Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I veleni nelle città


RESET_traffico.jpg

Da qualcosa bisogna iniziare per fare RESET. Partiamo da ciò che ci circonda ogni giorno nelle nostre città. Dal veleno che respiriamo. Del quale bisogna essere grati ai padroni dei media. Alla loro ossessiva pubblicità di automobili. I giornali e la televisione fanno ormai concorrenza a Quattroruote. Chi detta la linea petrolindustriale ai media? Lo Stato che vive di tasse sul carburante, i petrolieri e i fabbricanti di automobili. I politici, come diceva Mattei, sono solo tassisti che si liquidano con una mancia dopo la corsa. Che fare?
Scriviamo un dodecalogo per il dipendente sindaco, chiediamo e pretendiamo un incontro nel quale firma tutti o in parte i punti proposti, o anche nessuno se non è d'accordo. Si potrà filmare l’incontro e sentire le ragioni del dipendente su questo blog.
Ho ascoltato dei veri esperti di veleni in città: due mamme con bambini piccoli. Quelli che il tubo di scappamento lo respirano dal passeggino. Quelli che se va bene hanno la tosse cronica e se va male la leucemia.

Ecco i loro consigli:
1.Ticket di ingresso per le auto
2.Pista ciclabile che attraversi ogni percorso cittadino
3.Eliminazione progressiva dei parcheggi in città
4.Creazione di zone verdi dove ora ci sono parcheggi
5.Car sharing pubblicizzato e incentivato dai Comuni
6.Autobus e taxi elettrici
7.Diminuzione dell’Ici del 30% al residente che non possiede una macchina
8.Tempo di attesa al semaforo per le macchine doppio rispetto ai pedoni
9.Carico e scarico dalle 5 alle 7 del mattino
10.Mezzi pubblici gratuiti
11.Tassa per l’occupazione di suolo pubblico per le macchine parcheggiate
12.Uffici pubblici di nuova costruzione tassativamente senza parcheggi.

Le nostre città sono cimiteri di automobili e discariche di gas.
Cambiamole.

Ps: Il Corriere della Sera ha oggi pubblicato la classifica di Legambiente-Sole 24 Ore per l’inquinamento nelle città con il vergognoso titolo: ‘Ambiente, la rivincita delle grandi città’.

24 Ott 2006, 21:07 | Scrivi | Commenti (1709) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ci stiamo rovinando con le nostre mani. Ma a parziale nostra discolpa bisogna dire che naturalmente ci sono zone su questo pianeta nelle quali gli inquinanti atmosferici convogliano autonomamente, come nel caso per esempio della pianura padana.
Ho analizzato attentamente la mappa mondiale della qualità dell'aria presente su bell'ebook (Eden, trova il tuo paradiso terrestre) ed ho potuto vedere che ci sono aree del mondo naturalmente molto più inquinate di altre. In realtà bisognerebbe decidere di abbandonare queste "zone rosse" e trasferirsi in aree nelle quali l'aria è più salubre. Per esempio da Ravenna verso sud, seguendo la costa, oppure nella costa Toscana. Ma per trovare aria veramente pulita bisogna spostarsi più lontano..
Purtroppo anche smettendo di inquinare, nelle aree come la Pianura Padana, non si potrà mai respirare aria veramente pulita poichè non c'è un naturale ricircolo d'aria.

Stefano Grillino 14.11.13 16:05| 
 |
Rispondi al commento

La questione eco pass a Milano, caso nazionale!

In linea di principio mi trovo d’accordo con qualsiasi provvedimento che
limiti il traffico automobilistico privato nelle congestionate aree urbane,
credo anche però che un provvedimento del genere debba essere affiancato da
una seria politica diretta al potenziamento dei mezzi pubblici e per lo
sviluppo della rete delle piste ciclabili.
l’aspetto che però più mi lascia perplesso è che attraverso questa manovra
emerge chiaro un paradosso di cui, a mio parere, si fanno carico le
maggiori case automobilistiche presenti nel nostro mercato e che nessuno mi
pare abbia ancora sollevato.
Sfogliando Repubblica mi è caduto l’occhio sulle tabelle delle tariffe
degli eco pass divise per tipologie d’auto, euro 1,2,3,4 e ho notato che
chi è in possesso di un’auto immatricolata nel 1995 a benzina euro 1 paga
meno della metà di chi invece possiede un’auto immatricolata nel 2003 a
gasolio euro 3.
Ma come è possibile questo?
Un’ errore di calcolo?
Oppure un’ errore di stampa da imputare al giornale?
Niente di tutto questo, i calcoli sono esatti e la rotativa del giornale
funziona perfettamente.
La questione è che evidentemente l’euro 3 a gasolio venduto come eco diesel
in realtà inquina di più di un’euro 1 a benzina più vecchio di 8 anni!
Questo vuol dire forse che negli ultimi 10/15 anni (forse esattamente da
quando è stato soppresso il super bollo per i veicoli a gasolio) le
politiche di mercato delle case automobilistiche hanno puntato sulla
commercializzazione di modelli più inquinanti di quelli precedentemente
prodotti? Siamo forse tutti vittime di un colossale imbroglio?
Non riesco a non pensare a quegli automobilisti che in questo ultimo
decennio hanno dismesso (spinti anche dagli incentivi per la rottamazione)
la propria auto a benzina per acquistarne una presumibilmente più
ecologica perché venduta come eco diesel!

Guido Celada

guido celada Commentatore certificato 10.01.08 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Salve Beppe,
Va bene tutti i punti, ma aggiungerei:
1. credo che per incentivare le persone al mezzo pubblico, bisogna oltre a costruire le metropolitanee, adottare misure rapide.
Dobbiamo pretendere un servizio di autobus ecologici capillare ed efficente con tempi di attesa di 5/10 minuti.
Non si può pretendere che la gente non prendi la macchina ed impieghi dei tempi assurdi per muoversi con gli autobus.
2.Poi visto che stiamo puntando in alto, perchè non imponiamo un sistema per cui nelle città si deve circolare veramente con delle macchine ecologiche, e di conseguenza costringere le case di produzione a darsi da fare a mettere nel mercato auto ecologiche.
3.scuola bus
4. navette aziendali
Maria Teresa da Roma

Maria Teresa Caputo 14.10.07 23:00| 
 |
Rispondi al commento

gentile sig. Grillo di nuovo le scrivo e questa volta x parlarle delle ferrovie nord , più precisamente del servizio delle ferrovie nord milano e questo non perchè il problema mi tocchi personalmente ma perchè è giusto ficcare il naso quando vedi una cosa storta indipendentemente dal fatto che te ne venga un vantaggio o meno.oggi una mia vicina e amica mi ha riferito delle sue difficoltà dovute al fatto che le ferrovie hanno deciso da un giorno all'altro di modificare 2 e dico 2 corse in orario di punta (7,30-8.00)la tratta è quella erba -milano i treni in questione erano fino poco tempo fa locali ora fanno tutte le stazioni fino a varedo poi diretti a milano .ovviamente questo ha causato un grosso problema alle persone che scendevano alle altre stazioni infatti patrizia( la mia maica ) x 5 anni ha mandato suo figlio in una scuola a paderno dugnano ora che il figli minore vuole seguire le orme del maggiore, si trova davanti a 2 scelte la prima prevede che prenda il treno 1 ora prima la seconda che lo accompagni in macchina e questo riguarda anche altri 380 alunni su 900 che frequentano quella scuola .e io mi chiedo ma come possono le ferrovie nord optare per una politica così antieconomica perchè se solo parlando di quell'istituto sono già 380 i clienti che pagavano il biglietto mi immagino quanti sono in tutto aggiungendo le altre scuole gli impiegati ,gli operai ecc ecc che usufruivano del servizio in quell'orario ovviamente i genitori si sono già mossi ed hanno chiesto un incontro con un dirigente delle ferrovie anche se esiste un call center non era certo il caso di discutere con una sfig. impiegata che non avrebbe risolto il problema comunque .io spero che ci sia riscontro dall'altra parte ma nel frattempo ho deciso di dare comunque voce pubblica al problema perchè parlarne è importante.grazie x l'attenzione .tiziana

tiziana marraffa 16.09.07 17:52| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE, VORREI FARTI UNA DOMANDA: MA COSA SCRIVI A FARE QUESTI INTERVENTI SE TU NON DAI IL BUON ESEMPIO???? LA TUA PORCHE INQUINA...QUINDI ANCHE TU DEVI ANDARE CON LE AUTO ELETTRICHE, CON I MEZZI PUBBLICI O MEGLIO A PIEDI...ASPETTO UNA RISPOSTA. GRAZIE

FREDI LEON 03.07.07 13:08| 
 |
Rispondi al commento

IL METANO POTREBBE DARCI UNA MANO?
Lo slogan iniziale era "Il metano ti da' una mano"! In quel caso non esisteveno dubbi.Adesso disponiamo di una rete capillare che lo porta nelle nostre case. Perche' non si è neanche presa in considerazione l'ipotesi che ognuno di noi possa fare tranquillamente il pieno di metano prima di uscire la mattina di casa con grande beneficio per la nostra salute innanzitutto,per la nostra tasca in secondo luogo e per la nostra comodità evitando quegli odiosi ed inutili blocchi del traffico che tanto ci fanno girare le p...e?
Il mio non vuole essere assolutamente un invito al fai da te, ma se nessuno(Aziende municipalizzate e distribrutrici, amministratori e politici) coglierà l'occasione che ci si presenta, una volta fatti quattro conti,dato che il prezzo dei prodotti petroliferi sta andando alle stelle ognuno si arrangerà come può!

mauro cecio 17.06.07 15:12| 
 |
Rispondi al commento

C'è una brutta malattia che circola nel aria che si chiama ''PIGRIZIA''.La gente non cammina più , poche persone prendano bici!!!La gente per fare 2 passi prende la macchina o motorino.Hanno fatto statistiche ci sono più automobili in Italia che il resto di Europa!!!
Il corpo umano è una perfetta macchina quindi perchè non camminare invece di inquinare???
Voi automobilisti non vi sentite in colpa ogni volta che accendete la vostra macchina e sputate nel aria i vostri veleni.Noi pedoni sopratutto i bambini sentiamo sotto naso,anche questo è un peccato!!!

Aysegul Sarac 02.06.07 16:27| 
 |
Rispondi al commento

C'è una brutta malattia che circola nel aria che si chiama ''PIGRIZIA''.La gente non cammina più , poche persone prendano bici!!!La gente per fare 2 passi prende la macchina o motorino.Hanno fatto statistiche ci sono più automobili in Italia che il resto di Europa!!!
Il corpo umano è una perfetta macchina quindi perchè non camminare invece di inquinare???
Voi automobilisti non vi sentite in colpa ogni volta che accendete la vostra macchina e sputate nel aria i vostri veleni.Noi pedoni sopratutto i bambini sentiamo sotto naso,anche questo è un peccato!!!

Aysegul Sarac 02.06.07 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Cia Beppe e ciao a tutti, Il problema traffico! una giungla infinita!!! Con il principio sono d'accordo, ma con la realizzazione non tanto, o almeno con i metodi che usano per realizzarla. Il blocco totale la domenica mi può star bene anche perchè generalmente non uso la macchina in questo giorno...l'unico in cui non lavoro. Ma gli altri giorni della settimana diventa difficile, al lavoro ci devo andare (come tutti del resto). dicono di prendere il mezzo pubblico, sarei d'accordo se fosse comodo. Lavoro a 40 Km da casa e se usassi il mezzo pubblico dovrei prendere 2 autobus urbani e un extraurbano...conclusione dovrei alzarmi alle 4,30 per essere al lavoro alle 8 e il ritorno? non sarei a casa prima delle 17. Per ovviare ho installato l'impianto GPL all'automobile visto che con questa strategia posso girare, sono andata oggi per pagare l'assicurazione e ho avvisato della variazione di alimentazione...morale devo pagare il 5% in più. Scusate ma mi è venuta una rabbia incredibile, non è una contraddizione? Mi sono sobbarcata la spesa dell'impianto è vero per poter usare la macchina in qualunque caso, ma visto che considerano il GPL e il metano carburanti che rispettano l'ambiente, danno anche degli incentivi statali o regionali o provinciali per installarli, perchè dobbiamo essere penalizzati e vederci aumentare l'assicurazione della macchina? Il 5% non è molto è vero, ma è il principio! Ciao a tutti a presto

Chetti Borghesi Commentatore certificato 15.03.07 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno, mi sembra che si sia dimenticato,come mezzo per ridurre il traffico, il sistema del taxi collettivo che si sta sperimentando, (per la seconda volta!), proprio a Genova.
Chissà com'è che le sperimentazioni partono sempre sotto le elezioni?

boris w. Commentatore certificato 02.03.07 11:06| 
 |
Rispondi al commento

salve a tutti, un piccolo ragionamento sul blocco del traffico. ambienalisti o sedicenti tali affermano che il blocco è doveroso...poi troviamo pubblicati studi (certamente fatti da persone competenti) che, invece, affermano che l'incidenza dell'inquinamento delle auto sull'ambiente sarebbe addirittura del 5% rispetto a quello, per esempio, delle abitazioni. allora vorrei capire una cosa: se il blocco serve ai cittadini per andare a fare un giro in centro senza essere investiti dalle auto ok sono d'accordo ma se il blocco auto viene visto come la soluzione dei mali della nostra aria cominciano a venirmi dei dubbi. si è individuato un problema che è l'inquinamento ma come sempre siamo bravi a trovare delle false soluzioni...
senza dimenticare la campagna rottamazione delle auto. Tra poco, infatti, non potranno più circolare auto euro 0 e simili. Ma nessuno ha fatto i conti che ci sono nuclei famigliari che vivono con pochi soldi al mese e che saranno costrette a cambiare auto per fare contente le casa automobilistiche? se non ho soldi per arrivare alla fine del mese vuol dire che non posso permettermi di comprare un'auto nuova alla luce poi dei prezzi "modici". saluti a tutti nicola

nicola c. 28.02.07 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Mi riferisco alla giornata di blocco "totale" del traffico di ieri 25 febbraio: ma avete visto i dati dell'ARPA? 89 ug/m3 alla centralina di Milano/Juvara. Più di altri giorni feriali e più del doppio di domenica scorsa! E' pazzesco! E per di più è piovuto!!!
Provare per credere: javascript:openImg('images/graph/bigGrf_502_PM10.jpg')
Non è meglio finirla una volta per tutte con queste solite finte soluzioni?

giovanni cantone 26.02.07 10:30| 
 |
Rispondi al commento

il blocco del traffico .questo sconosciuto. voi direte come mai ? non penso che bloccare 8 ore le auto serva ,dovremmo fermare i riscaldamenti ancora a gasolio ,obbligare a depuratori per le fabbriche ,usare il GPL o il METANO per le auto . ok parole al vento tanto a verona il blocco del traffico non esiste perche non ci sono i vigili gia nei giorni normali figuriamoci nei festivi. infatti per la seconda volta anche questa ,i vigili in tutta verona erano piazzati in via mameli. a tutte le porte di entrata in citta non cera anima viva anzi vigile . quindi giravano auto diesel auto a benzina e non a gas motorini ecc . ma i peggiori erano quelli con con le biciclette .ansimare cosi rumorosamente

stefano coltri 25.02.07 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Il Tg di oggi ha riportato la notizia che 5 giovani sono rimasti uccisi in un grave incidente stradala a causa della velocità elevata. Subito dopo il Tg è andata in onda la rubrica Tg motori dove hanno reclamizzato auto che raggiungono velocità molto elevate e hanno qualificato tali prestazioni con l'espressione "guida sportiva".
Che cosa c'è di sportivo in una condotta di guida scriteriata?

paola r. Commentatore certificato 25.02.07 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Beppe basta!!!!!!!!!Cambio paese!!!Mi OBBLIGANO a non usare l auto....stò a usci pazzo....ma a fermare gli INCENERITORI non frega a nessuno...capisco in citta ma...io abito in un paesino sperduto dove ci son più RIPETITORI di segnale e CENTRALI elettriche(in mezzo tra una base nato e una dell'aviazione tra l'altro...),che auto...praticamente il mio primo e ultimo pensiero della giornata sono i pm10...ma perpiacere!!!!
Oggi,domenica 25 febbraio bevo birra,mangio fagioli e,fumando una sigaretta dietro l'altra,SCOREGG SCOREGG e SCOREGG ancora tutto il santo giorno...e lunedi,anche se solitamente la macchina non la uso,mi faccio il pieno e giuro che vi faccio recuperare tutti i vostri pm10 persi...RESET agli inceneritori..reset al blocco forzato...reset alla DITTATURA...voglio un paese libero...voglio responsabilità non restrittività...voglio un Italia civile...non civilizzata con la forza...voglio una vita in piena LIBERTà senza distruggere la libertà altrui...voglio che chi ha creato il buco dell'ozono paghi...voglio che l'ENEL mi restituisca i soldi con cui a mia insaputa ho finanziato la riattivazione della centrale nucleare in Rep Ceca...voglio utilizzare la macchina quando voglio e voglio voler utilizzarla solo quando è realmente necessaria...voglio un'auto che vada a canapa...voglio una colonia di nostri parlamentari sul sole...si...voglio che ci ILLUMININO dall'alto...voglio che lo stato si riprenda la moneta e che annulli il debito...voglio ricordare i pm 10 come un gruppo di 10 magistrati con le pae che fan piazza pulita...10 SUPER EROI che fan reset......non servirebbero più nè holliwood nè fumetti se fosse davvero cosi....
Fortuna che da solo non faccio nazione altrimenti avrei la CIA sotto il letto e gli USA invaderebbero cosa mia con soldati di pace.
Ciao Beppe...urla te che io vado a mangià fagioli và...

Alessio Farina 25.02.07 05:58| 
 |
Rispondi al commento

Aiuto Beppe!
Ho 28 anni, sono vegetariana,sportiva,astemia,non fumo,non mi drogo,non bevo bibite gassate, ... Insomma dovrei essere l'immagine della salute...
Ma purtroppo vivo a Verona (la città +inquinata d'Italia, secondo le statistiche di Legambiente), e questo vanifica tutti i miei sforzi salutisti!!!
L'aria a Verona fa schifo: i miei polmoni saranno più neri di quelli di un incallito fumatore turco 80enne!!! Basta! Sono stufa!
RIVOLGO UN APPELLO AI BEPPEGRILLINI VERONESI:
Che dite, facciamo un salto dal sindaco Zanotto e gli chiediamo la sottoscrizione dei 12 punti del
Codice Grillo? E se non accetta trattiamo, fino ad ottenere almeno la chiusura al traffico della cinta muraria?
Lavinia Scalori

Lavinia Scalori 25.02.07 01:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, io credo che il modo più radicale di cambiare la viabilità sia nel cambiare le "ragioni" per le quali ci si sposta: oggi (parlo di Milano perchè ci vivo, ma penso valga per tutte le aree urbane) convergono sulla città centinaia di migliaia di persone per lavorare.
Quante di queste persone potrebbero tranquillamente starsene a casa e lavorare col telelavoro? chi lavora in un call center, chi fa lavori d'ufficio (back office, servizi generali, programmatori, ecc ecc, le neo-madri stressate e sempre di corsa.....penso che un 40-50% di persone se ne starebbe tranquillamente a casa (per non parlare di chi deve emigrare da altre regioni...).
Mi meraviglia molto che il cosiddetto partito dei VERDI non ponga al Governo di cui fa parte un appoggio alle condizionato all'inserimento in Finanziaria di una simile proposta; per quanto riguarda le aziende, basterebbe far pagare tasse CONSIDEREVOLMENTE PIU' ALTE a chi non si converte al telelavoro.......

Grazie per l'attenzione

RAIMONDO VANNI 25.01.07 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Il problema dell’inquinamento atmosferico nelle città italiane è senz’altro uno dei problemi più impellenti da risolvere. Purtroppo non esiste la bacchetta magica di Harry Potter e i piani a lungo termine sono i più efficaci. Già le autorità Comunali, Provinciali, Regionali hanno messo in moto la macchina amministrativa ma per costruire metropolitane, corsie preferenziali x bus, piste ciclabili, ristrutturare la viabilità cittadina, convertire gli impianti di riscaldamento di tutti gli immobili pubblici e privati da gasolio a metano ci vogliono anni. Senza contare i cambi di gestione politica dei vari enti che spesso portano al fermo dei progetti.
Provvedimenti pagliativi quali blocco del traffico, targhe alterne sono solo di facciata per salvare le apparenze.
Mi chiedo ora per quale motivo non commercializzare il carburante al metanolo, di minore impatto ambientale e il biodisel con valori di polveri molto inferiori. In Brasile il metanolo e Germania, Svizzera e altri paesi Europei il biodisel è regolarmente venduto. In Italia non se ne parla, le lobbie del petrolio da noi hanno ancora più potere che non il buon senso civico.
Commercializzando questi carburanti non si ridurrebbe a zero l’inquinamento ma lo si ridurrebbe in attesa delle infrastrutture succitate. Non mi perdo a citarvi numeri e test che attestano la reale differenza fra gasolio e biodisel ma io per primo sarei disposto a pagare un poco di più il carburante se inquinasse meno. Per non parlare del metanolo, che è molto meno inquinante della benzina verde. Tutti sappiamo che il catalizzatore deve entrare in temperatura per essere efficace e che i primi cinque dieci minuti di marcia è come non averlo. Conseguentemente immettiamo nell’atmosfera tanti di quei veleni da paura, al posto del piombo hanno usato il benzene e gli aromatici altamente cancerogeni.
Dunque diamo il via al BIODISEL e al METANOLO.

RENATO B. Commentatore certificato 22.01.07 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Il problema dell’inquinamento atmosferico nelle città italiane è senz’altro uno dei problemi più impellenti da risolvere. Purtroppo non esiste la bacchetta magica di Harry Potter e i piani a lungo termine sono i più efficaci. Già le autorità Comunali, Provinciali, Regionali hanno messo in moto la macchina amministrativa ma per costruire metropolitane, corsie preferenziali x bus, piste ciclabili, ristrutturare la viabilità cittadina, convertire gli impianti di riscaldamento di tutti gli immobili pubblici e privati da gasolio a metano ci vogliono anni. Senza contare i cambi di gestione politica dei vari enti che spesso portano al fermo dei progetti.
Provvedimenti pagliativi quali blocco del traffico, targhe alterne sono solo di facciata per salvare le apparenze.
Mi chiedo ora per quale motivo non commercializzare il carburante al metanolo, di minore impatto ambientale e il biodisel con valori di polveri molto inferiori. In Brasile il metanolo e Germania, Svizzera e altri paesi Europei il biodisel è regolarmente venduto. In Italia non se ne parla, le lobbie del petrolio da noi hanno ancora più potere che non il buon senso civico.
Commercializzando questi carburanti non si ridurrebbe a zero l’inquinamento ma lo si ridurrebbe in attesa delle infrastrutture succitate. Non mi perdo a citarvi numeri e test che attestano la reale differenza fra gasolio e biodisel ma io per primo sarei disposto a pagare un poco di più il carburante se inquinasse meno. Per non parlare del metanolo, che è molto meno inquinante della benzina verde. Tutti sappiamo che il catalizzatore deve entrare in temperatura per essere efficace e che i primi cinque dieci minuti di marcia è come non averlo. Conseguentemente immettiamo nell’atmosfera tanti di quei veleni da paura, al posto del piombo hanno usato il benzene e gli aromatici altamente cancerogeni.
Dunque diamo il via al BIODISEL e al METANOLO.

Reinatus

Renato Brambilla 22.01.07 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Sara' vero che "Eolo" l'auto ad aria è volata via .... questo quanto pervenutomi via mail con "tipica catena di s.Antonio" ... la vettura che avrebbe fatto a meno della benzina è stata fatta sparire. Perché?
VIVAMO IN UN MONDO DOVE CI VOGLIONO FAR CREDERE CHE IL PETROLIO E'IMPORTANTE QUANTO L'ACQUA penso quindi che QUESTA informazione debba DAVVERO FARE IL GIRO DEL MONDO!
Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha lavorato alla Williams
per diversi anni, nel 2001 presentava al Motorshow di Bologna una macchina
rivoluzionaria: la "Eolo" (questo il nome originario dato al modello), era una vettura con
motore ad aria compressa, costruita interamente in alluminio tubolare,fibra di canapa e
resina, leggerissima ed ultraresistente.
Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di110 Km/h e
funzionare per più di 10 ore consecutive nell'uso urbano.
Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata
d'estate per l'impianto di condizionamento.
Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il
compressore presente all'interno dell'auto riempiva le bombole di aria compressa,
che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento.
Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la
manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta.
Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie lire, nel suo
allestimento più semplice.
la produzione doveva partire all'inizio del 2002 I 90 dipendenti assunti in Italia dallo stabilimento produttivo sono
attualmente in cassa integrazione senza aver mai costruito neanche un'auto.
I dirigenti di Eolo Auto Italia rimandano l'inizio della produzione a data da destinarsi, di
anno in anno.
Oggi si parla, forse della prima metà del 2006...

Fabio Baldini 17.01.07 10:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....Continua 2 di 2 post precedente...
il prolungamento della linea m3 da è una risposta concreta alla richiesta di potenziamento dei collegamenti su una direttrice la cui situazione si aggrava di giorno in giorno.

I programmi di ammodernamento della “Paullese” (doppia carreggiata, nuovi ponti), da soli, risolveranno solo temporaneamente i problemi viabilistici, in quanto tali interventi aumenteranno l’attrattività dell’arteria e porteranno ad un nuovo e inevitabile aumento del traffico che peggiorera’ la congestione della stessa.

Un progetto su cui lavorare c’è: l’estensione della linea 3 della metropolitana che prevede otto stazioni e un percorso che porterebbe da s.donato a paullo/zelo. e’ la soluzione su cui puntare per sgravare il traffico sulla paullese e contribuire a liberare milano dalle auto.
un progetto che agevolerebbe tutti, anche l’utenza piu’ lontana, proveniente da crema, cremona, che potrebbe usufruire di un punto di interscambio molto piu’ vicino, agevole e veloce.

Firmiamo e contiamoci. Facciamo vedere quanti siamo davvero a voler cambiare e rendere piu’ vivibile il nostro quotidiano.

P.S. AD OGGI SIAMO A 423 FIRME (IN 15 GIORNI). ANCORA POCHE PER SMUOVERE CHI DI DOVERE, MA TANTE SE SI CONSIDERA CHE LA PUBBLICIZZAZIONE DELLA PETIZIONE E' AVVENUTA UNICAMENTE ATTRAVERSO IL PASSAPAROLA DELLA GENTE.

Franco Valenzano Commentatore certificato 08.01.07 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ti chiedo una mano nel diffondere una petizione ( http://www.petitiononline.com/M3PAULLO/ ), di cui mi sono fatto promotore, al fine di chiedere ai vari Enti locali territoriali e al Ministero competente (dipendente Di Pietro), che siano finanziati e definitivamente avviati i lavori previsti dal progetto (già approvato) per l’estensione della linea metropolitana “M3” da s.Donato a Paullo.
La situazione in cui versa l’ex S.S. 415 “PAULLESE” è diventata insostenibile. L’alto livello di congestione del traffico su questa strada esaspera chi la percorre, in particolare nel tratto degli ultimi 10/15 km in cui si approssima a Milano. E' imponente il numeri di autoveicoli (mezzi pesanti compresi) che vi transitano. Supera 40.000 unità giornaliere (base dati 1993-2001), ma oggi sono certo sono molte di più. Si assiste ad un progressivo e quotidiano peggioramento delle condizioni di circolazione, su tale direttrice, dovuto a vari fattori tra i quali:
•Utenza in continuo aumento esponenziale a fronte della forte espansione residenziale dei territori che si affacciano su tale percorso.
•In termini di arterie stradali, nella zona in questione, non esiste alcuna valida alternativa, per cui l’ex S.S. 415 attira un volume di traffico sensibilmente maggiore rispetto alla sua reale portata.
•Mancato avvio del progetto di riqualificazione della “Paullese”, di cui si sono attuati solo pochi interventi essenziali per la sicurezza.

Una circolazione così congestionata e’ pericolosa e dannosa per l’ambiente e la salute, a causa del comprovato incremento dell’inquinamento derivato dalle lunghe code di veicoli.

Non è accettabile percorrere 10/15 km di strada impiegando un tempo vicino e anche superiore all’ora.
L’unico servizio di trasporto pubblico esistente è solo su gomma (autobus) e non gode di corsie ad esso dedicate.
....1 di 2 Continua prossimo post...

Franco Valenzano Commentatore certificato 08.01.07 12:03| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe
lo sai che qui a bergamo
vogliono migliorare l'aria nelle città...ma a cosa serve la giornata del blocco totale quando c'è gente che si fa fare il permesso per circolare oppure, per quanto riguarda i soggetti in divisa, girano in tenuta da lavoro, anche se sono fuori turno, per poter circolare liberamente?
se il blocco si chiama totale, a cosa serve vedere circolare allo stesso la gente?

Roberta Poloni 04.01.07 17:26| 
 |
Rispondi al commento

11.mandare a casa i sindaci inetti. A roma il sindaco dopo anni di carica riesce a fare solo feste!!!! mandiamolo a casa.

flavio rossi 23.12.06 21:20| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti. A Milano per risolvere il problema dei valori di P.M.volendo c'é:acquistare delle filovie al posto degli autobus a gasolio che viaggiano sulle linee lunghe (es 95, 61 ecc)e i mezzi tolti metterli sulle tratte extraurbane, così si migliora il servizio fuori Milano per i pendolari e ci saranno meno auto a Milano. Per creare energia per le linee aeree delle filovie si potrbbero installare dei pannelli solari per generare la corrente necessaria, senza far pesare ai cittadini l'energia delle filovie. Saluti a tutti

andrea quagliano 15.12.06 21:36| 
 |
Rispondi al commento

Continua e finisce...

il prolungamento della linea m3 da è una risposta concreta alla richiesta di potenziamento dei collegamenti su una direttrice la cui situazione si aggrava di giorno in giorno.

I programmi di ammodernamento della “Paullese” (doppia carreggiata, nuovi ponti), da soli, risolveranno solo temporaneamente i problemi viabilistici, in quanto tali interventi aumenteranno l’attrattività dell’arteria e porteranno ad un nuovo e inevitabile aumento del traffico che peggiorera’ la congestione della stessa.

Un progetto su cui lavorare c’è: l’estensione della linea 3 della metropolitana che prevede otto stazioni e un percorso che porterebbe da s.donato a paullo/zelo. e’ la soluzione su cui puntare per sgravare il traffico sulla paullese e contribuire a liberare milano dalle auto.
un progetto che agevolerebbe tutti, anche l’utenza piu’ lontana, proveniente da crema, cremona, che potrebbe usufruire di un punto di interscambio molto piu’ vicino, agevole e veloce.

Firmiamo e contiamoci. Facciamo vedere quanti siamo davvero a voler cambiare e rendere piu’ vivibile il nostro quotidiano.

Grazie per l'attenzione.
Franco Valenzano

Franco Valenzano 15.12.06 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ti chiedo una mano nel diffondere una petizione ( http://www.petitiononline.com/M3PAULLO/ ), di cui mi sono fatto promotore, al fine di chiedere ai vari Enti locali territoriali e al Ministero competente (dipendente Di Pietro), che siano finanziati e definitivamente avviati i lavori previsti dal progetto (già approvato) per l’estensione della linea metropolitana “M3” da s.Donato a Paullo.
La situazione in cui versa l’ex S.S. 415 “PAULLESE” è diventata insostenibile. L’alto livello di congestione del traffico su questa strada esaspera chi la percorre, in particolare nel tratto degli ultimi 10/15 km in cui si approssima a Milano. E' imponente il numeri di autoveicoli (mezzi pesanti compresi) che vi transitano. Supera 40.000 unità giornaliere (base dati 1993-2001), ma oggi sono certo sono molte di più. Si assiste ad un progressivo e quotidiano peggioramento delle condizioni di circolazione, su tale direttrice, dovuto a vari fattori tra i quali:
•Utenza in continuo aumento esponenziale a fronte della forte espansione residenziale dei territori che si affacciano su tale percorso.
•In termini di arterie stradali, nella zona in questione, non esiste alcuna valida alternativa, per cui l’ex S.S. 415 attira un volume di traffico sensibilmente maggiore rispetto alla sua reale portata.
•Mancato avvio del progetto di riqualificazione della “Paullese”, di cui si sono attuati solo pochi interventi essenziali per la sicurezza.

Una circolazione così congestionata e’ pericolosa e dannosa per l’ambiente e la salute, a causa del comprovato incremento dell’inquinamento derivato dalle lunghe code di veicoli.

Non è accettabile percorrere 10/15 km di strada impiegando un tempo vicino e anche superiore all’ora.
L’unico servizio di trasporto pubblico esistente è solo su gomma (autobus) e non gode di corsie ad esso dedicate.
....Continua next post..

Franco Valenzano 15.12.06 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
come non essere sensibili ad un tema di questa importanza, credo anche che la coerenza e l'obbiettività non debba mancare mai assieme al buon esempio (tu ne sei il primo testimone, io nel mio piccolo ho un euro 4 dal 2002), sarebbe bello risolvere tutto in un attimo con un colpo di bacchetta magica.... purtroppo ci vuole tempo, quindi prima si comincia meglio è, a partire dai nostri dipendenti, l'esempio è la mia città di Bologna.
Il tema è sempre quello, ma l'anacronismo rimane, le nostre amministrazioni si preoccupano per noi e la nostra salute limitandoci ed imponendo le più varie gabelle (es chi paga il tiket per entrare in centro a Bologna è autorizzato ad inquinare), oltre a vaste campagne di sensibilizzazione per contenere i danni all'ambiente, dimenticandosi però di dare il buon esempio, infatti la grande parte dell'inquinamento viene dai vetusti impianti di riscaldamento a gasolio delle istituzioni pubbliche (scuole ed ospedali compresi) che "stranamente" non vengono metanizzati (sarà forse perchè non sarebbe più possibile favorire qualcuno a vincere l'appalto per la fornitura........ ??).
Obblighiamo i nostri dipendenti a fare per primi ciò che chiedono di fare a noi !!!!!!
A supporto l'ennesima ricerca sul tema presentata ieri a Milano:

http://webpress.unrae...

Gianluca Bentivogli (felpa) Commentatore certificato 15.12.06 15:31| 
 |
Rispondi al commento

napoli citta impossibile con le istituzioni piu' statiche che mai, si decide il blocco di strade e piazze solo la sera prima.risultato caos totale .

massomo del gaudio 14.12.06 08:50| 
 |
Rispondi al commento

per eliminare i veleni hanno pensato bene di cominciare ad eliminare gli scooter euro zero. Perfetto! Peccato che non abbiano pensato alle persone che, come me, posseggono solo questo umile mezzo di trasporto e finanze ridotte all'osso. Visto che è tanto inquinante, allora perchè nessuno ha proposto di cambiargli semplicemente la marmitta, con una super-catalitica invece di buttarlo andando ad alimentare un'altro tipo di inquinamento? Forse perchè non è conveniente per qualche costruttore? Qualcuno mi sa dire se scientificamente, in fatto di emissioni, inquina più un'auto catalizzata o un motorino euro zero?Perchè mi sa che a questo punto mi comprerò un bel disel...alla faccia della lotta all'inquinamento! (Questa, cari amici , ovviamente è solo una battuta...)
erminio

erminio faro 12.12.06 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Roma, domenica pomeriggio, ore 17,40 cinema Uci zona Marconi. DOvrebbe iniziare un film per bambini di cui la sala è gremita. Comincia, invece, mezzora di pubblicità. Sorvolo sulle immagine violente della pubblicità di una playstation, sulle allusioni sessuali di una di caramelle. Le più numerose sono quelle delle automobili o presunte tali. Gipponi e SUv da 3000 di cilindrata, supersportive da non so quanti cavalli. I mei figli di 3 e 5 anni assistono con la bocca spalancata e mi domando come farò ad insegnargli che la macchina più è piccola meglio è, che se la usi il meno possibile forse riusciremo a tornare a respirare nelle nostre città, che esistono gli autobus e la metropolitana. E' legale questo tipo di pubblicità nei cinema?

Maurizio Careddu 07.12.06 18:07| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, ti scrivo queste righe perchè stupito di una cosa: questa finanziareia prevede per la salvaguardia dell'aria che respiriamo rottamazioni a destra e a manca e divieti sulla circolazione dappertutto.. ora, in qualità di cittadino medio vorrei consigliare al sig. ministro dell'ambiente Pecoraro Scanio un paio di cosette che si rivelerebbero utili il doppio e farebbero risparmiare altrettanto:
1) cambiare i sitemi di alimentazione dei mezzi pubbllici(taxi,autobus..)
2) abbassare i prezzi delle auto "ecologiche"(euro 4-5 e a gas.)
3) potenziare le linee ferroviarie senza dover tirare giù valli per costruire il TAV..e magari migliorare la sicurezza ferroviaria..
4) mettere incentivi su acquisti di pannelli solari e abbassare di tanto il prezzo delle lampadine a basso consumo..

ti saluto con affetto

luca

luca susanna 07.12.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento

messina,sicilia, un giorno qualsiasi..un'ora qualsiasi del giorno o della notte. Un pedone, essere raro in questa città, dove ci si sposta con l'auto anche per cento metri di tragitto, molte signore e signori col fuoristrada..un pedone, scrivevo, cammina lungo le strade, mi correggo sulle strade, non sul marciapiede, quelli sono riservati rigorosamente alle auto i cui proprietari stanno bene attenti a spingerne il muso fino al muro, per impedire il passaggio del pedone; laggiù, in fondo, il pedone scorge quattro,cinque signori, no, ci sono anche donne, in divisa, "Ausiliari del traffico" , la scritta è in bella vista sulle giacche: finalmente! Ora multeranno qualche macchina, un pò di giustizia civile, ma che fanno? circondano una macchina, ben posteggiata dentro la linea blu, estraggono i loro blocchetti, litigano per decidere chi l'abbia vista prima, sul parabrezza dell'auto compaiono alcuni foglietti, LA MULTA!!, era scaduto il tempo del parcheggio ad ore ormai da 10 minuti!Sghignazzano ora gli ausiliari messinesi, e, come avvoltoi, anche loro SULLA STRADA, come il nostro pedone=coglione, zigzagando tra macchine in doppia e terza fila delle quali non si curano, in un traffico di macchine strombazzanti e con gli stereo a tutto volume, continuano la loro ricerca attraverso i parabrezza delle auto posteggiate. Il
pedone attende inutilmente di attraversare la strada sulle strisce, ci rinuncia e rientra a casa
saltando allegramente sui cofani delle macchine posteggiate sul suo marciapiedi.

gianfranco quero 05.12.06 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Morire a terra, in mezzo al traffico, tra lo strombazzare di chi pretende che la fila scorra velocemente. Certo si preferirebbe il proprio letto, oppure, l’ombra di un albero ed il silenzio della campagna, se morire si deve.- Questa mattina mi recavo a scuola, il mio solito percorso da Napoli ad Ercolano. Il solito caos nel tentativo di fare carburante all’altezza di Capodimonte, laddove la massa degli stolti “taglia” appunto verso il distributore, per riprendere il percorso più avanti, sulla tangenziale, generando soltanto maggior disordine nelle file e ritardi. “E’ una dottoressa?”- mi apostrofa l’addetto mentre ricarica il serbatoio. Lo guardo, chiedendomi il perché della domanda. Poi dico “No. Perché?”- “Vede? C’è un uomo a terra che sta morendo, o forse è morto. Se lei fosse medico..”. Non lo sono. Più avanti, nel mezzo del brulicare d’auto provenienti da Capodimonte e dalla stazione di rifornimento, c’è, difatti, un uomo a terra, tra due auto ferme al centro strada. Noto che è ben vestito in abito scuro. I capelli bianchi, il volto paonazzo. Il samaritano di turno, (qualcuno che si è fermato a soccorrerlo c’è stato..), tenta un massaggio cardiaco più volte. Gli parla. Un altro autista dirotta il traffico. L’ambulanza non arriva e lui rischia di morire così: anonimo, senza aiuto valido, carne e sangue in mezzo al metallo, al rumore dei motori ed alle proteste degli automobilisti. Morte da uomo d’oggi. Che tristezza.

Bianca Fasano 30.11.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Sono di Milano e vorrei fare una domanda:
Dove sono finite la vespa ibrida e il suo fratello maggiore Exagon 125 ibrido?
Dove sono finiti i posteggi con gli attacchi per la ricarica dei mezzi elettrici?
C'è appena stata la Fiera della Moto a Milano e cosa ha presentato il Gruppo Piaggio?
La vespa special replica!!
L'Mp3 400 e 500 di cilindrata (che già il 125 è una bara, non oso pensare cosa succederà con 40 cv sotto il sedere).
La moto interanente elettrica già esiste e sarà in commercio in Italia da gennaio.
Ma, nonostante i 150 km di autonomia, senza i posteggi con le prese di ricarica, ci sarà un mercato nullo.
Perchè non si fa nulla?
Per esempio dotare tutte le Polizie della Regione Lombardia (Locale, provinciale, regionale...) di queste moto?
Costano, è vero, ma tanto si sono già buttati via tanti di quei soldi...
E perchè non dotare le nostre forze dell'ordine di Toyota Prius invece di quei cessi di Lancia Phedra? Che solo a loro li hanno venduti!?
Altro che RESET, qui bisogna cominciare a pensare prima di agire...
Perchè io che abito all'ultimo piano di una casa di nuovissima costruzione devo tenere il riscaldamento acceso per non più di 5 ore al giorno per non superare i 24 gradi?
Non dovrebebro essere 21 i gradi massimi?
Se il palazzo è nuovo e coimbentato da dio, perchè tenere la caldaia come se fosse una casa dei primi del 900??

Dino Fabbrini 29.11.06 18:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io propongo:
- abolizione delle competizioni automobilistiche come la formula 1;
incentivazione alla costruzione di auto elettriche;
mobilità cittadine solo con mezzi elettrici o a bassa emissione.

vincenzo tarantino 27.11.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per chi è in possesso di un tagliando da disabile, sospensione della patente di guida.

Per chi è in possesso di un tagliando da disabile, utilizzo dei mezzi pubblici gratuito e/o utilizzo dei taxi a metà prezzo (corse fatturate per esigenze di servizi sanitari deducibilità totale dalle tasse)

Postale Servizio 27.11.06 11:25| 
 |
Rispondi al commento

dal 1970 al 2005 la normativa ha imposto una riduzione delle emissioni inquinanti delle vetture del 98% (era già il 90% nel '93):
LA VOGLIAMO SMETTERE COL QUALUNQUISMO IDEOLOGIZZATO, MODAIOLO E AMBIENTLAISTA CONTRO L'AUTOMOBILE E GLI AUTOMOBILISTI !?

NON HA RAGIONE DI ESISTERE

che poi esistano modi più razionali ed efficienti (sia in senso termodinamico che in senso urbanistico) di concepire il trasporto nelle città, nessuno lo mette in dubbio !
il problema sono i politici incapaci che non lo mettono in pratica...

Federico Barboni 25.11.06 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Secondo mè bisogna incrementareanche gli autobus
a metano,e se anche gli autocarri possono andare a metano in autostrada, che la Fiat cominci a produrli se inquinano meno le auto dipo Sevrolè
gia prima di noi fanno auto che vanno anche a gas
senza aumentare i prezzi,vi sembra giusto che un'auto Italiana costi di piu di una straniera pari cilindrata, dovrebbe semmai essere il contrario,e poi i comuni ce ne sono che hanno ancora delle strutture che funzionano con riscaldamento a gasolio,auto non catalizzate tipo fiat uno loro possono circolare gli altri
cittadini no.

paolo.T 25.11.06 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, Eric Fromm aveva ipotizzato in un qualche suo libro, che sarebbe bastato un un piccolo gruppo di poche migliaia di persone a cambiare le cose, a decidere una seria svolta di tutta la società.
Bisogna cambiare.
In città non si può più vivere soffocando, solo perchè il governo deve incassare i soldi delle tasse sulla benzina.
Non si possono più continuare a costruire cose fatte per rompersi.
Mai l'uomo si è impegnato per fare male le cose: lo testimoniano i meravigliosi manufatti reperibili ovunque.
Questo fare male le cose sta portando inconsapevolmente la società, verso una perdita del gusto del bello, del fare le cose bene.
Il progresso deve liberare l'uomo dalla fatica, non renderlo schiavo.
Una volta comprato il frigorifero, per 150 anni la mia famiglia non ci deve più pensare.
Bisogna avere fiducia: facendo le cose bene l'uomo sarà anche capace di trovare strade nuove, lavori nuovi.
Basta con le logiche ammuffite, anti umane, falsamente economiche. Basta così.

Luigi De Benedictis 25.11.06 01:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
mi sta bene tutto di quanto tu proponi, il dodecalogo ecc. ma (e proprio ieri ti ho mandato una mail in proposito) parlando di inquinamento di città nel prossimo anno 2007 (almeno credo perchè è in fase di ultimazione) partirà la centrale a carbone di Civitavecchia che (oltre ai scarichi di gas automobilistici) porterà da Roma a Viterbo una dispersione di polveri sottili al mercurio ed altri metalli pesanti misti ad aumento dell'anidride carbonica che porteranno un aumento esponenziale di malattie polmonari, leucemie nonchè impossibilità di poter utilizzare i terreni cicostanti per l'agricoltura con danni all'economia del posto, inimmaginabili.
Questa è un'emergenza per la quale ti prego di intervenire al più presto Marrazzo si è "venduto" senza tanti complimenti all'Enel dando il consenso a terminare i lavori di trasformazione... Lui che voleva risollevare le sorti dell'economia della Tuscia...
Adesso ci serve un reset con i le "palle" perchè solo tu puoi trovare il modo fi fermarli!
FERMALIIIIIIIII!!!!!!!!!!!! PRESTOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!

maltese antonella 24.11.06 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Asti ,quella che si dice una ridente cittadina del Piemonte,dove lo schifo regna sovrano,la crisi delle aziende ci fà scivolare sotto i ponti (a proposito Alba dista 20km circa è stanno tutti meglio,lì il lavoro c'è e non hanno troppe balle)ma il top lo si raggiunge con l'urbanistica ,hanno chiamato un ingegnere di Milano per fare la viabilità...ve ne rendete conto?i bus troppo grossi per le strade troppo piccole dai 15 ai 25 minuti d'attesa senza pensiline così se piove o hai l'ombrello oppure....
in piu' sotto casa mia(vicinanze stazione) dopo aver tolto circa 70 posti auto per parcheggiare i bus di linea al mattino ma non solo al mattino arrivano gli autisti che li lasciano accesi circa 30 minuti e poi partono per il loro giro..30 minuti per circa 50 pulmann tutti i giorni ...e poi io devo cambiare auto parchè inquina???

maurizio dondi 24.11.06 20:09| 
 |
Rispondi al commento

io abito a busto arsizio e lavoro a 5 Km da casa mia moglie a 35 Km, da luglio ci siamo impegnati io ad andare al lavoro in bici e mia moglie in treno il risultato tra autostrada e benzina si risparmiano circa 250 euro al mese e questa è stato il vantaggio immediato e riscontrabile in modo diretto, poi facendo due conti si pensa ai 150 litri di benzina mensili che non si bruciano e possono essere messi a disposizione a chi serve, nel caso in cui finissero le riserve vorrei che un'autoambulanza facesso ancora in tempo a soccorrermi mica che mi ci rimane per strada in riserva sparata.
non nascondo che alcuni disagi si devono affrontare, PARCHEGGI PER LE BICI IN STAZIONE? PISTE CICLABILI? AUTISTI SEMPRE IN....ATI? ma santo IDDIO perchè non ci si ferma un attimo?

ciao a tutti

roberto garzeni 24.11.06 15:35| 
 |
Rispondi al commento

lasciamo perdere le mamme! lavoro nell'ortofruta di un supermercato e ne conosco tante che fanno qualche centinaio di metri in auto per venire a comperare quattro cose, magari le carote bio per il brodino del bambino, perche' ci tengono alla salute del bimbo. poi vanno anche in palestra per smaltire i chili di troppo.

emanuele penacchio 23.11.06 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Tutto quello che è ticket o tassa fa veramente incazzare ma dopo un breve periodo viene metabolizzato e non ci si fa più caso; unico risultato maggiori intriti x i comuni (probabile che interessi solo questo e non il problema salutistico). Io sono di Brescia e la mobilità è diventata vergognosa. Si parla molto in questo periodo della metropolitana in fase di costruzione. Iniziati i lavori nel giro di un paio di mesi si sono avuti 3 incidenti di percorso: una falda acquifera non calcolata, un piccolo crollo (voragine di circa 3 mt di diametro in una strada di forte passaggio) e altri (spero di no) che potrebbero capitare. Ma non dovevano esserci degli ingenieri a calcolare il percorso e i marginin di sicurezza?? Forse la spinta politica ha prevaricato i problemi tecnici?? Boh. Potrebbe sembrare tutto normale in Italia, ma il vero problema è che hanno iniziato i lavori dopo che in superfice avevano già ristretto le carreggiate!!! Quindi traffico pazzesco sopra e incognita di fine lavori sotto. Prima mi devi dare un'alternativa eccellente x entrare in città poi mi impedisci di arrivare in macchina, no?? Penso che sia la dimostrazione che si lavora con il c..o e non con il buonsenso. Quindi secondo me se il servizio è eccellente lo capiamo da soli che è meglio parcheggiare fuori città (vedi Londra) ma prima devi offrirlo questo servizio! Non si può pretendere che andiamo a piedi o prendiamo un mezzo pubblico con ritardi e attese. Servizio eccellente = città pulita

Amedeo Bonomi 21.11.06 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Tutte buone idee Beppe, sembra di sentir descrivere una città svedese, norvegese o olandese.

Belle parole e bei pensieri, e almeno un paio di milioni di persone la pensano come noi. Ma ciò non cambia nulla ai vertici, non farà certo cambiare le città. Abbiamo perso Milano (Moratti), Verona è la discarica d'Italia e Venezia segue a ruota...proproni un progetto concreto, non solo belle parole!

Federico 'Phate' Pistono 18.11.06 07:20| 
 |
Rispondi al commento

Tutte buone idee Beppe, sembra di sentir descrivere una città svedese, norvegese o olandese.

Belle parole e bei pensieri, e almeno un paio di milioni di persone la pensano come noi. Ma ciò non cambia nulla ai vertici, non farà certo cambiare le città. Abbiamo perso Milano (Moratti), Verona è la discarica d'Italia e Veneia segue a ruota...proproni un progetto concreto, non solo belle parole!

Federico 'Phate' Pistono 18.11.06 07:20| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno, è la prima volta che scrivo qui e lo faccio perchè vorrei segnalare una cosa particolarmente assurda. Vivo in provincia di torino, in una cittadina di 30.000 abitanti, più della metà lavora a torino e la maggior parte di questi si muove in macchina per raggiungere il capoluogo, ed aumenta l'inquinamento della città. Quindi cosa fanno i nostri amministratori? Vorrei saperlo...l'unico politico che faccia qualcosa è un verde, che è stato assessore ma purtroppo non è riuscito a cambiare la situazione. La soluzione a tutti i nostri problemi si chiama ferrovia, abbiamo la stazione ed il Gruppo Torinese Trasporti effettua un servizio con treni a basso impatto ambientale, purtroppo però deve attenersi agli orari imposti da FS, così i pochi treni sono sovraffollati, fanno orari che servono solo ad impiegati e studenti, ad esempio 3 corse al mattino che arrivano in centro a torino prima delle 9 e la sera l'ultimo alle 18,30! Come se non bastasse la maggior parte delle corse impiega 50 minuti per fare un tragitto di 25 minuti. Questo è il modo per incentivare la cittadinanza all'uso dei mezzi pubblici? Grazie per avermi ascoltata e scusatemi per lo sfogo. Bea

beatrice moretta 17.11.06 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungerei alla lista un'idea venuta in realtà a mio padre: SCUOLE FUORI DAL CENTRO DELLA CITTA'.
Si dirà...costoso! Ma con tutti i soldi che vengono sperperati e buttati via, sicuramente il beneficio ambientale-energetico varrà la pena. Giuro che mi auto-tasserei per realizzare un intervento del genere.

carolina magrini 14.11.06 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Beppe non credo che sia possibile dare mezzi pubblici gratuiti, già le amministrazioni ci buttano un sacco di soldi e anche autisti devono mangiare ,anche se forse potrebbere costare di meno se tutti quelli che prendono l'autobus pagassero regolarmente il bilietto; vedo spesso che soprattutto in qualche bus il controllore non passa da almeno uno o due anni e quindi pagano il biglietto solo quelli che ne hanno voglia,non dico che ogni giorno il controllore debba passare ma che almeno una volta al mese, per far vedere che ci sono controlli, e se tutti pagano l'autobus dopo si possono creare nuove linee e/o potenziare quelle esistenti.
Io putroppo sono spesso costretto a prendere l'auto per arrivare in stazione perchè le linee esistenti di autobus, non mi portano in orario in stazione oppure non ci sono autobus per tornare a casa, il problema è che la linea probabilente non c'è perchè manca la gente ce prenda l'autobus ,ma è anche vero che se ci fosse la linea la gente ci sarebbe e se in città gli autobus sono organizzati bene si potrebbe arrivare ovunque, quindi si potrebbero ridurre i parcheggi; è come un cane che si morde la coda e dato che nessuno ha interesse economico a non far girare le macchine perchè le varie amministrazioni dovrebbero rischiare di fare qualcosa di così azzardato?

sò che non piacerà a tutti quello che ho detto ma credo che possa essere un soluzione possibile se ne avete altre migliori le accetterò volentieri quini se volete dire qualcosa non limitatevi a criticare proponere anche.

Davide Garavini 14.11.06 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo,

Le misure contro l'inquinamento auto tutte balle:
da anni circolo con auto a metano nel rispetto ambientale,ed ho installato l'impianto su più di un automobile di proprietà in questi anni;ciò mi ha permesso di essere attento nel mio piccolo all'ecologia,e di risparmiare sui costi poichè ogni anno per lavoro mediamente percorro 30000 km. Ma l'istallazione di un'impianto a metano provoca una perdita di potenza dell'ordine del 20% rispetto alla benzina,quindi risulta difficile circolare con un auto di piccola potenza trasformata a metano: così all'inizio del 2006 ho comprato un'auto usata a benzina di 103 Kw e l'ho trasformata a metano usufruendo per parte dei costi di istallazione degli incentivi del ministero dell'ambiente.
Ora vorrei farti fare 2 riflessioni.
La prima: oggi a distanza di 10 mesi con un governo di centro-sinistra in teoria più attento alle tematiche ambientali leggendo la finanziaria si scopre che le macchine euro 0-1-2 pagheranno di più di bollo ancora di più quelle superiori ai 100 Kw perchè inquinanti (fin quì tutto bene): purtroppo non viene esentato da questi aumenti chi circola a metano e gpl!
In questo modo ci stanno prendendo in giro: non è una tassa contro chi inquina ma è solo una tassa che serve a fare maggiori entrate nelle casse dello stato, che ne prende già tante, e per di più vuole costringere i poveri cittadini a comperare nuove auto euro 4 (molto costose e non alla portata di tutti)favorendo i costruttori di auto soliti amici dei potenti.
La seconda: si è sempre sostenuto che il costo del metano per auto varia in base alle variazioni di prezzo della benzina,e ad oggi la benza continua a scendere e il metano continua a salire. La realtà che nella distribuzione del metano per auto non c'è concorrenza poichè monopolista è l'Eni e quindi lo stato ci frega 2 volte.
La conclusione: chi aiuta l'ambiente (come me)in questo stato governato da chi fa demagogia sempre verrà preso in giro.
E' da meditare.
Ciao

Roberto Jourdain 13.11.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono passato da poco al carsharing, usufruendo oltretutto di un bonus, avendo demolito la mia auto.
Il servizio non è male, tuttavia mi è già capitato diverse volte di trovare degli abusivi nel parcheggio riservato ai veicoli carsharing. Qualcuno si chiederà come mai ... ebbene la polizia municipale (quì a Firenze) peraltro molto zelante negli altri casi al momento non si preoccupa di far rispettare il divieto di sosta con rimozione del veicolo abusivo. (disposizioni dall'alto, mi dicono al telefono ...) Quindi, tocca lasciare la macchina dove si trova posto e comunicarlo al Call Centre e delle volte ciò comporta perdita di tempo, soldi etc. visto che si paga a Km ed il rischio di incorrere nelle penali previste nel caso di mancata riconsegna del veicolo all'ora stabilita. Ora io mi chiedo, visto che il comune di Firenze è tra i soci di Carsharing Firenze, non dovrebbe essere suo interesse far funzionare (tramite i vigili urbani) questo servizio al meglio anche per il bene della collettività visto che ogni veicolo condiviso ne toglie 10 dalle srade ??
Inoltre, mi chiedo se non ci siano gli estremi per denunciare alle forze dell'ordine gli inadempimenti della polizia municipale visti i danni che mi procurano ...

Michele Crapuzzo Commentatore in marcia al V2day 13.11.06 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Come ridurre l'inquinamento a milano?
SEMPLICE:
1)Semafori ad accensione tipo tedesco/austriaco:
rosso -> rosso e giallo -> verde (difficile?)
verde -> verde lampeggiante x5-6 -> verde e
giallo -> rossoooo
2)Onda verde che consenta di smuovere non solo la circonvallazione
3)semafori temporizzati in modo tale da evitare ingorghi in mezzo all'incrocio (e qui basta far diventare rosso il semaforo 5-10secondi prima ...magari solo dalle 8 alle 10 e dalle 18 alle 20, ore di maggior traffico insomma)
4)piu parcheggi sotteranei e a costi minori

ricordo, ai verdi... che a milano volevano fare collegamenti di alberi dal centro alla periferia.. * che un recente studio dimostra che ove gli alberi siano posti in zone inquinate essi espellono maggiormente azoto, non ossigeno

*(x cosa poi? maratona dei bruchi e dei passerotti?)


termino con una piccola parentesi...
a monza si vuole chiudere l'autodromo in quanto le macchine rumorose fanno scappare gli uccellini... ora, gli uccellini ci sono, e tra una ricerca e l'altra al bruco piu grosso trovano addirittura il tempo x prendere in giro brocchi alla guida. talvolta indossano anche cappellini fa F1...

ultimissima considerazione sulla viabilità... zona san fruttuoso, MONZA (a ridaje)
nelle ore di punta quella zona diventa un vero e proprio ingorgo allucinante... grazie a questi simpatici monzesi..

ticket per la città è una str.zata
tutta la gente che si è spostata fuori da milano per risparmiare viene inculata doppiamente
dalle ferrovie, mai in orario e stracolme di gente stile alveare..
come si fa a promuovere il trasporto pubblico?

prenda in considerazione che la velocità media dei mezzi di trasporto milanesi viaggia ad una velocità media di 13kmh, se tutto va bene e considerando che la media include anche i bus interurbani...
quindi un autobus milanese, 7kmh? 6? (>_<)

Matthias Speciani 13.11.06 01:30| 
 |
Rispondi al commento

Le mie proposte per ridurre le congestioni del traffico:
1. Ticket di ingresso per le auto nei soli centri storici, di 7 euro per ogni veicolo (serve a impedire la congestione, non l'inquinamento).
2. Eliminazione dei parcheggi riservati ai residenti (chi compra la casa non compra anche un posto-macchina).
3. Più corsie riservate ai mezzi pubblici.
4. Semafori comandati a distanza dai mezzi pubblici collettivi, in modo da non dovrsi fermare agli incroci.
5. Alle fermate dei mezzi pubblici ci deve essere un display che indica una stima precisa di quanti minuti si deve attendere per il prossimo mezzo.
6. La polizia locale dovrebbe multare tutti i veicoli in divieto di sosta, compresi quelli parcheggiati per un minutino dai genitori fuori dalle scuole.

Carlo Milanesi 12.11.06 23:50| 
 |
Rispondi al commento

C'era una volta la tassa di circolazione, per risolvere molti problemi era sufficiente sostituirla con una tassa di stazionamento (molto alta), se non hai un posto (privato) dove mettere il tuo catorcino ingombrante la paghi (molto cara) se invece prima di comprarti la vettura ti sei procurato un posto dove metterla allora non la paghi.

Via la tassa di possesso che e' una vergogna.

lui la plume 12.11.06 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Allo sproloquio che leggete sotto voglio solo aggiungere che concordo parecchio col fatto che è anche una questione di TESTA degli italiani da cambiare.
L'Italia è il paese al mondo dove forse è più valida la teoria "Il mondo è dei furbi" qui ognuno cerca il modo per fregare meglio gli altri.Ovvio, che molti di quelli che ci riescono meglio li troviamo... direttamente in Parlamento!

Se è vero che l'auto inquina, è altrettanto vero che troviamo :
1) Famiglie con 2 o più macchine (possibilmente 1 per ogni componente della famiglia, + motorino, ovvio)
2) vediamo in giro giganteschi SUV a cui manca solo il cannone poi diventano carriarmati : occupano il posto di 3 automobili normali (quando sono posteggiati bene e in barba a qualsiasi progetto urbanistico di nuovo parcheggio), conumano altrettanto, e soprattutto, spesso ospitano 1 solo (fottutissimo !) autista. massimo 2 !! ma andiamo...

ci vorrebbe una legge che vieta l'acquisto di SUV a famiglie con meno di 4 figli.

3) vivendo in un posto di villeggiatura, qui vedo gente che in macchina ci va anche a cagare. manca il pane ? si monta in macchina ! alè! come ? il panettiere è a 5 minuti di strada? machissenefrega! andiamo in macchinaaaaaa!

in +, mica è come in svizzera, dove il piano regolatore, da almeno 40 anni (sono stati previdenti)prevede che ogni nuova costruzione ha gli appositi garage.. no, qui le macchine si devono posteggiare dapertutto! che diamine! le paghiamo, vorremo farle un po vedere agli altri, no??. :D

Daniele Mattei 11.11.06 23:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aaah l'automobile

I problemi relativi all'inquinamento e alle automobili derivano principalmente da unh primo, unico problema : l'economia mondiale è ed è stata tenuita schiava del petrolio e dei suoi derivati.
Non so se ci si rende conto, ma se si fosse iniziato almeno 30 anni fa (in piena crisi petrolifera degli anni 70) ad investire e fare ricerca sulle energie alternative, quantomeno dal punto di vista dell'inquinamento ambientale, avremmo prodotto sicuramente meno danni.
Guardate l'evoluzione dell'informatica. se si fa un paragone di quanto è evoluta l'informatica e si confronta questo dato con l'evoluzione nelcampo della produzione di energia e della ricerca su fonti di energia meno inquinanti, magari basate su cose come il sole (che non credo si spegnerà tanto presto) i dati appaiono sconfortanti.

Siamo schiavi del petrolio, e dico di più schiavi di chi il petrolio lo possiede e andando avanti in questo modo, lo saremo sempre di più, fino al suo esaurimento.

in un secolo come il 900 abbiamo creato e fatto crescere a dimensioni abnormi ed incontrollate un industria come quella automobilistica : fino ad un certo punto è stata utile, ha fatto evolvere e crescere la società e l'economia, ma il mexzzo, l'automobile, si basa sempre sullo stesso principio e sulla stessa fonte d'energia.

quindi è necessario utilizzare,fare molta ricerca e rendere anche economicamente vantaggiose tutte le fonti di energia alternative.


per quel che riguarda il traffico : in Italia iol problema proviene principalmente da due cose : pessimi servizi per quanto riguarda i trasporti urbani, e pessima educazione, come già detto.

il modello londinese, già ben descritto da altri. funziona piuttosto bene. se ci aggiungiamo mezzi elettrici, ad idrogeno o comunque meno inquinanti abbiamo risultati fantastici.

mezzi di trasporto urbani meglio organizzati, con una maggiore frequenza e puntuali migliorerebbero e di molto la situazione.

Daniele Mattei 11.11.06 22:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro BEPPE ho bisogno della tua infinita saggezza popolare.

Possibile che l'inquinamento abbia reso i nostri bronchi come le grotte di Frasassi ???
Aiutatemi a capire una cosa,
ieri stavo in fila sul solito Raccordo Anulare e come tutti i Venerdì capita di fare la fila.
Ovviamente...
Ad un certo punto avanti a me una fiammante 147 jtd multi jet euro 4 di 3 mesi di vita visto la targa.

Dunque io mi dico ma se da un tubo di scappamento di una macchina del genere esce una fumata, incredibilmente nera, come direbbe Fiorello, non è che è troppo ecologica?
Possibile che sta storia dell' euro 4 sia una scusate il termine stronzata per vendere delle belle stufe a carbone????

Rimango ancora col dubbio.

La mai auto ha 250000 km e ringraziando Dio è euro 3 , non fa fumo per niente e se ne meravigliano anche alla revisione.

Ma è tossica come tutte le auto.
E il buon veltroni mi segnala ogni Giovedì che i miei 70 km per giungere al posto di lavoro me li devo fare cone i seguenti mezzi:
2 km a piedi
75 min di corriera
2 metro
1 autobus
Tutto perchè non fumacchio anche io dal tubo di scappamento

Basterebbe un pizzico di buona volontà nei carburanti e di portare l'Italia come il Brasile.

Le rivoluzioni partono sempre dalle piccole cose.

Un piccolo passo per entrare nella storia
(L.Amstrong)

Voi che dite????

vincenzo cupido 11.11.06 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mobilità...
Ma quale mobilità serve?
Perché?
Chieda ai suoi colleghi, nostri dipendenti, sindaci di Sasso Marconi, Marzabotto, Vergato, Grizzana Morandi, Gaggio Montano, Porretta e via dicendo perché si sono gettati nella folle gara di inurbare, di costipare più abitanti possibile con insipienti lottizzazioni selvagge, chieda loro il perché della cementificazione speculativa edilizia, scelte prive di ogni ragionevole e fondata motivazione.

Chieda ai suoi colleghi dipendenti che approvarono e sottoscrissero a suo tempo la realizzazione di quel non-sense che è il casello di Vado, impropriamente detto di Sasso Marconi, in località Cinque Cerri.

Gentile dipendente
Come ogni persona appena informata sull'ingegneria dei trasporti sa, per ridurre il traffico è necessario ridurre le strade, considerare le strategie urbanistiche, diminuire le esigenze di trasporto e favorire i trasporti pubblici, specie quelli ferroviari.

Proprio non capisco le motivazioni colle quali sostiene la Sua affermazione succitata.

Attendo un suo chiarimento, che permetta di capire a me ed altri cittadini.
Questa lettera e la Sua risposta scritta verranno pubblicate.


Un suo datore di potere

Cesare Zecca
Pioppe di Salvaro
Grizzana Morandi (BO)


Pubblicato su
http://it.groups.yahoo.com/group/ValleVerdeDelReno/
http://www.beppegrillo.it/2006/10/i_veleni_nelle_citt.html

Cesare Zecca 10.11.06 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Gentile dipendente Graziano Prantoni

Mi è capitata recentemente in mano una copia del Resto del Carlino (edizione bolognese) di venerdì 29 settembre u.s. in cui, nell'articolo "Collegamento Reno - Setta, si comincia a studiare", a firma di di Francesco Fabbriani, ho letto una frase attribuitaLe

"l'assessore ha poi aggiunto che la proposta di realizzazione procederà anche se lo studio dei flussi di traffico non dovesse motivare l'investimento"

L'affermazione è grave.
Ella dovrebbe amministrare il potere che Le è stato conferito per delega dai cittadini con accortezza ed occulatezza.
Accortezza perché la Sua delega è relativa alla mobilità e non alla costruzione di opere deleterie, inutili, costose e demagogiche.
Occulatezza perché in periodi di estrema scarsità di risorse, non è pensabile che un delegato dei cittadini all'amministrazione si possa permettere boutade del genere e di impegnare le scarse risorse disponibili in opere dannose per i più e utili a pochi.

In questi giorni i treni sulla ferrovia Porrettana hanno iniziato a fare di nuovo le bizze, con ritardi di 40' e oltre, soppressioni a metà percorto con trasbordo (ieri, giovedì 9 novembre, treno 11432 da Porretta a Bologna Centrale).
Voci autorevoli affermano che siano finiti i fondi per la manutenzione e le parti di ricambio.

La Valle del Reno è già sottoposta ad una metastasi cementizia e sviluppista che ne mette a repentaglio i delicati equilibri, degradandone l'ambiente e la qualità di vita per i residenti e per le generazioni future, creando interi villaggi dormitorio.

Capisce che in questa situazione, pensare di spendere centinaia di milioni di euro per un nuovo scempio ambientale che aggravi ulteriormente il malanno della valle del Reno e l'indigestione da traffico su gomma, è una scelta irresponsabile.

(continua)

Cesare Zecca 10.11.06 10:02| 
 |
Rispondi al commento

SI...... E MANTOVA E' SECONDA IN CLASSIFICA CON UN PETROLCHIMICO IN CITTA !!! CLASSIFICA PROPIO VERITIERA.....

paolo borghese 09.11.06 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Euro 0 fuorilegge!!!
Bene, ma......chi mi da i soldi per un nuovo mezzo?
Oppure è possibile applicare dei filtri al mio vecchio mezzo per renderlo a norma?
C...o sono 10 anni che ti pago il bollo e tu mi dai un calcio in c....o?
non ho l'auto, solo la moto.
Beppe, scusa la confusione ma: la reg. lombardia varerà una legge in cui metterà al bando le moto E0,poi toccherà alle E1 ecc, se questa legge passa verrà sicuramente adottata dalle altre regioni.
E' legale vietarmi di usare una mia proprietà, è legale farlo senza darmi una alternativa per mettermi in regola che non sia "comprati la moto nuova?".....io penso razionalmente (quindi non da politico) di no. Fammi sapere che poi tramite blog motociclistici faccio partire il tam tam se hai una soluzione.
grazie

Massimo Mezzano 09.11.06 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, sono d'accordo nel tassare chi inquina l'aria delle città italiane; però bisogna ricordare che è indispensabile, nel ridurre le aute entranti nelle metropoli, aumentare i mezzi pubblici. Infatti, riferendomi alla situazione milanese della metropolitana posso assicurarti che tutti coloro che la utilizzano sono sempre costretti a viaggiare in condizioni pessime; e non sto parlando solo del viaggiare pigiati come su un carro bestiame, in cui si litiga per avere un minimo di spazio in più per girarsi, ma anche per la sporcizia che si è costretti a vedere sulle metropolitane milanesi. L'ATM specifica che queste ultime vengono pulite quotidianamente, ma in tutta sincerità non sono molto propensa a crederci.Comunque, spero che il numero di vetture della metropolitana possano essere aumentate notevolmente visto che moltissimi milanesi hanno deciso di trasferirsi fuori Milano per poter respirare un po' d'aria meno inquinata.
Grazie per la sua attenzione,
Antonella

antonella rossi 07.11.06 21:48| 
 |
Rispondi al commento

13° consiglio....mezzi pubblici....venite a vedere il disservizio romano....è un ottimo esempio di come incentivare l'uso del mezzo privato!!! tutte quelle misure potrebbero andare bene se alla base ci fossero i mezzi pubblici....quelli di roma per alcune tratte non si possono chiamare così...miseri autobus degli anni 60 che passano ogni 30 minuti nelle ore di punta in una linea principale.....fate un po voi!!!

Salvatore Marra 07.11.06 10:10| 
 |
Rispondi al commento


Caro Beppe daccordissimo sulle tue proposte , ma mi domando " perchè lo stato dovrebbe disincentivare l'uso dell automibile quando con la vendita dei carburanti incassa tanti soldi di tasse ? " a questo punto è chiaro che non lo farà
mai !

CIAO

Giorgio

Giorgio Bergamaschi 06.11.06 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Perchè vedo messaggi sempre delle stesse persone e il mio non è stato inserito?
Perchè in questo blog scrivono persone maleducate, volgari e offensive?
Non siamo capaci nemmeno di discutere tra di noi senza parolacce?

Agata Solinas 06.11.06 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a Beppe o a chi leggerà questo messaggio.
Mi chiamo Fabio
Non so se serve a qualcosa, ma mando questa e-mail per dire che appoggio TUTTO al 100%.
Ma secondo me la tua (o la vostra) "battaglia" è persa in partenza: si posso proporre e varare migliaia di buone (o meno cattive) regole, ma poi TUTTI gli italiani sono uguali (compreso me e voi): cerchiamo sempre di fare i furboni!
E' la TESTA della gente che va cambiata prima di tutto! Dopo, forse, si possono anche cambiare le regole... se c'è rimasto ancora tempo!
Come fare a cambiare la gente? A questo quesito si puo' dare una risposta concreta?
Comunque grazie.... fabio

Fabio Bini 05.11.06 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, mi è rimasta impressa l'imaggine dello spazio che avremmo nelle città senza le auto,e mi è venuta un 'idea: c'è un mezzo prodotto da una ditta di brescia (www.bigaitalia.it)che ha tre ruote ed è elettrico.
Si potrebbe chiedere al mitico Di Pietro di sponsorizzare con i nostri soldi l'acquisto di questi mezzi per girare nei centri delle nostre città,togliendoli a qulche rivista assurda.
Magari si potrebbe chiedere alla ditta costruttice di farne una versione coperta per proteggere il passeggero dalla pioggia e magari passare dalla guida in piedi alla guida seduti.
L'idea originale mi era venuta pensando a "Ginger"o "Segway" ma è prodotto da una ditta americana,quindi è meglio che soldi rimangano in Italia ed allora ho visto la "BIGA'".
Che ne dici... Ciao

Quinto Grigatti 02.11.06 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Ieri ho visto il tuo spettacolo "Incantesimi 2006" e come al solito sono rimasto innamorato della tua capacità di denuncia intelligente. Sono un ragazzo di 24 anni che si è scoccaito ti essere preso in giro da chiunque vada al governo, che per fare i soldi promette anche ciò che non può dare.
Quello che però mi preme sapere e alla quale vorrei partecipare e che mi ha lasciato trasecolato, è la storia dei ricercatori tuoi amici che hanno scoperto quanto male fanno quelle particelle che ora non ricordo come si chiamano.Vorrei aiutare queste persone ad acquistare il microscopio da 1 miliardo e mezzo per poterla mettere in C.lo (scusa il linguaggio) a tutti quelli che non voglio far sapere lo schifo che c'è in giro. Fammi sapere come fare e io ci sarò.
Continua così e ti prego non mollare.
Un abbraccio
Umberto

Umberto Lasco 02.11.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Chi volesse leggere delle sconvolgenti notizie può trovarle qui:
http://www...(poichè l’inserimento di questo sito viene impedito dal Blog di Grillo per trovarlo basta cliccare sul mio nome in fondo). Grazie e buona serata a tutti. Giovanna

sorriso e dolore 01.11.06 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Nel TG1 delle ore 13.00 ho sentito un giornalista dire che per Calderoli NAPOLI E' UNA FOGNA INVASA DA TOPI DA RIPULIRE CON QUALSIASI MEZZO...Ti invito,pertanto,a denunciare con forza come hai fatto durante la notte bianca,personaggi che non meritano non solo di essere ascoltati,ma non avrebbero mai potuto sperare di occupare la scena politica nell'ignoranza totale dei valori che onorano i "VERI ITALIANI" che vivono,dignitosamente, a Napoli. Se la notizia ascoltata è vera,merita di essere contrastata con tutti i mezzi a nostra disposizione.

Maria Grazia Tagliaferro 01.11.06 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho acquistato e visto il tuo dvd "Incantesimi", e concordo con te che in questo mondo c'è qualcosa che funziona alla rovescia.
Sono un ragazzo di 30 anni, senza laurea o diploma, faccio il magazziniere come lavoro.
Allora mi chiedo il perchè, mi vengono in mente delle cose cosi strane?? Sarò pazzo! Ma le cose le vedo cosi.
-auto con sensori che limitano velocita (città- extraurbano-autostrada)
-mega parcheggi di interscambio con bus,metro,taxi con tariffe più basse,filobus, tram ecc...
-auto che funzionino senza il bisogno di rifornimento di carburante, ma che si allimentino in modo autonomo.
- energia "personale" continua per un'anno con una sola batteria da 9 volt
-confezioni di alimenti senza tutta la pubblicità come involucro, con il minore sprecco di carta o plastica che sia.
-supermercati che accettano prodotti più sani e più ecologici, controlli severi.
-ogni cosa che si produce,si consuma,si utilizza, deve essere distrutta dalla natura al 100%, nel giro di poco tempo, non nei secoli dei secoli.
-basta!! miglioni di materiali per fare la stessa cosa. solo poche cose ma fatte come si deve.
Caro Beppe, per ora finirò qui con le mie "Idee", e penso che scrivere questa e-mail, mi solleva parecchio il morale sapendo che in questo mondo non tutti la pensano come menefreghisti.
Un saluto da Pavia da Ermen
P.S. P.zza Vittoria senza gente,auto, solo erba, anatre che passeggiano in una vegetazione spontanea!

ERMEN RAGNI 01.11.06 13:03| 
 |
Rispondi al commento

sono preoccupato abito a pescantina(VR) ex terra delle pesche ora dell'abusivismo edilizio patentato cioè col benestare del comune.il magistrato ha chiuso la discarica perchè una falda è inquinata, ma il mio sindaco con grande passione ci ha detto che n esitono problemi per la popolazione........ ma l'acqua la bevo e nn sono poi così tranquillo(vedi popolazione che ha respirato la polvere torri gemelle).tutti vorrebbero riaprila per i costi di gestione dei comuni cioè per la tassa rifiuti ma se poi ci ammaliamo? qualcuno può darmi delle informazioni. marco

marco vecchietto 01.11.06 09:50| 
 |
Rispondi al commento

carissimo Beppe, raccomando un'attenta riflessione sul punto 8 del dodecalogo per il nostro dipendente sindaco (8.Tempo di attesa al semaforo per le macchine doppio rispetto ai pedoni).
non so a Genova, ma a Roma, dove le temporizzazioni dei semafori son studiate per aumentare l'importazione di petrolio e l'incidenza delle bronchiti e del cancro, una simile raccomandazione farebbe ancora più danni.
inoltre, sai di sicuro che un ticket sull'ingresso è solo un pizzo sull'inquinamento, inefficace per la prevenzione.
bisogna invece pretendere temporizzazioni semaforiche brevi, che facilitino il flusso del traffico nei giorni di lavoro, impedire o almeno limitare il traffico commerciale a petrolio, che è poi quello che inquina di più, alienare tutti i mezzi pubblici a petrolio, sostituendoli con quelli elettrici, e fermare totalmente la circolazione urbana a petrolio nei giorni festivi.
assolutamente ringraziando per il superbo lavoro che fai con questo blog e con gli spettacoli, ti saluto, Filippo.

filippo g. urbon 01.11.06 01:20| 
 |
Rispondi al commento

ma no ..... clicca sotto il mio nome e ti viene duro anche senza viagra .....

e vedi la vita sotto un altro punto di vista...e mandi a quel paese la politica ...ma col pisello dritto

Franco Tranni 31.10.06 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto questo blog solo adesso e mi scappa un commento: non vedo come i mezzi pubblici possano essere gratuiti e soprattutto non ne vedo neppure la necessita'.

Io vivo a Londra, e qui i trasporti sono piuttosto carucci, ma sono efficienti ed e' questo che ti fa scegliere il bus rispetto alla macchina! E sono di Genova anch'io!

Riguardo al biglietto di entrata menzionato nel blog, posso dire che qui il C. Charge senza fare miracoli pero' funziona da un punto di vista. Chi vuole passare per il centro in macchina durante le ore di punta in settimana deve pagare £8. Il risultato e' che un po' di gente in meno va in centro, ma soprattutto i soldi raccolti sono stati re-investiti in bus ecologici. Non mi sembra una cattiva idea...

Claudia Menichetti 31.10.06 21:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro beppe e' molto che seguo il tuo blog e dopo tutte le manovre manovrine manovracce chi paga siamo sempre noi cittadini comuni (forse per questo). mi domando e chiedo come mai nessuna finaziaria e' mai andata a tassare maggiomente i guadagni delle banche?

giuliano chiusi 31.10.06 21:36| 
 |
Rispondi al commento

A proposito del punto 10: Mezzi pubblici gratuiti
Credo che ogni lavoratore dovrebbe pagare una minitassa per finanziare gli autobus in citta' e tutta la famiglia dovrebbe godere della possibilita' di viaggi illimitati con i mezzi pubblici. Se la gente potesse disporre degli autobus o metropolitane in modo illimitato, e se questi offrissero delle corse con una dignitosa periodicita', credo che molti sarebbero disposti ad abbandonare la propria auto. Solo allora avrebbe un senso far pagare il parcheggio nelle strade pubbliche.
L'amministrazione di Palermo e' la vergognosa dimostrazione di come si possa fare esattamente l'opposto; l'auto e' attualmente l'unico mezzo realistico per spostarsi nella mia citta' e le "zone blu" ormai si estendono molto al di fuori del centro storio. I mie concittadini pagano ogni anno oltre 30 milioni di euro per parcheggiare sulle strade pubbliche, perche' non dispongono di servizi alternativi validi.

Salvatore Di Gioia 31.10.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Scrivo da Erba, ridente e ricco paesotto brianzolo, per attraversarlo da un capo all’altro, non occorrono più di dieci minuti a piedi e nelle ore di punta, poco più di 20 in macchina.
E le ore di punta, guarda caso coincidono proprio con le ore in cui tutti devono muoversi, guarda caso, le scuole hanno orari coincidenti con le attività, e guarda caso, non si può né non andare a scuola, né non recarsi sul posto di lavoro.
Spesso, io che sono fortunato e posso iniziare a lavorare con una certa flessibilità di orario, accompagno i miei figli a scuola a piedi o in bicicletta.
A parte l’aria puzzolente che ci tocca respirare a quell’ora, l’ora di punta, è estremamente rischioso muoversi, gente frenetica e impaziente che naviga su transatlantici a 4 ruote motrici,…unico obbiettivo,… il parcheggio della scuola, e poi….il posto di lavoro o il bar per la colazione.
E poco importa se in strada circola anche “il nostro futuro”, …. l’importante è parcheggiare dove capita per scaricare la prole firmata, pavoneggiarsi qualche istante e ripartire masticando gomme e asfalto.
Non sono un fanatico, anarchico, ottuso ambientalista sempre pronto a lamentarsi delle macchine degli altri (ma solo quelle più grosse delle mie), della maleducazione degli altri, dell’arroganza degli altri,...degli altri...
Ma una cosa concedetemela, muoversi a quell’ora è difficoltoso, estremamente difficoltoso, ci vuole più tempo in vettura che a piedi o a cavallo di velocipedi e, onestamente, trovo più vantaggioso, economico, piacevole fare due passi.
Sicuramente la maggior parte delle persone che transitano durante il giorno, non godono dei vantaggi offerti dalla libertà di orario e dalla vicinanza al posto di lavoro e, la non sempre ottimale condizione del trasporto pubblico, non aiuta chi vorrebbe esser più “ecologico”.
Pur tuttavia credo che una certa maleducazione di fondo, legata ad una pigrizia abitudinaria,...Continua su http://www.energianaturale.it/admin/articoli.asp?sart=268&art=23

Simone Pozzoli 31.10.06 15:06| 
 |
Rispondi al commento

prima volevano mettere la tassa sui suv ora vogliono aumentare il bollo a chi supera i 100 kw
io ho un auto a metano che supera i 100 kw
conclusione non è vero che viene premiato chi inquina meno
grazie

alberto marchina 31.10.06 14:52| 
 |
Rispondi al commento

andate a vedere sto sito di gay .

w
w
w
.
w
a
r
2
.
c
h

Peppe risi 31.10.06 14:12| 
 |
Rispondi al commento

venite a trovarmi nel sito mio ,importante questione di vita o morte.

w
w
w
.
w
a
r
2
.
c
h

Mike Florio 31.10.06 03:44| 
 |
Rispondi al commento

venite a trovarmi nel sito mio ,importante questione di vita o morte.

w
w
w
.
w
a
r
2
.
c
h

Mike Florio 31.10.06 03:43| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro dalle parti della Malpensa e qui i mezzi pubblici lasciano a desiderare. Avevo quindi un'auto che si è rotta. Ora vado al lavoro in bici, ma non ci sono piste ciclabili utili e l'inverno è alle porte. Mi trovo costretto a fare un nuovo acquisto. Vorrei un mezzo ecologico. Ho visto che Honda e Toyota fanno auto ibride (elettriche+benzina), ma costano sopra i ventimila euro. Avete qualche consiglio?
Vi saluto con affetto.

luca bianchi 30.10.06 22:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

per salvare le città non bastano le piste ciclabili.

Servono le Vie Verdi, cioè percorsi pedonali per tutti, per chi cammina e per chi ha difficoltà a muoversi. Le Vie Verdi sono aperte anche anche alle bici, in quanto "umani con due ruote".

Abbiamo un progetto che si potrebbe fare da subito, a Milano. Il consiglio di zona 5 lo ha approvato all'unanimità (incredibile? forse, ma tutti camminiamo).

Il problema è riuscire a dare la spallata iniziale, per farlo partire.
Come puoi ben immaginare, il Comune ha in mente ben altro.
Non mi dilungo ma se ti interessa posso inviarti la descrizione.

Ciao e non esaurirti, ché ancora non sono in commercio i "caricagrilli".

Massimo

Massimo Mulinacci 30.10.06 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Si possono leggere delle notizie interessanti in un sito la cui pubblicazione qui viene impedita. Se volete informarvi cliccate su “sorriso e dolore” . Grazie e buona serata a tutti.

sorriso e dolore 30.10.06 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Scena 2
I vigili sono a regolare il traffico (i semafori funzionano) ma fermano il flusso delle macchine non due metri indietro lasciando libere le strisce pedonali ma proprio sulle strisce pedonali obbligando i malcapitati pedoni a finire in mezzo a Corso Magenta fra le rotaie e le auto urlanti.
Scena 3
Le moto fermate vengono fatte posteggiare sul marciapiede in Corso Magenta ostruendo il già esiguo passaggio ai pedoni.
Esilarante.
Per velocizzare il traffico lo tolgono da dove non c’è per aumentare il disagio in altro posto. Già ma di chi il disagio?
Dei pedoni, dei ciclisti, non certo quello degli automobilisti che indisturbati continuano a fermarsi sulle strisce pedonali con il beneplacito dei vigili urbani.
In attesa del verbale del zelante vigile matr.292 e grazie all’intervento di altro vigile che invita il collega a mostrami la sua tessera in quanto il suddetto si rifiutava mi rendo conto delll’assurdità della situazione. Faccio notare ai vigili che le vetture ostacolano il passaggio dei pedoni ma niente.
E non sono tanto i vigili a preoccuparmi quanto i superiori che hanno dato loro queste disposizioni per aiutare le auto e non i pedoni o i ciclisti e questo deve far riflettere.
A proposito, la multa. 35.00 Euro.
Fantastico.
Rimango solidale con i Vigili Urbani che quotidianamente vivono in trincea una situazione di disagio in mezzo ad un traffico difficilmente controllabile per incapacità dei guidatori e per scelte politiche dei nostri sindaci che invece di facilitare l’uso di mezzi alternativi e disincentivare l’uso del veicolo a motore privato continua nella mancanza di impegni seri contro l’inquinamento e la devastazione automobilistica.
Auguro una buona pedalata a tutti.
Roberto P. Fava
Imprenditore, pilota di auto dal 1974 e assolutamente contento e convinto di non usare l’auto per scelta e non per obbligo.

Roberto Fava 30.10.06 16:34| 
 |
Rispondi al commento

La mia prima multa. Hai voluto la bicicletta? Pedala!

Ho dovuto aspettare 54 anni di cui oltre 30 vissuti pericolosamente in bicicletta per le strade di Milano, per beccarmi la mia prima multa in bicicletta.
Ma è accaduto il 26 ottobre 2006 in via B.Luini alle 18.45. Per chi non è pratico la succitata via è un budello nella vecchia Milano dove due file ininterrotte di vetture sbucano nel’ affollatissimo Corso Magenta. Il rimanere fermo in mezzo alle auto, in quanto non ci passa nemmeno una bicicletta, in attesa non tanto del semaforo verde quanto del poter passare per via del continuo bloccarsi dei tram, bus, auto in mezzo (nessuno recede, mantenere la posizione è il diktat), e respirare quella puzza di scarico non è piacevole e visto che neppure i pedoni si avventurano in quel tratto preferendo la parallela via Brisa chiusa al traffico sono salito sul marciapiede che ho percorso per un buon 50 metri per poi tentare di scendere, ma c’era un’auto sulle strisce pedonali.
Ed ecco che un personaggio, poi identificato, mi intima di scendere dal marciapiede. Aspetto un attimo in quanto con un veicolo fermo di fianco non posso, alchè finalmente sbuca una paletta impugnata dal solerte vigile urbano in borghese. Dietro insistenza del personaggio chiedo di identificarsi e sbuca una tessera malconcia che non ho nemmeno il tempo di vedere. A questo punto mi invita a risalire sul marciapiede per posteggiare la bici e mostrare i documenti. Allibito chiedo, divertito più che impaurito, che cosa volesse: contravvenzione!!!
Scena 1
Il bivio pullula di vigili urbani in divisa e altri in borghese che nascondono la paletta fino all’ultimo momento bloccando tutti i motorini, moto che passano sul marciapiede. Diritti diversi? No giustamente i veicoli a motore devono stare in strada, ma è il metodo che non capisco.
Scena 2
I vigili sono a regolare il traffico (i semafori funzionano) ma fermano il flusso delle macchine non due metri indietro lasciando libere le strisce pedonali m

Roberto Fava 30.10.06 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Sono una consulente informatica a Roma, quindi sto qualche mese presso un cliente, qualche altro mese presso altri clienti. Roma è grande e molte zone, rispetto a dove abito, non sono facilmente raggiungibili coi mezzi, quindi sono costretta ad avere la macchina. Ma vi assicuro che quando devo andare in zone raggiungibili utilizzo i mezzi. Perchè il comune non potenzia il numero degli autobus, visto che gli scavi per le metropolitane vengono sempre bloccati a causa di ritrovamenti di antichità? mancano i soldi? ma se potenziano il servizio alla fine riceveranno introiti dall'aumento di biglietti e abbonamenti venduti... Si tratta solo di pazientare qualche mese per ottenere la fiducia delle persone! Aumentate il numero dei mezzi e migliorate i collegamenti di varie zone di Roma!

Caterina Cadamuro 30.10.06 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Io lavoro a 40 km da casa e mi sposto ogni giorno in macchina. Vorrei prendere i mezzi pubblici e sarei disposta anche a svegliarmi prima la mattina per arrivare alla stessa ora di adesso...ok. posso fare dei sacrifici ma facciamoli un pò tutti!Non è possibile che mi costi la stessa cifra al mese fare un abbonamento integrato(treno bus e tram urbano)o andare in macchina. Come può una persona convincersi a fare un sacrificio quando non ha nessun rendiconto? Secondo me i servizi pubblici, oltre a non essere affatto comodi, sono ancora troppo costosi. Allo stato non gliene frega niente dell'inquinamento, di quello che respiriamo per le strade, delle spese ospedaliere per le malattie respiratorie che questo sistema ci causa, NIENTE, altrimenti farebbe qualcosa. Prima di tutto farebbe in modo di favorire veramente il trasporto pubblico. Per tutto il resto poi!....
Caro Elio, quì sotto, pure io ho visto report ieri sera e mi è presa l'angoscia. E pensare che un nuovo sistema potrebbe esistere veramente e creare nuovi posti di lavoro e far guadagnare (magari) persone diverse da quelle che guadagnano pacchi di soldi adesso. Comunque, sai come ci chiamano scherzosamente in Germania? Terzo mondo, ed è facile ora capire perchè!

Elena Porciatti 30.10.06 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, come sai si è parlato di energia e ambiente nella puntata di ieri sera di Report. ho alcune domande: 1. perché Rubbia è stato costretto a emigrare in Spagna dove il suo progetto di centrale elettrica solare ("Archimede") è stato finanziato e implementato mentre qui in Italia non è riuscito a svilupparlo? forse perché l'Enel non aveva interesse sufficiente? l'Enea nemmeno? Lo Stato non dovrebbe incentivare progetti che portano risparmio di idrocarburi ed emissioni? 2. perché qui in Italia non ci sono le case a risparmio energetico come in Germania? la tecnologia è molto semplice.. basta vedere in Germania. Avrei molte altre domande ma mi fermo qui. Forse qualcuno che ne sa più di me potrà rispondermi.

Elio Adriano 30.10.06 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ti leggo e ti seguo quasi ogni giorno, le tue spesso sono proposte costruttive ma altre volte rasentano l'UTOPIA come queste (il punto 8 poi...).
A Milano di piste ciclabili si parla da anni e ne sono state costruite (ancora poche purtroppo).
Esistono anche deI park/bici vicino alle metrò e ferrovie ma sono INUTILIZZATE!!!
In Italia bisogna prima regalare senso civico alla gente prima di parlare di piste ciclabili e mezzi alternativi alla macchina.
Comunque sono ottimista, ci vorrà del tempo ma se si lavora bene tra 10 anni Milano sarà più vivibile.
Ciao a tutti

Chiara Fiore 30.10.06 10:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RESET - Licenzio il mio dipendente comunale Lippiello!
Da sua dichiarazione:
«Continuerò a lavorare come ho fatto in questi mesi. ...cerco un percorso concreto per arrivare al risultato più alto possibile. ... L'impianto di preselezione, solo e solamente ove fosse necessario per arrivare alla chiusura della discarica, dovrebbe essere tecnologicamente molto avanzato e pensato nell'ambito di un piano alla cui gestione possa partecipare attivamente l'amministrazione....». (Filippo Lippiello da Il Messaggero 22.10.2006 http://www.ilmessaggero.it)
Caro Beppe,
Il dodecalogo per il dipendente sindaco credo si potrebbe applicare limitatamente alle città dell'Emilia Romagna e forse Toscana, dove ho notato che il livello di vivibilità civile è decisamente superiore rispetto alla città in cui vivo. Purtroppo a Guidonia Montecelio abbiamo problemi ambientali ben più gravi.
Per cui devo confessare che a confronto anche il traffico diventa una questione marginale, anche se chi della zona è pendolare verso Roma, per lavoro o studio, sa cosa significa e quanto costa attraversare il buco nero della Tiburtina (Settecamini 1Km fuori GRA – Metro B Rebibbia 3 KM dentro GRA, in tutto poco più di 4 Km indecenti), grazie alla "cura del Ferro ... vecchio" di Walter.
Da noi ci si ammala perché abbiamo nell’ordine:
Discarica dell' Inviolata (Cerroni, lo stesso di Malagrotta), Cementerie,
Cave Travertino, Autostrada,
Bombe ecologiche come la “Chimeco”,
in ultimo viene il “normale” traffico con stress e smog.
Il mio dipendente comunale avrebbe dovuto garantire, non il risultato più alto possibile,
ma dare una vivibilità sociale/ambientale DIGNITOSA alla nostra città:
• Chiusura della DISCARICA
• Apertura dell'Area Protetta alla pubblica fruizione (Parco dell'Inviolata)
• Rigetto di qualsiasi ipotesi di costruzione di Impianti ad impatto ambientale
Guidonia è una delle prime città in cui da anni governa l'unico partito Monocolore Grigio: DsMargherita(exPopolari)ForzaItaliaAn.

Raffaele Galano 29.10.06 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Onorevole Pietro Folena, le scrivo in qualità di insegnante. Ho trovato il suo impegno contro la lotta al precariato con particolare riferimento alla difesa delle graduatorie permanenti molto proficuo è degno di notevole ammirazione dai parte di tutti i precari della scuola. A questo punto lei è rimasta l'ultima persona a cui affidare le nostre ultime speranze. Abbiamo saputo della poca propensione da parte dell'On. Bastico ad accogliere l'emendamento da lei presentato a nostra difesa. Crediamo in lei.
Cordiali Saluti

carlo appappoie 29.10.06 19:37| 
 |
Rispondi al commento

DISDETTA IL CANONE RAI.
Si può, senza il rischio di avere fastidi, senza che ti giunga la cartella esattoriale e senza dover avere paura dei controlli o di dire il falso.
-----
Per disdettare il canone rai, con efficacia immediata per cui puoi cessare immediatamente il pagamento, vai su:
www.mabonline.org/canonerai.php
-----
Il canone rai viene pagato solo dal 20% delle famiglie italiane, una minoranza che a causa della sua paura, della ignoranza e della abitudine a pagare fa si che questo balzello rimanga ancora in piedi: approfitta dell'imminente fine dell'anno ed entro il 31-12-2006 provvedi a fare la DISDETTA del canone rai e cessa immediatamente il pagamento.
-----
Cessa il pagamento che finanzia il sottobosco clientelare politico delle corporazioni sindacal-ministerial-partitiche.
Disdetta il canone rai, riprenditi la tua libertà.
Disdetta il canone rai, ristabilisci la legalità e lo stato di diritto.
Disdetta il canone rai, afferma la Tua dignità.
-----
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php
RIAFFERMA LA TUA DIGNITA: DISDETTA IL CANONE RAI
VAI SU www.mabonline.org/canonerai.php

Antonio De Franco 29.10.06 10:50| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM SUL BLOG.

CON LA PRESENTE CHIEDO FORMALMENTE A BEPPE E ALLA REDAZIONE L'APERTURA DI UN DIBATTITO PER POTER ORGANIZZARE TECNOLOGIE E REGOLE FINALIZZATE ALLA CREAZIONE DI UN NUOVO BLOG-FORUM CHE CONSENTA MAGGIORI POSSIBILITA' ESPRESSIVE, STATISTICHE E DI RAPPRESENTANZA A TUTTI GLI ISCRITTI.

CHIUNQUE CONDIVIDA QUESTA RICHIESTA PUO' COPIARE E INCOLLARE IL PRESENTE POST AGGIUNGENDO IL PROPRIO NOME E COGNOME. (Mi permetto di riportare le persone che si sono espresse positivamente)

FIRME
Vincenzo Amato
Mauro Tavalazzi
Francesco Basile
Fabrizio Ferlito
Marco Marra
Gabriel Reyla
Raffaele Quinto
Luigi Augello
Raffaele De Vita
Roberto Ionni
ivo serentha
Angelo Papa
Anna Quercia

Comitato Referendum Commentatore in marcia al V2day 29.10.06 08:11| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM SUL BLOG.

CON LA PRESENTE CHIEDO FORMALMENTE A BEPPE E ALLA REDAZIONE L'APERTURA DI UN DIBATTITO PER POTER ORGANIZZARE TECNOLOGIE E REGOLE FINALIZZATE ALLA CREAZIONE DI UN NUOVO BLOG-FORUM CHE CONSENTA MAGGIORI POSSIBILITA' ESPRESSIVE, STATISTICHE E DI RAPPRESENTANZA A TUTTI GLI ISCRITTI.

CHIUNQUE CONDIVIDA QUESTA RICHIESTA PUO' COPIARE E INCOLLARE IL PRESENTE POST AGGIUNGENDO IL PROPRIO NOME E COGNOME. (Mi permetto di riportare le persone che si sono espresse positivamente)

FIRME
Vincenzo Amato
Mauro Tavalazzi
Francesco Basile
Fabrizio Ferlito
Marco Marra
Gabriel Reyla
Raffaele Quinto
Luigi Augello
Raffaele De Vita
Roberto Ionni
ivo serentha
Angelo Papa

Comitato Referendum Commentatore in marcia al V2day 29.10.06 06:48| 
 |
Rispondi al commento

ciao,
mi spiace ma non ci siamo. Per niente. Non so se respirare smog fa diventare esperti in materia di traffico, ma mi pare più plausibile che renda isterici. Niente contro le 2 povere mamme, loro vorrebbero semplicemente allontanare le auto dai poveri pargoli ora, il più lontano possibile e con ogni mezzo. Mi stupisce non ci sia un punto "13. obbligare gli automobilisti a collegarsi 2 elettrodi ai c...oni in modo da prendere la scossa a ogni avviamento" Questo sì che sarebbe un bel deterrente! Come mai non ci hanno pensato? Bella e agghiacciante la 12. Dopo tutta la fatica e i soldi per fare i parcheggi che finalmente hanno migliorato la situazione! (a Torino, almeno). Complimenti.
Chi va all'estero, con gli occhi aperti, osserva che:
1. a Londra gli italiani prendono la metropolitana e i mezzi pubblici
2. a Parigi gli italiani prendono la metropolitana e i mezzi pubblici
3. lo stesso ad Amburgo
4. lo stesso a Monaco di Baviera
5. lo stesso a Lione
potrei continuare per ogni città un pò grande che ho visitato. Come mai? Perché nelle città fatte bene le metropolitane CI SONO.
BASTA dipingere gli italiani come degli SCEMI patologicamente attaccati al volante!
Non ci sono alternative, porca vacca! Il trasporto pubblico è inefficiente e la gente fa come può!!!
Parigi ha più di 20 linee di metrò, Lione (che è grande come Torino) ne ha 5, tante come Milano e Roma messe insieme.
A Torino, ora che da sei mesi c'è la metropolitana sotto corso Francia, questo corso in superficie si è decongestionato, scorre benissimo e si sono liberati parecchi parcheggi in zona.
Di conseguenza il mio dodecalogo si riduce a:
1. pretendiamo un trasporto pubblico efficiente, con linee di metropolitana, come in tutto il resto d'Europa.
La metropolitana di Londra ha compiuto 100 anni l'anno scorso. Questo da un'idea del nostro ritardo. Ma se corriamo dietro a soluzioni naif e visioni da LSD non lo recupereremo mai.

Stefano Bechis 28.10.06 21:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non credo che rendere la vita impossibile agli automobilisti, serva per migliorare la situazione:
pagare un ticket significherebbe permettere a chi se lo può permettere di continuare ad inquinare, diventerebbe un inquinamento "di classe", chipaga inquina come tutti mentre circola; questo è solo un buon motivo per rimpinguare le casse dei comuni.
Nella lista di provvedimenti ce ne sono di buoni e meno buoni: i servizi pubblici gratuiti sarebbero la vera svolta, ma sopratutto dovrebbero essere veramente efficienti, cosa che non sono(abbiamo la media oraria di bus più lente d'Europa, 8-10 km/h), è ovvio che non si potrà girare con mezzi che vanno più lenti dell'uomo a piedi e che passano quando vogliono! Raddoppiare i tempi d'attesa al semaforo, sarebbe un'inutile battaglia psicologia volta allo sfiancamento dell'automobilista;non si deve pensare che tutti quelli che girano in auto lo facciano per diletto, molti ne hanno necessità per lavoro. Ma perchè invece di dover tirar fuori questi stratagemmi non ammettiamo che l'unico modo per combattere l'inquinamento è fare in modo che arrivino sul mercato le benedette auto ecologiche?!!!!! E' questa la svolta, Il resto è solo un'inutile complicazione.

Lorenzo Andraghetti 28.10.06 19:49| 
 |
Rispondi al commento

CON LA PRESENTE CHIEDO FORMALMENTE A BEPPE ED ALLA REDAZIONE L'APERTURA DI UN FORUM SUL QUALE ORGANIZZARE LE TECNOLOGIE E LE REGOLE PER LA CREAZIONE DI UN NUOVO BLOG-FORUM CHE CONSENTA MAGGIORI POSSIBILITA' ESPRESSIVE E STATISTICHE A TUTTI GLI ISCRITTI.
CHIUNQUE CONDIVIDA TALE RICHIESTA PUO' COPIARE IL PRESENTE POST AGGIUNGENDO IL PROPRIO NOME E COGNOME.
FIRME: TAVALAZZI MAURO

Gentile Beppe Grillo, TI CHIEDO di NON PRENDERCI IN GIRO!!!!Tanta gente è stanca di vedere l'incoscienza politica e di subirla. Tu hai avuto il coraggio di parlarne e di denunciarne gli scandali grandi e piccoli. Ci hai impedito di dormire alla notte sbattendoci in faccia le realtà. hai dato voce a tecnici, a persone che per loro natura sono l'antipodo della politica. persone che non hanno tempo di fare una campagna elettorale, persone che disdegnerebbero di spendere milioni di € per essesre eletti, ma li impegnerebbero in ricerca, nel sociale o altro di molto più importante delle campagne elettorali. Ok, cè li hai presentati, (vedi: Interviste) ma ora devi avviare le Primarie sul tuo Blog!! E' INUTILE ed E'DANNOSO TERGIVERSARE, devi avere il coraggio delle tue azioni fino in fondo!!! hai intrapreso una strada senza ritorno, hai mosso l'anima di centinaia di migliaia di persone ed ora NON PUOI ESSERE EVASIVO!!! oltre ai temi che hai proposto alla voce "primarie dei cittadini" (cè ne sono naturalmente tanti altri) devi convincere i personaggi importanti nelle specifiche discipline a scendere in campo E DEVI FARCELE VOTARE, QUI, NEL TUO SITO!! per ogni Ministero i personaggi più indicati, anche più di uno e noi li voteremo! poi li eleggeremo appena possibile!! TI PREGO FAI QUALCOSA DI CONCRETO. DACCI LA POSSIBILITA' DI DARE VITA AD UN VERO GOVERNO ITALIANO, VOLUTO DAGLI ITALIANI!! PRONTO A RIVOLUZIONARE L'ITALIA. APRI UNA SEZIONE DEL SITO DEDICATO AL NOSTRO VOTO AI CANDIDATI. ASPETTO CON SPERANZA.

Mauro Tavalazzi 28.10.06 18:08| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM SUL BLOG.
CON LA PRESENTE CHIEDO FORMALMENTE A BEPPE ED ALLA REDAZIONE L'APERTURA DI UN FORUM SUL QUALE ORGANIZZARE LE TECNOLOGIE E LE REGOLE PER LA CREAZIONE DI UN NUOVO BLOG-FORUM CHE CONSENTA MAGGIORI POSSIBILITA' ESPRESSIVE E STATISTICHE A TUTTI GLI ISCRITTI.

CHIUNQUE CONDIVIDA TALE RICHIESTA PUO' COPIARE IL PRESENTE POST AGGIUNGENDO IL PROPRIO NOME E COGNOME.
FIRME
Vincenzo Amato

Vincenzo Amato Commentatore in marcia al V2day 28.10.06 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Beppe Grillo, TI CHIEDO di NON PRENDERCI IN GIRO!!!!
Tanta gente è stanca di vedere l'incoscienza politica e di subirla. Tu hai avuto il coraggio di parlarne e di denunciarne gli scandali grandi e piccoli. Ci hai impedito di dormire alla notte sbattendoci in faccia le realtà. hai dato voce a tecnici, a persone che per loro natura sono l'antipodo della politica. persone che non hanno tempo di fare una campagna elettorale, persone che disdegnerebbero di spendere milioni di € per essesre eletti, ma li impegnerebbero in ricerca, nel sociale o altro di molto più importante delle campagne elettorali. Ok, cè li hai presentati, (vedi: Interviste) ma ora devi avviare le Primarie sul tuo Blog!! E' INUTILE ed E'DANNOSO TERGIVERSARE, devi avere il coraggio delle tue azioni fino in fondo!!! hai intrapreso una strada senza ritorno, hai mosso l'anima di centinaia di migliaia di persone ed ora NON PUOI ESSERE EVASIVO!!! oltre ai temi che hai proposto alla voce "primarie dei cittadini" (cè ne sono naturalmente tanti altri) devi convincere i personaggi importanti nelle specifiche discipline a scendere in campo E DEVI FARCELE VOTARE, QUI, NEL TUO SITO!! per ogni Ministero i personaggi più indicati, anche più di uno e noi li voteremo! poi li eleggeremo appena possibile!! TI PREGO FAI QUALCOSA DI CONCRETO. DACCI LA POSSIBILITA' DI DARE VITA AD UN VERO GOVERNO ITALIANO, VOLUTO DAGLI ITALIANI!! PRONTO A RIVOLUZIONARE L'ITALIA. APRI UNA SEZIONE DEL SITO DEDICATO AL NOSTRO VOTO AI CANDIDATI. ASPETTO CON SPERANZA.

IN OLTRE considererei l'idea di

"VINCENZO AMATO del 26.10.06 alle ore 00:50 su RESET"

verificala è una ottima strada per mettere ordine al Blog.

TI PREGO DACCI UN SEGNO DI CONCRETEZZA!!!!!!

Ditemi se sbaglio!!!!!!!

Mauro Tavalazzi 28.10.06 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tu dicevi che il beppegrillo.it l'aveva preso un tizio di napoli e ti eri incazzato dicendo che il tizio voleva 10.000.000 di vecchi lire per venderlo , e non gli l'avresti mai date , e che si poteva tenere il sito , tu non lo avresti mai pagato...... come' che ora hai il sito lo hai pagato oppure gli hai fatto un'offerta che non poteva rifiutare ... dimmi Don Beppe da oggi ti chiamero Padrino.

rispondi oppure .... dormivi , non c'eri , non sai niente ....omerta' Beppe ....OMERTA'
e a noi vendi fumo ... buono ...ma sempre fumo.

Dici via il copyright da tutto , ma nei tuoi dvd c'e' scritto che chi duplica , noleggia , o manipola il contenuto e punibile dalla legge ...Predichi Bene ma Razzoli male ...

www.war2.ch meglio del Viagra

Clicca sul mio nome sotto e guarda il risulato.

mike florio 28.10.06 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungerei all'elenco (last but not the least):

13. Divieto di pubblicità delle automobili (come per il fumo, introdotto nel lontano 1966) con obbligo di indicare su dépliant e altro materiale informativo "nuoce gravemente alla salute" "da usare in città solo in caso di assoluta necessità" ecc.

Paolo Bignami 28.10.06 16:48| 
 |
Rispondi al commento

besta col petrolio...energia alternativa...
qui in francia lo stato ti paga circa i tre quarti dell'installazione se metti i pannelli solari ..ogni spesa che fai per isolare la casa o in tutti i casi per contribuire al risparmio energetico puoi scaricarla sulle tasse...
Io non so piu troppo come siete messi in italia ma da quello che vedo da qui le notizie non sono buone,sono ormai 12 anni che vivo in francia e qui incominciano a fare qualche passo in piu verso l utilizzo dell'energia alternativa.
Si possono visitare case modello completamente ecologiche,voglio dire la gente é informata,possiamo ormai vedere un numero sempre piu crescente di quelli che io chiamo i mulini a vento...les héolienes... che producono energia pulita,addirittura in spagna tra saragozza e madrid si possono contare fino a 200 héolienes che girano al vento;non trovo che il paesaggio sia cosi tanto deturpato come sostengono alcuni,i mulini a vento sono sempre esistiti per fare la farina o altro, mai nessuno si é sognato di dire "guardate che i mulini vanno tolti perche non vanno bene col paesaggio"."les héolienes" sono solo dei mulini a vento ,certo dell'anno 2006 ma sempre dei mulini a vento.


caro beppe,sono veramente dodici belle regolette ma....
rappresentano una grande utopia che,temo,ne chi scrive ne chi legge potrà mai vedere realizzata.Troppi interessi economici contrari.Lo sai anche tu che,di fronte al denaro,la salute e il benessere dei cittadini è solo un optional.
saluti

gianni magini 28.10.06 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Questo commento si lega relativamente all'argomento, riguarda comunque le auto. Ho appena visto un cosiddetto messaggio promozionale durante le prove del motogp fatto da Capirossi che pubblicizzava l'auto seat leon, sconcertante! Un'istigazione a correre per strada, un istigazione all'omicidio e al suicidio! Nessuno e soprattutto un professionista delle corse può permettersi di "pubblicizzare" la velocità per strada in questo modo. Grillo fa qualcosa, questi spot vanno bloccati e fatti risaltare per la loro assoluta negatività. Cominciamo sul serio a muoverci!

giuseppe de gianni 28.10.06 15:17| 
 |
Rispondi al commento

ABRUZZO: I POTERI FORTI ED OCCULTI INIZIANO A TREMARE.............

Arresti eccellenti per illecita gestione finanziamenti Fira


La cifra sottratta agli interessi pubblici è stimata in circa 20 milioni di euro

Undici persone sono state arrestate e altre 34 denunciate dalla Guardia di Finanza di Pescara per illecita gestione di finanziamenti alla Fira, strumento pubblico di attuazione della programmazione economica regionale e che invece è stato impiegato per la realizzazione di interessi particolari a beneficio di lobbies e clientele.
Le accuse: associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni della Regione e della Comunità europea, falso, malversazione e corruzione. In carcere sono finiti Giancarlo Masciarelli, Paolo De Michele e l'imprenditore Marco Picciotti. Arresti domiciliari per altri 8. Responsabile principale, secondo gli investigatori, sarebbe Giancarlo Masciarelli, presidente protempore della Fira dal 2002 fino a qualche mese fa. Abusando di poteri e funzioni connessi al ruolo istituzionale rivestito, coadiuvato da Paolo De Michele, Masciarelli avrebbe lavorato per ottenere e far ottenere illecitamente contribuzioni pubbliche a società anche direttamente riconducibili a se stessi percé intestate a parenti. La cifra sottratta agli interessi pubblici è stimata in circa 20 milioni di euro. Cifra che non è servita allo sviluppo della regione ma all’arricchimento personale. La distrazione fraudolenta dei finanziamenti sarebbe stata resa possibile poiché Masciarelli avrebbe assunto un ruolo di totale controllo della Fira.

Fonte: www.ilpiccolodabruzzo.it del 27-10-2006

e sarro 28.10.06 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Proposta : tutte le auto pubbliche, comprese quelle dei parlamentari che devono dare il buon esempio, dovranno essere elettriche entro una data stabilita .

dario rebeschini 28.10.06 10:44| 
 |
Rispondi al commento

la mia esperienza ed anche rabbia la descrivo nel mio blog
vorrei aria pulita
storie solite ----in questo idilliaco territorio in pochi anni io personalmente ho potuto assaggiare ,gustare il malaffare, dai corsi di formazione mal fatti,anzi fatti per lucro dagli organizzatori di milano con accento siciliano(il capo),dal presidente di una commissione per accertamenti d'invalidità che è pure il perito della parte d'assistere,dal comune che non ha soldi per mettere un cartello di senso unico ma li ha per fare in quella strada la cunetta per rallentare il traffico, tanto che vorrei sapere qual'è la ditta che fa tutti questi lavori ,pure inutili, insomma di chi è paerente,amico,o altro in comune,dalla asl che deve controllare le comunità ma è di fatto comandata dai medici delle pseudocomunità,dai degenti che passano per non autossuficenti pur di avere la retta più alta, tanto la asl i suoi controlli li fa in pizzeria a tarallucci e vino, allo smog che nei paesi lagustri(pisogne,lovere,costa volpino) sono peggio di milano ma tutti tacciono per amor di turismo, intanto il malcapitato turista torna a milano più gasato di prima,alle centraline per il rilievo della qualità dell'aria inesistenti, insomma questa valle così come dire così berluscuniana, così corrotta, io ho quasi sempre pagato i lavori in nero, è una regola inossidabile,in questa valle dove i giovani il sabato sera una percentuale abbastanza alta decide di finirla con il solito incidente stradale, in questa valle dove c'è un alta percentuale di clienti al cps(centri di igiene mentale)dove li curano rimpinzandoli di farmaci, ebbene ho deciso me ne vado in emiliaromagna ,terra di civiltà, di solidarietà, di umanità, in culo alla valle camonica del cacchio se fosse mio potere la cinterei col filo spinato e la terrei così per l'eternità, possono infettare l'italianaturalmente sarebbe un'infezione per modo di dire,già in un territorio infetto, ma perchè io mi chiedo siamo nel 2006 ed ancora esiste questo mondo prov

anna quercia 28.10.06 05:36| 
 |
Rispondi al commento

Dovremmo inserire la patente verde per i Sig.i(?) Sindaci.Siracusa è risultata una delle prime citta' per quanto riguarda il consumo di carburante.Nessuno si è scandalizzato.D'altronde passeggiare nelle ore di punta nelle vie principali della citta'comporta l'auto-somministrazione di un energico aerosol di idrocarburi combusti.I tumori da noi sono in aumento.Nessuno si scandalizza.Chi dovrebbe non prende nessun provvedimento.Siamo tutti felici e penso che la nostra evoluzione ,in senso darwiniano,sara' la scomparsa degli arti inferiori che verrano sostituiti da robusti pneumatici (da buoni quadrupedi acefali,quattro ad ogni persona).A Siracusa non si piantano alberi in risposta a tutto cio' ,compaiono e si moltiplicano soltanto cartelloni pubblicitari 6mx3m.Certo non respireremo una buona aria ma sappiamo sempre cosa comprare.Mi scuso per lo sfogo ma qui da noi tutto cio' non gli e ne FOTTE a NESSUNO.Chi ci pota' salvare? Bocciamo chi non è bravo in Ecologia.Ma bisogna bocciare non a livello locale ma a livello nazionale facendo una legge precisa per la patente verde chiedendo ai sindaci: " quanti alberi hai fatto piantare? E quanti alberi hai fatto crescere in buona salute?Basterebbe rispondere a queste domande per poter lasciare a casa tutti coloro a cui non GLIENE FOTTE NIENTE DELLA NOSTRA SALUTE.Viva i cartelloni pubblicitari.!? Ah! a proposito, abbiamo anche Kilometri di camini industriali che ci colorano il cielo blu fumo.
Auguri a tutti.

bruno maltese 27.10.06 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Posso fare solo un'osservazione ed essere critico ma non ipocrita.
Sono di Parma, devo dire che uso la macchina (a gpl) ma quando posso spesso vado a piedi o in bicicletta.
Una cosa però mi ha colpito, le osservazioni delle mamme.
Quelle mamme con i passeggini che portano a spasso i loro bimbi, spesso però vanno a prenderli a scuola con le loro macchine e parcheggiano in doppia fila, tanto escono subito, mamme che vanno a prendere il pane utilizzando magari il loro bellissimo fuoristrada 4X4, che accompagnano il loro figlio in piscina o in palestra senpre utilizzando la loro bella macchinina. Forse se accompagnassero i loro figli in bicicletta di palestra ne servirebbe un pò meno.
Un'altra osservazione.
I nostri politici hanno pensato di mettere un superbollo per i possessori di quelle macchine super-inquinanti e a togliere l'incentivo per passare a macchine meno inquinanti. Ma diminuire il trasporto delle merci su ruote magari supertassando (non so quanto pagano i camion) questi o magari utilizzando autobus meno inquinanti (li vedete spesso gli autobus di linea che scaricano la loro nuvoletta nera)

Andrea Ditadi 27.10.06 22:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo tanti commenti ma nessuno ha risposto al mio: perchè continuo a vedere pedoni davanti alle strisce ped. che aspettano qualcuno che si impietosisca(e di solito non arriva mai)? perchè continuo a vedere che passiamo quando il semaforo è giallo? per non parlare del rosso...
il problema in italia non è il traffico, non è lo spreco di energia, non è lo sperpero di denaro pubblico. l'unico vero problema è la mentalità se non cambiamo quella non cambierà mai niente. cominciamo subito, non domani, la civiltà io sono convinto che si misura solo con le azioni che prima di tutto non danneggiano gli altri. ma in italia funziona che prima vengo io e poi gli altri c...i loro!!!!!!!!!!!!

giuseppe digosciu 27.10.06 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Domandina curiosa:
perchè i ns/ dipendenti anzichè dare l'incentivo economico a chi compra un'auto nuova non lo danno a chi rinuncia all'auto e la fa demolire (e per farlo deve pure pagare)?
Mi pare che stiano spendendo i NOSTRI soldi in maniera totalmente dannosa nei confronti del loro datore di lavoro.

Giacomo M 27.10.06 22:39| 
 |
Rispondi al commento

Bello a dirsi ma difficile da realizzarsi

g g 27.10.06 21:14| 
 |
Rispondi al commento

MAGARI!!!!
....aggiungo sgravi fiscali alle imprese che attuano il TELELAVORO.

Pippo Di Maria 27.10.06 21:03| 
 |
Rispondi al commento

srivete a info@beppegrillo.it e provate a fare questa domanda , vi minacciano o non vi rispondono e questi sono i resp. del blog... bella gente.


Tu dicevi che il beppegrillo.it l'aveva preso un tizio di napoli e ti eri incazzato dicendo che il tizio voleva 10.000.000 di vecchi lire per venderlo , e non gli l'avresti mai date , e che si poteva tenere il sito , tu non lo avresti mai pagato...... come' che ora hai il sito lo hai pagato oppure gli hai fatto un'offerta che non poteva rifiutare ... dimmi Don Beppe da oggi ti chiamero Padrino.

rispondi oppure .... dormivi , non c'eri , non sai niente ....omerta' Beppe ....OMERTA'
e a noi vendi fumo ... buono ...ma sempre fumo.

Dici via il copyright da tutto , ma nei tuoi dvd c'e' scritto che chi duplica , noleggia , o manipola il contenuto e punibile dalla legge ...Predichi Bene ma Razzoli male ...

www.war2.ch meglio del Viagra

Mike Florio 27.10.06 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, puoi spiegare al dipendente-presidente della nostra provincia (Biella) come funzionano gli inceneritori, visto che vogliono costruirne uno?
http://www.ilbiellese.it/

riccardo giletta 27.10.06 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Tu dicevi che il beppegrillo.it l'aveva preso un tizio di napoli e ti eri incazzato dicendo che il tizio voleva 10.000.000 di vecchi lire per venderlo .... come' che ora hai il sito lo hai pagato oppure gli hai fatto un'offerta che non poteva rifiutare ... dimmi Don Beppe da oggi ti chiamero Padrino.

rispondi oppure .... dormivi , non c'eri , non sai niente ....omerta' Beppe ....OMERTA'
e a noi vendi fumo ... buono ...ma sempre fumo.

www.war2.ch meglio del Viagra

Mike Florio 27.10.06 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Tu dicevi che il beppegrillo.it l'aveva preso un tizio di napoli e ti eri incazzato dicendo che il tizio voleva 10.000.000 di vecchi lire per venderlo .... come' che ora hai il sito lo hai pagato oppure gli hai fatto un'offerta che non poteva rifiutare ... dimmi Don Beppe da oggi ti chiamero Padrino.

rispondi oppure .... dormivi , non c'eri , non sai niente ....omerta' Beppe ....OMERTA'
e a noi vendi fumo ... buono ...ma sempre fumo.

www.war2.ch meglio del Viagra

Mike Florio 27.10.06 18:32| 
 |
Rispondi al commento

VOGLIO PRESENTARMI COME DEPUTATO PER LE PROSSIME ELEZIONI , FORSE RIESCO A ESSERE INCORRUTTIBILE ....FORSE, FORSE ONESTO.....FORSE , MAGARI DIMAGRISCO....IMPOSSIBILE , PERO' CI VOGLIO PROVARE , MAGARI IL CAROL BEPPE GRILLO II° MI APPOGGIA ....MA NON ME LO DEVE APPOGGIARE TROPPO .... ALMENO SENZA VASELLINA .

VOTATEMI VOTA ANTONIO VOTA ANTONIO ITALIANI

WWW.WAR2.CH meglio del Viagra.

clicca sul mio nome sotto e vai direttamente al sito.

mike Florio 27.10.06 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, sono fiero di te e soprattutto sono fiero di sentire finalmente un elenco di proposte concrete per risolvere quella che e l'epidemia dell'urbanesimo di oggigiorno, ovvero quella dei gas di scarico e dei veleni che come dei deficienti si continuano a diffondere nell'aria. Io vivo a Roma, sebbene adesso stia studiando per un periodo a Salonicco, e quest'anno ho prevalentemente girato in bicicletta, lo trovo un modo molto piu divertente, economico, riduce il costo opportunita del tempo,fa bene alla circolazione e quindi al cuore, fa bruciare calorie. Io arrivo sempre prima dovunque con la bici, anche se la notte e una bella sfida visto che frequento strade che sono al buio, e non ho corsie che mi proteggano. Di giorno la sfida e respirare meno pm10 e co2 possibile, facendo strade poco trafficate, che magari mi allungano un po' il percorso, ma poi fidati arrivo sempre prima cosi che prendendo l'auto-immobile e i derelitti(ahinoi) mezzi pubblici. I gas sono l'effetto piu perverso, ma la malattia peggiore che questo tipo di "civilta" porta con se e quella della sedentarieta. Ormai la gente pensa che camminare 5-6 km al giorno sia la follia o roba che solo a Superman e concessa: non e vero questa e la menzogna che si nasconde nell'illusione fordiana del progresso, e pensare che ci sono Sherpa tibetasni che fanno 80 km al giorno camminando e correndo per andare e tornare da scuola, e mi vengono a piangere per 5 km. Siamo animali fatti per muoverci con noi stessi , alimentandoci con cibo e respirando ossigeno questo e quello che vogliamo nasconderci o vogliono nascondere, escludendo me stesso se e consentito dall'opinione della maggioranza. Alla fine tutti ci sediamo sulla tazza del water, e tutti ricchi e poveri, ci trasmuteremo in concime per il terreno, quindi cherchiamo di rendere il mondo piu armonioso per questo nostro intenso, curioso,gioioso o doloroso passaggio in questa dimensione. Caro Beppe per qualsiasi iniziativa sono con te,intanto no auto, si bici

Lorenzo Guarnieri 27.10.06 17:27| 
 |
Rispondi al commento

CHi ha inventato il calcolatore e lo stesso che invento il vibratore durante il tempo libero , poi lo fece brevettare ad un suo amico , perche' si vergognava... visto l'utilizzo passato da massaggiatore a trapanatore di passere e in alcuni casi ... stura culi.
pensa che mente malata invento il compiuter !

www.war2.ch meglio del VIAGRA


Se siete interessati all'ambiente vi invito a vedere REPORT domenica 29 ottobre...parlerà di "emergenza gas", di fonti di energia rinnovabili e del perchè il premio Nobel Carlo Rubbia sia dovuto andare in Spagna per realizzare la prima centrale elettrica al mondo che funziona ad energia solare.

valeria de sanctis 27.10.06 16:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono Pacosway di Bari.
Attraverso La "Critical Mass" a Bari e in tutto il mondo è da anni che lottiamo e cerchiamo di abbattere i muri psicologici che spingono le persone ad usare le auto nei centri urbani.
Non servono!!!
La bici non consuma e non produce emissioni, non ingombra e non fa rumore: è un mezzo ecologico per definizione e ad alta efficienza energetica. La bicicletta migliora il traffico, l'ambiente, la salute e l'umore.
www.criticalmass.it
Paco Bari

Paco Ricchiuti 27.10.06 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Direi che non si dovrebbe passare da un eccesso all'altro.
Credo che i punti elencati non siano tutti sostenibili, a meno di avre una rendita che ti permetta di cazzeggiare tutto il giorno.
Direi che il problema non è l'automobile ma il combustibile.
Personalmente ho rinunciato all'auto da 1991 e uso, se obbligato, il car sharing, altrimenti i mezzi pubblici(puahh!) per la spesa utilizzo internet.
Vivo in centro a Milano e sarei felice di vedere se chi ha fatto quelle proposte le applica davvero, almeno in parte, o sono le solite parole per cambiare aria ad una scatola cranica vuota.
Fernando

Fernando Bottinelli 27.10.06 16:13| 
 |
Rispondi al commento

Ottima idea, ma ci sarebbero i soldi?

Marco Cicchini 27.10.06 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Al casinò si può vincere...: http://www.vincerealcasino.net

mario rossi 27.10.06 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Off Topic
#################################################

Ieri sera ho letto sul Messaggero un articolo da brividi!

Leggete, leggete...

#################################################
Clicca sul mio nome per l'articolo.

Alfredo Di Carlo 27.10.06 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, non sono d'accordo su tutti i punti, ma nella sostanza hai ragione da vendere.
Io proporrei una supertassa per i non residenti che vengono a lavorare in auto in città. Ciascuno inquini a casa propria o almeno paghi salato l'inquinamento in casa altrui.
Mi riferisco a quelli che vivono fuori città perchè lì si respira un'aria migliore, non c'è smog e non c'è traffico.
Bravi! liberi di vivere dove volete. Ma liberi anche noi cittadini di non dover respirare i gas di scarico delle vostre auto, quando venite a lavorare in città.
Saluti

Giovanni Nigra 27.10.06 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe, sono perfettamente d'accordo con te.
Proprio ieri ho dovuto subire un intervento perchè all'età di 23 anni ho un'infiammazione cronica ai turbinati che mi provoca rinite e mal di gola cronici. L'infiammazione era ed è dovuta al continuo contatto di alcuni allergeni, tra cui le polveri sottili emesse dai gas di scarico delle automobili. Guardacaso abito in una via molto trafficata dove, da quando hanno costruito una delle principali vie d'accesso al centro, confluisce tutto il traffico proveniente dalle zone a sud della città. E come se non bastasse, il comune avrebbe in progetto di costruire un parcheggio sotterraneo( a cui ovviamente gli abitanti del quartiere si sono opposti ) proprio nella via sottostante alla quale abito, per dare la possibilità alle persone di entrare in centro attraverso i mezzi pubblici ma andando ulteriormente ad aggravare una situazione già indecente...ma insomma, possibile che ancora non capiscano che i maxiparcheggi vanno costruiti ai margini della città e non al suo interno?! d'altra parte, cosa vuoi pretendere in una città in cui i dipendenti degli uffici della regione si lamentano di avere un parcheggio privato con solo quasi 1000 posti, senza prendere in minima considerazione l'idea di prendere il mezzo pubblico?!...e in cui i commercianti del centro sono così mentalmente ristretti che impediscono di pedonalizzare il corso convinti che questo provochi loro una diminuzione dei guadagni!...e dove per l'intera mattinata ti ritrovi il centro invaso dai furgoni che effettuano le cosegne...chissà perchè tutto questo in Germania non avviene...non è che i tedeschi sono degli alieni?... e intanto sotto casa mia continuano a passare donne che da sole vanno a fare la spesa in centro con il loro SUV.
p.s. Per mia fortuna l'intervento che ho fatto non è risolutivo ma un palliativo che durerà qualche anno perchè il continuo contatto con gli allergeni mi riporterà alla situazione iniziale...l'unica soluzione? Cambiare casa,forse. grazie!

valeria de sanctis 27.10.06 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, una semplice osservazione. Perché una città come Roma è dotata solo di 2 linee di metropolitana? Con la terza in costruzione ma chissà quando vedrà la luce. Possibile che non si possa costruire lungo direttrici non interessate da aree "intensamente archeologiche" come il centro e che inevitabilmente porteranno a ritardi? A Londra la Circle Line esiste dal 1947.. non si potrebbe pensare a una linea circolare periferica, lungo la tangenziale, per esempio? Oppure a linee che non passino direttamente dal centro. Qualcuno sa se siano mai stati fatti studi di fattibilità di questo tipo? e perché scartare questa opzione? Forse contraria a "interessi costituiti"?

Elio Adriano 27.10.06 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono milanese e nella mia città siamo alle barzellette sul traffico.
La signora Moratti vuole introdurre il ticket e fin qui nulla di male, anzi, se non fosse che allo stesso tempo ha proseguito l'opera del suo predecessore dando il via libera a ben 27 nuovi parcheggi. A questo punto gli automobilisti che ogni giorno arrivano a Milano (700.000 auto) hanno già dichiarato (secondo un sondaggio) che sono disposti a pagare per usare la propria auto. Che Milano sia una città cafona lo so, pur amandola molto. Ma proprio perché l'amo vorrei fare qualcosa per lei.
Come si può REALMENTE disincentivare l'uso delle auto se i treni dei pendolari sono in condizioni spaventose e spaventosamente in ritardo?
Al tuo decalogo aggiungerei:
Le aziende dovrebbero prevedere delle navette ecologiche stile "scuolabus" per andare a prendere i dipendenti che abitano nello stesso raggio d'azione oppure prevedere come i buoni pasto anche i buoni Treni/mezzi scaricabili dall'azienda e non utilizzabili se non nei giorni feriali e solo dai dipendenti dell'azienda.

Francesco Crespi 27.10.06 14:43| 
 |
Rispondi al commento

La proposta 7 sull'Ici non funziona... Se il proprietario intesta la macchina al figlio o gli intesta la casa e a lui si intesta la macchina si può facilmente asggiudicare il bonus sulle tasse tenedosi anche la macchina.
Cordiali Saluti,
Walter Scandurra

Walter Scandurra 27.10.06 12:39| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO COME MAI NON SI E' ANDATI A FONDO SUL GIRO DI DROGA IN PARLAMENTO????????????!!!!!!!

E' STATO TUTTO INSABBIATO IN 2 GIORNI.. UNO SCANDALO CHE AVREBBE FATTO CADERE GOVERNI IN ALTRI TEMPI E LUOGHI

E ORA TIRANO FUORI ACORA CONTROLLI ILLEGALI PER SVIARE I LORO REATI!!!

VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA

Carlito Brigante 27.10.06 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono una nonvedente che viaggia (per forza di cose) in autobus tutti i giorni. Concordo con te sull'idea di di ridurre il traffico in città, però cambierei le modalità come segue: 1. accesso al centro cittadino limitato ai residenti (ai quali verrà assegnato UN UNICO talloncino di riconoscimento a nucleo familiare) 2. potenziamento dei mezzi pubblici RIGOROSAMENTE elettrici 3. sconto sul bollo auto a chi acquista un'auto elettrica (o, perchè no, ad acqua, del tipo che hai potrato in tournèe e che ti hanno sequestrato anni fa) 4. potenziamento dei parcheggi, anche a pagamento, in prossimità di ospedali e cimiteri, mentre i parcheggi in centro dovrebbero essere liberi ma riservati ai residenti dotati del talloncino di cui al punto 1. E' solo un inizio ma credo possa cominciare a cambiare la mentalità degli italiani che ancora considerano l'auto uno status symbol e non il nemico numero uno dei loro polmoni! Nandy

Nandy F 27.10.06 09:32| 
 |
Rispondi al commento

@Giacomo m.
-----------

Ho il sospetto che tu ti riferisca a me, spiecante deluderti, ma la mia macchina va a GPL, sono vegetariano e cerco di vivere la mia vita nel modo meno ipocrita possibile. Tu sei libero di credere alle favole e di non credere agli incubi, non sono un portatore di verità, ma almeno provo a dare un punto di vista diverso, che sia vero ???
Boh ... non ho la sfera di cristallo !!!

Fabio neri 27.10.06 09:27| 
 |
Rispondi al commento

nella lista bisogna aggiungere che i mezzi pubblici devono andare tutti a gas e non come attualmente si sede a gasolio con fumaroni indescrivibil noi dobbiamo fare i bollini blu e loro.

In città piccole come Rimini tutti a piedi si parcheggia fuori della città e poi bici o piedi

Ivano Lanci 27.10.06 09:01| 
 |
Rispondi al commento

più cavolate di così si muore.....

daniele tersio 27.10.06 08:44| 
 |
Rispondi al commento

“Only after the last tree has been cut down,
Only after the last river has been poisoned,
Only after the last fish has been caught,
Only then will you find that money cannot be eaten”

Tatanka Yotanka
“Sitting Bull”

Orlando Furioso 27.10.06 07:55| 
 |
Rispondi al commento

"Stolto è colui che indicando la luna guarda il dito."
Non capite che finche non vi renderete conto che i soldi che avevete in tasca sono un debito anziche un credito tutto questo peggiorera e basta ? Attenzione ai falsi profeti e demagoghi. Stiamo discutendo sul colore delle panchine di un giardino quando una diga oramai marcia stà per rompersi e minaccia di distruggere l'intera città.
www.s-i-g-n-o-r-a-g-g-i-o.com

Pierpaolo Moro 27.10.06 01:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
condivido alla base l'idea di ridurre l'inutile sovrannumero di automezzi in circolazione tuttavia non ne condivido i modi da te proposti. Molti lavoratori che, come me, devono raggiungere il posto di lavoro dall'altra parte della città, o comunque a parecchi km di distanza, e che, come tutti, dispongono di sole 24 ore al giorno(di cui 8 a lavoro e 8 di media a letto) vedono sfuggire dietro ad un parabrezza o davanti alla fermata della "90" tempo per vivere le cose che si considerano veramente importanti. Aspettare un autobus per 20 minuti e poi vedersene arrivare due, uno dietro l'altro, è veramente frustrante soprattutto perchè nessuno dà un valore a quel tempo che stai perdendo.
Piuttosto che creare disagi agli automobilisti proporrei una legge che impone una retribuzione da parte dei datori di lavori ai dipendenti per il tempo impiegato per raggiungere il posto di lavoro o considerare tale tempo facente parte delle canoniche 8 ore.

Alessandro Zanotti 27.10.06 00:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
condivido alla base l'idea di ridurre l'inutile sovrannumero di automezzi in circolazione tuttavia non ne condivido i modi da te proposti. Molti lavoratori che, come me, devono raggiungere il posto di lavoro dall'altra parte della città, o comunque a parecchi km di distanza, e che, come tutti, dispongono di sole 24 ore al giorno(di cui 8 a lavoro e 8 di media a letto) vedono sfuggire dietro ad un parabrezza o davanti alla fermata della "90" tempo per vivere le cose che si considerano veramente importanti. Aspettare un autobus per 20 minuti e poi vedersene arrivare due, uno dietro l'altro, è veramente frustrante soprattutto perchè nessuno dà un valore a quel tempo che stai perdendo.
Piuttosto che creare disagi agli automobilisti proporrei una legge che impone una retribuzione da parte dei datori di lavori ai dipendenti per il tempo impiegato per raggiungere il posto di lavoro o considerare tale tempo facente parte delle canoniche 8 ore.

Alessandro Zanotti 27.10.06 00:31| 
 |
Rispondi al commento

I MORTI li causano gli imbecilli come il signore che ha appena scritto che si perdono in inutili discorsi di fantapolitica credendo di saperne più degli altri mentre gli scarichi delle loro auto ogni giorno causano migliaia di morti innocenti.
P.S. SCOMMETTO CHE NON SI è PERSO GLI ULTIMI GRAN PREMI DI FORMULA1 E DI MOTO GP

Giacomo m 26.10.06 23:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi viene danneggiato dal crimine si batte come fosse un gladiatore in cella ed offre la propria esperienza e umanità in difesa della civiltà e della democrazia con la forza della disperazione, nell'incubo dell'orrore e della vergogna, sotto la nebbia delle disonestà e delle omertà.

Vedi per esempio:

http://www.script-pisa.it/rivista/script_riflessioni_12/arcobaleno_politico_italiano.php

Agi Murad 26.10.06 23:43| 
 |
Rispondi al commento

Giochino, per i più:

Avete una TV (lo so per certo) ? Spegnetela !
Avete una Radio (forse) ? Spegnetela !
Avete un Cervello (?) ? Adesso riscoprite dove si trova il pulsante ON/OFF, disossidatelo per bene e spingete con forza, lo so fa a fatica spingendo verso l'ON.

Fonti: arcoiris.tv, giuliettochiesa.it, megachip.info.

Pensate a quel che sta accadendo nel mondo negli ultimi giorni (cose che a noi europei non vengono dette e poi spiegherò perché):

1) Preparativi di difesa congiunta tra tutti i paesi orientali (Cina, Russia, Iran e compagnia bella) che hanno simulato una aggressione nei loro territori, le aviazioni congiunte di questi paesi (pochi giorni fa) sono state impegnate in potenti attività di simulazione di una guerra.

2) L’America Latina è in una nuova fase di indipendentismo e di riappropriamento delle loro risorse che fino a pochi mesi fa venivano predate dalle amministrazioni Americane mentre adesso guardano con occhio molto critico l’America, mentre strizzano l’occhio a Cuba che fornisce medici ed assistenza sanitaria ai più poveri dell’america Latina per curare i poveri che soffrono di cataratta (pochi ??? milioni !!!). Cioè si stanno aiutando tra di loro e stanno risollevando la testa dalla oppressione del consumismo occidentale-americano.

3) America ed Europa risultano in realtà Isolate dal resto del mondo e presto (non tardi) saranno costrette a Capitolare.

4) Bush è in Israele, Iraq, Afghanistan, Pakistan, Arabia Saudita, forse nella Nuova base militare più grande d'Europa a Vicenza (cioè sempre più vicino all'oriente). Bush li sta accerchiando.

5) Quel che ci fanno vedere le TV-Radio-Tele-Giornali è un qualche cosa che serve per tenerci calmi, un po’ come i nazisti, quando accompagnavano a fare delle profumate docce bimbi ed anziani.

Nei libri di storia ne ho lette pagine come queste almeno 2 volte e tutte queste volte quando voltavo la pagina c'erano tanti numeri. I MORTI !!!

Buona fortuna a tutti !!!

Fabio Neri 26.10.06 23:13| 
 |
Rispondi al commento

non è vero niente.

controbattetemi se avete il coraggio
ciro_esposito@email.it

ciro_esposito@email.it 26.10.06 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Ah...dimenticavo!
Cerca di eliminare certi messaggi infami comprendenti addirittura bestemmie inviati da elementi che non capisco cosa centrino con la nostra disacussione

Giacomo M 26.10.06 22:27| 
 |
Rispondi al commento

a

matteo canti 26.10.06 22:25| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe hai colto veramente nel segno, ma purtroppo per ottenere quello che tu e tutte le persone con un pò di senno auspicherebbero occorrerebbe cambiare la testa degli italiani nella quale ormai circola solo benzina e sarebbero disposti anche a vendere la propria madre e i propri figli piuttosto che rinunciare solo per qualche minuto alla propria auto o moto. Ciò è visibile anche da molti commenti a dir poco deliranti che appaiono su questo blog. Guai toccare agli italiani i mezzi motorizzati, simbolo di un emancipazione che ormai appartiene soltanto ai paesi del terzomondo (basta guarare l'esempio di quanto stanno facendo i paesi nordici che forse hanno una mentalità...leggermente più avanzata della nostra).

Giacomo M 26.10.06 22:23| 
 |
Rispondi al commento

Quegli S C H I F O S I bigotti del Tg5 hanno intervistato per ben 5 minuti quel frate V I O L E N T A T O R E P E Z Z O DI M E R D A F I G L I O DI T R O I A di parde fedele (alla fica).

Speriamo che a quel M A I A L E gli venga un cancro alle palle e che muoia nelle peggiori condizioni!

E chi lo difende è un C R E T I N O B A S T A R D O e bigotto del C A Z Z O!

D I O M A I A L E !

P O R C A M A D O N N A !

G E S U ' M E R D A !

Enrico Paretti 26.10.06 20:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il problema è che c'è solo una persona per macchina!

Lorenzo Mazzei 26.10.06 20:10| 
 |
Rispondi al commento

il futuro è senza i bus tra i c...i, che vanno a 20 km/che occupando lo spazio di un appartamentino. Passano ogni mezzora e fanno percorrere lo spazio di due km in un ora (non è una balla mi è capitato) grazie all'intelligente distribuzione delle linee, il traffico e le sostine a fine corsa con chiacchieratina da 12 minuti dell'autista.
La libertà è nel trasporto privato. Se inquina facciamo che sia elettrico, ma mai ai comodi di una spa e i suoi dipendenti.

privacy forever 26.10.06 20:01| 
 |
Rispondi al commento

http://www.war2.ch/206623.html

VIENI A VEDERE CHI SONO ,IO METTO IL NOME E COGNOME VERI , NO COME FANNO CERTE PUTTANELLE ,CHE HANNO PAURA E SI CAGANO SOTTO , SIETE DEI FOTTUTI FROCI ...CHI NON FIRMA COL SUO VERO COGNOME , PERCHE' E FALSO E VIGLIACCO , IO LE PALLE LE HO , PURE UN BEL PISELLINO DI 20 CM , CHI VOLESSE VEDERE LE FOTO DEL MIO PISELLINO LE PUO' PURE CHIEDERE... CON QUESTO VOGLIO DIRE , NON NASCONDETEVI CHI SI NASCONDE NON VALE NEANCHE LA SCUREGGIA DI UN TOPO DI FOGNA .

MIKE FLORIO 26.10.06 19:39| 
 |
Rispondi al commento

sono un motociclista da sempre.mi domando se non sia il caso di incebntivare l'uso delle due ruote in citta'.bloccare l'accesso ddele auto nel centro,eliminare posteggi per auto e sostituirli con quelli per mnoto e scooter che quindi non intaserebbero i marciapiedi.per le famiglie o per chi non dispone di mezzo a due ruote all'entrata della citta creare una serie di navette che ti portino a destinazione.ci vorrebbe un servizio capillare per quanto possibile.......per quanto riguarda l'inverno allora concordo con qunto detto dal buon grillo.meno male che l'inverno dura poco......

gianpietro manno 26.10.06 19:20| 
 |
Rispondi al commento

volevo semplicemente dire che io da ormai 8 mesi ho bloccato l'assicurazione della macchina (si puo' fare per un anno e mezzo e il bonus aumenta) e uso esclusivamente i mezzi
1- risparmio un pacco di soldi (non potete capire quanto)
2- sono meno stressato nonostante i mezzi pubblici a roma funzionino male
3- mi diverto di piu'

franco arcuri 26.10.06 19:08| 
 |
Rispondi al commento

premetto che io ho macchina, moto, bicicletta(con la quale faccio parecchi km) e vado anche a piedi. vorrei chiedere a tutti quelli che hanno scritto "abbasso le auto" se si fermano sempre per far passare un pedone, se non imprecano mai contro un ciclista e così via...
Il problema dell'italia è che sono sempre gli altri a fare le cose sbagliate noi siamo sempre nel giusto oppure ci sono sempre delle scorciatoie... per fare quello che chiedono quelle mamme prima bisogna cambiare la testa e poi fare in modo che in città si possa girare veramente senza auto.
P.S. io quando vado a piedi con il mio bambino nel centro della mia cittadina vedo tante mamme in macchina con i figli a bordo e mai ripeto "mai" una si è fermata per farmi attaversare la strada. Passano sulle strisce senza neanche rallentare e poi sono le stesse mamme che si lamentano per il taffico e per le troppe macchine ma la loro di macchina non è di troppo... io ho un'attività che mi fa stare molto a contatto con quelle mamme e quindi parlo per esperienza personale.

giuseppe digosciu 26.10.06 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimo Beppe,
un plauso per questo tema fondamentale per le nostre vite quotidiane e trascurato dai media, non si capisce perché (o forse si?). Sicuramente buona parte del compito spetta ai nostri sindaci, ma altrettanto al Governo e alla UE. Recentemente il Parlamento Europeo ha prorogato di 5 anni l'entrata in vigore dei nuovi limiti (più bassi) per le PM10. Ciò vuol dire che la nostra salute può attendere 5 anni? Chi ha interesse a che questi livelli non entrino in vigore (immagino grosse aziende di vari settori) fa sentire il suo peso in sede Istituzionale (Europea, nazionale, regionale).
Beppe, bisogna costituire una Lobby contro i veleni nell'aria, fare pesare il tuo ruolo di leader d'opinione, tutti i cittadini intossicati e incazzati, che magari non dispongono dei fondi usate dalle grosse aziende ma possono far valere il loro peso di elettori e di consumatori, richiedendo che i politici prendano le decisioni giuste e punendo commercialmente le aziende che fanno i loro interessi avvelenando la nostra vita quotidiana.

Elio Adriano 26.10.06 17:18| 
 |
Rispondi al commento

E già qui ci impantaniamo in un discorso con cui i nostri dipendenti politici, o giunte o sindaco, non c'entrano molto: qui c'entrano gli italiani! E si perchè a noi ci puoi toccare tutto ma non l'auto e la squadra di calcio. Io vivo a Genova: la giunta comunale in questi ultimi anni ha istituito delle iniziative per limitare l'uso dell'auto in centro (troppo spesso con una sola persona al suo interno!!). I genovesi si incazzano, si lamentano dei costosi parcheggi (volutamente costosi per disincentivare). Gli altri italiani non sono diversi! Vogliamo la botte piena e la moglie ubriaca! Le città svuotate, vivibili, con l'aria respirabile ma non facciamo 100 m. senza 4 ruote sotto il culo! Gli italiani vogliono tante cose, peraltro doverose e giuste ma se gli chiedi di fare un sacrificio di rinunciare a qualcosa allora NO! Non se ne parla! A Singapore se non dimostri una serie di cose, fra cui di avere un posteggio privato al coperto, col cavolo che ti puoi comprare un'automobile! Se Prodi proponesse una cosa del genere, come la prenderemmo?? Molte famiglie, certo di ceto medio, hanno 3 auto: marito, moglie e figlio ormai maggiorenne! Se il figlio ha solo la moto, ci va già bene! Purtroppo qualche volta (non solo qualche..) il marito ha anche lo scooterone!! Ci lamentiamo che si inquina, ma i SUV sono dilaganti!! Ce ne sono sempre di più... non consumano poco, non costano poco... ma ne siamo sempre più pieni, ormai sembra che senza non si possa andare in giro... Capisco, le nostre strade non sono meravigliose, ma non c'è bisogno di girare con il jeepone per arrivare in ufficio! Mi sa che un bel RESET serve anche al cervello degli italiani!!

Ivano Croce Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Concordo pienamente con te e con le due mamme, ........fuori le automobili dalle Città!!!

M.S.

Marco Sicco Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento

STRANE DOMANDE ALLE QUALI UN PENSIONATO NON TROVA RISPOSTE....

-PERCHE' DEVO METTERE LE RUOTE AD ALTA VELOCITA' SE NON POSSO SUPERARE I 130?
-PERCHE' MI SI OBBLIGA AL COLLAUDO BIENNALE ED AL CONTROLLO DEI FUMI ANNUALE ED AVENDO LA MACCHINA IN REGOLA NON MI SI PERMETTE DI VIAGGIARE?
-PERCHE' DOPO AVER LIBERATO CON L'INDULTO DELINQUENTI DI VARIO TIPO IL NOSTRO GOVERNO DIMINUISCE LE SONVENZIONI AI CARABINIERI ED ALLA POLIZIA?

VUOLE FORSE IMITARE QUELLA PROSTITUTA CHE AVENDO ATTACCATO LE PIATTOLE AL CLIENTE LE TAGLIO' LE UNGHIE PER IMPEDIRGLI DI GRATTARSI?

QUALCUNO MI ILLUMINI PER FAVORE PERCHE' MI STO' CONVINCENDO CHE COLORO CHE LEGGIFERANO SULLE NOSTRE TESTE DOVREBBERO NUTRIRSI CON LA LICITINA DI SOIA CREDO SIANO AL QUANTO RINCO....

giorgio peretti 26.10.06 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna iniziare dalle cose semplici ed inutili come ad esempio proibire la pubblicità sui mezzi a ruote la trovo una cosa veramente obbrobriosa di questi tempi, ma chi la permette!!!! perchè non c'è un parlamentare che la propone? E' poca cosa, ma almeno si inizia vorrei sapere se esiste anche negli altri paesi europei questo tipo di pubblicità. Un appello: NON VOTATE MAI CHI SI FA PUBBLICITA' IN QUESTO MODO perchè ti sta avvelenando ancora di piu'!!!
Francesca

andrea kirschen 26.10.06 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Premetto che faccio il pendolare con mezzi pubblici da oltre vent'anni. La proposta la condivido anche se in parte la modificherei.
Il ticket, ad esempio, esiste già (le strisce blu) e non funziona, però farei delle multe della serie perpagarlamidevovenderelauto a chi parcheggia in doppia fila o in divieto di sosta o abusa delle corsie preferenziali (io vivo a Roma e queste sono tre vere e proprie piaghe). Darei incentivi per il telelavoro ed in più farei controlli sui mezzi pubblici (a volte a Roma la metro si aspetta anche per 15 minuti e per quanto mi sforzi non riesco a capire il perchè), verificando che i ritardi non siano opera di lunghe chiacchierate ai capolinea (nel qualcaso qualche trattenuta sullo stipendio non sarebbe male)

Fabio Lombardo 26.10.06 15:41| 
 |
Rispondi al commento

RESET!!
Salve a tutti, vorrei sottolineare oltre al problema dell'inquinamento delle auto, anche quello di EDIFICI e CASE, dovuto al riscaldamento. Una soluzione per risparmiare anche nel consumo per riscaldamento sono le case ecologiche che oltre ad essere appunto ecologiche, garanticono un risparmio anche oltre il 50% su riscaldamento e climatizzazione. Inoltre sono SANE e a mio avviso anche ECONOMICHE.
Ma la cosa che più mi infastidisce è perchè solamente la provincia di Bolzano da degli incentivi e sostiene questo tipo di case(sviluppo sostenibile dell'alto adige)??? si chiama appunto CasaClima e certifica le case e basso consumo energetico.
RESET!!! degli edifici in "lamiera o simili" che vedo tuttora spuntare come i fungli sul nostro territorio! Questi edifici saranno dispendiosi dal punto di vista del consumo energetico! Non vedo incentivi o vantaggi come detrazione dell'ICI!
Il ministro dell'ambiente che tanto ha promesso dovè?!?!?!
Invito tutti coloro che hanno avuto la fortuna di potersi costruire una casa simile a postae e farci capire i vantaggi di tali costruzioni.

Beppe aiutaci tu!!!

walter b 26.10.06 15:33| 
 |
Rispondi al commento

STIAMO CERCANDO!!! un web master/web designer per collaborare con noi. La sede di lavoro è a Milano. Se sei interessato inviaci un tuo curriculum a info@peccam.it

PECCAM.COM 26.10.06 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Giuro che se la mia zona fosse servita dai mezzi venderei la mia macchina ma purtroppo volessi venire a lavorare con l'autobus (su 11km di tragitto complessivo) dovrei farmi 2km a piedi prendere un autobus che passa 1 sola volta all'ora, raggiungere un capolinea, aspettare la coincidenza con un altro autobus che anch'esso passa una volta all'ora e fermarmi a circa 1,5km dall'ufficio...
mi piacerebbe poter vivere senza la macchina ma purtroppo non è pensabile.

Per quanto riguarda il ticket d'ingresso in città, Albertini è stato quasi lapidato quando l'aveva proposto. Speriamo che si capisca che sarebbe un primo passo verso un utilizzo più cosciente delle auto.

Anna Casasola 26.10.06 15:12| 
 |
Rispondi al commento

I mezzi pubblici pagati dalle tasse comunali è un'idea assolutamente intelligente.
In questo modo il bus lo pago comunque: a me la scelta se approfittarne o no. Bello!
Lo dico io che son sempre in giro in vespa proprio per non patire come un fesso in macchina, o per non dipendere dagli orari fissi dei mezzi.

Paolo Borin

paolo borin 26.10.06 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aggiungerei:
obbligo per le grandi aziende e gli uffici pubblici che hanno più sedi in una stessa città di assegnare ai dipendenti la sede più vicina al loro domicilio.
Inoltre non cadiamo nel solito errore di dire "i punti sono 12, ma anche se ne rispetto di meno, almeno ho cominciato". Perchè altrimenti si finirà per farci pagare l'ingresso in città, toglierci i parcheggi ma poi i trasporti urbani restano al livello attuale (stendiamo un velo) e stiamo da capo senza contare che il tutto si potrebbe ridurre a risolvere i problemi dell'aria facendoci pagare 7 euro come per il ridicolo bollino blu a Roma (non l'ho mai fatto, venissero a multarmi e mi appello pure al padreterno !!)
Mai come in questo caso....tutto e subito !!

giuseppe fantini 26.10.06 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Inviterei il sig. Beppe Grillo a venire con me a lavoro la mattina. Anche se i servizi pubblici fossero efficienti sarebbe impensabile impiegare meno di un'ora. Con i nostri servizi pubblici si arriva a due ore. Per un totale, tra andata e ritorno, di quattro ore. Con l'auto impiego un'ora.
Beppe dopo il tuo spettacolo non mi sembra di averti visto sotto la fermata dell'autobus per tornare in albergo.

Bruno Menarini 26.10.06 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe. Complimenti per quello che stai facendo, davvero. Per i trasporti : sono un pluriennale pendolare della linea Milano Mantova, che tutti conoscono bene. Ma perchè in Italia non si investe sui trasporti verso e da le metropoli? Guardate la Francia e la sua RER! Per fare 80 Km ed entrare (col treno!) in Milano, ci vogliono 1 ora e 20 di media! Questo quando non vanno a fuoco le carrozze (non è una battuta!), quando la motrice non si rompe a Rogoredo o a Codogno (non è una battuta!), quando non si trancia una linea elettrica (non è una battuta!), ecc...Senza considerare lo stato della sporcizia dei bagni (leggete pure cessi), dei finestrini che scendono senza chiedere loro di aprirsi (anche quando è pieno inverno! si viaggia col gelo sulle guance per ore e ore), delle zecche e pulci che farciscono lo sporco dei sedili, delle luci intermittenti dei vagoni (quando ci sono, se ci sono, spesso sono intermittenti) e..per finire..del riscaldamento assente in gennaio (si viaggia tipo Russia) o del riscaldamento troppo presente in ottobre (si viaggia tipo Sahara!). Si investe sull'alta velocità per permettere agli stronzi di guadagnare ancora di più..quando si dovrebbe sistemare il sistema di accesso alle città come Milano, rinnovare le motrici, pulire i cessi, aggiustare le caldaie, disinfestare dalle pulci, sistemare i serramenti, le porte (che suonano sempre senza chiudersi mai!), e altro. Senza contare la gentilezza del personale di bordo che, preso a parolacce dai pendolari, risponde sempre a monosillabi inutili, impaurito (ma poco educato comunque). Direi connivente. Il sistema ferrovie Italia fa pena. Quello aereo, nazionale, ancora di più. Come si fa a spendere 800 euro A/R da Milano a Parigi con Alitalia, se Ryanair o Easyjet vendono la tratta a molto (ma molto) meno? Quei 400 euro in più, evidentemente, servono per i costi di stampa dei biglietti (cazz!) e per la colazione a bordo...mmm. Davvero è così? W i trasporti!

alberto contini 26.10.06 14:30| 
 |
Rispondi al commento

1.Ticket di ingresso per le auto
-ris-- no le auto non entrano, se no e' sempre la solita storia ... chi paga ha di piu' -----
2.Pista ciclabile che attraversi ogni percorso cittadino
-ris-- siiiiiii !!!! e togliere la legge bolognese che mi multa se porto il Bassotto nel cestino della bici -----
3.Eliminazione progressiva dei parcheggi in città
-ris-- sicuramente una riorganizzazione della cosa ---
4.Creazione di zone verdi dove ora ci sono parcheggi
-ris-- siii un parco dove posso calpestare l'erba :-) -----
5.Car sharing pubblicizzato e incentivato dai Comuni
-ris- basta cambiare il mercato dell'auto come hanno fatto negli anni 90 con i motorini a marce --
6.Autobus e taxi elettrici
-ris-- a bologna avevamo i tram elettrici , li abbiamo regalati a milano !! giunta vitali -----
7.Diminuzione dell’Ici del 30% al residente che non possiede una macchina
-ris-- siiii!!! -------
8.Tempo di attesa al semaforo per le macchine doppio rispetto ai pedoni
-ris-- siiii!!! con riduzione di misura per le corsie delle macchine , cosi ci pensi 2 volte a comprarti un "autotreno" ----
9.Carico e scarico dalle 5 alle 7 del mattino
-ris-- se si modifica la logistica delle merci , mettendole su mezzi elettrici si puo' trovare una via di mezzo ------
10.Mezzi pubblici gratuiti
-ris-- si!! -------
11.Tassa per l’occupazione di suolo pubblico per le macchine parcheggiate
-ris-- no perche poi vendono negozi per farci i gradge e le citta si vuotano , e ricominciamo con il : chi ha piu' $$ avra' piu' -----
12.Uffici pubblici di nuova costruzione tassativamente senza parcheggi.
-ris-- tassi agevolati per chi si compra una casa vicino a dove lavora -----
In Ralta SuperBeppe , penso che si debba prima di tutto intervenire ul mercato dell'auto , 41 morti all fine della settimana , un 2500 turbo distruggie famiglia sulla panda !! non modificare i limiti di velocita ma fare macchine che fanno al massimo i 120 , all0ra il mercato dell'auto si plasmera' vedi passaggio moorino/scooter ciao

giorgio ventura 26.10.06 14:30| 
 |
Rispondi al commento

OT
#################################################

ECCO IL SECONDO SERVIZIO DELLE IENE SUI NOSTRI DIPENDENTI IGNORANTI!

#################################################
CLICCA SUL MIO NOME PER IL VIDEO.

Marcello Anselmi 26.10.06 14:28| 
 |
Rispondi al commento

un ottimo riassunto della situazione lo si può ascoltare e vedere dalla puntata di Report sul PM10.
il video qui:
http://www.media.rai.it/mpmedia/0,,report^5991,00.html
A Milano si costruiscono 3 torri nella zona ex fiera, progetto City Life dove non ci sono sufficianti trasporti pubblici e quindi si costruirà un'arteria a 4 corsie che prenderà il traffico dalle autostrade e porterà in centro a Milano migliaia di automobili. il Progetto prevede 8600 posti auto sotterranei (pazzesco!!!). Guardate sempre nel video un progetto a Londra di una torre in pieno centro, posti auto tot.45 per emmergenze e portatori di handicap.
Buona Visione

Alessandro A 26.10.06 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma smettila Beppe.

Prima ci vogliono le infrastrutture che consentano di usare meno la macchina.

Le metropolitane come Londra e Parigi, ad esempio.

Prova ad andare a Milano a Niguarda (e' il piu' grande ospedale di Milano) senza macchina. E' un incubo.

Caro mio, le macchine ci sono e servono. altro che togliere i parcheggi. bisogna farli. e a prezzo politico.

A Milano hanno tolto tutti i parcheggi dalla circonvallazione per farci la corsia preferenziale per le 90-91. Io vivaddio non ci abito in citta', ma penso a quei poveretti che prima ci parcheggiavano (erano TANTI POSTI) adesso dove se la devono mettere la macchina? In c..?

Beppe, la macchina serve per andare a lavorare. Tu hai la bravura e fortuna di poter lavorare da casa, una bella connessione internet , il telefono, e via. Lo faccio anche io appena posso.

Una volta abitavo fuori Milano, zona Binasco. La macchina era in riparazione, dovevo andare a Vimercate. Sono circa 50 chilometri. Sai coi mezzi quanto c'e' voluto? DUE ORE E MEZZA. Con la macchina ci metto mezz'ora in traffico regolare e 50 minuti in ora di punta.

Tu cosa credi che siamo tutti scemi? Che se andare coi mezzi ci mettessimo lo stesso tempo o POCO piu' prenderemmo la macchina? Costa di piu', ti impegna a guidare e hai poi pure la rottura di palle dei parcheggi. Beppe, non siamo tutti scemi. Andremmo coi mezzi, cosi' nel viaggo potremmo leggere il giornale o un libro invece di romperci il c. a guidare.

Alessio Belloni 26.10.06 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Beppe...
ma quanti parlamentari possiedono il SUV???
Vogliamo contarli????

Filippo Luly 26.10.06 13:48| 
 |
Rispondi al commento

@@@ fabio tarquini

Cia Fabio, ho letto la tua disamina e mi trovi daccordo. Anche io quale motociclista avevo gia scritto a beppe...
Questa finanziaria sta facendo dietro front per i super professionisti... rimanendo inalterata per il popolino... NO!!!
Quando ho visto scendere in piazza i professionisti al posto degli operai metalmeccanici, credevo che qualcosa stava cambiando!!!

E' però altrettanto vero che la precedente finanziaria prevedeva la rottamazione degli "Euro 0"... con incentivi all'acquisto di nuovi mezzi, tutto a vantaggio del fatturato delle case costruttrici!
In tal caso la spesa per i poveri euro 0 sarebbe stata notevolmente maggiore e in più un incentivo a prendere la macchina per chi non poteva acquistare un nuovo scooter.

Ciò NON toglie che sostuire il superbollo SUV con quello degli scooter Euro 0 è veramente INDEGNO oltre che RIDICOLO!!!

Filippo Luly 26.10.06 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Ho 59 anni dei quali 26 passati dentro una fabbrica.Credevo che l'impegno avesse come contropartita la serenità di vita, almeno sotto il profilo economico.Poi ho capito che la serenità non deriva nè dall'impegno nè dal tuo buon senso, ma semplicemente dal potere. Allora ho pensato che la cultura potesse aprire le porte a questo aspetto e ho detto ai miei figli studiate. Createvi i presupposti per poter crescere.Poi ho sentito qualcuno che esercita il potere, sedendo sui banchi del ns. parlamento, essere ignorante come una capra poichè confonde Nelson Mandela con l'Acvanistan o cose semplici che oggi sono a portata di tutti.Allora sono rimasto spiazzato e così come son sicuro che oggi non supererei l'esame per la patente, se non facessi un corso di aggiornamento,nello stesso modo molti dei nostri onorevoli parlamentari non supererebbero l'esame di 5° elementare. Allora neppure la cultura è una equazione lineare con il potere. Ho pensato, forse è l'onestà dei principi, ma anche qui non mi sono tornati i conti nel vedere il n° degli inquisiti nel parlamento. Ho pensato: il meccanismo che crea il potere è semplicemente il consenso popolare.Ho quindi fluttuato come un angelo nelle varie cabine elettorali esprimendo con una semplice X il consenso a chi, senza interessi personali ma in nome del popolo italiano, lavora e lavora con impegno e serietà. Grazie Silvio, grazie Sig. Biagi grazie Prodi.Nella mia Sardegna non si sta bene, il futuro è coperto da un velo sottile che per chi sta sotto è di un colore scuro , nero , ma per i signori di cui sopra è trasparente.Ogni tanto qualcuno di questi signori dice di non essere insensibile al grido di dolore che.......etc ! Per i conclavi i Cardinali si riuniscono in Conclave " extra Omnes ". Onorevoli fate così anche voi. Noi siamo disponibili non abbiamo la Capella Sistina, ma come voi sapete madre natura ci ha regalato posti meravigliosi. Extra Omnes in: SUPRAMONTE. Ciao Beppe

sergio pilleddu 26.10.06 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Il decalogo puo essere uno spunto di riflessione per alcune iniziative realizzabili... ma la maggior parte sono o contraddizioni o inopportuni.

1.Ticket di ingresso per le auto
In pratica già esiste nel centro storico (Varchi), tuttavia ad un automobilista che paga una serie infinita di tasse, non si può vietare tutto!!!

2.Pista ciclabile che attraversi ogni percorso cittadino..
Quanto costerebbero?????

3.Eliminazione progressiva dei parcheggi in città
ah... questa è bella!
chiedetelo ai comuni che ormai campano quasi solo con i parcheggi blu!!!
(Es. Megaparcheggio Portofino 4,50 Euro/ora)

4.Creazione di zone verdi dove ora ci sono parcheggi
... vedi 2 e 3

5.Car sharing pubblicizzato e incentivato dai Comuni
.. o dai datori di lavoro... OK

6.Autobus e taxi elettrici
...andatelo a raccontare al popolo dei tassinari...

7.Diminuzione dell’Ici del 30% al residente che non possiede una macchina
No comment

8.Tempo di attesa al semaforo per le macchine doppio rispetto ai pedoni
Se aumenta il tempo di attesa ai semafori, aumenta il tempo medio di percorrenza di ciascuna autovettura, pertanto aumenta proporzionalmente l'inquinamento!!

9.Carico e scarico dalle 5 alle 7 del mattino OK

10.Mezzi pubblici gratuiti...
... significa altre tasse comunali per finanziare le aziende di trasporto!!! Ma ciò si potrebbe applicare a chi NON possiede patente di guida.

11.Tassa per l’occupazione di suolo pubblico per le macchine parcheggiate.
... con tutti i parcheggi blu che esistono???

12.Uffici pubblici di nuova costruzione tassativamente senza parcheggi.
Ok, ma ben serviti dal trasporto pubblico.. e NON solo a parole!!!

Il tutto potebbe risolversi con un maggior senso civico e di responsabilità... ma è chiedere troppo agli italiano!!!

Filippo Luly 26.10.06 13:27| 
 |
Rispondi al commento

...beppe...ma dove sta scritto che con gli idealismi si cambia il mondo???

ileana, tv 26.10.06 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
il dodecalogo è giustissimo, il miglior sistema per ridurre l'inquinamento è far odiare l'uso del'auto in città.

Sono stato al VEL EXPO' di Lugano, la fiera della mobilità sostenibile, il 7 settembre è ho notato che in quella città hanno cominciato a mettere in atto questa filosofia toccando alcuni dei punti del dodecalogo.
Vi invito a leggere le mie impressioni sui siti
http://www.fiab-onlus.it/phorum/read.php?f=13&i=223&t=222
e
http://www.greenlinemobility.it/e-bike/viewtopic.php?t=20

Dobbiamo anche noi fare lo stesso!

Per ulteriori informazioni:
http://www.velexpo.ch/velexpo/

Alberto Carissimi 26.10.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono mamma di una bimba di 2 anni, io sono una ciclista-metropolitana e se posso giro sempre in bici. Alla sera la bimba ha sempre tosse e bronchite e la pediatra dice di non uscire e non farle respirare questo veleno. Il lavoro è precario, la salute di noi tutti ed in particolarmodo dei piccoli è in pericolo.
Mi puoi dire come C..O si può andare avanti?????

Hellen Telander 26.10.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento

le città fanno vomitare
il dodecalogo è semplicemente fantastco
Ciao!

Massimo R 26.10.06 12:57| 
 |
Rispondi al commento


Caro beppe,ti scrivo a nome di colleghi che come me, sono stufi del trattamento subito.
I soldi per dirigenti e affini si trovano sempre,mentre noi per avere 10€ mensili bisogna lottare.Possiamo mandarti del materiale?

un caro saluto. serena

m.serena bettinelli 26.10.06 12:50| 
 |
Rispondi al commento

caro B, mi sa che stavolta dalla tua vulcanica mente sia uscita una nota poco intonata.
Il problema che segnali c'è, è grande, lo vediamo e lo viviamo tutti.
ma per risolverlo bisogna allargare l'orizzonte delle misure da intraprendere e delle abitudini da correggere.
quel che dici non va molto bene, sembra più una punizione generalizzata, una specie di vendetta.
Ma non preoccuparti, ti perdoniamo.
Capita a tutti qualche uscita meno felice (metti alla frusta il giannizzero che ti ha scritto sta roba).
ciao

enrico oprandi 26.10.06 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Onorevoli Signori,
la Federazione Motociclistica Italiana si rivolge a tutti Voi che potete esprimervi sulla Legge Finanziaria, perché finisca questo incredibile “accanimento” contro gli utenti dei motoveicoli.

Dopo tante notizie che si sono susseguite in questi giorni, la verità sembra essere infatti che si rinuncia a tassare i SUV, si rinuncia ad aumentare la tassa sui superalcolici e si punta invece a “tartassare” i motociclisti!

E’ assurdo pensare che in cambio di una tassa sull’alcool, tra i maggiori fattori di rischio quando si è alla guida, cresca il bollo sulle moto! E’ inaccettabile questa associazione di idee, per noi che ci stiamo impegnando sempre di più sul fronte della sicurezza stradale! Si dovrebbe invece andare in direzione opposta, incentivando l’uso dei motoveicoli, che comunque contribuiscono a rendere meno congestionato il traffico cittadino.

Se invece la logica è quella che anche i mezzi a due ruote debbano contribuire al sacrificio collettivo per il bene comune, si applichino alle moto più inquinanti gli stessi aumenti previsti per il bollo auto, con una maggiorazione di circa il 15 per cento.

Al momento, invece, non è così: secondo le notizie aggiornate ad oggi, il bollo per i ciclomotori “Euro 0” subisce un aumento del 36%, passando da 19,11 Euro a 26 Euro. I motocicli “Euro 0” poi, per ogni kw in più oltre gli 11 (per i quali è dovuto l’importo fisso di 26 Euro), verseranno 1,70 Euro invece di 0,88 (importo attuale), con un aumento che va oltre il 100 per cento!

Perché?
Ci si dimentica che i motociclisti danno un grande contributo alla mobilità urbana e che sono da considerarsi tra gli utenti più deboli della strada.
Si presume forse (ed è assolutamente errato), che i motociclisti, ciclo
motoristi compresi, siano tra le categorie più abbienti e quindi da tassare maggiormente? Chi guida un mezzo “Euro 0” è quasi sempre chi non ha la possibilità economica di acquistare un mezzo più moderno.

fabio tarquini 26.10.06 12:48| 
 |
Rispondi al commento

1.Ticket di ingresso per le auto
->Okay
2.Pista ciclabile che attraversi ogni percorso cittadino.
-> Fisicamente impossibile da realizzare nelle zone già edificate (figuriamoci i centri storici). Ottima come idea per le zone invece ancora da costruire.
3.Eliminazione progressiva dei parcheggi in città
-> Ottenendo che la gente cerca parcheggio per ore, causando traffico e inquinamento.
4.Creazione di zone verdi dove ora ci sono parcheggi
-> Vedi le piste ciclabili.
5.Car sharing pubblicizzato e incentivato dai Comuni
-> Okay
6.Autobus e taxi elettrici
-> Ottimo, ma come già detto da qualcuno, l'energia si produce ancora "bruciando". Per motivi di efficienza della produzione energetica, diciamo che questa soluzione diminuisce "un pò" l'inquinamento ma lo sposta intorno alle centrali elettriche, non è che lo elimina.
7.Diminuzione dell’Ici del 30% al residente che non possiede una macchina
-> Okay!
8.Tempo di attesa al semaforo per le macchine doppio rispetto ai pedoni
-> Così le automobili stanno ferme accese più tempo e inquinano di più. Molto meglio aumentare il numero dei sottopassaggi.
9.Carico e scarico dalle 5 alle 7 del mattino
-> Okay
10.Mezzi pubblici gratuiti
-> Okay, magari!
11.Tassa per l’occupazione di suolo pubblico per le macchine parcheggiate
-> Velo pietoso
12.Uffici pubblici di nuova costruzione tassativamente senza parcheggi.
-> Bah.

Piuttosto rendiamo pulito, efficiente, funzionale ed economico il trasporto pubblico.

Lorenzo Carnevale 26.10.06 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non pensiamo anche ad un RESET della massa di politicanti che occupano le sedie?
Leggete un pò qua sotto...

Oggi, chi in campo professionale ed economico si ritiene una “riserva della Repubblica” sbaglia. La crisi dei partiti è passata. E’ difficilissimo che i partiti lascino spazio rilevante a chi viene fuori dalle loro strutture (Fonte: La Stampa, 25.10.2006)

Così disse Giovanni Bazoli. A Firenze l’altro ieri sera all’Osservatorio Giovani Editori.

C’è davvero di che rallegrarsi.

L’unica speranza che rimane è che si sia distratto, magari in un attimo di amore senile verso i baldanzosi giovanotti al potere.

Può accadere, visti i tanti impegni che ha Bazoli (pensiamo alla fusione con San Paolo) e che lo distolgono dalle sirene che già qualche anno fa lo davano come candidato premier del centrosinistra.

Io però penso che stavolta possa aver parlato per altre ragioni: per esempio visti i tanti favori al sistema bancario che il suo amico Padoa Schioppa sta riservandogli senza alcuna voce di perplessità che si alzi da destra, sinistra o da vie intermedie.

Tranne la nostra: www.presente-futuro.it

Paolo, torino 26.10.06 12:36| 
 |
Rispondi al commento

MA SIAMO TUTTI IMPAZZITI , NON HO MAI VISTO UN SITO COSI , DITEMI CHE NON SONO MATTO.

WWW.WAR2.CH

E NOI PARLIAMO DI LIBERTA' E DEMOCRAZIA QUANDO CI SONO PERSONE COSI'.

luca bassi 26.10.06 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non cominciamo dai piccoli problemi!!!!
Non se ne può più di vivere nella cacca e nel piscio dei cani!!!!!!
D'estate poi non ne parliamo c'è un fetore da fare schifo!!!
Sono stufo tutte le mattine di aprire il lucchetto sulla ruota dello scooter tutto pisciato dai cani.
Non è forse un problema di igiene e di salute vivere negli escrementi animali???????


Fabio Crisetti 26.10.06 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, la prossima volta che vieni a Catania per uno spettacolo ti consiglio di spostarti in bicicletta perchè non esisteranno più i parcheggi, la cosa che più mi dispiace è che se tornerai al Metropolitan dovrai farti qualche salutare pedalata in salita ma una volta raggiunto il teatro potrai comodamente posteggiare in un’apposita rastrelliera dove pagherai soltanto una tassa per consumo di suolo pubblico da calcolare in base alla massa spostata dal mezzo. Ehm... temo che dovrai alzarti alle due del mattino perché la tua troupe sarà obbligata a scaricare il materiale di scena in un orario compreso tra le tre e le cinque poiché dopo è il turno dei sexy shops.
Ah.. dimenticavo, forse non ci saranno molti spettatori, ma ciò non sarà dovuto ad un tuo improvviso calo di popolarità, sai molta gente non sa pedalare e non ha dove posteggiare la macchina e poi alla fine dello spettacolo gli autobus in circolazione non sono tanti. Però qualche muscoloso idealista volenteroso e due o tre attempate professoresse di filosofia non mancheranno di certo...

Antonio Riso 26.10.06 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA SIAMO TUTTI IMPAZZITI , NON HO MAI VISTO UN SITO COSI , DITEMI CHE NON SONO MATTO.

WWW.WAR2.CH

E NOI PARLIAMO DI LIBERTA' E DEMOCRAZIA QUANDO CI SONO PERSONE COSI'.

luca bassi 26.10.06 12:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno,

non sono d'accordo in toto con l'iniziativa in quanto ci sono un macello di paesini, e la gente come si muove da un paese alla città quando gli serve se i mezzi publici no vanno?
Come si può convincere a condividere l'auto qualcuno ed usare un solo mezzo per andare a lavoro se molta gente odia la compagnia ed il prossimo?
Io comincerei a rendere obbligatorio lo sport e gratuito, oppure ad incentivarlo a manetta; Comunque sono molto d'accordo con le proposte elencate, anche se mi documenterei sui modo di fare nel resto del mondo per migliorare il migliorabile. A Los Angeles per esempio la condivisione delle macchine è realtà.

Buon lavoro ;-)

Luca Rosso Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Il signor Grillo predica bene e razzola male. Anche lui usa una delle sue auto per andare in centro con signora: non usa taxi, car sharing o (orribile a dirsi) gli autobus.

Paolo Sulas 26.10.06 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non cominciamo dai piccoli problemi!!!!
Non se ne può più di vivere nella cacca e nel piscio dei cani!!!!!!
D'estate poi non ne parliamo c'è un fetore da fare schifo!!!
Sono stufo tutte le mattine di aprire il lucchetto sulla ruota dello scooter tutto pisciato dai cani.
Non è forse un problema di igiene e di salute vivere negli escrementi animali???????

Fabio Crisetti 26.10.06 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere cosa si può fare per difendere i diritti dei ciclisti a Milano. Io mi accanisco ad usare la bici come mezzo di trasporto primario. Abito fuori dal centro (zona S.Siro) e lavoro dietro al Duomo. Ci impego meno di mezzora ad andare a lavorare, meno di quanto sarebbe necessario con i mezzi pubblici o con l'auomobile. Il clima è molto più favorevole di quanto si creda per la maggior parte dell'anno e comunque meno fastidioso in bici che sui tram o sulla metro, la factica è relativa (Milano è piatta, qualcuno ci ha mai fatto caso?), ma si rischia la vita. Lasciamo stare quello che si respira, lasciamo stare il pavé. Noi ciclisti siamo lo zimbello non solo di mezzi pesanti e leggeri, ma anche dei pedoni che sulle ciclabili non ci rispettano e ai semafori ci ignorano peggio delle automobili e dei loro cani senza gunzaglio. Siamo ignorati dalle amministrazioni locali che non solo non mantengono le piste ciclabili ma non fanno rispettare i dievieti di sosta: in alcuni casi è meno pericoloso percorrere la strada normale piuttosto che tratti di cliclabile dove buche e auto in sosta costringono ad acrobazie icredibili. E poi, perchè sulle ciclabili non si vedono mai i viglili in bicicletta?? Dove vanno i viglili in bicicletta? Perchè non difendono i diritti dei ciclisti?? Un giorno ne ho fermati due (al bar) e ho chiesto perchè nessuno dia la multa alle auto in sosta sulla ciclabile e i.. due mi hanno detto che non sapevano nemmeno che da piazzale Lotto al Castello ci fosse una ciclabile perchè loro lavorano in zona 1!!!! Milano è una città da percorrere in bici, sembra persino più bella, facciamo qualche cosa per i ciclisti urbani. Simona

Simona Soci 26.10.06 11:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ti e’ stata reintrodotta la tassa di successione
…ti hanno aumentato dal 12,5% al 20% la tassa sui BOT e fondi d’investimento
…ti hanno fatto credere che le tasse le pagano solo i ricchi, col 43% oltre i 75.000 euro, ma hanno abbassato a 15.000 € l’aliquota del 23% (con Berlusconi era a 26.000) e i ceti bassi (non quelli medi) pagheranno più tasse
…ti hanno messo le mani sul TFR che andra in buona parte all’INPS (li rivedrai mai quei soldi?)
…ti hanno detto di essere pacifisti e mandano i soldati in Libano ( e i giornali non ne parlano)
…ti aumenteranno gli estimi catastali e pagherai un ICI, molto ma molto più elevata
…ti hanno detto che ridurranno le spese dei ministeri, ma questo governo ha fatto il record di poltrone assegnate ai loro sottosegretari e portaborse
…vieteranno l’alcool ai minorenni che però saranno liberi di drogarsi
…al primo cenno di satira su Prodi hanno messo il bavaglio a Raidue
…ti hanno aumentato l’accisa sul gasolio, e pagherai di più il pieno
…faranno chiudere un commerciante che non emette uno scontrino per evasione, ma nulla faranno contro quei professori che danno ripetizioni agli studenti in nero
…le agenzie di rating hanno già bocciato questa finanziaria
…fra cinque anni sarai allo stadio a tifare Italia con immigrati che non sanno neanche l’italiano
…quando andrai al pronto soccorso pagherai 36€ e se devi fare della diagnostica te ne spilleranno altri 18 (e’questo pesa sui più deboli non sui più ricchi)
…si fingono liberali ma vogliono statalizzare Telecom

…se avevi una maglietta o una spilla con la scritta “Io sono un coglione”, tirala fuori dal cassetto e indossala adesso!


il mio sito WWW.WAR2.CH o clicca sul mio nome sotto.

mike florio 26.10.06 11:45| 
 |
Rispondi al commento

TELELAVORO!!!

raffaella rose Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 11:42| 
 |
Rispondi al commento

D'accordissimo con te caro Beppe, ma credo che il problema non siano solo le automobili.Mi piacerebbe che si evitassero gli sprechi anche per ciò che riguarda i riscaldamenti.Ti racconto quello che mi è successo stamani.Dal 15 di ottobre a milano sono stati accesi i riscaldamenti negli edifici pubblici e nei condomini. Stamattina sono andato in un ufficio ASL a milano dove i riscaldamenti erano a palla nonostante la temperatura mite di questi giorni.Il risultato?Un caldo atroce nell'edificio e finestre spalancate per abbassare la temperatura!!Mi chiedo:non è possibile utilizzare un metodo un pò più flessibile che consenta di accendere se è freddo e spegnere se è caldo evitando inutili sprechi e rendendo quindi l'aria un pò più respirabile?

Andrea Buda 26.10.06 11:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1)Benefici alle regioni che fanno più piste ciclabili/parchi giochi bambini/piantano più alberi da frutto/impianti di energia alternativa
2)Mettiamo una tassa regionale sulla benzina che vada devoluta alla ricerca sull'energia alternativa composta da neo ingegneri con ottimi voti.
3) Ogni azienda che produce materiale non riciclabile deve pagare la spazzatura, non la deve pagare il cittadino; per es. se uno produce buste deve pagare la spazzatura sul peso delle buste che vende. Chi usa materiale riciclabile avrà + benefici e cioè pagherà meno sulla spazzatura.
4)Ogni palazzo deve avere uno spazio di discarica divisa per tipo di rifiuto

rocco errico 26.10.06 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Forse prima di scrivere certi decaloghi dovresti provare a lavorare qualche giorno con/in mezzo alle persone normali; ti è venuto in mente che dentro a quelle macchine ci sono delle persone? E quelle persone magari sanno benissimo quali sono i problemi connessi alla circolazione delle loro vetture ma sono altrettanto consce che non ci sono soluzioni equivalenti? Se togli anche i pochi parcheggi che ci sono (e te lo dice uno che vive a Milano) le macchine non se ne staranno nei box ma in mezzo alla strada dove già stanno quando non si trova parcheggio!
Capisco l'esigenza di trovare ogni giorno cose nuove da scrivere e argomenti con cui criticare società, governanti etc... ma pensa sempre prima di scrivere.

Max Ciprandi 26.10.06 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe è una buona proposta ma non basta...è necessario anche ridurre i PRIVILEGI parlamentari.

Sono una classe iper-privilegiata

ci sono norme assurde

ad es x i parlamentari sono riconosciuti i diritti delle coppie di fatto...diritto che loro però non vogliono concedere al resto del popolo perchè?????

FUORI I NOMI

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 26.10.06 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non vi è ancora il post nuovo?

Riccardo Rodriguez 26.10.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE, BASTA FAR STARNAZZARE QUESTO BLOG.

I ROMANI, assediati dai Galli, erano tentati di mangiarsi le OCHE che, considerate SACRE, si aggiravano "libere" per il Campidoglio.
Una notte Marco Manlio intuì che i Galli stavano scalando le mura, li affronto e il combattimento provocò l'agitazione delle oche che, starnazzando, svegliarono i Romani che poterono così sventare l'attacco e decimare i Galli.

SE SEI BUONA FEDE, e non sei interessato solo alla popolarità e ai benefici economici che questa comporta:
1) CREA UN FORUM,
2) SELEZIONA SOSTENITORI popolari, come te. Ve ne sono?
3) SELEZIONA COLLABORATORI, capaci, Ve ne sono!
4) SCENDI IN CAMPO CON LA SQUADRA.

Allora, e solo allora questo starnazio non sarà caciara allarmante.

/* Scheggia */

Giovanni Cassai 26.10.06 10:06| 
 |
Rispondi al commento

@ Antonio Nattieri 25.10.06 20:23

Scommetto che lavori a Como! Almeno, il fatto degli orari dei mezzi pubblici stabiliti da un mentecatto fa propendere fortemente per questa ipotesi... :(
Ciao!

Elena Bianchi 26.10.06 09:59| 
 |
Rispondi al commento

test antidroga obbligatorio per i parlamentari

FUORI I NOMI

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 26.10.06 09:45| 
 |
Rispondi al commento

TELELAVORO!!!!

raffaella rose Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo al punto 8 ("Tempo di attesa al semaforo per le macchine doppio rispetto ai pedoni") bisognerebbe combinarlo con l'obbligo di spengere i motori durante l'attesa (per auto non elettriche, quindi tutte, purtroppo), altrimenti ai semafori si crea un nube di smog per i pedoni che passano di lì.
E' una cosa che andrebbe comunque fatta a priori dell'allungamento dei tempi di attesa. Se si scaricano le batterie chissenefrega, con un auto elettrica non succederebbe.

Daniele Bandini 26.10.06 09:35| 
 |
Rispondi al commento

TELELAVORO!!!!

raffaella rose Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 09:34| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

Se volete vedere la città del "futuro" venite a Parigi... ma senza automobile (parcheggi introvabili e forature delle gomme ai gipponi).

a maruzza 26.10.06 09:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, forse per una volta non sono pienamente daccordo, forse perchè non vivo in una grande città e dalle mie parti senza mezzo proprio non ti muovi. Le soluzioni potrebbero essere altre:
- Chiudiamo le autostrade ai camion e facciamogli usare sti benedetti treni
- Imponiamo leggi che obbligano ogni casa automobilistica a produrre almeno 1 vettura per ogni tipo di carburante esistente
- Imponiamo si tempi semaforici pro-pedoni ma istituiamo anche pesanti multe per chi non attraversa sulle strisce
- Leviamo i parcheggi a raso però costruiamone di interrati a basso costo
- Tassiamo a morte i SUV e leviamo le tasse ai mezzi a 2 ruote
- Aboliamo ogni tipo di macchina governativa. Se un politico è convinto di fare bene, che prenda il tramme per ricevere tanti consensi
- Abbassiamo pure l'ici a chi non ha auto, ma attenti perchè le intesteranno ad altri
- Ma soprattutto non votateli perchè hanno delle sigle o dei colori, perchè a loro di quelle cosa non interessa nulla, sposano le sigle ed i colori che più gli fanno comodo, e non mettono nemmeno la freccia quando passano da una parte all'altra...

Riccardo Mugnaini 26.10.06 08:57| 
 |
Rispondi al commento

ecco un altro video, ancora più dettagliato, della macchina ad aria compressa...
http://www.youtube.com/watch?v=D-A3XHFT5qc

e qui c'è n'è un altra con un motore così piccolo da pesare 30 kg...
http://www.youtube.com/watch?v=Dq8aZVLpf-c

entrambi i video sono in inglese, ma britannico, è molto capibile...

Gabriel Reyla 26.10.06 04:12| 
 |
Rispondi al commento

eccola l'auto ad aria compressa! guardatevi il video su youtube!!!

http://www.youtube.com/watch?v=_GZTDhDsf4U

per questa macchina beppe, si potrebbero evitare le tasse ecc previste per le altre macchine a benzina...

Gabriel Reyla 26.10.06 03:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto bello...ma come si fa a togliere dal culo l'auto agli italiani quando solo su di essa si sentono qualcuno? Gli italiani automobilisti(ovviamente non tutti)...complici tra di loro contro le pattuglie della polizia...che lampeggiano per avvisare dei carabinieri, così quei bastardi che fanno i 130 in centro abitato la passano liscia e il giorno dopo possono ammazzare un pedone sulle strisce pedonali...
Come fai a togliere il giocattolone a 'sti dementi? (offendo solo la categoria di automobilisti di cui sopra)...

Federico Padovani 26.10.06 01:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe
OK. Reset delle auto e dei sistemi di autotrazione. Andiamo a spolverare l'Ing. Guy Negre che è finito nel limbo della ragione per avere brevettato il motore ad aria compressa. Facciamolo conoscere e pubblica gli inventori delle scoperte scomode perchè rivoluzionano il sistema.Vediamo ad esempio quanto funzionano le caldaie ad acqua dell'Ing. di Treviso della KWANT.
Si risolve con nuove proposte in ogni campo.
p.s. aggiungi i taxi elettrici o ad olio vegetale o alcool (motori fiat brasiliani).
Grazie e coraggio

antonio castelli Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 00:36| 
 |
Rispondi al commento

DOV'e' finito MAX STIRNER??
Vedo che MAX STIRNER è sparito e in compenso sono aumentati i miei cloni...ma che bel MASS MEDIA democratico che è diventato questo BLOG...

Cosa c'è STIRNER??? Hai paura e per tale motivo hai cambiato di nuovo NICK per non farti più rintracciare e umiliare da me??

Se pensi di risolvere così il problema delle censure sei un povero ILLUSO...

Comunque ti metto alla prova:vi avverto, te e gli altri malati di mente come te dello STAFF di GRILLO (tipo MANUELA BELLANDI,sempre che esista effettivam) che alla prima censura che subisco partirà la LETTERA DENUNCIA a TV,PARTITI e GIORNALI e saranno cazz. amari sia per te che per lo stesso GRILLO, se non ti ha già tolto dalle palle!!!

Good night
Joe

giovanni vestri 26.10.06 00:32| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe
OK. Reset delle auto e dei sistemi di autotrazione. Andiamo a spolverare l'Ing. Guy Negre che è finito nel limbo della ragione per avere brevettato il motore ad aria compressa. Facciamolo conoscere e pubblica gli inventori delle scoperte scomode perchè rivoluzionano il sistema.
Si risolve con nuove proposte in ogni campo.
p.s. aggiungi i taxi elettrici o ad olio vegetale o alcool (motori fiat brasiliani).
Grazie e coraggio

antonio castelli Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 00:30| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe
OK. Reset delle auto e dei sistemi di autotrazione. Andiamo a spolverare l'Ing. Guy Negre che è finito nel limbo della ragione per avere brevettato il motore ad aria compressa.Vediamo quanto funzionano le caldaie ad acqua dell'Ing. di Treviso della KWANT. Facciamolo conoscere e pubblica gli inventori delle scoperte scomode perchè rivoluzionano il sistema.
Si risolve con nuove proposte in ogni campo.
p.s. aggiungi i taxi elettrici o ad olio vegetale o alcool (motori fiat brasiliani).
Grazie e coraggio

antonio castelli Commentatore in marcia al V2day 26.10.06 00:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito Cofferati l'altro giorno delirare su una Metropolitana a Bologna,un progetto che speravo dimenticato,anche perchè già parecchi anni fa degli accertamenti avevano stabilito quanto fosse rischioso un progetto simile per la particolare situazione sotto la Città.Beppe ne sai qlcs,o i ragazzi del Meetup.io ora sono fuori per lavoro,ma con l'anno nuovo torno e resto nella mia città.Facciamo qualcosa
HELP

valerio brugnolo 25.10.06 23:42| 
 |
Rispondi al commento

x il moralizzatore:

Le Iene possono dire quello che vogliono,ma le cifre che dici sono ridicole. Tu stesso dici che il tunnel sotto la manica e' costato 13 mil di euro, o il tunnel della val di Susa costerebbe 10 miliardi (praticamente dovrebbe essere un tunnel che fora le Alpi per poi spuntare in Francia), ed uma galleria per attraversare una montagna degli Appennini costa 50 mil di euro. Non puo' essere. Cifre sballate. Anche la lunghezza, 70 km. e' assurda,da Bologna a Firenze ce ne sono 100 ed il Mugello e' solo una parte della tratta di pochi km.

francesco pace 51 25.10.06 23:30| 
 |
Rispondi al commento


Addio un buon amico di miei anni verdi e non solo;

E' ormai sera un altro giorno si spegne, e voglio salutare, con voi, un altro grande amico, che oggi ci ha lasciati, che, tanto ha rallegrato con le sue canzoni e le sue musiche, il mio e forse, anche il vostro viaggio su questa terra, o per lo meno a tanti:

CIAO--- BRUNO LAUZI----, CHE TU POSSA CAVALCARE, L'ONDA, DI CUI TANTA GIOIA HAI SAPUTO MAGISTRALMENTE INTERPRETARE, NELLO SPUMEGGIARE, DI UN MARE SCONFINATO COME LA TUA ALLEGRA VITALITA' CHE, PER TANTO, CI HA TENUTO COMPAGNIA E CHE, MAI, IO ALMENO DIMENTICHERo', ciao, buon viaggio

Francesco

f.marletta 25.10.06 23:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

resetopoli!

lilly strudel 25.10.06 23:07| 
 |
Rispondi al commento

Tutti ci perderebbero con delle manovre del genere, tutti ci perderebbero nell'immediato... pensate quale difficoltà per andare in centro a fare shopping, per parcheggiare l'auto la mattina quando andiamo a lavorare...

Ma cari, cari pigroni motorizzati... TUTTI CI GUADAGNEREBBERO se questi 4 accorgimenti proposti dal Grillo venissero messi in atto. E sono convinto che una volta abituata, la gente, non si lamenterebbe neanche poi tanto e finalmente POTREBBE RESPIRARE.
Io esco di casa la mattina in bici, mi faccio 5 km per arrivare in stazione e prendere il treno... poi a piedi fino all'università. Peccato che i tragitti in bicicletta e a piedi debbano essere realizzati in mezzo a un mare di macchine, perchè nessuno a voglia la mattina di mettersi sui pedali, poverini... Ma non mi lamento mica (certo sono un fesso a beccarmi lo smog di migliaia le macchine tutte le mattine, ma non è questo il punto). Solo penso a quanto sarebbe bello (e utile e sano e giusto) vedere altre bici, altre persone intorno a me... invece di vedere solo busti impalati dentro a stupide autovetture (per l'ottanta per cento del tempo ferme!!!).

Sono 12 consigli... li leggi e dici: IMPOSSIBILE! Non li vorrà mai nessuno. Ci pensi e dici: è poi così difficile fare qualcosa per migliorarci la vita, la salute, la F E L I C I T A'!!!

L'uomo è proprio un essere strano!


Rodriguez (Ramirez?),

Si si, copio.. ho sentito della questione che il Comune deroga.. (cammina sempre con un vocabolario
o qualcosa di satellitare).. anzi fatti consigliare che di deroghe non si finisce mai che l'apprensione..

(e punto, e virgola, e punto e virgola, ma che dico? tre punti e tre virgole, anzi abbondiamo: scrivi che siamo stufi e vogliamo le stufe!)

Questo il linguaggio di un addetto, addentrato, che sentente saccorcia sulla chiosa dell'arzigogolo..

So cazzi nostri, sono armati de letteram, e se vuoi parlare devi ingoiare un vagone di prassi
e muffe romantiche.

E se no si ride! perchè vicino a "deroga" c'è una marea di concetti astrusi che ci seleziona (la marea) all'espresso mediocre, all'essere in luogo dell'apparire.

Ma tu non l'ascoltare! che a perder la misura si perde il piacere pure di suonare!

moseca moseca 25.10.06 23:04| 
 |
Rispondi al commento

SCIOPERO GENERALE A TEMPO INDETERMINATO VERSO
LA REPUBBLICA STOCASTICA (CASUALE)

Credo che:

per risolvere il problema smog nelle città, occorra estirpare il male dalla radice, non tamponare solo la superficie.

Allora propongo di:

1) Mantenere salda e sicura la rete di informazione tramite Internet e diffonderla (tutelare, difendere e diffondere il nostro Beppe Grillo)
2) Sensibilizzare le persone poiché su 6.5 miliardi che siamo, forse solo mezzo miliardo ha un tenore di vita soddisfacente mentre per gli altri non è affatto così: troppa indifferenza, superficialità, ignoranza e crudeltà. Ma ne siamo tutti responsabili.
3) Informare quante più persone sulle energie pulite:
a. Fotovoltaico (il Sahara è abbastanza grande) per produrre energia elettrica dal Sole.
b. Ivi realizzare centrali elettriche fotovoltaiche che non dovrebbero costare molto di più di una nave da guerra, tipo la San Giusto, o di caccia militari, che in ultima analisi portano morte, per salvaguardare un’economia basata sul petrolio.
c. Produrre idrogeno dalla scissione dell’acqua, portata con condotte nel deserto, con l’energia di cui al punto ‘a’.
d. Costruire veicoli con celle a combustibile, che prendono energia elettrica dall’idrogeno, di cui al punto ‘c’.
e. Fare andare le automobili con motori elettrici (rendimenti 2-3 volte superiori a quelli delle auto) con emissione di vapore acqueo.

4) Imporre agli attuali governi del c…o (sono sempre loro e tutti uguali… e sono ancora tanti quelli che credono ancora alle loro parole…) di convertire entro 2-3 anni tutto il sistema.
5) In caso di inottemperanza e scadenza del termine proclamare e mettere in atto lo SCIOPERO GENERALE A TEMPO INDETERMINATO.
6) Fare cadere i c u l i caldi e comodi dei dirigenti manigoldi noti e/o occulti di questa società inumana, andandoci naturalmente a riprendere i soldi sottratti, le ferrovie, l’energia, l’acqua, le telecomunicazioni, le autostrade, le poste, ecc, ecc, ecc.
SCIOPERO GENERALE A TEMPO INDETERMINATO VERSO
LA REPUBBLICA STOCASTICA (CASUALE)


7) Instaurare una democrazia diretta, mediante votazioni in rete – purché sicure e controllabili da chiunque – e instaurale la REPUBBLICA STOCASTICA (CASUALE) eleggendo a sorte tra candidati e candidate volontari (istruiti, laureati e non, di ogni estrazione, senza interessi personali da tutelare).
8) Impedire plurime rielezioni.
9) Annullare l’imposizione delle “educazioni” religiose – di qualunque tipo – , ma che ognuno possa scegliere liberamente in chi o cosa credere.
10) Impedire la costruzione di armi e diffondere l’intelligenza, la collaborazione, non la paura del diverso e l’ignoranza. Collaborazione e non competizione.
11) E così via.

Grazie per l’attenzione.

davide simone 25.10.06 23:04| 
 |
Rispondi al commento

Fare sconti di carburante a chi si presenta dal distributore di carburante con la macchina piena di persone ed aumento dello stipendio a chi si reca a lavoro in autobus.

salvatore Pisu 25.10.06 23:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, so che ricevi milioni di messaggi ogni giorno ed è difficile leggerli tutti, ma spero proprio che questo tu riesca a leggerlo e a darmi una risposta.
Qualche mese fa sono rimasta colpita da una lettera che un signore ti ha scritto: diceva che non ne poteva più di restare in questo paese, che ogni giorno perdeva la speranza di un miglioramento sociale, che ogni sera guardava i suoi figli e voleva dargli qualcosa di meglio per il loro futuro, quindi ... aveva pensato di andarsene dall'Italia! Di cambiare in meglio. O almeno questo si augurava.
Tu gli hai risposto, gli hai detto che aveva ragione in tutto questo ma lo esortavi a tenere duro. Gli dicevi di resistere perchè qualcosa sarebbe cambiato anche con la nostra tenacia.
Beh, io mi sento proprio come quell'uomo! E non vedo nulla all'orizzonte. Anzi vedo che va sempre peggio. Siamo lo zimbello europeo, il popolo dei quaranta ladroni ... anzi 40 + 40 + 40 ecc. Siamo sempre più maleducati, incivili, codardi (ci abbassano i pantaloni ogni giorno e noi continuiamo ad alzarci tutte le mattine ... per pagare la rata del mutuo!) e soprattutto continuiamo ad andare a votare!
Io non so quanto rimarrò in questo paese. Ho una sorella che ha fatto i bagagli ben 6 anni fa e non se ne pente neanche un pò!
E tu che ne pensi? E' giunta l'ora di andarsene?
Grazie e ancora grazie per quello che fai ogni giorno!! Persone come te dovrebbero essere elette e non censurate!
Sandra

sandra cappato 25.10.06 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Riepilogando:
1) SÌ ticket di ingresso per le auto (ma valido solo di giorno, per i NON residenti e per spostamenti non dovuti a lavoro o urgenze; purtroppo ci saranno sempre i furbi).
2) SÌ pista ciclabile che attraversi ogni percorso cittadino.
3) SÌ eliminazione progressiva di ALCUNI parcheggi in città.
4) SÌ creazione di zone verdi, anche al posto di ALCUNI parcheggi che potrebbero essere progressivamente levati fatti i suddetti punti (magari mettendo porte di calcio, reti da pallavolo, un paio di canestri accessibili a tutti gratuitamente e che riportino i ragazzi a giocare per strada e non davanti un video);
5) BOH car sharing pubblicizzato e incentivato dai Comuni (cosa vuol dire “car sharing”? in cosa consisterebbe? A volte usiamo l'italiano...);
6) SÌ autobus e taxi elettrici;
7) SÌ diminuzione dell’Ici del 30% al residente che non possiede una macchina;
8) SÌ il tempo di attesa al semaforo per le macchine doppio rispetto ai pedoni;
9) NO carico e scarico dalle 5 alle 7 del mattino (non si può chiedere a chiunque abbia un’attività com-merciale di recarsi al lavoro alle 5 di mattina quando magari può aprire alle 9; oppure, un grossista o trasportatore non può rifornire tutti in solo 2 ore).
10) SÌ mezzi pubblici gratuiti (gli autobus sono acquistati coi soldi nostri), ma per far abbandonare l'auto occorre: a) aumentare le corse e la loro frequenza; b) coprire meglio tutte le zone della città, sobborghi e ipermercati limitrofi; c) garantire sicurezza da borseggi o scippi o... stupri (una commessa in un ipermercato difficilmente torna da lavoro alle 21-22 con un autobus...).
11) NO alla tassa per l’occupazione di suolo pubblico per le macchine parcheggiate (perché chi non ha un garage che fa? Già uno rischia di vedersela rubare ogni giorno sotto casa... un altro mutuo NO!).
12) SÌ agli uffici pubblici di nuova costruzione tassativamente senza parcheggi, se ben serviti dai mezzi pubblici e se i dipendenti sono del posto e non vengono da fuori citt

Giuseppe Gol 25.10.06 22:56| 
 |
Rispondi al commento

L'azione comincia con l'informazione.
Almeno un Beppe Grillo Meetup in ogni comune.
Non solo in rete, ma con un luogo fisico.
Liberiamo il tempo per pensare, per capire, per vivere meglio.

Dan Sano 25.10.06 22:56| 
 |
Rispondi al commento

relativamente alle proposte presenti nel post "i veleni delle città"...
mi sembrano un pò punitive nei confronti di coloro che non hanno altra colpa se non quella di non avere alternativa all'utilizzo dell'auto, pur vivendo in città.
Nello specifico: sono uno zootecnico professionista e svolgo la mia consulenza in un centinaio di aziende agricole di bovini da latte nelle province di Milano e Lodi, posseggo un box nel quale staziona l'auto di mia moglie e la mia vettura è parcheggiata in strada.
Percorro circa 40000 km/anno e mi rendo conto di essere una fonte di inquinamento...
Ritengo tuttavia che le responsabilità siano da ascrivere a coloro che non mi forniscono alternative valide ai convenzionali combustibili, piuttosto che ad uno che tenta di arrivare indenne alla fine del mese.

marco Laurenti 25.10.06 22:51| 
 |
Rispondi al commento

RESET: seconda parte

SCIOPERO GENERALE A TEMPO INDETERMINATO VERSO
LA REPUBBLICA STOCASTICA (CASUALE)


7) Instaurare una democrazia diretta, mediante votazioni in rete – purché sicure e controllabili da chiunque – e instaurale la REPUBBLICA STOCASTICA (CASUALE) eleggendo a sorte tra candidati e candidate volontari (istruiti, laureati e non, di ogni estrazione, senza interessi personali da tutelare).
8) Impedire plurime rielezioni.
9) Annullare l’imposizione delle “educazioni” religiose – di qualunque tipo – , ma che ognuno possa scegliere liberamente in chi o cosa credere.
10) Impedire la costruzione di armi e diffondere l’intelligenza, la collaborazione, non la paura del diverso e l’ignoranza. Collaborazione e non competizione.
11) E così via.

Grazie per l’attenzione.

davide simone 25.10.06 22:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo senti questa, e poi dimmi se la schizofrenia è, o non è, il vero problema dell'Italia.
Apparentemente non c'è nessuno apertamente favorevole alla cementificazione, all' urbanizzazione, alla progressiva diminuzione degli spazi verdi. Apparentemente la maggior parte vorrebbe tornare alla sana vita del "mulino bianco". Bene.
Mio padre, quando è andato in pensione, con la liquidazione ha comperato un piccolo prato in periferia, e un cavallo. Degustibus.
Subito petizione popolare perchè il cavallo..fa i bisogni... puzza.. e bisogna eliminare simili sconci dalle nostre linde e profumate città!
L'ufficiale sanitario però, non ha potuto che constatare la perfetta cura prestata all'animale, e quindi non è proceduto oltre, archiviando la denuncia. Dopo un paio di anni, lo zoo si arricchisce di alcune galline e un indispensabile gallo del pollaio.
Altra petizione popolare.Risultato: gallo che canta, abbattuto, e multa perchè alla conta risultavano più di 10 galline (13 per l'esattezza) che non erano state denunciate al Comune. Sì, perche l'odinanza locale dice che, solo dietro presentazione di domanda in carta bollata da 15 euro, si possono tenere animali da cortile, in numero massimo di 10 ( un euro e mezzo a pollo).
La parola "schizofrenia" mi salta, così, alla mente.
Come per quei politici che chiedono a noi sacrifici, ma si aumentano i loro privilegi.
Schizofrenia.

Eppure, trattandosi di una malattia, forse possiamo curarla, forse non siamo SOLO QUELLO CHE SIAMO. Sì, forse è tutta colpa di una malattia, e con le giuste medicine.....forse..magari ridiventiamo savi.

Saluti Bruno


Bruno Lauri 25.10.06 22:50| 
 |
Rispondi al commento

RESET: prima parte

SCIOPERO GENERALE A TEMPO INDETERMINATO VERSO
LA REPUBBLICA STOCASTICA (CASUALE)

Credo che:

per risolvere il problema smog nelle città, occorra estirpare il male dalla radice, non tamponare solo la superficie.

Allora propongo di:

1) Mantenere salda e sicura la rete di informazione tramite Internet e diffonderla (tutelare, difendere e diffondere il nostro Beppe Grillo)
2) Sensibilizzare le persone poiché su 6.5 miliardi che siamo, forse solo mezzo miliardo ha un tenore di vita soddisfacente mentre per gli altri non è affatto così: troppa indifferenza, superficialità, ignoranza e crudeltà. Ma ne siamo tutti responsabili.
3) Informare quante più persone sulle energie pulite:
a. Fotovoltaico (il Sahara è abbastanza grande) per produrre energia elettrica dal Sole.
b. Ivi realizzare centrali elettriche fotovoltaiche che non dovrebbero costare molto di più di una nave da guerra, tipo la San Giusto, o di caccia militari, che in ultima analisi portano morte, per salvaguardare un’economia basata sul petrolio.
c. Produrre idrogeno dalla scissione dell’acqua, portata con condotte nel deserto, con l’energia di cui al punto ‘a’.
d. Costruire veicoli con celle a combustibile, che prendono energia elettrica dall’idrogeno, di cui al punto ‘c’.
e. Fare andare le automobili con motori elettrici (rendimenti 2-3 volte superiori a quelli delle auto) con emissione di vapore acqueo.

4) Imporre agli attuali governi del c…o (sono sempre loro e tutti uguali… e sono ancora tanti quelli che credono ancora alle loro parole…) di convertire entro 2-3 anni tutto il sistema.
5) In caso di inottemperanza e scadenza del termine proclamare e mettere in atto lo SCIOPERO GENERALE A TEMPO INDETERMINATO.
6) Fare cadere i c u l i caldi e comodi dei dirigenti manigoldi noti e/o occulti di questa società inumana, andandoci naturalmente a riprendere i soldi sottratti, le ferrovie, l’energia, l’acqua, le telecomunicazioni, le autostrade, le poste, ecc, ecc, ecc.

davide simone 25.10.06 22:49| 
 |
Rispondi al commento

E COSI'...FINISCE ANCHE QUESTA GIORNATA...

ANCHE OGGI TANTE BELLE PAROLE DI TUTTI QUANTI.....E NULLA DI PIU'.....


VABBE' PROVERO' A RILEGGERVI DOMANI....

NON SI SA' MAI CHE QUALCUNO INIZI LA RIVOLUZIONE....


LA RIVOLUZIONE!!!!!!

VOGLIO LA RIVOLUZIONE.....

Nando Balestrazzi 25.10.06 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Sono contrario alla tassazione delle auto parcheggiate e al ticket in ingresso nelle città: non basterebbero a risolvere il problema. Secondo me l'unico mezzo per evitare la distruzione nostra e del pianeta è abolire completamente il mezzo privato e lasciare solo i mezzi pubblici che finalmente potrebbero funzionare, rispettando gli orari e poiché utilizzati da tutti essere a bassissimo costo (o gratis) e ad alta frequenza. Potremmo così avere un'aria pulita, meno stress, nessun incidente stradale perché potremmo ben separare i percorsi dei mezzi pubblici da quelli delle bici e dei pedoni ed avere delle città verdi con tanti spazi sicuri per i bambini, una attrattiva turistica ancora più accattivante, sparirebbero anche i condizionatori visto che la terra potrebbe finalmente respirare senza l'asfalto e noi potremmo finalmente usare le bici e risparmiare un sacco di soldi per le palestre....e pensare che non sono nemmeno genovese... ciao a tutti da un Franco di Firenze

Franco Brilli 25.10.06 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Mi sa che, dopo l'ondata di sacro furore di ieri, 'sta storiella del "reset" è già finita in c@cc@. Il povero B.G. alla prima volta che ha provato a chiamare alla carica le sue truppe cammellate , quelli che ieri lo volevano cardinale per intenderci, si è voltato a guardare ed è rimasto solo...
Agli italici non gli devi toccare l' auto, ce l'hanno saldata alle chiappe pure per andare la domenica mattina a comprare i bignè alla crema a 300 m. da casa, e io ci lavoro, e io porto i pupi a scuola, e io coma faccio, e io pago troppo di bollo, e prodi ci tassa i suv, e la tassa di successione...
E questo proprio nel giorno in cui il WWF pubblica un rapporto dove si dice che stiamo consumando le risorse del pianeta ad un ritmo insostenibile, sopratutto il petrolio, che siamo tanti e che diventeremo presto troppi. E c'è pure qualcuno che ancora si preoccupa dei parcheggi? E pensate che la soluzione siano le macchinine elettriche o a aria compressa o a scorregge? Ma i cervelli chi li resetta?

Andrea Brizzi 25.10.06 22:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che assurdità.Il tuo decalogo è perfetto beppe e per lo più semplicissimo.
Pensa l'assurdità delle menti contorte dei nostri dipendenti veronesi:

Da un lato fanno la ztl in tutto il centro storico dall'altro stanno ultimando la costruzione di due super parcheggi in pieno centro storico.

Inoltre:il numero di ciclabili percorribili è aumentato nettamente con l'amministrazione Zanotto.Vero.Peccato che sia aumentato nettamente anche l'inquinamento dell'aria.
Per cui,per i poveri ciclisti che come si cimentano quotidianamente nell'uso della bici,ci aspettano sane boccate piene di smog.Ciclabile.


Oggi per curiosità, mentre aspettavo la corriera, ho contato le macchine.
Una trentina forse, 5 con due persone, 25 con una sola persona a bordo.
E andavano tutte in città (la mia città non è immensa, 100.000 abitanti, forse meno).

E da un po' mi frulla questa idea.

1. Incentivi per impianto a gas
2. Obbligo alla Fiat di costruire macchine con doppio carburante (benzina/gas)
3. Vendita, in pochi anni, di sole macchine con doppio impianto benzina/gas
4. Nuova tassa sulla benzina che annualmente sale e contemporaneamente fa scendere il prezzo del gas
5. Abbonamento obbligatorio per il trasporto urbano/inter-urbano (tariffe agevolate, 100 euro all'anno a persona in età scolastica)

Cosi se proprio vuoi prendere la macchina lo puoi fare, però giacche paghi l'abbonamento alle corriere/autobus, a questo punto prendi quelli.
Se proprio vuoi andare a benzina fallo pure, però visto che il gas costa meno e l'impianto c'è di serie (sulle macchine Fiat) a sto punto vai a gas.

Paolo Gozzer 25.10.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono d’accordo sentire i massimi esperti di inquinamento cittadino (le due mamme con pargoli) ma ci sono dei punti che cancellerei del tutto o modificherei: ci sono altre realtà. Esempio: un artigiano, un falegname, un idraulico o un muratore come si dovrebbe muovere in città? Ticket d’ingresso, tassa per l’occupazione suolo pubblico ma, senza parcheggi, dove sostare?
Per fare deroghe o permessi speciali servono controlli accurati e meticolosi perché 1) non deve avere la speranza di farla franca (bisogna avere la certezza di essere multati); 2) non si può creare una politica clientelare sui permessi speciali o affini.
Poi bisogna aumentare le corse degli autobus e le loro frequenze! Se uno lavora di notte come fa a muoversi nella mia città (Pescara)? Poi le biciclette, con la pioggia ed il vento (specie d’inverno o per le pensione anziane), sono poco consigliati.
E chi lavora a 17 km da casa propria come fa? Io lavoro in un paesino dove tra i requisiti mi hanno chiesto: «Sei automunito per recarti qui sul posto di lavoro tutti i giorni puntuale?». Ahimé non posso permettermi il lusso di rinunciare ad un lavoro! Mi secca inquinare l’aria e “consumare” la macchina, ma ho alternative?
E il weekend? Magari una famiglia dopo una settimana di lavoro stressante che fa? Per andare in un ristorante deve pagare dazio? Alla faccia della libertà! Questa mi sembra una castrazione!
D’accordo, la salute è il primo bene da curare e salvaguardare ma ci sono altri mezzi. Un esempio su tutti: incentivare l’acquisto di macchine ad idrogeno, ibride o, meglio ancora, favorire la fabbricazione e la diffusione della Eolo, la macchina ad aria compressa ideata dall’ing. francese Guy Negre, ex Williams in F1. Una Eolo era valutata sugli 11.000 €, magari lo Stato potrebbe farsi garan-te del mutuo o magari decidere di produrla esso stesso: quanto risparmi sulla benzina al mese? ...100 €? Mi dai la tua, ti faccio uno sconto rottamazione, ed il rimanente me lo paghi a rate mensili da 100 €.

Giuseppe Gol 25.10.06 22:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao a tutti io penso che il decalogo citato sia troppo blando, per me bisognerebbe obbligare lo stato a metterci in condizioni di muoverci , con tratte di mezzi pubblici senza interruzioni da un comune ad un'altro; che i camion della nettezza urbana facciano come a madrid che passano alle 4 della mattina e cioe' non creino code interminabili, perche' qui in italia i netturbini passano dalle 06 alle 10 del mattino quando il traffico e' piu' congestionato; ed infine quei burattinai che stanno al governo si rechino a palazzo chigi in bici o a piedi, tanto per lo sforzo fisico che devono affrontare durante la giornata di forze ne hanno in abbondanza.

barbara.siviero 25.10.06 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Signori si nasce ... e tu non lo nacqui.:;

ps. principe te stai allarghenn e i mollette so firnute.

paco de carlo 25.10.06 21:50 |

Che è soreta se sente astretta?

Gennaro Esposito 25.10.06 21:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma c'é bisogno che da Beppe parta tutto??
Io sto in Svizzera ma fossi italiano (in Italia) sarei già in piazza, giorno e notte, come quella madre americana che voleva il colloquio con Bush perché suo figlio é morto in Iraq!

Anche qui ci son cose che non vanno bene, si vedon meno che da voi (ovviamente io la vedo dall'esterno per voi e dall'interno per me, ad altri potrà certamente apparire il contrario!) per questo forse non c'é questo clima di quasi ribellione.. ma sarebbe da rivoltare tutto come nelle Banlieu parigine!!!

C'é da scendere in piazza e infilare un bastone in quel posto a chi si fa beffa di noi (perché in ogni caso l'inquinamento non si ferma alle frontiere nazionali!) e toglierlo dalle palle, metter qualcuno di nuovo a comandare e che lo faccia chiaro e limpido!
Magari nell'ufficio del "presidente - primo ministro - ecc..." mettergli una bella videocamera alle spalle così che si vede come passa il suo tempo e di cosa parla! (magari spegnendo durante le riunioni di stato diciamo cosi importanti...?)
insomma.. QUALCUNO DAVVERO AL SERVIZIO DEL CITTADINO E NON DELL'AMICO DI TURNO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! é una vergogna!!!

Son proprio ignoranti forte, perché oltre a non capire che fan del male ai propri tanto AMATI cittadini lo fanno a loro stessi, ai loro figli e ai figli dei loro (e nostri) figli!! Perché il mondo che lasciano in eredità giusto per avere una casa più lussuosa o il super SUV di turno non serve a un emerito NIENTE se hai il cancro la leucemia o qualsiasi altra di queste malattie...

é proprio vero, bisogna fare RESET e scendere in piazza! fare capire che ne va DEL NOSTRO FUTURO E DEI NOSTRI FIGLI!
CON CHE COSCIENZA POSSIAMO ANDARE A LETTO GIA SOLO SAPENDO CHE MILIONI E MILIONI DI PERSONE IL LETTO NON CE L'HANNO, NON SI SON APPENA FATTI LA DOCCIA COME NOI E SOPRATTUTTO CHE PRESTO TUTTO CIO FINIRÀ???
Lo stato esiste grazie al POPOLO! é il popolo che deve poter decidere e non esser plasmato come vogliono pochi! Devon esser li per noi!

michel jaeger 25.10.06 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma per me la causa vera del nostro malessere nelle città è questa: la mancanza di disciplina della gente.In primo luogo l'utilizzo scriteriato che si fa di auto, motocicli e ciclomotori. Troppa gente usa il proprio mezzo quando potrebbe usare un mezzo pubblico. La solita scusa è che i mezzi pubblici non ci sono oppure sono lenti: non è vero che mancano, e sono lenti perché c'è troppo traffico privato, troppo caos, troppe auto non autorizzate che utilizzano i percorsi preferenziali. Poi si parcheggia su marciapiedi, aiuole, piste ciclabili, o anche in mezzo alle carreggiate. Per questo alcuni dei provvedimenti proposti come piste ciclabili o creazione di zone verdi non funzionerebbero perché creerebbero "parcheggi" gratuiti, mentre altri come ticket, tasse, ed eliminazione dei parcheggi creerebbero scontenti, e forse anche rivolte.In secondo luogo c'è la mancanza di rispetto del codice della strada. Semafori, precedenze, sensi unici e divieti sono a discrezione. Inoltre la strada non basta più: i marciapiedi sono le corsie preferenziali per moto e (soprattutto) scooter, i quali salgono e scendono ogni volta che ci sia la via ostruita. A volte mi capita anche, camminando sul marciapiede, che un'auto dietro di me mi suoni perché ha fretta di passare!Complessivamente, manca l'educazione all'equilibrio, alla calma, alla convivenza. Nel nord Europa è presente (soprattutto nei paesi scandinavi); da noi invece c'è ancora la cultura di fregare il prossimo.
È proprio questo che mi fa desiderare di andare all'estero (parlo di tutti i paesi di latitudine superiore all'Italia). Non è per via della politica o della pressione fiscale. Ma è perché quando viaggio all'estero mi sento a casa. Mi piacciono la tranquillità, il silenzio, le buone maniere. Mi piace camminare su marciapiedi liberi da auto, sporcizia e cacche di cane. Non mi disturba mettermi in fila per un autobus o pagare 10EURO un biglietto del treno che qui costerebbe 2EURO. Mi viene più facile adeguarmi alle lo

luca milano 25.10.06 21:55| 
 |
Rispondi al commento

La posizione ufficiale del procuratore federale Alberto Nisman
Argentina, pm accusa Iran per attentato '94
L'attacco antiebraico causò 85 morti a Buenos Aires. Chiesto l'arresto dell'allora presidente iraniano Hashemi Rafsanjani

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2006/10_Ottobre/25/argentina.shtml

Minkia!!!

Ahmed Ben Bellah 25.10.06 21:54| 
 |
Rispondi al commento

continua.....

Ma per me la causa vera del nostro malessere nelle città è questa: la mancanza di disciplina della gente.

In primo luogo l'utilizzo scriteriato che si fa di auto, motocicli e ciclomotori. Troppa gente usa il proprio mezzo quando potrebbe usare un mezzo pubblico. La solita scusa è che i mezzi pubbli

luca milano 25.10.06 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Che ci piacca o no l'automobile è tuttora il prodotto perfetto dal punto di vista del mercato, tanto che l'industria automobilistica è attualmente quella che sorregge l'economia mondiale! L'automobile è un prodotto di massa, si presenta in varie forme per stimolare diversi interessi (fuoristrada, sportiva, di lusso, utilitaria...), è arricchibile di una infinità di accessori (telefoni, televisori, navigatori, impianti stereo...), non ci sono limiti a quanto sia disposti a spendere. Inoltre si usura, richede manutenzione, consuma carburante, olii e pneumatici, cioè genera notevoli costi anche dopo l'acquisto, per il suo uso. In più ci sono le assicurazioni e le tasse. E il nostro livello di benessere ci permette anche di cambiarne una ogni 5-10anni. Se abbiamo il benessere e un lavoro stabile è probabilmente "grazie" all'automobile; non credo che il settore dei PC o dei cellulari possa eguagliare tale risultato.

Non comprendo perché si dia la colpa alle televisioni: loro vendono semplicemente lo spazio per gli spot pubblicitari a chi lo compra, sia che si tratti di industrie automobilistiche che di deodoranti o di pasta o di frigoriferi ecc. ecc. E non darei neppure la colpa alle tecniche di vendita che riescono a farci desiderare i prodotti, anche se ormai siamo arrivati al punto di provare soddisfazione nel solo possesso di un oggetto e non nel loro utilizzo.

Non darei neppure piena responsabilità ai sindaci: loro non sono semplicemente gli addetti al traffico ma hanno altre cose a cui pensare; piuttosto vedrei più coinvolti i ministeri come quelli delle infrastrutture e dei trasporti, la cui inoperosità nei decenni ci ha dato le gravi mancanze di vie di trasporto più ecologiche, o quei provvedimenti come ad esempio gli incentivi statali che hanno effettivamente aumentato il numero delle auto circolanti. Non dimentichiamo neppure che i milioni di stranieri arrivati negli ultimi anni significano anche centinaia di migliaia di auto in più sulle nostre strade, e spe

luca milano 25.10.06 21:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

in compenso io che abito a 20 metri da una statale devo assorbirmi il veleno e il rumore dei cittadini che escono dalla città.

Per gli esperti:
1 Ticket di uscita per le auto

2 piste ciclabili ovunque

3 eliminare i parcheggi?le auto dove le mettono...probabile dche non sanno che la gente ci lavora con l'auto

4 le aree verdi sipossono creare anche dove non ci sono parcheggi

5 Car sharing...occorre più pubblicità perchè funzioni

6 una vita che se ne parla...ma senza dare una svolta decisiva

7 può essere un'incentivo

8 Tempo di attesa al semaforo per le macchine doppio rispetto ai pedoni...proposta geniale così inquinano di più

9 c'è gente che dorme alle 5...

10 bisogna provare e poi si vede se l'idea è valida.

11 tassa...una gioia per gli amministratori...

12 sarebbe meglio costruirli in zone acessibili per tutti o in periferia,ma molte pratiche si potrebbero fare tramite internet....ma siamo ancora alla fantascienza.

concludendo di questi esperti ne siamo pieni....
RESET....RESET.....RESET....

Vittorio Radaelli 25.10.06 21:39| 
 |
Rispondi al commento

@Gino Serio
Bè il fatto che se il sindacato sbaglia, gli vengano negate le quote di iscrizione mica mi sembra tanto malaccio...

Raffaella Biferale 25.10.06 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
oggi sono andato a Ponterosso di Mignanego. E' quella località dove le due linee ferroviarie che collegano Genova col nord, (Milano e Torino) quasi si toccano.
Mi sono piazzato in un posto dal quale si possono veder bene i 4 binari e dalle 15 alle 16 ho contato i treni che sono passati. Tutti ed in entrambe le direzioni. Merci e passeggeri, annotandone l'ora ed addirittura il tempo che occorre al loro transito.
Tieniti forte.
Il primo convoglio è passato alle 15.02. Un passeggeri sulla linea utilizzata per i pendolari di breve percorso (quella che passa per Rivarolo, Bolzaneto, Pontex ecc.) ed ha impiegato 5 secondi per transitare. Tre o quattro vetture in tutto.
Per veder transitare il secondo treno ho dovuto attendere ben 19 (diciannove) minuti. Alle 15,21 è transitato un merci sull'altra linea, direzione nord, impiegando 20 secondi per transitare.
Per non farla lunga elencandoti tutti gli altri transiti, fino alle 16.00 si sono succeduti in entrambe le linee ed in entrambe le direzioni, altri 12 (dodici) treni.
In totale 14 convogli in un'ora di cui 10 passeggeri e solo 4 (quattro) merci, distribuiti su ben due linee ferroviarie a doppio binario !
A conti fatti, considerando che "l'indagine" ha riguardato due linee ferroviarie (e non una sola)abbiamo una media di un treno merci ogni mezz'ora ! Letteralmente agghiacciante !

Fino ad oggi ho pensato che queste linee ferroviarie fossero sottoutilizzate. Da oggi in poi penserò che sono inutilizzate.

Quelle sottomerde dalla cricca TAV non devono farla franca. Non possiamo, non puoi lasciargli fare queste porcherie.

Fai qualcosa.

Un abbraccio.

P.S. L'arpia della "cassa cittadina" forse ce l'ha nel culo. Speriamo che lo mettano in torre.

paolo dagnino 25.10.06 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici,
è naturale che il decalogo proposto è drastico, ma almeno per chi vive e lavora in città comincia ad essere un passo avanti. Meglio che restare a guardare e fare nulla... No?? Se tutti quelli che vivono e lavorano in città utilizzassero i piedi, la bicicletta o che so, il mulo per andare al lavoro, sicuramente avremmo una diminuzione del traffico con tutto quello che ne consegue. Poi che vuole entrare in città con la macchina perchè vuole farlo, ben venga. Basta che paghi... Punti 3,4 ed 11 sono ok, naturalmente in maniera moderata, chi ha urgenza o necessità di andare al lavoro con l'auto, deve avere la possibilità di trovare parcheggio sotto l'ufficio. Il resto è ok, l'unica cosa su cui ho da ridire è il tempo per il carico e scarico. Anche questo è un mestiere, e non si possono concentrare tutti i servizi di una metropoli in 2 ore. mio padre non merita di svegliarsi alle 3.30 di notte per essere a Milano alle 5, e fare il lavoro di 11 ore in solo 2! E questo vale per tutti gli autotrasportatori. E non dite che bisognerebbe ridurre questo tipo di servizio, che poi licenziano vostra madre che fa l'impiegata per una delle aziende che fornisce servizi, e deve essere licenziata perchè in centro di servizi non se ne possono comprare più di un tot, quindi l'azienda stessa rimane senza lavoro....

Tutto sommato in accordo per l'85%. magari dopo un pò che si va tutti a piedi in ufficio, le compagnie petrolifere si accorgono che il loro tempo è finito, e magari l'italia si decide ad investire nell'idrogeno...

E ricordate che 2H2+O2--> 2H2O (ossidazione o combustione dell'idrogeno)

Giuseppe Ferro 25.10.06 21:33| 
 |
Rispondi al commento

perché non considerare in modo pragmatico che l'utilizzo incentivato di motocicli é vantaggioso confrontato alle autovetture per viabilità, inquinamento , parcheggi

Paolo Cremonesi 25.10.06 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Si, avete raggione tutti,destra e sinistra,ma come la mettiamo con gli Ufo?se ci invadono e ci fottono le risorse che si fa?
Basta DIVISIONi:UNIAMOCI A COORTE CONTRO GLI INVASORI ALIENI!urrà

L'Ufologo 25.10.06 21:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Vediamo innanzitutto di far capire ai sindaci il concetto di Ambiente, prima di dargli il Decalogo: tra l'altro segnalo la bella Verona tra le città più inquinate d'italia. Ecco uno spunto.
Ora autori recenti definiscono ambiente genericamente “lo spazio che circonda una cosa o una persona e in cui questa si muove o vive”, ma anche “il complesso di condizioni sociali, culturali e morali nel quale una persona si trova e sviluppa la propria personalità”, ed ancora “l’insieme delle condizioni fisico-chimiche (quali la temperatura, l’illuminazione, la presenza di sali nell’acqua e nel terreno, i movimenti eventuali del mezzo) e biologiche (presenza di altri organismi) che permette e favorisce la vita degli esseri viventi”. Se poi si considerano due aspetti che, dobbiamo tener presente per approfondire la nozione d’ambiente:
a. Il rapporto tra Biocenosi (comunità plurispecifica di popolazioni, o insieme di esseri viventi riuniti dall’attrazione non reciproca che esercitano su di essi i diversi fattori ambientali) e Biotopo (porzione dello spazio in cui le condizioni dominanti dell’ambiente per la maggior parte delle specie sono abbastanza omogenee per poter ospitare una determinata biocenosi);
b. La nozione di Ecosistema, che individua un insieme nel quale esiste uno stato d’equilibrio, autonomo in rapporto agli altri ecosistemi, e la nozione di Biosfera identificata come lo spazio occupato dall’insieme degli esseri viventi del nostro pianeta, ovvero la combinazione di tutti gli ecosistemi;
l’unico significato autonomo ed unitario attribuibile al termine di ambiente risulta il seguente: equilibrio di volta in volta della biosfera o dei singoli ecosistemi di riferimento. L’ambiente è il sistema complesso all’interno del quale si muove l’uomo , o un altro sistema biologico complesso.
Perdona un po la complessità del discorso, ma intanto da parte dei sindaci vi sono da digerire queste parole poi a seguire il decalogo.
Un saluto
Alessio

Alessio Bissoli Commentatore in marcia al V2day 25.10.06 21:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dai beppe, diciamoci la verità, stavolta hai toppato in pieno con questo post.
piedi per terra beppe.
le illusioni non servono a nessuno.
un caro saluto

francesca fra 25.10.06 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Prima che in occidente "europa e stati uniti" ed in questo paese si facciano ricerche e sperimentazioni, come si dice, campa cavallo che l'erba cresce.


Giappone sceglie il bio-carburante
Le ricerche cominceranno il prossimo anno in Malaysia
(ANSA) - TOKYO, 25 OTT - La Toyota e la Nippon Oil hanno annunciato che tenteranno di estrarre grossi quantitativi di bio-carburante dall'olio di palma da cocco. Sarebbe il primo caso al mondo in cui si tenta questa soluzione. Secondo fonti citate oggi dal quotidiano nipponico 'Yomiuri', le ricerche in proposito cominceranno il prossimo anno in Malaysia, dove esistono le maggiori piantagioni del pianeta di queste palme. Le previsioni dicono che la produzione del primo bio-carburante e' prevista per il 2009.


Al massimo possiamo aprire qualche dibattito, congresso, con le idee e a parole, noi potremmo fare 100 km con un litro.

ivo serentha 25.10.06 21:14| 
 |
Rispondi al commento

io convertirei le macchine, da petrolio schifoso ad alcool. Sono stati già fatti numerosi esperimenti e funziona, il problema è fare i conti con le compagnie petrolifere...

manuel bacci 25.10.06 21:13| 
 |
Rispondi al commento

@@@@ chissà perchè 25.10.06 21:06 |

Risparmiare e' importante, di questi tempi, anche finanziariamente, ben vengano.

Sono le risorse del pianeta che devono essere preservate dai comportamenti di tutti noi, ogni giorno.

ivo serentha 25.10.06 21:10| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/332.

I post di altri blog che fanno riferimento al post I veleni nelle città:

» Diritti del cittadino: ciclisti e mezzi pubblici. da Il blog di Fabio Sacco
Posto una mia mail inviata all'assessore alla viabilità ed urbanistica del comune [Leggi]

24.10.06 23:48

» Il Pannicello Caldo da Delle Fragili Cose
Non ho nessuna forma di lealta’. Mi accingo a prendere per culo il post scritto da uno che non ha bisogno di altra pubblicita’ e che quindi non nominero’ e non linkero’. Nel frattempo lo traccobacco (o come cazzo si dice), cosi... [Leggi]

25.10.06 10:03

» Politica della mobilità da tra disappunto ... e disincanto
L'uso del mezzo privato, nella stragrande parte dei casi, è giustificato [Leggi]

25.10.06 18:34

» Risposta a G. Fini da la moscacieca
DA UNA LETTERA SUL CORRIERE DELLA SERA. Questa mattina ho letto questa lettera di Gianfranco Fini suL corriere della sera. Sbagliata una legge anti-velo Trovo questa lettera un atto di responsabilità civile e di richiamo alla riflessione. Pur non condi... [Leggi]

25.10.06 18:59

» Pericolo nucleare da Democrazia o no?
Stavolta non aggiungerò parole su Iran e Corea del Nord; il pericolo al quale mi riferisco è per così dire “civile”. Dopo l’... [Leggi]

26.10.06 18:58

» Pianeta in esaurimento! da Controcorrente
Sono anni che gli scienziati ci avvertono sulla sconsideratezza del nostro sviluppo insostenibile; leggete questo articolo, sicuramente ne avrete sentito parlare anche al telegiornale: ALLARME PIANETA TERRA, RISORSE A SECCO NEL 2050. La situazione è ve... [Leggi]

26.10.06 23:12

» facciamo tremare i costruttori di cemento da ilKuda - www.kuda.tk
ecco il secondo contributo del tag costruire l'utopia e lo pubblico proprio alla vigilia dell'incontro di domani al Centro Cardinal Colombo (ore 10.30) per organizzare i gruppi di scrittura del programma elettorale del centrosinistra cernuschese Eugeni... [Leggi]

24.11.06 20:38