Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Eni e il gioco delle tre carte


tre_carte.jpg

Il petrolio costa sempre di più. La benzina costa sempre di più. Il gasolio da riscaldamento è ormai un bene di lusso. Ma c’è chi vigila su di noi: l’Eni.
L’Eni, società gestita da Scaroni, condannato in via definitiva per corruzione, e con azionista di controllo il Tesoro, quindi noi, sta facendo utili su utili. CINQUEMILIARDIDIEUROVIRGOLAVENTOTTO di utile netto nel primo semestre, con un incremento del 21,5% rispetto al 2005.
Ma gli aumenti che abbiamo subito a cosa sono serviti? Non eravamo in emergenza petrolio? Se il petrolio costa di più e noi paghiamo di più, mi sfugge come l’Eni possa guadagnarci di più. E’ una magia della finanza. Un mistero gaudioso.Un gioco delle tre carte.

Paolo Scaroni, CEO Eni, ha commentato così i risultati del primo semestre:
"Nel primo semestre Eni ha conseguito eccellenti risultati operando in un contesto caratterizzato da elevate quotazioni del greggio, da un significativo aumento della nostra produzione di idrocarburi e dalla sensibile crescita della domanda europea di gas. Sono fiducioso che il 2006 sarà per Eni un altro anno positivo ed è per questo che intendo proporre al CdA del 21 settembre un acconto sul dividendo 2006 di 0,60 euro per azione”.
Questo, ovviamente, seguendo la:
"Interim dividend 2006 secondo la best practice internazionale di reporting.
Sulla base dell’esame dei risultati del primo semestre 2006 e in linea con la best practice internazionale di reporting, l’Amministratore Delegato intende proporre al Consiglio di Amministrazione del 21 settembre programmato per l’approvazione della Relazione semestrale la distribuzione agli azionisti di un acconto dividendo di 0,60 euro per azione (0,45 euro nel 2005, +33,3%) da mettere in pagamento a partire dal 26 ottobre 2006 con stacco cedola il 23 ottobre 2006".

Un consiglio al governo, cambi tutto all’Eni, è un suo preciso dovere nei confronti degli italiani. Chi gestisce monopoli di beni primari, e l’energia lo è, non può pensare prima ai dividendi e poi al Paese. Gli utili vanno reinvestiti in energie alternative per diminuire la dipendenza dal petrolio. L’energia in Italia non è un mercato, ma un distributore di euro per gli azionisti dell’Eni.

Ps: Chiedo a Mincato, precedente amministratore delegato di Eni rimosso senza ragioni, di telefonarmi per farmi capire. Chiamami Mincato...

19 Ago 2006, 18:02 | Scrivi | Commenti (904) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

http://www.youtube.com/watch?v=xS6exF0-Bpg

senza petrolio.
un brano che ho scritto e che non riesco a farlo ascoltare....me major non mi sostengono.
antonello papagni

ANTONELLO PAPAGNI 03.05.08 01:49| 
 |
Rispondi al commento

Sigror Grillo le scrivo per segnalargli la situazione che viviamo in val d'Agri (PZ).Mi presento,mi chiamo Antonio Alagia vivo a Spinoso,un bellissimo paese immerso tra le montagne e il lago "Pertusillo",come lei sa in val D'Agri abbiamo il piu' grande giacimento di petrolio d' Italia, come lei puo' immaginare molti sono stati i disagi ambientali riscontrati nel nostro territorio.Fino a qui il discorso non fa una piega,il paradosso e' che nonostante questa grande ricchezza i problemi sono sempre gli stessi : disoccupazione e famiglie che lasciano i paesi nativi ,propio per questo nella valle ci sono paesi semi deserti .La mia storia fa parte di questa realta': 7 anni fa ho avuto la fortuna di trovare un lavoro in val D'Agri e sono tornato al mio paese di origine trasferendomi da Prato dove ero emigrato in cerca di lavoro, oggi l'azienda dove lavoro ha comunicato agli operai che l'azienda e' in crisi e a breve chiudera', in questi anni la nostra azienda ha sempre lavorato a pieno ritmo adempiendo alle varie commesse in parte fornite dal gruppo POSTEL. IO so che l'ENI ha erogato alla regione Basilicata bei soldini che a mio avviso sono stati investiti tutt' altro che per lo sviluppo e consolidamento dell' occupazione.La nostra cara regione non ha mai passato un ordine di lavoro alla nostra azienda nonostante siamo iscritti come azienda fornitrice, e tantomeno l'ENI.
IO sono padre di due bambine e da poco ho iniziato a costruire casa,certo sono tra quei pochi pazzi che credono in un futuro nella nostra bellissima valle, ma a questo punto inizio a non crederci piu'.Gradirei che prenda in considerazione la mia lettera e faccia una piccola indagine su il rapporto tra la regione Basilicata e il colosso ENI,perche' non e' possibile che in una regione ricchissima come la nostra, vi sia una realta' cosi paradossale.
Certo di un suo tempestivo interessamento porgo i saluti da parte mia e dei miei 50 colleghi futuri disoccupati.

antonioalagia@tiscali.it

antonio alagia 29.11.07 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Io non sono un esperto di finanza, ma qualcuno sa spiegarmi perchè il greggio che si paga in dollari al barile, ora che la nostra moneta (euro) è cosi forte, noi non abbiamo benefici???
secondo me, seppur che il greggio aumenta , visto la notevole discrepanza euro- dollaro, la benzina che noi paghiamo in euro, alla fine dovrebbe costare meno, se io vado in America a fare il pieno alla mia macchina, e pago in euro, mi costa molto meno....

sergio ronco Commentatore certificato 24.09.07 22:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
vorrei sottoporre al Blog un concetto arrivatomi in una mail tempo fa che valutava un particolare Sciopero del Consumatore di Benzina. In sostanza il concetto è che il classico sciopero di non fare benzina un certo giorno è una cazzata per il semplice motivo che quello che non gli entra oggi gli entrerà domani e non cambia nulla... Ma se noi decidessimo il boicottaggio delle 2 maggiori catene distributive (Esso e Agip), sarei curioso di vedere come si comportano queste due società... Le possibilità sono: o che si mettono d'accordo con le compagnie minori di fare un magna magna e mantenere i prezzi uguali, oppure sono costretti ad abbassarli sensibilmente per calmare la protesta... Io penso che se almeno UN MILIONE di persone che sicuramente ruotano attorno a questo movimento aderiscono all'iniziativa, ESSO e AGIP qualche piccola considerazione la dabbano fare...

Che ne pensate ?

Grazie dell'attenzione.
Massimo.

Massimo Iritti (irmatek) Commentatore certificato 14.09.07 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
innanzitutto ti saluto!
Spero che tu legga attentamente la mia lettera e dia voce alla mia lamentela!
Ma quanto costa la benzina negli altri paesi e/o in altre provincie Italiane?
Io ti scrivo da Napoli e nella mia città, ogni settimana c'è un aumento di costi del carburante!
Solo la settimana scorsa un litro di benzina Super s.p. costava € 1,240.
Dall'inizio di questa settimana il costo di un litro di benzina varia da € 1,280 a € 1,335 - € 1,338!
Come è possibile cio'?
Un litro di veleno costa + di un Kg di pane?
E' chiaro che non c'è più controllo ! I distributori comandano loro e noi lo prendiamo sempre.........!
A quanto arriverà il costo di un litro di Benzina?
Molto probabilmente non si arresteranno mai gli aumenti!
Dovremo fare un mutuo per poter fare un pieno?
Che schifo!
Ciao Beppe!

Valerio Rossi 19.04.07 17:54| 
 |
Rispondi al commento

è notizia dei telegiornali di oggi che sono state messe sotto indagine eni , erg ,esso , ip , api ,tamoil ecc (solo per fare alcuni nomi). sono idagate perchè ci sarebbe un cartello fra queste compagnie per accordarsi sul prezzo alla pompa del carburante. per noi che tutti i giorni facciamo benzina non c'e dubbio. "qualcosa non va" è ora che il popolo di automuniti si organizzi e faccia sentire la sua voce, si puo fare molto bene oganizzati. tramite il nostro portafoglio che è l'unico che interessa questi colossi del petrolio si può lanciare una campagna seria ed efficace per far pesare il nostro pieno di carburante. internet ha la potenzialità di mettere in comunicazioni migliaia e milioni di automobilisti. l'idea è quella di boiccottare una data casa facendo sì che essa sia costretta ad abbassare i prezzi per poter vendere i propri carburanti. lo so che in passato iniziative del genere non hanno portato molti frutti ma solo perche non erano organizzate in modo appropriato. chi fosse interessato a fare parte di una protesta organizzata o avesse suggerimenti per renderla efficace può rispondere al commento

anna costa 23.01.07 22:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per quale arcano motivo si afferma che il petrolio sia aumentato ????
il costo del petrolio tranne quando ha toccato i 75 dollari al barile, e sostanzialmente diminuito o meglio, per essere precisi in dollari e aumentato, ma dato che il petrolio si compra in dollari e noi paghiamo in euro il prezzo per noi e diminuito grazie alla svalutazione del dollaro
nel 2001 un barile costava circa 35 dollari e un dollaro valeva circa 1.25 euro
ora siamo a 55 dollari barile ma 1 dollaro vale 0.77 euro tradotto in soldoni il prezzo e leggermente calato di suo, se poi al conto aggiungi l'inflazione di 5 anni va da se che per l'unione europea e calato

Considerato che petrolio e derivati nell'arco degli ultimi 5 anni hanno avuto aumenti fino al 40% Ecco svelati gli utili

Marco Fiaschi 09.01.07 18:49| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo è poco tempo che seguo la politica e l'economia. Faccio una fatica bestiale,grazie al tuo blog sto conoscendo una realtà che forse mi rifiutavo di vedere. Vorrei chiedere spiegazione su quale tipo di relazione intercorre tra wind enel eni e non ricordo piu quale istituto bancario. Oggi ha suonato infatti alla mia porta un distinto signore che proponeva sconti e regali e ottimi risparmi su nuovi abbonamenti gas, infostrada e carte di credito. Chiedeva giovani ambosessi interessati a collaborazione lavorativa ( leggi: niente contratto, lavori a percentuali irrisorie etc.). Come può esistere ciò? Chi ne è responsabile? Cioè si parla di cambiare il modo del lavoro e viene consentito tutto questo ai massimi livelli, parliamo digrandi società!Chi sono questi signori re dei regali!!! Aiuto!!!!Vorrei capire

Dafne Ciamei 22.09.06 00:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
la chiamano Autostrada del Sole bene allora sfruttiamola, come? Basterebbe mettere al posto dei pannelli verdi (sui separatori in cemento al centro) che servono ad evitare l'abbagliamento con uno simile ma fatto in pannello solare, che ne dici?
Ciao Ezio

ezio magoga 15.09.06 16:09| 
 |
Rispondi al commento

CARO GRILLO TI SEMBRA NORMALE CHE A PARTIRE DA OTTOBRE NOI LIBERI PROFESSIONISTI (ALCUNI FINTI COME IL SOTTOSCRITTO CHE PER LAVORARE DEVONO APRIRE LA PARTITA IVA PERCHE' LE AZIENDE NON USANO PIU' BUSTA PAGA)DOBBIAMO AVERE UN CONTO CORRENTE, OBBLIGATORIO,PERCHE' LE BANCHE NON ACCETTANO PIU' DAI POSSESSORI DI PARTITA IVA PAGAMENTI DI F24 IN CONTANTI?LE SPESE DEL CONTO CHI ME LE PAGA,PRODI PER CASO? E' TUTTA QUI LA DEMOCRAZIA DI QUESTO PAESE?DISTINTI SALUTI

luca menichelli 11.09.06 09:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

aumenta tutto ma in particolar modo quello che sanno che ci serve
se ne approfittano ma noi non siamo diversi?
vendiamo case come se fossero oro e non solo
la benzina? ci danno il contentino del FAI DA TE (ergo potrebbe costare molto di meno)passiamo al gpl o al metano o a tutti quei mezzi alternativi e vedrete.....
come dice Grillo come si fa ad accendere i fari a mezzogiorno, personalmente non l'ho mai fatto
con questo ovviamente non voglio dire che sia colpa nostra ma comunque se prendessimo le nostre contromisure non sarebbe sbagliato

Cesare Panichelli 01.09.06 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, chiami in causa Mincato....ma guarda che non cambia mica il contenuto.
Pensa che una azienda come l'ENI, per buttare fuori i propri dipendenti, non si crea scrupolo di niente.
Io sono un ex dipendente ENI che dal Febbraio 2002 è stato terzializzato, grazie ad una operazione di "Cessione ramo di Azienda". Pensa che questo ramo è stato creato a Settembre 2001 e ceduto il 31 Gennaio 2002!!!!!!!!
Fanno parte di questo "Ramo d'Azienda" 23 sfigati raccattati in giro per l'Italia, ricorrendo ad un trucco per siglare l'accordo con i sindacati. Io ero nella sede di Ortona e a seguito di una diffida, le 3 confederazioni CGIL,CISL,UIL non hanno firmato per le persone di Ortona che dovevano essere cedute (4), mentre l'UGL (nonostante la diffida) non si è creata scrupoli ed ha immediatamente sottoscritto l’accordo con le società senza avere alcun mandato dai lavoratori. Questo accordo è saltato fuori quando a seguito del mio ricorso presso Il Tribunale del Lavoro di Chieti, sia l'ENI che SERVIZI ICT (la società a cui siamo stati ceduti) hanno dovuto presentare le proprie memorie difensive.
Adesso la domanda nasce spontanea: una società con questo tipo di utile ha problemi a ricollocare 23 sfigati oppure preferisce adottare questo tipo di condotta illegale e illegittima per buttare fuori dipendenti ed aumentare l’utile?.......
Ricorrendo all’outsourcing i costi aumentano e di tanto ma nonostante questo l’utile sale……e i dipendenti sono sempre meno…..
Mah....poteri economici e chissà cos'altro.....tanto tra Scaroni e Mincato non è che ci siano tutte queste differenze.........

Michele Di Pierri 01.09.06 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

desidero capire meglio questa situazione legata all'Eni.

Mi faresti una grandissima cortesia se mi dessi le delucidazioni del caso, dopo aver avuto le informazioni dalla persona che hai citato nel blog.

grazie e buon lavoro
Mario Piromallo

Mario Piromallo 29.08.06 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Vale lo stesso discorso per Enel, con la quale lo stato ci frega due volte. Prima ci fa pagare una bolletta TRA LE PIU' CARE AL MONDO ( vivo in UK da un anno ad il prezzo dell'energia fa ridere se lo confonto con l'Italia ). Poi aggiunge l'IVA, e quindi con il pieno di utili l'Enel ritorna i soldi allo Stato sotto forma di lauti dividendi ( 5-6% l'anno, incredibile ) non investendo quasi nulla in energie alternative ( siamo il paese con mare, vento e sole, basta questo?).
Morale: per recuperare in parte il furto mensile dello stato, ho investito una buona quota in azioni Enel in modo da avere un pò di soldi indietro dallo Stato. Che altro fare?

Fabrizio Di Pietro 28.08.06 20:41| 
 |
Rispondi al commento

IO VADO A OLIO DI COLZA !!!!
IO VADO A OLIO DI COLZA !!!!

IL GASOLIO PUO' ESSERE SOSTITUITO DALL'OLIO DI COLZA !!!!

PIANTAGIONI AL POSTO DEI POZZI ESTRATTIVI !!!

VOGLIAMO ROVESCIARE IL SISTEMA ????

O CONTINUIAMO A CHIACCHIERARE ???


Al Meeting di Rimini fatelo Santo Subito....con un grande miracolo gli sono cresciuti i CAPELLI...erano tutti felici...Viva il Nuovo Papa...il suo giornalista di turno..era li per farsi miracolare anche Lui,perchè a la barba ma e pelato....................................

albertozorli 27.08.06 18:53| 
 |
Rispondi al commento

ma perche lo stato deve privatizzare le aziende che vanno bene?non si vende una cosa che lo stato non sa far produrre?ma chi sta mettendo le mani su questa citta(italia)?noi tutti siamo contro il nucleare(quindi abbiamo reso lo stato debolein fatto di produzione energetica )ma poi compriamo elettricita dalla francia che la produce con ik nucleare.altro gioco delle tre carte.chi ci guadagna in italia con l'acquisto dell'energia?

maurofuoco 27.08.06 12:01| 
 |
Rispondi al commento

La Fiat. L'azienda torinese conta di chiudere l'anno con risultati "molto positivi" per l'auto e nel settore dei veicoli industriali e trattori, ma pur guardando al futuro con un "certo ottimismo", occorre continuare a lavorare con impegno per competere sulla scena internazionale. "Stiamo verificando che i nostri piani industriali - sono parole del presidente della Fiat - stanno portando risultati che alla fine dell'anno saranno molto positivi. Sono particolarmente soddisfatto dell'andamento del marchio Fiat non solo in Italia ma anche in Europa dove anche i nuovi modelli dell'Alfa Romeo si stanno facendo onore. L'anno prossimo - ha sottolineato Montezemolo - per noi sarà importantissimo perché lanceremo due nuove bellissime automobili: la Bravo e la Cinquecento".

CLAUDIO LENAZ 26.08.06 20:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

oFF tOPIC
#################################################

BERLUSCONI SANTO SUBITO?

#################################################
Clicca sul mio nome per leggere il post.

Marco Di Santo 26.08.06 13:18| 
 |
Rispondi al commento

Si possono leggere delle notizie interessanti in un sito la cui pubblicazione qui viene impedita. Se volete informarvi cliccate su “sorriso e dolore” . Grazie e buona serata a tutti.

sorriso e dolore 25.08.06 19:03| 
 |
Rispondi al commento

La Lotus ha realizzato una versione della super sportiva "Exige" a vocazione ecologica: il propulsore è alimentato a BIO-ETANOLO. Il prototipo conserva tutte le caratteristiche della vettura d'origine, compreso il peso di 930 chilogrammi, e funziona con una miscela all'85% di BIO-ETANOLO e al 15% di benzina.

Il propulsore di questo modello, è il noto 1.8 litri Toyota VVTL-i modificato per essere adattato al nuovo tipo di combustibile. Rispetto alla versione originale, la potenza CRESCE di 47 CV arrivando a 268 CV... fin troppi per la teoria del carretto attaccato al mulo di Beppe Grillo, ma comunque un dato interessante considerato che pur trattandosi di un motore avanzato è lo stesso montato sulle Toyota Corolla da 6 anni...quindi non un prototipo da Formula 1. E ripeto la potenza CRESCE, non diminuisce.

Secondo la Casa britannica, questa vettura è la riprova che una maggiore attenzione nei confronti dell'ambiente non comporta necessariamente rinunce sul piano delle prestazioni, anzi.

Massimo Masone

Massimo Masone Commentatore in marcia al V2day 25.08.06 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Ci pensate a cosa succederebbe se i paesi Arbi rimonetizzassero il valore del petrolio da $ a Euro. Pensate all'economia Americana. Forse la Russia secondo produttore al mondo ci sta già pensando.

Mauro Satta 25.08.06 16:19| 
 |
Rispondi al commento

E' TUTTO UN MAGNA MAGNA, E NON CREDO CHE LA GENTE RIESCA A SOPPORTARE A LUNGO.

luigi d'amore 25.08.06 14:42| 
 |
Rispondi al commento

e dopo che in borsa i titoli,senza alcun motivo,schizzano in su del 5%,bazoli al tg dice"non so spiegarmi come sia potuta uscire la notizia"...ah ah ah....ringrazia che la consob non guarda dove deve guardare....chissa' perche'...mah....boh....forse.....

vale tutto 25.08.06 13:50| 
 |
Rispondi al commento

E DOPO UNIPOL ...ECCO BCA INTESA...GRAN REGIA DELLA SINISTRA A FAVORE DI AMICI BANCHIERI...(e azionisti del corriere)
MAMMA MIA COME RUBA BERLUSCONI UHHHHHHHHHH.....

vale tutto 25.08.06 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Off Topic
*************************************************
Riferendosi agli psichiatri TOM CRUISE affermò:

'Agli spacciatori di droga che fanno soldi per le strade, ecco a cosa li paragono. La gente deve capire che non c’è niente di scientifico dietro alla psichiatria. Far credere che la psichiatria sia una cosa scientifica è criminale'.

PAROLE CHE GLI SONO COSTATE CARO, MOLTO CARO...
*************************************************
Clicca sul mio nome per entrare nel blog di Falla Girare.

Massimiliano Borella 25.08.06 12:45| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe si possono avere tante opinioni diverse quello che e certo svolgi un grande servizio pubblico in bocca al lupo

tito cuoghi 25.08.06 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Ritorno solo ora su questo post in quanto mi è capitato di leggere un articolo sul sito del quotidiano La Repubblica http://www.repubblica.it/2006/08/sezioni/esteri/nigeria-rapimento/nigeria-rapimento/nigeria-rapimento.html in cui si parla del rapimento di alcuni dipendenti di un impianto petrolifero italiano di proprietà Eni in Nigeria da parte, si suppone, di alcuni guerriglieri contrari alle multinazionali del petrolio. A parte l'apprensione per i rapiti e il dolore per la guardia giurata uccisa, mi sono posto un interrogativo dettato ovviamente dall'ignoranza in materia: l'Eni e l'Agip (come citato nell'articolo) sono proprietarie di impianti petroliferi in Nigeria, a quanto scritto l'ottavo esportatore di petrolio nel mondo, impianti sicuramente redditizi, altrimenti li avrebbero già chiusi, eppure il costo della benzina e dei combustibili per il riscaldamento in Italia sono così alti e il loro prezzo risente così facilmente dell'andamento del mercato. Ripeto, è ignoranza per l'argomento, ma a questo punto il fatturato in attivo credo dipenda anche dal fatto che estraggono petrolio ma ce lo fanno pagare come se lo comprassero. Tra l'altro l'informazione sottolinea sempre che il prezzo del petrolio è in continuo aumento, mostrandoci in primo piano il valore dei mercati inglesi e americani. Spero qualcuno possa confutare le mie assersioni illuminando la mia ignoranza. Saluti.


per tutti coloro che vogliono sapere di più sullo schifo messo in atto dalle grandi multinazionali petrolifere e sui rischi che a breve corre il nostro mondo consiglio la lettura del libro "Fine corsa" di Jeremy Leggett, geologo che ha lavorato per un decennio nell' industria petrolifera che ha abbandonato l'incarico per diventare direttore scientifico di Greenpeace... Beppe aiutaci che qui si va a rotoli....

stefano sette 25.08.06 02:41| 
 |
Rispondi al commento

Gentile signor B.Grillo lei che è un comico,mi piacerebbe abolire ,come le spiagge libere,la seccatura di queste fantozziane riunioni di condominio,e,di avere per forza un amministratore,nella seconda casa,di 50mq,in un cucuzzolo,dove ci va solo per massimo due giorni,giusto per passare qualche ora al fresco ,è un esempio il mio,ma ci sono anche altri .Le sembra logico,che in condominiotiporecsidence,di massimodieci appartamentini,uno debba pagare un amministratore,pagare tangenti per dipingere magari la facciata,non è meglio mettersi d'accordo fra gli stessi padroni,senza dover avere certe ansie?

stefano masetti 25.08.06 00:22| 
 |
Rispondi al commento

E' vero che l'Eni paga di più il petrolio rispetto a qualche anno fa, ma gonfiando i prezzi chi ci rimette è sempre l'ultimo anello della catena, ossia il consumatore. Essendo la benzina, il riscaldamento e tutti i prodotti derivanti dal petrolio non sostituibili l'elasticità al prezzo della domanda è quasi nulla. Questo significa che siamo disposti a continuare ad usare la macchina anche se il prezzo sale ancora del 100%. Inoltre non possiamo tornare al medioevo spegnendo la luce.
I risultati sono tre:
1) L'Eni e le altre compagnie petrolifere ammortizzano quasi completamente il caro petrolio;
2) L'Eni e le altre compagnie petrolifere avranno sempre meno interesse a finanziare la ricerca per l'esplorazione di altri giagimenti o per la questione delle energie alternative in quanto guadagnano come prima estraendo meno petrolio;
3) Essendo il prezzo della benzina costituito per il 65% da accise ed iva anche le casse del governo si arricchiscono.

Silvio Albanesi 25.08.06 00:22| 
 |
Rispondi al commento

E' vero che l'Eni paga di più il petrolio rispetto a qualche anno fa, ma gonfiando i prezzi chi ci rimette è sempre l'ultimo anello della catena, ossia il consumatore. Essendo la benzina, il riscaldamento e tutti i prodotti derivanti dal petrolio non sostituibili l'elasticità al prezzo della domanda è quasi nulla. Questo significa che siamo disposti a continuare ad usare la macchina anche se il prezzo sale ancora del 100%. Inoltre non possiamo tornare al medioevo spegnendo la luce.
I risultati sono tre:
1) L'Eni e le altre compagnie petrolifere ammortizzano quasi completamente il caro petrolio;
2) L'Eni e le altre compagnie petrolifere avranno sempre meno interesse a finanziare la ricerca per l'esplorazione di altri giagimenti o per la questione delle energie alternative in quanto guadagnano come prima estraendo meno petrolio;
3) Essendo il prezzo della benzina costituito per il 65% da accise ed iva anche le casse del governo si arricchiscono.

Silvio Albanesi 25.08.06 00:22| 
 |
Rispondi al commento

E' vero che l'Eni paga di più il petrolio rispetto a qualche anno fa, ma gonfiando i prezzi chi ci rimette è sempre l'ultimo anello della catena, ossia il consumatore. Essendo la benzina, il riscaldamento e tutti i prodotti derivanti dal petrolio non sostituibili l'elasticità al prezzo della domanda è quasi nulla. Questo significa che siamo disposti a continuare ad usare la macchina anche se il prezzo sale ancora del 100%. Inoltre non possiamo tornare al medioevo spegnendo la luce.
I risultati sono tre:
1) L'Eni e le altre compagnie petrolifere ammortizzano quasi completamente il caro petrolio;
2) L'Eni e le altre compagnie petrolifere avranno sempre meno interesse a finanziare la ricerca per l'esplorazione di altri giagimenti o per la questione delle energie alternative in quanto guadagnano come prima estraendo meno petrolio;
3) Essendo il prezzo della benzina costituito per il 65% da accise ed iva anche le casse del governo si arricchiscono.

Silvio Albanesi 25.08.06 00:22| 
 |
Rispondi al commento

E' vero che l'Eni paga di più il petrolio rispetto a qualche anno fa, ma gonfiando i prezzi chi ci rimette è sempre l'ultimo anello della catena, ossia il consumatore. Essendo la benzina, il riscaldamento e tutti i prodotti derivanti dal petrolio non sostituibili l'elasticità al prezzo della domanda è quasi nulla. Questo significa che siamo disposti a continuare ad usare la macchina anche se il prezzo sale ancora del 100%. Inoltre non possiamo tornare al medioevo spegnendo la luce.
I risultati sono tre:
1) L'Eni e le altre compagnie petrolifere ammortizzano quasi completamente il caro petrolio;
2) L'Eni e le altre compagnie petrolifere avranno sempre meno interesse a finanziare la ricerca per l'esplorazione di altri giagimenti o per la questione delle energie alternative in quanto guadagnano come prima estraendo meno petrolio;
3) Essendo il prezzo della benzina costituito per il 65% da accise ed iva anche le casse del governo si arricchiscono.

Silvio Albanesi 25.08.06 00:22| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, credo che Beppe Grillo abbia preso un granchio!
"Se il petrolio costa di più e noi paghiamo di più, mi sfugge come l’Eni possa guadagnarci di più. E’ una magia della finanza. Un mistero gaudioso.Un gioco delle tre carte."
Non c'e' nessun mistero caro Beppe!!
Infatti se il prezzo del petrolio sale, come di qualunque commodity, ne traggono beneficio soprattutto i produttori!
Infatti il costo di estrazione e' fisso(per semplicita' consideriamo che non ci sia lo sfruttamento di risorse meno pregiate), mentre
il prezzo sale, e' facile capire che il margine
salira' di conseguenza! Ed alla fine avremo utili sfavillanti....
Esempi relativi all0ultimo trimestre
EXXON 10,36 billion$
BP 5,63 billion$
CONOCO 5,186 billion$
TOTAL $4,4 billion$
CHEVRON 4,35 billion$

gianvito garra 24.08.06 23:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come mi piacerebbe andare in una banca, chiedere un prestito e comprarmi la Banca stessa.

Gian Marco Tedaldi 24.08.06 20:05| 
 |
Rispondi al commento

strani movimenti in borsa ,ormai vale tutto ,con il benestare di consob e amichetti politici...di sinistra naturalmente

viva iladri 24.08.06 20:03| 
 |
Rispondi al commento

beppe sei un grande ho 14 anni ma ho visto il tuo spettacolo del 2005 forse nel maggio o marzo... comunque mi è piaciuto molto il tuo discorso su bosssi quando è andato a parlare in svizzera e ha cantato: "noi padani abbiamo un sogno nel cure: BRUCIERE IL TRICOLORE..." la penso nell suo stesso modo e mi ha fatto scannare la battuta sui cinesi e quella sui ragazzi di 13anni.... sei un mito... se riesci rispondimi e scrivimi dove farai il tuo prossimo spettacolo e dove si possono trovare i tuoi spettacoli in dvd/vhs..... ke cosa ne pensi dei ragazzi ke perdono la verginità a 14anni.... io penso che nn abbiano la testa sulle spalle e se ce l'hanno serve solo per separare la spalla sinistra da quella destra... ciao risp 6 1 mito!!!!!!!!!!!!!!......... cordiali saluti castellari luca

luca castellari 24.08.06 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

abbiamo un governo di sinistra quella che sta'
con il popolo, con i piu' deboli, questo mi hanno raccontato i miei genitori.
"ALLORA VEDIAMO SE IL NOSTRO CARISSIMO PRODI" intendera' fare qualcosa di concreto, per il popolo mettendo un po' di buon senso nella capitalizzazione dell'energia.
Anche se fino a oggi l'unica persona che ha avuto il coraggio di stare con i piu deboli che io conosca e' MARIA TERESA SI CALCUTTA!!!

valeria azzolini 24.08.06 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Off Topic
*************************************************
"Basta con i tg che ci trattano come una massa disorientata pronta ad inseguire il primo aquilone colorato!"

Oggi Vi propongo quest'altro interessante post dal blog di Andrea.

Il tema trattato è sempre lo stesso: i TG ed i loro PASTONI!
*************************************************
Clicca sul mio nome per entrare nel blog di Falla Girare.

Massimiliano Borella 24.08.06 11:34| 
 |
Rispondi al commento

è veramente scandaloso. solo in italia succede questo. scandaloso .
e per fortuna che il maggior azionista è lo stato perchè se non fosse stato cosi sarebbe stato un disastro. ma come fanno i nostri politici a non dire niente su questi enormi utili. ma dico io facciamo scendere il prezzo della benzina e del gasolio.
purtroppo siamo sempre li .scaroni è l'amico dell'amico ecc.. la stragrande maggioranza delle persone che ricoprono incarichi molto rilevanti (statali o parastatali)sono sempre messi la non sò da chi .
Mi rispondo da solo .....dagli amici dell'amico...BASTA

b..michele 24.08.06 01:49| 
 |
Rispondi al commento

Daniele Minioni Verbania 23/08

Caro Beppe, credo che i famsi monopoli italiani come Eni etc. verranno scalzati mammano che il popolo verrà messo a conoscenza delle numerose soluzioni adottabili per ridurre drasticamente il consumo di energia, obbligando così,chi tuttora specula a cambiare indirizzo, (peccato che la politica nazionale sia cosi lontana dai probblemi reali della gente).
Nella mia zona (l'Ossola) qualcosa si stà muovendo, incentivi al solare e soluzioni innovative nel campo dell'edilizia vengono adottate nelle ristrutturazioni e nel nuovo.

Daniele Minioni 23.08.06 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono un ragazzo di 23 anni e grazie al modo di pensare e ragionare di mio padre abbiamo trovato il modo per risparmiare sulla benzina...Domenica sera passando sul raccordo anulare di Roma per rientrare dalle ferie, mi sono accorto che il carburante è arrivato a circa 2 euro a litro.Molte persone si fermavano a fare benzina poichè di passaggio...ignari che molti gestori tengono il prezzo molto più basso. Infatti prima di partire per le ferie ho fatto il pieno da un gestore,con il quale ho percorso circa 700km andata e ritorno spendendo quasi 0,70 centesimi di euro a litro.

Simone Giovannetti 23.08.06 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Vi consiglio di approfondire le idee sull'energia rinnovabile:www.kitewindgenerator.it
Vi assicuro che ne vale la pena.
Distinti saluti,
Paolo Nestore Peraudo

Paolo Peraudo 23.08.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento

A proposito del costo carburanti Vi propongo questo "delizioso" articolo comparso sul sole 24 ore del 22/08:L'automobilista paga ancora l'Abissinia" Lo stato attraverso il fisco incamera denari a vita infatti non tutti sanno che attraverso una curiosa fiscalità paghiamo alla pompa, con tanto di tassa su tassa (iva sulle accise) guerre crisi internazionali catastrofi missioni internazionali e contratti di lavoro. Ecco l'elenco a litro:Guerra d'Abissinia e crisi Suez 14£- Tragedia Vajont 10£- alluvione di firenze 10£- terremoto Belice 10£- terremoto Friuli 99£- terremoto dell'Irpinia 75£- prima missione in Libano 205£- missione in Bosnia 39£ rinnovo contratto autoferrotranvieri 2004 39£- In totale fanno 486 delle vecchie lire cioè 0.25 € di accise alle quali si applica l'iva. L'imposta che sopravvive, all'infinito, ai motivi che l'hanno determinata è un caso di straordinaria furbizia istituzionale, a maggior ragione se si tiene conto dell'impatto dell'Iva. Se considerate che il fabbisogno annuo italiano di benzina più quello del gasolio per autotrazione è di 39 miliardi di litri all'anno.......fate Voi i conti

Fabio Lingerio 23.08.06 13:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abolire l'ONU dalla faccia del pianeta,ridurre le entrate fiscali a poche voci chiare ed essenziali,ristrutturare il sistema tributario in modo semplicissimo,applicare le leggi che c'erano già,visto che ha vinto il NO.Basta fare trucchi,basta tirare fuori dal cappello,ogni mattina,una sorpresa.

stefano masetti 22.08.06 21:50| 
 |
Rispondi al commento

Costruire la Città della Moda al posto del vecchio Petrolchimico

La scelta di non riavviare gli impianti da parte della Dow chemical ,se confermata, rappresenterebbe un'opportunità unica per chiudere definitivamente con la chimica di base. Il dramma descritto, per gli operai impiegati nel Petrolchimico, serve soltanto a qualcuno per rimanere aggrappato nella difesa di interessi che non coincidono con quella dei cittadini veneziani. L'intera area bonificata, darebbe spazi immensi su cui poggiare le pietre del vero futuro economico dell'area veneziana.
Logistica,cantieristica,turismo,salute,chimica pulita ( polo dell’idrogeno, biocarburanti, farmaceutica.
Il Petrolchimico era uno stabilimento che andava bene 30 anni fa. Le attività di base avranno futuro per chi ha le materie prime o per chi ha un costo della manodopera molto basso. . La chiusura dello stabilimento darebbe dei frutti con un minor traffico in tangenziale, nelle autostrade, nella Strada Romea,renderebbe meno inquinata Marghera e si otterebbero dei miglioramenti ambientali nella laguna. I marmi della preziosa Venezia non sarebbero aggrediti dai veleni dello stabilimento, togliendo da una zona ormai densamente abitata quel pericolo che lo stabilimento rappresenta.

A Fiesso D'Artico si è deciso di costruire la "Citta della Moda", rovinando uno degli angoli più suggestivi della Riviera del Brenta; un’area verde immensa da preservare per le future generazioni e non da cementificare. Cinque immense costruzioni che dovrebbero servire a rilanciare il settore della calzatura. Sarebbe opportuno bloccare questo scempio del territorio e prevedere che esse sorgano nelle aree dismesse del Petrolchimico. L'abbinamento di questi centri della moda con la città di Venezia darebbe maggiore pubblicità e rilancio al settore della calzatura di classe,trovando le già disponibili risorse economiche.
Come riassorbire i lavoratori che perdono il lavoro?
Con la bonifica delle aree i cui lavori durerebbero un quinquennio

Orlando Masiero 22.08.06 21:33| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace Beppe, dobbiamo tornare al nucleare, non c'è via di scampo, non illudiamoci.

Alessandro ANFOSSO 22.08.06 19:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Facile parlare. Facile commentare. facile fare il gioco di giganti come Eni, Enel o Telecom. Costretti, quasi, potremmo dire.

E allora perché, come Beppe, non fare qualcosa di veramente concreto?
Beppe l'ha fatto, ora vende corrente elettrica al gestore energetico.
Lo possiamo fare. Costa? Certo che costa. Ma una automobile non costa? Il cellulare ultimo modello non costa? Il TV al plasma non costa?
Perché anziché comprarci la macchina da 20/25 mila euro non se ne spende la metà e gli altri si investono in creazione di energia, per esempio? Goccia nel mare? Forse. Però bisogna iniziare.
Intanto perché non provate a vedere questo sito: www.tuttotetto.it

Un sito per iniziare, per cercare l'alternativa, anche se dispendiosa. Anziché vantarci: "sai, mi sono fatto l'auto nuova, quella superaccessoriata", proviamo a dire: "sai, mi sono fatto il contatore nuovo, quello che vende corrente".
Qualcuno magari all'inizio si metterà a ridere, poi fra 5/10 anni magari smetterà...
Io ci sto provando... provateci anche voi.

Valter Mura 22.08.06 17:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo proprio un paese dove i diritti dei cittadini sono scritti sulla carta, Ma li rimangono! Grazie Beppe per la tua infaticabile opera di informazione!

Luca Pellegrin 22.08.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

°°°°°°°°°°Lella Costa - Stanca di Guerra °°°°°


Tre minuti e mezzo di un'incredibile intensità tratti da "Stanca di guerra",

un monologo teatrale scritto nel 1996 da

Lella Costa

Alessandro Baricco

regia di Gabriele Vacis.

per vedere il video clicca sul mio nome.

Nicola Cellamare 22.08.06 15:14| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
Finalmente posso parlarvi di loro!

Sono arrivate!

SONO BELLE, PAZZE E SCATENATE!

E contano di diventare famose anche grazie a Voi!

Di chi parlo?

Ma ovviamente di Matilde & Valeria e del loro "pazzesco" blog!

Ecco in ESCLUSIVA PER FALLA GIRARE una loro mail di presentazione..
*************************************************
Clicca sul mio nome per entrare nel blog di Falla Girare.


OT
*************************************************
E' facile commettere errori nella vita.

Fin quando si tratta della propria vita lo posso anche capire. Ognuno è libero di sbagliare come e quando vuole.

Ma quando si viola la vita degli altri la questione è differente.

Per chi commette uno stupro o per chi abusa dei bambini il perdono non è concepibile!
*************************************************
Clicca sul mio nome per il post.

Massimiliano Borella 22.08.06 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Ieri il TG ha aperto il servizio sull'acqua sostenendo che la carenza di acqua è un flagello tanto per i paesi occidentali (USA per primi) quanto per l'Africa!!!!!!!!!!!Ha omesso però di dire che a New york manca per lavare l'auto (forse) in africa invece .......manca !

Fabio Crisetti 22.08.06 12:06| 
 |
Rispondi al commento

A me interessa poco, tanto per fare il pieno al Cayenne basta che aumento dello 0,001% il prezzo dei divani.
Si preoccuperanno i barboni che girano con la Panda 750 del secolo scorso.

marco ranzani 22.08.06 11:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Costruire la Città della Moda al posto del vecchio Petrolchimico di Porto Marghera

La scelta di non riavviare gli impianti da parte della Dow chemical ,se confermata, rappresenterebbe un'opportunità unica per chiudere definitivamente con la chimica di base. Il dramma descritto, per gli operai impiegati nel Petrolchimico, serve soltanto a qualcuno per rimanere aggrappato nella difesa di interessi che non concidono con quella dei cittadini veneziani. L'intera area bonificata darebbe spazi immensi su cui poggiare le pietre del vero futuro economico dell'area veneziana.
Logistica,cantieristica,turismo,chimica pulita(polo dell'idrogeno,carburanti biologici ecc).
A Fiesso D'Artico si è deciso di costruire la "Citta della Moda", rovinando uno degli angoli più suggestivi della Riviera del Brenta. Cinque immense costruzioni che dovrebbero servire a rilanciare il settore della calzatura. Sarebbe opportuno bloccare questo scempio del territorio e prevedere che esse sorgano nelle aree dismesse del Petrolchimico. L'abbinamento di questi centri della moda con la città di Venezia darebbe maggiore pubblicità e rilancio al settore della calzatura di classe,trovando subito delle risorse economiche.
Come riassorbire le maestranze che perdono il lavoro del Petrolchimico?
E' difficile credere che con 2.600.000 di lavoratori che fanno un doppio lavoro(il secondo in nero;dati riportati su intervista del Gazzettino di ieri) sia così difficile riassorbire un numero di lavoratori così esiguo.
Poi Nel Veneto sono previsti ingressi per il 2007 di 100.000 unità dalla comunità Europea e non per far fronte alle carenze di manodopera.
Spesso,in situazioni analoghe, si preferisce scegliere il percorso della c.i o della mobilità. Ma questi lavoratori non rimangono a casa a scaldare la sedia e vanno ad ingrossare le fila del lavoro nero.

Orlando Masiero 22.08.06 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Ha telefonato Mincato? che ha detto? ma non rivorrà mica la poltrona.

gaio fratini 22.08.06 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Non riesco a capire perchè ancora i governi di tutto il mondo si genuflettono a quei straccioni dell'OPEC???? (leggi straccioni per quello che vestono). Se gli togliamo il petrolio li rispediamo all'età della pietra!!!! E invece no, piegati a novanta gradi, ci facciamo comandare da questi stronzi!!! La situazione non cambierà mai... e attenzione ai geni che hanno inventato energie alternative perchè vi vedo male!!!!

Massimo Frustini 22.08.06 07:59| 
 |
Rispondi al commento

come sempre rimango stupito di fronte l'evidende non viste, tralasciate, messe volontariamente da parte...energia...petrolio, se solo un poco tutti lasciammo le auto, se solo un poco tutti evitammo i condizionatori e poi le temperature estive d'inverno con le case da maglietta a mezzomanica in gennaio, se solo cercassimo di evitare di aquistare i vari involucri-plastica...se solo ci avvicinassimo ad un albero.....


Ciao Beppe,
tempo fa ho comprato il tuo libro
Tutto Il Grillo Che Conta
e l'ho trovato simpatico e anche istruttivo fino a quando non mi abbia preso un colpo,
cito:
la Televisione Tedesca è noiosa in quanto priva di pubblicità!
A parte il fatto che non ne hai azzeccata neanche una, magari evita di parlare di cose che non conosci e
quindi lascia perdere.
Io sono d'origine tedesca (e quindi lo capisco un pò di più di te, il tedesco), e posso dirti che insieme alle pubbliche inglesi e francesi è una delle migliori del mondo,
sempre se uno non abbia voglia di farsi rimbambire completamente con le tette al vento e LA PUBBLICITà.
Probabilmente non intenderai più a parlarne, ma nel caso in cui...
...Te La Do Io La Televisione Tedesca!
Tanto, non ci crederesti neanche.
Ciao ciao
Helga


Helga Faber 21.08.06 22:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

raul gardini ....... si suicido', oppure aveva iniziato a usare qualcosa di alternativo come carburante??? chi sa'?

marco capi 21.08.06 22:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Grillo, volevo farLe notare che, per motivi che mi sfuggono, i 78$/156l di petrolio, l'ENI li paga molto di -. Xciò, ogni volta ke aumenta il costo del petrolio (e di conseguenza a noi materiale umano viene a costare di +) l'ENI ci guadagna. Quello ke nn riesco a capire però è come mai se il Tesoro è azionista c'è lo stesso 10^9 € di debito pubblico...

Teodoro Santoni 21.08.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento

Ahhhhahahahah PRODI dovrebbe andare contro gli interessi dell' ENI ?

Sono soci e LADRI insieme , a braccetto !

VERGOGNA !

Max Lanzani 21.08.06 21:53| 
 |
Rispondi al commento

VAI BEPPE !!!!!!!
Non smettere di incentivare il reimpiego di risorse economiche per l'utilizzo di energie alternative. Il nocciolo, rimane che qualunque esse saranno, rimarranno sempre fonti di alternativo monopolio

Andrea

andrea rotoloni 21.08.06 21:48| 
 |
Rispondi al commento

ho visto al telegiornale che il petrolio, e quindi la benzina attualmente ha un prezzo più alto di quello che avrebbe dovuto avere, considerando l'inflazione, quando ha avuto prezzi paragonabili a quelli attuali. non ricordo cifre, ma ricordo che un pieno di benzina dovrebbe costare un 15-20% in meno, spero di non sbagliarmi.

marco pollacchi 21.08.06 21:38| 
 |
Rispondi al commento

...ne ho personalmente le palle piene di sentire che nelle zone di potere ci sono solo galeotti ... BASTA !!! BASTA !!! BASTA !!! BASTA !!! BASTA !!! BASTA !!! BASTA !!! BASTA !!! BASTA !!!
...è ora di finirla!! A CASAAAAAAAAAAAAAA!!!

FINITELA DI PRENDERCI PER IL C..O ... GRAZIE!!!

Enzo Marozzi 21.08.06 21:35| 
 |
Rispondi al commento

L'Eni essendo quotata in borsa, fa il gioco della borsa. Per loro anche l'incremento di un cent di utile rispetto l'anno precedente significa nuovi capitali, derivanti dall'acquisto di nuove azioni da parte di chi vuole invesitire i soldi che ha già.

Credo che sia qui il problema.

Il sistema è questo, magari si può riflettere se togliere questo tipo di società dalla borsa, o magari creare dei rami della borsa nel quale far confluire le "società di capitali" utili per la "società degli uomini". Perchè le "società di capitali" sono tutto fuorchè organismi formati da persone.

Sono assembramenti di organismi semoventi, spesso con Suv Ferr Pors etc etc.. che non hanno mai lavorato con le mani, ma neanche con la testa, magari usano qualche volta raramente le testine in mezzo alle gambe, niente più.

Organismi che fanno soldi dai soldi, e cosa gliene frega a questi cosa fanno queste società?

Basta che producano utili, anche se di solo un cent in più rispetto all'anno precedente.

Conoscete per caso le leggi della robotica di Asimov?

Ci vorrebbe magari qualche regoletta così per tutto il genere umano, ma penso che in questo modo si arrivi ad una omogeneizzazione troppo estesa che ci farebbe perdere la connotazione di umani.

(Un pò come sta succedendo nell'ambito dell'unione europea)che si predilige la mediocrità controllabile, a discapito della specificità.

Facendo un amara riflessione tardo vacanziera-ferragostana, (che sicuramente incide sulle capacità psichiche) credo che il genere umano sia destinato, geologicamente parlando, all'estinzione in un breve periodo.

Chissà se la prossima forma di vita intelligente di questo sperduto pianeta, se ce ne sarà un'altra...

farà camminare i propri mezzi di locomozione con i derivati dei processi di decomposizione dei nostri corpi...

magari quotandoli in borsa.... e così il ciclo continua...

questo credo sia il vero significato di fonti energetiche rinnovabili.

il sole sardo a volte.........

Antonio Vivaldi 21.08.06 19:50| 
 |
Rispondi al commento

E vero che dal pannello fotovoltaico si puo ricavare l,idrogeno?????????

giovanni nalin 21.08.06 19:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono daccordo con l'amico che dice :beppegrillo forma un partito,cosi ( se ci riusirai )potrai cambiare alcune cose ,comque beppe sei grande

giovanni nalin 21.08.06 19:01| 
 |
Rispondi al commento

stataliziamo l'eni mi sembra che abbia l'esclusiva sull'italia oppure gli togliamo l'esclusiva

filippo valenti 21.08.06 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Anche io chiedo ufficilmente che BEPPE GRILLO si presenti alle prossime elezioni, con un suo partito, perchè alemeno saprò per chi votare.
ciao beppe

Roberto Nannucci 21.08.06 18:25| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di caro petrolio. Vorrei che qualcuno rispondesse a questo quesito:
"rientrando da Milano mi sono fermato a fare gasolio ad una stazione di servizio appena prima di Bologna ed il prezzo alla pompa è stato di €. 1,173 al lt. Quando invece mi sono fermato a fare di nuovo gasolio nei pressi di Cerignola il
prezzo chissà per quale magia era di €. 1.255. Preciso che le stazioni di servizio battevano entrambe la stessa bandiera e non era il prezzo " fai da te ". Non trattandosi quindi di un "cartello" come mai la stessa bandiera si fa concorrenza da sola adottando un prezzo al nord ed uno al sud." Ringrazio se qualcuno vorrà rispondermi. Ciao a tutti.

Leone Serafino 21.08.06 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo ufficilmente che BEPPE GRILLO si presenti alle prossime elezioni, con un suo partito, perchè alemeno saprò per chi votare.
ciao beppe


Il problema energetico nasce da molto lontano, ma nessuno " riesce " a vedere il problema, Anzi!!!! quale ""problema"" qui abbiamo tante di quelli fonti che non abbiamo bisogno di gassificatori o altro...
In campania il nostro caro amministratore sta sperperando non so quanti milioni di euro per inviare in germania i nostri rifiuti dove loro i "Tedeschi" gente molto intelligente recuperano Energia e la vendono..... Noi paghiamo questo e certo!!!!! i Tedeshi non solo vengono pagati ma ci guadagnano a nostre spese. Questo ci fa capire che qualcosa non funziona nel nostro paese.
Perchè abbiamo tutte le capacità intelletive di creare energia pulita o recuperare energia tramite i rifiuti ma come vedo il Dio "denaro" e più importante della collettività.
E una vera vergogna che nessuno si preoccupa della salute e del benessere della colletività ma sopratutto la cosa che mi scandalizza e che nessuno paga per gli errori commessi.!!!!!!!

John Ferrara 21.08.06 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno, dalla Spagna, notava che in bolletta ENEL gli utenti italiani pagano una quota che va al finanziamento delle 'fonti alternative/rinnovabili': occhio, che qui in Italia la 'gabola' c'e' sempre!!!
La maggior parte di quella quota finisce per finanziare TERMOVALORIZZATORI, mentre una parte minima va a eolico, fotovoltaico...o fermentazione di escrementi per produzione di gas!Non ricordo purtroppo le proporzioni esatte che ho udito citate in un convegno seguito via radio pannella, ma il succo è che se le 'fonti alternative' che privilegiamo immettono 'gas serra' del protocollo di Kyoto fingiamo di non aver capito nulla.

Carlo Pellizza 21.08.06 17:13| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
Oggi vi propongo un gioco che ho trovato sull'ultimo numero di Focus.

A me è piaciuto, anche se l'avevo già sperimentato!

Poi se vi fa schifo sono FATTI VOSTRI ;)
*************************************************
Clicca sul mio nome per giocare nel blog di Falla Girare.


PROVATE!!!! NON E' IL SOLITO LINK, UN GIOCHINO BELLINO!!

http://world2.monstersgame.it/?ac=vid&vid=42013826

Osvaldo Bevilacqua 21.08.06 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
il principale azionista di ENI è lo stato e ha bisogno di dividendi (di soldi) per chiudere il famoso "buco".
I dividendi si staccano in primavera, vi siete chiesti perchè questo, come quelli dell'ENEL e di SNAM negli anni scorsi, si stacca in autunno?
Ma per chiudere i buchi nella finanziaria!
Speriamo sia l'ultima volta che succede perchè non è una bella cosa, sono risorse sottratte alle famose energie rinnovabili che gli azionisti di ENI, e quindi lo stato in primis, NON VOGLIONO!
Il petrolio e i petrodollari sono la rovina del mondo!
Leggete il libro "Come affrontare il crollo economico del 2006-2007" di Mandeville.
Vi aprirà la mente!!
Fatelo! Non è il polpettone socio-economico che sembra, è SCONCERTANTE: dipana parte della matassa politica americana censurata al mondo intero!
Leggetelo, non vi pentirete.
http://www.macrolibrarsi.it/__come_affrontare_crollo_economico_2006_2007.php

Alberto Carissimi 21.08.06 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Consiglio a tutti, per il loro bene di prendere queste persone e di prenderle a calci... IO SONO STUFO DI SENTIRE LA FRASE "UNO RUBA COME L'ALTRO". Ci stiamo deresponsabilizzando. Siamo in più di 50 milioni. Facciamo sentire la nostra voce

Davide Magalini 21.08.06 15:38| 
 |
Rispondi al commento

W GABRIELE PAOLINI

Se c'è qualcuno che dà filo da torcere al sistema, in particolare quello politico e giornalistico, questi è sicuramente Gabriele Paolini.

Odiato, insultato, percosso da politici e giornalisti è invece amatissimo dai giovani della tv ed in particolar modo del web.

C'è persino chi ha istiutuito un PAOLINI FUNS CLUB.

Come dargli torto !!!!!!!!!!!

Dopo bancopoli, calciopoli, eleziopoli, un debito pubblico impronunciabile, una classe politica/banda bassotti iper pagata (i più cari d'Europa), un'informazione mediatica repressa ed in ultimo, e non sarà l'ultimo, l'approvazione dell'indulto, mai richiesto dal popolo italiano (mastella ha anche la doppia faccia di chiedere scusa per i danni che seguiranno); insomma dopo tutte queste nefandezze italiane finalmente c'è uno che, a modo suo, le rispedisce direttamente al mittente, sbeffeggiandoli pubblicamente e facendoli precipitare dal gradino di onnipotenza da cui si credono di essere elevati.

Per cui FORZA PAOLINI.

Potete visitare le sue recensioni al sito http://www.gabrielepaolini.it e addirittura inviargli un sms al numero 338/6378328.

alessandro fippo 21.08.06 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Mi pare che su questo blog, a prescindere dai presupposti eccellenti, ci siano articoli di un'imprecisione incredibile, a cominciare da Abertis/Autostrade pe giungere ad ENI. Come si fa a domandarsi perche' l'ENI abbia riportato bottom line +21,5% YoY sul primo semestre?

Mi pare che il Brent sia passato da USD40 al barile a USD75........in 18 mesi.....le stime di Golman sono a USD100 quindi......dice nulla? I costi di produzione, poniamo crescano al passo dell'inflazione, non mi pare abbiano raggiunto un incremento minimamente paragonabile........si chiama spread forse.........

Ad ogni modo non e' assolutamente solo una questione-ENI/Italia. I giornali di tutta Europa si domandano come sia possibile (eticamente, in quanto mi pare molto semplice da capire in una logica aziendale) che ogni trimenstre le societa' riportino riportino utili record. Guardate Shell or BP.

Reporting season - secondo trimestre: mi pare che l'ENI abbia fatto comunque ben meno dei competitors/mercato.

Per quanto riguarda i dividendi, sono ovviamente in disaccordo con voi. Probabilmente bisognerebbe capirne la logica ma anche qui mi pare lunga da spiegare.

Per il CEO.....concordo pienamente, qualcuno dovrebbe dargli una mano di botte.

Alessandro Pasetti

Alessandro Pasetti 21.08.06 15:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema non sta tanto nell'ENI che fa utili, dal momento che è stato un preciso volere dei governi precedenti privatizzare l'ente e dargli la missione di tutte le imprese del mondo: fare profitti per garantire sviluppo all'impresa stessa e redditività ai suoi azionisti (tra cui, ricordiamo, lo Stato italiano ...). Credo quindi che la notizia che l'ENI fa profitti debba essere salutata come una notizia positiva (almeno una parte di questi profitti rimane allo stato italiano, altrimenti sarebbe andata nelle tasche di qualcuna delle sue 6 sorelle straniere, BP, Shell, ...).

Credo invece che il vero problema consista nel fatto che con la privatizzazione di ENI lo Stato italiano si è privato della principale leva per la gestione del proprio fabbisogno energetico, senza nel contempo crearsi delle alternative (altre fonti energetiche, ingresso di altri operatori, ecc.)

Le polemiche su ENI assomigliano a quelle su Autostrade: chi è colpevole, Autostrade (e i Benetton ...) che fa utili o piuttosto Anas (e lo Stato italiano) che ha dato un monopolio naturale in concessione a costi ridicoli e non ha mai vigilato sull'effettiva realizzazione degli investimenti??

A mio avviso lo scandalo non sta nelle imprese, che fanno pienamente il loro dovere quando fanno profitti (poi bisogna vedere la cosiddetta "sostenibilità" del business, ma si entra in un problema un po' troppo ampio ...), ma nel fatto che ci siamo a poco a poco privati della gestione delle nostre infrastrutture ed oggi richiediamo a coloro cui queste sono state vendute di farsi carico dei problemi del paese: non è giusto, il problema è politico e le domande sui problemi energetici del paese devono essere rivolte principalmente a Bersani e Padoa Schioppa, non a Scaroni o a Mincato!!

Roberto Mugnaioli 21.08.06 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Dalla repubblica di oggi
"E qui viene da porsi la domanda che è già stata messa sul tavolo altre volte. Visto che l’Europa ha preso un po’ di slancio, perché poi non riesce a correre da sola? In fondo, l’Europa dispone di un mercato di oltre 400 milioni di persone, più grande persino di quello degli Stati Uniti. Perché, allora, deve sempre aspettare che sia l’America a tirarla nella volata? Perché non può correre con le sue gambe, regalandosi quindi cinque o sei anni di boom?

La risposta, purtroppo, non può che essere la solita (e riguarda anche l’Italia). I consumatori europei non riescono a innescare un boom di domanda interna (e quindi a sostenere la propria economia in modo prolungato) perché sono sostanzialmente consumatori spaventati e impoveriti. Spaventati perché i due pilastri sui quali si era retto il sistema-Europa nel dopoguerra (e cioè welfare state e sicurezza del posto di lavoro) stanno crollando. L’Europa, in concreto, non si può più permettere né il welfare state di oggi né la sicurezza a vita del posto di lavoro, ma il passaggio verso il “nuovo ordine” non avviene in modo chiaro e netto. Ci si va attraverso crisi successive della finanza pubblica, generando quindi paure e tensioni nella gente.

Il consumatore europeo, infine, è impoverito perché buona parte del suo reddito se ne va in spese per servizi (a cominciare dalla casa per finire con l’energia) che sono eccessive e sproporzionate. Nei “servizi” europei c’è poco mercato, mancano liberalizzazioni e quindi c’è un assorbimento di reddito troppo elevato, che poi costringe la gente a essere prudente e che di fatto impedisce loro di innescare un boom dei consumi e quindi un boom economico autosufficiente."

Che ne dite, gente?

alessandro solinas 21.08.06 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Il Dipendente Bersani disse dopo la prima riformina "liberizzazioni" che presto "due chiacchiere" erano da fare con le compagnie petrolifere e benzinai...ancora non si è sentito nulla!?!? Forse è colpa delle vacanze, quindi meritato riposo per il dipendente, e poi verso settembre, periodo per antonomasia per la raffica di aumenti stagionali dopo i saldi estivi, arriverà a parlare con questi signori.

Speriamo che sia davvero presto visto anche le tensioni in Medio Oriente che non agevolano il costo del ns pieno di benzina quotidiano, e magari che non approfitti di parlare con il sig. Eni.

Marco Ranzani 21.08.06 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Si è parlato tanto di privatizzazioni dei servizi pubblici ma si è parlato poco di concorrenza. La privatizzazione così come è stata fatta e come avviene ancora, non fa altro che ingrossare le tasche di quei pochi personaggi "poco puliti e molto sporchi", che più ne combinano (vedi i reati passati in giudicato e quelli in pendenza di giudizio) e più acquisiscono autorevolezza al punto tale da essere nominati amministratori di queste società monopoliste. Ritengo che lo Stato in quanto tale, se non è in grado di garantire le privatizzazioni in regime di concorrenza non dovrebbe farle, perché non è ammissibile che di un bene/servizio primario/essenziale se ne faccia motivo di business e tantomeno in regime di monopolio. Penso che l'Italia stia attraversando un periodo troppo lungo di incapacità gestionale, dovuta alla sua cultura/arte tipica dell'arraffare il più possibile a scapito del prossimo... e pensare che questa Italia va in chiesa e che la chiesa la accoglie a porte spalancate...mah, non c'è centro-destra o centro-sinistra che si differenzi, tutti vogliono arraffare, dal benzinaio all'assicuratore, dal bancario al macellaio, dalle Wanna Marchi di turno agli elettricisti, idraulici, imbianchini ecc.ecc. tutti ma proprio tutti. CHE TRISTEZZA DI PAESE SIAMO? L'unica cosa che ci ha unito in questi ultimi anni, da nord a sud, da est ad ovest, è stata la coppa del mondo di calcio...CHE TRISTEZZA, CHE IGNORANZA e la tv in primis, insieme ai quotidiani, contribuisce pesantemente a mantenere questo stato di assoluta IGNORANZA.
GC

Gianpietro Colla 21.08.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di ENI , il petrolio che ENI estrae dai suoi pozzi non lo paga di certo 70 $ al barile . Solo il petrolio che si acquista sul libero mercato ha questo prezzo . Dipende quindi da quale percentuale del fabbisogno italiano ENI ptocura direttamente che stabilisce la nostra dipendenza energentica dal libero mercato.
Dai dati di ENI sembra quasi che ENI venda al libero mercato il petrolio che estrae (traendone enormi profitti) e che il ns fabbisogno sia esclusivamente in balia del prezzo di mercato .
Pensare male è un peccato .... ma qualche volta ci si azzecca

Enzo Locatelli 21.08.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Prendedo spunto dalle gabelle messe dalla regione sardegna a i non residenti mi è venuta un'idea. Perchè non imporre una tassa sull'inquinamento sulle autostrada del brennero e sulla Milano Venezia che passano vicino a casa mia.Perchè una barca a vela veneta che guarda la costa italosarda paga 1500 euri ed un autotreno sardo che ammorba la mia aria non mi dà un centesimo.Vuoi vedere che il vero leghista è Soru.

Enzo Stanco 21.08.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Comunque quest'inverno ci divertiremo ancora a giocare con le targhe alterne.
Giuliano Bacchi

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

E certamente!
Questo governo, con i Verdi in organico
N O N HA F A T T O N U L L A!

Pensate che con la liberalizzazione dei TAXI si poteva ordinare a tutti gli automezzi (come a Tokio) di montare il GAS. Macchè

P E C O R A R O, non sai gestire neanche la situazione dei BAMBI,
scaricando la responsabilità alla regione (che dipende dal Governo)

V E R G O G N A!

Tanto poi chi muore di tumore, siamo noi poveracci ed i nostri figli, che nascono con polmoni da fumatori bronchitici

VERDI V E R G O G N A T E V I!

Gianna M B 21.08.06 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Si possono leggere delle notizie interessanti in un sito la cui pubblicazione qui viene impedita. Se volete informarvi cliccate su “sorriso e dolore” . Grazie e buon pomeriggio a tutti.

sorriso e dolore 21.08.06 12:56| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
Queste sono le notizie che non ti aspetti:

'In Libia non c'è libertà di stampa'...

Ad affermarlo è stato Saif al-Islam, figlio del colonnello GHEDDAFI!

Secondo la prima classifica mondiale della libertà di stampa (pubblicata da Reporter sens frontière), infatti, la Libia si trova alla 129° posizione!
*************************************************
Clicca sul mio nome per entrare nel blog di Falla Girare.

Massimiliano Borella 21.08.06 12:51| 
 |
Rispondi al commento

E' anche opportuno aggiungere che il petrolio non produce costi solo quando lo si compra ma anche quando lo si consuma: le società autostrade che anch'esse sono molto abili nel produrre utili ritoccando regolarmente i pedaggi a favore (inspiegabilmente) di privati, distribuiscono copiosamente polveri sottili in tutto l'ambiente nazionale, anche nelle concentrazioni urbane dove ogni inverno si consuma il penoso balletto dell'ordinanze comunali di sospensione del traffico, appunto per l'eccesso di concentrazione delle medesime. Dei terribili effetti sulla salute di queste ovviamente nessuno è responsabile ma in questo processo, come capita spesso, qualcuno si arricchisce evitando di pagare le conseguenze e altri si ammalano. Un progetto del Comune di Parma ha evidenziato come ogni misura di limitazione del traffico sia compensata in termini di inquinamento dal costante e consistente apporto della rete autostradale. Quante altre città sono nelle stesse condizioni? Comunque quest'inverno ci divertiremo ancora a giocare con le targhe alterne.
Giuliano Bacchi

Giuliano Bacchi 21.08.06 12:43| 
 |
Rispondi al commento

piu' pubblicità e incentivi sulle energie alternative...anche pubblicità televisiva...come funziona, cos'è, cosa fa cosa non fa...pregi...cavolo fanno un sacco di pubblicità del cavolo...una utile la potrebbero fare no?!?!?

gioix m 21.08.06 12:32| 
 |
Rispondi al commento

A mio avviso occorre videnziare 2 aspetti relativi alla distribuzione del dividendo.
1) il governo attraverso il tesoro e cassa depositi e presti detiene circa il 30% delle azioni di eni. Pertanto, il governo è il principale beneficiario della distribuzione del dividendo;
2) la strategia di ricerca di fonti alternative non è una attività che deve svolgere ENI. Credo che sarebbe meglio convogliare parte delle accise sulla benzina in un "fondo" il cui scopo è quello di investire in ricerca finalizzata alla ricerca ed al miglioramento dello sfruttamento delle energie alternative.
Tutto questo per dire che alcuni aspetti strategici per il paese (energia, formazione, etc) dovrebbero essere affrontatati da chi governa o non da ENI, che fa semplicemente il suo lavoro e trae vantaggio da condizioni faverovoli di mercato.

pasquale marasco 21.08.06 12:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mincato ha chiamato? cosa dice, che rivuole la poltrona?

gigi ballista 21.08.06 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Bush jr e' un petroliere, Bush senior idem, Cheney idem, i loro principali soci di affari sono gli sceicchi arabi. Secondo te, Beppe, l'interesse personale di questi tre e' stabilizzare il Medio Oriente facendo regredire il prezzo del petrolio, o guadagnare di piu' da una supervalutazione dello stesso? (ENI docet)

Davide Polizzi 21.08.06 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
piu che un commento volevo solo esprimere un interrogativo.
Mi trovo all'estero, precisamente in spagna. Anche qui il prezzo degli idrocarburi sta salendo, ma non capisco come sia possibile che il prezzo sia tanto differente da quello italiano(parlo di diferenze dell'ordine dei 20 centesimi per litro). Non sara colpa dell ENI, ma siccome credo che il peso maggiore sia stabilito da multinazionali que acuqistrano il greggio(il cui prezzo di vendita sara sempre lo stesso), saranno le accice imposte dallo stato a incidere con differenze tanto sostanziali.
Infine secondo la mia opinione in Italia non so se è un problema di interesse o di (solita) mal gestione, ma realmente non si investe ne si propone attivamente investimenti verso energie alternative. nel caso della spagna è tangibile l investimento sopratutto nell 'eolico e nel fotovoltaico(basta farsi un giretto per le autostrade e si vedono centinaia di "mulinia a vento"), per non parlare poi degli studi sul altre forme di energie come l'idrogeno.
In Italia ho avuto modo di conoscere l'applicazione della legge sul "conto energia"(sul fotovoltaico) che mi è sembrata ottima per chge investe dal punto sia della finanziazione che dell'introito pero è molto limitata dalla burocrazia, dal numero di effettive concezzioni e infine scarsamente conosciuta. E una nota: cio che pagano (anche bene) per cio che si produce non è altro che finanziato da tutti noi che paghiamo una bolletta enel sotto la voce "contributo energie alternative" ...
Un saluto a tutti!

Domenico Sicignano 21.08.06 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Sempre in tema di servizi publici essenziali quali energia e acqua sarebbe il caso di segnalare una sacrosanta interrogazione parlamentare presentata dalla senatrice Verde Loredana De Petris quando, essendoci il precedente governo, la cosa interessava molto di più accollandone loa responsabilità (anche delle risposte) a quello quando era tutta, a pieno titolo dei governi di centro sinistra e della gestione dell'ENEL di Franco Tatò voluto da D'Alema. L'interrogazione rivolta ai ministri delle infrastrutture e all'ambiente di allora, Lunardi e Matteoli, riguardava i crediti insoluti ENEL alle popolazioni dei paesi maggiormente penalizzati dalla creazione all'epoca delle dighe del Turano e del Salto. Paesi semisommersi come Colle di Tora per la crazione del bacino ENEL del Turano benché privilegiati giustamente nei capitolati d'appalto e di concessione dell'epoca per la costruzione di infrastrutture e risarcimenti, si videro al contrario defraudati di tutto e, inutile dirlo, delle opere infrastrutturali non vi fu traccia. Il sospetto è che tanti quattrini furono spese ma che probabilmente presero vie "diverse". Grazie alla gestione tatoista via Elettrogen, la competenza di quei bacini passò dall'ENEL (ancora di proprietà del ministero del tesoro italiano) alla spagnola ENDESA. La senatrice De Petris chiedeva che fine avrebbero fatto quei crediti insoluti dovuti dall'ENEL alle popolazioni peraltro per aver subito una così colossale depauperazione del proprio territorio per "uso pubblico" ora che la gestione era finita alla Spagna?
Matteoli e Lunardi non si curarono di rispondere (essendo la questione "spinosissima", non ho dubbi che i ministri dell'attuale governo Pecoraro Scanio e Di Pietro che tanto ci tiene a dimostrare di predicare bene e razzolare altrettanto non mancheranno di farlo con risposta completa ed esauriente anche tenendo conto che la cosa è costata il posto di lavoro ad una collega, allora Capogruppo al comune di Colle di Tora, appunto...

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 21.08.06 11:55| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
Oggi vi propongo un gioco che ho trovato sull'ultimo numero di Focus.

A me è piaciuto, anche se l'avevo già sperimentato!

Poi se vi fa schifo sono FATTI VOSTRI ;)
*************************************************
Clicca sul mio nome per giocare nel blog di Falla Girare.

Massimiliano Borella 21.08.06 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Costruire la città della moda al posto del vecchio Petrolchimico.Non chiedere all'Eni di sostituire la DOW. L'ENI avvii progetti per la chimica pulita; polo dell'idrogeno,carburanti naturali,plastica dalle alghe o dal mais.

La scelta di non riavviare gli impianti da parte della Dow se confermata, rappresenterebbe un'opportunità unica per chiudere definitivamente con la chimica di base. Il dramma descritto, per gli operai impiegati nel Petrolchimico, serve soltanto a qualcuno per rimanere aggrappato nella difesa di interessi che non concidono con quella dei cittadini veneziani. L'intera area bonificata darebbe spazi immensi su cui poggiare le pietre del vero futuro economico dell'area veneziana.
Logistica,cantieristica,turismo,chimica pulita.
A Fiesso D'Artico si vuole costruire la "Citta della Moda", rovinando uno degli angoli più suggestivi della Riviera del Brenta. Cinque immense costruzioni che dovrebbero servire a rilanciare il settore della calzatura. Sarebbe opportuno bloccare questo scempio del territorio e prevedere che esse sorgano nelle aree dismesse del Petrolchimico. L'abbinamento di questi centri della moda con la città di Venezia darebbe maggiore pubblicità e rilancio al settore della calzatura di classe,trovando subito delle risorse economiche.
Come riassorbire le maestranze che perdono il lavoro?
E' difficile credere che con 2.600.000 lavoratori che fanno un doppio lavoro(il secondo in nero;dati riportati su intervista del Gazzettino di ieri) sia così difficile riassorbire un numero di lavoratori così esiguo.
Poi Nel Veneto sono previsti ingressi per il 2007 di 100.000 unità dalla comunità Europea e non per far fronte alle carenze di manodopera.
Spesso,in situazioni analoghe, si preferisce scegliere il percorso della c.i o della mobilità. Ma questi lavoratori non rimangono a casa a scaldare la sedia e vanno ad ingrossare le fila del lavoro nero.

Orlando Masiero 21.08.06 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Spero di non andare troppo fuori tema...ma queste cose fanno incavolare parecchio ed allora uno/a pensa...pensa...e fa certe associazioni di idee. Ora vi dico dove mi hanno portato le mie. E' finita che ho preso in mano una delle due buste paga di casa mia, la prima reperibile, quella di mio marito, impiegato (apparteniamo a quella che una volta era la classe media - coppia impiegato/insegnante- la classe che tutto sommato se la cavava anche discretamente. E, viste alcune situazioni cococo non ci possiamo ancora ritenere dei disperati)).
Comprese alcune ore di straordinario vi leggo i dati significativi:
totale competenze: 3.502.00
totale ritenute : 1.638.00
netto in busta : 1.864.00
E una persona, dopo avere già versato mensilmente praticamente la metà di quello che le spetterebbe, deve anche subire su quello che le resta l'aumento delle bollette energetiche? Il tutto per favorire meglio i dividendi?
Beppe...vorrei un tuo post, inoltre, dove ci si confronta con i lavoratori autonomi, quelli che non vorrebbero l'anagrafe tributaria. Giusto per capire come fanno, loro, ad andarsene in giro, con quello che dichiarano, con le jeep da 50.000 euro e a pagare bollette catastrofiche con il sorriso sulle labbra (sono per il mantenimento dello status quo, giusto? Eni compresa).

anna belli 21.08.06 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io non mi accanirei tanto sull'eni;
oltre 70.000 buoni posti di lavoro in Italia e inoltre è una delle poche società a partecipazione statale che fa degli utili!!
Inoltre so che nei costi prima dell'utile ci sono voci di spesa legate alla ricerca e allo sviluppo che sicuramente non tralasciano le energie alternative (ovviamente fanno questi investimenti sempre nella logica del profitto e non per migliorare la qualità dell'ambiente ....ma meglio di niente)

Ciao

Marco Guerrieri 21.08.06 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Forse Mincato è stato buttato fuori perchè troppo onesto. Si sa che per Berlusconi & C. la fedina macchiata era uno skill necessario; requisito che pare non manchi a Scaroni, attuale presidente.


Da www.repubblica.it/2004/h/sezioni/cronaca/enipower/marzocchi/marzocchi.html


L'inchiesta Enipower è solo all'inizio. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, sarebbero in arrivo nuovi arresti per il giro di mazzette legate agli appalti degli impianti energentici. Nel frattempo Lorenzo Marzocchi, project manager di Enipower, coinvolto nella vicenda delle tangenti legate agli appalti di impianti energetici, è stato licenziato. La decisione, presa dall'amministratore delegato dell'Eni, Vittorio Mincato, non sembra destinata a restare un caso isolato. Stessa sorte toccherà a tutti i dipendenti Eni che isulteranno colpiti dall'inchiesta. "Colpire con severità" è, del resto, l'indicazione di Mincato, che già la scorsa settimana aveva deciso la costituzione di un gruppo di lavoro per verificare le procedure di assegnazione degli appalti delle centrali elettriche Enipower.


Da http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=art&artId=662111&chId=30&artType=Articolo&back=0

Scaroni è stato nominato dal Governo Berlusconi alla guida dell'Enel nel maggio 2002, quando era a Londra alla guida della Pilkington. Laurea alla Bocconi e master alla Columbia di New York, nel suo curriculum incarichi anche ai vertici di Saint Gobain, Siv, Techint. Ma anche un infortunio negli anni di Tangentopoli: nel luglio 1992 fu arrestato, con l'accusa di aver pagato tangenti al Psi per conto di Techint, di cui era Ad, per la centrale elettrica di Brindisi. Nel 1996 Scaroni chiuse la vicenda con un patteggiamento.

Massimo La Mantia 21.08.06 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Tutto crea dividenti, per chi ci gestisce questa è la sola cosa importante.
Anche l'Acqua, elemento indispensabile alla vita crea dividenti.
Con gli utili, invece di fare altri bacini, se veramente l'acqua scarseggia si fanno dividenti, così l'acqua continua a scarseggiare, e loro hanno la scusa per poter aumentare le tariffe.
I verdi dove sono?
Perchè non impongono alle S.p.A. che gestiscono l'acqua di creare nuovi invasi?
I verdi non vogliono il nuclerare ma energia pulita, bene con i nuovi bacini oltre a non far mancare l'acqua, si potrebbe produrre energia elettrica, e poi d'estate rifornire di acqua l'agricoltura.
L'Italia è un paese piovoso, l'acqua non manca, manca solo perchè chi ci gestisce lo vuole per creare dividenti più alti.
Comuni irresponsabili, pur sapendo, hanno passata la mano alle S.p.A.
Sarebbe giusto che tutto ritornasse come prima,e farci gestire da gente oneste. ( se ancora ci sono )
I Tedeschi per casi simini avrebbero fatta la rivoluzione, noi come pecoroni restiamo zitti e paghiamo.
Antonio De Iorgi

Antonio De Iorgi 21.08.06 11:17| 
 |
Rispondi al commento

I problema è che DEVONOtenere su la BORSA
devono fare dividendi

perchè la BORSA è l'ultimo TOTEMdel modello capitalsta finanziario

FICCATEVELO IN TESTA!

così come c'è bisogno di immigrati per alzare i prezzi delle case

Leggetevi
“perché il ‘mattone’ continuerà a salire”

Nel sito:
http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

giuseppe resoli 21.08.06 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

ma tu credi ancora nelle energia alternative???
O meglio credi ancora a questo branco di farabbutti del centrosinistra oggi al governo???

Ti racconto una storia "VERA" nella speranza di aprirti gli occhi....

Lavoro per una società totalmente privata che opera nel settore dell'energia.
Sono anni che portiamo avanti progetti per la realizzazione di impianti Eolici e Fotovoltaici, incontrando ogni volta innumerevoli resistenze, soprattutto a livello di giunte regionali e comunali.
La cosa più simpatica è che le resistenze maggiori vengono sempre dove al governo ci sono giunte rosse, in particolare dai partiti di estrema sx Rifondazione e Comunisti Itlaiani. I peggiori in assoluto comunque sono i Verdi.
L'ultimo progetto presetnato per un parco Eolico di grosse dimensioni in abruzzo, in una località sperduta in mezzo alle montagne e con il paese più vicino a 20 km di distanza, ci è stato bocciato perché nell'esecuzione dei lavori per l'installazione delle pale avremmo distrutto un tipo di erba di cui si cibano le mucche e le pecore presenti in quel territorio.

Per chi non è del settore, facio presente che le pale oggi esistenti non sono altro che dei grossi mulini.
Per poterle piantare nel terreno occorre fare una basamento di cemento armato con un diametro di circa 10 metri.
Una volta piantato il palo il basamento va ricoperto e sopra ci si può nuovamente piantare quel che si vuole.
Dato che le pale sono alte anche fino a trenta metri e che le eliche rimangono sempre ad una distanza di circa 20 metri dal suolo non ci sono problemi a farci pascolare gli animali sotto.
Anche se sono sicuro che i Verdi obietterebbero che il rumore prodotto disturberebbe gli animalli.......................

Vi assicuro che questa storia è vera e potrei citarvene molte altre simili per le quali abbiamo visto rigettati i nostri progetti.....

Saluti

FdC

Franco De Cesaris 21.08.06 10:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Grillo,sembra che stia scoppiando la bolladei famosi BOT,forse sappiamo dove sono finiti i soldi ENI,Telecom,e vari monopoli,ce ne parli perchè di economia i signori ne capiscono poco,noi ancora meno!

stefano masetti 21.08.06 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Finche' turpi termini come "competitivita'" e "produttivita'" produrranno percezioni positive nell' immaginario collettivo, siamo condannati a farci raggirare dall' impresa e da boiardi accoliti. La Terra chiede rispetto, chiede che nn siano piu' immessi gas nell' atmosfera. Chiede che si sfruttino solo le risorse biocompatibili e degradabili. Chiede che la speculazione privata lasci il posto all' utilizzo pubblico delle risorse naturali. Salviamo il pianeta!! (e noi con lui). Bentornato a chi era partito. Ciao

Francesco Manfredi 21.08.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento

IL PRESIDENTE DELL'ENI CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA PER "CORRUZIONE" E' ANCORA PRESIDENTE DELL'ENI !!!!!!??????

MA SIAMO SICURI CHE LE ELEZIONI LE HANNO VINTE IL CENTROSINISTRA !!!??

O QUESTO GOVERNO, E' UGUALE AL CENTRODESTRA
( cambiano i sonatori ma la mmusica è s empre la stessa).
BEPPE !! DACCI UNA MANO !!!!!!!!!!!!

finetto gianni 21.08.06 10:05| 
 |
Rispondi al commento

ADESSO BASTA- infiltrato di quale immondo potere occulto G. Cesare Contin, stai abusando dell'educazione dello spazio libero e della pazienza di noi tutti ( o quasi ). Se non ti piace cambia lido e pensa a fare sesso!!altrimenti formiamo una COORTE.... E " blog figlio mio.....". torna dai tuoi padroni BERLUSCONES

roy bliss 21.08.06 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Rimango sempre della mia teoria: i servizi primari (Energia elettrica intesa come cavi e cabine di trasformazione, Eni, ferrovie intese come binari, autostrade) non vanno assolutamente privatizzate, perchè sono mie, nostre, di tutti!!
Come diceva qualcuno, in Italia siamo bravissimi a privatizzare gli utili e statalizzare le perdite...

Antonio Cisaria Commentatore in marcia al V2day 21.08.06 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Questo è l'ennesimo esmpio di come veniamo presi per i fondelli dai nostri "dipendenti" che dopo aver incassato il nostro voto incassano un lauto stipendio per 5 anni e si divertono a dimostraci quanto siamo stati cretini a votarli! Non ci resta che la piazza o andaresne per sempre!

oscar scheffler 21.08.06 09:23| 
 |
Rispondi al commento

che tristezza...

gioix m 21.08.06 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Rivendichiamo i prototipi di auto che fanno gli 800km con un litro... perché queste auto esistono ma chissà perché solo in prototipazione.

Marco Ginelli 21.08.06 08:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ebbene, rieccoci con il petrolio, sinonimo di sviluppo industriale nel secolo scorso, piaga sociale degli ultimi decenni.
Guerre, scenari economici, inflazione, tassi, inquinamento, effetto serra, tutto riconducibile a questo idrocarburo.
L'ENI investe anche in enrgie alternative, ma calcolando che tutto non prenda il sopravvento, che il petrolio non venga soppiantato a breve, i polli da spennare sono ancora molti e dopo tutto ancora un trentennio di petrolio possiamo ancora sorbircelo!
Ma come, qui a Verona, nella campagna, una tranquilla stalla mantiene l'intero sistema elettrico sfruttando il biogas prodotto dal letame delle mucche; un progetto coofinanziato, un esempio per tutti... ma allora è possibile!?!?!? Non è fantascienza!!!
Sono pienamente daccordo che l'energia è un bene primario, ed anch'io mi domando da tempo come possa l'ENI avere questi utili se le nostre bollette aumentano. Ma certo, l'utile ormai è tutto, ma noi famiglie, l'utile come possiamo mantenerlo sempre costante? Ci sono due modi, stringere i cordoni o indebitarci per mantenere il nostro standard di vita.
Il mercato insiste per la seconda opzione, cosicchè anche le banche ingrassano, e gli azionisti dell'ENI sono gli stessi delle banche, e così la liquidità circolante aumenta, e la BCE alza i tassi e... anche qui un bel girotondo, come citato nell'articolo inerente le società autostradali, peccato che chi gioca siano sempre le stesse persone

alessandro solinas 21.08.06 07:29| 
 |
Rispondi al commento

Non serve che nessuno ti insulti, hai già fatto tutto da solo.
Buona notte a tutti definitivamente.
Caio Giulio Cesare Contin 21.08.06 01:40 | Rispondi al commento |
-------------------------------------------------

....il secondo. Ma questo è speciale. Di quelli che non si fanno la barba per non guardarsi allo specchio

frisco falco 21.08.06 01:50| 
 |
Rispondi al commento

E'vero che è tutto uno scandalo e che l'Eni ci mangia sopra, ma Ricordiamo che il nostro caro amico Stato è il maggiore azionista.
La benzina rappresenta nel nostro Paese, come in tutto il mondo, la VERA fonte di incassi per lo Stato. Per qualsiasi entrata economica necessaria lo Stato non deve fare altro che applicare una leggera manovra sul prezzo del carburante. Con questa scusa i diversi governi, di sinistra e di destra,hanno fatto notare la loro presenza. Mi sto riferendo alle accise. Il prezzo del carburante è in parte rappresentato da accise. Ciò che fa rabbrividire è il fatto che quando andiamo a fare il rifornimento siamo costretti a pagare una tassa, anche se modesta, per FINANZIARE LA GUERRA IN ETIOPIA AVVENUTA NEL 1935. (vedi http://www.ecoage.org/info/storia-accise-benzina-italia.php ). Le accise non sono mai state tolte.Il problema è, quindi, più grande di quello che ci viene presentato. Da una parte ci sono gli interessi dell'Eni, vero polmone economico per l'italia, dall'altra quelli dello Stato che nasconde la sua richiesta di fondi con piccoli aumenti del prezzo della benzina.
La vera soluzione alla nostra dipendenza dall'estero di energia è il NUCLEARE.Finchè però non ci si mette in testa seriamente di risolvere la questione dello smaltimento delle scorie nucleari avremo inverni freddi come quello appena trascorso.

Silvio Albanesi 21.08.06 01:23| 
 |
Rispondi al commento

L'ENI è una di quelle CASE,come dice lei ,come diceva anzi quale pregeggenza,che avendo un secchio di acqua disponibile,mentre tutto bruciava,decise.....di farsi una doccia...Che ingratitudine!

stefano masetti 21.08.06 00:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma i nostri nuovi datori di lavoro,la mortadella, cosa stanno facendo? Dobbiamo mandargli qualche lettera di richiamo......

Giulio Gorini 21.08.06 00:22| 
 |
Rispondi al commento

TUTTI A CASA DI SILVIO

ANTONIO PISTIS 20.08.06 23:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL COSTO DEL PETROLIO DIPENDE IN GRAN PARTE DALL'INFLAZIONE DOVUTA ALL'INONDAZIONE DEL DOLLARO NEL MONDO. Gli Stati Uniti oggi sopravvivono solamente grazie a questo stratagemma. Grazie alla loro supremazia, hanno ottenuto che il petrolio fosse venduto nelle due principali borse al mondo solamente in cambio della loro moneta. Ne deriva che tutti gli stati sono costretti a procacciarsi dollari per i rifornimenti energetici, commerciando ogni ben di Dio in cambio di dollaricartastraccia, che ai banchieri americani non costa assolutamente nulla. E ne hanno stampati talmente tanti, che dal 23 Marzo 2006 hanno iniziato a tenere nascosti i dati sulla quantità emessa (vedi http://www.federalreserve.gov/Releases/h6/discm3.htm ). Ma la tendenza di crescita esponenziale degli ultimi anni evidenziata dai grafici, mi porta a sostenere che l’inflazione creata dal dollaro ha raggiunto livelli esplosivi, diluendo il potere di acquisto di tutti noi. Non solo: il sospetto è che ci sia una corrispondenza diretta tra crescita della massa monetaria in dollari e prezzo del petrolio, visto che entrambi sono controllati dalle stesse lobby; per questo è necessario e sufficiente aumentare il prezzo del greggio ogniqualvolta si abbia necessità di spesa. E gli americani, in fatto di spese, non sono secondi a nessuno. Sono, infatti, il paese che ha il più alto debito pubblico al mondo, debito che come sappiamo bene, è causato proprio dall’emissione di dollari in cambio di titoli di Stato. Per cambiare questo stato d cose, dobbiamo prendere coscienza che il denaro non può essere di proprietà dei banchieri ma dei cittadini, e le banche centrali devono svolgere solamente il ruolo di tipografia e magari di consulenza al servizio del Ministero del tesoro...continua su http://la-tela.blogspot.com/


Solo due commenti, in parte in difesa del gigante dell'energia. Per il resto sono d'accordo su tutto, ma il cambiamento sarebbe troppo forte.

1) prima di tutto non dimentichiamo che l'azionista (lo stato) incassa l'utile dell'ENI e quindi non ha molti interessi a "reinvestire" queste somme - provate un pò a togliere soldi allo stato italiano... gigante vorace con tanta spesa pubblica....
2) Mincato non è stato sostituito senza ragione: ci siamo dimenticati forse la storia della bolla del gas ? non era lui il sostenitore della tesi che in Italia c'era troppo gas ?

Il prezzo dell'oil è frutto di speculazioni che sono di un ordine di grandezza sopra di noi.. non riusciremo mai ad influenzarlo.

Ciao Ciao

Alberto

Alberto Ascari 20.08.06 23:16| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe ,una domanda.ma devo diventare pregiudicato per poter arrivare a certi livelli?
ricorda .che chi parla male di te sapesse cosa ne pensi di lui.bè sicuramente perlerebbe peggio

giovanni spanu 20.08.06 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Beppeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
cos'è questa notizia?

====Dal sito dell'Ansa====
LONDRA - L'irlandese Sean McCarthy dice di aver inventato un sistema per produrre energia gratuitamente, e già 400 scienziati gli hanno scritto chiedendo di poter testare il suo metodo. Lo scrive il settimanale Observer. McCarthy, proprietario di una piccola azienda di Hi-tech a Dublino, sostiene che nessuno era più scettico di lui quando si é accorto che dall'interazione di campi magnetici nasceva energia continua e gratuita. Il sistema - secondo lo scienziato fai-da-te - può fornire energia per tutto, dai cellulari alle automobili.

"Non mi sono messo a gridare 'Eureka!' - racconta McCarthy - ma piuttosto mi sono detto 'torna la' dentro e controlla tutti i tuoi strumentì". Quando però l'ingegnoso imprenditore ha telefonato a diversi scienziati per metterli al corrente della sua scoperta, in molti gli hanno attaccato il telefono in faccia o si sono comunque rifiutati di dargli credito.

Per questo, la scorsa settimana McCarthy si è comprato una pagina del settimanale Economist nella quale invita il mondo scientifico a testare la sua scoperta. L'imprenditore sostiene che il suo sistema fornisce una quantità di energia cinque volte superiore a quella della batteria di un cellulare con le stesse dimensioni. Il nuovo metodo presenta inoltre il vantaggio di non aver bisogno di ricariche.

Nelle 36 ore successive all'uscita della pagina pubblicitaria, McCarthy è stato contattato da oltre 400 scienziati di tutto il mondo. Sono oltre 4mila le persone che gli hanno chiesto di rendere noti i risultati dei test appena possibile
====Fine articolo====

e se fosse vero? quanto sopravviverà questo scienziato prima di essere "indotto gentilmente al suicidio?". Si accettano scommesse.


Salute! finalmente una grande azienda italian in attivo! e come è che nessuno festeggia? ehm... forse la festa questi signori la stanno facendo a noi gai perche mi sa che tra un pò le macchine andranno a carbonella....
P.S. qualchuno sa se la carbonella è un bene che questi signori possono tassare?

Nicola Artiano 20.08.06 21:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è avvilente pensare che presto, molto presto, ci troveremo a scontare tutti gli errori commessi da questa gente che nella scelta delle cose da cambiare riesce a farsi influenzare solo dai guadagni del giorno dopo, invece che dai rischi molto grandi che ci coinvolgeranno magari un po' più in là...beh, allora questa gente si potrà godere i soldi...ma con chi??

Claudio recchia 20.08.06 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Ho lavorato con immigrati moldavi e africani, sopratutto senegalesi e marocchini ( che mi hanno fatto conoscere Bob Marley) e in un'azienda del nordest trattati pure molto male, la cosa mi ha fatto vergognare di essere italiano, questo avvenne tra la fine del 2003 e l'inizio del 2004.Io mi auguro che le cose cambino radicalmente per tutti, perchè non è possibile lavorare in condizioni di sicurezza, da inghilterra dell'inizio della rivoluzione industriale, non si può, per gli immigrati e per noi "giovani".
Ciao Beppe vai così
Alvise

Alvise Fossa Commentatore in marcia al V2day 20.08.06 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Coraggio, pazientate, le cose non dovrebbero cambiare adesso che la sinistra è al governo e Berlusconi non c'è più..
...
...
...

o no??


L'acqua costa più della benzina... provate a chiedere una bottiglia di mezzo litro d'acqua in un bar... confrontate il costo con quello della benzina ed il gioco è fatto.

Dario Del Giudice 20.08.06 19:29| 
 |
Rispondi al commento

FIRENZE SARA’ CAPITALE DELLE ENERGIE RINNOVABILI

(ANSA) - Firenze diventera’ per una settimana la capitale delle energie rinnovabili. E’ qui che si svolgerà la IX edizione del congresso mondiale sulle energie rinnovabili “Wrec2006, World Renewable Energy Congress”, in programma da lunedì 21 a venerdì 25 agosto.

Il simposio e’ organizzato dall’ateneo fiorentino e dal Centro interuniversitario Abita “Architettura Bioecologica e Innovazione Tecnologica per l’Ambiente”, cui afferiscono otto Università impegnato da oltre dieci anni anche a livello internazionale, nell’attività di ricerca, sviluppo tecnologico, formazione e divulgazione sui temi dell’energia e dell’ambiente.
Il Wrec e’ il maggior forum riconosciuto nel settore della sostenibilità ambientale, nato per creare relazioni tra i settori della ricerca ambientale ed energetica. Attraverso regolari incontri ed esposizioni di prodotti, riunisce insieme i soggetti che forniscono, utilizzano, sviluppano e distribuiscono fonti di energie sostenibili. Il congresso si occuperà di tecnologia dell’idrogeno, biomasse, energia eolica e solare e architettura sostenibile; politiche di incentivazione, architettura a ridotti consumi energetici e geotermia… l’ambiente urbano, qualità e l’inquinamento dell’aria ed educazione delle nuove generazioni alle energie rinnovabili. Questa edizione, dopo il successo della precedente conferenza del 2004 a Denver (USA), prevede il coinvolgimento di oltre 1.000 partecipanti tra aziende, università e centri di ricerca, enti pubblici, professionisti, associazioni e agenzie energetiche dagli Stati Uniti, dall’Europa, dall’Africa, Medio Oriente, India e Cina.
E’ prevista la partecipazione di personalità politiche internazionali, come il presidente dell’Islanda Grimsson e il ministro dell’Ambiente dell’Ecuador.
I lavori si apriranno il 21 al Palazzo dei Congressi, proseguiranno in Santa Verdiana e si concluderanno nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio.

Paola Bassi 20.08.06 19:24| 
 |
Rispondi al commento

gpl per tutti

ANTONIO PISTIS 20.08.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

possibile che nessuno riesca a fermare questo sciempio? E' una cosa VERGOGNOSA!!!!!

massimiliano bonechi 20.08.06 18:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro beppe tu non hai problemi per trovare i tuoi argomenti perche in questa nazione ovunque e in qualsiasi settore tu metta le mani trovi m........ ma tanta ciao.

gino rossignoli Commentatore in marcia al V2day 20.08.06 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Grillo, mi trovi pienamente d'accordo. Rimango ovviamente sorpreso che il CEO di ENI sia stato coinvolto in un fatto di corruzione. So però che anche alcuni deputati hanno lo stesso problema : cosa si fa (da parte sia della sinistra che della destra)per eliminare questo aspetto così negativo della ns. vita pubblica?

Per quanto riguarda gli utili di ENI dovrebbero essere utilizzati per abbattere il costo delle bollette per l'anno successivo. Nel caso poi che nell'anno successivo i costi siano superiori alle entrate, le bollettte dovrebbero essere aumentate per l'anno dopo. E così via. Alcuni dicono che la riduzione sarebbe però soltanto marginale per ciascun utente : non importa, il messaggio per il cittadino sarebbe comunque solo positivo.

Potrebbe anche essere una buona idea magari devolvere solo metà degli utili alla riduzione delle bollette e l'altra metà alla ricerca di processi energetici alternativi, che potrebbero tradursi in riduzioni ben più interessanti delle bollette.

Quello che soprattutto mi pare di notare è, comunque, che sia la sinistra che la destra sono ben d'accordo nel non far nulla e nel continuare così.

Carlo OGGIONNI 20.08.06 18:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Minchia Mincato! Fatti forza! Telefona e chiarisci tutto per noi bovini.

Enrico Rossi 20.08.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Poveri gli Italiani presi per i fondelli.Povera Italia ,zoccola dei briganti,che governano.

maurizio miot 20.08.06 18:30| 
 |
Rispondi al commento

MINCATO, SE SEI UOMO DI CORAGGIO CHIAMA BEPPE GRILLO E SPIEGA LA SITUAZIONE...

Locatelli Luca 20.08.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe io volevo mettere i pannelli solari ha casa ma non ti ci puoi avvicinare per come sono costosi.possibile per una famiglia che lavora una persona sola non c'e' aiuto.

patty 20.08.06 18:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ben detto grillo.
Perchè l'eni non reinveste questa montagna di soldi per sviluppare una tecnologia che consenta di produrre pannelli fotovoltaici ad alta efficienza e basso costo?
Basta bruciare petrolio.
Il petrolio lo hanno prodotto(IN MILIONI DI ANNI) piante e organismi viventi sfruttando l'energia della unica pila a distanza che ci alimenta "IL SOLE".Noi lo stiamo consumando in pochi decenni.
Abbiamo scaricato un accumulatore che ci ha messo milioni di anni per caricarsi.ADESSO NON CI RESTA CHE VIVERE CARICANDOCI ON LINE CIOE' GIORNO PER GIORNO ALTRIMENTI SIAMO SPACCIATI.

matteo

matteo quitadamo 20.08.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Chimica pulita al petrolchimico di Porto Marghera:
polo dell'idrogeno
trasformazione dei prodotti dell'agricoltura in plastica,carburanti e seguire.

Orlando Masiero 20.08.06 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Costruire la città della moda al posto del vecchio Petrolchimico.Non chiedere all'Eni di sostituire la DOW

La scelta di non riavviare gli impianti da parte della Dow se confermata, rappresenterebbe un'opportunità unica per chiudere definitivamente con la chimica di base. Il dramma descritto, per gli operai impiegati nel Petrolchimico, serve soltanto a qualcuno per rimanere aggrappato nella difesa di interessi che non concidono con quella dei cittadini veneziani. L'intera area bonificata darebbe spazi immensi su cui poggiare le pietre del vero futuro economico dell'area veneziana.
Logistica,cantieristica,turismo,chimica pulita.
A Fiesso D'Artico si vuole costruire la "Citta della Moda", rovinando uno degli angoli più suggestivi della Riviera del Brenta. Cinque immense costruzioni che dovrebbero servire a rilanciare il settore della calzatura. Sarebbe opportuno bloccare questo scempio del territorio e prevedere che esse sorgano nelle aree dismesse del Petrolchimico. L'abbinamento di questi centri della moda con la città di Venezia darebbe maggiore pubblicità e rilancio al settore della calzatura di classe,trovando subito delle risorse economiche.
Come riassorbire le maestranze che perdono il lavoro?
E' difficile credere che con 2.600.000 lavoratori che fanno un doppio lavoro(il secondo in nero;dati riportati su intervista del Gazzettino di ieri) sia così difficile riassorbire un numero di lavoratori così esiguo.
Poi Nel Veneto sono previsti ingressi per il 2007 di 100.000 unità dalla comunità Europea e non per far fronte alle carenze di manodopera.
Spesso,in situazioni analoghe, si preferisce scegliere il percorso della c.i o della mobilità. Ma questi lavoratori non rimangono a casa a scaldare la sedia e vanno ad ingrossare le fila del lavoro nero.

Orlando Masiero 20.08.06 18:03| 
 |
Rispondi al commento

ciao leggi questa

mario tote 20.08.06 17:59| 
 |
Rispondi al commento

A chi Pensa Che Le Cose Non Possano Essere Cambiate, imploro quantomeno di tentare. L'energia e' un bene vitale come l'acqua e l'aria pulita. Non credo che se tutti noi avessimo energia pulita ed in abbondanza le cose andrebbero forse peggio...(incenerire col solare ad esempio)...ma penso che potremmo invece salvarci dall'autodistruzione chimica in atto. Ribadisco, caro Beppe, che e' giunto il momento di parlare di H.A.A.R.P
Forse io sono troppo giovane e impulsivo, ma mi fa incazzare il tuo silenzio. Ti rispetto come uomo e come Pensatore Rivoluzionario. Dunque, ti prego, dai un'occhiata qui e poi posta qualcosa.

Se qualcuno e' al corrente o sa qualcosa a riguardo, cerchi riscontri sul mio blog, cercando H.A.A.R.P.

La rete siamo noi

P.S Nel tuo intervento in toscana, hai detto che esistono dei tuoi conoscenti appartenenti alla "5'a dimensione" che parlano di "stupidaggini" quali le SCIE CHIMICHE. Beh, quei folli siamo "NOI" e ti ringraziamo del coraggio. Non e' facile neanche poterle nominare, ma tu l'hai fatto per primo. Ribadisco, Ora fallo con H.A.A.R.P.

2.P.S
Abbiamo Notizie di RUBBIA e del suo "progetto archimede" ad ALMEIRA, in SPAGNA? Beppe, tu puoi contattarlo. Facci sapere a che punto e' il prototipo di parabola Dish-stirling da 9 KW ora che stanno costruendo....

Ps 3

Il filmato di vincent gambino sul controllo globale fa parte del Progetto H.A.A.R.P

www.oseido.tk

oseido 20.08.06 17:31| 
 |
Rispondi al commento

«Nell’ecosistema poundiano le battaglie del fascismo contro il potere finanziario, «l’usura nelle luride banche ed il furto nelle società anonime», lo rendono sempre più convinto della necessità di fare qualcosa. Da qui la fascinazione verso i movimenti che in Europa si opposero allo sfruttamento economico perpetrato dai grandi usurai ai danni del popolo. In questo senso ho cercato di occuparmi anche di quella che viene definita la pregiudiziale antisemita di Pound, in quanto nei suoi scritti vengono sferrati evidenti attacchi alla lobby dei banchieri ebrei. Il fatto è che, piaccia o non piaccia, i grandi banchieri dell’epoca (Rothschild, Lehman, Kuhn, Loeb, Lazard) erano ebrei e quindi si verificò una netta sovrapposizione tra critica mossa alla Grande Usura Internazionale e quelli che Pound riteneva essere i diretti responsabili, cioè i proprietari delle grandi banche. D’altronde riesce difficile comprendere le ragioni della dichiarazione di Meyer Amschel Rothschild, quando afferma: “Autorizzatemi ad emettere moneta e a controllare il sistema monetario di un Paese ed io non mi preoccuperò più di chi fa le leggi”».

Erw in

www.thu le-tosca na.com


www.oseido.tk

P.S

H.A.A.R.P is HERE

oseido 20.08.06 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Propongo un sistema per approvare o meno un commento: effettuare un copia ed incolla dello stesso, con sotto approvazione o negazione...la rete siamo noi

www.oseido.tk

oseido 20.08.06 17:27| 
 |
Rispondi al commento

approvo la tua lotta. Forza e coraggio!!

oseido 20.08.06 17:14 |
*********
Erw in per Oseido:

dunque : la NOSTRA lotta!
Forza poca...
Coraggio da dare a chi ne difetta...

Heil!

Erw in

www.thu le-tosca na.com
**************************************************
**************************************************
DUNQUE CHE LA N0STRA SIA!!
Se prima eravamo in due.....
adesso?

oseido 20.08.06 17:24| 
 |
Rispondi al commento

«Nell’ecosistema poundiano le battaglie del fascismo contro il potere finanziario, «l’usura nelle luride banche ed il furto nelle società anonime», lo rendono sempre più convinto della necessità di fare qualcosa. Da qui la fascinazione verso i movimenti che in Europa si opposero allo sfruttamento economico perpetrato dai grandi usurai ai danni del popolo. In questo senso ho cercato di occuparmi anche di quella che viene definita la pregiudiziale antisemita di Pound, in quanto nei suoi scritti vengono sferrati evidenti attacchi alla lobby dei banchieri ebrei. Il fatto è che, piaccia o non piaccia, i grandi banchieri dell’epoca (Rothschild, Lehman, Kuhn, Loeb, Lazard) erano ebrei e quindi si verificò una netta sovrapposizione tra critica mossa alla Grande Usura Internazionale e quelli che Pound riteneva essere i diretti responsabili, cioè i proprietari delle grandi banche. D’altronde riesce difficile comprendere le ragioni della dichiarazione di Meyer Amschel Rothschild, quando afferma: “Autorizzatemi ad emettere moneta e a controllare il sistema monetario di un Paese ed io non mi preoccuperò più di chi fa le leggi”».

Erw in

www.thu le-tosca na.com

E:R:W:I:N- T:H:U:L:E 20.08.06 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,non so se sei in grado di dare una risposta a chi in questo blog ti ha chiesto se sai dire se i leaders di Comunicazione e Liberazione hanno in mano tutte le risposte per un futuro migliore.
Speravamo che invitassero almeno te,ma se nonostante il mancato invito lo sai e non ce lo fai sapere andrai all'inferno nel cerchio dei traditori.

Salvatore Ricciardi 20.08.06 17:22| 
 |
Rispondi al commento

approvo la tua lotta. Forza e coraggio!!

oseido 20.08.06 17:14 |
*********
Erw in per Oseido:

dunque : la NOSTRA lotta!
Forza poca...
Coraggio da dare a chi ne difetta...

Heil!

Erw in

www.thu le-tosca na.com

E:R:W:I:N- T:H:U:L:E 20.08.06 17:20| 
 |
Rispondi al commento

ENI ( USURA ?)

«Una nazione che non vuole indebitarsi fa rabbia agli usurai». Basterebbe questa frase per dimostrare l’attualità di Ezra Pound, il famoso economista e scrittore americano che, malgrado i più grandi riconoscimenti accademici internazionali, venne letteralmente ingabbiato ed sposto come una belva dalle autorità statunitensi immediatamente dopo la fine dell’ultimo conflitto mondiale. La colpa di Pound? Essersi schierato contro le “plutocrazie” occidentali a favore dei paesi fascisti d’Europa, con particolare predilezione per l’opera di Mussolini. Naturalmente Pound non torse mai un capello ad alcuno, ma dai microfoni della radio fascista aveva continuato a criticare gli eccessi del capitalismo e del mercantilismo usurocratico anglo-americano. Un “reato” imperdonabile, che costò carissimo al luminare. Dal 1945 in poi, fino alla sua morte, il nome di Pound venne relegato negli angoli bui, nel dimenticatoio esecrato ed esecrabile, fino all’onta vergognosa dell’esposizione in una gabbia, dopo mesi di prigione in un campo di concentramento.

erw in

www.thu le-tosca na.com


oseido 20.08.06 17:13| 
 |
Rispondi al commento

ENI ( USURA ?)

«Una nazione che non vuole indebitarsi fa rabbia agli usurai». Basterebbe questa frase per dimostrare l’attualità di Ezra Pound, il famoso economista e scrittore americano che, malgrado i più grandi riconoscimenti accademici internazionali, venne letteralmente ingabbiato ed sposto come una belva dalle autorità statunitensi immediatamente dopo la fine dell’ultimo conflitto mondiale. La colpa di Pound? Essersi schierato contro le “plutocrazie” occidentali a favore dei paesi fascisti d’Europa, con particolare predilezione per l’opera di Mussolini. Naturalmente Pound non torse mai un capello ad alcuno, ma dai microfoni della radio fascista aveva continuato a criticare gli eccessi del capitalismo e del mercantilismo usurocratico anglo-americano. Un “reato” imperdonabile, che costò carissimo al luminare. Dal 1945 in poi, fino alla sua morte, il nome di Pound venne relegato negli angoli bui, nel dimenticatoio esecrato ed esecrabile, fino all’onta vergognosa dell’esposizione in una gabbia, dopo mesi di prigione in un campo di concentramento.

erw in

www.thu le-tosca na.com

E:R:W:I:N- T:H:U:L:E 20.08.06 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A chi Pensa Che Le Cose Non Possano Essere Cambiate, imploro quantomeno di tentare. L'energia e' un bene vitale come l'acqua e l'aria pulita. Non credo che se tutti noi avessimo energia pulita ed in abbondanza le cose andrebbero forse peggio...(incenerire col solare ad esempio)...ma penso che potremmo invece salvarci dall'autodistruzione chimica in atto. Ribadisco, caro Beppe, che e' giunto il momento di parlare di H.A.A.R.P
Forse io sono troppo giovane e impulsivo, ma mi fa incazzare il tuo silenzio. Ti rispetto come uomo e come Pensatore Rivoluzionario. Dunque, ti prego, dai un'occhiata qui e poi posta qualcosa.

Se qualcuno e' al corrente o sa qualcosa a riguardo, cerchi riscontri sul mio blog, cercando H.A.A.R.P.

La rete siamo noi

P.S Nel tuo intervento in toscana, hai detto che esistono dei tuoi conoscenti appartenenti alla "5'a dimensione" che parlano di "stupidaggini" quali le SCIE CHIMICHE. Beh, quei folli siamo "NOI" e ti ringraziamo del coraggio. Non e' facile neanche poterle nominare, ma tu l'hai fatto per primo. Ribadisco, Ora fallo con H.A.A.R.P.

2.P.S
Abbiamo Notizie di RUBBIA e del suo "progetto archimede" ad ALMEIRA, in SPAGNA? Beppe, tu puoi contattarlo. Facci sapere a che punto e' il prototipo di parabola Dish-stirling da 9 KW ora che stanno costruendo....

Ps 3

Il filmato di vincent gambino sul controllo globale fa parte del Progetto H.A.A.R.P

www.oseido.tk

oseido 20.08.06 17:10| 
 |
Rispondi al commento

I miei messaggi del 15 agosto sul tema religione sono stati totalmente cancellati da Grillo o dai suoi aiutanti. Ancora mi chiedo come mai Grillo abbia voluto calpestare, distruggere, almeno sul suo blog, la mia lotta per i diritti umani e a favore della razionalità.

Su questo sito non puoi parlare male della Chiesa, è vietato, è un tabù che non deve essere infranto. Sinceramente non mi aspettavo tanta superficialità da parte di Grillo, sono molto deluso, deluso soprattutto riguardo a quelle persone che si fanno paladine della lotta alle ingiustizie.

Ho chiesto spiegazioni ma non mi sono state date. Il motivo è forse che avendo preso le difese dei gay vengo schifato come "pervertito"? Quel che scrivo, anche se sono frasi tratte dalla Bibbia, viene visto come oltraggioso, negativo. E' questo il mondo che piace a Grillo?

Lui che fu censurato in RAI per aver fatto una battuta sui socialisti ai tempi di Craxi adesso cancella con molta superficialità i miei messaggi. Non mi riferisco ai messaggi scritti di recente che erano volutamente di boicottaggio, di protesta, di disturbo. Mi riferisco ai messaggi seri che avevo scritto il 15 agosto nel thread sulla religione. Sono stati cancellati senza un motivo, senza una spiegazione. Grillo ha voluto calpestare la mia lotta per i diritti umani. Perché?

W W W . R A Z I O N A L M E N T E . N E T

mario rossi 20.08.06 17:04| 
 |
Rispondi al commento

CoESPU (Centro di Eccellenza per le Stability Police Units)
Questo Centro, attualmente diretto dal Generale di Brigata (..), trae la sua origine da un'iniziativa italiana, sostenuta dai Paesi del G8 durante l'ultimo summit tenutosi a Sea Island (USA), e fa parte di un più ampio progetto della Comunità Internazionale che mira ad offrire assistenza tecnica e finanziaria al fine di incrementare le capacità globali per le operazioni di sostegno della pace, con particolare attenzione ai paesi africani.I leader dei paesi del G8 al vertice di Kananaskis del 2002 hanno preso l'impegno di "fornire assistenza tecnica e finanziaria, in modo da garantire che entro il 2010 le Nazioni africane e le Organizzazioni regionali e sub-regionali siano in grado di impegnarsi in modo più efficace per prevenire e risolvere i conflitti violenti del continente". Al vertice di Sea Island del 2004, i leader del G-8 hanno adottato formalmente un piano d'azione denominato "Espansione della capacità Globale nelle Operazioni per il supporto della Pace" che mira proprio ad aumentare la capacità globale di sostegno alle PSO, particolarmente nei paesi africani.
Il G-8 Action Plan prevede in particolare di addestrare - entro il 2010 - circa 75.000 "peacekeeper" internazionali; si è considerata l'opportunità che il 10% di questi (circa 7.500) sia composto da forze di polizia "tipo-carabinieri/gendarmeria" (ovvero forze di polizia a status militare), specializzate nella gestione della transizione da una situazione di post-crisi ad un contesto più stabile per la ricostruzione.
Chiaramente, l'ambizioso progetto del G-8 richiederà un accrescimento delle competenze di peacekeeping in quei Paesi le cui forze potrebbero essere disponibili per lo sviluppo delle operazioni di supporto della pace. Sarà necessario promuovere la creazione di forze tipo Carabinieri/Gendarmeria, che siano preparate per un dispiegamento rapido, logisticamente indipendenti, in grado di interoperare con componenti militari,inamb.ost

oseido 20.08.06 17:03| 
 |
Rispondi al commento

@liliana pace
Per quanto ne so, il discorso della banca etica è molto complesso: le filiali non sono in tutte le città, e i motivi per cui non trovano spazio credo siano facilmente intuibili da tutti.
Ti riassumo alcuni punti pratici: per i servizi come il bancomat, hanno in genere una o due agenzie di credito che rendono disponibile questo servizio presso i loro sportelli senza costi aggiuntivi. E' un servizio che sta migliorando, ma ancora non fornisce tutti i servizi delle altre banche. In compenso la lealtà e la trasparenza sono molto migliori, e non ci sono le pressioni per investimenti che generalmente trovi nelle altre banche. Se c'è una filiale nella tua città, ti consiglio di informarti presso i loro sportelli.
Ciao

rosa misonrotta 20.08.06 16:59| 
 |
Rispondi al commento

ritornando al discorso delle banche
1) ma qualcuno di voi sa se si possono aprire conti correnti nei paesi area euro?
2) mi ricordo che qualcuno in altri post ha parlato di banche etiche, vogliamo approfondire?3) il decreto bersani che abolisce i costi chiusura conto non va in direnzione di una sana concorrenza?

liliana pace 20.08.06 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Quasi OT:

1-Motore + lavatrice + serpentina di schietti: sono tutte minchiate partorite da menti ignoranti in fisica e ingegneria:NON fungono ve lo dice un ing.

2-La soluzione ci sarebbe: c'era una volta Nikola Tesla (il papà della radio,del motore e generatore elettrico...e disvariate altre cose utili ma censurate)...peccato che come molti è dovuto emigrare in america e così....
Chiedetevi perchè un pazzo furioso guerrafondaio come Teller volesse a tutti i costi mettere le mani suio progetti di Tesla (per fortuna non c'è riuscito oppure ce lo fanno credere).

3-Guarda caso Rubbia è in esilio in spagna dove costruirà (grazie al governo spagnolo) la sua centrale solare, nonostante lo stesso progetto fosse stato presentato in italia.

Come qualcuno ha già detto : povero Mattei!

Andrea Mara 20.08.06 16:36| 
 |
Rispondi al commento

FUORI TEMA
Perchè il campionato mondiale di moto GP CHE DA TANTO SPETTACOLO E PROVA DI DESTREZZA ,grazie anche ai nostri campioni, deve essere commentato da DUE ROZZI CRONISTI CHE USANO UN LINGUAGGIO GERGALE DA "AVVINAZZATI DI SAGRE CAMPESTRI"
Anche la televisione commerciale dovrebbe avere un minimo di dignità!...

ilaria core 20.08.06 16:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di ENI,
ma quando è che processano berlusconi in spagna?
Sarà possibile che gli spagnoli lo schiaffino davvero in galera?
In spagna c'è l' indulto?

annamaria farina 20.08.06 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro Zio Beppe i ciellini hanno in mano tutte le risposte per un futuro migliore vero? Ma chi ha dato loro queste capacità soprannaturali? Dio in persona? Mi spieghi perchè si riuniscono queste persone? perchè possono invitare i potenti? e soprattutto perchè i potenti (di stato e chiesa) si fanno ospitare da cielle? e' massoneria? ci sono interessi economici dietro a cielle o è solo massoneria spirituale? mi aspetto un post su questo maledetto meeting e sulle sue implicazioni nella vita del nostro pAESE.. grazie

Rea Zio Nario 20.08.06 16:28| 
 |
Rispondi al commento

LA SOLUZIONE?

Energia:

Lo stato è proprietario di tutte le strutture ed aziende che gestiscono le fonti di energia.

I grossi “capitalisti” ricevono in “comodato d’uso” la distribuzione dell’energia.

I prezzi minimi e massimi, devono essere determinati sulla base della media europea e calcolati e controllati dallo stato.

Cittadino, vuoi acquistare energia?

Che impianto hai?

Lampadine normali, faretti,………………euro 1000 annui.

lampadine “free”, pannelli solari…………euro 500 annui

Nessun rapporto tra le aziende “distributrici”, e membri del parlamento.

I prezzi di materiale, e prodotti finiti, e messa in opera, per la costruzione di energia (pannelli solari etc.) devono essere controllati dallo stato sulla base di un prezzo di vendita al cittadino in linea allo “sconto” ricevuto per la modifica degli impianti in energia “autogestibile”.

Le aziende devono distribuire………..4 addetti ed un center con tanti co.co.co………costa poco.

Il cittadino è invogliato a valutare alternative.

Lo stato gestisce i fondi in informazione e energia nuova.

“Pensighe, basta pòco…….. sa ghè vol!

“Anonimo Veneziano”

P.S. Contin!!!! Aspetto una tua replica da “illuminato”!!!!!! (Sig! senza non dormirei!, meglio della valeriana.....o di una purga?)

e come dice Floris di Ballarò....

ALE'


Cesare Marchi 20.08.06 16:28| 
 |
Rispondi al commento

manuela bellandi


Non te la piglià........t'ho provocato!!!!

ed hai risposto come pensavo.

cè possino.........

massimo cataldo 20.08.06 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

massimo cataldo 20.08.06 16:20 | Rispondi al commento |
Chiudi discussione
Discussione

Io dico solo quello che penso, non ho verità da vendere.

ciaao

manuela bellandi 20.08.06 15:16 |

**********************************

veramente era così l'originale...

fai il giornalista?

Come dicevo a Pane, La verità è una forma di miopia...la vediamo solo qualdo ci riguarda da vicino!

baci

manuela bellandi 20.08.06 16:24| 
 |
Rispondi al commento

LA SOLUZIONE?

Energia:

Lo stato è proprietario di tutte le strutture ed aziende che gestiscono le fonti di energia.

I grossi “capitalisti” ricevono in “comodato d’uso” la distribuzione dell’energia.

I prezzi minimi e massimi, devono essere determinati sulla base della media europea e calcolati e controllati dallo stato.

Cittadino, vuoi acquistare energia?

Che impianto hai?

Lampadine normali, faretti,………………euro 1000 annui.

lampadine “free”, pannelli solari…………euro 500 annui

Nessun rapporto tra le aziende “distributrici”, e membri del parlamento.

I prezzi di materiale, e prodotti finiti, e messa in opera, per la costruzione di energia (pannelli solari etc.) devono essere controllati dallo stato sulla base di un prezzo di vendita al cittadino in linea allo “sconto” ricevuto per la modifica degli impianti in energia “autogestibile”.

Le aziende devono distribuire………..4 addetti ed un center con tanti co.co.co………costa poco.

Il cittadino è invogliato a valutare alternative.

Lo stato gestisce i fondi in informazione e energia nuova.

“Pensighe, basta pòco…….. sa ghè vol!

“Anonimo Veneziano”

P.S. Contin!!!! Aspetto una tua replica da “illuminato”!!!!!! (Sig! senza non dormirei!, meglio della valeriana.....o di una purga?)

e come dice Floris di Ballarò....

ALE'


Cesare Marchi 20.08.06 16:22 | Rispondi al commento |

Cesare Marchi 20.08.06 16:23| 
 |
Rispondi al commento

LA SOLUZIONE?

Energia:

Lo stato è proprietario di tutte le strutture ed aziende che gestiscono le fonti di energia.

I grossi “capitalisti” ricevono in “comodato d’uso” la distribuzione dell’energia.

I prezzi minimi e massimi, devono essere determinati sulla base della media europea e calcolati e controllati dallo stato.

Cittadino, vuoi acquistare energia?

Che impianto hai?

Lampadine normali, faretti,………………euro 1000 annui.

lampadine “free”, pannelli solari…………euro 500 annui

Nessun rapporto tra le aziende “distributrici”, e membri del parlamento.

I prezzi di materiale, e prodotti finiti, e messa in opera, per la costruzione di energia (pannelli solari etc.) devono essere controllati dallo stato sulla base di un prezzo di vendita al cittadino in linea allo “sconto” ricevuto per la modifica degli impianti in energia “autogestibile”.

Le aziende devono distribuire………..4 addetti ed un center con tanti co.co.co………costa poco.

Il cittadino è invogliato a valutare alternative.

Lo stato gestisce i fondi in informazione e energia nuova.

“Pensighe, basta pòco…….. sa ghè vol!

“Anonimo Veneziano”

P.S. Contin!!!! Aspetto una tua replica da “illuminato”!!!!!! (Sig! senza non dormirei!, meglio della valeriana.....o di una purga?)

e come dice Floris di Ballarò....

ALE'


Cesare Marchi 20.08.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento

LA SOLUZIONE?

Energia:

Lo stato è proprietario di tutte le strutture ed aziende che gestiscono le fonti di energia.

I grossi “capitalisti” ricevono in “comodato d’uso” la distribuzione dell’energia.

I prezzi minimi e massimi, devono essere determinati sulla base della media europea e calcolati e controllati dallo stato.

Cittadino, vuoi acquistare energia?

Che impianto hai?

Lampadine normali, faretti,………………euro 1000 annui.

lampadine “free”, pannelli solari…………euro 500 annui

Nessun rapporto tra le aziende “distributrici”, e membri del parlamento.

I prezzi di materiale, e prodotti finiti, e messa in opera, per la costruzione di energia (pannelli solari etc.) devono essere controllati dallo stato sulla base di un prezzo di vendita al cittadino in linea allo “sconto” ricevuto per la modifica degli impianti in energia “autogestibile”.

Le aziende devono distribuire………..4 addetti ed un center con tanti co.co.co………costa poco.

Il cittadino è invogliato a valutare alternative.

Lo stato gestisce i fondi in informazione e energia nuova.

“Pensighe, basta pòco…….. sa ghè vol!

“Anonimo Veneziano”

P.S. Contin!!!! Aspetto una tua replica da “illuminato”!!!!!! (Sig! senza non dormirei!, meglio della valeriana.....o di una purga?)

e come dice Floris di Ballarò....

ALE'

Cesare Marchi

Cesare Marchi 20.08.06 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Si quadagnano soldi dove c'è da guadagnare mica ci mettiamo a fare storie di moralismi.
Tutto questo lo sanno bene i signori del potere e soldi significa potere a discapito di tutti e tutto .
Ma si tanto si deve morire intanto facciamoli soffrire i poveri disgraziati che devonno lavorare per far stare bene quei pochi che si possono permettere tutto come disse qualcuno:MEGLIO MORIRE DA PICCILI CHE VEDERE QUESTO SCHIFO e i miei figli MA ci vivrà vedrà
in ogni caso:
VIVA L'ITALIA

coppola catello 20.08.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento

ho verità da vendere.

ciaao

manuela bellandi 20.08.06 15:16


Un etto e mezzo di verità fresca, grazie.

Amen.

massimo cataldo 20.08.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ormai è chiaro che questi politici pazzi e criminali non muoveranno un dito fino a quando l'ultima goccia di petrolio non arriverà nelle raffinerie italiane o fino a quando l'ultima scintilla non illuminerà una lampadina delle nostre case.
Ormai è chiaro.
Tra non molto torneremo all'età della pietra e loro pensano solo agli azionisti, ai dividendi e a i soldi, con i quali ci terranno nello stato di schiavitù quando arriverà l'irreparabile.

Allora io propongo questo, invece di spendere soldi a cellulari, auto di ultime generazione, scooterone ai figli e cazzate inutili varie, i vostri soldi spendeteli in pannelli solari, solo così possiamo far diventare il monopolio dell'ENEL inutile con milioni di piccoli concorrenti.

Io lo sto gia facendo anche se la cifra non è poca, meglio soffrire adesso che piangere dopo.

saluti

Giulio Salvarenato 20.08.06 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Noi poveri tappabuchi... di bilancio!

Marco Rosso 20.08.06 16:18| 
 |
Rispondi al commento

LA SOLUZIONE?

Energia:

Lo stato è proprietario di tutte le strutture ed aziende che gestiscono le fonti di energia.

I grossi “capitalisti” ricevono in “comodato d’uso” la distribuzione dell’energia.

I prezzi minimi e massimi, devono essere determinati sulla base della media europea e calcolati e controllati dallo stato.

Cittadino, vuoi acquistare energia?

Che impianto hai?

Lampadine normali, faretti,………………euro 1000 annui.

lampadine “free”, pannelli solari…………euro 500 annui

Nessun rapporto tra le aziende “distributrici”, e membri del parlamento.

I prezzi di materiale, e prodotti finiti, e messa in opera, per la costruzione di energia (pannelli solari etc.) devono essere controllati dallo stato sulla base di un prezzo di vendita al cittadino in linea allo “sconto” ricevuto per la modifica degli impianti in energia “autogestibile”.

Le aziende devono distribuire………..4 addetti ed un center con tanti co.co.co………costa poco.

Il cittadino è invogliato a valutare alternative.

Lo stato gestisce i fondi in informazione e energia nuova.

“Pensighe, basta pòco…….. sa ghè vol!

“Anonimo Veneziano”

P.S. Contin!!!! Aspetto una tua replica da “illuminato”!!!!!! (Sig! senza non dormirei!, meglio della valeriana.....o di una purga?)

e come dice Floris di Ballarò....

ALE'

Cesare Marchi 20.08.06 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Anche se pensano ai dividendi l'importante è non fregare il prossimo.

Roberto Bandini 20.08.06 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Visto che qui dentro ci sono molti esperti in tutti i campi vi chiedo una cosa in un settore che proprio non conosco. Forse benny le rose se e' all'ascolto mi puo' delucidare.

Siccome la nostra religione ha tra i vari comandamenti "non uccidere" vorrei sapere perche' ai soldati uccisi viene fatta la messa e seppelliti in luoghi di culto cristiani.

Grazie

Chicco Barattoli Commentatore in marcia al V2day 20.08.06 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Siamo proprio giunti alla frutta!!!
Siamo usciti dall'incubo del nano di Arcore per finire in pasto ad una Sinistra che sta più a destra della Destra!!!Boh!! senza dimenticare quegli onorevoli che siedono comodamente sulle loro poltrone da 20.000 euro al mese che di onorevole hanno ben poco anzi nulla, a giudicare dai loro curricula "professionali"!
Considerata la situazione, davvero è il caso di credere che tra questi emeriti c.....oni di palazzo, ci sia qlcn che si preoccupi delle vergognose trame dell'ENI per garantirsi nuovi profitti sulle spalle di noi poveri cittadini???
e davvero pensiamo ancora di avere rappresentanti politici che lavorino per gli interessi del popolo e non per i propri?
Oh popolo italiano SVEGLIATI e alle prossime elezioni.......TUTTI AL MAREEEEEE!

Pina Alfieri 20.08.06 16:07| 
 |
Rispondi al commento

** OT **

Buonpomeriggio a tutti.

Nel caldo di un agosto casalingo ecco un tuffo fresco nel colore...

http://www.angelesnieto.nl

luca ursillo 20.08.06 16:07| 
 |
Rispondi al commento

**************************************
**********LO SCHIFO DELLA TV**********
**************************************

FORUM POLITICO SULLA TELEVISIONE

CENSURE, BUGIE DEI POLITICI IN TV, EPURAZIONI, FALSE NOTIZIE DEI TELEGIORNALI

http://freeforumzone.leonardo.it/viewforum.aspx?f=82841

PARTECIPATE NUMEROSI E FATE LE VOSTRE SEGNALAZIONI, PER UNA TELEVISIONE NON DI REGIME!

aureon pastore 20.08.06 16:01| 
 |
Rispondi al commento

per quel che ne so i prezzi in italia dell'energia sono scandalosamente alti, e questo è dovuto principalmente dalla nostra dipendenza dal petrolio e da tutte le fonti di energia di origine fossile. da molti esperti di energia ho sentito dire che l'italia "sarebbe" un paese ricchissimo di FER, Fonti di Energia Rinnovabile. Abbiamo molto più sole della germania, molto vento (in mezzo al mediterraneo) e molte biomasse.
investire nelle rinnovabili, in assoluto, è l'unica soluzione. tantopiù che le fonti fossili finiranno. ma siamo o vogliono renderci troppo miopi per capirlo.
altro che utili fatti a discapito del consumatore.

per aspera ad astra!

marco valente 20.08.06 15:59| 
 |
Rispondi al commento

senza offesa la tua mi sembra una pia illusione, come dici tu facciamo un pò di conti, il nostro è un paese super indebitato, qualsiasi governo ci sia il primo obbiettivo che si pone è quello di trovare il modo di rastrellare denaro in ogni modo possibile il tesoro questo Scaroni lo sa.
Alla luce di quanto sopra è evidente che il tesoro non può rinuciare al flusso di soldi proveniente dall'eni e perciò non farà proprio niente per diminuire tale flusso.
In un paese povero e indebitato quando esiste una società statale ricca e potente non sai più in quale mani è il potere vero, se in quella del governo o in quella di chi amministra la società, vedi la russia con Gazprom, la compagnia petrolifera statale in venezuela, l'eni in italia.
Saluti a tutti.

alfonso valdiserri 20.08.06 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Caio Giulio Cesare Contin 20.08.06 15:40
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

eeeh purtroppo per TE ti devi adeguare ai posti che frequenti...
Del resto hai la possibiltà di essere offeso a gratis -prima dovevi pagare- visto che dal PC puoi avere la possibiltà di contattare persone facendo credere chissà cosa di TE senza far sentire la puzza della putrafazione che emani, e sicchè paghi dazio...non si può avere tutto!
Del resto acnche io non posso lamentarmi se dopo aver parlato con TE mi sento la puzza di cadavere addosso...ma per ME è una sensazione passeggera, per TE non bastano le inondazioni amazzoniche per lavarti via l'odore!

E devo deluderti che non ero il quel "genio" che ti ha preso per il cu.o una serata intera, però devo ammettere che anche se era stato un pò esagerato, ha colto nel segno se a distanza di giorni te lo rammenti ancora...colpito e affondato!
Strano per uno come TE che si reputa superiore a queste cose
ahahahahahahahahahah...

TE credi di avere risposte adeguate di persona in persona, in realtà TUTTI, a parte Benito Le Rose e non è un bel complimento, ti rispondono nella solita maniera...

p.s.
ri-parafrasando quel geniaccio del tuo clone:
sei un povero becco...


ahahahahahahahahahahahahahahah

Mario Scafroglia 20.08.06 15:53| 
 |
Rispondi al commento


www.extratto.com - notizie e informazioni dalla rete

Federico Leone 20.08.06 15:53| 
 |
Rispondi al commento


Ma come ????

Tutti volevano le privatizzazioni, TUTTI !
Dalla destra alla sinistra ! Come per la TAV !

Le abbiamo volute NOI le privatizzazioni !

Abbiamo pagato dei politici per farle, e ora paghiamo i "privati" per gestirle.

Scommettiamo che ora NESSUNO vorra' piu' le privatizzazioni ? Scommettiamo che ora ci tocca pagare per le ri-statalizzazioni ? Cioe' pagheremo gli STESSI politici, prima per privatizzare, POI per far incassare i dividendi AI LORO AMICI, e ADESSO per ri-statalizzare ?

OT della TAV: "La TAV si fara'!" e' la parola d'ordine del politico corrotto, sia esso di destra o di sinistra. Ne riparleremo tra qualche anno, quando i miliardi di finanziamento saranno
spariti nelle tasche dei soliti noti e le ruspe saranno arrugginite prima ancora di raggiungere il confine francese. Come per le privatizzazioni.


Gioacchino De Curtis 20.08.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe ho appena visto il filmato scaricabile da arcoiris.it dove parli di energia e nanoparticelle,moooolto interessante! come sempre..
Ti ringrazio per tutte queste informazioni scomode, non mollare!

vivaarcotravaglio@yahoo.it

Leonardo Rossi 20.08.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Non mi va di pensare che tutto cio' sia un caso.

Ho postato sulla sezione inglese (una decina di post in tutto...); ho scritto H.A.A.R.P ed il riferimento del mio sito www.oseido.tk

e come per magia e' entrato un ip militare americano a visitarlo...solo dopo...pensate un po...0.002 secondi.

Non mi va di pensare che tutto cio' sia un caso.
Se in ascolto (e ci sono) abbiamo le forze armate, beh, visitatemi anche voi...mi sentirei piu' al sicuro...

Tutto e' documentato ampiamente....

H.A.A.R.P e' fra noi

oseido 20.08.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento

@@@@ Ultimo O.T. pomeridiano@#@#@

Perchè esiste la verità e la verità vera?

A questa domanda non sono mai riuscito a dare risposta.

Ho dimenticato,confesso,di interpellare un politico democristiano.

Pare che"La verità vera"l'abbiano inventata loro
Forse son un pò confusi dai vangeli.

Son tanto diversi,che risultano:1)vero,2)quasi vero,3)verissimo ed il quarto ?
Il quarto è:portatore di verità inconfutabili.
Ma il quarto qual'è?

joseph pane 20.08.06 15:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il riciclo dei tele-raccomandati


In tv stanno per trovare un posto tutti gli "impresentabili" dell'altroieri. Che ne pensi?

Gregoraci, Zequila & C. a Mediaset. La questione (im)morale

di: Malaparte

Si dice - lo dicono Gente e TgCom che gli epurati RAI starebbero per finire in Mediaset. Antonio Zequila è in odor di fiction (e qui i culturi del trash, che conoscono bene il suo curriculum cinematografico, esulteranno). Sarebbe in attesa di un ruolo attoriale (per un film tv) anche la Monsé (nell'immagine a lato, tratta dal suo sito ufficiale)- che, come già fece la Volpe si affretta a ricordare che in tv non esistono raccomandazioni. Dev'essere il caldo, voi che ne dite? -, e qui invece anche i culturi del trash si rivolgeranno a qualche santo protettore dei film, ammesso che esista.
La vittima delle sue stesse ammissioni, Miss-Lo-Ammetto-E-La-Faccio-Franca-Gregoraci, invece, si preparerebbe a sbarcare a Buona Domenica, e un posticino si prepara anche per Stefania Orlando.
Cosa ne sia della questione morale, non ci è dato saperlo. Dobbiamo forse pensare che in RAI siano più moralisti di Mediaset? O è più semplice dedurre, con il detto popolare, che è tutto un magna magna e quindi semplicemente ci si passa la palla da una parte all'altra?
La tivvù demonizza i mostri che genera, purché questi siano piccoli e con un livello di combattimento basso, se mi concedete la metafora-manga. Li rigurgita e li ingloba nuovamente, perché alla fine i piccoli turbamenti del sistema - necessari perché se ne parli - facciano parte integrante del sistema stesso. A me pare un dato di fatto, e diffido di chiunque sostenga il contrario.

Tratto da: tvblog

Mauro Bellaspica 20.08.06 15:41| 
 |
Rispondi al commento

HAARP, ovvero:
L'ultima frontiera della distruzione di massa SILENZIOSA, INODORE, INSAPORE

Con l'avvento dell'opensource e di internet gratis, ci stiamo avvicinando alla fase finale dello smascheramento delle censure statali (mediatiche comprese). Nel nostro stato di Semiliberta'di pensiero, la RETE e' giunta in nostro soccorso. Se Sincronizzati al minuto, ci uniremo, nessuno potra' piu' fermarci. Il riscatto PACIFICO dei poveri e dei meno abbienti e' ormai irreversibile. Se ogni essere umano adulto e' importante in quanto VOTO, ebbene, la politica dovra' fare i conti con la sincronizzazione. Tutti noi, possiamo premere un tasto contemporaneamente verso una direzione. Il processo e' gia cominciato.

www.oseido.tk

oseido 20.08.06 15:38| 
 |
Rispondi al commento


Rinnovabile è d'obbligo... l'era del petrolio è al tramonto.
chi volesse info sull'energia solare, fotovoltaico, conto energia mi contatti:
robzaghen(at)tele2.it

In autunno ci saranno novità

Roberto Zaghen 20.08.06 15:38| 
 |
Rispondi al commento

X manuela bellandi
..........................................

Purtroppo devo assentarmi per un po, ma non voglio, prima di andare privarmi del piacere di complimentarmi per l'ottimo modo di difenderti dagli oppositori alle tue affermazioni.
Non solo ti ringrazio delle tue ottime proposte, sicuramente da discutere, ma non discutibili nel senso che intendono altri.

Resto solidale e convintamente ottimista nella forza delle idee, ancora complimenti, ciao

Francesco

f.marletta 20.08.06 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusa, ma non capisco.
Perchè la previsione di un lauto dividendo dovrebbe spingere il titolo ENI al ribasso? E' fisiologico che dopo lo stacco le quotazioni scendano un poco, ma non credo ai livelli che tu dici.
Hai qualche notizia che non si conosce?

Jane Five 20.08.06 15:06

E' una dichiarazione d'intento per di più su un acconto, cosa che dovrebbe spingere acquisti da parte del parco buoi, strategia applicabile se si vuol vendere una gran quantita' di titoli, per esempio a E25 per poi ricomprarli tra qualche tempo a E15.
Ma questo è solo uno scenario possibile.

caetano rino 20.08.06 15:35| 
 |
Rispondi al commento

NON RIUSCIAMO A PAGARE LE BOLLETTE ED I MUTUI,MA LORO SONO PRONTI CON LA NAVE PER IL LIBANO SFASCIATO DA ISRAELE GIUSTO O SBAGLIATO NON MI INTERESSA.
ANCHE IL VOLONTARIATO MI Fà RIDERE,SE NE VANNO ALL'ALTRO CAPO DEL MONDO AD AIUTARE I POVERACCI(MOLTO LODEVOLE)E NON VEDONO IL LORO VICINO DI CASA DISPERATO SULL'ORLO DEL SUICIDIO.HA SCUSATE LA NOSTRA è MALATTIA FINANZIARIA.......

Conte Poesse 20.08.06 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Con l'avvento dell'opensource e di internet gratis, ci stiamo avvicinando alla fase finale dello smascheramento delle censure statali (mediatiche comprese). Nel nostro stato di Semiliberta'di pensiero, la RETE e' giunta in nostro soccorso. Se Sincronizzati al minuto, ci uniremo, nessuno potra' piu' fermarci. Il riscatto PACIFICO dei poveri e dei meno abbienti e' ormai irreversibile. Se ogni essere umano adulto e' importante in quanto VOTO, ebbene, la politica dovra' fare i conti con la sincronizzazione. Tutti noi, possiamo premere un tasto contemporaneamente verso una direzione. Il processo e' gia cominciato.

P.S

HAARP, ovvero:
L'ultima frontiera della distruzione di massa SILENZIOSA, INODORE, INSAPORE

www.oseido.tk

algieri giancarlo 20.08.06 15:26| 
 |
Rispondi al commento

CHE POPOLO DI CAPISCIONI.ORMAI CHIUNQUE SA'COME IMPOSTARE UNA SQUADRA DI CALCIO,COME GOVERNARE,COME DEVE FUNZIONARE L'ECONOMIA,L'ENERGIA,SOCIALE,IMMIGRAZIONE ECC.. MA TUTTA QUESTA SCIENZA DA DOVE VIENE? SOPRATTUTTO I SOLDI CHE HANNO PRESO IL POSTO DELLA FARINA CHI LI METTE? PRODI? BERLUSCONI,FASSINO DI PIETRO,BENINGNI,DEL PIERO,BRUNO VESPA,BEPPE GRILLO? TU DEL BLOG,CHI? QUESTA VITA NON E' FATTA DI PROTAGONISTI IN UNA MANCIATA DI SECONDI ,GIRANDOSI VERSO L'ALTRO AL BAR.... HO DETTO BENE?
PAROLE PAROLE PAROLE........
ITALIANI PERCHE' NON DITE VERAMENTE COME STANNO LE COSE? DITELO.. SIAMO TUTTI NELLA MERDA
SE TUTTE LE GRANDI AZIENDE SONO INDEBITATE FINO AL COLMO,FIAT,TELECOM ECC. ECC..LA LISTA SAREBBE TROPPO LUNGA.....NOI CHI CI CREDIAMO DI ESSERE?VOI SIETE GIA' FALLITI DALLA NASCITA,IO CON VOI.PARLIAMO DEI PAESI ARABI CHE SOLO POCHI HANNO IL POTERE E QUINDI I SOLDI,NOI SIAMO DIVENTATI UGUALI SENZA AMMETTERLO.L'ITALIANO E' FANATICO DI NATURA NON DIRA' MAI NON C'E' LA FACCIO PIU' ECONOMICAMENTE.DITELO!!!!!! E SMETTETELA DI AFFOGARVI IN DISCUSSIONI CHE RIEMPIONO IL CERVELLO ED ALIMENTANO IL GIOCO E LO SCEMPIO POLITICO. SI E' VERO CI CONVIENE FARE COME L'ARGENTINA,AZZERARE. OPPURE AIME' UNA 3A GUERRA MONDIALE.


Conte Poesse 20.08.06 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Riscossa Della Rete

http://algierigiancarlo.blog.tiscali.it/ek2764319/

algieri giancarlo 20.08.06 15:22| 
 |
Rispondi al commento

ciao francesco, ho letto i vostri post di stanotte e devo dire che mi trovo d'accordo. anche la risposta che mi ha dato manuela (l'ho letta stamattina) mi sembra interessante. in effetti è vero che siamo noi che in fondo abbiamo le chiavi della nostra vita. per quel che riguarda le associazioni di consumatori, è vero, negli usa hanno fatto un ottimo lavoro, ma qui in italia sono diventate mi pare dei centri di potere, oltretutto divise anche loro in destre sinitre centro

liliana pace 20.08.06 12:08 Chiudi discussione

Gentile Lilana anche se in ritardo devo riconoscere una certa dimestichezza che mostri nel trattare anche in altri casi argomenti appunto diversi e complessi.
Non ti sarà sfuggita la iattura di avere attorno, quasi sempre, una pletora di personaggi che anzicchè contrastare le tue tesi con proposte, o idee, si limitano, con dovizia di particolari, sempre, ad opporti fatti e situazioni già esistenti, e a loro dire,insormontabili, non allo scopo di informare, ma di dimostrare quasi l'ineluttabilità del o dei problemi.
E mia opinione che questo comportamento non solo serva a poco ma non fa che ingigantire il problema che in quanto tale, secondo me, ha sempre e comunque più soluzioni, si tratta di cercarle. Grazie della tua attenzione, ciao

Francesco

f.marletta 20.08.06 15:21| 
 |
Rispondi al commento

PUFF!!!
Il buon Mario Scrafoglia è scoppiato. Peccato, oggi è domenica, giornata dedicata al Signore.

Caio Giulio Cesare Contin 20.08.06 12:44
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Bellissima risposta...molto vuota di significati...come del resto la tua esistenza prima di approdare al Blog!
Qui hai potuto dare sfogo al tuo Ego represso e sfruttare il Blog come una, freudianamente parlando, "estensione del pene"!
Dovresti sapere però, patologie a parte, che è saperlo usare bene e con fantasia che ti rende speciale...parlo del Blog, che hai capito?!
eheheheheheheheh

p.s.
Visto che oggi è la sua giornata, prega il "Tuo" signore e digli che se ti fulmina ti solleva dalle tue sofferenze terrene!
ahahahahahahah

sei un povero becco...

Mario Scafroglia 20.08.06 15:20| 
 |
Rispondi al commento

LA SOLUZIONE?

Energia:

Lo stato è proprietario di tutte le strutture ed aziende che gestiscono le fonti di energia.

I grossi “capitalisti” ricevono in “comodato d’uso” la distribuzione dell’energia.

I prezzi minimi e massimi, devono essere determinati sulla base della media europea e calcolati e controllati dallo stato.

Cittadino, vuoi acquistare energia?

Che impianto hai?

Lampadine normali, faretti,………………euro 1000 annui.

lampadine “free”, pannelli solari…………euro 500 annui

Nessun rapporto tra le aziende “distributrici”, e membri del parlamento.

I prezzi di materiale, e prodotti finiti, e messa in opera, per la costruzione di energia (pannelli solari etc.) devono essere controllati dallo stato sulla base di un prezzo di vendita al cittadino in linea allo “sconto” ricevuto per la modifica degli impianti in energia “autogestibile”.

Le aziende devono distribuire………..4 addetti ed un center con tanti co.co.co………costa poco.

Il cittadino è invogliato a valutare alternative.

Lo stato gestisce i fondi in informazione e energia nuova.

“Pensighe, basta pòco…….. sa ghè vol!

“Anonimo Veneziano”

P.S. Contin!!!! Aspetto una tua replica da “illuminato”!!!!!! (Sig! senza non dormirei!, meglio della valeriana.....o di una purga?)

e come dice Floris di Ballarò....

ALE'

Cesare Marchi 20.08.06 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Con l'avvento dell'opensource e di internet gratis, ci stiamo avvicinando alla fase finale dello smascheramento delle censure statali (mediatiche comprese). Nel nostro stato di Semiliberta'di pensiero, la RETE e' giunta in nostro soccorso. Se Sincronizzati al minuto, ci uniremo, nessuno potra' piu' fermarci. Il riscatto PACIFICO dei poveri e dei meno abbienti e' ormai irreversibile. Se ogni essere umano adulto e' importante in quanto VOTO, ebbene, la politica dovra' fare i conti con la sincronizzazione. Tutti noi, possiamo premere un tasto contemporaneamente verso una direzione. Il processo e' gia cominciato.

P.S

HAARP, ovvero:
L'ultima frontiera della distruzione di massa SILENZIOSA, INODORE, INSAPORE

www.oseido.tk

algieri giancarlo 20.08.06 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Giulio Cesare 20.08.06 15:09
*****************************

Anche il linguaggio è una convenzione...facciamo a capirci!

per capitale intendo il sistema pecuniario occidentale.

manuela bellandi 20.08.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che finite le ferie la gente si riverserà nelle piazze e penso che a questo governo non verrà perdonato più niente.credo che gli italiani incomincino a rompersi seria mente le palle.

maurizio solfrini 20.08.06 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Con l'avvento dell'opensource e di internet gratis, ci stiamo avvicinando alla fase finale dello smascheramento delle censure statali (mediatiche comprese). Nel nostro stato di Semiliberta'di pensiero, la RETE e' giunta in nostro soccorso. Se Sincronizzati al minuto, ci uniremo, nessuno potra' piu' fermarci. Il riscatto PACIFICO dei poveri e dei meno abbienti e' ormai irreversibile. Se ogni essere umano adulto e' importante in quanto VOTO, ebbene, la politica dovra' fare i conti con la sincronizzazione. Tutti noi, possiamo premere un tasto contemporaneamente verso una direzione. Il processo e' gia cominciato.

P.S

HAARP, ovvero:
L'ultima frontiera della distruzione di massa SILENZIOSA, INODORE, INSAPORE

www.oseido.tk

algieri giancarlo 20.08.06 15:09| 
 |
Rispondi al commento

O/T
chiedo scusa per l'intrusione ma spero che tu Beppe o qualcuno dei tuoi collaboratori legga questa mail. ho acquistato il tuo video e l'acquisto mi è stato confermato con una mail il 17/7 da allora non ho ricevuto nulla e nonostante abbia segnalato la situazione sull'apposito sito per ben 3 volte indicando correttamente il codice ecc..., nessuno mi ha risposto. cosa devo fare?
ti ringrazio per una risposta.
saluti
Nicola Barbacci

nicola barbacci 20.08.06 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Caio Giulio Cesare Contin 20.08.06 15:03
****************************************

Io non ho le idee confuse...semplicemente ho idee DIVERSE dalle tue.

Il fatto che le nostre idee non combacino non significa che siano confuse, questo sarebbe bene che tu lo tenessi sempre presente...

Io lo tengo sempre presente!


Se i filmati che consigli sono al livello dei tuoi commenti preferisco non perdere tempo.
Quando voglio informarmi io leggo libri e giornali.

Caio Giulio Cesare Contin 20.08.06 14:50
*******************************************


beh,caio giulio cesare contin,se quando vuoi informarti leggi libri e giornali,allora si spiega tutto...ecco perchè dici soltanto cose assurde...ciao stammi bene e complimenti per il nome...
ah ah ah

gian mario vistoli 20.08.06 15:06| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA FIUMI DI PAROLE PAROLE PAROLE........
ITALIANI PERCHE' NON DITE VERAMENTE COME STANNO LE COSE? DITELO.. SIAMO TUTTI NELLA MERDA
SE TUTTE LE GRANDI AZIENDE SONO INDEBITATE FINO AL COLMO,FIAT,TELECOM ECC. ECC..LA LISTA SAREBBE TROPPO LUNGA.....VOI SIETE GIA' FALLITI DALLA NASCITA,IO COME VOI.PARLIAMO DEI PAESI ARABI CHE SOLO POCHI HANNO IL POTERE E QUINDI I SOLDI,NOI SIAMO DIVENTATI UGUALI SENZA AMMETTERLO.L'ITALIANO E' FANATICO DI NATURA NON DIRA' MAI NON C'E' LA FACCIO PIU' ECONOMICAMENTE.DITELO!!!!!! E SMETTETELA DI AFFOGARVI IN DISCUSSIONI CHE RIEMPIONO IL CERVELLO ED ALIMENTANO IL GIOCO E LO SCEMPIO POLITICO. SI E' VERO CI CONVIENE FARE COME L'ARGENTINA,AZZERARE. OPPURE AIME' UNA 3A GUERRA MONDIALE.

Conte Poesse 20.08.06 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe, fai bene a informarci su cose..continua a farlo, è importante

Corrado Lotta 20.08.06 14:55| 
 |
Rispondi al commento

A chi Pensa Che Le Cose Non Possano Essere Cambiate, imploro quantomeno di tentare. L'energia e' un bene vitale come l'acqua e l'aria pulita. Non credo che se tutti noi avessimo energia pulita ed in abbondanza le cose andrebbero forse peggio...(incenerire col solare ad esempio)...ma penso che potremmo invece salvarci dall'autodistruzione chimica in atto. Ribadisco, caro Beppe, che e' giunto il momento di parlare di H.A.A.R.P
Forse io sono troppo giovane e impulsivo, ma mi fa incazzare il tuo silenzio. Ti rispetto come uomo e come Pensatore Rivoluzionario. Dunque, ti prego, dai un'occhiata qui e poi posta qualcosa.

Se qualcuno e' al corrente o sa qualcosa a riguardo, cerchi riscontri sul mio blog, cercando H.A.A.R.P.

La rete siamo noi

P.S Nel tuo intervento in toscana, hai detto che esistono dei tuoi conoscenti appartenenti alla "5'a dimensione" che parlano di "stupidaggini" quali le SCIE CHIMICHE. Beh, quei folli siamo "NOI" e ti ringraziamo del coraggio. Non e' facile neanche poterle nominare, ma tu l'hai fatto per primo. Ribadisco, Ora fallo con H.A.A.R.P.

2.P.S
Abbiamo Notizie di RUBBIA e del suo "progetto archimede" ad ALMEIRA, in SPAGNA? Beppe, tu puoi contattarlo. Facci sapere a che punto e' il prototipo di parabola Dish-stirling da 9 KW ora che stanno costruendo....

Ps 3

Il filmato di vincent gambino sul controllo globale fa parte del Progetto H.A.A.R.P

www.oseido.tk

algieri giancarlo 20.08.06 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Caio Giulio Cesare Contin 20.08.06 14:44
****************************************

Tesoro mio carissimo,

io tenevo 66 conti correnti bancari in 5 valute diverse....

Il bilancio e le relative previsioni di mercato che facevo erano nell'ordine dei 60.000.000.000 di lire all'anno...

Sei sicuro che sono io quella confusa?

Mai sentito parlare del Gruppo Bieffe Helmets?

ciao

manuela bellandi 20.08.06 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Dopo la dichiarazione di proporre un dividendo di E0,60 per un'azione quotata E24,3, lo scenario piu' probabile é la discesa in breve-medio termine a circa E20 per arrivare a lungo termine ad E15. Per cui chi avesse intenzione di acquistare desista, chi ha in portafolio il titolo venda al più presto.

caetano rino 20.08.06 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Dov'è il tipo del s.i.g.n.o.r.a.g.g.i.o?

Tiri Tara 20.08.06 14:39 |

*******************************************

Quel TIPO come lo chiami tu si chiama SANDRO!

e su questo blog non può scrivere...

Chiunque può scrivere qualsiasi cosa qui, ma LUI no!!!!

**********

Il problema è che chiunque ci offre uno strumento, poi , alla fine, lo fa per emergere dalla massa e non per aiutarla...

Con tutto l'affetto che ho per Beppone devo comunque prendere atto di ciò!

ciao

manuela bellandi 20.08.06 14:47| 
 |
Rispondi al commento

A chi Pensa Che Le Cose Non Possano Essere Cambiate, imploro quantomeno di tentare. L'energia e' un bene vitale come l'acqua e l'aria pulita. Non credo che se tutti noi avessimo energia pulita ed in abbondanza le cose andrebbero forse peggio...(incenerire col solare ad esempio)...ma penso che potremmo invece salvarci dall'autodistruzione chimica in atto. Ribadisco, caro Beppe, che e' giunto il momento di parlare di H.A.A.R.P
Forse io sono troppo giovane e impulsivo, ma mi fa incazzare il tuo silenzio. Ti rispetto come uomo e come Pensatore Rivoluzionario. Dunque, ti prego, dai un'occhiata qui e poi posta qualcosa.

Se qualcuno e' al corrente o sa qualcosa a riguardo, cerchi riscontri sul mio blog, cercando H.A.A.R.P.

La rete siamo noi

P.S Nel tuo intervento in toscana, hai detto che esistono dei tuoi conoscenti appartenenti alla "5'a dimensione" che parlano di "stupidaggini" quali le SCIE CHIMICHE. Beh, quei folli siamo "NOI" e ti ringraziamo del coraggio. Non e' facile neanche poterle nominare, ma tu l'hai fatto per primo. Ribadisco, Ora fallo con H.A.A.R.P.

2.P.S
Abbiamo Notizie di RUBBIA e del suo "progetto archimede" ad ALMEIRA, in SPAGNA? Beppe, tu puoi contattarlo. Facci sapere a che punto e' il prototipo di parabola Dish-stirling da 9 KW ora che stanno costruendo....

Ps 3

Il filmato di vincent gambino sul controllo globale fa parte del Progetto H.A.A.R.P

www.oseido.tk

algieri giancarlo 20.08.06 14:47| 
 |
Rispondi al commento

[...]
proviamo a porci una domanda:
i quattro gestori telefonici attuali(tim,vodafone,3 e wind)che cosa ci vendono nel preciso momento in cui paghiamo per comprare una ricaricabile?
un tot di telefonate? ma non e' assolutamente vero!
telefonare con la tecnologia cellulare( altra cosa e' l'aparecchio di casa)ce lo dice chiaramenta muccino,testimonial vodafone quanto costa:zero!
la wind ha una promozione chiamata you and me in cui 2 numeri wind si chiamano gratuitamente sempre.e allora?
perche' se utilizzo il voip non spendo niente? perche' un e-mail non costa niente ed un sms invece costa 15 centesimi?
perche',in nome della fidelizzazione al marchio, i gestori spendono cifre allucinanti in passaggi telesivi a tutte le ore in tv,in testimonial(de sica,la canalis,ecc.),paginate su tutti i quotidiani,riviste e carta stampata e ricaricano questi costi sull'utente finale.
senza folli investimenti pubblicitari lo sapreate quanto spenderemmo per telefonare con il cellulare o mandare un sms?
come dice muccino con quella vocina sexy:zerohhh

michele gesma 19.08.06 21:55 | Rispondi al commento | Chiudi discussione

Posso anche essere d'accordo sul discorso degli investimenti pubblicitari ma per il resto non capisci un'emerita minchia di come funziona la telefonia cellulare.

Se dei vandali danno fuoco ad uno shelter sono ca%%i, e sono costi: la popolazione (la stessa che NON VUOLE le bts...) si incazza perche' non riesce a telefonare, quindi chiama il call center. Per i gestori che forniscono un call center gratuito sono altri costi.

Mettere in piedi una BTS costa, chiavi in mano, qualcosa come 200.000 euro.

ESPANDERE e MANTENERE una rete COSTA.

Fare l'upgrade di un sito implementando un altro tipo di tecnologia (es: UMTS) costa.

Fornire servizi innovativi ha dei costi.

Poi dove sta scritto che inviare una mail non ha costi...? La connessione che utilizzi per inviarla, la paghi...

Arcibaldo Monocolao 20.08.06 14:44| 
 |
Rispondi al commento

si Jane.. se faccio accordi con la mafia anch'io divento florida
ciao

(ripassino con Travaglio?)

http://video.google.com/videoplay?docid=-5579831795584653&q=travaglio+dell%27utri
----------------

Può essere che i soldi di Berlusconi vengano dalle sue floride aziende?

Jane Five 20.08.06 14:31 |


Paola Bassi 20.08.06 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Io i miei 2500€ potrei tenerli anche sotto il materasso,mi converebbe sicuramente di piu'.Ma se non ho un conto corrente il mio datore di lavoro nn puo' pagarmi

Giovanni Pantaleo 20.08.06 14:36 |

**********************************************

Questa è una nota interessante!!!

Che ci stanno a fare i sindacati???

Togliete tutte le tessere di sindacato e di partito oltre ai vari bancomat e carte di credito...

Sono tutti collusi!!!

I sindacaati vi prendono per i fondelli con 10 euro di aumento sullo stipendio e poi permettono che ne spendiate 100 di tenuta conto?

Sono tutti collusi, liberiamocene!


A chi Pensa Che Le Cose Non Possano Essere Cambiate, imploro quantomeno di tentare. L'energia e' un bene vitale come l'acqua e l'aria pulita. Non credo che se tutti noi avessimo energia pulita ed in abbondanza le cose andrebbero forse peggio...(incenerire col solare ad esempio)...ma penso che potremmo invece salvarci dall'autodistruzione chimica in atto. Ribadisco, caro Beppe, che e' giunto il momento di parlare di H.A.A.R.P
Forse io sono troppo giovane e impulsivo, ma mi fa incazzare il tuo silenzio. Ti rispetto come uomo e come Pensatore Rivoluzionario. Dunque, ti prego, dai un'occhiata qui e poi posta qualcosa.

Se qualcuno e' al corrente o sa qualcosa a riguardo, cerchi riscontri sul mio blog, cercando H.A.A.R.P.

La rete siamo noi

P.S Nel tuo intervento in toscana, hai detto che esistono dei tuoi conoscenti appartenenti alla "5'a dimensione" che parlano di "stupidaggini" quali le SCIE CHIMICHE. Beh, quei folli siamo "NOI" e ti ringraziamo del coraggio. Non e' facile neanche poterle nominare, ma tu l'hai fatto per primo. Ribadisco, Ora fallo con H.A.A.R.P.

2.P.S
Abbiamo Notizie di RUBBIA e del suo "progetto archimede" ad ALMEIRA, in SPAGNA? Beppe, tu puoi contattarlo. Facci sapere a che punto e' il prototipo di parabola Dish-stirling da 9 KW ora che stanno costruendo....

www.oseido.tk



ciao buongiorno...vedo che si siete già scannati bene bene.

cari&care:lo sapete come si fa a far finire tutte le guerre,questa ingiusta economia,e buona parte delle violenze odierne?
SEMPLICE!
TUTTI,MA TUTTI COLORO CHE HANNO UN CONTO IN BANCA LO CHIUDANO,DOMANI.TUTTI QUANTI.RITIRIAMO I NOSTRI SOLDI DA TUTTE LE BANCHE.
L'ECONOMIA ED I SOLDI SPARIREBBERO IN 48 ORE.
parliamone.


p.s.:paola e manuela:quando si fanno le prove?
:)

hey contin,invece di parlare tanto,guardati questo film.pensa prima di scrivere tutte quelle parole
http://video.google.com/videoplay?docid=-4469325834250019078
i segreti del controllo globale:dura 1 ora e 42 minuti:contin ce la fai a stare attento per 102 minuti???
pace e amore

gian mario vistoli 20.08.06 14:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LE BANCHE COSI' COME SONO NON VANNO BENE PER NULLA: IL CLIENTE DA IN "GESTIONE" I SUOI SOLDI ALLA BANCA E DEVE PURE PAGARE PER QUESTO!
QUESTI SOLDI VANNO AD INCREMENTARE IL CAPITALE DELLA BANCA,LA QUALE PUO'-OPERARE- COME PIU' GLI PIACE

Francesco Durruti 20.08.06 14:20 Rispondi al commento


A me hanno insegnato che si fa quello che si puo'.
Le banche operano come gli pare se riescono ad eliminare la concorrenza. Per esempio facendo un "CARTELLO",si dice così, Ma questo funziona se noi continuiamo a permetterglelo.

Credo che solo uno sprovveduto potrebbe pensare di fare a meno delle istituzioni bancarie.
Infatti l'obbiettivo è come fare per far sì che le banche capiscano che è ora di smettere di gonfiare i costi e quindi iniziino una giusta concorrenza?
Risposta: rivolgersi a qualsiasi istituto o società nazionale o internazionale che pratichi prezzi dei servizi minori e che diano maggiori interessi o utili, per esempio le poste?, va bene se si raggiunge lo scopo, chiunque ci sia dietro, gli altri si adegueranno o soccomberanno,è la regola del mercato.Mercato dove, dovrebbe comandare la Domanda, quì invece comanda l'offerta, ma quando mai? Finiamola davvero, almeno io la penso così.Ciao

Francesco

f.marletta 20.08.06 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Basta non se ne pole più tanto sia a destra che a sinistra è la solita merda punto e basta e intanto paghiamo paghiamo paghiamo
"www.scappo.it"

matteo lotti 20.08.06 14:34| 
 |
Rispondi al commento

A chi Pensa Che Le Cose Non Possano Essere Cambiate, imploro quantomeno di tentare. L'energia e' un bene vitale come l'acqua e l'aria pulita. Non credo che se tutti noi avessimo energia pulita ed in abbondanza le cose andrebbero forse peggio...(incenerire col solare ad esempio)...ma penso che potremmo invece salvarci dall'autodistruzione chimica in atto. Ribadisco, caro Beppe, che e' giunto il momento di parlare di H.A.A.R.P
Forse io sono troppo giovane e impulsivo, ma mi fa incazzare il tuo silenzio. Ti rispetto come uomo e come Pensatore Rivoluzionario. Dunque, ti prego, dai un'occhiata qui e poi posta qualcosa.

Se qualcuno e' al corrente o sa qualcosa a riguardo, cerchi riscontri sul mio blog, cercando H.A.A.R.P.

La rete siamo noi

P.S Nel tuo intervento in toscana, hai detto che esistono dei tuoi conoscenti appartenenti alla "5'a dimensione" che parlano di "stupidaggini" quali le SCIE CHIMICHE. Beh, quei folli siamo "NOI" e ti ringraziamo del coraggio. Non e' facile neanche poterle nominare, ma tu l'hai fatto per primo. Ribadisco, Ora fallo con H.A.A.R.P.

www.oseido.tk

algieri giancarlo 20.08.06 14:33| 
 |
Rispondi al commento

ciao buongiorno...vedo che si siete già scannati bene bene.

cari&care:lo sapete come si fa a far finire tutte le guerre,questa ingiusta economia,e buona parte delle violenze odierne?
SEMPLICE!
TUTTI,MA TUTTI COLORO CHE HANNO UN CONTO IN BANCA LO CHIUDANO,DOMANI.TUTTI QUANTI.RITIRIAMO I NOSTRI SOLDI DA TUTTE LE BANCHE.
L'ECONOMIA ED I SOLDI SPARIREBBERO IN 48 ORE.
parliamone.


p.s.:paola e manuela:quando si fanno le prove?
:)

hey contin,invece di parlare tanto,guardati questo film.pensa prima di scrivere tutte quelle parole
http://video.google.com/videoplay?docid=-4469325834250019078
i segreti del controllo globale:dura 1 ora e 42 minuti:contin ce la fai a stare attento per 102 minuti???
pace e amore

gian mario vistoli 20.08.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Concordo pienamente con:
"Oramai sono stufo anche di questo blog,si parla si parla si parla,si affrontano un sacco di questioni che farebbero venire il sangue acido a chiunque e si continua a parlare parlare parlare....Ma non è ancora arrivato il momento di scendere per le strade con bastoni o sassi,una bella fionda magari? O magari dei fucili e delle pistole,come in una rivoluzione che si rispetti? Ma noi italiani ci lasciamo fare di tutto,basta che ci lascino il nostro bel telefonino e un tozzo di pane, le ferie con finanziamento e una bella macchina, tanto la vasellina ce la servono sotto forma di elezioni.
Scusate lo sfogo..." (op. cit.)
E per conto mio credo che ognuno non ascolti e non interloquisca con l'altro; i nick sono sempre quelli dei soliti noti; io sono nuovo del blog, ma penso di finirla presto, anche perchè ritengo che questo spazio sia diventato, al di là delle buone intenzioni di esercitare la critica, la vetrina per esprimere il narcisismo ed il solipsismo di ognuno.
Uno di sinistra... (un po' scojonato)
Occhi aperti, Beppe, e sorveglia.
TVB

Roberto Ceccarelli 20.08.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Caio Giulio Cesare Contin 20.08.06 14:22
***************************************

Forse non sai che :

Il danaro è un mezzo che non rispecchia più, da molto tempo, il valore che s'intende scambiare ma, è diventato in gran parte lo strumento fondamentale per derubare, in vari modi, chi produce ricchezza.

Le banche non hanno alcun diritto di credito su di noi, questa condizione debitoria era accettabile fintanto che la moneta era basata sulla riserva, quando cioè essa era il titolo rappresentativo dell’oro di proprietà del banchiere, ma dal 1971, questa riserva non esiste più.

Una semplice prassi che si è consolidata ha permesso alle banche mondiali di renderci suoi schiavi, le nostre catene sono rappresentate dal debito pubblico e le nostre prigioni sono i caveau.

Sai che faccio visto che non esiste più la riserva?
Domani mi stampo 300.000 euro, te li presto per comprare la villetta, tu poi me li restituisci con un bell'interesse eh? che ne dici?

ciao


e' gente fatta così: sono troppo presi a rispondere al cellulare, per fermarsi a pensare a cosa stanno facendo. Siamo in mano ad una banda di mentecatti, specializzati in cavilli e relazioni pubbliche a tal punto da perdere di vista il comune buon senso.

Inutile ricordarlgi che l'Eni è la versione moderna del falò dei nostri antenati: per loro, la questione è sempre 'altro...'. Che Dio ce ne scampi da questi scellerati senza razio.

dansallo 20.08.06 14:29| 
 |
Rispondi al commento

ciao buongiorno...vedo che si siete già scannati bene bene.

cari&care:lo sapete come si fa a far finire tutte le guerre,questa ingiusta economia,e buona parte delle violenze odierne?
SEMPLICE!
TUTTI,MA TUTTI COLORO CHE HANNO UN CONTO IN BANCA LO CHIUDANO,DOMANI.TUTTI QUANTI.RITIRIAMO I NOSTRI SOLDI DA TUTTE LE BANCHE.
L'ECONOMIA ED I SOLDI SPARIREBBERO IN 48 ORE.
parliamone.


p.s.:paola e manuela:quando si fanno le prove?
:)

hey contin,invece di parlare tanto,guardati questo film.pensa prima di scrivere tutte quelle parole
http://video.google.com/videoplay?docid=-4469325834250019078
i segreti del controllo globale:dura 1 ora e 42 minuti:contin ce la fai a stare attento per 102 minuti???
pace e amore

gian mario vistoli 20.08.06 14:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A chi Pensa Che Le Cose Non Possano Essere Cambiate, imploro quantomeno di tentare. L'energia e' un bene vitale come l'acqua e l'aria pulita. Non credo che se tutti noi avessimo energia pulita ed in abbondanza le cose andrebbero forse peggio...(incenerire col solare ad esempio)...ma penso che potremmo invece salvarci dall'autodistruzione chimica in atto. Ribadisco, caro Beppe, che e' giunto il momento di parlare di H.A.A.R.P
Forse io sono troppo giovane e impulsivo, ma mi fa incazzare il tuo silenzio. Ti rispetto come uomo e come Pensatore Rivoluzionario. Dunque, ti prego, dai un'occhiata qui e poi posta qualcosa.

Se qualcuno e' al corrente o sa qualcosa a riguardo, cerchi riscontri sul mio blog, cercando H.A.A.R.P.

La rete siamo noi

www.oseido.tk

algieri giancarlo 20.08.06 14:26| 
 |
Rispondi al commento

non capisco a cosa serva una nuova, le banche come idea vanno bene, solo che la gente che ci lavora vuole essere pagata, poi dipende che gente esattamente e quanto: il più nuovo possibile è farsi il lavoro da sè, con tutti gli oneri che ciò comporterebbe.

Tiri Tara 20.08.06 13:28 |
--------------------

LE BANCHE COSI' COME SONO NON VANNO BENE PER NULLA: IL CLIENTE DA IN "GESTIONE" I SUOI SOLDI ALLA BANCA E DEVE PURE PAGARE PER QUESTO!
QUESTI SOLDI VANNO AD INCREMENTARE IL CAPITALE DELLA BANCA,LA QUALE PUO'-OPERARE- COME PIU' GLI PIACE

Francesco Durruti 20.08.06 14:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL TG1, LA DC DI ROTONDI E IL PASTONE DI IDA PERITORE

http://andryyy.ilcannocchiale.it

Antonio Piras 20.08.06 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Negli USA (che non sono perfetti, ma come mercato funzionano molto meglio dell'Italia), chi non ha soldi ma ha un buon progetto imprenditoriale può trova finanziamenti.

Marcello Bellini 20.08.06 14:00 |

****************************************

Stai parlando del paese più indebitato del mondo!

Occhio!
La finanza scrive numeri sulla carta, mentre il popolo sudaa sulla fronte!!!

manuela bellandi 20.08.06 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Dedicato a GIULIO ma non solo
******************************

Cercando in internet sull'ENI, ho trovato casualmente questo articolo su un libro di Mario Pirani:
"E' scoppiata la terza guerra mondiale?
La democrazia tra pacifismo e difesa"

Informo ufficialmente Giulio ma non-solo che condivido molto di quello che è detto !!
i pacifisti e i "comunisti" di oggi non hanno i paraocchi come qualcuno crede (e gli anticomunisti?)


http://www.eni.it/cultura-energia/ita/cinema/cinema_cortina.htm

Paola Bassi 20.08.06 14:12| 
 |
Rispondi al commento

manuela bellandi 20.08.06 13:58

>>>>>>>>>>>>>

"L'infiltrato"

Ciao Manuuuuuu!!!!!!

una delle tue tante pecularietà, e la memoria!!!.

Nulla di certo........poco tempo è passato........ma ho una sensazione.

Un grande abbraccio

Claudio Castellani 20.08.06 14:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@

Un sagrestano uccide una studentessa in chiesa.
°
Ma non sarà anche lui un extra e..per giunta:"mussulmano"?
Dieci a uno che questo atto verrà archiviato come"disgrazia avvenuta per:volontà divina".
Otterrà la grazia fra 2 mesi.

Joseph

P.s.
Ma di quelle famose guardie svizzere(3),uccise fra le mura del vaticano,si sà qualcosa?

joseph pane 20.08.06 14:08| 
 |
Rispondi al commento

@@

Un sagrestano uccide una studentessa in chiesa.
°
Ma non sarà anche lui un extra e..per giunta:"mussulmano"?
Dieci a uno che questo atto verrà archiviato come"disgrazia avvenuta per:volontà divina".
Otterrà la grazie fra 2 mesi.

Joseph

P.s.
Ma di quelle famose guardie svizzere(3),ccise fra le mura del vaticano,si sà qualcosa?

joseph pane 20.08.06 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Stuprata per strada a Milano
Alle 6 di mattina di domenica vicino a viale Umbria. L'assalitore sarebbe un nordafricano STRUMENTI
VERSIONE STAMPABILE
I PIU' LETTI
INVIA QUESTO ARTICOLO
MILANO - Sei del mattino, Milano è quasi deserta. Un immigrato straniero ferma per strada, vicino a Viale Umbria, una donna di una quarantina d'anni che sta andando a lavorare in ospedale. Sotto la minaccia di una pietra la trascina dietro alcuni cespugli la violenta ripetutamente. E' questa la denuncia arrivata ai carabinieri del capoluogo lombardo nella mattinata di domenica. La signora è stata ricoverata alla clinica Mangiagalli per accertamenti sul suo stato di salute. Secondo la ricostruzione della donna, che è sotto choc, l'uomo, un nordafricano dalla descrizione, l'ha seguita mentre si stava dirigendo alla fermata dell'autobus e l'ha trascinata dietro un cespuglio in una stradina laterale, dove l'ha stuprata per circa un'ora
20 agosto 2006

Jean Valjean 20.08.06 14:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T:
Della serie "NON C'E' LIMITE ALLA DEMENZA UMANA", eccovi un estratto dal sito http://smart.tin.it/domsky/1/campagne-attivita/vita-amore/2006/06/abolizione-del-sistema-punitivo.html
Leggete e giudicate un po' voi...

"La punizione è il peggior crimine che si possa commettere nei confronti di un essere umano perchè è un'aperta violazione al primo articolo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
Se c'è povertà e nello stesso tempo c'è bisogno di pezzi di ricambio per automobili, arrestando un ladro d'auto se ne genererà un altro, perchè permarrà la richiesta di riparazioni economiche e continueranno ad esserci persone bisognose di denaro disposte a rischiare la galera commettendo furti.
Se il mercato richiede droga, arrestando uno spacciatore, se ne genererà automaticamente un altro perchè inevitabilmente qualcuno ne prenderà il posto.
Se la mafia esige il pizzo, arrestando un esattore, ne verrà assunto un altro.
Non esiste nel mondo un numero definito di trasgressori che una volta rinchiusi in galera risolve alla radice il problema dell'illegalità. Il sistema punitivo crea odio verso la società ed aumenta il numero dei fuorilegge invece che diminuirlo.
Vanno perciò chiaramente depenalizzati i lavori criminosi commessi in cambio di denaro perchè sono semplici prestazioni lavorative.
Gli spacciatori probabilmente sarebbero ottimi farmacisti, gli esattori del pizzo dei meravigliosi finanzieri e i ladri d'auto dei bravissimi fabbri.
In questi casi non si tratta di criminali veri e propri, ma di vittime del disagio sociale causato dalla povertà.
Sono persone che vanno aiutate ad inseririsi nella società con lavori socialmente utili adatti alle loro caratteristiche fisiche e psicologiche"

Il resto di questa c.zzata megagalattica (ma tante altre anche peggio) le potete leggere cliccando sul mio nome.
Buon divertimento

Luigi Navarra 20.08.06 13:59| 
 |
Rispondi al commento

OT
*************************************************
Dopo la bambina modella di cui ho parlato nel post precedente, Jonbenet Ramsey uccisa a soli 6 anni, pensate sia finita qui?

NO!

Leggetevi questa notizia...
*************************************************
CLICCA SUL MIO NOME PER LA NOTIZIA!

Massimiliano Borella 20.08.06 13:59| 
 |
Rispondi al commento

@ Paola Bassi

ringrazio per l'apprezzamento, ma l'argomento si presta a una serie di considerazioni che sfocerebbero nel mare dell'utopia e quindi come spesso l'essere umano, e il sistema di cose da egli creato fa, credo che certe situazioni resteranno immutate nel tempo.

Le privatizzazioni erano nate per contrastare - negli intenti - il lassismo del settore pubblico, in cui erano in migliaia di persone a fare ciò che avrebbero fatto in un terzo di esse.

Si parlava di sprechi, poltrone politiche, corruzione :la moneta vincente sembra(va) quella di affidare tutto ai singoli.

Una miriade di piccoli controllori, in quota a quanto da essi investito nell'attività, avrebbe monitorato costantemente con lo strumento degli utili e dei dividendi azionari la conduzione salutare delle attività di loro interesse : sarebbe stato quasi automatico ridurre, razionalizzare, rendere trasparente etc etc.

La realtà è andata - come si vede - un po' diversamente, così che oggi chi HA (Benetton, Tronchetti etc etc) in realtà non possiede, ne ha solo il comando per maggioranza relativa.

Ma con ciò guadagna, investe, perde e manda il malora esattamente come se ne fosse il padrone.

L'esempio ENI non è lontano dagli altri fatti in precedenza.

L'utopia, o il rischio di cadervisi, è però che l'energia va (andrebbe) considerata sacra e prioritaria, ma anche le strade, l'ambiente....e la sanità? e il sociale?

Se dismettiamo il concetto economico, il valore monetario fine a sè stesso, da ogni necessità e servizio reso alla collettività allora dovremmo pensare a uno Stato centrale che si occupa (e paga) il mantenimento ma anche lo sviluppo e la ricerca in ogni settore strategico, come - appunto - quello energetico, quello sanitario, quello ambientale etc.

Ma lo Stato sarebbe fatto da uomini....e abbiamo ancora tutti nelle orecchie e negli occhi i bilanci IRI per capire in che modo lavorano gli uomini senza necessità di controllo o ambizione di guadagno....

Mario Fiorillo 20.08.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao buongiorno...vedo che si siete già scannati bene bene.

cari&care:lo sapete come si fa a far finire tutte le guerre,questa ingiusta economia,e buona parte delle violenze odierne?
SEMPLICE!
TUTTI,MA TUTTI COLORO CHE HANNO UN CONTO IN BANCA LO CHIUDANO,DOMANI.TUTTI QUANTI.RITIRIAMO I NOSTRI SOLDI DA TUTTE LE BANCHE.
L'ECONOMIA ED I SOLDI SPARIREBBERO IN 48 ORE.
parliamone.
ora faccio colazione (???) e poi torno.

p.s.:paola e manuela:quando si fanno le prove?
:)

gian mario vistoli 20.08.06 13:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quindi, condivido i tuoi ideali di equità e giustizia. Nonchè a migliorare il tenore di vita generale (non di pochi). Ma il metodo per raggiungere questi obiettivi è quello di far funzionare il mercato--che in Italia proprio non funziona. Come tutto il resto.

@ marcello Bellini

********************

L'inghilterra ti va bene come esempio di libero mercato?

http://centrofondi.it/Articoli/debito_assassino.htm

Ciao

PS.
Nella citazione mi sono riconosciuta perchè ti riferivi a me...come vedi tra teoria e pratica c'è differenza

manuela bellandi 20.08.06 13:55| 
 |
Rispondi al commento

PS.
La bambina grafomane ha 43 anni e ha lavorato come contabile in un'azienda internazionale per 15 anni...

baci

manuela bellandi 20.08.06 13:31

Veramente... nella "bambina grafomane" ti ci sei identificata da sola... :)

A parte la battuta, non lo dico in tono polemico--ma, davvero, hai mai aperto un libro di economia?

In Italia non c'è un vero mercato. Ci sono poche categorie con privilegi. Non c'è vera competizione--dove non ci sono monopoli o oligopoli, normalmente prevale la collusione.

Il tutto aggravato da una burocrazia bizantina, costosa ed esasperante.

Se si eliminassero questi problemi (le soluzioni ci sono e sono semplici, basta copiare per ogni aspetto dai paesi che funzionano meglio...).

Quindi, condivido i tuoi ideali di equità e giustizia. Nonchè l'aspirazione a migliorare il tenore di vita generale (non di pochi). Ma il metodo per raggiungere questi obiettivi è quello di far funzionare il mercato--che in Italia proprio non funziona. Come tutto il resto.


(Tra l'altro, questo è urgente, dato che tra un po' il debito pubblico e il calo di competitività rischiano di portare il paese alla bancarotta.)

Marcello Bellini 20.08.06 13:55| 
 |
Rispondi al commento

“L’infiltrato”

Continuo a ritenere che le aziende che cotrollano i bisogni primari, comunicazioni, viabilità, energia,etc.,debbano essere controllate al 100% dallo stato.

A tutte le mamme………

All The Weary Mothers Of The Earth
(Joan Baez)

All the weary mothers of the earth will finally rest
We will take their babies in our arms and do our best
When the sun is low upon the field
To love and music they will yield
And the weary mothers of the earth shall rest

And the farmer on his tractor and beside his plow
Will stand there in confusion as we wet his brow
With the tears of all the businessmen
Who see what they have done to him
And the weary farmers of the earth shall rest

And the aching workers of the world again shall sing
These words in mighty choruses to all will bring
"We shall no longer be the poor
For no one owns us anymore"
And the workers of the world again shall sing

And when the soldiers burn their uniforms in every land
The foxholes at the borders will be left unmanned
General, when you come for the review
The troops will have forgotten you
And the men and women of the earth shall rest.

Claudio Castellani 20.08.06 13:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A chi Pensa Che Le Cose Non Possano Essere Cambiate, imploro quantomeno di tentare. L'energia e' un bene vitale come l'acqua e l'aria pulita. Non credo che se tutti noi avessimo energia pulita ed in abbondanza le cose andrebbero forse peggio...(incenerire col solare ad esempio)...ma penso che potremmo invece salvarci dall'autodistruzione chimica in atto. Ribadisco, caro Beppe, che e' giunto il momento di parlare di H.A.A.R.P
Forse io sono troppo giovane e impulsivo, ma mi fa incazzare il tuo silenzio. Ti rispetto come uomo e come Pensatore Rivoluzionario. Dunque, ti prego, dai un'occhiata qui e poi posta qualcosa. Ciao a tutti

www.oseido.tk

algieri giancarlo 20.08.06 13:54| 
 |
Rispondi al commento

CAro Beppe,
tu stai facendo un lavoro da Dio dell'informazione e guai se ti fermassi. Grazie a te, e scusa non solo a te, solo i ciechi ed i sordi ( e forse neanche loro ormai) possono dire " non lo sapevo".
Io credo che migliaia e migliaia di italiani o italiofoni leggono il tuo blog ma mi accorgo purtroppo che la madre dei cretini é veramen te sempre incinta. Invece di scambiarsi delle interessanti idee ( perché le idee sono la base dell'agire) ci sono tanti ( per fortuna non la maggioranza) che occupa il posto con Cazz.....te e stupidità da far inorridire anche il più deficiente su questa terra.
Io non sprecherei il tempo con questa gente ma purtroppo o per fortuna la democrazia permette anche questa libertà.
Chiusa la " lezione morale", vorrei solo indirizzarmi a tutti quelli ( e ce ne sono....)che veramente sono interessati ai grandi problemi da te sollevati e fare delle proposte sensate come lottare per es.: le multinazionali, la corruzione nell'ENI, lo strapotere delle banche, le mafie, l'eliminazione dei politici corrotti(basterebbe non votarli), come mettere in atto il sistema di riduzione del prezzo della benzina da te più volte proposto, come boicottare le ditte coazioniste delle industrie d'armi etcc......
Io non sono più giovanissimo ma ho tanta rabbia in corpo contro tutte le ingiustizie e lo strapotere che ricomcerei domani a scendere in piazza come ai tempi in cui la sinistra era ancora un simbolo di lotta. Non mi piace fare della dietrologia ma quando leggo delle frasi piene di rassegnazione mi cuoce l'intestino e vomito rabbia e odio contro i signori del potere economico e della guerra.
Ragazzi facciamo qualcosa, ognuno nel nostro piccolo e lasciamo da parte le stronzate che occupano solo spazio per le cose intelligenti.
Che dire poi di quelli che si firmano Prodi o giulio cesare o veltroni!!!!!
Taccio e mi vergogno per loro.

Giuseppe Mazzei 20.08.06 13:52| 
 |
Rispondi al commento

LA BANCA I SOLDI LI PRESTA A TE CHE GIA' NE HAI E PUOI FORNIRLE GARANZIE NON A CHI NE HA BISOGNO

Francesco Durruti 20.08.06 13:43 |

******************************************

Come dicevo...IL DENARO VA AL DENARO!

e chi lo ha è disposto a tutto pur di averne di più!

..chi non ne ha...ciuccia il calzino!

e si illude di averne e fare parte dell'elite di ricchi solo perchè ha l'ultimo modello di cellulare superultraccessoriato...(così aaiuta un pò gente come tronchetti)

Ciao


Contando che
1) ci siamo mangiati circa metà del petrolio

2) a consumi costanti (supponiamo che sia vero anche se c'è la Cina e l'India) il petrolio basterà per circa altri 30/40 anni

3) l'Eni, ricerca e produce idrocarburi in giro per il mondo, è responsabile dell'approvvigionamento, trasporto e distribuzione e vendita di GAS, raffina e commercializza prodotti petroliferi in Italia ed Europa

4) per conto della Saipem ( uno dei maggiori operatori mondiali nella realizzazione di grandi progetti offshore per l'industria petrolifera ed è leader nella posa di condotte sottomarine e di piattaforme di produzione) e della Snamprogetti ( stessa roba ma per la costruzione di impianti per l'industria petrolifera e petrolchimica) opera nelle attività di ingegneria e costruzioni

5) non svolge attività di ricerca in quello che vorrebbe anche il nostro Beppe

Visti e considerati i 5 punti, se l'Eni non comincia a cambiare politica scomparirà fisicamente e con essa tutti i soldi dei risparmiatori e lo stato se la vedrà con i salvataggi tipo Alitalia.

PECORARO DATTI DA FARE!!!!!!!!!!!!!!!!!

Propongo utilizzo massiccio di pannelli solari e pannelli fotovoltaici, costruzione in percentuali precise di auto a metano, elettriche e a idrogeno, utilizzate le pile ricaricabili, elettrodomestici e lampadine a basso consumo;fate la raccolta differenziata per quello che potete...

e se è una bella giornata,(per chi non ne può fare a meno) lasciate a casa il motorino e il vostro SUV super turbo mirafiori minchia power.

O.T.
grullini e trolls datevi da fare perchè è da una settimana che non vedo il miglior commento e date retta a caio giulio cesare tiberio gracco flavio commodo nerone traiano domiziano contin

Buona domenica Beppe!!

stefano vitali Commentatore in marcia al V2day 20.08.06 13:47| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO stop DA PIU' DI DIECI ANNI stop CERCA DI CONVINCERE IL POPOLO ITALIANO stop CHE C'E' UN'ALTERNATIVA AL PETROLIO stop QUESTA ATLERNATIVA SI CHIAMA IDROGENO stop NON COSTA UN C...O stop SVEGLIAMOCI PERCHE' I CLIENTI SIAMO NOI stop LE LEGGI DEL MERCATO LE DETTA IL CLIENTE E NON IL VENDITORE stop SVEGLIA SVEGLIA SVEGLIA C...O!!!!!
GRILLO stop DA PIU' DI DIECI ANNI stop CERCA DI CONVINCERE IL POPOLO ITALIANO stop CHE C'E' UN'ALTERNATIVA AL PETROLIO stop QUESTA ATLERNATIVA SI CHIAMA IDROGENO stop NON COSTA UN C...O stop SVEGLIAMOCI PERCHE' I CLIENTI SIAMO NOI stop LE LEGGI DEL MERCATO LE DETTA IL CLIENTE E NON IL VENDITORE stop SVEGLIA SVEGLIA SVEGLIA C...O!!!!!
GRILLO stop DA PIU' DI DIECI ANNI stop CERCA DI CONVINCERE IL POPOLO ITALIANO stop CHE C'E' UN'ALTERNATIVA AL PETROLIO stop QUESTA ATLERNATIVA SI CHIAMA IDROGENO stop NON COSTA UN C...O stop SVEGLIAMOCI PERCHE' I CLIENTI SIAMO NOI stop LE LEGGI DEL MERCATO LE DETTA IL CLIENTE E NON IL VENDITORE stop SVEGLIA SVEGLIA SVEGLIA C...O!!!!!
GRILLO stop DA PIU' DI DIECI ANNI stop CERCA DI CONVINCERE IL POPOLO ITALIANO stop CHE C'E' UN'ALTERNATIVA AL PETROLIO stop QUESTA ATLERNATIVA SI CHIAMA IDROGENO stop NON COSTA UN C...O stop SVEGLIAMOCI PERCHE' I CLIENTI SIAMO NOI stop LE LEGGI DEL MERCATO LE DETTA IL CLIENTE E NON IL VENDITORE stop SVEGLIA SVEGLIA SVEGLIA C...O!!!!!
GRILLO stop DA PIU' DI DIECI ANNI stop CERCA DI CONVINCERE IL POPOLO ITALIANO stop CHE C'E' UN'ALTERNATIVA AL PETROLIO stop QUESTA ATLERNATIVA SI CHIAMA IDROGENO stop NON COSTA UN C...O stop SVEGLIAMOCI PERCHE' I CLIENTI SIAMO NOI stop LE LEGGI DEL MERCATO LE DETTA IL CLIENTE E NON IL VENDITORE stop SVEGLIA SVEGLIA SVEGLIA C...O!!!!!
GRILLO stop DA PIU' DI DIECI ANNI stop CERCA DI CONVINCERE IL POPOLO ITALIANO stop CHE C'E' UN'ALTERNATIVA AL PETROLIO stop QUESTA ATLERNATIVA SI CHIAMA IDROGENO stop NON COSTA UN C...O stop SVEGLIAMOCI PERCHE' I CLIENTI SIAMO NOI stop LE LEGGI DEL MERCATO LE DETTA IL CLIENTE E NON IL VENDITORE.
Raffaele Tomei

raffaele tomei 20.08.06 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Caio Giulio Cesare Contin 20.08.06 13:27
****************************************

Caro Giulio (ma è il tuo nome vero?),

io e te abbiamo appena fornito un esempio pratico del divario ideologico che c'è tra il sistema pecuniario occidentale e le teorie NO-GLOBAL...

Non si tratta più di ideologia politica, ma di STILE DI VITA.

Questo aa dimostrazione della mia teoria che le IDEOLOGIE non hanno più senso oggi.

Destra = CAPITALE
Sinistra = INDIVIDUO

Questa l'evoluzione politica attuale.

Continuare a parlare d'altro è inutile.

Decidiamo le priorità

baci

manuela bellandi 20.08.06 13:44| 
 |
Rispondi al commento

E' un disegno che sta più in alto dei governi, destra o sinistra non conta.
L'importante è che si arrivi ad eliminare tutto ciò che è pubblico, tutto ciò che non fa girare capitali a favore dei soliti noti.
Si arriverà come in America ad avere tanti gestori privati per elettricità, acqua, gas, telecomunicazioni.
Si avrà l'illusione di poter scegliere(libertà) tra una miriade di offerte mentre basterà che soltanto uno dei gestori non operi al 100% per scatenare un malfonzionamento a catena.

In Italia non ci sarà mai una situazione stabile ed autonoma: quando non ti serve niente e venditori portaporta ti appaiono solo degli scassacoglioni.

Maurizio Dé 20.08.06 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Mario Fiorillo 20.08.06 12:29
**************

salute al blog!

Mario, trovo il tuo commento molto chiaro!
(anche se per me il post non è tendenzioso: ho letto post precedenti contrari alla politica dell'Eni, come quella di Telecom, Enel ecc.)

Cioè non si contesta il fatto che una società per azioni, se va bene e fa utili, ridistribuisca gli stessi agli azionisti, che a loro volta sono ben contenti di aver comprato azioni di una società che va bene, intascano e via.

Il dubbio è se sia morale che una società che opera con servizi di pubblica utilità, si preoccupi più di distribuire gli utili ai suoi azionisti (e tralascio quelli distribuiti al management), che non magari ridurre il prezzo dei servizi stessi agli utenti.

Chi può operare questo controllo?
come? con quali strumenti?

Privato è bello, statale è brutto..
(alla Scafroglia-Guzzanti)

Forse un sano mix, in medio stat virtus
economisti dove siete


ah!! forse non era chiaro che
Paolo e Giovanni evidentemente sono Borsellino e Falcone gli ultimi grandi modelli dei siciliani liberi.
vincenzo moscuzza

vincenzo moscuzza 20.08.06 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Quello che serve è PIU' MERCATO. Non meno mercato o mercati alternativi e fantasiosi come quelli proposti dalla bambina grafomane.

Marcello Bellini 20.08.06 13:22 |

*************************************

Siamo nell'era GLOBALE CAPITALISTICA e tu vieni ad evocare più MERCATO?

Più mercato di così?

Cosa ha risolto il mercato globale?

IL DENARO VA AL DENARO...guardati le statistiche! I ricchi sono sempre i soliti da generazioni! I poveri invece aumentano a dismisura...

IL MERCATO sarà anche libero...ma noi no!

PS.
La bambina grafomane ha 43 anni e ha lavorato come contabile in un'azienda internazionale per 15 anni...

baci


QUANDO SI DICE NON C'E' PIU' RELIGIONE: SAGRESTANO AGGREDISCE E UCCIDE UNA STUDENTESSA DI 21 ANNI A BRESCIA.

NON PREOCCUPATEVI PER LUI, TANTO C'E' L'INDULTO ...

------------------------------------------------
Secondo le prime indagini, si sarebbe trattato di un'aggressione

Brescia, studentessa uccisa trovata in chiesa
Il corpo della giovane, 23 anni, era avvolto in sacchi di plastica.

Sospetti sul sagrestano, coetaneo della vittima.

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2006/08_Agosto/20/brescia.shtml
-----------------------------------------------

ANDATE A MESSA FRATELLI, ANDATE A MESSA ... MA ANADATECI ARMATI CHE E' MEGLIO.

Moreno Mazzocchi 20.08.06 13:28| 
 |
Rispondi al commento

#@#@--------O.T.-------@#@#

Volete davvero vincere la mafia?
Volete davvere vincere la camorra?
Volete davvere vincere la sacra corona unita?
Volete davvero sconfiggere il 70% delle ingiustizie(I.C.I. compresa)?

Le ingiustizie il popolo italiano le ha sempre subite e.....sono secoli di secoli.

Chi ci ha sempre governato,in solitario o con altri?

(((((((((((( La chiesa cattolica! ))))))))))

Fate un pò voi.


Sarà una coincidenza?

joseph pane 20.08.06 13:17

Sei confuso, governa prodi e il centrosinistra. Sono loro che impongono le tasse, pure l'ici se la sono inventata loro.

Svegliaaaaaaa coglioniiiiiiiiiiiii!!!!

carlo marcs 20.08.06 13:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

siamo stanchi di sentir parlare di questi enti che lavorano per i loro azionisti.
il governo deve dare una vera scossa per convertire l'italia alle fonti energetiche rinnovabili.
siamo indietro anni luce e lo dico in un giorno di caldo torrido siciliano ( da Noto - SR) dove il sole ci sta cuocendo e non ci lascia in pace. la quantità d'insolazione che arriva in Italia è elevatissima, eppure siamo molto meno utilizzatori del sole di quanto loè la Germania e gli altri paesi del nord europa che sfruttano alla grande l'energia solare.
non ne possiamo più di questo ritardo. basta!! abbiamo scoperto che ci sono troppi interessi nel non far decollare le fonte energetiche rinnovabili. Saremmo tutti più liberi ed autossufficienti e questo a chi detiene le leve del potere energetico non piace. non piace proprio. la produzione di energie in piccola scala ed in modo diffuso tra la popolazione sarebbe la vera rivoluzione energetico-sociale.
quindi l'invito al Presidente del Consiglio ed al ministero delle attività produttive ed a quello dell'ambiente a stornare gli utili dell'ENI allo sviluppo derio delle fonti energetiche rinnovabili.
Questo scongiura anche il rischio concreto che vi è in Sicilia di consegnare l'isola ai petrolieri, tra cui l'ENI, che vogliono trasformarla in colabrodo per la ricerca di gas e petrolio.
In un documento dell'Assomineraria siciliana era scritto con toni trionfalistici: "Riparte l'attività petrolifera in Sicilia" "Il risvegio delle attività petrolifere in Sicilia" peccato che nel frattempo la Sicilia sta scommettendo su un modello di sviluppo turistico ed agricolo di qualità in contrasto con il modello di sviluppo estrattivo idrocarburico. Purtroppo la cecità dei nostri governanti regionali è sublime.
Ma Paolo e Giovanni con le loro morti violente ci dicono di andare avanti verso la liberazione della Sicilia e non solo...


Giulio Cesare 20.08.06 13:14
****************************

Mi sembra ovvio che la figura del CRAVATTARO è indispensabile per questi potenti, perciò l'USURA non viene mai debellata.

Se non esistessero gli STROZZINI noi considereremmo TALI le BANCHE!!!

Usa il cervello!
Usalo per pensare una forma NUOVA di credito !

NUOVA!
NUOVA!

Inventiamo!

manuela bellandi 20.08.06 13:20 | Rispondi al commento |

Ora vado a pranzo...

Una cosa la filantropia è morta con la creazione del concetto di denaro. Secondo i miei calcoli è avvenuta al momento della cacciata dal Giardino dell'Eden.

Giulio Cesare 20.08.06 13:26| 
 |
Rispondi al commento

f.marletta 20.08.06 12:22 | Rispondi al commento

Ti faccio osservare che il tentativo è di mettere i propri risparmi al meglio, non quì o là, nessuno credo voglia distruggere l'assetto bancario, ma penalizzare le banche che non danno servizi a prezzo concorrenziale si.
Se poi per farlo si nascondono,si fa per dire, dietro altre sigle a chi importa? QWuello che conta è il risultato, meno costi più conveniennza. Questo è la mia opinione e come hai visto non solo la mia. Grazie ciao

Francesco

f.marletta 20.08.06 13:16 |

Mi permetto di segnalare che le Poste erogano finanziamenti e mutui COME le banche, ma con il tramite della Deutsche Bank.....

Saluti

Mario Fiorillo 20.08.06 12:31 |

P.S.
Metto in evidenza il tuo commento perchè può sicuramente essere utile a chi segue, infatti il tuo commento è giusto e utile,come è giusta, credo, la mia precisazione.

Francesco

f.marletta 20.08.06 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Giulio Cesare 20.08.06 13:14
****************************

Mi sembra ovvio che la figura del CRAVATTARO è indispensabile per questi potenti, perciò l'USURA non viene mai debellata.

Se non esistessero gli STROZZINI noi considereremmo TALI le BANCHE!!!

Usa il cervello!
Usalo per pensare una forma NUOVA di credito !

NUOVA!
NUOVA!

Inventiamo!

manuela bellandi 20.08.06 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Per costringere ad investire in energie alternative l'ENI serve un governo con le pa..e, mentre il nostro è un governo che prima di ogni altra cosa pensa a scarcerare Previti e Tanzi dalle patrie galere e a farsi infinocchiare dalla Francia con spese di miliardi di euro per la campagna in Libano.

... eh, perchè il 9 di aprile non mi sono ammalato??

Marco Zazzetti 20.08.06 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

#@#@--------O.T.-------@#@#

Volete davvero vincere la mafia?
Volete davvere vincere la camorra?
Volete davvere vincere la sacra corona unita?
Volete davvero sconfiggere il 70% delle ingiustizie(I.C.I. compresa)?

Le ingiustizie il popolo italiano le ha sempre subite e.....sono secoli di secoli.

Chi ci ha sempre governato,in solitario o con altri?

(((((((((((( La chiesa cattolica! ))))))))))

Fate un pò voi.


Sarà una coincidenza?

joseph pane 20.08.06 13:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caio Giulio Cesare Contin 20.08.06 12:56
***************************************

Carissimo Giulio,

Comprendo benissimo ciò che ti spinge a canzonarmi, l'argomento è ostico...

...ma non stiamo parlando di risparmiare qualche euro...stiamo parlando di LIBERARCI DALLA SCHIAVITU' !!!

Se fosse facile...lo avremmo già fatto, ma da una persona intelligente come te, mi aspetterei qualche proposta degna di riflessione e non solo critica gratuita.

Chi risolve questo problema aiuta l'umanità tutta, te pare cosa da poco?
E' per risolvere problemi come questo che servono MENTI SUPERIORI.

Trovaci una soluzione!
ciao


OFF TOPIC
+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

L'INDULTO DIABOLICO!

Vi ricordate la triste vicenda di Suor Maria Laura Mainetti?

Be', "grazie" all'indulto le sue carnefici torneranno in LIBERTA'!
*************************************************
Clicca sul mio nome per entare nel blog di Falla Girare.

Massimiliano Borella 20.08.06 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non creare AAGENZIE IMMOBILIARI ALTERNATIVE che mettono in contatto venditori e compratori anche dal punto di vista creditorio?

Trovare una qualunque forma privata di prestito o dilazione non dovrebbe essere impossibile.

Ciao

manuela bellandi 20.08.06 12:46 Rispondi al commento

Dirò una "stupidagine" FORSE, ma ogni tanto bisogna anche sorridere.
Ricordi il film LA VITA E' UNA COSA MERAVIGLIOSA CON L'ATTORE JAMES.STUART, credo di Frenk Capra
"Nel film la societa -COSTRUZIONI E MUTUI- lottò per sopravvivere ,contro un plUtocrate del posto, e vinse, vinse PERSINO CONTRO CRISI DEL 29,"
Certo non era che un film, ma in esso ci sono delle verità che aiuterebbero a sperare, oltre che a dare un suggerimento possibile, a chi non sa vederlo nella realtà.
La determinazione e l'impegno personale possono veramente vincere se si ha il coraggio di andare fino in fondo.
E non ditemi che è retorica, lo è molto di più dire, che tanto no c'è niente da fare. Ciao

Francesco

f.marletta 20.08.06 13:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un paio di video interezzanti di Gianni Minà:

http:// www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=2064&ext=_lit.wmv

http:// www.giannimina.it/html/video/170605-56k.wmv

Massimo La Mantia 20.08.06 13:05| 
 |
Rispondi al commento

A chi fa gola la poltrona di Scaroni? diccelo Grillo, tu lo sai.

Mincato non sarebbe ora che andasse in pensione? anche per rimanere coerenti col post postato l'altro giorno.

E dai, diccelo!!!

Cirillo Metodio 20.08.06 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Mario Scafroglia 20.08.06 10:50

Santa Cleopatra!!!

anche i Cure....sarà l'aria Toscana!

ciao!

manuela bellandi 20.08.06 13:02| 
 |
Rispondi al commento

ma io prima vengo tassata perchè si faccia l'eni, poi pago di più la benzina perchè l'eni abbia i dividendi, attenzione se l'eni perde verremmo tassati per le perdite, chiaro che se non c'è scaroni condannato guarda caso per la solita corruzzione,ci mettiamo chenesò previti, io dico al prodi governo di svegliarsi e alla svela

anna quercia 20.08.06 12:54| 
 |
Rispondi al commento

mi spiegate per quale motivo la benzina alla pompa ha un prezzo che segue l'andamento del prezzo del petrolio MA SOLO QUANDO SI PARLA DI RIALZO mentre quando il prezzo del petrolio scende (anche se di poco) il prezzo della benzina rimane quasi invariato?????????????????

ronny rimediotti 20.08.06 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Sono anni che viene utilizzato l' IDROGENO ad uso industriale e non si riesce a renderlo disponibile a tutti?

L'energia alternativa c'è!

No c'è però la volontà politica (economica) di diffonderla!

Arturo Valeri 20.08.06 12:51| 
 |
Rispondi al commento


1) e tu pensi che dopo avero letto il tuo "CARTELLO", loro se ne vanno a casa???

2) perchè dovrebbere andarsene a casa quando in fondo il loro operato, se pur criticato verbalmente, trova il massimo riscontro nei ns. errati atteggiamenti quotidiani???

3) vorrei proprio vedere, in una manifestazione pacifica che protesta con cartelli e varie, quanti di questi il giorno dopo, per continuare la protesta , abbandona la propria auto...

Dai ragazzi....almeno non prendiamoci per i fondelli.........tra di noi.

sandro fioravanti 20.08.06 12:17 Rispondi al commento

La risposta alla tua considerazione te la da una gentile amica che non conosco personalmente ,Franca Zarattini ( Commento postato a mio nome alle 10,22 ), ma che come moltisimi altri, ANONIMI SPERO PER POCO,dimostra che se si vuole, si pùò tentere qualche cosa, la rassegnazione e madre di tutte le sconfitte, E SPESSO E FIGLIA DELLA FRASE TANTO NON C'E' NIENTE DA FARE, certo se aspettiamo che lo facciano gli altri stiamo freschi,ognuno con il suo contributo può aiutare a fare la differenza, e no bisogna scoraggiare chi ci prova, semmai bisogna aiutarlo. non credi. Per quanto riguarda i politici a me personalmente anche se io non sono di sinistra non è che importi un gran che chi essi siano, MI IMPORTA CHE FACCIANO QUELLO CHE SERVE, pertanto se vogliono restare a governare lo facciano sapendo però che tutti i giorni finchè non fanno quello per cui sono pagati avranno noi tra i cog..oni davanti al parlamento, a ricordargli che non saremmo mai pìù così stupidi da rivotarli, ti ricordo che ci costano 25/30.000 euro al mese + il resto ciascuno.

Spero di essere stato per il momento, esauriente se non è così, scusami,ciao

Francesco

f.marletta 20.08.06 12:46| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno manuela, ci sei! ho letto la tua risposta di stanotte e devo dire che non ci avevo pensato, riguardo al fatto del credito personale tra venditore e compratore di casa. sai che è geniale? non potevi tirarla fuori prima? scherzo eh!
comunque mi pare che una volta, tanto tempo fa, quando ancora eravamo una società contadina e sana, si facesse proprio così.
però, tanto per fare un caso personale, io ho comprato da un costruttore, a un prezzo relativamente più basso perchè la casa non è terminata, e lui non l'ha terminata proprio perchè aveva bisogno urgente di contanti per fare altre case, quindi non credo che potesse aspettare i miei pagamenti dilazionati

liliana pace 20.08.06 12:27 |

*****************************************

Buon Giorno Liliana,

La DOMANDA condiziona L'OFFERTA!!!!!

Comunque questo è l'aspetto più difficile da risolvere...nessuno dice che è facile, io esprimo solo concetti da un diverso punto di vista.

Però pensa Liliana...I soldi del mutuo che la banca ti presta di chi sono????

Questo denaro che la banca ti presta è di UN ALTRO PRIVATO che ne ha in eccesso e li deposita in banca...quindi la banca ti AMMAZZA di interessi solo per fare da tramite...

Perchè non creare AAGENZIE IMMOBILIARI ALTERNATIVE che mettono in contatto venditori e compratori anche dal punto di vista creditorio?

Trovare una qualunque forma privata di prestito o dilazione non dovrebbe essere impossibile.

Ciao


A chi fa gola la poltrona di Scaroni? diccelo Grillo, tu lo sai.

Mincato non sarebbe ora che andasse in pensione? anche per rimanere coerenti col post postato l'altro giorno.

Ade Ajetto 20.08.06 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Egr. sig. GRILLO,
in tutto il mondo (Arabi compresi) stanno facendo investimenti colossali nel SOLARE !!! da noi invece stiamo ancora discutendo su come risparmiare sulla bolletta petrolifera.
L'ENI da tempo immemorabile controlla l'unica azienda italina che produce celle solari PV e assembla moduli (EUROSOLARE) purtroppo non è mai uscita a produrre una quantità significativa di celle e quindi di moduli perchè???? forse lo stff ENI non crede alle rinnovabili oppure è preso da altri impegni ? forse bisogna ricordagli che un suo concorrente la BP e anche la SHELL da qualche anno stanno investendo massicciamente nel SOLARE con grossi utili e preparandosi per tempo al dopo petrolio !!!
Noi invece, partiamo primi ( l'Eurosolare ha forse 20 anni !!!) poi ci fermiamo, perchè ?
Nell'attesa consiglio a chi può . di usare il meno possibile l'auto ma più le gambe altrimenti ...
grazie e cordiali saluti
Franco


Il male non è al governo.........il male SIAMO NOI.

Loro si limitano a sfruttare al massimo il nostro presappochismo, la ns. ignoranza sociale e culturale.......hanno capito molto bene, e da persone intelligenti quali sono, con chi hanno a che fare.......e che potranno portare la benzina a 20 Euro al litro, tanti gli stronzi continueranno a fare chilometri di fila per andare in ferie o peggio ancora per recarsi in auto (tanto abbiamo l'aria condizionata) al bar.........a prendere un gelato.

L'importante è.........""LASCIARLI PARLARE""

Loro lo hanno capito molto bene.....mi chiedo invece quando matureremo...""CAPENDOLO NOI""?????

sandro fioravanti 20.08.06 11:46
************************************
Grande Sandro quello che hai detto è il nonplusultra, che da la risposta ad ogni cosa; sono felice che qualcuno l'abbia tirata fuori....i potenti sono dei figli di p..., però noi siamo una massa di mer..da che ha paura di andare controcorrente...basta guardare i programmi che fanno alla televisione per farsi un'idea del livello di escrementi presenti nei palinsesti..

Germano Luzzi 20.08.06 12:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe stai scoprendo l'acqua calda. Ormai è usanza di qualsiasi azienda quella di piangere miseria, di lamentarsi per i momenti difficili, etc etc.
Questo lo vedo anche nel piccolo dove lavoro io, si tengono stipendi bassi e si assumono persone con contratti da schiavi per poter avere le persone a disposizione in qualsiasi momento, e tutto questo ti fa credere che il periodo difficile dell'economia lo richieda. Poi invece ti accorgi che una manciata di persone che ancora non si sa che ruolo svolgano all'interno dell'azienda prendono stipendi da capogiro a partire dal mega amministratore e via via più in basso.
Noi umani siamo fatti così in qualsiasi periodo storico non si è mai vista una giustizia "giusta" quindi a questo punto credo che la vera giustizia sia questa; il potente prevale sul meno potente, e via via fino al fondo. Credo che chiunque di noi messo nella stessa posizione si composterebbe diversamente. Gli uomini che realmente si sono preoccupati di quelli che erano sotto di loro nella storia, sono stati veramente pochi, Ghandi è il primo che mi viene in mente (ma forse non erano umani), quindi mi convinco sempre di più che sia un po' utopico pensare diversamente.

alberto Mel 20.08.06 12:42| 
 |
Rispondi al commento

L’energia in Italia non è un mercato, ma un distributore di euro per gli azionisti dell’Eni.

L’energia in Italia non è un mercato, ma un distributore di euro per gli azionisti dell’Eni.

L’energia in Italia non è un mercato, ma un distributore di euro per gli azionisti dell’Eni.

L’energia in Italia non è un mercato, ma un distributore di euro per gli azionisti dell’Eni.

...E LO STESSO IDENTICO DISCORSO VALE PER ENEL E AUTOSTRADE!!!!

...E LO STESSO IDENTICO DISCORSO VALE PER ENEL E AUTOSTRADE!!!!

...E LO STESSO IDENTICO DISCORSO VALE PER ENEL E AUTOSTRADE!!!!

...E LO STESSO IDENTICO DISCORSO VALE PER ENEL E AUTOSTRADE!!!!

è ora di finirla!! bisogna andare in piazza PER QUESTE COSE!!! NON per la juve o il milan o chissa che squadra..

BOICOTTATE BENETTON E I SUOI MAGLIONI

Michele Cauda 20.08.06 12:41| 
 |