Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il Gatto della Concorrenza e la Volpe delle Comunicazioni

  • 1297


il_gatto_e_la_volpe.jpg
immagine da www.rtsi.ch

Due Authority hanno avviato un’indagine conoscitiva sulle ricariche telefoniche. Le Authority per la Concorrenza e per le Comunicazioni. Il Gatto Catricalà e la Volpe Calabrò. L’approfondita indagine ha permesso di arrivare a una importante conclusione sul costo di ricarica: “rappresenta un’anomalia italiana”. Infatti non è presente in nessun Paese europeo.
Quanto ci sarà costata questa approfondita indagine?
Ma le Authority vanno oltre e auspicano con un linguaggio da perizia psichiatrica: “un intervento di rimodulazione sul contributo di ricarica dei cellulari, per restituire alla concorrenza tutte le componenti di prezzo della telefonia mobile e ottenere in prospettiva rilevanti riduzioni di tariffe”. E proseguono, come se se sapessero solo ora del costo di ricarica. Forse abbagliati sulla via di Damasco da 600.000 firme di cittadini imbestialiti: “una revisione, anche totale, del contributo fisso renderebbe più trasparente le offerte e ne aumenterebbe la comparabilità”. Era sufficiente che dicessero: “le ricariche sono un furto, frutto di un cartello delle società di telefonia mobile in Italia, e vanno abolite”. E che aggiungessero: “E’ un’anomalia tutta italiana anche grazie a noi, che prima di muoverci abbiamo bisogno di un potentissimo calcio nel c..o da parte degli italiani”.

Voglio rivolgere due inviti agli italiani:
- firmate per l’abolizione delle ricariche
- NON FATE PIU’ RICARICHE fino all' abolizione del costo di ricarica.

E uno al Governo:
- abolisca le due Auhority, la loro funzione di presa per il c..o dei cittadini italiani ci costa più delle ricariche.


19 Nov 2006, 19:26 | Scrivi | Commenti (1297) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 1297

| La Settimana | Trackback (5)

Commenti

 

6 anni fa da Telecom sono passato a Digitel Italia Spa in modalita' WLR (AFFITTO DI LINEA NON CESSIONE IN ULL) recentemente ho chiesto prima a Wind poi a Telecom la migrazione, che mi e' statanegata: da pochi giorni, presso una Sede TIM Telecom di Udine ho scoperto che la mia linea telefonica NON ESISTE SUI LORO TERMINALI percio' non posso rientrare in Telecom! Ma ti pare possibile che con tutte le arie che si tirano i Governi le Autorities e Telecom la gabina Telecom di S.Maria La Longa sia sparita? eppure invio e-mail! Buon lavoro..

severino mengotti 29.12.15 19:37| 
 |
Rispondi al commento

22.2.2008

Vorrei segnalare che in barba alla legge Bersani (http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapratica/sche_mostra.php?Scheda=170308) la Tim mi ha bloccato il credito residuo della mia carta ricaricabile.
Ma non è già un anno che non dovrebbero più imporre le scadenze sul credito?
Ragazzi, se è successo anche a voi, segnalatelo a Striscia come ho fatto io: più siamo, e più speranze ci sono che Striscia li sputtani sti truffatori.

Cito:

"Ciao Striscia.
Vorrei segnalare che in barba alla legge Bersani (http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapratica/sche_mostra.php?Scheda=170308) la Tim mi ha bloccato il credito residuo della mia carta ricaricabile.
Ma non è già un anno che non dovrebbero più imporre le scadenze sul credito?
Vi prego... sputtanateli!!!"

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/segnalazioni.shtml

Christian L Commentatore certificato 22.02.08 22:12| 
 |
Rispondi al commento

i costi di ricarica sono stati aboliti, ma ora le compagnie telefoniche "rimodulano"=alzare le tariffe(wind, e tra poco anche tre) i propri piani tariffari. Come mai non se ne parla? E' secondo me un fatto molto grave.

saluti

giovanni m. Commentatore certificato 10.07.07 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente!!!!
Hanno abolito i costi di ricarica così possiamo parlare di più.
MA NE SIAMO PROPRIO SICURI???
Io ho l'impressione che da quando sono stati aboliti i costi di ricarica, le telefonate (in modo molto sommerso) costino di più e che le tariffe scelte dai consumatori in realtà non vengono rispettate.
Ho provato a fare una chiamata (timer in mano) ed è durata 5,37 min.
calcolando con la tariffa al minuto per i secondi effettivi di chiamata, in realtà mi sono trovato un paio di centesimi mancanti; non solo, tenete presente che il timer del cellulare comincia a conteggiare dal momento della selezione di chiamata e non dal momento in cui l'interlocutore risponde.
Direte va bè ma si tratta di centesimi.
A parte che 2 centesimi corrispondono a circa 39 lire ma possiamo notare che dopo 50 chiamate, in realtà ci troviamo con 1 €uro in meno.
Complimenti. Roberto N.

Roberto Napolitano 31.05.07 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Dal Blog www.andreadambra.eu

ELEZIONI UNIVERSITARIE - CNSU - 16 E 17 MAGGIO

CNSU - QUESTO SCONOSCIUTO

Dalle discussioni che ho avuto, dopo l’annuncio della mia candidatura, con moltissimi studenti ho potuto avere la conferma che il CNSU è noto purtroppo a pochi. Ciò dovrebbe far riflettere sul modo in cui è stato amministrato finora. Il massimo organo di rappresentanza degli interessi e dei diritti degli studenti universitari è sconosciuto alla stragrande maggioranza di questi ultimi. Se, con il vostro sostegno, riuscirò ad essere eletto, farò di tutto affinché questa situazione venga stravolta in positivo per dar voce agli studenti e far ritornare in loro possesso il Consiglio Nazionale che porta il loro nome in modo che possano davvero sentirsi rappresentati e difesi in seno al Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR).

Penso che sia più che doveroso mettere a conoscenza degli studenti a cui faccio appello, i punti principali della mia candidatura che elenco qui di seguito (rigorosamente in ordine alfabetico):

ACCESSO AL MONDO DEL LAVORO

- Ridurre i tassi di abbandono e i tempi necessari per il conseguimento dei titoli di studio, aumentare il numero di studenti attivi, potenziare la coerenza tra formazione fornita e fabbisogno del mercato del lavoro;
- Migliorare il raccordo Università-Lavoro, anche attraverso il potenziamento degli incentivi per la realizzazione di tirocini e stages durante il percorso formativo.

ALLOGGI PER GLI STUDENTI:

- Previsione normativa di un contratto tipo nazionale per gli affitti insieme ad incentivi fiscali per i proprietari e al potenziamento della formula del contributo dato agli studenti per affittare appartamenti dai privati

AMBIENTE:

-Raccolta differenziata, corsi tematizzati sul rispetto del territorio e sensibilità ambientale, utilizzo di software non proprietario.

AGEVOLAZIONI ECONOMICHE:

- Copertura completa di borse di studio per tutti gli studenti idone

Andrea D'Ambra 29.04.07 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,

mi unisco al coro di chi ha ricevuto un SMS dalla WIND che comunica l'imposizione di un cambiamento del piano tariffario! Io sono una sfigata "sempre light"...
Ho parlato con un operatore il quale mi ha detto che è una "scelta commerciale" dell'Azienda e che non ci si può oppore a questo cambiamento. Bello,bravi! Ottima scelta commerciale! Col cavolo che lascio decidere a loro cosa fare con i miei piani tariffari!
Non so voi ma io questa violenza non la tollero,il mio stomaco non regge.
Mi chiedo se è possibile fare qualcosa tutti insieme, se voi avete un'idea suggeritela vi prego!!
Altrimenti quello che farò è cambiare operatore (dalla padella alla brace), rinunciando anche al mio credito residuo, ma questa soddisfazione io non gliela do!!!

Spero di ricevere qualche dritta da qualcuno di voi che ci renda il tutto meno amaro...

Un saluto a tutti!

Marcella C. Commentatore certificato 06.04.07 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
Ogni giorno WIND me ne fa scoprire una nuova!!!!!

Dopo aver letto il commento di Corrado Fantini,
del 24.03.07 07:24 su questo blog,

mi sono chiesto: "e io?...avranno attivato il servizio anche sul mio numero WIND?"

Ora ho saputo che anche sul mio numero è attivo,
non si è capito da quando,
il servizio "RING ME"...... sì..... quello che fa scattare la risposta agli untenti NON WIND in caso uno non sia raggiungibile.
(v. Corrado Fantini 24.03.07 07:24)

Sembra che l'attivazione sia in "automatico".
Io ho chiamato il 155 per DISATTIVARLO
e ho trovato molta reticenza da parte dell'operatore nel parlare di questo servizio:
se non chiedi esplicitamente se è attivo RING ME,
non te lo dicono.

Bravi!!!!!!!!!!!!!!!

UTENTI WIND, vi invito a chiamare il 155 per farlo disattivare!

UTENTI NON WIND, se l'utente non è raggiungibile, chiudete la connessione il prima possibile!!
:-o

eFFe di eMMe 05.04.07 20:38| 
 |
Rispondi al commento

ra parentesi... io ho sempre fatto ricariche da 40 euro quindi il costo di ricarica non l'ho mai pagato...

Stefania Gardelli 05.04.07 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Oggi mi è arrivato un messaggio dalla wind che riporta:

"Gentile cliente, dal 15/05/2007 il suo piano tariffario SEMPRE LIGHT diventerà WIND SENZA SCATTO NEW. Per info sulle nuove condizioni chiami il 158"

Sono andata sul sito WIND e scopro che dal 15 Maggio 2007 la mia tariffa sarà:

"Wind Senza Scatto New è il nuovo piano tariffario senza scatto alla risposta per chiamare qualsiasi numero sempre a soli 24 centesimi al minuto."

Ma siamo diventati matti? Prima avevo un piano che dopo dopo il 3° minuto di conversazione pagavo 12,40 cent/min (sconto del 50% rispetto alla tariffa dei primi tre minuti a 24,80 cent/min) e ora mi trovo a pagarli SEMPRE...

Ma che razza di proposta sarebbe? La nuova tariffa non ha nulla a che vedere con la precendente. Non c'è stato un aumento di costi... ma uno stravolgimento della tariffa.

L'unico modo per combattere tale problema è ancora cambiare compagnia oppure ci si può muovere legalmente appoggiati dalle associazioni consumatori?


Stefania Gardelli 05.04.07 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
Anch'io, come molti utenti WIND, ho ricevuto il "fatidico messaggino"
in cui mi si avvisa che da maggio il PIANO TARIFFARIO cambierà.

Il vecchio piano si chiamava SEMPRE LIGHT,
tra poco si trasformerà in "SEMPRE LIGHT NEW".

Le tariffazioni sembrano identiche ma.........

ATTENZIONE! Perchè dopo il terzo o quarto minuto,
non ricordo con esattezza, prima si pagava la metà (12 centesimi),
ora si continuerà a pagare la TARIFFA PIENA (24 centesimi).

La cosa divertente, se ce n'è una, è che nel messaggio mi dicono
di chiamare il 158 per "INFO SULLE NUOVE CONDIZIONI".
Ebbene, io ci ho provato e voi?
A me ha risposto una voce meccanica che mi diceva di chiamare il 155!!!!!!!!

Mi chiedo: "Un gestore di telefonia mobile
che non è in grado di auto-attivarsi una deviazione di chiamata???????????"

Mi ricordo che per sottoscrivere il contratto ho dovuto firmare un foglio in cui accettavo le norme,
ho messo una seconda firma per dichiarare esplicitamente
di aver accettato alcuni particolari articoli,
E POI?..... a loro basta un sms
(di cui, se non sbaglio, nemmeno i gestori si assumo la responsabilità dell'avvenuto recapito)
per cambiare le regole del contratto e lasciando a me l'incombenza eventuale
di inviargli una raccomandata per richiderne la disdetta.

Non sta scritto da nessuna parte che il titolare del contratto debba essere l'utilizzatore materiale
del recapito....... quanti minori hanno il cellulare con il contratto intestato al genitore?

WIND ha voluto un documento di riconoscimento per attivare il contratto,
quindi sa come rintracciarmi ufficialmente
e una azienda seria manderebbe un avviso a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno
con "TANTE SCUSE" scritte a caratteri cubitali.

Io, a conti fatti, cambiando gestore probabilmente pagherò un po' di più
ma la soddisfazione di sottostare a questo modo di agire non gliela do!

Decido io da quale SQUALO farmi mangiare!!!!!!!!!!!!!!!!!
e WIND STASERA VA A LETTO SENZA CENA!!!!!!!!!!

eFFe di eMMe 04.04.07 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
in materia di costi di ricarica, con l'attuazione del "decreto Bersani" (..mah..) le compagnie telefoniche sono corse subito ai ripari per tamponare in qualche modo l'emorragia finanziaria causata da tale decreto. Ora, ai titolari di un contratto Wind10 è arrivato un SMS dall'azienda telefonica che in soldoni comunica un aumento generale di tutte le tariffe a partire dal 1/5. Dal punto di vista legale sembra che questo possa essere fatto a patto che la comunicazione avvenga entro i 30gg dalla attivazione; dico "sembra", perchè c'è una associazione di consumatori che si sta muovendo contro questo aumento poichè, ai tempi della pubblicizzazione, il piano tariffario veniva proposto con "chiami a 10 cent. verso tutti...PER SEMPRE!!!". Proprio questa frase è oggetto di studio da parte di alcuni legali. Non attendiamo fiduciosi che qualcuno ci risolva il problema. Non dico di essere pro-attivi, ma almeno diventiamo una voce all'interno del coro delle proteste dando supporto morale e numerico a chi sta tentando di far valere i diritti di TUTTI. Siate sempre informati!!
Saluti,
Riccardo

Riccardo Cimini 01.04.07 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
siamo stanchi di essere presi in giro dalle società di telefonia. Hai sentito dei nuovi aumenti proposti simultaneamente all'eliminazione dei costi di ricarica?!? Lo avrai saputo da tempo, sicuramente.
Ora basta ci hanno rotto il c....!!!
Abbiamo pensato ad una proposta poco originale ma molto efficace: spegniamo i cellulari fino al momento in cui tali società non capiranno che siamo in una società in cui dovrebbe vigere la legge della concorrenza che ipoteticamente dovrebbe fare gli interessi dei consumatori oltre che delle società. Sarebbe il cosiddetto punto di equilibrio che sui testi di economia su cui studiamo viene sempre indicato come ottimo ma che in realtà non viene mai raggiunto.Chissà perchè!!!
Sappiamo cosa penserete: è un utopia ma crediamo che tale sacrificio potrebbe rappresentare il punto di rottura con l'attuale situazione.
Grazie per lo spazio riservato, speriamo in una Tua approvazione anche se rimarremo "ben legati" alla realtà dove saremo sempre nella posizione preferita dalle società ovvero a 90°.

Raffaele Pacia - Salvatore Lanzillo 30.03.07 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Inviato il 24/03/2007 alle ore 7.13.39

Ciao a tutti,

ieri mattina mi capita di chiamare il cellu del mio amore: 329eccetera - ovviamente una SIM della WIND. Io ho una scheda Vodafone.

Era ancora spento e una cortesissima voce registrata mi dice le 3 frasi in sequenza, nel tempo che ci si mette a pronunciarle - diciamo al max un 15 secondi:

- WIND, l’utente chiamato non è raggiungibile
- se volete ricevere un SMS quando sarà di nuovo raggiungibile, restate in linea
- la chiamata verrà tariffata secondo il vostro piano tariffario

Chiudo la chiamata e mi arriva un sms del mio operatore (ho questo servizio) dal quale mi accorgo che: mi è STATO CONSUMATO DEL CREDITO!!!
E per fortuna, perchè così capisco SUBITO cosa stanno facendo: ci stanno RUBANDO i soldi!!!

Wind ha attivato SENZA CHE SIA STATO RICHIESTO dall’utente questo servizio che si chiama "RING ME SMS" - in pratica non costa niente all’utente WIND, ma a chi lo chiama quando è fuori rete SI!!!

O meglio, se col ditino più veloce del West schiacciate il pulsante ROSSO entro la prima frase, siete tranquilli (tempo 4 secondi!)

Se invece interrompete alla seconda frase o peggio alla terza: cazzi vostri, ormai la Wind vi ha CIUCCIATO il costo di una chiamata di 15 secondi, o almeno lo scatto alla risposta.

Che poi, dico la WIND - ma ovviamente le altre compagnie SONO FELICISSIME di questo CONSUMARSI OCCULTO del credito, e infatti sto valutando COME agire con Vodafone, cui io anticipo i soldi per le mie telefonate, ma NON si era mai visto che la comunicazione di "utente non raggiungibile" costasse qualcosa!!!

Ieri ho verificato e questa "opzione" è stata attivata SENZA richiesta su almeno 4 cellulari WIND di miei amici/parenti. Ovviamente, ho fatto chiamare da tutti il 155 e se lo sono fatti togliere, ma le COMICHE del Call-Center sono state grandiose - SEGUE -

Corrado Fantini 24.03.07 07:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Innanzitutto grazie per l'impegno profuso.
Come volevasi dimostrare, ieri è arrivato un messaggio della wind che comunica che il piano tariffario wind10 dal primo di maggio diventa wind12 (nessuno a chiesto niente), udite udite:
l'unica cosa che rimane invariata è la tariffazione a scatti ogni 30 secondi; lo scatto alla risposta passa da 15 cent a 16, il costo di un sms da 10 cent a 15 ed il costo al minuto da 10 cent al 12. Alla faccia della spudoratezza

orazio messina 19.03.07 09:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARO BEPPE VOLEVO RINGRAZIARE TE E TUTTI QUELLI CHE HANNO DATO UNA MANO PER L'ABOLIZIONE DI QUELL'ORRENDO LADROCINIO DI RICARICA PERPETRATO FUORI DA OGNI LOGICA,SEMPRE PER FREGARE I CITTADINI ONESTI.ORA BISOGNA APRIRE GLI OCCHI PER BENE.PERCHè SEMBRA FACILE,MA SPESSO RITORNANO,SE NON SARà UN TRONCHETTI.CI SARà UN ALTRO CHE CI PROVERà,specie al prossimo cambio di governo.ciao a tutti rom.

romano negromanti 07.03.07 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a tutti per lo sforzo profuso.
Nonostante la politica si sia presto dimenticata che tutto è nato dalla libera volontà di liberi cittadini incazzati per il mancato ruolo dell' authority al soldo degli operatori, si è vinto. E' indiscutibile.
Bisogna essere comunque contenti per l' abolizione dei costi di ricarica. Che ora siano le istituzioni a vigilare. Quello è il loro compito, non il nostro. Non si potranno più tirare indietro o troveranno contro l' opinione pubblica.

Riccardo Damilano Commentatore certificato 05.03.07 22:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ad oggi il costo di ricarica per wind non è stato abolito ti obbligano a cambiare piano, m aè possibile ciò? Io penso che ormai noi consumatori ci dobbiamo rassegnare a un Governo che non ci tutela siamo vessati in ogni nostra azione....

Roberto Mercuri (robertom1976) Commentatore certificato 05.03.07 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Da quello che so tutte le compagnie hanno abolito i costi senza condizioni tranne Wind, che la applica SOLO ai nuovi clienti OPPURE ai vecchi clienti che PASSERANNO alle nuove tariffe (ovviamente aumentate...).
Ho letto un passaggio del decreto Bersani, e non mi sembra siano previste restrizioni all'applicazione, perciò mi chiedo: il comportamento di Wind è legale?????

Valentina Lorenzini Commentatore certificato 05.03.07 11:52| 
 |
Rispondi al commento

E' arrivato questa mattina un SMS da Vodafone comunicando che dal 4 Marzo verranno abolite le tasse di ricarica.
E adesso aspettiamo a vedere come ce li fregheranno.
Grazie a Beppe perchè ci tiene gli occhi aperti.

FRANCO RICCARDI 28.02.07 11:34| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe e ciao a tutti gli utenti del blog, alcuni giorni fa, dopo che ho inviato una mail a vodafone, chiedendo chiarimenti sui costi di ricarica, mi hanno contattato telefonichamente e mi hanno detto quanto temevo e cioè che:

1) i costi di ricarica che ci hanno fregato fino ad oggi non ci saranno rimborsati perchè il decreto bersani non è retroattivo;

2) non ci accrediteranno nemmeno i punti vodafone one relativi a tali costi di ricarica;

3) dal 3 marzo i costi di ricarica spariranno definitivamentee saranno tramutati in traffico utilizzabile.

sempre che con la caduta di questo governo non sia stata ralentato l'iter di conversione in legge del decreto bersani.

insomma siamo alla solite: insoddisfatti e non rimborsati!!!!

non se ne può proprio +!!! le aziende rubano, vengono scoperte e non ci rimborsano neanche i danni!!!

x fortuna che la legge dovrebbe essere uguale per tutti!!

ciao a tutti da lorenzo.

lorenzo p. Commentatore certificato 26.02.07 23:25| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno cari amici, Ciao Beppe
Vorrei sapere, se qualche amico ha questo dato,
NEL 2005 QUANTE RICARICHE COMPLESSIVAMENTE (TIM,VODAFONE,WIND,3) SONO STATE EFFETTUATE?
E' una mia curiosità,che però può essere utile a tutti per inquadrare la reale dimensione dell'abnorme fenomeno "costi di ricarica - e non solo" che ci troviamo ad affrontare. Grazie a tutti. Cari saluti, Silvio MARINO

Silvio MARINO 11.02.07 14:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro beppe, finalmente dal 1 marzo 2007 i 5 euro di costo di ricarica per i cellulari ci saranno accreditati come traffico utilizzabile e tutto questo grazie anche all'aiuto del tuo blog e di migliaia d'italiani che finalmente si sono ribellati (me compreso), a questo continuo furto di soldi da parte di vodafone, wind, tim e 3.

però a questo punto sorgono spontanee alcune domande:

premettendo che io ho tenuto tutte le schede delle ricariche che ho effettuato dal 2001 ad oggi (sia quelle di vodafone che quelle di tim), comprese le ricevute dellle ricariche fatte presso i punti lottomatica;

1) sarà possibile chiedere a vodafone e tim il riaccreditamento sul numero di cellulare del traffico indebitamente rubato con i costi di ricarica(nel mio caso dall'agosto 2001 per vodafone e dal dicembre 2003 per tim)? ho stimato che dal 2001 ad oggi vodafone mi ha fregato circa 300 euro di costi di ricarica!! una vera vergogna!!!

2) possso chiedere a vodafone di accreditarmi i punti vodafone one accumulati dall'agosto 2001 ad oggi, con i costi di ricarica e mai ottenuti?


secondo me se fossero aziende serie lo dovrebbero fare in automatico, senza aspettare denuncie provenienti dalle varie associazioni di consumatori, anche perchè è come se, in questi anni avvessero commesso nei nostri confronti una rapina continuata ed aggravata.
se fossimo in uno stato normale per questi fatti le compagnie telefoniche avrebbero dovuto quantomeno pagare multe salatissime immagino, ma in italia tutto ciò non accade.

in attesa di una tua risposta, ti saluto cordialmente e saluto anche tutti gli utenti del tuo fantastico blog.

lorenzo p. Commentatore certificato 07.02.07 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Sembra che i gestori si stiano inventando qcs per bloccare il decreto, che prevede entro trenta giorni dalla pubblicazioni sulla gazzetta ufficiale ( avvenuta l'1/02/2007) l'abolizione dei costi.
Cliccatte sul mio nome per vedere gli ultimi sviluppi.

Pierluigi Di Bartolomeo 05.02.07 01:14| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sono andata a comprare una ricarica .... ho aspettato ... ma ne avevo bisogno .... speravo che ormai fosse effettivo che non si pagassero più le tasse......Quanto dobbiamo aspettare ancora?

francesca brugnoli 02.02.07 08:45| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA GENERAZIONE ATTIVA

COSTI DI RICARICA: FACCIAMO CHIAREZZA
Le voci di stampa su un possibile intervento del Ministro Bersani non hanno nulla di fondato: "solo strumentalizzazioni politiche"
La materia dei costi nel servizio di telefonia mobile prepagata rientra nelle competenze dell'AGCOM
In relazione alle notizie diffuse oggi da diversi organi di stampa secondo cui nel prossimo "pacchetto di riforme" varato dal Governo nella persona del Ministro Bersani ci sarebbe anche un intervento sui costi di ricarica, è necessario chiarire come queste notizie non trovino alcuna conferma.
Come peraltro sottolineato persino dal Sottosegretario alle Comunicazioni On. Vimercati nella risposta data un'interrogazione parlamentare (Interrogazione n. 5-00423) che verteva sulla questione dei costi di ricarica, la materia dei costi nel servizio di telefonia mobile prepagata rientra nelle competenze dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) che ha condotto, congiuntamente con l'Autorità garante della concorrenza e del mercato, un'indagine conoscitiva, conclusasi il 15 novembre 2006, a seguito di specifica richiesta di chiarimento da parte della Commissione europea dopo che quest'ultima aveva ricevuto una denuncia accompagnata da centinaia di migliaia di firme della Petizione D'Ambra che ha raccolto oggi quasi 1 milione di firme inviate a Bruxelles proprio per chiedere l'abolizione di quest'anomalia tutta italiana dopo che nessuna istituzione qui in Italia si era mostrata sensibile a questa problematica.L'Associazione Nazionale in difesa dei consumatori GENERAZIONE ATTIVA nata dall'esperienza del promotore della petizione www.aboliamoli.eu contro i costi di ricarica Andrea D'Ambra precisa come l'intervento arriverà dall'Authority Garante per le Comunicazioni (AGCOM) nel prossimo mese di Febbraio, al termine dell'audizione pubblica a cui Generazione Attiva ha preso parte lo scorso 17 Gennaio e non dal Governo che cerca soltanto di strumentalizzare una ques

andrea d'ambra 24.01.07 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Premiazione Festa degli Isolani, Gentiloni risponde dopo 4 mesi, TGR Europa & Bersani, Radio, TV, articoli e Generazione Attiva

Questa mattina si è tenuta la “Festa degli Isolani” organizzata da “Il Golfo”, quotidiano dell’Isola d’Ischia nel corso della quale mi è stato conferito il premio “Isolano dell’Anno 2006” con la seguente motivazione:
"Il Davide ischitano contro i Golia della telefonia mobile. Per aver ingaggiato e condotto con decisione, coraggio e intelligenza, la battaglia contro gli illegittimi costi di ricarica imposti dalle compagnie telefoniche."
Ringrazio tutti coloro i quali mi hanno sostenuto in questa iniziativa ed in particolar modo “Il Golfo” per questo riconoscimento.
I premi ricevuti: “lettera“, ceramica, targa in ceramica.
Nella sezione Documenti ho inserito la risposta del Sottosegretario alle Comunicazioni Vimercati all’On. Foti (che a dire il vero era stata posta al Ministro Gentiloni lo scorso Settembre) ma che il Sottosegretario ha dato a nome del Ministro. Di fatto Vimercati, per conto del Ministro Gentiloni smentisce le recenti affermazioni di Bersani e ricorda come sia l’Authority per le comunicazioni a dover intervenire e non il Governo!
Oggi ho ricevuto diverse segnalazioni via e-mail che mi informavano di come il TGR Europa, in onda ogni Domenica mattina su Raitre, avrebbe riferito che “Grazie al decreto che ha fatto il ministro Bersani che porterà un taglio dei costi di ricarica“
Se qualcuno ha voglia di chiarire le idee ai giornalisti del TGR Europa può farlo inviando una mail all’indirizzo europa@rai.it
A proposito di TV domattina lunedì sarò in collegamento telefonico con RAI UTILE verso le 10.00 si parlerà di consumi, liberalizzazioni e… costi di ricarica
In questi ultimi giorni ci sono state cosi tante interviste radio che ho avuto difficoltà a starci dietro (9 in soli 2 giorni) e segnalarvele tutte come faccio di solito. Per ascoltarle vi ricordo la sezione AUDIO di Aboliamoli.eu (che comprende anche una recentissima i

andrea d'ambra 22.01.07 08:54| 
 |
Rispondi al commento

Sono daccordo al 100%
Bisogna abolire i costi di ricarica!!

Marco D 20.01.07 17:25| 
 |
Rispondi al commento

www.aboliamoli.eu

www.troviamoibambini.it

Ferrara, 18 gennaio 2007

Ischia, 18 Gennaio 2007

L’ UNIONE FA’ LA FORZA

Cari amici Vi informiamo sulle news…….

"I costi di ricarica" che negli altri paesi del mondo non esistono! I costi di ricarica sono quei costi che il consumatore paga quando ricarica il proprio telefono cellulare dovendo pagare piu' di quanto effettivamente viene ricaricato il proprio credito (ad esempio 10 Euro per ottenere 8 Euro di credito 2 Euro sono i c.d. costi di ricarica o ancora 25 Euro per ottenere 20 Euro di credito 5 Euro sono i costi di ricarica e cosi' via...)

Da sottolineare che il costo di ricarica non è una Tassa/Imposta governativa.

Ci sono 1,7 miliardi di Euro in gioco (tanto hanno ricavato gli operatori della telefonia mobile nel 2005 soltanto grazie ai costi di ricarica).

Tanti vero ? Ma le aziende di telefonia mobile continuano a pensare di non dovere nulla alla comunità ? Che simpaticoni……

Caro Andrea D’Ambra uniamo le forze, magari questi simpaticoni potrebbero valutare di “investire 1,7 miliardi di Euro in beneficenza, a favore dei bimbi scomparsi….

Il Comitato

“Troviamo i bambini !”

www.troviamoibambini.it

Aboliamoli

Andrea D’Ambra

www.aboliamoli.eu

andrea d'ambra 18.01.07 21:55| 
 |
Rispondi al commento

AGGIORNAMENTO: Ecco il video del servizio di Alessandro Poggi - Lo scontro D’Alema-Tremonti non è ancora on-line.

http://www.youtube.com/watch?v=-JyFDt2PYqo

andrea d'ambra 18.01.07 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda poi Ballarò di ieri sera va fatta qualche precisazione: non siamo ingenui dal ritenere che una parte politica sia migliore di un’altra e siamo ben consci del fatto che sia destra che sinistra quando hanno l’occasione strumentalizzano iniziative per trarne profitto politico e di immagine.
In questo preciso caso però devo dire che nonostante abbia chiamato “ragazzino” il sottoscritto sia arrivato qualcosa dall’On. Tremonti che sarebbe dovuto arrivare se non da D’Alema almeno da Floris.
Mi riferisco alla precisazione fatta da Tremonti che, leggendo la mia mail (inviata anche alla redazione di Ballarò e a Floris) dopo le dichiarazioni di D’Alema secondo cui “Il governo è intervenuto, l’authority ha avviato un’inchiesta su sollecitazione del Governo……” a margine del servizio andato in onda comprensivo della mia intervista.
Sentendo queste affermazioni Floris, se fosse stato corretto, a mio avviso, avrebbe dovuto dire “Ministro, cosa dice? Abbiamo appena visto un servizio dove c’è un ragazzo che dice di aver raccolto oltre 800mila firme e Lei invece sostiene di aver attivato Lei l’authority? Allora il ragazzo mente?”
Floris però si è ben visto dal dir qualcosa (lo stesso comportamento avuto con Bersani) però, se prima poteva dire di ignorare Aboliamoli.eu ora non poteva piu’ dopo le migliaia di e-mails ricevute in redazione in seguito all’intervento di Bersani, che chiedevano di dare il diritto di replica al sottoscritto e chiarire come davvero fossero andate le cose.
E l’intervista allora direte voi? Beh, anche quella, non ci crederete ma non è dipesa di certo dal presentatore. Quando sono stato contattato dal giornalista che ha realizzato il servizio, Alessandro Poggi, quest’ultimo che è stato davvero gentilissimo e che ancora ringrazio, mi ha detto che era venuto a conoscenza della mia iniziativa attraverso il quotidiano “Il Mattino” e aveva deciso di realizzare un’intervista nonostante il “casino” avvenuto dopo... continua su www.andreadambra.eu

andrea d'ambra 18.01.07 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Oggi sono stato audito per la prima volta dall’Authority Garante per le Comunicazioni, in un incontro previsto esclusivamente per il sottoscritto e durato circa due ore ho avuto modo di rappresentare le mie osservazioni all’Autorità circa i costi di ricarica e l’unica soluzione possibile (l’abolizione completa) mi sono inoltre permesso di allargare il discorso alle altre anomalie che andrebbero visionate.
Ringrazio l’Agcom per quest’opportunità che mai prima d’ora era stata data ad un cittadino non facente parte del circuito delle Associazioni dei consumatori riconosciute dallo Stato e vi anticipo che quasi certamente la decisione finale sui costi di ricarica verrà presa nella seconda metà di Febbraio.

Di seguito il verbale a margine dell’incontro

Napoli, 17 Gennaio 2007

Verbale di riunione di cui alla delibera 714/06/CONS

Presenti per l’Autorità:
Antonio Aloia, Franco Angrisani, Nevio Capodaglio, Antonio Provenzano, Raffaella Sibilla, Guido Stazi, Vincenza Vetri.

Viene ricordato dall’Autorità che il presente incontro con il sig. D’Ambra si colloca nell’ambito del procedimento relativo alla consultazione pubblica di cui alla delibera 714/06/CONS.
Pertanto viene richiesto al sig. D’Ambra di illustrare la propria posizione con riguardo all’obiettivo della consultazione pubblica, quello di “acquisire, tramite consultazione pubblica, commenti, elementi di informazione e documentazione in merito ai possibili interventi regolamentari relativi ai contributi di ricarica relativi ai servizi di telefonia mobile con ricarica del credito”.

Il sig. D’Ambra presenta e illustra un proprio documento che viene allegato agli atti come parte integrante del fascicolo relativo alla consultazione pubblica in oggetto.
Tra i numerosi spunti presenti nel documento illustrato, in particolare, si eviddenzia:
- come la presenza del “balzello” rappresentato da un contributo di ricarica sia presente anche in altri... continua su www.andreadambra.eu

andrea d'ambra 18.01.07 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Ischia, 16 Gennaio 2007

RISTABILITA LA VERITA' SUI COSTI DI RICARICA A BALLARO'

Dopo le recenti esternazioni di Bersani la trasmissione ospita un’intervista al promotore della petizione www.aboliamoli.eu

Ballarò fà chiarezza sulla questione dei costi di ricarica. Dopo le recenti esternazioni del Ministro per lo sviluppo economico Bersani la scorsa settimana durante la trasmissione di Floris quando il Ministro aveva cercato di strumentalizzare politicamente la questione la redazione della trasmissione era stata letteralmente invasa da migliaia di e-mails di protesta da parte dei firmatari della petizione che ad oggi ha raccolto oltre 800mila firme. Un servizio del Dott. Alessandro Poggi che ha intervistato Andrea D’Ambra ha quindi cercato di chiarire la vicenda. Ciò nonostante c’è stato il tentativo, da parte del Ministro degli Esteri Massimo D’Alema di sostenere che fosse stato il governo ad attivare l’Authority. A questo punto, il silenzio del conduttore Floris, che era al corrente dei fatti ha sorpreso non poco ma ci ha pensato l’altro ospite in studio On. Giulio Tremonti che ha provveduto a leggere in diretta l’e-mail ricevuta dal promotore della petizione nella quale si specificava come il Governo non avesse avuto alcun merito nella vicenda e come tutto fosse partito da una petizione on-line dal sito www.aboliamoli.eu che, solo questa, ha fatto scattare l’intervento prima della Commissione Europea e poi delle Authority italiane Antitrust ed Agcom.

Generazione Attiva
Associazione in difesa dei Consumatori
www.generazioneattiva.it

andrea d'ambra 17.01.07 00:34| 
 |
Rispondi al commento

L'AGCOM CHIAMA IN AUDIZIONE ANDREA D'AMBRA
Il Presidente di "Generazione Attiva", promotore della petizione contro i costi di ricarica invitato per un incontro presso l'Authority Garante per le Comunicazioni
L'Authority Garante per le Comunicazioni ha invitato Andrea D'Ambra, promotore della petizione contro i costi di ricarica, nonché Presidente della neonata Associazione in difesa dei consumatori "Generazione Attiva" ad un'audizione che si terrà presso la sede napoletana dell'Authority mercoledì 17 Gennaio.
L'Audizione riguarderà i costi di ricarica ed è stata organizzata per "acquisire commenti, elementi di informazione e documentazione in merito ai possibili interventi regolamentari relativi ai contributi di ricarica dei servizi di telefonia mobile con ricarica del credito"
"E' il riconoscimento che attendavamo da tempo da parte dell'Authority ed il primo incontro ufficiale di "Generazione Attiva" che parte nel migliore dei modi", visto il ruolo fondamentale avuto dalla Petizione Aboliamoli.eu grazie alla quale, in seguito alla nostra denuncia alla Commissione Europea e ad oltre 800mila firme raccolte le Authority Italiane hanno dovuto aprire un'indagine congiunta su questo balzello tipicamente italiano.
Ringrazio l'Authority a nome degli oltre 800mila firmatari della Petizione da me creata contro i costi di ricarica dal sito www.aboliamoli.eu e della neonata Associazione in difesa dei Consumatori “Generazione Attiva” per questa audizione che è sicuramente una cosa molto importante che ci darà l’opportunità di dire la nostra su questo problema che tocca la telefonia mobile italiana e soprattutto milioni di italiani costretti a dover pagare fino al 40% in piu' rispetto all'importo effettivamente accreditato sulla propria scheda prepagata.
I costi di ricarica vanno aboliti perché, oltre a rappresentare un cartello messo in atto da parte degli operatori di telefonia mobile italiani non esistono in nessun altro paese del mondo e non trovano alcuna giustificazione.

andrea d'ambra 15.01.07 15:44| 
 |
Rispondi al commento

credo che con i cinque milioni di firme che abbiamo raccolto, ci si puliranno il sedere. siamo considerati solamente in due momenti: sotto le elezioni, e quando cè da pagare la tasse... triste ma vero

Fabrizio Carner 11.01.07 03:09| 
 |
Rispondi al commento

Ed oggi l' Authority mostra i denti!
Con inaudita severità invita gli operatori a scegliere una delle sue tre ipotesi per ovviare al problema dei costi di ricarica!
Annullare, rimodulare o ripubblicizzare il balzello?
Meglio lasciar fare alla coscienza degli operatori, che sicuramente hanno a cuore i diritti dei consumatori... intanto il piccolo Calabrò ipotizza, ipotizza e và a letto tranquillo.Senza tirarsi sù i calzoni però, sennò sai che paura...mica lo pagano per decidere!

Meno male che Bersani vigila!Chissà se legifera oltre ad abbaiare...

Più fatti e meno balle. Ricaricare solo a cose fatte!

http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=66559

Riccardo Damilano Commentatore certificato 11.01.07 01:39| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE


Cellulari e costi di ricarica: NASCE "GENERAZIONE ATTIVA"
Associazione a tutela dei giovani consumatori

Dall'esperienza dei costi di ricarica dei telefonini nasce GENERAZIONE ATTIVA un'associazione nazionale a tutela dei consumatori più giovani.
Lo annuncia il presidente della neonata associazione Andrea D'Ambra, promotore della fortunata petizione (800.000 mila firme, consultabile su www.aboliamoli.eu) contro i costi di ricarica dei telefonini.
In seguito all'attivismo del presidente di Generazione Attiva D'Ambra, la Commissione Europea ha di fatto obbligato le Authority italiane (Antitrust e Agcom) ad aprire un'indagine su quest'anomalia tutta italiana.
L'Agcom attraverso il Garante Corrado Calabrò ha quindi annunciato un'intervento per metà Gennaio che molto verosimilmente prevederà la totale o parziale abolizione di questo balzello tutto italiano.
"Tardivo invece l'interessamento del Ministro Bersani,- dichiarano i soci fondatori di GENERAZIONE ATTIVA- che in televisione a Ballarò ha rilasciato dichiarazioni contro i costi aggiuntivi delle ricariche dei telefonini, le sue dichiarazioni a giochi conclusi sembrano più uno sciacallaggio politico che un vero interesse di tutela dei consumatori".
L'associazione GENERAZIONE ATTIVA che si impegnerà per tutelare tutti i consumatori, con particolare attenzione agli studenti universitari e alle nuove generazioni "Non tutelate dalle lobbies e dagli interessi corporativi" è fondata oltre che da Andrea D'Ambra anche da Pietro Foderini, Andrea Roberti, Gianluca Bianchi e Giovanni Donzelli.

Per info:
Andrea D'Ambra
www.aboliamoli.eu
www.andreadambra.eu

andrea d'ambra 10.01.07 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Bersani scopre i costi di ricarica...

COMUNICATO STAMPA

IL MINISTRO BERSANI A BALLARO': "INGIUSTI I COSTI DI RICARICA, INTERVERREMO" ....E SI PRENDE GLI APPLAUSI DEL PUBBLICO
Negata al promotore della petizione la partecipazione telefonica in trasmissione

Il Ministro dello sviluppo economico Pierluigi Bersani in studio questa sera a Ballarò ad una domanda di Floris circa i prossimi interventi in materia di liberalizzazione cita i costi di ricarica: "quei 2 euro da pagari su 10 euro di credito" e riceve gli applausi del pubblico.
Nessun riferimento viene fatto però dal Ministro alla petizione grazie alla quale si è mossa prima la Commissione Europea e successivamente le Authority Antitrust ed Agcom, proprio quest'ultima ha annunciato l'intervento sui costi di ricarica per questo mese.
Ciò nonostante è stata negata la partecipazione telefonica in trasmissione ad Andrea D'Ambra, promotore della petizione di successo (www.aboliamoli.eu) che chiedeva di chiarire che, se un intervento ci sarà certamente quest'ultimo non arriverà grazie al Ministro Bersani, che solo oggi si è ricordato di quest'anomalia tutta italiana.
Per questo il giovane studente D'Ambra, promotore della petizione che ad oggi ha raccolto oltre 808mila firme chiede a Giovanni Floris, conduttore di Ballarò di chiarire tale situazione nella prossima trasmissione in onda.

www.aboliamoli.eu
www.andreadambra.eu

Per chi volesse scrivere a Ballarò per chiedere di rettificare e rimediare alla negata partecipazione di stasera: ballaro@rai.it Grazie!

9 Gennaio 2007

andrea d'ambra 10.01.07 22:09| 
 |
Rispondi al commento

Buon 2007 e Buona Befana a tutti!
Mancano 6 giorni al 13 Gennaio, allora scadranno i fatidici 30 giorni annunciati dal Presidente Agcom Calabrò lo scorso 13 Dicembre. Aspettiamo fiduciosi anche se ricordando bene Calabrò annunciò 2 mesi come durata per l’indagine conoscitiva quando poi tutti sappiamo che che è stata conclusa solo dopo oltre 5 mesi!
Lo scorso 13 Dicembre l’Agcom aveva anche annunciato delle audizioni in questi 30 giorni ma da quanto si apprende dal loro sito non c’è neanche l’ombra di una qualsiasi audizione circa i costi di ricarica… Le associazioni dei consumatori infatti sono state già convocate lo scorso 23 Ottobre come ricorderete da un mio comunicato mentre gli operatori sono stati ascoltati fin troppo durante lo svolgimento dell’indagine conoscitiva congiunta Antitrust-Agcom.
Aspettiamo il 13 Gennaio e se non dovessimo ricevere risposte soddisfacenti dall’Agcom saremo anche pronti a manifestare… Intanto ricordiamo al Presidente Calabrò di abolire in in fretta quest’anomalia tutta italiana! Inviamogli una mail: c.calabro@agcom.it

Come potete vedere dall’immagine inserita in testa il 31 Dicembre ho avuto l’onore di vedermi in Prima Pagina sul quotidiano dell’Isola d’Ischia Il Golfo e il piacere di essere stato nominato isolano dell’anno 2006 dal quotidiano dell’isola d’Ischia “Il Golfo”. Ringrazio di cuore il Direttore Domenico Di Meglio, la redazione de Il Golfo e tutti gli Isolani che hanno contribuito a tale decisione.


Ricordate l’intervista rilasciata da Calabrò a Panorama di cui vi parlavo nell’ultimo post? A sentire quest’ultimo sembrava che l’Agcom fosse intervenuta spontaneamente e chiesi la Vs partecipazione scrivendo a Panorama per far presente come realmente sono andate le cose. Evidentemente le migliaia di e-mails ricevute dalla redazione di Panorama hanno fatto il loro effetto perché nello scorso numero del settimanale in edicola puntualmente è uscita una mia lettera “seppur corretta e filtrata” rispetto alla versione originale

andrea d'ambra 06.01.07 18:43| 
 |
Rispondi al commento

Su segnalazione di un lettore oggi ho letto nel numero del 20 Dicembre ancora in edicola di Panorama di un’intervista realizzata al Presidente dell’Agcom Corrado Calabrò che spazia su vari temi arrivando a toccare anche i costi di ricarica.

Giornalista Panorama: “Verranno abbassati i costi delle ricariche per i telefoni mobili?”
Calabrò: “Siamo intervenuti insieme all’Antitrust per studiare questa anomalia, che incide sulle fasce più deboli: su una ricarica da 20 Euro si pagano 4 Euro, è troppo. Vedremo quanto la moral suasion funziona: prima ancora di una decisione, già qualche operatore a cominciato a ridurre questo costo. Certo, questo scalino rappresenta una discriminazione che va eliminata.

A parte che ci sarebbe da ridire su ogni frase…. vi faccio soltanto notare come dall’articolo/intervista sembrerebbe quasi che l’Agcom si sia mossa di sua spontanea iniziativa, in modo autonomo, “per studiare quest’anomalia“.
Scriviamo a Panorama! panorama@mondadori.it e facciamogli presente come sono andate realmente le cose!
Intanto ieri sera ho partecipato a MTV VOICE in onda su MTV ITALIA condotto da Camilla Raznovich. Grazie a tutta la redazione di MTV Voice! Vi avevo anticipato che avevo apprezzato in modo particolare il loro interessamento, riservandomi però ad oggi il motivo di tale apprezzamento. Eccolo qui: MTV Italia è per il 51% di proprietà di Telecom Italia…. (FONTE) Una svista? Il Video sarà disponibile non appena possibile on-line.
Grazie al Blog di un “meetupper” degli Amici di Beppe Grillo, che ringrazio, ho trovato il video dell’incontro che ho avuto il piacere di fare con Beppe Grillo, lo scorso Giugno a Sorrento, a margine del raduno nazionale del meetup Amici di Beppe Grillo. Chi vuole può visionare il video nella sezione “video & tv” di Aboliamoli.eu dove ci sono tutti gli altri video riguardanti l’iniziativa o sul blog www.andreadambra.eu in anteprima da Youtube.

Andrea D'Ambra Aboliamoli.eu Commentatore certificato 19.12.06 19:43| 
 |
Rispondi al commento


15 Dicembre 2006 - Ore 16.30 - 804.870 FIRME!!!!! Ci siamo quasi! Qualcosa si sta muovendo…


E’ come saprete infatti notizia dell’altro ieri che l’Agcom ha annunciato che entro 30 giorni ci sarà la decisione finale sui costi di ricarica, dopo un’audizione pubblica a cui prenderanno parte operatori e consumatori e alla quale ho chiesto di partecipare (penso che mi spetti di essere ascoltato…)
Non la pensa cosi’ evidentemente l’Agcom che già lo scorso 23 Ottobre non ritenne opportuno invitarmi ed ora ho appena saputo che lunedì 18 le associazioni dei consumatori sono convocate al tavolo per discutere di TLC e quindi anche di questo ma al sottoscritto non è pervenuto nulla (di nuovo!)

Nella sezione Video, aggiornata, potete ora osservare il servizio del TG3 con l’intervista a Calabrò (che mi compiaccio usi le stesse mie parole) per definire i costi di ricarica.

In quella Audio invece è stata inserita l’intervista concessa a Radio Kiss Kiss

In Documenti invece potrete, se volete, leggere la risposta della Commissione Europea al sottoscritto che sottolinea come l’intervento ora sia di competenza delle Authority italiane mentre restano ancora senza risposta le numerose interrogazioni presentate sia alla Commissione Europea che al Ministro delle Comunicazioni Gentiloni da parte di diversi parlamentari, sia di destra che di sinistra.

Come vi avevo già segnalato la scorsa settimana, proprio tramite un Europarlamentare, l’On. Sepp Kusstatscher (Verdi) ero venuto a conoscenza del fatto che lunedì scorso il Ministro Gentiloni si sarebbe dovuto recare a Strasburgo per un incontro con i membri italiani del Parlamento Europeo.
Di tutti gli Europarlamentari contattati e messi a conoscenza dell’incontro purtroppo chi per un motivo, chi per un altro, nessuno sembrava essere riuscito ad andare all’incontro col Ministro Gentiloni (anche per chiedere spiegazioni e risposte circa i costi di ricarica).

Ieri poi ricevo una e-mail dall’On. Angelilli (AN) che mi scrive:

Caro Andrea,

Andrea D'Ambra Aboliamoli.eu Commentatore certificato 15.12.06 20:06| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA

Oggi, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha esaminato gli esiti dell’indagine conoscitiva sui servizi di telefonia mobile con ricarica del credito ed ha deciso di promuovere un intervento regolamentare a tutela degli utenti attraverso lo svolgimento - ai sensi di legge - di una consultazione pubblica della durata di 30 giorni. A conclusione di tale consultazione, sarà assunta la decisione finale.

Obiettivo della nuova struttura tariffaria è garantire la massima trasparenza e tutelare le fasce sociali più deboli, che sono quelle che oggi subiscono il maggiore aggravio del costo.

Andrea D’Ambra, promotore della petizione contro i costi di ricarica, da cui è scattato l’intervento dell’Authority dopo la denuncia alla Commissione Europea afferma: “stiamo andando nella direzione giusta, spero che l’Authority questa volta prenda in considerazione le oltre 800mila persone che ad oggi hanno firmato la petizione chiededo l’abolizione dei costi di ricarica ed abbia l’accortezza di convocarmi durante la consultazione pubblica“; il giovane studente continua: “in questi mesi sono venuto in possesso di molte informazioni che avrei il piacere di illustrare al Presidente Calabrò circa quest’anomalia tutta italiana rappresentata da un vero e proprio cartello, resto quindi in attesa di un invito alla convocazione che si terrà entro i prossimi 30 giorni dopo il mancato invito all’audizione del 23 Ottobre scorso”

andrea d'ambra Commentatore certificato 13.12.06 20:22| 
 |
Rispondi al commento

- NON FATE PIU’ RICARICHE fino all' abolizione del costo di ricarica.

ops, non lo sapevo, vabè ma i 3 € di ricarica che ho speso dopo mesi di digiuno son valsi la pena: 200e di traffico per i prossimi 4 mesi
8-D

poi torno ad utilizzare il cellulare per il minimo indispensabile, come dovrebbe fare la maggior parte degli spendaccioni italiani...

stefano "akiro" meraviglia 13.12.06 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Mizzeca, questa sì che è una notizia! Da Portel.
Da http://www.portel.it/news/news2.asp?news_id=14075

SkypeOut diventa Flat
--------------------------------------------------------------------------------

Mercoledì 13 Dicembre 2006
Dal 1° gennaio 2007 tutti gli utenti Skype di Canada e Stati Uniti avranno la possibilità di effettuare telefonate VoIp verso numeri fissi e cellulari al prezzo di un abbonamento annuale di circa 22,50 euro.

La novità è indubbiamente rilevante, non solo per il prezzo estremamente competitivo dell’abbonamento forfetario, ma anche e soprattutto perché segna l’avvento di una nuova concezione della telefonia via internet.

La formula flat per SkypeOut segnala, inoltre, un cambio di strategia da parte di eBay, che, secondo quanto riportato dal New York Times, sebbene non preveda significativi aumenti del fatturato della propria controllata per l’anno in corso, potrebbe registrare un notevole risultato per il 2007 proprio a seguito del lancio del nuovo servizio.

Immaginando, infatti, che paradossalmente tutti i 136 milioni di utenti Skype sottoscrivessero l’abbonamento, nelle casse della società entrerebbero oltre 3.000 miliardi di euro l’anno.

Ovviamente, questo calcolo presuppone che l’iniziativa venga estesa oltre confini nordamericani. In ogni caso aspettiamo di vedere quali saranno le prossime mosse di Skype nel mercato europeo ed italiano.
......................................


Sembra inconcepibile, specie per esempio per il mercato europeo conoscendo le tariffe di terminazione del mobile e la discussione in corso a livello UE per il loro taglio.
Potrebbe essere solo una manovra finanziaria, ma ebay non pare un prospero qualunque. Ripeto, tramite VoIp Skype in USA e Canada chiamate verso fissi e cellulari a 22,5 euro l'ANNO!
ANNO non MESE!!!!!!

massimo canino 13.12.06 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Aggiornamento: 12/12/2006 ORE 18.45 AGENZIA ANSA:
ROMA, 12 DIC - I costi di ricarica e l’aumento del canone Telecom sono tra gli argomenti all’ordine del giorno domani al Consiglio dell’Autorita’ delle tlc. La manovra tariffaria di Telecom, per legge dovra’ essere a costo zero per i clienti in base al principio del price cap. Il Consiglio e’ chiamato anche a esaminare la questione dei costi di ricarica, nonche’ a decidere l’avvio di una consultazione pubblica sull’offerta ‘Casa numero fisso’ di Vodafone, che ha provocato una lite legale fra i due colossi.

Incrociamo le dita e speriamo bene…. che sia la volta buona?

Andrea D'Ambra

www.aboliamoli.eu

www.andreadambra.eu


andrea d'ambra Commentatore certificato 13.12.06 15:26| 
 |
Rispondi al commento

LA COMMISSIONE EUROPEA RISPONDE SUI COSTI DI RICARICA

Costi di ricarica
Bruxelles: "Intervengano le Authority italiane. AGCOM e AGCM hanno il compito di monitorare il mercato e di intervenire a livello regolamentare".
"In base ai risultati dell'indagine è previsto un possibile intervento di AGCOM sui costi di ricarica finalizzato – tra gli altri - a tutelare gli interessi degli utenti. E' inoltre specificato che gli operatori dovranno fornire agli utenti informazioni trasparenti sui prezzi e le tariffe delle carte prepagate."
Andrea D'Ambra, promotore della petizione contro i costi di ricarica: "Calabrò (Agcom) non attenda più un secondo, intervenga immediatamente per abolire questo balzello tipicamente italiano!"


La lettera ricevuta dalla Commissione europea:

Gentile sig. D'Ambra,

La ringrazio per la Sua email del 28 Novembre 2006 indirizzata alla sig.ra Kroes che mi ha chiesto di risponderLe in suo nome. Come nella Sua email inviata al Presidente Barroso in pari data, Lei chiede alla Commissione un commento sull'indagine conoscitiva conclusa dalle Autorità italiane (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - AGCOM e Autorità garante della concorrenza e del mercato – AGCM) sui c.d. "costi di ricarica" per i telefoni mobili. Lei chiede anche di sapere se la Commissione intende intervenire sulla questione.

Come Lei sa dalla risposta inviataLe a nome del Presidente Barroso, la Commissione ha scritto ad AGCOM e AGCM il 3 Maggio 2006, a seguito della Sua email del 2 Aprile 2006 inviata al Competition Consumer Officer, nella quale Lei denunciava una presunta anomalia italiana sui costi di ricarica per i telefoni mobili. In particolare, la Commissione ha chiesto alle Autorità se avessero intenzione di investigare la questione.

AGCOM e AGCM hanno risposto con l'apertura di un'indagine conoscitiva congiunta in data 7 Giugno 2006 e conclusasi il 15 Novembre 2006. In base ai risultati dell'indagine è previsto un possibile intervento di AGCOM sui costi di ricar

andrea d'ambra Commentatore certificato 12.12.06 18:26| 
 |
Rispondi al commento

NASCE IL BLOG WWW.ANDREADAMBRA.EU

Il Blog è sicuramente un punto di riferimento che prevede maggiore interattività con i visitatori, cosa che non è possibile sul sito della petizione contro i costi di ricarica www.aboliamoli.eu
Per questo ho deciso di creare questo spazio, un Blog appunto, che sarà raggiungibile all'indirizzo www.andreadambra.eu
Aboliamoli.eu resterà il sito dell’iniziativa contro i costi di ricarica e sarà aggiornato costantemente, come ho sempre fatto finora.
Sul blog invece non si parlerà soltanto di costi di ricarica ma si spazierà ampiamente in particolare su tutti i temi cari a noi consumatori.
Grazie in anticipo per il contributo che apporterete a questo Blog!

Andrea D’Ambra
Promotore della petizione contro i costi di ricarica
www.andreadambra.eu
www.aboliamoli.eu

andrea d'ambra Commentatore certificato 09.12.06 16:46| 
 |
Rispondi al commento



Aiutateci a diffondere la nostra newsletter, invitate i vostri amici ad iscriversi!
8 Dicembre 2006 - ORE 16.45 - 801.117 FIRME!!!!!!! Superata quota 800,000 firme!!!!!

Calabrò: si proprio lui, il Presidente dell'Agcom (Authority Garante per le Comunicazioni) che, chi segue ormai da tempo la petizione conoscerà bene, lo stesso che non fece nulla, nonostante le mie richieste, fino a quando non fu obbligato ricevendo comunicazione dalla Commissione europea, lo stesso che disse che l'indagine sarebbe durata 2 mesi (in realtà poi è stata chiusa dopo oltre 5 mesi) lo stesso che il 28 Novembre scorso disse "Via i costi di ricarica o interverrò" (Qui il pezzo di Repubblica) ieri ha rilasciato nuove dichiarazioni (ma qualche azione concreta mai?) intervendo a Repubblica TV ha dichiarato: "Presto interverremo, lo scalino non potrà essere annullato, ma, di certo lo taglieremo" Lo scalino?!? tagliarlo?!? Ma di che parla Calabrò? Forse non è ancora ben chiaro che i costi di ricarica VANNO ABOLITI COMPLETAMENTE! Siamo di fronte ad un cartello!!! La stessa indagine lo evidenzia nel dossier redatto fortunatamente anche dall'Antitrust che scrive testualmente: "Apparentemente, la componente di prezzo costituita dall’onere di ricarica, che rappresenta quasi un quinto del prezzo finale, è sottratta alle dinamiche concorrenziali, quasi fosse un elemento esogeno." e continua "La stessa Wind, che in un primo tempo aveva adottato una strategia “volta alla costituzione di una sufficiente base di utenti” fondata su una maggiore significatività del prezzo variabile (eliminando contributi di ricarica e scatto alla risposta) si è allineata alla struttura two part pricing “una volta conclusasi tale fase” (verbale audizione Wind del 19 giugno 2006). (Pagine 80-81 del dossier) Cosa attende l'Antitrust a sanzionare quindi questo cartello? Come può sostenere Calabrò di non poterli abolire ma soltanto "tagliare lo scalino per le ricariche di taglio minore" in quanto siamo in libero mercato. Il

andrea d'ambra Commentatore certificato 08.12.06 18:51| 
 |
Rispondi al commento

TELEFONINI: CALABRO',PRESTO INTERVENTO SU COSTI RICARICHE
"Penso che in termini brevissimi il nostro intervento potra' essere molto, molto efficace": Corrado Calabro', presidente dell'Autorita' sulle Comunicazioni, intervenuto a Consumi & Costumi, il programma di Repubblica Tv condotto da Giovanni Valentini, annuncia un intervento sui costi delle ricariche dei telefonini. Nei giorni scorsi, al termine dell'indagine congiunta di Agcom e Antitrust, il presidente Calabro' aveva annunciato "regole vincolanti" sui costi delle ricariche telefoniche se la 'moral suasion' nei confronti dei gestori di telefonia mobile non fosse bastata.
"Non posso anticipare le decisioni del consiglio - ha affermato oggi Calabro' - ma presto imporremo che questo scalino venga appianato. Noi non possiamo abolire i costi di ricarica, perche' siamo in una economia di mercato. Se i gestori hanno dei costi e' giusto che siano remunerati, ma non accentuati a scapito di giovani o anziani. Questa accentuazione anomala e' una gobba che noi spianeremo".

Andrea D'Ambra: l'intervento arrivi subito, i gestori non hanno costi che giustifichino il costo di ricarica!

Il Promotore della petizione contro i costi di ricarica (www.aboliamoli.eu ), che ha appena raggiunto 800mila firma si augura che Calabrò voglia davvero intervenire ma seriamente e subito. I costi di ricarica possono essere aboliti, lo conferma il fatto che non esistano in nessun altro paese al mondo, non vedo a quali costi speciali vadano incontro i nostri operatori che i colleghi del resto del mondo non sostengono. Non penso facciano beneficienza gli operatori stranieri. Soprattutto per quanto riguarda le ricariche on-line, non c'è assolutamente alcun costo da parte dell'operatore e per queste ricariche l'AGCOM dovrà abolire qualsiasi costo di ricarica. Tengo a ricordare a Calabrò che l'operatore WIND non aveva alcun costo di ricarica quando è entrato nel mercato italiano, per poi "adeguarsi" qualche anno dopo agli altri operatori e attu

andrea d'ambra Commentatore certificato 08.12.06 09:58| 
 |
Rispondi al commento

LA PETIZIONE D'AMBRA CONTRO I COSTI DI RICARICA RAGGIUNGE QUOTA 800MILA FIRME
La straordinaria cifra ad appena 8 mesi dalla nascita della petizione (Aboliamoli.eu)
Il Promotore della Petizione: "l'AGCOM intervenga rapidamente per abolire quest'anomalia tutta italiana"

Ischia, 6 Dicembre 2006 -- La petizione D'Ambra, così rinominata da Punto Informatico dal nome dell'autore nonché primo firmatario, studente in Scienze Politiche alla Federico II di Napoli, contro i costi di ricarica (www.aboliamoli.eu) , ha raggiunto quest'oggi la ragguardevole ed impressionante cifra di 800mila firme. La Petizione si conferma come l'unica in Italia, lanciata da un singolo cittadino, che abbia raggiunto un risultato del genere.
Attendiamo ora che l'Authority per le Comunicazioni intervenga rapidamente per abolire quest'anomalia tutta italiana che oltre a non trovar alcuna giustificazione, cosi' come provato dall'indagine congiunta effettuata dall'Antitrust e dall'Agcom costituisce un vero e proprio cartello posto in essere dagli operatori di telefonia mobile italiani che, soltanto nell'ultimo anno hanno ricavato 1,7 miliardi di Euro grazie a questo balzello.
Ci sono voluti 5 mesi per mettere la parola fine sull'indagine congiunta. Quanto dovremo ancora aspettare affinché quanto scritto nel dossier di 91 pagine redatto dalle due Authority si tramuti in azioni concrete?
Il costo di ricarica non ha alcuna giustificazione e va abolito, lo chiedono 800mila persone che ricordano che non esiste in nessun altro paese al mondo e non risponde al vero neanche la disinformazione con la quale gli operatori italiani si difendono secondo cui in Italia avremmo le tariffe piu' basse d'Europa (come documentato sul sito www.aboliamoli.eu paesi come Austria, Finlandia e Belgio, solo per citarne alcuni hanno tariffe molto piu' basse di quelle italiane, senza costi di ricarica né scatto alla risposta) In Francia inoltre il credito ricevuto è superiore all'importo pagato e non inferiore come avviene solt

andrea d'ambra Commentatore certificato 07.12.06 08:04| 
 |
Rispondi al commento

ANDREA D'AMBRA AL TG3

Ampio spazio viene dato dal TG3 all'iniziativa del giovane Andrea D'Ambra.

Il Tg3 di sabato 2 Dicembre ha dedicato ampio spazio al promotore della petizione contro i costi di ricarica, nell'edizione delle 14.20 durante la rubrica TG3 SCENARI in onda il sabato e realizzando un servizio approfondito sulla vicenda comprensivo di un'intervista al giovane ischitano

Intanto le firme sono quasi giunte a quota 800mila e l'Authority delle Comunicazioni ha annunciato, attraverso il Presidente Calabrò che, se gli operatori non si adegueranno interverrà quest'ultimo con un intervento mirato all'abolizione di quest'anomalia tutta italiana.

Il Video del servizio del TG3 oltre che maggiori informazioni, (anche per le richieste di rimborso dei costi di ricarica già sostenuti), sono disponibili sul sito www.aboliamoli.eu

andrea d'ambra 04.12.06 09:46| 
 |
Rispondi al commento

1° Dicembre 2006 - ORE 16.30 - 789.827 FIRME!!!!!!! Questione di giorni e toccheremo le 800mila firme!!!

Una precisazione: l'Europarlamentare Battilocchio mi ha informato che anch'egli ha firmato l'interrogazione con l'On. Angelilli ma che purtroppo, per un errore burocratico ufficialmente risulta dal sito dell'Europarlamento soltanto la firma dell'On. Angelilli. Purtroppo la Commissione non ha ancora risposto all'On. Battilocchio, nonostante l'interrogazione fosse "prioritaria" e avrebbe dovuto ricevere risposta entro 4 settimane (ne sono trascorse 7).

Neanche il Ministro delle Comunicazioni Gentiloni non ha ancora risposto alla prima interrogazione ricevuta sui costi di ricarica a firma dell'On. Foti (AN)

Ringrazio Andrea Vianello, presentatore di Mi Manda Raitre, che mi ha citato come esempio di successo in una intervista rilasciata al Tirreno. Grazie a Luca che mi ha inviato l'articolo in questione :-)

E' di qualche giorno fa la notizia che il Presidente dell'Agcom Corrado Calabrò ha annunciato che se gli operatori non si adegueranno interverrà lui. Speriamo che lo faccia rapidamente e nell'unico modo possibile: abolendo questi costi di ricarica.

Girano in rete voci atte a screditare la petizione ( gli stessi che che prima invece sostenevano che era una bufala e non serviva a nulla) secondo cui se la petizione avrà successo poi gli operatori aumenteranno le tariffe. Quelle che loro chiamano "basse tariffe" italiane in effetti non sono basse affatto! Vediamo perché: un operatore X mi annuncia che la sua tariffa è di 15 Centesimi di € al minuto ma se poi devo pagare 25 Euro per averne 20 non pago la tariffa pubblicizzata a 15 cent di € al minuto, che quindi non corrisponde al vero perché ammortizzando il costo di ricarica (che equivale al 20%) devo aggiungere il 20% rappresentato dal costo di ricarica che devo ammortizzare alla tariffa. Di conseguenza 15 cent. + 20%= 18 cent (mentre lo spot diceva 15). E lo scatto alla risposta? Alla fine il costo effettivo a

andrea d'ambra 03.12.06 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Con grande piacere vi annuncio che....

SABATO 2 DICEMBRE SARO' CON UN'INTERVISTA AL TG3 DELLE 14.20 DURANTE IL TG3 SCENARI (14.40 CIRCA)

NON MANCATE! GRAZIE :-)

ANDREA D'AMBRA
WWW.ABOLIAMOLI.EU

andrea d'ambra 01.12.06 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Authority: ''Interverremo sui costi di ricarica'' - D'Ambra: "Si intervenga subito per abolire quest'anomalia tutta italiana"

Il presidente del'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Calabrò: ''Se la moral suasion non basta regole vincolanti vieteranno lo 'scalino' e imporranno trasparenza''
Corrado Calabrò: "l'eventuale intervento sarebbe finalizzato a vietare lo ''scalino'' che penalizza il consumatore in maniera inversamente proporzionale al costo della ricarica e ad imporre la ''trasparenza'' dei costi."

"Il costo delle ricariche dei cellulari costituisce invece ''un'anomalia che va eliminata, perché - spiega il presidente - anche se c'è un costo di distribuzione della carta c'è una parte che eccede ampiamente la ragionevolezza e grava sul consumatore in maniera inversa al costo: questo non è possibile anche perché incide sulle fasce più deboli, come giovani e anziani, che ricaricano per importi più bassi''. Quindi, dopo un intervento di 'moral suasion', ''vedremo come gli operatori rimoduleranno le loro tariffe se non lo faranno interverremo con regole vincolanti vietando lo 'scalino' e imponendo trasparenza'', sottolinea Calabrò.

Andrea D'Ambra, promotore della petizione contro i costi di ricarica (www.aboliamoli.eu) spera che l'Authority intervenga in modo rapido ed efficace.

"Quanto dovremo attendere ancora affinché l'Authority si decida ad intervenire per mettere fine a quest'anomalia tutta italiana?" afferma il giovane studente campano, autore della famosa petizione che ha fatto scattare l'intervento delle Authority, dopo la denuncia alla commissione europea e continua "ben vengano gli annunci di Calabrò ma speriamo che siano seguiti anche da fatti che consistono in un intervento che miri all'abolizione di questo assurdo balzello"

L'autore della petizione continua "ormai siamo ad 800mila firme raccolte dalla petizione sul sito www.aboliamoli.eu , 800mila persone chiedono che il costo di ricarica venga abolito perché non trova alcuna giustifica

andrea d'ambra 29.11.06 09:04| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO-- CLASS ACTION ora .adderisci anche tu. http://www.aduc.it/dyn/classaction.html GRAZIE.

cogo andrea 28.11.06 18:45| 
 |
Rispondi al commento

MA PERCHE' SI CONTINUA A STARE ZITTI,O A FARE FINTA DI NIENTE??????ANDIAMO TUTTI IN PIAZZA,CONVINCIAMO LA GENTE AD APRIRE GLI OCCHI..STO PARLANDO DI EOLO,l’automobile ecologica(www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=28964&START=0)QUI TROVERETE L'ARTICOLO.IL MONDO E' NOSTRO,DELLA GENTE CHE CI VIVE,NON E' DI QUEI POCHI(RISPETTO AI 6 MILIARDI DI PERSONE)CORROTTI CHE CI PRENDONO IN GIRO TUTTI I GIORNI CON LE LORO MENZOGNE,GUERRE,CAPRICCI.QUI DOBBIAMO INSORGERE FARE CAPIRE A QUESTE PERSONE CHE LA DEVONO SMETTERE!!!!!!!IO HO 26 ANNI E NON VOGLIO VEDERE IL MONDO FINIRE,VORREI POTER SOGNARE DI AVERE DEI FIGLI DA FARE CRESCERE IN UN BEL MONDO!!!NON VOGLIO VEDERE IL DECLINO DEL MONDO,NON VOGLIO AVER PAURA DI METTERE AL MONDO DEI BAMBINI,COSA LI METTO AL MONDO A FARE,PER FARGLI VEDERE L'ESTINZIONE DEGLI ANIMALI,DELLE FORESTE,FIUMI PROSCIUGATI,ACQUA INQUINATA,CLIMA INSOPPORTABILE,IL POLO NORD CHE SCOMPARIRA'.E DIRGLI VEDI CARO BAMBINO MIO SIAMO STATI NOI E SIAMO STATI A GUARDARE LA DISRUZIONE DI QUELLO CHE CI HA MESSO MILIARDI DI ANNI A NASCERE E CRESCERE.NOI ABBIAMO IN 100 ANNI DISTRUTTO TUTTO E NON ABBIAMO FATTO NIENTE PER CERCARE DI RECUPERARE.PS:LA VERA DISTRUZIONE DEL MONDO E' L'UOMO,DOVEVA RIMANERE TUTTO IN MANO ALLA NATURA ALLE SUE LEGGI ED AGLI ANIMALI.

Fedrico Frosi 27.11.06 16:55| 
 |
Rispondi al commento

SALVE BEPPE,UN SALUTONE A TURTTI.

MI E' SORTA UNA CURIOSITA':MA QUANTO QUADAGNANO I NOSTRI POLITICI,QUALI E QUANTI PREVILEGI HANNO,QUANTE ORE LAVORANO,HANNO LAVORO STRAORDINARIO,QUANTO VIENAE PAGATO,LA LORO BUSTA PAGA E' DOCUMENTO PUBBLICO,COME MAI NON SI LAMENTANO DEL LORO STIPENDIO,PERCHE'NON FANNO MAI SCIOPERO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO,SE COMMETTONO DEGLI ERRORI DURANTE IL LORO MANDATO PAGANO COME QUALSIASI AMMINISTRATORE PRIVATO,PERCHE' NESSUNO O GUASI SI OCCUPA DEI LORO INTERESSI,UN SALUTONE A TUTTI.

GRAZIANO GELLI 27.11.06 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Mi viene un dubbio.
Parliamo dei famosi costi di ricarica dei cellulari.
Li hanno sempre "spacciati" come costi di ricarica legati agli operatori della telefonia mobile.
Ma ora, se sono state considerate "illegittime e non rispettose delle normative europee", allora vuol dire che c'e' di mezzo un principio di Truffa e di Non corretta informazione all'utente finale e quindi sussistono tutti i principi per una richiesta di rimborso di tutte le volte che si e' proceduto ad una ricarica pagando la cosiddetta "commissione").
facendo una media di una carica al mese, per 5 euro di ricarica, per ormai circa 5 anni, sono all'incirca 300 euro. Dobbiamo raccogliere altre firme ? Preferisco devolvere quella cifra in beneficenza piuttosto che lasciarla nelle tasche di qualche dirigente telecom !!!

Alessandro Gasparri 27.11.06 12:48| 
 |
Rispondi al commento

A me risulta che il motivo per cui si paga il "contributo di ricarica" sulle ricariche è il seguente: quando in italia sono usciti sul mercato i primi cellulari, il governo li ha classificati come apparecchi ricetrasmittenti alla pari delle radio dei radioamatori.
Questi pagavano già un'imposta che è stata tradotta sui cellulari in una analoga di 10.000 Lire al mese sulle bollette (non esistevano ancora le ricariche).
Quando hanno inventato le ricariche, questa imposta è stata tradotta a sua volta in 10.000 Lire per ricarica (oggi 5 Euro).
Ad un certo punto (e qui non so di preciso come) i 5 Euro di imposta allo Stato sono diventati 5 Euro di obolo per le compagnie telefoniche (che abbiano privatizzato anche le imposte?).
Ora lo stesso Stato che ha inventato questo obolo cade dalle nuvole e dice che è ingiusto! Forse perchè non lo incassa più lui? Forse perchè nel frattempo sono cambiati i governi (ma non i governanti) e "loro" non ricordano? O non lo sanno perchè prima "non era di loro competenza"?
Ma fatemi il favore, se lo sò io che sono solo un operaio metalmeccanico con la licenza media inferiore......

Griot Marco 26.11.06 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Volevo firmare, ma non posso se non capisco esattamente cosa firmo. La petizione è italiana, la presentiamo al governo italiano, ma perchè mi dovete far compilare na roba in inglese???
Non abbiamo uno (e dico 1) programmatore in Italia che ci fa un programmino per la raccolta firme in italiano??? Be se siamo messi così forse sta tassa ce la meritiamo...
Non datemi dell'ignorante perchè non conosco sufficientemente l'inglese, lo parlucchio e conosco anche il funzionamento di babel fish, ma io a sto nostro paese di merda gli voglio anche un po' di bene, voglio parlare la mia lingua madre, voglio prendere posizioni nella mia lingua madre, vi sembra così strano???
Con affetto a tutti, Eugenia.

Eugenia Neri 26.11.06 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe! sarebbe interessante riuscire a fare in modo che agli utenti venga restituito quanto versato fino al momento dell'entrata in vigore della nuova norma. MA COME? se per farsi rimborsare 100 il cittadino deve spendere 500 o giù di lì?


Caro Grillo
volevo dire la mia sui costi delle ricariche telefoniche.
Quanto costerebbe alle varie compagnie se per una settimana noi utenti non usiamo mai il cellulare della compagnia x e la settimana dopo il cellulare della compagnia y ?
Sarebbe possibile organizzare su internet una protesta di questo tipo ?

stefano pezzuto 26.11.06 10:17| 
 |
Rispondi al commento

AIUTA ABOLIAMOL.EU - DIFFONDI LA NEWSLETTER

-------

25 Novembre 2006 - Ore 17.15 - 770.667 FIRME!!!!!! Si avvicina quota 800mila firme e fioccano le novità.

Come vi avevo anticipato, ieri venerdì sono stato alla Conferenza stampa dell'Europarlamentare Angelilli che ha presentato una serie di iniziative a sostegno della petizione D'Ambra tra cui un'interrogazione alla Commissione europea, presentata martedì 21 u.s. e disponibile qui nella sezione documenti

Desidero ringraziare l'On. Giorgia Meloni (AN) per gli attestati di stima e ringraziamenti ricevuti. Ringraziamenti che ricambio per l'interesse che quest'ultima sta dando anche Lei da qualche mese all'iniziativa contro i costi di ricarica.

Tornando alle nuove iniziative dei politici: oltre l'interrogazione alla Commissione europea dell'On. Angelilli che ho citato sopra c'è anche un'interrogazione dei Senatori De Petris (Verdi) e Sodano (Rif. Com.) al Ministro delle Comunicazioni Gentiloni e lo stesso vale per il Senatore Fernando Rossi (IU-Verdi-Com) che ha anch'egli presentato un'altra interrogazione al Ministro Gentiloni e ancora l'ennesima interrogazione al Ministro anche dall'On. Fasolino (FI). In ordine cronologico è intervenuto prima l'On. Fasolino (19 Nov) poi gli hanno fatto seguito Angelilli, Rossi, De Petris e Sodano. Tutti questi documenti sono visionabili e scaricabili nella omonima sezione di questo sito.

Non mancano le iniziative politiche, sia da destra che da sinistra. Si potrebbe pensar male dopo quest'interessamento a 7 mesi dalla nascita della petizione e dopo la conclusione dell'indagine congiunta Antitrust-Agcom e la Prima pagina di Repubblica. Fortunatamente ci sono stati politici che si sono interessati alla cosa in tempi "non sospetti" e ad onor del vero desidero citarli: On. Acerbo (Rif. Com.), On. Foti (AN), On. Battilocchio (Nuovo PSI) che si sono attivati con iniziative concrete già da qualche mese a questa parte.

Beh... il Ministro Gentiloni ne avrà di risposte da dare....

andrea d'ambra 26.11.06 10:01| 
 |
Rispondi al commento

è probabile che dentro di noi ci sia un Beppe Grillo che dorme è ora che ci svegliamo , una mia considerazione sull'evasione fiscale; non capisco perchè un cittadino che si appresta a comprare la sua prima casa con tutti i sacrifici che comporta , perchè lo stato italiano non gli concede la possibilità di poter recuperare tutti i costi sotenuti per evntuali variazionni è lo stesso acquisto dell'immobile , no ci fanno recuperare gli interessi passivi , ma si immaginano quante fatture non vengono emesse pur di risparmiare un pò tra iva e costo netto delle prestazioni? pur sapendo che una ditta alla fine dell'anno per tutte le fatture che non ha fatto deve farne fasulle per raggiungere l'importo reddituale , bisogna partire da questo perchè quella maledettissima iva grava sempre sul consumatore finale e allora perchè pagarla? Grilli lei è sempre così esplicito nelle sue dichiarazioni è soprattutto molto seguito , faccia una denuncia affinche coloro che si appresteranno a comprare una nuova casa possano recuperare dei soldini nella dichiarazione dei redditi , si immagina quante fatture non vengono fatte nell'ammontare di tutti gli appartamenti venduti in italia? Spero legga questo sms perchè i sacrifici di noi tutti incominciano a diventare un pò troppi , grazie stefano

PASCALE STEFANO 25.11.06 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,vorrei dirvi solo una cosa,
è mai possibile che in Italia ci deve essere sempre qualcuno che deve prendervi per mano ho dirvi quello che succede intorno a voi?
Non siete un "PO" stanchi di farvi "Calpestare" da certa gente che,Diciamo,ci governa ho dirige delle società che cercano (dicono loro) di far di tutto per che noi italiani viviamo meglio !!!!!!!!!
Facciamo qualche esempio di cose che paghiamo (ho pagate,piu in giu vi spiego perche IO non pago)e che trovo allucinanti è senza ragioni di esistere:
Costi di ricarica,
bollo auto (ancora un aumento),
assicurazioni (tariffe proibitive),
tasse sulla benzina,
costi bancari,
l'accensione dei fari delle auto in pieno giorno(sapete quanta benzina in piu si consuma all'anno,è quanto ci costa in più,fate i calcoli,se non ci riuscite domadatelo a BEPPE GRILLO),
il famoso carello porta-valigie all'aereoporto di roma termini (1€ di cauzione non restituito !!!),
il pedaggio autostradale (basta vedere lo stato delle strade ho gli interminabili lavori in corso),
gli aumenti belle bollette (luce,gas,telefono),
il "FAMOSO CANONE RAI",
è tante altre cose ............................

APRITE GLI OCCHI !!!!!!!!

BASTA !!!!!!!!!!!!!!!!

RIBELLATEVI !!!!!!!!!!!!


In quanto a Me per vivere meglio,IO vivo all'estero !!!!

BRAVO BEPPE SONO CON TE DI TUTTO CUORE,ANZI
SIAMO TUTTI CON TE !!!!!!

LUCA ERMETE 25.11.06 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, non ho mai sopportato il costo della ricarica per l'acquisto di una scheda per telefoia mobile.
Devo però spezzare una lancia in favore del gestore a cui io sono legato tramite il contratto di telefonia "wind" in quanto da quando possiedo un cellulare "1999" ho sempre acquistato ricariche senza costi aggiuntivi, cioè quello che pago utilizzo fino all'ultimo centesimo.
Purtroppo allo stato attuale la ricarica minima per ottenere questi benefici è di €60,00 (non sono pochi) però almeno non spendo soldi in più per un servizio che non sta ne in cielo ne in terra.
Sicuramento la compagnia telefonica che ho citato è uguale alle altre in merito a comportamenti commerciali con i propri clienti di posizione dominante, ma almeno sono riuscito a trovare una cosa positiva.
ciao

Luca Tellan 25.11.06 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, vado veloce, sai da un po'ho internet a tempo e, se finisco le ore, devo comprare la scheda ricaricabile che pago 50 per avere 45 e che se non consumo in tre mesi mi viene azzerrata.
Nell'ultima bolletta del gestore telefonico che ora utilizzo mi hanno addebitato un importo una tantum di 50 euro per contributo spese di attivazione. Ne pago ad ogni bolletta altri 7 e mezzo. Il risultato è che la prima bolletta era di 80 euro e l'ultima di 160.L'una tantum dipende dal non aver aderito alla campagna "Rottama la tua adsl", alla quale io invece ho aderito mandando per fax fotocopia della bolletta che pagavo col precedente gestore. Dicono che il fax non è arrivato e mi dicono che devo spedire la ricevuta del fax.Intanto quasi ogni giorno il gestore telefonico che disgraziatamente ho scelto mi fa telefonare (il telefonista di ieri forse telefonava dall'Africa perchè il suo accento era veramente esotico) per invitarmi a rinunciare ad un rimborso di 130 euro che mi ha promesso se per un anno rimango con lui. A quel punto mi sono chiesta che cavolo di contratto avevo firmato; l'ho trovato, ma si compone di alcune pagine scritte in caratteri più che minuscoli e di un colore grigio tendente al bianco. La ricezione delle telefonate mi rimanda spesso pappagallescamente la mia voce, ma per fortuna se non c'è corrente il telefono non funziona, perchè la scatolona che mi hanno piazzato in casa è attaccata alla presa della corrente. Che faccio? Stacco? Però la pubblicità con Valentino è bellissima, e adesso anche con Totti e miao miao. Anche loro però non sono più tanto fast, ma in compenso con la pubblicità che noi coglioni guardiamo e paghiamo incassano diversi euri.
Aurora

Aurora Gasperini 25.11.06 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Ho una domanda a doppio taglio: perchè il mio tabaccaio deve guardarmi come se fossi uno scemo ogni volta che vado da lui a farmi una ricarica da 10?

Andrea Menon 25.11.06 01:08| 
 |
Rispondi al commento

ABOLIAMOLI NEWS DEL 23 NOVEMBRE

Qualche aggiornamento veloce.
Mi scuso ma a causa della rottura del mio computer (meglio non essere superstiziosi, chi vorrebbe ciò? Ci sono soltanto 1,7 Miliardi di Euro in gioco....) ho problemi ad aggiornarVi ed aggiornare il sito Aboliamoli.eu.
Spero che tutto torni alla normalità a breve.

Andrea D'Ambra
www.aboliamoli.eu

Di seguito i miei commenti in blu

1° Notizia:

Ricariche, pronti ad adeguarsi all'Authority. Quanto ai costi delle ricariche, H3G Italia è pronta ad adeguarsi alle decisioni dell'Authority per le telecomunicazioni in merito ai costi di ricarica dei telefoni cellulari. «Noi in buona parte abbiamo già eliminato i costi di ricarica - ha detto Novari - siamo l'unico operatore che non ha costo secco perché lo abbiamo trasformato in servizi che diamo gratuitamente». 3 Italia è leader europeo dell'Umts con oltre 6,8 milioni di clienti al 24 agosto 2006. A giugno ha lanciato, prima al mondo, la Tv Digitale Mobile Dvb-h, che conta ad oggi oltre 250mila clienti.

Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2006/11/alan_23nov_3Italia.shtml?uuid=416ce326-7b04-11db-822e-00000e25108c&DocRulesView=Libero

Ricordate il sig Novari? Quello dell'inchiesta di Report....
Spero non siano solo chiacchiere, come sono abituati a fare questi signorie che alle parole facciano seguire dei fatti che confermino quanto annunciato. Se così dovesse essere daremmo atto al o agli operatori di quanto fatto ma fino ad allora la nostra pressione non si attenuerà di una virgola.

---

2° Notizia:

Costi di ricarica, fioccano le iniziative
Sta per prendere il via una nuova campagna finalizzata all'abolizione dei costi di ricarica
Roma - La conclusione dell'indagine congiunta Agcom - Antitrust sui costi di ricarica delle schede prepagate per cellulari, per cui si imporrebbero (forse a breve) operazioni di rimodulazione, sembra aver ispirato nuove iniziative. Una nuova petizione, azioni legali e una campagna d

andrea d'ambra 24.11.06 20:49| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO-- IMPORTANTE ADDERIRE PER TUTTA L'ITALIA --- http://www.aduc.it/dyn/classaction.html proposta da ADUC .IN AMERICA LA GENTE TRUFFATA E' RISARCITA.IN ITALIA LE LOBBI LA FANNO FRANCA.www.controletruffe.com

cogo andrea 24.11.06 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Iniziamo a risparmiare..

..denaro pubblico..

..cioè nostro..

aboliamo stè Autority che non mi pare abbiano fatto granchè, dato che la petizione all'UE è partita da un singolo cittadino.. Chissà perchè non si sono accorti prima di questa anomalia italiana?????

fette di prosciutto sugli occhi?
O banconote da 500??

E poi.. basta con questa tassaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa ladri!

Paola Bertocci 24.11.06 16:37| 
 |
Rispondi al commento

ma il bello è che non esiste alcun limite riguardante l'incidenza del costo della ricarica sul credito telefonico acquistato....ossia le compagnia potrebbero far pagare anche una ricarica di 50 euro 25 euro di traffico e 25 di credito telefonico. Invece di parlare di "rimodulazione" le Authority avrebbero fatto bene a stabilire quantomento una percentuale massima del costo di ricarica sul credito totale acquistato (ad es. 5% su tagli piccoli fino a 100 euro e 2% sui tagli piu' grandi.

Domenico Foglietti 24.11.06 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Ovviamente no ne sbagli una sopratutto quando si parla delle speculazioni fatte dal TRONCHETTO DELLA FELICITA che per noi clienti TIM (purtroppo) si trasforma in TRONCHETTO DELL'INFELICITA. GRAZIE Ancora BEPPE per quest'altra di ITALIANI COME NOI SIAMO RIMASTI IN POCHI

cristian soria 24.11.06 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Vi è un'altra soluzione allo sciopero delle ricariche e io l'ho praticata.
Sono passato a Wind che ad oggi è l'unico gestore che assicura una ricarica senza costi aggiuntivi. E' vero, ciò e valido solo per la ricarica di cinquanta euro, ma almeno è qualcosa.
Pensate cosa accadrebbe se agli altri gestori arrivassero milioni di richieste di portabilità del numero!

Raffaele Acquafredda 23.11.06 23:44| 
 |
Rispondi al commento

Riconquista la Tua dignità:
disdetta il canone rai
Non finanziare i parassiti del sistema dirigista:
disdetta il canone rai
Ripristina lo stato di diritto:
disdetta il canone rai
Partecipa al terzo risorgimento italiano:
disdetta il canone rai
COME FARE? Per saperlo vai su:
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
w-w-w.m-a-b-o-n-l-i-n-e.org / c-a-n-o-n-e-r-a-i.p-h-p
DISDETTA IL CANONE RAI

Antonio De Franco 23.11.06 22:44| 
 |
Rispondi al commento

aiutooooooooooooooo
aliatalia fallita
telecom fallita
trenitalia fallita
tre fallita
autostrade fallite
banche fallite
cosaaaaaaa nonnnnnnnnnnnnnn sta fallendo!!!!!!!!!!!!!!!!!

angelo d'alicandro 23.11.06 21:17| 
 |
Rispondi al commento

SONO FUORI ARGOMENTO, PERò DA TEMPO CERCO DI METTERMI IN CONTATTO CON BEPPE GRILLO, MA INUTILMENTE.
QUALCUNO SA DIRMI COME FARE?
QUALCUNO POTREBBE DARGLI LA MIA E-MAIL PERCHè POSSA CONTATTARMI?
RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE DELLA COLLABORAZIONE.
SALUTONI.
PAOLO MESSINA DA ALCAMO

Paolo Messina 23.11.06 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Be ma allora vogliamo spendere anche 2 parole su l'aumento dichiarato dai quotidiani delle rc auto ,che risale a circa 2 mesi fa, del 50% delle tariffe odierne ..........comincioa pensare che a qualcuno non freghi niente dei lavoratori e dei loro disagi.....ma solo dei propri interessi,ma forse questi signori dimenticano che sono pagati da coloro che doverebbero salvaguardare e tutelare.Il resto del mio pensiero e inutile che lo aggiungo perche in una qualsiasi gestione pubblica o privata chi sbaglia dovrebbe pagare con la propria poltrona.
Saluti a tutti.

Giandomenico da Roma

giustiniani giandomenico 23.11.06 18:53| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO-- IN QUESTE ORE UN ITALIANO E' IN ARGENTINA DAVANTI AL PALAZZO DEL GOVERNO ARGENTINO E STA' PROTESTANDO PER I BOND ARGENTINI.E' PARTITO DA VENEZIA DUE GIORNI FA'.UN GRANDE CORAGGIO.LA MIA MASSIMA STIMA. GRILLO ESPRIMITI ,SE VUOI MANDARE DUE RIGHE 347 3076527.www.controletruffe.com

cogo andrea 23.11.06 18:18| 
 |
Rispondi al commento

E che cacchio commentare. Se non fosse così mi verrebbe da pensare che non siamo più in italia

Andrea Lucatello 23.11.06 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Io posso capire che compresi nei 5€ di costi di ricarica ci sia anche il "guadagno" dell'esercente che mi vende la tessera di ricarica o la commissione
"dovuta" alla banca se ricarichi da un bancomat, ma sinceramente sono troppi le banche soprattutto mi rapinano gia il contocorrente con spese di gestione che superano gli interessi da fame che maturo in un anno. Ma nei paesi comunitari dove non si deve nulla con una ricarica come fanno? In Italia il telefonino è diffuso come il pane a 5€ a ricarica quanti milioni di € incassano le compagnie di telefonia mobile? Mha!!! secondo me sbatteremo la testa contro un muro di gomma si toccano interessi di colossi sarà difficile che ci tolgano sta cosa. la petizione l'ho firmata hai visto mai.....
beppe sono con te comunque.

saluti

Michele

Michele Fabris 23.11.06 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Io ho una scheda vodafone che non ricarico da mesi come forma di protesta in attesa che si decidano ad abolire i costi di ricarica!!!

Dobbiamo insistere e smettere di farci prendere per il culo!!!
Luigi-PIZZINI PENSANTI

www.pizzinipensanti.org

Luigi Torrisi 23.11.06 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Per organizzarci a non caricare i cellulari potremmo al massimo sincronizzarci cioè decidere una settimana che nessuno ricarica altrimenti visto che per tanti è indispensabile resterà lettera morta. Per chi come me ne puo fare a meno ( gia mi tassa telecom fisso ) è bene come dice beppe non ricaricare +; se poi riusciamo possiamo invertire e non usare + il tel fisso. L' authority è meglio che non si muove se ci fa solo spendere altri soldi. Ho letto il post di "orange" ma non posso comprare una sim di orange e usarla in italia e ricaricarla dal web. ciao a tutti e x Beppe già sai!!!!

francesco formica 23.11.06 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Fatto.
Concordo però con chi teme, anche qualora la petizione dia i risultati sperati, che le compagnie telefoniche aumentino sensibilmente il costo al minuto del traffico per compensare il loro minor guadagno. Altra "stranezza": come mai questa petizione è ospitata da un sito - PetitionOnline appunto - diretto dal Signor Kevin Matthews che risiede in Oregon (mi sbilancio: secondo me non ha una ricaricabile italiana)??? Se a questo poi si aggiunge la richiesta di un contributo volontario (e ci mancherebbe altro) di "almeno 1 dollaro" per supportare il "collective free speech online"...

Massimo Imperiali 23.11.06 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Beppe io vivo in Spagna e quel che dici e`vero...parzialmente.Perche' e`vero che qui non ci sono costi di ricarica ma le tariffe sono un po' piu' alte.Quindi in fin dei conti e`lo stesso

Giuseppe Gatti 22.11.06 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo-i,
vorremmo tutti sapere quanto è costata quest'indagine, chi sono questi scienziati che hanno scoperto ed individuato quest'anomalia!! Quanto ci costano queate athority visto che il nostro Primo Ministro ne vorrebbe creare un altro bel po'. Chi le controlla e perchè non fanno il loro lavoro? O meglio perchè vengono create e messe però in condizione di NON nuocere.
Ogni mese, ogni giorno, ogni ora le maggiori emittenti italiane violano tutte, TUTTE le regole sull'affollamento pubblicitario e nessuno se ne fotte un c...o!! Se qualcuno deve garantire o controllare qualcosa che lo faccia nell'interesse della collettività e non per avallare i comportamenti devianti e deviati dei pochi furbetti/potenti.
Il Governo deve essere messo sotto pressione sul comportamento e sui risultati delle Authotriti (non è un errore di battitura.


Gianluca Nocera 22.11.06 20:35| 
 |
Rispondi al commento

Nella pubblica amministrazione in provincia di Trapani fortissime infiltrazioni mafiose

latitante di mafia protetto da "insosbettabili"

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 22.11.06 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Nella pubblica amministrazione in provincia di Trapani fortissime infiltrazioni mafiose

latitante di mafia protetto da "insosbettabili"

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 22.11.06 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Nella pubblica amministrazione in provincia di Trapani fortissime infiltrazioni mafiose

latitante di mafia protetto da "insosbettabili"

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 22.11.06 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Nella pubblica amministrazione in provincia di Trapani fortissime infiltrazioni mafiose

latitante di mafia protetto da "insosbettabili"

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 22.11.06 19:51| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO-- FACCIAMOCI SENTIRE ADDERISCI X LA CLASS ACTION proposta DA www.aduc.it .E' INPORTANTE. http://www.aduc.it/dyn/classaction.html www.controletruffe.com GRAZIE GRILLO

cogo andrea 22.11.06 16:41| 
 |
Rispondi al commento

22 novembre 2006 posted by freesud

"Nella pubblica amministrazione in provincia di Trapani fortissime infiltrazioni mafiose".

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 22.11.06 15:01| 
 |
Rispondi al commento


-
1
Vieni nel mio blog! Si parla di questa iniziativa sui telefoni!
http://fabioooooooooooooo.spaces.live.com/

Fabio Giuffrida 22.11.06 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo unico!...davvero bravo!solo in questo modo arriveremo al nostro traguardo!
ho parlato di questa iniziativa sul mio blog:
http://fabioooooooooooooo.spaces.live.com/

Fabio Giuffrida 22.11.06 14:23| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE
CARI AMICI

QUESTA E' UNA DIMOSTRAZIONE DI FATTO CHE NON ESISTE NE' DESTRA E NE' SINISTRA,HANNO GIA' FATTO UNA GRANDE COALIZIONE.

DOBBIAMO FINIRE DI LAMENTARCI E DECIDERE DI TROVARCI PER FONDARE UN GRANDE COMITATO DI CITTADINI..ORA.SENZA SE E SENZA MA.
E' ORA CHE USCIAMO REALMENTE ALLO SCOPERTO.

IMPORTANTE A TUTTE LE PERSONE DI BUONA VOLONTA' CHE ANCHE MI HANNO SCRITTO, TROVIAMOCI A GENOVA IL 28.DICEMBRE,PER CREARE E FONDARE UN VERO E GRANDE COMITATO DI CITTADINI.
APERTO A TUTTI DONNE -UOMINI-GIOVANI-ANZIANI-
28.DICEMBRE GENOVA TROVIAMOCI A FONDARE IL COMITATO DI SALUTE PUBBLICA....CE LA FAREMMO E DIMOSTREREMMO DI SAPER BENE CAMMINARE CON LE NOSTRE GAMBE.....

DIFFONDETE LA NOTIZIA. IL 28 DICEMBRE GENOVA.

LA SITUAZIONE E' ALLARMANTE,BISOGNA INTERVENIRE PER SANARE,SE NON SONO CAPACI DI FAR PAGARE AI RESPONSABILI DEL FALLIMENTO (IL SISTEMA E LE LEGGI LO CONSENTONO),SE NE VADANO A CASA,E DIANO IN MANO A NOI CITTADINI IL SISTEMA.....
SAPREMMO CERTAMENTE MEGLIO DI LORO GESTIRE LA COSA PUBBLICA,COME BUONI PADRI DI FAMIGLIA.

E' ORA CHE CI ORGANIZZIAMO E FONDIAMO UN COMITATO DI SALUTE PUBBLICA,

NON LASCIATE CADERE QUESTO APPELLO,TIRATE FUORI LE......ALZIAMO LA TESTA.....E CONTIAMOCI REALMENTE,PERCHE' SOLO COSI' POTREMMO FAR VEDERE CHE CI SIAMO.

VI CHIEDO FATEVI AVANTI CON CORAGGIO...
NON POSSIAMO CONTINUARE A ESSERE TRATTATI DA PAGATORI,DOBBIAMO COMINCIARE ANCHE A FAR PAGARE CHI HA CREATO QUESTE FALLE (CHI HA RUBATO).
COSTITUIAMO UN GRANDE COMITATO DI CITTADINI.

ATTENZIONE,BISOGNA COSTITUIRE UN COMITATO DI CITTADINI (SENZA VOGLIE RIVOLUZIONARIE VIOLENTE)MA,VENGA FATTA UN'ASSEMBLEA COSTITUENTE PER DARE AVVIO AD UNA CLASSE DIRIGENTE CHE RISTABILISCA ASSIEME AGLI ADERENTI LA VERA DEMOCRAZIA.
NECESSITA DI PERSONE CHE DIANO DISPONIBILITA' SENZA SE E SENZA MA.
FORZA!CONTIAMOCI!!
TROVIAMOCI 28 DICEMBRE GENOVA.MANDATE ADESIONI E FATE IL PASSAPAROLA.

PER IL NOSTRO FUTURO.

GAETANO FERRIERI
ferrieri@federced.info
335 460249

Gaetano Ferrieri 22.11.06 13:56| 
 |
Rispondi al commento

non conosco l'inglese e non posso sottoscrivere la petizione

pier giorgio gatti 22.11.06 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Si altro che 600000 ora siamo a 750000, se ci ignorano pur avendo queste cifre a conferma di uno dei tanti malumori derivati dai tanti furti, allora, è ora che ci guardiamo allo specchio dandoci dei coglioni cronici!!!

alessandro manoni 22.11.06 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Solo per sottolineare che le firme, ad oggi, sono ben 752.000!!!!!!!!
Firmate, gente, firmate!!!!

grazia rapaggi Commentatore in marcia al V2day 22.11.06 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sono un piccolo imprenditore e sono in seria difficoltà come tanti altri purtroppo. Posso anche essere in piena sintonia con te per quanto riguarda la legge Biagi.....ma c'è un piccolo particolare......Ti faccio un esempio: azienda in seria difficoltà con rischio di chiusura e conseguente richiesta di riduzione personale.
Se sei nella necessità di doverlo fare devi sborsare un sacco di soldi.
Non credi che se si potesse ridurre il personale per motivi seri senza venire dissanguati le aziende sarebbero più propense ad assumere a tempo indeterminato ??????
Che non mi vangano a dire che i SINDACATI fanno l'interesse dei lavoratori!!!!!!! fanno solo il loro interesse

bruno sacheli 22.11.06 10:48| 
 |
Rispondi al commento

GUARDATE, IO SONO ANNI CHE NON FACCIO PIU' RICARICHE AL CELLULARE.

QUANDO ELIMINERANNO QUESTO PIZZO, RIRPENDERO' A RICARICARE. COME FACCIO? SEMPLICE! GLI SMS LI MANDO DALLE CABINE CHE COS' COSTANO MENO. LE TELEFONATE DAL TELEFONO DI CASA.

MA SI SA L'ITALIA E' IL PAESE DEI PIZZI: VOGLIAMO PARLARE DEL CANONE RAI? PARLIAMONE.

marco ronchi 22.11.06 10:15| 
 |
Rispondi al commento

9/11 Press For Truth in ita!
http://video.google.com/videoplay?docid=3228264304077323969

Daniele Cervi 22.11.06 09:50| 
 |
Rispondi al commento

> E' ingiusto pagare la ricaper il cellulare!!
> E' un ladrocinio legalizzato
LOrena Garolfi

Lorena Garolfi 22.11.06 08:29| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi vivo in CANADA e vi CONFERMO che anche qui' non esiste nessuna inculata economica per ricaricare i cellulari.

Quello che paghi e' quello che utilizzi!

Vi auguro una risoluzione veloce e con tanto di risarcimenti, intanto mando un fanculo alla telecom e a tutti gli altri ladri del genere.

paolo tofani 22.11.06 05:54| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi vivo in CANADA e vi CONFERMO che anche qui' non esiste nessuna inculata economica per ricaricare i cellulari.

Quello che paghi e' quello che utilizzi!

Vi auguro una risoluzione veloce e con tanto di risarcimenti, intanto mando un fanculo alla telecom e a tutti gli altri ladri del genere.

paolo tofani 22.11.06 05:53| 
 |
Rispondi al commento

******************************************************
QUALCOSA DI FORTE - CLICCA SUL MIO NOME
******************************************************

luisa romagnoli 22.11.06 01:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, io consumo una ricarica all'anno, e potrei benissimo farne ammeno per la difesa dei diritti nostri contro le gestioni telefoniche, date in mano a questi delinquenti. Purtroppo nella mia Citta, siamo sommersi di una ignoranza collettiva totale. Quando entro in un Bar, sento parlare di calcio ,calcio,calcio e telefonino,la gente non parla d'altro.Sono veramente terrorizzato;non si parla di ambiente di energia alternativa, eppure vivo in un isola (Sardegna)e sole c'e nè da vendere cosi come il vento(abbiamo vento Maestrale da paura)eppure la gente parla solo di queste cose. Abbiamo un problema di inquinamento nella zona di Porto Torres,e ci vogliono costruire un muro di contenimento per bloccare tutte le sostanze tossiche, che le Multinazionali in questi anni ci hanno portato. Abbiamo emmergenza per quanto riguarda la spazzattura che ci arriva dal continente,senza contare l'emmergenza coste, sciempio delle costruzioni abbusive dei grandi signri dalla M naiuscola,che si sono comprati i nostri Amministrattori:HOOPS,mi correggo DIPENDENTI, PAGATI CON LE NOSTRE TASCHE.Un'altra cosa che mi preme, e che in Sardegna ci hanno privattizzato l'acqua, un bene collettivo e di tutti i citadini Sardi.Perche non ci hanno convocato prima di prendere una decisione cosi importante(L'ACQUA STA FINENDO E LA PRIVATTIZZIANO).Beppe, vorrei tanto che venissi in Sardegna per le piazze a spiegare alla gente in che mondo stiamo andando, e con chi abbiamo a che fare.Ti saluto un tuo grande sostenitore e spero che accogli la mia richiesta .

Giuseppe Palmieri 22.11.06 01:53| 
 |
Rispondi al commento

Sono stufo di sentirmi preso per il culo, i soldi che ci hanno rubato in questi anni di FURTO tramite le ricariche devono tornarci!

Cosa mi lamento a fare..non succederà mai...

Emanuele Brizzante 21.11.06 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Un'altra anomalia da correggere e' il fatto che per sapere il mio credito devo inviare (e pagare) un SMS. Qui(in Lussemburgo) e' sufficiente inviare un comando "di servizio" gratuito *120# per ricevere l'informazione sul credito senza alcun costo aggiuntivo e aggiornata veramente in tempo reale. Molto probabilmente questo codice di servizio e'il medesimo per tutti i sistemi e non comporta nessun reale costo aggiuntivo, semplicemente non e' attivato per lucrarci sopra.
Dal momento che con la carta prepagata ho pagato PRIMA di usufruire del servizio, credo che sima un mio diritto sapere quanto e' il mio credito, senza alcun costo aggiuntivo.

Lorenzo Motter 21.11.06 22:30| 
 |
Rispondi al commento

siccome non sono stata capace di inviare la mia firma contro il prezzo esoso delle ricariche prego te, caro Beppe di farlo per me. Mi sembra che sempre piu' la lotta alle multinazionali e' in mano nostra se riusciamo a portare a coscienza i nostri egoismi personali e ad agire, attraverso il tesoro delle conoscenze che tu ci porti incontro, con coraggio e senso delle responsabilita'. E' arrivato il momento di non delegare ad altri quelle che dovrebbero essere le nostre scelte. Chiedere cio'di cui abbiamo bisogno e non aspettare che tutti quei corrotti che ci comandano ce le proponganonon, sono mica loro I problemi dell'inquinamento, del traffico,ecc.ec..!!! e' compito nostro.!!!Non si puo' ridurre lo smog se per andare a prendere le sigarette abbiamo bisogno della macchina, o quando piove. Tutto questo so che puo' sembrare semplicistico ma la mia rivoluzione personale ha come ideale: far fallire una multinazionale attraverso tante e individuali scelte coscienti. Caro Beppe mi e' piaciuto tantissimo il tuo ricordare Camillo e Adriano Olivetti che ammiro tantissimo e che, se si potesse applicare quanto Adriano diceva nell"ordine politico delle comunita'", l'Italia, il mondo si organizzererebbero a misura d'uomo. Credo che e' per questo che gli Olivetti sono caduti nell'oblio, loro che ritenevano essenziale per la crescita di ogni comunita', anche quella aziendale, il bene e il rispetto del lavoro dell'uomo, l'uomo stesso e l'utilizzo dell'arte come strumento terapeutico, la cura dei bambini, le case, la crescita culturale. Non e' certo la televisione o la macchina che fanno la felicita',ma sono trappole destinate all'uomo per paralizzarlo e deviarlo. La sPer questo Olivetti e' caduto nell'oblio' non ci sono persone degne e perbene come lui!!!Adesso la saluto e ringrazio perche il mezzo tecnico mi sta abbandonando!!! ringrazio ancora molto e mi scuso per come uso ancora maldestramente il mezzo computer.

Anita Recchia 21.11.06 22:25| 
 |
Rispondi al commento

Con questo messaggio è mia intenzione informarVi che nella sezione "Documenti" di Aboliamoli.eu all'indirizzo http://www.aboliamoli.eu/documenti.htm potete trovare da oggi il Dossier completo (in formato PDF) di 91 pagine a conclusione dell'indagine congiunta Antitrust-Agcom sui costi di ricarica.

Buona lettura! ;-)

Andrea D'Ambra
http://www.aboliamoli.eu

andrea d'ambra 21.11.06 21:50| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere se secondo te e' normale che alcuni gestori telefonici imbrogliano i clienti atrraverso pubblicita' via radio e via tv dicendo loro di cessare il canone telecom per accedere alle loro reti che non hanno e che invece il cliente poi debba subire un doppio costo oltre al canone .Raccontano balle ma nessuno controlla .

francesco ferraro 21.11.06 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Quando capiremo che la concorrenza è solo una scusa che i padroni usano per mettere le mani sulla COSA PUBBLICA ?

Le liberalizzazioni e le privatizzazioni, smantellano lo STATO SOCIALE regalando i patrimonii della collettività ai ricchi ed ai potenti che sistematicamente diminuiscono la qualità del servizio e del bene, aumentando contestualmente tariffe e prezzi.

Reset

paolo dagnino 21.11.06 20:59| 
 |
Rispondi al commento

in pratica il 20% su costo della ricarica, di questo il 3% va ai tabaccai

VECCHIO SAGGIO 21.11.06 20:32| 
 |
Rispondi al commento

Per un certo periodo sono stato convinto che il costo addizionale di ricarica fosse dovuto ad una tassa che lo stato aveva messo sui telefonini negli anni novanta.
Magari si potrebbe riadattare la legge e con l'importo che le società telefoniche (con i soldi di noi utenti) dovrebbero corrispondere forse avanzerebbe qualche euro dalla finanziaria e si potrebbe finalmente ridurre di qualche goccia il debito..... non dimentichiamoci che nonostante questa finanziaria il debito in valore assoluto crescerà....

Pietro Brogi 21.11.06 20:10| 
 |
Rispondi al commento

W l'acqua caldaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

Diego Bellano 21.11.06 20:07| 
 |
Rispondi al commento

ciao sono un gelese ti ho sentito in piazza a settembre , ma quando parli di secessione di campania sicilia e calabria secondo me dici solo minchiate perchè queste zone sono popolate da persone oneste che sono almeno il 99%.

rocco pirone 21.11.06 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Oltre a questo prelievo ingiusto secondo me sul nostro stipendio ne vengono fatti anche altri. A scuola avevamo studioto uno dei principi legislativi delle imposizione delle tasse e cioè che non si può tassare più volte lo stesso reddito. Però a un dipendente viene detratta irpef alla fonte, poi ogni volta che si va a fare la spesa l'iva (perchè alla fine della filiera la pagano i consumatori l'iva non i commercianti) se hai un conto corrente poi anche la Banca vuole il suo, tant'è che se lasci per 10anni 1000 euro sul conto e non li tocchi dopo dieci anni non hai più nemmeno il capitale , e via via di seguito tanto che ormai noi cittadini siamo perseguitati dai prelievi fiscali. Hai la casa? paghi anche quella anche se è tua solo virtualmente, perchè hai su di essa un mutuo da paura ... era meglio prenderla in leasing, insomma cari politici, vien da dire, scusateci tanto se esistiamo, se non viviamo sotto i ponti ammesso che ce lo lasciereste fare, e se respiriamo ... grazie a voi ancora per poco perchè con l'inquinamento che c'è! Mi sento un tantino strangolata. elys

Gini Elys 21.11.06 19:34| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO--importante DIAMO VOCE alla proposta ADUC CONSUMATORI per la CLASS ACTION. htt://www.aduc.it/dyn/classaction.html GRAZIE A TUTTU E' IMPORTANTISSIMA PER L'ITALIA . www.controletruffe.com

cogo andrea 21.11.06 19:32| 
 |
Rispondi al commento

SONO MESI CHE LA lEGA IN TUTTA ITALIA COSTITUISCE DELLE EMITTENTI RADIOFONICHE COMUNITARIE(A COSTO ZERO) PER RIPETERE IL SEGNALE DI RADIO PADANIA. QUESTA OPERAZIONE E' RIPETUTA COSTANTEMENTE IN TUTTA ITALIA E DOPO POCHE SETTIMANE O MESI, PUNTUALMENTE QUESTE FREQUENZE VENGONO VENDUTE, SPESSO PER CENTINAIA DI MIGLIAIA DI EURO. UN PICCOLO CAVILLO LEGISLATIVO PERMETTE QUESTE OPERAZIONI, MA A MIO AVVISO SI TRATTA DI CONCORRENZA SLEALE, VISTO CHE TUTTE LE ALTRE EMITTENTI RADIOFONICHE ITALIANE NON POSSONO ESERCITARE QUESTO DIRITTO.
NON VOGLIO ASSOLUTAMENTE PENSARE CHE QUESTE OPERAZIONI FINAZINO IN MANIERA LEGALE O ILLEGALE IL PARTITO.........
MARCELLO

MARCELLO D'ELIA 21.11.06 19:22| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO-- GRAZIE A TUTTE LE TV-LOCALI e AI GIORNALI ACCORSI A PADOVA IERI 20 ott .A DAR VOCE AL INIZIATIVA DI POVERA GENTE TRUFFATTA DALLE BANCHE. www.controletruffe.com

cogo andrea 21.11.06 18:59| 
 |
Rispondi al commento

oltre la situazione delle ricariche telefoniche,vogliamo dirla tutta? .......
parliamo della tassa del canone rai che ci offre solo televisione spazzatura come i reality, premiati con i soldi dei contribuenti (alla faccia di chi non arriva a fine mese) telegiornali disinformati e di parte politica.
Non sarebbe ora di abolire queste tasse che sono veramente UNO SCHIFO.

Massimo della Pena 21.11.06 18:14| 
 |
Rispondi al commento

L'aspetto più significativo è rappresentanto dai 700 mila firmatari. Su di una questione economica e pratica, l'adesione è plebiscitaria, mentre qualora si trattassero argomenti connessi con punti di vista, idee, convinzioni beh.....allora subito ci divideremmo in 700 mila opinioni diverse, insomma, non proprio tante, però.....poco ci manca. ciao Fonda

fonda derio Commentatore in marcia al V2day 21.11.06 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Ho firmato per la petizione online, ma non credo di poter fare a meno di ricaricare il telefono, la sua utilità è indubbia...

Andrea Bocchi 21.11.06 18:12| 
 |
Rispondi al commento

E come c***o facciamo a telefonare se non abbiamo credito?
Visto che sei bravo con le soluzioni (non ricaricare) daccene una plausibile (evitando di parlare di internet e di questo c***o di skype)!
-nik-

nik breff 21.11.06 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

hai ragione ma il problema non si risolverà presto anzi penso che la situazione nel mondo del telefonino peggiorerà

leonardo mosca 21.11.06 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti.
Volevo lasciare un piccolo contributo circa l'argomento.
Sono venuto a sapere dell'esistenza di schede per cellulari che la tim fa per i dipendenti pubblici a costi veramente bassi.
SMS: 0.01 su questo tipo di scheda;
0.05 gli altri;
TEL: 0.005 al min. su questo tipo di scheda;
0.05 al min. gli altri;
0.009 al min. rete fissa.
Detto da chi ce l'ha, si spende veramente poco; poi, non cè bisogno di ricaricare il cell. perchè si paga mensilmente tramite c/c.
Ancora: per effettuare telefonate, prima del numero si aggiunge il 46........
E' TUTTO COSì STRANO!!!!!!!!!!!!!!

Ciao Beppe e grazie.

giuseppe del sorbo 21.11.06 15:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

salve a tutti
volevo solo lasciare un piccolissimo contributo circa questo argomento.
Io so di una scheda per i cellulari lasciata dalla tim per i dipendenti pubblici che non prevede questo tipo di costi, anzi......
Vi informo anche su quelli che sono i costi nello specifico se si dispone di questa scheda:

SMS: 0.01 sulla stessa tipologia di scheda;
0.05 gli altri;

TELEFONATE: 0.005 al min. sulla stessa tipologia di scheda;
0.05 al min. gli altri;
0.009 al min. rete fissa.

Per effettuare telefonate, prima del numero si inserisce il 46, e non c'è bisogno di autoricaricare perchè l'importo dovuto si paga mensilmente tramite c/c.
Da persone che ce l'hanno sento dire che è molto, ma molto vantaggiosa; quindi la domanda nasce spontanea....ma perchè a loro si?

Ciao Beppe e grazie.

giuseppe del sorbo 21.11.06 15:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' incredibile che in fondo alla pagina web dove controllo che la mia firma sia stata accettata, compaia la pubblicità per la ricarica on-line di tim.

Paolo De Bernardi 21.11.06 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,

ultimamente sono venuto in Italia per lavoro, e per la prima volta ho comprato una scheda e ricariche.
Ho pensato: ma quando mai si e´visto al mondo che uno compra un kilo di pane, chiede quant'é? e la panettiera gli dice 3 euro meno due panini....e poi mi son detto...pensa se qui in Brasile la Tim facesse la stessa cosa....(ovviamente qui la Tim c'e´, anche se in vendita, e le ricariche esistono, eccome...), ma ti pare che a un brasiliano gli fai pagare 20 e gli dai 16....minimo ti sputa in faccia...
In Italia il tipo che ti da la ricarica se manifesti stupore (come ho fatto io) ti guarda come se tu fossi un extraterrestre poi ti dice "ah non lo sapeva?....per legge e´cosí..."oppure "...ma guardi che oltretutto ci sono 50 sms gratis..."ma vafffankulo ate e a quella banda di truffatori"!!!

Firmo.

Dani brasil 21.11.06 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Una volta ottenuta la cancellazione dei costi di ricarica, propongo di fare causa alle compagnie telefoniche per ottenere il rimborso di tutti i costi di ricarica sostenuti nonchè il risarcimento danni morali per essere stati trattati ancora una volta come il popolo più deficiente d'europa.

fabio piraino 21.11.06 14:28| 
 |
Rispondi al commento

OFF TOPIC
#################################################

LEGGETE LA PROPOSTA DI LEGGE CHE RENDEREBBE VALIDO IL MATRIMONIO MUSULMANO PER L'ORDINAMENTO ITALIANO!

ORA IL GOVERNO VORREBBE INTRODURRE UN PEZZO DI SHARIA NEL DIRITTO MATRIMONIALE E DI FAMIGLIA!

#################################################
CLICCA SUL MIO NOME PER LEGGERE IL POST.


Beppe,
Hai ancora ragione. Ma come si fa a dare un calci in culo a questi. Si son fatti due pertiti con il bipolarismo e governano solo loro. Sono legittimati dalle elezioni. Quindi ci sono due possibilita'; come diceva Malcolm X "It's either the ballot or the bullet". Ma non siamo organizzati per far nessuno dei due. Habbiamo bisogno di un partito del popolo che va alla opposizione. Si il blog e per dare coscienza di come ci hanno fregato e come continuano a fregarci. Ma come possiamo difenderci snza organizzazione. La gente vule essere organizzata per combattere, non solo al parlamento ma in tutte le parti della societa. Bisogna avere una strategia di lotta altrimenti saranno tuute parole buttate al vento.

Sante camo 21.11.06 14:18| 
 |
Rispondi al commento

I SONDAGGI SUL GOVERNO PRODI
Il tonfo del Governo Prodi alla vigilia del voto al Senato.
Sempre più lontano dai cittadini.
PER VEDERE IL SONDAGGIO VAI SUL WWW.CLANDESTINOWEB.COM


clandestinoweb.com 21.11.06 08:12 | Rispondi al commento |

Crespi è al soldo di Berlusconi, pensi che
faccia dei sondaggi obiettivi?

mario cerri 21.11.06 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Scusate se non c'entra niente ma vi prego...prego tutti voi come me che leggete sempre il blog di beppe grillo di perdere un secondo della vostra vita per andare su questo blog: http://italianiestero.blogspot.com/ una donna è stata condannata a morte per lapidazione, so che si può fermare ma non so come e cosa fare...VI PREGO aiutiamola
Beppe Grillo per favore fai qualcosa, dimmi cosa posso/possiamo fare...so che nel 2002 la comunità di sant'egidio dopo migliaia di mail è riuscita a far sospendere la condanna a morte di Safirya...VI PREGO facciamo qualcosa...

Fabio BR 21.11.06 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Voglio portare all'attenzione della comunità ciò che sta avvenendo nel nostro paese riguardo al mercato dei combustibili derivati dagli idrocarburi e da energie alternative con particolare riferimento alle biomasse legnose.
E' infatti evidente a tutti la storica politica monopolistica delle compagnie petrolifere sotto "l'egida" degli organi deputati alla vigilanza della concorrenza e del mercato, in riferimento alla rigidità, al ribasso, nella modifica dei prezzi al consumo dei carburanti in seguito al calo del prezzo del greggio. Ma nessuno poteva immaginare che una politica incentivante, anche di natura fiscale sottoforma di credito d'imposta (36%), avesse come unica conseguenza anche per le energie alternative una speculazione nei confronti dei consumatori finali alla faccia del rispetto dell'ambiente.....!!!! Un esempio concreto è rappresentato dal prezzo dei Pellets (biomasse legnose) che vengono utilizzati per riscaldamento, soprattutto nelle zone rurali e periferiche non collegate alla rete del Gas; infatti, il prezzo è passato in meno di un anno (Settembre 2005 - Aprile 2006) da circa 18 €/q a più di 30 €/q con un rincaro vicino al 70%!!!!. Pertanto mi domando come è possibile incentivare l'uso di energie alternative e pulite per l'acquisto di stufe e/o caldaie a biomasse, quando l'effettivo impiego viene pregiudicato da un prezzo di esercizio divenuto eccessivo anche rispetto a fonti di energia tradizionale come il metano!!!!!

Aiutateci a risparmiare risorse ed a rispettare l'ambiente.

Grazie per l'attenzione.

Carlo Rossini 21.11.06 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao caro Beppe è un po che non scrivo sul blog e questa mi sembra una buona occasione per farlo..
Quella delle autority non mi sembra una grande garanzia la questione dei costi di ricarica l'hai messa su tu qualche mese fa con la prima petition on line al quale già contribuii.
fosse vero che le autority avessero l'intenzione di abolirla l'avrebbero già fatto in quanto è evidente che i costi di ricarica sono illegali.
Avete fatto caso che ultimamente sono passati degli spot delle compagnie dove in alcuni casi aderendo a delle "iniziative" non si sarebbero pagati i costi di ricarica? Beh stanno andando oltre infatti quasi tutti stanno tirando fuori tariffe a canoni o con abbonamenti o con addebito sulla carta di credito.. stiamo sempre ci prendono sempre per il c..o

Stefano Volpi 21.11.06 13:18| 
 |
Rispondi al commento

beh io devo dire che sono uno di quelli che con il cell ci lavora!!! quindi per essere reperibile e reperire devo avere il cell,se non ce l'ho sono fuori da un meccanisco che anni fa non c'era,quindi io non lo uso per fare sfoggio dell'ultimo modello.
per ovviare a questo problema io faccio ricariche da 60 almeno 2 in un mese!! così i costi aggiuntivi non ci sono!!!
tanto vale fare il pieno due volte invece di 6 volte in un mese!!
ciao e complimenti per il blog
che emozione è la prima volta che posto!!!

melluso gianluca 21.11.06 13:09| 
 |
Rispondi al commento

In Italia c'è un'organizzazione immensamente più efficiente di quella dei Giapponesi e dei Tedeschi messi insieme. Infatti, nessuno al mondo supera chi da noi detiene il potere per sfruttare in maniera scientifica il popolo: si parte con l'estremamente lucida volontà di trasformare tutti i nostri fondamentali diritti nella forma di fantasmi inafferrabili (vedi le estreme lungaggini della giustizia e il relativo proibitivo costo), arrivando così facendo a bearsi nell'immensa felicità di fare tutti gli stracomodi loro: aumento infinito dei premi di assicurazione auto, il pullulare di balzelli comunali, provinciali, regionali (questo è per loro il principio di sussidiarietà, cioè essere più vicini al cittadino), la tangente sulla ricarica, lo sperpero e l'uso personale delle nostre tasse, le stangate da destra, sinistra e centro date solo agli onesti... Non trascurano niente: dall'infinitamente piccolo all'infinitamente grande.
Un popolo civile e con un po' di dignità fino a quando potrà sopportarli?

Stefano Di Pasquale 21.11.06 13:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti, mi rivolgo al nostro rappresentante di classe "Beppe Grillo", questa protesta sui telefonini che tu giustamente hai evocato mi risulterà molto facile aderirivi, avendo già da tempo nel mio piccolo messo in atto questa protesta perchè è da sempre che ho trovato ingiusto e soprattutto illegale,pagare la TANGENTE hai gestori di telefonia mobile,personalmente ho una scheda omnitel che carico una volta all'anno per mantenere il numero ed una scheda tim con:udite udite la tariffa rossa che come i panda è in via di estinzione, in più non caricandola la Signorina tim per scuotermi e riportarmi sulla loro retta via "il CONSUMISMO" mi ha regalato 1000 minuti di telefonate gratis!!! cannafà pe' campà, con questo voglio dire che sono loro che hanno bisogno di noi consumatori e non il contrario;e concludo dicendo che quello che mi fà rebbia e che gli Italiano hanno sempre bisogno del caffè e il cornetto portato dalla mamma per svegliarsi e rendersi conto di tutto quello che succede intorno.

Alessandra Lauro 21.11.06 12:48| 
 |
Rispondi al commento

per la wind non ci sono costi di ricarica.... solo per importi dai sessanta euro in su..... lascio a voi

roberto gandini 21.11.06 12:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

******************************************************
QUALCOSA DI FORTE - CLICCA SUL MIO NOME
******************************************************

luisa romagnoli 21.11.06 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,
sei grande!!!

pina Cristofaro 21.11.06 11:25| 
 |
Rispondi al commento

ABOLITELI

pao pia 21.11.06 11:21| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/358.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Il Gatto della Concorrenza e la Volpe delle Comunicazioni:

» Bolletta Telecom: addebito di 52€ per chiamate "Satellitari Internazionali" da Il blog di Fabio Sacco
Ricevere le bollette telefoniche è oramai uno spasso, se non fosse l'arrabbiatura che ne segue. Stavolta ho avuto il privilegio di aver chiamato il numero 00881939100+++ con destinazione "Globastar B" [Leggi]

19.11.06 20:08

» E ora… sul costo delle Ricariche Telefoniche!!! da www.mdblog.it
L’altro post del grande Beppegrillo.it che vorrei divulgare è quello riguardante il costo sulle ricariche telefoniche… ce ne sarebbe da parlare e da discuterne, se volete lo possiamo anche fare qui… ma vediamone le parole di Beppe Gr... [Leggi]

19.11.06 23:07

» Cosa c’e’ Dietro l’899? da Delle Fragili Cose
Le numerazioni 899 sono definite "numerazioni a valore aggiunto". Questo, nella prosa forbita e vagamente iniziatica delle divisioni marketing, dovrebbe voler dire che il numero consente di accedere ad un fornitore che eroga un servizio il c... [Leggi]

20.11.06 10:04

» Beppe Grillo:\'’NON FATE PIU’ RICARICHE fino all’ abolizione del costo di ricarica\'’ da P@ssioneMobile
715.658 FIRME!!!!!!!!! DI RITORNO DA MI MANDA RAITRE… LE ADESIONI CRESCONO A VISTA D’OCCHIO!….. Beppe Grillo, grande sostenitore della Petizione contro i costi di ricarica di Andrea D’Ambra, lancia un nuovo ‘appello’... [Leggi]

21.11.06 06:14

» Ricarica quanto mi costi! da citaBlog
Sta facendo scalpore la raccolta di firme che è in corso per l’abolizione dei costi di ricarica dei cellulari, anomalia tutta italiana. Al 19 novembre, dopo che l’ideatore dell’iniziativa ha partecipato a “Mi manda Rai Tre̶... [Leggi]

21.11.06 15:31