Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Mille e una morte


caduti_sul_lavoro.jpg

L’Italia è un Paese pericoloso per chi lavora. Le mille possibili morti hanno il sapore del sangue e della tortura dell’Inquisizione spagnola. Sono delitti, non incidenti. Gli investimenti sulla sicurezza diminuiscono il fatturato. I caduti sul lavoro lo aumentano. Caduti di un’Italia piena di sindacati, di ispettori, di proclami, ma senza regole. Morti di profitto.
Come muore un lavoratore? I 246 morti nell'edilizia nel 2006 offrono un’ampia scelta:

- folgorato dall’alta tensione (Luigi Careddu, operaio, 29 anni)
- schiacciato dal camion (Luigi Cuomo, operaio, 40 anni)
- caduto da un’impalcatura (Michele Grauso, operaio, 55 anni)
- travolto dal treno (Victor Rotari, operaio, 48 anni)
- per il crollo di un balcone (Massimo Raffaele Pisacane, operaio, 22 anni)
- schiacciato da un nastro trasportatore (Salim Bedoui, operaio, 19 anni)
- schiacciato da un silos di malta (Francesco Casalicchio, operaio, 30 anni)
- inghiottito da uno smottamento (Carmelo Molino, operaio, 56 anni)
- colpito alla testa da una putrella (Nicolin Ndou, operaio, 42 anni)
- precipitato da un tetto (Davide Soldati, operaio al primo giorno di lavoro, 27 anni)
- per il crollo di una palazzina (Mircea Spiridon, operaio, 32 anni)
- schiacciato da un escavatore (Marco Cibin, operaio, 41 anni)
- schiacciato da un carico di lastre di granito (Daniele Tavarini, operaio, 43 anni)
- caduto dentro un silos per la lavorazione del cemento (Luigi Tunto, operaio, 53 anni)
- colpito dal braccio di una gru (Ye Hegen, carpentiere, 34 anni)
- precipitato nella tromba dell’ascensore (Pietro Novaldi, operaio, 50 anni)
- per un colpo di calore (C.Petru, operaio, 48 anni)
- schiacciato da una piattaforma di metallo (Maurizio Piteo, operaio, 37 anni)
- risucchiato dall’acqua piovana in un tombino (Bogdan Mihalcea, operaio, 24 anni)
- soffocata in un incendio di una fabbrica di materassi (Giovanna Curcio, operaia, 15 anni)
- per il crollo di un pilone autostradale (Antonio Veneziano, operaio, 25 anni)
- infilzato da un ferro (Andrea Cesario, operaio, 24 anni)
- stritolato dalle pale impastatrici di una betoniera (Salvatore Cordella, operaio, 33 anni)
- ferito alla testa da un chiodo sparato da una pistola (Luigi Bonis, operaio, 23 anni)
- caduto da una scala (Fernando Prete, imbianchino, 55 anni)
- investito da una barra di 10 quintali (Benedetto Saponaro, operaio, 28 anni)
- per inalazioni di gas (Gianni Truffa, operaio, 30 anni)
- sepolti vivi da una frana (Nuzio Minardi, 69 anni, Valentin Karri, 27 anni, operai)
- investito da un tronco d'albero(Maddalozzo Mauro, operaio, 35 anni)
- travolto da un carico di ghiaia (Marcello Tornado, imprenditore, 33 anni)
- colpito da una pala meccanica (Antonio Zeoli, operaio, 57 anni).

In Afghanistan e in Libano si rischia meno e si guadagna di più. E con una rapina in banca o al benzinaio (semplice o con omicidio) non si rischia addirittura nulla.

11 Dic 2006, 23:24 | Scrivi | Commenti (1202) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

ho 17 anni..sono la figlia di un operaio morto proprio per questo fatto..Daniele Tavarini. è impensabile che succedano ancora fatti del genere.occorre piu sicurezza sul lavoro.
non smetterò piu di dirlo.perchè proprio per qsto sono stata privata della mia sicurezza piu grande.

Alice Tavarini 09.05.07 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei portare ha conoscenza molte persone di come si può morire sul lavoro e non aver nessun risarcimento dei danni.
Ora vello spiego con due parole se ci riesco, molto tempo fà mio padre lavorava per una socetà in una azienda agricola, un giorno puortroppo ci fù un incidente con un trattore in cui mio padre perse la vita,e noi la tranquillita di una famiglia, visto che da quel giorno e ancora oggi sto lottando per far valere i diritti e la dignità di mio padre come una persona che lavorava per vivere e non per morire.
Le mie vicende durano da 15 anni con cause penale e civile del lavoro mi sono girato tutti i tribunali di Roma, ma la cosa più incredibile e che non ho risolto nulla si forse qualcosa come dice beppe grillo mi sono indebitato cosi rientro in quelli che contano,ma la beffa più grande e vedere che una socetà perche avendo la sigle SRL, contro la quale tu seplice operaio non puoi pretendere nulla visto che in modo nolto semplice chi ha i soldi mette in carica un povero disgraziato che non ha nulla e loro i veri proprietari rimangono come soci cosi che non gli puoi toccare nulla di quello che hanno e con tinuano a farsi gli affari loro tranquillamente mentre tu lotti contro i mulini a vento, visto che non otterrai nulla che ti aspetta, e non solo la legge gli da la possibilità di togliersi tutto prima cosi la società non ha nulla e cosi oltre l'umigliazione anche la beffa, visto come e semplice uccidere una persona e non andarci di mezzo.Forse erano meglio i tempi di una volta anche se violenti occhio per occhio dente per dente, forse e troppo ma dopo 15 anni di calvario e di prese in giro con ricorsi allungamenti delle udienze vorrei vedere voi al posto mio se la pensereste diversamente.
Poi l'ultima cosa L'INAIL da una misera pensione a mia madre, e non solo sto cercando di informarmi se esiste un fondo tipo vittime della strada, che si riferisca alle vittime sul lavoro,ma credo che anche questa sarà un'altra lotta contro i mulini a vento.

Romano Rocchi 11.04.07 13:28| 
 |
Rispondi al commento

E' un casino a tutti i livelli! Ciò che accade nelle fabbriche e cantieri vari è semplicemente mostruoso. Però anche a livello più sottile non si scherza affatto. Pensate a quanto sia alienante e spersonalizzante lavorare in quei mostri dei centri commerciali!!!!!!!??????? Non c'è domenica non c'è natale, il primo maggio è proprio il giorno dei lavoratori perchè si continua a lavorare non perchè si fa festa. E poi quando qualcuno s'incazza è cattivo, evversivo terrorista e balle varie! E' la disperazione che porta a fare scelte estreme perchè a nessuno gli passerebbe minimamente per la testa di fare l'evversivo se si sentisse rispetatto nella sua dignità!

Ignazio Podda (naturjust) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.02.07 09:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

salve, è di oggi una notizia di cronaca data dal TG3 Regionale della Lombardia delle 14.00:" Un fabbro muore carbonizzato mentre tenta di spegnere un incendio divampato in modo fortuito durante il suo lavoro".
Niente TG speciali, niente condoglianze di ministri e capo di governo, nessun sostegno morale e materiale ai suoi cari, nessun minuto di silenzio indetto in nessuna manifestazione!
E' UN MORTO DI SERIE B !!

Mauro Cardoni Commentatore in marcia al V2day 15.02.07 17:37| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe il giorno in qui ti scrivo e' il 08/02/2007 e visto gli ultimi incresciosi avvenimenti "paracalcistici" di catania mi e' tornato in mente un tuo articolo del 11/12/2006 che parlava di morti sul lavoro di lavoratori piu o meno in regola o piu o meno italiani comunque pur sempre persone che volevano vivere con il lavoro che poi li ha fatti morire.Premetto che aborro ogni tipo di violenza e sopratutto quella stupida nei campi da calcio...dove voglio arrivare??? onore e gloria al lavoratore con la divisa caduto in servizio funerali solenni personalita' politiche,amministratori comunali,regionali,provinciali c'erano tutti..mancava solo una cosa LA COERENZA l'eguaglianza di essere un lavoratore morto sul lavoro come i tanti tunisini,rumeni,cinesi,marocchini,italiani magari al nero o precari,morti di serie B.La coerenza forse e' uguale nel dolore delle madri mogli sorelle che sono rimaste sole senza i propri cari

giuseppe marcucci 08.02.07 18:24| 
 |
Rispondi al commento

STASERA: Giorgio Bongiovanni a Bivio(Martedi'6 febb italia1 ore 23)

racconta il suo percorso di vita Spirituale e Sociale nell opera di divulgazione dei messaggi cosmici(datigli da esseri di luce o E.T.),e Mariani!
La Chiesa lo teme ,perche' stimmatizzati viventi colti e consapevoli,possono piu' dell ipocrisia d un potere che non ha piu'senso nel TERZOMILLENNIO!

Il david Icke italiano!

www.giorgiobongiovanni.it

6 febb Italia1 ore 23 a BIVIO ,GIORGIO BONGIOVANNI

Cercate inoltre su googlevideo ,yahoovideo e youtube ,i vedeo doc. su:

SCIE CHIMICHE, GLOBALIZZAZIONE, MULTINAZIONALI, iLLUMINATI, DAVID ICKE, 911, ARCOIRISTV, SCIENZANEGATA, GUERRA,GRILLO!

vittorio messina 06.02.07 17:24| 
 |
Rispondi al commento

.....ed
infine, il Ministero dei Beni e le Attività Culturali lo ha definito "per
tutti" cioè senza nessun divieto. Infatti, nel film, che non contiene
neppure una "parolaccia", si parla di amore, solitudini, prostituzione ed
emarginazione, senza alcuna volgarità. La valutazione negativa nasce solo
dal fatto che i protagonisti sono transessuali.
Ti sembre possibile che un luogo di cultura, tra l'altro molto amato dai
cittadini, possa essere chiuso per questo motivo?
Ti chiedo se puoi dirmi cosa ne pensi e se potrò aggiungere le tue parole insieme alle tante che mi stanno sostenendo nell'affrontare questo processo che pare d'altri tempi. Ti ringrazio di cuore Giovanni Mendola

Cinema Jolly.doc - ravenna
jolly.doc@libero.it
Tel. 3479156080

Giovanni Mendola 18.12.06 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Ravenna, 17 dicembre 2006

Illustrissimo Beppe Grillo

Ti scrivo queste poche righe per metterti a conoscenza di un fatto di cui sono protagonista e vittima, causa la Curia ravennate.
Gestisco un piccolo cinema d'essai nel centro di Ravenna, ormai l'unica sala in città dopo la chiusura in massa di tutti gli altri cinema, dovuta all'insorgere in periferia di due multiplex.
Ho un contratto d'affitto che scade nel 2010 con la parrocchia di San Rocco, proprietaria dei muri. Non sono iscritto all'Acec, Associazione Esercenti
Cattolici, in quanto il contratto non lo prevede, ma all'Anec, Associazione Esercenti Cinema, la quale, come saprai, non è vincolata ai giudizi della Cei.
Bene, il 12 giugno, ho proiettato il film "Mater Natura" di Massimo Andrei,con Vladimir Luxuria, nell'ambito di una rassegna organizzata dalla Fice,Federazione Cinema d'essai, dell'Emilia Romagna. La parrocchia di San Rocco nella persona di Don Ugo Salvatori, per questo,mi ha prima, intimato di lasciare i locali entro 15 giorni, successivamente al mio rifiuto, è ricorsa al Tribunale di Ravenna per far valere il suo presunto diritto. L'accusa è quella di aver violato un'articolo del contratto in cui mi impegno a proiettare: "...solo pellicole dal contenuto artistico e culturale
unitamente riconosciuto e di indiscusso valore morale". Il 26 gennaio ci sarà la prima udienza davanti al giudice, dove dovrò difendermi dall'aver proiettato un film "inaccettabile e contrario alla morale cattolica" perchè così lo ha definito la commissione valutazione film della Cei. Caro Beppe, non solo non sapevo neppure esistesse questa commissione, ma soprattutto, il film in questione, è stato presentato al Festival di Venezia, dove ha ricevuto tre premi tra cui "La settimana della Critica", è stato eletto film dell'anno dal sindacato critici cinematografici, è stato scelto come film d'essaidalla Fice, che mi ha caldeggiato la proiezione, è stato distribuito
dall'Istituto Luce, che ha un serio codice etico,
(prosegue

Giovanni Mendola 18.12.06 22:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe so ke gli argomenti che tratti nel blog sono molto più interessanti del mio, ma ti scrivo per avere un parere di natura legale, e dato che tu hai vinto mille battaglie: Ho acquistato un'auto del dic03 dal concessionario "Auto moto Marco 2 snc" 10100 Torino in data 07/12/06. L'auto già dal giorno seguente ha mostrato diversi problemi: 1centralina difettosa, 2pulsante alza cristallo lato passeggero difettoso e incollato con la colla (quindi il giorno dopo che era festa ho dormito con l'auto aperta, e mi sono accolato i costi dell'elettrauto per la riparazione) 3assenza del piano posteriore (secondo il venditore Alessandro Signorini inesistente sul modello). Dopo diversi soll telefonici, mi presento dal venditore che mi fa presente in maniera seccata, il fatto che su quel modello (la mia) non c'era il piano posteriore e che per quanto rigurda l'assistenza fornitami (1anno) non mi è garantita, perchè a detta del Sig. Signorini l'auto che io ho dato in dietro aveva diversi problemi, che ha provveduto in prima persona a risolvere... Ora quello che voglio sapere un comportamento di questo tipo è perseguibile per legge? Grazie in anticipo!

Arcangelo Calamusa 18.12.06 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutto lo staff, Vi scrivo perchè io e la mia famiglia siamo finiti in una storia veramente raccapricciante, spero che Vi interessi, nel caso sono disponibile ad inviarVi un riassunto per valutarla e documentazione completa nel caso Vi interessi.
Grazie e continuate così, buon lavoro.
P.S. sono coinvolti forze dell'ordine, PM e un deliquente che lasciano andare in giro ad intimidire e minacciare il quale a portato persone al suicidio.

Giuseppe Colini 18.12.06 17:45| 
 |
Rispondi al commento

sr.Beppe grillo scusandomi del mio italiano,gia che sono straniero,chiedo a lei un consiglio del come mi debo comportare con la dita tele2 che pretende €238,00 per un servicio che mi he stato dato dopo 3 mesi del acordo vocale,pero gia in bolleta,e disdetto dopo due mesi del suo funcionamento,al quale non sono mai stato ascoltato,gia che i suoi operatori non fanno quello che dice il cliente sino la ditta.non so a chi chiedere aiuto,gia che non mi poso permetere di pagare un avvocato,e non è giusto che io deba regalare i soldi a persone che pensano di avere tutto il diritto di rubarli.preferisco comprarle un regalo a mio figlio che regalarli i soldi a questi bastardi.
io non ho mai firmato nessun contrato,pero mi hanno fatto la fregatura della registrazione vocale,vorrei sapere se ha la stesa validita o no.a chi mi debo rivolgere pepoter spiegare il mio caso,gia che ci sono anche altre cose che non sono deacordo.la ringrazio del suo tempo e la pregarei di inviarme una risposta.tanti cari saluti.

franklin sinche sanchez 18.12.06 15:09| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe,
quante persone pensi leggano i blogs in generale e quanti sono isccritti al tuo in particolare?Per quanti siano non bastano per sollevare l'opinione di noi belli addormentati nel bosco dei lupi famelici quali sono diventati i nostri dipendenti.C'è la parte degli italiani a cui conviene tenersi il nano nel giardino (gusto pacchiano)e va bene! Questi ,comunque non sono la metà degli italiani come il pupazzo del giardino vuol far credere. Sono una sparutissima minoranza che intasca dal nano capo tanti soldini che ha preso dalle mie tasche,delle vostre non me ne importa un tubo!Quest'altro botolo non ha le palle per coordinare un branco d'imbecilli quali sono i nostri dipendenti.Insomma,basta!Caro Beppe, tu sai meglio di me che per far muovere i padroni di casa ci vuole una persona conosciuta:In fondo gli italiani sono rimasti dei provincialotti acefali che hanno bisogno di qualcuno davanti al gruppo.Tutto questo per dirti che pure tu ti stai facendo solo pubblicità altrimenti,come tanti ti chiedono, scenderesti in piazza.Dimmi e dammi una ragione valida del perchè non lo fai.ciao Vanda

vanda teodonno 18.12.06 08:22| 
 |
Rispondi al commento

Grazie

fabio fedeli 18.12.06 05:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARI AMICI DOBBIAMO TIRARE FUORI LE P..LE,INUTILE CONTINUARE A LAMENTARCI,COSTITUIAMO UN COMITATO A 360° A DIFESA DEI CITTADINI.
ABBIAMO ESPERIENZA TOTALE,DALLE ISTITUZIONI ALLE ASSOCIAZIONI.
FORZA AVANTI TUTTA !

IMPORTANTE!!!!!!!

Cari Amici,

per la nostra Libertà e sopratutto quella dei nostri Figli,vale la pena di lottare Democraticamente,la Giustizia ha il suo percorso,ma prima o poi arriva.

Credo nelle Istituzioni,non credo più a questo sistema di far politica,predicano bene razzolano male,credendo che il popolo sia Scemo.

In Tutto l'arco Costituzionale,non esiste un Parlamentare che abbia il coraggio di prendere realmente le difese della Gente,stanno tutti codardamente a riempirsi le tasche e la futura pensione.

Questo non è leale nei confronti dei Cittadini,per questo chiedo che si dedichi un giorno per trovarci e fondare un grande COMITATO DI SALUTE PUBBLICA,per la gente con la gente.

Il 28 dicembre a Genova,è importante partecipare,non possiamo continuamente lamentarci,non possiamo continuamente pagare e subire,tiriamo fuori il nostro coraggio e alziamo la testa per difenderci,partecipiamo con grande forza ad una nascita di un Comitato per LA GENTE CON LAGENTE,investiamo il nostro tempo per vera Missione Sociale,lo dobbiamo anoi,ai nostri figli ma,sopratutto ai nostri Padri.

Non sarà un Partito,ma un movimento del POPOLO,che entra nell'arena politica per riportare la Società nel binario della legalità.
Una società GIUSTA,EQUA,SOLIDALE.

Bisogna crederci..io ci sono...
Io ci credo pienamente e dissotterro con civiltà la mia ascia di guerra.
Aderite all'appello,vi comunicherò l'indirizzo.
Con affetto Gaetano.

Gaetano Ferrieri 335 460249
ferrieri@federced.info

SAREMMO IN TANTI CONTRO LA PARTITOCRAZIA CHE FA I PROPRI INTERESSI.
PREDICA BENE RAZZOLA MALE E SCRIVE DEI VALORI SENZA APPLICCARLI.
ELIMINA PERSONE SERIE ONESTE CAPACI.
PER LA GENTE CON LA GENTE.

Visita il sito:
www.bastasprechi.org ---Gaetano Ferrieri.


Gaetano Ferrieri Commentatore certificato 17.12.06 12:00| 
 |
Rispondi al commento


CARO BEPPE,
CARI AMICI

PER IL NOSTRO FUTURO

1° ELIMINAZIONE DELLE PROVINCE,RISPARMIO 11 MILIARDI EURO
E 25.000 POLITICI IN MENO.

2°FINANZIARE CONSORZI FRA PICCOLI COMUNI FINO A 50.000
ABITANTI-MIGLIORI SERVIZI E RIDUZIONE DI ALMENO 90.000
AMMINISTRATORI .

3° NEI C.D.A. PUBBLICI RIDUZIONE A 5 AMMINISTRATORI CHE
SIANO DIPENDENTI PUBBLICI CAPACI L'AMMINISTRATORE DELEGATO
DA ASSUMERE TRAMITE CONCORSO ESTERNO PUBBLICO.IL COMPENSO
NON PUO' SUPERARE I 60.000 EURO ANNUI CON FIDEIUSSIONE PER
DANNI.l'AMMINISTRATORE NON PUO' RICOPRIRE PIU' DI UN
INCARICO .SI RISPARMIEREBBERO 10 MILIARDI DI EURO.

4° SCARICO SULLA DICHIARAZIONE REDDITI DELLE SPESE
STRAORDINARE SOSTENUTE,(EMERSIONE DEL NERO).

5°INVESTIMENTI E FORMAZIONE NELLA SCUOLA IN SINERGIA CON
LA FORZE PRODUTTIVE.
(NON E' VERO CHE LA CINA E I PAESI DELL'EST SONO
CONCORRENTI,BENSI' E' VERO CHE NEL MONDO C'E' RICHIESTA DI
PRODOTTO ITALIANO QUALITATIVO.
DARE INCENTIVI FISCALI AD AZIENDE CHE INVESTONO IN
RICERCA,FORMAZIONE,SVILUPPO,ENERGIA E AMBIENTE.

6°CONTROLLO TOTALE DI TUTTE LE SPONSORIZZAZIONI SPORTIVE E
NO PROFIT (NASCONDONO 37 MILIARDI DI EURO DI FALSA
FATTURAZIONE)

7° RIDUZIONE TOTALE DI AMMINISTRATORI NEI CONSIGLI
DI:QUARTIERE,COMUNALI,REGIONALI.LE INDENNITA' DEVONO ESSERE
CORRISPOSTE CON GETTONI DI PRESENZA COMPRESI
SINDACI,ASSESSORI E PRESIDENTI COMUNALI E REGIONALI
(CONSIGLIO E GIUNTA).

8)RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI (NON PIU' DI DUE MANDATI) E
COSTITUZIONE DI UNA CAMERA LEGISLATIVA ( INDENNITA' 60.000
EURO ANNUI) E UNA CONSULTIVA COMPOSTA DA RAPPRESENTANTI ENTI
LOCALI E ASSOCIAZIONI PRODUTTIVE (250 SENZA INDENNITA' A
SOLO SPESE GIUSTIFICATE)

9° UN UFFICIO MINISTERIALE PER LE ISTANZE DEI CITTADINI.


QUESTO E' IL PROGETTO CHE DOVREMMO PORTARE AVANTI NEL
COSTITUENTE COMITATO DI SALUTE PUBBLICA.
CI TROVIAMO IL 28 DICEMBRE A GENOVA TUTTE LE PERSONE DI
BUONA VOLONTA.
PER IL NOSTRO FUTURO.

GAETANO FERRIERI
ferrieri@federced.info
335 460249


Politici dell' agrigentino collusi con la mafia TREMATE

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 17.12.06 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Hai ragione caro Beppe Grillo, ma ti sei dimenticato che con un falso in bilancio o una bancarotta non si rischia nulla, meno di una rapina in un benzinaio, vuoi mettere neanche sporcarsi le mani per un po' di sangue proveniente dal rapinato. Gli incidenti sul lavoro sono una cosa che mi rattrista da quando in aggiustaggio materia di scuola tecnica, vedevo le mani prive di dita -quindi si potevano considerare fortunati, perche' c'era di peggio - di coloro che provenivano dalle fabbriche e i professori a dirci le varei tipologie di incidenti per non rispettare le norme di sicurezza e come eludevono le norme di sicurezza gli operai per quadagnare di piu', ed il capo settore chiudeva gli occhi.
Non ci si crede leggendo come sono morti questi operari, eppure e cosi'. Quindi e bene che anche io in futuro faccia piu' attenzione, dato che questo lusso non me lo posso piu' permettere.CIAO A TUTTI

Salvatore Di Salvo 17.12.06 09:03| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe.
I morti sul lavoro descritti sono molto gravi ma lo sono altrettanto gli infortuni che invalidano molte persone e che non potranno più condurre una vita serena. Molti datori di lavoro trattano come dei rompicoglioni quei lavoratori che segnalano i problemi di sicurezza che ci sono sui posti di lavoro e non solo, oltretutto molti di questi vengono anche mobbizzati perchè fanno presente alle rispettive ditte le inadempienze e carenze che hanno nell' organizzare il lavoro. Il problema è sempre quello: come dice Di Pietro, la colpa non è quella di chi procura il reato ma di chi lo segnala, pertanto il tutto si può riassumere in una parola sola....mafiology...

Tarrini Andrea 16.12.06 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

giuro.
mi viene da piangere.
ed è facile capire perchè.


morirò anch'io.
come mircea e come nunzio.

raffaello rossini 16.12.06 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Politici dell' agrigentino collusi con la mafia TREMATE

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 16.12.06 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Politici dell' agrigentino collusi con la mafia TREMATE

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 16.12.06 16:42| 
 |
Rispondi al commento

IMPORTANTE!!!!!!!!!!!!

Cari Amici,

per la nostra Libertà e sopratutto quella dei nostri Figli,vale la pena di lottare Democraticamente,la Giustizia ha il suo percorso,ma prima o poi arriva.

Credo nelle Istituzioni,non credo più a questo sistema di far politica,predicano bene razzolano male,credendo che il popolo sia Scemo.

In Tutto l'arco Costituzionale,non esiste un Parlamentare che abbia il coraggio di prendere realmente le difese della Gente,stanno tutti codardamente a riempirsi le tasche e la futura pensione.

Questo non è leale nei confronti dei Cittadini,per questo chiedo che si dedichi un giorno per trovarci e fondare un grande COMITATO DI SALUTE PUBBLICA,per la gente con la gente.

Il 28 dicembre a Genova,è importante partecipare,non possiamo continuamente lamentarci,non possiamo continuamente pagare e subire,tiriamo fuori il nostro coraggio e alziamo la testa per difenderci,partecipiamo con grande forza ad una nascita di un Comitato per LA GENTE CON LAGENTE,investiamo il nostro tempo per vera Missione Sociale,lo dobbiamo anoi,ai nostri figli ma,sopratutto ai nostri Padri.

Non sarà un Partito,ma un movimento del POPOLO,che entra nell'arena politica per riportare la Società nel binario della legalità.
Una società GIUSTA,EQUA,SOLIDALE.

Bisogna crederci..io ci sono...
Io ci credo pienamente e dissotterro con civiltà la mia ascia di guerra.
Aderite all'appello,vi comunicherò l'indirizzo.
Con affetto Gaetano.

Gaetano Ferrieri 335 460249
ferrieri@federced.info

SAREMMO IN TANTI CONTRO LA PARTITOCRAZIA CHE FA I PROPRI INTERESSI.
PREDICA BENE RAZZOLA MALE E SCRIVE DEI VALORI SENZA APPLICCARLI.
ELIMINA PERSONE SERIE ONESTE CAPACI.
PER LA GENTE CON LA GENTE.

Visita il sito:
www.bastasprechi.org ---Gaetano Ferrieri.


Gaetano Ferrieri Commentatore certificato 16.12.06 13:41| 
 |
Rispondi al commento

I morti in iraq o afghanistan sono cosiderati eroi. E allora cosa sono queste persone che andavano a lavorare per guadagnarsi il pane? i media, se incominciassero a dare notizie a livello nazionale ogni volta che muore ognuno di queste onestissime persone allora qualcosa tra l'opinine pubblica si incomincerà a muoversi. non è possibile che di 250 morti soltanto una piccola parte merita una notizia alla fine del telegiornale o un piccolissimo articolo su un quotidiano. IL PROBLEMA E' CHE PER MOLTI ESISTONO MORTI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO.

Ivan Di Lorenzo 16.12.06 11:43| 
 |
Rispondi al commento

i nostri cari imprenditori hanno due strade per eliminare i lavoratori e abbassare il costo del lavoro:
il primo e quello di fare da un'unica grande spa tante piccole srl,poi mandare a casa o in cassa integrazione(se sono grandi aziende),i lavoratori;l'altra e questa é la soluzione più vantaggiosa per il padrone delle ferriere,é il disimpegno finanziario dagli investimenti per la sicurezza sul posto di lavoro;se il lavoratore muore sul lavoro il primo giorno il datore può sempre direbche l'avrebbe assunto il giorno dopo e che é stato il lavoratore a non adottare i presidi di sicurezza;in un colpo solo ha scaricato la colpa sul lavoratore,se ne é liberato e ha risparmiato un sacco di soldi;adesso può andare in chiesa con la coscienza tranquilla

luciano pasetti Commentatore in marcia al V2day 15.12.06 23:53| 
 |
Rispondi al commento

LAVORI IN CORSO.
Scusate per il disturbo: stiamo lavorando per voi al fine di rendere migliore l'Italia.
CODICE ROSSO - PRIORITA' ASSOLUTA - 31-12: DISDETTA DEL CANONE RAI.
SE CESSI CON NOI SMETTI IMMEDIATAMENTE DI PAGARE:::::::::::::::::::::::::::
31-12: DISDETTA DEL CANONE RAI. Qui per sapere come fare:
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
-
Fatti rispettare, alza la testa: disdetta il canone rai.
Dai dignità al Tuo ruolo di cittadino: disdetta il canone rai.
Ripristina lo stato di diritto: disdetta il canone rai.
Non finanziare i nostri affamatori: disdetta il canone rai.
Non dare soldi al sistema statal dirigista e corporativo ministerial sindacal parastatal imprenditoriale dei privilegiati: DISDETTA IL CANONE RAI. Qui per sapere come fare:
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php
www.mabonline.org / canonerai . php

Antonio De Franco 15.12.06 23:01| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia e' un paese pericoloso per tanti motivi. Non solo per lavorare ma anche per abitarci
Copia l'indirizzo sottostante ed incollalo per vedere che bella gente che c'e' a Napoli. Buona lettura!

http://72.14.221.104/search?q=cache:MfDTayeILtgJ:www.blogs.it/xmlsrv/rss2_posts_tags.php%3Ftag%3DRosaria%2520Avolio+frangiosa+erasmo&hl=it&gl=it&ct=clnk&cd=1

Rosaria Avolio Cupa Carbone Capodichino Napoli

rosaria avolio 15.12.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe, tutti i morti sul lavoro non costano poi così tanto. Se pensiamo che i contributi versati dal lavoratore all'INPS fino a quel momento rimangono nelle tasche dell'ente e nessuno li può rivendicare.. nemmeno i familiari dello sfortunato.. ma succederà così anche con il TFR?.. se rimane all'azienda, in caso di incidente mia moglie se li fà dare.. ma se i soldi li ha l'INPS e io muoio mia moglie li può richiedere? ti prego dammi una risposyta.. i sindacalisti non sanno rispondermi.. ciao Beppe sei grande

rocco cutrupi 15.12.06 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Beppe queste notizie che leggo sul blog tutti i giorni devono arrivare a tutti gli italiani!!! perchè nessun giornalista ha il coraggio di dirle??? ci siamo stancati di essere gli unici sfigati che si fanno il sangue acido mentre la maggior parte degli italiani se ne sbatte (molto probabilmente per un'informazione che non esiste)? occhio non vede cuore non duole! Beppe vai ii tv! a te bastano anche 15 minuti! RESET RESET RESET

Mauro Caratozzolo 15.12.06 09:37| 
 |
Rispondi al commento

- Accanto alle morti bianche da traumi nell’edilizia, industria e d agricoltura ,le malattie professionali costituiscono le morti bianche lente e colpiscono soprattutto il sistema cardio-respiratorio. Nel mondo, 160 milioni ogni anno. Un problema sociale, ovviamente, ma anche un “peso” per l’economia: il costo annuo nel nostro paese è di 28 miliardi di euro, mentre a livello mondiale si arriva a 1.251 miliardi di dollari, il 4 per cento del pil, una cifra 20 volte superiore all'ammontare mondiale ufficiale dei fondi stanziati per lo sviluppo.
- La stessa fonte indica che i 335 mila morti salgono a due milioni le persone se si considerano anche le vittime di malattie professionali.., le c.d. “morti bianche ad orologeria”.In pratica ogni giorno muoiono 3300 lavoratori, al ritmo di un morto ogni 6 minuti.
- Le morti per mesotelioma pleurico, una malattia con un periodo di latenza che va da 20 ai 30 anni. Gli istituti scientifici prevedono per il 2020 dai 3 ai 4mila casi di mesotelioma all'anno da amianto, Non basta più il divieto di utilizzo di materiali nocivi, amianto e sostanze chimiche. Sono emersi due elementi nuovi il radon che inquina le costruzioni dei paesi europei e la necessità di istituire un fondo di risarcimento per le vittime, perché serve prevenire, ma anche risarcire.
- Per quanto attiene alcune categorie fortemente usurate come vigili urbani e autoferrotranviari, dati i numeri epidemiologici ad essi va applicato il concetto di “morte bianca ad orologeria”.
- dal 1995 al 2005 sono morti in Italia circa 600 vigili urbani per cancro polmonare pari a circa 1,1 vigile alla settimana, ma se si considerano i dati relativi alla insufficienza respiratoria la mortalità ascende a 2/ alla settimana , apri a circa 1050-1100 in dieci anni. Considerato che la popolazione dei Vigili è pari a circa 50.000 unità vi è una falcidie pari all’1%° per Cancro polmonare.
- Negli autoferrotranvieri l’aspettativa di vita è di circa – 7,3 anni.

prof. aldo ferrara 15.12.06 07:08| 
 |
Rispondi al commento

Nella Società moderna si ha la fortuna di poter scappare se si puo' dalle Città,e vivere come nomadi ed anarchici.Tanto questi poveri eroi nessuno li ricorda

alberto zorli 14.12.06 21:50| 
 |
Rispondi al commento

Al di là di colpe e responsabilità, morire sul lavoro è veramente avvilente. Banale. La morte avvilisce quasi sempre e questo "quasi" lo dedico a Piergiorgio Welby.

Per tornare all'argomento del post, mi piacerebbe che ogni tanto ci ricordassimo anche che non è necessario cadere da un'impalcatura o finire schiacciati per morire di lavoro. Ci sono lavori che ti sgretolano giorno dopo giorno e che minano la salute nella maniera più subdola e strisciante, anche se tre morti al giorno sul lavoro mi agghiacciano.

Esistono, sentite sentite, le malattie professionali.

Ho 52 anni e da dodici lavoro nel Call Center di una delle imprese più bersagliate da Beppe Grillo.

Videoterminale, cuffie e via. Settimana di 38 ore e 7 ore e 36 minuti al giorno, intervallate da tre ridicole pause di 15 minuti ciascuna ogni 2 ore.

Ho contratto Emicrania Aura, (secondo i più recenti studi probabile anticamera dell'Ictus)alle 10 del mattino le mie corde vocali bruciano e la mia voce si abbassa. Un sibilo continuo tormenta ormai da anni le mie orecchie facendomi talvolta faticare addirittura a prender sonno e l'insonnia comincia a fare capolino nelle mie notti. La memoria non è più la stessa ed i miei occhi a fine giornata vorrebbero andarsene da me.

Sui dolori articolari è meglio stendere un velo pietoso.

(Ah, stavo dimenticando un tumore che spero mi abbiano asportato nel 2004)

Un pò sfigato ? Leggete un pò qua sotto !

Dei 6 componenti "storici" del mio reparto, uno è stato colpito da Ictus restando segnato; una è stata operata di polipi (si spera benigni) alla gola; un'altra è deceduta per tromboembolia; un altro è riuscito ad andare in pensione perchè non ha mai fatto un cazzo e l'ultimo, apparentemente in salute, lavora insieme con me e si tocca costantemente i coglioni.(chissà perchè .....)

Che sia "l'amianto del 2000" ?

I sindacati, i padroni, l'INAIL, l'ISPESL etc. etc. queste cose le sanno bene, alla faccia del "Prevenire è meglio che curare"

paolo dagnino 14.12.06 21:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E poi ci sono i morti delle scorte, i morti di chi voleva salvare la vita a qualcun altro, ...sono mestiere anche questi...è morte anche questa.

Samuel Pavanello 14.12.06 19:48| 
 |
Rispondi al commento

In Afghanistan e iraq i nostri militari guadagnano 250 euro al giorno...un operaio x quanto muore?? xkè la destra nn insorge quando nn si commemorano i caduti sul lavoro? quando

oreste attardi 14.12.06 19:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sarebbe ora che i pagliacci ispettori che lavorano per l'inail e che visitano le aziende la smettessero di fare multe per inadempienze formali (516 E x ritardo di un giorno di denuncia x infortunio in itinere - incidente di auto), ma rischiassero finalmente di controllare ogni giorno in segreto i cantieri le officine i campi. a questo punto le magagne verrebbero fuori tutte e sempre

franco bollo 14.12.06 19:12| 
 |
Rispondi al commento

DAL FRIULI A ROBERTO FORMIGONI CON PROFONDA ATTENZIONE
Autore: SempreGiacomo AncoraMontana

All'alba del Duemila l'Italia ha avuto due governi con "SINFONIE POLITICHE" diverse per alcuni aspetti ma hanno in comune la mancanza di limpida chiarezza con storia una buia che ci ha dimostrato rispecchiare gli estremi peggiori dell'indole umana. Difatti è inconfutabile che si riscontra silenzio assenso su fatti criminali continuati, reati penali impuniti, derisione, scherno, cinismo e sadismo, sconfinati persino ai danni di una donna fatta divenire ammalata grave e disabile. Ho visto che a Milano ove sono accaduti questi fatti ignobili, il diritto di legge si cambia con derisione e scherno ancora ai danni della vittima di reato, lasciando continuamente impuniti coloro che consumano pacificamente i reati. In questo modo, il rispetto persino verso una donna ammalata grave con problemi cardio respiratori, precipita e sprofonda, fino alle costumanze più ciniche e animalesche. Il silenzio stampa, è di forte aiuto per la prosecuzione dei fatti criminali. Anche per questo vengono censurati e insabbiati, scandali, politica sporca, avidità di potere, imbrogli, ferocia, efferatezza di dirigenti di istituzioni tra gli apparati più pittoreschi inimmaginabili. A quella donna ho visto la salute e la dignità decapitate completamente di nascosto. L'opinione pubblica che è venuta a conoscenza sia dei fatti, sia dei conseguenti danni a cascata alla vittima, dimostra di essere spaccata in due: gli onesti e i filocriminali. Chi crescerà di più? Non si sa! Qui in Friuli Venezia Giulia non succede questo. Roberto Formigoni, con che faccia si presenta al pubblico, dopo tutto quello che si può constatare con le prove documentali cliccando sul nome qui sotto. Si vedrà l'ITALIA CHE E' ENTRATA NEL TERZO-MONDO!

SempreGiacomoMon tana 14.12.06 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Volevo solo indicare una cosa, che spesso non viene considerata: Quando lavori in cantiere tutti i giorni, e questo lo so da gente che fa questo mestiere, c'e' magari il giorno in cui hai dimenticato il cacciavite sul tetto e decidi di andarlo a prendere senza tutte le imbragature anche se queste sono disponibili e obbligatorie. Su miglioni di persone e centinaia di giorni puo' succedere che uno cada dal tetto... e in questi casi la sicurezza, il cantiere, il "datore di lavoro" brutto e cattivo non c'entrano nulla. Quello che e' mancato e' il buon senso dell'operaio. Stiamo diventando viziati e per forza ogni volta che succede qualcosa di brutto e sempre colpa di qualcun'altro. Uno cade dall'impalcatura, la risposta e' un nuovo tipo di impalcatura! Nessuno pensa a usare correttamente quelle che ci sono che magari non sono state utilizzate di proposito per comodita'! Ovviamente un giudice dara' sempre ragione all'operaio e l'impresa se la prende nel c..o.

Grazie. Scusate la polemica.

Anton Mehr 14.12.06 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

lavoro in una multinazionale, com etecnico informatico ma vedo ciò che accade nei rep produttivi.
il nostro resp di sicurezza approva tutte le sicurezze, ma poi operai stessi o capiturno applicano sistemi x non utilizzarli (chiavi sblocco negli innesti di verifica chiusura porte, tappi incollati sui tasti x avviamento continuo)...perchè fanno + in fretta e pecrhè ragionano: "se mi faccio male l'assicurazione risponde"

non è solo colpa delle ditte....molti operai dovrebbero mettersi in testa che se rischiano lo prendono loro nel c**o non la ditta

alex *c* 14.12.06 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Frèdèric Beigbeder

Nel mio mestiere nessuno desidera la vostra felicità, perchè la gente felice non consuma.

" Sono un pubblicitario: ebbene sì, inquino l'universo. Io sono quello che vi vende tutta quella merda. Quello che vi fa sognare cose che non avrete mai... Io vi drogo di novità, e il vantaggio della novità è che non resta mai nuova. C'è sempre una novità più nuova che fa invecchiare la precedente. Farvi sbavare è la mia missione.

E' UN BUON REGALO DI NATALE.

per vedere l'articolo:

http://pensierarte.blogspot.com/2006/12/frdric-beigbeder.html

oppure clicca sul mio nome e vai alla categoria "libri"

Nicola Cellamare (pensierarte) Commentatore certificato 14.12.06 17:16| 
 |
Rispondi al commento

OT
#################################################

E' pazzesco!

Ma sono diventati tutti scemi con questa storia del rispetto per le altre religioni?

LEGGETE QUESTA NOTIZIA...

#################################################
CLICCA SUL MIO NOME PER LEGGERE LA NOTIZIA.

Fabrizio Di Luca 14.12.06 14:44| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, mi permetto di nserirmi in questo argomento , visto che mi occupo di sicurezza, mi spiace e dico mi dispiace che in italia non è affatto vero che le norme sulla sicureza sono state recepite, molte volte TROPPE, si investe in sicurezza quardando il prezzo e non il risultato, mi duole osservare che come al solito non è la GUERRA CHE PROVOCA LA MORTE MA L'IGNORANZA, chi vuole dei consigli liberi sulla gestione delle emergenze materiali per la sicurezza, corsi etc chiamatemi o meglio scrivetemi alla mia mail sarò feicissimo di aiutarvi ciao a tutti

rolando roberti 14.12.06 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Desidererei che tra una lettura e l'altra abbiate la cortesia di visitare il mio sito web che si può trovare cliccando sul mio nome. Nel sito provo con documenti in che modo viene torturata una donna in silenzio e di nascosto in Italia. Per ogni persona in più che ne viene a conoscenza ci sarà una possibilità in meno di torture future su altre donne. Grazie a tutti e buon pomeriggio.

Gio N i gris 14.12.06 14:07| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE! ATTENZIONE!

FONTE "L'ESPRESSO" di un bel pò di tempo fa.....

Quello che stò per dirvi, l'ho letto sull'editoriale L'ESPRESSO .......TERRIFICANTE!!!!
LE INFORMAZIONI DATE DA QUESTO GIORNALE che ricordiamo ha sgominato un colpo di stato in Italia nel 1964 (Gen.DE LORENZO),sono molto attendibili.......
ATTENZIONE!!!!!!!!!!!
ATTENZIONE!!!!!!!!!!!
ATTENZIONE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
La polizia statunitenze, ha scoperto negli STATI UNITI D'AMERICA che la "MAFIA" "statunitenze" non uccide più con le "PISTOLE" ma............si inventa "INCIDENTI STRADALI"......L'articolo
dell'ESPRESSO" concludeva: LA MAFIA STATUNITENZE si è ispirata a questo modo ANCOR PIù BARBARO
per uccidere le persone ALLA: "SACRA CORONA UNITA" la MAFIA ITALIANA che probabilmente uccide in questo barbaro modo lavandosene le mani da "infiniti" anni...........!!!!!!!!!!!!!!!!!
1° messaggio da parte mia sul blog di BEPPE GRILLO : http://www.beppegrillo.it/2005/09/la_paga_di_giud.html.
P.S.
Sono un invalido permanente del lavoro in ITINERE dal 1998........... ANCHE PREGIUDICATO.....PREDETEVI PAURA.
La lotta continua e avanza,
d'infamie e di vergogna
sarete ricacciati
per sempre
nelle
fogne.........HO UN RIGURGITO ANTIFASCISTA
SE VEDO UN PUNTO NERO
CI SPARO A VISTA......(P) "99 Posse" 1991

Giulio Maldarizzi 14.12.06 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Datore di lavoro acquista attrezzature per la sicurezza
operaio le utilizza -> OK
operaio non le utilizza -> OK perchè è più produttivo e veloce ->leggi post di Beppe

Datore di lavoro non acquista attrezzature per la sicurezza
operaio non si sente sicuro e decide di non lavorare -> A CASA
operaio tace e lavora -> MA CHE BRAVO -> leggi post di Beppe

Le leggi per far rispettare le norme in materia di sicurezza sui posti di lavoro ci sono tutte e anche piu che efficaci...sta solo ai datori di lavoro farle rispettare e agli operai abituarsi a usarle!
Sabato un operaio di fa "stavo armando una scala e camminavo con la testa bassa per vedere dove mettere i piedi e c'era una trave sopra la mia testa...è grazie al berretto di lana che sono riuscito a vedere la trave, perchè se avevo il caschetto con il frontalino non riuscivo a vederlo e ci avrei sbattuto la melona!"
Quindi mi pare che la colpa non sia tutta dei datori di lavoro...a volte gli operai se la cercano!
Quindi per me un 70% di colpa ai datori di lavoro e 30% di colpa agli operai.
Qui il governo non centra niente perchè le leggi per la sicurezza ci sono tutte e sono state quasi tutte recepite da quelle comunitarie. Basta farle applicare a volte ragionando semplicemente non da datore di lavoro, ma da padre di famiglia.

gigio de gigis 14.12.06 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Alcune vostre mail sono state riprese da:

http://www.masadaweb.org
nel numero
Masada 403. "La libertà e la responsabilità"

La redazione ringrazia.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 14.12.06 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Quando questo governo fu eletto, Epifani dichiaro’ che mai si sarebbe ripetuta la cambiale in bianco data al precedente quinquennio di centrosinistra, garantendogli la pace sociale!
E ora i vertici dei tre principali sindacati si rimangiano tutto e sono li’ che vogliono far inghiottile la pillola amara di questa Finanziaria, di questo TLF, di queste pensioni?! E poi si lamentano che Mirafiori li fischia?
I fischi a Prodi fanno parte della normale amministrazione e, se quelli a Berlusconi furono frenati, fu solo perché costui sguinzagliava la polizia sui fischiatori e li denunciava aalla magistratura provocando multe e processi.
I fischi ai politici dovrebbero far parte della democrazia.
Ma i fischi di Mirafiori bruciano.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 14.12.06 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro nero

L’uomo che scade
L’uomo
Nascosto dietro l’angolo del mattone
Della filiera
Della macchina tessile
L’uomo
Ripiegato sul solco
Piegato sul cemento
Impiegato nell’affare
L’omo
Che non esiste
Che non è mai nato
Mai morto
Che mangia quello
che noi buttiamo
che si cela nelle fessure della cosiddetta
civiltà
l’uomo a milioni
come polvere
che noi buttiamo
ogni giorno nel margine
spaventoso
della guerra
che il progresso
fa al mondo
L’uomo sfracellato dal ponteggio
Seviziato dal padrone del campo
Cacciato dal sindaco intransigente
Circondato dalla polizia
Con la sua fame
E sete
E solitudine

Il Cristo

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 14.12.06 08:22| 
 |
Rispondi al commento

Antonio
hai scritto tutto benissimo
se avevi scritto anche minuscolo ti volevo più bene

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 14.12.06 07:54| 
 |
Rispondi al commento

è il liberismo ALL'ITALIANA, bellezza! (se posso permettermi di parafrasare la celebre frase).
Sappiamo tutti a chi dobbiamo questa "allegria" nel trattare anche la vita degli altri, nella salvaguardia del proprio privato patrimonio (che, in sè e in assenza di delitti, sarebbe assolutamente lecito). IDENTIFICHIAMO I "DISINVOLTI" -NON QUELLI CHE PERCORRONO I MARGINI ALLA RICERCA DI UNA SOPRAVVIVENZA, MA QUELLI CHE ARRIVATI OLTRE L'ABBONDANZA CONTINUANO AD ABBASSARE IL LIVELLO DELL'UMANITA'- E RICORDIAMOCI SEMPRE DI LORO, SOPRATTUTTO QUANDO SORRIDONO

Trezzi Antonio Commentatore in marcia al V2day 14.12.06 07:41| 
 |
Rispondi al commento

nonostante i miei 18 anni sono stato a londra a barcellona a boston e berlino ed è incedibile la differenza con l'italia:si nota subito ke sono più sereni e tranquilli paiono vivere senza preoccupazioni...poi torno qui e vedo i musoni lunghi depressi e tristi dei lavoratori italiani ke lavorano 10 e piu ore x un minimo di stipendio e poco tutelati...preovate a fa il cameriere a londra(lo fa un mio amico)7 ore di lavoro al giorno,due giorni liberi a settimana e 1000 sterline al mese ke equivalgono circa a 1500 euro!!kavolo stanno proprio avanti

andrea de martiis 14.12.06 00:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grillo stiamo combattendo una guerra!!con più di mille morti l'anno.Napolitano parla di morti bianche....parla parla.e i sindacati?...lasciamo stare.e tutto uno schifoso business!fin quando non ci sono i morti non si potrà mai adeguare un impianto,o le impalcature.appena scappa il morto ecco che interviene l'azienda X per adeguare a norma CEE e fatturare milioni su milioni.e allora perchè intervenire con la prevenzione?facciamo scappare infortuni o morti così ci guadagna qualcuno!!!Immaginiamo un operaio precario assunto da pochi giorni che muore perchè non ha avuto alcun tipo di formazione.Il rischio di lasciarci la pelle raddoppia.La legge 626 è gran bella presa per il culo!!parliamoci chiaro!manca la coerenza!

Mauro Grassi 14.12.06 00:31| 
 |
Rispondi al commento

Concorsi truccati alla ausl n 1 di Agrigento?

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 13.12.06 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Luglio 1996 Lucio Lamon morto schiacciato da un silos in costruzione.

Angelo Lamon (nemesis) Commentatore certificato 13.12.06 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Questo post è un pugno allo stomaco.
La cosa più triste è che oltre questo blog nessuno parla di questa strage quotidiana
Ogni commento è superfluo.

francesco pompei 13.12.06 22:26| 
 |
Rispondi al commento

7 di quelle 30 morti elencate molto probabilmente si sarebbero potute evitare dato che le norme vigenti sui cantieri e sui posti di lavoro ci sono già, e non vengono rispettate non per mancanza di fondi o altro, ma per incuria dei lavoratori stessi.
Ormai siamo abituati a vedere gli operai che lavorano nel cantiere senza indossare il caso, nonostante questo sia li vicino alla gavetta con il pranzo, e nonostante il cartello all'entrata del cantiere ricordi che è obbligatorio indossarlo. Allora alcuni dei 7 prima citati sono morti perchè il casco doveva proteggere il pranzo, mica la testa!
E siamo altrettanto abituati a vedere camminara con agilità i nostri operai tra un'impalcatura e l'altra, sui tetti e sulle finestre senza uno straccio di corda, di sistema di sicurezza che possa salvarli dallo schianto al suolo, o dall'annegamento nel cemento. E il cartello è sempre li che ricorda l'obbligo a essere imbragati.
E c'è qualcuno che ancora dice che bisogna mettere nuovi sistemi di sicurezza, senza pensare però che in alcuni casi basterebbe applicare quelli già esistenti.

Lo so, sono "solo" 7 su 30 risparmiati alla morte, ma se fossi un loro parente non potrei dire SOLO.

Luca Incarbone 13.12.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento

MOLTISSIMA COLPA HANNO I MEDIA che ci parlano di Cogne e cani anzichè premere su queste morti umane che si ripetono. Le persone che lavorano non possono sentirsi libere: chissà se tornerò, a pranzo! Chissà se vedrò i miei figli ancora! Questo è il pensiero di chi lavora in certe strutture pericolanti. Non una inchiesta seria, niente! Ecco dove muore la Democrazia. L'informazione passata come un giallo avvincente sui Cognati di Via Poma e il silenzio colpevole sulle morti bianche sul lavoro. Ma che deontologia è mai questa?

lettore bloggrillo 13.12.06 21:15| 
 |
Rispondi al commento

per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro c'è un mix di fattori che portano al mancato rispetto delle norme:
-Personale ispettivo: in ogni circoscrizione con una popolazione di almeno 15.000 (se non sbaglio) abitanti esiste un centro per l'impiego (ex ufficio di collocamento) nel mio ad esempio, a sud di Salerno "lavorano" 12 persone, che diciamo così non si occupano a tempo pieno di politiche attive di lavoro. perchè non si formano 3/4 di questi lavoratori per far assumere loro funzioni ispettive ed operare in un bacino d'utenza molto più ristretto di quello che ad esempio potrebbe essere l'intera provincia di Salerno?
- Leggi sulla sicurezza: chi volesse applicare fedelmente la legislazione italiana sulla sicurezza non potrebbe più lavorare, in quanto fare sicurezza in azienda è un lavoro a tempo pieno più straordinari. Soprattutto nel caso dell'edilizia dove anche ad un posatore di piastrelle viene chiesto di redigere il POS piano operativo di sicurezza, dove sono contenuti le fasi di lavorazione e le modalità di svolgimento dei lavori con riguardo alle procedure di sicurezza. Questo documento è nel 90% dei casi redatto da consulenti esterni, che a caro prezzo lo mettono a disposizione della ditta, e quest'ultima spesso ne ignora il contenuto
-FORMAZIONE: e qui viene il bello, il d.lgs. 626/94 stabilisce tutta una serie di corsi di formazione obbligatori quali, servizio prevenzione e protezione,primo soccorso,antincendio,rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ecc. In riferimento al corso per RSPP la legge a di recente stabilito che detti corsi siano organizzati da istituzioni quali INAIL ispsel, VVFF ed altri privati e accreditati dalla regione, se invece è svolto dal datore di lavoro il corso può essere organizzato da chiunque. Nella mia area ma a sentire altri colleghi un pò ovunque in italia c'è un MERCATO DI ATTESTATI DI FORMAZIONE VENDUTI SENZA L'EFFETTIVA FREQUENZA DEL CORSO. Ci sarebbe altro da dire ma ho finito i caratteri saluti.

Alex Mor 13.12.06 21:11| 
 |
Rispondi al commento

ho controllato nel "monitoraggio incidenti mortali 2006" della FILLEA-CISL, siamo a quota 247!!!!!!!!
lavoro nell' edilizia e parte della colpa l' hanno anche gli operai che dovrebbero rifiutarsi categoricamente, ma duri poco... la sicurezza costa...

nicola di monti 13.12.06 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Quando sentite al televisore o leggete il quotidiano un politico, accertatevi che non sia un DELINQUENTE,
andate sul sito web: http://www.societacivile.it/ ,
precisamente: NUOVO PARLAMENTO, NUOVO GOVERNO
Le schede degli impresentabili
Il Caimano e le mozzarelle
di Marco Travaglio

Ci sono tutti i partiti escluso: IDV, VERDI e PDCI; un motivo ci sarà!

QUOTE MARRON

Dove sono

Camera 49
Senato 26
Parlamento europeo 7

Categorie penali*

Condannati definitivi (o patteggiamenti) 25
Prescritti definitivi 10 Assolti per legge** 1
Prosciolti per immunità*** 1
Condannati in I grado 8
Imputati in I grado 17
Imputati in udienza preliminare 1
Indagati in fase preliminare 19

Totale 82

* Quando un parlamentare ha piú processi, abbiamo registrato quello in fase piú avanzata (la prescrizione prevale sulle indagini in corso, ma non sulle condanne anche provvisorie).
** Il dato non tiene conto dei casi BERLUSCONI, PREVITI, Brancher e altri, usciti dai loro processi in base a leggi da essi stessi votate, perché rientrano anche in altre categorie penali per altri processi.
*** Si tratta della insindacabilità che ha salvato il leghista Speroni da un processo per reati ritenuti compiuti nell¹esercizio delle funzioni parlamentari.

L¹hit parade dei partiti


Forza Italia 29
Alleanza nazionale 14
Udc 10
Lega Nord 8
Movimento per l¹autonomia 1
Dc 1
Psi 1
Gruppo misto **** 1

Totale Destra 65

Margherita 6
Ds 6
Udeur 2
Rifondazione comunista 2
Rosa nel pugno 1

Totale Sinistra 17


La classifica dei reati*****

Corruzione 18
Finanziamento illecito 16
Truffa 10
Abuso d¹ufficio, falso 9
Associazione mafiosa 8
Bancarotta fraudolenta, turbativa d¹asta 7
Associazione a delinquere, resistenza a pubblico ufficiale, falso in bilancio 6
Attentato alla Costituzione, attentato all¹unità dello Stato, struttura paramilitare fuorilegge 5
Favoreggiamento, concussione, frode fiscale 4
Diffamazio..

paolo cacciavillani Commentatore in marcia al V2day 13.12.06 20:10| 
 |
Rispondi al commento

QUESTI SONO I VERI EROI ITALIANI.
MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO, CHE SCHIFO.....

marco puggelli 13.12.06 19:51| 
 |
Rispondi al commento

E' facile parlare di sicurezza sul lavoro e dare la colpa alle leggi o al poco rispetto di queste. Il vero problema sta nella cultura del rendimento e della competitività... Mi spiego se mi chiedono di produrre 100 pezzi ora ed io so che attuando tutte le normative di sicurezza ne produco 60 perchè inevitabilmente rallento il mio lavoro, non faccio altro che non attuare le norme di sicurezza ed arrivo a 100. Questo perchè se no mi licenziano soprattutto se sono precario. I sindacati in questo caso non fanno nulla perchè non possono fare nulla, non esistono perchè non hanno nessun potere, l'unica cosa che sono in grado di fare e organizzare inutili scioperi( oggi come oggi non servono proprio a nulla) e mangiarsi i soldi che i lavoratori stupidi ed ingenui come me gli danno. Per risolvere il problema o almeno attenuarne le conseguenze bisognerebbe che la competitività non fosse un parametro fondamentale per le economie sviluppate, ma questo è impossibile perchè come si fa a non far arricchire le multinazionali... I parametri su cui si basa l'economia sono purtroppo per noi impersonali e non fatti a misura per gli uomini ma fatti per il Soldo... Il parametro di tutto è questo. Più profitto più soldi, non magari che si stia un po' meglio, ma avere tanti soldi in banca... Magari la coscenza un po' sporca ma tanti soldi in banca... Magari non avere neanche un minuto da dedicare alla famiglia ma tanti soldi in Banca... Magari contribuire in modo sostanziale all'inquinamento mondiale, ma tanti soldi in Banca... Si fa tutto per il soldi e quindi qualche operaio morto non fa differenza... La mentalità è questa tutto in nome della banconota come figura centrale e non più l'uomo. E' così che ragiona l'economia mondiale, e quindi noi esseri umani siamo solo dei mezzi per raggiungere uno scopo... Alla pari di una calcolatrice, di un computer, o di una scatoletta di tonno che quando si è mangiato il contenuto si getta nella spazzatura. Saluti a tutti

alex berna 13.12.06 19:03| 
 |
Rispondi al commento

No Grillo, dici cose non esatte.
Di leggi in tema di sicurezza sul lavoro ce ne sono anche troppe e di ispettori pochissimi. In certe province non vanno nemmeno a fare verifiche obbligatorie per legge (quando un infortunio supera i 40 giorni di assenza)
L'attenzione per la sicurezza sul lavoro è cresciuta negli ultimi 10 anni e crescerà ancora.
Comunque qualcosa non torna: come mai ci indignamo giustamente per i 3 morti sul lavoro al giorno e al tempo stesso siamo indifferenti ai 19 al giorno che muoiono sulle strade?


marco molinari 13.12.06 18:31| 
 |
Rispondi al commento

E' inconcepibile che su un argomento così importante, vi siano persone che disquisiscono sulla grammatica e non in merito al problema posto. Posso garantire, quale ex direttore di stabilimento sensibile alla sicurezza, che quanto espresso dal Sig. PASSONI in linea di massima corrisponde a quanto accade sui luoghi di lavoro. Naturalmente molto dipende dalla volontà e dalla sensibilità dei responsabili nel fare rispettare la normativa vigente, anche con mezzi energici (rimprovero, richiamo scritto, ecc,). I datori di lavoro, per obbligo, forniscono i mezzi fondamentali per la sicurezza, ma spetta ai dirigenti e preposti farli rispettare. Il problema però sta nella non sufficiente chiarezza delle responsabilità in caso di incidente rilevante; infatti la magistratura spesso non riesce ad enettere condanne significative. Riguardo poi alle spese sulla sicurezza, apparentemente sembrano inutili, ma se si facesse un adeguato bilancio , ci si accorgerebbe che i costi sarebbero ricompensati da maggiore produttività, minori assenze per infortuni, minori sprechi di ore, ecc..; perchè, come provato da me stesso, non è vero che le persone ben formate perdono più tempo nell' eseguire il medesimo lavoro. E' solamente una questione di cultura della sicurezza.

renzo fiorini 13.12.06 17:52| 
 |
Rispondi al commento

perché non si organizza uno sciopero sistematico per le tante cose che non vanno in Italia? Devono sempre essere i soliti pochi ad avere il potere di cambiare le cose? lo sciopero e il boicottaggio se ben usati possono fare la differenza...

francesca bersi 13.12.06 17:51| 
 |
Rispondi al commento

X IL PROF STRAMELENSO:
Caro mio buon omo dicono al mio paese tu hai dei grossi problemi a parte il fatto che io in precedenti post ti ho già spiegato che il mio titolo di studio è la quinta elementare e si vede e non me ne vanto ma quando leggo i tuoi deliri demenziali sono orgoglioso di aver un sifatto titolo di studio .
Vedi MELENSO BUZZURITO come ti hanno definito altri fans io non sò l'inglese ciò non toglie che la prossima estate andrò a New York a fare una consulenza per una apertura di una enoteca e panini di mia invenzione .
IO di questo blog per acculturati come te amelenso NON ME NE PUò IMPORTARE DI MENO LO FREQUENTO SOLO PERCHè DOVEVO RESTITUIRTI tutti gli insulti che mi hai mandato senza nessuna ragione nel lontano Gennaio del 2006 dopo di chè torno a dialogare con persone civili dove tù akkulturato melenso non riusciresti a dire nemmeno una parola sensata TORNA A INFILARE PERLINE MELENSO e con il tuo inglese giusti in Arabia puoi andare perchè l'inglese apre molte porte MA VAI A CAGARE

lanata achille 13.12.06 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Gia,le morti bianche!Quando ti colpiscono da vicino, ti accorgi che non sono più solo "statistiche"!!!
Trovo tra le tue pagine il nome di un amico,Luigi Cuomo non ha visto l'alba dei suoi 40 anni.
Lo conoscevo da una vita, la sua famiglia è del mio paese, sapessi Beppe quante volte io ho pranzato a casa sua mangiando i ravioli con il formaggio e la ricotta fatti dalla sua mamma...e i canti e le gite e le scalate, le visite tra i boschi in cerca di porcini...
Tu Beppe non puoi saperlo...un anno e mezzo fa Gigino Cuomo ebbe il primo incidente sul lavoro, mentre era intento a scaricare il camion il braccio dell'escavatore lo colpì schiacciandolo contro un muro(gli fu fatta la ricostruzione completa del bacino fratturato)allora tutti noi dicemmo che era scampato alla morte per miracolo!
Aveva ripreso a lavorare da appena tre mesi(!)stessa ditta, stesso camion, stessi compagni di lavoro.
Stesso sorriso bonario da fanciullone allegro, e non lo avresti detto che quell'amico di sempre biondo e con gli occhi azzurri che proprio non pareva della nostra terra avesse già quattro figli.
Il 29 Novembre, mentre eravamo in pianto per la morte di Alessia di soli sei anni, comincia a serpeggiare fulminea una voce: un operaio di Curti(SA)aveva avuto un incidente a Campigliano...
Il resto è storia di pianto e di sciagura,Luigi è morto a pochi metri di distanza da dove aveva subito il primo incidente(!)
Una strada senza segnaletiche, senza corsie di parcheggio, un incrocio pericoloso e gia di per se mortale!
Beppe...mi hanno detto che ha tentato di respingere il camion con le mani e mi hanno detto pure che dopo, mentre era a terra, le sue ultime parole sono state:"Aiutatemi, non fatemi morire qui in mezzo alla strada"
Chi paga è sempre il povero, chi paga è sempre chi più ha bisogno!
Ma quando finirà?

Sabina Falivene 13.12.06 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Gia,le morti bianche!Quando ti colpiscono da vicino, ti accorgi che non sono più solo "statistiche"!!!
Trovo tra le tue pagine il nome di un amico,Luigi Cuomo non ha visto l'alba dei suoi 40 anni.
Lo conoscevo da una vita, la sua famiglia è del mio paese, sapessi Beppe quante volte io ho pranzato a casa sua mangiando i ravioli con il formaggio e la ricotta fatti dalla sua mamma...e i canti e le gite e le scalate, le visite tra i boschi in cerca di porcini...
Tu Beppe non puoi saperlo...un anno e mezzo fa Gigino Cuomo ebbe il primo incidente sul lavoro, mentre era intento a scaricare il camion il braccio dell'escavatore lo colpì schiacciandolo contro un muro(gli fu fatta la ricostruzione completa del bacino fratturato)allora tutti noi dicemmo che era scampato alla morte per miracolo!
Aveva ripreso a lavorare da appena tre mesi(!)stessa ditta, stesso camion, stessi compagni di lavoro.
Stesso sorriso bonario da fanciullone allegro, e non lo avresti detto che quell'amico di sempre biondo e con gli occhi azzurri che proprio non pareva della nostra terra avesse già quattro figli.
Il 29 Novembre, mentre eravamo in pianto per la morte di Alessia di soli sei anni, comincia a serpeggiare fulminea una voce: un operaio di Curti(SA)aveva avuto un incidente a Campigliano...
Il resto è storia di pianto e di sciagura,Luigi è morto a pochi metri di distanza da dove aveva subito il primo incidente(!)
Una strada senza segnaletiche, senza corsie di parcheggio, un incrocio pericoloso e gia di per se mortale!
Beppe...mi hanno detto che ha tentato di respingere il camion con le mani e mi hanno detto pure che dopo, mentre era a terra, le sue ultime parole sono state:"Aiutatemi, non fatemi morire qui in mezzo alla strada"
Chi paga è sempre il povero, chi paga è sempre chi più ha bisogno!
Ma quando finirà?

Sabina Falivene 13.12.06 17:33| 
 |
Rispondi al commento

OT
#################################################

ECCO IL PRODISHOW DI BOLOGNA!

#################################################
CLICCA SUL MIO NOME PER IL VIDEO.

Fabrizio Di Luca 13.12.06 17:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono arrivato da poche settimane al tuo sito, Beppe. Speravo di trovare un pò d'aria fresca, ma ne esco deluso! I post sono banali, demagogici e impostati ad arte per esaltare animi ingenui che affollano il popolo degli scontenti. Ho letto per molti giorni i commenti ed ho constatato che quelli sensati, formulati con un minimo di buona educazione sono veramente pochi. Abbondano i pazzi più o meno scatenati che certamente non contribuiscono ad impostare una corretta discussione su qualsiasi argomento tu vai a lanciare. Tu stesso, volendo affrontare tutti gli argomenti possibili, dovrai fidarti di collaboratori che, a giudicare dai risultati, non ti consigliano sempre bene. Peccato, perchè disponi di un notevole seguito che, se ben indirizzato, poteva costituire una interessante novità nel panorama politico italiano, deteriorato oltre ogni misura sopportabile!

Marco Racca 13.12.06 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Ci fosse un politico in mezzo, vedo solo operai, operai, operai, operai, operai, eppure sono morti sul lavoro, ma allora qualcuno non lavora o forse i nostri politici lavorano per farci lavorare meno sicuri, allora è meglio che non lavorino.

Luca Urru 13.12.06 16:50| 
 |
Rispondi al commento

WELBY=POLITICA......

silvia bada 13.12.06 16:06

welby lotta per tutti quelli che oggi e domani si trovano e si troveranno nella sua stessa mostruosa situazione

andate indietro nel tempo e troverete degli "sporchi negri" che strumentalizzavano per fini politici la loro condizione per combattere il razzismo

andate indietro nel tempo e troverete donne che buttavano in politica la loro condizione di ragazze madri che chiedevano la legalizzazione dell'aborto


andate indietro nel tempo e troverete donne stanche di essere trattate come bestie di proprietà degli uomini che buttavano in politica i loro panni per chiedere la legalizzazione del divorzio

ma come fate a non capire????

Roberto Stagni Commentatore certificato 13.12.06 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Beppe, lasciamelo dire ma questa volta l'hai sparata veramente grossa... qua in italia potrei aprire un panneello di contatori elettrici e buttarmi dentro senza k mi accadesse niente... con il nostro "mettere a norma" le care ditte di produzione di sistemi di sicurezza in accordo con lo stato ce lo mettono veramente nel c**o! hai mai provato a giudicare quanti soldi inutili spendiamo in sicurezza? sia chiaro che nn voglio assolutamente offendere la memoria di quelle persone k han perduto la vita sul lavoro, assolutamente! ma voglio dire k dobbiamo imparare a giudicare con più razionalità le cose e magari svegliamoci ogni tanto...

Giacomo Valier (KGVX) 13.12.06 16:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusate, fuori tema.

sabato 16 dicembre a firenze

manifestazione contro gli inceneritori

ritrovo alle 14.30 davanti alla stazione

ferroviaria di santa maria novella.

non bruciamoci il futuro!

(beppe grazie per questo spazio)

oscar tramor 13.12.06 16:35| 
 |
Rispondi al commento

WELBY=POLITICA......

silvia bada 13.12.06 16:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LOTTA TREMENDA CONTRO IL FUMO - ACCANIMENTO DEI COLLEGHI DI LAVORO - SONO RIUSCITI A CREARE UN CLIMA SCHIFOSO - MA NESSUNA LOTTA DEI LAVORATORI PER AVERE IL DIRITTO ALLA VERA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO - NESSUN FORTE INTERVENTO DEI SINDACATI... NATURALMENTE. I MORTI PER L'INSICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO AUMENTANO OGNI GIORNO, MA L'IMPORTANTE E' DARE RISALTO ALLA LOTTA AL FUMO E IN PARTICOLARE A QUELLO PASSIVO. BEPPE INFORMATI NON ESISTONO I PERICOLI CHE MINACCIANO PER IL FUMO PASSIVO E' LA SOLITA IMPLACABILE STRATEGIA DEL TERRORE USATA IN QUALSIASI OCCASIONE !!

EMILIANA CARIFI Commentatore in marcia al V2day 13.12.06 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Per un'età media di 37 anni!!! Altro che pensione.


Ma perchè non vi incontrate e vi sfidate ad una gara di scarabeo?
Magari qualcuno riuscirà anche ha conquistare il cuore della giovincella.
Mi domando il perchè di tutta questa vostra frustrazione....poi mi rispondo che in finale siete solo noiosi e non me ne può fregare nulla.
Grillo volevi creare un blog diverso, ma tra questo e tanti altri non c'è molta differenza.

massimiliano vender 13.12.06 15:52| 
 |
Rispondi al commento

l'assessore Barcelò ha aiutato 14 moldavi che hanno avuto il coraggio di farlo, dando come premio il permesso di soggiorno per motivi di giustizia
Contro la paura e nelle situazione del bisogno, lo Stato può solo premiare chi denuncia il crimine, ma quanto imperfetto è questo Stato!
La legge si è dimenticata di aggiungere al premio per i coraggiosi che possono restare "con possibilità di lavoro". Al momento questo non è stato previsto
Ancora troppe luci e ombre tra noi e la giustizia
Barcelò è esiliato dal Cile e conosce l'orrore
Ma non dovremmo aver bisogno di averlo conosciuto per capire la pietà

-----

un conto è accogliere richieste di aiuto e SANARE situazioni di schiavismo CHE SAPPIAMO ESISTERE

altro conto è usare la DELAZIONE in cambio di permessi di soggiorno e "lavoro", così tanto per essere buonisti....

e se qualcuno usa sti mezzucci per mettere in difficoltà qualcun'altro?.... magari per soffiargli l'appaltuccio?

siamo così convinti che sia COSI SANO ONESTO E CORRETTO usare la delazione?... non ci lamentiamo poi se il paese è diviso...

silvia bada 13.12.06 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Scusate lo so che non c'entra niente con l'argomento ma a qualcuno potrebbe interessare: clikkate sul mio nome.

francesco rossi 13.12.06 15:48| 
 |
Rispondi al commento

As English speaker you are a complete disaster Mr LANATA..
Ma dove hai studiato?A Oxford?Povero Beppe:se mandassi il tuo post a qualche giornale sarebbe sputtanato for good!!
Scommetto che fai l'insegnante di inglese a sQuola o all'università,oppure lavori come manager in una grande multinazionale amerikana dopo una laurea con CEPU e una mega raccomandazione all'italiana:ci ho preso?

Torna a sQuola LANATA,ma alle ELEMENTARI:ti assicuro che mio nipote di 11 anni scrive in inglese meglio di te..POVERA ITALIA,siamo messi proprio male ma se questi sono gli elettori(di sinistra) è giusto essere governati da gente ignorante e non solo in ENGLISH!!

MAY GOD BLESS YOUR LITTLE and DIMMED BRAIN,as long as you have one!!

Cheers
Giovanni Melenso,English beginner ah,ah,ah
RISPOSTA DATATA 09/01/ 2006
-------------------------------------------------
Questo è il livello della tua cultura melenso
è uno dei tanti commenti che hai inviati in tutti i blog questo risale a Gennaio del 2006 da quel momento non hai neanche mai cambiato una virgola cultura? ah.ah.ah.ah. và bene il punto al posto delle virgole MELENSO? By melens YOU ARE HUMDRUM,HUMOROUS ,HUMORIST PRATICAMENTE UN MELENSO.

lanata achille 13.12.06 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Ascolta Beppe
Ti scrivo con cognizione di causa essendo stato in campo fino a non molto tempo fa.
Sugli infortuni sul lavoro sono vere tante cose:
1° i lavoratori in senso generale hanno poca voglia di utilizzare i DPI e questo è già un grosso problema. E' più "comodo" non utilizzarli perchè in certi casi sono fastidiosi. Li sentono fastidiosi perchè non hanno ne l'abitudine ne la coscienza e preparazione all'utilizzo.
2° molti dei preposti e dei datori di lavoro oltre a "non vedere" sono molto impreparati in materia.
Si fa un bel dire che si sono fatti i "corsi"; Ti assicuro che nella stragrande maggioranza sono corsi del cavolo e fatti da personaggi ai quali non interessa altro che (essendo spesso esterni) incassare la solitamente corposa percella e pararsi il cosiddetto. "Il corso l'hanno fatto! Se poi non utilizzano i mezzi, io più di cosi cosa posso fare?"
Credimi siamo in un Paese incosciente.
Ci vuole più serietà nell'affrontare le cose e non scendere sempre o quasi a compromessi come fa la maggior parte degli addetti "statali" ai controlli.

Antonio Passoni 13.12.06 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Achille, grazie di queste parole, oggi ne avevo proprio bisogno
Ci sono giorni che il Male che mi arriva da là fuori mi schiaccia anche nell'oasi dove sono. Il mondo non è dove scappi
Il mondo ti raggiunge ovunque
Non sa quante volte ho pensato a lei! E magari è una persona che conosco! comunque sia, è una persona gentile
Non è vero affatto che non insulto gli altri, lo dico a mia colpa
Il giovvestr l'ho aggredito come ho potuto ma ogni volta ci ho rimesso della mia pace, anche se qualcuno ha detto che sono una donna con le palle, il che per una donna non è proprio il massimo, il fatto è che capire e compatire è molto meglio che aggredire, sia pure per difesa, e ogni volta che vado in aggressività ho una caduta di energia per il senso di sconfitta e di sgradevolezza come quando si schiaccia uno scorpione e ti resta appiccicato alle scarpe

In quanto alle cifre e alle leggi, continuo a cercarli, anche se è arduo, ma non ho altro modo per conoscere i fatti e per cercare di andare più vicino che posso alla verità. Non è forse questo quello che conta?
La verità è qualcosa che non ha niente a che fare con l'aderenza incondizionata a partiti o ideologie, con la fede cieca o altre stupidaggini. La verità è una cosa che riguarda solo noi e quello che vogliamo fare della nostra integrità personale
A ognuno dovrebbe interessare solo questo, se non è un fantoccio
Questa Finanziaria è uno schifo, il modo con cui è stata votata e presentata è uno schifo, questa coalizione di governo è uno schifo, quella precedente è stata uno schifo peggiore L'impressione generale è che siamo nelle mani di una massa di ciansfruglioni che fa le cose a caso e, nel tentativo di coprire troppi opportunismi, non fa l'interesse di nessuno
Non so dove andremo a finire, ma so che dobbiamo continuare a pretendere qualcosa di meglio di quello che ci propinano sia da dx che da sx
Se poi qualcuno è convinto che il meglio sia Prodi o B, il neolib. o Marx, sarà meglio che si faccia esorcizzare

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 13.12.06 15:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La stragrande maggioranza degli infortuni mortali in edilizia avviene nei confronti di personale assunto il giorno stesso o il giorno prima e questo non sta a significare che siano inesperti ma significa solo che fino "all'incidente" lavoravano in nero. Certo c'è bisogno anche di una battaglia culturale ma fino a quando saremo disposti a sacrificare tutto (anche le vite umane) in nome del Dio Profitto l'unica strada è quella di un maggior controllo per il rispetto delle normative anti infortunistiche (626 ecc.) e sanzioni pesantissime per chi viene beccato. Fino a quando si pagherà di più per passare con il semaforo rosso in macchina che per il mancato rispetto delle norme infortunistiche ditemi quale imprenditore investirà in sicurezza o dirà ai suoi dipendenti di andare piano per non farsi male. Se le regole fossero applicate da tutti non ci sarebbero ricadute neanche sulla concorrenza ma è chiaro che se uno spende per rispettare le norme di sicurezza, difficilmente riuscirà a competere con un "furbo" che ritiene i suoi operai solo carne da macello. Figli di un Dio minore che non avranno nessuna medaglia al valore ma rimarranno nel dimenticatoio.
Sandro

Sandro Moschion 13.12.06 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Dedicato a Pasolini

I giornali non sanno vedere la trasformazione dei giovani,
perchè non hanno alcun interesse per i giovani.

Chi fa televisione non sa vedere la trasformazione delle famiglie,
perchè non ha alcun interesse per le famiglie.

Chi fa politica non sa vedere la nostra trasformazione,
perchè non ha alcun interesse di noi.

Tutti questi non sanno vedere i nostri problemi, perchè non sono i loro problemi ma "i nostri problemi".

***************************************************************************************************

PER VEDERE IL VIDEO di pasolini contro la Tv, giornali ecc.
clicca SUL MIO NOME E VAI ALL'HOME PAGE

OPPURE COPIA L'INDIRIZZO:

http://pensierarte.blogspot.com/2006/12/dedicato-pasolini.html

Nicola Cellamare (pensierarte) Commentatore certificato 13.12.06 15:11| 
 |
Rispondi al commento

per patty ghera,
come mai il mio post in risposta al tuo precedente è stato cancellato? Viene manipolato anche questa discussione? Rendi visibile il mio post alla discussione, altrimenti non si gioca ad armi pari.
Ho capito tu sei un Berl.....no. I miei convincimenti non possono essere i tuoi. Io voglio uno stile di vita diverso da quelli come te, e dai tuoi compari che hanno contaminato la politica italiana.
Viva gli ambientalisti di sinistra,
viva le energie rinnovabili.
abbasso gli inceneritori.
Ancora un consiglio informati prima di screditare.
Saluti da orgoglio verde

anna visarno 13.12.06 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
da 10 anni mi occupo di sicurezza sul lavoro e credo che una possibile soluzione sia basata sia sull'applicazione delle singole leggi, alcune di oltre 50 anni fa (sicurezza macchine, scavi, ponteggi, etc) che del buon senso.
Credo che il problema stia nell'eccessivo ribasso che alcune ditte fanno per i lavori a scapito della sicurezza e nei signori committenti ce con il miraggio di risparmiare (?) fanno montare e smontare un ponteggio a 3 € a mq.
La 626 ha introdotto degli aspetti basati sulla formazione del personale che per talune aziende (molte invece ci credono eccome!!) è considerato tempo perso, invece che considerarlo investito.
Con questi presupposti credo che una parte del problema si possa risolvere, sta poi alla capacità di ciascuno intervenire e collaborare con le aziende, nel mio piccolo cerco di stare il più possibile in cantiere e il meno possibile davanti ad una crivania, cercando sempre il confronto e la risoluzione dei problem con le ditte.
Un invito anzi due:
- per quando riguarda i costi per formazione e sostituzione macchinari e attezzature esistono bandi specifici di enti preposti (esempio Inail);
- poi non generalizziamo il problema va risolto collaborando e non imponendo, ma soprattutto con umiltà accettando il confronto e cercare di capire che certi modi di lavorare sono sbagliati, soprattutto in funzione del "dio metro" (ovver maggior lavoro possibile nel minor tempo possibile) ma a scapito della qualità (tantissime case con ponti termici assurdi).
E poi per concludere non ci si può improvvisare nè imprenditori edili nè consulenti sicurezza.
Ciao a tutti.
Roberto

Roberto Delfanti 13.12.06 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Dati INAIL
In Italia ci sono 4 morti al giorno sul lavoro
Questa strage va avanti da 10 anni
La maggior parte di questi infortuni sono sui cantieri edili
Nel 2004 gli incidenti sul lavoro sono stati 18.838
Nel 2005: 18.909

Ma queste cifre sono al minimo, troppo spesso non comprendono i dati reali sugli extracomunitari che lavorano in nero, che non sono denunciati né da vivi né da morti, le loro vite non esistono e anche le loro morti non esistono. Restano fantasmi anche nella morte.
Spesso nessuno parla degli incidenti, i morti sono portati fuori dai cantieri e i feriti vengono cacciati, non solo perdono le cure ma anche il sostentamento.
Il numero più alto di incidenti nei cantieri non è, come immaginiamo, nelle regioni mafiose d’Italia ma nella tanto civile Lombardia.

A Bologna Cofferati per la seconda volta ha mandato le ruspe all'alba a distruggere le baracche abusive e gli attendamenti dei poveri disgraziati con tutte le loro povere cose, ancora centinaia di persone cacciate, altri 30 bambini che hanno perso un ricovero
Ma nessuno è stato mandato a verificare se le condizioni di lavoro dei cantieri rispondono alle misure di sicurezza e nessuno ha mandato controlli sui caporali che scelgono carne umana ogni mattina a metà paga e sempre nel medesimo posto
Pallidi segni: Cofferati ha invitato gli sfruttati a denunciare i loro sfruttatori e l'assessore Barcelò ha aiutato 14 moldavi che hanno avuto il coraggio di farlo, dando come premio il permesso di soggiorno per motivi di giustizia
Contro la paura e nelle situazione del bisogno, lo Stato può solo premiare chi denuncia il crimine, ma quanto imperfetto è questo Stato!
La legge si è dimenticata di aggiungere al premio per i coraggiosi che possono restare "con possibilità di lavoro". Al momento questo non è stato previsto
Ancora troppe luci e ombre tra noi e la giustizia
Barcelò è esiliato dal Cile e conosce l'orrore
Ma non dovremmo aver bisogno di averlo conosciuto per capire la pietà

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 13.12.06 15:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cominciamo a pensare di adeguare le retribuzioni ai rischi (come si fa nel sistema previdenziale per i premi) considerando rischi tanto quello fisico quanto quello di perdere il lavoro e aboliamo la considerazione dei titoli di studio e il loro valore legale.


un suggerimento a tutti: firmate e fate firmare la petizione online per abolire l'uso del lei e incentivare a usare il TU nei colloqui e nelle comunicazioni formali e informali.
ecco il sito: http://www.petitiononline.com/leitu

paolo margari Commentatore in marcia al V2day 13.12.06 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Salve Viviana vedo con piacere che lei continua a postare imperterrita i suoi post dove con dati analisi documentate e sopratutto senza insulti
espone le sue considerazioni senza risparmiare anche gli errori della sinistra o almeno una parte di essa e incurante degli insulti che le arrivano quotidianamente da quell'essere ignobile che risponde al nome di.... con diversi nick scritti in inglese .
Tuttavia la cosa non le e non mi riguarda anche se è ricorrente da parte della mente malata di questo personaggio che io sarei Bellandi Olga MAX e tutta una serie di persone ai quali và tutta la mia stima che tramano contro di lui per sabotarlo ,è un caso clinico e lei fà bene a non considerarlo .
Scritto questo però si pone un'altro problema ed è questo;il personaggio in questione associa spesso e volentieri i nostri nomi ai post deliranti dei mangiatori di lardo di Carrara persone con le quali sia io e credo anche lei non vorremmo avere a che fare e questo mi dà veramente fastidio sò che non si può fare nulla ma vorrei che qualcuno intervenisse .La saluto Achille

lanata achille 13.12.06 14:52| 
 |
Rispondi al commento

C'è un sistema migliore par non rischiare nulla e guadagnare moltissimo. Fare l banchiere in BankItalia od alla BCE, stampando le banconote a 3 centisimi l'una, PRESTANDOLE agli stati al 3% sul valore facciale e facendosele pagare con titoli di stato sui quali gravano interessi che tutti concorriamo a pagare. Se l'emissione del denaro tornasse agli stati, tutti protremmo risparmiare molto, anche le aziende. A questo punto, le aziende avrebbero meno scuse per non aver introdotto serie misure di prevenzione degli incidenti sul lavoro.
Ma pare che persino la Costituzione Europea privilegi le banche rispetto ai popoli. Difatti il termine BANCA è presente più di 100 volte nella citata Costituzione, mentre la parola FRATELLANZA (o qualsiasi altra che ricordi il rispetto per i propri simili) non appare nemmeno una volta.

Riccardo Levi 13.12.06 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Comunicato da inviare alla commissione antimafia

Esprimo il dissenso e lo sdegno più convinto e profondo alle nomine di parlamentari condannati nella Commissione Antimafia. Ancora una volta la classe politica manifesta la più totale indifferenza per il comune sentire di tutti coloro che considerano la legalità un valore fondante della convivenza civile. Ci viene spiegato che i condannati non si vogliono dimettere. Allora chiediamo che si dimettano gli incensurati".
Mandiamolo alla Commissione.
e-mail: com_antimafia@camera.it
FAX: 06-6784809

posted by freesud

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 13.12.06 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Immagino che una buona fetta di loro fossero anche a nero! (E vorrei vedere!)

stefania giallanella 13.12.06 14:28| 
 |
Rispondi al commento

L'ignavia di partiti e sindacalisti sulle morti nei cantieri porta a una riflessione molto più grande delle terribili cifre dette

Nel programma di B non c'era traccia di un'etica sociale, malgrado la sfilza di paroloni esibiti ma mai attuati: Democrazia, Libertà, Solidarietà, Amore..
Nella manifestazione di Roma della Dx è risuonata freneticamente la parola Libertà
Questa parola, da sola, non significa niente
Può sfociare nell'arbitrio, nell'anarchia o in pure sopraffazioni
Non si può chiamare valore ciò che è solo interesse individuale privo di un utile sociale. Non sarà più un valore, ma solo la pretesa dell'egoismo
L'uomo che vive soltanto per sé non è nessuno, e può diventare un pericolo per tutti
B ha portato ai massimi livelli la rivendicazione dell'opportunismo individuale, che si sintetizza poi nel poverissimo e squallido slogan: "Non voglio più pagare le tasse".
Dal punto di vista sociale questo non è un valore è un pericolo
Ma anche imporre tasse nei modi con cui intende farlo il csx è un pericolo. E con la collusione dei sindacati, per di più... !
I sindacati non sono i servitori del governo e dovrebbero essere i difensori del lavoro. Le due cose sono inconciliabili. Libertà e servilismo sono opposti
Se si vive in un contesto sociale, occorre che la parola Libertà esca dalle degradazioni che l'hanno compromessa. Ne va della nostra democrazia

E' uscito un bel libro di Paul Ginsborg:
"La democrazia che non c´è". Dice:

"Libertà, da sola, significa una cosa soltanto: autorizzazione a curare illimitatamente i propri immediati interessi, a costo di dissipare i beni collettivi e permanenti che assicurano un avvenire"

"Solo la responsabilità può togliere alla libertà il suo veleno distruttivo. Ma, su questo, nessuna parola."

Le morti sui cantieri rientrano in un quadro fosco e terribile dove il lucro ha preso il posto della vita umana e l'interesse quello del valore. Ma in un paese così non c'è libertà che si salvi

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 13.12.06 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Sottoscrivo in pieno quanto scritto da Beppe, sono moglie di un ponteggiatore e quindi di edilizia e relative morti sul lavoro ne so qualcosa.
A proposito di questo leggevo di operai morti al primo giorno di lavoro, come il povero Davide Soldati citato nell'elenco; non so se nello specifico era veramente il suo primo giorno, ma spessissimo gli operai vengono assunti dalle ditte edili in nero, previa però la consegna di tutta la documentazione da parte del dipendente per una assunzione regolare. Questo perchè, in caso di controlli o peggio, il datore di lavoro evando in mano le carte, può tranquillamente dire che era al suo primo giorno di lavoro, evitando quindi le conseguenze legate al fatto di avere un dipendente in nero.
Quindi spesso quando si legge "primo giorno di lavoro" in realtà era solo l'ennesimo giorno di lavoro da sfruttato.

Danila Marengo 13.12.06 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

........in molte ditte private, in molte industrie e in gran parte dell'edilizia la 626 non e' applicata e non lo sara' mai, perche' troppo costosa per gli imprenditori che poi, poverini, devono devono trasferirsi nei Paesi dell'est. Il lavoro in nero, il precariato, la minaccia di licenziamento, la mancanza di certezza del posto di lavoro rendono possibili tali inadempienze. E i risultati li leggiamo ogni giorno sul giornale. La 626 deve essere cambiata, come e' ora ha fallito ed e' piena di articoli demenziali, non serve a tutelare la sicurezza del lavoratore (in special modo quello privato), dequalifica quello pubblico, e' uno spreco di denaro, si ritorce contro tutti i lavoratori che diventano veri capri espiatori salvando spesso i veri responsabili che di solito stanno piu' in alto, ostacola le attivita' piu' semplici ed e' un giro di soldi ipocrita in nome della sicurezza. C'e' bisogno di sicurezza sul lavoro, ma si faccia una legge nuova piu' seria, contenente articoli fatti con buon senso, piu' giusti e di agevole fattibilita' e allora probabilmente anche quei privati piu' irriducibili la metteranno in atto e gli incidenti potranno diminuire. Ma forse questo non interessa, l'importante e' che continui il giro di soldi ipocrita in nome della sicurezza.

renato Villotta 13.12.06 14:15| 
 |
Rispondi al commento

La verita' e' che la legge 626 e' un vero fallimento. Nei posti pubblici, viene applicata con ossessione e pignoleria (e di cose assurde e demenziali ne contiene tante). Enormi risorse finanziarie (soldi nostri) vengono spese per continue (e spesso faraoniche) 'messe a norma' che dopo poco tempo sono nuovamente fuori norma. Negli enti pubblici, in alcuni casi, la 626 ha quasi impantanato la normalissima e collaudata attivita' quotidina e ulteriormente diminuito l'efficienza dei servizi erogati. Il pubblico dipendente, anche se tecnico e competente, spesso non puo' piu' svolgere parte del lavoro che svolgeva prima, che invece per legge ora deve essere svolto da ditte esterne specializzate (di solito costose). Il lavoratore viene ogni giorno dequalificato e mortificato: questo non si fa, questo e' pericoloso, qui ci vuole la ditta ecc... Al tempo stesso, il dipendente viene mandato a costosi corsi sulla sicurezza, certamente utili e qualificanti, ma al tempo stesso superficiali e inconcludenti, che ripetono le stesse cose che a volte anche un bambino sa. Il dipendente cosi' si trasforma in un potenziale capro espiatorio, nel caso si verificasse nel futuro un qualsiasi incidente.
La Medicina del Lavoro fa continue ispezioni, cavillando da che parte c'e' la finestra, e se la tua sedia e' imbottita o meno... e cosi avanti, quasi a sfogare le frustrazioni che accumulano nelle fabbriche. Infatti..........Continua

renato Villotta 13.12.06 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Non ho tempo, oggi, di leggere tutti i commenti per vedere se qualcuno ha gia inviato un commento uguale a questo che sto inviando. Mi risulta che sul quotidiano "Liberazione" sono stati pubblicati tutti i nomi degli operai che sono morti per incidenti sul lavoro, ma non ci sono nomi di extracomunitari. Che strano........?

Luciano Binni 13.12.06 14:10| 
 |
Rispondi al commento

La verita' e' che la legge 626 e' un vero fallimento. Nei posti pubblici, viene applicata con ossessione e pignoleria (e di cose assurde e demenziali ne contiene tante). Enormi risorse finanziarie (soldi nostri) vengono spese per continue (e spesso faraoniche) 'messe a norma' che dopo poco tempo sono nuovamente fuori norma. Negli enti pubblici, in alcuni casi, la 626 ha quasi impantanato la normalissima e collaudata attivita' quotidina e ulteriormente diminuito l'efficienza dei servizi erogati. Il pubblico dipendente, anche se tecnico e competente, spesso non puo' piu' svolgere parte del lavoro che svolgeva prima, che invece per legge ora deve essere svolto da ditte esterne specializzate (di solito costose). Il lavoratore viene ogni giorno dequalificato e mortificato: questo non si fa, questo e' pericoloso, qui ci vuole la ditta ecc... Al tempo stesso, il dipendente viene mandato a costosi corsi sulla sicurezza, certamente utili e qualificanti, ma al tempo stesso superficiali e inconcludenti, che ripetono le stesse cose che a volte anche un bambino sa. Il dipendente cosi' si trasforma in un potenziale capro espiatorio, nel caso si verificasse nel futuro un qualsiasi incidente.
La Medicina del Lavoro fa continue ispezioni, cavillando da che parte c'e' la finestra, e se la tua sedia e' imbottita o meno... e cosi avanti, quasi a sfogare le frustrazioni che accumulano nelle fabbriche.
Infatti in molte ditte private, in molte industrie e in gran parte dell'edilizia la 626 non e' applicata e non lo sara' mai, perche' troppo costosa per gli imprenditori che poi, poverini, devono devono trasferirsi nei Paesi dell'est. Il lavoro in nero, il precariato, la minaccia di licenziamento, la mancanza di certezza del posto di lavoro rendono possibili tali inadempienze. E i risultati li leggiamo ogni giorno sul giornale. La 626 deve essere cambiata, come e' ora ha fallito ed e' piena di articoli demenziali, non serve a tutelare la sicurezza del lavoratore (in special modo quello

Renato Villotta 13.12.06 14:09| 
 |
Rispondi al commento

La 1° cosa che B fece nel suo 1° mandato fu abolire la legge Merloni che prevedeva controlli sulla sicurezza dei cantieri
In tal modo egli cominciava a pagare la 1° delle sue tante cambiali alla mafia, che controlla i cantieri del Sud e li usa come una delle tante vie per riciclare denaro sporco (tangenti, furti, corruz., pizzi, tratta di armi, droga)
Si noti che la legge che B astutamente tolse non era mai stata applicata!
A questa distorsione del diritto dobbiamo oggi troppe morti, e B e tutti coloro che se ne sono fregati cinicamente di questa strage hanno le mani piene di sangue

Nel suo 2° mandato, B fece i famigerati "Piani Obiettivo" che saltavano aste, concorsi e controlli sui lavori pubblici, così da attribuirne ad arbitrio gli appalti ad amici degli amici, quando non interessavano Lunardi, ministro di lavori pubblici volti a scopi molto privati (alla faccia del conflitto di interessi!)

A completare l'opera, B pretese che il famoso indulto perdonasse anche i patti tra politici e mafiosi, e il csx ubbidì
Notiamo altre stranezze: la famosa legge per i Piani Obiettivo fu inventata da tale astuto Cirino Pomicino, un corrotto di tangentopoli, che il csx accolse amorosamente tra le sue fila e che recentemente è stato accolto altrettanto amorosamente dalla Cdl (nuova DC di Rotondi)

Ma la cosa ancora più orribile è che lo stesso Piano Obiettivo nacque col consenso convinto dello stesso Prodi!

Sui sindacati, che non si sa più quale genere di lavoro stiano difendendo, dopo tutte le soperchierie che hanno fatto (vd solo 5 anni di governo di csx senza uno sciopero) e che ora si prendono il bell'incarico di illustrare "le virtù" di questa indecente Finanziaria a Mirafiori, non ho parole!
Ci hanno già provato Angeletti e Pezzotta a prenderlo in tasca col vergognoso patto con l'Italia! Ora si dovrebbe ricominciare? E fare un patto sindacale che piaccia alle destre
travestite da sinistra, scavalcando gli operai?
Ma questo è puro masochismo!

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 13.12.06 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma perché, se la regola è di ignorare un troll, si continua ad attaccarlo e si risponde ai suoi insulti?
Perché Dio ha messo in noi l'irresistibile impulso di combattere il Male ovunque lo incontriamo, perché siamo dominati da un archetipo eterno che guida le nostre reazioni dalla storia di tutti i tempi e che abbiamo rappresentato nei poemi, le battaglie, i miti, i riti, le fiabe, le lotte potiche e sociali, nelle forme dell'eroe e dell'antieroe e della loro eterna battaglia, una battaglia che non possiamo disertare perché siamo vocati ad essa e perché, se è vero che il Male risorge sempre, è anche vero che esso non trionferà mai, mai finché ci sarà uomo o donna che si ribellerà alla sua essenza perversa in nome di un tempo migliore.
In un mondo integro, dove il Bene esiste perché esiste il Male, siamo costretti a fare esperienza di tutti gli opposti, l'intelligenza come la pazzia, gli impulsi costruttivi e quelli distruttivi, le spinte alla coesione e quelle alla disgregazione, la democrazia e i regimi autoritari, l'onestà e la corruzione, il pianto sull'olocausto come il negazionismo più becero....
Questo fino a un certo punto si può anche capire
Ma perché alcuni siano così fortemente attratti proprio dal lato oscuro del mondo e arrivino, come vediamo in questo post, a vedere democrazia nella guerra, virtù nel massacro, doti da ammirare nel corrotto.. questo è molto più difficile da capire.
A meno che non si debba considerare (come fa Hillman)ognuno come il frutto necessario di un seme, buono a cattivo, messo lì a priori. Ma questo produrebbe fatalmente l'irresponsabilità umana, la sua totale dipendenza dal fato.

Dovremmo limitarci a dire: "Signore, perdonali, perché non sanno quello che fanno?"
La coscienza etica non può ridursi a una mera accettazione dell'esistente e anche delle petecchie umane, o potremmo toglierci dalla faccia del mondo.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 13.12.06 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente si parla di questo argomento negletto dalla stampa. Bisogna dire che non ci sono soltanto i morti ma anche e soprattutto quelli che acquisiscono varie forme di invalidità, non sempre riconosciute, sul lavoro.
I sindacati sono tra i primi ad essere responsabili perché sanno e fanno finta di non sapere finché non c'è un'ufficialità di una raccomandata o denuncia ma hanno la coscienza sporca. Ormai quelli che si iscrivono alla CGIL lo fanno solo per ottenere qualcosa, a Roma p. e. si potrebbe ottenere un posto di lavoro con le ditte di esternalizzazione dei servizi comunali.

giampietro petroselli 13.12.06 13:33| 
 |
Rispondi al commento

A giad pad

Il cinema ha sempre raffigurato il troll come un essere mostruoso che odia gli uomini e vive sempre solo in una caverna, esso è il gremlin, lo zombi, il mostriciattolo con la testa di coniglio scuoiato partorito ne “La mente che cancella”, è Scary movie, è il Gollum de ‘La compagnia dell’anello”.. Se non scrive mai il suo nome, qui avete però la sua faccia

http://images.google.it/images?q=gollum&hl=it&lr=&sa=X&oi=images&ct=title

si chiama Gollum dal rumore raschiante che fa quando parla, come un vomito permanente, o un peto di gola, vaga per oscure caverne e si nutre di pesci morti e orchi

«Non ha voce e grida fa,
non ha ali e a volo va,
non ha denti e morsi dà,
non ha bocca e versi fa»

Il gollum è un essere mancante, afflitto da perenne invidia di coloro che hanno quello che a lui non sarà mai dato avere.

Come muore un gollum? Si ammazza da se stesso. Mentre tenta di strappare agli altri quei tesori che essi hanno e che lui invidia e preso da un delirio di compiacimento per il male fatto e comincia a saltare sconciamente, finché non mette un piede in fallo e cade nel baratro infuocato sotto di lui.


viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 13.12.06 13:25| 
 |
Rispondi al commento

io so'che nei cantieri l'unica cosa certa per legge e' il prezzo della sicurezza.
nel preventivo la sicurezza ha un costo fisso ed inderogabile x tutti i pertecipanti all' appalto....quindi la legge c'e'....manca il controllo....alla fine manca la legge.....anzi scusate manca la giustizia.

paolo ruggiero 13.12.06 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe.
E'in corso una campagna pubblicitaria radiofonica(forse promossa dalla mia regione) per i "genitori perfetti". Non voglio aggiungere commenti sulle già discusse tolleranze (o buoni esempi!) del governo riguardo alle droghe (stanno demolendo anni di raccomandazioni ed insegnamenti!), ma lancio un SOS a nome di tutti i genitori per quei VIDEOGIOCHI in commercio ora (BEL REGALO DI NATALE!!).Molto istruttivo è senz'altro quello della bimba da perseguitare e seppellire viva (non so il titolo)!
MOOOLTO DIVERTENTE!!!
Possibile che non c'è nessuno che ha sufficiente autorità per bloccare la distribuzione di certe schifezze???
Il gioco non dovrebbe essere divertente ed educativo? o sono io che sono rimasta "indietro"?
Altrochè campagne pubblicitarie.....
Che ne pensi?
Ciao Emanuela

Emanuela Raddi 13.12.06 12:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Italia pullula di controllori strapagati che si comportano come le tre scimmiette: io non vedo, non parlo non sento.

luciano pasinetti 13.12.06 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Le cosidette morti bianche in Italia sono molte di pìù, sono circa 1000 l'anno (dati ufficiali INAIL, una media di 3 morti reali al giorno, un vero bollettino di guerra, senza contare le morti in nero che statisticamente rappresentano almeno un 30/40% in più.

E non pensiamo solo ai morti se andiamo a vedere gli infortuni e le malattie professionali regolarmente denunciati siamo poco sotto il milione di infortuni l'anno.
Non abbiamo solo il settore edile, un numero quasi uguale di vittime lo abbiamo nelle industrie manifatturiere ed anche in altri settori.

Le cause dovute agli infortuni sono molteplici, come sono molteplici le colpe a partire dal datore di lavoro fino al lavoratore stesso.
E' un problema non recente che esiste da sempre.
Riuscire a dare un unico colpevole ed un unica soluzione sarebbe alquanto ipocrita.

Il primo passo è iniziare a parlarne a gran voce...

Allego link dei dati INAIL ufficiali del 2005
http://bancadati.inail.it/prevenzionale/Report/Temporanea/tavsintesi2005RA.xls


gianmaria trombetta 13.12.06 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Credo che ogni quotidiano dovrebbe pubblicare questa lista e tenerla aggiornata ( spero il meno possibile), come credo che ad ogni morte si debbano individuare le responsabilità e punire duramente i responsabili, lo so che sono cose ovvie e banali, ma quante volte poi vengono messe in atto?

Maurizio Berta 13.12.06 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Roberto Ionni si lamenta di con Striscia la Notizia di venir bannato, cosa assolutamente meritata perchè con i suoi post cerca di portare la discussione, in maniera vergognosa, verso argomenti che interessano solo a lui. E' nato un'altro Martino Estate, toglietecelo dai coglioni.

Paolo Manca Commentatore certificato 13.12.06 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Dico solo una cosa: dopo due anni di cantieri a Bologna un bel giorno, dopo aver visto volare putrelle, bulloni, tubi innocenti e quant'altro ho deciso di passare all'attacco e ho chiamato i sindacati, senza distinzione di colore politico. La risposta più comune è stata:
"eh, cosa vuole, ci manca il personale per i controlli". Peggio, ho capito che chi è pagato per tutelare chi cerca tutele e paga per questo non sa nulla di mondo del lavoro e della realtà dei fatti. Solo cavilli e circolari, burocrazia, ignoranza, incapacità e inettitudine. A questo punto propongo di abolire i sindacati e di mandarli a lavorare al posto di quelli che rischiano la vita per 2-3 anni. Poi vediamo se mancheranno i controllori...

Andrea Gennari 13.12.06 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Per Marco Catellacci

OGM

Vedi che ti dovevi leggere pure il seguito, per questo c'era scritto "continua..."

Anche io sono molto scettico, ho solo illustrato quello che ha detto il prof. Sala e poi ho chiesto a Beppe di scrivere qualcosa in proposito.

Questo è un problema serio, ma la verità è che ormai è troppo tardi per tornare indietro. Ce l'hanno messa nel c..o in silenzio, senza far rumore, già una decina di anni fa.

P.S. - Per quanto riguarda la sterilità delle piante, quel che dici è solo parzialmente vero. Chi modifica geneticamente un seme può decidere se mantenerlo fertile o se renderlo sterile;
Il Prof Sala ha spiegato che si può decidere di rendere una pianta Ogm sterile quando si vuole che produca frutti con una polpa senza semi.

Naturalmente non siamo scemi...è chiaro che la Monsanto lo aveva fatto per altri motivi...molto più succosi, ma di denaro!!

Marco Vita 13.12.06 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Il mio vicino di casa sta ristrutturando la casa, il primo periodo ha chiamato un'impresa poi per terminare ha voluto far da sè. E' un carabiniere, quindi lavora 6 ore al giorno e di tempo ne ha, con un suo collega (anche lui a 6 ore al giorno) ha piantato un'impalcatura attorno casa; dalla mia parte questa impalcatura pende ed ogni giorno sono li che aspetto che cada, con loro due sopra, nel mio giardino. Hanno anche pensato di fare un contrappeso con una borsa di plastica piena di sassi!!.
Quando gli si fa notare la cosa, risponde..."fatti i c...i tuoi".
E questi dovrebbero essere tutori dell'ordine??

Liliana Scarla (liliana s.) Commentatore certificato 13.12.06 11:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe a leggere il tuo blog sulle morti nel lavoro mi è venuta una tristezza incredibile..ma tu lo sai cosa capita a quelli che continuano a vivere?ho la sventura,o l'avventura,di fare lo psichiatra e quest'anno mi sono occupato,per conto di un legale,di valutare la madre di un ragazzo rumeno,morto a 19 anni in un cantiere edile biellese.Per farla breve lo hanno mandato a morire su una ruspa in un greto di un fiume,ruspa che nessuno voleva guidare e che era non a norma di sicurezza..si è ribaltata e,non avendo le cinture,lo ha buttato fuori e schiacciato...dimenticavo il ragazzo non era in regola,la sua morte è stata nascosta alla madre finchè,qualche ora dopo la sua morte,è stato assunto...ma ti pare possibile che la vita di sua madre possa continuare come prima?non immagini quale sia il suo senso di colpa,per averlo lasciato lavorare,lui era felice del suo lavoro e sperava lo assumessero...non serve essere uno psichiatra,anche un parlamentare qualunque capirebbe che da una morte così tragica non si guarisce più e la tua vita sarà per sempre depressa...invece alla signora spetterà un processo di qualche anno,in cui lei sarà oggetto di accertamenti,visite,test psicologici,discussioni tra periti di tutte le parti,da cui uscirà ancora di più massacrata...gli assassini hanno tempo, soldi,avvocati e tutti i periti che vogliono...di fronte a questo dolore assurdo mi vergogno di essere un pò biellese e di avere qualche problema di lavoro e un pò di pene d'amore...io non voglio idee stupide come Fabri Fibra...ciao

alessandro gioeli 13.12.06 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Gian Pad
Cos'è un troll?
è un individuo stupido e malato ma essenzialmente abietto, che non ha niente di meglio da fare nella vita che cercare di distruggere una persona, più persone o un blog
Qui ne abbiamo un esemplare che si moltiplica cambiano nome ma con la stessa tipologia da petecchia
I messaggi di un troll sono idioti, irritanti, provocatori e malvagi
E' un troll quello che posta 77.000 caratteri
Che ripete e ripete lo stesso delirio
Che scrive VIVA PINOCHET a uno che ha ammazzato 80.000 persone e posta pure il disegnino del dito alzato
Ma anche uno che magari è perbene ma scrive tutto maiuscolo che è il massimo della cafonaggine ed equivale a urlare negli "ORECCHI" di qualcuno
E' un troll soprattutto chi cerca di diffamare persone precise con nome e cognome per pura malvagità nella speranza di sputtanargli quella reputazione e onore che lui non ha
E' quello che posta oscenità perché ha il pene al posto del cervello
A un troll non si risponde perché questo lo alimenta come dare sangue a un vampiro
Si aspetta vanamente che la redazione del blog intervenga anche ex post, perché il troll si arrabbia moltissimo quando un suo post scompare, è l'unica punizione che capisce
Se la redazione banna il suo pseudonimo, lui non ha che prenderne un altro
Il troll MAI ha il coraggio di mettere il suo vero nome e tanto meno di autocertificarsi o iscriversi perché è una delle persone più vili e abiette di questa terra, un vero resioduo umano
E' un fetente, pauroso, pusillanime, sozzo, abietto, ignobile, infame, vile codardo, è disgustoso, indecente, meschino, ripugnante, schifoso, spregevole, pavido, bieco, gretto, turpe, vergognoso, orribile, miserabile, misero, volgare, inferiore essere umano
E che Dio, nella sua immane misericordia, possa fargli venire una malattia come la rogna, che lo costringa a occupare tutto il suo inutile e ozio a grattarsi

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 13.12.06 11:27| 
 |
Rispondi al commento

@ margherita grassi 12.12.06 22:03
__________________________________

no non è come dici tu: non siamo in un periodo di revisionismo tout court (e poi perchè il revisionsmo si fa sempre contro i soliti noti????!!!), siamo come al solito, come è da centinaia di anni a questa parte, al negazionismo...

fosse come dici tu non ci sarebbero problemi ma non è così

guarda la realtà perdio, attraverso il revisionismo numerico si vuole ancora una volta arrivare solo e soltanto al negazionsimo, per poi tentare ancora, una volta, di eliminare il popolo ebraico alla redice.

non nasconderti dietro le buone intenzioni e le belle parole, inserisci la questione nel suo contesto e vedrai qual è lo scopo finale di questa "sana operazione di sano revisione storico"....

Roberto Stagni Commentatore certificato 13.12.06 11:24| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia è un paese semplicemente ingovernabile (come a detto il saggio Enzo Biagi domenica alla trasmissione "che tempo fa"). E' un paese con troppe diversità di interessi e bisogni tra nord, centro e sud. L'unica soluzione è difendersi in qualche modo dalle decisioni finanziarie di questo "governo" atte a tamponare delle falle ormai insanabili (vedi: alitalia, inps, trenitalia etc. etc. etc.). Cercate di portare i vostri denari all'estero in paesi più finanziariamente sani ed intestare le vostre proprietà a soggetti esteri. Se, come me, siete dipendenti e non riuscite a controllare personalmente il vostro gettito fiscale non resta che arrendersi o emigrare.

Andrea Sconcerto 13.12.06 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,finalmente parli di delitti! Infatti per la legislazione italiana (e solo italiana) è un reato penale provocare danni all'integrità fisica e psichica dei lavoratori. Non mancano le norme per tutelare il diritto alla salute (anche se ora da più parti si sta tentando di trasformare l'impunità del datore di lavoro in immunità). Ora va di moda dire che manca la cultura dell sicurezza,i controlli ecc. ecc... . Ma visto che le leggi ci sono,gli organi preposti alla vigilanza e controllo esercitano il loro compito,perchè non si interrompe questa carneficina,questa guerra?(Don Milani la chiamava l'eterna guerra tra ricchi e poveri, tra diritti deboli e diritti forti). Forse perché la magistratura, organo dello Stato che ha il compito di far rispettare le norme non svolge fino in fondo il proprio ruolo. Non dimentichiamoci mai che nel mondo globalizzato di merce umana ce n'è da vendere. Se vuoi lavorare, tu lavoratore pieno di diritti cartacei, prendi quello che passa il convento se no.....avanti un altro! A chi può interessare il tuo diritto ad esistere se non a pochi illusi idealisti?
Cristina Tosti Guerra

cristina tosti guerra 13.12.06 10:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono pienamente in accordo con la linea di Beppe ed essendo nel campo della sicurezza sui luoghi di lavoro, vorrei portare qualche spunto di riflessione.
1) la normativa in materia già esiste (D.Lgs626/94, D.lgs.475/55, d.lgs 25/2002, ...)
il problema è si a volte dei datori di lavoro che non mettono a disposizione opportuni mezzi di protezione dai rischi, ma anche e non solo dai committenti che giocano con le aziende al ribasso del prezzo e degli stessi lavoratori che sebben informati dei rischi che si corrono, sebben formati sull'utilizzo dei Dispositivi di prevenzione e Protezione, preferiscono far presto e CREDIMI senza ragioni apparenti sottovalutano spesso il rischio, "tanto non è mai successo niente" e la frese che continuamente sento ripetermi durante lo svolgimento della mia professione.
Il datore di lavoro dal canto suo avendo:
- il prezzo dei materiali non trattabile
- il prezzo dei progettisti che sale
- il nero da dover far saltare fuori in ogni caso per pagare gli amici degli amici
non rimane che risparmiare sulle misure di sicurezza, considerando anche, che in Italia i controlli praticamente non esistono.
Per parlarci chiaro caro Beppe, se tutte le normative esistenti attulmente in Italia fossero state applicate e controllate dagli enti preposti, la sciagura dell'oleificio non sarebbe POTUTA ACCADERE.
Se vogliamo vincere questa che tra le righe chiami simile ad una guerra, dobbiamo avere più controlli sui posti di lavoro. ogni cantiere deve essere visitato e più volte durante le fasi di lavorazione.
I lavoratori devono sapere che nel caso in cui sia riconosciuto che, la loro negligenza ha portato all'infortunio, non avranno nessun diritto al risarcimento (art 5 D.lgs. 626/94)( vedi ultime sentenze della corte di cassazione.
Ultimo punto caro Beppe io non sono razzista ma come si fà a pretendere che i luoghi di lavoro siano tempestati di cartelli o istruzioni con scritte in Italiano e lì lavorano personeche non sanno leggere?

alfonso cenetiempo 13.12.06 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Quando ti dicono che sei un lazzarone e un scanza fatiche perchè non produci come vogliono "LORO" vuol dire che ti sei salvato la vita.

eugenio cortinovis 13.12.06 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace dirtelo beppe ma le regole ci sono e come!! Guarda solo a livello cronologico il quantitativo di leggi che sono state fatte e vengono continuamente emesse in materia di sicurezza e oggi giorno tecnici e imprese sono molto più attenti perchè quando si sente parlare di penale alla gente si rizzano le orecchie. E'anche vero che siamo in Italia e aggirare le regole è una prerogativa di noi italiani; in poche parole per uno che rispetta le regole almeno un'altro non lo fa! Lavoro nel campo dell'edilizia e ti assicuro che ( sembra assurdo ma è così ) basterebbe che ognuno facesse ne più ne meno di quello che gli compete: un esempio, gli ispettori usl che quando vengono nei cantieri se tutto è a posto e in regola girano anche nei cessi per vedere se c'è la carta igienica pur di rompere l'anima fino a che il capo cantiere non gli allunga un pò di fresca per non farsi più vedere e magari il cantiere poco più avanti, dell'amico oppure di uno che ha sborsato già la sua parte, con ponteggi allucinanti, operai che lavorano sulle facciate con imbracature che non reggerebbero un bambino, figuratevi un muratore albanese grande e grosso preso al parchetto davanti a un bar la mattina stessa. Per fortuna non è sempre così,ma capita più spesso di quanto si possa immaginare.

Luca Giovannardi Commentatore in marcia al V2day 13.12.06 10:04| 
 |
Rispondi al commento

VOLETE SAPERE DAVVERO PERCHé LE TASSE NON POSSONO FAR ALTRO CHE AUMENTARE?

Ve lo spiego brevemente:
-Attualmente lo Stato non può stampare le banconote in proprio, ma può solo farsele prestare dalla Banca Centrale di Emissione S.P.A. (La BCE: controllate su qualsiasi banconota e troverete questa sigla).

-Supponiamo che lo Stato non abbia più banconote, e che richieda 100 euro.

-La BCE stampa i 100 euro al costo di 30 centesimi (che trascuriamo) e li PRESTA allo stato in cambio di TITOLI DI DEBITO PUBBLICO (ossia BOT, CCT e affini) con tasso di interesse che si aggira al 2,5%.

-Alla fine dell'esercizio (quando si approva la legge finanziaria) lo stato deve estinguere il debito contratto dalla BCE versando 102,5 euro.

-Ma ovviamente non li ha, perché aveva preso in prestito solamente 100 euro... Pertanto si instaura un circolo vizioso in cui lo Stato deve chiedere nuovamente del denaro in prestito alla BCE AUMENTANDO IL DEBITO PUBBLICO e, conseguentemente, ANCHE LE TASSE ED I TAGLI ALLA LEGGE FINANZIARIA. Oppure deve SVENDERE A PRIVATI le IMPRESE PUBBLICE costruite con ANNI E ANNI di nostri contributi.

NB:La BCE ha il MONOPOLIO dell'emissione dei SOLDI in tutta l'EUROZONA ed é una SOCIETà PER AZIONI IN MANO A PRIVATI.

Di quanto sopra esistono numerose prove e ampie documentazioni. I mass media, ovviamente, non ne parlano.

Non importa che il governo sia di destra o di sinistra: tutti i politici sono finanziati dalle Banche Centrali(S.P.A.) e, ovviamente, obbediscono ai loro finanziatori, non certo ai loro elettori.

(Avete mai votato un programma che poi sia stato rispettato?
Avete mai letto e/o sentito al telegiornale una chiara spiegazione su cosa sia e a chi appartenga la sovranità monetaria? E sul Debito Pubblico? Perché nonostante il P.I.L. sia sempre in crescita noi stiamo sempre peggio?)

www.sovranitamonetaria.org
www.centrostudimonetari.org
http://www.macrolibrarsi.it/__euroschiavi.php

Saluti.

Duccio Armenise 13.12.06 09:48| 
 |
Rispondi al commento

IN ITALIA (PAESE CATTOLICO PER ECCELLENZA) ESISTE UNO SMODATO CULTO DEL PROFITTO. A TUTTI I LIVELLI. QUELLO CHE SUCCEDE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO, SUCCEDE PERCHE' PERMETTIAMO SUCCEDA. OLTRETUTTO IL RESTO DELL' EUROPA, PIU' EFFICIENTE DI NOI, RISPETTA LE REGOLE E FUNZIONA MEGLIO!

Francesco Manfredi 13.12.06 09:34| 
 |
Rispondi al commento

evidentemente in Italia si stà bene solo se si fà lavorare gli altri.......

lello centa Commentatore in marcia al V2day 13.12.06 09:25| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe,
evidentemente siamo un popolo di caproni se non riusciamo a recepire le normative europee sulla sicurezza.
Vai così Beppe
Alvise

alvise fossa Commentatore in marcia al V2day 13.12.06 09:18| 
 |
Rispondi al commento

Desidererei che tra una lettura e l'altra abbiate la cortesia di visitare il mio sito web che si può trovare cliccando sul mio nome. Nel sito provo con documenti in che modo viene torturata una donna in silenzio e di nascosto in Italia. Per ogni persona in più che ne viene a conoscenza ci sarà una possibilità in meno di torture future su altre donne. Grazie a tutti e buona serata.

Giov.Ni gris 13.12.06 08:55| 
 |
Rispondi al commento

Caro Bebbe,
Cari Amici,
per la nostra Libertà e sopratutto quella dei nostri Figli,vale la pena di lottare Democraticamente,la Giustizia ha il suo percorso,ma prima o poi arriva.

Credo nelle Istituzioni,non credo più a questo sistema di far politica,predicano bene razzolano male,credendo che il popolo sia Scemo.

In Tutto l'arco Costituzionale,non esiste un Parlamentare che abbia il coraggio di prendere realmente le difese della Gente,stanno tutti codardamente a riempirsi le tasche e la futura pensione.

Questo non è leale nei confronti dei Cittadini,per questo chiedo che si dedichi un giorno per trovarci e fondare un grande COMITATO DI SALUTE PUBBLICA,per la gente con la gente.

Il 28 dicembre a Genova,è importante partecipare,non possiamo continuamente lamentarci,non possiamo continuamente pagare e subire,tiriamo fuori il nostro coraggio e alziamo la testa per difenderci,partecipiamo con grande forza ad una nascita di un Comitato per LA GENTE CON LAGENTE,investiamo il nostro tempo per vera Missione Sociale,lo dobbiamo anoi,ai nostri figli ma,sopratutto ai nostri Padri.

Non sarà un Partito,ma un movimento del POPOLO,che entra nell'arena politica per riportare la Società nel binario della legalità.
Una società GIUSTA,EQUA,SOLIDALE.

Bisogna crederci..io ci sono...
Io ci credo pienamente e dissotterro con civiltà la mia ascia di guerra.
Aderite all'appello,vi comunicherò l'indirizzo.
Con affetto Gaetano.

Gaetano Ferrieri 335 460249
ferrieri@federced.info


Gaetano Ferrieri Commentatore certificato 13.12.06 08:44| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE,
CARI AMICI

PER IL NOSTRO FUTURO

1° ELIMINAZIONE DELLE PROVINCE,RISPARMIO 11 MILIARDI EURO
E 25.000 POLITICI IN MENO.

2°FINANZIARE CONSORZI FRA PICCOLI COMUNI FINO A 50.000
ABITANTI-MIGLIORI SERVIZI E RIDUZIONE DI ALMENO 90.000
AMMINISTRATORI .

3° NEI C.D.A. PUBBLICI RIDUZIONE A 5 AMMINISTRATORI CHE
SIANO DIPENDENTI PUBBLICI CAPACI L'AMMINISTRATORE DELEGATO
DA ASSUMERE TRAMITE CONCORSO ESTERNO PUBBLICO.IL COMPENSO
NON PUO' SUPERARE I 60.000 EURO ANNUI CON FIDEIUSSIONE PER
DANNI.l'AMMINISTRATORE NON PUO' RICOPRIRE PIU' DI UN
INCARICO .SI RISPARMIEREBBERO 10 MILIARDI DI EURO.

4° SCARICO SULLA DICHIARAZIONE REDDITI DELLE SPESE
STRAORDINARE SOSTENUTE,(EMERSIONE DEL NERO).

5°INVESTIMENTI E FORMAZIONE NELLA SCUOLA IN SINERGIA CON
LA FORZE PRODUTTIVE.
(NON E' VERO CHE LA CINA E I PAESI DELL'EST SONO
CONCORRENTI,BENSI' E' VERO CHE NEL MONDO C'E' RICHIESTA DI
PRODOTTO ITALIANO QUALITATIVO.
DARE INCENTIVI FISCALI AD AZIENDE CHE INVESTONO IN
RICERCA,FORMAZIONE,SVILUPPO,ENERGIA E AMBIENTE.

6°CONTROLLO TOTALE DI TUTTE LE SPONSORIZZAZIONI SPORTIVE E
NO PROFIT (NASCONDONO 37 MILIARDI DI EURO DI FALSA
FATTURAZIONE)

7° RIDUZIONE TOTALE DI AMMINISTRATORI NEI CONSIGLI
DI:QUARTIERE,COMUNALI,REGIONALI.LE INDENNITA' DEVONO ESSERE
CORRISPOSTE CON GETTONI DI PRESENZA COMPRESI
SINDACI,ASSESSORI E PRESIDENTI COMUNALI E REGIONALI
(CONSIGLIO E GIUNTA).

8)RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI (NON PIU' DI DUE MANDATI) E
COSTITUZIONE DI UNA CAMERA LEGISLATIVA ( INDENNITA' 60.000
EURO ANNUI) E UNA CONSULTIVA COMPOSTA DA RAPPRESENTANTI ENTI
LOCALI E ASSOCIAZIONI PRODUTTIVE (250 SENZA INDENNITA' A
SOLO SPESE GIUSTIFICATE)

9° UN UFFICIO MINISTERIALE PER LE ISTANZE DEI CITTADINI.


QUESTO E' IL PROGETTO CHE DOVREMMO PORTARE AVANTI NEL
COSTITUENTE COMITATO DI SALUTE PUBBLICA.
CI TROVIAMO IL 28 DICEMBRE A GENOVA TUTTE LE PERSONE DI
BUONA VOLONTA.
PER IL NOSTRO FUTURO.

GAETANO FERRIERI
ferrieri@federced.info
335 460249

Gaetano Ferrieri Commentatore certificato 13.12.06 08:43| 
 |
Rispondi al commento

a Massimo Greco
------------------------------------------------
meno male che i razzisti sono al nord!

Lavati! (prima la bocca e poi le ascelle)

Saremo anche una genia mista (e che male c'è?, pare che migliori la razza...) ma tu dove vivi?

Sei un pò razzista e molto stupido.

Lavati

--------------------------------------------------
Massimo Greco ha scritto:

Veramente non hanno alcun bisogno di aspettare così tanto.

Seppure è vero che godono di altissima concentrazione d'incesti specialmente nelle valli chiuse... la loro genia in quanto padana, se mai è esistiti, è stata prima compromessa su larga scala dai romani... dopo qualche bottarella data anche da Annibale...

Poi sono arrivate le bottarelle (Unni, Lanzichenechecche, e quanto di meglio da oltre gli Urali...) hanno quindi la genia più mista d'Europa.

Quindi un ulteriore processo di marocchinamento non farebbe altro che aggiungere altro sangue misto alla storia di questa defloratissima pianura... magari va a ridare un po' d'ossigeno ai guasti delle valli chiuse.

Nulla di nuovo sotto il pallido sole.

reno tavella 13.12.06 08:31| 
 |
Rispondi al commento

все пойденные для того чтобы иди жщпу!!!!

mario rossi 13.12.06 03:37| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno può morire perchè si spinella o arriva stanco ma gli ispettori dei ponteggi potrebbero agire come la vecchia ENPI che dava tempo per mettere a posto impianti etc.
Questi invece si fanno dare la busta che va oltre i 500 €uro!
E se non pagano la tangente vengono denunciati , col risultato che rimangono i pericoli
Perchè non si fa una statistica sulle mafie burocratiche e sulle loro tangenti?
traldi

francesco traldi 13.12.06 02:21| 
 |
Rispondi al commento

Gli incidenti sul lavoro ci saranno sempre finchè personaggi che non hanno alcuna competenza tecnica s'inventano imprenditori senza capire un tubo di quello che fanno. La sicurezza costa, servono delle competenze ben precise, invece cosa succede? In Italia un datore di lavoro con meno di 10 dipendenti, sborsando una cifra irrisoria per un corso di poche ore che spesso neppure segue, può svolgere la funzione di responsabile della sicurezza per cui invece un consulente esterno spende il quadruplo economicamente e 10 volte in termini di tempo. Quasi tutti i lavori rischiosi a scarso contenuto tecnico vengono terzializzati da società più grandi a queste piccole ditte guidate da incoscienti. Quando invece l'imprenditore s'affida ad un tecnico s'aspetta che questo dietro un compenso spesso irrisorio e senza alcun budget di spesa a propria disposizione possa riuscire a gestire la sicurezza in azienda. Non volete morti sul lavoro, basta azzerare la classe imprenditoriale italiana!

S.Vinci 13.12.06 01:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SE LA SMETTESSERO DI COSTRUIRE CASE FORSE NESSUNO CADREBBE DA IMPALCATURE. IO VEDO COSTRUIRE CONDOMINI, CASE, E CAPANNONI SENZA ARRIVARE ALLA FINE, ABBANDONATI X ANNI, SARA' XRCHE' LA DITTA FALLISCE, SARA' X IL SOLO GUSTO DI COSTRUIRE. COMUNQUE SIA, IL VERDE, I CAMPI, LE PIANTE, SPARISCONO A VISTA D'OCCHIO, X FARE POSTO AL CEMENTO, CODE DI AUTO E ARIA TOSSICA. " ARIA TOSSICA ", NESSUNO SE NE PREOCCUPA, QUANDO LA GENTE E' IN CODA SBUFFA SEMPRE, MA SONO LI' DAVANTI AD UN'ALTRA MACCHINA E DIETRO UN'ALTRA MACCHINA COME GLI ALTRI.
NON VOGLIO FARE L'ECOLOGISTA, VOGLIO SOLO DIRE CHE CHI AMA LAVORARE INCESSANTEMENTE, CHI AMA PRODURRE INCESSANTEMENTE, CHI AMA COSTRUIRE INCESSANTEMENTE : SI PORTI A CASA ANCHE L'INQUINAMENTO, I VIVERI DI PLASTICA DEI SUPERMERCATI E LE PUTTANATE DEI C. COMMERCIALI. LE CODE DI AUTO,CAMION E GLI INCIDENTI SUL LAVORO.

Pierfranco Pagnoncelli 13.12.06 01:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2500 e una morte

I lavoratori non muoiono solo in fabbrica, ma muoiono anche in altri luoghi di lavoro come la strada.
Sono gli agenti di commercio, i fattorini, i camionisti, i pendolari, chi fa manutenzione alle strade, gli stessi lavoratori della polizia stradale, ecc
E’ stato valutato che degli 8000 morti per incidente stradale all’anno, il 30 % sono lavoratori.
Un dato che i sindacalisti ignorano, probabilmente pensano che il lavoro sia solo luogo di produzione, dimenticano che è anche distribuzione dei prodotti.
Non vi è stato un minimo tentativo di far riconoscere la legge 626 sulle strade, di perseguire per responsabilità i proprietari delle vie di comunicazione.
Attrae di più parlare della fusione Abertis con Autostrade Italia.
Sì perché si può parlare di politica.
Si parla del luogo di lavoro “strada” quando intervengono le connivenze, gli appalti, i costi spropositati, le mazzette, gli scandali, allora si ritrova un motivo per screditare una parte o l’altra o entrambe, ma si ricade solo nel gioco della contrapposizione di diverse fazioni, dove nei migliori ipotesi si ha da una parte il cittadino onesto e dall’altra i politicanti di partito.
Non si va alla sostanza. L’incidente è visto come un evento che ormai è stato metabolizzato, un tributo da pagare al progresso.
Il conducente, anche quando è responsabile dell’incidente il più delle volte non è responsabile della sua causa di morte. L’incidente, per le vittime, prevede un processo immediato e all’istante la condanna di morte. Ma tutti siamo pronti a condannare la pena di morte.
INCOMINCIAMO A RENDERE GIUSTIZIA AI CIRCA 2500 LAVORATORI CHE RESTANO SULL’ASFALTO COME PRIMO MOMENTO PER RENDERE, PER TUTTI, LA STRADA UN LUOGO DI VITA.

CHIEDIAMO CHE IL SINDACATO, MEDICINA DEMOCRATICA, ECC. SI INPEGNINO CONTRO LA STRAGE

Per saperne di più clicca sul mio nome. Associazione familiari vittime PER UNA STRADA CHE NON C’È

Ernesto Restelli 13.12.06 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Molti imprenditori si arricchiscono sulle sofferenze altrui..., e sulla morte altrui in base al criterio dell'economicità il dipendente cessa di essere (essere umano), e diviene un attrezzo da utilizzare minimizzando gli oneri (anche quelli che scaturirebbero dall'apposizione di strutture di prevenzione).... Così il dipendente strumento può anche essere dismesso e perire. Tutto ciò secondo i testi di economia non è mercato, ma altresì, secondo attestati di giurisprudenza, si palesa la fattispecie di omicidio per atto di grave inadempienza e negligenza: omicidio colposo.
Non paghi, si sta facendo persino ricorso all'importazione gli schiavi dall'estero, che in base ad una legge contraddittoria costringe gli stranieri al silenzio per timore della pratica di espulsione nel caso siano individuati dalle forze dell'ordine, che verificatosi il caso, anzichè perseguire gli sfruttatori si limiteranno ad arrestarli e rimpatriarli(?): ma son solo persone soggiogate nel ricatto di una vita peggiore, pertanto gliela si può volendo anche, abbreviare.
Sì l'Italia deve essere competitiva, bensì per perseguire tale finalità occorrerebbe investire in tecnologia, capacità e formazione, tuttavia i nostri "imprenditori" investono in calciatori, speculazione finanziaria e "veline" mignottine..., e galvanizzati da un commercio esoso, distribuiscono prodotti a prezzi doppi, tanto gli italiani hanno difficoltà a percepire il valore della moneta unica! Però gli stipendi così si dimezzano!!!... Allora occorre salvaguardare la competitività riducendo i costi del personale... il labour intensive ed il precariato ad oltranza sono la soluzione!!!
Ma così diminuisce ulteriormente il potere d'acquisto dei redditi!!!
Possibile che l'avidità stia logorando il libero mercato!!!
Il divario tra ricchi e poveri di questo paese fa dubitare che si sia innescato un processo di mera schiavitù... dove la gente è costretta a mendicare la vita, ma poi spesso, nei lavori usuranti e rischiosi,... la perde.

Mauro Bellaspica 13.12.06 00:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2500 e una morte

I lavoratori non muoiono solo in fabbrica, ma muoiono anche in altri luoghi di lavoro come la strada.
Sono gli agenti di commercio, i fattorini, i camionisti, i pendolari, chi fa manutenzione alle strade, gli stessi lavoratori della polizia stradale, ecc
E’ stato valutato che degli 8000 morti per incidente stradale all’anno, il 30 % sono lavoratori.
Un dato che i sindacalisti ignorano, probabilmente pensano che il lavoro sia solo luogo di produzione, dimenticano che è anche distribuzione dei prodotti.
Non vi è stato un minimo tentativo di far riconoscere la legge 626 sulle strade, di perseguire per responsabilità i proprietari delle vie di comunicazione.
Attrae di più parlare della fusione Abertis con Autostrade Italia.
Sì perché si può parlare di politica.
Si parla del luogo di lavoro “strada” quando intervengono le connivenze, gli appalti, i costi spropositati, le mazzette, gli scandali, allora si ritrova un motivo per screditare una parte o l’altra o entrambe, ma si ricade solo nel gioco della contrapposizione di diverse fazioni, dove nei migliori ipotesi si ha da una parte il cittadino onesto e dall’altra i politicanti di partito.
Non si va alla sostanza. L’incidente è visto come un evento che ormai è stato metabolizzato, un tributo da pagare al progresso.
Il conducente, anche quando è responsabile dell’incidente il più delle volte non è responsabile della sua causa di morte. L’incidente, per le vittime, prevede un processo immediato e all’istante la condanna di morte. Ma tutti siamo pronti a condannare la pena di morte.
INCOMINCIAMO A RENDERE GIUSTIZIA AI CIRCA 2500 LAVORATORI CHE RESTANO SULL’ASFALTO COME PRIMO MOMENTO PER RENDERE, PER TUTTI, LA STRADA UN LUOGO DI VITA.

CHIEDIAMO CHE IL SINDACATO, MEDICINA DEMOCRATICA, ECC. SI INPEGNINO CONTRO LA STRAGE

Per saperne di più clicca sul mio nome. Associazione familiari vittime PER UNA STRADA CHE NON C’È

calo silvana 13.12.06 00:39| 
 |
Rispondi al commento

2500 e una morte

Non muoiono solo i lavoratori in fabbrica, ma muoiono anche in altri luoghi di lavoro come la strada.
Sono gli agenti di commercio, i fattorini, i camionisti, i pendolari, chi fa manutenzione alle strade, gli stessi lavoratori della polizia stradale, ecc
E’ stato valutato che degli 8000 morti per incidente stradale all’anno, il 30 % sono lavoratori.
Un dato che i sindacalisti ignorano, probabilmente pensano che il lavoro sia solo luogo di produzione, dimenticano che è anche distribuzione dei prodotti.
Non vi è stato un minimo tentativo di far riconoscere la legge 626 sulle strade, di perseguire per responsabilità i proprietari delle vie di comunicazione.
Attrae di più parlare della fusione Abertis con Autostrade Italia.
Sì perché si può parlare di politica.
Si parla del luogo di lavoro “strada” quando intervengono le connivenze, gli appalti, i costi spropositati, le mazzette, gli scandali, allora si ritrova un motivo per screditare una parte o l’altra o entrambe, ma si ricade solo nel gioco della contrapposizione di diverse fazioni, dove nei migliori ipotesi si ha da una parte il cittadino onesto e dall’altra i politicanti di partito.
Non si va alla sostanza. L’incidente è visto come un evento che ormai è stato metabolizzato, un tributo da pagare al progresso.
Il conducente, anche quando è responsabile dell’incidente il più delle volte non è responsabile della sua causa di morte. L’incidente, per le vittime, prevede un processo immediato e all’istante la condanna di morte. Ma tutti siamo pronti a condannare la pena di morte.
INCOMINCIAMO A RENDERE GIUSTIZIA AI CIRCA 2500 LAVORATORI CHE RESTANO SULL’ASFALTO COME PRIMO MOMENTO PER RENDERE, PER TUTTI, LA STRADA UN LUOGO DI VITA.

Per saperne di più clicca sul mio nome. Associazione familiari vittime PER UNA STRADA CHE NON C’È

ernesto restelli 13.12.06 00:36| 
 |
Rispondi al commento

2500 e una morte

I lavoratori non muoiono solo in fabbrica, ma muoiono anche in altri luoghi di lavoro come la strada.
Sono gli agenti di commercio, i fattorini, i camionisti, i pendolari, chi fa manutenzione alle strade, gli stessi lavoratori della polizia stradale, ecc
E’ stato valutato che degli 8000 morti per incidente stradale all’anno, il 30 % sono lavoratori.
Un dato che i sindacalisti ignorano, probabilmente pensano che il lavoro sia solo luogo di produzione, dimenticano che è anche distribuzione dei prodotti.
Non vi è stato un minimo tentativo di far riconoscere la legge 626 sulle strade, di perseguire per responsabilità i proprietari delle vie di comunicazione.
Attrae di più parlare della fusione Abertis con Autostrade Italia.
Sì perché si può parlare di politica.
Si parla del luogo di lavoro “strada” quando intervengono le connivenze, gli appalti, i costi spropositati, le mazzette, gli scandali, allora si ritrova un motivo per screditare una parte o l’altra o entrambe, ma si ricade solo nel gioco della contrapposizione di diverse fazioni, dove nei migliori ipotesi si ha da una parte il cittadino onesto e dall’altra i politicanti di partito.
Non si va alla sostanza. L’incidente è visto come un evento che ormai è stato metabolizzato, un tributo da pagare al progresso.
Il conducente, anche quando è responsabile dell’incidente il più delle volte non è responsabile della sua causa di morte. L’incidente, per le vittime, prevede un processo immediato e all’istante la condanna di morte. Ma tutti siamo pronti a condannare la pena di morte.
INCOMINCIAMO A RENDERE GIUSTIZIA AI CIRCA 2500 LAVORATORI CHE RESTANO SULL’ASFALTO COME PRIMO MOMENTO PER RENDERE, PER TUTTI, LA STRADA UN LUOGO DI VITA.

Per saperne di più clicca sul mio nome. Associazione familiari vittime PER UNA STRADA CHE NON C’È

ernesto restelli 13.12.06 00:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, perdona la mia presunzione, spero in qualche modo di fare breccia nel muro che trovo a scrivere di argomenti che mi riguardano di persona. Sono un uomo di 43 anni (così si definisce un individuo della mia età.), cittadinanza Austriaca (solo sul passaporto.), vivo da Italiano perchè sono qui dalla fine degli anni '60, la convinzione di essere tale a differenza del fatto degli obblighi non sempre assolti del regolarizzare la propria posizione (Quindi di tanto in tanto clandestino.), oltre questo piccolo particolare, la mia conoscenza in materia di regolarità in quanto posizione contributiva e quanto si conviene GIUSTAMENTE ad ogni cittadino, dal semplice alimentare la forza di lavoro stagionale è passata al avere un attivita in proprio, tentata in un periodo dove oltre il far crescere la famiglia, sono incappato nell'incapacità di condurre la stessa in modo regolare. Perchè voglio far menzione del mio disagio? A distanza di anni dalla mia IRREGOLARITA', volevo sentirmi bene con me stesso cercando di regolarizzare la mia posizione (Di MERDA!), vorrei aver avuto più cognizione, vorrei aver avuto più aiuto nel cammino, vorrei . Quel che trovo è un ufficio delle entrate che risponde ad un caso quale è il mio: "Lei possiede qualcosa, case o altri beni di rilevanza?", nel mio caso nulla!! Ho dei figli, 2 per la precisione e null'altro. La risposta? la cosa più brutta e trovo più sbagliata è stata: " MA,ALLORA DI COSA SI PREOCCUPA.", vivo con angoscia la mia situazione di irregolarità irreversibile a quanto sembra. Con la particolarità che nulla potrò costruire di mio o per altri. Rispondi, grezie Alfred

alfred manschiebel 13.12.06 00:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Untermensh,

vai sul nostro sito,in prima pagina troverai 3 foto mie,guardale e medita,

Franziska

Franziska E.B. 12.12.06 23:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUESTA SERA HO VISTO COSE STRANE IN TELEVISIONE.
DELLE TATTICHE DI DIALETTICA ANTICA,PER FAR RINASCERE GLI SCONTRI FRA POVERI.

SECONDO ME DX E SX, CI STANNO PREPARANDO IL PACCO........

E VI LASCIO CON UN'IMMAGINE DI UN FILM DI ALBERTO SORDI, CHE MI E' VENUTA IN MENTE STASERA:

"LAVORATORIIIIIIIIIIIIIII !!!!!!

PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!!!!! ""


...a buon intenditor.......


...rido!!!

PETO LASPALA(Capisc'a me). 12.12.06 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Franziska hai fatto dell'orgolgio la tua spocchiosa verità... sei un'invasata! E come tutti gli invasati propagandi slogan contro una minoranza attribuendole nefandezze che in realtà sono espressione di ciascun uomo allorchè scaturiscono dalla parte peggiore: quella egoistica.
PRIMA DI GIUDICARE UN POPOLO IMPARA A GIUDICARE TE STESSA. O ti reputi TANTO PERFETTA DA POTERTI PERMETTERE DI GIUDICARE LA PERSONA SECONDO LA PROPRIA ESTRAZIONE CULTURALE/RELIGIOSA e non al contrario, secondo logica verità, assumendo cioè che detentori del libero arbitrio, gli individui sono valutabili nei comportamenti estrinsecati, che ne qulificano l'attitudine colpevole o meritoria...!? Se vuoi dimostrare di essere migliore di qualcuno comincia ad osservare i tuoi difetti in modo da poterli correggere... in una cosa risulti essere perfetta, nella stoltezza. Comincia a guardarti dentro.

Mauro Bellaspica 12.12.06 23:34| 
 |
Rispondi al commento

ER POPOLO IMPAZZITO

ar rotolo de coppa
che core in bicicletta
insieme a Padoa Schioppa
nisuno je dè retta

Rutelli l'ha capito
e puro Bertinotti
ch'er popolo è sfinito
e nun pò fà più botti

poi c'è puro Pannella
cor Pecoraro er verde
ma loro er mortadella
nun se lo vonno perde

Di Pietro e Mastellone
fanno finta de litigare
ma er culo da er portrone
lo stanno pè staccare

c'è Diliberto e Bindi
che ancora fanno festa
ancora sò convinti
che passa sta tempesta

D'Alema je dà spago
ma in fondo è naturale
pe'cchì nun è mai pago
de fatte sempre male

cor gioco der piattino
sè finto gran stregone
ma 'osà puro Fassino
che'è solo no'spione

la gente è straincazzata
nisuno lo perdona
la faccia imbambolata
la finta maratona

la serietà ar Governo
è stata un'illusione
perfino er Padre Eterno
vole à'rivoluzione

c'è chi nun c'ha lavoro
s'arangia a tutte l'ore
e lui dar trono d'oro
lo giudica evasore

c'è chi nun pò fà a spesa
perchè la paga è bassa
e lui co a faccia tesa
je n'venta nantra tassa

c'è chi nun pò sta male
je paghi puro quello
se corri all'ospedale
te spenna come un pollo

c'è chi se 'mpegna un rene
pe avè n'appartamento
e mò nun je vò più bene
lo giudica un tormento

ma er popolo apre l'occhi
e giudica monnezza
sto monno de balocchi
promesso dar mortazza

e come un deficiente
lui dice che è 'mpazzito
sto popolo insolente
che invece lo ha capito

NOTTE A TUTTI

silvia badas Commentatore certificato 12.12.06 23:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bersani e epifani insieme a porta a porta...

LA FARSA CONTNUA...

buona notte e buona fortuna atutti

io vado a dormire....


p.s.

si rivede epifani in tv... che è successo?

silvia badas Commentatore certificato 12.12.06 23:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nel meridione i morti sono molti di piu, ed è consuetudine nelle imprese edili in odore di cammorra, per gli extracomunitari senza permesso di soggiorno, l'occultamento del cadavere. Avvolte la stessa sorte spetta anche agli italiani con la sola differenza che fingono incidenti fuori dal posto di lavoro.
Pultroppo non sono delle farneticazioni e chi lavora nel settore dalle mie parti lo sa benissimo.

Angelo Sabato 12.12.06 23:22| 
 |
Rispondi al commento

DINO SAURO 12.12.06 22:07 | Rispondi al commento |
*****************************

Complimenti per la capriola.
Troppo tardi, per rimediare.
Lei ha agito d'istinto, e questo denota quanto sia volgare il suo pensiero.
Ha usato dei termini di paragone improponibili, almeno in termini di giustizia sociale.
Quando l'avvocaticchio studiava c'era chi lavorava già da ragazzo, contribuendo alle spese dello studentello. Lei è più ignorante perché non sa, o fa finta di non sapere, che le tassucce che paga per studiare non coprono neanche il 10% del costo che sostiene la collettività per permetterglielo.
Quindi il lavoratore che perde "i diti" merita profondo rispetto, a prescindere dal suo grado di cultura. E poi i cosiddetti quadri e manager sono quelli che da sempre, più di tutti, fregano il prossimo. E non certo per cultura.
Per il fascistoide, non s'offenda, lo abiuri, almeno nel lessico questo sentimento classistico.
Allora si che darebbe prova di intelligenza e cultura
Buona serata, e si sturi il cesso da solo, se gli artigiani le chiedono troppo.

ok sodano, parli come un libro strappato, ti muovi con grande destrezza nel ridicolo, che è il campo che prediligi e che ti riservo in esclusiva. ti prometto che quando mi si otturerà il cesso ti chiamerò per farti infilare le tue manine da eunuco nel water pieno di tuoi simili e ti prometto che se ti comporti bene ti ci lascio per tirarmi lo sciacquone quando cago per 200 euro al mese.
**************************************************
QUESTO E' UN ESEMPIO DI PENSIERO VOLGARE PER ME, IL NORMALE MODO DI PENSARE PER LEI.

ERINCHKE DEJ FRIANCIJ SANA IN ROSTOCK!!!


dinosa uro 12.12.06 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Per il Signor Chissà Perché

Rispondo alla sua domanda: sì, sono stati citati anche i fischi a bersani da parte dei ricercatori... non so quanto poi abbiano precisato poiché a un certo punto ho spento.

e. b.

Ermanno Bartoli (barlow) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 23:15| 
 |
Rispondi al commento

se un disoccupato/a di lungo corso con figli non lavora come usciere o come bidello CHE FINE FARA'?

e un disabile grave con figli che fine farà?

e un cassintegrato?

e perchè far fare il custode dei musei, il collaboratore di biblioteca, il centralinista, il collaboratore amministrativo, l'usciere, il commesso AI LAUREATI FIGLI DI PAPA'?

PERCHE' SI E' RIVOLTATO COSI' IL MONDO?

silvia badas Commentatore certificato 12.12.06 23:14| 
 |
Rispondi al commento

@@@
Ma cos'è il cèto (medio)?

1)Sono gli abitanti di Cetingrad?
2)Sono gli abitanti di Cetnje?
3)Sono i famosi cètnici(guerriglieri balcani)?
4)E'Il primo elemento di parole composte della mononclatura zoologica italiana e latina scientifica avente il significato di cetaceo?
5)E' la balena?
6)E' un comune della provincia di Brescia?
7)E' quel mostro marino che,nella mitologia greca,al quale venne esposta Andromeda,quel mostro che poi venne ucciso da Perseo e fu trasformato nella costellazione della Balena?
8)....
9)....
Niente di tutto ciò.
Il cèto medio e quello che,in maggioranza,vota sberluskazz.
E allora?
Caxxi loro se fan dei debiti per "apparire" con le S.U.V.
Joseph

P.s.
Buona notte a tutti quelli senza S.U.V.
Joseph

joseph pane 12.12.06 23:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT
x lo staff...messaggio inviato a Striscia la Notizia alle 23.06 del 12/12/06

Segnalo un vero atto di denuncia fatto nei miei confronti. Sul blog di Beppe Grillo sono stati pubblicati i miei dati sensibili, firmando il messaggio con il mio nome e cognome. Nel caso dovessero cancellarlo, cosa che capita spesso nel blog, ho comunque salvato la pagina come prova.
Inoltre il blog di Beppe Grillo che sta diventando un fatto culturale italiano, nasconde molte cose strane: ad esmpio la censura di determinate parole e il taglio di post dei bloggher, non seguendo un criterio valido, ma solo cancellando i post scomodi allo staff, e non l'80% dei post che non sono inerenti all'argomento, sono pubblicitari e via dicendo.
La colpa di tutto ciò è dovuto dal fatto che dietro il blog di Beppe Grillo, c'è uno staff(non so se una persone o più), che "giocano" non democraticamente come vorrebbero far pensare.
il messaggio in questione si trova nella stanza "Mille e una morte", ed è stato inviato alle 20.54 del 12/12/06.
Spero che voi potrete aiutate me e altri blogghers a scoprire quale mente stia dietro a questo blog.
Grazie


FINOCCHIARO E BONANNI

tutti costoro sono stati presi per il blocco delle assunzioni....

sono dentro da anni...

TUTTO FALSO!!!

io mi batto da ANNI per far assumere DISABILI nella P.A.!!!

l'ultimo CONCORSO "riservato" è del 1988!

420 persone assunte nel 1990!..... POI è ARRIVATO rutelli E IL "CITY MANAGER" BARRERA (lo stesso che oggi E' DIRETTORE GENERALE DEL PERSONALE!) e i disabili SONO 17 ANNI CHE STANNO A CASA!

COMUNE DI ROMA

ZETEMA SERVIZI CULTURA SPA

35 ASSUNZIONI NELLE BIBLIOTECHE...

18 DI QUESTI SONO PARENTI DI IMPIEGATI IMPORTANTI DELLA DIREZIONE DELL'ISBCC (fonte rdb-CUB)

QUANTI SONO I PARENTI DEI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE, DEI POLITICI E DEI SINDACALISTI?

gli impiegati in questione sono stati inquadrati NOMINATIVAMENTE al LIVELLO B1.

lo stesso LIVELLO è riservato alla 56 (disoccupati con figli, cassintegrati e LSU)

e ai disabili!

zetema conta nei MUSEI COMUNALI altri 400 dipendenti "atipici"

e tutte le altre "società esterne"?

CHE FACCIA TOSTA!

silvia badas Commentatore certificato 12.12.06 23:05| 
 |
Rispondi al commento

_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/

In memoria di victor jara,
pestato e torturato dal dittatore pinochet.

vedi video:

http://guerrillaradio.iobloggo.com/

_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/


ho lavorato per anni vicino Tivoli.. la zona è ricchissima di miniere di travertino.. inutile dire che ci sono decine di morti bianche nascoste perchè ad essere vittime sono sempre di piu lavoratori clandestini sottopagati..... che quando spariscono nessuno reclama....

andrea Dopz 12.12.06 23:00| 
 |
Rispondi al commento

Oh che geni a Ballarò !

I sindacati che fanno atto di contrizione e che adesso prendono le difese del precariato (meglio tardi che mai) .....Diliubero & Co dicono però vanno assunti solo quelli della PUBBLICA AMMINISTRAZIONE così i precari cretini che lavorano nel privato finiranno stritolati completamente tra tasse e tasse e poco lavoro!

GRAZIE questo sì che è populismo e RAZZISMO sociale

La P.A. resta il grande bacino elettorale della politica e il carrozzone va avanti da seeeeeeee

Beatrice Postridi Commentatore certificato 12.12.06 22:59| 
 |
Rispondi al commento

DEL "FALSO" - O DELLA IMPRECISIONE - DI BALLARO'

Riguardo i fischi ricevuti da Prodi al motorshow di Bologna, spiace dover constatare che nella puntata di stasera di Ballarò è stata data un'immagine falsata del fatto stesso; parlando di fischi e contestazioni da parte di un manipolo di giovani (chissà se manipolati o no) e tralasciando di far vedere il motivo di tale contestazione. Prodi è stato contestato perché di fronte al preciso invito ricevuto da parte di Red Ronnie (e per ben due volte!) a fare qualcosa per l'arte musicale giovanile, che sta morendo a causa del totale disinteresse generale degli addetti ai lavori nei confronti dei giovani talenti musicali condannati all'inesistenza... beh, il signor Presidente del Consiglio ha risposto in modo assai poco pertinente invitando tutti i presenti a divertirsi per il concerto al quale stavano assistendo nell'ambito della rassegna. Di fronte all'invito reiterato di Prodi a pensare quella sera a divertirsi e nient'altro -e di fronte al secondo diniego opposto a Red Ronnie che giustamente ribadiva la sua richiesta - quel pubblico di giovani non manovrati e neppure cretini ha risposto com'era logico facesse: fischiando.
Spiace per Prodi perché questa volta, secondo le parole di Ronnie che si riferiva al rifiuto (un po' arrogante) a prendere in considerazione una proposta legittima... e a nient'altro, SI E' PERSA UNA OCCASIONE UNICA PER FARE UN DISCORSO SERIO SULL'AGONIA DELLA MUSICA E DELL'ARTE PIu? IN GENERALE IN ITALIA.
Termino dicendo che a me spiace anche per Ballarò che ha perso un'occasione per essere puntuale e precisa; questa volta il suo servizio (spiegando e facendo vedere niente) è stato davvero pessimo.
Adesso capisco anche come mai Red Ronnie è un tot che in tivù non c'è più.

e. b.

Ermanno Bartoli (barlow) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 22:57| 
 |
Rispondi al commento

***

I muort accise ammazzati 'n de i vicoli,
ogn'anne songhe chiù 'e duciendo.
Chille che s'ammorono mentre stanno
a faticà un coppa a Lombardia songhe
chiù 'e duciendo.
Chille che s'ammuorono ammazzate
miezzo a strada, songhe chiù e mille,
Chille che s'ammuorono accise dinte a l'ospitali,
n'un saje a sapè!

*

Ciro Bonaventura 12.12.06 22:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E GLI ITALIANI?

31 Luglio 1943. Per ordine del Colonnello Rocchi, irruzione nel villaggio di Zapanje, nella penisola di Sabbioncello una spedizione punitiva che incendiò tutto il villaggio, composto di 14 case e fucilò sul posto Jurovic Ivan, Jurakovic Raika, Antecevic Marko Luca, Katia e Maria, Grujusic Kata e la di lei figlia Rosic Anna, Cilicic Mara, Rupecevic Stefano e la moglie Caterina bruciando i loro corpi.
CONTINUA ……………

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 22:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

diliberto...

ai precari...

.....UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE...

questa finanziaria?... QUESTA FINANZIARIA???

QUESTA GENTE QUA', SPECIE NEL PUBBLICO IMPIEGO, HA LETTERALMENTE INFILATO I PROPRI ADEPTI CON LA SCUSA DI CONTRATTI A TERMINE IN "SOCIETA' ESTERNALIZZATE"!

L'ART. 16 DELLA L. 56/87 E' STATO VOLUTAMENTE E SISTEMATICAMENTE IGNORATO!

I DISABILI E I DISABILI GRAVI SONO STATI MESSI ALL'ANGOLO!

TUTTI QUELLI CHE SI SONO PREPARATI PER I CONCORSI SONO STATI LETTERALMENTE CIULATI!

AMMINISTRAZIONI DI "DESTRA" E DI "SINISTRA" HANNO USATO LE MODIFICHE AL TITOLO V° DELLA COSTITUZIONE PER FARCI I PORCI COMODI!

QAL'E' STO REGALO DI NATALE?

PASSI PER LA SCUOLA, che è ancora L'UNICO SETTORE CHE ANCORA ADOTTA LE GRADUATORIE E LA PER GLI ATA!

ma far entrare gente che sta al comune di roma grazie alle parentele e alle amicizie che hanno fatto ASSUNZIONI NOMINATIVE CON LA SCUSA CHE LE MUNICIPALIZZATE SONO "PRIVATE"

... E' UNA GRANDE VERGOGNA!

disoccupati ALL'ERTA!

disobbedienti ALL'ORTO!

silvia badas Commentatore certificato 12.12.06 22:51| 
 |
Rispondi al commento

E GLI ITALIANI?

Il 27 Agosto del 1942, durante un rastrellamento, nel villaggio di Mogogosco (ex Iugoslavia) soldati italiani condussero al comando Brnkovic Mara, Crbic Stefica, Glemuzina Danica e Vico, Francovic Milka e Ljuba, Majstorivic Neda e Danica, Jelas Ana, Brahcovic Jura, Franicevic Zarka, Kalata Lakisa e Antunovic Anta, lì furono battute e malmenate mentre a Antunovic Anta la più torturata, fu strappata con le tenaglie la carne dal viso. A tale barbaro maltrattamento partecipò anche il carabiniere Cozzi da Gorizia. Tutto ciò fu eseguito alla presenza del Colonnello Rocchi giunto per la spedizione punitiva dalla penisola di Sabbioncello. Coloro che erano state arrestate rimasero 8 giorni in prigione. Nel frattempo, Berta Clac da Dragnice fu condotta per essere interrogata davanti al Colonnello Rocchi. Durante l’interrogatorio fu torturata senza misericordia, battuta, spogliata nuda, le fu strappata la carne tanto che faceva orrore sentire i suoi lamenti. Finito l’interrogatorio fu condotta davanti alla sua casa e là fucilata.
(Dal libro Italiani senza onore – i crimini in Iugoslavia e i processi negati a cura di Costantino Dante edizione Ombre corte)
CONTINUA………

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 22:50| 
 |
Rispondi al commento

@ colui o colei che si cela dietro lo pseudonomo Franziska

Se ti denuncio per apologia all'ideologia nazista la smetti?

Mauro Bellaspica 12.12.06 22:46| 
 |
Rispondi al commento

A proposito del tuo post sul Sindaco di Barrafranca se mi riesce, tecnicamente, Ti mando il mio mail al Sindaco e la sua lettera aperta in risposta.
Come la mettiamo?
Ciao.
Antonio

----- Original Message -----
From: "Antonio Carpentieri"
To:
Sent: Saturday, December 09, 2006 5:42 AM
Subject: Pedofili

Queste notizie - direi orrori - arrivano anche al Nord: ma Lei che cosa ci sta a fare li? Avrà il coraggio di trascorerere le feste natalizie SERENO con la sua famiglia?
MetteteVi d'accordo con onestà e fate trasferire il ragazzo lontano dove possa finire i suioi studi: sarà lontano dalla sua famiglia ma, ci si augura, non verrà uccico per vendetta. E se disgraziatamente dovesse succedere?
le Vs. Coscienze (ne avete?) a chi risponderanno? Purtroppo solo al Signore.

Pessimi saluti.
Antonio Carpentieri
LETTERA APERTA

“Angelo” non è solo!

A seguito dell’articolo pubblicato dal Corriere della Sera (1.12.2006) e rilanciato da “IL Blog di Beppe Grillo” (5.12.2006) la casella di posta elettronica del Sindaco è stata inondata – in queste ore - di email da ogni parte di Italia e del mondo.

Avrei voluto rispondere singolarmente ad ognuna delle migliaia di lettere , di inviti, di appelli ,di moniti ma - per evidenti esigenze di immediatezza - permettetemi di farlo con questa mia unica lettera aperta.

Premetto che quanto pubblicato da “Il Blog di Beppe Grillo” non corrisponde alla verità e rappresenta , invece, una realtà che offende e diffama la cittadinanza barrese e le sue istituzioni .

Premesso questo , vorrei ringraziare di cuore quanti , con modi ed espressioni diverse , hanno voluto incoraggiare il Sindaco a “fare qualcosa”.

Ringrazio tutti,anche quanti hanno usato , in buona fede e nella foga dei sentimenti, termini e frasi ingiuriose nei miei confronti ma , soprattutto, nei confronti della mia città e dei suoi abitanti.

Ma capisco! Anch’io mi sarei comportato così leggendo

antonio carpentieri 12.12.06 22:45| 
 |
Rispondi al commento

@@@ O.T. @@@

Le famiglie più indebitate?
Quelle del ceto medio.


@Grazie al caxxo.
Alla famiglie tipo la mia,mica fan prestiti!".@

((((( Così mi ha detto un carissimo amico )))))
Joseph

joseph pane 12.12.06 22:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per quanto riguarda, le morti sul lavoro, io credo che in grand parte siano dovute all'ignoranza delle stesse persone che lavorano, e l'altra alle situazioni che richiedono manodopera a basso costo. Qui i sindacati hanno le loro responsabilita'in quanto forse sarebbe meglio intervenire direttamente sui posti di lavoro e fare dei corsi di istruzione, e poi capire finalmente che l'economia richiede manodopera a basso costo. Il sindacato dovrebbe essere il sostegno pratico fra stato e societa'.
Dovrebbe istruire i lavoratori ed aumentare cosi' il loro rendimento. Perche'la realta' e' questa!!! Invece comodamente infieriscono contro l'azienda e la inpoveriscono fino a farla fallire. Poi quando vanno in crisi si impadroniscono del tfr dei lavoratori. Eppure siamo l'unico paese al mondo ad avere sindacalisti a capo delle nostre istituzioni e guarda il casino!!!!
Io non capisco, come la sinistra non riesca a capire questi messaggi di contestazione, equiparati perfino a "fascisti", quando poi anche un bimbo li capirebbe.
Auguri!!!

Maurizio Zatelli 12.12.06 22:35| 
 |
Rispondi al commento

****************************
DINO SAURO 12.12.06 22:16 |
****************************

Vorrei finirla qui, ricordandole che il mio "vaffanculo" all'azzeccagarbugli è stato conseguente al suo comportamento. E questo andrebbe sottolineato, altrimenti si passa dalla ragione al torto, e lo trovo uno sport attuale ma schifoso.
Per il famoso ordine, mi porti un esempio, un solo, in cui la prassi della denuncia all'ordine abbia portato un risultato. E' proprio la corporazione che sguazza in questo far-west.
La rete è strana, mi creda: uno crede di avere a che fare coi deficienti, e invece...

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 12.12.06 22:34| 
 |
Rispondi al commento

Cara Manuela, data la situazione, l'età pensionabile non può che essere aumentata: con un'aspettativa di vita di 80 anni ed oltre, se non si mette un correttivo (fatti salvi i lavori usuranti), l'INPS andrà in fallimento a breve.

Per risparmiare, basta ad esempio non pensare di regolarizzare 150.000 precari dell'amministrazione statale: solo qualche settimana fa abbiamo qui dibattuto su quanto ci costa il carrozzone.
E adesso, dopo aver parlato di esuberi, assumiamo altri 150.000 fanigottoni?
Cos'è, volete far concorrenza ad AN?

Margherita Grassi 12.12.06 22:22 |

*************

Credo di non aver capito...ti disturba che siano regolarizzati i precari?

ma sei fuori di melone?

Togliamo le commissioni straordinarie di cui tanto ci ha parlato report! Taglio ai costi della politica e alle consulenze!

Per le pensioni ti faccio una domanda: Le pensioni dei militari, dei notai, dei politici e dei magistrati eccetera sono a rischio?

Ti rispondo subito NO! quelle non riguardano l'INPS sai?

Quindi quando si parla di previdenza bisogna distinguere come al solito tra morti di fame e privilegiati...okkio!

manuela bellandi Commentatore certificato 12.12.06 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Per Anna Visarno
Buonasera signora Visarno,
1) una piccola precisazione i “pioppi” di Castagneto Carducci tanto cari al poeta sono cipressi, a meno che nella nottata li abbiano sostituiti a mia insaputa.
2) Non sono mai stata né democristiana né comunista e me ne vanto
3) Come funziona la politica nelle decisioni lo so meglio di lei
4) Sono favorevole agli inceneritori in quanto adottati in tutta l’Europa civile, se vuole un esempio in Toscana prenda il caso di Piccioli in provincia di Pisa, dove tutta la comunità nei ha avuto vantaggio senza inquinamento. Rifiutare gli inceneritori vuol dire essere fiancheggiatori delle eco mafie.
5) Se i Verdi non sono considerati nello schieramento a cui appartengono (ti ripeto che i Verdi non sono a fare gli ecologisti ma a portare voti a sinistra, unico scopo dei Verdi in Italia) cambino schieramento.
6) Per quanto riguarda il qualunquismo mi sembri che tu sia la massima espressione in quanto Verde al servizio dei comunisti.
7) Non ti rodere il fegato se vieni attaccata, potresti diventare verde davvero.

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 22:31| 
 |
Rispondi al commento

*teorema secondo del supinismo triviale*

data una e una sola trave

Volendola infilare a tutti i costi nelle chiappe
continuando a imopedire di essere visti
non resta che spezzarla in due tronconi

Franz (trigonometrico)

angelo pacifico 12.12.06 22:30| 
 |
Rispondi al commento

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
§
§
§ GODILE.BLOG.TISCALI.IT
§
§
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Luigi Bianchi 12.12.06 22:30| 
 |
Rispondi al commento

CIAO prof. J.S.M.

oggi ero sempre io....

usavo un altro pc E MI LEGO A METTERE STO BOLLINO....

.... ci sono stati anche un paio di "soliti" cloni.... ma ero sempre io....

cos'è che l'ha infastidita?

questo?

"ristorante, barbiere, emeroteca, stadio.....

Professore, ma anche lo spacciatore??

silvia bada 12.12.06 18:11 |

Chiudi discussione "

forse mi sono spiegata male..... lei si riferiva a caruso e i suoi privilegi.... e io pure!, spacciatore compreso....

forse l'ha infastidivano le mie diatribe coi lazialotti?

e o sò... che devo fa?

IO Sò DA ROMA, DELLA MAGICA, A ME PIACE,.... IO SO' MALATA...

un saluto.

silvia badas Commentatore certificato 12.12.06 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Riporto quanto già indicato in un mio precedente post in merito a "le parole di Don Abbondio" del 25 Giugno 2006:

...mi chiedo, Beppe, perchè tutti i morti sul lavoro sono stati assunti da uno/due/ max tre giorni? come mai ?

Forse questa è la risposta:
l'iscrizione può avvenire anche
"recandosi in qualsiasi sede INAIL del territorio nazionale: compilando un modulo predisposto dall’Istituto e disponibile in tutte le sedi oppure inviando lo stesso modulo (reperibile anche sul sito internet dell'INAIL – voce Modulistica) tramite posta ordinaria a qualsiasi sede locale INAIL; gli indirizzi delle sedi sono disponibili sul sito internet dell'INAIL, voce uffici territoriali".

Per posta ordinaria!!?

Per questo in Italia quasi tutti i morti sul lavoro sono stati assunti da uno due tre giorni:la posta fa sempre quell'utile ritardo !
Saranno tutte coincidenze ?
L'arcano lo scoprirete qui:
http://www.inail.it/assicurazione/dna/normale/denuncia_nominat.htm#rifer_norm

Questa statistica sulle "morti bianche" e sulle date di assunzione sul sito dell'Inail non esiste.Eppure sarebbe utilissima!

Poi i giornalisti, per ignoranza o per altri interessi, scrivono: poverino l'operaio morto era stato assunto da appena uno, due, tre giorni.

Insomma non sanno o sanno troppo bene quello che scrivono.

Intanto si lavora a nero e senza rispetto delle norme...tanto se poi muori...noi scriviamo una bella letterina !!!

E aggiungo:

Sarebbe il caso di approfondire anche questo con gli amici della Rete degli Rls.

Un caro saluto,

Giuseppe Balsamo

Giuseppe Balsamo Commentatore certificato 12.12.06 22:25| 
 |
Rispondi al commento

DIFENDIAMO PUBBLICAMENTE GLI STUDENTI DISSIDENTI IRANIANI

grillo
perchè non dai il via ad una bella mobilitazione per dire agli iraniani di mettere giù le mani dagli studenti iraniani che ieri hanno contestato il presidente iraniano!!!???

Roberto Stagni Commentatore certificato 12.12.06 22:25| 
 |
Rispondi al commento

è sempre la solita storia . se non c'è controllo , in questo settore come in tutti gli altri, le cose andranno sempre così . i controlli per il casco sui motorini, i controlli per le assicurazioni rc false, i controlli per gli sballati del sabato sera , i controlli del territorio ,i controlli e basta. siete mai stati a Madrid, a Vienna, a Monaco ? a Salisburgo le gioiellerie non hanno saracinesche . Si può vivere tranquillamente anche di notte. Solo qui si sopravvive tra mille difficoltà perché bisogna garantire i delinquenti, siano quelli appena usciti dal carcere o quelli che giocano con la vita degli altri solo per arricchirsi.

raffaele quinto 12.12.06 22:24| 
 |
Rispondi al commento

*****************************
DINO SAURO 12.12.06 22:07 | Rispondi al commento |
*****************************

Complimenti per la capriola.
Troppo tardi, per rimediare.
Lei ha agito d'istinto, e questo denota quanto sia volgare il suo pensiero.
Ha usato dei termini di paragone improponibili, almeno in termini di giustizia sociale.
Quando l'avvocaticchio studiava c'era chi lavorava già da ragazzo, contribuendo alle spese dello studentello. Lei è più ignorante perché non sa, o fa finta di non sapere, che le tassucce che paga per studiare non coprono neanche il 10% del costo che sostiene la collettività per permetterglielo.
Quindi il lavoratore che perde "i diti" merita profondo rispetto, a prescindere dal suo grado di cultura. E poi i cosiddetti quadri e manager sono quelli che da sempre, più di tutti, fregano il prossimo. E non certo per cultura.
Per il fascistoide, non s'offenda, lo abiuri, almeno nel lessico questo sentimento classistico.
Allora si che darebbe prova di intelligenza e cultura.
Buona serata, e si sturi il cesso da solo, se gli artigiani le chiedono troppo.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 12.12.06 22:24| 
 |
Rispondi al commento

il sistema del far vedere.
mi riferisco al mondo del lavoro e in particolare al lavoro edile dove i requisiti principali richiesti per appartenervi sono la paura di perdere il posto e la predisposizione a subire ricatti più o meno velati dove chi muove le fila ci tiene però a dare un'impressione di libertà e uguaglianza.
detto questo si configura una scenario dove i lavoratori ,molto spesso ,vengono "invitati" a sobbarcarsi orari di lavoro che vanno ben oltre i limiti di legge e, quasi sempre, retribuiti pochissimo o addirittura nulla( le ore eccedenti )oppure a svolgere operazioni non in sicurezza complice ,a volte la superficialità del lavoratore stesso che del resto non viene sempre scoraggiata dal datore di lavoro per motivi di convenienza.
Naturalmente tutti sappiamo che questo avviene ma difficilmente lo si può provare vista l'abilità di chi dirige nel far vedere che "è tutto in regola".
A questo punto mi viene il dubbio che il sistema approvi silenziosamente tutto questo
e penalizzi severamente chi cerca di cambiare le cose.
dove sono i controlli dov'è la giustizia ?

Carlo Costa 12.12.06 22:23| 
 |
Rispondi al commento

Quello che mi da'fastidio di questa sinistra, e' la falsita'. Mi chiariro'e facilmente. L'ici la tassa sulla casa, non puo' essere una tassa sul possesso, puo' essere fatta una tassa sui rifiuti,sulla sicurezza, sulla illuminazione delle strade ecc.. Qualunque persona che ha acquistato una casa o un'auto ha pagato il notaio e le tasse sul possesso. Non si puo' far pagare sul possesso altre tasse, vorrebbe dire che la proprieta' non esiste in italia e che il bene in realta' e' dato in affitto. Ecco la falsita' dove e', ma io lo ritengo uno sbaglio professionale, perche' la sinistra e' stalinista!
Il possesso o la proprieta' per i comunisti non e' mai esistita e se e' esistita e' stata vista come un esproprio al popolo. Quindi anche un povero lavoratore che si e' pagato il mutuo per anni e notevoli sacrifici per pagarsi la Sua casa, e' uno che ha rubato.Queste assurdita', sono state per anni il tormento per il popolo italiano. Altro esempio, la gente deve lavorare, non tutti possono andare al lavoro in autobus, siamo in crisi e bisogna contenere i costi e la politica e' quella di restringere le strade, di non ripararle (buche), di rallentarle come il raccordo o la palmiro togliatti di roma, per non parlare della tangenziale di mestre.Quando poi l'inquinamento e' dato da una cattiva combustione, classica in un'auto ferma o sottoposta ad accellerazioni improvvise. Il fatto e' politicamente e' voluto!! Poi, la beffa, l'assurdita' della sicurezza, colpa completa degli automobilisti, li avete tormentati e li tormentate con i punti, con la cintura, con l'euro 59 ecc.. Nessuno parla invece degli asfalti sdrucciolevoli, delle buche, dei dissastamenti, delle strade completamente buie, della mancanza di segnalazioni di pericolo, dei paracarri e dei catadriotti inesistenti ecc. Io nutro sgomento e
vergogna per quelle persone che continuano con la falsita' ad ingannare il cittadino ed ad approfittare della sua onesta'. Oramai quasi nessun cittadino, crede nelle istituzioni!!!

Maurizio Zatelli 12.12.06 22:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buonasera a tutti......sul tema della morte causata da infortuni sul lavoro stranamente ne ho sentito parlare alla televisione....un tg, non ricordo quale ha dedicato 30 secondi intervistando il direttore di liberazione che, tramite il suo giornale ha denunciato il fatto....per una volta dai media si è appresa una notizia interessante!!
E' evidente che si debbano dei provvedimenti perchè 246 morti all'anno sul lavoro sono troppi...

Pippo Pani 12.12.06 22:21| 
 |
Rispondi al commento

sono spesso dovuti a cattiva gestione o eccessivo tenore di vita

Non sarai un'altra che consiglia di cercare meglio alle bancherelle del mercato quella con i prezzi più bassi?

Lorenzo Pontiggia 12.12.06 22:10 |

*************************************

No,
io consiglio invece di non mangiare l'uovo in c@@o alla gallina e non contrarre debiti bancari se non costretti.

Confermo la mia opinione.


Ma come fa Mastella a dire una boiata dopo l'altra? Propongo d fondare un nuovo partito che faccia in modo che certa gente vada a lavorare davvero. La persona più ignobile che vuol passare per rispettabile... Ma nn è di certo l'unico.. Che ne dite di tutti quelli dentro le Camere?
W la democrazia

Stefano Rutigliano 12.12.06 22:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

digressione al tema principale

"Slogan contro il presidente iraniano sono apparsi durante la sua visita all'università di Teheran



Quattro degli studenti dell'Università Imam Hossein di Teheran, che l'altra mattina hanno preso parte alla manifestazione di contestazione al Politecnico Amir Kabir in occasione della visita del presidente Ahmadinejad, sarebbero scomparsi. Mehdi Tajik, Nasser Zohre, Nasser Kamali e Hassan Fadwi appartengono all'Associazione degli Studenti Repubblicani. Secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa Akipress si sospetta che siano stati prelevati da alcuni membri dei Guardiani della Rivoluzione, i Pasdaran."


di Talib
http://liberoblog.libero.it/politica/bl5637.phtml

Mauro Bellaspica 12.12.06 22:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E pensare che si lavora per poter vivere degnamente...

Canio Martiniello Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 22:14| 
 |
Rispondi al commento

silvia badas 12.12.06 22:01 |

******************************

Ciao Silvia,

non è questione di giusto o ingiusto...era un'analisi spicciola dei perchè : i portafogli sono vuoti!

Per molti salariati il problema non è rinunciare alla casa al mare o alla monovolume, oggi molti non possono permettersi di mangiare carne più di una volta alla settimana.
(e non parliamo dei pensionati che sono messi anche peggio)
In questa situazione il governo avrebbe dovuto dare un'esempio di buona fede e tagliare i costi della gestione pubblica.


Riporto quanto già indicato in un mio precedente post in merito a "le parole di Don Abbondio" del 25 Giugno 2006:

...mi chiedo, Beppe, perchè tutti i morti sul lavoro sono stati assunti da uno/due/ max tre giorni? come mai ?

Forse questa è la risposta:
l'iscrizione può avvenire anche
"recandosi in qualsiasi sede INAIL del territorio nazionale: compilando un modulo predisposto dall’Istituto e disponibile in tutte le sedi oppure inviando lo stesso modulo (reperibile anche sul sito internet dell'INAIL – voce Modulistica) tramite posta ordinaria a qualsiasi sede locale INAIL; gli indirizzi delle sedi sono disponibili sul sito internet dell'INAIL, voce uffici territoriali".

Per posta ordinaria!!?

Per questo in Italia quasi tutti i morti sul lavoro sono stati assunti da uno due tre giorni:la posta fa sempre quell'utile ritardo !
Saranno tutte coincidenze ?
L'arcano lo scoprirete qui:
http://www.inail.it/assicurazione/dna/normale/denuncia_nominat.htm#rifer_norm

Questa statistica sulle "morti bianche" e sulle date di assunzione sul sito dell'Inail non esiste.Eppure sarebbe utilissima!

Poi i giornalisti, per ignoranza o per altri interessi, scrivono: poverino l'operaio morto era stato assunto da appena uno, due, tre giorni.

Insomma non sanno o sanno troppo bene quello che scrivono.

Intanto si lavora a nero e senza rispetto delle norme...tanto se poi muori...noi scriviamo una bella letterina !!!

E aggiungo:

Sarebbe il caso di approfondire anche questo con gli amici della Rete degli Rls.

Un caro saluto,

Giuseppe Balsamo

Giuseppe Balsamo 12.12.06 22:14| 
 |
Rispondi al commento

E tutti le migliaia di morti per incidenti stradali? Gente che lavora o va in vacanza ... e che è costretta a imbucarsi in strade e autostrade più che inadeguate e senza reali alternative (treni e aerei) per colpa di uno stato incapace di andare oltre "il reperimento dei fondi necessari" a mantenere lo status quo.
C...o ci è arrivato persino fassino che non si può andare avanti così.
Caro Beppe il tuo è perbenismo piccolo-comunista.
RESET! Anche negli argomenti. Grazie.
Ciao a tutti,

L.B.

lorenzo bozzoli Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 22:10| 
 |
Rispondi al commento

*teorema primo della presa di coscienza*

Data una e una sola trave

Volendola infilare a tutti i costi nelle chiappe
si finisce con il rimuovere il corpo che impediva di vedere

Franz (trigonometrico)

Prof pardon
manca il bonton

angelo pacifico 12.12.06 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Questo problema degli incidenti sul lavoro è una vera piaga, ma mi sembra che il problema non sia ancora stato affrontato da un punto di vista scientifico, non ho ancora visto una seria ricerca sulle cause che provocano queste tragedie.
Non ho ancora visto i numeri rielaborati, scomposti ed abbinati in tutti i modi possibili ed immaginabili.
Tra la lunga serie elencata nel blog non ho notato la caduta dal tetto un evento che purtroppo colpisce spesso anche l'operaio fai da te.
Spesso questi drammi sono causati dalla frenesia, di finire i lavori, capita che sopratutto nei lavori pubblici a periodi di stasi secolari per problemi burocratici, poi seguano delle fasi lavorative convulse e disordinate.



I più indebitati? Le famiglie del ceto medio
Una su cinque non riesce a pagare a prestiti e finanziamenti ottenuti. «La politica commerciale è un'istigazione al debito»

Lorenzo Pontiggia 12.12.06 21:47
**************
Per discutere su questo dovremmo avere dettagliate informazioni sull'origine degli indebitamenti,sono spesso dovuti a cattiva gestione o eccessivo tenore di vita, anche se sul DEBITO e sulle BANCHE mi sono già pronunciata molte volte in modo negativo.
*********

E l'operaio che deve pagarsi il bollo raddoppiato per la Fiat Punto 1400?
E il furto del TFR?

Franziska E.B. 12.12.06 21:46
***********

Hai frainteso, sto dicendo l'opposto.
ps.
(le donne di magliano di Tobino)
**********
MI PUOI SPIEGARE QUESTO PUNTO....COSA VUOL DIRE "sobbarcarsi delle maggiorazioni tributarie...utilizzando ampi tagli alla spesa pubblica?

Danny

Danny Devastation 12.12.06 21:46 |

***********

Intendevo dire sinteticamente che anzichè aumentare il bollo e le tasse "locali" (come succederà senz'altro) il governo doveva tagliare le spese dovute alla macchina amministrativa dello stato.
Esempio : non si può a questo punto di disagio in cui siamo, parlare d'innalzamento dell'età pensionabile e mantenere per i politici privilegi spudorati ed anche ingiustificati al riguardo.


NON VEDEVI L'ORA VERO, CARO STAFF, CHE UNA MASSA DI NAZISTI IRANIANI INDISSE UN CONVENGO PER NEGARE L'OLOCAUSTO... VERO STAFF!!

non vedevi l'ora, senza il rischio di essere considerato nazista pure tu, di per poter lasciare libero sfogo ai già noti nazisti attivi nel blog... vero???!!!!

non vedevi l'ora di potre dire...

MA QUESTO E' IL TEMA DEL GIORNO, MICA SI POSSO ELIMINARE quei POST!!!!

grande staff, grande grillo!!!!

STAAAAFFF GUARDA CHE ...

LA LIBERTA' DI INSULTARE E DI MISTIFICARE NON E' LIBERTA'
E' SOLO INSULTO E MISTIFICAZIONE
E COME TALE VANNO FERMATI
NON E' VERO STAFF???!!!!

Roberto Stagni Commentatore certificato 12.12.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Guarda che in Inghilterra i casini sono aperti.
Harry Nilsonn 12.12.06 21:59 |

Veramente? Ma sono organizzati? E come e dove sono state uccise queste professioniste?(morte sul lavoro tra l'altro)

Roberto Giorgi 12.12.06 22:03| 
 |
Rispondi al commento

STATE QUARDANDO BALLARO ? Ma questi politici fanno finta di non capire, sono tonti? gli operai FIAT sono chiarissimi BASTA COSTI NON SE NE PUO PIU e loro parlano di strategie del linguaggio per convicere gli italiani.

MAURIZIO BIGI 12.12.06 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Per Patty Ghera alias Verdefiorenza.
Consiglio visitare: www.ecquologia.it.

anna visarno 12.12.06 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Che importa se si scrivono diti, vadi, facci etc.
La sinistra è contro la lingua nazionale, che ognuno si arrangi con quello che sa.

ettore muti 12.12.06 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Londra/ Altre due prostitute trovate morte a Ipswich: è psicosi
Martedí 12.12.2006 18:28

E' ormai caccia al serial killer in Inghilterra. Dopo l'assassinio di tre prostitute nel giro di poche settimane nella zona di Ipswich, a est di Londra, oggi sono stati scoperti i cadaveri di altre due donne.

Due cadaveri di donne, probabilmente delle due prostitute di cui non si avevano notizie da giorni, sono stati trovati dalla polizia presso Ipswich, poco lontano da dove i cadaveri di altre tre sono stati rinvenuti nelle scorse settimane.
http://canali.libero.it/affaritaliani/cronache/uccidedonneuk1212.html

BISOGNA RIAPRIRE I CASINI!!!
BOICOTTATE PALLADIUM!!!
BISOGNA RIAPRIRE I CASINI!!!

Roberto Giorgi 12.12.06 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

oddio...il muro non è fatto solo di forza lavoro...ma anche di calcoli fatti dagli ingegneri, periti geometri...disegnato per il cantiere da giovani neo laureati o diplomati che nn beccano una cippa lippa...la porta è fatta dal falegname...ma è stata progettata da un tecnico...un designer...così come un frigo...un tv...dietro c'è il lavoro di molti uomini e donne...

giorgia meneghel (gioix) 12.12.06 21:46 |

Non voglio rispondere CAZZATE, ma se almeno il 50% di codesto ciarpame venisse evitato il prodotto finito costerebbe la metà non sarà certo il massimo del designer ma sicuramente funzionerebbe uguale se non meglio.

maurizio fiore 12.12.06 21:56| 
 |
Rispondi al commento

visito il blog dopo mesi, rimango esterefatto dalla moltitudine di messaggi che peccano distupidità e protagonismo.
forse questi aspiranti protagonisti giovani hanno avuto la fortuna di non conoscere in prima persona certe realtà oppressivi al dispetto di noi cinquantenni(vedi ex paesi urss e satelliti, o paesi del sud america) dove tutti i diritti acquisiti in loro possesso ce li sognavamo.
forse meriterebbero un corso-soggiorno in iran per capire quanto siano fortunati,o,forse i loro genitori potrebbero spedirli (invece di finanziarli) a lavorare presso qualche cantiere del sud est asiatico dove per qualche mezzo euro al giorno si rischia di morire.
ora potete anche mandarmi a...... , ma oddio! quanta stupidità mi circonda, meritate veramente di vivere sempre peggio, e comunque vi ricordo che quando toccherà a voi nessuno se ne farà a carico!

massimo de pieri 12.12.06 21:55| 
 |
Rispondi al commento


I PACS! Beppe scrivi qualcosa sui PACS ti prego!

Stanno se non lo hanno già fatto per validare le coppie di conviventi! Con quale criterio? Basta aver vissuto insieme? Ve l'immaginate la studentessa che divide l'appartamento con il figlio del proprietario anche lui studente all'università, e che dopo due o tre anni lei và dal magistrato a dire che stavano insieme e quindi vuole la casa di diritto? E magari pure gli alimenti? (Oppure anche viceversa per carità!Potrebbe farlo anche lui con lei)!

Ma che legge state facendo? Questo paese stà diventando invivibile!!!

Marco Presti 12.12.06 21:55| 
 |
Rispondi al commento

ragà vi saluto!

giorgia meneghel (gioix) Commentatore certificato 12.12.06 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


GODILE.BLOG.TISCALI.IT

Luigi Rosselli 12.12.06 21:55| 
 |
Rispondi al commento

ORA lo sappiamo: Prodi non accetta la critica politica, chi sa se accetta un po' di "sana " satira?

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 12.12.06 21:54| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO DI INFORTUNI SUL LAVORO:

APPRENDO QUANTO CAPITATO ALL'ALLENATORE DELLA LAZIO CIRCA IL BAGNO NELLE URINE DELLA FONTANA DEL GIANICOLO PER PRECISARE E CONSIGLIARE:
L'ACQUA DEL COMUNE DI ROMA, PUR ESSENDO CLORATA PER EVIDENTI RAGIONI IGIENICHE, CONTIENE SI' UNA PICCOLA QUANTITA' DI CLORO CHE LA RENDE BATTERIOLOGICAMENTE PURA E SCEVRA DA EVENTUALI PROCESSI PATOGENI, MA LA QUANTITA' STESSA DI CLORO ATTIVO E' DISPONIBILE IN POCHI P.P.M,ED IN PRESENZA DI MATERIALE ORGANICO (URINA) VIENE PURTROPPO FACILMENTE INATTIVATA DA QUESTE ULTIME. IN PRESENZA DI EVENTUALI AGENTI PATOGENI BATTERICI IN ATTO O IN FORMA LATENTE (VIRALI)IL SOGGETTO IN QUESTIONE, SIG.DELIO ROSSI, RISCHIA DI CONTRARRE MALATTIE TRASMISSIBILI TIPICHE ATTRAVERSO CONTATTO EMATICO, FECI, URINE. CONSIGLIO PERTANTO AL ROSSI UN ADEGUATO SCREENING CON TEST SU SANGUE.
NELLA SPERANZA CHE IL ROSSI SCOMMETTA MAGARI AI CAVALLI O QUANT'ALTRO, MA NON A RISCHIO DELLA SUA SALUTE, AUGURO CORDIALITA' A TUTTI.

P.S. IL DUBBIO GUSTO DEL GESTO DENOTA COMUNQUE LA POCHEZZA DELL'INDIVIDUO TANTO QUANTO LE PERSONE CHE HANNO MINTO NELLA FONTANA.

DOTT.INZERILLI 12.12.06 21:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

****************************
PER MAURIZIO FIORE
CIAO MAURIZIO FIORE,
SAI PERCHE' GLI AVVOCATI MANAGER E QUADRI GUADAGNANO PIU' DI TE? PERCHE' SCRIVONO "LE DITA" INVECE CHE "I DITI"....
AD MAIORA (FATTI TRADURRE CHE VUOL DIRE)
CIAO.
maurizio fiore 12.12.06 21:18
DINO SAURO 12.12.06 21:33 | Rispondi al commento |
*****************************

Sig. DINO SAURO.
Giorni addietro un avvocato voleva fregarmi, e all'essere scoperto s'è inczzto come una bestia. Credendo di sopraffarmi con la cultura ha urlato:
"mi son fatto un culo così per studiare", ovviamente sceneggiando l'orifizio.
Non essendo un falegname e non potendo quindi mostrargli "i diti", l'ho semplicemente mandato affanculo (suo).
Era sparito lo studio, lì...
Meglio "i diti", mi consenta. Ha scelto di elogiare una pessima categoria per argomentare la sua tendenza fascistoide.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 12.12.06 21:52| 
 |
Rispondi al commento

ODDIO!

qualcuno spieghi a floris che BUFFONE NON è UN INGIURIA MA è "critica politica"... o vale solo per silviuccio mio?

silvia badas Commentatore certificato 12.12.06 21:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per il sig dino sauro

Giusto ma vedo che hai capito lo stesso,io sono ignorante non c'è dubbio, ma credo che molte delle cose che usi se non tutte siano state fatte da MANE e DITI per la precisione. Non ho mai visto fare un muro a telefonate o una porta con la stampante oppure un sedano col pc.

maurizio fiore 12.12.06 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Salvatore Portincasa 12.12.06 21:43


Il sindacato della "Triplice" va bene quando lecca il culo ai padroni... meno bene quando deve "sopravvivere".

Quando i lavoratori fischiano la triplice...

I burattinai scatenano paure contro il terrorismo.

I sindacati non sono stati ancora veramente contestati.

Il giorno in cui i tre sporcaccioni faranno la fine di Lama o dei bulloni di Piazza S. Carlo... allora, solo e soltanto allora... qualcosa di serio comincerà a muoversi tra i lavoratori.

Tutto il resto sono puttanate.

Massimo Greco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 21:47| 
 |
Rispondi al commento

(off topic)

AIUTIAMO CHICCA

http://pasquale1.wordpress.com/2006/12/12/chicca-cagnetta-di-taglia-piccolissima/

P. Caterisano 12.12.06 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Bene Grillo, questo post parla di un argomento importantissimo; forse sarebbe stato meglio fornire qualche idea per affrontarlo, a patto di non far genericamente riferimento ai "maggiori controlli".
E' una materia da approfondire come quella della sicurezza stradale.

antonio maca 12.12.06 21:45| 
 |
Rispondi al commento

sindacati: reset. è finito un altro incantesimo. il sindacato italiano della triplice si dimostra anche lui sempre piu' autoreferenziale. I sindacalisti servono se stessi e i lavoratori possono anche crepare, perchè di loro non gliene frega nulla. Hanno contrattato il tfr svendendolo, hanno contrattato in perdita sapendo che chi paga è il lavoratore e non il sindacalista. Il sindacato nel pubblico impiego è poi un gestore di rapporti con il padronato al fine di svendere comunque gli interessi del popolo bue. A questo punto anche questa fetta di classe dirigente, è incapace o corrotta o tutte e due le cose nel contempo. Un sindacato venduto ad una politica venduta, sono interfacciati nell'essere quello che sono: un comitato di interessi allargato ignaro del paese reale, anzi, unito nel colpirlo.
Un saluto caro,
Salvatore Portincasa

Salvatore Portincasa 12.12.06 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Verissimo, ma anche in casa si muore malamente, e in casa non c'è nessun padrone che specula. Ohibò!

celestino ferraro 12.12.06 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Giusto ma vedo che hai capito lo stesso,io sono ignorante non c'è dubbio, ma credo che molte delle cose che usi se non tutte siano state fatte da MANE e DITI per la precisione. Non ho mai visto fare un muro a telefonate o una porta con la stampante oppure un sedano col pc.

maurizio fiore 12.12.06 21:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In questo momento a Ballarò discutono sul perchè tutti gli italiani sono scontenti della finanziaria.

Discutono? o fanno finta?

Mi sembra ovvio che lo scontento deriva dal fatto che a questo punto della storia i ricchi se ne fregano perchè rimarranno tali, il ceto medio lotta per mantenere i privilegi acquisiti, mentre gli operai ed i salariati in genere sono all'osso...non hanno cioè più possibilità di contribuire alla spesa pubblica.

Le classi più povere non hanno più margine ed era un DOVERE del governo sobbarcarsi delle maggiorazioni tributarie destinate a questo ceto utilizzando ampi tagli alla spesa pubblica.

UN FIORINO!


Bruxelles esorta l'Italia a DIMINUIRE LA SPESA.

Incoscienti, questi poveracci, spendono pochissimo, hanno stipendi da fame, macchine da quattro soldi, usano poco o niente gli aerei di Stato, unici in Europa, non hanno sedi a Bruxelles, Il Quirinale, palazzo Madama, Palazzo Chigi, SPENDONO IL MINIMO INDISPENSABILE! Mogli, figli, zii, cugini dei nostri politici, sono indigenti, disoccupati, precari!

COME A BRUXELLES POSSONO PENSARE CHE IN ITALIA LA SPESA SIA ALTA ? I nostri manager sono SOTTO PAGATI, L'APPARATO STATALE E' RIDOTTO ALL'OSSO!

PROPONGO DI AIUTARLI, DIAMO IL NOSTRO ORO PER LA PATRIA! SU, UN PICCOLO SFORZO, LORO FANNO TANTO PER NOI!
FACCIAMO UNA BELLA RACCOLTA!

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 12.12.06 21:40| 
 |
Rispondi al commento

maurizio fiore 12.12.06 21:18

Lavoro nel campo dell'edilizia e devo dire che le leggi sulla sicurezza nei cantieri ci sono ma secondo il mio parere sono state fatte per aumentare la parcella dei professionisti...controlli zero...ne' da parte del direttore dei lavori ne' da parte dei coordinatori per la sicurezza ne' da parte degli organi addetti al controllo (SPISAL).
E nemmeno il committente (che in caso di infortunio va in mezzo a rogne) se ne frega...l'importante è pagare poco e fare i lavori veloci!!!

Tristezza!!!

giorgia meneghel (gioix) 12.12.06 21:10


DIMENTICAVO DI DIRE CHE NEMMENO I SINDACATI SONO SENSIBILI AL PROBLEMA...

giorgia meneghel (gioix) Commentatore certificato 12.12.06 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, desidero innanzi tutto farti i migliori complimenti per questa battaglia informativa che stai facendo, a volte mi chiedo come fai ad avere questa forza quando vedi poi che nessuno mai agisce.Comunque vorrei che menzionassi quei coraggiosi giornalisti (pochissimi) come la CORAGGIOSISSIMA Milena Gabanelli di Report che con i suoi servizi che non guardano in faccia a nessuno sicuramente rischia anche di suo, perche' ha il coraggio di pestare i piedi a molte persone.
Forse ci vorrebbe un elenco di queste persone, perche' la gente deve sapere a chi deve rivolgersi per avere un'informazione seria e corretta.Ti confesso che ad ogni puntata di Report vado in depressione, per lo schifo che ci circonda (sempre politico), am non posso chiudere gli occhi e far finta di non vedere.
DIAMO IL MERITO A CHI SE LO GUADAGNA SUL CAMPO.
CIAO LUCA DA VICENZA.

Luca Pasin 12.12.06 21:38| 
 |
Rispondi al commento

BALLARO' ADESSO IN DIRETTA...

CHE PENA!!!!

che pena vedere e sentire un OPERAIO ultracinquantenne, brizzolato coi baffetti da brava persona, che "critica" i SINDACATI...

che pena vederlo in tv con l'aria sommessa e a capo chino...

quando l'intervistatore gli chede MA SE CI FOSSE STATO BERLUSCONI LEI STAREBBE IN PIAZZA?

e questo bravuomo coi baffetti operaio brizzolato A CAPO CHINO dice SI io sarei stato in piazza...

che pena....

CHE PUPAZZO!

povera e FORZA ITALIA!


p.s.

maggiordomo!

evasore fiscale e piduista sarai TU E TUA SORELLA!

silvia badas Commentatore certificato 12.12.06 21:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e io che annaffio piante carnivore all'orto botanico, quando dovrei guadagnare?

michele sinicropi 12.12.06 21:21 |

Chiudi discussione
Discussione
di solito una volta al mese

maurizio fiore 12.12.06 21:35| 
 |
Rispondi al commento

M'hanno dato del "bello", mi sa ch'era un OT.

Sera anche ai compagnucci, il vino era buono e la bontà mette allegria, come sempre.
Meglio la rete che quel porcilaio di Floris, con tutti quei finti pro-contro.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 12.12.06 21:30| 
 |
Rispondi al commento

Eccomi.
Vieni a prendermi,i.d.i.o.t.a.
Joseph

joseph pane 12.12.06 21:11 | Rispondi al commento |

oppure prendi me!
Siamo già in 2

giorgia meneghel (gioix)
_________________________________________________

Ades ghe pensi mi!
Alura, ciapa un pò sta cordicella, girarla intorno al ramo....HIC!
Vacaboia come gira sto albero HIC!
...sentite un pò, fate da soli che io con gli alberi rotanti non son mica capace...HIC!

Paolo Cicerone Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Sul tema del trolleggio
andrebbe fatto un posteggio
una specie di carteggio
non ragguaglio ma dileggio
nè censura nè punteggio
quasi sembra che corteggi
i lettori con volteggi
non regolari ma ad archeggi
sulle rime poi solfeggio
mentre i ghirigori io maneggio

è per me un privilegio
felice sera bloggers
me ne pregio


Franz

angelo pacifico 12.12.06 21:27| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE IO NON CI CAPISCO PIU UN C A Z Z O MA I FASCI STANNO CON GLI ARABI I CON ISRAELE?

Antonello Perricone 12.12.06 21:25| 
 |
Rispondi al commento

ANNA FINOCCHIARO FOR PRESIDENT!!!

adagio perso Commentatore certificato 12.12.06 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Ci hai preso per dei frocisti?

ettore muti 12.12.06 21:17 |

Eh?!?
Sig. Muti mi spieghi perchè non l'ho mica capita...

giorgia meneghel (gioix) Commentatore certificato 12.12.06 21:23| 
 |
Rispondi al commento

Vabbè,cambio aggettivo per non pagare a chissachi
(So che per voialtri esiste solo Berlusconi,ma
qualcuno ha usato il termine suddetto prima di lui...),ma il succo è che il ventennio non
tornerà più.E POI DISCUTIAMO CON RAZIOCINIO
FINCHE' VOGLIAMO.

bob costante 12.12.06 21:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Franzi
ist ET nach teheran geflogen?

michele sinicropi 12.12.06 21:19| 
 |
Rispondi al commento

dai commenti che ho letto, si direbbe proprio che non importa un ca o a nessuno se muore un operaio, ah, già ma qui scrive molta gente che neanche sa come si lavora in cantiere o in officina, certo chi lavora in ufficio al massimo rischia di prendere una frescata per l' aria condizionata. Non c'è soluzione per gl'incidenti sul lavoro l' unica protezione è l' attenzione anche se a volte non basta (tre giorni fa il falegname che lavora vicino a me s'è accorciato tre diti alla fresa eppure è 40 anni che la usa). Oppure una soluzione c'è è quella di non lavorare o perlomeno far finta basta con queste maree di manager, quadri, avvocati che guadagnano 50 100 volte quello che prende un operaio, col solo rischio di sbeccarsi un unghia. mettiamo la remunerazione proporzionale al rischio che uno corre nel lavoro che svolge ,in un anno sarei miliardario. BONA

maurizio fiore 12.12.06 21:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Biagi torna su rai3.

Mi e' indifferente, non mi unisco al giubilo, mi preoccupa se mai l'idea di chi sa quanti miliardi, un pocchino pochino pagati anche dal mio canone, andranno nella Augusta saccoccia.

leggo infatti che ENZO BIAGI nel 2001, per 6 minuti di trasmissione , percepiva 2 miliardi di lire l'anno, piu' la disposizione di un ufficio privato e di una intera redazione a sua disposizione.

Si dice Biagi sia stato "epurato", in realta' e' storia che oltre al problema politico, Berlusconi non gradi' essere sempre avversato, ecc , ecc,

c'era il fatto , incontrovertibile, che il programma i Biagi, con mini moral finale, non piaceva, gli indici di ascolto, erano assai scarsi, anche a causa del fatto che tirava assai di piu' striscia la notizia. Si pensava quindi ad altro programma, se ne parlo' assai, Biagi parve accettare, indisse conferenza stampa, poi, RICEVUTA LA BOZZA DEL CONTRATTO, fece marcia indietro. Allora gli proposero di rifare IL FATTO.No, rifiuto', pare per problemi di orario. EBBE COMUNQUE UNA BUONAUSCITA DI 1 MILIARDIO E MEZZO DI LIRE.

Nella lettera che l'avvocato di biagi manda a Sacca' si legge :a) il cliente e' pienamente soddisfatto delle intese verbali intercorse
b) lo stesso insiste per rapida conclusione..
.....abbiamo un patto di riservatezza,.... mentre la transazione viene effettuata col pieno consenso dell'interessato e con la di lui PIENA SODDISFAZIONE.....
dal GIORNALE.

Quindi il Signor Biagi, se ne e' andato Pienamente soddisfatto... e te credo!Non fu epurato, ma contratto' SAPIENTEMENTE ED OCULATAMENTE, la sua uscita di scena, in un momento di bassa audience.

Questo pare emergere dal racconto dei fatti......

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 12.12.06 21:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COGLIONE FASCISTA,IL TUO VENTENNIO NON TORNERA' PIU'.
bob costante 12.12.06 21:09 |
Chiudi discussione Discussione

Co.glio.ne è un marchio registrato. Ti toccherà pagare le royalties al nano.

ettore muti 12.12.06 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Paolo Cicerone 12.12.06 21:08

la Sassicaia???? Scolata???

Ma Paolo quel vinello va sorseggiato...e bevuto col contagoccie! ;)

giorgia meneghel (gioix) Commentatore certificato 12.12.06 21:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARO BEPPE GRILLO, TI CHIEDO PER FAVORE DI RIPULIRE QUESTO POST DI COMMENTI CHE NON STANNO Nè IN CIELO Nè IN TERRà.
QUESTO POST è STATO APERTO PER DISCUTERE DI QUESTA VERGOGNOSA MATTANZA NEI LUOGHI DI LAVORO, CHE SONO LE MORTI BIANCHE, PER DARE UN CONTRIBUTO CON IDEE, DOMANDE PER VEDERE SE DA QUESTO BLOG ESCE QUALCHE PROPOSTA PER RIUSCIRE A FERMARE LE STRAGI SUL LAVORO.
UN Pò DI RISPETTO PER FAVORE.
MARCO BAZZONI-RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

Marco Bazzoni 12.12.06 20:53

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Caro Marco Bazzoni "ripulire" non lo considero utile.

Il blog è stato utile nei mesi scorsi per Registrare la perversione dello scappellamento "A DESTRA" di molti sinistronzi che sbavavano contro ORIANA FALLACI.

Fu utile NON censurare allora, ed io intervenni contro un simile intervento che chiedeva censura.

Nelle ultime settimane molti bavosi ed apologeti rispuntati dalle Fogne fanno l'APOLOGIA DELLO STRAGISMO inneggiando alle ragioni di Pinochet (il cerchio si chiude).

Ricordando le STRAGI, da Piazza Fontana in poi e pensando alle ragioni di molti complici, che in QUESTO BLOG RIVENDICANO L'AGIRE dei loro PADRONI.... e MANDANTI io credo sia utile REGISTRARE e lasciare tutto così com'è affinché un giorno possa essere fatta ulteriore giustizia CONTRO "I SOLDATI DELLA MAFIOSITÀ".

I CRETINI negazionisti dello stragismo negano anche lo stragismo sul lavoro (poiché essendo servi geneticamente deformati non accetteranno mai l'incriminazione dei "prenditori di lavoro": infatti danno la colpa alle vittime).

I fascisti di forza mafia, il nazista toscano che nega lo sterminio, l'usuraio che rivendica il diritto allo sfruttamento... Sono tutti reperti da conservare.

Massimo Greco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 21:13| 
 |
Rispondi al commento

Ma dove è finita la Olga????
Stavamo trattando sul prezzo....

Certo che come faccio scappare io i travesta non lo fa nessuno..*HIC*!

Paolo Cicerone Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 21:12| 
 |
Rispondi al commento

@@ X Impicca un comunista @@@

Eccomi.
Vieni a prendermi,i.d.i.o.t.a.
Joseph

joseph pane 12.12.06 21:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lavoro nel campo dell'edilizia e devo dire che le leggi sulla sicurezza nei cantieri ci sono ma secondo il mio parere sono state fatte per aumentare la parcella dei professionisti...controlli zero...ne' da parte del direttore dei lavori ne' da parte dei coordinatori per la sicurezza ne' da parte degli organi addetti al controllo (SPISAL).
E nemmeno il committente (che in caso di infortunio va in mezzo a rogne) se ne frega...l'importante è pagare poco e fare i lavori veloci!!!

Tristezza!!!

giorgia meneghel (gioix) Commentatore certificato 12.12.06 21:10| 
 |
Rispondi al commento

pace alle loro anime

francesco de angelis 12.12.06 21:10| 
 |
Rispondi al commento

In realtà vennero scelti perché erano disorganizzati,ingenui,poveri e isolati dalle altre forze politiche.Uno di loro,il ferroviere Giuseppe Pinelli,volò da una finestra della questura di Milano, uno dei cui dirigenti era il commissario Calabresi (sull’omicidio del quale si sta svolgendo un interminabile vicenda giudiziaria).Un altro era un ballerino,che rimase in carcere per anni sino al punto in cui il parlamento italiano dovette votare una nuova legge per risparmiare a lui altre ingiuste sofferenze e allo stato, un’insostenibile vergogna. Un altro ancora, si professava anarchico, ma in realtà era un fascista che si era trovato in mezzo al gruppo degli accusati per uno di quei casi strani della vita: cercava di fare il provocatore (e probabilmente era stato addestrato a questo durante una visita compiuta ai colonnelli golpisti in Grecia), ma ,di fatto, si trovò coinvolto in una vicenda più grossa di lui che gli fece passare molti anni in carcere per poi ritrovarsi, anche lui, innocente. A trent’anni dalla strage, non si sa ancora chi siano i colpevoli.Clinton ha fatto, recentemente, alcune ammissioni sul coinvolgimento della CIA in combutta con una parte dei fascisti italiani di allora. Il regime democristiano cercò di coprire tutto, così come gran parte degli apparati di sicurezza dello stato (quanti ufficiali dei servizi segreti, dei carabinieri, della polizia vennero, negli anni successivi, inquisiti e condannati per depistaggio!) ma,oggi, nessuno sa ancora esattamente chi sia stato a decidere la morte di cittadini innocenti la cui unica colpa era quella di trovarsi in una banca a cambiare un assegno, fare un versamento o pagare una cambiale.Chi crede in una società giusta non ha bisogno di vendette per continuare a crederci, ma chiedere la verità è un diritto e un dovere!
L’umanità (o almeno una parte, forse la meno colpita nei suoi affetti più cari)già comincia a dimenticarsi i più orrendi crimini mai visti se non addirittura a negarli

Torbel Grael 12.12.06 21:06| 
 |
Rispondi al commento

Contraddizione dopo contraddizione il governo Prodi continua a screditarsi con le proprie mani. Precisamente con quelle di due esponenti della “sinistra di lotta e di governo” Heidi Giuliani, mamma di Carlo e senatrice di rifondazione, e Francesco Caruso, deputato rifondarolo, leader dei disobbedienti, che a Crotone hanno inscenato l’ennesimo show chiedendo la chiusura dei Cpt. Ma chi dovrebbe rispondere alla richiesta? Il governo in carica. Ma Giuliani e Caruso non fanno parte della maggioranza? Il conto non torna. Stanno protestando contro il loro stesso governo? Pare di sì. Allora come non dargli man forte. Chissà che non riescano a mandarsi a casa da soli!

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 21:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Complimenti per la serietà dello staff

TV e quotidiani, che diranno?
Il Grillo da vittima a carnefice?

O sei uno dello staff o un pazzoide con seri problemi

Roberto Ionni Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 21:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il blog perde i pezzi perchè la lina del governo, ormai apertamente comunista e frocista, è tollerata e sostenuta solo da qualche povero mentecatto con la mente sfatta dalle canne.
la finanziaria, argomento tabù, è stata il colpo di grazia.

ettore muti 12.12.06 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Teheran - Decine di studenti iraniani hanno inscenato ieri mattina una protesta disturbando un discorso pronunciato dal presidente Mahmoud Ahmadinejad all’Università Amir Kabir di Teheran, secondo quanto rende noto l’agenzia di stampa semiufficiale Fars. Gli studenti hanno scandito slogan come «morte al dittatore» e hanno perfino cercato di salire sul palco, prima di essere bloccati da altri studenti, con i quali si sono in seguito scontrati.
I manifestanti hanno anche bruciato immagini del presidente nel campus universitario. Ahmadinejad non si è scomposto e ha proseguito il suo discorso come se niente fosse. Si è limitato a dire che coloro che si dimostravano contro la mancata libertà di espressione a loro volta impedivano alla maggioranza degli altri di ascoltare le parole che stava pronunciando.
Intanto ieri mattina si è aperta nella capitale iraniana la controversa presunta conferenza scientifica sull’Olocausto che si propone si riesaminare «senza idee preconcette» la storia della Shoah. Fra i partecipanti, lo storico revisionista francese, Robert Faurisson, più volte condannato da diversi tribunali francesi per le sue tesi negazioniste, che negano il genocidio degli ebrei da parte dei nazisti durante la seconda guerra mondiale. Anche l’australiano Frederick Toben è nell’elenco dei relatori, secondo quanto risulta dal programma ufficiale dei lavori, che proseguiranno ancora nella giornata di oggi

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 21:02| 
 |
Rispondi al commento

PAOLO BASILE 12.12.06 19:53 |

Ciao Ivo, ci leggiamo dopo, speriamo in un nuovo post clemente :)
buona serata

Paola Bassi 12.12.06 19:47 |


Ciao paola, sicuramente,in seconda serata, non ci sono problemi.


Per paola basile, averne di datori di lavoro, come te, l'aspetto umano dei propri dipendenti, rarita', spero si diffonda questo atteggiamento.

Sono dell'idea che dopo una sanzione, se reiterata la colpa, nel non osservare le norme di sicurezza, nonostante i mezzi e i vari corsi per osservarle, continuare nelle lettere di ammonizione, sicuramente contro il rischio di licenziamento, ci sara' un'opportuna inversione di marcia.

Ignorare volutamente le norme di sicurezza e' gravissimo.

Dopo di che, con tutto il rispetto,la situazione di questo paese, e' cosi' tragica sul fronte infortuni, con decessi, invalidita' permanenti e continuo ad asserire che mancano diffusamente le norme di sicurezza nei vari cantieri stradali,edili, industria e in agricoltura.

Per mero interesse di mancato investimento,fanno piu' comodo nelle tasche dell'imprenditore criminale e allungherebbero i cicli produttivi.

Saluti.

ivo serentha Commentatore certificato 12.12.06 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Il 12 DICEMBRE 1969,tutto ad un tratto, sulla scena nazionale comparivano morti ammazzati, non dalla polizia durante le dimostrazioni (com’era avvenuto un anno prima),non dalla mafia(le cui abitudini sanguinarie erano più oggetto di interesse folcloristico che politico),ma da qualcuno che faceva parte di qualcosa che i più ebbero difficoltà ad identificare.L’anno prima c’era stato il 1968, con le rivolte studenteschein tutto il mondo; nell’autunno le idee di cambiamento rivoluzionario erano entrate in comunicazione con gli operai in lotta per il miglioramento delle condizioni di lavoro.Il Partito Comunista Italiano aveva fatto un grande balzo in avanti nelle elezioni e, soprattutto, il vecchio regime dominato da una Democrazia Cristiana che raccoglieva anche i voti della destra più reazionaria, cominciava a scricchiolare.Gli USA stavano attraversando il loro periodo più nero, con una guerra logorante e impopolare nel Vietnam e una fortissima opposizione interna che sfociava in manifestazioni violente che scuotevano il sistema che doveva essere da esempio a tutte le nazioni occidentali. In Grecia, il regime dei colonnelli instauratosi in seguito al colpo di stato fascista del 67, perdeva sempre più credibilità.Anche l’Unione Sovietica era dovuta intervenire per reprimere duramente i tentativi cecoslovacchi di rendere più democratica la loro democrazia imbrigliata nel blocco comunista, e questo ne aveva ulteriormente intaccato la credibilità come modello alternativo al sistema capitalistico. Una bella confusione! Ci fu qualcuno che credette di ripercorrere le strade sperimentate con successo da Hitler e dai nazisti con l’incendio del Reichstag :compiere attentati, attribuirne la colpa alle sinistre e utilizzare la paura e il disgusto dei cittadini per dar vita ad un governo autoritario.Dopo le bombe si cercò di accusare gli anarchici,forse perché,nell'
immaginario collettivo questi rappresentavano qualcosa di oscuro,di senzadio,di intangibile e pericoloso(CONTINUA)

Torbel Grael 12.12.06 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Ma buona sera ;)

Paolo Cicerone 12.12.06 20:57

Ciao Paolo!!!
=)

giorgia meneghel (gioix) Commentatore certificato 12.12.06 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nuovi lasciapassare dopo il decreto flussi
Immigrati, Ferrero prepara una maxi sanatoria

Per ottenere un permesso di soggiorno basterà presentare una domanda in un qualsiasi ufficio postale. E il nuovo corso in fatto di politiche immigratorie varato da ieri dal governo di centrosinistra. Alle Poste si dovranno anche presentare i documenti per rinnovare un permesso scaduto. Ora sarà l’impiegato postale che valuterà se tutta la documentazione presentata sia in regola.
E come non bastasse. il ministro della Solidarietà sociale Paolo Ferrero ha in progetto per la primavera una sanatoria per tutti coloro che, clandestini, non sono riusciti a inserirsi nella tombola dell’ampliamento a 520 permessi previsti dal Decreto flussi del 2006. La nuova procedura, partita ufficialmente ieri in tutta Italia, riguarda il rilascio e il rinnovo dei documenti di soggiorno agli stranieri, dopo la conclusione della fase pilota su 5 province (Ancona, Brindisi, Frosinone, Prato, Verbano-Cusio-Ossola). La nuova procedura, informa una nota del Viminale, sviluppata dal Ministero dell´Interno con l´Associazione nazionale dei Comuni italiani, Poste italiane e istituti di patronato, ha l’obiettivo di “velocizzare” la concessione dei documenti, e, dice con un tocco di vanteria il Viminale, «non ha precedenti in Europa per dimensione e complessità».
Agli immigrati sarà sufficiente andare a ritirare il kit (composto da 2 moduli a lettura ottica) contenente la modulistica, non più presso le Questure, ma in uno dei 14 mila uffici postali presenti sul territorio nazionale. La domanda dovrà essere consegnata, invece, in uno dei 5.332 uffici postali abilitati.

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 20:59| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accordo con Marco Bazzoni,
chi vuole discutere dei temi trattati, trova poco spazio ...
io piu che chiedere di togliere i post non inerenti,
chiederei a Grillo di Inserire un Forum, parallelo ai post, che permetta di continuare la discussione in modo piu razionale e meno confusionario.

Simone Grassi (simone37) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 20:56| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
non è da molto che leggo il tuo blog e inizialmente ero realmente entusiasta.
Ultimamente, però, il livello degli interventi è decisamente scaduto...non si fa nessuna censura?
Possibile che venga pubblicato ogni genere di oscenità?
Eppure c'è un regolamento da leggere prima di lasciare un commento!!!
Nella mia testa quel regolamento era garanzia di correttezza da parte di TUTTI i partecipanti, i quali, allorché fossero scorretti, venivano censurati.Ma è possibile che tutto ciò esistesse solo nella mia testa?
Ti prego di intervenire IMMEDIATAMENTE affinché questo blog ritorni ad essere il posto meraviglioso che era inizialmente, dove esisteva la VERA LIBERTA' di espressione ed opinione nel rispetto delle altrui opinioni e diversità.
Con affetto e rispetto
federica

federica zaninotto 12.12.06 20:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fischi al Premier abbandonato dal popolo

Credo sia difficile comprendere il dolore di Tiziana Maver, figlia del benzinaio di Lecco assassinato due anni or sono e che oggi vede uno dei carnefici del padre uscire di prigione per decorrenza dei termini. Quel dolore va rispettato e non va strumentalizzato anche se c’è tanta amarezza, tra i cittadini, nel sapere che quell’assassino usufruirà dello sconto della pena a seguito dell’indulto varato dal governo.
Nelle stesse ore di quella inusitata liberazione, i fischi raccolti da Romano Prodi nella sua Bologna, non dovrebbero sorprendere. Il premier, invece, parla di complotto organizzato e non se ne vergogna; a dire il vero, non si è vergognato quando ha detto che il Paese è impazzito, né ha compreso che i fischi raccolti da Epifani a Mirafiori erano diretti al suo esecutivo, come i fischi che hanno accolto Casini durante la protesta delle forze dell’ordine a Roma. A Bologna Prodi parla di gesti di inciviltà e di gazzarra organizzata. Troppo facile replicare che non sembra esattamente un sintomo di salute civica e di civiltà l’aprire le patrie galere, liberare persino assassini dopo pochi mesi di carcere.
I fischi raccolti da Prodi testimoniano non solo un incredibile calo di consensi, ma anche il profondo distacco esistente tra Paese reale e governo.

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Faccio il classico ragazzino che sfrutta i commenti per pubblicizzare il proprio blog.

http://disegnoscorretto.blogspot.com/

Grande Beppe

Luigi Motta 12.12.06 20:54| 
 |
Rispondi al commento

sera blog

giorgia meneghel (gioix) Commentatore certificato 12.12.06 20:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARO BEPPE GRILLO, TI CHIEDO PER FAVORE DI RIPULIRE QUESTO POST DI COMMENTI CHE NON STANNO Nè IN CIELO Nè IN TERRà.
QUESTO POST è STATO APERTO PER DISCUTERE DI QUESTA VERGOGNOSA MATTANZA NEI LUOGHI DI LAVORO, CHE SONO LE MORTI BIANCHE, PER DARE UN CONTRIBUTO CON IDEE, DOMANDE PER VEDERE SE DA QUESTO BLOG ESCE QUALCHE PROPOSTA PER RIUSCIRE A FERMARE LE STRAGI SUL LAVORO.
UN Pò DI RISPETTO PER FAVORE.
MARCO BAZZONI-RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

Marco Bazzoni 12.12.06 20:53| 
 |
Rispondi al commento

ECCHEcacchio!!!

Sig. IMPICCA UN COMUNISTA, come tutti i fasci manca di parola e d'argomenti. S'impicchi alla svelta, ci faccia sognare. Vedrà che domani sarà dimenticato.
Guardi il porco cileno: a 48 ore dallo schiattamento non se ne parla più.
La mrda puzza, ma almeno è biodegradabile.

P.S. Si faccia curare.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 12.12.06 20:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FAMIGLIA, LE REGOLE LE DETTERÀ LA SHARIA

Con la nuova proposta di legge denominata “Norme sulla libertà religiosa e abrogazione della legislazione sui culti ammessi”, avanzata dai Ds, gli imam - definiti “ministro di culto” e le cui professioni spaziano dal macellaio al gestore di internet point - potranno celebrare matrimoni con rito musulmano validi anche per lo Stato italiano, suggellando l’unione senza l’obbligo di richiamare gli sposi al rispetto della parità tra uomo e donna.
Lo Stato, quindi, non solo legittimerà il matrimonio islamico con tutti gli annessi e connessi del caso (ripudio, poligamia, discriminazione di genere), ma riconoscerà, di fatto, il Diritto di famiglia islamico regolamentato dalla Shar’ia, proprio in questi giorni definita dal ministro Amato «frutto di culture arretrate».
Tale imprudente legge non solo determina un evidente atto di disparità dal momento che i nubendi di religione islamica non saranno vincolati da quei diritti e doveri... ...stipulati dalla Codice Civile (Art. 143, 144 e 147), ma penalizzerà le donne italiane che contrarranno matrimonio con musulmani, e, naturalmente, i loro figli. L’art. 147, infatti, recita: «Il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l’obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto delle capacità, dell’inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli». Nel Diritto islamico, il padre ha un potere assoluto nei confronti dei figli che devono necessariamente professare la fede islamica anche quando nati da madre non musulmana. Una donna non islamica non avrà alcuna voce in capitolo per quanto riguarda l’educazione della prole.

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 20:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Su la7, importante trasmissione sui pacs,unioni di fatto,in questo momento.

Buona visione.

ivo serentha Commentatore certificato 12.12.06 20:47| 
 |
Rispondi al commento

quanti di loro hanno iniziato a lavorare lo stesso giorno della disgrazia?.
Mi unisco al pianto dei familiari.

lorenzo pareo 12.12.06 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Paolo Cicerone. John Stuart Mill ama mio fratello roberto.ogni sera stanno in chat.non essere geloso.
olga

olga grimaldi 12.12.06 20:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT
Il debito pubblico supera i 1601,5 miliardi di euro, PER LA PRIMA VOLTA.

LI AVETE MANDATI AL GOVERNO PERCHE' AUMENTASSERO LE TASSE E SFORASSERO IL DEBITO PUBBLICO?

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 12.12.06 20:45| 
 |
Rispondi al commento

To Mr PAOLO CICERONE with (stra) love...

John Stuart Mill

e si.decisamente si.ti piacciono gli uomini.parla con paolo cicerone.di a tutti che lo ami da impazzire e dichiarati gay.guarda che non è un problema.
olga

olga grimaldi 12.12.06 19:57 | Rispondi al commento
_________________________________________________

Bimba, se non hai niente da dire perchè scrivi?
Esiste l'amore tra uomini che non sia per forza "gayO"?

Certo che esiste, si chiama amicizia, anche se dire che ne sono amico è un pò eccessivo visto che non lo conosco personalmente.

Certo per una come te che dai discorsi che vedo riduce tutto al sesso....mi sa che sei tu ad avere qualche problema....ti firmi Olga, ma mi sa che ti chiami MARIO.
eheheheh!

Paolo Cicerone Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 20:42| 
 |
Rispondi al commento

OT
ciao scusate il fuori argomento.
Beppe, a quando un post sulle violazioni della legge sulla privacy? Io da quando è stato appena possibile mi sono cancellato da qualsiasi elenco telefonico mondiale per non ricevere più a casa le telefonate dei piazzisti di qualsiasi cosa.
Bene, da due mesi mi stanno letteralmente massacrando. La NON autorizzazione all'uso commerciale dei miei dati è come se non esistesse. Stasera ho scritto al mio gestore che ora parte l'esposto al Garante della privacy e che lo cita come responsabile, ma occorrerebbe mandarlo a ciascuno di quelli che mi chiamano al telefono, non ne ho voglia, tempo e perchè ci devo spendere dei soldi io? Una di queste al telefono mi ha detto che in questi casi di non autorizzazione parte la registrazione di "..." (noto gestore telefonico nazionale) che dice che l'utente non ha dato l'autorizzazione. Perchè con me non funziona? Mi sa che la tipa si è inventata la prima cosa che le è venuta in mente.
Ciao e scusate di nuovo il fuori argomento.
G.M.

Giorgio Matera 12.12.06 20:41| 
 |
Rispondi al commento

Se la banda era composta da extracomunitari, qualcuno dovrà agire politicamente.
Il fatto poi che esistano anche bande italiane non toglie niente alla gravità della situazione.

IMPICCA UN COMUNISTA 12.12.06 20:30 |


Bravo!infatti c'e' criminalita' e criminalita'... e se mi permette noi in questo campo abbiamo un certo stile...

Matteo Messina Denaro 12.12.06 20:36| 
 |
Rispondi al commento

ECCHEcacchio!!!
Sig. IMPICCA UN COMUNISTA, stà lista arriva?
Sono impaziente. Lei si dilunga in quisquilie e avremmo invece cose importanti da fare.
Si sbrighi, prego.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 12.12.06 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Chissà se quando muore Welby, il vecchio con la barba bianca farà il solito commentino ironico...

Onofrio Pusterla 12.12.06 20:29| 
 |
Rispondi al commento

non prendetemi per pazza e provate ad ascoltare "povera vita mia" dei 99 posse...

Rosaria Cercola 12.12.06 20:27| 
 |
Rispondi al commento

Sig. IMPICCA UN COMUNISTA, le avevo gentilmente chiesto la lista.
Facciamo dopo cena?
Saluti.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 12.12.06 20:26| 
 |
Rispondi al commento

E I VERDI? (Non le camice verdi ma i verdi comunisti o comunisti verdi)

A Monticchiello, paese medievale in provincia di Siena nella bassa Val d’Orcia, Asor Rosa, Carlo Ripa di Meana e Italia Nostra, chiedono un euro agli italiani per poter acquistare, per poi distruggere, appartamenti (eco-mostri) in costruzione sulle bellissime colline senesi circostanti il paese.
Mi chiedo come è possibile arrivare a ciò. In un comune amministrato da comunisti e verdi, con l’appoggio della Provincia comunista e verde e della Regione Toscana comunista e verde, mi chiedo dicevo che senso ha l’esistenza del partito dei Verdi in Toscana. Partito che niente ha a che vedere con i verdi tedeschi austriaci ed europei in genere, partito (i verdi italiani) al servizio e raccoglitore di voti della sinistra. L’ambiente è solo una scusa. La Toscana, da sempre rossa come il fuoco e da anni colorata di verde, è il massimo del degrato.
A Mercatale di Vinci, alle porte del paese natio di Leonardo, è stata deturpata la campagna da mostruose fabbriche di vario genere. Enormi capannoni, fra i dolci olivi, fanno da schermo alla vista, spesso inquinando l’ambiente.
Le piste ciclabili sono un miraggio, e dire che lo spazio necessario ci sarebbe. I parcheggi sono inesistenti. Ma i Verdi dove sono? Viene da chiedere. A governare questa bella regione.

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.12.06 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottima e condivisibile opinione.

Donato Tinari 12.12.06 20:22| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE PER LO SPAM

ma sono sicuro che, dopo aver controllato il link, capirete il motivo per cui l'ho fatto.
ps: per chi mi criticherà di non aver postato qui il testo: avrei potuto, ma la foto non avrei potuto metterla. e quella è essenziale.
scusatemi ancora.
e chiedo scusa anche a beppe, del quale uso il blog per i "miei" fini, ma sono sicuro che anche lui, una volta controllato, capirà.

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

http://www.bananaamotore.splinder.com/post/10215741/Natale+in+ospedale..

gabriele fara 12.12.06 20:22| 
 |
Rispondi al commento

ANARCHIA !

SEMPRE!

S.&V. 12.12.06 19:47

Roberto Ionni Commentatore in marcia al V2day 12.12.06 20:20| 
 |
Rispondi al commento

non so cosa siano gli hinin, glielo confesso, ma so una cosa: chiunque può esprimere il proprio pensiero, e non per questo deve essere demonizzato o censurato.
E' questa, almeno per il momento, la nostra forza.

Margherita Grassi 12.12.06 19:52 |
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Hinin è un termine giapponese di epoca Edo ed indica i senza casta dell'epoca che venivano considerati sub-umani.

Un po' come i paria indiani e l'omm'e niente in napoletano

Gennaro Esposito 12.12.06 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Chissà quanti di questi erano stati assunti da pochi giorni, ovvero non era stato ancora possibile assicurarli all'INAIL...

Petronio Silla 12.12.06 20:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

chi ha rovinato la festa ha prodi??

http://www.youtube.com/watch?v=HsPa25hdwaM

Roberto Mauro 12.12.06 20:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiedo scusa in anticipo per l'evasione (anche se non completamente) dal tema di oggi :

Ciao a tutti,

come va in Italia? Mi piacerebbe avere un riscontro da chi vive in provincia in Italia: é vero che in generale, a parte le magagne croniche italiane, in provincia, comunque si sta bene?

Grazie,

Danny da Brasile.

PS sarebbe bello sapere quante delle tragedia sul lavoro arrivano dalla provincia e quante dalle grandi cittá (ho un sospetto, ma qui il Sig Bazzoni ci puó aiutare).

Danny Square 12.12.06 20:10|