Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Coop sono io


Pier_Luigi_Bersani.jpg

Dopo il caso dell’Antonveneta, dell’Unipol, della Banca Popolare Italiana, di Fazio, di Consorte, di Gnutti, di Ricucci, di Fiorani, della difesa dell’italianità e di una vicenda in cui in galera non ci sono andati soltanto i politici. Dopo tutto questo siamo punto e capo con la difesa del sacro suolo della Patria. Da quanto risulta Caprotti, il proprietario dell’Esselunga, vuole vendere alla multinazionale inglese Tesco. La Coop non è d’accordo. La Coop sei tu, ma anche Fassino, Bersani e D’Alema. E’ il forziere dei voti dei nuovi socialisti italiani: i Ds.
Esselunga ha comprato due pagine sul Corriere della Sera di oggi. Ci sono dichiarazioni interessanti degli ultimi anni. Alla faccia delle liberalizzazioni di Bersani.

“Mi dicono che Caprotti voglia vendere, guai a perdere Esselunga, deve rimanere in mani italiane. Mi sono spiegato?”
Cesare Geronzi
“...io credo che il sistema amministrativo abbia anche delle leve in mano. Così come il governo...Di sicuro nessuno entra in un mercato a dispetto della sua classe dirigente, politica, economica”
Pierluigi Bersani
“...sono rimaste le Coop e c’è ancora la Esselunga... il governo può metterle insieme... può fare una politica perchè stiano assieme...”
Romano Prodi

Caprotti venda alla Tesco. Portiamo in Italia i prezzi al dettaglio presenti negli altri Paesi europei. Importiamo la concorrenza. Evitiamo le tradotte familiari il fine settimana in Francia e in Svizzera per comprare prodotti alla metà della metà.
Il governo si occupi dei prezzi e non della Esselunga. E anche del fatto che tutta la distribuzione on line (il futuro) è già nelle mani degli stranieri.

Ps: Lo stabilimento Fruttagel di Senigallia con circa 200 dipendenti chiude. La Coop, se vuole e può, intervenga.


4 Nov 2006, 19:20 | Scrivi | Commenti (1156) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Salve,legendo il Vs annuncio mi impegno ad inviarVi il mio messaggio.
Moldava, massima serietà, buon italiao.

In attesa di riscontro, Vi porgo cordiali saluti.
TamaraDiulgher

Tamara Diulgher 30.09.09 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto il libro di Caprotti. Scusate l'ingenuità,(e pensare che sono una studentessa ventiseienne che pensava di essere una mosca bianca tra i coetanei perchè guardavo il telegiornale e seguivo gli approfondimenti di politica invece che Bruno Vespa e il Cogne/Garlasco/Perugia show), ma sono socia coop, mi emozionavo davanti all'articolo di Altro Consumo che indicava Unicoop Firenze come i supermercati più convenienti della provincia,sorridevo davanti alla nuova pubblicità "si può dare di più" identificandomi con lo studentello che dice "basta andare alla coop", e mi sono "svegliata" da poco. Secondo me è importante tutelarci, sia come cittadini e "datori di lavoro", sia come consumatori. Gli sgravi fiscali e le agevolazioni sul mercato che ha Coop le permettono di avere utili che non vengono di certo reinvestiti come agevolazioni per i soci: se davvero hanno finalità "mutualistiche", che lo facciano, impiegandoli per rendere il costo al consumatore del prodotto veramente più basso, invece i prezzi sono allegramente allineati con quelli di altri, come Esselunga, che di queste agevolazioni non godono.Occupiamoci anche di questo, cerchiamo di sfruttare questa nuova presa di coscienza di molti cittadini "assonnati" come me fino all'altro ieri, sfruttiamo tutta la voglia di cambiamento, perchè tagliare le gambe solo a una parte degli interessi privati della politica non serve, è necessario far sentire la propria voce contraria su tutte le possibili commistioni con interessi privati.Nel libro viene detto anche che la Comunità Europea sta indagando sull'anomalia Coop: magari ci becchiamo tra qualche anno anche una bella multa, che pagherà lo stato italiano(NOI), non i DS o il PD.Sto spingendo tutti quelli che conosco a dare un'occhiata meno distratta a quello che viene detto in tg, a informarsi anche su internet, non per forza con Grillo, ma la politica decide x noi anche se noi ci disinteressiamo di lei, un lusso che non possiamo permetterci.

ilaria f. Commentatore certificato 01.02.08 03:56| 
 |
Rispondi al commento

ho appena finito di leggere "falce e carrello" di bernardo caprotti, premetto che sono di sinistra, ma la lettura fatta mi ha convinto che i comportamenti paramafiosi che spesso vengono attribuiti alle regioni governate dalla destra (la puglia, regione in cui vivo, è stata per anni feudo del governatore fitto, ora scalzato da vendola) sono pari pari quelli che il sig. caprotti, ha documentato nelle regioni rosse, e noi in mezzo a batterci per questo o quel schieramento.

alfredo masciullo 21.11.07 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Leggete il libro "Falce e Carrello" !!! Caprotti e' un Gigante! Basta con le Falsita' tipo 'la coop 6 tu', la coop 6 tu solo quando vai alla cassa!!! e paghi!

Luca Matteuzzi 02.10.07 21:49| 
 |
Rispondi al commento

vorrei avere conferma del fatto che le coperative pagano i contributi previdenziali al 50%.Se è vero vorrei sapere se i lavoratori poi prendono il 50% della pensione o chi mette il resto.
grazie dell'ospitalatà
leonardo desideri

leonardo desideri 25.09.07 14:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi abuelo se apellidaba caprotti y vivia en entre rios, argentina, quisiera contactarme.
mis bisabuelso y tarabuelos vinieron de italia partiendo de genova a argentina en 1884.

fabian caprotti 10.09.07 02:08| 
 |
Rispondi al commento

La coop e l'esselunga sono ormai le uniche catene di supermercati nazionali rimaste italiane sono d'accordo sul fatto che all'estero i prodotti costino meno della metà che in italia.E su questo che il governo deve tutelare i cittadini come mai all'estero i prodotti costino cosi poco e che solo in italia bisogna pagarli il doppio.Bisogna far rimanere tutte le industrie italiane e quelle che non lo sono lo diventino

Lorenzo Piovano 09.07.07 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto vari commenti sull'argomento e posso solo dire che piu' o meno tutti (i supermercati
in questione) si equivalgono in quanto a prezzi.
In uno risparmi su un prodotto , nell'altro risparmi su un altro prodotto, etc.
Il vero problema (posto da pochi," non sono proprio delle SS " ma poco ci manca ) e' lo sfruttamento e le vessazioni del personale (tra l'altro mal pagato) che non puo' avere una vita privata normale con gli orari ed i turni di lavoro IMPOSTI (orari d'apertura dalle 8 di mattina alle 22, apertura domenicale e festivi compresi; e guai a lamentarti?) E questo riguarda tutti i super ed iper mercati citati nel blog.

Walter Scott 28.03.07 17:33| 
 |
Rispondi al commento

si fa un gran parlare di diritti dei consumatori, libera concorrenza, liberalizzazioni e chi più ne ha più ne liberi, ma vi siete mai chiesti perche i prezzi di vendita nella G.D.O.(Grande Distribuzione Organizzata) quindi anche nelle beneamate coop abbia di anno in anno variazioni al rialzo non proprio chiare ? è facile: alle aziende fornitrici viene imposta ed estorta ogni anno una somma variabile ,che cresce ogni anno, solo per il fatto di essere tra i fornitori di una insegna della G.D.O., a cio vanno sommati contributi promozionali, diritti di segretteria, nuove aperture, ristrutturazioni ecc... tutte a carico delle aziende e dulcis in fundo il premio di fine anno.Tutto ciò al netto dei ricarichi operati dalle varie strutture incide sul prezzo di vendita per un 35-40%.Cioè il prezzo del salame,dell'oliva,della mozzarella ecc... sonocostituiti per il 35-40% da queste estorsioni legalizzate- il cosi detto LISTING o contributo di inserimento esiste SOLO IN ITALIA- ed in fine atutto sto magna magna vanno sommate le mazzete gia perchè dopo che ti hanno fatto pagare l'inserimento se vuoi vendere devi fare il regalo al personaggio di turno altrimenti........
VIVA LA LIBERA ESTORSIONE !!!!!!!!!!

alberto z. Commentatore certificato 21.03.07 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Ma il tipo in foto sopra, non era quello che nel 1999 predicava e legiferava che il prezzo dei carburanti era alto perchè c'erano troppe stazioni di servizio ? Cosi fece credere al solito popolo bue, che riducendo i costi di distribuzione il prezzo alla pompa sarebbe diminuito.
Oggi va raccontando che liberalizza i punti di vendita della benzina per ridurre il prezzo. Ditemi voi se questo è un paese normale.
Quanto a Bersani, l'unico mercato di cui può occuparsi, è quello delle banane.
A.Trunfio

ANTONINO TRUNFIO 03.02.07 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Speriamo che Coop stia ben attenta a non farsi appioppare e venderci prodotti provenienti da quelle zone dove fanno lavorare in condizioni umilianti o oppressive.

Speriamo che Coop riesca a non lavorare con le Banche Armate.

Speriamo che Coop installi i fotovoltaici per alimentare le proprie attività, vecchie e nuove.

Speriamo che Coop non faccia Mobbing.

Idem per Cgil.

gianpaolo belli 25.01.07 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi..Esselunga ha venduto...

So Tutto..purtroppo! 10.01.07 22:09| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei soffermarmi sulla situazione economica di questo paese e fare delle riflessioni.
Abbiamo un paese spaccato nettamente in due da una parte il 98% delle persone con un reddito non soddisfacente che si è dimezzato con il cambio lira/euro, dall'altra il 2% dei soliti ricchi che o lira o euro a loro la vita non cambia. Ma la vera tragedia se mi consentite è un'altra, il 98% di cui sopra è il vero motore di questo paese, è quello che entra nei negozi e fa la spesa, è quello che paga le tasse, è quello che fa girare l'economia, ma è anche, e qui viene fuori la tragedia, quello che non arriva più a fine mese!!. La nostra, è una società basata sul consumismo, di conseguenza si DEVE lasciare, alle famiglie, una percentuale delle entrate da destinare al consumo. Tutto ciò non è più possibile!! Lo stipendio non è adeguato al costo della vita, che invece si è adeguato all'EURO. E allora ecco che viene fuori un atroce dubbio... ma vuoi vedere che entrare in Europa per noi italiani non è stato un grande AFFARE???
Questa meravigliosa Europa cosa ci sta donando in cambio della nostra partecipazione???
L'EURO=DOLLARO per noi non è possibile, la nostra economia è da LIRA anno 2000 e dopo 6 anni lo è ancor di più. Abbiamo un paese ridotto alla fame con una classe politica che non sa che pesci prendere. E allora perchè non dirlo ad alta voce USCIAMO ADESSO DALL'EUROPA!!!!

Giancarlo Siciliano 22.11.06 17:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di economia non me ne intendo so solo che qui a Bolzano i prezzi della coop sono alti per le nostre tasche. Noi andiamo in Austria verso liens dove il disel lo paghiamo 0.90 e possiamo fare la spesa in maniera decente. Io lavoro in comune e prendo 1000 euro mio marito operaio ne prende 1250 paghiamo 850 di affitto per 55 mq. 250 rata della macchina una fiat panda 125 per i mobili e poi tra acqua, luce, riscaldamento, telefono e assicurazione non ci rimane quasi nulla. E i prezzi in loco anche quelli del mercato sono troppo alti e con 400 euro non si riesce a fare la spesa del mese. Eppure lavoriamo in due. Vorrei poter lavorare part-time a stare a casa coi figli ma è pura utopia.
E poi dicono che la crescita demografica italiana è in calo. Non è vero che le donne italiane non vogliono fare figli. Ridateci il nostro tempo, ridateci il diritto di poter essere mamme a tempo pieno. Ridateci il futuro.
elys

Gini Elys 21.11.06 19:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

fa bene a vendere ai tedeschi, bisogna togliere il potere a chi lucra coprendosi il volto usando una COOPERATIVA, che si sa e'una societa' senza fini di lucro, che offre vacanze ai pensionati, che stipula fondi pensione con i clienti, che regala tutti i tipi di premi ai clienti fedeli, che ristruttura i centri commerciali mettendo pavimenti lucidi, gallerie bellissime, insegne colorate, griffe e ed altro, questa e' la COOP
un ammasso di ladri che con stock option e gettoni di presenza si gonfia le tasche, e che quando i soldi finiscono va a piangere a Roma cheiedendo i soldi per le cooperative, bella cosa, La coop Voleva forse ESSELUNGA per egemonizzare il mercato e fare in casa sua un cartello dei prezzi? bella storia chi non vorrebbe scalzare il negozio del vicino o vederlo sparire per poi avere il monopolio sulla stessa via? Non ci vuole un cervello della madonna, nn ci vuole una scienza, lo compri e lo chiudi cosi' te lo levi dalle scatole, complimentiii vivissimi, comperate, aumentate i prezzi, eliminate la concorrenza e rubate meglio....
AMMASSO DI FURBI, FINIRA' LA PACCHIA E FORSE ANCHE VOI CAPIRETE CHE NN SI PUO SPECULARE SULL' IGNORANZA DEI CLIENTI, CHE NN SI PUO ANDARE AVANTI COSI, CREANDO I CARTELLI IMPOVERITE ANCORA DI PIU' LA GENTE, AVETE INCULATO TUTTI CON LE BANCHE (VEDI BPI) AVETE RUBATO CON LE ASSICURAZIONI PER FARE CARTELLO, (UNIPOL)
AVETE VOLUTO LE FARMACIE LIBERALIZZATE NEI CENTRI COMMERCIALI (GUARDA CASO SOLO NELLE COOP)
ADESSO VOLETE ANCHE I SUPERMERCATI?
VOLETE UN CONSIGLIO?
USSATE IL CERVELLO, FATE FARE I BANCARI AI BANCARI
GLI ASSICURATORI AGLI ASSICURATORI
I COMMERCIANTI AI COMMERCAIANTI
I COMMESSI AI COMMESSI
I SINDACALISTI AI SINDACALISTI
QUINDI:
LASCSCIATE FARE L' IPRENDITORE A CHI E' IMPRENDITORE
CI VUOLE LA CONCORRENZA PER AGEVOLARE I CLIENTI, SE QUESTA NN CI FOSS VOI FARESTE CARTELLI SU CARTELLI E VIA SI MANGIA MEGLIO
MA RICORDATEVI-- A VOLTE E MEGLIO UNA TORTA IN DUE CHE UNA MERDA DA SOLI --
SALUTONI.......Gtr

tosco gualtiero 15.11.06 01:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe sono un tuo coetaneo e come te inc.to nero x le ingiustizie che vengo a conoscere di giorno in giorno.
Non devo più leggerti di sera mi provoca insonnia oltre alla evidente rabbia...
Continua così non sei solo...e quando ti attacca è xchè vuol dire che hai fatto centro.
----------------------------
un piccolo contributo sui ns.dipendenti.
Se ritenete che quello che gira su internet da anni sia una bufala vedete cosa dice il sito ufficiale della Camera dei Deputati.
vedi cosa dichiarano.....(valori volutamente al minimo...che comunque non sono poco...)
http://www.camera.it/index.asp?content=%2Fdeputatism%2F4385%2Fdocumentotesto%2Easp%3F

POSSIBILE SOLUZIONE:
1/2 parlamentari
1/2 stipendio
NO spese extra (affitto compreso)
NO portaborse e agevolazioni varie(aereo-treno-ecc....sono troppe da elencare)
NO cumulo di incarichi, stipendi e pensioni
NO pensione (o come dicono loro vitalizio) dopo 30 mesi (anche perchè si dovrebbero permettere 2 soli mandati non rinnovabili)ma in base alla loro vita lavorativa (se ne hanno una) ed alle Ns.stesse condizioni....(età ed anni contributivi)

NON SARA' MOLTO MA CERTO I CONTI FORSE COMINCEREBBERO A TORNARE UN PO'

LOTTA SENZA QUARTIERE AI PARASSITI E LADRI.
ciao Gg

Luigi Paccagnella 12.11.06 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che esselunga venda secondo propria convenienza economica al miglior offerente quindi; in più già ora nelle città dove esselunga non c'è i prezzi coop sono più alti rispetto alle città in cui ci sono entrambi ...se coop comprasse esselunga ....addio concorrenza....cmq non vogliono mollare l'osso sia a dx che a sx con la scusa del difendere l'italianità delle aziende si oppongono alle libere dinamiche del mercato....gli unici che ce l'hanno in quel posto sono i consumatori italiani che pagano a caro prezzo la difesa dell'italianità delle aziende..

andrea ronchi 12.11.06 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Non facciamo di tutta l'erba un fascio!!!!
La cooperazione non è il diavolo, è una risorsa di democrazia.
Ci sono padroni onestissimi così come dirigenti cooperativi ladri, ingordi, immorali.
Ci sono cooperative che in realtà sono solo feudi di potentati vari e cooperative che faticosamente cercano di vivere nel mercato secondo principi di eticità, solidarietà, onestà.
Chi è ladro lo sarà tanto in una cooperativa quanto in un'azienda privata o pubblica, tanto in Italia quanto in germania o altrove.
Chi è onesto altrettanto.
Franco

franco micchia 12.11.06 10:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao beppe,finalmente ho il piacere di parlare con te e di congratularmi con quanto dici.....
ma mi sa che con questa gentaglia la battaglia è quasi persa,cmq avanti e forza cosi',ti saluto.

Malafronte Osvaldo 12.11.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Il discorso si risolve in poco:
cambiano i suonatori ma la musica è sempre quella.Oramai praticamente tutti, dai più vecchi fino ai bambini dell'asilo,sanno che l'unico problema economico in Italia è l'evasione fiscale e che l'unica soluzione ai problemi economici dell'Italia è fare pagare le tasse a tutti,o almeno alla stragrande maggioranza dei lavoratori o di tutti colorto che hanno un reddito.
Si discute di tante cose, come fare per il superbollo,come fare per i ceti medi (che oramai significa liberi professionisti e lavoratori autonomi),come fare per la famiglia, ma di prendere una volta ad esempio gli USA per qualcosa di buono non se ne parla.
Importiamo TV e cinema spazzatura,guerre gratuite,star del cinema che trovano qui l'America ma di mettere in pratica un sistema fiscale come quello Americano..... niente!!!!
Semplicissimo ed efficacissimo,con pene che ultimamente sono state radoppiate per chi evade o froda o fà bancarotta,garantisce a tutti il pagamento delle TASSE,ma daltronde i primi evasori totali sono loro e si fanno anche le finanziarie a misura (vedi aliquota al 43 % per chi và oltre i 75000 € lordi),mentre al mitico ceto medio dei 15000 € lordi gliela aumentano al 27% (caso strano l' 80% dei lavoratori dipendenti) ma per loro solo uno scatto di 2 punti percent.
W I COMPAGNI,W IL PROLETARIATO,W L'URSS E BLA BLA BLA .......
POVERO BERLINGUER CHE EREDI CHE HAI LASCIATO E CHISSA' QUANTI GIRI HAI GIA' FATTO IN QUELLA CASSA............................
Pensavamo che il peggio fosse Berlusconi e che questi fossero la soluzione alle nostre pene.........ORA SIAMO VERAMENTE NELLA M...A!!!!!

leo lucchinelli 12.11.06 01:29| 
 |
Rispondi al commento

C'è sempre da rimanere a bocca aperta ..
Il segreto è informarsi, per nn soccombere.
A tal proposito fossi in te mi metterei nel browser la mia homepage, clicca sul mio nick. (solo per internet explorer, nn firefox)

Gio Blecch 11.11.06 21:04| 
 |
Rispondi al commento

dobbiamo fare qualcosa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
per una legge di Berlusconi se non si fanno denunce si rischia di perdere il diritto quantomeno di costituirci come parte civile,lasciandoli impuniti. Anche per l'indulto propongo che a pagare le spese legali o danni alla società come un eventuale rimpatrio, si faccia carico a coloro che devono uscire con le colpe più care e che prima paghino per gli altri che escono per reati minori. Esempio i condannati per corruzione fino a dieci mila euro possono uscuire solo se prima pagano per altri dieci extracomunitari che devono essere rimpatriati per spaccio comprese per le spese ai familiari delle loro vittime dei danni morali, poi pagando una seconda multa per se stessi di un tot di euro non meno del totale dei dieci precedenti, potranno uscire. Altri con pene più gravi che paghino per più persone, con a loro carico, pene minori poi potranno uscire solo dopo aver pagato una seconda loro multa allo stato. E più erano socialmente elevati più dovrebbero pagare.
Mi piacerebbe avere una vostra opinione, saluti a tutti.

Paolo Rossi 11.11.06 19:12| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO--Sottoscriviamo alla grande per la CLASS ACTION di ADUC .proposta anche da GRILLO. ------http://www.aduc.it/dyn/classaction.html ---GRAZIE per i 5150 contatti DI www.controletruffe.com 347 3076527

cogo andrea 11.11.06 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, la soluzione della discesa dei prezzi non stà nell'intervento di società estere.
E' l'economia del mercato che regola tutto.
Il mercato siamo noi, dunque è da noi che tutto dipende.
Se un bene costa troppo, non lo si compra.
la moda, le tendenze, lasciamole perdere.
C'è gente che non mangia pur di avere l'auto nuova.
Tutti s'indebitano con piccole rate, per tv al plasma, cellulari, borse firmate.
Domanda alla TESCO se sono loro interessati alla FRUTTAGEL.
Se ESSELUNGA ha cura dei suoi clienti e lavoratori continui a rimanere ESSELUNGA.

Ivo Menichetti 11.11.06 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Si possono leggere delle notizie interessanti in un sito la cui pubblicazione qui viene impedita.

Se volete informarvi cliccate su “sorriso e dolore” . Grazie e buona serata a tutti.

sorriso e dolore 10.11.06 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe bravo mille volte per cio' che dici

alberto zorli 10.11.06 18:08| 
 |
Rispondi al commento

SOLIDARIETA’ DI COOP NEL MONDO,
MA I DIPENDENTI SONO ESCLUSI !!!
(2a Parte)

A proposito della vicenda dei lavoratori del Magazzino Unicoop di Scandicci (Firenze), ricordiamo che, dopo essere stati snobbati dalla triade sindacale (l'ex-coordinatore CGIL ha perfino dichiarato in assemblea che cgil non può procedere sindacalmente contro COOP per motivi politici... sic!!)una parte di essi si sono organizzati e hanno fatto vertenza alla COOP.
L'azienda è stata portata davanti al giudice del lavoro e siamo in attesa di sentenza.

PER I DIPENDENTI COOP, LOTTARE CONTRO LA COOP SIGNIFICA LOTTARE ANCHE CONTRO IL SINDACATO SUCCUBE E COMPIACENTE !!!!


non c'è dubbio... questo cazzo di governo vuole mettere le mani in tutte le tasche, dalle nostre alle coop; alla Tesco! Bravo Beppe!

per quanto riguarda la tesco non so se ci convenga adeguare i prezzi Esseliunga ai loro
di sicuro nel nostro mercato nn c'è concorrenza e le coop sono già diventate troppo grandi rispetto alla destinazione per la quale sono state create.

Per questo motivo credo che il governo debba pensare al popolo e non agli interessi monopolizzanti delle coop.


ciao a tutti

ferdinando petraglia 10.11.06 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Ho creato un mio blog, che e' ancora in fase di allestimento. A chi mi ha seguito negli ultimi due anni, potra' rileggere i miei commenti, che sto' re-inserendo con santa pazienza nel tempo libero.

Buon appetito...

http://luca-dellapenna.blogspot.com/

Luca dellaPenna 10.11.06 13:16| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe,sei "amaramente grande" e credo moltissimi di noi di debbano tanto.
volevo dirti di una cosa buffa che mi e' capitata facendo un biglietto via pc ,con la nostra compagnia nazionale.fino al biglietto tutto ok,per le condizioni ....beh quelle sono tutte scritte in inglese.ma in che paese viviamo?io sono romano daje e nn mollare mai!

Guido cioccoloni 09.11.06 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, non ne posso più! Ho votato sinistra e credo che la prossima volta BRUCERO' la scheda elettorale. Ho appena letto l'art. sul blog Libero:"Armiamoci e pagate" (da leggere!). Voti comprati dall'estero per 14 mln, aumenti di stipendio ai parlamentari, rimborsi spese ... E IO PAGO. Aiutaci, come facciamo ad uscire da questa situazione??? Non è ora di fare una rivoluzione? scendere in piazza? AIUTACI (PS i miei suoceri prendono di pensione € 1012 al mese IN DUE ... meno dell'aumento dei parlamentari A TESTA). Ciao Erika

Erika Silvani 09.11.06 12:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FUORI I NOMI

dei parlamentari che comprano droghe dalle organizzazioni mafiose...

una campagna promossa da

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 09.11.06 01:06| 
 |
Rispondi al commento

ma siete stati in svizzera? beppe forse si

si stanno aprendo migliaia di ipermercati coop ... made in italy come la mafia

ivo tardivo 08.11.06 20:36| 
 |
Rispondi al commento


SOLIDARIETA’ DI COOP NEL MONDO,
MA I DIPENDENTI SONO ESCLUSI !!!

Cosa sappiamo dell’universo COOP?

I fatti di cronaca che l’hanno portata sotto l’attenzione generale sono legati alla vicenda Unipol-BNL e recentemente alla querelle con Esselunga passata sui principali quotidiani.
Inoltre l’immagine pubblica che la identifica come attenta ai problemi sociali e della solidarietà e legata da sempre alla sinistra.

Ma dei rapporti con i propri dipendenti che sappiamo?

Ben poco. Anche perché spesso può contare su un sindacato compiacente.
La nostra vicenda è emblematica.
Siamo dipendenti del magazzino Unicoop Firenze che si trova a Scandicci e che rifornisce i negozi Coop di gran parte della toscana.
Nel dicembre 2004 la direzione aziendale ci ha comunicato che intende appaltare il magazzino, di conseguenza le persone che vi lavorano all’interno - alcuni da oltre 20 anni - sono divenute un peso inutile, dei pacchi da spostare. Il lavoro è strutturato su 3 turni, mattina, pomeriggio e notte.
Quindi, dal gennaio 2005, oltre al turno di notte già gestito dalla cooperativa appaltatrice, è stato affidato a quest’ultima anche il pomeriggio e i lavoratori Coop sono stati obbligati con un ordine di servizio a “accalcarsi” sul turno di mattina.
Tutto questo senza una contrattazione solo con l’arroganza del più forte e ciò avviene in un’azienda dai bilanci sani e dai conti floridi…
Due parole anche sui lavoratori dell’appalto:
in gran parte extracomunitari, sono costretti a lavorare a ritmi disumani con relativi problemi di sicurezza, al minimo salariale, con incentivi di produzione (in pratica una specie di cottimo) e con orari che vanno spesso ben oltre le 8 ore.
Tutto questo avviene alla Coop, quella dello slogan la Coop sei tu.

lavoratoriunicoop@hotmail.it

http://lavoratori-unicoop.blogspot.com/


Vi racconto cosa mi e' accaduto qualche mese fa' , io risiedo in Svizzera e come buon italiano ci tengo alla patria e porto con me sul bavero della giacca una bandierina d'oro e smaltata con i colori italiani , andando per lavoro in una ditta di Modena che vende e produce vino (una Multinazionale del vino)all'ingresso un custode mi ferma e dice dove va con quella cosa sulla giacca , qui e' vietata ...preso per una gamba a testa in giu' , il custode ululando mi spiega che pensava che era la bandiera di forza Italia ... lo lascio cadere lentamente per terra e tutto ritorno tranquillo ... Lezione per tutti se vedete uno di 1.85 cm x 160 Kg . campione di vari sport dal Judo al Football Americano con una bandierina al bavero .non rischiate la vita ..non e' di Forza Italia ..chiedete prima.

Le mie foto le potete vedere nel mio sito nella sezione Mikeflorio saluti e baci ..W L' ITALIA


vieni a visitare un sito interessante ,
basta poco che ci vo' ...
W
W
W
.
W
A
R
2
.
C
H

Grazie x l'attenzione e forza Beppe Grillo.

Mike Florio 08.11.06 19:32| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO- FATTE GIRARE LA NOTIZIA .A giorni -autorizazioni pronte- a Padova sede BANCA ANTONVENETO PROTESTA CON LA PRESENZA DI TV e GIORNALI. CONTRO LA POSSIBILE ALLEANZA CON banca montepaschi siena collocatrice di Parmalat in Borsa 10 anni fa' con i debiti coperti ++ aver fatto sottoscrivere i famigerati prodotti "4 you" che ora per avere indietro i soldi 170 000 persone devono spendere soldi con avvocati. ENNESIMA SENTENZA CHE DA RAGIONE AI RISPARMIATORI ROMA 20 ott 06. GRAZIE AI 5100 CONTATTI DI www.controletruffe.com 347 3076527

cogo andrea 08.11.06 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Da un indagime realizzata da una societa' indipendente e' emerso che nelle citta in cui non e' presente Esselunga i prezzi di alcuni articoli< Coop sono magggiori di un 5 10 per cento ...
e poi,l'antitrust tace...

saluti

giuseppe brizzolari 08.11.06 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Grillo,
Le posso assicurare che il livello dei prezzi oggi è onesto (naturalmente se si vuole guardare avanti e non si vuole fare il solito "processo della zucchina" altrimenti detto "dell'euro uguale alle mille lire"). Per una conferma si vadano a leggere i bilanci e l'utile operativo delle aziende della DO e della GDO. Oggi non è la distribuzione alimentare che "ruba" nelle tasche degli italiani.
In alcune zone d'Italia ci sono competitor che godono di agevolazioni fiscali enormi ("certificabili" e confermate da governi di destra e di sinistra, alle quali si aggiungono quelle politiche, meno "certificabili") grazie alle quali strangolano i competitor più deboli attraverso una politica di (illegale) sottocosto a scaffale.
E il Nostro amato governo di cosa si preoccupa? Di togliere queste disparità? Di finanziare progetti di innovazione del sistema distributivo (Le potrei citare almeno 20 campi di intervento in grado di migliorare:competitività delle aziende, servizi alla clientela, qualità dei prodotti, livelli di occupazione)? Della tutela del consumatore dal punto di vista della qualità? Del controllo e della riforma del sistema di rilascio delle licenze commerciali? Niente di tutto questo. Obiettivo n°1 è:l'Esselunga deve rimanere in Italia (e in Italia la può comprare solo la Coop...).
Intanto all'estero la distribuzione evolve verso modelli vincenti (anche se con molti esempi aberranti dal punto di vista della tutela dei diritti dei lavoratori e dei consumatori...) e compra catene all'estero...
Anche nella distribuzione niente di nuovo, ma guardi, se indaga, troverà molto materiale per i suoi spettacoli...
Saluti

diego marcelli 08.11.06 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Ma perkè lo stato vuole ficcare il naso dappertutto? Lasci le decisioni a chi ha costruito il suo impero privato e che ha la facoltà e il diritto di fare le scelte che ritiene più giuste!! E poi, se gli stranieri entrano in Italia con prezzi vantaggiosi e ke possono far riparmiare noi Italiani (già tartassati da continue e nuove tasse, sia di destra che di sinistra), non vedo il motivo per cosi tanta opposizione!!! Per quanto riguarda la qualità non so che dire in quanto non conosco Tesco nè la sua fama, ma se questa compagnia non riesce a soddisfare le esigenze di noi italiani, vorrà dire che la gente non andrà nei negozi, non comprerà i suoi articoli e Tesco non avrà utile... e cosa farà? Dovrà chiudere o vendere a qualcun'altro... è la legge del mercato... alla fine siamo noi Italiani che scegliamo!!! NOI, NON IL GOVERNO!!!!!!!

Marco Ramoni 08.11.06 11:39| 
 |
Rispondi al commento

FUORI I NOMI

dei parlamentari che comprano droghe dalle organizzazzioni criminali

una campagna promossa da

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 08.11.06 11:33| 
 |
Rispondi al commento

L'unica speranza per questo paese è che gli stranieri si comprino tutto, o quantomeno le attività più importanti. Chi se ne frega se gli azionisti di un'azienda sono inglesi o francesi o svedesi? L'importante è che le aziende funzionino bene, che creino occupazione, che distribuiscano ricchezza, che investano nella ricerca non solo per produrre prodotti più appetibili per il mercato, ma anche più in sintonia con i nostri problemi ambientali. Basta con questo protezionismo striscante dei soliti quattro massoni senza una lira che diventano ricchi impoverendo gli altri. Se lo Stato fosse una società di capitali i libri contabili sarebbero già finiti in tribunale e magari saremmo stati acquistati dalla comunità europea. L'italia è un paese con potenzialità enormi, guidata da una classe dirigente inetta che difende le sue posizioni, anzi i suoi privilegi, impedendo alla qualità di emergere. Allora benvengano gli stranieri se all'interno delle aziende poi faranno carriera i meritevoli

Michele Mazza 08.11.06 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARA NATALIA,
IO è CIRCA 2 ANNI CHE CERCO DI APRIRE UN DIBATTITO CON BEPPE, DOPO L'INTERVENTO DEL SEGRETARIO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI, CHE DICHIARò CHE LA COOP NON COLLOQIA PIU CON LA SINISTRA E CHE I DIRETTORI E DIRIGENTI FANNO AMODO LORO COME PIU GLI CONVIENE (VERI PROPI PADRONI A SCAPITO DI MIGLIAIA DI SOCI E DI DIPENDENTI,(VI RICORDO LO SCANDALO BNL/UNIPOL/COOP).
IO SONO UN DIPPENDENTE CHE LA COOP, FACENDO CIO RISCHI IL LAVORO.
SI I CONTRATTI DEL COMMERCIO E INTEGRATIVI COOP SONO PIU ALTI, MA IO E ALTRI DIPENDENTI CICC, SIAMO COSTRETTI PER TENERCI IL LAVORO ALL'INTERNO DELLE COPERATIVE ARRIVARE A COMPROMESSI A DIR POCO RIDICOLI, COME RINUNCIARE A MANGIARE PERCHè BISOGNA DIMEZZARE LA PAUSA PER LA PRODUTTIVITA, (DA 30M A 10 M )AVERE 80 ORE DI STRAORDINARIO OBLIGATIO OLTRE A QUELLO PREVISTE DAL NAZIONALE,
MA LA COSA RIDICOLA E CHE COME DICEVO TEMPO FA , LA COOP SI AFFIDA AD ALTRE COOPERATIVE PER DARE IN APPALTO IL LAVORO.
DI CUI QUESTE COPERATIVE ASSUMANO 80% EXTRACOMUNITARI,CHE CON QUESTI TIPI DI RICATTI: (CHE PER AVERE PERMESSI DI SOGGIORNO BISOGNA AVEVRE IL LAVORO E VICEVERSA),VISTO CON I MIEI OCCHI CHE I DIRIGENTI DI QUESTE ALTRE COOPERATIVE FACEVANO FIRMARE A QUESTE POVERE PERSONE CONTRATTI SUI COFANI DELLE MACCHINE.
FACENDOGLI FIRMARE DEI CONTRATTI RIDICOLI,FACENDO LE DOPPIE DELLE MIE ORE E PRENDENDO LA METà.
ORA LO CON LA SCUSA CHE NOI DIPENDENTI COSTIMO TROPPO COFRONTO A LORO CI COSTINGONO AD ARRIVARE HAI LIVELLI DI QUESTI POVERETTI SE VOGLIAMO TENERCI IL LAVORO.
CIAO A TUTTI.

adamo primo Commentatore in marcia al V2day 08.11.06 09:36| 
 |
Rispondi al commento

coop di qua' esselunga di la',ma che nessono dica la verita' nemmeno beppe e cioe' che che in 6 anni di euro i prezzi sono praticamente raddoppiati:- dico un'aumento del 100x100 e lo sottolineo.4 vani costavano 180-200 milioni ora 200-250 mila euro.la luce 30-40 mila lire ora 40-45 euro e via cosi',ah ricordate la matiz costava circa 9 milioni ora circa 9 mila euro.Solo stipendi e pensioni hanno seguito l'inflazione e forse nemmeno quella.Altro che telecom la vera lotta Grillo e 'ridare quello che si e' perso e che ha arrichito speculatori e scaltri commercianti:bisogna raddopiare Stipendi e Pensioni e se ci ricattano dicendo che la barca rischia di affondare rispondiamoli che noi andiamo su quella di .......d'alema.E Veltroni vuole rifare la costituente ma vedi di anda a ..........

ferrari franco 07.11.06 23:22| 
 |
Rispondi al commento

E’ il mio primo post ma vorrei dare la mia opinione (anche se con un po’ di ritardo) riguardo all’argomento “La Coop sono io”. Intanto vorrei dire che se Coop è leader in Italia nel mercato della GDO, questo significa che in qualche modo o è più conveniente, o vende prodotti di maggior qualità, o comunque presenta qualche caratteristica positiva che l’ha resa leader di mercato, e quindi è il mercato ad aver dato l’unico giudizio che conta. E la spiegazione non credo possa essere neanche che “non paga le tasse”, intanto perché non è vero che non paga le tasse, e poi perché se ha delle agevolazioni fiscali (e questo invece è vero) è anche perché ha degli obblighi che le aziende non cooperative non hanno. Se fosse così conveniente essere una società cooperativa lo sarebbe già diventata anche altre aziende, compresa magari esselunga no? Sono poi d’accordo che non debba essere la politica, ma il mercato a dare i giudizi, e quindi potrebbe essere positivo l’arrivo di un concorrente estero, anche se le aziende straniere già ci sono e non mi sembra che regalino i loro prodotti, e non mi sembra neppure che questo miglioramento ci sia stato negli altri settori dopo l’arrivo degli stranieri (un altro esempio? la telefonia, vedere tariffe di vodafone ex omnitel italiana, come gia in tanti hanno scritto, le aziende si adeguano quando arrivano da noi!). Saluti

Tiziano Franchi 07.11.06 19:34| 
 |
Rispondi al commento

Vivo in Inghilterra da ormai un anno e mezzo.
Compro spesso al Tesco, anzi li' faccio proprio il grosso della spesa. In realta' poi vado a comprare le cose buone da altre parti. Capisco che il discorso non sia semplice, quindi parto da alcuni fatti:
-in Inghilterra i prodotti costano meno, soprattutto se rapportati al costo della vita. La concorrenza spietata porta a questo.
- Poi qui alla sera nei supermarket succede una cosa strana (Beppe prendi nota): i prodotti deperibili (pane, verdure, etc) vengono scontati in modo incredibile. Un esempio. Andiamo spesso a comprare il pane (che qui fa notoriamente schifo) dopo le 20, e compriamo qualche chilo di quello decente che poi ci congeliamo con comodo. Il prezzo? 10p = 0.15 euro per mezzo Kg. Fate voi i conti. Ne prendiamo svariati chili per meno di un euro. In Italia purtroppo piuttosto che scontarci un prodotto lo si butta via, no? Alla faccia della fame nel mondo.
-A proposito, se riporti indietro un prodotto qui non si batte ciglio. Ti chiedono sempre se e' perche' ne hai trovato uno a prezzo minore, ed in tal caso ti fanno il price-match, cioe' se compri a 20 euro e trovi un posto dove lo stesso prodotto ne costa 15, torni li' e te ne ridanno indietro 5, anche perche' in caso di rifiuto gli ridai indietro il prodotto e ti restituiscono i soldi. Io l'ho fatto con una stampante risparmiando £10=15euro (costava 90euro a prezzo intero).
-Il Tesco e' un gigante, si dice che una sterlina su sette spese in Inghilterra sia al Tesco, si dice poi che il Tesco detenga un terzo del mercato alimentare, e si vede. A proposito, qui al supermercato si vendono assicurazioni, viaggi, abbonamenti internet, telefonia su internet a marchio Tesco, carte di credito, e chi piu' ne ha piu' ne metta. Il Tesco mi fa paura se si entendesse ancora, perche' ha una posizione fortemente dominante.
-Personalmente trovo che il cibo alla Coop sia di qualita' estremamente migliore
Aprire al Tesco in Italia abbatterebbe i prezzi.A che costo?

Davide Tesoro 07.11.06 19:33| 
 |
Rispondi al commento

QUASI MILLE VISITE AL MIO SITO POLITICO CHE PRENDE A CALCI IN CULO QUESTI LADRONI GOVERNANTI
www.mdc.altervista.org
GRAZIE RAGAZZI

mazza leonardo 07.11.06 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Mah...

I servizi bancari italiani sono i più cari e i peggiori al mondo (date retta, i servizi bancari italiani sono da terzo mondo). E questo proprio perché si difende l'italianità (cfr Fazio - ABN Amro). Se una banca straniera qualsiasi potesse fare sportello in Italia, le banche italiane chiuderebbero. Oppure dovrebbero iniziare ad offrire servizi decenti a prezzi decenti. Adesso come adesso ho la mia banca che mi chiama per sapere da me (cliente) come si calcola la rata del mio mutuo in valuta, perché "...la collega responsabile è in ferie". Credeteci. È successo. Oppure mi rifiutano un bonicifo, perché non sanno cos'è un codice IBAN.

Dovremmo difendere questa italianità?

Abbiamo protetto l'italianità della FIAT per decenni e cosa ne abbiamo avuto? Ne abbiamo avuto che quando il mercato dell'automobile è stato liberalizzato anche in Italia, la gente ha cominciato a comprare auto tedesche e giapponesi. Perché la FIAT produceva catorci. Adesso, dopo quasi 30 anni, si stanno svegliando e stanno ricominciando a costruire auto quantomeno considerabili. Nel frattempo si sono persi un sacco di soldi, un sacco di posti di lavoro, di conoscenza...

Una delle cose in cui siamo campioni, invece, è produrre tv spazzatura. E anche qui è solo perché la maggior parte degli italiani è costretta a scegliere solo tra RAI e MEDIOCRESET, perché gli italiani parlano poco le lingue straniere, per il satellite costa, perché la tv via cavo non esiste... Io guardo la BBC, che non mi frantuma i coglioni di pubblicità...

Purtroppo, a volte (ma anche spesso), noi italiani si ha bisogno di qualcuno che ci metta il pepe al culo...per darci una mossa!

Purtroppo, in questo momento, l'Italia è un Paese più vicino al disastro che ad altro...

Igor Larionovo 07.11.06 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Destra, sinistra, nazionale, estero, rosso, nero.....

B A S T A non facciamoci più fregare, come?

La soluzione si chiama S T I F T U N G

Sono STIFTUNG la BOSCH, La SIEMENS, LIDL....

STIFTUNG = FONDAZIONE

Sono società SENZA padroni, aziende gestite da un COMITATO che nomina o caccia i DIRIGENTI, i soldi possono solo essere reinvestiti, non possono essere scalate e fatte a pezzi per esser evendurte, le FONDAZIONI possono essere la ROVINA dei finanzieri d'assalto romani o milanesi e la SALVEZZA per centinaia di migliaia di LAVORATORI

Ai padroni che lasciano l'azienda per anzianità: CREATE UNA FONDAZIONE PER PORTARE AVANTI LE ATTIVITA', non vendete a sciacalli


Marco Saggio 07.11.06 19:20| 
 |
Rispondi al commento

dal sito Coop:
'Coop sta per Cooperativa di Consumatori.

Non è un'impresa come le altre, non è una società per azioni. E' qualcosa di molto speciale, regolata da princìpi che uniscono le cooperative di tutto il mondo.

L'idea base della cooperazione nasce dal bisogno e dalla solidarietà:
si costruisce così una risposta imprenditoriale originale che, dalle prime esperienze pionieristiche, in più di un secolo e mezzo di storia, si sviluppa fino a diventare la prima organizzazione distributiva italiana.
E' una storia di persone, di lavoro, sacrifici ed entusiasmi, strettamente intrecciata con le vicende politiche e sociali del nostro paese.
I valori originari sono ancora oggi alla base della cooperazione: la centralità delle persone, dei loro bisogni e dei loro diritti.' ....compro ogni tanto alla Coop e ho pure la tessera quindi sono un socio Coop che ha constatato da 'Altroconsumo' che la Coop in Liguria è mediamente più cara del 30% rispetto alla Coop di Firenze. Mi chiedo se non sia il caso di aprire un'inchiesta per comprendere se Coop Liguria è veramente una cooperativa che tutela i consumatori o agisce come qualsiasi operatore privato non tutelando i consumatori bensì gli interessi di pochi usufruendo dei vantaggi fiscali ben noti.
La voracità con cui la Coop promuove investimenti immobiliari in Centri Commerciali e la possibile acquisizione di altri distributori penalizza la possibilità di accedere a prodotti del territorio a prezzi più bassi. Di fatto gran parte dei prodotti sono i soliti prodotti industriali della grandi industrie alimentari.
Poichè infine lo statuto impone la tutela dei consumatori sicuramente il consiglio di Amministrazione dimostra di essere incapace a farlo in modo efficace come in Toscana quindi dovrebbe essere sostituito .

Fabio Postani 07.11.06 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Cari Italiani, vorrei ricordarvi che non c'è più quasi niente di Italiano, siamo stati comrati dall'intera europa. La grande distribuzione già buona parte è dei francesi, poi ci sono gli olandaesi che stanno comprando chi si occupa della distribuzione e poi ci sente ITALIANI solo ogni 4 anni quando ci sono questi c....o di campionati mondiali....poi ci diementichiamo del nazionalismo e ognuno pensa ai propri c....i Direi che sarebbe ora di pensare molto meno al calcio e gurdarci intorno, siamo con le spalle al muro.....è ora di rimoboccarci le maniche e fare vedere al resto dell'europa che anche noi siamo capaci di andare in avanti .........Guardiamo i nostri cugini stavano dietro di noi soli 15 anni fa e ora ci hanno superato e per non parlare della Spagna.....BASTA BASTA BASTA con il calcio e pensiamo all'Italia.....prima di trovarci come l'argentina......IO NON VOGLIO E VOI?

massimiliano mariani 07.11.06 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Se sapete leggere inglese andate a
http://www.foe.co.uk/resource/press_releases/tesco_profits_just_not_cri_19092005.html

alessandro del fabbro 07.11.06 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Tesco mantiene i prezzi bassi schiacciando i produttori, locali e stranieri. I grossi supermercati qui in Gran Bretagna ormai fanno il brutto e il cattivo tempo, e Tesco pare sia il peggiore, col risultato che l'agricoltura sta pian piano sparendo da questo stato. La stragrande maggioranza del cibo arriva surgelato da l'altra parte del mondo, anche le poche cose buone che si potrebbero benissimo comprare fresche da produttori locali. Le mele dal Cile, la carne di agnello dalla Nuova Zelanda, la verdura dall'Africa, e cosi' via.
Tesco non e' proprio un buon affare, ve lo garantisco. Cercate un'altra soluzione, che vi conviene!

alessandro del fabbro 07.11.06 15:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono a dir poco spaventata.
Cosa mangeremo nel prox futuro???????
La tutela del consumatore andrà a farsi fottere anche lei inghiottita dagli intrighi politici.
Solo loro (i polici" riusciranno a mangiare i prodotti "veramente prodotti" dalla terra.
Amen.

annalisa montesissa 07.11.06 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Questa volta non ci siamo.
Il teorema che gli stranieri siano portatori di equità e prezzi bassi non regge.
Chi ha messo il latte in polvere a 9 euro costringendo le multinazionali (straniere)ad adeguarsi?
Chi ha demolito il monopolio dei farmacisti abbattendo il prezzo dei farmaci del 25%?
La coop non è certo perfetta e si è fin troppo affidata a logiche di mercato ma da qui ad affidarsi a San Tesco......

Alessio Mangani 07.11.06 12:05| 
 |
Rispondi al commento

ENEL-COOP prove d'intesa. E' a'rticoletto sul Corriere di oggi dove si illustra l'accordo tra ENEL GAS e la cooperativa emiliana Ceramica. Un affare da 40 milioni di euro. Termina l'artivcoletto: Curioso che anche Esselunga principale competitor Coop si sia mossa su una strada simile firmando una convenzione con ENEL GAS....
Già da sempre l'ENEL è molto "evangelica"...
Mica un caso che proprio Massimo D'Alema vi abbia voluto mettere le mani quando diventò Presidente del Consiglio.
Gli affari sono affari e la pecunia non olet mai...
Né a destra né a manca né, ovviamente a sinistra (ammesso che Massimo D'Alema non si offenda a definirlo di sinistra. Io si...).

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 07.11.06 12:03| 
 |
Rispondi al commento

L'imprenditoria italiana non è riuscita, se non per pochi esempi, ad espandersi all'estero. Resiste solo in Italia, dove sopravvive grazie alla protezione politica.

I primi danneggiati sono proprio i consumatori, altro che decreto Bersani!

In Francia non solo si compra l'aspirina ad 1/3 del prezzo italiano, ma si fanno anche visite odontoiatriche, interventi chirurgici, visite specialistiche... Le banche hanno tassi migliori, l'adsl costa la metà, l'energia elettrica spiccioli, ecc ecc ecc.......

Valerio Merani 07.11.06 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Forse state facendo un po di confusione...
secondo voi è meglio vendere ad una compagnia straniera??infatti si vede come gli stranieri da noi fanno i prezzi bassi, poi non è una novità che esselunga sta facendo prezzi leggermente più bassi solo per attirare clienti sul breve periodo per poter vendere la sua catena ad un prezzo maggiore.
Poi attenzione che sul discorso prezzi bisogna stare attenti, personalmente ho fatto un controllo perchè nella mia città ne hanno aperto uno da poco e dopo 1 mese di prezzi effettivamente molto bassi sono tornati a livelli normali, in più confrontando il prezzo al kg ho notato che non sono affatto più bassi di quelli dell'ipercoop concorrente. Poi non si può fare discorsi generalisti senza considerare tutto quello che gira intorno alla coop, a partire dalle attività extra commerciali che riguardano gli anziani, passando per i bambini, l'attenzione all'ambiente e al recupero di zone urbane..in più i controlli sui prodotti etc etc...poi ognuno è libero di pensarla come vuole.

simone argenti 07.11.06 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Che strano,ma non c'èra un Nano con conflitto d'interesse sulle tv? Mi sembra quasi che ci sia anche un Nano con conflitto d'interesse sulle cooperative.
Invece di pensare a chi fa cosa, pensate a scrivere le regole, PENSATE AI CITTADINI porca p.....a, io non vado all'esselunga perchè sapevo che èra del Nano, ma se continuate così smetto anche di andare alla coop.W i discount, non saranno sicuri come le coop ma decido IO chi mi deve avvelenare.

Leonardo Pandolfini 07.11.06 10:56| 
 |
Rispondi al commento

BASTA CON IL PARTITO-COOP

BASTA CON IL PARTITO-PADRONE

BASTA CON IL PARTITO DELLA BUROCRAXIA NEPOTISTICA E CLIENTELARE

BASTA CON I SEDICENTI DIRIGENTI SEDICENTI DI SINISTRA

mms://media.fastweb.it/WM9/raiclick/FMVRAI04000001070693.wmv?idCnt=41533&path=RaiClickWeb

http://www2.unita.it/unitaforum/viewtopic.php?t=55658

Andrew Smith 07.11.06 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Sono di sinistra.
NON sono contentissimo dell'attuale governo.
Spero però che Prodi cada presto perchè allora tutti quelli che sono scontenti (è brutto quando ti mettono le mani in tasca, vero ?) andranno a votare e si rivoteranno Silvione e spero che se lo tengano per altri 30 anni.....voglio proprio vedere quante altre belle leggine riesce ad approvare....Buona fortuna !!!

Giovanni Giliberti 07.11.06 09:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve !
Vorrei chiedere all'italianissima coop perchè nei supermercati di bologna non si trova la birra PEDAVENA ola birra CASTELLO o altre birre minori prodotte nel nostro appennino....
Antonio

antonio monteleone 07.11.06 08:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema è che chiunque entri nel mercato ha poca convenienza a vedere a prezzi molto più bassi della concorrenza, è invece attratto dal maggior margine di vendita. Forse mi sbaglio ma non credo che l'entrata dei tedeschi possa avere effetti sul livello de prezzi.

Matteo Saraceno 07.11.06 00:38| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato cliente della Coop e ora lo sono dell'Esselunga. Gran bella realtà per il consumatore di oggi che si trova sempre di più a fare scelte difficli davanti gli scaffali.
In poche parole posso testimoniare la cosa che mi ha più colpito.
Tanta scelta serve solo a confondere...chi vende e già fa' una cernita sulla qualità a prezzi convenienti è vincente, peccato che in pochi lo sappiano, o se ne rendano conto...sveglia !!

Marco Caldarozzi 07.11.06 00:35| 
 |
Rispondi al commento

ma agli insetti piace tutto...........per questo a grillo non frega una sega se esselunga da domani diventa della tesco e ci vende i cereali fatti con la segatura...........

filippo manci 06.11.06 22:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certamente perdere il controllo di un'azienda italiana dispiace, sono però dell'avviso che la concorrenza porta non solo prezzi più bassi ma anche un miglior modo di operare. Eppoi può essere vero che anche gli stranieri si possono adattare alle nostre male abitudini, ma quasi sempre c'è un miglioramento. Meglio un concorrente estero sano che un'azienda sovvenzionata (Non necessariamente con soldi) che vive sulle nostre spalle.
Mario il costruttore

Mario Bottaro 06.11.06 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Il Governo PRODI ed i suoi COMPAGNI sono UNA TRUFFA UNICA agli italiani !!!

ANDATE A LAVORARE LADRONI !

Max Lanzani 06.11.06 20:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro grillo,
ma sei proprio sicuro che gli stranieri portano concorrenza?
provate a guardare assicurazioni,carburanti,telefonia,banche,ecc.
tranquilli se arrivano si adeguano in fretta al mercato?! italiano

vladimiro fabris 06.11.06 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, tu hai ragione ma temo che succeda come per le assicurazioni, le banche, i distributori di benzina o le aziende farmaceutiche. Non si mettono a buttare giù i prezzi per un po' di concorrenza ma SI ADEGUANO ai tariffari italiani. Risultato: non cambia un c...o e facciamo guadagnare le multinazionali estere. Tanto per tanto lasciamo le cose come sono.

emanuele rossi 06.11.06 20:11| 
 |
Rispondi al commento

A CASA STO GOVERNO DI M.... FATTO DI UOMINI DI M....,LADRI SCHIFOSI....

A CASA STI RUBAGALLINE 06.11.06 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Tesco, Lindl che differenza fà?
Se i prezzi sono bassi a pagarla o sono i dipendenti dei supermercati, o i fornitori o noi acquistando prodotti scadenti!
non corriamo dietro ai prezzi, ma dietro la qualità, ed in questo l'italia ha da insegnare a tutti i paesi!

max napolitano 06.11.06 19:57| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
ma tu che sei geneovese non hai mai sentito parlare dello strapotere della Coopsette nella ricostruzione del ponente o della questione carrefour in valpolcevera.
certo io ne ho sentito parlare in giro per genova ma come me anche tanta altra gente
tu no?
e ti pare giusto?

luca lo 06.11.06 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Mafia comunista

Luca Poggia 06.11.06 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Sono schifato dalle citazioni dei membri del Governo: questo è il liberismo economico all'amatriciana.
Certo, ognuno nell'UE dei fessacchiotti (noi cittadini o i leader dei governi?...credo ambe le categorie...) ha un suo liberismo: paella, fish & chips, vergrauterenbodenundschrappnell, soupe d'oignon...
Ma, vedete, mi infastidisce che il Sig Caprotti sia molestato da questi soggetti: mi ricorda tanto l'estate del 2005 e le invettive dei destroidi contro la 'finanza masso-giudaica' degli olandesi e degli spagnoli (baschi), del Rutellone che 'da un lato le coop devon far le coop e non la finanza...dall'altro non rompete troppo le palle ai nostri amici in BNL'...ufff...se fossi un vecchio semi-arteriosclerotico come il Caprotti io venderei a WALL MART!!(tenendomi gli immobili di proprietà, come infatti farà uno che del tutto arteriotico non é).
Ma Caprotti è il maggior finanziatore di FI in Lombardia ( mica apre quei mega-'Malls' con decathlon,castorama e sorelleramonda compresi nel presso agratis, ciumbia!) quindi resta per me un mistero il suo futuro agire: I CIELLINI HANNO VIE TORTUOSE ED INFINITE, come il pensiero di mastro Giulio.

Carlo <Pellizza 06.11.06 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve gente
oggi è una gran brutta giornata per me. non scendo nei particolari ma mi si svuoteranno le casse completamente per far fronte ad un pagamento che ritengo ingiusto ma lo dovEROSO per evitare conseguenze ancora più disastrose.
Questo governo è Una disgrazia scesa dal cielo per punirci tutti.....e ci sta bene ragazzi!!! l'abbiamo voluta noi!!
Analiziamo la "cosa":
emerge subito una profonda contraddizione tra le parti che formano questo esecutivo ( vedi gli stessi governanti manifestare contro se stessi )
hanno ingannato con le peggiori menzogne tutti noi.....e noi che ci abbiamo creduto ( prodi sosteneva chiaramente di non aggiungere imposte )
non si sa a cosa credono ( famiglia matrimonio gay bisex ecc.. )
non capiscono una benemerita MAZZA su bilanci aziendali lavoro pubblico prevenzione sociale assistenza sociale libera concorrenza nel mercato diritti privati e pubblici con relativi doveri GIUSTIZIA E CONDONI; si salva a malapena un po di politica estera; gestione delle emergenze ( vedi spazzatura e criminalità nel napoletano )ordine pubblico scuola università e ricerca .......UN DISASTRO DEI PIU' CLAMOROSI DEGLI ULTIMI 60ANNI CHE NEANCHE IL DUCE HA COMBINATO CHE SE NON CI FOSSE STATO QUEL PAZZO DI HITLER STAREBBE ANCORA A PRENDERE A CALCI IN CULO QUEI 4 STRUNZ traditori venduti all'urss DI TOGLIATTI NENNI E COMPAGNIA BELLA. ( QUI SICURAMENTE QUALCHE IDIOTA AVRà DA RIDIRE SULLA RIEVOCAZIONE STORICA DEL "DUCE" ) SAREBBE MEGLIO SE OSSERVASSE CIò CHE STA ACCADENDO INTORNO A SE PIù CHE AVERE ANCORA PAURA DEI FANTASMI.....peccato. alla prossima con tristezza un caloroso saluto...romano che non guasta


Fabrizio Nusca 06.11.06 18:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il vero problema è che in Italia dovremmo mangiare meno e meglio, fondamentale difendere il nostro prodotto facendo qualche km in più di strada ed andando ad acquistare dai nostri produttori locali, facendo gruppi di acquisto per far arrivare magari le arance buone dalla sicilia (abito in Piemonte) e così via....e comprare dai supermercati solo le cianfrusaglie....il nostro futuro deve essere nell'acquisto puntuale e strettamente necessario mentre al supermercato usciamo con 50 pezzi di cui 25 necessari alla ns sopravvivenza....
Più occhi aperti ai piccoli produttori che ovunque sono presenti e la grande distribuzione (LIDL compresa che ha trattamenti sindacali schifosi con i propri dipendenti e prodotti decisamente pessimi) la mandiamo a quel paese....
Riflettete....io sto già facendo così...il formaggio dal produttore a 6 km, la frutta da una cooperativa a 10 km...faccio un pò di scorta però quello che metto sotto i denti sa di formaggio, sa di frutta....e spendo molto meno che al supermercato...
Se possibile riflettete e vedrete che al supermercato alla fine si compra la carta igienica e poco più....

Egle Possetti 06.11.06 18:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

provo a postare..ho telefonato a dirigente postale di pisa RITA PICCHIOTTI..mi ha detto che mi avrebbe denunciato..magari.non lo fa nessuno..io è quello che voglio.un giornalista di un settimanale che non guarda in faccia a nessuno e non le manda a dire come te..mi ha mandato email..tel..non è arrivato niente.. mi ha detto che a pisa c è molta corruzione...a tirrenia gira coca..case di appuntamento..e tanto altro tuti sanno..trnne i carabinieri..forse è perchè scrivo ste cose che non arrivano i post...sai dato che passo dato i problemi che sai,molto del mio tempo a letto.per cui il tuo libro con la tua faccia ironica,e gli occhi di uno che sa mi fa compagnia..nei momenti di malinconia guardo la tua faccia,rileggo un capitolo e sto meglio.grazie anche di questo che tu neanche sapevi.un abbraccione grande a te,al tuo staff alla comunity.non cambiare mai.sei tutti noi.ciaoo.ritasilva

ritasilva pistolozzi 06.11.06 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Stavolta no.
Ho vissuto in Inghilterra e conosco Tesco.
Buona con i clienti ma crudele con le filiere, gli allevatori.
Tesco é economista di scala e come tale spreme i coltivatori ed allevatori per proporre mele e cosce di pollo a 1/4 del prezzo in meno.
In piú sempre per la logica del prezzo sono disponibili anche alimenti GM...non a caso é il Supermercato dei poveri dopo il Lidl
IL prezzo non é tutto! in italia siamo abituati alla qualitá!

Giovanni Fattori 06.11.06 17:34| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe è l ennesima volta che provo a postare anche da altri luoghi senza riuscirci.. è scomparso il post innovazionemangiasoldi..se apri altri messaggi da te postati..troverai la pag bianca.la situazione è peggiorata,ma non mollo..meetup.com ha il mio host.ho provato a scrivere al tuo staff senza riuscirvi.con tanto affetto un abbraccione.ritasilva

ritasilva pistolozzi 06.11.06 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Prezzi prezzi prezzi.
Sono appena tornato da Monaco (Germania non Marte). Ebbene nel mio girovagare volevo comperare un gioco per playstation per mio figlio. In Italia prezzo € 69.90 in Germania € 39.90. Cena in un ristorantino delizioso? € 40 in 2. Birra media? € 2/2.50. Albergo (gasthaus) doppia con colazione € 62.
Forse c'è qualcosa che non va.
Per il resto c'è ProdiBerlusconietuttalamarmaglia Card. Tchuss

Paolo Moretti 06.11.06 17:21| 
 |
Rispondi al commento

quando andate a votare, ricordatevi di non votare DELINQUENTI, leggendo sul sito web: http://www.societacivile.it/ , ci sono tutti i partiti escluso: IDV, VERDI e PDCI

NUOVO PARLAMENTO, NUOVO GOVERNO
Le schede degli impresentabili
Il Caimano e le mozzarelle
di Marco Travaglio

L¹hit parade dei partiti


Forza Italia 29
Alleanza nazionale 14
Udc 10
Lega Nord 8
Movimento per l¹autonomia 1
Dc 1
Psi 1
Gruppo misto **** 1

Totale Destra 65

Margherita 6
Ds 6
Udeur 2
Rifondazione comunista 2
Rosa nel pugno 1

Totale Sinistra 17


La classifica dei reati*****

Corruzione 18
Finanziamento illecito 16
Truffa 10
Abuso d¹ufficio, falso 9
Associazione mafiosa 8
Bancarotta fraudolenta, turbativa d¹asta 7
Associazione a delinquere, resistenza a pubblico ufficiale, falso in bilancio 6
Attentato alla Costituzione, attentato all¹unità dello Stato, struttura paramilitare fuorilegge 5
Favoreggiamento, concussione, frode fiscale 4
Diffamazione, abuso edilizio, lesioni personali 3
Banda armata, corruzione giudiziaria, peculato, estorsione, rivelazione di segreti 2
Omicidio, associazione sovversiva, istigazione a delinquere, favoreggiamento mafioso, aggiotaggio, percosse, violenza a corpo politico, incendio aggravato, calunnia, falsa testimonianza, voto di scambio, appropriazione indebita, violazione della privacy, oltraggio, fabbricazione di esplosivi, violazione diritti d¹autore, frode in pubblico concorso, adulterazione di vini 1

Se li conosci li eviti.
2006, i parlamentari impresentabili

Indagati, condannati, arrestati, riciclati, candeggiati... Il peggior Parlamento della storia repubblicana. Con deputati e senatori non eletti dai cittadini, ma nominati dai padroni dei partiti. Il catalogo è questo: in ordine alfabetico e aggiornato periodicamente. Suggerisci il tuo parlamentare all'indirizzo:
sloweb@societacivile.it

Personaggi che sono stati coinvolti in vicende di corruzione Personaggi i cui...

paolo cacciavillani Commentatore in marcia al V2day 06.11.06 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe , ci sei riuscito !
Hai gettato la pietra nello stagno ed hai dato una mossa alla Coop .
Ti ringrazio per l' occasione che dai di far emergere l' iceberg non tanto per il tuo consiglio di vendere agli stranieri l' Esselunga.
Per fare veramente concorrenza alla Coop esiste già una Lidl. E' un altro il problema che pongo .
L' affermazione "La Coop sei Tu " fino a che punto è veritiera ? Fino a che punto c' è vera democrazia in Coop ? Fino a che punto c' è spazio d' intervento da parte dei soci per avere veramente una cooperativa di sinistra e non una catena di supermercati come tante altre ?
Una Cooperativa di CONSUMO deve occuparsi PRINCIPALMENTE dei soci in quanto consumatori .
Il Sociale ed il solidale non deve divenire il primo scopo della Coop . Se c' è spazio anche per quello ... ben venga ma innanzitutto preoccupiamoci di far contenti i dipendenti Coop con contratti diversi dal contratto del commercio che esprimano il significato di sinistra .
E poi, preoccupiamoci delle classi lavoratrici che hanno costruito la Coop negli anni passati e che a fatica arrivano alla fine del mese .
Diamo loro beni di prima necessità a prezzi vantaggiosi in modo che non vengano allettati dalle offerte delle grandi catene di supermercati estere . Ritorniamo alle radici e saremo più sinistra ( anche se con meno voti ).
Ciao a tutti e considerate questo mio commento come un pungolo a migliorarci . Guido

Guido Bonetti 06.11.06 16:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non posso credere ai miei occhi!!!!Ieri, mentre entravo nella facoltà di Economia dell'università La Sapienza di Roma, mi sono imbattuto in un cartello sul quale si annunciano degli incontri per festeggiare il centenario della suddetta facoltà. Pensavo che avrebbero invitato il premio Nobel Indiano che ha inventato il microcredito tra i poveri in India, che ha dato una vera etica al credito.Mi chiedo, allora chi saranno gli invitati d'onore per questa ricorrenza?
Sono scoppiato in lacrime; gli invitati sono(rullo di tamburi).....Geronzi e Romiti.
Signori se continuiamo di questo passo porteranno Moggi nelle scuole a parlare di calcio!
questo è il mio grido spero non solitario per dire basta a questa massa di CIALTRONI. grazie

Fabio Cangiano 06.11.06 16:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Yari Mazza 05.11.06 00:34

Non è mio fratello :)

ma concordo quando suggerisce forme di consumo aggregato e bene informato. E anche i produttori potrebbero venire incontro a questi gruppi con iniziative del tipo "bancomat del latte", come quello inaugurato in Emilia Romagna. La tendenza alla globalizzazione dei mercati punta esattamente nella direzione opposta, ma quante volte l'idea originale e di controtendenza si è rivelata un successo?

Facciamo un esempio, molto vicino alla realtà in cui vivo: i produttori di agrumi di Calabria e Sicilia. Tagliati fuori dalla grande distribuzione, male organizzati; per vendere i loro prodotti devono SPERARE che qualche "intermediario" si proponga per l'acquisto, ed ovviamente è lui a decidere il prezzo. Una volta era diverso: c'era la fila dei compratori per le arance e le clementine, e si vendeva bene.
Oggi il compratore arriva con la sua squadra di lavoratori ucraini (+ che probabile che lavorino in nero) ramazza quel che può - neanche tutto il raccolto - e ti mette un po' di soldi in mano. Se tutto va bene.

Possiamo continuare a sopravvivere, continuando così, oppure tentare di cambiare le cose. Non parlo di interventi assistenziali, di sterili finanziamenti a fondo perduto. Parlo di periti, di consulenza e assistenza alla vendita per le imprese agricole. I patronati presenti a macchia d'olio sul territorio fanno ben poco, in questo senso. Altri soldi buttati. RESET!

Alberto Mazza 06.11.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Bella lì, Sig.Antonio :)

Ma ti assicuro che gli elettori di sinistra il Sig.Prodi non lo hanno votato: le apparenze sono ben diverse dalla realtà un po' come il silenzio dei coniugi mortadella al cospetto dell'esibizionismo della nipote.
Il domandone finale (e qui sì che si vince la 'soppressata' calabra) è questo: ma secondo voi avranno pagato soldoni per esibirsi nelle trasmissioni radio-televisive oppure è stato il contrario?

Le trasmissioni sono state:

- Vespa
- Verissimo (sabato)
- Buona domenica
- Domenica In (solo il fido avvocato bau bau Taormina)
- Radio: Rtl 102.5 (presentazione del libro scritto in collaborazione con noto giornalista: lei dettava e lui scriveva - lui racconta che in virtù della stesura del libro, da colpevolista è diventato innocentista e bla bla altre stronzate del genere)

Ho il vomito: questo bellissimo paese non merita di essere gestito da questo finto perbenismo di politici cojoni.


Michael Levi 06.11.06 16:20| 
 |
Rispondi al commento


Molti dei messaggi postati parlano di cose che non conoscono. Coop è veramente il grande bacino elettorale dei DS. Non a caso il PRIMO provvedimento del neonato groverno Prodi, firmato PG Bersani, è stato quello di permettere loro la vendita dei medicinali nei supermercati.
E' un gruppo finanziario enorme, una vera multinazionale, che travestita da Cooperativa utilizza tutti i cavilli fiscali per pagare meno tasse, FINGERE di reinvestire gli utili e soprattutto avvalersi in modo ampio e massiccio del precariato tra i propri lavoratori.
Nel Sistema Italia di oggi Coop non è soltanto centrale, ma è quanto di più becero ci sia tra le realtà imprenditoriali.
Potrei andare avanti, ma mi fermo qui.

Giovanni da Verrazzano

Alessandro Zambelli 06.11.06 16:15| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe, come avrai notato, tocchi le coop e una parte dei tuoi fedeli uditori si indignano. questo è il vero animo della sinistra moderata italiana, non vogliono il cambiamento o l'innovazione, vogliono solo mantenere lo status quo, promuovere gli inciuci ed impedire che vinca il cavaliere, strumentalizzando il pensiero di gente onesta come te per promuovere la loro politica antiprogresso.
ma che fine hanno fatto i radicali, l'italia dei valori? tutti votati alla giustizia ed al progresso...perchè nn si fanno sentire adesso che c'è bisogno e che sono alleati di maggioranza?
ciao grazie.

claudio goldoni 06.11.06 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Capecchi, Lei sa che senza la camorra Napoli sarebbe ancora piú disastrata? Lei sa che senza la mafia in Sicilia non esisterebbero ne cantieri, ne palazzi, e in futuro manco il ponte?
Lei sa che in Calabria senza la 'ndrangheta ci sarebbe povertá assoluta? Lei sa che la Puglia senza corona unita sarebba la nuova Albania?
Lei sa che senza delinquenti le banche italiane sarebbero chiuse per mancanza di capitale?

Lei sa, caro il mio Signor Capecchio, che adesso l'Italia senza Berlusconi é come un'automobilina guidata con il telecomando da un bambino? Lo sa questo Lei? Ma comunque le batterie si consumeranno presto, a meno che il bambino non provi a far girare la macchinina nella vasca da bagno piena e bollente. E se la macchina affoghera, non possiamo dire che la colpa é stata del pargolo. No! Sa, signor Capecchio, i bambini sono innocenti ma mai bisogna dargli opportunitá di fare cose di cui non sono capaci, o mettergli'tra le mani dei giocattoli senza avvertenze sull'utilizzo degli stessi. Eppoi, Signor Capecchio, i bambini non hanno esperienze. Invece di un giocattolo diamogli pane e mortadella e se non vuol smettere di giocare con la macchinina, diamogli una scatolata Cirio in testa. Ecchecaspita, Signor Capecchio!

Gustamus est

Romano Antonio 06.11.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Signor Capecchi, Lei sa che senza la camorra Napoli sarebbe ancora piú disastrata? Lei sa che senza la mafia in Sicilia non esisterebbero ne cantieri, ne palazzi, e in futuro manco il ponte?
Lei sa che in Calabria senza la 'ndrangheta ci sarebbe povertá assoluta? Lei sa che la Puglia senza corona unita sarebba la nuova Albania?
Lei sa che senza delinquenti le banche italiane sarebbero chiuse per mancanza di capitale?

Lei sa, caro il mio Signor Capecchio, che adesso l'Italia senza Berlusconi é come un'automobilina guidata con il telecomando da un bambino? Lo sa questo Lei? Ma comunque le batterie si consumeranno presto, a meno che il bambino non provi a far girare la macchinina nella vasca da bagno piena e bollente. E se la macchina non affoghera, non possiamo dire che la colpa é stata del pargolo. No! Sa, signor Capecchio, i bambini sono innocenti ma mai bisogna dargli opportunitá di fare cose di cui non sono capaci, o mettergli'tra le mani dei giocattoli senza avvertenze sull'utilizzo degli stessi. Eppoi, Signor Capecchio, i bambini non hanno esperienze. Invece di un giocatto lo diamogli pane e mortadella e se non vuol smettere di giocare con la macchinina, diamogli una scatolata Cirio in testa. Ecchecaspita, Signor Capecchio!

Gustamus est.

Romano Antonio 06.11.06 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Signor Levi, come si permette di parlare di ingiustizia in Italia? Lei verrá denunciato dal prode Prodi per calunnia e attentato ar Mastellone. La signora Franzoni é si familiare del mortadellus no discutibus, ma non si é mai arricchita con i pelati, lei che amava i capelloni e tortellini. Mentre il presidente ha sempre amato i punti cirio, in special modo quelli che si potevano conservare nelle celle frigorifere svizzere. Lo sa lei, caro il mio Signor Levi, quanti punti ha conservato er "bicicletta"?! Non lo sa?! Beh, allora non insinui. Ma potrebbe dare una occhiata al conto Batavus in quel di Lugano e Andorra.

Viva la soppressata calabra(almeno sa di qualcosa).

Signor Levi, non si lamenti: avete voluto companatico e bicicletta?! Adesso pedalate.

Romano Antonio 06.11.06 15:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe Grillo, perchè scrivere cose prive di senso? Sai che le Coop hanno nel lor statuto l'obbligo di reinvestire gli utili nel sociale? Sai che senza le Coop molti cittadini farebbero ancora più fatica ad arrivare alla fine del mese? Sai che stai offendendo tantissimi soci?
Ahh.... non scordarti di ricevere le congratulazioni da Berlusconi & C.

Federigo Capecchi 06.11.06 15:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo, certo, vendiamo tutto agli stranieri, è così che faremo crescere l'Italia. Del resto già i signorotti rinascimentali, quando non riuscivano a mettersi d'accordo fra di loro, faceevano intervenire in Italia il re di Francia e l'imperatore. Risultato? Fame e carestie. Continuiamo così, facciamoci del male.

Luigi Gasperi 06.11.06 15:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i parlamentari che acquistano sostanze stupefacenti finanziano le organizzazioni mafiose e terriristiche

FUORI I NOMI

voglio sapere chi contribuisce al rafforzamento del cancro mafioso con i soldi dello stipendio parlamentare....

una campagna promossa da un blog-free

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 06.11.06 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo a cosa serve codesto articolo assolutamente privo di significato? Perchè non metti in evidenza che all'interno dello statuto delle Cooperative c'è l'obbligo di reinvestire gli utili nel sociale.
Ahhh..... dimenticavo vuoi sapere come ti stanno ringraziando Berlusconi & C.

Federigo Capecchi 06.11.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Francamente? Non ce nè po' fregà de meno....
Di più importante delle Coop ci stà un mondo intero come i coniugi d'Italia, nella fattispecie la sig.ra Franzoni, nipote dell'illustrissimo ministro Prodi alla quasi vigilia della seconda sentenza. Un week-end televisivo (compreso il venerdi) senza precedenti: alla faccia della legalità e della giustizia.

Michael Levi 06.11.06 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Caprotti è un mito!
L'azienda è sua e vende a chi vuole lui. punto

luca rossi 06.11.06 13:36| 
 |
Rispondi al commento

giovanni vestri (doppio velo)05.11.06 05:05

Giovanni, torna a letto!

Ti ho già detto che il computer del Cottolengo non serve per giocare!
Ti ho anche detto che non devi mai toglierti il pannolone; vedi che striscia di pipì e popò hai fatto dal letto al computer?
Questi poverini, ricoverati al Cottolengo li devi tenere d'occhio continuamente; Asciugati la bocca che ti cade un filo di bava sulla tastiera! Sbavi ovunque, che schifo!

Max Stirner PV

Max Stirner 06.11.06 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo chiudendo il cancello, dopo che sono scappati i buoi!!!
Ma cosa si vuole salvare oramai?
Abbiamo ceduto tutti i ns consumi a gruppi stranieri, qualquno si e' chiesto cosa comportera'
questo spostamento di capitali, nel giro di pochi anni? Crescera' ancora piu' velocemente il divario tra noi, e i ns vicini franco-tedeschi che si sono accaparrati la voce piu' importante nell'economia di uno stato I CONSUMI.
Abbiamo tutti l'illusione che cio' sia servito a liberalizzare i prezzi, che la concorrenza sia un beneficio per il consumatore, ci hanno fregati.
Oramai il mercato e' terra di conquista per i grandi gruppi, i quali ci sanno vendere molto di piu' di quello che ci occorre, calibrando periodicamente offerte che sono talmente vantagiose, tanto che spendiamo di piu' delle ns possibilita' pur di acquistarle.
Vi ricordate, una volta si andava alla bottega sotto casa, compravi quello che ti serviva veramente, spendevi il giusto, arrivavi a fine mese, ed eri soddisfatto.
Ora per risparmiare pochi centesimi ci siamo fatti coinvolgere da questa frennesia dello sconto, e riempiamo il carrello ai supermercati di tante cose inutili ma accattivanti, che sanno esporre bene, e puntualmete tanta roba verra' buttata perche' inutile.
L'unica cosa da fare, se non fossimo un popolo di fessi, sarebbe quella di boicottare i consumi in tutte queste insegne, che hanno fatto della ns nazione terra di conquista, e rimandiamoli a ....

salvatore de lorenzo 06.11.06 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Sempre pronti a pronunciarsi per il libero mercato, "aperti a ogni scalata" . Salvo poi chiudersi a riccio se si tocca in casa propria e che casa !!! . Bersani un po' di coerenza .. ti rammenti ? sei in Europa parla con Romano ti spieghera' tutto lui !! sarebbe bello che Esselunga rimanesse in italia ma se Tesco da di + devi cacciare fuori + soldi e' una legge di mercato ... a meno che intervenga Romano come ai tempi dell'alfa romeo .

sergio borgaro 06.11.06 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Non comprendo questo tuo accanimento politico.
Pensi veramente che una multinazionale in più in Italia aiuti l'economia domestica dei cittadini italiani?Semmai bisognerebbe sottolineare che le Coop e l'Esselunga non hanno nulla in comune,già le loro origini sono completamente differenti.Personalmente penso che l'economia in Italia è morta durante l'avvento di queste realtà commerciali,questa falsa ipocrisia che ci hanno venduto come 3x2 o prendi tutto e paghi tra 6 mesi...E poi ci si ritrova a parlare ancora di Iper-Mega-Super_magazzini,di volantini imbevuti di petrolio,che ci arrivano nelle nostre cassette postali e che ci illustrano che il bagnoschiuma pincopallo questo mese costa meno del mese precedente e la domanda nasce spontanea: perchè?
Cosa è cambiato?
Il sole era più caldo il mese precedente,quindi la pianta dalla quale viene sdradicata la radice,dalla quale viene estratta l'essenza pincopallo da manovali schiavi del madagascar,quella pianta era più verde di quanto non lo fosse questo mese,quindi non rispettava la normativa ics che impone che le piante di pincopallo non siano più alte di un metro.Pago un lettore LCD grigio metallizzato con lettore divX e velocità vicina a quella della luce 50 euro in meno che del negozio sotto casa,però poi faccio anche la spesa e compro degli spinaci verde militare che costano quasi due euro in più del fruttivendolo sotto casa,mi riempio il carrello di viti,bulloni,olio per la macchina,detersivi vari,scarpe,bottiglie e altre cazzate e,ma solo alla fine mi dico: ho speso un casino di soldi,però,ho sicuramente risparmiato.E me ne ritorno a casa soddisfatto,mi infilo nel traffico infernale dell'uscita dell'Iper-Mega_parcheggio con la consapevolezza che metà della roba in offerta che ho comprato in realtà non mi servirà mai nei prossimi cento anni e che a cena stasera mangerò gli spinaci verde militare appena comprati con il loro sapore "insapore"e nasconderò la mia tristezza mandando a fanculo i negozi sotto casa.
mv

massimiliano.vender 06.11.06 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Credo proprio che questa volta Beppe si sia fatto un autogol. Da un lato si pretende di consigliare l'acquisto presso i negozi rionali e dall'altro si critica l'autodifesa dell'Italia nei confronti di saccheggiamenti sul ns. territorio da parte delle multi nazionali, le pricipali cause del forte concentramento della distribuzione nelle mani di pochi a danno dei molti e degli stessi negozi rionali, costretti a chiudere a causa della concorrenza sleale praticata dai grossi centri di distribuzione. Il prezzo più basso a tutti i costi comporta, come molti altri hanno già scritto, una pressione dei prezzi sul produttore, ridotto ormai agli estremi, pressione sugli stipendi in modo generalizzato, non solo nei confronti dei dipendenti dei grandi magazzini (se non vado errato proprio su questo Blogo venne raccontata la storia di un impiegato Lidel costretto alla fame dal suo datore di lavoro) ma anche nei confronti di coloro che lavorano nella filiera produttiva. Risultato: anche se fosse vero che il consumatore avrebbe comprato le cipolle a 5 ct. in meno è altrettanto vero che lo stesso consumatore perderebbe molto di più nella sua busta paga (magari anche il proprio posto di lavoro) di quanto risparmiato sulle cipolle.
Forza Bersani, forza Prodi
datevi da fare a conservare qualche angolo della ns. bella Italia per gli Italiani.

Ubaldo Stendardo 06.11.06 12:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Speriamo proprio che tesco ce la faccia.
Ho vissuto per un po' di tempo a Londra, dove ho potuto apprezzare la qualita' dei prodotti e dei servizi Tesco. Proprio in quella occasione , single, privo di mezzi di trasporto e con pochissimo tempo, ho potuto conoscere , apprezzare e sfruttare il servizio di spesa on-line. Il sito di tesco e' eccellente, la spesa e' un piacere, veloce senza distrazioni, con offerte chiare e convenienti( considerato il fatto di essere a Londra!!). Un servizio del genere, una volta in italia, non l'ho piu' trovato e lo rimpiango. Continuo a fare la spesa on-line, al supermercato non ci voglio andare, e' un casino e si perde un sacco di tempo. Ma non vedo l'ora di avere un servizio Tesco a disposizione. Bersani e Prodi si vede che non vanno a fare la spesa.. capirebbero che in barba all' "italianita'" ci sono cose che al portafoglio degli italiani interessano di piu'!!

Marcello De Lorenzi 06.11.06 12:25| 
 |
Rispondi al commento

x Prone Umberto,
anche Beppe, conclude affermando....
....alla faccia delle liberalizzazioni di Bersani!!!
Vedi, al di là del significato etimologico dei vari termini (liberalizzazioni, privatizzazioni ecc. ecc.) quel che si voleva rappresentare è abbastanza chiaro: questo governo, con i vari interventi in campo economico (vedi caso Telecom, concentrazioni bancarie ed adesso caso Esselunga) crede ancora nell'intervento statale nell'economia e nella necesità di dirigere verso "gli amici" le grandi aziende e/o gruppi in vendita a condizione di favore.
Caro KomuProneUmberto, il libero mercato...E' TUTTA UN'ALTRA COSA!
Probabilmente farai parte della folta schiera di privilegiati e servili sostenitori di questo governo, ma noi abbiamo ancora un cervello, e non l'abbiaamo ancora bevuto!

Giovanni bet 06.11.06 12:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Personalmente non sono d'accordo. Non sono assolutamente convinto che la ricetta + GDO = + convenienza sia assolutamente una favoletta che andrebbe talvolta smentita. Che più multinazionali = più concorrenza.
La GDO rappresenterà pure una opportunità per i consumatori, ma non in Italia. Troppa GDO = meno libero mercato. Le multinazionali operano per realizzare utili a due cifre (e qualche volta anche a tre) e distribuire dividendi ai propri azionisti e non per fini umanitari.
Fingono di sfidarsi a colpi di offerta ma alla fine il popolo bue si mette in fila per risparmiare 50 Euro su un LCD di cui potrebbe fare a meno e non si rende conto che paga il 50% in più su frutta e verdura, dal 15 al 20% in più su la maggior parte degli articoli, fa 40 minuti di fila alla cassa per acquistare una pizza surgelata prodotta con surrogati di dubbia provenienza e dimentica il piacere di fare la spesa al mercato rionale, o fare shopping all'aria aperta. No non sono d'accordo con la politica dei centri commerciali, dell'Hiperhiperhiper a tutti i costi dove alla fine esci col carrello pieno di cose che non dovevi comperare e che hai pagato salatissime.
Vado un pò fuori traccia ma quando mi capita di entrare in un centro commerciale di domenica e vedo come è ridotta la gente comune mi viene da piangere. Non so voi.
Ciao a tutti.

massimiliano marino 06.11.06 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
sono un addetto ai lavori del settore e seguo la vicenda di Caprotti e tutto il panorama della grande distribuzione italiana.
Che poi italiana non lo è che in parte, poichè Auchan - Carrefour - Leclerc (tre grandissime catene francesi) i discount tedeschi ed altre strutture varie hanno ben radicato nel territorio la loro politica commerciale.
Che non tutela dipendenti e consumatori come le aziende italiane, che siano agevolate fiscalmente perchè cooperative, che siano "padronali" come Esselunga.
La concorrenza su prezzi e diminuzione dei costi è altissima, non è pensabile che Tesco o chi per lui possa sbarcare in Italia e portare un nuovo verbo.
Potrà solo che snellire la struttura acquisita, per fare posto alle proprie intelligence ed ai loro parametri di effcienza che prevedono molti meno dipendenti per punto vendita.
SI chiamano licenziamenti.
Coop ed Esselunga sono due mondi lontanissimi, due diversi modi di affrontare la grande distribuzione in Italia, ma entrambi, sicuramente per ragioni distinte, encomiabili; il rammarico è la consapevolezza che nell'unione si ricaverebbe un gruppo con potere di contrattazione tale da poter veramente esercitare un atto di forza verso le aziende produttrici per limitare al massimo i costi dei prodotti e riversare il guadagno nella politica dei prezzi di vendita (peraltro, le due catene sono già più convenienti di quelle straniere sopracitate).
Vi leggo quotidianamente e sempre con piacere, un saluto affettuoso.

fabio bucciantini 06.11.06 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco cosa ci sia di male se Coop vuole acquistare Esselunga, visto che Esselunga è in vendita. Coop è la catena di distribuzione migliore che abbiamo in Italia, quindi perchè bocciarla a priori???
Vorrei ricordare che Coop è stata la prima grande distribuzione a dare spazio sui suoi scaffali ai prodotti del commercio equo e solidale (e si trovano sempre, tutto l'anno, tanti prodotti non solo 2 o 3!) e al biologico (un kg di pasta bio coop costa meno di 1 kg di pasta Barilla non bio, per esempio). Inoltre è la prima che ha intrapreso una campagna di riduzione degli imballaggi (qui http://www.coop.it/portalWeb/consumatoriHome.portal;jsessionid=FPNvi7cSEyP1MKBSav6yTJo2epf11HgwW5By1g2d5SXkeNOtJygC!1431919417?_nfpb=true&_pageLabel=consumatoriHomePivot&cm_path=%2FCoopRepository%2FCONSUMATORI%2FCoopItalia%2Fdocumento%2Fdoc00000035649&ID_PIVOT=1377&ID_SEZIONE=31&PATH_ANTICIPAZIONE=%2FCoopRepository%2FCONSUMATORI%2FCoopItalia%2Fanticipazione%2Fant00000035655&ID_NUMERO=14&ID_EDIZIONE=0 potete trovare qualche notizia più precisa), di utilizzo del PLA (materiale derivato dal mais) per i propri shopper, ed è arrivata anche a costruire un punto vendita a Rimini ad emissioni di anidride carbonica pari a zero.
I prodotti Coop vengono testati dai soci prima di essere messi in commercio e passano attraverso rigorosi standard di qualità che li garantiscono sotto molteplici aspetti, non ultimo quello di non essere realizzati con lavoro minorile o da lavoratori in situazione di sfruttamento.
Coop è stata la prima distribuzione a mettere in commercio il latte in polvere per bambini ad un prezzo veramente basso (9 o 10 euro al kg) al quale si sono poi affiancati moltissimi altri prodotti per l'infanzia.
Insomma Coop non mi sembra proprio lo spauracchio paventato da Beppe, anzi tutt'altro.

Chiara S. 06.11.06 11:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho lavorato in Esselunga e l'impressione che ho avuto di Bernardo Carprotti è quella di un imprenditore che ha sempre cercarto di fare crescere la propria azienda. Ha affidato l'azienda al figlio e dopo qualche anno ne ha ripreso in controllo perchè non è soddisfatto del suo operato. Mi sembra quindi che il suo intento sia preservare quanto lui ha creato nel corso degli anni. Se oggi sta per vendere ad un gruppo straniero per me significa solo che non ha tra gli imprenditori italiani interlocutori credibili e questo dovrebbe farci riflettere molto.

Marco Senesi 06.11.06 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, prima di tutto vi garantisco che i prezzi della grande distribuzione sono gli stessi in Italia come in Svizzera (articolo piu', articolo meno), e tenete presente che sono responsabile di un negozio di una catena di articoli sportivi a Lugano e fino a pochi anni fa lavoravo a Varese, stesso ramo. e poi, credete che se un gruppo straniero rileva Esselunga abbassa i prezzi? Ma quando mai?!! Li adeguera' al mercato italiano. Mi dispiace solo per i dipendenti che sicuramente avranno ripercussioni su mansioni e salari. Anche se un po' di manager in meno delle nuove leva italiana non fanno male... I prodotti saranno sempre comprati in Italia, ma la qualita'... Piuttosto dite a Prodi e co. che se vogliono Esselunga devono pagarla in regime di libero mercato, non come monopolio.

Galli Ferruccio 06.11.06 11:23| 
 |
Rispondi al commento

@ Federico Papagni 06.11.06 09:43

Non è per far polemica, eh, ma io all'Auchan di Rescaldina (prossimità Saronno) trovo un sacco di prodotti tipici italiani a prezzi ragionevoli, dal mirto di Sardegna alla "neonata" calabrese... Tutta roba che all'Esselunga e al Bennet non trovi o paghi di più. Non so se questo sia valido solo per la Lombardia, ben inteso, ma qui è così. Tra l'altro, sempre all'Auchan riesci spesso a trovare cose del tipo ricariche di sapone liquido di 3 o 5 litri, buono, che costa poco e ti dura una vita, è ecologico (compri una sola ricarica invece di 3 o 4 flaconi) ed estremamente economico. Al bennet, ad esempio, cose così non le trovi nemmeno se implori!

Elena Bianchi 06.11.06 11:09| 
 |
Rispondi al commento

@Luca Chierici 06.11.06 10:38

Eh no, non è mica vero. Il caffè, ti do ragione, costa più in un bar svizzero che in Italia, ma io, che vivo nel varesotto e lavoro nel comasco, a comprare le scarpe e spesso anche degli abiti vado in Svizzera. Perchè costa meno. Ti invito a fare un salto da Butti a Como, piuttosto che da L'Artigiano, o anche solo da Bata, e confrontare il prezzo di un paio di stivali con un simile paio venduto nella Confederazione... La carne, in Svizzera, costa come se fosse placcata oro, ma molti altri prodotti, dal latte allo yogurt, per non parlare del famigerato latte in polvere per neonati, passando per il muesli ed alcuni biscotti, sono convenienti rispetto ai simili venduti in Italia. E spesso più buoni. In Svizzera sì che vado alla Coop o alla Migros, ma perchè alla qualità coincide un buon prezzo. Qui in Italia saranno almeno 10 anni che non metto piede in una Coop e l'Esselunga è, per rapporto qualità-prezzo, la migliore secondo me, ma se ora vendono...chissà!
Ciao.

Elena Bianchi 06.11.06 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,

forse t'è sfuggito che:
- la grande distribuzione è già quasi tutta nelle mani degli stranieri (perlopiù francesi);
- la sua cessione non ha portato alcun vantaggio nei prezzi;
- in compenso, nelle fasce basse di prezzo sono diminuite le referenze italiane e sono aumentate quelle d'importazione.

TRADUZIONE:
- diminuzione di posti di lavoro italiani per la gestione dei market;
- diminuzione dell'accumulo di capitale italiano per la spartizione dei guadagni derivanti;
- diminuzione dei posti di lavoro italiani nelle aziende produttrici di beni venduti nei market italiani.

Se ti sembra una buona soluzione, lascia pure che l'ennesimo riccone capitalizzi i suoi beni a discapito dell'intera società.

Francesco Lucchetta 06.11.06 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me Esselunga non ha rivali. Ammetto di non mettere piede in una Coop da anni (dove vivo e lavoro non ce ne sono...), ma Auchan, Bennet e Despar hanno o prodotti più cari, o prodotti più scadenti, o entrambi. Mi spiace quindi, e molto, che il proprietario di Esselunga voglia vendere, in quanto ritengo che una vendita comporti sempre cambiamenti, spesso in negativo (non ultimi, licenziamenti a catena). Per quanto riguarda l'ingerenza di Coop e, peggio ancora, la presa di posizione di politici che di ben altro dovrebbero occuparsi, non posso far altro che criticarla. Dal poco che ne so di mercato, vi è una domanda ed un'offerta; io vendo una cosa, propongo un prezzo, se ti sta bene la compri, altrimenti la comprerà qualcun altro. Se questo qualcun altro è straniero, saranno fatti miei. Cos'è, sono razzista se non lascio entrare un marocchino nel mio bar (e certo che sono razzista!!!) ma non sono razzista se non vendo la mia società ad un inglese? In questo caso difendo l'"italianità"? Ma fatemi il piacere, va! Che i politici pensino a sanare casini come la malavita a Napoli, il precariato in tutta Italia, il problema dei rifiuti, i guai dell'energia e dell'inquinamento, le magagne di TFR e pensioni invece di gettar tempo e fiato dietro a problemi che non li devono riguardare! Che lavorino invece di cianciare!

Elena Bianchi 06.11.06 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe

Qui devo contraddirti. Gli Italiani che vanno in Svizzera a fare la spesa? Ma se qua (in Svizzera!) costa tutto il doppio o il triplo (Solo il caffe a 3 Euro 50!!!) fai un po tu...

ANZI: Noi qui in svizzera andiamo all'estero a fare la spesa (chi in Germania, Austria, Francia e, da non crederci: Italia!)

E non solo perche costa meno. Ma anche perche la qualita e 3 volte meglio!

Percio:
C'e anche qualcosa di buono in Italia. Non e tutto solo negativo.

Ciao e buon lavoro
;-)

Luca Chierici 06.11.06 10:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Premesso che sarebbe auspicabile che un po' della grande distribuzione resti in mano italiana, penso sia inaccettabile in un paese libero cercare di imporre a un imprenditore a chi deve vendere la sua azienda. E guarda caso il sinistro governo degli amici Coop VUOLE FARE VENDERE LA ESSELUNGA ALLA COOP.
Ma si, perchè non fanno un altro bel decreto Bersani sulle liberalizzazioni che contenga una piccola norma che dice: il sig. Caprotti può vendere la sua azienda solo alla Coop.
Questa è la concezione del libero mercato di questo governo di centro-sinistra-stalinista.

roberto reggiani 06.11.06 10:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe e ciao a tutti,
sono anni che lavoro per una ditta che fa controlli di assicurazione qualità alle GDO ed in particolare alle Coop della Toscana; conosco anche le realtà degli altri distributori oltre a Coop...
Posso assicurare che Coop oltre che apoparenza è anche sostanza!! per gli altri è soprattutto vero il contrario!

Da qualche anno Coop in Toscana sta facendo i salti mortali per ridurre i costi e spesso il personale è ridotto all'osso ma, la qualità rimane a livelli elevati ed il numero di controlli che vengono fatti è elevatissimo, nell'ordine di 5-6 volte in più dei concorrenti; per non parlare delle pulizie giornaliere che sono molto buone.

Nella mia città la concorrenza tra le GDO è una realtà da anni, oltre a Coop sono presenti: Conad, Pam (ex Superal), Carrefour, Esselunga, Metro.... e tutti in una citta piuttosto provinciale e con distanze tra i vari negozi di 3-4 chilometri al massimo... insomma mi sembra una situazione di concorrenza reale.
Coop non solo regge il colpo alla grande sui prezzi ma anche sulla qualità!

In definifitiva il mio giudizio, forse di parte, ma nache di una persona ben dentro i sistemi delle GDO, è che per il consumatore critico attento a qualità, etica e prezzo... Coop è la migliore!!

Se ci sottomettiamo solo alla necessità di prezzi più concorrenziali e cioè più bassi la prima cosa che perderemo, è la qualità!!

Mi piacerebbe, poi, sapere come una ditta estera possa fare ad essere concorrenziale coi prezzi Italiani e cioè con coloro che producono i migliori prodottia alimentari al mondo... ho la sensazione che i prezzi saranno sì bassi ma ci trovremo di fronte al finto parmigiano, al finto prosciutto, al finto vino etc. etc. Di altri prodotti non parlo nemmeno perchè penso si possa sopravvivere anche senza DVD da 30 euro e telefonioni da 50 euro....


Attenzione a ciò che si desidera... potrebbe capiterae di ottenerlo!!!!!

Stefano Ribaldi 06.11.06 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come al solito noi italiani riusciamo a fare polemica di tutto. Se il sig Caprotti ha deciso di vendee Esselunga alla Tesco lo faccia.
Se poi la Tesco sarà più cara della Coop andremo
a far spesa alla Coop. Se sarà più a buon mercato
andremo alla Essetesco..

gabro solari

GABRO SOLARI 06.11.06 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Io vivo in Toscana. Vicino casa mia, nel giro di 1 kilometro scarso, vi sono Esselunga e Coop. Riconosco che l'Esselunga ha una varietà di prodotti superiori e che, magari proprio per questo, deve mantenere un immobilizzo di capitali superiore a quello della Coop, ma proprio per questo i suoi prezzi sono mediamente più alti di un 10/15% di quelli della Coop. Divario che aumenta ancora se compri prodotti a marchio Coop

pone umberto 06.11.06 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Io vivo in paese dove non è presente Esselunga ed effettivamente i prezzi COOP sono più alti a volte anche del 15/20% infatti per risparmiare vado all'Esselunga a Milano od altrimenti AUCHAN ma siccome dirla cosi sembra facile vi cito 2 prodotti Chinò S.Pellegino Esselunga 0.89 Coop 0.99 (+12%) cibo per cani petigree esselunga 0.89 Coop 1.09 (+19%) e via dicendo, Magari il sig. Caprotti sarà un personaggio discutibile almeno quanto lo sono CONSORTE BERSANI PRODI E COMPAGNI(A) io sono un consumatore e se i sinistroidi permettono vado dove spendo meno.

MARIO PARRINI 06.11.06 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Volevo fare chiarezza a coloro che sono intervenuti nel Blog , che non sono del settore , per spiegare quali insegne sono italiane e quali straniere e cosa è discount e cosa è marca.
Dopo la meteora Benetton la GS e l'Euromercato sono stati venduti a CARREFOUR(FRA).
La SMA del gruppo IFIL(fam.Agnelli)è stata la possibilità per AUCHAN(FRA)di entrare "tranquillamente"nel mercato italiano,ricordiamo Rescaldina(un Iper vicino alla discarica,già finito ma non apribile per la regione fino all'acquisto di SMA.
La Standa ex stato poi del nano di Arcore e poi Franchini(ex patron dei supermercati Brianzoli,sempre acquistati dal pidduista)ora passati a BILLA(A).
I supermercati e ipermercati vendono prodotti di marca e a marchio del distributore(prodotti da aziende di marca)i discount nel ns paese con controlli a maglie larghe distribuiscono in molti casi prodotti ai limiti della legalità.
Altra insegna straniera in Italia è LIDL (D).
Insegne italiane:
COOP-FAMILA-A&O-SELEX-SIDIS-SIGMA-SISA-CONAD-BENNET-LEON-IL GIGANTE-ECT.
Ritengo che Esselunga sia opportuno rimanga italiana per salvaguardare i piccoli e medi produttori alimentari ancora non in mano alle multinazionali straniere e che annaspano perchè vessate dalla distribuzione straniera che promuove solo prodotti delle loro terre.

Federico Papagni 06.11.06 10:19| 
 |
Rispondi al commento

ne parla anche Grillo.

Claudio Broggi 06.11.06 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Non sono così d'accordo con la proposta di vendere agli inglesi, e non credo che questa mossa di mercato permetterà di far calare i prezzi. Io sono stato in un supermercato Tesco in Inghilterra e possa assicurare che era tutto fuorchè economico. Inoltre si sà che le grandi aziende non si mangiano a vicenda se non gli conviene farlo: la concorrenza in questo caso non funziona, in quanto anche il nuovo supermercato allineerebbe i suoi prezzi rispetto al mercato italiano. E poi è così giusto vendere una per una tutte le nostre aziende? Gran parte dell'economia italiana la fanno le aziende italiane, perchè venderle? Alla fine ci ritroveremo solo con un pugno di mosche....

Ivan Pezzotta 06.11.06 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Ha ragione Patrick.Secondo me se la compra la Tesco applicheranno gli stessi prezzi.Non è che la Tesco entra nel mercato italiano e per accaparrarsi nuovi clienti abbassa i prezzi, ma la Tesco compra Esselunga e probabilmente manterrà gli stessi prezzi...

Marco Scarpa 06.11.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento

qui bolognga ci sono 3 ipercoop, 3 esselunga 1 pianeta-leclearc e 1 carrefour più una svariata serie di skm ma di vantaggi neanche l'ombra perchè i prezzi sono tutti uguali. avrai dei prodotti più vantaggiosi a volte da una parte che dall'altra ma mai uno che si distingua per la sua convenienza per tutto l'anno. rimangono i discount ma anche fra di loro è la medesima solfa

stefano corazza 06.11.06 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
attento a come e cosa scrivi!
Hai toccato un tasto dolente e rischi di inimicarti l'80% dei partecipanti a questo blog.
Per quanto mi riguarda, hai solo ribadito l'OVVIO, quello che già tutti sanno, e che cioè questo governo è culo e camicia con l'enorme e vasto sistema delle coop rosse.
Adesso qualcuno forse capirà anche le critiche che da qualche parte si sollevarono su quello che sembrava essere il provvedimento più "piaciuto" di questo governo: le liberalizzazioni di Bersani. Da più parti si fece notare che è facile iniziare dai tassisti e dai farmacisti (x giunta a favore della vendita dei farmaci nelle coop), ma aspettavamo Bersani alla vera prova prova sulle liberalizzazioni, quelle che contano davvero...
L'argomento di quest'oggi dimostra che probabilmente anche su quest'argomento si applicherà il doppiopesismo di questo governo!
Purtroppo, come ti accennavo, ti inimicherai gran parte dei tuoi lettori; i quali, da buoni KO.munisti, sono bravissimi a linciare gli avversari, ma assolutamente INCAPACI di dimostarre un pò di obbiettività quando si è di fronte alle malefatte dei propri politici.
In giro si trova persino gente che sta cercando di giustificare questa finanziaria...
Ma come si fa? E' come beccare un ladro con le mani nelle tue tasche e cercare di giustificarlo...

Giovanni Bet 06.11.06 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da noi l'IPERCOOP è rimasta chiusa, ufficialmente per ristrutturazione, ben due mesi.
Peccato che qualche militare dell'arma si sia lasciato sfuggire che la chiusura era dovuta a prodotti gastronomici(prosciutti) risultati tossici.
Questo ad esselunga non capita, forse perchè la sua dirigenza è stata selezionata in base alle capacità e non al partito d'appartenenza.

mauro di destra 06.11.06 09:50| 
 |
Rispondi al commento

In Italia non esiste concorrenza, perchè se ci fosse non ci sarebbe un continuo rialzo dei prezzi....i pochi proprietari della distribuzione alimentare (ma non solo....la stessa cosa avviene nell'informazione, nella telefonia, ecc...) hanno abbastanza potere (e malizia) da formare un vero e proprio 'cartello', nello stile dei narcotrafficanti colombiani.
Ovviamente la Coop, come le altre, è una ditta che vive di profitti e cercherà di fare sempre quello che è meglio (per sè...). Tuttavia, come hanno già fatto altri in questo blog, vorrei sottolineare come in alcune cose questa catena di distribuzione sia diversa dalle altre nell'attenzione alla qualità, al biologico, al commercio solidale, eccetera....
Ricordo un episodio di una decina di anni fa : la Coop si rifiutò di acquistare e vendere gli ananas di una notissima marca perchè si era scoperto che in alcune delle loro piantagioni africane venivano utilizzati ragazzini, sfruttati, sottopagati e fatti lavorare come muli da soma. E' una cosa da poco? Forse, ma intanto le altre distribuzioni se ne sono altamente fregate e hanno continuato a vendere quegli ananas.......
Un saluto a tutti

Giovanni Giliberti 06.11.06 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Grillo,
Sono del settore distribuzione organizzata da due generazioni e faccio parte di un centrale di acquisto alleta con Esselunga.
Devo dirti che il patrimonio di know-how del mercato italiano di Esselunga è prezioso,la società è all'eccellenza del servizio e del rapporto qualità/prezzo .
Detto questo , bisogna sapere qual'è il problema che una catena italiana vada in mano straniere.
Non si tratta di campanilismo ma di politica economica, infatti come abbiamo già visto in altre drammatiche occasioni (Auchan e Carrefour),promuovono prodotti francesi a discapito dei piccoli produttori italiani , sono infatti loro gli ambasciatori dei prodotti francesi all'estero (Carrefour è il secondo distributore mondiale , dopo Wal-Mart).
I prodotti tipici, le piccole e sane aziende italiane sono destinate a morire in un mercato della distribuzione straniero .
In uno dei tuoi spettacoli , mi colpì molto una tua frase " Signori !! La vera politica si fa al supermercato !" .
Rifletti su quanto hai detto .
Esselunga sarebbe opportuno che rimanga in mani italiane , per la ns economia e per il futuro della ns cultura del mangiare che abbiamo esportato purtroppo solo con i ristoranti , ma non con la distribuzione , ora infatti molte aziende multinazionali estere producono intrugli con la bandiera italiana disegnata sopra , senza che nessuna sua materia prima tantomeno lo stabilimento abbia MAI visto l'Italia.
Abbiamo perso troppi treni per esportare la distribuzione all'estero ma almeno in Italia salvaguardiamo i prodotti italiani.
L'esasperazione dell'avere SEMPRE (qualsiasi stagione)TUTTO AL MINOR PREZZO ha già fatto molti danni nell'alimentazione umana:
ricordiamo Metanolo nel vino
ricordiamo Mucca pazza nella carne
ricordiamo l'accettazione dei governi alle diciture degli ingredienti pressappochiste.
Ciò che risparmiamo sul cibo purtroppo lo ripagheremo in farmaci,business is business.
Ora non sò se sia giusto che Esselunga vada alla Coop ma rimanga in Italia

Federico Papagni 06.11.06 09:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sa che Beppe abbia toppato, questa volta. L'Italia è già colonizzata dalla grande distribuzione francese (Carrefour, Auchan) o tedesca (quei simpaticoni della Lidl), o di non so che altro Paese (Bennet, Leroy Merlin ed altri) quindi, almeno in teoria, i prezzi dovrebbero già essere "europeizzati". Il fatto che i prezzi da noi siano più alti va ricercato non nella scarsa concorrenza, ma piuttosto nelle carenze infrastrutturali del Belpaese.

solia nicola Commentatore in marcia al V2day 06.11.06 09:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se entri nei supermercati Auchan ed altri simili trovi moltissimi prodotti importati a prezzi concorrenziali (alla decatlhon è tutto estero o quasi): sarebbe la concorrenza? Quelli che vengono in Italia lo fanno perchè si guadagna di più e non per esportare concorrenza. Fruttagel dovrebbe vendere i suoi prodotti nei supermercati italiani che sono pieni di succhi di frutta fatti chissà dove. In sintesi sono favorevole alla acquisizione di Esselunga da parte dell'unica realtà della grande distribuzione ancora italiana.

pietro fantuzzi 06.11.06 09:42| 
 |
Rispondi al commento

LA COOP DA LAVORO AD OLTRE 300 MILA PERSONE. HA IN ASSOLUTO I MIGLIORI E MENO COSTOSI PRODOTTI ALIMENTARI SUL MERCATO ITALIANO. E' DI PROPRIETA' COLLETTIVA, E REINVESTE TUTTO IL PROFITTO IN ALTRE ATTIVITA'. CAPROTTI E' IL MAGGIOR FINANZIATORE DELLE CAMPAGNE ELETTORALI DEL PICCOLO PIDUISTA-MAFIOSO, NEI SUOI NEGOZI SI PRATICA UNA COSA MOLTO SIMILE ALLO SCHIAVISMO, ED E' PERSONA CHE NN SI FIDA DEI PROPRI FIGLI. PERO' PER GRILLO I DUE PARI SONO. MAH...... SALUTI

Francesco Manfredi 06.11.06 09:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Premetto che non sono un espertissimo di economia, ma secondo me il problema stranieri si/stranieri no è secondario. Prima deve esserci CONCORRENZA VERA. Altrimenti rischiamo di far entrare gente che (chiamala scema) si adegua subito e non cala nessuna tariffa.
Esempio: BNL ora è in mano straniera (BNP PARIBAS), ma a parte il nuovo logo le spese sono sempre quelle, le commissioni pure e i servizi anche.
Insomma qui ci vuole VERA CONCORRENZA, una volta instaurato un regime di reale LIBERO MERCATO venga chi vuole, ci stanno bene tutti.

Patrick De Angelis 06.11.06 09:32| 
 |
Rispondi al commento

solo una persona ignorante o in mala fede come il miliardario indignato di professione può scrivere certe cose. Si informi il miliardario indignato di professione sul mercato della grande distribuzione in italia, si informi il miliardario indignato di professione su chi è Caprotti (lo chieda ai di lui dipendenti), si informi il miliardario indignato di professione su cosa ha significato, che so, per l'Argentina, ragionare come ragiona il miliardario indignato di professione (vengano, le multinazionali, a portare "concorrenza"). Ma forse il miliardario indignato di professione queste cose le sa, solo che le potenzialità di spesa del vasto mercato del destrume populista interessa anche a lui, non solo a Pansa.

luigi d'artibale 06.11.06 09:26| 
 |
Rispondi al commento

MA .... IL CONFLITTO DI INTERESSI ??? NON ERA PRIORITA' DI QUESTO GOVERNO FANTOCCIO ??? (FANTOCCIO COME IL SUO PRESIDENTE) !!!!

CMQ IL CONFLITTO VERO E' QUELLO DELLE COOPERATIVE ROSSE !!!!

IO NON HO VOTATO PER ROMANO PRODI

ROBERTO

Roberto Vidori 06.11.06 09:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La vera concorrenza fa male. Fa male soprattutto alla Coop che dovrebbe cambiare politica dei prezzi. Ora naviga in una sorta di oligopolio in cui a farne le spese sono prima di tutto i piccoli e medi produttori che per poter vendere i loro prodotti sul mercato al dettaglio, devono quasi sempre passare per la grande distribuzione che impone spesso condizioni quasi insostenibili con margini ridicoli. Ci perdono i cittadini perchè i produttori per potersi accollare margini esigui vanno a incidere necessariamente sulla qualità dei prodotti. Sappiate che le offerte speciali dei supermercati il minor guadagno è per il produttore e non per il distributore. Nei supermercati tutto è pianificato e studiato per far spendere di più il consumatore. Quando c'erano i piccoli negozi i prezzi del singolo bene erano più elevati, ma di certo la qualità era migliore e aundo si andava ad acquistare si comprava solo quello di cui si aveva davvero bisogno. Andesso con le offerte speciali spesso ci si riempie il carrello di roba assolutamente inutile e si comprano quantità di cibo che spesso si getta o si è costretti a consumare in tutta fretta prima della data di scadenza.

P.S:: avete notato che comincia, poco a poco a rinascere la piccola distribuzione?

Massimo Toni 06.11.06 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè, c'è ancora qualcuno che è convinto che liberalizzare in Italia serve ad abbassare i prezzi?
Sembra proprio che le compagnie straniere non aspettino altro che entrare nel mercato italiano per adeguarsi ai prezzi (e ai guadagni)di quelle italiane. Girando un pò per l'Europa (Austria, Germania, Francia etc.)ci si rende conto che persino i prezzi dell'ortofrutta sono più bassi rispetto ai nostri (parlo soprattutto per il nord italia. Perfino dall'alto adige vanno ad acquisare in Austria perchè trovano i prezzi più convenienti!Noi siamo vacche da mungere, il problema è che il latte sta finendo..

alberto rossi 06.11.06 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Il protezionismo Italiano fa bene a pochi e male ai cittadini, i quali ne hanno solo guai, basta vedere il crack Parmalat, le vicende Cirio,Alitalia ecc...
L' unico protezionismo che i nostri politici devono imparare a efettuare è sulla tutela dei nostri beni culturali, dei nostri prodotti tipici di qualità, l'Italia sta andando avanti grazie al turismo, e in questu ultimi 5 anni siamo passati dal paese più visitato al mondo, al quinto posto tra i paesi più visitati.
le cause :
1-Prezzi troppo elevati
2-Abbandono del patrimonio artistico e culturale
3-Mancanza di tutela dei prodotti di qualità
4-pochissimi investimenti a tutela dell' ambiente
5-favorimento dell' abusivismo edilizio
6-Investimenti in grandi opere
7-tagli di contributi all' agricoltura,agli artigiani, in generale alle piccole imprese, che costituiscono la realtà Italiana dell' economia ed esrpimoni qualità.
il popolo cosa può fare, votate,appoggiate,iscrivetevi all' ' Italia dei valori o al partito dei Verdi, è indispensabile cambiare, per il bene di tutti noi

giancarlo cencini 06.11.06 08:58| 
 |
Rispondi al commento

2006.. correva l’anno…


….. a me sembra opportuno….

La politica , tutto l’arco costituzionale và sospeso ..
per incapacità manifesta
a ripristinare una situazione di normale
virtuosa amministrazione pubblica…
La dialettica furbesca
che promuove il saccheggio
la corruzione e quant’altro
con destrezza
è la politica della politica ..
un bel gigantesco resit
fatto da buoni e appropriati tecnici ..

Che altro ci resta?

S’è fatto sera
scusatemi che si sia fatto sera.

enrico dignani 06.11.06 08:43| 
 |
Rispondi al commento

Va bene la concorrenza di prezzi sicuramente piu' bassi - vedi lidl e penny market ad es., ma se volesse dire anche (come sicuramente credo) meno controlli e qualita' ( che hanno un costo) ha ragione la coop! Poi si sa che oramai la coop non sei piu' tu ma una grande multinazionale... ma al peggio non c'e' mai fine!

cecilia lombardi 06.11.06 07:56| 
 |
Rispondi al commento

giovanni vestri 05.11.06 20:10 |
g.c.

.

caro Superbone
.

ai zinc iu ar stiupid !
end e bit uonca!
gec of men
.

.

non hai risposto !
(quindi hai risposto)

poveretto


continua così !


.

cimbro mancino 06.11.06 07:17 |

cimbro mancino 06.11.06 07:34| 
 |
Rispondi al commento

Non me ne intendo molto ma per quel poco che ho constatato nel fare la spesa in certi discount la merce esposta ha 1 qualita' per animali. Caro bebbe dovresti provarli!!! Non sempre il prezzo alla meta' della meta (come dici) e' indice di qualita'e per quel che si sa la coop esercita controlli e offre 1 qualita' buona a prezzi competitivi.

tiziani gabriele 06.11.06 00:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT
Volevo mandare un saluto a tutti quelli che hanno manifestato a Lamezia Terme contro il "pizzo".
Spero che qualcuno vi ascolti, là dove si puote ciò che si vuole. E' un avvenimento eccezionale, se lo stato vuole davvero combattere la mafia c'è una proposta di collaborazione: QUALCUNO L'ASCOLTI!!!

fra weiss 06.11.06 00:35| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Il cavaliere 06.11.06 00:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro BEPPE GRILLO,

apparentemente fuori tema ,...ma non credo poi ...TANTO!

NAPOLI e i PRECARI ! , ci stiamo ancora " leccando le FERITE !

NAPOLI...uguale MEZZOGIORNO....... SUD!

PRECARI...uguale INSICUREZZA CIVILE e SOCIALE!

Due facce della stessa MEDAGLIA !

LE COOP e il sistema bacario e FINANZIARIO !

Mostri dalle tante ....TESTE !

C'è sempre chi si ARRICCHISCE ....mentre a NAPOLI e nel SUD...nel MEZZOGIORNO...si emigra e MANCA ..il NECESSARIO!

Nel PRECARIATO....la stessa forma di "miseria " e di ILLEGALITA'.

Caro BEPPE GRILLO , oggi sui giornali non si parla quasi più di....NIENTE !

MA....di D'Alema, Marini, RUTELLI, la Coalizione più LARGA , l'Opposizione ...più STRETTA , la Legislatura più LUNGA , la durata PRODI....più CORTA !....ecc.

Ma dove viviamo?...Sulla LUNA ?

Se questa MAGGIORANZA non ce la FA....si torna a votare ,...altro che.. l a r g o.....
s t r e t t o ....l u n g o...e...c o r t o !

Nuove ELEZIONI , con...NUOVA LEGGE e SISTEMA ELETTORALE e...CONFLITTO d'INTERESSI !

AL VOTO....AL VOTO...per chi vorrà ancora ...........v o t a r e !..................

Luigi AUGELLO 06.11.06 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Boh? sarò ingenuo ma non capisco perchè dare contro alla Coop: è uno dei pochi supermercati (ed è stato il primo) che propone, sotto il proprio marchio, prodotti da agricoltura biologica e da lotta integrata, a prezzi alla portata di tutti; anche gli altri prodotti, sempre a marchio Coop, sono, a mio giudizio, di ottima qualità. Mi ripeto, non capisco bene questa battaglia contro la Coop. Sul cibo non si scherza (mangiare meno ma mangiare meglio) e, per le mie possibilità, non potrei mai permettermi di acquistare cibi sani nei soliti negozietti di alimentazione biologica dove, ad esempio, un pacco da mezzo chilo di pasta integrale da coltivazione biologica, costa dai 2 ai 3 euro contro gli 0,65 della Coop.

Astolfo Ricca 06.11.06 00:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
sono un fornitore sia di coop sia di esselunga, nonchè di molte altre catene( private label olio di semi) e secondo me credo che tu stia dicendo delle cavolate.
1)Caprotti ha sostenuto in un duro comunicato stampa che vendere a Tesco non gli interessa assolutamente
2)Di Bersani e company mi frega poco
3)Caprotti stesso è un personaggio discutibile, anche se il cliente ha sempre ragione
4)Coop ha i difetti di tutte le altre catene, compresa la precarietà, ma:
è di gran lunga la catena più esigente in fatto di qualità e che è disposta a riconoscere il costo della suddetta qualità che consiste in più controlli, in meno imballaggio e in un codice etico che tenta almeno di far rispettare
(sui suoi prodotti marchio).
5) I comitati soci di Coop intervegono sul territorio in modo efficace per la promozione di attività sociale, educative e culturali.
6) Senza clienti come Coop avremmo già chiuso e avremmo avuto meno coraggio nel fare certe scelte.
7) Controlla i nostri bilanci (recupera una bottiglia e sai chi siamo, è facile!) e guarda quanti utili ci siamo messi in tasca e quanti ne abbiamo lasciato in azienda per ottimizzare i processi e diminuire i costi senza licenziare.
8) Il minor costo qualche volta è un pessimo servizio per il consumatore, vuol dire meno qualità: dovresti saperlo!!
9) Vieni a trovarci quando vuoi e magari ti capiterà di prendere una cantanata in meno.
Ciao e buon lavoro
Giovanni Zucchi

Giovanni Zucchi 06.11.06 00:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono favorevole all'ingresso della concorrenza, perché ce n'è bisogno, soprattutto in alcuni campi. Lo sapete per esempio che nei supermercati astriaci i pannoloni per bambini costano circa la metà?In Italia ci sono dei problemi ad offrire determinati prodotti ad un prezzo equo. D'altro canto è giusto che esista la coop con la sua politica di garanzia sulla qualità del prodotto e in certi casi ottimo rapporto qualità/prezzo (soprattutto nei prodotti marchio coop), il commercio equo-solidale ecc.. In ultimo è sacrosanto che ci siano supermercati tipo ekom dove non trovi prodotti a marchio non pubblicizzato ma ottimi (provare per credere), spesso provenienti da piccole attività semiartigianali, locali o comunque italiane. Insomma c'è modo di offrire un buon prodotto ad un prezzo equo anche senza sfruttare i dipendenti, almeno fino ad un certo punto. Quello che a volte non tutti capiscono è che un marchio sconosciuto a parità di qualità costa meno e quindi conviene acquistarlo. Non capisco un tubo di economia ma non credo che la soluzione ai problemi italiani sia proteggere le aziende dalla concorrenza. Io per esempio importerei anche i politici dall'estero, sai che ridere per i nostri onorevoli doc.

fra weiss 05.11.06 23:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

facciamo un referendum sicuro che tutti votiamo per eliminare gli sprechi.
Sull'Espresso qualche settimana fa, un articoletto spiega
che, recentemente, il Parlamento ha votato all'UNANIMITA'
e senza astenuti (ma che strano!?) un aumento di stipendio per i parlamentari, di circa euro 1.135 al mese.
Inoltre, la mozione é stata camuffata in modo tale da non
risultare nei verbali ufficiali.
STIPENDIO Euro 19.150
STIPENDIO BASE Euro 9.980
PORTABORSE Euro 4.030 (generalmente parenti
o familiari)
RIMBORSO SPESE
AFFITTO Euro 2.900
INDENNITA’ DI CARICA tra Euro 335 ed Euro 6.455
TUTTO
ESENTASSE!!!
in più
TELEFONO CELLULARE Gratis
TESSERA DEL CINEMA Gratis
TESSERA TEATRO Gratis
TESSERA AUTOBUS –
METROPOLITANA
Gratis
FRANCOBOLLI Gratis
VIAGGI AEREI NAZIONALI Gratis
CIRCOLAZIONE su
AUTOSTRADE
Gratis
PISCINE e PALESTRE Gratis
TRENI Gratis
AEREO DI STATO Gratis
AMBASCIATE Gratis
CLINICHE Gratis
ASSICURAZIONE
INFORTUNI
Gratis
ASSICURAZIONE DECESSO Gratis
AUTO BLU CON AUTISTA Gratis
RISTORANTE
Gratis (nel 1999 hanno
mangiato e bevuto gratis per
Euro 1.472.000)
3
Hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in Parlamento,
mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per
ora!!!). Circa 103.000 euro li incassano con il rimborso
spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento
ai partiti), più i privilegi per coloro che sono stati Presidenti
della Repubblica, del Senato o della Camera (es: la sig.ra
Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l'auto
blu ed una scorta sempre al suo servizio). La classe politica ha
causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di
EURO. La sola Camera dei Deputati costa al cittadino Euro
2.215 al MINUTO!
Fatela circolare Si sta promuovendo un referendum per
l'abolizione dei privilegi di tutti i
parlamentari. Queste informazioni possono
essere lette solo attraverso Internet in quanto
quasi tutti i mass media rifiutano di portarle a
conoscenza degli italian

Vito Tafuni 05.11.06 23:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GRILLO !!! GRILLOOOOOO !!!

Non puoi contraddirti in questo modo, se prima parli dei metodi neoschiavisti delle catene di ipermercati straniere

http://www.beppegrillo.it/2006/07/fantozzi_e_vivo_1.html

e poi invochi il loro arrivo. Almeno specifica: "l'altra volta m'ero sbagliato, perchè non posso aver ragione oggi nel dire una cosa e aver ragione il 12 luglio scorso nel dire il contrario"


Il punto non è la nazionalità di chi ci sfrutta ( come lavoratori o come consumatori ), è come smetterla di farci sfruttare !


Ma quale commercio equo e solidale delle COOP? Possibile che esistano angora dei " bontemponi" che credono alla favola di cappuccetto rosso e del lupo cattivo? Dove il lupo cattivo dovrebbero essere le multinazionali della grande distribuzione, e cappuccetto rosso le buone coop che vendono mediamente i loro prodotti alimentari di circa il 9% o 10% in più rispetto alla ESSELUNGA di Caprotti. Il buon Caprotti, anticomunista dalla nascita, per Bersani e i compagni COOP,- Bersani, il ben noto liberalizzatore di cio' che più conviene a lui ed ai suoi amici, alias il finto liberalizzatore dei mecati,- non dovrebbe vendere alla Tesco inglese la catena dei supermercati ESSELUNGA, per una presunta difesa dell'italianeità, e della piccola e media azienda alimentare italiana di produzione. Una gran grossa balla. La verità è che la COOP dopo essersi ingrassata alla faccia della libera concorrenza vera e propria e protetta da una legislazione che fa pagare il 30% in meno di tasse a queste presunte COOP, che in realtà sono delle vere e proprie aziende che hanno come fine ultimo il profitto, ora con l'ingresso della concorrenza straniera la IPERCOOP, da sempre in regime di monopolio, soprattutto nel nord'Italia, comincia ad avere davvero paura, comincia a tremare. Dopo aver fatto finta di liberalizzare, il Bersani si occupi più di liberalizzazioni vere e faccia a meno di far finta di piangere. Certo spiace a lui ed ai D.S. che un ridimensionamento delle coop vuol dire meno consenso per i d.s. e la sinistra in generale, ma frasi come quella di Fassino, di gioia, " ALLORA aBBIAMO UNA BANCA", di chi farebbero il gioco? Abbiamo un governo che a giorni alterni difende l'talianità delle imprese, mentre gli altri giorni, conferma la vendita delle autostrade agli spagnoli. Anche se adeso c'è stato un passo indietro. La confusione è massima, per gente che aveva fatto in campagna elettorale in non aumento delle tasse un vessillo. Si è visto!. La mortadella è diventata velocemente stantia.

F.Saverio Schinzari 05.11.06 23:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe Grillo volevo dirti che sono d'accordissimo con te perchè ho letto iol libro e se l'autore è stato messo sotto scorta vuol dire che ha messo in crisi un sistema, è arrivato dove nessuno è mai arrivato.

belloa nche lo stile di scrittura......!!!

Giacomo Giaquinto 05.11.06 23:20| 
 |
Rispondi al commento

......DELUSIONE BEPPE....DELUSIONE STAVOLTA...fottute multinazionali,almeno la coop ci prova con il commercio equo e solidale

donatello ciullo 05.11.06 22:56| 
 |
Rispondi al commento

ma se le cose stanno cosi' chiedete asilo a
W
W
W
.
W
A
R
2
.
C
H
cosi non ci sono piu problemi di lavoro.

Ivan Rocco 05.11.06 22:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, vorrei fare un osservazione relativamente alla sospetta reale natura di questo post.
Personalmente voglio credere che tu sia in buona fede quando scegli gli argomenti da porre all'attenzione dei tuoi lettori e degli italiani in genere, ma qualcosa in questo post "stona".
Come mai questo interesse particolare nella deitalianizzazione delle imprese italiane in particolare a favore di Tesco?
Vediamo.
Sappiamo che tua consulente per questo blog e' la Casaleggio Associati srl, la cui mission come da sito è quella di: "sviluppare consulenza strategica di Rete per le aziende e di realizzare Rapporti sull’economia digitale."
Guarda caso nel suo rapporto reperibile all'url:
http://www.casaleggio.it/content/archive/attach/346/casaleggio.pdf
tale societa' individua nell' entrata della Tesco in italia uno dei principali fattori di traino dell'e-comerce italiano a piu' alti livelli di fatturato nonchè la societa' che al momento detiene la meta dell fatturato alimentare online italiano.
Certo non sarebbe male per i tuoi consulenti curare il web-marketing di questa gallina dalle uova d'oro(se già non lo fa), e quale miglior biglietto da visita di una difesa a spada tratta riguardo la sua entrata in Italia, sul blog piu' seguito d'europa.
Con questo non voglio mettere in dubbio la tua buona fede beppe, però oggettivamente in questo post si puo scorgere un conflitto di interesse di chi con te sceglie i temi da trattare.
Possiamo stare tranquilli sul fatto che dei post non siano semplicemente il frutto di interessi di marketing?
Dacci un segno.

Ivan

Ivan Molella 05.11.06 22:44| 
 |
Rispondi al commento

beh, io non mi aspettavo di trovare qui un incoraggiamento alla multinazionali più grandi possibili..

silvia franceschini 05.11.06 22:22| 
 |
Rispondi al commento

f.marletta 05.11.06 15:23 | Rispondi al commento
---------------------

ricoprimi di miliardi provenienti dalla mafia e l'imprenditore lo faccio anche io magari anche meglio. ma che stai addire. c'è un limite a tutto, chi vive nell'illegalità più totale non è buono a fare nulla di costruttivo, altrimenti armiamoci e andiamo a rubare in banca con la connivenza del direttore cosi poi dirai che siamo dei "buoni ladri". maddai.
poi l'italia va male eh..

daniele mercury 05.11.06 16:05 |

... aro francesco... scrivi meno e
dormi di piu... o meglio cambia puschr

coco loco 05.11.06 16:03
-----

Ho visto solo adesso le vostre risposte infatti è vero ora dovrei sapere perchè l'ITALIA va male, ma per me non era una sorpresa neppure prima visto che è popolata di gente che crede ancora alle favole e si rifiuta di vedere il mondo per quello che è. Un conto è la speranza e il desiderio di cambiamento, che io auspico con tutto me stesso per quel che vale, un conto è l'illusione che voi o i vostri attuali rappresentanti, che vi vogliono nascondere la realtà a cui, secondo me, inevitabilmente andremo incontro, e che alla quale loro in prima persona vogliono partecipare a spese vostre e nostre, essendo consapevoli che sarebbero travolti dagli eventi, come lo saranno comunque egualmente date le loro incapacità a non tenere in considerazione che opereranno da servi comunque di altri padroni, al posto di un padrone che in prima persona forse avrebbe reso un miglior servizio al suo paese. Più sopra c'è un post di qualcuno che inneggia alla costituzione DELLE U.R.S.S. e mi dice che quella costituzione gli piace. Ha perfettamente ragione, piace anche a me per i principi che enuncia nei primi articoli descritti, solo che si è dimento di aggiungere che "l'amico" STALIN e i suoi successori non solo non la applicavano per niente ma scommetto che non la avevano mai neppure letta. Ora vi lascio nelle vostre convinzioni poi chi vivrà vedrà, Ciao

Frances

f.marletta 05.11.06 22:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

da molto si sa che la esselunga non vuole esser venduta a coop. ed ha i suoi motivi. da tempo gli imprenditori italiani onesti, quelli che la finanza quando passa ci fa i complimenti, sanno che devono sapersi arrangiare da soli, che il governo non aiuta nessuno. neppure chi da anni ha fatto fa la storia di fette di mercato nazionale e che oggi è imitato da miriadi di concorrenti che con materiali scadenti propongono lo stesso prodotto ma a costi inferiori. ho visto mettere il soldo al primo posto e l'esperienza lavorativa sopperire. esselunga si scelga il compratore che vuole perchè può farlo. l'orgoglio italiano verso i sui imprenditori interviene al momento sbagliato. er, chieri

erika luciano 05.11.06 22:05| 
 |
Rispondi al commento

era solo per arrivare a quota 1000.

luca guiducci 05.11.06 21:35| 
 |
Rispondi al commento

Oggi volevo ricordare che c'è un articolo del CdS in cui si analizza il mercato nelle zone ove è presente la Esselunga. Ebbene emerge un dato: laddove c'è la Esselunga c'è una considerevole diminuzione di prezzi per il consumatore. Dare la Esselunga alla Coop vanificherebbe questo bel risparmio per tutti noi.
Ora si sa che il proprietario di Esselunga è uno dei più grandi finanziatori di FI, come al solito l'azione del governo Prodi non è mossa dall'interesse comune che sarebbe l'apporto di vantaggi ai cittadini, ma da semplice vendetta politica e personale.
Avanti di questo passo andiamo in rovina...e questo è l'ennesimo esempio.
Per fortuna Beppe almeno tu ne hai parlato!

virginia wolf 05.11.06 21:33| 
 |
Rispondi al commento

I am very felaice, perche' after several annis, I have trovato una woman!!!
Now, virginia wolfa, is my donna!!! And, most of tutto, is a donna cerebral, very cerebral, this significar che she no vuole sexual rapports, lei si content di parlare with me, and I a parlare sono very bravo, anzi, I so' only parlare, I am pieno of air...
(PROOOOOOFFFFFFFFFF GIOOOOVVVV little scurreggett fart...)
Speriam only che my virginia wolfa no chieder me prova de love, my cazzin venaire su only with crick, logical, molto better farse picchiar in the cul che try erezion, I facc' less fataica!
The only problema is che my sfaintere enlarged molto and tutta air che I have denter, usciaire spess
(PPRRROOOOOOOOFFFFFF VEEEESSSSSSTTRRRR!!!)
Now I andar, tengo che dare lesson de borseggiament in the aundergraund, the tiube, 'a metropolaitana.
Bye

Gr. Prof. Emeirt. Cogl. Str. Puzz. Mign. Baldr. Cag. Bocc. Ign. Cav. Pezz.
Joe Vestri

giovanni viestri 05.11.06 21:32| 
 |
Rispondi al commento

PER ME e VIRGINIA WOOLF with love...


Good evening people,
sorry for the disturb, I sono ancora here, perche' I am stuf di tutti these communists che infest il blog of Beppe Graillo;
quest is my space, I poss umiliary loro quand and come voglio
(scusate... PROOOOOOTTTT !!! PFFFFFFFFF!!!! ...a little bit of air from my deretan, ultimamently is very apert, perche' here in America fortunatament is full of negris che work well my posterior...)
I was dicend che quest little comunistelli stann rompend my cazz, but I godo very much quand they scriv acca' perche' I poss fare big figura, mentre in life reale nessun me se fila, nothing at all... sorry
(PPFFFFFUAAAAAFFF, big scorregg, anzi loff of air puzzolent...)
Well, concludend, you fa' me multo piacer se scriv cose communist, che I poss fa' good impression, but please dicete only stupi, banal cose, altriment I don't so che cazz dicere in rispost to you
Bye, I go on the cess...

Here signed Prof. (Proooooffff...) Gr. Cogl. Ing. Truff. Corn. Putt. Ecc. Merd. Rimb. Cul. Froc.
Joe Vestri

GIOVANNI VIESTRI 05.11.06 21:04

CIAO STIRNER MAX sPiPpEr...

VEDO CON SODDISFAZIONE CHE IL COLPO CHE TI HO INFERTO IERI SERA HA PRODOTTO AL TUO KULETTO GLI EFFETTI DEVASTANTI DA ME PREVISTI...DON'T WORRY...NE ARRIVERANNO DEGLI ALTRI SHORTLY...

E NON ESSERE TROPPO GELOSO PER I MIEI SUCCESSI CON LE DONNE...

VIRGINIA WOOLF, my new Girlfriend, oltre ad avere buoni gusti,è UNA GRAN GNOKKA CON TESTA,a differenza di Rula Jebreal e della tua sciocchina girlfriend MANUELA BELLANDI alias Margherita Grassi da quando l'ho SPUTTANATA facendo vedere un suo commento di qualche mese fa in cui confessava di essere una componente dello Staff...la classe non è acqua SpIppEr ah, ah, ah...

"Max fattene una ragione: Giovanni lo vedi piccolo perchè vola altissimo rispetto a te! Ti distrugge come e quando vuole, lascia stare..."

virginia wolf 02.11.06 23:31

KNOCK OUT per manifesta superiorità...FATTENE UNA RAGIONE STIRNER...and congratulation for your fabulous ENGLISH...il mio cagnolino di 10 anni penso lo parli meglio di te... ah, ah, ah...

With love
Prof Gio

giovanni vestri 05.11.06 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Good evening people,
sorry for the disturb, I sono ancora here, perche' I am stuf di tutti these communists che infest il blog of Beppe Graillo;
quest is my space, I poss umiliary loro quand and come voglio
(scusate... PROOOOOOTTTT !!! PFFFFFFFFF!!!! ...a little bit of air from my deretan, ultimamently is very apert, perche' here in America fortunatament is full of negris che work well my posterior...)
I was dicend che quest little comunistelli stann rompend my cazz, but I godo very much quand they scriv acca' perche' I poss fare big figura, mentre in life reale nessun me se fila, nothing at all... sorry
(PPFFFFFUAAAAAFFF, big scorregg, anzi loff of air puzzolent...)
Well, concludend, you fa' me multo piacer se scriv cose communist, che I poss fa' good impression, but please dicete only stupi, banal cose, altriment I don't so che cazz dicere in rispost to you
Bye, I go on the cess...

Here signed Prof. (Proooooffff...) Gr. Cogl. Ing. Truff. Corn. Putt. Ecc. Merd. Rimb. Cul. Froc.
Joe Vestri

GIOVANNI VIESTRI 05.11.06 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, vorrei fare un osservazione relativamente alla sospetta reale natura di questo post.
Personalmente voglio credere che tu sia in buona fede quando scegli gli argomenti da porre all'attenzione dei tuoi lettori e degli italiani in genere, ma qualcosa in questo post "stona".
Come mai questo interesse particolare nella deitalianizzazione delle imprese italiane in particolare a favore di Tesco?
Vediamo.
Sappiamo che tua consulente per questo blog e' la Casaleggio Associati srl, la cui mission come da sito è quella di: "sviluppare consulenza strategica di Rete per le aziende e di realizzare Rapporti sull’economia digitale."
Guarda caso nel suo rapporto reperibile all'url:
http://www.casaleggio.it/content/archive/attach/346/casaleggio.pdf
tale societa' individua nell' entrata della Tesco in italia uno dei principali fattori di traino dell'e-comerce italiano a piu' alti livelli di fatturato nonchè la societa' che al momento detiene la meta dell fatturato alimentare online italiano.
Certo non sarebbe male per i tuoi consulenti curare il web-marketing di questa gallina dalle uova d'oro(se già non lo fa), e quale miglior biglietto da visita di una difesa a spada tratta riguardo la sua entrata in Italia, sul blog piu' seguito d'europa.
Con questo non voglio mettere in dubbio la tua buona fede beppe, però oggettivamente in questo post si puo scorgere un conflitto di interesse di chi con te sceglie i temi da trattare.
Possiamo stare tranquilli sul fatto che dei post non siano semplicemente il frutto di interessi di marketing?
Dacci un segno.

Ivan

Ivan Molella 05.11.06 20:55| 
 |
Rispondi al commento

To Mr (silly and naive) PAUL RIVERA PIPPERA with dismay and bewilderment


PER Giovanni Vestri with love….
*******************
Buon giorno Giovanni,
ho letto il post delle ore 05:05
e tante domande mi sono passate per la mente.

Ad esempio:
Avrà visto sorgere il sole?
Avrà dormito bene?
Sarà andato in bagno?

Se nelle mie domande
Trovi qualcosa di “STRANO”
Ti prego, scrivimi subito,
la tua risposta.

Per me è importante sapere il perché...

Se uno... alle 05:05
Scrive un poema,
(non entro nel merito de poema)
io, al solo pensiero
che alle 05:05
qualcuno si prenda questo pensiero,
inizio a star male.

Se ci scambiassimo le e-mail
Alle 05:05 potremmo scriverci
senza spammare il blog
e magari vedere
sorgere un nuovo giorno.

With love…alle 05:05

Paolo


Paolo Rivera 05.11.06 09:05

CIAO PIPPERO!!!

INVECE DI FARTI TUTTE QUESTE PIPPE MENTALI,CHE DENOTANO UN CERTO BRUCIORE ALLE PARTI INTIME DEL CORPICINO LAPIDATO DA CONTINUE UMILIAZIONI, PERCHE' TU E QUELL'ALTRO IDIOTA DEL TUO AMICO SpIpPeR ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA NON PROVATE AD ENTRARE NEL MERITO DELLE ARGOMENTAZIONI CHE PONGO?

OGNI VOLTA O FATE FINTA DI NON AVER LETTO IL MIO MESSAGGIO (VEDI MAX SpIpPeR)OPPURE RISPONDETE SEMPRE ALLO STESSO MODO, OSSIA CHE SONO UN fallito,mammone,babbone e mantenuto...

LA VERITA' fa male lo so, diceva quella canzone...right??


Poi non ti sorprendere se cresceranno le VIRGINIA WOOLF in questo BLOG che, scrivendo al tuo amico MAX SpIpPeR, dicono:

"Max fattene una ragione: Giovanni lo vedi piccolo perchè vola altissimo rispetto a te! Ti distrugge come e quando vuole, lascia stare..."

virginia wolf 02.11.06 23:31

Comunque rispondo ai tuoi dubbi esistenziali delle 9.05 di una domenica mattina (proprio non avevi nient'altro da fare che pensare a me?? Ma allora sei proprio un PAOLO RIVERA PIPPERA di nome e di fatto...).

Avevo scritto gran parte del messaggio di 12.500 caratteri che ho inviato qesta mattina alle 5.05 un paio di giorni fa volendo chiedere a BEPPE di parlare ogni tanto anche dei probabili BROGLI commessi dall'UNIONE lo scorso Aprile e soprattutto del voto di FIDUCIA dei SENATORI A VITA su cui si regge il GOVERNO PRODI, nonostante non abbiano avuto mandato popolare...

Ieri sera, prima di uscire con un paio di amici, scorro velocem i messaggi e che ti leggo?

Un messaggio delirante DELL'INEFFABILE Max SpIppEr che calzava a pennello con il contenuto del file da me salvato due giorni prima, avendo egli addirittura sostenuto che a commettere i BROGLI fosse stato in realtà la Cdl...that's it!!

Ho spedito il mio post alle 5.05 am una volta tornato a casa perché alle 23.00 non riuscivo a postarlo, forse perché c'era troppo traffico per la mia connessione medioevale da 48 Kbps...that's it!!

Ho esaudito la tua PIPPA MENTALE??
Sulle cose che ho scritto non hai proprio NIENTE DA DICHIARARE??

E il tuo amico MAX SpIpPer che dice?
Vedo che oggi non ha ancora inviato nessuna delle sue daily caxxate...si sta ancora leccando le ferite per lo STUPRO che gli ho inferto la scorsa mattina oppure sta cercando ancora di capire se i miei calcoli statistici sono corretti??

Magari la prossima volta che lo senti digli che forse,per evitare ulteriori HUMILIATIONS, gli conviene mettere nel suo BLOG o CESSO di servizio i posts CLONATI col suo nome anziché quelli suoi originali...anche perché spesso i suoi messaggi sono molto più idioti di quelli scritti da cloni tipo GIULIO Co-nTin...prendilo come consiglio di un amico altrimenti in questo BLOG le VIRGINIA WOOLF saranno destinate a crescere a livello esponenziale forcing both of you to read and cut dozen of hostile messages such as this one:

"Max fattene una ragione: Giovanni lo vedi piccolo perchè vola altissimo rispetto a te! Ti distrugge come e quando vuole, lascia stare..."

virginia wolf 02.11.06 23:31


With love at 8.40 pm ... CONTENTO ora??

Prof Gio, umiliatore di marxisti/e e di PiPpEri mentali...

giovanni vestri 05.11.06 20:44| 
 |
Rispondi al commento

ha ragione G. BOCCA nell'intervista con Fazio
in che tempo che fà : l'Italia è ancora a maggioranza di mentalità Fascista!!!!!!!
Cioè il nulla della cultura Democratica

giulivo gaio 05.11.06 20:42| 
 |
Rispondi al commento

ODE A MASTELLA

IL 17 MAGGIO!

EI FU... MINISTRO!
SICCOME IMMOBILE,
DATO IL FERALE ANNUNCIO
STETTE IL PRODI IMMEMORE
ORBO D’UN PO' D'INGEGNO,
COSI' PERCOSSA, ATTONITA,
L'ITALIA AL NUNZIO STA, MUTA
PENSANDO ALL'ULTIMA
ELEZION DELL'UOM BANALE,
NE' SA QUANDO UN SIMIL COGLIONE
DI PIE' MORTALE
LE STANZE DI GOVERNO
A CALPESTAR VERRA'!
LUI ROTEANTE IN TROTTOLA
VIDE IL MIO GENIO E TACQUE
QUANDO CON VECE ASSIDUA
DALLA DC RINACQUE
DI MILLE PERNACCHI AL SONITO
MISTA LA SUA NON HA.
VERGIN DI MUTATO PARTITO
E RICICLATO LIGNAGGIO
SORGE OR ARRABBIATO AL SUBITO
APPARIR DI TANTO OLTRAGGIO
E MANDA AL MASTELL’UN PERNACCHIO
CH'EI FORSE RICEVERA'!
DALLA CAMERA AL GOVERNO
A ROMA SENZA FRENO
DI QUEL SECURO L'INTERESSE PRIVATO
ARRIVA IN UN BALENO:
PARTI' DA CEPPALONI
VERSO L'UNO E L'ALTRO POL!
FU VERO ARRIVISTA?
AGLI ELETTORI LA FACILE SENTENZA,
NUI MANDIAM MESSAGGIO A PRODI
CHE VOLLE LUI
E NON IL GRANDE TONINO
ALLA GIUSTIZIA MANDAR...
BELLA IMMORTAL! BENEFICA
SPERANZA ALLE BATOSTE AVVEZZA!
SCRIVI ANCOR QUESTO, ALLEGRATI
CHE MASTELLA SUA ALTEZZA
AL DISONOR DELLA TROMBATURA
GIAMMAI NON SI CHINO'!
TU DAL NEONATO GOVERNO
SPERDI OGNI RIO MINISTRO!
L'ELETTOR CHE ATTERRA E SUSCITA
CHE ABBATTE E CHE CONSOLA,
SUL SIMBOLO UDEUR
I VOTI NON POSO'!

Peppo Indulto Contrario 05.11.06 20:40| 
 |
Rispondi al commento

BISOGNA TORNARE AL CARO VECCHIO BARATTO...
CHI VUOLE DELL'INSALATA?

Marco Rosso 05.11.06 16:40
----------
----------

Chi vuole del salame...

Ivan Pellazzini 05.11.06 20:37| 
 |
Rispondi al commento

e si dice che non siamo in un regime?

l'anti trust dov'è?

il conflitto di interessi sta solo da una parte?

ci vorrebbe un bel reset!

giovanni bettoni 05.11.06 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non faccio mai la spesa alla coop ed in nessun altro supermercato,VIVO BENISSIMO. Per quanto mi riguarda possono anche chiudere domattina che non me ne frega niente.Ciao a tutti MAURIZIO

MAURIZIO BIGI 05.11.06 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate il fuori argomento.
Ho sentito la sentenza di condanna a morte per Saddan Ussein,premetto che non sono per la pena di morte.Ma per i Criminali come questi
Si.Qualsiasi dittatore che abbia commesso dei crimini cos'ì atroci. deve essere giudicato e condannato dal prorio pololo.anche come monito per i futuri dittatori,avrei condannato pure Pinoscè,Milosevic, tutti que crimini che hanno perpetrato,Tutti i paesi europei daccordo per la non esecuzione.
I capi di stato e i partiti dicono questo,mi piacerebbe saperlo invece dai cittadini se sono
daccordo,oppure ai famigliari di tutti quelli che hanno perso qualcuno se li ussolverebbero dalla pena capitale,penso proprio di No.Devono continuare secondo voi a vivere mangiare gratis,
con gente che non ha niente da mangiare ,non ha un tetto da dormire,e vogliamo tenere in vita
questi politicanti che hanno ecceduto, perch'è si
sentivano padroni della vita altrui NO,e sono pure convinti che erano dalla parte del giusto.
Oppure un modo ci sarebbe per espiare, mandarli come facevano i sovietici in Siberia,falli lavorare
e dar loro il cibo in proporzioni al lavoro prodotto.
Mi vien da ridere tutto questo buonismo da parte
anche dei nostri politici,sono buoni contutti, Almeno tacessero
Spero che gli Americani dicano di si che avvenga l'esecuzione. Anche se sono sempre stato uno di sinistra non tollero che uno decida della vita di tante vite anche se in altri modi, molte Nazioni mandano a morire altri uomini ,ma questi dormono tranquillamente tanto qusti non hanno sentimenti ne scrupoli se li avessero non farebbero quel mestiere:Preferisco essere un cittadino normale,con una coscienza.

paolo.T 05.11.06 20:16| 
 |
Rispondi al commento

To Mr ebete CIMBRO MANCINO with sadness...

unto (mafioso di arcore)

la democrazia :

prepotenza , arroganza , protervia , insolenza

.

cimbro mancino 05.11.06 18:46

Ciao DEFICIENTE!!

1) Io non ho votato per nessuno, essendomi ASTENUTO

2) ho risposto a un altro deficiente come te di nome STIRNER Max sec il quale a fare brogli è stato il Centrodestra.

3) Ho citato dati del Ministero degli Interni e il FILMATO video che dimostra i brogli commessi dall'UNIONE con il voto degli italiani all'estero E LA DENUNCIA FATTA DA UNA CANDIDATA DEI ds AL SENATO...prepotenza , arroganza , protervia , insolenza ???


4)ho fatto notare che l'attuale Governo si regge con i voti di SENATORI ultranovantenni votati da nessuno...se il Governo Berlusconi avesse ottenuto la fiducia con il voto decisivo sei SENATORI A VITA, tu e gli altri deficienti come te quanti posts avresti inviato al giorno??

Come dice quella canzone...LA VERITA' FA MALE LO SO...


CHISSA' COME MAI A NON VOLER FARE IL RICONTEGGIO COMPLETO DELLE SCHEDE è L'Unione e non la Cdl...gli strani casi della vita!!!

Ciao cojone
Prof Gio

giovanni vestri 05.11.06 20:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Berluscoioni e la destra vanno dicendo che il governo Prodi cadrà nel 2008.
Ho fatto i conti,quando tenteranno di far cadere il governo Prodi i deputati ed i senatori avranno raggiunto i mesi necessari per "TIRARE l'imponente PENSIONE".
Sono bravi davvero quelli di destra.
Fanno"sempre e solo" gli interessi degli italiani.
Adonis
P.s.
Ma ieri in piazza c'era la destra,visto i loro commenti?
Ma quelli scesi in piazza ieri,è bene ricordarlo agli "sbadati",non contestavano,per caso,le leggi delle destra ancora valide oggi?
Io credo proprio di sì.
Adonis

Adonis Von Zschernitz 05.11.06 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Smettiamola con questi provincialismi, per cui la concorrenza degli stranieri ci fa solo bene!

Abbiamo visto spesso che gli stranieri, quando vengono in Italia e comprano aziende italiane che operano sul mercato italiano, fanno le stesse porcate dei padroni italiani, con il più il rischio che quando non gli va più bene, se ne vanno e ci lasciano con il sedere per terra (aziende e dipendenti).

Ora, io non so quali e quanti siano gli interessi nascosti delle Coop in questo affare Esselunga; ci saranno sicuramente, pensa un po' se non ci sono. Normale per tutti in Italia.

Penso e temo però che ci siano anche per l'attuale proprietà di Esselunga, se vuole vendere a Tesco inglese a tutti i costi e non ne vuol sentire di prendere in considerazione un acquirente italiano: perchè paga di meno? O per altri motivi?
Due paginate piene di giornale per spiegare tutto, ma non la questione dei soldi: sarà una combinazione? O c'è dietro anche qui un'avversione ideologica?

Per questo, non mi metterei a sputtanare Bersani come fa Beppe; come tutti i politici avrà anche lui un po' di pelo sullo stomaco, ma vi pare che sia un cretino?
Di cretini ne abbiamo a sufficienza; meglio uno intelligente come lui.

O no?

Giovanni Fazio 05.11.06 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Margherita Grassi 05.11.06 19:09 |
------------------
sergio 05.11.06 19:00 |
--------------------

Purtroppo devo dire che più o meno entrambi avete le vostre ragioni, ma senza andare ad approfondire troppo quello che conta sono i fatti:
IL Cav al suo primo esordio dopo poco fu scalzato dalla guida e addirittura estromesso dal governo dai suoi oppositori, altra schifezza antidemocratica checchè se ne dica risultato confusione!

Prodi nella prima mandata di legislatura fu prontamente estromesso dalla guida del paese e i suoi successori fecero unaschifezza di governo tra liti e cambi di teste al controllo.Risultato confusione!

IL Cav vince il suo secondo mandato con un patto di 5 punti, succede internazionalmente di tutto e di più ma tiene duro coalizzando i suoi in grande compattezza e comincia a realizzare il programma con tutto e tutti contro, ma tiene e va avanti dichiarando che in quella situazione potrà solo avviare le grandi riforme, e lo fa. Bene o male , ma lo fa, così come apre le grandi opere, bene o male, ma le apre. e DICHIARA CHE CI VOGLIONO PIù LEGISLATURE PER COMPLETARE IL LAVORO, e per portare a termine l'operazione di rinnovamento, bene o male, ma lo dice. Poi non prende soldi in tasse COSA che tenta riuscendoci in , bene o male ma ci prova. Poi perde le elezioni x una inezia resta una operazione incompiuta, qualche effetto positivo arriva a Prodi CHA HA VINTO LE ELEZIONI CON PROMESSE BEN CHIARE. Risultato, CONFUSIONE!

Ora c'è di nuovo Prodi, ha appena iniziato e nonmantiene nessuna delle promesse anzi si produce in assalti alle certezze della gente e tassa tutti e di più il ceto medio come sempre, poi tenta di annullare quello che dice che Berlusconi non ha fatto, (MI DOVRESTE SPIEGARE COME SI ANNULLA QUELLO CHE A SENTIRE LUI NON ESISTE), RISULTATO ENORME CONFUSIONE. E'in effetti troppo presto ma se il buon giorno si vede dal mattino per il governo Prodi è GIA' NOTTE FONDA, Secondo me CONFUSIONE! Ciao

Francesco

f.marletta 05.11.06 19:56| 
 |
Rispondi al commento

LIBERTA DI INCHIESTA ......SUBITOOOOOOOOOO!
GIORNALISTI DATEGLI DENTRO!

Rosanna Battaglia 05.11.06 19:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CRISI MONDIALE
Anno 2006.
Il mondo sprofonda improvvisamente in una terribile crisi economica.
Dio stesso torna sulla Terra per vedere cosa si può fare.
Va in America e trova Bush immerso fino alla vita nella me rda.
Si reca in Europa e trova Blaire anch'egli immerso nella me rda fino a tutto il torace.
Va in Russia e trova Putin immerso nella mer da fino al collo.
Arriva in Italia e trova Napolitano immerso nella me rda fino alle ginocchia e quindi si complimenta con lui:
"Bravo! Mi avevano detto che la situazione italiana era la piu' disastrosa, ma vedo che erano solo fandonie!"
E Napolitano:
"Sara'... ma le garantisco che non è molto comodo stare in bilico sulle spalle di Prodi..."

tanto per ridere 05.11.06 19:28| 
 |
Rispondi al commento

@FIO RE VER DE 05.11.06 18:00

Scusatemi, O.T. NECESSARIO PER ME,

Per prima cosa ti voglio ringraziare dell'avermi donato l'appellativo di "CITTADINO DEL MONDO", se c'è una sensazione al mondo che dà un senso alla grandezza del vivere, è pensare, che il mondo in ogni suo angolo rappresenti sia pure con tutte le sue enormi differenze e contraddizioni, la tua casa, e che in esso, e, per esso nulla è troppo o troppo poco di quello che tu puoi fare per unire, come lui fa inconsapevolmente gratificandoti dell'esserci, e poter vivere momenti terribili e momenti altrettanto eccezionali.
Noi siamo, e per questo essere dovremmo dare e darci per unire tutte le capacità e dividere tutte le risorse del pianeta, tra tutti, ma questo non accadrà se non cesseremo di guardare a noi stessi e agli altri come a nemici, da sconfiggere, e non come individui da convincere a quanto sangue, fatiche e disperazione, potremmo risparmiarci, tutti, guardando a noi stessi con più fiducia e meno acredine, con meno invidia e più condivisioni di esperienze, ed esempi positivi. Certo, come è certo che, sino a quando non vedremo in ogni individuo un valore da scoprire per aiutarlo, ed aiutarci, ad esprimerne di tutti il massimo potenziale possibile nell'interesse di tutti nel rispetto delle differenze, delle culture, da cui apprendere e non da soffocare, non avremo, n'è pace , n'è giustizia, e subiremo l'arbitrio di chi nella nostra incapacità di valorizzarci vede una sicura occasione, per lui, di far pesare una, malintesa, sua capacità di supremazia che altrimenti non avrebbe nessuna possibilità di emergere. Lo so sono fuori tema, ma troppo bella è secondo me, la tua qualificazione, e vorrei poterla assegnare a tutti, anche se so che pochi mi ascolterebbero, presi come siamo e come sono da incredibili e devastanti constatazioni di stupidità, nostra e di altri che vedono, haimè, solo il loro EGO e lo confondono con il mondo. Grazie FIO.RE.VER.DE, Ciao

Francesco

f.marletta 05.11.06 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Probabilmente si e' preoccupati sul fronte distributivo commerciale,e' da tempo che siamo colonizzati dai francesi e da altre societa' distributive europee, il controllo dei prezzi come sottolinea beppe e' giustissimo, non confonderei questa giusta attenzione, assolutamente mancata negli anni di napoleone, cerchiamo di riprendere la strada perduta.

Cosa ne pensi beppe per esempio, sulla miseria elargita dal commercio ai produttori agricoli e vedere che con i vari passa mano gli stessi prodotti sono al dettaglio 10-20 volte piu' cari.

Se invece ci sono state sulla questione esselunga-coop dei comportamenti illegali sia fatta la necessaria inchiesta, la massima trasparenza.

Difendere i nostri interessi,economici mi pare giusto, le tariffe a me pare girando un po' l'europa siano abbastanza in linea con i costi italiani, la differenza sono gli stipendi, retribuzioni, di gran lunga piu' bassi che nel resto del continente.

L'auspicio, piu' concorrenza, piu' risparmio per i consumatori, e' una chimera, nel senso chi arriva qui se adegua ai prezzi correnti,dalle mie parti esistono ipermercati francesi e facendo una comparazione con l'ipercoop, non vedo differenze sostanziali.

I discount sono una realta' di risparmio ma a parer mio a scapito della qualita'.

Con questo post beppe grillo dimostra un po' di superficialita', in questi anni sono state tentate alcune scalate ad imprese estere, converranno tutti degli sbarramenti e protezioni da parte dei governi del tal paese ed un ritorno con la coda tra le gambe dei nostri "imprenditori", su questo particolare posso essere daccordo, i nostri pseudo imprenditori, con le tasche vuote,almeno come investimenti, ma con gli utili in cassaforte.

ivo serentha 05.11.06 19:25| 
 |
Rispondi al commento

E' da molto che non intervengo anche se leggo tutto, ma questa merita proprio!
Voglio andare via dall'Italia...
A proposito di grande distribuzione.... siamo alla frutta!

Danilo Porcheddu 05.11.06 19:15| 
 |
Rispondi al commento

scusate è solo una prova

pippo pluto 05.11.06 19:11| 
 |
Rispondi al commento

condivido questo post dalla prima all'ultima riga (ed era da parecchio che non mi capitava).

Alberto Villa 05.11.06 19:09| 
 |
Rispondi al commento

BASTA CON IL PARTITO-COOP

BASTA CON IL PARTITO-PADRONE

BASTA CON IL PARTITO DELLA BUROCRAXIA NEPOTISTICA E CLIENTELARE

BASTA CON I SEDICENTI DIRIGENTI SEDICENTI DI SINISTRA

mms://media.fastweb.it/WM9/raiclick/FMVRAI04000001070693.wmv?idCnt=41533&path=RaiClickWeb

http://www2.unita.it/unitaforum/viewtopic.php?t=55658

Andrew Smith 05.11.06 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Signor Sergio, quando mio babbo (tanti anni fa) andò in pensione, ci rimise l'osso del collo perchè Luciano Lama aveva tolto la seconda voce della contingenza. Tradotto fu una cavolata per chi andava in pensione ed erano decine e decine di migliaia di lire. Luciano Lama della CGIL (quello con la pipa). O come quando fu approvata una legge che permetteva a chi aveva fatto la guerra di liberazione di usufruire di 7 anni di scivolo. Legge approvata all'unanimità (democristiani e comunisti). Valeva solo per i dipendenti del pubblico impiego e non per quelli dell'industria come il mio babbo. Come se la guerra di liberazione avesse avuto più valore per gli statali, gli altri furono considerati di serie B. Le sinistre, a mio avviso, dovevano opporsi o no! Mi fermo qui, ma la sinistra ha fatto tante di quelle st......e

@FIO RE VER DE 05.11.06 18:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OFF TOPIC molto istruttivo

www.corriere.it/solferino/severgnini/06-11-05/04.spm

Un paio di anni fa uno scandalo ha scosso il Paese azteco [=il Messico] per un video mostrato dalle televsioni locali, nel quale si mostrava fuori di ogni ragionevole dubbio il giovane leader del partito verde in un chiaro atto di corruzione. In tutta risposta, l´élite di intellettuali ha gridato al traditore, denunciando la strategia politica che si nascondeva dietro quelle immagini e la gogna si è spostata dal corrotto a chi aveva filmato e diffuso il video, chissà perché. Allora, discutendo con amici io sostenevo che era incredibile come i messicani si lasciassero manipolare, come nessuno riconoscesse che quello su cui bisognava dibattere in primissimo luogo era la corruzione politica dilagante nel Paese, chi avesse filmato il video non importava, visto che era tutto vero. Allora dicevo anche che cose così, in Italia, non sarebbero mai potute accadere, non con il nostro spirito critico. Ecco, evidentemente mi sbagliavo e il trambusto causato dal servizio delle «Iene» sulla droga in Parlamento me lo dimostra una volta di più. Le responsabilità legali di chi abbia deciso di realizzare il filmato compete solo alla giustizia di determinarlo. Ma noi, l´opinione pubblica, non dovremmo piuttosto dibattere sulla sostanza della cosa, se ci sembra normale che le leggi siano fatte da persone che sono per un terzo sotto l´effetto di sostanze stupefacenti? Certo, così si spiegano tante cose...

Iron Mark 05.11.06 18:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X Sergio

Ognuno cerca di navigare nel mare magnum delle opinioni verso i lidi che più gli aggradano ma:

Caro sergio anche se da rive opposte temo che tanto tu quanto io dovremo rassegnarci a subire le altrui voglie sulla ormai sempre più sottile e leggera pensione, e fosse solo quella. Speriamo soltatanto che da bravi avversari, non certo da nemici, in caso di incontro almeno ci lascino due soldini per poterci prendere un caffè in pace, ciao,

Francesco

f.marletta 05.11.06 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BASTA CON IL PARTITO-COOP

BASTA CON IL PARTITO DEI PADRONI

BASTA CON I FURBETTI DAI COLLETTI ROSSI

BASTA CON L'OCCUPAZIONE DELLO STATO-AZIENDA

Andrew Smith 05.11.06 18:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

giovanni vestri 05.11.06 05:05 |

ciao Superbone !

ma chi era il ministro dell'interno ?

come mai lui col mafioso di arcore dalla
notte del 10 aprile non si salutano più ?

perchè il mafioso voleva annullare le elezioni
e il ministro no ?

come mai fino al 10 aprile TUTTE le agenzie
di sondaggio davano l'UNIONE avanti come
minimo di 5 punti ?

chi ha fatto il software del conteggio
elettorale ?

.

PS
grazie per l'esempio che dai

su come intendete voi e il vostro

unto (mafioso di arcore)

la democrazia :

prepotenza , arroganza , protervia , insolenza

.

cimbro mancino 05.11.06 18:46| 
 |
Rispondi al commento

scusate il fuori tema
da: antoniodipietro.it

Un modo semplice e immediato per far emergere l’evasione esiste. Sarebbe sufficiente consentire a tutti di dedurre dall’imponibile il costo sostenuto. Il sommerso non avrebbe più ragione di esistere e gran parte dell’evasione fiscale sarebbe recuperata. Verrebbe a cadere una situazione diffusa di complicità.
Se i cittadini potessero già ora dedurre le spese, la Finanziaria avrebbe potuto potenziare i servizi sociali e investire in infrastrutture senza chiedere ai cittadini neppure un euro, anzi riducendo le tasse.
Perchè non si è mai fatto se è così semplice? La risposta è che anche gli evasori votano e dispongono, da sempre, di una rappresentanza numerosa in Parlamento. La lotta all’evasione non può più essere rimandata, non è soltanto un problema di giustizia sociale, ma della stessa sopravvivenza dello Stato.

Propongo una petizione per mettere mano ad una proposta di legge in tal senso, sono convinto che avrebbe parecchio consenso

luigi benelli 05.11.06 18:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da http://blog.terrorpilot.com/

Ti ricordi i vecchi compagni che piangevano quando e' morto Berlinguer? Adesso piangono perche' e' vivo D'Alema. (Giobbe Covatta)

icarus icarus icarus icarus icarus morbus orribilis

Beppe altro che coop questi ci spolpano le tasche.

Ma tanto tra un po è natale....e la spesa si fa alla coop.

maurizio menghini 05.11.06 18:43| 
 |
Rispondi al commento

@@@@ Margherita Grassi 05.11.06 18:26

Solo un piccolo particolare,in tutti gli stati europei, qualsiasi tentativo da parte di capitali stranieri viene vigilato dai governi esistenti, essendo ormai tutta la distribuzione commerciale quasi del tutto in mano a grosse holding francesi e mondiali qui in italia, un dibattito, solo quello, mi pare del tutto legittimo.

E' particolare la nostra situazione, siamo un paese di buona produttivita' agricola e non riesce a difendere la distribuzione, sono del'idea che in effetti e' l'imprenditoria italica a dover essere licenziata per manifesta incapacita', non i lavoratori,che in questi decenni hanno subito problemi d'ogni sorta.

ivo serentha 05.11.06 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Per il lavoro che faccio mi interfaccio sia con Coop che con Esselunga, faccio solo due esempi per farvi capire:
1) in Toscana, dove c'è la massima concentrazione di Coop ed Esselunga, ci sono i prezzi più bassi d'italia (asserzione documentabile attraverso le società di rilevazione). Quindi E' VERO che laddove manca il concorrente "migliore" Coop pratica prezzi più alti discriminando , solo per fare un esempio, tra il socio consumatore di Bari e quello di Firenze...
2) Coop si relaziona rispetto all'industria con condizioni "capestro" che prevedono ,per esempio, il riconoscimento MASSIMALE di un "contratto" per entrare a far parte dei fornitori di merce. Tradotto significa che al fornitore (piccolo, medio o grande) si chiede il riconoscimento periodico di una percentuale sul fatturato. Quindi si tratta di soldi che finiscono nelle casse delle cooperative e non sui prezzi di vendita !!!

cenzo trilemma 05.11.06 18:41| 
 |
Rispondi al commento

VI RACCONTO DI BERSANI IL PIACENTINO,QUALCHE ANNO Fà LAVORAVO IN AERONAUTICA MILITARE E PERTANTO IL SIG.BERSANI A CARICO DEI CONTRIBUNTI VOLAVA CON E VOLA ANCORA IMMAGINO CON VOLI MILITARE MA PAGATI DA CHI' IL SABATO E LA DOMENICA DOVE SI I PILOTI CHE LA STESSA A.M. ERA A CASA PERTANTO STRAORDINARI COSTI DI GASOLIO DI TRAFERIMENTI ETC ETC ETC E QUESTO PER DIVERSI ANNI E QUASI TUTTI I FINE SETTIMANA CHE BELLO IO ANDAVO A CASA IN TRENO IN SECONDA CLASSE E LUI SI PERMETTEVA E SI PERMETTE DI SPERPERARE ED AVERE UN JET PRIVATO TUTTO SUO A COSTO ZERO CHE BELLO E POI PARLA DI LIBERARIZZARE I MERCATI MA CI RENDIAMO CONTO E STà POLITICA CHE CI STà AMMAZZANDO E CONSUMANDO TUTTI BRAVO BERSANI E COMPANY POI VI RACCONTO DEL DALAI LEMA (D'ALEMA) CHE A GALLIPOLI HA QUASI I 2/3 DEL TERRITORIO PIAZZATO AI SUOI AMICI E GUAI A CHI SI PERMETTE DI ENTRARE,
CMQ CONCORDO CHE LA CONCORRENZA FACCIA BENE MA L'ONESTA è PRIMA DI OGNI COSA E MI SA' KE IN QUESTO SIAMO FRITTI E SPACCIATI.


francesco morelli 05.11.06 18:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vogliamo la Coop a Bolzano, qua il 99% dei supermercati appartiene alla DESPAR, che opera in regime di monopolio e i prezzi sono alle stelle.

bolzanino affranto 05.11.06 18:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dal blog antoniodipietro.com

5 Novembre 2006
I precari a Roma

La manifestazione dei precari a Roma non mi ha sorpreso. Mi sono espresso su questo blog più volte a favore di cambiamenti alla legge Biagi che non tutela in modo sufficiente i lavoratori, in particolare i più giovani. La partecipazione di alcuni esponenti della maggioranza mi è apparsa deludente e riduttiva, così come la posizione del governo nel tirarsi fuori dalle sue responsabilità.
Il responsabile della pessima attuazione della legge Biagi è, oggi, solo questo governo. La legge va modificata al più presto, l’Italia dei Valori si è già espressa, per l’introduzione di tre modifiche:
- un’azienda può utilizzare la legge solo per una percentuale del 10% della forza lavoro;
- la legge va applicata solo in presenza di un reale progetto con obiettivi e tempi definiti;
- il lavoratore co.co.pro deve usufruire di forti sgravi fiscali rispetto al lavoratore a tempo indeterminato per la evidente precarietà del suo stato.
Se vogliamo dare una risposta ai precari, invece di partecipare ai cortei e di fuggire le nostre responsabilità, dobbiamo intervenire sulla legge. Farò una proposta in tal senso al prossimo Consiglio dei ministri e darò informazione sul suo esito.


Postato da Antonio Di Pietro

Mi pare antonio che le tue proposte siano molto sensate, e' logico che una qualsiasi azienda possa usufruire di leggi per la sua tutela e scelta di mercato, ma tutto questo non deve diventare cronico e un alibi per rendere definitiva la posizione dei lavoratori, la manifestazione dei precari a roma e' assolutamente normale, troppi giovani laureati e non, sono in una posizione senza senso.

Che sia una prova di sollecito al governo, dopo la finanziaria si diano delle giuste ed eque leggi per le nuove generazioni.

Grazie della tua posizione.

ivo serentha 05.11.06 18:35| 
 |
Rispondi al commento

ho visto la pubblicità della esselunga con i paragoni di prezzi... proprio una pubblicità ad uso di un consumatore molto inesperto... e vi spiego il motivo... nella comparazione dei prezzi, manca il peso dato ai vari prodotti... non basta dire che su 10000 prodotti noi costiamo meno del 7%... troppo facile... se la coop commissionasse a me uno studio per rispondere ad esselunga, vi farei vedere, ed a ragione come sarebbe la coop a costare di meno del 7%... come si fa?... semplice... si tratta di mettere o meno il peso di ogni prodotto nel paniere .... si mette un kg di pane.... 1 bottiglia di champagne.... oppure 20 kg di pane ed 1 bottiglia di champagne... oppure 100 kg di pane ed 1 bottiglia di champagne... risposta... SI DA AD OGNI PRODOTTO IL PESO CHE SERVE PER OTTENERE IL RISULTATO CHE OGNUNO VUOLE....

roberto brianza 05.11.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Egr. Sig. Lanata,

Volevo confermarle che nelle provincie di Massa-Carrara e La Spezia la stragrande maggioranza dei circoli ARCI (che abbondano) vendono esclusivamente prodotti Nestle' e tutte le peggiori schifezze presenti sul mercato. Non ho idea se altrove la situazione sia differente e mi auguro di si, pero' almeno la Nestle' andrebbe boicottata in maniera massiccia. Esistono libri, ad esempio la guida al consumo critico, che informano in maniera esaudiente le malefatte delle varie multinazionali ed anche se impresa ardua, e' possibile almeno evitare quelle peggiori. Inoltre, ricordiamoci che i prodotti, piu' reclamizzati sono piu' e' difficile che siano di qualita' per una semplice equazione.....una ditta dovra' pur scegliere se utilizzare ingredienti genuini, presi da un mulino magari vecchio e poco telegenico oppure dal "Mulino bianco" Barilla, che si trova al lato dell'autostrada della Cisa.....non assomiglia proprio a quello della TV e quando ci si passa a fianco e' consigliabile chiudere bene i finestrini della vettura per la puzza!!!!

Joe Bianchi 05.11.06 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Volete sapere quanto sono dannosi i partiti?
L'altro giorno stavo vedendo un servizio sulla politica degli anni passati in TV. Ai tempi della caduta del primo governo Prodi (colpa come tutti ricorderete delle manie utopistiche di Bertinotti) al governo non venne rinnovata la fiducia per un voto. Un singolo voto. Perse 313 a 312. E quel voto determinante era di una deputata di Rifondazione che fino all'ultimo era rimasta nel novero degli indecisi. Ha dichiarato che si sentiva in colpa a correre il rischio di consegnare il paese alle destre. Al momento del voto ha dovuto scegliere tra la sua coscienza di cittadina e la sua coscienza di partito. risultato? Cinque anni di impero della "Casa delle libertà di Silvio Berlusconi". Nel senso che all'interno della casa tutte le libertà erano di Silvio Berlusconi. Tenebra profonda...

Mario Luciani Commentatore in marcia al V2day 05.11.06 18:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro beppe, i primi stozzini sono propio i banchieri,le assicurazioini di chi fidarsi? Dove dobbiamo affidare i nostri risparmi?

Pierdomenico Di Rito 05.11.06 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Considerazioni sulla manifestazione di ieri contro il precariato:
http://www.youtube.com/watch?v=X74ZGmdqhGk

Paolo Ares Morelli 05.11.06 18:29| 
 |
Rispondi al commento

Come in ogni incontro che si rispetti c'e' chi tifa Esselunga (destra) e chi tifa Coop (sinistra).
Io sinceramente vi dico di "tenere" per quello dei due che volete, ricordate pero', e questo Grillo non lo ha detto, che SOLO dove ci sono in zona ENTRAMBI gli ipermercati Coop e Esselunga i prezzi sono piu' bassi.
Dove c'e' solo Coop il prezzo dei medesimi articoli e' piu' alto di media tra il 5 e il 10%
Quindi non fatevi infinocchiare, andate da chi volete e tifate per chi volete, ma ricordatevi che solo con la concorrenza il consumatore vince.
E chi pensa che sarebbe meglio se Esselunga fosse acquistato da Coop sbaglia, perche' cosi' la concorrenza e la "guerra" di prezzi tra i due marchi finisce. E finisce anche la convenienza per chi va a fare la spesa.

fabio benedetti 05.11.06 18:13 | Rispondi al commento |
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
ammesso(?) che la concorrenza abbassi i prezzi per i consumatori, non riflettiamo mai sul fatto di produrre 1000 per vendere 100/200. ormai c'é più "gente" che vende che compratori, il mercato si sta saturando. infine il dato più IMPORTANTE: l'aspetto ecologico. quanta energia, inquinamento, ecc. per produrre beni e merci inutili, brutti e non biodegradabili. è possibile che queste c.xxo di idee le penso da più di 30 anni e siano ancora ai ragionamenti dello spendere meno. i soldi a cosa ti serviranno?ti auguro non per curarti allergie, asme, ecc..
un saluto e aprite la mente e gli occhi.

ivan senzaterra 05.11.06 18:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe.sei convinto che la Tesco porterebbe in Italia gli stessi prezzi praticati all'estero? IO sono convinta di no.Perchè dovrebbe diminuire il suo guadagno ?Saluti Jolanda Baldi

Jolanda Baldi 05.11.06 18:26| 
 |
Rispondi al commento

mi rendo conto che il mio intervento è fuori tema ma, qualche giorno fà mi è capitato di vedere otto e mezzo (il signore mi perdoni).
nella puntata si parlava di ambiente e gli ospiti presenti erano "il grande" Pecoraro Scanio e due esperti di ambiente uno pro energie alternative e diciamo catastrofista e uno contro fotovoltaico ecc. ed a favore dell'energia atomica.(purtroppo non ricordo i nomi)
purtroppo mi sono perso il favorevole alle energie alternative ed ho sentito solo il contro che ha spiegato che non vi sono tutti questi cambiamenti climatici che non è colpa della CO2 ecc. citando studi scentifici costi ricavi e via di seguito.
nella sua tesi ha citato anche esempi tedeschi dicendo che li usano energie alternative ha citato centrali eoliche che ha suo dire hanno però un alto costo 5 volte rispetto alle energie atomiche per produrre meno energia, ha anche parlato dell'etanalo (spero fosse quello) che in brasile o america si produce con i vegetali dicendo che la differenza fra energia spesa per produrlo ed energia ricavata dal prodotto è spesso pari o paca di più.
la risposta data dal ministro a cui è toccato ribattere è stata a dir poco lacunosa.
dopo questa prefazione ecco la mia richiesta in questo bolg non si potrebbe far intervenire con delle interviste o citando dati scentifici rappresentanti delle due teorie in modo innanzitutto di essere più informati e di potersi fare un'idea più precisa.
chiunque abbia la possibilità di farmi sapere dove trovare maggiori informazioni e come eventualmente come cunsumatore posso attraverso i miei acquisti far sapere la mia opinione mi farebbe cosa gradita
grazie
ciao a tutti
dario

dario neri 05.11.06 18:26| 
 |
Rispondi al commento


IO NON VOGLIO COMPRARE PRODOTTI ITALIANI!

IO NON VOGLIO ANDARE NELLE CATENE DI SUPERMERCATI ITALIANE!!

PERCHE' VOLETE IMPEDIRMI DI FARE LA SPESA DA TESCO? O DA WAL-MART? O DA ALDI E DA LIDL?????


Se la Coop è davvero così competitiva come molti qui sostengono, non dovrebbe aver niente da temere. Invece si preoccupa! E fa bene: non reggerebbe alla competizione.

Questo significa che chi fa la spesa in Italia paga prezzi più alti. E la Coop preferisce rimanere indisturbata--ovviamente!

L'arrivo di grandi catene estere porterebbe quindi prezzi più bassi e nuovi posti di lavoro.


CHI E' CONTRARIO ALL'ENTRATA DI CONCORRENTI ESTERI NELLA DISTRIBUZIONE ITALIANA SBAGLIA: VA CONTRO I PROPRI INTERESSI E QUELLI DELLA COLLETTIVITA'!!

Riccardo Damiani 05.11.06 18:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non è passata.
addio cervelli all' ammasso di beppe grillo.
voi ci perdete poco, ma io non ci perdo niente

franco bulferi 05.11.06 18:22| 
 |
Rispondi al commento

cacciamo i politici..sono tutti uguali.pensano ai propri interessi e basta.

marco zanin 05.11.06 18:20| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia ha perso il treno della grande distribuzione alimentare. E' un dato di fatto, ormai. Il che, tradotto, significa fior di capitali che fluiscono verso l'estero anzichè restare in Italia. Predicare la politica distributiva del negozietto sotto casa, poi, è un nonsense, tanto quanto auspicare il ritorno alla trazione animale nel settore dei trasporti.
A questo punto il nodo fondamentale, per me, resta non tanto quanto paghiamo, ma cosa compriamo. Io non voglio risparmiare a tutti i costi, ma voglio pagare il giusto per dei cibi sani. Il nostro è un paese per molti versi incivile, ma sul cibo abbiamo veramente poco da imparare. L'iper vicino casa mia vende carne dei paesi bassi. Se la mangino loro.

Mario Luciani Commentatore in marcia al V2day 05.11.06 18:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Compito della finanziaria era quello di rientrare in EUROPA A TESTA ALTA, ciò è avvenuto,cosa non semplice da fare , ma PRODI c'è riuscito.

sergio 05.11.06 17:44 | Rispondi al commento

vedi, caro Sergio, come siamo "entrati" bada ben NON RIENTRATI con la SVALUTAZIONE della lira in EUROPA ??????
Non farmi pensare che hai 2 fette (spesse 2 cm) di mortadella sugli occhi !!!
Rifletti !!!!

prodi vattene 05.11.06 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

silvio:-2001-per mettere a posto l'italia mi servono almeno due legislature (10anni sic et simpiciter)

ed invece, dopo 5 anni i numeri parlano chiaro... quelli dell'italia sono nettamente peggiorati... quelli di silvio sono nettamente migliorati....

ora al mortadella non si vogliono concedere nemmeno 12 mesi... quanta malafede nei dx....

roberto brianza 05.11.06 18:14| 
 |
Rispondi al commento

PRODI A CASA

Davide Caracciolo 05.11.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GIUSTIZIA: PROCURA BOLZANO FA SCUOLA A ROMA, SOLE 24 ORE

''Bolzano fa scuola a Roma.
Ministero, Senato e CSM studiano i criteri manageriali della
Procura'' della Repubblica: e' il titolo che Il Sole 24 Ore
dedica oggi ad un lungo servizio sui ''modelli di eccellenza''
nella amministrazione della Giustizia.
Il giornale, pralndo della Procura di Bolzano, spiega che
''l'ufficio ha ottenuto dal Fondo sociale europeo finanziamenti
per oltre 200 mila Euro, si avvale di consulenti per il bilancio
sociale e la certificazione Iso''.
I ''numeri'' che risultano da questo lavoro - aggiunge il
giornale - sono questi : '' 1.028.977 Euro: il risparmio
complessivo in due anni da parte della Procura (un calo delle
spese dl 52,3%); 60,3%: la riduzione delle spese relative alle
intercettazioni in due anni; 45,87 per cento: il taglio alle
spese relative alle trasferte giudiziarie; 51,89 %: il risparmio
sulle consulenze tecniche''. Il tutto con l'indicazione di
''digitare www.procura.bz.it'' e sul sito ''c'e' davvero
tutto''.

sergio 05.11.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Come in ogni incontro che si rispetti c'e' chi tifa Esselunga (destra) e chi tifa Coop (sinistra).
Io sinceramente vi dico di "tenere" per quello dei due che volete, ricordate pero', e questo Grillo non lo ha detto, che SOLO dove ci sono in zona ENTRAMBI gli ipermercati Coop e Esselunga i prezzi sono piu' bassi.
Dove c'e' solo Coop il prezzo dei medesimi articoli e' piu' alto di media tra il 5 e il 10%
Quindi non fatevi infinocchiare, andate da chi volete e tifate per chi volete, ma ricordatevi che solo con la concorrenza il consumatore vince.
E chi pensa che sarebbe meglio se Esselunga fosse acquistato da Coop sbaglia, perche' cosi' la concorrenza e la "guerra" di prezzi tra i due marchi finisce. E finisce anche la convenienza per chi va a fare la spesa.

fabio benedetti 05.11.06 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma siamo o non siamo in Europa?? Le catene della Grande Distribuzione Francesi e Tedesche hanno cifre d'affari stratosferiche rispetto a quelle Italiane dunque è FISIOLOGICO che si mangino i commercianti italiani piccoli o grandi che siano. La grande distribuzione italiana non ha potuto crescere e non sono cresciuti per colpa loro (nostra): contingentamenti, protezionismo politico ed evasione fiscale (che impediva di reinvestire nelle aziende stesse) hanno condannato al NANISMO e adesso lo si paga sul mercato internazionale.
Il fenomeno COOP consumo non è esportabile (ci hanno anche provato e non ci sono riusciti), un conto è fare i numeri in aree protette un conto è farli nei mercati veramente liberi con la concorrenza agguerrita! Quindi non trinceriamoci dietro all'Italianità (visto che siamo Europei) per difendere interessi di bottega. Come Europeo sarei più preoccupato che ci colonizzassero gli americani. Ricordate che Wal Mart (USA), è primo al mondo nella Grande Distribuzione.
Concentriamo gli sforzi per aiutare le Aziende Italiane che per numeri e dimensione sono in grado di penetrare mercati regionali europei e mercati di oltreoceano. Ragioniamo in grande, la politica da bottegai non paga!

enrico caprioglio 05.11.06 18:12| 
 |
Rispondi al commento

ho scritto un' altra cosa fuori dal coro e non è passata. forse questa passerà per far vedere la mia malafede. se passa provo a riscrivere la precedente e vediamo come va

franco bulferi 05.11.06 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che nel complesso i supermercati abbiano peggiorato la vita sociale delle città. Con la complicità politica hanno spazzato via quasi completamente ogni forma di concorrenza ed ora fanno il buono ed il cattivo tempo in ogni settore del mercato di consumo. Sui prodotti non di richiamo, cd "civetta", praticano senza ritegno prezzi normalmente più alti di quelli che si riscontrano per lo stesso prodotto nei pochi negozi tradizionali rimasti miracolosamente ancora operativi, dove è possibile trovare spesso anche un pizzico di professionalità. Qualità quest'ultima praticamente sconosciuta, in quanto ritenuta superflua, al personale dei centri commerciali. Con l'avvento dell'euro, in alcuni casi per non evidenziare un aumento di prezzi sono ricorsi alla riduzione della quantità del prodotto. Così è successo per qualche confezione di detersivi o per i fazzoletti di carta che da dieci sono diventati improvvisamente nove nella confezione singola. Di questo passo non escludo che in un prossimo futuro saremo invasi anche da medicinali prodotti direttamente dalle Coop.


@@@@@@@

Ma la Gardini ha poi trovato un cesso libero?

Ma PreViti è in libertà parlamentare?

Saddam è stato condannato.
Ora devono condannare i liberatori "invasori".

Ieri ha manifestato la sinistra.
La destra ha cantato vittoria:"Siamo in Italia".


La S lunga è la "s di fassssista".
Stra.

stra lunato 05.11.06 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Il frumento costa 12 € al quintale. Come 12 anni fa.
Ma il pane costa 400 € al quintale, 35 volte di più del frumento.
Chi, se non buona parte dei commercianti, ha inflazionato i prezzi? E' stato l'euro? Ma io non ho mai visto una moneta decidere di valere di più o di meno, la moneta non parla, non agisce, non ti frega e non ti premia. Sta lì...in mano a chi la usa. E chi la usa ti frega oppure è onesto. La maggior parte dei commercianti, liberi professionisti e affini si sono fatti le palle d'oro con l'euro!
E il governo Berlusconi, insediatosi nella primavera del 2001, aveva sei mesi di tempo per prevenire la catastrofe inflattiva che ha aumentato i prezzi del 90% in molti casi, ma si è impegnato molto in quei mesi, solo a fare le leggi per il Capo.
Si può ancora fare qualcosa, però...
Siccome i prezzi non si possono limitare, se no l'Europa ci sgrida perché soffochiamo il libero mercato onnipotente, basta mettere tasse del 90% a chi di tale percentuale ha aumentato i prezzi rispetto a quelli del 2001.
Secondo me, il potere d'acquisto del nostro mer..so euro di noi lavoratori dipendenti, tornerebbe al valore originario di 1936,27 lire, quel valore che anche Berlusconi ci ha ricordato con l'unico sforzo che fece per noi mortali in quel secondo semestre del 2001 mandandoci a casa il convertitore.

paolo di verona 05.11.06 17:58| 
 |
Rispondi al commento

tasse di arcore

TASSE DEL NANO di arcore

Una delle più grandi zozzate fatte dal precedente governo del nano arcore fù quando nel 2003 aumentò la tassa sul TFR-------liquidazione------- che dal 18% portò al 20%, creando un danno notevole e mettendo le mani in tasca ai PENSIONATI. altro che Prodi--------- infidi destri è forse FALSO quello che ho scritto--------


sergio 05.11.06 17:32
------------------
Caro Sergio, forse rosichi amaro ma ancora non hai visto cosa vuol dire infido. Aspetta e vedrai come si realizzeranno tutte le promesse degli attuali nocchieri della nazione, che dalla sera alla mattina cambiano spartito e musica proprio come tira il vento dell'opinione non pubblica, ma dei loro alleati, un contro l'altro uniti, visto come parli. Chissa che tu non abbia a rimpiangere amaramente quello che ora dilegi tanto per fare qualche cosa, secondo me:
Poi conoscendo l'odio Berlusconiano per le tasse sicuramente non sei così ben informato, ci sarà, sicuramente un motivo, più che giusto per averlo fatto, che purtroppo io non conosco. Tu però, secondo me, sproloqui tanto per colpire a vuoto, anche perchè ormai ne hanno fatte tante QUESTI e tante ne hanno annunciate di schifezze, per esempio l'aumento dei bolli alle vecchie vetture, che sono per lo più quelle sì dei pensionati al minimo, quando ce le hanno, che qualsiasi cosa dica tu o chiunque altro sul Berlusca puzza di vecchio e strumentale che di più non si può, astieniti se puoi, se no pazienza, ciao

Francesco

f.marletta 05.11.06 17:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per questo mi sono permesso di chiedere a beppe a che serve il suo blog, bannato in lungo ed in largo ( fa una prova, se non ci credi ed hai venduto il cervello al condominio di beppe) ; a dare voce ad inutili come lo zanin

franco bulferi 05.11.06 17:56| 
 |
Rispondi al commento

IL GOVERNO PENSI A RIDURRE IL COSTO DELLA POLITICA CHE VA SEMPRE PIU' AUMENTANDO

AUGUSTO BOT 05.11.06 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Murdoch alla cinese o il Murdoch di sempre?

Qualsiasi sia la risposta giusta, il fatto è che c’è chi sta facendo causa a MySpace, che è di proprietà dell’editore australiano, per “censura”.

Chiunque voglia leggere (in inglese) la fonte di queste informazioni, che risalgono al 2 novembre, può trovarne un resoconto particolareggiato su Mashable, un sito/blog di grande successo negli USA. Qui ne facciamo un riassunto e vi aggiungiamo altri riferimenti: Brad Greenspan, uno dei fondatori di MySpace, ha denunciato su un sito specializzato nell’attività anticensura, un caso particolare di oscuramento non di una semplice pagina, ma di tutti i riferimenti relativi a un sito molto popolare fra i suoi (di MySpace) visitatori ma concorrente. C’è anche una petizione contro MySpace che gli utenti firmano sul sito qui linkato. Ma andiamo con ordine.

Vidilife, come ognuno può vedere, è un portale di video condivisi, una sorta di palinsesto televisivo bianco che ognuno può riempire con i propri contenuti, a loro volta accessibili, riusabili. E’ la modalità che ha fatto il successo di YouTube, di recente acquisita da Google per 1,65 miliardi di dollari, e ciò che ha trainato la travolgente avanzata di MySpace, giunta rapidamente oltre i 100 milioni di utenti e le decine e decine di milioni di pagine personali. Su quelle pagine, gli utenti di MySpace ogni giorno “linkano” (collegano) o riproducono contenuti di ogni genere, perchè la sostanza della nuova cultura internet sta nella condivisione, nell’informarsi scambiandosi contenuti. Uno scambio antico, quello orale, reso potente dal mezzo.

Antonio amati Commentatore in marcia al V2day 05.11.06 17:52| 
 |
Rispondi al commento

caro max
se leggi cazzate come quelle scritte dallo zanin ( cacciamo i politici, stanno rovinando l' italia) non sei un pò daccordo con me? chi ci metteremmo al posto dei politici? lo zanin?

franco bulferi 05.11.06 17:51| 
 |
Rispondi al commento

cacciamo i politici..stanno rovinando l'Italia..

marco zanin 05.11.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CHI PAGA CHI NON PAGA

Finalmente la finanziaria dopo anni di oscurantismo politico economico ,ricrea nel paese una fiducia e una maggiore equità sociale tra le varie Classi Sociali.

E' incominciata una ridistribuzione della ricchezza del paese in modo equo e solidale.

Si evince senza alcun dubbio, che maggiori beneficiati dalla rimodulazione delle aliquote fiscali e detrazioni varie ,sONO le Famiglie con mogli e figli a carico, detentori di redditi bassi, i quali con 5 anni di governo di Centrodestra, erano andati in povertà......

Certo, il GOVERNO DI CENTRO SINISTRA ha trovato una situazione economica disastrosa, fuori dai paramentri della Comunità Europea dal 3% al 4.2%, questi dati penso che i forumisti di destra non li possono negare.

Compito della finanziaria era quello di rientrare in EUROPA A TESTA ALTA, ciò è avvenuto,cosa non semplice da fare , ma PRODI c'è riuscito.

Ma parliamoci chiaro,quando La Confindustria dice:.....che è preoccupante che i Sindacati anche quelli di destra,siano soddisfatti della finanziaria .... e che... La Casa della Libertà è contraria ,allora significa ,che la finanziaria fatta dal Governo Prodi è giusta e tutela la Classe-Mediobassa con maggiore giustizia e equita sociale.

E' finito il ciclo della finanza creativa di TREMONTI BOSSI che ha bloccato e frenato la nostra economia per 5 anni .

sergio 05.11.06 17:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tempo fa, su Report, la sig.ra Gabanelli spiegava che il destino dell'agricoltura in Italia è destinato a sparire, strozzato da logiche di mercato dove i produttori italiani erano l'anello meno importante rispetto alla lunga catena dell'intermediazione.
La Coop,ad esempio, rifiutava buonissime ciliegie nostrane offerte da piccoli produttori locali per acquistare grandi quantitativi di ciliegie belle grosse dalla Turchia. Motivo: troppa fatica comprare un camioncino alla volta! La qualità del prodotto (non intendo quello estetico!) diventa l'aspetto meno importante.
In generale, i prodotti agricoli alla fonte vengono pagati nulla per poi trovarli carissimi sugli scaffali a causa di troppi intermediari.
Anche il nostro prezioso "grano duro" è quasi scomparso per lasciare il posto a prodotti esteri che attraversano l'oceano in nave, vengono scaricati in porto con i gabbiani che ci schittano sopra e poi, è già successo, si scoprono pure infettati da un fungo pericoloso.
Per non dilungarmi oltre, vi dirò che,dopo aver visto quel programma, ho cominciato a comprare la frutta e la verdura da una famiglia di agricoltori che vende anche al dettaglio in un paese vicino. Ora spendo molto poco e compro prodotti freschissimi.
Inoltre, sto organizzandomi con alcuni amici per costituire un gas (gruppo acquisto solidale). E' una forma di acquisto basato sul principio del rispetto reciproco (venditore e acquirente). Non solo si risparmia, ma si premia chi produce con un giusto guadagno ed è si inquina meno con il trasporto, perchè si prediligono il più possibile i prodotti locali.
Così si è salvato, in Brianza mi pare, una piccola impresa famigliare che fa un formaggio squisito con la stessa sapienza e lo stesso amore trasmessi dai loro nonni; senza i gas avrebbe dovuto chiudere, schiacciata dalle grosse aziende.
Pensateci.

sofia astori Commentatore in marcia al V2day 05.11.06 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FORZA COOP

.................E' certo. GRUPPI DELL'AGROALIMENTARE STRANIERI adesso anche TISCO inglese------------- VOGLIONO CONQUISTARE ,IL MERCATO iTALIANO FACENDO FUORI, LE COOP, LA Confindustria e i Gruppi Stranieri non sanno CHE...............La cooperazione, oggi contribuisce all'8% del PiI e con più di un milione di occupati, è cresciuta con continuità.

Ancora nel 2005, anno di stagnazione per il paese la cooperazione è cresciuta del 4% per la produzione e del 2% per l'occupazione.

Nel decennio '91-2001, secondo i Censimenti, l'occupazione delle imprese cooperative, non solo è cresciuta sette volte più dell'occupazione nazionale, quanto è stato l'unico segmento d'impresa a contrastare il nanismo industriale. In alcuni settori come la grande distribuzione, le coop sono rimaste «gli ultimi giapponesi» a difendere l'italianità del settore mentre altri grandi industriali, Berlusconi (Euromercato), Agnelli (Rinascente), Benetton (GS) hanno venduto a multinazionali estere.

Secondo i più attenti analisti la crescita in controtendenza del movimento cooperativo è dovuto ai vincoli della mutualità che, imponendo la non divisibilità e il reinvestimento degli utili, realizza una condizione di intergenerazionalità e di sviluppo a lungo termine, il contrario del cortotermismo, Borsa, Stock Option e quant'altro, male che da qualche decennio affligge le GI di capitale::::::::::::.

sergio 05.11.06 17:39| 
 |
Rispondi al commento

RAPIMENTI

FELICE che Torsello sia vivo

Ma mi pongo da TANTO tempo una domanda: E' molto tempo che con i riscatti in Italia si segue la "LINEA DELLA FERMEZZA" e se ti rapiscono un parente, la prima cosa che fanno, ti bloccano i beni.

se paghi un riscatto, ci paghi sopra le TASSE.

Quindi se ti rapiscono un figlio , crepi di dolore, perche' pagheresti tutto quello che puoi, ma te LO IMPEDISCONO: SE FAI DEI PRESTITI POI, VIVO O MORTO CHE SIA TUO FIGLIO, IN OGNI CASO PAGHI LE TASSE SUL PAGAMENTO DEL RISCATTO.

Si dice che è perchè cosi col blocco, si cerca di non fare moltiplicare i rapimenti. E LE TASSE? BOH!

NON DISCUTO; LE LEGGI SI SEGUONO: pero' qui se è vero che lo Stato paga, che ha pagato, si pone un TRIPLO PROBLEMA:
1) I RAPIMENTI CONTINUERANNO

2) I SOLDI DEI RAPIMENTI FORAGGIANO IL TERRORISMO.

3) CON I SOLDI DEGLI ITALIANI SI FORAGGIA IL TERRORISMO.


E ALLORA PERCHE? IL BLOCCO DEI BENI PER I PRIVATI?

PERCHE' LA POLITICA DELLA FERMEZZA NON VALE PER TUTTI?

IN FONDO; SE RAPISCONO UN SARDO; LA RESPONSABILITA' E' DELLE ISTITUZIONI, CHE , COME AL SOLITO; NON HANNO SAPUTO FARE IL LORO DOVERE:
O NO?

marista urru 05.11.06 17:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tasse di arcore

TASSE DEL NANO di arcore

Una delle più grandi zozzate fatte dal precedente governo del nano arcore fù quando nel 2003 aumentò la tassa sul TFR-------liquidazione------- che dal 18% portò al 20%, creando un danno notevole e mettendo le mani in tasca ai PENSIONATI. altro che Prodi--------- infidi destri è forse FALSO quello che ho scritto--------

sergio 05.11.06 17:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un padre che non lascia in mano l'azienda al figlio...credete che sia stato un buon padre?

la cassiera 05.11.06 15:29
------------
Non vedo ragioni per dubitarne,
se non ci sono argomenti a confutazione:

Credo che siano affari loro, e ch enessuno abbia n'è il diritto, n'è alcun motivo lecito per dare giudizi. Tuttalpiù a livello accademico, giusto per parlarne: nessuno può dire nulla senza almeno sapere chi, o che tipo è il figlio. Non vedo cosa ci sia di male, nell'ipotesi che al figlio, per esempio non gliene potesse fregar di meno di dirigere o continuare l'azienda del padre.
Non sarebbe n'è il primo n'è l'ultimo caso.ciao

Francesco

f.marletta 05.11.06 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Londra è una delle città più care d’Europa. Eppure gli inglesi sono riusciti a fare quello che a noi non riuscirà mai: vera concorrenza.
Se fai la spesa da Harrods e poi da Tesco noti differenze di prezzo abissali che in Italia non ti permettono di fare per colpa della confesercenti.
La scusa dell’italianità è una fandonia per tentare di salvare l’insalvabile, bisogna dare finalmente il via alla vera concorrenza, chi se ne frega se non ha il tricolore sul marchio.

Desirée Risi 05.11.06 17:29| 
 |
Rispondi al commento

ei forte PRODI

Nel nuovo libro di Vespa un durissimo giudizio del premier sul leader di Forza Italia

"E' come il signor Enea che andava a rubare l'uva al contadino"
Prodi al veleno su Berlusconi

"Un prepotente che viola la legge"
La replica del portavoce Bonaiuti: "Chi guida il peggior governo non ha i titoli per giudica

sergio 05.11.06 17:28| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

http://www.centroghelawe.org/

Il Centro Ghélawé è un progetto di cooperazione tra Italia e Burkina Faso. Consiste nella costruzione e avviamento di un Centro di ricerca, formazione e sviluppo dell'agricoltura e dell'allevamento.
Il Burkina Faso è fra i paesi più poveri del mondo, mancano conoscenze, strumenti e tecnologie per il lavoro, risorse che invece noi abbiamo. Il nostro progetto mira a eliminare questo divario.
In Burkina Faso pochi euro, ben spesi, possono fare una grande differenza.
Con soli 5,00 € si può acquistare un albero e piantarlo. Con 14,00 € si può mandare a scuola un bambino per un anno (per le bambine costa anche meno), con 10,00 euro a metro quadro si può costruire una casa, nel nostro caso le strutture che ospiteranno il Centro Ghélawé.
Microfinanziamenti per un vero sviluppo e per una "ricostruzione" ambientale.


Basta un piccolo contributo.

c/c 114044 intestato a
Associazione Centro Ghelawe
cin:J abi:05018 cab:12100

Bonifico Bancario a:
Centro Ghélawé a.p.s.
Banca Popolare Etica c/c 114044
CIN:J ABI:05018 CAB:12100
Causale: donazione progetto Burkina Faso


Caro beppe e cari utenti di questo sito..
ieri sono stato a venezia e cos'ho visto?
arei che tracciavano geometriche maglie nel cielo terso,scie chimiche che si espandevano nel cielo
Ma sul serio,cosa diavolo stanno facendo?
Su internet gira un sacco di materiale,anche molto allarmista,ma la verità dove sta?
credo che Beppe dovrebbe occuparsi della cosa e noi con lui..ora che abbiamo un peso d'opinione e una certa visibilità mobilitiamoci su una questione reale e seria come quella delle Scie chimiche...chiediamo un indagine parlamentare,rompiamo le scatole..non vogliamo sapere cosa buttano nei nostri cieli e perchè??
Invito tutti a riflettere sull'argomento e a inviare email a beppe affinchè si occupi della cosa.

Luca Mazzanti 05.11.06 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


عمل موسمي (مؤقت) ـ هل من الممكن تحويل تصريح الإقامة إلى تصريح للعمل الغير مستقل؟
سؤال: أعزائي حضرات هيئة التحرير، إنني شاب من المغرب، دخلت في إيطاليا في عام 2003 بتصريح إقامة للعمل الموسمي. عند انتهائه لم يتم تجديده لي والشخص الذي يهتم بالعملية، سلم إجراء الرفض إلى المحامي بعد 5 أشهر. إنني قد تعينت واستلم مرتبي بصورة منضبطة. الرفض الذي تم إبلاغه لي لغته غير مفهومة، هل يسمح لي هذا بعمل استئناف؟ الجواب: بعد 5 أشهر فإنها انتهت بالطبع المدة المحددة للقيام باستئناف ضد إجراء الرفض من قبل قسم الشرطة. ولكن فإنه صحيح أن إجراء الرفض ـ مثل باقي البلاغات، وخاصة تلك التي تجيب بالسلب (...) [ 24 تشرين الثاني (نوفمبر) 2005 ]

ROSA CAMUNA 05.11.06 17:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ FRANCO BULFERI

grande beppe
mi dici a che ti serve dare voce a tutti questi salami che ti scrivono solo per il gusto di rileggersi e sentirsi qualcuno?

franco bulferi 05.11.06 16:42 |

franco bulferi 05.11.06 16:46

franco bulferi 05.11.06 16:48

franco bulferi 05.11.06 16:48 |

franco bulferi 05.11.06 16:51

----------------------------------------------------

Sì, appunto, come voleva dimostrare e forse è solo la parte iniziale del salame!
Ma tu sei un grosso salame e ci stai rifilando grosse fette o sei una fila di salsiccie?

La testa non serve per tenere separate le orecchie e se si critica non si dovrebbe farlo assumendo gli stessi comportamenti criticati; così io penso.

Max Stirner


Roma - Dal governo il ritornello è sempre lo stesso, «Non risulta che sia stato pagato un riscatto», ma tutti sanno che non è vero. La “linea italiana” verso i sequestri in Iraq e Afghanistan è sempre stata una sola: pagare. Anche per Gabriele Torsello il punto quindi non è tanto capire “se”, quanto piuttosto capire “quanto” il governo italiano ha sborsato per riaverlo vivo.

ROSA CAMUNA 05.11.06 17:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Do Nascimiento è un uomo libero, magia dell’indulto, può rimanere spaparanzato al sole di Rio e godersi il frutto delle sue truffe televisive perché l’Italia non ha nemmeno più voglia di chiederne l’estradizione. Nonostante la ritrovata impunità però, le cronache lo descrivono come un uomo sull’orlo di una crisi di nervi. E come non comprenderne il dolore... Pensava di essere il campione mondiale di bufale catodiche e invece ha scoperto che proprio nel Belpaese, teatro delle sue razzie da imbonitore, ci sono centinaia di individui capaci di spararle più grosse di lui. E non hanno nemmeno bisogno del suo innegabile fascino esotico che rimanda a macumbe e voodoo, neppure delle inarrivabili riccioline rasta. Si presentano in giacca e cravatta

ROSA CAMUNA 05.11.06 17:01| 
 |
Rispondi al commento

peccato
altre braccia tolte all' agricoltura

franco bulferi 05.11.06 16:54| 
 |
Rispondi al commento

grande beppe
anche tu sei diventato un consumista del nulla
eri meglio quando facevi i reportages dal brasile.ora sei un guru da quattro soldi

franco bulferi 05.11.06 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

grande beppe
mi spieghi che senso ha tutto quel fermento di nulla che scateni con le tue sollecitazioni blogghistiche?

franco bulferi 05.11.06 16:48| 
 |
Rispondi al commento

http://www.geocities.com/ilfaro2006/

La pillola per gli occhi!!! ehehehheheh

IL FARO 05.11.06 16:47| 
 |
Rispondi al commento

grande beppe
mi spieghi che senso hanno tutte queste parole sprecate che tu stimoli e che sono niente confronto al granello di miglio che la formica porta al formicaio?

franco bulferi 05.11.06 16:46| 
 |
Rispondi al commento

grande beppe
mi dici a che ti serve dare voce a tutti questi salami che ti scrivono solo per il gusto di rileggersi e sentirsi qualcuno?

franco bulferi 05.11.06 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IERI E MANCATA LA CORRENTE,COME AL SOLITO ALL'ESTERO QUANDO MANCA LA CORRENTE C'E LA TAGLIANO A NOI..
TANTO PACIFISTI E BONACCIONI,ANTI NUCLEARE,ANTI TAV...E ALLA FINE NON CI HA NESSUNO PEL C...


QUANDO L'ITALIA SARA' IN GINOCCHIO,FORSE L'ITALIANO SI ACCORGERA' CHE LA SINISTRA E LA ROVINA.

pietro lascala 05.11.06 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BISOGNA TORNARE AL CARO VECCHIO BARATTO...
CHI VUOLE DELL'INSALATA?


grande beppe
perchè non lasci passare anche qualche voce che si distacca dal coro dei tuoi ammiratori?

franco bulferi 05.11.06 16:40| 
 |
Rispondi al commento

@ ROSA CAMUNA:

I sondaggi a cui fai riferimento sulla popolarita' di Renato Soru lasciano il tempo che trovano, non darei molto peso ai sondaggi realizzati in modo a dir poco discutibile.
La misura delle cosi' dette "tasse sul lusso" non sono un boomerang, se leggete i veri dati sul turismo si e' avuto quest'anno un leggero incremento, il turismo sta cambiando e non e' piu' un turismo esclusivamente estivo e costiero, ma, come era nelle intenzioni di Soru sta diventando e diventera' un turismo per tutte le stagioni e anche per le zone interne della Sardegna.
L'agenzia pubblicitaria e' il passo successivo e inevitabile e direi pure ovvio in una Regione che vuole far conoscere se stessa e i suoi prodotti, lo fanno molti territori francesi, spagnoli, e della GB. Non vedo perche' non lo possiamo fare anche noi in Italia, e in Sardegna nello specifico.
I commenti di un avversario politico come Mauro Pili, tra l'altro cosi' bellicoso, e in un clima molto nervoso non e' detto siano esatti.
Sono perfino facilmente smentibili, basta controllare gli ultimi bilanci regionali e le dichiarazioni dell'organo di controllo, che credo sia al di sopra di sospetti di faziosita'.
Come sempre quando si fa un investimento bisogna guardare non a quanto si spende ma a quanto si guadagnera'. Non credo Pili sia in grado di stabilirlo, oltrettutto a differenza di quando era lui presidente della Regione Sardegna siamo usciti dall'immobilismo, qualcosa si sta muovendo, diritti negati cominciano ad essere riconosciuti, settori lasciati a se stessi vengono ora studiati attentamente.

Tullio Saba 05.11.06 16:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A tutti piacerebbe che i marchi Italiani rimanessero in Italia tantochè questo pretesto viene usato spesso per creare fregature.

La Fiat è sempre stata aiutata dallo stato per non chiudere i suoi stabilimenti in Italia sia dal centrosinistra che dal centrodestra ma i suoi Titolari hanno comunque chiuso qualche stabilimento per aprirne altri in Brasile, Cina e nell'Europa dell'est alla faccia degli aiuti ricevuti dallo Stato.

Bisogna ricordare anche gli operai Fiat sono i meno pagati rispetto angli altri operai di case automobilistiche e che alcune fabbriche avevano quasi totalmente robotizzato la costruzione delle macchine.

Probabilmente qualche Titolare della Fiat era talmente preoccupato di questa situazione che faceva uso di stupefacenti per non cadere in depressione.

Si parla sempre di un conflitto di interesse di Berlusconi, almeno lui non ha portato le TV in Cina e se i singoli canali di Mediaset non producono programmi di qualità lo si deve a chi gestisce i singoli canali, Maurizio Costanzo non è certo un simpatizzante di centrodestra e sta monopolizzando canale 5 tra lui e la moglie.

Quello che la sinistra non riesce a sopportare e che il potere di mediazione delle reti Mediaset è molto forte ed è l'unico alternativo allo strapotere mediatico che la sinistra di governo controlla, vedi RAI, altri canali TV, radio e stampa.

Simone S. 05.11.06 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, stai a di na cazzata....

Coop o non Coop, la GD è tutta in mani straniere... se questi ad un certo pun to decidino di metterrci il cappio al collo non potremo far nulla...

Sono d'accordo sulla possibile italianità dell'acquirente.. pure se sono le coop
alla fine meglio coop che sti tedeschi, che nn si fanno problemi a sfruttare i dipendenti, vedi Lidl, di cui ti sei occupato anche tu.

Gabriele Festuccia 05.11.06 16:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La grande distribuzione in Italia vede gia' la presenza di grosse societa' staniere, anzi, le cooperative sono tra le uniche presenze italiane in questo settore. Perdere l'italianita' di tutta o quasi la grande distribuzione e' un rischio per i piccoli produttori italiani, che non posseggono una loro catena distributiva nazionale, e spesso neppure regionale, per cui devono per forza ricorrere alla grande distribuzione. Ma questa ha facolta' di decidere quali prodotti includere e quali escludere, e non certo per dare un beneficio ai piccoli consumatori. Un prezzo basso non e' sinonimo di attenzione ai consumatori, e la non italianita' delle societa' di grande distribuzione non necessariamente porta benefici per i consumatori e anche meno per i medio-piccoli produttori.

Tullio Saba 05.11.06 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Il centrosinistra e' in calo di consensi anche in Sardegna. Ed e' in calo anche la popolarita' del governatore Renato Soru. Cosi', dopo avere inventato la tassa sul lusso, destinata a colpire i posti barca e le seconde case dei turisti - una misura che si e' rivelata un boomerang -, l'ex patron di Tiscali ha deciso di seguire le orme di alcuni suoi colleghi e di affidarsi alle cure di una prestigiosa agenzia pubblicitaria per ripristinare l'immagine della regione e tentare di risalire la china. Il progetto di Soru prevede investimenti in immagine per circa 56 miliardi in tre anni. Per Mauro Pili, il governatore defenestrato da Soru oggi in Parlamento tra le fila di Forza Italia, si tratta di un "golpe pubblicitario" vero e proprio. In un'intervista a Panorama, domani in edicola, ha dichiarato: "Finora Soru ha pianto miseria, cercando di convincere tutti che le casse della Regione erano disastrate. Per questo ha tagliato i piani straordinari per l'occupazione, ha cancellato centinaia di posti di lavoro nella formazione professionale e ha bloccato i fondi ai comuni. Alla fine ha calato l'asso: un appalto stramilionario, unico nel suo genere in Italia e forse in Europa, piu' costoso del primo piano straordinario del lavoro in Sardegna, che era di 50 milioni di euro". Sul caso, Pili ha presentato un'interrogazione al premier Romano Prodi e al ministro dell'Economia, Tommaso Padoa-Schioppa.

ROSA CAMUNA 05.11.06 16:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti questi comemnti astiosi e negativi nei confronti della Coop mi sembrano molto strumentali e dettati da "ragioni" più politiche che oggettive.
In un altro contesto governativo, in un altro paese meno provinciale ci sarebbe stato un moto d'orgoglio nel sapere che un'azienda tutta italiana si candidava ad acquistarne un'altra evitandone il passaggio di mano all'estero.
Ma in Italia no, vero? Caprotti punta al soldo, questo è certo e probabilmente ritiene di guadagnarci maggiormente all'estero che non con il mondo cooperativo rivale da sempre in casa.
Non sarebbe più opportuno prima di lanciarsi in guerre di bandiera pensare alle politiche col personale, coi fornitori, alla qualità di prodotto ecc...le politiche di chi si candida da qui e di chi lo fa oltr'Alpe?

elena stefanini 05.11.06 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)