Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Saddam


cappio.jpg

Uccidere un assassino è un assassinio? La punizione per un delitto può essere applicata con lo stesso delitto? Lo stupro con lo stupro, il furto con il furto, la morte con la morte? Condannare l’omicidio e poi applicarlo per legge è un incantesimo. Una contraddizione della mente umana. E’ vendetta, non legge. Saddam è stato impiccato. Condannato dagli iracheni. Ma non ci crede nessuno. Le mani del boia erano irachene, ma il cappio era di Bush.
Saddam andava condannato all’ergastolo. Doveva invecchiare in carcere. Perdere la sua spocchia. Con l’esecuzione gli è stata regalata una dignità che non aveva. Una grandezza made in Texas.
In morte di Saddam, ora martire, bisognerebbe ricordarsi della guerra con l’Iran finanziata dagli Usa. Del buon Saddam alleato dell’Occidente contro Khomeini. Del Saddam laico e filo occidentale. Poi si è messo in proprio e questo è stato un affronto intollerabile per la democrazia americana. Quella dei due milioni di carcerati e dei bracci della morte. E del controllo del Golfo Persico.
Se Saddam era un criminale, allora lo sono alcuni capi di Stato che siedono all’Onu. Perchè Saddam sì e loro no? Il petrolio. Il mondo intero ha dichiarato la prima guerra all’Iraq a causa dell’invasione del Kuwait e dei suoi pozzi di petrolio. Nel Darfur sono morte centinaia di migliaia di persone. Nessuno ha mosso un dito. In Cecenia non sono rimasti in piedi neppure i palazzi. Nessuno ha mosso un dito. L’ipocrisia della condanna a morte giusta, occidentale e petrolifera.
Saddam è stato un criminale? Ha sterminato i curdi con il gas? Ucciso i suoi oppositori? Sì, certo. Ma quando sarà finita la guerra in Iraq si potrà fare una contabilità dei morti. E saranno molti, molti di più di quelli attribuiti al regime di Saddam. Qualcuno sarà appeso a una corda per i quarantamortialgiornochenonfannopiùnotizia? Sarà condannato a pagare una multa, un’ammenda, dovrà chiedere scusa? Saddam ha pagato, con dignità, il suo conto. Hiroshima, i Gulag e il Tibet non li pagherà mai nessuno.

30 Dic 2006, 23:55 | Scrivi | Commenti (1919) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

è stata una vergogna. Qui a torino avevamo anche organizzato un piccolo corteo

Torino Centro Commentatore certificato 22.07.08 10:57| 
 |
Rispondi al commento

OK MI AVETE CONVINTO MI CANDIDO ALLE PROSSIME ELEZIONI, CONTENTI?

rag. Giuseppe (Beppe) Grillo 14.06.07 15:45| 
 |
Rispondi al commento

e hai ragione come sempre.. il sadam bisognava tenerlo vivo cosi si rompeva le palle anche lui un po.. poi si poteva farli 2 domandine.. poi li si poteva tagliare un dito se non rispondeva.. un po di paura doveva provarla anche lui con tutto quello che ha fatto.. X il resto il mondo continua a far cilecca.e tutto sbagliato o quello che tira i fili e in TRIP o e un folle sterminatore di povera gente che non puo sapere.

alessanro moro 23.04.07 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Mi scuso per aver scritto quanto segue sotto falso nome ma questa precauzione,come scoprirete,è necessaria.Due settimane fa un mio carissimo amico,conosciuto nei primi anni della scuola(ovviamente non farò il suo nome)mi telefonò nel cuore della notte profondamente sconvolto e disse di dovermi confidare qualcosa di terribile.Durante il nostro incontro, avvenuto il giorno seguente, mi confessò di essere minacciato di morte e di avere un segreto da confidarmi.Mi disse di aver ricevuto, quattro mesi prima,quando si trovava per lavoro negli Stati Uniti,una proposta di lavoro particolare(infatti era montatore video).Mi raccontò il suo primo incontro con gli offerenti,i quali gli spiegarono che avrebbe dovuto, grazie alle sue particolari abilità di tecnico, montare un falso video. La cifra che gli offrirono era folle,ma gli dissero che avrebbe dovuto assolutamente mantenere questo segreto come se si trattasse della sua vita.Immediatamente,attratto dall'idea di tutto quel denaro,accettò,ma al secondo appuntamento scoprì di cosa si trattava.Gli uomini gli chiesero di "fabbricare" un video che mostrava la morte per impiccagione di Saddam Hussein.Anche se sapeva di rischiare la vita, il mio amico accettò.Dopo 10 giorni aveva confezionato ben due video che ritraevano la morte del Rais.Ricevuti i soldi tornò in Italia e,anche avendo visto numerose volte i suoi video spacciati per veri,mantenne il silenzio e si godè i soldi.Purtroppo però, intorno alla metà di Marzo, cominciò a ricevere numerose minaccie di morte.Qui si interrompeva il suo racconto.Mi ringraziò per averlo ascoltato,mi pregò di non parlarne a nessuno,e ci salutammo.Tre giorni dopo sarebbe partito per Baghdad,ma non salì mai su quell'aereo.La famiglia non ne ha piu' notizie dal 25 marzo.Questa notizia mi ha sconvolto e da quel giorno vivo anch'io nel terrore.Ora ho trovato il coraggio di dire quello che so,e ho deciso di farlo qui dove ho letto numerosi commenti di persone serie e impegnate.Grazie dell'attenzione.

lorenzo tramaglino 08.04.07 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Spero che il Tibet non venga citato unicamente in rari post ma che si faccia qualcosa sul serio.

Massimo L. Commentatore certificato 04.03.07 20:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, gli spagnoli hanno appena prodotto un film pazzesco e sconvolgente sull'ultimo caso di pena di morte nel loro paese, SALVADOR-26 ANNI CONTRO. Io l'ho visto a Barcellona 2 mesi fa e credo che mi abbia aiutato molto a farmi un'idea DEFINITIVA sull'argomento.

giovanni lennone 28.02.07 02:54| 
 |
Rispondi al commento

Talvolta certi interventi si rendono necessari. Solo la paura di essere puniti fa riflettere la gente.
Basti pensare alla patente a punti. Nessuno ha mai rispettato i limiti e le norme del codice della strada fino a che, con la patente a punti, c'è una minaccia concreta di perdere la possibilità di guidare...ed ecco come per magia che il numero di incidenti si riduce drasticamente.
Benvenga allora la paura di una pesante condanna per far capire alla gente come comportarsi.

ciao

Alessandro Rotondi 08.02.07 12:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se lo schidevano già i latini.. CUI PRODEST ? A chi giova? A cosa può servire uccidere qualcuno che è già nelle condizioni di non nuocere più ? Compiere il medesimo gesto di chi si sta condannando cosa ci restituisce?
RICORDIAMOCI CHE SIAMO TUTTI SOTTO UN INCANTESIMO...

Laura Possamai 07.02.07 16:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ancora una volta Bush ci mostra come in una società in cui si è discriminati se non si va la domenica mattina in chiesa ci sia un'estrema leggerezza nel decidere della vita umana. Ponendosi al di sopra della giustizia e mostrando al mondo come gli stati uniti siano la maggiore potenza mondiale grazie alla "democrazia degli assassini".

Fabio Paparella 05.02.07 21:26| 
 |
Rispondi al commento

Mah! Saddam, anche se sono stato contrario alla sua esecuzione, uno che si divertiva a fare il piccolo chimico con i curdi, che impalava i suoi oppositori...come si può provare pietà per un uomo simile? E Ceausescu? Ricordo che tutti esultavano alla sua esecuzione. Basta ipocrisie!! Invece di ostentare questo falso buonismo, pensiamo ai morti causati dai regimi rossi di Nord Corea, Cina e Cuba, l' isoletta cara al tanto lodato Chavez, tanto osannati da i nostalgici del comunismo che poi si mascherano sotto forma di pacifisti, no - global, girotondini...

Francesco Scabar 26.01.07 20:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma !!!!!!!!!!!!!!!!

Sergio-bs 23.01.07 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Vi prego voi tutti di dare un occhio a questi documentari scaricabili e non (se usate il firefox come browser ed il suo videodownloader,allora potrete tutto); io un occhio glielo presto da mesi e mesi , e devo dire che e' stato Illuminante !!
David Icke e gli ILLUMINATI (unici doc, presenti in rete!):
http://video.google.it/videoplay?docid=-5369329468014667924&q=i+segreti+del+controllo
http://video.google.it/videoplay?docid=5245902258081871191&q=i+segreti+del+controllo
http://video.google.it/videoplay?docid=-5723630611980729615&q=la+piramide+della+cospirazione
Scienza Negata :
http://video.google.it/videoplay?docid=-5356420904938952524&q=fusione+a+freddo
http://video.google.it/videoplay?docid=1077085262476409663&q=leiene
http://video.google.it/videoplay?docid=7492200741723297926&q=colza
http://video.google.it/videoplay?docid=4779789464965319082&q=futuro+sostenibile
Discorsi di grillo:
http://video.google.it/videoplay?docid=2386621792940328510
http://www.guardabassi.it/download.asp
http://video.google.it/videoplay?docid=-4646019318924747604&q=grillo
http://video.google.it/videoplay?docid=-8185508866019558430&q=grillo+duration%3Along
Multinazionali, doc.:
http://video.google.it/videoplay?docid=-339817359829725096&q=surplus
http://video.google.it/videoplay?docid=-764787309772942566&q=multinazionali
http://www.guardabassi.it/download_06_08_01.asp
911, La Verita':
http://www.guardabassi.it/download_06_08_01.asp
http://video.google.it/videoplay?docid=6536713546859321156&q=undici+settembre
http://video.google.it/videoplay?docid=-4707106427582061756&q=undici+settembre
http://video.google.it/videoplay?docid=3228264304077323969&q=undici+settembre
http://video.google.it/videoplay?docid=1505922743267094437&q=undici+settembre
http://video.google.it/videoplay?docid=-1124585972623076246&q=undici+settembre
Film Fareneith 911:
http://video.google.it/videoplay?docid=-1124585972623076246&q=undici+settembre
Scie Chimiche o Chemtrails ( www.sciechimiche.org ) :
http://video.google.i

vittorio messina 22.01.07 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Vi prego voi tutti di dare un occhio a questi documentari scaricabili e non (se usate il firefox come browser ed il suo videodownloader,allora potrete tutto); io un occhio glielo presto da mesi e mesi , e devo dire che e' stato Illuminante !!

David Icke e gli ILLUMINATI in lingua o sottotitoli in italiano (unici doc, presenti in rete!):

http://video.google.it/videoplay?docid=-5369329468014667924&q=i+segreti+del+controllo
http://video.google.it/videoplay?docid=5245902258081871191&q=i+segreti+del+controllo
http://video.google.it/videoplay?docid=-5723630611980729615&q=la+piramide+della+cospirazione

Scienza Negata :
http://video.google.it/videoplay?docid=-5356420904938952524&q=fusione+a+freddo
http://video.google.it/videoplay?docid=1077085262476409663&q=leiene
http://video.google.it/videoplay?docid=7492200741723297926&q=colza
http://video.google.it/videoplay?docid=4779789464965319082&q=futuro+sostenibile

Discorsi di grillo:
http://video.google.it/videoplay?docid=2386621792940328510
http://www.guardabassi.it/download.asp
http://video.google.it/videoplay?docid=-4646019318924747604&q=grillo
http://video.google.it/videoplay?docid=-8185508866019558430&q=grillo+duration%3Along


Multinazionali, doc.:
http://video.google.it/videoplay?docid=-339817359829725096&q=surplus
http://video.google.it/videoplay?docid=-764787309772942566&q=multinazionali
http://www.guardabassi.it/download_06_08_01.asp

911, La Verita':
http://www.guardabassi.it/download_06_08_01.asp
http://video.google.it/videoplay?docid=6536713546859321156&q=undici+settembre
http://video.google.it/videoplay?docid=-4707106427582061756&q=undici+settembre
http://video.google.it/videoplay?docid=3228264304077323969&q=undici+settembre
http://video.google.it/videoplay?docid=1505922743267094437&q=undici+settembre
http://video.google.it/videoplay?docid=-1124585972623076246&q=undici+settembre


Film Fareneith 911:
http://video.google.it/videoplay?docid=-1124585972623076246&q=undici+settembre

Scie Chimiche o Chemtrails ( w

vittorio messina 22.01.07 18:18| 
 |
Rispondi al commento

è ipocrita il comportamento della stampa mondiale riguardante tutto quello che si è detto sull'impiccagione di Saddam.Io credo semplicemente che un assassino vada processato e condannato senza troppi scrupoli.Lui daltronde non se ne è mai fatti quando ha massacrato centinaia e migliaia di esseri umani.Vadano a f.....o.Usassero la stampa per dare le notizie vere e importanti.Non che la popolazione sa anche le scoregge che tira ad esempio Gheddaffi e non sa cosa avviene in casa propria.

paolo cillo Commentatore certificato 21.01.07 13:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo in questi casi ci si può rendere conto di quanto valga la vita dell'uomo per la pulitica. non esiste valore che supera il potere dei soldi e delle convenienze politiche. Questo mi fa paura! Dovrebbe far paura a tutti...solo che oggi non si sà più se esistano ancora questi tutti... "occhio per occhio, dente per dente" questa è la verità che propongono chi mistifica i fatti e ce li propina come purga per la paura della vera politica!!

Pasquale Iaccarino 20.01.07 17:22| 
 |
Rispondi al commento

io credo che bush abbia fatto bene!!!!!!!!!

Andrea Pantaleo 19.01.07 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Occhio per occhio dente per dente... Tutte le azioni sono lecite ma hanno il loro prezzo. Queste cose IO le posso dire in tutta onestà senza scheletri nell'armadio che mi urlano di sare zitto. IO so che un giorno mi verrà presentato il conto per le azioni che compio e lo accetto di buon grado come ordine naturale delle cose. Trovo giusto che Saddam abbia pagato con la vita il prezzo delle sue scorribande da predone del deserto. Non trovo giusto che si politicizzi anche questo avvenimento così come trovo fuori luogo il cordoglio della sinistra "benpensante" che condanna il popolo iracheno per aver giudicato il suo dittatore dimenticandosi che loro 60 anni fa hanno fatto la stessa cosa, con la differenza che questi "barbari" di iracheni non hanno ammazzato senza processo ne il loro dittatore ne la sua innocente signora ed hanno avuto il riguardo di deridere il loro dittatore da vivo, non lo hanno appeso per i piedi in piazza come un animale. Probabilmente anche questo è un diritto inallienabile della superiore sinistra italiana.Ricordate alla sinistra che Saddam ha sparato alla gente che gli si opponeva, loro invece aumentano la possibilità di possedere droghe illegali il cui raket uccide molte più persone di Saddam. E una volta per tutte dite a Pannella, Bonino & company che hanno rotto le scatole con tutte le loro apparizioni da gufi maledetti e opportunisti quali sono. SIAMO TUTTI BRAVI A DIGIUNARE CON LA PANZA PASCIUTA....

simone paolo tezzon 18.01.07 22:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi vorrete male,ma ho voluto bene a Saddam mentre guardavo il video diffuso su Internet della sua salita al patibolo.L'avessi potuto aiutare...Mi ha sorpreso il suo portamento dignitoso, distante da quello che stava per capitargli...ma capiva ,secondo voi, che andava a morire? Pallidissimo, austero, quasi elegante..l'immagine di uno che si candida a essere martire nel post con la "M" maiuscola..o era solo stordito da psicofarmaci per renderlo incosciente? sono stata forse "sedotta" dal fascino del cattivo?

Raffaella D. Commentatore certificato 17.01.07 16:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi chiedevo quale potesse essere la differenza tra il governo degli Stati Uniti e quello dell'Irak!!! La pena di morte è istituita da entrambe le parti, il terrorismo applicato forse con esigenze diverse, la dittatura è presente sotto altri nomi...e poi?
be...forse...gli americani rubano nelle tasche delle altre nazioni, prelevano risorse da altri territori fregandosene di tutto e tutti...forse questa può essere una grande differenza!!!!!

LUCIA FERRARA 16.01.07 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono sempre stata contraria alla pena di morte. Mi è sempre sembrato un controsenso che un qualsiasi stato predichi di non uccidere e poi, se sgarri,...ti uccide!
Sono perfettamente d1accordo sul fatto che nel caso di Sadam si sia trattato di vendetta e che il burattinaio di tutta la faccenda sia stata l'America.
Personalmente però non riesco a condannare a pieno questa vendetta. E' come quando sento dire che unpadre ha sparato all'uomo che aveva ucciso sua figlia. La mia parte cosciente condanna questo fatto, ma la mia parte più intima non riesce a fare la stessa cosa.
Mi sono allora chiesta: se a suo tempo Hitler non fosse stato "suicidato" e fosse stato arrestato, con tutti i morti che noi abbiamo avuto a causa sua, con i campi di concentramento, le leggi razziali e molto molto molto altro, non avremmo augurato anche a lui di essere giustiziato?
Io ancora non sono riuscita a darmi una risposta definitiva... Sono ancora divisa fra il pensiero dell'ingiustizia e l'assurdità che rappresenta la pena di morte e il pensiero che, in fin dei conti, non credo che nessuno sentirà la mancanza di Sadam.

Francesca Del Soldato 16.01.07 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Perché non invitare tutti gli iscritti di CGIL, CISL e UIL a restituire le tessere e ad iscriversi a quel nuovo sindacato-di cui, al momento, non ricordo il nome- che propone il ripristino della scala mobile?
(Ricordate Berlinguer?)
Alberto Garbin Zocca(Mo)

alberto garbin 16.01.07 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sempre da www.disinformazione.it Massimo Fini:
L'intervento americano conferma ciò che già si sapeva ma che veniva pudicamente taciuto. E cioè che l'invasione della Somalia da parte dell'Etiopia non è avvenuta semplicemente con la benevolenza degli Stati Uniti, ma che gli americani ne sono stati gli istigatori e che sono alleati degli etiopi in questa guerra di aggressione.
Quali erano le colpe della Somalia? Di avere un governo, quello delle Corti Islamiche, che non corrisponde ai canoni della democrazia e della cultura occidentali. Sembra che questo ormai basti per attaccare un Paese e occuparlo. Così è stato nel 1999, quando nessuna guerra al terrorismo era in corso e l'11 settembre era al di là da venire, con Milosevic, nel 2001 con i Talebani, nel 2003 con Saddam Hussein, nel 2007 con la Somalia, mentre sono già stati approntati i piani per spazzare con l'atomica, via Israele, il governo teocratico di Teheran.

Le democrazie occidentali sembrano aver preso il posto delle dittature nazifasciste degli anni Trenta. Quelle volevano spazzar via dalla faccia della terra le democrazie «giudo-pluto-massoniche», queste tutto ciò che non è «democratico». È cambiato qualcosa? No. A una protervia se ne è sostituita semplicemente un'altra.
Questa volta le Nazioni Unite, l'Unione Europea, moltissimi Stati occidentali fra cui persino la Norvegia che, chiusa nel proprio isolamento, di solito si tiene alla larga da queste questioni, hanno condannato i raid americani in Somalia. Ed era ora. Perchè gli Stati Uniti stanno assumendo il ruolo che Adolf Hitler ha avuto negli anni Trenta e, col pretesto di combattere il terrorismo che invece in questo modo favoriscono, ci stanno portando verso una nuova, e ancor più globale e terrificante, guerra mondiale.


Francesco Cabiddu 16.01.07 11:07| 
 |
Rispondi al commento

da disinformazione.it : Massimo Fini scrive:
Se Al Qaeda non esistesse - come probabilmente non esiste - gli americani se la sarebbero inventata. Perchè adesso ogni loro violazione del diritto internazionale, ogni aggressione, ogni atto di pirateria di Stato, ogni occupazione, ogni invasione, ogni bombardamento viene giustificato col fatto che si volevano colpire terroristi o anche «presunti terroristi» (la presunzione è più che sufficiente) di Al Qaeda o anche solo «presumibilmente» legati ad Al Qaeda. Così sono stati motivati anche i tre raid aerei compiuti nei giorni scorsi nel sud della Somalia che hanno provocato, come minimo, trenta vittime civili: e si volevano colpire terroristi o «presunti» terroristi, «presumibilmente» legati ad Al Qaeda e, sempre presumibilmente, responsabili degli attentati antiamericani del 1998 in Kenya e Tanzania.

Pretesto risibile. Non tanto perchè nel 1998 Al Qaeda non esisteva ancora nemmeno nelle invenzioni del Pentagono e perchè è poco credibile che gli americani abbiano individuato proprio oggi gli autori di attentati compiuti nove anni fa, ma perchè i bombardamenti sono avvenuti, guarda caso, proprio nella zona dove le truppe etiopi, che hanno invaso la Somalia , stanno combattendo, - subendo forti perdite - le Corti Islamiche che, fino all'invasione, governavano la Somalia con l'appoggio della popolazione. L'intervento americano c'è stato perchè i carri armati etiopi, intrappolati in un bosco di acacie, si trovavano in gravissima difficoltà e non bastavano più. Ci voleva l'aviazione. Ecco allora i bombardamenti dei C130 "Spectre" americani che sono durati due interi giorni e sono stati "a tappeto" e niente affatto mirati, tant'è che nessuno dei presunti ricercati è stato ucciso o ferito.


Francesco Cabiddu 16.01.07 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Dopo l’impiccagione del dittatore, voluta da una delle tre etnie dell’Iraq (gli sciiti, poiché i curdi chiedevano la celebrazione del processo a Saddam per la strage di Halabja), ora che il corpo del rais riposa a Tikrit, vegliato e idolatrato dai sunniti, l’antica Babilonia, già sull’orlo del baratro, rischia il collasso finale.

Al nord, i curdi, che costituiscono il 23% della popolazione, rivendicano ampie autonomie, tenuto conto della loro aspirazione, pienamente legittima, a formare un proprio stato nazionale (il Kurdistan).

Al sud, i musulmani sciiti, maggioranza assoluta (62%), condividono ideali politici e religiosi con la repubblica iraniana, la cui influenza è determinante.

Dal canto loro, i sunniti, orfani di Saddam, hanno come unico vero alleato la Siria.

Un dato è certo: le tre principali componenti dell’Iraq nutrono profonda avversione (diciamo pure odio) per l’esercito occupante. Come potranno gli Stati Uniti gestire tale situazione, letteralmente esplosiva? Finora l’amministrazione Bush si è limitata a recitare la parte dell’Occidente civilizzatore: «Ecco a voi la democrazia!», così come Maria Antonietta elargiva brioches al popolo, che però avrebbe preferito la testa della regina.

Non ci vuole Nostradamus per prevedere che, quando Bush e Ahmadinejad firmeranno l’accordo per la spartizione dell’Iraq, molti saranno gli scontenti, a cominciare dagli israeliani, che forse capiranno (meglio tardi che mai) quanto la politica statunitense in Medioriente sia sempre stata dettata dall’interesse economico e geopolitico.

luigi spagnolo Commentatore certificato 15.01.07 15:59| 
 |
Rispondi al commento

sono perfettamente d'accordo con quanto scritto... nessuno dice ke saddam fosse un "santo" e ke non meritasse di essere punito x le azioni (e sappiamo fin troppo bene a cosa è arrivato!)commesse. ma una domanda sorge spontanea: la sua morte ha realmente ripagato di tutto il male compiuto??? e soprattutto, è lecito ke un "omicidio" sia legalizzato??? chi siamo noi x giudicare, chi siamo noi x togliere il diritto alla vita a qualcuno? un diritto ke forse dovrebbe essere inviolabile. e ke razza di paese è uno stato in cui la parola "pena di morte" viene osannata come esempio di giustizia?!? a me fa solo ribrezzo... e non posso credere che, arrivati nel 21 secolo, si senta ancora parlare di simili avvenimenti "medievali" (o magari nel medioevo si era più "umani").. e forse, la vera barzelletta, è ke questo "grande atto di giustizia" viene applicato anke in paesi più ke moderni, ke vantano potenza, avanguardie e tecnologie...
(parlo degli USA!).Ma è meglio chiudere qui.. il resto è stato già ampiamente trattato.

any may 13.01.07 18:52| 
 |
Rispondi al commento

e' possibile che dobbiamo sempre fare di un carnefice un martire?Non bastava lasciarlo morire in carcere e lasciarlo nel dimenticatoio per tutto il resto della sua vita??e poi adesso come comportarsi con tutti i dittatori presenti sulla terra che fanno anche peggio di saddam??Se gli usa sono veramente un paese portatore di democrazia allora bisognerebbe che facesse altre guerre per estirpare altre tirannie presenti sul pianeta...QUESTA E' SOLO IPOCRISIA...RESET

agostino a. Commentatore certificato 13.01.07 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Avanti, tutti a Roma !
Beppe ci è andato, a Palazzo Chigi; dobbiamo farlo anche noi. Beppe ci è andato "con" noi, e noi con lui; ma di fatto era solo.
IL BELGA s'è trovato davanti 1 persona, e IL BELGA ha potuto così permettersi di sghignazzargli davanti, e di tenerlo a bada coi suoi borbottii e le sue facce demenziali.
Voglio vedere quando si troverà fuori dalla finestra 20.000 persone, tutte con una maglietta bianca, e la scritta rossa: RESET.
Allora, quando si fa ?
Ci diamo il giusto tempo per preparare la cosa, nei minimi dettagli.
E i media che non riusciamo ad attrarre, ce li creiamo noi. Coinvolgiamo tutti i produttori indipendenti, tutti i contro-informatori audio-visivi, e allaghiamo il web con le immagini della nostra protesta. Dobbiamo pensare a tutto. Perchè IL BELGA non pensa niente.
Dobbiamo coinvolgere, senza gesti plateali e controproducenti, almeno 1 spettatore su 50 degli spettacoli di Grillo. Che porti almeno un'altra persona di sua conoscenza. Dobbiamo invadere di appelli la rete. Chi ha un sito suo, lo usi. Chi ha un blog suo, tutti i giorni ricordi l'appuntamento. Usate tutti le vostre e-mail, scrivete anche ai vostri professori universitari. Spiegate la cosa. Si tratta di fare massa critica. Una protesta pacifica.
Un'occasione simbolica, non operativa, però necessaria.

SENZA VISIBILITA' PUBBLICA, CHI VUOLE CAMBIARE LE COSE RIESCE SOLO A CAMBIARE SE STESSO...

Stiliamo un elenco di messaggi che andremo ad alzare e a gridare davanti al palazzo del BELGA.
Dividiamoci secondo le nostre competenze. Coordiniamoci a livello nazionale. Facciamo uscire la nostra iniziativa dell'ambito degli amici di Grillo. Chiamiamo tutti, tutti, purchè ognuno rinunci ai suoi SIMBOLI.

Non vogliamo simboli di destra o di sinistra, o di altro ancora: vogliamo fare delle proposte.
Dobbiamo smettere di "APPARTENERE" a qualcosa. Bisogna chiamare tutti, e F A R E, qualcosa...

ADESSO E' ARRIVATO IL MOMENTO DI ESPORRE NOI STESSI, CON INTELLIGENZA...

franco bardo 12.01.07 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La penso così: io madre, sorella, padre..congiunto posso, nella rabbia e nel dolore, cercare vendetta. Ma ciò che umanamente
(ma non di diritto) è comprensibile per me è incomprensibile e inammissibile per lo Stato.Qualsiasi Stato e in qualsiasi situazione..
Ciò ritiene la nostra Costituzione che ha rimosso l'eventualità della pena di morte anche nel diritto militare.
Non a caso abbiamo 2000 anni di storia e talvolta dovremmo essere più orgogliosi della nostra millenaria cultura.
Saluti

maria luisa pisa simonini 12.01.07 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Se in passato hanno accoppato Hitler e Mussolini non vedo perchè questa merda umana dovesse continuare a campare.....
e cmq si è applicata una delle tante leggi islamiche: la pena di morte.

Luca A. 10.01.07 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Far pagare un uomo con la pena che lui stesso ha usato per far pagare altri è quantomeno incongruente. Fra la vita e la morte,per un uomo del genere la punizione peggiore sarebbe stata la vita, dandogli modo di soffrire e marcire in chissà quale posto. Ma tutto ciò è successo per paura che Hussein spifferasse segreti inconfessabili!!! E Bush gridò: >>

Giovanni D'Aprile 10.01.07 15:45| 
 |
Rispondi al commento

C'è ancora chi crede che in Iraq si sia andati ad esportare la democrazia. Penso che gli americani siano ancora più stupidi degli italiani. Hanno fatto una lotta a Clinton per un Pompino e poi dopo che Bush li ha portati a fare una guerra personale sua, lo hanno anche rivotato, proprio ingnoranti. Purtroppo la cultura media mondiale si sta abbassando nessuno pensa più con la sua testa, bisogna far parte di una schiera sociale per avere un'idea... Io penso che Saddam era un mostro e che bisognasse far di tutto per destituirlo, secondo me bisognava pensarci prima quando uccideva il popolo curdo. Ma ai governanti non glie ne frega nulla della popolazione o di qualsiasi essere vivente, loro hanno altri scopi più "alti" il $ ecco il vero motore... ecco la "persona" da salvare... Il denaro ormai non è più un mezzo ma è un fine... Il commercio non è più un mezzo per soddisfare i propri bisogni, ma un mezzo per soddisfare i bisogni del denaro... Ogni nostra azione e volta all'accumulo di soldi... Per i soldi bisogna fare tutto... Poverini hanno bisogno di rispetto... Le persone no... Loro sono solo un mezzo per raggiungere il fine i soldi... Lavorare, Lavorare, Produrre, Produrre, Competitività, Competitività, queste le parole magiche che il denaro ci impone. "Soffrite voi esseri umani uccidetevi che io cresco..." Una volta c'era il baratto, avevo bisogno di una vestito nuovo gli davo delle uova da mangiare e lui soddisfava il suo bisogno. Ora i nostri bisogni non contano più nulla... La gente muore di fame, sete, gli posso vendere un po' di grano, no non hanno soldi! e allora muoiano cosa me ne frega a me non posso neanche dare un po' di compagnia al mio patrimonio... La verità è che ormai i nostri bisogni umani sono secondari rispetto ai bisogni del denaro. Il petrolio non è più un mezzo per produrre energia, ma un mezzo per soddisfare i bisogni dei soldi... Ed allora in Iraq mandiamo gli uomini ad ammazzarsi per un po' di denaro che lui ha bisogno di crescere...

alex berna 09.01.07 12:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pare ormai inutile commentare ciò che è accaduto. Saddam è morto. Non è il primo e non sarà certo l'ultimo. E non è rendendolo martire che sui futuri libri la storia creerà minor indignazione. Ma la storia siamo noi. Noi che guardiamo ai tg la barbara esecuzione a bocca aperta, i nostri politici che contrariati sembrano voler dimenticare il prima possibile quanto avvenuto, l'Europa che ben ci tiene a creare un evidente distacco dalla vile decisione del dito rivolto verso il basso. Ma allora se la storia siamo noi, perchè ci sentiamo escusi? Se sono i "portatori" della democrazia a non conoscerne il significato, cosa pensiamo di raggiungere?Speriamo almeno che un giorno l'allievo supererà il maestro.

francesca coda 09.01.07 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Ma potrebbe essere che manco sia stato vera l'esecuzione.
Copia sul browser anche questo:
http://forum-just-event.forumfree.net/?t=13460260

GianMaria Le Mura 08.01.07 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Non piango certo la morte di una lurida carogna, ma uccidere Saddam è stato uno stupido errore,commesso dal governo iracheno e non dagli americani.
Si è trasformato una bestia in martire; un martire cui potranno rifarsi i criminali che diffondono morte e distruzione in irak, e che una sinistra radicale definisce resistenti,adossando poi i delitti di questi ultimi agli americani.
Un'escuzione stupida che fa di un criminale un martire e da un martire ai criminali.

eugeniopirisi del balzo 08.01.07 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho la certezza che i gestori della polverizzazione partitica vogliano continuare a tergiversare, dilettandosi quotidianamente in proposte, lestamente confutate da caltre, prescindendo dall'occasionale collocazione della fonte, poiché l'obiettivo del "giochino verboso", diffuso ai quattro venti dagli asserviti mezzi d'informazione, non è risolvere i problemi, che gravano sul nostro Paese e lo emarginano sempre più dall'Europa, ma di dare solo la parvenza di volerli affrontare,lasciando che nulla muti!
Questa pantomima partitica vede un continuo alternarsi nei ruoli di riformatori e conservatori.
Gli altri storici Paesi europei hanno avuto gli stessi nostri problemi, ma i loro governanti li hanno affrontati e risolti con tempestività, mentre noi ci troviamo ad avere amministratori centrali e locali imbelli, capaci solo di profittare delle istituzioni, concedendosi solidalmente fantasiose prebende (tra le più alte a livello planetario!) ed una moltitudine di privilegi.
Questo sistema partitocratico si é insopportabilmente degenerato, suscitando nella società, soprattutto nella sua componente più reattiva (i giovani!) insofferenza, giunta ormai ad un livello di contenimento molto critico!
Riformare, riformare e, ancora, riformare:
semplificare le procedure burocratiche,
accelerazione dei processi, delegiferare (oltre 150.000 norme, contro le 4/5000 degli altri Stati!), ridurre l'esorbitante costo della politica, riducendo l'affollamento degli organi elettivi e delle remunerazioni, assunzione ed avanzamento di carriera per meriti professionali e non partitici etc...
Il tempo della speranza sta per esaurirsi e sta per subentrargli quello della disperazione, che rimuove la razionalità e
libera gli istinti, che travolgono ogni cosa!
Historia docet!!!

ergo sum 08.01.07 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Giuseppe , ancora una volta d'accordo con , certo vorrei che tu ricoprisse una carica oltremodo importante nella nostra nazione . Per quel che riguarda Saddam ,il suo omicidio ,perchè questo è il giusto nome per chiamarlo , non ha fatto altro che creare scalpore per l'incoerenza dei fatti accaduti con le premesse che a detta degli americani erano democratiche ! Nessuna guerra è da considerarsi parte della sfera democratica neppure un epilogo così crudo che paragona Bush a Saddam...e inoltre vorrei sottolineare che la guerra in Iraq nn è ancora finita e che nn si è ancora vista neanche l'ombra della democrazia apportata dagli americani ; forse perchè per democrazia intendono soldati,forze armate , tank,missili ,mitra...

Federico Raffaelli 08.01.07 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Infatti e' quello che mi chiedo anchio-
Copia sul Browser questo link:
http://forum-just-event.forumfree.net/?t=13251094

Il bello e' che si cerca un'altro pianeta che abbia le stesse cartteristiche della terra per la vita -
Ormai il nostro mondo l'anno distrutto :ADESSO INVECE SI CERCA DI DISTRUGGERNE UN'ALTRO....MA FINTELA UOMINI AL POTERE SENZ SENSO...FINITELA ...VERGOGNA...VERGOGNA...

GianMaria Le Mura 08.01.07 11:30| 
 |
Rispondi al commento

dimentichi di nominare pinochet che è morto tranquillamente nel suo letto dopo avere uccisi oltre 2000 cileni, ed anche lui aveva dietro le spalle "gli amici".
e i colonnelli? chi li ricorda? stessa situazione
ed il nicaragua?
(e tralascio tante altre occasioni ben più gravi, ma lì il discorso diventerebbe più vasto)
e allora, chi si condanna a morte? solo chi non è amico degli amici?
non mi procuncio sulla pena di morte, bensì sul pari trattamento in pari occasioni: o a morte tutti o nessuno (scusa la superficialità)

vittorio pedrali 08.01.07 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro compagno Beppe.. Concordo pienamente con te nel condannare la politica dell' "occhio per occhio,dente per dente", nonchè nell'avere concreti dubbi riguardo alle responsabilità dell'amministrazione Bush sulla condanna di Saddam.. Stessa amministrazione che poi, però, non applicherà a se medesima quei metri di giudizio per le responsabilità sulle morti dei soldati USA in guerra.. Vorrei però posare l'accento sul fatto che il governo Iracheno non abbia impedito la diffusione del violento video dell'esecuzione.. Voci universitarie mi dicono che due giovani adolescenti si sono impiccati "per gioco", spezzando così le loro giovani vite, in un atto di emulazione.. Allora invece di far polemica coi vari governi europei per difendere la propria autonomia, non dovrebbero concentrarsi sui problemi concreti del loro paese e del mondo intero..?!..a presto e buon lavoro.lorenzo biagini

Lorenzo Biagini 08.01.07 10:08| 
 |
Rispondi al commento

OSIRAK e SADDAM

Ragazzi tra ieri ed oggi ho postato due articoli inerenti l'Iraq. Uno inerente il blitz di Osirak, l'altro riguardante l'impiccagione di Saddam Hussein.
Chiunque può dire la sua sul mio giovane blog.Anzi, vorrei una cartina al tornasole di ciò che pensate.
Un abbraccio a tutti.
.Luca.

http://futuribilepassato.blogspot.com

Luca T 07.01.07 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi tra ieri ed oggi ho postato due articoli inerenti l'Iraq. Uno inerente il blitz di Osirak, l'altro riguardante l'impiccagione di Saddam Hussein.
Chiunque può dire la sua sul mio giovane blog.Anzi, vorrei una cartina al tornasole di ciò che pensate.
Un abbraccio a tutti.
.Luca.

http://futuribilepassato.blogspot.com


e le migliaia di persone,bambini.. che ha fatto uccidere dove le mettiamo? il problema delle societa' opulenti e che cavilliamo su tutto dimendicandoci di metterci nei panni di chi a subito torti indicibili,queste lezioni di civilta' vanno bene per societa' dello stesso nostro livello ma non i societa' dove la vita di milioni di persone era nelle mani di un tiranno che anche per un semplice capriccio le poteva spegnere.Giustizia o vendetta di stato (Iraq o America) l'importante era cancellare il passato anche in modo brutale e tentare di ricominciare.

AMBROSIO GIUSEPPE 07.01.07 19:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
mi sono sempre chiesto quali fossero i ragionamenti deviati compiuti da chi, convinto della sua ragione, si permetta di decidere delle libertà o, addirittura, della vita delle altre persone. Non trovo risposta a questa domanda ma posso accettare questa "follia" in nome di una visione estremamente relativista di quella che possa essere la giustizia per ognuno di noi. La cosa che veramente mi sconvolge, visti i quasi 2000 commenti al tuo articolo è che, pur essendo noi tanti, non si riesca a fare niente per impedire a quel colonizzatore americano di espandere il suo dominio, a scapito della libertà della gente, non solo quella sottomessa ma anche quella imbrogliata, che si lascia convincere che queste mosse siano solo frutto dell'eterna lotta che il bene deve compiere contro il male.
Continua a fare quello che fai!
ciao

Alessio Zegna 07.01.07 18:33| 
 |
Rispondi al commento

L'America si è dimostrata per l'ennesima volta un ESPORTATORE DI DEMOCRAZIA. Complimenti!

Roberto Sacchetto Commentatore in marcia al V2day 07.01.07 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
ma se per sbaglio gli americani dovessero "ritrovare" il caro amico Osama Bin, dici che lo condannerebbero a morte?
Ciao.
Anita.
Ti stimo e ti ammiro molto.
Perchè non sali tu al governo in Italia?!!


Anita Savone 07.01.07 17:44| 
 |
Rispondi al commento

Uccidere un assassino è un errore peggiore di quello commeso da lui stesso. vuol dire decidere che uccidere è sbagliato ma al tempo stesso punirlo uccidendolo, quindi commettendo il suo stesso errore , anzi superiore perchè fatto subito dopo aver condannato un omicidio.

speriamo che l'influenza dell'america sulle decisioni mondiali finisca al più presto.
francesco coppola da Alcamo

francesco coppola Commentatore certificato 07.01.07 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Da quando lo conosco, Pannella avrà fatto sciopero della fame e della sete un migliaio di volte.
Ma è mai possibile che non ci rimane mai secco?

Aldo Costa 07.01.07 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo con la teoria della possibilissima messa in scena: http://video.google.it/videoplay?docid=2315120739554191253&q=saddam

non ho parole!!

cristina rubano 07.01.07 15:42| 
 |
Rispondi al commento

L'omicidio di Saddam è stato, a parer mio, un errore politico, oltre che umano e morale. Sono fermamente contrario alla pena di morte e ritengo che uccidere il dittatore sia stato sbagliato, anche perchè non farà che incrementare l'odio di tutti i fondamentalisti islamici. Tuttavia non vedo il motivo per cui gonfiare mediaticamente la vicenda ed erigere quest'uomo (che qualche peccatuccio sulla coscienza lo aveva) a martire della causa "Salviamo Caino".
E non vedo neanche il motivo per cui Pannella debba fare un'ennesima "crociata in difesa della vita", proprio lui così anti-cattolico e reduce freschissimo da un'altra discutibile crociata contro la vita: Welby. Uccidere un pluriassassino è immorale, ingiusto, anti-democratico, vile, e tutto quel che segue e uccidere un bambino che sta per nascere no?
No alla pena di morte per i criminali e sì all'aborto? E l'eutanasia?
Caro Pannella e cari voialtri cavalieri della giustizia, perchè l'uomo non ha diritto di togliere la vita a un altro uomo solo quando vi fa comodo? La risposta è semplice: perchè c'è una ragione politica che spinge a schierarsi e non un reale sentimento di amore fraterno.
Non sono d'accordo con voi, mi dispiace e mi viene il voltastomaco a pensare che l'opinione pubblica non evidenzi MAI le contraddizioni di chi la pensa così.
Caro Beppe Grillo, grazie di cuore per questa possibilità di esprimere le mie opinioni, anche se non so quanti saranno d'accordo con me...

Riccardo Leonelli

riccardo leonelli 07.01.07 14:13| 
 |
Rispondi al commento

probabilmente la decisione di impiccare saddam è stato uno dei più grossi errori degli ultimi 15 anni.così facendo inoltre ci si è abbassati al suo livello non ponendo nessuna differenza: cosa cambia infatti tra assassino e assassino?

Andrea Palazzetti Commentatore certificato 07.01.07 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe Grillo non credevo che tu fossi una persona che non offre le pari opportunità di postare tutti nel tuo blog. L'aspetto dell'ingiustizia fa presegire nulla di buono. Giacomo Montan e Giovanna Nigr.. sono impediti di postare anche se si tratta di un'emergenza, VERGOGNA!!! Grazie di averti smascherato ora, perchè io avevo fiducia di te, ma ora, mi spiace ma non ti credo più. Continua con le sceneggiate in teatro che è meglio!

Mario Preitano 06.01.07 21:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottimo Beppe
sono molto d'accordoù!!1
mi chiedo inoltre se gli esecutori sono Dio e mi chiedo se questa morte porterà magicamente in vita le persone uccise dall' ex dittatore

una cosa molto grave infine è che quest'esecuzione accenderà nuovi focolai d'odio

paolo Bietolini 06.01.07 19:28| 
 |
Rispondi al commento

impiccare saddam? non hanno fatto altro che assassinare un uomo già morto ridandogli una nuova vita e una nuova gloria agli occhi dei sunniti che così daranno nuovo vigore alla guerriglia sanguinaria.gli americani ,pur di poter mostrare al mondo questo feticcio ,sono disposti a mettere a morte centinaia di loro concittadini impegnati a esportare la "democrazia" di Busch in irak.Ciao Beppe. Diego capponi

diego capponi Commentatore in marcia al V2day 06.01.07 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Chi ci da il diritto di togliere qualcosa a qualcunaltro, in particolar modo quando questo qualcosa è nientaltro che la vita!!!

Voi vi chiederete ma allora gli assassini?

Gli assassini vanno processati e condannati all'ergastolo, vanno privati di ogni prvilegio tranne uno.... La vita.

nessuno ha il diritto di togliere la vita a qualcunaltro e ribadisco nessuno. Chi toglie la vita ad un altro deve essere considerato un assassino, l'unico caso che io reputo autorizzare l'omicidio è la difesa personale, ma ance qui bisognerebbe discuterne a lungo.


uccidere chi ha ucciso ci mette sul suo stesso piano anzi peggio, dico peggio perchè noi persone civili (si fa per dire) ci facciamo scudo delle leggi per la salvaguardia del nostro diritto alla vita, ma ci dimentichiamo di tali leggi quando si tratta di una persoa che perquanto malvagia sia, ha lo stesso diritto di noi alla vita.

Uccidere Saddam è stato un errore rrimediabile, abbiamo dato dignita a una persona che non se la meritava, abbiamo fatto di un mostro un eroe.

Grillo sei un grande

Ettore Castelli 06.01.07 17:35| 
 |
Rispondi al commento

DITTATORI DI TUTTO IL MONDO: TREMATE! VERRETE TUTTI IMPICCATI prima o poi...

Marina Servadio

marina servadio 06.01.07 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mentre si distribuiscono massmediaticamente Premi a Tavolino per arginare l'attenzione da questo Blog... e ditemi che non è vero...

La Petizione contro i Segreti di Stato NON riesce a trovar voce fuori da queste pagine.

http://www.petitiononline.com/gr7m1964/petition.html

Io ho fatto il possibile, tuttavia siamo a 139.

Invito i firmatari che possono a scaricarsi i Banner e per quanto poco collegare il proprio sito e a scrivere segnalando alle redazioni l'iniziativa.

Agenzia ASCA redazione: agenzia@asca.it

prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

Agenzia Emmegi

si presentano come Agenzia internazionale col motto: ..Informare per comunicare...Comunicare per informare .. ..sarà vero?

redazione: info@emmegipress.it

prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

ADN Kronos

redazione web: webinfo@adnkronos.com
segreteria.redazione@adnkronos.com

prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

Agenzia ANSA

il loro "motto aziendale" è Tempestività, Obiettività, Autorevolezza....

redazione.internet@ansa.it

prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

Massimo Greco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.01.07 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Lezioni teoriche di filosofia politica da Ceppaloni

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 06.01.07 15:09| 
 |
Rispondi al commento

lo scopo era: agli iracheni il loro martire, al resto del mondo l'illusione di una giustiazia che funziona e che, appunto, giustizia il "cattivo".
invece ciò che purtroppo è morta con saddam hussein è la verità!!!!! ed è probabilmente ciò che succederà con bin laden.

x quanto riguarda la pena di morte penso di poter dire, in piena coscienza, che è una manifestazione immorale e contraddittoria dell'insicurezza/sicurezza umana.

francesco p. Commentatore certificato 06.01.07 14:35| 
 |
Rispondi al commento

VI SIETE MAI CHIESTI CHE COSA SUCCEDEREBBE SE ALLE PROSSIME POLITICHE ANDASSE A VOTARE IL 5% DEGLI AVENTI DIRITTO???

TERREMOTO! TERREMOTO IN TUTTA QUESTA VECCHIA E MARCIA CLASSE POLITICA CHE A QUEL PUNTO SAREBBE
COSTRETTA A DIMETTERSI. E ALLORA FINALMENTE IL VERO RESET: SPAZIO A FACCE NUOVE CONSAPEVOLI CHE SE VERRANN ELETTI, NON VORRANNO FARE LA FINE DEI VECCHI TROMBONI, QUINDI SARANNO COSTRETTI A FARE L'INTERESSE DEL POPOLO!
SVEGLIA!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

NON ANDATE A VOTARE!

CHI VOTA MANTIENE IN VITA TUTTO 'STO MARCIUME!

QUESTO E’ IL VERO RESET!!!!

Franco Neri 06.01.07 11:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, sono rimasto davvero tanto emozionato quanto attonito nel leggere questo tuo post!! la crudezza, la profondità della provocazione, del grido che anch'io sento di fare, mi hanno colpito..
è veramente questo il mondo in cui viviamo? il mondo del si salvi chi può? il bello è che non puoi nemmeno salvarti: è già tardi!
think again, think different

cesare andriani 06.01.07 01:49| 
 |
Rispondi al commento

Saddam è stato lasciato libero di agire fino a quando a fatto comodo agli Stati Uniti e alle altre forze politiche in gioco. Quando poi non è più servito a nessuno scopo è stato catturato,imprigionato e infine giustiziato. E' li che sta la vera ipocrisia, lo si condanna per dei crimini che però gli è stato permesso commettere.
E' vero, è morto come un martire. Pregando il suo dio, cieco nel suo ideale. Ho visto le immagini censurate trasmesse dalla tv, il video integrale su internet non l'ho voluto vedere perchè ritengo che sia davvero una spettacolarizzazione della morte senza limiti. Nelle immagini, è fiero, tanto che ho pensato...che palle che ha quest'uomo. Stava per morire, con una corda al collo, ma lui è rimasto in piedi, lucido.
Al posto suo Bush si sarebbe letteralmente cagato addosso.

Michele Anselmi 05.01.07 23:42| 
 |
Rispondi al commento

La falce nn fa + pensare al grano,il grano invece fa pensare ai $oldi(F.Battiato)
Tanto x come la pensiamo ci cotinueranno ad impikkare ed imbavagliare come fosse la kosa + NORMALE!

Grazie

Igor Favole 05.01.07 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Perché scandalizzarsi tanto per l'impiccagione di uno sterminatore? Perché non protestare contro le vere ingiustizie del mondo? Perché non protestare contro le lapidazioni che in Africa sono ancora in voga? perché non protestare contro l'indulto che ha lasciato liberi migliaia di delinquenti? Perché non protestare contro il deputato D'elia, che è stato un terrorista? Perché non protestare per questa finanziaria che colpisce solo le fasce più deboli? Forse perché, l'importante è protestare contro i nemici dell'America e del centrodestra? A me personalmente della fine di Saddam Hussein non me ne importa niente. Ha avuto la fine che si meritava.
Tutti sibattono a difendere Caino, ma ad Abele chi ci pensa?
Saluti...

fabrizio Sottocornola 05.01.07 17:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

NON ANDARE A VOTARE!

IL VERO RESET!!!!!!!

Filippo Rossi 05.01.07 17:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma vogliamo parlare del vero motivo x cui è stato impiccato? Bush doveva chiudergli la bocca. Saddam avrebbe avuto troppo da raccontare!

janis martina 05.01.07 16:43| 
 |
Rispondi al commento

abbiamo bisogno di megafoni!!!
Salve a tutti! stiamo organizzando una campagna spontanea contro la pena di morte. Abbiamo bisogno di tutti i megafoni disponibili...
Si tratta di un bannerino, che ognuno può modificare liberamente, da inserire sul proprio sito. L'importante è che ci sia scritto no pena di morte. Beppe ci sei?
http://www.dissenzoo.com/NOPENA.ASP

salvatore severo (salvatoresevero) Commentatore certificato 05.01.07 15:45| 
 |
Rispondi al commento

..riprendo la provocazione fattada andrea di modena..... premetto che non sono di sinistra, ma adess sto cercandodi vederein modo oggettivo la situazione. ho letto su un quotidiano una dichiarazione di un esponente di spicco dei comunisti italiani, dire che condannare un uomo alla pena capitale , seppur colpevole di crimini contro l'umanità è una cosa indegna, vergognosa, ecc... (li aggettivi ormai li conosciamo tutti)....ma a questo punto mi verrebbe da chiedergli cosa ne pensa dell'assassinio di Benito Mussolini e di quella pover donna che aveva avuto solo la'sfortuna'(se così vogliamo chiamarala) di essere vicina al Duce d'Italia....e di ciò che è stato fatto ai due cadaveri dopo la morte in quella piazza trasformata in una 'tonnara'...c'è poi da ricordare che Mussolininon fui mai processato degnamente, il suo processo durò giusto il tempo di dichiarare le sue generalità.
vorrei sapere come mai su questi fatti non si prende una posizione coerente ....se è sbagliato condannre a morte un dittatore come Saddam, sarebbe stato giusto per il Duce?.... a quanto pare Si.....tanto oramai si sa, a regnare in ITALIA è l'ipocrisia....e qui faccio un altra provocazione... se STALIN fosse mai stato ,per ipotesi, catturato ,e condannato a morte per gli orrori commessi(Gulag,ecc..) rifondazione e soci ,ora, cosa direbbero?........
...d'altronde la storia la scrivono i vincitori....

Lorenzo Imola 05.01.07 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto che Saddam sia stato giustiziato, per me è stato un errore politico (se lo meritava per quello che ha fatto), come è stato un errore la guerra in iraq. E poi se Saddam è stato impiccato per 160 morti gasati, quanti morti hanno fatto le 2 bombe atomiche, quancuno è stato impiccato?
Infine poi è da un certo aspetto più civile una condanna a morte dopo pochi giorni dalla condanna, che tenere un'uomo condannato a morte per 15/20 anni in carcere per poi uccisderlo (come fanno nelle carceri americane), perchè si ucciderebbe una persona diversa da quella processata.

ale caste 05.01.07 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Non si doveva uccidere Saddam, io sono d'accordo, ma con la stessa onestà intellettuale riconosco che fu sbagliato anche uccidere Mussolini. Vorrei sapere quanti altri lo riconoscerebbero. La lotta contro la pena di morte non deve avere colori politici.
La mia provocazione vuole sottolineare questo, mi pare che il caso sia troppo strumentalizzato

andrea modena 05.01.07 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Premetto che sono assolutamente contrario alla pena di morte e ritengo non civile un paese che la preveda.
Tuttavia mi sento di dover dire che Saddam è una delle ultime persone sulla faccia della terra per cui inizierei uno sciopero dela fame in sua difesa o avvierei una campagna mediatica per non impiccarlo.
Trovo sbagliata umanamente e politicamente (si pagherà molto cara) la decisione di eliminarlo ma ritengo che nel mondo ci siano tante pene di morte più barbare su cui nessuno riflette.
Perchè una donna violentata deve essere lapidata? Perchè il Papa va in Turchia dove esiste la pena di morte e non dice una parola, poi torna a Roma e dice di no alla convivenza e al preservativo? Perchè l'opinione pubblica inorridisce all'impiccagione di Saddam ma non speca una parola per tanti altri massacri che avvengono nel mondo con il benestare dei governi?
Domande senza risposta.

Andrea Modena 05.01.07 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Non è stato giusto uccidere Saddam Hussein,x niente. E non xchè lo si è fatto un martire,che poi non è neanche vero (un uomo non può cancellare una vita di nefandezze solo con un evento a suo favore),ma xchè uccidere è un atto da condannare SEMPRE! Uccidere,sia x legge,sia diciamo così "privatamente",è contro ogni regola umana,e mi riferisco alle leggi della normale convivenza,non a quelle degli Stati. Non si deve uccidere,mai,e se lo si fa,la legge può solo privare della propria libertà chi ha ucciso,è la sola arma umana,sensibile e GIUSTA che noi nel nostro tempo possiamo usare! Non si deve uccidere xchè è amorale,contro le basi di qualsiasi convivenza civile,contro le basi di qualsiasi stato democratico che si presenta come portatore di valori inviolabili. Ma si vede che viviamo in un mondo così alla deriva che è ancora oggi possibile privare della propria vita un uomo,sia esso Saddam o qualsiasi altro delinquente. Meno male che da noi non c'è questa stupida legge,altr. vedremmo morire più persone uccise x mano dello stato,che morte di morte naturale!E cmq Saddam non è stato ucciso dal tribunale iracheno,ma dagli americani,no credono davvero di farci ingoiare tutta la merda che ci mandano eh!

Andrea Tuzio 05.01.07 14:01| 
 |
Rispondi al commento

è ora di finirla con il falso moralismo, tutte le persone che fanno i buoni o i finti buoni vorrei vederle parlare se avessero perso grazie ad un animale come saddam un loro caro, la madre, il figlio o tutti i parenti...si è bravi a parlare quando non si tocca del proprio vero?
in definitiva hanno fatto bene a farlo fuori ci vorrebbe di + questa cosa anche da noi e i politici che fanno i buoni tanto non hanno da temere dai farabutti, hanno la scorta.
Non è possibile che stupratori, omicidi, bastardi di ogni genere siano mantenuti dai lavoratori onesti, magari per tutta la vita, e poi quando le carceri sono piene si fa l'indulto...
ma andare a ..... la gente che non merita di vivere va eliminata punto e basta.
dite che sono troppo estremo? chiedete a un padre al quale hanno ucciso o stuprato una figlia e vedere cosa vi risponde, non sono estremo sono giusto punto e basta

Luca Callegari 05.01.07 13:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FIRMA LA MORATORIA CONTRO LA PENA DI MORTE
SUL BLOG
http://www.reggiosud.blogspot.com/

PINO AMADDEO 05.01.07 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Saddan è stato giustiziato con sentenza di un tribunale di un governo eletto con competizione elettorale partitica e resa esecutiva dal suo primo ministro in applicazione di leggi locali: Tutto ineccepibile. Però, il processo - come e già stato rilevato- doveva riguardare tutti gli addebiti della sua conduzione politica e la ratifica con referendum popolare. Infine, l'esecuzione capitale va effettuata in pubblica piazza e non nel grigio delle caserme poliziesche dello stesso Saddam. La ratifica delle condanne a morte mediante referendum è in linea anche con le eventuali decisioni dell'Onu investita con l'azione di Pannella.

enrico desimone 05.01.07 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao grillo e ciao a tutti gli enigmi ambulanti. C'è qualcosa che non quadra nel fatto che il giudizio deprecativo sull'omicidio di Saddam sia stato così agilmente ed estesamente adottato e strombazzato dai media e dai politici.. Pare una cosa assai simile al generale, universale Disprezzo per la corrida, o per la caccia alla balena. So benissimo che le persone comuni che si affezionano a queste difese della vita, sono persone in buona fede. Ma occorre sempre pensare: da chi è partita questa idea? La Toscana fu la prima parte del mondo che abolì la pena di morte: credete che siano stati i toscani a decretarne l'abolizione? Nessuna battaglia per la vita fu combattuta. Successe. La stessa cosa per la famosa "abolizione della schiavitù" voluta da Lincoln. Bene. Se tutti i politici di casa nostra, tutti i media di casa nostra (aiutati certo da un 'filmato dell'esecuzione' per nulla casuale), ossia se questa gente le cui mani lordano sangue, scendono in campo così 'sentitamente' per deprecare il cappio di Saddam, ebbene, io penso che vogliano farci vedere deliberatamente la pagliuzza, per non farci vedere la trave. Vogliono che impariamo ad essere inorriditi dalla morte di un uomo. O di un toro. Vogliono che abbiamo paura della NOSTRA morte, della morte del nostro piccolo corpo e del nostro minuscolo ego.
Ma la morte di interi popoli?
Lo sterminio di interi villaggi?
I bombardamenti al fosforo?
QUANTI PANNELLA DEL CAZZO HANNO FATTO LO SCIOPERO DELLA FAME PER CHIEDERE "LA MORATORIA" DEI BOMBARDAMENTI A TAPPETO, CON ARMI ILLEGALI, SUI VILLAGI DEL LIBANO, QUESTA ESTATE ?
Brutti porci...

franco bardo 05.01.07 11:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sciau Beppuz, sono una ragazza di 17 anni e mia madre è una tua grande fan.
Io all'inizio non conoscendoti molto bene (perchè non amo la televisione in generale)pensavo che.. boh non so che pensavo fatto sta che quando ho visto un po di tuoi video sono rimasta esterefatta (se è tutto vero) specialmente perchè hai aiutato a comprare quel super microscopio per i tuoi amici superchimici!!!però sul discorso di Saddam e qui sono i disaccordo con te (e penso anche con la maggior parte della popolazione italiana)penso sia stato giusto ucciderlo però io non l'avrei impiccato (50 sec di dolorenon sono abbastanza per un mostro del genere)
perchè saddam è un MOSTRO!!
io so cosa vuol dire vedersi portar via tutto quello che hai da un momento all'altro, la tua vita cambierà ma tu non ci puoi fare niente.
Io non ho avuto giustizia anche perchè se ho perso la mia famiglia non era certo colpa di nessuno però dopo non ho neanke avuto niente.
Ora ho 17 anni con la mente stanca di una 40 enne.
Penso a tutte quelle famiglie che ha distrutto Saddam e penso che la fine che ha fatto se l'è meritata, perchè è vero che tutti dicono "ah no ma ammazzandolo lo avete reso un martire, gli avete scontato la pena, praticamente l'avete reso più libero di prima"
Vorrei rispondere a queste persone che non cè nulla di più brutto di sapere che tra 5 minuti non esisterai più.
E quel momento può risultare al condannato a morte più lungo e insopportabile di un ergastolo.

ingrid zamparutti 05.01.07 11:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..sono contraria alla pena di morte, espressa in qualsiasi forma, ma impiccare Saddam gli ha dato ancora maggiore importanza, si continuerà a parlare di lui...l'avrei lasciato in prigione dimenticandomi di lui...

Grillo Maddalena 05.01.07 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Se non lo impaiccavano allora i giornalisti averebbero detto sdegnati che andava impiccato ma siccome lo hanno impiccato allora ci si deve sdegare a comando per il rovescio.
Il fatto è che la legge Irakena prevede quel tipo di pena per quel tipo di reato e perciò Saddam è morto per mano della stessa legge che lui da dittatore ha creato. Se lui avesse abolito la pena di morte prima di essere catturato avrebbe avuto la vita salva.

occhio per occhio dente per dente è la legge degli ebrei e degli arabi.
i cristiani la pensano diversamente mentre gli atei si dividono ma è da chiarire che una percentuale compresa tra il 70% e l 80% degli uomini presenti sulla terra è favorevole alla pena di morte mentre in Italia lo sono solo per il 60%.

milo mannaro 05.01.07 09:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciò che altamente mi disguista è il pensare che chi ha filmato la morte di Saddam verrà punito.Perchè?nessun tg italiano lo dice anzi non si pone nemmeno la questione.E' la solita storia del voler passare solo le news "political correct" o di rivestirle come tali, tagliando o interpretando i fatti a piacimento.....VERGOGMA!!!!

Lorenzo Protopapa 05.01.07 02:58| 
 |
Rispondi al commento

Non accetto l'idea di veder condannato a morte un uomo, qualunque male abbia fatto,dallo Stato.Non è giustizia, è omicidio.Non è civiltà perchè lo Stato attraverso la giustizia dovrebbe educare le coscienze dei cittadini. In questo modo, invece, rimane ancorato all'arcaica legge del taglione.

Lorenzo Protopapa 05.01.07 02:41| 
 |
Rispondi al commento

Non avrei mai pensato che le immagini mandate in mondovisione e che hanno mostrato lo show dell' impiccagione-assassinio del tiranno Saddam, potessero colpirmi così profondamente. Prob abilmente se lo meritava, ma non è davvero questo il punto; il punto è che sono sempre stato e lo sono ancora, con sempre maggiore convinzione, contrario all' omicidio di Stato. Sono profondamente fiero di essere europeo e di appartenere ad un Paese e ad un Continente,che seppure con qualche distinguo, ha la grande certezza dell' inciviltà e dell' immoralità di considerare giustizia la pena capitale. Sì, per una volta sono fiero di appartenere ad una civiltà giuridica che, soprattutto, come principio LAICO non considera possibile che si possa applicare il primitivo concetto dell' "occhio per occhio e dente per dente" per decidere una pena. Sono indignato nel constatare di continuo come gli "sceriffi del pianeta" si arroghino ancora il diritto di spargere sentenze nei confronti degli altri, soprattutto quando si tratta di principi etici e morali. Loro, gli Statunitensi, che insieme ad altri paesi, quasi tutti del terzo mondo, o di tipo non democratico, mettono ancora a morte e con metodi assolutamente barbari e disumani i, talvolta presunti, colpevoli. Non capisco perchè non si possa dire con forza che si tratta di un "assassinio di stato" e che il principio che regola questi omicidi "legalizzati" è un finto concetto di giustizia. Si tratta di vendetta, vendetta bella e buona e sapere che nel 2006 negli Stati Uniti d' America sono stati messi a morte 60 detenuti è una cosa sconvolgente.
Sono profondamente convinto di questo e credo che l' iniziativa del Governo Italiano, di discutere all' Onu di un' eventuale moratoria della Pena di Morte, sia da sostenere con forza anche da parte di tutta l' opinione pubblica italiana ed europea così sensibile e decisa su questo problema.
Gabriele da Subbiano AR

Gabriele Rampi 05.01.07 00:25| 
 |
Rispondi al commento

Riposto questo commento cancellato:

Saddam è stato assassinato… Forse selo meritava…Pero gli americani non ci devono riempire
la testa di me*da chiamando quello che hanno fatto LA GIUSTIZIA! Perché è una presa per il c*lo…

Gli Usa ultimamente non solo si credono i padroni del mondo ma non si vergognano di comportarsi cosi. Credono di fare quello che vogliono e dove vogliono. Non sono piu una superpotenza ma sono un impero… un impero senza scrupoli, ipocrita capace a tutto per i soldi.

Ma perché ci prendono per idioti dicendo che loro non c’entrano niente con la morte di Saddam!?

L’hanno assassinato perché sapeva troppo su squallidi affari della famiglia Bush che al processo VERO avrebbe potuto svelare prove sufficienti da far giustiziare Bush insieme a lui.
E quindi Bush ha deciso di toglierlo di mezzo al piu presto possibile consegnandolo nelle mani dei suoi nemici che l’hanno ammazzato quasi senza processo. Perche non lo possiamo chiamare un processo:
1. il giudice che si dimette per protesta,
2. presidente del Iraq che non firma la condanna la quale quindi non è valida per legge,
3. la condanna è firmata al posto del presidente dal primo ministro che è sciita e quindi aspettava questo momento da una vita,
4. Saddam essendo prigioniero di guerra non poteva essere consegnato nelle mani dei suoi nemici secondo le leggi internazionali – ma tanto quando mai gli Usa hanno avuto rispetto delle leggi internazionali??

La famiglia Bush lo ha creato, armato, finanziato e usato quando ne avevano bisogno fregandosene di genocidi che faceva… E di conseguenza Bush padre e figlio sono quindi COMPLICI di Saddam e secondo la giustizia devono fare la sua stessa fine… pero dimenticavo...non rientra nei canoni della
GIUSTIZIA AMERICANA!

La cosa che mi consola è che gli americani non la vedranno facile con l'Iraq e la pagheranno cara la loro arrogante invasione predatoria. Proprio melo sogno un nuovo attentato agli stati uniti perche selo meritano. Che ci affoghino nel loro sang

Cittadino Del mondo Commentatore certificato 04.01.07 22:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se avete voglia leggetevi mike moore:

"stupido uomo bianco"

"come hai ridotto questo paese?"

molto interessanti sia sull'11 settembre sia su chi ha finanziato le campagne elettorali di bush

stefano jago 04.01.07 22:14| 
 |
Rispondi al commento

BASTA PELLICCE

"La pelliccia è portata da animali stupendi e persone orrende"

BASTA ALLE PELLICCE MORTE SULLE NOSTRE SPALLE, LE FUSA DI UN GATTO O LE FESTE DI UN CANE SONO PIU' CALOROSE, RISCALDANO IL CORPO ED IL CUORE.

FIRMA LA PETIZIONE PER FERMARE QUESTO MASSACRO

Aiuta i nostri amici animali, non essere insensibile al grido di dolore e di aiuto che ti chiedono le povere Volpi Bianche scuoiate vive per soddisfare i capricci di qualche "nobil donna" dall'animo poco nobile.

Grazie dell'aiuto.

clicca sul mio nome pochi click ed arrivi sul modulo della Petizione Online

AUGURI PER UN FELICE 2007 A TUTTI, ANCHE AGLI ANIMALI.

matteo tocco 04.01.07 21:39| 
 |
Rispondi al commento

@ Enrico Zorzi e Michele Altamore.

Nel video "Confronting the Evidence" (voluto e pagato da un miliardario statunitense) si spiega perchè si mettono in discussione UN GRAN NUMERO DI PUNTI dei risultati della commisione d'inchiesta sull'11 settembre. Non solo: si deice anche che il 35% degli statunitensi NON crede a tali risultati e vorrebbe la riapertura dell'inchiesta.

Riguardo poi a come agiscono le multinazionali, posso fornirvi qualche "dritta":
- due tedeschi stavano (l'anno scorso) scrivendo un "libro nero" sulla BAYER, per come avrebbe finanziato la guerra in Congo;
- la TEXACO ed altre multinazionali stanno inquinando in modo irrepararabile centinaia di migliaia di ettari di terreno in aree popolate;
- la DEL MONTE è sotto la lente di ingrandimento, da parte non mi ricordo più di chi, perchè imponendo la monocoltura a banane sta portando alla fame la popolazione di vaste aree;
- le nultinazionali del legno "coprono" (e pagano) i tagliatori illegali, che disboscano senza regola alcuna;
- la DE BEERS è sotto accusa per le violazioni dei diritti umani in Liberia, a causa del commercio di diamanti;
- Ilaria Alpi, quando è stata uccisa, stava indagando sugli aiuti "umanitari" e su una strada costruita da imprese italiane, probabilmente su rifiuti tossico-nocivi.

Al momento, le "perle" che mi vengono in mente sono queste, ma chissà quante altre ve ne sono.

BUSH è stato eletto grazie alla lobby dei petrolieri texani.
Si sente puzza di marcio in qualunque angolo del globo.

Massimo Baroncini 04.01.07 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Io ragazzi dico che è ipocrisia dire che si doveva dare l'ergastolo (quello vero) e lasciarlo in galera ad invecchiare. Dico, sta cosa sarebbe peggio della pena di morte. L'ergastolo vero non esiste, si sa che si fanno al massimo una ventina di anni. Allora che vogliamo fare torturarlo lentamente finchè non crepa di vecchiaia? Condannarlo a morte è una atrocità che non era tanto evitabile, è come la morte di welby.

alfredo bonazza 04.01.07 21:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io credo che la pena di morte sia una condanna inutile per diversi motivi. Innanzitutto, punendo con la morte la persona che ha commesso certi crimini ti metti al suo stesso livello, perché la vita ci è stata donata dal Padre Eterno e NESSUNO ha il diritto di toglierla ad altri o a sé stesso. Se penso alle migliaia di parenti delle persone uccise dico che emotivamente la pena di morte può essere una parziale soddisfazione, anche se i loro cari non glieli restituirà nessuno. Ma in questo modo l'assassino, in questo caso Saddam, non ha avuto modo di rendersi conto e di pentirsi del male che ha fatto. Io penso che una persona che commette simili crimini debba essere punita con l'ergastolo e i lavori pesanti a vita; deve soffrire fino alla fine della propria esistenza come ha fatto soffrire tutti quelli a cui ha fatto del male. Avete mai visto le carceri siberiane? Sono delle stanzette piccolissime senza finestre, buie e putride, soltanto con un buco nel pavimento per lo scarico. Ecco, io credo che questo sia il luogo adatto per certi criminali. Toglierli di mezzo non serve a niente, perché spesso gli unici momenti di pentimento e/o di paura sono quelli immediatamente precedenti la morte, come ha mostrato Saddam sul patibolo appena prima di essere impiccato. E francamente mi sembra un po' poco, oltre che un insulto alla dignità umana: bisogna usare la mano pesante e farli pentire per tutta la vita.

Vadim Antonelli 04.01.07 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Quanta dietrologia.
conoscente un dittatore che non abbia fato la stessa fine di Saddam??
O era colpa degli americani anche per Ceaucescu?
Boh! magari un po' di fiducia a gli iracheni andrebbe data senza nascondersi e nasconderli dietro le coperte di mamma america...
ma sicurametne mi sbaglio io...

Enrico Zorzi 04.01.07 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe...Sono il tuo ammiratore! Mio nick è Cittadino del mondo.
non so perche ma il mio commento è sparito! Non ci deludere! Speriamo che sia per qualche problema tecnoco e non per la censura!

Guarda qua non c'è http://www.beppegrillo.it/2006/12/saddam.html

E prima c'era lo salvato e rimesso su un sito per fartelo vedere
http://www.angelart.it/saddam.html

Facci sapere!
Con ammirazione Cittadino del mondo

Cittadino Del mondo Commentatore certificato 04.01.07 18:23| 
 |
Rispondi al commento

Gran bella lettera, cittadino del mondo!
E questi poveretti che continuano a dire che Saddham ha avuto un processo regolare.. in base a leggi liberamente scelte dal libero Iraq.. che pena!

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 04.01.07 17:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe!
ritengo che l'uccisione di Saddam sia stato soltanto un avvenimento programmato dal governo Bush...la storia la ho studiata e non accade mai niente per caso...ritengo che ora Saddam verrà considerato un martire e scoppieranno sicuro altri focolai di guerra tra Iraniani e Iracheni...
Quindi Bush avrà trovato il pretesto per attacare l'Iran...la storia insegna e l'America è sempre stata molto furba nel'usare i pretesti per entrare in guerra...(meglio entrare come difensori della pace,in un conflitto,che come offensori..agli occhi del mondo risulterai come il salvatore)peccato solo che il pretesto non sia la pace ma solo interessi economici.
Ciao Beppe
Adriano

Adriano Frascina Commentatore certificato 04.01.07 15:17| 
 |
Rispondi al commento

.....Perche Bush non manda anche Superman in Iraq?

Jorge Marini 04.01.07 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
Stavolta non sono d'accordo. Saddam e' stato condannato a morte da un tribunale iracheno, perche' scaricare ancora una volta la colpa su Bush? - sebbene ok, il regime di Saddam e' finito a causa dell'invasione americana. Inoltre sarebbe il caso di contestualizzare l'avvenimento e dire che la condanna e' avvenuta in un paese in cui la pena capitale e' ampiamente praticata. Inoltre non credo nemmeno che le morti che giornalmente accadono in Iraq siano totalmente imputabili agli americani. Le divisioni e faide irachene risalgono a ben prima del regime di Saddam, e nessuno garantisce che se questo fosse caduto per altre cause le stesse lotte interne non sarebbero accadute. Infine non sono sicuro che Saddam abbia pagato "con dignità, il suo conto", bisognerebbe chiederlo ai familiari delle sue vittime; ha pagato e basta. Sono pero' pienamente d'accordo che la pena di morte sia una pratica inumana che ogni nazione che si dica civile dovrebbe bandire.

Mark Pirres 04.01.07 13:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pensate poi che per i musulmani era un giorno religioso importante, come il natale per i cristiani. Ma queso ricorda anche al famoso natale in Romania... quando senza processo hanno fucilato il presidente. Guardando il filmato non censurato dell'esecuzione del presidente Saddam Hussain, con l'aggiunta di alcune parole di Giuseppe Ungaretti

http://www.youtube.com/watch?v=csPdTu1uUaY


ci si rende conto che la civiltà non esiste sulla terra. Soltanto barbaria. Passare dallo stato di barbaria direttamente al declino ... senza una civiltà di mezzo, è triste. Tristissimo. Buon anno a tutti.


Ma come si fa' ha credere ad una messa in scena del genere..!!ma possibile che dobbiamo assorbire le notizie cosi' come le divulgano, senza che nessuno faccia un commento serio su tutto' cio' che accade??..Una guerra per il petrolio viene giustificata come preventiva, al fine di evitare un conflitto nucleare. Viene costruito un 11 settembre per avere l'opinione pubblica ha favore e la ciliegina sullta torta la testa di un manichino o di un sosia spacciata per quella di saddam; come sè la minaccia del mondo fosse lui...!!.I veri guerrafondai sono le compagnie petrolifere, che, pur di creare instabilita' per far lievitare il prezzo del petrolio sono disposte ha tutto: finanziano governi, corrompono politici, si fanno portatori di bandiere di pace, solidarieta', impugnano la parola Aiutare la crescita dei paesi piu' poveri per poi sfruttare la manodopera della povera gente, ripagandola, con disastri ambientali dannosi nel tempo.....Mi schifo, davanti al fatto che questi discorsi in tv o sui giornali non vengono mai trattati.Si usa tanto inchiostro sulla pena di morte di un dittatore, che, forse sarebbe l'unica cosa giusta, sè fosse vera, che sia stata fatta in tanti anni di guerra inutile....

Michele Altamore 04.01.07 09:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Molti ripetono che l'uomo impiccato non sia Saddham, ma penso che Bush non avrebbe mai tollerato che un archivio di informazioni così compromettenti, per lui e suo padre, restasse vivo e il suo cinismo dovrebbe essere ormai noto. Non c'è un motivo al mondo per cui avrebbe potuto risparmiare Saddham mentre ne aveva troppi per levarlo di mezzo.
Il fatto poi che all'esecuzione presenziasse Al Sadr che è un acerrimo nemico di Saddham e che questi abbia promesso di sostenere il governo con tutti gli sciti pur di verificare la morte del dittatore dovrebbe essere un'ulteriore prova a favore della sua morte. E non credo che egli si sarebbe fatto ingannare da un sosia.
Suo padre Mohammed Sadiq fu ucciso dal regime assieme a due dei suoi figli, colpito dai sicari di Saddam. Il cugino del padre fu uno dei fondatori di al Dawa e suo leader carismatico, ucciso dal regime ba’athista nel 1980. Mohammed Sadiq al Sadr rimase in Iraq per tutto il periodo del regime ba’athista e fu imprigionato nel 1972, nel 1974 e dopo la rivolta sciita del 1991.
Dopo la morte del padre, il giovane Moqtada prese il controllo dell’organizzazione, una vasta rete clandestina che lottava contro il regime ba’athista e voleva abbattere Saddham e instaurare una teocrazia sciita.

Vedi la bellissima figura di Al Sadr in:
http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=571

Un altro errore che sento ripetere è che i morti in Iraq sono poche migliaia. Spiace che ci siano tanti che scrivono senza nemmeno curarsi di leggere. La sola battaglia di Falluja durata dieci giorni uccise 350.000 persone. La rimozione che la stampa fa sistematicamente di questa strage è sospetta e dice solo quanto poco sia affidabile e quanto la nostra stampa, anche di sinistra, sia embedded al potere americano.

vedi il resoconto della battaglia di Falluja come apparve su rainews24, a seguito del filmato di chi entrò nella città dopo la strage
http://www.masadaweb.org/node/234

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 04.01.07 08:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho appreso dai tg l'arresto dell'uomo che ha divulgato il filmato dell'impiccagione di Saddam, ebbene penso veramente che stiamo rasentando il ridicolo. Assurdo, si arresta chi divulga le immagini e non chi commette l'omicidio, e come dire arrestimao il giudice che condanna l'imputato per, frode; truffa; falso in bilancio, ecc.. anzi premiamo il colpevole conferendogli una carica parlamentare. Chi mai potrebbe arrivare a questa follia? Ops! Dimenticavo, in Italia siamo riusciti a fare di più. Forse abbiamo bisogno di un bel digestivo che ci spurghi da questa indigestione di m...a. Ciao

Paolo Tortorici 04.01.07 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Il mio commento alla pena di morte inflitta a Saddam da persona civile, italiana ed Europea è di contesto alla stessa poichè io ho vissuto questa parte della mia vita in libertà e pace e questo atto anche per la divulgazione mediatica,.... sconvolge.
Approfondendo quanto accaduto, mi viene da pensare all’insieme del popolo iracheno che anni fà spinto dai finanziamenti USA andava senza ribellarsi in guerra contro l’Iran, lo stesso è accaduto quando Saddam si rivolgeva contro il Kuwait, certamente tra i soldati c’èra del malcontento che non poteva manifestarsi e ciò, è al contrario di noi, accadde poiché la libertà in quei posti non esiste e forse non è mai esistita, ma ritengo che se una speranza c’è di libertà in qualcuno di quel popolo, non è sbagliato cercare di contribuire a realizzarla. Probabilmente Saddam negli anni del suo governo ha perpetrato oppressioni finalizzate a garantirsi il potere che hanno causato dei stati di soggezione tali da inibire ogni possibile azione di libero arbitrio, tanto che solo parlane poteva significare anche la soppressione della vita. Tale condizione di paura è ancora presente nella gente di quei posti, gli attentati che avvengono tutti i giorni glielo ricordano….. come se qualcuno dice alla gente non vi schierate…. che sarete terminati, questo è quel particolare mondo…. tale minaccie non si sa da dove provengano visto che ci sono diverse etnie religiose una che vuol sopraffare l’altra
eee… da quest’ultima analisi forse si potrebbe spiegare Saddam nelle difficoltà che aveva a mantenere il potere tra un popolo da anni profondamente diviso che cercava di unire con delle guerre ma ciò non può giustificare le oscenità da lui e dai suoi collaboratori perpetrate.
Certo la condanna applicata, da al popolo una certa garanzia che quell’oppressione non tornerà più lo dimostrano gli iracheni che sono scesi in strada al sapere della notizia da ciò che ho visto era come se avessero vinto i mondiali, credo sia un inizio di liberta.>

maurizio Cioccio 04.01.07 04:49| 
 |
Rispondi al commento

> La cosa che c'è d'augurarsi è che tra chi sostiene Bush e chi il resto del mondo contrapposto a lui non si crei una disputa tra il proprio convincimento e quello degli altri.......... che non abbia finalità costruttive e di convivenza, ......noi occidentali siamo liberi di poterci esprimere parlarci confrontarci ed anche insultarci in molti posti del mondo NO.....
A volte soltanto esprimersi vuol dire condannarsi a morte, per le donne scoprire un velo dal viso essere soppresse, ci sarebbero altre miriadi di cose da dire....., in posti simili a quelli descritti l'ignominia dell'uomo trava casa, posti dove il forte anche se ignorante comanda il debole malgrado sia intelligente, questo rappresenta la sopraffazione tra simili nella vita di tutti i giorni dove l'alternativa e stare con loro o essere annientati-uccisi con le proprie famiglie piccoli ed anziani.
Anche in Europa storicamente si perpetrato ciò, nelle varie dittature, nelle guerre, nelle colonie,.... ed anche con le religioni mio malgrado anche cattolica....... ma oggi usufruiamo di uno stato di liberta mai ricordata nel corso della storia che ci consente tutto dandoci poi il tempo di capire se abbiamo sbagliato ed il tempo di correggerci.
Stiamo attenti, a non perdere tutto ciò……….. difendiamo il baluardo della libertà dove certo, parafrasando, possiamo prendere uno schiaffo ma anche ridarlo senza però arrivare ad uccidere od essere uccisi.
Ma attenzione nelle dispute dei pareri concettuali sull’oggetto di cui trattasi direi che ci sia da tenere conto che in un mondo che diventa sempre più unito dal progresso va considerato diversamente chi tenta di sopraffare utilizzando anche le proprie religioni e reprime l’intero suo popolo e...... chi rappresentando la libertà reprime chi lo offende con l'attacco...., il secondo certamente non fa molto meglio del primo ma va distinto.

maurizio Cioccio 04.01.07 04:46| 
 |
Rispondi al commento

Con Saddam Hussein abbiamo sbagliato tutto, e continuiamo a sbagliare tutto quando al potere si presenta un sadico. Errore la pena di morte (posso capire - non dico giustificare - la vendetta personale, no di certo i cittadini di uno stato "branco" che prendono un uomo e lo uccidono tutti insieme), errore averlo considerato un interlocutore politico in passato. Errore non aver subito fermato Milosevic, Karadzic, Mladic. Ora ci ritroviamo tra le scatole MAHMUD AHMADINEJAD, che i giornali spacciavano per presidente dell'Iran fino a due mesi fa, e che ora chiamano dittatore. Che cosa vogliamo fare? Lasciamo che torturi e uccida gente per vent'anni e poi lo impicchiamo, oppure lo blocchiamo subito? Abbiamo appena comprato un centinaio di Eurofighter: e allora mandiamo a lui personalmente un centinaio di benedizioni dal cielo, mettiamolo fuori causa ora che è potente e strafottente. Molto meglio: lasciamo a terra gli aerei ed usiamo veramente la diplomazia (ma non da conigli come facciamo sempre!), e facciamogli capire che dopo che avrà bombardato Israele non ci sarà altro da fare per lui che un bel niente. Facciamogli capire che deve trovarsi un lavoro adatto alle sue capacità e che non gli consenta di danneggiare gli altri. Quindi, invece di fare dei gran discorsi, emettiamo un santo mandato di cattura internazionale nei suoi confronti. Ha già torturato e ucciso abbastanza. Ce la facciamo? Dormiamo? Buonanotte.

Fausto Vittorio Chierchini 04.01.07 02:58| 
 |
Rispondi al commento

Sono fiero di essere ITALIANO : ancora una volta siamo all' avanguardia, avendo per primi tolto la pena capitale gia' nel 1947 ...

Faccio ammenda per il periodo in cui a cavallo degli anni 90, invocavo il regime di stato di guerra con conseguente pena capitale contro la MAFIA che assassinava la brava gente...

E' bastato il maxiprocesso con la legge DURA a far abbassare la testa a molti BOSS.

Finalmente arriva il sentimento di abbandono di certi TEMI superati da 60 anni, anche dal centrosinistra che si solito basa le proprie campagne elettorali sull' antifascismo, oggi chiamati in causa , come da me anticipato subito, in merito al barbaro ASSASSINIO di MUSSOLINI, hanno fatto un claomoroso AUTOGOL : " ALTRI TEMPI ! " hanno detto...

ERA ORA !!!!

Addio PARTIGIANI, addio ANTIFASCISTI !

Max Lanzani 04.01.07 02:02| 
 |
Rispondi al commento

A Capodanno si osa di tutto e di più, si chiude un anno e se ne inizia un altro.
E siccome dovevano farci un bel regalino e raccontarci al barzelletta di fine anno, ci han propinato il teatrino dell’impiccagione di Saddham Hussein, come se di stupidaggini non ce ne fossero già abbastanza in giro.
Quanti di voi si sono accorti che quello non è Saddham ma un sosia?
Quanti di voi hanno capito che questa è tutta una messa in scena?
Quanti di voi han capito che quelli sono attori pagati per fare il teatrino e che è tutta una grande bufala mediatica?
Quanti di voi han capito, che quel cappio non ha mai ucciso Saddham e che non è morto nessuno?
Fateci caso.
Confrontate la faccia del Saddham che ci spiattellano in tivù in questi giorni con le vecchie imamgini del rais.
La fronte di Saddham è molto più bassa di quella dell’uomo che fingono di impiccare, l’attaccatura dei capelli è diversa e i denti del rais sono bianchi e drittissimi, invece quelli del sosia sono storti, marroni e tutti marci.
Come si fa a credere a queste barzellette?
Dovevano far vedere che la guerra in Iraq è cosa buona e giusta, dovevano farci credere che la democrazia agisce bene e che i cattivi vengono eliminati per il bene dell’umanità.
Ma non è morto nessuno.
Saddham è nascosto da qualche parte in Sudamerica , protetto dalla Cia , che gioca a scala quaranta con Bin Laden, anch’egli protetto dalla CIA e amico della famiglia Bush.

Stefano Conforti 03.01.07 23:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.youtube.com/watch?v=csPdTu1uUaY


Uccidere è sempre uccidere.

Guardate il video originale (NON CENSURATO) della sua esecuzione. E pensate. Al link seguente o sul mio sito.

http://www.youtube.com/watch?v=csPdTu1uUaY&feature=PlayList&p=DCF255B26CF97177&index=0

Andrea Galli 03.01.07 22:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo condivido in pieno ciò che hai scritto. Curiosamente (..come di solito fai...)hai dimenticato nel tuo elenco le centinaia di esecuzioni sommarie che giornalmente si verificano in Cina.... Cuba... Russia dove anche i giornalisti che non si piegano al potere .....
Anche su questo nemmeno una parola!! Non è che diventi sempre più uguale a certi giornalisti di Regime???
Anche stavolta non risponderai.
Saluti e Buon Anno

filippo 66 03.01.07 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Non credo che Saddam sia stato impiccato.
Guardate questo video su libero riguarda l'esecuzione sospetta di saddam, vi lascio il percorso da copiare sulla barra degli indirizzi di explorer per vedere il filmato:

http://video.libero.it/app/play/index.html?id=cce236cbb6622aecb17373a8af24f006

Meglio non fidarsi dell'america specialmete dopo l'11 settembre, c'è un sito (www.torabora.it) che ha parecchio materiale e vi spiega come sono andati i fatti, vi consiglio di scaricare il documentario integrale lo trovate sotto la sezione video il titolo è: "Inganno Globale" è il primo film italiano sull'11 Settembre 2001.

ciao e buon anno a tutti!!

marco s. Commentatore certificato 03.01.07 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BASTA PELLICCE

"La pelliccia è portata da animali stupendi e persone orrende"

BASTA ALLE PELLICCE MORTE SULLE NOSTRE SPALLE, LE FUSA DI UN GATTO O LE FESTE DI UN CANE SONO PIU' CALOROSE, RISCALDANO IL CORPO ED IL CUORE.

FIRMA LA PETIZIONE PER FERMARE QUESTO MASSACRO

Aiuta i nostri amici animali, non essere insensibile al grido di dolore e di aiuto che ti chiedono le povere Volpi Bianche scuoiate vive per soddisfare i capricci di qualche "nobil donna" dall'animo poco nobile.

Grazie dell'aiuto.

clicca sul mio nome pochi click ed arrivi sul modulo della Petizione Online

AUGURI PER UN FELICE 2007 A TUTTI, ANCHE AGLI ANIMALI.

matteo tocco 03.01.07 21:34| 
 |
Rispondi al commento

sono ottimista.
per gli esseri umani un problema non e' un problema e non viene affrontato se non emerge. se latita non e' un problema. quindi il sacrificio umano alla dea giustizia e' giustificato se apre la strada alla sua abolizione. sperare e' lecito?
un omicidio non trova mai giustificazioni nell'omicidio e uccidere a posteriori un assassino non e' legittima difesa: e' vendetta legalizzata. lecito sarebbe, pur addossandosi la responsabilita' dell'atto, uccidere l'uomo per evitare che compia l'omicidio, avendo la certezza che cio' sta per accadere. sarebbe lecito uccidere george bush? no, perche' gli stati uniti continuerebbero nei loro efferati progetti.

sono pessimista.
abolire a livello internazionale la pena di morte (ovvero: i sacrifici umani) avra' lo stesso effetto dell'abolizione della tortura. il problema che non emerge mai ma che latita e' nella natura umana.


Gli USA non hanno fatto altro che creare un martire;in tal modo aizzano ancor di più le frange oltranziste a cui si accoderanno altri proseliti, così da poter continuare la loro sporca guerra petrolifera.

marco bergamaschi 03.01.07 20:53| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che in realta mi stupisce è il fatto che dalla decisione unilaterale del governo americano di impiccare Saddam, siano nate così tante polemiche.
Da quando "tutto il resto del mondo" conta qualcosa? da quando l'ONU è veramente l'organizzazione delle nazioni unite? Vorrei solo chiedere al sig. Marco Pannella cosa crede di ottenere?????????? Coloro che hanno "giustiziato" Saddam, sono gli stessi che sono stati accusati di alto tradimento dalle famiglie delle vittime dell'11 settembre....Caro Pannella, stop allo sciopero della fame. Semmai fa legalizzare la canapa, così almeno ci facciamo tutti insieme un cannone e non pensiamo a tutta questa merda che ci copre da troppo tempo

Andrea Caiazzo 03.01.07 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Ancora, sulla pena di morte si aprono dibattiti, certo, ma perchè? Perchè si vuole eliminare questo strumento estremo cosicchè a chiunque gli venga la voglia di uccidere lo potrà fare sapendo bene che tanto una vita in questo paese e non solo non vale in pratica nulla; mentre gli assassini, debbono essere capiti, rassicurati, recuperati etc. I loro reati che sono i più gravi
devono essere depenalizzati, aggirati, indultati,
amnistiati. Ma quanto sono buoni e bravi quelli che sono d'accordo sulla eliminazione della pena di morte dovrebbe accadergli di avere ucciso barbaramente un propio caro per poi sentire la sua reazione. CI SBAGLIA DEVE PAGARE. CHI UCCIDE DEVE ESSERE UCCISO. Figuriamoci il dittatore irakeno, ma la colpa di tutta questa reclame e solamente dei mass media che con la scusa del diritto di cronaca danno spessore a tutto e a tutti, filtrando però quello che a loro fa comodo.
Come Rai uno che non ha mandato in onda delle immagini pesanti dell'esecuzione del Rais in quanto loro hanno deciso che non era il caso.

maurizio nardi 03.01.07 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Saddam impiccato ,poteva benissimo essere un clone od un sosia ! Non abbiamo la ben che minima idea delle nefandezze che puo' compiere il governo Ombra degli Usa (vedi video di David Icke su googlevideo)! Ora comunque daranno un nuovo incentivo al terrorismo sovvenzionato dai servizi segreti usa ,come tutti i 50 conflitti presenti sul pianeta dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi!
Insomma se la guerra si affloscia ,........
continuiamo a comprare roba dalle multinazionali, e freghiamocene delle energie alternative e della scienza negata e delle scie chimiche ,e non avremo un futuro neanche per noi,altro che figli!!

vittorio messina 03.01.07 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma siamo sicuri che era Saddam? E Bin Laden dove si trova? E le torri e' tutto chiaro? Mi viene difficile credere a tutto quello che ci danno a vrdere.Ho dei dubbi,solo dubbi, tanti dubbi.

paolo stancarone 03.01.07 19:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si,infatti.
Saddam è figlio della grande america (con la "a")ed è stato punito per aver frequentato "brutta gente"... si quelli che devono fare il pieno alla Cadillac e alla Hammer.
Si, è stata una vendetta!!

Carlo Raule Commentatore in marcia al V2day 03.01.07 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Con la scusa del terrorismo ora gli USA hanno dato un altro colpo alla libertà e ai diritti della privacy.
Il governo vieta l'uso degli aeroporti americani a quelle compagnie che non forniscano all'FBI tutti i dati relativi ai loro passeggeri e alle loro carte di credito. Nessuno sa come saranno usati questi dati, certo il governo americano potrà avere, senza alcun mandato giudiziario, i dati privati di tutti coloro che accederanno a scali americani.
Il peggio è che l'uso arbitrario di dati privati come la carta di credito si dice permetterà anche l'ingresso nei dati privati della posta e mail.
Non capisco bene come ciò avvenga ma si tratta di una intrusione nella sfera di privacy di ognuno, una lesione gravissima della libertà individuale, una intrusione che può essere fatta solo su cittadini americani che siano sospettati di reato e per mandato espresso di un giudice.
Lo Stato che pretende impunemente di sovrastare qualunque legge internazionale e di poter commettere fuori dei suo confini qualunque crimine senza sottostare ad alcun tribunale, pretende altresì di imporre manovre poliziesche inquisitorie senza alcuna tutela legale a qualunque cittadino del mondo.
L'arroganza del governo americano è davvero stupefacente!

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 18:00| 
 |
Rispondi al commento

che BARBARIA: e dire che la storia dovrebbe insegnare(questo è quello che ci dicono a scuola) per non ripetere gli errori del passato,o no? IO non sono comunista, non sono antiamericana, non sono una di quelle persone che crede che la vita la può togliere solo Dio. sono solo una PERSONA che crede fermamente che troppe barbarie in questo mondo siano impunite,troppe atrocità non siano conosciute e questo non sia il modo per eliminarle. perchè la dittatura di Saddam è più importante di quelle meno "sponsorizzate" (Birmania, Cina...) perchè lui impiccato, per isegnarci cosa? che il dittatore famoso muore? è una nuova sottospecie di reality splatter a cui tutti ci dovremmo appassionare? arriveremo al televoto? Non dico che Saddam sia "un povero martire" ma credo fermamente che con questa impiccagione si sia sottolineata SOLO la BARBARIA di cui siamo capaci: chi ha scelto per la sua morte non è meno assassino di lui.

elisa Acerbi 03.01.07 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Sembra che il leader scita nemico di Saddham, Moqtada Sadr, abbia garantito al governo l'appoggio degi sciti pur di essere presente all'impiccagione e che fosse l'uomo incappucciato di nero che stava dietro di lui a sinistra
Questo aggiunge altro horror alla vicenda
Quali e quanti odi si agitano in Iraq?
Saddham aveva saputo con pugno di ferro tenere i suoi nemici aggiogati, impedendo all aguerra civile di insorgere e vietando al terrorismo internazionale di entrare e ai fanatismi religiosi di esplodere, ma gli yankees hanno solo montagne di denaro che sperperano senza saper vincere una guerra, senza saper ricostruire un paese, senza saperlo amministrare, senza saper fare nulla di nulla
Dopo di loro il caos
Non serve a niente essere il paese più ricco del mondo se non c'è intelligenza, se non c'è lungimiranza, se la ricchezza porta al potere solo i più deficienti
Il risultato è solo un grandissimo, infinito spreco.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 17:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè condannare Saddam e non condannare chi lo ha creato finanziato armato istruito nell'uso delle torture approvato quando gasava i curdi?
Credo sia errato guardare a Saddam senza vedere altro. Esiste all'ONU una definizione di Terrorismo? no l'USA si sono sempre opposti a qualsiasi formula, perchè? forse perchè ogni formulazione include gli USA. Perche non si può condannare il paese più terrorista del mondo? il paese che protegge i terroristi e incarcera chi denunzia i terroristi? vedi il caso dei cinque cubani imprigionati a Miami con condanne tombali. Chi addestra gli squadroni della morte in Columbia ? gli USA .
Perchè gli USA non riconoscono il tribunale internazionale? credo ci sia sotto che l'impero può fare tutto e non può essere processato . questo è ciò che i media ci rimandano

benedetto morello 03.01.07 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Uccidere un assassino é un assassinio? SI CERTO.
Poco conta chiedersi quali origini aveva il boia e di chi fosse il cappio. Questi sono interrogativi inutili,per cercare di mettersi l'anima in pace. Se poi vogliamo minimizzare l'atrocità commessa con l'impiccagione di un condannato,allora possiamo anche nominanare Hiroshima, Gulag,il Tibet,Darfur, la Cecenia per concludere con i QUARANTAMORTIALGIORNOCHENONFANNOPIU'NOTIZIA in Iraq.
Chiediamoci pure se mai qualcuno,per questi fatti sarà condanato. Io non lo so, ma auspico che se questo avverà il condannato non venga appeso con una corda al collo

Gianni Ludovisi 03.01.07 16:33| 
 |
Rispondi al commento

beh, sarà certo vero che il cappio per saddam è stato annodato da un iracheno ma che la corda è di casabush - o viceversa- ma, d'altra parte, gli esportatori di democrazia e di libertà che hanno aperto il mercato iracheno a queste "merci" forse che non contemplano nelle loro leggi e nella loro pratica l'uccisione legalizzata? non mi stupisce -per quanto mi addolori e stupisca ogni volta - che un uomo, probabilmente un cattivo uomo - sia stato ucciso da un altro uomo - probabilmente un cattivo uomo - continua a stupirmi che il giusto principio di reciprocità quando esercitato tra barbari sia considerato scandaloso

luis lageder 03.01.07 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Nei lontani anni '60 stessa scena...il mondo vede la morte di J.F.Kennedy...chi ha ucciso Kennedy?? Un killer infuriato di cui non si sa perkè l'avrebbe fatto,oppure un esperto assodato dalle multinazionali che avevano i loro interessi da soddisfare??Io opterei per la seconda affermazione,perkè l'hanno ucciso?!perkè kennedy aveva deciso di ritirare i contingenti USA in Vietnam ove c'erano forti interessi di tipo strategico ed economico!!Questo è successo in Iraq,passa il tempo,ma i retroscena sono sempre gli stessi...questo è il modo secondo il quale -cari lettori-si costruisce una democrazia, togliendo di mezzo una persona??La dittatura esiste nel campo economico ove comandano le multinazionali...è bello vedere le multinazionali che sfruttano la dignità umana?!!Eh spero che qualke filoamericano si accorga della menzogna in cui naviga il mondo...come ho fatto io alla fine dei conti in quanto anke io ho appoggiato la guerra spinto dalla ribellione...La guerra non porta a nulla, solo alla distruzione e all'odio.Voglio infine augurare a Beppe Grillo e a tutti i responsabili del blog un felice anno nuovo... mikele

michele tassiello 03.01.07 16:17| 
 |
Rispondi al commento

quarantamortialgiornochenonfannopiùnotizia? Le Nazioni Unite hanno affermato che in Iraq muoiono di morte violenta mediamente circa 120 civili al giorno.
Iraq: in dicembre nuovo record di vittime civili

02.01.2007 - 09:10
BAGHDAD - Il numero delle vittime civili in Iraq ha toccato un nuovo tragico record nel mese di dicembre appena trascorso. Lo riferisce il ministero dell'interno di Baghdad, i cui dati, seppure ritenuti parziali ed incompleti, indicano che nell'ultimo mese del 2006 il totale delle vittime civili della violenza settaria ha raggiunto quota 1.930.

Le statistiche irachene in genere non collimano con le stime fatte dagli organismi internazionali: secondo le Nazioni Unite, per esempio, ogni giorno perdono la vita in Iraq 120 persone, per un totale annuo di oltre 40.000.

I dati ufficiali diffusi oggi dal ministero dell'interno riferiscono che nel 2006 ci sono stati in Iraq 12.320 morti fra la popolazione civile. Probabilmente si tratta di una cifra inferiore alla realtà, ma è interessante notare che secondo la stessa fonte la metà di questi decessi si è avuta negli ultimi quattro mesi.

Anche le fonti ufficiali di Baghdad confermano pertanto che la situazione si è andata considerevolmente aggravando: il passaggio dai 548 morti di gennaio ai 1.930 di dicembre testimonia che da inizio a fine anno i morti sono quadruplicati.

Gianluca broso 03.01.07 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ragazzo di 17 anni residente a Bitonto,una cittadina in provincia di Bari frequentante la 4 classe dell'itc vitale giordano;questa è la prima volta che scrivo su questo blog per esprimere le mie riflessioni su un tema che mi colpisce....Un Saddam vivo avrebbe comportato grandi problemi per gli USA...finchè il"buon Saddam"ha lasciato alle satrapie locali sorvegliate dal piccolo contingente USA l'amministrazione dei pozzi petroliferi,poteva comandare l'Iraq con tutti i privilegi possibili;le multinazionali Americane appoggiate da Bush trattavano l'iraq come una gigantesca stazione di servizio,imponevano i prezzi del petrolio all'Occidente che a loro volta acquistavano o estraevano con pochi "quattrini".Quando Saddam ha chiuso le Porte agli Americani e quindi all'Occidente, questi si sono affrettati a trovare un pretesto valido a giustificare la Guerra del golfo 2,le armi nucleari di cui Saddam ne avrà avute in piccole quantità,la sua destituzione,l'arresto e infine l'impiccagione...sn le multinazionali che vogliono tutto questo,allo scopo di far lucro, contro quelle si dovrebbe scagliare il mondo,non contro Saddam...ci sono migliaia di dittature nel mondo appoggiate dagli americani,perkè colpire proprio quella Irachena??!Il mondo dovrebbe riflettere un pochettino...l'uomo non ha il diritto di punire,può condannare gli atti violenti ma non punire e tanto meno giustiziare...a noi non ci è concesso.... mikele

michele tassiello 03.01.07 15:53| 
 |
Rispondi al commento

I DUE PAESI "MITO" PER IL MONDO INTERO, VATICANO E STATI UNITI, HANNO NEL LORO ORDINAMENTO LA PENA DI MORTE. PIU' FACILE PENSARE CHE SI ESTENDA DAPPERTUTTO. CON BUONA PACE DEL GRANDE CESARE BECCARIA. E' UN MONDO CHE VA AL ROVESCIO. SALUTI!

Francesco Manfredi 03.01.07 15:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono solo una ragazza di 17 anni e probabilmente non capisco ancora molto di politica e di fatti delmondo, ma di certo posso ritenere la pena di morte ingiusta. credo che un uomo non possa decidere per un'altro come e quando deve morire. io personalmente non lo sopporterei. il 30 dicembre sono stata svegliata da mia mamma alle 8 con una frase veramente da non credere "Saddam è stato impiccato oggi all'alba". al momento ero indifferente, ma sentendo il tg ho cominciato a capire qualcosa. non credevo che l'uomo fosse capace di tanta crudeltà anche nel XXI secolo. potrei dire che Saddam se l'è cercato, ma non posso giudicare perchè non è lecito.

Roberta Poloni 03.01.07 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Ripropongo la mia richiesta, modificata, in quanto è stata cancellata:

A TUTTI QUELLI CHE SONO FAVOREVOLI ALL'IMPICCAGIONE DI SADDAM HUSSEIN

Visto che chi, come il sottoscritto, è contrario all'impiccagione viene etichettato o come comunista o antiamericano o cattolico ecc. ecc. ecc. vi pongo le seguenti semplici domande:

1) qualora risultasse confermata la notizia dell'utilizzo del fosforo bianco su popolazioni civili, Bush, quale comandante delle truppe:
- andrebbe processato?
- se ritenuto colpevole, potrebbe essere impiccato?

2) L'esercito israeliano sembra (ma ci sono pochi dubbi) abbia lanciato cluster-bombs sulla popolazione palestinese.
- Il primo ministro israeliano dovrebbe essere processato,per questo?
- se trovato colpevole, potrebbe essere impiccato?

Massimo Baroncini 03.01.07 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Carlo Negri
vedo che ti hanno infilato in testa un facile cliché a cui hai aderito con la soddisfazione pigra dei non-pensanti: "L'antiamericanismo di sinistra!"
Non c'è stupidata maggiore! Uno slogan ti permette di non riflettere, ma, col tuo consenso, devo dirti che ne abbiamo piene le scatole di facili slogan messi in giro da gente pagata dalla CIA come Ferrara o Farina o da altri, come Berlusconi e compagni che vanno a nozze con i Bush e i Putin per calcoli personali! E siamo stanchi anche di gente che negli slogan ambedded ci casca come la mosca nella panna
E' proprio grazie a questi pessimi slogan e ai pigri di mente che, piuttosto che valutare gli eventi, ripetono a pappagallo parole imboccate.. che il mondo va male
Prova a pensare: la maggior parte delle critiche all'amministrazione neocon di Bush proviene dalla stampa americana, dalle maggiori testate statunitensi e dai migliori giornalisti, docenti universitari, studiosi e analisti politici degli USA, e le stesse cose sono state confessate persino da alcuni capi della CIA e da alcuni vertici militari. Sono proprio quei giornalisti i migliori cervelli dell'America, sono loro che ci dicono che cosa non va nel loro amatissimo paese, che scoprono i peggiori scandali, che mandano, quando ci riescono, a spasso corrotti come Rumsfeld e persino come Nixon
Tu credi che siano tutti affetti da antiamericanismo di sinistra? Io credo piuttosto che siano affetti da un grande idealismo, da un grande amore per il proprio paese e da una profonda ricerca della verità, valori che chi parla per slogan non riesce neppure a comprendere
Dunque dire che tutto ciò che Bush ha predicato è falso
che le due guerre in Afghanistan e Iraq sono totali fallimenti
che gli USA hanno perduto grazie a Bush libertà e sicurezza
che nessuna democrazia è stata esportata
che queste guerre sono solo petrolifere
e hanno prodotto solo morti inutili
secondo te sarebbe antiamericanismo di sinistra?
Ma ti senti quando parli?

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Un dittatore come prima cosa....al giorno d'oggi non dovrebbe esistere.....non dovrebbero...nemmeno dargli sepoltura.... come non lo ha fatto lui a tutte le persone che ha trucidato.....a una persona che non ha avuto pietà e rispetto della vita altrui non si possono dare possibilità....e non si deve vittimizzare la sua sgradevole persona...
Ora non trovo giusto che si faccia vedere l'esecuzione in diretta...ma questo è pane per i giornalisti.....che non vedono l'ora di trovare uno scoop, dove qualcuno soffre o viene ucciso... è un po' come nel periodo che precede l'estate..... che alla televisione e sulla carta stampata non si parla d'altro che di animali abbandonati o maltrattati.....io personalmente mi sono rotto i cogli....i...,ma non voglio uscire dal topics....
Da come la vedo io Saddam ha raccolto quello che per anni ha seminato... e cioè MORTE.... e MORTE ha raccolto...

Alberto Rossi 03.01.07 13:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste idee non sono di nè di destra nè di sinistra, ma sono realtà universali.
Non c'è nulla di interpretato, proprio nulla, sono solo fatti: Saddam è dovuto morire perchè la famiglia Bush voleva la sua personale giustizia (o meglio chiamarla vendetta?) per il "tradimento" agli USA con l'invasione del Kuwait nel '91.
Basta leggere le notizie, i fatti, e avere un minimo di coscienza per capirlo.
La stessa guerra in Iraq: si è parlato per mesi di armi di distruzioni di massa mai esistite, e ancora adesso non c'è un politico che dica che l'unico motivo era accapparrarsi il petrolio. Perche se all'Iraq metti l'imbargo per 10 anni, e poi lanci l'operazione "food for oil", così ben sponsorizzata dall'Onu... è abbastanza chiaro: prima ti affamo, poi ti derubo (sfamandoti...).
Non bisogna essere per forza antiamericani, ma azz... Bush è un delinquente, e chi gli è andato dietro pure.

Alfredo Spera 03.01.07 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Saddam è stato un efferato assassino.
Un dittatore. Per qualcuno è significato la salvezza , per molti altri la rovina delle proprie vite.
Eppure quando sentii che lo avevano condannato a morte ero sicuro che alla fine non gli avrebbero fatto niente. Un criminale a quei livelli viene trattato con più rispetto che un comune assassino.
Basta vedere, da noi, come trattano Provenzano.
Invece poi è successo. Lo hanno impiccato davvero.
Incredibile.
Non ci sono scusanti per ciò che ha fatto e alla fine la penna capitale in questi casi non è poi così ingiusta. Ma non è certo stato l'unico.
Credo che Pinochet avesse fatto anche di peggio eppure non gli hanno fatto nulla (e Giovanni Paolo II gli andava a stringere la mano).
Ma non solo i vari dittatori che ancora ci sono.
Per come la vedo io, Bush non è peggio di loro.
Deve pagare anche lui tutte le cazzate che ha fatto. Non si tratta solo di vendetta per aver sputtanato gli americani. C'è dell'altro.
Per chi volesse saperne di più, consiglio a tutti di vedere i due film di Michael Moore 'Bowling a Columbine' e 'Fhareneit 9/11' per capire qualcosina di più su quanto alla fine, i cattivi ragazzi educati dagli americani e dalla CIA (Bin Laden incluso...a proposito, ma è vivo o è morto?!?), diano fuori di testa e poi decidano di fare come gli pare..
E per chi vuole farsi due risate su Saddam, guardate il film di South Park.

Ciao bimbi e grazie Beppe, tornerò a vedere il tuo prossimo spettacolo.

mirko ciardi 03.01.07 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Signori miei ,
e' difficile essere sinceri e magari anche onesti ad esporre i propri pensieri in questo mondo di censure ed ipocrisie ... ma basta con questo inutile pietismo, diventato oramai utiliristico..la legge del taglione non e' mai piaciuta a nessuno ma Saddam ha sbagliato ed ha pagato il conto come vuole la SUA legge e il SUO paese che ha tanto "trucidato"...non dimentichiamo!!

valentina piccone 03.01.07 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Tutte le vostre lettere sono state lette con interesse. E alcune sono state riportate sul blog

http://www.masadaweb.org

La redazione ringrazia

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Gran parte dei Paesi membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell'ONU ammazzano a sangue freddo i propri concittadini.
Chiamala sicurezza...
Grande Pannella! Il tuo gesto umanitario e laico disarciona dal calendario tanti santi bifolchi ed evidentemente inutili.
Da una non-radicale, massimo rispetto.

Marina Del Monte Commentatore certificato 03.01.07 10:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Luca dice, giustamente, che è impossibile quantificare le esecuzioni capitali avvenute in paesi non democratici
Del resto, nemmeno ora che Pinochet è morto, possiamo sapere quante persone questo criminale ha assassinato in Cile
E non sapremo quanti assassini siano stati perpetrati da Saddham, mentre se il processo fosse stato più lungo e legale, soprattutto fatto da un tribunale internazionale, avremmo saputo di più sui sui crimini e sui suoi complici. Ma la sua voce è stata strozzata, in tutti i sensi, per affondare nell'oblio le vergogne dell'Occidente, in particolare di USA e UK
Ci offende vedere che le mani che lo hanno impiccato sono quelle dei suoi complici

Il maggior n° di uccisi è in Cina, che non è solo il paese più popoloso del mondo, ma anche uno dei più efferati e antidemocratici, e il modo con cui la Cina viene blandita dai governi occidentali per l’avidità dei suoi mercati o della sua mano d’opera quasi schiava è abominevole!
Amnesty International dice che nel 2003 l’84% delle esecuzioni capitali del mondo sono state eseguite in Cina, Iran, USA e Vietnam
In Cina nel 2003 le esecuzioni capitali riconosciute furono 726, ma le cifre ufficiali sono del tutto inattendibili. Un esponente politico cinese, Chen Zhonglin, giurista e preside della facoltà di legge parlò di 10.000 esecuzioni l’anno!
E la Cina si è macchiata di gravissime violazioni dei diritti umani nei confronti di minoranze etniche e religiose e dissidenti politici; pone pesanti limitazioni alla libertà di informazione, di parola e di movimento dei cittadini; non permette sindacati indipendenti e ha un sindacato di stato all'uso fascista
Non ha fornito dati attendibili nemmeno sui morti della Protesta di Piazza Tien an men, il governo cinese ha detto: 200 morti, chi la visse parla di 7.000.
Che questo Stato abbia diritto di veto nell'assemblea delle Nazioni Unite è una iniquità intollerabile, come che ce l'abbiano gli USA, che sono il 1° stato aggressore e inquinatore del mondo!

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 09:55| 
 |
Rispondi al commento

1
Comunità di Sant’Egidio

Nessuno può sostituirsi a Dio. La difesa radicale della vita viene da Dio (1° libro della Bibbia). La vita di Caino è protetta da un segno speciale che impedisce la vendetta
La pena di morte non restituisce vita alle vittime. Aggiunge solo una nuova morte
Non è un deterrente. Usarla non diminuisce i reati gravi. Toglierla li fa diminuire del 20%. Negli States che la mantengono il tasso di omicidi è doppio o triplo rispetto di altri che l'hanno abolita da tempo
Non risarcisce le famiglie delle vittime, ma le congela, per anni, nell’odio e nell’attesa di una vendetta esercitata dallo Stato a nome dei privati
Nei paesi democratici colpisce 9 volte su 10 minoranze sociali o razziali (poveri, neri, nativi, ispanici). E’ drammaticamente iniqua perché seleziona la razza e il ceto sociale del condannato (nessun ricco è mai stato condannato a morte in USA). Altrove colpisce oppositori politici, minoranze religiose
Negli Usa, dal 73, 96 condannati a morte sono stati rilasciati perché trovati innocenti, e nell’ultimo anno grazie al test del DNA. E’un tasso di errori immenso
Essa non rende migliore né lo stato né la società civile ma li abbassa stato al livello degli assassini
E’ inaccettabile ciò che vuole dimostrare: che il condannato non è un uomo in senso pieno, ma un "sottouomo" “subhuman”, “untermensch" come avrebbero detto i nazisti
E’ il più premeditato degli assassinii
A. Camus: “Un'esecuzione non è solamente morte, ma è diversa dalla privazione della vita almeno quanto un campo di concentramento è diverso da una prigione”

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 09:31| 
 |
Rispondi al commento

2
Contiene una dose ineliminabile di tortura perché si muore 10,100,1000 volte ogni giorno prima di morire: nella propria mente, nell’attesa, nella soppressione dei diritti umani che il sistema carcerario estremo rappresenta
L’accelerazione delle coscienze per stare con un diritto umano in più nel Terzo Millennio chiede un gran lavoro per far crescere le opinioni pubbliche e aiutare le scelte dei governi
Molte componenti del pensiero laico e religioso hanno espresso un rifiuto radicale, cristiani e non cristiani
Giovanni Paolo II ha più volte ribadito l’inviolabilità della vita e l’empietà della pena capitale
Aumentano nel mondo le associazioni di parenti di vittime che rifiutano la pena di morte e i cui membri chiedono di non uccidere nel loro nome.
La pena di morte disumanizza l’intera società mentre abbassa lo Stato a reazioni primitive. Per questo è sempre una sconfitta
La logica istintiva e infantile di una giustizia vendicativa appartiene a uno stato di natura che,in questo passaggio di millennio, vorremmo veder tramontare in un progresso di civiltà universale

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 09:30| 
 |
Rispondi al commento

La famiglia Bush è spregevole comunque la si guardi
Se George Dabliù è considerato il più scemo dei due fratelli, ragione per cui è stato prescelto per fare il presidente USA, il fratello Jeb è considerato l‘intelligente di famiglia, ragione per cui è stato prescelto per il governo della Florida
Si sa come funziona la decantata democrazia americana e come sia il potere del denaro e non il valore delle idee a portare ad alte cariche, per cui un padre ex presidente e ricco petroliere aiuta
La democrazia della ricchezza dovrebbe essere una contraddizione in termini, riguardando i pochi e non i più.
Efferato come gli altri due, Jeb Bush ha già permesso che si giustiziassero nel suo stato ben 21 persone.

L’8° emendamento della Costituzione americana vieta che si applichino sistemi dolorosi o inusuali. Ci chiediamo che fine abbia fatto questo emendamento a Guantanamo o Abu Graib, nei centri di tortura che gli americani hanno nelle loro 725 basi in tutto il mondo (90 solo in Italia), nelle scuole di tortura sparse per tutti gli States.
L’8° emendamento fa parte dei primi 10, noti come Carta dei Diritti (Bill of Rights) che introduce nella Costituzione ulteriori tutele dei diritti civili e vieta di fare ricorso a pene crudeli e inusitate
La pena di morte fu reintrodotta negli Stati Uniti dalla Corte Suprema nel 1976 (amministraz. repubblicana di Gerald Ford), dopo essere stata sospesa per 9 anni (da Johnson, democratico) perché giudicata crudele e inusitata
Dopo di che si abolirono sistemi come l’impiccagione o la fucilazione o la sedia elettrica perché giudicati troppo dolorosi e ci si orientò verso l’iniezione di veleni, ma i 37 minuti di agonia dell’ultimo condannato hanno messo sotto il mirino anche questo sistema
Notiamo che nella tanto civile America si suppliziavano anche minori e ritardati mentali e che solo nel 2003 la Corte Suprema ha stabilito che anche l’esecuzione di persone che soffrono di ritardi mentali è una violazione dell’8° emendamento!

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sarebbe opportuno che ,prima di fare la contabilità delle morti provocate da SADDAM e da altri , si considerassero alcuni fattori :
- se da un lato è possibile sapere quaunte persone vengono uccise in un paese occidentale , dall'altro è impossibile avere la certezza di quello che avviene in altri paesi meno "trasparenti" (ex URSS, Medio Oriente , Far East). Qui ci si basa spesso su stime effettuate pensando che "non è umanamente possibile che sia peggio di così..")
- avendo visssuto in paesi "sotto dittatura" , le posso garantire che più spesso di quanto si vorrebbe , i morti ufficiali vanno moltipicati per 20
- d'altra parte , non essendoci in molti casi dati certi sulle nascite , risulta difficile sapere anche quanti sono i morti!
La SFIDA del 2007 dovrebbe essere : OCCUPARSI DI DIRITTI UMANI IN CINA ( ma BUSH fa più clamore , si capisce!!) , visto tra l'altro che nel 2008 ci saranno le Olimpiadi ( vada a contare le vittime sui cantieri dei "Giochi" a Pechino se ci riesce!)
Buon Vento

luca p 03.01.07 08:56| 
 |
Rispondi al commento

Al “presidente” dell’Irak vorrei dire che il riferimento sull’uccisione di Mussolini è giusto; solo che quello è il nostro passato, mentre lo strazio di Saddam è il vostro presente. Le virgolette sulla sua importante carica istituzionale sono riferite al suo sponsor-invader che mi fa chiedere: per il responsabile di migliaia di morti americani e di centinaia di migliaia di iracheni (e altro) quale pena sarebbe giudicata giusta ?
Buon 2007, buona America ed auguri che guarisca presto.

Giacomo Della Guardia 03.01.07 08:36| 
 |
Rispondi al commento

Credo che dovremmo vivere rinchiusi in un luogo buio per molto tempo, tutti insieme,senza leggere giornali,ascoltare raccapricianti interviste,sentire i giornalisti vaneggiare davanti al teleschermo. Probabilmente sarebbe un ottimo deterrente per tutte le false informazioni che ci tirano addosso tutti i giorni........
boicottiamo la falsa informazione e riprendiamoci noi le vere notizie.....reagiamo a chi ci fa credere che un esecuzione sommaria sia un atto di giustizia a chi ci fa versare il TFR in tasca a al Tanzi di turno....
Non facciamoci prendere per i fondelli...

Fabio Pensa 03.01.07 08:35| 
 |
Rispondi al commento

Avere l'atomica non rende civili
L'Iran di Ahmadinejad ha iniziato il 2007 con 3 esecuzioni capitali: uno degli assassinati ha 22 anni ed è stato arrestato quando ne aveva 16
Nel braccio della morte ci sono 21 giovani che al momento di commettere il delitto di cui sono accusati erano minorenni
Il Tribunale della Rivoluzione emette condanne a raffica contro persone accusate di essere oppositori politici!

In USA, nel 93, il padre di Bush ripristinò l'iniezione letale lasciando liberi gli stati di ammazzare come volevano. I 3 veleni dovrebbero uccidere in 7 minuti. L'iniezione di veleni era stata sospesa dalla Corte Suprema come incostituzionale perché disumana, ma i due Bush se ne sono sempre fregati della legge modificandola con particolare cinismo
Recentemente un condannato portoricano in Florida ha agonizzato per 37 minuti in preda a sofferenza indicibile. L'opinione pubblica si è scandalizzata tanto che Florida e California hanno sospeso la pena di morte
In Florida ci sono 374 detenuti che aspettano l'iniziezione letale. Il giudice distrettuale che lavora sul caso di un condannato a cui esecuzione era stata sospesa per l'obiezione morale di due anestesisti, ha dichiarato che l´iniezione letale è incostituzionale poiché viola l'8° emendamento della Costituzione, che proibisce le punizioni crudeli e inusuali, e ha imposto una moratoria in California. Questa idea sta andando avanti anche in Ohio, dove l´avvocato difensore di un condannato a morte ha paragonato il sistema delle iniezioni a una tortura e ha chiesto al giudice di annullare la condanna. Nel 2005 sono state uccise 60 persone.
Gli USA avevano sospeso la pena di morte e l'hanno ripristinata nel 77. Da allora hanno ucciso 1.005 persone
Si noti che tutto dipende dal volere del solo presidente e che è lui che nomina i giudici della Corte Suprema, che al momento hanno sospeso il giudizio sull'iniezione letale voluta da Bush padre, ubbidendo più ai loro sponsor che alla Costituzione del loro paese.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 08:32| 
 |
Rispondi al commento

£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£
£---KLIKKAMI E DIVERTITI!

Piero Frassino 03.01.07 08:26| 
 |
Rispondi al commento

Credevo che i leghisti fossero per la pena di morte ma ho sentito Castelli e diceva, una volta tanto, delle cose sensate: che l'esecuzione di Saddham è stata raccapricciante e che non ce l'avrebbero dovuta far vedere in tv e che era contrario alla pena di morte
Lasciando da parte Calderoli e le sue aberrazioni, posso solo sperare che i fautori della pena di morte siano solo pochi individui convulsi e poco sviluppati.
In Russia la pena di morte è sospesa da 10 anni, peccato che il criminale Putin (il grande amico di B) uccida i nemici politici in altri modi meno legali.

Se anche la richiesta di una moratoria mondiale arriva al gabinetto dell'ONU, il veto di USA, Russia e Cina non la lascerà passare. Francamente trovo mostruoso che queste 3 potenze possano arrestare il progresso morale del mondo.
Il loro veto uccide qualunque principio democratico.
Per la legge "una testa un voto", dovrebbe essere tassativo che i voti dei vari paesi contassero in proporzione al n° dei loro abitanti. Questo purtroppo manterrebbe la Cina in cima alla classifica, ma porterebbe avanti l'India per esempio.
L'Europa ha quasi mezzo miliardo di abitanti contro i 288 milioni degli USA. Possibile che questo non conti niente?
Non in tutti gli USA si applica la pena di morte: in alcuni è stata abolita, oppure la sua esecuzione è stata sospesa. La pena di morte è comunque prevista per reati federali e militari
Gli states che non hanno la pena di morte sono: Alaska, Hawaii, Iowa, Maine, Massachusetts, Michigan, Minnesota, North Dakota, Rhode Island, Vermont, West Virginia e Wisconsin a cui va aggiunto il Distretto di Columbia; in Kansas e New York la pena di morte è stata dichiarata incostituzionale; nell'Illinois è in corso dal 2003 una moratoria; in altri 3 stati, South Dakota, New Jersey e New Hampshire, da tempo non si eseguono condanne; sono quindi 18 gli stati che non la applicano.
Purtroppo sembra che gli americani favorevoli alla pena di morte siano il 66,6% della popolazione.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 03.01.07 08:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ancora una volta Caino ha ucciso Abele.Poco importa se Abele era a sua volta un assassino,dittatore sanguinario.E'sempre il sangue di un uomo quello che sporca mani occidentali.Perche'sappiamo tutti che il boia era iracheno,ma il mandante americano.
Il mondo ora e'piu'giusto?E',addirittura,salvo?Per essere tale si dovrebbero fermare le guerre ventennali che insanguinano l'Africa,la guerra civile cecena;fermare le mani di tutti i boia dalla Cina comunista all'America liberale.Per non parlare poi dell'inquinamento:quando l'idrogeno sostituira'il petrolio?Dovremo fare un'altra guerra "breve e giusta"per ottenerlo?!
Ancora,a chi faceva paura Saddam Hussein?Agli sciiti,ai curdi cioe'alle minoranze del popolo iracheno da lui sanguinosamente oppresse.Alla comunita'internazionale?O meglio,alla comunita'internazionale dei petrolieri tra le cui fila si annovera la famiglia Bush?Se a Saddam fosse riuscita la presa del Kuwait e la vittoria nella guerra,avrebbe potuto tirare le fila dell'economia globale avendo dalla sua il potere di chi detiene l'oro nero.Le mani del boia,sporche di sangue,puzzano di petrolio.
Voglio pensare bene:e'stato fatto per il popolo iracheno!...A quando la defenestrazione del dittatore nord coreano Kim II Sung?Spero per la prossima fine d'anno...Perche'avvenga,invito ogni coreano a prendere una pala in spalla e iniziare a scavare nel proprio giardino nella speranza che vi trovi un pozzo di petrolio.Da quello potrebbe dipendere la sua vita e quella dell'intera sua famiglia.No,non per il mantenimento economico della stessa,bensi'perche'per l'occidente liberale e capitalista una vita vale quanto un barile di petrolio,come per la Cina comunista e dall'economia chiusa la vita di un oppositore vale il costo del proiettile che serve ad ucciderlo.

Ylenia Pettinelli 03.01.07 03:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Francesco D'aguanno GRAZIE PER IL POST AL VIDEO SU GOOGLE, è veramente sconcertante!!

Marco Arata 03.01.07 01:50| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e ciao blogghisti,ho letto i Vs post e vedo k le idee circolano ... me ne rallegro.Tra poki giorni sarà operativo il mio sito & blog e sarò felice di ospitarvi e sentire i Vs commenti & pareri.

Paolo Moschini Commentatore in marcia al V2day 03.01.07 01:47| 
 |
Rispondi al commento

UN UOMO MORTO IRACHENO VALE COME UN UOMO MORTO AMERICANO.

diego fioravanti 03.01.07 00:10| 
 |
Rispondi al commento

Prima di dare peso a quelli dei nostri governanti di oggi e di ieri che ipocritamente fingono di stracciarsi le vesti contro la pena di morte, evidenzio che non mi risulta che tra le ultime modifiche costituzionali attuate figuri anche quella dell'art. 27, comma 4 che così recita:

"Non è ammessa la pena di morte, se non nei casi previsti dalle leggi militari di guerra."

Quella clausola, "se non nei casi previsti dalle leggi militari di guerra", alla mia mentalità distorta e paranoica, pare presente al solo scopo di garantire una possibilità di agevole ripristino della pratica oggi apparentemente condannata.

In virtù di quella clausola credo che, in caso di guerra e con un semplice atto legislativo magari d'urgenza, il governo di turno potrebbe celermente ripristinare la pena di morte a danno delle categorie di soggetti che ritenesse in quel momento più opportune.

Non credo che sia fantasia. Se veramente ci fosse una così grande unità d'intenti contro la pena di morte, come **appare** in questi giorni, non credo che sarebbe poi così complicato riscrivere il comma 4 dell'art. 27 della Costituzione in una forma più sinteticamente vincolante:

"Non è ammessa la pena di morte."

Ma sappiamo che la chiarezza troppo vincolante è un limite non gradito a chi gestisce il potere. Meglio la discrezionalità.

Saluti
Aldo

Aldo Carpanelli 03.01.07 00:01| 
 |
Rispondi al commento

non possiamo accettare la turchia in europa perche l'europa è incompatibile con la pena di morte, l'europa fa parte della nato con paesi che applicano la pena di morte (USA)....propongo una azione coerente e propongo quindi che gli USA escano immediatamente della NATO, oppure ne esca l'europa che è ancora meglio..che ne dite? come si puo fare?
sono lalli de lallis

lalli de lallis Commentatore certificato 03.01.07 00:00| 
 |
Rispondi al commento

Trovo semplicemente vergognoso ed ipocrita il comportamento di Bush .
Ma pensa veramente di prendere in giro l'opinione pubblica mondiale ?
Penso proprio che lui ed i suoi scagnozzi non moriranno di vecchiaia .

Rodolfo Viglianti 02.01.07 23:26| 
 |
Rispondi al commento

il mario gottardi che ha scritto sul blog è mio figlio...se parla a sproposito non fateci caso...è stato ricoverato per sei anni al reparto di neurologia della città di Oniroga. mi scuso per lui...
Sign gottardi

sign gottardi 02.01.07 22:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Su Google Video (http://video.google.it)
Cercando la parola chiave "saddam", si ottengono vari risultati fra cui questo:
http://video.google.it/videoplay?docid=-2845265890295037758&hl=it

Se così fosse, buona parte degli oltre 1700 commenti inseriti fino ad ora sarebbero vani.

Possibile che quando ci sono di mezzo gli Americani non si abbia mai certezza neanche di quanto si veda con i propri occhi?

Francesco D'Aguanno 02.01.07 22:20| 
 |
Rispondi al commento

In questo mare di ipocrisia e di oscenita'intellettuale oltre che mediatica non voglio aggiungere altro a quanto gia' detto sulla pena di morte. Trovo assolutamente scontato che la pena di morte non debba esistere, e trovo assurdo e paradossale che uno stato possa arrogarsi il potere di decidere sulla vita di ogni singolo essere umano, ancorche' reo patentato.
Vorrei aggiungere che l'attacco all'Iraq e' stato partorito da una mente rozza quanto superficiale con la faccia da primate, il quale attacco ha spaccato il Paese in tanti frammenti che sara' molto difficile, se non impossibile, ricomporre. Ci vorra' una mente geniale per ricomporre i cocci di questo scempio politico e strategico compiuto dal primate Bush e soprattutto ci vorra' molto tempo per lenire i rancori e le ferite di un popolo che sta soffrendo da molto tempo.
Adesso caro presidente catturi tutti i despoti sanguinari che popolano il pianeta e li conduca tutti sulla forca, così quantomeno non potra' essere accusato di incoerenza.


marcello palladino 02.01.07 22:18| 
 |
Rispondi al commento

Grazie, Tatiana.
Se un atto è un reato, non cessa di essere tale se viene perpetrato da uno Stato, anzi diventa un reato peggiore.
Se dare la morte a un essere umano è un assassinio,
lo Stato che dà questa morte è uno Stato assassino.
E colui che difende il diritto di commettere un assassinio è anch'egli potenzialmente un assassino, che non riesce nemmeno a distinguere il valore della vita dal crimine di un omicidio, uno che, appena avesse le condizioni propizie, non esiterrebbe a togliere la vita a un altro uomo, un criminale potenziale, che segue solo i suoi impulsi più bestiali o il suo spirito di vendetta, incapace di capire la differenza tra la reazione istintiva di una bestia e la reazione superiore di un essere umano.
Chi sia pericoloso per l'ordine di un aggregato umano e commetta atti contro la sicurezza di questo, deve essere messo nelle condizioni di non nuocere, perché la comunità ha il diritto di difendersi dal male di cui il reo è portatore e deve impedire che esso si ripeta.
Questo è il diritto di difesa.
Ma quella comunità non avrà mai il diritto di togliergli la vita, o di torturarlo o di metterlo in condizioni fortemente lesive della sua dignità e della sua sopravvivenza mentale e fisica o di punirlo quando non abbia colpa, perché con questo passerebbe al crimine dell'offesa, che non è accettabile né da un uomo né da uno Stato.
Se non si capisce che anche la pena ha dei limiti che discendono dal rispetto che si deve a ogni essere umano e ai suoi diritti inviolabili e se lo Stato non rispetta rigorosamente questi limiti, non siamo più in un paese civile.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Per vincere ci vogliono i leoni di Umberto Bossi e il rombo del cannon...

giggi l'amoroso 02.01.07 22:04| 
 |
Rispondi al commento

Per Gennaro Esposito


Neh....Gennari', ma chiste è 'o mare? E chiste è 'o pisce..... Statte Rachè te faccio fa 'a signora. Ma io non sono Rachele. E vabbè, tu statte lo stesso....

giggi l'amoroso 02.01.07 22:00| 
 |
Rispondi al commento

In un mondo legale Saddham sarebbe stato consegnato al Tribunale internazionale dell'Aia
Ma America, Russia e Cina non lo hanno mai riconosciuto, un Tribunale che è competente a giudicare i grandi crimini internazionali.
Eppure questi paesi commettono quotidianamente gravissimi delitti, stragi, lesioni sostanziali dei diritti umani.
Ma Bush ha dichiarato con arroganza che i militari americani e i loro capi non sono processabili da nessuna magistratura del mondo!Non sono processabili neppure dal Tribunale internazionale dell'Aja, a cui gli USA non intendono aderire mai, nella loro spaventosa arroganza. Molto comodo! Si ergono a giudici dell'intero mondo, ma non intendono sottostare a nessuna legge comune! Si credono Dei! Bella democrazia!
Nella battaglia di Falluja si ordinò di radere al suolo la città usando un bombardamento massiccio di 10 giorni con armi chimiche proibite da tutte le convenzioni internazionali, ci furono 350.000 morti.
Chi verrà processato per questo orrendo delitto? Chi verrà impiccato come criminale di guerra tra gli insulti dei secondini e con un processo da farsa?
E con quale incredibile impudenza si continua a dire che le vittime civili irachene sono state 16.000, quando nella sola Falluja sono stati uccisi 350.000 civili?
Chi sarà giudicato per le violazioni alla democrazia, per la lesione ai diritti umani, per le guerre aggressive e ingiustificate, per le stragi immani, per le scuole di tortura?
Chi pagherà per Guantanamo e Abu Graib?
Per il governo di Allende democraticamente eletto e preso a cannonate?
Per gli squadroni della morte in Guatemala?
Per l'omicidio del vescovo Romero?
Per la contaminazione del pianeta?
Per aver armato a pagato i peggiori dittatori del mondo?
E voi volete anche stare con chi ha difeso Bush? E ha partecipato alla grande menzogna di Bush e Blair e Berlusconi?
Mentre Saddham veniva impiccato, Bush dormiva!
Il mondo è governato da pazzi! ma essi sono eletti da alti pazzi.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 21:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Semplicemente:

chi toglie la vita e si reputa migliore di una persona che è catalogato come criminale.....diviene uguale/peggio di lui!!!!

Ebbene si, come può definirsi uno stato civile e civilizzato quello che diviene stato Sovrano e padrone di come e quando togliere la vita ad un essere umano?

Non è con la morte calcolata e procurata che si risolvono i mali del mondo, ma piuttosto credo che sia il modo più semplice e più immediato per eliminare chi è calcolato scomodo ed inoltre il decidere per la vita degli altri dona quel grande senso di POTERE.

Comunque sia è inammissibile pensare di uccidere e di essere nel giusto, la morte, soprattutto se procurata, è SEMPRE SBAGLIATA!!!

Riflettiamo sulla "grande" parola POTERE.

Tatiana B.

Tatiana Basilio 02.01.07 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Scrive Antonio dal Brasile:
"Noi siamo cresciuti dentro la logica delle "forza", della "apparenza" e della "efficienza". Siamo strutturati come persone che ritengono indispensabile avere per essere, imporsi per relazionarsi, dominare per servire, illudendosi che il potere, il denaro e la guerra possano risolvere i problemi del mondo, dimenticando che soltanto la condivisione solidale e fraterna può moltiplicare le possibilità di una vita dignitosa per tutti. La nostra avidità e la nostra ricerca continua di maggior benessere, il più delle volte fine a se stesso, provocano inevitabilmente fame e miseria, marginalizzazione ed esclusione, in moltissime parti del mondo... alla maggioranza dei popoli del pianeta".

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Non è la prima volta che l'Italia preme sull'ONU affinché si abolisca la pena di morte in tutti i paesi del mondo.
I sadici, che su questo blog vorrebbero mantenerla o introdurla dove non c'è, riflettano che c'è una progressiva riduzione di questa pena barbara e primitiva, e che si schierano per l'abolizione quasi tutti i paesi occidentali, più evoluti e colti, mentre si schierano per la sua conservazione, i paesi islamici più retrogradi e barbari.
E loro da quale parte intendono stare?
Dalla parte della civiltà, o da quella della giungla?

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 21:16| 
 |
Rispondi al commento

BASTA PELLICCE

"La pelliccia è portata da animali stupendi e persone orrende"

BASTA ALLE PELLICCE MORTE SULLE NOSTRE SPALLE, LE FUSA DI UN GATTO O LE FESTE DI UN CANE SONO PIU' CALOROSE, RISCALDANO IL CORPO ED IL CUORE.

FIRMA LA PETIZIONE PER FERMARE QUESTO MASSACRO

Aiuta i nostri amici animali, non essere insensibile al grido di dolore e di aiuto che ti chiedono le povere Volpi Bianche scuoiate vive per soddisfare i capricci di qualche "nobil donna" dall'animo poco nobile.

Grazie dell'aiuto.

clicca sul mio nome pochi click ed arrivi sul modulo della Petizione Online

Ciao


La pena di morte è praticata in 54 paesi del mondo. Di essi 43 sono dittature, 11 sono democrazie.
Palestina, Libia, Iraq, Guinea Equatoriale, Botwana l'avevano sospesa da anni e l'hanno ripresa! (Notate che tra gli stati che l'avevano abbandonata c'era anche l'Iraq!)
In testa a questo crimine c'è l'efferata Cina (da 5 a 10.000 assassinati ogni anno!!!)
(E noi gli siamo anche andati a vendere le armi e i pulman carcerari per le esecuzioni e le torture, nel tripudio di Ciampi!!)
2°. Iran: almeno 113 esecuzioni l'anno
3°. Arabia Saudita (90) (La grande amica degli USA)
4°. Corea del Nord (75)
Nelle due Americhe l'unico paese che mantiene la pena di morte è quello statunitense (60)
Tra le 11 (si fa per dire) democrazie ancora barbare:
USA
Mongolia
Taiwan
Indonesia
Giappone.
Nel 2005 tra i 190 paesi dell'ONU quelli che avevano deciso di abbandonarla erano 142. Si vuole ora abolirla in tutti i paesi dell'ONU, come regola comune di civiltà.
In Africa la pena di morte è praticamente caduta in disuso: nel 2005 si sono verificate solo 19 esecuzioni in 4 paesi: Uganda, Libia, Sudan e Somalia. Infine,in Europa vi e' una sola macchia nera che deturpa l'immagine del continente: la Bielorussia con 2 esecuzioni.
Negli ultimi 10 anni il trend del mondo è stato verso la progressiva abolizione della pena di morte. Questa è evoluzione.
Si vede da qui quanto siano trogloditi quelli sul blog che vorrebbero invece ripristinarla anche dove non c'è. Barbarie di ritorno.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 21:07| 
 |
Rispondi al commento

beh leggendo i vari commenti non sono l'unica a pensare che il vero saddam chissa' dov'e' ora..sara' a miami con bin a festeggiare tra champagne belle donne e additivi vari...o in un candido atollo polinesiano a godersi la sua meritata pensione? chissa' cosa stanno macchinando i difensori del mondo (americani ndr) ora che tutti per almeno un mese discuteranno pena di morte si pena di morte no...impiccagione si iniezione letale no...ma ci rendiamo conto? Ma quand'e' che cavolo succedera' come si vede in alcuni film di fantascienza che il missile intelligente si rompe i coglioni di essere intelligente e torna indietro dal suo padrone? Ma nel mio di film non c'e' l'eroe che salva tutti, nel mio le americhe diventano 100, sbriciolate dalle sue stesse mani.
Belle, piccoline, indifese...bisognose...ah! che soddisfazione dare da mangiare agli americani quei chicchi di riso che loro danno ai bambini africani...scusate, io proprio bush & co non li reggo...dicono che nella vita le cose si capiscono quando si provano...
Non voglio discutere sulla pena di morte, tanto nel mondo di condannati a morte ce ne sono a sfare, tanti nascono gia' condannati a morte, di fame e di sete, mi viene la nausea a pensare che tutti noi stiamo lasciando il mondo nelle mani di un pazzo che da quando ha scoperto la cocaina (praticamente da sempre) gioca e si diverte. E sa perfettamente come disorientare le masse, e fare in modo che pensino solo a quello che vuole lui..per non vedere altro per almeno un po'.

antonella bertolotti 02.01.07 20:43| 
 |
Rispondi al commento

La stampa internazionale ha preso nettamente la posizione di tanti del blog che considerano l'impiccagione di Saddham il modo più spiccio per farlo tacere. Insomma Saddham era un compare scomodo ed era meglio tappargli la bocca, come si fa nella mafia con un mafioso che sgarra ma sa troppe cose
Nessuno più del rais sapeva dei crimini americani ma ora che è morto la verità è stata strozzata con lui
E non è una verità pregevole né per il governo inglese né per quello statunitense
Cito sempre Robert Fisk:
"Non sapremo mai quali sono stati gli aiuti finanziari degli USA a Saddham dopo il 1982.
Si comincia con la prima tranche impiegata per comprare armi americane dalla Giordania e dal Kuweit: 300 milioni di dollari. Nel 1987 a Saddham fu promesso un miliardo di dollari. Nel 1990, poco prima dell'invasione del Kuweit, l'interscambio con gli USA aveva toccato la bella cifra di 3 miliardi e mezzo di dollari. Ma Tareq Aziz voleva di più e il segretario di Stato Baker chiese a Bush un altro miliardo di dollari per Saddham.
Nel 1989 la Gran Bretagna che aveva segretamente fornito assistenza militare a Saddham, gli promise 250 milioni di sterline se arrestava il giornalista Bazoft che indagava sull'esplosione di una fabbrica inglese degli stessi componenti chimici mandati in USA, e il giornalista fu regolarmente impiccato. Il ministro degli esteri inglese fu ben contento perché se Saddham faceva sparire chi indagava sui crimini inglesi, l'UK poteva avere un mercato ricchissimo."

Non dimentichiamoci che nella vergognosa guerra del Golfo, Bush padre aveva speculato non solo sulle armi che vendeva agli yankees ma anche su quelle che vendeva agli iracheni
Insomma il sangue fa business e dei giovani americani chi se ne frega?
Questa gente sguazza nel petrolio e nelle armi ed è un mercato pieno di sangue.
Questi somari che credono che chi attacca Brail o Bush sia komunista, farebbero bene a studiarsi di più la storia e sturarsi quel cervellino intasato che hanno.

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Siamo alle solite...le solite di una retorica che non lascia scampo ed il film è sempre lo stesso,le morti causate dal capitalismo americano sono sacrosante mentre invece le morti causate dal resto del mondo sono sbagliate!Ora, lungi da me l'intenzione di giustificare assassini e criminali di ogni genere e razza,ma proprio per questo mi risulta ancora piu' disgustoso che la gente tolleri ancora le prepotenze di questi buffoni a stelle e strisce che si arrogano il diritto di giudicare,processare ed eliminare chiunque vogliono in qualunque posto e con qualsiasi pretesto...
Ha ragione Beppe quando dice che per Hiroshima, Nagasaki ed il Vietnam non pagherà nessuno,ma a questo triste elenco mi sento il dovere di aggiungere le bombe piovute sulle città del nord d'Italia,a cassino ed in migliaia di altri paesi dal 1943 al 1945,bombe lanciate indiscriminatemente,senza un effettivo bisogno e che hanno causato migliaia di morti innocenti....ma loro erano i liberatori,che ci hanno regalato questa pseudodemocrazia di importazione nella quale oggi viviamo!

Diego Corna 02.01.07 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono mail di una ignoranza grezza e bestiale,
cito questo Alberto Venturini che insulta chi è contro la pena di morte come komunista, vedi l'elegante mail delle 17,33 che interamente lo qualifica
Non so cosa sia peggio se l'infima bassezza morale o il livello informativo zero o il linguaggio da somaro della suburbia
Gli copio, pur sapendola cosa inutile, perché una zucca è una zucca, un brano di The Independent, di Robert Fisk:

"Dopo l'ascesa di Saddham al potere, la CIA gli fece avere nomi e indirizzi di comunisti iracheni. Il servizio segreto iracheno di Saddham fece irruzione in ogni casa, arrestò gli occupanti e le famiglie e massacrò moltissime persone. I cospiratori furono impiccati in pubblico. Ai comunisti e alle loro mogli e ai figli fu riservato un trattamento speciale: furono torturati crudelmente prima di essere giustiziati ad Abu Graib"

Partendo dalla mentalità (o forse la parola è eccessiva) di detto Venturini, o egli pensa che Saddham sia un komunista e chi è contro la pena di morte voglia proteggerlo, o ignora che Saddahm e la CIA hanno lavorato associati alle stesse efferatezze. Che uno sia contrario alla pena di morte sempre e comunque, senza essere un komunista, nemmeno gli passa per il piccolo cervello di gallina. Chi aspira a Stati civili e non barbari deve per forza essere :"il solito stronzo figlio di papà, che non ha fatto il militare, che fuma malboro (?), si impasticca pure, è stato un cesso a scuola, lo è nella vita e vive nei centri sociali"
E con questo il quadro di bestialità e somaraggine è completo
La sua descrizione dunque riguarda tutti i governi europei che stanno chiedendo una moratora sulla pena di morte e tutti i partiti italiani (meno la Lega, immagino, e le parti più estreme della dx) che si associano a questo, per cui gli chiedo: "Dimmi un po' tu da quale fogna stai uscendo?"

Oh, Darwin, Darwin che ti eri fermato alla scimmia! Potevi inserire altri bestiari in certe genealogie umane! Vorrei proprio di u

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 20:23| 
 |
Rispondi al commento

per Pasquino del Popolo, o come cavolo ti chiami...
sei un deficente....

A Noi 02.01.07 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Stamane ho visto il video sull'impiccagione di Saddam Hussein e sono rimasto scioccato. E' atroce pensare che una persona, per quanti errori e indicibili efferatezze abbia compiuto, venga giustiziato con la morte. Rimane sempre un essere umano che non merita di essere ammazzato, ma bensì di poter pagare i crimini che ha commesso vivendo. Cerchiamo di riflettere tutti perchè tutto ciò non ha senso.
Inoltre l'America si sentirà meglio, con la coscienza pulita, complimenti!
Ricordiamoci che sono stati uccisi migliaia di iracheni, innocenti, per risparmiare qualche centesimo su ogni singola goccia di petrolio. Vergogna!

Ludovico Salemi 02.01.07 19:35| 
 |
Rispondi al commento

quando Saddam gasava i curdi, i turchi lanciavano bacini?

Raffaele Scotto 02.01.07 19:31| 
 |
Rispondi al commento

L'unica cosa che al Dittatore dell' America dispiace che non è stato possibile far andare un grande regista per filmare l'assassinio di Sadam dal K. K. K. americo-iracheno

Benedetto Novarese 02.01.07 18:53| 
 |
Rispondi al commento

il vaticano ha abolito ufficialmente la pena di morte nel 2001!!!!e questi sono i moralizzatori o moralisti....ma ratzinger cosa farà??

mirko addu 02.01.07 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Ma Saddam era buono quando ha fatto la guerra all'Iran dell'Aiatollah Khomeini ? Quale ricompensa ha ricevuto per essere stato alleato degli USA ? Perchè ha invaso poi il Kuwait ? Perchè Bush senior si è fermato ? Perchè è stato ingannato il mondo con la balla delle armi di distruzione di massa ? Chi controllerà il petrolio iracheno ? Perchè questa impiccagione in diretta tv ? Gli sciiti sono buoni ? I curdi sono buoni ?
Tutte queste domande hanno una risposta : o con gli Americani o contro gli Americani.

Ricky Memphis 02.01.07 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Un signore americano di nome David Horowitz (credo si scriva così), giornalista politico di destra (non ho nulla contro le destre in generale!) ha ironizzato sui morti civili morti in Iraq, ovver sulle vittime civili, che ovviamente non hanno a che fare un bel niente.
Ha detto, molto ironicamente e polemicamente, che è assolutamente normale che in una guerra la gente muoia. Per raggiungere gli obiettivi bisogna bombardare città, paesi, strade... insomma, ha scritto ironico, "se proprio non volete che gli iracheni muoiano possiamo andare a combattere nel deserto, così non uccidiamo nessuno...".
Il ragionamento però mi pare a senso unico. Se è vero che nelle guerre la gente muore, allora che senso hanno i funerali di Stato per i militari che (non certo per volontà o demeriti loro!) ci lasciano la pelle? Li mandi là, è naturale che saranno fatti fuori, no? Non possiamo mica mandarli a combattere nel deserto.......

Adal Mi 02.01.07 18:14| 
 |
Rispondi al commento

@ Afro Tondelli

1. almeno sai che i criminali sono anche gli americani e la loro crociata petro-fondamentalista.
2. Non mi piace che parecchia gente si arroghi il diritto di sapere cosa farebbero gli altri in una situazione in cui pensano di avere ragione, tu dici che tutti ammazzerebbero chi ha ammazzato un loro caro... Io non lo farei.. non ha senso combattere il sangue con il sangue, il sangue versato per "giustizia" molto spesso ne provoca di più di quello che avrebbe causato la carcerazione. Eppoi è un grosso sconto essere uccisi, immagini quanto sarebbe + umiliante per un Saddam finire il resto dei suoi giorni in una cella a pensare su quello che ha fatto?
E comunque gli americani hanno dato la possibilità a Saddam di uscire di scena con dignità, per alcuni addirittura da eroe e questo è l'effetto peggioreche si potesse auspicare in Iraq oggigiorno. Che dilettanti che ci governano, non sono capaci neanche a indorare la pillola delle malefatte che fanno... che pochezza d'intelletto...

daniele rossi 02.01.07 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Post magistrale.. io ci aggiungerei la miopia di capi di Stato e di governo che per arricchirsi col petrolio perdono di vista il fatto che anche loro hanno dei figli e dei nipoti che vorrebbero avere un mondo in cui vivere senza alluvioni desertificazioni e 18°C il 1° gennaio..
E noi siamo altri mille babbei che invece di agire per quello che possiamo aspettiamo che siano gli altri a decidere per noi.
Grazie per le tue battaglie Beppe.

daniele rossi 02.01.07 18:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La pena di morte e' un lusso.......Troppo comoda...morire.Il signor Saddam avrebbe dovuto finire in una cella di un carcere,meditando per il resto dei suoi giorni,sui crimini da lui perpetrati.Non mi stupisco pero' che la sua esecuzione sia servita a dar forza al Sig. Bush,e non portera' nulla al popolo iracheno.Mi stupiscono invece i nostri governanti alcuni dei quali inorriditi ora si fanno paladini contro la pena di morte e dimenticano che i loro nonni in piazzale Loreto e in tutta Italia hanno ucciso e fatto scempio dei corpi,pergiunta senza un processo di persone che non la pensavano come loro .Avete la memoria corta cari COMPAGNI....perche dobbiamo accettare di avere in Italia Vie intitolate a Stalin ,Lenin,Togliatti e non a Mussolini ,Starace,????? I primi sono forse meno criminali dei secondi?????? Mi vergogno sempre ....sempre ....sempre di essere italiano sapendo di avervi come concittadini.Non dovreste neppure parlare di pena di morte visto che i vostri nonni erano specialisti di queste pratiche.VERGOGA....per voi l'etica,la morale,l'amor di patria non esistono.MI fate vomitare......

MARIO GOTTARDI 02.01.07 17:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo la fine della Guerra Fredda l'America si è sentita legittimata a far cio' che voleva in campo internazionale...campagne militari, occupazioni, guerre...
Intanto nacque l'Europa...già, la più grossa fregatura a livello economico e la più granda farsa a livello sociale...un' "istituzione" senza alcuna autorità...se non quella di pretendere denari dai nuovi affiliati...
Ebbene,oggi l'America continua ad uccidere indiscriminatamente e nessuno alza un dito...tantomeno la "Grande potenza europea"...
Noi cittadini siamo vittime dei nostri stessi eletti...siamo in balia di forze "maggiori" controllate da criminali.
Mi chiedo se ci sia una scappatoia da questa discarica...

Marco Pierantoni 02.01.07 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SVEGLIA GENTE! HIROSHIMA, IL VIETNAM, L'IRAQ SONO FATTI INCONTROVERTIBILI. SE NON CI RIVOLTIAMO A QUESTE ELITE OLIGARCHICHE AL POTERE FINIREMO PRESTO PER ESTINGUERCI! MA FORSE MOLTI DI VOI è QUESTO CHE VOGLIONO!! :-) STOLTI ED IGNORANTI!
UN SALUTO A TUTTI QUELLI CHE CON COMMENTI IN QUESTO POST MI FANNO AVERE ANCORA UN PO DI SPERANZA, PERCHEè CAPISCONO CHE L'AMERICA E BUSH SONO COLPEVOLI ALMENO QUANTO SADDAM!
BUON ANNO, E CHE L'ESPANSIONE DI COSCIENZA SIA CON VOI!

DAVIDE RONGIONE Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 17:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

eviterei di avversare la pena di morte solo per manifestare l'odio verso gli americani perchè così facendo il sig. Rognione dimostra di non avere ideali
oppure perchè non cita i cinesi, castro (nl cui codice penale c'è ancora il delitto di omosessualità) e Compagni vari?

paolo frosini 02.01.07 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' evidente ke lo hanno frettolosamente ucciso gli Americani x non dargli il tempo di parlare ...

Avrebbe potuto raccontare cose molto imbarazzanti del tipo : la ragione x laquale invase il Kuwait (gli Americani forse non gli versarono il denaro promesso x fare la guerra all'Iran ? , o kissa' x quale altro motivo), la provenienza delle armi biologike usate x uccidere, o il nome dei suoi complici anke quelli stranieri etc etc ...


Sulla terra poi siamo 5 Miliardi di idioti a vedere quelle immagini alla televisione e non ce n'e' uno ke possa fare niente.


Poi quello ke piu' mi preoccupa e' ke c'e' gente ke crede pure alle balle ke gli vengono raccontate del tipo: andiamo li' x portare la democrazia, e' il responsabile del 11 settembre etc etc

itablok 02.01.07 17:41| 
 |
Rispondi al commento

BASTA PELLICCE

"La pelliccia è portata da animali stupendi e persone orrende"

BASTA ALLE PELLICCE MORTE SULLE NOSTRE SPALLE, LE FUSA DI UN GATTO O LE FESTE DI UN CANE SONO PIU' CALOROSE, RISCALDANO IL CORPO ED IL CUORE.

FIRMA LA PETIZIONE PER FERMARE QUESTO MASSACRO

Aiuta i nostri amici animali, non essere insensibile al grido di dolore e di aiuto che ti chiedono le povere Volpi Bianche scuoiate vive per soddisfare i capricci di qualche "nobil donna" dall'animo poco nobile.

Grazie dell'aiuto.

clicca sul mio nome pochi click ed arrivi sul modulo della Petizione Online

Ciao

matteo tocco 02.01.07 17:35| 
 |
Rispondi al commento

ODIO L'AMERICA IPOCRITA DI BUSH CHE SI NASCONDE DIETRO UNA FINTA DEMOCRAZIA....ODIO GLI AMERICANI CHE CONDANNANO SADDAM MA CHE PORTANO GUERRE IN TUTTO IL MONDO...ODIO GLI AMERICANI CHE CONDANNANO UN DITTATORE MA CHE SONO ANCHE LORO DITTATORI, RESPONSABILI ANCHE LORO DEI PEGGIORI GENOCIDI, DA HIROSHIMA, AL VIETNAM ALL'IRAQ.

DAVIDE RONGIONE Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 17:29| 
 |
Rispondi al commento

ODIO L'AMERICA IPOCRITA DI BUSH CHE SI NASCONDE DIETRO UNA FINTA DEMOCRAZIA....ODIO GLI AMERICANI CHE CONDANNANO SADDAM MA CHE PORTANO GUERRE IN TUTTO IL MONDO...ODIO GLI AMERICANI CHE CONDANNANO UN DITTATORE MA CHE SONO ANCHE LORO DITTATORI, RESPONSABILI ANCHE LORO DEI PEGGIORI GENOCIDI, DA HIROSHIMA, AL VIETNAM ALL'IRAQ.

DAVIDE RONGIONE Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Il fastidio + grande non l'ho avuto dalla condanna a morte di un assassino, giusta o sbagliata che sia, (io personalmente nn la condivido) ma dall'accanimento mediatico che essa ha avuto.
Mandare ininterrottamente le sequenze di impiccaggione di Saddam le ho trovate di cattivo gusto.

Giuseppe Oliva 02.01.07 17:14| 
 |
Rispondi al commento

SINCERAMENTE MI FA PIU' PAURA BUSH DI SADDAM. MERITAVA DI ESSERE PUNITO MARCENDO IN CARCERE, E INVECE HA FATTO LA FELICITA' DI QUEL MALEDETTO GUERRAFONDAIO. PACE ALL' ANIMA SUA.

ENRICO ANTONIAZZI 02.01.07 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Sono completamente d'accordo con te Beppe. L'uccisione di Saddam è l'ennesima prova delle miriadi di contraddizioni che governano questo nostro occidente; nn ci si può accanire contro Saddam dopo che Pinochet è morto tranquillo e sereno nel suo letto!!! Come se Saddam fosse l'unico dittatore sulla faccia della terra! Il mondo ne è pieno!
Questa è la politica statunitense: portare giustizia solo dove conviene...

Sabatelli Angela Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 17:00| 
 |
Rispondi al commento

L'umanità ha commesso dei sbagli, oppure no? ne ha commessi ed uno di questi è ritenre che la pena di morte sia da considerarsi un delitto di stato. No ! è una legittima giustizia pretesa da una società sana che intende difendersi. Prima dell'abominevole trovata di comodo, quella della la quale indulgendo sull'ingiustizia ne godeva i benefici di ritorno, c'era la legge del taglione, quella era giusta, umana ed indispensabile, tutta la società pretende che venga ripristinata, anzi allargata, alla maniea cinese. Chiedetelo se avete dei dubbi, alla faccia di tutti coloro che fanno scioperi della fame dilettandosi nelle esibizionistiche teorie d'indulgenza cristiana, apostolica, romana. fonda.derio@fastwebnet.it

fonda derio Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Sono compleatamente d'accordo con le affermazioni che sono state fatte, ma chiedetelo a coloro che hanno sofferto la seconda guerra mondiale se Mussolini doveva vivere o morire, chiedetelo ai cileni che hanno visto morire Pinochet di vecchiaia, quando invece avrebbero preferito vederlo pagare la sua pena alla legge dopo tutti i morti che ha causato...chiedetelo a loro se è lecita la vendetta.
Ne è stato fatto un martire per coloro che credevano in lui, e ciò non farà che peggiorare la situazione iraqena, è vero, e avete anche ragione sul fatto che lui ha pagato per i suoi crimini e gli organizzatori di Hiroshima o della stessa guerra in Iraq non pagheranno, ma davvero abbiamo bisogno di mantenere in vita gente crudele e senza scrupoli?

Valentina Raffaelli 02.01.07 16:17| 
 |
Rispondi al commento

d'accordo con beppe anche stavolta come sul caso welby (sulla vita andiamo molto d'accordo sulla giustizia molto meno)
la pena di morte cos'è
a cosa serve?
chi ha fatto sganciare l'atomica,chi fa perseguitare i tibetani, masacrare i ceceni dov'è?
quando il processo che li riguarda?
e comunque anche per loro non vorrei la morte

paolo frosini 02.01.07 16:15| 
 |
Rispondi al commento

"Fratelli umani che ancor vivi siete,
non abbiate per noi gelido il cuore
che'se pieta' di noi miseri avete,
Dio vi dara'piu'largo il suo favore.
Appesi cinque,sei,qui ci vedete.
La nostra carne gia'troppo ingrassata,
e'ormai da tempo divorata e guasta;
nio ossa,andiamo in cenere e polvere.
Nessun rida del mal che ci devasta,
ma Dio pregate che ci voglia assolvere.

Se vi diciam fratelli,non dovete
averci a sdegno,pur se fummo uccisi
da giustizia.Ma tuttavia sapete
che di buon senno molti son privi.
Poiche siam morti per noi ottenete
dal figlio della Vergine celeste
che inaridita la grazia non resti,
e che ci salvi dall'orrenda folgore.
Morti siamo:nessuno ci molesti,
ma Dio pregate che ci voglia assolvere.

La pioggia ci ha lavati e risciaquati,
e il sole ormai ridotti neri e secchi;
piche e corvi gli occhi ci hanni scavati,
e barba e ciglia strappate coi becchi.
Noi pace non abbiamo un sol momento:
di qua,di la',come si muta,il vento
sonza posa a piacer suo ci fa volgere,
piu'forati da uccelli che ditali.
A noi dunque non siate mai uguali,
ma Dio pregate che ci voglia assolvere.

O Gesu',che su tutti hai signoria,
fa'che d'inferno non siamo in balia,
che debito non sia con lui da solvere.
Uomini,qui non v'ha scherno o ironia,
ma Dio pregate che ci voglia assolvere."


Francesco Villone 02.01.07 16:12| 
 |
Rispondi al commento

John Whaine e Billy the kid.....l'improvvisa esecuzione di Saddam , dopo un processo sommario (giudici nominati e poi cambiati durante le udienze, avvocati difensori minacciati ed uccisi, testimoni incapucciati e senza nome, ecc.), giudicato tale da Sabino Cassese ed altri giuristi democratici, sembrava una riedizione dei film western di vechia memoria.
Un ignobile spettacolo , indegno di un mondo civile, chiaramente voluto da john whaine-george bush (qualcuno ne dubita...? saddam era da vivo e perfino da cadavere nelle mani degli americani ) come vendetta e ammonimento non ai dittatori in quanto tali ma a coloro che si "ribellano" alla Grande Potenza Imperiale: forse che gli USA hanno mosso guerra ed impiccato Pinochet, Videla,al Presidente golpista del Pakistan, ai militari birmani e di tanti paesi medio ed estremo-orientali, africani o latino-americani, loro fedeli "alleati"?
Non parliamo, ovviamente dei russi in cecenia o di certi regimi africani al servizio di certe potenze europee (in cambio delle materie prime cedute praticamente gratis).
Chi non l'avesse visto , vada in cerca nel web del filmato del presidente(eletto) del venezuela che imita il "vaquero" presidente usa ihon whaine-bush e gli dà del "loco" (scemo, pazzo): chavez sarà pure folcloristico ma, visti i risultati, probabilmente anche gli americani - oltre a 3/4 dell'umanità - hanno capito che bush è uno scemo ed i suoi sono dei pazzi pericolosi.
Se il tribunale dell'AIA per i crimini contro l'umanità fosse una cosa seria , bush , blair e soci dovrebbero essere processati per aver scatenato, con prove false, una guerra illegale e prestetuosa che sta producendo centinaia di migliaia di morti iracheni e tremila morti Usa.
PS: dei centomila e più civili iracheni non si parla quasi mai, mentre ci viene dato quotidianamente il numero dei caduti militari americani ed occidentali (figli, evidentemente, di un dio maggiore...).

carlo costantini 02.01.07 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Se posso esprimere una mia personale opinione, considerando il fatto che dietro a tutto, a cominciare dal finto attentato alle torri, cioe' l'attentato e' vero, peccato che i mandanti sono "altri", e considerando che l'impiccagione e' stata fatta in quattro e quattrotto, come minimo il poveraccio che e' finito nella botola e' uno dei mille sosia di saddam. Mi viene la nausea a pensare che si liquida la vita di un dittatore dichiarato, ma si osanna quella di un dittatore d'armadio, cioe' nascosto dietro ai paraventi, quale sig bush...e ci si limita a urlare che la chiesa e' contraria alla pedofilia, quando la vita di tanti bambini innocenti finisce non appena qualche maiale rivoltante gli mette le mani addosso. MA TUTTO FINISCE LI'.
Parliamo parliamo, ci mettiamo davanti alla televisione a vedere al telegiornale "giustizia fatta", poi prenotiamo in agenzia il nostro volo per il brasile e ci andiamo a divertire con i bimbi che vivono nelle strade.....
E' difficile veramente difendere la vita di chi senza problema distrugge quella degli altri, ma considerando il fatto che non c'e' dio sulla terra per decidere quello che e' giusto e quello che e' sbagliato, sto sfigato di saddma poteva continuare a lavorare per gli americani, anche lui? Ma non glielo hanno spiegato che per licenziarsi ci vuole un preavviso?

antonella bertolotti 02.01.07 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe!!Sono perfettamente d'accordo, immagini che disumane è dire poco, ma di cui la gente gioisce. Siamo diventati un popolo di meschini che si credono Dio e pensano di avere il potere di mandare a morte un uomo (ma che dico, mille, un milione, un miliardo di uomini!!)!!
Così Saddam è diventato un martire, e non è la sensazione che bisognava provare guardandolo....Bravi, proprio bravi!!

Ornella d'Anna Commentatore certificato 02.01.07 15:49| 
 |
Rispondi al commento

In guesto caso specifico,sono convinto che Saddam doveva continuare a vivere....solo per non trasformarlo in un martire ed essere così un'ulteriore causa di altri scontri!La pace si fà sempre più lontana per Iraq!
Non credo nella pena di morte come atto punitivo...e non credo che la morte stessa sia la peggiore delle condanne!ci sono molti modi di"uccidere"una persona...e rendere la vita più penosa della morte stessa!
Uccidere qualcuno serve molto di più al carnefice che non alla vittima!

lupo_mistico 02.01.07 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Ci vuole ben poco a sentirsi giustizieri, soprattutto dopo che gli organi di informazione si coalizzano contro uno solo dei delinquenti che tiranneggiano il mondo.Personalmente avrei voluto vedere penzolare anche" impiccalo più in alto"Bush,ma siccome sono comunque contro la pena di morte, mi chiedo: chi siamo noi che trinciamo giudizi mentre milioni di persone muoiono di fame ogni giorno?

Augusto Loi 02.01.07 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Lo STATO DEL VATICANO ha abolito, da non molto tempo, la pena di morte. Ci pensate? da una parte l' esecrazione e la ferma condanna contro l' uccisione del prossimo, dall' embrione all' essere umano completamente sviluppato, mentre fino a poco tempo fa questo " STATO " poteva arrogarsi il diritto di uccidere in nome della Ragion di Stato ( Pontificio ). Mah!! Sarà anche vero che l' ultima condanna risale a qualche secolo fa..ma fa pensare....

stefano marossa 02.01.07 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Saddam è ora un martire...ma ditemi Sharon che fine avrebbe fatto?!
Il mondo assiste in silenzio a crimini contro l ' umanità...venduti!

rosa surico 02.01.07 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, scusa una domanda....ma a che punto è la raccolta del finanziamento del microscopio per lo studio delle nano particelle inquinanti?
E' stato acquistato? Come vanno le ricerche?
Grazie. 2007 AUGURI.

stefano marossa 02.01.07 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace dirlo, Beppe, ma finchè la maggioranza degli uomini non arriverà a capire la differenza tra giusto e sbagliato, tra bianco, nero e "grigio", finchè non capiranno che la giustizia deve essere uguali per tutti, e non a seconda del portagfoglio, finchè non si comincerà noi stessi e i nostri cari a noi più vicini a intraprendere la "strada giusta" e non quella più comoda... finchè ciò non accadrà, nulla cambierà, e saremo comunque tutti condannati... tutti condannati a gioire di un omicidio... che poi è solo uno dei tanti omicidi a cui noi abbiamo partecipato... ogni giorno con la nostra avidità ne ammazziamo a migliaia, tra donne uomini e bambini... parole, sempre e solo parole...

Claudio Morgigno Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Non esprimo un’opinione diretta sulla fine di Saddam ma la considerazione che facevo mentre vedevo quelle immagini orribili di un uomo verso la morte. Leggevo non ricordo dove e quando:"affacciato al balcone di un piano alto vedi due macchine percorrere, una in un senso l’altra nel senso opposto, la stessa strada a senso unico ed unica corsia. Capisci che ci sarà uno scontro frontale ed urli ma gli automobilisti non ti sentono e inevitabilmente avviene lo scontro per colpa di chi andava contromarcia.Nell’urto però rimangono uccisi entrambi".
Non approvo la pena di morte ma non sopporto persecutori, giustizieri e camere a gas. Ho le idee troppo confuse, americanista sì, americanista no. Cosa sarebbe accaduto da noi che solo poco più di cinquanta anni fa abbiamo avuto in Europa i nostri “bravi” persecutori, che corso avrebbe avuto la nostra storia senza l’intervento degli americani? (Lode ed elogio comunque e per sempre ai nostri partigiani).
http://www.warnews.it/index.php questo è solo uno dei siti dove sono riepilogate tutte le guerre attualmente nel mondo. Abbiamo festeggiato il Natale ma nei luoghi dove è nato Gesù si lotta e si muore.
E il mio cuore scoppia quando sento che nella mia terra proprio nel giorno di Natale si muore per mani d’uomo con le stesse armi che si usano nei luoghi di guerra. E allora mi chiedo che differenza c’è tra le morti in Iraq, l’impiccagione di Saddam e quello che accade qua? E’ sempre guerra, è sempre morte, c’è qualcuno che uccide e c’è chi uccide chi ha ucciso.Cosa devo fare io cittadino del mondo e di Calabria che voglio vivere ove regna sovrana la pace? Mi ribello ma sono una partigiana.E sono piene le fosse di persone che si sono ribellate così come sono pieni i treni di tanti che fanno le valige. Odio la guerra, odio la pena di morte ma soffro ancor di più per quella parte della mia Calabria abitata da gente onesta e dai sentimenti genuini che vuole costruire su un terreno reso franoso anche da un latitante titolato:lo Stato

Rosa C. 02.01.07 15:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sì alla PENA DI MORTE.
Anche in Italia. Altro che indulto. Assassini, pedofili e trafficanti di organi non meritano di vivere.
E-L-I-M-I-N-A-R-L-I !!!
Come volete: con l'impiccagione, con l'iniezione, con la sedia elettrica.
Basta che li levate di torno.
Pensate il contrario? Aspettate di esser colpiti direttamente, che qualcuno di caro vi venga ammazzato o che stuprino vostra figlia, poi ne riparliamo.

mauro de luca 02.01.07 15:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sì Saddam doveva vivere,... perchè gli americani sono i cattivoni. Una motivazione tanto intelligente mi indurrà a riflettere per millenni. In Darfur, ci vadano i "pacifisti" italiani, anzichè marciare per la pace solo quando intervengono gli americani, tanto se dovessero intervenire le truppe statunitensi, i primi a marciare per la pace sono gli stessi che criticano gli USA per il fatto che non intervengono. I pacifisti, peggiori degli stessi nazisti, almeno loro non si nascondevano dietro la mistificazione di grandi ideali.
Il vostro non è pacifismo, ma mediocre ostracismo. Fosse per voi l'Europpa sarebbe ancora dominata da HITLER (il vostro vero stereotipo). I pacifisti ipocriti: sfilano in parata solo per osteggiare gli USA, mai una marcia per il PAESE DEMOCRATICO DELLA CECENIA... che schifo!
Andate a cagare! e fatene tanta perchè a forza di trattenerla vi sta inquinando il cervello. Siete immorali.
ps: premetto, sono contro le multinazionali e l'arricchimento dei pochi a danno dei molti, ma nonostante questo non appoggio dittatori e terroristi fanatici che per una causa divina premeditatamente mozzano teste di civili.

Mauro Bellaspica 02.01.07 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Non mi ritengo la persona più intelligente del mondo e nemmeno la seconda, pero' credo che l'uccisione di Saddam, in tempi cosi' brevi tra l'altro, sia legata alla necessità di metterlo a tacere. Il fatto che si sia macchiato di grossi crimini è vero, ma non saremo cosi' ingenui da credere che sia questo il motivo della sua condanna a morte? Il governo americano ha molti scheletri nell'armadio e Saddam ne conosceva più di uno (ne sanno qualcosa i Curdi), non poteva percio' permettersi di lasciarlo in carcere a vita, presto o tardi dovranno andarsene dal territorio perdendo inevitabilmente parte del potere d'intervento (almeno ufficialmente) e a quel punto Saddam avrebbe potuto scrivere, raccontare. Noi occidentali veniamo indottrinati dai nostri media, per cui potrebbe sembrarci impossibile, ma le sue parole dal carcere avrebbero avuto un forte impatto sul mondo intero, in particolare su altre orecchie, su occhi che vedono cio' che sta accadendo da anni in medioriente da un punto di vista diverso dal nostro.
Potrei dire che in linea di massima non sono a favore della pena di morte ma che questa è un'eccezione che conferma la regola, potrei aggiungere che ce ne sarebbero tanti altri che farei rientrare tra le "eccezioni"...ma che senso avrebbe? Tutti gli argomenti di discussione sollevati in questi gg per me sono solo specchietti per le allodole, sotto il polverone io vedo solo un uomo che ha venduto se stesso e il proprio Paese a una super potenza in cambio di potere e ricchezza. In perfetto stile americano, quando ha smesso di essere utile è stato tolto di mezzo..ma se Saddam meritava di essere giustiziato, i suoi mandanti/consiglieri americani cosa meriterebbero? Applausi, forse, perché ancora una volta ne sono usciti puliti lasciando il mondo a discutere di pena di morte. Scusate lo sfogo.

Francesca C. Commentatore certificato 02.01.07 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che i morti siano morti, c'entra poco se sono stati conseguenza di una DITTATURA o ancora peggio di una "DEMOCRAZIA", c'entra poco se sono stati simboli politici perchè il tiranno mantenesse il suo stato di potere oppressivo o poveri sfigati civili caduti grazie ad una guerra preventiva democratica (fra cui ricordo un n°enorme di bambini).
Sono daccordo con Beppe, se è colpevole Saddam, sono colpevoli tutti i paesi e i loro rappresentanti che siedono nel tavolo ovale dell'ONU, ovviamente USA è il primo nella lista...guardacaso!
E sottolineo come ha scritto Beppe che per paesi come il Sudan e il Darfur...nessuno corre in "aiuto" visto che non c'è NULLA da salvare ma solo persone!
Questa è la democrazia che vogliono esportare, considerando che in alcuni stati degli Usa vige ancora la pena di morte??Oltre a tutte le dimostrazioni di mancanze democratiche che hanno già dato...che fanno sufficientemente capire che sono l'esempio democratico a cui tutti dovrebbero guardare!!
BASTA CON QUESTA IPOCRISIA!!Cosa serve ancora perchè la gente apra gli occhi??
RESET!!!

Francesca Monaco 02.01.07 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Non mi ritengo la persona più intelligente del mondo e nemmeno la seconda, pero' credo che l'uccisione di Saddam, in tempi cosi' brevi tra l'altro, sia legata alla necessità di metterlo a tacere. Il fatto che si sia macchiato di grossi crimini è vero, ma non saremo cosi' ingenui da credere che sia questo il motivo della sua condanna a morte? Il governo americano ha molti scheletri nell'armadio e Saddam ne conosceva più di uno (ne sanno qualcosa i Curdi), non poteva percio' permettersi di lasciarlo in carcere a vita, presto o tardi dovranno andarsene dal territorio perdendo inevitabilmente parte del potere d'intervento (almeno ufficialmente) e a quel punto Saddam avrebbe potuto scrivere, raccontare. Noi occidentali veniamo indottrinati dai nostri media, per cui potrebbe sembrarci impossibile, ma le sue parole dal carcere avrebbero avuto un forte impatto sul mondo intero, in particolare su altre orecchie, su occhi che vedono cio' che sta accadendo da anni in medioriente da un punto di vista diverso dal nostro.
Potrei dire che in linea di massima non sono a favore della pena di morte ma che questa è un'eccezione che conferma la regola, potrei aggiungere che ce ne sarebbero tanti altri che farei rientrare tra le "eccezioni"...ma che senso avrebbe? Tutti gli argomenti di discussione sollevati in questi gg per me sono solo specchietti per le allodole, sotto il polverone io vedo solo un uomo che ha venduto se stesso e il proprio Paese a una super potenza in cambio di potere e ricchezza. In perfetto stile americano, quando ha smesso di essere utile è stato tolto di mezzo..ma se Saddam meritava di essere giustiziato, i suoi mandanti/consiglieri americani cosa meriterebbero? Applausi, forse, perché ancora una volta ne sono usciti puliti lasciando il mondo a discutere di pena di morte. Scusate lo sfogo.

Francesca C. Commentatore certificato 02.01.07 14:59| 
 |
Rispondi al commento

il carcere deve avere prima di tutto una finalità punitiva ma, in seconda battuta, una finalità rieducativa. Questa premessa è essenziale per il mio intervento.
Sono a favore della pena di morte così come sono a favore all'applicazione della pena dopo la sentenza di primo grado, così come sono a favore del fatto che le pene vadano scontate per intero, senza sconti e abbuoni.
La gravità del reato determina l'applicazione di una determinata pena e questa deve tenere conto sia della giusta punizione che del tempo necessario a ricondizionare un elemento socio-disadattato e far si che possa reinserirsi nella società senza più nuocere. Come si può pensare di rieducare la mente di uno che ammazza per vivere? O come si poù pensare di reinserire un soggetto che stupra i bambini magari uccidendoli dopo. E' giusto stabilire un limite ben definito per tutti quei reati la cui gravità, aberrazione e abominio mostrano che il soggetto è irrecuperabile. Non voglio fare una disquisizione sul tipo di pena capitale che andrebbe applicata ma non credo che tenere in galera qualcuni fino alla fine dei suoi giorni sia mano crudele. Ritengo che il compito dello stato sia di proteggere i cittadini e la pena di morte è un mezzo per farlo.

Andrea Coscia Commentatore certificato 02.01.07 14:59| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE,

QUESTA VOLTA HAI TORTO, SADDAM HA SUBITO UN PROCESSO ED E' STATA APPLICATA LA STESSA LEGGE PREVISTA IN QUEL PAESE DOVE LUI HA TORTURATO ED UCCISO SENZA PIETA' CENTINIAIA DI MIGLIAIA DI PERSONE DI TUTTE LE ETA'!
PER QUANTO RIGUARDA I PEDOFILI, SEMPRE DOPO UN GIUSTO PROCESSO, SE RISULTANO COLPEVOLI PENA CAPITALE!! PER GLI STUPRATORI INVICE CI VUOLE IL CARCERE SENZA FINTI PICOLOGI CHE DANNO IL LORO BENESTARE PER FARE USCIRE PERSONAGGINI COME ANGELO IZZO, CHE BRAVA PERSONA ERA DAVVERRO CAMBIATO!!! INFINE QUESTA VIGLIACCATA DELL'INDULTO DOVE FORZA ITALIA ASSIEME A DS E MERGHE RITA ED UDC E CATTO COMUNISTI VARI HANNO LASCIATTO LIBERI EVASORI, LADRI ED ASSASSSINI, LASCIANDO DENTRO SOLO O QUASI CHI ERA CONDANNATO PER DROGA. BENE TRA TUTTI MEGLIO UNO SPIACCIATORE FUORI CHE UN RESPONSABILE DI MORTI BIANCHE O EVASORE O ASSSISSINO O LADRO. BASTA CON QUESTO FALSO GARANTISMO CHE CONFONDIAMO CON UN LASSISMO PER CUI GLI AMICI VANNO FUORI SIA DI DESTRA CHE DI SINISTRA. SE VOGLIONO DAVVERO COMBATTERE L'EVASSIONE FISCALE IN QUESTO PAESE INCOMINCINO A DARE L'ESEMPIO SENZA COMPROMESSI POLITICI DI PALAZZO CON SILVIO E COMPANY, GLI UNICI ONESTI IN QUESTO SONO STATI DIPIETRO,FINI E LA LEGA!!!

CORDIALI SALUTI

MARCO SCALA

MARCO SCALA 02.01.07 14:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' strano come taluni pseudo-moralisti disdegnino la morte di Saddam Hussein, ma riflettendo, essendo gli stessi che sostengono coloro che hanno catturato, fucilato ed appeso in pubblica piazza Mussolini..., tutto è comprensibile. E' balzano l'accostamento Bush Olmert a Saddam Hussein, anche perchè le vittime civili di un conflitto sono a danno della campagna bellica stessa delle nazioni democratiche, mentre per il dittatore è lo strumento del TERRORE E DEL SUO ASSOLUTISTICO PREDOMINIO. In tal caso si confonde "intenzionalmente", la conseguenza di un'azione con il fine premeditato dell'assassinio di innocenti.
ps: un giorno chi è plagiato dall'ideologia comunista svegliandosi capirà che in fondo mentendo a se stesso non è stato altro che assertore delle idee nazional socialiste (in termini internazionali).

Mauro Bellaspica 02.01.07 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente in accordo con il Post... su ogni cosa!Dal folle occhio per occhio al Tibet, ai Gulag ad Hiroscima!
Aggiungo solo una, forse sciocca, considerazione sul luogo dell'impiccaggione di Saddam: un magazzino..un vano caldaia... un seminterrato per mobili d'ufficio dismessi? Cos'era quel posto? Una ricostruzione del poco credibile sottorraneo/buco nel quale lo hanno ritrovato dopo la CACCIARELLA AL CINGHIALE?
Peccato che la GRANDE AMERICA non abbia POTUTO coreografare alla propria maniera, con fuochi d'artificio, fondale di tv al plasma col faccione spigoloso del presidente che punta il dito sul colpevole e una magnifica presentatrice seminuda, con finale di coriandoli bianchi blu e rossi sull'ultimo spasmo di vita che ha percosso il Dittatore! Peccato aver dovuto perdere un'occasione simile di esportazione del buon gusto e della raffinatezza statunitense nel mondo... visti gli ascolti!

Complimenti vivissimi per la grande manifestazione di coraggio ed educazione politica data nel NON prendersene il merito di fronte al mondo... e complimenti, davvero, per la dignità concessa al momento finale di una vita

Monica Mari 02.01.07 14:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PANNELLA!! SANTO SUBITO!!!
L' UNICO SANTO CHE RIUSCI' A SCONFIGGERE LA
MULTINAZIONALE WEIGHT WATCHERS!!!

stefano marossa 02.01.07 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramente non un martire..... ma ora lo diventerà ? perchè lui era ancora li che penzolava e da tutti i telegiornali del mondo arrivava già l'ipocrisia dei capi di stato che scrollavano la testa in dissenso come se non ne sapessero nulla...la loro coda di paglia è un messaggio chiaro di quello che può portare diventare carnefice per punire un carnefice.... doveva soffrire fino a quando qualcuno di superiore all'uomo non decidesse di finire la sua agonia terrena per regalargliene una eterna . la pena di morte è un insulto all'intelligenza umana e un regalo per gente come saddam....... chi soffre attaccato ad una macchina senza speranza altra di addormentarsi per sempre merita di decidere di staccare la propria spina... ma agli assassini stupratori non dobbiamo regalare la pace.... non se la meritato.... grazie Beppe sei un grande Davide di Genova.

davide di maso 02.01.07 14:04| 
 |
Rispondi al commento

sono probabilmente contro corrente ma una persona cosi' non ha il diritto di vivere. dovevano ammazzarlo subito, appena ritrovato saluti a tutti

gianni venir 02.01.07 14:03| 
 |
Rispondi al commento

La pena di morte è immorale?
Chi l'ha deciso?
La pena di morte è giusta?
Ma chi l'ha detto?
Chi dice bene cosa o cosa è giusto per chi?
Saddam è stato mandato a morte dagli USA e dai suoi oppositori...MA NON SOLO!!.
Chi altro?
Dietro c'è il popolo degli intoccabili...il popolo che se solo viene scorregiato in faccia ti accusa di un male storico--->L'ANTISEMITISMO!!!
Vogliate o no il petrolio finirà e con lui si spegnerà anche quel fuocherello di paglia statunitense!
La storia non si scrive ne in giorni ne in anni...la storia ha bisogno di tempo...e per il momento la linea di continuità ebrea è nascosta dietro le quinte e lascia lavorare i suoi attori del nuovo mondo.
Le prossime vittime saranno iraniane...e spero con tutto il cuore che nn peserete ad una vendetta a stelle e strisce per gli accaduti odierni e passati(ambasciata usa 1980)...mi auguro infatti che nelle retrovie anche voi scorgerete una stella a sei punte!
Con affetto un antisionista convinto

Diego Ruggiano 02.01.07 14:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giusta l'impiccagione, sbagliato lo stile....

Paolo Venturin 02.01.07 13:54| 
 |
Rispondi al commento

MITICO..buon anno.come và..scusa ma questa morte di saddam mi pare così strana...esempio.la facilità con la quale gli americani sono entrati a bagdad..non hanno fatto nulla per impedire l avanzata delle truppe..ponti aperti,e idem per strade ed aeroporti,la prima cosa che si fa è distruggere le vie di accesso...il suo strano ritrovamento..il fatto che al processo non abbia mai menzionato i suoi rapporti con gli americani e le varie connessioni..l impiccagione notturna, con pochi testimoni.il viso meno segnato e più corpulento di saddam...mistero...a me me pare una sceneggiata..chissà dove sarà..magari con bin laden che gira per il desero con l apparecchio dialisi incluso nel pachetto opzioni offerto gentilmente dall amministrazione americana..e vari opzional e gaget a seconda della situazione..forse le mie sono solo fantasie campate..avrei tante cose da dire.come al solito scrivo da altro pc..tanto pe cambia.un grande saluto MY BIG AND DEAR FIEND.un augurio di bon anno a meetup,allo staff,alla comunity.un abbrccio grande quanto il mare,che dico quanto l universo.con tanta stima per ciò che fai e continui a fare.grazie di esserci.ciao.rirasilva


Concordo con la sig.ra TIZIANA CAVALIERE che ha scritto prima di me ma che non avevo letto: con poche parole ha fotografato il tema e approvo il fatto che pensare(già la parola pensare per qualcuno è un eufemismo)in modo diverso costa fatica ed è più semplice..........di nuovo ciao a tutti. Gianfranco calderoni

Gianfranco Calderoni 02.01.07 13:39| 
 |
Rispondi al commento

dimenticavo:

Come mai gli Iracheni Sciti fanno festa, e così anche gli Iracheni Curdi, e gli Sciti Iraniani, nemici giurati degli americani, e gli sciti di tutto il mondo??????

Per loro è giusto o sbagliato ammazzare un assassino, si o no? e quindi sono meno civili di noi? si o no?

Il fatto è che ogni civiltà si da delle regole (onestamente preferisco la mia, anche se in larga parte non le condivido ma le accetto) e quindi ribadisco siete degli ipocriti.

bolzani maurizio 02.01.07 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Leggi che ti fa bene...

Stella Di Leta 02.01.07 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Commento la morte di Saddam:chi delinque,la persona più ignobile che ci possa essre,ha comunque diritto ad un processo che sia il più giusto possibile e ciò,secondo me,non è stato fatto.E uccidere secondo legge pone la stessa sullo stesso piano del delinquente e con essa lo stato che la applica. Si è commesso,a mio giudizio,da parte di chi si professa democratico e civile un atto di barbaria inaudita tornando al medioevo e commettendo anche un errore politico da non sottovalutare pensando che non è questo il modo di portare democrazia,pace e civiltà nel mondo ma l'umano è anche questo,con le sue storture e con l'atavica voglia di sopraffare i suoi simili.2000 anni di storia non hanno insegnato proprio nulla a certuni e temo che ci sarà sempre chi delinque e la legge assassina.Si è sempre sperato nelle generazioni future delegando le nostre responsabilità ad altri ma non è così che si costruisce un nuovo mondo dove tutti,ma proprio tutti, possano godere della vita e nessuno possa essere ucciso per mano altrui dittatore o legge o comune mortale. Ora chiudo perchè l'argomento è sì interessante ma potrei diventare pesante e comunque sottolineo ancora che non ho amato Saddam ma neppure questo modo di applicazione della legge.A tutti voi lettori,le persone della redazione e al sig.Grillo un augurio di Buon Anno e vita dignitosa per tutti. GIANFRANCO da FORLI

Gianfranco Calderoni 02.01.07 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungerei, a buona ragione (vedi immagini reportage rainews24, mattina 2 gennaio), per chi non lo sapesse, la strage "misteriosa" di Najaf del 2004 dove, unitamente, ai resistenti, sono stati uccisi civili, apparentemente senza nessuna violenza (FOSFORO BIANCO SPARATO SENZA RISPARMIO DAGLI ELICOTTERI). Errore, prove di armi chimiche, svuotamento arsenali...
Chi condanniamo?
Tutto l'Occidente è schierato, da sempre, con se stesso; non c'è possibilità di giustizia!

Enzo Rotini 02.01.07 13:19| 
 |
Rispondi al commento

La pena di morte è una vergogna e un abominio dell'umanità, dovunque sia praticata e chiunque sia la vittima!

chiara moschini 02.01.07 13:12| 
 |
Rispondi al commento

sono anch'io, come tanti, del parere che non si possa utilizzare l'omicidio di stato per punire chi ha compiuto omicidi. Un lutto non può ripagare di altri lutti.Una madre a cui sono stati ammazzati i figli non può essere soddisfatta di sapere che un'altra madre piangerà la morte del proprio figlio.
Considero la pena di morte (inflitta a chiunque) una consuetudine barbara, legata alla sfera primitiva dell'irrazionale, una forma di spettacolo cruento che consola i poveri di spirito del vuoto di valori e della incapacità di pensare altrimenti.

Tiziana Cavaliere 02.01.07 13:12| 
 |
Rispondi al commento

quarantamortialgiornochenonfannopiùnotizia?

ma che cavolo state dicendo???????????

i "quarantamortialgiornochenonfannopiùnotizia?" sono per mano occidentale o per attentati una volta sciti e l'altra sunniti?

Tutti avevano applaudito o sbaglio per l'alta affluenza alle urne nelle prime elezioni in IRAQ?

Si doveva o non si doveva processare Saddam?
se si, allora perchè andiamo a contestare la sentenza?

Per me andava fucilato sul posto, bene o male il capitolo era chiuso. Mussolini docet!

All'esecuzione di Ceausescu chi si è messo a protestare??

e pensare che tutti si sono stracciati le vesti per un dittatore impiccato dopo essere passati in comitiva nel paese dove esiste la tortura, pena di morte, vendita degli organi estratti dai condannati, schiavismo di stato nei Lagoai..........siete tutti ipocriti.

Mi viene in mente una battuta del miglior Grillo ad un Sanremo a proposito di Jovanotti:
...IN MINIERAAAAAAAAAAAA !!!!!!!!

bolzani maurizio 02.01.07 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Si preparino
Silvio... Gianfranco ...Umberto...

tutti gli altri fascisti si mettano in fila... subito dietro di loro...

Marco NUORO Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 12:51| 
 |
Rispondi al commento

L'occhio per occhio e dente per dente non è pensabile in una società civile!!! Le atrocità commesse dall'umanità, tali rimangono chiunque le compia, anche se è difficile accettare un verdetto di maggior clemenza quando ti hanno ammazzato qualcuno in famiglia o ci si è resi responsabili di crimini che in qualsiasi modo ne offendono la dignità.

Francesco Cotrino 02.01.07 12:49| 
 |
Rispondi al commento

come al solito sono sempre gli altri i cattivi.Anvora una volta i furbetti del quartiere hanno colpito ancora,mentre il"capo" dormiva veniva giustiziato un uomo definito dittatore di comodo finche combatteva gli ayatollà,poi diventato scomodo perche ha nazionalizzato le industrie petrolifere americane. GRAZIE GRILLO

leonardo m. Commentatore certificato 02.01.07 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Gli americani sono così: sono amici di fascisti comunisti e saddamisti vari finchè gli conviene. Quando non gli conviene più li demonizzano e diventano il loro prossimo peggior nemico. Per esempio, dopo aver sfruttato il comunismo nella seconda guerra mondiale, lo hanno subito demonizzato (lo hanno impiccato molto tempo dopo)

rocco scotellaro 02.01.07 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe!!! questo si che è parlare...
Hanno portato in Iraq la squallida legge americana che ormai non è più baluardo di democrazia, ma di furbi movimenti di interessi...anche se in realtà è sempre stata così...la democrazia degli interessi (dei più forti) che è stata asportatata oggi in Iraq..ieri in Italia!

maurizio albicocchi 02.01.07 12:36| 
 |
Rispondi al commento

PS: e non penso che abbia pagato con la sua condanna a morte perchè ha commesso tali delitti da renderlo imperdonabile in eterno. Punto e basta.
Riguardo Darfur e tutti i mali del mondo: pensarli fa male come fa male pensare che continueranno mentre noi saremo troppo indaffarati a pagare il mutuo, la rata per la macchina, i giochini per i nostri figli ma anche il pane per loro.
Fondamentalemente affoghiamo il nostro senso civico ed umano in un mare di bollette da pagare...
Ma in fondo non è il degno coronamento di una società il cui unico faro è l'incremento del prodotto interno lordo a fine anno?

Efstathios Varvarigos Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Quante ipocrisie...
Questo ha gassato migliaia di persone, e i figli dei gassati dovevano anche pagargli la prigione in attesa che questo perdesse la spocchia....
Bravi perbenisti del cavolo...
Non c'è lezione senza esempio, non c'è regola senza eccezione, io sono di per sè contrario alla pena di morte e a chi la infligge ma alle volte occorre negare le proprie convinzioni.
I crimini mostruosi che quest'uomo ha commesso e le barbarie perpetrate superano ogni umana pietà.
Poi ci sono quelli come voi che all'Hitler di turno gli proporrebbero il tribunale dell'Aia per poi accomodarlo in carcere dandogli l'ergastolo, con la possibilità magari di "rieducarlo" affidandolo ai servizi sociali....
Aspettate che vi colpiscano negli affetti e poi ci risentiamo.....
Buon 2007 a tutti.

dante darelli 02.01.07 12:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Appunto. Ci sono stati in Iraq migliaia e migliaia di condannati a morte (anche innocenti) e nessuno ne ha parlato. Per avere audience in Europa (e da Beppe Grillo) o devi essere un condannato a morte americano o devi chiamarti Saddam Hussein. Come è assurdo: se i morti sono americani li si conta con precisione. Se invece sono irakeni o iraniani possono essere anche un milione ma non conta. Ma per quale motivo gli americani dovrebbero andarsene per non morire a centinaia e le varie fazioni in lotta da sempre (sia pure parzialmente e temporaneamente "addomesticate" da Saddam) possono tranquillamente restare a scannarsi a migliaia? Per me un morto americano vale quanto uno irakeno. Se gli americani restano a lungo di morti ce ne saranno di meno (anche se faranno più notizia). E' meglio che restino. La vita delle persone vale molto di più dele nostre questioni di principio.

rocco scotellaro 02.01.07 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Per quello che mi riguarda non è vendetta. E' punizione.

Efstathios Varvarigos Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 12:22| 
 |
Rispondi al commento

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*KLIKKAMI E DIVERTITI!

Romano Brodi 02.01.07 12:11| 
 |
Rispondi al commento

La demonizzazione di Saddham come capo del terrorismo e delle armi di sterminio, oltre che falsa era stupida e stupidi restano coloro che non ne vedono l’aberrazione e continuano a credere a individui che sono solo dei lestofanti criminali
Aver assassinato Saddham non risolverà le immense ferite che gli USA hanno portato al mondo
La loro sciagurata politica, appoggiata dai grandi organismi internazionali come la Banca Mondiale e l’Organizzazione del Commercio, col supporto dell’Inghilterra di Blair e dell’Italia di Berlusconi, è colpevole di delitti e devastazioni che nessuno sarà in grado di sanare. Nessuno mai più
Nessuno riporterà in vita le migliaia di morti
Nessuno resusciterà i soldati americani uccisi che sono molti di più dell’oscuro e inquietante attentato alle Torri
Nessuno eliminerà la contaminazione dei territori, del suolo, dell’acqua, delle persone.
Nessuno potrà quantificare il danno morale, ideologico, storico che la destra americana ha portato al proprio paese e i virus infetti che ha diffuso nel mondo.
Grazie alle cinica e stupida politica neocons, il mondo ha peggiorato tutte le sue condizioni
Non è nemmeno possibile parlare del danno ecologico, ambientale al pianeta, che lo porta a sicuro suicidio.
Un mld e 200 milioni di persone hanno fame.
Un mld e mezzo non hanno acqua.
Metà della popolazione mondiale ha meno di 2 dollari al giorno e la gran parte ha meno di un dollaro
L’80% del mondo consuma l’1,3% delle risorse
I pochissimi magnati sono sempre più spaventosamente ricchi
E la guerra è il loro mercato
E la guerra è la loro politica
E la guerra il loro unico credo
Non conoscono altro che la guerra
Ma il mondo è stanco delle menzogne e delle guerre si riduce il numero degli stupidi
Troppe evidenze mostrano quale cataclisma siano stati gli USA. Il mondo è stanco di questi abomini
Il terrorismo, la guerra, la morte, l’orrore.. sono generati dal deserto della ragione e dal deserto del cuore
Ed è da qui che si deve ricominciare

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beh vi posso dì che alla fine di tutto, non riesco proprio a capire,dopo tutto quel che è successo in passato,come ci possa essere qualcuno che pensi al diritto di vita x saddam per salvare la vita a uno che ne ha tolte miliardi con le sue voglie e manie?!
In italia siamo proprio strani,per settimane quando si scoprono altarini,televisioni,giornali e i mass-media in generale fanno loop di quella notizia.... dopo 10-15giorni,quando il fuoco va spegnendosi per la saturazione della notizia,mi trovo lo stesso personaggio,colpevole di qualsiasi reato,in trasmissioni come il costanzoshow,domenica in,buonadomenica ecc ecc a parlare come se fosse un dio,un miracolato. ..

ma io dico, semo messi proprio male AO!
se esiste la galera,deve essere galera non vacanza!
PS: non ho mai capito perchè la galera qui da noi pare essere il posto piu confortevole del mondo. . .chiedetevi come mai in iran ecc ecc i prigionieri non durano in cella piu di 2 mesi,altro che vitto,alloggio,condizionale e servitù... le punizioni non esistono piu qui da noi,ora poi con l'indulto...mortacci al mortadella e tutti i suoi porci appresso.

(ogni riferimento a persone e luoghi è puramente casuale) se se ...ghgh

Marco.C 02.01.07 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non l'avrei ucciso e lo avrei tenuto a vita in un carcere, così non ne avrebbero fatto un martire.
Il fatto è che vista la fallimentare operazione Usa in Irak, negli Stati Uniti faceva comodo uccidere Saddam per poter dire di avere avuto una piccola vittoria...

M. Toscano 02.01.07 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Non mi fa ne caldo ne freddo. Per un dittatore di quella portata in un paese dove la guerra civile e' ormai all' ordine del giorno Saddam che va al patibolo e' normale. Ha perso e ha pagato. Non vorrei azzardare giudizi sconsiderati ma secondo me lui l'ha presa anche piuttosto bene. Ne ha messi a morte lui a decine,la violenza del potere l'ha sempre esercitata come normale mezzo di amministrazione secondo me la sua morte l'aveva messa in preventivo proprio cosi'. Per la sua gente, quelli che lui ha protetto con la sua dittatura feroce e violenta, e' morto da martire.
Adesso mi aspetto solo un ondata di violenza senza confini e limiti. Dalla violenza non nasce che altra violenza. Ormai non ci resta che pregare per questo paese.

Laura Sironi 02.01.07 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Tutto è contraddizione in virtù dell'egoismo,questo è l'incantesimo che uccide il mondo.Il castigo peggiore sarebbe esser costretti con la forza a vivere in questa prigione di morte senza sbarre fino a che anche la speranza perda la sua ultima scintilla.Invece Saddam quella scintilla l'ha ritrovata..essere condannati a morte dopo un calvario simile significa ottenere l'unica via d'uscita dalla prigione.Pazzesco,donare la VITA a un uomo che ha mortificato quella altrui!

Carlotta Guerrieri 02.01.07 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, io penso solo che il vero male di questa italia e di questa nostra societa',sia l'incredibile abilita' che abbiamo nel "piangerci addosso"!Sento continuamente parlare di problemi, di soldi che non bastano a fine mese,di morti ammazzati ecc....Ma basta, troviamo tutti noi ITALIANI E NON, Un qualcuno che ci faccia scendere in piazza, che ci faccia da guida!Organizza una manifestazione, ma non per lamentarci,ma per riprenderci cio' che ci spetta:"la dignita' di alzarci la mattina e andare a lavorare per realizzare i nostri sogni e non quelli di una classe politica che taglia di qua , taglia di la,ma non taglia mai ne il suo stipendio ne la sua lingua che ci riempie di cazzate!!!Saluti da Roma!!!

valerio zappatore 02.01.07 11:45| 
 |
Rispondi al commento

GRANDE BEPPE!!!!
lA GIUSTIZIA E' SOLO PER POCHI, PURTROPPO
CHI VERAMENTE HA DEI DEBITI CON LA SOCIETà E L'UMANITA'LA FA SEPRE IN BARBA A TUTTI...E QUESTO E' INACCETTABILE!!!
SPERIAMO CHE CON QUESTO NUOVO ANNO LE COSE COMINCINO A CAMBIARE, ANCHE SE LA SPERANZA E' PROPRIO POCA
UN SALUTO....

solo mauro 02.01.07 11:44| 
 |
Rispondi al commento

il problema è la sensazione dell'onnipotenza.
Saddam si sentiva onnipotente, bush si sente onnipotente, il boia e gli spettatori compiaciuti si sentono onnipotenti.
fortuna che prima o poi tutti ci renderemo conto della nostra piccolezza.
buon 2007 a tutti: ai buoni perchè sono buoni, ai cattivi perchè diventino buoni.
vostra affezionata tina.

tina esposito 02.01.07 11:34| 
 |
Rispondi al commento

AlfonZi? siamo un po' troppo OT,
ma tanto tu sei un semplice Troll...
per altro non provare a scrivere in romanesco che manco lo sai...

AlfonZi? Sei un po' volgarino!!! facci caso, io non ho usato una parolaccia, tu sei un continuo. Pensi di essere una persona pronta per il civile confronto dialettico?
e dopo questa non ti rispondo piu', perche' non meriti di essere nemmeno considerato, sei un condensato scritto di luoghi comuni e di stereotipi... smettila di vedere il TG4 che ti si infiamma anche l'uretra...

Stefano Guerra Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 11:30| 
 |
Rispondi al commento

E' così facile la giustizia dei vincitori...

Perfettamente d'accordo con te Beppe in tutto e per tutto.

Sabrina Ruzza 02.01.07 11:14| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che c'è d'augurarsi è che tra chi sostiene Bush e chi il resto del mondo contrapposto a lui non si crei una disputa tra il proprio convincimento e quello degli altri.......... che non abbia finalità costruttive e di convivenza, ......noi occidentali siamo liberi di poterci esprimere parlarci confrontarci ed anche insultarci in molti posti del mondo NO.....
A volte soltanto esprimersi vuol dire condannarsi a morte, per le donne scoprire un velo dal viso essere soppresse, ci sarebbero altre miriadi di cose da dire....., in posti simili a quelli descritti l'ignominia dell'uomo trava casa, posti dove il forte anche se ignorante comanda il debole malgrado sia intelligente, questo rappresenta la sopraffazione tra simili nella vita di tutti i giorni dove l'alternativa e stare con loro o essere annientati-uccisi con le proprie famiglie piccoli ed anziani.
Anche in Europa storicamente si perpetrato ciò, nelle varie dittature, nelle guerre, nelle colonie,.... ed anche con le religioni mio malgrado anche cattolica....... ma oggi usufruiamo di uno stato di liberta mai ricordata nel corso della storia che ci consente tutto dandoci poi il tempo di capire se abbiamo sbagliato ed il tempo di correggerci.
Stiamo attenti, a non perdere tutto ciò……….. difendiamo il baluardo della libertà dove certo, parafrasando, possiamo prendere uno schiaffo ma anche ridarlo senza però arrivare ad uccidere od essere uccisi.
Ma attenzione nelle dispute dei pareri concettuali sull’oggetto di cui trattasi direi che ci sia da tenere conto che in un mondo che diventa sempre più unito dal progresso va considerato diversamente chi tenta di sopraffare utilizzando anche le proprie religioni e reprime l’intero suo popolo e...... chi rappresentando la libertà reprime chi lo offende con l'attacco...., il secondo certamente non fa molto meglio del primo ma va distinto.

Maurizio Cioccio 02.01.07 11:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stai calmino AlfonZi.... che ti si infiamma la prostata!! ;)

(ma come parli? Brigante??... ma da dove esci? da un abecedario di fine 800?)

Stefano Guerra Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Da sempre contrario alla pena di morte sono d'accordo col tuo post Beppe. Basta con le guerre e i morti di serie A e B.

paolo tumolo Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 11:00| 
 |
Rispondi al commento

L’attentato peggiore che Bush ha fatto non è quello al Medio Oriente e a migliaia di vite ma al diritto internazionale, unica speranza che il mondo aveva di porre fine alla barbarie delle guerre per sostituirle con politiche internazionali di pace
Bush non si è imposto solo come sceriffo del mondo, ma anche come super leges, che impone come unica legge quella che favorisce gli interessi americani, rifiutando tutte le altre
Di fronte a lui il mondo dovrebbe mettersi prono e subire la sua prepotenza e ciò è sempre più assurdo
Questo è il vero terrorismo, una logica imperialista molto peggiore di quella di Roma che qualche bene almeno lo portò, strade, leggi, acquedotti, ordine, sicurezza. L’impero americano nemmeno questo. Solo morte, distruzione e predazione. Solo Male
Per questo gli USA sono destinati a cadere
E solo quando saranno caduti, il mondo intero potrà riparlare di pace
Il pianeta non può tollerare di diventare “il cortile di casa” di Bush, di essere diviso tra stati succubi e stati-canaglia da attaccare indiscriminatamente o da punire economicamente
Bush ha messo in pericolo la stabilità di tutti, ha umiliato l’ONU, ha attentato all’autonomia di organismi infra-nazionali come l’UE o le associazioni degli stati sudamericani, ha calpestato ogni sorta di legge, umana, nazionale, sovranazionale, divina
Ha negato in ogni modo il significato delle parole “democrazia” e "libertà" per sostituirvi la sopraffazione
Ha voluto arrogantemente comandare promettendo sicurezza, ma il mondo è meno sicuro. E promettendo benessere, ma il mondo è peggiorato.
Il neoliberismo militarizzato ci sta rovinando tutti e sta portando a una progressiva povertà e perdita di diritti
Tutto il pianeta è in fiamme. E dell’inquinamento e della contaminazione e della fame non si occupa realmente nessuno

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 02.01.07 10:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I nostri dipendenti (eletti) sono dei DELINQUENTI?
Per saperlo andate sul sito web: http://www.societacivile.it/ , precisamente: NUOVO PARLAMENTO, NUOVO GOVERNO
Le schede degli impresentabili
Il Caimano e le mozzarelle
di Marco Travaglio

Ci sono tutti i partiti escluso: IDV, VERDI e PDCI

QUOTE MARRON

Dove sono

Camera 49
Senato 26
Parlamento europeo 7

Categorie penali*

Condannati definitivi (o patteggiamenti) 25
Prescritti definitivi 10 Assolti per legge** 1
Prosciolti per immunità*** 1
Condannati in I grado 8
Imputati in I grado 17
Imputati in udienza preliminare 1
Indagati in fase preliminare 19

Totale 82

* Quando un parlamentare ha piú processi, abbiamo registrato quello in fase piú avanzata (la prescrizione prevale sulle indagini in corso, ma non sulle condanne anche provvisorie).
** Il dato non tiene conto dei casi BERLUSCONI, PREVITI, Brancher e altri, usciti dai loro processi in base a leggi da essi stessi votate, perché rientrano anche in altre categorie penali per altri processi.
*** Si tratta della insindacabilità che ha salvato il leghista Speroni da un processo per reati ritenuti compiuti nell¹esercizio delle funzioni parlamentari.

L¹hit parade dei partiti


Forza Italia 29
Alleanza nazionale 14
Udc 10
Lega Nord 8
Movimento per l¹autonomia 1
Dc 1
Psi 1
Gruppo misto **** 1

Totale Destra 65

Margherita 6
Ds 6
Udeur 2
Rifondazione comunista 2
Rosa nel pugno 1

Totale Sinistra 17


La classifica dei reati*****

Corruzione 18
Finanziamento illecito 16
Truffa 10
Abuso d¹ufficio, falso 9
Associazione mafiosa 8
Bancarotta fraudolenta, turbativa d¹asta 7
Associazione a delinquere, resistenza a pubblico ufficiale, falso in bilancio 6
Attentato alla Costituzione, attentato all¹unità dello Stato, struttura paramilitare fuorilegge 5
Favoreggiamento, concussione, frode fiscale 4
Diffamazione, abuso edilizio, lesioni personali 3
Banda armata, corru.....

paolo cacciavillani Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 10:54| 
 |
Rispondi al commento

la morte di Saddam rende ambigua ancor di più la nostra politica "occidentale" :sottolineiamo che la morte ci fa orrore,poi,la stessa morte,(quella che ci fa orrore),la impartiamo ad un detenuto.Allora in virtù di quali deroghe morali noi "occidentali"siamo pronti a odiare la pena di morte e ,contemporaneamente, ad applicarla?Un TALE con barba al seguito,circa 2000 anni fa parlava di noi,e a volte ,ci paragonava a dei SEPOLCRI IMBIANCATI :fuori belli puliti,di ottimo aspetto,dentro,marci,sporchi,e pieni di fetore.Vuoi vedere che quel TALE ha ragione ancora oggi? Oggi mi sento un perdente,e credo di essere in numerosa compagnia......

marco beato Commentatore certificato 02.01.07 10:54| 
 |
Rispondi al commento

I Troll come l'Alfonsi vanno classificati nella categoria degli............ ?????!?!?!?!?

dai ragazzi che la rima e' semplice!!!

Suvvia Renato... non te la prendere!!

Stefano Guerra Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 10:52| 
 |
Rispondi al commento

saddam è stato giustiziato. bush ancora no. cosa aspettiamo ad arrestarlo, metterlo in galera e impiccarlo? saddam è stato giustiziato. bush ancora no. i conti non tornano. Solo quando avrà la corda al collo anche lui potremo dire che giustizia è stata fatta!

brunella bandoni 02.01.07 10:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per chi ha il satellite,
oggi, su rainews24, viene trasmesso a rotazione un documentario sulla battaglia di Falluja di un anno fa',
una strage enorme, perpretata sulla pelle della popolazione civile, un documentario impressionante, ricco di testimonianze, date, nomi, foto allucinanti... La morte di Saddam e' solo il seguito di un'enorme tragica farsa che chissa' mai quando si concludera'...

NO ALLA PENA DI MORTE, nemmeno per gli assassini.
Saddam ha usato il GAS contro i Curdi? gli americani allora sono decenenni che utilizzano armi proibite in tutti gli angoli del mondo.... chi giustizia BUSH???

Stefano Guerra Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 10:17| 
 |
Rispondi al commento

penso che la pena di morte sia giustificata in alcuni casi quello di saddam è uno di questi.
vorrei ricordare che questo dittatore è stato capace di ammazzare migliaia di persone perchè ostacolavano la sua ascesa al potere, ha costretto il popolo iracheno ad atroci sofferenze per combattere contro alcuni stati confinanti, ha ucciso i suoi 2 generi e un nipote come condanna per essere scappati dall'Irak, ha usato più volte gas letali contro le popolazioni curde e sciite.
Prima di insorgere contro l'impiccagione di qualsiasi persona bisognerebbe vedere cosa questa persona ha fatto nella propria vita e perchè

massimo ghirardi 02.01.07 10:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma è mai possibile che su questo blog tutti vogliono fare i fricchettoni e gli intellettualoidi del cazzo facendoci vedere quanto sono edotti sulle guerre che ci sono in giro nel mondo e poi si tace sulle ABNORMI CAZZATE dette da alcuni (TIZIANO GAZZETTA SU TUTTI)??? Vi prego rispondeteeeeee, cacciamo via questi idioti, che si sentano in difficoltà a scrivere, ma anche solo a pensarle certe cazzate. Come si fà a dire tutto e il contrario di tutto in una sola frase? IO SONO CONTRO LA PENA DI MORTE VUOL DIRE CHE NON E' LA GIUSTA PUNIZIONE PER NESSUN TIPO DI REATO, FOSSANCHE L'OMICIDIO DI MIA MADRE. CAPISCI ORA TIZIANO COSA VUOL DIRE ESSERE CONTRARI??? Oppure sono nozioni troppo difficili per il tuo cervello, qualora tu ne avessi uno?

Daniele Di Blasio Commentatore in marcia al V2day 02.01.07 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, nella Repubblica Democratica del Congo ( regione dei Grandi Laghi )dal 1999 si protrae un conflitto che sino ad ora ha provocato più di 4 milioni di morti ma nessun telegiornale serio ne parla per più di cinque minuti. La zona è stata invasa da milizie armate ruandesi e ugandesi che nel silenzio generale hanno massacrato, stuprato, "mangiato", e incendiato città , villaggi e quant'altro. L'Iraq sarà ricco di petrolio, ma la Repubblica Democratica del Congo è per l'Europa, la Cina, i Paesi Arabi e gli USA una miniera a cielo aperto , ricca di : coltan, uranio, petrolio, diamanti, legname, gas, zinco, ecc ecc...; i conflitti africani vengono fatti passare per lotte tribali, ma in realtà sono strumentalizzati per creare instabilità nei Paese: così europei,americani, canadesi, cinesi,coreani, Arabi entrano e rubano; nelle province dell'Est, pare sia stato scoperto un giacimento petrolifero che da solo potrebbe risollevare il Paese dallo stato di miseria che affligge da anni la popolazione. Già una compagnia occidentale si è installata nella zona e lo sta sfruttando. Perchè a capo dei Governi vengono posti "presidenti fantoccio" che svendono il Paese senza scrupoli. Nel 2006 sono state organizzate le prime elezioni democratiche. Ha vinto Kabila, presidente di dubbie origini etniche,( pare non sia neanche congolese).Gli europei hanno inviato l'Eurfor, per controllare il regolare svolgimento delle elezioni. Hanno investito un sacco di soldi per organizzarle( organizzate da un organismo detto "C.E.I." a capo del quale c'è un sacerdote cattolico)...tanto se li riprenderanno tutti indietro con gli interessi. Una democrazia "a parole" che fa comodo agli occidentali e ai businessmen del Paese: intanto la gente muore di fame e di stenti. A Kinshasa ci sono interi quartieri senza corrente nè acqua. Sono state distrutte le fabbriche ma proliferano templi innalzati da sette religiose contro cui il governo non riesce a fare nulla. Quanti Saddam dovremmo impiccare?

Cristina Chiusoli 02.01.07 10:08|