla, ma non credo di essere né violento né pauroso ;)
Scherzi a parte, se tutti fossero capaci di discernere autonomamente cosa è bene e cosa è male, perchè si INTERROGANO CRITICAMENTE sul mondo che li circonda - e non perchè un altro uomo eletto dagli uomini (che di divino ha solo il conto in banca) si arroga il diritto di insegnarci cosa è giusto e cosa è sbagliato (proclamandosi di fatto la massima autorità morale del pianeta ed in qualità di monarca assoluto anche il politico più potente) - se tutti, appunto, avessero tale capacità certamente vivremmo in un mondo migliore e non peggiore come lo descrivi tu. Questa almeno è la mia opinione, naturalmente.
Ah, ti suggerisco di non sprecare molto tempo a discutere con Stefano Di Pasquale: lui è molto migliore di te, di me e di molti di noi, perchè nel suo cuore albergano quei Buoni Sentimenti necessari a fargli vedere quella Verità che noi poveri illusi non vedremo mai.

Ataru Moroboshi 18.08.06 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Donne che leggete questa Grillata leggete come è forte questo:
Il sentimento religioso si trasmette per via materna e viene assimilato con le poppate. Le istituzioni religiose di tutto il mondo tengono le donne sottomesse per la loro sopravvivenza: se le donne smettono di trasmettere il senso ancestrale della religiosità sarebbe la loro fine!
Il sentimento religioso risale all'animalità dell'uomo legato al primo atto di autocoscienza che differenziò l'uomo dalla natura creandogli una vertigine tanto forte che dura ancora oggi. Per questo la religione è recesso nella paura e nella violenza, rifiuto della diversità, inimicizia, richiamo profondo all'identità, divisione ed è ansiosa ricerca di sicurezza, clan, campanilismo.
Il sentimento religioso è un male ed è una cosa cattiva ma che è in noi e che non possiamo togliere per cui dobbiamo imparare a controllare. Sopprimere la religione è una pazzia in quanto in tal modo diventa appannaggio di stregoni, capipopolo senza scrupoli che la utilizerebbero per plagiare le persone; pertanto la religione è un male necessario da controllare.
La religione cattolica si è cristianizzata solo grazie ai principi laicisti o laici, fate voi, della rivoluzione libertaria dei Lumi del XVIII sec. che hanno contribuito a far riscoprire il valore della coscienza.
OGGI TOCCA ALLE DONNE COMPLETARE IL LAVORO: SOLO IL MOVIMENTO DELLA LORO EMANCIPAZIONE VERSO L'UGUAGLIANZA, LA LIBERTA' E LA SOLIDARIETA' IMPEDIRA' UNA DERIVA OSCURANTISTA. DOBBIAMO SOLO SPERARE CHE CIO' NON DEBBA AVVENIRE CON UNA GUERRA MONDIALE MA IRROBUSTENDO UN MOVIMENTO DI RESISTENZA FEMMINILE-ISTA. A TALE BISOGNA PUO' ESSERE UTILE UNA PRESIDENTE U.S.A. DONNA CHE LANCI UNA CROCIATA MONDIALE PER L'EMANCIPAZIONE FEMMINILE.
-----------
Questo De Franco è una bomba: leggetelo, leggetelo e meditate!!!

Giovanna L. 18.08.06 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

minchia come sono d'accordo!

Matteo Ghizza 18.08.06 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Inserisco la risposta di Stefano Di Pasquale delle 17:19-18/8 in discussione a Stefano Di Pasquale 19:49-17/8 a cui lui fa riferimento nel commento delle 17:27:
"Usando un tuo termine devo dire che forse non sei in grado di capire certe cose lampanti. Prima di tutto preciso che non intendevo rivolgere a te letteralmente le affermazioni di Eduardo, ma solo il significato principale: troppo spesso l'uomo dice o fa cose ingiuste per interesse personale e questo ci fa pure perdere tempo prezioso con le dimostrazioni e le controdimostrazioni. Però, quando il cuore si ferma (quando, per esempio, in esso non c'è più nemmeno l'ultimo sentimento buono) si capisce la verità, perché diventa evidente, almeno per "il medico" che proprio quelle parole sono vuote. Quando, per esempio, tu dici che la religione è un fenomeno retrogrado perché discrimina le donne, io ti dico che non sai proprio niente di questo fenomeno, in quanto le donne occupano in esso un ruolo centrale: una donna è addirittura la madre di Dio (la Madonna), Maria Maddalena è la prima ad annunziare la resurrezione, ecc. Poi quando affermi che i precetti religiosi valgono solo per il foro interno, dài un'altra dimostrazione di non vedere un fatto evidentissimo, cioè la religione cattolica è prima di tutto radicata nella storia. Inoltre, "religione solo per foro interno" rimane sempre un luogo comune (anche se scritto in modo non comune) che in realtà nasconde un bruttissimo sentimento discriminatorio. In base a queste affermazioni che non sono giuste, mi sono accorto che nel tuo cuore non ci sono tanti sentimenti buoni, almeno quelli necessari per vedere insieme alla mente certe importanti realtà."
La religione è peggio di un fenomeno retrogrado è male in sè,ma è un male necessario. Mi spiego.
La religione è presente in noi geneticamente e non è estirparbile se non a rischio di far recedere l'umanità negli antri della violenza e della paura.Con essa si deve imparare a convivere tenendola sempre sotto controllo.

Antonio De Franco 18.08.06 19:57| 
 |
Rispondi al commento

In un Suo commento del 17/8,ore 10,08 il sig. Roberto M. mi chiede di spiegare la verità di fede manifestando stupore per il fatto che le verità religiose cambino nel tempo come ogni altra credenza umana.
Nella Bibbia la resurrezione dei morti è cominciata a comparire relativamente tardi(su una storia di 5000 anni, intorno agli ultimi 2200, prima quando si moriva, non ci si poneva il problema di dover risorgere o meno).E' facile prevedere che tale credenza possa anche essere abbandonata ma non finirà l'esperienza di fede del Popolo di Dio che continuerà anche senza bisogno di credere più alla resurrezione.
L'inferno è una idealizzazione della Geenna che era una contrada fuori Gerusalemme ove si lasciavano morire i vecchi e malati,si gettavano i feti morti e ogni tanto si dava fuoco per ragioni igieniche.L'inferno ed il paradiso sono forme della fede della comunità e se un giorno venissero meno non la pregiudicheranno.
L'Emmanuele,il "dio con noi" fonte del messianismo biblico è un testo di Isaia per celebrare l'imminente nascita del figlio del re di Giuda ma la regina abortì e il principe non nacque mai.Isaia prese il testo e lo buttò.Due secoli dopo(500 a.c.)il testo fu scoperto ma nessuno ricordava più l'aborto della regina per cui qualcuno pensò che si trattava dell'annuncio della venuta del Messia.
-
Conosco l'obiezione: tutto ciò può esser vero ma non cambia nulla trattandosi di mezzi umani che Dio ha usato per rivelare agli uomini la salvezza. Ma non è così:il cattolicesimo ha abbandonato l'interpretazione letterale della Bibbia.Per noi cattolici è essenziale essere parte della comunità dei credenti che avendo fede in quel modo ha la certezza della salvezza quale Popolo di Dio.
SAPUTO CIO SI LASCI CIASCUNO CREDERE NELLA SALVEZZA NEI MODI CHE HA IMPARATO SENZA CREARE SCANDALO.
Ma Tu Roberto, liberati dai pregiudizi e studia i due concetti di "verità" della nostra civiltà:
1-disvelamento(aleteia)-ricerca-essere
2-conformarsi(ortotes)-apparire-avere.

Hans Kung 18.08.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Stefano
un picolo appunto: dire che le chiese sono le rappresentanti di Dio e che criticarle è criticare Dio, mi sembra un po' forte
Pensaci bene: come minimo, si dovrebbe richiedere che queste "rappresentanti di Dio" avessero veramente a cuore il bene dell'umanità, non si fossero mai macchiate nella storia di reati contro di essa e mostrassero un minimo di coerenza tra loro. O no?

In quanto al discorso di Pompea, che le donne non ci pensano nemmeno a desiderare di arrivare in cima alla gerarchia ecclesiastica, il discorso puà riguardare noi, ma ho conosciuto suore molto più in gamba dei loro superiori maschi e, per un principio di giustizia sociale, ovunque ci sia una donna che opera alla base di una gerarchia lotterò perché abbia le sue opportunità esattamente come un uomo, o quella gerarchia mi sembrerà insopportabilmente abietta

In quanto al sesso nella Chiesa, aborrisco gli ipocriti e i pedofili e chi, nella Chiesa, li protegge e li sottrae alla giusta pena, e penso che la condizione di celibato debba essere liberamente scelta per periodi determinati e non eterni, come nel buddismo, e che se i preti cattolici potessero manifestare una sessualità sana e felice e avere, quando lo desiderano, una famiglia, una moglie e dei figli, come i pastori protestanti, non solo la considerazione sulle donne cambierebbe, e la loro salute psichica migliorerebbe, ma ciò sarebbe una rivoluzione sociale estremamente benefica che recherebbe salute all'intero organismo sociale, spazzando via tanti di quei pregiudizi ciechi e irresponsabili che il clero cattolico si porta dietro, come un vizio d'origine che perverte ciò che è naturale e demonizza ciò che la natura ha voluto per noi
Negare il piacere sessuale, negare l'amore tra partner, negare la famiglia e il valore dei figli, è un modo perverso di respingere un dono di Dio
Se Dio avesse voluto che il sesso fosse demoniaco non lo avrebbe unito all'amore, parola che per molti cardinali non significa nulla

viviana vivarelli 18.08.06 18:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

De Franco, la risposta l'hai già avuta, va e leggi. Non essere troppo ansioso.

Questo ne è un sunto:
"(...)Inoltre, ti assicuro che non so neanche chi siano i molla-tesa, non vedo un significato valido per "masturbazione" in questo contesto; i cretini, lo studente a Sarajevo e la guerra sono problemi solo tuoi: con queste affermazioni sei sceso a un livello molto basso, al quale non sono minimamente interessato.
Comunque, penso che hai semplicemente interpretato male il mio post, per cui ti invio un sincero saluto.
N.B.: non so fino a quando potrò risponderti, perché fra poco sarò molto impegnato."

Stefano Di Pasquale 18.08.06 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
avere diritto ad incarichi direttivi nelle istituzioni religiose è l'ultimo dei pensieri di noi donne. Anzi, questa istanza la considero una cosa molto negativa come lo è stata l'accesso delle donne alla carriera militare.
Noi donne abbiamo diritto alla piena emancipazione e devono cessare tutti i tipi di discriminazione di cui siamo oggetto per il solo fatto di essere donne.
Insomma non ci interessano le donne che scimmiottano gli uomini, queste continuano ad essere delle frustrate. La liberazione della donna si deve accompagnare con la fine delle pratiche maschiliste. Anche la precettistica religiosa è una pratica maschilista e razzista.
Noi donne dobbiamo puntare affinché le religioni non condizionino più la vita civile. Le norme religiose devono valere solo a titolo volontario e privato senza annettere ad esse alcun valore giuridico e sociale: la religione deve essere confinata ad un fatto personale di coscienza.
Dice bene Viviana, per cui oggi una crociata è possibile; fatta di sole donne e proclamata a livello mondiale per eliminare gli uomini che si sono resi colpevoli di prepotenza, razzismo e misogenia sia in occidente e sia in oriente, al nord come al sud del mondo, soprattutto nel nome di Dio e del loro credo religioso.


Ho avuto occasione sino a pochi anni fà di frequentare La Chiesa e sono giunto alla conclusione che le tre religioni monoteiste fanno cagare , sono obsolete, non voglio più sentir parlare di precetti e di moralismi preconfezionati !
Ma se Dio è Amore ,perchè la parola sesso è tabù?

francesco guglielmino 18.08.06 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo Stefano Di Pasquale, ora Ti metti anche a pontificare (vizio di famiglia...), fai l'elenco dei buoni e dei cattivi, benedici questi e maledici quelli, giudichi gli altri quando Tu stai in difetto perché da quell'orecchio proprio fai finta di non sentire, allora Ti ripeto la richiesta per il Tuo commento delle 19:49:
""" NON HAI RISPOSTO, NON GIRARE INTORNO AI PROBLEMI: AFFRONTALI. SE NON SEI IN GRADO DI RISPONDERE AMMETTILO.
Ti parla un ignorante - come giustamente Tu dici e, per questo, più bisognoso della Tua spiegazione della dotta citazione; Ti prego, allora illuminami se non altro per rispetto di Eduardo).
A meno che Tu non appartenga al genere dei "molla-tesa" (di cui i tifosi sono una specie) cioè di coloro che concepiscono il rapporto col prossimo stando in continua tensione pensando sempre a misurarsi. Costoro pensano che il comunicare con i propri simili serva per stabilire chi ha ragione o torto, chi è bravo o chi è stupido, chi ha vinto o chi ha perso.
Il messaggio capito solo dall'autore equivale a quello che nel sesso è l'atto di autostima (c.d. masturbazione).
------------------
Ma Di Pasquale non disperare: la vita ci insegna che molto spesso un atto di autostima e l'atto di amarsi provvedevdo da se stessi è molto meglio di un messaggio cretino o di un atto inconsulto, dagli effetti dannosi. Pensa se quello studente a Sarajevo nel 1914 anziché sparare al principe austriaco si fosse fatto una sega molto probabilmente ci saremmo risparmiati la carneficina che fu la I Guerra Mondiale!
----------------
A dimenicavo che la Tua religione Ti vieta di farti atti di autostima, dice che è peccato masturbarsi e non si deve fare in quanto sporco ed immorale: è così che si crea un popolo di molla-tesa!
----------------
Allora Stefano Di Pasquale, mi pare di capire che sei costretto a rispondermi altrimenti dovrai pure confessarTi alla prima occasione. MA QUESTI SONO APSETTI DELLA TUA FEDE A NOI DIMOSTRA DI SAPER STARE NEL BLOGG.


OT, rivolto al signor Grillo e ai suoi assistenti:

Una piccola proposta per il nuovo articolo. "Hezbollah" è la parola più presente nelle bocche di giornalisti, politici..e in generale, persone.

Ma cos'è Hezbollah? A questa domanda pochi riescono a evitare la definizione rifilataci dall'informazione, dai media, ossia "il partito di Dio".

Non è riduttivo? Non è strano che l'occidente intero combatte per il disarmo di un partito politico di cui nessuno sa nulla?

Bene, non sono il blogger, nè ho intenzione di assumermi tale responsabilità. Ma penso sia una buona idea per il prossimo articolo.

Che ne dite? :)

www.alterablog.splinder.com

Marco Giammari 18.08.06 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Sesso a parte, nella mia ignoranza trascendentale ho sempre l' impressione che qualcuno,e non capisco bene chi, lo voglia mettere in quel posto a qualcun altro. Qualcuno forse mi puo' aiutare a comprendere meglio la realta'?
Ho visto e letto per ben 32 giorni immagini televisive e giornali parlare di guerra e (purtroppo) di morti, poi una magica risoluzione ONU fa in modo che tutti gli sfollati ritornino a casa e che le truppe si ritirino oltre un certo confine. Certo gli Hezbollah non mollano le armi.
Se vedo due persone che fanno a cazzotti e non smettono cerco di dividerli mentre fanno a botte, non mando i miei figli a casa loro dopo che i vigili urbani gli hanno separati ed ognuno è rientrato a casa sua anche con le armi in tasca. Quindi cio che non capisco, è che utilita' possa avere ora inviare contingenti militari in un luogo dove la tregua si è stabilita con interventi politici? non sarebbe forse meglio inviare aiuti di tipo economico o umanitario tipo medicinali o altro? E continuare a gestire le linee che hanno portato all' accettazione della risoluzione?
Illuminatemi vi prego

luisa baresi 18.08.06 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dio e religioni sono invenzioni dell' uomo per dominare sull' uomo. Attraverso le suggestioni del "peccato della carne" e del "paradiso eterno" si soggezionano le menti piu' semplici. E' tutto

Francesco Manfredi 18.08.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I Superman vogliono le Superwomen

Molti italiani quando hanno a che fare con le persone giuste e oneste improvvisamente si scoprono più forti di superman, mettono a soqquadro la vita di quella persona, cavillando a sbafo, e se non trovano niente di cui accusarlo inventano le più squallide falsità per sfogare la propria rabbia selvatica. Le stesse persone, non voglia il cielo, ma se in qualsiasi momento dovessero incontrare sul proprio cammino l'ultimo mafioso che esiste sulla faccia della terra, istantaneamente rimarrebbero muti, paralizzati dalla paura, anche se il mafioso li prendesse a pedate nel sedere, anzi si vanterebbero di essere stati trattati in quel modo. Prepotenti con gli onesti e pusillanimi con i delinquenti questa è la morale e l'essenza di certe persone che ostentano conoscenze scientificamente avanzate. Bella scienza! Vergogna! Parlano di Dan Brown e non si accorgono minimamente di essere presi in giro dalle sue falsità più insidiose di quelle di uno scadente chiromante; si interessano di vangeli apocrifi, quelli che hanno scarsa importanza, hanno una conoscenza leggendaria della storia della chiesa, rivendicano più diritti per le donne e poi vanno con prostitute, comprano riviste pornografiche e vedono film porno in cui la donna viene schiavizzata e mercificata. Parole vuote! Hanno un'anima simile a una bidonville e giudicano come Dei implacabili la chiesa, cioè i rappresentanti di Dio, quindi si azzardano a giudicare pure Dio. I pusillanimi? quelli con l'anima-bidonville? Allora faceva proprio bene padre Pio quando prendeva a schiaffi in faccia tutti quegli illusi che giudicavano male la chiesa, e giudicavano solo per nascondere il loro marciume.
Queste persone abbiano il coraggio di affrontare i problemi veri, sennò perdono solo tempo prezioso.

Stefano Di Pasquale 18.08.06 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La religione ha sempre portato solo conflitti.E non è colpa della mancanza delle donne all'interno delle principali religioni monoteistiche(basti pensare alla politica:quanto bene al mondo hanno fatto donne come Condoleezza Rice o Imelda Marcos?).Il problema è la religione stessa.Applicare ad un qualsiasi pensiero il nome di un qualsiasi dio significa farne un dogma da rispettare assolutamente se si vuole essere considerati probi.Che poi il pensiero in questione si riveli,alla prova dei fatti,sbagliato,poco conta."Così è la volontà di dio",e via di questo passo.L'esempio del sesso riportato in questo articolo è uno dei più classici e lampanti.L'unica soluzione possibile,seppur con tutti i suoi problemi,è stata ed è tuttora il laicismo,ovvero la ricerca della verità sulle cose inerenti l'uomo e ciò che lo circonda utilizzando la forza del pensiero e della ragione,invece dei dogmi religiosi.E,se ben guardate,è stato proprio il laicismo il principale sconfitto degli avvenimenti degli ultimi cinque anni,con chi tiene le fila del potere che ha fatto di tutto per mettere in piedi l'idea di una guerra tra i "musulmani integralisti vogliosi di distruggere il mondo occidentale libero e democratico" e i "cristiani cattolici e moderati che non vogliono il male di nessuno e difendono le loro tradizioni".In tanti ci sono cascati,anche qualcuno famoso e importante(a proposito,spero che i milioni di dollari che ha incassato le siano andati per traverso,dottoressa Fallaci).Per finire il discorso:l'unico collante capace di tenere legati popoli di diversa estrazione culturale è l'uso del pensiero e della ragione.Seppur non privo di problemi...

Francesco Moretti 18.08.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Dan Brown (Codice Da Vinci)

“Nessuno poteva negare l’enorme bene fatto dalla Chiesa nel mondo sofferente di oggi ma essa aveva alle sue spalle una lunga storia di inganni e di violenze
La sua brutale crociata per rieducare le religioni pagane e il culto della femminilità era durata 3 secoli e aveva impiegato metodi astuti e terribili
L’opera più sanguinaria era stata il manuale contro le streghe, il Malleus maleficarum, contro ‘il pericolo delle donne che pensano liberamente’, che aveva insegnato al clero come individuarle, torturarle e distruggerle. La categoria delle streghe comprendeva tutte le donne istruite, le sacerdotesse, le zingare, le amanti della natura, le erboriste... anche le levatrici erano uccise per la loro pratica eretica di servirsi di conoscenze mediche per alleviare i dolori del parto, una sofferenza che per la Chiesa era la giusta punizione di Dio per la tentatrice..
La donna, un tempo celebrata come l’essenziale metà dell’illuminazione spirituale, era stata bandita dai templi... Non ci sarebbero state rabbini di sesso femminile, né sacerdotesse cattoliche, né imam islamiche. L’atto, un tempo sacro, dello yeros gamos, l’unione sessuale tra uomo e donna, con cui ciascuno dei due acquistava l’unità spirituale, era stato ridefinito come peccato!.. I giorni della dea erano finiti
La Madre Terra era divenuta un mondo di maschi e gli dei della distruzione e della guerra avevano prelevato il loro terribile tributo
Per 2 millenni l’io maschile non era stato frenato dalla sua controparte femminile”

..e ora viene questo messaggio del Papa alle donne, che ribadisce il suo arbitrio e le prende pure in giro: "Maggiore spazio sarà dato alle donne nella Chiesa.. ma non il sacerdozio, non il potere gerachico!"

Che cosa vuol dimostrare? Di cosa vuole convincere che la storia della Chiesa non abbia già negato e distrutto?

..nessuna meraviglia che un banale best seller perfino mal scritto, desti tanto allarme! Il Potere difende se stesso!

viviana vivarelli 18.08.06 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Tertulliano definì la donna “porta del demonio”, chiedendo il velo San Gerolamo la chiama “strumento del diavolo”
Ma nel Vangelo apocrifo di Tommaso (gnostico), a Pietro che dice: “Maria deve andare via da noi! Perché le femmine non sono degne della vita” Gesù ribatte: “Ecco, io la guiderò in modo da farne un maschio, affinché ella diventi uno spirito vivo uguale a noi maschi. Poiché ogni femmina che si fa uomo (cioè persona), entrerà nel regno dei cieli”
Inizialmente non c’è Adamo ed Eva ma c’è Ish e Isha, uomo e uoma, persona e persona, 2 persone uguali di valore che formano uno
Secondo gli gnostici, Gesù rompe con la tradizione, affermando per la 1° volta la totale uguaglianza tra uomo e donna, ma la Chiesa vincente tradì questo mandato ristabilendo la tradizione, e ne derivano posizioni come l’indissolubilità del matrimonio, il divieto dell’aborto, il peccato del sesso o il celibato dei sacerdoti
Come vi è una sessualità masch. e femm., così vi è uno psichismo masch. e uno femm., ma la cultura occidentale non lo accetta, perché discende da 3 matrici: l’immaginario greco, quello ebraico e quello cristiano, col loro potere maschilista
Forse il Cristo si sposò, un palestinese era mal visto se non si sposava, forse ebbe dei figli, dei fratelli, certo non era misogino né trattò le donne come inferiori né avrebbe pensato che in suo nome la donna sarebbe stata privata dell’anima per 1300 anni e che anche dopo 2 millenni le sarebbe precluso il sacerdozio
Ci fu un tradimento, della Natura in 1° luogo, del Cristo poi, dello spirito di libertà e rispetto umano sempre
La vera rivoluzione della parola del Cristo non era stata la liberazione degli schiavi ma la liberazione delle donne. Che parola di libertà sarebbe stata la sua, se avesse lasciato metà dell’umanità in condizione di dipendenza? Per questo il messaggio cristiano trovò così largo consenso femminile. Per questo le prime martiri dettero la vita per il nuovo credo. Non certo per cadere in un nuovo giogo

viviana vivarelli 18.08.06 10:59| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
Sono proprio tanti quei giornalisti che non fanno altro che esprimere GIUDIZI PERSONALI, sparare SENTENZE A RAFFICA e gettare fango a precisi SCHIERAMENTI POLITICI!

Questo sarebbe GIORNALISMO?

Non credo proprio!

Volete un esempio di FALSO GIORNALISMO?

Leggete questo articolo...
*************************************************
Clicca sul mio nome per entrare nel blog di Falla Girare.

Massimiliano Borella 18.08.06 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Storicamente la Chiesa cattolica nega alle donne non solo l’accesso al sacro, ma anche la guida dei fedeli e il potere gerarchico, tradendo la sua missione che era quella di camminare nel luogo dello Spirito e non del Potere, dell’unione e non della divisione

Ancor oggi il delitto che la Chiesa non perdona e contro cui scaglia scomuniche, il delitto più grave anche della pedofilia, è accennare all’accesso delle donne al sacerdozio
La pedofilia è perdonata, l’usura è perdonata, la guerra è perdonata, la tortura è perdonata, la pena di morte è perdonata… ma chi apre il potere alle donne è cacciato dal seno della Chiesa

Quel riconoscimento dissesterebbe un potere assoluto e maschilista connesso a una grottesca e innaturale concezione della sessualità
Perché dovremmo vederci delle eleganti differenze con le prevaricazioni e le barbarie del mondo islamico o ebraico?

E.A. Johnson dice: “In Gesù Cristo incontriamo il mistero di Dio, che non è né maschio né femmina”

Ma Sofri ricorda, dalla Bibbia: ”La donna non è una persona ma una proprietà: Non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo o schiavo, il suo bue o il suo asino”. La donna è come un asino!

Bene "questi" asini non ci stanno!

Vedete come la concezione della donna-animale della Chiesa non discorda dalla concezione neoliberista della persona come merce, e da quella del capitalismo più becero dei nostri media della donna come oggetto di consumo sessuale, velina che si rovescia su una scrivania, figlia che si stupra a piacere


Papa Luciani disse clamorosamente che Dio era Madre e Padre, ma morì piuttosto stranamente prima che qualsiasi riforma ponesse nei fatti un nuovo riconoscimento
Papa Giovanni predisse l’avvento di un’era delle donne, intendendo che il mondo si sarebbe salvato solo riattivando in sé i valori del femminile: la cura e la conservazione della vita e della Terra, contro il dominio, lo sfruttamento e l’arbitrio, che sono le cattive valenze del maschile

viviana vivarelli 18.08.06 10:50| 
 |
Rispondi al commento

La rivendicazione della sessualità è una rivendicazione politica
Come è rivendicazione politica il controllo delle nascite
Troppi orrori si sostengono l’un l’altro in nome della religione o della politica, quando entrambe hanno perso di vista l’essere umano e mirano solo al Potere
Allora l’etica, e principalmente quella della sessualità e della famiglia, diventano strumenti di prevaricazione intollerabili
I sistemi reazionari fanno del sesso la loro prima arma di controllo
Se alle donne spetta il potere della vita, regolare tutto ciò che attiene a questa facoltà dovrà dunque essere messo sotto il controllo maschile per esautorarle
La rivendicazione di una eguaglianza tra sessi è per forza il primo passo di una democrazia. La prima occasione di un futuro di pace
Troppo spesso i politici che tengono lo stato imbavagliato sotto abusi di potere si nascondono sotto le tonache per giustificare i loro reati con pseudo motivazioni religiose. Etiche le chiamano!?
La Chiesa è una struttura arcaica, totalitaria, e per ciò stesso nemica della persona, della libertà e della verità. E tutto questo si è accentuato con le posizioni reazionarie e assolutistiche di Ratzinger. Che forma di democrazia può avanzare da questa obsoleta dittatura? Non è più possibile, oggi, accettare le imposizioni totalitarie di un potere, anche se questo si ammanta di Dio! Un potere che tiene stretto l’uomo entrando fin nel suo più intimo privato, che continua a discriminare le donne
Coloro che attaccano le dittature rosse dovrebbero esaminare le dittature religiose
Qualunque democrazia dovrebbe partire come minimo dal riconoscimento dell’altro
Che bisogno abbiamo di un fondamentalismo cattolico?
Non bastano le perversioni di quello islamico?
Non è abbastanza chiaro come il puritanesimo sessuale di Bush vada di pari passo con la distruzione militare ed economica del mondo? A che serve che la Chiesa senta oggi il dovere di ribadire la sua primazia sul fondamentalismo islamico?

viviana vivarelli 18.08.06 10:37| 
 |
Rispondi al commento

1
Per 3 sec. le prime comunità cristiane vissero una concezione paritaria tra uomo e donna, diversi geneticamente, ma uguali per diritti e doveri. La visione di un Dio superiore, Dio di tutti, maschile quanto femminile, si riverberava nel rapporto egalitario tra uomo e donna, senza discrimini, per cui anche le donne avevano diritto al sacerdozio e potevano esercitare il potere politico. Poi prevalse quella parte del Cristianesimo che si appoggiò al potere di Roma, ereditando i suoi principi gerarchici, patriarcali e maschilisti, che emarginarono le donne dal potere e dal sacro, imponendo un assurdo Dio al maschile, come se una entità spirituale potesse concepirsi come Uomo o Padre piuttosto che come Donna o Madre. Con più equilibrio le fedi antiche avevano divinizzato tanto le valenze femminili che quelle maschili, creando, col Figlio o bambino, una simbolica trimurti sacra delle energie
Al Concilio di Nicea (Costantino, 325) i 318 Padri della novella Chiesa stabilirono le nuove regole, fissarono la domenica, il Natale, la Pasqua, l’immagine di Dio e del Cristo. La Trimurti sacra si trasformò nella Trinità, una strana triade tutta maschile: Dio, Cristo e Spirito Santo, da cui l’elemento femminile fu espunto con un atto di prepotenza politica. Eppure è San Paolo dice: “In Cristo non c’è più padrone né schiavo, non ebreo né greco, non uomo né donna”

viviana vivarelli 18.08.06 10:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2
Dopo Nicea inizia per il Cristianesimo una storia nuova. Riprendendo il maschilismo romano, apparve la ragion di stato, che non ha mai aderito alla verità alla giustizia ma solo all’autoconservazione. Costantino riconobbe ufficialmente la Chiesa di Roma come chiesa di stato, in cambio la Chiesa si adeguò ai valori romani, in cui la donna non aveva riconoscimento. Fu un patto tra Poteri per il beneficio di entrambi. La rivoluzione delle donne fu castrata di comune accordo
Dalle posizioni paritarie delle comunità gnostiche si passò a una struttura misogina e gerarchica. Sparì ogni dualismo naturale, la donna fu emarginata dai luoghi del potere e dalla spiritualità, com’era uso greco, romano o ebraico, relegata in posizione subordinata e, fino al 1300, addirittura considerata “senz’anima”!
Seguì una strana interpretazione della Bibbia dove la donna è disprezzata, svilita, è lo strumento del diavolo. Occorre sempre disprezzare chi si vuole derubare! Ogni valenza femminile fu eliminata dal cielo cristiano, insieme al sesso e al rispetto per la natura, per una religione innaturale, maschilista, prevaricante, iniqua
Esiliata la Dea Madre, onnipresente figura di ogni Olimpo antico, l’ambiguo concetto dello Spirito Santo riempì un vuoto forzoso. La Chiesa cristiana tradì ogni modalità del femminile, con conseguenze enormi sulla storia dell’Occidente, società, costumi, pensiero, pregiudizi, politica, gerarchia dei valori, non diversamente da quanto avevano fatto in pratica le religioni orientali e da come fecero poi i fondamentalisti islamici

viviana vivarelli 18.08.06 10:20| 
 |
Rispondi al commento

Il sesso è funzionale al Potere
E’ anzi il 1° luogo dove il Potere pone i suoi abusi
Perché il Potere non vuole il bene collettivo, l’ordine o l’unione, la pace, la collaborazione, il Potere non gioca sulla relazione e l'aiuto reciproco, il Potere se ne fotte dell'amore, vuole divisioni, gerarchie (diavolo è dia ballein = ciò che divide), spezza ciò che è naturale e complementare per imporre ciò che domina e abusa.
Il Potere non riconosce integrazioni e complementarietà, pone squilibri, subalternità, apartheid.
Usa ciò che è naturale per creare privilegi, riserve, rendite acquisite, dislivelli.
Non relaziona, non crea diadi pacificate, il Potere e massimamente quello religioso è terirbile, antiumano, mette sotto il tallone, pretende la disparità, odia le collaborazioni paritarie, istituzionalizza, categorizza, seca come un bisturi
E il Potere si fa politica, cultura, storia, costume, religione e prende tutti gli orpelli e le finzioni e le ipocrisie di chi comanda ed è il punto dove tutti i settori sociali diventani complici per sancire la prevaricazione di un gruppo su un altro
Forse sono esistite un tempo ere matriarcali dove c'erano naturali suddivisioni di compiti all’interno di un ideale Eden equidistributivo, i tempi della Dea.
Poi sono arrivate ere patriarcali, feroci e aggressive, dominate dallo schema gerarchico prevaricante a base maschile, dove le donne sono state relegate a funzioni subordinate ed escluse dalle funzioni direttive e perfino da quelle sacerdotali. Strana sorte per il genere femminile, che aveva avuto per natura più aperti il canale con l’invisibile, la comunicazione col cielo, l’intuizione divina e quella paranormale.
Ma il Potere non rispetta le disposizioni della Natura e impone comandi basati sull’imperio, sull'arbitrio, sull'egoismo
E così il sesso, la più gioiosa delle attività dateci dalla natura, diventa un campo di battaglia, il luogo dove misurare le ingiustizie, dove porre i privilegi, dove punire l'umanità

viviana vivarelli 18.08.06 10:05| 
 |
Rispondi al commento

nella societá di oggi ce lo hanno insegnato: il sesso é male,
la guerra serve, perché porta la pace.
dai primi anni di scuola, il catechismo, l´ora di religione,
tutti ci dicono:
Benvenuto al mondo, noi siamo i buoni e tu sei fortunato perché sei nato nella parte di mondo dove siamo quasi tutti buoni. i buoni come noi, solo quelli uguali a noi, vanno in paradiso. oltre a noi non ci sono altri buoni. noi vogliamo la pace, ma altri posti al mondo sono pieni di gente cattiva, terro-risti che non la vogliono. siccome noi vogliamo la pace e loro no, loro vogliono ucciderci tutti. ma noi esporteremo la nostra libertá alla pace anche da loro, e li costringeremo, anche a costo di ucciderli tutti, a ANDARE IN PACE.
del sesso invece non ci parlano proprio. ci dicono: sei nato sotto un cavolo, e lí t abbiamo raccolto. qualcun altro invece (vedi Buttiglione) é ancora convinto di essere nato grazie a una cicogna che lo ha recapitato a casa.
se facciamo domande scomode, le risposte sono... il preservativo no, la masturbazione no... e a parlarne son sempre le stesse persone, che del sesso non sanno niente.
Il sesso é tabú, lo dobbiamo vivere quasi con vergogna e imbarazzo...
La guerra é triste, ma é l´unica soluzione.
e siccome la guerra é l´unica soluzione, andiamo a fare la guerra, e non perdiamo tempo a scopare, ok?

Davide Calí 18.08.06 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Quando B chiarisce che delle quote rosa non gliene frega niente, la Prestigiacomo insiste, ma lui ribatte seccato:”Stefania, non fare la bambina!” e l'onorevole scoppia in lacrime
E allora B dice che la questione sarà studiata ancora (ma che ci sarà mai da studiare?) e ne affida lo studio alla Prestigiacomo (così smette di piangere) e a... Calderoli! (Bella palla!), le donne affidate al campione della difesa femminile, un degno rappresentante di quella Lega che alla prima tornata elettorale ebbe 2 donne elette e le costrinse a dimettersi per lasciar posto ai maschietti!
Così, se mai avessimo una quota decente di candidate e fossero elette, Calderoli le costringerebbe a dimettersi!
Onore al pene! E che gli venga un gran bene!

Mentre noi procediamo con leggi da cavernicoli, l’Africa elegge col 50% la sua 1° presidente: Ellen Johnson-Sirleaf. L’altro candidato, un atleta, resta al 41. Vince l’intelligenza, retrocedono i muscoli.
In Italia invece vincono le tonache, gli abusi di potere e retrocedono le persone.
Complimenti alla democrazia! E si attacca pure quella sciocchezza romanzesca del Codice da Vinci per il timore che le donne si mettano qualche idea in testa!

E la Chiesa mette il suo suggello all'iniquità avallando addirittura motivazioni divine!
Un obbrobrio senza fine! Per la perpetuazione di altri obbrobri: il divieto del contracettivo, la lotta ai consultori, il divieto alla fecondazione assistita, la difesa degli embrioni, il rifiuto alla ricerca, il veto a dare potere alle donne, la chiusura delle gerarchia.. tutte cose che si reggono insieme, per sancire un predominio, un abuso di potere, una ignominia, è una vergogna! ma quale giustizia? Quale cristianesimo? Quale democrazia? Quale religione superiore, civiltà superiore? Partito democratico?! Partito progressista?!
Usanze tribali in una terra sottosviluppata, dove spadroneggiano l'arbitrio e l'iniquità!
L'Africa si supererà, e farà bene! I bingo bongo siamo noi!

viviana vivarelli 18.08.06 09:46| 
 |
Rispondi al commento

In Ruanda le donne occupano il 49% dei seggi della camera bassa e il 34% nella camera alta.
Ma noi siamo la civiltà superiore! Il paese cattolico! Ah, li vediamo, i vantaggi!! Ruini, grazie!

Dal ‘94 il numero delle donne in parlamento ‘ calato del 6%, non supera mai il 10 e in Senato sfiora il 7, mentre nella vicina Austria (governo ultraconservatore), arriva al 34%
Va bene che ospitiamo il misogino Vaticano ma il record è proprio negativo
Nessun paese importante dell’Unione europea ha un numero così basso di donne in posizioni che contano
Eppure gli elettori italiani sono 49.845.299, di cui 24.000.587 maschi e 25.844.712 femmine
Le donne superano gli uomini di 1.844.135 unità ! Sono di più ma devono contare di meno. Prodigi del progresso e della cultura cattolica!

Malgrado tale controsenso, il contributo dell’occupazione femminile alla crescita complessiva dell’occupazione negli ultimi 10 anni è stato dell’80%

Se nei governi di csx la piccola pattuglia femminile arriva a 2 ministri donna, nei governi ulivisti arriva a 5 - compreso quel dicastero simbolico delle pari opportunità, del tutto privo di potere decisionale

Tra i sindaci le donne si fermano al 7%. E, mentre in Norvegia il governo punisce le imprese che al vertice hanno presenze femminili sotto il 40%, in Italia le donne nel consiglio d’amministrazione delle 279 società quotate in borsa arrivano al 3,5%. Non avremo mai una Fazia o una Berluscona!

Eppure Zapatero da solo ha fatto miracoli in un paese cattolico come l’Italia: 8 ministri maschi e 8 femmine. Solo perché è passato dalla chiacchiere ai fatti.

Da noi si parla.. si parla...

Poi la Chiesa dà il la all'orchestra e non ci muoviamo da un medioevo talebano

"dare più spazio alle donne" .. sui viali, magari o sulle scrivanie dei potenti..

Il sesso è uno strumento di potere
L'apartheid misogino lo stesso
E' chi molla una discriminazione così' redditizia?

viviana vivarelli 18.08.06 08:56| 
 |
Rispondi al commento

Quando, per la nuova legge elettorale, Fini chiese che il 30% di lista alle donne (una su 3e uomini), partì una richiesta di voto segreto, si noti bene, da 35 deputati di cui 31 del csx!
A voto segreto, i maschi respinsero la proposta con 452 no e 140 sì, una schiacciante maggioranza che, togliendo le poche donne presenti, è anche maggiore. Richiesti sul perché del voto segreto, il del csx disse spudoratamente che era “per garantire maggiore libertà!” (non certo alle donne!)

Altan fa dire alla sua donna italiana: “Non ricordo più se vengo dopo i giovani o i meridionali”

In Svezia, 1° paese al mondo per rispetto umano, è nato un vero e proprio Partito femminista (Feministiskt Initiativ) fondato da Maria Jonsson, docente di Gender Studies all’Universita’ di Stoccolma
E la Svezia è un paese civile dove si è raggiunta la quasi totale parità
Il partito tutto rosa vuole riappropriarsi dell’identità femminile e lottare per equi diritti. Sarebbe un’idea per le parlamentari italiane maltrattate e insultate dai loro colleghi sia a dx che a sx e che, invece, sui temi femminili hanno mostrato straordinarie convergenze
Stranamente c’è tra le donne italiane della reticenza a dichiararsi femministe, così una posizione a favore della parità femminile non c’è né a dx né a sx, ma se non si difendono da sole...!
In quanto alla magistratura, che fiducia possiamo avere in giudici che assolvono uno stupratore solo perché la vittima portava i jeans!?
Il partito svedese vuole conciliare famiglia e lavoro, esso è strutturato in maniera orizzontale, senza un leader ma con un tavolo di donne fondatrici che discutono linee guida, proposte e obiettivi
Si intende raggiungere l’uguaglianza e sanare le ingiustizie sociali come le violenze su donne che restano impunite perché non denunciate o per controversi iter giudiziari, le differenze salariali tra uomini e donne, il fenomeno della tratta delle donne, le discriminazioni verso le immigrate...

viviana vivarelli 18.08.06 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Beppe, non voglio entrare nel merito delle guerre combattute per religione, nella storia le scuse sono state tante ma gli uomini si sono mossi sempre sotto la spinta "santa"...va beh!!!!! .....gli uomini devono avere avere sempre una scusa per motivare i loro giochetti...ma mi ha colpito la quota "rosa" che hai citato e che sinceramente io trovo insultante per una donna che ha ancora bisogno di una legge perchè l'uomo si accorga che esiste e deve essere rispettata nel mondo del lavoro, nella vita......a che serve una quota rosa, quando poi le differenze nel mondo del lavoro a livello economico e non solo, ci sono sempre tra uomini e donne...e lasciamo perdere il resto!!!!!
Ci dispiaciamo delle donne musulmane e per le condizioni di vita che sono costrette a subire etc...ma da dove si alza questa voce, da che pulpito, l'uomo è l'uomo e se le donne non lo capiscono che bisogna smettere di prostituirsi mentalmente a questo bel prodotto che continuiamo a generare, viziare, crescere e temere....non ne usciamo! Caro Beppe non serve a nulla la quota rosa, smettiamola con queste scemenze cui certe donne fanno riferimento, perchè non significa un tubo...facciamo un giro negli uffici e vediamo veramente cosa ci costa la quota rosa eheheheheh...alle donne molto, ma se non cambiamo le loro teste e non facciamo loro la lobotomia affinchè la smettano di pensare intimamente che l'uomo è dio, continueranno a cedere ogni giorno la loro quota "rosa" al primo capoufficio senza scrupoli, e considerando cosa mi scrivono le mie lettrici.....beh!!!!!
Cominciamo a vedere il mondo politico per quello che è: non è l'Italia, quindi, chi dice di rappresentarci (donne comprese)è sempre da prendere con le molle. Poi sai Beppe, la quota rosa mentre fanno all'amore se la possono mettere in quel posto, io dico che ne viene fuori un effetto orgasmo di quelli speciali.

nicoletta damiano 18.08.06 07:43| 
 |
Rispondi al commento

Beppe e assistenti webmaster, così nn va il blog, è difficilissimo risalire ai propri messaggi e alle discussioni, allora è una perdita di tempo e nn si sanno le risposte. E'facile montare un soft cn il quale puoi rintracciare quello che hai scritto. Metti la mail e la pass, si aprono tutti i tuoi interventi. Allora si che si potrebbe capire meglio e discutere meglio. Esiste in ogni Forum serio. Nn ti sembra Beppe?
Fausto

Fausto Orazi 18.08.06 04:11| 
 |
Rispondi al commento

Pistis cita parole di "dio". Ma chi l'ha mai visto quando si è manifestato? Caro Pistis sei scemo o ci fai? Nn esiste nulla di cui nn si abbia conoscenza, gli dei sn inventati per plagiare cretinotti e per prendere potere, nn lo capisci come sono sottomessi gli islamici al delinquente tagliagole di Maometto, privati della loro libertà, oppressi e depressi,quindi capaci di essere gli assassini più feroci del mondo. Tutto per il Corano: ripugnante. Ma vogliamo abolire i plagiatori che inventano il loro dio? Userei anche l'atomica, poi i popoli seguirebbero solo ragione scienza e conoscenza senza più superstizioni e fanatismi. Mi sembra l'unica strada, vero Beppe? I tuoi amici comunisti l'hanno sempre fatto, in galera i religiosi che ingannano le masse ebeti, mi pare corretto!

Fausto Orazi 18.08.06 03:27| 
 |
Rispondi al commento

Credo di aver capito..quando tento di quotare, non funziona..almeno credo..

Comunque nessun problema, è difficile interpretare il proposito di un messaggio solo scritto. Una visita nel mio blog e sei perdonato!

p.s. si lo so è pubblicità spudorata..ma è appena nato, cercate di capire :D

Marco Giammari 18.08.06 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma Pistis (post delle ore 23 min. 12) dove vive su Marte?
Cosa vuoi moltiplicare più sul povero pianeta terra che ormai non ce la fa più a sostenere i 7 miliardi di formichine umane che se lo stanno divorando letteralmente????????????????
Pistis visto che sei esperto in materia sei nominato ambiasciatore presso il Papa, si proprio lui quello vestito di bianco che sta oltre Tevere nella città eterna che prende tutte le G per C e digli che se non ordina ai suoi seguaci di usare il preservativo, non per coprirsi la testa ma da mettere sul pisello, prima e mentre fa l'amore e non gli prescrive il controllo delle nascite gli dichiariamo guerra. Come? Occuperemo Piazza San Pietro tutte nude, proprio come ci ha fatto il suo grande capo.
GRANDE BEPPE, saluti
Alessandra Lo Conte - Trinitapoli


X Marco Giammari delle 19:32
(nella discussione di Antonio De Franco delle 16:13)
Mi scuso con Marco Giammari se gli ho attribuito delle intenzionalità non sue. La prossima volta leggerò con maggiore attenzione.


a

ANTONIO PISTIS 17.08.06 23:15| 
 |
Rispondi al commento

siate fecondi e moltiplicatevi.
genesi capitolo 1
l'ha detto dio

ANTONIO PISTIS 17.08.06 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Non credo che di sesso sia mai morto nessuno, anzi al massimo è nato qualcuno.
(spero di non sbagliarmi)

È la prima volta che visito questo blog, e trovo che sia parecchio interessante: molte idee e molti punti di vista!

Stefano Debiasi 17.08.06 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Guarda, caro, che le donne non partecipano a questo argomento non perché siano passive ma perché sono stufe marce di secoli di chiacchiere maschili a fondo perduto sul loro status subalterno e sulla loro richiesta parità, chiacchiere che ormai sono state fatte per dritto e per rovescio da troppe lingue biforcute e da cui non nasce comunque mai niente.
Questa è l'unica constatazione concreta. Questo blog è inutile.

Ci mancava anche l'ipocrisia del Papa!
"Le donne potranno avere più spazio e più ruoli". Ha però escluso che esista una qualche possibilità di aprire il sacerdozio alle donne !?
Cosa farà? Gli darà più spazio dove riporre la scopa?

La risposta è solo una: se la Chiesa mi disconosce come persona, io disconosco la Chiesa. Rendo pan per focaccia.
Per i partiti è lo stesso.
Io non conosco chi non mi riconosce.
E' il minimo che posso fare.

E Prodi? Buono quello!
"Il mio governo sarà formato al 33% da donne!"
6 ministre su 25 e nessuna con portafoglio!
Ma a chi vogliono raccontarla?

Berlusconi, quando esalava l'ultimo respiro nei battage preelettorali con Prodi, arrivò persino a promettere un vicepremierato femmina se gli davano il voto..!

In Italia si comincerà a parlare di democrazia quando sarà esercitata nelle case, nelle famiglie, sui posti di lavoro, dentro i partiti, non nei luoghi delle chiacchiere..

E il 1° passo sarà l'applicazione dell'art. 3 della Costituzione:
"Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso ecc."

O forse si crede che la parità sia mettere in lista una come la Carfagna, e spingere anche per farla presidente della commissione affari costituzionali?

O assolvere chi ha abusato delle veline che la danno sulle scrivanie della RAI, dicendo che "lo hanno fatto consenzienti"? Per loro piacere, magari?

Basta chiacchiere! quando cominceranno i fatti, comincerà l'interesse delle donne, non prima!

viviana vivarelli 17.08.06 19:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ De Franco

"L'uomo, che appartiene alla streppegna schifosa e falsa dell'umanità, per commettere ingiustizie si può far credere muto, sordo, cecato, malat 'e core, paralitico, tisico, scemo, pazzo; se po' fa' crerere in punto di morte. E i medici devono fare prove, controprove, lastre, accertamenti... per vedere se la malatia o l'infortunio sono veraci o no. Ma quanno è muorte, 'o core dice 'a verità: se ferma. E allora il medico curante è sicuro di non sbagliare e di dire la verità. (...)"

(Eduardo)

Stefano Di Pasquale 17.08.06 19:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non so per quale motivo non mi ha pubblicato il commento..o forse adesso pubblicando anche questo appariranno entrambi.

Comunque, per sicurezza, preciso che la mia non era un provocazione ma una focalizzazione sulla tematica che reputavo più interessante per me, dato che sulle quote rosa la penso piu o meno come Beppe Grillo.

Spero che questo sia leggibile..

Marco Giammari 17.08.06 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Per Cristina

Condivido con te, amica Cristina, l'osservazione che hai fatto a proposito dell'assenza/scarsità di "quote rosa" anche fra i partecipanti di questa discussione: la dice lunga su quella passività femminile che è stata (ed è) con-causa _ non meno colpevole dell'arroganza maschilista degli uomini di chiesa _ dello stato di discriminante subalternità cui sono costrette da secoli.

Se hai letto il mio intervento, proprio a questo proposito ho posto un quesito e cioè se, come affermano Ruini & Co., tale passività "sacrificale" sia insita nell'essere donna o piuttosto, come affermava già Simone De Bouvoire e per come la vedo pure io, essa sia il prodotto di una educazione elaborata dagli uomini in funzione del "loro" modo di vedere (e controllare) la donna.

D'altra parte, l'appropriazione (indebita)della sfera spirituale (perfetta e incorruttibile)da parte degli uomini i quali, altrettanto indebitamente, hanno per converso attribuito quella corporeo-materiale (imperfetta e corruttibile)alle donne, è la causa prima della discriminazione perpetrata da millenni a loro danno dalle teologie dominanti.

Secondo me la sfera spirituale non è a-priori maschile ma semmai lo è a-posteriori, nel senso che anche la spiritualità è frutto dell'"essere umano" e, quindi, di convenzioni/convenienze sociali ben precise.

E' ovvio che, costrette a badare alle "cose di casa", anzi, costrette all'ignoranza per evitare di non badare più (solo) alle "cose di casa", gridando inoltre allo scandalo se una donna avesse osato prendere la parola su temi religiosi (le donne devono sempre tacere, affermava S. Paolo ma ancora ai ns giorni Escribar), la spiritualità sia rimasta un "affare di uomini" e "per gli uomini".

Secondo me, invece, esiste una spiritualità "al femminile" che però, in quanto tale, non ha mai avuto modo di esprimersi pienamente proprio perché, come detto prima, la spiritualità "é" maschile o non è.

petra floria 17.08.06 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OFF TOPICS LUNATCO

Leggete questo articolo
sullo sbarco sulla Luna;

SI FA PRESTO A DIRE AMERICA

Grillo leggilo attentamente!

Nel sito
www.fottilitalia.com
il sito antitaliano per eccellenza

resoli giuseppe 17.08.06 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti. Sinceramente non mi sono messa a leggere tutti i commenti, ma mi è venuta una strana idea..vedere se c'erano più commenti scritti da uomini o donne..e mi sembra a prima vista che anche qui le così detta "quote rosa" scarseggino...forse questo dovrebbe far rifletter più di tutti i vari punti di vista che si possono avere su questo argomento....
A volte bisogna essere pratici...
buon proseguimento!

cristina A 17.08.06 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gent.mi Roberto, Roberto M., Stefano Di Pasquale, Chiara Chiappani e Marco Giammari,
Perchè discutete pretendendo che i lettori e commentatori abbiano l'anello al naso.
Si capisce lontano un miglio che le vostre sono solo provocazioni per portare la discussione del blog su un percorso tutto interno a delle tematiche di vostro interesse ma che non interessano l'opinione pubblica.
LA QUESTIONE QUI POSTA DA GRILLO RIGUARDA IL VALORE DEI PRECETTI RELIGIOSI DI TUTTE LE RELIGIONI CHE DISCRIMINANO UNIVERSALMENTE LA DONNA IN QUANTO TALE. LA RELIGIONE CONFERMA, COSI', DI ESSERE UN FENOMENO RETROGRADO. L'ACCOSTAMENTO TRA DONNA E SESSO E' PALESEMENTE UNA FORZATURA VOLUTA DA GRILLO PER INDURRE AD UNA RIFLESSIONE SULLA PRETESA PUREZZA DEL COMPORTAMENTO RELIGIOSAMENTE ISPIRATO.
-----------------
RESTA IL FATTO CHE I PRECETTI RELIGIOSI SONO DESTINATI DALLA STORIA A VALERE ESCLUSIVAMENTE PER IL FORO INTERNO DELLA COSCIENZA DELL'INDIVIDUO COME FATTO PRIVATO SENZA ALCUN VALORE LEGALISTICO E PUBBLICISTICO.




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/260.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Fate l'amore, non fate la guerra:

» essere diversi da ilKuda - www.kuda.tk
è di poche ore fa la notizia che a Gerusalemme è stato accoltellato un ragazzo italiano di 25 anni che si trovava in Israele per un'esperienza diu volontariato di pochi giorni con i bambini palestinesi. E questa cosa mi ha colpito abbastanza. l'articol... [Leggi]

14.08.06 21:06

» Sempre più spazio alle donne, ma anche no... da A Story To Tell
Solito ossequio dei media italiani e solita accozzaglia di pensieri demagogici, medioevali e sessisti. Il papa ha dichirato ad una tv tedesca: "Noi riteniamo che la nostra fede e la costituzione del Collegio degli Apostoli ci impegnino e non ci permett... [Leggi]

15.08.06 23:37