Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Energia fai da te

  • 1340


energia_fai_da_te.jpg
foto di solivagant7

In questi giorni si parla solo di Finanziaria. Dei soldi che sottrarrà a questa e a quella categoria sociale. Per commentare la Finanziaria dovrei assumere a tempo pieno un dottore commercialista e pubblicare per settimane tabelle, numeri, percentuali, confronti statistici e storici. Chi si ricorda la Finanziaria del ’98, o quella d’annata dell’89? Cosa hanno rappresentato per tutti noi? La Finanziaria non cambia nulla nel Paese. Qualcuno la prenderà più nel c..o di prima, svilupperà gli anticorpi e cercherà di evadere. Tutto qui. La Finanziaria è finanza e di finanza il Paese ne ha vista anche troppa. Ora servono i fatti. I politici non faranno nulla, sono vecchi nello spirito e nel linguaggio. Un linguaggio da banchieri. La Finanziaria, o meglio l'Impresaria dobbiamo farcela da soli. Un'Impresaria fai da te.
Prendiamo esempio dal comune di Berlingo. Cloniamolo in tutti i nostri comuni.

“ Avendo riscontrato la sua attenzione alle tematiche ambientali e delle energie rinnovabili, mi permetto di segnalare un intervento che il Comune di Berlingo (Bs) ha recentemente approvato e che verrà realizzato nel prossimo anno: si tratta di un impianto combinato fotovoltaico-geotermico che fornirà energia elettrica e riscaldamento al nuovo polo scolastico in costruzione (materna e elementare) e al già realizzato centro sportivo.
L'opera, che per un Comune di ridotte dimensioni (2200 abitanti) come il nostro è di notevole entità, si rende realizzabile grazie al contributo in conto energia ottenuto dal GRTN e permette di azzerare le emissioni in atmosfera, rendere autosufficienti da un punto di vista energetico gli edifici pubblici sopra citati e ridurre drasticamente, se non azzerare, i futuri costi di gestione derivanti da energia elettrica e riscaldamento.
Da sottolineare come il polo scolastico e il centro sportivo sorgono in una zona centrale del paese, dove, fino al 2000, esisteva una discarica abusiva di rifiuti pericolosi (piombo e scorie di batterie) interamente bonificata mediante la totale rimozione del materiale inquinante, con il contributo della Regione Lombardia: un sito altamente pericoloso diventa quindi, per una sorta di contrappasso dantesco, un luogo fortemente significativo per la salvaguardia dell'ambiente.
Il nostro Comune ha già messo in funzione (2005) un impianto solare termico per il riscaldamento dell'acqua sanitaria del centro sportivo e un impianto fotovoltaico (2006) per il municipio.
Ha avviato una partnership con una cooperativa sociale specializzata nel settore delle energie rinnovabili, proponendo, nello scorso mese di febbraio, un incontro alla cittadinanza sul "conto energia" e promuovendo quindi installazione di pannelli fotovoltaici anche presso le abitazioni private.
Il nostro vuole essere un esempio e uno stimolo di come, al di là di proclami spesso fini a se stessi, anche realtà piccole come la nostra possono realizzare programmi di intervento significativi e eco-compatibili. Ringrazio per l'attenzione e saluto cordialmente”.
Dario Ciapetti - sindaco di Berlingo

7 Ott 2006, 19:10 | Scrivi | Commenti (1340) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 1340

| La Settimana | Trackback (3)

Commenti

 

continuate così e conquisteremo l'italia

sindy bomboniere 30.10.16 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Siete grandi continuate così. Noi tutti di www.ingrossoerisparmio.com vi seguiamo costantemente.
CAMBIAMO L'ITALIA!!!

Francesca 03.11.14 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Pochi Paesi oggi sono in grado di essere realmente autosufficienti. Molti
chiedono Energia ai loro confinanti. L'Italia di oggi in uno stato di grave
non-autosofficiente. Consiglio a tutti di visionare la mappa mondiale
dell'autosufficienza energetica che trovate a questo link (
http://www.ilmioeden.it/e-se-domani-non-avessimo-piu-energia/ )nella quale
si vede chiaramente la situazione di tutti i paesi del mondo.
A presto,
Roberto Stanzani

Roberto Stanzani 10.11.13 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti sono un ragazzo di Cesena favorevole al movimento 5 stelle di Grillo ieri sera ero in piazza Almericci per sentire il discorso per promuovere la lista.Volevo chiedere se qualcuno conoscie il campo della nuova energia alternativa dei pannelli fotovotaici e se poteva darmi qualche informazione approfondita.Perchè siccome io possiedo un bar edicola a chiosco e consumo abbastanza energia vorrei installare un impianto fotovotaico che mi aiuti a respirare dal cancro della bolletta dell'enel e investire nel futuro e non nel nucleare come vogliono fare i nostri politici. Se c'è qualcuno che mi può informare mi farebbe piacere. Grazie della disponibilità

Davide Baldacci 26.03.10 14:42| 
 |
Rispondi al commento

sono un inventore privato ecologista,da 30 anni mi batto x la tutela ambientale attraverso invenzioni free energy,brevetti che le multinazionali mi hanno fatto scadere x interessi contrari,pro petrolio ovviamente.ne ho quindi fatto un libro dal titolo LE NUOVE TECNOLOGIE PULITE editrice nuovi autori,ma non interessa.sto portando avanti l invenzione della cella a idrogeno da elettrolisi di acqua a basso consumo mediante oscillatore,vedi inv,austral,1994.prototipo fatto,ma in corso di progettazione l alimentatore elettronico.questa è la soluzione globale al problema energetico ambientale...insabbiata dal muro di gomma e da rubbia...sono solo ma non mollo,anche se mi hanno malcombinato fisicamente e di salute..che paese ,ostacola le persone che risolvono i problemi x dare strada ai raccomandati ipocriti inquinatori.da meucci in poi nulla è cambiato in italia...ti saluto e grazie x quello che fai x tutti noi..ciao

fabio pareto 01.03.10 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
ho appena comprato casa e per la fornitura di energia elettrica avevo pensato a Sorgenia la quale nel suo spot pubblicitario afferma di essere il primo produttore in Italia di energia pulita. Ci si può fidare?
Inoltre a Report la scorsa domenica hanno parlato di una rete di energia elettrica del tipo di quella di cui ha parlato Beppe Grillo nello spettacolo "Delirio"; si tratta di una cosa meravigliosa, ma è nata in Veneto e purtroppo non credo che a Roma o nel Lazio sia nato qcs di simile ancora....qualcuno ne sa più di me sull'argomento???
Vi ringrazio!!!
Buona giornata!

silvia fontemaggi 02.04.09 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Il progetto, per la produzione di energia attraverso specchi parabolici nel deserto del Sahara, si avrebbe energia a costi simili se non inferiori al nucleare, con in più tutti i benefici dell'energia pulita, richiede la collaborazione tra più nazioni europee, per la realizzazione di una rete comune di trasporto dell'energia in Europa attraverso nuove linee di corrente continua ad alta tensione (High Voltage Direct Current, HVDC) con perdite limitate al 10-15%.

Accordi e collaborazione tra gli Stati dell'area del Nord Africa e quelli Europei, per la realizzazione di Centrali Solari la dove il Sole è realmente presente, sono certamente possibili.
Gli interscambi e la collaborazione economica sono uno dei migliori fattori per generare comprensione reciproca e un miglioramento delle condizioni di vita in entrambi i paesi cooperanti.

Le Centrali Solari Termodinamiche messe a punto da Rubbia, elemento base del progetto Desertec in abbinamento al Fotovoltaico ad oggi sembrano l'unica vera alternativa al Nucleare.

Le altre fonti, idrogeno etc, le trovo un non senso, o si rema verso soluzioni subito possibili, o altrimenti si fa il gioco di chi vuole il nucleare.

Intanto l'asteroide Apophis passerà nel 2029 a soli 32.000 Km dalla Terra ben 4.000 km sotto i nostri satelliti e qua si continuano a seminare centrali nucleari, come se i corpi celesti fossero sogni e non una pericolosa realtà.

luca rossi Commentatore certificato 23.05.08 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Conto Energia.
Istallati ed entrati in Esercizio, ad oggi 19 aprile 2008, Pannelli Fotovoltaici per una potenza di oltre 100 MWp, grazie al Conto Energia.

Complessivamente computando anche i MWp preesistenti al Conto Energia oggi sono in Esercizio circa 140 MWp di Fotovoltaico.
Questo comporta una produzione annua di Kwh elettrica pari a:
140 x 1.000 x 1.300 = 182.000.000 kwh ossia 182 GWh annue
Ciò equivale a fornire energia elettrica, ipotizzando un consumo medio di 3.500 Kwh annue, a circa 52.000 famiglie. Se assieme al fotovoltaico s'installa anche un pannello solare termico per la produzione di acqua calda, il consumo medio si può ridurre anche del 40% e cioè attorno ai 2.500 Kwh annue.
Praticamente il pochissimo Fotovoltaico attualmente in Esercizio, copre già il fabbisogno delle famiglie di una città di oltre 200.000 abitanti.

Sul piano ambientale questo significa:
- risparmio annuo di 40.000 tonnellate di energia primaria(petrolio greggio), equivalente a 315.000 barili di petrolio all'anno;
315.000 x 116,45 = 36.680.000 $ cioè circa 23.000.000 di euro all'anno;

- mancata immissione nell'atmosfera di CO2 per 122.000 tonnellate all'anno, oltre a tutti gli altri residui e veleni che si producono bruciando il petrolio ed i combustibili fossili in genere, a tutto vantaggio della salute e quindi con notevoli risparmi dello Stato nel campo sanitario.

Ora dato che come al solito qualcuno ribadirà che queste cifre sono insignificanti, tanto vale completare dicendo che essendo il fabbisogno complessivo di 330.000 GWh all'anno di cui quasi il 20% già coperto da fonti rinnovabili, questi attuali 182 GWh annui incidono per circa lo 0,7 °/oo (0,7 per mille).
Il trend attuale d'installazione dei Pannelli Fotovoltaici è cresciuto tantissimo, siamo passati dai 5 MWp/anno ante Conto Energia, agli attuali 170 MWp/anno (50 MWp installati in 100 giorni nel 2008).
Per altre informazioni clicca mio nome.

luca rossi 24.04.08 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Credo che questo sia il messaggio più recente di Beppe in cui compare la parola "fotovoltaico". E risale a quasi un anno e mezzo fa...
Le battaglie che ha comabattuto nel frattempo sono importantissime, e le condivido.
Tuttavia il fotovoltaico (che, per fortuna, sta avendo un boom sorprendente in italia in questo periodo) meriterebbe forse qualche intervento...
Segnalo il mio personalissimo blog: http://voglioilfotovoltaico.blogspot.com/
Il blog di uno qualunque che ha deciso di imbarcarsi nell'avventura di mettersi i pannelli sul tetto...

Giuseppe Crivia 22.04.08 17:26| 
 |
Rispondi al commento

segue:
Il LARGE HADRON COLLIDER può provocare la "Fine del Mondo".(2 parte)

Questo fenomeno non è mai stato sperimentato, il tutto si basa sulla teoria della "radiazione di Hawkin", teoria mai provata sperimentalmente e che quindi potrebbe anche rivelarsi falsa, in questo caso i "micro buchi neri" non evaporerebbero, e potrebbero dare origine ad una materia a noi sconosciuta capace di "zippare" il Pianeta Terra.

Tuttavia, afferma il fisico Landsberg, anche se Hawking sbagliasse il "mini buco nero" divorerebbe la materia così lentamente, che per divorare un milligrammo ci vorrebbe più dell'età dell'universo .

Al contrario secondo altri scienziati l'accrescimento del buco nero sarebbe esponenziale e non lineare, come invece sostengono i fisici del CERN.

Secondo lo Scienziato Tedesco Rossler i "mini buchi neri" inghiottiranno la Terra in 50 mesi.

Walter Wagner e Luis Sancho hanno citato in giudizio, presso una Corte Federale USA nelle Hawaii(50 esimo Stato Americano): il Cern, il Fermilab di Chicago e il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti che hanno partecipato alla costruzione dell'acceleratore.

QUESTA "VOGLIA MATTA" DI GIOCARE COL CREATO, non sembra esagerata?

Quando si è entrati all'interno del Nucleo Atomico separando i Protoni dai Neutroni, l'Energia liberata dal loro distacco ha dato origine alla bomba atomica(dieci milioni di gradi termici), ora si vuole andare oltre, sempre nel più piccolo, scoprire(più o meno lo si sa già) quali componenti costituiscono i Protoni.
Ormai siamo al limite, sembra che questa operazione porti alla trasformazione dei Protoni direttamente in Energia che poi si ritrasforma in una "Nuova Materia" magari diversa dalla precedente, tra cui è possibile quella dei "Buchi Neri", al CERN assicurano non saranno stabili ed in 10-42 secondi evaporeranno in una "Nuvola di Radiazioni e Particelle Elementari".

L'INFALLIBILITA' NON ESISTE.
E se al CERN si sbagliassero?
Per link ed altro clicca mio nome.

luca rossi 19.04.08 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Il LARGE HADRON COLLIDER può provocare la "Fine del Mondo".

Il CERN - Centro Europeo per la Ricerca Nucleare - è stato trascinato davanti ad una Corte Federale degli Stati Uniti, la prima udienza è stata fissata dalla Federal District Court di Honolulu, nelle Hawaii 50° Stato USA, per il 16 giugno prossimo.

In Italia nessuno ne parla, a parte pochi articoli apparsi sui giornali.

I fatti:
AL "CERN" IL NUOVISSIMO ACCELERATORE DI PARTICELLE "LHC", 30 VOLTE PIU' POTENTE DEI PRECEDENTI, realizzato a 100 metri di profondità in un tunnel lungo 27 km, SPARERA' PARTICELLE NUCLEARI(due fasci di protoni, controrotanti) AD UNA VELOCITA' PROSSIMA A QUELLA DELLA LUCE(99,999%).
UNO DEGLI OBBIETTIVI E' QUELLO DI INDIVIDUARE TRA LE PARTICELLE CHE SI GENERANO DALLA COLLISSIONE (infatti nello scontro tra i due fasci si ha la disintegrazione dei Protoni con la trasformazione in energia ed altre particelle elementari previste dalla teoria, alcune mai rilevate sperimentalmente in particolare una che si ritiene fondamentale nella formazione dell'Universo IL "BOSONE DI HIGGS"("Particella di Dio").

Ora DUE SCIENZIATI, RITENUTI INCOMPETENTI, HANNO SPORTO DENUNCIA, RITENGONO CHE ESISTA, SEPPUR INFINITESIMALE, IL RISCHIO CHE SI POSSA GENERARE UN "BUCO NERO".

CIOE' QUEL FENOMENO, CHE PORTA UN CORPO CELESTE AD ESEMPIO UNA STELLA AD IMPLODERE SU STESSA DANDO ORIGINE AD UNA NUOVA MATERIA CON DENSITA' TALMENTE ELEVATA DA NON LASCIAR USCIRE(RIFLETTERE) NEMMENO LA LUCE(fenomeno ormai dato per certo), IN PAROLE PIU' SEMPLICI L'INTERA TERRA VERREBBE INGHIOTTITA CIOE' COMPRESSA.

GLI STESSI SCIENZIATI CHE PORTANO AVANTI L'ESPERIMENTO NON SMENTISCONO LA POSSIBILITA' CHE SI POSSA CREARE IL CATASTROFICO "BUCO NERO",
MA ASSICURANO SARA' UN FENOMENO TALMENTE RAPIDO CHE EVAPORERA' IN BREVISSIMO TEMPO IN UNA "NUVOLA" DI RADIAZIONI E PARTICELLE ELEMENTARI.

continua:

luca rossi 19.04.08 18:59| 
 |
Rispondi al commento

(3) continua dal sottostante punto (2)
Possiamo permetterci il lusso di snobbare il petrolio, rivolgendoci ad una fonte energetica alternativa che ha dato origine al nome Lucania: terra della luce del sole nascente (da qui le ore ante-lucane), che deriva da una radice indo-europea luc o dal nome di un antico popolo proveniente dall’Anatolia-Turchia, i Liky. Una luce adamantina che, oltre alla grande capacità di assorbire e condurre il calore, ha in comune con il diamante la limpidezza e ancor più il candore, trasmettendo una luminosità speciale, capace di far brillare della natura anche il più sottile filo d’erba. Ciò che gli antichi avevano scoperto empiricamente viene, oggi, confermato dagli scienziati (non quelli prezzolati). Secondo i dati UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) la Lucania, assieme alla Turchia (a volte ritornano e tutto torna), è una delle zone che ha la più grande quantità di irraggiamento solare del bacino del Mediterraneo. Una vera pacchia per gli impianti fotovoltaici e solari termici (quest’ultimi si possono facilmente autocostruire). Interessante è il rapporto: 1 mq di pannello solare = 1 barile di petrolio. Se in occasione della volontà manifestata, illo tempore, dal Governo di costruire qui in Basilicata il deposito nazionale delle scorie radioattive protestai: “Anche le formiche nel loro piccolo si ... Scanzano”, ora suggerirei di seguire l’esempio de “i ribelli dell’energia”, gli abitanti di Schönau, un piccolo centro della Foresta Nera - Germania i quali, dopo Chernobyl, acquistarono la rete elettrica locale e cominciarono a produrre energia per proprio conto (pur avendo una quantità di irraggiamento solare di gran lunga inferiore alla nostra), sganciandosi dalle centrali atomiche per dimostrare che era possibile rinunciare al nucleare. Per ulteriori informazioni visitate il sito: www.tecnosolarpz.it
Antonio Adobbato, poeta e novelliere lucano

Antonio A. Commentatore certificato 02.04.08 09:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(2) continua dal sottostante punto (1)
Prima che quest’ultimo tornerà a sedimentarsi, liberando l’acqua dalle impurità, ci vorranno tempi biblici. Maledette sanguisughe! Che voi possiate annegare nel petrolio che “succhiate”, così come chi affoga nel proprio sangue. Estrarre, oltreché innaturale, è immorale. Continuando di questo passo andremo allegramente sull’orlo del baratro per precipitarvi dentro. Ma una soluzione c’è. Se solo noi tutti iniziassimo una volta per tutte ad avere la consapevolezza che il futuro dobbiamo tenercelo ben stretto nelle nostre mani e non affidarlo in quelle incoscienti dei politici che, già prima di essere eletti, sono stati “sequestrati” dalle lobby (sostenute da scienziati prezzolati) di cui innanzi, solo allora potremmo dirci ospiti degni del suolo che calpestiamo. Procederemo, altrimenti, sempre come quel bambino che inizia a muovere i primi passi e le cui gambe vanno nella direzione opposta all’obiettivo che vuole raggiungere, perché non sono ancora ben coordinate con gli occhi. Saremo degli eterni schizofrenici. Infatti la logica comune suggerisce talune soluzioni ai problemi. La “politica” delle altre è in tutt’altra direzione. Dobbiamo trasformarci da consumatori a datori di lavoro. Protagonisti delle nostre scelte. E’ giunto il momento di usare l’intelligenza. Del suo buon uso, prima o poi, ci verrà chiesto conto. Ricordate la parabola evangelica dei talenti? No! Non sto delirando libertà contro il servile buon senso da più parti, pappagallescamente, invocato. Occorre avere il coraggio di rivedere l’attuale modello di vita, senza poi troppi sconvolgimenti. E come? Noi lucani siamo favoriti dalla natura (una volta tanto), ma dobbiamo spostare l’attenzione dal sottosuolo al cielo.

Antonio A. Commentatore certificato 02.04.08 09:02| 
 |
Rispondi al commento

(1) OUTLET LUCANIA O TERRA DELLA LUCE DEL SOLE NASCENTE?
Prima in Basilicata, già Lucania, c’era, a causa della povertà di questa terra, l’emigrazione delle braccia al ritmo di un noto adagio che recitava: “Se sei brutto ti tirano le pietre”. Ora, a causa dell’attuale “ricchezza” (Petrolio, Fiat, Fondi UE – per quest’ultimi si può affermare, senza tema di smentita, che non è vero che la Basilicata è l’unica regione a sfruttarli tutti se si considera che alcuni di questi, ad esempio, sono scomparsi con un colpo di bacchetta magica dopo che è stata pronunciata la famosa formula, qui riveduta e corretta: “Bibbidi-Bibbibo-Bubbico” per finanziare un’impresa di bachi da seta mai apparsi in terra lucana) c’è l’emigrazione dei cervelli al ritmo incalzante dello stesso adagio che rincarava la dose con: “Se sei bello ti tirano le pietre”. Se nel primo caso le pietre erano “meritate”, nel secondo la colpa va cercata in colui che le scaglia. Ad ogni modo la verità, che nasce da questo paradosso, è che noi lucani, comprese le future generazioni, siamo stati venduti ai poteri occulti (lobby, massoneria, servizi deviati dello Stato, malavita organizzata, ecc.) al prezzo di una scodella di lenticchie. Questa terra è diventata crocevia di traffici illeciti: sparizione di rifiuti altamente tossici e di esseri umani, nonché di delitti inspiegati che hanno addentellati sparsi per il mondo (l’inchiesta di Ilaria Alpi in Somalia ne è un esempio emblematico). Il Parco Nazionale della Val d’Agri è solo il fumo gettato negli occhi dei lucani. Dopo il danno, la beffa. Su questo suolo sorge il più grosso giacimento petrolifero d’Europa. La crosta terrestre di questa valle sta crepando (lesionandosi oggi e … chissà! Sprofondando domani) sotto i colpi inferti dalle trivelle e a causa dello svuotamento da estrazione. Per via di quest’ultimo le falde acquifere soprastanti i giacimenti si stanno abbassando, con la conseguente sparizione delle sorgenti, e mescolandosi con il petrolio.

Antonio A. Commentatore certificato 01.04.08 07:37| 
 |
Rispondi al commento

"SINTESI - la nuova auto elettrica Pininfarina" - Salone di GINEVRA 2008, l'auto elettrica prende forma.
Attorno a questa nuova auto batezzata SINTESI, alla Pininfarina stanno creando ad arte un alone di mistero che stimola interesse, curiosità ed aspettative. Sembra sia proprio l'auto elettrica annunciata a fine dicembre che dovrebbe nascere dall'accordo con la francese Bollorè, fornitrice del set di Batterie al Litio Solido, capaci di percorrere 250 Km con una sola ricarica, ed immune da qualsiasi problema di surriscalmento riscontrato invece in quelle allo ione-litio.
Pininfarina sta comunicando un pò alla volta attraverso 5 magazine settimanali online http://www.sintesi.pininfarina.it/ i segreti della nuova auto(elettrica?).
LO stesso sito dedicato in esclusiva all'evento, crea non poche aspettative.
Come già annunciato i primi ordini verranno accettati(forse) già a Dicembre del corrente anno.
Sarà presentata tra pochi giorni al Salone di Ginevra dal 4 Marzo.
Il nome "SINTESI", sta a significare la fusione del meglio offerto dagli ultimi prototipi della casa, la sportiva "Birdcage 75th" Salone di Ginevra 2005 e la piccola comoda e fascinosa "Nido" Salone di Parigi 2004.
Sarà un'auto dotata della Tecnologia Canclast ed è in grado d'interconnettersi in maniera automatica alle altre vetture, creando una sorta di "tessuto connettivo telematico" sul quale viaggiano tutte le informazioni. Una dorsale autonoma ed affidabile sulla quale i veicoli possono comunicare agli altri veicoli il loro stato e gli eventi particolari. Una rete dove le informazioni sul traffico e sulla sicurezza possono viaggiare aggiornate in tempo reale.
Un'auto costruita adattata ed integrata attorno alle nuove tecnologie Fuel-cell e Batterie, regalando al designer maggiore liberta e capacità di ricerca e soluzioni più sofisticate.
Per ulteriori notizie clicca mio nome.

luca rossi 18.02.08 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Salve sono Grasso Alessandro da Catania, da circa tre anni ho un'attività in proprio nel settore del Risparmio energetico ho lavorato (nn è stata facile) e lavoro ( nn è facile) duramente affinchè possa riuscire ad inculcare alla testa dura della gente che la mia è un'attività nobile che si occupa delle problematiche di noi tutti e può dare una svolta alla salute della terra ed alle nostre tasche,
Ho pensato infatti di incentivare l'acquisto dei miei prodotti riconoscendo ai miei clienti collaboratori una provvigione sul reference.Potrebbe sembrare un' argomento difficile ma la realtà è che riusciamo a creare facilmente una rendita per 20 anni di € 300,00 al mese in su'.Come? pubblicizzando L'IMPIANTO Ed i prodotti che installiamo a casa tua.
Inoltre il mio interesse è quello di raccimolare quanti piu' soldi e possibile per poter aprire una fabbrica di prodotti solari sul posto E POTER INTERVENIRE COME ESCO DA QUELLA GENTE BOIGOTTA CHE ANCORA USANO MACCHINARI VECCHI E CHE CONSUMANO TANTO.ad oggi con le banche nn si puo' piu' discutere. Il LORO MOTTO, hai i soldi? faremo di tutto per prenderteli. nn li hai? muori.
Hanno trovato il modo di impoverirci e schiavizzarci il piu' e possibil ma credo che con le giuste mosse si possa rientrare in partita per contrattaccare e rendere le cose piu' facili per tutta la gente.
Parlano di Globalizzazione ma in realtà stiamo seguendo i passi dell'Argentina svegliamoci ed agiamo.Certo i nostri soldi dove vanno?
Per il resto come disse Vasco Rossi! Sii! stupendo, mi viene il vomito.
Mi riferisco a Catania, che è al buio poichè l'amministrazione comunale deve all'Enel 80.000.000,00 (mln) di €.Pero' quando proponi installiamo lampade a bassa pressione che consumino tre volte meno ed approfittiamo del conto energia loro cosa rispondono?nn siamo pronti,nn ci credo e cosi' via,
ma come dovreste essere da esempio per tutti.
Il mio è un'appello come posso fare a muovere un movimento P.C.G.? ( PER LE COSE GIUSTE).
un'abbraccio.

Alessandro Grasso 27.01.08 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Nuove Batterie Ricaricabili al Litio ad altissima capacità 10 volte le attuali.

A Palo Alto in California sostituendo la grafite (Carbonio) presente nell'anodo delle attuali batterie con il Silicio si è riusciti ad ampliare di oltre 10 volte la capacità delle attuali batterie allo "ione Litio", sfruttando il fatto che un atomo di Silicio può attrarre ben 4 ioni Litio, mentre nelle batterie attuali per attrarre un solo ione Litio devono entrare in gioco ben 6 atomi di Carbonio.
Questo potrebbe portare al fatto che gli attuali Pc portatili potrebbero funzionare per 30-40 ore senza ricaricare le batterie, e le auto elettriche potrebbero viaggiare per diverse centinaia di Km (oltre 500) senza la necessità di effettuare la ricarica delle batterie. Ulteriori notizie clic mio nome. Il tutto è stato pubblicato il 16 Dic 2007 sulla rivista scientifica internazionale "Nature.Com".

luca rossi 15.01.08 17:46| 
 |
Rispondi al commento

ULTIMISSIME DAL MONDO DELLE AUTO ELETTRICHE
E'ARRIVATA L'AUTO SUPER ELETTRICA SARA' UNA PININFARINA.

Verrà prodottta a Torino, marchio PININFARINA, la prima autovettura con le batterie al super Litio "Lithium Métal Polymère": Litio solido, senza liquidi, garantito da autoincendio od esplosioni sino ad una temperatura di 200 gradi.

Autonomia a di ricarica completa 250 km, 5* ore per la ricarica, con soli 5 minuti di ricarica 25 km di autonomia.
Longevità di durata della batteria 200.000 km
Inizio prenotazioni dicembre 2008
Consegna primi 1.000 veicoli estate 2009
La capacità produttiva a pieno regime(dal 2012) degli impianti attuali è di 15.000 batterie all'anno, se la richiesta sarà maggiore, verranno realizzati nuovi impianti di produzione.

Quest'auto ha una batteria con un capacità da 28kwh velocità max di 130 km/h, percorre 250 km con una sola ricarica, durata batteria 200.000 km.

Questo significa che con 1 Kwh di ricarica si percorrono almeno 9 km, anche se si produce l'energia elettrica tramite i pannelli fotovoltaici senza utilizzo d'incentivi(costo attuale circa 0.45 euro a Kwh).
Più o meno sarebbe equivalente ad un auto da circa 30 km a litro, col beneficio di inquinamento ZERO.
Per uleriori informazioni e link utili clicca mio nome.

luca rossi 28.12.07 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Dimensionamento Online dell'impianto Fotovoltaico.

EniPower mette a disposizione online un modulo interattivo che da la possibilità di dimensionare il proprio impianto, semplicemente inserendo la Città più vicina, l'inclinazione del tetto(più correttamente l'inclinazione dei pannelli), l'angolo di Deviazione Azimutale(rotazione rispetto all'asse Nord-Sud), l'energia elettrica consumata in un anno in kwh; senza scaricare alcun software nel proprio PC.
Gli angoli sono da inserire in sessagesimali per coerenza con la latitudine, clicca mio nome per ulteriori notizie e link.

luca rossi 11.12.07 14:44| 
 |
Rispondi al commento

PRIMO CONTO ENERGIA
UNO STRAORDINARIO SUCCESSO
216 MW DI POTENZA AVVIATA, AL 20 AGO 07 - NON E' STATO UN BLUFF
1,2°/oo del fabbisogno nazionale

AL 20 AGOSTO 2007 AVVIATI LAVORI DEL PRIMO CONTO ENERGIA (domande presentate tra il 19 Settembre 2005 ed il 31 Marzo 2006), PER BEN 216 MW SU 387 MW CHE FURONO AMMESSI AGLI INCENTIVI CIOE' IL 56%, (AL 31 DIC 2006 erano 95 MW, PER CUI NEI PRIMI 7 MESI DEL 2007 AVVIATI LAVORI PER 121 MW).

DI QUESTI 216 MW, HANNO TERMINATO I LAVORI 42 MW, E SONO ENTRATI IN ESERCIZIO 31 MW(AD OGGI 23 NOV SONO ARRIVATI A 44 MW).

TENUTO CONTO CHE:
- SUL TERRITORIO NON SONO ANCORA PRESENTI UN NUMERO SUFFICIENTE DI DITTE INSTALLATRICI QUALIFICATE;
- CHE SUL TERRITORIO ITALIANO NON SI PRODUCONO PANNELLI FOTOVOLTAICI;
- CHE L'OFFERTA MONDIALE DEGLI STESSI PANNELLI E' MOLTO INFERIORE ALLA RICHIESTA;
- CHE C'E' STATA PER UNA RICHIESTA PARI A 50 VOLTE QUELLA DEGLI ANNI PRECEDENTI(216 MW CONTRO 4 MW) ;

MI SEMBRA CHE NON CI SI POSSA LAMENTARE DEI RISULTATI IN CORSO E SOPRATUTTO SI DEBBA EVITARE DI CONTINUARE A DIRE CHE COLORO CHE HANNO FATTO DOMANDA COL VECCHIO CONTO ENERGIA SIANO DEGLI SPECULATORI, MA ANZI SI DEBBA RICONOSCERE PROPRIO A QUESTI SOGGETTI IL MERITO INDISCUTIBILE DI AVERE FATTO VERAMENTE DECOLLARE IL FOTOVOLTAICO.
SENZA QUELLA MAREA DI DOMANDE(IMBARAZZANTI), SI SAREBBE CONTINUATO A PENSARE AL FOTOVOLTAICO COME UN QUALCOSA DI ELITE E NON DI MASSA.
Clicca mio nome per ulteriori dati e documentazione.
Ciao

luca rossi 23.11.07 18:37| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti,
inerente al discorso fotovoltaico, volevo chiedere se qualcuno può illustrare il processo produttivo dei pannelli fotovoltaici. Chiedo questo perchè mi è capitato di orecchiare una discussione dove si diceva che la produzione ti tali pannelli è molto inquinante. E' vero?

ciao un saluto a tutti

alessandro gentilin 23.11.07 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CONVEGNO: LE ENERGIE RINNOVABILE 21 NOVEMBRE ORE 9.30
DIRETTA DELL'EVENTO VIA WEB

Le energie rinnovabili:
una soluzione ai problemi energetici e climatici del futuro?

21 novembre 2007
Roma, Viale M. Pilsudski, 92
Gestore Servizi Elettrici

per la diretta collegati a:
http://www.gsel.it/ita/index.asp

Oppure clicca mio nome, per diretta evento, programma oratori ed altra documentazione.
Saluti

luca rossi 20.11.07 21:37| 
 |
Rispondi al commento

FOTOVOLTAICO GUIDA ALLA RICHIESTA DEGLI INCENTIVI E ALL’UTILIZZO DEL PORTALE WEB

E' disponibile il portale informativo attraverso il quale, come previsto dal decreto interministeriale del 19 febbraio 2007, il soggetto responsabile dovrà interagire con il GSE per richiedere le “tariffe incentivanti” e il relativo “premio” abbinato all’uso efficiente dell’energia.

In particolare si ricorda che il soggetto responsabile dovrà effettuare i seguenti passaggi:

a) dovrà effettuare la registrazione, se non già in possesso delle credenziali di accesso;
B ) dopo la registrazione riceverà, sulla casella di posta elettronica indicata, una e-mail di conferma;
c) in seguito, sempre via e-mail, riceverà la UserID e la Password necessarie a preparare la richiesta di incentivo;
d) successivamente potrà scegliere di:
- gestire una richiesta d’incentivazione relativa a impianti già incentivati con i DM del 28/07/2005 e del 06/02/2006;
- gestire una richiesta d’incentivo per un nuovo impianto ai sensi del DM 19/02/2007;
e) nel caso si tratti di una richiesta d’incentivazione per un nuovo impianto, dovrà inserire i dati tecnici caratteristici dell’impianto;
f) tramite un apposito menu potrà predisporre la stampa dei seguenti documenti:
- richiesta di riconoscimento della tariffa incentivante;
- scheda tecnica precedentemente compilata;
- dichiarazione sostitutiva di atto notorio;
- premio per gli impianti fotovoltaici abbinati a un uso efficiente dell’energia
(opzionale);
g) per la richiesta delle tariffe incentivanti e dell’eventuale premio, dovrà inviare al GSE, in un plico cartaceo, oltre agli stampati citati al punto precedente, anche i seguenti documenti:
- documentazione finale di progetto dell’impianto;
- certificato di collaudo dell’impianto;
- dichiarazione sulla proprietà dell’immobile;
- copia del permesso a costruire o copia della D.I.A.;
etc..

Per ulteriori notizie clicca mion nome.

matteo t. 19.11.07 22:03| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono fatto l'idea che l'energia sia sovrabbondante nell'universo ed il vero problema sia quello di capire come utilizzarla al meglio.
Per i nostri scopi dovrebbe essere sufficiente una piccola frazione di ciò che riceviamo normalmente.
Il fatto è che dovremmo cambiare molte abitudini di vita ed avere una capacità di adattamento a nuove forme di comunicazione,trasporti e quant'altro sia necessario sostituire.
Tornare a stili di vita sostenibili ed accettare piccole rinunce come andare al lavoro in auto,cercare un parcheggio a peso d'oro,incazzarsi per il traffico delle ore di punta,ed accettare di prendere un treno regionale
che parte da una stazione facilmente raggiungibile con un autobus di linea breve ed,all'arrivo ,con un ulteriore autobus,raggiungere l'ufficio,lassciare che sia uno scuolabus a portare i bambini a scuola e poi a casa,insomma quelle piccole rinunce che ,alla fine sono delle piccole scoperte come ho fatto io a Genova dopo anni di assenza;ho demolito l'auto e deciso di farne a meno.
Sono una persona migliore,più ottimista(nei limiti dell'ammastellamento),cordiale e sorridente;ho perfino trovato una donna.....
con tutta la mia simpatia per i lettori ed la profonda stima per Beppe che ammiro ed a cui sono affezzionato
Fulvio Parodi

fulvio parodi (keyboard) Commentatore certificato 17.11.07 00:55| 
 |
Rispondi al commento

Conto Energia
Raggiunti i 50 MWp di Potenza Fotovoltaica installata ed entrata in esercizio grazie al Conto Energia.

Per 25 anni si avrà un risparmio annuo di 14.000 tonnellate di petrolio.
Saranno evitate immissioni nell'atmosfera per 43.000 tonnellate all'anno di Anidride Carbonica CO2.

La produzione di energia elettrica di questi 50 MWp di Fotovoltaico entrati in esercizio riesce a soddisfare la richiesta delle utenze domestiche di una cittadina di circa 70.000 abitanti.

Per altre notizie e informazioni clicca mio nome.

luca rossi 15.11.07 00:29| 
 |
Rispondi al commento

A Ferrara il gruppo del Prof. Martinelli ha messo a punto l'elettrodomestico Solare, cioè una Parabola da 1 mq, ad inseguimento solare, che tramite miscrospecchi trasformando i raggi solari produce corrente elettrica con una resa doppia rispetto agli attuali pannelli fotovoltaici.
Nessuno ne parla perchè?.

Quale Energia per il futuro?
Essa non può essere che quella Solare in quanto è l'unica risorsa pulita ed allo stesso tempo infinita, di conseguenza nel medio lungo periodo per la semplice legge della domanda e dell'offerta sarà di gran lunga l'energia più economica disponibile.

Il nuovo fotovoltaico a concentrazione che sia la statunitense Boeing-Spectrolab, fornitore Nasa, che il gruppo del Prof. Martinelli nell'Università di Ferrara stanno mettendo a punto ha già raggiunto rese tali, da renderlo più economico del petrolio e suoi simili nucleare compreso.

A Ferrara si sta creando la parabola fotovoltaica, praticamente un eletrodomestico che anzichè trasmettere i segnali satellitari alla Tv, trasmetterà energia elettrica ricavata dal sole, 3 parabole, ad inseguimento solare, da 1 mq ciascuna e si ha l'autosufficienza elettrica per consumi di circa 3.500 Kwh annui.

Per ulteriori notizie clicca mio nome

matteo t. 26.10.07 01:20| 
 |
Rispondi al commento

FIRMA LA PETIZIONE PER FAR RISPETTARE LA VOLONTA' POPOLARE
I CITTADINI PER BEN DUE VOLTE :
NEL 1990 favorevoli il 92,3%
NEL 1997 favorevoli il 80,9%
hanno detto Si all'Abrogazione del Privilegio dei Cacciatori di poter accedere armati nei fondi degli agricoltori.

CAMPAGNA LAV "NO ALLA CACCIA NEI CAMPI DEI CONTADINI"
PETIZIONE POPOLARE AL PARLAMENTO PER L'ABOLIZIONE DELL'ART. 842 DEL CODICE CIVILE

FUORI I CACCIATORI DALLE TERRE DEI CONTADINI
NIENTE ARMI NEI NOSTRI CAMPI
FUORI I CACCIATORI DA CASA NOSTRA

FIRMA E FAI FIRMARE LA "PETIZIONE CACCIA" PER ABOLIRE L'ART. 842 DEL CODICE CIVILE
Aiuta i nostri amici animali, non essere insensibile al grido di dolore e di aiuto che ti chiedono tanti animali a rischio estinzione, non permettere che gli esseri viventi specie dopo specie spariscano per sempre dal nostro Pianeta.

REFERENDUM DELLA REPUBBLICA ITALIANA
3 giugno 1990: divieto di accesso ai cacciatori ai fondi privati, affluenza: 42.9%, favorevoli: 92.3%, contrari: 7.7%
15 giugno 1997: divieto di accesso ai cacciatori ai fondi privati, affluenza: 30.2%, favorevoli: 80.9%, contrari: 19.1%
I REFERNDUM FURONO GIUDICATI NULLI PERCHE' L'AFFLUENZA FU SOLO DEL 42,9%
>
INFATTI L'AFFLUENZA SUPERANDO IL 50% DEGLI AVENTI DIRITTO TEORICAMENTE SAREBBE SUFFICIENTE IL 25,1 % PER ABROGARE TALE ARTICOLO INIQUO.
ORA IL 92,3 DI 42,9 EQUIVALE A BEN IL 39.6 % BEN MAGGIORE DEL MINIMO LIMITE TEORICO IMPOSTO DALLA LEGGE.
clicca sul mio nome pochi click ed arrivi sul modulo della Petizione Online


perche non mettete due otre indirizzi di ditte serie che installano impianti fotovoltaici?

daniele ghigliotti 11.10.07 18:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quale Energia per il futuro?
Essa non può essere che quella Solare in quanto è l'unica risorsa pulita ed allo stesso tempo infinita, di conseguenza nel medio lungo periodo per la semplice legge della domanda e dell'offerta sarà di gran lunga l'energia più economica disponibile.

Tanti straparlano di nucleare, che sarebbe capace di fornire energia a prezzi stracciati, peccato trascurino il costo delle scorie e di tutte le nefaste conseguenze che comportano, ma a prescindere da ciò dimenticano di fare una proiezione nel medio lungo periodo cioè a 20-30 anni, dato che il carburante delle centrali nucleari è assai limitato mentre la richiesta è in continuo crescendo e lo sarà sempre più con l'imminente depauperamento delle risorse petrolifere, se ne deduce facilmente che l'attuale prezzo dell'energia nucleare di oggi è di molto inferiore a quello che sarà fra 20-30 anni.

La soluzione per cui non può che essere quella Solare ormai già capace(anche se solo in laboratorio) di produrre a prezzi inferiori alle energie convezionali.

Il nuovo fotovoltaico a concetrazione che sia la statunitense Boeing-Spectrolab, fornitore Nasa, che il gruppo del Prof. Martinelli nell'Università di Ferrara stanno mettendo a punto ha già raggiunto rese tali, da renderlo più economico del petrolio e suoi simili nucleare compreso.
A Ferrara si sta creando la parabola fotovoltaica, praticamente un eletrodomestico che anzichè trasmettere i segnali satellitari alla Tv, trasmetterà energia elettrica ricavata dal sole, 3 parabole, ad inseguimento, da 1 mq ciascuna e si ha l'autosufficienza elettrica per consumi di circa 3.500 Kwh annui.

Per ulteriori notizie clicca mio nome.


Scusate se mi intrometto non ho mai scritto su di un blog mi chiamo riccardo e vivo e lavoro a Firenze.
Sono anni che penso a come poter costruirmi un marchingegno per produrmi energia autonomamente e grazie alla rete forse qualcosa ho tirato fuori dal cervellino. vidi un pò di tempo fà un filmato su "you tube" che mi fece capire alcune cose sullo sfuttamento di due forze che la natura, o meglio, la fisica ci regala tutti i gioni.
Queste sono la "gravità e il galleggiamento di un corpo.
Modificando un progetto esistente dovrei aver trovato il modo di produrre energia elettrica in modo praticamente continuo.
per i dettagli vi farò sapere in seguito ma intanto vi volevo proporre un sito dove potrete vedere una macchina molto complessa che bruciando spazzattura produce idrogeno, chiaramente con residuo zero.
il sito è questo http://www.popsci.com/popsci/science/873aae7bf86c0110vgnvcm1000004eecbccdrcrd.html

Riccardo Vitali 05.10.07 23:22| 
 |
Rispondi al commento

ciao !!!! anche io abito in un piccolo comune sensibile al problema ambientale (calenzano FI)peccato però che io abbia creduto a questo nuovo business e abbia optato per una caldaia a legna,perchè nel mio comune soltanto i politici e le istituzioni possono accedere all'energia alternativa visto che io (che consumo 80 q.li all'anno) non posso mettere nel mio giardino una qualsivoglia stuttura per stivare la legna suddetta,dicono che deturpa il paesaggio(bello il telo verde con cui la copro!....)essere favorevoli significa ben altro!!!!Significa,caro sindaco, rendere accessibile a tutti.Si perchè rimane sempre il dubbio che sotto circolino soldi pubblici e quando invece un privato vuole spendere dei suoi non gli viene permesso(?) PERCHE'?
per non parlare poi dei pannelli solari (1000 euro di acquisto 1000 di montaggio e........... 1400 di geometra e pratiche ) Questa è FOLLIA PURA!!!!!!!
Sempre lasciando perdere l'eolico che ben si presterebbe anche a forme artistiche (non è brutto è fantastico) ma si sa che l'arte è troppo ALTA per chi non riesce a pensare che nel benessere di tutti c'è anche il proprio e che nel proprio non c'è quello di tutti!grazie per l'attenzione!hal 861

alfio g. Commentatore certificato 04.10.07 15:39| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe,
tempo fa ho sentito parlare di nuovo sistema di pannelli fotovoltaici che eranosottili e con capacità maggiori di quelli odirni. Questo pannello è stato brevettato dall'Università di lecce. io però non sono riuscito a sapere altro e penso che interesserebbe un po a tutti

maximilian mariano 28.09.07 04:04| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ENREGIE GRATUITE:

ma chi si ricorda di un certo NIKOLA TESLA.
Lo scopritore di una forma di energia senza fine totalmente gratuita ed alla portata di tutti?

Strano ma la cella di JOE è quello che tutti noi non conosciamo, eppure sarebbe capace di spingere un auto, un camion, una nave, e generare energia elettrica gratuitamente.
Io personalmente ho costruito una cella di prova, non è facilissimo( non sono uno scienziato, un meccanico, ed ho la terza media) ma funziona.

Perchè non si cerca di studiarla migliorarla e renderla possibile a tutti, si preferisce cercare nuovi materiali per la costruzione di pannelli fotovoltaici più efficienti, si cerca il modo di ricavare idrogeno e si spendono fior di soldi per creare macchine che non avranno l'idrogeno fino al 2020.

Ci sono pubblicazioni che spiegano tutto, ma non sono reperibili nelle scuole tecniche o scientifiche.

L'unica che ho trovato gratuitamente :

http://it.wikibooks.org/wiki/Utente:Ssspera/sandbox

date un'occhiata.

marco c. Commentatore certificato 27.09.07 11:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

salve,interessante finalmente qualcuno ce fa sul serio e non solo chiacchiere.ma xchè tutto ciò si fà solo nei piccoli comuni?chi ha interesse a non realizzare nei grandi centri?ed altra osservazione,in turchia(zio prete in turchia)sono più avanti che noi,in capadocia ogni casa ogni chiesa ha il suo pannello x produrre energia e noi,paese industriale siamo ancora a carbone.sapete io un po' mi vergogno by moreno

moreno m. Commentatore certificato 25.09.07 22:32| 
 |
Rispondi al commento

sei troppo giusto continua così non mollare mai ok buon lavoro

Emanuele Marino 25.09.07 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e ciao a tutti, da qualche giorno mi sono imbattuto in questo sito:
http://www.youtube.com/watch?v=Ooa8EBXKDW4&mode=related&search=

Non essendo un ingeniere o quant'altro vorrei sottoporre questo video a qualcuno molto piu' intelligente di me per avere qualche info in piu'.
L'unica cosa che posso fare e' provare a riprodurre questo marchingenio, avendo a disposizione una fresa a controllo numerico e 200 euro da spendere in magneti.

un piccolo pensiero che mi attraversa la mente sarebbe che se funziona siamo a cavallo nella produzione di corrente veramente a gratis.
Terro informati tutti sugli sviluppi, mi raccomando se qualcono avesse gia' provato a fare tale esperimenti me lo dica un idea in piu' non fa' male

Fudicioso nello sviluppo di energie veramente alternative Vi saluto, specialmente te' BEPPE che sei sempre il piu' mitico !!!!!!!!!!!!!

Massimo Aliverti 17.09.07 23:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non potendo permettermi un impianto fotovoltaico anche con i forti incentivi statali mi sono imbattuto nella ricerca di tutti quei consigli che a costo zero o quasi permettono sensibili risparmi. Sono convinto infatti che un utilizzo raionale delle risorse possa contribuire a dimezzare i consumi, l'impatto sull'ambiente ed anche i costi delle bollette. Nella peranza di potermi permettere un' impianto fotovoltaico il prima possibile segnalo il sito più completo che ho trovato:

www.diapasonconsulenze.com/Casa_A+.htm

Ciao

Renato Bracchi 13.09.07 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, Due COSE: ti ricordi le insufflazioni che hai fatto sul tubo di scarico del pulmino (ad idrogeno) respirando aria? E l'esperimento fatto IN TV RAI 1 dal Bonolis che ha infilato la mano nell'acqua con una tensione di 220V senza fulminarsi? Con apparecchiature elettriche che permettevano,inoltre, il 30% di risparmio sui consumi. Che fine hanno fatto? Non si trovano indicazioni in nessun posto. Ci pensi? Vivere senza aver paura di morire fulminati, non esisteranno più' gli interruttori differenziali, gli automatici, ecc. ecc..!!! Perchè non iniziamo (intanto) con le grosse industrie, che consumano da far paura, con l'idrogeno??

Giampaolo Antico 08.09.07 09:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi chiamo Andrea e sono un installatore elettrico di 26 anni.
Ho fatto diverse ricerche e corso sull'installazione del fotovoltaico.Ora o anche fornitori di ogni tipo anche cinesi per 3 euro a watt.
Qualcuno sa darmi qualche consiglio per inizzziare questa attivita nella mia zona(provincia di Alessandria), non so proprio che pesci pigliare visto che il mercato elettrico convenzionale e un po saturo.

Grazie per eventurale aiuto

Andrea Ventura 30.08.07 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Per notizie qualificate sul rendimento dei pannelli fotovoltaici cioè energia prodotta in rapporto all'energia spesa per la realizzazione invito a leggere un trattato scritto nel febbraio del 2005 dal
Professor Ugo Bardi della facoltà di chimica dell'Università di Firenze
dal quale si evince che in una vita media di 25 anni esso restituirà almeno 10 volte l'energia spesa, tale fattore ad oggi è già migliorato in quanto anche se di poco la resa è sempre in crescendo.
Se tale calcolo è stato effettuato come credo rispetto alla città in si operava coè Firenze, c'è da tener conto del fatto che dalla Campania in giù tale fattore si può incrementare di un 30 - 40% per cui si ha una resa energetica pari a 13-14 volte cioè che si è speso in energia.

Tale calcolo poi è stato limitato ai classici 25-30 anni in quanto si ritiene che dopo dato la dimiuta capacità di produzione sia più conveniente sostituirli con dei nuovi e più moderni pannelli.

Ma in realtà il Pannello ha una vita produttiva di almeno 50 anni, chiaramente dai 25 ai 50 la produzione tende sempre più a decrescere, ma comunque se lo si vuole valutare in termini assoluti anche quelli anni a bassa produzione danno un utile.

E' vero che gli altri sistemi hanno rese ben più alte, il Petrolio oltre 35 volte, peccato che nel bilancio si trascuri sempre di mettere tra le energie spese quelle per combattere l'inquinamento causato dall'oro nero.
In quel caso s vedrebbe come non solo il fotovoltaico non è più quello con meno resa ma paradossalmente, anzi giustamente esso risulterà il più conveniente di tutti.

Saluti

Per il trattato del Prof. Ugo Bardi clicca mio nome.

luca rossi 21.08.07 20:19| 
 |
Rispondi al commento

Sig.Mantovani penso che non abbia mai approfondito il discorso fotovoltaico !!Non che io sia un esperto e forse non saranno grandi numeri com'è in grado di fare il petrolio, però: se calcolassimo le emissioni risparmiate per produrre energia e aggiungessimo le agevolazioni 55% in tre anni; gruppi d'acquisto ( vedi Annozero/www.jacopofo.it ), il conto energia per vent'anni con la possibilità di scambio sul posto dell'energia prodotta; e sistemi di finanziamento agevolati che prelevano i soldi dall'enel !!! mi sembra che le soluzioni ci siano ? C'è ancora qualcosa che si può aggiungere : se in molti considerassimo un grado di isolamento migliore per la nostra casa, oltre a godere di un ottimo clima interno il conto energia diventerebbe ancora più vantaggioso. Poi come giustamente è stato già segnalato non si può pensare che le più grandi ditte al monodo lavorino in perdita quindi.....!Distinti saluti

Davide Mascarino 13.08.07 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
non so se hai letto il libro "La sfida del secolo" di Piero Angela che affronta il tema dell'energia. Ciò che mi ha più colpito di questo libro è stato il paragrafo riguardante i bilanci energetici delle varie fonti rinnovabili e non. C'è un indice in particolare chiamato EROEI che esprime il rapporto fra l'energia investita per sviluppare una fonte e quella ricavata dalla fonte stessa. Ad esempio per l'eolico è 1/30 cioè si spende un kwh per rcavarne poi 30, l'idroelettrico è 1/40 etc... La cosa stupefacente è l'indice della fonte che tanto si sta osannando e sovvenzionando anche in Italia: il fotovoltaico. Sorpresa delle sorprese questo indice è >1 cioè è più l'energia che si spende per creare un impianto fotovoltaico (dalla costruzione dei pannelli alla sua messa in funzione) rispetto a quella che l'impianto darà durante il suo funzionamento (pag.135 La sfida del secolo). Ciò significa che in realtà se si va a vedere il bilancio energetico di un impianto fotovoltaico esso è negativo e, paradossalmente, investire sui pannelli fotovoltaici significa sprecare più energia e quindi inquinare maggiormente. Di questo aspetto non ne parla mai nessuno, non servirebbe più serietà su questi argomenti?

Alberto Mantovani 30.07.07 00:44

Caro Alberto ma io dico tu la tua testa la usi mai ?
Oppure recepisci qualunque boiata ed in questo caso forse errore di stampa ti capita sotto gli occhi? se leggi che il fuoco non brucia che fai ci credi ciecamente e ti ci butti dentro oppure ti viene qualche dubbio ?
Ti pare che Tedeschi, Giapponesi, Statunitensi ed ora Cinesi diventati da poco i primi produttori al mondo di Fotovoltaico siano così sprovveduti da realizzare in perdita?

Da mie informazioni qualificate risulta che l'indice di cui parli dovrebbe essere compreso tra 1/15 ed 1/20.

L'oppurtunità o meno di utilizzare una certa soluzione è determinata da più parametri, ad esempio se ha bisogno di eccessiva manutenzione si ha consumo di energia.

luca rossi 02.08.07 19:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
non so se hai letto il libro "La sfida del secolo" di Piero Angela che affronta il tema dell'energia. Ciò che mi ha più colpito di questo libro è stato il paragrafo riguardante i bilanci energetici delle varie fonti rinnovabili e non. C'è un indice in particolare chiamato EROEI che esprime il rapporto fra l'energia investita per sviluppare una fonte e quella ricavata dalla fonte stessa. Ad esempio per l'eolico è 1/30 cioè si spende un kwh per rcavarne poi 30, l'idroelettrico è 1/40 etc... La cosa stupefacente è l'indice della fonte che tanto si sta osannando e sovvenzionando anche in Italia: il fotovoltaico. Sorpresa delle sorprese questo indice è >1 cioè è più l'energia che si spende per creare un impianto fotovoltaico (dalla costruzione dei pannelli alla sua messa in funzione) rispetto a quella che l'impianto darà durante il suo funzionamento (pag.135 La sfida del secolo). Ciò significa che in realtà se si va a vedere il bilancio energetico di un impianto fotovoltaico esso è negativo e, paradossalmente, investire sui pannelli fotovoltaici significa sprecare più energia e quindi inquinare maggiormente. Di questo aspetto non ne parla mai nessuno, non servirebbe più serietà su questi argomenti?

Alberto Mantovani 30.07.07 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Giusto. Se ogni tetto fosse dotato di pannelli fotovoltaici con inverter ci sarebbero meno problemi di probabili black-out, e anche un grande risparmio sulla bolletta.
Continua così Beppe, sei tutti noi, sempre che anche gli altri italiani si sveglino.

Paolo Mazzocchi 10.07.07 08:09| 
 |
Rispondi al commento

Scrivo a Luca Rossi chiedendo se e' disponibile ad inviarmi informazioni sulla tecnologia e i prezzi da lui citati riguardanti la Cina.
O a qualsiasi altra persona che possa avere interesse ad aiutarmi a sviluppare un progetto in Brasile (Buzios) paese dove vivo da piu' di cinque anni che amo e che vorrei non si perdesse negli stessi errori da noi fatti negli ultimi cinquant'anni.

Paolo Roncari

roncari paolo 29.06.07
*********************************************

Cliccando sul mio nome sarai inviato in un sito nel quale troverai ulteriori informazioni, normative, decreti ministeriali e materiale vario sul fotovoltaico, oltre ad alcuni link interessanti di ditte che operano a livello nazionale, tra le quali una che opera nel campo della commercializzazione con i produttori di pannelli made in Cina e dal quale ho rilevato i prezzi citati.
Chiaramente quelli indicati sono solo i prezzi del pannello, poi a questi vanno sommati altri costi quali: installazione, inverter, eventuale progettazione, disbrigo pratica presso il gestore della rete elettrica(in genere Enel) etc..

NB. Le notizie sopracitate sono state rilevate dalla rete, e vengono date solo a titolo informativo.
Il sottoscritto non è in grado di dare alcuna garanzia sulle offerte proposte, per cui si consiglia, prima di eventuali ordini di acquisto, di prendere tutte le informazioni e precauzioni del caso onde evitare eventuali fregature.

Cordiali Saluti
Luca

luca rossi 06.07.07 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Riporto una email che ho mandato a Beppe

CIAO BEPPE ho deciso di scriverti a seguito della trasmissione Annozero della scorsa settimana dove Jacopo Fo' fu ospite.Mi colpi particolarmente il suo intervento riguardo i pannelli solari dicendo che non comportano alcuna spesa da parte di chi li installa per il fatto che nella finanziaria esiste la possibilità' per il cittadino di aprire un conto energia. Il signor Fo inoltre invita i telespettatori a dare uno sguardo al suo blog, ed io puntualmente ci ho dato un'occhiata.In effetti nel suo blog si sta organizzando un gruppo d'acquisto per i pannelli solari ed e' spiegato in maniera semplice la procedura da seguire.In atto c'è' una mobilitazione di persone interessate a questa tecnologia e al benefici economico, ecologico che potrebbero apportare. Per farla breve mi domando perché' nel tuo blog non viene menzionato, forse mi sbaglierò' io, me lo auguro,ma dal mio modestissimo parere mi sembra una grande iniziativa.Per di piu' con il numero di visite che il tuo blog ha quotidianamente, sarebbe piu' facile fare una più grande cordata di persone interessate, probabilmente porterebbe ad un abbassamento del prezzo dell'impianto e conseguentemente una riduzione dell'ammontare del finanziamento di cui si ha bisogno per finanziarlo. Percui' gradirei una tua opinione a riguardo dal momento che in una settimana tornerò' in Italia, al momento vivo all'estero, e ho intensione di convincere il mio condominio a fare domanda. Al momento non ho le conoscenze e l'esperienza per capire la fattibilità di questo progetto, per questo mi rivolgo a te,visto che il fotovoltaico e' una delle tue battaglie.Comunque manderò' una email anche al signor Fo e al signor Di Pietro per delucidazioni.
Spero di essermi espresso in maniera chiara

Aspetto una tua risposta convinto che non mi deluderai

Franco Dorinzi

franco dorinzi 27.06.07 00:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CINA: FOTOVOLTAICO, BOOM DELLA PRODUZIONE
Entro quest'anno la Cina diventa il primo paese al Mondo per la produzione di celle e pannelli fotovoltaici, si stima che a fine 2007 raggiungerà una produzione di oltre 1.600 MWp +62%, contro i 1.100 MW del Giappone ed i 900 MW della Germania, in sei anni la Cina ha aumentato la produzione fotovoltaica di circa 40 volte.

I costi al dettaglio dei pannelli cinesi con l'acquisto minimo di 5 pannelli da 170 Watt(0.85 Kwp) sono pari a circa 2.700 euro al Kwp, per l'acquisto di quantitavi superiori ai 50 Kwp si riescono a spuntare prezzi decisamente inferiori.

Che dire, la Cina è sempre più all'avanguardia.

Saluti


nei giorni scorsi ho deciso di installare sul tetto un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica. fatto il preventivo per coprire i miei consumo necessito di un impianto da 6,6 kwp con investimento di 49500 euro e ammortamento in 10,2 anni. ora salta fuori che l'enel ha posto un limite alla potenza installata pari a quella del contratto, quindi devo fare un impianto da 6 kwp con investimento di 45000 euro ma tempo di ammortamento di 11,1 anni e una discreta somma annuale da pagare, guarda caso ad enel, per l'elettricità che devo acquistare avendo un impianto sottodimensionato.
come al solito si invoglia la gente a investire per risparmi futuri ed ecologia e poi ti accoltellano alle spalle. la solita italia.....


Io scrivo essenzialmente per avere un informazione..ho scaricato il dossier energetico realizzato da expopage per quanto riguarda la casa a risparmio energetico. Vengono elencate le competenze da regione a regione per il rilascio della certificazione energetica..manca la regione Sicilia,la mia,e mi chiedevo come mai...forse la regione non ha mai deliberato in materia??certo riunendosi 4 volte l'anno...se qualcuno mi aiuta a risolvere il dilemma....

maurizio miragliotta 30.05.07 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

Ti scrivo per raccontarti una bella storiellina riguardo l'istallazione di pannelli solari termici nella mia abitazione privata. Premesso che abito in una casa colonica circondata da 7000mq di terra di mia proprieta, con la mia famiglia abbiamo deciso di installare dei pannelli solari sul tetto della casa per ridurre le spese di metano della caldaia: 3 pannelli da circa 1metro l'uno che potessero essere sufficienti per tutti gli appartamenti della casa. Da Gennaio stiamo facendo la "via fonda" in comune per avere i permessi dal Comune di San Miniato (PISA) e le risposte ottenute sono state "No, la lettera scritta così non va bene" e ancora "Manca il prospetto della casa" e poi "Mancano questi dati", etc...insomma, dopo lettere scritte e riscritte, documentazione su documentazione, fotografie, prospetti e PERMESSI NEGATI, alla fine dopo 5 mesi...CI HANNO DATO IL PERMESSO...MAAA...AD UNA CONDIZIONE: il bombolone dovete metterlo in casa!!!Ma dico io, quale mente normale partorirebbe l'idea di mettere all'interno di una civile abitazione (dove non c'è mansarda!) 1 bombolone di 3 metri di lunghezza per quasi 1 metro di diametro, pieno di acqua, quando sul tetto (per altro dello stesso identico colore delle tegole) non darebbe noia a nessuno??? E dove me lo devo mettere, sotto al letto???
Energia pulita..energia pulita...ma come si fa se i comuni sono i primi a metterti i bastoni tra le ruote? Caro Beppe...help me!

Laura Doria 23.05.07 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao ragazzi ho una superficie di circa 1100 mq volevo ricoprire il tetto del capannone nuovo per produrre energia pulita, ma per avere delle info in Italia e un vero casino... Qualche santo riesce a darmi un numero di Tel - indirizzo per sapere che tipo di incentivi ci sono e chi possa farmi un preventivo grazie...Stefano

Bepppè Santo Subito.....

STEFANO CARATI 21.05.07 18:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravi,nella provincia di Bs siete avanti anni luce,rispetto al resto del cosmo. Noi,come famiglia intendo,vorremmo dare il nostro contributo,"investendo" nei pannelli fotovoltaici e solari. Abbiamo anche già dei contatti e sinceramente avremmo anche i soldi. Il problema grosso è il comune di Genova,che con una delibera comunale non permette l'installazione di pannelli solari e fotovoltaici,nel centro storico della città!! Cosa facciamo, cambiamo casa?? Comunque BRAVI,bravi davvero,lo facessero qui. Mettessero un bell'impianto eolico sulla diga foranea e coprissero i tetti di scuole,impianti sportivi,edifici pubblici con tegole fotovoltaiche,magari riuscirebbero ad investire i soldi che avanzano(??), per fare delle altre cose...per non parlare di tutto il discorso ecologico. Grazie,saluti

davide r. Commentatore certificato 16.05.07 22:43| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, bella la pubblicità dell ENI risparmia 30% di energia a casa tua.
Peccato che a casa susa (eni) di energia ne spreca un sacco!!! le centrali di compressione eni arriva il gas dalla condotte sottomarine a 12 °C per poterlo utilizzare nei compressori come carburante lo deve scaldare come? brucia altro gas per scaldare l'acqua per scaldare il gas... all'uscita del compressore il gas compresso da immettere su rete SNAM è troppo caldo quindi cosa fa mette degli scambiatori ad aria per raffreddarlo, e quando d'estate non c'è la fanno raffreddano lo scambiatore con acqua antincendio (leggi acqua potabile) come nell estate 2003 nel frattempo alla base del condotto di scarico della turbina spreca calore a circa 400 °C invece di fornire teleriscaldamento ai paesi vicini. sulle piattaforme per scaldare acqua calda di servizio usano le resistenze elettriche. Quindi bruciano gas nei generatori, buttano via calore dai camini poi inviano la corrente prodotta nelle resistenze per scaldare l'acqua. Caldaietta a recupero di calore come si adopera a bordo delle navi no???
Scaroni RISPARMIA ENERGIA A CASA TUA!!!
giuseppe ferro

Giuseppe Ferro 16.05.07 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'iportante è che non acquistiate mai materiale dalla Elios di Savona: nasce come società di copertura, vende e non assiste i clienti.

Andrea Piaggio 15.05.07 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Il fotovoltaico pare decollato e in rete fioccano le ditte che offrono impianti chiavi in mano. Io mi accingo ad installare un impianto da circa 3 kW nella zona di Pisa. Vista la disparità di prezzi a parità di materiale, proporrei di segnalare a livello regionale le aziende che offrono i pacchetti più economici. Per quanto riguarda l'offeta raccolta in rete relativa alla regione in cui abito, la Toscana, segnalo il sito delle seguenti ditte: www.zenithsolar.eu e www.energiazero.it. Un buon sito per vedere cosa si muove sul mercato è www.top100-solar.it. Se qualcuno ha ulteriori informazioni in merito e/o domande lo pregherei di contattarmi.
Saluti a tutti,
Andrea

Andrea Spanedda Commentatore certificato 08.05.07 10:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egregio signor Grillo, o forse posso permettermi di darti del tu dicendoti caro Beppe,vorrei renderti partecipe dei problemi che io ed i miei soci stiamo trovando ,nel dare realizzazione ad un "sogno".
Nell'ottobre 2006 abbiamo costituito una società che opera nel settore delle biomasse,e, da allora, ...siamo ancora "fermi".
Motivazione:la legge italiana considera la raccolta del verde, necessario per la creazione del pellet,raccolta di rifiuto speciale e come tale richiede l'autorizzazione al trattamento dei rifiuti ( 6 mesi di attesa con il rischio di sentirsi dire no).
Allora pensi di aggirare l'ostacolo acquistando la segatura, che non è rifiuto ma scarto di lavorazione,e chi ha annusato l' affare ti chiede fino a 75 euro a tonnellata per il suo scarto/la tua materia prima, portandoti totalmente fuori mercato.
Allora,tipica soluzione delle fabbriche del nord,pensi seriamente ai paesi dell' est,a fare semplicemente l' agente, perchè anche lì devi indebitarti per milioni di euro...ma non dai lavoro al tuo paese, ai giovani che come te ,hanno trent'anni, un passato ma non un futuro...
Così stiamo seriamente pensando di portarci verso un business diverso,sempre nel settore dell' energia "ecologica", a impatto zero,ma ad investimento "costo=più infinito".
Devo essere sincero, è stato uno sfogo ma anche la speranza che tu possa qualcosa...sono personalmente stufo di essere italiano e stò valutando l'idea di mollare il mio paese d'origine per trasferirmi in un paese più civile dove si apprezza chi a trent'anni è disposto ad indebitarsi ed a rischiare del proprio per rendere migliore il benessere di tutti.
Saluti ad un amico, da un amico

matteo Commentatore in marcia al V2day 27.04.07 09:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi complimento innanzitutto per il progetto realizzato. Trovo che sia un comportamento lodevole e nobile. Proprio per questo mi piacerebbe poterlo promuovere nel mio comune di residenza, Ostuni, paese del brindisino molto soleggiato e ventilato. Mi piacerebbe poter fare una seria proposta all'amministrazione comunale, pertanto voglio muovermi nel raccogliere informazioni sulle aziende del settore, sui costi, e quant'altro fosse utile, al fine di realizzare un progetto e un preventivo da porre al vaglio dell'amministrazione comunale.
Vi chiedo pertanto, se vi fosse possibile, di mettere a disposizione su questo blog tutte le informazioni utili ad intraprendere iniziative analoghe alla vostra. Ve ne sarei davvero grato, io e la bellezza di questo mondo. Grazie!

Francesco P. Commentatore certificato 18.04.07 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
vi prego di scusarmi se avete già trattato l'argomento, ma io sono arrivato solo adesso:vorrei costruirmi un panello fotovoltaico da solo per alimentare il mio pc e qualche altro elettrodomestico in casa, o al limite acquistarne ad un prezzo ragionevole sapendo magari prima la resa: non vorrei buttare via soldi per illuminare solo una lampadina a 12v: c'è qualcuno che può aiutarmi sull'argomento? Vi ringrazio anticipatamente per il vostro disturbo, specialmente se sarete così gentili di rispondermi anche via e-mail. Grazie a tutti! Forza Beppe Grillo, siamo con te! andreatronchi@yahoo.it

Andrea Tronchi 08.04.07 20:12| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti.
avrei bisogno di sapere se in italia; come per il fotovoltaico; esiste la possibilità di installare impiati eolici in casa.
SE ciò fosse possibile necessito di tutto le info a riguardo per portare avanti tale operazione.
grazie a tutti.
ciao da Pietro

pietro laurenti 01.04.07 12:32| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ieri sera sono stato allo spettacolo a roma:
agghiacciante

ma in noi che eravamo li e in beppe ci credo ;-)

mi piacerebbe che gli spunti che ci dai fossero un po piu tracciabili sul blog senza disturbare tutti.
per esempio mi piacerebbe avere i siti delle ditte di cui hai parlato ieri per i pannelli riflettenti i raggi solari: abbiamo infatti una lunga vetrata che diventa incandescente d'estate

anche i siti per i pannolini ecologici per favore

uniti vinceremo

ciao


daniele

daniele corlazzoli 29.03.07 15:33| 
 |
Rispondi al commento

puó darsi che ripeta una cosa giá detta, ma dato che vorrei realizzarmi un pannello solare termico per essere di aiuto all'ambiente e perché no anche alle mie tasche e dato che questo potrebbe far piacere anche ad altri chiedo aiuto a chi ne sa di piú.
ciao e tanti bagni caldi

ruggero frigeni Commentatore certificato 28.03.07 15:22| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, seguo con interesse il fotovoltaico e su Alcatraz, sito di Jacopo Fò, stanno organizzando un gruppo d'acquisto x pannelli solari. allego l'indirizzo internet magari unendo le forze si può migliorare ulteriormente.

www.alcatraz.it
http://www.jacopofo.com/?q=node/2662

saluti a tutti

luca foschi 26.03.07 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao,
chidevo informazioni su generatori eolici ad uso domestico, se esistono e dove posso trvarli.

Gino Dieci 19.03.07 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
chiedevo informazioni su generatori eolici ad uso domestico.
Se qualcuno mi può aiutare ringrazio anticipatamente.

Gino Dieci 19.03.07 22:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.youtube.com/watch?v=-_5rSRvsMeQ

il video da raitre Primopiano in cui si presenta la scoperta "dell acqua calda" come una anomalia tutta italiana!
L OLIO DI COLZA DALLA TAVOLA A COMBUSTIBILE BIODIESEL; NE PARLA JACOPO FO' CHE NE AVEVA UN DISTRIBUTORE E LO STATO GLIELA' CHIUSO!
L ITALIA VIETA IL CONSUMO DI COMBUSTIBILI CHE NON INQUINANO PER IL SEMPLICE FATTO CHE NON GLI SI DA' IL PIZZO!!
http://www.youtube.com/watch?v=-_5rSRvsMeQ

POSSIAMO ASSERIRE SENZA ALCUN DUBBIO CHE L ITALIA E' UN PAESE FATTO DA DEI POLITICI LADRI CHE ANDREBBERO RINCHIUSI IN GALERA !!

angelo galliano 13.03.07 19:20| 
 |
Rispondi al commento

E' arrivato il nuovo conto energia,
non sono più previste le domande e le graduatorie nazionali.

Ora chi realizza per primo accede direttamente agli incentivi.

Previa presentazione di un progetto preliminare al gestore della rete(in genere Enel), dopo il benestare di quest'ultimo che sarà anche quello che dovrà mettere in esercizio l'impianto collegandolo alla rete, si realizza l'impianto e poi entro 60 giorni dall'entrata in esercizio se ne da comunicazione al GSE(Gestore dei Servizi Elettrici) e si ha automaticamente diritto agli incentivi.

Questa procedura è valida sino al raggiungimento del limite di una potenza in esercizio di 1.200 MW.

A tutti quelli che a tale data avranno già iniziato i lavori è concesso un periodo di 14 mesi per mettere in esercizio l'impianto.

Gli incentivi verranno riconosciuti a tutti quelli che rispetteranno tale termine a prescindere dalla quantità di MW finali raggiunti.
---------------

Per il testo integrale, la presentazione predisposta dal GSE "Gestore dei Servizi Elettrici", ed altro materiale clicca mio nome.
Ciao


Mi Chiamo Andrea Ventura Mi occupo da non molto di installazioni fotovoltaichenella regione piemonte e liguria.
Se volete informazioni sui costi e i tempi chiedete pure.
Parlo contro di me divendolo ma i costi sono ancora elevati per il fotovoltaico.Gli unici veri sgravi li anni le imprese.
Spero che si svegli qualche italiano a produrre cellule fotovoltaiche in italia.
Ciao (venturatech@virgilio.it)

Andrea Ventura (kal-el) Commentatore certificato 07.03.07 21:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

chi mi da una dritta per farmi n impianto fotovoltaico nella casetta in campagna?
società oneste per le cellule per i convertitori per le batterie etc.
Cosa fare con l'enel.
etc grazie
celestino

celestino lucchetti 06.03.07 20:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Meglio incentivi per l'auto o incentivi per il fotovoltaico?

Facciomo due conticini:
s'incentiva l'acquisto di nuove euro4 per la rottamazione di euro0 ed euro1, questo al beneficio della rottamazione contrapone, oltre l'inquinamento per produrre una nuova auto, lo spreco di risorse per l'acquisto di un'auto nuova, e cioè circa 15.000 euro, con quella cifra si realizza un impianto fotovoltaico da 2 kwh compreso il pannello solare per l'acqua calda.
Forse sarebbe stato più positivo sia economicamente che ecologicamente dare l'incentivo per l'acquisto di auto usate euro3 ed euro4, ma sembra non ci basta ancora avere il più alto numero di auto pro capite d'europa.

L'incentivo costerà circa 1 miliardo di euro all'anno.

CONFRONTO CON IL FOTOVOLTAICO
L'incentivo per il fotovoltaico ha un costo per unità di MW installati pari a:
1 Kw produce mediamente circa 1.300 kwh all'anno che vengono pagate 0.44 euro
quindi (0.44 x 1300)= 572 euro
1 MW equivale a 1.000 KW

di conseguenza per ogni MW installato vengono pagati (572 x 1000)= 572.000 euro
cioè 0.572 milioni di euro

l'incentivo rottamazione costa circa 1.000 milioni di euro all'anno

con quella cifra si pagano per un anno gli incentivi a (1.000 : 0.572)= 1.750 MW di fotovoltaico

1.750 MW
con impianti medi di 3 Kw equivalgono a:
(1.750.000 : 3)= 583.000 impianti per altrettante unità abitative.

Utilizziamo il Nuovo Conto Energia, per conoscerlo meglio, testo, presentazione ed altro materiale clicca mio nome.
Ciao

matteo tocco 06.03.07 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Presentazione Nuovo Conto Energia.


ciao Beppe .volevo chiederti de lucidazioni per quanto riguarda gli impianti fotovoltaici, IL famoso "conto energia" ho intenzione (o avevo) di installare un impianto del genere ma quando mi sono informato in vari siti che trattano l'argomento ho letto: "il conto energia premia chi consuma quello che produce" e fin qui ci siamo , ma non bisogna produrre più di quello che si consuma altrimenti non riceveremmo più i famosi 0,045 euro per ogni Kwh prodotto in eccesso rispetto ai propri consumi , ma usufruiremmo solo del Kwh regalato sulla bolletta da consumare entro i tre anni sucessivi. in pratica i Kwh prodotti in eccesso andranno a credito per l'anno sucessivo. In sintesi dal momento che io produco corrente in più rispetto a quella che mi occorre, quindi ogni anno avro sempre più Kwh a credito da consumare entro tre anni che non riuscirò mai a consumare visto che la mia produzione è maggiore. Mi pare in sostanza una presa per il culo visto che dovrebbe essere un bene per tutti produrre energia pulita in esubero o sbaglio ? in maniera da poter dare una parte a chi non possiede un impianto del genere e quindi tradurlo in minor inquinamento . E stesso discorso per quanto riguarda gli impianti isola che non vengono finanziati in nessun modo. Quindi devo pensare che tutto questo và in maniera completamente opposta a quello che si dice "inquinare meno " ma mi viene pure un dubbio se ognuno si produce corrente in maniera autonoma L'ENEL cosa fà ?

sergio casu 03.03.07 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,sono stato ieri sera a vedere il tuo spettacolo al palazzetto a verona...sei un grande.Tornando a bomba come si suol dire,io sto progettando e intendo mettere in essere a breve un impianto di produzione di energia elettrica ad olio di girasole.Si tratta sostanzialmente di un motore che invece del classico gasolio usa olio di girasole/colza al 100%.Nel mio piccolo riuscirò a produrre circa 45 Kw/h però al momento questi progetti non sono ancora minimamente sovvenzionati da quel che ne so.Lo faccio perchè mio fratello e soci si occupano di questi impianti quindi perchè non installarne uno anch'io mi son detto.Loro realizzano impianti anche a biogas,comunque sia tutte centrali di cogenerazione ben più grandi di questa.L'unica cosa che secondo me va ancora a rilento è sempre la classica burocrazia.Dovevamo partire l'anno scorso con questo impianto invece devono ancora venire a fare i sopraluoghi.Se qualcuno avesse maggiori informazioni da darmi in merito a incentivi o volesse informazioni riguardo questi impianti mi può tranquillamente contattare, sarò ben lieto di fornirvele.Ciao a tutti...evviva l'energia pulita e rinnovabile.

Roberto Zaffani 02.03.07 13:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,
volevo scrivere solo due righe in merito all'energia e al suo completo stato di abbandono in Italia.
Ne vedremo delle belle quando nel 2008 saremo costretti a pagare la famigerata (per chi ne sia a conoscenza) CARBON TAX che corrisponde alle nostre QUOTE DI INQINAMENTO che ci spettano... ovviamente sono largamente insufficienti in quanto , per colpa nostra, non abbiamo attuato sistemi di produzione dell'energia validi... addirittura torniamo al carbone! Concludo facendo notare che sistemi VERAMENTE ALTERNATIVI ci sono (Vedere il RApporto 41 dell'ENEA di FRASCATI sulla FUSIONE FREDDA)ma non vengono minimamente presi in considerazione! E io mi domando CUI PRODEST!

Andrea Ciani Commentatore certificato 27.02.07 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Impianti, ammessi all'incentivazione ai sensi dei DM 28/07/2005 e DM 06/02/2006,
per i quali i soggetti responsabili hanno comunicato la
ENTRATA IN ESERCIZIO
(aggiornamento al 01 Febbraio 2007))
CLASSE 1....0<P< 20 KW : 5,29 MW
CLASSE 2....20<P< 50 KW : 2,54 MW
CLASSE 3...50<P<1000 KW: 0,48 MW
-----------------------------------------------
TOTALE : 8,31 MW


al 01 Febbraio 2006 risultano quindi entrati in esercizio 8,31 MW.

In un mese si è avuto un incremento di 2,19 MW (media annua 26,28 MW)qualcosa si muove anche se sempre lentamente.

Sono stati ammessi all'incentivo 387 MW ed ad oggi sono entrati in esercizio solo 8 MW veramente pochino, speriamo che a breve ci sia un incremento ben più sostanzioso degli attuali 2 MW al mese.

Clicca mio nome per ulteriori informazioni.

Saluti

matteo tocco 14.02.07 13:48| 
 |
Rispondi al commento

e si vincono anche dei premi....

6 dicembre 2006 - 16.27
Il Premio solare europeo ad una famiglia di agricoltori

http://www.swissinfo.org/ita/prima_pagina/detail/Il_Premio_solare_europeo_ad_una_famiglia_di_agricoltori.html?siteSect=105&sid=7325629&cKey=1165417008000

Davide Boschini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.02.07 10:39| 
 |
Rispondi al commento

goodnews - Ufficio Stampa - Giunta Regionale Toscana
Comunicato stampa
30/11/2006
Giannutri, arriva il dissalatore alimentato dal fotovoltaico

http://www.primapagina.regione.toscana.it/index.php?codice=19104

Davide Boschini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.02.07 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Conto energia, nel nuovo decreto via il tetto massimo annuale
Silvestrini (ministero dell´industria), spiega che saranno avvantaggiate le installazioni sugli edifici rispetto agli impianti a terra

Silvestrini a che punto è l’iter del nuovo decreto?
«Il decreto è attualmente al ministero dell’ambiente e poi andrà alle regioni. Puntiamo di averlo in gazzetta ufficiale alla fine di febbraio per evitare la corsa delle domande secondo i vecchi schemi entro marzo».

Riguardo agli incentivi che cosa prevede?
«Saranno privilegiate le installazioni sugli edifici rispetto all’attuale e saranno ulteriormente premiati coloro che faranno anche interventi di efficienza energetica. Gli incentivi per gli impianti a terra saranno rivisti rispetto ad ora, ma rimarranno competitivi rispetto alla Germania, tenuto conto dell’irraggiamento solare. Sarà una tariffa che renderà vantaggiosa l’installazione degli impianti solari anche a terra, ma quella di prima era eccessivamente elevata».

E’ vero che non ci sarà più un tetto massimo annuale, ma un obiettivo di 2000 megawatt?
«Sì è vero, non c’è più il tetto attuale ma un obiettivo complessivo al 2015 che stiamo discutendo. La novità è poi che non ci sarà più bisogno di fare la domanda al Grtn e di aspettare di essere inseriti nelle graduatorie, ma ».

Ma sarà ancora il Grtn a gestirla?
«Sì, basterà fare una comunicazione».
17/01/2007
http://www.greenreport.it/contenuti/leggi.php?id_cont=5434
--------------------------------

Ad un anno dall'ultimo decreto febbraio 2006, ancora nulla.

"si accede automaticamente alla tariffa incentivante" conoscendo la burocrazia?

L'obbiettivo di 2.000 MW al 2015 è una miseria!!

Sinceramente sono sconcertato, da una classe politica che prima urlava contro, e poi in un anno non ha preso alcun proveddimento, costrigendo il Gestore unico a non esaminare le domande di giugno ho dei dubbi legali in proposito, e poi di fatto bloccando quelle di settembre, dicembre ed ora marzo 07

sergio rossi 23.01.07 14:10| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe ,è da un pò che seguo il filone del fotovoltaico e solare termico ma ,non riesco mai a raggiungere l'obbiettivo!sarà un'investimento migliore dei bond,ma i costi sono eccessivi per un "povero mortale" come si puo fare?sono sempre stato convinto che questa "tecnologia"(ormai vecchia di anni)sia un'ottima soluzione per l'uso domestico vorrei però, non farmi gabbare spendendo cifre assurde ,ho sentito preventivi per 5/6 Kw/h di circa 20.000 euro!e pensare che si tratta di mettere un pò di "sabbia" sul tetto.

massimiliano bocchi 21.01.07 00:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

----@ scusate la mia ignoranza ma io sono venuto a conoscenza del mootttore di schiieeetti da circa una settimana e da allora sto cercando di capirne un po' di piu'.. qualcuno potrebbe aiutarmi a reperirle. aspetto un vostro aiuto grazie...

Ci sono vari modelli

Principalemte c'è quello che sfrutta la pressione atmosferica attaverso l'horror vaccui, Torricelli, l'aqua che risale nei pozzi fino a dieci metri. Se l'acqua sale senza sforzo grazie alla pressione atmosferica fino a dieci metri, poi basterà sfruttare la caduta dell'acqua.

Poi c'è il Motore a principio di Archimede. Bisogna mettere dell'aria alla base di un cilindro pieno di acqua e sfruttare la risalita. L'aria puoi metterla dentro con il cubo compressore, col torchio, con delle pompe col cappuccio in goretex, alzando il cilindro con un crick e mettendogli sotto un mantice pieno di aria ... in tantissimi modi. In genere diventa molto efficiente più è alto il cilindro.

Poi c'è la centrale a vento magnetico che sfrutta l'elettromagnetismo. Ci sono le spiegazioni in internet se cerchi centrale a vento magnetico.

Per la Serpentina, grazie alle Celle di peltier che riescono a scindere una carica elettrica in due parti generando da una parte freddo e dall'altra parte caldo, ci puoi fare deumidificatore per la produzione di acqua potabile (va lasciata riposare in bacinelle con sassi di sorgente), frigoriferi, piastre scaldavivande, climatizzatore di aria calda e fredda come nelle automobili, boiler per l'acqua calda. Tutti gli elettrodomestici in uno.Le celle di peltier non emettono gas serra o gas che bucano l'ozono.

Infine c'è l'ozonizzatore da allegare alla Serpentina per lavare piatti e vestiti senza detersivi. L'acqua di scarto può essere utilizzata per l'orto perchè l'ozono scinde le molecole in elementi primari. Ci puoi fare anche concimi, se ci metti dentro rifiuti umidi, li scinde in molecole essenziali facilmente integrabili dalle piante.

Laura Cardelli 20.01.07 17:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PETIZIONE X IL FOTOVOLTAICO!

FIRMATE e DIFFONDETE!

http://www.gopetition.com/petitions/per-la-modifica-della-proposta-di-decreto-sul-solare-fotovoltaico.html

Gabriele S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.01.07 03:52| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere se esistono contributi statali/regionali su IVA o finanziameti a tassi agevolati per i seguenti interventi volti al risparmio energetico: isolamento termico della propria abitazione, sostituzione dell'impianto di riscaldamento dell'acqua da solo gas con uno integrato solare/gas, fotovoltaico ecc.
A breve dovrò sostituire la caldaia a gas del mio impianto autonomo e vorrei inquinare meno senza andare sul lastrico.
Il mio appartamento è parte di in un piccolo condominio, che dispone di un tetto inclinato in ardesia con lato rivolto a sud ed è baciato dal sole tutto l'anno quindi perchè non sfruttarlo?

Patrizia S. Commentatore certificato 10.01.07 09:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti ho letto qualche commento a riguardo del fotovoltaico e del solare termico e grazie ad uno spot televisivo fatto da Grillo qualche anno fa (1999-2000) sono riuscito ad istallare sulla mia abitabione un impianto fotovoltaico ed in seguito il solare termico. Non sò adesso ma allepoca trovai moltissima difficoltà nell'avere notizie a riguardo però ostinato come sono e dopo molte ricerche sono riuscito ad avere informazioni e ad istallarli e adesso ne sono fiero di questa scelta infatti funzionano alla grande e si nota un risparmio energetico e un risparmio economico.
E' stato un investimento ma si notano i risultati. Ho letto anche che sono pagliacciate e poco funzionali non è vero lo dicono perchè non sono informati a riguardo e non vogliono istallarli e continuare a far ingrassare i fornitori di energia.

Massimo Bernardi 07.01.07 11:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"La guerra per il fotovoltaico. Come riuscire a perdere un altro anno, dopo averne già persi 20.

Il 28 novembre ho ricevuto una telefonata sconfortante: era un anziano ed esperto operatore FV che voleva salutarmi: “Ciao, mi sono arreso: vado a lavorare in …….. Là c’è una legge sul “conto energia” che è semplice, chiara e con tariffe davvero incentivanti. Il paese è più povero del nostro, però è governato da persone, diciamo, come noi: che non si danno tante arie, ma fanno davvero quello che dicono di voler fare”. Una decisione conseguente allo stallo del settore in Italia e giustificata da un fatto che forse lui, nel prenderla, nemmeno sapeva: nella classifica mondiale 2006 per competitività, il nostro paese è sceso al 42° posto, dal 38° che occupava nel 2005. E non c’è da stupirsene se si presume, secondo logica, che in tutti i settori di attività le cose vadano all’incirca come in quello che riguarda il fotovoltaico. Cercherò di riassumere i convulsi, ma inconcludenti, ultimi nove mesi del 2006, già mettendo in conto che dimenticherò certamente qualcosa. [...]"

continua qui.

http://www.energiadalsole.it/cms_rc/uploads/scaricabili_1_07/Guerra_del_FV.pdf


Alberto Villa Commentatore certificato 05.01.07 21:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

December 6, 2006

Washington, DC, USA: Department of Energy Announces 40% Efficient Concentrator Solar Cell

U.S. Department of Energy (DOE) Assistant Secretary for Energy Efficiency and Renewable Energy Alexander Karsner yesterday announced that with DOE funding, a concentrator solar cell produced by Boeing-Spectrolab has recently achieved a world-record conversion efficiency of 40.7 percent, establishing a new milestone in sunlight-to-electricity performance. The DOE says this breakthrough may lead to systems with an installation cost of only $3 per watt, producing electricity at a cost of 8-10 cents per kilowatt/hour, making solar electricity a more cost-competitive and integral part of our nation’s energy mix.

Attaining a 40 percent efficient concentrating solar cell means having another technology pathway for producing cost-effective solar electricity. Almost all of today’s solar cell modules do not concentrate sunlight but use only what the sun produces naturally, what researchers call “one sun insolation,” which achieves an efficiency of 12 to 18 percent.
------------------------------------------------

NOVITA' DAGLI USA:
DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA:
la segretaria di aiuto (DAINA) per rendimento energetico ed energia rinnovabile Alexander Karsner ieri ha annunciato

REALIZZATO NUOVO FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE, CHE HA UNA RESA PARI A CIRCA 2,5 VOLTE L'ATTUALE

QUESTA NOTIZIA PORTEREBBE IL COSTO DI UN IMPIANTO PER UN'ABITAZIONE DAGLI ATTUALI 21-24.000 EURO A MENO DI 10.000 EURO, ED AVREBBE NECESSITA' NON DI UNO SPAZIO DI 25 MQ, MA DI SOLI 10 MQ.

INSOMMA CREDO CHE GLI 800 KMQ(ottocentomilioni di mq) DI TETTI DISPONIBILI UN BEL PO' DI MW RIESCANO A PRODURLI, SENZA DOVER ANDARE A COPRIRE I TERRENI LIBERI.

Per l'annuncio completo e altre notizie clicca mio nome.

Ciao


Simulatore economico solare in CONTOENERGIA D.M.6Feb2006 e bozzaNUOVOCONTOENERGIA per l'analisi economica di un investimento solare fotovoltaico.
- ozìpzione dati radiazione UNI10349 e/o ENEA(94-99)101province
- opzione sistemiFV fissi e/o inseguimento solare(girasole)
- opzione regimi contrattuali GSEL(GestoreServizioElettrico)
- gestione parametri sito-impianto(azimuth,tilt,densità di energia,rendimenti ecc)
- gestione parametri di riattualizzazione
- simulazione finanziamento
- fullBudget(in output risultati e grafici, indici VAN e TIR per l'analisi dell'investimento)
SW GRATUTITO scaricabile a questo link:
http://www.ingegneri.info/?cartel=software&page=classifica_mese&sfx=_classifica
l'iscrizione al portale è GRATUITA e si fa in 30secondi.
Il SW è in continuo aggiornamento relativamente alle dispozioni ministeriali attese riguardo il NUOVOCONTOENERGIA; bastano pochi click per comprendere che con le nuove tariffe incentivanti proposte nella bozza del NUOVOCONTOENERGIA c'è poco da stare allegri.Tra pochissimo verrà messo in rete il nuovo aggiornamento sempre tutto GRATUITAMENTE.Buon lavoro

ing. alessandro caffarelli Commentatore certificato 28.12.06 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Un ultima cosa Ing.Merlo...se ha tempo si scarichi il Sw gratuito che ho messo in rete proprio per l'analisi costi/benefici relativamente ad un investimento solare fotovoltaico in CONTOENERGIA e NUOVOCONTOENERGIA; può farsi un idea del ridotto margine che c'è se si vuole diventarre imnprenditori nel mercato elettrico(vendita energia)...rimane del margine per lo ScambioSulPosto ma trovo infinitamente ingiusto che in Italia non si posso investire del denaro nel settore elettrico,per giunta nelle rinnovabili scelta che aumenta la qualità sociale dell'investimento, perchè ci sono le grandi famiglie del petrolio che se la comandano....è profondamente ingiusto tutto questo

ing. alessandro caffarelli Commentatore certificato 28.12.06 23:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Marco, io non sono Beppe Grillo ma un semplice ingegnere aerospaziale che si occupa di solare fotovoltaico dalla mattina alla sera; il pay-back-time energetico che Lei riporta in 7-8 anni è eccessivo;in questo momento siamo a circa 3.3 anni per il cristallino e si andrà a decrescere sempre piu rapidamente...in generale la tecnologia fotovoltaica è matura, meno maturi(o sordi o ciechi) sono i nostri politici che non capiscono l'importanza del momento storico dal punto di vista energetico/occupazionale...se parte il CONTOENERGIA parte la filera fotovoltaica...in Germani la filiera solare raccoglie 200mila lavoratori...
nella bozza del NUOVOCONTOENERGIA viene incentivato anche il risparmio energetico nel senso che se attraverso analisi energetica dell'edificio si dimostra che al netto dell'installazione dell'impianto solare fotovoltaico si è riusciti a determinare una riduzione di almeno il 10%del fabbisogno energetico dell'edificio allora la tariffa incentivante sarà aumentata della metà della percentuale di riduzione ottenuta...quindi ad esempio se si riduce del 30% il fabbisogno energetico dell'edificio la tariffa sarà aumentata del 15%...la cosa STAORDINARIA è che la tariffa(Premio GSEL) sembra che debba partire da da 0,38euro/kWh piuttosto che da 0,445(Scambio sul Posto)come nel vecchio CONTOENERGIA...ci stanno prendendo forse in giro???

ing. alessandro caffarelli Commentatore certificato 28.12.06 23:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei chiedere una cosa a Beppe Grillo relativamente a questi progetti "fotovoltaici".
Io sono un ingegnere elettrico e sui libri tecnici del settore si ritrova "costantemente" che per produrre un pannello fotovoltaico è necessario spendere un'energia pari a quella che lo stesso produce in 7-8 anni di funzionamento. Ipotizzando una vita utile di 15-20 anni questo vorrebbe dire che quasi metà dell'energia prodotta era già stata spesa per produrre il pannello fotovoltaico.
Personalmente invece mi chiedo se ad oggi esistano le tecnologie e le industrie per riutilizzare/smaltire il silicio del pannello fotovoltaico alla fine del suo processo produttico.
La bibliografia internazionale è ricca di articoli che parlano di pannelli fotovoltaici che al posto del silicio utilizzano materiali polimerici, i quali sono energeticamente molto più economici.
La mia domanda è se sia corretto incentivare così tanto il fotovoltaico attuale, spendendo molte risorse che potrebbero essere più "efficacemnte" utilizzate; si pensi ad esempio al risparmio energetico, di cui si parla molto poco (solo recentemente "pare" in finanziaria sono state previste delle agevolazioni per la costruzione di elettrodomestici che consumano meno e/o di case che consumano meno.
I fondi indirizzati ai pannelli fotovoltaici sono fondi spesi bene? la tecnologia è matura per una diffusione di massa? Si sta realmente assistendo ad un abbassamento dei prezzi dei pannelli fotovoltaici o solo ad un sensibile guadagno economico da parte dei produttori.
Perchè il solare termico (domestico) è sempre messo in secondo piano. Le mie sono solo domande, mi piacerebbe che Beppe Grillo eseguisse un'analisi economica costi/benefici (economici ed energetici), paragonando le vrie opzioni. Valutare l'energia solare (tramite la tariffa Conto Energia) 4 volte il prezzo della Borsa Elettrica non mi sembra un processo "pulito". Oggi questa opzione sta diventando una fonte di lucro per gli industriali ma un costo per il cittadino

Marco Merlo 28.12.06 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Signor Gerardo concordo con Lei sl fatto che bisogna avere un occhio di riguardo per il risparmio energetico, bisogna ridurre il fabbisogno energetico di noi tutti con intelligenza, ma bisogna anche integrare questa riduzione con una sorta di autonomia energetica...se voglio produrmi l'energia per autoconsumarmela devo poterlo fare come in Germania...sta arrivando il NUOVOCONTOENERGIA per il solare fotovoltaico che sembra prevedere un bonus "ulteriore" per chi integra la produzione di energia elettrica da fotovoltaico con la certificazione energetica dell'edificio....forse è un primo passo...forse...faccia una prova con il simulatore che sto distribuendo gratuitamente in rete poi discutiamo su quel forse.A presto
Ing.Alessandro Caffarelli

alessandro caffarelli 27.12.06 09:30| 
 |
Rispondi al commento

vedo grande interesse per la produzione di energie rinnovabili (solare termico e fotovoltaico) nella produzione di energia per la casa.
Queste soluzioni sono forme attive di produzione di energia da utilizzare quasi sempre per scaldare o raffreddare gli edifici dove noi viviamo o lavoriamo.
Ritengo che quasi nessuno vada alla fonte del problema che negli edifici non è produrre energia ma bensì mantenerla all'interno dewi medesimi.
Quanti di voi conoscono le "case passive" edifici costruiti con tecniche che permettono di ridurre fino al 90% i consumi termici degli edifici, che in Italia rappresentano il 40% delle emissioni di CO2.
Perchè non esigiamo che nei nuovi edifici o nelle ristrutturazioni di quelli vecchi vengano utilzzate queste tecnologie che risolvono alla fonte buona parte della nostra fame di energia?
Perche spendere elevate cifre per impianti fotovoltaici o termici per avere l'illusione di "risparmiare" energia in impianti attivi e non spendere nessuna cifra per "risparmiare" realmente energia in strutture passive.
Non facciamoci cogliere dall'isteria dell'innovazione e non creiamo mode, ma cerchiamo di guardare in tutte le direzioni.
Meditate gente, meditate.

gerardo mauri 27.12.06 00:10| 
 |
Rispondi al commento

Ho sviluppato e pensato di distribuire GRATUITAMENTE un SW "SIMULARE2.0" che è un simulatore economico solare in CONTOENERGIA per l'analisi del ritorno economico di un investimento solare fotovoltaico che è scaricabile GRATUITAMENTE al seguente link:
http://www.ingegneri.info/?cartel=software&page=classifica_mese&sfx=_classifica
L'iscrizione al portale è GRATUITA e si effettua in 30secondi.L'Ouput di SIMULARE2.0 produce risultaTi e grafici da cui si possono capire tante cose...se passa il NUOVOCONTOENERGIA con il nuovo tariffario incentivante non c'è proprio da stare allegri...ma valutate voi bastano 39click e 10minuti del Vostro tempo per renderVi conto che ci stanno prendendo in giro.Noi pensiamo a rigasificare in Germania con la metà della nostra radioazione solare fanno i miracoli...lasciamo stare va...
Il SW In 4gg è stato scaricato da 1342 utenti...ciò dimostra che c'è molta attesa riguardo al CONTOENERGIA e se ne sa veramente pochissimo purtroppo.Spero di esservi stato utile.Buon lavoro

alessandro caffarelli 23.12.06 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi amici della "Setta del Grillo". Avrei bisogno di qualche informazione riguardo al fotovoltaico poiche' ho quasi convinto i miei genitori ad impiantare dei pannelli per tutti i motivi che sappiamo... Sono venuto a sapere che adesso anche l'enel (forse per non lasciarsi sfuggire una nuova porta sul mercato) ha iniziato a vendere questi tipi di impianti. Avrei bisogno dei qualche consiglio da qualcuno di voi che magari conosce meglio di me la situazione sul fotovoltaico di Enel se non altro per non prendere qualche fregatura (chissa' perche' ma non riesco proprio a fidarmi di certa gente, vedi Scaroni e soci). Effettivamente proprio lui che fa qualcosa di innocuo per la salute della gente non ce lo vedo. Magari li ha fatti produrre in un modo particolare :D. Apparte gli scherzi ringrazio anticipatamente chiunque mi dia qualche dritta.

Daniele Castania 18.12.06 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi amici della "Setta del Grillo". Avrei bisogno di qualche informazione riguardo al fotovoltaico poiche' ho quasi convinto i miei genitori ad impiantare dei pannelli per tutti i motivi che sappiamo... Sono venuto a sapere che adesso anche l'enel (forse per non lasciarsi sfuggire una nuova porta sul mercato) ha iniziato ad vendere questi tipi di impianti. Avrei bisogno dei qualche consiglio da qualcuno di voi che magari conosce meglio di me la situazione sul fotovoltaico di Enel se non altro per non prendere qualche fregatura (chissa' perche' ma non riesco proprio a fidarmi di certa gente, vedi Scaroni e soci). Effettivamente proprio lui che fa qualcosa di innocuo per la salute della gente non ce lo vedo. Magari li ha fatti produrre in un modo particolare :D. Apparte gli scherzi ringrazio anticipatamente chiunque mi dia qualche dritta.

Daniele Castania 18.12.06 20:03| 
 |
Rispondi al commento

ma per riuscire a risolvere il problema energetico italiano, voi cosa ne pensate se si coprisse una parte del deserto africano di pannelli solari?

ludovico barletta 14.12.06 18:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Adesso che sono al governo che cosa aspettano?

"La Conferenza Unificata Stato Regioni avrebbe dovuto analizzare il 1° dicembre in sede tecnica il contenuto del nuovo decreto interministeriale (ministero dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente) per l’incentivazione della produzione di energia elettrica da fonte solare fotovoltaica, che doveva essere successivamente approvato nella riunione del 15 dicembre (v. Staffetta 4/12). Il nuovo decreto, che doveva semplificare le procedure complesse dei DM 28/07/05 e DM 06/02/06 e permettere finalmente il decollo del FV in Italia, era stato promesso per il 1° gennaio 2007 in vari interventi delle Istituzioni coinvolte. Purtroppo a tutt’oggi una bozza completa del nuovo decreto non è stata ancora pubblicata."

Invece hanno creato la solita commissione che non combina niente.

"Legato forse anche alla battuta d’arresto del decreto sul Nuovo Conto Energia, anche il lavoro della Commissione Nazionale Energia Solare (CNES, v. Staffetta 20/11) sembra essere rallentato. Riunitasi i primi di ottobre per la prima volta, la Commissione avrebbe dovuto rivedersi intorno la fine di novembre per valutare lo stato di avanzamento dei lavori. Ora il ministero dell’Ambiente sta spingendo per un incontro prima di Natale tra i sei capigruppo di lavoro ma molto probabilmente il tutto slitterà dopo le feste, a gennaio, per poi fare un’altra seduta plenaria a febbraio."

L'articolo completo qui:
http://www.ecquologia.it/sito/pag1112.map?action=single&field.joined.id=63980&field.joined.singleid=66161

Alberto Villa Commentatore certificato 12.12.06 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Con tutte le ONLUS che ci sono...
ne conoscete almeno 1 ONLUSE seria, che si occupa di acquistare terreni dove poter installare/ingrandire
impianti fotovoltaici...eolici...

darei volentieri il mio contributo periodico.


Franco Baron 11.12.06 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Nuovo tentativo di Lancio dello Shuttle Discovery, alle 2.47 di stanotte, 7 astronauti, 5 uomini e due donne verranno lanciati verso la Stazione Spaziale Internazionale.
Obbiettivo principale di questa missione rendere operativi i pannelli fotovoltaici istallati, installati dai loro colleghi nelle precedenti missioni, l'ultima è stata a settembre.
Se tutto andrà per il meglio la ISS International Space Station al termine di questa missione potrà contare su una quantita di Energia raddoppiata.
E si anche la ISS funziona a pannelli fotovoltaici solo qua sulla terra sembra sia difficile usarli, ad Alitalia è molto probabile che ignorino pure l'esistenza.

lo Stato ha versato ad Alitalia 7 miliardi di euro negli ultimi 10 anni.
Alitalia una perdita di 1 milione di euro al giorno, e i cittadini pagano.
Con quei soldi si costruivano 140 Centrali Solari come quella progettata dal nostro Nobel Carlo Rubbia a Priolo a Siracusa, inaugurata dall'ex ministro Marzano il 19 Maggio 2004, e poi saltata assieme al ministro in un rimpasto, il successore di cui non ricordo il nome ma forse è meglio non ricordare ha bloccato tutto per non aver vololuto stanziare la ridicola cifra di 50.000.000 di euro, cioè quanto Alitassametro si mangia in soli 50 giorni.
Cioè in 50 gironi Alitassametro priva 7.000 famiglie della possibilità di avere l'Energia Elettrica quasi gratis(il sole non si paga almeno per ora) per 30 anni.
In 10 anni Alitassametro ha privato 4.000.000 di persone di avere l'Energia Elettrica quasi gratis per 30 anni(durata minina della Centrale Solare Termodinamica inventata da Rubbia, e che ora sta realizzando per il Governo Spagnolo.

La diretta dalla Base di Lancio Kennedy inierà verso le 20.30.
Clicca sul mio nome se vuoi vedere in diretta gli astronauti, forum "Notizie in Rilievo" clicca sull'icona NASA TELEVISION e poi play.

requisiti Windows Media Player

Inoltre trovi, documentazione e link utili sul fotovoltaico ed il Conto Energia.

matteo tocco 09.12.06 21:05| 
 |
Rispondi al commento

E un giorno una mail arrivò...

A scrivere è l'Enel in persona che mi informa dell'esistenza del solare termico e del fotovoltaico, e pensate un pò, nei punti Enel possono consigliarmi dalla A alla Z e addirittura fare loro l'impinato!

Visto che in passato mi sono occupato di casa ecolgica in cui il risparmio energetico e il rispetto ambientale sono presupposti primari, credo che un salto ad un punto Enel ce lo farò...così come se fossi caduto dalle nuvole..."Cosa? posso produrre io energia?? ma dai!"

E comunque fosse la volta buona che almeno da questo punto di vista qualcosa si muove...meglio tardi che mai!
http://www.enel.it/enelsi/offerta/casa_risp_energetico/imp_fotovoltaici/
Posto il link così potete leggere tutti!
un saluto.

Simone Talevi 08.12.06 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe, un'altra delle mie... In Italia ci sono tantissime palestre e molti amanti del fitness che le frequentano, allora ho pensato: perché i costruttori di attrezzature non costruiscono una nuova generazione di macchinari da palestra, in grado di trasformare l'energia che una persona spende sopra per mantenersi in forma, in energia elettrica con l'immissione nella rete? Cosi si ottengono vantaggi:
La palestra applicherà uno sconto ai suoi frequentatori e riceverà uno sconto proporzionale sulla bolletta elettrica. C'è qualcuno che può fare qualche conto della serva?

Memoria animo habens

Paolo Boreggio 04.12.06 16:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao Beppe. sono interessato alla produzione casalinga di energia pulita. ma le ditte che installano pannelli fotovoltaici e altro mi hanno solo parlato di sovvenzioni e non di come funziona e come si installa questi impianti. vorrei( se possibile) avere qualche contatto con persone serie che mi facciano chiarezza sul funzionamento di detti impianti.grazie . ciao. maxlgs@libero.it

massimo barnaba 04.12.06 02:36| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe. sono interessato alla produzione casalinga di energia pulita. ma le ditte che installano pannelli fotovoltaici e altro mi hanno solo parlato di sovvenzioni e non di come funziona e come si installa questi impianti. vorrei( se possibile) avere qualche contatto con persone serie che mi facciano chiarezza sul funzionamento di detti impianti.grazie . ciao. maxlgs@libero.it

massimo barnaba 04.12.06 02:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FOTOVOLTAICO
POTENZA CUMULATIVA INSTALLATA AL 2005

GERMANIA.........1.537..MW...(..934..al..2004)

SPAGNA..............58..MW...(...37..al..2004)
PAESI BASSI.........51..MW...(...49..al..2004)
ITALIA..............36..MW...(...31..al..2004)
FRANCIA.............33..MW...(...26..al..2004)

-------------------------------------------------


POTENZA FOTOVOLTAICO MWp CUMULATIVA INSTALLATA NEL MONDO AL 2004

GIAPPONE..................... 1.132

GERMANIA........................794....(934 fonti UE)
USA.............................365
AUSTRALIA........................52
PAESI BASSI......................49
SPAGNA...........................37
ITALIA...........................31
Francia..........................26
SVIZZERA.........................23
AUSTRIA..........................19
--------------------------------------------
Totale Primi 10.............. 2.529
Resto del Mondo..................70
--------------------------------------------
Totale..Mondo.................2.599..MWp

Si può notare che la Germania ed il Giappone sono all'avanguardia nel settore.

La Germania soltanto nel 2005 ha installato 603 MW, contro i 5 MW dell'Italia.

I dati credo si commentino da soli.

Per il dettaglio anni dal 2000 al 2004 ed altre notizie sul fotovoltaico ed il Conto-Energia clicca sul mio nome, forum "FOTOVOLTAICO & CONTO-ENERGIA".
Saluti

matteo tocco 03.12.06 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo alla autocostruzione di pannelli solari provate a dare uno sguardo a questo indirizzo:
www.autocostruzionesolare.it.
Fantastico, continuate gente, continuate...

Irman MARTENA 27.11.06 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Firmate la petizione per la Fusione Fredda
dobbiamo essere in tanti
http://www.progettomeg.it/fusione-fredda-petizione.htm

Renato Capece 25.11.06 10:08| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe io abito in provincia di alessandria e vorrei sapere a chi rivolgermi per l'installazione di pannelli solari o fotovoltaici. puoi aiutarmi? complimenti per il blog
la mia e-mail : ramfra56@libero.it

ANTONELLA RAMUNDO 22.11.06 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,
salve Beppe,
tra i tanti modi alternativi di prodursi l'energia pensavo ai vari tipi di caminetti con pompa di calore ecc., e mi chiedevo se esistesse la possibilità di sostituire la caldaia di casa o almeno creare un sistema appunto alternativo applicando lo stesso sistema termo-idraulico al caminetto e poter scegliere quale usare.
Certo non si avrebbe la possibilità di far variare la temperaturà dell'acqua come con la caldaia ma tanto chi se la fa la doccia a 85° e subito dopo a 20° e poi a 65°?
Soprattutto la domanda è quanto potrebbe costare l'impianto necessario e ne varrebbe la pena sotto il profilo ecologico?
Anche a parità di costi sarei molto più soddisfatto di usare il caminetto per produrre acqua calda e riscaldamento ed è anche molto più bello di una caldaia ( che comunque rimarrebbe di riserva).
Grazie,

Andrea

Andrea Volpintesta 21.11.06 20:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sul sito elettronicasanterno.it nel quale mi sono imbattuta un giorno mentre cercavo cataloghi per un impianto a pannelli solari ho trovato questo prodotto che mi ha stuzzicato l'interesse. non me ne intendo ma certo ha fatto un certo effetto. non ne ho mai sentito parlare in commercio però.
WIRELESS ENERGY LINE
“Wireless” utilizza l’energia proveniente da più fonti discontinue quali pannelli fotovoltaici, generatori eolici, reti elettriche non affidabili o non sempre disponibili, microcentrali idrauliche, ecc. e la trasforma in energia elettrica per utenze isolate o collegate in parallelo ad una rete preesistente integrandola allo scopo di garantire all’utenza la continuità e l’affidabilità di una normale rete distributiva trifase. La quota di energia rinnovabile istantaneamente
disponibile viene immediatamente utilizzata per soddisfare le esigenze degli utilizzatori con il massimo rendimento reso possibile dalle moderne tecniche di conversione elettroniche a stato solido. La quota non immediatamente necessaria viene convertita in idrogeno tramite l’electrolyzer ed accumulata.
CARATTERISTICHE TECNICHE
La particolare tecnologia di accumulo mediante idrogeno comporta i seguenti vantaggi:
• emissioni inquinanti assolutamente nulle
• capacità di accumulo e quindi autonomia indipendente dalla potenza del
sistema
• sistemi di conversione elettrochimici di tipo assolutamente statico
• disponibilità di idrogeno direttamente utilizzabile per combustione diretta
(es.: cottura cibi)
• rendimento complessivo unitario considerando il funzionamento in modalità
cogenerazione elettricità/calore
• nessuna sostanza inquinante da smaltire a fine vita dell’apparato .
che ve ne pare? elys

Gini Elys 21.11.06 19:20| 
 |
Rispondi al commento

SALVE A TUTTI,
CHE NE PENSATE DEL GENERATORE FREE ENERGY MESSO IN VENDITA SU EBAY...
http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&item=7612097953&category=64810&sspagename=rvi:1:2v_

GINO T. 21.11.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Dal sito GSE del Gestore dei Servizi Elettrici, ente pubblico preposto alla gestione del Conto Energia

INCENTIVAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA
(D.M. 28/07/2005 e D.M. 06/02/2006)
RISULTATI 2005 - 2006

NUMERO DOMANDE ACCOLTE:
Classe di potenza 1 ≤ P ≤ 20 kW
3° trim 2005 1.849
4° trim 2005 3.811
1° trim 2006 1.516
TOTALE 7.176 domande
Classe di potenza 20 < P ≤ 50 kW
3° trim 2005 1.022
4° trim 2005 2.408
1° trim 2006 1.675
TOTALE 5.105 domande
Classe di potenza 50 < P ≤ 1.000 kW
3° trim 2005 46
4° trim 2005 70
1° trim 2006 36
TOTALE 152 domande
NUMERO COMPLESSIVO DOMANDE ACCOLTE 12.433

POTENZA CUMULATIVA IMPIANTI
AMMESSI ALL'INCENTIVAZIONE (MW)
Classe di potenza 1 ≤ P ≤ 20 kW
3° trim 2005 14,0
4° trim 2005 26,7
1° trim 2006 10,6
TOTALE 51,4 MW
Classe di potenza 20 < P ≤ 50 kW
3° trim 2005 46,6
4° trim 2005 110,0
1° trim 2006 80,6
TOTALE 237,2 MW
Classe di potenza 50 < P ≤ 1.000 kW
3° trim 2005 27,0
4° trim 2005 43,7
1° trim 2006 28,3
TOTALE 99,1 MW
POTENZA COMPLESSIVA AMMESSA ALL'INCENTIVAZIONE 387,7 MW

Domande idonee non ammesse:
N° 11.851 per complessivi 1.083,24 MW

Domande respinte:
N° 4.477 per complessivi 181,77 MW

Impianti, ammessi all'incentivazione ai sensi dei DM 28/07/2005 e DM 06/02/2006,
per i quali i soggetti responsabili hanno comunicato la
ENTRATA IN ESERCIZIO
(aggiornamento al 14 novembre 2006)
Totale ITALIA 505 2.306 29 1.076 3 278 537 3.660
CLASSE 1 0<P<20 KW : 2,25 MW
CLASSE 2 20<P<50 KW : 1,05 MW
CLASSE 3 50<P<1000 KW : 0,27 MW
TOTALE : 3,57 MW

La normativa attuale stabilisce un limite di 500 MW complessivi AVANZANO ANCORA SOLTANTO (500-387,7)= 112,3 MW da incentivare.

A fronte dei 387,7 MW già ammessi, il fatto che al 14 nov. siano entrati in esercizio solo 3,57 MW forse indica che qualcosa non funziona.

P.S. dal mio nome si può accedere al sito del GSE.


Caro Beppe, seguo con molto interesse le Tue iniziative, con particolare attenzione alle tematiche ambientali.
Apprendo da tempo che hai provveduto alla installazione di moduli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica.
A tal riguardo Ti chiedo se sia possibile, dal punto di vista tecnico-pratico, far funzionare un sistema di riscaldamento a bassa temperatura (pavimento radiante) attraverso moduli fotovoltaici, evitando l'uso di caldaie, che, benchè a condensazione, comportano comunque emissioni di ossidi di carbonio.
Ti chiedo, inoltre, se tale impianto sia sostenibile dal punto di vista economico e, in caso non affermativo, quale percentuale sul costo di investimento si presume debba essere a carico dell'eventuale soggetto pubblico erogatore.

Ringraziando la Tua collaborazione, Ti saluto cordialmente
Domenico Vinzi

Domenico Vinzi 20.11.06 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Sabato 18 Novembre dalle ore 14:30 in via Goito a Mantova allestiremo un banchetto per diffondere il nostro materiale alla gente. Non mancate!

- Volantini di promozione Mantova Beppe Grillo Meetup Group

- Volantini sulle alternative all'acqua in bottiglia di plastica

- Volantini sulle Nanoparticelle

- Raccolta fondi per la ricerca sulle nanoparticelle per il Dott. Montanari con relativo modello in cartone dell'inceneritore

- Magliette del gruppo per raccimolare un po' di fondo cassa

Tutto allestito su tavolino 150 x 100 cm che procurerò io.


Partecipate numerosi, servono persone al banchetto e per il volantinaggio.

paolo borghese 17.11.06 09:14| 
 |
Rispondi al commento

STASERA Mercoledì 15 Novembre alle ore 20:45

presso Cinema Capitol di Sermide (MN)

Conferenza su " CLIMA e AMBIENTE - ENERGIA e RISORSE"

Incontro pubblico con Luca Lombroso, meteorologo e previsore dell' Osservatorio Geofisico Università di Modena e Reggio Emilia
meteorologo della trasmissione di Rai 3 "che tempo fa"

paolo borghese 15.11.06 09:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao sono marco ho 31 anni e scrivo da Genova. qualche giorno fa nei pressi del teatro della tosse mi è stato consegnato un volantino di lega ambiente che mi invitava a comprare privatamente energia elettrica pulita "la220verde". sono andato sul sito a vedere di cosa si trattava e mi è sembrata una proposta effettivamente interessante solo che dopo aver richiesto la prenotazione non ho ricevuto nessuna conferma; sono tornato sul sito a segnalare il fatto. mi ha risposto dopo qualche giorno un privato via e-mail indicandomi un errore presente nella compilazione dei miei dati e chiedendomi la correzione. così ho corretto e rinviato: anche questo privato è sparito. sono convinto che l'energia pulita sia una risorsa essenziale per tutti ma noto che ci sono parecchie difficoltà che sono anche al di sotto di quelle politiche (che sono le principali,anzi forse non è apropriato chiamarle politiche)penso che una difficoltà sia quella comunicativa (prima di qualche giorno fa non sapevo che fosse possibile che un utente all'interno di un condominio potesse utilizzare energia alternativa senza cambiare contatore etc eppure sento parlare di energia pulita da anni)vorrei chiederti se conosci una qualche soluzione inerente a ciò che ho esposto e offrire la mia disponibilità per quanto riguarda iniziative inerenti la promozione,l'installazione o altro inerente l'energia pulita. con questo saluto e aprofitto per esporre la mia scoperta dell'acqua fredda: sinchè siamo inquinati dentro sarà difficile pulire fuori. l'aria è sporcata dal co2 e i cervelli sono sporcati da religioni, cupidigia, pornografia e sopratutto dalla paura, ma credo anche che noi esseri umani abbiamo anche costantemente l'occasione di superare la prova più impegnativa: imparare ad essere uomini liberi e rispettosi di qualunque forma di vita.aprezzo molto il lavoro che stai facendo e mi piacerebbe contribuire; speriamo che una risata ci faccia uscire dalle nostre tombe. ciao

Marco Matta 13.11.06 15:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao beppe, è da poco che sono venuto a conoscenza delle tue lotte e sappi che sono contento che c'è qualcuno che cerca la verità tra tante balle che ci vengono propinate ogni giorno.
Ti contatto a proposito del tema energia: qualche anno fa, in un programma che conduceva Magalli di inventori,un ragazzo aveva brevettato un sistema per cui si poteva ricavare energia elettrica dal passaggio di automobili su una pedana metallica che veniva installata a livello asfalto. Non so se questo ti potrà interessare, ma i comuni potrebbero investire anche in questa risorsa e non solo in inceneritori...
Buon lavoro beppe!

Davide Aluisio 12.11.06 23:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ebbene si! Sono stufo di tutte le bugie e dei malsani pensieri di chi può e dovrebbe fare qualcosa....io sono uno studente...comprendo poco o niente di "energia" nel senso scientifico/analitico della parola ma nonostante questo penso che se si volesse fare davvero qualcosa non ci vorrebbe molto...Magari cominciando a formulare quel "piano energetico"
che tanto manca al nostro paese...si potrebbe partire dall'alto...dal parlamento..dalle LEGGI maledizione!Da ignorante mi chiedo... perchè lo stato non obbliga le imprese edili a costruire case SOLO con i pannelli solari installati e funzionanti dal primo giorno che metti piede in casa? penso che i famosi 10000 € di spese non facciano una grande differenza quando si tratta di stipulare un mutuo... già questo porterebbe grandi vantaggi. Pensateci...ogni nuova casa...villa o appartamento che sia avrebbe il suo impianto...Vuoi costruire??????? lo vuoi davvero???? allora ci metti i pannelli !!!!! Questo abbatterebbe i prezzi perchè la vita ci insegna che più quantità vuol dire meno prezzo! Magari fare quei pannelli qualche metro quadrato più grandi del normale e produrre energia da immagazzinare o utilizzare in altri modi....A me non sembra così difficile e soprattutto non impossibile...che ne pensate?

Fabio Atzeni 12.11.06 01:58| 
 |
Rispondi al commento

Sarà la solita promessa da marinai...d'acqua dolce????????????????????????????

SARANNO MADE IN ITALY PANNELLI FOTOVOLTAICI BASSO COSTO
(ANSA) 6 aprile 2006- ROMA - L'Italia gioca in casa la prima scommessa sul futuro del fotovoltaico. Saranno infatti tutti made in Italy i pannelli a basso costo per catturare il sole e verranno prodotti in Lombardia. L'obiettivo e' di abbassare i costi dei moduli che, con la produzione a pieno regime, potranno arrivare fino a 0,5 euro per watt contro i 5 euro per watt attuali. Il progetto per la costruzione della prima fabbrica europea per la produzione su larga scala di moduli fotovoltaici innovativi, a basso costo ed alta efficienza, cofinanziato, attraverso una gara pubblica, e' stato promosso da un'iniziativa del ministero dell'Ambiente dalla Regione Lombardia. Il progetto, del valore di 24 milioni di euro circa, cofinanziato con nove milioni, prevede la realizzazione di un impianto pilota di produzione automatizzata in linea di moduli fotovoltaici a film sottile di telloruro di cadmio. In pista una ditta italiana che fa capo al Gruppo Marcegaglia Energy, partecipata anche da una banca e da societa' che operano nel settore dell'ingegneria e dell'innovazione tecnologica. ''Una vera e propria scommessa - ha riferito il direttore generale del ministero dell'Ambiente, Corrado Clini - perche' l' Italia mentre apre al fotovoltaico con le norme sugli incentivi, nello stesso tempo non ha capacita' produttiva per quanto riguarda l'industria dei moduli e dell'impiantistica. Di questo passo diventeremo terreno di conquista. Ecco perche' questa iniziativa promossa dal ministero dell'Ambiente assume importanza nel quadro del rilancio del fotovoltaico''...

avete notizie in merito?..e le 7 sorelle staranno a guardare senza dire niente???
mi viene da ridere....


Il decreto ministeriale che dovrebbe fissare le nuove regole per il sistema d'incentivazione in
conto energia sembra essere giunto al traguardo finale. Gli operatori del settore hanno praticante bocciato l'attuale sistema d'incentivazione. In
particolare una drastica revisione al fine di favorire un serio e costante sviluppo del FV
in Italia raccomanda le seguenti
linee guida cui dovrebbe ispirarsi il
nuovo decreto ministeriale:
1. Semplificazioni procedure
ammissione tariffa.

2. Eliminazione obbligo
autoconsumo per energia prodotta
per impianti con potenza inferiore a
20 kW (incentivo a gonfiare i
consumi e scoraggiamento
all’installazione su seconde case).

3. Liberalizzazione ammissione alle
tarif fe incentivanti per impianti fino
a 50 kW.

4. Nessun tetto annuale per impianti
fino a 50 kW.

5. Revisione livello tariffe ma
mantenimento equa remunerazione
come da DLgs 387/2003.

6. Nessun tetto o tetto annuale
adeguato per impianti con potenza
superiore a 50 kW.

7. Inclusione impianti installati su
terreno.

8. Eliminazione sistema gara per
impianti superiori a 50 kW.

9. Eliminazione della fideiussione
per impianti superiori a 50 kW.

10. 5.000 MW potenza massima
incentivabile al 2015.

11. Autorizzazione Unica non
richiesta per impianti in siti esenti
da vincoli.


Mario de Chiara 08.11.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

STATI UNITI - Negli ambienti della ricerca e dell'industria si vocifera di una svolta che potrebbe cambiare le sorti dell'energia solare, catturata oggi da pannelli realizzati in materiali costosi e dalla ridotta disponibilità. Se la diffusione di questa energia pulita e rinnovabile stenta a decollare è, infatti, anche a causa degli investimenti sostanziosi di cui ha bisogno. Ben venga allora la novità: è allo studio la sostituzione del silicio – materiale primario dei pannelli fotovoltaici perchè capace di trasformare l'energia solare in energia elettrica – con un particolare tipo di plastica.
SILICIO TROPPO CARO – Mentre la domanda di energia elettrica lievita, l'indispensabile silicio policristallino – sostanza prodotta attraverso la lavorazione dell'elemento chimico – si fa sempre più raro. Per accrescere l'uso di energia solare bisognerebbe aumentarne la produzione, che rimane però pesante in termini di costi. Per fare un esempio, l'azienda Nanosolar, che sta studiando nuovi metodi per il risparmio e la diffusione su grande scala del pannello fotovoltaico, conta di spendere 80 milioni di euro per costruire un impianto da 400 megawatt che, con la tecnologia al silicio, costerebbe ben 800 milioni. E non è il caso che l'utenza, avverte il suo amministratore delegato Martin Roscheisen, diffidi di questi nuovi prodotti perchè un pannello costruito con materiali alternativi si stima possa vivere per 25 anni, all'incirca come quello classico.
PREVISIONI – Gli studiosi avanzano le loro ipotesi. Travis Bradford, presidente del Prometheus Institute for Sustainable Development di Cambridge (Massachusetts), spiega che oggi il 95 per cento degli impianti è realizzato in silicio policristallino e prevede che in pochi anni, grazie a nuovi materiali la percentuale scenderà di molto: si arriverà all'80 per cento. Dan Kammen, direttore del Renewable and Appropriate Energy Laboratory dell'università di Berkeley, prevede che in futuro un quinto della domanda energetica statunitens

Mario de Chiara 08.11.06 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Nuovi materiali per l'energia solare. I produttori garantiscono ottimi risultati in termini di efficienza ma dal 2012

STATI UNITI - Negli ambienti della ricerca e dell'industria si vocifera di una svolta che potrebbe cambiare le sorti dell'energia solare, catturata oggi da pannelli realizzati in materiali costosi e dalla ridotta disponibilità. Se la diffusione di questa energia pulita e rinnovabile stenta a decollare è, infatti, anche a causa degli investimenti sostanziosi di cui ha bisogno. Ben venga allora la novità: è allo studio la sostituzione del silicio – materiale primario dei pannelli fotovoltaici perchè capace di trasformare l'energia solare in energia elettrica – con un particolare tipo di plastica.
SILICIO TROPPO CARO – Mentre la domanda di energia elettrica lievita, l'indispensabile silicio policristallino – sostanza prodotta attraverso la lavorazione dell'elemento chimico – si fa sempre più raro. Per accrescere l'uso di energia solare bisognerebbe aumentarne la produzione, che rimane però pesante in termini di costi. Per fare un esempio, l'azienda Nanosolar, che sta studiando nuovi metodi per il risparmio e la diffusione su grande scala del pannello fotovoltaico, conta di spendere 80 milioni di euro per costruire un impianto da 400 megawatt che, con la tecnologia al silicio, costerebbe ben 800 milioni. E non è il caso che l'utenza, avverte il suo amministratore delegato Martin Roscheisen, diffidi di questi nuovi prodotti perchè un pannello costruito con materiali alternativi si stima possa vivere per 25 anni, all'incirca come quello classico.
PREVISIONI – Gli studiosi avanzano le loro ipotesi. Travis Bradford, presidente del Prometheus Institute for Sustainable Development di Cambridge (Massachusetts), spiega che oggi il 95 per cento degli impianti è realizzato in silicio policristallino e prevede che in pochi anni, grazie a nuovi materiali la percentuale scenderà di molto: si arriverà all'80 per cento. Dan Kammen, direttore del Renewable and Appropriate Energy Laboratory dell'università di Berkeley, prevede che in futuro un quinto della domanda energetica statunitense potrà essere coperto dall'energia solare. Altri, come Raghu Das, amministratore delegato di IDTechEx, fanno previsioni sui tempi: malgrado ci siano ancora alcuni nodi da sciogliere, fra il 2009 e il 2010 dovrebbe essere già possibile la costruzione di impianti con tecnologie alternative, che si diffonderanno su larga scala solo intorno al 2012. Nel frattempo ulteriori evoluzioni attenderebbero le batterie dei dispositivi portatili come computer e cellulari, ora afflitte da poca autonomia e da vita breve: sarebbe possibile un incremento radicale della loro vita media e un abbattimento dei costi. Mentre ricercatori e industriali si muovono, anche i capitali circolano alla svelta: si registra che quest'anno le start-up del solare hanno speso 80 milioni di euro in ricerca e sviluppo di nuovi materiali.

Mario de Chiara 08.11.06 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Codaq (Comitato di difesa dell'ambiente e della salute quistello) e il Comune di Quistello (MN)Organizzano

Martedì 7 Novembre alle ore 21

Presso sala polivalente della biblioteca di Quistello (MN) una

Conferenza pubblica - INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

Relatore: Dott. Fabio Falchi - Fisico esperto in illuminotecnica


La manifestazione si svolge nel contesto della settimana dell'educazione all'energia sostenibile (6-12 novembre)

A tutti i partecipati verranno regalate lampade a basso consumo energetico ed economizzatori idrici da parte di Enel.si, negozio affiliato di Quistello (MN).

paolo borghese 07.11.06 09:35| 
 |
Rispondi al commento

garo beppe
ti avevo scritto alcuni mesi fa relazionandoti sull'iter burocratico in cui mi ero letteralmente impantanato per l'installazione dei pannelli fotovoltaici promettendoti di riscriverti quando tutto sarebbe terminato.
ebbene dopo 13 dico tredici mesi sono arrivato al traguardo pannelli installati, funzionanti, contratti di scambio col l'enel stipulati.ma è mai possibile che sia necessario tutto questo tempo???
e soprattutto quante scartoffie siano state necessarie??.
ho ultimato il proggetto per la mia tenacia e perchè credo che il contribuire anche con piccole cose per cambiare un pò il mondo sia qualche cosa di assolutamente inderogabile.
ma quanta fatica. continua a parlare di vere energie alternative, sostieni ed aiuta quanto puoi tutti colore che sono alle prese con questi problemi.
PS in germania l'installazione dei pannelli fotovoltaici è una sciocchezza semplice domanda, nessun tetto, pochissima burocrazia.
speriamo ma con i nostri politici penso che sia pura utopia
salutoni benny

benny zanella Commentatore in marcia al V2day 06.11.06 19:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,sono stufo della concorrenza senza concorrenza su acqua luce e gas.Vuoi cambiare fornitore di luce bene:accredito in c/c bancario ma pagamento canone enel immutato. Abito in irpinia( Feudo Demitiano)siamo fuori dal mondo su adsl che e' peggio dela Rocchetta Sant'Antonio-Avellino FS(quanto te ne occuperai?) del fotovoltaico manco pa capo.
Ma poi le banche non ci aiutano, come faccio ad avere c/c se sono rimasto disoccupato e non ho potuto pagare la finaziaria dell'auto? Ciao Beppe a presto.

Canio Martiniello Commentatore in marcia al V2day 05.11.06 23:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non so se avete sentito la notizia che mezza Europa è rimasta al buio: parte della Francia,dell'Italia, della Germania ecc.. Hanno intervistato un ingegnere dell'Enel ,che ha spiegato che il fatto è dovuto alla troppo alta richiesta di energia degli utilizzatori finali, alla obsoleta rete di distribuzione nonchè dalla cattiva politica degli investimenti sulle centrali.Credendo poco nella buona fede dei responsabili per la distribuzione dell'energia elettrica e unendo il caso odierno con i problemi avuti l'inverno scorso con black-out in tutta Italia,sempre dovuti alle nostre centrali insufficenti tanto che dobbiamo importare l'energia dai paesi confinanti,sto aspettando che monti la campagna per il nuovo utilizzo dell'energia nucleare!Noi,parlo per me e i miei coetanei,ci siamo già pronunciati sulla questione nucleare nel 1987 respingendo e bloccando ogni utilizzo di questa fonte energetica.Presto,sono sicuro,inizieranno interviste a scienziati che vi tranquillizzeranno riguardo la sicurezza del nucleare sorvolando sul problema base dello stoccaggio delle scorie radioattive dopo tutti questi anni non ancora risolto.Comunque chi vivrà vedrà,speriamo che mi sbagli e che nella realtà sia lo Stato che l'Enel rivolgano lo sguardo veramente alle fonti alternative come l'eolica o la solare lasciando d e f i n i t i v a m e n t e cadere le velleità nucleari (tanto non è che siamo grandissimi produttori di uranio!).Comunque ragazzi restiamo svegli e attenti !!


In Italia ci siamo inventati le fonti assimilabili, e gli incentivi li diamo ai Merloni, Garrone, Lucchini, Falk, Eni, Moratti che anziché pagare per smaltire gli oli combustibili pesanti che provengono dalla lavorazione del petrolio, li bruciano, ricavano energia e incassano dalla nostra bolletta.
Loro ottengono il certificato verde.
Al Nobel Rubbia che voleva fare una centrale elettrica ad energia solare, non gliel’hanno dato.
Niente certificato verde.
Per la legge italiana da quegli specchi non sarebbe mai venuta fuori energia rinnovabile. Poi qualche battuta di troppo sullo stato della ricerca in Italia e il prof. Rubbia si è giocato pure la presidenza dell’Enea.
Brutto carattere il prof. Rubbia! Se n’è andato dall’Italia! Madrid, alla Moncloa, la città universitaria. Qui c’è il Ciemat, il principale centro di ricerche energetiche e ambientali del Paese. Il corrispettivo dell’Enea in Italia. E’ venuto a lavorare qui Rubbia. Così in Spagna la produzione industriale del solare termodinamico è partita.
L’energia generata dall’ipotetico progetto Archimede funziona: è perfettamente rinnovabile e pulita. Perché non sia stata considerata pulita in Italia, non si sa. Però è pulita e rinnovabile.
Il prof. Rubbia è un’autorità mondiale nel campo.
Così il genio italiano ha deciso di collaborare con il Ciemat... magnifico!
Gli specchi di Rubbia concentrano il calore e l’energia del sole e lo scopo è generare alte temperature per far girare turbine e produrre elettricità.
E siccome il sole va e viene, l’idea di Rubbia è una miscela di sali fusi per accumulare quell’energia e renderla disponibile sempre, anche quando il sole non c’è.
Era un progetto Enel quello che Rubbia avrebbe voluto fare da noi, a Priolo, ma il prototipo è rimasto ad impolverarsi all’Enea.
Sul progetto c’è tutta la tecnologia applicata...
Invece in Italia gli spagnoli piazzeranno i loro rigassificatori!
Rubbia intanto se lo sono preso gli spagnoli e fra qualche anno diremo “facciamo alla spagnola".
(..)

Roberto Foglino 05.11.06 00:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sembra che i pannelli solari siano già una tecnologia morta. Gli americani zitti-zitti si stanno già costruendo la loro centrale solare da mezzo miliardo di watt. La tecnologia esista già da 25 anni sia negli stati uniti che in germania.
La chiave é il motore di Stirling, inventato nel 1816. Tale motore si basa sulle differenza di temperature fra due cilindri, e vuole la fonte di calore al suo esterno, e non all'interno come i motori a scoppio. Inoltre tale motore ha emissioni inquinanti pari a zero.
Il concetto é semplice, tramite specchi si concentrano i raggi solari su uno dei cilindri del motore, e questo si mette a girare, facendo girare una dinamo.
Uno specchio Americano ( diametro 37 piedi pari a 12,876 m ) esposto al sole produce 25 Kw di potenza istantanea ( si avete letto bene 25 KW ! ) , uno specchio tedesco ( diametro 8,5 metri ) "solo" 10 Kw.

Il motore di stirling permette di ricavare energia elettrica da qualunque fonte di calore , e per questo i tedeschi lo usano anche per produrre energia dal calore emesso dalle biomasse in putrefazione, con il risultato di avere due vantaggi , elettricità e metano, pronti per l'uso.
Teoricamente con un motore stirling potremmo produrre molta elettricità anche con la vecchia stufa a legna della nonna.
Vi indico 2 link , il primo é l'annuncio fatto dalla ditta americana che ha stipulato il contratto per la costruzione della centrale, e il secondo quello della ditta tedesca che costruisce da molti anni i medesimi apparati.

South California Edison
( in lingua inglese )
http://pesn.com/2005/08/11/9600147_Edison_Stirling_largest_solar/

e

Solo BMGH
( in lingua tedesca )
http://www.stirling-engine.de/solare_energiesysteme.html

se non sapete leggere le suddette lingue potete tradurre le pagina con google.


Rolando Temperini 04.11.06 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Sono sconcertato abbiamo perso il prof Rubia premio nobel per la fisica. Il progetto di ricerca per estrarre enrgia dal sole è stato bocciato in italia e promosso in Spagna dove ora lavora il nostro premio Nobel. Qualsiasi commento e fuori luogo. Vogliamo riprenderci la libertà basta con queste oligarchie geritriche presenti trasversalmente nell'arco politico parlamentare.
Un po di novità non guasterebbe nei meetup oltre a lamentarci proviamo ad organizzare dei programmi alternativi.
La libertà è partecipazione come cantava il buon Giorgio Gaber

Paolo Carlo Regano 04.11.06 18:43| 
 |
Rispondi al commento

sorprendente servizio sulla fusione fredda:
http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/19102006_rapporto41.asp

Conclusione dopo averlo visto:
fantapolitica, complottismo, misteri...poco alla volta, man mano che l'informazione viaggia sempre più libera dal controllo dei potenti, mi convinco che forse molte di queste ipotesi sono vere e la realtà supera di gran lunga la fantasia...

Franco Franchi 04.11.06 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la tua vettura non funziona ad idrogeno?Invece di far funzionare i gruppi elettrogeni a gasolio li alimentiamo al 75% d'acqua e il restante 25% a idrocarburi come pure le vetture,i trattori i camion
come dice in nostro grande NICOLA TESLA E IL SIG. PANTONE?

corrado cenero 03.11.06 23:52| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe . Riguardo il discorso dei 3-4 watt di assorbimento in standby del campanello di casa una soluzione "semplice e banale" è quella che ho caricato al link http://it.geocities.com/ik2tds/ .
Non è niente di nuovo . Funziona a pila da 1.2v con durata sicuramente un paio d'anni .In stand by gli assorbimenti sulla rete 220 sono decisamente irrisori (credo sul milliWatt). E' solo una bozza per rendere l'idea anche se gia' cosi dovrebbe funzionare (nel caso senza tanti sforzi si puo' ottimizzare). Malgrado la semplicita' dovrebbe soddisfare le varie normative riguardo la sicurezza (infatti al posto del trasformatore si usa un optoisolatore) . Saluti

Adriano Sarogni 03.11.06 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Ehi Grillo, hai mai sentito nulla sul Rapporto 41 dell'Enea? Ho visto l'inchiesta di Rai News24 ed ho avuto ancora la conferma che il potere non ha limiti e soffoca la vita di questo pianeta come se vivesse su un'altra galassia.....pensa soltanto a quanti bambini non morirebbero di fame nel mondo con tutta quella energia a bassisimo costo e soprattutto pulita....Che grande presa per il c...
E pensare che quello là fa la guerra per un petrolio inutile............
Giorgio Boeri

giorgio boeri 03.11.06 17:31| 
 |
Rispondi al commento


La capisco signor Beppe,
la capisco la sua paura di parlare veramente di energia, non la fa dormire la Notte.
La paura di parlare di poteri Veramente forti, ( stò parlando dei Francesi )incude in lei una paura ancestrale vedi il Wwf 10 anni fa.
La capisco benissimi, e molti la capiscono in Italia.
Pensi in questo momento il Maurizio Costanzo stà parlando di energia, ed è terrorizzato.
interrompe lo scemo di Tocci, interrompe la segretaria, cambia discordo su tutto, ciò che riguarda L'energia.
pensa lui è terrorizzato, ed è Costanzo, pensa te carissimo Beppe.
Io lo capisco, e capisco bene che in Italia non è più tempo di Garibaldi, non è più tempo di rinascimento,tempo di Enrico Fermi, Tempo di Galileo, Tempo di scienza, Tempo di curiosità, non è più la voglia di combattere per il bene della nostra società ( e di questa terra ) .

In Italia è tempo di farisei, falsi difensori di diritti che non sono i loro a prescindere.
Falsi conoscitori e risolutori di Tematiche
In Italia è tempo di egomonia, quella Francese.
Spero solo che tu lo abbia già capito.
e spero anche che non ci freghino come al solito NOSTRO il patrimonio artistico.

VOGLIO NON AVER PAURA, FACCIAMO UN ESEMPIO,
PER FARE UN KG DI IDROGENO, CI VOGLIONO 100 KG DI IDROGARBURI ( NULLA SI CREA E NIENTE SI DISTRUGGE EINSTEIN ) , PRIMA INQUINI X 100 POI PERO' SEI EGOLOGICO
UNA MACCHINA ALL'IDROGENO COME LA FIAT 500 COSTA
INTORNO AI 150.000 SE NON DI PIU'
IO NON DICO CHE E' SBAGLIATO,
MA VAGLIELO A DIRE ALLA SORA MARIA CHE PRENDE 1350 EURO AL MESE E NE PAGA 400 DI AFFITTO, FATTE LA MACCHINA A POSTO DELLA CASA, CON LA VINCITA AL LOTTO, PERCHE' QUESTA E' LA PROSPETIVA DI BOOM ECONOMICO IN ITALIA, (HANNO UCCISO IL SISTEMA INDUSTRIALE ITALIANO PERCHE' LA PRIMA VOCE DI COSTO INDUSTRIALE E' L'ENERGIA, TI SI CAPITO .

DISTINTI SALUTI

MELIS FABRIZIO
RITORNIAMO AL PIANO UNICO ENERGETICO NAZIONALE,
SOLO COSI' POSSIAMO ADERIRE AL PROTOCOLLO KYOTO

Fabrizio Melis 03.11.06 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
scrivo da S.Egidio alla V.ta, vorrei mettere un impianto fotovoltaico nella mia abitazione, sapete consigliarmi una ditta seria?
ringrazio in anticipo


Per chi non ha visto questo video
che fine avrà fatto questa bella auto?
Clic sul mio nome


Salve a tutti, ci tenevo a dire la mia sul discorso energetico. Premetto che studio Ingegneria Energetica a bologna e che quindi ho la fortuna di godere di informazioni quanto meno credibili sull'argomento anche se le informazioni in sè e per sè non servono a nulla se non si ha la capacità di filtrarle, distinguendo tra quelle attendibili e le BALLE.
Le fonti alternative rinnovabili sono il futuro, è vero, ma il futuro di cosa? Possono senz'altro rendere energeticamente autonome le utenze domestiche ma a livello industriale non coprirebbero nemmeno il 5% del fabbisogno odierno.
Dunque a chi vi racconta che col solare (che è la terza fonte di emissione di CO2 dopo carbone e gas), l'eolico e le BIOMASSE si può fare andare avanti l'Italia, risponderei con una pernacchia: l'unica cosa che merita.
Le energie alternative devono essere il tramite per rendere indipendenti le utenze dalla rete.
A livello industriale (sempre che non si voglia tornare ad una Italia rurale e basata solo sull'agricoltura)OGGI, e sottolineo OGGI cioè da ora a circa 50 anni, ci sono solo pochi metodi per garantire l'approvigionamento energetico: lo sfruttamento di combustibili fossili, e udite udite il Nucleare.
Sì il Nucleare, questa bestia paurosa al cui nome tremano anche i muri...
Non lasciatevi fuorviare dalle parole, il nucleare ha fatto passi da gigante sia per quanto riguarda la sicurezza che le scorie(non in italia dove abbiamo saggiamente scelto di rinunciare a tutto, compresa la CONOSCENZA),ed io personalmente ritengo si debba tornare sui nostri passi, a meno di non voler lasciare tutto come sta(soluzione sempre bene accetta in Italia)tanto il petrolio è disponibile in quantità esorbitanti non e vero...!!??
Questo è il mio punto di vista, e spero di aprire gli occhi a qualcuno con questa lettera:
L'ENERGIA E' UNA COSA TROPPO IMPORTANTE PER PERMETTERSI DI TIFARE PER L'UNA O L'ALTRA, L'UNICO METODO PER RISOLLEVARSI E' SFRUTTARLE TUTTE OGNUNA NELLE APPLICAZIONI A LORO PIù CONGENIALI

Marco Casali 03.11.06 00:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

come mai vengono concesssi ecoincentivi anche a chi acquista auto a diesel ,che inquinano 5 volte di più di una vecchia benzina non catalitica?
perchè in italia non si può essere liberi produttori di energia fotovoltaica?
sarei grato se mi rispodeste grazie peppe sei una persona perbene

luigi de novellis 02.11.06 23:02| 
 |
Rispondi al commento

interessante leggere articolo sull'etanolo, su Io donna RCS- noto periodico filoecoambientale- dove viene trattato l'argomento energia, in modo perlomeno sufficiente.
gli usa con presidente petroliere, al comando delle sette sorelle, con due/tre guerre petrolifere negli ultimi tre anni, investono 1011 milioni di dollari sull'etanolo, e l'italia cosa fa? prodi cosa fa? pecorina ascanio cosa fa? Beppe Grillo cosa fa?
trovo curioso che l'italia si affidi a carlo sama, con un curriculum così come si fa a dir di no?

stefano silvagni 02.11.06 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha visto reporter di domenica 29 ottobre? Rubbia, il nostro Carlo Rubbia se ne è andato, anche lui via come gli altri ricercatori e persone sagge che scappano da questo lurido paese corrotto, in Spagna, dove lo hanno eletto direttone del piano energetico nazionale, gli hanno fianziato una bellissima centrale solare= niente inquinamento, energia bella e pulita, metà spagna consuma quell'energia, in 5 anni con il risparmio rientreranno nei costi di fabbricazione e saranno in attivo...e noi un bel gasodotto (non abbiamo sole)bello caro ed inquinante. Meditate

valeria podestà 02.11.06 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Per Beppe e per tutti coloro interessati alle energie alternative, come ho già scritto in un altro commento, anche l'UNESCO Italia si sta occupando di inìformazione sulle energie sostenibili. La settimana prossima, dal 6 all'11 novembre la Commissione Italiana UNESCO ha lanciato una 'settimana per l'Educazione alle energie sostenibili'. La settimana si inserisce nel Decennio UNESCO per l'Educazione allo Sviluppo Sostenibile, al quale l'Italia partecipa. Più di 250 iniziative saranno presenti in tutte le regioni italiane. Andate sul sito della Commissione Italiana Unesco per saperne di più, e per l'elenco completo delle inziative. Tra gli obiettivi c'è anche quello di mettere in contatto aziende che producono pannelli solari con i cittadini con le banche e con le regioni che propongono incentivi. E naturalmente quello di premere sul governo per gli incentivi per solare e fotovoltatico. Se partecipate anche voi fatecelo sapere!!!!!


Michela Mayer 01.11.06 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Negli anni '30 le prime ricerche di successo...(l'attuale consorteria di regime giunge a farci rimpiangere gli intraprendenti gerarchi -sob!-) oggi perchè non si parla più di geotermico in Italia?
Mi sembra assurdo che il paese nel quale si trova il maggior numero di vulcani attivi in Europa, dopo l'Islanda, non sia in grado di sfruttare in nessun modo questa risorsa formidabile: che un giorno la Sicilia non arrivi a vendere energia? Come la ben nota particella di sodio in acqua minerale chiedo informazioni:"c'è nessuno?"

marina Benedetti 01.11.06 11:58| 
 |
Rispondi al commento

WWW.LA220.IT

paolo borghese 31.10.06 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, molto contento dell'articolo. Se qualcuno di voi lo sa, può indirizzarmi verso una impresa che si occupa del campo "rinnovabili"? Vorrei essere parte attiva del processo.
Grazie

Giordano Decina 30.10.06 19:10| 
 |
Rispondi al commento

http://borsa.corriere.it/CalcFIn/Finanziaria.html

le tasse aumentano per i single dai 13ooo€ in su
per i genitori con un figlio a carico dai 25000

calcolate la vostra irpef!
http://borsa.corriere.it/CalcFIn/Finanziaria.html

ferdinando petraglia 30.10.06 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Ho fatto domanda per gli incentivi del fotovoltaico per poi avere energia a costo zero che mi consentisse di mettere impianto di riscaldamento geotermico che necessita di una pompa elettrica...il gestore HA FINITO i watt disponibili!!! e 13000 domande di marzo 2006 più credo almeno 20000 di giugno 2006 NON SARANNO PRESE IN CONSIDERAZIONE...ma chi li controlla questi? come si fa a creare un paese meno inquinante/inquinato? con gente simile? come facciamo a far valere le nostre ragioni?

cesare sinicorni 30.10.06 15:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi hanno scoperto la fusione a freddo e non ci hanno fatto sapere nulla. Cercate con google relazione 41 è un servizio di Rai news 24 e rimarrete alibiti. E' la scoperta del millennio e tutto è infangato.
Umberto

Umberto Rosati 29.10.06 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono alcuni anni che seguo le tematiche dell'enrgia alternativa. Sono riuscito a presentare e a realizzare un'impianto con pannelli fotovoltaicisulla mia casa con il conto energia e a connetterlo alla rete in data 27 set 2006. Ad oggi non riesco ancora ad avere il verbale dell'avvenuta installazione e connessione da parete dell'enel e senza questo verbale NON posso richiedere al GRTN le tariffe incentivati previste con la realizzazione e messa in funzione dell'impianto. Mi sembra paradossale che per avere un semplice foglio di carta passi cosi' tanto tempo e ancor di più non si possa avere un referente "certo" per sollecitare e ottenere quanto stabilito dalla legge.
Sono certo che tutto sirisolverà ma intanto ho anticipato oltre 17000 euro e, pur producendo energia pulita, ho la sgradevole sensazione di essere a rischo per le difficoltà burocratiche esistenti. Sono comunque fiducioso oe certo che questo "rivoluzionario" passo del conto energia sia solo la prova generale di nuovo "avvento" per la qualità della vita di noi tutti.
a presto
giancarlo

giancarlo erario 28.10.06 18:49| 
 |
Rispondi al commento

studio nel settore dell'energia, e mi permetto di dire la mia...

premesso che mi rendo conto di come il petrolio costituisca un freno per tutte le altre energie, sia in modo naturale (costi minori, esperienza tecnologica ormai secolare), sia in modo illecito (finanziamenti ai partiti e forti interessi dei vertici di potere)...

...devo dire che c'è troppa fiducia nelle fonti alternative che tutti invocano (me compreso), e forse nn si conosce a fondo il campo...innanzitutto i costi nn sono trascurabili (tant'è che si chiedono sempre contributi...alla fine i soldi che lo Stato anticipa, chi ce li mette?), bisogna vedere in quanto tempo (decenni) si riescono a costruire i vari impianti per sostituire i vecchi (e nuovi)a combustione, quanta energia è possibile sfruttare con queste fonti (ad esempio il settore idroelettrico italiano è praticamente saturo), l'impatto ambientale (bello l'eolico, peccato per le pale che fanno rumore e che deturpano il paesaggio, senza contare che nn si possono mettere ovunque), l'impatto ambientale pre-installazione (bello il solare, ma guardate quanto inquina fare i pannelli, dall'estrazione del silicio alla produzione), lo smaltimento (ancora l'esempio dei pannelli solari), la potenza degli impianti (abbandonate l'idea che le industrie possano andare avanti col solare...ci vuole molto di più)...

...dunque l'analisi nn può affatto essere superficiale...

inoltre ci vuole sperimentazione e sicurezza nel fare un impianto: ho assistito in prima persona ad una conferenza del team di Frascati che prova la fusione a freddo (se ne parla qualche commento prima di questo): alle mie domande hanno risposto che nn sanno ancora cosa succede fisicamente e che per ora è possibile solo PENSARE a piccoli impianti per singole abitazioni (ma fra 15 anni almeno)

quindi, più sperimentazione e fondi per la ricerca, tante fonti diverse per abbattere i singoli inconvenienti, e nn abbandonare neanche l'idea del nucleare (troppi pregiudizi)

Donato Rosa 28.10.06 02:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che ne pensate di questo generatore?
Lo vorrei comprare il prezzo è buono...

http://www.mediaelettra.com/energit.htm

lo dovrei collgare all'impianto di casa ( abito fuori città)
c'è qualcuno che mi può spiegare come fare a integrarlo alla rete?


http://www.youtube.com/watch?v=-8RPWEsIKHA&mode=related&search=...date un okkiata cosa diceva un buon Beppe nel 1997

stefano rossi 27.10.06 09:42| 
 |
Rispondi al commento

ciao

Fabrizio Melis 25.10.06 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Salve,leggendo il post che parlava dela società irlandese produttrice di energia pulita,gratuita attraverso fonti con rendimento superiori al 100%(secondo la termodinamica,il massimo rendimento di una macchina termica è del 33%), mi è venuto in mente di un gurppo di ricerca che si occupa della produzione energia pulita sfruttando una componente delle radiazioni prodotte dalle stelle. Sfruttando questa componente, chiamata onda longitudiale elettromagnetica, è possibile ottenere energia elettrica, in modo pulito e per un tempo illimitato. Posto il sito:

http://www.progettomeg.it/

Il sito contiene links a pagine di spiegazioni ed approfondimenti sul fenomeno e sull'argomento "energia pulita" in generale e lo posto perchè sembra che l'argomento sia "sconosciuto tra gli sconosciuti". Nessun impianto industriale, niente scorie, solo un apparecchio che può stare tranquillamente su un tavolo svilupando corrente dal "vuoto".

Aldo Ingenito 24.10.06 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Ancora una volta rainews si conferma come uno dei pochi gruppi di giornalisti liberi nel nostro paese
è uscito un dossier molto interessante che spazza via l'efficacia di
tutte le tecnologie a energia rinnovabile e fossile.
Invito tutt* a vederlo per riflettere sull'importanza di tali tecnologie
Si tratta della FUSIONE FREDDA che permette di fondere atomi a temperatura
ambiente con una produzione di energia notevole e che potrebbe anche permettere, se opportunamente studiata e controllata, la trasmutazione ovvero la creazione di materia (atomi) a partire da altra materia (atomi)

pensate che se fosse industrializzato si potrebbe avere uno scatolone al costo di 500-1000 euro che
produce 10 kWh per secoli!!! ed è una energia assolutamente pulita e libera!!
queste cose non le dico io ma diversi scienziati dell'infm di frascati i quali sono stati intervistati nel servizio-denuncia sull'abbandono totale e improvviso di queste tecnologie e sul fatto che tutta la ricerca effettuata in questo settore è stata insabbiata
la sperimentazione era arrivata ad importantissimi risultati con un gruppo di ricercatori di frascati che nel 1987 ha suscitato l'attenzione di Rubbia e che poi non ha avuto risposte.
Nessuno ha parlato di questa notizia cosi importante che potrebbe cambiare
radicalmente la nostra societa e il mondo in cui viviamo (forse è proprio questo il problema!!).
Invito tutti a vedere l'inchiesta scaricabile dal sito di rai news 24
si tratta del rapporto 41

http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/19102006_rapporto41.asp

o su google video

http://video.google.it/videosearch?q=rapporto+41

e chiedo a tutti di diffondere quanto piu possibile la notizia
grazie

prencipe dino 23.10.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

volevo inviare all'attenzione di tutti questo filmatino che ho trovato in rete : http://youtube.com/watch?v=gQqHOSF8hXE
si tratta di un documentario in francese su un motore stirling guardate e meditate ci vorrebbero i contributi statali per la progettazione di macchine cosi non per il digitale terrestre . cordiali saluti matteo

matteo casilli 23.10.06 10:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RETICENTE SU PREZZI IMPORT DEL GAS, 10 MLN DI MULTA ALL'ENI

ROMA - L'Autorità per l'energia alza la voce contro gli operatori del mercato del gas, colpevoli di non aver comunicato, nonostante le sue richieste, informazioni sui prezzi pagati per l'importazione della materia prima.

Cinque società, tra cui Enel e Eni, sono così state multate per aver di fatto impedito, con la loro reticenza, ogni controllo sui prezzi e ogni regolazione del settore da parte dell'Autorità. Le sanzioni variano a seconda del fatturato dell'azienda e della gravità della violazione riscontrata. Alcuni operatori si sono infatti del tutto rifiutati di fornire i dati, altri li hanno invece comunicati in modo vago o poco utile ai fini di controllo.

Dai 10 milioni di euro inflitti all'Eni, si passa così ai 2 milioni a Plurigas, 1 milione all'Enel, 300.000 euro a Dalmine Energie e infine 200.000 a Sorgenia. Le cinque le aziende, spiega in particolare l'Autorità, non hanno fornito i dati relativi ai contratti annuali o pluriennali di approvvigionamento di gas naturale dall'estero per il periodo ottobre 2002-settembre 2004.

Un comportamento "grave", perché ha impedito "l'attivazione dei flussi informativi necessari allo svolgimento dell'attività di regolazione dell'Autorità". In pratica, senza sapere a quanto il gas viene importato in Italia in base ai contratti stipulati tra le società italiane e quelle straniere (per esempio Gazprom o Sonatrach), l'Authority non può neanche giudicare se i prezzi a cui il gas viene rivenduto all'interno del paese siano eccessivi o meno. E un discorso simile vale anche per le quantità importate. Facendo richiesta delle informazioni sui prezzi, nel 2004 l'Authority aveva infatti chiesto alle società anche i dati sui volumi dell'import, in modo da sapere quanto gas transita abitualmente nei gasdotti (...)

fonte: http://www.ansa.it/opencms/export/main/notizie/rubriche/daassociare/visualizza_new.html_2000361022.html

Alberto Franceschini 22.10.06 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno a tutti è la prima volta che scrivo un commento su questo blog.
Sono un dipendente della più grossa azienda produttrice di carburanti d'italia.
Lavoro nel campo della produzione di energia elettrica in quegli impianti che dopo il famoso black out avvenuto in Italia circa tre o quattro anni fa stanno spuntando come funghi i famosi cicli combinati ossia turbogas che bruciando metano producono energia elettrica e con i fumi prodotti dalla combustione si genera vapore da far espandere in apposite turbine. Osservando i dati relativi alla combustione mi sono posto una domanda semplice che a prima vista può sembrare ridicola agli esperti ma per me invece no in quanto non mi sono ancora riuscito a dare una spiegazione.
Ho osservato che giornalmente per produrre circa 900MW/h di potenza elettrica vengono utilizzati circa 180000Sm3/h di metano (questo dato varia in funzione di molti parametri condizioni ambientali,P.C.I che non è il partito comunista italiano ma il potere calorifico del metano, ecc) e per la combustione del gas vengono utilizzati miliardi e miliardi di metri cubi ogni ora d' aria quindi la mia domanda è la seguente:
l' aria è composta da una miscela di gas tra i quali l' ossigeno che è presente per una percentuale di circa il 19,20% considerando le migliaia di centrali a combustione presenti al mondo non è che questa prcentuale è destinata a ridursi mettendo in pericolo tutte le specie viventi?Il ricambio d' aria oltre che dalle foreste (sempre meno) e dalle alghe marine (così ho letto) viene fatto in qualche altro modo a me sconosciuto?
Se qualcuno leggendo questa domanda è in grado di darmi una risposta mi solleverebbe da un enorme peso in quanto non riesco proprio a trovare una soluzione.In attesa di una risposta saluto tutti

davide fornasati 20.10.06 00:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buon giorno a tutti è la prima volta che scrivo un commento su questo blog.
Sono un dipendente della più grossa azienda produttrice di carburanti d'italia.
Lavoro nel campo della produzione di energia elettrica in quegli impianti che dopo il famoso black out avvenuto in Italia circa tre o quattro anni fa stanno spuntando come funghi i famosi cicli combinati ossia turbogas che bruciando metano producono energia elettrica e con i fumi prodotti dalla combustione si genera vapore da far espandere in apposite turbine. Osservando i dati relativi alla combustione mi sono posto una domanda semplice che a prima vista può sembrare ridicola agli esperti ma per me invece no in quanto non mi sono ancora riuscito a dare una spiegazione.
Ho osservato che giornalmente per produrre circa 900MW/h di potenza elettrica vengono utilizzati circa 180000Sm3/h di metano (questo dato varia in funzione di molti parametri condizioni ambientali,P.C.I che non è il partito comunista italiano ma il potere calorifico del metano, ecc) e per la combustione del gas vengono utilizzati miliardi e miliardi di metri cubi ogni ora d' aria quindi la mia domanda è la seguente:
l' aria è composta da una miscela di gas tra i quali l' ossigeno che è presente per una percentuale di circa il 19,20% considerando le migliaia di centrali a combustione presenti al mondo non è che questa prcentuale è destinata a ridursi mettendo in pericolo tutte le specie viventi?Il ricambio d' aria oltre che dalle foreste (sempre meno) e dalle alghe marine (così ho letto) viene fatto in qualche altro modo a me sconosciuto?
Se qualcuno leggendo questa domanda è in grado di darmi una risposta mi solleverebbe da un enorme peso in quanto non riesco proprio a trovare una soluzione.In attesa di una risposta saluto tutti

davide fornasati 20.10.06 00:30| 
 |
Rispondi al commento

ALTRO CHE IDROGENO!!!!LA MACCHINA ECOLOGICA ESISTE GIà!!!!! è STATA PRESENTATA AL MOTORSHOW DI BOLOGNA NEL 2001 E FUNZIONAVA AD ARIA COMPRESSA, IN GRADO DI FARE PER DIECI ORE CONSECUTIVE UNA VELOCITà DI 110 KM E DAGLI SCARICHI COMPOSTI DI ARIA FREDDA. ESISTE ECCOME, CI SONO DATI, FOTO E NOMI DEL COSTRUTTORE, GUY NEGRE, PROGETTISTA DI MOTORI PER FORMULA UNOI!! E NON ERA NE PICCOLA NE RIDICOLA, HA LE DIMENSIONI DI UNA MULTIPLA ED IN PRATICA LA CARROZZERIA è 8GUALE A TUTTE LE ALTRE QUATRORUOTE. è STATA ORDINATA IN CENTINAIA DI EWSEMPLARI MA GUARDA UN Pò, IL SITO A CUI FAR ARRIVERE GLI ORDINI è ORA SIGILLATO, WWW,EOLOAUTO.IT, E I DIPANDENTI DELL'AZIENDA SNO IN CASSA INTEGRAZIONE!!!!!! SCRIVETE AL MIO INDIRIZZO, POSSO FARVI AVERE LA DOCUMENTAZIONE COMPLETA!!!!!!!

BARCHIELLI NICOLò 19.10.06 21:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buon giorno a tutti, mi chiamo Simone, e giusto per arrivare subito al punto della questione, sono un elettore del centro sinistra, come oggi viene definito, e non tanto perchè si differenza dal centro destra, ma semplicemente perchè mi stà a cuore l'ambiente, e mi stava a cuore mandare a casa il nano di arcore con tutti i suoi angeli in colonna.
Il prode e flacido ns attuale presidente del consiglio, non mi è mai piaciuto, ma tra un piatto di mortadella e un cazzotto nei denti, converrete con me che la scelta è stata obbligata.
E comunque una speranza l'avevo. Sapevo perfettamente che periodi di restrizione, quantomeno per noi poveri popolani, erano inevitabili, ma avevo anche la velata speranza che alcuni provvedimenti "populisti" venissero presi in considerazione molto velocemente dall'attuale governo.
Mi riferisco a provvedimenti mirati allo sfruttamento e divulgazione di fonti di energia alternativa e rinnovabile.
Ho tanto creduto in ciò, che negli ultimi periodi del governo Berlusconi ho pensato bene di avviare una nuova attività "etica" e, con altre persone, abbiamo costituito una società con lo scopo proprio di divulgare e installare impianti finalizzati all'obiettivo.
Ad oggi la società esiste, esiste anche un sito dove prendere informazioni, ma di provvedimenti governativi che aiutino chi vuole aiutare l'ambiente, chi è disposto a spendere di tasca propria per un mondo più pulito, si sente giusto qualche dichiarazione confusa di questo o quel ministro che sente solo il dovere di riempirsi la bocca con argomenti che poco conosce e che probabilmente non sente come esigenze impellenti.
Eppure l'argomento è di grande interesse, e tra le persone comuni, dopo il calcio e la classifica delle tette in tv, spesso si sente parlare, anche appasionatamente, di energia e di ambiente.
Sono anni che tutti, indistintamente,... PER PROBLEMI DI SPAZIO, LA CONTINUAZIONE A QUEST'INTERVENTO LO TROVI AL SEGUENTE URL http://www.energianaturale.it/articoli.asp?sart=268

Simone Pozzoli 19.10.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento

http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/19102006_rapporto41.asp
"Caro professor Rubbia, sono molto lieto che il programma di ricerca intrapreso da Giuliano Preparata abbia conseguito il suo scopo"

E' il dieci aprile del 2002. Il famoso elettrochimico britannico Martin Fleischman ha appena visitato i laboratori di fisica nucleare dell'ENEA di Frascati. Lo scienziato che nel 1989 era stato emarginato dalla comunita' scientifica per aver annunciato la possibilita' che alcuni atomi possano fondersi a temperatura ambiente - la famosa "fusione fredda" - e' un uomo compassato ma non riesce a trattenere l'entusiasmo. Decide di scrivere al premio nobel Carlo Rubbia, all'epoca presidente dell'agenzia italiana per l'energia, l'ENEA.

"I risultati ottenuti dai ricercatori italiani sono veramente impressionanti, e non esagero".

Alessandra Vande 19.10.06 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Beppe sei un mito ho visto a Biella un tuo intervento tempo fa' il mio piu grande desiderio sarebbe conoscerti non sai quanto potremmo discutere;sono un "ragazzo" di 39 anni mi batto da una vita sull'arternativo dopo vari muri di gomma superati oggi ho un'esposizione di 100 m2 di tutto cio' che possono essere i sistemi per il risparmio energetico dal pannello alla caldaia ad alto rendimento,sono un'agente di commercio e rappresento tre aziende di prestigio altoatesine.Non sai quanto e' dura andare avanti con le spese elevate,tonnellate di parole fatte a gente che non ti vuole capire,ma ultimamente sembra che si stia muovendo qualcosa,quello che mi fa incazzare di brutto e' che non sei preso in considerazione dalle persone che contano forse perche' non ci guadagnano niente!!! Dobbiamo comunque insistere il futuro e'cercare nuovi sistemi alternativi per produrre energia ma soprattutto cercare di INQUINARE MENO !!!!!! CIAO Roberto.

Roberto Callegari 17.10.06 22:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

alve!
volevo chiederle gentilmente, dato che lei e' informato sul fotovoltaico,se conosce una ditta di nome Leader srl, con sede amministrativa a Brescia ,che vende contratti a possessori di partita iva, principalmente imprenditori con la formula di rimborso del credito versato all'ENEL x la produzione d' energia da fonti rinnovabbili,che si paga in teoria dal 1992 in bolletta ENEL.Questa ditta, dice di essere convenzionata con l'Enel per proporre il conto energia e l'installazione di pannelli Fv.
Questa ditta inoltre propone di svilupparsi aruolando personale con il famoso multi lavel marketing cioe' passa parola, con provvigioni a ogni persona da me iscritta.
Cosa ne pensa?

Grazie x l' aiuto o solo per l'attenzione

prestata.

Francesco zenoni 17.10.06 19:03| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
come si può dire che la finanziaria non conta nulla quando contribuisce in modo così netto a far capire agli italiani che non devono "mettere su" famiglia. Avere famiglia oggi non solo è un impegno e una responsabilità (lo era anche una volta), ma è proprio da stupidi, non conviene.
Prova a utilizzare uno dei "calcolatori" messi a disposizione da Repubblica e dal Corriere e vedrai che avere moglie e due figli a carico comporta un certo svantaggio fiscale rispetto al "vecchio" sistema, ma scoprirai che non avere figli a carico o moglie corrisponde ad uno svantaggio molto minore.
Ora il mio problema non è pagare un po' più di tasse dell'anno scorso (parto da 45000 Euro lordi), ma è pagarne in percentuale ancora maggiore "a causa" di due figli e moglie a carico.
Se mia moglie trovasse lavoro, non solo porterebbe a casa più soldi per la famiglia, ma io stesso pagherei meno di tasse!
Mi sento veramente un cog...ne e penso a quei figli di papà che a 40 anni stanno in casa con i genitori, escono la sera e vengono presi in giro dai telegiornali ogni volta che esce un nuovo sondaggio sulle abitudini dei giovani italiani, ma hanno ragione loro, il governo stesso ci dice che è così, fior fiore di economisti mi dice che è cosi ed io che non capisco un c...o di economia stò cominciando a capire perchè per il nostro paese non c'è più futuro.

Un mesto saluto

Andrea Bertoli 17.10.06 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Salve,

Questa e' una ditta irlandese che ritiene di avere scoperto una fonte inesauribile di energia pulita.
Ha pure comprato una pagina pubblicitaria sull'Economist.
Mi permetto di inserire il link al loro sito
http://www.steorn.net

Carlo Rossi 16.10.06 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Cari Signori incluso BEPPE esiste un'azienda in Europa che ha scoperto un sistema ad emissione zero (non rilascia nenche le nanoparticelle) per gli inceneritori e trasforma le ceneri in plasma vetrificato per uso edile o per sottofondi stradali e si potrebbe applicare anche agli esistenti.
Inoltre costruendo una nuova centrale con questo sistema si potrebbe anche fornire energia dai rifiuti...........(vedi Napoli) perchè continuiamo a farci mille seghe mentali?

lorenzo zenobi 16.10.06 01:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari Signori incluso BEPPE esiste un'azienda in Europa che ha scoperto un sistema ad emissione zero (non rilascia nenche le nanoparticelle) per gli inceneritori e trasforma le ceneri in plasma vetrificato per uso edile o per sottofondi stradali e si potrebbe applicare anche agli esistenti.
Inoltre costruendo una nuova centrale con questo sistema si potrebbe anche fornire energia dai rifiuti...........(vedi Napoli) perchè continuiamo a farci mille seghe mentali?

lorenzo zenobi 16.10.06 01:00| 
 |
Rispondi al commento

Ho due figli studenti universitari fuori sede, uno a Trento e l’altro a Rovereto, ovviamente hanno dovuto cercarsi tutti e due un alloggio e come sapete i costi non sono certo bassi. Nella nuova finanziaria avevo sentito della possibilità di detrazione, fino ad un massimo di 500 euro delle spese di affitto per tali studenti, poi, vado a vedere bene l’articolo che mi interessa e leggo che non vale per gli studenti che non siano almeno a 100 Km da casa. Come sempre la fregatura c’è. Abito in una zona molto disagiata dal punto di vista dei mezzi di trasporto e per andare a lezione, senza dover abitare a 80 km da casa, dovrebbero alzarsi tutte le mattine alle 5 e un quarto per prendere il pulmann delle 5,50 e dopo un viaggio di un ora e quaranta arrivare a Trento alle 7,30. da li un altro autobus (15 minuti) per arrivare all’università. Altri mezzi utili per arrivare in tempo non ce ne sono, quindi non mi rimane altro che l’appartamento in affitto a Trento.

Perché secondo questa finanziaria è stata messa questa limitazione a 100 km. ?

Se io dimostro, con contratti di affitto alla mano, che i ragazzi sono in affitto causa studi universitari perche non dovrei potermi scaricare parte dei costi di affitto?

Ma perché in italia si devono fare sempre le cose a metà e alle volte senza senso?

Non è sufficiente allegare alla dichiarazione dei redditi copia del contratto di affitto debitamente registrato e certificato di frequenza universitaria con specificato di non essere uno studente fuori corso?

Franco Tossini Commentatore in marcia al V2day 15.10.06 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Si parla sempre di fotovoltaico ma il sistema più efficiente ed economico sono le centrali solari termiche di nuova generazione create da Carlo Rubbia (vedi priolo).
Non produce C02, non produce calore (come il nucleare), non produce scorie di nessun tipo,
è fattibile subito, ha tempi ridotti di costruzione, trasforma energia solare con un rendimento molto maggiore che il fotoelettrico,
si integra facilmente nelle strutture esistenti,
non si importa nulla dall'estero, è esente da tangenti giochi di potere e schifezze varie.

carlo santorsola 15.10.06 17:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Che bello tra due o tre anni vado a Pechino per le olimpiadi. specialità a cui gareggio: tiro dalla fossa , al piattello e affini.
Ho delle possibilità di arrivare al podio ( Zona medaglie ,) il che non è poco.
gli avversari più ostici sono i Cinesi, non ci sono " atleti " più forti di loro nelle suddette specialità.

si allenano con il tiro al Tibetano ( Più è piccolo il bersaglio meglio è per loro ) .

Bastardi Cinesi maoisti comandanti e dittatori.
affanculo voi che comandate in cina , e tre quarti della palazzina vostra ( e non sono pochi )

P.s.
Prima o poi qualc'uno deveva incominciare a dirgli perlomeno una parolaccia.

Fabrizio Melis 15.10.06 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. Sono una mamma che si sta interessando su delle vaccinazioni per il momento non ancora obbligatorie ,che si chiamano pneumococco, e meningococco.
Mio figlio ha un anno e sinceramente non voglio che li vengano delle convulsioni o problemi mentali solo per delle sperimentazioni , ed una campagna pubblicitaria che ti mette il terrore su dei virus molto pericolosi...
Se ne sapete di più potreste scrivere qualcosa e scusate il disturbo. ciao.


Si possono leggere delle notizie interessanti cliccando sul mio nome. Buona serata a tutti.

G. Nigris 14.10.06 21:30| 
 |
Rispondi al commento

solamente costruendo piccoli impianti autosufficenti localizzati e gestitidai singoli comuni si potrà dire addio a qualsiasi tipo di suddittanza dettata dalle grandi lobby che vogliono tenerci oppressi e schiacciati dal potere.
potremmo fare a meno del nucleare marsigliese e del gas di putin

marco calzavara 14.10.06 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti ,sono un titolare di azienda che opera da 25 anni nel settore del risparmio energetico,contatto da anni tutte le varie amministrazioni nel veneto,spiegando i vantaggi del fotovoltaico e del solare in genere,è come andare di notte,sarà che nessuno prende in considerazione tali prodotti perchè io non do tangenti o mazzette???Voi che ne dite?

tiziano vivian 14.10.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Va veramente siete cosi ingenui di poter pensare che in Italia si possa pensare a risparmiare energia quando ci sono interessi grandi da famiglie come i Moratti? L'Italia e' la nazione ( che amo tantissimo ) che taglia in due popolani come Moggi e s'inchina a potenti come trochetti e Moratti e che produce " effetti collaterali " d'illusi tipo Di Pietro o attualmente Borrelli. Ciao Italia ti voglio bene ma quanto mi sarebbe piaciuto vederti una Nazione democratica e non di " democratici" che come dice giustamente Grillo non sono piu ( se lo sono mai stati ) dei politici ma pensano e aggiscono come dei banchieri e come tali vanno a cena e s'inchinano prima ai propri interessi e poi ai potenti

leonardo mazzoli 14.10.06 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Piuttosto triste che mentre a Berlingo (paese che da bresciano non ho mai nemmeno sentito nominare) si fanno progetti di sfruttamento delle energie sostenibili e rinnovabili, a Brescia esiste il più grosso inceneritore di rifiuti d'Europa, un camino alto 100 metri che spara nell'aria una quantità enorme di polveri tossiche. Come non bastasse ora pensano di metterci vicino una bella centrale a turbogas. Per fortuna l'arrivo di Montanari con Beppe Grillo ha contribuito a informare un po' la cittadinanza sui rischi. Spero che una riflessione l'abbia fatta il sindaco Corsini, presente in aula. Forse Corsini dovrebbe andare a trovare il suo collega sindaco di Berlingo per vedere come si progetta il futuro (quello dei cittadini, non quello delle casse comunali e del proprio conto corrente).

davide savelli 14.10.06 00:24| 
 |
Rispondi al commento

secondo me il signor carletto che ha inventato il moto perpetuo col ponte del suo meccanico di fiducia, secondo me è ancora alla fase teorica della sua inoovativissima teoria fantastica.
che dispiacere avrà quando si accorgerà che il secondo principio della termodinamica gli frenerà le ruote del suo camioncino facendogli capire che è un ignorante! (almeno per quato riguarda la scienza)

vittorio spina 13.10.06 20:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciapa li

IL VERO SPIRITO DELLA SMART
ORA E' CINESE!!!!!!!!!!!!

http://www.repubblica.it/2006/10/motori/ottobre-2006/smart-colonata-cina/smart-colonata-cina.html

Diego Cosenza 13.10.06 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ecco il mio ultimo post.
Lo sapete che se pagate la bolletta elettrica un pezzettino di Ibrahimovic è anche vostro!?! Come?...bè andiamo con ordine, prima di tutto dovete sapere che nella vostra bolletta elettrica c'è una voce che recita "componenti a copertura degli oneri sostenuti nell'interesse generale del sistema elettrico" che comprende tra le altre cose componenti tariffarie destinate alla promozione di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: bello no? in pratica pagando la bolletta noi tutti finanziamo incentivi per chi sceglie di produrre energia da fonti rinnovabili, ottimo.
Ma come funziona esattamente? ecco: a chi produce energia rinnovabile viene pagato un prezzo più alto, che paghiamo noi appunto. E qui salta fuori l'inghippo: come si distingue l' energia prodotta fonti rinnovabili? semplice:c'è un provvedimento governativo (c.i.p. 6/92) che destina gli incentivi a chi produce l'energia dal sole, dal vento, dall'acqua (energia idrica), dal geotermico, dalle maree... e da fonti "assimilate". E lo sapete fra le altre porcherie cosa hanno fatto rientrare in questo sinistro "assimilate"? La centrale SARAS (http://it.wikipedia.org/wiki/Saras) che produce energia dai residui catramosi della raffinazione del petrolio! Un'attività molto inquinante per chi non lo sapesse. I Moratti sono i proprietari della relativa centrale, nonchè della vicina industria di raffinazione di merde greggie; e adesso vi lascio immaginare dove finiscono i proventi di queste attività anno dopo anno. Ma ecco la chicca finale: l'energia prodotta e incentivata viene quindi venduta a prezzo bello grasso alla rete (noi) ma l'enegia che i signori Moratti usano per le loro raffinzioni è ri-acquistata dalla rete a un bassissimo (se confrontato) prezzo industriale!!!
...ma se bruciamo tutti i ladri che ci sono in Italia ce lo fanno rientrare tra le assimilate??

Verme Curioso e Verme Energetico (Federico Sanna e Francesco Speziga) vermesolitario.blog.tiscali.it

Federico Sanna Commentatore in marcia al V2day 13.10.06 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Come ho risposto al Sig.Paolo Orchi, qua in provincia di Reggio Emilia questi sistemi di risparmio dell'acqua (chiamati riduttori di flusso) sono stati distribuiti GRATUITAMENTE a tutti i cittadini, che con una bolletta della luce o dell'acqua si presentavano negli appositi uffici.Sono stati consegnati due kit di risparmio dell'acqua e due lampadine a basso consumo, ripeto tutto gratuitamente.Ne ha parlato anche la trasmissione REPORT proprio domenica scorsa.Andate nel sito di REPORT e guardate il servizio della BUONA NOTIZIA per capire meglio di cosa si tratta.Saluti a tutti.

Giuseppa Camagnoni 13.10.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE IL MESSAGGIO OT

Ciao a tutti.
Vi mando due notizie che magari già conoscete, ma che è cmq utile sapere.

Magari, se lo ritenete opportuno, diffondetele anche negli altri luoghi del blog:

Se avete un programma di scaricamento peer to peer (tipo Emule), cercate e scaricate:

- Con la parola chiave:

"Antonio di Stefano europa7",

è possibile scaricare un video di 364,61 MB, chiamato:

"Berlusconi - Rete4 e Europa7 - Antonio di Stefano, proprietario di Europa7.avi"

E' molto utile per chi vuole conoscere le vicende che stanno dietro l'annosa questione del conflitto di interessi, di Rete4 e di Europa7 etc.

- Infine, si possono diminuire i consumi d’acqua (e quindi i costi della relativa bolletta) da un 35% a un 50%, mediante dei semplici dispositivi che, avvitati, sui rubinetti, nei fori di uscita dell'acqua (al posto delle normali retine x trattenere le impurità), miscelano aria all'acqua in uscita, garantendo lo stesso getto ma con meno acqua all'interno.
Se ne possono avere notizie a questi siti:

http://www.commercioetico.it/ecologia/ridutflusso/index.html

http://www.jacopofo.com/?q=node/24

Seppure tali dispositivi è possibile acquistarli via internet, cercando un po’ in giro, è possibile acquistarli, nelle nostre città, a prezzi leggermente più bassi.

Spero di essere stato utile.

Paolo Orchi 13.10.06 15:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevo solo semplicemente farle i complimentiperchè approvo il lavoroche ha fatto e sta faccendo

edi bonifacio 13.10.06 12:48| 
 |
Rispondi al commento

internet..... che bel grattacapo.... tante occasioni e milioni di truffe.. ho acquistato ( credevo di averlo fatto) delle pentole dal negozio concurrence7 che ha il sito pure su e-bay e sono rimasto con un pugno di mosche in mano.... ora vediamo se e-bay farrà valere le regole che dice di avere....

giorgio gubbiotti 13.10.06 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Si possono leggere delle notizie interessanti in un sito la cui pubblicazione qui viene impedita. Se volete informarvi cliccate su “sorriso e dolore” . Grazie e buona notte a tutti.


MA PERCHE' QUESTO MATERIALE CHE CHIAMARE INNOVATIVO E' DIR POCO (POLIMERO FOTOVOLTAICO), NON SI TROVA ANCORA SUL MERCATO? EPPURE ESISTE GIA' DA ALMENO UN PAIO DI ANNI. ALTRO CHE CELLE AL SILICIO E RELATIVI SUPPORTI E PESANTI PROTEZIONI, QUESTA ROBA LA PUOI USARE COME VERNICE ED SEMBREREBBE PIU' EFFICIENTE DEL 30% RISPETTO AL SILICIO A PARITA' DI SUPERFICIE.


http://www.evidenttech.com/nanomaterials/quantum-dot-nanomaterials.php

max fortunati 12.10.06 19:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A iltal dei tali in RISPOSTA a

----------------------------------------------------
1 Non abbiamo bisogno di altra energia visto che il Lazio è auto sufficente anzi come ti ho gia detto produce un surplus del 30%.

2 Parchi Eolici e Fotovoltaico no creano tumori.

3 Che ad avere una centrale a carbone a 2 Km potevi darti da fare come stiamo facendo noi.

4 Me ne sbatto al caz.o che de benedetti e un gruppo energetico austriaco devono esportare corrente elettrica.

5 complimenti per aver tratto quel caz.o che ti faceva comodo da:
http://italy.indymedia.org/news/2003/11/429982.php

6 non farai mica parte di quella cricca di teste di caz.o che lucrano al di là della pelle della gente?
-----------------------------------------------


Scusate se rispondo con un po' di ritardo, ma ad informarsi ci vuol tempo.

1) Da cosa avete dedotto che il Lazio ha crediti energetici? Sapete quanto consumate procapite? Sapete come sono suddivisi i vostri consumi?Si? Bhe ..non basta. Perchè se una regione NON E'INDUSTRIALIZZATA CONSUMA MENO DI UNA CHE LE INDUSTRIE CE L'HA, e quindi secondo la vostra "LOGICA"(ma chi è la MENTE del vostro comitato?), SE UNA REGIONE HA INDUSTRIE DEVE SORBIRSI ANCHE LE CENTRALI ! BRAVI. Se io abitassi... che ne so.... a Marghera...vorrei che il petrolchimico lo facessero sotto le VOSTRE FINESTRE così potreste spendere i CREDITI ENERGETICI IN CASA VOSTRA, e presentate un bel bilancio energetico in PAREGGIO!

2)Se hai, non dico letto, ma CAPITO cosa ho scritto, cioè "ANDARE A METANO perchè il fattore TEMPO è FONDAMENTALE.Il Pianeta, sta già SCALCIANDO FORTE, non aspetta noi."volevo esprimere il concetto che :LA CONVERSIONE A METANO DI AUTOMNOBILI E GRAN PARTE DELLE CENTRALI A COMBUSTIBILI FOSSILI, PUO' AVVENIRE NELL'ORDINE DI MESI, mentre il SOLO STABILIRE UN SITO ADATTO ALL'EOLICO O SOLARE( dalle vostre parti avete vento? I VOSTRI campi sono ben esposti al sole? E quando vi esproprieranno per mettere i pannelli o le pale, cosa direte? Bloccherete i lavori allungando i tempi?), fra permessi e scartoffie all'itagliana,(la BROCRAZIA grazie alla quale una buona fetta della polazione laziale vive) mi fa PRESUMERE che i vostri CONDIZIONATORI non andranno a solare o eloico prima di 4-5 ANNI !
NEL FRATTEMPO VOI COSA CONSIGLIATE? CARBONE? NUCLEARE? METANO? Fate voi. Se conoscete un'impresa che vi consegna un impiato ecologico da 700Mw in tempi brevi fatemelo sapere!

3)Non conscendo il mio vissuto, questo punto lo considero per quello che è: La battuta di un pagliaccio.

4)Sono d'accordo con te.

5)Nel punto 5 mi rinfacciate di"complimenti per aver tratto quel caz.o che ti faceva comodo da:
http://italy.indymedia.org/news/2003/11/429982.php " Io invece ho letto tutto, ho ritenuto significativo il primo punto, ma ho messo il link proprio perché CHIUNQUE SAPPIA LEGGERE POSSA ESERCITARSI A FARLO!

6)Sono un dipendente in una azienda metalmeccanica, io. Tu (e tutti i tuoi amici) invece non è che hai\avete terreni o\e case o altre proprietà che potrebbero essere interessate dall' impianto, o la svalutazione degli immobili ecc cioè piccoli interessi privati, spacciati per COSCENZA ECOLOGISTA?

Perchè non avete risposto alla mia UNICA domanda che ora vi riposto:- "Vedete, io abito a 2 chilometri (2 km) da una centrale a CARBONE. Forse per questo STENTO a capire cosa vogliate!
Volete una centrale NUCLEARE ?
Volete anche voi una centrale a CARBONE?
O forse volete voi la corrente, ma nessuna centrale, che tanto il CARBONE me lo mangio io anche per voi? Si, è proprio questo che volete fiorellini a voi e merd agli altri. Grazie. "
RISPONDETE A QUESTO!

Saluti Bruno

P.S.

IN ultimo un osservazione: uno che non si presenta con nome e cognome, o si vergogna, o è un fifone, o dice bugie.

Bruno Lauri 12.10.06 13:46| 
 |
Rispondi al commento

RIFIUTI: CUFFARO, IN SICILIA TERMOVALORIZZATORI SI FARANNO
(ANSA) - PALERMO, 11 OTT - ''Quello che sta avvenendo in questi giorni a Napoli sul fronte dell'emergenza rifiuti rafforza la nostra convinzione sull'opportunita' di realizzare in Sicilia i termovalorizzatori''. Il presidente della Regione Siciliana, Salvatore Cuffaro, commenta cosi' la notizia del rinvio al 19 ottobre della Conferenza dei servizi che era stata convocata domani presso gli uffici del Ministero dell'Ambiente. ''Le immagini sull'emergenza rifiuti a Napoli diffuse dalla Tv - sottolinea Cuffaro - ci dicono che e' piu' che mai necessario superare la logica delle discariche. Che e', poi, quello che stiamo facendo noi in Sicilia con il piano rifiuti, che prevede la raccolta differenziata, il riutilizzo dei materiali riciclabili e, infine, la combustione della parte residua dei rifiuti, nel limite del 35%, con i quattro termovalorizzatori in corso di realizzazione. Mi ha fatto una certa impressione sapere che a Napoli e dintorni, a causa delle montagne di immondizia, in alcune chiese non si riesce nemmeno a celebrare la santa messa''. ''Vorrei inoltre tranquillizzare l'opinione pubblica - aggiunge il Governatore - sul fronte dei termovalorizzatori. In questi giorni ho avuto modo di leggere un pregevole studio curato da un qualificato gruppo di docenti universitari del nostro Paese. Il lavoro, pubblicato nei quaderni di 'Ingegneria ambientale', dimostra che l'oculata utilizzazione di particolari alberi e' in grado di abbattere drasticamente la presenza di sostanze inquinanti eventualmente presenti nell'atmosfera''. ''A conti fatti, realizzando un bosco di circa venti ettari in prossimita' del termovalorizzatore, si abbattono drasticamente le emissioni di gas nell'atmosfera. I risultati di questo studio - conclude Cuffaro - sono importanti e saranno di certo un esempio da seguire anche in Sicilia per rendere sempre piu' sicuro lo smaltimento dei rifiuti''. (ANSA). COM-NU/LU
11/10/2006 16:00


paolo pini 12.10.06 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Beppe !
vuoi energia pulita ? guarda guarda cosa è arrivato :
(notizia di Repubblica sezione Tecnologia e scienza di oggi)
su B&Q ( link originale inglese http://www.diy.com/diy/jsp/bq/nav/nav.jsp?action=detail&fh_secondid=9330400&fh_location=%2f%2fcatalog01%2fen_GB%2fcategories%3c8530236%2fcategories%3c9050001&fh_eds=%c3%9f&fh_refview=lister&ts=1160643966639 ) link in italiano : http://www.blogeko.info/index.php/2006/06/01/windsave_turbina_eolica_domestica

questo è il prodotto : http://www.windsave.com/

marco giuncato 12.10.06 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Cari Amici bloghisti fino a quando in ITALIA noi ITLIANI NON POSSIAMO FISCALMENTE dimostrare poco e niente. staremo sempre aRAMMMARRICCARCI DEI GOVERNI CHE SI SUSSEGUONO. In fatto di energia ci sono troppi lacci che difendono interessi OCCULTI per cui ci vuole una svolta epocale nel cambiamento dei politici.Sempre ciao atutti Silvio.

silvio gaiofatto 12.10.06 10:40| 
 |
Rispondi al commento

La Steorn, una compagnia irlandese, ha annunciato di aver prodotto una tecnologia rivoluzionaria basata sull'interazione dei campi magnetici che produce energia pulita, gratuita e illimitata.
Non è una cosa da poco: se fosse vero, non dovremmo più ricaricare il nostro cellulare (e l'auto), e non ci sarebbero più emissioni inquinanti. Inoltre, le componenti di questa tecnologia sono già disponibili: presto potremo verificare.

La tecnologia della Steorn sembra violare il 'Principio di Conservazione dell'Energia' (lo ricordo? 'Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma'), considerato il principio fondamentale sul quale regge l'intero universo: Steorn ha pagato un annuncio sull'Economist per catturare l'attenzione degli scienziati che si occupano di fisica sperimentale e che vogliono accettare la sfida di prendere parte ai test per verificare come viene creata energia illimitata. I risultati saranno pubblicati in tutte le riviste specialistiche del mondo.

Sappiamo ancora poco, in sostanza, dato che la Steorn ha fatto solo 3 dichiarazioni in relazione a questa tecnologia:

1. La tecnologia ha un coefficiente di efficacia superiore al 100% 2. La creazione dell'energia non deriva dalla consunzione delle componenti necessarie a produrla. 3. Non c'è un mutamento dell'ambiente in cui si produce energia (ad esempio il riscaldamento della temperatura). La somma di queste 3 dichiarazioni è che la tecnologia genera energia illimitata.

Trovo che la cosa sia molto affascinante: un'azienda giovane costruisce un dispositivo che crea energia pulita e libera per tutti e chiede in modo limpido che questa tecnologia venga studiata da terze parti: è un anno che Sean McCarthy, Presidente di Steorn, sottopone a ristrette comunità scientifiche i risultati dei suoi test privati, ora si è rivolto all'Economist che sta componendo una 'super giuria' di 12 scienziati che analizzeranno in dettaglio il dispositivo.

Preso dal sito

http://www.x-cosmos.it/news/visualizza.php?id=3961

Mauro Mantovani 12.10.06 10:20| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io sono uno dei tanti che sta cercando di installare un impianto fotovoltaico sopra il suo tetto ma con scarsi risultati...
consiglio di leggere il libro di Jeremy Leggett "Fine corsa" per rendersi conto dell'importanza delle fonti alternative nella società attuale. ciao

nicola salti 12.10.06 09:44| 
 |
Rispondi al commento

questo é finalmente un sindaco illuminato in tutti i sensi

pasetti luciano luca Commentatore in marcia al V2day 11.10.06 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiamo Lorenza Tesoriati e abito a Monzambano in provincia di Mantova ,A differenza del sindaco di Berlingo nel mio comune mi hanno risposto che non posso installare i fotovoltaici perche'........siamo in un parco naturale!!!!Il paese di Monzambano fa parte della Risrva naturale del fiume Mincio e il fatto di installare dei fotovoltaici cambierebbe l'aspetto del tetto che x i beni ambientali in questa zona puo' essere solo di cotto. Cio' creerebbe un Precedente x altri che volessero cambiare colore al loro tetto,cosi' niente fotovoltaici.lo trovo assurdo e vorrei che qualcuno piu' informato di me mi desse un aiuto .

lorenza tesoriati 11.10.06 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono uno dei circa 20000 trombati dal grtn sul fo
tovoltaico. il mio era un impianto piccolo -2,5 kW
ma il costo non lo era poi tanto - 20.000 €
ammortizzabile in circa 10 anni con l'incentivazione.
ora non certo il guadagno mi aveva spinto a questo, ma una voglia di contribuire nel mio picco
lo a diminuire l'inquinamento...
ora si sente dire che dovrebbe ritornare al conto
capitale e non più a quello energetico.
non è per caso una presa per il c...o ?
cordialità
flavio

flavio caglio 11.10.06 19:04| 
 |
Rispondi al commento

viva gli arabi ed il loro petrolio che noi consumiamo

carlo cicatiello 11.10.06 18:43| 
 |
Rispondi al commento

viva gli arabi ed il loro petrolio.

cicatiello carlo 11.10.06 18:38| 
 |
Rispondi al commento

viva il petrolio spece se è a basso prezzo viva gli arabi e tutti gli emirati!

cicatiello salvatore 11.10.06 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
perchè non chiedere al dipendente Pecoraro Ascanio di incentivare la micro produzione di energia diventando un paese in cui su ogni tetto vi sia un pannello fotovotaico e/o una turbina eolica? Grazie per lo spazio, un saluto.

Francesco Arceci 11.10.06 17:44| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che più mi fa arrabbiare è che noi stiamo parlando di energie rinnovabili mentre in Corea del Nord si fanno test nucleari. E va tutto bene! Noi stiamo parlando di energie rinnovabili mentre l'Iran si costruisce la bomba atomia. E va tutto bene! E non stiamo parlando di paesi tranquilli in cui regna la democrazia ed in cui si può ragionare: stiamo parlando di paesi i quali utilizzano l'odio verso gli altri popoli come elemento di autosostentamento. Ma allora mi chiedo: noi lasciamo a questi despoti libertà di avere in mano ordigni micidiali mentre noi continuiamo a dire di no al nucleare come fonte di energia!!! Noi no che non lo utilizzeremmo per scopi bellici ma solo per illuminare le nostre case che si trovano in un Paese che per sua sfortuna è privo di fonti di energie tradizionali e che, per questo motivo, deve bussare alla porta di Francia, Russia, etc, etc. Quindi riflettiamo: adottare il nuceare sarebbe per l'Italia un primo e fondamentale passo per non essere più zoppa!

Iacopo Mazzucato 11.10.06 16:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io penso che investire nelle energie pulite sia molto utile per lo sviluppo del paese ma secondo me anche il nucleare non sarebbe da trascurare

Ambrogio Zaccaro 11.10.06 11:45| 
 |
Rispondi al commento

A tutti coloro che desiderano avere informazioni utili e chiarimenti su COSTI, VANTAGGI, ecc. riguardo impianti di energia rinnovabile consiglio il sito www.ecorete.it; l'ho trovato molto esaustivo (non è mio e se lo visitate non me ne viene niente in tasca)

angelo gasparetto 11.10.06 10:44| 
 |
Rispondi al commento

WWW.LA220.IT

paolo pini 11.10.06 10:40| 
 |
Rispondi al commento

ciao chiedo aiuto in questo post over poter reperire alcuni indirizzi delle ditta che Beppe dice che installano gratuitamente accorgimenti per risparmiare energie nelle abitazioni... e che hanno pii un ritorno dalla riduzione delle nostre bollette... chi mi aiuta? non so dove scrivere... byby a tutti

Maurizio Picerni 11.10.06 07:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Produrre energia RINNOVABILE: CHI PAGA, si PUO', CONVIENE, ma...


CHI PAGA il "conto energia"??? Tutti noi nella bolletta della corrente elettrica abbiamo una voce di costo identificata come A3 che serve a incentivare le fonti RINNOVABILI.


SI PUO'. GRAZIE A BERLUSCONI (che di certo non è un ecologista), dal luglio 2005 è possibile avere il contributo in conto ENERGIA per le fonti rinnovabili.

Per ottenerlo è necessario fare domanda al GRTN e se la accoglie si installa l'impianto e dopo la piombatura parte il contributo per 20 ANNI che consiste di un rimborso per ogni Kw prodotto.

Ad oggi sono stati 3 i bandi fotovoltaico di cui l' ultimo, quello di marzo 2006, ha avuto un' enorme nr di domande, superiori alla disponibilità di energia finanziabile (solo 85 MW) ->-> www.GRTN.it sezione fotovoltaico c'è il dettaglio di tutto...


CONVIENE conti alla mano.

- 1 KW installato costa circa 6.500 €,
- produce in una anno 1.200 Kw
- risparmio energia non pagata (0,10€/Kw)
- beneficio del GRTN (0,42€/Kw)
- introito annuo => 624 €
- ritorno dell' investimento 10/11 anni
- dall' 11 fino al 20 anno è tutto guadagno
- durata stimata dell' impianto in efficienza 30/35 anni

-> se non hai i soldi per fare l' investimento iniziale, non preoccuparTi, ad oggi ci sono l' UNICREDIT, il MPS, BANCA ETICA e la SBS LEASING (per citarne alcune) che Te lo finanziano anche fino a 15 anni.


CONCLUSIONE: italiani disposti ad installare ce ne sono tanti, MA...

- il contributo (che attinge dalla voce A3) dovrebbe finanziare SOLO le energie RINNOVABILI (solare, fotovoltaico) e NON le ASSIMILATE (centrali a rifiuti / residui di raffinerie -> vedi REPORT di qualche domenica fa)
- deve essere eliminato il tetto di potenza massima che limita le domande di contributo
- per le case nuove l' installazione di pannelli e l' ammissione al contributo dovrebbero esser un obbligo di legge (come avviene a BARCELLONA in Spagna)

PEGORARO SCANIO questa estate aveva promesso un nuovo decreto ma ad oggi...

Mario Magazza 11.10.06 05:39| 
 |
Rispondi al commento

ma nn esite già un metodo per trarre energia dalle maree?
nn sarebbe utile costriure delle piattaforme in modo che si possa recuperare dall'ambiente differenti tipi di energia (solare, eolica e delle maree insieme) in una unica struttura?
caspita, l'italia è una strisciolina d terra sul mare, avremmo qualche problemino in meno, soprattutto in questo periodo in cui si riparla di nucleare.
vabbè vado a letto va

francesco pugliese 11.10.06 03:33| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo, il fotovoltaico allo stato attuale difficilmente può diventare una soluzione energetica competitiva se non su piccola scala.
Se non ci fosse il conto energia sarebbe non solo economicamente ma energeticamente ed ecologicamente sconveniente. E se costano tanto c'è una ragione fisica.

Chiediamoci: Ma in quanti decenni (o secoli) ciascun wafer di silicio lei pannelli può restituire la quantità enorme di energia pregiata necesaria per produrlo?
E le batterie, comunque necessarie anche negli impianti allacciati alla rete, non contengono piombo e acidi? Non hanno una vita limitata? Se gli impianti si diffondessero significativamente quanti di questi materiali si dovrebbe produrre e poi smaltire? ecc.. ecc..

E allora: Non avrebbe più senso finanziare, semmai, i più razionali collettori solari per acqua termosanitaria? Una edilizia meno dispersiva? Sistermi di trasporto più efficienti? Piste ciclabili degne del civile nord Europa? Penalizzare la vendita e l'abuso dei condizionatori, che ogni estate mandano sempre più spesso in tilt la rete elettrica? ecc.. ecc..

Per non dire della follia Italica di definire "ecologici" i ripetuti incentivi alla rottamazione di auto ed altro (anche le materie prime, produrle e rottamarle anticipatamente, sono uno spreco di energia), o le auto all'idrogeno, prodotto sempre da o con combustibili fossili, BRUCIATO come carburante (e non in celle a combustibile)...

Altro che si-al-fotovoltaico e no-agli-inceneritori. In Campania, dopo aver rifiutato degli inceneritori ora l'immondizia la bruciano. Si, ma per strada, e insieme ai cassonetti!

La camorra ringrazia gli "ecologisti all'Italiana"...

Reno Mattoni 11.10.06 02:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe abito in Umbria e L'anno scorso c'è stato un bando da parte di GRTN per incentivare gli impianti fotovoltaici io ho aderito facendo l'apposita domanda e dopo essere risultato idoneo ho costruito il mio impianto fotovoltaico da 3 Kw, in pratica ora sono autosufficente dal punto di vista energetico il problema è che l'impianto ha un costo ALTO e le problematiche dell'installazione sono molteplici basta pensare che enel, che deve installare i contatori (ne occorono 3 - energia prodotta- energia immessa in rete - energia prelevata dalla rete) è semi latitante e non ha i contatori idonei (debbono togliere il nuovo per mettere quelli di vecchia generazione) a tuttoggi, l'impianto è in funzione dal 14 settembre 2006 non ho notizie chiare del mio contratto quindi non sono in grado di sapere quando riceverò il corrispettivo dell'energia incentivata, che mi dovrebbe essere pagata € 0.445 al Kw a oggi ne ho prodotti 303 Kw consumandone 275.

PS I kw disponibili al bando al quale io ho aderito sono terminati ma sebra che il governo sia intenzionato a fare un'altro bando per ulteriori Kw la notizia l'ha data GRTN a chi ha fatto la domanda ma non è stato autorizzato in quanto i Kw disponibili per l'incentivo erano terminati

Danilo Anastasi 10.10.06 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi scuso subito per eventuali errori di utilizzo di spazi non appropriati.. ma posso chiedere una cosa?
mi chiedo perchè nessuno abbia mai pensato, e perchè se qualcuno lo ha fatto, non si vedono ancora in giro telefoni cellulari a energia solare?
perchè siamo costretti ad utilizzare differenti caricabatterie ogni volta che si cambia apparacchio?
grazie, siete grandi

gianluca giusiano 10.10.06 18:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AIUTATECI
Abito in un paesino della provincia di Rovigo e precisamente Loreo, si parla tanto di energia alternativa, ma nel nostro territorio oltre la centrale elettrica di Porto Tolle una delle piu grandi d'Italia sta sorgendo o meglio sorgera' una centrale a torbogas.
Queste le caratteristiche della centrale di produzione energia elettrica che la Soc. West Energy ha intenzione di costruire nel sito dell’ex acciaieria a Loreo:
CONSUMERA’ 800.000 TONNELLATE ALL’ANNO DI METANO
SCARICHERA’ NELL’ATMOSFERA 3.780.000 METRI CUBI OGNI ORA DI FUMI LI SCARICHERA’ ATTRAVERSO DUE CAMINI ALTI 60 METRI E LARGHI 6,4 METRI OLTRE 2.200.000 TONNELLATE ANNO DI ANIDRIDE CARBONICA
OLTRE 1.500 TONNELLATE ANNO DI OSSIDO DI AZOTO (NOx)
OLTRE 390 TONNELLATE ANNO DI MONOSSIDO DI CARBONIO (CO) gas notoriamente velenoso
OLTRE 150 TONNELLATE ANNO DI POLVERI
E non e' tutto a poca distanza circa 30 km. un altro prgetto la centrale della ELETTRA da ubicarsi nel Comune di Cona con potenzialità di circa 770 MW.

E MAI POSSIBILE CHE IL NOSTRO GOVERNO CHE PARLA DI ENERGIA ALTERNATIVA autorizzi ANCORA questi progetti? non e' possibile.
Tanto per la cronaca,il tutto e dentro al perimetro che “Parco del Delta del Po”! dOVRA' Un giorno si chiamera' “parco energetico“!
CHIEDIAMO AIUTO A TUTTI QUELLI CHE POSSONO FARE QUALCOSA, CI SONO POCHI ABITANTI NEL NOSTRO COMUNE PER FARE QUALCOSA DI CONCRETO, AIUTATECI PER DIRE NO A QUESTE CENTRALI.
GRAZIE A TUTTI


Comitato contro la centrale

Comitato contro la centrale 10.10.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento

APPROVAZIONE INDULTO

http://video.google.it/videoplay?docid=3548050675383954357&q=indulto

Claudio Vindimian 10.10.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento

AIUTATECI
Abito in un paesino della provincia di Rovigo e precisamente Loreo, si parla tanto di energia alternativa, ma nel nostro territorio oltre la centrale elettrica di Porto Tolle una delle piu grandi d'Italia sta sorgendo o meglio sorgera' una centrale a torbogas.
Queste le caratteristiche della centrale di produzione energia elettrica che la Soc. West Energy ha intenzione di costruire nel sito dell’ex acciaieria a Loreo:
CONSUMERA’ 800.000 TONNELLATE ALL’ANNO DI METANO
SCARICHERA’ NELL’ATMOSFERA 3.780.000 METRI CUBI OGNI ORA DI FUMI LI SCARICHERA’ ATTRAVERSO DUE CAMINI ALTI 60 METRI E LARGHI 6,4 METRI OLTRE 2.200.000 TONNELLATE ANNO DI ANIDRIDE CARBONICA
OLTRE 1.500 TONNELLATE ANNO DI OSSIDO DI AZOTO (NOx)
OLTRE 390 TONNELLATE ANNO DI MONOSSIDO DI CARBONIO (CO) gas notoriamente velenoso
OLTRE 150 TONNELLATE ANNO DI POLVERI
E non e' tutto a poca distanza circa 30 km. un altro prgetto la centrale della ELETTRA da ubicarsi nel Comune di Cona con potenzialità di circa 770 MW.

E MAI POSSIBILE CHE IL NOSTRO GOVERNO CHE PARLA DI ENERGIA ALTERNATIVA autorizzi ANCORA questi progetti? non e' possibile.
Tanto per la cronaca,il tutto e dentro al perimetro che “Parco del Delta del Po”! dOVRA' Un giorno si chiamera' “parco energetico“!
CHIEDIAMO AIUTO A TUTTI QUELLI CHE POSSONO FARE QUALCOSA, CI SONO POCHI ABITANTI NEL NOSTRO COMUNE PER FARE QUALCOSA DI CONCRETO, AIUTATECI PER DIRE NO A QUESTE CENTRALI.
GRAZIE A TUTTI


Comitato contro la centrale

Comitato contro la centrale 10.10.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Visto che si parla di risparmio energetico ed ecologia, vorrei citare un piccolo calcolo che ho fatto nel mio blog.
Ne risulta che con l'auto elettrica avrei speso molto meno che con una a benzina, ma per l'elettrica occorre avere esigenze un po' particolari... Non voglio riportare tutto il post qui: per leggerlo basta cliccare sul link nella firma.

Marco Pagnin 10.10.06 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Sono assolutamente daccordo con Il Signor Sindaco,
mosca bianca tra un'infinità di pavoni solo pieni di sè, bisognerebbe capire come informarsi meglio riguardo ai costi alla fattibilità e quant'altro di questo tipo di impianti in quanto nel marasma di informazioni sul sito della Regione Lombardia non sono riuscita a documentarmi esaurientemente.
Grazie anticipatamente a chi vorrà illuminarmi sull'argomento decisamente interessante.

Ernestina Bracchetti 10.10.06 18:29| 
 |
Rispondi al commento

AHHHHHHHHH......HO CAPITO PERCHE' DIFENDI COSI' TANTO MORTADELLA......SIETE AMANTI!!!!!!!

paolo.ricioppo 10.10.06 16:41| 
 |
Rispondi al commento

ed ecco qui il nuovo metodo Grillo!!!!!per non fare notare a noi cittadini che il governo ha fatto una manovra peggio di quella che avrebbe fatto Andreotti con la C.A.F. ....parla di energia pulita dicendo che avrebbe bisogno di qualche commercialista per i troppi numeri da sfagiolare da questa finanziaria....ma mi domando perchè non attacca questa specie di governo di ladri che non sanno fare altro che tassare chi ha sempre pagato e di accanirsi come ha sempre fatto con il governo di Berlusconi!!!!!GRILLO TU SEI PEGGIO DI QUEI GIORNALISTI CHE DICI CHE SONO VITTIME DEI LORO EDITORI!!!!MA TU MI SPIGHI COME MAI DIFENDI A SPADA TRATTA MORTADELLA???????

paolo ricioppo 10.10.06 16:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,
sono Renzo e scrivo dalla città di Taranto.
Negli ultimi tempi ci stiamo battendo, anche se in pochi.. ma buoni, per non far insediare il rigassificatore nella ns città.
Più che l'impatto ambientale, l'idea di costruirlo vicino alL'Agip petroli.. evito ogni commento...
Quindi leggo con piacere, notizie come quella del comune di Berlingo e mi domando xchè questo non avviene in tutta Italia !?
La risposta la conosciamo tutti e aggiungerei come dice il nostro Beppe.. siamo sempre in leggerissima controtendenza...

Un saluto a tutti

Renzo

Renzo Lucente 10.10.06 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono un privato cittadino che vive nella capitale.
E' da tempo che penso di installare i pannelli per la conversione dell'energia solare per gartantirmi quanto meno l'indipendenza energetica almeno nelle ore diurne.
Il problema non indifferente è che alimentare una casa "normale" ci vogliono ancore un pozzo di quattrini.
Contributi neanche a parlarne e posso di questi tempi affrontare un investimento che se tutto va bene si ammorterebbe in 20 anni?
Saluti
Ncola Delfino

Nicola Delfino 10.10.06 13:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buon giorno

Mi chiamo Fogarin Filippo, abito a Vigonovo, un piccolo paese di 9000 abitanti in provincia di Venezia ai confini con Padova.
Ho 35 anni e da 6 seguo, come assessore, i lavori pubblici a Vigonovo.
Il territorio del mio paese è tagliato da il fiume Brenta (e da dall’incompiuta idrovia Padova – Venezia). L’ungo il fiume Brenta esiste un salto naturale di circa 4-5 metri.
Da alcuni anni siamo in trattativa con una ditta di Padova per la costruzione di un impianto idroelettrico per la produzione di energia.
L’impianto, per il quale si prevede una produzione di 9.000.000kWh annui, che secondo i tecnici dell’impresa potrebbe soddisfare le necessità dell’intero territorio comunale, dovrà essere approvato dalle commissioni comunali e provinciali, e da una “conferenza di servizio” tra enti provinciali. L’iter procedurale prevede anche la divulgazione dell’iniziativa che dovrà essere organizzata dalla ditta costruttrice in collaborazione con l’amministrazione comunale.
L’impresa costruttrice dovrà per legge corrispondere alla Regione e al comune un canone fisso che per un comune “rivierasco” come il nostro è di circa 8.000 euro annui.
Per trarre un maggior guadagno per il comune e per i cittadini abbiamo chiesto all’impresa la stipula di una convenzione, che firmeremo entro fine anno, la quale prevede per il comune una percentuale di guadagno sul fatturato di energia e una percentuale sui certificati verdi.
La convenzione tra comune ed impresa non è prevista per legge ed esempi non ne ho trovati, ma la presenza di un salto nel letto del fiume Brenta nel territorio comunale, penso che sia una occasione per il comune per ottenere “dell’ energia fai da te”.

A mio avviso per la realizzazione di impianti simili dovrebbe essere previsto per legge l’obbligo di convenzione con i comuni.

Comunque ti chiedo se, per favore, è possibile usufruire del tuo blog per sottoporre gli articoli 4 e 5 di convenzione, che prevedono l’interesse pubblico, a persone es

Filippo Fogarin 10.10.06 12:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RICOPIO PER METTERE ALL'ATTENZIONE IL MESSAGGIO DI ROCCO:

"Caro Beppe, ho cercato di realizzare anche io per la mia abitazione un impianto fotovoltaico per la produzione di energia ad emissioni zero, ma sai il GRTN cosa mi ha risposto? Che le richieste sono troppe e che i kw disponibili da immettere nella rete elettrica nazionale sono già esauriti. Ti sembra logico che ci sia un limite all'immissione di energia pulita nelle reti ENEL visto che l'Italia compra carbone e petrolio per la produzione della stessa. C'é molta gente che vuole investire i suoi soldi per energia pulita (visto che l'impianto viene pagato dal richiedente), ma come mai non gli viene permesso? (domanda naturalmente retorica)."

BEPPE SE QUESTO E' VERO, RILFETTI UN SECONDO, E' MOLTO GRAVE. L'ENEL STA GIA' BLOCCANDO E BOICOTTANDO QUESTA OPPORTUNITA' ?
BEPPE TI PREGO INDAGA ED INFORMACI. BEPPE TI PREGO INDAGA ED INFORMACI. BEPPE TI PREGO INDAGA ED INFORMACI.

Marco Arco 10.10.06 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il mio personalissimo giudizio è che in Italia anche il poco che si è fatto per l'utilizzo delle fonti di energia rinnovabili sia stato fatto estremamente male ed a vantaggio della speculazione di pochi.
Il fotovoltaico, per esempio, non mi ha mai convinto. Costa troppo per quello che è e non si ha la garanzia di una durata degli impianti tale da garantire un ammortamento della spesa iniziale, soprattutto a fronte di scarse o quasi nulle manovre di incentivo da parte degli enti locali/Stato.
Dove abito io (Cisano sul Neva, SV) abbiamo vento 24 ore al giorno, anche e soprattutto di notte, ma provate a cercare una azienda che distribuisca o produca generatori eolici per piccole utenze... E quei pochi che si trovano hanno prezzi da capogiro, pressochè uguali ai fotovoltaici che utilizzano una tecnologia più recente. Il generatore eolico ha però un vantaggio enorme: non si consuma, non perde efficacia (il fotovoltaico mi risulta di si) ed a fronte di una manutenzione meccanica quasi inesistente (poche, rozze parti) può garantire decenni di produzione senza problemi, ma tant'è... l'eolico in Italia non esiste... 'Inquina' addirittura si era arrivati a dire... Io mi arrendo.

Fabio Pollero

Fabio Pollero 10.10.06 11:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi sembra una Politica Sociale...

-Quella che mette il ticket per il pronto soccorso? No perchè ad un miliardario sai come gli pesa pagare 40 euro di ticket.. invece Noi via in scioltezza..
- Quella che alza il bollo esponenzialmente per le auto non euro4?... No perchè il miliardaio gli rode cambiare auto.. (ne cambia una ogni 5 mesi)... Invece Noi andiamo in scioltezza..
- Quella che alza l'ICI delle abitazioni...? No perchè il miliardari..gli brucia pagare 1000 euro di ICI in più l'anno... Invece Noi ... andiamo in scioltezza...
-Quella che parlava di tassare passaggi di proprietà per svariati milioni di Euro.... che ora sono diventati 250.000..?
Praticamente un 3 locali ovunque! Quindi mi dovro ricomprare la casa dove ho vissuto una vita!
- Quella che col nostro TFR.. ci vuole finanziare i lavori pubblici?
- Quella che metterà l'imposta sul gasolio?
- Quella che ti costringerà a separarti.. perchè altrimenti non riesci più a mantenere i figli
- Quella che taglierà le spese ai comuni(invece di tagliarle alla burocrazia).. facendo in modo che i comuni ti alzino tutte le spese a TE...

eccetera eccetera eccetera....

Ragazzi ne ho viste di inculate preelettorali...
MA QUESTA HA SUPERATO OGNI LIMITE

Carlito Brigante 10.10.06 11:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
ho cercato di realizzare anche io per la mia abitazione un impianto fotovoltaico per la produzione di energia ad emissioni zero, ma sai il GRTN cosa mi ha risposto?
Che le richieste sono troppe e che i kw disponibili da immettere nella rete elettrica nazionale sono già esauriti.
Ti sembra logico che ci sia un limite all'immissione di energia pulita nelle reti ENEL visto che l'Italia compra carbone e petrolio per la produzione della stessa.
C'é molta gente che vuole investire i suoi soldi per energia pulita (visto che l'impianto viene pagato dal richiedente), ma come mai non gli viene permesso? (domanda naturalmente retorica).
ciao

Rocco Forcillo 10.10.06 11:11| 
 |
Rispondi al commento

IO NEL FRATTEMPO VADO A OLIO DI COLZA

roberto polato 10.10.06 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Oggi su LIFEGATE (forse l'unica radio libera non politica d'Italia e con una grande attenzione per l'ambiente) ha parlato del comune di Berlingo, con una intervista al suo sindaco e la sua iniziativa pubblicata sul sito di Beppe.

Ovviamente tutti gli altri organi di informazione non ne parleranno mai.

Boicottate anche le radio che vi fanno ascoltare sempre gli stessi pezzi 18 volte al giorno (perchè devono vendere), meglio LIFEGATE (105,10 in Lombardia) che per quello che riguarda anche la musica, fa sentire di tutto tranne le songs del momento che i discografici "spingono" sulle altre radio.

Paolo Cicerone Commentatore in marcia al V2day 10.10.06 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ti scrivo per segnalarti che anche nella nostra Provincia di Ascoli Piceno, il nostro presidente Massimo Rossi, che mi più passa il tempo e più mi sembra essere una brava persona, è riuscito a sfruttare dei finanziamentio della Comunità Europea ed ha iniziato i lavori di costruzione in molte scuole della provincia di Impianti Fotovoltaici, che dovrebbero in alcuni casi non solo soddisfare il fabbisogno dell'edificio, ma anche rivendere l'energia elettrica prodotta in eccesso. La provincia di Ascoli Piceno è stata una delle prime in Italia ad attivarsi in tal senso ed a ricevere i fondi. Spero che il nostro presidente sia di esempio per questo finto governo di sinistra.

Paolo Celani 10.10.06 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Una notizia fresca fresca relativa alle nuove
norme sull'edilizia:

NUOVE NORME SUL RENDIMENTO ENERGETICO NELL'EDILIZIA
Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 6 ottobre
scorso, ha approvato in via
preliminare uno schema di decreto legislativo che modifica
alcune parti della
normativa in materia di rendimento energetico
nell'edilizia. Il provvedimento,
che verrà trasmesso al parere della Conferenza unificata e
delle Commissioni
parlamentari competenti prima del varo definitivo, consente
di recepire al meglio
le normative Ue e di innalzare notevolmente l'efficienza
energetica degli edifici
favorendo anche l'utilizzo di fonti rinnovabili. Queste le
principali novità previste.
Dal 1° luglio 2007 scatterà per gli edifici già esistenti o
in fase di costruzione alla
data di entrata in vigore del decreto 192 e cioè l'8
ottobre 2005 l'obbligo del
"certificato energetico", un documento che attesta la
capacità di risparmio
energetico di un determinato edificio, ma solo nel momento
in cui vengono
immessi sul mercato immobiliare. Inoltre, dal 1° gennaio
2007 il certificato
energetico sarà una condizione indispensabile per ottenere
le agevolazioni fiscali
per le ristrutturazioni. In tutti i nuovi edifici è
previsto l'obbligo del solare termico
per il riscaldamento dell'acqua sanitaria, per una frazione
almeno del 50% del
fabbisogno di acqua calda, e di un impianto fotovoltaico la
cui potenza sarà
definita successivamente.

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/energia_edilizi
a/index.html

Mario Guatteri 10.10.06 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Non richiedendo forza di gravità, carburant, condizioni meteorologiche ed interventi esterni, mi sembra ottimale anche per le astronavi

Oltre che ovviamente degli aerei
--
@ DEOBUONO

Centrale a vento magnetico, uno dei 40 modi proposti da schiett i per produrre free energy

Prendete un normale ventolone eolico.

Apportate delle leggere modifiche.

sostituite la pala con una semplice sbarra ultraleggera in alluminio ed al vertice mettete del materiale ferroso sensibile magneticamente

Attorno alle ventole, esternamente, mettete una ruota di magneti elettrici disposti come lucine di natale

Quando si spegne uno si accende quello successivo e così via

ne vanno accesi tre contemporaneamente in corrispondenza delle 3 estremità delle pale sensibili magneticamente

nel momento che si accende quello successivo, la pala sarà attratta e si muoverà

Nello stesso istante che la pala raggiungerà il magnete successivo, si spegnerà, e si accenderà quello ulteriormente successivo

Più grossa sarà la ventola, maggiore sarà la leva imposta dal suo movimento

L'energia necessaria per far funzionare i magneti, a seconda delle dimensioni delle pale, sarà 5-10-15 volte inferiore da quella prodotta dalla turbina

AUMENTANDO IL DIAMETRO DEL CERCHIO, INEVITABILEMNTE SI ARRIVA AL PUNTO DI ROTTURA DELL'INERZIA, E QUINDI IL MAGNETE RIUSCIRà A MUOVERE LA PALA PERCHè AUMENTA LA LEVA SU QUELLA PALA

UNA VOLTA CHE LA RIESCE A MUOVERE, AUMENTANDO LA VELOCITà DI ACCENSIONE DEL MAGNETE SUCCESSIVO AUMENTA ANCHE LA VELOCITà DI ROTAZIONE DELLE PALE E LA PRODUZIONE DI ENERGIA, RIMANENDO FERMO IL CONSUMO A QUELLO DI 3 MAGNETI ELETRCI
--

Non c'è dubbio che funzioni, aumentando il braccio della leva (i diametro del cerchio, la lunghezza delle pale) ad un certo punto sarà sufficiente anche un solo grammo per ruotare le pale.

E se le pale ruotano aumentando la velocità di accensione de magnete successivo, aumentano la velocità di rotazione.

FREE ENERGY, SCHIETT I è IL PIù GRANDE GENIO DELA STORIA

costanza mafacchi 10.10.06 08:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto scrivere di 75 mila euro anno , 150 mila !!!
Piatti di porcellana , e viaggi alle Maldive .

Espongo il mio caso : ma noi siamo in tanti o pochi siamo il ceto medio ?

LAVORATORI DIPENDENTI .

Il Mio lordo 36 mila quello di mio moglie lordo 19 mila ( totale 55 mila )
3 ( in lettere TRE ) Figli nessuno all'università PER FORTUNA .
Un Mutuo Prima e unica casa altri 12 ANNI .
, Una rata per la 2da e Unica Automobile , ( è una SW da 90 cv) altri 2 ANNI .

Spesso . Vado al Discount ( non alla c..p ) a fare la spesa !!!!!.

Se Prodi Vuole da me 1000 euro in più l'anno va bene , anche 2000 nessun problema .
MA ATTENTI : Spero per Lui che fra 5 anni io non sia DISOCCUPPATO , Mia moglie Nemmeno uno dei miei figli sia andato all'università o lavori .
Cosa sono questi spiccioli di fronte a una

SPERANZA.

SI VERGOGNI CHI EVADE LE TASSE .
e se ne VA ad abbronzarsi le chi..ppe AI TROPICI e leva A ME

ED ANCHE A VOI QUESTA SPERANZA

LADRO , LADRO , LADRO , LADRIIIIIIIIIIIIII !!!!!!

Fi Michele 10.10.06 01:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe quanti interventi mirati, quanti consigli, quanta conoscenza e quanta coscenza, questo dovrebbe essere il tessuto del vero "SOCIALE". E' la speranza di una vita che noi non vedremo ma i nostri discendenti forse si.
In prospettiva di ciò sarebbe più bello cercare di sensibilizzarci di più verso i problemi che stanno al di fuori del nostro piccolo quotidiano, di ascoltare, e di capire anche le diversità (6 miliardi e 1/2 di persone da gestire), finirla di essere faziosi dietro ad un colore o pseudo ideale tralasciando le cose inutili come la guerra tra poveri che troppo spesso avviene anche su questo blog. Da un argomento qualsiasi che dovrebbe essere oggetto di scambio e di riflessione, si intromette prepotenza e polemica per un gusto di onnipotenza e perversione personalissima (adesso quel deficiente mi sente) e spesso senza attinenza all'oggetto del blog. Godere di un blog come il tuo è un occasione unica per unire le coscenze dei tanti che non ne possono più di come le cose non stanno andando in Italia e nel mondo. Etichettiamo tutto e tutti (vi si chiedeva della Fallaci scrittrice...e molti: troia fascista xenofoba (scusate m'ha lasciato di mer..) Il popolo,popolino,popolaccio deve sempre avere dietro qualcuno che spinge...la storia insegna, ma quanto ci rimane per capire che ci vogliono ignoranti poveri deboli e divisi (morte tua vita mia) Intanto loro (qualche centinaia di famiglie al mondo) continuano a dettare le regole del gioco spacciandolo per politico ma sappiamo che il potere è solo esclusivamente economico. Quindi impoverimento dei paesi ricchi e sfruttabili = fame fame fame. In nome del dio denaro provocano guerre laddove servono ai loro biechi interessi, hanno rotto l'equilibrio dell'eco-sistema di cui facciamo parte, ecc.ecc.ecc. Tutti argomenti del micro/macro nuovo mondo di cui tu io e tantissimi altri vorrebbero sentirne PARLARE sempre di più ascoltando senza rompere i cog..oni a tutti i costi con problemi personali
ciao


Renzo Chierici 09.10.06 23:22| 
 |