Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Bersanator


Bersanator.jpg

C’è in Italia una nuova figura. Il liberalizzatore. Uno che il Cip6 se non fosse stato per lui, che le ricariche se non fosse stato per lui, che le tariffe telefoniche se non fosse stato per lui, che le tariffe elettriche se non fosse stato per lui, che il prezzo del gas se non fosse stato per lui, che i costi dei servizi bancari se non fosse stato per lui.
Se avesse avuto mano libera avremmo prezzi e servizi europei.
Ma non ne ha avuto la possibilità.
E’ stato solo Ministro dell'Industria, del Commercio, dell'Artigianato e del Turismo, Ministro dei Trasporti e della Navigazione e, ora, Ministro per lo Sviluppo Economico.
Chiaro che le responsabilità non sono sue, ma di qualcun altro nato nel suo stesso giorno. Sempre lui, il bypassato.
Il liberalizzatore si appropria anche delle liberalizzazioni altrui come ci spiega Andrea D’Ambra per le ricariche telefoniche. Il liberalizzatore è sereno di fronte al cartello dei prezzi denunciato dalla UE. In Italia elettricità e gas costano come i diamanti. Ma che competizione se un’azienda paga tutto più caro rispetto al resto d’Europa? Che risparmi può fare una famiglia con bollette da usurai? Chi guida l’Enel e l’Eni? A quali politici rispondono? La Finanziaria non serve a un c...o se i servizi primari costano il doppio.

1. Eni/Enel: la voce della UE
Neelie Kroes, capo dell’Antitrust UE, ha proposto la separazione della produzione dalla gestione delle reti di distribuzione e ha richiamato l’Italia che “preoccupa” in quanto Eni e Enel “mantengono una posizione dominante ed esercitano un sostanziale potere di mercato”.

2. Eni/Enel: prezzi elettricità e gas in Europa dal Financial Times di oggi
FT_electricity.jpg
Ft_gas.jpg

3. Eni/Enel: le dichiarazioni delle aziende e del liberalizzatore
Le richieste della Kroes sono “in linea con il cambiamento già imboccato dall’Italia negli ultimi anni”. Fulvio Conti, amministratore delegato dell’Enel.

Siamo stati “tra le prime società in Europa ad avviare misure pro-concorrenziali”. Dichiarazione dell’Eni.

“Le iniziative che l’Italia sta prendendo vanno, su molti punti, lungo la strada che l’Unione europea ha indicato nel suo rapporto”. Pierluigi Bersani.

E, infine, la lettera di Andrea D’Ambra:
Carissimo Beppe,
come saprai Bersani l’altra sera a Ballarò ha ‘scoperto', i costi di ricarica nel momento migliore per strumentalizzazioni politiche. Cioè quando sta per arrivare la decisione dell'Agcom. Cosi tutti diranno "oh, ma che bravo Bersani, ha abolito i costi di ricarica!" Eh no! A questo non ci sto! Le strumentalizzazioni non mi sono mai piaciute! A Cesare quel che è di Cesare! Tu sai che quest'iniziativa se non fosse stato per te che l'hai sostenuta per me che l'ho creata e per gli oltre 800mila firmatari che l'hanno appoggiata non sarebbe mai arrivata a tanto. E' solo grazie alla petizione di www.aboliamoli.eu se le authority si sono mosse dopo la mia denuncia alla Commissione Europea checché ne dica Bersani...
Ti prego di voler precisare questo sul tuo blog perché:
1) La stampa amica di Bersani censura l'iniziativa per interesse politico
2) La stampa amica degli operatori censura l'iniziativa per interesse economico.
Grazie di cuore”. Andrea D'Ambra www.aboliamoli.eu

11 Gen 2007, 18:48 | Scrivi | Commenti (1166) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sarà un partito che salverà l'Italia...
Alessio Cioxi

alessio cioxi 15.10.09 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Sarei contenta se qualcuno sapesse spiegarmi se e' vero che con la liberalizzazione dell'offerta del servizio per l'energia elettrica ci sarà un'utilità per il consumatore finale oppure succederà come per il servizio telefonico: il consumatore finale si perde nel caos delle tariffe delle "pseudonuove" aziende, succede una tale confusione, che alla fine viene distratto e non si accorge che i prezzi sono aumentati a dismisura. Partendo dal presupposto (inesatto?)che l'azienda erogatrice è sempre Enel (come e' successo per Telecom) perché un' azienda come questa dovrebbe fare concorrenza a sé stessa immettendo sul mercato il solito prodotto a due, a tre o quattro prezzi differenti? Quale logica commerciale può portarla ad una scelta del genere? Non certo per favorire il consumatore finale......

Antonella Breschi 26.10.07 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei fare un commento sulla iniziativa di Bersani di abolire la penale per estinzione anticipata dei mutui:"Caro Ministro se una persona avesse € 200.000,00, le pare che si preoccuperebbe della penale???" Se si voleva veramente aiutare noi poveri mutuatari, bastava eliminare quel famoso limite di € 3700,00 circa di interessi passivi scaricabili in fase di dichiarazione dei redditi ( 730-UNICO) per usufruire della detrazione d'imposta del 19%. Allora si che il surplus di interessi che ci siamo visti costretti a pagare, sarebbe stato almeno recuperato della percentuale di cui sopra. Che non è poco!!!!! Saluti

Sergio Manfellotti 05.10.07 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei fare un commento sulla iniziativa di Bersani di abolire la penale per estinzione anticipata dei mutui:"Caro Ministro se una persona avesse € 200.000,00, le pare che si preoccuperebbe della penale???" Se si voleva veramente aiutare noi poveri mutuatari, bastava eliminare quel famoso limite di € 3700,00 circa di interessi passivi scaricabili in fase di dichiarazione dei redditi ( 730-UNICO) per usufruire della detrazione d'imposta del 19%. Allora si che il surplus di interessi che ci siamo visti costretti a pagare, sarebbe stato almeno recuperato della percentuale di cui sopra. Che non è poco!!!!!

Sergio Manfellotti 05.10.07 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ho deciso di lasciarti un commento perchè sono davvero, delusa, nauseata e arrabbiata con questo pseudopolitico, che in teoria dovrebbe essere anche ministro per lo sviluppo economico, chiamato Bersani. Il GENIO ha pensato bene, per rilanciare l'economia, di far pagare il 14 o il 24% di tasse a tutti coloro che intendono comperare un Ufficio o un Negozio...
Sono talmente arrabbiata che non oso commentare, visto che potrei scrivere solo una lunga sfilza di ingiurie nei confronti di questo buffone che CI sta scavando la fossa sotto i piedi.

Tiziana Machella 28.09.07 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ho deciso di lasciarti un commento perchè sono davvero, delusa, nauseata e arrabbiata con questo pseudopolitico chiamato Bersani. Il GENIO ha pensato bene, per rilanciare l'economia, di far pagare il 14 o il 24% di tasse a tutti coloro che intendono comperare un Ufficio o un Negozio...
Sono talmente arrabbiata che non oso commentare, visto che potrei scrivere solo una lunga sfilza di ingiurie nei confronti di questo buffone che ci sta scavando la fossa sotto i piedi.

Tiziana Machella 28.09.07 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Il comportamento messo in atto in questi giorni dall'operatore Tre (3 Hg) è da considerarsi una vera e propria truffa ai danni dei propri clienti ed il modo in cui stanno agendo è ai limiti della legalità.

In questi giorni Tre sta inviando un SMS ai clienti che hanno un piano Super3, SuperTua ed altri simili in cui è scritto quanto segue:

"Dal 1/09 il tuo piano cambia. Per nuove condizioni e recesso senza penali, salvo costi sostenuti da 3, chiama gratis il 4371 o clicca http://portale3.tre.it/Super3".

Cosa cambia per l'utente, in particolare per chi ha un piano Super3?

* le chiamate passano da 10 a 12 cent/min
* gli SMS passano da 10 a 12 cent l'uno.
* lo scatto alla risposta passa da 15 a 16 centesimi
* l'autoricarica per le chiamate ricevute scende da 10 a 5 cent/min
* l'autoricarica per gli SMS scende da 4 a 2 centesimi
* la soglia minima per poter ricevere l'autoricarica passa da 3 a 5 euro/mese


In pratica un aumento medio del 20% per quanto riguarda le tariffe ed una diminuzione del 50% del valore dell'autoricarica.

A nostro parere il comportamento di Tre è scorretto e non del tutto legale, in quanto:

* hanno avvisato gli utenti delle modifiche ad un contratto in essere, mediante SMS, senza usare una raccomandata a/r.
* stanno modificando un contratto già stipulato con gli utenti
* hanno inserito nel contratto una clausola che li autorizza espressamente a modificare il contratto stesso a loro piacimento (pensate sia legale?!)
* chi ha preso un telefono in comodato d'uso dovrà restituirlo senza ricevere indietro la somma versata per ottenerlo (in alcuni casi da 100 fino a 300 euro).

Andrea Grandi 25.07.07 18:55| 
 |
Rispondi al commento

**************************************
PETIZIONE PER ANDREA D'AMBRA CAVALIERE
**************************************

Il blog "Amici di Generazione Attiva", ha lanciato una petizione affinché ad Andrea D'Ambra (promotore della petizione che ha portato all'abolizione dei "costi di ricarica") venga dato il riconoscimento di CAVALIERE DELLA REPUBBLICA ITALIANA.

La petizione la trovi qui:

http://generazioneattiva.splinder.com/post/12520019

FIRMATELA!

Donato Marchesani Commentatore certificato 10.06.07 18:16| 
 |
Rispondi al commento

ITALIA.IT - GENERAZIONE ATTIVA CHIEDE AL GOVERNO DI VISIONARE TUTTI I DOCUMENTI RELATIVI AL PORTALE COSTATO 45 MILIONI DI EURO

Ischia - NA - 4 Giugno 2007 - Generazione Attiva, Associazione Nazionale Indipendente in difesa dei Consumatori, ha inviato oggi richiesta formale alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nonché ai Ministri Rutelli e Nicolais con la quale si chiede l'accesso a documenti amministrativi ex legge 241/1990 relativi al portale ITALIA.IT

Nella lettera Generazione Attiva, riprende alcuni stralci della lettera aperta di "Scandalo Italiano", sottoscritta da circa 1500 cittadini e ricorda come:

"Dal giorno del suo debutto Italia.it è stato oggetto di una valanga clamorosa di critiche da parte di tutto il mondo web, italiano e non: tecnici, designers, comunicatori, esperti di marketing turistico online, bloggers e semplici utenti.
Accanto a loro un inspiegabile ed assordante silenzio dei canali istituzionali, della stampa e dei media televisivi; con qualche rara eccezione dei pochi che ne hanno trattato marginalmente.
Il portale, che del progetto "Scegli Italia" rappresenta l'elemento catalizzatore per il rilancio del turismo italiano, si è rivelato, alla prova dei fatti, del tutto inadeguato allo scopo.
In considerazione delle ingenti risorse economiche allocate, 45 milioni di euro o più, e del tempo trascorso dall'inizio del progetto, varato il 16 marzo 2004, la cosa appare ancor più grave.
Dal 22 febbraio scorso, data di presentazione del portale, si è assistito ad un balletto di cifre, comunicati, interviste, riunioni di osservatori, interrogazioni e smentite dai quali emerge una sola cosa: una sostanziale assenza di trasparenza e limpidezza su tutta la vicenda."

L'Associazione di consumatori conclude con la richiesta, ai sensi 241/1990 di mettere a disposizione su di un sito istituzionale o di far pervenire all'indirizzo di posta elettronica dell'associazione o per posta tradizionale copia dei seguenti documenti:

* s

Andrea D'Ambra 05.06.07 11:10| 
 |
Rispondi al commento

GENERAZIONE ATTIVA: UN MODULO ON-LINE PER SEGNALARE LA PUBBLICITA' INGANNEVOLE ALL'ANTITRUST

Ischia - (NA) - 21 Mag 07 - Generazione Attiva informa che da oggi sul sito dell'Associazione all'indirizzo http://www.generazioneattiva.it/modules.php?name=pubblicita è attivo un modulo on-line che permette ai consumatori di segnalare tutte le sospette pubblicità ingannevoli osservate.
Generazione Attiva provvederà a vagliare le segnalazioni ed inviarle direttamente all'Antitrust informando degli sviluppi attraverso il proprio sito www.generazioneattiva.it e newsletter.
Nel 2007, nell'era di internet, il consumatore che voleva denunciare una sospetta pubblicità ingannevole all'Antitrust era, fino a ieri, obbligato a dover presentare una segnalazione scritta per posta (magari tramite raccomandata se voleva avere la certezza che arrivasse a destinazione). Il cittadino-consumatore era così scoraggiato dalle solite lungaggini burocratiche e ai costi da queste derivanti.
Da oggi, grazie a Generazione Attiva basterà qualche clic e on-line, senza spendere nulla, si potrà inviare in modo semplice e rapido la stessa segnalazione che l'associazione provvederà ad inoltrare all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. "Uno strumento molto utile, vista la mole di pubblicità ingannevole presente nel mercato, e a cui fino ad oggi nessuno aveva ancora pensato" commenta Andrea D'Ambra, Presidente dell'Associazione di consumatori. "Speriamo che possa incentivare i cittadini ad avere sempre di più un occhio critico verso quanto gli viene proposto attraverso la pubblicità e nello stesso tempo invogli le aziende ad un uso corretto e meno truffaldino di quest'ultima".

GENERAZIONE ATTIVA
Associazione Nazionale Indipendente in difesa dei Consumatori
www.generazioneattiva.it

Andrea D'Ambra 01.06.07 20:46| 
 |
Rispondi al commento

Generazione Attiva denuncia Wind all'Antitrust per pubblicità ingannevole (WIND10 per sempre)

ISCHIA (NA) - 13 Maggio 2007 - Generazione Attiva, Associazione Nazionale Indipendente in difesa dei Consumatori presieduta da Andrea D'Ambra ha inviato un esposto all'Antitrust per denunciare la sospetta pubblicità ingannevole messa in atto dall'operatore Wind che reclamizzava e annunciava la tariffa WIND 10 come “PER SEMPRE” .

In seguito all’abolizione dei costi di ricarica l’operatore Wind ha deciso di “rimodulare” tale tariffa per tutti coloro i quali l’avevano sottoscritta modificandola da WIND10 a WIND12 con conseguente aumento del 20% della tariffa da 10 Cent/Min a 12 Cent/Min.

Secondo l'associazione di consumatori Generazione Attiva "Ciò ha reso ingannevole, falso e in contrasto con la “Promessa al pubblico” disciplinata dall’art. 1989 del Codice Civile l’annuncio presente nello spot “solo con wind parli con 10 cent al minuto con tutti, per sempre” e lo spot stesso.

"Il consumatore non può essere gabbato così impunemente" dichiara Andrea D'Ambra, presidente dell'Associazione in difesa dei consumatori che continua "Le influenze egiziane non devono far dimenticare a Wind il senso della lingua italiana, e la parola "SEMPRE" in Italiano ha un significato ben chiaro ed univoco. Ci attendiamo che l'Antitrust risponda in modo positivo alla nostra denuncia e sanzioni i comportamenti illegittimi che si andranno ad evidenziare. Ai consumatori ricordiamo la possibilità di cambiare operatore conservando il proprio numero telefonico."

Generazione Attiva informa inoltre che nei prossimi giorni sarà attivo un modulo on-line sul sito dell'Associazione all'indirizzo www.generazioneattiva.it che permetterà di segnalare tutte le sospette pubblicità ingannevoli che quest'ultima provvederà ad inviare direttamente all'Antitrust informando degli sviluppi attraverso il proprio sito.

Generazione Attiva
Associazione Nazionale Indipendente in difesa dei Consumatori
www.generazi

Andrea D'Ambra 01.06.07 20:45| 
 |
Rispondi al commento

TLC: GENERAZIONE ATTIVA, BENE ANTITRUST SU WIND - ORA INTERVENGA L'AGCOM

Ischia, 14 mag - Bene ha fatto l'Antitrust a richiamare l'operatore telefonico Wind al rispetto delle regole e dei consumatori. Generazione Attiva è stata tra le prime a denunciare questo vero e proprio abuso di Wind.
La comunicazione relativa alla variazione dei piani tariffari, inviata con sms e senza l'indicazione sulla possibilita' di esercitare tale diritto, viola a nostro avviso la regolamentazione in vigore e deve essere sanzionata, in base alla normativa vigente. Come sottolineato anche dall'Antitrust il messaggio inviato da Wind non contiene neanche l'indicazione del giustificato motivo che legittimerebbe l'operatore telefonico a realizzare le modifiche del piano tariffario. Se la possibilita' di variazione unilaterale fosse prevista dalle condizioni generali di contratto, potrebbero esistere gli estremi per una valutazione di vessatorieta' delle stesse clausole contrattuali.
Attendiamo ora che l'Agcom risponda rapidamente all'invito di Catricalà e provveda a mettere in campo gli interventi di sua competenza.

Generazione Attiva
Associazione Nazionale Indipendete in difesa dei Consumatori
www.generazioneattiva.it

Andrea D'Ambra 01.06.07 20:42| 
 |
Rispondi al commento

Sotto con SKY.
Altra novità legata al decreto Bersani. Mi arriva una telefonata da SKY che mi propone un abbonamento. Rispondo di non essere interessato in quanto già abbonato. E qui arriva la sorpresa. "Ma perchè non disdice l'abbonamento?". Perchè (mi) chiedo ... "Così le facciamo 3 euro di sconto al mese per due anni." Dovrei "solo" disdire l'abbonamento, farne uno nuovo e restituire il decoder. Obbietto: "ma non potete farmi lo sconto e lasciarmi il mio ormai affezionato decoder?" Risposta:"No.". Accetto e invio la raccomandata. Arriva il nuovo decoder e il giorno dopo mi arriva un'altra telefonata di SKY.Mi chiedono perchè ho disdetto l'abbonamento. Semplice: 72 euro preferisco tenermeli che darli a SKY. Controfferta: invece di 3 euro di sconto mensili me ne fanno 5 !!! Ma dove siamo arrivati? Un'azienda incarica un'altra azienda per contattare anche i propri abbonati farli recedere il contratto. Inaudito !!!
Ma non risparmierebbe un po' SKY a far scendere gli abbonamenti di sua spontanea volontà?
Sotto ragazzi. Questo decreto mi ha già fatto risparmiare 200 euro. The consumer has the power !!!

Alessandro Lo Presti Commentatore in marcia al V2day 23.05.07 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Comunicato Stampa - Con preghiera di pubblicazione/diffusione

GENERAZIONE ATTIVA: "BLOCCO VENDITA RICARICHE DI PICCOLO TAGLIO, IL GOVERNO INTERVENGA E CONVOCHI TAVOLO"

Generazione Attiva, Associazione Nazionale indipendente in difesa dei Consumatori, chiede al Governo di intervenire urgentemente nella questione sollevata dai Tabaccai che lamentano margini troppo bassi di guadagno sulla vendita delle ricariche telefoniche e che hanno sospeso da due giorni la vendita delle ricariche telefoniche di valore inferiore a 10 Euro.
Ci dispiace notare, ancora una volta, il silenzio delle altre associazioni di consumatori che in altri casi sono sempre pronte ad intervenire solertemente.
Un blocco delle ricariche di piccolo taglio non va che a vantaggio degli operatori di telefonia mobile, a danno dei consumatori, obbligati a pagare importi superiori alle proprie disponibilità.
A conferma di ciò ricordiamo come, secondo quanto riportato nell'indagine conoscitiva sui contributi di ricarica nei servizi di telefonia mobile a credito prepagato realizzata congiuntamente da Antitrust e Agcom, si evidenzi che nel 2005, ultimo anno preso in esame, i tagli di minore importo (ossia fino ad un massimo di 20 euro) hanno rappresentato oltre il 70% delle ricariche effettuate (pari a 548 milioni di operazioni) e circa il 48% (827 milioni di euro) del valore complessivo dei ricavi degli operatori derivanti dal contributo di ricarica (ovvero della spesa sopportata dagli utenti per tale componente di prezzo del servizio, pari a 1.714 milioni di euro).
Generazione Attiva chiede al Governo di intervenire e convocare un tavolo con i Tabaccai ed i Consumatori affinché i primi possano poter vendere le ricariche con un margine dignitoso e i consumatori possano ritornare a ricaricare il proprio telefonino del valore desiderato.

Generazione Attiva
Associazione Nazionale Indipendente in difesa dei Consumatori
www.generazioneattiva.it

Andrea D'Ambra 09.05.07 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Dal Blog www.andreadambra.eu

ELEZIONI UNIVERSITARIE - CNSU - 16 E 17 MAGGIO

CNSU - QUESTO SCONOSCIUTO

Dalle discussioni che ho avuto, dopo l’annuncio della mia candidatura, con moltissimi studenti ho potuto avere la conferma che il CNSU è noto purtroppo a pochi. Ciò dovrebbe far riflettere sul modo in cui è stato amministrato finora. Il massimo organo di rappresentanza degli interessi e dei diritti degli studenti universitari è sconosciuto alla stragrande maggioranza di questi ultimi. Se, con il vostro sostegno, riuscirò ad essere eletto, farò di tutto affinché questa situazione venga stravolta in positivo per dar voce agli studenti e far ritornare in loro possesso il Consiglio Nazionale che porta il loro nome in modo che possano davvero sentirsi rappresentati e difesi in seno al Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR).

Penso che sia più che doveroso mettere a conoscenza degli studenti a cui faccio appello, i punti principali della mia candidatura che elenco qui di seguito (rigorosamente in ordine alfabetico):

ACCESSO AL MONDO DEL LAVORO

- Ridurre i tassi di abbandono e i tempi necessari per il conseguimento dei titoli di studio, aumentare il numero di studenti attivi, potenziare la coerenza tra formazione fornita e fabbisogno del mercato del lavoro;
- Migliorare il raccordo Università-Lavoro, anche attraverso il potenziamento degli incentivi per la realizzazione di tirocini e stages durante il percorso formativo.

ALLOGGI PER GLI STUDENTI:

- Previsione normativa di un contratto tipo nazionale per gli affitti insieme ad incentivi fiscali per i proprietari e al potenziamento della formula del contributo dato agli studenti per affittare appartamenti dai privati

AMBIENTE:

-Raccolta differenziata, corsi tematizzati sul rispetto del territorio e sensibilità ambientale, utilizzo di software non proprietario.

AGEVOLAZIONI ECONOMICHE:

- Copertura completa di borse di studio per tutti gli studenti idone

Andrea D'Ambra 29.04.07 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Dal blog www.andreadambra.eu
ISTAT: “Inflazione giu’ grazie all’abolizione dei costi di ricarica”
Dopo una breve pausa Pasquale vedo che il mio conto youtube è stato disattivato definitavemente. Non si sono accontentati di rimuovere i video della Rai ma hanno deciso di chiudere tutto cancellando così anche i video che con la Rai non avevano niente a che vedere (Beppe Grillo, TV svizzera, euronews, e tanto altro ancora). Ho creato quindi un nuovo conto su cui da ora in poi potrete vedere i video (ma attenzione: non quelli RAI).

Vi rimando alla sezione “In TV” di Generazione Attiva dove, di norma, sono stati aggiornati tutti i collegamenti (vi prego di segnalarmi eventuali problemi/errori). Chi ha collegamenti a video vi ricordo di aggiornare gli indirizzi pena la non visualizzazione dei video in oggetto.

Se qualcuno conosce sistemi di condivisione video tipo youtube/google video ma più “sicuri” nell’evenienza di problemi di questo tipo è invitato a segnalarmeli Grazie!

Intanto godetevi il video in testa al post prima che la RAI li faccia rimuovere anche da Daily Motion oppure cliccate qui per vederlo - Il Servizio concerne la notizia fornita dall’Istat secondo cui l‘abolizione dei costi di ricarica ha fatto scendere l’inflazione a Marzo all’1,7% (mai così bassa dal 1999). La notizia potete anche leggerla dall’articolo de “Il Sole 24 Ore” del 31 Marzo u.s. La nostra azione quindi, di oltre 820mila persone, non solo ha eliminato un cartello messo in atto dai 4 operatori di telefonia mobile, aprendo il mercato alla concorrenza ed eliminando un balzello ingiustificato ma ha anche fatto scendere il costo della vita. Scusate se è poco

Sul fronte rimodulazioni di Wind: WIND10-WIND12 e SEMPRELIGHT-WIND SENZA SCATTO NEW attendiamo ancora una risposta dall’Agcom dopo l’esposto inviato diverse settimane fa. Rinnovo l’invito a valutare l’opzione del cambio operatore conservando il proprio numero attraverso la portabilità (A questo proposito potete consultare lo schema

Andrea D'Ambra 15.04.07 20:49| 
 |
Rispondi al commento

E’ Fatta! Una giornata triste per i tanti detrattori che hanno sperato fino all’ultimo che l’abolizione saltasse…

Sul filo del rasoio, a due giorni dal termine ultimo per convertirlo in legge il Senato ha approvato il decreto che come sapete comprendeva anche l’abolizione dei costi di ricarica per i telefonini ma anche per tutto il settore delle TLC (quindi anche Mediaset Premium, Fastweb etc). Restano fuori solo le Poste e le Banche (es. postepay) ma riusciremo ad abolire anche quelli vedrete… Ecco il testo finale del decreto così come uscito dal Senato.

Intanto continua la nostra battaglia con Generazione Attiva affinché l’Authority vigili al massimo sui comportamenti degli operatori, in particolare in questi giorni è nel mirino quello di Wind, su cui ci siamo mossi in tempi non sospetti e siamo stati tra i primi a denunciare all’Agcom la decisione unilaterale di cambiare il piano tariffario da Wind10 a Wind12. Piano tariffario che veniva pubblicizzato come “Wind 10 PER SEMPRE”

Sembra che i propri clienti per Wind non contino molto. Rinnovo l’invito a questi ultimi di valutare la possibilità di cambiare operatore.

Sembrano passati secoli da Wind di qualche anno fa. Ecco un vecchio spot in cui faceva testimonial Ezio Greggio ed una delle primissime se non la prima pubblicità in assoluto dell’operatore in questione. Senza costi di ricarica, senza scatto alla risposta, tariffazione al secondo…..

Vodafone invece sembra sia tornata sui suoi passi dopo aver attivato un servizio non richiesto a TUTTI i suoi clienti. Contravvenendo alla normativa cui fa capo sia il Garante della Privacy che quello delle Comunicazioni. Da entrambi attendiamo risposte da quasi due settimane…peccato siano solerti solo quando in gioco c’è qualche politico… (foto sircana & test anti-droga sui parlamentari delle Iene docet). In particolare poi l’Agcom ha ricevuto critiche anche dalla Commissione Europea ultimamente.

In seguito alla pubblicazione del servizio andato in onda sul Te

Andrea D'Ambra 15.04.07 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. A causa degli "allineamenti" ai piani tariffare effettuati da Wind ho deciso di passare ad un altro gestore. A 5 giorni dalla richiesta, ho ricevuto dalla Wind la seguente offerta:
120 euro di ricarica;
Attivazione servizio pieno Wind;
500 sms o mms gratis da spedire entro 30 giorni;
Piano tariffario di 15 eurocent/minuto senza scatto alla risposta per un anno.

Io penso che siamo noi ad avere il potere, perche siamo noi che paghiamo. Invito tutte le persone a sfruttare le poche possibilità che abbiamo. La possibilità di passare ad un altro gestore mantenendo il numero è una di queste.

Alessandro Lo Presti Commentatore in marcia al V2day 12.04.07 20:51| 
 |
Rispondi al commento

VORREI SAPERE PERCHE' TUTTI PLAUDONO ALLA ELIMINAZIONE DEI COSTI DI RICARICA MENTRE IO CHE HO DUE ABBONAMENTI DEVO VERSARE ALLO STATO CIRCA 11 EURO AL MESE.
SONO UN CITTADINO DI SERIE B?.
VORREI GENTILMENTE UNA RISPOSTA. GRAZIE


MAURO

MAURO IORI 06.04.07 12:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, ti scrivo perchè questa storia delle liberalizzazioni sta diventando una farsa ed un scusa per svuotare ancora di più le tasche dei consumatori.
Come qualcuno ha già evidenziato nei commenti la WIND sta recuperando i costi di ricarica cambiando il piano tariffario in modo unilaterale.
Io doppiamento fregato in quanto ho sempre ricaricato da internet a costi zero.
Il problema è che anche le altre liberalizzazioni porteranno danni ai consumatori, una in particolare a me porterà un cambiamento radicale nella mia vita e di quella della mia famiglia l'"abolizione del PRA" io infatti lavora all'ACI ed anche mia moglie. Il ministro Bersani ha proposta nel sua
o disegno di legge in discussione al parlamento che l'auto diventi come un normale frigorifero e quindi non necessità più un registro che garantisca la proprietà ma è sufficente una semplice registrazione sulla carta di circolazione.
Sicuramente il settore ha bisogno di una riforma e di una ulteriore semplificazione ma attenzione nessuno si sta domandando cosa succederà dalla chiusura di 103 uffici pubblici che fanno le pratiche a costo stabilito mentre rimarranno le agenzie di pratiche auto che prendono 70-100 euro per presentare la pratica al posto tuo (queste protette dalla legge 264/91 che esiste solo in italia, all'estero le pratiche si fanno direttamente, eventualemente paghi la consulenza non chi fa la praticha al posto tuo) ed inoltre cosa faranno le assicurazioni che non avranno più le stesse garanzie sui veicoli quindi magari assicureranno il conducente come in alcuni paesi esteri (chi ha una macchina e la guidano in 4 quanto pagherà?).
Da un governo di centro sinistra che fa liberalizzazioni da governo di centro destra non si poteva aspettarsi niente di Buono.
Io andrò in mobilità perdendo 20 anni di professionalità e una parte del salario ed anche mia moglie. Vorrà dire che vendero la macchina e mi compro due biciclette....... GRAZIE BERSANI!!!!

Beppe A. Commentatore certificato 01.04.07 20:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buon risultato l'abolizione dei costi sulle ricaricariche telefoniche, peccato che gli operatori telefonici come WIND stanno "recuperando" questo mancato guadagno cambiando, senza il consenso del consumatore, le tariffe telefoniche da questi ultimi sottoscritte con l'attivazione delle sim. Ho ricevuto un sms da WIND che mi "comunicava" il cambiamento del mio piano tariffario. In effetti le tariffe sono molto più care ed io non voglio il loro nuovo piano tariffario. Non credo che sia legale, visto che non esiste "un giustificato motivo" per cambiare unilateralmente e in modo sfavorevole le condizioni economiche relative ai costi delle chiamate o dell'invio di sms da me sottoscritte quando ho acquistato la Sim di wind. Come possiamo ribellarci a tanta iniquità??

Nicoletta Lancianese 01.04.07 10:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevo aggiungere che comunque dopo l'eliminazione dei costi di ricarica, una categoria di 8000 lavoratori si troveranno senza lavoro, tengo a precisare quella parte di aziende che eseguivano la rivendita c/o i tabaccai, giornalai, bar etcc.. che grazie all'abbassamento dei sconti di rivendita non ce la fanno più a vivere. Io faccio parte di una di queste aziende e tra breve sarò disoccupato.

Nik B 31.03.07 01:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe,
Mi sento una vittima del sig. Berasani.
Anch'io ho ricevuto il messaggio da WInd
che mi infoma del cambio tariffario da wind 10 a wind 12.
Gradire sapere
cosa pensa oggi il sig. Bersani,dopo essersi pavoneggiato in Tv della sua bella iniziativa ?
Che provvedimento prenderà l'antitrust?
Sono veramente amareggiato in quanto sino
al 5 marzo, non ho mai pagato costi di ricariche,
in quanto effettuavo ricariche di 60 Euro.

ti ringrazio
per avermi permesso di esternare la mia delusione .

Giovanni

Giovanni Gigante 29.03.07 19:59| 
 |
Rispondi al commento

Riporto anche io il il cambio tariffario da WIND 10 a Wind 12 a partire dal 1° Maggio tramite sms..
Ho chiamato il 155 per avere delucidazioni in merito e mi hanno detto che la WIND dando un preavviso superiore a 30 gg si può permettere di rivedere i piani tariffari in modo "legale"..
Semplicemente vergognoso.

Giampaolo Cremascoli 28.03.07 13:11| 
 |
Rispondi al commento

anche il mio piamo tariffario wind 10 verrà cambiato unilateralmente da wind. l'operatrice interpellata mi ha detto che possono farlo perchè la mia sim non costituisce contratto e mi ha detto che posso mandare un fax per reclamare (!)
Lo farò e farò un'altra cosa. anzi la sto già facendo: ho smesso di utilizzare il mio numero wind e ho ripreso a utilizzare i vecchi numeri vodafone e tim. ho avvertito tutti di non chiamarmi più su quel numero. non servirà ma almeno da me non guadagneranno un soldo.
giuliana righetto

giuliana righetto 23.03.07 18:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro beppe,
fortunatamente non si pagano più i costi di ricarica...
Gentilmente, però, la signora wind ritocca i piani tariffari per compensare la perdite.
Il 20/03 ho ricevuto il seguente messaggio:
GENTILE CLIENTE, DAL 01/05 IL SUO PIANO TARIFFARIO WIND 10 DIVENTERA' WIND 12. PER INFO CHIAMI IL 158.
Quindi tutte le telfonate passano a costare da 10 centesimi a 12 al minuto, lo scatto alla risposta diventa di 16 centesimi e il costo dei messaggi aumenta di 5 centesimi.
Come è possibile che possano modificare i piani tariffari senza il consenso dell'utente?

Arianna Ferraro 23.03.07 11:15| 
 |
Rispondi al commento


Ciao Melania,
anche la mia ragazza e un mio collega hanno avuto lo stesso problema in quanto il sito sembra costruito ad hoc per impedirti di disabilitare questo servizio.

La mia ragazza ha risolto chiamando il 190. La prima volta le hanno detto che non potevano farlo al momento e che l'avrebbero inserita in una lista (no comment) ma è bastata una seconda telefonata con un tono appena appena più aggressivo per permetterle di disabilitare il servizio.

Certo però che se dobbiamo arrivare a questo stiamo messi davvero male...

Angelo Dell'Aera 22.03.07 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
ho scoperto da ieri che ho un nuovo bellisimo servizio vodafone che NON ho richiesto: l'sms vocale. Da ieri provo a disattivarlo e il sito della vodafone risponde con:
-raggiunto numero di accessi massimo al sito
-problema d'esecuzione, riprovare più tardi
-autenticazione fallita

La disattivazione del servizio via telefono è una crociata.
Grazie vodafone...ho capito come fai a recuperare i 5 euro dei costi di ricarica.

ciao
melania

Melania Buset 22.03.07 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Ci risiamo...
Wind con un messaggio il 15 marzo mi avverte che dal 1 maggio il mio piano tariffario Wind10 non esisterà più e che sarà gentilmente sostituito con il vantaggiosissimo (per loro...) Wind12.
Inutile dire che pagherò:

-12 cent/min per le telefonate anzichè 10;
-16 cent di scatto alla risp invece dei 15;
-15 cent per gli sms invece dei 10 previsti dal vecchio contratto...

cambiare i piani tariffari secondo me ha senso ed è nel pieno diritto della società per i futuri clienti, ma non è giusto cambiare un contratto unilateralmente, stipulato anni fà senza dare possibilità all'interessato di controbattere o di dire NO, non accetto questo nuovo contratto!!

L'unica scelta che ti danno, se cosi si può definire, secondo il 155 è quella di cambiare il futuro Wind12 con uno dei nuovi piani tariffari...ma ne esiste una migliore: cambiare compagnia!!

Gianluca Piccolo 22.03.07 11:30| 
 |
Rispondi al commento


Mio primo post... non so se sia già nota questa cosa ma io intanto la dico lo stesso...

Da qualche giorno a questa parte mi è capitato, chiamando cellulari con numero Vodafone, di sentire una graziosa voce che mi annunciava che il numero non era raggiungibile e che mi chiedeva se volevo lasciare un messaggio vocale... una segreteria direbbe qualcuno... peccato che le persone chiamate non abbiano questo servizio attivo...

Dando un'occhiata in giro mi sono imbattuto in questo servizio lanciato il 6 Marzo dalla Vodafone

http://www.areaprivati.190.it/190/trilogy/jsp/common/ty_new_search_results.jsp?ty_skip_md=true

La prima cosa che suona strana è quanto il 6 Marzo sia vicino al 4 Marzo ma tant'è... succede no?

Ma andando oltre si legge...

"Attivazione e Disattivazione
Il servizio SMS Vocale è automaticamente attivo sul tuo cellulare. Se non desideri ricevere messaggi quando non sei raggiungibile, puoi disattivare il servizio di ricezione di SMS Vocale."

Quindi automaticatemente attivo... a questo punto scatta un secondo uhm di riflessione...

Continuo a leggere...

"Quanto costa
La ricezione di un SMS vocale è gratuita in Italia ed anche all'estero sui cellulari abilitati. E' sempre gratuita anche la notifica di ricezione SMS Vocale. In Italia l'invio di un SMS Vocale ha un costo di 29 Cent."

e ancora...

"La registrazione di un SMS Vocale ti sarà poi automaticamente proposta nel caso in cui il cliente che cerchi non sia raggiungibile e non abbia il Servizio di Segreteria Telefonica attivo. Per inviarlo dovrai semplicemente riagganciare."

E il cerchio si chiude!

I clienti Vodafone non sanno di avere attivo il servizio e quando chiamo un cellulare Vodafone spento o non raggiungibile pago 29 Cent... geniale e malefico insieme!

Angelo Dell'Aera 20.03.07 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vodafone mi ha disattivato la scheda perchè non ho ricaricato dopo i 12 mesi. ma ho ancora 20 euro!
Dal sito Vodafone:
SCADENZA DELLA SIM E TRAFFICO DISPONIBILE
Cosa prevede il Decreto Bersani in tema di scadenza SIM e traffico disponibile?
Vieta la previsione di termini temporali massimi di utilizzo del traffico acquistato a partire dal 5 marzo 2007.
E' prevista una scadenza per le SIM Ricaricabili?
La validità della Carta Ricaricabile rimane invariata, ed è di 12 mesi dall'ultima ricarica effettuata.
Dal decreto Bersani:
DECRETO-LEGGE 31 gennaio 2007, n.7
Art. 1.
Ricarica nei servizi di telefonia mobile, trasparenza e liberta' di
recesso dai contratti con operatori telefonici, televisivi e di servizi internet
1. Al fine di favorire la concorrenza e la trasparenza delle tariffe, di garantire ai consumatori finali un adeguato livello di
conoscenza sugli effettivi costi del servizio, nonche' di facilitare il confronto tra le offerte presenti sul mercato, e' vietata, da
parte degli operatori della telefonia mobile, l'applicazione di costi fissi e di contributi per la ricarica di carte prepagate, anche via
bancomat o in forma telematica, aggiuntivi rispetto al costo del traffico telefonico richiesto, nonche' la previsione di termini
temporali massimi di utilizzo del traffico acquistato. Ogni eventuale clausola difforme e' nulla ai sensi dell'articolo 1418 del codice
civile. Gli operatori adeguano la propria offerta commerciale alle predette disposizioni entro il termine di trenta giorni dalla data di
entrata in vigore del presente decreto.
QUINDI:
→ per la ricarica dei cellulari si paga quello che si consuma: stop ai costi fissi
e ai contributi per la ricarica di carte prepagate aggiuntivi rispetto al costo del traffico telefonico richiesto.
→Il credito telefonico delle carte prepagate non può più avere una scadenza
(oggi è generalmente pari a 12 mesi)

SONO DEI BASTARDI. E GENERAZIONE ATTIVA CHE FA'?

Gottardo Castiglione 12.03.07 20:59| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

LULLI: NO ALL'ABOLIZIONE DELLO SCATTO ALLA RISPOSTA - D'AMBRA (GENERAZIONE ATTIVA): "NON CI OBBLIGHINO A LANCIARE UN'ALTRA PETIZIONE"

Per una volta che le dichiarazioni del Presidente dell'Agcom Corrado Calabrò coincidono con le richieste dei consumatori chi ha il potere di metterle in pratica si rifiuta adducendo scuse inverosimili.
"Non ci obblighino a lanciare un'altra petizione anche contro lo scatto alla risposta" così Andrea D'Ambra, Presidente di Generazione Attiva nonché promotore della celebre petizione di successo contro i costi di ricarica, in risposta alle affermazioni dell'On Andrea Lulli (DS) relatore del decreto Bersani a cui il Presidente dell'Authority per le Garanzie nelle comunicazioni aveva chiesto un emendamento, affinché si potesse eliminare anche lo scatto alla risposta attraverso il decreto in conversione al Parlamento.
Lo scatto alla risposta rappresenta un'ulteriore anomalia da abolire, così come la c.d. "tassa di concessione governativa" che ancora permane sugli abbonamente e che non trova anch'essa alcuna giustificazione.
Generazione Attiva chiede all' On. Lulli di non cedere alle pressioni degli operatori e tornare su suoi passi, recependo le richieste dell'Agcom, inserendo l'abolizione dello scatto alla risposta nel decreto.

Generazione Attiva
Associazione Nazionale in difesa dei Consumatori
www.generazioneattiva.it
393-2893561

L'indirizzo e-mail del dipendente Lulli: lulli_a@camera.it

andrea d'ambra 09.03.07 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente possiamo dirlo! I costi di ricarica sono solo un brutto ricordo! Grazie agli oltre 821mila firmatari della petizione!

Domenica 4 Marzo abbiamo festeggiato a Forio dal Tabaccaio facendo tutti la prima ricarica senza costo di ricarica, una bella mattinata trascorsa tutti insieme e raccontata anche dagli articoli de “Il Mattino” e “Il Golfo” oltre che dalle Telecamere di Canale 21 (il Tgr era troppo impegnato altrove?!?….)


Ad Ischia è giunta anche una bella rappresentanza del Meetup “Amici di Beppe Grillo” di Napoli capitanata dall’organizer Roberto Fico. Foto dei festeggiamenti ad Ischia qui:

Anche nel resto d’Italia si è festeggiato: qualche foto dei mitici Grilli Milanesi direttamente da Piazza Duomo!

Nonostante le iniziali titubanze da parte di Wind anche quest’operatore, che, quando entrò nel mercato italiano non aveva né costi di ricarica né scatto alla risposta, si è adeguato al decreto legge abolendo i costi di ricarica anche per i vecchi clienti (inizialmente aveva previsto l’abolizione solo per i nuovi piani tariffari) contravvenendo in modo palese al dettato legislativo.

Anche sul dietrofront di Wind ha inciso in modo notevole l’esposto-denuncia presentato da Generazione Attiva, prima a denunciare il comportamento dell’operatore oltre che all’Agcom anche ai Ministeri competenti. Intanto per due giorni ha fatto finta di nulla continuando a prelevare ingiustamente i costi di ricarica ai propri clienti. Costi che ha annunciato di restituire entro fine Marzo ma se così non dovrà essere siamo pronti a sostenere i clienti per far sì che ricevano i costi di ricarica ingiustamente sottratti.

La petizione contro i costi di ricarica, forte delle 821mila firme raccolte, sembra quasi abbia dato una scossa alle Authority, l’Antitrust apre indagini sui costi troppo esosi dei nostri conti correnti bancari rispetto a quelli esteri, sul cartello della benzina… e l’Agcom attraverso il suo presidente Corrado Calabrò ieri sera al Tg2 Dieci Minuti ha annunciato


GENERAZIONE ATTIVA DENUNCIA E WIND RITORNA SU SUOI PASSI....

La denuncia di Generazione Attiva, che per prima stamane ha denunciato all'Agcom e ai Ministeri competenti il comportamento scorretto di Wind ha sortito l'effetto sperato. Wind ritorna su suoi passi e si adegua al decreto Bersani eliminando i costi di ricarica anche per i vecchi clienti.
Ora i gestori dovranno rimborsare ai consumatori tutti i costi di ricarica sostenuti finora in 10 anni di presenza di questo balzello tutto italiano. Stiamo lavorando con un pool di legali per offrire ai nostri iscritti la possibilità di richiedere il rimborso e prossimamente forniremo maggiori informazioni dal nostro sito www.generazioneattiva.it
Nuove battaglie all'orizzonte: nel campo delle telecomunicazioni dallo scatto alla risposta all'eccessivo costo degli sms al canone telecom ai tanti altri balzelli ingiustificati che tartassano il cittadino italiano.

GENERAZIONE ATTIVA
Associazione Nazionale in difesa dei cittadini consumatori
www.generazioneattiva.it

andrea d'ambra 06.03.07 10:16| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

Ischia (NA) -- Da oggi, lunedì 5 Marzo 2007 finalmente gli Italiani non saranno piu' costretti a dover pagare un assurdo balzello medievale quando andranno a ricaricare il proprio telefonino e che prendeva il nome di "costo di ricarica". Questo grazie ad una petizione di successo che ha raccolto oltre 820mila firme che abbiamo lanciato in Aprile dello scorso anno.
Le compagnie telefoniche si devono adeguare alle disposizioni legislative che prevedono l'abolizione del costo di ricarica. In caso contrario ogni singolo cittadino può denunciare il proprio operatore inadempiente all'Authority Garante per le Comunicazioni (Agcom) ed inoltre scegliere, in base alla libera concorrenza, l'operatore la cui offerta è piu' vantaggiosa, conservando il proprio numero telefonico.
Generazione Attiva, Associazione Nazionale in difesa dei Consumatori, si riserva ogni azione a tutela dei consumatori in tutte le sedi competenti contro le compagnie che non rispetteranno il dettato legislativo ed informa attraverso il Presidente nonché promotore della celeberrima petizione, Andrea D'Ambra, di aver già segnalato il comportamento dell'operatore telefonico "Wind", che ha annunciato di non abolire il costo di ricarica per i vecchi clienti che non passano ad un nuovo piano tariffario, alle Autorità e ai Ministeri competenti chiedendo provvedimenti urgenti.

Generazione Attiva
www.generazioneattiva.it

Allegato: Denuncia alle Authority e ai Ministeri competenti circa il comportamento dell'operatore Wind

andrea d'ambra 05.03.07 11:28| 
 |
Rispondi al commento


Grazie a The Hand per la vignetta
Eccoci qui… ormai ci siamo! Chi l’avrebbe mai detto un anno fa precisamente ad Aprile quando creai la petizione che avrebbe ottenuto questo successo e cosi tante adesioni (821.968 nel momento in cui scrivo)
Gli operatori hanno tentato di tutto pur di rinviare o annullare l’abolizione di questo balzello tutto italiano. In Commissione Attività Produttive della Camera c’era qualche deputato di maggioranza che si era detto disposto al rinvio per poi far marcia indietro sommerso da migliaia di e-mails che abbiamo fatto pervenire a tutti i deputati di maggioranza membri della commissione.
Si è comunque saputo poi, grazie a Punto Informatico, che tra le proposte cassate, ve ne erano due avanzate dall’onorevole Mario Valducci di Forza Italia: con la prima si proponeva un rinvio di 60 giorni per l’entrata in vigore del divieto, mentre la seconda prevedeva l’esclusione del settore del digitale terrestre dall’abolizione dei costi fissi di ricarica. Complimentoni al dipendente Valducci! Non gli bastava rinviare l’abolizione, voleva anche escludere le ricariche MEDIASET premium (chissà come mai….) dal divieto….
Se volete scrivergli (come immagino farete) basta che clicchiate sul suo nome. Se non funziona la sua e-mail è la seguente: VALDUCCI_M@camera.it

I detrattori dell’iniziativa come sapete non sono mai mancati, così come gli attacchi diffamanti… gli interessi in gioco sono enormi e gli operatori non hanno problemi a sguinzagliare gente in giro a gettare fango sulle iniziative che possono danneggiarli. Detrattori che in un primo momento affermavano che la petizione non aveva valore, che la commissione europea non aveva risposto, poi davanti ai fatti hanno cominciato ad affermare che l’abolizione non sarebbe mai arrivata e ora sapete che dicono? Che comunque i gestori si rifaranno. Io voglio solo farvi leggere un articolo che prova il contrario. Tim che è l’unico operatore quotato in borsa (Telecom) ha negli ultimi tempi perso molto in bors


Complimenti alla vodafone!
prima pubblicizzano l'abolizione dei costi di ricarica come se fosse un'idea loro, poi aggirano bellamente la legge che vieta la scadenza delle sim: la sim continuerà a scadere, però uno si può far rimborsare eventuali soldi che erano ancora presenti: basta acquistare una carta servizi da 8 euro e inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno!!!
in sintesi: se sulla sim erano rimasti 10 euro, per ottenere il rimborso ne spendo 11!!!
MA BRAVI!!!!

per chi ne vuole sapere di più, andate a visitare il loro sito:
http://www.areaprivati.190.it/190/trilogy/jsp/channelView.do?contentKey=24910&pageTypeId=9607&channelId=-8668&ty_skip_md=true&ty_key=pri_bersani_decreto

Vincenzo Colluto 01.03.07 13:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

Circola su diversi mezzi di informazione notizia secondo cui Wind non eliminerebbe i costi di ricarica per i vecchi clienti come invece stabilisce il decreto legge 7/2007 che impone l'abolizione di questo balzello entro e non oltre lunedì 5 Marzo.
Speriamo vivamente che queste voci vengano immediatamente smentite da Wind perché altrimenti ci troveremmo in presenza di un gravissimo abuso che non tollereremo in alcun modo. Ricordiamo in prima istanza ai clienti wind che in tal caso la prima cosa da fare è cambiare operatore dopo aver prontamente denunciato quest'ultimo.
Ci pervengono inoltre numerose segnalazioni secondo cui Vodafone non starebbe adempiendo pienamente al decreto per quanto riguarda i limiti temporali all'utilizzo del credito (scadenza della sim).
Per quanto esposto sopra chiediamo all'Authority Garante per le Telecomunicazioni (Agcom) di adempiere al suo dovere istituzionali verificando subito tali informazioni e provvedendo a sanzionare gli operatori indisciplinati.
Ora gli operatori dovranno rimborsare tutti i costi di ricarica ingiustamente prelevati in dieci anni ai cittadini italiani che hanno fatto entrare nelle loro casse solo 1,7 Miliardi di Euro nell'ultimo anno. Su questo Generazione Attiva sta lavorando con uno staff legale per offrire ai propri iscritti la possibilità di ottenere il rimborso.

Generazione Attiva
Associazione Nazionale in difesa dei Consumatori
www.generazioneattiva.it

andrea d'ambra 01.03.07 00:03| 
 |
Rispondi al commento

per quanto riguarda l'artigianato sto realizando una figata!
sto dipingendo maglie a centri estetici, negozianti, a privati tutto a mano con i prezzi di concorrenza cinese chi volesse partecipare a questo modo di fare moda mi scriva che ho in mente un modo per essere organizativi, e perchè no cercare di impostare la cosa con l'estero.
artigiani chi unque voi siate scrivetemi che secondo me noi italiani creativi come siamo potremo veramente riuscire in un qualcosa di veramente bello senza farci prendere dal panico.
un saluto
cecilia.

cecilia martinelli 23.02.07 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

YEAH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

NESSUN RINVIO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

Accogliamo con soddisfazione la notizia secondo cui non ci sarà alcun rinvio all’abolizione dei costi di ricarica. I poteri forti delle lobby telefoniche per una volta non hanno vinto!
Dal 4 Marzo (e non il 5 come erroneamente riportato da qualcuno) i cittadini italiani non dovranno piu’ pagare alcun costo di ricarica! Questo è quanto dichiara Andrea D’Ambra, Presidente di Generazione Attiva, nonché promotore della petizione contro i costi di ricarica.
I deputati di maggioranza della Commissione Attività Produttive hanno dovuto far dietro-front dopo l’iniziale ipotesi ventilata nei giorni scorsi di un rinvio, ipotesi valutata da qualche deputato in seguito alle forti pressioni ricevute dagli operatori telefonici.
Abbiamo dimostrato di essere persino piu’ potenti delle grandi multi-nazionali telefoniche e di riuscire a far sentire in modo forte la nostra voce. I deputati in questi giorni sono stati letteralmente invasi da migliaia di e-mails di protesta degli oltre 800mila firmatari della petizione che non avrebbero in alcun modo tollerato un eventuale rinvio.
Generazione Attiva rinnova l’invito per il 4 Marzo a festeggiare il primo giorno senza costi di ricarica ad Ischia così come in ogni città d’Italia!

Generazione Attiva
Associazione Nazionale in difesa dei Cittadini/Consumatori
www.generazioneattiva.it

Domenica 4 Marzo ad Ischia ci ritroveremo presso la Tabaccheria “Vito Giò” a Forio in Via G Castellaccio (Monterone). Per le altre città d’Italia rivolgersi al Meetup Amici di Beppe Grillo della Vs città: http://beppegrillo.meetup.com


Aggiornamento Bis: Fortunatamente ci sono molti che si stanno opponendo all’ipotesi di un rinvio (spero di non dimenticare nessuno), ringrazio:
- BEPPE GRILLO e i Meetup “Amici di Beppe Grillo”,
- Salvatore Raiti (Idv), Roberto Poletti (Verdi), Monica Frassoni (Verdi), Nicola Brusco (per la vignetta), Umberto Guidoni (Pdci), Alessandro Battilocchio (Npsi), Ministro Antonio Di Pietro (Idv);

Si sono invece mostrati aperti ad un rinvio:
Andrea Lulli (Ds), Domenico Tuccillo (Margherita), Ministro Pierluigi Bersani (Ds).

A questo punto, se quel Mister X ha ancora intenzione di presentare l’emendamento che rinvii l’abolizione dei costi di ricarica, dando per scontata l’opposizione di Verdi e Italia Dei Valori (ma mi auguro non siano gli unici) si configurerebbe la maggioranza Forza Ds con l’appoggio esterno della Margherita… proprio come dice Grillo in questo post…. aspettiamo…..

andrea d'ambra 13.02.07 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Aggiornamento Bis: Fortunatamente ci sono molti che si stanno opponendo all’ipotesi di un rinvio (spero di non dimenticare nessuno), ringrazio:
- BEPPE GRILLO e i Meetup “Amici di Beppe Grillo”,
- Salvatore Raiti (Idv), Roberto Poletti (Verdi), Monica Frassoni (Verdi), Nicola Brusco (per la vignetta), Umberto Guidoni (Pdci), Alessandro Battilocchio (Npsi), Ministro Antonio Di Pietro (Idv);

Si sono invece mostrati aperti ad un rinvio:
Andrea Lulli (Ds), Domenico Tuccillo (Margherita), Ministro Pierluigi Bersani (Ds).

A questo punto, se quel Mister X ha ancora intenzione di presentare l’emendamento che rinvii l’abolizione dei costi di ricarica, dando per scontata l’opposizione di Verdi e Italia Dei Valori (ma mi auguro non siano gli unici) si configurerebbe la maggioranza Forza Ds con l’appoggio esterno della Margherita… proprio come dice Grillo in questo post…. aspettiamo…..

andrea d'ambra 13.02.07 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Aggiornamento: Ho attivato un sondaggio su www.aboliamoli.eu sulle forme di protesta da attuare nel caso in cui dovesse passare un rinvio. Votate!

Andrea D'Ambra
www.andreadambra.eu

andrea d'ambra 13.02.07 08:21| 
 |
Rispondi al commento

LIBERALIZZAZIONI:DL; DOMANI EMENDAMENTI,ATTESE PER RICARICHE
(ANSA) - ROMA, 12 FEB - Ricariche telefoniche, scuole guida, guide turistiche. Ma anche richieste di integrazione su servizi pubblici e Borsa elettrica. E’ su questi punti - secondo quanto si apprende da fonti parlamentari - che si concentreranno gli emendamenti al decreto sulle liberalizzazioni targato Bersani all’esame della commissione Attivita’ produttive della Camera. Il termine per la presentazione scade domani alle 15. ”Al momento siamo ancora in una fase di ascolto - spiega il relatore Andrea Lulli -. Gli emendamenti non saranno piu’ di sette o otto”, afferma il deputato diessino, assicurando che ”l’impianto del provvedimento restera’ saldo”.
Ma una modifica all’articolo 1, quello che cancella i costi aggiuntivi delle ricariche dei cellulari, con uno slittamento dei tempi di adeguamento per i gestori, trova conferma in esponenti sia nella maggioranza che nell’opposizione. ”Lo spirito del testo, concepito nell’interesse del consumatore, sara’ assolutamente salvaguardato - dichiara Domenico Tuccillo (De), vice presidente della commissione Attivita’ produttive -. Ma nello stesso tempo dobbiamo trovare modalita’ per consentire alle aziende di gestire il cambiamento, evitando un danno che andrebbe anche a svantaggio dei consumatori”. Sui tempi di rinvio Tuccillo non si sbilancia: ”credo si trattera’ di qualche settimana in piu‘: sara’ un aggiustamento di buon senso”. Secondo quanto riferiscono fonti dell’opposizione, richieste per uno slittamento sarebbero arrivate da tutti i gestori telefonici e il termine di spostamento piu’ probabile sembra di 60 giorni.
L’ipotesi di un rinvio raccoglie pero’ anche perplessita’. ”L’articolo 1, cosi’ come e’ scritto, va incontro a un’esigenza reale - afferma Stefano Saglia (An), l’altro vice presidente della Commissione - e l’ipotesi di un rinvio mi sembra sbagliata”.

andrea d'ambra 12.02.07 21:20| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA

Ipotesi rinvio abolizione costi di ricarica
D’Ambra: “Di pazienza ne abbiamo avuta fin troppa”

Notiamo con disappunto le esternazioni del relatore del decreto Bersani On. Andrea Lulli (DS) che si è detto possibilista ad un rinvio e del Ministro dello Sviluppo Economico On. Bersani secondo cui “ci vuole un attimo di pazienza”.
“Di pazienza ne abbiamo avuta fin troppa, vengano rispettati i 30 giorni previsti dal decreto!” dichiara Andrea D’Ambra, Presidente di Generazione Attiva, nonché promotore della petizione contro i costi di ricarica che ad oggi ha raccolto oltre 820mila firme. Non ci sono motivazioni valide che giustifichino un rinvio dell’abolizione se non quelle di permettere agli operatori di continuare a perpetuare questo “furto legalizzato” a danno dei cittadini italiani. I 30 giorni sono piu’ che sufficienti. Una modifica al decreto sarebbe intollerabile e l’autore o gli autori di quest’azione dovranno renderne conto ai cittadini italiani oltre che alle centinaia di migliaia di firmatari della petizione.

GENERAZIONE ATTIVA
Associazione Nazionale in Difesa dei Cittadini Consumatori
www.generazioneattiva.it

Ecco le e-mails dei nostri “dipendenti” di maggioranza componenti della Commissione Attività Produttive della Camera a cui inviare i nostri messaggi di protesta contro il rinvio dell’abolizione dei costi di ricarica:

capezzone_d@camera.it; tuccillo_d@camera.it; affronti_p@camera.it; brugger_s@camera.it; burchiellaro_g@camera.it; chicchi_g@camera.it; cialente_m@camera.it; cosentino_l@camera.it; ferrara_f@camera.it; lulli_a@camera.it; marino_m@camera.it; martella_a@camera.it; merloni_m@camera.it; mura_s@camera.it; pignataro_f@camera.it; provera_m@camera.it; quartiani_e@camera.it; ruggeri_r@camera.it; sanga_g@camera.it; squeglia_p@camera.it; testa_f@camera.it; tomaselli_s@camera.it; trepiccione_g@camera.it; vico_l@camera.it; zipponi_m@camera.it;

Qualche secondo del Vs tempo può evitare l’ennesimo scandalo tutto italiano! CLICCATE QUI

andrea d'ambra 11.02.07 15:35| 
 |
Rispondi al commento

BLITZ NOTTURNO DELLE FORZE DELL’ORDINE PER PRECETTARE ALCUNI GESTORI

Nel corso della trasmissione televisiva di Ballarò, andata in onda ieri sera su Raitre, è stato mandato in onda un filmato sul punto vendita Leclerc/Conad di Gallicano in provincia di Lucca in cui si esaltava tra l’altro il fatto che, grazie alla convenienza del prezzo, presso l’impianto si faceva la coda per rifornirsi anche di gasolio da utilizzare per riscaldamento. Riempiendo di gasolio auto (103 litri), come mostrava il filmato, apposite taniche accatastate nel portabagagli delle auto: una pratica espressamente vietata per ovvi motivi di sicurezza e come tale del tutto illegale e passibile di sanzioni per chi la mette in atto, come più volte ribadito, a partire addirittura dal 1951, da circolari del ministero delI’Industria e dell’Interno ai Vigili del Fuoco, alle compagnie petrolifere e ai gestori. Pratica a cui si fece ricorso in particolare in occasione delle crisi petrolifere degli anni ‘70 quando il prodotto scarseggiava e ogni mezzo era buono per farne incetta. Il fatto che questa pratica venga attuata e tollerata in un punto vendita della grande distribuzione, e addirittura pubblicizzata sulla TV di Stato, apre squarci inquietanti sul rispetto delle norme, non solo di sicurezza, in questo tipo di impianti e sui mezzi messi in atto per riuscire a praticare prezzi inferiori a quelli della concorrenza..

Vi invito a visitare http://gestoricarburanti.splinder.com/ per saperne di più sulla farsa delle liberalizzazioni sulla benzina che incolpano i benzinai che non hanno nessuna colpa se non quello di guadagnare 3 cent al litro ....

Nyge Wes 10.02.07 22:17| 
 |
Rispondi al commento

che e' successo in commissione attivita' produttive sulle ricariche??? qualcuno mi sa dire???

paolo m. Commentatore certificato 09.02.07 23:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco le e-mails dei nostri dipendenti di maggioranza componenti della Commissione Attività Produttive della Camera a cui inviare i nostri messaggi di protesta contro il rinvio dell'abolizione dei costi di ricarica:

capezzone_d@camera.it; tuccillo_d@camera.it; affronti_p@camera.it; brugger_s@camera.it; burchiellaro_g@camera.it; chicchi_g@camera.it; cialente_m@camera.it; cosentino_l@camera.it; ferrara_f@camera.it; lulli_a@camera.it; marino_m@camera.it; martella_a@camera.it; merloni_m@camera.it; mura_s@camera.it; pignataro_f@camera.it; provera_m@camera.it; quartiani_e@camera.it; ruggeri_r@camera.it; sanga_g@camera.it; squeglia_p@camera.it; testa_f@camera.it; tomaselli_s@camera.it; trepiccione_g@camera.it; vico_l@camera.it; zipponi_m@camera.it;


Grazie

Andrea

andrea d'ambra 09.02.07 22:10| 
 |
Rispondi al commento

VORREI FARE UN ELOGIO DAL TUO BLOG AL MIN. BERSANI. UNO DEI POCHI INSIEME A DI PIETRO CHE MI ISPIRA FIDUCIA E SIMPATIA!!!!!

paolo m. Commentatore certificato 09.02.07 22:06| 
 |
Rispondi al commento

http://lakota66.blogspot.com/2006_08_01_lakota66_archive.html
L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA, FONDATA SUL LAVORO...
Non capisco sel il problema lo crea la parola democtratica oppure la virgola.
La nostra costituzione è meravigliosa ma i nostri governanti non la rispettano. Non ci è rimasto altro che sfogare le nostre frustrazioni qui.

I Comuni, le Provincie e le Regioni non si adeguano e non recepiscono le normative europee in materia di lavoro e liberalizzazioni. O meglio: alcune si e altre no... ma noi cittadini italiani e da poco europeii non abbiamo le stesse opportunità?
L'articolo 120 della Costituzione Italiana:
La Regione non può istituire dazi di importazione o esportazione o transito tra le Regioni, nè adottare provvedimenti che ostacolino in qualsiasi modo la libera circolazione delle persone e delle cose tra le Regioni, nè limitare l'esercizio del diritto al lavoro in qualunque parte del territorio nazionale.
Il Governo può sostituirsi a organi delle Regioni, delle Città metropolitane, delle Province e dei Comuni nel caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria oppure di pericolo grave per l'incolumità e la sicurezza pubblica, ovvero quando lo richiedono la tutela dell'unità giuridica o dell'unità economica e in particolare la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, prescindendo dai confini territoriali dei governi locali. La legge definisce le procedure atte a garantire che i poteri sostitutivi siano esercitati nel rispetto del principio di sussidiarietà e del principio di leale collaborazione.

Art. 4.

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

SCRIVETE: presidenza.repubblica@quirinale

Antonio . Commentatore certificato 09.02.07 20:48| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

L'eventuale rinvio dell'abolizione dei costi di ricarica, sarebbe un abuso non tollerabile. Questo quanto affermato da Andrea D'Ambra, presidente dell'associazione in difesa dei consumatori "Generazione Attiva" nonché promotore della petizione contro i costi di ricarica che ad oggi ha raccolto oltre 820mial firme secondo cui "gli operatori di telefonia mobile stanno oltrepassando il limite della decenza".
Speriamo restino solo voci che non trovino conferma quelle secondo cui i parlamentari di maggioranza sarebbero pronti ad emendare il decreto che prevede l'abolizione rinviandola a 120 giorni invece dei 30 già stabiliti. Se cosi' non fosse saremo pronti ad usare ogni mezzo legale per far si che questo gioco sporco finisca! Vogliamo i nomi dei parlamentari che nella commissione attività produttive della Camera si sono detti disposti ad un rinvio!

GENERAZIONE ATTIVA
www.generazioneattiva.it

andrea d'ambra 09.02.07 20:08| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

4 MARZO - FESTA DELL'ABOLIZIONE DEL COSTO DI RICARICA!

Domenica 4 Marzo, primo giorno in cui potremo effettuare ricariche senza costi di ricarica ad Ischia ci ritroveremo tutti alle ore 10.30 a Forio in Via G. Castellaccio (Monterone) presso la Tabaccheria "Vito Giò" per festeggiare il successo dell’iniziativa contro i costi di ricarica dove potremo finalmente fare la prima ricarica senza l'odioso balzello tutto italiano!
Iniziative simili saranno organizzate dai Meetup “Amici di Beppe Grillo” in molte altre città d’Italia.
Per vedere se anche la Vs città partecipa basta andare sul sito http://beppegrillo.meetup.com/ e cercare la Vs città o anche attraverso la mappa dei Meetup: http://beppegrillo.meetup.com/about/?gmap=1

Andrea D'Ambra
Presidente Generazione Attiva
www.generazioneattiva.it

andrea d'ambra 09.02.07 09:55| 
 |
Rispondi al commento

finalmente(e casualmente)trovo un posto dove dire liberamente quello che penso! vivo di stipendio,voto a sinistra da sempre e sono inc...ato come una biscia in stato di astinenza sessuale!
hanno fatto leggi speciali x lo stadio in TRE, dico tre giorni e non riescono a farle per quella eversione sociale che è diventata l'evasione fiscale .
Mi hanno rinnovato un contratto da 45 euro mensili e le ho dovute spendere per 2 analisi di mio figlio,non posso ricomprare la macchina perchè
non riesco a mantenere moglie e 2 figli e loro mi hanno aumentato il bollo!
Meno male che sono dei "nostri" altrimenti...
Inizio a pensare che tutto ciò che viviamo sia il risultato di una volontà unica che si nasconde dietro espressioni politiche diverse solo sulla carta! Ci sentiamo, eh?

eusebio d. Commentatore certificato 09.02.07 00:54| 
 |
Rispondi al commento

LEGGETE E DIFFONDETE QUESTO LIBRO CHE TROVERETE ANCHE IN VENDITA SUL WEB
" E U R O S C H I A V I, CHI SI ARRICHISCE DAVVERO CON LE NOSTRE TASSE?
EDITO A R I A N N A E D I T O R E SCRITTO DA
m,a,r,c,o,d,e,l,l,a,,l,u,n,a, e, a,n,t,o,n,i,o, m,i,c,l,a,v,e,z,
capirete qual'è il vero nemico: ne la destra ne la sinistra sono le banche.
ho dovuto scrivere in questo modo perche scrivendo certe parole "innominabili" non viene pubblicato il post.
Caro grillo ti sei fatto zittire su questo grave argomento, ed io che credevo in te.....
che delusione!!

randazzo luigi 08.02.07 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Cominciamo con le notizie più recenti: ieri la Guardia di Finanza ha acquisito i piani tariffari presso le compagnie di telefonia mobile (Tim, Vodafone, Wind, e 3Italia). Bel colpo!
L’operazione si inserisce nell’ambito della vigilanza sulla trasparenza delle tariffe, alla luce del decreto Bersani che prevede l’annullamento dei costi di ricarica a partire dai primi dai marzo.
Quello che, con tutta probabilità, l’Autorità intende verificare è quali siano nel dettaglio le tariffe praticate al momento dai quattro operatori mobili, per poi confrontarle con quelle che verranno predisposte nelle prossime settimane in vista della scadenza del 3 marzo, quando le ricariche delle prepagate non potranno più essere a carico del consumatore.
Il decreto Bersani assegna, infatti, all’Autorità compiti precisi per quanto riguarda la trasparenza delle tariffe, anche per verificare se e in quale misura si dovesse concretizzare il rischio di un possibile aumento dei prezzi: la preoccupazione è infatti che gli operatori, per rientrare dei costi sostenuti per le ricariche, possano “spalmare” su tutti i piani tariffari gli introiti che verranno a mancare per effetto del decreto. ANSA

Lo scorso week-end è stato caratterizzato dalla notizia (uscita su Repubblica) secondo cui il Direttore Generale della Direzione Generale Comunicazione della Commissione Europea, Fabio Colasanti, avrebbe scritto a Bersani per chiedere chiarimenti circa il decreto e sottolineare come la competenza di un intervento apparteneva all’Agcom. Questo dopo una protesta degli operatori alla Commissione Europea Qui l’articolo. Il giorno dopo, domenica, sempre su Repubblica c’era la risposta di Bersani secondo cui non c’è stata alcuna violazione di norme comunitarie. Qui l’articolo

Questo fa capire il nervosismo e la tensione che gira tra gli operatori oltre che al lavoro di lobby che stanno tentando visto che fra 25 giorni (4 Marzo) dovranno volente o nolente abolire questo balzello...continua su www.andreadambra.eu

andrea d'ambra 06.02.07 19:33| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di liberalizzazioni...
Questa mattina andando in ufficio ho notato un particolare quanto meno sconcertante.
Circa il 50% dei distributori di benzina ai quali passo davanti andando in ufficio aveva ritoccato i prezzi al rialzo.(da 1196 a 1213...e via dicendo)
Siamo in un libero mercato, ed a prescindere se sia giusto o meno trovo altrettanto corretto fare in modo di avere un'offerta più ampia in modo da evitare di essere presi per il c...
Come dipendente metalmeccanico se sciopero, sicuramente perdo ore di lavoro e quindi denaro, non credo che ai benzinai capiti lo stesso !!!
Grazie.
Marco Breccia

Marco Breccia 06.02.07 08:39| 
 |
Rispondi al commento

Hai ragione dicendo che gli interessi passivi sembra che creino piu valore del prodotto stesso.
In casa e' stato acquistato un elettrodomestico e il suo prezzo e stato scontato di circa 100 euro per aver attivato una finanziaria. Ovviamente il consumatore fa le sue scelte guardando anche al prezzo.
Cosa vuol dire questo?
Perche' si possono attuare certe pratiche che apparentemente giovano al consumatore, ma che fanno muovere piu' mani ?

fonzo trex 04.02.07 22:36| 
 |
Rispondi al commento

2/2/2007 Stop all’invasione dei phone center. Grande titolo sulla cronaca di Roma di Repubblica di oggi. Recependo lo stimolo alle liberalizzazioni del suo Esimio collega diessino Bersani il sign Giugnoli del Campidoglio è felice perchè “A partire dall’entrata in vigore del nuovo regolamento comunale, aprire un phone center diventerà molto più difficile. Mentre quelli già esistenti, se vogliono proseguire, saranno obbligati a mettersi in regola” E via con grandi voli pindarici, quando un phone center dovrebbe essere costituito da una o più cabine telefoniche in cui si va per telefonare, ed un registratore di cassa per emettere scontrini fiscali. Se poi ci si va per fare altre cose, basterebbe un’ indagine di polizia con relativo arresto dei soliti delinquenti lasciati in libertà per missione cristiana. E’ come la storia della stazione di metrò chiusa perchè vicino ci è sorto un campo zingari abusivo. Ma perchè invece, visto che voi rappresentate noi lavoratori morti di fame, non fate un regolamento per istituire campi di lavoro o in alternativa carceri economiche del tipo pane ed acqua e vita all’aria aperta, se mantenere un delinquente in una cella con tutti i confort è diventato impossibile? Per quattro delinquenti in circolazione io debbo rinunciare alla comodità di telefonare dal phone center sotto casa e metterlo nel culo alla telecom? Ma che sete come er cavaliere dalla parte del tronchetto?

Pieo Ferretti 03.02.07 16:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho il piacere di informarVi che il decreto è stato pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale ed entra quindi in vigore da oggi. Gli operatori hanno da oggi massimo 30 giorni di tempo per adeguarsi. Parte il count-down! (su www.aboliamoli.eu) Aspettate a ricaricare, oramai manca poco

Andrea D'Ambra
Pres. Generazione Attiva
www.generazioneattiva.it
Testo in vigore dal: 2-2-2007

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Visto l'articolo 117 della Costituzione ed in particolare il comma secondo, lettere e), l) e m); Ritenuta la straordinaria necessita' ed urgenza di rimuovere ostacoli allo sviluppo economico e di adottare misure a garanzia dei diritti dei consumatori; Ritenuta, altresi', la straordinaria necessita' ed urgenza di intervenire per rendere piu' concorrenziali gli assetti del mercato e favorire la crescita della competitivita' del sistema produttivo nazionale, assicurando il rispetto dei principi comunitari; Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 25 gennaio 2007; Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, del Ministro dello sviluppo economico, del Vicepresidente del Consiglio dei Ministri, del Ministro della pubblica istruzione e del Ministro per le politiche europee, di concerto con i Ministri per gli affari regionali e le autonomie locali, dei trasporti, per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione, delle comunicazioni, delle infrastrutture, dell'economia e delle finanze e delle politiche agricole alimentari e forestali; E m a n a il seguente decreto-legge:

Art. 1. Ricarica nei servizi di telefonia mobile, trasparenza e liberta' di recesso dai contratti con operatori telefonici, televisivi e di servizi internet 1. Al fine di favorire la concorrenza e la trasparenza delle tariffe, di garantire ai consumatori finali un adeguato livello di conoscenza sugli effettivi costi del servizio, nonche' di facilitare il confronto tra le offerte

andrea d'ambra 02.02.07 09:15| 
 |
Rispondi al commento

Aggiornamento: 31/01 ore 10.45

Ricevo questo messaggio dal Forum di Report (grazie a Bianca Sacher):

"Sono certa che conosciate bene certi appuntamenti politici ma siccome domani [giovedi 1° febbraio NDR] dalle 10,30 (e fino al pomeriggio) al centro congressi di Via Rieti a Roma, c’è Fassino e Bersani che forse parleranno anche di questo, sarebbe quanto mai utile che una vostra delegazione li costringa a riconoscere a chi va ascritto il merito di aver sollevato l’importantissima questione delle ricariche telefoniche e perché si sono appropriati della battaglia che avete sostenuto in modo tanto indecente."

Io non potrò esserci ma ritengo corretto informare dell’appuntamento tutti coloro i quali possono essere interessati. Grazie

Andrea D'Ambra
Pres. Generazione Attiva
www.generazioneattiva.it

andrea d'ambra 31.01.07 12:29| 
 |
Rispondi al commento


A una settimana dal Consiglio dei Ministri in cui è stato deciso di rispondere alla pressione fatta dalla petizione inserendo l’abolizione dei costi di ricarica nel decreto legge desidero ringraziare tutti coloro i quali mi hanno manifestato affetto e sostegno. Non potrei star qui a citare tutti sia esigenze di spazio sia perché ne dimenticherei sempre qualcuno allora ancora una volta GRAZIE A TUTTI!. Rimando alla sezione “parlano di noi” di Aboliamoli.eu come pagina di ringraziamento verso tutti coloro i quali, come Alessandro del Meetup Amici di Beppe Grillo di Verona, sin dal 12 Aprile hanno pubblicizzato e sostenuto in ogni modo questa iniziativa.

Come avrete notato dalla home page di Aboliamoli.eu il logo “basta coi costi di ricarica” ha subito una modifica in relazione al successo ottenuto, invito tutti coloro i quali non l’avessero ancora fatto ad inserirlo sul proprio sito/blog copiando il codice html.

Lo scorso 25 Gennaio, giorno in cui si è riunito il Consiglio dei Ministri è stato curioso notare come, attraverso le statistiche del sito Aboliamoli.eu verso le 10.00 nientepopodimeno che la Presidenza del Consiglio dei Ministri sia venuta a dare una sbirciatina sul sito, magari per prendere spunto in vista della realizzazione del decreto eheh

…Intanto non passa giorno in cui le azioni telecom non perdano punti percentuali a causa della prevista abolizione dei costi di ricarica…

Un ringraziamento speciale va al notiziario di Rainews24, che, ancora una volta, da quando è stato varato il decreto è stato l’unico a raccontare come davvero si siano svolte le cose. Questo è servizio pubblico!

Proprio alla luce di ciò, visto che quello che dovrebbe essere il primo telegiornale Italiano, mi riferisco ovviamente al TG1, non ha MAI dato notizia della petizione (al contrario di quanto accaduto con altri TG come rainews24, tg2 e tg3 oltre che Euronews) invito TUTTI VOI ad inviare una e-mail al TG1 all’indirizzo tg1_direzione@rai.it facendo sentire il Vs disappunto

andrea d'ambra 30.01.07 19:04| 
 |
Rispondi al commento


A una settimana dal Consiglio dei Ministri in cui è stato deciso di rispondere alla pressione fatta dalla petizione inserendo l’abolizione dei costi di ricarica nel decreto legge desidero ringraziare tutti coloro i quali mi hanno manifestato affetto e sostegno. Non potrei star qui a citare tutti sia esigenze di spazio sia perché ne dimenticherei sempre qualcuno allora ancora una volta GRAZIE A TUTTI!. Rimando alla sezione “parlano di noi” di Aboliamoli.eu come pagina di ringraziamento verso tutti coloro i quali, come Alessandro del Meetup Amici di Beppe Grillo di Verona, sin dal 12 Aprile hanno pubblicizzato e sostenuto in ogni modo questa iniziativa.

Come avrete notato dalla home page di Aboliamoli.eu il logo “basta coi costi di ricarica” ha subito una modifica in relazione al successo ottenuto, invito tutti coloro i quali non l’avessero ancora fatto ad inserirlo sul proprio sito/blog copiando il codice html.

Lo scorso 25 Gennaio, giorno in cui si è riunito il Consiglio dei Ministri è stato curioso notare come, attraverso le statistiche del sito Aboliamoli.eu verso le 10.00 nientepopodimeno che la Presidenza del Consiglio dei Ministri sia venuta a dare una sbirciatina sul sito, magari per prendere spunto in vista della realizzazione del decreto eheh

…Intanto non passa giorno in cui le azioni telecom non perdano punti percentuali a causa della prevista abolizione dei costi di ricarica…

Un ringraziamento speciale va al notiziario di Rainews24, che, ancora una volta, da quando è stato varato il decreto è stato l’unico a raccontare come davvero si siano svolte le cose. Questo è servizio pubblico!

Proprio alla luce di ciò, visto che quello che dovrebbe essere il primo telegiornale Italiano, mi riferisco ovviamente al TG1, non ha MAI dato notizia della petizione (al contrario di quanto accaduto con altri TG come rainews24, tg2 e tg3 oltre che Euronews) invito TUTTI VOI ad inviare una e-mail al TG1 all’indirizzo tg1_direzione@rai.it facendo sentire il Vs disappunto

andrea d'ambra 30.01.07 19:03| 
 |
Rispondi al commento

io avevo una domanda...ma quand'è che sarà in atto questo decreto?

philipp pleb 30.01.07 13:38| 
 |
Rispondi al commento

E vero si può sempre fare di più,come cantavano i Phoo, ma da oggi l'Italia è un pò più libera da quei lacci che soffocano l'economia. Sono sicuro che quacuno avrà qulcosa da dire,e qualche categoria scenderà in piazza per difendere il proprio interessuccio di nicchia, ma la cosa più interessante sarà sentire cosa avranno da dire i berluscones, che a parte le leggi ad personam non hanno fatto niente. E dire che liberalizzare (in teoria) e sempre stato un manifesto della destra.

roberto satta 27.01.07 15:17| 
 |
Rispondi al commento

dopo il DECRETO LEGGE mi auguro che tutti quelli che hanno attaccato ingiustamente il ministro abbiano il buon gusto di chiedere scusa!!
...soprattutto d'ambra e tutti quelli che volevano i meriti per aver attivato l'iter istituzionale!
nel documento ufficiale del ministero c'è pure il riferimento alla raccolta di oltre 810000mila firme!!
siete soddisfatti o volete un premio???

Federico Sichel 27.01.07 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Grande Bersani, ottima cosa togliere il pizzo sulle ricariche dei telefonini. Ma perchè avete dimenticato quelli sulle ricariche delle tessere Mediaset della Pay Tv del digitale terrestre? Attendo fiducioso e confido in Grillo.
Raffaele

Raffa ele 27.01.07 12:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

va bene liberalizzare tutto,ma non ci sarà il pericolo che il monopolio passerà da una parte all'altra?magari dopo che chiuderanno i piccoli distributori per mettere il carburante dovremmo fare 50 km?oltre a questo perchè il ministro bersani non libera(no liberalizza) i servizi comunali,bancari,postali,facendo restare aperti gli uffici comunali,le banche,gli uffici postali tutti i giorni dalle 7.00 alle 20.00? ed adeguare i diritti dei lavoratori a tutte le categorie non solo quelle statali,bancarie,postali ma anche ai muratori,carpentieri,braccianti agricoli,camionisti visto che forse esistono delle disparità non solo economiche....

mario gasparretti 26.01.07 15:05| 
 |
Rispondi al commento

scusate l'ingenuità ma oggi stavo cercando di mandare una e-mail a Bersani per congratularmi per tutte le cose decise nell'ultimo consiglio dei ministri, abolizione del costo di ricarica compresa.

E' importante che i ministri si muovino su indicazione dei cittadini, dobbiamo continuare a farlo, e poi ringraziare chi ha iniziato a proporre cambiamenti firmando petizioni o altro. Continiamo, continuate, che Bersani continui su questa strada se c'è del positivo.

giorgia della seta 26.01.07 12:38| 
 |
Rispondi al commento

in Francia e' stato abolito il bollo auto.
In Italia l'hanno aumentato per migliorare l'inquinamento, pagando di più diminuisce l'inquinamento? Grazie

sergio sergo (rudolf) Commentatore certificato 26.01.07 10:24| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

ABOLIZIONE DEI COSTI DI RICARICA - CE L'ABBIAMO FATTA!!!!
La vittoria è degli oltre 800mila firmatari della Petizione Aboliamoli.eu

Con grande contentezza apprendiamo che l'abolizione dei costi di ricarica è stata introdotta al primo articolo di un decreto legge varato questa sera dal Governo. Finalmente, dopo oltre 9 mesi dal lancio della petizione contro quest'anomalia tutta italiana dal sito www.aboliamoli.eu che ad oggi ha raccolto oltre 800mila firme, grazie anche al sostegno ricevuto da Beppe Grillo e da organi di informazione come Punto Informatico, Consumi & Consumi (Rainews24) e Mi Manda Raitre, tra i primi a sostenerci in tempi non sospetti, arriva il momento da noi tanto atteso.
E' una grande soddisfazione vedere quest'azione partita dal basso, dalla rete, dai cittadini e dalla gente comune sfociare in una cosi' grande e bella Vittoria!
E' stato necessario l'intervento di un singolo cittadino che ha fatto appello alla Commissione Europea, nonostante le varie istituzioni italiane preposte al controllo e le varie associazioni in difesa dei consumatori affinché si potesse mettere una volte per tutte la parola FINE su quest'anomalia tutta italiana.
Che gli operatori adesso si adeguino immediatamente e rispettino la legge!
Generazione Attiva, associazione nazionale in difesa dei consumatori, nata dall'esperienza del promotore della petizione contro i costi di ricarica annuncia che assisterà i propri iscritti nella richiesta di rimborso per tutti i costi di ricarica sostenuti finora da noi cittadini/consumatori. Chiunque voglia aderire può farlo dal sito www.generazioneattiva.it
Questa è stata solo la prima di una serie di battaglie che porteremo avanti, in difesa del cittadino/consumatore, contro i soprusi a cui quotidianamente dobbiamo sottostare.

Andrea D'Ambra
Presidente Generazione Attiva
www.generazioneattiva.it




ZCZC0402/SXA
WEF40336
R ECO S0A S41 QBXC
LIBERALIZZAZIONI: D'AMBRA, SU RICARICHE SI FACCIA DECRETO
(ANSA) - ROMA, 25 gen - L'intervento per l'abolizione dei costi di ricarica dei cellulari deve essere effettuato attraverso un decreto legge, ''unico strumento efficace ed immediato per la soluzione dell'anomalia tutta italiana''. E' questa l'opinione di Andrea D'Ambra, il giovane ischitano promotore della petizione e della battaglia sociale contro i costi di ricarica per i telefonini.
''Un disegno di legge - sottolinea D'Ambra - non servirebbe a nulla visti i tempi di approvazione (un anno circa) e l'avvicinarsi dell'intervento previsto da parte dell'Agcom per meta' febbraio''. (ANSA).
COM-FP 25-GEN-07 15:50 NNNN

andrea d'ambra 25.01.07 16:27| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

Se il Governo interviene sui costi di ricarica lo faccia attraverso un decreto-legge, unico strumento efficace ed immediato per la soluzione dell'anomalia tutta italiana. Un disegno di legge non servirebbe a nulla visti i tempi di approvazione (1 anno circa) e l'avvicinarsi dell'intervento previsto da parte dell'Agcom per metà Febbraio. Ad affermarlo è Andrea D'Ambra, promotore della famosa petizione contro i costi di ricarica lanciata lo scorso Aprile nonché dell'Associazione in difesa dei consumatori GENERAZIONE ATTIVA. Petizione che ad oggi ha raccolto oltre 800mila firme, grazie alla quale il promotore ha denunciato l'anomalia del balzello delle ricariche alla Commissione Europea che ha attivato le Authority Italiane.
La competenza è dell'Agcom come stabilito piu' volte sia dall'UE che dallo stesso Sottosegretario Vimercati alle Comunicazioni. Non si spiega, se non con una mera strumentalizzazione politica, tutto questo attivismo soltanto oggi a pochi giorni dall'intervento dell'Authority Garante per le Comunicazioni che sta lavorando alla cosa dallo scorso giugno.
Generazione Attiva inoltre annuncia che sta valutando richiesta di rimborso agli operatori per tutti i costi di ricarica sostenuti finora grazie ai quali solo nell'ultimo anno gli operatori hanno guadagnato 1,7 miliardi di euro attraverso questo cartello.

Andrea D'Ambra
Presidente Generazione Attiva
www.generazioneattiva.it

andrea d'ambra 25.01.07 15:28| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA GENERAZIONE ATTIVA

COSTI DI RICARICA: FACCIAMO CHIAREZZA
Le voci di stampa su un possibile intervento del Ministro Bersani non hanno nulla di fondato: "solo strumentalizzazioni politiche"
La materia dei costi nel servizio di telefonia mobile prepagata rientra nelle competenze dell'AGCOM
In relazione alle notizie diffuse oggi da diversi organi di stampa secondo cui nel prossimo "pacchetto di riforme" varato dal Governo nella persona del Ministro Bersani ci sarebbe anche un intervento sui costi di ricarica, è necessario chiarire come queste notizie non trovino alcuna conferma.
Come peraltro sottolineato persino dal Sottosegretario alle Comunicazioni On. Vimercati nella risposta data un'interrogazione parlamentare (Interrogazione n. 5-00423) che verteva sulla questione dei costi di ricarica, la materia dei costi nel servizio di telefonia mobile prepagata rientra nelle competenze dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) che ha condotto, congiuntamente con l'Autorità garante della concorrenza e del mercato, un'indagine conoscitiva, conclusasi il 15 novembre 2006, a seguito di specifica richiesta di chiarimento da parte della Commissione europea dopo che quest'ultima aveva ricevuto una denuncia accompagnata da centinaia di migliaia di firme della Petizione D'Ambra che ha raccolto oggi quasi 1 milione di firme inviate a Bruxelles proprio per chiedere l'abolizione di quest'anomalia tutta italiana dopo che nessuna istituzione qui in Italia si era mostrata sensibile a questa problematica.L'Associazione Nazionale in difesa dei consumatori GENERAZIONE ATTIVA nata dall'esperienza del promotore della petizione www.aboliamoli.eu contro i costi di ricarica Andrea D'Ambra precisa come l'intervento arriverà dall'Authority Garante per le Comunicazioni (AGCOM) nel prossimo mese di Febbraio, al termine dell'audizione pubblica a cui Generazione Attiva ha preso parte lo scorso 17 Gennaio e non dal Governo che cerca soltanto di strumentalizzare una ques

andrea d'ambra 24.01.07 14:33| 
 |
Rispondi al commento

scusate sono un ragazzo di 25 anni e ieri dovevo comprare una ricarica telefonica e ricordavo che l'autority per le comunicazione aveva bocciato le compagnie telefoniche sui costi di ricarica, allora mi chiedo perchè devo pagare ancora i costi di ricarica? ciao beppe

Eduardo Mazzocca 23.01.07 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Io mi chiedo se fosse possibile fare rientrare in unica fiscalizzazione i lavoratori sul genere dei liberi professionisti riferendosi a delle tariffe sul costo del lavoro minime e massime , in modo da poter scaricare molte spese sostenute per poter lavorare, esempio il costo della benzina che si consuma da casa al luogo di lavoro o il pranzo in orario lavorativo ecc.. in questo modo funzionerebbe come per i rappresentanti che scaricano le spese, questo applicato anche alle famiglie ecc.. in modo da potere contrattare con i datori di lavoro la paga e pagare le tasse solo su quello che effetivamente si guadagna , senza costi fissi come per chi apre la partita iva come artigiano che è già castrato in partenza, dal momento che nessuno gli garantisce il lavoro come si può cominciare a lavorare avendo già un debito senza parlare delle spese di casa e tasse varie? Forse sono troppo utopista o fantastico troppo non essendo un economista ma un ignorante che fà fatica a lavorare persino con le ricevute di prestazione occasionale max € 5000,00 all'anno compreso di iva o più iva? Magari riuscissi ad avere una risposta . Marco + Cri

MARCO SERRITELLI 22.01.07 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Premiazione Festa degli Isolani, Gentiloni risponde dopo 4 mesi, TGR Europa & Bersani, Radio, TV, articoli e Generazione Attiva

Questa mattina si è tenuta la “Festa degli Isolani” organizzata da “Il Golfo”, quotidiano dell’Isola d’Ischia nel corso della quale mi è stato conferito il premio “Isolano dell’Anno 2006” con la seguente motivazione:
"Il Davide ischitano contro i Golia della telefonia mobile. Per aver ingaggiato e condotto con decisione, coraggio e intelligenza, la battaglia contro gli illegittimi costi di ricarica imposti dalle compagnie telefoniche."
Ringrazio tutti coloro i quali mi hanno sostenuto in questa iniziativa ed in particolar modo “Il Golfo” per questo riconoscimento.
I premi ricevuti: “lettera“, ceramica, targa in ceramica.
Nella sezione Documenti ho inserito la risposta del Sottosegretario alle Comunicazioni Vimercati all’On. Foti (che a dire il vero era stata posta al Ministro Gentiloni lo scorso Settembre) ma che il Sottosegretario ha dato a nome del Ministro. Di fatto Vimercati, per conto del Ministro Gentiloni smentisce le recenti affermazioni di Bersani e ricorda come sia l’Authority per le comunicazioni a dover intervenire e non il Governo!
Oggi ho ricevuto diverse segnalazioni via e-mail che mi informavano di come il TGR Europa, in onda ogni Domenica mattina su Raitre, avrebbe riferito che “Grazie al decreto che ha fatto il ministro Bersani che porterà un taglio dei costi di ricarica“
Se qualcuno ha voglia di chiarire le idee ai giornalisti del TGR Europa può farlo inviando una mail all’indirizzo europa@rai.it
A proposito di TV domattina lunedì sarò in collegamento telefonico con RAI UTILE verso le 10.00 si parlerà di consumi, liberalizzazioni e… costi di ricarica
In questi ultimi giorni ci sono state cosi tante interviste radio che ho avuto difficoltà a starci dietro (9 in soli 2 giorni) e segnalarvele tutte come faccio di solito. Per ascoltarle vi ricordo la sezione AUDIO di Aboliamoli.eu (che comprende anche una recentissima i

andrea d'ambra 22.01.07 08:55| 
 |
Rispondi al commento


www.aboliamoli.eu

www.troviamoibambini.it

Ferrara, 18 gennaio 2007

Ischia, 18 Gennaio 2007

L’ UNIONE FA’ LA FORZA

Cari amici Vi informiamo sulle news…….

"I costi di ricarica" che negli altri paesi del mondo non esistono! I costi di ricarica sono quei costi che il consumatore paga quando ricarica il proprio telefono cellulare dovendo pagare piu' di quanto effettivamente viene ricaricato il proprio credito (ad esempio 10 Euro per ottenere 8 Euro di credito 2 Euro sono i c.d. costi di ricarica o ancora 25 Euro per ottenere 20 Euro di credito 5 Euro sono i costi di ricarica e cosi' via...)

Da sottolineare che il costo di ricarica non è una Tassa/Imposta governativa.

Ci sono 1,7 miliardi di Euro in gioco (tanto hanno ricavato gli operatori della telefonia mobile nel 2005 soltanto grazie ai costi di ricarica).

Tanti vero ? Ma le aziende di telefonia mobile continuano a pensare di non dovere nulla alla comunità ? Che simpaticoni……

Caro Andrea D’Ambra uniamo le forze, magari questi simpaticoni potrebbero valutare di “investire 1,7 miliardi di Euro in beneficenza, a favore dei bimbi scomparsi….

Il Comitato

“Troviamo i bambini !”

www.troviamoibambini.it

Aboliamoli

Andrea D’Ambra

www.aboliamoli.eu

andrea d'ambra 18.01.07 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Mh...

Manwë Sùlimo 18.01.07 18:07| 
 |
Rispondi al commento

AGGIORNAMENTO: Ecco il video del servizio di Alessandro Poggi - Lo scontro D’Alema-Tremonti non è ancora on-line.

http://www.youtube.com/watch?v=-JyFDt2PYqo

andrea d'ambra 18.01.07 17:03| 
 |
Rispondi al commento

"1" in più per il rimborso.

Davide I. Commentatore certificato 18.01.07 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Grillo, da molto tempo mi collego quasi tutti i giorni al tuo sito. Esattamente da quando, lo scorso anno ho visto per la prima volta il tuo primo dvd (più pungente rispetto ad incantesimi che ho visto ieri sera). Cazzo, ogni volta che ti rivedo mi domando cosa cazzo ci faccio al mondo, se la mia (nostra) vita è una fiction o realtà.. lavoro in un ufficio stampa e spesso mi scontro con la NON libertà di stampa e di parola.. va beh, lasciamo perdere 'sti discorsi.. Ho due curiosità: 1.ma come fai a rispondere personalmente a tutte le mail, con tutta la gente che ti segue sarà un casino?? 2.lo so che te lo hanno chiesto in tantissimi e te lo sarai chiesto anche tu, ma mi piacerebbe sapere perchè non ti metti in politica?
Ah, in passato hai fatto uno spettacolo da me organizzato per la samsung (con tutti quei coreani), ne conservo ancora il cd che ogni tanto ascolto. Se mai dovessi passare da Milano e avessi voglia di ascoltarmi, ti invito volentieri in agenzia da me, oramai sull'editoria avrei migliaia di cose sa raccontarti.. Un abbraccio.. Isidoro

Isidoro Ermocida 18.01.07 14:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

""Beppe Grillo"" un portavoce vero per li popolo.
Ti seguo e s' avvera.
CIAO.

Davide I. Commentatore certificato 18.01.07 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Per Sirchia.
Chi la fa l ' aspetti...

Davide I. Commentatore certificato 18.01.07 14:11| 
 |
Rispondi al commento

scusate

www.cominciamolitalia.net

GIUSEPPE DI LALLO Commentatore certificato 18.01.07 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Smettiamo di comprare i giornali "Amici" è tutta spazzatura vi segnalo un buon quotidiano on-line, forse lo conosciete già, tutti "www.cominiciamolitalia.net, ditemi che cosa ne pensate

BERSANI..... CHI E'....... AH UN TRA I TANTI NOSTRI PROBLEMONI

GIUSEPPE DI LALLO Commentatore certificato 18.01.07 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Un suggerimento di vera liberalizzazione nel settore dei prodotti petroliferi per il Ministro Bersani. Oggi le compagnie petrolifere controllano interamente sia il mercato della raffinazione sia quello della distrubuzione (le stazioni di servizio dove facciamo quotidianamente rifornimento). Quest'ultime sono o gestite direttamente dalle singole compagnie o controllate attreverso un contratto di comodato con un gestore che obbliga quest'ultimo a rifornirsi di carburante esclusivamente dalla compagnia. Risultato: prezzi alla pompa praticamente uguali presso qualsiasi distributore. E' come se la barilla e la voiello controllassero ogni singolo negozio di alimentari. Soluzione: una legge di un solo articolo: chi è titolare di concessioni ed autorizzazioni per la produzione di prodotti petroliferi non può essere titolare, nemmeno per interposta persona o attraverso società controllate, di autorizzazioni per l'apertura di stazioni di servizio. Queste così verrebbero gestite da veri imprenditori, svincolati dalle compagnie, e potrebbero acquistare la benzina presso la compagnia che opererebbe il prezzo migliore.Le compagnie si farebbero reale concorrenza ed il prezzo alla pompa sarebbe soggetto a maggiori fluttuazioni.

alessandro carrubba 18.01.07 10:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signore e signori delB.D.B.G avete provato anche voi quella senzazzione di vuoto durante l`ultima puntata di ballaro?´,Quando dal suo cilindro mago fantozzi ha tirato fuori la E-mail di Dambra ,sembrava la scoperta dell`` acqua calada . Ma quello che e peggio e stato il silenzio di baffetto,il quale cercava di saltare a pie pari l`argomento ,pur di non fare il nome di un certo comico che sono sicuro ha molti piu consensi di lui.E si adesso stanno scavando . Signor Grillo potrebbe per favore ogni tanto ricordare a questi dipendenti quante persone la seguono . Le auguro ogni bene

antonio romano (otedesck) Commentatore certificato 18.01.07 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda poi Ballarò di ieri sera va fatta qualche precisazione: non siamo ingenui dal ritenere che una parte politica sia migliore di un’altra e siamo ben consci del fatto che sia destra che sinistra quando hanno l’occasione strumentalizzano iniziative per trarne profitto politico e di immagine.
In questo preciso caso però devo dire che nonostante abbia chiamato “ragazzino” il sottoscritto sia arrivato qualcosa dall’On. Tremonti che sarebbe dovuto arrivare se non da D’Alema almeno da Floris.
Mi riferisco alla precisazione fatta da Tremonti che, leggendo la mia mail (inviata anche alla redazione di Ballarò e a Floris) dopo le dichiarazioni di D’Alema secondo cui “Il governo è intervenuto, l’authority ha avviato un’inchiesta su sollecitazione del Governo……” a margine del servizio andato in onda comprensivo della mia intervista.
Sentendo queste affermazioni Floris, se fosse stato corretto, a mio avviso, avrebbe dovuto dire “Ministro, cosa dice? Abbiamo appena visto un servizio dove c’è un ragazzo che dice di aver raccolto oltre 800mila firme e Lei invece sostiene di aver attivato Lei l’authority? Allora il ragazzo mente?”
Floris però si è ben visto dal dir qualcosa (lo stesso comportamento avuto con Bersani) però, se prima poteva dire di ignorare Aboliamoli.eu ora non poteva piu’ dopo le migliaia di e-mails ricevute in redazione in seguito all’intervento di Bersani, che chiedevano di dare il diritto di replica al sottoscritto e chiarire come davvero fossero andate le cose.
E l’intervista allora direte voi? Beh, anche quella, non ci crederete ma non è dipesa di certo dal presentatore. Quando sono stato contattato dal giornalista che ha realizzato il servizio, Alessandro Poggi, quest’ultimo che è stato davvero gentilissimo e che ancora ringrazio, mi ha detto che era venuto a conoscenza della mia iniziativa attraverso il quotidiano “Il Mattino” e aveva deciso di realizzare un’intervista nonostante il “casino” avvenuto dopo... continua su www.andreadambra.eu

andrea d'ambra 18.01.07 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Oggi sono stato audito per la prima volta dall’Authority Garante per le Comunicazioni, in un incontro previsto esclusivamente per il sottoscritto e durato circa due ore ho avuto modo di rappresentare le mie osservazioni all’Autorità circa i costi di ricarica e l’unica soluzione possibile (l’abolizione completa) mi sono inoltre permesso di allargare il discorso alle altre anomalie che andrebbero visionate.
Ringrazio l’Agcom per quest’opportunità che mai prima d’ora era stata data ad un cittadino non facente parte del circuito delle Associazioni dei consumatori riconosciute dallo Stato e vi anticipo che quasi certamente la decisione finale sui costi di ricarica verrà presa nella seconda metà di Febbraio.

Di seguito il verbale a margine dell’incontro

Napoli, 17 Gennaio 2007

Verbale di riunione di cui alla delibera 714/06/CONS

Presenti per l’Autorità:
Antonio Aloia, Franco Angrisani, Nevio Capodaglio, Antonio Provenzano, Raffaella Sibilla, Guido Stazi, Vincenza Vetri.

Viene ricordato dall’Autorità che il presente incontro con il sig. D’Ambra si colloca nell’ambito del procedimento relativo alla consultazione pubblica di cui alla delibera 714/06/CONS.
Pertanto viene richiesto al sig. D’Ambra di illustrare la propria posizione con riguardo all’obiettivo della consultazione pubblica, quello di “acquisire, tramite consultazione pubblica, commenti, elementi di informazione e documentazione in merito ai possibili interventi regolamentari relativi ai contributi di ricarica relativi ai servizi di telefonia mobile con ricarica del credito”.

Il sig. D’Ambra presenta e illustra un proprio documento che viene allegato agli atti come parte integrante del fascicolo relativo alla consultazione pubblica in oggetto.
Tra i numerosi spunti presenti nel documento illustrato, in particolare, si eviddenzia:
- come la presenza del “balzello” rappresentato da un contributo di ricarica sia presente anche in altri... continua su www.andreadambra.eu

andrea d'ambra 18.01.07 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Bersani : a......... si ..........è un problema da risolvere.

Ma va !!!!

Davide I. Commentatore certificato 18.01.07 00:06| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe sono elisabetta ho 25 anni sono sarda ma vivo a roma per motivi di studio.
l'altra sera con amici abbiamo visto un tuo dvd e sono rimasta allibita dalle mille cose che non sapevo di questa italia che mi fa sempre più schifo.avrei tante cose da dire che sto riscontrando piano piano da quando mi sono staccata dalle ali dei miei e vivo sola con il mio ragazzo pagando un affitto in nero di 900 euro diviso a metà, io aiutata da mio padre perchè devo terminare la specializzazione in psicologia clinica e lui povero autista atac-trambus con contratto part time da 700euro al mese super sfruttato e senza diritto d'ammalarsi.per la mia ricerca di tesi dovrò sostenere più di 400 euro di fotocopie che la sapienza non mi rimborserà e mi chiedo se nel frattempo potrò nutrirmi d'aria e teletrasportarmi da una parte all'altra senza prendere i mezzi perchè per me 30 euro al mese di abbonamento sono tante.a volte devo farmi spedire un pò di spesa da casa perchè non ce la facciamo e la sera invece che uscire con amici ci accontentiamo di una partita a dama e una minestrina di dado.non è un'esagerazione.io studio come una belva anche dodici ore di fila quando non vado al tirocinio nel reparto di psichiatria dell'umberto I torno a casa esausta e affamata e a volte non ho che un pacchetto di crackers da mangiare..ai miei faccio creder che quelle450euro che mi passano sono sufficienti ma non è vero..d'altronde ho altre tre sorelle una piccina che studia e in famiglia ci sono molte spese soprattutto ahimè a causa della salute. scusa lo sfogo.volevo dirti che finchè tutti si intanano nell'ignoranza e nella sottomissione questa italia ci porterà a zonzo come cani e farà di noi qualunque cosa.detesto uno per uno i politici del cavolo che ci governano o fanno finta.io non avrò futuro a causa loro e tutto il mio istinto materno sta passando perchè d fatto non ho intenzione di far vivere il mio bimbo in 20mq d casa compreso il bagno.un abbraccio l'ennesima laureata italiana sfigata

elisabetta incani 17.01.07 21:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a Beppe Grillo : grazie per esserci.

cocchi cristina 17.01.07 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Ischia, 16 Gennaio 2007

RISTABILITA LA VERITA' SUI COSTI DI RICARICA A BALLARO'

Dopo le recenti esternazioni di Bersani la trasmissione ospita un’intervista al promotore della petizione www.aboliamoli.eu

Ballarò fà chiarezza sulla questione dei costi di ricarica. Dopo le recenti esternazioni del Ministro per lo sviluppo economico Bersani la scorsa settimana durante la trasmissione di Floris quando il Ministro aveva cercato di strumentalizzare politicamente la questione la redazione della trasmissione era stata letteralmente invasa da migliaia di e-mails di protesta da parte dei firmatari della petizione che ad oggi ha raccolto oltre 800mila firme. Un servizio del Dott. Alessandro Poggi che ha intervistato Andrea D’Ambra ha quindi cercato di chiarire la vicenda. Ciò nonostante c’è stato il tentativo, da parte del Ministro degli Esteri Massimo D’Alema di sostenere che fosse stato il governo ad attivare l’Authority. A questo punto, il silenzio del conduttore Floris, che era al corrente dei fatti ha sorpreso non poco ma ci ha pensato l’altro ospite in studio On. Giulio Tremonti che ha provveduto a leggere in diretta l’e-mail ricevuta dal promotore della petizione nella quale si specificava come il Governo non avesse avuto alcun merito nella vicenda e come tutto fosse partito da una petizione on-line dal sito www.aboliamoli.eu che, solo questa, ha fatto scattare l’intervento prima della Commissione Europea e poi delle Authority italiane Antitrust ed Agcom.

Generazione Attiva
Associazione in difesa dei Consumatori
www.generazioneattiva.it

andrea d'ambra 17.01.07 00:35| 
 |
Rispondi al commento

Non ci credo più, non crederò più a nessun politico se non scriverà i suoi impegni su questo blog.
Ciao!

Giovanni Rossi 16.01.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Anche io ho firmato per l'abolizione e lo ho detto a tutti quelli che conosco , ho visto ballarò , ho pensato che bersani ha affermato di essere lui l'ideatore di questo provvedimento molto molto stupidamente per usare un termine dolce dolce ,dandosi la zappa sui piedi letteralmente riguardo alla sua popolarità presso noi disgraziati che siamo considerati dei 2 di picche , perchè invece di evidenziare l' esistenza della petizione e come un segnale chiaro e forte cioè che la "politica" non è "dialettica" ,ma è un qualcosa di fortissimamente connesso alla vita della gente, che si serve della dialettica anche ,ma lavora per generare una vita quotidiana più serena ed equilibrata per tutti dove ci si può esprimere , democratica appunto e invece ci siamo trovati davanti a una SUA, SUA GENIALATA

Magda Busetto

magda busetto 16.01.07 18:06| 
 |
Rispondi al commento

OK...
1- HO FIRMATO LA PETIZIONE

2- L' HO FATTA FIRMARE A TUTTI QUELLO CHE CONOSCO

3- E' VERO, NON E' GIUSTO CHE BERSANI, (NOTO MINISTRO ROMPI BALLE CHE STA CAMBIANDO UN SACCO DI COSE E METTE SU UN SACCO DI NUOVE LEGGI FACENDO INPAZZIRE LE AZIENDE CON CARTELLINI, F24 ONLINE, CAUSALI OMESSE SUI VERSAMENTI A CHE SCOPO NON SI SA LA BANCA DICE PERCHE' SE DEVI FAR RISULTARE UN PAGAMENTO FAI UN BONIFICO MA SE MI PAGANO IN ASSEGNO COSA FACCIO? MI PULISCO IL C..O COI SOLDI ADESSO???, ELENCHI VARI, E CHE PALLE, E BASTA, E BUTTATELO GIU, NONSENEPUOPIU) SI PRENDA I MERITI DI UNA COSA NON SUA SOLO PER RENDERE SFAVILLANTE LA SUA TANTO ODIATA IMMAGINE

4- E PIU IMPORTANTE: QUANDO SMETTEREMO DI PAGARE QUELLA ODIOSA COMMISSIONE? E' STATA STABILITA UNA DATA?

GRAZIE!

ENRICO ANTONIAZZI 16.01.07 16:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Kathmandu, 07:39
NEPAL: FESTA NAZIONALE PER MAOISTI IN PARLAMENTO
All'indomani dello storico ingresso in Parlamento degli ex guerriglieri maoisti, in Nepal e' stato dichiarato senza preavviso un giorno di festa nazionale per celebrare l'evento, reso possibile dall'entrata in vigore delle Costituzione provvisoria, che revoca tra l'altro i poteri esecutivi di re Gyanendra, trasferendoli al primo ministro Girija Prasad Koirala. Secondo il quotidiano in lingua inglese 'The Kathmandu Post', il sovrano ha perso anche una "quota rilevante" dei propri beni a favore dello Stato. Il premier ha parlato apertamente dell'inizio di un "nuovo Nepal", dopo un decennio ininterrotto di guerra civile costata almeno 12.500 morti. Gli 83 deputati che costuiranno la rappresentanza degli ex ribelli, facendone il secondo gruppo per consistenza in seno all'assemblea che conta 330 seggi, hanno tutti prestato giuramento nalla tarda serata di ieri, subito dopo l'approvazione all'unanimita' della Carta transitoria.

http://www.kathmandupost.com/

Andrew Smith 16.01.07 07:52| 
 |
Rispondi al commento

Il liberalizzatore comunque qualcosa di buono l'ha fatto, anche se c'e' ancora molto da fare... certo che questa storia delle ricariche mi fa molto ricredere sulla persona...



qua in italia solo una cosa è chiara come il sole .stiamo vivendo l'ingresso del comunismo con applicato il sistema capitalistico solo al servizio non della nazione .ma dei pochi alla corte di qel figlio di uno zoccolo fatto nel don e della sua cricca,critiamo il sistema birmano, ringraziando il mortadella sara' molto peggio,perche' il nostro beneato stato x fottere è specializzato,si nei casini e nei debiti,e come ci frega,bollo auto ,canone rai,benzina iper tassata e tanto e solo per mantenere uno stato che è solo finto e di stampo pseudo totaliatario ,la dittatura nel resto d'europa scompare e qua invece rinasce è proprio vero siamo un popolo di conigli,ed'è giusto che ci trattino cosi' bravi italioti che in cambio di un televisore e di una qualche chiavata extra fate finta di nulla e intanto manteniamoi la rinascita delle br con il colletto bianco,e si la mafia insegna e lo stato impara ciao belli

giovanni guareschi 15.01.07 22:55| 
 |
Rispondi al commento

15/1/2007 I veri padroni. Mentre i cervelloni si riuniscono e ponderano sulle bone iniziative per la nazione intera, quelli che contano sanno già ciò che va sistemato, infatti oggi leggo e stupisco: “l’assessore regionale al commercio De Angelis vuole fare una nuova legge sulla data dei saldi e per questo vuole riunire ad una tavolata i vari rappresentanti che contano …….
In Italia c’è persino una legge (regionale, provinciale, comunale) per consentire ad un negoziante di scrivere “SALDI” sulle vetrine del proprio negozio.
A quando una legge che istituisca un Ente preposto al controllo che i saldi poi siano veri e non fasulli? (almeno si darebbe un po’ di fumo all’occhio del produttore di reddito e si piazzerebbero una barcata di simpatizzanti)

Piero Ferretti 15.01.07 20:02| 
 |
Rispondi al commento

ora sotto tocca al canone rai
facciamola finita con questo canone assurdo.
ho letto che anche chi possiede un computer
deve pagare il canone,anche chi possiede
un telefonino dell'ultima generazione.

ermanno montaldi 15.01.07 19:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se passa il provvedimento di Bersani, controlliamo subito i costi per minuto di conversazione,sento puzza di bruciato, non vorrei che alla riduzione dei costi di ricarica, corrispondesse un aumento delle tariffe.
Massacrati di tasse si, ma farsi prendere per i fondelli da questa gente mi sembra troppo.

eugeniopirisi del balzo 15.01.07 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Preferisco Bersani sinceramente che pur prendendosi meriti che non gli spettano, almeno qualcosa fa... se ci trovassimo con la precedente legislatura era probabile che Andre D'ambra non andasse neanche in TV! Comunque grande Andrea... gli 808000 firmatari lo sanno benissimo di chi è l'iniziativa... e lo sa bene pure bersani!!Gia sono iscritto alla tua associazione dei consumatori!!

Ivan R. Commentatore certificato 15.01.07 16:14| 
 |
Rispondi al commento

L'AGCOM CHIAMA IN AUDIZIONE ANDREA D'AMBRA
Il Presidente di "Generazione Attiva", promotore della petizione contro i costi di ricarica invitato per un incontro presso l'Authority Garante per le Comunicazioni
L'Authority Garante per le Comunicazioni ha invitato Andrea D'Ambra, promotore della petizione contro i costi di ricarica, nonché Presidente della neonata Associazione in difesa dei consumatori "Generazione Attiva" ad un'audizione che si terrà presso la sede napoletana dell'Authority mercoledì 17 Gennaio.
L'Audizione riguarderà i costi di ricarica ed è stata organizzata per "acquisire commenti, elementi di informazione e documentazione in merito ai possibili interventi regolamentari relativi ai contributi di ricarica dei servizi di telefonia mobile con ricarica del credito"
"E' il riconoscimento che attendavamo da tempo da parte dell'Authority ed il primo incontro ufficiale di "Generazione Attiva" che parte nel migliore dei modi", visto il ruolo fondamentale avuto dalla Petizione Aboliamoli.eu grazie alla quale, in seguito alla nostra denuncia alla Commissione Europea e ad oltre 800mila firme raccolte le Authority Italiane hanno dovuto aprire un'indagine congiunta su questo balzello tipicamente italiano.
Ringrazio l'Authority a nome degli oltre 800mila firmatari della Petizione da me creata contro i costi di ricarica dal sito www.aboliamoli.eu e della neonata Associazione in difesa dei Consumatori “Generazione Attiva” per questa audizione che è sicuramente una cosa molto importante che ci darà l’opportunità di dire la nostra su questo problema che tocca la telefonia mobile italiana e soprattutto milioni di italiani costretti a dover pagare fino al 40% in piu' rispetto all'importo effettivamente accreditato sulla propria scheda prepagata.
I costi di ricarica vanno aboliti perché, oltre a rappresentare un cartello messo in atto da parte degli operatori di telefonia mobile italiani non esistono in nessun altro paese del mondo e non trovano alcuna giustificazione.


Bersani,tante buone intezioni ,ma tutto fumo.Anche Bersani ha paura delle grandi LOOBBBII statali e azionarie.Distinto sig Bersani vediamo quanto sei capace di mettere in vendita due televisioni di stato(SIAMO FORSE IN DITTATURA TELEVISIVA?)E vediamo quanto sei bravo ad abbolire ilcanone telecom.Peccato per te che sono piu forti.Distinto beppe grillo questi rosati sono come quelli azzzuurrri.CIAO A TUTTI Gaiofatto silvio.P.S. SI CREDONO TUTTI PADRONI.INVITO TUTTI IBLOGAROLI A UNA LOTTA DURA CONTRO IL CANONE TV ETELECOM.

silvio gaiofatto 15.01.07 14:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CI STO ..... chiamiamolo il partito del blog e incomonciamo a unirci come gia stiamo facendo per costruire un sistema "disturbatoreriformistareale" a presto

marco migliorati Commentatore in marcia al V2day 15.01.07 12:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

viva andrea d'ambra viva beppe grillo ma perche'
non dare una svolta a questa italia e candidarvi al governo come nostri rappresentanti visto che loro non ci rappresentano. c'e' un partito che rappresenta gli italiani secondo voi no.
e allora formatelo un partito degli italiani e raccogliete le firme che bastano quelle ci sono gia visto i contatti giornalieri.
io faccio parte della catecogoria di quelli che a fine mese non ci arriva.
nucleo familiare 4 persone moglie e 2 figli a carico stipendio 1200 al mese compreso assegni familiari. spese mensili tra bollette e scuola spesa per mangiare 1500 sono un mago i 300 euro di differenza non so come ma qualche santo mi aiuta.
i santi sono nonno nicola nonna maria zia ugolina zia giovanna fratello franco ecc.ecc.

emanuele vurchio 15.01.07 10:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Andrea D'Ambra (SEI STATO UN GRANDE A SOLLEVARE QUESTO PROBLEMA INCRESCIOSO DELLE RICARICHE TELEFONICHE,IN QUEST'ITALIA LAMENTONA DEI PRIMATI...DANDO UN ESEMPIO DI "DISUBBIDIENZA"...caro Beppe (TU CHE SEI IL PORTABANDIERA E IL GRANDE PORTAVOCE DI QUESTO ESERCITO INVISIBILE...) come già ho accennato in una precedente mia opinione,ed ho letto anche il commento di qualche altro "ribelle e disubbidiente", ribadisco che anche il CANONE RAI E' UN FURTO LEGALIZZATO E CHE VA ABOLITO, come anche l'ICI SULLA PRIMA CASA (di cui tanti italiani, l'unica abitazione...o l'hanno avuta in eredità dai loro genitori, o l'hanno comprata con tanti sacrifici, con i soliti mutui "agevolati" concessi da "Banche usuraie". Due sono le questioni: O eliminano la pubblicità, e (penso)ne saremmo tutti felici, di pagare un contributo allo Stato, per rivendicare un diritto nell'avere anche una televisione veramente pubblica e democratica (e non di spartizione dei partiti), che poi sarebbe una tassa per il possesso di proprietà (anche questo discutibile, tanto non è certamente lo Stato che ci compra i televisori, con i nostri soldi (comunque vabbè)...oppure eliminano il CANONE, e ci danno tutta la pubblicità (di merda)che vogliono, proprio come fa il Cavvaliere di Ar-còre (ingrato), in questo un artista dell'economia (la sua economia), e mi sta anche bene una volta tanto...lasciamo perdere come a questo ci è arrivato...è ben noto a tutti, e penso anche ai suoi "fans", che invece di contestarlo, tentano pateticamente di imitarlo...

FACCIAMO VALERE LE NOSTRE OPINIONI E SOPRATTUTTO I NOSTRI DIRITTI. O CI DANNO LA PUBBLICITA' E NON PAGHIAMO IL CANONE RAI. O CI TOLGANO LA PUBBLICITA' E PAGHIAMO IL CANONE.

E' una proposta, dettata da una logica, anche legata al non potere d'acquisto degli italiani, che è da 5 anni che non arrivano più a metà mese...Ed è un diritto...non è un'imposizione e non vogliamo favori!

angelo riviello 15.01.07 01:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Andrea D'Ambra...caro Beppe, come già ho accennato in una precedente mia opinione, ribadisco che anche il

angelo riviello 15.01.07 00:24| 
 |
Rispondi al commento

Amici ma vi ricordate quando l'associazione consumatori sollevò il problema dei cartelli creati dalle assicurazioni? Mi sembra nel 2002? Il passato governo fece subito una legge per tutelare gli interressi delle assicurazioni che avrebbero dovuto sborsare un sacco di miliardi di multe che poi sarebbero serviti per ridimensionare i prezzi e pagaare gli utenti danneggiati. Bene che sia merito ancora delle associazioni dei consumatori, se elimineranno le tasse dalle ricariche, questo non si discute. Ma civuole anche il politico che impone ciò ai gestori, quindi ben venga Bersani per questi problemi e per tutte le altre liberalizzazioni, in quanto se ci fosse stato ancora il nano di Arcore col c... che riuscivamo ad ottenere ciò. Quindi anche se è vero che non è tutto oro quello che luccica, cerchiamo ora di accontentarci di ciò che comincia a brillare leggermente.

PIER CITA 14.01.07 23:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto parecchi commenti a proposito del previsto arrivo di ulteriori migliaia di Zingari dalla Romania. Vorrei solo aggiungere una mia considerazione.
Vivo in Svizzera da 15 anni. Non ho mai incontrato "zingari", non ho mai visto ad un semaforo qualcuno che cercasse di pulirmi il parabrezza... Ogni volta che vengo in Italia, invece, rieccoli!
Perche' qui riescono a tenerli alla larga e da noi no? La Svizzera ha fatto gli accordi con la UE per la libera circolazione, dunque ora anche qui rischiamo l'invasione? Ci scommettiamo che non succedera'?

Cari "dipendenti" fatevelo spiegare da Berna e cercate di fare la stessa cosa. Auguri!

Ubaldo Busti 14.01.07 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi,Bersani non sarà un santo,ma mi sa che a molti di voi ci volevano ancora cinque anni de nano di Arcore!!!!!!!!!!!!!
Riflettete gente.
Giuseppe

giuseppe ronzoni 14.01.07 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Il prezzo del greggio è calato del 20% rispetto a un anno fa e costa il 16% in meno che a dicembre
(da AVVENIRE pag.26 domenica 14/01/07)
Come mai il prezzo della benzina non cala ?
Chi dobbiamo ringraziare ?

Alessandro Serafini 14.01.07 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Mi associo al Sig. Aldo Succi, comunque voti o non voti, che scrive:
Bersani non c'entra un c..zo.....
Sono anch'io purtroppo sicuro che tolti i costi della ricarica faranno in modo di dare gli stessi soldi di prima alle compagnie telefoniche, e forse anche allo stato, cioè a se stessi.
Loro devono conservare i privlilegi, tutti, uno uno stipendio di 20.000,00 Euro al mese (anche in euro fa effetto) e la pensione dopo 30 MESI di lavoro(?).
Mi associo anche al "che Dio li stramaledica tutti....nessuno escluso".

Antonio De Dominicis 14.01.07 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Senza parole, ma di che stupirsi, la solita musica, se non alzi la voce e fai notare che ti sei stancato di prenderla nel c..o, non si muove foglia. Ciao a tutti.

Salvatore Di Salvo 14.01.07 09:37| 
 |
Rispondi al commento

confermo la parzialità del discorso, ma va detto che un paese senza risorse fossili ha il dovere di par pagar caro risorse di altri per poter sviluppare un'alternativa, è questa la mia utopia. tutti si dichiarano i migliori salvo il fatto poi di assecondare corporativismi parassitari con evidente privilegio personale (i nostri politici guadagnabo ciò che percepiscono?.quando ci organizzeremo per possedere gli strumenti per poter mandare a casa con molta maggior frequenza questa gente?

Giovanni da Udine 14.01.07 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sei parziale ed inesatto.
La rete di trasmissione elettrica italiana ad alta tensione è tra le più efficenti, la rete di distribuzione italiana è in assoluto la più efficente in termini economici ed il trend di miglioramento del servizio sta rapidamente raggiungendo il top a livello internazionale.
Analogo discorso vale per le reti di trasmissione e di distribuzione del gas.
Discorsi su ristrutturazione delle strutture societarie delle aziende energetiche ha significato farne solo per l'ultima necessaria separazione della rete nazionale del gas dalle reti di distribuzione.
I flussi economici dei costi dell'energia dimostrano che, fatto salvo marginali distorsioni che comunque sono state corrette dalla competente autority, sono assolutamente corretti e il differenziale di costo al consumo rispetto ad altri paesi competitori è dovuto esclusivamente ai costi alla fonte e alla differente tassazione.
Bisogna smettere di bruciare petrolio e gas per fare corrente, bisogna ammettere che se non bruciamo carbone l'energia costa il doppio il triplo ecc. Bisogna sviluppare le energie alternative e non bloccare l'eolico perchè è brutto e antiecologico, bosogna sviluppare il solare, bisogna accettare che i paesi nuclearisti fanno concorrenza sleale in quanto producono a costi camuffati, il costo di smaltimento delle scorie (tendente all'infinito) non è inserito nel bilancio. Siamo i maggiori importatori di energia elettrica del mondo, quella che ci facciamo in casa è fatta per la più alta percentuale al mondo con gas. Cosa possiamo pretendere?????
ciao

Steno Lando 14.01.07 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, quando io vedo e sento parlare i ministri di Dio, mi viene come il sospetto che loro custodiscono e si tramandano qualche segreto che a noi non dicono, e che sia proprio per questo motivo che non si preoccupano del loro comportamento palesemente falso ed ipocrita, perché se non fosse così, si spoglierebbero subito di tutte quelle ricchezze in cui vivono, per usarle e dare un senso veramente “cristiano” al loro credo, mo molto probabilmente loro per primi avranno capito che, se esiste un Dio, è talmente misericordioso che alla fine perdonerà anche loro.

È l’unica spiegazione.

Marchesi Guido 14.01.07 02:20| 
 |
Rispondi al commento

Firma anche tu la:

"Lettera aperta di cittadini italiani alla Guardia di Finanza"

http://letterapertallagdf.blog.tiscali.it/rn3046781/

ps: fate conoscere questa iniziativa

Mario Piazza 13.01.07 16:13 | Rispondi al commento |


Aprire gli occhi e' un dovere, tenerli chiusi e' un diritto...

...quindi se non desiderate aumentare le vostre preoccupazioni non visitate questo sito:

w,w,w.s,i,g,n,o,r,a,g,g,i,o.i,t

senza virgole!

Mario Piazza 13.01.07 16:11 | Rispondi al commento |


quoto e straquoto

ciao a tutti
Valentina

Valentina Martorelli 14.01.07 00:19| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Beppe,
magari questa storia è come quella degli ospedali a Roma , che se non ci fossero stati "striscia la notizia " ed il giornalista de"L'Espresso" nessuno si era mai accorto del degrado strutturale di alcuni ospedali, a partire da chi ci lavora e da chi non per sua volontà è stato ospite come paziente. Purtroppo l'Italia sembra il paese in cui tutto si sapeva prima dello "scandalo", forse per lo stesso motivo alcuni personaggi si accreditano meriti non loro, che sono scaturiti dall'impegno degli altri . Se qualcuno tra questi decidesse di voler promuovere una vera politica energetica biosostenibile, non sarebbe importante se anche questa volta l'iniziativa non fosse merito loro ma almeno migliorerebbe la vita a tutti .
Giancarlo

Giancarlo Persia 13.01.07 23:24| 
 |
Rispondi al commento

Guardavo per caso l'interno di un pacchetto di sigarette, di cui non faccio riferimento specifico solo per non fare ulteriore pubblicità indiretta al marchio. Sapete cosa c'era scritto? Vi riporto interamente la frase: GRAZIE PER AVER SCELTO "*******". CON PASSIONE TI OFFRIAMO SEMPRE IL NOSTRO MEGLIO.
Ora mi chiedo, perchè scrivere all'esterno, tipo necrologio: "IL FUMO CREA UN'ELEVATA DIPENDENZA, NON INIZIARE" oppure "IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE" e poi scrivere all'interno una frase che potrebbe far sentire in colpa chi non fuma, creare una sorta di debito morale verso una multinazionale che con PASSIONE si adopera quotidianamente ad uccidere!!!!! Siamo dinanzi all'ennesimo paradosso del mondo, vogliono farci cerdere che pur gettando acqua sul fuoco questo non si spenga!
Come al solito mi deprimo!! Sono io che soffro di strane manie, che penso immediatamente a paradossi inesistenti, che sono l'eterno insicuro!! La mia insucerezza è tale da non capire a euale tema , del Muro del Pnde insicurezza cui postare questo mio commento, qualunque esso sia,noto una strettissima relazione,sia che si parli di economiasia ìche si parli di slaute sia che si parli di politica e questa forse è la mia unica sicurezza!!!! ...................ah ho cambiato idea riguardo l'anonimato del marchio "MARLBORO" e certo non per pubblicizzarlo!!!!!

Giancarlo G. Commentatore certificato 13.01.07 21:56| 
 |
Rispondi al commento

I "furbi" come Bersani a noi non piacciono....e siccome tutti i suoi amici del consiglio dei ministri sono "furbi" come Bersani.....a noi non piace questo governo !!!
Se la tassa sulla ricarica telefonica sarà tolta, Bersani non c'entra un c..zo..... e vedrete che se ne inventeranno un'altra delle loro..... inventeranno un'altra tassa sul cellulare o sulla ricarica..... qualcosa faranno... ne siamo sicuri.
A loro piace conservare uno stipendio di 44 milioni mensili..... in lire rende più chiaro il concetto... e che Dio li stramaledica tutti....nessuno escluso !!!

Aldo Succi 13.01.07 21:35| 
 |
Rispondi al commento

La furbata è stata, nel caso tu non l’avessi davvero ancora capito, “ma poco ci credo” quella di far credere a milioni d’Italiani che in quel momento seguivano la trasmissione che, grazie a “Lui” le authority si stavano occupando dell’anomalia tutta Italiana dei costi di ricarica dei telefonini, quando invece, come tutti i fruitori d’internet “tranne uno” già sapevano, i meriti di questo risultato erano eventualmente di un certo Beppe Grillo, e di un ragazzo geniale di nome Andrea D'Ambra che, da diversi mesi avevano fatto lo sporco lavoro della raccolta delle firme, denunciando poi il tutto alla Commissione Europea che si è mossa, ecc ecc


Ci vuole molto a capirlo?!

M. Belvedere 13.01.07 18:45| 
 |
Rispondi al commento

La foga liberalizzatrice del ministro Bersani finirà per indebolirne la credibilità: reiterati proclami sulle taumaturgiche doti della “libera concorrenza” in “libero mercato” e continui annunci di iniziative in nome della tutela dei consumatori, fanno sembrare questa “smania” una specie di campagna promozionale, una conformistica promessa di miglioramento, piuttosto che il risultato di una riflessione profonda e ponderata sui guasti del nostro sistema.
L’uomo è intelligente ma l’idea che mercato e concorrenza siano, di per sé, la panacea dei mali italiani, non può non tradire, come minimo, una qualche superficialità di analisi ed a maggior ragione se questa “fede” produce oggi progetti che sono l’esatto contrario di quelli prodotti solo pochi anni fa: nel 1999 lo stesso Bersani “razionalizzò”, per far abbassare i prezzi dei carburanti, la rete di distribuzione (da allora hanno chiuso circa 5.000 impianti) ed oggi, con il solito intento e pari ardore, proclama che il numero di punti vendita è troppo basso!
Poi potrebbe e dovrebbe spiegarci come sarà possibile limare in modo apprezzabile il prezzo dei carburanti senza ridurre l’incidenza delle tasse sul costo di un litro che oggi, in Italia, è intorno al 63% ed è inoltre plausibile presumere che non riuscirà mai a diminuire sensibilmente neppure la quota dei petrolieri (circa il 30% del costo di un litro, ov’è compreso il guadagno dei gestori, pari a circa il 10-12%) perché il mercato italiano è così piccolo che qualunque gruppo di competitori troverà sempre più conveniente “fare cartello” che non farsi la guerra a colpi di ribasso, SOPRATTUTTO se questi ultimi sono anche i proprietari “di fatto” degli impianti di vendita al dettaglio “dettandone” i prezzi. Se i gestori potessero acquistare benzina da chiunque le premesse sarebbero ben altre e probabilmente vi sarebbe stato un riflesso alla pompa ben più consistente di quello effettivo, sul circa meno 17% subito dal prezzo del petrolio nel 2006.

giulio paolicchi 13.01.07 18:39| 
 |
Rispondi al commento

La regione Sicilia ed il suo presidente Totò Vasa Vasa organizza un sondaggio sul ponte.
E' assolutamente necessario votare.
Questo è l'indirizzo:

http://www.regione.sicilia.it/sondaggio.asp

Votate Votate

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 13.01.07 18:34| 
 |
Rispondi al commento

TREVISO-- E POI CI SCANDALIZIAMO DI FATTI COME QUELLI DI ERBA (como). la societa' e' malata e la stanno ammalando ancora di piu' GRAZIE A UNA CLASSE POLITICA INCOMPETENTE A DARE RISPOSTE INTELLIGENTI AI PROBLEMI . POLITICI CHE SANNO SOLO FARCI SCONTRARE UNO CONTRO L 'ALTRO FINO A FATTI ESTREMI . SANNO SOLO FARE INDULTI , INDULTI, LIBERALIZZARE LA DROGA , PORTAR VIA IL TFR , FARE PRESCRIZIONI DI REATI DI BANCAROTTA FINANZIARIA E NON ecc ecc ecc sosteniamo almeno fin che possiamo la proposta di legge di WWW.ADUC.IT sulle cause colettive CLASS ACTION http://www.aduc.it/dyn/classaction.html GRAZIE A TUTTI nel frattempo torniamo a seguire anche la denuncia di malaffari di LE IENE di ITALIA 1 ritornano da lunedi 15 gen ore 21.05 WWW.CONTROLETRUFFE.COM 3473076527

cogo andrea 13.01.07 18:34| 
 |
Rispondi al commento

ciao,purtroppo siamo arrivati ad 1 eccesso di presunzione patologica,riguardo al rapporto quotidiano del buonsenso comune,fino al punto di negare l'evidenza,creandosi 1 giustificazione x la propria coscienza,
nella + totale indifferenza e diffidenza,sempre + patologica e malvagia.peccato!

domenico valerio 13.01.07 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici,
non arrabbiatevi più di tanto.
Molti sanno, anche grazie al programma televisivo " Mi manda RAI £" di Vianello che il merito di questa operazione è solamente vostro.
Di Andrea D’Ambra che lo ha portato avanti caparbiamente e di Beppe Grillo che lo ha ulteriormente sostenuto.
Quando l'altra sera abbiamo sentito Bersani in televisione, abbiamo subito capito che era l'ennesimo tentativo di questo governo (e di Bersani), di prendere per i fondelli i cittadini facendo demagocicamente intuire ai giovani (mi pare soprattutto che si rivolgesse a loro) che questo fosse un suo originale provvedimento a favore del "cittadino consumatore".
Moltisiimi cittadini che ho avuto il piacere di sentire (la maggior parte era di sinistra), sono rimasti a dir poco indignati da questo comportamento solo perchè sapevano che questa era stata una vostra vittoria.
Mi chiedo:
1) Questi politici hanno così poca stima della gente nel ritenerla stupida e poco informata?
2) Dove fosse Bersani quando avete iniziato questa battaglia?
3) Dove erano i governi e le Authority quando in Italia (unico paese in europa) è stata praticata tale trattenuta sulle ricariche telefoniche?
4) Cosa sanno tutti questi delle mancate liberalizzazioni dei costi e della qualità dei servizi e delle tariffe che i cittadini sborsano ogni mese?

Giuseppe Ferraro 13.01.07 17:57| 
 |
Rispondi al commento

IL RE SOLA

tra i primi effetti della GITA DI CASERTA ci saranno importanti FETTE DELLE FERROVIE DELLO STATO che andranno in "gestione" ad una società fondata di fresco da DELLA VALLE E MONTEZEMOLO, il famoso duo fighetto, che hanno patteggiato a tutti i costi per il SALAME SOLA durante la campagna elettorale....

dove prenderanno i soldi?

FACILE! lo Stato erogherà loro importanti CONTRIBUTI per RISTRUTTURARE la disastrata (ma non tanto) TRENITALIA.

.....goveVno ploVetaVio.

silvia badas Commentatore certificato 13.01.07 17:55| 
 |
Rispondi al commento

QUESTO SICURAMENTE NON SARA' IL PIù BEL GOVERNO DEL PAESE, MA SICURAMENTE E' DI GRAN LUNGA SUPERIORE A QUELLO DEL NANO PELATO, E' FACILE DARE SEMPRE ADDOSSO E NON AVERE O DARE IDEE ALTERNATIVE, POI RISENTITE QUELLO CHE HA DETTO BERSANI, NON SI E' ASSUNTO NESSUN MERITO CARO D'ANDREA, MI CANCELLERO' DAL TUO SITO, TI AVEVO SOPRAVVALUTATO CIAO

DONA DONA 13.01.07 15:42 |

------------

o mi fai un esempio concreto.... oppure la tua è LA SOLITA MALAFEDE.

silvia badas Commentatore certificato 13.01.07 17:48| 
 |
Rispondi al commento

IL RE… SOLA (NEW ENTRY)

Ormai nun passa giorno
da quanno sta ar governo
de questo nostro monno
se sente er padreterno

ma n’senti o mio signore
che’r popolo te fischia
je dice er servitore*
sapenno che m’po’ rischia

a servo statte zitto
che da quanno io governo
nun vedi c’ho battuto
er generale inverno?

la gente m’acclamato
a capo dell’unione
er popolo ho guidato
contro “napoleone”

perdoname se insisto
continua er servitore
mar popolo n’ha visto
sto cambio de tenore

l’Italia nun voleva
a casa ed dittatore?
ched’è sta lamentela
se mò so io er padrone?

la gente nun è fessa
ascorteme signore
mantieni na promessa
aumenteje a’pensione

voresti.. Si ho capito..
che a questi li sarvamo
ma che te sei impazzito!
ma noi che se magnamo?

la mia è solo paura
o grande mio sciamano
se a pacchia poi nun dura
che famo?..ndo scappamo?

ma quale malasorte
cell’ho la soluzione
raduname la corte
che sarvo le poltrone

er popolo n’abbozza?
è corta la copertà
annamo co’a carozza
a’Reggia de Caserta

a casa dei Borbone
se famo n’abbuffata
fingemo na riunione
e famo sta magata

sò forte mamma mia
sò no STATISTA nato
io dell’economia
so proprio no scienziato

…je sé fermato er tempo
ar sosia d’Archimede
er popolo è scontento
e lui nun lo vo vede

mo sé montato a testa
je manca er paruccone
così je fa sta festa
ar popolo cojone.

silvia badas Commentatore certificato 13.01.07 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Ma i risultati di questa gita a Caserta quali sono??????

Mi piacerebbe avere l'opinione (serenamente) di qualcuno che ha votato per il centro-sinistra.

Saluti.

Luigi Cichella 13.01.07 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Ho firmato una petizione on-line, Per la modifica della proposta di decreto sul solare fotovoltaico.

Per firmare la petizione clicca sul link e segui le
istruzioni.


http://www.gopetition.com/petitions/per-la-modifica-della-proposta-di-decreto-sul-solare-fotovoltaico.html


Thanks

Gabriele Spadaccini


PS: DIFFONDETE!


Gabriele S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.01.07 16:53| 
 |
Rispondi al commento

ma volete vedere che liberalizzando i prezzi aumenteranno?

tassisti romani docet......

ma li mort....i loro

gustavo dandolo 13.01.07 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A tutta la massa mugghiante di benpensanti che difende a spada tratta l'umile lavoro di Bersanator chiedo: che cavolo di fine hanno fatto tutti i suoi buoni propositi di marciare su Caserta con proposte rivoluzionarie per il bene di noi poveri cittadini italiani? Probabile che pasta e fagioli con le cozze, filetto di manzo in crosta e qualche buon bicchiere di Aglianico del Taburno abbiano accentrato l'attenzione su ben più gravi problemi che affliggono il nostro paese piuttosto che le stronzate tanto strombazzate in TV. E chi lo può giudicare se il paese è sull'orlo della bancarotta perchè non capisce come il sapore delle cozze si intrinseca con quello dei fagioli, o se è meglio un Aglianico piuttosto che un Taurasi sul filetto o un Greco di Tufo per osare? Ma per favore, per riprendere un vecchio detto romano (non me ne vogliano i romani) : non volemo ne destre ne sinistre, lassatece piagne da soli........

Simone Paolo Tezzon 13.01.07 15:58| 
 |
Rispondi al commento

per giacomo Milicia
E no! Basta con sta menata del conflitto d'interessi televisivi... ne hanno parlato milioni di volte in tutti i modi... siamo stanchi di sentirlo
Parliamo piuttosto dei conflitti d'interesse economici, quelli di cui non parla nessuno.
Ad esempio cominciamo a parlare del dedalo di aziende che tra prestanome e parentele alla fine si riconducono a Romano Prodi e che fondano la loro fortunata attivita economica a servizi di discutibile utilita che profumatamente paga lo stato!

Roberto Ripamonti 13.01.07 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Per favore !!!!!!!!

A Beppe Grillo e a tutti gli amici che frequentano questo sito partiggiano-clandestino di lotta per le cose giuste:

CONFLITTO D'INTERESSE TELEVISIVO, PARLATENE !!!

Giacomo, Reggio Emilia.

giacomo Milicia 13.01.07 11:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solo una precisazione, visto che vi lamentate delle strumentalizzazioni altrui, e poi siete i primi a strumentalizzare le interviste. Anche io ho guardato Ballarò l'altra sera, e Bersani non ha detto "io ho scaoperto i costi delle ricariche, quindi io le abolisco", ma bensì ha detto "voglio che non si paghino più i soldi per le ricariche, e porterò avanti il tema a Caserta, tema ripreso prima di me da l'Antitrust a maggio". Ha esplicitamente indicato il ruolo dell'Autority, di conseguenza state un po' più attenti...

Marco Pavan 13.01.07 11:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente ho capito perchè Bersani c'è l'ha con Ingegneri, Farmacisti, Avocati ecc...
Lui è laureato in Filosofia, una laurea semplice quanto inutile.
Non riuscendo a prendersi una laurea seria invidia quelli che c'è l'hanno.
Un semplice complesso di inferiorità.
A Proposito che ci fà uno che non sa fare 2+2 al ministero dello sviluppo economico?

Paolo Rossi 13.01.07 11:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sento di concordare con l'ultimo commento.
Non è facile criticare in maniera costruttiva le decisioni politiche, ma qui riesce sempre particolarmente bene. E l'idea che rimane è che ci sia dietro un grande lavoro di ricerca. Personale e collettivo. Tuttavia nella gestione di un'organizzazione complessa come lo stato le scelte fatte sono spesso frutto di un compromesso. E' una cosa che si impara presto anche quando si deve gestire una piccolissima organizzazione, a meno che non si disponga di potere assoluto. Se non è facile criticare costruttivamente quindi, è possibile criticare la scelta più o meno compromissoria, da una posizione radicale. Fosse per me, per chiarirmi, sarebbe auspicabile la soluzione che voi presentate, ma mi chiedo come arrivare a soluzioni più o meno condivise quando una buona parte dell'Italia è composta da nostalgici del fascismo. Quando attaccate in questo modo le scelte di questo governo, siete per caso nostalgici del governo precedente? O considerate già un grande passo averli mandati a casa e volete, anche se lentamente, da qui ricostruire?

Claudio Bertolli 13.01.07 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Ammesso che il Ministro si sia appropriato della vostra idea, mi chiedo se è possibile biasimarla e creare tanto chiasso che non avete mai creato quando nell'altro governo le vostre idee non venivano prese mai in considerazione. L'atteggiamento tenuto da voi detentori della verità è provocatorio al punto che non riuscirete mai a creare uno spazio di discussione serena, questo atteggiamento vi si ritorcerà contro, chi spara a zero su tutto poi viene rifiutato. Il mio invito è per una discussione pacata e costruttiva. Basta con i bonzi d'oltralpe!!!!

olindo celani 13.01.07 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Coglioni, ma di cosa parlate... costo della ricarica?
Ma lo sapete che la portabilità del numero non è un vostro diritto?
O meglio... lo è se.....:
a)passate da un'altro gestore a telecom
b)se avete la ricaricabile e non spendete un ca22o

NON LO E' SE AVETE UN ABBONAMENTO E VOLETE PASSARE DA TELECOM AD U ALTRO GESTORE.

In quel caso comincerete a ricevere telefonate mafiose del tipo... le offriamo mille euro di trafico gratuito.... ma sà noi possiamo rifiutarle la portabilità trè volte.... e così vi ciulano sei mesi di abbonamento.

QUANDO TRASLOCATE... sospendete subito i RID e NON PAGATE!

Eulero Balletti 13.01.07 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Avessero partorito almeno un topolino , sarebbe stato bello .
Ci saremmo accontentati .

pierluigi raspino 13.01.07 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Bersani, ora lo conosciamo.
Sappiamo che tipo di liberalizzatore è...
Siamo in attesa che metta mano al settore bancario (costi e trasparenza effettiva dei conti correnti), al settore delle assicurazioni (le tariffe sono sempre più alte, nonostante l'introduzione del codice delle assicurazioni fortemente voluto dalle società assicuratrici), il costo dei medicinali (da anni molti tipi di medicinali da noi costano il doppio ed anche il triplo che negli altri paesi dell'unione).
Pensandoci bene, però, banche, società di assicurazioni,case farmaceutiche etc. sono reciprocamente partecipate e controllate dagli stessi oligarchi del potere economico-finanziario che "vigila" sul nostro paese.
Bersani vuole o non vuole intaccare, limitare ovvero disciplinare queste posizioni di preminenza di potere??
Vuole o non vuole rappresentare i diritti e le aspettative dei cittadini, ovvero di una equità sociale, oppure vuole (senza saperlo?)mantenere questa iniqua situazione?
Ce lo dica il ministro per lo sviluppo, con l'onestà intellettuale che gli riconoscevo e che ora sembra smarrita nella giungla dei poteri forti che realmente governano il nostro paese..


Libero Laudano 13.01.07 09:04| 
 |
Rispondi al commento

Bene, mi sembra che il famoso balzello sulle ricariche abbia le ore contate. Spero che dopo si possa fare qualcosa sull'IVA che nelle bollette veniva (o viene ancora!?!)calcolata comprendendo anche le spese di spedizione.

Bruno M. Commentatore certificato 13.01.07 05:50| 
 |
Rispondi al commento

perchè non metterci anche l'acqua, la fogna e la spazzatura?
traldi

francesco traldi 13.01.07 02:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro beppe, io vivo da anni in Russia, di "Bersanate" ne ho viste anche troppe nella precedente vita in Italia, non so proprio come si (ri) possa mettere tale Bersani a capo di qualsiasi cosa, certo, con Prodi tutto può accadere, Nomisma insegna. Però a noi italiani all' estero, vedere l'Italia in mano a gente spocchiosa come il Bersani, il Visco il Prodi, fa soffrire, a voi, laggiù, fa Pagare, perché li votate costoro? Poi a lamentarsi son buoni tutti.
Noi qui abbiamo votato ma (ci pare, non ne siamo certi) che i nostri voti non siano andati dove dovevano... Dov'è la verifica dei voti? E, ammesso che ci sia veramente, perché a scrutinare ci mettono duetrequattro ore ed a riscrutinare ci impiegheranno mezzo secolo?
Ciao da Vittorio

vittorio rosso 13.01.07 01:33| 
 |
Rispondi al commento

povero pannella!ahahahha

Simone Azzolini Commentatore certificato 12.01.07 23:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E chi lo sa',magari se riusciamo a dotare la MOLTITUDINE di strumenti efficaci,ci riusciamo a sistemare le storture millenarie che ci perseguitano.
Mi piace la tendenza attuale...c'e' fermento e voglia di cambiare.
Quando senti che il colore politico non interessa piu' a nessuno,quando percepisci il dissenso a tutto tondo,quando leggi che l'impegno e la tenacia hanno finalmente sortito qualcosa di buono,allora riaccendi la speranza anche nei cuori di chi oramai da tempo non ne nutre piu'.

enrico bosco Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 23:25| 
 |
Rispondi al commento

ma porca eva liberalizzare senza un aumento del tenore di vita della popolazione significa aumentare il precariato diminuire i salari e alla lunga aumentare i prezzi cazzo

ipotesi stupida aumentano i benzinai che per la maggior parte sono di grosse societa e dati in gestione quindi 100 benzinai in piu 100 gestori in piu 100 stipendi in piu bene, e poi che cazzo facciamo ci inventiamo dei nuovi consumi per la benzina perche se non ne aumentiamo il consumo l'unico risultato dato da questa equazione
ora ci sono 100 benzinai che vendono benzina per 100.000 euro vuol dire che ognuno ne vende 10000 euro
dopo avremo 200 benzinai ma incedibile ma vero venderanno sempre 100'000 euro perche non c'e un aumento di richiesta risultato ne venderanno 5000 euro a testa,ulteriore risultato 200 morti di fame al posto di 100 persone che stanno discretamente, e probabilmente visto che il consumo non aumenta se non aumenta il reddito ci sara un aumento dei carburanti per ammortizzare il costo dei 100 distributori nuovi costruiti

stessa cosa per i panettieri un paese da 15000 abitanti 3 panifici 5000 persone l'uno il fatto di mettere altri 3 panifici non porta la popolazione a 30000 ma porta i clienti di ognuno a 2500 risultato o 6 panifici che tirano la carretta o 6 panifici che di comune accordo alzano i prezzi per campare

ragazzi miei o si inverte il tasso di natalita che in italia e a 0 e si aumentano i salari del grosso della popolazione e quindi si aumenta la richiesta

o si liberalizza il costo della tazza del cesso dove si fa per dire perche c'e chi li ha d'oro siamo tutti uguali

l'economia non e quelle creativa di tremonti e padoa schioppa ipotizziamo che abbiamo 1000 euro e se troviamo un idiota che ci da il 10%diventano 1100 beh noi alla ue diciamo che lo abbiamo trovato e siamo a posto
l'economia cresce se c'e domanda non se ci sono piu offerte che nessuno puo comprare, e la domanda la fa il grosso da 1200 euro al mese che attualmente puo offire per le sue mutande

Marco Fiaschi 12.01.07 22:31| 
 |
Rispondi al commento

come al solito siete un po qualunquisti, non dico che Bersani sia perfetto ma credo che per ora sia uno dei politici piu attvi. Credo che le critiche debbano essere costruttive e non dire...sono tutti dei ladri. L'antipolitica è una caosa molto pericolosa, è la base per un futuro Berlusconi

conte raffaele 12.01.07 22:30| 
 |
Rispondi al commento

A me i 5 euri di ricarica risparmiati risultano ininfluenti e ridicoli. Vorrei che non aumentassero il resto a migliaia di euri, perbacco. Ma visto che devo essere preso in giro, col cavolo che li rivoto. Maurizio

MAURIZIO BIGI 12.01.07 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè sparate a zero su bersani che è l'unico che si sta davvero muovendo in questo inizio di legislatura? certo, i costi di ricarica non sono stati inserit ida ieri , ma certo non li ha inseriti lui!! fare liberalizzazioni non è semplice e la conferma è che non appena ieri Bersani ha anche parlato di aprire un pò il mercato della benzina, subito i bezinai (senza ancora consocere ciò che bersani vuole proporre, ma è ovvio che per andare abenficio dei consumatori deve andare contro i benzinai)hanno minacciato di entrare in sciopero per 8 giorni!!! ùMa staim oscherzando? Di tanto in tanto appoggiamo quei politici che cercano di muoversi per risolvere i problemi dell'IOtalia!! Meglio lui o la restante massa di politici che criticano o peggio sono apatici?????

Alberto _Menichini 12.01.07 21:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.france24.com/france24Public/fr/nouvelles/monde.html;jsessionid=74451192C566312B7C067D6C1CAAEC7C


PRODI CHE PARLA IN FRANCESE DELL EURO MOLTO FORTE

DA BRIVIDO!

melania pomante 12.01.07 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Beh... questo intervento è cretino e ingiusto. Se non fanno le liberalizazioni ci lamentiamo perchè non le fanno. Se le fanno ci lamentiamo perchè l'iniziativa l'hanno presa altri. Ma insomma che vogliamo? Vogliamo una rieduzioni di berlusconi che di liberalizzazioni non ha mai neppure parlato?
Ringraziamo Bersani e lasciamolo lavorare. Almeno qualcosa la fa. E smettiamola di lamentarci di tutto e tutti per partito preso; così perdiamo di credibilità.

Luigi Derossi 12.01.07 20:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

HO LETTO DELLE 3 PROPOSTE DELL'AUTORITà PER LE TELECOMUNICAZIONI, MA CI PRENDE PER IL CUOLO!!!!!

TUTTE E TRE PREVEDONO L'AUMENTO DELLE TARIFFE A FRONTE DELL'ABOLIZIONE DEI COSTI DI RICARICA!!!


Video Rainews24 -10 gennaio 2007 "costi di ricarica

http://pensierarte.blogspot.com/


CLICCA SUL MIO NOME E VAI ALL'HOME PAGE

Nicola Cellamare (pensierarte) Commentatore certificato 12.01.07 19:43| 
 |
Rispondi al commento

"caro" beppe,
ti seguo da diverso tempo e ti ho sempre ritenuto ua persona intelligente e capace.
purtroppo il mio personale giudizio nei tuoi confronti sta ultimamente peggiorando a vista d'occhio!
ho l'impressione(e temo nn sia solo un'impressione) che ti sia montato un po' troppo la testa!
credo sia troppo facile sparare a zero su tutti e fare il moralizzatore come fai tu!
ti limiti SEMPRE E SOLO a fare polemica!!...comodo,molto comodo,soprattutto per chi,come te,si professa comico e si prende la licenza di occuparsi di tutto il resto!!
Se credi davvero di essere così competente in tante cose e di avere così tanto seguito(sei molto fiero del tuo blog),perchè nn ti butti in politica e provi a fare quello che predichi a parole dal computer di casa?...magari ti accorgeresti che fare cose,magari che sembrano banali,nn è così facile;magari ti accorgeresti che sono in ballo molte più variabili di quelle che riesci a immaginare;magari quello che TU ritieni giusto e scontato è una cazzata pazzesca!!
peccato che ti sia lasciato andare a facile demagogia,proprio tu che sei sempre andato contro corrente!!credo che tu,come molte altre persone(anche meno conosciute di te),possa dare un grande aiuto al paese,ma nn così,nn sparando a zero contro tutti pur di farsi pubblicità!!
io credo che il Ministro Bersani sia un politico molto valido e preparato,credo sia un gran lavoratore e credo che quello che fa sia solo per il bene del paese!detto questo capisco benissimo che nn tutti condividano e che pure lui(essendo un essere umano) sia soggetto a errori,ma i tuoi attacchi nei suoi confronti credo siano immotivati!sei abituato a vedere del marcio ovunque(mentalità da italiano medio) e questo,a mio parere,ti porta a sbagliare!!mi piacerebbe molto vedere da parte tua un atteggiamento più propositivo e meno arrogante!
spero tanto che tu possa trovare un paio di minuti per rispondermi e dirmi la tua!!
grazie ciao Federico Sichel

Federico Sichel 12.01.07 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"..nel momento in cui la UE rampogna lo scarso impegno del Paese del Sole nello sfruttamento delle fonti rinnovabili, a causa anche - recita il comunicato ufficiale - di "grandi elementi di incertezza dovuti ai recenti cambi politici ed alle ambiguità dell'attuale disegno politico", vi prego di leggere questa dichiarazione:

"Sulle fonti rinnovabili dobbiamo preoccuparci che ci sia una filiera industriale in casa. Il punto e' che, ad esempio, se si investe molto nel fotovoltaico, ci si muove in un mercato dominato da Germania e Giappone, senza ricadute sull'industria italiana”.

Essa è stata rilasciata il 27 giugno 2006 non da un tizio qualsiasi che parlava con amici al bar, bensì dal Ministro per lo Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani, in un'occasione ufficiale e solenne come la sua audizione alla Commissione Industria del Senato. Da quello stesso ministro che, stando alle cronache, non aveva nascosto le sue riserve sull'opportunità di troncare lo sconcio degli incentivi alle fonti "assimilate Cip6".

Inoltre vi prego di leggere questo messaggio, con i nomi di mittente e destinatari in chiaro...."

continua qui

http://www.energiadalsole.it/notizie.php?id_news=66

Alberto Villa Commentatore certificato 12.01.07 19:03| 
 |
Rispondi al commento

ECCO DI NUOVO IL TITPICO MALE DEGLI ITALIANI.

SI PIANGE, SI PIANGE E SI MALEDICE CHE NESSUNO FA NIENTE. fINALMENTE QULCUNO FA QUALCOSA....CI SI AFFANNA A PIANGERE E MALEDIRE CHI LA DICE PRIMA CHI LA FA, CHI LA PENSA, CHI....CHI.....CHI....
NON SAREMO MAI CONTENTI, PER QUESTO L'ITALIA E' QUELLA CHE E'......CI DEVE ESSERE SEMPRE UNA POLEMICA?

G. Mazzei 12.01.07 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Io sono uno degli 800.000 c......i che hanno sottoscritto questa tua iniziativa, non voglio sentirmi un c......e pechè un Bersani si sta appropriando della tua iniziativa,cosa possiamo fare per sentirci meno c......i? Grazie per quello che state facendo e che farete

Luigi Bianchini 12.01.07 18:34| 
 |
Rispondi al commento

piccola considerazione personale se il debito pubblico e dovuto al debito creato dal signo. raggio nei confronti della banca centrale europea, e la banca centrale europea e per il 14,7% proprieta di bankitalia che a sua volta e, illegalmente di proprieta delle nostre banche nazionali in quanto e l'organo di controllo di esse stesse e come puo controllarle se loro la controllano ?
Cosa sapientemente occultata dai nostri governi sino al 2005.
Noi sostanzialmente dobbiamo il nostro debito pubblico alle nostre banche, le quali lo hanno illegalmente percepito e per di piu sapientemente occultato per renderlo esentasse
ora noi dobbiamo sostanzialmente pagare un debito (di 1.500.000 miliardi di euro)
frutto di illegalita o sbaglio ?

Ora scusate ma questo mi pare qualcosa che ha bisogno di approfondimento ben piu ampio di 10 euro di costi ricariche e sopratutto cercare di scoprire se le banche sono legalmente perseguibili per detto reddito esentasse
pero non aspettatevi che siano i nostri politici a farlo in quanto in qualche modo compropietari di bankitalia

Marco Fiaschi 12.01.07 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Chissà se questa notizia è stata pubblicata sull'Unità?


Frode al fisco per 235 milioni, nei guai imprenditori ed un fiscalista. Due arresti a Prato.

...all'alba di ieri sono finiti in carcere l'ingegnere pratese Leonardo Lombardi, immobiliarista di fama, l'imprenditore fiorentino Giuseppe Mazzini, MEMBRO TRA L'ALTRO DELLA SOCIETA' EDITRICE DE "L'UNITA'"...

http://www.ilpunto-online.it/leggi_news?idnews=AA624047

Alberto Villa Commentatore certificato 12.01.07 18:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,

il mio commento è semplice. Se gli asini ragliano
perché i laureati in filosofia come Bersani non
devono occuparsi di liberalizzazioni e di econo-
mia ?
Questa è l' Italia e ce la dobbiamo tenere.

Nicola Piro 12.01.07 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Perche' i partiti possono ancora sostenere della gente del c...o cosi'????? Non capiscono che il loro gioco grazie a te e a pochi altri e' stato scoperto???????? alle prossime elezioni tutti dovrebbero votare Antonio Di Pietro, cosi' chissa' che dopo mani pulite si arrivi anche a un parlamento pulito. So' che tutto questo e' pura utopia ma ho ci togliamo la M...a dagli occhi o finiamo peggio del terzo mondo, con tutto il rispetto per il terzo mondo.
Perche' visto che i ns ministri si riempiono la bocca dell'Europa non imparano dalla Spagna che mi sembra un paese europeo come noi????????????
Un saluto

Frediano Zanarella 12.01.07 18:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tariffe più basse per la corrente=consumi più alti=più inquinamento.

Ma non eri tu, Grillo, che volevi raddoppiare il prezzo della benzina???


Quello della liberalizzazione del settore energetico è solo una bufala.Negli ultimi anni di liberizzazione il prezzo del gas e cresciuto( ma non doveva calare?) ad oggi gli unici che si stanno spartendo i proventi del libero mercato sono i Comuni che richiedono una fetta sempre più grossa dei ricavi dalla vendita del gas.
Con questa impostazione dell'autority dell'energia ci troveremo tra qualche anno a contare i morti, visto che aziende erogatrici non investono più un euro nella manutenzione delle reti di distribuzione Milano insegna.

Mirco Amoroso 12.01.07 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe Ripensare al Nucleare.
I paesi in cui l'energia costa meno (Francia ed Inghilterra) la bolletta è meno cara.

Paolo Rossi 12.01.07 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi sento veramente STUPIDA.
Pur avendo firmato la petizione,quando ho sentito il min.Bersani annunciare che avrebbe preso provvedimenti ho gioito pensando che la nostra voce era stata ascoltata.MAI avrei pensato che fosse tutta una strumentalizzazione.
AAAAHHHH CHE RABBIA!!
E pensare che qualche giorno fa l'avevo pure commentato su questo blog!!
Scusate lo sfogo...
buona serata
federica

Federica Zaninotto Commentatore certificato 12.01.07 17:42| 
 |
Rispondi al commento

e son du' giorni che la posta di virgilio.it non funziona----
vabbe' che e' aggratisse, ma inzzzzomma!

n. lucchesi 12.01.07 17:42| 
 |
Rispondi al commento

nun te struie, 'ncielo a guarda'!...
Jammo ,Jammo 'ncoppa, jammo ja',
funiculi', funicula'! funiculi' funicola'

Jammo ,Jammo 'ncoppa, jammo ja',
funiculi', funicula'! funiculi' funicola'

..........battaglionn, attetions : oggi, 12 gennaio, il maresciallo Bassolino, da caserta comunica: guagliuu avimmo fottuto chilli del nord !!!!!!

Jammo ,Jammo 'ncoppa, jammo ja',
funiculi', funicula'! funiculi' funicola'

sua maesta' il i re Prodi Romano ha dichiarato di regarlarci 100 miliardi di euro !!!!!!!!!!!!!

eeeeeeeeehhhhhhhhhhh, scoppettate, nurtaretti, triccke e traccke

antonio la nocella 12.01.07 17:38| 
 |
Rispondi al commento

......Grazie Beppe,finalmente,grazie ad internet(nuovo acquisto anche se un pò in ritardo) ho preso coscenza di non essere l'unico(essere vivente)a incavolarmi x come, tutto il nostro sistema, ormai abbia preso le attitudini di un grande gambero...tutto va nel senso opposto!Grazie ad internet,nei prossimi giorni potrò leggere e guardare le tue varie riflessioni,visto ke ormai sulla Tv,non 6 un prodotto ke fà audience(spero si scriva così)..Un saluto da Ale...e grazie Beppe.....:"Grillo for President"..!

Alessandro Spaducci 12.01.07 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Commenti

giuseppe carosi 12.01.07 17:12 |

Una volta per tutte: la revisione degli estimi catastali è un fatto di giustizia sociale perchè riguarda le abitazioni classificate popolari o ultrapopolari che in realtà tali non sono e per questo pagano 4 soldi di ici. sveglia!!

paolo melli 12.01.07 17:27 | Rispondi al commento |

SVEGLIATI TU, IO NON POSSIEDO UNA CASA NON ME LA POSSO PERMETTERE MA L' ICI E UN FURTO PICCOLA O GRANDE CHE SIA, E LA REVISIONE DEGLI ESTIMI LA APPLICANO ANCHE AL MONOLOCALE NON ALLE REGGE E BASTA

Marco Fiaschi 12.01.07 17:31| 
 |
Rispondi al commento

giuseppe carosi 12.01.07 17:12 |

Una volta per tutte: la revisione degli estimi catastali è un fatto di giustizia sociale perchè riguarda le abitazioni classificate popolari o ultrapopolari che in realtà tali non sono e per questo pagano 4 soldi di ici. sveglia!!

paolo melli 12.01.07 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Creare dal nulla la moneta prestandola ai cittadini, che inconsapevolmente la utilizzano per i loro scambi, e costringendoli per questo a pagare tasse richieste più per "restituire" quel prestito che per contribuire ai servizi realmente offerti dallo Stato, equivale ad un arricchimento per l'ente bancario emettitore (privato), a costo zero per esso e a danno materiale di tutta la collettività.
Questa pratica non solo è di per sè EVASIONE FISCALE, che la Spett.le GdF deve comunque far emergere come da suo dovere istituzionale, ma costituisce uno strumento occulto di sfruttamento delle genti che deve essere debellato immediatamente!

Firma anche tu la:

"Lettera aperta di cittadini italiani alla Guardia di Finanza"

http://letterapertallagdf.blog.tiscali.it/rn3046781/

ps: fate conoscere questa iniziativa

Mario Piazza 12.01.07 17:23| 
 |
Rispondi al commento

COSIMINA VITOLO 12.01.07 16:04 |

Perchè se invece che al Sud li mandano al Nord non fanno la stessa fine?

direi molto meno visto che in lombardia con uno stato che rende sulle tasse pagate 1500 euro a persona a fronte di quelli che rende in sicilia che sono 2300 euro a persona, e che la lombardia ha un CREDITO nei confronti delle altre regioni per prestazioni sanitarie di 5 miliardi di euro causato da quelli che da altre regioni si vanno a curare in lombardia eppure nonostante tutto questo, e il ladrocinio effettuato dai suoi amministratori riesce comunque a funzionare tutto decisamente meglio mentre la sicilia che prende centinaia di milioni di euro in piu ha un DEBITO sanitario di 1,3 miliardi di euro
TRADOTTO IN SOLDONI LA LOMBARDIA FUNZIONA MEGLIO CON MENO SOLDI IN REALTA FUNZIONA MEGLIO PERCHE PER ESEMPIO IN LOMBARDIA SI E SEMPRE PAGATO IL TICKET SUL PRONTO SOCCORSO MA NON DI 25 EURO COME QUELLO APPLICATO ORA IN ITALIA E DI CUI TUTTI SI LAMENTANO, MA DI 35 E IN VIGORE DA ANNI, PERCHE TUTTE LE TASSE LOCALI SONO PIU ELEVATE CHE IN ALTRE REGIONI E VIA COSI PECCATO PERO CHE LI STIPENDI NON SIANO SUPERIORI

ORA TOLTO QUESTO L'ANNOSA QUESTIONE NORD E SUD E TENUTA IN PIEDI DALLA STESSA POLITICA QUESTO LI CONSENTE TENENDO IL PAESE DIVISO DI SUDDIVIDERSI IL POTERE E DI EVITARE CHE IL PAESE SI COALIZZI CONTRO DI LORO
E ALTRETTANTO VERO CHE AL SUD SI E TROVATO TERRENO FERTILE PER L'ASSISTENZIALISMO E LA NORD MENO NON SO SE PER CULTURA O PER NECESSITA'
MA STA DI FATTO UNA COSA LA LOMBARDIA SPENDE 20 MILIONI DI EURO PER I DIRIGENTI DELLA SUA AMMINISTRAZIONE LA SICILIA 200 TANTO PER CITARNE UNA CHE POI E LEGALE,
ORA IL SUCCO DEL DISCORSO E CHE SE IL SUD SI LIBERASSE DI QUESTO STATO CHE TANTO MAGNANIMENTE GLI ASSISTE E LO COCCOLA
VIVREBBE INDISCUSSAMENTE MEGLIO PIU RICCO PIU SERVITO PIU ASSISTITO MA A QUEL PUNTO SI FORMEREBBE LA LEGA SICILIANA CHE IN ACCORDO CON QUELLA LOMBARDA MOZZEREBBE UN PO DI TESTE

Marco Fiaschi 12.01.07 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Perché bisogna sempre criticare aspramente chi rappresenta il governo? Bersani sta lavorando bene, da fastidio perché sta cercando di ridurre privilegi a diverse categorie e di tutelare maggiormente tutti i cittadini. Ci sono tante altre cose che mi aspetto da questo governo, a cominciare dal lavoro ai giovani al tema dell'energia, alla tutela dell'ambiente e alla razionalizzazione della pubblica amministrazione. Avanti Bersani senza paura! Un governo serio deve anche prendere scelte non condivise da tutti al fine di migliorare il nostro paese.

Sergio Vettori 12.01.07 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro beppe e cari amici vicini e lontani,sapevate che in sardegna siamo talmente bravi che paghiamo la bombola del gas quasi il doppio di quanto pagano altri utenti in altre regioni italiane? ringraziamo di cuore coloro che si adoperano tanto affinchè le cose restino così.
e pensare che abbiamo le raffinerie sotto casa.
bersani,che fai? scusate l'intrusione e ringrazio ancora chi di dovere per aiutare tutti i sardi a spendere gli ultimi spiccioli dello stipendio per acquistare la bombola del gas,la sardegna penso sia l'unica regione in italia che non dispone della rete del metano,ancora grazie a chi di dovere.
n b:sono contro tutti coloro che favoriscono questo sfruttamento,anche se sono sardi.

sandro batzella 12.01.07 17:04| 
 |
Rispondi al commento

State tutti a criticare il governo Prodi , ripescando negli errori che questi politici hanno fatto in passato , tutti sbagliano , io so solo che è la prima volta che si prova a trasformare napolandia in un paese europeo e poi ricordatevi chi c'era prima di questi , gente che Mussolini era un grande a confronto .

ciao

andrea onesti 12.01.07 16:57| 
 |
Rispondi al commento

in italia si litiga anche quando si ottiene qualcosa di buono.......
chissenefrega di chi è il merito ?!?! le battaglie si fano forse per poi bullarsi con gli amici ?!?!

è deprimente.....

bersani sarà pure furbetto e opportunista ma quel poco di liberalizzazioni che sono state fatte in italia le si devono a lui.....

max

massimilano fiorazzo 12.01.07 16:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ringrazio il ministro bersani,sperando che non pensi che siamo una manica di rincoglioniti,nel volerci far credere che sia arrivato lui ad farci notare che in effetti sia giusto pagare il il consumo reale

piras giovanni 12.01.07 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Prodi è il perfetto esemplare di CATTOCOMUNISTA. Solidarietà, belle parole, volemose bene, soldi a pioggia a tutti ( tranne che ai poveri cristi ) basta che siano I SUOI!
Lui però si tratta bene col suo bel stipendio da nababbo. Le riunioni ?? Aho mica a Roma. La reggia di Caserta con tanto di buffet miliardario. Di sinistra si, pirla no !

mario bonfanti 12.01.07 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Mandiamoli tutti a casa!!! Basta, in qualsiasi altro paese sarebbero scesi nelle strade...noi NO!!! A proposito qualcuno può dirmi come mai il mortadellone dopo aver fatto fallire l'IRI siede a capo del governo?

ninni bassi Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 16:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e quale sarebbe la novità... oramai non mi stupisco più di niente...

luida mati 12.01.07 16:41| 
 |
Rispondi al commento

STO GRANDISSIMO TESTA DI C...O !!!

SONO MESI CHE FACCIO PASSAPAROLA CON I MIEI AMICI E CLIENTI PER LO SCHIFO DELLE RICARICHE ED ALTRE BOIATE... E QUESTO VA A FINIRE CHE SI PIGLIA PURE IL MERITO...

E' UN VYSCYDO ST...O ...

andrea tonchei 12.01.07 16:34| 
 |
Rispondi al commento

COSIMINA VITOLO 12.01.07 16:24

Guagliò vide ca' o' grill'ha miso natu Blog e se parl'e zompaperete e Pannella

Gennaro Esposito Commentatore certificato 12.01.07 16:31| 
 |
Rispondi al commento

VERO E' BELLO!!!
La verità e' bella perché semplice.
Da piccolo raccontavo tante bugie,ma alla fine non riuscivo piu' a ricordarmi cosa avevo detto di vero e cosa no....cosi é la nostra politica,costruita e radicata da sempre nella menzogna,oggi prova a dire le prime verità,ma puntualmente torna all'ipocrisia perchè la verità fa paura anche a noi stessi nell'ascoltarla.
La vera Italia e'una baldracca,noi italiani siamo vergini deflorate continuamente da ogni promessa da marinaio,siamo i perbenisti dall'animo lurido,siamo quelli che alla domenica ci battiamo sul petto"per mia colpa,mia grandissima colpa",ma non lo ammetteremo mai veramente che ci piace vivere nella colpa!!!!
Abbiamo tg che vomitano odio-vicini di casa serial killer che sgozzano bambini-ma come notizia di fondo:"attenzione italiani i nostri cani soffrono di depressione"....con tanto di servizio filmato e commenti.
Basta questa spazzatura,basta violenza!!!!!! Nessuno vuole porci rimedio fa troppa "audience"
Quante verita' sono nascoste ogni giorno!!
Bersani ha mai calcolato che sei su dodici mensilita'vanno per spese fisse,compagnucci
sapete bene che lo stipendio medio,x es..un dipendente della GDO(grande distribuzione organizzata),sono €950 compresi gli assegni famigliari,se deve pagare anche l'affitto o un mutuo o peggio ancora perde il lavoro a 40anni come fa' a tirare avanti?????
Qual'e' la politica per la famiglia,come fare per evitare che a fine mese i nipoti ammazzano le nonne per andare al cinema??????
Cazzarola "cari" dipendenti vi siete mai chiesti
quanto incidono i costi assicurativi su una famiglia "media",quelli per riscaldarsi e raggiungere il posto di lavoro...
PANE E MORTADELLA SAPETE QUANTO COSTA??????
Inizierete a governarci bene solo quando lascierete "l'idee ad ampio respiro" per risolvere i problemi veri dell'uomo comune...
(ricordate sempre)quello che vi vota e che dovete ringraziare che continua a farlo!
CORAGGIO FUORI LE PALLE O FUORI DAI COGLIONI!!!

luigi nasoni 12.01.07 16:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco le priorità per il Mezzogiorno
di Salvatore Ronghi*

*segretario Confederale Ugl
per le Politiche per il Mezzogiorno

22-08-2006


E’ tempo di definire in maniera chiara e precisa le politiche di sviluppo del Sud e del Paese. Non possiamo permetterci di perdere l’ennesima e, stavolta, ultima occasione di impiegare al meglio le risorse europee, mettendo in campo da subito metodi di valutazione basati sulla reale ricaduta sul territorio in termini di sviluppo e di occupazione, e non esclusivamente sui valori numerici. Il Sud ha bisogno di una vera e propria Cabina di Regia, capace di dare sicurezza e stabilità ai diversi settori del sociale e del mondo economico e produttivo attraverso un sistema di governo che miri, principalmente, alla semplificazione amministrativa delle procedure per rendere agevoli e veloci i finanziamenti per il Sud

continua:

http://www.denaro.it/go/a/_articolo.qws?recID=247485

Andrea Sani 12.01.07 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Concordo in pieno di non mandare soldi al sud.
Come quasi metà del PIL verrà rubato o sperperato per nulla.

Arturo M. 12.01.07 16:08 |

Chiudi discussione
Discussione

PURTROPPO VERRA RUBATO I CATAPLASMA CHE COSTRUISCONO SERVONO A CONFONDERE LE IDEE,CIOE FANNO FINTA DI COSTRUIRE POI IMPROVVISAMENTE PUFF!!! SPARITO NON C E PIU NESSUNO CHE LAVORA E PERCHE?PERCHE I SOLDI PER PAGARE LE IMPRESE NON ESISTONO PIU E CHE SE LI HA FREGATI?
MAH NESSUNO SA MAI NIENTE,SA COM E POCHI MILIARDI DI EURI CHI VUOI CHE LI CONTI.

CIAO

PS.SE TE LO DICE UNA DEL SUD...FIDATI.^___-

COSIMINA VITOLO 12.01.07 16:19| 
 |
Rispondi al commento

COSIMINA VITOLO 12.01.07 16:04 |

Perchè se invece che al Sud li mandano al Nord non fanno la stessa fine?


Prima di mettermi a lavorare come una pazza vorrei fare un appello ai politici italiani:

"NON MANDATE FONDI AL SUD,QUEI SOLDI SPARIRANNO COME TUTTI GLI ALTRI E MOLTI RIMARRANNO NELLA ME..DA COME SEMPRE,RIPETO NON MANDATE MILIONI DI EURO AL SUD FANNO FINTA DI COSTRUIRE QUALCOSA DI UTILE MA POI LE OPERE RIMANGONO INCOMPIUTE CREANDO UN SCEMPIO DI CEMENTO,RIBADISCO PER L ULTIMA VOLTA I SOLDI AL SUD SE LI FOTTONO META I POLITICI E META LE MAFIE QUINDI NIENTE FONDI PER CORTESIA,
GRAZIE".


Sono timoroso per questa riforma perchè ho l'impressione che i prezzi delle tariffe aumenteranno, per lomeno se fossi un'industriale cercherei di farlo per non rimetterci, questo èchiaro.
Sono stufo di tutti i corpi politici basati sui partiti, cioè alle ideologie, perchè non fanno altro che acquisire nuovi clienti.
Sono favorevole alla plitica allo stato puro dove le persone ipolitici seguino l'interesse pubblico e non di marketing partitico. grazie

gregorio muzzì 12.01.07 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Non sò se è una notizia degna di nota, ma vorrei segnalare il sito, www.eco-riciclo.it che permette lo scambio di oggetti o semplicemente la donazione di oggetti che altrimenti andrebbero a finire in discarica o peggio ancora in pasto agli
inceneritori (che inquinano). Il donare e il barattare permette di inquinare meno in quanto prolungando la vita degli oggetti, non se ne
comprano di nuovi. In questo sito non si effettua nessuna compra-vendita e basta semplicemente avere un indirizzo di posta elettronica per permettere a
qualcuno altro, che non si fa problemi ad utilizzare oggetti di seconda mano.
Chi dona e chi scambia ottengono lo stesso obiettivo e cioè un minore inquinamento, anche se con tale sito non si risolve l'annoso problema
dei rifiuti, ma di sicuro qualche oggetto non andrà a finire in discarica o "incenerito".

Grazie per la cortese attenzione.
Saluti.

Domenico Barranca

Domenico Barranca 12.01.07 15:59| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe oggi torino è piena di sole! che strano l'inverno non esiste più pensa bene oltre a tutto il resto gli uomini di potere ci stanno togliendo le stagioni , ci stanno togliendo il piacere delfreddo d'inverno e della neve sui monti, ormai solo smog fuliggine campagne impazzite con i boccioli in pieno gennaio, accidenti aloro ma possibile che non capiscono che devono investire per l'ambiente! dopo che cacchio si respireranno e che cacchio si mangeranno? ,
credo che se non fanno qualcosa il punto di non ritorno lo abbiamo già qui!
io nel mio piccolo lo faccio
vado a piedi e per quel che serve faccio la differenziata dei rifiuti, qualche spicciolo agli ambientalisti e firmo tutte le petizioni possibili,
ma da sola o con i pochi che si fa'?????????????
un abbraccio

de leo giuseppina 12.01.07 15:52| 
 |
Rispondi al commento

volevo dire ancora qualcosa poi tolgo il disturbo. Circa le telefonia "cellulare". Io, come penso molti, avevo acettato il nuovo oggetto come uno strumento utile...pensavo al lavoro (un medico, un "qualsiasi molto impeganto" avvocato ecc.) o anche a gente in situazione particolare, isolata, (anziano solo, cacciatore, fungaiolo, marinaio...). Era ed è l'ideale! ma visto lo smodato uso...la corsa agli ultimi modelli "cult" alle telefonate che sento...(mi ami..non mi ami...dove sei!...ora vengo...blà blà..ecc.) pensate davvero che chi li ha immaginati (i telefonini e il "sitema") lo ha fatto per farvi un regalo! Non usateli e...riparmierete! Non usateli...verranno a farvi le offerte porta porta a costo zero! Salve

Giorgio Grassi 12.01.07 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Beppe Grillo.
Mi sono convinto che l'Italia è un Paese ricco, anzi straricco e così è per tutti gli italiani, anche se non lo vogliamo riconoscere.
Sì perchè noi abbiamo circa mille parlamentari e siamo 55 milioni, mentre quei poveracci di statunitensi che sono 300 milioni se ne possono permettere solo 510 tra camera e senato.
Da notare che la Gran Bretagna, sempre sulla scia USA ha ridotto nel 2006, con un atto di “imperio” da oltre 800 a poco meno di 400 i suoi parlamentari; che poveracci !
Noi inoltre, ma solo per mecenatismo, non confondiamo, consentiamo loro compensi più elevati di qualsiasi altro Paese al mondo, quasi non bastasse, ma solo come mancia, diamo loro benefit a non finire, tra auto, viaggi ecc. e in molti casi questi benefici lasciamo che siano anche fruibili dai loro famigliari. Da ultimo, ma solo come chicca, lasciamo che si autodefiniscano i loro compensi, pensioni e benefits senza la necessità di avere un potere istituzionale di controllo su ciò che fanno e deliberano. Ovviamente questo per democrazia lasciamo venga fatto sia dai parlamentari, sia dai politici a livello regionale.
Se ciò non convince ancora, noi siamo così ricchi da poter pagare energia, telefono, benzina, farmaci, ecc. di più dei poveracci degli altri Paesi. Ma non è finito, possiamo anche permetterci di sostenere enti e authority inutili per distribuire meglio tutta la nostra ricchezza.

Ezio Pacchiardo 12.01.07 15:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(ANSA) - ROMA, 12 GEN - Via libera del Consiglio dei ministri al piano per il rilancio del Mezzogiorno. Stanziati circa 100 miliardi di euro. E' quanto ha deciso il Cdm che si e' svolto a Caserta.Il quadro strategico nazionale 2007-2013 avra' a disposizione 123 mld (al Mezzogiorno sara' dedicato l'85% dei Fondi nazionali destinati alla politica regionale e cioe' circa 100 miliardi. Via libera anche a una Agenzia ad hoc per la cooperazione allo sviluppo


NON SI PUO' !! ANCORA ???? BASTA !!!
Questo è il risanamento ? Chissà come sono tutti contenti.
Manca solo la pensione agli Zingari e poi hanno completato lo sfascio.

mario bonfanti 12.01.07 15:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Era ora che si abolisse la tassa per le ricariche dei telefonini(un furto, come lo è l'ICI sulla prima casa, come lo è il canone televisivo RAI, CHE CI Dà LE STESSE PUBBLICITà DI MERDA DI MEDIASET, e si fa anche pagare dagli utenti, che devono subirla...ecc, ecc.). Era, e lo è ancora, l'unico paese dei guinnes dei primati, dove si paga(va)questa schifosa tassa. Speriamo che si metta mano anche ad altri record negativi, per tentare almeno, di smettere di essere solo italiani(e cioè gli ultimi, nei confronti dei nostri partners), ma di essere soprattutto europei, con gli stessi diritti e doveri degli altri cittadini, di quei paesi storici, promotori e fondatori della Comunità Europea. Guardiamo alla Germania...tanto per citare l'esempio di un paese serio, dove la classe politica, agisce nell'interesse generale della nazione, sia di sinistra che di destra. Tutto l'opposto della nostra classe politica, se così si può definire, soprattutto da quella parte, dove abita "Alì Babà e i quaranta ladroni" (che si definisce di destra), dicendo con arroganza di essere per la libertà...anzi per le libertà..e chi non la pensa come loro, sono degli sporchi comunisti, anche se tanti, ma tanti non lo sono affatto, essendo semplicemente, dei cittadini onesti, civili e rispettosi delle regole, e che all'arroganza e all'irrazionalità, alle rapine legalizzate, antepongono la ragione e le rivendicazioni dei loro diritti, ancora oggi, calpestati e non in linea, come già detto, con l'Europa.

angelo riviello 12.01.07 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Ancora soldi al Sud...
ancora soldi nel pozzo senza fondo.

Ma l'avete visto quel DELINQUENTE DI MERDA di bassolino come leccava il culo al dislessico del cazzo mentre entravano a Caserta... erano così carini... pappa e ciccia che se la cantavano e se la suonavano...
Pappa era contento perchè a breve gli pioveranno in testa milioni di euro e Ciccia era contento perchè pagando si levava il peso del sud dalla coscienza e foraggiava la tasca di tanti amici che un giorno, a loro volta, potranno essere riconoscenti.

FOSSE PER ME DALLA REGGIA NON USCIREBBERO CON LE LORO GAMBE. GARANTITO !

Fabio La Torre Commentatore certificato 12.01.07 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Altro "indimenticabile" convegno (organizzato quando c'era ancora berlusconi) in cui il buon Bersani chesimettesempredallapartedeidirittideicittadini seppe dare il meglio di sé con il suo segretario, fu quello dedicato al futuro dell'energia in rapporto appunto (ettepareva!) coi cittadini utenti! Durò alcune ore durante le quali ebbe modo di ampiamente esprimersi tutto il "gotha" dell'energia sia nazionale che estero (La Endesa spagnola). Ma i prudentissimi (o vili?) managers alla Scaroni naturalmente non si fecero vedere. Al governo c'era Berlusconi che li aveva nominati.... Poi sapevano (come è puntualmnet avvenuto) che i prossimi probabili governanti li avrebbero "perdonati" per questo sgarbo. Sempre stati uomini (?) di mondo, ci mancherebbe!
Ebbene, ore concesse a tutto il gotha energetico fin quando ebbe a parlare "a nomedeiconsumatori" dei quali pareva a Bersani e Fassino stare tanto a cuore gli interessi, Trifiletti della Federconsumatori. Allo scadere dei cinqueminuticinque, cominciarono a tamburellare le penne sui bicchieri per fargli capire che il tempo era scaduto ed era meglio concludere. Alle mie accese rimostranze Bersani assisteva con un sorriso beffardo e Fassino replicò con un gesto infastidito della lunga mano. Tanto per dire "Ma stai zitta, cretina!". Trifiletti credo ricorderà....
Sempre vicini al popolo 'sti diessini!

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Varato piano per il Sud, stanziati 100 miliardi
Via libera dal Consiglio dei Ministri a Caserta


lassuuu, cucu', mi sentite ?

mi raccomando, continuate a pagar le tasse

la regione campania ringrazia.

rosa jervolino 12.01.07 15:33| 
 |
Rispondi al commento

... sempre più incazzati
... sempre più depressi
... sempre più sfiduciati

e poi...

è sufficiente ascoltare il presidente del consiglio che parla e ci spega con parole sue ciò che pensa per cadere dall'orlo al fondo del baratro.

MA COME SI FA A CREDERE DAVVERO CHE UNA MUMMIA COME PRODI POSSA FAR FUNZIONARE QUALCOSA.
E' dislessico, inespressivo, incomunicativo, ignorante, incapace, presuntuoso, colluso, connivente e potrei continuare...
Personalmente non gli affiderei nemmeno Barbie giralamoda di mia figlia da far funzionare, ma c'è chi ha pensato di fargli gestire il paese... all'uomo inutile. Mah !

Io aspetto come tanti che si tocchi davvero il fondo e che qualche esasperato compia il primo passo verso l'insurrezione: costui sappia che al suo fianco ci sarò anch'io, fisicamente e non a chiacchere.

Sono molto fiducioso...

Fabio La Torre Commentatore certificato 12.01.07 15:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non cedo che l'energia in Italia costi tanto solo per capriccio di qualcuno. Per capire perchè le nostre tariffe siano così alte, si dovrebbe indagare sul perchè non si compie nessuno sforzo nella direzione di rendere il nostro paese il meno possibile dipendente dalle importazioni (leggi: investimenti nelle fonti di energia alternative, sfruttamento delle risorse presenti nel territorio).

Alberto M. Commentatore certificato 12.01.07 15:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo governo mi fa schifo e sopratutto
maledico il giorno in cui sono andata per votarli.(io liberista nata pensa un po').
Come si fa per mandarli a casa ?,
raccogliamo le firme, facciamo un referendum,
ah Caro Sig. illistrissimo Biagi (io l'ho sempre apprezzata) ma l'uscita da Fazio che Prodi è una brava persona e farà bene, non le sembra ora di aver detto una cazzata ? ( e quando ce vò ve vò)

anna taranto 12.01.07 15:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caltanissetta: il cartellino degli assenti timbrato da mariti, mogli, colleghi
Al Policlinico e al Cto attrezzature in deposito tra polvere e rifiuti Nel reparto di Chirurgia plastica del Policlinico di Palermo attrezzature e materiale medico erano tenuti in deposito tra scatoloni, rifiuti e più di un dito di polvere. Situazione analoga in un seminterrato del Cto di Villa Sofia. I Nas, dopo averne constatato le pessime condizioni igieniche, ne hanno ordinato l´immediata chiusura. Ancora al Policlinico, a Neurochirurgia, il caposala non aveva registrato gli stupefacenti. A Gela, nel reparto di Chirurgia generale, sul carrello delle terapie c´erano farmaci scaduti. Al Sant´Elia di Caltanissetta, a parte una lunga teoria di medici e infermieri assenteisti, i rifiuti sanitari pericolosi venivano smaltiti insieme con i rifiuti solidi urbani. Il pronto soccorso dell´ospedale di Leonforte era davvero sporco, così come quelli di Taormina ed Enna. E all´unità operativa di Anestesia e rianimazione dell´ospedale di Castelvetrano i farmaci stupefacenti non erano registrati come avrebbero dovuto.
Alla fine, nonostante le pulizie straordinarie dell´ultimo momento a ispezione annunciata, gli ospedali siciliani non ce l´hanno fatta a uscire indenni dall´esame dei carabinieri del Nas, inviati dal ministro della Salute per verificare le norme di sicurezza sui luoghi di lavoro, le procedure di smaltimento dei rifiuti ospedalieri e urbani, le carenze igieniche e strutturali, la regolarità dei contratti di lavoro e degli appalti per il vitto e le pulizie, l´assenteismo. Con ben quattordici strutture segnalate all´autorità giudiziaria, la Sicilia si è piazzata al secondo posto, dopo la Calabria, nella classifica negativa della sanità italiana che condanna il Mezzogiorno


sentite, io non italia non ci vengo piu': siete peggio che al mio paese, almeno la i topi non c'erano e non ti rubavano le cornee quando morivi.!!

adbullah

carmela turiddu 12.01.07 15:21| 
 |
Rispondi al commento

però, beppe, questo è accanimento terapeutico! perchè dobbiamo sentirci costretti per forza a trovare il marcio anche in una notizia che ha tutta l'aria di essere una buonissima notizia?
quante petitionline firmiano quasi ogni giorno? e quante di queste hanno raggiunto il loro scopo?
se dall'altra parte della barricata non c'è la volontà politica, puoi raccogliere tutte le firme del mondo, ma non ce la farai mai.
onore al merito dunque a chi si è battuto per questo risultato, non lo conosciamo tutti e sappiamo che è da lui che è partita la battaglia, tutti noi l'abbiamo combattuta a colpi di firme, ma riconosciamo qualche merito anche a chi ha accolto la richiesta, non era scontato.
ma poi bersani umanamente non mi sembra un tipo in cerca di facili pubblicità

liliana pace Commentatore certificato 12.01.07 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io come il Sig. Andrea D'Ambra (credo come milioni di italiani) sono stanco di questi politicanti di destra, sinistra, su giù, centro, i quali strumentalizzano ogni minima notizia per farsi belli, pulirsi la bocca, nonchè per i loro scopi propagandistici, politici, elettorali e chi più ne ha, più ne metta...E' ora di dire BASTA!! Non se ne può più di questa classe politica. Pensavamo che con Tangentopoli il peggio fosse passato...ahimè, il peggio non muore mai! BASTA con i pregiudicati infiltrati dalle segreterie dei partiti nelle Camere! BASTA con la disinformazione dettata dai capi partito! La nostra bella ITALIA sta andando rapidamente in declino. La nostra ITALIA, studiata per tanto tempo persino dagli americani che non riuscivano a spiegarsi come un paese così piccolo, con poche industrie importanti e tante aziende a conduzione familiare, riuscisse a stare così bene economicamente...Il risanamento potrà avvenire solo dopo l'epurazione di determinati personaggi...facciamo sì che accada!!

Valerio B. Commentatore certificato 12.01.07 15:15| 
 |
Rispondi al commento

....riguardo ai due grafici pubblicati mi viene in mente che non a caso i primi due paesi (Polonia e Italia) sono schiavi del sistema U.S.A...uno recente ed uno di vecchia data.
La ripartizione tra produzione e distribuzione dell'energia elettrica è già in corso da qualche anno...è nata anche la "Borsa dell'energia" che tiene fermi i gruppi Turbogas Enel (forse per favorire i produttori privati!) Lo sapevate che quando l'Enel produceva (a carbone) a 28/30 lire il Kw doveva "importare" dai "produttori privati" (a gas metano) energia a 120 lire il Kw? chissà chi erano quei "privati"!?! nello stesso periodo si comprava dalla Francia (nucleare) a 22/24 lire il Kw! Ho letto anche (Wilkipedia) che quasi tutti i paesi europei stanno abbandonando il nucleare (e forse sono contento) per passare alle fonti rinovabili. Le percentuali che ho letto sono confrontabili con il nostro "idrico" e "geotermico" (praticamente bloccati)...una inezia confrontata ai consumi di paesi come Francia, Germania e anche Italia. Per i prossimi anni...salvo miracoli...prevedo nero (anche perchè gli USA gesticono solo petrolio e nucleare!).
P.S. - Il primo vero "Black-Out" nella storia energetica italiana è avvenuto dopo la privattizzazione dell'Enel...figurati...è caduto un albero in Svizzera e.... L'energia è una cosa seria!! Salve

Grassi Giorgio 12.01.07 15:12| 
 |
Rispondi al commento

...il vero scandalo della telefonia sono il costo dei messaggi e soprattutto lo scatto alla risposta.

Bastano 10 chiamate di 1 secondo ciascuna e recuperano i 2€ del costo di ricarica.
Vi danno il contentino e tutti a ringraziare!

Contenti voi!?!?

Massimo Bucca 12.01.07 15:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe. Ti sei dimenticato del bollo auto!!!
Lì però questo governo ha fatto di tutto per aumentare le tariffe... quindi da una parte si prende e da un'altra... si toglie.

Sono figlio di un piccolo artigiano... In famiglia si fa fatica a campare e io sono in cerca di lavoro.
Si risparmia su tutto: sulla corrente (lampadine a risparmio), sul gas, sulla spesa, niente pizza e cinema.
L'automobile di famiglia è una vecchia Ford euro 0 a GPL, che non si cambia perchè non ci sono i soldi e poi perchè si usa poco. Da questo gennaio il bollo mi costa 27€ in più.
Allora io vorrei saper: se davvero sono costretti a fare questi giochetti per raccimolare soldi a chi ne ha già pochi, allora, siamo ridotti proprio male!!!! Preferirei sapere se siamo in una crisi profonda e allora prendere le dovute precauzioni...
Invece il politico di turno si diverte a fare giochetti contro chi davvero fa qualcosa di utile per questa povera Italia.

Vittorio Spagnolo 12.01.07 15:10| 
 |
Rispondi al commento

Brianza...

Hic sunt leones...

Puah!

Gennaro Esposito Commentatore certificato 12.01.07 15:09| 
 |
Rispondi al commento

@ Ambrogio Carugatti
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Tu pienze ca' oltr'a munnezza e 'o brevette do' culera, tenimmo pur'e' Caruzoccole ca' appena vedone nu' Carugatt'ambrogio comm'atté 'o zompano ncuollo e so' magnano.

Va annanz'o duomo e fatte cacà ncuollo da 'e palumm'e Sant'Ambroggie!!!

Gennaro Esposito Commentatore certificato 12.01.07 15:01| 
 |
Rispondi al commento

beppe perche'non fondi un giornale a tiratura nazionale?sarebbe un idea

pino lino 12.01.07 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Mentre esprimo il mio grazie a D'Ambra al quale mi permetto di obiettare semmai di poco "dialogare" con gli altri, soprattutto se scrive su un forum di Discussione quale è quello di Report, vorrei tornare sulla longa manu di Bersani sull'ENEL perché quell'"indimenticabile", direbbe Capanna, biennio (1999/2001) dell'ENEL durante il quale un solo partito ha preteso di occuparsene meriterebbe, davvero, un libro (e non è detto che, anche collazionando centinaia di documenti non mi decida a farlo veramente). In ossequio infatti al metodo emiliano/romagnolo (che poi, come disse qualcuno che se ne intendeva, si limiterebbe ad essere il capitalismo gestito da loro) crearono una linea gerarchica di verticce che dipendeva esclusivamente dai DS. Presidente del Consiglio (D'Alema) Ministro industria (Bersani) sottosegretario che se ne occupava, Carpi (DS), indimenticabile il suo "spezzatino" o spacchettamento o milti utility. Vertici Tatò/Testa, fortissimamente voluti (almeno Tatò) da D'Alema perché il Veltroniano Testa di Chicco contava meno del due di coppe portandosi però a casa un bel malloppetto di compensi tra accumulazione di cariche nelle trecento società e stok option alla fine. Dirigenza e, giù giù a scendere davvero un "idem sentire" per non dire della damemianissima FNLE/CGIL di Giacomo Berni i cui sindacalisti ci chiamavano per dirci quanto ben stava operando (mentre ci sfasciavano) quel governo e quel vertice (ma hai mai visto una cosa simile? Sindacalisti che indottrinano i lavoratori sulla bontà dell'operato dei loro padroni!). E mica per nulla avvenne questo. Mica "a gratise" naturalmente! Perché nel frattempo si creavano una miriade di altre società (oltre quelle trecento) a gestione ed amministrazione direttamente di sindacalisti, di parapolitici, di tutto un coté cresciuto a latere di sezioni, federazioni e circoli sempre diessini che con l'ENEL ci facevano affari e ricevevano commesse nello stesso periodo magari, in cui con la "controparte datoriale" Segue

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 15:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Unione Europea, ogni giorno che passa assomiglia sempre di piu' all'ex Unione Sovietica.


ps: Quoto sempre Mario Piazza

Alfredo Carminati 12.01.07 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Un saluto a tutto il blog ed alla TRIBU'.
Un saluto particolare a JdQ edal magistrale POST del Picaflor...

Bellissimo Dani.

Salutami i cari paesi bassi.

Gert

Gerrit Boekbinder (*) Commentatore certificato 12.01.07 14:59| 
 |
Rispondi al commento

pirla, pensa che avete brevettato il colera e ai topi negli ospedali come animali di compagnia: tanto si muore prima di entrare nei vostri ospedali.

ma nonostatnte tutto continuate ad accumulare monnezza
ambrogio carugatti
--------------------
Certo!!!
Tutto giusto!!!!

Ma quelli, sono pazzi sanguinari?

...mi raccomando,non dimenticatevi di bastonare qualche extracomunitario che dorme sulle panchine!!!

antonio ciardi Commentatore certificato 12.01.07 14:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MI sono certificato, ora riscriverò il post di questa notte:

Non sono certo le 3euro della ricarica da 10 che ci cambiano la vita, sembra chiarò che questo è un "dolcetto" per prepararci alla nuova finanziaria..,
il debito pubblico non lo risolvi con la vodafone, la wind o la tim.
Hanno distrutto la famiglia come formula di questa società e sembra non si possa piu tornare indietro. La maggiorparte dei giovani resteranno sempre piu soli senza la possibilità di avere una compagna, senza poter crescere dei figli(unico vero scopo della vita), senza avere un lavoro sicuro e sereno, senza una propria casa e senza una pensione dignitosa. Hanno già distrutto il futuro(con 40 anni di DC, con Tangentopoli, con il commercio spietato, con la giustizia e l informazione corrotta, con Berlusconi e Prodi ecc..) così mentre noi incantati da questi miracoli delle ricariche dove utilizzeremo in totale abbiamo un futuro garantito di miseria. Non è forse che ci stanno prendendo in giro? E' un po come fumare l'ultima sigaretta prima di finire nella fossa...
...e la cosa che più mi fa incazzare e che questi governanti guadagnano 19mila euro al mese e hanno diritto alla pensione dopo 35mesi. E'giusto???? ..perchè nessun giornalista chiede a Bersani e compagnia bella se è giusto??? Sono sempre più schifato ho aspettato 30 anni di vita per levarmi 3 euro di tassa da una ricarica, dovrò avere 9 vite come i gatti per vedere un paese onesto e giusto.

Gianluca C. Commentatore certificato 12.01.07 14:49| 
 |
Rispondi al commento

@@@ Dedicato al rinc.Pasqua ###

Scrivi.......assieme a quelli che si avvolgono ancora nella falce e martello sei destinato a scomparire.....
Per me sei un gradissimo somaro a gioire pensando che ciò può davvero verificarsi.

Poi,i tuoi interessi li farai tutelare dai vari: MonteZumola e sberkuskaz.Ambedue,s'intende, istruiti da PreViti.

In Italia,dall'avvento del "bauscione",che è coinciso con l'andata al potere di Craxxxi, mancano veri uomini politici,di qualunque colore.
Le scuole "di politica" di una volta,scuole che avevano tutti i partiti,vanno riprestinate urgentemente.
L'incapacità dimostrata dalle ultime classe politiche è data proprio dal fatto che nessuno di loro sa più cosa significhi la parola "politica".
E lo dimostra il fatto che oggi si candida la veline,le madonninne ed i cretinetti.L'importante è che gli stessi portino qualche voto.Interessa solo questo,nient'altro.
Ed ora rispondi:
"Se ti deve far operare ti rivolgi ad una persona che non ha studiato o ti rivolgi ad un medico che,tale è perchè qualcosa ha studiato?".
Governare,non è una caxxata.Se non sei preparato,fallirai.E fallirai anche se sei l'uomo più onesto del mondo.
Joseph


joseph pane 12.01.07 14:43| 
 |
Rispondi al commento

gennà è fernuta a pacchia!

cassa del nord 12.01.07 14:37

*****************************

Guagliù

Bersani sta facenno pure 'o decreto per ll'impieghi bancari..

A n'appoco addò pigljen'e solde là l'ann'investì

verament'è furnut'a pacchia!!!...

Gennaro Esposito Commentatore certificato 12.01.07 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Conversazione tra un padano e un demente


Padano: vergogna!

Demente: ma di che parli???

P: li hanno messi in galera, dovevano darli a noi!

D: chi? quelli...

P: si', proprio loro! bastardi islamici!

D: ma guarda che...

P: ma che ma e mi e mo... senza se e senza ma, ghe' da taja' i bal !

D: ma guarda che non sono ....

P: e hanno pure premeditato!

D: non sono islamici..

P: si', l'ho sentito dire, e pure lo sapevo che il marito non e' uno raccomandabile!

D: ma come... non era in italia...

P: ma che ma e mo... quello c'ha la faccia da furbo, l'ho visto in televisione...

D: ma sai la televisione distorce le notizie...

P: e adesso ricominci col tuo linguaggio da intellettualoide... quello li' e' strano, l'ho visto in televisione...

D: chi, il padano che ha ucciso?

P: ma che, quale padano?

D: e' mezz'ora che cerco di dirtelo.

P: Che?

D: Hanno confessato. Lei non sopportava il pianto del bambino.

P: I vicini?

D: Si'.

P: non e' vero.

D: l'ho visto in televisione.

P: Ah.

D: Mi dispiace. So che la notizia ti fara' molto male.

P: Eh.

D: Certo, siamo tutti bestie.

P: Uh.

Pero' non e' giusto odiare.

P: Ma no...

A che serve la vendetta?

P: Eh.

Una condanna esemplare, si'.

P: Ma io condanno il gesto, non la persona.

D: Ah.


El pica.fior

Gipo Di Rienzo 12.01.07 14:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

grillo o chi scrive ste cretinate,
già una volta ti ho scritto che non devi parlare di bypass a cazzo di cane.
tu che fai tanto l'offeso per quello che dicono gli altri , non pensi che un appellativo del genere nei confronti di chcchessia non ha giustificazioni?
che chi è veramente baypassato, come scrive quello stronzo che ti fa i bolg, possa avere un attimo di rodimento di culo , leggendo che tu usi in modo dispreggiativo questa parola? non ti viene in mente?

ma poi con chi cazzo cel'hai? con berlusconi?
ma guarda che a lui hanno messo un picemaker e non un by pass ( o come cavolo si scrive)!
quindi che centra?

ogni volta che ti sento usare questo termine in senso offensivo ,soprattutto per chi come me lo ha subito, ti prenderei a calci sui coglioni...e a questo punto , dubito che tu ne abbia.

non hai bisogno di questo battute per farti grande.

gipi paco 12.01.07 14:37| 
 |
Rispondi al commento

ROMA LADRONA DI OCCHI

Amedeo Dell'Osa 12.01.07 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Per Gennaro Esposito....

Gennari' hai fatto la cacca in terrazza come e' il tuo solito. Nel caso Erba non c'entra assolutamente ne la religione ne tantomeno l'etnia. Stammi bene, saluti prodiani o pannelliani, scegli tu...

giggi l'amoroso 12.01.07 14:24 |

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Io avrò anche fatta la cacca in terrazza, ma tu e gl'altrinteggerrimi giustizionalistipadani 'e stucazze, la gettate anche dal balcone e a chi cojo cojo. Incivile! Barbaro!

Gennaro Esposito Commentatore certificato 12.01.07 14:33| 
 |
Rispondi al commento

siamo terra di conquista per servizi inadeguati a prezzi salati....fa pure rima.

GIUSEPPE NOTARANGELO (ciubby82) Commentatore certificato 12.01.07 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Sarà preoccupato Prodi per il suo?

TFR. Sono i soldi che mettiamo da parte per la nostra vecchiaia. O in caso di perdita del lavoro. Un investimento per il futuro, per le emergenze. Un salvagente sempre più pesante, importante, ogni anno che passa.
Sono soldi nostri. Il datore di lavoro li tiene in banca per noi. Non appartengono allo Stato, non all'azienda, non alle banche. Se ci rompiamo le balle e ci licenziamo finiscono dritti dritti sul nostro conto corrente. Se vogliamo comprare casa possiamo chiederne una parte. Se ci vengono gli incubi di notte per l'Italia che si inabissa (con noi sopra) il TFR è un piccolo sollievo. Una brezza gentile che ci fa riprendere sonno.
L'Inps è ormai una vecchia baldracca che nessuno paga più. I soldi che le abbiamo dato, quando era più attraente di adesso (sempre un cesso, ma almeno più giovane) non li ha più. La dava, li dava, a tutti. Le pensioni si devono però pagare. Se non si pagassero in Italia ci sarebbe la Rivoluzione. Altro che Argentina. Cadrebbero, metaforicamente o meno, molte teste nei cesti. La valutazione del Governo di trasferire con destrezza il 50% del TFR all'Inps è un chiaro segnale al Paese: "Nessuno, se paga le tasse, è intoccabile". Accompagnato da un'altro: "L'Inps è fallita". E ancora da un altro: "Ciò che è dei cittadini è proprietà dello Stato". Come nei paesi Ko munisti.
Tutti sanno che le aziende usano in parte il piccolo, o grande, capitale dei TFR dei dipendenti per finanziarsi. Non ci nascondiamo dietro a un dito: le banche finanziano Tronchetti o Benetton, ma non la media e piccola impresa. E a questa sarà sottratto il TFR. All'unica parte del Paese che produce ancora qualcosa. Ma non è meglio dichiarare bancarotta? Sarebbe più onesto. Un punto fermo e si riparte, invece di sprofondare in una palude quotidiana fatta di Cimoli che resiste, di Tronchetti che si rafforza e di Benetton che vuole aumentare i pedaggi. Perchè questa, e non altro, è oggi l'economia dell'Ital

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.01.07 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Quanto mai opportuno questo messaggio su Bersani. Ti ringrazio Beppe! Sai ci sono personaggi che assurgono ad un tale livello di "gradimento" o popolarità soprattutto da parte di certo giornalismo deteriore (mica per nulla il nostro Bersani è ospite fisso da Floris a Ballarò) che non è mai supportato da FATTI ma più spesso da rapporti, da conoscenze, da favori che si svolgono sempre in quella palude che è il mondo politico delle clientele, dei favori, degli affari. Bersani ed i dalemiani in generale ne sono esempio "fulgido". Io non riesco ad annoverare un solo successo di Massimo D'Alema e dei suoi sodali eppure detengono una porzione di potere in questo paese del tutto sproporzionato e debordante.
A Ballarò Bersani ha avuto la spudoratezza (tanto sa che mai nessuno dei "servant" che lo circondano, giornalisti e non, gli contesterà mai la verificità di quanto dice) di annoverare a suo merito lo "spacchettamento" dell'ENEL! Che, poi, per la prinma volta nella storia dopo che ci ha messo le mani lui sull'ENEL sia capitato il primo blackout della storia nazionale italiana ovviamente non se lo ricorda nessuno! Eppure lo "spacchettamento" meglio noto come "multi utility" è stata operazione del tutoo fallimentare che portò, per esempio alla FOLLIA di creare una compagnia telefonica nazionale in ambito ENEL mentre allegramente se ne stava svendendo un'altra la Telecom! E Scaroni ha dovuto aspettare il momento opportuno per vendita per perderci meno possibile! Quello stesso Scaroni (implicato in tangentopoli, voluto da Berlusconi all'ENEL e ad oggi confermato all'ENI il che la dice lunga quanto si contrastino i due poli sulle cose ESSENZIALI) che dichiarò subito la sua nomina all'ENEL che la multi utility non aveva portato valore all'ENEL (esprimendosi ovviamente per cortesi "eufemismi", sai anche i managers tengono famiglia....).
300 società delle quali manco chi ci lavorava sapeva nulla! Hai lontanamente idea cosa significa una simile fallimentare operazione?

Bruna Gazzelloni Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Chiude Skype Italia?
Questo vuol dire non avremo mai skype completo di un nostro numero e essere chiamati anche dai fissi. Questo favorisce di gran lunga il tronchetto!!
questa notizia è stata presa da http://www.alongo.it/?p=437

marco s. Commentatore certificato 12.01.07 14:30| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe!!!scrivevo a proposito dell accordo usa ue riguardo il trattamento dei dati personali(e mail movimenti bancari ecc) dei dati dei passeggeri ke passano dagli usa....sbaglio sicuramente l argomento ma nn sapevo dove mettereil mio commento.
dunque da quanto ho capito nessuno ne parla e si ribella visto un ricatto palese nei confronti delle compagnie amerighene....possiamo fare qualkosa zio??

davide bongiorni 12.01.07 14:29| 
 |
Rispondi al commento

sempre a lamentarvi...finalmente abbasserano le tasse sui polli disossati i pesci senza lische e le tosature per cani in inverno...

armando di napoli Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 14:28| 
 |
Rispondi al commento

SOno schifato di far parte di questo paese, dopo che ieri la cassazione ha assolto tutti per la strage di Ustica.Vergogna Vergogna Vergogna. Per quanto riguarda Bersanic ma cosa si prende i meriti di cosa? Buffone ciarlatano.

Carlo Distro 12.01.07 14:28| 
 |
Rispondi al commento

neh...Gennari'!!Ma Vicienzp me' patreme a mme?

vicienzo cupiello 12.01.07 14:16 |

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Vicienzo m'è patr'amme! non m'è patremo:

patremo già significa mio padre patre invece è padre.

m'è= mi è

me'= fa presto/dai/sù

Ok?

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Giusto, comunque... due aggravanti mica da poco!

fabio martello 12.01.07 14:15 |

Io credo che chi giunge al punto da uccidere una persona, figurati poi un bambina, non sia del tutto sano di mente

Gennaro Esposito Commentatore certificato 12.01.07 14:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la stampa....questa illusione di informazione...illusione perkè gli italiani sono degli ottimi spettatori,da far invidia a david copperfield!!!!Ma dai ragioniamo: avere la padania come giornale nazionale(pagato con le tasse di tutti gli italiani) e nessuno degli italiani non padani ke protesta dovrebbe far capire tante cose....ma le mie sono solo considerazioni da girotondino,ecoterrorista blackblock

Pietro D'Agostino 12.01.07 14:26| 
 |
Rispondi al commento

CERCASI ELETTORE DI DESTRA, COLTO, RAFFINATO, LIBERO, FISICAMENTE DOTATO, CHE AMMETTA DI GRADIRE LA (EVENTUALE) RIMOZIONE DELLA TASSA SULLA RICARICA AD OPERA DI UN GOVERNO DEI 'NEMICI'. E CHE AMMETTA ANCHE UNA MINIMA POSSIBILITA' CHE IL GOVERNO AMICO NON LO AVREBBE FATTO.
Cecco Grullo 12.01.07 14:16

cercasi elettore di sinistra, possibilmente boccalone che pensa ancora che gli toglieranno la tassa sulla ricarica per farlo contento (senza che aumentino le tariffe ovviamente), e ammetta che la sinistra e' giusta e aiuta il popolo con queste belle iniziative.

compare turiddu 12.01.07 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Bersani è uno dei migliori ministri di questo governo. E' incredibile che si critichi sempre e comunque ogni scelta, ogni intervento che faccia. Nessuno mette in dubbio che l'iniziativa di D'Ambra (che ho sottoscritto) abbia dato il la a tutto ciò che ne è derivato. Ma il fatto che Bersani abbia deciso di porre rimedio non dovrebbe fargli ancora più onore? No, perchè a quanto pare si è preso lui il merito dell'iniziativa!! Ma per favore. Non facciamo ragionamenti infantili adesso; cos'è? volete un pò di pubblicità pure voi??

Antonio Angelino 12.01.07 14:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bella terra la brianza..bella gente

http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=6114&fromplayer=6114

pino lino 12.01.07 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Prodi dichiara "andiamo vanti con le riforme" ! Sorgono spontanee due domande: di quali riforme parla e chi mai gli ha impedito di continuare a lavorare.
Le dichiarazioni dei boss di ENEL ed ENI non si commentano. E' chiaro che i loro interessi nelle aziende che comandano impediscono loro di essere sereni e razionali.
Bersani e' uno dei tanti del carrozzone della sinistra. Ne' migliore, ne' peggiore. Occupa solo un posto di responsabilita' e questo lo costringe a prendere posizione ed andare in televisione. Cosi' si espone al ridicolo. Ma se al suo posto Prodi avesse nominato un altro membro della sua Armata Brancaleone, non sarebbe cambiato niente.

Mario Caporali 12.01.07 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho vissuto dal 1984 al 1989 a New York e dal 1989 al 1992 a Austin (Texas). Di poveri ne ho visti tanti. Il mio coinquilino ad Austin (italo-americano) aveva una malattia molto grave ed era privo di assicurazione sufficiente a coprire le spese per l'intervento e per le cure necessarie nel decorso post-operatorio. E' andato in una struttura pubblica ...altro che Policlinico Umberto I! E' morto come un cane. In Italia (almeno da Roma in su), in Francia, in Germania, in Svezia, in Danimarca, in Belgio sarebbe stato curato dal servizio sanitario nazionale.
W l'Europa

Andronico Calabrese 12.01.07 14:21| 
 |
Rispondi al commento

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

TUTTI ASSOLTI PER LA STRAGE DI USTICA!.

MA I COLPEVOLI SAPPIAMO CHI SONO!.

QUANTO E’ COSTATO “L’AFFAIRE” USTICA?.

PERCHE’ I PARENTI NON AVRANNO IL RISARCIMENTO?.

Clicca il nome

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Emanuele Carri 12.01.07 14:20| 
 |
Rispondi al commento

bersani è un politico onesto...poi se vi imbrogliasse siete stupidi voi che ci avete creduto...

armando di napoli Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 14:18| 
 |
Rispondi al commento

***************LEGGETE TUTTI***********************
********CANCELLANO I POST NOTTURNI*****************
Ho riscontrato tristemente, perche stimo molto GRILLO, che in questo blog tra le ore 2,23 fino alle 5,28 sono stati eliminati almeno una quindicina di commenti! Commenti che ho letto e scritto ieri e che oggi non ci sono più. Vorrei saperne il motivo.
SI PARLAVA DI FAMIGLIA DI GIOVANI E DI PENSIONI!!!
***************************************************
***************************************************


I motivi per cui i tuoi commenti sono stati cancellati possono essere vari.
Sicuramente il motivo non è da ascrivere al fatto di aver usato parole censurate su questo blog, il commento sarebbe stato bloccato durante il tentativo di pubblicazione.
Sicuramente i commenti che non hanno come firma due parole distinte finiscono facilmente per essere cancellati probabilmente da un software che si prende la briga di eliminare i post "anonimi", visto che sul blog sarebbe necessario postare con nome e cognome.
Le strade percorribili sono due:
- ti firmi con nome e cognome, anche di fantasia, basta che siano due parole non punteggiate (ad esempio Borso d'Este, Patrizio Oliva etc. etc.)

- Certifichi il tuo utente attraverso il bottone "Autenticati" che trovi nella barra superiore della pagina.


Io ti consiglio la seconda, ciò ti preserverà dalla possibilità che altri bloggers possano usare il tuo nick per postare messaggi distanti dal tuo pensiero.


Ciao
JdQ

Jacopo della Quercia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Esimi "garantisti" non vi invidio per niente. Sempre oberati di lavoro....Sic!!! Adesso dovrete darvi da fare per il caso di Erba. Ma "poveretta" quella donna che ha massacrato quella creatura. Che doveva fare? Ditemi voi. Gli urli di quel bimbo le "davano ai nervi" e giustamente lei ha ritenuto opportuno eliminare la fonte dei suoi turbamenti. E quei "fascisti" maledetti che invocano la pena di morte, siano messi al muro. Cosi' giustizia e' fatta.....

giggi l'amoroso 12.01.07 13:57 |

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Il "garantismo" non è una fede; è un diritto costituzionale del Cittadino.

Deriva dai principi della rivoluzione francese e tende a porre il cittadino al riparo degli abusi del "principe" anche se questi assume la forma dello stato demoaristico e/o democratico.

Ricordate che, per il caso specifico, voialtri giustizionalistì, avevate già condannato, senz'alcun processo, il coniuge e padre delle vittime, solo perchè di etnia araba e religione musulmana. ...

Gennaro Esposito Commentatore certificato 12.01.07 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perdonami Beppe se ogni tanto faccio pubblicità al mio movimento sul tuo blog...ma credo che tu sia d'accordo con la battaglia che stiamo portando avanti, venite a visitarci:

www.bloggers.it/movimentolaureati/

Paolo Ares Morelli 12.01.07 14:10| 
 |
Rispondi al commento

E bravo Andrea D'Ambra.
Questo è l'esempio che insieme si possono fare grandi cose, firmate anche voi per abolire i costi di ricarica.

marco s. Commentatore certificato 12.01.07 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Casini e Rutelli che Vispe Terese

Fanno finta di niente, Pier Ferdinando Casini e Francesco Rutelli. Però gli rode. Quel sondaggio che vede schizzare le azioni di Berlusconi nel (ballerino) Olimpo della popolarità. Il vertice di Caserta con un'agenda spuntata e addolcita per non urtare le sensibilità dei massimalisti e dei radicali. Casini non riesce a sottrarsi dal cono luminoso di Silvio Berlusconi. Rutelli - il che è tutto dire... - dall'azione di Romano Prodi. Il primo aveva scommesso sul declino del Cavaliere. Il secondo sulla debolezza del Professore. Fatto sta che Berlusconi, se oggi s'andasse a votare, gli italiani lo... incoronerebbero re; mentre Romano Prodi, ogni volta che Rutelli parla, da un orecchio gli entra e dall'altra gli esce. Diciamolo, Casini e Rutelli sono le Vispe Terese dei moderati. Francesco Rutelli parla di agenda delle liberalizzazioni? E quello, il Prof, se la concorda con Bersani senza però irritare Bertinotti e sindacati.

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.01.07 14:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei dire a tutti che lo staff di Beppe Grillo censura i post sulle pensioni e solo quelli !
Vorrei proprio sapere perchè, cosa hanno da nascondere

gius

resoli giuseppe 12.01.07 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Stai diventando un GRILLO parlante.
Parli tanto ma non fai niente.
Evidentementec le cose ti stanno ben come sono
Saluti Mario Scala

Mario Scala 12.01.07 13:34

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

E CHE DOVREBBE FARE ?? muovere il suo culo per tenere il tuo a riincoglionirsi sul divano davanti alla tv ??

SVEGLIATI EBETE ! SNIFFA, FATTI INCHIAPPETARE, UBRIACATI, DROGATI MA MUOVITI TU !!

j.uan m.iranda 12.01.07 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Buon pomeriggio a tutti. Vedo che i soliti sono sempre in trincea. Avete risolto qualche problema del paese o siamo al punto di partenza? I nostri "dipendenti" sono sempre lì al loro posto, le tasse non sono diminuite, i precari sono tutt'ora precari, il malumore aumenta. Nonci prendono in considerazione nemmeno per scherzo.

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 12.01.07 13:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.I. (off inculation)

Leggetevi l’ultimo chiarificante articolo di Eugenio Benetazzo del Canna-Power Team in materia di risparmio

PROMOTORI FINANZIARI: UNA TRISTE VERITA'

su
http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

giuseppe resoli 12.01.07 13:51| 
 |
Rispondi al commento

LE BISTECCONE CHE SI PAPPANO LOR SIGNORI I NUOVI PRINCIPI (DPENDENTI UN PAR DE PALLE !!!!)VENGONO DALL'ALLEVAMENTO TOSCANO DI CHIANINE DOC DELLA CONTESSA (NOBLESSE OBLIGE) GIULIA MARIA CRESPI ROBA DA SOGNO !!

QUANDO COMINCERANNO A SPUNTARVI LE CORNA (NON QUELLE CHE VI METTE VOSTRA MOGLIE CHE NON SI VEDONO !).....BEH ANCHE ALLORA RIMARRETE PECORONI !

j.uan m.iranda 12.01.07 13:51| 
 |
Rispondi al commento

CI TROVIAMO NEL BEL MEZZO DI UNA PERTURBAZIONE...

La politica ha i suoi capi ma...

non ha i seguaci che si merita.

NERVOSA.

By Gian Franco Dominijanni

Gian Franco Dominiyanni (domini) Commentatore certificato 12.01.07 13:46| 
 |
Rispondi al commento

e 3
perchè i miei post sulle pensioni vengono censurati?

resoli giuseppe 12.01.07 13:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA SPERANZA è L'ULTIMA A MORIRE

voi continuate a votarli e sperare
loro contineranno a farvi spe(a)rare

mi sembra uno scambio equo e solidale no?

filippo russo 12.01.07 13:44| 
 |
Rispondi al commento

http://www.petitiononline.com/n0pal/petition.html

QUI TROVATE LE INFORMAZIONI IN MERITO A COME SI STANNO MUOVENDO PER CONTROLLARE L'INFORMAZIONE SULLA RETE
PS NON E UNA PETIZIONE MA UN INFORMATIVA, LA PETIZIONE LA FIRMATE SE VOLETE DOPO AVER LETTO L'INFORMATIVA CHE E REALE, ANCHE SE NON CORRETTA, AL MOMENTO NON SUBIRA TUTTE LE LIMITAZIONI INDICATE ANCHE PERCHE NESSUNO LA VORREBBE, MA UNA VOLTA CHE L'AVRETE IN CASA VE LA PROPINERANNO UN POCHINO ALLA VOLTA , PRESENTE L'INIEZIONE FATALE ?
E INDOLORE ( COL CAZZO) E FA EFFETTO PIANO PIANO

TANTI BEGLI ZOMBIE STILE IL FILM EQUILIBRIUM GG A E AUGURI A TUTTI

Marco Fiaschi 12.01.07 13:43| 
 |
Rispondi al commento

GLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DI POLLAME, BOVINO, SUINO sono fatti per farvi mangiare pura merda !!

Volete mangiare carne, la 'fettina' tutti i giorni?? Beh sappiate che mangiate sterco umano !

Gran parte della carne viene dalla Cina, i prosciutti crudi e cotti (prosciutto cotto e' l'ultimo stadio, sono prosciutti andati a male e bolliti !)vengono da allevamenti intensivi cinesi dove gli danno da mangiare pure il loro letame mischiato a farine di sementi i cui terreni sono fertilizzati con liquame umano e perfino rifiuti ospedalieri !

Cosi' pure i pomodori ! In Cina c'e' il piu' grande impianto del mondo per la lavorazione del pomodoro ! Le 'pummarole' che mettete sugli spaghetti OGM e radioattivi sono queste cinesi !

PERFINO IL BASILICO CAZZZZO DEI VASETTI DEL SIPERMERCATO STESSA PROVENIENZA !

BUON APPETITO !

j.uan m.iranda 12.01.07 13:42| 
 |
Rispondi al commento

@@@@@@@ The Bushhhhh @@@@

Esattamente il 10/12/06 un quotidiano britannico riportava una dichiarazione di Giorge WW Bush:
"Non mi ritirerò dall'Iraq neanche se restassero ad appoggiarmi solo mia moglie ed il mio cane".

Nessun quotidiano italiano l'ha ripresa e rilanciata.Eppure il quotidiano britannico era il The Times,che è un signor quotidiano anche se è un quotidiano conservatore.
La notizia mi è stata data oggi dalla redazione di Latinoamerica.
(((((((((( Altri 21.500 soldati in Iraq ))))))))))
Joseph

P.s.
Ma è davvero così importante sapere chie è stato il primo a dire che il costo di ricarica era ingiusto ed andava abolito?
Perchè,se proprio di gara trattasi,il primo non è stato un italiano.
Noi abbiamo copiato anche questa richiesta di abolizione.
E tutti ora fanno a gare a dire:"PRIMO".
La verità è che non c'è un primo.
La verità è che ci sono stati "dei delinquenti che vi hanno rubato un sacco di Euro" e,ci sono stati "altri delinquenti che a loro l'hanno permesso ottenendo in cambio silenzi,e silenzi".

((((((((((((( Fine della gara )))))))))))))))

(Io,non ho mai posseduto un telefonino e,non ostante ciò:"vivo da dio")
Joseph

joseph pane 12.01.07 13:39| 
 |
Rispondi al commento

a chi: -Vivi solo di passato!-

La storia consiglia e impone una riflessione, forse due o tre.

Il malcontento sembra imperversare da una parte, l'ignoranza da un'altra, chi sta bene è chi fruisce dei privilegi di questa demoplutocrazia.
Più in là per questa crisi, sotto ogni aspetto, della nostra società le soluzioni non sono poi così tante:
1)continuare a muoversi democraticamente, vedi petizioni; azioni nobili a cui contribuisco pure, ma che sembrano essere una nostra arma non così letale(evviva per le ricariche...ma altro?).
2)Rinascita di movimenti reazionari e/o RIVOLUZIONARI che si rifanno lontanamente a ideologie passate, con le giuste modifiche secondo i tempi che viviamo
3)Nascita di idee nuove e rivoluzionare che contrastino il sistema vigente e le ideologie vecchie
4)Rimaniamo con i nostri 4 guai e vediamo quanto in profondità arrivano i nostri oligarchi nel mettercelo nel c..o

***********INSURREZIONE è LA PARTENZA************

Roberto Ionni Commentatore in marcia al V2day 12.01.07 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Stai diventando un GRILLO parlante.
Parli tanto ma non fai niente.
Evidentementec le cose ti stanno ben come sono
Saluti Mario Scala

Mario Scala 12.01.07 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Livia Turco: "Pensavo peggio".
Ma come? Si scortano i cadaveri per impedire espianti di cornea "artigianali" e questa dice che pensava peggio.
Ma cosa si immmaginava ?
Comunque il Direttore dell'Umberto I è un mito. Dice pure che ste cose le sapeva da un anno. Cosa aspetta a togliersi dai c..... IN GALERA !

peppe comi 12.01.07 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Le privatizzazioni vengono fatte per favorire il popolo
non una parte di essi o una categoria specifica.

Le leggi tendono ad aprire il mercato creando concorrenza e competivita'
demandando ai comuni problematiche legate al territorio e situazioni contingenti.

Le leggi non vengono fatte guardando la singola categoria o associazione.
Questo e' compito del comune non del governo!!!

antonio ciardi Commentatore certificato 12.01.07 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Ma porca eva ma possibile che non capite che le liberalizzazioni partendo dal basso non servono a nulla ma solo ad aumentare gli introiti fissi dello stato e diminuire quelli delle famiglie?
Piu taxi + negozi = piu partite iva piu iscrizione alla camera di commercio piu registratori fiscali su cui hanno imposto il bollino verde, 70 euro all'anno per lo stato e via cosi se poi il tizio campa o no a loro frega sega quelle non sono tasse sul reddito sono tasse fisse e stop
perche il signor Bersani non riaquista telecom e liberalizza la dorsale telefonica perche non liberalizza autostrade, enel italgas o come si chiama ora
ma cazzo siete veramente ciechi e sordi

Ora hanno approvato palladium il nuovo sistema microsoft che oltre a obbligarti ad acquista il pc nella tua nazione se no non funziona (viva il mercato globale e libero) impedira l'uso di copie dvd e mp3 se non generati dallo stesso.
In futuro il controllo impedira persino il prestito tra utenti di materiale originale non che ovviamente L' ACCESSO ALLA RETE PER TUTTI I SITI NON CERTIFICATI DA LORO, OVVERO SIGNORI E SIGNORE SIAMO ALLA FRUTTA TUTTO CIO CHE A LORO NON ANDRA A GENIO VI SARA IMPEDITO DI LEGGERLO COME ORA VIENE VIETATO ALLE TV DI TRASMETTERLO, E QUESTO E UN ACCORDO COMUNE TRA I GOVERNI MONDIALI, AGGIUNTO ALLA MONETA ELETTRONICA PRODOTTA A COSTO ZERO E CHE PERMETTERA DI SAPERE DOVE SIETE COSA FATE SE COMPRATE UN GELATO O UN CANDELOTTO DI DINAMITE SE VISITATE UN SEXI SHOP E ALLA LUNGA ANCHE QUANDO ANDRETE A CAGARE, UN GRUPPO DI POCHI ELETTE STA PORTANDO IL MONDO AI TEMPI DELL'ANTICO EGITTO E NOI SIAMO GLI ADDETTI ALLE PIRAMIDI SIGNORI MIEI

E DI QUESTO SI PUO AMPIAMENTE RINGRAZIARE I NOSTRI GOVERNI I NOSTRI BANCHIERI LA MONETA UNICA E L'UNIONE EUROPEA.
MEGLIO UN GRUPPO DI STATI CHE SI FA SINGOLARMENTE I PROPRI INTERESSI CHE UNO STATO UNICO CHE FA GLI INTERESSI DI QUALCHE SINGOLA PERSONA

MA SUVVI GRILLO PREOCCUPIAMOCI DELLA TASSA SULLE RICARICHE CHE COSI LORO GUADAGNANO TEMPO PER SEPPERLLIRCI

Marco Fiaschi 12.01.07 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

Sei diventato un GRILLO parlante.
Parli tanto ma di fatti ne fai pochi.
Evidentemente a te le cose vanno bene come stanno.
Sei un uomo ricco cui il potere allontanadoti dalla TV ha fatto una enorme pubblicita' tanto da metterti in proprio.
Ma pensa anche agli altri e non solo a chi ti arricchisce pagando un boglietto per venirti a sentire.
In qualche modo ricordi il tuo amico Strada.

Saluti Mario Scala

Mario Scala 12.01.07 13:31| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razz